Aggiornamenti, Cinema, Notizie, Spettacoli Musica e Cultura, Ultim'ora, VIAGGI E VACANZE: TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, VIDEO NOTIZIE

Dunya Breur racconta la vita della madre a Ravensbrück

Tempo di lettura: < 1 minuti

Ultimo aggiornamento 25 Gennaio, 2023, 05:24:51 di Maurizio Barra

(ANSA) – ROMA, 24 GEN – DUNYA BREUR, RIAFFIORANO LE NOSTRE
VITE. AAT BREUR-HIBMA A RAVENSBRUCK, RACCONTI E DISEGNI
(Enciclopedia delle Donne, pp. 416, 23 euro. Traduzione Franco
Tirletti). Volti e ricordi nascosti dalla corporeità
straordinaria, accanto al racconto della solidarietà femminile
nel quotidiano orrore del lager, quando le detenute più in forze
tentavano di strappare a morte certa le compagne malate, bambine
o neonate: arriva per la prima volta in Italia, edito da
Enciclopedia delle Donne in collaborazione con Aned
(Associazione nazionale ex deportati nei campi nazisti) il libro
di Dunya Breur “Riaffiorano le nostre vite. Aat Breur-Hibma a
Ravensbrück, racconti e disegni”. Nel volume, disponibile in
libreria dal 31 gennaio, Dunya Breur torna alla sua infanzia,
quando piccolissima venne rinchiusa nel lager femminile di
Ravensbrück insieme a sua madre Aat (riconosciuta come Giusta
tra le Nazioni nel 1998): attraverso le testimonianze scritte e
disegnate dalla madre sulle persone conosciute durante la
prigionia, l’autrice ricompone il drammatico puzzle dei suoi
primi anni di vita e di quel periodo di reclusione che poi
condizionò la vita di tutta la sua famiglia. Una testimonianza
straordinaria, che documenta l’efficiente e disumana
organizzazione di morte che vigeva nei lager, ma anche
l’economia delle aziende che si servivano del lavoro delle
detenute. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.