Economia tutte le notizie! Tutte le notizie del Mondo Economico sono qui e sempre aggiornate! DA NON PERDERE!
Aggiornamenti, ECONOMIA, Notizie, Ultim'ora

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE: TUTTI GLI ULTIMISSIMI AGGIORNAMENTI ED APPROFONDIMENTI, IN TEMPO REALE, DAL MONDO ECONOMICO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE: LEGGI!

Tempo di lettura: 24 minuti

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 02:29 DI LUNEDÌ 09 MAGGIO 2022

ALLE 08:29 DI MARTEDÌ 10 MAGGIO 2022

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: Tokyo, apertura in calo (-1,06%)
Nikkei sconta stretta monetaria Usa, attesa trimestrali
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
09 maggio 2022
02:29
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Tokyo avvia la prima seduta della settimana in ribasso, dopo la contrazione delle piazze azionarie Usa, che scontano la stretta monetaria della Federal Reserve, con gli investitori che guardano all’imminente stagione delle trimestrali in Giappone.
In apertura il listino di riferimento Nikkei cede l’1,06% a quota 26.716,09, e una perdita di 287 punti.
Sul mercato valutario lo yen continua a indebolirsi sul dollaro a 130,90, e sull’euro a 137,80.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cina, esportazioni ai minimi da 18 mesi con Covid e Ucraina
Surplus commerciale aprile a 51,12 mld, +3,9% export
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
PECHINO
09 maggio 2022
06:44
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Cina registra ad aprile un surplus commerciale di 51,12 miliardi di dollari, in rialzo sui 47,38 miliardi di marzo e sui 50,56 miliardi attesi dagli analisti.
Secondo i dati diffusi dalle Dogane, l’export sale del 3,9% annuo, battendo le stime dei mercato di +3,2% e dopo il +14,7% di marzo: si tratta della prima crescita a singola cifra degli ultimi 18 mesi, nel mezzo delle incertezze legate alla guerra tra Ucraina e Russia e alle misure draconiane per frenare la diffusione del Covid-19.
L’import, invece, è rimasto invariato ad aprile, contro il -0,1% di marzo e il -3% atteso alla vigilia.  MONDO
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Cambi: euro apre in calo a 1,0513 dollari
Valuta americana si rafforza con timori effetto covid su Cina
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
08:10
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Partenza di settimana in calo per l’euro che scambia a 1,0513 dollari (-0,36%).
La moneta unica sconta il generale rafforzamento del dollaro sui mercati valutari a causa dei timori degli effetti sempre più evidenti del Covid sull’economia della Cina e del movimento verso l’alto dei tassi.
La sterlina scende a 1,222 mentre in Asia lo yen passa di mano a 131,04 e il dollaro australiano scende sotto i 70 centesimi di dollari per la prima volta da gennaio.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: avvio in calo sotto 110 dollari, pesa covid Cina
Sotto la lente anche bando petrolio Russia
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
08:18
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Gli effetti sempre più evidenti del lockdown cinese sull’economia pesano sul prezzo del greggio con il Wti del texas che scende sotto quota 110 dollari.
Gli investitori guardano anche alla crescente pressione in sede G7 per un bando del petrolio di Mosca.
Il Wti del Texas cala così dello 0,5% a 109,2 mentre il Brent del Mare del Nord arretra dello 0,4% a 111,9 .
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Gas: avvio in calo in Europa, ad Amsterdam a 98 euro
Quotazioni in calo del 3,1%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
08:18
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il gas avvia in calo la prima seduta della settimana.
L’attenzione si concentra sempre sulla guerra in Ucraina mentre le previsioni di temperature più miti porta ad una riduzione della richieste.

Ad Amsterdam le quotazioni scendono sotto i 100 euro a 98,50 euro al Mwh, in calo del 3,1%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: prezzo cala a 1871 dollari l’oncia
Ribasso dello 0,67%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
08:20
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Prezzo dell’oro in calo sui mercati.

Il metallo con consegna immediata scende dello 0,67% a 1871 dollari l’oncia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread tra Btp e Bund apre stabile a 200 punti
Il rendimento del decennale italiano invariato al 3,13%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
08:24
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread tra Btp e Bund tedesco apre stabile a 200 punti base.
Invariato anche il rendimento del decennale italiano che si attesta al 3,13%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Asia chiude in calo, tra timori su economia e Russia
Tokyo (-2,53%), debole la Cina. Lo yen in flessione sul dollaro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
08:28
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse asiatiche chiudono in netto calo con gli investitori che guardano all’economia globale che rallenta.
Sui mercati pesa anche la tensione sui titoli di Stato dopo l’aumento dei tassi da parte della Fed ed in vista delle prossime mosse della Bce.
Resta alta l’attenzione sulla guerra in Ucraina mentre si attende il discorso di Putin in occasione della parata del Giorno della Vittoria.
In netto calo Tokyo (-2,53%). Sul fronte valutario lo yen è sempre più debole sul dollaro superando, il valore di 131, e sull’euro a 137,70. A contrattazioni ancora in corso in negativo Shanghai (-0,35%), Shenzhen (-0,08%), Seul (-1,26%) e Mumbai (-0,68%). Chiusa Hong Kong per festività.
Sul fronte macroeconomico in arrivo dagli Stati Uniti i dati sulle vendite all’ingrosso.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano apre piatta (-0,04%)
Il primo indice Ftse Mib a 23.419 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
09 maggio 2022
09:07
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano apre piatta (-0,04%) con il primo indice Ftse a 23.419 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa apre in calo con tensione su tassi e guerra
Parigi (-0,28%), Francoforte (-0,1%) e Londra (-0,05%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
09:27
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee avviano in terreno negativo la prima seduta della settimana.
Gli investitori concentrano la loro attenzione sull’economia globale che rallenta mentre continua la guerra in Ucraina.
Fari puntati anche sui titoli di Stato mentre si registra un clima di nervosismo sui rendimenti. Attesa per il discorso di Putin in occasione della parata per la Giornata della Vittoria.
L’indice d’area Stoxx 600 cede lo 0,27%. Debole Parigi (-0,28%), Francoforte (-0,1%), Madrid (-0,5%), piatta Londra (-0,05%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano prosegue in calo, corre Leonardo
In calo Tim. Lo spread tra Btp e Bund a 205 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
09:42
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano (-0,3%) prosegue in calo, in linea con gli altri listini europei.
A Piazza Affari scivola Tim (-2,1%) mentre vola Leonardo (+4,4%).
Cellularline continua a non fare prezzo dopo la proposta di Esprinet (+0,8%) di rilevare la società attraverso un’opa. Lo spread tra Btp e Bund prosegue a 205 punti con il rendimento del decennale italiano che sale al 3,2%.
In ordine sparso le banche con Intesa e Banco Bpm (-1%), Bper (+0,1%), nel giorno del conti, Mps (+1,1%) e Unicredit (+0,9%).
In terreno negativo il comparto dell’automotive con Iveco (-1%), Ferrari (-0,6%), Pirelli (-0,7%), Cnh (-0,4%), piatta Stellantis (-0,03%).
In terreno positivo l’energia e le utility con l’andamento del petrolio e del gas. In rialzo Saipem (+1,3%), Tenaris (+1,2%), Eni (+0,9%). Bene anche Hera (+1%), A2a (+0,6%), mentre sono in calo Erg (-0,3%) e Enel (-0,6%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Wall Street affonda: Dow Jones -1,99%, Nasdaq -4,29%
Fed: “Prezzi e tassi sono un rischio per il sistema finanziario”
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
22:58
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borse in profondo rosso.
Il mix esplosivo di guerra, inflazione e lockdown in Cina affonda le piazze finanziarie dall’Asia agli Stati Uniti passando per l’Europa, dove i listini chiudono sui minimi degli ultimi due mesi complice il calo del petrolio che appesantisce gli energetici.
Piazza Affari chiude in calo del 2,74% con lo spread che sale a 205 punti base mentre il rendimento dei Btp schizza al 3,22%, sui livelli del novembre 2018.
Tonfo invece per Wall Street, che chiude ai mini da 13 mesi. L’ondata di vendite che si abbatte sui mercati azionari è legata all’azione delle banche centrali, che rapidamente si avviano a ritirare le misure di stimolo messe in campo per la pandemia nel tentativo di contenere l’inflazione, e agli investitori che frettolosamente fanno un passo indietro di fronte ai segnali di rallentamento della crescita. A preoccupare sono le notizie che arrivano dalla Cina dove i lockdown per il Covid iniziano a farsi sentire sull’economia facendo tremare il resto del mondo. Le esportazioni cinesi sono rallentate significativamente in aprile salendo di un modesto 3,9%, in quella che è la prima crescita a una sola cifra da 18 mesi. Alla frenata di Pechino si sommano le incertezze legate alla guerra in Ucraina e agli effetti delle sanzioni.
L’invasione ha accelerato la corsa dei prezzi a livello globale spingendo le banche centrali a intervenire in modo deciso nei confronti di un’inflazione ai massimi da 40 anni. Per riportare stabilità nei prezzi la Fed si è lanciata nella campagna di rialzi dei tassi di interesse più aggressiva dal 1980 accompagnata da una rapida riduzione del bilancio, schizzato a 9.000 miliardi di dollari con la pandemia. Dopo aver alzato i tassi di un quarto di punto in marzo, la banca centrale americana li ha ritoccati di un altro mezzo punto in maggio e aperto la porta a una serie di rialzi da 50 punti base nelle prossime riunioni.
La stretta, è il timore di economisti e investitori, rischia di far scivolare in recessione l’economia americana, non ancora completamente ripartita dopo la pandemia, o ancora peggio in stagflazione. Proprio la Fed, nel suo rapporto semestrale sulla stabilità finanziaria, afferma che l’inflazione alta e persistente insieme a un repentino aumento dei tassi di interesse sono fra i rischi maggiori di breve termine per il sistema finanziario americano. La banca centrale mette in guardia anche sulla possibilità che la guerra in Ucraina possa avere un impatto sulla stabilità finanziaria, oltre che sull’economia globale come notato dal segretario al Tesoro Janet Yellen. Un quadro complesso in cui l’incertezza, maggiore nemico delle borse, prevale. A Wall Street – dove il Dow Jones chiude in calo dell’1,99%, il Nasdaq del 4,29% e lo S&P 500 del 3,21% – a pagare il prezzo più alto sono i tecnologici.
Dopo una corsa durata due anni con il Covid, Big Tech non solo frena ma inchioda. Da Meta a Google, da Apple ad Amazon tutti i grandi colossi accusano perdite pesanti. Cupertino perde il 3,08%, il gigante di Jeff Bezos arretra del 5,12% e Facebook e Twitter il 3,69% “La volatilità del mercato mostra che c’è una grande incertezza su dove si pensa siamo diretti”, affermano alcuni analisti preoccupati dalla Fed e dai limiti della sua azione nel combattere l’inflazione in un contesto di guerra in Ucraina che mette le ali ai prezzi dell’energia e di lockdown in Cina che rendono difficile un ritorno alla normalità delle catene di approvvigionamento. Al calo delle borse si affianca quello del petrolio, con il Wti che chiude in calo del 6,1%, e il tonfo del Bitcoin.
La criptovaluta crolla ai scende sotto i 31.000 dollari, perdendo il 50% del suo valore dal picco di novembre. Proprio rispetto a sette mesi fa il mercato delle valute digitali manda in fumo 1.600 miliardi di dollari .”Con i timori di inflazione molti investitori stanno adottando un approccio per limitare i rischi che include la vendita di criptovalute e titoli azionari”, mettono in evidenza gli osservatori. Per gli scettici del cripto il calo mostra come il Bitcoin non può essere considerato un bene rifugio: la valuta digitale ha perso quest’anno oltre 29% rispetto al -10% dei bond e delle azione e soprattutto rispetto al +2,5% dell’oro, il bene rifugio per eccellenza.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Pnrr: Gentiloni, per Italia è miglior antidoto a recessione
‘Spendere 200 miliardi in quattro anni è sfida straordinaria’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
09 maggio 2022
10:21
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nonostante l’impatto sull’economia europea della guerra in Ucraina “ci sono le condizioni per evitare la prospettiva di una recessione e tra queste anche i grandi piani di investimento europei.
Per noi il Recovery attuale, cioè spendere 200 miliardi di euro in quattro anni, è una sfida straordinaria, è l’antidoto migliore per i rischi di recessione”.
Lo ha detto il commissario europeo per l’Economia, Paolo Gentiloni, ai microfoni del Gr1 su Rai Radio1.
Le sanzioni dell’Ue alla Russia hanno “un costo, ma d’altra parte l’alternativa avrebbe conseguenze incalcolabili”, ha evidenziato.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa prosegue in calo, Milano -1,4%
In calo banche e auto, positiva energia. Euro debole sul dollaro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
10:35
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee sono in calo con le preoccupazioni degli investitori sull’andamento dell’economia globale, l’aumento dell’inflazione e la stretta monetaria.
Sui mercati pesa anche la flessione delle esportazioni cinesi a causa dei nuovi focolai di covid-19.
Resta alta l’attenzione anche sul fronte della guerra in Ucraina mentre si guarda al discorso di Vladimir Putin nel Giorno della Vittoria. Sul fronte valutario l’euro è in calo sul dollaro a 1,0510 a Londra.
Lo Stoxx 600 cede l’1%. In territorio negativo Milano (-1,4%), Parigi (-1%), Francoforte (-0,8%), Londra (-0,7%), Madrid (-0,4%). Sui listini pesa il calo dell’informatica (-1,8%) e dell’auto (-1%). Male anche le banche (-0,8%) e le assicurazioni (-0,7%).
Poco mosse le utility (-0,06%), con il prezzo del gas in calo dopo la lettera di Gazprom per rassicurare i clienti sui pagamenti. Ad Amsterdam il prezzo scende a 95,50 euro al Mwh (-6,1%). A Londra le quotazioni si attestano a 124 penny al Mmbtu (-9,8%). In positivo l’energia (+0,1%), con il prezzo del petrolio in flessione. Il Wti si attesta a 109 dollari al barile (-0,6%) e il Brent a 111 dollari (-0,3%).
A Piazza Affari scivolano Amplifon (-3,4%) e Diasorin (-3,1%). Male anche Nexi, Fineco e Inveco (-2,7%). Prosegue il rialzo di Leonardo (+2,8%). Bene anche Tenaris (+1,7%) e Atlantia (+0,1%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano prosegue in calo, pesano le banche e l’energia
Scivolano Pirelli e Amplifon. Spread tra Btp e Bund a 104 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
11:42
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano (-1,2%) prosegue in calo, in linea con gli altri listini europei.
A Piazza Affari scivolano Amplifon (-4,2%) e Pirelli (-3%).
Lo spread tra Btp e Bund scende a 204 punti, con il rendimento del decennale italiano al 3,18%.
Seduta in netto calo per il comparto dell’auto con Iveco (-2,9%), Cnh (-1,8%) e Stellantis (-1,5%). Male anche Tim (-2,5%) e Diasorin (-3,2%). Andamento negativo per le banche con Banco Bpm (-2,4%), Intesa (-1,5%), Mps (-1%), Unicredit (-0,8%) e Bper (-0,4%), quest’ultima nel giorno dei conti del primo trimestre.
In ordine sparso l’energia con il prezzo del petrolio che prosegue sopra i 100 dollari al barile. In rialzo Tenaris (+1,3%) mentre sono in calo Saipem (-1%) e Eni (-0,6%).
Contrastate le utility con il gas in calo. In positivo Italgas (+1,4%), Hera e A2a (+0,2%) in flessione Erg (-1,5%), Enel (-2%) e Iren (-0,7%).
In luce Leonardo (+2%). Corre Cellularline (+18%) a 4,14 euro, sotto il prezzo dell’eventuale Opa da parte di Esprinet (+1,3%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
ESC: Italia decimo mercato discografico al mondo, +28%
Ricavi oltre 332 mln, la fotografia scattata dall’Ifpi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
12:37
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La 66/a edizione dell’Eurovision Song Contest, al via il 10 maggio a Torino, torna per la terza volta in Italia con la presenza di 40 paesi che rappresentano il 30% dei ricavi del mercato globale: e l’Italia è rientrata nella top ten dei più importanti mercati a livello globale con un 27,8% di crescita a oltre 332 milioni di euro di ricavi.
A fotografarne l’andamento è il Global Music Report – State of the Industry di Ifpi, la federazione internazionale dell’industria fonografica, che per l’occasione è stato tradotto in italiano.

Ad aver trascinato il mercato italiano in decima posizione sono i ricavi dagli abbonamenti alle piattaforme streaming: il segmento premium è cresciuto del 35,6%, insieme all’area video streaming sostenuta dalla pubblicità con un +46,3%.
Complessivamente tutto il segmento tra audio e video streaming è cresciuto del 24,6% arrivando a 208 milioni di ricavi.
D’altronde nel segmento audio ormai ogni settimana i consumatori italiani realizzano in media oltre un miliardo di stream, con una media di oltre 19 ore settimanali dedicate all’ascolto di musica (dati IFPI Engaging with Music), di cui il 45% effettua tramite abbonamento premium, una percentuale che sale al 57% tra i 16 e i 24 anni. Anche il cd è tornato a generare ricavi in salita con un +10,6% e il vinile prosegue la sua costante crescita con quasi il 79% di incremento. Crescono anche i ricavi da altri formati come le musicassette, cresciuti del 245%. Anche i diritti connessi (i ricavi da licenze per l’uso di musica in radio, televisioni, palestre, pubblici esercizi e feste private) sono cresciuti con un + 37,2% a 52 milioni, e i diritti di sincronizzazione, ovvero la musica nelle pubblicità, film, serie tv, ha visto un incremento del 36,4% superando per la prima volta i 10 milioni.
Nelle classifiche di fine anno, le top ten di singoli e album sono state dominate dal repertorio italiano: diversi artisti della Generazione Z hanno ottenuto risultati di ampio respiro conquistando numerosi dischi di platino.
Complessivamente, nel 2021 sono stati infatti premiati 231 Album, 6 Compilation e 1.054 Singoli Digitali tra oro, platino e multiplatino.   SPETTACOLI MUSICA E CULTURA   PIEMONTE

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa:Europa rallenta con energia e auto, Milano -1,8%
In calo i future Usa. Euro debole sul dollaro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
12:46
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee rallentano, appesantite dall’energia (-1,1%) e dal comparto dell’auto (-1,8%).
Sui mercati torna il nervosismo con gli investitori che guardano all’andamento dell’economia globale, l’aumento dell’inflazione e la stretta monetaria.
Resta alta l’attenzione anche sul fronte della guerra in Ucraina ed i negoziati con la Russia. In calo i future Usa mentre sul fronte valutario l’euro continua a indebolirsi sul dollaro a 1,0535 a Londra.
L’indice d’area stoxx 600 cede l’15%. Maglia nera Milano (-1,8%). Male anche Parigi (-1,4%), Londra (-1,3%), Francoforte (-1%) e Madrid (-0,6%). Scivola l’informatica (-2,4%). In flessione l’energia con il petrolio in calo. Il Wti si attesta a 107 dollari al barile (-2,5%) e il Brent a 110 dollari (-2%).
Male anche le utility (-0,7%), con il prezzo del gas in calo a 96 euro al Mwh ad Amsterdam. Performance negativa anche per le banche (-0,7%) e le assicurazioni (-1,1%).
A Piazza Affari peggiorano Amplifon (-5%) e Diasorin (-4,8%), in linea con il comparto europeo. Male anche Prysmian (- 4%) e Ferrari (-3%). Rallenta il comparto dell’automotive con Pirelli (-2,4%), Iveco (-2,2%), Cnh (-2%) e Stellantis (-1,8%). Vendite sul banche dove sono in rosso Banco Bpm (-1,8%), Intesa (-1,5%), Mps (-1,4%), Unicredit (-1%). Debole Bper (-03%), nel giorno dei risultati del primo trimestre. In controtendenza rispetto al listino Leonardo (+1,6%) e Tenaris (+0,4%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano peggiora ancora (-2%)
Listino Ftse Mib a 23.007 punti. Pesano banche e auto
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
12:52
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano peggiora ancora, in linea con gli altri listini europei.
Il Ftse Mib cede il 2% a 23.007 punti.
Su Piazza Affari pesa il calo del comparto dell’auto e delle banche. Scivolano Amplifon (-5%), Diasorin (-4,9%) e Prysmian (-4%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Salone Risparmio: al via domani, balzo iscritti a 14.500
Faro su uno sviluppo economico “umano, responsabile e digitale”
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
12:54
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Uno sviluppo economico sostenibile e digitale che mette al centro le persone, il capitale umano.
E’ questa la principale sfida del futuro a cui vuole rispondere il Salone del Risparmio 2022, che aprirà i battenti domani al Mico di Milano con 14.500 iscritti, 140 marchi e 400 speaker che animeranno le 125 conferenze in programma.

In un momento cruciale per il panorama politico ed economico mondiale, durante la tre giorni non potranno mancare molti momenti di confronto sugli equilibri geopolitici ed economici futuri. Ad inaugurare la manifestazione sarà il presidente di Assogestioni, Carlo Trabattoni, nella conferenza plenaria di apertura dal titolo “Umano, responsabile, digitale”, durante la quale verrà esplorato il contesto in cui oggi l’industria del risparmio gestito e tutte le attività economiche vengono chiamate a ripensare i propri modelli perseguendo obiettivi di impatto sulla società. Il dibattito sarà animato anche dall’intervento di Rachel Botsman, Trust Expert e Author Lecturer della Oxford University, che affronterà il tema della fiducia e le leve attraverso le quali questa viene costruita.
Attesi, tra gli altri, gli interventi del ministro per l’Innovazione tecnologica e la transizione digitale, Vittorio Colao, e della ministra per le Pari Opportunità, Elena Bonetti, che accenderà un faro anche sulla parità di genere nelle Sgr.
Alla dodicesima eidizione del Salone si celebrano anche i 75 anni dalla nascita della Costituzione italiana, che individua nella tutela del risparmio uno dei principi fondamentali della cosiddetta “Costituzione economica”, con la presentazione di un francobollo dedicato al risparmio gestito. Ampio spazio, poi, all’educazione finanziaria, perché, la consapevolezza finanziaria delle famiglie, accanto alla stabilità degli investimenti – secondo Assogestioni – è la base per favorire il sostegno all’economia e lo sviluppo sociale del Paese.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa in calo, Stoxx 600 cede il 2%
Pesano energia e informatica. Future Usa in flessione
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
13:30
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee sono in netto calo in attesa dell’avvio di Wall Street dove i future sono in flessione e mentre imperversa la guerra in Ucraina.
Sui mercati torna il nervosismo con gli investitori che fanno i conti con l’economia globale che rallenta e le tensioni sui titoli di Stato.
Resta debole l’euro sul dollaro a 1,0539 a Londra.
L’indice d’area stoxx 600 cede il 2%. In flessione Parigi (-2%), Milano (-1,9%), Francoforte (-1,6%), Londra (-1,8%) e Madrid (-0,8%). Sui listini pesano l’informatica (-3%), le auto (-1,8%) e l’energia (-1,6%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bitcoin scivola sotto 33.000 dollari, minimi da luglio 2021
A 32.800 dollari
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
09 maggio 2022
15:11
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Bitcoin scivola ai minimi dal luglio del 2021.
La criptovaluta perde il 4,6% e scende sotto i 33.000 dollari, a 32.800 dollari.
Oggi le Borse europee sono in calo, appesantite da auto ed energia.
Milano perde l’1,8%, piazzandosi all’ultimo posto tra le principali piazze del vecchio continente. Segno meno anche per il petrolio: il Wti si attesta a 107 dollari al barile (-2,5%) e il Brent a 110 (-2%).

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Giorgetti, possibili nuovi aiuti a imprese
Qualcosa fatto con ultimo dl, ma sicuramente non sufficiente
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
SENIGALLIA
09 maggio 2022
15:36
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Ha senso immaginare tutto quello che è possibile, in parte lo abbiamo già fatto in parte dovremo farlo, se la situazione si protrae nel tempo per cercare di aiutare i settori e gli imprenditori che sono stati danneggiati da decisioni politiche di ordine superiore che impattano anche sulla sopravvivenza di queste realtà”.
Lo ha detto il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti a margine del meeting nazionale della Commissione Sviluppo Economico della Conferenza delle Regioni e Province Autonome a Senigallia, rispondendo ad una domanda sulle difficoltà delle imprese di fronte ad nuovo pacchetto di sanazioni alla Russia.

Il ministro, che durante i lavori ha incontrato una delegazione di calzaturieri marchigiani, ha ricordato che “qualcosa abbiamo fatto con il decreto legge approvato la scorsa settimana.
Probabilmente non è sufficiente, anzi sicuramente non è sufficiente: Così procediamo giorno per giorno, ascoltando la voce degli imprenditori dei territori e cerchiamo di far fronte”.   POLITICA

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: Europa stabile dopo apertura Wall Street
Milano in leggero miglioramento a -1,5 per cento
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
15:58
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’apertura in calo di Wall Street non pesa sui listini del Vecchio Continente su cui già prevalevano gli ordini in vendita.
Londra cede l’1,5%, Parigi l’1,7%, Francoforte l’1,2% e Milano in leggero miglioramento a -1,5 per cento.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Dl Ucraina bis: nuova stretta su bonus casa, allarme Pmi
Per lavori sopra i 516mila euro dovranno avere certificato SOA
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
19:28
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nuova stretta sui bonus edilizi: dal 1 luglio del 2023, per beneficiare dei bonus edilizi per lavori sopra i 516mila euro, bisognerà rivolgersi ad imprese che hanno la certificazione SOA, fino ad oggi necessaria alle aziende per poter partecipare ad appalti pubblici.
Lo prevede un emendamento al dl Ucraina bis, approvato dalle commissioni Industria e Finanze del Senato.
Allarme delle piccole imprese: “Il Parlamento si assume la grave responsabilità di escludere circa l’80% di micro e piccole imprese dal mercato della riqualificazione edilizia introducendo nuove e incomprensibili barriere burocratiche”, spiegano Confartigianato e Cna.
L’obbligo di richiedere la SOA scatterà dal 1 gennaio, perché da quella data le imprese dovranno dimostrare di aver fatto almeno richiesta agli enti certificatori. Dal 1 luglio dovranno invece aver ottenuto la certificazione vera e propria per poter lavorare. “Ancora una barriera burocratica nella travagliata storia degli ecobonus”, lamentano Confartigianato e Cna, che spiegano di aver lavorato nel fine settimana per convincere i parlamentari sulla “inopportunità” della norma. “Pur nella riformulazione del provvedimento che ne attenua l’impatto, quanto approvato costituisce un principio inaccettabile, che esclude di fatto dai lavori di riqualificazione le imprese che non lavorano per gli appalti pubblici ed estende al settore privato un sistema pensato per i lavori pubblici, che nulla ha a che fare con la qualificazione delle imprese”, spiegano le organizzazioni, sottolineando come “anche nel pubblico le SOA non hanno dimostrato particolare efficacia e non hanno alcuna utilità nel contrasto delle frodi”. L’unico effetto della norma sarà “l’ennesimo rallentamento dell’esecuzione dei lavori e l’apertura di un business rilevante per le società che rilasciano attestazioni SOA”, concludono.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Clima: ong, raddoppiate vendite di asset a società non green
Edf, da parte di società oil con forti impegni ambientali
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
17:13
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Un nuovo rapporto della ong internazionale EDF+Business sottolinea come le fusioni e acquisizioni (M&A) fra società del settore di petrolio e gas possano rallentare gli sforzi per ridurre le emissioni dell’industria del petrolio e del gas.
Il rapporto rivela che tra il 2017 e il 2021 il numero di operazioni che hanno trasferito attività inquinanti da una società con forti obiettivi ambientali ad altre prive di impegni di questo genere sono raddoppiati.

I casi di studio nel rapporto includono la vendita nel luglio 2021 delle attività del Bacino Permiano, Texas, da APA Corporation (Apache), una società pubblica, a Slant Operating, un operatore sostenuto dal private equity. L’analisi mostra che Slant probabilmente tapperà i pozzi inattivi acquisiti a un ritmo significativamente più lento di quanto avrebbe fatto Apache. Nel marzo 2021 c’è stata la vendita del bacino del Delaware, Texas, beni da Oasis Petroleum, una società pubblica, a Percussion Petroleum II, un operatore sostenuto da private equity. Dalla vendita, Percussion ha completato sette nuovi pozzi e ha mantenuto l’alta intensità di flaring dell’asset (bruciare il gas in eccesso senza recupero energetico), anche se il flaring nel Delaware Basin è diminuito.
Nel gennaio 2020 è avvenuta la vendita degli asset del Golfo di Suez, Egitto, da Bp, una società pubblica, a Dragon Oil, una filiale della compagnia petrolifera nazionale. Un netto aumento del flaring si è verificato dopo la vendita – più di quattro volte superiore ai livelli pre-vendita. Infine, nel gennaio 2021 sono state vendute le attività del Delta del Niger, Nigeria, da Shell e Total Energies, società pubbliche, a Trans-Niger Oil & Gas, un operatore sostenuto da private equity. Trans-Niger Oil & Gas prevede di triplicare la produzione di petrolio in quest’area, e un drammatico aumento del flaring è stato registrato dopo la vendita.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Gentiloni, verso taglio stime economiche Ue
Necessario mantenere le politiche di bilancio agili
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
17:58
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Le prospettive economiche” dell’Ue “sono nuovamente offuscate dall’incertezza” ed “è chiaro che la guerra avrà un impatto economico significativo e che le nostre precedenti previsioni dovranno essere tagliate”.
Lo ha detto il commissario economico per l’Economia, Paolo Gentiloni, alla Conferenza della Giornata dell’Europa a Lisbona, sottolineando che la guerra in Ucraina ha costretto l’Ue a rivedere le stime di crescita del 4% presentate a gennaio.
“Dobbiamo mantenere politiche fiscali agili e reattive, proprio come abbiamo fatto durante la pandemia”, ha rimarcato Gentiloni, ricordando che la Commissione fornirà a fine mese le linee guida aggiornate per le politiche di bilancio nazionali per il 2023.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Bono, per il momento sopperiamo a mancanza acciaio
Acquisti in Brasile,Sud Corea, si cerca soluzione anche con Ilva
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
09 maggio 2022
17:36
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Finora riusciamo a sopperire alla mancanza dell’acciaio proveniente dall’Ucraina”, Paese con il quale “avevamo intavolato una relazione importante, in particolare con i proprietari della loro acciaieria.
Prevedevamo di fare delle cose insieme per l’Italia e di farne anche lì, tanto che era diventato il principale fornitore”.
Lo ha detto l’a.d. di Fincantieri, Giuseppe Bono, a margine dell’ inaugurazione del primo asilo aziendale.
Il problema, per il momento, non è nemmeno l’aumento del prezzo dell’acciaio perché “abbiamo risparmi forti per neutralizzarlo almeno in parte”, quanto una eventuale “mancanza dell’acciaio sul mercato. Però – ha proseguito appellandosi al consueto ottimismo – come tutte le cose al mondo, anche la guerra finirà e allora ci si assesterà. Avremo qualche problema di approvvigionamento, ma finora non ne abbiamo avuti perché ci eravamo preparati bene”.
Il d.g. del settore Navi mercantili di Fincantieri, Luigi Matarazzo, ha spiegato che “l’acciaieria principale di Mariupol forniva tutti i nostri cantieri italiani. Ora stiamo cercando acciaio in tutto il mondo e anche la materia prima che sono le bramme”. Gli acquisti vengono fatti in Brasile, Sud Corea. Il prezzo naturalmente è salito in maniera importante. Cechiamo inoltre di lavorare anche con l’Ilva: l’acciaio prodotto lì ha spessori diversi, abbiamo chiesto il loro aiuto e sicuramente ce lo daranno”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Atlantia: Benetton, cambiamo nome a Schemaquarantatre
Lo annuncia il presidente di Edizione
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
18:29
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Schemaquarantatre, la società veicolo che lancerà l’Opa su Atlantia per conto del fondo Blackstone e di Edizione, la holding dei Benetton, cambierà nome.
Lo annuncia il presidente di Edizione, Alessandro Benetton, dopo le polemiche per il fatto che il nome della ‘bidco’, che usa il sistema tradizionale utilizzato dalla famiglia per denominare le società di scopo con un numero progressivo, corrisponde al bilancio dei morti per il crollo del Ponte Morandi di Genova.
“Abbiamo dato l’ordine alle strutture aziendali”, spiega Alessandro Benetton a margine della presentazione della sua autobiografia a Milano.
“Questa scivolata della nostra struttura aziendale lascia anche me a bocca aperta: abbiamo dato immediatamente ordine che il nome della società venga cambiato, anche come gesto di discontinuità che questo meccanismo dei numeri consequenziali venga stoppato e si passi ad altro”, aggiunge Alessandro Benetton prima della presentazione del libro ‘la traiettoria’.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Questa scivolata della nostra struttura aziendale lascia anche me a bocca aperta: abbiamo dato immediatamente ordine che il nome della società venga cambiato, anche come gesto di discontinuità che questo meccanismo dei numeri consequenziali venga stoppato e si passi ad altro”, afferma Alessandro Benetton a margine della presentazione della sua autobiografia a Milano.
Il nuovo nome di Schemaquarantatre sarà Schema Alfa, aggiunge un portavoce di Edizione, che già oggi terrà l’assemblea per dare il via libera alla procedura, con il nuovo nome che dovrà essere comunicato a tutte le autorità che tradizionalmente vengono coinvolte nel lancio di un’Offerta pubblica di acquisto, che in questo caso dovrebbe partire in estate, presumibilmente in agosto. D’ora in avanti tutte le società di scopo della holding dei Benetton saranno denominate con Schema e una lettera dell’alfabeto greco.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
‘Quo vadis rider’, libro sulla lotta sindacale dei fattorini
Scritto da Bidetti, Gómez e Vacirca
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
17:57
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Dalla lotta umana a quella sindacale, ‘Quo vadis rider’ (Futura Editrice, pp.233) è il libro inchiesta al dedicato ai rider e alle loro battaglie per la dignità.
Nato quasi per caso per raccontare la fortunata esperienza di politica giudiziaria portata avanti dalle tre categorie della Cgil impegnate da sempre a fianco dei rider nella loro lotta il libro racconta l’impegno sul campo di due avvocati Maria Matilde Bidetti e Sergio Vacirca, e un professore universitario Carlo De Marchis Gomez.

Scorrono tra le pagine le vicende e gli episodi di cronaca giudiziaria, l’impatto delle iniziative del sindacato sulla comprensione della gig economy, il servizio pubblico svolto durante i mesi della pandemia e i problemi quotidiani che i lavoratori incontrano nella vita quotidiana. Un lavoro di approfondimento che racconta una realtà oramai molto radicata, come spiega la prefazione della segretaria confederale della Cgil Tania Scacchetti e l’introduzione di Filippo Ceccarelli che ci racconta come l’Italia possa vantare per questo anche un primato inserito tra i Guinness: Francesco Ruffino, un nome che magari ai molti può non dire nulla ma che di fatto a 38 anni è il rider che ha fatto più consegne al mondo.
Fra sentenze e contratti, orizzonti mediatici e testimonianze in carne e ossa, il libro ha tra gli obiettivi quello di suscitare una presa di coscienza, individuale e collettiva, su cosa è diventato e rischia di diventare il lavoro dei ciclofattorini. Così come dimostra e sintetizza l’inserto fotografico di Luciano Del Castillo sulle condizioni lavorative dei rider: prima corridori infaticabili, in bici o in monopattino, dopo persone esauste, sedute o distese su panchine o gradini di fortuna.
“Molta strada è stata percorsa dai rider dal momento in cui è nata l’idea di questo libro. Molta ancora dovrà essere percorsa – si legge tra le pagine – prima di dare piena dignità a questi lavoratori che rappresentano l’avanguardia di nuovi modelli nati dal capitalismo digitale”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa in rosso con energia, Londra -2,3%
Indici guida ai minimi degli ultimi 2 mesi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
18:00
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse in Europa chiudono la seduta sui minimi degli ultimi due mesi.
Ancora una volta è il petrolio a pesare, trascinando in negativo i titoli dell’energia che a loro volta pesano sui listini del Vecchio Continente.

Londra ha perso il 2,32% a 7.216 punti, Parigi il 2,75% a 6.086 punti, Francoforte il 2,15% a 13.380 punti, Madrid il 2,2% a 8.139 punti e Milano non si è discostata troppo in calo del 2,74% a 22.832 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo piano Bper a giugno. Utile del trimestre a 112 milioni
Risultato della gestione operativa balza del 54% a 325 milioni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
18:24
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bper ha chiuso il primo trimestre dell’anno con un utile di 112,7 milioni di euro in calo rispetto ai 400 milioni dello stesso periodo del 2020, che beneficiavano però di alcune componenti contabili straordinarie legate all’acquisto degli sportelli di Ubi.
L’utile pre-tasse si attesta a 158,3 milioni, in crescita del 50% rispetto ai 105,5 milioni normalizzati di un anno fa.
“I risultati del trimestre mostrano una forte crescita della redditività, nonostante il difficile contesto esterno”, afferma Bper. I ricavi sono saliti del 16,6% a 883,7 milioni, il risultato della gestione operativa del 54% a 325,3 milioni.
“L’attuale contesto di mercato, caratterizzato da un’elevata incertezza e crescenti pressioni inflazionistiche, ci pone davanti a nuove sfide, che il Gruppo Bper saprà affrontare efficacemente grazie ai progressi compiuti sul fronte della generazione dei ricavi, alla solida posizione patrimoniale e di liquidità e ai significativi miglioramenti raggiunti nell’ambito della qualità del credito. Tali aspetti saranno inoltre ulteriormente rafforzati con le azioni e le misure previste dal nuovo Piano Industriale che sarà presentato al mercato nel corso del mese di giugno”, ha dichiarato l’ad, Piero Luigi Montani.
A spingere i ricavi sono state soprattutto le commissioni, balzate del 37,3% a 450,6 milioni, e il margine di interesse, cresciuto del 9,6% a 376,4 milioni, in rialzo del 2,2% a 558,4 milioni anche i costi. I risultati si confrontano con un primo trimestre 2021 che consolidava le filiali di Ubi solo a partire dal 22 febbraio.
Per quanto riguarda la qualità degli attivi l’npe ratio lordo si mantiene al 4,9% e quello netto al 2%, invariati rispetto a fine 2021. Migliorano gli indici di solidità patrimoniale con un Cet1 pro-forma ratio fully phased che sale nel trimestre dal 13,5% al 13,64%, “largamente superiore” al minimo della Bce (8,3%) e tale da consentire alla banca “di affrontare con fiducia l’incertezza dell’attuale scenario macro”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borse: Europa ai minimi, si teme contrazione economia
Londra ha perso il 2,3%, Parigi il 2,7%, anche Milano a -2,7%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
19:22
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Seduta nera per i mercati azionari in Europa, con gli indici crollati ai minimi degli ultimi due mesi a causa dei timori per l’inasprimento della politica monetaria in risposta all’aumento dell’inflazione che potrebbe portare a una contrazione economica.
L’indice Stoxx Europe 600 è arretrato del 2,9%, Londra ha perso il 2,32% a 7.216 punti, Parigi il 2,75% a 6.086 punti, Francoforte il 2,15% a 13.380 punti, Madrid il 2,2% a 8.139 punti e Milano non si è discostata troppo in calo del 2,74% a 22.832 punti.

A guidare il calo sono il settore viaggi e tempo libero. I titoli delle aziende tecnologiche sono crollate ai minimi da novembre 2020 quando il Nasdaq 100 ha esteso il suo calo. Il petrolio in calo trascina in negativo i titoli dell’energia. “Le cattive notizie si stanno accumulando per l’Europa” mentre la Banca centrale europea si prepara ad aumentare i tassi, le notizie sulla guerra in Ucraina peggiorano e la crescita cinese rallenta, commenta un analista.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Auto: ex Blutec Torino, verso accordo con Umberto Palermo
‘Mole Urbana avrà la sua fabbrica, saranno 19 le assunzioni’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
09 maggio 2022
19:39
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mole Urbana, il quadriciclo elettrico di Umberto Palermo, avrà la sua fabbrica.
Oggi al Mise sono stati messi a punto alcuni passaggi fondamentali per procedere all’accordo tra il designer, i commissari Blutec e il ministero dello Sviluppo Economico: lo stabilimento ex Blutec sarà trasformato e saranno assunti 19 operai per iniziare la produzione di Mole Urbana.
E’ l’ultimo passo prima della firma dal notaio dell’intesa definitiva per l’acquisizione da parte di Umberto Palermo del ramo d’azienda, prevista entro giugno.
Up, l’azienda di Palermo, investirà per Mole Urbana 3 milioni di euro, cifra in cui rientra la preparazione della nuova linea produttiva.
Intanto l’attività è già iniziata a gennaio nella fabbrica pilota ex Stola, poi Blutec, di Rivoli (Torino), dove si stanno costruendo allestimenti per veicoli commerciali. Up avrà già entro la fine dell’anno il primo lotto di veicoli per fare i test e per avviare la catena di montaggio nel 2023. Ulteriori assunzioni dipenderanno dalla risposta del mercato. Up ha espresso soddisfazione per il lavoro con i commissari Blutec e con il MIse.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Tokyo, apertura in calo (-0,60%)
Segue tonfo tecnologia al Nasdaq, attesa indicazioni trimestrali
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
10 maggio 2022
02:16
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Tokyo inizia gli scambi con il segno meno, seguendo la nuova correzione degli indici azionari Usa, in particolare il listino della tecnologia Nasdaq, che ha subito ieri un tonfo di oltre il 4%, mentre l’attenzione si concentra sull’avvio della stagione delle trimestrali societarie.

In apertura, il listino di riferimento Nikkei cede lo 0,60% a quota 26.162,17, segnando una perdita di 157 punti.

Sul mercato valutario lo yen interrompe temporaneamente la fase di indebolimento sul dollaro, a 130,20, e sull’euro a 137,50.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Aste: Marilyn di Warhol da record da Christie’s
195 milioni di dollari per ritratto icona pop
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
10 maggio 2022
03:31
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo l’apparizione al gala del Met con il vestito da sirena “Happy Birthday Mr.
President” addosso a Kim Kardashian, Marilyn Monroe torna alla ribalta a New York.
Una serigrafia del suo ritratto “Shot Sage Blue Marilyn” è stata battuta da Christie’s per 195 milioni di dollari, il prezzo più alto mai pagato per un’opera d’arte americana venduta all’asta, ma anche un record per un’opera del ventesimo secolo dopo i 179,4 milioni stabiliti nel 2015 per “Les Femmes d’Alger (Version ‘O’)” di Pablo Picasso.
La vendita ha aperto la stagione di primavera per le aste di New York, confermando la solidità come investimento del mercato dell’arte “blue chip”. L’immagine di Marilyn del 1964 riprende una foto promozionale scattata per il film dell’anno prima, “Niagara”.
Warhol trasformò il ritratto in una icona pop modificandone i colori, il volto rosa colore gomma americana, le labbra rosso rubino e l’ombretto azzurro sulle palpebre sullo sfondo verde salvia dell’insieme.
Il gallerista Larry Gagosian in sala si è aggiudicato la Marilyn in una battaglia di quattro minuti con altrettanti rivali.
Christie’s si aspettava il risultato e aveva pronosticato 200 milioni di dollari come massimo della stima di partenza.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Hong Kong crolla in avvio, apre a -3,51%
Borse cinesi in negativo all’indomani nuova stretta anti-Covid
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
PECHINO
10 maggio 2022
05:43
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Hong Kong apre la seduta con un tonfo in scia alle perdite del Nasdaq superiori al 4%: l’indice Hang Seng cede nelle prime battute il 3,51%, scivolando a 19.300,68 punti, mentre l’Hong Kong Tech Index cede il 5,93%, a quota 3.796,93.

Le Borse cinesi aprono la seduta in territorio negativo all’indomani della nuova stretta anti-Covid decisa a Shanghai e a Pechino per contenere la variante Omicron, rilanciando i timori sulla crescita economica: l’indice Composite di Shanghai cede nelle prime battute l’1,46%, a 2.960,15 punti, mentre quello di Shenzhen perde l’1,14%, scivolando a quota 1.844,58.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: prezzo scende ancora, Brent sotto 105 dollari
In calo anche il Wti a 102 dollari al barile
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 maggio 2022
08:10
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il prezzo del petrolio scende ancora sui mercati internazionali.
Il Wti americano con consegna a giugno, dopo aver perso ieri oltre il 6%, arretra dello 0,95% portandosi a 102,11 dollari al barile.
Il Brent quotato sulla piazza di Londra e con consegna a luglio perde lo 0,98% scendendo sotto i 105 dollari al barile a 104,90.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: prezzo spot in rialzo a 1.864 dollari l’oncia
Quotazioni guadagnano lo 0,55%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 maggio 2022
08:13
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il prezzo spot dell’oro è in rialzo questa mattina.
Il metallo prezioso con consegna immediata arriva a 1.864 dollari l’oncia, con un guadagno dello 0,55%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro in lieve recupero a 1,0577 dollari
Cambio con lo yen a 137,9
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 maggio 2022
08:17
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’euro è in leggero recupero sul dollaro in avvio di mattinata.
La moneta unica viene scambiata a 1,0577 dollari, in rialzo dello 0,15% rispetto alla giornata di ieri.
Il cambio con lo yen è a 137,9 anche in questo caso in rialzo dello 0,21%.   SEGUI TUTTA L’ECONOMIA IN TEMPO REALE

Economia tutte le notizie in tempo reale. Tutta l'informazione Economica sempre aggiornata. SEGUI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, ECONOMIA, Notizie, Ultim'ora

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE: TUTTI GLI ULTIMISSIMI AGGIORNAMENTI ED APPROFONDIMENTI IN TEMPO REALE, DAL MONDO ECONOMICO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE: LEGGI!

Tempo di lettura: 24 minuti

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 02:33 DI LUNEDÌ 28 MARZO 2022

ALLE 02:30 DI GIOVEDÌ 31 MARZO 2022

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: a Tokyo apertura in calo (-0,30%)
Cambi: yen verso rafforzamento su dollaro ed euro
TOKYO
28 marzo 2022
02:33
La Borsa di Tokyo avvia la prima seduta della settimana in lieve calo, dopo la chiusura mista degli azionari Usa, con gli investitori che guardano all’evoluzione del conflitto in Ucraina e l’aumento dei casi di Covid a livello globale.
Borsa: Hong Kong poco mossa, apre a +0,08%
Indice Hang Seng si attesta a 21.422,20 punti
PECHINO
28 marzo 2022
03:40
La Borsa di Hong Kong apre la apre la seduta poco mossa: l’indice Hang Seng segna nelle prime battute un progresso dello 0,08%, attestandosi a 21.422,20 punti.
Petrolio: in netto calo, Wti a 109,55 dollari al barile
Brent scende a 116,53 dollari
28 marzo 2022
08:16
Quotazioni del petrolio in netto calo in avvio di settimana: il greggio Wti cede il 3,82% a 109,55 dollari il barile mentre il greggio del Mare del Nord cede il 3,41% a 116,53 dollari al barile.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: in netto calo a 1.935 dollari l’oncia
Cede l’1,14% sui mercati asiatici
28 marzo 2022
08:20
Quotazioni dell’oro in netto calo in avvio di settimana dopo le fiammate alla luce delle incertezze dettate dalla guerra in Ucraina.
Cambi: euro in lieve calo in avvio a 1,0958 dollari
Moneta unica a 134,86 yen
28 marzo 2022
08:29
Quotazioni dell’euro in lieve calo in avvio di settimana.
Spread Btp Bund apre stabile a 149, rendimento sale al 2,08%
Tasso ai massimi da aprile 2020
28 marzo 2022
08:34
Lo spread tra Btp e Bund apre stabile a 149 punti base.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa:Asia chiude in calo, pesa guerra e nuovi contagi Covid
In negativo Tokyo (-0,73%). Lo yen rimonta sul dollaro
28 marzo 2022
08:44
Le Borse asiatiche chiudono in calo.
Borsa: Milano apre in rialzo (+0,14%)
Il primo indice Ftse Mib a 24.593 punti
28 marzo 2022
09:06
La Borsa di Milano apre in rialzo.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: Europa apre in rialzo, si guarda a petrolio e gas
Francoforte (+0,49%), Parigi (+0,38%), piatta Londra (+0,03%)
28 marzo 2022
09:20
Le Borse europee avviano in rialzo la prima seduta della settimana.
Borsa: Europa conclude incerta, Londra -0,1%
Debole Amsterdam, in rialzo Parigi, Francoforte e Madrid
28 marzo 2022
18:13
Mercati azionari del Vecchio continente positivi per tutta la giornata, con una chiusura piuttosto incerta: Londra ha segnato un calo dello 0,1%, con Amsterdam negativa dello 0,4%.
Eni: Descalzi, non pagheremo gas russo in rubli
Ue guardi all’Africa per maggiori forniture di gas
28 marzo 2022
09:45
“L’Eni non pagherà il gas russo in rubli”.
Lo ha detto l’amministratore delegato di Eni Claudio Descalzi in un panel a Dubai, secondo quanto riporta l’Agenzia Bloomberg.

“Eni non ha rubli; i contratti prevedono il pagamento del carburante in euro e i contratti dovrebbero essere modificati per cambiare i termini”, ha poi affermato sottolineando che “l’Europa dovrebbe guardare all’Africa per più forniture di gas”.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Consob: al top presenza donne nei board, ma sempre poche Ad
Solo in 16 società, 2% dei casi. Poche donne presidente
28 marzo 2022
09:45
Mai così tante donne nei board delle società italiane ma sono ancora poche quelle che raggiungono i ruoli apicali.
A fine 2021, secondo il rapporto Consob sulla Corporate Governance, il 41% degli incarichi di amministrazione nelle società quotate è esercitato da una donna, dato che rappresenta il massimo storico osservato sul mercato italiano.

Si conferma però limitato il numero di donne che ricoprono il ruolo di Ad (16 società, rappresentative di poco più del 2% del valore totale di mercato) o di presidente dell’organo amministrativo (30 emittenti, rappresentativi del 20,7% della capitalizzazione complessiva).
La Consob spiega che l’aumento della presenza delle donne negli organi di comando delle quotate si verifica “anche per effetto dell’applicazione delle normative sulle quote di genere”. In generale, si legge ancora, l’ingresso delle donne ha concorso a modificare le caratteristiche dei membri dei consigli di amministrazione, abbassandone l’età media, innalzandone la quota di laureati e aumentandone la diversificazione dei profili professionali. Quanto ai ruoli ricoperti, per le donne nei cda delle quotate prevale il ruolo di consigliere indipendente (tre casi su quattro). Nel 30% dei casi, inoltre, le donne sono titolari di più di un incarico di amministrazione (interlockers), circostanza che si verifica con maggior frequenza rispetto agli uomini. Il dato tuttavia mostra una flessione rispetto all’anno precedente e al massimo raggiunto nel 2019 (34,9% di donne interlockers) a seguito di una crescita significativa nel periodo 2013-2018.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: Milano sale a +1% con le banche e Tim, vola Saipem
In calo Leonardo e Atlantia. Spread Btp-Bund a 151 punti
28 marzo 2022
10:13
La Borsa di Milano (+1%) prosegue in rialzo, in linea con gli altri listini del Vecchio continente.
Borsa: Europa in rialzo guarda a Ucraina, tensione titoli stato
Bene utility e banche, tiene energia. Poco mosso euro su dollaro
28 marzo 2022
10:59
Le Borse europee prosegue la seduta percorrendo la strada del rialzo.
Generali, il Cda licenzia in tronco Luciano Cirinà
Gravi violazioni del contratto e degli obblighi di lealtà
28 marzo 2022
11:46
Il Consiglio di Amministrazione di Assicurazioni Generali, riunitosi sotto la presidenza di Gabriele Galateri di Genola, ha deciso di interrompere con effetto immediato il rapporto di lavoro con Luciano Cirinà.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Agenas, occupazione cresce in 10 regioni, in 6 oltre 20%
In Italia ferma al 14%. Intensive a 5%,un anno fa 8 volte di più
28 marzo 2022
12:08
L’occupazione dei posti nei reparti ospedalieri di ‘area non critica’ da parte di pazienti Covid è ferma al 14% in Italia (esattamente un anno fa era al 43%) ma nelle ultime 24 ore cresce in 10 regioni e in 6 supera il 20%: Calabria (34%), Umbria (32%), Basilicata (29%), Sicilia (25%), Marche (22%), Puglia (21%).
L’occupazione delle terapie intensive, invece, è ora stabile al 5% in Italia a fronte del 40% raggiunto esattamente un anno fa, ed è sotto il 10% in tutte le regioni.
Lo indicano i dati dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) del 27 marzo 2022.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa avanza ancora, Milano +1,8%
In calo il petrolio, sale il gas. Poco mosso l’euro sul dollaro
28 marzo 2022
12:15
Le Borse europee ingranano la marcia in attesa dell’avvio di Wall Street (che da oggi torna alle 15:30, ndr) dove i future sono contrastati.
Generali: Cda licenzia in tronco Cirinà
Gravi violazioni del contratto e degli obblighi di lealtà
28 marzo 2022
13:23
Il Consiglio di Amministrazione di Assicurazioni Generali, riunitosi sotto la presidenza di Gabriele Galateri di Genola, ha deciso di interrompere con effetto immediato il rapporto di lavoro con Luciano Cirinà.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: Milano avanza ancora e sale a +2%
Corrono Saipem e Generali. spread Btp-Bund a 152 punti
28 marzo 2022
13:23
La Borsa di Milano avanza ancora.
Inps corretta su bonus Covid,tribunale Roma condanna Privacy
Annulla multa, pagherà spese. I controlli scoprirono 5 onorevoli
28 marzo 2022
15:43
I controlli e gli incroci effettuati dall’Inps sui percettori del bonus Covid – inizialmente 600 euro dati alle partite Iva con una contrazione degli affari – furono corretti.
Borsa: Wall Street apre debole, Dj -0,14%, Nasdaq +0,07%
S 500 perde lo 0,11%
NEW YORK
28 marzo 2022
15:38
Wall Street apre debole.
Borsa: Europa tiene dopo Wall street, Milano +1,4%
In Piazza Affari sempre bene Saipem e Generali, giù Leonardo
28 marzo 2022
16:46
Mercati azionari del Vecchio continente ancora positivi dopo l’avvio incerto di Wall street: Milano dopo aver toccato un guadagno di due punti percentuali sale dell’1,4%, seguita da Francoforte in crescita dell’1,3%, con Parigi e Madrid che salgono dell’1,2%.
Mps: Franco, controllo Mef senza limiti non è possibile
In corso revisione piano, tuteleremo lavoro
28 marzo 2022
16:59
Il mantenimento del controllo di Mps da parte dello Stato “senza limiti di tempo è uno scenario non ipotizzabile” alla luce della normativa europea.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude in rialzo, Ftse Mib +0,63%
Indice dei principali titoli di Piazza Affari a 24.712 punti
MILANO
28 marzo 2022
17:39
Seduta positiva per la Borsa di Milano: l’indice Ftse Mib ha concluso in aumento dello 0,63% a 24.712 punti.
Generali: Borsa corre (+3% finale) a 20 euro, record da 2008
Dopo programma lista Caltagirone e licenziamento Cirinà
28 marzo 2022
17:40
Ancora acquisti su Generali dopo la presentazione del programma da parte dei candidati della lista del gruppo Caltagirone e nel giorno del licenziamento di Luciano Cirinà, candidato amministratore delegato nella stessa lista, alternativa a quella presentata dal Cda uscente.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Turismo: Fiavet fa 60 anni, festa nel segno della rinascita
Auguri Sangalli, “Da crisi si esce più forti se si esce insieme”
28 marzo 2022
17:47
Più di 300 persone hanno partecipato alla festa per i 60 anni di Fiavet la Federazione Italiana Associazioni Imprese Viaggi e Turismo a Officine Farneto di Roma.
Borsa: Europa conclude incerta, Londra -0,1%
Debole Amsterdam, in rialzo Parigi, Francoforte e Madrid
28 marzo 2022
17:48
Mercati azionari del Vecchio continente positivi per tutta la giornata, con una chiusura piuttosto incerta: Londra ha segnato un calo dello 0,1%, con Amsterdam negativa dello 0,4%.
Spread Btp-Bund: chiude a 152 punti base, tasso al 2,1%
Rendimento prodotto del Tesoro aggiorna i massimi da aprile 2020
28 marzo 2022
18:08
Spread tra Btp e Bund tedeschi in rialzo: sui mercati telematici il differenziale ha chiuso a 152 punti base contro i 149 dell’avvio.
Borsa: Milano tiene con Saipem e Generali, debole Leonardo
Positiva Tim, in calo Eni e Tenaris in linea con prezzo petrolio
28 marzo 2022
18:51
Prima seduta di settimana in crescita per Piazza Affari, che si è mossa in linea con le migliori Borse europee: l’indice Ftse Mib ha concluso in aumento dello 0,63% a 24.712 punti, l’Ftse All share in rialzo dello 0,61% a quota 26.976.
Mps: Franco, in corso una ulteriore revisione del piano
Audizione del ministro dell’Economia di fronte alle commissioni Finanze di Camera e Senato
29 marzo 2022
15:37
“E’ in corso un’ulteriore revisione del piano” di Mps dopo il cambio del management.
Dal Nilo al Ghana, dove l’Eni punta in Africa
Da Egitto, Libia, Mozambico il gas per dire addio a Mosca
28 marzo 2022
19:29
“È il continente in cui abbiamo mosso i primi passi fuori dall’Italia nel 1954 e dove trovano spazio i capisaldi del nostro modello di business”, dice l’Eni della propria presenza in Africa.
Intesa: lista fondazioni conferma Gros-Pietro e Messina
Vice Presidente Paolo Andrea Colombo
28 marzo 2022
19:40
Le Fondazioni Compagnia di San Paolo, Cariplo, Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, Cassa di Risparmio di Firenze e Cassa di Risparmio in Bologna, aderenti al patto parasociale di consultazione e voto sottoscritto il 21 dicembre 2021 in relazione all’assemblea di Intesa Sanpaolo convocata per il 29 aprile 2022, hanno presentato la lista dei candidati per il rinnovo del cda composta da 19 componenti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: Tokyo, apertura in rialzo (+0,78%)
Cambi, prosegue indebolimento dello yen su dollaro ed euro
TOKYO
29 marzo 2022
02:25
La Borsa di Tokyo segna un recupero a inizio di seduta, seguendo l’andamento degli indici azionari Usa, con gli acquisti che si concentrano sul settore dell’export, dopo la svalutazione dello yen, ai minimi in 7 anni sul dollaro.
Il listino di riferimento Nikkei avanza dello 0,78%, a quota 28.160,59, con un guadagno di 216 punti.
Le aspettative di un divario più ampio nei tassi di interesse tra Giappone e Stati Uniti consolidano la fase di indebolimento della valuta nipponica sul biglietto verde, a 123,70, e a un valore di poco inferiore a 136 sull’euro.
Antitrust: sanzione 1,2 mln a Iliad, poco chiara su 5G
Pubblicità ingannevole su condizioni usufruire la tecnologia
29 marzo 2022
08:07
L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha sanzionato, per 1,2 milioni di euro, Iliad Italia S.r.l.
a seguito, come si legge in una nota, “dell’omissione e/o la formulazione ingannevole di informazioni essenziali sulle offerte di telefonia mobile – che includono servizi con tecnologia 5G – e per la formulazione ingannevole di un messaggio promozionale relativo ad una di queste offerte”.

Secondo l’Autorità “l’operatore ha pubblicizzato alcune offerte di telefonia mobile omettendo o fornendo con poca chiarezza informazioni sulle condizioni indispensabili per usufruire della tecnologia 5G”.
Pnrr: Draghi, soldi non possono essere sprecati
“Piano va completato entro 2026”
29 marzo 2022
11:53
“I finanziamenti pubblici sono una condizione necessaria, non sufficiente, per il rilancio del Sud.

Il PNRR richiede a tutti noi un salto di qualità nella gestione della spesa.
Il piano va completato entro il 2026. Non possiamo lasciare che questi soldi vadano perduti o sprecati, come purtroppo è accaduto in passato ad altri, a molti, fondi europei”. Lo ha detto il premier Mario Draghi durante la presentazione del patto per Napoli.   POLITICA

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: Hong Kong positiva, apre a +0,34%
Indice Hang Seng a 21.759,57 punti
PECHINO
29 marzo 2022
03:36
La Borsa di Hong Kong apre la seduta in territorio positivo: l’indice Hang Seng segna nelle prime battute un rialzo dello 0,34%, a 21.759,57 punti.
Borsa: Shanghai apre a +0,23%
Shenzhen a +0,30%
PECHINO
29 marzo 2022
03:40
Le Borse cinesi aprono la seduta in territorio positivo: l’indice Composite di Shanghai segna nelle primissime battute un rialzo dello 0,23%, a 3.221,76 punti, mentre quello di Shenzhen mette a segno un progresso dello 0,30%, a quota 2.102,82.
Petrolio:cala a 105,4 dollari, frena domanda Cina per Covid
Brent arretra a 0,52%
29 marzo 2022
08:26
Il lockdown che sta colpendo la Cina frena la domanda di petrolio da parte di Pechino e i prezzi del greggio subiscono un calo.
Giappone: BoJ al via acquisto illimitato di titoli di Stato
Yen scivola dopo l’impegno annunciato dal governatore Kuroda
29 marzo 2022
08:27
La Banca centrale del Giappone (BoJ) intende proseguire con l’acquisto di titoli di Stato a tasso fisso, portando sui massimi il differenziale tra il rendimento dei titoli giapponesi e di quelli Usa.
Oro: prezzo poco mosso a 1923 dollari
Variazione di +0,04%
29 marzo 2022
08:29
Poco mosso il prezzo dell’oro sui mercati.
Cambi: euro poco mosso a 1,099 dollari, arretra lo yen
Decisione Boj colpisce valuta giapponese, poi recupera
29 marzo 2022
08:36
Euro poco mosso all’avvio della giornata mentre la decisione della Banca centrale del Giappone (BoJ) di proseguire con l’acquisto ‘illimitato’ di titoli di Stato a tasso fisso colpisce lo yen.
Borsa: effetto negoziato Ucraina su listini Asia, Tokyo +1,1%
In calo il greggio, sale il gas, futures Europa e Usa positivi
29 marzo 2022
08:53
I negoziati in Turchia tra Russia e Ucraina, che potrebbero proseguire anche in Serbia, ha sostenuto i listini di Borsa di Asia e Pacifico da Tokyo (+1,1%) a Seul ( +0,42%), e Sidney (+0,7%).
Borsa: Europa apre positiva, Parigi, Londra +0,83%
In rialzo anche Francoforte (+1,22%) e Madrid (+1,11%)
29 marzo 2022
09:11
Avvio di seduta positivo per le principali borse europee.
Poste: Postepay Green vince premio prodotto dell’anno 2022
L’indagine ha coinvolto oltre 12.000 consumatori
29 marzo 2022
17:55
Postepay Green, la nuova carta di pagamento ricaricabile dedicata ai ragazzi da 10 a 17 anni e prodotta in materiale ecosostenibile, ha ricevuto il premio “Eletto Prodotto dell’Anno” 2022 per la categoria “Servizi finanziari giovani”.
Questi premi vengono assegnati ogni anno, in Italia e in altri Paesi, sulla base di un’indagine svolta tra i consumatori.
L’ultima edizione italiana ha coinvolto oltre 12.000 persone chiamate a esprimere le proprie preferenze. I prodotti premiati sono quelli che ottengono i punteggi elevati in tema di innovazione e soddisfazione del cliente.
Postepay Green è stata lanciata a marzo 2021 ed rivolta in particolare ai ragazzi. Consente, spiega Poste in una nota, di accedere a servizi come i pagamenti nei negozi convenzionati con Codice Postepay, inquadrando con la fotocamera dello smartphone il codice QR esposto; i pagamenti con lo smartphone tramite Google Pay e Apple Pay; i trasferimenti di denaro ‘p2p’ da una carta Postepay all’altra o l’acquisto del biglietto dei mezzi di trasporto pubblico. Poste ricorda inoltre che con Postepay Green si può partecipare al programma fedeltà ‘ScontiPoste’, che consente di ottenere sconti in cashback pagando con la carta nei negozi fisici e in quelli online convenzionati.
La carta Postepay Green, prosegue la nota di Poste, è stata scelta finora da oltre 35.000 clienti e, tra le varie funzioni, consente ai genitori di essere vicini ai propri figli in ogni momento, anche grazie ai servizi a loro dedicati: è possibile ad esempio inviare la ‘paghetta’ tramite l’App Postepay o il sito postepay.it, tenere sotto controllo le spese, impostare i limiti di prelievo e di spesa, abilitare o disabilitare la carta agli acquisti online per singole categorie merceologiche e per l’utilizzo all’estero. La Postepay Green, infine, si può ricaricare attraverso tutti i canali disponibili per altre carte Postepay ed è realizzata con materiali ecosostenibili, come plastica proveniente dagli oceani, materiali di origine biologica (Pla) o plastica biodegradabile. Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito internet http://www.poste.it.
Garofoli,1,2 mld a Napoli,ora anche Torino, Palermo e Reggio
Logica del Patto simile a quella del Pnrr
29 marzo 2022
11:54
“La sottoscrizione dl patto per Napoli”, segna “un momento di svolta nelle relazione finanziarie tra Stato e gli enti locali”.
Lo ha detto il sottosegretario Roberto Garofoli durante la presentazione del Patto per Napoli.

“Quando si pensa a Napoli e al Sud – aggiunge – si pensa alle molte difficoltà di cittadini ed imprese e ad una Italia a due velocità”, eppure “non mancano le potenzialità”. La logica del patto “non è dissimile” da quella del Pnrr. Napoli riceverà un contributo complessivo di 1 miliardo e 231 milioni, a breve Torino, Palermo e Reggio Calabria”. La “volontà è di intervenire su punti irrisolti”, conclude Garofoli.
Borsa: Tokyo, apertura piatta (-0,01%)
Cambi, yen arresta fase indebolimento su dollaro
Borsa: Tokyo, apertura piatta (-0,01%)
Cambi, yen arresta fase indebolimento su dollaro
TOKYO
30 marzo 2022
03:34
La Borsa di Tokyo apre la seduta all’insegna della cautela, malgrado il rialzo delle piazze azionarie Usa, con gli investitori che guardano al progresso dei negoziati sul conflitto in Ucraina.
Il listino di riferimento Nikkei si assesta a quota 28.250,80 (-0,01%).
Sul mercato dei cambi lo yen arresta temporaneamente la fase di indebolimento sul dollaro, trattando a un livello di 122,90, e a 136,40 sull’euro.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

I negoziati spingono le Borse. L’allarme del Fmi sulla guerra
Le borse europee chiudono in positivo. Il Mef colloca 5 miliardi di Bot a sei mesi

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

29 marzo 2022
18:08
Le Borse europee chiudono in sostenuto rialzo e guardano con fiducia ai negozia tra Russia e Ucraina per porre fine alla guerra.
Mosca in rialzo (+2%) nel secondo giorno di scambi
In luce i bancari Vtb e Sberbank, bene anche Gazprom
29 marzo 2022
09:29
Appare positiva la Borsa di Mosca nel secondo giorno di contrattazioni dopo la lunga pausa che si è protratta dallo scorso 24 febbraio.
Borsa: Milano brillante (+1,57%), sprint Unicredit e Intesa
Spread sale a 153,54 punti, bene Eni, giù Tim e Saipem
29 marzo 2022
09:50
Piazza Affari appare brillante nella prima ora di scambi dopo un avvio positivo in linea con le altre borse europee spinte dal negoziato i corso tra Russia e Ucraina.
Exor aiuta start up promettenti, 150.000 euro per crescere
In cambio 5-7% capitale. Piacentini, mix di energia e coraggio
TORINO
29 marzo 2022
10:04
Exor, la holding della famiglia Agnelli, lancia un’iniziativa dedicata all’Italia a supporto di società appena costituite (in fase “seed”), aiutando così gli imprenditori più promettenti del Paese a costruire la nuova generazione di grandi imprese.   PIEMONTE

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: Europa scommette su negoziato Ucraina, Milano +1,4%
Spread a 153,9, futures Usa positivi, salgono greggio e gas
29 marzo 2022
10:31
Confermano il rialzo dell’apertura le principali borse europee nella prima ora di scambi mentre prosegue il negoziato tra Russia e Ucraina a Istanbul (Turchia).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fisco: Ag. Riscossione, per le rate 2020 c’è tempo fino al 9 maggio
Il termine del 30 aprile slitta con giorni di tolleranza e festivi
29 marzo 2022
11:27
Ci sarà tempo fino al 9 maggio per pagare le rate del 2020 di rottamazione ter e saldo e stralcio.
Borsa: Milano accelera (+2%), sprint Stellantis e Intesa
Spread giù a 152 punti, bene Exor e Unicredit, cede Terna
29 marzo 2022
11:20
Accelera Piazza Affari dopo oltre due ore di contrattazioni, con l’indice Ftse Mib in rialzo del 2,02% a 25.211 punti.
Eccellenze italiane ed emiratine agli Ceoforlife Awards 2022
Evento in contemporanea Roma- Dubai
29 marzo 2022
11:51
Eccellenze italiane ed emiratine a confronto per promuovere la partnership Italia- Emirati arabi uniti e costruire insieme un futuro più sostenibile: di scena mercoledì 30 marzo alle ore 10 i “CEOforLIFE – ECI United Arab Emirates & Global Awards 2022”, in collegamento Roma-Dubai dal Terra Auditorium del Padiglione Sostenibilità, nella cornice dell’Expo Dubai 2020, e dal St.
Fisco: per le rate rottamazione 2020 tempo fino al 9 maggio
Termine del 30 aprile slitta con giorni di tolleranza e festivi
29 marzo 2022
12:11
Ci sarà tempo fino al 9 maggio per pagare le rate del 2020 di rottamazione ter e saldo e stralcio.
Rider: Tridico, contributi evasi e sanzioni per 155 mln
per 20mila rider, accertamenti su altri 10mila
29 marzo 2022
12:08
L’attività ispettiva a febbraio 2021 della Procura della Repubblica di Milano per le società di food delivery ha evidenziato contributi evasi e sanzioni per oltre 155 milioni per circa 20mila lavoratori coinvolti.
Benzina: prezzo settimanale cala 1,870 euro con tagli accise
Ribasso di oltre il 16%. Giù anche il diesel a 1,858 euro/litro
29 marzo 2022
12:12
I prezzi settimanali dei carburanti registrano il taglio delle accise varato dal governo e tornano ai livelli di circa un mese fa.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa migliora, occhi su negoziato, Milano +2,2%
Futures Usa positivi, lievitano i rendimenti di Btp e Bund
29 marzo 2022
12:54
Sono puntati sul negoziato tra Russia e Ucraina in corso a Istanbul, in territorio turco, gli occhi degli investitori mondiali, che spingono al rialzo i listini europei.
Aie e Fieg, serve azione congiunta contro pirateria del libro
Ricerca Ipsos, dai libri piratati 771 milioni di mancato fatturato
29 marzo 2022
17:54
I libri piratati costano al mondo del libro 771 milioni di mancato fatturato pari al 31% del valore complessivo del mercato al netto di editoria scolastica ed export e la perdita di 5.400 posti di lavoro.
Contando anche l’indotto, il costo per il Paese è di 1,88 miliardi (con un mancato gettito fiscale di 322 milioni di euro) e 13.100 posti di lavoro.
Sono fra i numeri preoccupanti della seconda indagine Ipsos “La pirateria nel mondo del libro. Crescita del fenomeno e strumenti di contrasto” commissionata dall’Associazione Italiana Editori (Aie) presentata a Roma nell’incontro de Gli Editori (Aie e Fieg).
Durante la pandemia, sottolinea lo studio, è cresciuta la pirateria nel mondo del libro: nel 2021 sono stati 322mila atti illegali al giorno, in crescita del 5% rispetto al 2019. “Leggere, ascoltare o addirittura distribuire libri e audiolibri piratati significa contribuire a un fenomeno che toglie risorse economiche e posti di lavoro all’editoria, introiti fiscali allo Stato e che riduce le opportunità per i giovani creativi di poter vivere del loro lavoro grazie ai diritti d’autore” ha spiegato il presidente di AIE Ricardo Franco Levi, secondo il quale la pirateria “è un problema culturale e di legalità insieme”.  È necessario “un enorme sforzo di responsabilizzazione nei confronti di tutti i cittadini: da un lato rafforzare le campagne di sensibilizzazione a contrasto della pirateria, dall’altro trovare il modo di informare tempestivamente chi scarica illegalmente contenuti culturali che tale condotta è perseguibile e sanzionabile”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Stando ai numeri, ad utilizzare libri, ebook e audiolibri in maniera illegale è il 35% della popolazione, un italiano su tre, sopra i 15 anni; l’81% degli universitari e il 56% dei professionisti. Cresce la percentuale di chi considera poco probabile essere punito: sono il 68% degli italiani, rispetto al 66% di due anni fa. “Serve un cambiamento di cultura attraverso una campagna di sensibilizzazione imponente che coinvolga anche edicole e librerie oltre i media e le istituzioni” dice il presidente della FIEG, Andrea Riffeser Monti.
Intanto tra gli strumenti di intervento più efficaci e rapidi ci sono quelli può dell’Agcom: “Nei casi di procedimenti ordinari servono 35 giorni, per procedimenti abbreviati 12 giorni – spiega il direttore della Direzione per i servizi digitali dell’Authority Benedetta Alessia Liberatore -. In caso di violazioni massive si disabilita l’accesso al sito con blocco del dns, che però sappiamo sia facilmente aggirabile, stiamo valutando di intervenire anche con il blocco dell’IP. Aumentano poi i casi di reiterazione, con siti di contenuti piratati che cambiano di poco il nome e tornano in attività, in quel caso agiamo in tre giorni”.
Anche la Guardia di Finanza “agisce su tutti i fronti, analogico e digitale” dice il generale di brigata e comandante del nucleo speciale beni e servizi della Guardia di Finanza Renzo Nisi, illustrando anche l’operazione Ghost Book portata a termine oggi che ha colpito un’organizzazione criminale con base in Calabria, attiva in tutto il territorio nazionale, dedita alla produzione, vendita e distribuzione di materiale editoriale contraffatto. Le misure messe in campo per sostenere il mondo del libro in questo frangente “sono state molte, a cominciare dalla decisione di mantenere aperte le librerie in zona rossa identificandole come luoghi strategici di aggregazione culturale – ricorda il Ministro della Cultura Dario Franceschini nel suo messaggio di saluto al convegno -. Si è cominciato poi a lavorare su una legge del libro che, così come avviene per il cinema, attui azioni efficaci nel sostengo dell’intera filiera editoriale. Il testo in discussione prevede, a questo proposito, l’introduzione di interventi in favore dell’editoria, capaci di innescare uno sviluppo virtuoso”.
Per il sottosegretario all’editoria Giuseppe Moles nella lotta alla pirateria bisogna “fare sistema coinvolgendo tutti gli stakeholders colpiti dal fenomeno. La battaglia contro l’utilizzo illecito online delle opere si può vincere solo con un approccio nuovo e integrato. Alla repressione vanno affiancate soluzioni innovative che promuovano l’offerta legale e un serio lavoro educativo da fare insieme, per rendere consapevoli le persone dei danni causati dalla pirateria e le ripercussioni di certi comportamenti”. Togliere terreno alla pirateria – osserva infine la scrittrice Stefania Auci – vuol dire valorizzare opere nate dal lavoro di tante persone, capaci di nutrire sia la cultura che le emozioni”.
Eni: Versalis e Novamont partnership più forte in chimica verde
Controllata Eni sale al 35%, riconfermato impegno su Matrica
29 marzo 2022
13:28
Versalis e Novamont rafforzano la partnership nella chimica verde, settore chiave per la transizione ecologica, con la prima (controllata di Eni) che aumenterà la sua partecipazione in Novamont dal 25% al 35%.
Lidl: abbigliamento sostenibile con fondi del caffè
Tecnologia asiatica S.Cafè
29 marzo 2022
13:41
Lidl Italia e il suo marchio dedicato all’abbigliamento Crivit , lanciano una nuova linea sportiva e sostenibile realizzata con i fondi del caffè.
Borsa: Europa accelera con negoziato Ucraina, Milano +2,7%
Crescono rendimenti titoli di Stato, sale greggio, corre gas
29 marzo 2022
14:10
Prosegue il rialzo dei principali indici di borsa dopo la conclusione del primo giorno di negoziazioni negoziato tra Russia e Ucraina a Istanbul, in territorio turco, in attesa di dichiarazioni ufficiali Parigi (+2,84%) si conferma in testa davanti a Milano, Francoforte e Madrid (+2,7% tutt’e tre), seguite da Londra (+1,26%).
Intesa, export distretti agroalimentari sale a 22 miliardi
Monitor Direzione Studi e Ricerche. Nel 2021 realizzato +9,2%
29 marzo 2022
14:21
Nel 2021 le esportazioni a prezzi correnti dei distretti agro alimentari italiani si chiudono con un bilancio positivo, superando la cifra di 22 miliardi di euro e realizzando un aumento del 9,2% rispetto all’anno precedente.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa mette il turbo, listini oltre 3%
Corrono le banche e le auto. L’euro sale sul dollaro
29 marzo 2022
14:54
Le Borse europee mettono il turbo in vista dell’avvio di Wall Street dove i future sono in forte rialzo.
Esperti Ue, una tassonomia a semaforo per la finanza green
Rosso alle attività inquinanti, gas e nucleare in arancione
BRUXELLES
29 marzo 2022
15:41
Una classificazione in tre colori, rosso, arancione e verde, per aiutare gli operatori di mercato a investire su attività davvero sostenibili.
Borsa: Europa tonica guarda a negoziati Ucraina-Russia
In calo il petrolio, sale il gas. L’euro si rafforza sul dollaro
29 marzo 2022
16:03
Le Borse europee proseguono toniche dopo l’avvio in terreno positivo di Wall Street.
Assobalneari, no a esproprio coste italiane a favore stranieri
Manifestazione a Roma al grido di “No alle aste”
29 marzo 2022
16:29
La visita dei funzionari della Commissione europea arrivati oggi per controllare se il Governo Draghi sta facendo bene i compiti assegnati, ha mobilitato i balneari italiani del “No alle aste” che si sono ritrovati numerosi stamane nella capitale.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Banche: S&P, con Ucraina tasso default in Europa verso 2,5%
Report, crescita dell’Unione europea rallenta al 3,3%
29 marzo 2022
17:08
Lo shock dell’invasione dell’Ucraina è un punto di svolta nel ciclo del credito in Europa ed è atteso un deterioramento delle prospettive del settore, con “un inasprimento delle condizioni di finanziamento e un tasso di default in rialzo verso il 2,5% entro la fine dell’anno”.
Fincantieri: varata la quarta corvetta per il Qatar
Completata commessa classe “Al Zubarah”
TRIESTE
29 marzo 2022
17:36
Si è svolta oggi, nello stabilimento di Muggiano (La Spezia), il varo della “Sumaysimah”, quarta unità della classe “Al Zubarah” di quattro corvette, commissionata a Fincantieri dal Ministero della Difesa del Qatar nell’ambito del programma di acquisizione navale nazionale.
Borsa: Milano chiude in forte rialzo (+2,41%)
L’ultimo indice Ftse Mib a 25.307 punti
MILANO
29 marzo 2022
17:40
La Borsa di Milano chiude in forte rialzo.
Borsa: Europa chiude tonica con negoziati Russia-Ucraina
Parigi (+3,08%), Francoforte (+2,79%), Londra (+0,86%)
29 marzo 2022
17:56
Le Borse europee chiudono in sostenuto rialzo e guardano con fiducia ai negozia tra Russia e Ucraina per porre fine alla guerra.
Spread Btp-Bund chiude in calo a 148 punti,rendimento a 2,1%
In rialzo i tassi dei titoli di Stato di Spagna e Grecia
29 marzo 2022
18:04
Lo spread tra Btp e Bund chiude in calo a 148 punti, rispetto ai 152 della chiusura di ieri e dei 151 punti dell’inizio di giornata.
Più tempo per Superbonus villette, governo apre a proroga
Mef, valutazioni in corso sulla scadenza del 30 giugno
29 marzo 2022
18:36
Il termine del 30 giugno per effettuare il 30% dei lavori nelle villette unifamiliari, condizione necessaria per poter usufruire del Superbonus fino a fine anno, potrebbe essere prorogato.
Generali: Delfin e Crt sciolgono il patto
Caltagirone era uscito a gennaio
29 marzo 2022
19:06
Delfin, la holding di Leonardo Del Vecchio, e Fondazione CRT sciolgono il patto di consultazione su Generali.
Borsa: Tokyo, apertura piatta (-0,01%)
Cambi, yen arresta fase indebolimento su dollaro
TOKYO
30 marzo 2022
03:34
La Borsa di Tokyo apre la seduta all’insegna della cautela, malgrado il rialzo delle piazze azionarie Usa, con gli investitori che guardano al progresso dei negoziati sul conflitto in Ucraina.
Il listino di riferimento Nikkei si assesta a quota 28.250,80 (-0,01%).
Sul mercato dei cambi lo yen arresta temporaneamente la fase di indebolimento sul dollaro, trattando a un livello di 122,90, e a 136,40 sull’euro.
Borsa: Hong Kong positiva, apre a +1,03%
Su scia cauto ottimismo sui colloqui tra Ucraina e Russia
PECHINO
30 marzo 2022
03:39
La Borsa di Hong Kong apre la seduta cin un solido rialzo sulla scia dei guadagni di Wall Street e del cauto ottimismo sui colloqui tra Ucraina e Russia per chiudere il conflitto: l’indice Hang Seng segna nelle prime battute un balzo dell’1,03%, a 22.153,06 punti.
Petrolio: prezzi rimbalzano, Wti sale a 105 dollari
In rialzo anche il Brent a 111 dollari al barile
30 marzo 2022
08:02
I prezzi del petrolio rimbalzano dopo il calo di ieri legato ai primi segnali distensivi arrivati dalle trattative tra Russia e Ucraina.
Oro: prezzo spot in lieve rialzo a 1.924 dollari
Metallo prezioso guadagna lo 0,23%
30 marzo 2022
08:04
Il prezzo dell’oro è in lieve rialzo questa mattina sui mercati delle materie prime.
Cambi: euro recupera ancora, sale a 1,111 dollari
Moneta unica in rialzo anche rispetto allo yen a 135,6
30 marzo 2022
08:07
L’euro recupera ancora terreno sul dollaro in avvio di mattinata.
Borsa: Asia sale con speranze tregua, Tokyo giù con lo yen
Corrono listini cinesi. Petrolio apre in rialzo con l’oro
30 marzo 2022
08:30
Le speranze di una riduzione delle attività militari russe in Ucraina sostengono le Borse asiatiche, con gli investitori che sperano in una tregua che possa allentare la pressione sui prezzi e rendere meno rapida la stretta monetaria avviata dalle banche centrali.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: Milano apre in calo (-0,34%)
L’indice Ftse Mib scende a 25.221 punti
MILANO
30 marzo 2022
09:06
Avvio debole per Piazza Affari.
Borsa: Europa apre in calo, Francoforte -0,7%
Parigi cede lo 0,3% mentre Londra è invariata
30 marzo 2022
09:11
Avvio debole per le principali Borse europee, che ritracciano dal rally di ieri.
Borsa: Milano giù con banche e auto, ok Leonardo e Generali
Male Banco, Bper, Iveco e Pirelli. Fiacca Tim con stretta su KKr
30 marzo 2022
09:31
Piazza Affari avvia la seduta in calo con gli investitori che continuano a monitorare gli sviluppi della guerra in Ucraina sperando in una de-scalation delle attività militari.
Borsa: dubbi su tregua fiaccano Europa, vola il gas (+10%)
Male auto e banche, Francoforte -1%. Giù future Ny, sale greggio
30 marzo 2022
10:08
Ripiegano le Borse europee nelle prime contrattazioni, con le speranze di una tregua in Ucraina che fanno i conti con i dubbi degli analisti sulle reali intenzioni di Mosca mentre i dati sull’inflazione spagnola, salita del 9,8% a marzo, alimentano i timori di un’accelerazione della stretta monetaria da parte della Bce, con impatti negativi su una crescita economica messa a rischio anche dalla guerra in Ucraina.
Pnrr: Corte Conti, in linea con tempi ma sfida complessa
‘Stanziamenti elevati, occhio alla spesa’
30 marzo 2022
10:22
L’attuazione del Pnrr “sta procedendo senza particolari ritardi”, è “in linea coi tempi ma la sfida è complessa”.
Industria: Istat, fatturato a gennaio +2,3%, +16,9% annuo
Su base mensile raggiunge il valore massimo da inizio 2000
30 marzo 2022
18:50
A gennaio si stima che il fatturato dell’industria, al netto dei fattori stagionali, aumenti del 2,3% in termini congiunturali, con un andamento positivo sia sul mercato interno (+2,7%) sia estero (+1,3%).
Industria: Istat, prezzi produzione a febbraio +32,8% anno
Per le costruzioni di edifici +6,8%, strade e ferrovie +5,7%
30 marzo 2022
11:47
A febbraio 2022 i prezzi alla produzione dell’industria aumentano dello 0,4% su base mensile e del 32,8% su base annua.
Energia: Gallo, biometano leva strategica per sostituire gas
A.d Italgas, ‘non bisogna avere pregiudizi tra le fonti’
30 marzo 2022
11:49
“Non bisogna avere pregiudizi tra fonti energetiche, ma anzi occorre guardare alle tecnologie subito disponibili per favorire la transizione ambientale in maniera più rapida possibile.
Auto: Giorgetti, ritardo incentivi fa male al mercato
Mandata proposta ad altri ministri, spero concerto in settimana
TORINO
30 marzo 2022
11:57
“Il Mise già da due settimane ha mandato la proposta agli altri ministri.
Tesoro: asta Btp a 5 e 10 anni, tassi in rialzo
Assegnati in tutto titoli per 6,5 miliardi di euro
30 marzo 2022
11:58
Il Tesoro ha collocato tutti i 6,5 miliardi di euro di Btp a 5 e 10 anni offerti in asta con tassi in deciso rialzo.
Borsa Europa scettica su tregua, Francoforte -1,3%, vola gas
Deludono dati macro. A Milano tengono Tim, Eni e Generali
30 marzo 2022
12:21
Continuano la seduta in territorio negativo le Borse europee, le cui aspettative per una tregua in Ucraina appaiono raffreddate dai dubbi espressi dall’intelligence americana sull’attendibilità delle intenzioni di Mosca.
Ue, svolta sostenibilità per moda e tessile
Pacchetto economia circolare, verso obblighi su riciclo
BRUXELLES
30 marzo 2022
12:31
Indumenti che durano di più al posto della fast-fashion, tessuti con un maggior tenore di fibre riciclate, riparabili in modo economico e con incenerimento e conferimento in discarica ridotti al minimo.
Tensione a Ita, si dimettono 6 consiglieri del cda
Rampelli (Fdi): dimissioni di tutto cda, tranne di uno. Fratoianni (Sinistra Italiana): situazione paradossale, responsabilità del governo
30 marzo 2022
19:07
Sei consiglieri di amministrazione del consiglio di Ita si sono dimessi.
Ferretti: chiusa ipo, in Borsa a Hong Kong dal 31 marzo
Capitalizzazione di mercato pari a 890 milioni di euro
30 marzo 2022
12:57
Gli yacht Ferretti inizieranno le negoziazioni in Borsa a Hong Kong dal 31 marzo.
Ita: si dimettono 6 consiglieri dal cda
Lo si apprende da fonti vicino al dossier
30 marzo 2022
13:10
Sei consiglieri di amministrazione del consiglio di Ita si sono dimessi.
Lo si apprende da fonti vicino al dossier, che spiegano che ieri in cda è stata approvata la relazione di bilancio per cui è finita la fase di creazione della società, ed inizia la fase di privatizzazione.

Il cda aveva l’obiettivo di traghettare la creazione della società, è stato fatto e adesso parte la privatizzazione, quindi il Cda, come era programmato, fa un passo indietro dimettendosi.
Nel consiglio sono rimasti il presidente, l’amministratore delegato e un membro del settore aereo.
Le stesse fonti sottolineano che non c’entrano le spese per gli advisor, spiegando che questa seconda fase necessita di un avvio e di un andamento più snello che deve essere gestito dalla società in maniera più rapida.
Polonia punta a stop import petrolio russo entro anno
Premier Morawiecki, entro il 2022, addio anche a carbone
30 marzo 2022
14:31
La Polonia “farà di tutto” per interrompere l’importazione di petrolio dalla Russia entro la fine di quest’anno e spera di arrivare entro aprile-maggio a un “completo abbandono” del carbone russo in quello che rappresenta il “più radicale piano” di indipendenza energetica dalla Russia in Europa.
Lo ha detto il premier polacco Mateusz Morawiecki in una conferenza stampa a Varsavia, secondo quanto riportano Bloomberg e altre agenzie internazionali.   MONDO   POLITICA

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: Europa in calo dopo gelo Mosca su tregua, Milano -0,4%
Futures Usa negativi con Pil peggio di stime. Spread stabile
30 marzo 2022
14:52
Si confermano in calo le principali borse europee dopo il gelo giunto da Mosca all’indomani del primo giorno di negoziati a Istanbul.
Welfare: Inapp, spesa 28,3% Pil ma solo 0,2% per occupazione
Contro valore medio europeo dello 0,6%
30 marzo 2022
15:12
La spesa per i servizi e le misure di attivazione per i disoccupati in Italia rappresenta lo 0,2% del Pil, a fronte di un valore medio europeo dello 0,.6%, malgrado la spesa complessiva per prestazioni sociali sia al 28,3% del Pil, superiore alla media Ue (26,9%).
Prezzi: bilancio familiare preoccupa 3 italiani su 4
Ricerca Ipsos. Federdistribuzione,ridurre Iva su beni essenziali
30 marzo 2022
15:15
Tre italiani su quattro temono l’impatto dell’aumento del costo della vita sul bilancio familiare, l’8% in più rispetto a ottobre 2021.
Borsa: Milano chiude quasi invariata, -0,03%
Indice Ftse Mib a 25.300 punti
MILANO
30 marzo 2022
17:38
Chiusura quasi invariata per Piazza Affari, L’indice Ftse Mib ha ceduto lo 0,03% a 25.300 punti.
Borsa: Europa chiude contrastata, Parigi -0,7%, Londra +0,5%
Pesante Francoforte (-1,4%), più cauta Madrid (-0,7%)
30 marzo 2022
18:17
Le Borse europee hanno chiuso la seduta in ordine sparso.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bollette: giù le tariffe dopo 18 mesi, luce -10,2%, gas-10%
Besseghini: misure straordinarie a favore dei consumatori. Malgrado la discesa resta ancora marcata la differenza di spesa: luce +83%, gas +73% in un anno
30 marzo 2022
18:34
Il secondo trimestre 2022 vedrà una riduzione per la famiglia tipo con contratto di Tutela del -10,2% per la bolletta dell’elettricità e del -10% per la bolletta del gas.
Lo annuncia l’Arera che ha approvato la prima riduzione delle bollette dopo 18 mesi.
“In una situazione oggettivamente straordinaria, con un conflitto in atto e una volatilità mai registrata in precedenza sui mercati energetici e alla luce delle maggiori responsabilità di verifica e controllo attribuitele, l’Autorità ha deciso di adottare misure straordinarie a favore dei consumatori, sia per il tutelato che per il libero”, spiega il presidente Stefano Besseghini.
Malgrado la prima discesa dei prezzi,spiega tuttavia l’Arera, resta ancora marcata la differenza di spesa rispetto all’anno scorrevole precedente. In termini di effetti finali, per la bolletta elettrica la spesa per la famiglia-tipo nell’anno scorrevole (compreso tra il 1° luglio 2021 e il 30 giugno 2022) sarà di circa 948 euro, +83% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente (1° luglio 2020 – 30 giugno 2021). Nello stesso periodo, la spesa della famiglia tipo per la bolletta gas sarà di circa 1.652 euro, con una variazione del +71% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente”.
Bce: Panetta, usare approccio meno tollerante su Bitcoin
Trading criptovalute ‘pura scommessa che spreca energia’
BRUXELLES
30 marzo 2022
19:07
I responsabili politici dovrebbero adottare un approccio “meno tollerante” alle criptovalute come i Bitcoin.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Crociere: 7 mln passeggeri nel 2022 (+180%) ma 2019 è lontano
Positive le stime sul traffico in Italia di Risposte turismo
GENOVA
30 marzo 2022
19:08
Le crociere proseguono la ripresa continuando a recuperare volumi rispetto al 2020, l’anno nero del Covid, e le previsioni per il 2022 di Risposte Turismo, stimano in oltre 7 milioni (7,3 per la precisione) i movimenti passeggeri di quest’anno con oltre 4.300 toccate nave in più di 50 porti italiani.
Fs: dopo crisi covid torna all’utile, a 193 mln
Ricavi a 12,2 miliardi. Investimenti tecnici +40%
30 marzo 2022
19:39
Ritorno all’utile per il gruppo Ferrovie dello Stato Italiane che ha chiuso il 2021 con un risultato netto di esercizio positivo, pari a 193 milioni di euro, dopo i pesanti effetti sui risultati dell’anno 2020 (-562 milioni di euro) dovuti alla pandemia.

