Cronaca tutte le notizie Tutti gli avvenimenti ed i fatti di Cronaca sempre costantemente aggiornati! RESTA INFORMATO!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 30 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 14:39 DI MERCOLEDÌ 14 APRILE 2021

ALLE 03:40 DI VENERDÌ 16 APRILE 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

All’asta bacchetta di Rossini con base 1.500 euro
Donata dal Comune di Passy
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
14 aprile 2021
14:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una bacchetta da direttore d’orchestra in ebano, madreperla e avorio con placche d’argento, appartenuta a Gioachino Rossini e donatagli dal Comune di Passy, dove il compositore aveva una villa e dove morì nel 1868, sarà messa all’asta online dalla Gonnelli Casa d’Aste di Firenze. Tra i lotti all’incanto dal 19 al 21 aprile, anche libri antichi, opere grafiche, autografi, fotografie, documenti musicali e un altro cimelio rossiniano: un biglietto d’invito autografo del musicista per le prove della sua Petite Messe Solennelle.
La “baguette de chef d’orchestre”, anteriore al 1868, avrà una base d’asta di 1.500 euro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Regeni: tre nuovi testimoni accusano 007 egiziani
Procura di Roma deposita atti in vista udienza gup del 29 aprile
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
15:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tre nuove testimonianze accusano i quattro appartenenti ai servizi segreti egiziani di essere gli autori del sequestro, delle torture dell’omicidio di Giulio Regeni, il ricercatore italiano trovato privo di vita in Egitto nel febbraio del 2016. E’ quanto emerge dai nuovi atti depositati dalla Procura di Roma in vista dell’udienza preliminare, fissata per il 29 aprile, a carico del generale Tariq Sabir, Athar Kamel Mohamed Ibrahim, Uhsam Helmi, Magdi Ibrahim Abdelal Sharif in cui si dovrà vagliare la richiesta di processo.

Gli 007 egiziani sapevano della morte di Regeni già il 2 febbraio del 2016, il giorno prima del ritrovamento “ufficiale” del corpo, e per deviare l’attenzione da loro “inscenarono una rapina finita male”, è quanto emerge da una testimonianza, ritenuta attendibile dai magistrati italiani, e depositata in vista dell’udienza gup di Roma.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Regeni: testimone, gli 007 inscenarono una rapina finita male
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
09:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tre nuove testimonianze accusano i quattro appartenenti ai servizi segreti egiziani di essere gli autori del sequestro, delle torture dell’omicidio di Giulio Regeni, il ricercatore italiano trovato privo di vita in Egitto nel febbraio del 2016. E’ quanto emerge dai nuovi atti depositati dalla Procura di Roma in vista dell’udienza preliminare, fissata per il 29 aprile, a carico del generale Tariq Sabir, Athar Kamel Mohamed Ibrahim, Uhsam Helmi, Magdi Ibrahim Abdelal Sharif in cui si dovrà vagliare la richiesta di processo.
Gli 007 egiziani sapevano della morte di Regeni già il 2 febbraio del 2016, il giorno prima del ritrovamento “ufficiale” del corpo, e per deviare l’attenzione da loro “inscenarono una rapina finita male”.
E’ quanto emerge da una testimonianza, ritenuta attendibile dai magistrati italiani, e depositata in vista dell’udienza gup di Roma del 29 aprile prossimo e che vede imputati quattro agenti della National Securety del Cairo.   MONDO   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Uccide moglie figlio e padroni casa, strage durata un giorno
E’ quanto emerso dalle autopsie eseguite oggi a Torino
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
14 aprile 2021
17:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Renzo Tarabella ha sparato a moglie e figlio nella mattinata di sabato e solo all’ora di cena ha ucciso i vicini di casa. E’ quanto emerso dall’autopsia effettuata oggi a Torino sulle vittime della strage di Rivarolo Canavese.
Il primo colpo, alla testa, il pensionato lo ha riservato al figlio disabile, Wilson. Poi ha freddato la moglie Maria Grazia Valovatto. All’ora di cena, dopo diverse ore, l’omicidio di Osvaldo Dighera, a cui ha sparato alla schiena e in testa, e poco dopo della moglie Liliana Heidempergher.   PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: altri 469 morti, in calo terapie intensive e ricoveri
Oltre 16 mila positivi, tasso stabile al 4,8%. Giù anche infetti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
17:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 16.168 i positivi al test del coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 13.447.
Sono invece 469 le vittime in un giorno (ieri 476) .
Sono 334.766 tamponi molecolari e antigenici effettuati; ieri i test erano stati 304.990. Il tasso di positività è del 4,8%, in aumento di 0,4 punti rispetto a ieri, quando era stato del 4,4%.
Sono 3.490 i pazienti ricoverati nelle rianimazioni, in calo di 36 unità rispetto a ieri nel saldo giornaliero tra entrate e uscite, mentre gli ingressi giornalieri sono stati 216 (ieri 242). Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 26.369 persone, in calo di 583 rispetto a ieri.
In totale i casi da inizio epidemia sono 3.809.193, i morti 115.557.
Gli attualmente positivi sono 514.660 (-4.560 rispetto a ieri), mentre i guariti e dimessi dall’inizio della pandemia sono 3.178.976 (+20.251). In isolamento domiciliare ci sono 484.801 persone (-3.941 rispetto a ieri).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Lombardia in calo contagi e ricoveri, 85 decessi
2.153 i nuovi positivi, tasso positività scende al 4.2%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
14 aprile 2021
18:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con 50.487 tamponi effettuati, sono 2.153 i nuovi positivi in Lombardia, con il tasso di positività in calo al 4,2% (ieri 5.1%). Continua il calo dei ricoverati sia in terapia intensiva (-6, 781) che negli altri reparti (-138, 5.589).
I decessi sono 85 per un totale complessivo di 31.994 morti in Lombardia dall’inizio della pandemia.
Per quanto riguarda le province, sono 550 i nuovi casi nella Città metropolitana di Milano, di cui 221 a Milano città, 367 a Brescia, 212 a Varese, 173 a Bergamo, 148 a Monza e Brianza, 146 a Como, 125 a Mantova, 108 a Pavia, 89 a Cremona, 79 a Lecco, 57 a Sondrio e 48 a Lodi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uccise uomo che teneva per mano figlio di 6 anni, ergastolo
Delitto nel 2011 nel Vibonese, sentenza gup con rito abbreviato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VIBO VALENTIA
14 aprile 2021
18:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È stato condannato all’ergastolo Francesco Pannace, il 34enne accusato dell’omicidio di Carmelo Polito, avvenuto l’1 marzo 2011 a San Gregorio d’Ippona. Un delitto commesso insieme ad un’altra persona mentre la vittima, raggiunta da numerosi colpi di pistola camminava tenendo per mano il figlio di 6 anni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La sentenza è stata pronunciata dal gup distrettuale di Catanzaro Filippo Aragona, ed accoglie le richieste della Dda di Catanzaro. La difesa, che aveva ottenuto il giudizio abbreviato, aveva chiesto l’assoluzione. Il difensore di Pannace, l’avvocato Giovanbattista Puteri, nella scorsa udienza aveva chiesto i termini a difesa dopo il deposito, da parte del pm Andrea Mancuso, dell’ordinanza cautelare nei confronti di Giuseppe Pannace, cugino dell’imputato, e Rosario Fiorillo, in quanto ritenuti dall’accusa, rispettivamente, l’altro esecutore e il mandante del delitto. Il rito abbreviato era stato condizionato ad una consulenza fisiognomica comparativa richiesta a suo tempo al gup distrettuale di Catanzaro dall’avvocato Puteri. Perizia che sarebbe andata a comparare le immagini delle telecamere che hanno ripreso il delitto di Giuseppe Prostamo, del 4 giugno dello stesso anno – per il quale l’imputato è stato condannato con sentenza definitiva a 30 anni di reclusione – con quelle dell’agguato a Polito. A parere della difesa non si sarebbe trattato della stessa persona. Circostanze che però non hanno retto al vaglio del gup.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dottoressa aggredita: Cassazione conferma condanna autore
Ferì medico con cacciavite, salvata da intervento ambulante
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CROTONE
14 aprile 2021
20:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Corte di Cassazione ha definitivamente condannato a sette anni Luigi Amoruso per il tentato omicidio di un medico avvenuto a Crotone il 4 dicembre del 2018. Erano passate da poco le ore 14 del 4 dicembre del 2018 quando Amoruso, 52 anni, si scagliò contro la dottoressa Maria Carmela Calindro che era appena uscita dall’ospedale e stava aprendo la sua auto per tornare a casa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Amoruso colpì il medico per sedici volte con un cacciavite causandole ferite all’addome, al collo, alle braccia ed alla testa. L’intervento di un venditore ambulante, Mustapha El Aoudi, che dalla sua bancarella nei pressi dell’ospedale aveva visto l’accaduto, evitò che la dottoressa potesse essere uccisa. Mustapha El Aoudi si lanciò sull’aggressore e riuscì a farlo desistere. A quel punto intervennero anche dei poliziotti in borghese che erano sul luogo ed Amoruso fu arrestato. Per quel suo gesto Mustapha El Aoudi è stato nominato cavaliere della Repubblica dal presidente Sergio Mattarella.
Adesso la Cassazione ha confermato la decisione dei giudici della Corte d’appello di Catanzaro che, nel ridurre la pena a sette anni, avevano escluso l’aggravante della crudeltà e riconfermato la semi infermità mentale di Amoruso, difeso dagli avvocati Mario Nigro e Luigi Amoruso. Confermata nel resto la sentenza che, riprendendo quanto deciso già dal giudice di primo grado, aveva disposto il ricovero di Amoruso in una casa di cura per tre anni.
La dottoressa Calindro era difesa dall’avvocato Francesco Verri ma si erano costituiti parte civile anche Mustafa El Auoudi con l’avvocato Luigi Colacino e l’Ordine dei Medici di Crotone con l’avvocato Vincenzo Cardone. “Oggi – ha detto l’avv.
Verri – per la dottoressa Calindro si conclude un periodo terribile. Da quel 4 dicembre la sua vita è cambiata. Il processo, anche se è stato rapido, ha rinnovato ogni volta lo spaventoso ricordo di quegli istanti. La condanna per tentato omicidio significa che se fuori dall’ospedale non ci fosse stato El Auodi le cose sarebbero andate molto diversamente”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nas Perugia scopre quattro ‘furbetti’ del vaccino Covid
Deferiti per false indicazioni sulle proprie professioni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
15 aprile 2021
09:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Altri quattro presunti ‘furbetti del vaccino’ anti Covid individuati in Umbria dai carabinieri del Nas di Perugia. In particolare i militari del nucleo umbro – nell’ambito di due specifiche attività di indagine coordinate dalle procure della Repubblica di Perugia e di Terni – hanno deferito in stato di libertà quattro persone per avere dato false indicazioni sulle proprie professioni al personale addetto presso i centri di somministrazione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli accertamenti da parte dei carabinieri del Nas di Perugia – comandati dal tenente colonnello Giuseppe Schienalunga – sono stati finalizzati a contrastare l’accesso abusivo alla somministrazione di vaccino anti Covid-19 a soggetti non aventi diritto.
Domenica 21 marzo scorso – riferiscono gli investigatori – presso gli hub vaccinali dei due capoluoghi di provincia umbri erano in programma le vaccinazioni di “determinate” categorie professionali aventi diritto, secondo il piano vaccinale regionale. Secondo i carabinieri del Nas dal riscontro sui nominativi è emerso che i quattro soggetti svolgevano “tutt’altra” attività rispetto a quella dichiarata, che “nulla aveva a che fare con quelle previste quel giorno”.
Le verifiche del Nas continuano su “numerosi altri soggetti al fine di rilevare eventuali ulteriori accessi abusivi alla somministrazione”.
Un altro caso di presunto ‘furbetto del vaccino’ Covid era stato individuato sempre dai carabinieri del Nas nelle scorse settimane.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Ndrangheta: traffico internazionale di droga, 20 arresti
Operazione Guardia di finanza coordinata dalla Dda di Catanzaro
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
15 aprile 2021
09:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Eseguiti anche sequestri di beni per 4 milioni di euro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gdf confisca 4 immobili provento di illeciti a ‘nullatenente’
A Falconara M. (Ancona),appartamenti e negozio intestati a figli
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
15 aprile 2021
10:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Confiscati quattro immobili per un valore di 450mila euro a un 60enne residente Falconara Marittima (Ancona), nullatenente per il Fisco, che aveva accumulato negli anni, intestandole ai figli, importanti fortune sproporzionate rispetto ai propri redditi e costituenti il provento delle numerose attività illecite da questi poste in essere in un ventennio. La misura è scattata dopo complessi accertamenti di natura economico-patrimoniale, compiuti dai finanzieri in forza al Gico del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Ancona, con l’operazione “Hawk”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I finanzieri hanno eseguito la confisca disposta dal Tribunale.
Acquisiti al patrimonio nello Stato, dopo essere già stati sequestrati nel febbraio 2020, 4 beni immobili ubicati nel comune di Falconara Marittima, del valore complessivo di circa 450.000 euro, riconducibili, di fatto, secondo gli investigatori, a un soggetto pluripregiudicato per reati tra cui furto, ricettazione e traffico di stupefacenti. Attraverso le indagini e meticolose ricostruzioni patrimoniali le Fiamme gialle sono riuscite a ricostruire il profilo criminale di del 60enne, italiano di origine rom già destinatario in passato della misura della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza.
La confisca riguarda più precisamente un appartamento di 8 vani intestato a un figlio, un altro appartamento di 5,5 vani intestato alla figlia; un altro appartamento e un negozio intestati a un terzo figlio di 24 anni. Anche i tre figli sono risultati privi di capacità contributiva.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Appalto ospedale Taranto, indagato capo di gabinetto Regione
Notificata una proroga delle indagini anche al dg Asset
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
15 aprile 2021
10:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Bari ha in corso una indagine su presunte illegittimità nelle procedure di appalto del nuovo ospedale San Cataldo di Taranto. Nell’inchiesta risultano indagati il capo di gabinetto della Regione Puglia, Claudio Stefanazzi, e il direttore generale dell’agenzia regionale Asset, Elio Sannicandro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ne danno notizia La Gazzetta del Mezzogiorno e l’edizione locale di Repubblica. Nei confronti dei due indagati sono ipotizzati, a vario titolo, i reati di concorso in abuso d’ufficio, turbativa d’asta, turbata libertà di scelta del contraente e falso materiale. L’inchiesta della Guardia di Finanza è coordinata dal procuratore aggiunto Alessio Coccioli con il sostituto Michele Ruggiero.
L’iscrizione nel registro degli indagati risale a un anno fa ma, stando alla contestazione riportata nell’avviso di proroga delle indagini che è stato notificato ieri, i reati portano la data del 26 novembre 2018. A quanto si apprende si tratterebbe della data della lettera trasmessa dalla Regione a Invitalia, che ha gestito la gara, per comunicare che Sannicandro sarebbe stato il componente della commissione di valutazione delle offerte tecniche per conto dell’ente regionale, e la lettera è firmata da Stefanazzi.
L’appalto è stato anche al centro di un contenzioso dinanzi alla giustizia amministrativa, conclusosi nel giugno 2020 con una sentenza del Consiglio di Stato che ha confermato l’aggiudicazione al raggruppamento di imprese capeggiato dalla barese Debar.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel Comasco giustificazione per chi entra a scuola in anticipo
Circolare contro assembramenti in cortile al Romagnosi di Erba
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 aprile 2021
10:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In tempo di Covid chi arriva a scuola troppo presto deve portare la giustificazione: succede all’istituto Romagnosi di Erba, nel Comasco, dove la dirigente Antonia Licini ha firmato una circolare per evitare assembramenti in cortile prima che suoni la campanella. Lo riporta la Provincia di Como spiegando che l’ingresso degli studenti è scaglionato.
Parte entra alle 8 e parte alle 10. Ma molti ragazzi che devono entrare alle 10 arrivano a scuola in anticipo, anche, e forse soprattutto, per fare due chiacchiere con gli amici.
Da qui l’invito a non arrivare “a scuola troppo presto”. Per entrare prima delle 9,50 serve la giustificazione, ovvero una mail dei genitori che attesti che l’unico bus o treno per la scuola arriva con largo anticipo sull’orario delle lezioni. E lo stesso vale per chi si vuole fermare a fine lezioni, serve una giustificazione che indichi che treno o bus partono almeno mezz’ora dopo l’ultima campanella.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: giovani bengalesi si nascondono su tir, denunciati
Volevano andare in Francia ma camion andava in direzione opposta
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ALESSANDRIA
15 aprile 2021
10:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si sono nascosti in un camion a Ventimiglia, con l’intenzione di entrare in Francia, ma il tir era diretto dalla parte opposta. Sette migranti di origini bengalesi, tra cui un minorenne, sono stati sorpresi dalla polizia dietro al carico di bancali di legno trasportati dal mezzo pesante.
E’ stato il camionista ad accorgersi della loro presenza ed a chiamare la polizia, che ha raggiunto il tir al casello di Alessandria Ovest, sull’autostrada A21 Torino-Piacenza.
I sei maggiorenni sono stati denunciati per il reato di ingresso illegale nel territorio dello Stato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Veneto, 7% popolazione ha effettuato richiamo
Oltre 1,2 mln dosi, pari all’87,7% delle forniture
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
15 aprile 2021
10:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Veneto ha raggiunto il 7% di immunizzazione della popolazione, con 343.552 persone che hanno completato il richiamo. Lo evidenzia il bollettino regionale, aggiornato alla mezzanotte.

Il totale delle dosi somministrate è di 1.223.617, pari all’87,7% delle forniture disponibili; le prime dosi sono 880.065, pari al 18% della popolazione. L’86% degli Over 80 ha ricevuto almeno una dose di vaccino.
Nella giornata di ieri sono state effettuate 16.356 iniezioni, di cui 9.730 prime dosi e 6.626 richiami.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Donna uccisa nel Foggiano,accanto al corpo suo marito ferito
In camera da letto pistola legalmente detenuta dall’uomo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CERIGNOLA
15 aprile 2021
10:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una donna di 81 anni, Anna Petronelli, è stata ritrovata morta nella camera da letto della propria abitazione a Cerignola (Foggia), uccisa da un colpo di pistola. Ai piedi del letto c’era suo marito, Francesco Polidoro, 83 anni, gravemente ferito alla testa da un colpo di pistola.
L’uomo è stato portato in ospedale. Nella camera da letto è stata ritrovata una pistola legalmente detenuta dall’anziano. A scoprire l’accaduto è stato il figlio della coppia che ha allertato la polizia. Non si esclude al momento alcuna pista investigativa, anche quella di un possibile omicidio-suicidio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Marche, in un giorno 326 casi, 62 con sintomi
Numero più alto nel Maceratese (92). Altri 41 da test antigenici
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
15 aprile 2021
11:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nelle ultime 24ore 326 positivi rilevati nelle Marche tra 2.371 nuove diagnosi (13,7%). Lo fa sapere il Servizio Sanità della Regione.
Testati “4.772 tamponi: 2.371 nel percorso nuove diagnosi (603 nello screening con percorso Antigenico) e 2401 nel percorso guariti. Sono 92 i casi in provincia di Macerata, 87 in quella di Pesaro Urbino 76 nell’Anconetano, 31 in provincia di Ascoli Piceno, 24 nel Fermano, 16 da fuori regione. Nel Percorso Antigenico sui 603 test, 41 casi (da sottoporre a tampone molecolare), il rapporto positivi/testati è del 7%.
Tra i contagiati emersi dai tamponi molecolari sono 62 le persone sintomatiche. I casi comprendono contatti in setting domestico (80), contatti stretti di casi positivi (107), in setting lavorativo (9), in setting assistenziale (2), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (3), screening percorso sanitario (1) e 1 caso da fuori regione. Per altri 61 casi sono ancora in corso le indagini epidemiologiche.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ha venduto alcol alla 13enne finita in coma etilico, denunciato
Commerciante di Rivolta d’Adda identificato dai carabinieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 aprile 2021
11:46
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato identificato e denunciato il commerciante che a Pasqua ha venduto una bottiglia di vodka a una tredicenne finita in coma etilico a Rivolta d’Adda, in provincia di Cremona.
La ragazzina era stata trovata in stato di incoscienza nel parco Camagna nel pomeriggio del 4 aprile e portata subito in codice rosso all’ospedale di Crema.

I carabinieri visionando i filmati delle telecamere di sicurezza comunali hanno identificato l’uomo, titolare di un negozio del paese, che ha venduto il liquore alla tredicenne.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Calabria, peggiora indice casi ogni 100mila abitanti
Gimbe,nella settimana 7-13 sono 681, +18% su 7 giorni precedenti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
15 aprile 2021
12:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nella settimana 7-13 aprile, in Calabria risulta in peggioramento l’indicatore relativo ai “Casi attualmente positivi per 100.000 abitanti”, che si attestano a 681, e si registra un aumento del 18,1% dei nuovi casi rispetto alla settimana precedente. E’ quanto emerge dal monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe con l’analisi sull’andamento della pandemia da Covid-19 e le forniture e somministrazioni vaccini che evidenzia anche il dato sopra soglia di saturazione dei posti letto in area medica occupati da pazienti Covid (49%).

Pur rimanendo negli ultimi posti a livello regionale, dai dati della Fondazione Gimbe sembra ci sia una ripresa della Calabria sul fronte vaccinazioni. La percentuale di popolazione che ha completato il ciclo vaccinale, infatti, è pari al 6,3% contro una media nazionale del 6,8% (e l’8,3% della prima regione, il Piemonte). La percentuale di over 80 che ha completato il ciclo vaccinale è pari al 40,2% contro la media italiana del 43,9% e quella della popolazione 70-79 è del 4,7% (Media Italia 3%).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Legalità: L’albero Falcone nelle scuole di tutta Italia
Gemme del famoso Ficus saranno distribuite a diversi istituti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
15 aprile 2021
12:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il raggruppamento carabinieri biodiversità ha avviato le procedure per la duplicazione e distribuzione dell’albero Falcone, fulcro di un progetto di educazione alla legalità ambientale “Un albero per il futuro”, promosso dal ministero della Transizione Ecologica. “Un albero per il futuro” prevede la donazione e messa a dimora nelle scuole italiane di circa 500mila piantine nel triennio 2020-2022: a tutt’oggi sono quasi 400 gli Istituti scolastici che hanno aderito e intrapreso questo percorso verso la consapevolezza dell’importanza degli alberi per il contenimento dei cambiamenti climatici e la conservazione ambientale con il supporto dei carabinieri della biodiversità.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il prossimo 15 aprile l’offerta di specie vegetali autoctone da consegnare agli studenti si arricchirà di un albero simbolo dell’impegno verso lo Stato e la lotta alle mafie: l’Albero del giudice Giovanni Falcone. Alcune gemme del famoso Ficus macrophilla columnaris magnoleides che cresce nei pressi della casa del giudice assassinato nel 1992 dalla mafia, verranno prelevate grazie alla collaborazione fra carabinieri, Fondazione Falcone, Comune e Soprintendenza di Palermo e duplicate nel moderno centro nazionale carabinieri per la biodiversità forestale (CNBF) di Pieve Santo Stefano (AR). I primi istituti scolastici a ricevere le piantine saranno quelli intitolati al giudice in Sicilia e in tutta Italia che si stimano in 108 istituti tra Primarie di I e II grado. Questi alberi contribuiranno al “Grande bosco diffuso” formato dalle giovani piante messe a dimora da tutti gli studenti e che sarà visibile su un’apposita piattaforma web che monitorerà la crescita e lo stoccaggio di Co2.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Assessore, terapie intensive Umbria sotto occupazione 30%
“Curva scende ma non come speravamo” dice
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
15 aprile 2021
12:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Umbria l’occupazione delle terapie intensive “è finalmente scesa sotto la soglia del 30 per cento”. Lo ha annunciato l’assessore regionale alla Sanità Luca Coletto nella conferenza stampa settimanale di aggiornamento sull’andamento della pandemia Covid in Umbria.
Sottolineando che la curva dei contagi “sta scendendo ma non così rapidamente come avremmo pensato”.
“Evidentemente – ha detto Coletto – andremo a rivedere quelli che sono i reparti Covid in ospedale, sempre con tanta attenzione perché la presenza in Umbria delle varianti è importante”.
“Negli ultimi quattro-cinque giorni c’è una sostanziale stabilità della curva e non più una discesa come nelle settimane precedenti” ha rilevato Marco Cristofori, del nucleo epidemiologico regionale. Ha quindi detto che “l’indice Rt stimato è 1,08” a mercoledì. “Ovviamente quando i casi sono di meno – ha detto Cristofori – è molto difficile mantenerlo sotto uno”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: protesta commercianti Puglia, ‘vogliamo lavorare’
Un centinaio di manifestanti davanti sede Regione sul lungomare
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
15 aprile 2021
12:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un centinaio di commercianti e ristoratori provenienti da diverse città pugliesi ha manifestato questa mattina davanti alla sede della Presidenza della Regione Puglia, sul lungomare di Bari, per protestare contro le chiusure prolungate imposte dall’emergenza sanitaria. “Io apro” è lo slogan scelto per la protesta, organizzata dall’associazione “La Formica Puglia”, che ha temporaneamente bloccato un tratto del lungomare, fino a quando una delegazione di manifestazioni è stata ricevuta dall’assessore alle Attività produttive, Alessandro Delli Noci.
“Ci hanno detto che abbiamo ragione ma che non ci sono soldi per ristori a fondo perduto e che ogni decisione sulle aperture deve passare dal Governo” hanno detto uscendo dal palazzo della Regione, dicendosi “delusi” dall’esito del confronto. “Io da domani riapro la mia attività” dice un commerciante e, rivolgendosi ai poliziotti che sono davanti la sede della Presidenza per tenere sotto controllo la manifestazione di protesta, chiede di “non multarci, siate dalla nostra parte, non possiamo più sfamare le nostre famiglie”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Corona esce dal carcere e torna ai domiciliari
Accolta istanza sospensiva della difesa. ‘Necessità di cure’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 aprile 2021
21:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fabrizio Corona esce dal carcere di Monza e torna ai domiciliari. Il Tribunale di Sorveglianza di Milano, infatti, ha accolto la richiesta dei difensori di sospensione dell’esecuzione del provvedimento con cui nelle scorse settimane era tornato in carcere, in attesa che decida la Cassazione sul punto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La difesa, infatti, coi legali Antonella Calcaterra e Ivano Chiesa, aveva fatto ricorso in Cassazione contro il precedente provvedimento che aveva fatto tornare l’ex agente fotografico in carcere. Accolte, dunque, a quanto si è saputo, dai giudici le questioni sollevate dalla difesa sullo stato di salute mentale dell’ex fotografo dei vip, che necessita di proseguire il percorso di cure fuori dal carcere.
Il Tribunale di Sorveglianza di Milano l’11 marzo scorso aveva revocato, per una serie di violazioni delle prescrizioni, il differimento pena in detenzione domiciliare che era stato concesso nel dicembre 2019 a Corona per una patologia psichiatrica di cui soffre. Decisione che era stata duramente contestata sia dall’ex agente fotografico, che si era ferito ad un braccio, aveva rotto il vetro di un’ambulanza ed era finito in ospedale in psichiatria per oltre 10 giorni, sia dalla sua difesa. Tra l’altro Corona per giorni, prima in ospedale e poi in carcere, ha portato avanti uno sciopero della fame. Ora i giudici (un altro collegio della Sorveglianza), però, spiegano che il provvedimento di marzo non è adeguatamente motivato e per questo hanno deciso di sospendere lo stop al differimento pena in attesa che sul merito si pronunci la Cassazione. Nel nuovo provvedimento, a quanto risulta, i giudici fanno riferimento anche ai gesti autolesionistici messi in atto dall’ex ‘re dei paparazzi’ nelle ultime settimane, oltre che alle relazioni degli esperti già agli atti e che avevano messo in luce la necessità che Corona proseguisse nel percorso di cure fuori dal carcere. La sospensiva, tra l’altro, è stata disposta anche tenendo conto dei recenti atti di autolesionismo dell’ex agente fotografico. La Sorveglianza, inoltre, fa notare che non era stata valutata la richiesta della difesa di una perizia sulla compatibilità di Corona con la detenzione in carcere. E sempre i giudici chiariscono, in sostanza, che le esigenze di tutela della salute devono prevalere nella fase di esecuzione della pena.
Bastoni, ritorno ai domiciliari decisione equa – La decisione dei giudici del Tribunale di Sorveglianza di Milano, che hanno accolto la richiesta dei legali di Corona che avevano domandato la sospensiva dell’ordinanza con cui lo stesso tribunale aveva revocato la detenzione domiciliare è “equa e compatibile con il uso stato di salute. La carcerazione è stata una soluzione decisamente discutibile”. È questo il commento di Max Bastoni, consigliere comunale e regionale della Lega nonché segretario della Commissione lombarda Carceri. “Le esigenze di tutela della salute devono prevalere nella fase di esecuzione della pena. Trovo grave che tale circostanza sia stata ignorata nel primo provvedimento”, ha aggiunto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si lancia da un palazzo, in rianimazione dirigente del Miur
Gravi le condizioni di Giovanna Boda, in prognosi riservata
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
13:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ ricoverata in prognosi riservata al policlinico Gemelli di Roma Giovanna Boda, capo del dipartimento per le Risorse umane, finanziarie e strumentali del ministero dell’Istruzione, che ieri si è lanciata dal secondo piano di un palazzo in piazza della Libertà, al centro di Roma.
Secondo quanto si è appreso, Boda è ricoverata in rianimazione post intervento ed è sedata.

Proprio ieri era stata diffusa la notizia che la donna è indagata per corruzione, in concorso con altre persone, nell’ambito di un’inchiesta della procura di Roma relativa a presunte tangenti per affidamenti di appalti da parte del ministero.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Aifa, 46.237 sospette reazioni, 92.7% non gravi
Da dicembre a marzo su oltre 9 milioni dosi somministrate
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
14:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tra il 27 dicembre 2020 e il 26 marzo 2021 sono pervenute 46.237 segnalazioni di sospette reazioni avverse su un totale di 9.068.349 dosi di vaccino anti-Covid somministrate (510 ogni 100.000 dosi), di cui il 92,7% sono riferite a eventi non gravi. Le segnalazioni gravi corrispondono al 7,1% del totale, con un tasso di 36 eventi gravi ogni 100.000 dosi somministrate, indipendentemente dal tipo di vaccino, dalla dose (prima o seconda) e dal possibile ruolo causale della vaccinazione.
Lo segnala l’Aifa nel terzo Rapporto di farmacovigilanza sui vaccini COVID-19 in uso nella campagna vaccinale in corso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si sono verificati, entro 2 settimane dalla vaccinazione con il vaccino Vaxzevria di AstraZeneca, “dei casi molto rari di trombi associati a bassi livelli di piastrine nel sangue. Su un totale di 62 casi inseriti in Eudravigilance in Italia sono stati segnalati 7 casi (con 2 decessi) di trombosi dei seni venosi intracranici fino al 22 marzo 2021 e 4 casi (con 2 decessi) di trombosi di più vasi sanguigni in sede atipica sui 24 inseriti nello stesso periodo nella rete sorveglianza Ue”. Lo comunica l’Aifa, che ha dedicato un focus agli eventi tromboembolici dopo la somministrazione di Vaxzevria nel nuovo Rapporto di farmacovigilanza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Treno deragliato: pm Milano chiede processo per 9, anche Rfi
Pure per ex ad Gentile su caso Pioltello. ‘Scarsa manutenzione’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 aprile 2021
14:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I pm di Milano Maura Ripamonti e Leonardo Lesti hanno ribadito in udienza preliminare la richiesta di processo a carico di 9 persone, tra cui Maurizio Gentile, ex ad di Rete ferroviaria italiana e attuale commissario straordinario per la messa in sicurezza della A24 e A25, nel procedimento sul disastro ferroviario del 25 gennaio 2018 a Pioltello, nel Milanese, nel quale, in seguito al deragliamento del regionale Cremona-Milano Porta Garibaldi, morirono tre persone e diverse decine rimasero ferite.
La richiesta è stata formulata davanti al gup di Milano Anna Magelli.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tra i 9 imputati, per disastro ferroviario colposo, omicidio colposo plurimo, lesioni colpose e violazione delle normative sulla sicurezza, ci sono due manager all’epoca di Rete Ferroviaria Italiana, tra cui appunto Gentile, sette tra dipendenti e tecnici di Rfi e la stessa società. Un decimo imputato, invece, Ernesto Salvatore, all’epoca responsabile del Nucleo Manutentivo Lavori di Treviglio di Rete Ferrovaria Italiana Spa, ha chiesto di patteggiare a tre anni e mezzo di carcere col parere favorevole dei pm.
Per la Procura quello di Pioltello fu un disastro ferroviario causato da una lunga serie di “omissioni” nella “manutenzione” e nella “sicurezza”, messe in atto solo per risparmiare. Già la maxi relazione dei consulenti dei pm aveva stabilito che l’incidente fu causato dallo “spezzone di rotaia” di 23 centimetri che si fratturò nel cosiddetto ‘punto zero’ per “un danneggiamento ciclico irreversibile generato da condizioni di insufficiente manutenzione”. Ora stanno parlando le difese e l’udienza preliminare verrà aggiornata ad altra data.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Fvg 267 casi su 6.184 test, 12 decessi
In terapia intensiva 65 degenti, in altri reparti 445
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
15 aprile 2021
15:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oggi in Friuli Venezia Giulia su un totale di 6.184 test sono risultate positive al Covid 267 persone: 222 da 5.490 tamponi molecolari con una percentuale di positività del 4,04%; 45 da 694 test rapidi antigenici (6,48%).
I decessi registrati sono 12.
Diminuiscono i ricoveri nelle terapie intensive, 65 (-7), e quelli in altri reparti, 445 (-26). Lo comunica in una nota il vicegovernatore del Fvg con delega alla Salute, Riccardo Riccardi.
I decessi complessivamente ammontano a 3.558, con la seguente suddivisione territoriale: 753 a Trieste, 1.895 a Udine, 648 a Pordenone e 262 a Gorizia. I totalmente guariti sono 83.786, i clinicamente guariti 4.766, mentre le persone in isolamento calano a 9.735.
Dall’inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 102.355 persone con la seguente suddivisione territoriale: 19.656 a Trieste, 49.217 a Udine, 19.897 a Pordenone, 12.451 a Gorizia e 1.134 da fuori regione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Continua il calo dei ricoveri per Covid e dei positivi in Umbria
Nell’ultimo giorno 116 contagi, 253 guariti e quattro morti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
15 aprile 2021
15:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scendono ancora i ricoveri per Covid in Umbria e gli attualmente positivi.
Secondo i dati della Regione aggiornati al 15 aprile, i nuovi contagi accertati nelle ultime 24 ore sono 116, i guariti 253 e altri quattro i morti.

Gli attualmente positivi sono 3.647 (141 in meno di ieri).
I ricoverati sono 293 (sette in meno rispetto a ieri) di cui 35 in terapia intensiva (tre in meno). Nell’ultimo giorno sono stati analizzati 4.264 test antigenici e 2.666 tamponi molecolari, con un tasso di positività totale pari a 1,67 per cento (ieri 1,8) e a 4,3 rispetto ai soli molecolari (ieri 4,9).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Confesercenti, nuove regole su riaperture sono inapplicabili
“Con 2 metri di distanza si condannano imprese a chiusura”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
15:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Bene ridiscutere di riaperture, ma non si comprende come le nuove regole si traducano di fatto in una nuova stretta. La distanza obbligatoria di due metri tra i tavoli ipotizzati sarebbe una restrizione inapplicabile per decine di migliaia di ristoranti – circa il 60% dei locali non ha uno spazio esterno – e praticamente per tutti i bar.
E anche dove fosse fisicamente possibile implementare la misura, si ridurrebbe drasticamente la capacità di lavoro dei locali al chiuso, obbligandone migliaia alla chiusura definitiva”. Così il Presidente di Fiepet Confesercenti Giancarlo Bianchieri commenta le bozze sulla riapertura delle attività.
“Dopo quattordici mesi di restrizioni – sottolinea il presidente dell’associazione in una nota – le nuove norme metterebbero definitivamente a rischio il settore, che dà lavoro a migliaia di imprese e milioni di dipendenti. Le imprese sono stremate, serve buon senso ed un serio confronto sulle riaperture con i rappresentanti delle associazioni di categoria, diversamente sarà un’ecatombe per moltissime attività”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ossessionato da Balotelli picchia compagna, chiesti 13 anni
L’attaccante aveva più volte difeso la vittima
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BRESCIA
15 aprile 2021
17:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Era ossessionato da Mario Balotelli. Ed era convinto che la sua fidanzata, amica del calciatore bresciano, avesse una relazione sentimentale con l’attaccante oggi in forza al Monza.
E per questo picchiava la donna, 31 anni e madre di due bimbi piccoli, durante furibondi litigi e scenate di gelosia. Per questo motivo un 30enne bresciano è finito a processo davanti alla prima sezione penale del Tribunale di Brescia per maltrattamenti, violenza sessuale e lesioni. Era già stato raggiunto dal provvedimento di divieto di avvicinamento alla vittima.
Il pm ha chiesto 13 anni di carcere dopo che l’uomo era già stato condannato a due anni per maltrattamenti ai danni di una precedente fidanzata. Mario Balotelli in alcune circostanze era intervenuto in difesa della fidanzata dell’uomo, affrontandolo anche a tu per tu in un locale del centro di Brescia per intimargli di smettere di aggredire la ragazza e di lasciarla stare.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ruby ter: nuovo rinvio del processo a Siena per Berlusconi
Il tribunale ha respinto la richiesta del pm che chiedeva anche accertamenti medici
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SIENA
15 aprile 2021
17:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il tribunale di Siena ha disposto il rinvio al 22 aprile per il processo Ruby ter che vede indagato Silvio Berlusconi per corruzione. I giudici hanno accolto la richiesta della difesa dell’ex premier.
La difesa ha chiesto il rinvio per legittimo impedimento dell’ex premier, perchè ricoverato.
Già la scorsa settimana l’udienza era stata rinviata sempre a causa delle condizioni del leader di Forza Italia. Berlusconi a Siena è accusato di corruzione in atti giudiziari di Danilo Mariani, il pianista senese delle serate ad Arcore. Quest’ultimo, coimputato, è accusato di falsa testimonianza.
Il tribunale ha invece respinto la richiesta del pm che chiedeva anche accertamenti medici per capire i tempi dell’impedimento di Silvio Berlusconi a partecipare al processo. Secondo quanto spiegato dalla difesa di Berlusconi i giudici hanno ritenuto sufficiente la documentazione medica depositata oggi dai legali dell’ex premier. Si tratta di documentazione a firma di Alberto Zangrillo e Lorenzo Dagna del San Raffaele, e di Andrea Gentilomo, direttore di medicina legale all’università di Milano in cui si indicano almeno 2 mesi d’impedimento.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Studentessa bendata:flashmob fuori Ufficio scolastico Veneto
Organizzato dalla Rete degli Studenti Medi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
15 aprile 2021
18:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bendati davanti all’Ufficio Scolastico del Veneto: è il flashmob organizzato dalla Rete degli Studenti Medi “per denunciare gli episodi di umiliazioni durante le interrogazioni e le verifiche in dad e ribadire come il caso del liceo Montanari di Verona sia uno dei tanti frutti dell’arretrato sistema scolastico italiano”. “Aprite gli occhi, questa non è la scuola” è lo slogan lanciato dalle studentesse e dagli studenti della Rete.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 16.974 positivi, 380 morti, terapie intensive in calo
Fatti 319.633 test, il tasso di positività sale al 5,3%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
18:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 16.974 i positivi al test del coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 16.168.
Sono invece 380 le vittime in un giorno (ieri 469). In totale i casi da inizio epidemia sono 3.826.156, i morti 115.937. Gli attualmente positivi sono 510.023 (-4.637 rispetto a ieri), mentre i guariti e dimessi dall’inizio della pandemia sono 3.200.196 (+21.220).
In isolamento domiciliare ci sono (481.019) persone (-3.782 rispetto a ieri).
Sono 319.633 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia. Ieri i test erano stati 334.766. Il tasso di positività è del 5,3%, ieri era stato del 4,8%.
Infine, sono 3.417 (3.490) i pazienti ricoverati nelle rianimazioni per Covid in Italia, in calo di 73 unità rispetto a ieri nel saldo giornaliero tra entrate e uscite, mentre gli ingressi giornalieri sono stati 211 (ieri 216).
Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 25.587 persone, in calo di 782 rispetto a ieri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ad Pfizer, realistico un ritorno alla normalità in autunno
“Per ora il vaccino Pfizer ci risulta sicuro sulle varianti”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
19:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ realistico un ritorno alla normalità in autunno. Ne è convinto Albert Bourla presidente e amministratore delegato di Pfizer che, in un’intervista al Corriere della Sera, ha fatto l’esempio di Israele: “Certo, Israele è un Paese piccolo, con i confini chiusi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I movimenti in entrata e in uscita sono limitati e la popolazione vive in uno stato di guerra quasi continuo, dunque sa come rispondere rapidamente a una crisi. Ma lì siamo riusciti a dimostrare al mondo intero che c’è speranza. Quello era il senso dello studio sui dati israeliani. Sapevamo che l’euforia dopo i primi vaccini sarebbe venuta meno quando, mese dopo mese, la gente vede che la vita non cambia molto. Ma in Israele si vedono i veri effetti del vaccino: quando copri una parte importante della popolazione, diventa possibile tornare quasi alla vita di prima. Il punto è quando si riesce a vaccinare la gente. Ma dal nostro punto di vista, sono ottimista: consegneremo numeri importanti di dosi”.
“Per ora il vaccino Pfizer ci risulta sicuro sulle varianti”, afferma ancora Bourla. “Abbiamo appena finito uno studio su 46 mila individui e siamo pronti a presentare i risultati finali. Nel campione 800 persone erano in Sudafrica, dove appunto c’è una delle varianti più difficili, ma anche in quel caso l’efficacia è stata al 100%. Per ora non vediamo nessun indizio che le varianti conosciute producano una perdita della protezione dal nostro vaccino”, afferma.
“Noi stiamo programmando di aumentare drasticamente le nostre forniture di vaccini ai Paesi europei nelle prossime settimane. In questo trimestre consegneremo oltre quattro volte di più di quanto abbiamo fatto nel primo trimestre: 250 milioni di dosi, dopo averne date 62 fino a marzo. Certo, c’è sempre la possibilità che qualcosa vada storto, come si vede dai problemi che stanno avendo altre aziende. Ma sono ottimista”, perché “il nostro processo produttivo si è dimostrato stabile e affidabile”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Giffoni e la felicità, 5000 ragazzi per l’edizione 2021
Dal 21 al 31 luglio. Gubitosi, percorso verso la normalità
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GIFFONI VALLE PIANA
15 aprile 2021
20:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
C’è grande fermento tra gli aspiranti giurati del Giffoni. Infatti, è in arrivo per 5mila ragazze e ragazzi di 90 città italiane e 20 nazioni, la richiesta di confermare la loro partecipazione a #Giffoni50Plus, in programma a Giffoni Valle Piana (Salerno) dal 21 al 31 luglio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“#Giffoni50Plus – spiega il fondatore e direttore Claudio Gubitosi – avvia il suo percorso verso la normalità, la ripresa delle attività e della fiducia vicino, ancor di più, a chi ha subito enormi disagi affettivi e psicologici. Giffoni c’è e risponde con un’edizione meravigliosa, anche se ancora sotto tutela. Il mondo dei giffoner attendeva questa notizia dallo scorso anno. Ci siamo e siamo pronti per un programma pensato per promuovere ancor di più valori, benessere e riconquista delle identità”.
Pur non potendo ancora condividere la loro partecipazione con le migliaia di famiglie che per anni li hanno adottati, Giffoni assicurerà a molti l’ospitalità completa nei dodici giorni dell’evento. Saranno non meno di 50 gli hub in Italia e 20 in altrettante nazioni, per oltre 3000 juror a distanza. Il programma sarà come sempre ricco e coinvolgente: 150 i film che verranno proposti nelle varie sezioni, 9 i grandi eventi dedicati alle anteprime. Non meno di 150 tra talenti e ospiti saranno protagonisti con i ragazzi nelle varie attività di incontro, dibattito e performance. Le masterclass sono state tutte concentrate in una sola nuova sezione: Giffoni IMPACT!, riservata a 200 giovani italiani dai 18 ai 28 anni. Confermata una delle sezioni più seguite dal pubblico di Giffoni e da tutti i juror: VivoGiffoni. La grande arena per la musica sarà riproposta nell’ampio spazio della Piazza Fratelli Lumiere e vedrà 25 tra i migliori artisti del momento. Dalle 22 alle 24, rispettando le regole sanitarie, si tornerà ad ascoltare e condividere la musica dal vivo. Prima della data di inizio del festival, Giffoni si presenterà al mondo dai parchi archeologici di Pompei e Paestum e con attività previste nel Museo Archeologico di Pontecagnano. Sono partiti, intanto, i lavori per l’adeguamento e la ristrutturazione delle sale della Cittadella del Cinema e della Multimedia Valley, grazie ad un progetto speciale sostenuto dal Ministro della Cultura Dario Franceschini. È prevista l’11 giugno l’inaugurazione della storica sala dedicata a François Truffaut, adeguata a tutte le nuove tecnologie audio-video, nuove poltrone e migliorie strutturali. Iniziati anche i lavori in Multimedia Valley per la costruzione del Museo “Testimoni del Tempo”. Sempre nell’area della Multimedia Valley, prossimo anche l’avvio dei lavori per un’arena da 4300 posti destinata ai grandi eventi.
Nel frattempo, in occasione delle celebrazioni di #Giffoni50Plus, il primo evento è in programma il 24 giugno. In 10 città italiane, in contemporanea, studenti, autorità locali e famiglie potranno conoscere e vivere la storia di Giffoni con un docu-film prodotto e realizzato dalla Giffoni Video Factory. Dall’11 al 13 giugno, invece, 200 direttori di festival e rassegne cinematografiche italiane si incontreranno a Giffoni per avviare una nuova cooperazione e collaborazione. Altra attività confermata per luglio è il campus dedicato a 130 ragazzi e ragazze del progetto “Sedici modi di dire ciao”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lombardia: Corte dei Conti, ‘Aria’ azienda poco organizzata
Relazione poco lusinghiera per la società della Regione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 aprile 2021
21:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Aria Spa, azienda di Regione Lombardia al centro delle recenti polemiche sulla prenotazione delle vaccinazioni per gli over 80, è una società poco organizzata, con troppo staff, troppe consulenze e troppo care – soprattutto quando si tratta di consulenze legali – e in cui acquisti vengono fatti spesso in maniera artigianale. Sono questi alcuni passaggi – anticipati questa sera dal Tg La7 delle 20 – della relazione della Corte dei Conti, che domani mattina presenterà i risultati della sua indagine su Aria.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dalla lunga relazione (331 pagine oltre alle conclusioni) emerge che “Aria Spa non solo non partecipa alla programmazione degli acquisti degli enti del Ssr, con una propria programmazione”, “ma neppure dispone dei piani biennali così approvati e delle informazioni ivi contenute”. Sempre secondo la relazione “Regione Lombardia sembra non avere piena consapevolezza, non avendo adottato alcun intervento correttivo per perseguire l’obiettivo individuato, di incrementare la quota di acquisti centralizzati”. Infatti, “Più della metà delle gare non viene espletata attraverso il canale Aria” e “il dato più rilevante è l’incidenza degli acquisti autonomi da parte delle Asst”. L’analisi dei dati acquisiti durante l’istruttoria hanno inoltre mostrato la debolezza dell’attività di programmazione degli investimenti nel settore sanitario regionale. Nelle conclusioni, la Corte dei Conti lascerebbe intendere che non c’è da stupirsi se Aria non ha saputo gestire le prenotazioni dei vaccini, visto che non sembra avere la struttura necessaria neppure per eseguire i compiti per i quali è stata creata.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cattolica: Davide Croff verso la presidenza
La rosa messa a punto dal cda di Cattolica con il supporto dell’advisor Spencer Stuart dovrà garantire un profondo ricambio del consiglio, come chiesto dall’Ivass
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 aprile 2021
23:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Spunta il nome di Davide Croff per la presidenza di Cattolica. Oggi il cda della compagnia veronese ha approvato la lista per il rinnovo del consiglio, previsto nell’assemblea del 13-14 maggio prossimi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Secondo indiscrezioni, il candidato che succederà a Paolo Bedoni sarà Croff, veneziano, 73 anni, banchiere e manager di lungo corso, con esperienze in Banca d’Italia, Fiat, Bnl, di cui è stato per molti anni amministratore delegato, ex presidente della Biennale di Venezia e di Permasteelisa ma in passato anche consigliere della Banca Popolare di Milano Bpm e di diverse società quotate, tra cui Terna e Snam.
La rosa messa a punto dal cda di Cattolica con il supporto dell’advisor Spencer Stuart dovrà garantire un profondo ricambio del consiglio, come chiesto dall’Ivass a valle dell’ispezione che ha rilevato significative carenze nella governance della compagnia.
Nella lista, oltre a Croff, dovrebbe figurare anche il nome di Camillo Candia, ex ceo di Zurich Italia, a cui potrebbe andare la vice presidenza mentre le uniche conferme previste sono quelle dell’ad Carlo Ferraresi e dei tre consiglieri in quota Generali ( Stefano Gentili, Roberto Lancellotti, Elena Vasco), estranei ai rilievi dell’Ivass.
La rosa di 15 candidati dovrebbero comprendere anche Luigi Migliavacca, Cristiana Procopio, Daniela Saitta, Giulia Staderini, Paolo Benazzo e Pierpaolo Marano, professore associato di diritto delle assicurazioni all’Università Cattolica, ‘tecnico’ considerato in area Ivass. Silvia Arlanch, Laura Santori e Carlo Maria Pinardi dovrebbero essere gli amministratori candidati a membri del comitato per il controllo sulla gestione Il termine per la presentazione delle liste scade il 18 aprile.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ultimo sposta al 2022 il tour negli stadi
Nuovo calendario sarà comunicato nelle prossime settimane
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
15:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ultimo sposta al 2022 il tour negli stadi. A causa della persistente situazione di emergenza sanitaria in corso, i concerti di questa estate non possono essere confermati.

Il nuovo calendario sarà comunicato nelle prossime settimane.
I biglietti già acquistati resteranno validi per le nuove date.
Per i possessori di biglietti di una delle date è previsto uno sconto del 50% sul prezzo di “Buongiorno vita – L’evento”, l’appuntamento in streaming su LIVENow previsto per il 22 aprile alle 21.
Durante lo show, prodotto da Vivo Concerti, Ultimo si esibirà dal Parco archeologico del Colosseo e presenterà “Buongiorno vita”, il suo nuovo singolo, in uscita il 23 aprile, oltre a proporre alcuni dei suoi brani di repertorio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ferrari: Elkann, primo modello tutto elettrico nel 2025
Tre nuovi modelli quest’anno, progressi nella ricerca nuovo ceo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
15 aprile 2021
15:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il primo modello tutto elettrico di Ferrari arriverà nel 2025. Lo ha detto John Elkann, presidente e ad della casa di Maranello, durante l’assemblea degli azionisti che dovrà approvare il bilancio 2020.
Elkann ha confermato che quest’anno saranno lanciati tre nuovi modelli. “La ricerca del nuovo ceo sta facendo progressi”, ha sottolineato.
“Coerentemente con la nostra forte convinzione nella sostenibilità ambientale, come azienda ci impegniamo a diventare pienamente carbon-neutral, attraverso azioni dirette e indirette entro il decennio”, ha aggiunto, citando alcuni risultati importanti in ambito Esgi: “a luglio – ha detto – la Ferrari è stata la prima azienda italiana a ricevere la certificazione della Fondazione Equal Salary, con sede in Svizzera, come riconoscimento per la pari retribuzione di donne e uomini per ruoli e attività equivalenti. Abbiamo anche aumentato il nostro sostegno alla comunità locale attraverso il nostro contributo a una serie di iniziative concentrate principalmente sull’istruzione”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Achille Lauro, vorrei sparire come Mina e lasciare la musica
Esce album Lauro. “Sanremo? Nessun pentimento, ho avuto libertà”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
15:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Non ho mai seguito nessuna legge di mercato, ho sempre fatto quello che ho voluto. Con la libertà di fare quello che ho voluto: anche andando contro tutto quello che ci si sarebbe aspettato da me”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La libertà, è uno degli aspetti della sua vita e della sua carriera che Achille Lauro rivendica.
Anche presentando il suo nuovo album, dal titolo Lauro, in uscita il 16 aprile, che arriva dopo tre dischi “fuori da ogni logica” pubblicati l’anno scorso.
Un album “che mi rappresenta molto” e che ripercorre i generi che lo hanno formato, dal glam rock, al pop, alla musica popolare, gli stessi presentati anche all’ultimo festival di Sanremo, dove è stato ospite fisso “per uno spettacolo nello spettacolo”. “E non mi pento di quello che ho fatto. Ho voluto far vedere che esiste qualcosa di diverso dalla globalizzazione.
Anche nella musica. Se fosse stato un flop, sarei ripartito da un altro punto di vista. I fallimenti fanno parte del successo”.
Durante il lockdown Achille Lauro (che non ha escluso di poter essere tra i protagonisti del prossimo Concertone del Primo Maggio) ha scritto moltissimo (“sono molto solitario, ho avuto tempo di lavorare alla musica senza essere inghiottito dalla frenesia del mondo e credo di avere un centinaio di canzoni da parte”) e “Lauro” ne è la summa, “nato in maniera spontanea, ogni canzone è una tempesta dell’anima. Dodici facce di me, di cui vorrei vi prendeste cura”. Un disco che segna però anche uno spartiacque e l’inizio di una pausa: “ora ho bisogno di vivere per tornare alla scrittura con nuove esperienze. Sono un grande nostalgico del passato e un sognatore verso il futuro, ma non vivo il presente”.
A guidarlo nelle sue scelte un punto chiave: “ho un’idea molto chiara di cosa voglio e di dove sto andando, ovvero far arrivare quello che veramente sono, dare il giusto valore allo spessore emotivo. Ad un certo punto mi piacerebbe sparire come Mina e lasciare solo la musica”.   SPETTACOLI, MUSICA E CULTURA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Mostra Cinema Venezia, Leone d’oro a Roberto Benigni
L’attore e regista, ‘il mio cuore è colmo di gioia’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
15 aprile 2021
12:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Roberto Benigni è il Leone d’oro alla carriera della 78/A Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. Lo annuncia la Biennale.
La decisione è stata presa dal Cda dell’ente culturale veneziano, che ha fatto propria la proposta del direttore della Mostra Alberto Barbera.
“Il mio cuore è colmo di gioia e gratitudine. È un onore immenso ricevere un così alto riconoscimento verso il mio lavoro dalla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia”, ha commentato Benigni.   CINEMA

Cronaca tutte le notizie Tutti i fatti e gli avvenimenti di Cronaca sempre aggiornati approfonditi dettagliati monitorati affidabili! LEGGILI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 27 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 12:08 DI MARTEDì 13 APRILE 2021

ALLE 14:39 DI MERCOLEDì 14 APRILE 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Università: Ateneo Pavia festeggia 660 anni dalla fondazione
Franco Locatelli, laureato a Pavia, legge l’atto costitutivo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PAVIA
13 aprile 2021
12:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’Università di Pavia festeggia oggi il suo 660esimo compleanno. Era infatti il 13 aprile 1361 quando Carlo IV, imperatore e re di Boemia, su richiesta del governo cittadino, concedeva “in perpetuo la grazia che nella città di Pavia fosse istituito uno Studium generale, di diritto civile e canonico, nonché di filosofia, di medicina e di arti liberali”.

