Aggiornamenti, Notizie, Tecnologia

TECNOLOGIA: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI. DALLE 08:55 DI MARTEDì 29 MAGGIO 2018, ALLE 00:37 DI OGGI, MERCOLEDì 30 MAGGIO 2018

Tempo di lettura: 5 minuti

Ultimo aggiornamento 29 Maggio, 2018, 22:36:51 di Maurizio Barra

Anche Airbnb copia le Storie di Snapchat
Testa le Travel Stories, brevi video sui viaggi

29 maggio 201808:55

– Anche Airbnb copia le Storie di Snapchat, cioè i racconti della giornata fati attraverso foto e video. La piattaforma che fa incontrare domanda e offerta di alloggi ha infatti iniziato a testare le Travel Stories: filmati di 10 secondi al massimo, collegati ai luoghi di vacanza e alle strutture ricettive.
Come spiega Airbnb in una pagina del suo sito, “le Travel Stories sono composte di brevi sequenze video, accompagnate da didascalie e indicazioni sui luoghi in cui sono state girate”.
Chi le pubblica può “dare risalto all’unicità del suo viaggio”, mentre gli altri viaggiatori hanno “una fonte di ispirazione”.
Al momento la novità è disponibile è disponibile solo su iPhone, con la versione più recente dell’app.
Airbnb arriva ultima nel copiare le Storie: da due anni a questa parte lo hanno fatto Instagram e tutte le altre app dell’ecosistema Facebook comprese Messenger e WhatsApp, e ancora YouTube e Google, Skype e alcune applicazioni di incontri tra cui Match.

Cresce mercato globale smatphone, +1,3%Buon andamento di Huawei, che in Italia ad aprile supera Samsung

29 maggio 201816:48

– Torna a crescere il mercato mondiale degli smartphone. Nel primo trimestre le vendite hanno registrato un incremento dell’1,3% su base annua, raggiungendo i 383,5 milioni di unità. A dirlo sono gli analisti di Gartner, che certificano il buon andamento delle cinesi Huawei e Xiaomi.
Huawei, in particolare, mette a segno un sorpasso storico in Italia: secondo i dati di Gfk riportati dal Corriere della Sera, ad aprile l’azienda ha raggiunto una market share del 33,7% contro il 33,5% di Samsung.
Tornando al mercato globale, Samsung nel primo trimestre mantiene la leadership globale ma vede le vendite diminuire da 78,7 a 78,5 milioni di pezzi, con la quota di mercato in lieve calo dal 20,8 al 20,5%. Andamento opposto per Apple, che torna al segno più. Da gennaio a marzo la Mela vende 54 milioni di iPhone contro i poco meno di 52 milioni del primo trimestre 2017. La quota di Cupertino passa dal 13,7 al 14,1%.
Al terzo, quarto e quinto posto ci sono le cinesi Huawei, Xiaomi e Oppo. Huawei registra un aumento da 34,1 a 40,4 milioni di smartphone e una market share del 10,5%. La performance migliore è però quella di Xiaomi, che riporta vendite più che raddoppiate: da 12,7 a 28,5 milioni di unità, corrispondenti a una quota del 7,4%. Chiude il quintetto di testa un’altra cinese, Oppo, che però scende da 30,9 a 28,1 milioni di smartphone, pari a una quota del 7,3%.
Guardando all’Italia, i dati Gfk relativi ad aprile collocano Apple al terzo posto con il 12,6% del mercato, seguita dalla francese Wiko (5%) e alla coreana LG. Nella percentuale di Huawei, si nota, è compreso un 2,9% rappresentato dalle vendite di smartphone a marchio Honor, il brand giovane della compagnia.
Senza queste, Samsung manterrebbe la prima posizione.

VG simula sparatoria a scuola,è polemicaGenitori di studenti uccisi in Florida chiedono non diffusione