ALL'ATTENZIONE DI TUTTI I LETTORI
Accessibilità, Aggiornamenti, Android, Audiodescrizioni, Calcio, Cinema, Comunicazioni ai lettori, Cronaca, ECONOMIA, Juventus, Manuali, Medicina, Salute e Benessere, Mondo, Notizie, Nvda, Piemonte, Politica, Procedure, Scienza, Spettacoli Musica e Cultura, Sport, Tecnologia, thunderbird, TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

ALL’ATTENZIONE DI TUTTI I CARI LETTORI: RIFLESSIONI, DECISIONI, FUTURO DEL SITO. NUOVE IDEE.

Tempo di lettura: 4 minuti

ALL’ATTENZIONE DI TUTTI VOI, CARI LETTORI

ALL’ATTENZIONE DI TUTTI I CARI ED AFFEZIONATI LETTORI DI QUESTO SITO

ALL’ATTENZIONE DI TUTTI I CARI LETTORI

Un sincero saluto a tutti!

Chi mi ha seguito dal marzo 2018, saprà bene che sono partito con l’intenzione di focalizzarmi su Tecnologia ed Accessibilità, come richiama il nome del mio primo sito.

Poi, preso da entusiasmo per l’informazione a tutto tondo, ho deciso di imbarcarmi in un’avventura di cui non mi pentirei, se non fosse per le mancate promesse cui non riesco, mio malgrado, ad adempiere.

NON COSA DA POCO:

direi la prima e più importante situazione da considerare: il sito è fatto per chi legge, vi naviga e vi interagisce e deve far restare i lettori e non farli scappare o non farli più, quanto meno, tornare.

Inoltre ne vanno della mia coerenza ed anche dei miei pensieri, della mia deontologia e della mia educazione.

Odio non mantenere le promesse, odio non adempiere a quanto sottoscrivo e rispetto tutti i miei potenziali e reali lettori e questo mi impone di prendere atto di molti aspetti:

il primario è che questo sito vorrebbe aggiornarVi sempre in tempo reale; con il passare del tempo, volendo anche ambiziosamente provare ad inserire più contenuti, mi ritrovo ad essere perennemente in ritardo sulla tabella di marcia e non di poco.

Se voglio seguire già solo la sezione dei video della Juventus, quando mi trovo a doverne inserire 70 già in pochi giorni, devo fare i conti con tutti i dettagli tetnici che riguardano tale operazione: i tempi di caricamento, l’inserimento e quant’altro e tutto ciò richiede del tempo e monitoraggio. Nel contempo ho tutte le sezioni da aggiornare e, ricordo a tutti Voi, che sono da solo a fare ogni cosa.

Star dietro a tutta l’informazione è un’impresa titanica, se lo si vuol far davvero seriamente.

Per ogni menù di questo sito, vi sono da inserire almeno tra i 100 ed i 150 aggiornamenti quotidiani e questo, appunto, per ogni sezione.

Per quanto veloce sia, non riuscirò mai a soddisfare le esigenze di chi, giustamente, pretende di essere informato in tempo reale.

ALL’ATTENZIONE DI TUTTI I LETTORI

Io per primo, se scelgo un sito con le prerogative di informare come dice, esigo che poi le aspettative siano soddisfatte.

Comprendo i minuti e le mezz’ore, ma non i giorni.

Inoltre, per recuperare, mi vedo costretto a non poter dividere con sufficiente chiarezza tutti gli argomenti e da ciò derivano confusione, lunghezza esagerata, ma soprattutto la difficoltà per chi legge di avere un quadro sinottico chiaro e completo.

L’ultimo mio articolo sulla Regione Piemonte è quantomeno un assaggio di ciò che dovrei fare per chiarire i differenti argomenti in un articolo.

Anzi, io vorrei pubblicare un singolo articolo per singola notizia con tutti i crismi SEO, ma… capirete benissimo che se è già impossibile star dietro a quanto fatto, tutto diventa una chimera, molto grande.

Infatti ho messo nella Homepage, le notizie in Primo Piano che si aggiornano automaticamente, ma di certo non basta.

Senza contare che tutto questo mi impedisce appunto di curare bene tutta la parte SEO, cui sono molto affezionato, ma che richiede tempo e cura, come ogni cosa fatta bene.

Devo dire che, essendo meticoloso, ho sempre verificato ogni link, in maniera globale, ma ho sempre monitorato gli errori della Search console, dei links 404, o corrotti o simili.

Poi, temi, aggiornamenti e molto altro alle volte effettuano cambiamenti non richiesti.

Senza tediarvi troppo, questo significa che comunque è necessario monitorare anche gli aspetti tecnici ed indovinate un po’ cosa richiede tutto questo?

TEMPO.

Il perno centrale, ostacolo insormontabile che mi obbliga a delle scelte.

Quelle di fare sempre il massimo, ma cercare di curare gli aspetti più in profondità, quindi creare contenuti personali, secondo le mie conoscenze, esperienze e passioni, senza però dover restare indietro nei contenuti, senza il cappio di un mondo assetato di informazione che non si ferma mai: ogni minuto vi è un aggiornamento e, per esempio, purtroppo, con ciò che sta avvenendo in Ucraina, avrei soltanto il tempo di seguire tali vicende; e tutto il resto?

Avrete compreso, spero, il mio punto di vista.

ALL’ATTENZIONE DI TUTTI I LETTORI

Dunque, i tanti, innumerevoli aspetti tecnici di cui ho solo accennato, unitamente ad una conseguente penalizzazione della mia indicizzazione e di conseguenza  con mancata soddisfazione, inversamente proporzionale al lavoro e, consentitemi, al fondello fattomi, con, in primo piano, la piena e mancata soddisfazione del lettore (perno centrale ed indispensabile), mi inducono a cambiare strategia.

QUALE?

Su questo sto riflettendo profondamente, valutando tantissimi aspetti, davvero ve ne sono un’infinità.

L’intenzione è quella di continuare assolutamente a diffondere in rete i miei contenuti, imprescindibili quelli legati ad Informatica e Tecnologia, con focus sulle Tecnologie assistive ed accessibilità, di cui, posso dire, con estrema umiltà, di essere un profondo conoscitore. Inoltre, per me, tutto ciò che è Tecnologia è passione, quindi sarà sicuramente il perno del mio nuovo sito.

Un’altra delle mie sfrenate passioni, come ben saprà chi mi legge, è il calcio ed in particolare la Vecchia signora e cercherò di portare avanti anche questi miei contenuti.

Anzi, avrete notato che il sito si è fermato, bene, ora le ragioni per cui è accaduto, le conoscete. Ed, in attesa di novità che ovviamente vi comunicherò, proprio i contenuti sui Bianconeri forse saranno quelli che si aggiorneranno.

Inoltre lavorerò affinchè tutti questi articoli, di questi 4 anni, non vadano dispersi e quindi sono propenso a mantenere comunque questo sito, magari come archivio o riferimento.

Tutto questo ha dei costi ovviamente, anche tutto il mio lavoro da mattina a sera e da sera a mattina, io un link alla PAGINA PER LE DONAZIONI l’ho messo 🙂 ma è come se non ci fosse mai stato proprio, si vede che ciò che ho fatto sino ad ora non è stato apprezzato, che Vi devo dire, sarà così.

CONCLUSIONE:

spero qualcuno di Voi abbia qualcosa da dire e dunque siete invitati a farlo.

Per tutte le mie scelte e future decisioni, sarete di certo informati e così, chi vorrà, potrà seguirmi.

GRAZIE A TUTTI PER AVERMI SOPPORTATO E SUPPORTATO, PER CHI LO HA FATTO, LEGGENDOMI.

MAURIZIO BARRA

Economia tutte le notizie in tempo reale! TUTTO IL MONDO ECONOMICO-FINANZIARIO è QUI COSTANTEMENTE AGGIORNATO E DETTAGLIATO! LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, ECONOMIA, Notizie, Ultim'ora

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE: TUTTI GLI ULTIMISSIMI AGGIORNAMENTI ED APPROFONDIMENTI, IN TEMPO REALE, DAL MONDO ECONOMICO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE: LEGGI ED INFORMATI!

Tempo di lettura: 240 minuti

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 22:06 DI MARTEDÌ 08 FEBBRAIO 2022

ALLE 14:08 DI DOMENICA 20 FEBBRAIO 2022

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: Tokyo, apertura in rialzo (+0,75%)
Prevale ottimismo su trimestrali, attesa risultati Toyota
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
08 febbraio 2022
22:06
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Tokyo avvia la seduta in positivo, in scia alla accelerazione degli indici azionari statunitensi e in attesa della trimestrale della casa auto, leader di mercato, Toyota, così come i dati sull’inflazione Usa.

L’indice di riferimento Nikkei segna un aumento dello 0,75%, a quota 27.488,61, aggiungendo oltre 200 punti.
Sul mercato valutario lo yen si indebolisce sul dollaro a un livello di 115,50, e a 131,90 sull’euro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: avvio in calo, Wti a 89,11 dollari (-0,28%)
Brent a 90,51 dollari al barile (-0,30%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
08:07
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
In calo le quotazioni del petrolio: in avvio di seduta il Wti e’ trattato a 89,11 dollari al barile (-0.28%) mentre il Brent e’ a 90,51 dollari (-0.30%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: stabile a 1.827,77 dollari l’oncia
Quotazione in rialzo dello 0,10%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
08:10
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio di giornata stabile per l’oro: il metallo prezioso passa di mano a 1.827,77 dollari l’oncia in rialzo dello 0,10%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro stabile a 1,1419 dollari (+0,04%)
Moneta unica a 131,87 yen (-0,02%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
08:15
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Euro stabile in avvio di giornata: e’ scambiato a 1,1419 dollari (+0,04%) ed a 131,87 yen (-0,02%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Asia su per il secondo giorno, rally tecnologici Cina
Attesi produzione industriale italiana e scorte greggio Usa
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
08:17
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sono in rialzo per il secondo giorno le Borse asiatiche, spinte soprattutto dal rally dei tecnologici cinesi, come il colosso Alibaba, e nel complesso le azioni in Asia sono aumentate al massimo delle ultime due settimane, con l’indice Msci Asia-Pacifico salito dell’1,3%.

Guardando ai diversi settori, sono saliti gli immobiliari cinesi, mentre i titoli legati ai vaccini sono scesi, seguendo l’andamento a livello globale.
In Giappone il Nikkei ha guadagnato l’1% e il Topix lo 0,9%, Shanghai lo 0,8%, Shenzen l’1,6%, Taiwan l’1%, la Korea lo 0,8%, l’Australia l’1,1%.
L’India a mercati ancora aperti sale dello 0,9% Tra i dati macroeconomici, che giovedi’ vedranno in campo le previsioni Ue e il rapporto dell’Opec, con i dati dell’inflazione Usa di gennaio, sono attesi in giornata la bilancia commerciale tedesca di dicembre, che risulta in crescita oltre le attese, la produzione industriale italiana di dicembre, le scorte di greggio negli Usa, insieme alla richieste di ipoteche a inizio febbraio e il dato definitivo sulle scorte all’ingrosso di dicembre. Sul fronte delle banche centrali sono in programma gli interventi di Huw Pill della Boe e di Michelle Bowman e Loretta Mester della Fed. Prosegue intanto il periodo delle trimestrali, con in calendario i conti di Toyota, Walt Disney, L’Oreal, Motorola, Deutsche Boerse, Siemens, Fineco, Cerved e la semestrale di Mediobanca.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund: apre in rialzo a 160,1 punti
Il rendimento del decennale italiano in calo all’1,811%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
08:27
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il differenziale tra Btp e Bund ha aperto a 160,1 punti, in rialzo rispetto alla chiusura del giorno precedente, a 158,3 punti.

Il rendimento del decennale italiano è all’1,811%, in calo rispetto all’1,845%, del giorno prima.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano apre in rialzo (+0,8%)
Il Ftse Mib a 26.644 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
09 febbraio 2022
09:04
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Apertura in rialzo per Piazza Affari.
Il Ftse Mib guadagna lo 0,8% a 26.644 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa apre positiva, Parigi la migliore (+0,8%)
Francoforte e Madrid (+0,7%), Londra (+0,1%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
09:20
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Apertura positiva per le principali Borse europee.
La migliore è Parigi (+0,82%) a 7.086 punti, seguita da Francoforte (+0,75%) a 15.356 punti, Madrid (+0,71%) a 8.736 punti e Londra (0,1%) a 7.595 punti nei primi minuti di contrattazioni.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano sale (+1,1%), bene molte banche e le auto
Spread Btp-Bund in calo. Petroliferi in ordine sparso
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
09:29
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Migliora Piazza Affari (+1,1%), in avvio di seduta, con le banche quasi tutte in positivo, a partire da Banco Bpm (+5%), Fineco (+1,1%), in attesa dei conti, Unicredit (+1,1%) e Intesa (+0,6%).
In rosso Bper (-3,4%), il giorno dopo il resoconto sul 2021.
In forma la paytech Nexi (+2,2%). Lo spread Btp-Bund intanto si è abbassato a 155,5 punti, dopo l’apertura in rialzo, e scende anche il rendimento del decennale italiano, all’1,782%. Bene Amplifon (+3,2%), tra i semiconduttori Stm (+1,9%). Guadagna Exor (+1,9%) e tra le auto bene Stellantis (+1,7%) e Ferrari (+1,4%). Nel lusso sale Moncler (+1,8%). Cresce Poste (+1,9%).
Pochi i titoli in rosso tra cui Mediobanca (-0,3%), nel giorno della semestrale, Iveco (-0,1%) e tra i petroliferi Eni (-0,2%), col greggio in calo (wti -0,6%) a 88,8 dollari al barile e il brent a 90.3 dollari. Bene Saipem (+0,6%) e l’impiantistica di Tenaris (+1,1%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa migliora con tecnologici e utility, giù banche
Bene auto, lusso e molti petroliferi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
09:55
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Migliorano le principali Borse europee a inizio seduta, che continuano a guardare però con attenzione a inflazione e eventuali movimenti dei tassi, oltre che alla situazione geopolitica, in particolare per le tensioni Russia-Ucraina.
Tra i dati macroeconomici, è stata diffusa la bilancia commerciale tedesca di dicembre, in crescita oltre le stime, e sono attesi la produzione industriale italiana di dicembre, le scorte di greggio negli Usa, insieme alla richieste di ipoteche a inizio febbraio e il dato definitivo sulle scorte all’ingrosso di dicembre.

In Europa la Piazza migliore è Parigi (+1%), seguita da Francoforte (+0,8%), Madrid (+0,6%) e Londra (+0,4%). Bene anche Milano (+1,2%), con lo spread Btp-Bund che risale lievemente, a 156,3 punti, e il rendimento del decennale italiano all’1,778%.
Sale l’oro (+0,4%9 a 1.826 dollari l’oncia.
L’indice d’area del Vecchio continente, Stoxx 600, guadagna oltre l’1%. I tecnologici corrono, sulla scia dei guadagni asiatici, con il comparto dei servizi informatici che guadagna il 5% e quello dei semiconduttori il 2,4%. Scendono i future sul gas in Europa, con le quotazioni ad Amsterdam (-2,2%) a 75,5 euro al MWh. Tra le utility bene ad esempio Italgas, (+2,2%), Enel (+1,8%) e Iberdrola (+1,6%). In rialzo le auto, a iniziare da Volkswagen (+2,3%) e Stellantis .(+2,2%). Nel lusso crescite sulla quasi totalità dei titoli, tra cui EssilorLuxottica (+2,2%) e Lvmh (+1,8%). Quasi tutte in rosso le banche, con esempi come Abn Amro (-35%) e Hsbc (-o,8%), con rare eccezioni, come Banco Bpm (+4,7%), il giorno dopo i conti.
Bene la maggioranza dei farmaceutici, con esempi come AstraZeneca (+0,6%) e Roche (+1,1%), con eccezioni come Bayer (-0,06%). Petroliferi quasi tutti in forma, a iniziare da Equinor (+3,6%) e Neste (+1,5%), con casi in controtendenza come Shell (-0,6%), col greggio piatto (wti +0,02%) a 89m3 dollari al barile e il brent a 90,8 dollari.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Industria: Istat, produzione 2021 +11,8%,recupera preCovid
A dicembre +2% su febbraio 2020
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
14:47
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La produzione industriale nell’intero 2021 è cresciuta dell’11,8% sul 2020 a fronte di una flessione dell’11,4% nel 2020.
Lo rileva l’Istat spiegando che la crescita annua è diffusa a tutti i principali raggruppamenti di industrie ed è più marcata per i beni intermedi e i beni strumentali.
Il livello destagionalizzato dell’indice di dicembre supera del 2% il valore di febbraio 2020, mese antecedente l’inizio dell’emergenza sanitaria. Considerando l’evoluzione congiunturale del 2021, si sono registrati aumenti dell’indice complessivo in tutti e quattro i trimestri, ma in progressivo rallentamento nel corso dell’anno.
A dicembre 2021 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione industriale diminuisca dell’1% rispetto a novembre. Lo rileva l’Istat spiegando che nella media del quarto trimestre il livello della produzione cresce dello 0,5% rispetto al trimestre precedente. L’indice destagionalizzato mensile cresce su base congiunturale solo per l’energia (+0,1%), mentre diminuisce per i beni intermedi (-0,5%), i beni di consumo (-1,0%) e i beni strumentali (-2,2%). Su base tendenziale a dicembre l’indice complessivo corretto per gli effetti di calendario aumenta del 4,4% (i giorni lavorativi sono stati 22, contro 21).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund: in calo a 155,4 punti
Il rendimento del decennale italiano in discesa all’1,765%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
10:11
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread Btp-Bund è in calo a 155,4 punti, dopo un’apertura in rialzo a 160 punti, rispetto alla chiusura del giorno precedente, a 158,3 punti.
Secondo i dati reperibili sulla piattaforma Bloomberg, nella seduta finora ha fatto segnare un massimo a 160,1 punti in apertura e un minimo a 155,1 punti poco dopo le 9.

Il rendimento del decennale italiano è in discesa all’1,774%, dopo l’apertura all’1,811%, in calo rispetto all’1,845%, del giorno prima. Nella seduta fino al momento ha fatto registrare un minimo all’1,765%, dopo l’apertura che per ora è il massimo di giornata.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Industria: Istat, produzione dicembre -1% mese, +4,4% anno
Nel 2021 +11,8%, recupera su febbraio 2020
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
10:17
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La produzione industriale nell’intero 2021 è cresciuta dell’11,8% sul 2020 a fronte di una flessione dell’11,4% nel 2020.
Lo rileva l’Istat spiegando il livello destagionalizzato dell’indice di dicembre supera del 2% il valore di febbraio 2020, mese antecedente l’inizio dell’emergenza sanitaria.

A dicembre 2021 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione industriale diminuisca dell’1% rispetto a novembre. L’indice destagionalizzato mensile cresce su base congiunturale solo per l’energia (+0,1%), mentre diminuisce per i beni intermedi (-0,5%), i beni di consumo (-1,0%) e i beni strumentali (-2,2%). Su base tendenziale a dicembre l’indice complessivo corretto per gli effetti di calendario aumenta del 4,4% (i giorni lavorativi sono stati 22, contro 21 di dicembre 2020).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oms, Paesi ricchi diano fondi mancanti per piano anti Covid
Tedros Adhanom Ghebreyesus, servono 16 miliardi di dollari
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
GINEVRA
09 febbraio 2022
10:36
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ha esortato oggi i Paesi ricchi a fornire con urgenza i 16 miliardi di dollari che mancano ancora all’appello per finanziare il suo piano anti Covid.

“La scienza ci ha fornito gli strumenti” per combattere la pandemia, “se condivisi a livello globale in solidarietà, possiamo porre fine al Covid-19 come un’emergenza sanitaria globale quest’anno”, ha affermato in un comunicato il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus.

“Se i Paesi ad alto reddito pagano la loro giusta quota” di finanziamenti ACT-A (l’acceleratore di accesso agli strumenti Covid-19, ndr), questo programma “può aiutare i Paesi a basso e medio reddito a superare i bassi tassi di vaccinazione Covid-19, l’insufficienza dei test e la carenza di farmaci”, ha sottolineato il numero uno dell’Oms ricordando che la rapida diffusione della variante Omicron nel mondo rende ancora più urgente l’equa distribuzione dei test, dei trattamenti e dei vaccini.   MONDO   POLITICA

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: sale Milano (+1,8%), banche incerte, bene l’industria
Guadagni per petroliferi, auto e utility
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
10:42
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Salgono i guadagni a Piazza Affari (+1,8%), dove in cima al listino principale resta Banco Bpm (+5,8%), il giorno dopo i conti, mentre quelli di Bper (-2,4%) hanno avuto sul titolo l’effetto opposto.
Guadagna qualcosa Mediobanca (+0,4%) nel giorno della semestrale.
In forte rialzo la paytech Nexi (+3,1%). Meno convinte altre banche, come Uncredit, piatta, Intesa (+0,4%) e Fineco (-0,2%), che attende i conti. Lo spread Btp-Bund è in lieve rialzo a 155,9 punti e il rendimento del decennale italiano all’1,768%.
Corre Stellantis (+3,6%) tra le auto e bene anche Ferrari (+2,4%), con guadagni per Exor (+3%). Nell’industria spiccano Amplifon (+3,2%), Cementir (+3%), Prysmian (+2,4%), tra i semiconduttori Stm (+3%). Bene i petroliferi, da Saipem (+1,8%) all’impiantistica di Tenaris (+1,9%) e anche Eni ha cambiato segno (+1,4%), mentre il greggio è quasi piatto (-0,06%) a 89,3 dollari al barile e il brent a 90,7 dollari. I dati Istat sulla produzione industriale di dicembre hanno sancito intanto un -1% per il mese, ma un +4,4% per l’anno. Tra i titoli che guadagnano ci sono Poste (+2,3%), tra le utility Enel (+2%) e Italgas (+2,1%), forti in tutta Europa. Rialzi contenuti per le tlc, da Tim (+0,8%) a Inwit (+0,1%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ryanair: O’Leary,investimento 2,5mld Italia, primo mercato
Tre richieste al Governo Draghi, pronti altri 2 mld
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
10:48
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ryanair punta sull’Italia, che “diventerà quest’anno il nostro primo mercato superando Spagna e Gran Bretagna”.
Lo ha detto il ceo della low cost irlandese Michael O’Leary annunciando per l’estate 25 nuovi aeromobili nel nostro paese, che porteranno la flotta da 67 a 92, e 17 nuove rotte da Roma, per un investimento di 2,5 miliardi.
La compagnia si rivolge quindi al governo Draghi, cui chiede tre misure (abolire l’addizionale comunale per tre anni; togliere le restrizioni a Ciampino; sospendere le tasse ambientali sui voli a corto raggio nell’Ue) a fronte delle quali si dice pronta ad investire altri 2 miliardi.
Ryanair non intende invece scendere in campo per acquisire Ita Airways. “Non penso. E’ così piccola ora, la sfida per noi è crescere in Italia. E se provassimo ad acquistare Alitalia andremo contro le regole Europee sulla concorrenza”, spiega il ceo di Ryanair Michael O’Leary, che immagina come potrebbe andare a finire: “Quello che accadrà è che Lufthansa acquisterà Ita e tutto quello che farà sarà di alimentare passeggeri dall’Italia su Francoforte, Monaco e sarà un’altra sussidiaria di Lufthansa come Brussels Airlines, Swiss o Austrian”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bankitalia: a dicembre accelera crescita prestiti e depositi
Rallenta calo sofferenze, calano tassi interesse mutui
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
11:09
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
In dicembre i prestiti al settore privato, corretti per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari, sono cresciuti del 2,1 per cento sui dodici mesi (1,5 nel mese precedente).
I prestiti alle famiglie sono aumentati del 3,7 per cento sui dodici mesi (come nel mese precedente) mentre quelli alle società non finanziarie sono aumentati dell’1,6 per cento (0,6 nel mese precedente).
E’ quanto risulta da ‘Banca e Moneta’ della Banca d’Italia. I depositi del settore privato sono cresciuti del 6,9 per cento sui dodici mesi (contro il 6,2 in novembre); la raccolta obbligazionaria è diminuita del 5,1 per cento sullo stesso periodo dell’anno precedente (-4,5 in novembre). Le sofferenze sono diminuite del 20,3 per cento sui dodici mesi (in novembre la riduzione era stata del 22,9 per cento); la variazione può risentire dell’effetto di operazioni di cartolarizzazione.
Per quanto riguarda i tassi di interesse sui prestiti erogati nel mese alle famiglie per l’acquisto di abitazioni comprensivi delle spese accessorie (Tasso Annuale Effettivo Globale, TAEG) a dicembre si sono collocati all’1,74 per cento (1,81 in novembre), mentre quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo al 7,64 per cento (7,82 nel mese precedente). I tassi di interesse sui nuovi prestiti alle società non finanziarie sono stati pari all’1,18 per cento (1,09 in novembre), quelli per importi fino a 1 milione di euro sono stati pari all’1,75 per cento, mentre i tassi sui nuovi prestiti di importo superiore a tale soglia si sono collocati allo 0,88 per cento.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa cresce, volano tecnologici e auto
Banche in ordine sparso, bene il lusso e i petroliferi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
11:57
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Migliorano ulteriormente le principali Borse europee verso fine mattinata, con i tecnologici che continuano a sostenere i listini, dopo avere già corso in Asia, insieme a beni voluttuari e industria.
Fanalino di coda resta la finanza, con gli investitori che guardano alle prossime mosse delle banche centrali sui tassi e all’inflazione.
Sullo sfondo restano le tensioni geopolitiche, in particolare per la situazione tra Russia e Ucraina, oltre all’andamento della pandemia da Covid 19, tra cure e impatti economici. In lieve salita l’euro sul dollaro, scambiato a 1,144. In rialzo l’oro (+0,5%) a 1.827 dollari l’oncia. Tra gli altri metalli, in forte calo il minerale di ferro (-4,1%) a 796 dollari la tonnellata.
Per il gas naturale, sono in lieve calo i future in Europa, con le quotazioni ad Amsterdam (-0,3%) a 77 euro al MWh, mentre tornano a salire a Londra (+0,8%) a 187,4 220 penny per Mmbtu, l’unità termica britannica equivalente a 28,26 metri cubi.
Proseguono intanto le trimestrali.
La maglia rosa in Europa va a Francoforte (+1,4%), seguita da Parigi (+1,3%), Madrid (+1,2%) e Londra (+0,6%). Bene Milano (+1,1%), dove lo spread Btp-Bund è salito a 157 punti e il rendimento del decennale italiano all’1,79%.
L’indice d’area del Vecchio continente, Stoxx 600, guadagna l’1,4%. In ordine sparso le banche, con alcuni rialzi, come per Banco Bpm (+5,5%, il giorno dopo i conti e un upgrade di Citi a buy, Intesa (+1%) e Banco Bilbao (+0,7%), e qualche calo, come per Abn Amro (-3,9%) e Hsbc (-0,8%). Corrono i semiconduttori, a iniziare da Asm (+4,9%) e Stm (+3,1%). In forma smagliante le auto, con esempi come Porsche (+4,9%) e Mercedes (+3,8%). Bene il lusso, da Swatch (+3,4%) a Richemont (+2,9%) e Lvmh (+1,5%).
Bene L’Oreal in vista dei conti a mercati chiusi. Quasi tutti positivi i petroliferi, a iniziare da Bp (+1,7%) e Equinor (+3,3%), con eccezioni come Shell (-0,3%), col greggio in calo (wti -0,1%) a 89,2 dollari al barile e il brent a 90,7 dollari.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Stellantis: Comau, esoscheletro per i lavoratori Esselunga
Per ridurre il senso di affaticamento della zona lombare
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
09 febbraio 2022
11:59
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Migliorare il benessere dei lavoratori, riducendo il senso di affaticamento della zona lombare.
E’ l’obiettivo della soluzione di robotica indossabile che Comau, società del gruppo Stellantis, e Iuvo stanno sviluppando per migliorare l’ergonomia degli operatori impegnati nella movimentazione manuale dei carichi del Gruppo Esselunga, azienda della grande distribuzione organizzata.
L’azione dell’esoscheletro sosterrà i muscoli della schiena, che vengono stimolati durante le attività di sollevamento e di movimentazione pesi, creando così benefici a breve e lungo termine grazie a una significativa riduzione dello sforzo fisico e della sensazione di fatica percepiti.
Tre sono i protagonisti del progetto: Comau condurrà il processo di ingegnerizzazione del nuovo esoscheletro per il supporto lombare; il team di progettisti specializzati di Iuvo – società spin-off della Scuola Superiore Sant’Anna, di cui il Gruppo Comau detiene una quota di maggioranza – si occuperà dell’elaborazione e dello sviluppo del progetto, oltre che del collaudo della tecnologia di robotica indossabile. Esselunga avrà invece il compito di guidare il processo di validazione del dispositivo, con il coinvolgimento dei propri operatori. I test dei primi prototipi inizieranno nel primo trimestre del 2022, i primi esoscheletri lombari saranno disponibili nel secondo trimestre.I dati raccolti da numerose aziende che utilizzano questa tecnologia hanno dimostrato che l’esoscheletro Mate-Xt può ridurre lo sforzo degli operatori di circa il 30% e migliorare la produttività del 10% circa.
“La collaborazione con Esselunga conferma l’impegno di Comau nello sviluppo di nuove tecnologie capaci di garantire una migliore ergonomia e il benessere dell’operatore durante lo svolgimento di attività gravose. Ancora una volta, Comau utilizza la tecnologia per supportare l’uomo e ridurre l’impatto fisico delle operazioni manuali e ripetitive” commenta Giacomo Del Panta, chief customer officer di Comau.   PIEMONTE

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Spread Btp-Bund: risale a oltre 157 punti
Il rendimento del decennale italiano cresce all’1,793%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
12:00
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il differenziale tra Btp e Bund torna a salire verso fine mattinata, a 157,2 punti, dopo un’apertura di giornata in rialzo a 160 punti e un successivo calo, che era arrivato fino a 155,1 punti poco dopo le 9.

Il rendimento del decennale italiano cresce all’ 1,793, dopo avere aperto già in calo, all’1,811%, rispetto all’1,845% della chiusura del giorno prima.
Secondo i dati reperibili sulla piattaforma Bloomberg ha toccato poi finora un minimo all’1,764% poco dopo le 10.30.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Patuelli, energia e garanzie credito per la ripresa
Il n. 1 dell’Abi, Mps va venduta al momento giusto
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
12:27
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Ripensare la politica dei fattori produttivi” per affrontare la peggior crisi energetica dagli anni ’70, o “si rischia una nuova recessione”.
E prolungare da marzo a giugno le garanzie pubbliche sui prestiti, permettendo alle banche di continuare a sostenere le imprese e la ripresa.

Lo dice il presidente dell’Abi Antonio Patuelli, soffermandosi anche sulla vendita del Montepaschi, la cui maggioranza rimane al ministero dell’Economia dopo che non è andata in porto l’acquisizione da parte di Unicredit. “La costrizione a vendere una banca nazionalizzata” entro una data predefinita “introduce una complessità” e l’esperienza delle nazionalizzazioni in Gran Bretagna durante la crisi passata “ha dimostrato che lo Stato deve vendere i suoi asset nel momento in cui il mercato ha maggiore possibilità di acquisirli, non nei momenti di difficoltà”.
Cauto ottimismo, infine, sulle prospettive economiche del 2022, nonostante la partenza difficile a causa della pandemia e della crisi energetica: “pessimismo della ragione di fronte alla crisi energetica e alla ripresa della curva pandemica che non è stata spezzata, ma assolutamente ottimismo della volontà nel fare tutto possibile per trasformare le criticità in potenzialità”, ha detto il presidente dei banchieri.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mediobanca: utile semestre sale a 526 milioni di euro (+28%)
Ricavi 1.459 milioni (+12%),margine d’interesse torna a crescere
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
12:48
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mediobanca archivia il primo semestre dell’esercizio 2021-2022 con un utile netto di 526 milioni (+28%) e ricavi in salita del 12% a 1.459 milioni, al di di sopra delle attese del mercato e su livelli record.

Nel secondo trimestre i ricavi sono saliti del 7% sui tre mesi precedenti a 753 milioni con un positivo sviluppo di tutte le divisioni: Wealth Management (+11% a 192 milioni), Consumer (+4% a 268 milioni), Corporate investment banking-Cib (+12% a 206 milioni).
L’utile netto trimestrale si è attestato a 264 milioni (+1% sui tre mesi precedenti).
A livello semestrale il margine di interesse è tornato a crescere a 734 milioni (+2% sullo stesso periodo dello scorso esercizio) per la ripresa del Consumer (+3% 462 milioni) a seguito del miglioramento degli erogati in volume e mix, e continua graduale riduzione del costo della raccolta del gruppo.
Le commissioni si sono portate a 443 milioni (+16% ) per la sostenuta crescita del Wealth Management (+33% a 213 milioni) e per l’elevato contributo del Cib (+9% a 187 milioni) con ricavi da trading a 97 milioni (+12%). Il Cost/income è al 43%, malgrado la stagionalità dei costi (+8% le spese del personale e +7% le spese amministrative), accentuata dalla forte ripresa dell’operatività e dal continuo investimento in distribuzione ed innovazione.
A livello patrimoniale il Cet1 phase-in di Mediobanca passa dal 16,3% al 15,4% (includendo un pay-out del 70%), per l’avvio del buyback, la crescita profittevole degli attivi e il closing Bybrook (circa 10bps); il Cet1 ratio fully loaded passa da 15,1% a 14,1%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano accelera (+2%) con l’industria e alcune banche
Spread stabile sopra 157 punti. Bene le auto e le utility
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
12:47
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Accelera Piazza Affari a fine mattina (+2%), in un’altra giornata di trimestrali, con l’industria e alcune banche che spingono verso l’alto i listini.

In cima al Ftse Mib resta Banco Bpm, il giorno dopo i conti, e corre Mediobanca (+2%), con la semestrale appena diffusa, sopra il consensus.
Lo spread Btp-Bund è sostanzialmente stabile, a 157,4 punti, col rendimento del decennale italiano in crescita all’1,802%. Vola l’industria, a iniziare da Iveco (+4,1%) e Cnh (+3,7%) e con le auto, da Stellantis (+3%) a Ferrari (+2,3%), con guadagni per Exor (+3,7%). Tra i titoli positivi le utility, come Italgas (+2,5%) e Terna (+2,3%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fineco: in 2021 utile oltre 349 milioni, ricavi +7,4%
Cedola di 0,39 euro per azione. Raccolta gennaio a 673 milioni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
13:14
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fineco chiude il 2021 con utile netto in crescita a 349,2 milioni (+7,6% anno su anno e ricavi totali a 804,5 milioni (+7,4% anno su anno).
Il cost/income ratio è al 32,2%.
Solida la posizione di capitale con un CET1 al 18,80%. Proposto un dividendo di 0,39 euro per azione.
La raccolta netta di gennaio è pari a 673 milioni di euro, di cui gestito a 329 milioni di euro. I ricavi stimati brokerage nel mese di gennaio sono di 19 milioni di euro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa ottimista in attesa di Wall Street, bene le auto
Volano i semiconduttori, guadagni per molte banche e petroliferi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
13:37
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Restano positive e in ulteriore miglioramento le principali Borse europee a metà seduta, in attesa dell’apertura di Wall Street, dove i future sono in rialzo, mentre negli Usa sono attesi dati su scorte di greggio, richieste di ipoteche a inizio febbraio e il definitivo sulle scorte all’ingrosso di dicembre.
Il giorno successivo sarà la volta dell’inflazione a gennaio e delle previsioni economiche da parte dell’Europa, a cui i mercati, in giornate di trimestrali, guardano con attenzione, tra timori per l’inflazione e previsioni di rialzo dei tassi.
Tiene sempre banco la questione dei prezzi dell’energia, in particolare delle forniture di gas, con sullo sfondo le tensioni geopolitiche tra Russia e Ucraina.
I prezzi del gas naturale in Europa vedono i future in calo, con le quotazioni ad Amsterdam (-2,1%) a 75,6 euro al MWh. In Europa la Piazza migliore è Francoforte (+1,6%), seguita da Parigi (+1,5%) , Madrid (+1,4%) e Londra (+0,7%). La maglia rosa però va a Milano (+2,1%), dove lo spread Btp-Bund è in lieve salita, a 157,8 punti, col rendimento del decennale italiano all’1,798%.
Piatto l’oro (+0,02%) a 1.827 dollari l’oncia. In lieve rialzo l’euro sul dollaro, scambiato a 1,1435.
L’indice d’area del Vecchio continente, Stoxx 600, cresce quasi dell1,6%, con l’informatica ancora a farla da padrone dopo avere brillato in Asia, ma corrono anche i beni voluttuari.
Brillano i semiconduttori, con esempi come Asm (+4,7%) e Stm (+4%) e volano le auto, a cominciare da Porsche (+7,2%) e Volvo (+6,3%). Rialzano la testa molte banche, con guadagni come quelli di Banco Bpm (+6,8%), il giorno dopo i conti, Banco Bilbao (+1,2%) e Intesa (+1,1%), con eccezioni in negativo come Hsbc (-0,7%). Più contenuti i rialzi per i petroliferi, come per Total (+0,9%) e qualche calo, come per Aker (-0,5%), mentre il greggio scende (wti -0,4%) a 88,9 dollari al barile e il brent a 90,4 dollari.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bankitalia: accelera su finanza sostenibile, arriva Comitato
Nasce anche nucleo esperti e spazio dedicato sul sito
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
13:43
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Banca d’Italia accelera ancora sulla sostenibilità con la nascita di un apposito Comitato presieduto da un membro del Direttorio che contribuirà a definire la strategia dell’Istituto sulla finanza sostenibile.

Lo annuncia l’istituto sottolineando che oltre al Comitato Cambiamenti climatici e sostenibilità, questo il nome, è stato costituito un Nucleo Cambiamenti climatici e sostenibilità, composto da esperti di finanza sostenibile, che segue l’evoluzione delle discussioni in materia, stimola e coordina le analisi, favorisce la condivisione delle informazioni tra i partecipanti ai diversi gruppi di lavoro nazionali e internazionali.
Il Nucleo collabora anche con le analoghe strutture di recente create presso la Banca centrale europea e alcune altre banche centrali nazionali.
In occasione dell’istituzione del Comitato e del Nucleo, il sito della Banca d’Italia si arricchisce di una nuova sezione sulla Finanza sostenibile che si snoda attraverso sottosezioni tematiche che raccolgono i documenti sulle principali attività della Banca (Investimenti sostenibili, Politica monetaria, Vigilanza bancaria, Stabilità finanziaria, Studi, Interventi).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund: sale a 158,5 punti
Il rendimento del decennale italiano aumenta all’1,808%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
13:49
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sale ancora il differenziale tra Btp e Bund, a 158,5 punti, dopo un’apertura di giornata in rialzo a 160 punti, rispetto alla chiusura del giorno precedente, a 158,3 punti.
Lo spread ha poi girato in calo, arrivando fino a 155,1 punti poco dopo le 9.

Il rendimento del decennale italiano aumenta all’1,808%, dopo avere aperto in calo, all’1,811%, rispetto all’1,845% della chiusura del giorno prima. Secondo i dati reperibili sulla piattaforma Bloomberg ha toccato poi finora un minimo all’1,764% poco dopo le 10.30. Il rendimento del Bund tedesco è allo 0,223%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Da Capri al Maxxi 200 milioni per 38 Cantieri Cultura
Ok Stato Regioni. Franceschini, cultura motore crescita
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
15:43
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Dalla Certosa di San Giacomo a Capri al Grande Maxxi a Roma che investe su tecnologia e sostenibilità.
Con il parere favorevole della Conferenza Unificata Stato Regioni e dopo il passaggio al Consiglio Superiore dei Beni Culturali, arrivano 200 milioni di euro che finanzieranno 38 nuovi progetti e 3 nuove acquisizioni contenuti nel Piano Strategico Grandi Progetti Beni Culturali varato dal ministro della Cultura.
“Investimenti che confermano la centralità della cultura nell’azione di politica economica del governo”, sottolinea Franceschini. Il progetto per la realizzazione del Grande Maxxi prevede un investimento di 15 milioni di euro per tecnologia innovazione e sostenibilità, mentre a Capri arriveranno 5 mln per il rilancio della Certosa, il complesso monastico più antico dell’isola partenopea. E ancora tra i 38 progetti finanziati uno riguarda il Colosseo, per la valorizzazione di porta Libitinaria e porta Triumphalis, ovvero i due punti di accesso all’Arena.
“Il recupero e la valorizzazione del patrimonio culturale- dice Franceschini – è uno degli assi fondamentali su cui si fonda la crescita economica e sociale del Paese”. In particolare al finanziamento di 38 progetti per il recupero e valorizzazione di altrettanti beni culturali distribuiti in 16 regioni andranno 186.285.510 euro, mentre 12.790.490 euro serviranno per annettere al patrimonio dello Stato tre diverse realtà. Si tratta di tre realtà molto diverse tra loro: la prima, Villa Massenzia , è una proprietà che si estende tra Cecilia Metella e Circolo Massenzio lungo la via Appia Pignatelli e che diventerà una base per i servizi aggiuntivi del Parco Archeologico dell’Appia Antica; la seconda è Villa Buonaccorsi a Potenza Picena; la terza riguarda invece alcuni terreni agricoli in provincia di Venezia che, secondo i rilevamenti scientifici, corrispondono al contesto di giacenza della massima estensione della città romana di Altino e in particolare il Foro e i teatri dell’antica città che potrebbero quindi diventare l’oggetto di nuovi scavi archeologici e intanto rendere unitaria e organica l’area archeologica e il percorso di visita con il Museo Nazionale, AltinoLab e le aree archeologiche di Altino.    SPETTACOLI MUSICA E CULTURA

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: Europa tonica dopo Wall Street, Milano +2,4%
Sale il petrolio, giù il gas. Euro in rialzo sul dollaro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
15:52
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee proseguono toniche dopo l’avvio in rialzo di Wall Street.
Sui mercati torna il sereno mentre rallentano le tensioni sui titoli di stato, dopo le ultime posizioni delle banche centrali sulla politica monetaria.
L’attenzione degli investitori si concentra sui risultati delle trimestrali per testare l’intensità della ripresa economica. Sotto i riflettori l’inflazione e la corsa delle materie prime. Sul fronte valutario l’euro sul dollaro è in forte rialzo a 1,1427 a Londra, portandosi ai livelli di metà gennaio scorso.
L’indice d’area stoxx 600 guadagna l’1,7%. Corre Milano (+2,4%), bene Parigi (+1,5%), Francoforte (+1,6%), Madrid (+1,9%) e Londra (+1%). I listini sono sostenuti dal comparto tecnologico (+3,5%) e dalle compagnie aeree (+3,5%). Bene anche l’automotive (+3,9%) e le Tlc (+1,4%).
Nel Vecchio continente andamento positivo anche per le banche (+0,9%) e l’energia (+1,3%), quest’ultima con il prezzo del petrolio in rialzo. Il wti sale dello 0,4% a 89,74 dollari al barile. Il Brent si attesta a 91,23 dollari (+0,5%). Ben intonate anche le utility (+1,5%), con il gas in calo. Ad Amsterdam le quotazioni scendono del 3,6% a (-0,3%) a 74,48 euro al MWh, mentre a Londra si attesta a 179,73 penny per Mmbtu (-3,3%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Da Capri al Maxxi 200 milioni per 38 Cantieri della Cultura
Ok Stato Regioni. Franceschini, cultura motore crescita
(2)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
19:49
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
I lavori di ristrutturazione della monumentale Certosa di San Giacomo a Capri, che con i suoi settecento anni di storia è il complesso monastico più antico dell’isola partenopea, ma anche l’estensione del Maxxi a Roma, il museo delle arti e dell’architettura del XXI secolo progettato da Zaha Hadid, che si allarga e investe su tecnologia e sostenibilità; la messa in sicurezza della Basilica di San Marco a Venezia e nuovi lavori al Colosseo, con la valorizzazione delle due porte di accesso all’arena.
E ancora, il restauro del Palazzo Reale di Napoli, nuovi fondi per il Museo della resistenza a Milano, la valorizzazione dei luoghi di papa Luciani, in Veneto.
Con l’ok oggi della Conferenza Stato Regioni, arrivano 200 milioni di euro che finanzieranno 38 cantieri culturali, ma anche l’acquisizione al patrimonio pubblico di tre importanti realtà, da Villa Massenzia a Roma sull’Appia Pignatelli alla settecentesca Villa Buonaccorsi a Potenza Picena nelle Marche, un vero gioiello che torna dopo tempo in mano pubblica e che adesso potrà finalmente anche essere aperto al pubblico; a queste si aggiunge il passaggio allo Stato di una serie di terreni agricoli in provincia di Venezia che serviranno a potenziare l’area archeologica della città romana di Altino. Terreni di importanza strategica, viene sottolineato, anche perché è sotto questa terra che dovrebbero trovarsi i Fori e il teatro oltre ad una serie di residenze della città romana di Altino, per cui l’acquisizione in questo caso potrà dare il via anche ad una serie di nuovi, importanti, scavi archeologici. “Investimenti che confermano la centralità della cultura nell’azione di politica economica del governo”, sottolinea alla Camera, audito dalla Commissione Cultura sulle scadenze per il Pnrr, il ministro della cultura Franceschini, che sui progetti si è assicurato anche l’ok del consiglio superiore dei beni culturali. L’elenco è lungo e articolato, i progetti finanziati riguardano un po’ tutta Italia toccando 16 diverse regioni. C’è il tema della valorizzazione dei borghi (assai caro a Franceschini che non a caso a questo ha dedicato un miliardo di risorse del Pnrr) con l’intervento che prevede a Viterbo la riqualificazione dell’antico Ospedale degli Infermi destinato a diventare la nuova sede dell’Archivio di Stato. Ma anche un ulteriore finanziamento per il museo Mitoraj di Pietrasanta, che in oltre 3mila metri quadri ospiterà la collezione permanente del grande scultore innamorato dell’Italia. E ancora, il progetto per il circuito dei Nuraghi in Sardegna e i lavori per riaprire al pubblico la splendida Villa Medicea dell’Ambrogiana di Montelupo fiorentino. Poi il recupero e il restauro di Villa Diana sull’isola di Gallinara in Sardegna, il Colosseo verde di Milano. A Venezia, 4 milioni di euro serviranno a realizzare un nuovo accesso per le Procuratie Nuove e il recupero dei cortili, che arricchirà il percorso di visita. A Milano 8 milioni andranno a dare nuova linfa al cantiere del museo della Resistenza, avviato nel 2019. E sempre di memoria si parla con il Campo di Fossoli in provincia di Modena dove arriverà un contributo di mezzo milione di euro che servirà, oltre che per una serie di restauri e di messa in sicurezza delle zone aperte al pubblico, anche alla messa a punto di un sistema di realtà aumentata che renderà ancora più emozionante la visita al famigerato campo di prigionia italiano. Tutti progetti sui quali il ministro pd della cultura punta moltissimo: il recupero e la valorizzazione del patrimonio culturale, sottolinea, “è uno degli assi fondamentali su cui si fonda la crescita economica e sociale del Paese”
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Pnrr: Orlando, estendere a tutta P.a 30% giovani e donne
Monitoreremo l’impatto delle assunzioni, è punto qualificante
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
16:19
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Dovremo monitorare l’impatto del requisito della quota del 30% di assunzioni da destinare a nuova occupazione giovanile e femminile per le imprese che si aggiudicano i contratti pubblici finanziati con le risorse del Pnrr e del Piano complementare.
Punto che considero qualificante per tutta la messa a terra del Pnrr e che ritengo posssa essere una esperienza importante da estendere a tutti i contratti siglati dalla Pa e tutti i bandi pubblici”.
Così il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Andrea Orlando, in audizione alle commissioni riunite Lavoro e Affari sociali della Camera, sullo stato di attuazione del Pnrr. Orlando ha annunciato nel 2022 si entrerà nel vivo del piano con , tra l’altro, l’inserimento nel programma Gol di 300.000 persone vulnerabili, in primis percettori di Naspi e Reddito di cittadinanza, ma anche lavoratori in Cigs. Con una particolare attenzione alle donne e ai giovani”.In una prospettiva “che guarda al futuro – ha poi ricordato il ministro- l’occupazione deve essere di qualità. Non possiamo accontentarci dei ‘lavoretti’ perché questa sarebbe una prospettiva regressiva, di un Paese che rinuncia a crescere e a migliorare la qualità della vita sociale. Orlando ha poi annunciato che nel 2022
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude in forte rialzo (+2,72%)
Indice Ftse mib a 27.128 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
09 febbraio 2022
17:43
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano chiude in forte rialzo.
L’indice Ftse Mib guadagna il 2,72% a 27.128 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa chiude in rialzo, fari puntati sui rendimenti
Parigi (+1,46%), Francoforte (+1,57%), Londra (+1,01%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
18:05
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee chiudono in rialzo con gli investitori che guardano all’andamento delle materie prime, in particolare gas e petrolio, e agli sviluppi delle tensioni geopolitiche tra Russia e Ucraina.
Intanto si attenua il nervosismo sui titoli di Stato mentre resta alta l’attenzione sulle mosse delle banche centrali.
Fari puntati anche sulla stagione delle trimestrali per testare l’intensità della crescita economica. Sul fronte valutario l’euro sul dollaro sale a 1,1433 a Londra.
L’indice d’area stoxx 600 chiude le contrattazioni in rialzo dell’1,72%. Positiva Parigi (+1,46%), Francoforte (+1,57%), Londra (+1,01%), Madrid (+1,98%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread tra Btp e Bund chiude in calo a 154 punti
Il rendimento del decennale italiano scende all’1,748%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
18:11
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread tra Btp e Bund chiude la giornata in calo a 154 punti, rispetto ai 160 punti dell’avvio di seduta ed i 158 punti della chiusura di ieri.
In calo anche il rendimento del decennale italiano che scende all’1,748%, rispetto all’1,811 dell’inizio delle contrattazioni e all’1,845% della vigilia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Venduto all’asta il più grande diamante nero per 3,7 mln
Da Sotheby’s a Londra. Enigma pesa 111 grammi, è sul Guinness
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
09 febbraio 2022
18:28
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il più grande diamante nero naturale del mondo è stato venduto all’asta da Sotheby’s a Londra per 3,16 milioni di sterline (3,75 milioni di euro).
Si chiama Enigma e ha un peso di 555,55 carati (111,11 grammi), vanta straordinari riconoscimenti come la certificazione ufficiale di diamante nero naturale più grande del mondo e di diamante tagliato più grande del mondo per il Guinness dei primati.

Come sottolinea la casa d’aste, a differenza dei diamanti classici che vengono estratti dalle viscere della terra, quelli neri si trovano maggiormente in superficie evocando “possibili origini extraterrestri”. Queste gemme hanno solitamente da 2,6 a 3,2 miliardi di anni, un periodo precedente a quello dei dinosauri.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa:Europa chiude brillante, cala tensione sui titoli di Stato
Piazza Affari chiude a +2,7%. L’euro alza la testa sul dollaro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
18:49
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borse brillanti in Europa, in scia con l’andamento positivo di Wall Street e l’attenuarsi delle tensioni sui titoli Stato.
Dopo una vigilia incerta i listini del Vecchio continente hanno risollevato la testa avviandosi verso il miglior rialzo delle ultime settimane.
Giornata positiva anche per l’euro che torna a rafforzarsi sul dollaro.
In questo contesto i mercati azionari europei hanno imboccato la strada del rialzo. L’indice d’area stoxx 600 ha guadagnato l’1,7%. Maglia rosa per Milano (+2,72%). In terreno positivo anche Parigi (+1,46%), Francoforte (+1,57%), Londra (+1,01%), Madrid (+1,98%). Lo spread tra Btp e Bund tedeschi ha chiuso a 154 punti base, rispetto ai 160 punti dell’avvio di seduta ed i 158 punti di ieri. In calo il rendimento del decennale italiano che scende all’1,748%, rispetto all’1,811 dell’inizio delle contrattazioni e all’1,845% della vigilia. In flessione anche i rendimenti dei titoli a dieci anni dei paesi ‘periferici’, con la Spagna all’1,06% e la Grecia al 2,4%.
A Piazza Affari in luce Banco Bpm (+8%), dopo i conti del 2021 e l’aumento della cedola. Performance positiva anche per Cementir (+5,5%), con i risultati record dell’anno scorso e il nuovo piano industriale. Bene anche le auto con Iveco (+6,9%), Cnh (+5,6%) e Stellantis (+4,1%). In positivo Mediobanca (+2,1%), nel giorno dei conti del semestre.
Intanto concludono la seduta in calo Mps (-3,1%), con le ragioni della sfiducia del cda a Guido Bastianini, che sulla revoca intende fare causa alla banca, Bper (-0,2%) e Saipem (-2,8%), quest’ultima alle prese con le previsioni di rosso nei conti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bollette: Arera, boom prezzi nonostante interventi governo
Besseghini, aumenti ancora più elevati su stesso trimestre 2021
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
19:46
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel primo trimestre 2022 si è registrato nei servizi di tutela, “nonostante gli interventi straordinari del Governo”, un aumento del costo per l’energia elettrica per la famiglia tipo pari a +55% per la bolletta dell’elettricità e a +41,8% per quella del gas rispetto al trimestre precedente.
Lo ha detto il Presidente di Arera, Stefano Besseghini, in audizione alla Commissione Parlamentare di inchiesta sulla tutela dei consumatori, sottolineando che questi incrementi risultano “ancora più significativi se valutati rispetto ai livelli del corrispondente trimestre dell’anno scorso”, infatti per l’energia elettrica, il prezzo di riferimento per il cliente tipo “è passato da 20,06 centesimi di euro per kWh” nel primo trimestre 2021 “a 46,03 centesimi di euro per kWh” nel primo trimestre 2022 e, per il gas naturale, “da 70,66 centesimi di euro per metro cubo a 137,32 centesimi di euro”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bollette: in arrivo altri 5-7 mld per famiglie e imprese
Guerra, ma non è il momento di decidere scostamento
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
14:09
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Il governo sta preparando un intervento di ampia portata nei prossim giorni” contro il caro energia.
Così il presidente del Consiglio Mario Draghi in visita a Genova.
“Il problema del caro bollette in questo momento è il piu’ serio.
Il governo – ha detto Giuseppe Conte – sta lavorando a una soluzione e noi come M5s chiediamo sia una soluzione strutturale. Tutto il sistema produttivo sta soffrendo e il rischio serio è che senza interventi strutturali la crescita isa completamente compromessa e la ripartenza dimezzata”.
“Il tempismo è tutto. Lo si è capito da tante lezioni imparate nelle passate crisi quando gli interventi furono tardivi. Intervenire ora, subito, è fondamentale per evitare che si blocchi la ripresa, chiudano aziende e si indebitino le famiglie”, scrive su Twitter il segretario del Pd Enrico Letta postando le proposte del partito contro il caro-bollette. Si chiede lo “stop agli aumenti per famiglie e imprese”, di aumentare la produzione “di gas nazionale” e di “energia da fonti rinnovabili” e di “aiutare le famiglie a ridurre i consumi tramite l’efficientamento energetico”.
Per il taglio delle bollette sono in arrivo “tra 5 e 7 miliardi” per le famiglie e le imprese, ha annunciato la sottosegretaria al Mef, Maria Cecilia Guerra, parlando al Tg3. Per il 2022 sono stati stanziati 5,5 miliardi, “raddoppieremo questa cifra”, ma “non è il momento di decidere uno scostamento”, ha aggiunto.
Nel primo trimestre 2022 si è registrato nei servizi di tutela, “nonostante gli interventi straordinari del Governo”, un aumento del costo per l’energia elettrica per la famiglia tipo pari a +55% per la bolletta dell’elettricità e a +41,8% per quella del gas rispetto al trimestre precedente. Lo ha detto il Presidente di Arera, Stefano Besseghini, in audizione alla Commissione Parlamentare di inchiesta sulla tutela dei consumatori, sottolineando che questi incrementi risultano “ancora più significativi se valutati rispetto ai livelli del corrispondente trimestre dell’anno scorso”, infatti per l’energia elettrica, il prezzo di riferimento per il cliente tipo “è passato da 20,06 centesimi di euro per kWh” nel primo trimestre 2021 “a 46,03 centesimi di euro per kWh” nel primo trimestre 2022 e, per il gas naturale, “da 70,66 centesimi di euro per metro cubo a 137,32 centesimi di euro”. L’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente “auspica che siano rese strutturali talune delle misure previste dai recenti interventi legislativi, tra le quali, in particolare, la stabile destinazione del gettito derivante dalle aste per l’assegnazione delle quote di emissione di CO2 alla riduzione degli oneri generali di sistema, nonché di impiegare strutturalmente fondi del bilancio dello Stato per finanziare gli oneri generali non strettamente afferenti al sistema energetico”.
“Il caro energia è la vera mina sulla strada della ripresa italiana”. Il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, ospite del Tg1, torna così a lanciare l’allarme ricordando che secondo le stime degli industriali “quest’anno l’industria pagherà una bolletta di 37 miliardi rispetto agli 8” degli anni passati. “Da qua si capisce la dimensione del fenomeno, noi abbiamo bisogno di interventi che non possono più essere interventi congiunturali, abbiamo bisogno di interventi strutturali”, ribadisce il leader degli industriali.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bonomi: ‘Il caro-energia è la vera mina su strada della ripresa’
Fare le riforme, imprese pronte a investire ed a creare lavoro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
09 febbraio 2022
20:29
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Il caro energia è la vera mina sulla strada della ripresa italiana”.
Il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, ospite del Tg1, torna così a lanciare l’allarme ricordando che secondo le stime degli industriali “quest’anno l’industria pagherà una bolletta di 37 miliardi rispetto agli 8” degli anni passati.
“Da qua si capisce la dimensione del fenomeno, noi abbiamo bisogno di interventi che non possono più essere interventi congiunturali, abbiamo bisogno di interventi strutturali”, ribadisce il leader degli industriali.Tra gli interventi strutturali invocati da Confindustria, ha ricordato, “abbiamo la necessità che si aumenti la disponibilità di energia a favore dell’impresa italiana, che potrebbe avvenire sia con l’aumento della produzione di gas nazionale sia attraverso l’aumento anche di produzione di energia da fonti rinnovabili”.
Il leader degli industriali è anche tornato a sottolineare che “Il piano nazionale di ripresa e resilienza ci dà una grande occasione storica, quella di fare quelle riforme che questo Paese aspetta da tantissimo tempo e che non eravamo mai riusciti a fare”; E dice: “Se ci saranno le condizioni e verranno fatte queste riforme, allora l’impresa italiana potrà e dovrà investire, crescere, creare occupazione che è l’unica strada per rispondere a quella che sono le categorie che più hanno sofferto durante le crisi, i giovani, le donne. Il lavoro è una parte fondamentale della nostra Costituzione”. Il presidente di Confindustria quindi sottolinea: “Noi ne avvertiamo tutta la responsabilità come imprenditori italiani. Credo che però tutti noi dobbiamo scoprire una nuova stagione di doveri. Tutti noi dobbiamo scoprire una nuova stagione di doveri”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Auto: governo al lavoro per incentivi pluriennali
Ipotesi oltre 1 mld anno. Giorgetti chiede strumenti per indotto
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
09 febbraio 2022
21:37
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Un piano per l’Automotive che preveda da una parte incentivi pluriennali, dall’altra una serie di strumenti, come i contratti di sviluppo, che aiutino le aziende nella transizione verso l’elettrico con un focus particolare sull’indotto.
E’ questa l’ipotesi allo studio del governo, messa a punto sulla base di una doppia proposta del ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti al tavolo convocato a Palazzo Chigi.
Alla riunione, presieduta dal sottosegretario Roberto Garofoli, hanno partecipato, oltre a giorgetti, i ministri dell’Economia, Daniele Franco, delle Infrastrutture e della mobilità sostenibile, Enrico Giovannini, e ai vertici del ministero della Transizione Ecologica.
Per gli incentivi si ragiona su una cifra superiore a un miliardo all’anno e l’idea è di finanziare per tre quarti le auto a bassa emissione e per un quarto quelle con emissioni fino a 135 grammi di C02 al chilometro. Per gli altri interventi si potrebbero utilizzare i vari fondi a disposizione, da quelli stanzianti con l’ultima manovra al Pnrr fino al Fondo per lo sviluppo e la coesione. La proposta di incentivi pluriennali va nella direzione sollecitata dalle associazioni della filiera.
Anche oggi l’Anfia, alla luce dei dati negativi sulla produzione a dicembre, ha sottolineato il ruolo positivo svolto dagli incentivi nel 2021 ma anche come i continui ‘stop & go’ dei vari provvedimenti di rifinanziamento siano “risultati controproducenti, creando un effetto attesa nella domanda”.
La riunione a Palazzo Chigi è stata una prima “ricognizione” per arrivare a “coordinare” gli interventi, con l’impegno a rivedersi entro una decina di giorni. Ogni ministero ha illustrato le problematiche legate alle trasformazioni in corso con l’obiettivo di individuare una “strategia nazionale” attraverso la quale coordinare non solo gli interventi, ma anche l’utilizzo dei fondi a disposizione. Toccherà quindi alla presidenza del Consiglio la sintesi tra le diverse anime del governo, quella più attenta ai risvolti ambientali che considera positivo lo stop ai motori a combustione entro il 2035 e quella che guarda con preoccupazione alle ricadute sociali e occupazionali.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: a Tokyo apertura in rialzo (+0,82%)
Attesa dati inflazione Usa
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
10 febbraio 2022
01:50
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Tokyo inizia gli scambi in positivo, seguendo il consolidamento degli indici azionari Usa, e in attesa dei dati sull’inflazione previsti quest’oggi.

L’indice di riferimento Nikkei avanza dello 0,82%, a quota 27.806,11, con un aumento di 226 punti.
Sul mercato dei cambi lo yen si svaluta sul dollaro a 115,60, e sull’euro poco sopra a 132.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Asia incerta guarda a Usa, male hi tech a Seul
Attesa per inflazione, piatti i futures sull’avvio dell’Europa
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
08:23
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mercati azionari asiatici senza una direzione precisa, con gli operatori che sembrano in attesa soprattutto del dato dell’inflazione statunitense di gennaio, che potrebbe influire sulle scelte anche a breve della Federal reserve.

La Borsa di Tokyo ha chiuso in rialzo dello 0,4%, con Hong Kong piatta.
Sulla parità anche l’ultima parte della seduta del listino Shanghai, mentre Shenzhen cede lo 0,6%. In aumento finale dello 0,1% Seul, dove però l’indice Kosdaq che raggruppa i titoli tecnologici è scivolato dell’1,6% anche sui prolungati segnali di mancanza di chip.
La Borsa di Sidney, dove sono quotati diversi gruppi che possono anticipare l’andamento dei loro settori in Europa, ha chiuso in rialzo dello 0,2%. Piatti i futures sull’avvio dei mercati del Vecchio continente.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro apre stabile a 1,142 dollari
Yen a 115,6
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
08:25
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Apertura stabile per l’euro sui mercati valutari.
La moneta unica scambia a quota a 1,142 dollari.
In Asia lo yen passa di mano a 115,6.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: prezzo scende sotto i 90 dollari al barile
Brent in calo a 91,2 dollari
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
08:27
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Prezzo del petrolio in calo sui mercati dove scende sotto la soglia dei 90 dollari.
Il Wti del Texas passa di mano a 89,4 dollari (-0,28%).
Perde terreno anche il Brent a quota 91,2 (-0,3%) .
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: prezzo poco mosso a 1834 dollari
Variazione di +0,07%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
08:29
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Prezzo dell’oro poco mosso sui mercati.
Il metallo con consegna immediata segna quota 1834 dollari all’oncia con una variazione di +0,07%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp/Bund apre in lieve rialzo a 155 punti
Rendimento decennale all’1,77%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
08:39
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Apertura in lieve rialzo per lo spread fra Btp e Bund che segna 155 punti contro i 154 della chiusura di ieri.
Il rendimento resta sotto l’1,8% ma sale leggermente all’1,77%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Credit Suisse: rosso 2021 a 1,5 mld, pesano accantonamenti
Nel solo quarto trimestre perdita di 2mld, 2022 difficile
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
09:01
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Credit Suisse chiude il 2021 con una perdita netta di 1,5 miliardi di franchi (circa 1,4 miliardi di euro) a causa di una serie di accantonamenti nella banca d’investimento, pari a 4,3 miliardi di franchi.
Nel solo quarto trimestre la perdita netta ha raggiunto i 2 miliardi.
Il gruppo, che è stato colpito dagli scandali dell’hedge fund Archegos e Greensill e dove si è dimesso di recente l’ad Horta-Osorio per aver violato la quarantena Covid, vede inoltre un 2022 difficile a causa dei costi di ristrutturazione.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano apre in lieve rialzo, Ftse Mib +0,3%
In aumento anche l’indice Ftse All share
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
10 febbraio 2022
09:03
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio di seduta leggermente positivo per Piazza Affari: l’indice Ftse Mib sale dello 0,32%, lo stesso aumento segnato in partenza dall’indice Ftse All share.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa parte in generale crescita, Londra piatta
La più solida Francoforte (+0,7%), debole Amsterdam
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
09:08
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mercati azionari del Vecchio continente per la grande maggioranza in rialzo in avvio di seduta: Londra sale dello 0,1%, Parigi dello 0,3%, Madrid dello 0,4% e Francoforte dello 0,7%.
Unica negativa tra le maggiori Amsterdam, che scende dello 0,4%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Banca Ifis:in piano investe su digitale e vede 164 milioni utili
Guarda anche a partnership. Nel 2021 superati i target
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
09:11
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Digitalizzazione, partnership strategiche, efficienza e sostenibilità i pilastri del nuovo piano triennale di Banca Ifis che prevede nel digitale 76 milioni di euro di investimenti.
Al 2024 l’istituto stima poi 164 milioni di euro di utile netto (161 milioni di euro di utile di pertinenza della capogruppo) e un Roe (Return On Equity) del 9%.
Nel triennio 2022-2024 è atteso quindi un utile netto cumulato di oltre 400 milioni di euro. I ricavi sono visti in crescita a 689 milioni di euro.
La banca punta a creare valore per gli azionisti con una distribuzione di dividendi di circa 200 milioni di euro cumulati nel periodo 2022-2024 corrispondente a un payout ratio attorno al 50%. Il Cet1 è atteso al 15,1% al 2024 e sarà prudenzialmente superiore al 14% in tutto l’arco del piano. Previste poi 200 nuove assunzioni di cui 150 giovani e un programma di formazione e di ‘reskilling’ per rafforzare e ampliare le competenze distintive dei dipendenti.
Intanto nel 2021 Banca Ifis supera i target e chiude con un utile netto in crescita del 46,2% a 100,6 milioni di euro. Per l’esercizio il cda propone all’assemblea la distribuzione di un dividendo di 0,95 euro per azione, il doppio della cedola dell’esercizio 2020. Lo scorso anno è stato, inoltre, raggiunto il record storico in termini di ricavi (602,5 milioni euro), di recuperi di cassa dei portafogli Npl acquistati (345 milioni euro) e di acquisti di portafogli Npl (3,7 miliardi euro).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Benzina: Qe, ancora rialzi, self a 1,831 euro al litro
Il servito a 1,954 euro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
09:18
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Continua la crescita dei prezzi di benzina e diesel.
Secondo l’elaborazione di Quotidiano Energia dei dati comunicati dai gestori all’Osservaprezzi carburanti del Mise , il prezzo medio nazionale praticato della benzina in modalità self cresce a 1,831 euro/litro (ieri 1,826), con i diversi marchi compresi tra 1,821 e 1,853 euro/litro (no logo 1,808).
Il prezzo medio praticato del diesel self va a 1,707 euro/litro (ieri 1,702) con le compagnie posizionate tra 1,701 e 1,716 euro/litro (no logo 1,692).
Quanto al servito, per la benzina, sottolinea il comunicato, il prezzo medio praticato sale a 1,964 euro/litro (ieri 1,958) con gli impianti colorati che mostrano prezzi medi praticati tra 1,899 e 2,054 euro/litro (no logo 1,856). La media del diesel servito aumenta a 1,844 euro/litro (ieri 1,838) con i punti vendita delle compagnie con prezzi medi praticati compresi tra 1,780 e 1,918 euro/litro (no logo 1,739). Infine i prezzi praticati del Gpl vanno da 0,819 a 0,834 euro/litro (no logo 0,812). e il prezzo medio del metano auto si posiziona tra 1,790 e 1,840 (no logo 1,752), con il valore massimo in crescita.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano positiva (+0,6%), bene Nexi e Tim
Acquisti sulle banche, corre Ifis (+5%) dopo conti e piano
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
09:22
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
I primi scambi confermano l’avvio in leggero rialzo per le Borse europee, con Milano che accelera rispetto alla partenza e segna un aumento nell’indice Ftse Mib dello 0,6%.

Tra i titoli principali di Piazza Affari, spicca Tim che cresce fino al 3% a 0,42 euro, seguita da Nexi (+2,7%), Bper (+2,5%) e Banco Bpm in rialzo attorno ai due punti percentuali.
Debole Diasorin, in calo attorno al mezzo punto, mentre scivola Iveco che, dopo una partenza relativamente tranquilla, perde due punti percentuali.
Nel paniere a minore capitalizzazione spicca Banca Ifis, in crescita del 5% sui 20 euro dopo i conti e il nuovo piano, mentre Mps e Carige sono partite attorno alla parità rispettivamente a quota 0,96 e 0,77 euro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Banche: First, commissioni trainano conti, occupati in calo
Colombani, lavoratori decisivi ora redistribuire ricchezza
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
09:32
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le commissioni hanno trainato i risultati delle prime cinque banche italiane nel 2021 che hanno visto costi in calo e una riduzione ulteriore di sportelli e occupati.
E’ quanto emerge da un’analisi condotta dall’ufficio studi First Cis, sui conti di Intesa Sanpaolo, Unicredit, Banco Bpm, Mps, Bper che evidenzia un aumento dei proventi operativi del 4,2% rispetto ad un anno fa, “reso possibile proprio dalla straordinaria crescita delle commissioni nette (+10,1%”).

Scende, rileva lo studio, il rapporto costi/ricavi (cost/income), che passa dal 57,5% al 55,7%, con una riduzione di circa 8300 dipendenti e la chiusura di oltre 1600 sportelli (-11,6%). “Tutti gli indicatori di produttività del lavoro evidenziano incrementi rilevanti: il margine primario pro capite aumenta del 6%, mentre le commissioni nette per dipendente balzano del 13,8%” si legge.. Per il segretario generale del sindacato Riccardo Colombani “un aumento così forte della produttività rende necessario affrontare il tema della redistribuzione ai lavoratori: il loro contributo è stato decisivo nonostante le criticità indotte dalla forte contrazione delle reti degli sportelli. Un’ulteriore riduzione del cost/income rischierebbe di separare irrimediabilmente il lavoro dalla ricchezza da esso prodotta.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bce: in ripresa Npl banche europee con fine moratorie
Capitale solido banche. Da 2023 requisiti capitale aggiuntivi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
13:41
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Vigilanza bancaria della Bce è “complessivamente soddisfatta” della tenuta del sistema bancario europeo durante la pandemia, tuttavia “l’impatto della pandemia non è ancora finito.
Le banche devono mantenere alta l’attenzione alle possibili conseguenze sui loro bilanci e, in particolare, rafforzare il controllo dei rischi e i meccanismi di governance”. Lo stock dei crediti deteriorati delle banche europee ha proseguito il calo nel 2021 a seguito dei piani di cessione e riduzione e la qualità del credito è rimasta “robusta anche grazie alle misure” anti crisi come le moratorie ma “ci sono segni di deterioramento” “in particolare sui quei settori dell’economia che hanno più beneficiato” dei provvedimenti” varati dai governi.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
E’ quanto scrive la vigilanza bancaria della Bce nella nota sugli esercizi Srep delle banche secondo cui “questi sviluppi andranno monitorati con cautela”.
Le banche europee hanno “una solida posizione di capitale e liquidità” e “nel complesso i requisiti di capitale e la guidance aumentano solo marginalmente, al 15,1% degli asset soppesati per i rischi, nel 2022” dal 14,9% dell’anno precedente. Bce sottolinea che non estenderà oltre dicembre 2022 la deroga ai requisiti patrimoniali aggiuntivi definiti dalla ‘Pillar 2 Guidance’, e da marzo 2022 torneranno in vigore anche le misure di vigilanza che permettono loro di escludere dai coefficienti di leva le esposizioni con le banche centrali.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Legacoop-Prometeia, Pil +4% 2022, oltre +2% nel 2023
Ripresa rallenta. Inflazione 3,5% in 2022 ma giù a 1% 2023
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
10:13
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo il forte rimbalzo messo a segno nel 2021, l’economia italiana proseguirà su un sentiero di crescita pur con ritmi meno elevati: il pil è atteso in aumento vicino al 4% nel 2022 e oltre il 2% nel 2023.
E’ quanto emerge dal rapporto annuale 2021 sulle prospettive dell’economia , realizzato dall’Area Studi Legacoop e Prometeia mentre il presidente di Legacoop Mauro Lusetti lancia l’allarme per il caro bollette.
“Temiamo che quel che non è riuscita a fare la pandemia, finisca per accadere proprio ora che ci si attendeva un rilancio del Paese, che vediamo già ridimensionato negli scenari”. “Per questo dobbiamo ribadire con forza la nostra preoccupazione, e la richiesta di adeguate, rapide e incisive politiche per alleviare l’impatto del caro-energia”, dice Lusetti.
Sulle tendenze economiche, secondo il rapporto, incidono a breve termine, un’inflazione più elevata delle attese (a gennaio +4,8% su base annua, il tasso più elevato da 26 anni), trainata essenzialmente dai rincari dell’energia e delle materie prime, che aumenta le pressioni sulle banche centrali, spingendo le politiche monetarie a muoversi in anticipo rispetto alle attese di qualche mese fa, e alimenta il rischio che l’erosione del potere di acquisto delle famiglie rallenti la ripresa, anche se in prospettiva non sono da attendersi nuove fiammate, con un tasso di inflazione che dovrebbe collocarsi nell’intorno del 3.5% nel 2022, ma scendere decisamente verso l’1% nel 2023.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Aste:200 scarpe disegnate da Virgil Abloh vendute per 25 mln
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
09 febbraio 2022
22:11
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Duecento paia di scarpe da basket Louis Vuitton-Nike disegnate da Virgil Abloh sono state vendute all’asta per 25 milioni di dollari.
Lo annuncia Sotheby’s con la France Presse.
Le scarpe sono state vendute in media a 100.000 dollari a paio.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa nervosa dopo Bce, debole Amsterdam
Piazza Affari tiene con Tim, spread sale a 158 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
10:18
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Qualche tensione sui mercati dopo i risultati dello ‘Srep’, il Processo di revisione e valutazione prudenziale, della Bce: le Borse hanno leggermente frenato e i titoli di Stato europei hanno aumentato i rendimenti.

Tra i listini azionari il più pesante è quello di Amsterdam, che scende dello 0,7%, con Londra e Parigi piatte, mentre Piazza Affari lima i rialzi e segna un aumento dello 0,3% dopo aver oscillato anche attorno alla parità.
In leggera crescita anche Francoforte e Madrid.
L’attesa degli operatori appare rivolta ai dati dell’inflazione degli Stati Uniti di gennaio che saranno diffusi nel primissimo pomeriggio, ma intanto lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 10 anni ha toccato i 158 punti base, con un rendimento del prodotto del Tesoro di qualche frazione sopra l’1,8%. In lieve rialzo sui 76 euro al Megawattora il gas naturale sui mercati europei.
In Piazza Affari proseguono gli acquisti su Tim (+3,3% a 0,43 euro), Nexi (+2,8%) e Fineco, che sale del 2,4%. Deboli Prysmian e Iveco in calo oltre il punto percentuale.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Per Uffizi +43% visitatori nel 2021 con oltre 1,7 mln presenze
Introiti per 14,7 mln euro. Schmidt: ‘Numeri incoraggianti’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
10 febbraio 2022
10:58
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sono stati 1.721.637 i visitatori delle Gallerie degli Uffizi a Firenze nel 2021, con un aumento del 42,7% rispetto all’anno precedente, segnato dal lockdown.
La crescita, spiega una nota, riguarda sia la Galleria delle Statue e delle Pitture nell’edificio vasariano (969.695 visitatori, +47,1% a confronto dei 659.043 del 2020), sia il Giardino di Boboli (512.633, +46,9% a confronto del 2020), sia Palazzo Pitti (239.309, +20,7% rispetto al 2020).

Stabile la crescita del pubblico giovanile che visita il museo: gli under 25 nel 2021 sono stati 326.185, quasi 100mila in più dell’anno prima (+42,3%). In aumento anche gli introiti, dai 9.806.783 euro nel 2020 a 14.742.830 (+50,3%), con quelli da bigliettazione cresciuti del +58,9%, passando da 7.427.105 euro a 11.802.916. Scelta vincente anche la diversificazione delle fonti di reddito al di fuori della bigliettazione, come ad esempio la vendita di una serigrafia digitale del Tondo Doni certificata con la tecnologia Nft, che hanno contribuito per il 13% al bilancio del 2021. Lo scorso anno ha registrato anche il restauro di 78 opere, mentre sono stati 79 gli interventi di recupero e progettazione architettonica. Sono state 25 le mostre organizzate: 10 alle Gallerie e 15 ‘off-site’ (da Forlì a Nîmes a Hong Kong), ma soprattutto 10 trasferte che si inseriscono nell’iniziativa degli Uffizi Diffusi. Nel corso del 2021 il patrimonio artistico delle Gallerie si è arricchito grazie a 8 donazioni di opere e 15 acquisizioni. Per il direttore Eike Schmidt “questi numeri incoraggianti, eccezionali rispetto alla situazione generale, sono dovuti al lavoro incessante svolto anche nel periodo più nero delle chiusure: i restauri, sia quelli architettonici che delle opere, non si sono mai fermati, i nuovi allestimenti sono continuati e il personale delle Gallerie si è adoperato in ogni modo per raggiungere virtualmente il pubblico e fare entrare il museo nelle case”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Aste: acquistato con criptovaluta diamante nero da record
Sotheby’s, forse è venuto dallo spazio
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
11:05
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato acquistato con una criptovaluta il diamante nero da record, forse venuto dallo spazio, battuto ieri all’asta da Sotheby’s per 3,16 milioni di sterline (3,75 milioni di euro): lo riporta la Bbc.

Nel dare l’annuncio ieri, la casa d’aste non aveva rivelato il nome dell’acquirente, ma a operazione conclusa l’imprenditore di criptovalute Richard Heart – fondatore della piattaforma di blockchain HEX – ha annunciato su Twitter di essere il nuovo proprietario del prezioso diamante denominato Enigma.
E Heart ha annunciato ai suoi oltre 180.000 follower che ribattezzerà il diamante con il nome di ‘HEX.com diamond’.
Enigma è il più grande diamante nero naturale del mondo.
Come ha spiegato Sotheby’s, a differenza dei diamanti classici che vengono estratti dalle viscere della terra, quelli neri si trovano maggiormente in superficie evocando “possibili origini extraterrestri”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ue rivede a ribasso previsioni Pil Italia, +4,1% nel 2022
Come prepandemia entro fine 2022 in tutti gli Stati membri
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
10 febbraio 2022
13:41
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’ Ue nelle stime invernali rivede a ribasso il Pil italiano nel 2022 prevedendo un +4,1% quando, nel rapporto dello scorso novembre, configurava una crescita al 4,3%.
Per il 2023 l’Ue stima un Pil al +2,3%.
“Le previsioni di breve termine sono oscurate dalla prolungata interruzione di forniture e dal brusco aumento dei prezzi dell’energia. Si prevede che l’erosione del potere di acquisto e l’attenuazione della fiducia dei consumatori scalfiscano la crescita reale nel breve periodo. Ci si aspetta che l’attività economica riguadagni slancio nel secondo trimestre e continui ad espandersi nella seconda parte dell’anno”, scrive l’Ue. L’Ue nel complesso ha raggiunto il livello del Pil precedente alla pandemia nel terzo trimestre del 2021 e si prevede che tutti gli Stati membri abbiano superato questa pietra miliare entro la fine del 2022. Il rallentamento della crescita configurato in autunno è stato più acuto del previsto. Ma, si sottolinea, “incertezza e rischi” per la ripresa “restano alti, notevolmente aggravati dalle tensioni geopolitiche in Est Europa”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Antitrust: multa a Prenotazioni24 per biglietti traghetti
Sanzione da 900mila euro per pratiche commerciali scorrette
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
11:23
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha sanzionato per complessivi 900mila euro Prenotazioni24, agenzia web attiva nella promozione, nella comparazione e nella rivendita online di biglietti di trasporto marittimo passeggeri attraverso quattro siti internet aziendali (www.traghettilines.it, http://www.tirrenia-prenotazioni.it, http://www.traghetti-grecia.it, http://www.traghetti-sardegna.it).
Secondo l’Autorità Prenotazioni24 ha attuato diverse pratiche commerciali scorrette e condotte illecite relative alle modalità di presentazione della società e delle caratteristiche dei servizi offerti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La prima pratica scorretta, sottolinea l’Antitrust, è consistita nella conformazione grafica e contenutistica del sito internet http://www.tirrenia.prenotazioni.it, che si occupa della promozione e della rivendita di biglietti per conto di Tirrenia, tale da non rendere subito percepibile ai consumatori il fatto di essere riferibile e gestito esclusivamente da Prenotazioni24 e non dall’omonima compagnia di navigazione.
Con la seconda pratica scorretta è stato accertato che la società ha prospettato tardivamente al consumatore l’esistenza e l’importo di diritti di prenotazione.
L’Autorità ha inoltre accertato condotte illecite relative all’addebito al consumatore di un’ulteriore fee,durante il booking online, in caso di scelta di un determinato mezzo di pagamento. Infine è stata ritenuta scorretta la limitata accessibilità, sui quattro siti aziendali, delle condizioni generali di vendita praticate da Prenotazioni24. L’Antitrust segnala che, già nel corso dell’istruttoria, Prenotazioni24 ha attuato interventi idonei ad impedire la prosecuzione delle condotte scorrette, accertate dall’Autorità.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Emma Marcegaglia entra nell’executive board di Business at Oecd
Pronti ad azioni concrete su disuguaglianze e per crescita equa
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
11:37
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Emma Marcegaglia, presidente e A.d.

di Marcegaglia Holding, è entrata nell’Executive Board di Business at Oecd (BIAC), l’organo consultivo economico e industriale istituito presso l’Ocse.

“Sono onorata di essere stata chiamata a far parte di un consesso di così grande prestigio dopo la straordinaria esperienza alla presidenza del B20 – ha commentato la past president di Confindustria -, sono sempre più convinta che il mondo delle imprese sia pronto ad assumersi le proprie responsabilità e ad agire concretamente per ridurre le disuguaglianze e garantire un futuro di crescita più equa, sostenibile e inclusiva. Dobbiamo spingere in direzione di una maggiore cooperazione, sostenendo il libero mercato e un vero e proficuo partenariato pubblico-privato: allineando le strategie e rimuovendo gli ostacoli, possiamo produrre benefici stabili per l’intera comunità internazionale”.
L’Executive Board , che si è riunito ieri pomeriggio per la prima volta, – ricorda una nota – è composto da 14 figure di spicco del mondo economico e industriale internazionale, scelte dalle principali organizzazioni che aderiscono al Business at Oecd ed elette dalla sua Assemblea Generale. La sua funzione è quella di confrontarsi regolarmente su un’ampia gamma di questioni politiche e di governance economica globale per decidere priorità e indicazioni strategiche da fornire all’Ocse.
Il mandato dura due anni. All’organismo, importante partner ufficiale, non solo dell’Ocse, ma anche di altre istituzioni di livello mondiale, aderiscono le principali organizzazioni imprenditoriali e datoriali dei paesi membri dell’Ocse, tra cui Confindustria. Si tratta di una rete internazionale di oltre 2.800 esperti che rappresentano più di 7 milioni di imprese di tutti i settori e le dimensioni.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano tiene (+0,6%) con Europa in attesa prezzi Usa
Bene Tim e Nexi. Gas stabile, spread a 156 punti base
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
12:21
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo la corsa di ieri, Piazza Affari e i listini azionari europei si mantengono generalmente sopra la parità in attesa del dato dell’inflazione statunitense di gennaio, che potrà influire sulle prossime mosse della Federal reserve.

Guardando alla boa di metà giornata, Milano è di qualche frazione la migliore con un rialzo dello 0,6%, seguita da Madrid (+0,4%), con Francoforte e Londra che salgono dello 0,2%.
Piatta Parigi, in calo dello 0,5% Amsterdam, appesantita da qualche gruppo delle materie prime.
Il gas naturale sui mercati europei resta comunque piuttosto stabile attorno ai 74 euro al Megawattora, così come i listini dei titoli di Stato sui quali lo spread Btp-Bund è a 156 punti base e il rendimento del prodotto del Tesoro all’1,78%.
In questo quadro, in Piazza Affari spingono sempre Nexi (+3,4%) e Tim, in rialzo di tre punti percentuali attorno a quota 0,43.
Molto bene anche Unicredit (+2,8%), con Cnh e Leonardo che salgono oltre i due punti percentuali. Volatile Iveco che ha ridotto le perdite dell’avvio e ora si muove attorno alla parità, fiacca Prysmian che cede lo 0,8%.
Tra i titoli a bassa capitalizzazione, prosegue la corsa di Banca Ifis (+6% a 20,4 euro) dopo i conti e il nuovo piano.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Stellantis: Polo Logistico nell’ex fabbrica Fiat di Rivalta
Chiusa nel 2002, qui sono nati modelli come Tipo, Uno e Alfa 166
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
10 febbraio 2022
12:30
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nasce nella storica fabbrica Fiat di Rivalta, dove sono stati prodotti modelli come la 124 Spider, la 128, la Fiat Uno, l’Alfa Romeo 166 e la Lancia Delta, il nuovo Centro Logistico Stellantis.
Realizzato con un investimento di 150 milioni di euro nell’ambito del piano industriale per l’Italia di oltre 5 miliardi di euro, serve 5.000 destinazioni europee.

Nell’ex impianto chiuso nel 2002 dopo 30 anni di attività, lavorano oltre mille persone, di cui 379 donne (il 37%): la maggior parte proviene da siti del gruppo come quelli di None e Volvera, dove prima erano dislocate varie attività di logistica, 150 sono nuovi assunti e se il business continuerà a crescere l’organico potrebbe aumentare.
“Dare nuova vita a uno stabilimento simbolo di una grande eredità industriale e trasformarlo in un centro di distribuzione internazionale di ricambi all’avanguardia e innovativo è un motivo di grande orgoglio” commenta Pietro Gorlier, chief parts and services officer di Stellantis. Grande attenzione all’aspetto ecologico, con quasi 3.000 pannelli solari in grado di autoprodurre oltre 1,1 MW di energia elettrica pari a circa il 17% del fabbisogno dello stabilimento, e alla sicurezza.
Il Parts Distribution Center di Rivalta rientra in una rete globale di Stellantis che raggruppa più di settanta centri di distribuzione ricambi e circa 11 mila dipendenti. I mercati di riferimento sono 167 mentre le linee di ordini giornaliere sono 350 mila (arrivano a più di 400 mila con le spedizioni intra magazzini) per raggiungere più di 6000 destinazioni.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund: a 157 punti base a metà giornata
Rendimento del prodotto del Tesoro all’1,79%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
13:09
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 10 anni vira la boa di metà giornata a 157 punti base, dopo un avvio a quota 155.

Il rendimento del prodotto del Tesoro è all’1,79%, dopo aver toccato in corso di seduta un massimo dell’1,82%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Balneari: Gentiloni, non si può ignorare regime competizione
‘Ma gare tengano conto di ricadute sociali e investimenti fatti’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
10 febbraio 2022
13:14
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Essendo il turismo così importante per un Paese come l’Italia, è molto importante investire e farlo con capacità di sfruttare al massimo quelle che sono le concessioni balneari, quindi queste concessioni vanno riassegnate attraverso meccanismi di gara.
Non significa ignorare il lavoro fatto, gli investimenti fatti, le ricadute sociali della riassegnazione, ma contemporaneamente non si può ignorare il fatto che siamo in un regime di competizione e ci possono essere investitori che di questo patrimonio fanno un uso migliore”.
Lo sottolinea in un punto stampa il commissario Ue agli Affari Economici, Paolo Gentiloni.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Abusivismo: Mims, nasce Banca dati nazionale, più controlli
Giovannini firma il decreto, si rafforza l’azione di contrasto
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
13:42
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
È stata istituita con decreto del ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, la Banca dati nazionale sull’abusivismo edilizio in cui saranno raccolte e rese disponibili le informazioni sugli immobili e le opere realizzate in violazione di legge.
Lo annuncia il Mims specificando che lo schema di decreto è stato oggetto di una informativa alla Conferenza Unificata del 2 febbraio scorso.

“Con la banca dati avremo finalmente a disposizione uno strumento informativo che ci consentirà di mettere a sistema le informazioni sulle opere abusive nel Paese e rafforzare le azioni di contrasto contro un fenomeno illegale che ha arrecato gravi danni alla vivibilità delle città e all’ambiente”, afferma il ministro Enrico Giovannini. “L’iniziativa richiede un’azione congiunta di diversi ministeri e la collaborazione di Regioni e di enti locali. Abbiamo così avviato un percorso virtuoso per proteggere e tutelare meglio i territori”.
Nella prima fase la banca dati sarà alimentata con le informazioni sugli immobili e le opere abusive oggetto delle segnalazioni effettuate dai Comuni. Le successive estensioni avverranno con la collaborazione dei ministeri dell’Interno, della Giustizia, della Transizione ecologica, della Cultura, dell’Economia e delle Finanze, dell’Agenzia delle Entrate, delle Regioni e dei Comuni. Il sistema consentirà di agevolare la programmazione e il monitoraggio degli interventi di demolizione delle opere abusive da parte dei Comuni. E proprio per sostenere i Comuni negli interventi di demolizione delle opere abusive è istituito al ministero un fondo di 15 milioni di euro, rifinanziato con la legge di bilancio per il 2022.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mediaset: titolo rimbalza (+5%) con no Francia e idea cedola
Dopo minimi recenti, conti 2021 a fine aprile
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
14:23
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Seduta di forte rimbalzo in Piazza Affari per Mediaset, ora Mfe: il titolo categoria B che rappresenta meglio i movimenti di Borsa sale del 5% a 1,2 euro dopo i minimi recenti a 1,09, mentre la categoria A (assegnata ai detentori del Biscione di lungo periodo) cresce del 10% a 0,83 dopo i livelli più bassi dei giorni scorsi a quota 0,72.

Secondo gli operatori, a premiare Mfe la conferma che il gruppo non ha presentato offerte in Francia per i ‘piccoli’ canali televisivi messi in vendita da Tf1 e M6, ma anche le attese sul dividendo da parte degli analisti finanziari.
La pubblicazione dei risultati annuali del Biscione, che guarda sempre a dossier internazionali, è comunque molto lontana, a fine aprile.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tlc: Basilicata prima regione a completare piano per la Bul
Ad oggi 75 Comuni completati da Open Fiber. Investiti 24 milioni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
POTENZA
10 febbraio 2022
14:36
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Basilicata sarà la prima regione d’Italia a completare il piano per la Banda ultra larga (Bul) che doterà 103 Comuni lucani, compresi nelle cosiddette “aree a fallimento di mercato”, di una tecnologia di trasmissione dei dati integralmente in fibra, per un investimento di 24 milioni di euro.
Sono 60 mila le unità immobiliari in regione già raggiunte dall’infrastruttura digitale, a fronte delle 66 mila complessive previste nel progetto pubblico varato da Infratel (società in house del Mise) e coordinato dalla Regione Basilicata.
Al momento, sono 75 i comuni completati dal concessionario Open Fiber.
La società (60% Cassa Depositi e Presiti e 40% Macquarie) si occupa della copertura sul territorio nazionale delle reti in fibra ottica di ultima generazione e in Basilicata investe anche fondi interamente privati: 17 milioni sono stati infatti stanziati per la copertura in fibra ottica di Potenza e Matera.
Attualmente, tra il capoluogo lucano e la Città dei Sassi sono circa 45 mila le unità immobiliari raggiunte da una infrastruttura capace di restituire velocità di connessione fino a 10 Gigabit al secondo. L’investimento privato si va quindi a sommare a quanto già fatto nelle zone meno popolate, le “aree bianche” finora sprovviste di collegamenti a banda ultralarga, con la Basilicata sul podio nazionale in termini di reti di telecomunicazioni ad altissima capacità.
In prospettiva, grazie ai fondi rinvenienti dal Piano nazionale di ripresa e resilienza, ed al piano “Italia a 1 giga”, entro il 2026 saranno coperte con la fibra ottica altre 160mila unità immobiliari in regione, che andranno a coprire completamente il territorio con un ulteriore investimento di circa 90 milioni di euro. Il bando collegato al Pnrr è stato varato nelle scorse settimane e verrà assegnato tra la primavera e l’estate 2022.   TECNOLOGIA

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: Europa riduce rialzo dopo inflazione Usa
Fari puntati su titoli Stato. Spread Btp-Bund sale a 159 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
14:44
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee limano i rialzi dopo i dati sull’inflazione Usa, in vista dell’avvio di Wall Street dove i future sono contrastati.
Fari puntati anche sull’andamento dei rendimenti dei titoli di Stato che si muovono in rialzo.