Per celebrare l’anniversario, si è svolto questa mattina online l’incontro dal titolo “Il futuro ha radici sempre più profonde”.
Dopo il saluto iniziale del rettore Francesco Svelto e la prolusione del professor Dario Mantovani, che ha tratteggiato il contesto storico nel quale nacque e si sviluppò l’ Ateneo pavese, è seguita la lettura di passi dell’atto fondativo dell’Università da parte di alcuni laureati, tra cui Franco Locatelli, presidente del Consiglio Superiore di Sanità, intervenuto in diretta da Roma. Oltre che da Locatelli, lo storico documento è stato letto anche da Antonio Padoa-Schioppa, docente emerito di Storia del Diritto medievale e moderno, Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche “Mario Negri”, e Luigi Riganti, giudice al Tribunale di Pavia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in calo i positivi in Umbria, tre ricoveri in più
Sono 109 i nuovi casi, tre i morti e 152 i guariti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ERUGIA
13 aprile 2021
13:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ancora in discesa il numero degli attualmente positivi al Covid in Umbria: secondo i dati giornalieri della Regione, aggiornati al 13 aprile, sono 3.856 (46 in meno di ieri).
In lieve risalita invece i ricoverati, 320 in tutto, tre in più di ieri, mentre resta invariato il numero dei posti occupati nelle terapie intensive, 41.

I nuovi contagi accertati nelle ultime 24 ore sono 109. I guariti sono 152 e si registrano altri tre morti, 1.301 in totale.
I tamponi molecolari analizzati sono 3.120 e 4.483 i test antigenici. Il tasso di positività complessivo è 1,4 per cento (ieri 3,78) e del 3,5 rispetto ai soli molecolari (ieri 9,4).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quattro ragazzine aggrediscono 13enne a Riccione, denunciate
Indagini dei carabinieri, era un ‘regolamento di conti’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
RIMINI
13 aprile 2021
14:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono quattro e tutte di età compresa tra 13 e 15 anni le protagoniste di un’aggressione a una tredicenne, il 20 dicembre nei pressi della spiaggia antistante il Piazzale Roma di Riccione. A dimostrarlo sono state le indagini dei carabinieri della stazione riccionese, avviate a seguito della denuncia presentata dalla vittima e dai propri genitori: una attività di acquisizione e analisi dei filmati degli impianti di videosorveglianza del centro, che hanno consentito di ricostruire gli attimi dell’aggressione da cui la tredicenne era riuscita a sottrarsi, solo a seguito dell’intervento di alcuni componenti della propria comitiva.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un ‘regolamento di conti’: da quanto ricostruito la vittima si sarebbe invaghita di un giovane coetaneo già finito, però, nel mirino di una delle assalitrici.
E così, dopo le ‘promesse’ via social, il 21 dicembre è scattata l’aggressione: due quindicenni, una tredicenne e una quattordicenne, tutte del posto (due residenti a Misano Adriatico, una a Riccione ed una a Rimini), hanno accerchiato la vittima e l’hanno colpita con calci e schiaffi per poi fuggire via.
Identificate e denunciate alla Procura per i Minorenni di Bologna, le quattro amiche dovranno ora rispondere di lesioni personali aggravate.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Morti in corsia: confermato l’ergastolo per Cazzaniga
in Appello ex primario assolto per 3 omicidi su tredici
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
13 aprile 2021
14:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato confermato l’ergastolo per Leonardo Cazzaniga l’ex primario del pronto soccorso di Saronno ritenuto responsabile di una serie di omicidi, anche di pazienti ricoverati. Lo ha deciso la Corte d’Assise d’Appello di Milano che lo ha assolto per 3 casi su 13.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I giudici hanno in sostanza accolto la richiesta avanzata dal sostituto pg Nunzia Ciaravolo.
Sono 10 gli omicidi per cui è stata confermata la condanna dell’ex primario e tre per cui invece è stato assolto. La Corte d’Assise d’Appello di Milano ha confermato anche l’isolamento diurno per tre anni nei confronti dell’ex primario e ha dichiarato il non doversi procedere per prescrizione nei confronti di quattro medici della commissione ospedaliera, chiamata a valutare l’operato di Cazzaniga e che in primo grado erano stati condannati a 2 anni e sei mesi per favoreggiamento.
Nell’assolvere Cazzaniga per le morti di tre pazienti, la Corte ha revocato le statuizioni civili nei confronti dei loro familiari. “Andremo a vedere le motivazioni per vedere il ragionamento dei giudici, non siamo soddisfatti e sicuramente faremo ricorso in Cassazione”, ha affermato Andrea Pezzangora, difensore dell’ex primario insieme all’avvocato Ennio Buffoli.
Condannata anche l’Asst Valle Olona come responsabile civile.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Abbonamento del bus gratis a Bologna per 900 senza dimora
Convenzione tra Comune e Tper per il trasporto pubblico
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
13 aprile 2021
15:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Abbonamento gratis per il trasporto pubblico locale per 900 persone senza dimora. Sarà possibile dal prossimo mese a Bologna grazie alla convenzione tra Area welfare del Comune e Tper, che amplia i beneficiari degli abbonamenti agevolati ‘Mi muovo insieme’, In questo modo, spiega il Comune, le persone in condizione di grave marginalità potranno utilizzare liberamente i mezzi pubblici per raggiungere attività di inserimento lavorativo, inclusione e socializzazione, avendo la possibilità di esibire, in caso di verifica, un regolare titolo di viaggio personale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I servizi sociali di Comune e Asp Città di Bologna stanno già individuando i beneficiari tra le persone in carico che hanno necessità di utilizzare gli abbonamenti nell’ambito di un percorso di inserimento sociale o lavorativo: la platea complessiva stimata è di circa 900 persone: 650 seguite dalla rete di servizi Asp per il contrasto alla grave emarginazione adulta; circa 100 in carico al Servizio sociale territoriale del Comune e 150 segnalate da Caritas, Antoniano e Opera Marella.
Gli abbonamenti verranno richiesti direttamente dagli operatori dei servizi sociali di Comune e Asp e avranno una durata di sei mesi rinnovabili per altri sei.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Denise: ex sindaco di Mazara, spero un giorno ritorni a casa
Cristaldi commenta affermazioni dell’autore foto della bimba
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
13 aprile 2021
15:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Un’altra speranza sfuma ma a me piace pensare che prima o poi Denise tornerà a casa”. L’ex sindaco di Mazara del Vallo, Nicola Cristaldi commenta così le affermazioni di stamane, alla trasmissione “Mattino Cinque” del fotoreporter Michael Biach, autore della foto diventata virale su Twitter che ritrae una bambina somigliante alla mazarese di 4 anni scomparsa nel nulla nel 2004.
Lo scatto era stato ripreso online anche dall’avvocato Frazzitta, legale della madre di Denise, Piera Maggio.
Biach spiega perché la piccola non può essere Denise: “Ho scattato la foto nell’agosto del 2012 e non nel 2004. Stavo lavorando a un articolo e ho ripreseo qualche immagine sulla situazione dei bambini che vivono nei campi rom in Slovacchia”.
Cristaldi però non dispera e aggiunge: “Mi piace questa madre che corre sempre e comunque a vedere, a indagare, a cercare perché anche questo è un modo per tenere tra noi Denise. Fino a quando la madre continua a cercare, Denise è viva perché le madri hanno il cuore negli occhi e gli occhi nel cuore…”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per cantieri autostrade vaccini in ritardo nel genovesato
Over 80 in attesa per 4 ore a Rossiglione, alcuni tornano a casa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
13 aprile 2021
15:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A causa delle code e dei cantieri che si sono creati stamani sull’A10 per la rottura di alcuni macchinari i vaccini destinati agli over 80 prenotati stamani all’hub di Rossiglione sono arrivati con 4 ore di ritardo, alle 11,45 invece che alle 8. La coda ha impedito anche l’arrivo del pool vaccinale destinato a quell’hub.
Molti degli anziani convocati per avere la propria dose di vaccino hanno deciso di tornare a casa e i vaccini rimasti sono stati inoculati a personale della Croce rossa. La Giunta dell’Unione dei Comuni Stura Orba Leira ha chiesto incontro urgente ad Aspi “a seguito dell’enorme disagio che stamattina ha causato anche la paralisi totale del polo vaccinale sito nella Ferriera”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: provincia di Cuneo resta zona rossa
Incidenza casi è salita a 277, venerdì una nuova verifica
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
13 aprile 2021
15:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Resta in zona rossa, fino al 18 aprile, la provincia di Cuneo, l’unica del Piemonte da ieri in arancione. L’incidenza dei casi Covid non solo non è scesa sotto la soglia dei 250 per 100 mila abitanti ma è salita a 277.
Il ritorno in arancione era previsto da domani. “In linea con il nuovo decreto, la Regione – precisa una nota – si trova obbligata a prorogare la permanenza della provincia di Cuneo in zona rossa. Venerdì 16 aprile si procederà a una nuova verifica dell’evolversi della situazione, per analizzare la possibilità, in caso di miglioramento, di anticipare l’ingresso in zona arancione già dal weekend”.   PIEMONTE   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Nonna scrive libro a 86 anni, ‘Pandemia peggio della guerra’
L’idea nel lockdown. ‘Preferivo i governanti di una volta’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
IMINI
13 aprile 2021
16:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una nonna riminese di 86 anni che vive da sola, durante il primo lockdown ha scritto un libro autobiografico per combattere la solitudine. “La pandemia è peggio della guerra”, ha detto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Siccome la mia vita è stata molto movimentata, trovarmi di colpo chiusa in casa, mezza invalida… ho pensato bene di scrivere un diario”, ha raccontato a Teleromagna, dove è apparsa la sua storia. Maria Luisa Montanari, ex insegnante e direttrice didattica, a marzo dell’anno scorso ha iniziato a riempire una decina di taccuini che sono poi diventati un’autobiografia che comincia alla vigilia della seconda guerra mondiale.
“Sono rimasta orfana a sei anni – racconta – Avevo due fratelli che adoravo, che poi sono andati in guerra e quando sono tornati non li riconoscevo più, perché la guerra cambia”.
Spesso viene fatto un parallelismo tra quel conflitto e la pandemia, “ma forse questa è ancora peggiore – afferma – perché una volta finiti i bombardamenti si sapeva cosa fare. Adesso c’è un’incertezza… Sembra che le persone non abbiano bene in mente cosa sarà, cosa dovranno fare, come dovranno reagire. E poi – aggiunge sorridendo – i governanti di una volta mi piacevano di più”.
Oggi Montanari ha 12 fra nipoti e pronipoti, e a loro ha dedicato il suo lavoro. ‘Diario di una madre – note di colore al femminile’, edito da Pegasus Edition, è già in libreria e ora in cantiere c’è anche il secondo libro. “Mi ha sempre guidato una grande volontà. Ho sempre tentato di realizzare le cose a cui tenevo. Una vita piena insomma: ostile da una parte, perché mi ha fatto superare tante prove, però c’è anche la gioia di averle superate”, conclude.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sottraevano soldi ai pusher,a Milano 4 vigili ai domiciliari
Operazione della Squadra Mobile
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
13 aprile 2021
16:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono finiti agli arresti domiciliari quattro agenti della Polizia locale di Milano per falso ideologico perché si sarebbero appropriati di soldi nel corso di una perquisizione in una casa di presunti spacciatori, compilando falsi verbali per intascare il denaro. L’ordinanza è stata firmata dal gip di Milano Guido Salvini nell’inchiesta della Squadra mobile, coordinata dal pm Elio Ramondini, ed è e scaturita da un servizio mandato in onda lo scorso ottobre dalla trasmissione ‘Le Iene’.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I 4 agenti della Polizia locale, che erano in servizio all’Unità contrasto stupefacenti, sono stati arrestati con le accuse a vario titolo di peculato e falso ideologico e sono stati indagati anche per abuso d’ufficio. Dopo il servizio del programma Mediaset, gli agenti erano stati trasferiti ad altro incarico. Il pm aveva chiesto il carcere per 7, mentre il gip ha applicato l’ordinanza di domiciliari a quattro di loro e, in particolare, per il caso dell’intervento in un’abitazione di via Coppin, a seguito del quale gli agenti – come si legge nell’ordinanza -, rinvenivano la cifra complessiva di 13.070 euro in contanti, mentre avrebbero tenuto per loro “3.330” euro indicando così nel verbale di perquisizione il rinvenimento di “1.540 euro occultati in una cassetta di sicurezza in ferro; 8.200 euro occultati in un portafoglio di colore bordeaux.
Decisiva la “video ripresa tramite due telecamere” piazzate dagli stessi pusher nella “sala e in camera da letto” della casa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:Azienda Zero del Veneto blocca mascherine in magazzino
Dopo il sequestro disposto dalla Procura di Gorizia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PADOVA
13 aprile 2021
17:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Azienda Zero del Veneto ha provveduto al blocco delle mascherine di protezione stoccate presso il proprio magazzino: a darne notizia oggi è la stessa struttura amministrativa unica del sistema delle Ulss regionali.
La decisione si riferisce al decreto di sequestro notificato dalla Guardia di Finanza di Gorizia ed emesso dalla Procura nell’inchiesta sui prodotti ritenuti non idonei.
Si tratta di mascherine Ffp2 e Ffp3 acquistate dal Commissario Straordinario per l’emergenza Covid-19 e consegnate alle Regioni nel corso della pandemia.
Azienda Zero del Veneto ha dato comunicazione del blocco alle Ulss e del conseguente divieto di utilizzo dei dispositivi eventualmente in giacenza presso i magazzini, sia aziendali che nelle rsa. I dispositivi interessati, viene precisato, saranno ritirati a cura di Azienda Zero e messi a disposizione delle autorità competenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: sacerdote ‘no mask’ trasferito da parrocchia Milanese
Don Diego Minoni famoso per le sue omelie negazioniste
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
13 aprile 2021
17:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato trasferito don Diego Minoni, sacerdote ‘no mask’ di Vanzago, paese alle porte del Milanese, dove le sue omelie e le sue osservazioni contro la ‘museruola’ ovvero la mascherina e i diritti lesi in tempi di Covid, avevano fatto alzare più di qualche sopracciglio.
Lo riporta Il Giorno e dalla curia confermano che don Minoni non è più il parroco della chiesa dei Santi Ippolito e Cassiano.

A comunicargli la decisione è stato monsignor Luca Raimondi, vicario episcopale per la zona pastorale di Rho e vescovo ausiliario. Ora è a disposizione dei padri oblati, di cui fa parte.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uccide moglie figlio e padroni casa, convalidato l’arresto
Medico legale Roberto Testi effettuerà domani autopsie
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
IVREA (TORINO)
13 aprile 2021
17:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Gip di Ivrea, Ombretta Vanini, ha convalidato l’arresto di Renzo Tarabella, il pensionato 83enne, ora ricoverato al Giovanni Bosco, che sabato sera ha ucciso quattro persone in un alloggio di Rivarolo Canavese: la moglie, il figlio disabile e i vicini di casa proprietari dell’abitazione. Dovrà rispondere di omicidio plurimo aggravato.

La procura di Ivrea, al momento, non ha contestato l’aggravante della premeditazione. I due biglietti di Tarabella, ritrovati dai carabinieri sul tavolo della cucina, sarebbero stati scritti dopo la strage. “Hanno insultato mio figlio già morto. È giusto che paghino”, ha scritto Tarabella riferendosi ai padroni di casa, freddati con un colpo di pistola alla testa.
Domani il medico legale Roberto Testi effettuerà le autopsie.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lascia sacerdozio per amore, “ho provato senso di onestà”
Benda su un occhio, il tanto piangere me lo ha fatto irritare
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TODI (PERUGIA)
13 aprile 2021
20:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Quando domenica è stato dato l’annuncio della mia decisione ho provato un senso di libertà, onestà e chiarezza”: a parlare è l’ormai ex parroco dell’Unità pastorale di San Felice di Massa Martana, don Riccardo Ceccobelli, che ha deciso di lasciare il sacerdozio per amore.
Parla da dentro il garage della casa dei suoi genitori, a Pantalla, una frazione di Todi, dopo aver scaricato i suoi vestiti e altri oggetti personali dall’auto, completando così il trasloco dalla sua parrocchia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
All’occhio sinistro ha una vistosa benda bianca. “È frutto del tanto piangere che mi ha fatto irritare l’occhio”, racconta.
Don Riccardo Ceccobelli – che ha avviato le pratiche per la sua dimissione dallo stato clericale – ribadisce di “voler vivere l’amore” con questa donna che dice di conoscere da almeno quattro anni, sottolineando che “la promessa fatta al vescovo di essere prete fino alla fine non è mai venuta meno” e di non avere mai trasgredito agli obblighi previsti dal suo ministero.
“Ho iniziato a provare un sentimento nuovo verso questa donna soltanto pochi mesi fa, come possa essere accaduto non lo so”, racconta ancora. “Sono rimasto stupito e spaventato – aggiunge – dall’amore che mi arrivava da dentro. È stata una decisione molto dura da prendere quella di lasciare il sacerdozio”.
Parlando del futuro e della relazione con questa giovane, don Ceccobelli si lascia andare anche a una battuta: “lasciatemi almeno iniziare questa relazione, fino a oggi non siamo stati nemmeno fidanzati”.
Don Riccardo è circondato anche dal profondo affetto della sua famiglia. Quando si chiede al padre Carlo se è felice della scelta fatta, l’uomo risponde senza esitazioni: “le decisioni dei figli si accettano e basta”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Milano: aggressioni in zona movida, sei misure cautelari
Un ragazzo colpito da un pugno era finito in coma farmacologico
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
14 aprile 2021
07:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli agenti della Polizia di Stato di Milano hanno eseguito sei misure cautelari nei confronti di altrettanti giovani, residenti nelle province di Milano, Varese, Monza e Piacenza, con l’accusa di aver aggredito altri ragazzi che stava trascorrendo la serata nei pressi all’Arco della Pace, uno dei luoghi più frequentati della Movida milanese, lo scorso 26 luglio.
I sei si vanno ad aggiungere a due minorenni, già colpiti da provvedimenti emesso dal Gip dei minori.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La notte del 26 luglio a Milano in piazza Sempione, in otto, di cui sei appena maggiorenni, avevano aggredito una comitiva di ragazzi che trascorreva la serata nei pressi dell’Arco della Pace, suscitando panico tra la gente. Tra gli aggrediti anche un diciannovenne che era stato colpito da un violentissimo pugno al volto e che era rimasto in coma farmacologico diverse settimane, riportando lesioni gravi e una prognosi superiore ai 40 giorni.
I sei sono stati raggiunti da un’ordinanza chiesta dal Procuratore aggiunto di Milano Laura Pedio e dal Pm Francesca Crupi e, come ricostruito dalle indagini, avevano assistito, nelle ore precedenti, sempre nella zona della movida milanese, alle riprese del video di un giovane trapper emergente.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
YouTrend, Bolzano e Veneto avanti sui vaccini
Balzo di Lombardia-Umbria. Sicilia e Calabria in ritardo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
09:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Provincia di Bolzano e Veneto in testa, indietro Sicilia e Calabria. E’ la situazione delle somministrazioni dei vaccini in Italia in base all’indice calcolato da YouTrend secondo il quale negli ultimi sette giorni hanno fatto un balzo in avanti anche Lombardia e Umbria mentre altre 5 regioni sono in discesa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In base ai dati aggiornati al 12 aprile, la provincia autonoma di Bolzano è, con 85 punti su 100, quella più avanti nell’indice regionale; seguono il Veneto a quota 83 (+7 rispetto a una settimana fa), la provincia autonoma di Trento a 75 (+4) e l’Emilia Romagna a 73 (+10), tutte sopra la media nazionale che è a 63 e che è in crescita di 8 punti rispetto alla settimana scorsa. Al fondo della classifica, sotto 50 punti, ci sono la Sicilia a 46 (in discesa di un punto rispetto alla settimana scorsa) e la Calabria a 45. In calo risultano anche il Lazio (-5 punti, ma sempre sopra la media nazionale a 68), Toscana (-2, con una media di 68), Basilicata (-8, a 58 punti) e Valle d’Aosta (-7 a 55 punti). A crescere di più rispetto a una settimana fa sono ancora la provincia autonoma di Bolzano, con 17 punti, e subito dopo Lombardia e Umbria, entrambe con un balzo in avanti di 16 punti.
L’indice regionale di YouTrend sintetizza settimanalmente, con un valore compreso tra 0 e 100, lo stato della campagna di vaccinazione attraverso la media ponderata di 5 parametri: la percentuale di dosi utilizzate sul totale di quelle ricevute, le percentuali di ospiti delle Rsa, di over 80 e di soggetti tra 70 e 79 anni vaccinati e l’accelerazione delle vaccinazioni rispetto alla settimana precedente. Più per una determinata regione o provincia autonoma l’indice si avvicina a 100, più essa avrà portato avanti la campagna vaccinale con efficacia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Furbetti’ dei vaccini: medici indagati a Oristano
15 gli avvisi di garanzia per abuso d’ufficio e peculato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ORISTANO
14 aprile 2021
09:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quindici persone, tra medici e infermieri, sono indagate dalla Procura di Oristano per abuso d’ufficio e peculato, con l’accusa di aver somministrato il vaccino Pfizer a propri familiari (che non rientravano tra le previste categorie aventi diritto), abusando così della propria posizione. Dalle prime ore del giorno sono scattate le operazioni di notifica agli indagati da parte dei Carabinieri del Nas di Cagliari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: sindacati, aumentano contagi tra autisti pullman
Chiusa anche unica biglietteria al terminal di Campobasso
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAMPOBASSO
14 aprile 2021
10:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Salgono ancora i contagi tra gli autisti di autobus nell’indifferenza della Regione che disattende per l’ennesima volta i propri impegni assunti per ridurre i rischi”. È quanto denunciano in una nota i sindacati di categoria della Cgil, Cisl, Uil e Ugl.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“È la triste e reale conseguenza provocata dalle Istituzioni regionali – evidenziano le parti sociali – che in più di un anno non sono riuscite ad imporre alle aziende di trasporto pubblico il rigoroso rispetto di quanto espressamente previsto dai protocolli, dalle linee guida, dai Decreti e dalle stesse Ordinanze del presidente della Giunta regionale per contrastare e contenere la diffusione del Covid-19. Dalle segreterie regionali arriva anche un appello ai viaggiatori: “attenetevi ai Dpcm, evitate di avvicinarvi o di chiedere informazioni al conducente e acquistate i biglietti solo in via telematica”. Dito puntato contro l’assessore regionale ai Trasporti, Quintino Pallante, responsabile, secondo i sindacati, di non aver rispettato gli impegni assunti nella riunione del 22 marzo. In quella occasione “aveva preannunciato e garantito la fruibilità di risorse regionali già stanziate per il comparto dei trasporti, al fine di assicurare entro pochi giorni, l’utilizzo di una quindicina di operatori da dedicare esclusivamente e in condizione di totale sicurezza alle attività di vendita e di controllo dei titoli di viaggio, atteso che la famosa ‘app regionale’ per la vendita telematica dei titoli di viaggio è di fatto naufragata. Clamorosa la recente chiusura dell’unica biglietteria disponibile a Campobasso che ha reso il terminal del capoluogo di regione, l’unico in tutta Italia in cui non sia presente un servizio informativo e di approvvigionamento dei titoli di viaggio. Una vera vergogna sulla quale pesano responsabilità anche dell’amministrazione comunale che dovrebbe occuparsi di questi gravi disservizi resi all’utenza”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lavoratori spettacolo occupano Globe Theatre a Roma
‘Riaprire in sicurezza’.Manifestanti, tutti sottoposti a tampone
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
10:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un gruppo di lavoratori dello spettacolo ha occupato stamani il Globe Theatre a Villa Borghese a Roma. “Dopo più di un anno dal blocco degli spettacoli dal vivo chiediamo una riforma strutturale del settore -scrivono su Fb – Non vogliamo una riapertura senza sicurezza, che ci faccia ripiombare in un mondo del lavoro ancora più incerto e privo di garanzie.
Riapriamo questo spazio a tutte le precarie, a tutti gli sfruttati, per riappropriarci di un tempo di confronto e autoformazione”. Gli occupanti assicurano che “tutto si sta svolgendo nel rispetto delle disposizioni sanitarie” e che si sono sottoposti a tampone.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ambiente: Mare amico, crollo a ridosso scala dei Turchi
Una porzione della falesia di marna è venuta nuovamente giù
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
REALMONTE
14 aprile 2021
10:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Come neve al sole, una parte a ridosso della Scala dei Turchi, lungo la costa di Realmonte, in provincia di Agrigento, crolla ancora”. Lo denuncia l’associazione Mareamico.
“Una porzione della falesia di marna è venuta nuovamente giù, precipitando sulla spiaggia, fortunatamente deserta”, prosegue la nota. Ed osserva: “Mentre Comune e un privato discutono nelle opportune sedi sulla titolarità del bene: solo la Procura ha agito – Infatti già il 27 febbraio dello scorso anno, prudentemente, ne aveva opportunamente inibito la fruizione. Questa decisione del procuratore capo di Agrigento, Luigi Patronaggio ha attirato molte critiche, ma considerato quanto continua ad accadere periodicamente, tutelare la vita con decisioni impopolari è un atto coraggioso”. “Di fronte alle lungaggini, burocratiche e giudiziarie e, naturalmente quelle politiche, ad Agrigento paradossalmente è spesso la Procura a prendere decisioni drastiche a protezione della vita”, afferma Mareamico.
“Come nel caso del Ponte Morandi di Agrigento chiuso dall’Anas, solo a seguito di un’indagine della Procura, – osserva – prima che potesse seguire il destino del suo gemello di Genova”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: in Italia 1,5 milioni di dosi Pfizer, alle Regioni in 24 ore
Le consegne interesseranno più di 210 strutture sanitarie in tutta Italia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
14:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“E’ iniziata la distribuzione alle Regioni di circa 1,5 milioni di dosi di vaccino Pfizer, arrivate presso gli aeroporti di Bergamo, Bologna, Brescia, Roma Ciampino, Milano Malpensa, Pisa e Venezia”. Lo rende noto il Commissariato all’emergenza Covid.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Le consegne interesseranno più di 210 strutture sanitarie in tutta Italia, e si concluderanno entro 24 ore”.
“Quello del rifiuto del vaccino AstraZeneca è un tema difficile. È un fenomeno che negli ultimi giorni sta diventando più importante di quello che possiamo pensare”. Lo ha detto il direttore generale del Welfare di Regione Lombardia, Giovanni Pavesi, intervenendo in audizione in Commissione Sanità del Consiglio Regionale. “Ho segnalazione di centri vaccinali importanti in cui parecchia gente li sta rifiutando – ha aggiunto -. In questi casi, se in sede di anamnesi ci sono valutazioni critiche, possiamo fargli il Pfizer. Negli altri casi, se non ci sono queste motivazioni, li rimettiamo in coda”.
Antitrust, sulla salute il mercato deve avere limiti – “Non tutti i bisogni possono essere soddisfatti dal mercato”. Così il presidente dell’Antitrust Roberto Rustichelli facendo riferimento ai brevetti per i vaccini e sottolineando che “quando, ad esempio, a venire in rilievo è la tutela di diritti fondamentali come quello alla salute, il mercato può e deve subire dei limiti”. Rustichelli ricorda che il nostro Codice della proprietà industriale “prevede già ora, agli articoli 141 e 142, la possibilità di un intervento rapido tramite DPR con cui si espropria, anche per ragioni di pubblica utilità, la titolarità o l’uso del brevetto, dietro corresponsione di un congruo indennizzo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Come raccontare le storie ai bambini, se ne discute a Chiari
Tornano il 15/4 incontri in streaming progetto Cresciamo insieme
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CHIARI
14 aprile 2021
12:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tornano il 15 aprile gli appuntamenti in streaming sulla genitorialità consapevole nell’ambito del progetto “Bambini e genitori, cresciamo insieme”, organizzati in occasione Chiari Prima Capitale Italiana del Libro dall’Associazione L’impronta in collaborazione con Il Leone Verde edizioni e il Comune di Chiari. Dedicati a genitori di bambini da 0 a 5 anni, gli incontri coinvolgono ospiti appartenenti al mondo dell’educazione e delle scienze pedagogiche e portano avanti il lavoro che la casa editrice Il Leone Verde ha iniziato anni fa con il blog “il bambino naturale” e con le pubblicazioni realizzate da pediatri, psicologi, ostetriche e professionisti dell’infanzia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Alle 20.30 del 15 aprile l’incontro dal titolo “Raccontar storie dai 18 mesi in su” vedrà ospite Elisa Mazzoli, autrice, narratrice e mediatrice (Premio Nati Per Leggere 2018): al centro della riflessione il ruolo svolto da libri, immagini, parole, suoni per aumentare nei bambini le competenze di linguaggio e la creatività e per favorire la loro crescita serena. Tutti gli incontri di “Bambini e genitori, cresciamo insieme” (i prossimi in programma il 22 e il 29 aprile) sono visibili in diretta streaming e on demand sulla pagina Facebook del Comune di Chiari e sui canali Facebook e YouTube di Microeditoria e Bambino Naturale:

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Bookcity 2021, il tema sarà il ‘dopo’ pandemia
Da 17 a 21/11. Formenton, immaginare con ottimismo della speranza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
19:46
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La pandemia ha segnato la Cultura togliendole ossigeno ma non ha vinto e ora che, piano piano, il mondo culturale si riprende, riflette sull’accaduto pronto a lasciarselo alle spalle. Non a caso, quindi, il tema di Bookcity 2021 sarà il ‘Dopo’.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La manifestazione, prevista dal 17 al 21 novembre prossimo, e che torna in parte in presenza dopo la pausa online dello scorso anno, ha scelto d’incentrarsi sul domani che ci attende dopo la pandemia.
Questa esperienza “ha già cambiato il nostro futuro – ha detto l’editore Luca Formenton, presidente dell’edizione 2021 – Cosa succederà dopo? Cercheremo di rispondere a questa domanda con l’ottimismo della speranza”. “Siamo al decimo anniversario – ha detto il presidente dell’associazione Bookcity Milano, Piergaetano Marchetti – anche per la manifestazione è il momento di riflettere e guardare avanti”. “La lettura e la cultura, dopo la pandemia, saranno il mezzo per la rinascita della società”, ha fatto eco l’assessore alla Cultura di Milano, Filippo Del Corno, che partecipa ai lavoro d’indirizzo come rappresentante della città e che ha portato i saluti del sindaco, Giuseppe Sala, sottolineando come gli “Anni ’10 del secolo” abbiano visto Milano “instaurare il modello urbano culturale diffuso”.
Bookcity 2021, che avrà un “importante testimonial” e che sarà centrata su “tanti romanzi e tanta poesia”, come ha detto uno degli organizzatori, Oliviero Ponte di Pino, si svolgerà in parte in presenza e in parte online, con una “dimensione ibrida” perché “non sappiamo che condizioni ci saranno a novembre”. La manifestazione ospiterà una quindicina di ‘papers’ con autori internazionali divisi in vari ‘focus’ e sarà caratterizzata anche da molti ‘Dopo talks’ su temi di saggistica. “Aumenterà ancor di più il coinvolgimento di librerie e librai” e quello di università, scuole e luoghi del sociale, dalle carceri ai luoghi dell’accoglienza. Gli eventi di #BCM21 saranno inoltre divisi in temi e sotto-temi per creare delle “famiglie di incontri” e facilitare la fruizione del pubblico.
Quest’anno un’ulteriore novità giunge dall’annunciato ingresso di Aie (Associazione Italiana Editori). “Aie entra a Bookcity in un anno particolare, che ha segnato tutti noi e le categorie produttive ma che per il mondo del libro è stato un anno straordinario: quando le librerie si sono riaperte il libro ha ritrovato la sua molla compressa e abbiamo avuto tassi di vendita e lettura fortemente positivi – ha detto nel corso della presentazione, oggi, su Facebook, il presidente, Riccardo Franco Levi – La nostra idea di proporre a Bookcity di entrare tra i suoi principali promotori è stata accolta con generosità e ci rende felici, oltre a rendere più concreta la possibilità di percorrere altri 10 anni di grande successo”.
Levi ha poi ha poi ricordato l’emergenza italiana dei bassi indici di lettura nazionali che, a loro volta, nascondono grandi disparità territoriali. “Il fatto che a Milano vi siano indici di lettura in linea con quelli europei non ci deve far dimenticare che non è così in altre zone del Paese. Ma di certo “nel ‘dopo’ che verrà avremo capito tante cose in più e ci mancheranno tante cose in meno – ha detto Achille Mauri – per questo io penso che sarà un ‘dopo’ positivo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Antonella Bolelli Ferrera, Bad Girls
La testimonianza di donne che da abusate diventano carnefici
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
11:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANTONELLA BOLELLI FERRERA, BAD GIRLS. DA VITTIME A CARNEFICI (La Lepre edizioni, pp.112, 12 euro. Introduzione di Dacia Maraini).
C’è Sara, abusata dal padre quando era bambina, che rifiuta il suo corpo e diventa “la cicciona” arrivando perfino a uccidere la madre, colpevole di aver permesso che accadesse l’orrore.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
C’è Maria che, nel degrado di una famiglia di spacciatori, solo quando viene rinchiusa in carcere riesce a diventare Mario e ad accettare la propria sessualità, ma riesce a tollera l’abbandono della donna che ama e la accoltella. E poi c’è Mara, rapita mentre aspettava la corriera per andare al lavoro e stuprata dal “branco” senza pietà, nel corpo e nell’anima, in un casolare di campagna che dopo anni uccide uno dei suoi aguzzini. Non si può restare indifferenti leggendo le storie agghiaccianti che compongono “Bad Girls”, libro di Antonella Bolelli Ferrera edito da La Lepre e disponibile dal 20 aprile, in cui la giornalista raccoglie la testimonianza di donne che da vittime diventano spietate carnefici. Tra le pagine di questo racconto corale, in cui le protagoniste parlano in prima persona, non c’è alcuna intenzione di giustificare i crimini che per vendetta queste donne hanno compiuto, ma solo la ferma volontà di provare a comprendere il groviglio di ignoranza, disagio sociale, povertà economica e culturale, violenza e perversione di cui le terribili storie narrate sono figlie. I comportamenti distruttivi di queste vittime-carnefici, che vogliono farsi “giustizia” da sole sperando in una possibile rinascita o in una sorta di “risarcimento”, sono la diretta conseguenza di vite segnate purtroppo irrimediabilmente: ognuna di loro è portatrice di una ferita profonda, di una brutalità che le ha massacrate, di un bagaglio insostenibile di paura e vergogna, in un contesto di abusi fisici e psicologici che non cancella certo le responsabilità ma che va necessariamente considerato. “Leggendo rivediamo, come in un film che ci scorre davanti agli occhi, quelle vite che sarebbe difficile persino inventare tanto sono crudeli e angosciose”, scrive nell’introduzione di Dacia Maraini, sottolineando “quanto poco conosciamo di chi viene chiuso in galera”. Ferrera, che per oltre 10 anni ha lavorato a Radio3 e dal 2010 ha dato vita al Premio Goliarda Sapienza rivolto alle persone ristrette (e di cui Bad Girls è un progetto speciale), sceglie un linguaggio semplice, diretto, senza retorica né concessioni alla drammaticità: è sufficiente il racconto dei fatti per far capire la profonda, insanabile tragedia di queste storie. Eppure, nonostante tanto buio e tanta devastazione, c’è ancora la possibilità di scorgere una piccola fiammella di speranza: ne è prova Patrizia Durantini, “ventiquattro anni vissuti pericolosamente”, una di queste donne giustiziere e vulnerabili finite in carcere per espiare le proprie colpe, che ha deciso di provare a rinascere attraverso la scrittura, partecipando ai progetti letterari del Premio Goliarda Sapienza. “La parola scritta è venuta in soccorso – scrive Ferrera – facendo superare la paura e la vergogna di ripercorrere le violenze subite prima di diventare cattive ragazze”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Natalie Portman nei Giorni dell’abbandono di Elena Ferrante
Protagonista e produttrice film da bestseller
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
20:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La vincitrice dell’Oscar Natalie Portman sarà la protagonista e anche la produttrice esecutiva di I giorni dell’abbandono della Hbo Films, tratto dal romanzo bestseller di Elena Ferrante. La notizia è riportata da tutti i media specializzati.
Il film, attualmente in pre-produzione, scritto e diretto da Maggie Betts, ‘The Days of Abandonment’, ruota attorno a Tess, interpretata da Portman. Quando Tess, una donna che ha abbandonato i propri sogni per una vita familiare stabile, viene a sua volta abbandonata dal marito, il suo mondo viene sconvolto.
Adattato dall’omonimo romanzo della misteriosa Elena Ferrante, pubblicato in Italia da E/O ‘The Days of Abandonment’ è un viaggio viscerale e senza esclusione di colpi nella mente di una donna in crisi che affronta le norme della maternità e dell’identità femminile. Dallo stesso testo della Ferrante nel 2005 fu tratto un film con la regia di Roberto Faenza con Margherita Buy e Luca Zingaretti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Modigliani a Parma, l’eleganza e l’enigma
Alla Fondazione Magnani-Rocca focus per capire stile artista
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PARMA
14 aprile 2021
13:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il volto dai tratti delicati, il collo lungo e le mani affusolate, a rievocare una tradizione che dall’essenzialità dell’arte senese del ‘400 si ricongiunge all’insegnamento di Cézanne e alle suggestioni primitive delle maschere africane; e poi gli occhi celesti e vuoti, quasi assenti, a testimoniare il mistero insondabile dell’anima: riassume mirabilmente la poetica pittorica del celebre Modì l’olio su tela “Femme au col blanc”, uno dei capolavori che compongono la mostra-dossier “Amedeo Modigliani. Opere dal Musée de Grenoble”, allestita fino al 18 luglio alla Fondazione Magnani-Rocca di Mamiano di Traversetolo (Pr) e visibile al pubblico non appena sarà consentita la riapertura dei musei.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Concepita come focus per approfondire l’origine dello stile del grande artista nella sua breve ma intensissima carriera (Modigliani morì di malattia a 35 anni) e per analizzare il rapporto fra disegno e pittura, la mostra, grazie alla collaborazione col Musée de Grenoble, presenta sei opere del pittore messe in relazione con esempi della pittura senese e di Cézanne e con alcune maschere tribali della Costa d’Avorio.
“Questa è una mostra con poche opere pensata per andare oltre l’immagine consueta di Modigliani e per permettere di capire cosa lo abbia portato a concepire quest’arte così particolare”, spiega Stefano Roffi, direttore della Fondazione Magnani Rocca e curatore dell’esposizione. “Gli eventi su Modì sono rari, perché è uno degli artisti più falsificati, ma le opere che presentiamo sono rigorosamente autentiche”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vasco Rossi, i concerti spostati al 2022. Le nuove date
Milano, Imola, Firenze e doppio appuntamento per Roma
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
11:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I concerti di Vasco Rossi previsti nel mese di giugno 2021 vengono riprogrammati nel 2022, a causa del perdurare dell’emergenza sanitaria da pandemia Covid, con il seguente calendario: 24 maggio 2022 Milano – Ippodromo Milano Trenno (ex IDays); 28 maggio 2022 Imola – Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari; 3 giugno 2022 Firenze – Visarno Arena (ex Firenze Rocks); 11 e 12 giugno 2022 Roma – Circo Massimo. “Ci speravamo, ma in fondo lo sentivamo… che è ancora presto per un abbraccio collettivo. La pandemia fermerà i miei concerti ma non ferma la mia musica – dice Vasco – e la buona notizia è che il 12.11.2021 uscirà il nuovo album”.
Le nuove date non faranno più parte del calendario dei Festival a cui appartenevano anche se si svolgeranno nelle stesse location. La data di Milano avrà luogo nella nuova area allestita all’Ippodromo Milano Trenno. I biglietti emessi rimarranno validi per le rispettive nuove date. Nel caso della doppia data di Roma i biglietti per la data del 19 giugno 2020 (poi 26 giugno 2021) saranno validi per la data dell’11 giugno 2022, i biglietti per il 20 giugno 2020 (poi 27 giugno 2021) saranno validi per la data del 12 giugno 2022. Coloro che saranno impossibilitati a partecipare alle nuove date, avranno la possibilità di rivendere legalmente il proprio biglietto sulle piattaforme dove è avvenuto l’acquisto o di richiedere il rimborso che avverrà tramite voucher di pari valore a quello indicato sul biglietto precedentemente acquistato e comprensivo, dunque, del diritto di prevendita. Il voucher potrà essere richiesto entro il 13 giugno 2021 e avrà validità 18 mesi dalla sua data di emissione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Francesco Renga, slitta a dicembre il tour teatrale
Definite le nuove date
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
18:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In base alle disposizioni anti pandemia vigenti, slitta a dicembre l”Insieme Tour’ di Francesco Renga.
Queste le nuove date del tour: 1 dicembre Teatro Augusteo Napoli (recupero del 26 maggio); 4 dicembre Europauditorium Bologna (recupero del 17 maggio); 6 dicembre Teatro Verdi Firenze (recupero del 30 maggio); 7 dicembre Teatro Colosseo Torino (recupero del 14 maggio); 10 dicembre Teatro degli Arcimboldi Milano (recupero del 16 maggio); 11 dicembre Teatro Dis_Play Brescia (recupero del 21 maggio); 20 dicembre Teatro Brancaccio Roma (recupero del 28 maggio); 22 dicembre – Teatro Team Bari (recupero del 24 maggio).

I biglietti già acquistati in prevendita rimangono validi per le nuove date corrispondenti. Ulteriori informazioni su: http://www.friendsandpartners.it.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fiorella Mannoia, il tour rinviato a dicembre
“Ce lo aspettavamo. Navighiamo a vista ma bisogna ripartire”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
18:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Alla luce delle norme anti Covid, i concerti del ‘Padroni di niente tour’ di Fiorella Mannoia, inizialmente previsti a maggio nei teatri italiani, sono stati rinviati a dicembre 2021. “Ce lo aspettavamo, purtroppo, ed ora è ufficiale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I concerti nei teatri di maggio sono spostati a dicembre 2021, le disposizioni vigenti non ci consentono di fare altrimenti”, spiega l’artista. “Ma stiamo lavorando per fare dei concerti questa estate, dove e come si potrà e secondo le capienze previste dall’emergenza Covid. Stiamo navigando a vista, in attesa delle indicazioni che arriveranno dalle istituzioni, ma dobbiamo ripartire! Vi tengo informati”.
Queste le nuove date: 8 dicembre 2021 al Teatro Colosseo di Torino (recupero concerto del 13 maggio 2021); 11 dicembre al Pala Bassano 2 di Bassano del Grappa (recupero concerto del 28 maggio); 13 dicembre al Teatro Augusteo di Napoli (recupero concerto del 22 maggio); 16 dicembre al Teatro Creberg di Bergamo (recupero concerto del 26 maggio); 17 dicembre al Teatro Dis_Play di Brescia (recupero concerto del 29 maggio); 18 dicembre al Grana Padano Theatre di Mantova (recupero concerto del 15 maggio); 20 dicembre al Teatro degli Arcimboldi di Milano (recupero concerto del 31 maggio); 22 dicembre all’Europauditorium di Bologna (recupero concerto del 12 maggio); 28 dicembre al Teatro Team di Bari (recupero concerto del 20 maggio); 30 dicembre all’Auditorium Parco della Musica di Roma (recupero concerto del 23 maggio).
Per il recupero del concerto previsto il 18 maggio al Teatro delle Muse di Ancona, la nuova data verrà comunicata entro il 30 aprile. I biglietti già acquistati in prevendita rimangono validi per le nuove date corrispondenti (www.friendsandpartners.it e http://www.ticketone.it).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 13.447 casi e 476 vittime, tasso positività al 4,4%
Quasi 305mila test, in calo terapie intensive e ricoveri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
17:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 13.447 i positivi al test del coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute mentre l’incremento delle vittime in un giorno è di 476, che portano il totale dall’inizio della pandemia a 115.088. Il tasso di positività, con 304.990 test tra tamponi molecolari e antigenici, scende al 4,4%, in calo di 0,7 punti rispetto a ieri quando era stato del 5,1%.

Tornano anche a calare i ricoveri nelle terapie intensive: sono 3.526 i pazienti in rianimazione per Covid, 67 in meno rispetto a ieri nel saldo giornaliero tra entrate e uscite, mentre gli ingressi giornalieri sono stati 242. Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 26.952 persone, in calo di 377 rispetto a ieri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Muccino ‘disconosce’ film con Butler e Biel
Sui social,Quello che so sull’amore girato in un clima orribile
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
17:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Questo “è il mio film che disconosco. Girato in un clima orribile con i produttori, tra scene riscritte da loro la sera prima, un rapporto bellicoso con il protagonista, fu un vero incubo, una mediocrità annunciata e un malanno dell’anima dopo aver toccato il cielo con Will Smith”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo scrive in un post sul suo profilo ufficiale di Instagram Gabriele Muccino, pubblicando il poster di Playing for Keeps (Quello che so sull’Amore), la dramedy del 2012, girata negli Usa, con protagonista Gerald Butler. L’attore nel film è George, ex calciatore professionista che trova più difficoltà del previsto a rilanciarsi come cronista sportivo. Problemi professionali che si aggiungono a quelli personali, con l’ex moglie (Jessica Biel) che sta per risposarsi e con il figlio Lewis al quale George decide di dedicarsi di più diventando allenatore della sua squadra di calcio. Nel cast anche Uma Thurman, Catherine Zeta Jones, Dennis Quaid e Judy Greer. “Ci fu un giorno che decisi di mollare tutto – aggiunge Muccino, rispondendo nel post a Michela Andreozzi, che gli aveva chiesto se potendo tornare indietro, si sarebbe comportato allo stesso modo -. Urlai alla troupe e ai produttori che mi licenziavo e avrebbero dovuto cercarsi un altro regista. Vennero tutti a casa prima che ripartissi giurandomi che le cose sarebbero cambiate. Nulla cambiò, io restai e tutto deragliò inesorabilmente fino alla fine. Mi sono pentito spesso di non averlo fatto”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Il Maialino di Natale’, nuovo romanzo ragazzi della Rowling
Esce 12 ottobre in contemporanea mondiale. In Italia per Salani
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
16:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Arriva il primo nuovo romanzo per ragazzi di J.K.Rowling, dopo la saga di Harry Potter. Si chiama ‘Il Maialino di Natale’ e sarà pubblicato in contemporanea mondiale il 12 ottobre 2021 in UK, Australia, Nuova Zelanda, Irlanda e India dal Gruppo Hachette, in USA e Canada da Scholastic, in Italia da Salani e sarà tradotto in altre venti lingue nel mondo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo annuncia la Adriano Salani (Gruppo editoriale Mauri Spagnol), l’editore italiano dell’autrice della saga di Harry Potter e sarà disponibile in versione cartacea e in ebook.
E’ la storia commovente e appassionante dell’amore di un bambino per il suo giocattolo preferito e di cosa è pronto a fare pur di ritrovarlo. Una storia originale, non collegata alle altre opere di J. K. Rowling, per i bambini dagli 8 anni in su e un racconto incantevole per tutta la famiglia.
Prima de ‘Il Maialino di Natale’ la Rowling era tornata alla pubblicazione per bambini con la fiaba del 2020 ‘L’Ickabog’, serializzata online durante il lockdown per intrattenere i più piccoli e in seguito pubblicata donando tutti i suoi diritti all’organizzazione benefica Volant per aiutare le persone più colpite dalla pandemia di Covid-19.
Nel nuovo romanzo per ragazzi della Rowling troviamo Jack che adora il suo maialino di peluche. È sempre lì per lui, nei giorni belli e in quelli brutti. Finché, una vigilia di Natale, succede una cosa terribile: Jack perde il suo maialino. Ma la vigilia di Natale è il giorno dei miracoli e delle cause perse, è la notte in cui tutto può prendere vita, anche i giocattoli. E il nuovo pupazzo di Jack, il Maialino di Natale (fastidioso sostituto fresco di negozio), ha un piano audace. Insieme faranno un magico viaggio alla ricerca di ciò che si è perso e per salvare il miglior amico che Jack abbia mai avuto.
Il libro sarà disponibile in edizione rilegata, con le illustrazioni dell’artista pluripremiato Jim Field. La copertina sarà svelata nei prossimi mesi.

Cronaca tutte le notizie La cronaca tutti i fatti gli avvenimenti i retroscena i dettagli gli approfondimenti sempre monitorati affidabili ed aggiornati
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 40 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 11:39 DI LUNEDì 12 APRILE 2021

ALLE 12:08 DI MARTEDì 13 APRILE 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Immobile del Vaticano a Londra: mandato di arresto per il broker Torzi
Gip, allarmante facilità attività fraudolenta, necessario il carcere
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
12 aprile 2021
11:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Disposto l’arresto per Gianluigi Torzi, il broker finanziario coinvolto nella compravendita del palazzo al numero 60 di Sloane Avenue a Londra per la quale è sotto inchiesta da parte della giustizia vaticana che gli ha contestato profitti illeciti per 15 milioni. Oltre all’arresto per Torzi, il Gip di Roma ha disposto la misura interdittiva del divieto di esercitare la professione di commercialista per Giacomo Capizzi, Alfredo Camalò e Matteo Del Sette, tutti accusati dalla procura di emissioni di fatture false.
Le indagini dei finanzieri del Nucleo di Polizia economico finanziaria di Roma, scaturite dalla richiesta del Promotore di Giustizia del Vaticano, hanno permesso di ricostruire come parte dei 15 milioni di euro bonificati a due società inglesi di Torzi – per il quale è stato richiesto l’arresto – siano stati utilizzati per acquistare azioni di società quotate in Borsa per un importo di oltre 4,5 milioni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Azioni che gli hanno consentito, dopo pochi mesi, di conseguire guadagnare oltre 750.000 euro. I soldi sarebbero anche stati utilizzati per ripianare il debito di 670.000 euro di altre due aziende allo stesso riferibili. Gli investigatori hanno poi ricostruito un giro di fatture false, non collegato all’operazione di Londra, realizzato da Torzi e Capizzi (accusato anche di autoriciclaggio) con i commercialisti di riferimento del gruppo Camalò e Del Sette per frodare il fisco.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uccide moglie figlio e padroni di casa, 83enne resta grave
Intubato e in prognosi riservata al Giovanni Bosco di Torino
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
12 aprile 2021
12:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono gravi, ma stabili, le condizioni di Renzo Tarabella, 83 anni, il pensionato che sabato sera a Rivarolo Canavese (Torino) ha ucciso la moglie Maria Grazia Valovatto, 79, e il figlio Wilson di 51, disabile psichiatrico. Poi ha ucciso i vicini di casa, proprietari dell’alloggio al quinto piano del condominio ‘Raffaello’, in corso Italia: Osvaldo Dighera, 74 anni, e la moglie Liliana Heidempergher, 70.

All’arrivo dei carabinieri, l’uomo ha rivolto la pistola contro se stesso e si è sparato al volto. Il proiettile, però, non ha leso organi vitali. Soccorso dal personale del 118 è stato trasportato d’urgenza all’ospedale Giovanni Bosco di Torino dove i medici, ieri mattina, lo hanno sottoposto ad un delicato intervento chirurgico durato circa tre ore. Ora è intubato e in prognosi riservata.   PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Traffico rifiuti e inquinamento, sei arresti anche “Re Mida”
Operazione Dda fra Campania e Basilicata, in carcere Cardiello
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
POTENZA
12 aprile 2021
13:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Traffico organizzato di rifiuti e inquinamento ambientale sono le accuse che la Direzione distrettuale antimafia di Potenza ha mosso a sei persone – fra le quali Luigi Cardiello, di 76 anni, soprannominato il “Re Mida” dei rifiuti in inchieste condotte in Campania negli anni fra il ’90 e il 2000 – arrestate oggi dai Carabinieri.
L’operazione è stata chiamata “Shamar”, una parola ebraica che significa “custodire gelosamente, tenere caro, ritenere prezioso”, con riferimento alla necessità di salvaguardare l’ambiente, anche quello della riserva naturale Foce Sele-Tanagro, in Campania.

Cardiello è l’unico per il quale il gip distrettuale di Potenza ha disposto la detenzione in carcere; gli sei arrestati sono ai domiciliari; un’altra persona ha ricevuto l’obbligo di dimora.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Frodi su carburanti: “miniera d’oro” fra Campania e Puglia
De Raho, “evoluzione dei gruppi criminali”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
POTENZA
12 aprile 2021
13:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una “vera e propria miniera di oro nero” sull’asse Campania-Puglia, con “rilevantissimi profitti” per i clan – quello dei casalesi e quello dei tarantini – che hanno raggiunto i 30 milioni all’anno: sono due degli aspetti principali dell’inchiesta su frodi nel commercio dei carburanti delle direzioni distrettuali antimafia di Potenza e Lecce che, stamani, hanno portato in carcere 26 persone, undici ai domiciliari, oltre alla notifica di sei divieti di dimora.
Prima conclusione raggiunta: la criminalità organizzata si finanzia “se non in via esclusiva, in via assolutamente prevalente”, col traffico di droga e il contrabbando, “in proporzioni gigantesche, cui mai si era arrivati nel passato”.

Nel corso della conferenza stampa sull’operazione “La febbre dell’oro nero”, che si è tenuta nel Palazzo di giustizia del capoluogo lucano, il procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero De Raho, in videocollegamento, ha evidenziato che “l’infiltrazione mafiosa nel settore della commercializzazione degli idrocarburi è uno degli aspetti più significativi dell’evoluzione dei gruppi criminali”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: a Bari stop comunioni e cresime fino a ‘zona gialla’
Misure decise da Arcidiocesi a causa dell’aumento dei contagi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
12 aprile 2021
13:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sino a quando la Regione Puglia non sarà dichiarata “zona gialla” non si terranno “le celebrazioni dei sacramenti dell’iniziazione cristiana (prima Confessione, Eucaristia e Confermazione), inevitabile motivo di incontro tra parenti e persone care”. Lo ha deciso l’Arcidiocesi di Bari-Bitonto, “a causa dell’incremento della diffusione del virus” nella regione e in particolare nel territorio barese.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si è inoltre stabilito che “sarà possibile la celebrazione dei matrimoni con tutte le necessarie attenzioni e condizioni sanitarie, prevedendo un attento e scrupoloso monitoraggio degli invitati nel rispetto doveroso del numero contingentato, secondo la disponibilità della chiesa presso la quale le nozze vengono celebrate”.
Con riferimento ai funerali, quelli per Covid saranno “celebrati con il solo rito delle esequie non in chiesa, ma al cimitero, preferibilmente all’aperto, evitando assembramenti”, mentre “la messa potrà essere celebrata in chiesa, concordandola con la famiglia, non prima degli otto giorni dall’evento luttuoso”.
Nel caso, invece, dei “decessi non causati dal Covid, si consiglia di prestare molta attenzione, prevedendo come per i matrimoni, un attento e scrupoloso monitoraggio nell’accoglienza dei fedeli, rispettando doverosamente il numero di presenze consentite per ogni singola chiesa”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Attacco informatico a sistemi Usl Umbria 2
Virus colpisce rete aziendale e parte dei server
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TERNI
12 aprile 2021
14:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Attacco informatico ai sistemi informatici dell’Usl Umbria 2 i cui malfunzionamenti sono stati riscontrati dalla mattina di domenica. In corso accertamenti della polizia postale di Terni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In particolare è stata riscontrata la presenza di virus che hanno colpito, oltre alla rete aziendale, anche parte dei server e dei pc che garantiscono il funzionamento dei servizi digitali. L’analisi – riferisce la stessa azienda sanitaria – ha evidenziato un attacco di tipo ransomware che ha avuto riflessi “significativi” sull’operatività dei servizi sia amministrativi che sanitari.
Regolari comunque le attività legate all’emergenza Covid.
In particolare sono stati colpiti dall’attacco virale i server di infrastruttura, dei laboratori analisi e alcune attività ospedaliere che comunque continuano a garantire, seppur con qualche rallentamento, le prestazioni assistenziali e di cura all’utenza. Ieri sera è stato infatti possibile riattivare un server in grado di assicurare la funzionalità delle attività di laboratorio e dei pronto soccorso che fanno riferimento all’Usl Umbria 2.
Il servizio informatico e telecomunicazioni dell’Azienda sanitaria è al lavoro per il pieno ripristino delle attività.
L’Usl si scusa con gli assistiti per possibili disagi e informa che “tutte le attività di contrasto all’emergenza pandemica (esecuzione tamponi sierologici e campagna vaccinale) vengono regolarmente eseguite dai team sanitari dei distretti e degli ospedali dell’Azienda”.   TECNOLOGIA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Sit in IoApro: lancio petardi e oggetti verso agenti
In piazza anche Casapound, tafferugli in centro a Roma
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
12 aprile 2021
14:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Centro storico di Roma ‘blindato’ per la manifestazione non autorizzata lanciata dal movimento IoApro. Momenti di tensione nelle vie del centro, in particolare a piazza del Popolo, piazza San Silvestro e via del Corso. Cariche delle forze dell’ordine.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un gruppo di manifestanti che avevano bloccato il traffico sul Muro Torto è stato caricato dalle forze dell’ordine a piazzale Flaminio. Altri manifestanti si sono trasferiti su via del Corso in direzione piazza del Popolo per ricongiungersi al primo gruppo.

