Aggiornamenti, ECONOMIA, Notizie, Ultim'ora

ECONOMIA TUTTI GLI AGGIORNAMENTI: Quota 100 a 50 mila domande. In testa Roma, Napoli, Milano Oltre 38 mila da uomini. 17mila da lavoratori pubblici Mit, numeri favorevoli a Tav una pataccaGrave inquinamento del dibattito M5S ritira taglio pensione sindacalistiEmendamento bocciato anche da comm.Bilancio per coperture

Tempo di lettura: < 1 minuto

ECONOMIA

TUTTE LE NOTIZIE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 11:20 DI SABATO 16 FEBBRAIO 2019

ALLE 03:30 DI DOMENICA 17 FEBBRAIO 2019

ECONOMIA

In meno di 20 giorni sono quasi 50mila le domande per accedere alla pensione anticipata con quota 100 arrivate all’Inps. Delle 49.922 domande 17.077 arrivano da lavoratori pubblici. La maggior parte delle richieste arriva dagli uomini (oltre 38mila) ed è stata inoltrata attraverso i patronati (44.273). In testa le province di Roma (3.875 istanze), seguita da Napoli (2.393) e Milano (1.895). A poca distanza Palermo (1.499). Oltre il migliaio anche Bari (1.273), Catania (1.263) e Torino (1.251). In coda Fermo con solo 75 istanze.

ECONOMIA

“Nei giorni scorsi la grande stampa pro-Tav ha sparacchiato numeri a casaccio, dai 3-400 milioni fino addirittura a 2,4 mld di presunti benefici del progetto, collegandoli, in alcuni casi, all’appunto inviato dal professor Pierluigi Coppola a chiosa della analisi costi benefici redatta dal gruppo del professor Marco Ponti”. Lo scrive il Mit in una nota. ” Ebbene, quei numeri rappresentano una grossolana patacca, un falso clamoroso. Si tratta di una tabella di cui nemmeno Coppola risulta autore e che peraltro non è mai pervenuta al Mit”. “E’ un grave inquinamento del dibattito”.

ECONOMIA

Non arriverà, almeno per il momento, il taglio alle pensioni dei sindacalisti. Il Movimento 5 Stelle ha ritirato l’emendamento al decretone all’esame della commissione Lavoro del Senato. La proposta prevedeva di rivedere il conteggio dei contributi figurativi negli anni di aspettativa per attività sindacale e il progressivo ricalcolo contributivo dell’assegno per chi già percepisce un trattamento pensionistico secondo il vecchio sistema retributivo. La proposta aveva avuto anche l’alt della commissione Bilancio, che valuta i profili finanziari delle modifiche.          [print-me title=”STAMPA”]