Piatto l’indice d’area Stoxx 600. Piatte Londra (+0,07%) e Milano (-0,01%), in rialzo Francoforte (+0,36%), Madrid (+0,56%), in calo Parigi (-0,1%). Lo spread tra Btp e Bund sale a 159 punti, con il rendimento del decennale italiano all’1,839%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa:Europa gira in calo dopo inflazione Usa,rialzo rendimenti
Spread Btp e Bund a 160 punti, tasso all’1,85%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
15:03
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee girano in calo dopo il dato sull’inflazione Usa.
Tensione sui titoli di stato con l’aumento dei rendimenti.
A Wall Street in calo i future.
L’indice d’area stoxx 600 cede lo 0,35%. In calo Parigi (-0,49%) e Milano (-0,1%), piatte Francoforte (-0,02%) e Londra (+0,04%) mentre sale Madrid (+0,3%).
Sul fronte dei titoli di Stato lo spread tra Btp e Bund sale a 160 punti, con il rendimento del decennale italiano all’1,85%.
Tensione anche sul tasso dei titoli denennali dei Paesi ‘periferici’ con la Spagna all’1,12% e Grecia al 2,508%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Poste: Lasco, coworking in 200 sedi, e in uffici servizi P.a.
Con Pnrr, spazi per professionisti, studenti, imprese, startup
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
15:06
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza, Poste Italiane punta anche ad una “valorizzazione” del suo patrimonio immobiliare “attraverso un progetto di coworking”.
Il condirettore generale, Giuseppe Lasco – riporta un comunicato dell’azienda – parlando al TgPoste ha spiegato: “Oltre 200 sedi di Poste Italiane potranno essere utilizzate da studenti, professionisti, imprese e startup.

Metteremo a disposizione del sistema Paese questi edifici, palazzi storici situati in zone centrali delle città, per offrire spazi moderni a prezzi accessibili anche in zone dove i grandi player di settore non vanno ad investire” con circa 7.000 uffici postali dei comuni più piccoli, nei quali saranno aperti sportelli unici per l’accesso ai servizi della Pubblica Amministrazione, e con una rete di oltre 200 aree di coworking su tutto il territorio nazionale.
E’ una delle “due direttrici” per l’azienda nel quadro del Pnrr “La prima riguarda la rete degli uffici postali: porteremo – spiega Lasco – alcuni servizi che al momento vengono erogati esclusivamente da uffici della P.a. all’interno dei nostri uffici postali, che saranno rinnovati e modernizzati per accogliere sportelli per la pubblica amministrazione”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bollette: Uecoop, sviluppo a rischio per 1 impresa su 4
Caro energia sta squilibrando parametri economici
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
15:16
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Per oltre 1 azienda su 4 (27%) il caro energia rischia di far saltate i piani di sviluppo del 2022 mettendo una seria ipoteca sulla crescita del Paese in termini di economia e lavoro.
E’ quanto emerge dall’indagine dell’Unione europea delle cooperative.

Il caro energia “sta squilibrando tutti i parametri economici nei contratti per la fornitura di beni e servizi o per la gestione di attività sociali, assistenziali ed educative con la rete delle 80 mila cooperative italiane che a livello nazionale – sottolinea Uecoop – impiegano oltre un milione di persone dalla salute al sociale, dai servizi alla logistica, dal turismo all’alimentare, dalla scuola allo sport fino agli spettacoli. Con l’85% delle merci che viaggia su strada – evidenzia Uecoop – il caro prezzi minaccia anche le catene di approvvigionamento considerato che la benzina ha sfondato i 2 euro al litro con aumenti a due cifre per il pieno al distributore”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Rialzo dell’inflazione anche in Usa +7,5%, spread ai massimi da 9 mesi
I prezzi al consumo americani sono saliti sopra le attese degli analisti trascinati da alimentari, energia, auto usate. La Fed verso il rialzo dei tassi. Inflazione in rialzo anche in Europa al 3,5% nel 2022
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
20:03
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fiammata dell’inflazione anche negli Usa.
I prezzi al consumo negli Stati Uniti in gennaio sono saliti del 7,5%, ai massimi dal febbraio 1982 e oltre le previsioni del mercato.
L’aumento su base mensile è stato dello 0,6%, sopra le attese degli analisti. L’incide core dell’inflazione, quello al netto di energia e alimentari e il preferito della Fed, ha segnato un aumento del 6% accelerando rispetto al 5,5% di dicembre. I prezzi delle auto usate, schizzati del 40,5% rispetto a gennaio dello scorso anno, hanno contribuito al balzo dell’inflazione. Gli alimentari hanno segnato un aumento del 7%, spingendo al rialzo i prezzi dei ristoranti e dei fast-food, rincarati dell’8%. I prezzi dell’energia sono saliti dello 0,9% rispetto a dicembre e del 27% su base annua.Il dato dell’inflazione Usa trascina lo spread tra Btp e Bund che sale a 160 punti base, rispetto ai 155 punti dell’avvio di seduta. Il rendimento sale all’1,84%, portandosi ai livelli di metà maggio 2020.
Schizzano le chance di un aumento dei tassi da mezzo punto percentuale da parte della Fed in marzo. In seguito al balzo dell’inflazione, gli swap indicano una 1 chance su 2 che la Fed alzi il costo del denaro di 50 punti base.  “La Fed ha offerto un sostegno straordinario durante la crisi. Data la forza della nostra ripresa e la recente velocità dei rialzi dei prezzi, è appropriato per la banca centrale ricalibrare il sostegno”. Lo afferma la Casa Bianca.
“Anche se il dato” sull’inflazione è alto, “si continua a prevedere un allentamento dei prezzi sostanziale entro la fine del 2022”: “continueremo a usare tutti gli strumenti a nostra disposizione per vincere la battaglia” dei prezzi. Lo afferma Joe Biden.
LE PREVISIONI EUROPEE – In Europa la Commissione ha rivisto al rialzo le attese sull’inflazione per gli alti prezzi dell’energia, ma anche per l’ampliamento delle pressioni inflazionistiche su altre categorie di beni a partire dall’autunno. Nel complesso, l’inflazione nell’area dell’euro, secondo le stime di Bruxelles, nel 2022 arriverà al 3,5% (il 3,9 nell’Ue) prima di scendere all’1,7% (1,9% nell’Ue) nel 2023. Per l’Italia l’inflazione dopo l’1,9% del 2021 è attesa sopra il livello dell’eurozona e al 3,8% nel 2022, per andare poi scendere all’1,6% nel 2023. In autunno l’inflazione nell’eurozona era stata stimata al 2,4% nel 2021, al 2,2% nel 2022 e all’1,4% per il 2023.
“L’inflazione ha alzato la testa negli ultimi mesi del 2021”, rispetto alle precedenti stime “ci si attende che i prezzi dell’energia restino alti per un lungo periodo e questo creerà problemi su alcune categorie di beni e servizi”. Lo sottolinea il commissario Ue agli Affari Economici Paolo Gentiloni presentando le stime economiche invernali. “L’incertezza resta a livelli preoccupanti”, spiega il commissario parlando comunque di “rischi bilanciati per l’economia”. “I fondamentali restano solidi, ci aspettiamo che l’economia Ue riprenderà slancio”, aggiunge. “Il contesto italiano è quello di un’economia che tende a riprendere i livelli di crescita pre-pandemia forse più velocemente di quanto immaginato tempo fa. Le previsioni di crescita positive sono collegate alla buona attuazione del Pnrr sul quale il governo italiano è pienamente impegnato. Noi in tutte le nostre previsioni abbiamo considerato l’influenza dei Pnrr nazionali sugli investimenti, come se andasse tutto nella direzione giusta”.
L’APPELLO DEI SINDACATI EUROPEI -Nelle previsioni economiche diffuse oggi la Commissione Ue “è chiara sul fatto che il forte aumento dei prezzi dell’energia e le strozzature sul lato dell’offerta sono responsabili dell’aumento dell’inflazione”. I salari “non figurano come un fattore aggravante”. Lo dichiara in una nota Liina Carr, segretaria della confederazione europea dei sindacati Etuc. “La Commissione afferma che il terzo trimestre del 2021 ha visto ‘il tasso di crescita più lento da quando è scoppiata la pandemia’ e che i salari sono scesi in termini reali “tenendo conto del forte aumento dei prezzi al consumo”, nota quindi: “E’ chiaro che i lavoratori dovranno essere compensati per le recenti perdite, nonché i salari sono stati molto indietro rispetto alla produttività per l’ultimo decennio”. Secondo il sindacato europeo “il fatto che l’economia europea sia tornata ai suoi livelli pre-pandemici così rapidamente” va chiaramente legato al Recovery e alle rapide risposte politiche, contrariamente all’austerità del 2008 “che ha solo prolungato la crisi”. “Forti investimenti pubblici sono fondamentali per stimolare la crescita”, segnala dunque l’Etuc e serve “una profonda revisione delle regole di bilancio, se l’attuale ripresa deve essere sostenuta per affrontare le grandi sfide che ci attendono”. E’ “assolutamente necessaria” una riforma delle regole economiche Ue, sottolinea quindi Carr, “per garantire che gli investimenti pubblici continuino nella misura necessaria a superare la pandemia, anche per far fronte alla ‘maggiore pressione’ sui servizi sanitari pubblici prevista dalle attuali previsioni”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa:Europa aumenta calo con Wall Street e inflazione Usa
Piazza Affari cede lo 0,2%. Spread Btp-Bund a 161 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
15:44
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee aumentano il calo dopo l’avvio in terreno negativo di Wall Street e con l’inflazione Usa che galoppa.
Dopo la tregua della vigilia torna il nervosismo sui titoli di Stato con i rendimenti in rialzo.

Sui mercati pesano anche le notizie sulle tensioni tra Russia e Ucraina. Resta alta l’attenzione sul fronte delle materie prime mentre sono in calo il petrolio e il gas.
L’indice d’area stoxx 600 cede lo 0,6%. In flessione Parigi (-1%), Francoforte (-0,4%), Madrid e Londra (-0,1%) e Milano (-0,2%). I listini sono appesantiti dal comparto dei tecnologici (-1,9%), le auto (-1,4%), l’energia (-1%) e le utility (-0,5%).
Tengono le banche (+0,1%) e le Tlc (+0,3%).
A Piazza Affari scivola Nexi (-5,3%), dopo i conti. Male anche Erg (-2,9%), Moncler (-2,5%), Ferrari (-2,4%) e Alerion (-2%). Si mettono in mostra Banca Ifis (+6,3%), dopo il nuovo piano, Cnh (+3,1%) e Tim (+3,1%). Lo spread tra Btp e Bund prosegue a 161 punti base, con il rendimento del decennale italiano all’1,876%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Vodafone dice No a Iliad. Il gruppo francese: ‘In Italia avanti da soli’
Secondo Vodafone la proposta ‘Non è nel migliore interesse dei soci’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
18:11
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Vodafone ha rifiutato la manifestazione preliminare di interesse per il 100% di Vodafone Italia arrivata da Iliad e Apax Partners perché “non è nel migliore interesse dei soci”.

Respingendo l’offerta il consiglio e la direzione di Vodafone sottolineano di rimanere “concentrati sulla fornitura di valore per gli azionisti attraverso una combinazione della sua strategia di crescita organica a medio termine e dell’ottimizzazione continua del portafoglio” anche se “continuano a perseguire pragmaticamente diverse opportunità di consolidamento che accrescano il valore per fornire strutture di mercato sostenibili nei suoi principali mercati europei, inclusa l’Italia” si legge in una nota del gruppo di tlc.
Iliad “prende atto del rifiuto da parte di Vodafone della sua offerta da 11,25 miliardi di euro per Vodafone Italia” e precisa che iliad Italia “perseguirà la sua strategia stand-alone”.
Il gruppo francese difende la sua offerta: “aveva i meriti di riflettere un premio molto elevato per Vodafone Italia; essere un’offerta in contanti al 100%; beneficiare a pieno del forte sostegno finanziario di una delle prime 3 banche europee e di un partner finanziario; rispondere alla volontà del management di Vodafone di consolidamento in Italia; essere nel migliore interesse degli azionisti di Vodafone”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Banca Finnat: utile 2021 sale a 6,1 milioni
Aumento commissioni. Meno rettifiche di valore
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
15:50
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Banca Finnat chiude il 2021 con un aumento dell’utile netto a 6,1 milioni di euro contro i 5,1 milioni del 2020.
Il Margine d’Intermediazione, sottolinea il gruppo, si è attestato ad 67,5 milioni rispetto ad 68,2 milioni (-1%) grazie all’ incremento delle Commissioni Nette dell’11% (da 49,4 milioni a 54,9 milioni).
a fronte, tuttavia, della diminuzione dei Dividendi e proventi simili per 1,07 milioni e di minori Utili da cessione di Attività finanziarie per 1,27 milioni. Le Rettifiche di valore nette per rischio di credito relativo ad attività finanziarie si riducono 1,1 milioni rispetto ad 5,2 milioni a fine dicembre. “La variazione è attribuibile principalmente a minori rettifiche analitiche su posizioni deteriorate effettuate dalla Banca pur mantenendo invariato il tasso di copertura dei crediti non performing” sottolinea il comunicato sui conti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Landini, oggi si può ricostruire sindacato unitario
Fondato su autonomia, democrazia, partecipazione, rappresentanza
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
16:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Dobbiamo ragionare sull’unità sindacale con un profilo diverso.
La scissione dei sindacati negli anni ’50 avvenne sulla base dell’appartenenza politica in un mondo diviso in blocchi.
Quella condizione oggi non c’è più.
E le ragioni che portarono a quella rottura non possono più essere considerate come motivo ostativo alla ricostruzione di un soggetto sindacale unitario, democratico, plurale”. Così il leader della Cgil, Maurizio Landini. Un soggetto, aggiunge, “che può nascere dal basso e può realizzarsi mettendo in pratica un’idea di sindacato fondato sull’autonomia, sulla democrazia, sulla partecipazione, sulla rappresentanza”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Usa: inflazione galoppa, prezzi al consumo +7,5% in gennaio
Ai massimi dal 1982 e sopra le attese degli analisti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
10 febbraio 2022
16:15
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
I prezzi al consumo negli Stati Uniti in gennaio sono saliti del 7,5%, ai massimi dal febbraio 1982 e oltre le previsioni del mercato.
L’aumento su base mensile è stato dello 0,6%, sopra le attese degli analisti.

L’incide core dell’inflazione, quello al netto di energia e alimentari e il preferito della Fed, ha segnato un aumento del 6% accelerando rispetto al 5,5% di dicembre. I prezzi delle auto usate, schizzati del 40,5% rispetto a gennaio dello scorso anno, hanno contribuito al balzo dell’inflazione. Gli alimentari hanno segnato un aumento del 7%, spingendo al rialzo i prezzi dei ristoranti e dei fast-food, rincarati dell’8%. I prezzi dell’energia sono saliti dello 0,9% rispetto a dicembre e del 27% su base annua.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
I prezzi al consumo negli Stati Uniti in gennaio sono saliti del 7,5%, ai massimi dal febbraio 1982 e oltre le previsioni del mercato.
L’aumento su base mensile è stato dello 0,6%, sopra le attese degli analisti.

L’incide core dell’inflazione, quello al netto di energia e alimentari e il preferito della Fed, ha segnato un aumento del 6% accelerando rispetto al 5,5% di dicembre. I prezzi delle auto usate, schizzati del 40,5% rispetto a gennaio dello scorso anno, hanno contribuito al balzo dell’inflazione. Gli alimentari hanno segnato un aumento del 7%, spingendo al rialzo i prezzi dei ristoranti e dei fast-food, rincarati dell’8%. I prezzi dell’energia sono saliti dello 0,9% rispetto a dicembre e del 27% su base annua.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fed: 50% chance alzi tassi di mezzo punto a marzo
Lo segnalano gli swap dopo il balzo dell’inflazione
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
10 febbraio 2022
16:17
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Schizzano le chance di un aumento dei tassi da mezzo punto percentuale da parte della Fed in marzo.
In seguito al balzo dell’inflazione, gli swap indicano una 1 chance su 2 che la Fed alzi il costo del denaro di 50 punti base.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa nervosa con rendimenti, Milano +0,2%
L’euro in rialzo sul dollaro. Spread Btp-Bund a 160 punti base
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
16:22
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee si mostrano nervose con Wall Street in calo e l’inflazione negli Stati Uniti che galoppa.
Prosegue la tensioni sui titoli di Stato con il rialzo dei rendimenti.
Sotto i fari anche l’andamento dei prezzi delle materie prime, con il petrolio che rialza la testa mentre il gas prosegue in calo. Resta alta l’attenzione sulle frizioni tra Russia e Ucraina. Sul fronte valutario l’euro sul dollaro prosegue in rialzo a 1,1438 a Londra.
L’indice d’area stoxx 600 cede lo 0,1%. In flessione Parigi (-0,4%), tornano in terreno positivo Londra (+0,3%), Francoforte e Madrid (+0,2%), Milano (+0,2%). I listini sono appesantiti dalle auto (-0,5%), dai tecnologici (-1%), energia e utility (-0,2%). Tengono le banche (+0,2%).
Sul fronte delle materie prime il prezzo del petrolio è in rialzo con il Wti che sale a 90,76 dollari al barile (+1,2%) e il brent a 92,46 dollari (+1%). In flessione il gas. Ad Amsterdam le quotazioni scendono dell’1,3% a 73,45 euro al Mwh.
A Londra il prezzo scende dell’1,2% a 177,31 penny per Mmbtu.
A Piazza Affari scivola Nexi (-4,5%). Male anche Ferrari (-2,2%) e Moncler (-2,1%). Vendite anche su Enel e Alerion (-0,7%) e Snam (-0,5%). Corre Banca Ifis (+6,9%), dopo il nuovo piano industriale, Cnh (+3,7%) e Tim (+2,9%). Tra le banche si mettono in mostra Unicredit (+2,8%) e Intesa (+1,5%). Lo spread tra Btp e Bund prosegue a 160 punti base, con il rendimento del decennale italiano all’1,86%. Salgono anche i rendimenti dei decennali degli altri Paesi ‘periferici’ con la Spagna all’1,14% e la Grecia al 2,51%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Pagamenti digitali: EY, entro 2025 saranno il 50% del totale
In forte crescita il contactless (+66%) e il mobile (+108%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
16:25
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Entro 3 anni il 50% dei pagamenti effettuati in Italia avverranno senza l’uso del contante.
E’ quanto emerge dai risultati della ricerca sullo stato dell’arte dei digital payments presentati da Ey durante il webinar “Payments (r)evolution: il futuro dell’ecosistema dei pagamenti”.

L’Osservatorio stima che il mercato italiano dei pagamenti digitali potrebbe aver raggiunto i 311 miliardi a fine 2021, con una crescita media a partire dal 2015 pari all’8%. In particolare stanno crescendo notevolmente i pagamenti contactless, aumentati del 66% nel primo semestre 2021 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, così come i pagamenti Mobile, cresciuti del 108% dal primo semestre 2020 allo stesso periodo 2021.
La ricerca di EY sottolinea come più della metà degli intervistati indica tra i principali trend innovativi il Buy Now Pay Later (+292% tra il 2018 e il 2020), seguiti dai prodotti basati su blockchain e le Super App di pagamento, cioè singole applicazioni che racchiudono al loro interno un’ampia offerta di funzionalità legate all’esperienza di pagamento.
Tra le principali criticità legate al business dei pagamenti, invece, si evidenziano la corretta rilevazione di frodi di pagamento e riciclaggio, rispettivamente indicate dal 36% e dal 25% degli intervistati, ma soprattutto i rischi maggiormente percepiti dai player sono la compliance normativa (60%) e l’alta competizione (59%).
Diverso, invece, il discorso che riguarda le criptovalute. Il 60% degli intervistati non ritiene che si assisterà a un’accettazione diffusa dei pagamenti in cripto-valute entro il 2025 a causa della scarsa cultura di consumatori e commercianti sul tema, che si somma all’assenza di una regolamentazione comunitaria, trasparente e ben definita.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Al via produzione Mole Urbana, svelata fabbrica pilota
Settanta assunti entro il 2023. Up investirà 3 milioni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
10 febbraio 2022
16:53
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
E’ già partita la produzione di Mole Urbana, il quadriciclo elettrico del designer Umberto Palermo.
Lo stabilimento pilota è una fabbrica ex Stola, poi Blutec, di Rivoli (Torino), in attesa della chiusura della trattativa con il Mise per l’acquisto del ramo d’azienda storico.
“Il dialogo con i commissari Blutec va avanti, auspichiamo che si chiuda entro metà marzo. Subito dopo annunceremo in una conferenza stampa i dettagli del piano industriale. Se l’esito del negoziato con il Mise non sarà positivo andremo avanti comunque”, spiega Palermo.
I dipendenti oggi sono 15, ma si potrebbe arrivare fino a 70 nel 2023 e anche oltre se l’andamento delle vendite sarà positivo. Responsabile dello sviluppo del prodotto e del processo è Massimo Mancin, che ha maturato esperienze in Indesit e in Fiat, alla Snia e alla Sevel di Napoli. Per l’omologazione della gamma del quadriciclo è stata scelta la società tedesca Dekra.
Entro giugno dalla fabbrica pilota usciranno i primi 50 esemplari per i test, i collaudi e l’omologazione, mentre il taglio del nastro della della produzione per la vendita è la fine del 2022, crisi dei microchip permettendo. L’obiettivo di Palermo, che per Mole Urbana ha già investito un milione e ne prevede nel piano industriale altri 3, è arrivare a 5.000 unità nel terzo anno di produzione, numero che potrebbe raddoppiare se andranno in porto trattative in corso per il delivery. Un progetto parallelo a Mole Urbana è quello dell’allestimento di veicoli commerciali sulla base di un brevetto ideato da Palermo.
I componenti di Mole Urbana provengono dalla componentistica marchigiana.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude in positivo (+0,23%)
Indice Ftse Mib a 27.190 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
10 febbraio 2022
17:42
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano chiude in positivo.
L’indice Ftse Mib guadagna lo 0,23% a 27.190 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Usa:appropriato per la Fed ricalibrare sostegno all’economia
Lo afferma la Casa Bianca
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
10 febbraio 2022
17:44
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“La Fed ha offerto un sostegno straordinario durante la crisi.
Data la forza della nostra ripresa e la recente velocità dei rialzi dei prezzi, è appropriato per la banca centrale ricalibrare il sostegno”.
Lo afferma la Casa Bianca.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa chiude contrastata,con inflazione Usa occhi su Fed
Parigi (-0,41%), Francoforte (+0,05%), Londra (+0,38)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
18:04
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee chiudono in ordine sparso, dopo il dato sull’inflazione Usa e le preoccupazioni per una azione più aggressiva della Fed in tema di politica monetaria.
I mercati azionari e i titoli di Stato hanno mostrato nervosismo con il balzo dei rendimenti in Europa e il Treasury a 10 anni che ha toccato il 2% per la prima volta dal 2019.
Sotto i riflettori anche i rincari dell’energia che minaccia la ripresa economica mentre si inaspriscono le tensioni tra Russia e Ucraina. Sul fronte valutario l’euro sul dollaro si rafforza a 1,1487 a Londra.
L’indice d’area stoxx 600 cede lo 0,21%. In flessione Parigi (-0,41%), piatta Francoforte (+0,05%), in positivo Londra (+0,38) e Madrid (+0,45%).

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Superbonus:Ruffini, frodi per 4,4 mld da crediti inesistenti
A dicembre 2021 oltre 38,4 mld cessioni crediti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
18:10
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Fino ad oggi, l’attività di analisi e controllo condotta ha consentito di individuare, all’Agenzia delle entrate e alla Guardia di finanza, un ammontare complessivo di crediti d’imposta inesistenti di cui agli articoli 119 e seguenti del Decreto Rilancio di 4,4 miliardi di euro”.
Lo afferma il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, in audizione al Senato sul dl Sostegni Ter.
Al 31 dicembre 2021, “le prime cessioni e gli sconti in fattura comunicati all’Agenzia delle entrate attraverso l’apposita piattaforma sono stati: quasi 4,8 milioni; per un controvalore complessivo di oltre 38,4 miliardi di euro”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund chiude a 160 punti, rendimento all’1,887%
Il decennale Spagna sale all’1,167% e Grecia al 2,526%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
18:11
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tensione in Europa sui titolo di Stato dopo il dato dell’inflazione Usa e l’impennata dei rendimenti dei Treasury a 10 anni.
Lo spread tra Btp e Bund conclude la seduta in rialzo a 160 punti, rispetto ai 155 punti dell’avvio di seduta ed i 154 punti della vigilia.
Il rendimento del decennale italiano è salito all’1,887%, rispetto all’1,748 di ieri e dell’1,77 dell’inizio di giornata e dopo aver toccato il massimo di giornata all’1,919%. Nervosismo anche sui titoli di Stato degli altri Paesi ‘periferici’ con il tasso del decennale della Spagna all’1,167% e quello della Grecia al 2,526%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund chiude a 160 punti, rendimento all’1,887%
Il decennale Spagna sale all’1,167% e Grecia al 2,526%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
18:11
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tensione in Europa sui titolo di Stato dopo il dato dell’inflazione Usa e l’impennata dei rendimenti dei Treasury a 10 anni.
Lo spread tra Btp e Bund conclude la seduta in rialzo a 160 punti, rispetto ai 155 punti dell’avvio di seduta ed i 154 punti della vigilia.
Il rendimento del decennale italiano è salito all’1,887%, rispetto all’1,748 di ieri e dell’1,77 dell’inizio di giornata e dopo aver toccato il massimo di giornata all’1,919%. Nervosismo anche sui titoli di Stato degli altri Paesi ‘periferici’ con il tasso del decennale della Spagna all’1,167% e quello della Grecia al 2,526%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano regge con Europa all’urto dell’inflazione Usa
In positivo energia e banche. Spread Btp-Bund a 160 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
10 febbraio 2022
18:33
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano (+0,23%) regge con gli altri listini europei all’urto dell’inflazione Usa.
Dopo un pomeriggio di nervosismo i mercati hanno concluso la seduta senza particolari danni, nonostante la tensione sui titoli di Stato che ha portato ad un netto aumento dei rendimenti.
A fine giornata lo spread tra Btp e Bund ha chiuso in rialzo a 160 punti, con il tasso del decennale italiano balzato all’1,887%, portandosi ai livelli di metà maggio del 2020.
Piazza Affari è stata sostenuta dalle banche con Unicredit (+3,2%), Intesa (+2,3%), Mps (+1%). Bene anche l’energia, con l’andamento del prezzo del petrolio. In luce Saipem (+2,7%), alle prese con le stime di rosso nei conti. Bene anche Tenaris (+1%) e Eni (+0,3%). Nel listino principale sugli scudi Cnh (+4,3%) e Tim (+1,3%).
In ordine sparso le utility con le ipotesi di intervento per contenere il rincaro dell’energia. In calo Enel (-0,7%), Erg (-2%), Alerion (-1,1%), mentre chiudono in rialzo A2a e Iren (+0,3%), Hera (+0,7%). Seduta in calo per Nexi (-5%), dopo i conti del 2021. Performance negativa anche per Ferrari (-2,4%), Moncler (-1,7%) e Amplifon (-1%).
Fuori dal listino principale balzo di Banca Ifis (+6,88%), dopo il nuovo piano industriale che prevede 164 milioni di euro di utile netto al 2024.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fed: Bullard apre a rialzo tassi mezzo punto, primo da 2000
+100 punti i tassi entro il primo luglio
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
10 febbraio 2022
20:30
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente della Fed di St.    Louis, James Bullard, apre al primo aumento dei tassi da mezzo punto dal 2000 per far fronte alla volata dell’inflazione.
In un’intervista all’agenzia Bloomberg, Bullard si dice favorevole a un aumento del costo del denaro da 50 punti base, così da far salire i tassi di 100 punti entro l’1 luglio.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: chiude in rialzo a New York a 89,88 dollari
Quotazioni salgono dello 0,3%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
10 febbraio 2022
20:40
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il petrolio chiude in rialzo a New York, dove le quotazioni salgono dello 0,3% a 89,88 dollari al barile.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro in calo in avvio, scende a 1,1376 dollari
Moneta unica scambiata a 132 yen
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
08:05
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’euro è in deciso calo rispetto al dollaro in avvio di giornata.
Dopo la chiusura di ieri a 1,1430 dollari, la moneta unica è scesa sotto quota 1,14 portandosi a 1,1376 dollari (-0,5%).

Segno più invece nello scambio con lo yen: l’euro è a 132 contro la moneta nipponica, in rialzo dello 0,47%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: prezzi ancora giù, Wti a 89,25 dollari
Brent in ribasso ma ancora sopra la soglia dei 90 dollari
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
08:05
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Scendono ancora questa mattina i prezzi del petrolio.
Il Wti americano con consegna a marzo arretra dello 0,7% scendendo a 89,25 dollari al barile, mentre il Brent segna un ribasso dello 0,9% a 90,58 dollari.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa:Asia chiude in calo con inflazione Usa e rendimenti
Chiusa Tokyo per festività, in flessione la Cina
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
08:15
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse asiatiche chiudono in calo, orfane di Tokyo chiusa per festività, in scia con Wall Street.
Sui mercati pesa il dato sull’inflazione Usa e le tensioni sui titoli di Stato con l’aumento dei rendimenti.
Si guarda anche all’andamento dei prezzi delle materie prime, in particolare petrolio e gas, mentre proseguono le frizioni tra Russia e Ucraina.
Chiusura in calo per la Cina. A contrattazioni ancora in corso sono in negativo Hong Kong (-0,58%), Shanghai (-0,61%), Shenzhen (-1,7%), Seul (-0,87%) e Mumbai (-1,5%).
Giornata scarna di indicatori macroeconomici. Dopo il Pil e la produzione industriale del Regno Unito e l’inflazione della Germania, in arrivo dagli Stati Uniti l’indice di fiducia dei consumatori.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund apre in rialzo a 162 punti, rendimento 1,9%
Tasso decennale Spagna all’1,168% e Grecia al 2,529%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
08:30
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio di seduta in tensione per i titoli di Stato dopo l’inflazione Usa.
Lo spread tra Btp e Bund apre in rialzo a 162 punti, rispetto ai 160 punti della chiusura di ieri.
Il rendimento del decennale italiano sale all’1,9%, rispetto all’1,887% della vigilia.
In rialzo anche i rendimenti dei decennali degli altri Paesi ‘limitrofi’ con la Spagna all’1,168% e la Grecia al 2,529%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano apre in netto calo (-1,25%)
Il primo indice Ftse Mib a 26.850 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
11 febbraio 2022
09:06
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano apre in netto calo, dopo l’inflazione Usa e le tensioni sui titoli di Stato.

Il primo indice Ftse Mib cede l’1,25% a 26.850 punti.
Lo spread tra Btp e Bund prosegue a 163 punti base, con il rendimento del decennale italiano all’1,903%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano prosegue in netto calo con banche e utility
In flessione anche l’energia. Lo spread Btp-Bund a 164 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
09:44
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano (-1,3%) prosegue in netto calo, in linea con gli altri listini europei dopo l’inflazione Usa e le tensioni sui titoli di Stato.
A Piazza Affari pesano le banche e le utility.
Lo spread tra Btp e Bund sale a 164 punti, con il rendimento del decennale italiano che scende all’1,895%, dopo un avvio di seduta all’1,9%.
Non riesce a far prezzo Banco Bpm dopo le indiscrezioni su una possibile Opa di Unicredit (-1%). In territorio negativo Mediolanum (-2,9%) e Banca Generali (-2,5%). Andamento negativo per Intesa (-1,7%), Bper (-0,9%) e Mps (-0,9%).
In flessione le utility con A2a (-1,7%), Italgas (-1,8%), Hera (-1,4%), Enel (-1,5%). Male anche l’energia dove si registrano vendite su Saipem (-1,2%), alle prese con le stime di rosso sui conti del 2021, Tenaris (-1,1%) e Eni (-0,8%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Unicredit guarda a Bpm, Banco non fa prezzo in Borsa
Secondo indiscrezioni nel week end possibile proposta Orcel
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
10:08
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Banco Bpm non è ancora entrata in contrattazione a Piazza Affari dove il titolo resta in preapertura, con un rialzo teorico del 7,6%, dopo le indiscrezioni si stampa relative a una possibile Opa di Unicredit.

Secondo il Messaggero dietro il balzo dell’8% di Bpm in Borsa, mercoledì scorso, non ci sarebbero solo i buoni numeri del bilancio ma anche il fatto che, fallita l’acquisizione di Mps, “l’istituto di Orcel sia tornato in manovra” su Piazza Meda.
Al punto che “ai piani alti della finanza” ma anche “in ambienti del governo” c’è chi “non esclude che a cavallo del week end Unicredit possa farsi avanti con una proposta” e “c’è chi parla addirittura di Opa”.
A Piazza Affari Unicredit cede l’1% a 15,69 euro in attesa che, eventualmente anche su richiesta della Consob, il gruppo guidato da Orcel chiarisca le sue intenzioni. Banco Bpm è da tempo indicata dagli analisti come la preda ideale per Unicredit, in grado di far crescere il gruppo di Orcel specialmente al Nord e assicurargli dimensioni analoghe a quelle di Intesa Sanpaolo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Unipol, utili a 796 milioni, cedola 0,3 euro. Batte il piano
Anche UnipolSai supera gli obiettivi del piano triennale
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
10:09
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il gruppo Unipol batte i target del piano triennale ‘Mission evolve’, generando utili, staccando dividendi e mantenendo un livello di solidità patrimoniale superiore a quelli promessi al mercato.
Al risultato hanno contribuito i conti del 2021 appena approvati, che hanno visto il gruppo guidato da Carlo Cimbri realizzare un utile di 796 milioni di euro (seppure in flessione rispetto agli 864 milioni di un 2020 straordinario per effetto del crollo dei sinistri legato al lockdown), proporre una cedola di 0,3 euro (+7,1%), raccogliere 13,3 miliardi di premi (+9,2%) e mantenere un indice solvency ratio al 216%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel triennio il gruppo ha realizzato utili consolidati cumulati per 2.326 milioni, staccato dividendi per 617 milioni e raggiunto un solvency ratio del 216%. Le previsioni erano di 2 miliardi di utili, 600 milioni di dividendi e di un solvency ratio compreso tra il 140 e il 160%, a fronte di una banda di oscillazione effettiva, negli ultimi tre anni, del 153%-216%.
Stesso discorso per la controllata UnipolSai che nel triennio ha generato utili per 2.231 milioni, contro i 2 miliardi messi a piano, erogato dividendi per 1.528 milioni, a fronte degli 1,3 miliardi attesi, e mantenuto un solvency ratio tra il 200 e il 290%, contro un range del 170-200%. Il 2021 ha generato 723 milioni di utili, in calo dagli 853 milioni del 2020, con un dividendo stabile a 0,19 euro ad azione, una raccolta salita del 9,2% a a 13,3 miliardi, e un indice solvency ratio salito dal 281% al 286%.
Nel danni la raccolta è cresciuta dello 0,8% a 7,9 miliardi mentre nel vita del 24,4% a 5,4 miliardi, grazie alla spinta del canale bancassicurativo dove la controllata Arca Vita un +112,6% a 2,42 miliardi, beneficiando dell’ampliamento della rete di Bper Banca a seguito dell’acquisizione degli sportelli di Ubi.
La tenuta della raccolta nel danni è stata resa possibile dai “buoni risultati” dal comparto non auto, che hanno assorbito il calo del 3,7% a 3,84 miliardi dell’auto, penalizzata “dalla discesa del premio medio” in un mercato “molto concorrenziale”.
L’utile ante imposte danni è sceso da 1,1 miliardi a 821 milioni, mentre nel vita è triplicato, da 71 a 213 milioni.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa:Europa rallenta ancora, timori stretta banche centrali
Pesano le utility e l’energia. L’euro in calo sul dollaro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
10:13
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee rallentano ancora mentre si accentuano i timori per una stretta delle banche centrali sulla politica monetaria.
Dopo il dato dell’inflazione Usa si teme che nella Fed possa prevalere la linea dei falchi sul tema del rialzo dei tassi.
Pesano anche le previsioni di un rallentamento della crescita economica a causa dei rincari dell’energia e delle materie prime. Sul fronte valutario l’euro sul dollaro scende a 1,1396 a Londra.
L’indice d’area stoxx 600 cede l’1,1%. In flessione Parigi (-1,1%), Madrid (-1,2%), Francoforte (-0,9%) e Londra (-0,8%). I listini sono appesantiti dalle utility (-1,4%), con il prezzo del gas in calo mentre i Governi predispongono misure per il frenare i rincari dell’energia. Ad Amsterdam le quotazioni scendono del 2,1% a 72,78 euro al Mwh. A Londra il prezzo scende dell’1,2% a 175,96 penny per Mmbtu.
In rosso anche le auto (-0,5%) e le banche (-0,9%). Seduta in rosso per l’energia con il prezzo del petrolio in rialzo. Il Wti sale a 90,71 dollari al barile (+0,2%) e il Brent a 91,45 dollari (+0,1%). Tra le materie prime in calo l’oro che scende dello 0,3% e l’alluminio (-0,5%), quest’ultimo dopo aver fatto registrare i massimi.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borse europee in rosso, spread in risalita a 164 punti
In calo Piazza Affari (-0,7%), la peggiore è Parigi a -0,8%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
18:34
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Resta in calo Piazza Affari (-0,7%) a metà pomeriggio, con alcuni titoli di banche pesanti, salvo eccezioni come Banco Bpm (+9,8%), in rally dopo indiscrezioni di stampa su di un’Opa di Unicredit (-1,3%).
Male tra gli istituti di credito anche Intesa (-2,8%), Fineco (-1,3%), mentre tiene Bper (+0,9%) e corre Mps (+4,8%).
Lo spread Btp-Bund è risalito a 164,3 punti, col rendimento del decennale italiano all’1,897%, rispetto all’aperta al 162 punti. In perdita Iveco (-3,2%), nel lusso Moncler (-2,6%), Pirelli (-1,4%), tra le utility soprattutto Italgas (-1,3%). Negative le auto, da Ferrari (-1,3%) a Stellantis (-0,9%). Positivi i petroliferi, a iniziare sa Saipem (+2,1%), Eni (+1,7%), fino all’impiantistica di Tenaris (+1,3%), col greggio che aumenta il rialzo (wti +1,9%) a 91,5 dollari al barile e il brent a 92,9 dollari. Guadagnano nell’industria Leonardo (+0,6%) e Cnh (+0,5%). Salgono Tim (+0,3%) e Exot (+0,2%). Tra i titoli a minore capitalizzazione vola Banca Intermobiliare (+30,8%, il giorno dopo i conti, col 2021 tornato in utile.
In rosso tutte le principali Borse europee, mentre Wall Street ha aperto in lieve positivo e in breve il Nasdaq ha girato in negativo, in una giornata in cui gli investitori hanno mostrato timori di azioni sui tassi da parte delle banche centrali sui tassi, a partire dalla Fed, in particolare dopo i dati sull’inflazione Usa, con influenza anche sul rialzo dei rendimenti dei titoli di Stato. La peggiore è Parigi (-0,8%), seguita da Madrid (-0,7%), Londra (-0,2%) e Francoforte (-0,1%). In calo l’oro (-0,4%) a 1.826 dollari l’oncia. L’indice d’area, Stoxx 600, cede lo 0,3%, sotto il peso soprattutto di investimenti immobiliari, salute e finanza. Tra le banche perdono Bnp (-3,4%), SocGen (-3,1%) e Kbc (-2%), con eccezioni Banco Bpm (+8,2%) per le indiscrezioni di stampa su un’ipotesi di opa da parte di Unicredit. In ordine sparso le auto, con guadagni per alcune, come Mercedes (+5,7%) e Bmw (+2,6%), e altri che perdono, come Volvo (-4,8%) e Renault (-1,5%). Tra i petroliferi molti rialzi, a iniziare da Equinor (+3,2%) a Aker (+2%), con eccezioni come Galp (-0,2%), col greggio in rialzo (wti +1,1%) a 91 dollari al barile e il brent a 92,4 dollari. In lieve rialzo i future sul gas in Europa, con le quotazioni ad Amsterdam (+0,6%) a 74,8 euro al MWh
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa:Milano (-1,5%) maglia nera in Europa,ferma Banco-Bpm
Scendono auto e banche. Lo spread Btp-Bund a 166 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
11:01
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano (-1,5%) si appesantisce ancora e indossa la maglia nera tra i listini europei.
Resta ancora al palo Banco Bpm, in attesa di entrare agli scambi dopo le voci di stampa su una possibile opa di Unicredit (-1,3%).
Intanto lo spread tra Btp e Bund prosegue la seduta a 166 punti base, con il rendimento del decennale italiano all’1,92%.
A Piazza Affari scivolano Mediolanum (-3,9%) e Nexi (-3%), all’indomani dei risultati. Vendite anche sulle banche con Intesa (-2,4%), Bper (-1,9%), Mps (-1,4%). Poco mossa Unipol (+0,04%), nel giorno dei conti del 2021 che battono i target del piano.
Seduta in rosso per il comparto dell’auto dove rallenta Iveco (-2,5%). Male anche Stellantis (-1,8%) e Cnh (-1,2%). Rallentano le utility mentre si studiano misure per frenare il rincaro delle bollette energetiche. In calo A2a (-1,9%), Enel (-2,1%), Hera (-1,8%), Erg (-1,1%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Assegno unico: Inps, arrivate 1,75 milioni domande
Ecco istruzioni, fino a 700 euro con 3 figli se reddito basso
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
12:46
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 1,75 milioni le domande di Assegno universale arrivate all’Inps per 2,897 milioni di figli. Lo fa sapere l’Istituto che ha pubblicato la circolare con le istruzioni per chiedere il nuovo beneficio a favore della famiglia che riguarda 7 milioni di famiglie per 11 milioni di figli.
L’assegno unico parte a marzo ma se si fa domanda entro giugno si ottengono gli arretrati.
L’importo che si ottiene è legato all’Isee ma se non si presenta si ha diritto comunque, facendo la domanda, a 50 euro per ogni figlio. Se l’Isee è inferiore a 15mila euro, i figli minori sono tre e i genitori lavorano l’importo può arrivare a 700 euro al mese.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa in calo attende Wall Street, Milano -1,3%
In risalita il gas e il petrolio. L’euro debole sul dollaro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
12:19
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee proseguono in calo in vista dell’avvio di Wall Street dove i future sono in flessione.
I mercati si mostrano di cattivo umore dopo l’inflazione Usa e con i timori di un rapido inasprimento della politica monetaria da parte delle banche centrali, in particolare della Fed.
Nervosismo anche sul fronte dei titoli di Stato con il rialzo dei rendimenti. Sullo sfondo le tensioni tra Usa e Russia sul tema dell’Ucraina ed i rincari dell’energia che frena la ripresa economica.
In questo scenario l’indice d’area stoxx 600 cede lo 0,9%.
Maglia nera per Milano (-1,3%). Male anche Madrid e Parigi (-1,1%), Francoforte (-0,6%) e Londra (-0,7%). Sui listini pesano le utility (-1,6%), con il taglio delle stime di produzione di energia nucleare in Francia ed i Governi in campo per contenere i rincari delle bollette. Gira in rialzo anche il prezzo del gas. Ad Amsterdam le quotazioni salgono a 74,79 euro mentre a Londra si attestano a 178,97 penny.
In calo l’energia (-0,26%), mentre il prezzo del petrolio risale e il Wti che si attesta a 90,48 dollari al barile (+0,7%). Andamento negativo anche per le banche (-1,1%), con l’andamento dei bond governativi, e le Tlc (-0,7%). In lieve ripresa le auto (+1,4%), con i risultati di Mercedes e la mossa di Bwm che sale al 75% nella joint venture cinese.
Sul mercato valutario l’euro sul dollaro si mostra debole a 1,1394 a Londra.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Poste: lancia nuova area BancoPosta per tutelare l’ambiente
User experience migliorata e più diretta
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
12:36
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Poste Italiane ha “completamente rinnovato la sezione ‘Documenti e contratti’ dedicata ai prodotti finanziari di BancoPosta e PostePay, accessibile nell’area riservata del cliente del sito poste.it, con tutti i contenuti, sempre disponibili e aggiornati”.
Il restyling, realizzato “nell’ambito di un ampio processo di digitalizzazione dei servizi alla clientela”, spiega Poste in una nota, ha il fine di “migliorare la user experience del cliente e, allo stesso tempo, agevolare la fruizione della documentazione contrattuale e delle comunicazioni periodiche relative ai propri rapporti in formato digitale, in un’ottica di sostenibilità”.

Viene proposta una nuova classificazione dei documenti, che consente un’esperienza di navigazione uniforme per tutti i tipi di dati, oltre a rendere più facile al cliente la consultazione dei documenti relativi ai propri prodotti. Per i clienti che ancora ricevono la documentazione in formato cartaceo, spiega Poste, “la facilità di navigazione e consultazione mira a essere un ulteriore incentivo per il passaggio alle comunicazioni elettroniche, che offrono vantaggi in termini di tempestività di ricezione e di rispetto per l’ambiente”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Unicredit valuta tutte opzioni strategiche, no cda straordinari
Dichiarazione di un portavoce dopo voci opa su Banco Bpm
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
12:43
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Nell’ambito della propria attività ed in coerenza con il Piano Strategico 2022-2024”, Unicredit “continua a valutare tutte le opzioni strategiche disponibili e non mancherà di tenere informato il mercato di qualsiasi sviluppo concreto.
E’ quanto precisato da un portavoce “in relazione alle indiscrezioni apparse su alcuni organi di stampa” su un interesse nei confronti di Banco Bpm.

“Precisiamo altresì – viene aggiunto – che non è stata convocata alcuna riunione straordinaria del Consiglio di Amministrazione”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tesoro vende 7,75 miliardi di Btp a 3-7-20 anni, tassi volano
Sulla scadenza al 2041 il rendimento sale al 2,3% dall’1,55%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
13:04
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Tesoro ha collocato tutti i 7,75 miliardi di Btp a 3,7 e 20 anni ma i tassi segnano un forte rialzo su tutte e tre le scadenze.
Nel dettaglio, ha venduto 3 miliardi di Btp a tre anni col rendimento in salita allo 0,69% dallo 0,14% dell’asta di gennaio, 3 miliardi di Btp a sette anni con un rendimento in crescita all’1,52% dallo 0,89% precedente e infine 1,75 miliardi di Btp a 20 anni con un tasso in aumento al 2,3% dall’1,55% dell’asta precedente.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tim: sciopero il 23 febbraio contro lo scorporo della rete
E per l’unicità dell’azienda
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
13:05
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le segreterie nazionali di SLC CGIL, FISTEL CISL, UILCOM UIL hanno proclamato uno sciopero il 23 febbraio di tutti i dipendenti di Tim contro le ipotesi di scorporo della rete, per l’unicità dell’azienda a difesa della tenuta occupazionale delle lavoratrici e dei lavoratori delle aziende del gruppo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano in ribasso con Europa, vola Banco Bpm
In ordine sparso le banche. Lo spread btp-Bund a 167 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
13:39
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano (-1,2%) riduce marginalmente il calo, in linea con gli altri listini europei ed in vista di Wall Street dove i future sono in calo.
A Piazza Affari vola Banco Bpm (+6,7%, con le indiscrezioni di stampa circa l’ipotesi di opa di Unicredit (-1,5%).
Ancora in rialzo lo spread tra Btp e Bund che si attesta a 167 punti, con il rendimento del decennale italiano all’1,928%.
In ordine sparso le banche con Intesa (-3%), Bper (-1,2%) e Carige (-0,2%) mentre sono in rialzo la Popolare di Sondrio e Mps (+0,9%). Andamento negativo per le utility, con il rialzo del prezzo del gas e le misure per contenere il rincaro delle bollette energetiche. Vendite per Enel (-1,8%), Hera (-1,7%), A2a (-1,5%) e Erg (-0,7%). Male anche l’energia mentre il prezzo del petrolio rialza la testa. In flessione Eni (-0,3%) e Tenaris (-0,7%) mentre è in controtendenza Saipem (+0,7%).
Seduta in calo anche Tim (-0,6%), mentre i sindacati proclamano lo sciopero contro lo scorporo della rete. In controtendenza rispetto al listino Cnh (+0,9%) e Leonardo (+0,7%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ita: Franco, al via ricerca partner, anche vendita diretta
Oppure offerta pubblica.In fase iniziale Mef terrà quota
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
15:45
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Oggi abbiamo illustrato al cdm il dpcm che dovrebbe essere a firma del presidente del Consiglio e dei ministri dell’Economia e dello Sviluppo per avviare il processo di ricerca di un partner per Ita.
Seguiremo le usuali procedure: offerta pubblica o vendita diretta”.
Lo ha detto il ministro dell’economia Daniele Franco rispondendo in conferenza stampa dopo il cdm. “Non abbiamo un programma in cui predeterminiamo i tempi”, ha aggiunto. Franco ha poi aggiunto che “una cosa che il dpcm fissa è la questione delle quote.
Prevediamo che in una prima fase il Mef mantenga una quota minoritaria e non di controllo di Ita, che potrà in una fase successiva essere venduta. Nella fase iniziale il governo sarà presente”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund: in discesa a 163 punti
Il rendimento del decennale italiano in calo all’1,886%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
15:46
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ha girato in calo il differenziale tra Btp e Bund nel pomeriggio, arrivando a 163 punti, sgonfiandosi dopo la tensione creata sui titoli di Stato dai valori dell’inflazione Usa, con i relativi timori per azioni sui tassi da parte delle banche centrali.
Resta comunque più elevato del valore della chiusura del giorno precedente, a 160 punti, e dell’apertura di seduta, a 162 punti.

In discesa anche il rendimento del decennale italiano, all’1,886%, più basso sia della chiusura del giorno prima, all’1,887%, che rispetto all’apertura di giornata, all’1,9%. Il Bund tedesco è allo 0,249%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ita, Franco: ‘Al via ricerca partner, anche vendita diretta’
‘Oppure offerta pubblica. Non abbiamo tempi predeterminati’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
15:49
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Oggi abbiamo illustra a cdm il dpcm che dovrebbe a firma del presidente del consiglio e dei ministri dell’economia e dello sviluppo per avviare il processo di ricerca di un partner per Ita.
Seguiremo le usuali procedure: offerta pubblica o vendita diretta”.
Lo ha detto il ministro dell’economia Daniele Franco rispondendo in conferenza stampa dopo il cdm. “Non abbiamo un programma in cui predeterminiamo i tempi”, ha aggiunto. “Una cosa che il dpcm fissa è la questione delle quote. Prevediamo che in una prima fase il Mef mantenga una quota minoritaria e non di controllo di Ita, che potrà in una fase successiva essere venduta. Nella fase iniziale il governo sarà presente”. Lo ha detto il ministro dell’economia Daniele Franco rispondendo in conferenza stampa sulla privatizzazione di Ita.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Cdm ha approvato il decreto sulla peste suina
Provvedimento di urgenza per prevenirne il contagio nei suini
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
15:57
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato approvato in Consiglio dei Ministri, su proposta dei Ministri Patuanelli e Speranza, il decreto legge per arrestare la diffusione sul territorio nazionale della peste suina africana.
Il provvedimento di urgenza si è reso necessario al fine della eradicazione dalla PSA nei cinghiali e per prevenirne il contagio nei suini da allevamento.
Scopo del decreto è quello di assicurare la salvaguardia della sanità animale, la tutela del patrimonio suinicolo nazionale e dell’Unione europea e non ultimo salvaguardare le esportazioni, il sistema produttivo nazionale e la relativa filiera.
“L’approvazione in Consiglio dei ministri del decreto legge per arrestare la diffusione della peste suina africana (PSA) rappresenta un risultato importante e cruciale per la tutela del patrimonio suinicolo nazionale e di tutta la filiera. Sono certo che le Regioni, sotto il coordinamento del super-commissario all’emergenza, che abbiamo fortemente voluto, redigeranno nel più breve tempo possibile i piani di gestione e intervento per l’eradicazione della malattia, avvalendosi della competenza dell’Ispra e dell’Istituto Zooprofilattico di Perugia”. Così il presidente della commissione Agricoltura, Filippo Gallinella (M5s), in merito al decreto-legge emanato per fronteggiare la PSA. “Ritengo – continua – che l’esperienza della Sardegna dove, dopo anni, si sta finalmente vincendo la sfida contro questa malattia così infettiva, debba essere presa ad esempio, affinché non si vadano a pregiudicare le altre attività che rendono vivi e produttivi i singoli territori, oltre agli allevamenti. Auguro buon lavoro al super-commissario e a tutti coloro che da oggi dovranno fronteggiare questa difficile emergenza. Il Parlamento – conclude – è dalla loro parte e non farà mancare il proprio apporto”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bankitalia: Perrazzelli, nuovo quadro regole per fintech
Da innovazioni rischi stabilità e riciclaggio ma opportunità
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
16:06
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’innovazione tecnologica che sta cambiando il mondo della finanza deve far “ripensare regole e strumenti a disposizione delle autorità di sorveglianza e supervisione al fine di contemperare obiettivi che appaiono prima facie in contraddizione: “innovazione” e “stabilità”, “rapidità” e “sicurezza” nello svolgimento delle transazioni”.

Lo afferma la vice dg di Banca d’Italia Alessandra Perrazzelli intervenendo al seminario del convegno Assiom Forex aperto oggi a Parma.
La Perrazzelli ha ricordato i nuovi rischi di varia natura che le novità del fintech stanno portando: dal riciclaggio, alla volatilità dei mercati (come visto nelle ultime settimane rispetto alle criptovalute) oltre all’ “indebolimento dei sistemi di governance e di gestione dei rischi ovvero una riduzione dell’accountability di tutti i partecipanti all’ecosistema”. “Rimane fondamentale garantire la tutela dei consumatori” spiega rilevando come le iniziative legislative delle autorità europee, “che sono in corso di finalizzazione contribuiranno ad accelerare il processo di innovazione”. Questa infatti “costituisce una delle principali forze motrici del processo di cambiamento che sta investendo il settore dei pagamenti e quello dell’intermediazione bancaria e finanziaria”. La concorrenza può essere accresciuta”, vi sono “rischi ma anche straordinarie opportunità”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bankitalia:Perrazzelli, criptovalute instabili,vanno gestite
Rischi sistemici e di perdita capitale per investitori
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
PARMA
11 febbraio 2022
16:19
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le instabilità delle criptovalute, come visto nel deciso calo dei valori nelle ultime due settimane, “se non opportunamente controllate possono in prospettiva comportare eventuali tensioni sui mercati finanziari, specie nel caso si debba procedere a vendite significative di attività finanziarie”.
E’ quanto ammonisce la vice dg della Banca d’Italia Alessandra Perrazzelli all’Assiom Forex.
“Questo,- aggiunge -potrebbe alimentare “corse agli sportelli” facendo precipitare i valori dei token. Questi rischi, di natura sistemica, si aggiungono a quelli per i singoli investitori, che possono perdere l’intero capitale”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa in rosso con WS aperta in lieve positivo
In rosso le banche, bene molti petroliferi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
16:20
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Restano in rosso le principali Borse europee, mentre Wall Street ha aperto in lieve positivo e in breve il Nasdaq ha girato in negativo, in una giornata in cui gli investitori hanno mostrato timori di azioni sui tassi da parte delle banche centrali sui tassi, a partire dalla Fed, in particolare dopo i dati sull’inflazione Usa, con influenza anche sul rialzo dei rendimenti dei titoli di Stato.
La peggiore è Parigi (-0,8%), seguita da Madrid (-0,7%), Londra (-0,2%) e Francoforte (-0,1%).
In calo l’oro (-0,4%) a 1.826 dollari l’oncia.
L’indice d’area, Stoxx 600, cede lo 0,3%, sotto il peso soprattutto di investimenti immobiliari, salute e finanza. Tra le banche perdono Bnp (-3,4%), SocGen (-3,1%) e Kbc (-2%), con eccezioni Banco Bpm (+8,2%) per le indiscrezioni di stampa su un’ipotesi di opa da parte di Unicredit. In ordine sparso le auto, con guadagni per alcune, come Mercedes (+5,7%) e Bmw (+2,6%), e altri che perdono, come Volvo (-4,8%) e Renault (-1,5%). Tra i petroliferi molti rialzi, a iniziare da Equinor (+3,2%) a Aker (+2%), con eccezioni come Galp (-0,2%), col greggio in rialzo (wti +1,1%) a 91 dollari al barile e il brent a 92,4 dollari. In lieve rialzo i future sul gas in Europa, con le quotazioni ad Amsterdam (+0,6%) a 74,8 euro al MWh.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Banche: Cassa Ravenna, +17% utile netto del 2021
Utile consolidato sale a 26,9 mln (+78%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
16:29
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
In decisa crescita, nel 2021, l’utile netto della Cassa di Ravenna Spa, salito a 19,693 milioni di euro (+17,1%).
E’ quanto si legge in una nota dell’istituto presieduto da Antonio Patuelli secondo cui Il consiglio di amministrazione della Cassa ha deliberato la proposta di distribuzione di un dividendo nella forma di un’azione ogni 38 possedute o, a richiesta, in contanti, di 40 centesimi di euro per azione.
A livello consolidato , l’utile netto di gruppo è cresciuto a 26,9 milioni di euro (+78,04%). I coefficienti patrimoniali di Vigilanza al 31 dicembre 2021 “confermano l’elevata patrimonializzazione del Gruppo: il CET 1 Ratio di Gruppo è pari al 13,86% rispetto al 7,53% richiesto dalle competenti Autorità al Gruppo Cassa nell’ambito del processo di revisione e valutazione prudenziale SREP, mentre il Total Capital Ratio di Gruppo è pari al 15,83% rispetto all’11,45% richiesto.” Il gruppo ha visto inoltre la raccolta diretta da clientela cresciuta a 6.303 milioni di euro (+9,22%), la raccolta indiretta è cresciuta a 7.784 milioni di euro (+8,97%), di cui 4.074 milioni di euro (+11,31) di risparmio gestito (comprensivo dei prodotti finanziario-assicurativi) Gli impieghi a famiglie e imprese crescono a 4.255 milioni di euro (+9,23%). Per la qualità del credito, il totale di tutti i crediti deteriorati netti (sofferenze, inadempienze probabili e scaduti) è del 2,7% del totale degli impieghi netti (-24,07%).

ECONOMIA TUTE LE NOTIZIE

Franco,anche quest’anno riduzione significativa debito/Pil
L’anno scorso risultato buono, meglio delle attese
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
16:31
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Contiamo anche anche quest’anno di registrare una riduzione significativa del debito pubblico italiano rispetto al Pil.
L’anno scorso pensiamo che il risultato sia stato buono, molto migliore rispetto alle attese.

Quest’anno il rapporto debito/Pil dell’Italia continuerà a scendere. Guardando in avanti crescita crescita crescita”. Lo ha detto il ministro dell’economia Daniele Franco rispondendo in conferenza stampa dopo il consiglio dei ministri.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bollette:Franco,nuovo intervento guarda a famiglie e imprese
‘Soprattutto redditi bassi. Interventi guarderanno al futuro’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
16:32
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“E’ evidente che, data la dimensione dell’aumento dei prezzi dell’energia, questi interventi” finora “non possono annullare l’impatto su famiglie e imprese”, per questo “stiamo lavorando a nuovo intervento” per “smussare l’impatto cercando di evitare che le famiglie, soprattutto con redditi più bassi, perdano potere d’acquisto e cerchiamo che le imprese non perdano competitività”: lo ha detto il ministro dell’Economia Daniele Franco.
“Oltre che gestire la situazione, che è difficilissima per molte imprese, dobbiamo pensare al futuro, a interventi che riducano rischi che queste situazioni si ripetano negli inverni prossimi”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Assiom Forex: Massimo Mocio confermato alla presidenza
Decisione consiglio in occasione congresso a Parma
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
PARMA
11 febbraio 2022
16:41
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Massimo Mocio è stato confermato, per i prossimi tre anni, alla presidenza del”Associazione degli Operatori dei Mercati Finanziari (Assim Forex) .
La decisione è stata presa dal nuovo Consiglio di Assiom Forex, riunitosi per la prima volta questa mattina a Parma a margine dei lavori del XVIII Congresso.

Accanto a lui, siederanno Massimo Magni (Vice Presidente Vicario), Roberto Ferrari (Vice Presidente), Alberto Basadonna (Segretario Generale) e Marco Bertotti (Tesoriere).
Giuseppe Attanà è stato rieletto Presidente Onorario per un altro mandato. Nominato anche il nuovo Comitato di Presidenza, del quale faranno parte, oltre agli organi sopracitati, Claudia Segre, Mario Erba, Pier Mario Satta ed Andrea Torri.
Il Consiglio ha altresì provveduto ad istituire la Commissione ESG, che farà capo a Barbara Valbuzzi e la Commissione Statuto, di cui è responsabile Clelia Pizzalli.
“Ringrazio vivamente il Consiglio di Assiom Forex per la rinnovata fiducia nei miei riguardi e sono onorato di continuare questo percorso iniziato nel 2019 alla guida di una delle realtà più importanti del mondo associativo finanziario europeo” ha dichiarato Massimo Mocio. “L’Associazione, che rappresenta gli interessi del mercato inteso come bene da preservare e valorizzare, è certamente riuscita a fronteggiare il cambiamento imposto da questi ultimi due anni caratterizzati dall’emergenza sanitaria, e i risultati raggiunti ci dimostrano che il settore può contare su una elevata resilienza e professionalità”
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Franco: ‘Le truffe sul Superbonus tra le più grandi mai viste’. M5s: ‘Chiarisca’
Il ministro dell’Economia: ‘Si può affinare la cessione dei crediti’. In arrivo i correttivi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
20:01
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Più controlli sul superbonus: i correttivi dovrebbero arrivare con un emendamento al quale lavorano Mef e Parlamento, come hanno spiegato il presidente del Consiglio Mario Draghi e il ministro dell’Economia, Daniele Franco.
Sui bonus edilizi “si possono pensare ulteriori affinamenti, stiamo pensando di tracciare meglio” le operazioni, “potremmo avere dentro il sistema bancario una possibilità più ampia, con due o tre cessioni” del credito, “tutto si può fare ma resta fondamentale evitare ulteriori truffe che sono tra le più grandi che questa Repubblica abbia visto”,  ha detto il ministro Franco nella conferenza stampa al termine del Cdm.
“Il governo vuole che il meccanismo funzioni e i correttivi dovrebbero trovare posto in un emendamento a cui sta lavorando il ministero e il Parlamento”.
ha spiegato Draghi.
“Quelli che oggi più tuonano sul superbonus, che dicono che queste frodi non contano, che bisogna andare avanti lo stesso… beh, questi sono alcuni di quelli che hanno scritto la legge e hanno permesso di fare lavori senza controlli. Se siamo in questa situazione è perchè si è costruito un sistema che prevedeva pochissimi controlli. E se il superbonus oggi rallenta è per i sequestri deliberati dalla magistratura per questioni fraudolente per 2.3 miliardi. Ma naturalmente le somme oggetto di indagine sono molto, molto più alte”, ha detto il premier, aggiungendo: “Non è che l’edilizia, senza superbonus, non funziona. Si è giovata di questo strumento ma non bisogna pensare che senza non andrebbe avanti”.
“Dire che i problemi che adesso si manifestano dipendano dai controlli, non credo, dipendono dalla massiccia azione della magistratura penale che interviene su un contesto che prima era poco regolato”, ha detto ancora il ministro dell’Economia Franco parlando dei bonus edilizi. “Molte procure sono intervenute, per ipotesi di reato”, sequestrando “oltre 2 miliardi di crediti che sono corpi del reato e quindi l’intermediario non può farne niente”.
Nell’attuale situazione “l’importante è che si riprenda l’attività, che tutti gli intermediari tornino ad accettare le richieste e che il mercato riparta in modo più sicuro di prima però”, ha aggiunto Franco. “Osseverazione, controllo ex ante dell’Agenzia delle entrate, limiti al numero di cessioni dei crediti, vanno tutti nella direzione di assicurare certezza agli operatori. Quindi massima priorità a far funzionare questo meccanismo ma deve funzionare in condizioni di certezza che aiuteranno il sistema a funzionare meglio”.
Attribuire i 2,3 miliardi di frodi al Superbonus è semplicemente una falsità. È evidente che è arrivato il momento di sgomberare il campo da ogni equivoco: per questo alla ripresa dei lavori parlamentari chiederemo un’informativa urgente del ministro dell’Economia e delle Finanze per mettere un punto fermo alla questione e avere dati certi sull’entità delle truffe in relazione a ogni singola tipologia di incentivo. Lo fanno sapere fonti M5s.
“Draghi sbaglia due volte quando parla di truffe in edilizia: la prima perché fa di tutta un’erba un fascio confondendo il Superbonus con gli altri bonus. La seconda perché riconduce tutte le truffe al solo Superbonus 110%”. Lo afferma Riccardo Fraccaro, del Movimento 5 stelle. “Come confermato dal Ministro Franco le truffe sono quasi esclusivamente relative ad altri bonus, non riguardano se non in minima parte il Superbonus, proprio perché prevede asseverazioni e controlli. Alla luce di queste dichiarazioni viene meno ogni alibi. Il governo lavori subito per far ripartire i cantieri del Superbonus bloccato ormai da troppo”.
Il 46% delle frodi registrate sulle cessioni dei bonus fiscali riguarda il bonus facciate, il 34% l’ecobonus, il 9% il bonus locazioni/botteghe, l’8% il sismabonus e il 3% il Superbonus: “questi sono i dati ufficiali trasmessi e citati dal direttore dell’Agenzia delle Entrate nel corso dell’audizione di ieri, 10 febbraio. Questa è la realtà”. Lo afferma il ministro Stefano Patuanelli postando su FB la tabella con i numeri. “Ora, – afferma – correre per sbloccare il Superbonus correggendo l’ultima sbagliata norma introdotta, e ridurre a zero le frodi senza distruggere la misura e senza bloccare cittadini e imprese oneste”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Superbonus: Franco, truffe tra le più grandi mai viste
Draghi,in questa situazione perche’ ci sono pochissimi controlli
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
16:42
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sui bonus edilizi “si possono pensare ulteriori affinamenti, stiamo pensando di tracciare meglio” le operazioni, “potremmo avere dentro il sistema bancario una possibilità più ampia, con due o tre cessioni” del credito, “tutto si può fare ma resta fondamentale evitare ulteriori truffe che sono tra le più grandi che questa Repubblica abbia visto”: lo ha detto il ministro dell’Economia Daniele Franco al termine del Cdm.

“Quelli che oggi più tuonano sul superbonus, – ha sottolineato il premier Mario Draghi – che dicono che queste frodi non contano, che bisogna andare avanti lo stesso…
beh, questi sono alcuni di quelli che hanno scritto la legge e hanno permesso di fare lavori senza controlli. Se siamo in questa situazione è perchè si è costruito un sistema che prevedeva pochissimi controlli. E se il superbonus oggi rallenta è per i sequestri deliberati dalla magistratura per questioni fraudolente per 2,3 miliardi. Ma naturalmente le somme oggetto di indagine sono molto, molto più alte”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Redditi: Letta il più ricco tra i leader, Draghi punta sugli immobili
Online documentazione patrimoniale parlamentari. Ghedini il più ricco dei senatori
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
16:44
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
E’ on line sul sito di ogni parlamentare la dichiarazione dei redditi del 2021.
La documentazione patrimoniale dei deputati e dei senatori è disponibile sulla pagina personale di ogni singolo deputato e senatore.
E’ il segretario del Pd Enrico Letta il leader con il reddito complessivo più alto in base alla documentazione patrimoniale presentata che riguarda i redditi del 2020.
Il segretario Dem ha un reddito 621.818 euro. Segue Matteo Renzi con 571.391 euro. Al terzo posto si classifica Giorgia Meloni con 134.206 euro. Il leader di Leu Roberto Speranza ha un reddito complessivo di 107. 842 euro. il segretario di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni ha un reddito complessivo di 101.800 euro. “Ultimo” in base alla documentazione il segretario della Lega Matteo Salvini di 99.699 euro.
E’ Niccolò Ghedini, senatore di Forza Italia e avvocato di Silvio Berlusconi il senatore più ricco in base alla documentazione patrimoniale presentata che fa riferimento all’anno 2020. Il senatore di Fi ha un reddito complessivo di 2milioni 689 euro. Al secondo posto, un altro avvocato, la senatrice della Lega Giulia Bongiorno con un reddito complessivo di 2miloni 402euro. Il senatore a vita Renzo Piano dichiara un reddito imponibile di 1 milione 860 euro. Non risulta visibile la dichiarazione patrimoniale del senatore a vita Mario Monti.
Il premier Mario Draghi ha un reddito complessivo di 527.319 euro. Nella documentazione patrimoniale presente sul sito del governo risulta inoltre che il capo del governo è proprietario di 16 immobili tra terreni e fabbricati tra cui un appartamento a Londra, varie proprietà tra Roma, Anzio, Stra in provincia di Venezia e a Città della Pieve. Tra i ministri politici: il titolare della Farnesina Luigi Di Maio ha un reddito complessivo di 98.471. euro, il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà 95.811, Stefano Patuanelli, ministro per le Politiche agricolo è di 98.980 euro. Fabiana Dadone, ministro per le politiche giovanili 98.471euro il leghista Giancarlo Giorgetti, ministro Sviluppo Economico ha un reddito di 99.883 euro. Erika Stefani, ministro per le disabilità 99.699. Il ministro per il Turismo Massimo Garavaglia ha un reddito complessivo di 98.874 A guidare la delegazione di Fi è Renato Brunetta con 206.996 euro. Mara Carfagna, ministro per il Sud ha un reddito di 139.833 euro mentre il ministro per gli affari regionali Maria Stella Gelmini ha un reddito di 100.324 Il ministro per le Pari Opportunità Elena Bonetti in quota Iv) ha un reddito complessivo 99.864. Per il Pd, il ministro del Lavoro Andrea Orlando ha un reddito complessivo 104.269 euro, quello della Difesa Lorenzo Guerini è pari a 112.018 euro. Il ministro della Cultura Dario Franceschini ha un complessivo di 165.384 euro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano resta in calo (-0,7%), male alcune banche
Corre Banco Bpm. Bene i petroliferi, non le auto
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
16:55
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Resta in calo Piazza Affari (-0,7%) a metà pomeriggio, con alcuni titoli di banche pesanti, salvo eccezioni come Banco Bpm (+9,8%), in rally dopo indiscrezioni di stampa su di un’Opa di Unicredit (-1,3%).
Male tra gli istituti di credito anche Intesa (-2,8%), Fineco (-1,3%), mentre tiene Bper (+0,9%) e corre Mps (+4,8%).
Lo spread Btp-Bund è risalito a 164,3 punti, col rendimento del decennale italiano all’1,897%.
In perdita Iveco (-3,2%), nel lusso Moncler (-2,6%), PIrelli (-1,4%), tra le utility soprattutto Italgas (-1,3%). Negative le auto, da Ferrari (-1,3%9 a Stellantis (-0,9%).
Positivi i petroliferi, a iniziare sa Saipem (+2,1%), Eni (è1,7%), fino all’impiantistica di Tenaris (+1,3%), col greggio che aumenta il rialzo (wti +1,9%) a 91,5 dollari al barile e il brent a 92,9 dollari. Guadagnano nell’industria Leonardo (+0,6%) e Cnh (+0,5%). Salgono Tim (+0,3%) e Exot (+0,2%). Tra i titoli a minore capitalizzazione vola Banca Intermobiliare (+30,8%, il giorno dopo i conti, col 2021 tornato in utile.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa in rosso con banche e alcune auto
Salgono i petroliferi insieme al greggio. Male il lusso
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
17:28
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Vanno verso fine seduta in rosso le principali Borse europee, con Wall Street che va avanti contrastata e gli investitori che guardano alle prossime mosse delle banche centrali sui tassi, a iniziare dalla Fed, all’indomani delle parole di uno dei falchi, il presidente della Fed di St.
Louis, James Bullard, con influenze sui rendimenti dei titoli di Stato.
Tra gli elementi dello scenario che creano incertezza restano poi l’inflazione e la situazione geopolitica tra Russia e Ucraina, con le implicazioni sulle forniture di gas. IN Europa la Piazza peggiore è ancora Parigi (-1,1%9, seguita da Madrid (-0,8%9, Francoforte (-0,3%) e Londra (-0,1%).
Non va meglio Milano (-0,7%), con lo spread Btp-Bund nuovamente in salita verso 166 punti e il rendimento del decennale italiano salito all’1,946%.
L’indice d’area del Vecchio continente, Stoxx 600, perde lo 0,4%, sotto il peso soprattutto dei comparti salute e beni voluttuari. Tra i farmaceutici in ribasso soprattutto Roche (-1,5%) e AstraZeneca (-1,7%). In ordine sparso le auto, con alcuni guadagni, come per Mercedes (+6,4%) e Bmw (+2,9%), e qualche ribasso, come per Volvo (-4,5%) e Renault (-1,4%). Nel lusso soffrono soprattutto Hermes (-3,5%) e Lvmh (-2,9%). Banche quasi tutte in rosso, come Bnp Paribas (-2,9%), con eccezioni come Banco Bpm (+10%), dopo indiscrezioni su un’Opa da parte di Unicredit (-1,2%). In forma i petroliferi, da Equinor (+2,5%) a Bp (+1,9%), col greggio che sale (wti +1,9%) a 91,6 dollari al barile e il brent a 93 dollari.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude in calo (-0,8%)
Il Ftse Mib a 26.966 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
11 febbraio 2022
17:39
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Chiusura in calo per Piazza Affari.

Il Ftse Mib perde lo 0,82% a 26.966 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa chiude in rosso, Parigi la peggiore (-1,2%)
Madrid (-0,9%), Francoforte (-0,4%), Londra (-0,1%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
17:59
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Chiusura in rosso per le principali Borse europee.
La peggiore è stata Parigi (-1,27%) a 7.011 punti, seguita da Madrid (-0,99%) a 8.798 punti, Francoforte (-0,42%) a 15.425 punti e Londra (-0,15%) a 7.661 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund: in rialzo a 165,6 punti
Il rendimento del decennale italiano sale all’1,95%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
18:06
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il differenziale tra Btp e Bund ha chiuso a 165,6 punti, in rialzo sia rispetto alla chiusura del giorno precedente, a 160 punti, che all’apertura di seduta, a 162 punti.
In giornata ha toccato un picco a 167,7 punti poco dopo le 11.30.

In aumento il rendimento del decennale italiano, all’1,950%, in confronto alla chiusura del giorno prima, all’1,887%, e all’apertura di giornata, all’1,9%. Nella seduta ha fatto segnare un minimo all’1,872% intorno alle 9.10 e un massimo all’1,961% intorno alle 17.45. Il Bund tedesco è allo 0,294%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: giù Milano (-0,8%), banche incerte, vola Banco Bpm
Lo spread sale. Bene i petroliferi, non auto e lusso. Giù Iveco
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
11 febbraio 2022
18:57
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Finale di settimana in rosso per Piazza Affari (-0,8%), come per le altre principali Borse europee, mentre Wall Street procede contrastata, in un clima di tensione per gli investitori, tra inflazione e aria di rialzo dei tassi da parte delle banche centrali, in primis dalla Fed, che hanno causato ripercussioni sui rendimenti dei titoli di Stato.
Lo spread Btp-Bund ha chiuso in rialzo a 165,6 punti, col rendimento del decennale italiano salito all’1,95%.

Tra le banche rally di Banco Bpm (+9,8%), con le indiscrezioni di stampa su un’ipotesi di Opa da parte di Unicredit (-1%), e corsa di Mps (+7,6%), dopo l’intervento del ministro dell’Economia, Daniele Franco, che ha sottolineato l’importanza di solidità per la banca e un futuro in cui considerare eventuali partnership. In positivo anche Bper (+1,5%), non Fineco (-1,3%) e Intesa (-2,2%). Col greggio in rialzo a ser a(wti +2,4%) a 92 dollari al barile e il brent a 93,4 dollari, sono andati bene i petroliferi, da Eni (+1,7%) all’impiantistica di Tenaris (+1%) e a Saipem (+0,3%). Bene Tim (+0,5%) e nell’industria guadagni per Leonardo (+0,7%). Male Iveco (-3,8%), Pirelli (-3,3%) e nel lusso Moncler (-2,9%) e Cucinelli (-3,5%). Tra i farmaceutici pesante soprattutto Diasorin (-2,2%). Auto in rosso, da Ferrari (-1,8%) a Stellantis (-1,1%). In calo Poste (-1,2%), in perdita Enel (-0,5%).
Tra i titoli a minore capitalizzazione brilla Banca Intermobiliare (+30,8%) il giorno dopo i conti, tonfo di Eukedos (-5,3%), giù la Juve (-3,1%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: chiude a Ny a massimi 7 anni con tensioni Ucraina
A 93,10 dollari il barile
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
11 febbraio 2022
21:25
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il petrolio chiude in rialzo a New York, dove le quotazioni salgono del 3,6% a 93,10 dollari al barile, ai massimi da sette anni, sulla scia dell’aumento delle chance di un’invasione dell’Ucraina in Russia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Inps: crescono aliquote gestione separata, fino a 35,03%
Dal 2022, +0,8 punti per Discoll
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 febbraio 2022
10:05
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Versamenti contributivi più cari dal 2022 per buona parte dei lavoratori iscritti alla gestione separata: da gennaio – chiarisce l’Inps in una circolare, collaboratori coordinati e continuativi, amministratori di società, sindaci, revisori e liquidatori, ma anche collaboratori di riviste e giornali, dottorandi e consulenti parlamentari dovranno versare il 35,03% della retribuzione a causa del passaggio dall0,51% all’1,31% dell’aliquota di finanziamento della Discoll, la disoccupazione dei collaboratori.
Si amplia infatti la durata dell’indennità e si riconoscono i contributi figurativi per il periodo di disoccupazione.
L’aliquota complessiva diventa quindi ancora più alta rispetto a quella dei lavoratori dipendenti (33%).
“A decorrere dal 1° gennaio 2022 – si legge nella circolare riferita alla misura prevista dalla legge di Bilancio per il 2022 – è dovuta un’aliquota contributiva aggiuntiva pari all’1,31% in sostituzione della precedente aliquota pari allo 0,51%. Le aziende committenti che, per il versamento dei contributi relativi al mese di gennaio 2022, non abbiano potuto tenere conto della nuova aliquota contributiva relativa al finanziamento della prestazione della Discoll sopra descritta possono effettuare gli adempimenti relativi a detto periodo entro tre mesi dalla pubblicazione della presente circolare” Continuano a restare esclusi dall’applicazione dell’aliquota contributiva di finanziamento della prestazione Discoll i compensi corrisposti come: componenti di commissioni e collegi; amministratori di Enti locali; venditori porta a porta; attività di lavoro autonomo occasionale; associati in partecipazione (non ancora cessati); medici in formazione specialistica.
Per il 2022 l’aliquota contributiva e di computo per i collaboratori e le figure assimilate, iscritti in via esclusiva alla Gestione separata – emerge dalla circolare – è pari al 33%.
A questa si aggiunge lo 0,50% e lo 0,22% per il finanziamento di malattia, assegni familiari e maternità e l’1,31% per la Discoll.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bollette:pubblicato Dl Mite su Piano aree idonee estrazioni
Con Pitesai si sospende di fatto moratoria
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 febbraio 2022
10:06
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Via libera al Piano per la transizione energetica sostenibile delle aree idonee, il Pitesai.
Il ministero per la Transizione ecologica ha pubblicato il Decreto n.548 del 28 dicembre scorso di adozione del Piano.

Il provvedimento, di un solo articolo, individua le aree dove sarà possibile riavviare prospezioni ed estrazioni di idrocarburi sospendendo di fatto la moratoria del 2019.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Banco Bpm: Castagna, interessi terzi non stupiscono
Pensiamo di valere di più
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
PARMA
12 febbraio 2022
10:26
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Gli interessi di terzi non mi stupiscono verso una banca che ha il nostro posizionamento, i nostri risultati, la nostra capacità di proiettarsi nel futuro con i risultati che abbiamo presentato”.
Così il ceo di Banco Bpm, Giuseppe Castagna al suo arrivo all’Assiom Forex in risposta ad una domanda sulle ipotesi circolate di un interesse da parte di Unicredit.
Alla domanda “Pensate di valere di più?” Castagna ha risposto “certo, siamo appena usciti da un percorso di ristrutturazione. Abbiamo presentato un piano aggressivo.
Abbiamo iniziato ad avere qualche riscontro ma pensiamo che il mercato non abbia pienamente riconosciuto quello che è il nostro percorso”: Il mercato – ha detto – “sta solo cominciando a riconoscere quello che è un percorso che ci porterà molto più avanti e risultati del 2021 dimostrano che siamo su un’ottima strada”, aggiunge.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bollette:pubblicato Dl Mite su Piano aree idonee estrazioni
Con Pitesai si sospende di fatto moratoria 2019
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 febbraio 2022
10:36
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Via libera al Piano per la transizione energetica sostenibile delle aree idonee, il Pitesai.
Il ministero per la Transizione ecologica ha pubblicato il Decreto n.548 del 28 dicembre scorso di adozione del Piano.

Il provvedimento, di un solo articolo, individua le aree dove sarà possibile riavviare prospezioni ed estrazioni di idrocarburi sospendendo di fatto la moratoria del 2019. Il piano individua le aree dove sarà possibile riavviare prospezione ed estrazioni sia su terra che offshore, limitatamente alle concessioni richieste dopo il 2010, nell’ottica di più stringenti criteri di rispetto ambientale e decarbonizzazionee dell’impegno italiano nel quadro degli accordi di Parigi. Nell’ allegato al piano infatti si ricorda che l’Italia “con la pubblicazione a gennaio 2020 del Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima e l’invio alla Commissione europea nel 2021 della Long Term Strategy che fornisce una visione al 2050, stabilendo il contributo nazionale al conseguimento degli obiettivi europei e al rispetto degli impegni assunti da parte dell’Unione nel quadro della convenzione ONU sui cambiamenti climatici (UNFCC) e dell’Accordo di Parigi, si è impegnata all’azzeramento delle emissioni nette dei gas a effetto serra entro il 2050 e a realizzare un sistema energetico altamente efficiente e basato sulle fonti rinnovabili”
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bollette:pubblicato Dl Mite su Piano aree idonee estrazioni
Con Pitesai si sospende di fatto moratoria 2019
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 febbraio 2022
10:36
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Via libera al Piano per la transizione energetica sostenibile delle aree idonee, il Pitesai.
Il ministero per la Transizione ecologica ha pubblicato il Decreto n.548 del 28 dicembre scorso di adozione del Piano.