Tensione a piazza San Silvestro con un lancio di petardi ed oggetti da parte dei manifestanti contro le forze dell’ordine schierate in tenuta antisommossa. Una persona è rimasta ferita. I manifestanti chiedono di andare verso Montecitorio.

“Lamorgese a casa”. È questo il grido dei manifestanti a piazza San Silvestro dopo le tensioni che si sono registrate con la polizia e durante le quali sono stati lanciati petardi, fumogeni e bottiglie di vetro. Mostrando le manette, simbolo degli “arresti domiciliari ai quali siamo costretti da un anno”, i manifestanti rivolti al ministro dell’Interno hanno detto: ‘Noi non siamo criminali ma pacifici. Siamo qui solo per dire che vogliamo lavorare, è un nostro diritto”. Un manifestante è rimasto ferito nel lancio di oggetti contro le forze dell’ordine. Il manifestante, colpito da una bottiglia, ha riportato una lieve ferita alla testa.

Al grido “riaperture subito” alcuni militanti di Casapound hanno raggiunto piazza San Silvestro per la manifestazione non autorizzata di “IoApro”. “La paura di morire non ci sta facendo vivere” recita uno striscione esposto. “Siamo qui a sostegno delle categorie colpite perché lavorare è un diritto” dice un militante.
Diverse pattuglie anche della Polizia Locale sono impegnate nei servizi di viabilità e nelle chiusure nell’area attorno a piazza di Montecitorio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Al grido di ‘libertà’ un gruppo di manifestanti in corteo da via del Corso verso piazza del Popolo. Alcuni sventolano bandiere tricolore. Durante il percorso sono stati rovesciati monopattini e cassonetti. I manifestanti urlano slogan contro il governo.
“Non siamo partite Iva, siamo persone, siamo famiglie – dice un manifestante arrivato da Napoli – non siamo delinquenti, siamo persone che lavoravano 14 ore al giorno”. Mentre un altro aggiunge: “Ci negano anche il diritto di manifestare. E’ stata un’impresa arrivare qui”.

M5s,gravi violenze contro le forze dell’ordine – “Comprendiamo le difficoltà che vivono tanti cittadini a causa delle necessarie restrizioni dovute alla pandemia, ma questo non giustifica che la protesta e il legittimo diritto di critica si tramuti in violenza, che è sempre da condannare. Esprimiamo la nostra solidarietà agli esponenti delle forze dell’ordine che sono stati oggetto di tali intemperanze e aggressioni da parte di alcuni manifestanti”. È quanto affermano in una nota congiunta i capogruppo del MoVimento 5 Stelle al Senato e alla Camera, Ettore Licheri e Davide Crippa. “Abbiamo già sollecitato un nuovo scostamento di bilancio – proseguono gli esponenti pentastellati – e criticato l’apertura di una crisi in piena pandemia, che ha contribuito a far slittare l’arrivo dei nuovi ristori alle categorie più colpite previsti dal Governo Conte”. “Chiediamo all’esecutivo di fare in fretta e di dare un’ulteriore accelerazione all’arrivo di questi aiuti – concludono Licheri e Crippa – perché ristoratori, negozianti e diversi altri comparti stanno soffrendo e non ce la fanno più ad andare avanti”.

Boccia, no a violenze e subito aiuti – “Non è con la violenza che si aiuta chi oggi è in difficoltà: noi vogliamo riaprire presto e in sicurezza e sostenendo concretamente chi ha dovuto chiudere per proteggere la salute di tutti. E proprio oggi il segretario Enrico Letta ha indicato un piano preciso per le riaperture basato sui numeri.Per questo il Pd ha depositato alla Camera venerdì una mozione che impegna il governo su tre cose concrete: 1) farsi carico del debito delle imprese colpite dalla pandemia, 2) estendere la durata dei prestiti concessi con garanzia dallo Stato da 6 anni a 15 anni e 3) prorogare fino al 31 dicembre 2021 la moratoria su mutui, prestiti e rimborsi rateali. Solo così, e accelerando al massimo il piano vaccinale per gli over 60, potremo garantire certezze agli imprenditori per riaprire definitivamente, in sicurezza e in tempi rapidi tutte le attività economiche senza più dover tornare indietro” Così in una nota Francesco Boccia, responsabile Autonomie territoriali ed Enti Locali della segreteria del Pd.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bernini,disperazione non giustifica violenza – “Massima comprensione per i ristoratori che manifestano civilmente per chiedere di poter tornare al più presto al lavoro, e massimo impegno per velocizzare l’arrivo di indennizzi adeguati, ma anche massima fermezza nei confronti delle frange che stanno lanciando bombe carta e oggetti contro le forze di polizia. Nessuna forma di violenza, anche se dettata dalla disperazione, può essere mai tollerata, e su questo non possono esistere ambiguità o distinzioni tra le forze politiche”. Lo dichiara in una nota la presidente dei senatori di Forza Italia Anna Maria Bernini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Alunna bendata durante interrogazione in dad, accertamenti
Direttrice Ufficio scolastico, ‘comportamento discutibile’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VERONA
12 aprile 2021
15:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’Ufficio scolastico regionale del Veneto ha avviato accertamenti nel liceo di Verona dove un’allieva di 15 anni sarebbe stata indotta da una professoressa a bendarsi con una sciarpa mentre era collegata a distanza, per evitare che potesse copiare durante una interrogazione.
La vicenda – di cui riferiscono ‘Il Corriere del Veneto’ e ‘Repubblica’ – era stata denunciata dalla Rete degli studenti per il Veneto.
Individuato l’istituto, la direttrice scolastica Carmela Palumbo ha contattato il dirigente che ha sentito i ragazzi e i docenti, per ricostruire l’accaduto ed eventualmente prendere provvedimenti.
“In questo momento – ha detto Palumbo – non possiamo esprimere giudizi su un episodio che pare un eccesso di zelo che ha portato a un comportamento discutibile, scaturito dalla difficoltà a gestire in dad la situazione delle verifiche”, ha concluso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: su Dad procura Genova apre fascicolo dopo esposto
Abuso d’ufficio. ‘In Liguria misure più severe delle nazionali’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
12 aprile 2021
15:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La procura di Genova ha aperto un fascicolo dopo l’esposto contro l’ordinanza della regione Liguria per la didattica a distanza, presentato dalle associazioni Giuristi democratici e Riapriamo la scuola della Costituzione. L’indagine per abuso d’ufficio, a carico di ignoti, è in mano al sostituto Massimo Terrile e all’aggiunto Vittorio Ranieri Miniati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Secondo le associazioni, assistite dall’avvocato Dario Rossi, “la Regione Liguria ha imposto nel corso della pandemia misure costantemente e drasticamente più restrittive di quelle stabilite dal governo nazionale, chiudendo al 100% le scuole superiori, anche in periodi nei quali lo Stato ne consentiva una frequentazione in presenza fino al 75%. L’unica risposta alla pandemia degli enti locali è stata quella di chiudere le scuole”.
Nel mirino dei genitori e docenti sono finite una serie di ordinanza di ordinanze regionali ma anche la mancata ricerca, da parte degli enti locali, di spazi alternativi per consentire lo svolgimento delle lezioni anche per i ragazzi delle superiori. Decisioni, secondo le associazioni, prese senza avere dati aggiornati o completi sulla diffusione del contagio tra i ragazzi durante la scuola.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Fontana, prosegue campagna per insegnanti prenotati
Moratti, prima somministrazione a pochissime migliaia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
12 aprile 2021
17:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Per quanto riguarda gli insegnanti, dopo il provvedimento del commissario Figliuolo, abbiamo sospeso la somministrazione salvo per coloro che si erano già iscritti e avevano ottenuto un appuntamento. A questi completeremo l’operazione di somministrazione”.
Lo ha detto il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, al termine della sua visita al centro vaccinale della ‘Fabbrica del Vapore’ a Milano. “Per quelli che già si erano prenotati e non erano ancora stati vaccinati, che sono pochissime migliaia, finiremo le somministrazioni al massimo entro venerdì”, ha aggiunto il vicepresidente Letizia Moratti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 4.384 sanzionati nel weekend, 58 locali chiusi
Dati Viminale, quasi 200mila controllati dalle forze di polizia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
12 aprile 2021
17:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono state 192.875 le persone controllate dalle forze di polizia nel fine settimana nell’ambito dei dispositivi anti-Covid: 4.384 sono state sanzionate, 19 delle quali per aver violato la quarantena.
Questi i dati del Viminale.

Gli esercizi commerciali sottoposti a verifica tra sabato e domenica scorsi sono stati 24.586: 126 i titolari sanzionati, 58 le chiusure disposte.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: calo test e positivi, 358 morti. Su terapie intensive
Aumentano anche i ricoveri, diminuiscono invece gli infetti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
12 aprile 2021
18:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 9.789 i positivi al test del coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 15.746.
Sono invece 358 le vittime in un giorno (ieri 331).
Sono 190.635 tamponi molecolari e antigenici effettuati; ieri i test erano stati 253.100. Il tasso di positività è del 5,1%, in calo di 1,1 punti rispetto a ieri quando era stato del 6,2%.
Sono 3.593 i pazienti ricoverati nelle terapie intensive, in aumento di 8 unità rispetto a ieri nel saldo giornaliero tra entrate e uscite, mentre gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono stati 167 (ieri 175). Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 27.329 persone, in aumento di 78 rispetto a ieri.
In totale i casi da inizio epidemia sono 3.779.594, i morti 114.612.
Gli attualmente positivi sono 524.417 (-8.588 rispetto a ieri), mentre i guariti e dimessi dall’inizio della pandemia sono 3.140.565 (+18.010). In isolamento domiciliare ci sono 493.495 persone (-8.674 rispetto a ieri).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Recuperate a Genova opere in marmo rubate in chiesa a Napoli
Individuate dal Nucleo TPC: messe in vendita da nota casa d’asta
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
12 aprile 2021
18:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Erano state messe in vendita da una nota casa d’asta genovese, su incarico di un antiquario della Capitale, le due lesene in marmo policromo del Settecento trafugate nel 1991 dall’altare maggiore della Chiesa partenopea di Santa Maria delle Grazie a Caponapoli. A scoprirlo sono stati i carabinieri del Nucleo per la Tutela del Patrimonio Culturale (TPC) di Napoli che, coordinati dalla Procura di Genova, hanno anche identificato l’antiquario.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Alle 10,30 di domani le opere recuperate dai militari saranno consegnate dal comandante del Nucleo, il maggiore Giampaolo Brasili, nelle mani del direttore dell’Ufficio per i Beni Culturali Ecclesiastici della Diocesi di Napoli Adolfo Russo. Fondamentale, per l’individuazione, è risultata la comparazione delle immagini delle lesene con quelle memorizzate nella “Banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti”, il più grande database di opere d’arte rubate al mondo, gestito dal Comando del Nucleo TPC. Dopo il sequestro, le opere sono state sottoposte a un esame tecnico eseguito da un funzionario della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per il comune di Napoli il quale ha confermato che si trattava proprio delle due lesene rubate.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Audiweb, procede campagna di sottoscrizione
Aggiornamento sulla produzione e pubblicazione dei dati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
12 aprile 2021
19:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il sistema di rilevazione Audiweb  è partito sulla base del processo di adeguamento già annunciato, rispettando la pianificazione predefinita per la produzione dei dati dell’audience online e la distribuzione dei dati di gennaio 2021 agli operatori professionali, avvenuta lo scorso mese di marzo.  Contestualmente all’approvazione del processo di adeguamento della ricerca Audiweb e all’avvio della produzione dei dati all’inizio della seconda metà di febbraio – spiega una nota – è  partita la campagna di sottoscrizione al sistema di rilevazione. La campagna di adesioni da parte dei Publisher e dei Centri Media – cntinua la nota – sta procedendo come da previsioni e, una volta ultimata, consentirà di rappresentare il totale dei consumi dell’Internet in Italia. La consueta pubblicazione sul sito Audiweb dei dati di scenario e del documento di sintesi con i dati dell’audience online nel giorno medio degli operatori aderenti al servizio di rilevazione riprenderà appena sarà conclusa la campagna di sottoscrizione, contestualmente con la pubblicazione dei dati di febbraio 2021, entro il mese di aprile, così da garantire una completa rappresentazione del mercato online.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mascherine fino all’estate nonostante i vaccini
Salverebbero migliaia vite, ‘estimatori’ in Usa e Italia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mascherine fino all’estate nonostante i vaccini
Salverebbero migliaia vite, ‘estimatori’ in Usa e Italia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
12 aprile 2021
20:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nonostante le vaccinazioni in corso l’addio alle mascherine è ancora lontano, e anche chi è immunizzato farà meglio a portarle, almeno fino all’estate. A far scegliere la prudenza, spiegano esperti sia in Usa che in Italia, sono sia le evidenze scientifiche ancora scarse su quanto i vaccini riducano la trasmissione della malattia, oltre che dai danni più gravi dell’infezione da Covid su cui invece le evidenze sono più robuste, sia la percentuale ancora insufficiente, soprattutto da noi, a garantire l’immunità di gregge. Secondo un modello elaborato dall’Institute for Health Metrics and Evaluation della Washington University, riporta il sito della Cnn, solo negli Usa mantenendo le mascherine per tutti si risparmierebbero 14mila morti per la pandemia fino ad agosto.
La necessità è condivisa anche da Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe. “In questo momento la copertura vaccinale degli over 80 è a buon punto, ma non quella degli ultrasettantenni che – sottolinea Cartabellotta su Radio Cusano Campus – è la fascia che rispetto alle ospedalizzazioni paga il prezzo più elevato, mentre quella degli over 80 la paga rispetto ai decessi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Questa attenzione serve a ridurre l’impatto sugli ospedali. Sul virus abbiamo un’enorme quantità di popolazione che difficilmente potrà essere vaccinata entro l’estate, quindi dovremo continuare a tenere le mascherine”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Roma: troppe salme da cremare, ‘privilegiare altre sepolture’
Ama, ‘incremento di personale dedicato per smaltire l’arretrato’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
12 aprile 2021
20:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Troppe salme da cremare e Ama, la municipale che si occupa anche dei servizi cimiteriali a Roma, da domani “e per tutti i giorni strettamente utili” privilegerà “tutte le forme di sepoltura alternativa dandone ampia comunicazione alle agenzie funebri”.
Ama inoltre annuncia che aumenterà il personale dedicato: “il progressivo incremento delle risorse amministrative dedicate, consentirà già da questa settimana un aumento significativo delle lavorazioni pratiche in entrata con le maestranze del comparto comunque al lavoro anche da remoto, restando pienamente operativo il forno crematorio”, spiega l’azienda.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Neve torna a bassa quota in Alto Adige
Sulle Dolomiti caduti 20-40 cm, le temperatura restano basse
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
13 aprile 2021
08:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Alto Adige la neve è tornata anche a bassa quota. I pendii della conca di Bolzano, questa mattina, sono innevati fino a circa 500 metri di quota.
Sulle Dolomiti si registrano tra i 20 e i 40 centimetri di neve fresca.
La giornata inizierà con cielo molto nuvoloso e precipitazioni residue. Con il passare delle ore dalla Val Venosta arriveranno schiarite grazie al foehn. Le temperature massime restano comunque basse, tra 4 gradi a Vipiteno e 13 a Bolzano. Solo venerdì il vento sarà in attenuazione e le temperature in aumento.   METEO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Cantieri autostrade: macchinario rotto, tilt traffico Genova
Il guasto su A10,mancata riapertura tra Genova Aeroporto e Pegli
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
13 aprile 2021
08:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Traffico a ponente di Genova nel caos per la mancata riapertura del tratto tra i caselli di Genova Aeroporto e Genova Pegli, sulla A10 Genova-Ventimiglia, a causa della rottura di un macchinario usato per stendere l’asfalto. I mezzi pesanti sono costretti ad attraversare la città appesantendo il traffico ordinario.
Per mitigare la situazione sono stati chiusi i varchi portuali.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Maltempo: torna la neve in Valtellina
Crollo delle temperature e fitta nevicata a Livigno
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SONDRIO
13 aprile 2021
09:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Crollo della temperatura di parecchi gradi, pioggia battente sul fondovalle e fitte nevicate a Livigno (Sondrio), Madesimo e sulle montagne al di sopra dei 1300-1500 metri. Dopo un anticipo di temperature quasi estive di alcuni giorni fa, oggi in Valtellina e Valchiavenna coda dell’inverno con camini fumanti, stufe accese e caloriferi ancora funzionanti sull’intero territorio provinciale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Contrabbando alcol e traffico droga, 7 arresti e 15 denunce
Nel Foggiano, finanzieri accertano evasione 800mila euro accise
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FOGGIA
13 aprile 2021
09:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Contrabbandavano sigarette e alcol, e trafficavano sostanze stupefacenti, in prevalenza cocaina. E’ quanto accertato dalla Guardia di finanza di Foggia che questa mattina ha arrestato e posto ai domiciliari sette persone che risiedono nei comuni di Manfredonia, San Severo e Torremaggiore nel Foggiano; ma anche a Napoli e a Rovigo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di contrabbando di alcool e tabacchi lavorati esteri, detenzione e commercio di sostanze stupefacenti. Nell’ambito della stessa operazione sono state anche denunciate 15 persone.
Secondo quanto emerso dalle indagini, partite nel 2019, gli indagati contrabbandavano ingenti quantitativi di alcol che poi stoccavano illegalmente in tre opifici (sequestrati dalla Gdf) in cui veniva decolorato, imbottigliato e sigillato con fascette contraffatte dei monopoli di Stato, per poi essere venduto a danno della salute dei consumatori. L’alcol veniva trasportato in cisterne trainate da autoarticolati con targa estera e accompagnato da documentazione che attestava una diversa nomenclatura (antigelo o liquido disinfettante) del prodotto realmente contenuto; la droga veniva nascosta all’interno di ricambi per sanitari; le sigarette, provenienti dalla Campania, venivano trasportate in bagagli di passeggeri che viaggiavano su autobus di linea interregionali, oppure nascoste in auto guidate da incensurati.
I finanzieri hanno accertato che gli indagati hanno sottratto alle casse dello Stato imposte (accise) per 800mila euro. I militari hanno anche sequestrato 81.540 litri di alcool di contrabbando, 660 grammi di cocaina, 95 chili di sigarette; una pistola risultata rubata nel 2018 a una guardia giurata, e 58 carte di credito prepagate di provenienza furtiva.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: morte sospetta, Procura di Cagliari apre inchiesta
Pm dispone autopsia dopo esposto familiari 58enne La Maddalena
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
13 aprile 2021
09:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Potrebbe essere assegnato già oggi l’incarico al medico legale che dovrà effettuare l’autopsia sul corpo di un uomo di La Maddalena, Pierpaolo Impagliazzo, 58 anni, deceduto nei giorni scorsi all’ospedale Brotzu di Cagliari.
Il pubblico ministero Marco Cocco – come riportano oggi i quotidiani La Nuova Sardegna e L’Unione Sarda – ha disposto il sequestro della salma dell’uomo, dipendente civile della Marina militare, che il 25 marzo scorso a La Maddalena era stato vaccinato con AstraZeneca.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura ha aperto un fascicolo con l’ipotesi d’ufficio di omicidio colposo contro ignoti, così da consentire il rapido accrescimento autoptico e risalire alle cause esatte del decesso. Prematuro ipotizzare eventuali correlazioni tra la somministrazione del vaccino e la morte, avvenuta nella notte tra il 10 e l’11 aprile, ma il magistrato potrebbe affidare già oggi l’incarico al medico legale. La risposta del consulente, in ogni caso, potrebbe necessitare del tempo perché saranno disposti anche gli indispensabili esami istologici e anatomopatologici, così da ricostruire nel dettaglio le cause del malore che hanno costretto il paziente al ricovero e alla morte.
A rivolgersi alla Procura per chiedere l’accertamento è stata la famiglia con gli avvocati Alessio Bittu e Roberto Sirena che hanno già annunciato la presenza di un consulente medico di parte.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Esami gratis in ospedale Caserta, 4 condanne e 31 a giudizio
30 mesi a sorella killer NCO, a processo ex presidente Provincia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
13 aprile 2021
10:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’ex presidente della Provincia di Caserta Domenico Zinzi è stato rinviato a giudizio, insieme ad altri trenta imputati, dal gup del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, nell’ambito di un’indagine della Procura relativa alla gestione illecita del Reparto di Patologia Clinica dell’ospedale di Caserta. Zinzi e gli altri imputati rispondono di peculato d’uso, perché secondo l’accusa avrebbero svolto delle analisi al laboratorio clinico dell’ospedale di Caserta senza passare per il Cup (centro unico prenotazione).

Il gup ha anche condannato in sede di abbreviato, ma per reati più relativi a episodi di corruzione, Angelo Costanzo, ex dirigente della Patologia Clinica (4 anni e otto mesi), la dipendente e sua stretta collaboratrice Angela Grillo (quattro anni e due mesi), Vincenza Scotti (due anni e mezzo), titolare del laboratorio Sanatrix di Caivano, moglie di Costanzo e sorella del killer della Nco Pasquale Scotti (arrestato in Brasile ed estradato nel 2016, non indagato per questa vicenda); due anni e mezzo sono stati inflitti a Giovanni Baglivi, rappresentante farmaceutico di Santa Maria a Vico, mentre sono stati assolti Giuseppe Canzano e Maddalena Schioppa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Veneto, 6,8% popolazione ha effettuato il richiamo
Circa 1,2 mln somministrazioni, 84,8% over 80 almeno una dose
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
13 aprile 2021
10:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 331.539, pari al 6,8% della popolazione, i cicli vaccinali completati in Veneto, su 1.194.426 di dosi somministrate in totale, pari al 94,4% delle forniture giunte in regione. Il dato emerge dal bollettino vaccinale aggiornato alla mezzanotte.

Ad aver ricevuto le prime dosi sono stati 862.887 cittadini, pari al 17,7% della popolazione. La popolazione over 80 coperta con almeno una dose di vaccino è pari all’84,8%. Ieri sono state effettuate 16.049 iniezioni, di cui 7.671 prime dosi e 8.378 richiami. La media settimanale delle vaccinazioni ogni 10 mila abitanti è di 54,7.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Caporalato nel Cagliaritano, denunciato un agricoltore
Sfruttava 2 lavoratori in nero, dormivano in casolari fatiscenti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
13 aprile 2021
10:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Faceva vivere due servi pastori in casolari diroccati, a volte senza servizi igienici, che non aveva regolarmente assunto e li pagava pochissimo. E’ quanto hanno scoperto i carabinieri del Nucleo ispettorato del lavoro durante una verifica a carico di un 72enne imprenditore agricolo di San Sperate, nel sud Sardegna.

L’uomo è stato denunciato per caporalato, secondo quanto previsto dall’articolo 603 bis del codice penale: “intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro”.
Vittime un 64enne di Siurgus Donigala e un 66enne di Dolianova.
Secondo quanto accertato dai militari, i due lavoravano in nero come servi pastori vivendo i due edifici fatiscenti di cui solo uno dotato di bagno. I due lavoravano tutto il giorno e ricevevano una paga minima. I carabinieri hanno anche identificato un 71enne di Mandas, proprietario insieme all’imprenditore agricolo di un gregge di capre, che per accudire il bestiame dormiva all’interno del locale “mungitrice”.
All’imprenditore sono state contestate sanzioni per 21.600 euro per aver impiegato in nero i due lavoratori. La situazione del 71enne, invece, è stata segnalata ai servizi sociali.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: bloccato maxi raduno di negazionisti nel sud Sardegna
Identificate 5 persone, anche consigliera comunale di Villasor
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VILLASOR
13 aprile 2021
10:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un raduno di negazionisti del Covid è stato bloccato dai carabinieri domenica scorsa a Villasor, nel sud Sardegna.
Circa 200 persone – come riporta il quotidiano L’Unione Sarda – si sono radunate in un capannone situato lungo la statale 196, un maxi assembramento in piena zona arancione (da lunedì la Sardegna è passata in zona rossa, ndr), che non è passato inosservato.

Sul posto è arrivata una pattuglia dei carabinieri che ha identificato gli organizzatori. Tra questi anche una consigliera di minoranza del Comune di Villasor e il marito, proprietario del capannone. Sentiti dai militari gli organizzatori avrebbero dichiarato di far parte dell’organizzazione “Executive order of application – declaration & order” che nega la pandemia da covid-19.
Identificati anche altri presunti organizzatori che, nonostante le limitazioni previste dalla zona arancione con divieto di spostamento in altri Comuni, arrivavano da Quartucciu, Bari Sardo e Quartu Sant’Elena. Al momento del blitz nessuno è stato multato, ma nei confronti almeno degli organizzatori potrebbe presto scattare la sanzione per violazione delle norme anti-Covid.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Maltempo: a Trieste raffiche di bora sfiorano i 100 km orari
Allerta meteo ‘gialla’ in Fvg, chiusi guadi su fiume Meduna
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
13 aprile 2021
10:46
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Raffiche di Bora fino a quasi 100 km orari sono state registrate questa mattina a Trieste. Alle 7, secondo le rilevazioni dell’Osmer Arpa del Friuli Venezia Giulia, la velocità massima del vento ha raggiunto i 98 km orari.
Secondo le previsioni meteo, già nel pomeriggio il vento tenderà ad attenuarsi.
In Friuli Venezia Giulia è in corso da ieri un’allerta meteo di color ‘giallo’ per rischio idrogeologico con piogge intense.
Nella notte, informa la Protezione civile attraverso i canali social, sono stati chiusi i guadi sul fiume Meduna a Murlis e Rauscedo nel pordenonese.
Nell’area di Trieste, a Muggia, è invece in corso un intervento di recupero da parte dei Vigili del Fuoco per il recupero e la messa in sicurezza di un’imbarcazione alla deriva.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incastrò collega con droga, arrestato comandante vigili
E’ il responsabile Comando polizia locale Trezzano sul Naviglio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
13 aprile 2021
10:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo aver vinto il concorso di ufficiale al Comando di Polizia locale del Comune di Corbetta (Milano) non aveva superato il periodo di prova anche per il parere negativo del comandante Lia Vismara ed era tornato a fare l’agente nella polizia di Milano. Per vendetta quindi avrebbe fatto mettere a gennaio, tramite un complice, nell’auto del comandante dei vigili di Corbetta, alcune dosi di cocaina.
Per questo motivo è stato arrestato oggi all’alba dalla polizia di Stato, Salvatore Furci, ora comandante della Polizia Locale di Trezzano sul Naviglio (Milano).
Con lui in manette è finito un albanese, Mariglen Memushim, ritenuto l’uomo che ha messo la droga nella macchina e che aveva fatto la soffiata via telefono ai carabinieri. Le accuse per tutti e due sono di calunnia aggravata e detenzione di stupefacenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Maltrattamenti a disabili in comunità, 7 misure cautelari
Accusati di violenze e vessazioni che andavano avanti da 4 anni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
13 aprile 2021
11:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sette persone sono state sottoposte a misura cautelare con l’accusa di maltrattamenti e violenze ai danni di nove disabili psichici gravi all’interno di una comunità di accoglienza nel milanese dal 2017 ad oggi, emessa dal gip di Milano al termine di un’indagine dei Carabinieri del Comando provinciale di Varese.
Si tratta dei due titolari della comunità, ai domiciliari, e di cinque operatori dipendenti, due sottoposti ad obbligo di dimora nel comune di residenza e tre alla sospensione dell’attività per sei mesi.

Secondo quanto emerso dalle indagini del pm Rosaria Stagnaro, gli ospiti del centro sarebbero stati sottoposti a punizioni corporali e vessazioni costanti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Chat Palamara:Commissione Csm,si archivi per Greco e De Raho
Raggiunta l’ unanimità
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
11:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Archiviare i fascicoli sul procuratore di Milano Francesco Greco, sul procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo Federico Cafiero De Raho e su altri tre magistrati, aperti dopo l’invio al Csm da parte della procura di Perugia delle chat contenute nel cellulare dell’ex presidente dell’Anm Luca Palamara. E’ la richiesta formulata dalla Prima Commissione e su cui domani dovrà esprimersi il plenum del Consiglio superiore della magistratura.
Su Greco, Cafiero De Raho e sulla presidente del tribunale di Palmi Concettina Epifanio, la Commissione si è espressa all’unanimità.
Sono state invece approvate a maggioranze le proposte di archiviazione per due ex consiglieri del Csm Valerio Fracassi e Nicola Clivio ,entrambi eletti con Area, il gruppo dei magistrati progressisti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Alessandra Galloni, una donna alla guida della Reuters
E’ la prima volta in 170 anni di storia dell’agenzia britannica
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
10:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da oggi sarà una donna a guidare l’agenzia britannica Reuters: Alessandra Galloni. E’ la prima volta in 170 anni di storia della prestigiosa testata giornalistica.

Galloni, 47 anni, nata a Roma, sostituirà Stephen J. Adler, che andrà in pensione questo mese dopo aver guidato la redazione negli ultimi dieci anni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le Fate Ignoranti, svelato il cast della serie Disney+
Argentero, Capotondi, Scarpetta, Yilmaz, Angiolini
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
12 aprile 2021
18:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Luca Argentero, Cristiana Capotondi, Eduardo Scarpetta, Serra Yilmaz e Ambra Angiolini guidano il cast della serie tv Le Fate Ignoranti, rilettura contemporanea del film di Ferzan Ozpetek. E’ stato annunciato oggi l’intero cast della serie originale Star del cineasta, romantic drama tratto dall’omonimo film campione d’incassi e fenomeno culturale, che sarà disponibile prossimamente su Star all’interno di Disney+.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La serie (titolo internazionale The Ignorant Angels), composta da 8 episodi, è scritta da Ferzan Ozpetek, Gianni Romoli, Carlotta Corradi e Massimo Bacchini e prodotta da R&C Produzioni. Quattro degli 8 episodi saranno diretti da Gianluca Mazzella, collaboratore di Ozpetek da oltre venti anni. Dopo l’anticipazione sul cast della serie basata su Le Fate ignoranti data da Ferzan Özpetek che qualche giorno fa ha pubblicato una foto con Luca Argentero e Serra Yilmaz, Disney+ ha svelato oggi gli attori protagonisti del drama, uno dei primi originali Star italiani, che arriverà prossimamente in streaming sul nuovo brand di intrattenimento di Disney+.
Oltre ai già citati ci sono Carla Signoris, Deniz Burak, Paola Minaccioni, Anna Ferzetti, Edoardo Purgatori, Filippo Scicchitano e ancora Lilith Primavera, Edoardo Siravo, Samuel Garofalo, Maria Teresa Baluyot, Patrizia Loreti, Giulia Greco e Mimma Lovoi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Anna, Ammaniti è la speranza come motore del mondo
Dal 23 aprile su Sky da romanzo del regista e scrittore Ammaniti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
12 aprile 2021
20:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ci tengo a dire che il libro era nato da un’idea distante e ben precisa: come sarebbe un mondo di bambini senza adulti, se la caverebbero? E’ vero, ci sono delle coincidenze: Anna è ambientata nel 2020, ma non ha attinenza con il Covid. Il fulcro propulsivo sta nella tenacia, nella speranza, nella voglia di farcela, che muove tutto”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cosìm lo scrittore, regista e scenggiatore,  Niccolò Ammaniti spiega come è nata l’idea dell’attesissima serie tv Anna (i sei episodi saranno disponibili su Sky Atlantic e su Now dal 23 aprile) tratta dal suo romanzo omonimo del 2015 edito da Einaudi, una serie Sky Original prodotta da Wildside, società del gruppo Fremantle, in coproduzione con ARTE France, The New Life Company e Kwaï. Il punto di partenza è un’epidemia, ‘la Rossa’ (“ma è su base dermatologica, che ho immaginato basandomi sui miei studi di biologia”, dice l’autore e regista), che colpisce tutti gli adulti del mondo, uccidendoli. Solo i bambini fino all’età della pubertà sembrano esserne risparmiati. In realtà, ciò su cui Ammaniti punta soprattutto è il rapporto dei piccoli verso il mondo ‘grande’ e la loro capacità di resilienza. Il mondo dei bambini selvaggi, quello risultato dalle conseguenze de “La Rossa”, contempla anche Anna – l’esordiente Giulia Dragotto (14 anni scelta fra oltre duemila candidate)) – che vive nel Podere del Gelso, in Sicilia, con il fratellino, Astor (Alessandro Pecorella 9 anni, anche lui alla sua prima apparizione in tv), che la quattordicenne cura seguendo tutte le istruzioni che la madre (Elena Lietti) le ha lasciato nel Libro delle Cose Importanti, quando il piccolo viene rapito.
Parte così il viaggio avventura di Anna alla ricerca del piccolo, un percorso di vita: così l’impatto con i Blu, comunità alla cui testa c’è Angelica (Clara Tramontano), perfida regina che trattiene Astor e La Picciridduna-Katia (Roberta Mattei), un adulto ermafrodita sopravvissuto alla tabula rasa “dei grandi”, che parrebbe possedere il potere di salvare dal virus.
“Dopo aver chiuso il romanzo ho passato anni pensando a questa storia – sottolinea Ammaniti – alla vicenda di questa ragazzina in questo mondo in cui diventa madre senza esserlo, superando i limiti di un luogo senza senso. Poi ne ho parlato a Mario Gianani, che aveva i diritti del libro, e siamo arrivati a parlare di una serie corale: oltre alla sola Anna ho approfondito altri personaggi che erano solo accennati. Nella serie “si eplorano più a fondo alcuni aspetti che nel libro sono solo accennati. C’era ancora molto da dire – aggiunge – nuove avventure da mettere in scena”.. Per la serie, mi ha ispirato il dipinto I giochi dei fanciulli di Bruegel: una piazza piena di bambini è stata la prima impressione visiva di quello che dovevo fare; poi, altra ispirazione è stata il film Apocalypto, che mi aveva colpito per trucco e costumi”. Ammaniti ammette: “La regia ha un forte fascino, ci penso, mi piace molto la costruzione visiva, prima ero più solitario”.
La serie è prodotta da Mario Gianani e Lorenzo Mieli con Lorenzo Gangarossa per Wildside, società del gruppo Fremantle, in coproduzione con ARTE France, The New Life Company e Kwaï.
Fremantle è il distributore internazionale. Il caso ha voluto che le riprese della serie, di cui Ammaniti è regista e co-sceneggiatore con Francesca Manieri, iniziassero pochi mesi che il Covid-19 arrivasse in Italia (“Eravamo sul set, e intanto questo virus vero dalla Cina era arrivato a Bergamo”).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Interrotta per il lockdown, la lavorazione di Anna è poi ripartita in piena emergenza. Ma com’è un mondo in mano ai più piccoli? Spiega Ammaniti: “Un mondo di bambini nel quale nulla gli viene insegnato è feroce”.”Se c’è un morale in Anna è quanto conta il passato, non c’è futuro senza memoria, Anna, contrariamente ai suoi coetanei, lo conosce grazie al quaderno della madre che le dice di continuare a ricordare.”. Per Elena Lietti, “l’eredità è nelle azioni di questa mamma, una donna indipendente, vediamo in lei in nuce la libertà di pensiero e azione che sarà poi di Anna. Il Libro è un gesto eroico, perché intuisce quello che arriverà, che contiene indicazioni molto pratiche, però anche indicazioni rispetto alla memoria, così questa mamma diventa il motore”. Giulia Dragotto si definisce “completamente diversa da Anna”, ma dopo aver “convissuto” con lei per mesi e mesi non può non stimarla”. Resti di una Sicilia post apocalittica, riconquistata dalla natura e senza più adulti, fanno da sfondo al viaggio verso un nuovo mondo al centro di Anna che è il secondo progetto per la tv dello scrittore Premio Strega. Le musiche sono il synth-pop degli Alphaville, il rock psichedelico dei Mercury Rev, ma anche quella italiana più iconica con Loredana Bertè, Mia Martini, Ornella Vanoni.Nicola Maccanico (Executive Vice President Programming Sky Italia) è molto orgoglioso del risultato: “Con la pandemia l’assonanza è totalmente involontaria e casuale, perché Anna non parla di attualità, la vera chiave di lettura della serie è questa”.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Cantieri autostrade: macchinario rotto, tilt traffico Genova
Il guasto su A10,mancata riapertura tra Genova Aeroporto e Pegli
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
13 aprile 2021
08:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Traffico a ponente di Genova nel caos per la mancata riapertura del tratto tra i caselli di Genova Aeroporto e Genova Pegli, sulla A10 Genova-Ventimiglia, a causa della rottura di un macchinario usato per stendere l’asfalto. I mezzi pesanti sono costretti ad attraversare la città appesantendo il traffico ordinario.
Per mitigare la situazione sono stati chiusi i varchi portuali.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Maltempo: torna la neve in Valtellina
Crollo delle temperature e fitta nevicata a Livigno
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SONDRIO
13 aprile 2021
09:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Crollo della temperatura di parecchi gradi, pioggia battente sul fondovalle e fitte nevicate a Livigno (Sondrio), Madesimo e sulle montagne al di sopra dei 1300-1500 metri. Dopo un anticipo di temperature quasi estive di alcuni giorni fa, oggi in Valtellina e Valchiavenna coda dell’inverno con camini fumanti, stufe accese e caloriferi ancora funzionanti sull’intero territorio provinciale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Contrabbando alcol e traffico droga, 7 arresti e 15 denunce
Nel Foggiano, finanzieri accertano evasione 800mila euro accise
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FOGGIA
13 aprile 2021
09:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Contrabbandavano sigarette e alcol, e trafficavano sostanze stupefacenti, in prevalenza cocaina. E’ quanto accertato dalla Guardia di finanza di Foggia che questa mattina ha arrestato e posto ai domiciliari sette persone che risiedono nei comuni di Manfredonia, San Severo e Torremaggiore nel Foggiano; ma anche a Napoli e a Rovigo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di contrabbando di alcool e tabacchi lavorati esteri, detenzione e commercio di sostanze stupefacenti. Nell’ambito della stessa operazione sono state anche denunciate 15 persone.
Secondo quanto emerso dalle indagini, partite nel 2019, gli indagati contrabbandavano ingenti quantitativi di alcol che poi stoccavano illegalmente in tre opifici (sequestrati dalla Gdf) in cui veniva decolorato, imbottigliato e sigillato con fascette contraffatte dei monopoli di Stato, per poi essere venduto a danno della salute dei consumatori. L’alcol veniva trasportato in cisterne trainate da autoarticolati con targa estera e accompagnato da documentazione che attestava una diversa nomenclatura (antigelo o liquido disinfettante) del prodotto realmente contenuto; la droga veniva nascosta all’interno di ricambi per sanitari; le sigarette, provenienti dalla Campania, venivano trasportate in bagagli di passeggeri che viaggiavano su autobus di linea interregionali, oppure nascoste in auto guidate da incensurati.
I finanzieri hanno accertato che gli indagati hanno sottratto alle casse dello Stato imposte (accise) per 800mila euro. I militari hanno anche sequestrato 81.540 litri di alcool di contrabbando, 660 grammi di cocaina, 95 chili di sigarette; una pistola risultata rubata nel 2018 a una guardia giurata, e 58 carte di credito prepagate di provenienza furtiva.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: morte sospetta, Procura di Cagliari apre inchiesta
Pm dispone autopsia dopo esposto familiari 58enne La Maddalena
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
13 aprile 2021
09:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Potrebbe essere assegnato già oggi l’incarico al medico legale che dovrà effettuare l’autopsia sul corpo di un uomo di La Maddalena, Pierpaolo Impagliazzo, 58 anni, deceduto nei giorni scorsi all’ospedale Brotzu di Cagliari.
Il pubblico ministero Marco Cocco – come riportano oggi i quotidiani La Nuova Sardegna e L’Unione Sarda – ha disposto il sequestro della salma dell’uomo, dipendente civile della Marina militare, che il 25 marzo scorso a La Maddalena era stato vaccinato con AstraZeneca.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura ha aperto un fascicolo con l’ipotesi d’ufficio di omicidio colposo contro ignoti, così da consentire il rapido accrescimento autoptico e risalire alle cause esatte del decesso. Prematuro ipotizzare eventuali correlazioni tra la somministrazione del vaccino e la morte, avvenuta nella notte tra il 10 e l’11 aprile, ma il magistrato potrebbe affidare già oggi l’incarico al medico legale. La risposta del consulente, in ogni caso, potrebbe necessitare del tempo perché saranno disposti anche gli indispensabili esami istologici e anatomopatologici, così da ricostruire nel dettaglio le cause del malore che hanno costretto il paziente al ricovero e alla morte.
A rivolgersi alla Procura per chiedere l’accertamento è stata la famiglia con gli avvocati Alessio Bittu e Roberto Sirena che hanno già annunciato la presenza di un consulente medico di parte.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Esami gratis in ospedale Caserta, 4 condanne e 31 a giudizio
30 mesi a sorella killer NCO, a processo ex presidente Provincia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
13 aprile 2021
10:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’ex presidente della Provincia di Caserta Domenico Zinzi è stato rinviato a giudizio, insieme ad altri trenta imputati, dal gup del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, nell’ambito di un’indagine della Procura relativa alla gestione illecita del Reparto di Patologia Clinica dell’ospedale di Caserta. Zinzi e gli altri imputati rispondono di peculato d’uso, perché secondo l’accusa avrebbero svolto delle analisi al laboratorio clinico dell’ospedale di Caserta senza passare per il Cup (centro unico prenotazione).

Il gup ha anche condannato in sede di abbreviato, ma per reati più relativi a episodi di corruzione, Angelo Costanzo, ex dirigente della Patologia Clinica (4 anni e otto mesi), la dipendente e sua stretta collaboratrice Angela Grillo (quattro anni e due mesi), Vincenza Scotti (due anni e mezzo), titolare del laboratorio Sanatrix di Caivano, moglie di Costanzo e sorella del killer della Nco Pasquale Scotti (arrestato in Brasile ed estradato nel 2016, non indagato per questa vicenda); due anni e mezzo sono stati inflitti a Giovanni Baglivi, rappresentante farmaceutico di Santa Maria a Vico, mentre sono stati assolti Giuseppe Canzano e Maddalena Schioppa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Veneto, 6,8% popolazione ha effettuato il richiamo
Circa 1,2 mln somministrazioni, 84,8% over 80 almeno una dose
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
13 aprile 2021
10:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 331.539, pari al 6,8% della popolazione, i cicli vaccinali completati in Veneto, su 1.194.426 di dosi somministrate in totale, pari al 94,4% delle forniture giunte in regione. Il dato emerge dal bollettino vaccinale aggiornato alla mezzanotte.

Ad aver ricevuto le prime dosi sono stati 862.887 cittadini, pari al 17,7% della popolazione. La popolazione over 80 coperta con almeno una dose di vaccino è pari all’84,8%. Ieri sono state effettuate 16.049 iniezioni, di cui 7.671 prime dosi e 8.378 richiami. La media settimanale delle vaccinazioni ogni 10 mila abitanti è di 54,7.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Caporalato nel Cagliaritano, denunciato un agricoltore
Sfruttava 2 lavoratori in nero, dormivano in casolari fatiscenti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
13 aprile 2021
10:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Faceva vivere due servi pastori in casolari diroccati, a volte senza servizi igienici, che non aveva regolarmente assunto e li pagava pochissimo. E’ quanto hanno scoperto i carabinieri del Nucleo ispettorato del lavoro durante una verifica a carico di un 72enne imprenditore agricolo di San Sperate, nel sud Sardegna.

L’uomo è stato denunciato per caporalato, secondo quanto previsto dall’articolo 603 bis del codice penale: “intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro”.
Vittime un 64enne di Siurgus Donigala e un 66enne di Dolianova.
Secondo quanto accertato dai militari, i due lavoravano in nero come servi pastori vivendo i due edifici fatiscenti di cui solo uno dotato di bagno. I due lavoravano tutto il giorno e ricevevano una paga minima. I carabinieri hanno anche identificato un 71enne di Mandas, proprietario insieme all’imprenditore agricolo di un gregge di capre, che per accudire il bestiame dormiva all’interno del locale “mungitrice”.
All’imprenditore sono state contestate sanzioni per 21.600 euro per aver impiegato in nero i due lavoratori. La situazione del 71enne, invece, è stata segnalata ai servizi sociali.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: bloccato maxi raduno di negazionisti nel sud Sardegna
Identificate 5 persone, anche consigliera comunale di Villasor
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VILLASOR
13 aprile 2021
10:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un raduno di negazionisti del Covid è stato bloccato dai carabinieri domenica scorsa a Villasor, nel sud Sardegna.
Circa 200 persone – come riporta il quotidiano L’Unione Sarda – si sono radunate in un capannone situato lungo la statale 196, un maxi assembramento in piena zona arancione (da lunedì la Sardegna è passata in zona rossa, ndr), che non è passato inosservato.

Sul posto è arrivata una pattuglia dei carabinieri che ha identificato gli organizzatori. Tra questi anche una consigliera di minoranza del Comune di Villasor e il marito, proprietario del capannone. Sentiti dai militari gli organizzatori avrebbero dichiarato di far parte dell’organizzazione “Executive order of application – declaration & order” che nega la pandemia da covid-19.
Identificati anche altri presunti organizzatori che, nonostante le limitazioni previste dalla zona arancione con divieto di spostamento in altri Comuni, arrivavano da Quartucciu, Bari Sardo e Quartu Sant’Elena. Al momento del blitz nessuno è stato multato, ma nei confronti almeno degli organizzatori potrebbe presto scattare la sanzione per violazione delle norme anti-Covid.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Maltempo: a Trieste raffiche di bora sfiorano i 100 km orari
Allerta meteo ‘gialla’ in Fvg, chiusi guadi su fiume Meduna
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
13 aprile 2021
10:46
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Raffiche di Bora fino a quasi 100 km orari sono state registrate questa mattina a Trieste. Alle 7, secondo le rilevazioni dell’Osmer Arpa del Friuli Venezia Giulia, la velocità massima del vento ha raggiunto i 98 km orari.
Secondo le previsioni meteo, già nel pomeriggio il vento tenderà ad attenuarsi.
In Friuli Venezia Giulia è in corso da ieri un’allerta meteo di color ‘giallo’ per rischio idrogeologico con piogge intense.
Nella notte, informa la Protezione civile attraverso i canali social, sono stati chiusi i guadi sul fiume Meduna a Murlis e Rauscedo nel pordenonese.
Nell’area di Trieste, a Muggia, è invece in corso un intervento di recupero da parte dei Vigili del Fuoco per il recupero e la messa in sicurezza di un’imbarcazione alla deriva.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incastrò collega con droga, arrestato comandante vigili
E’ il responsabile Comando polizia locale Trezzano sul Naviglio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
13 aprile 2021
10:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo aver vinto il concorso di ufficiale al Comando di Polizia locale del Comune di Corbetta (Milano) non aveva superato il periodo di prova anche per il parere negativo del comandante Lia Vismara ed era tornato a fare l’agente nella polizia di Milano. Per vendetta quindi avrebbe fatto mettere a gennaio, tramite un complice, nell’auto del comandante dei vigili di Corbetta, alcune dosi di cocaina.
Per questo motivo è stato arrestato oggi all’alba dalla polizia di Stato, Salvatore Furci, ora comandante della Polizia Locale di Trezzano sul Naviglio (Milano).
Con lui in manette è finito un albanese, Mariglen Memushim, ritenuto l’uomo che ha messo la droga nella macchina e che aveva fatto la soffiata via telefono ai carabinieri. Le accuse per tutti e due sono di calunnia aggravata e detenzione di stupefacenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Maltrattamenti a disabili in comunità, 7 misure cautelari
Accusati di violenze e vessazioni che andavano avanti da 4 anni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
13 aprile 2021
11:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sette persone sono state sottoposte a misura cautelare con l’accusa di maltrattamenti e violenze ai danni di nove disabili psichici gravi all’interno di una comunità di accoglienza nel milanese dal 2017 ad oggi, emessa dal gip di Milano al termine di un’indagine dei Carabinieri del Comando provinciale di Varese.
Si tratta dei due titolari della comunità, ai domiciliari, e di cinque operatori dipendenti, due sottoposti ad obbligo di dimora nel comune di residenza e tre alla sospensione dell’attività per sei mesi.

Secondo quanto emerso dalle indagini del pm Rosaria Stagnaro, gli ospiti del centro sarebbero stati sottoposti a punizioni corporali e vessazioni costanti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Chat Palamara:Commissione Csm,si archivi per Greco e De Raho
Raggiunta l’ unanimità
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
11:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Archiviare i fascicoli sul procuratore di Milano Francesco Greco, sul procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo Federico Cafiero De Raho e su altri tre magistrati, aperti dopo l’invio al Csm da parte della procura di Perugia delle chat contenute nel cellulare dell’ex presidente dell’Anm Luca Palamara. E’ la richiesta formulata dalla Prima Commissione e su cui domani dovrà esprimersi il plenum del Consiglio superiore della magistratura.
Su Greco, Cafiero De Raho e sulla presidente del tribunale di Palmi Concettina Epifanio, la Commissione si è espressa all’unanimità.
Sono state invece approvate a maggioranze le proposte di archiviazione per due ex consiglieri del Csm Valerio Fracassi e Nicola Clivio ,entrambi eletti con Area, il gruppo dei magistrati progressisti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Alessandra Galloni, una donna alla guida della Reuters
E’ la prima volta in 170 anni di storia dell’agenzia britannica
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
10:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da oggi sarà una donna a guidare l’agenzia britannica Reuters: Alessandra Galloni. E’ la prima volta in 170 anni di storia della prestigiosa testata giornalistica.