29 maggio 201816:50

– Suscita polemiche, negli Usa, un videogame che consente ai giocatori di simulare sparatorie all’interno di una scuola, aggirandosi nei corridoi mentre si accumulano uccisioni di civili e poliziotti. Il gioco, di prossima uscita, si chiama “Active Shooter” (traducibile come “uomo armato in azione”) ed è stato condannato dai genitori di alcuni dei 17 ragazzi uccisi da uno studente lo scorso febbraio, nel giorno di San Valentino, in un liceo di Parkland, in Florida.
Lo “sparatutto”, sviluppato dalla Revived Games ed editato da una società russa chiamata Acid, uscirà il 6 giugno sulla piattaforma di videogame Steam, della società Valve, a un prezzo compreso tra i 5 e i 10 dollari. I giocatori possono scegliere se essere l’uomo armato che terrorizza la scuola, oppure un membro della Swat – le forze speciali della polizia Usa – che tenta di neutralizzare il killer. Come riporta la stampa americana Ryan Petty, il padre di un 14enne vittima della strage di San Valentino, ha chiesto che il gioco non sia diffuso. “E’ disgustoso che Valve stia cercando di trarre profitto dalla glorificazione delle tragedie che colpiscono le nostre scuole in tutto il Paese”, ha detto l’uomo. “Mantenere i nostri figli al sicuro è un problema reale che riguarda le nostre comunità. Non è in alcun modo un gioco”.
Per Andrew Pollack, padre di una 18enne uccisa nello stesso liceo, dietro la creazione e la pubblicazione di quel gioco ci sono “persone malate”. “L’ultima cosa di cui abbiamo bisogno è un allenamento simulato per le sparatorie a scuola. Si è davvero superato il limite”.

Visco, allerta per criptovalute e hackerMa da sviluppo Fintech sostegno a crescita e investimenti

29 maggio 201816:46

– Attacchi informatici e una “diffusione non controllata di criptoattività” rappresentano dei pericoli per la stabilità finanziaria mondiale in prospettiva.
E’ quanto afferma il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco, sottolineando tuttavia i grandi vantaggi dello sviluppo del Fintech, che affianchi il canale bancario per sostegno agli investimenti e alla crescita.
“Uno sviluppo dell’intermediazione bancaria, se non adeguatamente controllato può anche costituire un fattore di rischio”, avverte Visco.
Il governatore ricorda comunque che, rispetto agli attacchi informativi e alla diffusione non controllata di criptovalute, c’è l’impegno delle banche centrali accanto a quello degli operatori e delle altre autorità.

Iliad, offerta 5,99 euro per 1mln utentiTelco debutta in Italia, minuti illimitati e 30 GB. No vincoli

29 maggio 201816:49

– “La rivoluzione a 5,99 euro: minuti e sms illimitati, 30GB/mese in 4G+, anche in Europa con 2GB/mese e chiamate illimitate verso 65 paesi”. Il Ceo di Iliad Italia, Benedetto Levi, alza il velo a Milano sull’offerta che parte oggi ma precisa che è rivolta solo al primo milione di clienti. Per gli altri non fornisce cifre e dettagli.
L’offerta è senza vincoli: “La gente vuole libertà. Se rimarrete con noi è perché lo vorrete” dice Levi, annunciando una “partnership con Apple”, per i device che l’operatore mobile metterà a disposizione dei clienti.
Semplice l’attivazione: con un riconoscimento video, per ottemperare alla legge Pisanu sull’identificazione, si registra la Sim che viene spedita a casa al costo una tantum di attivazione di 9,99 euro. Niente numeri su quello che avverrà dopo il primo milione di clienti, che Levi conta “di raggiungere in breve tempo. E a quel punto comunicheremo le nuove tariffe”, risponde in un’improvvisata conferenza stampa.
“Saremo un operatore infrastrutturato, stiamo sviluppando anche una rete fisica, la copertura oggi è vicino al 100 per cento del territorio italiano”, prosegue. Gli investimenti “sono superiori a 1 miliardo nel breve termine, nei prossimi anni, comprese le aste 5G”, conclude il Ceo.

Morto Ted Dabney, ‘papà’ dei videogameFondò Atari insieme a Bushnell, creò primo gioco arcade

29 maggio 201817:49

– E’ morto Ted Dabney, pioniere dei videogame e cofondatore della storica Atari, prima azienda al mondo a produrre console da gioco domestiche negli anni Settanta. Dabney si è spento sabato scorso a Los Angeles. Aveva 81 anni.
Ingegnere elettrotecnico, aveva fondato Atari nel 1972 insieme a Nolan Bushnell. La società, per cui lavorò anche Steve Jobs, portò nelle case giochi popolarissimi come “Pong”, “Breakout” e “Asteroids”, grazie a una console da collegare al televisore. Prima ancora, nel 1971, Dabney e Bushnell avevano creato “Computer Space”, ritenuto il primo videogioco arcade.
Dabney uscì da Atari poco tempo dopo la fondazione, nel 1973.
La società nel corso dei decenni ha attraversato varie crisi, fino ad annunciare il game over nel gennaio 2013, quando ha dichiarato il fallimento.

La Tua opinione è importante! Vota questo articolo, grazie!
No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.