Il provvedimento, di un solo articolo, individua le aree dove sarà possibile riavviare prospezioni ed estrazioni di idrocarburi sospendendo di fatto la moratoria del 2019. Il piano individua le aree dove sarà possibile riavviare prospezione ed estrazioni sia su terra che offshore, limitatamente alle concessioni richieste dopo il 2010, nell’ottica di più stringenti criteri di rispetto ambientale e decarbonizzazionee dell’impegno italiano nel quadro degli accordi di Parigi. Nell’ allegato al piano infatti si ricorda che l’Italia “con la pubblicazione a gennaio 2020 del Piano Nazionale Integrato per l’Energia e il Clima e l’invio alla Commissione europea nel 2021 della Long Term Strategy che fornisce una visione al 2050, stabilendo il contributo nazionale al conseguimento degli obiettivi europei e al rispetto degli impegni assunti da parte dell’Unione nel quadro della convenzione ONU sui cambiamenti climatici (UNFCC) e dell’Accordo di Parigi, si è impegnata all’azzeramento delle emissioni nette dei gas a effetto serra entro il 2050 e a realizzare un sistema energetico altamente efficiente e basato sulle fonti rinnovabili”
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Pensioni: incontro tecnico Governo-sindacati martedì 15
Si ragiona su una data per quello politico entro la settimana
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 febbraio 2022
14:04
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato fissato per martedì 15 alle 18 a via Flavia l’incontro tecnico tra Governo e sindacati sulla riforma delle pensioni per quanto riguarda la flessibilità in uscita.
Secondo quanto si apprende l’incontro politico dovrebbe tenersi nei giorni successivi, probabilmente entro la fine della settimana prossima.
L’incontro politico previsto per il 7 era slittato dopo che si era evidenziata la necessità di un ulteriore passaggio tecnico.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bollette: Cgia, per imprese 13 mld in più in I trimestre
Nuovo intervento insufficiente
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
12 febbraio 2022
10:48
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Cgia stima che in questo primo I trimestre le imprese saranno chiamate a pagare, rispetto al 2019 (anno pre-pandemia), 14,7 miliardi di euro in più di energia elettrica e gas.
Levando a questo importo 1,7 mld di misure di mitigazione introdotte dal Governo, nel primo trimestre 2022 le aziende dovranno farsi carico di un extra costo di 13 miliardi.
Per la Cgia è insufficiente l’intervento tra i 5 e i 7 miliardi di euro annunciato dal premier Draghi per calmierare i prezzi delle bollette a famiglie, imprese e Pa. Con aumenti che in alcuni casi sfiorano anche il 400%, i settori energivori sono più a rischio degli altri. Riguardo al consumo del gas, la Cgia rileva che le difficoltà le hanno le imprese del vetro, della ceramica, del cemento, della plastica, della produzione di laterizi, la meccanica pesante, l’alimentazione, la chimica. Sul fronte dell’energia elettrica, invece, rischiano il blackout le acciaierie/fonderie, l’alimentare, il commercio (negozi, botteghe, centri commerciali.), alberghi, bar-ristoranti, altri servizi (cinema, teatri, discoteche, lavanderie). Difficoltà che colpiscono anche tanti distretti produttivi come: Cartario di Lucca-Capannori; Materie plastiche di Treviso, Vicenza e Padova; Metalli di Brescia-Lumezzane; Metalmeccanico basso mantovano e di Lecco; Piastrelle di Sassuolo; Termomeccanica Padova; Vetro di Murano. Anche Tir, pescherecci e agricoltori sono allo stremo. E ai rincari di luce e gas si somma quello dei carburanti. Il gasolio per autotrazione è cresciuto di oltre il 22% nell’ultimo anno. Molti settori, pertanto,secondo Cgia, rischiano di doversi fermare: l’ autotrasporto, la pesca e l’agricoltura hanno mosso critiche per la mancanza di interventi da parte del Governo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Energia: Assolombarda, prezzi gas gennaio +660% sul pre-Covid
Materie prime +45%. Presidente Spada, è allarme, agire subito
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 febbraio 2022
11:39
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Aumenta bruscamente il prezzo di materie prime ed energia a gennaio 2022, che si riflette con sempre più intensità sulle imprese lombarde e sulle prospettive economiche generali”.
Emerge da un’analisi del Centro studi di Assolombarda, secondo cui a gennaio l’indice delle quotazioni delle materie prime non energetiche raggiunge il +45% rispetto al pre-Covid.
Il gas naturale in Europa (Ttf Olanda) inoltre ha registrato un’impressionante fiammata dei prezzi pari al +660% rispetto al pre-Covid. Più contenuti, ma sempre rilevanti, gli aumenti delle quotazioni del petrolio (Brent) pari al +31%. Il forte rialzo dei beni energetici, soprattutto del gas, si è trasferito sul prezzo dell’energia elettrica italiana. A dicembre 2021 il Pun (Prezzo unico nazionale energia elettrica) in Italia ha raggiunto il picco storico di 281 euro al MWh (+492% rispetto al valore di gennaio 2020) e a gennaio si attesta sui 224 euro al MWh (+372%).
“La situazione legata all’aumento del prezzo di materie prime ed energia – ha affermato Alessandro Spada, presidente di Assolombarda – è allarmante e rischia di compromettere seriamente la ripresa economica. Le imprese – ha aggiunto – da tempo lanciano l’allarme: è fondamentale agire subito con decisione per contrastare un’emergenza che arriva nel momento in cui il Paese deve assolutamente rilanciarsi a livello internazionale grazie ai fondi del Pnrr”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Energia: Assolombarda, prezzi gas gennaio +660% sul pre-Covid
Materie prime +45%. Presidente Spada, è allarme, agire subito
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 febbraio 2022
11:58
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Aumenta bruscamente il prezzo di materie prime ed energia a gennaio 2022, che si riflette con sempre più intensità sulle imprese lombarde e sulle prospettive economiche generali”.
Emerge da un’analisi del Centro studi di Assolombarda, secondo cui a gennaio l’indice delle quotazioni delle materie prime non energetiche raggiunge il +45% rispetto al pre-Covid.
Il gas naturale in Europa (Ttf Olanda) inoltre ha registrato un’impressionante fiammata dei prezzi pari al +660% rispetto al pre-Covid. Più contenuti, ma sempre rilevanti, gli aumenti delle quotazioni del petrolio (Brent) pari al +31%. Il forte rialzo dei beni energetici, soprattutto del gas, si è trasferito sul prezzo dell’energia elettrica italiana. A dicembre 2021 il Pun (Prezzo unico nazionale energia elettrica) in Italia ha raggiunto il picco storico di 281 euro al MWh (+492% rispetto al valore di gennaio 2020) e a gennaio si attesta sui 224 euro al MWh (+372%).
“La situazione legata all’aumento del prezzo di materie prime ed energia – ha affermato Alessandro Spada, presidente di Assolombarda – è allarmante e rischia di compromettere seriamente la ripresa economica. Le imprese – ha aggiunto – da tempo lanciano l’allarme: è fondamentale agire subito con decisione per contrastare un’emergenza che arriva nel momento in cui il Paese deve assolutamente rilanciarsi a livello internazionale grazie ai fondi del Pnrr”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Visco,a primavera ripresa con vigore dell’economia,+4% 2022
Crescita taglia debito pubblico a 150% pil
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
PARMA
12 febbraio 2022
12:00
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’economia italiana “dalla primavera con il progressivo miglioramento del quadro sanitario dovrebbe riacquistare “vigore” dopo la frenata degli ultimi mesi dovuta ai contagi.
Lo afferma il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco al Forex do Parma secondo cui la crescita del Pil “si avvicinerebbe nella media di quest’anno al 4% per poi attenuarsi nei prossimi due”.
Visco ha invitato a “cominciare a pensare a un futuro da consolidare e al quale tutti dobbiamo partecipare con ottimismo con un tentativo di costruire il nuovo che di fatto sta proprio nelle nostre mani” . La marcata ripresa dell’economia è stata decisiva per interrompere l’aumento del rapporto tra debito pubblico e prodotto, che alla fine del 2021 potrebbe essere sceso su valori prossimi al 150 per cento (da circa il 156 per cento raggiunto nel 2020)”. Si tratta “di un livello nettamente inferiore a quanto previsto all’inizio dello scorso anno e anche alle valutazioni ufficiali pubblicate in autunno”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Visco,sì a misure su bollette e turismo,non stimoli generali
Altrimenti tensioni sui prezzi. Compensare extracosti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
PARMA
12 febbraio 2022
12:04
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco giudica con favore interventi mirati sul caro bollette o su singoli settori in difficoltà ma dice di no a generali misure “generalizzate di stimolo” che determinerebbero tensioni sui prezzi e rischi “per l’equilibrio dei conti pubblici”.
Parlando all’Assiom Forex ha spiegato come “limitati interventi di natura emergenziale possono ancora trovare giustificazione, ad esempio per fronteggiare la crisi energetica o nei casi in cui i contagi continuino a ostacolare consumi e produzione, come nei servizi legati al turismo, alla ristorazione, al tempo libero”.
Visco ha sottolineato che L’aumento dell’inflazione determinato dalla crescita dei costi energetici “è sostanzialmente una tassa, probabilmente in buona parte destinata a rientrare, i cui effetti più distorsivi possono essere oggetto di compensazione, ove possibile, a carico dei bilanci pubblici”
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Visco,sì a misure su bollette e turismo,non stimoli generali
Altrimenti tensioni sui prezzi. Compensare extracosti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
PARMA
12 febbraio 2022
12:04
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco giudica con favore interventi mirati sul caro bollette o su singoli settori in difficoltà ma dice di no a generali misure “generalizzate di stimolo” che determinerebbero tensioni sui prezzi e rischi “per l’equilibrio dei conti pubblici”.
Parlando all’Assiom Forex ha spiegato come “limitati interventi di natura emergenziale possono ancora trovare giustificazione, ad esempio per fronteggiare la crisi energetica o nei casi in cui i contagi continuino a ostacolare consumi e produzione, come nei servizi legati al turismo, alla ristorazione, al tempo libero”.
Visco ha sottolineato che L’aumento dell’inflazione determinato dalla crescita dei costi energetici “è sostanzialmente una tassa, probabilmente in buona parte destinata a rientrare, i cui effetti più distorsivi possono essere oggetto di compensazione, ove possibile, a carico dei bilanci pubblici”
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Visco: la crescita taglia il debito pubblico al 150%
“Sì a misure su bollette e turismo, non stimoli generali”
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 febbraio 2022
16:45
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’economia italiana “dalla primavera con il progressivo miglioramento del quadro sanitario dovrebbe riacquistare “vigore” dopo la frenata degli ultimi mesi dovuta ai contagi.
Lo afferma il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco al Forex di Parma secondo cui la crescita del Pil “si avvicinerebbe nella media di quest’anno al 4% per poi attenuarsi nei prossimi due”.
IL DEBITO PUBBLICO – “La marcata ripresa dell’economia è stata decisiva per interrompere l’aumento del rapporto tra debito pubblico e prodotto, che alla fine del 2021 potrebbe essere sceso su valori prossimi al 150 per cento (da circa il 156 per cento raggiunto nel 2020), afferma Visco.
Si tratta “di un livello nettamente inferiore a quanto previsto all’inizio dello scorso anno e anche alle valutazioni ufficiali pubblicate in autunno” ha rilevato sottolineando l’importanza “della crescita per il calo del debito.
LE BANCHE – Le banche italiane hanno una situazione patrimoniale nel complesso solida e la qualità del credito ha continuato a migliorare, anche beneficiando delle misure di sostegno”, afferma il governatore della Banca d’Italia secondo cui tuttavia “rimangono però casi di fragilità principalmente presso banche di dimensione medio-piccola e con un modello di attività tradizionale”. Visco ha sottolineato che per alcune banche la vigilanza ha richiesto di “Valutare con tempestività ogni opzione volta a prevenire il deterioramento e riportarsi su sentieri di piena sostenibilità”.
MISURE AD HOC – Il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco giudica con favore interventi mirati sul caro bollette o su singoli settori in difficoltà ma dice di no a generali misure “generalizzate di stimolo” che determinerebbero tensioni sui prezzi e rischi “per l’equilibrio dei conti pubblici”. Visco ha spiegato come “limitati interventi di natura emergenziale possono ancora trovare giustificazione, ad esempio per fronteggiare la crisi energetica o nei casi in cui i contagi continuino a ostacolare consumi e produzione, come nei servizi legati al turismo, alla ristorazione, al tempo libero”.
IL FUTURO – “Dobbiamo cominciare a pensare a un futuro da consolidare e al quale tutti dobbiamo partecipare con ottimismo con un tentativo di costruire il nuovo che di fatto sta proprio nelle nostre mani”, ha detto il governatore della Banca d’Italia, ricordando come 10 anni fa nel suo primo discorso all’associazione nella città emiliana il quadro era di grave crisi e recessione del paese. Ora ha detto di fronte alla crisi pandemica “l’economia italiana è più attrezzata e le banche non sono la causa ma hanno aiutato”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“La marcata ripresa dell’economia è stata decisiva per interrompere l’aumento del rapporto tra debito pubblico e prodotto, che alla fine del 2021 potrebbe essere sceso su valori prossimi al 150 per cento (da circa il 156 per cento raggiunto nel 2020)”. Lo afferma il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco al Forex di Parma. Si tratta “di un livello nettamente inferiore a quanto previsto all’inizio dello scorso anno e anche alle valutazioni ufficiali pubblicate in autunno” ha rilevato sottolineando l’importanza “della crescita per il calo del debito.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Contratti: Landini, inaccettabili parole Bonomi
Così si programma riduzione potere acquisto
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 febbraio 2022
16:36
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, considera “inaccettabili” le parole del numero uno della Confindustria Bonomi sulla crescita dei salari legati alla contrattazione di secondo livello.
” Su contratti – ha detto nel corso dell’assemblea programmatica dell’Organizzazione – è inaccettabile quello che dice.
La maggioranza dei lavoratori è in imprese dove la contrattazione di secondo livello non c’è, rinunciare alla contrattazione nazionale vuol dire programmare la riduzione del potere d’acquisto”.. Se il riformismo competitivo significa queste cose noi diciamo che non ce ne è bisogno”.
In una interista Corriere della sera Bonomi, rispondendo a una domanda sul fatto che secondo i sindacati il caro energia non viane considerato nell’indice dei prezzi armonizato su cui si basano i salari aveva risposto: ‘Non è così. Il prezzo dei beni energetici c’è, ma viene spalmato nel tempo per evitare che scarti bruschi come quello attuale rendano l’indice ballerino. Se si vogliono innalzare i salari subito, la strada sono contratti di produttività in ogni impresa, addizionali al contratto nazionale”.
Bonomi parla di riformismo competitivo – ha detto Landini – ma le due parole stanno insieme? le riforme non devono essere competitive, devono essere giuste, redistributive. Competitivo per chi? Oggi il problema non è che manca la competitività ,nel mondo del lavoro ce n’è troppa di competitività delle persone. Di Vittorio ci ha insegnato che un compito fondamentale del sindacato è impedire che le persone che per vivere devono lavorare debbano competer tra di loro perché quando avviene questo siamo di fronte a una guerra tra poveri e a una riduzione dei diritti, non a una crescita generale”. Se poi di fronte al problema dei contratti nazionali – prosegue Landini – e dell’inflazione che cresce risponde che non va cambiato nulla perché l’unico luogo dove devono crescere eventualmente i salari è con la produttività, dove si fa la contrattazione aziendale, per noi questa è una cosa non accettabile. Non perché siamo contro la contrattazione aziendale ma perché sappiamo perfettamente che in un Paese fatto di piccole imprese dove la maggioranza dei lavoratori è in imprese dove la contrattazione non c’è, se non sono i contratti nazionali che tornano ad avere un’autorità salariale e a porsi il problema dei aumentare il valore reale dei salari questo vuol dire accettare la riduzione dei salari”
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Contratti: Landini, inaccettabili le parole di Bonomi
Contratti nazionali devono far aumentare i salari reali
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 febbraio 2022
16:07
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, considera “inaccettabili” le parole del numero uno della Confindustria Bonomi sulla crescita dei salari legati alla contrattazione di secondo livello.
“Se di fronte al problema dei contratti nazionali e dell’inflazione che cresce – ha detto nel corso dell’assemblea dell’Organizzazione – Bonomi risponde che non va cambiato nulla, perché l’unico luogo dove devono crescere eventualmente i salari è con la produttività, dove si fa la contrattazione aziendale, per noi questa è una cosa non accettabile.
Non perché siamo contro la contrattazione aziendale, ma perché sappiamo perfettamente che in un Paese fatto di piccole imprese, dove la maggioranza dei lavoratori è in imprese dove la contrattazione non c’è, se non sono i contratti nazionali che tornano ad avere un’autorità salariale e a porsi il problema di aumentare il valore reale dei salari questo vuol dire accettare la riduzione dei salari”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ita: Cub, si riapre stagione svendite a scapito dei lavoratori
Amoroso, si distrugge sistema Paese e asset strategico trasporti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 febbraio 2022
17:59
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Con la privatizzazione della compagnia aerea di bandiera Ita “si riapre una stagione di svendite a scapito dei lavoratori, dei contribuenti e degli interessi nazionali”.
Lo affermano i sindacati Cub-Trasporti e AirCrewCommittee.
Antonio Amoroso, segretario del comparto della Confederazione unitaria di base, denuncia che “si distrugge il sistema Paese e un asset strategico” cancellando “migliaia di posti di lavoro anche nell’indotto e consentendo la colonizzazione dell’Italia per giunta a basso prezzo” ed evidenziando “la mancanza di una visione imprenditoriale”.
Secondo i sindacati “è tutto come concordato in Ue dal Governo dei Migliori per il futuro di Alitalia: smembramento, ridimensionamento, licenziamenti e saccheggio delle tasche dei contribuenti”. Lo schema “è lo stesso degli anni Novanta con cui si diede l’avvio alle grandi privatizzazioni con cui cominciò lo smantellamento del sistema industriale italiano: oggi più di ieri è in programma la definitiva trasformazione del Paese in un grande mercato a danno dei lavoratori, dei contribuenti e del Paese”.
“Se mai ce ne fosse il bisogno a peggiorare la situazione c’è – concludono – il tradimento di forze politiche che avevano giurato e spergiurato che si sarebbero impegnate ad arginare gli appetiti speculatori e che si sarebbero adoperate per attuare un progetto di rilancio di Alitalia: una colossale presa in giro per migliaia di famiglie che non dimenticheranno il raggiro dei partiti sovranisti-populisti, di quelli progressisti-europeisti e dei conservatori nazionalisti”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
San Valentino: Coldiretti, 1 italiano su 2 regala fiori
Festa simbolo di primo ritorno alla normalità.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 febbraio 2022
23:50
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oltre un italiano su due (53%) che fa regali per San Valentino sceglie quest’anno di donare piante e fiori, superando cioccolatini (25%), capi di abbigliamento (11%) e gioielli (11%).
E’ quanto emerge dall’indagine on line condotta dal sito http://www.coldiretti.it per la festa degli innamorati con la mobilitazione dei mercati degli agricoltori di Campagna Amica per offrire il meglio delle produzioni Made in Italy.
Con la discesa dei contagi e lo stop alle mascherine all’aperto la festa quest’anno, sottolinea la Coldiretti, diventa il simbolo di un primo ritorno alla normalità ma anche l’occasione per far ripartire gli acquisti di piante e fiori.
Ma non tutti sanno che fiori e colori hanno un loro linguaggio e per non sbagliare scendono in campo i tutor della Coldiretti per rivelarne il significato. Se il colore rosso significa passione ardente, quello bianco testimonia l’amore puro e spirituale, mentre il corallo rivela il desiderio. Occhio alla rosa gialla, perché oltre a simboleggiare un amore disperato potrebbe anche comunicare tradimento. E ancora, il ranuncolo simboleggia bellezza malinconica, la calendula dedizione ma anche pene d’amore e se il garofano bianco significa fedeltà, quello giallo eleganza, quello rosa amore reciproco e quello rosso amore vivo e intenso. Le orchidee significano totale dedizione in amore, la margherita amore puro, innocente, il papavero, invece, tranquillità e serenità. Per assicurarsi la durata dei fiori, la Coldiretti consiglia di accorciare il gambo di 3-4 centimetri con un taglio netto e obliquo. Piccolo trucco per l’acqua che deve essere fresca e pulita è sciogliervi un’aspirina o 3-4 gocce di candeggina per litro al fine di impedire la formazione di batteri che ostruirebbero i canali per portare l’acqua al fiore. Cambiarla una volta al giorno ed evitare l’esposizione a luce diretta, le correnti d’aria sia calda sia fredda e le fonti di calore. Quest’anno produrre fiori costa agli agricoltori italiani il 30% in più a causa dell’impennata dei costi energetici, con i vivai costretti a produrre praticamente in perdita. E’ quanto emerge da un’analisi della Coldiretti diffusa in occasione della mobilitazione dei mercati contadini di Campagna Amica in tutta Italia in vista di San Valentino. Nelle serre si spende dal 50% in più per il gasolio e l’elettricità al 400% in più per concimi e metano, mentre i prezzi degli imballaggi in plastica sono triplicati. Per una serra di mille metri dove si coltiva un fiore del periodo come la viola a ciocche, la perdita netta per i vivaisti è di 1.250 euro, con costi di produzione che superano quelli di vendita. E se in altri settori si cerca di concentrare le operazioni colturali nelle ore di minor costo dell’energia elettrica, rileva Coldiretti, le imprese florovivaistiche non possono interrompere le attività, pena la morte delle piante o la mancata fioritura. Le rose, ad esempio, hanno bisogno di una temperatura fissa di almeno 15 gradi per fiorire e lo stesso vale per le gerbere, mentre per le orchidee ne servono 20-22 gradi e in assenza di riscaldamento muoiono. E chi non riesce e far fronte agli aumenti è così costretto a spegnere le serre e cercare di riconvertire la produzione. Un trend che pesa su un settore cardine per l’economia agricola che vale oltre 2,57 miliardi di euro, generati da 27 mila aziende, con un indotto di 200 mila occupati. La scomparsa dei fiori italiani dai mercati rischia peraltro di favorire le importazioni, che nel 2021 hanno già fatto registrare un aumento del 20% in valore.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mite: con piano aree idonee regole certe dopo anni di attesa
Obiettivo fornire regole certe agli operatori e accompagnare la transizione
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
12 febbraio 2022
23:54
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Con il Pitesai “regole certe dopo anni di attesa”.
Così il ministero per la Transizione ecologia commenta la pubblicazione del Piano della transizione energetica sostenibile delle aree idonee.
E sottolinea “fortemente voluto dal ministro della Transizione Ecologica Cingolani per sanare il ritardo della sua pubblicazione attesa da anni”, con l’obiettivo di fornire regole certe agli operatori e di accompagnare la transizione del sistema energetico nazionale definendo le priorità sia in un’ottica di decarbonizzazione – in linea con gli accordi internazionali di tutela dell’ambiente e della biodiversità – che del fabbisogno energetico.
Il Piano, spiega la nota del Mite, individua le aree in cui è consentito lo svolgimento delle attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi sul territorio nazionale.
L’iter ha visto un complesso lavoro iniziale di mappatura, portata avanti insieme ad istituti di ricerca specializzati (Ispra, Rse), in seguito al quale il ministero della Transizione Ecologica ha proposto il Piano che è stato così sottoposto a Valutazione ambientale strategica (Vas), processo che prevede una fase di consultazione interamente pubblica. Il 29 settembre 2021, in linea l’impegno preso, il Piano è stato consegnato dal Mite, avviando così la fase di interlocuzione con la Conferenza unificata, che a dicembre 2021 si è pronunciata positivamente, proponendo il vincolo di valutazione di possibili attività connesse a permessi di ricerca limitandole esclusivamente al gas.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Gas, ripartono le estrazioni, ecco il ‘piano regolatore’
Il Mite pubblica il Piano per la transizione energetica sostenibile delle aree idonee. Ambientalisti contrari
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 febbraio 2022
10:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sostanziale stop a nuovi permessi per il petrolio, ripresa per le prospezioni e le estrazioni di gas in terra e nell’offshore italiano.
Con la pubblicazione del Pitesai, il Piano per la transizione energetica sostenibile delle aree idonee, si compie un primo passo verso quell’incremento della produzione del gas italiano a cui il governo sta guardando come una delle armi per contrastare il caro energia.
“Regole certe dopo anni di attesa”, dice il Mite che sottolinea come il piano sia stato”fortemente voluto dal ministro della Transizione Ecologica Cingolani per sanare il ritardo della sua pubblicazione”, anche se l’idea non piace affatto al mondo ambientalista, che è sceso in piazza in 44 città con manifestazioni ‘no gas’.

Complessivamente nel 2021 l’Italia ha prodotto circa 3,2 miliardi di metri cubi di gas e ne ha usati poco più di 72. La ripresa delle estrazioni potrebbe portare ad un raddoppio della produzione italiana, arrivando così ad un 10% circa del fabbisogno nazionale. In primo piano per l’aumento dell’estrazione il ruolo dell’offshore del Mare Adriatico.

Arrivato dopo tre anni dalla moratoria imposta nel 2019 dall’allora governo, il Piano è una mappa, una sorta di piano regolatore, che indica dove sarà consentita l’estrazione di idrocarburi. “Regole certe dopo anni di attesa”, sottolinea il Mite, con alcuni paletti.

L’intento infatti è quello di razionalizzare e concentrare le attività di estrazione su poche concessioni attive. Il via libera infatti riguarda solo le attività le cui domande sono state presentate dopo il primo gennaio del 2010. Troppo poco attente ai criteri ambientali – è questa la considerazione fatta a monte della decisione – quelle antecedenti. Scopo del piano infatti, viene precisato, è individuare “un quadro di riferimento delle aree, a terra e a mare, ove è consentito lo svolgimento delle attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi, stabilendone la “compatibilità” con il territorio interessato, “secondo valutazioni di sostenibilità ambientale, sociale ed economica.” La soluzione non convince però per niente il fronte ambientalista: “pretendiamo che il governo faccia la sua parte nel contrastare la crisi climatica, definendo immediatamente un piano di uscita dal gas fossile e che gli investimenti previsti in questo settore, comprensivi di Capacity Market (il meccanismo con cui ci si approvvigiona di capacità di energia elettrica con contratti a termine) e che ci costeranno almeno 30 miliardi di euro, vengano direzionati sull’unica vera soluzione: le fonti rinnovabili”, dicono nel loro manifesto gli organizzatori della protesta.

Complessivamente il Pitesai riguarda un ambito del 42% del territorio italiano e stabilisce la chiusura alle attività di prospezione, ricerca e coltivazione di tutte le aree marine e terrestri non comprese nell’ambito territoriale di riferimento della pianificazione e valutazione del Piano. Tra le aree che non potranno più essere interessate da attività di ricerca e coltivazione, le Regioni Valle D’Aosta, Trentino Alto Adige, Liguria, Umbria, in parte Toscana e Sardegna, e a mare il 5% della intera superficie marina sottoposta a giurisdizione italiana.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Caro energia spinge i listini, verso stangata da 38,5 miliardi
Assoutenti, più costi imprese, attività ed esercizi commerciali
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 febbraio 2022
18:00
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il caro-bollette fa impazzire i listini al dettaglio, con una moltitudine di prodotti che a gennaio hanno risentito dei rincari di luce e gas.
Lo rivela un report di Assoutenti, che sulla base dei dati Istat sull’inflazione di gennaio ha calcolato le ripercussioni per le tasche delle famiglie.
Gli aumenti delle bollette di luce e gas scattati a gennaio hanno comportato un aumento dei costi in capo a imprese, attività ed esercizi commerciali, che vengono scaricati sui consumatori finali attraverso i prezzi al dettaglio e che potrebbero determinare di questo passo una maxi-stangata da 38,5 miliardi sulle tasche delle famiglie”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Finanza sostenibile: Esma, troppe divergenze su criteri Esg
Avviata consultazione con agenzie rating, società e investitori
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 febbraio 2022
12:44
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ci sono ancora troppe divergenze sui criteri adottati dalle agenzie di rating nella divulgazione e valutazione dei fattori ambientali, sociali e di governance (Esg).
Il richiamo arriva dall’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (Esma) che rileva come la qualità complessiva di divulgazione sia migliorata da quando nel 2020 sono state introdotte le Linee Guida, ma che “l’elevato livello di divergenza tra le agenzie di rating” risulta “piuttosto sorprendente” ed “evidenzia che c’è ancora spazio per ulteriori miglioramenti”.
Ed è questo l’obiettivo della “consultazione” avviata tra agenzie di rating, società e investitori che si concluderà a marzo.
L’interesse degli investitori per la finanza sostenibile è cresciuto in modo esponenziale negli ultimi anni e solo nella prima metà del 2021, il patrimonio dei fondi ‘sostenibili’ nell’Ue è aumentato del 20% – osserva l’Esma – a quota 1.500 miliardi di euro. “Di conseguenza, rimarca l’Autorità – alcune agenzie di rating hanno cercato di diventare più trasparenti su come i fattori Esg siano integrati nelle loro valutazioni del credito”. Ma dall’analisi di oltre 64.000 comunicati delle agenzie di rating pubblicati nel 2020, emerge che “l’entità delle informazioni Esg differisce in modo significativo sia tra le agenzie di rating che tra i fattori Esg, in particolare i temi ambientali”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Gas: Nomisma, raddoppio facile, ma così serviranno decenni
Tabarelli, Italia potrebbe produrre fino a 10 mld mc in più
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 febbraio 2022
17:59
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Ci vorranno anni, se non decenni, per produrre più gas in Italia: ce lo dimostra l’esperienza degli ultimi 20-30 anni.
Anche se tecnicamente un raddoppio della produzione da 3 a 6 miliardi di metri cubi sarebbe possibile in un anno”.
E’ quanto afferma il presidente di Nomisma Energia Davide Tabarelli, sottolineando che nel 2021 la produzione nazionale di gas ha raggiunto il minimo dal 1954 a 3 miliardi di metri cubi. L’Italia, spiega ha toccato il picco di produzione nel 1991 con 21 miliardi di metri cubi e potrebbe oggi facilmente arrivare a 10 miliardi di metri cubi in più all’anno, 7 miliardi di euro in valore.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Smart working: l’organizzazione del lavoro agile nella P.a
Digital talk di Flepar martedì 15 febbraio
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
13 febbraio 2022
15:20
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo i numeri record del primo lock down nel 2020 in cui il lavoro agile è stato in molti casi l’unico mezzo per permettere di far funzionare gli uffici sia nel pubblico sia nel privato la tendenza del 2021 ha portato ad una stabilizzazione della quota di lavoro agile.

In base ai dati riportati nella ricerca dell’Osservatorio Smart Working della School of Management del Politecnico di Milano*, nel post pandemia saranno circa 4,4 milioni i lavoratori che utilizzeranno il lavoro agile “… di cui 2,03 milioni nelle grandi imprese, 700mila delle PMI, 970mila nelle microimprese e 680mila nella PA”.

Al lavoro agile e all’evoluzione culturale ed organizzativa che questo cambiamento rappresenta e richiede è dedicato il Digital Talk “Smart è chi smart fa” promosso da FLEPAR, martedì 15 febbraio 2022 dalle ore 15 alle ore 17 . All’incontro moderato da Giorgio Zanchini, parteciperanno Giuseppe Conte, Roberto Speranza, Francesco Boccia, Andrea Tardiola Pasquale Tridico Antonio Naddeo Pasquale Aiello Sebastiano Fadda Chiara Bisconti , Tiziana Cignarelli, Tania Scacchetti, Giorgio Cavallero, Aldo Tagliente, Stefano Di Leo, Fulvio Ferrazzano.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Tokyo, apertura in calo (-1,39%)
Pesano tensioni geopolitiche Russia-Usa
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
14 febbraio 2022
01:31
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Tokyo avvia la prima seduta della settimana col segno meno, seguendo il ribasso degli indici azionari statunitensi mentre aumentano i timori degli investitori a causa delle crescenti tensioni al confine con l’Ucraina e i rischi geopolitici derivanti a livello globale.

L’indice di riferimento Nikkei cede l’1,39%, a quota 27.311,01, con una perdita di 385 punti.
Sul mercato dei cambi lo yen guadagna terreno sul dollaro a 115,40 e sull’euro a 131,20.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Venti di guerra, Borse asiatiche in rosso, vola il petrolio
Tokyo chiude a -2,23%. Il Wti sfiora 95 dollari al barile
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 febbraio 2022
08:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse asiatiche chiudono in netto calo.
I venti di guerra tra Russia e Ucraina e le tensioni con gli Stati Uniti pesano sui listini che hanno registrano la peggior flessione delle ultime due settimane.
Con le frizioni geopolitiche l’attenzione si concentra sul prezzo di gas e petrolio. Negli Stati Uniti il Wti ha sfiorato i 95 dollari al barile, il massimo da settembre 2014, mentre a Londra il Brent ha raggiunto i 95,66 dollari. Si guarda anche dell’inflazione e le prossime mosse delle banche centrali.
In forte flessione Tokyo (-2,23%). Sul mercato dei cambi lo yen continua a rivalutarsi sul dollaro a 115,30, e a 130,90 sull’euro. A contrattazioni ancora in corso in rosso Hong Kong (-1,47%), Shanghai (-1,27%), Shenzhen (-0,88%), Seul (-1,57%) e Mumbai (-2%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: prezzo spot in lieve calo a 1.853 dollari l’oncia
Dopo il rialzo dell’1,8% registrato venerdì
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 febbraio 2022
08:18
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il prezzo spot dell’oro ripiega dopo il rialzo dell’1,8% messo a segno venerdì.
Tradizionalmente visto come bene rifugio in tempi di incertezza, questa volta – di fronte all’aggravarsi della situazione tra Russia e Ucraina – il metallo prezioso arretra dello 0,3% portandosi a 1.853,5 dollari l’oncia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro poco mosso sul dollaro a 1,1345
Moneta unica stabile sullo yen a 130,9
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 febbraio 2022
08:21
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’euro è poco mosso sul dollaro questa mattina e si attesta a 1,1347 (-0,02%).
La moneta unica è stabile anche sullo yen a 130,9.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread tra Btp e Bund apre con un balzo a 171 punti
Il rendimento del decennale italiano stabile a 1,948%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 febbraio 2022
08:27
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread tra Btp e Bund avvia con un balzo la prima seduta della settimana e si attesta a 171 punti, rispetto ai 165 punti della chiusura di venerdì.
Si tratta, secondo le rilevazioni di Bloomberg, del massimo da giugno 2020.
Il rendimento del decennale italiano è stabile all’1,948%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Venti di guerra, Borse asiatiche in rosso, vola il petrolio
Tokyo chiude a -2,23%. Il Wti sfiora 95 dollari al barile
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 febbraio 2022
09:14
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Netto calo per le Borse asiatiche.
I venti di guerra tra Russia e Ucraina e le tensioni con gli Stati Uniti pesano sui listini che hanno registrano la peggior flessione delle ultime due settimane.
Con le frizioni geopolitiche l’attenzione si concentra sul prezzo di gas e petrolio. Negli Stati Uniti il Wti ha sfiorato i 95 dollari al barile, il massimo da settembre 2014, mentre a Londra il Brent ha raggiunto i 95,66 dollari. Si guarda anche dell’inflazione e le prossime mosse delle banche centrali.
In forte flessione Tokyo (-2,23%). Sul mercato dei cambi lo yen continua a rivalutarsi sul dollaro a 115,30, e a 130,90 sull’euro. A contrattazioni ancora in corso in rosso Hong Kong (-1,47%), Shanghai (-1,27%), Shenzhen (-0,88%), Seul (-1,57%) e Mumbai (-2%).
Le tensioni si riflettono anche sui titoli di Stato: lo spread tra Btp e Bund ha aperto con un balzo a 171 punti, con il rendimento del decennale italiano che si avvicina al 2%.
Gas in forte rialzo con i venti di guerra che spirano tra Russia e Ucraina. Sui mercati ci sono timori per una improvvisa riduzione dei flussi di gas che arrivano dalla Russia. Ad Amsterdam le quotazioni sono in rialzo dell’8,5% a 83,50 euro al Mwh, dopo aver registrato un aumento del +12% a 88 euro. A Londra il prezzo sale del 4,45% a 185,86 penny per Mmbtu.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: lunedì nero per i venti di guerra, l’Europa brucia 201 miliardi
Milano chiude in forte calo. Spread Btp-Bund a 168 punti, tasso all’1,96%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
09:22
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Prima giornata della settimana molto pesante per tutte le Borse europee, strette nella tenaglia dei rischi di guerra sul confine Russia-Ucraina e i timori di rialzo dei tassi: l’indice Stoxx 600, che raggruppa i 600 titoli maggiori del Vecchio continente, dopo cali anche più ampi ha perso l’1,9% finale, che si traduce in 201 miliardi di capitalizzazione bruciati in una sola seduta.

Lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 10 anni ha chiuso a 168 punti base rispetto al picco dei 171 ‘basis point’ della partenza, con un tasso del prodotto del Tesoro all’1,96% contro l’1,94% dell’avvio.
Il rendimento corregge così i massimi dal maggio 2020, mentre il differenziale è sui livelli più alti dal luglio dello stesso anno.

Giornata difficile per le Borse europee sulle tensioni in Ucraina e Milano non si differenzia: in Piazza Affari l’indice Ftse Mib, dopo aver sfiorato ribassi del 4% in corso di seduta, ha chiuso in calo del 2,04% a 26.415 punti.

Mercati azionari del Vecchio continente tutti in terreno chiaramente negativo in una seduta che ha guardato alla crisi ucraina e al rischio di rialzo dei tassi di interesse: dopo perdite anche abbondantemente maggiori, Madrid ha concluso in calo del 2,5%, Parigi del 2,2%, Francoforte di due punti percentuali. In ribasso dell’1,7% finale sia Amsterdam sia Londra, con Mosca che nei diversi indici si muove su cali tra il 3 e il 2%.

Il petrolio chiude in rialzo a New York, dove le quotazioni salgono del 2,53% a 95,46 dollari al barile. Il Wti rivede quota 95 dollari per la prima volta da 2014.
Netto calo per le Borse asiatiche. I venti di guerra tra Russia e Ucraina e le tensioni con gli Stati Uniti pesano sui listini che hanno registrano la peggior flessione delle ultime due settimane. Con le frizioni geopolitiche l’attenzione si concentra sul prezzo di gas e petrolio. Negli Stati Uniti il Wti ha sfiorato i 95 dollari al barile, il massimo da settembre 2014, mentre a Londra il Brent ha raggiunto i 95,66 dollari. Si guarda anche dell’inflazione e le prossime mosse delle banche centrali.
In forte flessione Tokyo (-2,23%). Sul mercato dei cambi lo yen continua a rivalutarsi sul dollaro a 115,30, e a 130,90 sull’euro. A contrattazioni ancora in corso in rosso Hong Kong (-1,47%), Shanghai (-1,27%), Shenzhen (-0,88%), Seul (-1,57%) e Mumbai (-2%).
Gas in forte rialzo: sui mercati ci sono timori per una improvvisa riduzione dei flussi di gas che arrivano dalla Russia. Ad Amsterdam le quotazioni sono in rialzo dell’8,5% a 83,50 euro al Mwh, dopo aver registrato un aumento del +12% a 88 euro. A Londra il prezzo sale del 4,45% a 185,86 penny per Mmbtu.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Venti di guerra zavorrano listini, Milano in profondo rosso
Parigi (-2,05%), Francoforte (-2,33%), Londra (-0,11%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 febbraio 2022
09:43
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
I venti di guerra in Ucraina zavorrano le Borse europee.
Dopo la chiusura in calo dei listini asiatici, con Tokyo in ribasso di oltre il 2%, anche le piazze continente fanno i conti con l’aggravarsi della situazione avviando in forte calo la prima seduta della settimana.
Milano perde il 3,7% con quasi tutto il listino in rosso. Flessione per Parigi (-2,05%), Francoforte (-2,33%), Londra (-0,11%), Madrid (-2,43%). Nel pomeriggio è attesa l’audizione della presidente della Bce, Christine Lagarde, al parlamento europeo per il report annuale della banca centrale europea, ma intanto anche sui titoli di Stato la tensione è lampante. Lo spread tra Btp e Bund ha aperto con una fiammata a 171 punti.
I timori geopolitici hanno fatto volare anche il prezzo del petrolio, con il Wti che ha sfiorato i 95 dollari al barile, e del gas (arrivato a segnare +12% in Europa), mentre permane il nervosismo dei mercati per le prossime mosse delle banche centrali per contrastare l’inflazione.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: Milano (-3,7%) scivola ancora con timori su Ucraina
Lo spread tra Btp e Bund a 169 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 febbraio 2022
09:36
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano (-3,7%) scivola ancora, in linea con gli altri listini europei con i timori di una guerra in Ucraina.
A Piazza Affari pesano le banche e le utility mentre prosegue la corsa del prezzo del petrolio e del gas.
Lo spread tra Btp e Bund prosegue a 169 punti, con il rendimento del decennale italiano all’1,90%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa pesante con rischio guerra, listini cedono 3%
In netto rialzo petrolio e gas. L’euro in calo sul dollaro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 febbraio 2022
09:47
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee proseguono la seduta pesante con gli investitori che si mostrano fortemente nervosi per i rischi di una guerra tra Russia e Ucraina.
Sui listini pesa il calo delle banche (-3,6%), delle utility (-2,1%) e dell’energia (-1,5%).
Sul fronte valutario l’euro sul dollaro scende a 1,1311.
L’indice d’area stoxx 600 cede il 2,7%. In flessione Francoforte (-3,2%), Parigi (-3,3%), Madrid (-3,1%), Londra (-1,8%). Rallenta la corsa del petrolio che però si mantiene sui massimi. Il Wti si attesta a 93,30 dollari al barile e il brent a 94,40 dollari. Il prezzo del gas ad Amsterdam sale a 83,60 euro al Mwh (+7,6%). A Londra sale a 201 penny (+8,1%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa:Milano -3,9% in profondo rosso con le banche e utility
Spread tra Btp e Bund a 170 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 febbraio 2022
10:08
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano prosegue in profondo rosso, in linea con gli altri listini europei, con i timori di una guerra in Ucraina.
A Piazza Affari soffrono le banche con Mps (-6,6%), rientrata agli scambi dopo una sospensione in asta di volatilità.
Male anche Banco Bpm (-7,1%) e Bper (-6,2%), in attesa del consiglio d’amministrazione per presentare l’offerta al Fitd per Carige (+0,1%). Tra gli istituti di credito in flessione Unicredit e Intesa (-6%).
Le capriole di petrolio e gas zavorrano le utility e energia.
In rosso A2a (-2,9%), Enel (-2,8%), Eni (-2,2%), Hera e Erg (-2%). In controtendenza Snam (+0,3%). Seduta pesante per Tim e Atlantia (-4,1%) e Stm (-3,6%).
Lo spread tra Btp e Bund sale a 170 punti, con il rendimento del decennale italiano all’1,90%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Intesa: investe 47 milioni euro in Thought Machine
Sarà il partner per dar vita a nuova piattaforma banca digitale
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 febbraio 2022
10:31
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Intesa Sanpaolo ha individuato in Thought Machine, società tecnologica di core banking con sede nel Regno Unito, il partner ideale per dar vita alla sua nuova piattaforma di digital banking.
Ad attribuire maggior significato alla partnership è l’investimento di 40 milioni di sterline (47,74 milioni di euro) che Intesa Sanpaolo ha deciso di effettuare, partecipando così al percorso di crescita della società.

Isybank, la nuova piattaforma di digital banking di Intesa Sanpaolo, progetto qualificante del Piano di Impresa 2022-2025 recentemente presentato, si potrà pertanto avvalere di Vault, il motore core banking di Thought Machine. Intesa Sanpaolo ha inoltre manifestato l’intenzione di estendere la piattaforma core banking di Thought Machine alla più ampia infrastruttura del Gruppo.
Con il nuovo piano d’impresa “intendiamo affrontare in maniera ancora più decisa la sfida del fintech”, afferma Carlo Messina, consigliere delegato e ceo di Intesa Sanpaolo. “Per questa ragione, tra i principali progetti di Intesa Sanpaolo per gli anni a venire – aggiunge – c’è la creazione e lo sviluppo di Isybank, la nuova banca dedicata, inizialmente, a quei 4 milioni di clienti che già oggi ricorrono primariamente alla nostra offerta digitale”.
“A complemento del lavoro svolto con le banche Tier 1 in tutto il mondo, siamo ora orgogliosi di annunciare che la più grande banca italiana e una delle principali istituzioni finanziarie europee adotterà la tecnologia di Thought Machine nella sua nuova banca digitale”, evidenzia Paul Taylor, fondatore e ceo di Thought Machine.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Pnrr: dalla Fondazione Crt una guida all’europrogettazione
Bussola digitale gratuita per Terzo Settore, enti locali,imprese
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
14 febbraio 2022
10:44
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La sfida del Pnrr è a portata di click con la Guida all’Europrogettazione (www.guidaeuroprogettazione.eu).
Questa innovativa “bussola” digitale e gratuita – promossa e ideata dalla Fondazione Crt con l’adesione di Acri e di altre sette Fondazioni italiane (Fondazione Cariplo e le Fondazioni Cr Bolzano, Cuneo, Firenze, Perugia, Verona, Trento e Rovereto) – permette al Terzo Settore, agli enti locali, alle imprese e ai cittadini di orientarsi tra i fondi Ue e tra le opportunità del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, che vale per l’Italia oltre 220 miliardi di euro: una dotazione finanziaria “a termine” per il rilancio, che richiede capacità e velocità di progettazione.
L’esecuzione del Pnrr è vincolata infatti a tempi di esecuzione particolarmente stretti: i fondi dovranno essere impegnati per il 70% entro la fine del 2022, per il restante 30% entro la fine del 2023 ed effettivamente spesi entro la fine del 2026.
“Il Pnrr è un’opportunità storica, purché la si sappia valorizzare e utilizzare al meglio, per far evolvere il Paese verso un modello economico-sociale più competitivo, innovativo, sostenibile, equo e inclusivo Le Fondazioni, tra cui Fondazione Crt, si candidano a essere attori attivi in questo processo, mettendo in campo risorse, progettualità e strumenti innovativi come la Guida all’Europrogettazione, che accrescono il ‘capitale’ di conoscenze, capacità e relazioni per il presente e il futuro della Next Generation Eu” affermano il presidente della Fondazione Crt Giovanni Quaglia e il segretario generale Massimo Lapucci.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: Europa pesante su timori guerra, Milano -3,5%
Vendite per banche e utility. In rialzo oro, petrolio e gas
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 febbraio 2022
10:53
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee proseguono pesanti con i venti di guerra che arrivano dall’Est.
Le tensioni tra Russia e Usa per l’Ucraina hanno messo sotto pressione i mercati, con il balzo dei prezzi di gas e petrolio ed il nervosismo sui titoli di Stato.
Nel comparto azionario sono energia (-1%), utility (-1,8%) e banche (-3,4%) a subire il maggiore calo. In questo contesto l’euro sul dollaro si indebolisce e scende a 1,1319 a Londra.
L’indice d’area stoxx 600 cede il 2,4%. Raffica di vendite a Francoforte (-3,1%), Parigi (-2,89%), Madrid (-2,47%), Londra (-1,7%). Maglia nera per Milano (-3,5%). Tra i comparti soffrono anche i tecnologici (-2,9%) e le auto (-2,6%).
Seduta all’insegna della volatilità per le materie prime. I rialzo il petrolio con il Wti che sale a 93,37 dollari al barile (+0,3%) e il Brent a 94,59 dollari (+0,17%). Avanza il prezzo del gas. Ad Amsterdam le quotazioni sono in rialzo del 7,3% a 83,11 euro al Mwh, dopo aver registrato in mattinata un aumento del +12% a 88 euro. A Londra il prezzo sale del 7,4% sforando i 200 penny per Mmbtu (199,79 penny). Sale anche l’oro che raggiunge 1.856 dollari l’oncia, con un incremento dell’1,67%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Gentiloni, sosteniamo la sovranità e l’economia dell’Ucraina
Commissario Ue rilancia la dichiarazione dei ministri Finanze G7
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
14 febbraio 2022
11:42
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Supportiamo l’Ucraina.
La sua sovranità e la sua economia”.
Lo scrive su Twitter il commissario Ue agli Affari Economici Paolo Gentiloni rilanciando la dichiarazione dei ministri delle Finanze del G7 sulla crisi ucraina.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bollette: De Poli, fare “debito buono” a tutela famiglie
Contro rincari è urgente un intervento da parte del Governo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 febbraio 2022
12:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Contro il caro bollette è urgente un intervento da parte del Governo.
Noi chiediamo di fare “debito buono” a tutela delle famiglie e delle piccole medie imprese che stanno affrontando un lockdown economico e sociale”.
Così Antonio De Poli, questore di palazzo Madama.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa pesante con nubi guerra, maglia nera Milano -3,1%
Banche -3,4%, compagnie aeree -4,6% e utility -1,8%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 febbraio 2022
12:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le nubi di guerra si addensano sui mercati con i listini europei che restano incagliati in una raffica di vendite in tutti i settori.
Le tensioni tra Russia e Ucraina si aggiungono ad un nervosismo dei mercati che si trascina da diverse sedute, per i timori delle prossime mosse delle banche centrali per contrastare l’avanzata dell’inflazione.

Nel Vecchio continente maglia nera per Milano che cede il 3,1%, dopo aver sfiorato il -4%. Restano pesanti anche Francoforte e Parigi (-3,2%), Madrid (-2,6%), Londra (-1,9%) e Amsterdam (-2,6%). Le banche (-3,4%) sono il comparto azionario maggiormente colpito mentre proseguono le tensioni sui titoli di Stato. Soffrono anche i tecnologici (-3,2%), le utility (-1,8%) e l’energia (-1,5%). Male il turismo (-3%) e le compagnie aeree (-4,6%).
A Piazza Affari in netto calo gli istituti di credito con Mps (-5,3%), Bper (-5,1%), in vista dell’offerta al Fitd per Carige (-0,01%), Intesa e Unicredit (-4,5%) e Banco Bpm (-3,7%) . Male anche Azimut (-5,1%) e Cnh (-5,3%). Nel listino principale in controtendenza Snam (+1,7%) e Saipem (+0,26%). Fuori dal listino principale sospesa in asta di volatilità Gas Plus con un rialzo teorico del 17%. Vola Be Shaping the Future (+26,70%), dopo l’interesse di Engineering.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Gas: Vestager, al vaglio più forniture da Nigeria a Ue
‘A breve sarà convocata una riunione tecnica’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
14 febbraio 2022
12:52
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’Unione europea e la Nigeria “hanno riconosciuto l’importanza delle relazione energetiche” tra loro e sono impegnate ad “esplorare tutte le opzioni per una maggiore fornitura di gas naturale liquefatto dalla Nigeria all’Ue.
A breve sarà convocata una riunione tecnica”.
Lo annuncia la vicepresidente della Commissione europea, Margrethe Vestager, dopo un incontro con il vicepresidente nigeriano Yemi Osinbajo, ad Abuja.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Banca Generali, nel piano 18-22 miliardi di raccolta
Mossa, difficili grandi acquisizioni, bene avere brand del Leone
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 febbraio 2022
14:35
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel nuovo piano al 2024 Banca Generali punta a una raccolta netta totale di 18-22 miliardi nel triennio, un incremento dell’utile netto ricorrente pari a +10-15% e di distribuire dividendi in aumento e pari a 7,5-8,5 euro per azione cumulati nel periodo 2022-2025.
Gli obiettivi non tengono conto di aventuali operazioni di crescita esterna.

“Oggi pensare a un deal di dimensioni significative è difficile.
Non vedo spazi per fare grandi deal. Ma ovviamente sceglierà l’azionista se portarli avanti o no”, ha osservato l’amministratore delegato di Banca Generali, Gian Maria Mossa.
D’altra parte “Ci sono piccole realtà che hanno bisogno di farsi consolidare da realtà più grosse. Piccolo e bello non vale più” Riguardo alla battaglia in corso a Trieste, che dell’istituto è socio di maggioranza, Mossa si è limitato a dire che “La Banca sta andando bene” e “sono contento di avere il brand Generali alle spalle, è positivo avere il Leone nel nostro brand”.
“Lasciamo le discussioni ad altri”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano (-2%) lima perdite con Europa in attesa Usa
Petrolio, oro ed euro calmi. Gas +4%, spread scende a 167 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 febbraio 2022
14:37
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
I mercati azionari del Vecchio continente provano ad allentare la fortissima tensione della mattinata in attesa dell’avvio di Wall street, i cui futures sono incerti.

La Borsa peggiore è quella di Parigi che cede il 2,2%, seguita da Francoforte e Madrid (-2,1%), con Amsterdam e Milano che perdono due punti percentuali dopo che Piazza Affari ha sfiorato in corso di seduta un calo del 4 per cento.
Londra scende dell’1,3% e il listino di Mosca, dopo aver oscillato su perdite tra il 3 e il 4%, si è portato su un calo poco superiore al punto percentuale.
Petrolio, oro ed euro sono piuttosto calmi, con il gas naturale che sul mercato europeo quota sugli 80 euro al Megawattora, in aumento del 4% rispetto alla chiusura di venerdì. Lo spread tra Btp e Bund tedeschi è in ribasso a 167 punti base rispetto ai 171 dell’avvio di giornata, con il prodotto del Tesoro che segna un tasso in oscillazione attorno a quota 1,9%.
In Piazza Affari, dove gli operatori come su tutti i mercati sono stretti tra crisi ucraina e rischio di rialzo dei tassi, i titoli peggiori tra quelli a elevata capitalizzazione sono Iveco e Unicredit, in calo di quattro punti percentuali, mentre al contrario Snam viaggia controcorrente in rialzo dell’1%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: in calo a New York a 92,89 dollari
Quotazioni perdono lo 0,20%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
14 febbraio 2022
15:15
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il petrolio è in calo a New York, dove le quotazioni perdono lo 0,20% a 92,89 dollari la barile.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Wall Street apre negativa, Dj -0,13%, Nasdaq -0,12%
S 500 perde lo 0,06%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
14 febbraio 2022
15:35
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Wall Street apre negativa con le tensioni fra Ucraina e Russia.
Il Dow Jones perde lo 0,13% a 34.691,65 punti, il Nasdaq cede lo 0,12% a 13.771,12 punti mentre lo S&P 500 lascia sul terreno lo 0,06% a 4.418,78 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bollette: riunioni Franco-Garofoli, anche con dg Confindustria
Governo lavora a dl,aiuti a famiglie, spinta a gas e rinnovabili
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 febbraio 2022
16:02
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Governo al lavoro per mettere a punto il nuovo decreto contro il caro bollette: in mattinata, secondo quanto si apprende, il ministro dell’Economia Daniele Franco è stato a lungo a Palazzo Chigi con il suo staff in riunione con il sottosegretario alla presidenza Roberto Garofoli.
Insieme Franco e Garofoli hanno poi incontrato anche la dg di Confindustria, Francesca Mariotti, per fare un punto sulle linee generali del provvedimento.

Le nuove misure dovrebbero da un lato dare nuovi aiuti a famiglie e imprese e dall’altro, su un orizzonte di medio periodo, aumentare la produzione di gas nazionale – e lo stoccaggio – e delle rinnovabili, anche attraverso la spinta a scuole e uffici pubblici a dotarsi di pannelli solari.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa resta pesante dopo Wall street, Milano -2,2%
Qualche tensione sull’oro, senza scosse i prezzi dei cereali
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 febbraio 2022
16:03
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’avvio senza scivoloni di Wall street non è bastato alle Borse europee per lasciare il terreno pesantemente negativo generato dalla crisi ucraina e dal timore di rialzo dei tassi: Parigi cede il 2,6%, Madrid due punti percentuali e mezzo, Francoforte e Amsterdam il 2,4%, con Milano in calo del 2,2% nell’indice Ftse Mib.
In ribasso di due punti percentuali sia il listino di Londra sia quello di Mosca.

Restano calmi lo spread Btp Bund (sui 167 punti base), l’euro e il petrolio, con il gas sempre in rialzo del 4% sugli 80 euro al Megawattora, mentre si registra qualche nuova tensione sull’oro che sale dell’1% a 1.865 dollari l’oncia. Piatti sui mercati internazionali delle materie prime i prezzi dei cereali, nonostante l’Ucraina sia uno dei primi esportatori mondiali.
In questo contesto in Piazza Affari nel paniere a elevata capitalizzazione i cali maggiori vengono accusati da Unicredit, Iveco e Bper, che scendono di quattro punti percentuali. Deboli anche Intesa e Mediobanca in ribasso di oltre il 3%, mentre si muovono in chiara controtendenza Snam e Inwit, in rialzo di qualche frazione oltre l’1%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Carige, il Fondo interbancario dice sì a Bper
Cessione per 1 euro, prima ricapitalizzazione per 530 milioni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 febbraio 2022
17:05
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Fondo interbancario di tutela dei depositi ha approvato, al termine di una serie di riunioni dei suoi organi, la cessione dell’80% di Banca Carige a Bper.
E’ quanto si apprende da alcune fonti vicine al Fitd.
Confermati anche i valori dell’operazione: la quota in Carige verrà rilevata dalla banca modenese per un euro, previa ricapitalizzazione a carico del fondo per 530 milioni.
Nell’operazione Bper è stata assistita da Mediobanca e Rothschild mentre Deutsche Bank, Kpmg e Prometeia hanno assistito il Fitd.
Con l’acquisizione di Carige Bper si conferma il candidato più determinato alla costruzione del terzo polo bancario. A sostenere la crescita della banca modenese è il suo azionista forte, Unipol, interessato sia alla rivalutazione sua della partecipazione in Bper, pari al 19% del capitale, sia a disporre di un canale bancario sempre più esteso attraverso cui distribuire i propri prodotti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lagarde, euro è stata pietra miliare nella storia dell’Ue
Ha semplificato la vita agli europei, spinto l’interscambio
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
STRASBURGO
14 febbraio 2022
17:44
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“L’introduzione delle moneta è stata una pietra miliare nella storia dell’Ue, perché condividere una moneta è più che utilizzare la stessa misura di pagamento ma far parte di un impegno comune”.
Lo ha detto la presidente della Bce Christine Lagarde all’europarlamento per la cerimonia dei 20 anni dell’euro.
“L’euro ha semplificato la vita di tanti europei, per chi studia, per chi viaggia, per chi fa impresa; dal 1990 al 2002 l’interscambio tra i Paesi dell’area euro a 19 è stata del 5%, ma se consideriamo il periodo da quando è arrivato l’ euro la crescita è del 200%”, ha sottolineato.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude in forte calo, Ftse Mib -2%
Dopo ribassi più ampi. Come su Europa, pesa crisi ucraina
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
14 febbraio 2022
17:51
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Giornata difficile per le Borse europee sulle tensioni in Ucraina e Milano non si differenzia: in Piazza Affari l’indice Ftse Mib, dopo aver sfiorato ribassi del 4% in corso di seduta, ha chiuso in calo del 2,04% a 26.415 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa conclude pesante, Parigi -2,2%
La peggiore Madrid, in ampio ribasso anche Mosca
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 febbraio 2022
17:54
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mercati azionari del Vecchio continente tutti in terreno chiaramente negativo in una seduta che ha guardato alla crisi ucraina e al rischio di rialzo dei tassi di interesse: dopo perdite anche abbondantemente maggiori, Madrid ha concluso in calo del 2,5%, Parigi del 2,2%, Francoforte di due punti percentuali.

In ribasso dell’1,7% finale sia Amsterdam sia Londra, con Mosca che nei diversi indici si muove su cali tra il 3 e il 2%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: lunedì nero su timori Ucraina, Europa ‘brucia’ 201 miliardi
Piazza Affari ha chiuso in calo del 2,04%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 febbraio 2022
18:10
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Prima giornata della settimana molto pesante per tutte le Borse europee, strette nella tenaglia dei rischi di guerra sul confine Russia-Ucraina e i timori di rialzo dei tassi: l’indice Stoxx 600, che raggruppa i 600 titoli maggiori del Vecchio continente, dopo cali anche più ampi ha perso l’1,9% finale, che si traduce in 201 miliardi di capitalizzazione bruciati in una sola seduta.

In Piazza Affari l’indice Ftse Mib, dopo aver sfiorato ribassi del 4% in corso di seduta, ha chiuso in calo del 2,04% a 26.415 punti.

Tutti i mercati azionari del Vecchio continente sono in terreno chiaramente negativo in una seduta che ha guardato alla crisi ucraina e al rischio di rialzo dei tassi di interesse: dopo perdite anche abbondantemente maggiori, Madrid ha concluso in calo del 2,5%, Parigi del 2,2%, Francoforte di due punti percentuali.
In ribasso dell’1,7% finale sia Amsterdam sia Londra, con Mosca
che nei diversi indici si muove su cali tra il 3 e il 2%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lagarde, sull’inflazione ci muoveremo al momento giusto
Molti cittadini in tutto il Continente sono preoccupati
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 febbraio 2022
18:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Bce garantirà la stabilità dei prezzi “prendendo la decisione giusta al momento giusto”.

Lo ha detto la presidente della Bce, Christine Lagarde, intervenendo al Parlamento europeo a Strasburgo.
“La politica monetaria non può riempire i gasdotti, velocizzare le file dei container nei porti o formare nuovi autisti per guidare gli autotreni, ma siamo ben consapevoli che molti cittadini in tutto il Continente sono preoccupati per il rialzo del costo della vita”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Federbalneari, mappatura Governo non tiene conto di laghi e fiumi
25.000 km di coste in totale, oltre 150.000 concessioni invece delle 30mila segnalate dal governo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 febbraio 2022
18:16
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Venticinquemila km di coste invece di settemilacinquecento, oltre centocinquantamila concessioni invece di trentamila. Il Governo ha esteso la riforma delle concessioni balneari anche a laghi e fiumi, con la legge del 13 ottobre 2020 n.
126, ma nella mappatura dell’esistente non ha tenuto conto dei (grandi) numeri che riguardano queste realtà e che modificano drasticamente la prospettiva di tutta l’impalcatura regolatoria.
La denuncia arriva da Federbalneari Italia che ha avviato un’attività di mappatura con il proprio centro studi per supplire a questa grave lacuna. Federbalneari indirizza una nota, a firma del presidente Marco Maurelli, al presidente del Consiglio dei Ministri Mario Draghi per informarlo di questo aspetto sin qui trascurato dal Governo, che nelle more della norma deve procedere alla mappatura della costa, del mare, dei laghi e dei fiumi.
“Non si comprende – dice il presidente di Federbalneari Italia Marco Maurelli – come sia possibile inserire una realtà vasta e complessa come quella che riguarda fiumi e laghi all’interno del processo di riforma e dimenticarsi completamente di considerare i numeri che porta con sé. Sono cifre enormi, che triplicano e più i km e moltiplicano il conteggio totale delle concessioni da prendere in considerazione nell’analisi quantitativa che è stata posta dal Governo a fondamento della riforma stessa. Questa assurda lacuna – continua Maurelli – apre scenari importanti e compatibili con il negoziato in Commissione Ue sulla revisione giuridica del settore, con impatti sulla imminente riforma del settore piuttosto significativi”.
Federbalneari Italia auspica che questo percorso sia corretto e recepito subito dal Governo Draghi per dare certezze e fornire quel quadro regolatorio che manca alle imprese del mare, dei laghi e dei fiumi italiani, che meritano il superamento dell’incertezza, condizione indispensabile per avere la stabilità economica e l’opportunità di continuare a competere con il resto dei Paesi Ue nel comparto turismo.
“Anche le Regioni – prosegue Maurelli -hanno ben compreso la portata della situazione e, come hanno ribadito con una nota formale, restano in attesa della proposta di riforma e di tutela, nel solco della sostenibilità ambientale, delle concessionarie, che il Governo deve varare di concerto con tutti i soggetti coinvolti, comprese le Associazioni di categoria e le pmi che promuovono il turismo sulle coste italiane”.
“Ora ci aspettiamo – conclude Maurelli – che tali riflessioni sul demanio marittimo, lacuale e fluviale, poste nel corso della riunione del tavolo tecnico all’attenzione del ministro Garavaglia, vengano valutate con attenzione dal premier e il Governo dimostri un impegno concreto per la tutela del modello turistico italiano, così esclusivo in Ue, invitando tutte le Istituzioni europee e italiane a fare altrettanto. In gioco c’è la sopravvivenza stessa del comparto”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund: chiude a 168 punti, tasso all’1,96%
Rendimento corregge ancora i massimi dal maggio 2020
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 febbraio 2022
18:20
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 10 anni ha chiuso a 168 punti base rispetto al picco dei 171 ‘basis point’ della partenza, con un tasso del prodotto del Tesoro all’1,96% contro l’1,94% dell’avvio.

Il rendimento corregge così i massimi dal maggio 2020, mentre il differenziale è sui livelli più alti dal luglio dello stesso anno.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Superbonus: norme nel dl bollette, fino a 3 cessioni crediti
Confermato codice-bollino per tracciabilità operazioni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 febbraio 2022
18:34
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Scatteranno velocemente le novità che il governo introdurrà per far ripartire, in sicurezza, i lavori collegati al Superbonus.
Le norme, secondo quanto si apprende saranno inserite nel prossimo decreto sulle Bollette che il governo porterà nel Consiglio dei Ministri che potrebbe tenersi o giovedì o venerdì prossimo.
Nelle norme, oltre al codice identificativo, una sorta di bollino, che accompagnerà le operazioni di cessioni del credito, è anche previsto un limite massimo di tre cessioni del credito se queste operazioni avvengono all’interno del sistema bancario.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Scatteranno velocemente le novità che il governo introdurrà per far ripartire, in sicurezza, i lavori collegati al Superbonus.
Le norme, secondo quanto si apprende saranno inserite nel prossimo decreto sulle Bollette che il governo porterà nel Consiglio dei Ministri che potrebbe tenersi o giovedì o venerdì prossimo.

Nelle norme, oltre al codice identificativo, una sorta di bollino, che accompagnerà le operazioni di cessioni del credito, è anche previsto un limite massimo di tre cessioni del credito se queste operazioni avvengono all’interno del sistema bancario.

Il ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani ha intanto firmato il decreto che fissa i tetti massimi per gli interventi del Superbonus 110%. I massimali aggiornano quelli già vigenti per l’Ecobonus, aumentandoli almeno del 20% in considerazione del maggior costo delle materie prime e dell’inflazione. “Con questo decreto – commenta il ministro – si completa l’operazione che sta portando avanti il Governo ponendo un freno all’eccessiva lievitazione
dei costi e riportando il Superbonus a un esercizio ragionevole
che tuteli lo Stato e i cittadini venendo incontro alle esigenze
del settore e dell’efficientamento energetico”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Superbonus: massimali +20% per costi materie prime e inflazione
Cingolani firma decreto su tetti massimi lavori
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
14 febbraio 2022
19:25
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani ha firmato il decreto che fissa i tetti massimi per gli interventi del Superbonus 110%.
I massimali aggiornano quelli già vigenti per l’Ecobonus, aumentandoli almeno del 20% in considerazione del maggior costo delle materie prime e dell’inflazione.
“Con questo decreto – commenta il ministro – si completa l’operazione che sta portando avanti il Governo ponendo un freno all’eccessiva lievitazione dei costi e riportando il Superbonus a un esercizio ragionevole che tuteli lo Stato e i cittadini venendo incontro alle esigenze del settore e dell’efficientamento energetico”.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Petrolio a 95 dollari a New York, prima volta dal 2014
Il greggio chiude in rialzo del 2,53% a 95,46 dollari
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
14 febbraio 2022
20:43
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il petrolio chiude in rialzo a New York, dove le quotazioni salgono del 2,53% a 95,46 dollari al barile.
Il Wti rivede quota 95 dollari per la prima volta da 2014.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Giappone: Pil quarto trimestre +1,3%, annualizzato +5,4%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Per l’intero 2021 espansione dell’1,7%, prima crescita in 3 anni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
15 febbraio 2022
01:14
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’economia giapponese è cresciuta dell’1,3% nel periodo tra ottobre e dicembre, rispetto alle previsioni di un +1,4%.
Su base annualizzata la crescita è pari al 5,4%, inferiore alle stime di un +5,8%.

L’aumento segue la contrazione dello 0,9% del trimestre precedente, come conseguenza della contrazione dei consumi causata dalla pandemia da Covid-19, e del 3,6% a livello tendenziale. Per l’intero 2021 l’espansione è dell’1,7%: si tratta della prima crescita in tre anni e segue un calo del 4,5% nel 2020.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Tokyo, apertura in lieve rialzo (+0,10%)
Segue Pil quarto trimestre, cautela su sviluppi Ucraina
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
15 febbraio 2022
01:24
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Tokyo inizia la seduta all’insegna della cautela dopo i dati del Pil del quarto trimestre che ha visto un’espansione dell’1,3%, leggermente inferiore al consenso degli economisti, con gli investitori che guardano alle evoluzioni geopolitiche al confine con l’Ucraina.

L’indice di riferimento Nikkei segna una variazione appena positiva dello 0,10%, a quota 27.107,34, con un progresso di 27 punti.
Sul mercato valutario lo yen si apprezza sul dollaro a 115,40 e sull’euro a 130,50.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: quotazioni in calo, Wti a 94,91 dollari al barile
Brent scende 96,02
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
08:09
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Quotazioni del petrolio in lieve calo dopo la nuova fiammata delle vigilia che ha portato i prezzi del greggio sopra i 95 dollari per la prima volta dal 2014 : il greggio Wti stamane passa di mano a 94,91 dollari al barile (-0,58%) mentre il Brent scende dello 0,49% a 96,02 dollari al barile.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: prezzo in calo a 1.877 dollari l’oncia
Quotazioni cedono lo 0,38%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
08:14
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Quotazioni dell’oro in calo dopo i rialzi dei giorni scorsi con gli investitori in attesa degli sviluppi della crisi tra Ucraina e Russia.
Questa mattina il lingotto con consegna immediata passa di mano a 1.877 dollari l’oncia in discesa dello 0,38%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp Bund: avvio in lieve rialzo a 169,3 punti
Rendimento in calo all’1,95%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
08:35
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio di giornata in lieve rialzo per lo spread tra Btp e Bund tedeschi che segna 169,3 punti base rispetto ai 168,5 della chiusura di ieri.
Il rendimento del titolo decennale italiano scende all’1,95%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro in lieve rialzo a 1,1321 dollari
Sullo yen sale a 130,53
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
08:39
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio di giornata in lieve rialzo per l’euro: la moneta unica europea passa di mano a 1,1321 sul dollaro a fronte del valore di 1,1296 ieri sera a New York.

Sullo yen l’euro sale a 130,53.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Asia in ordine sparso, pesa l’Ucraina, Tokyo -0,79%
Futures Europa in rosso, contratati negli Usa, attesi indici Zew
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
08:50
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Hanno chiuso in ordine sparso le principali borse di Asia e Pacifico sui timori di un possibile attacco della Russia in Ucraina.
Tokyo ha lasciato sul campo lo 0,79% e Shanghai ha guadagnato lo 0,5%.
Fiacca Taiwan (-0,25%), deboli Sidney (-0,51%) e Seul (-1,03%). Contrastate Hong Kong (-0,95%) e Mumbai (+1,54%). In rosso i futures europei dopo lo scivolone della vigilia, mentre sono contrastati gli analoghi contratti Usa. Inferiore alle stime il Pil giapponese, in arrivo l’indice Zew che misura la fiducia e le condizioni economiche della Germania e dell’Eurozona, nel giorno in cui si riunisce l’Eurogruppo e vengono diffusi i dati sull’occupazione, il Pil e la bilancia commerciale dell’Eurozona. In arrivo dagli Usa le anticipazioni dell’Api sulle scorte settimanali di greggio, con il barile in calo (Wti -0,75% a 94,71 dollari). Scivola anche il gas (-1,26% a 79,75 euro al MWh, e, tra i metalli, sprofonda il ferro (-6,25% a 728 dollari la tonnellata). Debole il dollaro sull’euro e sullo yen, stabile invece sulla sterlina. Sulla piazza di Tokyo tensioni sui produttori di semiconduttori Tokyo Electron (-2,4%) e Sumco (-1,79%). Contrastate Toyota (-1,31%) e Mitsubishi (+1,57%), debole il colosso bancario Nomura (-1,13%).
Sotto pressione Evergrande (-2,43%) ad Hong Kong.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano apre in calo, -0,35%
Indice Ftse Mib a quota 26.319 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 febbraio 2022
09:02
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio di seduta negativo per Piazza Affari.
L’indice Ftse Mib cede lo 0,35% a 26.319 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa cede in apertura, Parigi -0,12%, Londra -0,12%
Deboli anche Madrid (-0,59%) e Francoforte (-0,24%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
09:08
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Apertura debole per le principali borse europee.
Parigi cede lo 0,31% a 6.830 punti, Londra lo 0,12% a 7.522 punti, Madrid lo 0,59% a 8.522 punti e Francoforte lo 0,24% a 15.077 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano gira al rialzo (+1,2%), sprint Banco Bpm e Bper
Debutto brillante per Technoprobe, bene Pirelli, cauta Saipem
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
09:41
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Gira in positivo Piazza Affari nella prima mezz’ora di scambi dopo un avvio in calo.
L’indice Ftse Mib guadagna l’1,29% a 26.754 punti spinto da Banco Bpm (+4,5%) dopo la raccomandazione ‘overweight’ e il rialzo del prezzo obiettivo a 4,2 euro da parte di Morgan Stanley.
Acquisti anche su Bper (+4,04%), all’indomani dell’acquisizione di Carige (-0,01%). Gli occhi però sono puntati sulla matricola Technoprobe (+8%) su Euronext Growth Milan, il mercato regolato per le Pmi. Acquisti sul resto del paniere delle blue chip per Banca Generali (+3,4%), all’indomani del Piano al 2025, Mediolanum (+2,32%), Fineco (+2,3%), Pirelli (+1,98%) e Iveco (+1,51%). Acquisti su Intesa (+1,86%) e Unicredit (+1,84%), debole Saipem (-0,6%), al lavoro sulla revisione del piano strategico e condannata in Algeria per una commessa su cui era stata assolta in Italia. Il Gruppo ha annunciato ricorso sia per la sospensione della commessa che per la multa da 192 milioni, che peserà comunque sui conti del 2021. Bene Eni (+0,74%) e Snam (+0,63%). In calo a 168,4 punti lo spread tra Btp e Bund tedeschi, con il rendimento in crescita di 0,9 punti all’1,189%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa risale, bene futures, occhi su Zew, Milano +1%
Risale Spread, in luce Banco Bpm e ArcelorMittal, giù il gas
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
09:57
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Girano tutte al rialzo le principali borse europee spinte dai futures Usa e dalla fiducia su una possibile soluzione diplomatica alla crisi tra Russia e Ucraina.
Londra guadagna lo 0,99%, Milano l’1,15%, Francoforte l’1,19%, Madrid l’1,23% e Parigi l’1,41%.
In arrivo l’indice Zew che misura la fiducia e le condizioni economiche della Germania e dell’Eurozona, nel giorno in cui si riunisce l’Eurogruppo e vengono diffusi i dati sull’occupazione, il Pil e la bilancia commerciale dell’Eurozona. Negli Usa sono attese invece le anticipazioni dell’Api sulle scorte settimanali di greggio, con il barile in forte calo (Wti -1,91% a 93,65 dollari). Scivola anche il gas (-5,41% a 76,4 euro al MWh, e, tra i metalli, sprofonda il ferro (-6,25% a 728 dollari la tonnellata). Debole il dollaro sull’euro e sulla sterlina, stabile invece sullo yen.
Acquisti su tutti i fronti a partire da quello bancario, con Banco Bpm (+4,17%), Bper (+3,69%), Bnp (+3,08%) e Bbva (+2,37%) in evidenza. Bene Unicredit (+1,5%), più cauta Inbtesa (+1,3%).
In luce gli automobilistici Renault (+3,3%), Stellantis (+2,06%) e Bmw (+1,77%) insieme agli estrattivo-minerari Glencore (+4,19%) e ArcelorMittal (+3,72%), che ha creato una joint-venture in Spagna con Enagas e Fertiberia sull’idrogeno.
Risale a 169,8 punti lo spread tra Btp e Bund, con il rendimento annuo italiano in crescita di 2,9 punti all’1,995%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Saipem: da Tribunale Algeri maximulta
Peserà su bilancio 2021, ma sospesa a seguito dell’appello
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
10:37
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Tribunale di Algeri si è ieri pronunciato in primo grado nel procedimento relativo alle modalità di assegnazione nel 2008 del progetto GNL3 Arzew, comminando una molta per complessivi 192 milioni alle le società Saipem, Saipem Contracting Algérie e Snamprogetti Algeria Branch.
Lo si legge in una nota in cui le Aziende annunciano ricorso.
La multa – spiega Saipem – influirà sui conti del 2021 anche se, a seguito dell’appello non verrà corrisposta, cioè è stata sospesa. Saipem ricorda che il Tribunale di Milano l’aveva assolta in via definitiva per gli stessi fatti il 14 dicembre del 202,   Saipem è impegnata nella revisione del Piano Strategico 2022-2025 presentato lo scorso 28 ottobre 2021 a seguito del rosso annunciato lo scorso 31 gennaio. Il nuovo Piano – si legge in una nota – sarà sottoposto all’approvazione del consiglio di amministrazione il 15 marzo prossimo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Snam: accordo con Save e Airbus, progetti idrogeno a Venezia
Strategia comune per ridurre emissioni attività aeroportuale
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
10:46
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Airbus, Snam e Save hanno firmato un protocollo d’intesa per promuovere l’idrogeno come “vettore energetico sostenibile” nel settore aeroportuale e nel trasporto aereo.
Lo si legge in una nota in cui viene spiegato che le tre aziende condivideranno una “strategia comune con l’obiettivo di contribuire a ridurre l’emissione dei gas serra legati all’attività aeroportuale” a partire dallo scalo Marco Polo di Venezia, gestito da Save.
La collaborazione tra le società si articolerà su più ambiti, partendo dai fabbisogni futuri e dalle opzioni tecnologiche, portando “all’individuazione di soluzioni tecniche e realizzative che verranno sperimentate attraverso progetti pilota per poi essere successivamente estesi su larga scala” spiegano le società.
“La collaborazione con Airbus e Save – afferma l’amministratore delegato di Snam Marco Alverà – mira ad accompagnare uno degli scali aeroportuali più importanti d’Italia, in una città simbolo del nostro Paese nel mondo, verso l’obiettivo delle zero emissioni”. “L’idrogeno – sottolinea – è una soluzione chiave per favorire la sostenibilità ambientale e la competitività di aeroporti, porti, trasporti pesanti e marittimi e di tutti i settori industriali difficili da decarbonizzare”.
“La specificità e il valore di questo progetto di studio e di applicazione dell’idrogeno nel settore dell’aviazione – commenta l’amministratore delegato di Save Monica Scarpa. – consistono in particolare nella condivisione di competenze che contemplano l’intera filiera, dalla produzione, allo stoccaggio, alla fornitura, fino all’utilizzo per l’aeronautica commerciale di questo combustibile che può dare un grande apporto alla sfida energetica del nostro pianeta”. ” L’accordo riguarda la progettazione dell’infrastruttura per il rifornimento di idrogeno degli aerei e dei mezzi aeroportuali, con la possibilità di valutare “soluzioni efficaci anche per le necessità energetiche legate all’accessibilità allo scalo, rendendo l’intero sistema aeroportuale a zero emissioni” valutando anche una “sinergia intermodale con il trasporto su gomma e rotaia”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Studio Bce, con razionamento 10% gas, impatto -0,7% Pil
Fra paesi più colpiti Austria e Portogallo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
10:18
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“L’impatto diretto e indiretto di un ipotetico shock da razionamento del 10% del gas al settore aziendale ridurrebbe il valore aggiunto lordo dell’area euro di circa lo 0,7%”.

Lo scrive la Bce in uno studio su ‘Dipendenza dal gas naturale e rischi per l’attività economica dell’area euro’ allegato al Bollettino economico, di cui Francoforte dà oggi un’anticipazione.

Il documento dà una rappresentazione grafica dell’impatto sul Pil sui singoli Paesi: l’Italia si collocherebbe poco sopra la media dell’area euro, vicina a 0,8%, la Francia e la Spagna più o meno sulla media dello 0,7%, la Germania poco sopra lo 0,6%.
Fra i Paesi più colpiti l’Austria e il Portogallo, con impatto oltre l’1%, fra quelli meno colpiti l’Olanda (meno dello 0,4%) e il Belgio (poco più dello 04%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Transizione energetica: Bain, boom fusioni e acquisizioni
Spinta maggiore quest’anno con aziende impegnate su profilo Esg
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
11:07
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Transizione energetica volano dell’M&A nel 2022.
Considerata la crescente pressione sistemica per il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile , Bain & Company stima che un numero maggiore di aziende definirà il proprio profilo Esg (Environmental, Social e Governance) e risponderà alle spinte ‘evoluzionistiche’ tramite fusioni e acquisizioni dopo che lo scorso, nel settore energia le attività di M&A espressamente legate alla transizione energetica, hanno rappresentato il 20% del totale delle operazioni di valore superiore a 1 miliardo di dollari.

“Anche e soprattutto nel settore energetico, l’M&A potrà quindi diventare una leva strategica di crescita di valore nel percorso di riconversione industriale”, spiega Roberto Prioreschi, Managing Director di Bain & Company Italia e Turchia.
In particolare quest’anno le operazioni M&A dell’industria saranno caratterizzate da sei principali temi legati alla transizione energetica e cioè rendere più green il business esistente, costruire hub di energia green, riposizionare i portafogli in direzione della transizione energetica, costruire una catena di valore integrata, sfruttare l’M&A per trasformare i modelli di business, fare investimenti strategici in start-up per acquisire tecnologici.
“Se vogliono accelerare il percorso di transizione ecologica e combinare le loro competenze lungo la catena del valore – aggiunge Alessandro Cadei, responsabile EMEA del settore Energia e Utility di Bain & Company – gli operatori non devono soltanto evolvere il playbook delle joint venture industriali, ma aprirsi a modelli più innovativi di collaborazione con i player finanziari”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Saipem: da Tribunale di Algeri multa per 192 milioni
Peserà su bilancio 2021, ma sospesa a seguito dell’appello
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
11:09
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Tribunale di Algeri si è ieri pronunciato in primo grado nel procedimento relativo alle modalità di assegnazione nel 2008 del progetto GNL3 Arzew, comminando una molta per complessivi 192 milioni alle le società Saipem, Saipem Contracting Algérie e Snamprogetti Algeria Branch.
Lo si legge in una nota in cui le Aziende annunciano ricorso.
La multa – spiega Saipem – influirà sui conti del 2021 anche se, a seguito dell’appello non verrà corrisposta, cioè è stata sospesa. Saipem ricorda che il Tribunale di Milano l’aveva assolta in via definitiva per gli stessi fatti il 14 dicembre del 2020.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Pensioni: effetto Covid, spesa Inps -11,9 mld fino al 2029
Itinerari previdenziali, nel 2020, con morti over65 sono 1,1mld
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
11:15
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel 2020 l’Inps ha risparmiato in spesa per pensioni 1,1 miliardi a causa dell’eccesso di mortalità per Covid .
E’ quanto emerge dal nono Rapporto di Itinerari previdenziali secondo il quale si avrà fino al 2029 una spesa minore per 11,9 miliardi.
“Il 96,3% dell’eccesso di mortalità registrato nel 2020 – si legge – ha riguardato persone con età uguale o superiore a 65 anni, per la quasi totalità pensionate. Considerando per compensazione l’erogazione delle nuove reversibilità,si quantifica in 1,11 miliardi il risparmio,tristemente prodotto nel 2020 da dal Covid a favore dell’Inps,e in circa 11,9 miliardi la minor spesa nel decennio”.Sono oltre 476mila le pensioni Ivs (invalidità, vecchiaia e superstiti) pagate da oltre 40 anni;423mila sono le prestazioni che riguardano il settore pubblico e 53.274 quelle riguardanti il settore privato. Tra queste oltre 217mila sono assegni di invalidità o inabilità previdenziale mentre quelle ai superstiti sono oltre 183mila nel complesso (168.403 quelle del settore privato con un’età media alla decorrenza di 38,29 anni).
Le pensioni di vecchiaia vigenti da oltre 40 anni sono 53.634 nel settore privato (con un’età media alla decorrenza di 53,76 anni anni) e 21.104 nel settore pubblico.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Pensioni: effetto Covid, spesa Inps -11,9 mld fino al 2029
Itinerari previdenziali, nel 2020, con morti over65 sono 1,1mld
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
11:15
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel 2020 l’Inps ha risparmiato in spesa per pensioni 1,1 miliardi a causa dell’eccesso di mortalità per Covid .
E’ quanto emerge dal nono Rapporto di Itinerari previdenziali secondo il quale si avrà fino al 2029 una spesa minore per 11,9 miliardi.
“Il 96,3% dell’eccesso di mortalità registrato nel 2020 – si legge – ha riguardato persone con età uguale o superiore a 65 anni, per la quasi totalità pensionate. Considerando per compensazione l’erogazione delle nuove reversibilità,si quantifica in 1,11 miliardi il risparmio,tristemente prodotto nel 2020 da dal Covid a favore dell’Inps,e in circa 11,9 miliardi la minor spesa nel decennio”.Sono oltre 476mila le pensioni Ivs (invalidità, vecchiaia e superstiti) pagate da oltre 40 anni;423mila sono le prestazioni che riguardano il settore pubblico e 53.274 quelle riguardanti il settore privato. Tra queste oltre 217mila sono assegni di invalidità o inabilità previdenziale mentre quelle ai superstiti sono oltre 183mila nel complesso (168.403 quelle del settore privato con un’età media alla decorrenza di 38,29 anni).
Le pensioni di vecchiaia vigenti da oltre 40 anni sono 53.634 nel settore privato (con un’età media alla decorrenza di 53,76 anni anni) e 21.104 nel settore pubblico.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bankitalia: debito 2021 a 2.678,4 mld, +104,9 mld
Aumento in valore assoluto, atteso calo in rapporto al Pil
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
11:18
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Al 31 dicembre del 2021 il debito delle Amministrazioni pubbliche era pari a 2.678,4 miliardi: lo rende noto la Banca d’Italia ricordando che a fine 2020 il debito ammontava a 2.573,5 miliardi (155,6 per cento del PIL).

L’aumento in valori assoluti del debito nel 2021 (104,9 miliardi) ha riflesso sia il fabbisogno delle Amministrazioni pubbliche (92,1 miliardi) sia l’incremento delle disponibilità liquide del Tesoro (5 miliardi, a 47,5).
In rapporto al Pil – il dato verrà diffuso l’1 marzo con i valori Istat – è atteso un calo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Green pass: Costa, eliminazione 31 marzo scenario possibile
“Sicuramente stato emergenza non rinnovato, fase nuova”
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
11:18
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La possibile eliminazione del Green Pass il 31 marzo “è uno scenario possibile, oggi dobbiamo completare la somministrazione delle terze dosi con questo ritmo è ragionevole pensare che per marzo potremmo avere completato la campagna vaccinale aprendo un nuovo scenario con progressivo allentamento delle misure restrittive, Green Pass compreso”.

Così a ‘Radio Anch’io’ su Rai Radio1, il sottosegretario alla Salute Andrea Costa.
Obiettivo del governo, ha aggiunto, è “riportare alla normalità il Paese. Credo che sicuramente lo stato d’emergenza non verrà più rinnovato e da quel momento inizierà certamente una fase nuova”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bankitalia: debito 2021 a 2.678,4 miliardi, +104,9 miliardi
Aumento in valore assoluto, atteso calo in rapporto al Pil
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
11:45
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Al 31 dicembre del 2021 il debito delle Amministrazioni pubbliche era pari a 2.678,4 miliardi: lo rende noto la Banca d’Italia ricordando che a fine 2020 il debito ammontava a 2.573,5 miliardi (155,6 per cento del PIL).
L’aumento in valori assoluti del debito nel 2021 (104,9 miliardi) ha riflesso sia il fabbisogno delle Amministrazioni pubbliche (92,1 miliardi) sia l’incremento delle disponibilità liquide del Tesoro (5 miliardi, a 47,5).
In rapporto al Pil – il dato verrà diffuso l’1 marzo con i valori Istat – è atteso un calo.
A spiegare che il rapporto debito-Pil – che è il parametro utilizzato ai fini europei – segnerà un calo è stato solo pochi giorni fa il governatore della Banca d’Italia, Ignazio Visco, indicando che questo si confronta con la crescita registrata nel 2021.
“La marcata ripresa dell’economia – ha detto al Forex di Parma – è stata decisiva per interrompere l’aumento del rapporto tra debito pubblico e prodotto, che alla fine del 2021 potrebbe essere sceso su valori prossimi al 150 per cento (da circa il 156 per cento raggiunto nel 2020”. Il dato definitivo verrà calcolato il prossimo primo marzo quando l’Istat diffonderà i dati sull’andamento del Pil nel 2021. La Banca d’Italia, nella consueta pubblicazione “Finanza pubblica: fabbisogno e debito”, precisa che gli scarti e i premi all’emissione e al rimborso, la rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e la variazione del cambio hanno complessivamente accresciuto il debito dello scorso anno per 7,8 miliardi. Con riferimento alla ripartizione per sottosettori, il debito consolidato delle Amministrazioni centrali è cresciuto di 102,4 miliardi, a 2.591,1 e quello delle Amministrazioni locali di 2,6 miliardi, a 87,2; il debito degli Enti di previdenza è rimasto sostanzialmente stabile. Lo scorso dicembre la durata media del debito era pari a 7,6 anni, da 7,4 del 2020. Nel corso del 2021 la quota del debito detenuta dalla Banca d’Italia è cresciuta ulteriormente per effetto degli acquisti di titoli pubblici nell’ambito dei programmi decisi dall’Eurosistema, collocandosi al 25,3 per cento alla fine dell’anno (dal 21,6 per cento della fine del 2020).
Crescono del 10,9 per cento le entrate tributarie del 2021 contabilizzate secondo i flussi di cassa dalla Banca d’Italia. E’ quanto emerge dal supplemento al bollettino statistico diffuso oggi secondo il quale lo scorso anno sono stati incassati 479,7 miliardi di euro contro i 432,6 dell’anno precedente. I dati non tengono conto di circa 1,2 miliardi indicati nei cosiddetti ‘fondi della riscossione’ e, ovviamente, risentono delle differenze del calendario reso irregolare dalle diverse scadenze fissate durante il periodo del Covid.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Pensioni: effetto Covid, spesa Inps -11,9 miliardi fino al 2029
Itinerari previdenziali, nel 2020, con morti over65 sono 1,1 miliardi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
20:47
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Governo ragiona sulla possibilità di legare l’anticipo delle pensioni rispetto all’età di vecchiaia al ricalcolo contributivo dell’assegno.
L’ipotesi fatta oggi al tavolo tecnico con i sindacati in vista del tavolo politico che potrebbe tenersi la settimana prossima è stata respinta da Cgil, Cisl e Uil che la considerano una “ulteriore penalizzazione” per i lavoratori che potrebbe portare a un taglio dell’assegno fino al 30%.
Intanto oggi è arrivato il primo calcolo sui risparmi per l’Inps dall’eccesso di mortalità per il Covid. Nel 2020 la spesa in meno per pensioni sarebbe di 1,1 miliardi mentre fino al 2029 il risparmio per le morti che hanno colpito prevalentemente gli over 65 sfiorerebbe i 12 miliardi. Il tema della minore spesa dovuta al virus è stato rilanciato dalla Uil per chiedere l’utilizzo dei risparmi per difendere le pensioni in essere colpite dall’aumento dei prezzi e potenziare e estendere la Quattordicesima.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Governo si è detto disposto a ragionare inoltre sull’abbassaento del limite minimo di 2,8 volte la pensione sociale per accedere al pensionamento anticipato per chi è nel sistema contributivo (fino a tre anni prima della pensione di vecchiaia) e di estendere questa possibilità a chi ricade nel sistema misto ma è disposto a rinunciarci a favore del sistema contributivo. Si ragiona inoltre su una sorta di pensione di garanzia per chi arriva a 67 anni (ed è sempre nel sistema contributivo) con un importo di pensione inferiore a 1,5 volte il minimo ( e dovrebbe quindi rimandare l’uscita). In questo caso si pensa a una sorta di assegno sociale integrato con un importo legato ai contributi versati. Nessuna disponibilità del Governo invece a ragionare sull’anticipo della pensione con 41 anni di contributi indipendentemente dall’età, misura chiesta dai sindacati ma eccessivamente costosa per l’Esecutivo.
Sulla flessibilità è intervenuto anche il presidente di Itinerari previdenziali, Alberto Brambilla proponendo di mantenere per l’accesso anticipato alla pensione la Quota 102 in vigore quest’anno (64 anni di età con almeno 38 anni di contributi ma aggiornandola con l’aspettativa di vita e prevedendo il calcolo dell’assegno interamente con il calcolo contributivo. Questo sistema che renderebbe attuariamente sostenibile l’anticipo rispetto all’età di vecchiaia peserebbe sull’assegno di chi anticipa l’uscita, secondo Brambilla, circa per il 3% l’anno significando quindi con un anticipo di tre anni un trattamento inferiore di circa il 10% rispetto a quello che si avrebbe avuto andando in pensione a 67 anni. Nel Rapporto di Itinerari previdenziali si sottolinea il peso significativo della spesa per l’assistenza e in particolare l’esistenza di circa 476mila pensioni in vigore da altre 40 anni tra settore pubblico e privato. Quasi la metà di queste è d’invalidità o inabilità previdenziale (217mila) e 183mila quelle ai superstiti nel complesso con una decorrenza inferiore al 1981 ma ci sono comunque quasi 75mila pensioni di vecchiaia liquidate quando al Cremlino c’era Breznev. Sull’assistenza il Rapporto sottolinea che in Italia il costo delle attività assistenziali a carico della fiscalità generale (trasferimenti dello Stato alla Gias, gestione interventi assistenziali) ha raggiunto nel 2020 anche a causa della pandemia i 144,748 miliardi con un aumento di circa 30miliardi sul 2019 (+26,68%). Nel 2020 la spesa per le prestazioni previdenziali (Invalidità, vecchiaia e superstiti) del sistema obbligatorio è stata di 234,7 miliardi di euro, in aumento di 4,5 miliardi (+1,95%) rispetto all’anno precedente. Nel complesso, nel 2020 l’Italia ha destinato alle prestazioni sociali (pensioni, sanità e assistenza) 510,258 miliardi, quasi 22 in più del 2019 (+4,5%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Privacy: indagine garanti europei su servizi cloud Pa
Verifica rispetto Gdpr, esiti a fine 2022
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
11:54
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Al via la prima indagine coordinata del Comitato europeo per la protezione dei dati personali (Edpb), glii esiti a fine 2022.
Ventidue autorità nazionali di controllo del See (lo Spazio economico europeo), compreso il Garante privacy italiano, verificheranno l’utilizzo di servizi cloud da parte dei soggetti pubblici.
La trasformazione digitale innescata dalla pandemia da Covid-19 ha indotto molti soggetti pubblici, anche in Italia, a ricorrere a servizi cloud.
Tuttavia, risulta spesso complesso per le pubbliche amministrazioni ottenere prodotti e servizi Ict che siano in linea con le norme Ue sulla protezione dei dati. Con questa indagine, le autorità di controllo intendono pertanto verificare il rispetto del Gdpr, nonché promuovere le migliori prassi per garantire un’adeguata protezione dei dati personali.
L’indagine riguarderà complessivamente più di 80 soggetti che operano in vari settori (come sanità, fisco, istruzione), incluse le Istituzioni europee, le centrali di committenza e i fornitori di servizi Ict della PA centrale e locale. L’indagine sarà declinata a livello nazionale secondo diverse modalità, tra cui: la somministrazione di un questionario; l’avvio di specifiche istruttorie o la prosecuzione di quelle già in corso, anche attraverso accertamenti ispettivi. Le autorità analizzeranno, in particolare, le procedure e le garanzie adottate nelle fasi di acquisizione e di uso dei servizi cloud, problematiche connesse ai trasferimenti internazionali di dati e all’impiego di misure supplementari, nonché la regolazione dei rapporti fra titolari e responsabili del trattamento. Gli esiti delle indagini saranno esaminati in maniera coordinata con le altre autorità europee per approfondire ulteriormente la tematica e consentire un follow-up mirato a livello Ue. Le singole autorità, in ogni caso, decideranno eventuali interventi successivi, anche di carattere correttivo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano positiva dopo indici Zew (+1,3%), in luce Bper
Spread sotto i 168, sprint di Technoprobe su Growth,
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
11:55
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Si conferma positiva Piazza Affari (Ftse Mib +1,35% a 26.774 punti) dopo gli indici Zew dalla Germania e i dati di Eurostat.
Scende a quota 167,7 punti il differenziale tra Btp e Bund tedeschi, con il rendimento annuo italiano in calo di 0,3 punti all’1,965%.
Proseguono gli acquisti sulla matricola Technoprobe (+8,33%) sul mercato Euronext Growth Milan, dedicato alle Pmi, mentre sul listino principale si distingue Bper (+3,84%) all’indomani dell’acquisizione di Carige (-0,11%). In luce Banco Bpm (+2,66%) dopo la raccomandazione ‘overweight’ e il rialzo del prezzo obiettivo a 4,2 euro da parte di Morgan Stanley. Seguono Stellantis (+2,95%), Mediolanum (+2,47%), Banca Generali (+2,4%), all’indomani del Piano al 2025, Fineco (+2,16%), Pirelli (+2,39%) e Iveco (+1,45%). Acquisti su Intesa (+1,8%) e Unicredit (+1,66%), debole invece Saipem (-0,83%), al lavoro sulla revisione del piano strategico e condannata in Algeria per una commessa su cui era stata assolta in Italia. Il Gruppo ha annunciato ricorso per la multa da 192 milioni, che peserà comunque sui conti del 2021. Il calo del greggio (Wti -2,85% a 92,73 dollari al barile) frena Eni (-0,5%), che gira in calo, mentre Snam (+0,93%) è sostenuta dal protocollo d’intesa con Save e Airbus per portare l’idrogeno nell’aeroporto di Venezia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Manifattura: Nomisma, 6,5% imprese traina tutto il settore
Aziende controvento, generano 10% ricavi e 16% valore aggiunto
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
11:56
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Rappresentano il 6,5% del settore, generano il 10% dei ricavi, il 28% dell’Ebitda e il 16% del valore aggiunto complessivo della manifattura italiana: sono le aziende “Controvento”, che sono riuscite a garantire elevati parametri di competitività per crescita dei ricavi, marginalità industriale, creazione di valore aggiunto, anche in un anno come il 2020, pesantemente condizionato dalla pandemia e dai conseguenti impatti sull’economia reale.
A scattarne la fotografia è la terza edizione dell’Osservatorio “Controvento: le aziende che guidano il Paese”, curato da Nomisma in collaborazione con Crif e Cribis.
La ricerca, che ha analizzato i bilanci di 75.000 società di capitali, fotografa un sistema manifatturiero a due velocità, con un gruppo di imprese che, pur rappresentando una minoranza, traina lo sviluppo e l’economia italiana. Le imprese che navigano controvento, tra il 2015 e il 2020, hanno visto crescere i ricavi delll’8,9% annuo, contro il -0,2% di quelle “non controvento”. Nell’anno dell’esplosione della pandemia e dei lockdown produttivi le imprese controvento hanno proseguito la loro crescita, con un incremento del volume d’affari pari al +5,5%. Il restante 93,5% del sistema produttivo nazionale ha registrato mediamente un fortissimo calo (-11,2%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Vino:Ue,nessuno vuole prendere di mira cultura gastronomica
Kyriakides, Ue ha livello più alto di consumo di alcol al mondo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
STRASBURGO
15 febbraio 2022
12:05
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Non c’è alcuna intenzione di prendere di mira una cultura gastronomica, il nostro lavoro sarà basato su dati scientifici”.
Lo ha detto la commissaria europea alla Salute, Stella Kyriakides, intervenendo in plenaria a Strasburgo in un dibattito sul piano Ue della lotta contro il cancro che prevede avvertimenti di tipo sanitario sulle bevande alcoliche.
“L’Europa – ha spiegato – ha il livello più elevato di consumo di alcol al mondo e può causare diversi tipi di cancro, ecco perché abbiamo incluso un chiaro obiettivo nel nostro piano per raggiungere una riduzione di almeno il 10% nel consumo di alcol”, come sostenuto dall’Oms.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bollette: Elettricità Futura, 95 miliardi nel 2022 con attuale mix
Risparmio di 50 mld se avessimo raggiunto target 2030
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
12:26
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Con l’attuale mix di generazione (40% rinnovabili sul totale di generazione elettrica), “la bolletta elettrica in Italia si stima sarà di circa 95 miliardi di euro nel 2022, oltre il doppio rispetto al 2019 in cui è stata pari a 44 miliardi di euro.
Se avessimo già raggiunto il target 2030 (72% di rinnovabili ) la bolletta 2022, nonostante l’incredibile aumento del gas, sarebbe sostanzialmente pari a quella del 2019, ovvero 44 miliardi rispetto a 95 miliardi che dovremo pagare.
E l’Italia risparmierebbe oltre 50 miliardi nel 2022”. Lo afferma Agostino Re Rebaudengo, presidente Elettricità Futura, in audizione al Senato.
Per superare le criticità del Ddl Concorrenza e permettere una “piena valorizzazione del settore idroelettrico italiano”, il presidente di Elettricità futura, chiede di “ridisegnare il quadro normativo, oggi disomogeneo a livello regionale, adottando una disciplina nazionale che valorizzi al massimo i molteplici benefici dell’idroelettrico nel rispetto del ruolo degli enti locali. Estendere fin da subito la durata o prevedere la riassegnazione delle concessioni per consentire agli operatori di investire oltre 10 miliardi di euro finalizzati a rinnovare le centrali idroelettriche, aumentando l’efficienza e creando vantaggi per l’ambiente, l’economia e l’occupazione”.
Le tre azioni per cercare di ridurre la bolletta, secondo il presidente di Elettricità Futura: “serve un’ulteriore opera di semplificazione, per realizzare 15 GW all’anno anziche 1 GW; una moral suasion su Regioni ed enti locali affinché rilascino le autorizzazioni” velocemente, e infine, entro la fine del 2022 l’identificazione di aree idonee per la realizzazione delle rinnovabili”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
A Milano un orologio digitale celebra la creatività imprese
Iniziativa Assolombarda-Museimpresa. Opera all’Adi Design Museum
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 febbraio 2022
12:35
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Un grande orologio digitale che con lo scandire del tempo che passa svela oltre 110 musei e archivi d’impresa che conservano, tutelano e raccontano il saper fare, l’innovazione, la creatività e il design italiano.
Si intitola #unmuseoalminuto l’installazione permanente che i visitatori possono ammirare all’ingresso dell’AdiDesign Museum di Milano e seguire sui social grazie a un’iniziativa di Assolombarda e Museimpresa, l’Associazione Italiana Archivi e Musei d’Impresa fondata nel 2001 da Assolombarda e Confindustria.

#unmuseoalminuto, progettato da Neo [Narrative Environments Operas], valorizza in modo immediato e visivo i musei e gli archivi d’impresa, luoghi che conservano oggetti e documenti per raccontare storie straordinarie, di donne e uomini che hanno inventato, sperimentato, prodotto, costruito benessere, lavoro, bellezza e inclusione.
“Negli archivi e nei musei delle imprese italiane è custodito e raccontato il patrimonio della sapienza manifatturiera e della qualità dei servizi, ancora oggi motore di sviluppo sostenibile e cardine d’una diffusa cultura economica, sociale e civile”, afferma il Presidente di Museimpresa Antonio Calabrò.
“#unmuseoalminuto ci restituisce il cuore delle nostre imprese, il loro saper fare, le idee e le innovazioni che rendono il Made in Italy il brand nazionale più amato al mondo per la sua qualità e bellezza”, sottolinea Alessandro Scarabelli, Direttore Generale di Assolombarda. “L’impresa è cultura – aggiunge – e i suoi valori ancora oggi possono insegnarci come affrontare le sfide del presente e come progettare il futuro”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa accelera, schiarite su Ucraina, Milano +1,7%
Spread giù a 167 punti, calano greggio e gas, bene ArcelorMittal
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
12:39
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le schiarite sul fronte Ucraino, con il rientro di alcune truppe russe alle basi e l’incontro tra il cancelliere tedesco Olaf Scholz con il presidente russo Vladimir Putin spingono al rialzo le principali borse europee e i futures Usa.
La migliore è Parigi (+1,8%), seguita da Milano e Francoforte (+1,7% entrambe), Madrid (+1,39%) e Londra (+0,78%).