Galloni, 47 anni, nata a Roma, sostituirà Stephen J. Adler, che andrà in pensione questo mese dopo aver guidato la redazione negli ultimi dieci anni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le Fate Ignoranti, svelato il cast della serie Disney+
Argentero, Capotondi, Scarpetta, Yilmaz, Angiolini
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
12 aprile 2021
18:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Luca Argentero, Cristiana Capotondi, Eduardo Scarpetta, Serra Yilmaz e Ambra Angiolini guidano il cast della serie tv Le Fate Ignoranti, rilettura contemporanea del film di Ferzan Ozpetek. E’ stato annunciato oggi l’intero cast della serie originale Star del cineasta, romantic drama tratto dall’omonimo film campione d’incassi e fenomeno culturale, che sarà disponibile prossimamente su Star all’interno di Disney+.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La serie (titolo internazionale The Ignorant Angels), composta da 8 episodi, è scritta da Ferzan Ozpetek, Gianni Romoli, Carlotta Corradi e Massimo Bacchini e prodotta da R&C Produzioni. Quattro degli 8 episodi saranno diretti da Gianluca Mazzella, collaboratore di Ozpetek da oltre venti anni. Dopo l’anticipazione sul cast della serie basata su Le Fate ignoranti data da Ferzan Özpetek che qualche giorno fa ha pubblicato una foto con Luca Argentero e Serra Yilmaz, Disney+ ha svelato oggi gli attori protagonisti del drama, uno dei primi originali Star italiani, che arriverà prossimamente in streaming sul nuovo brand di intrattenimento di Disney+.
Oltre ai già citati ci sono Carla Signoris, Deniz Burak, Paola Minaccioni, Anna Ferzetti, Edoardo Purgatori, Filippo Scicchitano e ancora Lilith Primavera, Edoardo Siravo, Samuel Garofalo, Maria Teresa Baluyot, Patrizia Loreti, Giulia Greco e Mimma Lovoi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Anna, Ammaniti è la speranza come motore del mondo
Dal 23 aprile su Sky da romanzo del regista e scrittore Ammaniti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
12 aprile 2021
20:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ci tengo a dire che il libro era nato da un’idea distante e ben precisa: come sarebbe un mondo di bambini senza adulti, se la caverebbero? E’ vero, ci sono delle coincidenze: Anna è ambientata nel 2020, ma non ha attinenza con il Covid. Il fulcro propulsivo sta nella tenacia, nella speranza, nella voglia di farcela, che muove tutto”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cosìm lo scrittore, regista e scenggiatore,  Niccolò Ammaniti spiega come è nata l’idea dell’attesissima serie tv Anna (i sei episodi saranno disponibili su Sky Atlantic e su Now dal 23 aprile) tratta dal suo romanzo omonimo del 2015 edito da Einaudi, una serie Sky Original prodotta da Wildside, società del gruppo Fremantle, in coproduzione con ARTE France, The New Life Company e Kwaï. Il punto di partenza è un’epidemia, ‘la Rossa’ (“ma è su base dermatologica, che ho immaginato basandomi sui miei studi di biologia”, dice l’autore e regista), che colpisce tutti gli adulti del mondo, uccidendoli. Solo i bambini fino all’età della pubertà sembrano esserne risparmiati. In realtà, ciò su cui Ammaniti punta soprattutto è il rapporto dei piccoli verso il mondo ‘grande’ e la loro capacità di resilienza. Il mondo dei bambini selvaggi, quello risultato dalle conseguenze de “La Rossa”, contempla anche Anna – l’esordiente Giulia Dragotto (14 anni scelta fra oltre duemila candidate)) – che vive nel Podere del Gelso, in Sicilia, con il fratellino, Astor (Alessandro Pecorella 9 anni, anche lui alla sua prima apparizione in tv), che la quattordicenne cura seguendo tutte le istruzioni che la madre (Elena Lietti) le ha lasciato nel Libro delle Cose Importanti, quando il piccolo viene rapito.
Parte così il viaggio avventura di Anna alla ricerca del piccolo, un percorso di vita: così l’impatto con i Blu, comunità alla cui testa c’è Angelica (Clara Tramontano), perfida regina che trattiene Astor e La Picciridduna-Katia (Roberta Mattei), un adulto ermafrodita sopravvissuto alla tabula rasa “dei grandi”, che parrebbe possedere il potere di salvare dal virus.
“Dopo aver chiuso il romanzo ho passato anni pensando a questa storia – sottolinea Ammaniti – alla vicenda di questa ragazzina in questo mondo in cui diventa madre senza esserlo, superando i limiti di un luogo senza senso. Poi ne ho parlato a Mario Gianani, che aveva i diritti del libro, e siamo arrivati a parlare di una serie corale: oltre alla sola Anna ho approfondito altri personaggi che erano solo accennati. Nella serie “si eplorano più a fondo alcuni aspetti che nel libro sono solo accennati. C’era ancora molto da dire – aggiunge – nuove avventure da mettere in scena”.. Per la serie, mi ha ispirato il dipinto I giochi dei fanciulli di Bruegel: una piazza piena di bambini è stata la prima impressione visiva di quello che dovevo fare; poi, altra ispirazione è stata il film Apocalypto, che mi aveva colpito per trucco e costumi”. Ammaniti ammette: “La regia ha un forte fascino, ci penso, mi piace molto la costruzione visiva, prima ero più solitario”.
La serie è prodotta da Mario Gianani e Lorenzo Mieli con Lorenzo Gangarossa per Wildside, società del gruppo Fremantle, in coproduzione con ARTE France, The New Life Company e Kwaï.
Fremantle è il distributore internazionale. Il caso ha voluto che le riprese della serie, di cui Ammaniti è regista e co-sceneggiatore con Francesca Manieri, iniziassero pochi mesi che il Covid-19 arrivasse in Italia (“Eravamo sul set, e intanto questo virus vero dalla Cina era arrivato a Bergamo”).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Interrotta per il lockdown, la lavorazione di Anna è poi ripartita in piena emergenza. Ma com’è un mondo in mano ai più piccoli? Spiega Ammaniti: “Un mondo di bambini nel quale nulla gli viene insegnato è feroce”.”Se c’è un morale in Anna è quanto conta il passato, non c’è futuro senza memoria, Anna, contrariamente ai suoi coetanei, lo conosce grazie al quaderno della madre che le dice di continuare a ricordare.”. Per Elena Lietti, “l’eredità è nelle azioni di questa mamma, una donna indipendente, vediamo in lei in nuce la libertà di pensiero e azione che sarà poi di Anna. Il Libro è un gesto eroico, perché intuisce quello che arriverà, che contiene indicazioni molto pratiche, però anche indicazioni rispetto alla memoria, così questa mamma diventa il motore”. Giulia Dragotto si definisce “completamente diversa da Anna”, ma dopo aver “convissuto” con lei per mesi e mesi non può non stimarla”. Resti di una Sicilia post apocalittica, riconquistata dalla natura e senza più adulti, fanno da sfondo al viaggio verso un nuovo mondo al centro di Anna che è il secondo progetto per la tv dello scrittore Premio Strega. Le musiche sono il synth-pop degli Alphaville, il rock psichedelico dei Mercury Rev, ma anche quella italiana più iconica con Loredana Bertè, Mia Martini, Ornella Vanoni.Nicola Maccanico (Executive Vice President Programming Sky Italia) è molto orgoglioso del risultato: “Con la pandemia l’assonanza è totalmente involontaria e casuale, perché Anna non parla di attualità, la vera chiave di lettura della serie è questa”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I dubbi di Graham Greene 30 anni dopo
Esce bella e monumentale biografia dello scrittore ed ex spia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
10:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
RICHARD GREENE, ‘ROULETTE RUSSA – LA VITA E IL TEMPO DI GRAHAM GREENE’ (SELLERIO, PP. 872 – 24.00 EURO – TRADUZIONE DI CHIARA RIZZUTO).
Tra i libri di Graham Greene editi da Sellerio (Una pistola in vendita – Il fattore umano – Un treno per Istanbul – Il console onorario) che sta meritoriamente ripubblicandone tutta l’opera dello scrittore cattolico inglese, a trent’anni dalla morte, avvenuta il 3 aprile 1991 e nato nel 1904, già agente segreto di Sua maestà britannica, non c’è ancora ‘Il potere la gloria’, che fu al centro di una curiosa vicenda tra il 1954 e il 1965 che lo fece soffrire e riflettere sulla sua posizione religiosa, e di cui naturalmente troviamo la ricostruzione in un capitolo di questa articolata, monumentale e minuziosa ma ben scritta biografia (con un indice dei nomi di oltre 40 pagine) che gli ha dedicato Richard Greene, omonimo non parente, docente di letteratura all’università di Toronto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il 9 aprile 1954 lo scrittore di gialli di grande finezza che hanno sempre quindi oltrepassato i confini del genere, fu convocato dall’arcivescovo di Westminster che gli annunciava come quel romanzo fosse stato denunciato al Sant’Uffizio per essere messo all’Indice per la sua capacità ”di disorientare le persone non illuminate, che sono la maggioranza dei lettori”.
Protagonista di ‘Il potere e la gloria’ è un sacerdote, che, durante le persecuzioni religiose nel Messico fine anni 30, ha dubbi e paure fisiche e metafisiche con gran senso di colpa che annega nell’alcol. In questa biografia si ricostruisce tutta la vicenda nei suoi molti particolari e chiaroscuri che inquietarono l’autore, il quale su suggerimento di un ecclesiastico inviò una copia del romanzo a Monsignor Montini, che espresse il suo parere positivo all’inquisitore ”che capì che non stava giocando una buona carta” e lasciò perdere la cosa. Montini divenne poi Papa Paolo VI e incontrò, su sua richiesta, Greene nel luglio 1965, confidandogli di aver letto vari suoi romanzi oltre quello, a proposito del quale gli disse: ”Certe parti del suo racconto non possono non offendere alcuni cattolici, ma lei non dovrebbe dare alcuna importanza a questo”. E il suo biografo annota che da allora ”Greene divenne più incline a scrivere del dubbio come contraltare della fede: una questione che senza dubbio aveva sperimentato di persona, ma aveva in qualche modo evitato nei suoi libri”, sino allora.
Del resto è il dubbio e il tormento della fede sono una costante (dal 1951 per almeno trent’anni non si avvicinò più alla confessione e comunione), come viene fuori da queste pagine, dell’esistenza, complicata, inquieta, avventurosa di questo scrittore, che spesso racconta di sacerdoti con rispetto, ma rivelandone le debolezze umane. Ecco allora il giornalista, l’editore, lo sceneggiatore e lo scrittore con la genesi, le origini dei suoi tanti romanzi, a cominciare dal più amato, ‘Il console onorario’, ma anche la sua sofferta gioventù e l’insofferenza che lo porterà a viaggiare e mettersi più volte in pericolo, in Africa come in Vietnam, divenendo poi agente del servizio segreto inglese M16 durante la guerra e che abbandona alla viglia dello sbarco in Normandia, sempre in dubbio su da che parte stare e perché amico della celebre spia doppiogiochista per l’Urss Kim Philby. Intellettuale pubblico, difensore dei diritti umani e amico di Castro (cui confessa le sue tentazioni per il suicidio e di aver giocato più volte alla roulette russa con una pistola con un colpo in canna) e dei combattenti sudamericani per la libertà, è nel privato uomo dai mille tradimenti sentimentali, marito che non poteva e voleva divorziare dalla moglie, pur essendo compagno per decenni di un’altra donna. Insomma, il che rende coinvolgente questa biografia, uomo finissimo, colto, artista della scrittura e creatore di trame in cui esalta e reinventa la realtà, e uomo ossessionato dal problema dell’identità, nella vita e nei romanzi, frutto e specchio dei suoi problemi, dei suoi dubbi, delle sue tante contraddizioni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per #IoApro 58mila citazioni online, 4mila in un’ora
L’analisi di DataMediaHub sulla protesta di piazza di ieri e del 7 aprile
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
10:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La frustrazione, le preoccupazioni e la rabbia che ne scaturisce avevano già avuto sfogo al grido di #IoApro il 7 aprile scorso con manifestazioni in diverse città d’Italia e scontri tra manifestanti davanti a Montecitorio. Scene che si sono ripetute nella manifestazione di ieri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per capire meglio il sentimento degli italiani sulla questione DataMediaHub ha analizzato le conversazioni online (social + news online + blog e forum) relative a #IoApro dal 7 aprile scorso a ieri 12 aprile.
Complessivamente le citazioni online di #IoApro sono state circa 58mila, da parte di più di 5mila autori unici, i cui contenuti hanno coinvolto (like + condivisioni + commenti) oltre 279mila persone. Il picco massimo si è avuto tra le 17 e le 18 di ieri con più di 4mila citazioni in un’ora.
Grazie all’ampia copertura mediatica la portata potenziale, in termini di “opportunity to be seen”, di tale volume di conversazioni di 125,3 miliardi di impression, di esposizioni a contenuti relativi alla protesta. Portata potenziale che stimiamo ragionevolmente avere generato effettivamente, al lordo delle duplicazioni, 6,2 miliardi di impression.
Già la sera dell’11 aprile dalla pagina Facebook di IoApro, che conta poco meno di 133mila follower, annunciavano trionfanti che “In dieci giorni si è passato dall’APRIRE tutto il 2 giugno ad APRIRE tutto il 20 aprile. SERVE FARSI SENTIRE, ECCOME SE SERVE. Domani diamo il colpo di grazia”. Post che ha ottenuto circa 12mila tra mi piace e altre “reaction” di sostegno (“amore” e “abbraccio”) e più di 1.300 condivisioni. Ipotesi confermata anche nella serata di ieri con un post poco prima delle 21:00 che annunciava che “È da poco terminato l’incontro con il sottosegretario del governo Draghi.
C’è una seria intenzione di aprire “già” dal 20 aprile, ma non possiamo accontentarci delle parole. Decideranno venerdì. Noi riteniamo opportuno continuare a fare pressione. Nelle prossime ore, ci riuniremo per decidere il da farsi”. Post che anche in questo caso ottiene più di 12mila tra mi piace e altre “reaction” di sostegno, e supera le 2mila condivisioni.
Per contro su Twitter uno dei post che ha generato maggior coinvolgimento, escludendo quelli delle fonti d’informazione, è quello di Selvaggia Lucarelli in cui la giornalista twitta che “Mani alzate e CasaPound in prima fila, alla manifestazione #ioapro. Davvero un figurone. P.s. Quelli di CasaPound sono lì per spiegare ai ristoratori come risparmiare non pagando le bollette per anni, immagino”, con a corredo la foto del cordone di polizia davanti ai manifestanti di estrema destra. Naturalmente in questa situazione il “sentiment”, le emozioni, delle persone non poteva che essere in prevalenza negativo, come mostra l’infografica. Negatività che è divisiva e da interpretare, tra coloro che sostengono chi protesta e chi invece si schiera contro chi la cavalca. Orientamenti opposti che emergono con chiarezza anche dalla word cloud dei termini maggiormente ricorrenti in associazione ad #IoApro con, da un lato, “ribellarsi ai dpcm” piuttosto che “rate a scadere” e, dall’altro lato”, “fascista e negazionista” ed anche epiteti coloriti nei confronti dei manifestanti.
Divisioni che oltre che dalla nostra analisi emergono anche da un sondaggio di SWG, condotto tra il 31 marzo e il 2 aprile, secondo il quale il 28% degli italiani, con una netta prevalenza di lettori del centro-destra, sarebbero favorevoli ad allentare un po’ le misure restrittive, mentre il 27% degli italiani, con una forte prevalenza degli elettori di centro-sinistra, sarebbe invece favorevole ad inasprire le attuali misure restrittive, ai quali però si aggiunge un 34% che ritiene sia corretto mantenere le misure come sono.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Chiari Capitale del Libro si cercano scrittori di talento
Entra nel vivo XII edizione Concorso Microeditoria di Qualità
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CHIARI
12 aprile 2021
13:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Chiari, prima Capitale Italiana del Libro, si cercano scrittori di talento: è entrata nel vivo la dodicesima edizione del Concorso Microeditoria di Qualità organizzato dal Sistema Bibliotecario Sud Ovest Bresciano e dall’associazione L’Impronta e legato alla Rassegna della Microeditoria italiana di Chiari, in programma il 26 e 27 giugno. Nell’anno della pandemia, il concorso ha deciso di ampliare il proprio raggio d’azione coinvolgendo (grazie alla collaborazione con Giorgio Dell’Arti) ben 22 gruppi di lettura disseminati in tutto il territorio italiano: a partire dal gruppo locale, I Miseralibri, condotto da Alice Raffaele alla Biblioteca Fausto Sabeo di Chiari, saranno proprio i 202 “lettori forti” dei 22 gruppi a dover scovare tra i 76 titoli in concorso, suddivisi tra Narrativa e Saggistica, i migliori libri pubblicati da piccoli e piccolissimi editori italiani.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Come in un campionato di calcio, il concorso è organizzato secondo “gironi” in cui ogni libro sfida gli altri appartenenti allo stesso gruppo, fino a che non emerge un vincitore. Poi, si prosegue con la fase successiva, e dunque a nuovi gironi più ristretti, per arrivare agli scontri diretti della fase finale che decreteranno i due vincitori assoluti, uno per ogni categoria. Tutti i libri in gara saranno sottoposti anche al giudizio della storica giuria ristretta del concorso, composta da professionisti del libro e della lettura locali, che decideranno a quali libri attribuire il Marchio di Qualità: una sorta di “bollino” per aiutare i lettori a individuare titoli meritevoli di attenzione. L’andamento del Concorso si può seguire sul web, a questo indirizzo. Attraverso la pagina si possono anche chiedere in prestito i titoli, per farseli recapitare nella propria biblioteca abituale.

Cronaca tutte le notizie La cronaca tutti i fatti gli avvenimenti i retroscena i dettagli gli approfondimenti sempre monitorati affidabili ed aggiornati
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 4 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 01:49 ALLE 11:39 DI LUNEDì 12 APRILE 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Scuola: oggi in classe 6,6 milioni di studenti
Quasi due milioni ancora a casa in Dad
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
12 aprile 2021
01:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Suona la campanella da questa mattina per quasi 6,6 milioni di alunni sugli 8,5 milioni delle scuole statali e paritarie, otto su dieci. Quasi un milione in più della settimana scorsa, di cui ben 400 mila in Lombardia.

L’unica regione in controtendenza è la Sardegna, dove 63 mila alunni di seconda e terza media e delle scuole superiori lasceranno le aule e si collegheranno da casa. In tutto saranno quasi due milioni quelli ancora a casa in Dad.
Saranno tutti a scuola i bambini della scuola dell’infanzia e primaria, saranno l’87% in classe gli alunni della scuola media, mentre solo il 38% dei ragazzi delle superiori potrà frequentare, con la consueta alternanza del 50% e fino al 75% nelle regioni in cui è consentito.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Complessivamente si ritorna ai dati del febbraio scorso, quando in presenza si erano sfiorati i 7 milioni di studenti in classe. Il ritorno a scuola non è solo la conseguenza del decreto legge 44 che ha consentito il rientro anche nelle zone rosse ai bambini della scuola dell’infanzia, agli alunni delle elementari e di quelli del primo anno di secondaria di I grado, ma soprattutto del miglioramento dei dati del contagio che ha consentito a quasi tutte le regioni di rientrare o confermarsi in zona arancione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Microtelecamera sotto mascherina a esame patente, denunciato
Alla Motorizzazione di Cremona intervengono i carabinieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CREMONA
12 aprile 2021
10:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Aveva posizionato una microtelecamera all’interno della mascherina in modo da comunicare all’esterno con un complice durante l’esame di teoria per ottenere la patente di guida. I carabinieri di Cremona lo hanno scoperto e denunciato.

L’uomo, un operaio albanese residente nel Mantovano, incensurato, mentre nelle aule della Motorizzazione di Cremona stava sostenendo il test, è stato sorpreso da uno degli ingegneri esaminatori intento a comunicare con l’esterno. L’uomo aveva messo il cellulare sotto gli abiti e lo aveva collegato a una microtelecamera inserita sotto la mascherina. Ciò gli consentiva di mandare al complice la schermata dell’esame. Da qui l’intervento dei carabinieri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: inaugurato nuovo hub alla Fiera di Brescia
Direttore generale, ‘è il più grande in tutta Europa’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BRESCIA
12 aprile 2021
10:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È stato inaugurato oggi a Brescia il nuovo hub vaccinale all’interno della Fiera della città. “È il più grande hub in tutta Europa” ha detto il direttore generale degli Spedali Civili di Brescia, Massimo Lombardo.
“La potenzialità è di dodici vaccini all’ora per ogni vaccinatore” è stato assicurato dell’azienda sociosanitaria territoriale Spedali Civili. Ogni linea dovrà essere in grado di effettuare 144 vaccini al giorno. Oggi si comincia con 1.128 vaccinazioni già prenotate. “Con l’inizio della nuova settimana tutti i nostri centri vaccinali faranno 12 ore al giorno, dalle 8 alle 20, 7 giorni su 7, festivi compresi. Prima di aumentare le ore dovremo far funzionare tutte le linee potenziali, ma solo se arriveranno adeguate quantità di vaccini” ha spiegato il direttore di Ats Brescia Claudio Sileo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Book Tales a Chiari, come raccontare i libri online
Dal 12/4 i Dibattiti con esperti di comunicazione e scrittori
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CHIARI
12 aprile 2021
09:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Saper raccontare i libri in ambiente digitale con una comunicazione ad hoc è di primaria importanza per sostenere la lettura, soprattutto nei difficili che stiamo vivendo: da questa consapevolezza il 12 aprile prenderanno il via i Dibattiti, ciclo di incontri online nati nell’ambito di Book Tales, il progetto promosso dal Comune di Chiari, in collaborazione con Rassegna della Microeditoria, ed organizzato dal CRELEB (Centro di Ricerca Europeo Libri, Editoria e Biblioteca) e dai Master in Editoria dell’Università Cattolica per Chiari Prima Capitale Italiana del Libro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tutti gli incontri, ideati e moderati da Paola Di Giampaolo, coinvolgono esperti di comunicazione digitale (social media manager, bookinfluencer e digital PR) e scrittori che insieme daranno consigli utili su come valorizzare al meglio i libri sul web.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un tema molto attuale, considerando non solo la crescente importanza della Rete nell’editoria, settore che con la pandemia ha registrato, secondo i dati Aie, una crescita del 2.4%, ma anche il fatto che il 69% dei lettori abituali ha scoperto nel 2020 nuove opere letterarie proprio grazie siti, blog e social network. Al primo incontro del 12 aprile, intitolato “Raccontare… le storie e le idee, tra romanzi e saggi”, interverranno Mafe De Baggis, scrittrice ed esperta di media digitali, Luca Pantarotto, social media manager di NN Editore e autore, e Marta Perego, giornalista, influencer e divulgatrice culturale. I Dibattiti si terranno ogni lunedì dal 12 al 26 aprile alle 17, in diretta streaming a questo link e poi disponibili in differita sui canali Facebook e YouTube di Comune di Chiari, Chiari Capitale del Libro e su quelli dei Master in Editoria dell’Università Cattolica, di Rassegna della Microeditoria Libreriamo.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Fedriga,riaperture?Scollamento tra popolazione e istituzioni
Strada corretta piano riapertura alcune attività prossimi giorni

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
12 aprile 2021
11:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Le istituzioni devono muoversi insieme con i cittadini, oggi esiste uno scollamento tra una fetta importante della popolazione e le istituzioni”. Lo dice il presidente della Conferenza Regioni, Massimiliano Fedriga, a Mattino 5 su Canale 5, parlando delle riaperture.

Occorre “mettere insieme istituzioni e cittadini, così si vince il virus” e trovare “soluzioni applicabili, non perfette, che tante volte non sono applicabili”. E sul governo Draghi: “Se nei prossimi giorni si fa un piano di riapertura di alcune attività, credo sia la strada corretta. Se si vuole tenere blindato tutto per un altro mese si rischia di perdere la battaglia contro il virus”.   POLITICA

Cronaca tutte le notizie Tutte le news di cronaca in costante aggiornamento! Tutte le news di cronaca sono qui! Resta informato!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 19 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 06:08 DI DOMENICA 11 APRILE 2021

ALLE 01:49 DI LUNEDì 12 APRILE 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Uccide moglie figlio e padroni di casa e si spara
Quattro morti nel Torinese. Ferito grave uomo che ha sparato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
11 aprile 2021
06:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ha sparato, e ucciso, a moglie, figlio disabile e a una coppia di anziani coniugi proprietari della loro abitazione. E, all’arrivo dei carabinieri, si è sparato, ferendosi in modo grave.
Tragedia in un appartamento di Rivarolo Canavese (Torino), dove nella notte i carabinieri hanno scoperto quattro persone morte. L’uomo che ha sparato, uccidendole, è ora in gravi condizioni in ospedale a Torino.
Sul posto stanno operando i carabinieri della Compagnia di Ivrea, che stanno cercando di stabilire il movente del gesto. La pistola era regolarmente detenuta.
I carabinieri hanno rinvenuto poco dopo le 3 le quattro persone morte, all’interno di una abitazione privata. Erano state colpite nelle ore precedenti con una pistola da un inquilino pensionato che, durante le fasi di accesso dei militari dal balcone dell’appartamento con l’ausilio dei vigili del fuoco, si è sparato ferendosi in modo grave.
Le persone decedute sono appunto la moglie e un figlio disabile dell’omicida, nonché una coppia di anziani coniugi, proprietari dell’appartamento e domiciliati in un altro alloggio al piano di sopra del medesimo stabile.   PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid:Pozzuoli; ristorante aperto,sanzioni per 12 e chiusura
Controlli cc, i clienti mangiavano nel locale, 5 giorni di stop
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
11 aprile 2021
10:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Venti persone sono state sanzionate dai carabinieri a Pozzuoli (Napoli) nel corso di controlli anti-covid, tra cui 12 clienti di un ristorante. Il titolare stava consentendo la consumazione dei pasti nel locale in violazione delle norme contro la diffusione del contagio.
Per il ristoratore è scattata anche la chiusura provvisoria dell’attività per 5 giorni.
L’attività dei militari rientra nei controlli straordinari disposti dal Comando provinciale di Napoli. A Pozzuoli, in particolare, i militari della locale compagnia hanno presidiato le strade principali; 77 le persone identificate, 28 delle quali pregiudicate, 35 i veicoli controllati (2 sono stati sequestrati).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: festa organizzata in un b&b di Bari, 10 sanzioni
Controlli della Polizia locale dopo segnalazione da residenti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
11 aprile 2021
10:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Avevano organizzato una festa in un b&b del quartiere Murat, nel centro di Bari. Dieci giovani, arrivati da fuori città, sono stati sanzionati dalla Polizia locale.
Gli agenti sono intervenuti alle 23, in pieno orario di coprifuoco, dopo una segnalazione per disturbo alla quiete pubblica giunta in centrale operativa da alcuni residenti. Alla “allegra e assembrata comitiva”, così definita in una nota della Polizia locale, sono state elevate sanzioni per un totale di 4 mila euro.
I controlli anti-Covid eseguiti ieri dagli agenti municipali baresi hanno consentito anche di scoprire una pizzeria nel quartiere Poggiofranco, dove si servivano alimenti e bevande a clienti seduti ai tavoli. Sono stati sanzionati 6 clienti ed il titolare dell’attività per un totale di 2.400 euro. Verbali anche ad alcuni cittadini trovati in giro, a tarda ora, nella zona della stazione centrale senza utilizzare dispositivi di protezione individuale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Regione Puglia, da domani 60enni senza prenotazione
Sindaci critici, “c’è molta disorganizzazione”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
11 aprile 2021
10:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fermo restando che dovrà essere garantita la priorità ai pugliesi che hanno già aderito alla campagna vaccinale anti Covid, da domani “l’accesso alla vaccinazione per tutte le persone di età superiore ai 60 anni che non si trovano in condizione di estrema vulnerabilità e/o di disabilità grave è consentito senza alcuna preventiva conferma di adesione o prenotazione”. E’ quanto si legge in una circolare firmata ieri dall’assessore alla Sanità, Pierluigi Lopalco, e il direttore del dipartimento Salute, Vito Montanaro.
Gli hub vaccinali dovranno “garantire la somministrazione del vaccino Vaxzevria-Astrazeneca”. Oggi sono in corso delle riunioni, alle 11 il governatore Michele Emiliano incontrerà i sindaci per stabilire l’organizzazione: i primi cittadini sono molto critici rispetto a questa scelta. “C’è molta disorganizzazione e questa disorganizzazione non può ricadere sui sindaci”, dice Domenico Vitto, presidente Anci Puglia.   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Maltempo: neve nell’entroterra di Savona e Genova
A Rapallo 123 millimetri di pioggia in 12 ore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SAVONA
11 aprile 2021
11:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nevica nell’entroterra savonese, dove giorni fa i fiocchi avevano fatto capolino addirittura sulla costa. Neve anche sulle montagne vicino a Genova, e in particolare in Val d’Aveto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Anche a Genova città, quattro giorni fa, era comparsa la neve. Insomma, più che primavera una coda dell’inverno in Liguria che ha trascorso la notte in allerta giallo per le piogge (è scaduta alle 8 di stamani), in buona parte del territorio.
Nell’entroterra Savonese le piogge annunciate si sono trasformate nella notte in una abbondante nevicata che ha colpito soprattutto la Valbormida. Sotto la coltre bianca si sono svegliati Comuni interni come Sassello e Calizzano dove, sulle alture circostanti, nelle frazioni di Veirera, Piampaludo e nella storica stazione sciistica di Alberola, sono caduti fino a 10 centimetri di neve. Ora sono in azione gli spazzaneve.
I fiocchi hanno imbiancato anche l’entroterra genovese. Una abbondante nevicata ha interessato la stazione sciistica di Santo Stefano d’Aveto.
Poi tanta pioggia con cumulate superiori ai 100 millimetri: in 12 ore, secondo quanto rilevato dall’Agenzia regionale per l’Ambiente Arpal, in 12 ore sono caduti 123 millimetri a Rapallo, 127 a Camogli, e in 24 ore 148 millimetri a Fiorino nell’entroterra Genova Voltri. Il livello dei corsi d’acqua è cresciuto, ma senza creare allarmi. METEO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Inchiesta mascherine, Arcuri indagato per peculato
Lo anticipa il quotidiano La Verità
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
11 aprile 2021
11:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’ex commissario straordinario per l’emergenza Covid Domenico Arcuri – secondo quanto anticipato dal quotidiano La Verità – sarebbe stato iscritto sul registro degli indagati della Procura della Repubblica di Roma per peculato. L’accusa sarebbe contenuta nel fascicolo sulle forniture di mascherine cinesi.
Il 24 febbraio scorso, per l’arrivo in Italia di una parte di queste mascherine senza certificazione, c’erano stati un arresto e quattro misure interdittive.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Papa Francesco: condividere proprietà non è comunismo, è cristianesimo
Festa Misericordia, Messa con infermieri, detenuti e rifugiati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
11 aprile 2021
11:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Condividere la proprietà “non è comunismo, è cristianesimo allo stato puro”. Lo ha detto il Papa nell’omelia della Messa nella Festa della Divina Misericordia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Commentando il passo degli Atti degli Apostoli che racconta che “nessuno considerava sua proprietà quello che gli apparteneva, ma fra loro tutto era comune”, Papa Francesco ha sottolineato: “I discepoli ‘misericordiati’ sono diventati misericordiosi”.
Per loro “condividere i beni terreni è sembrato conseguenza naturale. Il testo dice poi che ‘nessuno tra loro era bisognoso'”. Poi il Papa ha lanciato un appello: “Non rimaniamo indifferenti. Non viviamo una fede a metà, che riceve ma non dà, che accoglie il dono ma non si fa dono. Siamo stati ‘misericordiati’, diventiamo misericordiosi”.
Papa Francesco questa mattina aveva lasciato il Vaticano per celebrare la Messa nella chiesa di Santo Spirito in Sassia.
Presenti alla celebrazione un gruppo di detenuti e di detenute dal carcere di Regina Coeli, Rebibbia femminile e Casal del Marmo di Roma, alcune Suore ospedaliere della Misericordia, una rappresentanza di infermieri dell’ospedale Santo Spirito, alcune persone con disabilità, una famiglia di migranti dall’Argentina, dei giovani rifugiati provenienti da Siria, Nigeria ed Egitto, tra cui due persone egiziane appartenenti alla Chiesa copta e un volontario Caritas siriano appartenente alla Chiesa cattolica sira.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ristoratrice Norcia a Draghi, non riusciamo andare avanti
“Nemmeno un centesimo di ristoro” il suo appello
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NORCIA (PERUGIA)
11 aprile 2021
11:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Non riceveremo nemmeno un centesimo di ristoro, nonostante il nostro ristorante sia rimasto aperto solo quattro mesi in questo tempo segnato dalla pandemia e da oltre quattro anni ci troviamo a vivere nell’emergenza terremoto. Presidente Draghi, non sappiamo più come andare avanti”: il grido di allarme arriva da Norcia, dove Stefania Borrini, ristoratrice, racconta “l’ennesima ingiustizia che siamo costretti a subire”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“E parlo – sottolinea – a nome di tanti miei colleghi che hanno le proprie attività nel cratere sismico del Centro Italia”.
Borrini gestisce il “Sienti’n puo” assieme al marito Rodolfo, il loro locale si trova nel centrale corso Sertorio ed era stato il primo a riaprire dopo il sisma del 2016. “Non abbiamo diritto a percepire ristori – spiega – per la questione della soglia del 30% di mancato fatturato nel 2020 rispetto al 2019. Non raggiungiamo questa percentuale semplicemente perché nel 2019, così come nel 2018 e nel 2017 abbiamo lavorato a un terzo di prima del terremoto. Il parametro di riferimento per quanto riguarda i nostri bilanci deve essere il 2015, l’anno prima del sisma. Se il confronto si fa con il fatturato di 5 anni fa registriamo un mancato incasso che supera l’80%, altro che 30”.
“Chiedo un aiuto direttamente al presidente del Consiglio – afferma Borrini -perché non saprei più a chi altri rivolgermi.
Tutti gli altri politici conoscono la nostra situazione, qui a Norcia sono passati praticamente tutti”. “Fino ad oggi con mio marito abbiamo onorato tutti gli impegni – aggiunge -, pagando affitto, utenze e fornitori, ma abbiamo dato fondo a tutto.
Adesso davvero non sappiamo come andare avanti, ogni mese per il locale tiriamo fuori 3 mila euro di spese fisse. Chiediamo di poter sopravvivere, veniamo da anni drammatici, non ci siamo arresi, ma se non ci vengono dati aiuti o se non ci permettono di riaprire, il nostro destino è segnato”.
Borrini conclude rivolgendo un pensiero ai suoi collaboratori.
“Sono ovviamente tutti in cassa integrazione – spiega – e da quando abbiamo chiuso non ho più avuto il coraggio di sentirli.
So che stanno passando un brutto momento assieme alle loro famiglie e vorrei tanto aiutare, ma non ho alcuna possibilità”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incidenti stradali: 16enne muore nel Napoletano, due feriti
A Qualiano. Arrestato dai cc il 19enne che conduceva il mezzo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
11 aprile 2021
11:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un 16enne è morto e due ragazzi sono rimasti feriti in un incidente stradale avvenuto ieri sera a Qualiano, nel Napoletano. Il conducente 19enne dell’autovettura, a bordo della quale era il 16enne con i due ragazzi, illeso, è stato arrestato dai carabinieri con l’accusa di omicidio stradale.

Secondo la ricostruzione dei militari della stazione di Qualiano il ragazzo, alla guida della sua auto lanciata a forte velocità nel centro cittadino e con i tre amici a bordo, ha perso il controllo del mezzo scontrandosi con un altro veicolo.
In seguito all’urto, l’automobile dei ragazzi si è ribaltata ed uno di questi, un 16enne, G.N., ha perso la vita per le lesioni riportate.
I due ragazzi sono stati portati in ospedale e poi dimessi per fratture multiple guaribili in 30 giorni mentre le occupanti dell’altra auto hanno riportato lesioni di lieve entità.
Il guidatore è stato sottoposto ad esami per l’accertamento dell’eventuale assunzione di alcol e droghe. Il 19enne, tenuto conto della condotta di guida, accertata anche attraverso immagini di video-sorveglianza, è stato arrestato e posto ai domiciliari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nasconde eroina anche nel forno per kebab, arrestato con altri 2
Sequestrati dalla polizia 15 kg di sostanza purissima
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
11 aprile 2021
11:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tre turchi sono stati arrestati dalla polizia per traffico di droga dopo essere stati sorpresi a trasportare 12,5 chili di eroina a bordo di un’auto bloccata lungo la barriera autostradale di Milano sud. Uno di loro, titolare di un’azienda che produce kebab all’ingrosso a Milano, nascondeva nel forno industriale della sua ditta 2,5 chili di eroina e 12mila euro in uno scatolone.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli investigatori della Squadra mobile erano stati informati da una fonte del passaggio dei corrieri sulla A1 a bordo di una Volkswagen Tiguan per venerdì pomeriggio. Gli investigatori dell’Antidroga hanno organizzato un posto di blocco poco dopo il casello autostradale e hanno fermato i 3 stranieri, uno residente a Milano, uno ad Alessandria e uno a Pordenone.
All’interno del bagagliaio, nascosti in una scatola di cartone, c’erano 12 panetti e sei piccoli involucri di eroina purissima per un peso complessivo di 12,5 chili. Inoltre ai turchi sono stati sequestrati quasi 2mila euro in contanti.
Nel corso degli accertamenti è emerso che uno di loro era titolare dell’azienda di kebab e la perquisizione ha consentito di recuperare altri 2,5 chili di eroina nascosti nel forno e 5mila euro in contanti nel suo appartamento.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Avvistato branco di lupi a Calderara di Reno nel Bolognese
Sindaco su Fb, ‘nessun allarmismo, nessuna iniziativa privata’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
11 aprile 2021
11:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Avvistato a Calderara di Reno, nel Bolognese, un branco di lupi composto da 3-5 esemplari nella zona di Longara. A renderlo noto, sui loro profili Facebook, sono lo stesso comune emiliano e il sindaco, Giampiero Falzone:.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Buongiorno e buona domenica a tutte e tutti con questa comunicazione – scrive il primo cittadino – : a Calderara non ci facciamo mancare nulla, neppure i lupi”.
Nei giorni scorsi, si legge nel post, “a causa dell’uccisione di alcuni capi di bestiame, abbiamo attivato subito la Polizia Metropolitana e Bolognazoofila Onlus per gli approfondimenti necessari. Si è ipotizzata la presenza di un lupo solitario, disorientato e sceso a valle. In realtà – argomenta – abbiamo adesso la conferma che si tratta di un branco (3/5), in zona Longara, l’ultimo avvistamento via Valli e Castel Campeggi”.
Di fronte a questa situazione, prosegue il sindaco di Calderara di Reno, “nessun allarmismo e nessuna avventata iniziativa privata ma bisogna rispettare alcune regole e buone pratiche.. In genere il lupo è un animale schivo e diffidente nei confronti dell’uomo, che tende accuratamente ad evitare.
Come dicevo è importante conoscere le buone pratiche da seguire”.
Nel dettaglio, viene sottolineato, “chi ha stalle ed animali non lasci gli stessi all’aperto specialmente nelle ore notturne; durante le passeggiate o le uscite con il cane è opportuno tenere i cani al guinzaglio;️ soprattutto in orari notturni non lasciare all’aperto il cibo per animali domestici; per ogni informazione e segnalazione contattare Bologna Zoofila”.
In futuro, conclude il post di Falzone, “la presenza del lupo in aree antropizzate sarà probabilmente sempre più frequente e dobbiamo lavorare affinché tale presenza venga considerata un fenomeno naturale di adattamento della specie”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Smonta dal turno e si schianta con auto, morto infermiere
46enne originario di Napoli lavorava al’ospedale di Isernia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENAFRO
11 aprile 2021
12:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un infermiere dell’ospedale Veneziale di Isernia ha perso la vita in seguito a un incidente sulla ss 85, nel tratto tra Pozzilli (Isernia) e Venafro (Isernia): il 46enne, originario di Napoli, stava rientrando a Cassino (Frosinone), dove viveva, terminato il turno di lavoro.
L’uomo è morto sul colpo: sono risultate inutili le operazioni di soccorso del 118; per i rilievi sono intervenuti i carabinieri di Venafro.

Secondo una prima ricostruzione dell’incidente, il 46enne ha perso il controllo dell’auto finendo contro il guardrail.
All’origine dell’accaduto non si esclude il colpo di sonno, l’incidente è avvenuto poco dopo le 8 di questa mattina.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Marche, 406 positivi in 24ore, 16,8% nuove diagnosi
62 soggetti con sintomi, 123 casi in provincia di Pesaro Urbino
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
11 aprile 2021
12:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 406 i positivi al coronavirus rilevati nelle Marche nell’ultima giornata sulle 2.416 nuove diagnosi eseguite (rapporto positivi/testati 16.8%).
Nel Percorso Screening Antigenico effettuati 561 test e riscontrati 28 positivi (da sottoporre a tampone molecolare).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In questo caso il rapporto positivi/testati è al 5%. Lo fa sapere il Servizio Sanità della Regione. Testati 4.438 tamponi: 2.416 nel percorso nuove diagnosi (561 test Antigenici) e 2022 nel percorso guariti.
Dei 406 casi tra le nuove diagnosi 123 riguardano persone residenti in provincia di Pesaro Urbino, 114 in provincia di Ancona, 93 nel Maceratese, 43 in provincia di Ascoli Piceno e 14 nel Fermano; 19 i casi di persone provenienti da fuori regione.
Tra i contagiati 62 persone con sintomi. Tra i casi ci sono contatti in setting domestico (108), contatti stretti di casi positivi (112), in setting lavorativo (10), in ambiente di vita/socialità (3), in setting assistenziale (1), con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (1), screening percorso sanitario (2) e un caso proveniente da fuori regione. Per altri 106 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ottantenne accoltellato in casa a Catania, un fermato
Corpo scoperto 4 giorni fa, prima ipotesi era stata suicidio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
11 aprile 2021
12:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La squadra mobile di Catania ha fermato una persona nell’ambito delle indagini sull’omicidio del pensionato Nunzio Nicotra, 80 anni, vedovo, il cui corpo con diverse coltellate era stato trovato il 7 aprile scorso nel monolocale dove abitava, non lontano dall’ospedale Garibaldi centro. La polizia aveva fatto la scoperta dopo le segnalazioni di alcuni vicini di casa che non lo vedevano uscire da giorni.

Il primo esame medico legale aveva portato a ipotizzare che si trattasse di un suicidio, ma un successivo approfondimento, con lesioni di arma da taglio, oltre che alla giugulare, all’addome e alla testa, anche alle spalle. Le indagini della squadra mobile hanno portato alla ricostruzione del delitto, che sarebbe maturato all’interno della cerchia delle conoscenze della vittima, e hanno portato all’identificazione del presunto omicida che è stato fermato. La Procura di Catania ha presentato richiesta di convalida del provvedimento restrittivo, che è al vaglio del Gip.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: IoApro, lunedì nuovo sit-in. Questura, piazza occupata
A pochi giorni dalla manifestazione con disordini davanti alla Camera, il movimento ha lanciato una nuova manifestazione in piazza Montecitorio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
11 aprile 2021
12:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A pochi giorni dalla manifestazione con disordini davanti alla Camera, il movimento “Io Apro” ha lanciato un nuovo sit-in in piazza Montecitorio a Roma. “L’ultimatum è scaduto” hanno scritto nei giorni scorsi sulla loro pagina Facebook.
“Vi abbiamo dato 48 ore per legittimare le riaperture di tutte le attività economiche. Nessuno ci ha risposto. Porteremo 20.000 persone davanti al Parlamento”.
Secondo quanto si è appreso, la Questura di Roma ha negato la manifestazione in quanto la piazza quel giorno sarebbe già occupata da un altro sit-in.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Regione Marche, 15.852 prime dosi persone 70-79 anni
Vaccinati 96.668 over 80, per 54.579 di loro ciclo completo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
11 aprile 2021
12:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nelle Marche sono state somministrate finora 15.852 prime dosi di vaccino anti-Covid nella fascia d’età 70-79 anni dall’avvio delle vaccinazioni alla categoria a inizio aprile. Il dato – insieme agli altri, aggiornati a oggi – è pubblicato sul sito della Regione Marche che dà conto del trend di somministrazioni di vaccino anche per tipo di ‘categoria’: finora sono state complessivamente 426mila le dosi – dei tre vaccini disponibili Astrazeneca ‘Vaxzevria’, Pfizer-BioNTech e Moderna, in attesa del siero Johnson&Johnson – consegnate alle Marche di cui 348.648 somministrate (81,83%): le prime dosi sono state 241.596 e 107.050 le seconde dosi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tra le categorie più avanti nella vaccinazione gli over 80 (96.668 prime dosi e 34.550 seconde dosi), il personale sanitario e sociosanitario (37.652; 34.550), gli estremamente vulnerabili seguiti dal Servizio sanitario regionale (30.858; 1.551). Seguono il personale della scuola (24.347 prime dosi e 405 seconde) e la fascia d’età 70-79 anni (15.852; seconda dose ancora non effettuabili, inizieranno nell’ultima settimana di aprile). Ci sono il personale non sanitario (operatori sociosanitari Oss, personale di supporto in ospedali e altro) con 6.517 prime dosi (5.139 seconde). Le vaccinazioni inoculate e persone con gravi disabilità sono finora 629 (seconda dose ancora non effettuabile).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incatena nipote 25enne e tenta di darle fuoco, arrestato
Denunciato un anno di vessazioni anche su sorella uomo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TARANTO
11 aprile 2021
12:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Terrorizzava da circa un anno la sorella malata e i due figli di quest’ultima, che ospitava nel suo appartamento, in un comune della provincia di Taranto, e li sottoponeva a continue vessazioni. Spesso legava al letto la sorella e incatenava la nipote 25enne, che cercava di ribellarsi.
In una circostanza ha anche cercato di dare fuoco alla ragazza, ma la mamma e il fratello maggiore (affetto da disagi psichici) sono riusciti a frapporsi facendo perdere all’uomo l’accendino. Dopo la denuncia della ragazza e della sua educatrice, la polizia ha arrestato un uomo di 49 anni, zio della giovane. I poliziotti della Squadra Mobile di Taranto hanno ricostruito la storia di violenza e sopraffazioni e notificato allo “zio orco” un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del tribunale ionico. La giovane vittima, vissuta in Comunità fino all’età di 19 anni, si era poi ricongiunta con la mamma malata e con il fratello maggiore, che vivevano in casa dello zio materno.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gara solidarietà per bimbo malato, raccolti 50mila euro
In centinaia hanno accolto l’appello dell’Avis di Carovilli
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAROVILLI
11 aprile 2021
12:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oltre cinquantamila euro raccolti per sostenere una famiglia di Carovilli (Isernia) il cui bambino, di appena 6 mesi, ha dovuto affrontare il trapianto di fegato. L’intera provincia di Isernia ha risposto all’appello lanciato dall’Avis del paese contribuendo ad aiutare economicamente i genitori del bambino.
“Sento di dire che il cuore di noi molisani va al di là di ogni aspettativa – ha detto il sindaco di Carovilli, Antonio Conti – e la solidarietà è un valore radicato nel nostro Dna”. Conti rassicura sulle condizioni del bambino: “l’intervento chirurgico, al ‘Gemelli’ di Roma, è riuscito e lui sta reagendo bene”. La gara di solidarietà era partita due mesi fa con un post della locale sede Avis sui canali social.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: controlli;sputi,offese e botte a PS,arresti a Caserta
Tre persone danneggiano anche cinturoni,divise e fondina pistola
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CASERTA
11 aprile 2021
12:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Due poliziotti sono stati circondati e aggrediti a Caserta da un gruppo di persone intervenute in difesa di tre ragazzi appena fermati perché trovati a bere e bivaccare ieri dopo le 22, in violazione del coprifuoco. Tre persone sono state arrestate.
L’episodio è avvenuto in piazzetta Cavour, nel Rione Tescione, quartiere popolare di Caserta. In soccorso degli agenti, picchiati e destinatari di sputi e offese e ai quali sono stati danneggiati cinturoni, divise e la fondina della pistola, sono intervenute altre volanti dalla Questura e solo con l’arrivo dei rinforzi la situazione è tornata a calma.
Alla fine sono stati arrestati e condotti in carcere, su disposizione del pm di turno della Procura di Santa Maria Capua Vetere, tre persone per i reati di violenza, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e danneggiamento di bene della pubblica amministrazione: si tratta di un 18enne diventato maggiorenne a febbraio, del padre 57enne con precedenti e di un 29enne.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Distrutto da rogo ex scalo ferroviario a Pavia
In fiamme capannone con coperture in eternit e materiale legnoso
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PAVIA
11 aprile 2021
13:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un incendio ha distrutto, questa notte, buona parte dei capannoni dell’ex scalo ferroviario di Pavia, in via Rismondo, nelle vicinanze della stazione e di numerose abitazioni. Le fiamme si sono sviluppare poco prima delle 2 per cause ancora in corso di accertamento.
Sul posto sono subito intervenuti i vigili del fuoco che hanno lavorato per tutta la notte per domare il rogo. L’intervento è ancora in corso.
Del caso di stanno interessando anche i tecnici di Ats Pavia, in quanto nei capannoni era presente materiale in eternit e, di conseguenza, andranno verificate anche eventuali conseguenze ambientali. Nessuna persona ha riportato conseguenze fisiche.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Allarme di un virologo: “Poche dosi di vaccini, così la quarta ondata è inevitabile”
Gentile (Federico II): consorzio di aziende per aumentare la produzione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
11 aprile 2021
13:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“In Italia abbiamo messo in campo un sistema di vaccinazioni eccezionale, ma senza materia prima non copriamo abbastanza cittadini, avremo quindi la quarta ondata a inizio autunno e l’entità dipenderà da quanto vaccineremo la prossima estate”. Lo afferma Ivan Gentile, direttore della Scuola di Specializzazione in Malattie Infettive e Tropicali dell’Università Federico II di Napoli e virologo al II Policlinico partenopeo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“A novembre e a marzo – spiega – la seconda e la terza ondata sono state terribili. Per la quarta dipenderà da quanto avremo immunizzato, se riusciremo a sfruttare questi mesi andremo meglio, altrimenti saremo punto e capo, e con il ritmo attuale delle vaccinazioni non so se riusciremo a frenare la quarta ondata. Bisogna coprire subito gli anziani sopra i 60 anni e le persone fragili e l’ordinanza nazionale di ieri va nella giusta direzione ma servono le dosi, al Policlinico vacciniamo dal 2 gennaio, potremmo fare anche i turni notturni, somministrare h24, ma non abbiamo dosi e come noi tutti”.

Sulle vaccinazioni, Gentile spiega: “Mi aspettavo un ritmo diverso, ma questo ha a che fare con il ciclo produttivo dei vaccini e col sistema contrattuale. Da medico guardavo la tappa dei test sui vaccini come limitante e invece è stata rapidissima, ma mi aspettavo di poter poi lavorare con numeri più robusti. I brevetti? Sono una garanzia di un’opera di ingegno e in un sistema capitalistico è giusto riconoscerli, ma si potrebbero fare degli accordi per condividere con altre aziende il brevetto, riconoscendo magari delle royalties a chi ha inventato il vaccino ma aumentando di molto la produzione. Siamo in un momento unico per l’umanità e mi meraviglio che non sia stato ancora fatto”.
Il vaccino AstraZeneca “non è stato vietato, non è controindicato neanche nei più giovani. Si sottoscrive un consenso informato, e se un 40enne o un 50enne lo vuole fare lo può fare, ovviamente c’è una anamnesi. Non c’è nulla che vieti”. Così il presidente dell’Agenzia italiana del Farmaco (Aifa), Giorgio Palù a ‘Mezz’ora in più’ di Lucia Annunziata su Rai3. Quella dai 60 in su è “un suggerimento per una età preferenziale” spiega Palù, e “l’approccio non è nè più nè meno che quello cautelativo sulla base dei dati che via via si producono”. Dai 60 ai 70 la vaccinazione è al 12%, lo stesso tra 70 e 80, mentre per over 80 è del 75%.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Campania; in totale 1.082.280 somministrazioni
Prima dose per 792.964 cittadini
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
11 aprile 2021
13:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Complessivamente in Campania sono stati vaccinati con la prima dose 792.964 cittadini; di questi 289.316 hanno ricevuto la seconda dose. Le somministrazioni effettuate sono state, in totale, 1.082.280.
Sono i dati aggiornati alle ore 12 di oggi secondo quanto fa sapere l’Unità di Crisi della Regione.
Le ultime tre voci del bollettino vaccinazioni (anni 70-79, convivente-caregiver, personale esterno strutture sanitarie) sostituiscono la precedente voce “Altro”. Nella voce “Personale esterno alle strutture sanitarie”, evidenzia l’Unità di Crisi, “vengono compresi, secondo le indicazioni nazionali che puntano agli ospedali Covid free, tutti i lavoratori delle ditte esterne fornitrici di servizi alle strutture sanitarie (a titolo esemplificativo si citano pulizie, guardiania, mensa, lavaggio, manutenzione degli impianti)”.
Si ricorda, inoltre, che per molte categorie è ancora aperta la piattaforma per le adesioni. La percentuale dei vaccinati varia dunque in relazione alle adesioni ricevute.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Temporali, allerta arancione da Portofino alla Toscana
Dalla mezzanotte alle 15 di domani
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
11 aprile 2021
14:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Allerta meteo arancione per piogge diffuse e temporali da Portofino al confine con la Toscana. La perturbazione interessa, quindi, buona parte del centro e del levante della regione dalla mezzanotte alle 15 di domani, poi fino alle 17 sarà gialla.
L’altra metà della zona centrale della Liguria sarà in allerta giallo fin dalla mezzanotte, mentre l’area di ponente non sarà interassata dalle piogge. Le precipitazioni hanno interessato già la Liguria tra ieri e oggi: il suolo è quasi saturo, secondo Arpal, nel centro e nel levante della regione proprio dove sono attesi i quantitativi più significativi di pioggia da questa notte con il maltempo in arrivo dalla Francia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:controlli su lungomare Napoli,sanzioni per 37 persone
Il bilancio dei controlli interforze effettuati ieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
11 aprile 2021
14:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nell’ambito di controlli interforze nella zona del lungomare Caracciolo a Napoli 255 persone sono state identificate ieri, 37 delle quali sono state sanzionate per inottemperanza alle misure anti covid poiché trovate fuori dal proprio domicilio senza valida motivazione.; I controlli sono stati effettuati dagli agenti del Commissariato San Ferdinando e dai militari dell’Arma dei Carabinieri e del Comando provinciale della Guardia di Finanza.
Inoltre, sono stati sanzionati due chioschi in via Caracciolo per aver effettuato vendita da asporto oltre le ore 18.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 15.746 casi e 331 morti, tasso positività al 6,2%
In calo ricoveri in terapie intensive e reparti ordinari
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
11 aprile 2021
17:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 15.746 i positivi al test del coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute, mentre le vittime sono 331. Dall’inizio della pandemia, 3.769.814 italiani hanno contratto il virus e 114.254 sono morti.
Il bollettino giornaliero conferma inoltre il calo delle terapie intensive e dei ricoveri nei reparti ordinari: nelle rianimazioni ci sono 3.585 pazienti, 3 in meno rispetto a ieri mentre nelle aree mediche sono ricoverate 27.251 persone, 316 in meno rispetto a ieri. Sono invece 253.100 i tamponi molecolari e antigenici effettuati nelle ultime 24 ore, con un tasso di positività che sale al 6,2%, in aumento di 1,2 punti rispetto a ieri quando è stato del 5,4%.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:ambulanze in coda e 40 in attesa di un letto a Cosenza
‘Ospitati’ in pronto soccorso. Zona rossa non ferma passeggio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
COSENZA
11 aprile 2021
19:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ambulanze in coda davanti all’ingresso e una quarantina di pazienti positivi al Covid in pronto soccorso in attesa di essere sistemati in reparti ormai saturi. E’ la situazione dell’ospedale Annunziata di Cosenza oggi pomeriggio.
Fuori dal pronto soccorso sono ferme alcune ambulanze in attesa che ai pazienti venga fatto il tampone mentre all’interno ci sono una quarantina di degenti per i quali, però, non si riesce a trovare una sistemazione. Per una decina di loro, secondo quanto si è appreso, la situazione dovrebbe sbloccarsi a breve ma per gli altri non ci sono previsioni. La provincia di Cosenza, anche nelle ultime 24 ore, è stata quella in cui è stato registrato il numero più alto di nuovi positivi, 323 su 593.
In Calabria, da giorni, è stata superata la soglia di saturazione di posti letto occupati nei reparti in area medica ed ieri la percentuale è arrivata al 50% dieci punti in più del livello di rischio.
Contestualmente a questa situazione, però, sempre a Cosenza – che come il resto della regione è in zona rossa fino a domani, quando scatterà la fascia arancione – su viale parco passeggiano centinaia di persone.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Maltempo: allerta meteo, piogge e temporali al centronord
Rischio idrogeologico in Liguria
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
11 aprile 2021
16:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La perturbazione di origine nord-atlantica che sta interessando il nostro Paese determinerà anche nelle prossime ore condizioni di maltempo, con piogge e temporali su buona parte delle regioni centrosettentrionali.
Sulla base delle previsioni disponibili il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso una nuova allerta meteo che estende quella diffusa ieri e che prevede, a partire dalla prime ore di lunedì precipitazioni diffuse, localmente anche molto intense e accompagnate da fulmini e forti raffiche su Piemonte, Liguria, Emilia-Romagna, Toscana, Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia.
Il Dipartimento ha anche valutato per lunedì una allerta arancione per rischio idrogeologico sulla Liguria di levante.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Terremoto, scossa 3.1 nel Maceratese
Avvertita da popolazione, non vi sono segnalazioni di danni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
12 aprile 2021
00:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una scossa di terremoto di magnitudo 3,1 è stata registrata dall’Ingv alle 23:13 con epicentro a 3 km a nord est di Fiordimonte, un Comune ora confluito nel nuovo Comune di Valfornace, in provincia di Macerata, ad una profondità di 9 km. Il movimento tellurico è stato avvertito in modo forte e chiaro dalla popolazione, che lo ha segnalato sui social.
Non ci sono al momento segnalazioni di danni.

Cronaca tutte le notizie! Sempre accuratamente aggiornate! Seguile! Non perderle!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 3 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 21:02 DI SABATO 10 APRILE 2021

ALLE 06:08 DI DOMENICA 11 APRILE 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

In 300 per video rap, lacrimogeno disperde ragazzi
Pietre e bastoni contro le forze dell’ordine a Milano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
10 aprile 2021
21:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Andatevene”, “fuori dalle nostre zone”. Sono stati accolti così gli agenti e i carabinieri inviati oggi in via Micene, a Milano, per un assembramento di centinaia di ragazzi, tutti lì per il video del rapper Neima Ezza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato necessario lanciare un lacrimogeno per disperdere la folla. E’ accaduto intorno alle 17.30 di oggi pomeriggio. Un gruppo di circa 300 ragazzi si è ritrovato per un video rap da girare nella zona alla periferia di Milano senza alcun distanziamento. Sul posto sono arrivati polizia e carabinieri.
Quando i ragazzi li hanno visti arrivare sono scappati verso piazzale Selinunte dove si sono riuniti e hanno iniziato a lanciare pietre, bastoni e bottiglie contro le forze dell’ordine. E’ a quel punto che è stato lanciato un lacrimogeno. Durante le riprese del video diversi ragazzi, di un’età fra i 16 e i 20 anni, sono saliti sul tetto delle auto parcheggiate e hanno cominciato a saltare.
Neima Ezza, nato in Marocco, è cresciuto in quel quartiere.
Sin dall’esordio, che risale al 2018, canta il disagio delle periferie milanesi e si è fatto conoscere in particolare con i brani ‘Essere ricco’ e ‘Amico’. Aveva annunciato la realizzazione del video su Instagram.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tpl: Fedriga,ordinanza per ripresa servizi a favore studenti
Da lunedì 12 ripartono 700 corse aggiuntive giornaliere
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
10 aprile 2021
21:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il governatore del Fvg Massimiliano Fedriga ha firmato l’ordinanza contingibile e urgente n. 10/2021 con cui da lunedì 12 aprile, in concomitanza con l’aumento della mobilità studentesca e recependo le pianificazioni prefettizie in esito ai tavoli di coordinamento tenutisi tra giovedì e venerdì, viene disposta la ripresa dei servizi trasporto pubblico locale nella configurazione che era già attuata dal primo febbraio scorso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’ordinanza demanda alle aziende di trasporto pubblico locale l’organizzazione e l’attuazione delle attività per assicurare un regolare svolgimento dei servizi. Stanti le limitazioni al riempimento dei mezzi, pari al massimo al 50% dei viaggiatori trasportabili da carta di circolazione, i servizi ordinari sono integrati sia con ulteriori corse svolte direttamente dalle quattro aziende consorziate nella Tpl Fvg scarl, il nuovo gestore dei servizi Tpl gomma, nonché dai due vettori ferroviari, sia con circa 130 autobus da noleggio per oltre 700 corse giornaliere in più.
E’ disposta una costante informazione e il controllo sull’obbligo di corretto utilizzo delle mascherine a bordo dei mezzi. Un’azione coordinata dalle Prefetture che vede la collaborazione di scuole, Comuni, Forze di Polizia, Protezione civile e aziende di trasporto, consentirà di proseguire con le attività di controllo a terra e informative verso gli studenti in funzione antiassembramento.   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Rissa a Roma tra ragazzi a Villa Borghese
Un giovane ferito, alcuni fermati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
10 aprile 2021
22:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rissa nella serata di sabato a Villa Borghese, al centro di Roma. Sarebbero stati coinvolti circa 20 ragazzi.
Un ragazzo sarebbe rimasto ferito al volto. La rissa tra giovani è scoppiata intorno alle 19. A dare l’allarme una passante.
Secondo quanto si è appreso, ci sarebbero un paio di ragazzi fermati per la rissa, la cui posizione è ora al vaglio. Sono in corso accertamenti della polizia per ricostruire l’accaduto e chiarire se i protagonisti si siano dati appuntamento sui social o se tutto sia nato a villa Borghese.

Cronaca tutte le notizie! Tutte le news di cronaca in costante aggiornamento! Da non perdere! Leggi!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 24 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 19:56 DI VENERDì 09 APRILE 2021

ALLE 21:02 DI SABATO 10 APRILE 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Con l’accetta contro cc che sparano e lo uccidono
Il fatto in Trentino. Vittima un pregiudicato di 44 anni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
09 aprile 2021
19:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un uomo di 44 anni di Pilcante, una frazione di Ala, in Trentino, è morto dopo essere stato colpito da un proiettile esploso dall’arma di ordinanza di un carabiniere. Secondo le prime informazioni l’uomo, un pregiudicato, non si sarebbe fermato all’alt dei militari durante un controllo stradale.
E’ quindi scattato un inseguimento e il 44enne si è dileguato. I carabinieri sono comunque riusciti a risalire alla sua abitazione e si sono presentati alla porta: l’uomo li avrebbe accolti impugnando un’accetta e poi si sarebbe scagliato sull’auto e sui militari.
In questo frangente uno dei carabinieri ha esploso un colpo che l’ha ucciso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Cartabia intitolerà carcere Bergamo a ex cappellano
La cerimonia il 19 aprile, il sacerdote morto per il virus
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BERGAMO
09 aprile 2021
21:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il 19 aprile il ministro della Giustizia, Marta Cartabia, sarà a Bergamo per intitolare ufficialmente la casa circondariale di via Gleno a don Fausto Resmini, cappellano del carcere per 28 anni e figura di riferimento e di grande carisma per il Bergamasco in ambito sociale, morto per il Covid-19 il 22 marzo 2020, quando Bergamo venne flagellata dalla prima ondata della pandemia. Già meno di due mesi dopo, il 16 maggio 2020, l’allora ministro della Giustizia Alfonso Bonafede accolse la richiesta dai deputati del Pd Elena Carnevali e Maurizio Martina di intitolare la struttura a don Resmini.

Oltre che cappellano del carcere, don Fausto Resmini era impegnato al Patronato San Vincenzo e fondato la Comunità Don Lorenzo Milani di Sorisole, punto di riferimento per l’accoglienza di persone con difficoltà ed ex carcerati.    POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Vaccini: ordinanza Figliuolo, priorità over 80 e fragili
Recepisce indicazione Draghi. Chi ha iniziato ciclo lo terminerà
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
09 aprile 2021
22:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Firmata nuova ordinanza del Commissario straordinario Francesco Figliuolo: per i vaccini priorità agli over 80 e alle persone fragili. Il provvedimento, coordinato con il ministero della Salute, recepisce quanto indicato dal premier Mario Draghi ieri in conferenza stampa.
Le categorie di priorità indicate dal ministero della Salute permangono ma vengono temperate con il criterio dell’età. Chi ha già iniziato il ciclo vaccinale lo terminerà.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scomparsi in Messico, 50 anni di carcere a due agenti coinvolti
Appello di Francesco Russo: “Se lo sapete diteci dove sono”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
09 aprile 2021
22:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Tribunale dello stato messicano di Jalisco (sesto distretto giudiziario) ha inflitto a 50 anni di carcere a Salomon Adrian Ramos Silva ed Emilio Martines Garcia, i due poliziotti ritenuti colpevoli della “sparizione forzata” di Antonio Russo e Vincenzo Cimmino, due dei tre italiani scomparsi in Messico il 31 gennaio 2018.
Per i giudici sono pienamente colpevoli del reato contestato in concorso con altri pubblici ufficiali tra i quali il comandate della polizia locale e il suo vice.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I due poliziotti sono stati anche interdetti dai pubblici uffici. La decisione giunge a distanza di una settimana dal riconoscimento di colpevolezza pronunciato lo scorso 3 aprile.
Nessuna notizia di Linda Guadalupe Arroyo, la poliziotta imputata fuggita durante la scorsa udienza, in occasione di una pausa. Gli inquirenti Sonia Alvarez Cisneros, Jaime Navarro Hernandez, Jorge Vejar Villa e Manuel Alejandro Gutierrez Banuelos della Fiscalia, la magistratura inquirente messicana, hanno chiesto al giudice di condannare i due agenti a 60 anni di carcere, a un risarcimento di un milione di peso e all’interdizione dei pubblici uffici. La difesa degli imputati invece ha chiesto pene più lievi per gli agenti che, è stato sottolineato, non facevano altro che eseguire ordini superiori.
I pm hanno sottolineato, durante la requisitoria, che la richiesta della pena massima è motivata dal fatto che gli agenti era pienamente consapevoli del crimine che stavano commettendo.
Per la Fiscalia, inoltre, Antonio e Vincenzo, così come anche Raffaele Russo (difesi dall’avvocato Claudio Falleti), di cui si persero le tracce diverse ore prima del figlio e del nipote, sono tuttora classificati come “desaparecidos” e per questo motivo le ricerche continueranno. Dopo la requisitoria ha preso la parola Francesco Russo (in video collegamento da Napoli, insieme con l’avvocato Luigi Ferrandino), il quale ha pregato gli inquirenti di chiedere un ultima volta agli agenti condannati di dire, qualora lo sapessero, dove si trovano Raffaele e Antonio Russo e Vincenzo Cimmino.   MONDO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Moby Prince, 30 anni fa una tragedia rimasta mistero. Mattarella: inderogabile impegno a fare luce
Parenti delle 140 vittime, “il Parlamento indaghi ancora”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
10 aprile 2021
08:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Era una limpida sera di primavera quella di 30 anni fa, il 10 aprile 1991, quando nella rada livornese, alle 22.25, il traghetto Moby Prince della Navarma entrò in collisione con l’Agip Abruzzo, petroliera della Snam, a 2,7 miglia dalla costa. Fu l’inferno: morirono in 140 tra passeggeri e equipaggio del Moby.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si salvò solo Alessio Bertrand, mozzo del traghetto che partito alle 22 era diretto a Olbia. Tutti salvi sulla nave Agip. E’ stata la più grande tragedia della marineria italiana, finora senza colpevoli e con tanti misteri.
“Sulle responsabilità dell’incidente e sulle circostanze che l’hanno determinato è inderogabile ogni impegno diretto a far intera luce. L’impegno che negli anni ha distinto le associazioni dei familiari rappresenta un valore civico e concorre a perseguire un bene comune”. Lo dichiara il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ricordando il trentesimo anniversario del disastro della Moby Prince.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La prua del Moby penetrò la cisterna numero 7 della petroliera: il greggio si riversò sul traghetto che si trasformò in un’immensa torcia con l’innesco delle fiamme, provocato forse dall’attrito delle lamiere. Varie le ipotesi sul perchè accadde: nebbia, eccesso di velocità, un’esplosione, un guasto alle apparecchiature di bordo. Anche la distrazione: si pensò che chi avrebbe dovuto vigilare stava guardando Juventus-Barcellona in tv, semifinale di Coppa Uefa. Di certo i soccorsi arrivarono in ritardo: il traghetto fu individuato solo alle 23.35. Una ‘Ustica del mare’ per i familiari delle vittime che dopo decenni di inchieste, processi e verità distorte e demolite continuano a chiedere che il Parlamento indaghi ancora per fare una volta per tutte chiarezza. Già ha lavorato una commissione parlamentare le cui conclusioni, arrivate nel 2018, hanno portato anche alla riapertura delle indagini della procura di Livorno. I familiari chiedono ora una bicamerale che possa proseguire oltre la scadenza della legislatura, “fino al raggiungimento del suo scopo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La vorrebbero Luchino e Angelo Chessa, figli di Ugo, il comandante del Moby Prince morto in plancia, che guidano l’associazione 10 Aprile-Familiari vittime Moby Prince Onlus, e Nicola Rosetti, vicepresidente dell’associazione dei 140 familiari vittime Moby Prince. D’accordo con la loro richiesta Silvio Lai, che da senatore ha presieduto la prima commissione la cui relazione conclusiva ha escluso che la tragedia sia riconducibile “alla presenza della nebbia e alla condotta colposa avuta dal comando del traghetto” e ha ritenuto che l’allora inchiesta giudiziaria fu “carente e condizionata da diversi fattori esterni”, che la petroliera si trovava “in zona di divieto di ancoraggio’ e che il Moby ebbe un’alterazione nella rotta di navigazione. Quanto ai soccorsi, alcuni passeggeri – secondo la commissione – potevano essere salvati ma durante le ore cruciali “la Capitaneria di porto apparve del tutto incapace di coordinare un’azione di soccorso”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ora la nuova commissione potrebbe servire per ricostruire il contesto di quella notte. Se quella precedente ebbe il tempo di sbobinare solo le conversazioni registrate sul canale di soccorso per Lai “sarebbe interessante ascoltare anche le bobine degli altri canali commerciali che registrarono conversazioni, che possono risultare utili a cercare nuovi spunti d’indagine, tra i natanti presenti in rada al momento dell’incidente”. Per Lai poi ci sono “altri aspetti da chiarire, a cominciare da quell’accordo assicurativo tra Snam e Navarma teso a chiudere qualunque ulteriore accertamento sullo stato delle due navi, ormai entrambe demolite. Un altro spunto potrebbe essere quello della ricerca di eventuali rottami sul fondale”. “Molto è stato fatto – si spiega dalle due associazioni – e grazie a quel lavoro che si interruppe per la fine della legislatura la procura di Livorno sta lavorando su reati non prescritti”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I familiari hanno anche fatto istanza civile contro i ministeri di Trasporti e Difesa “per inadempienze riguardo il controllo del porto di Livorno e l’assenza di soccorsi al Moby Prince” ma il tribunale fiorentino l’ha respinta “con una motivazione che non prende in considerazioni le conclusioni della commissione parlamentare, creando un corto circuito tra i poteri della Stato”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Furbetti” reddito di cittadinanza, 84 denunce nel Casertano
18 segnalazioni all’Inps. Intascati illecitamente 500mila euro
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
10 aprile 2021
09:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ottantaquattro persone residenti nel Casertano sono state denunciate dai carabinieri perché avrebbero percepito il reddito di cittadinanza senza averne titolo; altri 18 percettori sono stati invece segnalati all’Inps per la sospensione del beneficio, avendone perso diritto in quanto destinatari di misure cautelari personali o scoperti mentre prestavano attività lavorativa. In totale l’importo non dovuto percepito è di 500mila euro.

Tra le posizioni emerse figurano 5 persone appartenenti o attigue alla criminalità organizzata e 52 con precedenti per reati comuni. Tra i percettori scoperti anche persone che avevano il coniuge con redditi molto alti, e che hanno dichiarato il falso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Moby Prince: uno dei soccorritori, fu una notte da apocalisse
Parla uno dei due ormeggiatori che salvarono l’unico superstite
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
LIVORNO
10 aprile 2021
09:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Mi ricordo una nottata con il mio amico Mauro da apocalisse, ma abbiamo salvato l’unico superstite del Moby. Un visibilio di sensazioni impressionanti che non puoi dimenticare mai”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Comincia così il racconto di Valter Mattei, 69 anni, che insieme al collega ormeggiatore Mauro Valli la notte del 10 aprile 1991 riuscì a salvare Alessio Bertrand, mozzo del Moby Prince e unico superstite della tragedia avvenuta nella rada del porto di Livorno: il traghetto prese fuoco dopo la collisione con la petroliera Agip Abruzzo e morirono in 140 tra passeggeri ed equipaggio.

Per il trentesimo anniversario della tragedia, nella Sala Cerimonie del Comune di Livorno, il sindaco Luca Salvetti consegnerà a Mattei e Valli, una pergamena per esprimere “il più sentito ringraziamento dell’amministrazione”. “Nella tragica notte del 10 aprile 1991 – questa la motivazione -, a bordo di una piccola imbarcazione decisero prontamente di prestare soccorso alla nave in fiamme riuscendo a salvare Alessio Bertrand unico superstite della strage del Moby Prince”.
“Due navi che bruciavano in mezzo al mare – racconta Mattei, oggi in pensione – uno scenario inimmaginabile, una sensazione di impotenza, ma noi eravamo lì e siamo andati sotto bordo alla petroliera in fiamme con una barchetta di sette metri senza cabina e con il rischio, ripensandoci a mente fredda, di lasciarci la pelle. Con questo Moby Prince che ripassava sulla scena della collisione ogni 40 minuti facendo dei giri che lo riportavano in prossimità dell’Agip Abruzzo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Noi eravamo in contatto con il comandante della petroliera – racconta ancora l’ex ormeggiatore – per cercare di mettere in salvo i membri del loro equipaggio, quando dalla mia radio ascolto la comunicazione di uno dei due o tre rimorchiatori che nel frattempo avevano raggiunto l’Agip Abruzzo: ‘Franco stai attento arriva da dritta una nave senza comando’. A quel punto abbiamo rincorso il Moby poi l’abbiamo perso nel fumo, nel vapore acqueo e nei banchi di nebbia, c’era di tutto, abbiamo sentito l’odore della nave che bruciava e così siamo riusciti a incrociarla di nuovo.
In quel momento abbiamo visto Bernard che penzolava a un angolo di poppa del Moby, dal lato destro mi pare, si è lanciato in mare e così lo abbiamo raccolto. Continuava a lamentarsi dicendo che aveva camminato sui corpi, gli ho dato il mio giubbotto, e lo abbiamo consegnato a una motovedetta della capitaneria continuando a seguire il Moby per vedere se si buttava qualcun altro, ma purtroppo non si è buttato più nessuno. Girando attorno alla nave abbiamo visto che dentro il garage c’era un vero inferno di fuoco, così come dagli oblò uscivano solo fiamme. A quel punto abbiamo deciso di provare a seguire in corrente l’eventuale traccia di altri superstiti, ma riuscimmo a recuperare solo un pezzo di scialuppa che rimorchiammo a banchina”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Eolie puntano a diventare covid free entro l’estate
Sindaco di Lipari, sono già 2.500 i vaccinati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
10 aprile 2021
09:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le Eolie puntano a diventare covid free prima dell’estate. Il sindaco di Lipari Marco Giorgianni ha riferito che sono già 2500 i vaccinati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
1800 per la prima dose e 700 per il richiamo. I positivi sono scesi a 16 con un solo ricoverato a Messina.
Nel contempo è stata definita la campagna vaccinale in tutte le isole minori come previsto dal governo. “Grazie all’intesa tra l’Assessorato Regionale alla Salute e l’Asp di Messina e con il supporto del Comune di Lipari – dice Giorgianni – prende avvio nel nostro territorio la campagna vaccinale anti Covid -19 per gli abitanti delle isole minori. A partire da lunedì 12 aprile e sino a giovedì 22 aprile sarà possibile effettuare la prenotazione per ricevere il vaccino, registrandosi sul sito istituzionale del Comune di Lipari http://www.comunelipari.gov.it nella sezione dell’home page “Prenotazioni Anti-Covid”: qui si compilerà un form con i propri dati e contatti, che sarà poi fornito dal Comune all’Asp e si riceverà subito un numero di prenotazione. Sarà la stessa Asp a contattare successivamente tutti coloro che hanno fatto richiesta per indicare il luogo, la data e l’ora della vaccinazione, seguendo l’ordine di prenotazione”.
La vaccinazione verrà effettuata in ciascuna isola del Comune (quindi anche Stromboli, Vulcan, Panarea, Filicudi e Alicudi) e non sarà dunque necessario lo spostamento obbligato a Lipari. È possibile effettuare la prenotazione per tutti i cittadini residenti a partire dai 18 anni di età, per tutti coloro che sono domiciliati presso una delle isole del Comune di Lipari a partire dai 18 anni di età e per tutti i proprietari di casa sul territorio insieme ai componenti maggiorenni del proprio nucleo familiare. La vaccinazione è operata su base volontaria e in forma gratuita e, compatibilmente con la disponibilità delle dosi necessarie da parte dell’Asp, potrà prendere avvio già entro il mese di aprile.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Alessio Bertrand, unico sopravvissuto sulla Moby Prince: ‘Da 30 anni vivo con l’ansia’
Al Tg1, ‘dicevo ai soccorritori, recuperiamo qualcun altro’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
10 aprile 2021
09:46
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Pure gli altri ce la dovevano fare, perché solo io? Non mi do pace su questo”. E’ quanto ha detto Alessio Bertrand, l’unico superstite della tragedia della Moby Prince intervistato dal Tg1.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Da trent’anni.. tutti i giorni…vivo con l’ansia, con la depressione, prendo psicofarmaci”, ha aggiunto.
Appena salvato il marinaio aveva urlato: “Restiamo qua, recuperiamo qualcun altro. Pure prima di andare nell’ambulanza al porto ero innervosito, e dicevo: aiutiamo gli altri, perché ci sono altre persone”.

Ancora oggi Bertrand non riesce a dormire più di tre ore a notte. Con il risarcimento ha comprato la casa dove vive ad Ercolano con la moglie e due figli, che mantiene con la sua pensione d’invalidità. All’epoca era un mozzo di 23 anni, imbarcato con lo zio: da allora non è mai più salito su una nave.

“Sentimmo il boato, uscimmo fuori, andavamo avanti e indietro senza sapere dove andare. Poi mi sono appeso a un corrimano, aspettando qualcuno. Poi mi sono buttato a mare, e mi hanno preso due ormeggiatori, che poi mi hanno portato sulla motovedetta della capitaneria di porto”.

A trent’anni di distanza pensa che si possa ancora arrivare ad una verità giudiziaria? “Se indagano tutti quanti sì, si può sapere la verità. Per me, per i miei amici, per mio zio”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Resistenza: Anpi, morta partigiana Antonietta Romano Bramo
“Richiamò ideali pace, solidarietà, mondo migliore”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
10 aprile 2021
09:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ morta Antonietta Romano Bramo, la partigiana Fiamma: aveva 95 anni, era nata a Milano il 14 ottobre 1925. Lo ha reso noto il presidente dell’Anpi provinciale del capoluogo lombardo, Roberto Cenati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Antonietta Romano Brano – ricorda l’Anpi – entrò giovanissima, all’età di soli 16 anni, all’Alfa Romeo, grazie alla sua conoscenza del tedesco, e ben presto venne in contatto con una segretaria di Direzione collegata alla Resistenza. Fu quella la scintilla che determinò l’ingresso nei Gruppi di Difesa della Donna, nel Movimento dei Comunisti Cristiani e nella 111a Brigata Garibaldi Sap che agì nella zona Sempione di Milano. Il suo compito non fu solo quello di distribuire la stampa clandestina ed agire all’interno del suo luogo di lavoro, ma di tenere i collegamenti con le altre fabbriche, di consegnare medicinali ai partigiani in montagna, di spiare l’attività dei tedeschi, di incontrarsi con altre donne per convincerle ad opporsi al regime nazifascista e alle deportazioni. L’8 settembre 1945 Luigi Longo, Comandante generale delle Brigate Garibaldi, le conferì il diploma di Medaglia Garibaldina. Nella ricorrenza del settantesimo anniversario della Liberazione, ricevette il diploma di partigiana dal Ministero della Difesa. Dopo la Liberazione “costante è stata la presenza di Antonietta nelle scuole, nelle quali si è sempre recata per raccontare la sua storia, ma soprattutto per richiamare gli ideali della pace, della solidarietà, della realizzazione di un mondo migliore per i quali tante donne e uomini hanno combattuto durante la Resistenza”. Nel dicembre 2020, su proposta dell’Anpi Provinciale di Milano, alla partigiana è stato conferito l’Ambrogino d’Oro, la massima onorificenza cittadina.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gregoretti: udienza a Catania per discussione delle parti
Nell’aula bunker carcere di Bicocca, giornalisti ammessi in aula
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
10 aprile 2021
09:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ cominciata a Catania con l’intervento del Procura, che ribadirà la richiesta di non luogo procedere, la ‘discussione’ dell’udienza preliminare per la richiesta di rinvio a giudizio dell’ex ministro dell’Interno, Matteo Salvini, accusato di sequestro di persona per il ritardo dello sbarco da nave Gregoretti di 131 migranti nel luglio del 2019 ad Augusta, nel Siracusano.
L’ex ministro Salvini è presente nell’aula bunker del carcere di Bicocca assistito dal suo legale, l’avvocato Giulia Bongiorno.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per questa udienza i giornalisti sono stati ammessi in aula. Dopo il Pm Andrea Bonomo parleranno le parti civili che confermeranno le loro richieste di rinvio a giudizio dell’ex ministro Salvini. Sono AcccoglieRete, Legambiente ed Arci, rappresentate rispettivamente dagli avvocati Corrado Giuliano, Daniela Ciancimino e Antonio Feroleto, e una famiglia di migranti che era a bordo della Gregoretti, rappresentata dall’avvocato Massimo Ferrrante. L’ultima parte della ‘discussione’ sarà riservata all’avvocato Bongiorno, che risolleciterà il non luogo a procedere nei confronti del suo assistito. L’intervento della penalista, se non ci sarà il tempo necessario al completamento della sua esposizione, potrebbe slittare alla prossima udienza, già prevista per il 23 aprile.
Confermata, al momento, la data definitiva di conclusione dell’udienza preliminare sul caso Gregoretti: il prossimo 14 maggio, quando il Gup Nunzio Sarpietro leggerà , nell’aula bunker di Bicocca a Catania, la sua decisione . Due le strade percorribili: un decreto di rinvio a giudizio, con la fissazione della prima udienza dell’eventuale processo, o una sentenza di non luogo a procedere.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da lunedì a scuola 6,5 mln studenti, 8 su 10
Sono il 77% degli 8,5 mln alunni, dati Tuttoscuola
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
10 aprile 2021
10:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da lunedì 12 aprile rientrano a scuola per seguire le lezioni in presenza poco più di 6,5 milioni di alunni: il 77% degli 8,5 milioni di alunni iscritti nelle scuole statali e paritarie: quasi otto su dieci, secondo le stime di Tuttoscuola. Tra loro poco meno di 5,5 milioni bambini più piccoli della scuola dell’infanzia e alunni del primo ciclo, compresi quelli che si trovano in regioni classificate “rosse”.
In tutte le regioni, indipendentemente dal colore, accederanno ai servizi per la prima infanzia (0-3 anni) anche 356 mila bambini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Veneto Banca: iniziato a Treviso processo ex ad Consoli
Negato accesso all’aula, all’esterno gruppi ex correntisti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TREVISO
10 aprile 2021
10:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È iniziato questa mattina a Treviso il processo nei confronti di Vincenzo Consoli, ex amministratore delegato di Veneto banca, accusato di ostacolo alla vigilanza, aggiotaggio e falso in prospetto.
L’imputato è presente in aula.
Al pubblico e alla stampa è stato impedito l’accesso al Palazzo di giustizia, e non sono stati predisposti mezzi alternativi per consentire di assistere al dibattimento. All’esterno dell’edificio sono giunti alcuni componenti dei comitati degli ex correntisti della banca, tra cui il coordinamento “Don Enrico Torta”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sottrae 40mila euro a fratelli disabili, indagato parroco
Nel Foggiano. Legale prete ‘soldi erano per i due parenti’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
APRICENA (FOGGIA)
10 aprile 2021
10:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Don Luca De Rosa, parroco della chiesa ‘Santi Martino e Lucia’ di Apricena (Foggia), è stato raggiunto nei giorni scorsi da una misura cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Foggia che gli impone l’obbligo di dimora nel comune di San Severo (Foggia) con l’accusa di appropriazione indebita relativa ad una somma di oltre 40mila euro che il prete avrebbe sottratto a due fratelli foggiani affetti da patologie psichiatriche.
I fatti contestati dalla Procura e dai militari della guardia di finanza che hanno svolto le indagini, riguarderebbero il periodo che va dal 2019 al 2020.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono stati gli stessi fratelli a rivolgersi agli investigatori denunciando il parroco.
A quanto si apprende, il prete avrebbe prelevato la somma di denaro da un conto corrente bancario cointestato con i due fratelli. Si tratta di “soldi che – precisa l’avvocato Roberto De Rossi, difensore di don Luca – sarebbero però serviti per il sostentamento dei due parenti”.
“Per il momento – prosegue il legale – ritengo non opportuno rilasciare ulteriori dichiarazioni, preciso solo che ho avanzato, all’esito dell’interrogatorio di garanzia che si è tenuto il 7 aprile scorso, una istanza di revoca della misura cautelare a cui è sottoposto il mio assistito, anche alla luce dei molti e puntuali chiarimenti che quest’ultimo ha fornito davanti al gip”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: festa in appartamento di lusso a Milano, 14 multe
I carabinieri sono stati allertati dai vicini
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
10 aprile 2021
10:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Avevano preso in affitto un appartamento di lusso in piazza Santo Stefano, nel pieno centro di Milano, poco distante dall’università Statale e ieri sera hanno organizzato una festa con musica ad alto volume.
Per questo 14 studenti universitari ventenni sono stati identificati e multati dai carabinieri allertati dai vicini per gli schiamazzi.
L’appartamento era stato affittato da un 19enne e da una 18enne.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: commercianti Torino, nessun rispetto per chi lavora
Prima arancioni poi di nuovo rossi, inaccettabile balletto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
10 aprile 2021
11:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“E’ sempre peggio, non c’è nessun rispetto per chi lavora”: il presidente di Confesercenti Torino, Giancarlo Banchieri, commenta così “l’incredibile balletto a danno di decine di migliaia di commercianti”, che dopo essersi sentiti dire che il Piemonte sarebbe diventato arancione, hanno scoperto che la nuova colorazione non vale per Torino e Cuneo.
“Un comportamento inaccettabile: ancora una volta commercianti e cittadini sono stati trattati in modo irrispettoso – sostiene – Si è tessuta una tela di Arlecchino: ma Arlecchino faceva il buffone e non pretendeva di governare.
Se questo è l’andazzo, aspettiamoci altri capolavori”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Filippo: il Papa alla Regina, rattristato da notizia
Ricorda ‘devozione’ del Principe alla sua famiglia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
10 aprile 2021
12:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Rattristato nell’apprendere della morte di suo marito, il principe Filippo, duca di Edimburgo, Sua Santità Papa Francesco porge le più sentite condoglianze a Sua Maestà e ai membri della famiglia reale, ricordando la devozione del principe Filippo al suo matrimonio e alla sua famiglia” e il suo impegno pubblico “per l’educazione e il progresso delle nuove generazioni”. E’ quanto si legge nel telegramma inviato, a nome di Papa Francesco, dal Segretario di Stato, il card.
Pietro Parolin, alla Regina Elisabetta II. Il Papa “invoca le benedizioni del Signore di consolazione e pace”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: pentolada di protesta sotto Regione Lombardia
“Per dire a Fontana andarsene; in Lombardia è andato tutto male”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
10 aprile 2021
12:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Per dire a Fontana di andarsene.
Per dire che in Lombardia è andato tutto male” i Sentinelli, insieme ad Arci, Medicina Solidale e Casa Comune hanno organizzato una pentolada sotto palazzo Lombardia.

Ai partecipanti hanno infatti chiesto di presentarsi con pentole e padelle, coperchi e mestoli per far sentire in questo modo la loro voce. ‘Gestione inadeguata, sanità commissariata’ è uno degli striscioni che hanno portato i partecipanti alla manifestazione, che scandiscono con pentole e mestoli appunto i discorsi di chi interviene al microfono denunciando il “disastro” del sistema di prenotazione di Aria, come ha sottolineato il presidente di Arci Milano Maso Notarianni.
“Una cosa ci indigna più di tutte: 31 mila morti e non hanno mai detto una volta ‘scusa’, mai” ha aggiunto Luca Paladini chiedendo a nome dei Sentinelli che “Fontana e la sua giunta diano le dimissioni”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: chiesa del Cosentino diventa centro vaccinale
L’iniziativa a San Pietro in Mendicino
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
10 aprile 2021
15:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Un segno di vicinanza alle istituzioni e ai bisogni del territorio in una regione difficile come la Calabria”. Così don Enzo Gabrieli, parroco di San Pietro a Mendicino, in provincia di Cosenza, parla dell’iniziativa di predisporre la chiesa come centro vaccinale per gli anziani della zona: un vero e proprio “ospedale da campo” come desiderato da Papa Francesco.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La chiesa è un ex convento domenicano dove è venerata la Madonna delle rose e anche una reliquia di san Giuseppe Moscati che nel 1911 si mise a disposizione delle autorità di Napoli e sfidò il colera salvando centinaia di vite. Essa è inoltre vicina al centro Caritas che con i suoi volontari, spiega il parroco, insieme a quelli dell’onlus Madonna del Rosario, hanno allestito il luogo dove, grazie alla collaborazione delle istituzioni, sono stati consegnati un defibrillatore e un frigorifero per la conservazione dei vaccini a temperatura controllata.
Gli anziani – racconta l’Osservatore Romano – si sono presentati e sono stati accolti dai volontari che li hanno aiutati a fare le procedure burocratiche prima di sottoporsi al siero somministrato dai medici dell’azienda sanitaria che ha ritenuto idoneo il luogo di culto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: da Torino a Bari continuano le proteste per le chiusure
A Napoli il settore della moda in piazza con le mutande. A manifestare anche gli agricoltori e gli operatori del settore turistico
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
10 aprile 2021
18:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ancora proteste in diverse città italiane per le riaperture e per i ristori ai settori in crisi per la pandemia. A Napoli flash mob dei negozianti che, mutande alla mano, chiedono di riaprire.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In piazza commercianti anche dei settori della moda, dei gioielli e dei capi d’abbigliamento per lo sport. ‘L’intimo non trasmette il Covid mentre vestiti, scarpe e gioielli sì’, è uno degli slogan tra quanti protestano.
In diverse piazze d’Italia hanno protestato anche gli agricoltori. Da Torino a Bari l’accusa è quella di essere stati esclusi da ogni tipo di ristoro. A protestare anche gli stagionali.
In alcune località turistiche sono scesi in piazza i lavoratori del settore turistico, tra i più colpiti dalle chiusure dovute alla pandemia. “Non c’è più tempo, basta parole, chiediamo certezze nei vaccini, programmazione per la ripartenza, per poter lavorare con dignità e sicurezza”: a dirlo a viva voce oggi dal palco in piazza Tasso a Sorrento (Napoli), durante la manifestazione di protesta per lo stato di incertezza dei lavoratori della filiera del turismo, Giulia Riva in rappresentanza delle guide turistiche. Ma non solo lei ha chiesto certezze e vaccini per tutti, da chi lavora nel settore della filiera del turismo ai cittadini.  “Siamo stanchi di essere ignorati, vogliamo lavorare con dignità, diritti e sicurezza”: è la richiesta espressa oggi dagli operatori e dipendenti del turismo in una manifestazione di protesta a Forio (Napoli), nell’isola di Ischia, tenutasi in contemporanea con Capri, Amalfi e Sorrento.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: over 80; Toscana recupera su 1/a dose, media Italia
Ancora indietro per la seconda di richiamo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
10 aprile 2021
17:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Regione Toscana nella settimana ha recuperato terreno sulla somministrazione della prima dose di vaccino antiCovid agli over80, raggiungendo la media italiana, tuttavia resta indietro sulla seconda dose. E’ quanto risulta alla presidenza della Regione, in base al rapporto settimanale della presidenza del Consiglio dei ministri, pubblicato oggi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Toscana ha raggiunto con la prima dose di vaccino anti Covid il 68,12% della popolazione over 80, rispetto a una media italiana pari a 68,20%. Per quanto riguarda la seconda dose, invece, lo stesso report indica per la Toscana una copertura degli over 80 pari al 27,06%, risultato che resta parecchio inferiore alla media italiana che si attesta al 38,79%. Il report analizza anche l’avanzamento della campagna vaccinale su altre categorie di cittadini. Nella fascia 70-79 anni la Toscana risulta la seconda regione sulla prima dose con il 31,47% dei vaccinati contro il 19,89% della media nazionale, e sostanzialmente in linea sulla media nazionale nella somministrazione della seconda dose (Toscana 2,32%, Italia 2,48%). La Toscana, conferma il report di questa settimana, è tra le regioni che hanno completato il 100% di prima somministrazione del vaccino Covid tra gli ospiti delle Rsa (91,25% media italiana) e tra il personale del servizio sanitario (media italiana 91,63%).
“Stiamo procedendo secondo la nostra tabella di marcia – spiega il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani – e confermo le tempistiche precedentemente annunciate: entro il 25 aprile tutti gli over 80 avranno ricevuto almeno la prima dose di vaccino”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ambiente: presenza eccezionale meduse in mare Trieste
Studiosa, ogni anno arrivano ma stavolta numero altissimo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
10 aprile 2021
18:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A migliaia, le meduse hanno invaso le acque antistanti Trieste, spingendosi fino ad aree più o meno affollate, davanti a piazza Unità d’Italia, dove spesso si allenano canoisti e canottieri, e dove transitano barche a motore e a vela.
Il fenomeno si manifesta ogni anno ma stavolta il numero sembra essere davvero enorme con interi tratti di mare completamente ricoperti da un tappeto di meduse della specie Rhizostoma pulmo, vale a dire bianche con il bordo blu.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli scienziati chiamano il fenomeno ‘bloom’ (e non perché Joyce e la sua Molly Bloom abbia vissuto a Trieste) e ritengono che siano tante le cause scatenanti. Una di queste senz’altro è dovuta alla sovrapesca, come afferma la ricercatrice dell’OGS (Istituto nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale) Valentina Tirelli. “Meduse e pesci spesso mangiano le stesse prede, quindi togliendo i pesci togliamo un predatore e le meduse vengono ad avere a disposizione più cibo; più cibo significa più capacità di svilupparsi”.
Tirelli ci tiene a precisare che la Rhizostoma pulmo, detta polmone di mare o dama del mare “è una medusa non particolarmente pericolosa, presente nel Golfo di Trieste quasi tutto l’anno. Non è dunque una gran novità ma è eccezionale che ci siano tanti esemplari”.
Se ne andranno? E quando? “Non sappiamo dirlo, quasi sicuramente sì perché anche altri anni le abbiamo viste arrivare e poi andarsene, però dobbiamo anche ricordare che le meduse sono qui da milioni di anni, sono tra gli organismi marini più anziani del nostro pianeta. I primi fossili di meduse risalgono a circa 500 milioni di anni fa quindi loro sono nel loro ambiente – indica la scienziata – Sono organismi molto resistenti e molto ben adattati, dovremo abituarci a convivere”.
Intanto, viene segnalata a Grado (Gorizia), località balneare a pochi chilometri in linea d’aria da Trieste, la presenza di centinaia di meduse della stessa specie spiaggiate, dunque morte. Potrebbero essere state spinte dalli correnti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Chat Palamara: Articolo 101, voteremo per sorteggio
Lunedi’ urne aperte per eleggere un togato al Csm
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
10 aprile 2021
18:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Noi quattro componenti del Cdc per la lista ArticoloCentouno voteremo per una idea, per un progetto, a queste prossime elezioni suppletive per il Csm, per continuare con forza e coerenza ad indicare quelli che sono gli unici interventi strutturali che effettivamente assicureranno discontinuità rispetto ai mali della correntocrazia: voteremo dunque per sorteggio, rotazione e incompatibilità.
L’invito é anche a votare, in questa occasione, solo per sorteggio, o uno o due degli altri, così auspicando il tramonto anche dei santini e garantendo la piena parità di genere.

Null’altro che il sorteggio garantisce la assoluta imparzialità, di cui il CSM ha tanto bisogno”. Lo scrivono Maria Angioni, Giuliano Castiglia, Ida Moretti e Andrea Reale, eletti al Comitato direttivo centrale dell’Anm di Articolo 101, in merito alle elezioni del Csm previste per lunedì e martedì prossimi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Goldkorn, Il bambino che venne dal fiume
Mito di Mosè tra ieri e oggi, con le vignette di Sergio Staino
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
10 aprile 2021
10:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
WLODEK GOLDKORN, IL BAMBINO CHE VENNE DAL FIUME. LE AVVENTURE DI MOSE’ (Feltrinelli Editore, pp.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
112, 13 euro. Con le vignette di SERGIO STAINO). Ci sono storie che non devono mai essere dimenticate, “perché sempre ci sarà bisogno di persone coraggiose che lottano per la libertà”: è con l’obiettivo di sottolinearne l’attualità che Wlodek Goldkorn rilegge in chiave laica e avventurosa il mito di Mosè nel libro “Il bambino che venne dal fiume”, edito da Feltrinelli, in libreria dal 1 aprile. Adatto al pubblico dei più piccoli (dai 9 anni in su), il volume è impreziosito dalle intelligenti vignette di Sergio Staino che offrono un continuo riferimento ai nostri tempi, con riflessioni semplici ma profonde e mai scontate. La lettura procede secondo un doppio binario: mentre Goldkorn – mescolando le fonti bibliche alle invenzioni della sua fantasia – narra le avventure di Mosè alla guida del popolo di Israele verso la libertà, tra enormi deserti e fiumi, terribili piaghe, mari che si aprono e incontri con Dio, Staino ci parla di oggi, attraverso le figure di un bambino, di una bambina e di un gatto che riflettono sul mondo. Il coraggio di Mosè e le sue incredibili imprese vengono dunque reinterpretati alla luce del nostro difficile contemporaneo, in cui, come migliaia di anni fa, c’è ancora chi è ridotto in schiavitù, subisce soprusi e violenze, è costretto a scappare dal proprio Paese per sopravvivere o avere un’esistenza dignitosa. Il libro inizia con un Mosè bambino, trovatello, balbuziente ma dotato di carattere, che viene allevato come nipotino del faraone.
Divenuto adulto, Mosè, che fin da piccolo aveva desiderato la libertà (tanto da rischiare di essere ucciso dopo aver toccato la corona del faraone), abbandona lussi e privilegi e scappa nel deserto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La sua intenzione è quella di provare a liberare gli ebrei dalla tirannia e dalla schiavitù e portarli via dall’Egitto “verso una terra promessa, terra di latte e miele”.
Mosè si innamora, si sposa, ha figli, ma non esita ad abbandonare la famiglia per onorare il ruolo di guida del popolo, un ruolo che esercita sfruttando il suo innegabile carisma e i “superpoteri” di cui sembra esser stato dotato da Dio. Nel libro è proprio questo un aspetto particolarmente sottolineato, ossia la potenza delle parole e delle storie, quando queste riescono ad avere una valenza universale. Per convincerli a seguirlo e a fidarsi delle sue parole, Mosè racconta infatti agli ebrei di essere a colloquio con Dio, di aver ricevuto le tavole con scolpiti i Dieci Comandamenti e rassicura tutti sulla presenza divina in ogni suo passo verso la libertà tanto agognata. Questo è ciò che Mosè racconta, tuttavia nessuno può essere certo che tutto ciò sia realmente successo.
Ma alla fine, è così importante che la storia sia accaduta per davvero? Quello che conta in realtà, secondo Goldkorn e Staino, è l’insegnamento contenuto in ogni storia che, superando l’oblio del tempo e passando di bocca in bocca, di libro in libro, riesce ad arrivare fino a noi. Il lungo e avventuroso viaggio di Mosé ci insegna che vale la pena di ribellarsi alle ingiustizie e compiere qualche “miracolo” affinché tutti – gli “schiavi” di ieri e di oggi – abbiano il diritto di vivere una “nuova vita in un luogo meraviglioso”, senza violenze né soprusi, in pace e serenità. In fondo, scrive Goldkorn, “le storie più belle sono quelle di cui non sappiamo se sono vere o inventate. E talvolta quelle inventate diventano vere”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Marò: parlano le mogli di Latorre e Girone, ‘Ora verità, per noi la dignità conta’
‘Risarcimento non per responsabilità ma per sentenza politica’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
10 aprile 2021
16:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il messaggio che sta passando è che ora tutto sia finito, ma ieri è stato semplicemente applicato quanto prevedeva la sentenza del tribunale dell’Aja, che verrà poi ratificata nell’udienza del 19 aprile. Ora, però, inizierà la fase processuale in Italia che noi speriamo porti alla verità, perché per noi la dignità conta più di qualunque altra cosa: non può finire così”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo ha detto Paola Moschetti, moglie del fuciliere di Marina Massimiliano Latorre, commentando la decisione della Corte suprema indiana, pronta ad archiviare il dossier quando l’Italia avrà versato circa un milione di euro alle famiglie dei pescatori uccisi.
Latorre e il commilitone Salvatore Girone sono accusati di aver ucciso nel 2012 due pescatori indiani, al largo delle coste del Kerala, mentre erano a bordo della nave commerciale italiana Enrica Lexie per una missione antipirateria. Dopo l’accordo sull’ammontare del risarcimento dell’Italia alle vittime, circa 1,1 milioni di euro, ieri la Corte suprema di New Delhi ha dato l’ok all’archiviazione del caso appena la somma sarà versata.
“Ora, dopo 9 anni – prosegue Paola Moschetti – si apre una nuova fase che speriamo sia breve: non possiamo perdere altri dieci anni della nostra vita per arrivare alla verità dei fatti”.
“Inoltre – conclude Moschetti – vorrei aggiungere che tutte le notizie sugli ultimi sviluppi le abbiamo apprese dalla stampa e da nessun altro”.
“Della sentenza del tribunale dell’Aja guardiamo l’elemento essenziale, ovvero la riconoscenza dell’immunità funzionale e quindi della giurisdizione italiana che consentirà ai due fucilieri di poter dimostrare la loro innocenza dinanzi al tribunale italiano”. Lo dice Vania Ardito, moglie del fuciliere di Marina Salvatore Girone. “Il compenso dovuto agli indiani – prosegue – non è un risarcimento per responsabilità dei nostri militari, ma è dovuto dalla sentenza ‘politica’ del tribunale dell’Aja per trovare un giusto compromesso per entrambi le parti. Lo preciso perché nessuna figura istituzionale lo ha mai specificato”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Emilio Fede ricoverato al San Raffaele. “Mi hanno investito”
L’ex direttore del Tg4: “Sono tutto ammaccato ma poteva andare molto peggio”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
10 aprile 2021
20:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ ricoverato da alcuni giorni al San Raffaele di Milano, l’ex direttore del Tg4 che compirà 90 anni il prossimo 24 giugno. Quando si è saputo che era in gravi condizioni, è stato lui stesso a rassicurare sul suo stato di salute, spiegando di essere stato vittima di un brutto incidente ma di essere in fase di ripresa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Stavo attraversando la strada e non mi sono accorto che arrivava una macchina che mi ha investito”, ha detto, aggiungendo di essere stato operato a un braccio, a una gamba e a una spalla.
“Sono stato portato in ospedale con l’ambulanza – ha proseguito -. Sono tutto ammaccato, pago una mia distrazione ma mi rallegro perché poteva andare molto peggio”. Il suo ricovero non ha dunque nulla a che fare con il Covid a cui era risultato positivo lo scorso dicembre, quando dopo un periodo in isolamento in un albergo del lungomare di Napoli, che stava per chiudere per le festività natalizie, era stato trasferito nel Covid residence della Asl 1 del capoluogo campano.
A Napoli Fede aveva scelto di stare dopo aver ottenuto dal Tribunale di sorveglianza di Milano l’affidamento in prova ai servizi sociali, per espiare i meno di quattro anni residui di pena per il caso ‘Ruby bis’ dopo aver trascorso circa un anno in detenzione domiciliare. Un affidamento che gli permetteva di uscire dalle 6 alle 22.
Lo scorso giugno era stato arrestato su via Partenope, il lungomare di Napoli, mentre cenava con la moglie Diana per festeggiare l’89/o compleanno, dopo aver evaso i domiciliari. Il gip aveva poi rilevato che il giornalista era autorizzato a lasciare il proprio domicilio per motivi di salute – a Napoli era in cura da un ortopedico per i postumi di una caduta e da un cardiologo – sottolineando che l’età e la ricorrenza del compleanno “affievolivano notevolmente il fuoco del dolo dell’evasione”.

Cronaca tutte le notizie in tempo reale! SEMPRE AGGIORNATE! LEGGI INFORMATI SEGUI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 25 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 00:10 ALLE 19:56 DI VENERDì 09 APRILE 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Omicidio Luca Sacchi, intervento del Garante
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
09 aprile 2021
00:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Garante per la protezione dei dati personali ha disposto nei riguardi degli Organi di Stampa, Agenzie ed Informazione, la misura del divieto di ulteriore trattamento delle fotografie pubblicate e distribuite il 25 ottobre 2019 che ritraevano in manette o in stato di costrizione i fermati per l’omicidio del giovane Luca Sacchi, avvenuto due giorni prima a Roma. Invitiamo pertanto a tener conto del divieto qualora quelle immagini, che furono tempestivamente ritirate, siano state inavvertitamente archiviate dagli utenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Droga: Gdf Catania sequestra 153 kg marijuana, tre arresti
Stupefacente di tipo skunk, trovati anche 12 kg di hashish
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
09 aprile 2021
08:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Militari della guardia di finanza del comando provinciale di Catania hanno sequestrato 165 chilogrammi di droga, 153 kg di marijuana ad ‘alto potenziale’ stupefacente e 12 kg di hashish, e arrestato tre persone, uno straniero e due italiani. Le indagini del Gico delle Fiamme gialle sono state avviate controllando un furgone condotto da un 41enne moldavo residente in Spagna che aveva attirato l’attenzione degli investigatori perché era entrato ad alta velocità in un deposito di Misterbianco.
Ad attenderlo c’erano un 48enne torinese residente a Catania e un 32enne catanese residente a Ragusa. Durante un controllo del furgone e del deposito la guardia di finanza ha trovato e sequestrato circa 153 kg di marijuana del tipo skunk, ad alto potenziale stupefacente, e circa 12 kg di hashish, suddivisi in panetti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Trattativa. La storia di chi provò a salvare Moro
Storiainpodcast presenta una docuserie sul caso
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
09 aprile 2021
10:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli audio mai ascoltati della Commissione Moro, i testi e le immagini inedite del diario di Amintore Fanfani dei 55 giorni, le interviste ai protagonisti di quella tragica vicenda. In 10 puntate, contenuti extra e fotografie, la ricostruzione del tentativo di salvare la vita al Presidente della Democrazia Cristiana, rapito il 16 marzo 1978 e assassinato il 9 maggio dello stesso anno dalle Brigate Rosse.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un tentativo, che non conseguì risultati e che la Storia ricorderà con un sostantivo femminile: Trattativa, che contrapposto a quello di Fermezza, segnerà, nella contrapposizione drammatica tra due linee di principio, un passaggio tragico della nostra storia politica.
E’ possibile ascoltare per la prima volta nella serie i contenuti delle bobine delle audizioni della Commissione Moro e di leggere e guardare le fotografie del diario di quei giorni scritto da Amintore Fanfani, allora Presidente del Senato. La docuserie curata da Francesco De Leo contiene, tra le altre, le testimonianze di Claudio Martelli, Franco Piperno, Claudio Signorile, Luciano Violante e Luigi Zanda.
Prodotto da Mondadori Scienza, Storiainpodcast è un inedito ed esclusivo viaggio nel passato che con 10 canali tematici si rivolge alla grande community di appassionati di storia per raccontare le grandi vicende della civiltà umana. Storici e divulgatori contemporanei interpretano i fatti del passato in un formato innovativo e tecnologico – il podcast – che sta modificando il mondo dell’informazione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È possibile ascoltare per la prima volta un passaggio dell’audizione di Bettino Craxi alla Commissione Parlamentare d’Inchiesta sulla strage di Via Fani sul sequestro e l’assassinio di Aldo Moro e sul terrorismo in Italia (6 novembre 1980) tratta da una bobina custodita presso l’Archivio Storico del Senato della Repubblica e desecretata nel luglio 2020 dalla Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati e dal Presidente della commissione per la Biblioteca e Archivio Storico del Senato Gianni Marilotti.
Guardare alcune foto del diario autografo di Amintore Fanfani, presidente del Senato durante la prigionia di Aldo Moro.
Ascoltare le testimonianze di due protagonisti della vicenda: Luciano Violante e Franco Piperno. Violante, membro autorevole dell’allora Partito Comunista Italiano, risponde alla domanda se sia stato fatto tutto per la salvezza di Moro. Franco Piperno, allora leader dell’Autonomia Operaia, movimento della sinistra extraparlamentare, racconta la spaccatura creatasi nelle Brigate Rosse dopo la decisione di uccidere il prigioniero e del suo incontro a Roma con il brigatista Mario Moretti a solo un mese dall’assassinio di Moro.   POLITICA

QUI TROVATE TUTTI I 10 EPISODI DEL PODCAST

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Carico di cocaina da 6 mln in un tir, due arresti a Cagliari
Operazione della Polizia, sequestrati 20 chili di droga
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
09 aprile 2021
08:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Stavano trasportando 20 chili di cocaina purissima, nascosti in un Tir, ma sono stati scoperti e arrestati dagli agenti della Polizia di Stato a Cagliari.
Sequestrata droga per un valore di oltre sei milioni di euro.

Il blitz, condotto dagli investigatori della Squadra mobile della Questura del capoluogo, è scattato ieri. I poliziotti hanno fermato e perquisito il mezzo pesante, recuperando il carico di cocaina destinato al mercato dell’Isola.
I dettagli dell’operazione antidroga saranno illustrati questa mattina nel corso di una conferenza stampa alle 11 in Questura.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Capi ‘taroccati’, Adm e Gdf ne sequestrano oltre duemila
Tra Imperia e Vercelli. Denunciato commercianti origine cinese
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
09 aprile 2021
09:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Due distinte operazioni sono state effettuate a seguito della cancellazione del brand “Ghlain Klain” dall’ Euipo (Istituto Europeo della Proprietà Intellettuale) per l’opposizione esercitata dal titolare del marchio Calvin Klein Trust International. Oltre al sequestro di 170 capi a Vercelli, eseguito dall’Agenzia dei monopoli vercellese, personale dell’Adm e della Guardia di finanza di Imperia hanno effettuato il sequestro di oltre 2.100 capi contraffatti all’interno di 7 diversi esercizi commerciali.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli imprenditori, tutti di nazionalità cinese, sono satti denunciati per i reati di contraffazione e ricettazione.
Le due operazioni hanno preso le mosse da una segnalazione dell’Ufficio Antifrode delle Dogane della Direzione Interregionale della Liguria, Piemonte e Valle d’Aosta, che ha consentito di avviare un’intensa attività di intelligence sul territorio del nord ovest e di individuare gli esercizi che commercializzavano i capi di abbigliamento del marchio incriminato di cui era già stata accertata la presenza sul territorio nazionale. La contraffazione è stata infatti determinata dall’apposizione della dicitura ‘Ghlain Klain’, riportata con caratteristiche dimensionali ed estetiche tali da poter essere facilmente scambiata per il ben noto marchio internazionale “Calvin Klein. I capi riportavano peraltro l’iconico monogramma “CK”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gelmini a Regioni, chi vaccinerà di più riaprirà prima
“Sapremo con il generale Figliuolo riprogrammare la campagna”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
09 aprile 2021
09:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Chi vaccinerà di più riaprirà prima”: Lo ha ribadito la ministra degli Affari regionali Mariastella Gelmini, riprendendo la linea del premier Mario Draghi, a Radio Anch’Io stamani su Radio Uno Rai.
“Sapremo con il generale Figliuolo riprogrammare la campagna vaccinale nel tempo più breve possibile, alla gente dobbiamo dire che abbiamo usato finora la massima precauzione, ma che bisogna vaccinarsi”, ha aggiunto parlando del caso Astrazeneca, con il cambio di destinazione preferenziale del vaccino agli over 60 e la possibile diffidenza degli anziani nei confronti del prodotto anglo-svedese.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Adescava minorenni, denunciato 70enne nel Reggiano
Condotte moleste a sfondo sessuale fermate dai carabinieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
REGGIO EMILIA
09 aprile 2021
09:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si avvicinava, in bicicletta o a bordo della sua auto, a ragazzine adolescenti sotto i 16 anni – nei pressi delle scuole primarie o medie, di circoli ricreativi, parchi e piste ciclabili – e si rivolgeva loro, in modo esplicito, offrendo denaro in cambio di rapporti sessuali.
Protagonista della vicenda, un uomo di 70 anni denunciato alla Procura della Repubblica di Bologna dai carabinieri di Gattatico, nel Reggiano, con l’accusa di adescamento di minorenni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Non sono stati accertati – a quanto appreso – contatti fisici, anche, se in alcune occasioni, l’uomo avrebbe tentato di accarezzare le giovani.
La condotta del 70enne, non aveva mancato di sollevare timore tra le adolescenti e in un gruppo WhatsApp di genitori era anche iniziato a circolare un messaggio di allerta per la presenza di un anziano molesto.
Sono almeno cinque i casi di adescamento denunciati ai militari – ma sarebbero diversi quelli venuti alla luce a seguito delle indagini – che hanno raccolto indizi e verificato circostanze dopo aver accolto l’appello dei genitori delle minorenni e le testimonianze degli abitanti della zona sulla condotta dell’anziano che non sarebbe nuovo a questi comportamenti.
Gli episodi, a quanto emerso dall’attività di indagine, si sono susseguiti dall’inizio dell’anno in diversi luoghi di un comune della Val d’Enza, in particolare di fronte alla scuola primaria e alle scuole medie, circoli e parchi e presso la pista ciclabile. Non sono stati accertati veri e propri contatti fisici, anche se in alcune occasioni l’uomo ha tentato di accarezzare le giovani oggetto delle sue attenzioni e in un caso, dopo il rifiuto, ne ha inseguita una.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Avaria a sistema antincendio, nave Grimaldi ferma a Olbia
Sarebbe dovuta arrivare a Livorno stamattina, salperà alle 11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
OLBIA
09 aprile 2021
10:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A causa di un’avaria al sistema di rilevazione degli incendi, rilevata poco prima della partenza per il porto di Livorno prevista per le 23 di ieri, la nave Cruise Europa della Grimaldi Lines ha dovuto trascorrere la notte al molo 4 del porto dell’Isola Bianca, a Olbia, con a bordo 207 passeggeri e 73 componenti dell’equipaggio, 101 auto, 24 autoarticolati e 85 semirimorchi.
Il carico e i passeggeri, già imbarcati e sistemati a bordo, hanno dovuto attendere l’arrivo questa mattina alle 8 della nave Cruise Sardegna della stessa compagnia di navigazione che, una volta ultimate le operazioni di sbarco e imbarco, partirà alle 11 per il porto di Livorno.