Migliorano ma meno delle stime gli indici Zew della Germania e dell’Eurozona, dove il Pil trimestrale si è mantenuto sui valori attesi. In arrivo dagli Usa le anticipazioni dell’Api sulle scorte settimanali di greggio, con il barile che amplia il calo (Wti -2,83% a 92,75 dollari) insieme al gas (-9,5% a 73,19 euro al MWh), dopo l’accordo tra l’Ue e il Giappone per l’invio di Gnl in Europa. Debole il dollaro sull’euro e sulla sterlina, in rialzo invece sullo yen. In luce le banche, da Bper (+5,7%), Bnp (+3,16%) e SocGen (+3,11%) a Banco Bpm (+3,03%), Bbva (+2,2%), Intesa (+2,28%) e Unicredit (+1,85%). Corrono gli automobilistici Renault (+4,38%), Stellantis (+3,22%) e Bmw (+2,32%) insieme agli estrattivo-minerari Glencore (+1,92%) e ArcelorMittal (+3,28%), che ha creato una joint-venture in Spagna con Enagas e Fertiberia sull’idrogeno.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Benzina: Mite, a 1,835 euro, consumatori, mai così dal 2012
Secondo dati settimanali Mite gasolio a 1,708
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
14:43
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
I prezzi della benzina non sono mai stati così alti dal 2012 e i recenti rincari si tradurranno in una stangata da oltre 400 euro annui a famiglia.
A lanciare il grido d’allarme sono i consumatori commentando i nuovi dati settimanali diffusi oggi dal Mite che vedono la benzina raggiungere la media di 1,835 euro/litro, il gasolio 1,708 euro/litro.
Codacons, Assoutenti e Unione Nazionale Consumatori chiedono perciò al governo di intervenire velocemente per fermare la corsa dei prezzi.
“Oggi la benzina costa il 22,4% in più rispetto ad un anno fa, mentre per il gasolio si spende il 24,4% in più – denuncia il presidente del Codacons Carlo Rienzi – Per le tasche dei consumatori si tratta di un rincaro da +16,75 euro a pieno, che determina una stangata annua da quasi +402 euro a famiglia solo per i maggiori costi di rifornimento”.
Si tratta, dice, di rincari che stanno avendo effetti diretti sui prezzi al dettaglio “e che rappresentano una emergenza paragonabile a quella delle bollette: per tale motivo chiediamo oggi al Governo di intervenire con urgenza, varando un decreto ad hoc per contrastare la crescita senza sosta dei listini di benzina e gasolio”, conclude Rienzi.
Assoutenti fa notare che i listini dei carburanti segnano in questi giorni i livelli più alti degli ultimi 10 anni, e alla pompa i prezzi di benzina e gasolio tornano ai record registrati nel 2012, quando la verde era venduta sopra quota 1,830 euro al litro. “I nuovi record dei carburanti stanno producendo rincari a cascata sui prezzi al dettaglio di una moltitudine di prodotti e pesano come un macigno sulle tasche degli italiani – afferma il presidente Furio Truzzi -. Il combinato bollette/benzina avrà effetti enormi sul potere d’acquisto dei cittadini, e rischia di determinare nel 2022 una forte contrazione dei consumi da parte delle famiglie”. Truzzi chiede perciò che il governo studi dei provvedimenti volti a contrastare il caro-benzina, “partendo dall’indispensabile sterilizzazione dell’Iva e da una riduzione del peso delle accise, misura che oramai sembra non più rinviabile”.
Richiesta analoga viene anche dall’Unc che nota come il gasolio che sfonda la soglia di 1,7 euro al litro sia un nuovo primato. “La benzina in modalità self service, dopo aver superato settimana scorsa la barriera di 1,8 euro al litro, cosa che non accadeva dall’11 marzo 2013, prosegue la sua corsa raggiungendo i 1,835 euro al litro” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. E ricorda che dall’inizio dell’anno, in un mese e mezzo, un litro di benzina è rincarato di più di 11 cent, pari a 5 euro e 78 cent per un pieno di 50 litri” dice Dona. “Il Governo non può voltarsi dall’altra parte” e “urge la riduzione delle accise di almeno 20 centesimi. In tal modo, conteggiando anche l’Iva si tornerebbe a un valore ragionevole, con la benzina sotto 1,6 euro al litro” conclude Dona.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cybersecurity, ora l’esca è Omicron. Spionaggio prende di mira i politici
Cyber Threats, report di Leonardo: nell’ultimo trimestre 2021 Tlc sotto attacco
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
14:03
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nell’ultimo trimestre 2021 è ancora il tema del Covid ad essere usato, facendo leva sulle preoccupazioni de, per “una nuova campagna di malspam, ovvero la ricezione di mail o messaggi contenenti link o allegati malevoli”; “Nelle “e-mail truffa (phishing) inviate alle vittime sono contenute informazioni relative a un presunto contatto del destinatario con un collega positivo alla variante Omicron.
La vittima è invitata a prendere visione di un allegato.
Aprendolo e abilitandone il contenuto, il malware viene scaricato automaticamente e inizia a ricercare credenziali bancarie e/o a ottenere l’accesso remoto sul dispositivo infetto”. E’ una delle circostanze evidenziate dal nuovo report trimestrale ‘Cyber Threats Snapshot’ di Leonardo che evidenzia i principali attori malevoli (threat actor), attività di cybercrime e vulnerabilità riscontrati tra ottobre e dicembre 2021: una analisi condotta dagli esperti di Cyber Threat Intelligence a supporto del Global Security Operation Centre (SOC) di Leonardo, a Chieti.
“Tra le tendenze più significative registrate negli ultimi tre mesi del 2021”, il report mette in evidenza che “anche le telecomunicazioni” sono state “nel mirino degli attori malevoli”, ed anche per uno “spionaggio contro target specifici come: aziende, personaggi politici, funzionari governativi, forze dell’ordine e attivisti politici”. Il report segnala poi che è stata “individuata una delle vulnerabilità più gravi del decennio”, per un software “presente su circa 3 miliardi di dispositivi a livello globale”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Gas: forte calo ad Amsterdam, accordo Ue-Giappone su Gnl
Prezzo scende del 9,5% a 73,1 euro al MWh
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
13:26
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Appare in forte calo il gas sulla piazza di Amsterdam, dove il metano viene pagato 73,1 euro al MWh, in calo del 9,5% sul valore registrato in nella seduta precedente.
A influire sulle contrattazioni le schiarite sul fronte Ucraino, con alcune truppe russe in ritiro dal confine, e l’accordo siglato tra l’Unione Europea ed il Giappone per l’invio di Gnl, il gas naturale liquefatto che raggiunge via nave il Vecchio Continente per essere poi rigassificato e immesso sulle reti nazionali.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Balneari: Draghi incassa riforma spiagge, ma è scontro Lega-Pd
Ok unanime ma Salvini chiede modifiche. Dem: ‘Basta doppi giochi’. Gare dal 2024, freno al caro-ombrellone.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
21:31
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il via libera, alla fine, arriva all’unanimità: Mario Draghi incassa l’attesa modifica delle concessioni balneari, tassello mancante di quella riforma della concorrenza a cui sono legati i fondi del Pnrr.
Sblocco delle gare tutela degli investimenti e delle piccole realtà familiari ma anche dei consumatori, con il freno al ‘caro-ombrelloni’, non bastano però alla Lega, che ha votato le norme in Consiglio dei ministri ma un minuto dopo si dice pronta a chiedere modifiche in Parlamento.
Mentre Fdi si scaglia contro quello che Giorgia Meloni definisce il primo “atto di esproprio” per 30mila imprese. In allarme le associazioni di categoria che minacciano barricate se il testo non verrà modificato in Parlamento. La scelta di portare in Cdm la riforma delle spiagge arriva un po’ a sorpresa, mentre i partiti continuano a chiedere un intervento contro il caro-bollette. Il governo ci sta lavorando, il premier ne ha parlato anche con Enrico Letta, ricevuto a Palazzo Chigi in mattinata.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Un colloquio di un’ora, anche per fare il punto sulla situazione in Ucraina. E l’occasione per il segretario Dem di ribadire che il Pd più ci saranno fibrillazioni più si impegnerà ad essere perno di stabilità per l’esecutivo. Il modo migliore, ha detto Letta a Draghi, è dare risposte concrete, a partire dalle bollette. Quello che non serve, si innervosiscono i Dem, sono invece doppiogiochismi e ambiguità, come quelli che ha mostrato la Lega di nuovo sulle spiagge, con i ministri che danno il via libera e il partito che subito va all’attacco. Una “inammissibile doppiezza e inaffidabilità”. Segnali di tensione in giornata non filtrano, anche se la convocazione del Cdm rimane sospesa.
E fino all’ultimo i ministri restano all’oscuro del testo, due pagine fitte, che da un lato fissano per legge la fine del regime di proroga al 31 dicembre 2023 e dall’altro danno indicazioni piuttosto dettagliate sui criteri per le gare. La ministra Mariastella Gelmini, come promesso, riunisce governatori, province e sindaci per illustrare, insieme a Massimo Garavaglia e al sottosegretario alla presidenza Roberto Garofoli, le linee guida dell’intervento.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ma una volta in Consiglio dei ministri Stefano Patuanelli chiede più tempo per leggere il testo, che comunque va bene nel complesso perché le gare sono “formalmente” sbloccate. La ministra di Iv Elena Bonetti chiede di valorizzare l’imprenditoria femminile e di tenere conto delle imprese che certificano la parità di genere. E lo stesso ministro del Turismo chiede alcune integrazioni, anche se già i ministri leghisti hanno ottenuto gran parte delle loro richieste, soprattutto la tutela delle aziende familari che gestiscono da anni lidi e stabilimenti e di lì percepiscono il loro reddito principali (se ne terrà conto, nelle gare) ma anche la “clausola occupazionale”. La riunione viene quindi sospesa per circa tre quarti d’ora, durante i quali i partiti hanno modo di valutare il testo e Garofoli insieme a Garavaglia verifica e aggiusta le norme.
Draghi lascia fare ai ministri, poi riprende il Cdm e ottiene il voto favorevole di tutti i presenti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il testo, osserva un ministro, era il miglior compromesso possibile. Non si poteva certo arrivare a una ulteriore proroga – come sperava la categoria e pure parte della Lega – anche perché incombe la procedura Ue e il rischio di una maxi-multa. Il partito di Matteo Salvini, fa sapere il sottosegretario Gian Marco Centinaio, riconosce che sono state accolte “alcune proposte” ma il testo andrà “cambiato e migliorato” in Parlamento, insieme alle associazioni di settore e “insieme al resto del centrodestra”. Il governo “ci manda in pasto all’Europa”, si lamenta infatti Assobalneari, in linea con il partito di Giorgia Meloni che denuncia il “vergognoso regalo alle multinazionali straniere” e il rischio di “durissime conseguenze economiche e sociali.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano tenta il rimbalzo (+1,9%), Spread scende a 165
Sprint matricola Technoprobe, in luce Bper, giù Eni e Saipem
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
13:52
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tenta il rimbalzo Piazza Affari a metà seduta, con l’indice Ftse Mib in crescita dell’1,9% a 26.916 punti, spinto insieme agli altri indici europei dalle schiarite sul fronte Ucraino.
In calo a 165,5 punti il differenziale tra Btp e Bund tedeschi decennali, con il rendimento italiano in ribasso di 0,9 punti, a fronte di un aumento generale nell’Eurozona, all’1,957%.

Proseguono gli acquisti sulla matricola Technoprobe (+13,16%) sul mercato Euronext Growth Milan, dedicato alle Pmi, mentre sul listino principale si distingue Bper (+6,98%) all’indomani dell’acquisizione di Carige (-0,08%). In luce Banco Bpm (+3,12%) dopo la raccomandazione ‘overweight’ e il rialzo del prezzo obiettivo a 4,2 euro da parte di Morgan Stanley.
Seguono Stellantis (+3%), Mediolanum (+2,37%), Banca Generali (+2,02%), all’indomani del Piano al 2025, Fineco (+2,91%), Pirelli (+2,49%) e Iveco (+1,69%). Acquisti su Intesa (+2,5%) e Unicredit (+1,7%), debole invece Saipem (-0,26%), al lavoro sulla revisione del piano strategico e condannata in Algeria per una commessa su cui era stata assolta in Italia. Il Gruppo ha annunciato ricorso per la multa da 192 milioni, che peserà comunque sui conti del 2021. Il calo del greggio (Wti -3,51% a 92,11 dollari al barile) frena Eni (-0,65%), mentre Snam (+1,2%) è sostenuta dal protocollo d’intesa con Save e Airbus per portare l’idrogeno nell’aeroporto di Venezia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bolletta: Arera, in primi 3 mesi 2022 +131% luce, +94% gas
Rispetto a primi 3 mesi 2021. Pur con gli interventi Governo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
14:37
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Pur con gli interventi straordinari da parte del Governo, nel primo trimestre 2022 sul primo trimestre 2021 si è registrato un aumento del 131% per il cliente domestico tipo di energia elettrica (da 20,06 a 46,03 centesimi di euro/kWh, tasse incluse) e del 94% per quello del gas naturale (da 70,66 a 137,32 centesimi di euro per metro cubo, tasse incluse)”.
Lo rivela l’Arera in audizione al Senato, spiegando che “l’impennata dei prezzi all’ingrosso dell’energia nel 2021”, gennaio-dicembre 2021 +500% per il gas e +400% per l’energia elettrica si è riflessa sui prezzi a partire dal secondo semestre 2021.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Bolletta: Arera, in primi 3 mesi 2022 +131% luce, +94% gas
Rispetto a primi 3 mesi 2021. Pur con gli interventi Governo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
14:37
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Pur con gli interventi straordinari da parte del Governo, nel primo trimestre 2022 sul primo trimestre 2021 si è registrato un aumento del 131% per il cliente domestico tipo di energia elettrica (da 20,06 a 46,03 centesimi di euro/kWh, tasse incluse) e del 94% per quello del gas naturale (da 70,66 a 137,32 centesimi di euro per metro cubo, tasse incluse)”.
Lo rivela l’Arera in audizione al Senato, spiegando che “l’impennata dei prezzi all’ingrosso dell’energia nel 2021”, gennaio-dicembre 2021 +500% per il gas e +400% per l’energia elettrica si è riflessa sui prezzi a partire dal secondo semestre 2021.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Usa: prezzi produzione volano a gennaio, salgono del 9,7%
Dati sono peggiori delle attese degli analisti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
15 febbraio 2022
14:41
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
I prezzi alla produzione negli Stati Uniti in gennaio sono saliti dell’1% su dicembre e del 9,7% sullo stesso periodo dello scorso anno.
I dati sono peggiori delle attese degli analisti, che scommettevano su un aumento congiunturale dello 0,5% e su uno tendenziale del 9,1%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bollette: maxi stangata in un anno +131% luce, +94% gas
Pur con gli interventi straordinari da parte del Governo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2022
10:14
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Pur con gli interventi straordinari da parte del Governo, nel primo trimestre 2022 sul primo trimestre 2021 si è registrato un aumento del 131% per il cliente domestico tipo di energia elettrica (da 20,06 a 46,03 centesimi di euro/kWh, tasse incluse) e del 94% per quello del gas naturale (da 70,66 a 137,32 centesimi di euro per metro cubo, tasse incluse)”.
Lo rivela l’Arera in audizione al Senato, spiegando che “l’impennata dei prezzi all’ingrosso dell’energia nel 2021”, gennaio-dicembre 2021 +500% per il gas e +400% per l’energia elettrica si è riflessa sui prezzi a partire dal secondo semestre 2021.
“La forte volatilità dei prezzi che contraddistingue questo periodo rende, ad avviso di questa Autorità, particolarmente difficile fornire elementi previsivi affidabili”.
“Permane tuttavia una situazione di significativa volatilità delle quotazioni future per l’anno in corso, che, dopo una discesa nei primi giorni dell’anno intorno ai 65 €/MWhper il gas naturale e a 170 €/MWh per l’energia elettrica (valori medi anno 2022), si sono rapidamente riposizionati negli ultimi giorni intorno agli 80 €/MWh per il gas naturale e i 200 €/MWh per l’energia elettrica. Spingendosi ancora oltre (con il caveat della crescente imprecisione) – continua Arera – le quotazioni attuali del gas naturale per il 2023 e 2024 vedono rispettivamente una discesa a valori intorno a 55 €/MWh nel 2023 e 39 €/MWh nel 2024. Analogamente, per l’energia elettrica è previsto un rientro verso i 150 €/MWh nel 2023 e i 113 €/MWh nel 2024”. Anche queste quotazioni, aggiunge, “che permangono superiori alle medie storiche dei prezzi, presentano, tuttavia, una relativamente elevata volatilità, con variazioni che tendono a riflettere le variazioni delle quotazioni dei prodotti di più breve periodo”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Usa: prezzi produzione volano a gennaio, salgono del 9,7%
Dati sono peggiori delle attese degli analisti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
15 febbraio 2022
14:46
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
I prezzi alla produzione negli Stati Uniti in gennaio sono saliti dell’1% su dicembre e del 9,7% sullo stesso periodo dello scorso anno.
I dati sono peggiori delle attese degli analisti, che scommettevano su un aumento congiunturale dello 0,5% e su uno tendenziale del 9,1%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund: in lieve risalita verso 167 punti
Il rendimento del decennale italiano all’1,981%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
15:33
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il differenziale tra Btp e Bund è nuovamente in risalita verso 167 punti, facendo segnare 166,8 punti, comunque in calo sia rispetto alla chiusura del giorno precedente, a 168,5 punti, che all’apertura di giornata, a 169,3 punti.

Il rendimento del decennale italiano è in salita all’1,981%.

Il Bund tedesco è allo 0,315%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Balneari:gare legate a investimenti,freno a caro-ombrellone
Ipotesi oggi a esame Cdm. Proroga concessioni fino al 2023
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
15:37
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tutela degli investimenti fatti e di chi deve il suo reddito prevalentemente dalla gestione di uno stabilimento balneare.
Ma forte spinta agli investimenti futuri collegati alla miglioramento del servizio, con contenimento dei prezzi e un freno al “caro-ombrellone”, a tutela dei consumatori: sarebbero queste, secondo quanto si apprende, alcune delle linee guida della riforma delle concessioni balneari, su cui si sta ancora lavorando, e che arriveranno oggi al Consiglio dei ministri.
Ci sarà una proroga fino alla fine del 2023 e partiranno le gare per le nuove assegnazioni a partire dal 2024.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa in forma con apertura Wall Street positiva
Bene soprattutto salute e industria. Giù petroliferi col greggio
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
16:02
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Proseguono in positivo le principali Borse europee, con Wall Street che ha aperto in rialzo e gli investitori che restano comunque con gli occhi puntati sulla crisi in Ucraina, tra diplomazia e mosse militari, oltre a continuare a valutare i tempi dei rialzi dei tassi da parte delle banche centrali.
In Europa la Piazza migliore è Francoforte (+1,6%), seguita da Parigi e Madrid (+1,2%) e Londra (+0,5%).
Maglia rosa a Milano (+1,7%), dove lo spread Btp-Bund è nuovamente in lieve discesa, a 166 punti, col rendimento del decennale italiano in leggero calo, all’1,976%. L’euro è in salita sul dollaro, scambiato a 1,133. Calmo l’oro, in lieve calo (-0,1%) a 1.852 dollari l’oncia. Forte discesa del greggio (wti-4,5%) a 91,1 dollari al barile e il brent a 92,8 dollari, che alcuni analisti giudicano però temporaneo. Tra le materie prime in deciso calo il minerale di ferro (-2,8%9 a 707 dollari la tonnellata. In forte ribaso i future sul gas in Europa, con le quotazioni ad Amsterdam (-8,8%) a 73,6 euro al MWh.
L’indice d’area del Vecchio continente, Stoxx 600, guadagna l’1,3%, sostenuto dai comparti salute e industria, insieme a lusso e auto. Forte il calo dei petroliferi, sulla scia del greggio.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano in forma (+1,7%) con banche e industria
Bene auto e lusso, meno alcuni petroliferi, col greggio in calo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
16:42
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Prosegue la seduta in positivo di Piazza Affari (+1,7%), spinta soprattutto da banche e industria.

In cima al listino principale c’è Bper (+8,4%) a 2,14 euro, il giorno dopo l’accordo per l’acquisizione di Carige (-0,2%).
Tra le altre banche guadagni soprattutto per Fineco (+3,2%), Intesa (+2,8%) e Unicredit (+1,9%), mentre lo spread Btp-Bund è lievemente rialito, a 166,6 punti, col rendimento del decennale italiano all’1,978%. Nell’industria spiccano Leonardo (+4,8%) e Amplifon (+4,2%), tra le auto Stellantis (+3,2%), con guadagni per Exor (+2,7%), e nel lusso Moncler (+2,9%). Bene Terna (+2,6%), con Deutsche Bank che incrementa il target price del titolo da 7,5 a 7,7 euro, confermando il target buy. In forma Generali (+2,1%), il giorno prima del Cda.
Tra i titoli meno in forma ci sono i petroliferi, in particolare Eni (-1,3%), col greggio in forte calo (wti -4,8%) a 90,8 dollari al barile e il brent a 92,2 dollari. In leggero rialzo l’Impiantistica di Tenaris (+0,4%) e Saipem (+0,5%), al lavoro sul piano strategico. In calo Interpump (-0,7%) e Unipol (-0,2%). Scarsi guadagni per Nexi (+0,7%) e Tim (+0,6%).
Tra i titoli a minore capitalizzazione rally di Autogrill (+9,4%), mentre perde la Juve (-1,5%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mediaset: quota Prosieben in azioni, sfiora 24% diritti voto
Convertiti quasi tutti i derivati, attesa per assemblea maggio
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
17:07
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MediaforEurope, ovvero Mediaset dopo il trasferimento della sede in Olanda, sta convertendo quasi completamente la sua quota nella tedesca Prosieben, della quale è molto ampiamente primo azionista, da derivati in azioni.

Lo si apprende dalle comunicazioni alla BaFin, l’authority tedesca sui mercati finanziari, nelle quali emerge che i diritti di voto del Biscione sono a un totale del 23,9%, con un 21,6% in azioni, quindi ‘diretti’.

Un anno fa la quota in azioni era al di sotto del 10% e la scelta di Mfe è quella di ribadire una presenza di lungo periodo e potenzialmente attiva in Prosieben, della quale secondo fonti di mercato il Biscione, attraverso altri prodotti finanziari, detiene un totale poco inferiore al 25% delle quote, con la possibilità di salire appena al di sotto del 30% accordata dalle autorità tedesche.
Per ora Mfe non appare intenzionata ad accrescere la sua quota nel gruppo media in Germania, anche se sta analizzando diversi dossier per quell’espansione internazionale alla quale sta lavorando da tempo. Di sicuro il Biscione con questa mossa ribadisce una forte disponibilità finanziaria e attende l’assemblea di Prosieben del prossimo maggio nella quale verranno sostituiti tre componenti del Supervisory board del gruppo tedesco, per il quale finora Mfe non ha presentato candidati.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Via libera a 6,3 mld fondi per strade, ferrovie, acqua
Ok del Cipess. Fondi per 2021-27. L’80% va al Sud
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
17:16
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Via libera del Comitato interministeriale per la programmazione economica e lo sviluppo sostenibile (Cipess) all’anticipazione di oltre 4,7 miliardi di euro del Fondo Sviluppo e Coesione (periodo 2021-2027) per opere infrastrutturali immediatamente cantierabili a cui si aggiungono 1,6 miliardi di interventi strategici programmati la cui attuazione avverrà non appena sarà disponibile il Piano di fattibilità tecnico economica.
Le risorse, che per l’80% vengono assegnate al Mezzogiorno, finanziano interventi che si pongono in continuità con il Pnrr e il Pnc per il finanziamento di progetti in campo ferroviario, stradale e idrico.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: Europa ottimista con auto, banche e farmaceutici
Milano maglia rosa (+2%). In calo i petroliferi col greggio
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
17:20
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Vanno ottimiste verso fine seduta le principali Borse europee, pur con i timori di volatilità sottolineati da una serie di analisti in vista dei rialzi dei tassi da parte delle banche centrali e con uno sguardo alla situazione geopolitica in Ucraina.
Bene Francoforte (+1,9%), seguita da Parigi (+1,7%), Madrid (+1,6%) e Londra (+0,9%).
In testa c’è però Milano (+2%), con lo spread Btp-Bund sostanzialmente stabile, a 166 punti e il rendimento del decennale italiano all’1,979%. L’euro è in lieve rialzo sul dollaro, a 1,136, l’oro è in calo (-0,4%) a 1.847 dollari l’oncia. Forte la discesa del greggio (wti -4,8%) a 90,8 dollari al barile e il brent a 92,1 dollari.
L’indice d’area del Vecchio continente, Stoxx 600, guadagna l’1,4%, sostenuto soprattutto da salute, industria e beni voluttuari, mentre pesa in negativo l’energia. Tra i farmaceutici che guadagnano di più c’è AstraZeneca (+5,5%), tra le auto Stellantis (+3,8%) e Renault (+5,2%). Bene le banche, a cominciare da Banco Bpm e Fineco (+3,4%), con Bnp Paribas (+3,2%). Tra i petroliferi molti titoli in rosso, come Equinor (-6,5%) e Aker (-4,3%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Intesa:accordo con Nextalia,nasce Digit’Ed per la formazione
Legata a trasformazione digitale per pubblico e privato
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
17:24
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Intesa Sanpaolo e Nextalia sgr, per conto del Fondo Nextalia Private Equity, hanno definito un accordo finalizzato alla creazione di una nuova realtà, leader nella formazione e digital learning, facendo leva sull’infrastruttura di apprendimento innovativa di Intesa Sanpaolo.

La società si chiamerà Digit’Ed e si rivolgerà sia al segmento business sia a quello consumer.
L’accordo vincolante prevede l’acquisizione, da parte di una società di nuova costituzione, di Intesa Sanpaolo Formazione, la società di Intesa Sanpaolo focalizzata su iniziative di formazione rivolte alla crescita delle imprese e del territorio, nei confronti della quale – in vista della predetta acquisizione – è previsto il conferimento dalla capogruppo di specifiche attività riguardanti la progettazione e produzione di servizi e prodotti formativi per i dipendenti del Gruppo. Intesa Sanpaolo diventerà azionista di Digit’Ed con una partecipazione pari al 20%, in una logica coerente con il Piano di Impresa 2022-2025, mentre Nextalia deterrà il controllo della società di nuova costituzione.
La creazione di Digit’Ed, “anche grazie al ruolo chiave e stabile di un azionista come Intesa Sanpaolo, favorirà la crescita delle piccole e medie imprese italiane e quindi della nostra economia, anche alla luce delle risorse messe in campo dal Next Generation Italy, in particolare per la transizione digitale e green”, afferma Carlo Messina, ceo di Intesa Sanpaolo.
“La creazione del leader italiano nel digital learning rappresenta la prima operazione per il Fondo Nextalia Private Equity”, sostiene Francesco Canzonieri, amministratore delegato di Nextalia sgr.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lavoro: 1 lavoratore su 3 vuole rimanere in smartworking
Dati del Politecnico di Milano diffusi al digital talk Flepar
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
17:28
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel primo trimestre del 2021 i lavoratori ‘da remoto’ superavano quota 5 milioni 370.000, cifra calata a 4 milioni 710.000 nel secondo trimestre e a poco più di 4 milioni nel terzo trimestre dell’anno: sono dati diffusi questo pomeriggio da un rappresentante del Politecnico di Milano, intervenuto al digital talk della Flepar (la Federazione dei professionisti della pubblica amministrazione) sullo smart working.
Nella fase post-emergenza Covid-19, poi, la cifra degli addetti ‘agili’ è tornata ad oltrepassare gli oltre 4,3 milioni.

A seguire, è stato presentato l’esito di un sondaggio su un campione di lavoratori che hanno sperimentato lo smart working durante la pandemia: il 14% vorrebbe tornare a svolgere le sue mansioni prevalentemente in presenza, il 53% vorrebbe passare ad un modello di lavoro ibrido ed il 33% vorrebbe continuare l’attività ‘da remoto’.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude positiva (+2%)
Il Ftse Mib a 26.967 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 febbraio 2022
17:40
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Chiusura in rialzo per Piazza Affari.
Il Ftse Mib ha guadagnato il 2,09% a 26.967 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa chiude in rialzo, Francoforte la migliore (+1,9%)
Parigi (+1,8%), Madrid (+1,6%), Londra (+1%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
18:02
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Chiusura in rialzo per le principali Borse europee.
La migliore è stata Francoforte (+1,98%) a 15.412 punti seguita da Parigi (+1,86%) a 6.979 punti, Madrid (+1,68%) a 8.718 punti e Londra (+1,03%) a 7.608 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano in forma (+2%) con le banche, vola Bper
Bene industria, auto e lusso, meno i petroliferi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2022
18:42
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Seduta ottimista a Piazza Affari (+2%), al meglio delle altre maggiori Borse europee, con le tensioni per la situazione geopolitica in Ucraina che sembrano avere preso un almeno momentaneo respiro.
A Milano rally in solitaria di Bper (+9,1%) in cima al listino principale, il giorno dopo l’accordo per l’acquisizione di Carige (-0,1%).
Bene anche le altre banche, da Fineco (+3,9%) a Intesa (+3%), Banco Bpm (+2,8%) e Unicredit (+2,1%), mentre lo spread Btp Bund è sceso a 165 punti col rendimento del decennale italiano in calo all’1,955%. Forte nell’industria Leonardo (+4,9%), insieme a Amplifon (+4%), Buzzi (+3%) e Prysmian (+2,8%). Tra le auto ha spiccato Stellantis (+4,1%), con guadagni per Exor (+2,8%). Nel lusso molto in forma Moncler (+1,9%). Tra le utility guadagni per Terna (+2,4%), con Deutsche Bank che ha incrementato il target price del titolo da 7,5 a 7,7 euro per azione. Bene Generali (+1,8%), il giorno prima del Cda.
Tra i petroliferi, col greggio in calo (wti -3,4% a sera), a 92 dollari al barile e il brent a 93,2 dollari, sofferente Eni (-1,1%) e poco convinti l’impiantistica di Tenaris (+0,7%) e per Saipem (+0,5%), al lavoro sulla revisione del piano strategico e condannata in Algeria per una commessa su cui era stata assolta in Italia. Quasi piatta Unipol (-0,08%) e pochi guadagni per Tim (+0,4%) e Inwit (+0,8%). Tra i titoli a minore capitalizzazione hanno volato Autogrill (+10,1%) e Irce (+9,6%), mentre sono scesi Gas Plus (-7,3%), Juve (-1,3%) e Mfe A (-1,1%), ovvero le azioni di di tipo A, la denominazione da dicembre della azioni Mediaset, mentre il gruppo sta convertendo da derivati in azioni quasi completamente la sua quota nella tedesca Prosieben, della quale è primo azionista.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Tokyo, apertura in netto rialzo (+1,46%)
Segue avanzata mercato Usa e allentamento tensioni in Ucraina
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
16 febbraio 2022
01:19
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Tokyo avvia le contrattazioni in sostenuto aumento, in linea con l’accelerazione degli indici azionari Usa dopo l’allentamento delle tensioni al confine con l’Ucraina.

L’indice di riferimento Nikkei avanza dell’1,46%, a quota 27.256,22, aggiungendo quasi 400 punti.
Sul mercato valutario lo yen interrompe la fase di apprezzamento, scambiando a 115,60 sul dollaro e a 131,40 sull’euro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: Wti in rialzo dello 0,33% a 92,4 dollari
Brent sale a 93,6 dollari
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2022
08:16
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Risale il prezzo del petrolio.
Il Wti con consegna a marzo è quotato a 92,37 dollari, in rialzo dello 0,33% mentre il Brent segna 93,63 dollari, con un guadagno dello 0,38%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro stabile a 1,1366 dollari in avvio
Moneta unica a 131,5 yen
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2022
08:23
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’euro è poco mosso questa mattina rispetto al dollaro.
La moneta unica è scambiata a 1,1366 dollari, pari ad una variazione di +0,06%.
Il cambio con lo yen è a 131,5.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: prezzo spot poco mosso a 1.854 dollari l’oncia
Variazione minima di +0,05%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2022
08:33
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Prezzo spot dell’oro senza grandi variazioni.
Il metallo prezioso con consegna immediata è quotato a 1.854,5 dollari l’oncia, con una variazione minima pari a +0,05%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: tregua nella crisi Ucraina spinge l’Asia, Tokyo +2,2%
Petrolio in cauto rialzo. Attesa per le minute della Fed
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2022
08:50
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Prosegue in Asia il rimbalzo delle Borse mondiali che assistono con sollievo all’attenuarsi delle tensioni in Ucraina, dai cui confini la Russia ha annunciato di aver ritirato migliaia di truppe rendendo, almeno per il momento, meno probabile l’ipotesi di un conflitto.

Tokyo è salita del 2,2%, Seul del 2%, Sydney dell’1,1%, i listini cinesi di Shanghai e Shenzhen dello 0,6% mentre Hong Kong, ancora aperta, avanza dell’1,2%.
Il petrolio texano sale dello 0,5% a 92,53 dollari al barile mentre il Brent dello 0,4% a 93,66 dollari. Poco mosso a 1.854 dollari l’oncia l’oro, bene rifugio per eccellenza, dopo il forte calo seguito all’apertura di spazi diplomatici per Kiev.
Gli investitori restano comunque all’erta, in attesa di capire come evolverà la crisi Ucraina e quali saranno le prossime mosse del presidente russo Vladimir Putin, in un clima reso complesso dalla corsa dei prezzi che sta costringendo le banche centrali ad avviare politiche monetarie restrittive. In mattinata l’inflazione in Gran Bretagna è salita del 5,5% a gennaio, il massimo degli ultimi trent’anni.
Grande attenzione, in serata, ci sarà sulle minute della Fed per capire tempistiche e intensità dell’aumento dei tassi e della riduzione degli acquisti di bond.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano apre in rialzo (+0,36%)
L’indice Ftse Mib sale a 27.065 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 febbraio 2022
09:06
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Apertura positiva per Piazza Affari.
L’indice Ftse Mib ha avviato le contrattazioni in progresso dello 0,36% a 27.065 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa parte poco mossa, Francoforte +0,4%
Parigi +0,1% e Londra -0,05%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2022
09:10
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Apertura poco mossa da parte delle principali Borse europee.
A Parigi l’indice Cac 40 ha avviato le contrattazioni in progresso dello 0,43% a 7.009 punti, a Francoforte il Dax sale dello 0,12% a 15.431 punti mentre a Londra il Ftse 100 arretra dello 0,05% a 7.605 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano sale con Prysmian e Bper, giù il Banco e Mps
Debole anche Unicredit. Bene Tenaris e Leonardo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2022
09:49
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Milano conferma i rialzi dell’apertura dopo i primi scambi con l’indice Ftse Mib che avanza dello 0,3%, allineandosi al mood di cauto ottimismo che si respira su tutte le Borse del Vecchio Continente, dove gli investitori guardano con favore al lavoro diplomatico in corso per scongiurare una guerra in Ucraina.

A Piazza Affari si mettono in luce Prysmian (+3,2%), Tenaris (+2,3%), Leonardo (+1,4%), e Stellantis (+1,3%).
Tra i bancari continua la corsa di Bper (+2,4%), dopo l’acquisizione di Carige, mentre scivola Banco Bpm (-3%) con Unicredit (-0,9%) che per il momento sembra aver congelato l’idea di un’opa. Fiacca anche Mps (-1,1%) che ieri ha smentito di avere allo studio un aumento da 3,5 miliardi di euro. Avanza Generali (+0,9%) nel giorno del cda che dovrà proseguire nel lavoro sulla predisposizione della lista, mentre indeboliscono il Ftse Mib Ferrari (-1,1%) e Tim (-0,7%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Benzina: prezzo medio al self sale a 1,841 euro
Servito arriva fino a 2,063 euro al litro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2022
09:58
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Salgono ancora i prezzi dei carburanti con la benzina in modalità servito che in alcuni impianti tocca anche 2,063 euro al litro: secondo l’elaborazione di Quotidiano Energia sui dati comunicati dai gestori all’Osservaprezzi carburanti del Mise, il prezzo medio nazionale praticato della benzina in modalità self sale a 1,841 euro al litro (ieri 1,837), con i diversi marchi compresi tra 1,828 e 1,862 euro/litro (no logo 1,820).
Il prezzo medio praticato del diesel self cresce a 1,716 euro al litro (ieri 1,712) con le compagnie posizionate tra 1,707 e 1,728 euro al /litro (no logo 1,702).

Quanto al servito, per la benzina il prezzo medio praticato va a 1,973 euro al litro (ieri 1,972) con gli impianti colorati che mostrano prezzi medi praticati tra 1,909 e 2,063 euro al litro (no logo 1,869). La media del diesel servito è a 1,852 euro al litro (ieri 1,851) con i punti vendita delle compagnie con prezzi medi praticati compresi tra 1,787 e 1,926 euro al litro (no logo 1,752).
I prezzi praticati del Gpl vanno da 0,819 a 0,833 euro al litro (no logo 0,813). Infine, il prezzo medio del metano auto si posiziona tra 1,782 e 1,844 (no logo 1,734), con il valore massimo in calo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Confcommercio, quadro economico peggiora, Pil febbraio -1%
Continua rimbalzo positivo consumi, ma ancora -11,7% da 2020
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2022
09:59
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il quadro congiunturale si fa più complesso ed incerto.
Si susseguono revisioni al ribasso, ancorché di entità moderata, del tasso di variazione del Pil italiano per il 2022, il cui target difficilmente può collocarsi attorno al 4,5%.
Lo rileva Confcommercio nella ‘Congiuntura di febbraio’, spiegando che ai problemi già noti, e ancora non risolti, derivanti dalle tensioni sui prezzi della materie prime, dalle difficoltà di approvvigionamento in alcune filiere e dall’incertezza sull’evoluzione pandemica si sono aggiunti, negli ultimi giorni, i timori di un conflitto Russo-Ucraino.
Questa situazione rischia, nel suo insieme, di prolungare ed amplificare le tensioni sui prezzi al consumo, evidenzia Confcommercio, che aggiunge: non vedendosi a breve una soluzione a questo problema, crescono i timori di repentine modifiche nella politica monetaria. Col passare del tempo, i tentativi di rassicurazione a tale riguardo sembrano perdere efficacia.
In particolare, sul versante dei consumi, l’indice di Confcommercio registra per gennaio un +8,5%, ma rispetto allo stesso mese del 2020 la domanda, nel complesso, è ancora inferiore dell’11,7%. A febbraio, il Pil, secondo le stime di Confcommercio, ha consolidato la tendenza al rallentamento emersa nei mesi precedenti, con una riduzione dell’1% congiunturale. Nel confronto annuo la crescita si dovrebbe attestare al 4,2%, in forte calo, quindi, rispetto ai mesi precedenti. Infine a febbraio la variazione annua dei prezzi al consumo dovrebbe attestarsi al 5,6%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Rendimento del Btp tocca 2%, prima volta dal maggio 2020
Risale il prezzo del petrolio
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2022
13:10
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il rendimento del Btp decennale torna a toccare la soglia psicologica del 2%, per poi ritracciare all’1,97%.
E’ la prima volta da maggio 2020 che accade.
Lo spread con il bund tedesco si allarga di un punto base, a quota 166 punti.
Il rialzo riflette i timori degli investitori per una progressiva riduzione degli acquisti di bond da parte della Bce nei prossimi mesi. Un timore alimentato ieri dalle parole del membro del Consiglio direttivo e presidente della Banca di Francia, Francois Villeroy de Galhau, che, in un intervento alla London School of Economics, ha detto che Francoforte potrebbe terminare gli acquisti di asset del programma convenzionale ‘App’ già nel terzo trimestre del 2022.
“Credo ancora che sia utile avere un po’ di transizione tra la fine degli acquisti netti del Pepp (il piano pandemico, ndr.) a marzo e la fine del acquisti netti del piano App”, ha detto Villeroy aggiungendo che a un certo punto si potrebbe iniziare a discutere di fare terminare “gli acquisti nel terzo trimestre”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee restano in allerta, nonostante i segnali di disgelo sul fronte Ucraino, dove la Russia ha ritirato parte delle sue truppe. I listini segnano rialzi modesti, con Parigi e Francoforte che avanzano dello 0,3% mentre Londra si appiattisce con Milano. Piazza Affari viene appesantita dal calo dei titoli bancari che scontano il rialzo dei rendimenti dei Btp, saliti in mattinata fino al 2%, livello che non toccavano da maggio 2020. Mps cede il 2,6%, Unicredit l’1,4%, Banco Bpm l’1,3% mentre Intesa l’1%. I timori per una guerra alle porte dell’Europa si mescolano a quelli per una corsa dei prezzi che pare inarrestabile e potrebbe costringere la Bce ad anticipare una stretta monetaria che la vede in ritardo rispetto alle altre banche centrali. Oggi l’inflazione in Gran Bretagna ha segnato a gennaio un balzo del 5,5%, il più alto da trent’anni mentre c’è attesa per le minute della Fed che verranno pubblicate stasera e che potrebbero dare nuove indicazioni sull’aumento dei tassi e la riduzione dell’acquisto di asset da parte della Fed. Il petrolio è in recupero (+1,2%) dopo lo scivolone di ieri con il wti che torna sopra quota 93,1 dollari e il Brent sopra i 94,3, spingendo al rialzo i titoli dell’energia, miglior comparto in Europa (+1,2% l’indice Stoxx di settore) davanti a quelli dell’informatica (+0,7%). In calo a 68 euro (-3,6%) le quotazioni del gas naturale ad Amsterdam.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Risale il prezzo del petrolio. Il Wti con consegna a marzo è quotato a 92,37 dollari, in rialzo dello 0,33% mentre il Brent segna 93,63 dollari, con un guadagno dello 0,38%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Tokyo termina gli scambi in netto rialzo con gli investitori che tornano sul mercato dopo l’allentamento delle tensioni al confine con l’Ucraina. L’indice di riferimento Nikkei segna un aumento del 2,22%, a quota 27.460,40, aggiungendo quasi 600 punti. Sul mercato valutario lo yen è poco variato sul dollaro, scambiando a 115,60, e sull’euro a 131,30.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa in cauto rialzo, Milano piatta con banche, Btp
Credito frena Piazza Affari. Risale il petrolio, bene energetici
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2022
10:40
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee restano in allerta, nonostante i segnali di disgelo sul fronte Ucraino, dove la Russia ha ritirato parte delle sue truppe.
I listini segnano rialzi modesti, con Parigi e Francoforte che avanzano dello 0,3% mentre Londra si appiattisce con Milano.

Piazza Affari viene appesantita dal calo dei titoli bancari che scontano il rialzo dei rendimenti dei Btp, saliti in mattinata fino al 2%, livello che non toccavano da maggio 2020.
Mps cede il 2,6%, Unicredit l’1,4%, Banco Bpm l’1,3% mentre Intesa l’1%.
I timori per una guerra alle porte dell’Europa si mescolano a quelli per una corsa dei prezzi che pare inarrestabile e potrebbe costringere la Bce ad anticipare una stretta monetaria che la vede in ritardo rispetto alle altre banche centrali. Oggi l’inflazione in Gran Bretagna ha segnato a gennaio un balzo del 5,5%, il più alto da trent’anni mentre c’è attesa per le minute della Fed che verranno pubblicate stasera e che potrebbero dare nuove indicazioni sull’aumento dei tassi e la riduzione dell’acquisto di asset da parte della Fed. Lo spread Bpt-Bund si richiude a poco meno di un punto base, a quota 166 mentre il rendimento dei Btp si attesta ora all’1,97% (+1,6 punti base).
Il petrolio è in recupero (+1,2%) dopo lo scivolone di ieri con il wti che torna sopra quota 93,1 dollari e il Brent sopra i 94,3, spingendo al rialzo i titoli dell’energia, miglior comparto in Europa (+1,2% l’indice Stoxx di settore) davanti a quelli dell’informatica (+0,7%). In calo a 68 euro (-3,6%) le quotazioni del gas naturale ad Amsterdam.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Expo Dubai: Di Maio,’bello e ben fatto’ forza trainante export
Vale 135 miliardi. Eau secondo mercato potenziale questi prodotti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
DUBAI
16 febbraio 2022
10:49
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Il rapporto presentato oggi mostra come nonostante l’impatto della pandemia, i prodotti del ‘bello e ben fatto’ rimangono una forza trainante chiave per l’export e l’economia italiana.
Secondo il rapporto, questi beni valgono 135 miliardi di euro.
Questo prova che la qualità è una caratteristica distintiva della produzione italiana e una chiave della sua attrattività nei mercati avanzati ed emergenti”. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in un messaggio per l’evento di presentazione del Rapporto 2021 “Esportare la Dolce Vita” organizzato da Confindustria e Sace al Padiglione Italia di Expo 2020 Dubai. Il messaggio è stato letto dall’ambasciatore italiano negli Emirati Arabi Uniti, Nicola Lener. “Gli Emirati Arabi Uniti sono il secondo mercato potenziale per questi prodotti tra i Paesi emergenti”, ha sottolineato Di Maio.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Aumentano nuove imprese, boom per le costruzioni (+20%)
Dati Istat aggiornati al quarto trimestre 2021
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2022
12:34
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel quarto trimestre 2021 il numero totale di registrazioni di nuove imprese segna un nuovo aumento congiunturale (+4,1%), dopo la lieve flessione del trimestre precedente (-0,9%).
Le registrazioni segnano un forte aumento congiunturale nel settore delle costruzioni (+20,2%) e nei trasporti (+9,4%), mentre si registra il secondo calo consecutivo nel commercio, con una diminuzione del 5,2%.
Lo rileva l’Istat sottolineando che rispetto al quarto trimestre del 2020, il numero complessivo di registrazioni risulta in aumento (+10,5%), con un unico settore in calo, il commercio, che segna una riduzione del 9,9%. Per le costruzioni a livello tendenziale si registra un aumento delle registrazioni del 48,5%. Nella media del 2021, il numero di registrazioni (dato grezzo) è cresciuto del 14,6% rispetto all’anno precedente.
Sia su base congiunturale che su base tendenziale, nell’ultimo trimestre del 2021, i fallimenti risultano in calo in tutti i settori. Si registra una diminuzione complessiva del 18,6% rispetto al trimestre precedente e del 21,3% rispetto al quarto trimestre del 2020. Nel 2021 il numero totale di fallimenti (dato grezzo) è cresciuto del 18,5% rispetto al 2020 ma rimane al di sotto dei livelli osservati negli anni precedenti l’emergenza sanitaria.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa incerta, Milano gira in calo con le banche
Cautela su Ucraina. Rendimento Btp ripiega a 1,95%. Corre Saipem
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2022
12:50
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza Affari si presenta a fine mattinata con l’indice Ftse Mib in calo dello 0,3%, dopo aver perso i modesti rialzi segnati nella mattinata.
In frenata tutti i listini europei, che si muovono in ordine sparso: Francoforte e Parigi sono invariate mentre Londra cede lo 0,3%.
Gli investitori restano cauti sull’evoluzione della crisi ucraina, mentre anche dalla Nato si sollevano dubbi sul ritiro delle truppe russe. E guardano con preoccupazione alla corsa dei prezzi, confermata dall’inflazione britannica a gennaio, e alla politica restrittiva che sta innescando.
A Piazza Affari soffrono le banche nel giorno in cui il rendimento dei Btp ha toccato quota 2% per la prima volta dal maggio 2020, confermando il trend di deprezzamento evidenziato recentemente dai nostri titoli di stato. Unicredit cede il 4,1%, Bper e Unicredit il 2,5%, Intesa e il Banco, dossier che la banca guidata da Andrea Orcel sembra aver per il momento congelato,il 2,1%. Vendite anche su Pirelli (-1,7%), Moncler (-1,1%) e Unipol (-1%). Dall’altra parte del listino corre Saipem (+3,6%), in scia alle indiscrezioni sul nuovo piano, bene anche Interpump (+3,1%), Prysmian (+2,9%) e tenaris (+1,9%).
Poco mossa Eni (+0,3%) che sta assistendo al debutto altalenante della sua controllata Var energi (-2,1%) alla Borsa di Oslo.
Sale Generali (+0,9%) nel giorno del cda chiamato limare la lista per il nuovo consiglio.
Lo spread tra il Btp e il Bund è stabile a 165 punti base mentre il rendimento del nostro decennale scende all’1,95%.
Positivo il petrolio, con il wti che sale dello 0,8% a 92,8 dollari e il brent dello 0,9% a 94,1 dollari.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nasce Terra Next,nuovo acceleratore startup e pmi innovative
Iniziativa Cdp Venture Capital,Intesa Sanpaolo e Cariplo Factory
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2022
12:59
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nasce Terra Next, il programma di accelerazione per startup e piccole e medie imprese innovative operanti nel settore della Bioeconomia.
Frutto dell’iniziativa di Cdp Venture Capital, il programma è parte della Rete Nazionale Acceleratori Cdp, un network presente su tutto il territorio, con l’obiettivo di aiutare la crescita di startup specializzate nei mercati a maggiore potenziale.
Terra Next vede la partecipazione di Intesa Sanpaolo Innovation Center in qualità di co-ideatore e promotore e il supporto di Cariplo Factory che gestirà operativamente il programma.
Con una dotazione iniziale di circa 3,8 milioni di euro stanziati dal Fondo Acceleratori di Cdp Venture Capital oltre a circa 1,3 milioni stanziati da Intesa Sanpaolo Innovation Center e i partners, Terra Next è progettato su un asse temporale di 3 anni. Ogni anno verrà lanciato un percorso di accelerazione di 12 settimane con base a Napoli.
“La Bioeconomia è al centro delle misure di sviluppo economico inclusivo dell’Unione Europea e rappresenta un settore particolarmente strategico per l’Italia”, commenta Francesca Bria, Presidente di Cdp Venture Capital – “Terra Next – aggiunge – nasce per potenziare la crescita delle giovani imprese italiane innovative”.
“Con questa iniziativa confermiamo e rafforziamo il sostegno alle startup e alle pmi ad alto contenuto tecnologico che operano nel settore della bioeconomia – spiega Giuseppe Nargi, direttore regionale Campania, Calabria e Sicilia di Intesa Sanpaolo.
“La Bioeconomia non è soltanto una priorità del nostro tempo, ma anche un’eccellenza del Made in Italy”, evidenzia Riccardo Porro, Chief Operating Officer di Cariplo Factory.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bocconi, 280mila euro d’investimento per le donne manager
Aperto bando per 10 esenzioni totali per altrettante studentesse
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 febbraio 2022
13:16
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
280mila euro finanziati da OTB Foundation in collaborazione con l’Università Bocconi per garantire l’esenzione totale nel primo biennio per dieci studentesse che potranno scegliere tra quattro corsi, Economics and Management of Government and International Organizations; Politics and Policy Analysis; International Management e Management.

Le iscrizioni chiuderanno il 17 marzo e il progetto nasce per formare la classe dirigente femminile del futuro, in un Paese, come l’Italia, dove solo il 19,1% dei ruoli apicali in organi pubblici è rappresentato da donne, mentre nelle società quotate solo il 2% delle donne ricopre il ruolo di amministratore delegato e nelle banche solo l’1%.

“Investire sulla formazione vuol dire investire sul nostro futuro e farlo dando la possibilità a giovani donne di accedere all’università ha un valore doppio. Promuovere l’uguaglianza di genere in modo concreto come nel caso di questa iniziativa avrà infatti effetti benefici sull’economia e sulla società nel suo complesso. In questa fase delicata della nostra società abbiamo bisogno dell’impegno dei migliori talenti e per questo dobbiamo rimuovere ogni ostacolo che impedisca loro di avere un impatto positivo sul mondo del lavoro e delle istituzioni. Tra questi quelli legati al genere sono un retaggio del passato” ha dichiarato Gianmario Verona, rettore dell’Università Bocconi.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: in rialzo a New York a 93,28 dollari
Quotazioni salgono dell’1,31%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
16 febbraio 2022
15:02
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il petrolio è in rialzo a New York, dove le quotazioni salgono dell’1,31% a 93,28 dollari al barile.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa in calo dopo dati Usa, attesa per Wall Street
Future in flessione. Su Vecchio continente pesano le banche
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2022
15:28
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee proseguono in calo dopo una serie di dati macroeconomici negli Usa, tra cui la produzione industriale che sale dell’1,4%, sopra le attese.
I listini del Vecchio continente mantengono la strada della flessione in vista dell’avvio di Wall Street dove i future sono in calo.

L’indice d’area stoxx 600 perde lo 0,2%. In rosso Milano (-0,6%), Londra e Parigi (-0,5%), Francoforte (-0,4%), Madrid (-0,3%). Sui mercati pesano le banche (-1,1%), le auto (-0,3%) e le utility (-0,2%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Wall Street apre negativa, Dj -0,28%, Nasdaq -0,72%
S 500 perde lo 0,40%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
16 febbraio 2022
15:33
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Wall Street apre negativa.
Il Dow Jones perde lo 0,28% a 34.902,67 punti, il Nasdaq cede lo 0,72% a 14.035,63 punti mentre lo S&P 500 lascia sul terreno lo 0,40% a 4.453,01 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa:Europa in flessione dopo Wall Street, corre il greggio
In flessione il gas. L’euro in rialzo sul dollaro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2022
15:53
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee proseguono la seduta in flessione dopo l’avvio negativo di Wall Street ed una serie di dati macroeconomici.
I mercati si mostrano ancora nervosi con i timori per l’impatto dell’inflazione sulle decisioni delle banche centrali.
Tiene banco anche il tema delle tensioni geopolitiche tra Ucraina e Russia. Intanto prosegue la corsa del prezzo del petrolio mentre è il calo il gas.
L’indice d’area stoxx 600 cede lo 0,3%. In rosso Parigi (-0,66%), Londra (-0,58%), Parigi (-0,44%), Madrid (-0,36%) e Milano (-0,30%). Vendite sui titoli finanziari con le banche che cedono l’1,7%) e le assicurazioni lo 0,5%. Deboli le utility (-0,1%). Ad Amsterdam le quotazioni sono in calo del 2,2% a 69,30 euro al Mwh. A Londra il prezzo scende del 2,8% a 166 penny per Mmbtu. In rialzo il compoarto dell’energia con il petrolio rialza la testa. Ill Wti si attesta a 93,62 dollari al barile e il Brent sale a 95,01 dollari.
Tra le altre materie prime l’oro è in rimonta e si attesta a 1.862 dollari l’oncia. Sul fronte valutario l’euro sul dollaro si rafforza a 1,1369 a Londra.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano in calo con le banche, sale Saipem
Scivola Mps (-4,4%). Lo spread tra Btp e Bund a 162 punti base
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2022
16:25
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano (-0,4%) prosegue la seduta in calo, in linea con gli altri listini europei.
A Piazza Affari pesano le banche mentre è in rialzo l’energia con la rimonta del prezzo del petrolio.
Lo spread tra Btp e Bund si attesta a 162 punti base, con il rendimento del decennale italiano all’1,88%, dopo la fiammata di stamane al 2%.
Scivola Mps (-4,4%). In rosso anche Intesa (-2,7%), Banco Bpm (-2,4%), dopo i rialzi dei giorni scorsi con i rumors su Unicredit (-1,8%). Male anche per le novelle spose Bper (-1,1%) e Carige (-0,06%), con quest’ultima a 0,788 sfiorando il prezzo dell’opa che lancerà l’istituto modenese.
Corre l’energia dove si mettono in mostra Tenaris (+2,8%), Saipem (+1,7%), a lavoro sulla manovra di ristrutturazione, e Eni (+0,8%). Vendite sulle utility con il prezzo del gas è in calo. In rosso A2a (-1%), Erg (-0,3%) e Hera (-0,1%) mentre è in controtendenza Enel (+0,3%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Generali: Galateri, uscirò dal Cda in piena unità d’intenti
‘Sino alla fine del mandato svolgerò le mie funzioni’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2022
16:44
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Uscirò dal consiglio in piena serenità e unità d’intenti”.
Così il presidente di Generali Gabriele Galateri in una lettera al cda nella quale spiega che svolgerà le sue funzioni sino alla fine del mandato.
Galateri è in scadenza all’assemblea di fine aprile insieme al resto del board e non potrà essere rieletto per il venir meno dei requisiti di indipendenza.
“Voglio comunque, aldilà di requisiti formali, mantenere piena indipendenza di giudizio e così esprimere rammarico per le tensioni nel corpo sociale degli ultimi tempi che Generali certo non si merita ed augurarmi che possa essere eletto un consiglio composto da persone di professionalità e coscienza etica tali da favorire il recupero di un clima di serenità e di collaborazione nell’interesse sociale”, ha aggiunto Galateri.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Gas: ad Amsterdam a 68,78 euro, ai minimi da gennaio
A Londra quotazioni scendono a 165 penny. In rialzo il petrolio
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2022
16:45
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il prezzo del gas è in rapida flessioni con la diplomazia a lavoro per stemperare le tensioni tra Russia e Ucraina.
Dopo i forti rialzi dei giorni scorsi le quotazioni si sono ora portate ai livelli di gennaio scorso.

Ad Amsterdam le quotazioni sono in calo del 3,9% a 68,56 euro al Mwh. A Londra il prezzo scende del 3,3% a 165,15 penny per Mmbtu.
In rialzo il petrolio con il Wti che si attesta a 93,70 dollari al barile (+1,9%) e il Brent sale a 95,01 dollari (+2,01%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fmi:Georgieva, ripresa mondo continua ma velocità rallentata
Per crescita robusta serve strategia contro long Covid economico
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
16 febbraio 2022
16:45
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“La ripresa economica continua ma la sua velocità è rallentata fra l’elevata incertezza e l’aumento dei rischi”.
Lo afferma il direttore generale del Fmi, Kristalina Georgieva, in vista del G20 dei ministri finanziari e dei governatori delle banche centrali.
Secondo Georgieva la strada “per una robusta ripresa economica” passa per tre priorità. La prima è quella di “sforzi più ampi per combattere gli effetti del ‘long Covid’ economico”. La seconda riguarda la necessità di “navigare il ciclo di stretta monetaria”, mentre la terza è l’esigenza di concentrarsi sulla sostenibilità fiscale.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Gas: ad Amsterdam a 68,78 euro, ai minimi da gennaio
A Londra quotazioni scendono a 165 penny. In rialzo il petrolio
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2022
16:45
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il prezzo del gas è in rapida flessioni con la diplomazia a lavoro per stemperare le tensioni tra Russia e Ucraina.
Dopo i forti rialzi dei giorni scorsi le quotazioni si sono ora portate ai livelli di gennaio scorso.

Ad Amsterdam le quotazioni sono in calo del 3,9% a 68,56 euro al Mwh. A Londra il prezzo scende del 3,3% a 165,15 penny per Mmbtu.
In rialzo il petrolio con il Wti che si attesta a 93,70 dollari al barile (+1,9%) e il Brent sale a 95,01 dollari (+2,01%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fmi:Georgieva, ripresa mondo continua ma velocità rallentata
Per crescita robusta serve strategia contro long Covid economico
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
16 febbraio 2022
16:45
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“La ripresa economica continua ma la sua velocità è rallentata fra l’elevata incertezza e l’aumento dei rischi”.
Lo afferma il direttore generale del Fmi, Kristalina Georgieva, in vista del G20 dei ministri finanziari e dei governatori delle banche centrali.
Secondo Georgieva la strada “per una robusta ripresa economica” passa per tre priorità. La prima è quella di “sforzi più ampi per combattere gli effetti del ‘long Covid’ economico”. La seconda riguarda la necessità di “navigare il ciclo di stretta monetaria”, mentre la terza è l’esigenza di concentrarsi sulla sostenibilità fiscale.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bollette: Patuanelli, necessario governo consideri scostamento
Maggiore rischio veder fallire migliaia imprese
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2022
17:01
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“C’è maggiore rischio per la nostra economia di veder fallire migliaia e migliaia di imprese piuttosto che di un nuovo scostamento che consenta di avere risorse per sostenere l’aumento dei costi di produzione in particolare del settore primario.
Credo sia necessario che il governo prenda in considerazione l’idea di uno scostamento e di un sostegno ulteriore per imprese e famiglie rispetto ai costi dell’energia”.
Così il ministro delle Politiche agricole, Stefano Patuanelli, al Question time alla Camera sulle iniziative a sostegno delle imprese agricole e agroalimentari.
Quanto agli elementi strutturali di medio termine, ha spiegato Patuanelli, “stiamo accelerando su tutte quelle misure del Pnrr che che vanno a incidere proprio su questo argomento: il parco agri solare, la progettualità mista fra noi e il Mite su biogas Bío metano, l’agrovoltaico e, per quanto di nostra stretta competenza come ministero delle Politiche agricole, stiamo accelerando per arrivare ad anticipare le scadenze che avevamo riguardo al bando per l’agrisolare, quindi per l’installazione in copertura degli impianti fotovoltaici”. Poi il ministro ha affrontato il tema “importante” dei contratti di filiera “vogliamo anticipare 1 miliardo e 200 milioni rispetto alla scadenza per garantire che ci sia un monitoraggio di come il valore aggiunto si trasferisce nella filiera”. Rispetto ai temi strutturali e di più lungo periodo, ha detto: “Credo vada rivisto completamente il sistema di bollettazione degli oneri di sistema che debbano incidere sulla fiscalità generale e non sulle bollette”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Messa, al Sud 220 milioni dai progetti di ricerca di rilievo nazionale
Possibile accesso ad altri fondi, ma vincolati al Meridione
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 202209:05
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Per finanziare la ricerca nel Sud non ci sono soltanto i circa 220 milioni, pari al 40% dei 550 milioni stanziati per i Programmi di di rilevante interesse nazionale (Prin) dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), ma esistono “più fonti di finanziamento” diverse fra loro, anche se in nessuna di esse è applicato un vincolo territoriale per regioni meridionali.
Lo ha detto il ministro dell’Università e la Ricerca, Maria Cristina Messa, rispondendo al Question time a Federico Conte (LeU) in merito alla quota dei progetti Prin destinata al Mezzogiorno nel 2022.
Il bando Prin 2022 ha risorse complessive per 741,8 milioni di euro: “un intervento di proporzioni mai viste” per la ricerca pubblica italiana, ha detto il ministro, e che “deriva da più fonti di finanziamento, diverse per natura, per provenienze e per caratteristiche, tutte comunque finalizzate a promuovere la ricerca di base”.
A nessuna di esse, ha precisato Messa, “risulta applicabile il vincolo di destinazione territoriale delle regioni del Sud”.
A queste ultime “deve essere assicurata la quota parte delle risorse del Bando Prin del Pnrr, pari a 550 milioni”. Quindi dei 741,8 milioni totali del bando Prin, 550 provengono dalle risorse del Pnrr.
“Per esse – ha precisato il ministro – il vincolo di destinazione non è fissato dalla quota demografica delle regioni interessate, ma è stabilito direttamente nel 40% del totale. In ragione di tale vincolo, quindi, 220 milioni di questo bando Prin, a differenza del passato, saranno riservati al finanziamento dei progetti localizzati nelle regioni del mezzogiorno”.
Messa ha inoltre precisato che la quota restante del bando Prin “non ha un’allocazione territoriale predefinita e non sussistono vincoli territoriali a beneficio delle regioni del Nord” e che “la loro assegnazione è dunque ordinariamente rimessa alla valutazione della qualità dei progetti, com’è proprio di un sistema della ricerca di eccellenza”. E’ inoltre possibile, ha proseguito il ministro, che “ulteriori progetti presentati da istituzioni situate nelle regioni del mezzogiorno o in partenariato con le regioni del Mezzogiorno possano aggiudicarsi uno di questi finanziamenti e superare la quota di 220 milioni” e sono possibili, infine, anche “partnership interregionali”.
Università: Messa, da Pnrr 250 milioni per l’orientamento
Si sommano ai 50 stanziati nel 2021
E’ di 250 milioni la cifra stanziata dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) per l’orientamento universitario e si somma ai 50 milioni stanziati nel 2021 con un decreto del ministero per l’Università e la Ricerca. Lo ha detto il ministro Maria Cristina Messa, rispondendo nel Question time ad Alessandro Fusacchia (Maie-Psi-Facciamo Eco).
In funzione dell’orientamento, ha rilevato il ministro, è “ammissibile una pluralità di iniziative”, purché finalizzare a risultati concreti e misurabili, e si prevede inoltre “una specifica linea di azione per il supporto psicologico”.
Sono previste azioni per l’orientamento “con l’offerta di corsi a partire dal terzo anno delle scuole superiori”, allo scopo di facilitare la preparazione degli studenti sia da parte di docenti universitari, sia con iniziative per la formazione degli insegnanti delle scuole superiori.
“L’obiettivo finale è raggiungere almeno un milione di studenti – ha concluso il ministro – e aumentare gli indicatori di successo”, vale a dire minori abbandoni dei corsi universitari, livelli apprendimento più alti, un maggior numero di ammessi all’anno successo, riduzione delle disparita e un maggior numero di ingressi nel mondo del lavoro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude piatta (+0,01%)
Indice Ftse Mib a 26.969 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 febbraio 2022
17:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano chiude piatta con il Ftse Mib (+0,01%) a 26.969 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa:Europa chiude debole, fari puntati su inflazione e Ucraina
Parigi (-0,21%), Francoforte (-0,28%), Londra (-0,07%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2022
18:06
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee chiudono deboli con gli investitori che guardano al lavoro della diplomazia per allentare le tensioni tra Russia e Ucraina.
Sotto i riflettori resta l’andamento dell’inflazione e gli impatti sulle prossime decisioni delle banche centrali sul fronte del rialzo dei tassi.

Intanto sono in lieve flessione i rendimenti dei titoli di Stato dopo i rialzi dei giorni scorsi. Sul fronte delle materie prime torna a rialzare la testa il petrolio mentre il gas scende ai livelli di inizio gennaio.
L’indice d’area stoxx 600 conclude la seduta sulla parità (+0,04%). In calo Parigi (-0,21%) e Francoforte (-0,28%), piatte Londra (-0,07%), in rialzo Madrid (+0,22%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp Bund chiude a 163 punti, rendimento 1,91%
Tasso ha registrato un balzo al 2% in mattinata
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2022
18:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread tra Btp e Bund chiude a 163 punti base, rispetto ai 167 punti dell’avvio di giornata ed ai 165 punti sulla chiusura di ieri.
Il rendimento del decennale italiano scende all’1,91%, dopo il balzo al 2% dell’inizio di seduta.

Scendono i rendimenti dei decennali dei Paesi ‘limitrofi’ con quello spagnolo all’1,27% e quello greco al 2,63%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude piatta appesantita dalle banche
Scivola Mps, bene Prysmian e Saipem. Spread Btp-Bund a 163 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2022
18:27
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano (+0,01%) chiude piatta, appesantita dalle banche e dopo una seduta all’insegna del nervosismo.
A Piazza Affari si mettono in mostra Prysmian (+3%) e Saipem (+1,09%), quest’ultima alle prese con la manovra di risanamento.
Lo spread tra Btp e Bund chiude a 163 punti base, con il rendimento del decennale italiano che scende all’1,91%, dopo il balzo al 2% dell’inizio di seduta.
Andamento negativo per le banche. Scivola Mps (-4,7%), alle prese con l’aumento di capitale. Male anche Intesa (-2,2%), Banco Bpm (-1,9%), quest’ultima dopo i rialzi dei giorni scorsi con le voci su Unicredit (-1,7%). Seduca in calo per Bper (-1,2%), dopo l’accordo per l’acquisizione della quota dell’80% di Carige (-0,1%). Il titolo dell’istituto ligure si attesta a 0,788 euro, sfiorando il prezzo di 0,80 euro per l’opa che lancerà Bper sulla restante quota del 20%.
Positivo il comparto dell’energia con il petrolio che rialza la testa. Oltre a Saipem concludono la seduta in rialzo anche Tenaris (+2,3%) e Eni (+1%). In ordine sparso le utility con il calo del prezzo del gas e le misure per contenere il rincaro delle bollette energetiche. In rosso Hera (-0,5%), A2a e Erg (-0,4%) mentre avanzano Enel (+1,2%) e Alerion (+1,1%).
Chiude in positivo Generali (+1,4%) mentre è piatta Unipol (-0,04%). Poco mossa Tim (-0,07%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fed: a breve rialzo tassi, sarà veloce se inflazione non cala
E’ quanto emerge dai verbali dell’ultima riunione di gennaio
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
16 febbraio 2022
20:28
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Presto sarà appropriato” alzare i tassi di interesse.
Lo afferma la Fed nei verbali della riunione del 25 e 26 gennaio.
Molti dei componenti della banca centrale ritengono che sia garantita una velocità di rialzi maggiore che nel 2015. “Se l’inflazione non scende come previsto, potrebbe essere appropriato rimuovere la politica accomodante più velocemente di quanto anticipato”, si legge nei verbali.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: in rialzo a New York a 93,66 dollari
Quotazioni salgono dell’1,7%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
16 febbraio 2022
20:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il petrolio chiude in rialzo a New York, dove le quotazioni salgono dell’1,7% a 93,66 dollari al barile.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Generali: pronta la short list per il Cda, Galateri lascia
Il presidente lascia dopo 11 anni: “in piena serenità e unità d’intenti”. Reintegri fra una settimana
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
09:57
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
E’ ormai pronta la short list per il nuovo cda di Generali dove non comparirà il nome del presidente Gabriele Galateri neanche come consigliere. In una comunicazione personale, letta ai “colleghi, prima di discutere nel merito la definizione della lista del consiglio” Galateri, dopo aver fatti i conti sulla sua permanenza al vertice del Leone – 11 anni da presidente e altri 7 da vicepresidente -, ha preannunciato la sua uscita dal board “in piena serenità e unità d’intenti”.

Alla base della decisione c’è la perdita definitiva del requisito di indipendenza, che il Codice di autodisciplina delle società quotate fissa per gli amministratori in 9 anni.

Considerata inoltre la best practice internazionale delle società quotate a capitale diffuso, per un gruppo come Generali avere un presidente non indipendente sarebbe quanto meno inopportuno.
A questo si aggiunge lo scontro in atto nell’azionariato della compagnia, che ha portato Francesco Gaetano Caltagirone, Romolo Bardin e Sabrina Pucci a dimettersi. Il cda, sceso da 13 a 10 membri, sarà reintegrato in una riunione la prossima settimana scegliendo tre profili che saranno poi candidati nella lista definitiva da portare all’ assemblea del 29 aprile. Se, all’appuntamento del consiglio sul bilancio in agenda il 14 marzo, si sceglierà una lista di 13 o più membri dipenderà dal parere di orientamento che il consiglio di amministrazione esprimerà sempre nel corso nella riunione sul tavolo che, in sostanza, ha espresso un profilo quali-quantitativo per i nomi del prossimo cda.
Per quanto riguarda la rosa di alto profilo di coloro che hanno già dato la loro disponibilità a candidarsi, si tratta di 15-20 nomi, ossia il 30% in più dei 13-17 componenti previsti per il board dallo statuto.
Oltre al ceo Philippe Donnet, contestato da Caltagirone e dai soci dal patto, che rimane composto dalla Delfin di Leonardo Del Vecchio e da Fondazione Crt, gli attuali amministratori pronti a proseguire per un altro triennio sono Clemente Rebecchini (Mediobanca), Diva Moriani, Antonella Mei-Pichtler e Ines Mazzilli (eletta nella lista di Assogestioni). Meno certo invece Lorenzo Pellicioli (De Agostini). Non ci sarà Alberta Figari che ha perso, al pari di Galateri, il requisito di indipendenza. Restano quindi almeno sette i nomi nuovi da mettere in lista.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Tokyo, apertura in lieve calo (-0,14%)
Cautela dopo segnali allentamento tensioni in Ucraina
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
17 febbraio 2022
01:15
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Tokyo inizia le contrattazioni all’insegna della cautela, dopo il ritracciamento degli indici azionari Usa con gli investitori che monitorano gli sviluppi geopolitici al confine con l’Ucraina.

L’indice Nikkei segna una variazione appena negativa dello 0,14%, a quota 27.421,82, con una perdita di 38 punti.
Sul mercato valutario lo yen torna ad apprezzarsi sul dollaro a un livello di 115,30 e sull’euro a 131,20.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: in calo, Wti a 92,40 dollari al barile
Brent scende a 93,52 dollari. Spinta da accordo su nucleare Iran
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
08:14
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Quotazioni del petrolio in calo in avvio di giornata.
Il greggio Wti di riferimento cede l1,38% a 92,40 dollari al barile.
Il Brent perde l’1,37% a 93,52 dollari al barile. Ad incidere l’annuncio su un possibile accordo sul programma nucleare iraniano.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: quotazioni in rialzo a 1.875 dollari l’oncia
Sui mercati asiatici +0,3%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
08:18
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Quotazioni dell’oro in rialzo sui mercati asiatici.
Il lingotto con consegna immediata guadagna lo 0,3% a 1.875 dollari l’oncia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Auto: a gennaio -2,4% vendite Europa
Gruppo Stellantis -1,24%; quota mercato scende al 19,1%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
17 febbraio 2022
08:28
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel mese di gennaio in Europa Occidentale (Ue+Efta+Regno Unito) sono state immatricolate 822.423 auto, con un calo del 2,4% sullo stesso mese del 2021.

Lo rende noto l’Acea, l’associazione dei costruttori europei dell’auto.
Il gruppo Stellantis ha immatricolato a gennaio in Europa Occidentale (Ue, Paesi Efta e Regno Unito) 156.673 auto, il 12,4% in meno dello stesso mese del 2021. La quota di mercato è in calo dal 21,2% al 19,1%.   PIEMONTE

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Nel mese di gennaio in Europa Occidentale (Ue+Efta+Regno Unito) sono state immatricolate 822.423 auto, con un calo del 2,4% sullo stesso mese del 2021.

Lo rende noto l’Acea, l’associazione dei costruttori europei dell’auto.
Il gruppo Stellantis ha immatricolato a gennaio in Europa Occidentale (Ue, Paesi Efta e Regno Unito) 156.673 auto, il 12,4% in meno dello stesso mese del 2021. La quota di mercato è in calo dal 21,2% al 19,1%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Asia in calo, nuovi timori per situazione in Ucraina
In calo Giappone. Piatta la Cina. Negativi future Europa e WS
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
08:31
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le azioni asiatiche hanno girato in negativo, dopo guadagni iniziali, con nuovi timori per la situazione geopolitica in Ucraina, per le tensioni con la Russia.
L’indice Msci Asia Pacific è sceso dello 0,5%.
In Giappone il Nikkei è sceso dello 0,83%), in Corea il Kosdaq dello 0,45%. Piatta Shangai (+0,06%) e anche Hong Kong a mercati ancora aperti (+0,03%). Guadagni in Australia (+0,1%). Negativi i future su Europa e Wall Street.
Quanto ai dati macroeconomici, la giornata si apre con quelli italiani sul commercio estero e i prezzi all’importazione di dicembre, mentre verranno diffusi anche dati sulla cassa integrazione aggiornati a gennaio 2022. Sono attesi anche la pubblicazione del rapporto mensile della Bce e nel primo pomeriggio dagli Usa le richieste di sussidio di disoccupazione, l’indice della Fed di Philadelphia di febbraio e quelli su edilizia e nuove costruzioni di gennaio. Tra gli appuntamenti di rilievo è da segnalare la partecipazione del ministro italiano dell’Economia, Daniele Franco, e della presidente della Bce, Christine Lagarde, al G20 delle finanze in Indonesia. Per avere un segnale sulle possibili scelte della Bce sui tassi, gli investitori monitoreranno poi il discorso sulla nuova strategia monetaria di Hernandez De Cos, del consiglio direttivo della Bce, e la partecipazione a un webcast del capoeconomista Philip Lane. In Usa dalla seconda parte del pomeriggio alla notte sono previste inoltre le dichiarazioni di due membri votanti della Fed: James Bullard, presidente della Fed di St. Louis, e Loretta Mester, presidente della Fed di Cleveland.
Prosegue intanto la stagione delle trimestrali, con dagli Usa i conti di Walmart e in Europa quelli di Airbus, Nestlè, Kering , Eni e Edison.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp Bund in lieve rialzo a 164 punti
Tasso in calo all’1,907%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
08:40
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio di giornata in lieve rialzo per lo spread tra Btp e Bund che segna 164 punti bas e a fronte dei 163 della chiusura di ieri mentre i tassi sono in calo.
Il rendimento del titolo decennale italiano stamane si ferma 1,907% a fronte dell’1,91% di ieri.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro in lieve calo sul dollaro a 1,1364
Sullo yen sale a 130,97
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
08:44
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio di giornata in lieve calo per l’euro sul dollaro: la moneta unica europea passa di mano a 1,1364 sul dollaro a fronte del valore di 1,1380 ieri sera a New York.
Sullo yen l’euro sale a 130,97.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Kering: ricavi 2021 record a 17,6 miliardi (+35%)
L’utile netto sale a 3,1 miliardi, Dividendo in aumento del 50%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
08:46
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il gruppo francese del lusso Kering nel 2021 ha realizzato ricavi record, a 17,645 miliardi di euro (+35% su base comparabile rispetto al 2020) e significativamente superiori rispetto al 2019 (+13%).
Il reddito operativo ricorrente è cresciuto notevolmente (+60% rispetto al 2020), per raggiungere il nuovo record di 5,017 miliardi.
Il margine operativo ricorrente, al 28,4%, recupera un livello elevato.
L’utile netto di pertinenza del gruppo è a 3,176 miliardi, rispetto ai circa 2,1 miliardi del 2020, e viene previsto un dividendo a 12 euro (+50%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano apre in calo (-0,09%)
Il Ftse Mib a 26.944 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
17 febbraio 2022
09:06
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Apertura in calo per Piazza Affari.

Il Ftse Mib perde lo 0,09% a 26.944 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa apre in lieve rialzo
Parigi (+0,4%), Francoforte (+0,2%), Londra (+0,06%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
09:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Apertura in lieve rialzo per le principali Borse europee.
La migliore è Parigi (+0,49%) a 6.999 punti, seguita da Francoforte (+0,22%) a 15.404 punti e con Londra (+0,06%) a 7.598 punti nei primi minuti di contrattazione.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Antitrust: 10 milioni multa a società contatori acqua
per intesa anticoncorrenziale
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
09:36
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’Antitrust ha comminato oltre 10 milioni complessivi di sanzioni per intesa anticoncorrenziale a società attive nella fornitura dei contatori idrici.
Lo annuncia l’Autorità garante per la concorrenza e del mercato.

Le sanzioni riguardano le società G2 Misuratori S.r.l., Maddalena S.p.a., Itron Italia S.p.a., Sensus Italia S.r.l. a Socio Unico e WaterTech S.p.a., principali operatori del settore che si sono aggiudicati oltre il 90% dei lotti censiti nel periodo, e alle società che controllano queste ultime tre imprese, Itron Inc., Sensus Metering Systems (LuxCo 3) Sàrl e ARAD Ltd.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Antitrust: 10 milioni multa a società contatori acqua
per intesa anticoncorrenziale
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
09:36
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’Antitrust ha comminato oltre 10 milioni complessivi di sanzioni per intesa anticoncorrenziale a società attive nella fornitura dei contatori idrici.
Lo annuncia l’Autorità garante per la concorrenza e del mercato.

Le sanzioni riguardano le società G2 Misuratori S.r.l., Maddalena S.p.a., Itron Italia S.p.a., Sensus Italia S.r.l. a Socio Unico e WaterTech S.p.a., principali operatori del settore che si sono aggiudicati oltre il 90% dei lotti censiti nel periodo, e alle società che controllano queste ultime tre imprese, Itron Inc., Sensus Metering Systems (LuxCo 3) Sàrl e ARAD Ltd.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Difesa: Portolano visita Leonardo, Elettronica e Mbda Italia
Segretario Generale e Direttore Armamenti incontra le industrie
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
09:52
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Giornata di visite istituzionali”, presso le principali azienda dell’industria della Difesa, a Roma, per il Segretario Generale della Difesa e Direttore Nazionale degli Armamenti, il generale di Corpo d’Armata Luciano Portolano, che ieri si è recato presso le sedi di Leonardo, Elettronica Group e MBDA Italia.

L’incontro i Leonardo ha permesso di osservare “da vicino – spiega una nota – l’area integrazione del combat management system, capace di integrare e coordinare in tempo reale le informazioni provenienti dai vari sensori presenti in un determinato scenario.
Presentate anche le capacità della fonderia di Leonardo, asset distintivo a livello europeo nel campo della componentistica microelettronica.
In Elettronica, cove ha incontrato il presidente e ceo Enzo Benigni – “la visita al ‘Battle Lab’, dove sono stati presentati i sistemi elettronici attualmente in uso o in via di sviluppo”.
Poi in MBDA, il gruppo europeo leader mondiale della missilistica, con il managing director Mbda Italia Lorenzo Mariani, dove “sono state illustrate, in particolare, le capacità tecnologiche dei più avanzati sistemi navali: dai nuovi missili antinave Teseo MK2/E e Marte ER, fino ai nuovi ASTER B1NT che verranno integrati nei sistemi PAMMS e nel sistema SAAM ESD dei Pattugliatori Polivalenti di Altura. L’incontro che si è poi concluso con una visita presso il centro di produzione software e le aree di test”.
Il Segretario Generale della Difesa e Direttore Nazionale degli Armamenti “si è detto molto soddisfatto per aver avuto l’opportunità di vedere in prima persona alcuni sistemi e delle tecnologie che rappresentano lo stato dell’arte di quanto disponibile per rispondere ai nuovi e più sfidanti requisiti per la Difesa”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano in rosso (-0,7%) con le banche e i petroliferi
Bene i farmaceutici, in ordine sparso le auto
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
10:11
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Aumenta il calo Piazza Affari (-0,7%) a inizio mattinata, peggio delle altre principali Borse europee, dove restano i timori per la situazione geopolitica in Ucraina.
Nessuna influenza dai dati sul commercio estero, in rialzo.
Pochi i titoli in positivo nel listino principale, con in testa Diasorin (+1,6%) tra i farmaceutici, con anche Recordati che va bene (+0,6%) e tra le auto Ferrari (+1%), mentre perde Stellantis (-1,1%) dopo i dati sulle vendite. Bene Amplifon (+1,1%) e Campari (+0,8%), nel lusso Moncler (+1,4%).
Guadagni per Poste (+0,3%) e Nexi (+0,3%).
In fondo al listino principale le banche, a iniziare da Bper (-2,2%), Unicredit (-1,6%) e Intesa (-1%), con lo spread Btp-Bund in calo a 162,1 punti e il rendimento del decennale italiano in discesa all’1,872%. In calo Iveco (-1,9%). In rosso i petroliferi, da Saipem (-1,1%) a Eni (-0,8%) e all’impiantistica di Tenaris (-0,7%), diffusi i conti 2021, mentre il greggio scende (-0,8%) a 92,8 dollari al barile e il brent a 94 dollari. In calo Generali (-1,2%), che ha pronta la short list per il Cda.
Tra i titoli a minore capitalizzazione, rally di Eprice (+19,9%), che tratta in esclusiva una proposta ricevuta da Negma per il risanamento, e vola Edison dopo i conti e nel lusso brilla Cucinelli, che ha ricevuto da Standard Ethics il rating EE-, che certifica la sostenibilità dell’azienda. In calo Trevi (-5,4%), Autogrill (-2,6%) e Mfe B (-2,5%), le azioni di tipo B di MediaforEurope, la nuova denominazione di Mediaset.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Auto:ok a sperimentazione navette a guida autonoma su strada
Tre ministeri coinvolti. Progetto a Torino su percorso di 5 km
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
10:16
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
È stata autorizzata, per la prima volta in Italia, la sperimentazione di una flotta di navette a guida autonoma su strada a Torino, su un percorso di 5 km, grazie al progetto “Sperimentazione Italia”, la sandbox normativa che consente a startup, imprese, università e centri di ricerca di sperimentare progetti innovativi attraverso una deroga temporanea alle norme vigenti.

L’autorizzazione è il risultato della collaborazione tra il Dipartimento per la trasformazione digitale, il ministero dello Sviluppo Economico e il ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa debole, pesa tensione Ucraina, sale prezzo gas
In rialzo l’oro, in calo il greggio. Male energia e finanza
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
10:30
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sono in rosso le principali Borse europee, tranne Parigi (+0,1%).
La peggiore è Londra (-0,6%), seguita da Madrid (-0,5%)e Francoforte (-0,1%).
In calo anche Milano (-0,5%), con lo spread Btp-Bund sostanzialmente stabile a 162,5 punti e il rendimento del decennale italiano all’1,875%.
Sullo sfondo restano i timori per la situazione geopolitica in Ucraina, con le tensioni tra Russia e Usa e le ripercussioni sui prezzi del gas. I future sul gas naturale in Europa vedono in forte salita le quotazioni ad Amsterdam (+6,8%) a 74,5 euro al MWh e a Londra (+7,4%) a 179,3 penny per Mmbtu, l’unità termica britannica equivalente a 28,26 metri cubi. La Bce intanto nel bollettino economico sostiene che “il Consiglio direttivo ritiene più che mai necessario mantenere un atteggiamento flessibile e aperto a tutte le opzioni nella conduzione della politica monetaria”, di fronte a una forte ripresa e a rischi di inflazione. Guadagna il bene rifugio, l’oro (+1,8%) a 1.889 dollari l’oncia. Sale anche l’argento (+1,4%) a 23,8 dollari l’oncia. In lieve calo l’euro sul dollaro, scambiato a 1,135.
Tra le altre materie prime, forte discesa del minerale di ferro (-2,4%) a 694 dollari la tonnellata. In deciso ribasso il greggio (wti -1,4%) a 92,4 dollari al barile e il brent a 93,6 dollari.
L’indice d’area del Vecchio continente, Stoxx 600, cede lo 0,1%, con il peso di energia e finanza, mentre contano in positivo beni voluttuari e informatica.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Criptovalute: Banca di Spagna riconosce piattaforma Bit2Me
Ha registrato nel 2021 volume transazioni di oltre 1.100 milioni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
17 febbraio 2022
10:32
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bit2Me, piattaforma di criptovaluta spagnola e creatrice del token B2M, è la prima società spagnola a ottenere la registrazione della Banca di Spagna come fornitore di servizi di cambio di valuta virtuale con valuta fiduciaria e la custodia di portafogli elettronici.
La piattaforma offre servizi in più di 100 paesi e ha registrato nel 2021 un volume di transazioni di oltre 1.100 milioni di euro.
Con oltre 20 soluzioni per acquistare, vendere e gestire criptovalute, la società è stata la prima a richiedere la registrazione presso la Banca di Spagna.
“Il riconoscimento della Banca di Spagna è una spinta alle nostre relazioni commerciali. Essere la prima azienda al mondo a ottenere questo riconoscimento parla da sé della sicurezza con cui il nostro servizio viene sviluppato e della fiducia in Bit2Me”, commenta Leif Ferreira, ceo dell’azienda.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund: in calo sotto 162 punti
Rendimento Btp 1,882%. Bce, variazioni modeste dei tassi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
10:44
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il differenziale tra Btp e Bund è a 161,8 punti, in calo rispetto sia alla chiusura del giorno precedente, a 163 punti, che all’apertura di seduta, a 164 punti.
Ha toccato finora un minimo a 161,6 punti alle 10 e un massimo a 165,5 punti intorno alle 8.15.

Il rendimento del decennale italiano è all’1,882%, in discesa rispetto all’1,91% del giorno prima e all’apertura di questa giornata, all’1,907%. Il Bund tedesco è allo 0,265%.
La Bce intanto, nel Bollettino economico, ha parlato di variazioni modeste dei tassi Ue a 19, che “potrebbe riflettere un certo miglioramento della propensione al rischio, in un contesto caratterizzato dall’attenuarsi dei timori per la variante Omicron”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Stellantis: a Melfi altri tre giorni di stop produttivo
Dal 18 al 21 febbraio, a causa della crisi dei semi-conduttori
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
POTENZA
17 febbraio 2022
10:50
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Continuano ad arrivare le brutte notizie per Melfi: infatti ieri sera è stato comunicato alla Rsa che lo stabilimento sarà nuovamente chiuso per tre giorni, a causa della mancata fornitura dei componenti, derivante dalla crisi dei semiconduttori che hanno fatto venire meno l’approvvigionamento delle centraline motore”.
Lo ha reso noto il segretario della Fim-Cisl Basilicata, Gerardo Evangelista, specificando che “l’attività sarà sospesa su tutto lo stabilimento di Melfi a partire dalle ore 6 di domani, venerdì 18 febbraio, e fino alle 6 di lunedì 21 febbraio”.

Per la Fiom-Cgil Basilicata, “la comunicazione del nuovo stop non fa che confermare le preoccupazioni che abbiamo espresso, quindi chiediamo all’azienda di rivedere le sue posizioni. I lavoratori non possono sopportare oltre al danno la beffa, subire i 20 turni e fermarsi continuamente magari pagando le fermate con ulteriori perdite salariali (cig) o con i loro istituti contrattuali”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Gas: il prezzo in Europa sale con le tensioni in Ucraina
Future ad Amsterdam (+71,1%) a 74,5 euro al MWh
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
10:56
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Torna a salire il prezzo del gas naturale in Europa, con le tensioni in Ucraina.
In rialzo i future ad Amsterdam (+7,1%) a 74,5 euro al MWh, così come a Londra (+7,3%) a 179,1 penny per Mmbtu, l’unità termica britannica equivalente a 28,26 metri cubi.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Assogestioni: raccolta quarto trimestre 2021 a 23 miliardi
Patrimonio gestito ha raggiunto il record di 2.594 miliardi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
11:08
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel quarto trimestre del 2021 l’industria del risparmio gestito ha registrato una raccolta netta di 23,2 miliardi, con le sottoscrizioni che da inizio anno hanno raggiunto la soglia dei 93 miliardi, il miglior risultato dal 2017.

Sono i dati di Assogestioni, secondo i quali il patrimonio gestito è arrivato alla quota record di 2.594 miliardi.
I Pir ordinari hanno registrato sottoscrizioni nette per 380 milioni e chiudono l’anno con un patrimonio di 21,2 miliardi.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Commercio estero: Istat,nel 2021 export +18,2%, oltre 2019
Trainano prodotti petroliferi raffinati (+82,2%); +24,7% import
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
11:13
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel complesso del 2021, l’export risulta in forte espansione (+18,2%) e sale a livelli superiori a quelli del 2019 mentre l’import è aumentato del 24,7%.
Lo comunica l’Istat diffondendo i dati sul commercio estero e i prezzi all’import.
Questi ultimi nella media dell’anno scorso, hanno visto una crescita del 9,0%, la più alta dal 2005, ossia da quando è disponibile la serie storica dell’indice; al netto dell’energia, i prezzi crescono in media d’anno del 4,7%.
A dicembre scorso, aggiunge l’Istituto di statistica, si stima una flessione congiunturale per le esportazioni (-1,1%) e un aumento per le importazioni (+7,5%). Nell’ultimo trimestre del 2021, rispetto al precedente, l’export cresce del 2,4%, l’import del 7,5%.
Tra i settori che hanno contribuito maggiormente all’aumento tendenziale dell’export nel 2021 ci sono prodotti petroliferi raffinati (+82,2%) mentre sono state in calo le vendite di autoveicoli (-1,5%). Le esportazioni italiane sono state rivolte soprattutto verso Stati Uniti (+32,5%), Germania (+18,1%), Francia (+15,3%), paesi Opec (+32,0%) e Belgio (+31,4%).
La stima del saldo commerciale a dicembre 2021 è pari a +1.103 milioni di euro, in calo rispetto a dicembre 2020 (+6.790). l’avanzo commerciale si porta a +50.416 milioni (da +63.289 del 2020) mentre l’avanzo dell’interscambio di prodotti non energetici raggiunge +89.452 milioni (era +85.656 nel 2020).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bce: ripresa forte e rischi inflazione, tutte le opzioni aperte
Recuperato Pil pre-pandemia, migliora ancora mercato del lavoro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
17:08
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La crescita nell’area euro, dopo la frenata nel quarto trimestre in cui ha comunque recuperato i livelli di attività pre-pandemia, “dovrebbe registrare un forte recupero durante il 2022” e anche le condizioni del lavoro “migliorano ulteriormente, benché la dinamica salariale resti nel complesso contenuta”.
Lo scrive la Bce nel bollettino economico, evocando rischi al rialzo per l’inflazione, che tende comunque a una stabilizzazione sull’obiettivo del 2%.
In questo contesto “il Consiglio direttivo ritiene più che mai necessario mantenere un atteggiamento flessibile e aperto a tutte le opzioni nella conduzione della politica monetaria”.
Le variazioni di rendimento dei titoli di Stato “sono state contenute” rispetto ai tassi privi di rischio “ampliandosi di 7 e 3 punti base” per Francia e Spagna” e “di circa 7 punti base” per l’Italia, scrive la Bce riferendosi alle variazioni, fra metà dicembre e inizio febbraio, dei differenziali di rendimento rispetto ai tassi Ois (overnight indexed swap) privi di rischio. “Tale variazione nel complesso contenuta – scrive la Bce – potrebbe riflettere un certo miglioramento della propensione al rischio, in un contesto caratterizzato dall’attenuarsi dei timori per la variante Omicron”.
Su 401 miliardi di euro di prestiti da mobilitare attraverso il Recovery per i paesi dell’area dell’euro nel periodo 2021-2026, “al momento si stima che quasi la metà (il 48 per cento) sarà assorbita dall’Italia”, scrive la Bce facendo presente che mentre tutti gli Stati membri dell’area dell’euro intendono utilizzare appieno le sovvenzioni dell’Rrf, ” solo alcuni governi nazionali hanno richiesto i prestiti”: tali prestiti sono stati richiesti fino al limite massimo del 6,8% del reddito nazionale lordo “solo da Grecia e Italia” e “quasi due terzi” dei finanziamenti richiesti nell’area dell’euro “sono attualmente assegnati a Italia e Spagna”.
L’utile di bilancio della Bce, nel 2021, si è assottigliato a 192 milioni di euro contro gli 1,643 miliardi dell’anno precedente. Lo rende noto la banca centrale, spiegando che la riduzione, pari a oltre 1,4 miliardi, è “dovuta principalmente ai minori introiti dalle riserve in valuta estera e dai titoli detenuta per la politica monetaria” oltre che per accantonamenti a copertura dei rischi finanziari. Il Consiglio direttivo della Bce ha infatti deciso – si legge nel Rendiconto finanziario di Francoforte – di accantonare 610 milioni a fronte di “una maggiore esposizione ai rischi derivante dal perdurante acquisto di titoli”. L’utile d’interesse netto sui titoli acquistati è sceso a 1,006 miliardi da 1,337 miliardi del 2020 “principalmente a causa degli utili negativi sui titoli del programma di acquisti per l’emergenza pandemica”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Commercio estero: Istat,nel 2021 export +18,2%, oltre 2019
Trainano prodotti petroliferi raffinati (+82,2%); +24,7% import
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
16:02
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel complesso del 2021, l’export risulta in forte espansione (+18,2%) e sale a livelli superiori a quelli del 2019 mentre l’import è aumentato del 24,7%.
Lo comunica l’Istat diffondendo i dati sul commercio estero e i prezzi all’import.
Questi ultimi nella media dell’anno scorso, hanno visto una crescita del 9,0%, la più alta dal 2005, ossia da quando è disponibile la serie storica dell’indice; al netto dell’energia, i prezzi crescono in media d’anno del 4,7%.
A dicembre scorso, aggiunge l’Istituto di statistica, si stima una flessione congiunturale per le esportazioni (-1,1%) e un aumento per le importazioni (+7,5%). Nell’ultimo trimestre del 2021, rispetto al precedente, l’export cresce del 2,4%, l’import del 7,5%.
Tra i settori che hanno contribuito maggiormente all’aumento tendenziale dell’export nel 2021 ci sono prodotti petroliferi raffinati (+82,2%) mentre sono state in calo le vendite di autoveicoli (-1,5%). Le esportazioni italiane sono state rivolte soprattutto verso Stati Uniti (+32,5%), Germania (+18,1%), Francia (+15,3%), paesi Opec (+32,0%) e Belgio (+31,4%).
La stima del saldo commerciale a dicembre 2021 è pari a +1.103 milioni di euro, in calo rispetto a dicembre 2020 (+6.790). l’avanzo commerciale si porta a +50.416 milioni (da +63.289 del 2020) mentre l’avanzo dell’interscambio di prodotti non energetici raggiunge +89.452 milioni (era +85.656 nel 2020).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Leonardo Almaviva Fincantieri alleati su sicurezza reti mobilità
Accordo per monitoraggio infrastrutture critiche e smart road
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
11:19
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Leonardo, Almaviva e Fincantieri, attraverso la propria controllata NexTech, “hanno firmato un accordo di collaborazione per proporre soluzioni digitali, integrate e innovative, applicate al monitoraggio statico e dinamico e alla sicurezza delle infrastrutture critiche di trasporto del Paese”.