Sul Cruise Europa intanto proseguono i lavori per la risoluzione dell’avaria.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sequestrate 300 tonnellate pellets contraffatto,una denuncia
Sigilli della Gdf a impianto in Calabria. Marchio taroccato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PATERNO CALABRO
09 aprile 2021
10:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Trecento tonnellate di pellets con marchio contraffatto, trovati all’interno di un impianto di produzione di Paterno Calabro, sono stati sequestrati dalla Guardia di finanza di Cosenza che ha denunciato in stato di libertà un imprenditore con l’accusa di contraffazione.
Lo stabilimento, dislocato su una superfice di oltre 10.000 metri quadri, è stato individuato e sequestrato a seguito di una serie di attività svolte sul campo con sopralluoghi e appostamenti e anche attraverso la consultazione del portale dell’Associazione Italiana Energie Agroforestali.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In tal modo è emerso che l’azienda boschiva risultava priva delle previste autorizzazioni per l’utilizzo del marchio “EN PLUS A1”, non essendo inserita nelle liste ufficiali dei produttori, distributori e trasportatori. Il sequestro ha riguardato l’intero impianto di produzione, composto da macchinari e strumentazione tecnica, al quale era collegata una bobina, della lunghezza di oltre 2.000 metri, contenente circa 130 sacchetti compressi con marchio contraffatto.
Dall’esame delle fatture è stata ricostruita la filiera produttiva illegale, al cui vertice era posta la società che, dopo aver acquistato le materie prime da fornitori situati nell’area silana, le trasformava in prodotti finiti, successivamente rivenduti, a prezzi più vantaggiosi rispetto agli standard del mercato, ad una fitta rete di attività commerciali al dettaglio delle province di Cosenza e Catanzaro.
A seguito di una perizia tecnica, eseguita nel laboratorio di analisi convenzionato con il licenziatario del marchio, oltre alla conferma della contraffazione del logo originale, ha stabilito che il pellet aveva caratteristiche qualitative inferiori rispetto a quelle oggetto della certificazione.
L’utilizzo del marchio EN PLUS A1, infatti, è garanzia di elevati standard qualitativi del prodotto. E per tale motivo, il produttore, prima dell’immissione in commercio, deve dimostrare di aver impiegato legname di pregio e di non aver aggiunto sostanze tossiche.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Marche, 452 contagi in un giorno, 65 con sintomi
Casi 17% delle 2.661 nuove diagnosi. 124 in provincia di Ancona
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
09 aprile 2021
11:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In 24ore 452 positivi al coronavirus tra le 2.661 nuove diagnosi (17%). Dei casi, riferisce il Servizio Sanità della Regione, 124 riguardano persone della provincia di Ancona, 96 di quella di Pesaro Urbino, 93 della provincia di Ascoli Piceno, 75 del Maceratese e 36 del Fermano; 28 i casi da fuori regione.
Dei contagiati 65 presentano sintomi. Nel Percorso Screening Antigenico, invece, effettuati 721 test e riscontrati 31 positivi (da sottoporre al tampone molecolare) con “rapporto positivi/testati al 4%”.
Nelle ultime 24 ore sono stati testati in tutto “5.122 tamponi: 2.661 nel percorso nuove diagnosi (di cui 721 nello screening con percorso Antigenico) e.2461 nel percorso guariti (con un rapporto positivi/testati pari al 17%)”. I contagi tra le nuove diagnosi derivano da contatti in setting domestico (115), contatti stretti di positivi (124), in setting lavorativo (7), in ambiente di vita/socialità (3), in setting assistenziale (2), screening percorso sanitario (1). Per altri 135 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 2500 controlli in 24 ore agli arrivi in Sardegna
Prosegue attività Corpo forestale, ieri nessuna sanzione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
09 aprile 2021
11:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Proseguono quotidianamente i controlli da parte del Corpo forestale della Regione Sardegna per vigilare sul rispetto delle regole stabilite per l’emergenza sanitaria da Covid-19.
Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 2.557 controlli negli scali aeroportuali e portuali: 1.213 nell’aeroporto di Cagliari e 239 in quello di Alghero; 893 nel porto di Olbia, 163 in quello di Porto Torres, 35 a Cagliari e 14 ad Arbatax.

Sono stati effettuati anche 10 controlli nel territorio. Nessuna sanzione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: caos in hub Fiera Bari, centinaia in coda per dose
In attesa per ore anche anziani in sedia a rotelle e disabili
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
09 aprile 2021
11:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Caos stamattina all’hub vaccinale della Fiera del Levante di Bari, dove in centinaia hanno atteso per ore facendo lunghe code per accedere. La confusione si è creata perché tutti coloro che avevano ottenuto la prenotazione per oggi in questa sede sono stati convocati alla stessa ora, alle 9.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tra loro anche molti ultra80enni con bastoni e sedie a rotelle, alcuni per ricevere la seconda dose ma alcuni anche ancora in attesa della prima somministrazione, non ancora ricevuta perché inizialmente prevista a domicilio e poi, visti i lunghi tempi dell’organizzazione per le vaccinazioni domiciliari, modificata con quella in un punto vaccini della Asl. A questi si sono aggiunte alcune categorie di pazienti fragili e superfragili, over 16 con diabete Tipo 1 e i loro caregivers, ragazzi down e pazienti oncologici. Tutti hanno dovuto fare una doppia coda, una all’ingresso monumentale della Fiera per verificare la prenotazione e un’altra davanti all’hub per prendere il numero, registrarsi e attendere di essere chiamati per la somministrazione.
Anziani e disabili erano già coda prima delle 8, accompagnati da familiari, mentre la fila somigliava sempre di più a un unico assembramento di persone disposte a raggiera attorno al tavolino dove un volontario di Protezione civile spuntava le presenze.
Qualcuno, insofferente per la disorganizzazione, ha chiamato la Polizia municipale. Le code hanno iniziato a diradarsi dopo circa due ore. Agli anziani non deambulanti è stato consentito, nei limiti imposti dal distanziamento per le norme Covid, di entrare e accomodarsi. Gli altri hanno atteso all’esterno.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Beni confiscati: protocollo intesa Ministero del Turismo-Adm
Per l’utilizzo a titolo gratuito di un’autovettura
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
09 aprile 2021
11:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e il Ministero del Turismo hanno siglato un protocollo d’intesa per l’uso gratuito di un’autovettura confiscata, che verrà utilizzata nell’ambito dei servizi istituzionali svolti dal Ministero e condotta da personale con la qualifica di Polizia Giudiziaria.
L’assegnazione consentirà tra l’altro un risparmio sui costi di gestione e custodia, dal momento che a partire dalla data di consegna, e per tutta la durata dell’accordo, di un anno rinnovabile, il Ministero del Turismo provvederà a farsi carico di tutte le spese e gli oneri di gestione e manutenzione, sollevando ADM da ogni responsabilità civile relativa all’utilizzo del mezzo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono circa 1.000 le auto che, tra confische e sequestri, sono nella disponibilità di ADM. Sulla base di questa tipologia di protocolli ne sono state già assegnate 20, mentre altre 40 sono disponibili per una immediata assegnazione.
“L’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli – commenta il Direttore Marcello Minenna – ritiene un compito istituzionale di assoluta importanza contribuire al riutilizzo dei beni confiscati, in uno spirito di leale collaborazione tra amministrazioni dello Stato.
Un’auto sottratta alla criminalità organizzata, prima utilizzata per traffici illeciti, ora viene destinata ad attività istituzionali e a beneficio della collettività”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Sardegna sale a 11.257 dosi in 24 ore
Isola terzultima col 71,9% ma ritmo somministrazione cresce
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
09 aprile 2021
11:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cresce ancora il ritmo della vaccinazione in Sardegna. Nella giornata di ieri sono stati somministrati 11.257 vaccini nei vari hub dell’Isola, secondo quanto si apprende dall’assessore regionale della Sanità Mario Nieddu.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Superato, quindi, il record delle 11mila inoculazioni registrato il giorno prima. Si tratta di numeri non molto lontani dagli obiettivi assegnati dal commissario per l’emergenza, il generale Francesco Paolo Figliuolo: 12mila somministrazioni al giorno entro il 15 aprile, 17mila entro il 30, il contributo richiesto alla Sardegna per raggiungere il tetto delle 500mila inoculazioni a livello nazionale.
Un risultato a portata di mano considerato che da domani entrerà in funzione anche l’hub di Quartu Sant’Elena (terza città della Sardegna per numero di abitanti, confinante con Cagliari), dove saranno operativi i dieci medici e cinque infermieri militari mandati dal generale Figliuolo e che sarà in grado di somministrare mille dosi al giorno.
La prossima settimana sarà inaugurato il centro vaccinale di Oristano.
Ciò nonostante, dal report quotidiano della struttura commissariale, l’Isola risulta ancora agli ultimi posti per numero di dosi inoculate rispetto a quelle ricevute: a oggi 289.797 su 402.820 consegnate, quindi il 71,9%. Fanno peggio solo Puglia e Calabria.
Questa la distribuzione per fasce di età: 79.371 somministrazioni agli over 80, 17.923 agli over 90, 25.094 ai 70-79enni, 35.659 ai 60-69enni, 52.404 ai 50-59enni, 38.942 ai 40-49enni, 26.851 ai 30-39enni, 13.278 ai 20-29enni, 271 a chi ha tra 16 e 19 anni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AstraZeneca: in 2 ore 9.589 prenotazioni 60-69enni in Fvg
Agende aperte questa mattina. Riccardi, adesione positiva
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
09 aprile 2021
11:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono state aperte questa mattina alle 7 in Friuli Venezia Giulia le agende per le vaccinazioni delle persone tra i 60 e i 69 anni, alle quali sarà somministrato il vaccino AstraZeneca. Alle 9.15 avevano prenotato l’inoculazione 9.589 persone.

“L’adesione alla campagna vaccinale da parte delle persone di età compresa tra 60 e 69 anni si è confermata positiva – osserva il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi – e in poco più di due ore sono state registrate oltre 9.500 prenotazioni per l’inoculazione della prima dose di vaccino AstraZeneca”.
Dalle 7 alle 9.15 – spiega la Regione Fvg – attraverso i Cup, le farmacie e il call center telefonico regionale hanno prenotato la vaccinazione per il Covid-19 complessivamente 10.061 persone. Di queste 9.589 appartengono alla fascia d’età 60-69 anni, per le quali la prenotazione è possibile da oggi; 232 alla fascia 70-74; 70 alla fascia 75-79 e 170 rientrano tra i soggetti vulnerabili.
Delle 9.589 prenotazioni per la fascia 60-69, 8.041 sono state registrate dalle farmacie (84% circa).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: nessun decesso e 110 nuovi casi in Alto Adige
147 gli ospedalizzati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
09 aprile 2021
11:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’Alto Adige non registra decessi di pazienti covi nelle ultime 24 ore. I nuovi casi sono invece 110: 62 analizzando 1.066 tamponi pcr effettuati ieri e 48 analizzando 10.172 test antigenici eseguiti.

Scende da 152 a 147 il numero dei pazienti covid ospedalizzati: 24 in terapia intensiva (come ieri), 72 nei normali reparti (-2) e 51 nelle cliniche private (-3). Gli altoatesini in quarantena sono 3.143 (ieri 3266).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Maxirissa nel Varesotto: procuratore, sconvolge vuoto educativo
Conclusi gli interrogatori di garanzia di 15 under 18 coinvolti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VARESE
09 aprile 2021
12:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si sono conclusi gli interrogatori di garanzia dei 15 minori sottoposti a misura cautelare con l’accusa di aver organizzato e partecipato a una maxi rissa, lo scorso gennaio a Gallarate (Varese). Tre si sono avvalsi della facoltà di non rispondere, mentre gli altri hanno sostanzialmente confermato le loro azioni.
Ora la Procura per i Minorenni si appresta a chiedere il rinvio a giudizio.
“Sconvolge la solitudine educativa di questi giovani, i quali hanno difficoltà a mettere a fuoco la sproporzione di quanto hanno messo in atto”, ha dichiarato il Procuratore Capo per i Minorenni Ciro Cascone, “un vuoto rispetto alla gravità e gli orizzonti entro i quali collocare i propri comportamenti e le proprie azioni”. Infine, ha aggiunto, “ci auguriamo si riesca a mettere in atto un reale percorso educativo di recupero per tutti loro”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: in Campania 1.025.187; dosi somministrate
Prima dose a 745.839 cittadini, a 279.348 anche seconda dose
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
09 aprile 2021
12:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ad oggi, in Campania, sono 1.025.187; le somministrazioni dei vaccini effettuate.
Secondo i dati dell’Unità di crisi della Regione Campania, complessivamente sono stati vaccinati con la prima dose 745.839 cittadini; di questi 279.348 hanno ricevuto la seconda dose.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tod’s, Della Valle chiama Chiara Ferragni in Cda
“Preziosa conoscenza dei giovani, con lei progetti solidarietà”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
09 aprile 2021
10:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ritenendo sempre più importante occuparsi di impegno sociale, della solidarietà verso il prossimo e della sostenibilità nel rispetto dell’ambiente e del dialogo con le giovani generazioni, il gruppo Tod’s nomina Chiara Ferragni membro del Cda”: lo ha annunciato con una nota.
“Mi fa molto piacere che Chiara Ferragni sia entrata nel cda di Tod’s”, commenta Diego Della Valle: “La conoscenza di Chiara del mondo dei giovani sarà sicuramente preziosa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Inoltre, insieme, cercheremo di costruire progetti solidali e di sostegno per chi ha più bisogno, sensibilizzando e coinvolgendo sempre di più le nuove generazioni in operazioni di questo tipo”.
“Siamo certi – commenta il gruppo Tod’s – che la conoscenza di Chiara del mondo dei giovani, unita all’esperienza dei membri del cda, possa costruire un gruppo di pensiero dedicato a progetti focalizzati alla solidarietà verso gli altri, con forte attenzione al mondo giovanile che, mai come in questo momento, ha bisogno di essere ascoltato”.
“Ringrazio Diego Della Valle per la fiducia e il rispetto che ha nei miei confronti come donna e manager”, dice Chiara Ferragni : “Unirmi al gruppo Tod’s significa dare voce alla mia generazione con una delle eccellenze dell’Italia nel mondo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:Spallanzani, 213 ricoverati, finora 2356 dimessi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
09 aprile 2021
12:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In questo momento sono ricoverati allo Spallanzani di Roma 213 pazienti positivi al tampone per la ricerca Sars-CoV-2. Sono 38 i pazienti ricoverati in Terapia Intensiva.
I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali sono a questa mattina 2.356.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Picchiano dipendente gambiano dopo richiesta paga, arresti
Contestata aggravante razziale ad allevatore e suoi familiari
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BADOLATO
09 aprile 2021
12:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Avrebbe aggredito brutalmente, spalleggiato da alcuni suoi familiari, un cittadino gambiano suo dipendente che aveva chiesto il pagamento delle ultime giornate di lavoro. Cinque persone, tra cui Il titolare di un’azienda zootecnica di Badolato, sono state arrestate e poste ai domiciliari dai carabinieri perché ritenute a vario titolo responsabili di minacce, lesioni aggravate e percosse con l’aggravante di aver commesso i fatti con finalità di discriminazione raziale e di odio etnico nazionale e razziale e anche di avere commesso il fatto in più di cinque persone utilizzando oggetti atti ad offendere.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le ordinanze, emesse dal Gip del Tribunale di Catanzaro su richiesta della Procura del capoluogo, sono state eseguite dai militari della Compagnia Carabinieri di Soverato. I fatti risalgono al luglio scorso quando i carabinieri avevano soccorso la vittima, in Italia con permesso regolare, che era stato aggredito violentemente dal suo datore di lavoro, titolare di un’azienda di allevamento di ovini e bovini. Nella stessa circostanza altri familiari dell’allevatore si sarebbero accaniti sul giovane extracomunitario con pugni, calci, bastoni e pietre, proferendo nei suoi confronti parole offensive e minacciose. Temendo di essere denunciati, i presunti aggressori lo avrebbero abbandonato sul selciato dopo avergli distrutto il cellulare. A seguito delle lesioni riportate la vittima era stata portata nell’ospedale di Soverato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Spacciava cocaina clan calandola con cesto dal balcone, preso
Ieri notte a Napoli. “1560 euro? Risparmi reddito cittadinanza”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
09 aprile 2021
13:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le vie dello spaccio sono infinite, soprattutto a Napoli: consegnava la cocaina calandola con un cesto dal balcone Eugenio Araniello, 54 anni, arrestato dagli agenti del commissariato Vicaria Mercato ieri sera poco prima della mezzanotte, in pieno coprifuoco. Il cliente, appena ha visto arrivare la Polizia, si è dato alla fuga a bordo del suo scooter.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli agenti, conoscendo il personaggio, hanno subito pensato che in quel cesto certamente non c’era il latte per la colazione e sono intervenuti.
Chi c’era in casa, a quell’ora, ha anche cercato di ritardare la perquisizione: malgrado le reiterate richieste dei poliziotti.
La porta blindata dall’abitazione è stata aperta solo dopo 15 minuti durante i quali agli agenti non è sfuggito il cospicuo numero di volte che è stata scaricata l’acqua del water. A casa i poliziotti, infatti, non hanno trovato droga ma 1560 euro in banconote di vario taglio, nascosti in un calzino. Secondo l’arrestato si tratta di denaro risparmiato grazie al reddito di cittadinanza percepito dalla moglie. Eugenio Araniello, che secondo gli investigatori gestiva una “piazza di spaccio” nella zona per conto del clan Mazzarella, è stato messo ai domiciliari in attesa del giudizio con il rito direttissimo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rivolta Rebibbia su misure anti-Covid,46 detenuti a giudizio
Avvenne durante primo lockdown. Accusati anche di devastazione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
09 aprile 2021
13:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per i disordini avvenuti nel carcere di Rebibbia, il 9 marzo del 2020 a seguito delle misure disposte per contenere la diffusione del Covid durante il primo lockdown, 46 detenuti sono stati rinviati a giudizio. Lo ha deciso il gup di Roma fissando il processo al 30 giugno prossimo.
Altri quattro imputati hanno scelto di essere giudicati con il rito abbreviato. I pm Eugenio Albamonte e Francesco Cascini contestano, a vario titolo, reati di danneggiamento, sequestro di persona, rapina e devastazione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Axios Italia, in corso ripristino registro elettronico e app
“Vi terremo informati per il ripristino degli altri servizi”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
09 aprile 2021
13:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ in corso il ripristino del servizio di registro elettronico docenti e famiglie e delle App.
Lo rende noto la società Axios Italia dopo l’attacco hacker che ha bloccato il registro elettronico di circa 2.500 scuole italiane.

“Vi terremo costantemente informati per il ripristino degli altri servizi”, si legge sul sito di Axios Italia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Milano reati diminuiti di un terzo nell’anno del lockdown
Quasi dimezzati i furti in casa,solo aumento lviolenze sessuali
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
09 aprile 2021
13:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono diminuiti di un terzo i reati a Milano nell’anno del lockdown e della pandemia. Secondo i dati forniti dalla Questura il calo nel 2020 è stato del 32,11% rispetto all’anno precedenti.

Diminuiti del 43,95% i furti, (di oltre il 45% considerando solo quelli nelle case), diminuiti di più della metà gli arresti da parte della Digos -57,14%, con un crollo dell’83,94% di quelli legati alle manifestazioni sportive, prima cancellate e poi permesse solo senza pubblico presente, dell’83,94%.
In deciso calo anche le lesioni, (-23,44%), le rapine (-15,63%) e gli omicidi (-12,50%), . In diminuzione anche gli arresti (-14,04%) e i denunciati (-2,95%) e anche i maltrattamenti in famiglia (-2,15%). In controtendenza solo le violenze sessuali (+0,74%) mentre si registra una impennata delle persone e dei veicoli controllati (rispettivamente +19,53% e +65,01%) e un picco di sequestri di eroina, +849,59%,.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Fipe-Confcommercio martedì in piazza, vogliamo futuro
Pubblici esercizi a Roma per riaperture
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
09 aprile 2021
14:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fipe-Confcommercio martedì prossimo torna in piazza e lo fa con un’assemblea straordinaria, che si svolgerà dalle 11.30 in piazza San Silvestro a Roma, alla quale parteciperanno “le sigle di tutte le componenti della galassia dei Pubblici esercizi: titolari di bar e ristoranti, ovviamente, ma anche il mondo del catering e del banqueting, la ristorazione commerciale e collettiva, le discoteche, le imprese balneari e gli imprenditori del gioco legale e dell’intrattenimento”.
Tutti insieme per chiedere al governo “un programma per la riapertura definitiva delle loro attività, alcune delle quali sistematicamente chiuse da 14 mesi, e una data certa per avviarlo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’assemblea che annunciano “ordinata, pacifica e allo stesso tempo determinata come è nello stile della Federazione nazionale dei Pubblici esercizi, vedrà gli interventi di tanti piccoli imprenditori provenienti dalle diverse parti di Italia e che avranno modo di raccontare le loro storie di quotidiana disperazione. Sono inoltre previsti interventi del presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, del presidente di Fipe, Lino Enrico Stoppani e dello chef Massimo Bottura, patron dell’Osteria Francescana di Modena”.
L’assemblea sarà trasmessa in diretta streaming sui canali social della Federazione (Facebook, YouTube e Twitter).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sos rifiuti, Roma chiede aiuto a Napoli per conferimento
100 tonnellate indifferenziato al giorno. Valutazioni in corso
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
09 aprile 2021
14:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Sapna, società provinciale per la gestione dei rifiuti della Città metropolitana di Napoli, ha ricevuto una richiesta da parte della Regione Lazio e di Ama Roma per il conferimento di circa 100 tonnellate al giorno di rifiuto indifferenziato a causa della situazione di emergenza rifiuti che vive la città di Roma dopo la chiusura di un impianto nel Frusinate. Lo si apprende da fonti qualificate della Città metropolitana.
La richiesta è datata 2 aprile. Al momento Sapna, d’intesa con la Città metropolitana, ha in corso una valutazione tecnica per verificare l’accoglibilità della richiesta.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Clima terrore’ in classe, indagata maestra elementare
Aveva lavorato in due scuole primarie. Accuse anche a dirigenti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
09 aprile 2021
15:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Insulti, minacce, atteggiamenti aggressivi, vessazioni: aveva creato un “clima di terrore” fra i piccoli alunni, secondo la procura di Torino una insegnante – ora indagata per maltrattamenti – che in tempi diversi, fra il 2013 e il 2019, lavorò come supplente in due scuole primarie, la Alvaro-Gobetti e la Sinigaglia. Il pm Giulia Rizzo ha chiuso le indagini a carico della maestra e per la dirigente scolastica, la vicaria e il vice della Sinigaglia, che a loro volta sono indagati per omessa denuncia, omissione in atti di ufficio e anche maltrattamenti per non essere intervenuti.
I bimbi individuati come persone offese sono 21.   PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: il direttore vicario dell’Oms Guerra indagato a Bergamo
Pm, ha reso false informazioni su piano pandemico
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
09 aprile 2021
15:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ranieri Guerra, direttore vicario dell’Oms ed ex direttore generale della Prevenzione al Ministero della Salute, è indagato dalla Procura di Bergamo per false informazioni rese ai pm durante la sua audizione sul piano pandemico che risale allo scorso 5 novembre.
La notizia è stata anticipata sul sito di Report ed è stata confermata da fonti qualificate.
L’inchiesta riguarda le gestione del Covid nella Bergamasca nel corso della prima ondata di un anno fa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Terrore bus: sindaco Crema, si è chiuso sipario su fatto grave
Bonaldi, la vicenda ha profondamente scosso la nostra comunità
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
09 aprile 2021
16:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per il sindaco di Crema, Stefania Bonaldi, la conferma in appello della condanna, pur con una riduzione della pena, per Ousseynou Sy, il 48enne che dirottò e incendiò nel marzo 2019 un autobus con a bordo una scolaresca della città lombarda, era “attesa”. Si tratta di una condanna, “per un fatto gravissimo e pressoché inimmaginabile, che ha profondamente scosso la nostra comunità e prima ancora ragazzi e ragazze, allora dodicenni, e le loro famiglie”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ancorché’ con una riforma della condanna da 24 a 19 anni, probabilmente per un differente computo della pena assegnata per alcuni dei reati commessi, l’impianto della sentenza emessa oggi in secondo grado conferma la sostanza del pronunciamento della Corte d’Assise del luglio scorso, sia per le statuizioni penali che per quelle civili – commenta il sindaco di Crema – E non poteva essere altrimenti, non essendo emersi differenti elementi nella ricostruzione dei fatti e nella attribuzione delle responsabilità.
“Ci auguriamo che ora per i ragazzi e le loro famiglie, ai quali la nostra Comunità si è stretta subito in un abbraccio carico di trepidazione e di partecipazione – conclude il sindaco – sia arrivato il momento di chiudere definitivamente il sipario su un fatto grave, che ha comunque segnato la loro esistenza in un momento già di per sé particolarmente delicato, quello della preadolescenza”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Assessore Sardegna, “zona rossa, me l’ha detto Speranza”
Dopo primato unica regione bianca Rt a 1.54 declassa l’Isola
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
09 aprile 2021
17:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sardegna in zona rossa da lunedì 12 aprile. “Me lo ha comunicato il ministro della Salute Roberto Speranza”, conferma l’assessore della Sanità Mario Nieddu.
Nell’arco di poco più di un mese l’Isola ha prima sperimentato il record della zona bianca, unica Regione italiana ad aver ottenuto questo risultato, per poi passare in arancione, e adesso l’ultima retrocessione, complice il valore dell’indice di contagiosità (Rt) più alto d’Italia a 1.54.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Terrore bus: ridotta condanna a 19 anni per Sy
In appello, dopo dirottamento bus con 50 ragazzini nel 2019
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
09 aprile 2021
15:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È stata ridotta da 24 a 19 anni di carcere la condanna per Ousseynou Sy, il 48enne che dirottò e incendiò nel marzo 2019 un autobus con a bordo una scolaresca di Crema con 50 ragazzini, due insegnanti e una bidella, tutti messi in salvo dai carabinieri che fermarono l’uomo nella sua folle corsa a San Donato Milanese. Lo ha deciso la Corte d’Assise d’Appello di Milano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 718 vittime in 24 ore, mai così tante nel 2021
Pesa ricalcolo Sicilia mesi scorsi. Calo ricoveri e rianimazione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
09 aprile 2021
18:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 18.938 i positivi al test del coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 17.221.
Sono invece ben 718 le vittime in un giorno (ieri 487), un numero mai così alto nel 2021, su cui pesa un ricalcolo dei decessi della Sicilia dei mesi precedenti.
Sono 362.973 i tamponi molecolari e antigenici effettuati, ieri i test erano stati 362.162. Il tasso di positività del 5,2% (ieri era al 4,7%, quindi è salito dello 0,5).
Sono 3.603 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 60 in meno rispetto a ieri nel saldo giornaliero tra entrate e uscite, mentre gli ingressi giornalieri in rianimazione sono stati 192 (ieri 259). Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 28.146 persone, 705 in meno rispetto a ieri.
In totale i casi da inizio epidemia sono 3.736.526, i morti 113.579. Gli attualmente positivi sono 536.361 (-7.969 rispetto a ieri), i guariti e dimessi 3.086.586 (+26.175), in isolamento domiciliare ci sono 504.612 persone (-7.204).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bimbo di 3 anni cade in piscina e muore nel Cagliaritano
Figlio di un pastore ortodosso ucraino che celebrava matrimonio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
09 aprile 2021
19:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un bambino di tre anni e mezzo è caduto in una piscina ed è annegato in un’abitazione a Flumini di Quartu, a pochi chilometri da Cagliari. Il piccolo era figlio di un pastore ortodosso ucraino che stava celebrando un matrimonio in casa, secondo i primi accertamenti che i carabinieri della Compagnia di Quartu Sant’Elena stanno svolgendo per ricostruire la dinamica della tragedia.
Il padre era stato chiamato per officiare il matrimonio e ha deciso di portare con lui anche la moglie e i due figli. La cerimonia è stata celebrata questa mattina e il pastore la moglie e i figli sono rimasti con gli sposi. In casa c’erano complessivamente sette persone. Il piccolo stava giocando vicino alla piscina, piccola e con poca acqua, aveva anche indossato un costumino. I genitori lo avrebbero perso di vista solo un istante. Il piccolo si è tuffato in piscina e ha battuto la testa, oppure è caduto all’interno. Quando i familiari lo hanno visto in acqua era già privo di sensi. È subito scattato l’allarme, sul posto sono arrivati i medici del 118 e i carabinieri. I sanitari hanno tentato a lungo di rianimare il bimbo, ma non c’è stato nulla da fare.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Marò: Corte India, il caso si chiude con risarcimento da 1 milione
Media, le famiglie dei pescatori accettano la proposta di indennizzo dall’Italia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
09 aprile 2021
17:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si sta per chiudere anche davanti alla Corte suprema indiana il caso dei due marò, Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, dopo la decisione finale a luglio scorso dell’arbitrato internazionale. Secondo Asia news, l’Alta Corte ha stabilito che il dossier sarà chiuso quando lo Stato italiano avrà versato su un conto del ministero degli Esteri di Delhi 100 milioni di rupie (circa 1,1 milioni di euro) come risarcimento.
Le famiglie dei pescatori hanno infatti accettato l’indennizzo e la somma di denaro si aggiunge a quella già versata in passato dall’Italia per circa 245 mila euro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ponticello, storia di Martia Basile
Una sposa bambina nella Napoli del ‘600, tra abusi e coraggio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
09 aprile 2021
10:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MAURIZIO PONTICELLO, LA VERA STORIA DI MARTIA BASILE (Mondadori, pp.336, 19 euro). È una scrittura che restituisce al lettore la potenza dei sentimenti più autentici accanto a immagini sorprendentemente nitide della Napoli del XVII secolo quella di Maurizio Ponticello, autore del romanzo storico “La vera storia di Martia Basile”, edito da Mondadori.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il libro (candidato da Maria Cristina Donnarumma al Premio Strega 2021, poi non rientrato nella dozzina scelta a marzo) si ispira alla vita di una donna realmente esistita: si tratta di Martia Basile che, nella Napoli capitale del viceregno spagnolo a cavallo tra ‘500 e ‘600, a soli 12 anni viene ceduta in sposa dal padre a don Muzio Guarnieri, commerciante immischiato in traffici con la corte. Il matrimonio si rivela da subito un incubo fatto di stupri, botte e umiliazioni; la nascita di due figlie poi aggrava la furia inarrestabile contro Martia di don Muzio, desideroso a tutti i costi di un erede maschio. L’uomo, per riparare il disastro dei suoi affari, arriva addirittura a vendere ad alcuni potenti la moglie, a poco a poco sbocciata come un fiore dall’incredibile bellezza. Mentre Don Muzio viene incarcerato, Martia, provata dal dolore e dalle umiliazioni, riesce a fuggire e a prendere in mano la sua vita: entra in contatto con alcune donne che praticano la stregoneria e stringe con loro un’alleanza, conosce l’amicizia e finalmente anche l’amore. Tuttavia ciò non basta, perché la tragedia è alle porte: la donna, dopo aver ucciso il marito tornato a casa dal carcere più violento di prima, viene imprigionata, torturata e infine accusata non solo del viricidio ma anche di aver addirittura siglato un patto col diavolo. Nessuno potrà salvarla, neppure il menestrello Giovanni (figura ispirata al poeta napoletano Giovanni della Carretòla), suo amico e confidente, che di Martia canterà la storia nei suoi versi, affinché non sia dimenticata.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fondendo in modo efficace la realtà storica all’invenzione, la lingua italiana al napoletano (addolcito) dell’epoca, Ponticello costruisce con una prosa efficace, cruda e poetica al tempo stesso, un romanzo avvincente, pieno di colpi di scena, avventure, riferimenti colti e immagini forti. Tra le pagine si rincorrono gli odori e i sapori di una Napoli dall’anima contraddittoria, una città che è tante cose insieme, benedetta e maledetta, svilita e orgogliosa, sporca e bellissima, con il mare e il Vesuvio a far da testimoni privilegiati delle sue vicende. E poi la rievocazione di personaggi del calibro di Giordano Bruno, i misteri della fede e quelli della superstizione, la miseria e il destino segnato dei poveri accanto al potere sfrontato dei “padroni” di turno. C’è l’orrore nauseabondo degli stupri e delle violenze inaudite perpetrati da uomini senza umanità, la misoginia imperante, la tragedia e l’indecenza accanto all’arte di arrangiarsi tipica dell’immaginario partenopeo. In tutto questo emerge la straordinaria figura di Martia, la donna dal “fuoco vivo” e dal carattere indomito, che Ponticello descrive nel suo diventare adulta a mano a mano che avanza il racconto della sua storia: dalla bambina inconsapevole che era, Martia acquisisce la consapevolezza di se stessa e quella (amara) del suo destino ineluttabile, eppure sceglie di lottare come può, con tutte le forze, per ottenere se non la felicità almeno un po’ di pace e giustizia dopo tante sofferenze, abbandoni e tradimenti. Peccato che non ci riuscirà e che sarà condannata anche a una damnatio memoriae, tra imprecisioni storiche e censure, lunga secoli. Ma Martia, con il suo sacrificio e le angherie subite, diventa e resta un’eroina, assurgendo a simbolo di resistenza e dignità e di una storia femminile che nei secoli è stata lordata dalla violenza dell’uomo e che ancora aspetta di essere riscattata.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Musica: hit parade, Madame conquista la vetta
Unica new entry al terzo posto Millennium Bug X degli Psicologi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
09 aprile 2021
18:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La diciannovenne Madame, dopo aver partecipato al festival di Sanremo, porta il suo album d’esordio semplicemente intitolato “Madame” al numero uno dei dischi più venduti della settimana, secondo le rilevazioni Fimi/Gfk. Al secondo posto, i vincitori del festival, i Maneskin con Teatro d’Ira – Vol.
1, in attesa di prendere parte all’Eurovision Song Contest in programma a maggio a Rotterdam. Entra direttamente al terzo posto (unica new entry della settimana), la versione deluxe dell’ultimo album del duo Psicologi, Millennium Bug X, che conquista anche il primo posto tra i vinili.
Scivola al quarto posto, il dominatore di sette giorni fa, il rapper Massimo Pericolo con Solo tutto. E’ stabile in quinta posizione Mace con Obe, davanti a Capo Plaza con Plaza, in risalita di due gradini. Settimo Justin Bieber con Justin (perde una posizione). Rientra in top ten Sfera Ebbasta con Famoso, precedendo Emis Killa & Jake La Furia con la riedizione di 17 Dark Edition e Marracash con Persona.
Tra i singoli non mollano Colapesce Dimartino con la loro Musica Leggerissima, tormentone festivaliero.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ morto il rapper DMX, in coma per overdose
Era stato ricoverato in gravi condizioni a New York il 2 aprile
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
09 aprile 2021
18:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
DMX non ce l’ha fatta. Il rapper è morto a 50 anni dopo essere stato ricoverato lo scorso 2 aprile a New York per un attacco di cuore provocato da una overdose.

DMX, il cui vero nome era Earl Simmons, era in stato vegetativo dal momento del suo ricovero. Da anni soffriva di dipendenza dalla droga e diverse volte è stato costretto a cancellare I suoi concerti e ricoverarsi in centri di disintossicazione.
Dmx che sta per Dark Man X, e’ stato particolarmente famoso alla fine degli anni 1990 per le sue rime gotiche sottolineate dal timbro vocale profondo ed e’ oggi considerato come uno dei piu’ influenti artisti rap di sempre.   MONDO    SPETTACOLI, MUSICA E CULTURA

Cronaca tutte le notizie Tutti i fatti e gli avvenimenti di Cronaca sempre aggiornati approfonditi dettagliati monitorati affidabili! LEGGILI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 30 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 20:11 DI MERCOLEDì 07 APRILE 2021

ALLE 00:10 DI VENERDì 09 APRILE 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

‘Ndrangheta:chiuse indagini per 75,c’è il gotha delle cosche
Tre inchieste riunite da Dda Reggio C. in procedimento Epicentro
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
07 aprile 2021
20:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono state chiuse le indagini del maxiprocesso “Epicentro” con il quale la Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria ha riunito le operazioni “Malefix”, “Metameria” e “Nuovo corso”. L’avviso di conclusione indagini, firmato dal procuratore Giovanni Bombardieri e dai pm Walter Ignazitto, Stefano Musolino e Giovanni Calamita, è stato notificato a 75 indagati ai quali la Dda contesta la partecipazione alle più importanti articolazioni territoriali del mandamento “Reggio Centro”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tra gli indagati ci sono i vertici delle principali cosche di ‘ndrangheta. Tra questi i boss Carmine, Orazio, Paolo Rosario e Giorgino De Stefano conosciuto con il soprannome di “Malefix”.
Ma anche i fratelli Alfonso e Gino Molinetti detto “la belva”, Demetrio Condello, Giandomenico Condello, Demetrio Canzonieri, Antonio Libri, Filippo Barreca ed Edoardo Mangiola.
Tutti sono stati arrestati nelle tre inchieste coordinate dalla Procura di Reggio e sono considerati esponenti apicali delle rispettive famiglie di ‘ndrangheta.
L’avviso di conclusione indagini è stato notificato anche ad altri esponenti della criminalità organizzata come Antonio Serio detto “Totuccio”, Antonino Latella e Giovanni Rugolino detto “Craxi”.
Il procedimento “Epicentro” è così chiamato perché documenta le più allarmanti dinamiche criminali registrate in riva allo Stretto. La Procura ha documentato la definitiva e unitaria sinergia tra le cosche reggine, a prescindere dalle divisioni registrate a metà degli anni ottanta nella seconda guerra di mafia, con la preminente influenza dei gruppi di Archi riuniti attorno alla cosca De Stefano. Per altro verso, secondo gli inquirenti, le fibrillazioni registrate per la conquista del potere mafioso nel quartiere Gallico e le spinte scissioniste portate avanti soprattutto da Luigi Molinetti, hanno rischiato di deflagrare in un vero e proprio ‘terremoto’ di ‘ndrangheta, scongiurato dagli arresti chiesti dalla Dda dall’estate del 2020 fino a poche settimane fa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migliaia di coccinelle invadono un monte in Molise: e’ il “risveglio rosso”
Le immagini delle rocce prese d’assalto dagli insetti portafortuna sono subito diventate virali

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
23:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migliaia di coccinelle tutte ‘assembrate’, per usare un termine oggi molto diffuso, sulla stessa roccia. Le immagini, filmate nei giorni scorsi sulla Montagnola di Civitanova del Sannio (Isernia) una volta finite sui social sono subito diventate virali.
Nel punto più alto della località, tra pietre e rocce e vicino ad un serbatoio dell’acqua, la suggestiva scena si è presentata ad un abitante del posto, Nicola Ricci, ex guardia Forestale, che ha filmato tutto. “Ho ricordato quanto mi disse un amico tanti anni fa, quando ne vide 5 volte di più e rimase affascinato – racconta – e per questo ho filmato, chiamandolo e lui si è precipitato per vedere ancora questo spettacolo meraviglioso e raro”.
Le coccinelle, da quello che riportano gli studiosi, vanno in letargo e lo fanno dopo essersi riunite in grandi aggregazioni, riparandosi anche in anfratti rocciosi e in altura, prima di risvegliarsi a primavera per andare sulle piante, dove trovano, finalmente, il loro cibo, afidi e parassiti, svolgendo un ruolo fondamentale in natura. Quello filmato potrebbe dunque essere il momento del risveglio e dell’uscita dal rifugio invernale.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Cinque arresti nel Milanese, anche sindaco
Corruzione e giro di Dpi destinati a rsa e farmacie”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
08 aprile 2021
08:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Sindaco e la dirigente dell’ufficio tecnico del Comune di Opera (Milano), oltre a tre imprenditori edili, ritenuti responsabili – a vario titolo – di peculato, corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, sono stati arrestati questa mattina dai Carabinieri. Tra gli illeciti anche l’interramento di rifiuti nel Parco agricolo Sud Milano.

Antonino Nucera avrebbe fornito indebitamente anche mascherine a famigliari e dipendenti comunali amici quando durante la pandemia non si trovavano. “Il sindaco di Opera – si legge in una nota degli investigatori dell’Arma – nei primi mesi della pandemia, ha distribuito a stretti congiunti e a dipendenti comunali 2.000 mascherine chirurgiche che erano destinate a RSA e farmacie”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Ndrangheta: blitz Gdf e Ros, sequestrati beni per 1 mld
Eseguite una settantina misure cautelari per frodi petrolifere
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
08 aprile 2021
08:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I finanzieri dei Comandi provinciali di Napoli, Roma, Catanzaro e Reggio Calabria, unitamente ai finanzieri dello Scico e ai Carabinieri del Ros, coordinati dalle rispettive Direzioni Distrettuali Antimafia e dalla Procura Nazionale Antimafia e Antiterrorismo, stanno dando esecuzione a provvedimenti cautelari a carico di una settantina di persone responsabili di associazione di tipo mafioso, riciclaggio e frode fiscale di prodotti petroliferi.
Contestualmente sono in corso sequestri di immobili, società e denaro contante per un valore di circa 1 miliardo di euro.

L’operazione, secondo quanto si appreso, è frutto di 4 diverse indagini, coordinate dalle diverse Procure antimafia di Catanzaro, Reggio Calabria, Napoli e Roma e dalla Direzione nazionale antimafia. Le indagini sono confluite nella maxi operazione alla luce del fatto che avevano ad oggetto le stesse dinamiche criminali anche se con soggetti coinvolti diversi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In carcere col reddito di cittadinanza, denunciati detenuti
Un centinaio quelli pizzicati dalla Guardia di finanza a Torino
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
08 aprile 2021
10:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Benché in carcere ricevevano ancora il reddito di cittadinanza. La guardia di finanza ha denunciati 105 detenuti del carcere ‘Lorusso e Cutugno’ di Torino, o loro familiari, per aver indebitamente percepito 430 mila euro.

Le fiamme gialle, in collaborazione con l’Inps, hanno appurato che non avevano comunicato all’ente, entro due mesi dalla carcerazione come stabilito dalla norma, che fossero detenuti e la variazione della composizione del nucleo familiare. Tra i furbetti del reddito di cittadinanza figurano anche detenuti per reati di particolare gravità, quali associazione per delinquere, traffico e spaccio di stupefacenti, rapina, estorsione e furto, nonché violenza sessuale, pornografia minorile e maltrattamenti in famiglia.   PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Anziano ucciso a Torino, arrestato un pregiudicato
Fermato alla stazione con abiti sporchi di sangue, ha confessato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
08 aprile 2021
08:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un pregiudicato di origini catanesi, 50 anni, è stato arrestato dai carabinieri del Comando provinciale di Torino per l’omicidio di Vincenzo Rossi, il 91enne ucciso ieri pomeriggio a coltellate nella sua abitazione di Torino. L’uomo è stato fermato nella notte alla stazione di Porta Nuova.
Il movente dell’omicidio è da ricondurre ad una violenta lite tra i due per futili motivi, ancora meglio da chiarire.
Una volta fermato, con evidenti macchie ematiche sugli indumenti indossati, fortemente somigliante all’uomo ripreso dalle telecamere di un vicino tabaccaio posto di fronte all’abitazione dove è avvenuto il delitto, l’uomo è stato condotto presso la caserma Micca dell’Arma. Il pm di turno della procura del capoluogo piemontese lo ha sottoposto a fermo al termine di un interrogatorio nel corso del quale, messo alle strette degli investigatori, ha confessato il delitto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: ‘furbetti’ Biella, raffica di avvisi garanzia
Una sessantina, anche a vertici Asl
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
08 aprile 2021
08:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Avvisi di garanzia, una sessantina, per i ‘furbetti del vaccino’ a Biella. Tra questi qualche dirigente, avvocati e commercialisti, ma anche il commissario dell’Asl Diego Poggio, il direttore sanitario e quello amministrativo.
A inizio gennaio, quando la campagna riguardava soltanto i sanitari, avrebbero ‘saltato la fila’ per farsi vaccinare. Lo riporta il quotidiano La Stampa. I carabinieri, coordinati dal procuratore di Biella, Teresa Angela Camelio, li ha individuati esaminando esaminato i nomi riportati sugli elenchi dei vaccinati, segnando tutte le possibili anomalie.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Risveglio gelido sui monti d’Abruzzo, -22,6 a Piani di Pezza
A Campo Felice (1.538 metri) -21.7; L’ Aquila Ovest -8.6
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’AQUILA
08 aprile 2021
09:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Risveglio gelido nell’aprile d’Abruzzo con minime come i – 22.6° gradi di località Piani di Pezza, a 1.450 metri sul massiccio del Sirente-Velino, nel territorio di Rocca di Mezzo (L’Aquila).
Queste le altre temperature minime registrate dalla rete di monitoraggio dell’associazione meteorologica Caput Frigoris: a Campo Felice (stazione meteo ‘Il lago di ghiaccio’ a 1.538 metri di quota) -21.7° C; a Rocca di Mezzo -18.4°; a Terranera di Rocca di Mezzo -16.3°; al Rifugio Franchetti (stazione a 2433 metri di quota sul Gran Sasso) – 13.8°; a Campo Imperatore (con stazione meteo ‘Giardino alpino’ a quota 2132 sul Gran Sasso) -12.5°; Majelletta Blockhaus (stazione a 2003 metri sul massiccio della Maiella, in collaborazione con ‘Chieti Meteo’) -12.3°; Monte Genzana (1980 metri) -11.4°; Passo Godi -11.3; Tagliacozzo -10.7; Fonteavignone di Rocca di Mezzo -9.1; L’ Aquila Ovest -8.6; Rocca di Cambio -8.5; Aringo di Montereale (L’Aquila) -8.4; Pescasseroli -8.4; Navelli -7.7; Altopiano delle Cinque Miglia -7.4; Avezzano Nord -7.2; Rifugio il Ceppo -7.0; Campo di Giove -6.7; Bussi sul Tirino (Pescara) -5.9; Castel del Monte (L’Aquila) a 1.325 metri di quota) -5.6; Capestrano -5.6.   METEO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Vaccini: Sardegna risale a oltre 8mila dosi al giorno
Stop a over 70 a Bono, sindaco S. Sperate “guerra tra poveri”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
08 aprile 2021
09:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con l’arrivo delle nuove scorte di vaccini la Sardegna, almeno per ora, resta in fondo alla classifica nazionale stilata dal governo insieme alla Calabria: su 402.820 dosi consegnate finora è stato somministrato il 69,6%, cioè 280.244. Ma ieri sono state vaccinate nell’Isola 8.339 persone, con un aumento del 24% di inoculazioni: si tratta di 4.964 prime dosi e 3.375 richiami.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Intanto si è sempre in attesa del supporto die medici di base che stanno dando in questi giorni la disponibilità oraria (si parla di turni di 4 ore negli hub) e dell’apertura dei nuovi centri di vaccinazione: già questo fine settimana al Palazzetto dello Sport di Quartu, con un’operatività prevista di 1200 inoculazioni al giorno, e la prossima al palazzetto di Oristano.
Non si placano però le polemiche sulle file fatte fare agli anziani e sui ritardi nei territori. Il sindaco di Bono (Sassari), Elio Mulas, a tarda sera ha emanato un avviso ai propri concittadini e concittadine per comunicare un “inconveniente”: “l’Ats ci ha comunicato che la campagna vaccinale degli over ’70, prevista per i prossimi giorni, è stata annullata e rinviata di qualche giorno. Non appena verrà confermato il nuovo calendario con le date ufficiali, sarà nostra premura informarvi tempestivamente”.
PIù duro il sindaco di Samassi Enrico Pusceddu che – anch’egli a tarda sera su Facebook – parla di “guerra tra poveri” per le vaccinazioni nei territori e ha messo a disposzioni 42 dosi di vaccino per gli anziani di quei piccoli Comuni del suo territorio, il Medio Campidano, che non ne hanno ancora ricevute e che “saranno invitati alle prossime edizioni”. “I vaccini sono diventati una questione di sopravvivenze – scrive – e in contesti come questi i più ‘poveri’ sono costretti a farsi la guerra tra loro per elemosinare diritti che non dovrebbero essere mai, e poi mai, messi in discussione, tra questi il diritto alla salute a alla dignità delle persone”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Marche, 490 contagi in 24 ore e 50 da test antigenici
Ancona e Pesaro Urbino intorno ‘quota’ 150 casi, 65 con sintomi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
08 aprile 2021
10:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Prosegue ‘l’altalena’ nel numero di contagi da coronavirus nelle Marche: dopo i 286 casi comunicati ieri (9% nuove diagnosi), nelle ultime 24 ore ne sono stati invece riscontrati 490 (17,3%). Nel Percorso Screening Antigenico effettuati 804 test e riscontrati 50 positivi (da sottoporre al tampone molecolare).
Il rapporto positivi/testati è pari al 6%. Lo fa sapere il Servizio Sanità della Regione: in un giorno “testati 5.589 tamponi: 2.828 nel percorso nuove diagnosi (di cui 804 nello screening con percorso Antigenico) e 2.761 nel percorso guariti (rapporto positivi/testati pari al 17,3%)”. Tra i 490 casi, 152 sono emersi in provincia di Pesaro Urbino, 149 nell’Anconetano, 91 in provincia di Macerata, 63 nell’Ascolano, 20 nel Fermano e 15 fuori regione. I sintomatici sono 65.
I contagi comprendono contatti in setting domestico (155), contatti stretti di casi positivi (153), in setting lavorativo (9), in ambiente di vita/socialità (2), in setting assistenziale (6), screening percorso sanitario (1). Per altri 99 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Lombardia, al via da oggi prenotazioni per over 70
Governatore Lombardia, ‘quello che conta però è somministrarli’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
08 aprile 2021
10:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Da stamani sono iniziate le prenotazioni per i vaccini per tutti i lombardi dai 70 anni in avanti”. Ad annunciare questo anticipo rispetto al piano illustrato la scorsa settimana dal consulente per la campagna vaccinale Guido Bertolaso (l’apertura delle prenotazioni per la fascia 70-75 anni era prevista per il 15 aprile) è stato il governatore lombardo, Attilio Fontana, ai microfoni di Rtl 102.5: “Le prenotazioni possono partire, ma quello che conta è farle.
Ieri abbiamo ricevuto altre 250mila dosi di Pfizer e finora abbiamo somministrato il 99% di questo tipo di vaccino che fino a ieri era l’unico indicato per gli over 80”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Violenza sessuale: assolto padre consigliere comunale Lega
In loro villa nel Palermitano fu organizzato pranzo con Salvini
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
08 aprile 2021
10:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nella loro villa il 25 aprile di due anni fa circa 300 persone festeggiarono l’allora vice premier Matteo Salvini, che era giunto a Monreale per sostenere il candidato a sindaco della Lega, Giuseppe Romanotto, che poi non fu eletto. Un pranzo a base di prodotti tipici siciliani, nella vicina Pioppo nel palermitano, a casa del consigliere comunale del Carroccio, Giuseppe La Corte, il cui padre Giovanni, 61 anni, fu rinviato a giudizio per violenza sessuale nei confronti di una sua collega di lavoro che lo aveva denunciato nel 2014.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Accuse dalle quali l’imputato è stato assolto.
“Il nostro familiare, assistito dall’avvocato Francesco Riggio, è stato considerato e trattato come colpevole di un reato ignominioso, oltraggioso e volgare che ora sappiamo non essersi mai verificato”, affermano i congiunti di La Corte che sostengono di essere stati “screditati su più fronti: a livello politico e a livello personale”.
“Anche la visita dell’allora Ministro degli Interni Matteo Salvini presso la nostra villa, è stata oggetto di insinuazioni che tendevano chiaramente a screditare l’ immagine politica di persone pulite e oneste”, prosegue la nota.
“Chiaramente nessuna dichiarazione potrà mai sanare e far dimenticare le umiliazioni e le sofferenze di questi ultimi 7 anni, ma oggi finalmente la giustizia ha trionfato – conclude la nota – e di questa grande gioia la famiglia dà notizia ringraziando l’avvocato Riggio per il sostegno umano e professionale e tutti gli amici che sono stati vicini aspettando e confidando nell’arrivo di questo giorno”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: picco di ricoveri in Puglia, occupato 54% posti letto
Nelle terapie intensive il tasso occupazione sale al 46%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
08 aprile 2021
10:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Puglia è stato toccato un nuovo picco di occupazione dei posti letto Covid in area “Medica”, cioè nei reparti di Malattie infettive e pneumologia. Secondo il report di Agenas, l’Agenzia nazionale per i servizi sanitari, il 54% dei posti è pieno, 14 punti percentuali oltre la soglia critica e dieci punti sopra la media nazionale (che è del 44%).

Situazione complicata anche nelle terapie intensive, dove il tasso di occupazione sale al 46%, 16 punti oltre il limite del 30% fissato dal ministero della Salute (in Italia è del 40%).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Spionaggio: Guerini, Biot non aveva accesso ad operazioni
‘Bruttissima vicenda, valori nostri militari sono altri’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
08 aprile 2021
10:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sulla vicenda Biot “c’è il segreto istruttorio e finchè la procura non ci consentirà di accedere agli atti non potremo prenderne visione. L’ufficiale era titolare di un incarico che lo autorizzava a visionare materiale classificato ma le sue mansioni, che non prevedevano attività di comando o di direzione, lo portavano ad avere accesso a documenti di valutazione e policy e non alla gestione delle operazioni o al dettaglio delle capacità nazionali e Nato.
Mi sembrava giusto circoscrivere l’attività dell’ufficiale rispetto all’ufficio di cui era responsabile”. Così il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, alle commissioni Difesa di Camera e Senato. “Stigmatizzo – aggiunge – in maniera decisa quanto avvenuto: non sta a me anticipare valutazioni in ordine ad altre istituzioni, dei suoi comportamenti ne risponderà di fronte alla legge; vorrei però dire che i valori e le esperienze delle nostre forze armate sono altro rispetto a quanto evidenziato in questa bruttissima vicenda”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Maltempo: notte di gelo in Piemonte, -6 nel Monferrato
Si temono gravi danni a coltivazioni e frutteti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
08 aprile 2021
10:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Preoccupazione nel mondo agricolo in Piemonte per la notte di forte gelo, la terza consecutiva, con minime fino a -6 in zone di pianura e collina, in particolare nel Monferrato e nelle Langhe e nella campagna tra Torino e Cuneo.
I dati raccolti dalle stazioni meteo di Arpa (Agenzia regionale per la protezione ambientale) evidenziano che il termometro è finito sotto lo zero un po’ ovunque: meno freddo, rispetto alle notti passate, in alta montagna, ma temperature molto rigide a bassa quota: -6,1 sulla bassa collina di San Damiano d’Asti, -5 nel capoluogo provinciale, -5,7 a Saliceto (Cuneo).
Notte freddissima anche a Carmagnola (Torino, -4,2) Alessandria, (-4,1) Vercelli, (-3), Acqui Terme (Alessandria, -2,8).
Sottozero anche il centro di Torino: -1 alla stazione meteo dei Giardini Reali (ieri +0,9). Le gelate hanno danneggiato molte coltivazioni. In montagna, sul Monte Rosa la minima è stata -24,1, contro il -33,5 di ieri; -9,5 a Sestriere, -14,9 a Bardonecchia località Sommeiller. Previsto un aumento della quota dello zero termico: 1.600 metri a nord, 1.800-1.900 a nord.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Attentati Sardegna: minacce a consigliere comunale Nuorese
Gavoi, lettera e cartucce lasciate sul parabrezza dell’auto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NUORO
08 aprile 2021
10:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ha trovato un messaggio intimidatorio e una cartuccia sul parabrezza della sua auto nella notte tra Pasqua e Lunedì dell’Angelo. Vittima delle minacce un consigliere comunale di Gavoi (Nuoro), Luca Sedda, capogruppo di minoranza, candidato sindaco nella lista Comunidade alle ultime elezioni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La notizia si è diffusa solo a tarda sera dopo un post su Facebook da parte dei dirigenti del movimento: “I tentativi di intimidazione a Comunidade non fermeranno il nostro impegno per il bene comune, per la Barbagia, per la Sardegna”.
Solidarietà è stata espressa da Salvatore Lai, sindaco del paese del Nuorese, tuttora in zona rossa per l’impennata dei contagi da covid 19. “L’amministrazione comunale condanna questo gravissimo atto, compiuto da qualche vile individuo che vuole intorbidire le acque – scrive il primo cittadino su Fb – La pluralità degli orientamenti culturali e politici rappresenta una grande ricchezza per la nostra comunità. Rifiutiamo qualsiasi logica che si ispiri a principi di violenza e intimidazione ed esprimiamo a Luca, alla sua famiglia e agli amici del gruppo Comunidade tutta la solidarietà affettuosa sia dell’Amministrazione Comunale che degli aderenti e amici di Gavoi Futura. Oggi anche noi siamo Comunidade”, conclude Lai.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Truffa e peculato, arrestato colonnello guardia di finanza
Ai domiciliari comandante provinciale Vercelli
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VERCELLI
08 aprile 2021
11:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Truffa aggravata ai danni dello Stato, falso, peculato militare e abuso d’ufficio. Sono le accuse rivolte al colonnello Fabrizio Nicoletti, comandante provinciale della Guardia di Finanza di Vercelli, da stamattina agli arresti domiciliari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La misura è stata eseguita dal nucleo di Polizia economico finanziaria delle Fiamme Gialle di Torino, coordinate dalla Procura di Vercelli. Stessa misura cautelare anche per l’autiere di Nicoletti, brigadiere Maurizio La Sala.
Secondo l’accusa, i due avrebbero indicato nelle scritture di servizio attività mai effettuate, ottenendo dal ministero pagamenti di somme che non sarebbero loro spettate.
Secondo i magistrati, l’alto ufficiale della guardia di finanza e il suo più stretto collaboratore, redigendo le scritture di servizio, avrebbero indicato falsamente orari e località di lavoro per attività che in realtà non sarebbero state mai eseguite, nonché di aver prestato servizi in orari e luoghi che non sarebbero stati realmente resi.
Attestando falsamente la propria presenza in servizio, i due arrestati avrebbero indotto in errore il Mef a erogare, a livello contributivo, somme di denaro che non sarebbero loro spettate. La procura avrebbe anche accertato un utilizzo dell’autovettura istituzionale in uso al comandante provinciale per scopri privati, così come l’indebito affidamento all’autiere di compiti che non rientravano nelle mansioni di servizio.
Oltre ai due vertici, sono iscritti nel registro degli indagati, a vario titolo, altri tre militari, tutti destinatari di avvisi di garanzia. Questa mattina sono state eseguite diverse perquisizioni negli uffici del comando finalizzate all’acquisizione di documentazioni. Nicoletti, 58 anni, è al comando delle fiamme gialle di Vercelli dall’agosto 2019.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un decesso e 124 nuovi casi in Alto Adige
Cala numero ricoveri ma sale terapia intensiva
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
08 aprile 2021
11:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un decesso, 124 nuovi casi e 152 ricoveri: sono i dati dell’ultimo bollettino covid in Alto Adige. Nelle ultime 24 ore sono risultati positivi 76 tamponi pcr su 1.270 effettuati e 48 test antigenici su 10.429 eseguiti.

Continua a calare il numero dei ricoveri, sceso in un giorno da 162 a 152, ma tornano a salire i pazienti covid in terapia intensiva (da 22 a 24). Attualmente 3266 altoatesini sono in quarantena.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 200 in piazza Cagliari per riaprire bar e ristoranti
“La politica risolva i problemi, non ce la facciamo più”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
08 aprile 2021
11:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Non siamo qui per chiedere niente: noi vogliamo solo riaprire, continuare a lavorare”. Lo ha detto più volte Fabio Macció al megafono nella manifestazione di protesta che ha portato questa mattina in piazza Garibaldi a Cagliari circa duecento persone.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La mobilitazione riguarda bar e ristoranti, ma è estesa anche a palestre, piscine, società sportive, teatri, cinema, spettacoli viaggianti. “Noi non vogliamo organizzare rivolte – ha chiarito Macció – figuriamoci se vogliamo andare contro altri lavoratori in divisa. Vogliamo però che la politica si confronti con noi e prenda decisioni per risolvere la situazione di tante famiglie che non ce la fanno più”.
Molti si sono presentati con le magliette bianche, un modo per segnalare che il movimento non ha colori politici. I partecipanti hanno cominciato a riempire la piazza dalle 9. E il sit in si sta svolgendo nel pieno rispetto delle misure anti Covid: tutti a distanza. Un comitato nato spontaneamente dalla forza della disperazione: un logo con i Quattro Mori. E due messaggi: “Forza Sardegna” e “Tutti in piazza”.
“Insieme – spiegano i promotori – diciamo basta alle chiusure, basta alla rovina delle aziende, basta alla cancellazione dello sport e della cultura”. Non solo bar e ristoranti. Il movimento chiede anche la “liberazione”‘di palestre, piscine, sale convegni, teatri, cinema. Con un messaggio finale: “Salviamo le nostre aziende, la cultura, lo sport, la musica e l’intrattenimento”. Appeso in piazza un maxi-striscione: “Se dopo un anno siamo ancora rossi avete chiuso le attività sbagliate”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:rifiuta mascherina e aggredisce autista bus,denunciata
A Bari, una 26enne ha schiaffeggiato anche un passeggero
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
08 aprile 2021
11:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Avrebbe rifiutato di indossare la mascherina a bordo di un bus di linea Amtab di Bari e, alla richiesta dell’autista, lo avrebbe aggredito schiaffeggiandolo.
La donna, una 26enne nigeriana regolare sul territorio e già nota alle forze dell’ordine, è stata denunciata per percosse e interruzione di pubblico servizio e sanzionata per violazione delle norme Covid.
E’ accaduto ieri pomeriggio, intorno alle 16, nel quartiere Carbonara di Bari.
La donna sarebbe salita sul mezzo senza mascherina e si sarebbe rifiutata di indossarla nonostante le ripetute richieste dell’autista, un 58enne barese. A quel punto avrebbe reagito dando uno schiaffo al conducente e poi anche ad un passeggero intervenuto in difesa dell’uomo. Poi avrebbe preso un estintore dal fondo dell’autobus e lo avrebbe scaraventato fuori dal mezzo, fortunatamente senza colpire altre persone. L’autista ha bloccato il mezzo e ha chiamato la Polizia che, intervenuta in pochi minuti con una pattuglia delle Volanti, ha identificato e denunciato la 26enne.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Meteo: Veneto, gelo nella notte anche in pianura
Minima -3,8 a Rovigo, sulla Marmolada -20,9
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
08 aprile 2021
12:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Temperature sotto lo zero la scorsa notte in Veneto, anche in molte località di pianura, per la ‘coda’ invernale dopo Pasqua, prevista per l’afflusso di correnti polari. Lo segnala stamani l’Agenzia regionale per l’ambiente (Arpav).
Nelle zone montane il record è ad Arabba (Belluno) con -8.7 gradi, seguita da Castana nella Valle del Posina (Vicenza) con -5.8. Tra le città capoluogo la più fredda è Belluno con -5.4, seguita da Rovigo (-3.8). Tra le località normalmente più fredde, la Val Visdende (1240 m) ha fatto segnare -12.2, Passo Cimabanche (1530 m) -14.2, Passo Pordoi (2154 m) -12.2, la Marmolada (stazione a 3256 m) -20.9 gradi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: occupato liceo classico Carducci a Milano
Mattina Dad in cortile, pomeriggio assemblea
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
08 aprile 2021
13:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una trentina di studenti ha occupato questa mattina il liceo Carducci, in via Beroldo, in zona Loreto, a Milano. I ragazzi sono entrati intorno alle 7.30 nel cortile dell’istituto.
Sul posto – riportano gli studenti – c’è la polizia.
I ragazzi hanno organizzato un’assemblea alle 15 aperta a studenti e docenti del liceo classico “per parlare della scuola dove vogliamo tornare”, come spiega Luca, 17 anni, seconda liceo. Intanto hanno portato banchi e sedie in cortile per seguire la dad.
Sui cancelli dell’istituto i ragazzi hanno appeso striscioni con scritto ‘Disuguaglianza a distanza’ e ‘vogliamo tornare a scuola’.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AstraZeneca: Zaia, il Veneto non li fa sotto 60 anni
“Per richiami non c’è problema”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
08 aprile 2021
13:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Veneto ha deciso in questa fase di non fare più il vaccino AstraZeneca sotto i 60 anni”. Lo ha annunciato il presidente regionale Luca Zaia.
Per i richiami “il ministero ha chiarito che i richiami sono AstraZeneca su AstraZeneca a prescindere dall’età, perché chi lo già fatto vuol dire che non ha avuto problemi. Per coloro sopra i 60 anni si fa a meno di prescrizione contraria del medico” “Ieri – ha proseguito – è stata una giornata un po’ concitata, e abbiamo già fatto la circolare. Il nostro call center ha ricevuto più di 8.000 telefonate per informazioni”.
Sulla gestione di questa vicenda Zaia è stato critico verso l’agenzia europea del farmaco: “abbiamo capito – ha detto – che l’Ema quando c’è brutto tempo evita di uscire di casa. Ema ha detto agli Stati di decidere, bello questo sistema. Poi ne vien fuori una ‘raccomandazione’ di utilizzare il vaccino al di sopra dei 60 anni. Ma la parola raccomandazione non vuol dire ‘obbligatorietà’ a non usarlo sotto il 60”, ha concluso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Minacce di morte sul web a Palumbo, “vittima di uno schifo”
Malato Sla, “per certa gente interdizione perpetua dai social”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ORISTANO
08 aprile 2021
13:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Spero che tu muoia, uno come te non merita di stare in vita”. E’ il messaggio ricevuto su Instagram dallo chef e dj di Oristano Paolo Palumbo, il primo malato di Sla a salire sul palco di Sanremo invitato, come ospite d’onore di Amadeus nell’edizione 2020, per presentare un suo pezzo originale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nei giorni scorsi Palumbo, molto attivo sui social, ha ricevuto un messaggio con minacce che ha voluto rendere pubblico, come ha fatto anche per il suo autore citando nome e cognome.
“Vittima di tutto questo schifo. È da anni che sono vittima di: Cyberbullismo-flaming-cyberstalking, minacce e auguri di morte, tentativi di istigazione al suicidio, tutto questo schifo non è possibile che nel 2021 vada avanti senza un controllo da parte dei social – scrive su Fb e su Instagram – Non mi appartiene affatto il vittimismo e definirmi vittima ma ahimè è così. Questa è solo una delle tante schifezze che ricevo o leggo da parte del gruppo di haters che quotidianamente cercano di affondarmi nel loro mare di odio. Questa volta ho deciso di raccontarvi tutto questo schifo semplicemente perché al mio posto ci potrebbe essere una persona più debole, che di fronte a tutta questa cattiveria potrebbe compiere gesti estremamente pericolosi per la sua incolumità”.
Palumbo, che ultimamente ha collaborato per il suo nuovo singolo “Quella notte non cadrà” con Achille Lauro, annuncia di voler prendere tempo per “capire se la cosa migliore sia abbandonare i social e quindi darla vinta a chi vive di odio e perdere tutti voi che mi supportate e mi date la forza e la voglia di vivere con il vostro amore o continuare a diffondere il mio messaggio di vita, amore e coraggio”.
“Il web e i social network hanno dato il via alla peggiore gente, frustrati e poveracci che dietro una tastiera si sentono forti, potenti e cercano la rivalsa per la loro vita triste e piena di odio ma sopratutto priva d’amore. Per elementi simili – si augura Palumbo – ci vorrebbe l’interdizione perpetua dai social. Una cosa è certa: niente e nessuno potrà mai farmi perdere il mio amore per la vita”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Fontana, entro domenica prima dosi a tutti over 80
Adesione per fascia da 75 ai 79 anni è stata inferiore ad attese
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
08 aprile 2021
14:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono assolutamente convinto, anche tenendo conto dei dati emersi anche oggi, che tutti gli over 80 entro domenica potranno ricevere almeno una dose”. Lo ha detto il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, intervistato dal Tgr della Lombardia.

“C’è insoddisfazione derivante dal fatto che non sono stati raggiunti i numeri che pensavamo, nel senso che l’adesione per la fascia dai 75 ai 79 anni è stata inferiore a quello che pensassimo” ha aggiunto il presidente. Numeri inferiori probabilmente legati alla diffidenza nei confronti del vaccino AstraZeneca, tra l’altro da ieri consigliato soprattutto per la popolazione sopra i 60 anni.
“È una raccomandazione che ci è stata data dal governo e alla quale noi ci atterremo – ha aggiunto Fontana -. È chiaro che nel frattempo dobbiamo rimodulare le modalità della nostra campagna vaccinale”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: divampa la protesta delle palestre, il 20% riapre nonostante le multe
Il presidente dell’Anpals Guglielmi: ‘ci si contagia di più sui mezzi pubblici che allenandosi’. A un anno dalla pandemia il 30% dei gestori sportivi non riaprirà le strutture
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
08 aprile 2021
18:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il 30% delle palestre non riaprirà più dopo un anno di chiusura causa pandemia. Da martedì scorso però qualcosa è cambiato, dopo la manifestazione in piazza Montecitorio a Roma, in cui ci sono stati anche tafferugli, molti titolari di strutture sportive hanno deciso di riaprire in barba ai decreti anti-Covid, sarebbero già il 20%. E’ quanto emerge da una stima dell’ Associazione Nazionale Palestre e Lavoratori Sportivi (Anpals).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“È più facile contagiarsi all’aperto andando in un parco, prendendo un autobus pubblico, andando in una farmacia piuttosto che andando in una palestra”, dice il presidente Anpals Giampiero Guglielmi.
“Gli unici ristori cospicui sono arrivati ai lavoratori sportivi, agli istruttori, ai tecnici, agli allenatori – prosegue il presidente dell’Associazione Nazionale Palestre e Lavoratori Sportivi (ANPALS) Giampiero Guglielmi -, le strutture sportive hanno avuto perdite di 150-200 mila euro ma hanno ricevuto 6-7 mila euro di ristori, che non sono sufficienti neanche per una mensilità dell’affitto dei locali”. Quanto alla riapertura del 20% delle palestre, Guglielmi osserva: “So che è illegale – dice Guglielmi – ma non posso non mettermi nei panni di titolari di strutture sportive che non hanno più di che sfamare la famiglia.
La maggior parte di loro non ha nulla da perdere, accetteranno una sanzione amministrativa pur di riprendere a lavorare”. Come si conciliano però i numeri ancora drammatici della pandemia con la riapertura delle palestre? “In questo anno di lockdown – spiega Guglielmi – non si sono ravvisati casi di contagio, perché le norme dei protocolli presentati dal Cts sono molto stringenti: per andare in palestra si deve prenotare, quindi non si crea assembramento, si misura la febbre, si lasciano i dati personali su un registro”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Precipita da costone mentre sta effettuando riprese tv,morto
La vittima è un registra e operatore televisivo di 55 anni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BUONVICINO
08 aprile 2021
16:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Michele Porcelli, 55 anni, regista e operatore di ripresa dell’emittente televisiva regionale LaC Tv è morto oggi dopo essere caduto, per cause in corso di accertamento, in un burrone.
Il fatto è accaduto a Buonvicino, in provincia di Cosenza dove l’operatore stava effettuando alcune riprese vicino ad un costone in una zona impervia quando ha perso l’equilibrio precipitando per diversi metri in un dirupo sottostante.

Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco del distaccamento di Scalea che dopo averlo individuato hanno recuperato l’operatore e lo hanno condotto in una radura dove i sanitari del Suem 118 e dell’elisoccorso ne hanno constatato il decesso. Nel luogo dove è avvenuta la tragedia anche i carabinieri di Diamante che hanno avviato gli accertamenti del caso e il magistrato di turno.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Musei Vaticani riaprono 3 maggio con norme più stringenti
Mascherine e distanziamento, ‘sarà allontanato chi non rispetta’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
08 aprile 2021
16:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Prenotazione obbligatoria, puntualità negli orari di accesso, mascherine, distanziamento di oltre un metro. I Musei Vaticani mettono nero su bianco nuove norme per i visitatori.
“Potrà essere disposto l’allontanamento dai Musei di coloro che non seguiranno le disposizioni”, avverte la direzione. “A causa dell’emergenza sanitaria per infezione da Covd-19, a partire da lunedì 3 maggio 2021 e sino a diversa disposizione, le visite ai Musei e ai Giardini Vaticani saranno impostate secondo i criteri” stabiliti per la riapertura.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ex ministro Fazio vaccinatore nella sua Garessio
Nel paese del Cuneese tutti vaccinati in un giorno gli over 70
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CUNEO
08 aprile 2021
17:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono stati tutti vaccinati, i 215 over 70 di Garessio e Priola, nel Cuneese, che oggi hanno ricevuto la prima dose di Astrazeneca. “Un numero così significativo di vaccini in una sola mattinata dimostra che, sapendosi organizzare in modo efficiente, la macchina funziona a dovere”, commenta il sindaco di Garessio, il medico ed ex ministro della Salute Ferruccio Fazio, che per l’occasione ha proceduto personalmente alle somministrazioni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Noi siamo pronti a proseguire, se possibile, secondo questa modalità, con riferimento alle ulteriori categorie così come indicate da Governo e Regione. A cominciare, presumibilmente, dagli over 60: appena iscritti al portale e con la disponibilità dei vaccini, organizzeremmo nuove sessioni – aggiunge Fazio -. E così a seguire. L’obiettivo resta sempre lo stesso: la medicina territoriale, che si avvicina al paziente e non viceversa”.
Il primo cittadino ringrazia i medici di medicina generale che hanno dato la loro disponibilità, assieme ai volontari della Croce Bianca e della Protezione civile e l’Opera Pia Garelli per il contributo offerto sia in termini amministrativi che operativi, “mettendo a disposizione infermieri e Oss – conclude – senza la cui presenza non si sarebbe potuta gestire l’intera organizzazione”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Maxi rissa nel Varesotto:interrogati due maggiorenni a Busto
Uno ha negato le aggressioni nonostante le immagini
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VARESE
08 aprile 2021
17:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ha negato di aver preso parte all’aggressione di un 14 enne durante una maxi rissa lo scorso gennaio a Gallarate (Varese) uno dei due maggiorenni sottoposti a misura cautelare dal Gip di Busto Arsizio (Varese) con l’accusa di aver partecipato ai tafferugli e ripreso dalle telecamere di videosorveglianza e di alcuni telefonini con una mazza tra le mani. E’ quanto emerso dagli interrogatori di garanzia di oggi presso il Palazzo di Giustizia bustocco, durante i quali il ventenne, pregiudicato e ora ai domiciliari, ha ammesso di essere presente ma di non aver colpito il minore finito in ospedale con una ferita alla testa.

Il secondo maggiorenne accusato di aver preso parte alla rissa si è invece avvalso della facoltà di non rispondere.
Proseguono oggi, presso il Tribunale per i Minorenni di Milano, gli interrogatori dei minorenni a loro volta colpiti da misura cautelare, di cui sette già sentiti martedì scorso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mafia: a Foggia manifesti funebri ricordano testimone morto
Dopo la denuncia della nuora di Panunzio, vittima del pizzo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FOGGIA
08 aprile 2021
17:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“I cittadini onesti di Foggia piangono la morte di Mario Nero. Testimone di giustizia, esempio di coraggio”.
E’ il testo del manifesto affisso nel pomeriggio di oggi in diversi punti della città di Foggia dopo la denuncia di Giovanna Belluna, nuora di Giovanni Panunzio, il costruttore assassinato il 6 novembre del 1992 per essersi ribellato alla mafia del pizzo. La donna ha denunciato nel corso della puntata di ‘Anni 20’, in onda questa sera su Rai 2, che a Foggia nessuna agenzia funebre ha voluto stampare un manifesto per ricordare Mario Nero, il testimone di giustizia scomparso nel gennaio scorso e sotto protezione per dieci anni dopo aver testimoniato contro l’assassino di Panunzio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel mantovano 27enne soffoca la madre e poi si impicca
Prima di uccidersi chiama 118 dicendo di aver commesso omicidio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MANTOVA
08 aprile 2021
17:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Omicidio-suicidio a Gazoldo degli Ippoliti, nel Mantovano. Poco dopo le 13 Luca Zapparoli, 27 anni, ha chiamato il 118 annunciando di aver ucciso la madre per poi riattaccare.
Un’ambulanza e i carabinieri hanno raggiunto l’abitazione del giovane. All’interno hanno trovano il suo corpo senza vita, impiccato. In camera da letto c’era invece il cadavere della madre, Licia Iori, 59 anni, uccisa soffocata dal figlio. Entrambi soffrivano di problemi psichiatrici ed erano in cura. Ignoti i motivi che hanno provocato l’omicidio-suicidio, anche se i vicini parlano di numerose liti scoppiate tra i due negli ultimi giorni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Sardegna vede rosso, “ma estate virus free”
Patto con Sicilia e appello a Draghi, immunizzare grandi isole
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
08 aprile 2021
18:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Sardegna punta ad un’estate covid-free ma per ora vede avvicinarsi pericolosamente la zona zona. L’indice di contagiosità R(t), con l’aumento di focolai localizzati nei 16 Comuni già finiti in zona rossa, è infatti balzato ben oltre la soglia di 1,25.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E anche gli ultimi numeri sui contagi non sono buoni: 305 nuovi casi, cinque decessi e cresce la pressione nei reparti di medicina (+8) e sulle terapie intensive (+2) dove la saturazione raggiunge il 23% dei posti disponibili e si avvicina la soglia critica del 30%.
Va avanti la campagna di screening sardi e sicuri, che il prossimo weekend si sposta nel Sassarese, e risale la china quella vaccinale, anche se l’Isola – insieme alla Campania, risulta secondo la Fondazione Gimbe, ultima in Italia per somministrazioni con il 4,7% della popolazione che ha completato il ciclo vaccinale (prima dose e richiamo). Dopo il calo a Pasqua, però, la macchina organizzativa di Ats riporta il numero di vaccinazioni giornaliere sopra le 8mila dosi effettuate nei 79 punti vaccinali, di cui 6 hub e presto altri tre nuovi saranno aperti. Sabato 10 aprile inaugurano quello di Quartu e, probabilmente, Ozieri. La prossima settimana invece sarà operativo anche l’hub di Oristano. Ma non tutto sta filando liscio: a Nuoro, dopo gli assembramenti di anziani delle ultime 24 ore, il sindaco Andrea Soddu ha deciso di raddoppiare i punti di somministrazione. E a Cagliari un’88enne si è rivolta al tribunale per ottenere di essere vaccinata dopo avere ripetutamente cercato di contattare il servizio sanitario regionale.
Nel frattempo però la Regione guidata da Christian Solinas guarda all’estate. L’assessore regionale dei Trasporti Giorgio Todde ha candidato l’Isola per sperimentare i voli Covid-Tested, mentre il governatore ha stretto un patto con il suo omologo della Sicilia, Nello Musumeci, per chiedere a Draghi di “procedere rapidamente” alla vaccinazione dell’intera popolazione delle due grandi Isole a spiccata vocazione turistica.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Denise: Guardia giurata, vivo da 17 anni nel rimorso
A Telelombardia, ‘la bimba che vidi a Milano era lei’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
08 aprile 2021
19:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Purtroppo sono 17 anni che io vivo con il rimorso di non aver agito d’impulso, anche se sarei andato nell’errore. Quel giorno non me la sentii.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In questi giorni sul web sono stato attaccato da molte persone per questa cosa. Tutti dicono che avrei dovuto prenderla e portarla via, che io essendo una guardia giurata avrei potuto farlo. Si sbagliano di grosso. Non potevo fare niente”. Lo ha affermato, in una intervista ad Iceberg in onda questa sera su Telelombardia, Felice Grieco, la guardia giurata che il 18 ottobre 2004 vide “una bambina somigliante a Denise Pipitone in compagnia di un gruppo di rom” e chiamò la polizia.
“Quella mattina verso le 12 il direttore della banca mi invitò ad allontanare un ragazzino che disturbava. Appena girato l’angolo mi trovai davanti un’altra bambina che colpì subito la mia attenzione, assomigliava molto a Denise Pipitone”, ha detto Grieco. La piccola scomparve il 1° settembre 2004 a Mazara del Vallo (Trapani).
“Per me era proprio lei. Chiamai prima mia moglie, subito dopo la polizia – ha spiegato – chiesi di poter intervenire con una scusa, ma mi fu detto di aspettare il loro intervento. Feci anche il famoso video, mi dissi che almeno così avevano una faccia da riconoscere, da controllare. Per trattenere il gruppo di rom chiesi alla bimba se volesse mangiare qualcosa, mi rispose: una pizza. La polizia arrivò molto tardi, quella mattina ci fu un omicidio al Niguarda. Il gruppo con la bambina si allontanò. La bambina parlava perfettamente italiano”. “Tempo dopo – ha concluso Grieco – incontrai a Milano Piera Maggio (la madre, ndr), proprio sul luogo della mia segnalazione. Si arrabbiò molto con me. La capisco”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incendi: fiamme in un’azienda orafa nell’Aretino
A Levane, vicino ai fabbricati distrutti da un rogo 6 giorni fa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AREZZO
08 aprile 2021
22:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un incendio si è sviluppato in un’azienda orafa a Levane (Arezzo), vicino ai fabbricati industriali distrutti da un rogo il 2 aprile scorso. Sul posto i vigili del fuoco con squadre da Montevarchi, Figline, Arezzo e il nucleo Nbcr (Nucleare, biologico, chimico e radiologico) da Firenze.
Una densa colonna di fumo si erge dal capannone e le fiamme sono visibili a distanza. Nelle vicinanze non ci sono abitazioni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Anna Valle, Compagnia Cigno speranza per ragazzi
L’attrice torna dall’11 su Rai1, ora sul set con nuova serie Rai
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
08 aprile 2021
20:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il punto di forza de La Compagnia del Cigno è quello di mostrare degli adolescenti uniti e positivi, che cercano insieme di raggiungere attraverso la musica, il talento, l’amicizia, i loro sogno. Ecco vederla oggi in televisione per i nostri ragazzi che stanno gradualmente rientrando a scuola, dopo le chiusure per la pandemia, può essere una speranza, me lo auguro, e lo dico da mamma che ha vissuto in due fasi la dad, con due figli nella stessa situazione”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Anna Valle risponde al telefono mentre si trova sul set di un’altra serie Rai, e alla vigilia della messa in onda su Rai1 della seconda stagione de La compagnia del Cigno, scritta e diretta da Ivan Cotroneo. Una produzione Indigo film in collaborazione con Rai Fiction (il patrocinio del comune di Milano).
A due anni dalla messa in onda della prima stagione, dopo due stop per via della pandemia, delle riprese, la fiction torna su Rai1 in sei prime serate dall’11 aprile. Anna Valle nei panni della dolcissima Irene Valeri insegnante di pianoforte e moglie del direttore d’orchestra Luca Marioni interpretato da Alessio Boni, maestro del conservatorio Verdi di Milano. “Fin da subito il pubblico conoscerà la verità di certe dinamiche, a non intuirle sarò io, saranno i ragazzi, ci fideremo ciecamente.
Irene è un anima scritta con una penna di piuma, candida. La serie si rinnova completamente e si tinge di giallo”.
Anna Valle si dice molto soddisfatta e orgogliosa di essere tornata a interpretare questo ruolo: “è stato come tornare a casa, in una grande famiglia. Dopo tutto quello he abbiamo passato anche ritrovare i ragazzi è stato commovente. Io sono come Irene, una donna sensibile e molto forte, forse meno sprovveduta”. Insomma, un personaggio che ha amato e che le è entrato nel cuore. Bellissimo anche il rapporto sul set con Alessio Boni: “Ci sono sempre stati complicità e affiatamento, ritrovarlo è stato piacevole è un attore straordinario, ed un papà unico, innamoratissimo della sua compagna Nina”, racconta l’attrice.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tornando alla fiction molte cose, anche nelle vite di Irene e Luca dopo tanto dolore, la perdita della figlia, sono cambiate, sono diventati di nuovo genitori. E’ arrivata la felicità, l’amore ritrovato, a casa tutto liscio. Luca al conservatorio fa la sua parte da burbero, ma in famiglia è un tenero.
Ecco che al Conservatorio arriva il direttore d’orchestra Teoman Kayà (Mehmet Günsür, protagonista di Hammam – Il bagno turco di Ozpetek e The gift ), un ex fidanzato di Irene e vecchio allievo del Verdi amico anche di Luca, si insinua tra di loro. Peccato che quest Teoman si è convinto che da quando Irene lo ha lasciato la sua vita ha preso una piega sbagliata sentimentalmente ed è lei la causa, da qui la trama del giallo. Un segreto può distruggere la serenità ritrovata. Irene comincerà ad avere il sospetto che Luca le stia nascondendo qualcosa in merito al suo rapporto con Teoman. Intorno continuano a incrociarsi in modo coinvolgente amicizie (e amori) degli studenti di musica”. Per Valle parlare di questa forma d’arte è importante “ho saputo che dopo la prima stagione molto giovanissimi si sono avvicinati alla musica classica, altri si sono iscritti al conservatorio  è bello”.
Per Anna Valle una primavera e un autunno impegnativi: tornerà infatti come Irene in La compagnia del Cigno 2, come Emma in Luce dei tuoi occhi con Giuseppe Zeno (in autunno su Canale 5); ed ora è sul set come Lea: “Sì – conferma – stiamo girando gli interni a Roma, ma la serie è ambientata a Ferrara, ci sposteremo lì. Sono un’infermiera in un ospedale di pediatria, una donna che non può diventare mamma e riversa sui bimbi l’amore che avrebbe voluto dare a un figlio. Mentre Emma in Luce dei Tuoi occhi (in autunno su Mediaset) è una coreografa di danza contemporanea che ha lasciato Vicenza per New York dopo che la sua bambina è nata morta. Qualcosa la costringerà a tornare in Italia”. Tutte donne che hanno a che fare con un rapporto doloroso con la maternità.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I Musei Vaticani riaprono a maggio con norme più stringenti
Mascherine e distanziamento, ‘sarà allontanato chi non rispetta
(2)
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
08 aprile 2021
19:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Prenotazione obbligatoria, puntualità negli orari di accesso, mascherine, distanziamento di oltre un metro. I Musei Vaticani mettono nero su bianco nuove norme per i visitatori.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Potrà essere disposto l’allontanamento dai Musei di coloro che non seguiranno le disposizioni”, avverte la direzione. “A causa dell’emergenza sanitaria per infezione da Covd-19, a partire da lunedì 3 maggio 2021 e sino a diversa disposizione, le visite ai Musei e ai Giardini Vaticani saranno impostate secondo i criteri” stabiliti per la riapertura.  Per accedere ai Musei Vaticani occorrerà obbligatoriamente prenotare la propria visita attraverso il portale ufficiale e “gli accessi saranno contingentati e organizzati su fasce di ingresso di 30 minuti ciascuna”. E’ raccomandato di “rispettare con estrema precisione” l’orario scelto.  “Per accedere ai Musei ed ai Giardini Vaticani è obbligatorio indossare una mascherina a copertura di naso e bocca. La mascherina andrà tenuta indossata per tutta la durata della visita, anche negli spazi esterni come i cortili”, informa la Direzione ricordando che ciascun visitatore sarà sottoposto al controllo della temperatura e “sarà negato l’accesso a tutti coloro che avranno una temperatura corporea pari o superiore ai 37,5° C”.  “All’interno dei Musei occorrerà mantenere la distanza interpersonale di oltre 1 metro ed evitare assembramenti. Il Corpo di Custodia vigilerà sullo scrupoloso rispetto della norma” e “ogni violazione verrà portata alla considerazione delle Autorità di competenza”, conclude l’informativa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Morandi dimesso, posta foto con medici e infermieri
Dovrò fare molta riabilitazione per recuperare totalmente l’uso della mano destra, ma il peggio è passato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
08 aprile 2021
09:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Torna a casa Gianni Morandi, dimesso nella tarda mattinata del 7 aprile dal Centro grandi ustionati dell’ospedale Bufalini di Cesena, dove era ricoverato dall’11 marzo a seguito delle ustioni riportate alle mani e alle gambe dopo un incidente domestico nel suo giardino. Le sue condizioni di salute, informa l’Ausl Romagna, sono buone.
Foto di gruppo con il personale del centro grandi ustionati dell’ospedale Bufalini di Cesena per Gianni Morandi, che posta su Facebook il suo saluto all’equipe sanitaria che lo ha curato in questi 27 giorni di ricovero.

“Finalmente torno a casa. Voglio ringraziare ancora questo magnifico gruppo di medici, infermieri e operatori sanitari, guidati dal dottor Davide Melandri, che mi hanno assistito e curato per il grave incidente. Da oggi dovrò fare molta riabilitazione per recuperare totalmente l’uso della mano destra ma il peggio è passato. Evviva, grazie a tutti!”, scrive Morandi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sindaco arrestato: ex moglie, mi dai mascherine per i miei?
Impiegata intercettato, ‘ne hai rubate un po’ alla Rsa?’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
08 aprile 2021
11:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Le mascherine ai miei, che non ne hanno”. Così chiedeva, intercettata dai carabinieri, l’ex moglie del sindaco di Opera (Milano) Antonino Nucera, arrestato e posto ai domiciliari, oggi, insieme alla dirigente dell’ufficio tecnico del Comune e ai tre imprenditori per una vicenda di appalti e corruzione.
“Perché loro vanno a fare la spesa senza mettersele, capito – aggiungeva la donna – le hanno finite”. E in un’altra telefonata, una dipendente comunale chiedeva al sindaco mascherine per i colleghi dipendenti: “Ascolta sindaco… le mascherine, quelle azzurre, ne hai rubate un po’ di quelle che dovevano andare alle Rsa?”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Ndrangheta: blitz Gdf e Ros, sequestrati beni per 1 mld
Eseguite una settantina misure cautelari per frodi petrolifere
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
08 aprile 2021
08:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I finanzieri dei Comandi provinciali di Napoli, Roma, Catanzaro e Reggio Calabria, unitamente ai finanzieri dello Scico e ai Carabinieri del Ros, coordinati dalle rispettive Direzioni Distrettuali Antimafia e dalla Procura Nazionale Antimafia e Antiterrorismo, stanno dando esecuzione a provvedimenti cautelari a carico di una settantina di persone responsabili di associazione di tipo mafioso, riciclaggio e frode fiscale di prodotti petroliferi.
Contestualmente sono in corso sequestri di immobili, società e denaro contante per un valore di circa 1 miliardo di euro.

L’operazione, secondo quanto si appreso, è frutto di 4 diverse indagini, coordinate dalle diverse Procure antimafia di Catanzaro, Reggio Calabria, Napoli e Roma e dalla Direzione nazionale antimafia. Le indagini sono confluite nella maxi operazione alla luce del fatto che avevano ad oggetto le stesse dinamiche criminali anche se con soggetti coinvolti diversi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pelé in esclusiva a “Che Tempo Che Fa” su Rai3
Fabio Fazio intervista la leggenda del calcio mondiale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
20:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La leggenda del calcio mondiale Pelé sarà ospite in esclusiva a “Che Tempo Che Fa” di Fabio Fazio, in onda domenica 11 aprile dalle 20 su Rai3. Edson Arantes do Nascimento, detto “O Rei”, è considerato il più grande calciatore di tutti i tempi e detiene il “Guinness World Record” per il maggior numero di gol segnati in una carriera nella storia del calcio, contando anche le amichevoli.

Unico calciatore ad avere vinto 3 Mondiali (1958, 1962 e 1970, con la nazionale brasiliana), nominato “Atleta del secolo” nel 1999 dal Comitato olimpico internazionale, “Calciatore del secolo” nel 2000 dalla Fifa (insieme a Diego Armando Maradona), nel 2014 ha vinto il Pallone d’oro onorario Fifa. Dal 1961 è “Patrimonio nazionale” del Brasile, dal 2011 “Patrimonio storico-sportivo dell’umanità per il Brasile” ed è stato inserito dal Time nel “TIME 100 Heroes & Icons” del XX secolo.
Dopo il suo ritiro nel 1977, l’Onu gli ha conferito il titolo di “Cittadino del mondo” ed è diventato ambasciatore Unesco e Unicef. Dal 2018 la sua Pelé Foundation aiuta i bambini in tutto il mondo, con l’obiettivo di diffondere l’istruzione e combattere la povertà.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 40 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 21:06 DI MARTEDì 06 APRILE 2021

ALLE 20:11 DI MERCOLEDì 07 APRILE 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Scuola: mobilitazioni chiedono riaprire anche le superiori
Oggi iniziative in alcune città italiane
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
06 aprile 2021
21:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Domani, primo giorno di scuola dopo le vacanze pasquali, riprendono le mobilitazioni di protesta davanti alle scuole per chiedere la riapertura di tutti gli istituti scolastici, in presenza, sicurezza e continuità, in diverse città, tra cui Milano, Firenze, Pisa, Faenza.
Il Comitato Priorità alla scuola organizza queste iniziative: MERCOLEDì 07 APRILE 2021
Milano Ore 11, Piccolo Teatro Aperto, via Rovello, gli studenti in DAD Bologna Dalle 8 alle 9, piazza Maggiore 6, palazzo d’Accursio, presidio Faenza Dalle 8 alle 13, liceo Torricelli-Ballardini, via Santa Maria dell’Angelo 48, lezioni in DAD in presenza Bagno a Ripoli (FI) Dalle 8.30 alle 13.30, via Belmonte 40, Istituto Redi Caponnetto, lezioni in DAD in presenza Sabato 10 aprile Priorità alla Scuola aderisce alla giornata di mobilitazioni organizzata dalla Società della Cura.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Poche dosi e caso AstraZeneca, oggi 1,5 milioni di vaccini Pfizer alle Regioni. Superati i 3 milioni di guariti
“Cominciamo dai guariti”, iniziava i suoi briefing l’anno scorso l’allora capo della Protezione cive Angelo Borrelli. Tra le poche notizie positive nell’emergenza Covid in Italia c’è il superamento della soglia dei 3 milioni di guariti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
08:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Cominciamo dai guariti”, iniziava i suoi briefing l’anno scorso l’allora capo della Protezione civile Angelo Borrelli. E oggi tra le poche notizie positive nell’emergenza Covid in Italia c’è il superamento della soglia dei 3 milioni di guariti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oltre 3,5 milioni sono invece i vaccinati con due dosi, quasi 8 milioni quelli che hanno ricevuto almeno una dose. Ma sulla campagna vaccinale pesano l’incertezza del caso AstraZeneca – che rinvia un’altra consegna e vede aumentare le disdette degli appuntamenti – e la scarsità delle dosi di aprile, nonostante 1,5 milioni di Pfizer oggi alle Regioni, il carico maggiore finora.
Numeri della pandemia e della campagna vaccinale si intrecciano nel weekend di Pasqua in un calo drastico, con il minimo di tamponi fatti da gennaio (quando si iniziarono a contare anche gli antigenici), 216 mila circa in due giorni, e appena 255 mila somministrazioni tra domenica e Pasquetta. Di alto resta il numero dei decessi, ancora 421 nelle ultime 24 ore, mentre i meno di 8 mila positivi sono dovuti in gran parte ai pochi test. La flessione dei casi è ancora lenta.
Tamponi e vaccini non sono slegati, perché anche quando si raggiungerà un numero sufficiente di italiani immunizzati tale da cambiare la storia dell’epidemia, bisognerà comunque testare quante più persone possibile e mantenere alcune misure minime.
La Gran Bretagna ha abbattuto casi e decessi negli ultimi due mesi e vaccinato il 47% della popolazione con almeno una dose, ma continua a fare 1,5 milioni di tamponi al giorno, mentre in Italia quando va bene sono 250 mila. Il caso dell’Ungheria nell’Ue è un monito: ha vaccinato il 34% degli abitanti usando addirittura 8 vaccini (4 approvati in solitaria), ma il 31 marzo ha avuto 302 morti, il massimo in un giorno da inizio crisi, per aver riaperto tutto senza screening.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Italia è stato somministrato ad oggi il 54% delle dosi di AstraZeneca (2.218.038 su 4.098.800 consegnate), secondo il database del ministero della Salute, mentre per Moderna la percentuale scende al 50% (658.403 su 1.328.200). Pfizer ha invece una percentuale di somministrazione del 96%, (8.375.625 su 8.709.480). In totale in Italia su 14.136.480 dosi dei tre vaccini arrivate ne sono state somministrate 11.252.066, circa l’80%.
Si fa più consistente il sospetto che per AstraZeneca pesi la diffidenza popolare. A Napoli centinaia di persone hanno chiesto direttamente al centro vaccinale di cambiare con Pfizer, ritardando le somministrazioni. lnoltre il 20-30% dei prenotati con AstraZeneca non si presentano all’hub di Cagliari, soprattutto docenti scolastici, in una regione tra le peggiori per performance, che a Pasqua ha vaccinato appena 39 persone.
Per AstraZeneca c’è stato anche un giallo Lazio, che ha contestato di aver ricevuto 98 mila dosi come invece indicato nel contatore nazionale. Il Commissariato all’emergenza Francesco Figliuolo ha risposto che sono state destinate a forze dell’ordine, forze armate e Protezione civile nel Lazio. Sempre il Lazio denuncia poi un taglio del 50% nella consegna del vaccino anglo-svedese prevista per il 14 aprile, ma in questo caso si tratta di un rinvio al 16 e al 23, con gli altri arrivi, precisa la struttura governativa guidata dal generale. Di certo c’è che gli 8 milioni di dosi previste in Italia in questo mese non saranno sufficienti a vaccinare 500 mila persone al giorno come previsto nel piano nazionale. Bisognerà puntare forte sugli over 70, fascia d’età molto trascurata e molto colpita dai decessi (6 milioni aspettano ancora la prima dose, 1,5 milioni la seconda), e tenere la riserva di seconde dosi, la gran parte dei 2,8 milioni in frigo. Sei milioni su 8 delle dosi di aprile saranno Pfizer e questa è la buona notizia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Buddisti: Dalai Lama, riscaldamento globale grave problema
Dialogo con l’Unione Buddhista Italiana
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
09:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“É difficile dire come saranno lo sviluppo e la direzione del buddhismo nella società mondana dei prossimi cinquanta anni. Tanto per cominciare il riscaldamento globale continua ad aumentare e questo è un grave problema.

Conosco scienziati che mi hanno detto che in una decina di anni il riscaldamento globale diventerà insostenibile e tanti corsi d’acqua saranno prosciugati. Se questo accadrà anche gli esseri viventi dove sta avvenendo il riscaldamento globale scompariranno”. Lo ha detto il Dalai Lama in occasione del collegamento con l’Unione Buddhista Italiana.
“Le sofferenze del mondo – ha aggiunto il Dalai Lama – nascono dal pensare se stessi come i più importanti. Occorre imparare a considerare tutti gli aspetti negativi dell’egoismo e quelli positivi dell’altruismo”. “L’altruismo diventa sempre più potente fino a quando una persona è pronta a dare la propria vita per essere di beneficio agli altri. Questa compassione ha in sé un coraggio fortissimo”, ha concluso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Medicine cinesi ‘anti-Covid’, sequestrate 6mila confezioni
L’operazione è stata coadiuvata dai militari del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Firenze e dalle Compagnie territoriali di Prato e Signa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
07 aprile 2021
09:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oltre seimila medicinali di origine cinese, tra cui farmaci venduti come anti Covid, sono stati sequestrati dai carabinieri del Nas di Torino. Erano privi delle necessarie autorizzazioni di Aifa ed Ema.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le indagini erano partite lo scorso gennaio a seguito della scoperta, nel centro del capoluogo piemontese, di alcune decine di confezioni di medicinali cinesi all’interno di una rivendita al dettaglio di generi alimentari. I medicinali erano stoccati in una rivendita all’ingrosso con sedi tra Prato e la provincia di Firenze, di proprietà di un 50enne cinese che è stato denunciato.
L’operazione è stata coadiuvata dai militari del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Firenze e dalle Compagnie territoriali di Prato e Signa (Firenze). I medicinali, principalmente confezionati in bustine e destinati quasi esclusivamente al mercato etnico, sono stati rinvenuti in seguito di alcune perquisizioni delegate dalla Procura della Repubblica di Firenze nell’ambito di un’attività di contrasto al commercio illecito di farmaci.
Le indagini dei carabinieri del Nas di Torino sono scattate lo scorso gennaio, con il ritrovamento nel centro del capoluogo piemontese di alcune decine di confezioni di medicinali cinesi all’interno di una rivendita al dettaglio di generi alimentari.
Gli accertamenti hanno condotto i militari a una società di rivendita all’ingrosso con più sedi, tra Prato e la provincia di Firenze, di proprietà di un 50enne cinese.
Le quasi 6.200 confezioni sequestrate avrebbero fruttato profitti indebiti stimati in oltre 60 mila euro, oltre al potenziale rischio per la salute dovuti all’assunzione di prodotti senza la doverosa valutazione delle Autorità e delle corrette modalità di produzione e conservazione.   PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Scuola: in Fvg ‘rosso’ rientrati in classe 90 mila alunni
Lezioni in presenza per studenti fino alla prima media
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
07 aprile 2021
10:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Zainetti in spalla, mascherine a coprire naso e bocca, ingressi scaglionati e compagni di classe e insegnanti pronti a riabbracciarsi anche se “a distanza”. Sono circa 90 mila gli alunni rientrati in classe oggi in Friuli Venezia Giulia, dopo un periodo di didattica a distanza per le scuole di ogni ordine e grado cominciato lo scorso 15 marzo con l’ingresso della regione in zona rossa.

Il dato, emerso durante un incontro propedeutico alla riapertura a cui avevano partecipato tra gli altri l’Ufficio scolastico del Fvg e la Regione, comprende gli alunni delle scuole dell’infanzia, delle primarie, gli iscritti al primo anno della scuola secondaria di primo grado e i piccoli (0-3 anni) che usufruiscono dei servizi della prima infanzia.
Il dl 44 ha aggiornato le misure previste per il contenimento del virus nelle zone rosse, stabilendo il rientro in classe per gli alunni fino alla prima media; per gli studenti più grandi prosegue invece la didattica a distanza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bradisismo: sciame sismico in corso in area flegrea
Dieci scosse tra Pozzuoli e la zona occidentale di Napoli
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
POZZUOLI
07 aprile 2021
10:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uno sciame sismico è in corso nell’area flegrea dalla serata di ieri. Registrate dieci scosse nell’arco della notte con l’evento di maggiore intensità alle 4.08 di magnitudo 1.9 con epicentro nell’area di Agnano Pisciarelli, nelle immediate vicinanze del vulcano Solfatara, a profondità di 2mila e 100 metri.
I movimenti tellurici sono stati accompagnati da boati e sono stati avvertiti dalla popolazione soprattutto dell’area epicentrale e del litorale tra via Pozzuoli ed i quartieri occidentali di Napoli.
Al momento non sono stati rilevati danni a persone e cose.
L’ultimo evento di maggiore rilievo era stato registrato il 31 marzo scorso con una scossa di magnitudo 2.2. Tutti gli eventi sono legati al fenomeno del bradisismo flegreo che viene monitorato costantemente dai tecnici dell’Osservatorio Vesuviano e dalla Protezione Civile Nazionale. Secondo i dati diffusi dall’INGV dallo scorso settembre il suolo a Pozzuoli e nell’area flegrea si sta sollevando con un ritmo di 13 mm al mese.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: protestano ambulanti mercati Torino, bloccata via
Assessore Sacco a Santa Rita, trasmesso richieste al prefetto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
07 aprile 2021
11:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mattinata di protesta degli ambulanti di generi non alimentari nei mercati torinesi contro la prolungata chiusura per le norme anti Covid. Tra le manifestazioni quella organizzata a Santa Rita ha visto la partecipazione anche di numerosi negozianti, compresi quelli di attività aperte.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Siamo tutti necessari”, la scritta sullo striscione sventolano dai manifestanti, una sessantina in tutto; “Vogliamo lavorare “, lo slogan ripetuto. “Non possiamo più aspettare”.
I manifestanti sono stati incontrati, sul posto, dall’assessore comunale al Commercio, Alberto Sacco. “Ero già qui alle 8 del mattino – ha detto – spero possiate riaprire al più presto possibile. La vostra situazione ci e ben chiara, capisco e spero vivamente che si possa tornare arancione.
Abbiamo trasmesso tutti i vostri problemi e le vostre richieste al prefetto affinché venga interessato il Governo”.
Sacco è stato brevemente interrotto da qualche ambulante che ha urlato “al 28 non ci arriviamo, moriamo prima”, poi ha potuto concludere il suo intervento. “I nostri poteri sono limitati, decide Roma”, ha aggiunto l’assessore. La protesta, sotto il controllo delle forze dell’ordine, ha parzialmente bloccato corso Orbassano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rissa a Miss Sri Lanka, vincitrice ferita da una rivale
Ex reginetta le strappa la corona di testa, ‘è divorziata’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
11:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La neo vincitrice di Mrs Sri Lanka è stata aggredita e ferita alla testa da un ‘ex reginetta che l’accusava di non essere “degna del titolo perchè divorziata”.
L’incidente, riporta la Bbc, è avvenuto poco dopo l’incoronazione di Pushpika De Silvamsul palco del concorso in diretta tv.
Caroline Jurie, miss nel 2019, si è avventata sulla vincitrice e le ha strappato la corona che era stata fissata sui capelli con dei pettinini affilati.
“C’è una regola che esclude le divorziate, quindi sto prendendo l’iniziativa consegnando il premio alla seconda arrivata”, ha urlato la Jurie al pubblico in sala, tra cui la moglie del premier, piazzando la corona sulla testa dell’altra miss che ha iniziato a esultare, mentre De Silva abbandonava il palco in lacrime. Più tardi ha scritto in un post su Facebook di essere andata in ospedali per farsi medicare alcune ferite.
Nel frattempo gli organizzatori del concorso hanno verificato che non fosse divorziata “ma solo separata” e le hanno restituito l’ambita corona.   MONDO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Disagi al rientro a scuola, hackerato registro elettronico
Disponibile solo da domani, fa sapere l’azienda
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
12:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Disagi informatici nel giorno del rientro a scuola con le lezioni presenza per circa 5,6 milioni di alunni. Il registro elettronico, andato fuori uso a causa di un attacco hacker, sarà ripristinato e sarà disponibile con tutti i suoi servizi entro la mattina di domani.
A comunicarlo è la società Axios, che rifornisce il servizio in Italia nel 40% delle scuole italiane. “A seguito dell’attacco subito dalla nostra piattaforma inviamo di seguito le istruzioni per gestire il registro di emergenza del protocollo”, scrive sul sito Axios.
Da alcuni giorni non si ottiene nessuna risposta dalla piattaforma. MAGGIORI INFO IN TECNOLOGIA.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: protesta ‘gentile’ dei ristoratori, fateci riaprire
Iniziativa nell’Alessandrino, basta essere capro espiatorio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GARBAGNA
07 aprile 2021
12:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Fateci aprire”: lo scrivono sulle t-shirt bianche i dipendenti di uno dei locali che si affacciano sulla piazza di Garbagnana, uno dei Borghi più belli d’Italia, che hanno ideato questa ‘protesta gentile’ contro la prolungata chiusura per le norme anti Covid dei ristoranti.
“La ristorazione – dice il titolare del ristorante, Paolo Nicolini – non può continuare a essere il capro espiatorio della diffusione del contagio.
Un ristorante che segue le corrette norme di prevenzione è più sicuro, controllato e controllabile di quanto contrariamente accade sia in molti altri luoghi lasciati aperti sia per i comportamenti largamente diffusi e contrari alle regole imposte. Occorre una nuova formula di dialogo con le sorde istituzioni affinché la situazione cambi. E al più presto”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da oggi di nuovo in classe 5,6 milioni di studenti
Attacco hacker al registro elettronico, sarà ripristinato e sarà disponibile con tutti i suoi servizi entro domani
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
15:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono tornati in classe 5,6 milioni di alunni: quasi il 66% degli 8,5 milioni iscritti a scuola, cioè 2 su 3. Tra loro, 2,7 milioni sono della scuola d’infanzia e primo ciclo, provenienti anche da zone rosse. Mentre sono 2,9 milioni quelli che restano con la didattica a distanza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Proprio nel giorno del rientro, il registro elettronico nazionale è andato in tilt a causa di un “attacco hacker” e sarà ripristinato con tutti i suoi servizi entro domani mattina. A comunicarlo è la società Axios, che rifornisce il servizio in Italia nel 40% delle scuole italiane. “A seguito dell’attacco subito dalla nostra piattaforma inviamo di seguito le istruzioni per gestire il registro di emergenza del protocollo”, scrive sul sito Axios. Da alcuni giorni non si ottiene nessuna risposta dalla piattaforma.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per molti studenti dunque un addio alla didattica a distanza: il nuovo decreto varato dal governo infatti prevede la scuola in presenza nelle zone arancioni fino alla prima media e dalla seconda media e per tutto il ciclo scolastico delle superiori la presenza almeno al 50%.
Mentre nelle zone rosse frequenteranno tutti gli alunni fino alla prima media, dad dalla seconda media in poi.

Questa decisione, si legge in una circolare del Viminale ai prefetti, “non ammette alcun intervento in deroga da parte dei presidenti di Regione o delle province autonome e dei sindaci, tranne che in casi di natura eccezionale legati alla presenza di focolai o ad un grado estremamente elevato di rischio di diffusione del virus e delle relative varianti”. Eventuali deroghe, dunque, dovranno essere “adeguatamente motivate”, adottate dopo un “confronto con le competenti autorità sanitarie” e “in conformità ai principi di adeguatezza e proporzionalità”.

Per far ripartire la scuola in sicurezza è tuttavia necessario garantire un trasporto pubblico privo di rischi per i ragazzi che ne fanno uso: controlli dei Nas, d’intesa con il ministero della Salute, per verificare il rispetto delle norme anti-Covid, hanno portato a contestare la regolarità per 65 mezzi su 693 ispezionati. Tra i tamponi di superficie raccolti sono emersi 32 casi di positività per la presenza di materiale genetico riconducibile al virus trovato in autobus, vagoni metro e treni a Roma, Viterbo, Rieti, Latina, Frosinone, Varese e Grosseto.