L’intesa – spiega una nota – verterà, in particolare, sullo ‘Structural Health Monitoring’ e ‘Road Asset Management’ delle strutture a supporto della mobilità stradale, con l’applicazione di sistemi per il controllo statico e dinamico di strutture e impianti, e sulla ‘Smart Road’, che consente la comunicazione e l’interconnessione tra i veicoli, ovvero lo sviluppo di soluzioni e servizi finalizzati all’incremento della sicurezza dei viaggi, attraverso la guida assistita e, a tendere, la guida autonoma”.

“Le soluzioni frutto della collaborazione, rivolte a tutti gli attori del settore stradale e autostradale, tra cui i gestori delle infrastrutture e le Authority, nonché ai soggetti pubblici deputati alla programmazione e al controllo, intendono mettere a disposizione del Sistema-Paese una capacità di esecuzione reale e concreta per l’ammodernamento delle reti di mobilità”, spiega una nota.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Air France-Klm: guardiamo Ita ma non ci perdiamo il sonno
Nel 2021 perdita a 3,3 miliardi, possibile aumento di capitale
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
11:28
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Air France-Klm sta guardando da vicino il processo di vendita di Ita e potrebbe parteciparvi anche attraverso i partner, “ma non ci stiamo perdendo il sonno”.
Lo ha affermato l’amministratore delegato Ben Smith durante una conference call sui conti del 2021 della compagnia aerea.

Smith, secondo quanto riporta Bloomberg, ha ricordato che Air France-Klm ha effettuato due tentativi falliti su Alitalia e “per farlo una terza volta” su Ita “se e quando avessimo la flessibilità per farlo, ci dovremmo trovare in una zona di rischio molto più confortevole”.
L’Italia è strategicamente importante ma “non è al primo posto nella nostra lista o qualcosa su cui stiamo perdendo il sonno”, ha aggiunto l’amministratore delegato di Air France-Klm, spiegando che con i partner, non sono solo compagnie aeree, “valutiamo modalità di partecipazione al consolidamento che potrebbero non comportare un investimento diretto da parte nostra”.
Nel 2021 Air France-Klm ha registrato una perdita netta di 3,3 miliardi, circa la metà rispetto al 2020, l”annus horribilis’ per le compagnie aeree mondiali, dicendosi comunque “ottimista per il futuro” dopo un quarto trimestre migliore delle stime. I ricavi totali dell’anno scorso sono cresciuti del 29% a 14,3 miliardi, ancora molto sotto ai 27,2 miliardi del 2019 pre-Covid.
La compagnia non esclude un nuovo aumento di capitale, che potrebbe raggiungere i 4 miliardi. Il titolo in Borsa a Parigi cede il 5% a 4,23 euro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Inps: sale assegno cig, 80% salario fino a 1.222 euro lordi
Circolare dopo nuove norme legge Bilancio
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
11:31
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Aumentano i massimali della cassa integrazione dal 2022 con l’aumento dei prezzi.
Da gennaio chi è sospeso dal lavoro grazie all’ammortizzatore avrà l’80% della retribuzione fino a un massimale di 1.222,51 euro lordi al mese pari a 1.151,12 euro netti.
L’aumento lordo rispetto all’anno scorso è di poco più di 22 euro al mese. E’ quanto emerge da una circolare dell’Inps che ricorda come quest’anno – come prevede la legge di Bilancio che introdotto nuove norme sugli ammortizzatori sociali – scatti la soglia limite unica per cui ci saranno vantaggi rispetto all’anno scorso per coloro che rientravano nella soglia più bassa ora abolita.
Da quest’anno – si legge – per i trattamenti relativi a periodi di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa decorrenti dal 1° gennaio 2022, è stabilito “il superamento dei previsti due massimali per fasce retributive attraverso l’introduzione di un unico massimale – il più alto – annualmente rivalutato secondo il suddetto indice Istat, che prescinde dalla retribuzione mensile di riferimento dei lavoratori”.
Per il settore edile in caso di intemperie stagionali l’importo lordo massimo è 1.467,01 euro mentre il netto è 1.381,34 euro. Per il Fondo credito i massimali sono legati alla retribuzione del lavoratore e vanno dai 1208,83 euro per retribuzioni lorde inferiori a 2.225,74 euro a 1760,23 euro per retribuzioni superiori a 3.518,34 euro. L’importo massimo lordo della Naspi, l’indennità di disoccupazione non può superare dal 2022 i 1.360,77 euro come quello della Discoll, la disoccupazione dei collaboratori.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bonus psicologo da 600 euro all’anno, tetto Isee a 50mila
In tutto stanziati 20 milioni anche per reclutare professionisti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
11:49
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il bonus psicologo arriverà a 600 euro all’anno e potrebbe riguardare circa 18 mila persone: sarà parametrato in base all’Isee, con il tetto massimo fissato a 50mila euro puntando a favorire i redditi più bassi.

L’emendamento, a prima firma del deputato Pd Filippo Sensi, è stata approvato come modifica al dl milleproroghe dopo un lungo pressing.
In tutto vengono stanziati ulteriori 20 milioni nel 2022, di cui metà per finanziare il bonus e l’altra metà per il reclutamento di professionisti per combattere il disagio mentale legato alle conseguenze del Covid.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Enel: intesa con Comal per fabbrica di tracker solari a Montalto
Obiettivo è crescita filiera nazionale rinnovabili
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
11:49
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Una fabbrica di tracker, i dispositivi che permettono ai pannelli fotovoltaici di orientarsi e seguire il sole nel corso della giornata, all’interno della centrale di Montalto di Castro: è il risultato dell’intesa tra Enel e Comal, società che si occupa di realizzare impianti fotovoltaici che ha sede proprio nel comune del viterbese.
Lo rendono noto le due società in una nota congiunta.

L’obiettivo è “produrre tracker completamente italiani per supportare una produzione energetica da fotovoltaico fino a 1 Gw all’anno, contribuendo alla crescita di una filiera nazionale delle rinnovabili e riportando in Italia la produzione di dispositivi che fino ad oggi venivano importati”, si legge nella nota.
La fabbrica di “Tracker Sun Hunter” di Comal sarà collocata in un’area di oltre 30.000 metri quadrati, non più utilizzata per le attività energetiche dell’impianto, impegnando fino a 70 lavoratori al massimo della produzione, generando una potenziale opportunità anche per il reimpiego del personale proveniente dall’indotto di impianti termoelettrici in dismissione nell’alto Lazio. All’interno della “Alessandro Volta” resteranno attivi impianti turbogas rinnovati e resi più efficienti.
La centrale di Montalto di Castro, spiega il comunicato, vedrà la realizzazione di un nuovo polo energetico integrato.
L’iniziativa rientra nel più ampio impegno del Gruppo Enel per “un nuovo sviluppo dei siti dei propri impianti in dismissione, secondo una strategia di riqualificazione” che prevede anche l’integrazione con nuovi impianti di produzione rinnovabile e sistemi di accumulo. L’azienda ha avviato l’iter autorizzativo per realizzare nel sito un nuovo impianto fotovoltaico su una superficie di circa 20 ettari, per una potenza di circa 10 Mw.
Altre aree in fase di sviluppo (6 ettari) saranno destinate a ospitare sistemi di accumulo di energia per circa 245 Mw.
Il sito sarà il più esteso dei poli energetici multifunzionali che Enel sta realizzando in Italia e per valorizzarlo ulteriormente è allo studio un innovativo progetto di serra idroponica.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Allarme della Bce, ora il Qe indebolisce il bilancio
Utile a picco a 192 mln. 600 mln per i rischi su bond comprati
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
11:50
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il quantitative easing non genera più corposi utili ma, per colpa degli interessi ormai negativi, comincia a intaccare il bilancio della Bce.
E’ quello che emerge dal rendiconto finanziario 2021 della banca centrale, mentre da Pablo Hernande de Cos, governatore spagnolo, arrivano apertura a una stretta monetaria, con cautela e senza dimenticare il rischio-spread.

Secondo i dati pubblicati oggi dalla Bce, l’utile 2021 si è assottigliato a 192 milioni di euro contro gli 1,643 miliardi dell’anno precedente, principalmente per “minori introiti dalle riserve in valuta estera e dai titoli detenuta per la politica monetaria” e con 610 milioni accantonati a copertura di “una maggiore esposizione ai rischi derivante dal perdurante acquisto di titoli”.
La Bce, nel Bollettino, si tiene aperta “a tutte le opzioni” di politica monetaria di fronte all’inflazione accelerata al 5,1%. e de Cos, a un evento online, spiega che “la direzione in cui dobbiamo andare è chiara” – quella di una normalizzazione monetaria – ma “il processo sarà graduale e dipendente dai dati” con attenzione ai rischi di frammentazione finanziaria all’interno dell’area euro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund: è sceso sotto 160 punti
Il rendimento de decennale italiano in calo all’1,859%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
12:05
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Continua a scendere lo spread Btp-Bund, arrivato a 159,7 punti, dopo un’apertura a 164 punti e la chiusura del giorno prima a 163 punti, dopo la diffusione del Bollettino economico della Bce e le parole di Pablo Hernandez de Cos, membro del Consiglio direttivo, che ha parlato di una normalizzazione sul 2% per l’inflazione e evidenziato come “la Bce non debba costituire un’ulteriore fonte di incertezza, ma piuttosto mantenere una direzione chiara, graduale e predicibile” senza dimenticare l’impatto che le sue mosse possono avere sulla frammentazione finanziaria, visibili dallo spread.

Il rendimento del decennale italiano è sceso all’1,859% rispetto all’1,91% del giorno prima e all’apertura di questa giornata, all’1,907%.
In calo anche il Bund tedesco allo 0,263%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano allenta calo (-0,2%), banche ancora sofferenti
Spread in calo. Male i petroliferi, salgono lusso e utility
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
12:34
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Allenta il calo Piazza Affari (-0,2%) verso fine mattinata, mentre le altre principali Borse europee vanno in ordine sparso.
A Milano lo spread Btp-Bund continua a scendere, ed è arrivato a 159,7 punti, col rendimento del decennale italiano in calo all’,859%, dopo il bollettino economico della Bce e le rassicurazioni di De Cos su una gradualità di eventuali mosse della banca centrale.
Restano però sofferenti le banche, da Bper (-2,1%), dopo l’accordo dei giorni passati per acquisire l’80% di Carige (-0,3%), a Unicredit (-1,7%), Intesa (-0,9%) e Mps (-0,9%). Giù la paytech Nexi (-1,5%). In controtendenza Banco Bpm (+0,4%), dopo ipotesi di interesse da parte di Unicredit nei giorni scorsi. Male i petroliferi, dall’impiantistica di Tenaris (-2,4%), diffusi i conti 2021 prima dell’apertura dei mercati, a Saipem (-1,8%) e Eni (-0,4%), che attende i conti, col greggio che accentua il calo (wti -2,3%) a 91,4 dollari al barile e il brent a 92,7 dollari. In rosso Iveco (-1,6%), Generali (-1,3%), che ha pronta la short list per il Cda. Tra le auto perde Stellantis (-0,6%), dopo i dati sulle vendite, non Ferrari (+1,5%). In calo Tim (-0,4%) e Inwit (-0,6%).
In cima al listino principale Moncler (+1,7%), col comparto del lusso che corre, sulla scia dei conti di Kering. Bene Pirelli (+1,5%). In forma le utility, a partire da Italgas (+1%), e i farmaceutici, da Diasorin (+’,7%). In rialzo Poste (+0,4%).
Tra i titoli a minore capitalizzazione rally di eprice (+13,8%), che tratta in esclusiva una proposta ricevuta da Negma per il risanamento, col titolo fermato più volte al rialzo, e vola Edison (+5,8%) coi conti 2021. Bene nel lusso Ferragamo (+2,4%). I calo Trevi (-4,3%) e Bialetti (-2%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bcc: sì a fusione tra Cassa di Trento e Alta Vallagarina
Banca da 6,6 miliardi di mezzi amministrati con 48 filiali
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TRENTO
17 febbraio 2022
12:35
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La fusione tra la Cassa di Trento e quella dell’Alta Vallagarina e Lizzana si farà.
la nuova Cassa sarà legalmente costituita con il primo aprile, mentre la fusione dei due istituti è prevista per l’11 aprile.

Le assemblee straordinarie dei soci che, causa pandemia, si sono espresse tramite le figure del Rappresentante designato (il notaio Nicoletta Anderloni a Trento, il notaio Rita Fochesato presso la sede sociale di Volano) hanno approvato a larghissima maggioranza il progetto. Globalmente 6.763 soci hanno espresso il loro voto (per la precisione 5.670 per Cassa di Trento e 1.093 per Cassa Alta Vallagarina e Lizzana) con una quota di favorevoli pari al 89,66% per Trento e al 78,50% per Alta Vallagarina e Lizzana. Il nuovo istituto si chiamerà Cassa di Trento, Lavis, Mezzocorona, Valle di Cembra e Alta Vallagarina, in forma abbreviata “Cassa di Trento”. “Lo facciamo adesso perché dobbiamo precorrere i tempi, ma – assicura il presidente di Cassa di Trento Giorgio Fracalossi – se i modelli organizzativi evolvono, i valori di riferimento rimangono gli stessi”.
La nuova banca avrà oltre 6,6 miliardi di mezzi amministrati, 376 collaboratori, 48 filiali, 110.000 clienti e oltre 29.000 soci. Sarà la seconda per dimensione nel gruppo nazionale di Cassa Centrale Banca”. Unendo le due Casse, risulta una raccolta complessiva di oltre 4,70 miliardi e 1,9 miliardi di prestiti, in un territorio caratterizzato da quasi 200.000 residenti e 16.000 imprese. “La banca sarà particolarmente solida avendo un patrimonio di 288 milioni e un Total capital ratio pari al 21,7% (la soglia minima prevista dalla Bce è dell’10,50%)”, spiega Michele Goller (Cassa Rurale Alta Vallagarina e Lizzana).
A partire dalla data della fusione e per un periodo transitorio il Cda sarà composto da 13 consiglieri, incluso il presidente, di cui 3 saranno riservati al territorio dell’attuale Cassa Rurale Alta Vallagarina e Lizzana. Analogo processo per il collegio sindacale che sarà allargato a 5 componenti di cui 2 espressione Cassa Rurale Alta Vallagarina e Lizzana.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Inps: in 11 mesi 2021 saldo +980mila contratti di lavoro
Variazione netta più alta è per quelli a termine, quasi 498mila
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
12:47
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nei primi undici mesi del 2021 sono stati attivati oltre 6,6 milioni di rapporti di lavoro nel settore privato (escluso il lavoro agricolo e domestico) e ne sono cessati più di 5,6 milioni.
La variazione netta sfiora quota un milione e si attesta a +980.922.
E’ quanto emerge dall’Osservatorio Inps sul precariato. La variazione netta per i contratti a tempo indeterminato (assunzioni, più trasformazioni meno cessazioni) risulta positiva per 164.210 posti, mentre per quelli a termine è 497.467.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa in ordine sparso, in calo banche e petroliferi
Timori per l’Ucraina, gas rallenta corsa. Bene titoli auto
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
12:52
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Vanno in ordine sparso le principali Borse europee verso fine mattinata.
La maglia rosa è di Parigi (+0,2%), seguita da Francoforte (+0,02%), mentre sono in rosso Londra (-0,6%) e Madrid (-0,3%).
Nell’ultimo gruppo c’è Milano (-0,2%), con lo spread in lieve risalita a 160,5 punti e il rendimento del decennale italiano all’1,869%. Sono in calo intanto i future a Wall Street, in attesa dell’apertura dei mercati azionari. L’attenzione degli investitori è soprattutto alla situazione in Ucraina, tra movimenti militari e diplomazia, oltre che alle future mosse delle banche centrali sui tassi.
La Bce ha diffuso intanto il bollettino economico, parlando di opzioni “tutte aperte” e insieme sottolineando le variazioni modeste dei tassi, ipotizzandole come spia di “un certo miglioramento della propensione al rischio”, con l’attenuarsi di Omicron. Ha girato in calo l’oro (-0,09%) a 1.884 dollari l’oncia. Piatto l’euro sul dollaro, a 1,136. Rallentano la corsa i future sul gas naturale in Europa, con le quotazioni ad Amsterdam (+4,6%) a 73 euro al MWh.
L’indice d’area del Vecchio continente, lo Stoxx 600, cede lo 0,07%. Col greggio che prosegue in calo (wti -2,3%) a 91,4 dollari al barile e il brent a 92,8 dollari, male i petroliferi come Shell (-1,8%) e Bp (-1,4%). Banche in rosso da Hsbc (-1,6%) a Unicredit (-1,7%), con eccezioni come Commerzbank (+5,3%) dopo i conti. Bene la maggioranza delle auto, come Bmw (+3,2%) e Mercedes (+2,2%), in controtendenza Renault (-0,6%) e Stellantis (-0,5%), dopo i dati delle vendite. In forma le utility, con esempi come Rwe (+5,5%) e Engie (+2%). In rialzo il lusso, a partire da Kering (+6,6%) coi conti record del 2021, fino a Hermes (+1,4%), non Lvmh (-0,1%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Auto: Lo Russo, Torino protagonista tecnologie emergenti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
17 febbraio 2022
13:32
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Torino guarda al futuro per un rilancio economico e culturale basato sulla sostenibilità ambientale e l’innovazione.
La qualità della vita nella città è infatti legata in maniera strettissima alla qualità dei servizi offerti e certamente le opportunità offerte dalla tecnologia e dall’innovazione possono migliorare il sistema urbano”.
Così il sindaco Stefano Lo Russo commenta l’annuncio della sperimentazione di navette a guida autonoma su strada, ‘Sperimentazione Italia’.
“Torino è la prima città scelta per questo tipo di sperimentazioni – aggiunge l’assessora comunale all’Innovazione, Chiara Foglietta -, siamo orgogliosi e felici di testare nuove esperienze, in sicurezza, nel traffico reale, che apriranno la strada a mobilità cittadine alternative”. Dopo una prima fase senza passeggeri, “a maggio sarà possibile per tutte e tutti provare questa nuovo sistema”, conclude Foglietta, sottolineando che “la città ha dimostrato di essere pronta a diventare un grande centro di open innovation in grado di attivare e attrarre progetti di smart mobility”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund: in discesa, a meno di 159 punti
Il rendimento del decennale italiano cala all’1,847%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
13:37
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Prosegue il restringimento dello spread Btp-Bund che scende a 158,8 punti, ben al di sotto dei 164 punti dell’apertura di seduta e della chiusura del giorno prima, a 163 punti.

In ribasso il rendimento del decennale italiano, all’1,842%, che aveva aperto la giornata all’1,907%, già in calo sull’1,91% del giorno prima.
Scende anche il Bund tedesco, allo 0,247%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bollette: Enea, 20 azioni per risparmiare e aiutare ambiente
18 febbraio la Giornata internazionale del risparmio energetico
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
14:18
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Venti azioni contro il caro-bollette e gli sprechi di energia: dallo spegnere le luci e il riscaldamento quando usciamo di casa al non aprire le finestre se c’è il termo acceso e spegnere il pc se non lo usiamo.
Li presenta in una guida Enea, in occasione della Giornata internazionale del risparmio energetico, venerdì 18 febbraio.

Dieci consigli riguardano l’uso efficiente del riscaldamento (Decalogo riscaldamento) e altri 10 l’uso ‘intelligente’ dell’energia.
Bastano alcuni comportamenti quotidiani per risparmiare fino al 10% sulla bolletta, secondo il Dipartimento Efficienza energetica dell’Agenzia pubblica per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile che oltre a non eccedere con la temperatura nell’abitazione, ovvero oltre i 20 gradi suggerisce “fra le mosse più efficaci per tagliare consumi (e spese) le lampadine a Led, con le quali si può ottenere un risparmio energetico di circa l’85%”.
Anche gli elettrodomestici di elevata classe energetica sono un antidoto efficace al caro-energia: la differenza di spesa fra avere in casa frigorifero, lavatrice, asciugatrice, lavastoviglie, forno e pompa di calore di classe energetica elevata e la classe energetica più bassa arriva fino al 40%.
Attenzione anche a piccoli gesti come schermare le finestre durante la notte con persiane, tapparelle o tende per ridurre la dispersione di calore e a spegnere gli stand-by: infatti, quelle che sembrano innocue lucine possono pesare fino al 10% sulla bolletta se lasciate accese tutto il tempo. Quindi è bene usare gli standby stop.
Non dimenticarsi di sbrinare frigo e congelatore, attenzione ai panni stesi ad asciugare sul radiatore o al divano davanti al termosifone e alle luci accese quando si esce da una stanza.
Altre soluzioni taglia-spesa riguardano il tipo di caldaia e la manutenzione degli impianti, il check-up dell’immobile (la diagnosi energetica) fino a interventi più strutturali per migliorare la coibentazione.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lavoro: Sbarra, serve una transizione sociale
‘Per bollette scostamento bilancio, su Tim niente spezzatino’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
14:30
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il segretario generale della Cisl Luigi Sbarra chiede di “affiancare una forte transizione sociale” a quella ecologica e digitale del Paese.
Lo ha detto a margine del 3/o congresso della Cisl di Milano, aggiungendo che “dobbiamo difendere e proteggere la produzione e i posti di lavoro: la priorità è il rilancio degli investimenti.
Per ogni euro che investiamo in nuove tecnologie sulle macchine deve corrisponderne uno da investire sul capitale umano, lavoro, persone”.
Sbarra invita inoltre il sindacato, il Governo e le imprese a “rilanciare il nostro impegno sui temi salute e sicurezza sui luoghi lavoro. Dobbiamo fermare questa lunga scia di sangue, questa strage silenziosa: bisogna investire di più sulla sicurezza e le aziende devono convincersi che questo non può essere considerato un costo ma è un potente investimento”.
Il segretario generale della Cisl chiede inoltre di “ricorrere anche allo scostamento di bilancio per “intervenire urgentemente” contro la “fiammata inflazionistica” del caro bollette, mentre su Tim afferma di “non poter accettare forme di spezzatino che distruggono il perimetro aziendale”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Superbonus: partita la stretta sulla cessione dei crediti
Giorgetti,si rimedierà a breve, anche sanzioni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
10:04
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
E’ entrata ufficialmente in vigore la stretta sulle cessioni dei crediti dei bonus edilizi, compreso il Superbonus 110% e il bonus facciate, operata dal Decreto Sostegni-ter.
Il periodo ‘transitorio’ previsto dal provvedimento, in cui si poteva ancora comunicare all’Agenzia delle Entrate la cessione multipla, si è concluso infatti proprio ieri.
Il decreto stabiliva inizialmente come spartiacque la data del 7 febbraio, prorogata poi al 17 dalla stessa Agenzia.

I ‘correttivi’ alla norma, che dovrebbero prevedere il ritorno a più cessioni, nel limite massimo di 3, sono attesi all’attenzione del prossimo consiglio dei ministri, probabilmente domani.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il ministro dello Sviluppo Giancarlo Giorgetti infatti spiega: “”Sul superbonus il governo è intervenuto, diciamo così in modo rozzo con il blocco delle cessioni. Credo che a questo problema che ha creato
oggettivamente una situazione di blocco e grave tensione nel
settore si rimedierà a brevissimo con un provvedimento di
urgenza, che contemplerà però anche altre misure credo per
formalizzare l’attività economica legata all’edilizia e al
superbonus, comprese – credo di poter anticipare – anche nuovi
strumenti sanzionatori per reprimere ed evitare che succeda
ancora”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano peggiora con Europa, giù future Usa e petrolio
Timori su Ucraina ed inflazione. Male banche e tlc
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
15:29
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza Affari peggiora insieme alle Borse europee in attesa di Wall Street dove i future si muovono in territorio negativo dopo che i sussidi di disoccupazione Usa sono saliti oltre le aspettative, a 248 mila unità.
Milano cede lo 0,6%, Londra lo 0,8%, Francoforte lo 0,5% e Parigi lo 0,1%.

L’attenzione degli investitori resta puntata sulla crisi Ucraina, dove il termometro della tensione oggi segnala un rialzo della temperatura, in un contesto già complicato dalla corsa dei prezzi che sta spingendo le banche centrali verso politiche restrittive.
A Piazza Affari scivolano Tenaris (-3,1%), Iveco (-2,7%), Bper (-2,7%) e Saipem (-2,8%), che sta mettendo a punto una manovra di salvataggio. Vendite anche su Unicredi (-1,9%), che sempra aver archiviato il dossier Banco Bpm (+0,1%), Mediobanca (-1,8%), Generali (-1,7%) e Stellantis (-1,7%), penalizzata dal calo delle immatricolazioni a gennaio. In controtendenza Moncler (+2%), in scia ai buoni risultati di Kering, e Ferrari (+1,8%), nel giorno della presentazione della nuova monoposto F1-75.
A guidare i ribassi sulle Borse europee sono le banche (-1,5%), assicurazioni (-1,7%) e tlc (-1,2%). Forti vendite sul petrolio in calo del 2,2%, con il wti a quota 91,6 dollari al barile e il brent a 92,7.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bollette: Giorgetti, servono risorse ben oltre quelle disponibili
Il decreto in Cdm, prima cabina di regia a Palazzo Chigi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
16:37
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Atteso oggi il decreto contro il caro-bollette in Consiglio dei ministri.
In mattinata si tiene intanto la riunione della cabina di regia a Palazzo Chigi. Alla cabina di regia parteciperanno il presidente del Consiglio Mario Draghi e i capi delegazione delle forze politiche di maggioranza: i ministri Stefano Patuanelli, Giancarlo Giorgetti, Maria Stella Gelmini, Andrea Orlando, Elena Bonetti e Roberto
Speranza.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Il Governo – spiegava ieri il ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti – interverrà nuovamente cercando di prevedere o di replicare anche per il secondo trimestre le misure che abbiamo già adottato a gennaio. In qualche caso cercheremo anche di risolvere dei problemi applicativi che hanno non risolto casi di autoproduzione dell’energia”.
“E’ evidente che l’ammontare degli aumenti” dei prezzi dell’energia “richiederebbe disponibilità finanziarie ben oltre quelle consentite dall’attuale strumento di bilancio. Molto faticosamente al Mef si sta cercando di costruire una dote finanziaria significativa, però a bilancio invariato è evidente che è molto difficile dare una risposta compiuta e definitiva a questo tipo di fenomeno”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’Europa peggiora con Wall Street, Milano perde l’1,3%
Pesano timori per Ucraina e inflazione. Male anche il petrolio
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
16:19
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Aumentano le vendite su Piazza Affari mentre tutte le Borse europee stanno peggiorando in scia all’andamento negativo di Wall Street, dove i tre principali indici cedono oltre l’1%.
Il Ftse Mib arretra dell’1,27%, appesantito da Iveco (-3,4%), Bper (-3,3%), Nexi (-2,9%), Unicredit (-2,8%), Tenaris (-3,2%) e Intesa (-2,5%).
Londra, che cede l’1,3%, è la peggiore Borsa europea insieme a Milano.
Pesante anche il petrolio (-1,8%) mentre lo spread btp-bund si restringe a 161 punti, con il rendimento del decennale italiano che scende all’1,85%. Sui mercati, già preoccupati per l’inflazione, tornano a farsi sentire i timori per l’Ucraina.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Superbonus: Giorgetti, si rimedierà a breve, anche sanzioni
Creata oggettivamente una situazione di blocco e grave tensione
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
16:46
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Sul superbonus il governo è intervenuto, diciamo così in modo rozzo con il blocco delle cessioni.
Credo che a questo problema che ha creato oggettivamente una situazione di blocco e grave tensione nel settore si rimedierà a brevissimo con un provvedimento di urgenza, che contemplerà però anche altre misure credo per formalizzare l’attività economica legata all’edilizia e al superbonus, comprese – credo di poter anticipare – anche nuovi strumenti sanzionatori per reprimere ed evitare che succeda ancora”.
Lo ha detto il ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti in question time al Senato.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude pesante (-1,11%) con timori su Ucraina
L’indice Ftse Mib scende a 26.669 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
17 febbraio 2022
17:42
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Chiusura pesante per Piazza Affari, che archivia la seduta in rosso, al pari delle altre Borse europee, sulle incertezze per i possibili sbocchi della crisi ucraina.
L’indice Ftse Mib ha terminato le contrattazioni in ribasso dell’1,11% a 26.669 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa chiude in calo con Ucraina, Londra -0,9%
Francoforte cede lo 0,7% e Parigi lo 0,3%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
17:57
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Seduta negativa per le Borse europee, che dopo una partenza incerta hanno ampliato le perdite nel pomeriggio, preoccupate per le incertezze legate alla crisi Ucraina, che aggravano un quadro reso già complesso dall’inflazione.
A Londra il Ftse 100 ha terminato le contrattazioni in calo dello 0,87% a 7.537 a punti, a Francoforte il Dax ha ceduto lo 0,67% a 15.267 punti mentre a Parigi il Cac 40 ha perso lo 0,26% a 6.946 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano maglia nera Europa, soffrono Bper e Iveco
Male le banche con Unicredit, controcorrente Atlantia e Ferrari
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
18:16
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Seduta pesante a Piazza Affari con il listino milanese che, al pari delle altre Borse europee, sconta le incertezze sullo sbocco della crisi ucraina in un contesto già complesso per via della corsa dei prezzi e del conseguente avvio di politiche restrittive da parte delle banche centrali.

Il Ftse Mib ha chiuso in calo dell’1,1% mentre lo spread Btp-Bund si è ridotto a 160 punti base, con il rendimento del decennale italiano sceso di ben 7 punti, all’1,83%, in un contesto di fuga dal rischio e acquisti generalizzati per i bond sovrani.

A Milano, la peggiore tra le principali Borse europee, le vendite si sono concentrate su Bper (-4%), oggetto di alleggerimenti dopo la corsa dell’ultimo periodo, Iveco (-3,5%), Nexi (-3,1%), Tenaris (-2,8%) e Saipem (-2,8%), al lavoro per definire la manovra finanziaria necessaria a riequilibrarne il bilancio.
Male anche le banche e le assicurazioni, tra i titoli peggiori in Europa assieme agli energetici: Unicredit ha perso il 2,7%, Mediobanca il 2,4%, Intesa l’1,9%, Generali l’1,8%, Banco Bpm l’1,2%. Tra gli industriali in affanno Interpump (-2,1%), Leonardo (-2%) e Stellantis (-1,9%), che sconta i dati sulle immatricolazioni e il taglio delle stime di Equita. In controtendenza Atlantia (+1%), Recordati (+0,7%) e Ferrari (+0,6%) nel giorno della presentazione della monoposto che correrà nel prossimo campionato di F1.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sei miliardi contro caro bollette, nessuno scostamento
In cdm anche fondo per auto. Più sanzioni per frodi superbonus
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
10:13
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Un intervento da 5 o 6 miliardi contro il caro bollette, fondi da mettere insieme senza ricorrere a nuovi scostamenti, per alleviare soprattutto i costi delle imprese.
Il governo sta preparando il decreto con cui tagliare i costi dell’energia, ma lo fa in un clima politico da guerriglia.
Tanto che, in vista del consiglio dei ministri previsto per domani, nella cabina di regia convocata nel pomeriggio è andata in scena la strigliata del presidente del consiglio Mario Draghi ai rappresentanti della maggioranza, dopo che nella notte il governo era andato sotto quattro volte, in commissione, sugli emendamenti al milleproroghe. “Così non va”, ha detto Draghi. “Però il governo cambi metodo”, gli è stato risposto da alcuni capidelegazione, con la sottintesa richiesta di maggior coinvolgimento del Parlamento nelle decisioni importanti.
In mattinata, il dossier bollette era stato al centro di un incontro tra il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Roberto Garofoli, il ministro dell’Economia Daniele Franco, il capo di gabinetto Mef Giuseppe Chinè e il Ragioniere Generale Biagio Mazzotta. Fra gli interventi allo studio del governo per tagliare il costo delle bollette, ci sarebbe una proroga delle misure già adottate nel primo trimestre per le famiglie e le imprese, oltre a prezzi del gas calmierati per le industrie ad alto consumo di energia e una spinta alla produzione italiana di gas. “Quello che dobbiamo fare – ha detto il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti – è cercare di aumentare la produzione nazionale e in qualche modo introdurre dei meccanismi, che sono allo studio, e che credo e spero riusciranno a diventare norma a breve di calmierazione di prezzo con riferimento a determinati settori produttivi”. L’auspicio è che i provvedimenti possano essere necessari per affrontare un periodo di tempo contenuto, nella speranza che la crisi in Ucraina possa trovare una soluzione pacifica e che, di conseguenza, la corsa del prezzo del gas possa frenare, o invertire la rotta. Nel decreto che sarà all’esame del consiglio di ministri ci sarà anche l’istituzione di un fondo unico per la riconversione del settore automotive, in modo da puntare sul green. Al momento non è stata definita la cifra che, in ogni caso, non dovrebbe essere inferiore a 7-800 milioni. Non è escluso che in consiglio dei ministri si parli anche di nuovi interventi sui superbonus edilizi: potrebbero essere inasprite le sanzioni penali a carico di chi commette frodi sui bonus. In particolare, si starebbe valutando la responsabilità per chi fa asseverazioni false. Un’altra ipotesi allo studio prevede che la detrazione al 110% del superbonus, recuperabile oggi in cinque anni, possa essere ‘sospesa’ in caso di sequestro del credito.
Se poi gli accertamenti non si concludono con una confisca, il credito potrebbe essere recuperato anche una volta scaduti i tempi. Si va poi verso la reintroduzione delle cessioni multiple, con un limite massimo di tre, una all’impresa e due nel mondo bancario. “Guardando all’orizzonte del medio e lungo termine – ha spiegato Giorgetti – dobbiamo fare determinati tipi di politiche. Quello che possiamo fare oggi, in particolare sul gas naturale, è aumentare la produzione, gestire molto meglio lo stoccaggio”. In questa ottica, ieri il sottosegretario Roberto Garofoli ei ministri Roberto Cingolani e Daniele FrancoIn hanno incontrano l’ad di Eni, Claudio Descalzi, per verificare le possibilità di aumentare la produzione nazionale di gas. Il progetto del governo è di spingere al massimo le capacità dei siti già attivi e di valutare la possibilità di far ripartire in parte sottoposti a divieti, fra moratoria del blocco alle trivellazioni e estrazione entro le 12 miglia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Superbonus: inasprimento sanzioni penali, massimo 3 cessioni
Responsabilità per chi fa asseverazioni false
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2022
21:35
NEWS
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Potrebbero essere inasprite le sanzioni penali a carico di chi commette frodi sui bonus edilizi.
E’ una delle ipotesi allo studio del governo in vista del consiglio dei ministri che esaminerà nuovamente le norme sulle agevolazioni fiscali per le ristrutturazioni, compreso il Superbonus.
In particolare, secondo quanto si apprende da fonti vicine al dossier, si starebbe valutando la responsabilità per chi fa asseverazioni false.
Torneranno le cessioni multiple, ma saranno al massimo tre: una alle imprese e due alle banche. Sarà inoltre possibile sospendere la detrazione del 110%, oggi recuperabile in 5 anni, in caso di sequestro del credito da parte della Procura.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Tokyo, apertura in calo (-1,16%)
Cautela su sviluppi geopolitici ai confini con l’Ucraina
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
18 febbraio 2022
01:21
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Tokyo avvia l’ultima seduta della settimana in calo, seguendo la nuova correzione degli indici azionari statunitensi e mentre proseguono i timori di una escalation a livello geopolitico ai confini con l’Ucraina.

L’indice Nikkei cede l’1,16%, a quota 26.916,99, con una perdita di 315 punti.
Sul mercato dei cambi lo yen si rafforza sul dollaro a un valore di 114,80 e sull’euro a 130,40.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Standard Ethics: rating Italia sostenibile, con outlook stabile
In uscita a marzo il Food Italian Benchmarck
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
08:37
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il rating assegnato da Standard Ethics (Ser) all’Italia è EE+, cioè “Fully sustainable”, con outlook passato da negativo a stabile dal 13 marzo 2020, anche grazie alla reazione alla pandemia.
Lo evidenzia il report annuale del 2021, dal titolo “The Big Picture”.
“Nel complesso -secondo il report – ci sono ancora margini di miglioramento per i componenti dell’indice per allinearsi alle linee guida internazionali sulla sostenibilità definite dall’Ocse, dall’Ue e dall’Onu”.
Standard Ethics misura il livello di sostenibilità di un’azienda o di una nazione attraverso proprio l’allineamento con le strategie e le indicazioni internazionali definite dall’Ue, dall’Onu e dall’Ocse, con una classificazione di nove gradi, che parte dal top, EEE, per scendere fino a F. Lo Se (Standard Ethics) Italian Index è stato lanciato dall’agenzia di rating nel 2014 e ad oggi è composto dalle 40 principali società quotate in Italia, con ultima revisione il 30 settembre 2021.
Standard Ethics pubblicherà a marzo anche il Food&Beverage Sustainability Italian Benchmarck, che potrà essere utilizzato come riferimento di sostenibilità globale del settore alimentare. “Abbiamo scelto l’Italia – ha spiegato Jacopo Schettini Gherardini, direttore ricerca di Standard Ethics – nonostante in molti casi si tratti di aziende non quotate, perché si tratta comunque di società leader mondiali, dove sul prodotto ci sono cura e attenzione fenomenali. La sostenibilità magari manca in altri ambiti, ma si può migliorare, mentre in Paesi dove i prodotti sono scarsi, i margini lo sono di per sé”.
Tra gli altri indici in uscita, per l’Italia dall’ultimo trimestre del 2022 ci sarà anche l’analisi delle aziende di medie dimensioni, che comporranno lo Se Mid Italian Index, e a livello globale da marzo lo Se European Football Index, che valuterà i club di calcio.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Banche: Standard Ethics, il 61% delle italiane è sostenibile
Meglio delle europee (49%), fanalino di coda Hong Kong (14%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
08:03
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il 61% delle banche italiane è conforme agli standard di sostenibilità dell’Ue, dell’Onu e dell’Ocse, dunque “il settore presenta un livello molto avanzato di compliance alla sostenibilità”.
Lo evidenzia Standard Ethics (Se) nel report annuale 2021, dal titolo “The Big Picture”.

L’agenzia di rating misura il livello di sostenibilità di un’azienda o di una nazione proprio attraverso il suo allineamento con le strategie e le indicazioni internazionali definite dall’Ue, dall’Onu e dall’Ocse, con una classificazione di nove gradi, che inizia dal modello, EEE, per scendere fino a F.
Se si guarda allo Se Italian Banks Index (Open Free Sustainability Index), l’11% delle banche italiane ha un rating EE+, il 28% EE, il 22% EE-, per un totale del 61% dei tre Fully Sustainable Grade, mentre il 17% ha un rating E+ e il 22% E (entrambi Not fully sustainable grade).
In un confronto con il settore bancario europeo, per cui.
Standard Ethics ha lanciato lo Se European Banks Index nel 2017, si può rilevare che il 50% delle banche europee ha un Fully sustainable grade (5% classificato EE+, 20% classificato EE, 25% è EE-), il 43% ha un Not fully sustainable grade (38% classificato E+, 5% classificato E), il 5% ha un Not sustainable grade (classificato E-), mentre al restante 2% dei corporate Ser è assegnata una valutazione “Pending”, ovvero in sospeso.
Sul versante opposto le banche dello Se Hong Kong Index, lanciato nel 2020. Al momento della stesura del report, solo il 14% delle banche quotate di Hong Kong (appartenenti allo Se Hong Kong Index) ha un Fully sustainable grade (EE), il 72% ha un Not fully sustainable grade (29% classificato E+ e 43% E) e il rimanente 14% ha un Not sustainable grade (E-).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: in lieve calo, wti a 91,28 dollari (-0,52%)
Brent a 92,54 dollari (-0,46%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
08:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio in lieve calo in avvio di giornata: il wti passa di mano a 91,28 dollari al barile (-0,52%), il brent e’ trattato a 92,54 dollari (-0,46%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: in calo in avvio, a 1.890,78 dollari l’oncia
Quotazione arretra dello 0,40%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
08:16
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro in lieve calo in avvio di giornata: e’ trattato a 1.890,78 dollari l’oncia, in ribasso dello 0,40%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro stabile a 1,1368 dollari (+0,06%)
Moneta unica a 130,93 yen (+0,27%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
08:20
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Euro stabile in avvio di giornata sul dollaro a quota 1,1368 in rialzo dello 0,06%.
La moneta unica e’ scambiata a 130,93 yen (+0,27%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Eni: nel 2021 Ebit +400%; utile a 4,7 miliardi, top dal 2012
Descalzi, risultati eccellenti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
08:32
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Utile netto adjusted di 4,7 miliardi di euro nel 2021 per Eni, il più alto dal 2012, e un Ebit adjusted di 9,7 miliardi (con un incremento di 7,8 miliardi sul 2020, +400%).
Lo rende noto la società energetica diffondendo i dati dell’esercizio 2021.
“Risultati eccellenti”, commenta l’amministratore delegato di Eni Claudio Descalzi spiegando che hanno “accelerato la nostra strategia di trasformazione che fa leva sull’integrazione di tecnologie, nuovi modelli di business e stretta collaborazione con i nostri stakeholders. La rigorosa disciplina finanziaria e la riduzione dei costi messe in campo in seguito alla crisi pandemica ci hanno consentito di cogliere al meglio la forte ripresa economica del 2021”.
Nel quarto trimestre del 2021 Eni ha registrato un Ebit adjusted di gruppo di 3,8 miliardi in crescita del 53% rispetto al terzo trimestre 2021. L’utile netto adjusted è stato 2,1 miliardi nel quarto trimestre 2021 con un incremento del 47% rispetto al terzo trimestre 2021 dovuto alla capacità di catturare lo scenario e alla crescita della produzione. Il confronto con i corrispondenti reporting period 2020 caratterizzati dalla crisi del Covid-19, spiega l’Eni nella nota sui conti, evidenzia recuperi di ampie proporzioni: +2,1 miliardi e +5,5 miliardi rispettivamente rispetto al quarto trimestre e all’esercizio 2020.
Nell’esercizio 2021 il free cash flow organico è di 7,6 miliardi in grado di coprire il pagamento dei dividendi e il buy-back (in totale 2,8 miliardi), la manovra di portafoglio a sostegno dei business della transizione (2,1 miliardi) e permette di ridurre il debito netto a 9 miliardi e il rapporto di leva a 0,20 contro 0,31 a fine 2020.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Asia contrastata su tensioni Ucraina, Tokyo -0,4%
Positivi future Europa e Usa. Oggi scadono 2,2 trilioni opzioni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
08:44
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Seduta nervosa per le Borse asiatiche, in ordine sparso ma con una prevalenza di segni meno mentre la crisi in Ucraina continua a tenere sulle corde gli investitori.
Tokyo ha chiuso in calo dello 0,4%, Sydney dell’1,02% mentre Hong Kong, ancora aperta, cede l’1,2%.
Poco mossa Seul (+0,02%) mentre Shanghai è salita dello 0,7% e Shenzhen dello 0,4%.
Positivi invece i future sull’Europa e Wall Street, reduce ieri da una seduta disastrosa, mentre l’oro, bene rifugio per eccellenza, sale dello 0,3% a 1.892 dollari l’oncia. Le Borse cercano di aggrapparsi alla speranza che tra Russia e Ucraina prevalga la diplomazia, guardando ai colloqui tra Washington e Mosca previsti per la prossima settimana.
Per i mercati azionari mondiali quella che si sta chiudendo potrebbe essere la seconda settimana consecutiva con il segno meno: oltre alla crisi Ucraina pesano i timori per il progressivo venir meno della politica monetaria espansiva delle banche centrali, impegnate a frenare un’inflazione galoppante.
Ad accentuare la volatilità, in una giornata priva di grandi spunti sul fronte macroeconomico, sono circa 2,2 trilioni di dollari di opzioni che scadono oggi. Intanto il petrolio continua a ritracciare (-0,8%), con il wti sceso a 91 dollari al barile e il brent poco sopra i 92 dollari, alla luce del possibile aumento della produzione iraniana in caso di accordo sul nucleare.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund sale a 162 punti base
Rendimento decennali italiani in aumento all’1,857%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
08:48
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread Btp-Bund si attesta a 162 punti base in avio di contrattazioni, circa 2 punti base in più rispetto alla chiusura di ieri.
Il rendimento dei decennali italiani sale di 2,5 punti base, all’1,857%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano apre in rialzo (+0,35%)
L’indice Ftse Mib sale a 26.761 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
18 febbraio 2022
09:05
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio in rialzo per Piazza Affari.

L’indice Ftse Mib ha iniziato le contrattazioni in progresso dello 0,35% a 26.761 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa parte in cauto rialzo guardando all’Ucraina
Londra +0,3%, progressi marginali per Londra e Parigi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
09:09
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio in cauto rialzo per le Borse europee che continuano a guardare con attenzione agli sviluppi della crisi ucraina.
A Francoforte l’indice Dax avanza dello 0,07% a 15.278 punti, a Parigi il Cac 40 sale dello 0,07% a 6.951 punti mentre a Londra il Ftse 100 cresce dello 0,29% a 7.559 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Benzina: Qe,assestamenti al rialzo,servito sale a 1,982 euro
Prezzo medio self della verde a 1,850 euro, diesel a 1,724
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
09:13
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Con le compagnie che non modificano oggi i prezzi raccomandati di benzina e diesel, i prezzi praticati dei due carburanti registrano lievi assestamenti al rialzo per effetto degli interventi effettuati nei giorni precedenti.
Le quotazioni dei prodotti petroliferi in Mediterraneo hanno chiuso ieri in discesa.
Lo rileva Quotidiano Energia, precisando che, in base all’elaborazione di Quotidiano Energia dei dati alle 8 di ieri comunicati dai gestori all’Osservaprezzi carburanti del Mise, il prezzo medio nazionale praticato della benzina in modalità self sale a 1,850 euro/litro (ieri 1,847), con i diversi marchi compresi tra 1,839 e 1,874 euro/litro (no logo 1,830). Il prezzo medio praticato del diesel self cresce a 1,724 euro/litro (ieri 1,721) con le compagnie posizionate tra 1,717 e 1,736 euro/litro (no logo 1,711).
Quanto al servito, per la benzina il prezzo medio praticato va a 1,982 euro/litro (ieri 1,979) con gli impianti colorati che mostrano prezzi medi praticati tra 1,918 e 2,076 euro/litro (no logo 1,878). La media del diesel servito aumenta a 1,861 euro/litro (ieri 1,858) con i punti vendita delle compagnie con prezzi medi praticati compresi tra 1,796 e 1,939 euro/litro (no logo 1,760).
I prezzi praticati del Gpl vanno da 0,818 a 0,837 euro/litro (no logo 0,813). Infine, il prezzo medio del metano auto risulta complessivamente in leggero calo e si posiziona tra 1,791 e 1,859 (no logo 1,755), con il valore minimo in crescita.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano sale (+0,3%) con Banco, bene Eni dopo i conti
Salgono Stellantis e Bper, giù Diasorin e Stm. Corre DoValue
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
09:30
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio di seduta in cauto rialzo per Piazza Affari, reduce dal passo falso di ieri.
Anche il listino milanese, al pari delle altre Borse europee, guarda con apprensione agli sviluppi della crisi ucraina confidando in una soluzione diplomatica.
Il Ftse Mib avanza dello 0,33% sostenuto da Banco Bpm (+1,4%) ed Eni (+1,2%), ben comprata dopo un utile del quarto trimestre superiore alle attese. In luce anche le utilities con Italgas (+1%), recupera Stellantis (+0,9%), bene Mediobanca (+0,9%), Buzzi (+0,7%) e Pirelli (+0,7%). Tra i bancari si fanno notare Bper (+0,9%) e Unicredit (+0,6%) mentre si accodano in fondo al listino principale Stm e Diasorin (-1,1% entrambe). In rosso Inwit (-0,7%) e Ferrari (-0,5%), oltre a Nexi (-0,4%) e Prysmian (-0,3%). Fuori dal Ftse Mib corre DoValue (+7,5%) dopo i conti, resi noti nella serata di ieri.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bce: Kazimir, chiudere il Qe in estate
Rischi per cui è stato creato superati da effetti collaterali
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
10:02
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Secondo il governatore della banca centrale slovacca e componente del consiglio direttivo della Bce, Peter Kazimir, la Banca centrale europea dovrebbe terminare gli acquisti netti di bond in estate. Il programma di acquisti di bond (App), creato per combattere la deflazione dopo la crisi del debito ed incrementato con la pandemia, sta sopravvivendo al suo scopo, ha spiegato Kazimir: “I rischi per cui lo strumento è stato creato si sono attenuati mentre gli effetti collaterali negativi stanno diventando più significativi”.
“L’attività di trading si indebolisce in agosto, quindi quello sarebbe un buon momento naturale per chiudere il programma”.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: Europa cauta con Ucraina. Milano piatta, spread a 160
Giù Hermes ed Edf, bene Renault ed Eni con conti. Petrolio ko
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
10:39
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borse europee poco mosse a poco più di un’ora dall’avvio delle contrattazioni con gli investitori sul chi va là per le incertezze che circondano gli sbocchi della crisi ucraina e i timori legati all’inflazione e alle mosse delle banche centrali per contrastarla.
Londra e Francoforte avanzano dello 0,1% mentre Parigi sale dello 0,6%.
Sul listino francese corre Renault (+3%) dopo i conti 2021 mentre scivolano Hermes (-4,7%), che paga una trimestrale deludente, ed Edf (-4,4%), costretta a un aumento di capitale da 3 miliardi.
A Piazza Affari, dove il Ftse Mib oscilla sulla parità, bene Banco Bpm (+1,4%), Recordati (+1,3%), Banca Generali (+1,1%) e FinecoBank (+1%) mentre soffrono Tenaris (-1,2%), Cnh (-1%), Prysmian (-0,8%) ed Enel (-0,8%). Positiva Eni (+0,6%) dopo i conti sopra le attese. Lo spread Btp-Bund si mantiene stabile a 160 punti base, con il rendimento dei decennali italiani in calo all’1,82% nonostante dalla Bce continuino a levarsi voci, come quella del banchiere slovacco Kozimir, favorevoli a una rapida chiusura del Qe.
Sui listini europei vengono acquistate le utilities e soffrono gli energetici, che scontano l’accentuarsi del calo del petrolio (-1,5% il wti a 90,26 dollari al barile) che potrebbe dover fare i conti con un aumento della produzione iraniana in caso di accordo sul nucleare.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Istat: costruzioni, in 2021 produzione +14,3% su pre-pandemia
A dicembre +0,3% rispetto a novembre, quinto mese di crescita
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
11:09
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
A dicembre 2021 l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni è aumentato dello 0,3% rispetto a novembre.
E’ il quinto mese consecutivo di crescita dell’indice che ha così raggiunto il livello più elevato da maggio 2012.
Lo sottolinea l’Istat “Considerando il complesso del 2021, la produzione delle costruzioni ha recuperato pienamente non solo la flessione del 2020, ma risulta superiore del 14,3% al livello registrato nel 2019” commenta l’Istat. Su base tendenziale l’indice grezzo della produzione delle costruzioni registra una crescita del 23,6%, mentre l’indice corretto per gli effetti di calendario aumenta del 19,3% (i giorni lavorativi di calendario sono stati 22, contro i 21 di dicembre 2020). Nella media del quarto trimestre del 2021 la produzione nelle costruzioni aumenta del 4,2% rispetto al trimestre precedente. Nella media complessiva del 2021, l’indice grezzo mostra un incremento del 24,4% e l’indice corretto per gli effetti di calendario cresce del 24,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. E’ quanto stima l’Istat nel report sui dati di dicembre 2021.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Hermes: nel 2021 utile sale a 2,4 miliardi (+77%)
Fatturato in crescita a circa 9 miliardi. Dividendo di 8 euro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
11:10
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Hermes chiude il 2021 con un utile netto a 2,4 miliardi di euro, in crescita del 77% rispetto all’anno precedente.
Il fatturato consolidato del gruppo ha raggiunto circa 9 miliardi (8.981 milioni), in crescita del 42% a tassi di cambio costanti e del 41% a tassi di cambio correnti rispetto al 2020.

All’Assemblea generale che si terrà il 20 aprile 2022, verrà proposto un dividendo di 8,00 euro per azione. L’acconto sul dividendo di 2,5 euro che sarà pagato il 23 febbraio 2022, sarà dedotto dal dividendo approvato dall’assemblea generale.
Per il 2022 il gruppo ritiene che “gli impatti della pandemia Covid-19 sono ancora difficili da valutare. Il nostro modello artigianale altamente integrato e la rete di distribuzione equilibrata, così come la creatività delle nostre collezioni e la fedeltà dei nostri clienti ci permettono di guardare al futuro con fiducia”.
“Ringrazio soprattutto la passione e la qualità del lavoro dei nostri team, perché insieme abbiamo fatto del 2021 un anno eccezionale”, afferma Axel Dumas, presidente esecutivo di Hermès. “Proseguiamo con il nostro impegno – aggiunge – per la creazione di posti di lavoro in tutto il mondo, rafforzando al contempo i nostri obiettivi ambientali”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Terna: consumi elettrici gennaio +1,5% su anno, bene rinnovabili
+40% produzione da fotovoltaico
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
11:50
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
A gennaio i consumi di energia elettrica in Italia hanno fatto registrare un incremento dell’1,5% rispetto allo stesso mese del 2021, crescita meno sostenuta rispetto ai mesi precedenti (+5,6% a dicembre e +3,8% a novembre).
Lo rende noto Terna, la società che gestisce la rete di trasmissione nazionale, i cui dati indicano che il fabbisogno di elettricità nel nostro Paese è stato pari a 27,5 miliardi di kWh.
Le fonti rinnovabili hanno coperto il 30% della domanda, in forte crescita la produzione fotovoltaica (+40%), soprattutto per un maggior irraggiamento solare.
La domanda di energia elettrica italiana è stata soddisfatta per il 91% con produzione nazionale e per la quota restante (9%) dal saldo dell’energia scambiata con l’estero, spiega Terna precisando che la produzione nazionale netta è risultata pari a 25 miliardi di kWh.
Positive anche le produzioni da fonte termica (+13,4%) e geotermica (+3%); in flessione le fonti di produzioni idrica (-34%) ed eolica (-2,8%).
Per quanto riguarda il saldo import-export, la variazione è pari a -24,3% per un effetto combinato di un aumento dell’export (+27%) e di una diminuzione dell’import (-17,6%), fenomeno che si è registrato già nei mesi di novembre e dicembre 2021.
L’indice Imcei elaborato da Terna, che prende in esame i consumi industriali delle imprese cosiddette ‘energivore’, ha fatto registrare una flessione dell’1,8% rispetto a gennaio del 2021 (e dello 0,7% rispetto a dicembre 2021, con dati destagionalizzati e corretti dall’effetto calendario). Il dato, spiega Terna, “riflette un’attenuazione della produzione nei comparti della siderurgia, della meccanica e della chimica; in crescita, invece, i consumi dei settori dei mezzi di trasporto, dei materiali da costruzione e degli alimentari”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Pmi:Giorgetti,678mln per progetti 4.0 e risparmio energetico
Ministro, altra linea azione per fronteggiare caro-bollette
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
12:00
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti ha istituito un nuovo regime di aiuti per sostenere con 678 milioni di euro gli investimenti delle piccole e medie imprese italiane nella realizzazione di progetti innovativi legati a tecnologie 4.0, economia circolare e risparmio energetico.
Lo prevede il decreto firmato dal titolare del Mise che disciplina i finanziamenti garantiti dal programma d’investimento europeo React-Eu e dai fondi di coesione.

“Da ministro dello sviluppo economico è mio dovere tutelare le imprese italiane, individuando tutte le risorse e gli strumenti necessari per sostenere gli investimenti in progetti innovativi che mirano anche a ridurre l’impatto energetico sui processi produttivi. E’ questa un’altra importante linea d’azione da perseguire per fronteggiare, in un’ottica di medio e lungo periodo, il caro bollette”, dichiara Giorgetti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa incerta con Ucraina, Petrolio sotto 90 dollari
Piazza Affari avanza dello 0,2%. Bene il Banco, giù Tenaris
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
12:14
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee restano incerte e gli indici oscillano attorno alla parità mentre gli investitori continuano a monitorare la situazione in Ucraina, le cui evoluzioni appaiono ancora poco prevedibili.
Londra avanza dello 0,2%, Parigi dello 0,3% mentre Francoforte cede lo 0,1% e Madrid è piatta.
Poco mossa Milano (+0,2%) con Banco Bpm (+2,1%), Recordati (+1,8%), Finecofank (+1,6%) e Bper (+1,5%) che si mettono in luce mentre Tenaris (-1,5%), Cnh (-1,2%) e Stm (-0,8%) frenano l’indice Ftse Mib. Stabile a 161 punti lo spread Btp-Bund, con il rendimento dei nostri decennali all’1,83%.
Restano positivi i future su Wall Street, dopo il crollo di ieri, mentre si accentua ulteriormente il calo del petrolio (-2,3%), con il wti che scende sotto i 90 dollari, a 89,64 dollari, e il brent sotto i 91 dollari, a 90,82 dollari.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bollette: fonti, fondi a Comuni, impianti sportivi e piscine
Misure attorno ai 100 milioni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
12:49
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fondi ai comuni per coprire gli extra-costi per le bollette legati ai rincari dell’energia.
E risorse ad hoc per gli impianti sportivi e le piscine in particolare, tra le più colpite dal mix tra restrizioni Covid e caro-bollette.
Sono, secondo quanto si apprende, alcuni degli interventi accolti in cabina di regia e da inserire nel decreto che sarà nel pomeriggio sul tavolo del Consiglio dei ministri.
Si starebbero ancora facendo i calcoli definitivi per indicare le risorse, che per lo sport, istanza portata al tavolo dal ministro Giancarlo Giorgetti, potrebbero aggirarsi attorno ai 100 milioni.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cinema: allarme sopravvivenza sale, chiudono 500 schermi
Lorini, da tutto il settore appello ‘governo intervenga presto’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
14:14
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
E’ allarme per la sopravvivenza delle sale in Italia: “mancano all’appello 500 schermi su i circa 3600 che abbiamo riferiti a 1300 strutture.
Andiamo verso un -20% e se non si prendono provvedimenti presto il settore è a rischio”, dice il presidente dell’Anec Mario Lorini che rappresenta gli esercenti.
“Sono urgenti iniziative strutturali di sostegno, prima fra tutte la definizione ‘dinamica’ della finestra tra la distribuzione in sala e sulle piattaforme, 90 giorni potrebbe essere un primo fondamentale passo”, aggiunge.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cinema non decolla, chiusi 500 schermi, è ‘caso Italia’
Da tutto il settore appello: ‘Il governo intervenga presto’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2022
17:07
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sul cinema c’è un ‘caso Italia’: in Francia, in Spagna, in Gran Bretagna e nel resto d’Europa finiti i tempi del lockdown e delle restrizioni più pesanti il pubblico è tornato a vedere i film in sala.
In Italia non sta accadendo.

Incassi crollati, sale vuote o addirittura con le saracinesche abbassate “Mancano all’appello dai dati Cinetel che monitorano il mercato italiano ben 500 schermi su i circa 3600 che abbiamo, riferiti a 1300 strutture. Andiamo verso un drammatico -20% e se non si prendono provvedimenti presto l’esercizio è a rischio e pure il settore “, dice il presidente dell’Anec Mario Lorini che rappresenta gli esercenti. “Sono urgenti iniziative strutturali di sostegno, prima fra tutte la definizione ‘dinamica’ della finestra tra la distribuzione in sala e sulle piattaforme, 90 giorni potrebbe essere un primo fondamentale passo e poi c’è bisogno di una road map certa e condivisa sui passi da fare per cambiare rotta”, aggiunge.
L’Anec ha convocato oggi un incontro anche per chiamare all’unità tutto il settore: dagli attori – è intervenuto Fabrizio Gifuni in rappresentanza di Unita – ai distributori, con il presidente Luigi Lonigro. I dati sono abbastanza brutali: gli incassi del cinema e pure le presenze hanno avuto una flessione nel 2021 rispetto agli ultimi anni pre- pandemici: si è perso oltre il 70%, in un mercato “già tradizionalmente debole rispetto all’Europa”. Dice Lonigro: “oltre che presidio culturale le sale sono un presidio industriale, ne va del lavoro di tanti e se continua l’emorragia si chiude”. Le sale sono avamposti nei territori, sono luogo di socialità, sono importanti per la ripartenza economica e vanno difese, è l’appello di tutto il settore. Ma sono ancora così centrali in un’epoca che in due anni ha visto uno stravolgimento delle abitudini con spettatori inchiodati al divano, prima per obbligo sanitario e ora per scelta? “Lo spettatore – riflette Lorini – è disorientato: dal tanto prodotto, dall’offerta ridondante delle piattaforme, per questo crediamo che mettere ordine sia fondamentale. Eravamo già vicini ad un accordo, pensiamo che 90 giorni tra l’uscita in sala e la programmazione sulla piattaforma siano un passo iniziale”. Ma se sul cinema italiano ci si può arrivare, l’ostacolo grande è per il cinema internazionale, per quanto la richiesta è di avere la stessa finestra.
‘Caso’ italiano significa anche caso di film italiani: quest’anno, e i dati non lasciano margine agli equivoci, il nostro cinema è andato male, performance bassissime in sala: delle 353 uscite, 153 erano made in Italy e la quota di incassi intorno appena al 20%, concentrata poi su solo 5 titoli, “i restanti film non sono stati visti, capiti, intercettati”, aggiunge. Ma la contraddizione attuale è che la produzione va alla grande: 900 progetti di film , per quanto il 30% ideati per le sale. Le ‘sirene’ delle piattaforme si fanno sentire: sono tantissimi i talenti, da Ficarra e Picone con Incastrati, ai fratelli D’Innocenzo, che stanno sperimentando la serialità.
C’è il ragionevole sospetto che come i talenti anche il pubblico non faccia più tanta differenza tra film e serie ed è chiaro che questo cambiamento culturale favorisce il luogo dove tutto si trova, ossia la piattaforma, che pure era nata solo per la tv ed è finita, come si vede anche dal film più nominato agli Oscar ossia Il Potere del cane, 12 candidature e una visione possibile solo su Netflix senza aver mai fatto un affaccio in sala, per diventare tra gli imprescindibili potenti player della produzione cinematografica. “L’unico strumento – ragiona Lonigro – è l’esclusività. La sala di colpo ha perso questa sua prerogativa e solo un intervento politico forte può cambiare e cose. I legislatori devono decidere con i fatti se la sala è un presidio forte o no, produttivo, economico e sociale. Occorre la volontà politica di salvaguardare questo luogo fisico, e regole subito”. Poi si passerà ad altro: ingressi senza mascherina come già accade altrove, popcorn come appena deliberato, promozioni forti per gli under 18, alfabetizzazione scolastica, nuovi spot, e infine cambiare in multiprogrammazione e dunque rendere più duttile la programmazione delle sale è una mossa che già trova tutti d’accordo. La sala ha bisogno di tornare cool (come è ora il teatro ad esempio), ma è una sorta di Squid Game, se non si riesce si muore o perlomeno si accetta di non essere più il luogo centrale che abbiamo vissuto.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa sale in attesa Wall Street, focus sull’Ucraina
Milano +0,6% con Banco e Fineco. Giù Edf, Allianz, Hermes.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
14:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borse europee in cauto rialzo, con i listini che cercano di aggrapparsi ai future positivi su Wall Street per sfuggire all’incertezza che domani gli scenari in Ucraina.
Parigi e Milano avanzano dello 0,6%, Londra dello 0,4% mentre Francoforte arretra dello 0,1%.
Poco mossi titoli di Stato europei, con lo spread Btp-Bund che si muove verso i 162 punti base mentre il rendimento del nostro decennale è stabile all’1,84%. Resta pesante il petrolio, che cede intorno al 2%, sui timori di un afflusso di barili iraniani in caso di accordo sul nucleare. Il greggio texano (wti), scende così appena sotto i 90 dollari al barile mentre il brent si appiattisce verso quota 91.
A Piazza Affari riprendono gli acquisti su Banco Bpm (+3,7%), davanti a FinecoBank (+2,9%), Bper (+2,5%) ed Eni (+1,9%), i cui risultati sono piaciuti al mercato. Male invece Diasorin (-1,6%), Inwit (-0,8%) e Tenaris (-0,6%). Sulle Borse europee avanza Renault, dopo la trimestrale, mentre invece cade Hermes (-4,7%). Giù anche Edf (-2,6%), che ha annunciato un aumento da 3 miliardi, e Allianz (-1,9%), che ieri ha reso noto di aver accantonato 3,7 miliardi di euro in vista della chiusura di una serie di contenziosi in America.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fuori da centri abitati monopattini solo su piste ciclabili
Mims, misura introdotta nel Milleproroghe
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
15:57
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fuori dai centri abitati i monopattini elettrici possono circolare esclusivamente sulle piste ciclabili o su percorsi riservati alle biciclette.
La norma, che è stata introdotta nel decreto legge di proroga termini nel corso dell’esame nelle Commissioni Affari Costituzionali e Bilancio della Camera – spiega una nota del Ministero delle infrastrutture e mobilità sostenibili -, fa chiarezza sulle modalità di circolazione di questi mezzi di mobilità dolce.
La disposizione precedente prevedeva la possibilità di utilizzare i monopattini dovunque fosse consentita la circolazione delle biciclette e, dunque, anche nelle strade extraurbane.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Superbonus: bozza, 3 cessioni in tutto e bollino anti-frodi
Ogni credito sarà tracciabile. Multe e anche carcere per il “tecnico” se attesta il falso
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
16:46
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Per i crediti dei bonus edilizi sono possibili, oltre alla cessione del primo richiedente, “due ulteriori cessioni” ma solo se effettuate “a favore di banche e intermediari finanziari iscritti all’albo”.
Lo prevede la bozza di decreto sulle “misure urgenti per il contrasto alle frodi in materia edilizia” che reintroduce, in forma limitata, la possibilità di cessioni successive dei crediti.
Inoltre “al credito è attribuito un codice identificativo univoco, da indicare nelle comunicazioni delle eventuali successive cessioni”. Le disposizioni si applicano alle cessioni inviate all’Agenzia delle entrate dal primo maggio 2022.
Inoltre arrivano multe e anche carcerazione per il “tecnico abilitato” che, nelle asseverazioni necessarie per ottenere i bonus edilizi, “espone informazioni false o omette di riferire informazioni rilevanti sui requisiti tecnici del progetto di intervento o sulla effettiva realizzazione”, oppure “attesta falsamente la congruità delle spese”.
La reclusione va da due a cinque anni e la multa da 50.000 a 100.000 euro. La pena è aumentata “se il fatto è commesso per conseguire un ingiusto profitto per sé o per altri”. E’ quanto si legge nella bozza del decreto che introduce “misure urgenti per il contrasto alle frodi in materia edilizia”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bollette: 5,8 mld per secondo trimestre Stop oneri sul luce
Bozza Dl, Iva 5% sul gas, 500mln per bonus sociale
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
16:51
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Azzeramento degli oneri di sistema sull’elettricità sia per le famiglie che per le Pmi e le imprese più grandi per 3 miliardi, riduzione dell’Iva sul gas al 5% per circa 590 milioni, riduzione degli oneri sul gas per 480 milioni, rafforzamento del bonus sociale per 500 milioni, credito di imposta per le imprese energivore per 700 milioni e per le imprese gasivore per circa 500 milioni.
Sono gli interventi sulle bollette contenuti nel dl all’esame del consiglio dei ministri per un totale di 5,8 miliardi.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa nervosa dopo Wall street, pesa Ucraina
Milano -0,3%, bene Banco Bpm e Bper. Positiva Eni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
16:03
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mercati azionari del Vecchio continente in peggioramento sulle tensioni crescenti in Ucraina: dopo l’avvio di Wall street, la Borsa peggiore è quella di Francoforte che cede un punto percentuale, seguita da Madrid (-0,7%) e Amsterdam, che perde lo 0,6%.
Piazza Affari è in calo dello 0,3% nell’indice Ftse Mib, con Londra che ondeggia attorno alla parità.

Senza grandi tensioni il prezzo del gas naturale, con l’Europa che ancora viene sostenuta dalle forniture dagli Stati Uniti: sui mercati telematici del Vecchio continente il gas naturale scende del 3% tra i 73 e i 74 euro al Megawattora.
In Piazza Affari, che guarda anche allo spread piuttosto calmo attorno a quota 162, restano tonici Banco Bpm e Bper, che salgono oltre il punto percentuale anche guardando al riassetto del settore, con Eni in aumento dello 0,8% a 13,4 euro dopo i conti e la conference call dell’amministratore delegato Descalzi. Fiacchi invece Diasorin, Stm, Nexi, Inwit e Pirelli, tutti in calo oltre il punto percentuale.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Pensioni: Sbarra, dai 62 anni restituire libertà di andarci
Ridurre le tasse a chi le paga fino all’ultimo centesimo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
15:52
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il segretario generale della Cisl Luigi Sbarra, chiede “flessibilità in uscita” e “sostenibilità sociale” per la previdenza.
“Dai 62 anni – afferma – bisogna restituire alle persone la decisione libera di andare in pensione”.
“Bastano 41 anni di contributi – incalza – per avere il sacrosanto diritto alla pensione”. “In Europa – spiega – l’età media di uscita è 63 anni, da noi 67 e se non li fermiamo arriviamo a 70” .
“Con la legge Fornero – conclude – si sono risparmiati 117 miliardi in 8 o 9 anni. È arrivato il momento di reinvestirne una parte per garantire sostenibilità sociale al sistema pensionistico”.
Sul fronte fiscale invece il leader della Cisl chiede di “ridurre le tasse a chi le paga veramente fino all’ultimo centesimo, i lavoratori dipendenti e i pensionati” . “Ogni anno – indica – bruciamo 115 miliardi in elusione ed evasione fiscale, mezzo Pnrr”. Da qui la necessità di “combattere l’evasione” e di “far pagare di più le multinazionali dell’economia che hanno fatto affari d’oro nei periodi di crisi ed emergenza sanitaria pagando poco o quasi nulla alla collettività”.
Quanto invece al rapporto con Cisl e Uil, che lo scorso dicembre hanno scioperato senza la Cisl, secondo Sbarra “l’unità sindacale non è mai stata messa in discussione. La dobbiamo recuperare e dobbiamo stringere di più le maglie sulle piattaforme unitarie”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lavoro: consulenti, oltre 1 milione di dimissioni in 9 mesi 2021
Quasi 500mila sono rimasti senza un contratto
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
16:19
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Aumentano le dimissioni volontarie in Italia, anche senza un ‘paracadute’.
Nei primi nove mesi del 2021 sono stati 1 milione e 81 mila i lavoratori interessati da almeno una cessazione volontaria del rapporto di lavoro, per cause diverse dal pensionamento: un numero cresciuto del 13,8% rispetto al 2019, quando si attestava a quota 950mila.
Ma quasi 500mila sono rimasti senza un contratto dopo aver lasciato il posto. A dirlo è l’indagine della Fondazione studi dei Consulenti del lavoro sui dati delle Comunicazioni obbligatorie del ministero, fotografando il fenomeno, in crescita soprattutto tra over 55, laureati e professioni ad elevata specializzazione.
“Il fenomeno delle dimissioni volontarie non è nuovo per la realtà italiana, ma lo è il suo incremento – afferma il presidente della Fondazione studi Consulenti del lavoro, Rosario De Luca -. Capiremo solo nei prossimi mesi la vera portata, soprattutto rispetto alle motivazioni, visto che non è possibile stimare all’interno della quota di lavoratori dimessi e non rioccupati quanti potrebbero aver deciso di avviare un’attività in proprio, essersi occupati irregolarmente o più semplicemente aver deciso di smettere di lavorare”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude in calo, Ftse Mib -0,6%
Indice dei principali titoli di Piazza Affari a 26.506 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
18 febbraio 2022
17:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Seduta negativa per la Borsa di Milano: l’indice Ftse Mib è sceso dello 0,61% a 26.506 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa conclude debole su Ucraina, Francoforte -1,4%
In calo tutti i listini, provano a tenere Londra e Parigi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
17:57
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ultima seduta di settimana negativa per i mercati azionari del Vecchio continente, penalizzati in corso di giornata dalle notizie provenienti dalla crisi Russia-Ucraina: Francoforte è scivolata dell’1,4% finale, con Madrid in calo dello 0,9%, Amsterdam dello 0,8%, Londra dello 0,3% e Parigi dello 0,2%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp Bund: chiude in rialzo a 164 punti, tasso 1,83%
Rendimento in calo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
18:04
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 10 anni ha chiuso a 164 punti base rispetto ai 162 dell’avvio di giornata.

Il rendimento del prodotto del Tesoro ha segnato un ultimo valore della settimana all’1,83%, rispetto all’1,85% della partenza della seduta.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano fiacca con Ucraina, bene Banco Bpm
Positiva Eni dopo i conti, debole Mps. Poco mossi gas e petrolio
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
18:53
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
I segnali di aumento della tensione nella crisi Ucraina-Russia hanno appesantito l’ultima giornata della settimana delle Borse europee: Milano ha chiuso con l’indice Ftse Mib in calo dello 0,61% a 26.506 punti e con l’Ftse All share in ribasso dello 0,58% a quota 28.888.

Francoforte è scivolata dell’1,4% in finale, con titoli come Delivery Hero in calo dell’8%, Zalando di quattro punti percentuali e Allianz del 3,7%.
Il listino di Madrid ha segnato un ribasso dello 0,9%, Amsterdam dello 0,8%, Londra dello 0,3% e Parigi dello 0,2%.
Con lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 10 anni a 164 punti e il rendimento del prodotto del Tesoro all’1,83%, in Piazza Affari il titolo migliore tra quelli a elevata capitalizzazione è stato Banco Bpm, sempre al centro di diverse ipotesi nell’ambito del riassetto del settore, che ha chiuso in rialzo dell’1,8% a 3,58 euro, sui massimi da quasi sei anni. Bene anche Fineco e soprattutto Eni dopo i conti, entrambi in aumento finale di un punto percentuale. Qualche acquisto inoltre su Recordati (+0,8%), Campari (+0,7%), Mediobanca (+0,6%) e Bper, salita di mezzo punto percentuale.
Per contro vendite piuttosto consistenti per Diasorin (-2,8%), Nexi (-2,3%) e Stm, che ha ceduto il 2,2% finale. Da segnalare, fuori dal paniere principale di Milano, il calo dell’1,8% di Mps a 0,94 euro.
Nonostante la tensione sul fronte ucraino, piuttosto stabili le materie prime, con il gas naturale fiacco sui 73 euro al Megawattora, il petrolio che ondeggia attorno a quota 90 dollari al barile e l’oro che, tra piccoli aggiustamenti, si muove attorno ai 1.900 dollari all’oncia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bollette:Franco,5,5 per imprese e famiglie, Pil rallenta
Interventi per sostenere regioni e comuni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2022
19:08
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“L’intervento diretto supera i 5,5 miliardi, ma si associano interventi volti a sostenere regioni e comuni”.
Lo ha detto il ministro dell’Economia, Daniele Franco, spiegando il decreto sui rincari energetici nella conferenza stampa dopo il Consiglio dei ministri.

“L’obiettivo del decreto è sostenere l’economia in questa fase difficile, abbiamo avuto una performance molto positiva nel 2021, ora vediamo un rallentamento dell’attività in Italia e altri Paesi connesso all’evoluzione dei prezzi dell’energia”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Accordo di Exor con l’Agenzia delle Entrate per 746 milioni
Per contenzioso fiscale relativo a ridomiciliazione in Olanda
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2022
12:16
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Exor, la holding della famiglia Agnelli, ha raggiunto un accordo con l’Agenzia delle Entrate per chiudere un contenzioso fiscale relativo alla ridomiciliazione in Olanda del 2016.
Exor pagherà 746 milioni di euro.

Nel 2016 Exor ha deciso di ridomiciliarsi in Olanda perché olandese era già la residenza di molte delle società controllate, come Cnh Industrial, Fiat-Fca e Ferrari (anche Stellantis nel 2021 ha scelto l’Olanda per la sua residenza). Una scelta – spiega Exor – dovuta all’esigenza dii armonizzazione dei sistemi di governance e di regole del diritto societario, non di convenienza fiscale: il trattamento fiscale sulle plusvalenze è praticamente uguale in Italia e in Olanda. Per evitare un lungo e costoso contenzioso tributario, Exor ha scelto di sottoscrivere l’accordo e di pagare quanto pattuito, pur rimanendo del tutto convinta di aver agito correttamente e rivendicando di non aver violato alcuna norma in tema di Exit Tax. A confermare questa interpretazione – fa notare Exor – c’è il fatto che l’Agenzia delle Entrate non ha comminato alcuna sanzione a fronte della contestazione sollevata: l’ammontare pagato dalle due società per l’Exit Tax corrisponde solo al ricalcolo del maggiore imponibile e ai relativi interessi. La Exit Tax è a tutti gli effetti una imposta “una-tantum” e non si ripeterà: ora Exor è regolata da sistemi legali e tributari olandesi, stabili e privi di zone grigie interpretative, e non esistono ulteriori pendenze fiscali in Italia. La cifra pagata da Exor corrisponde a circa il 2,5% del suo valore (circa 30 miliardi di euro): non è modifica la sua strategia di investimento e di sviluppo, che continuerà come previsto.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bollette: Cgia, nonostante aiuti resta rincaro da 33,8 mld
Ufficio Studi, in altri Paesi deciso ‘tetto’ o stop tariffe rete
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
19 febbraio 2022
11:56
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nonostante la misura da 6 miliardi del Governo Draghi per mitigare il caro bollette, nel primo semestre di quest’anno le famiglie e le imprese dovranno comunque farsi carico di un rincaro da 33,8 miliardi di euro.
La stima è dell’Ufficio studi della Cgia di Mestre (Venezia).

Rispetto al 2019, la Cgia ha calcolato per il primo semestre 2022 un aumento del costo di luce e gas di 44,8 miliardi, di cui 15,4 in capo alle famiglie e 29,4 alle imprese. Se dall’importo complessivo storniamo le misure di mitigazione messe in campo con la legge di Bilancio 2022 (3,8 miliardi), quelle introdotte nel decreto per il contrasto ai rincari energetici del 21 gennaio scorso (1,7 miliardi) e i 5,5 miliardi approvati ieri, al netto degli aiuti erogati a Regioni ed enti locali, l’extra costo da pagare rimane di 33,8 miliardi: 8,9 sulle spalle delle famiglie e 24,9 su quelle delle aziende.
Sebbene il Governo abbia erogato ben 11 miliardi per “raffreddare” i rincari energetici a famiglie e imprese, gli incrementi di prezzo delle bollette sono dunque talmente importanti che il saldo da pagare rimane comunque spaventosamente elevato. Secondo l’Ufficio studi della Cgia, il Governo “dovrebbe essere più incisivo, così come hanno fatto molti altri paesi europei. Spagna e Francia, ad esempio, hanno imposto dei tetti agli aumenti delle bollette per un periodo temporaneo. Polonia, Portogallo, Grecia, ed Estonia, invece, hanno previsto anche sconti o azzeramenti totali delle tariffe di rete, rinviandone nel tempo – sottolinea – gli aumenti o ponendoli a carico del bilancio dello Stato”.
Infine, per la Cgia “forse, basterebbe un annuncio” relativo all’ok all’apertura del gasdotto Nord Stream 2 per far crollare i prezzi dei prodotti energetici. “Una decisione – conclude l’associazione artigiana – che, oltre avere degli effetti economici positivi immediati, probabilmente allenterebbe anche la tensione e i venti di guerra”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Rdc al 70% percettori iniziali, non si trasforma in lavoro
Inps, persistenza legata a territorio e composizione nucleo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2022
11:55
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Reddito e la pensione di cittadinanza hanno funzionato come misura contro la povertà ma non come passaggio verso l’inserimento lavorativo: la conferma arriva da un paper dell’Inps sulla misura secondo la quale il 70% di coloro che hanno iniziato a percepire il beneficio tra aprile e giugno del 2019 lo aveva ancora nell’ultimo semestre del 2021.
Il dato chiaramente risente della pandemia e dell’aumento delle difficoltà nella ricerca del lavoro.
“La persistenza – si legge – sembra essere soprattutto legata alla nazionalità del richiedente, alla composizione del nucleo, all’area geografica di residenza, a indicatori economici”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mediaset: aumenta pressione su Prosieben in vista assemblea
Primi contatti tra management gruppo tedesco e Biscione
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
19 febbraio 2022
12:40
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’assemblea Prosieben, del quale Mediaset oggi MediaforEurope (Mfe) è ampiamente primo azionista, è lontana, ma aumenta la pressione del Biscione, che non ha consiglieri né nel Supervisory board né nell’Executive board in vista dell’appuntamento di maggio del gruppo media tedesco.

L’obiettivo resta lo stesso: concentrare Prosieben più sul settore televisivo, limitando la parcellizzazione del business, che ha dato risultati altalenanti.

Secondo fonti di mercato e analisti che seguono il comparto, i primi incontri tra il management del gruppo tedesco e Mfe ci sono già stati e altri sono in programma, anche nell’ambito di un ‘roadshow’ che il presidente uscente del Consiglio di sorveglianza del gruppo tedesco sta compiendo tra gli azionisti.
L’assemblea di Prosieben dovrà rinnovare tre componenti del Supervisory board e lo stesso Consiglio ha presentato dei candidati, mentre il Biscione ancora non lo ha fatto. Ma intanto Mfe sta convertendo quasi completamente la sua quota da derivati in azioni, con i diritti di voto ora a un totale del 23,9%, con un 21,6% in azioni. E il Biscione ha anche ricevuto dalle autorità tedesche la possibilità di salire fino al 29,9%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Con assegno unico e Irpef meno disuguaglianze, anche al Sud
Mef, per famiglie meno abbienti e con figli 1.900 euro in più
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2022
12:39
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La riforma dell’Irpef contenuta nella manovra di bilancio e l’assegno unico che scatterà il primo marzo hanno, presi nel loro insieme, “un carattere redistributivo a favore dei nuclei familiari più vulnerabili e delle aree più svantaggiate del Paese”.
E’ il fulcro dell’analisi del Dipartimento Finanze del Mef sulle due grandi novità che quest’anno incideranno sui redditi di 22 milioni di famiglie.
I maggiori benefici riguarderanno i nuclei svantaggiati e con più figli, mentre tra le aree territoriali, sottolinea il ministero dell’Economia, sarà al Sud che si ridurranno maggiormente le disuguaglianze.
Le famiglie meno abbienti e con figli riceveranno il beneficio maggiore dall’entrata in vigore delle due riforme. Secondo i calcoli del Dipartimento Finanze, 1,13 milioni di nuclei che si trovano nel primo decimo di reddito equivalente, quelle appunto più vulnerabili economicamente, godranno infatti di un beneficio pari a 1.935 euro l’anno, con un’incidenza sul reddito lordo dell’11,6%, in grandissima parte ascrivibile proprio all’assegno unico. I benefici si riducono gradualmente per i nuclei dei decimi successivi, in pratica i più ricchi, scendendo fino a circa 500 euro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Assegno unico-Irpef, benefici fino a 1.900 euro
Mef, massimo impatto su famiglie povere,disuguaglianza diminuisce
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2022
19:31
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’assegno unico, che entrerà in vigore all’inizio del mese prossimo, e la riforma dell’Irpef, che farà vedere i suoi frutti anche in questo caso a partire dalle buste paga di marzo, avranno un effetto combinato di ridistribuzione della ricchezza e di attenuazione delle disuguaglianze, sia tra fasce di reddito che tra aree territoriali.
I maggiori benefici riguarderanno infatti le famiglie meno abbienti con figli, avvantaggiate soprattutto dall’assegno unico universale, in particolare se vivono nelle Regioni del Sud.
Per loro, il beneficio supererà i 1.900 euro l’anno, con un’incidenza sul reddito di oltre l’11%.
I dati emergono da un approfondito studio del Dipartimento delle Finanze del Ministero dell’Economia, che ha analizzato l’impatto delle due riforme, prese nel loro insieme, sulla platea di 22 milioni di famiglie interessate dalle novità di quest’anno, suddivise per tipologie. Prendendo come riferimento vari modelli di calcolo, i decimi di reddito equivalente, l’Isee o i diversi indici su cui a livello internazionale si valuta la ricchezza, il risultato non cambia: le disuguaglianze diminuiscono. Il rapporto insiste però sul fatto che le due misure vanno considerate complessivamente, come due facce della stessa medaglia, e che la revisione dell’Irpef, con il passaggio da 5 a 4 aliquote e i ritocchi degli scaglioni, è solo un primo passo in vista della più ampia riforma fiscale che dovrà essere tracciata nella delega all’esame del Parlamento.
Nel dettaglio, secondo i calcoli del Dipartimento, 1,13 milioni di nuclei familiari che si trovano nel primo decimo di reddito equivalente, quelle appunto più vulnerabili economicamente, godranno di un beneficio medio pari a 1.935 euro l’anno, con un’incidenza sul reddito lordo dell’11,6%, in grandissima parte ascrivibile all’assegno unico. I benefici si riducono gradualmente per i nuclei dei decimi di reddito successivi, in pratica i più ricchi, scendendo in media fino a circa 500 euro.
L’effetto redistributivo complessivo è positivo: l’indice di Gini, usato per misurare la diseguaglianza nella distribuzione del reddito disponibile delle famiglie, diminuisce dell’1,65%, indicando una “rilevante” diminuzione delle differenze. Allo stesso modo, anche l’indice di redistribuzione Reynold-Smolensky mostra un miglioramento significativo, con una variazione positiva pari all’8,4%. La riduzione dell’incidenza dell’imposta (-9,4% in termini di aliquota media effettiva) è più che compensata da un aumento tutt’altro che secondario nella progressività della riforma (+21,6%).
L’effetto redistributivo è inoltre maggiore per le aree del Mezzogiorno rispetto a quelle del Centro-Nord, come risulta dall’incremento dell’indice di redistribuzione globale (+12,3% al Sud, contro +9,6% al Centro e +8,2% al Nord) e dell’indice di Reynold-Smolensky (+11,2% al Sud, +7,2% al Centro, +7% al Nord).
“Gli effetti redistributivi per area geografica delle due riforme mostrano nel complesso un miglioramento nelle disuguaglianze territoriali. – spiega lo studio – Infatti, nel Sud Italia, l’indice di Gini calcolato per il reddito disponibile familiare presenta una riduzione maggiore rispetto allo stesso indicatore calcolato per le altre aree territoriali (-2,50%, contro il -1,66% del Centro e il -1,30% del Nord)”.
“Nel complesso, – commenta quindi il ministero nella nota di approfondimento – i risultati segnalano che la revisione dell’Irpef e l’introduzione del nuovo assegno unico universale sono strumenti efficaci per ridurre la disuguaglianza dei redditi disponibili nelle aree più svantaggiate del Paese”.

Economia tutte le notizie in tempo reale. LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, ECONOMIA, Notizie, Ultim'ora

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE: TUTTI GLI ULTIMISSIMI AGGIORNAMENTI ED APPROFONDIMENTI, IN TEMPO REALE, DAL MONDO ECONOMICO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE: LEGGI E RESTA AGGIORNATO!

Tempo di lettura: 94 minuti

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 14:33 DI DOMENICA 30 GENNAIO 2022

ALLE 22:06 DI MARTEDÌ 08 FEBBRAIO 2022

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Credito Fondiario diventa Banca CF+, obiettivo credito a pmi
Punta a superare i 4 miliardi di euro di attivi nel 2026
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
30 gennaio 2022
14:33
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Dall’esperienza di Credito Fondiario nasce Banca CF+, il nuovo gruppo bancario al servizio delle imprese.
La nuova realtà, che si posiziona come challenger bank tecnologicamente evoluta specializzata in soluzioni di finanziamento alle imprese in situazioni performing o re-performing, è stata presentata nel corso di un incontro in cui sono stati illustrati la nuova mission della banca, il modello di business, la squadra e una brand identity completamente rinnovata.

Il top management di Banca CF+ ha illustrato gli obiettivi del piano industriale a 5 anni, che si propone di superare i 4 miliardi di euro di attivi in gestione e di conseguire target di efficienza e profittabilità tra i più alti del sistema bancario: cost income al 42%, ROAE (Return on average equity) pari al 23%.
A seguito dell’articolata riorganizzazione societaria di Credito Fondiario – realizzata ad agosto 2021, che ha portato allo spin off delle attività di gestione e investimento in crediti deteriorati confluite in Gardant – guidano Banca CF+ Panfilo Tarantelli, in qualità di Presidente, e Iacopo De Francisco, come Amministratore Delegato e Direttore Generale.
Per meglio soddisfare le esigenze delle aziende cui si rivolge – la piccola e media impresa italiana, un segmento che conta più di 200.000 aziende con fatturato tra 2 e 100 milioni di Euro – Banca CF+ offrirà, attraverso una piattaforma tecnologica evoluta, diverse soluzioni specializzate di finanziamento per l’impresa: factoring, finanziamenti garantiti e non da MCC e SACE, acquisto di crediti fiscali.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mps: approfondimenti su conti, domani riunione sindaci
Sotto esame alcune poste una tantum. No comment Ue sul ceo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
03 febbraio 2022
13:46
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Attesa per Mps in vista del consiglio di lunedì, quando verrà discussa la posizione dell’ad, Guido Bastianini, ‘sfiduciato’ dal Mef e sulle cui deleghe il consiglio potrebbe andare alla conta.
All’interno della banca si stanno approfondendo alcune poste one-off che potrebbero impattare sul bilancio, che si sarebbe dovuto chiudere con un utile attorno ai 300 milioni.
Sul Monte inoltre, avrebbe acceso un faro la Consob chiedendo al collegio sindacale, già attivo sulla questione, di riunirsi domani.
Intanto la Commissione Ue non fa “assolutamente alcun commento, secondo la nostra prassi abituale” sulle voci di stampa secondo cui avrebbe chiesto discontinuità al vertice di Mps. E’ quanto ha affermato una portavoce nel punto stampa quotidiano, interpellata anche sulle ricostruzioni secondo cui la Ue troverebbe ‘troppo leggero’ il piano di Mps.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Superbonus:Orlando,incentivo solo se si rispettano contratti
Ministro pensa a stretta a favore della sicurezza nell’edilizia
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
03 febbraio 2022
13:46
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Governo valuta di “subordinare l’ottenimento dei benefici connessi ai bonus edilizi, il Superbonus 110%, all’applicazione dei contratti collettivi nazionali di settore, stipulati dalle organizzazioni sindacali più rappresentative”.
Lo afferma il ministro del Lavoro Andrea Orlando parlando della necessità, a fronte dei “gravissimi” dati sulle violazioni della sicurezza, di procedere con un “intervento normativo urgente e improcrastinabile”.

Il ministro ha spiegato che a seguito dell’attività di vigilanza speciale in edilizia disposta dall’INL, l’ispettorato Nazionale del Lavoro, negli ultimi quattro mesi del 2021, “l’87% delle oltre 5.000 imprese controllate è risultato irregolare in materia di sicurezza del lavoro”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano fiacca (-0,4%) con Europa dopo Bce
Qualche tensione sui titoli di Stati europei, ma spread tiene
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
03 febbraio 2022
14:07
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mercati azionari senza particolari scosse dopo la decisone della Bce sui tassi d’interesse e la conferma del programma di acquisto titoli, mentre inizia la conferenza stampa della presidente Christine Lagarde.

Amsterdam resta la Borsa più pesante della seduta con un calo dello 0,9%, con Francoforte in ribasso di oltre mezzo punto percentuale.
Milano con l’indice Ftse Mib scende dello 0,4%, mentre Parigi con Londra sono limate dello 0,2%. In lievissima controtendenza Madrid, che sale dello 0,1%.
Qualche tensione sui titoli di Stato europei, con lo spread tra Btp e Bund sempre attorno a quota 140, mentre il rendimento del prodotto del Tesoro sale all’1,46%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bce lascia tassi fermi, tasso principale a zero
Conferma scenario acquisto bond
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
03 febbraio 2022
14:09
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Banca centrale europea lascia, come atteso, i tassi d’interesse fermi: il tasso principale rimane a zero, il tasso sui depositi a -0,50% e il tasso sui prestiti marginali a 0,25%.
Lo comunica la Bce dopo la riunione di politica monetaria.
La Bce conferma lo scenario delineato a dicembre sugli acquisti di bond: il programma pandemico (Pepp) terminerà a marzo e fino ad allora proseguirà ad un ritmo inferiore, ma intende reinvestire il capitale che arriverà a scadenza “almeno fino al 2024”. Inoltre – si legge in una nota – “la futura riduzione del portafoglio del Pepp sarà gestita in modo da evitare interferenze con l’adeguato orientamento di politica monetaria” e “in condizioni di tensione, la flessibilità rimarrà un elemento della politica monetaria”
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Criptovalute: arriva dl, regole e registro per operatori
Sarà gestito dall’ Oam
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
03 febbraio 2022
14:45
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Arriva il decreto del ministero dell’Economia e delle Finanze che dà attuazione alle regole che dovranno essere seguite per operare con le criptovalute in Italia.
Il provvedimento prevede, tra l’altro, l’obbligo per gli operatori all’ iscrizione a un registro che sarà gestito dall’Oam, l’organismo degli agenti e dei mediatori creditizi.   TECNOLOGIA

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Pil: Upb, nel 2022 crescita al 3,9%, 2023 rallenta a +1,9%
Rafforzamento dalla primavera con migliori condizioni sanitarie
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
03 febbraio 2022
15:19
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Quest’anno il Pil italiano potrebbe crescere del 3,9%.
E’ la previsione dell’Ufficio parlamentare di bilancio (Upb) secondo cui, dopo un primo trimestre “molto debole” a causa della recrudescenza pandemica, la crescita si rafforzerebbe dalla primavera, “avvantaggiandosi del progressivo miglioramento delle condizioni sanitarie”.
Entro il primo semestre l’attività raggiungerebbe i livelli di fine 2019, prevede ancora l’Ufficio parlamentare di bilancio stimando per il 2023 un graduale percorso di normalizzazione, con un rallentamento della crescita a +1,9%, “anche per via dell’intonazione meno espansiva delle politiche economiche”.
Le previsioni, spiega l’Upb, assumono la completa attuazione dei programmi di investimento del Pnrr, concordati in sede comunitaria, oltre che la piena efficacia delle misure di politica monetaria della Bce, tenendo conto del loro graduale riassorbimento a partire da quest’anno. Secondo l’Autorità di controllo dei conti pubblici, “il complesso delle misure di stimolo finanziate con i fondi europei e degli interventi programmati con la manovra di bilancio per il 2022 sosterrebbe il Pil per circa tre punti percentuali nel triennio 2021-23”.
La stima dell’Ubp sul Pil di quest’anno non differisce molto da quella del Fondo monetario che prevede per l’Italia una crescita del 3,8%. Nella Nadef di ottobre, il governo ha stimato un aumento del 4,7% e recentemente il ministro dell’Economia, Daniele Franco, ha parlato di una crescita superiore al 4%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Gmm acquista Bavelloni, nasce big lavorazione pietra e vetro
Con oltre 100 milioni di fatturato e 400 dipendenti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
03 febbraio 2022
15:25
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Gmm, multinazionale tascabile con sede a Gravellona Toce (Verbania) attiva nei macchinari per il taglio, la fresatura e lucidatura dei materiali lapidei, ha acquisito la maggioranza del capitale di Bavelloni, azienda storica di Lentate sul Seveso (Monza e Brianza) produttrice di macchinari ed utensili per la lavorazione del vetro piano.

Questa operazione contribuisce alla crescita dimensionale del Gruppo Gmm che raggiunge così un fatturato superiore a 100 milioni di euro e circa 10 milioni di ebitda, creando uno dei principali players al mondo nei macchinari per la lavorazione di pietra e vetro.
Le previsioni per il 2022 sono “estremamente positive dato che l’attuale portafoglio ordini è al livello più elevato di sempre”.
Gmm è controllata dalla società di private equity Consilium – attraverso il fondo Consilium Private Equity Fund III – con cui ha realizzato un importante progetto di crescita raddoppiando in 5 anni il fatturato a livello consolidato, che nel 2021 è stato pari a 70 milioni, per l’85% realizzato all’estero. “Con l’unione di queste due società e delle loro eccellenze tecnologiche nasce un Gruppo industriale da oltre 100 milioni di fatturato e circa 10 milioni di ebitda, con 400 dipendenti, 7 stabilimenti produttivi e 8 filiali dirette a fortissima vocazione internazionale” spiega Marco Rampichini, ceo del Gruppo Gmm.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tasso Btp decennale ai massimi da maggio 2020 dopo Bce
Spread sfiora 150, euro schizza fino a oltre 1,14 dollari
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
03 febbraio 2022
16:01
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fiammata del rendimento del Btp decennale ai massimi dal maggio 2020, dopo la conferenza stampa della presidente della Bce, Christine Lagarde, che non ha escluso un rialzo dei tassi d’interesse nel 2022.

Il rendimento è salito fino all’1,6139%, con uno spread sul Bund che si è mantenuto appena sotto 150 punti base, ma in deciso rialzo rispetto a 139 di ieri.
Impatto anche sull’euro, volato brevemente fino a oltre 1,14 dollari da 1,1305 di ieri.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Meta perde 24% in apertura a Wall Street, dopo trimestrale
Perdita di utenti per la prima volta in 18 anni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
03 febbraio 2022
16:10
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Meta, la società che controlla Facebook e Instagram, ha perso il 24% in apertura a Wall Street, dopo i deludenti risultati della trimestrale di ieri, compresa la perdita di utenti per la prima volta in 18 anni.   MONDO

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Spread Btp Bund: sale a 146 punti su parole Lagarde
Il rendimento del decennale italiano sale all’1,59%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
03 febbraio 2022
15:55
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread tra i decennali BTp e Bund sale a 146 punti mentre da Francoforte sta parlando la presidente della Bce, Christine Lagarde.
Questa mattina si muoveva intorno ai 141 punti.
Il rendimento del decennale italiano è salito all’1,59%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Aumenta chi sceglie il mercato libero dell’energia
Rapporto Arera, meno contratti call center; si cambia fornitore
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
03 febbraio 2022
15:34
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sempre più famiglie e imprese passano al mercato libero dell’energia, soprattutto chiamando spontaneamente l’azienda oppure online e sempre meno dopo aver ricevuto una chiamata da un call center.
Alto il numero di cambi di fornitore, soprattutto per la luce con i i giovani che preferiscono il mercato libero E’ in sintesi quanto emerge dal secondo “Rapporto-monitoraggio dei mercati di vendita al dettaglio dell’energia elettrica e del gas”, dell’Arera (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) trasmesso al ministero della Transizione ecologica e alle Commissioni parlamentari competenti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel dettaglio, nel settore elettrico è servito il 59,7% delle famiglie (+2,4% in sei mesi) e il 70,4% delle imprese (+2,4%), nel settore gas il 62% dei clienti domestici (+1,8%) e il 71,3% dei condomini (+1,4%) uso domestico con consumi inferiori ai 200.000 Smc (standard metro cubo).
Il presidente di Arera, Stefano Besseghini osserva che “quando sarà passata la fase di prezzi altissimi nel gas e nell’elettricità, saranno i numeri a mostrarci se e come si modificheranno i nostri comportamenti di consumo e le nostre scelte di mercato” sottolineando che i rapporti periodici di Arera forniscono “elementi di valutazione per eventuali politiche strutturali”.
Tornando ai dati nella grande maggioranza delle regioni e delle province italiane più della metà dei clienti – domestici e non – è uscito dal regime di tutela, scegliendo un contratto di libero mercato per entrambi i settori luce e gas. In particolare, nel settore elettrico, l’83% (+2,1%) dei contratti siglati da clienti tra i 18 e 29 anni è nel mercato libero, scelta che resta maggioritaria fino alla fascia 70-79 anni, anche se con il crescere delle fasce di età, cresce la percentuale di clienti serviti in maggior tutela.
Soprattutto i clienti domestici e già nel mercato libero hanno cambiato fornitore a un ritmo elevato e per il 2021 potrebbe arrivare al 17,4% per la luce e al 12,4% per il gas ed è sopra al 50% la quota di clienti che, uscendo dalla maggior tutela, sceglie un contratto di libero mercato con lo stesso venditore.
Il Portale Offerte dell’Arera contiene, al 31 dicembre 2021, circa 3.881 offerte per la comparazione della spesa.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa più giù dopo Lagarde su inflazione, Milano -0,75%
Futures Usa negativi, Boe alza tassi, greggio debole,sale spread
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
03 febbraio 2022
15:15
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ampliano il calo le principali borse europee dopo le parole della presidente della Bce Christine Lagarde che prevede che “l’inflazione probabilmente resterà alta più a lungo di quanto ci si aspettasse in precedenza”.
La peggiore è Francoforte (-1,04%), preceduta da Milano (-0,8%), Parigi (-0,7%), Madrid (-0,3%) e Londra (-0,2%).

Negativi i futures Usa, stabili i tassi della Bce, in rialzo invece dallo 0,25 allo 0,5% quelli della Banca d’Inghilterra.
Giù il greggio (Wti -1% a 87,35 dollari al barile) a differenza del gas (+1,38% a 78,42 euro al MWh), positivi i metalli, con il ferro (+3,5%) e l’acciaio (+1,45%) su di giri, mentre l’oro e l’argento sono praticamente invariati, con il dollaro che avanza sull’euro ma non sullo yen e sulla sterlina. In arrivo gli ordini di fabbrica e di beni durevoli insieme all’indice Pmi composito e del terziario e alle riserve di gas naturale.
Le vendite si concentrano sui produttori di microprocessori Nordic (-4,88%), Infineon (-4%) ed Stm (-2,7%). Giù Ferrari (-2%) all’indomani dei conti, Volvo (-1,9%), Volkswagen (-0,8%) e Stellantis (-0,4%), mentre salgono Renault (+1,7%) e Mercedes (+1,12%). Contrastate le banche, con Santadert (+1,83%) e Deutsche Bank (+1,53%) in rialzo a differenza di Bbva (-2,7%), Unicredit (-1,4%), Intesa (-0,8%) e Banco Bpm (-0,42%), con lo spread tra Btp e Bund tedeschi in rialzo a 146,2 punti e il rendimento annuo dei titoli decennali in crescita di 14,2 punti all’1,568%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lagarde, inflazione alta più a lungo ma calerà in 2022
Se spread si amplia interverremo.Economia meno colpita da Covid
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
03 febbraio 2022
16:24
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’inflazione nell’Eurozona “ha sorpreso al rialzo” e “probabilmente resterà alta più a lungo di quanto ci si aspettasse in precedenza, ma scenderà nel corso dell’anno”.
Lo ha detto la presidente della Bce Christine Lagarde nella conferenza stampa aggiungendo che verranno valutate le nuove previsioni a marzo, ma che riguardo alle prossime mosse in materia di tassi di interesse “saremo graduali in qualsiasi decisione prenderemo” e comunque “non alzeremo i tassi prima di aver completato gli acquisti netti di titoli”.
Per ora, ha chiarito Lagarde “i rendimenti dei titoli europei sono saliti, ma gli spread non si sono allargati in misura significativa” e tuttavia se si dovessero allargare “ovviamente dovremo rispondere e abbiamo tutti gli strumenti e l’adeguata flessibilità per farlo”. Quanto all’economia dell’Eurozona, “è sempre meno colpita” dalle ondate del Covid” ha assicurato, e se nel primo trimestre la crescita è “sotto tono” poi accelererà nel corso dell’anno.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa frena con Wall Street, spread a 146, Milano -1%
Boe alza tassi, per Lagarde rialzo inflazione più lungo di stime
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
03 febbraio 2022
16:33
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Rallentano le principali borse europee sulla scia dei listini Usa in netto calo (Dow Jones -1,5% e Nasdaq -2%).
Milano lascia sul campo l’1%, Parigi l’1,4%, Francoforte l’1,33%, Londra lo 0,4% e Madrid lo 0,2%.
In calo oltre le stime le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione, mentre sono saliti oltre le attese gli indici Pmi composito (51,1 punti), del terziario (51,2 punti) e gli ordini di beni durevoli (+0,3%). Più bassi del previsto invece gli ordini di fabbrica (-0,4%). Sui listini pesano l’atteso rialzo dei tassi della Banca d’Inghilterra, mentre la Bce li ha lasciati invariati e leparole della presidente della Bce Christine Lagarde che prevede che “l’inflazione probabilmente resterà alta più a lungo di quanto ci si aspettasse in precedenza”. Resta alto a 146,5 punti lo spread tra Btp e Bund tedeschi, mentre guadagna 17 punti il rendimento annuo dei titoli decennali, che sale all’1,596%.
Sotto pressione i produttori di microprocessori Be (-4,88%), Nordic (-4,59%), Infineon (-4%) ed Stm (-2,8%). Contrastati gli automobilistici. Cedono Ferrari (-2,6%) all’indomani dei conti, Volvo (-3,11%) e Volkswagen (-1,37%), poco mossa Stellantis (-0,08%), positive invece Renault (+1,56%), spinta dagli analisti di Alpha Value, e Mercedes (+0,48%). Girano in positivo le banche banche dopo gli esiti degli Srep, l’esame sui requisiti minimi di capitale, della Bce. Brillanti Commerzbank (+4,37%), Sabadell (+4,12%), CaixaBank (+3,55%) e Santader (+3,42%). In Piazza Affari salgono Unicredit (+1,75%), Banco Bpm (+1,08%) e Bper (+1,06%). Più caute Mps (+0,5%) e Intesa (+0,17%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa debole nel finale con Wall Street, Milano -1%
Spread supera i 148 punti, pesano parole Lagarde , giù Saipem
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
03 febbraio 2022
17:15
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borse europee deboli nel finale, mentre a New York riduce il calo il Dow Jones (-0,65%) e proseguono le vendite sul Nasdaq (-2%).
Chiudono la classifica Francoforte e Parigi (-1,3% entrambe), mentre Milano cede l’1% e fanno un po’ meglio Londra (-0,4%) e Madrid (-0,07%).
In calo oltre le stime le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione americane, mentre sono saliti oltre le attese gli indici Pmi composito (51,1 punti) e del terziario (51,2 punti), così come gli ordini di beni durevoli (+0,3%). Più bassi del previsto invece gli ordini di fabbrica (-0,4%), mentre scendono oltre le stime le scorte settimanali di gas, in calo di 268 miliardi di piedi cubi. Sui listini pesano l’atteso rialzo dei tassi della Banca d’Inghilterra, mentre la Bce li ha lasciati invariati, e le le parole della presidente della Bce Christine Lagarde che prevede che “l’inflazione probabilmente resterà alta più a lungo di quanto ci si aspettasse in precedenza”. In rialzo a 148,1 punti lo spread tra Btp e Bund tedeschi, con il rendimento annuo in crescita di 20 punti all’1,626%.
Le vendite si concentrano sui produttori di microprocessori Asm (-5,39%), Nordic e Be (-5,1% entrambi), Infineon (-4,4%) ed Stm (-3,7%). In campo automobilistico cedono Ferrari (-3,3%) all’indomani dei conti, Volvo (-1,19%) e Volkswagen (-1,2%), poco mossa Stellantis (-0,24%). Bene Renault (+2,09%), spinta dagli analisti di Alpha Value, e Mercedes (+0,88%). Acquisti sulle banche dopo gli Srep della Bce. Brillano Commerzbank (+5,15%), Sabadell (+5%), CaixaBank (+4,9%) e Santader (+4%). In Piazza Affari salgono Unicredit (+1,78%), Banco Bpm e Bper (+1,35% entrambe), più caute invece Mps (+0,85%) e Intesa (+0,5%). Pesante Saipem, che lascia sul campo il 6% a 1,23 euro, toccando un nuovo minimo storico dopo un congelamento al ribasso.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude in calo, -1,09%
Indice Ftse Mib a quota 27.088 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
03 febbraio 2022
17:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza Affari ha chiuso la seduta in ribasso.
L’indice Ftse Mib ha ceduto l’1,09% a 27.088 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa chiude in rosso, Parigi -1,54%, Londra -0,61%
Debole anche per Francoforte (-1,63%), più cauta Madrid (-0,22%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
03 febbraio 2022
17:51
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Hanno chiuso in rosso le principali borse europee da Amsterdam (-2,19% a 748 punti) a Parigi (-1,54% a 7.005 punti) e Francoforte (-1,63% a 15.385 punti).
Più caute Londra (-0,61% a 7.536 punti) e Madrid (-0,22% a 8.693 punti).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund chiude a 150 punti, sui massimi dal 2020
Tasso Btp vola all’1,64%. Mercato vede rialzo tassi Bce in 2022
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
03 febbraio 2022
18:07
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread tra Btp e Bund chiude a 150 punti base – sugli schermi Bloomberg – rivedendo i massimi da settembre 2020 in un mercato che prezza un rialzo dei tassi d’interesse quest’anno dopo le parole della presidente della Bce Christine Lagarde.
Il rendimento del titolo decennale italiano è volato all’1,64%, un livello che non si vedeva da maggio del 2020.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude in calo (-1,1%), giù Saipem, bene banche
Spread sopra i 150 punti, Lagarde riaccende timori inflazione
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
03 febbraio 2022
18:23
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza Affari ha chiuso in calo, in linea con le altre borse europee e con Wall Street, nel giorno in cui la Banca d’Inghilterra ha alzato i tassi, a differenza della Bce che li ha lasciati invariati.
Sui listini hanno pesato le parole della presidente della Bce Christine Lagarde, che ha riacceso i timori sull’inflazione.
L’indice Ftse Mib ha ceduto l’1,1% a 27.088 punti, tra scambi brillanti, in linea con le ultime 5 sedute, per 2,8 miliardi di euro di controvalore. In rialzo il differenziale tra Btp e Bund tedeschi a 150,2 punti, con il rendimento in crescita di 21,2 punti (più del doppio dei titoli tedeschi e quasi due volte quelli francesi) all’1,638%, come nel maggio del 2020.
Sotto pressione Saipem (-6,38%) al 4/o calo consecutivo da lunedì scorso, quando ha ceduto il 30% per l’allarme sui conti.
Il titolo tocca oggi un nuovo minimo a 1,23 euro, contagiando anche Maire Tecnimont (-5,3%), che ha smentito ipotesi di stampa su una possibile fusione con la rivale in difficoltà. Sotto pressione anche Amplifon (-6,09%), Interpump (-4,31%) ed Stm (-4,07%) insieme al resto del comparto dei semiconduttori. Ha sofferto Nexi (-3,98%), mentre Ferrari (-3,71%) è scivolata all’indomani dei conti, che nella vigilia avevano fatto avanzare il titolo dell’1,5%. Pesanti anche Iveco (-2,95%) e Cnh (-1,62%), più cauta Stellantis (-0,58%), debole Exor (-2,04%) a monte della catena di controllo di quello che un tempo era raggruppato sotto l’insegna della Fiat.
Pochi i rialzi, limitati come nel resto d’Europa alle banche, dopo i risultati degli Srep della Bce sul profilo di rischio dei singoli Istituti. Unicredit ha guadagnato il 2,31%, Bper l’1,96%, Banco Bpm l’1,74% e Intesa l’1,15%. Bene anche Mps (+0,89%) e Bps (+0,57%) a differenza di Carige (-0,16%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Stellantis: accordi per uscite volontarie, saranno 714
Interessati Pratola Serra, cento, Cassino, Pomigliano e Torino
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
03 febbraio 2022
19:47
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Stellantis ha raggiunto una serie di accordi con i sindacati per consentire l’uscita volontaria con incentivi di 639 lavoratori, in continuità con intese già definite nel 2021.
Altri accordi per ulteriori 75 lavoratori saranno raggiunte a livello territoriale, sempre in continuità a quelli preesistenti.
Sono interessati i siti produttivi di Pratola Serra (Avellino), Cento (Ferrara), Cassino (Frosinone), Pomigliano (Napoli), Agap e Mirafiori (Torino).
Gli operai riceveranno 24 mensilità, e comunque non meno di 55.000 euro, mentre per gli impiegati l’incentivo varierà in base all’età. Gli importi saranno maggiorati di 20.000 euro per coloro che usciranno entro il 31 marzo.
Le uscite – spiegano i sindacati – erano già state concordate nel 2021, ma era necessario stipulare nuovi accordi sindacali a causa del cambiamento della normativa sulle uscite collettive.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: chiude in aumento a New York, a 90,21 dollari
Quotazioni salgono del 2,21%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
03 febbraio 2022
20:41
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il petrolio chiude in aumento a New York, dove le quotazioni salgono a 90,21 dollari al barile (+2,2%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: Wti oltre 90 dollari al barile come nel 2014
Rialzo di oltre il 2%, pesano rigori inverno Usa e tensioni Mo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
03 febbraio 2022
21:09
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il petrolio West Texas Intermediate (Wti) ha superato per la prima volta dal 2014 i 90 dollari, con un rialzo del 2,2% a 90,2 dollari al barile.
In crescita anche le quotazioni del Brent, il petrolio del Mare del Nord, che sale dell’1,49% a 90,97 dollari al barile, riducendo il tradizionale divario tra i 2 contratti.
Un balzo dovuto alle rigide condizioni invernali negli Usa e alle tensioni geopolitiche in Medio Oriente tra lo Yemen e gli Emirati.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Meta perde il 26% e brucia 250 miliardi a Wall Street
Amazon raddoppia l’utile ottobre-dicembre a 15,3 miliardi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
03 febbraio 2022
22:57
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Alla chiusura di Wall Street, Meta ha perso il 26,4% bruciando oltre 250 miliardi di dollari della capitalizzazione.
È una delle perdite maggiori nella storia della Borsa di New York.
Il crollo della casa madre di Facebook è dovuto al calo dei profitti nel quarto trimestre 2021 e alla perdita di un milione di utenti del social network, la prima in 18 anni, oltre che alle deludenti previsioni per il 2022.
Amazon chiude invece brillantemente l’ultimo trimestre 2021 quasi raddoppiando i profitti a 14,32 miliardi di dollari e con ricavi per 137,41 miliardi di dollari (+9%), in linea sostanzialmente con le previsioni degli analisti. Per il primo quadrimestre del 2022 il colosso dello shopping online prevede ricavi tra i 112 e i 117 miliardi di dollari, contro i 121 miliardi circa degli analisti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: Wti resta sopra 90 dollari, Brent oltre quota 91
Greggio americano sui livelli massimi dal 2014
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
04 febbraio 2022
08:26
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La fiammata del petrolio, che ha portato le quotazioni ieri ai massini dal 2014, non si spegne.

Le tensioni geopolitiche e le temperature gelide della costa Est degli Stati Uniti spingono i prezzi del Wti: il contratto con consegna a marzo è scambiato a 90,74 dollari con un rialzo dello 0,52%.
Sale in Europa anche il prezzo del Brent, a 91,43 dollari, pari ad un rialzo dello 0,35%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro sale ancora, è a 1,1454 dollari in avvio
Moneta unica spinta da possibile anticipo taglio tassi Bce
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
04 febbraio 2022
08:35
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’euro guadagna ancora terreno nei confronti del dollaro sulla scia delle parole di ieri di Christine Lagarde.
La presidente della Bce si è soffermata sulla questione inflazione lasciando intendere un possibile anticipo del rialzo dei tassi.
La moneta unica sale dello 0,12% sul dollaro a 1,1454 e dello 0,13% sullo yen a 131,71.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Asia positiva con petrolio, corre Hong Kong
In crescita i futures sull’avvio dei listini europei
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
04 febbraio 2022
08:37
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mercati azionari asiatici e dell’area del Pacifico in rialzo nell’ultima seduta della settimana anche grazie al petrolio che viaggia sui 90 dollari al barile: Tokyo ha concluso in aumento dello 0,7%, con Hong Kong che corre su una crescita di oltre il 3% con la riapertura degli scambi dopo diversi giorni di chiusura per festività.

Con le Borse cinesi e il listino di Taiwan ancora in ‘vacanza’, anche Seul si è disinteressata del finale pesante di Wall Street e soprattutto del Nasdaq di ieri, con un rialzo dell’1,5% nell’indice generale e dell’1,2% in quello dei titoli tecnologici.

Sidney, dove sono quotati diversi titoli che possono anticipare l’andamento dei loro settori in Europa, ha chiuso in aumento dello 0,6%.
Positivi i futures sull’avvio dei listini del Vecchio continente.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund apre a 150 punti, rendimento all’1,65%
Differenziale resta sui massimi dal 2020
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
04 febbraio 2022
08:43
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread tra Btp e Bund apre stabile a 150 punti base, livello toccato ieri in chiusura rivedendo i massimi da settembre 2020.
Sugli schermi di Bloomberg, il rendimento del titolo decennale italiano è all’1,65%.

Da ieri pomeriggio i titoli di Stato risentono della prospettiva di un possibile rialzo dei tassi d’interesse già quest’anno, lasciato intendere dalle parole della presidente della Bce Christine Lagarde.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano apre in rialzo, Ftse Mib +0,64%
In aumento anche l’indice Ftse All share, +0,60%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
04 febbraio 2022
09:03
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio positivo per Piazza Affari: l’indice Ftse Mib ha aperto in crescita dello 0,64%, l’Ftse All share in rialzo dello 0,60%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa parte positiva, Londra +0,8%
Tutti i listini in aumento sotto il punto percentuale
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
04 febbraio 2022
09:09
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mercati azionari del Vecchio continente in rialzo in avvio di seduta: Londra ha aperto in crescita dello 0,8%, seguita da Amsterdam (+0,7%), con Parigi e Madrid entrambe in aumento di mezzo punto percentuale.
Positiva anche la Borsa di Francoforte, che sale dello 0,3% iniziale.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano tiene con prove rimbalzo Saipem, cresce Intesa
In linea con Europa, qualche vendita su Unicredit e Stellantis
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
04 febbraio 2022
09:19
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
I primi scambi confermano l’avvio leggermente positivo di Piazza Affari, che sale dello 0,5% con l’indice Ftse Mib, in linea con gli altri listini europei.

Tra i titoli principali di Milano, Intesa cresce attorno all’1% dopo i conti e le stime sul monte dividendi.
Meglio fa Saipem che prova a recuperare e sale di circa due punti percentuali a 1,25 euro, con Fineco sulla stessa linea.
Qualche vendita su Unicredit e Stellantis, limate in partenza dello 0,5%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread sale fino a 154 punti, rendimento Btp sopra 1,7%
Titoli di Stato in tensione su prospettiva rialzo tassi Bce
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
04 febbraio 2022
09:29
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fiammata dello spread tra Btp e Bund sale dopo un avvio stabile.
Il differenziale è arrivato, nelle tabelle di Bloomberg, fino a 154 punti base, corrispondente ad un rendimento del decennale italiano dell’1,73%.

I titoli di Stato sono in tensione da ieri pomeriggio sulla prospettiva di un possibile rialzo dei tassi d’interesse già quest’anno, lasciato intendere dalle parole della presidente della Bce Christine Lagarde.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa incerta, Milano (-0,5%) debole con Poste
Spread torna a quota 150, pesa anche Stellantis
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
04 febbraio 2022
10:24
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo un avvio positivo, i mercati azionari europei si sono portati su un terreno incerto, con Milano (indice Ftse Mib -0,5%) che al momento è la Borsa peggiore sulla stessa linea di Francoforte.
Piatte le Borse di Parigi e Madrid, in rialzo dello 0,2% Amsterdam e di mezzo punto percentuale Londra.

I listini azionari guardano ancora alle possibili decisioni della Bce e al rialzo dei rendimenti sui titoli di Stato del Vecchio continente, con lo spread tra Btp e Bund tedeschi che è tornato comunque attorno ai 150 punti base, dopo la fiammata della prima parte della mattinata, e un rendimento per il prodotto del Tesoro all’1,67%.
In Piazza Affari, in particolare, cedono Poste (-3,4%) e Stellantis, che perde il 2,8%. Dopo una partenza con un tentativo di recupero, è passata chiaramente in negativo anche Saipem, che cede oltre due punti percentuali a 1,2 euro. In calo attorno all’1% Intesa che aveva segnato un avvio positivo dopo i conti e la stima sul monte dividendi, in aumento invece del 2% Fineco e di un punto percentuale Eni, in questo caso anche sulla tenuta del prezzo del petrolio oltre i 90 dollari al barile.
Abbastanza stabile il prezzo del gas sui mercati europei poco sopra gli 80 euro al Kilowattora.
Tra i titoli ‘minori’ del listino milanese, calma sui 0,95 euro Mps in attesa del Cda al momento convocato per lunedì.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Clima: Commissione Mims, rischio impatto fino -3,7% Pil 2050
Con un aumento temperatura inferiore a 2 gradi impatto di 0/-2%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
04 febbraio 2022
10:54
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il cambiamento climatico avrà un impatto sulla crescita economica italiana, causando un calo del Pil del 2050 anche nello scenario migliore con un aumento della temperatura inferiore a 2° C.
E’ quanto emerge dal rapporto su ‘Cambiamenti climatici, infrastrutture e mobilità’ realizzato dalla Commissione del Ministero delle infrastrutture e mobilità sostenibili coordinata da Carlo Carraro.

“Anche nel migliore dei casi, anche se ci limitassimo a un altro grado soltanto di incremento medio mondiale, cosa che sarebbe già un grande successo, il cambiamento climatico avrebbe degli impatti sull’Italia, in particolare su alcuni settori, agricoltura, turismo e infrastrutture costiere”, ha spiegato Carraro durante un evento online organizzato dal Mims. “Abbiamo pensato che saremo comunque in grado di ridurre le emissioni e collocarci in un incremento intorno ai 2.7-3 gradi a fine secolo: questo è il caso peggiore che abbiamo considerato nel rapporto. Anche in questo caso che è molto più ottimista di molti altri studi il cambiamento climatico ha sull’Italia degli impatti molto molto rilevanti al 2050 insostenibili perché le perdite che vedete sono insostenibili dal punto di vista economico”, ha aggiunto. Nelle slide illustrate, si vede che con un aumento della temperatura inferiore a 2° C, l’impatto sull’economia sarebbe di 0/-2% di perdita del Pil 2050; nello scenario medio di un aumento di circa 2,7°C la perdita per il Pil è stimata in -2,5%; infine nello scenario peggiore di un aumento di 4,4° C si prevede una perdita del -2,5/-3,7% per il Pil 2050.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Enel: +33,8% ricavi 2021, record per rinnovabili
Dati preliminari Gruppo, indebitamento sale per investimenti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
03 febbraio 2022
20:29
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Enel prepara la chiusura dei conti 2021 e dall’esame dei risultati consolidati preliminari dell’esercizio vede i ricavi a 88,3 miliardi di euro, in aumento del 33,8% rispetto ai 66 realizzati nel 2020, e l’Ebitda ordinario a 19,2 miliardi in crescita del 6,7% rispetto ai 18 miliardi dell’anno prima.
L’indebitamento finanziario netto si attesta a 52 miliardi di euro (45,4 miliardi di euro a fine 2020, +14,5%).
I dati definitivi sono attesi il 17 marzo.
Il gruppo energetico diffonde la nota dopo il Consiglio di amministrazione che ha esaminato i conti preliminari e spiega che il fatturato è aumentato innanzitutto per il settore Infrastrutture e Reti, per effetto delle maggiori quantità trasportate, conseguenti all’incremento della domanda di energia elettrica; poi grazie a Enel Green Power, per la maggiore produzione da fonti rinnovabili, business in cui il gruppo guidato da Francesco Starace si conferma il più grande operatore privato al mondo.
Il 2021 si è già mostrato un anno da record sul fronte dell’energia pulita: l’azienda ha raggiunto una capacità totale gestita di circa 54 Gw e punta dritto verso l’obiettivo di capacità complessiva (batterie comprese) di circa 154 Gw al 2030.
L’aumento del fatturato include il provento dalla cessione della partecipazione del 50% in Open Fiber per circa 2,73 miliardi di euro che ha più che compensato l’effetto cambi negativo, prevalentemente in America Latina. Questo introito ha comportato un effetto sull’indebitamento finanziario netto consolidato di circa 2,42 miliardi di euro. Questo incasso, insieme ai positivi flussi di cassa generati dalla gestione operativa e all’emissione di un prestito obbligazionario non convertibile subordinato ibrido perpetuo da 2,75 miliardi hanno contenuto l’indebitamento che, spiega Enel, è cresciuto per via di investimenti, pagamento dei dividendi e acquisto di un’ulteriore quota di partecipazione nel capitale di Enel Américas.
Ricavi e margine operativo lordo hanno goduto anche delle buone performance di Enel X e Generazione Termoelettrica e Trading.
Il colosso energetico accelera anche sulla trasformazione digitale delle reti elettriche e afferma il profilo della sostenibilità in ogni ambito del proprio business, compresa la propria strategia finanziaria. Fra le varie operazioni del 2021, anche l’acquisizione del 50% e Intesa Sanpaolo al 20% di Mooney per creare una fintech europea, visto che i pagamenti digitali sono sempre più utilizzati per le bollette elettriche e i servizi avanzati, come la mobilità elettrica, aveva spiegato il numero uno di Enel Francesco Starace.
Anche il digitale è al centro del business 2021 di Enel con il lancio di Gridspertise, una nuova controllata che aiuterà i Gestori dei sistemi di distribuzione a realizzare reti intelligenti in tutto il mondo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund ancora a 154 punti, tensione su bond europei
Pesa debito in vista scelte Bce, Piazza Affari debole (-1,3%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
04 febbraio 2022
11:57
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Seduta di forte tensione e tassi in altalena sui mercati dei titoli di Stato europei, con ripercussioni sui prodotti dei Paesi con il debito pubblico più elevato, anche vista delle prossime scelte della Bce sui tassi.

Lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 10 anni, in un clima di forte volatilità, è tornato anche ai massimi della giornata verso quota 154 punti base, con il rendimento del prodotto del Tesoro prossimo all’1,7%.
Si tratta dei livelli più elevati rispettivamente dal settembre 2020 e dal maggio dello stesso anno.
Il nervosismo, secondo gli operatori più di possibili tensioni nella maggioranza di governo, sta influenzando anche Piazza Affari, che si avvicina a metà giornata in calo dell’1,3% e si conferma, seguita da vicino da Francoforte, come la Borsa al momento più debole nel Vecchio continente.
Il listino azionario di Milano è appesantito da alcuni titoli come Poste, passata anche per l’asta di volatilità, che cede il 4% anche dopo una riduzione da parte di Equita dal suo portafoglio principale. Sullo stesso piano i cali di Saipem e Stellantis, mentre Eni tiene sopra la parità in linea con il petrolio.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Intesa Sanpaolo, utile 6,5 miliardi nel 2025, agli azionisti 22 miliardi
Il nuovo piano punta su digitale e meno costi. Messina, proiettiamo la banca nel futuro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
04 febbraio 2022
16:53
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Intesa Sanpaolo arriverà nel 2025 ad avere un utile netto di 6,5 miliardi e un aumento del Rote (Return on tangible equity ovvero il rendimento del patrimonio netto tangibile) a circa il 14 per cento.
E’ il nuovo piano del gruppo che ha chiuso invece il 2021 con un utile netto a 4,18 miliardi, in crescita del 19,4% al 2020.
La banca proporrà all’assemblea una cedola di 7,89 centesimi di euro per azione come saldo dividendi. Il ritorno per gli azionisti sarà complessivamente di 4,9 miliardi, perché il cda oltre a 1,5 miliardi di saldo dividendi 2021 ha deliberato un buy back da 3,4 miliardi.
Il nuovo piano d’impresa prevede anche una significativa riduzione del profilo di rischio. Intesa Sanpaolo vuole essere una banca a ‘zero Npl’ e senza impatto dal calendar provisioning, per arrivarci prevede crediti deteriorati ridotti nel 2025 a 9,3 miliardi di euro al lordo delle rettifiche, da 15,2 miliardi nel 2021, e a 4,6 miliardi al netto, da 7,1 miliardi nel 2021.
L’ad Carlo Messina lo ha costruito su 5 pilastri: forte riduzione del profilo di rischio, con un conseguente taglio del costo del rischio; una riduzione strutturale dei costi, resa possibile dalla tecnologia. Intesa punta anche su una crescita delle commissioni, trainata dalle attività di Wealth Management, Protection & Advisory; un forte impegno Esg, con un posizionamento ai vertici mondiali per l’impatto sociale e grande focus sul clima. Il quinto pilastro del piano sono le persone del Gruppo ritenute la “risorsa più importante”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Il nuovo piano d’impresa ci trasporta nel futuro e crea la banca dei prossimi dieci anni”. Lo ha detto il ceo di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina, nel corso della conference call con gli analisti finanziari per presentare il nuovo piano d’impresa ed i risultati del 2021. “Una solida distribuzione di valore – ha aggiunto – restano una priorità. Così come la remunerazione degli azioni”.
“Non stiamo considerando nessuna acquisizione o fusione. Il capitale in eccesso non sarà utilizzato per acquisizioni o fusioni”, ha spiegato Messina.
“Dopo il buon piano di Unicredit ecco quello di Banca Intesa. Finalmente di nuovo l’Italia che vuol vincere”, commenta Francesco Gaetano Caltagirone. “Con un progetto coraggioso e realistico il campione nazionale Banca Intesa Sanpaolo, con la presidenza del professor Gros Pietro e la guida del dottor Messina, si prepara ad anni di espansione. Poi un bravo al dottor Messina che ha visione, determinazione e sa guidare e motivare una squadra piena di eccellenze”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lavoro: Orlando, smart working non va demonizzato
Ministro, è una grande occasione da cogliere
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
04 febbraio 2022
13:50
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Lo smart working può aiutare, è una grande occasione che può essere colta anche dal Mezzogiorno, soprattutto per le aree interna.
Un po’ di demonizzazione fatta va rivista, lo dicono le grandi Company: è un modo per ripensare le nostre città, il rapporto tra lavoro e tempo libero, tra periferie e centro”.
Così il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, intervenendo all’evento ‘Italia domani” organizzato a Palermo dalla Presidenza del Consiglio.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Pnrr: Istat, per metà imprese non ha nessuna rilevanza
Nel primo semestre 2022. Domanda interna fattore più importante
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
04 febbraio 2022
13:59
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Per circa la metà delle imprese italiane molte delle misure che costituiscono il Piano nazionale di ripresa e resilienza non hanno “nessuna” rilevanza come fattore di sostegno nel primo semestre del 2022.
E’ quanto emerge dal report Istat, “Situazione e prospettive delle imprese dopo l’emergenza sanitaria Covid-19”, secondo cui guardando ai capitoli ‘digitalizzazione’, ‘rivoluzione verde’ e ‘infrastrutture e mobilità sostenibili’, “circa la metà delle imprese non li considera rilevanti come traino dell’attività”.

Il fattore di sostegno più importante è invece considerata la domanda interna.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano debole (-1,5%), rifiata Saipem
Spread a quota 152. In rialzo petrolio e gas naturale
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
04 febbraio 2022
14:17
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mercati azionari del Vecchio continente generalmente in calo in attesa dell’avvio di Wall street, i cui future sono incerti: Milano resta la Borsa più pesante con un calo dell’indice Ftse Mib dell’1,5% a 26.690 con un minimo di seduta a quota 26.517.
Vendite consistenti anche a Francoforte (-1,2%) e Madrid (-1%), con Parigi in ribasso dello 0,6%, mentre Amsterdam e Londra ondeggiano attorno alla parità.

A pesare sui listini sono ancora le possibili scelte future della Bce sui tassi, con il conseguente nervosismo sul mercato dei titoli di Stato. In questo contesto, lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 10 anni si muove attorno ai 152 punti base e il rendimento del prodotto del Tesoro sull’1,7%.
In Piazza Affari la tensione e la volatilità restano elevate e tra i titoli principali si registra sempre lo scivolone di Poste (-5% anche dopo una riduzione da parte di Equita dal suo portafoglio principale), mentre Stellantis perde oltre quattro punti percentuali.
Intesa San Paolo cede l’1,7% nel giorno dei conti e Mps scende dell’1,3% in attesa del Cda, mentre Saipem si muove sulla parità dopo la nomina del nuovo direttore generale. Anche grazie alla forza del prezzo del petrolio oltre i 90 dollari, Eni sale dell’1%, con Tenaris in aumento dell’1,8%.
In crescita del 3% a 82 euro al Megawattora il gas naturale sui mercati europei.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piaggio: in 2021 ricavi a 1,66 miliardi (+27%)
Colaninno, preparati a criticità inflazione e supplychain
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
04 febbraio 2022
14:21
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piaggio ha esaminato e approvato i dati preliminari dell’esercizio 2021, che vede ricavi netti consolidati per circa 1.668 milioni di euro, in miglioramento del 27 per cento.

“I dati preliminari evidenziano una progressiva uscita dalla situazione che si era deteriorata nel corso del periodo pandemico, nonostante il perdurare delle difficoltà nel continente indiano dovute a continui lock-down in molte zone del Paese” commenta il presidente e ad Roberto Colaninno.
“In tutti i mercati si assiste a un buon incremento delle vendite e questo lascia intravedere un positivo andamento del fatturato. Come noto, permangono alcune criticità legate alla logistica dei materiali e ai tassi di inflazione, ma siamo preparati per affrontare questa situazione. Gli investimenti in nuove tecnologie e prodotti per una mobilità sempre più sostenibile continuano come abbiamo pianificato e non vedo ad oggi alcun motivo di rallentare”.
L’indebitamento finanziario netto (Pfn) al 31 dicembre 2021 risulta pari a circa 380 milioni di euro, in miglioramento di 43 milioni di euro rispetto ai 423,6 milioni di euro consuntivati al 31 dicembre 2020. Al contempo nel 2021 gli investimenti sono stati pari a circa 154 milioni di euro, incrementati del 10% rispetto all’anno precedente (140,4 milioni di euro al 31 dicembre 2020).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Saipem: Puliti nuovo direttore generale, affianca Caio
A manager conferite ampie deleghe operative e gestionali
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
04 febbraio 2022
14:24
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Alessandro Puliti è il nuovo direttore generale di Saipem.
Lo ha deciso il consiglio di amministrazione che si è riunito nella mattinata.
Il manager, che avrà “ampie deleghe operative e gestionali”, subentra nell’incarico a Francesco Caio, che mantiene la delega di amministratore delegato.
La nomina rientra in un piano di riassetto della struttura organizzativa, funzionale a “migliorare la capacità esecutiva dei progetti e a completare la revisione strategica in corso finalizzata, al rafforzamento della struttura patrimoniale e finanziaria del gruppo”, si legge in una nota.
Una “revisione strategica”, quella messa in atto da Saipem, che verrà presentata in insieme ai risultati economici del 2021 il prossimo 24 febbraio, che oltre a una “nuova direzione generale con ampie deleghe operative e gestionali”, prevede l’istituzione di una unità finalizzata a “rafforzare l’attività di pianificazione e controllo finanziario delle commesse e delle altre attività gestionali” e la concentrazione delle attività legali e negoziali in una “funzione corporate nell’ambito della nuova direzione generale”.
Puliti, attuale direttore generale Natural Resources di Eni, assumerà il nuovo incarico in Saipem il prossimo 7 febbraio.
Alla squadra di comando di Saipem si unisce inoltre Paolo Calcagnini, attuale vicedirettore generale e ‘chief business officer’ di Cdp, a cui verrà affidata la nuova unità di pianificazione e controllo finanziario.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Facebook: nuova multa da authority Gb per acquisizione Giphy
Meta annuncia che pagherà sanzione da 1,8 milioni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
04 febbraio 2022
14:25
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Cma (Competition and Markets Authority), agenzia regolatrice britannica sulla concorrenza e il mercato, ha multato per la seconda volta Meta, la casa madre di Facebook, per nuovi problemi rispetto all’acquisizione di Giphy, strategica start-up specializzata nell’animazione grafica.
La cifra richiesta in questo caso è di 1,5 milioni di sterline (1,8 milioni di euro) rispetto a quella precedente di 50 milioni di sterline (60 milioni di euro).

La Cma aveva già ordinato la cessione di Giphy per non incrementare ulteriormente il potere nel mercato dei social media. Facebook, che aveva avviato un ricorso rispetto alla richiesta di vendita, ha comunicato di voler pagare la nuova sanzione.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Istat, 80% imprese vede recupero solidità
3% a rischio. 12% sta assumendo, difficoltà a trovare competenze
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
04 febbraio 2022
14:30
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oltre l’80% delle imprese, che rappresentano più del 90% del valore aggiunto, prevedono di trovarsi in una situazione di completa (41,3%) o parziale (39,5%) solidità entro la prima metà del 2022.
Poco più del 3% si giudica invece gravemente a rischio.
E’ quanto emerge dal report dell’Istat, sulla situazione e prospettive delle imprese dopo l’emergenza sanitaria Covid-19. Il 9,4% delle imprese ha aumentato il personale nella seconda metà del 2021, mentre un altro 12,1% sta assumendo. Ma tra queste quasi i due terzi segnalano difficoltà a reperire le competenze necessarie.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ue-19: Eurostat, cala commercio dettaglio, -3% a dicembre
In calo del 2,8% nell’Ue
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
04 febbraio 2022
14:30
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
A dicembre, il volume del commercio al dettaglio destagionalizzato è diminuito del 3% nell’area dell’euro e del 2,8% nell’Ue.
Lo stima Eurostat.

Rispetto al dicembre 2020 l’indicatore segna una crescita del 2% in area euro e del 2,6% nell’Ue. A novembre il commercio al dettaglio era aumentato dell’1% nell’area dell’euro e dello 0,9% nell’Ue. Il livello medio annuo per l’intero 2021 è di una crescita del 5% nell’area dell’euro e del 5,5% nell’Ue.
Tra gli Stati membri, maggiori cali per Paesi Bassi (-9,2%), Spagna (-5,7%) e Germania (-5,5%). Rialzi maggiori per Lettonia (+7,2%), Slovenia (+2,1%), Bulgaria e Ungheria (entrambi +1%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Consob: Ciocca, in finanza occhi a fisco e antiriciclaggio
Legati ma obiettivi diversi, trasversali a crypto
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
04 febbraio 2022
14:33
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
In un ecosistema complesso come quello dei crypto-asset ricoprono un ruolo importante due temi non fintech, ma che accompagnano il dibattito quando si parla di finanza.
Cioè i temi fiscali e di antiriciclaggio.
Temi che sono stati affrontati durante l’incontro organizzato da Consob e dall’Osservatorio Blockchain & Distributed Ledger “Crypto-asset: profili fiscali e di antiriciclaggio”, dove si è discusso delle normative applicabili a crypto-asset e token.
“Noi tendiamo sempre ad accumunare il tema fiscale con quello dell’antiriciclaggio, perché intervengono delle catene di valore logicamente legate, ma in verità sono due cose profondamente diverse. L’antiriciclaggio è un tema di compliance, il tema fiscale è un tema sostanziale, con l’obiettivo di far partecipare alla contribuzione dello Stato il valore prodotto da una transazione” le parole di Paolo Ciocca, commissario della Consob. “L’antiriciclaggio è un mondo globale e coordinato globalmente anche nella sua definizione, il mondo fiscale non è coordinato come l’antiriciclaggio, con la pretesa tributaria è per definizione nazionale”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Eni: Var Energy in Borsa a Oslo dal 16 febbraio
Forchetta di prezzo tra 2,81 e 3,16 euro a cambi attuali
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
04 febbraio 2022
14:34
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le azioni di Var Energi, controllata da Eni e Hitec Vision, debutteranno in Borsa a Oslo il 16 febbraio 2022.
Lo rende noto Eni in un comunicato, spiegando che l’Ipo avverrà ottenuta l’approvazione della domanda di quotazione.

Le azioni di Var Energi saranno offerte in vendita in un intervallo di prezzo indicativo compreso tra 28,00 corone norvegesi (circa 2,81 euro all’attuale rapporto di cambio) e 31,50 di corone (circa 3,16 euro) per azione, “corrispondente – spiega la nota – a un equity value di Var Energi compreso tra 70 miliardi di Nok e 79 miliardi di Nok”.
L’offerta potrà raggiungere fino a 220.000.000 di azioni esistenti offerte in parti uguali dagli azionisti della Società, Eni e HitecVision (tramite Point Resources Holding AS), con l’opzione di un’offerta addizionale fino a 55.000.000 azioni esistenti offerte in parti uguali.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Usa: creati 476mila posti, ma la disoccupazione sale al 4%
Atteso l’intervento del presidente Biden
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
04 febbraio 2022
15:21
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nonostante il picco della variante Omicron, l’economia americana ha creato in gennaio 476.000 posti di lavoro, “decisamente sopra le attese”, secondo il governo Usa.
Il tasso di disoccupazione è invece salito leggermente al 4% (+0,1%).
Sui dati, resi noti dal ministero del lavoro, parlerà oggi il presidente, Joe Biden.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Giovannini, spero ok Senato rigenerazione urbana entro mese
Al voto emendamenti la prossima settimana
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
04 febbraio 2022
15:31
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sul ddl sulla rigenerazione urbana “dovremmo essere finalmente sulla strada giusta”.
Lo ha detto il ministro delle infrastrutture e mobilità sostenibili Enrico Giovannini ad un seminario per la presentazione di due rapporti del Ministero.
“Il Senato dopo il lavoro fatto con la commissione Ambiente dovrebbe iniziare a votare la prossima settimana gli emendamenti – ha detto Giovannini – per arrivare, spero entro la fine del mese, almeno al Senato a varare questa legge attesa da tantissimo tempo e che era impantanata da posizioni diverse dei vari gruppi politici”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa resta pesante con Wall Street incerta
Milano e Francoforte -1,7%, effetto spread anche su Poste
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
04 febbraio 2022
16:01
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Si confermano molto deboli i listini europei dopo l’avvio titubante di Wall Street.
Milano e Francoforte segnano i maggiori cali (entrambe -1,7%) mentre Parigi cede lo 0,80% e fa meglio Londra, fuori dall’eurozona (-0,16%).

Ci sono tensioni diffuse sui titoli di Stato per la prospettiva di un progressivo stop all’acquisto di titoli da parte della Bce insieme a un possibile aumento dei tassi, magari già nella seconda metà dell’anno. A soffrire sono i paesi più indebitati come l’Italia che vede ora lo spread Btp-Bund a 153,1 punti con un rendimento del decennale all’1,72%.
Sul mercato azionario di Piazza Affari a fare da zavorra è Poste (-5,9%) dopo che Equita ha ridotto il peso del titolo nel suo portafoglio principale rilevando che l’aumento dello spread dei Btp riduce la visibilità delle plusvalenze sul valore attuale netto e inoltre che la nuova regolamentazione introdotta dal governo non aiuta la visibilità sullo sviluppo del business del tax credit. Sul fronte opposto in luce Tenaris (+2,14%) ed Eni (+1,93%) grazie al petrolio in decisa crescita.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Veneto Banca: Consoli condannato a 4 anni
Pm avevano chiuesto 6 anni di reeclusione
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TREVISO
04 febbraio 2022
16:40
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Tribunale di Treviso ha condannato a quattro anni di reclusione l’ex amministratore delegato di Veneto Banca, Vincenzo Consoli, accusato dalla Procura della Repubblica di ostacolo alla vigilanza e falso in prospetto (oltre al reato di aggiotaggio, nel frattempo prescritto) in relazione al crac dell’istituto montebellunese, liquidato e passato a Intesa Sanpaolo nel giugno del 2017.
I pm Massimo De Bortoli e Gabriella Cama avevano chiesto, il 20 gennaio scorso, una pena a sei anni di reclusione, ritenendo le circostanze aggravanti prevalenti sulle attenuanti per la scarsa collaborazione all’accertamento della verità.   CRONACA

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Usa: Zuckerberg rischia di uscire dalla top 10 dei miliardari
Dopo il tonfo di Meta che gli è costato 31 miliardi di euro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
04 febbraio 2022
17:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mark Zuckerberg rischia di uscire dalla top dei 10 più ricchi del pianeta dopo il tonfo di Meta a Wall Street che a lui personalmente è costato 31 miliardi.
Lo riporta la Cnn.
In un giorno il creatore di Facebook  – il social che il 4 febbraio compie 18 anni di vita – ha infatti perso ben tre posizioni nella lista dei miliardari stilata da Bloomberg finendo all’ultimo posto dietro al co-fondatore di Oracle Larry Ellison e poche centinaia di milioni davanti al magnate indiano dell’energia Mukesh-Ambani, l’uomo più ricco dell’Asia. In testa, e con un ampio margine, resta saldo Elon Musk.
Zuckerberg, 37 anni, possiede il 24,2% di Meta, secondo i dati della Sec del febbraio 2021. Dopo il collasso di ieri della casa madre di Facebook, Instagram, Whatsapp e Messenger.
Intanto ,a Cma (Competition and Markets Authority), agenzia regolatrice britannica sulla concorrenza e il mercato, ha multato per la seconda volta Meta, la casa madre di Facebook, per nuovi problemi rispetto all’acquisizione di Giphy, strategica start-up specializzata nell’animazione grafica. La cifra richiesta in questo caso è di 1,5 milioni di sterline (1,8 milioni di euro) rispetto a quella precedente di 50 milioni di sterline (60 milioni di euro). La Cma aveva già ordinato la cessione di Giphy per non incrementare ulteriormente il potere nel mercato dei social media. Facebook, che aveva avviato un ricorso rispetto alla richiesta di vendita, ha comunicato di voler pagare la nuova sanzione.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude in ribasso (-1,79%)
Indice Ftse Mib termina la settimana a 26.603 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
04 febbraio 2022
17:49
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Chiusura in deciso ribasso per Piazza Affari.
L’indice Ftse Mib ha lasciato sul terreno l’1,79% a 26.603 punti.

Si tratta comunque di un livello al di sopra di quello con cui aveva concluso la settimana precedente (26.565 punti).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa termina in calo, Francoforte -1,75%
Parigi -0,77%. Fuori dall’eurozona tiene Londra (-0,17%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
04 febbraio 2022
18:02
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee chiudono col segno meno l’ultima seduta della settimana dominata dalla ‘sorpresa’ Bce.
Francoforte cede l’1,75% e Parigi lo 0,77%.

Al di fuori dell’eurozona Londra, dove la Bank of England ha già alzato i tassi come era previsto, conclude poco sotto la partià (-0,17%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp Bund: conclude in rialzo a 154 punti
Dopo aver superato soglia 155. Rendimento all’1,72%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
04 febbraio 2022
18:10
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread Btp Bund conclude l’ultima seduta della settimana in rialzo a 154,2 punti, dopo aver superato la soglia dei 155 punti base, ai livelli di luglio 2020.
Alla vigilia e in apertura si era già portato a 150 punti sulla scia del cambio di passo della Bce che fa attendere uan politica monetaria più restrittiva con un possibile rialzo dei tassi già nel corso del 2022.

Il rendimento del decennale italiano resta in tensione e sale all’1,72% dove era a maggio di due anni fa.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Biden: ‘Gli Usa sono tornati a lavoro, record di 6,6 milioni di nuovi posti’
Il presidente: ‘Risultato del mio primo anno sull’occupazione senza precedenti’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
04 febbraio 2022
18:14
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Gli Usa sono tornati al lavoro, nel mio primo anno alla Casa Bianca sono stati creati 6,6 milioni di posti di lavoro, una cifra senza precedenti”, lo ha detto Joe Biden commentando gli ultimi dati sul lavoro.
Nonostante il picco della variante Omicron, l’economia americana ha creato in gennaio 476.000 posti di lavoro, “decisamente sopra le attese”, secondo il governo Usa.
Il tasso di disoccupazione è invece salito leggermente al 4% (+0,1%).
Sui dati, resi noti dal ministero del lavoro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano pesante, cede Poste, controcorrente Tenaris
Male Saipem, guadagna Eni. Intesa chiude debole
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
04 febbraio 2022
18:34
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Seduta pesante per Piazza Affari con l’indice Ftse Mib che lascia sul terreno l’1,7%.
Il mercato sconta ancora la prospettiva di un possibile anticipo nel rialzo dei tassi di interesse da parte della Bce: salgono i rendimenti non solo dei Btp ma anche dei bond societari e diventa più caro finanziare il debito pubblico e quello privato.

A patire più di tutti è Poste Italiane (-6,24%), dopo che Equita ha ridotto il peso del titolo nel suo portafoglio, e gli automobilistici Stellantis (-5,25%) e Cnh (-3,48%). Male Saipem (-3,24%) dove arriva un nuovo direttore generale al posto di Francesco Caio che resta solo come amministratore delegato. Eni (+1,45%) invece è tra i pochi a guadagnare, preceduto solo da Tenaris (+2%), entrambi aiutati dalle quotazioni del petrolio.
Debole Intesa nel giorno dei conti e del piano (-2,24%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: chiude in aumento a New York, a 92,46 dollari
Quotazioni salgono del 2,43%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
04 febbraio 2022
20:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il petrolio chiude in aumento a New York, dove le quotazioni salgono a 92,46 dollari al barile (+2,43%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sud: Confcommercio, occupazione donne crolla al 33%
Trenta punti indietro al resto dell’Italia e Ue
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
05 febbraio 2022
09:47
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il tasso di occupazione delle donne nella fascia 15-64 anni al Sud “è precipitato al 33%” contro un tasso di occupazione del 59,2% al Centro-Nord e del 63% nell’Ue-27, ossia 30 punti indietro al resto dell’Italia e dell’Europa.
Lo rileva il Centro studi di Confcommercio in un rapporto sul Sud e il Pnrr sui dati al 2019, in cui si sottolinea che addirittura in Calabria il tasso di occupazione delle donne è sceso dal 31% del 2007 al 30,3%.
La partecipazione delle donne al mercato del lavoro nel Mezzogiorno è “assurdamente bassa”, afferma Confcommercio.

“Se la sola spesa degli stranieri al Sud avesse la stessa incidenza del Nord-ovest nel 2019 il Pil del Sud sarebbe stato più elevato dell’1% circa”. Lo rileva il Centro studi di Confcommercio in un rapporto sul Sud e il Pnrr, aggiungendo che “se raggiungesse la quota del Centro” il Pil meridionale “sarebbe più elevato di quasi 10 miliardi di euro” (+2,5% reale ai prezzi del 2015).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Confcommercio rivede al ribasso le proprie stime sul Pil per quest’anno: dal 4% stimato a dicembre al 3,5-3,7%. Il dato lo ha anticipato il direttore dell’Ufficio studi della Confederazione, Mariano Bella, durante la presentazione di un rapporto sul Sud e il Pnrr, spiegando che nelle prossime settimane arriverà il dato ufficiale. Il Governo al momento prevede per quest’anno una crescita del 4,7%.

“La crisi Covid ha indebolito ulteriormente il Mezzogiorno in termini di occupazione, capitale produttivo e reddito. Con il Pnrr è possibile recuperare il terreno perduto attraverso quasi il doppio degli investimenti pubblici che, se indirizzati presto e bene, attireranno anche ingenti risorse private rafforzando la filiera turistica. Solo così potremo assicurare una crescita robusta non solo al Sud ma all’intero Paese”. Così il Presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, commenta l’analisi dell’Ufficio Studi della Confederazione su Pnrr e Sud diffusa oggi.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Confindustria: produzione in forte caduta, stima -1,3% a gennaio
Caro-energia,non conviene produrre. Seri rischi per risalita Pil
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
05 febbraio 2022
10:02
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“La produzione industriale italiana è stimata in forte caduta a gennaio -1,3%, dopo -0,7% a dicembre”.

Lo calcola il centro studi di Confindustria indicando che “la contrazione è dovuta al caro-energia (elettricità +450% a gennaio 2022 su gennaio 2021) e al rincaro delle altre commodity che comprimono i margini delle imprese e, in diversi casi, stanno rendendo non più conveniente produrre.
A questo si sommano le persistenti strozzature lungo le catene globali del valore. Tale dinamica – avvertono gli economisti di via dell’Astronomia – mette a serio rischio il percorso di risalita del Pil, avviato lo scorso anno”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Superbonus: Confartigianato, subito a rischio 127mila assunzioni
Via la stretta su cessione credito, affossa mercato costruzioni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
05 febbraio 2022
10:02
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Con un “vero e proprio percorso ad ostacoli”, “gli stop and go normativi sull’utilizzo dei bonus edilizia e riqualificazione energetica stanno rallentando la ripresa del settore delle costruzioni”.
Confartigianato lancia l’allarme sottolineando che da una rilevazione del suo ufficio studi emerge che “in particolare, sono a rischio le assunzioni di 127mila lavoratori previste dalle imprese del settore nel primo trimestre del 2022”.

L’associazione di artigiani e piccole imprese, guidata da Marco Granelli, avverte: “Via le restrizioni alla cessione del credito”; “assunte con il pur doveroso e condivisibile intento di contrastare le truffe, rischiano di affossare il mercato delle costruzioni, l’occupazione del settore, la propensione dei cittadini a effettuare interventi di manutenzione ed efficientamento energetico delle abitazioni, allontanando anche gli obiettivi di abbattimento delle emissioni ambientali”, ed “i segnali negativi arrivano già da una sensibile riduzione dei lavori conclusi ammessi a detrazione: a gennaio ammontano a 1.563 milioni di euro, un valore praticamente dimezzato (-46,2%) rispetto ai 2.904 milioni di dicembre 2021 (che aveva segnato un +87,5% rispetto a novembre 2021)”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sud: Confcommercio, occupazione donne crolla al 33%
Stime Pil 2022 riviste al ribasso, da 4% a 3,5-3,7%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
05 febbraio 2022
10:43
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il tasso di occupazione delle donne nella fascia 15-64 anni al Sud “è precipitato al 33%” contro un tasso di occupazione del 59,2% al Centro-Nord e del 63% nell’Ue-27, ossia 30 punti indietro al resto dell’Italia e dell’Europa.
Lo rileva il Centro studi di Confcommercio in un rapporto sul Sud e il Pnrr sui dati al 2019, in cui si sottolinea che addirittura in Calabria il tasso di occupazione delle donne è sceso dal 31% del 2007 al 30,3%.
La partecipazione delle donne al mercato del lavoro nel Mezzogiorno è “assurdamente bassa”, afferma il centro studi.
“La crisi Covid ha indebolito ulteriormente il Mezzogiorno in termini di occupazione, capitale produttivo e reddito. Con il Pnrr è possibile recuperare il terreno perduto attraverso quasi il doppio degli investimenti pubblici che, se indirizzati presto e bene, attireranno anche ingenti risorse private rafforzando la filiera turistica”, ha detto il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli.
La Confederazione rivede poi al ribasso le proprie stime sul Pil per quest’anno: dal 4% stimato a dicembre al 3,5-3,7%. Il Governo al momento prevede per quest’anno una crescita del 4,7%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Superbonus: Confartigianato, subito a rischio 127mila assunzioni
Via la stretta su cessione credito, affossa mercato costruzioni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
05 febbraio 2022
10:46
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Con un “vero e proprio percorso ad ostacoli”, “gli stop and go normativi sull’utilizzo dei bonus edilizia e riqualificazione energetica stanno rallentando la ripresa del settore delle costruzioni”.
Confartigianato lancia l’allarme sottolineando che da una rilevazione del suo ufficio studi emerge che “in particolare, sono a rischio le assunzioni di 127mila lavoratori previste dalle imprese del settore nel primo trimestre del 2022”.

L’associazione di artigiani e piccole imprese, guidata da Marco Granelli, avverte: “Via le restrizioni alla cessione del credito”; “assunte con il pur doveroso e condivisibile intento di contrastare le truffe, rischiano di affossare il mercato delle costruzioni, l’occupazione del settore, la propensione dei cittadini a effettuare interventi di manutenzione ed efficientamento energetico delle abitazioni, allontanando anche gli obiettivi di abbattimento delle emissioni ambientali”, ed “i segnali negativi arrivano già da una sensibile riduzione dei lavori conclusi ammessi a detrazione: a gennaio ammontano a 1.563 milioni di euro, un valore praticamente dimezzato (-46,2%) rispetto ai 2.904 milioni di dicembre 2021 (che aveva segnato un +87,5% rispetto a novembre 2021)”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Confindustria: produzione in forte caduta, stima -1,3% a gennaio
Caro-energia, non conviene produrre. Seri rischi per risalita del Pil
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
06 febbraio 2022
11:15
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“La produzione industriale italiana è stimata in forte caduta a gennaio -1,3%, dopo -0,7% a dicembre”.

Lo calcola il centro studi di Confindustria indicando che “la contrazione è dovuta al caro-energia (elettricità +450% a gennaio 2022 su gennaio 2021) e al rincaro delle altre commodity che comprimono i margini delle imprese e, in diversi casi, stanno rendendo non più conveniente produrre.
A questo si sommano le persistenti strozzature lungo le catene globali del valore. Tale dinamica – avvertono gli economisti di via dell’Astronomia – mette a serio rischio il percorso di risalita del Pil, avviato lo scorso anno”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sud: Confcommercio, occupazione donne crolla al 33%
Stime Pil 2022 riviste al ribasso, da 4% a 3,5-3,7%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
05 febbraio 2022
14:34
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il tasso di occupazione delle donne nella fascia 15-64 anni al Sud “è precipitato al 33%” contro un tasso di occupazione del 59,2% al Centro-Nord e del 63% nell’Ue-27, ossia 30 punti indietro al resto dell’Italia e dell’Europa.
Lo rileva il Centro studi di Confcommercio in un rapporto sul Sud e il Pnrr sui dati al 2019, in cui si sottolinea che addirittura in Calabria il tasso di occupazione delle donne è sceso dal 31% del 2007 al 30,3%.
La partecipazione delle donne al mercato del lavoro nel Mezzogiorno è “assurdamente bassa”, afferma il centro studi.
“La crisi Covid ha indebolito ulteriormente il Mezzogiorno in termini di occupazione, capitale produttivo e reddito. Con il Pnrr è possibile recuperare il terreno perduto attraverso quasi il doppio degli investimenti pubblici che, se indirizzati presto e bene, attireranno anche ingenti risorse private rafforzando la filiera turistica”, ha detto il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli.
La Confederazione rivede poi al ribasso le proprie stime sul Pil per quest’anno: dal 4% stimato a dicembre al 3,5-3,7%. Il Governo al momento prevede per quest’anno una crescita del 4,7%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spesa carburanti per automobilisti +45,4 mld dal 2002
Consumerismo-Alma Laboris, allo Stato 20 miliardi in piu’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
05 febbraio 2022
12:14
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
In 20 anni il prezzo del gasolio alla pompa è praticamente raddoppiato (+99,4%), mentre i listini della benzina hanno subito una accelerazione dell’81,1%, determinando un aggravio di spesa per le tasche degli automobilisti pari a complessivi 45,4 miliardi di euro.

Lo rivela una ricerca condotta dall’associazione dei consumatori Consumerismo No Profit e dal Centro Ricerca e Studi di “Alma Laboris Business School”, che ha messo a confronto i prezzi dei carburanti tra il 2002 ed oggi, analizzando in modo dettagliato le ripercussioni economiche sulla collettività.
In particolare si segnala che nonostante un calo del peso fiscale allo Stato sono andati 20 miliardi in piu’.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Pensioni: slitta incontro del 7, prima tavolo tecnico
Confronto politico Governo-sindacati rinviato di una settimana ROMA
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
05 febbraio 2022
16:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il confronto politico tra Governo e sindacati sulle pensioni, inizialmente previsto per lunedì 7 febbraio, slitterà alla settimana successiva.
Secondo quanto si apprende, l’intenzione sarebbe di fare un ulteriore passaggio tecnico sul tema della flessibilità in uscita.
Su questo punto, un nuovo incontro tecnico potrebbe essere programmato per il 15 febbraio, e in quella settimana, a seguire, potrebbe poi tenersi l’incontro politico.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bankitalia: aumento pagamenti digitali sostiene gettito Iva
Meno evasione malgrado calo consumi per Covid
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
05 febbraio 2022
14:20
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
I consumi non si sono ancora riavuti dalla crisi pandemica del Covid ma il gettito dell’Iva nel primo semestre 2021 ha recuperato grazie agli acquisti di beni durevoli che hanno tenuto e all’incremento dei pagamenti digitali che ha compensato le spese nei servizi (negozi e ristoranti) dove l’imposta è più bassa e l’evasione è maggiore.

E’ quanto emerge da un paper pubblicato sul sito della Banca d’Italia (ma le opinioni non rispecchiano quelle della banca) che ricorda come ogni punto percentuale di incremento nella quota di pagamenti digitali risulta in un aumento dello 0,4% dei ricavi Iva.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Porti:Trieste, attivato sdoganamento in mare merci “rinfusa”
Agenzia Accise, Dogane e Monopoli più efficienza, tempi ridotti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
05 febbraio 2022
14:35
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nell’ottica di una sempre crescente efficienza delle procedure finalizzate al rilancio della competitività del sistema portuale nazionale, i funzionari dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli (ADM) in servizio al Porto di Trieste, hanno eseguito il primo “sdoganamento in mare” di merci alla rinfusa per navi mono clienti su un carico destinato a una acciaieria nazionale, con importazione di oltre cinque milioni di chilogrammi di “ghise gregge”.

Lo “sdoganamento in mare” consente agli operatori, tramite un sistema di monitoraggio da remoto, di anticipare le attività per la presentazione/accettazione delle dichiarazioni doganali rispetto all’arrivo della nave in porto.
La procedura viene avviata durante la navigazione, con un conseguente miglioramento in termini di efficienza per chi riceve la merce, per l’armatore e per lo scalo portuale.
Questa modalità operativa, applicata al settore del trasporto marittimo delle merci condizionate alla rinfusa, per lo più composte essenzialmente da materie prime, permette l’inoltro immediato verso lo stabilimento della merce, con riduzione dei tempi. La Capitaneria di porto monitora affinché le navi interessate dalla procedura navighino direttamente verso il porto di destinazione senza soste o deviazioni. Il monitoraggio viene eseguito con i sistemi satellitari, radar e radio per il controllo del traffico marittimo, i cui esiti sono comunicati direttamente a ADM.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bankitalia: aumento pagamenti digitali sostiene il gettito Iva
Meno evasione malgrado calo consumi per Covid
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
05 febbraio 2022
15:06
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
I consumi non si sono ancora riavuti dalla crisi pandemica del Covid ma il gettito dell’Iva nel primo semestre 2021 ha recuperato grazie agli acquisti di beni durevoli che hanno tenuto e all’incremento dei pagamenti digitali che ha compensato le spese nei servizi (negozi e ristoranti) dove l’imposta è più bassa e l’evasione è maggiore.

E’ quanto emerge da un paper pubblicato sul sito della Banca d’Italia (ma le opinioni non rispecchiano quelle della banca) che ricorda come ogni punto percentuale di incremento nella quota di pagamenti digitali risulta in un aumento dello 0,4% dei ricavi Iva.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Tokyo, apertura in ribasso (-0,57%)
Riapertura mercato azionario cinese dopo festività anno lunare
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
07 febbraio 2022
01:29
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Tokyo apre la prima seduta della settimana in calo, con gli investitori che guardano con cautela alla riapertura del mercato azionario cinese dopo le festività dell’anno lunare, mentre continuano a preoccupare le tensioni geopolitiche tra Russia e Stati Uniti, sullo stallo ai confini con l’Ucraina.

L’indice di riferimento Nikkei cede lo 0,57%, a quota 27.284,05, e una flessione di 155 punti.
Sul mercato valutario lo yen si indebolisce sul dollaro a 115,10, e sull’euro a 131,90.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: apre stabile a 92,2 dollari
Brent sale a 93,69 dollari
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
08:05
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Apertura di settimana stabile per il petrolio dopo le corse degli scorsi giorni.
Il greggio Wti del Texas scambia a 92,2 dollari al barile (-0,03%).
Avanza invece il Brent che sale a quota 93,69 dollari.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: prezzo in rialzo a 1810 dollari
Metallo cresce dello 0,11%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
08:06
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Prezzo dell’oro in rialzo sui mercati.
Il metallo con consegna immediata sale dello 0,11% a 1810 dollari l’oncia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro apre stabile a 1,143 dollari
Poco mosso lo yen a 115,3
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
08:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Apertura stabile per l’euro sui mercati valutari.
La moneta unica passa di mano a 1,143 dollari, Stabile lo yen in Asia a 115,3
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Germania: +3% produzione industriale 2021, a dicembre -0,3%
Rispetto al periodo pre-crisi del 2019 flessione del 5,5%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
10:16
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La produzione industriale in Germania nel 2021 è cresciuta del 3% rispetto al 2020 mentre ha registrato una flessione del 5,5% rispetto a quella dell’anno pre-crisi 2019.
Lo rende noto l’istituto nazionale di statistica tedesco.

A dicembre 2021 la produzione industriale ha registrato un calo dello 0,3 rispetto a novembre. Rispetto a dicembre 2020, la diminuzione è stata del 4,1%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa:Asia chiude contrastata, si guarda a banche centrali
In calo Tokyo, corre la Cina. Lo yen si svaluta sul dollaro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
08:22
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse asiatiche chiudono contrastate la prima seduta della settimana.
Dopo le ultime mosse delle banche centrali sui mercati resta centrale il tema dei rendimenti obbligazioni, mentre si è in attesa di conoscere l’andamento dell’Inflazione negli Stati Uniti.
Continuano a preoccupare le tensioni tra Usa e Russia sul’Ucraina.
Chiude in calo Tokyo con l’indice Nikkei che segna una flessione dello 0,70%. Sul mercato dei cambi lo yen si svaluta sul dollaro a 115,30, e sull’euro a 131,80. A contrattazioni ancora in corso corre la Cina, dopo la chiusura della settimana scorsa per le festività. In positivo Shanghai (+2%) e Shenzhen (+1,04%). In negativo Hong Kong (-0,2%), Seul (-0,2%) e Mumbai (-1,4%).
Sul fronte macroeconomico in arrivo dal Regno Unito i prezzi delle abitazioni e l’indice Sentix sulla fiducia degli investitori dell’Eurozona. Atteso l’intervento della presidente della Bce Christine Lagarde alla Commissione affari economici del Parlamento europeo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread tra Btp e Bund apre in lieve calo a 153 punti
Il rendimento del decennale italiano scende all’1,71%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
08:28
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread tra Btp e Bund avvia la prima seduta della settimana in lieve calo a 153 punti base, rispetto ai 154 punti della chiusura di venerdì.
Il rendimento del decennale italiano scende all’1,71%, rispetto all’1,72% della vigilia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano apre in rialzo (+0,44%)
Il primo indice Ftse Mib a 26.719 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
09:04
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano apre in rialzo.

Il primo indice Ftse Mib guadagna lo 0,44% a 26.719 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa apre positiva, fari puntati sui rendimenti
Francoforte (+0,8%), Parigi (+0,51%), Londra (+0,54%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
09:24
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee avviano la seduta in positivo, con l’attenzione degli investitori che guardano ai rendimenti obbligazionari.
I mercati l’attenzione si concentra sulle banche centrali mentre si è in attesa dell’andamento dell’inflazione in Usa in arrivo verso la fine della settimana.

Atteso nel pomeriggio l’intervento della presidente della Bce Christine Lagarde alla Commissione affari economici del Parlamento europeo.
Avvio in positivo per Francoforte (+0,8%), Parigi (+0,51%), Londra (+0,54%), Madrid (+0,66%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano in gira in calo con energia, tengono le banche
Scivola Diasorin. Lo spread tra Btp e Bund a 160 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
09:48
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano (-0,5%) gira in calo con l’energia, dopo un avvio in terreno positivo.
A Piazza Affari tengono le banche mentre lo spread tra Btp e Bund sale a 160 punti base, con il rendimento del decennale all’1,81%, portandosi ai livelli di metà maggio del 2020.

In flessione Saipem (-2%), con le vicende legate alle previsioni di rosso. Male anche Enel (-1,6%) e Eni (-1,3%) e Tenaris (-0,4%). Tengono le banche con Bper (+0,9%), Intesa (+0,2%), dopo la presentazione venerdì del nuovo piano d’impresa, Mps (+0,4%), nel giorno dei conti. In controtendenza Unicredit (-1,2%) e Banco Bpm (-0,6%), piatta Carige (+0,04%).
Seduta in flessione anche per Diasorin (-3%), Tim (-1,1%) e Stm (+0,9%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund sale a 159 punti, rendimento all’1,8%
Si porta a livelli di metà maggio del 2020
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
10:40
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread tra Btp e Bund sale a 159 punti, rispetto ai 153 punti dell’avvio di seduta.
Il rendimento del decennale italiano sale all’1,8%, rispetto all’1,71% dell’inizio di giornata, portandosi ai livelli di metà maggio del 2020.
La Borsa di Milano (-0,5%) gira in calo con l’energia, dopo un avvio in terreno positivo.
A Piazza Affari tengono le banche mentre lo spread tra Btp e Bund sale a 160 punti base, con il rendimento del decennale all’1,81%, portandosi ai livelli di metà maggio del 2020. In flessione Saipem (-2%), con le vicende legate alle previsioni di rosso. Male anche Enel (-1,6%) e Eni (-1,3%) e Tenaris (-0,4%). Tengono le banche con Bper (+0,9%), Intesa (+0,2%), dopo la presentazione venerdì del nuovo piano d’impresa, Mps (+0,4%), nel giorno dei conti. In controtendenza Unicredit (-1,2%) e Banco Bpm (-0,6%), piatta Carige (+0,04%). Seduta in flessione anche per Diasorin (-3%), Tim (-1,1%) e Stm (+0,9%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Pagamenti digitali: EY, i trend futuri e le prospettive
Giovedì tavola rotonda sul futuro dei pagamenti innovativi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
10:08
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La veloce evoluzione tecnologica degli ultimi anni, gli effetti della pandemia sulle abitudini di spesa, ma anche le scelte politiche istituzionali stanno cambiando il rapporto tra gli utenti e i pagamenti digitali.

Sono questi i temi del webinar “Payments (r)evolution: il futuro dell’ecosistema dei pagamenti” di Ey che giovedì 10 febbraio, a partire dalle ore 16 analizzerà e discuterà con alcuni dei principali protagonisti del mondo dei pagamenti i trend futuri del settore.

Dopo la presentazione dei risultati della ricerca effettuata da EY, si confronteranno tra gli altri Gabriele Benedetto, Ceo di Telepass; Giovanni Speranza, vicepresidente di American Express; Laura Grassi, direttrice dell’Osservatorio Fintech & Insurtech del Politecnico di Milano; Alberto Dalmasso, Ceo di Satispay; Giacomo De Lorenzo, head of partner success Italy di Klarna e Daniele Zini, country manager Italy di Yapily. Per Ey interverranno, Andrea Paliani, Italy Innovation e technology leader; Giuseppe Perrone, Emeia Blockchain leader e Andrea Ferretti, Markets and Business development leader for financial Services.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Benzina: Qe, ancora rialzi, self a 1,822 euro al litro
Servito sale fino a 2,039
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
10:16
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Continuano ad aumentare sulla rete i prezzi praticati di benzina e diesel.
In base all’elaborazione di Quotidiano Energia dei dati alle 8 di ieri, comunicati dai gestori all’Osservaprezzi carburanti del Mise, il prezzo medio nazionale praticato della benzina in modalità self sale a 1,822 euro/litro (venerdì 1,815), con i diversi marchi compresi tra 1,812 e 1,837 euro/litro (no logo 1,799).
Il prezzo medio praticato del diesel self cresce a 1,697 euro/litro (venerdì 1,689) con le compagnie posizionate tra 1,690 e 1,713 euro/litro (no logo 1,682).
Quanto al servito, per la benzina il prezzo medio praticato va a 1,953 euro/litro (venerdì 1,947) con gli impianti colorati che mostrano prezzi medi praticati tra 1,890 e 2,039 euro/litro (no logo 1,846). La media del diesel servito è a 1,832 euro/litro (venerdì 1,826) con i punti vendita delle compagnie con prezzi medi praticati compresi tra 1,771 e 1,902 euro/litro (no logo 1,729).
I prezzi praticati del Gpl vanno da 0,819 a 0,836 euro/litro (no logo 0,814). Infine, il prezzo medio del metano auto risulta in saliscendi e si posiziona tra 1,799 e 1,878 (no logo 1,747), con il valore massimo in calo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa:Europa prosegue positiva, si guarda a banche centrali
In rialzo banche, giù l’energia. Euro in lieve calo sul dollaro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
10:40
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee proseguono in terreno positivo dopo una breve inversione di marcia.

L’attenzione degli investitori si concentra sulle posizioni dei falchi delle banche centrali con i rendimenti delle obbligazioni in rialzo.
Sullo sfondo le tensioni geopolitiche tra Russia e Usa sull’Ucraina. Sui mercati azionari si mostra positivo le banche (+0,6%) e le assicurazioni (+0,8%).
L’indice d’area stoxx 600 guadagna lo 0,3%. In rialzo Londra e Francoforte (+0,4%), Parigi (+0,2%) mentre è in controtendenza Madrid (-0,1%). Sui listini pesano le utility (-0,2%), con i timori sull’andamento del prezzo del gas a causa delle continue tensioni in Ucraina. Ad Amsterdam le quotazioni registrano una flessione del 5,87% a 77,80 euro al Mwh. A Londra il prezzo scende del 6,22% a 188,01 penny per Mmbtu.
Nel Vecchio continente prosegue in rosso anche l’energia (-0,2%), con il calo del prezzo del petrolio. Il Wti scende dell’1,04% a 90,96 dollari al barile. Il Brent si attesta a 92,44 dollari (-0,91%). Tra le altre materie prime è poco mosso l’oro a 1811 dollari l’oncia. Sul fronte valutario l’euro sul dollaro è in lieve calo a 1,1480 a Londra.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread a 162 punti, rialzo anche per titoli Grecia e Spagna
Tensione su titoli sovrani paesi ‘periferici’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
13:03
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Prosegue la tensione sui titoli di Stato Europei e in particolare su quella dei paesi ‘periferici’.

Lo spread tra Btp e Bund sale ancora e si attesta a 161 punti, con il rendimento del decennale italiano all’1,84%.

In crescita anche il differenziale tra Grecia e Germania che sale a 223 punti, con il rendimento del decennale greco al 2,45% (+21,9%) tornando ai livelli della primavera 2020. Il rendimento del decennale spagnolo sale all’1,109% (+7,6%).
MALE LE BORSE La Borsa di Milano (-1,2%) prosegue in calo e indossa la maglia nera in Europa. A Piazza Affari pesa il calo dell’energia e delle utility con Enel (-3,5%) che scivola in fondo al listino principale. Tensione sul fronte dei titoli di Stato con lo spread tra Btp e Bund che sale a 163 punti, con il rendimento del decennale italiano all’1,87%.
Tra le utility soffrono anche Hera (-3,3%), A2a (-2,5%), Italgas e Snam (-2,2%). In flessione i titoli legati al petrolio con il prezzo del greggio in calo. Giù Eni (-2,4%), Saipem (-2%), quest’ultima con la previsione di rosso e la nuova organizzazione, e Tenaris (-0,9%).
Seduta di tensione anche per le banche. Proseguono in calo Unicredit (-1,7%), Bper (-1,3%), Banco Bpm (-0,8%), Intesa (-0,2%). In controtendenza Mps (+1,4%), nel giorno dei conti.
Tiene Carige (+0,05%). In ordine sparso le auto con Stellantis (-0,1%), Cnh (+0,2%) e Inveco (+0,6%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Superbonus e bollette presto in Cdm. Gli edili in piazza a Roma
Quattro miliardi contro il caro-energia. M5s, Cdm corregga la cessione del credito. Possibili emendamenti in commissione al Senato dove è in esame il sostegni ter. Il presidente dell’Ance :’Così si rallenta la crescita’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
20:54
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Governo è al lavoro per portare nuovi sostegni contro il caro-energia e per apportare “correzioni mirate” al dl Sostegni-ter sul Superbonus, in particolare alla norma che limita la cessione dei crediti.
E’ quanto si apprende da fonti di Governo.
I due provvedimenti dovrebbero essere varati dal Cdm la prossima settimana, e potrebbero anche far parte di un unico decreto, ma i dettagli sono ancora da definire.
Il Governo è al lavoro sul decreto che porterà nuovi aiuti contro il caro-energia e che dovrebbe valere circa 4 miliardi di euro. Secondo quanto si apprende da fonti di Governo, se è certo che non ci sarà scostamento di bilancio, non è ancora chiaro che forma prenderanno i nuovi sostegni. La cifra su cui si ragiona, che comunque al momento resta entro i 4 miliardi, potrebbe quindi subire dei ritocchi.
Attesa per gli sviluppi della stretta sul superbonus. Dopo le proteste del mondo produttivo e dei consumatori per la misura arrivata con il decreto Sostegni-ter, che ha ridotto la possibilità di cedere i crediti maturati nei confronti dello Stato, c’è  stato l’allarme di Confartigianato sui posti di lavoro a rischio. “Le modifiche degli ultimi due decreti al meccanismo della cessione dei crediti che maturano a seguito degli interventi edilizi, predisposte con il nobile obiettivo di evitare le truffe, di fatto hanno bloccato completamente migliaia di interventi, rischiando di far fallire le imprese oneste e di danneggiare migliaia di famiglie. Come Governo dobbiamo prenderne atto e intervenire immediatamente con un decreto correttivo e con un prolungamento della misura del Superbonus 110% per le monofamiliari, visti i due mesi di stop subiti. Porterò questo tema nel prossimo Cdm”. Cosi il ministro delle Politiche Agricole Patuanelli in un post.
Questa mattina circa 300 tra imprese dell’edilizia, fornitori e tecnici sono scese in piazza a Roma per protestare contro il Decreto Sostegni-ter, che blocca ad una sola cessione il credito d’imposta ottenuta della imprese con i bonus edilizia, a partire dal Superbonus. “Abbiamo Crediti per lavori che stiamo eseguendo -dice un imprenditore- se non abbiamo liquido non possiamo eseguire i lavori. Non si può avere Il cambio delle regole durante la programmazione dei lavori. Io non ho paura dei controlli facciamo questo lavoro”. Alla manifestazione promossa da un gruppo di imprese sotto il cappello Class Action Nazionale dell’Edilizia, ha partecipato l’ex ministro Riccardo Fraccaro, padrino del Superbonus. “Serve un decreto urgente perché le banche possano continuare ad acquisire crediti delle imprese – spiega Fraccaro – altrimenti le imprese oneste che lavorano in regola non avranno liquidità per pagare operai e fornitori”.  Una delegazione di imprese dell’edilizia accompagnate dall’ex ministro Riccardo Fraccaro e gli onorevoli Alessio Villarosa e Maurizio Gasparri hanno chiesto un incontro al ministro dell’economia Franco in via XX Settembre che non li ha ricevuti.
Il governo deve intervenire rapidamente sul blocco della cessione del credito introdotto dal decreto Sostegni Ter o il rischio è che l’economia rallenti e le imprese vadano in crisi. “Il governo dovrebbe ripensare rapidamente a questa situazione, perché la situazione che si è creata è insostenibile. La mancata decisione per 60 giorni non può che peggiorare la situazione, si sta già verificando uno stop degli interventi e una mancata crescita”. Lo afferma Gabriele Buia, presidente dell’Ance, chiedendo che si intervenga “quanto prima con un nuovo decreto del governo, che ci sia un ampliamento della platea di soggetti”.
Senza cedere il credito d’imposta maturato con i lavori svolti con il Superbonus, e non solo, le imprese dell’edilizia rischiano di fallire, bruciando migliaia di posti di lavoro che sono stati creati proprio grazie a questa misura. A lanciare l’allarme gli imprenditori, tecnici e fornitori scesi in piazza a Roma per protestare contro il blocco della cessione del credito prevista dall’articolo 28 del decreto Sostegni ter. “Siamo venuti ieri sera da Bari – dice il titolare di un’impresa – ho quasi 1 milione di credito che non posso più scontare dalle banche che hanno messo un fermo. Non si può cambiare le carte in tavola quando abbiamo fatto milioni di investimenti e assunto oltre 25 operai. Attualmente abbiamo 15 cantieri avviati tra i bonus al 90% e 110%, per un fatturato totale di circa 5-6 milioni. Il rischio è il fallimento. Ho ancora autonomia uno o due mesi con i miei soldi personali”. Le imprese e i tecnici lamentano l’applicazione retroattiva della norma e il blocco in pratica dei lavori già avviati. E si sentono offesi da chi indica la categoria con chi truffa le casse dello Stato. Per manifestare sono arrivati anche dalla Sicilia: “Non siamo tutti truffatori – dicono – il 99,9% siamo imprenditori che ci alziamo alle 5 del mattino e ci andiamo a sporcare le mani con il cemento. Spero che il governo ampli il numero di cessioni almeno a tre, così io impresa posso vederlo al mio fornitore, e il mio fornitore può venderlo alla banca”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ora il provvedimento è all’esame della Commissione al Senato. Oltre a M5s anche Forza Italia e Fdi sono per una revisione del provvedimento.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ue:C.Conti,in 2020 Italia versato 18,2mld,ricevuti 11,6mld
Livello tra più alti ultimi 7 anni. 4a per risorse accreditate
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
13:04
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel 2020 l’Italia ha partecipato al bilancio della Ue con versamenti a titolo di risorse proprie per 18,2 miliardi di euro (+1,4 miliardi sul 2019), uno dei più alti flussi degli ultimi sette anni.
Sul fronte delle assegnazioni, il bilancio Ue attribuisce per il 2020 11,66 miliardi all’Italia, quarto Paese per ammontare di risorse accreditate .

Emerge dalla ‘Relazione annuale sui rapporti finanziari tra l’Italia e l’Ue e l’utilizzazione dei fondi europei’ per il 2020,della Corte dei conti che sottolinea come con l'”eccezionale” portata del bilancio 2021-2027 l’Italia beneficerà in quota maggioritaria delle risorse del Recovery plan.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa debole e tensione su titoli Stato, Milano -1,4%
Su listini pesano utility e energia. Euro in calo sul dollaro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
11:30
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee proseguono deboli mentre si accentuano le tensioni sui titoli di Stato con i rendimenti in rialzo, dopo le posizioni di Fed e Bce e con i timori per le mosse dei falchi sulle politiche monetarie.
Sullo sfondo resta alta l’attenzione sull’andamento dell’inflazione, in vista dei dati degli Stati Uniti in arrivo a fine settimana.

In rialzo lo spread tra Btp e Bund che sale a 162 punti base, con il rendimento del decennale italiano all’1,85. Salgono anche i rendimenti del decennale della Grecia (2,47%) e della Spagna (1,11%).
Sul versante azionario l’indice d’area stoxx 600 è poco mosso (+0,02%). Andamento negativo per Milano (-1,4%) e Madrid (-0,6%), piatta Parigi (-0,05%), in rialzo Londra (+0,2%) e Francoforte (+0,1%), quest’ultima dopo i dati sulla produzione industriale.
I listini del Vecchio continente sono sostenuti dall’informatica (+0,2%), dalle auto (+0,4%) e dalle banche (+0,1%). In flessione le utility (-1%) e l’energia (-0,5%). Sul fronte valutario l’euro sul dollaro è in calo a 1,1430 a Londra.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano -1,6% con energia e banche, Enel -4,1%
Male anche Tim (-3,4%). Spread Btp-Bund a 163 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
11:46
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano (-1,6%) peggiora ancora e indossa la maglia nera in Europa.
A Piazza Affari pesa il calo delle utility e dell’energia.
Male anche le banche, dopo un avvio positivo. Lo spread tra Btp e Bund sale a 163 punti, con il rendimento del decennale italiano all’1,87%.
Scivola Enel (-4,1%). Male anche Hera (-3%), Snam (-2,4%) e A2a (-2,7%). In forte flessione Tim (-3,4%). Tra le banche rallentano Unicredit (-2,3%) e Bper (-2%). Nel listino principale tengono Fineco (+0,4%) e Mps (+0,2%), quest’ultima nel giorno dei conti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nasce l’algoritmo che previene le frodi creditizie online
Creato da Crif e Fido mira a facilitare accesso a servizi online
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
12:09
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Favorire l’inclusione finanziaria dei consumatori, facilitando l’accesso ai serivi online, e allo stesso tempo aiutare le banche a prevenire le frodi creditizie.