La circolare del Viminale prevede che i prefetti debbano valutare l’impatto della domanda di mobilità sul sistema del trasporto pubblico. Riguardo alla capienza dei mezzi, si legge, i valori di riferimento sono quelli del Dpcm del 2 marzo scorso che prevedono “un coefficiente di riempimento di quelli adibiti al trasporto pubblico locale non superiore al 50% dei posti consentiti dalla carta di circolazione ed un coefficiente di riempimento dell’80% per i mezzo di trasporto scolastico dedicato, incrementato nella misura massima del 100% nel caso in cui la permanenza degli alunni sul mezzo non sia superiore ai 15 minuti”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Focolaio in casa albergo anziani a Napoli: donna, serve aiuto
Figlia di uno degli ospiti,mio padre positivo,personale stremato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
07 aprile 2021
12:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Servono medici, infermieri e operatori socio sanitari che possano dare una mano agli assistenti, ormai stremati dalla fatica e alcuni anche dal covid: nonostante le richieste all’Asl, finora solo alcuni medici volontari stanno visitando mio padre, positivo a 84 anni, affetto da patologie invalidanti che lo costringono su una sedia a rotelle”. E’ il grido d’aiuto che lancia Francesca, figlia di uno dei 14 anziani residenti nella Casa Albergo di Napoli dove è scoppiato nei giorni scorsi un focolaio Sars-Cov-2.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Erano in attesa del vaccino ma è arrivato prima il covid, – dice affranta Francesca – e malgrado gli sforzi della direzione – aggiunge – finora non si è visto nessuno. Sono molto preoccupata, malgrado mio padre sia quasi asintomatico”.
Sabato scorso, fa sapere la donna, i referenti della casa albergo hanno informato l’Asl del focolaio, in corso dopo avere ricevuto l’esito, purtroppo positivo, dei tamponi effettuati sugli anziani della struttura.
“E’ stato chiamato il 118 – continua Francesca – ma è stato riferito che al momento non era necessario il loro intervento in quanto i sintomi non erano al momento gravi. Neppure l’Usca si è attivata – sottolinea la donna – almeno per capire a quali rischi sono esposti quei vecchietti, che hanno una età compresa tra 74 e 94 anni e purtroppo molte patologie”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Film Commission, parte civile su danni
Per avere ‘eventuale ristoro’ nei due processi, uno a contabili
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
12:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Fondazione Lombardia Film Commission ha deciso di costituirsi parte civile, rappresentata dall’avvocato Andrea Puccio, “al fine di ottenere l’eventuale ristoro dei danni patiti” nei due processi, uno in abbreviato a carico dei due revisori contabili della Lega Alberto Di Rubba e Andrea Manzoni, e l’altro in ordinario all’imprenditore Francesco Barachetti, per la vicenda della compravendita del capannone di Cormano (Milano) con la quale sarebbero stati drenati, per l’accusa, 800mila euro di fondi pubblici.
La Fondazione spiega, infatti, di aver “avviato ogni più opportuna iniziativa volta alla tutela dei propri interessi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Andrea Bocelli in concerto nel sito Unesco di Hegra ad AlUla
Tra le tombe nabatee, l’8/4 anche in diretta streaming
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
11:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La voce di Andrea Bocelli, il tenore italiano più amato al mondo. E la meraviglia secolare di Hegra, primo sito Unesco in Arabia Saudita, che presto accoglierà per la prima volta visitatori da tutto il mondo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È il concerto evento in prima mondiale che porterà Bocelli l’8 aprile ad AlUla, cui potranno assistere dal vivo solo 300 persone, ma che sarà trasmesso gratuitamente in diretta live streaming sul canale YouTube del maestro per milioni di appassionati in tutto il mondo (alle ore 21 per l’Italia).
Per Bocelli è il terzo anno consecutivo ad AlUla, dopo essersi già esibito in due edizioni del festival Winter at Tantora. Il nuovo appuntamento si preannuncia ora come un’imperdibile celebrazione del patrimonio culturale, della musica e dell’ottimismo data la pandemia mondiale.
A regalare una scenografie spettacolare al concerto saranno le tombe nabatee dell’antica città di Hegra, prima volta che il sito viene utilizzato per un evento musicale di questo livello.
Con un programma ancora da annunciare, ad accompagnare Andrea Bocelli sono i musicisti della Arabian Philharmonic con la partecipazione di Loren Allred, Matteo Bocelli e la soprano Francesca Maionchi con Eugene Kohn al piano. Atteso anche un ospite a sorpresa, che sarà rivelato domani stesso.
Hegra, costruita dai Nabatei nel I secolo a.C., è un’antica città nel deserto che ospita migliaia di tombe scavate nella roccia arenaria, di cui almeno cento mostrano facciate scolpite, finemente elaborate, firma degli abili artigiani nabatei (Info: experiencealula.com).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
San Patrignano, i figli di Vincenzo Muccioli querelano Netflix
‘Ricostruzione distorta di storia comunità e fondatore’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
RIMINI
07 aprile 2021
09:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Andrea e Giacomo Muccioli, figli di Vincenzo il fondatore della Comunità di San Patrignano, querelano per diffamazione aggravata Netflix, che ha realizzato il documentario sulla comunità e sulla figura del padre. Lo riporta il Corriere Romagna.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘SanPa. Luci e tenebre a San Patrignano’, la docuserie di Netflix che riporta anche lunghi stralci di intervista ad Andrea Muccioli, avrebbe offeso la memoria del padre Vincenzo. Secondo i figli di Muccioli, assistiti dall’avvocato Alessandro Catrani, la serie fa una ricostruzione distorta della storia della comunità e del fondatore. Sempre secondo la querela vi sarebbero delle allusioni e bugie come la presunta morte per Aids di Vincenzo Muccioli da ricondurre a una altrettanto presunta omosessualità. La querela è stata presentata nei giorni scorsi ai carabinieri.
‘SanPa’ è la prima docu-serie originale italiana di Netflix, di Produzione 42, approdata il 30 dicembre 2020 sulla piattaforma streaming per una platea di 190 Paesi. Scritta da Carlo Gabardini, Gianluca Neri, Paolo Bernardelli e diretta da Cosima Spender, è stata realizzata con 25 testimonianze, 180 ore di interviste e immagini tratte da 51 differenti archivi.
Dalla docuserie, a pochi giorni dalla disponibilità sulla piattaforma, la Comunità di San Patrignano si era già formalmente e “completamente” dissociata, definendo il racconto fatto “unilaterale”, “sommario e parziale”, con una narrazione focalizzata “in prevalenza” su “testimonianze di detrattori”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14enne morto: archiviato caso ‘YouTube’
Gip Milano, nessun reato da chi caricò filmato sfida ‘blackout’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
07 aprile 2021
13:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nella “vicenda”, che “pure può rappresentare momento di riflessione e confronto”, non ci sono state “violazioni di norme di cautela, da parte degli indagati”, tra cui il giovane che caricò il video, “direttamente riconducibili al tragico epilogo” e non è nemmeno “possibile ascrivere” alla società YouTube “alcun illecito amministrativo”.
Lo scrive il gip Sofia Fioretta nel decreto con cui, accogliendo la richiesta del pm Cristian Barilli, ha archiviato l’inchiesta per istigazione al suicidio sul filmato, che fece quasi un milione di visualizzazioni sulla piattaforma, su “cinque sfide pericolosissime”, tra cui l’auto-soffocamento (cosiddetto ‘blackout’), guardato poco prima di morire da Igor Maj, 14enne trovato impiccato in camera il 6 settembre 2018, a Milano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il reato era stato contestato a due giovani e in particolare ad un 26enne che aveva prodotto e caricato il video su YouTube.
Non solo, scrive il gip, non c’era in lui “dolo di far sorgere, rafforzare o agevolare il proposito suicidiario nella indistinta platea degli utenti della rete internet”. Ma non si può configurare nemmeno l’omicidio colposo, perché “non è possibile affermare che chi ha consentito la pubblicazione e la mancata rimozione di quel video, usando l’ordinaria diligenza avrebbe potuto prevedere, dopo due anni dalla realizzazione e dalla divulgazione del video” la “tragica morte”.
Con un decreto di sequestro dei pm, dopo la morte, il filmato era stato oscurato. Gli inquirenti avevano chiesto degli atti a YouTube, società di Google e mai indagata, per ottenere chiarimenti. Il giudice precisa che non si possono comunque contestare illeciti alla società.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da Torino a Napoli, manifestazioni e proteste per le riaperture
Cortei contro la prolungata chiusura per le norme anti-virus
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
07 aprile 2021
13:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Proseguono da Nord a Sud le proteste di ristoratori, commercianti e ambulanti dopo i tafferugli ieri a Roma davanti al Parlamento. A Torino dietro lo striscione “Siamo tutti necessari” protestano a Santa Rita gli ambulanti di generi non alimentari mentre a Pistoia è stato allestito in piazza Duomo un finto mercato ma senza merce esposta.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Napoli i commercianti sfilano con le croci contro le restrizioni imposte dal governo. A Taranto sit in e gilet gialli per chiedere le riaperture. “Aperture ci saranno, soprattutto da maggio, forse qualcosa già dal 20 di aprile si potrà riaprire”, ha detto Gelmini, ministra per gli Affari regionali e le autonomie agli Stati generali del settore Matrimoni ed eventi privati organizzato da Unanime, confederazione che raccoglie le associazioni della filiera.
Sono 1.280 i furgoncini dei commercianti ambulanti che oggi hanno raggiunto Firenze per la manifestazione organizzata dall’associazione Assidea per chiedere le riaperture dei mercati, causando disagi alla circolazione nelle vie intorno al centro cittadino. La manifestazione è partita stamani da Pistoia, e il corteo di furgoncini, provenienti da tutta la Toscana, ha raggiunto il capoluogo in tarda mattinata: dalle 16 circa 200 persone hanno partecipato a un comizio in via Cavour, davanti alla Prefettura e al Consiglio regionale. L’associazione chiede l’immediata apertura di un tavolo di crisi del settore; l’inserimento dei codici Ateso per la distribuzione di vendita al dettaglio su area pubblica di tutti i prodotti non alimentari in tutte le fasce di rischio; l’abolizione dei canoni di occupazione del suolo pubblico (Cosap e Tosap) e di tutti i contributi previdenziali per il 2021; l’abolizione della richiesta del documento di regolarità contributiva (Durc) al rinnovo delle licenze che si dovrà completare entro il 30 giugno 2021. Fra i partecipanti al comizio, i parlamentari Vittorio Sgarbi e Gianluigi Paragone, i consiglieri regionali Francesco Torselli, Diego Petrucci (FdI) e Marco Landi (Lega), il consigliere comunale Andrea Asciuti (Lega).
Mattinata di protesta degli ambulanti di generi non alimentari nei mercati torinesi contro la prolungata chiusura per le norme anti Covid. Tra le manifestazioni quella organizzata a Santa Rita ha visto la partecipazione anche di numerosi negozianti, compresi quelli di attività aperte. “Siamo tutti necessari”, la scritta sullo striscione sventolano dai manifestanti, una sessantina in tutto; “Vogliamo lavorare “, lo slogan ripetuto. “Non possiamo più aspettare”. I manifestanti hanno incontrato, sul posto, l’assessore comunale al Commercio, Alberto Sacco. “Ero già qui alle 8 del mattino – ha detto – spero possiate riaprire al più presto possibile. La vostra situazione ci e ben chiara, capisco e spero vivamente che si possa tornare arancione. Abbiamo trasmesso tutti i vostri problemi e le vostre richieste al prefetto affinché venga interessato il Governo”. Sacco è stato brevemente interrotto da qualche ambulante che ha urlato “al 28 non ci arriviamo, moriamo prima”, poi ha potuto concludere il suo intervento. “I nostri poteri sono limitati, decide Roma”, ha aggiunto l’assessore. La protesta, sotto il controllo delle forze dell’ordine, ha parzialmente bloccato corso Orbassano.  La manifestazione è proseguita tutta la mattinata con un corteo nelle vie e piazze del quartiere. Molti i cartelli di solidarietà appesi sulle vetrine dei negozi con il permesso di tenere aperto, dove invece le serrande sono state abbassate. “Dietro ogni negozio chiuso – ha detto uno speaker – c’è una famiglia che non ha più soldi per dare da mangiare ai loro figli. La nostra attività garantisce strade sicure e pulite, noi paghiamo tasse per la scuola, per i trasporti, per le pensioni”.
“Siete un esempio, una categoria responsabile che chiede solo di esercitare un diritto: poter lavorare”. Così il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, incontrando in piazza Galimberti, nel centro di Cuneo, gli ambulanti di generi non alimentari dei mercati. “E’ giusto chiedere prospettive e tempi certi – aggiunge il governatore piemontese -. Piuttosto di moratorie e ristori, sarebbe meglio cancellare un anno di tasse. Incontrerò il premier Mario Draghi e presenterò le vostre istanze”.
Protesta degli ambulanti anche in piazza Duomo a Pistoia, dove hanno allestito un finto mercato con i loro furgoni, ma senza merce esposta, per manifestare contro la mancata riapertura dei mercati in zona rossa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La nostra richiesta è di poter lavorare – ha spiegato Antonio Gualtieri, portavoce degli ambulanti del mercato di Pistoia -, perché i ristori non sono sufficienti e a non tutti arrivano, quindi abbiamo assoluto bisogno di lavorare. Noi oltretutto lavoriamo in sicurezza, perché siamo all’aperto, quindi non si capisce perché dobbiamo rimanere chiusi”. Per Gualtieri, “il problema, per quanto riguarda i ristori, è che chi ha cambiato la società o chi è stato fermo in precedenza per altri motivi, non ha ricevuto niente. Io, per esempio, sono uno di quelli: nel 2019 avevo affittato la licenza a mia moglie, nel 2020 me la sono ripresa, quindi ai fini dei ristori sembra che io non abbia avuto redditi nel 2019 e nel 2020 e perciò non ho ottenuto niente”. Altro fronte quello delle tasse che non sono state congelate. “Io, come molti altri – conclude Gualtieri -, ho pagato 8mila euro di Inps e poi tutte le altre tasse, che purtroppo non sono state sospese. Soltanto la tassa suolo pubblico qualche comune l’ha sospesa o ha fatto pagare solo uno o due mesi, ma tutto il resto arriva da pagare come prima della pandemia”.
Protesta commercianti Taranto, sit-in e gilet gialli – “Il futuro non (si) chiude”: è la frase riportata su uno dei manifesti esposti dai titolari delle imprese del terziario aderenti a Confcommercio di Taranto, che questa mattina hanno tenuto un sit-in in sulla Rotonda del Lungomare per protestare contro il protrarsi delle chiusure disposte dai decreti governativi per l’emergenza epidemiologica. I manifestanti hanno testimoniato l’urgenza, condivisa da tutte le categorie associate, di consentire – è stato spiegato – la ripartenza delle attività nel rispetto delle regole e dei protocolli di sicurezza e di prevedere indennizzi e sostegni adeguati alle perdite. Al centro della Rotonda del Lungomare sono stati posizionate buste nere della spazzatura con la scritta “un sacco di debiti” perchè, ha detto uno dei commercianti intervenuti, “in questo anno il governo ci ha dato solo tanta immondizia piuttosto che ristori, assistenza e certezza sulle vaccinazioni. Noi continuiamo ad andare avanti con una protesta civile, tutti con la mascherina, rispettando le distanze di sicurezza. C’è una esasperazione dilagante – ha aggiunto – che speriamo non sfoci in manifestazioni ben più dure. Ce lo auguriamo perchè vorrà dire che il governo sarà intervenuto finalmente con provvedimenti seri per il commercio e per tutte le categorie che sono state dimenticate da Dio”. Per questo pomeriggio, dalle 17, è stata annunciata una nuova iniziativa. I commercianti appenderanno simbolicamente un gilet giallo davanti ai propri negozi e faranno sentire, hanno precisato, il loro “grido di dolore”.
Quindici croci di legno in piazza a testimoniare il calvario di altrettante categorie commerciali. La rappresentazione è andata in scena a Napoli, ma non c’entrano i riti pasquali. A protestare sono gli aderenti alla Confesercenti di quindici categorie merceologiche (benzinai, ambulanti, orafi e gioiellieri, moda, esercenti pubblici, imprese balneari, guide turistiche e interpreti, case vacanza e ostelli, parrucchieri ed estetiste, federazione turismo, sindacato delle discoteche tra le altre) riunitisi in centinaia in piazza del Plebiscito, sede della Prefettura, per chiedere la riapertura immediata dei loro esercizi. Tra i più arrabbiati gli ambulanti: “Non capiamo la differenza tra chi vende alimenti e chi no – spiega uno di loro mentre gli altri scandiscono lo slogan “lIbertà, libertà” – . Apriamo tutti da domani, senza distinzioni, non ce la facciamo più. Oppure presentiamoci in massa alla Mostra d’Oltremare per fare i vaccini. E se non ci sono non è certo colpa nostra”.
Baristi, ristoratori, titolari di negozi di abbigliamento e scarpe, di salumerie, agenti di viaggio, fioristi, panificatori e venditori ambulanti: tutte le categorie del commercio aderenti a Confesercenti sono scese in piazza della Prefettura a Caserta, tramite i loro rappresentanti, per chiedere al Governo “di riaprire subito e tutti” e di avere “ristori più cospicui e veloci”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Eurostat, in Italia aspettativa di vita giù di 1,2 anni
E’ passata da 83,6 anni nel 2019 a 82,4 nel 2020
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
07 aprile 2021
13:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’aspettativa di vita degli italiani è diminuita di 1,2 anni nel 2020, passando da 83,6 anni del 2019 a 82,4 anni. Si tratta di uno dei cali più significativi tra gli Stati membri.
E’ quanto rileva Eurostat, ricordando come, dagli anni Sessanta in poi, l’aspettativa di vita nell’Ue sia aumentata in media di oltre due anni per ogni decennio.
A subire il calo maggiore nella speranza di vita sono stati i cittadini spagnoli (-1,6 anni) e bulgari (-1,5 anni), seguiti da lituani, polacchi e rumeni (-1,4 anni). In Francia e Germania si è registrato un calo rispettivamente di 0,7 e 0,2 anni. Soltanto in Danimarca e Finlandia, invece, si è assistita a un’inversione di tendenza, con l’aspettativa di vita aumentata di 0,1 anni.
Invariati i dati tra il 2019 e il 2020 per Cipro e Lettonia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Unicef, con noi Angelique Kidjo e altri artisti
Per promuovere fiducia in occasione Giornata Mondiale Salute
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
14:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Artisti africani di fama mondiale come Angelique Kidjo, Calema, Cobhams Asuqo, Magic System e Safiath si uniscono all’Unicef, In occasione della Giornata Mondiale della Salute, per promuovere “la fiducia nei vaccini contro il Covid-19”.
Un mese dopo l’inizio dello storico lancio dei vaccini contro il covid-19 in diversi paesi dell’Africa occidentale e centrale e in altre parti del mondo e livelli record di disinformazione sui vaccini – spiega in una nota l’Unicef, è “più importante che mai amplificare il messaggio che i vaccini sono sicuri ed efficaci.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I vaccini salvano vite”.
“Abbiamo un’opportunità fondamentale per sensibilizzare sull’importanza degli sforzi di vaccinazione contro il COVID-19, per combattere la disinformazione e affrontare le esitazioni nei confronti dei vaccini – afferma il Direttore regionale dell’Unicef per l’Africa occidentale e centrale, Marie-Pierre Poirier – .Le voci e la disinformazione costano letteralmente vite umane, scoraggiando le persone a sottoporsi alla vaccinazione, il miglior strumento disponibile per evitare di contrarre e diffondere malattie mortali prevenibili con il vaccino, compreso il Covid-19. Plaudo all’impegno dei governi nazionali, e di questi artisti di talento e membri influenti della comunità, che chiedono a tutti di sostenere gli sforzi di vaccinazione contro il Covid-19”.
“Sono qui per dirvi che i vaccini salvano vite. Da bambina, sono stata vaccinata e mi vaccinerò contro il covid-19 quando il vaccino sarà disponibile per me” commenta Angelique Kidjo, cantante nata in Benin e Goodwill Ambassador dell’Unicef, in un video che sarà pubblicato e promosso sui social media oggi.
Nel maggio dello scorso anno, Angelique Kidjo ha reinciso la hit di Miriam Makeba del 1967 ‘Pata Pata’, per diffondere informazioni sul covid-19, e ha raggiunto centinaia di milioni di persone, anche in comunità remote in tutto il mondo. La versione di Kidjo è stata ascoltata da più di 100 stazioni radio in tutta l’Africa, oltre che negli Stati Uniti e in Europa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ingaggia sicario su dark web,10mila euro per sfregiare la ex
Arrestato manager milanese.Indagine pm Roma,pagamenti in Bitcoin
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
14:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Aveva ingaggiato un sicario sul dark web, affinché la ex fosse “sfregiata con l’acido e costretta su una sedia a rotelle”. Un manager milanese di 40 anni è finito agli arresti domiciliari con l’accusa di atti persecutori aggravati.
Secondo le indagini della polizia postale e della squadra mobile di Roma, l’uomo – esperto informatico, funzionario di una grande azienda – aveva contattato un sito sul dark web, chiedendo a soggetti denominati ‘Assassins’ di provocare lesioni gravissime alla ex fidanzata e offrendosi di pagare una grossa somma in bitcoin, una parte della quale era stata già versata ad un intermediario. Quattro pagamenti per un valore complessivo di quasi 10 mila euro per “cagionare alla sua ex lesioni gravissime”. E’ quanto aveva pattuito il 40enne arrestato oggi su richiesta della Procura di Roma per stalking e tentate lesioni personali, con un “sicario” contattato sul Dark Web. In base a quanto emerge dall’ordinanza di custodia cautelare l’uomo avrebbe dovuto saldare il pagamento attraverso Bitcoin. L’indagine è stata svolta dal sostituto procuratore Daniela Cento coordinata dal procuratore Michele Prestipino.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lazio: si dimette presidente Consiglio, mio operato corretto
Ombre su assunzioni in Regione, “ora commissione trasparenza”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
07 aprile 2021
14:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ho sempre lavorato nel pieno rispetto della legge, delle istituzioni e nella massima trasparenza. Negli ultimi giorni il Consiglio e la mia persona sono state vittime di attacchi e speculazioni politiche”.
Così Mauro Buschini, presidente del consiglio regionale del Lazio, annuncia le sue dimissioni, facendo riferimento alla vicenda di assunzioni alla Regione Lazio. “Ribadisco che la procedura è stata non solo regolare ma pienamente trasparente e ha permesso di integrare le risorse umane con personale esperto e preparato – aggiunge Buschini – Ho deciso di rassegnare le mie dimissioni da Presidente per garantire al mio successore di nominare in piena autonomia i membri della Commissione trasparenza che ho fortemente voluto e che, sono sicuro, farà luce sulla vicenda”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Lazio, 40enni potrebbero vaccinarsi in farmacia
Assessore, ci sono le condizioni, dipende dalle dosi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
07 aprile 2021
14:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sicuramente le prenotazioni per chi è nato nel 1966 potranno avvenire dai primi giorni del prossimo mese, mentre per la classe successiva ci vorrà un po’ di più e probabilmente è una classe quella che si rivolgerà alle farmacie. Sì, i quarantenni potrebbero fare il vaccino in farmacia, dosi e tempi permettendo.
Ci sono tutte le condizioni”. Lo ha detto l’assessore regionale alla Sanità del Lazio, Alessio D’Amato, intervenuto a Rai Radio2 nel programma di Tommaso Labate e Massimo Cervelli ‘Non è un paese per giovani’. “Johnson & Johnson, monodose , potrebbe essere adatto alla somministrazione in farmacia”, ha sottolineato D’Amato.
“Quindi siamo in trepidante attesa per capire quante dosi arriveranno”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Stefani, monitoriamo applicazione priorità disabili
Da parte delle Regioni.Valutiamo possibili alternative procedure
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
16:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono consapevole che non è sufficiente l’inserimento delle persone con disabilità grave fra le categorie prioritarie, ma è necessario che, in collaborazione con le Regioni, si dia effettività ad un diritto ormai garantito a salvaguardia dei più deboli. Proprio per questa ragione stiamo monitorando l’effettiva applicazione di tale priorità da parte delle regioni, e contemporaneamente, valutando le possibili alternative per poter facilitare e omologare le procedure di iscrizione alla vaccinazione”.Lo ha annunciato il ministro per le Disabilità Erika Stefani in audizione in Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: rinviata causa di 500 famiglie
Sono parenti di vittime di Brescia e bergamasche
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BRESCIA
07 aprile 2021
16:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È stata rinviata al prossimo 8 luglio l’udienza civile davanti al tribunale di Roma per la causa intentata da 500 familiari – bresciano e bergamaschi – delle vittime di coronavirus. L’udienza era prevista per il 14 aprile ed è stata rinviata.

In forza della normativa anticovid, l’udienza sarà a trattazione scritta, cioè non si terrà alla presenza delle parti, che dovranno depositare le proprie richieste e le proprie domande su cui il Giudice deciderà entro i 5 giorni successivi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: risalgono i contagi in Sardegna ma frenano i ricoveri
Sono 263 i casi, tasso di positività al 3,9% e cinque i decessi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
07 aprile 2021
16:46
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 47.630 i casi di positività al Covid-19 complessivamente accertati in Sardegna dall’inizio dell’emergenza. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale sono stati rilevati 263 nuovi casi.
In totale sono stati eseguiti 1.042.899 tamponi, per un incremento complessivo di 6.599 test rispetto al dato precedente. Il rapporto casi positivi-tamponi eseguiti segna per l’Isola un tasso di positività del 3,9%.
Si registrano cinque nuovi decessi (1.250 in tutto). Sono invece 294 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (-3), mentre restano 47 i pazienti in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 15.649. I guariti sono complessivamente 30.378 (+105), mentre le persone dichiarate guarite clinicamente nell’Isola sono attualmente 12.
Sul territorio, dei 47.630 casi positivi complessivamente accertati, 12.121 (+76) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 7.309 (+30) nel Sud Sardegna, 4.081 (+38) a Oristano, 9.375 (+48) a Nuoro, 14.744 (+71) a Sassari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Eataly: chiusura definitiva per i negozi di Bari e Forlì
Azienda: ‘piani sviluppo confermati. In tutto 80 i dipendenti’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
07 aprile 2021
17:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Eataly chiude definitivamente gli store di Bari e Forlì. I due negozi, che hanno complessivamente 80 dipendenti, non riapriranno neppure quando l’emergenza sanitaria sarà finita.

“La decisione è maturata su fattori di contingenza locale aggravati dalla pandemia. I piani di sviluppo di Eataly restano confermati.

Bari e Forlì sono gli unici negozi che non verranno riaperti, e la priorità oggi riguarda la situazione del personale e lavorare con le organizzazioni sindacali in modo fattivo e collaborativo per ridurre gli impatti di stabilità reddituale sul personale dei due negozi”, spiega l’azienda in una breve nota.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 627 morti, mai così tanti dal 5/1. Positivi risalgono
Tamponi triplicati. In calo terapie intensive-ricoveri, tasso 4%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
17:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 13.708 i positivi al test del coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 7.767.
I tamponi sono notevolmente risaliti dopo il forte calo del weekend, fino a quota 339.939. Sono invece 627 le vittime in un giorno (ieri 421). Un numero simile di morti non si verificava dal 5 gennaio, quando furono 649. Ieri i test molecolari e antigenici erano stati 112.962, un terzo circa di quelli di oggi. Il tasso di positività è del 4%, ieri era al 6,9%, quindi in calo del 2,9% in 24 ore.
Sono 3.683 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, in calo di 60 unità rispetto a ieri nel saldo giornaliero tra entrate e uscite, mentre gli ingressi giornalieri in rianimazione sono stati 276 (ieri 221). Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 29.316 persone, in calo di 21 unità rispetto a ieri.
In totale i casi da inizio epidemia sono 3.700.393, i morti 112.374. Gli attualmente positivi sono 547.837 (-7.868 rispetto a ieri), i guariti e dimessi 3.040.182 (+20.927), in isolamento domiciliare ci sono 514.838 persone (-7.787).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Novantenne morto in casa a Torino, si sospetta omicidio
Sarebbe stato colpito da coltello da cucina,indagano carabinieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
07 aprile 2021
18:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il corpo senza vita di un uomo di 90 anni è stato rinvenuto nella sua abitazione in via Tripoli, nel quartiere torinese di Santa Rita a Torino. Da una prima ricostruzione dei carabinieri, che indagano sull’accaduto, l’anziano sarebbe stato colpito con un coltello da cucina.
La casa non sembra essere a soqquadro e nell’abitazione non c’era alcuna altra persona.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: caos vaccini Sardegna, file e ritardi
Risalgono i contagi ma calano lievemente i ricoveri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
07 aprile 2021
19:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Crescono nuovamente i contagi in Sardegna, che arrivano a quota 263 con un tasso di positività del 3,9%, ma rallenta la corsa dei ricoveri: -3 nei reparti non intensivi mentre resta invariato il numero dei posti letto occupati da pazienti positivi nelle intensive. Nell’Isola, però, frena anche la campagna di vaccinazione, anche se nei vari hub e centri vaccinali si ritocca quota 6mila dosi somministrate dopo il brusco stop a Pasqua con sole 39 inoculazioni nella domenica di festa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In 24 ore sono stati fatti 6.691 vaccini (4.718 primo ciclo e 1.973 richiami), un numero che è ancora basso rispetto al target di 17mila somministrazioni al giorno fissato per fine mese dal commissario nazionale per l’emergenza, il generale Francesco Paolo Figliuolo, nella sua recente visita a Cagliari. Ad oggi nell’Isola è stato somministrato il 74,9% delle dosi, cioè 270.990 (prima dose 197.748 e seconda dose 73.242) su 361.870 fiale consegnate. In pratica almeno una dose è stata inoculata al 12,1% della popolazione sarda, mentre ha completato l’intero ciclo solo il 4,5%.
E a Sassari, dove la campagna vaccinale si estende agli under 80 non fragili, l’hub allestito nell’area fieristica di Promocamera registra ritardi, disagi e proteste. File anche alla Fiera di Cagliari, dove si è anche formata una lunga coda di auto, e a Nuoro. Un maxi assembramento di anziani acciaccati e infreddoliti è stato segnalato in via Kandinskij, davanti al cancello dell’Istituto superiore Francesco Ciusa dove sono in corso i richiami della prima dose. Una situazione che ha fatto gridare allo scandalo sui sociale e nel capoluogo barbaricino.
Intanto dopo la proroga del lockdown a Bono e Bultei, rispettivamente all’11 e 14 aprile, entra in zona rossa anche Siurgus Donigala. Salgono così a 16 su 377 i territori comunali che hanno scelto di autoisolarsi per l’impennata dei contagi nelle ultime due settimane. Il paese della Trexenta rimarrà in lockdown sino al 17 aprile.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Crudelia dal 28 maggio in sala e su Disney+
Il live action di Gillespie con Emma Stone ed Emma Thompson
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
18:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Crudelia, l’atteso nuovo film live action Disney, interpretato dai premi Oscar© Emma Stone ed Emma Thompson e diretto da Craig Gillespie, arriverà il 28 maggio in contemporanea nelle sale cinematografiche italiane (salvo disponibilità del cinema) e su Disney+ con accesso vip (cioè sborsando una tariffa supplementare una tantum in aggiunta al costo dell’abbonamento standard).
Crudelia racconta gli esordi di una delle antagoniste più celebri del mondo del cinema: la leggendaria Cruella de Vil (Crudelia De Mon).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il film è diretto da Craig Gillespie (Tonya), da una sceneggiatura di Dana Fox e Tony McNamara e da un soggetto di Aline Brosh McKenna e Kelly Marcel & Steve Zissis, ed è prodotto da Andrew Gunn (Quel pazzo venerdì), Marc Platt (Il ritorno di Mary Poppins) e Kristin Burr (Ritorno al Bosco dei 100 Acri), mentre Emma Stone, Michelle Wright, Jared LeBoff e Glenn Close sono i produttori esecutivi. La costumista due volte vincitrice del premio Oscar© Jenny Beavan (Mad Max: Fury Road, Camera con vista) ha creato gli affascinanti e fantasiosi costumi.
Il nuovo trailer, appena diffuso, porta direttamente gli spettatori nelle atmosfere punk rock della Londra degli anni ’70. Protagonista è giovane truffatrice di nome Estella (Emma Stone) è determinata a farsi un nome con le sue creazioni. Fa amicizia con una coppia di giovani ladri che apprezzano la sua inclinazione alla cattiveria e insieme riescono a costruirsi una vita per le strade di Londra. Un giorno il talento di Estella per la moda cattura l’attenzione della Baronessa von Hellman, una leggenda della moda incredibilmente chic e terribilmente raffinata, interpretata da Emma Thompson (Casa Howard, Ragione e sentimento). Ma la loro relazione mette in moto una serie di eventi e rivelazioni che portano Estella ad abbracciare il suo lato malvagio e a diventare la prorompente e vendicativa Cruella.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Zucchero, rinviati i concerti all’Arena di Verona
I 14 show in cartellone riprogrammati ad aprile e maggio 2022
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
16:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Col mal di denti nel cuore, vi devo dare questa notizia. Abbiate pazienza, vi aspetto tutti 140.000.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A buon rendere”. Zucchero annuncia così il rinvio di un anno dei 14 show previsti a partire dal 23 aprile 2021 all’Arena di Verona. La nuova ripartenza è prevista per il 25 aprile 2022.
La decisione è stata presa in seguito al persistere dell’incertezza sanitaria internazionale e in considerazione dell’alto numero di spettatori previsti per i concerti (140.000), in arrivo anche dall’estero, e della complessità organizzativa di un tour mondiale che toccherà Europa, Canada e Stati Uniti, Sud America, Australia, Nuova Zelanda e Asia.
Queste le nuove date: 25 aprile 2022 (recupero del 24 settembre 2020 e del 25 aprile 2021), 26 aprile 2022 (recupero del 25 settembre 2020 e 27 aprile 2021), 27 aprile 2022 (recupero del 26 settembre 2020 e 28 aprile 2021), 29 aprile 2022 (recupero del 22 settembre 2020 e 23 aprile 2021), 30 aprile 2022 (recupero del 23 settembre 2020 e 24 aprile 2021), 1 maggio 2022 (recupero del 1 ottobre 2020 e 2 maggio 2021), 2 maggio 2022 (recupero del 2 ottobre 2020 e 4 maggio 2021), 4 maggio 2022 (recupero del 3 ottobre 2020 e 5 maggio 2021), 5 maggio 2022 (recupero del 4 ottobre 2020 e 6 maggio 2021), 6 maggio 2022 (recupero del 6 ottobre 2020 e 7 maggio 2021), 7 maggio 2022 (recupero del 7 ottobre 2020 e 8 maggio 2021), 8 maggio 2022 (recupero del 30 settembre 2020 e 1 maggio 2021), 10 maggio 2022 (recupero del 27 settembre 2020 e 29 aprile 2021), 11 maggio 2022 (recupero del 29 settembre 2020 e 30 aprile 2021).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Martone, Traviata come un film nel vuoto di teatro di oggi
9/4 su Rai3, ‘lasciarsi andare a fluire storia d’amore di Verdi’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
16:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una ‘Traviata’ di Giuseppe Verdi, un’opera lirica ”che nasce in un teatro vuoto, come lo sono oggi drammaticamente tutti i teatri per colpa della pandemia, non realizzata e poi filmata, ma già costruita pensando alle riprese per farne un vero film, tanto da aver abolito la divisione in tre atti dell’originale, che pure seguiamo fedelmente”, spiega il regista Mario Martone, chiamato da Carlo Fuortes, sovrintendente dell’Opera di Roma, a questa seconda impresa che Rai3 ha programmato venerdì 9 aprile in prima serata, dopo il successo a dicembre di un analogo, cinematografico ‘Barbiere di Siviglia’. Del resto questa storia d’amore è stata costruita dal librettista Piave, sul dramma e il romanzo ‘La signora delle camelie’ di Dumas figlio, con l’intento di farne grande spettacolo, puntando su due scene centrali, ”le due grandi feste, due momenti dionisiaci, di sfrenatezza sociale che, alternandosi con la dimensione intima dei protagonisti, dà rilievo alla denuncia dura di Verdi di una società ipocrita e patriarcale, come accade anche nel ‘Rigoletto”’.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scene di festa e ballo (coreografie di Michela Lucenti), quindi, imprescindibili, a loro modo trascinanti, ma che ancor più evidenziano come il tutto stia avvenendo in un teatro vuoto.
”La sensazione di vuoto è stata una mia precisa volontà per far partecipi gli spettatori del dolore di questo momento di particolare difficoltà per il mondo dello spettacolo, che non deve comunque far morire l’immaginazione, coinvolgendovi lo spettatore, anche quello lontano, televisivo”, spiega Martone, aggiungendo che ”tutto è stato allestito seguendo i protocolli anti Covid cine-teatrali, eseguendo più tamponi e congegnando l’azione per mantenere certi distanziamenti, anche tra i coristi”. I due protagonisti sono impersonati da Lisette Oropesa (Violetta Valéry) e Saimir Pirgu (Alfredo Germont), mentre Giorgio Germont sarà interpretato da Roberto Frontali; Flora da Anastasia Boldyreva e il barone Douphol da Roberto Accurso, accanto ai quali saranno anche vari cantanti usciti da Fabbrica Young Artist Program dell’Opera di Roma. I costumi, che rimandano all’epoca, sono una creazione di Anna Biagiotti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gianni Morandi dimesso dall’ospedale, ‘buone condizioni’
Era ricoverato dall’11 marzo per le ustioni a mani e gambe
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
07 aprile 2021
16:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Torna a casa Gianni Morandi, dimesso nella tarda mattinata del 7 aprile dal Centro grandi ustionati dell’ospedale Bufalini di Cesena, dove era ricoverato dall’11 marzo a seguito delle ustioni riportate alle mani e alle gambe dopo un incidente domestico nel suo giardino. Le sue condizioni di salute, informa l’Ausl Romagna, sono buone.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pelé in esclusiva a “Che Tempo Che Fa” su Rai3
Fabio Fazio intervista la leggenda del calcio mondiale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
16:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La leggenda del calcio mondiale Pelé sarà ospite in esclusiva a “Che Tempo Che Fa” di Fabio Fazio, in onda domenica 11 aprile dalle 20 su Rai3. Edson Arantes do Nascimento, detto “O Rei”, è considerato il più grande calciatore di tutti i tempi e detiene il “Guinness World Record” per il maggior numero di gol segnati in una carriera nella storia del calcio, contando anche le amichevoli.

Unico calciatore ad avere vinto 3 Mondiali (1958, 1962 e 1970, con la nazionale brasiliana), nominato “Atleta del secolo” nel 1999 dal Comitato olimpico internazionale, “Calciatore del secolo” nel 2000 dalla Fifa (insieme a Diego Armando Maradona), nel 2014 ha vinto il Pallone d’oro onorario Fifa. Dal 1961 è “Patrimonio nazionale” del Brasile, dal 2011 “Patrimonio storico-sportivo dell’umanità per il Brasile” ed è stato inserito dal Time nel “TIME 100 Heroes & Icons” del XX secolo.
Dopo il suo ritiro nel 1977, l’Onu gli ha conferito il titolo di “Cittadino del mondo” ed è diventato ambasciatore Unesco e Unicef. Dal 2018 la sua Pelé Foundation aiuta i bambini in tutto il mondo, con l’obiettivo di diffondere l’istruzione e combattere la povertà.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vita da Carlo, Verdone racconta la sua tragicommedia
Ciak a maggio per comedy Amazon Original, 10 puntate
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
13:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Non una commedia ma una tragicommedia: Carlo Verdone ne è perfettamente consapevole, da sempre ci scherza sopra. L’affetto invadente dei suoi fan, il suo sguardo ironico, quella capacità di distaccarsi dalle cose che capitano sotto i suoi occhi con sarcasmo e un secondo dopo bonariamente ricomprenderle, sono alcuni aspetti della sua esistenza pubblica mentre prova da sempre a difendere con riservatezza quella privata.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ce n’è per dieci puntate, tante sono quelle di Vita da Carlo, il progetto annunciato nel gennaio 2020 e che a breve sarà sul set. Una serie Amazon Original (prodotta da Aurelio e Luigi De Laurentiis, Filmauro), versione romanzata della sua vita, dunque un documentario in cui Verdone interpreterà se stesso ma fino ad un certo punto e ci saranno anche camei dei suoi ‘amici’ di cui però al momento non sono resi noti i nomi. La comedy Vita da Carlo approderà in streaming su Prime Video (dove attualmente altre produzioni italiane sono Lol: chi ride è fuori, Celebrity Hunted, Tutta colpa di Freud e Made in Italia) nell’ultima parte del 2021, in autunno.
“Ora. Sopralluogo a Fregene per la serie Vita da Carlo. Primo ciak metà maggio. Sono sulla spiaggia di fronte alla villa di Alberto Moravia che la abitò fino al 1974. Un piacere indescrivibile potersi per un attimo togliere la mascherina all’aria aperta. Un abbraccio a tutti da un litorale pieno di sole e leggero vento”: così lo stesso Verdone cinque giorni fa ha annunciato le riprese imminenti. Ciak dunque a metà maggio e sopralluoghi in corso in questi giorni non solo a Fregene ma in tante altre località.
Da un’idea di Nicola Guaglianone e Menotti (Roberto Marchionni) – il duo che fa firmato Lo chiamavano Jeeg Robot – , Vita da Carlo è sceneggiato da loro, con Verdone ovviamente e il fedele Pasquale Plastino ed è anche il debutto del regista di Bianco, Rosso e Verdone in una serie tv in un anno che ha visto l’uscita in libreria dell’autobiografico La carezza della memoria (Bompiani), mentre il nuovo film, pronto e inedito, Si vive una volta sola, è diventato il simbolo del cinema in sala silenziato dal Covid.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A marzo ascolti in calo sul 2020, ma è boom smart tv
Studio Frasi, -2,5 mln. Ma +5,2 mln con tv connesse a Internet
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
13:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cala l’ascolto televisivo nel mese di marzo a fronte dei risultati record di un anno fa: sono 11,4 milioni gli spettatori nelle 24 ore, due milioni e mezzo in meno rispetto all’inizio della pandemia (13,9 milioni, il 23,8% della popolazione), quando l’ansia per la diffusione del virus ci tenne incollati alla tv in media oltre sette ore al giorno (429 minuti, scesi oggi a 369 minuti, esattamente un’ora in meno). E in prima serata sono 27,5 milioni (pari al 47% della popolazione) le italiane e gli italiani con un televisore acceso, rispetto ai 30 milioni di un anno fa (51,2% della popolazione).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ la fotografia scattata dall’Osservatorio dello Studio Frasi, che segnala però anche il boom del consumo da smart tv, salito di 5,2 milioni marzo su marzo: le tv connesse a Internet hanno allargato a dismisura l’orizzonte dell’offerta grazie agli over the top come Netflix, Prime Video, Timvision, rendendoci sempre più partecipi, selettivi, critici ed esigenti.
Per quanto riguarda i pubblici, lo Studio Frasi rileva che a marzo è diminuito di un’ora e un quarto il tempo dedicato ogni giorno alla programmazione televisiva da bambine e bambini, evidente effetto del ritorno a scuola. Meno rilevante il calo degli altri segmenti di popolazione: si va dal -10% degli over 65, al -15% dei laureati, per salire al -25% di chi ha età compresa tra i 35 e i 44 anni, soggetti in parte richiamati al lavoro.
Quanto ai programmi, in testa alla classifica dei più visti a marzo 2020 c’erano quattro interventi del premier Giuseppe Conte, la Preghiera di Papa Francesco, due puntate del Commissario Montalbano e diverse edizioni del Tg1. Quest’anno troviamo le cinque serate del Festival di Sanremo (che l’anno scorso si tenne a febbraio), ancora Montalbano e le fiction Leonardo e Lolita Lobosco, tutti targati Rai1.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bene Pasqua Auditorium in streaming, 30 mila visualizzazioni
Circa 90 mila persone per spettacoli Bennato, Piovani, Celestini
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
13:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ha raggiunto oltre 30.000 visualizzazioni e 90.000 persone in tutto il mondo il ricco programma di spettacoli, concerti e produzioni originali in streaming che la Fondazione Musica per Roma ha regalato al suo pubblico per tutto il weekend di Pasqua. Dal 3 al 5 aprile sono stati protagonisti online Nicola Piovani, Eugenio Bennato, Francesco Bianconi e per la Pasquetta una maratona di 6 spettacoli di Ascanio Celestini ha totalizzato tra Facebook e Youtube moltissimi accessi in particolar modo nella fascia d’età che va dai 35 ai 44 anni e con nuovi utenti oltreoceano da Perù e Australia che si aggiungono a quelli in netta crescita dei paesi europei.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il ‘Potere delle donne’, la Lezione di Storia in diretta con Eva Cantarella, Alessandra Sardoni, Jennifer Guerra e Paolo di Paolo, realizzata il giorno di Pasqua da Fondazione Musica per Roma e Editori Laterza, sulla scia del nuovo ciclo in streaming disponibile sulla piattaforma http://www.auditoriumplus.com, ha ottenuto circa 6000 visualizzazioni. “Lo streaming e l’attività online sui nostri canali social sono diventati a tutti gli effetti una seconda casa per tutti i nostri spettatori – dichiara l’Ad della Fondazione Musica per Roma Daniele Pitteri – In attesa della riapertura di tutte le nostre sale e spazi, dei concerti e spettacoli dal vivo, la diffusione dei nostri contenuti è, come i dati dimostrano, atteso e richiesto”. Per questi motivi la Fondazione Musica per Roma ha pianificato per tutto il 2021 gran parte delle proprie attività dal vivo, appena sarà possibile, prevedendone la contemporanea diffusione in streaming in vendita sulla piattaforma Auditorium Plus.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lezioni di letteratura, il mondo attraverso i libri
Da 28/4 scrittori e intellettuali in streaming su AuditoriumPlus
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
13:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rileggere il mondo attraverso le parole degli autori e delle autrici più grandi, per riconoscere noi stessi e provare a decifrare i tempi complessi che stiamo vivendo, ma anche per trovare rifugio, conforto e passione nella bellezza della lettura: inizia il 28 aprile la prima edizione di Lezioni di Letteratura, il ciclo di 12 lezioni in streaming dedicato a classici e testi celeberrimi, ideato dalla Fondazione De Sanctis e dalla Fondazione Musica per Roma e disponibile in esclusiva sulla piattaforma AuditoriumPlus.
Le lezioni, trasmesse con cadenza settimanale fino al 14 di luglio e tutte introdotte dall’attore Neri Marcorè, vedono protagonisti scrittori, scrittrici e intellettuali contemporanei chiamati a raccontare le opere letterarie a cui sono più legati: da Corrado Augias con “I Promessi Sposi” di Alessandro Manzoni a Massimo Cacciari con “Il Principe” di Niccolò Machiavelli, da Nicola Lagioia con “A sangue freddo” di Truman Capote a Sandro Veronesi con “Le avventure di Pinocchio” di Carlo Collodi, da Nadia Fusini con “La Tempesta” di William Shakespeare ad Antonella Lattanzi con “Madame Bovary” di Gustave Flaubert, e poi Chiara Valerio ed Elena Stancanelli che parleranno rispettivamente di “Gita al faro” di Virginia Woolf e “L’isola di Arturo” di Elsa Morante, Emanuele Trevi e Valeria Parrella che racconteranno “Il giro di vite” di Henry James e “Il mare non bagna Napoli” di Anna Maria Ortese.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Infine, ci saranno Dacia Maraini che affronterà “L’altra verità. Diario di una diversa” di Alda Merini, la cui lezione verrà la partecipazione di Matilde De Angelis impegnata nella lettura di alcune poesie, e Gustavo Zagrebelsky che terrà una lezione-dialogo con Paolo Di Paolo su “I fratelli Karamazov” e Fëdor Dostoevskij nella ricorrenza dei duecento anni dalla nascita. Le lezioni saranno in vendita a partire dal 15 aprile.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Film Commission, parte civile su danni
Per avere ‘eventuale ristoro’ nei due processi, uno a contabili
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
12:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Fondazione Lombardia Film Commission ha deciso di costituirsi parte civile, rappresentata dall’avvocato Andrea Puccio, “al fine di ottenere l’eventuale ristoro dei danni patiti” nei due processi, uno in abbreviato a carico dei due revisori contabili della Lega Alberto Di Rubba e Andrea Manzoni, e l’altro in ordinario all’imprenditore Francesco Barachetti, per la vicenda della compravendita del capannone di Cormano (Milano) con la quale sarebbero stati drenati, per l’accusa, 800mila euro di fondi pubblici.
La Fondazione spiega, infatti, di aver “avviato ogni più opportuna iniziativa volta alla tutela dei propri interessi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: da oggi in classe 5,6 mln studenti
Il 66% degli 8,5 milioni di alunni. Sono 2,9 milioni quelli che rimangono con la didattica a distanza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
11:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Suona la campanella stamattina per circa 5,6 milioni di alunni che ritornano a seguire le lezioni in presenza: quasi il 66% degli 8,5 milioni di alunni iscritti nelle scuole statali e paritarie, due su tre. Tra loro sono 2,7 milioni gli alunni più piccoli della scuola dell’infanzia e del primo ciclo, ammessi a scuola dal DL 44, anche se si trovano in regioni classificate in zona rossa. Per le stesse ragioni nelle regioni in zona rossa potranno accedere ai servizi per la prima infanzia (asili nido, 0-3 anni) anche 212 mila bambini.
Sono 2,9 milioni gli studenti che rimangono con la didattica a distanza. Con riferimento ai diversi settori scolastici, seguiranno le attività didattiche a scuola complessivamente 1.393.010 bambini delle scuole dell’infanzia (il 100%), 2.605.865 alunni della primaria (il 100%), 1.019.904 alunni della scuola secondaria di I grado (il 59,5%) e parzialmente in alternanza al 50% 549.929 studenti delle superiori (il 19,7%).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cristicchi, riparto dalla felicità
Arriva HappyNext, poi uno spettacolo su Dante
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
15:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SIMONE CRISTICCHI, HAPPYNEXT (LA NAVE DI TESEO +, PP 188, EURO 16.00). Un viaggio alla ricerca della felicità e del valore delle parole con i loro significati veri, perduti, dimenticati che possono essere “un’ancora di salvataggio”. Simone Cristicchi costruisce un nuovo vocabolario in ‘HappyNext’, un libro che è anche un documentario di Andrea Cocchi e uno spettacolo teatrale, in libreria per La nave di Teseo+.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ho cominciato questa ricerca perché avevo in mente un progetto più ampio sulle parole che in qualche modo nascondono tanti significati, sono come degli oceani. Felicità potrebbe essere la prima parola di un nuovo vocabolario che sarebbe bello riscrivere. Mi piacerebbe affrontare poi la parola amore, bellezza, fede. Credo che oggi le parole siano in sofferenza, siano anche maltrattate a volte, equivocate, e quindi sarebbe bello tornare a sapere anche il loro significato etimologico. La parola felicità viene da felix che ha la stessa radice di fecondo. Però quanti sanno che è una parola che si utilizzava in agricoltura nell’antica Roma e significava dare tanto frutto quando un albero era particolarmente generoso.
Anche andando semplicemente sull’etimologia troviamo dei significati che ci stupiscono. Un nuovo vocabolario di parole che possono avere diverse interpretazioni a seconda di chi se le trova davanti” dice Cristicchi, vincitore nel 2007 del Festival di Sanremo con ‘Ti regalerò una rosa’.
Ed è quello che accade in HappyNext’ che, ispirandosi ai ‘Comizi d’amore’ di Pier Paolo Pasolini, sviluppa un percorso in sette parole chiave – attenzione, lentezza, umiltà, cambiamento, memoria, talento, noi. Attraverso una serie di interviste Cristicchi ci mostra anche quanto siano diverse le idee di felicità. “Mi auguro che possa diventare un piccolo vademecum da consultare nei momenti di difficoltà. E’ un libro pieno di storie di vita. Dietro ogni parola c’è sempre un’esperienza. E spero che possa emozionare perché si tratta di un viaggio vero e proprio. Lo metterei nella letteratura di viaggio questo libro, un viaggio più spirituale che fisico” sottolinea Cristicchi.
Molte delle persone che ha intervistato – tra le quali ci sono Don Luigi Verdi, Guidalberto Bormolini, Marco Guzzi, Giulio Mogol, Antonio Calenda, Pino Doden Palumbo,Chandra Livia Candiani, Gianluca Nicoletti, Nicola Brunialti, Nadiamaria, Vincenzo Costantino alias Cinaski e uno scritto di Franco Arminio – con la loro visione di felicità hanno aperto nuove visioni. “Ho scelto persone che sono in cammino, che non hanno la schiavitù del dogma o di certezze preconfezionate, che hanno trovato una propria idea di felicità ma continuano a cercare, a camminare e questo è in linea con il mio percorso”, spiega.
‘HappyNext’ indica proprio questo: “è come se fosse un cartello stradale. Si presta a diverse interpretazioni: potrebbe essere la prossima felicità o la felicità del prossimo”. Tra le risposte che hanno lasciato più sbalordito Cristicchi, quella di un bambino dell’asilo che quando gli ha chiesto ‘Cos’è per te la felicità?’ ha detto “quando dormo”. “Oggi gli adulti tendono a riempire le giornate dei propri figli con mille impegni e lui si sentiva felice quando si poteva riposare. Mi ha fatto pensare a quanto sia utile a volte annoiarsi, davvero nella noia nasce la creatività, lo diceva anche Cesare Pavese. I bambini sono i primi folli creatori”. Smuovere le idee e far dialogare diverse forme artistiche fra loro è sempre stata la caratteristica di Cristicchi. In questo caso è “partito dal documentario, poi ho trasferito la ricerca in uno spettacolo teatrale in cui tendo a smascherare le false felicità. Ha preso una forma sarcastica, quasi di denuncia. Il libro è più simile al documentario anche se la parte delle sette parole è presente anche nello spettacolo. Insomma, sono tutte e tre collegati fra loro” dice Cristicchi. Il prossimo appuntamento è con il Paradiso di Dante: “Non recito i versi danteschi. Sarà uno spettacolo di monologhi e canzoni, anche inedite, che parla della ricerca dell’Eden che è il mito universale e assoluto dell’intera umanità. A partire dal Paradiso di Dante faccio un viaggio tra canzoni e musica con l’Orchestra sinfonica che mi accompagnerà in questa ricerca del Paradiso perduto che è molto legato alla felicità. Il coautore è Manfredi Rutelli. Debuttiamo il 21 luglio a San Miniato , in provincia di Pisa”, spiega lo scrittore che ha vissuto la pandemia come “un momento di grande creatività. Ho ripreso in mano gli strumenti, la chitarra, il pianoforte, ho ricominciato a scrivere canzoni, non lo facevo da tanto tempo. Ho pensato e scritto questo libro. Un momento molto positivo anche se a livello economico ho subito una perdita veramente pesante. Non ho ricevuto nessun sussidio da parte dello Stato e ci tengo a dirlo, perché tanti come me versano nelle stese condizioni.
Tutti ci siamo accorti di quanto abbiamo bisogno di respirare, di condividere. Ecco, il teatro forse è l’unico luogo dove ancora la comunità si può incontrare per interrogarsi” dice Cristicchi che dal 2017 è il direttore del Teatro Stabile d’Abruzzo. E il prossimo libro sarà “su ‘Amore’, anche se è una parola abusata in mille modi, con lo stesso format di HappyNext.
In fase di montaggio ci siamo resi conto che c’era un arcipelago di risposte differenti che hanno messo in luce che siamo identità uniche e irripetibili”.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Amoroso, streaming con nuovi brani davanti a sue maestranze
Mini drive-in davanti al Palazzo dello Sport di Roma
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
20:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A due anni dal suo ultimo progetto discografico, Alessandra Amoroso torna con due brani inediti: Piuma (già disponibile) e Sorriso Grande (da venerdì in radio).
E lo ha fatto stasera con un evento streaming su A-Live, esibendosi con la sua band su un palco costruito per l’occasione davanti al Palazzo dello sport di Roma che tante volte ha ospitato i suoi concerti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Mi esplodeva il cuore di gioia appena arrivata, perché credo in quello che faccio, credo in quello che dico – ha detto la cantante rivolgendosi alla manciata di automobili autorizzate ad assistere all’esibizione, una sorta di mini drive-in per ospitare le maestranze che hanno reso possibile l’evento e che da anni collaborano con l’artista nella produzione dei suoi show -. E’ ed è stato un momento molto particolare per tutti, ma io continuo a sperare, a credere e a crederci”. Oltre ai due nuovi singoli, Alessandra ha cantato alcuni brani del suo repertorio per circa un’ora di live.
“Ho sempre creduto nella magia della musica. Ho sempre cercato di raccontarmi tramite essa”, ha detto ancora Alessandra Amoroso.
I brani sono due fotografie di momenti della vita di Alessandra che ha deciso di raccontare. Piuma (scritto con Davide Petrella e prodotto da Francesco “Katoo” Catitti) è un brano che nasce da un momento di paura e di solitudine: due emozioni che nell’ultimo anno hanno accomunato molte persone.
Mentre Sorriso Grande, brano solare ed energico (scritto da Petrella e prodotto da Dario Faini), rappresenta la rinascita, la riscoperta di sé sotto una nuova luce.
“Ci tenevo a presentare di persona questi due brani così importanti per me e a trasmettere tutta l’emozione che mi danno.
Non potendolo fare davanti al mio pubblico in questo momento ho deciso di farlo almeno davanti alla mia meravigliosa “famiglia itinerante”, che ora è in grande difficoltà a causa della pandemia”.