Con questo obiettivo, Crif e Fido lanciano TrustSCore, un nuovo modello di valutazione del rischio di frode creditizia nella operatività online dei consumatori.
Basato sull’analisi dei segnali digitali, tra cui informazioni legate a indirizzo mail, numero di telefono, indirizzo IP e browser, il nuov algoritmo “migliorerà l’onboarding della clientela, specie nei processi full digital”, spiegano le due società in una nota. TrustScore nasce dalla combinazione tra l’esperienza trentennale di Crif nell’ambito della previsione e del controllo dei rischi finanziari e la piattaforma di Fido che invece sfrutta i digital footprint per valutare l’affidabilità digitale degli utenti.
L’utilizzo di questo strumento “risulterà fondamentale per tutte le aziende che vendono prodotti finanziari online. L’obiettivo è proprio quello di potenziare ulteriormente gli strumenti di verifica grazie all’utilizzo di dati alternativi”, afferma il ceo di Fido, Marko Maras. “Facilitare e velocizzare ulteriormente l’accesso ai servizi finanziari online da parte dei consumatori: questo l’obiettivo della sperimentazione che abbiamo svolto, con ottimi risultati”, aggiunge Enrico Lodi, managing director, digital solutions di Crif.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano maglia nera in Europa con energia e utility
Scivola Enel (-3,5%), Lo spread tra Btp e Bund a 163 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
12:53
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano (-1,2%) prosegue in calo e indossa la maglia nera in Europa.
A Piazza Affari pesa il calo dell’energia e delle utility con Enel (-3,5%) che scivola in fondo al listino principale.
Tensione sul fronte dei titoli di Stato con lo spread tra Btp e Bund che sale a 163 punti, con il rendimento del decennale italiano all’1,87%.
Tra le utility soffrono anche Hera (-3,3%), A2a (-2,5%), Italgas e Snam (-2,2%). In flessione i titoli legati al petrolio con il prezzo del greggio in calo. Giù Eni (-2,4%), Saipem (-2%), quest’ultima con la previsione di rosso e la nuova organizzazione, e Tenaris (-0,9%).
Seduta di tensione anche per le banche. Proseguono in calo Unicredit (-1,7%), Bper (-1,3%), Banco Bpm (-0,8%), Intesa (-0,2%). In controtendenza Mps (+1,4%), nel giorno dei conti.
Tiene Carige (+0,05%). In ordine sparso le auto con Stellantis (-0,1%), Cnh (+0,2%) e Inveco (+0,6%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Energia: Cingolani, aumento 2023 rischia superare costo del Pnrr
Salvini: ‘Ha ragione, Pnrr a rischio, subito un decreto’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
07 febbraio 2022
13:17
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“L’aumento del costo dell’energia rischia di avere un costo totale l’anno prossimo superiore all’intero pacchetto del Pnrr.
Quindi non è che il Pnrr ci ha messo al sicuro da tutto”.
Lo ha detto il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, intervenendo alla terza tappa a Genova di “Italia domani: dialoghi sul piano nazionale di ripresa e resilienza”.
“Noi abbiamo preso un impegno molto pesante con la Commissione europea e abbiamo un debito che è oltre il 160% quindi non possiamo permetterci di sbagliare”, ha detto il ministro. “Ho sentito parlare di piano Marshall – ha aggiunto Cingolani -: la cosa principale del Pnrr però non è la massa finanziaria ma l’aver fatto un piano integrato. Forse è la prima volta che siamo stati costretti a farlo e questo – ha concluso il ministro – è un grosso passo avanti nell’idea di Paese che vogliamo”.
“Ha ragione il ministro Cingolani! Per non mettere a rischio posti di lavoro, ripresa economica, attuazione del PNRR e risparmi delle famiglie, occorre un sostanzioso decreto per limitare gli aumenti di luce e gas, come altri Paesi europei stanno già facendo”. Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini commentando le parole del ministro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Energia: Cingolani, aumento 2023 rischia superare costo Pnrr
Non siamo al sicuro da tutto
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
07 febbraio 2022
17:57
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“L’aumento del costo dell’energia rischia di avere un costo totale l’anno prossimo superiore all’intero pacchetto del Pnrr.
Quindi non è che il Pnrr ci ha messo al sicuro da tutto”.
Lo ha detto il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, intervenendo alla terza tappa a Genova di “Italia domani: dialoghi sul piano nazionale di ripresa e resilienza”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa:Europa migliora in attesa di Wall Street, Milano -1,2%
Salgono auto e banche, giù energia e utility. Euro stabile
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
13:40
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee migliorano in attesa dell’avvio di Wall Street dove i future sono in rialzo.
I mercati si concentrano sul tema dei tassi d’interesse con le posizione dei falci delle banche centrali.
La seduta è stata scandita anche dalla tensione sui titoli di Stato con il rialzo dei rendimenti. Sullo sfondo restano i timori per le frizioni tra Usa e Russia sull’Ucraina.
L’indice d’area stoxx 600 cede è poco mosso (+0,09%). In rialzo Londra (+0,36%), Francoforte (+0,33%) e Parigi (+0,1%).
In flessione Madrid (-0,48%) e Milano (-1,2%), quest’ultima maglia nera nel vecchio continente. I listini sono sostenuti dalle banche e assicurazioni (+0,8%) e dalle auto (+0,5%).
In flessione le utility (-1,1%) con il prezzo del gas in calo. Ad Amsterdam le quotazioni registrano un calo del 5,33% a 78,25 euro al Mwh. A Londra il prezzo scende del 5,1% a 190,25 penny per Mmbtu. In calo anche l’energia (-0,1%) con il prezzo del petrolio in calo. Il Wti scende a 91,59 dollari al barile (-0,77%) e il Brent a 93,03 dollari (-0,26%).
Tra le altre materie prime è in lieve rialzo l’oro a 1.813 dollari l’oncia (+0,15%). Sul versante dei cambi l’euro sul dollaro è poco mosso a 1,1448 a Londra.
A Piazza Affari scivolano Hera (-3,9%), Tim (-3,8%) , Diasorin (-3,8%) e Enel (-3%). In luce Mps (+1,2%), nel giorno dei conti, e Intesa (+0,9%), dopo la presentazione del nuovo piano d’impresa.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: in rialzo a New York a 92,37 dollari
Quotazioni salgono dello 0,1%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
07 febbraio 2022
15:04
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il petrolio è in rialzo a New York, dove le quotazioni salgono dello 0,1% a 92,37 dollari al barile.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano scende (-1,4%) con energia e utility
Tengono Stm, Iveco e alcune banche
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
15:13
NEWS
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Va in discesa Piazza Affari (-1,5%), mantenendo la maglia nera in Europa, in attesa dell’apertura di Wall Street, dove i future sono in lieve positivo.
A Milano pesano le utility, a iniziare da Hera (-4,5%), che ha anche visto il titolo momentaneamente fermo dalle contrattazioni al ribasso, per proseguire con Snam (-3,6%) e A2a (-2,6%).
In forte calo anche Enel (-3,7%). Male Tim (-3,9%), un po’ meno Inwit (-2,7%). Tra i farmaceutici in calo soprattutto Diasorin (-3,6%), ma anche Recordati (-1,8%). Sono in calo i petroliferi, da Saipem (-2,3%) a Eni (-2,1%) e all’impiantistica di Tenaris (-0,9%), col greggio in calo (wti -0,3%9 a 91,9 dollari al barile e il brent a 93,2 dollari.
Pochi i titoli in positivo nel listino principale, con in testa Stm (+0,4%), seguita da Iveco (+0,3%). Ci sono anche due banche, Intesa (+0,3%) e quasi piatta Generali (+0,03%), mentre sono in rosso le altre, in particolare Bper (-1,3%) e Unicredit (-1,5%), mentre lo spread Btp-Bund si è fermato a 163 punti, col rendimento del decennale italiano all’1,858%.
Tra i titoli a minore capitalizzazione corrono nell’immobiliare Cia (+4,9%9 e Piovan (+3,9%), attiva nell’automazione industriale, mentre perde parecchio Indel B (-4,7%), che produce minibar, casseforti, serrature elettriche.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mps: cda delibera ritiro delle deleghe a Bastianini
Decisione assunta all’unanimità dal consiglio
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
15:19
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il cda di Mps ha deliberato di ritirare le deleghe dell’amministratore delegato, Guido Bastianini.
La decisione, a quanto si apprende, è stata assunta dal consiglio all’unanimità.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Dombrovskis, sostegno sia mirato, no a oneri permanenti
Dato elevato livello incertezza economia
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
07 febbraio 2022
15:28
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Visto il livello elevato di incertezza” del contesto economico, “la politica di bilancio” dei governi europei “dovrebbe essere moderatamente di sostegno nel corso dell’anno, è importante che il sostegno sia ben mirato e non si traduca in un onere permanente per le finanze pubbliche”.
Lo ha detto il vicepresidente della Commissione europea, Valdis Dombrovskis, nel corso di un’audizione alla commissione per gli Affari economici del Parlamento europeo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Wall Street apre positiva, Dj +0,15%, Nasdaq +0,11%
S 500 sale dello 0,13%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
07 febbraio 2022
15:33
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Wall Street apre positiva.
Il Dow Jones sale dello 0,15% a 35.141,97 punti, il Nasdaq avanza dello 0,11% a 14.118,66 punti mentre lo S&P 500 mette a segno un progresso dello 0,13% a 4.506,93 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mps, il cda ritira le deleghe all’ad Bastianini
Decisione assunta all’unanimità, il timone passerà a Lovaglio
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
15:55
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il cda di Mps ha deliberato di ritirare le deleghe dell’amministratore delegato, Guido Bastianini.
La decisione è stata assunta dal consiglio all’unanimità.

La sfiducia a Bastianini, a meno di due anni dalla sua nomina, voluta dal M5S, apre la strada alla nomina ad amministratore delegato di Luigi Lovaglio, banchiere di lungo corso con una carriera tutta interna a Unicredit, di cui ha guidato la controllata polacca Bank Pekao, per poi approdare alla testa del Creval, di cui ha curato con successo aumento di capitale e ristrutturazione fino all’Opa del credit Agricole.
Lovaglio dovrebbe essere cooptato in Cda e, successivamente, ricevere le deleghe di ad. L’uscita di Bastianini dovrebbe essere stata motivata con il venir meno del rapporto fiduciario con il consiglio di amministrazione. La sfiducia arriva dopo che il Tesoro, in un incontro tenutosi una decina di giorni fa con il direttore generale, Alessandro Rivera, aveva chiesto a Bastianini, mai in sintonia con il Mef, di fare un passo indietro assecondando un cambio di strategia della banca, che quest’anno dovrà ricorrere al mercato per chiedere altri 2,5 miliardi di euro e che sta negoziando con la Ue l’approvazione del suo piano industriale mentre il governo sta chiedendo una proroga del termine per l’uscita dal capitale.
All’esame del cda di Mps ci sono anche i conti dell’esercizio 2021, che gli analisti si attendono in utile per 270 milioni di euro circa.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mps, il cda ritira le deleghe all’ad Bastianini
Decisione assunta all’unanimità, il timone passerà a Lovaglio
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
15:59
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il cda di Mps ha deliberato di ritirare le deleghe dell’amministratore delegato, Guido Bastianini.
La decisione, a quanto si apprende, è stata assunta dal consiglio all’unanimità.

La sfiducia a Bastianini, a meno di due anni dalla sua nomina, voluta dal M5S, apre la strada alla nomina ad amministratore delegato di Luigi Lovaglio, banchiere di lungo corso con una carriera tutta interna a Unicredit, di cui ha guidato la controllata polacca Bank Pekao, per poi approdare alla testa del Creval, di cui ha curato con successo aumento di capitale e ristrutturazione fino all’Opa del credit Agricole.
Lovaglio dovrebbe essere cooptato in Cda e, successivamente, ricevere le deleghe di ad. L’uscita di Bastianini dovrebbe essere stata motivata con il venir meno del rapporto fiduciario con il consiglio di amministrazione. La sfiducia arriva dopo che il Tesoro, in un incontro tenutosi una decina di giorni fa con il direttore generale, Alessandro Rivera, aveva chiesto a Bastianini, mai in sintonia con il Mef, di fare un passo indietro assecondando un cambio di strategia della banca, che quest’anno dovrà ricorrere al mercato per chiedere altri 2,5 miliardi di euro e che sta negoziando con la Ue l’approvazione del suo piano industriale mentre il governo sta chiedendo una proroga del termine per l’uscita dal capitale.
All’esame del cda di Mps ci sono anche i conti dell’esercizio 2021, che gli analisti si attendono in utile per 270 milioni di euro circa.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa in rialzo con le banche, giù Milano (-1,3%)
In calo utility e petroliferi, bene molte auto
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
16:08
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Prosegue positiva la maggioranza delle principali Borse europee, dopo l’apertura in rialzo di Wall Street, dove però si sono indeboliti in breve sia Dow Jones che S&P.
Gli investitori guardano ai futuri rialzi dei tassi, con tensioni che a tratti si riversano sui rendimenti dei titoli di Stato.
Sullo sfondo restano la questione Russia-Ucraina e l’andamento della pandemia da Covid 19 con relative vaccinazioni e cure. In lieve rialzo l’oro (+0,2%) a 1.814 dollari l’oncia.
Tra i metalli in salita soprattutto il minerale di ferro (+2,8%) e l’acciaio (+1,1%). In calo l’euro sul dollaro, scambiato a 1,143. La Piazza migliore in Europa è Francoforte (+0,7%), seguita da Parigi e Londra (+0,6%), mentre sono in calo Madrid (-0,1%), ma soprattutto Milano (-1,3%), dove lo spread Btp-Bund è in discesa verso 160 punti, col rendimento del decennale italiano all’1,832% e quello del Bund allo 0,231%.
L’indice d’area del Vecchio continente, Stoxx 600, guadagna lo 0,5%, sostenuto da finanza e informatica, mentre pesano in negativo investimenti immobiliari e utility, con esempi tra queste ultime come Hera (-4,5%), Enel (-3,5%) e Snam (-3,2%). In deciso calo il prezzo del gas in Europa, con le quotazioni dei future ad Amsterdam (-5,4%) a 78,1 euro al MWh. Bene la maggioranza delle banche, a partire da Lloyds (+2,6%) e Hsbc (+1,8%). Tra i semiconduttori molti guadagni, come per Asml (+1,5%). In forma quasi tutte le auto, iniziando da Volvo (+1,5%), con eccezioni in calo come Stellantis (-0,2%). In ordine sparso il lusso, con guadagni per alcuni, come Lvmh (+0,9%) e Essilux (+0,9%), e perdite per altri, come Hermes (-1,8%) e Kering (-1%). Tra i petroliferi pochi sono in rialzo, come Shell (+1,2%) e Neste (+1%), mentre tutti gli altri sono in discesa, da Aker (-2,5%) a Eni (-2,2%), col greggio che accentua il calo (wti -1%9 a 91,4 dollari al barile e il brent a 92,8 dollari.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund: in discesa sotto 160 punti
Il rendimento del decennale italiano all’1,826%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
16:22
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il differenziale tra Btp e Bund è in discesa, a 159,5 punti.
Resta comunque sopra la chiusura di venerdì, a 154,2 punti.
In questa seduta, dopo un’apertura in calo a 153 punti, secondo i dati reperibili sulla piattaforma Bloomberg, ha toccato finora un massimo a 165,7 punti verso le 12.30 e un minimo a 153 punti intorno alle 8.30.
Il rendimento del decennale italiano è all’1,819%, dopo avere aperto all’1,71%, in calo rispetto all’1,72% della chiusura di venerdì. In questa giornata fino al momento ha fatto segnare un minimo all’1,716% verso le 8.30 e un massimo all’1,894% verso le 12.30. Il Bund tedesco è allo 0,225%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano recupera, ma resta in rosso (-1%), giù utility
Meglio alcune banche, lo spread in discesa a 158,8 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
17:02
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Recupera qualcosa Piazza Affari verso metà pomeriggio, ma resta in rosso (-1%), al contrario delle altre principali Borse europee.
A Milano, dove lo spread Btp-Bund è in discesa, a 158,8 punti, col rendimento del decennale italiano all’1,826%, migliorano alcune banche, come Mps (+0,9%), nel giorno del ritiro delle deleghe all’ad, Guido Bastianini, e dei conti, attesi a mercati chiusi, Intesa (+0,8%), Fineco (+0,7%) e Banco Bpm (+0,3%), mentre restano in negativo altre, come Unicredit (-1,3%).

Tra i petroliferi rialza la testa Saipem (+0,7%), mentre restano in calo Eni (-1,9%) e l’impiantistica di Tenaris (-0,5%), col greggio sempre in discesa (Wti -1% a 91,3 dollari al barile e il Brent a 92,9 dollari. Pesanti le utility, come a livello europeo, in particolare Hera (-4%), Enel (-2,8%) e Snam (-3,1%). In forte perdita Tim (-3,2%), Poste (-2,6%). Male le auto, da Ferrari (-1,2%) e Stellantis (-0,7%). Soffre il lusso con Moncler (-0,4%), mentre guadagnano Cucinelli (+0,6%) e Ferragamo (+0,7%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mps: Lovaglio nominato amministratore delegato
Anche direttore generale, revocate le deleghe a Bastianini
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
17:26
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il consiglio di amministrazione di Mps ha deliberato all’unanimità la nomina di Luigi Lovaglio ad amministratore delegato e direttore generale di Mps dopo aver revocato, sempre all’unanimità, le deleghe di Guido Bastianini.

Il cda, spiega una nota, “è giunto all’unanimità alla conclusione che il Dott.
Luigi Lovaglio, in virtù della sua rilevante esperienza anche a livello internazionale, unita alla profonda conoscenza del settore bancario italiano, sia il profilo più idoneo a ricoprire il ruolo di amministratore delegato e direttore generale della banca”.
A Bastianini sono state revocate all’unanimità e con decorrenza immediata le deleghe di direttore generale, amministratore delegato e amministratore incaricato del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi di Mps, nonché di tutte le relative deleghe restando quest’ultimo in carica quale componente del consiglio di amministrazione.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa migliora, resta indietro Milano (-1,1%)
Bene finanza e informatica, non utility e immobiliari
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
17:36
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Migliorano le principali Borse europee verso fine seduta, mentre resta in negativo Milano (-1,1%), dove lo spread Btp-Bund è a 158 punti, col rendimento del decennale italiano all’1,834%.
In Europa le Piazze migliori sono Francoforte e Parigi (+1%), seguite da Londra (+0,9%) e Madrid (+0,2%), con gli investitori che guardano soprattutto alle tendenze delle banche centrali sui tassi, con sullo sfondo le tensioni geopolitiche tra Russia e Ucraina e gli sviluppi della pandemia da Covid 19.
In lieve rialzo l’oro (+0,3%) a 1.816 dollari l’oncia, ma tra i metalli soprattutto il ferro (+3,3%) a 839,5 dollari la tonnellata L’indice d’area del Vecchio continente, Stoxx 600, sale nei guadagni oltre lo 0,8%, trainato da informatica e finanza, insieme al comparto salute. Male investimenti immobiliari e soprattutto utility, mentre i future sul gas in Europa sono in calo, con le quotazioni ad Amsterdam (-3,9%) a 79,4 euro al MWh.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bce: Lagarde, determinati ad assicurare stabilità prezzi
Aumentati rischi inflazione, al 2% entro 2023
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
07 febbraio 2022
17:56
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Negli ultimi vent’anni la Bce ha assicurato la stabilità dei prezzi, con un tasso di inflazione medio dell’1,7 per cento dall’inizio del 1999.
Siamo determinati a continuare a farlo”.
Lo dice la presidente della Banca centrale europea, Christine Lagarde, nel corso di un’audizione alla commissione per gli Affari economici del Parlamento europeo. “Rispetto alle nostre aspettative in dicembre i rischi sulle prospettive inflazionistiche aumentano”.
Secondo gli indicatori di lungo periodo “l’inflazione tornerà al 2% entro il 2023 e dovrebbe restare attorno a questa quota successivamente”, afferma Lagarde.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude in rosso (-1%)
Il Ftse Mib a 26.328 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
07 febbraio 2022
17:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Chiusura in rosso per Piazza Affari, maglia nera tra le principali Borse europee.
Il Ftse Mib ha perso l’1,03% a 26.328 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa chiude ottimista, Parigi la migliore (+0,8%)
Londra e Francoforte (+0,7%), Madrid (-0,3%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
17:57
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Chiusura ottimista per le principali Borse europee nella prima seduta di settimana, tranne che per Madrid (-0,36%) a 8.558 punti.
La migliore è stata Parigi (+0,83%) a 7.009 punti, seguita da Londra (+0,76%) a 7.573 punti e Francoforte (+0,71%) a 15.206 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund: chiude in rialzo a 155,5 punti
Il rendimento del decennale italiano sale all’1,78%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
18:10
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il differenziale tra Btp e Bund ha chiuso a 155,5 punti, sui livelli di luglio 2020, in rialzo rispetto alla chiusura di venerdì, a 154,2 punti.
In questa seduta, dopo un’apertura in calo a 153 punti, secondo i dati reperibili sulla piattaforma Bloomberg, ha toccato un massimo a 165,7 punti verso le 12.30 e un minimo a 153 punti intorno alle 8.30.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il rendimento del decennale italiano ha terminato in salita all’1,779%, sui valori di maggio 2020, dopo avere aperto all’1,71% dall’1,72% della chiusura di venerdì. In questa giornata ha fatto segnare un minimo all’1,716% verso le 8.30 e un massimo all’1,894% verso le 12.30. Il Bund tedesco ha chiuso allo 0,224%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano perde (-1%), male utility e auto, giù Diasorin
Guadagni per alcune banche. Bene Saipem, in ribasso Poste
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
07 febbraio 2022
18:33
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Maglia nera tra le principali Borse europee, Piazza Affari ha chiuso la prima seduta della settimana in rosso (-1%), sotto il peso soprattutto delle utility, che sono andate male anche nel resto d’Europa.
I cali più vistosi sono stati di Hera (-4,2%), Snam e Enel (-3,1%).
Male i farmaceutici, in particolare Diasorin (-4,3%), in fondo al listino principale, ma anche Recordati (-0,9%). Deciso calo per Poste (-2,7%) e nell’industria per Prysmian (-1,8%), tra le auto male Ferrari (-1,3%), meno Stellantis (-0,9%). Nel lusso in discesa Moncler (-0,6%), non Cucinelli (+0,2%) e Ferragamo (+0,5%).
A sostenere il listino principale sono state soprattutto alcune banche, a cominciare da Intesa (+1,8%), Banco Bpm (+0,9%), Fineco (+0,6%) e Mps (+0,5%), nel giorno del cambio al vertice e dei conti. Lo spread Btp-Bund intanto ha proseguito con la tendenza al rialzo, terminando a 155,5 punti, sui livelli di luglio 2020, col rendimento del decennale italiano in salita all’1,779%. Tra i titoli in positivo Tim (+0,2%), nell’industria Buzzi (+0,2%) e tra i semiconduttori Stm (+0,2%). Tra i petroliferi ha guadagnato Saipem (+1%), non Eni (-2,1%), col greggio ancora in calo a sera (Wti -1,1% a 91,2 dollari al barile e il Brent a 92,7 dollari). Tra i titoli a minore capitalizzazione tonfo di Ovs (-5,9%), mentre ha corso Caleffi (+5,6%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mps sfiducia Bastianini e chiama Luigi Lovaglio
L’istituto senese ha chiuso il 2021 con un utile netto di 310 milioni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
13:00
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il cda di Mps ha deliberato all’unanimità la nomina di Luigi Lovaglio ad amministratore delegato e direttore generale di Mps dopo aver revocato, sempre all’unanimità, le deleghe di Guido Bastianini.
Il cda, spiega una nota, “è giunto all’unanimità alla conclusione che il Dott.
Luigi Lovaglio, in virtù della sua rilevante esperienza anche a livello internazionale, unita alla profonda conoscenza del settore bancario italiano, sia il profilo più idoneo a ricoprire il ruolo di amministratore delegato e direttore generale della banca”.

A Bastianini sono state revocate all’unanimità e con decorrenza immediatale deleghe di direttore generale, amministratore delegato e amministratore incaricato del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi di Mps, nonché di tutte le relative deleghe restando quest’ultimo in carica quale componente del consiglio di amministrazione. La banca precisa “che la sostituzione dell’amministratore delegato e direttore generale è regolata da un piano per la successione adottato dalla banca, con il coinvolgimento del comitato nomine e del comitato remunerazione della stessa per gli aspetti di competenza”. Il collegio sindacale ha approvato la cooptazione di Lovaglio ai sensi dell’articolo 2386 c.c. La nomina di Lovaglio sarà soggetta alla valutazione da parte della Bce, conclude la nota.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mps ha chiuso il 2021 con un utile netto di 310 milioni di euro, il miglior risultato che la banca abbia realizzato dal 2015 e uno dei migliori dell’ultimo decennio nel quale l’istituto senese ha inanellato complessivamente 23,5 miliardi di euro di perdite. Lo si legge in una nota. Lo scorso esercizio si era chiuso con un rosso di 1,69 miliardi di euro euro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’amministratore delegato, Guido Bastianini, ha lasciato il cda di Mps dopo aver presentato i conti del 2021, i migliori dal 2015, per recarsi al funerale della sorella, mancata nei giorni scorsi. Il cda è andato avanti nella discussione sulla sua revoca e ha deliberato il ritiro delle deleghe del banchiere, che già all’inizio dell’anno aveva perso entrambi i genitori, in sua assenza. E’ quanto si apprende da alcune fonti al termine del cda di Mps, nella cui nota non sono indicate le ragioni del ritiro delle deleghe.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Tokyo, apertura in lieve aumento (+0,22%)
Ottimismo su stagione trimestrali, cautela su tecnologia
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
08 febbraio 2022
01:30
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Tokyo avvia la seduta in leggero rialzo, malgrado la nuova contrazione del listino Nasdaq a New York e i timori di un’espansione dei contagi da Omicron, con gli investitori che guardano con ottimismo alla stagione delle trimestrali.

L’indice di riferimento Nikkei segna una variazione positiva dello 0,22%, a quota 27.308,70, e un aumento di 59 punti.
Sul mercato valutario lo yen guadagna terreno sul dollaro a 115,10, e a 131,70 sull’euro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: in leggero rialzo, Wti a 91,46 dollari al barile
Brent sale a 92,77 dollari al barile
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
08:13
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mantengono la tendenza al rialzo le quotazioni del petrolio in avvio di giornata.
Dopo il lieve calo di ieri sera a New York il greggio Wti torna a salire a 91,46 dollari al barile (+0,15%) .
Il Brent ritocca leggermente dello 0,08% salendo a 92,77 dollari al barile.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: in lieve calo a 1.819 dollari l’oncia
Sui mercati asiatici cede lo 0,08%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
08:22
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Prezzo dell’oro in lieve calo sui mercati asiatici.
Il lingotto con consegna immediata passa di mano a 1.819 dollari l’oncia (-0,08%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp Bund: in rialzo, torna sopra quota 160 punti
Il rendimento del decennale italiano sale all’1,85%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
08:37
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio di giornata nuovamente in netto rialzo per lo spread tra Btp e Bund che segna 160,6 punti e si riporta sui livelli dell’estate del 2020 a fronte dei 155,5 punti della chiusura di ieri, dopo una giornata che aveva visto il differenziale toccare un massimo a 165,7 punti .
Questa mattina il rendimento del decennale italiano è all’1,85%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro in lieve calo sul dollaro a 1,1401
Sullo yen sale leggermente a 131,67
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
08:41
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Apertura in leggerissimo calo per l’euro nei confronti del dollaro: la moneta unica europea passa di mano a 1,1401 dollari a fronte del livello di 1,1441 di ieri sera a New York.
Nei confronti dello yen l’euro cede lo 0,2% a 131,67.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Asia contrastata, pesa stretta monetaria, Tokyo +0,13%
Futures positivi, frena il greggio, in arrivo prime scorte Usa
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
08:44
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Listini di Borsa contrastati in Asia e Pacifico, con il dollaro e i rendimenti dei titoli di Stato Usa in forte rialzo per la stretta monetaria in corso.
Ha tenuto Tokyo (+0,13%) insieme a Taiwan (+0,37%), positive Shanghai (+0,67%), Seul (+1,41%) e Sidney (+1,07%), segno meno invece per Hong Kong (-0,91%), ancora aperta insieme a Mumbai (+0,19%) e Singapore (+0,87%).
In rialzo i futures sull’Europa e sui listini americani in attesa della bilancia commerciale francese e delle vendite al dettaglio in Italia. In arrivo anche dagli Usa la bilancia commerciale insieme alle prime stime sulle scorte settimanali di greggio secondo l’Api (American Petroleum Institute). In calo il greggio (Wti -0,18% a 91,15 dollari al barile) a differenza del gas (+2,31% a 81,43 euro al MWh).
Positivi invece i metalli, compreso l’oro (+0,37% a 1.817 dollari l’oncia).
Sulla piazza di Tokyo hanno tenuto i produttori di semiconduttori Sumco (+1,16%), Advantest (+0,11%) e Tokyo Electron (+0,4%), in rialzo i produttori di auto Toyota (+0,9%) e Mazda (+1,7%), in luce i bancari Nomura (+2,31%), Sumitomo MItsui (+2,0%) e Mizhuo (+1,27%). Sotto pressione Olympus (-7,2%) frenata dalle stime per l’intero esercizio.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Spread Btp Bund: in rialzo, torna sopra quota 160 punti
Il rendimento del decennale italiano sale all’1,85%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
08:37
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio di giornata nuovamente in netto rialzo per lo spread tra Btp e Bund che segna 160,6 punti e si riporta sui livelli dell’estate del 2020 a fronte dei 155,5 punti della chiusura di ieri, dopo una giornata che aveva visto il differenziale toccare un massimo a 165,7 punti .
Questa mattina il rendimento del decennale italiano è all’1,85%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Iliad vuole Vodafone Italia, offerta per il 100%
Indiscrezione confermata dall’amministratore delegato
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
18:37
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Iliad ha avanzato un’offerta per l’acquisto del 100% di Vodafone Italia.
Lo afferma Bloomberg, che spiega di aver ricevuto una conferma in questo senso dall’amministratore delegato di Iliad, Thomas Reynaud.

“Confermo che Iliad ha fatto un’offerta a Vodafone per l’acquisizione del 100% di Vodafone Italia”, ha detto.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bnp: utile 2021 sale a 9,5 miliardi, +34%
In forte crescita anche nel quarto trimestre, +44%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
08:49
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Balzo degli utili netti nel 2021 per il gruppo bancario francese Bnp Paribas che sono saliti a 9,48 miliardi di euro con un aumento del 34% rispetto al 2020 e del 16% rispetto al 2019.
Il gruppo ha beneficiato di partite straordinarie per 1,43 miliardi ma soprattutto di un risultato di gestione, si legge nella nota sui conti, salito a 12.199 milioni di euro,(+45,9%) rispetto al 2020 e “in aumento in tutte le divisioni”.
Ha giovato anche il costo del rischio, pari a 2.925 milioni di euro, diminuito del 48,8% rispetto al 2020. Nel solo quarto trimestre l’utile netto di gruppo è cresciuto del 44% a 2,3 miliardi. Dal punto di vista patrimoniale al 31 dicembre 2021, il Common Equity Tier 1 ratio è pari al 12,9%2, con un incremento di 10 punti base rispetto al 31 dicembre 2020.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Auto: Acea, mercato +7,9% nel 2022 ma Ue acceleri su chip
Allarme ritardo infrastrutture per elettriche
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
08 febbraio 2022
08:57
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’Acea, Associazione europea dei costruttori di automobili, prevede che le immatricolazioni nell’Ue torneranno a crescere quest’anno, aumentando del 7,9% per raggiungere 10,5 milioni di unità, grazie anche a una stabilizzazione delle forniture di chip entro il 2022.
Tuttavia, le vendite rimarrebbero comunque inferiori di quasi il 20% ai livelli pre-crisi del 2019.
Alla luce dell’European Chips Act, l’Acea esorta l’Ue a ridurre la sua dipendenza dai fornitori esteri per evitare danni alle industrie europee in futuro.
L’associazione inoltre lancia l’allarme per il ritardo sulle infrastrutture per le auto elettriche: “Se la situazione delle infrastrutture per l’elettrico non viene affrontata con urgenza introducendo obiettivi ambiziosi per tutti gli Stati membri dell’Ue, incontreremo molto presto un ostacolo”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bnp: Bnl, utile lordo 2021 sale a 376 mln (+3,7%)
Migliora costo rischio. In calo utili nel quarto trimestre,
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
08:58
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bnl banca commerciale (gruppo Bnp Paribas) ha riportato nel 2021 un utile ante imposte pari a 376 milioni di euro, in crescita del 3,7% rispetto al 2020.
E’ quanto si legge nel comunicato sui conti del gruppo secondo cui il risultato lordo di gestione si attesta a 899 milioni di euro, con una flessione del 2,8% rispetto al 2020.
Il costo del rischio, pari a 487 milioni di euro, registra un miglioramento di 38 milioni di euro rispetto al 2020, grazie a riprese di valore su crediti sani (livelli 1 e 2) e al numero limitato di nuovi default. Gli impieghi sono in crescita dell’1,5% rispetto al 2020 e del 3,7% al netto dei crediti deteriorati. La banca, sottolinea il comunicato, “continua ad acquisire quote di mercato in tutti i segmenti di clientela. I depositi crescono del 12,3% rispetto al 2020, con un incremento in ogni tipologia di clientela”.
Nel solo quarto trimestre la banca ha riportato un utile ante imposte pari a 78 milioni di euro, in calo del 12,9% rispetto al quarto trimestre 2020.a seguito di una contrazione del 10,7% del margine di interesse, “a causa del contesto di tassi bassi, parzialmente compensato dalla crescita dei volumi di credito”.
Con 438 milioni di euro, i costi operativi sono in aumento dell’1,0% rispetto al quarto trimestre 2020, soprattutto a causa di iniziative mirate, parzialmente compensate dall’effetto delle misure di adattamento (piano di pensionamento “Quota 100”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano apre in rialzo, +0,12%
Indice Ftse Mib a quota 26.361
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
08 febbraio 2022
09:02
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Apertura in rialzo per Piazza Affari.
L’indice Ftse Mib quadagna lo 0,12% a 26.361 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Unicredit: finanziamento di 145 milioni a The Student Hotel
Per due nuove sedi a Roma e Firenze con garanzia green di Sace
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
09:05
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
The Student Hotel (Tsh) ha raggiunto un accordo con UniCredit per un finanziamento a impatto sociale e ambientale di 145 milioni di euro volto allo sviluppo di due nuove sedi a Roma San Lorenzo e Firenze Belfiore.
Sace supporta il finanziamento con una garanzia green di 54 milioni di euro.

Il prestito include le condizioni per il raggiungimento di un rating Breeam “Very Good” per entrambe le location e l’aderenza alla Tassonomia Ue per le attività sostenibili come criteri per la garanzia green di Sace. L’operazione è stata realizzata grazie al supporto del team Real Estate Large Corporate di UniCredit Italia.
Tsh e UniCredit hanno concordato di includere nel finanziamento condizioni di impatto che prevedono uno sconto sul tasso di interesse che Tsh si è impegnata a reinvestire per fornire a studenti provenienti da situazioni sociali svantaggiate, borse di studio sotto forma di sconti sulle tariffe di locazione. Le condizioni del finanziamento ad impatto sono in linea con il programma di Social Impact Banking della banca.
UniCredit agisce come Arranger, Underwriter, Bookrunner e Agent.
Il prestito fa seguito ai finanziamenti esistenti già erogati da UniCredit a TSH per la realizzazione delle sedi con modelli di ospitalità ibrida di Firenze Lavagnini, Bologna e Vienna.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa apre poco mossa, Parigi -0,01%, Londra +0,16%
In lieve rialzo Francoforte (+0,09%) e Madrid (+0,22%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
09:18
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio di seduta poco mosso per le principali borse europee.
Parigi cede lo 0,01% a 7.008 punti, Londra guadagna lo 0,16% 7.585 punti, Francoforte sale dello 0,1% a 18.577 punti e Madrid dello 0,22% a 8,577 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano accelera (+0,9%), bene Leonardo, sprint Mps
Spread cala a 157,3 punti, bene Iveco e Stellantis, tiene Saipem
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
09:45
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Accelera Piazza Affari nella prima mezz’ora di scambi, con l’indice Ftse Mib in crescita dello 0,92% a 26.571 punti.
In luce sul paniere princiaple Leonardo (+2,14%), tra i titoli a minor capitalizzazione brilla Mps (+6,3% a 0,98 euro) all’indomani dei conti e del cambio di amministratore delegato, con Luigi Lovaglio che succede a Guido Bastianini.
Cala intanto a 157,3 punti il differenziale tra Btp e Bund tedeschi decennali, con il rendimento annuo dei primi in crescita di 2,1 punti all’1,799%. Acquisti su Bper (+1,94%), Unipol (+1,91%), Intesa (+1,51%) e Unicredit (+1,33%), mentre resta indietro Banco Bpm (+0,7%).
Sugli scudi anche Iveco (+1,83%) e Stellantis (+1,48%), più caute invece Cnh (+0,93%) e Ferrari (+0,23%). Tiene Exor (+0,6%), a monte della catena di controllo. Un solo segno meno limitato a Nexi (-0,65%) mentre procedono al di sotto dell’indice di riferimento Eni (+0,65%) e A2a (+0,65%) e tenta il rimbalzo Saipem (+0,91%), dopo una settimana di passione, con i nuovi manager voluti da Eni e Cdp a fianco del vertice in vista dei conti del prossimo 24 febbraio.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo Covid mercato italiano dei droni riparte, +29% nel 2021
PoliMi, cresce uso in PA e salvaguardia ambientale
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
12:03
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo la frenata provocata dalla pandemia, il 2021 è stato un anno di ripartenza per il settore dei droni: il mercato professionale ha raggiunto il valore di 94 milioni di euro, +29% rispetto al 2020.
Non sufficiente, però, per tornare ai livelli pre-pandemia (117 milioni di euro nel 2019).
In Italia, le imprese attive sono 713, con 45 chiusure nel 2021. I principali campi di utilizzo sono Pubblica Amministrazione (42%) e salvaguardia ambientale (17%). L’80% degli Italiani considera utile un servizio di trasporto merci con droni, solo il 57% ne vede l’utilità per il trasporto di persone. Sono i risultati della ricerca dell’Osservatorio Droni della School of Management del Politecnico di Milano, presentata oggi durante il convegno online ‘Droni: tra Tradizione e Innovazione’.
“L’85% delle imprese italiane coinvolte nel sondaggio prevede un mercato in forte crescita entro i prossimi tre anni- afferma Cristina Rossi Lamastra, Responsabile Scientifica dell’Osservatorio Droni – Uno dei principali nodi da scogliere per lo sviluppo resta però la normativa, indicata come significativo vincolo dall’81% dei rispondenti”. Il 41% ritiene che il Regolamento Europeo Droni stia già dando un forte impulso al mercato (scettico invece il 32% delle imprese); quello che sembra mancare è la sua piena applicabilità, ritenuta un forte freno dal 64%. Al momento il settore che genera fatturato in Italia, 94 milioni di euro, è quello costituito da droni medio-piccoli in grado di svolgere attività come ispezioni e sopralluoghi (42%), sicurezza e sorveglianza (21%), erogazione soprattutto in ambito agricolo (12%). La PA sta registrando da dopo la pandemia una forte impennata di casi di utilizzo.
Riguardo il segmento dei droni grandi, fino a centinaia di kg, in grado di effettuare trasporti di beni e persone, è del tutto emergente nel mondo e vede in testa gli Usa. Tra le nazione europee, l’Italia si sta muovendo da apripista sul tema, con Enac che ha pubblicato il 30 settembre 2021 il Piano Strategico Nazionale 2021-2030 per lo sviluppo della Mobilità Aerea Avanzata in Italia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Istat: nel 2021 vendite dettaglio +7,9%
Vendite dicembre +0,9% mese, +9,4% anno
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
10:32
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel complesso del 2021 le vendite al dettaglio sono in decisa ripresa rispetto all’anno precedente, influenzato pesantemente dall’emergenza sanitaria, con una crescita annua del 7,9% in valore e del 7,2% in volume.
Lo rileva l’Istat.

A dicembre 2021 si stima un aumento congiunturale per le vendite al dettaglio dello 0,9% in valore e dello 0,6% in volume. Sono in crescita sia le vendite dei beni alimentari (+1,7% in valore e +1,2% in volume) sia quelle dei beni non alimentari (+0,3% in valore e +0,2% in volume). Su base tendenziale, a dicembre 2021, le vendite al dettaglio aumentano del 9,4% in valore e del 7,7% in volume. Crescono soprattutto, le vendite dei beni non alimentari (+14,3% in valore e +13,4% in volume) mentre quelle dei beni alimentari registrano aumenti meno marcati (+3,1% in valore e +0,2% in volume).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel complesso del 2021 le vendite al dettaglio sono in decisa ripresa rispetto all’anno precedente, influenzato pesantemente dall’emergenza sanitaria, con una crescita annua del 7,9% in valore e del 7,2% in volume.
Lo rileva l’Istat.

A dicembre 2021 si stima un aumento congiunturale per le vendite al dettaglio dello 0,9% in valore e dello 0,6% in volume. Sono in crescita sia le vendite dei beni alimentari (+1,7% in valore e +1,2% in volume) sia quelle dei beni non alimentari (+0,3% in valore e +0,2% in volume). Su base tendenziale, a dicembre 2021, le vendite al dettaglio aumentano del 9,4% in valore e del 7,7% in volume. Crescono soprattutto, le vendite dei beni non alimentari (+14,3% in valore e +13,4% in volume) mentre quelle dei beni alimentari registrano aumenti meno marcati (+3,1% in valore e +0,2% in volume).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa migliora con futures Usa e dati, Milano +1,1%
Spread sotto i 158, scivola Edf dopo stime produzione nucleare
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
11:04
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Appaiono brillanti le principali borse europee con i futures Usa in rialzo e dopo la bilancia commerciale della Francia senza particolari sorprese e le vendite al dettaglio in Italia al di sopra delle stime.
Stabile sotto i 158 punti lo spread tra Btp e Bund decennali tedeschi, con il rendimento annuo dei primi in rialzo di 1,7 punti all’1,79%.
La migliore è Madrid (+1,45%), seguita da Milano (+1,11%), Parigi (+0,95%), Francoforte (+0,75%) e Londra (+0,53%). Prosegue il ribasso del greggio in vista dell’anteprima dell’Api sulle scorte settimanali Usa mentre si muove in controtendenza il gas (+3,4% a 82,2 euro al MWh). Sale a un picco di 250 euro al MWh, mantenendosi in media sopra i 200 euro, il costo dell’energia elettrica in Europa a causa delle previsioni di Edf (-2,24% a 8,19 euro a Parigi) sulla produzione delle centrali nucleari a causa di problemi tecnici ad alcuni impianti.
In ordine sparso il comparto dei microprocessori, con acquisti su Ams-Osram (+6,43%) dopo i conti ed un quasi speculare calo di Nordic Semiconductor (-2,64%). Bene Stm (+1,1%) in Piazza Affari, debole Infineon (-1,22% a Francoforte). In campo automobilistico avanzano Renault (+2,53%), Iveco (+2%), Stellantis ( +1,93%) e Bmw (+2,13%), a cui gli analisti di Barclays hanno confermato la raccomandazione ‘equal weight’.
In luce tra le banche Mps (+7,03% a 0,997 euro), che sfiora la quotazione di 1 euro all’indomani dei conti e dell’avvicendamento al vertice con l’arrivo del nuovo amministratore delegato Luigi Lovaglio. Bene anche Bper (-3,27%), Santander (+2,38%), Bbva (+2,05%) e Unicredit (+2,11%), a differenza di Bnp (-1,49%) dopo i conti. Non frena TotalEnergies (+1,89%), Bp (+1,71%) ed Eni (+0,74%) il calo del greggio, compensato dal balzo del gas. Bene il lusso con Richemont (+1,3%), Swatch (+1,22%) ed Essilux (+0,92%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bollette: Eurolls,elettricità da 60mila a 130mila euro/mese
Azienda friulana con sedi in tre continenti e 250 dipendenti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
08 febbraio 2022
11:05
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Da 60mila a 130mila euro.
E’ l’aumento del costo della bolletta elettrica, relativa a una sola mensilità, che dovrà pagare la Eurolls, azienda con tre sedi in Friuli, e poi Lombardia, Messico, Brasile e Cina, riferita alla sola sede operativa di Villa Santina (Udine).

Un’azienda che ha investito sulla montagna e particolarmente energivora, che produce rulli in acciaio e carburo di tungsteno, e che occupa 250 persone.
“I nostri listini sono stati adeguati all’aumento dei costi di produzione, il peso di questi aumenti spesso siamo costretti ad assorbirlo. Il mercato “tira” ancora e nel 2022 contiamo di crescere parecchio, ma onestamente non so dire quanto a lungo saranno sostenibili questi rincari”, spiega il presidente della società Renato Railz, Il tema dei rincari è stato al centro di una tavola rotonda con vari industriali della montagna friulana che mirano a fare squadra, di concerto con alcuni produttori locali di energia e gli enti locali.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Roncadin: fatturato sale a 148,5mln, 779 occupati
Raggiunta la produzione annua di 100 mln pizze surgelate
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
08 febbraio 2022
11:09
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Roncadin, l’azienda di Meduno (Pordenone) tra i leader nazionali nella produzione di pizze surgelate, ha concluso il 2021 con un fatturato di 148,5 milioni di euro (+6%) e aumentando l’occupazione: negli ultimi 12 mesi ci sono state 44 stabilizzazioni e 88 nuovi ingressi, per un totale di 779 lavoratori attuali.
L’80% sono donne e il 15% è under 30.
I dati economici sono stati resi noti stamani dalla società.
L’azienda friulana è riuscita a consolidare e superare l’exploit del 2020, dovuto al forte rialzo nei consumi alimentari domestici, specialmente nel comparto surgelati, con il cambiamento delle abitudini portato dalla pandemia.
“Con 100 milioni di pezzi prodotti in un anno siamo al massimo della capacità produttiva ma l’obiettivo è crescere ancora, investendo sulle persone, sullo sviluppo dello stabilimento e sul rafforzamento del nostro marchio nei mercati italiani e stranieri – afferma l’a.d. Dario Roncadin -. Al momento però dobbiamo fare i conti con una situazione congiunturale difficile, data dai rincari dell’energia e delle materie prime, che hanno fatto crescere i costi di produzione del 15%”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Legambiente, per pendolari resta piaga affollamento
Città ancora impreparate, su trasporti Sud resta indietro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
11:29
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel 2021 sono continuati i disagi per i pendolari, afflitti dalla piaga dell’affollamento a causa di “città impreparate a garantire i distanziamenti” per il Covid-19, “con autobus e treni troppo affollati, in particolare sulle linee che da anni sono le peggiori d’Italia come Circumvesuviana, Roma-Lido, Roma-Viterbo e alcune tratte lombarde” e per “poche ciclabili realizzate”.
E’ la fotografia scattata dal Rapporto Pendolaria 2022 di Legambiente.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
In Italia, ricorda il rapporto, ci sono 248 chilometri di metro, meno che nella sola città di Madrid (291 km). Per lo “Sviluppo di sistemi di trasporto rapido di massa” nelle aree urbane, tra Piano nazionale di ripresa e resilienza e risorse statali, sono in cantiere o finanziati 116,5 chilometri di metro tra nuove e riconversioni (a Roma, Milano, Torino, Genova, Napoli, Catania), 235,7 di tranvie (a Milano, Bergamo, Brescia, Padova, Bologna, Firenze, Roma, Napoli, Palermo, Cagliari e Sassari), 102,9 di filobus e busvie (tra quelle finanziate al 100%).
Negli ultimi dieci anni si sono ampliate le differenze tra le aree del Paese per la ineguale qualità del servizio ferroviario e il Sud continua a soffrire i ritardi maggiori in termini di possibilità di spostamento nazionali e regionali, con meno treni, più lenti e vecchi.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Benzina: prezzo settimanale a 1,819 euro, massimo da 2012
In modalità self aumenta anche il gasolio, sale sopra 1,690 euro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
11:53
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ancora rincari per i carburanti. Secondo le rilevazioni del Mite, nella media della scorsa settimana il prezzo della benzina verde in modalità self è salito a 1,819 euro al litro con un aumento di 2,26 centesimi rispetto alla settimana precedente.
In salita anche il prezzo del diesel che, con un rialzo di 2,33 euro, ha superato 1,690 euro al litro. Per la benzina si tratta del massimo da ottobre 2012 mentre per il gasolio il prezzo è il più alto da marzo 2013.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano rallenta (+0,6%), pesano Tim, Nexi e Saipem
Spread cala a 155 punti, proseguono gli acquisti su Leonardo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
11:56
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Accelera Piazza Affari rallenta il passo dopo due ore di contrattazioni, con l’indice Ftse Mib che limita il rialzo allo 0,55% a 26.473 punti.
In calo lo spread tra Btp e Bund tendeschi decennali a 155,4 punti, con il rendimento annuo in ribasso di 1,6 punti all’1,762%.
Invertono la rotta Tim (-1,72%) e Saipem (-0,9%), di nuovo in calo dopo il tentato rimbalzo iniziale. Proseguono le vendite anche su Nexi (-1,61%), mentre girano in calo Buzzi (-0,9%) e Ferrari (-0,58%). Sugli scudi Bper (+2,4%) e Unicredit (+1,87%), mentre rallenta Leonardo (+1,55%) e continua a brillare Mps (+8,6% a 1 euro) all’indomani dei conti e del cambio di amministratore delegato, con Luigi Lovaglio che succede a Guido Bastianini.
Acquisti su Unipol (+2%) e Intesa (+1,53%), più cauta invece Banco Bpm (+0,75%).
Riducono il rialzo Iveco (+1,37%) e Stellantis (+1,24%), mentre migliorano Cnh (+1%) ed Exor (+1,14%), a monte della catena di controllo. Fanno meglio dell’indice Prysmian (+1,08%, Mediobanca (+1,14%), Poste (+1,06%) ed Stm (+0,64%). Cauta Eni (+0,55%), pur con il greggio Wti in calo dell’1,86% a 89,6 dollari al barile, fiacca Moncler (+0,14%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Von der Leyen lancia piano chip, ‘Ue diventerà leader’
Con Chips Act investimenti per 45 miliardi di euro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
08 febbraio 2022
12:28
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Con lo European Chips Act vogliamo fare dell’Ue un leader industriale in questo mercato strategico, ci siamo prefissati l’obiettivo di avere nel 2030 qui in Europa il 20% della quota di mercato globale della produzione di chip, ora siamo al 9%, ma durante questo periodo la domanda raddoppierà, questo significa quadruplicare i nostri sforzi”.
Lo ha detto la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, presentando il disegno di legge sui semiconduttori.
Il Chips Act “sosterrà l’ambizione” dell’Ue di diventare leader nel settore “con investimenti considerevoli: 15 miliardi di euro in ulteriori investimenti privati e pubblici entro il 2030, che si aggiungono ai 30 miliardi di euro che abbiamo già pianificato”, finanziati “dal Next Generation Eu, dal programma Horizon e dai bilanci nazionali”, ha spiegato la presidente della Commissione Ue.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Pop. Sondrio: utile 2021 raddoppia a 269 mln, migliore storia
A fine marzo la presentazione del nuovo piano industriale
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
08 febbraio 2022
13:27
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Banca Popolare di Sondrio archivia il 2021 con un utile netto più che raddoppiato, il migliore nella storia dell’istituto.
Il risultato è di 268,6 milioni di euro (+152% rispetto all’anno precedente) con un Roe all’8,9%.

I conti evidenziano un forte sostegno a famiglie e imprese del territorio con erogazioni pari a 4,8 miliardi di cui circa 1 miliardo assistite da garanzia statale. La banca registra poi un ulteriore miglioramento dell’asset quality (Npe ratio netto pari al 2,7%, rispetto al 3,7% dell’anno precedente) e una robusta posizione di capitale (CET1 ratio phased-in al 15,8%).
“Siamo concentrati nella predisposizione del nuovo piano industriale che presenteremo al mercato a fine marzo, per condividere con i nostri azionisti il percorso atteso negli anni a venire”, annuncia quindi il Consigliere delegato e Direttore generale, Mario Alberto Pedranzini
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa frena, futures Usa contrastati, Milano +0,2
Spread stabile a 158 punti, cede il greggio, scivolone Edf
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
13:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Rallentano fino a scendere in qualche caso sotto la parità le principali Borse europee a metà seduta, con i futures Usa contrastati mentre salgono i rendimenti dei titoli di stato un po’ ovunque.
Una dinamica – viene fatto notare nelle sale operative – che anticipa la stretta monetaria annunciata più o meno espressamente dalle banche centrali.
Stabile intorno ai 158 punti lo spread tra Btp e Bund decennali tedeschi (158,2 punti per l’esattezza), con il rendimento annuo dei primi in rialzo di 2,5 punti all’1,8%. La piazza migliore continua ad essere quella di Madrid (+0,95%), seguita da Parigi (+0,22%), Milano (+0,2%), Londra (+0,07%) e Francoforte (-0,06%).
Prosegue il ribasso del greggio (Wti -1,51% a 89,95 dollari al barile), che ridiscende sotto la soglia psicologica dei 90 dollari indicata dagli analisti, in vista delle scorte settimanali Usa secondo l’Api. In controtendenza il gas (+0,85% a 80,28 euro al MWh) e l’energia elettrica, che ha toccato nella mattinata un picco di 250 euro al MWh, con una previsione di 300 euro in serata e una media giornaliera sopra i 200 euro. Tra le cause del rialzo le previsioni di Edf (-2,4% a 8,18 euro a Parigi) sulla produzione delle centrali nucleari francesi a causa di problemi tecnici ad alcuni impianti.
Contrastati i produttori di microprocessori Ams-Osram (+6,93%) dopo i conti e Nordic Semiconductor (-2,89%) ed Infineon (-2,5%). In parità Stm, che azzera il rialzo della mattinata. Acquisti residuali sugli automobilistici Renault (+1,04%) e Stellantis (+0,39%), mentre cede Ferrari (-1,17%) e gira in calo Bmw (-0,18%).
In luce tra le banche Mps (+8,39% a 1,007 euro), di nuovo sopra a 1 euro all’indomani dei conti e dell’avvicendamento al vertice con l’arrivo del nuovo amministratore delegato Luigi Lovaglio. Proseguono gli acquisti su Sabadell (+7%), Bper (+2,4%), Bbva (+2,15%), Santander (+1,8%) e Unicredit (+1,76%) a differenza di Bnp (-0,11%), che riduce il calo segnato subito dopo i conti. Non frena TotalEnergies (+1,68%), Bp (+0,81%) ed Eni (+0,42%) con il calo del greggio, compensato dal balzo del gas.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Leonardo con Vertical per la fusoliera dell’aereo elettrico Vx4
Apre la strada alla mobilità aerea avanzata
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
14:21
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Leonardo e Vertical Aerospace hanno raggiunto un accordo per un programma di sviluppo congiunto relativo alla progettazione, produzione, test e fornitura delle fusoliere in materiale composito del velivolo elettrico VX4 di Vertical, che “sta aprendo la strada alla mobilità aerea avanzata e rivoluzionerà il nostro modo di viaggiare.

Silenzioso, interamente elettrico, avrà un raggio d’azione di più di 100 miglia e raggiungerà la velocità di 200 miglia l’ora.

Con una capacità di quattro passeggeri e zero emissioni, avrà anche un bassissimo costo al miglio per passeggero, simile a quello di un taxi”.
Le due società “lavoreranno insieme all’ottimizzazione di strutture leggere in composito, alla progettazione modulare, all’installazione di sistemi ed ai test strutturali mirati allo sviluppo della fusoliera del velivolo” e “già oggi stanno collaborando alla realizzazione di almeno sei esemplari da impiegare nelle attività che porteranno alla certificazione del VX4”. L’accordo prevede anche un potenziale incremento della produzione di fusoliere fino a 2.000 unità l’anno, per soddisfare la domanda che già oggi può contare su un portafoglio ordini da leader del mercato.
“La mobilità aerea avanzata è parte della missione di Leonardo – commenta il dg, Lucio Valerio Cioffi – per una innovazione basata su tecnologie all’ avanguardia che faccia leva sulla centralità del fattore umano e sulla nostra consolidata competenza industriale”. E Giancarlo Schisano, capo della Divisione Aerostrutture di Leonardo, sottolinea: “Leonardo è specializzata nella produzione e nell’assemblaggio di grandi aerostrutture in materiale composito e metallico per velivoli commerciali”, ed “è costantemente impegnata ad introdurre presso i propri siti produttivi nuove tecnologie, materiali e processi.
E’ il caso del nostro stabilimento di Grottaglie in Puglia, una delle strutture più avanzate in Europa per la produzione di aerostrutture in composito,dove concentreremo le nostre attività per il VX4”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano frena (+0,1%), pesano Nexi, Tim e Saipem
Spread risale a 160 punti, proseguono gli acquisti su Leonardo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
14:22
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza Affari riduce ulteriormente il rialzo fino a mantenersi poco sopra la parità (Ftse Mib +0,1%) al traguardo di metà seduta.
In rialzo a 160 punti lo spread tra Btp e Bund tedeschi decennali, con il rendimento annuo dei primi crescita di ben 5,6 punti base all’1,833%.
Si appesantisce Iveco (-1,66% a 8,59 euro), dopo essere scivolata su nuovi minimi a seguito dei conti di fine esercizio.
Proseguono le vendite su Nexi (-2,18%), Hera (-1,5%) e Saipem (-1,53%), di nuovo in calo dopo il tentato rimbalzo iniziale.
Sugli scudi Bper (+3%), Mediobanca (+2,14%) e Unicredit (+2,19%), mentre fuori dal listini principale fa il botto Mps (+7,85% a 1 euro) dopo i conti e il cambio di amministratore delegato. Prosegue in rialzo Leonardo (+1,91%), dopo le consegne annunciate da Atr nel 2021 e l’accordo con Vertical Aerospace per la fusoliera di un velivolo elettrico. Acquisti su Unipol (+2,1%) e Intesa (+1,35%), gira in calo invece Banco Bpm (-0,1%).
Tiene Stellantis (+0,47%), deboli Cnh (-0,4%) e Ferrari (-1,34%) a differenza di Exor (+0,85%), a monte della catena di controllo. Gira al rialzo Tim (+0,68%), sale di poco Eni (+0,39%), pur con il greggio Wti in calo dell’1,7% a 89,63 dollari al barile, mentre sale il gas (+0,87% a 80,29 euro al MWh).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Trasporti: battesimo italiano per autobus a idrogeno Caetano
A Trieste, poi Brescia; zero emissioni. Partecipa Snam4Mobility
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
08 febbraio 2022
15:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato presentato per la prima volta in Italia, a Trieste, un autobus alimentato a idrogeno del più importante produttore di autobus e pullman in Europa, la portoghese CaetanoBus, realizzato in collaborazione con Toyota.

Nella sede di Trieste Trasporti, la società di trasporto pubblico cittadino, è stato mostrato il funzionamento del mezzo, i meccanismi e le caratteristiche dell’idrogeno come carburante, ed è stato anche effettuato un giro di prova per le strade della città.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’evento è stato realizzato da Arriva Italia – tra i primi operatori nel settore del Trasporto Pubblico Locale su gomma in Fvg – e si sposterà a Brescia.
Il Caetano H2.City Gold, equipaggiato con Toyota Fuel Cell e co-branded con Toyota dal 2021, è un autobus urbano di 12 metri, una autonomia di oltre 400 km e non emette che vapore acqueo: privo di emissioni al 100%.
Quello italiano viene considerato un “mercato chiave per il settore”, come testimoniato da Nuno Lago de Carvalho, Chief Commercial Officer di CaetanoBus. “E’ bene essere allineati con gli operatori nella lotta ai cambiamenti climatici e aiutare le persone a muoversi in modo più green”.
Al tour prende parte anche Snam4Mobility, (gruppo Snam). “I gas verdi – dice Daniele Lucà, Senior VicePresident Mobility Solutions and Sevices di Snam4Mobility – avranno un ruolo chiave nella decarbonizzazione della mobilità di persone e merci, incluso il trasporto pubblico locale. L’idrogeno, in particolare, ha un grande potenziale nel segmento dei veicoli pesanti in virtù dei ridotti tempi di ricarica”.
La soluzione proposta dalla Toyota è “pienamente complementare all’elettrico a batteria, e trova anche applicazione nelle automobili – come la nostra MIRAI – e in molte tipologie di mezzi per il trasporto pesante e quello ferroviario, fino alle imbarcazioni”, ha sottolineato Andrea Saccone, Communication & External Affairs General Manager di Toyota Motor Italia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano incerta dopo Wall street, tensione spread
Listini europei attorno alla parità, rendimento Btp a 1,87%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
15:40
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
I mercati azionari del Vecchio continente restano nervosi ma attorno alla parità dopo l’avvio di Wall street, con la tensione che si conferma più forte sui titoli di Stato.

La Borsa europea più positiva è infatti quella di Madrid che sale dello 0,8%, con Parigi e Londra piatte, mentre Francoforte e Milano cedono lo 0,1%.
In calo di mezzo punto percentuale Amsterdam.
Lo spread tra Btp e bund tedeschi a 10 anni è tornato sopra la quota di 160 dell’avvio (esattamente a 161 punti base), con un rendimento del prodotto del Tesoro all’1,87%, ritoccando così i massimi di giornata.
In Piazza Affari, corre sempre Mps (+5% dopo una breve sosta in asta di liquidità), con Bper, Unicredit e Mediobanca in crescita di oltre due punti percentuali. Sempre positiva Leonardo (+1,8%), pesanti Iveco dopo i conti e Nexi, entrambe in calo del 3%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Atr: Bortoli, chiara tendenza di crescita, segnali positivi
Dalla società ‘ottimismo su prospettive a medio e lungo termine’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
15:49
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Abbiamo visto una chiara tendenza di crescita nel 2021, con segni molto positivi di una lenta ma sicura ripresa del mercato”, dice l’a.d.
di Atr, Stefano Bortoli, dalla conferenza stampa annuale, all’headquarter di Tolosa.
“Questo non è dovuto solo al miglioramento delle condizioni di mercato, ma anche alla nostra risposta alle sfide imposte dalla pandemia”. Nel 2021 la j.v. tra Airbus e Leonardo, leader mondiale nella produzione di aeromobili regionali, ha consegnato 31 velivoli e ricevuto 35 ordini. Tra i “traguardi” raggiunti lo scorso anno evidenzia “la consegna di 31 nuovi velivoli in 5 continenti e di 10 velivoli di seconda mano; la firma di 35 ordini, Lettere d’intenti comprese; l’introduzione del nuovo motore Pratt & Whitney 127XT, che riduce i consumi di carburante del 3%, garantisce un risparmio sui costi di manutenzione del 20% rispetto ai motori attuali e che diventerà lo standard sugli ATR 72 e 42; l’annuncio di Air Corsica come cliente di lancio del nuovo PW127XT; La consegna del 1.600mo velivolo e la firma del 1.800mo ordine; Il lancio della fase di industrializzazione della versione ‘short take-off and landing’; La firma di una Lettera d’Intenti con Braathens Regional Airlines e Neste per accelerare il processo di certificazione dell’aereo ATR con il 100% di Sustainable Aviation Fuel (SAF), il combustibile per aviazione sostenibile; L’apertura del Customer Experience Studio, completamente digitalizzato e connesso, il primo nel settore dell’aerospazio regionale”.
Il vertice di Atr, evidenzia una nota, “ha anche espresso ottimismo sulle prospettive della compagnia a medio e lungo termine”, un riferimento anche al mercato del trasporto merci “in forte crescita”, alle previsioni per la domanda di velivoli cargo (circa 460 nei prossimi 20 anni per la categoria fino a 9 tonnellate, stima Atr) ed alle attese per il mercato della conversione di velivoli da passeggeri a cargo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lotta sul Superbonus, M5S puntano a decreto correttivo
Patuanelli, lavori bloccati, serve più tempo per unifamiliari
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
17:09
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La stretta anti-frodi sul Superbonus va corretta e subito, non con un emendamento al decreto Sostegni ter, che deve ancora entrare nel vivo del suo iter parlamentare, ma con un nuovo decreto.
E’ la posizione del Movimento 5 Stelle che, con il ministro Stefano Patuanelli prima e con il ‘padre’ della misura Riccardo Fraccaro poi, annunciano di voler portare un nuovo provvedimento all’attenzione del governo al prossimo consiglio dei ministri atteso per giovedì.

“Le modifiche degli ultimi due decreti al meccanismo della cessione dei crediti che maturano a seguito degli interventi edilizi, predisposte con il nobile obiettivo di evitare le truffe, di fatto hanno bloccato completamente migliaia di interventi, rischiando di far fallire le imprese oneste e di danneggiare migliaia di famiglie. – ha spiegato Patuanelli – Come Governo dobbiamo prenderne atto e intervenire immediatamente con un decreto correttivo e con un prolungamento della misura del Superbonus 110% per le monofamiliari, visti i due mesi di stop subiti. Porterò questo tema nel prossimo Cdm”.
“Le aziende devono chiudere se non si risolve con un decreto e si rischia di mandare per strada aziende ed operai – gli ha fatto eco Fraccaro – Il M5S ha chiesto ufficialmente un decreto immediato per risolvere il problema, nel prossimo Cdm, perché non abbiamo il tempo della conversione. Siccome il problema l’ha creato con arroganza il governo, perché non ha condiviso la norma, ha fatto un danno e ora deve risolverlo”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’utile di Banco Bpm balza a 569 milioni, la metà ai soci
Conti sopra la guidance e cedola più generosa. Conferma i target
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
17:57
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Banco Bpm ha chiuso l’esercizio 2021 con un utile di 569 milioni di euro, in forte crescita rispetto ai 21 milioni del 2020 e del 10% superiore alla guidance offerta al mercato.
Ai soci, si legge in una nota, verrà proposta una cedola di 19 centesimi per azione, pari a un monte dividendi di 287,9 milioni di euro, con un pay-out del 50%, superiore agli obiettivi del piano strategico, e un dividend yield del 6,8%.
L”utile netto su base ‘adjusted’ è più che raddoppiato a 710 milioni, dai 330 del 2020, e rappresenta il risultato migliore dalla nascita del gruppo.
“Nel corso del 2021, nonostante il difficile quadro macroeconomico tuttora impattato dalla crisi sanitaria Covid-19, lo sforzo commerciale ed organizzativo del Gruppo ha consentito di registrare performance significative che hanno portato i risultati a livelli superiori a quelli pre-pandemici e consentono di mantenere una piena fiducia nel raggiungimento dei target previsti dal piano strategico”, spiega Banco Bpm.
Nel 2021 i proventi operativi sono cresciuti a 4.511 milioni (+8,6% sul 2020), il risultato della gestione operativa del 15,9% a 1.995 milioni mentre il rapporto tra costi e ricavi è sceso dal 58,5 al 55,8%. Le rettifiche su crediti sono ammontate a 887 milioni di euro, in calo rispetto agli 1,34 miliardi del 2020.
Per quanto riguarda i crediti deteriorati, gli npl complessivi sono scesi da 8,6 a 6,4 miliardi (-25,7%), con un calo dell’npe ratio lordo dal 7,5% al 5,6%. Tale indicatore scenderà al 4,8% nel 2022 grazie grazie ad un’ulteriore attività di derisking su crediti per 1 miliardo di euro. Si conferma “molto solida” la posizione patrimoniale, con un Cet1 fully phased al 13,4%.
Dal punto di vista commerciale gli impieghi netti in bonis ‘core’ (rappresentati da mutui, finanziamenti, conti correnti e prestiti personali) sono saliti dell’1,1% a 99,5 miliardi, In crescita anche la raccolta diretta core, +5,1% a 105 miliardi, e quella gestita, salita del 9,6% a 65,3 miliardi.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude in lieve rialzo, Ftse Mib +0,3%
Indice dei principali titoli di Piazza Affari a 26.411 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
08 febbraio 2022
17:42
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Seduta di leggera crescita per Piazza Affari: l’indice Ftse Mib ha concluso in aumento dello 0,31% a 26.411 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa conclude incerta, Londra -0,1%
Leggero rialzo per Parigi e Francoforte, corre Madrid con banche
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
17:47
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mercati azionari del Vecchio continente generalmente attorno alla parità: la Borsa di Londra ha chiuso in calo dello 0,1%, Amsterdam piatta, Francoforte e Parigi in aumento dello 0,2%.
Spicca Madrid, salita dell’1,3% finale anche grazie agli strappi dei gruppi bancari Sabadell (+7%) e Caixa (+4%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cementir: nel 2021 record storico per ricavi e mol
Aggiornato il piano industriale, dividendi previsti in crescita
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
17:56
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il cda di Cementir Holding ha esaminato i dati preconsuntivi consolidati 2021 ed ha approvato l’aggiornamento del piano industriale 2022-2024.
Il 2021 si chiude con “ricavi al record storico di 1.360 milioni di euro, in crescita dell’11% rispetto al 2020”.
Record storico anche per il margine operativo lordo, a 311 milioni in crescita del 17,9%.
Il risultato operativo è in aumento del 25,8% a 197,8 milioni.
Gli obiettivi di piano al 2024 prevedono “ricavi a circa 1,65 miliardi di euro, un margine operativo lordo a circa 350 milioni, una posizione finanziaria di cassa netta di oltre 300 milioni”, e con “dividendi previsti in crescita con payout ratio compreso tra il 20 e 25%”.
Il nuovo piano, “In continuità con il precedente, conferma – indica la società (gruppo Caltagirone) – un rinnovato impegno per una crescita sostenibile puntando a mitigare l’impatto sull’ambiente, all’innovazione di prodotto e all’eccellenza operativa quali strumenti per continuare a crescere e generare ritorni più elevati”. E’ un piano che “si fonda su cinque priorità strategiche”: sostenibilità, innovazione, crescita e posizionamento, miglioramento della competitività, valorizzazione delle persone”. Prevede investimenti annui di circa 72 milioni di euro; ed ‘investimenti green’ cumulati pari a 97 milioni di euro per progetti di sostenibilità “che consentiranno, tra l’altro, una riduzione delle emissioni di CO2 in linea con gli obiettivi del gruppo”.
“Il 2021 ha segnato per Cementir l’anno del record storico di ricavi e margine operativo lordo nonostante le incertezze legate alla crisi pandemica, il significativo incremento dei costi energetici, dei materiali e servizi e la svalutazione della lira turca”, commenta il presidente e a.d. Francesco Caltagirone Jr: “Il gruppo – evidenzia – ha conseguito risultati eccellenti”; “Il nuovo piano Industriale 2022-2024 continuerà a dare centralità ai temi esg nella nostra strategia di medio- lungo periodo, integrandoli sempre più nel modello di business e non limitando il nostro impegno alla sola mitigazione degli impatti sull’ambiente”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund: chiude a 158 punti base
Rendimento del prodotto del Tesoro all’1,84%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
18:05
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
In una seduta di tensione sul mercato dei titoli di Stato europei, lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 10 anni ha chiuso a 158 punti base, dopo i 160 dell’avvio e la conclusione a quota 155 della vigilia.

Il rendimento del prodotto del Tesoro è all’1,84%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Leonardo, nessun partner per business automazione a Genova
Interrotta selezione. Ora interventi per recupero redditività
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
18:14
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Leonardo “ha deciso di interrompere il processo di selezione del partner per il business di automazione, non potendo oggi individuare un soggetto in grado di assicurare un solido sviluppo futuro al polo genovese”.
La società “sta conseguentemente lanciando un approfondito percorso di analisi per definire i necessari interventi sull’organizzazione, la governance e i processi, nell’ottica di affrontare al meglio lo scenario competitivo del business automazione con una struttura di costi snella e la forte agilità operativa necessaria per il recupero della redditività ad oggi non soddisfacente”.

“I numerosi soggetti, che hanno presentato un’offerta -non hanno garantito soddisfacimento alle imprescindibili condizioni e requisiti fissati da Leonardo per il futuro del business di automazione in termini di un progetto di lungo periodo e investimenti adeguati per la giusta valorizzazione delle tecnologie e delle competenze di automazione”, spiega la società, che – ricordando le iniziative sul territorio (come “la sua iniziativa strategica più significativa di lungo periodo: la realizzazione del più avanzato centro di competenza dedicato a supercalcolo, intelligenza artificiale e cloud”) sottolinea che Genova “continua a rappresentare per Leonardo un’area di riferimento per lo sviluppo delle proprie attività industriali e di business”, con una “assunzione di grande responsabilità di Leonardo nell’interesse delle persone e della città anche per le generazioni future”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Leonardo “ha deciso di interrompere il processo di selezione del partner per il business di automazione, non potendo oggi individuare un soggetto in grado di assicurare un solido sviluppo futuro al polo genovese”.
La società “sta conseguentemente lanciando un approfondito percorso di analisi per definire i necessari interventi sull’organizzazione, la governance e i processi, nell’ottica di affrontare al meglio lo scenario competitivo del business automazione con una struttura di costi snella e la forte agilità operativa necessaria per il recupero della redditività ad oggi non soddisfacente”.

“I numerosi soggetti, che hanno presentato un’offerta -non hanno garantito soddisfacimento alle imprescindibili condizioni e requisiti fissati da Leonardo per il futuro del business di automazione in termini di un progetto di lungo periodo e investimenti adeguati per la giusta valorizzazione delle tecnologie e delle competenze di automazione”, spiega la società, che – ricordando le iniziative sul territorio (come “la sua iniziativa strategica più significativa di lungo periodo: la realizzazione del più avanzato centro di competenza dedicato a supercalcolo, intelligenza artificiale e cloud”) sottolinea che Genova “continua a rappresentare per Leonardo un’area di riferimento per lo sviluppo delle proprie attività industriali e di business”, con una “assunzione di grande responsabilità di Leonardo nell’interesse delle persone e della città anche per le generazioni future”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bper, 525 milioni di utile nel 2021, dividendo 6 centesimi
Montani, vogliamo proseguire percorso crescita nel 2022
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
18:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Per Bper il 2021 si è chiuso con un risultato netto di 525,1 milioni di euro e la banca proporrà agli azionisti la distribuzione di un dividendo cash di 6 centesimi per azione.

L’utile lordo è in rialzo a 692,9 milioni (circa 580 milioni escludendo le poste straordinarie).

“Sul fronte dei costi l’esercizio è stato caratterizzato da diverse componenti straordinarie connesse anche alla crescita del perimetro del Gruppo”, ha sottolineato l’amministratore delegato, Piero Luigi Montani a commento di una anno che ha visto la banca integrare gli sportelli ex Ubi ceduta da Intesa.
“Nel 2022 ci aspettano sfide importanti, vogliamo proseguire nel nostro percorso di crescita continuando a migliorare i fondamentali della Banca”, ha aggiunto il numero uno dell’istituto modenese che si prepara ad acquistare Carige.
I risultati, ha ripreso Montani, “costituiscono una solida base per il nuovo piano industriale”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano cauta in attesa banche centrali, ok Mps e Bper
Acquisti su settore del credito, fiacca Tim, giù Iveco e Saipem
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
18:45
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Per Piazza Affari una giornata senza grandi scosse in linea con la maggioranza delle altre Borse europee: Milano ha chiuso con l’indice Ftse Mib in aumento dello 0,31% a 26.411 punti, mentre l’Ftse All share ha segnato un rialzo dello 0,23% a quota 28.741.

L’attesa dei mercati appare concentrata sul prossimo dato dell’inflazione Usa di gennaio e i suoi possibili effetti sulle decisioni della Federal reserve, che a cascata potrebbero influire sulla possibile ‘stretta’ da parte della Bce.
In questo quadro i listini azionari del Vecchio continente si sono mossi generalmente attorno alla parità: Londra ha concluso in calo dello 0,1%, Amsterdam piatta, Francoforte e Parigi in aumento dello 0,2%. Spicca Madrid, salita dell’1,3% finale anche grazie agli strappi dei gruppi bancari Sabadell (+7%) e Caixa (+4%).
In una seduta di tensione sul mercato dei titoli di Stato europei, lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 10 anni ha chiuso a 158 punti base, dopo i 160 dell’avvio e la conclusione a quota 155 della vigilia, con un rendimento del prodotto del Tesoro all’1,84%.
In Piazza Affari, bene si è mossa Monte dei Paschi con un aumento finale di oltre il 6% a 0,99 euro dopo il cambio di amministratore delegato e i conti. I dati economici del 2021 hanno inoltre spinto Bper, che ha segnato una crescita del 4,7% a un prezzo di due euro, con Mediobanca in aumento del 2,9% e Banco Bpm in rialzo del 2,6%. Nel settore bene anche le ‘big’ Unicredit e Intesa, positive oltre i due punti percentuali, mentre tra gli altri titoli a elevata capitalizzazione buoni acquisti sono stati ottenuti da Cnh e Leonardo, entrambi in crescita del 2,4%.
In lieve calo Tim (-0,8%), mentre vendite consistenti hanno interessato Iveco (-3,6%) dopo i conti e di nuovo Saipem, scesa del 3,9% finale a 1,15 euro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Balneari: a breve tavolo per trovare una soluzione
Con Gelmini, Giorgetti, Garavaglia, Regioni, Anci e Upi. La categoria: urgente un intervento legislativo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
08 febbraio 2022
20:37
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il ministro per gli Affari regionali e le autonomie, Mariastella Gelmini, convocherà nelle prossime ore un tavolo con le Regioni, l’Anci e l’Upi – e al quale prenderanno parte anche i ministri dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, e del Turismo, Massimo Garavaglia – con l’obiettivo di trovare una soluzione per i balneari.

“Il Dipartimento – si legge in una nota – sta seguendo il dossier e il ministro Gelmini è pronto a promuovere un confronto tra il governo e gli enti locali per risolvere, attraverso una nuova norma di legge, in modo definitivo il problema”.
Nel pomeriggio sull’argomento c’e’ stato un incontro tra i ministri ed il premier Mario Draghi. L’impegno condiviso – si spiegava – è di arrivare a una proposta che tuteli il settore e che tenga conto delle varie complessità emerse. Le interlocuzioni proseguiranno sul piano tecnico nei prossimi giorni con i soggetti competenti.
Il ministro Patuanelli aveva gettato benzina sul fuoco, suscitando la reazione delle categorie”L’Italia deve mettere mano al settore delle concessioni balneari da oltre 15 anni. Come Movimento lo chiediamo da anni, le gare devono essere fatte. Massimo supporto al presidente Draghi su questo”. Lo afferma il ministro delle Politiche agricole e capodelegazione M5S al governo Stefano Patuanelli in vista dell’incontro che ci sarà oggi a Palazzo Chigi sulle concessioni per le spiagge
“Leggendo le dichiarazioni del ministro Patuanelli, esprimo stupore e incredulità perché le affermazioni rilasciate alla stampa dal ministro pentastellato stridono e vanno in totale contrasto con quella che è stata la posizione sostenuta dal Governo Conte 2, di cui lo stesso Patuanelli era ministro per lo sviluppo economico, e perciò non poteva non sapere”. Lo dichiara Fabrizio Licordari, presidente di Assobalneari Italia aderente a Federturismo Confindustria. “Infatti nella risposta del 4 febbraio 2021 resa alla Commissione europea da parte dell’esecutivo guidato da Giuseppe Conte, e di cui Patuanelli era ministro, – spiega – vengono sostenute con fermezza e coerenza le posizioni a difesa e tutela delle imprese italiane che operano sul demanio marittimo ai fini turistico ricreativi . Perciò rimaniamo totalmente sbigottiti da queste dichiarazioni che rinnegano documenti ufficiali del Governo Conte 2. Vogliamo pensare che queste dichiarazioni siano dovute ad un momento di grande confusione che regna nel Movimento 5 Stelle a seguito della nota sentenza del Tribunale di Napoli”. “Concludo – aggiunge – affermando che in un particolare momento di grande difficoltà economica in cui versa il nostro Paese e le sue imprese, distruggere un comparto così importante per il settore del turismo italiano, come sono gli stabilimenti balneari sia irresponsabile e inopportuno per chi ha ruoli di Governo e che, al contrario, dovrebbe adoperarsi per il rilancio, la ripresa e la tutela delle piccole e medie imprese italiane”
“Ancora un incontro interlocutorio. I rappresentanti tecnici del Sindacato, dopo essersi riportati a quanto dedotto nei documenti già prodotti, hanno sottolineato, tra l’altro, l’urgenza di un intervento legislativo che impedisca eventuali provvedimenti penali e iniziative amministrative dei Comuni in direzione delle gare”. Lo dice Antonio Capacchione, presidente del Sindacato Italiano Balneari aderente a Fipe Confcommercio al termine della riunione del tavolo tecnico al ministero del Turismo al quale hanno partecipato in rappresentanza del Sib l’avvocato Stefania Frandi e il professor Carlo Curti Gialdino. Dello stesso parere la Federbalneari. “Il tavolo tecnico per arrivare a una giusta riforma delle concessioni demaniali marittime e lacuali, che noi sosteniamo con convinzione, è un ottimo strumento. Oggi però ci siamo fermati alla fase interlocutoria, sono completamente mancati i contenuti e le linee guida. Ci aspettiamo che il Governo Draghi dia al più presto vita ad una riforma che stabilizzi l’attuale modello a tutela degli investimenti e del comparto del turismo” dice Marco Maurelli, presidente di Federbalneari Italia al termine della riunione del tavolo tecnico.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: chiude in calo a New York a 89,36 dollari
Quotazioni perdono il 2,10%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
08 febbraio 2022
20:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il petrolio chiude in calo a New York, dove le quotazioni perdono il 2,10% a 89,36 dollari al barile.

Economia tutte le notizie in tempo reale! LEGGI SEGUI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, ECONOMIA, Notizie, Ultim'ora

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE: TUTTI GLI ULTIMISSIMI AGGIORNAMENTI ED APPROFONDIMENTI, IN TEMPO REALE, DAL MONDO ECONOMICO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE: LEGGI!

Tempo di lettura: 103 minuti

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 01:00 DI MARTEDÌ 25 GENNAIO 2022

ALLE 14:33 DI DOMENICA 30 GENNAIO 2022

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa di Tokyo apre in ribasso dello 0,51%
Occhi degli operatori su crisi Ucraina e Fed
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
25 gennaio 2022
01:00
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Tokyo ha aperto in calo con gli investitori ispirati alla cautela per i rischi geopolitici legati alla crisi Ucraina e alle decisioni della Federal Reserve statunitense attese per la fine di questa settimana.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’indice di riferimento Nikkei 225 è sceso dello 0,51%, o 140,42 punti, a 27.447,95 all’inizio degli scambi, mentre il più ampio indice Topix ha perso lo 0,63%, o 12,17 punti, a 1.917,70.

Il dollaro ha raggiunto i 113,96 yen all’inizio delle contrattazioni in Asia, contro i 113,98 yen quotati a New York alla vigilia.
A Tokyo, le azioni Toyota sono scese dello 0,99% a 2.256 yen dopo che la casa automobilistica ha esteso e rivisto la sospensione temporanea della produzione nei suoi impianti causa Covid.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: Wti rimbalza, sfiora 84 dollari al barile
In rialzo anche il Brent sopra 87 dollari
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2022
07:49
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il petrolio rimbalza dal calo di ieri.
Dopo aver perso circa il 2%, il Wti americano con consegna a marzo ha sfiorato gli 84 dollari al barile, portandosi a 83,95 dollari, in rialzo dello 0,8%.
Guadagni anche per il Brent che ha recuperato lo 0,9% salendo appena sopra gli 87 dollari.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro in calo a 1,1307 dollari in avvio di giornata
La moneta unica è in rialzo sullo yen a 128,75
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2022
07:59
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’euro rallenta il passo nei confronti del dollaro e si porta a 1,1307 in avvio di giornata, con un calo dello 0,16%.
La moneta unica è invece in rialzo sullo yen a 128,75 (+0,25%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund apre in lieve calo a 138 punti base
Rendimento del decennale italiano stabile all’1,28%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2022
08:21
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread tra Btp e Bund a dieci anni apre in lieve calo la mattinata.
Il differenziale segna 138 punti base dai 139 della chiusura di ieri.
Il rendimento del decennale italiano è stabile all’1,28%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Asia in rosso, occhi su Fed e Ucraina, Tokyo -1,66%
Futures contrastati, in arrivo Ifo e fiducia consumatori Usa
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2022
08:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’ondata di pessimismo che ha colpito ieri le borse europee bruciando 386 miliardi di euro si è riversata oggi sulle principali borse di Asia e Pacifico.
Il timore di una stretta della Fed sui tassi e sugli acquisti di titoli che potrebbe essere annunciata domani e le tensioni tra Usa e Russia sull’Ucraina hanno pesato su Tokyo (-1,66%), in calo del 10% rispetto ai massimi raggiunti lo scorso settembre, Shanghai (-2,58%), Taiwan (-1,6%), Seul (-2,56%) e Sidney (-2,49%).
Ancora aperte Hong Kong (-2%), Mumbai (-0,37%) e Singapore (-1,26%).
Positivi i futures sull’Europa, negativi invece quelli sugli indici Usa, che nella vigilia hanno chiuso in rialzo. In arrivo dalla Germania gli indici Ifo sulla fiducia economica, mentre dagli Usa sono attesi il Redbook annuale sul commercio, la fiducia dei consumatori e gli indici Fed di Richmond, insieme alle scorte settimanali di greggio anticipate dall’American Petroleum Institute. In rialzo il greggio (Wti +0,5% a 83,81 dollari) insieme all’oro (+0,16% a 1.842,85 dollari l’oncia) e al ferro (+1,12% a 764,5 dollari la tonnellata), in rosso invece gli altri metalli e il gas europeo (-1,61% a 91,5 euro al MWh).
Sale il dollaro sull’euro e sulla sterlina, debole invece sullo yen. Sulla piazza di Tokyo scivolone dei produttori di semiconduttori Screen Holdings (-3,69%), Advantest (-3,67%) e Tokyo Electron (-2,69%). Debole Hyundai (-1,29%) a Seul dopo la trimestrale, scivolone di Evergrande (-7,53%) sulla piazza di Hong Kong.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano apre in rialzo, +0,86%
Indice Ftse Mib a quota 26.197 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
25 gennaio 2022
09:05
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio di seduta positivo per Piazza Affari.
L’indice Ftse Mib guadagna lo 0,86% a 26.197 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa apre in rialzo, Parigi +1,22%, Londra +0,87%
Positive anche Francoforte (+0,85%) e Madrid (+0,88%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2022
09:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Apertura in rialzo per le principali Borse europee.
Parigi guadagna l’1,22% a 6.870 punti, Londra lo 0,87% a 7.360 punti, Francoforte lo 0,85% a 15.139 punti e Madrid lo 0,88% a 8.491 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Porti: Trieste si conferma primo scalo ferroviario d’Italia
Treni +15%, volumi totali +2%, traffico ro-ro +25%, Teu -2,42%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
25 gennaio 2022
10:48
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il porto di Trieste nel 2021 ha avviato un forte recupero sul primo anno della pandemia, con volumi totali in crescita del 2,23% pari a più di 55 milioni di tonnellate movimentate.
Inoltre, lo scalo è tra i leader per sostenibilità su scala continentale: oltre il 50% dei container e il 41% dei semirimorchi viaggiano verso l’Europa Centro-Orientale attraverso i servizi intermodali che quotidianamente partono e arrivano da/a Trieste, in controtendenza rispetto alla media italiana e di altri paesi europei.
Trieste si conferma primo scalo ferroviario d’Italia con 9.304 treni nel 2021 (+15,13%).
Risultati in anticipo su quanto previsto dall’UE che stabilisce entro il 2030 per il traffico cargo ferroviario la soglia del 30% entro il 2030, e del 50% entro il 2050.
Prendendo in esame i settori merceologici, spicca il dato del general cargo (Ro-Ro e container), in crescita del 8,19% (17,3 mln tonn). Nel 2021, il comparto Ro-Ro ha confermato una crescita sostenuta (+25,57%; con 305.804 unità transitate), che stabilisce un record storico assoluto: l’Autostrada del Mare con la Turchia ha raggiunto 763 toccate (+34%), nel 2020 furono 569.
In leggera flessione, invece, il settore container: -2,42% pari a 757.243 TEU movimentati. Calo dovuto a pandemia, blocco di Suez, aumento dei noli, difficoltà nel reperimento di TEU vuoti e, in ottobre, le manifestazioni al Varco 4.
I dati “ci restituiscono la fotografia di un sistema portuale dinamico, in continua trasformazione, sempre meno dipendente dalle rinfuse liquide e sempre più green. Siamo sul binario giusto”, commenta il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale, Zeno D’Agostino.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Inps: a dicembre 1,37 mln famiglie con Rdc, 545 euro medi
Nel 2021 reddito e pensione a quasi 4 mln di persone
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2022
18:35
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
A dicembre le famiglie con il Reddito o la Pensione di cittadinanza erano 1,37 milioni con un importo medio mensile di 545 euro (576 euro per il RdC e 280 euro per la PdC).
E’ quanto emerge dall’Osservatorio Inps sul Reddito di cittadinanza, secondo il quale nel mese erano oltre tre milioni le persone coinvolte.
Nel corso del 2021, i nuclei percettori di Reddito di Cittadinanza hanno superato 1,59 milioni, mentre quelli percettori di Pensione di cittadinanza sono stati 169mila, per un totale di oltre 1,76 milioni di nuclei e quasi 3,94 milioni di persone coinvolte e un importo medio di circa 546 euro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Pnrr: Guerra, sono 100 gli obiettivi di ‘target’ nel 2022
Sottosegretario, 45 in primo semestre,intensa attività normativa
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2022
10:46
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Nel 2022 gli obiettivi di ‘target’ sono 100”, di cui “45 nel primo semestre, e questi interessano soprattutto la transizione ecologica, la salute, la cultura, lo sviluppo economico” e, “al fianco dell’intensa attività per realizzare questi obiettivi, c’è una intensa attività anche di tipo normativo, per ciò che riguarda il 2022”, perché “dobbiamo emanare nuove leggi, e ci sono 28 atti normativi diversi che devono accompagnare la realizzazione degli obiettivi”.
A tirare le somme sull’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) è il sottosegretario all’Economia Maria Cecilia Guerra, intervenuta questa mattina al quinto videoforum nazionale dei commercialisti del quotidiano ItaliaOggi.   POLITICA   SPETTACOLI MUSICA E CULTURA

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: Europa rimbalza, futures Usa positivi, Milano +1,05%
Ifo Germania meglio di stime, spread stabile a 136,5 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2022
11:04
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Rimbalzano le principali Borse europee dopo la tensione che nella vigilia ha fatto perdere 386 miliardi di capitalizzazioni sui timori di una stretta della Fed e per le tensioni tra Usa e Russia sull’Ucraina.
Milano, Francoforte e Londra guadagnano l’1,05%, Parigi l’1,26% e Madrid l’1,21%.
Meglio delle stime l’indice Ifo tedesco, salito a 95,7 punti contro i 94,5 attesi, stabile lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 136,5 punti, con il rendimento annuo in crescita di 0,8 punti all’1,289%. Positivi i futures Usa in attesa del Redbook annuale sul commercio, della fiducia dei consumatori e degli indici della Fed di Richmond. Previste in serata le scorte settimanali di greggio anticipate dall’American Petroleum Institute. Tiene il greggio (Wti +0,38% a 83,64 dollari al barile), cede il gas (-2,15% a 91 euro al MWh), che riduce il calo rispetto all’apertura, mentre segnano il passo i metalli, con l’oro (-0,09% a 1,838,27 dollari l’oncia) in lieve calo ed il ferro (-0,73% a 750 dollari la tonnellata) girato in negativo.
Gli acquisti si concentrano sui produttori di apparecchiature informatiche Ericsson (+8,05%) dopo risultati annui migliori delle stime degli analisti, Logitech (+9,49%), che ha alzato la previsione sugli utili, e Nokia (+2,36%). In luce i produttori di semiconduttori Soitec (+4,83%) ed Stm (+1,82%). Acquisti su Renault (+3,17%), spinta dagli analisti di Exane-Bnp, Ferrari (+2,6%) e Daimler (+1,2%), debole invece Stellantis (-0,11%). Invariata Swatch che ha chiuso il 2021 meglio delle stime, debole Credit Suisse (-0,89%) dopo i preliminari. Corrono invece Lloyds (+2,27%), Hsbc (+2,12%), Bnp (+2,05%) e Unicredit (+2,35%), in attesa dei conti che diffonderà venerdì. Bene anche Intesa (+0,95%), Bper (+0,89%) e Banco Bpm (+0,61%) in Piazza Affari, dove scivola Leonardo (-4,3%) dopo un’inchiesta in Kuwait per presunte tangenti legate all’acquisizione di Eurofighter.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Assogestioni: raccolta dicembre a 7,8 mld, 12 mesi in positivo
Da inizio anno +92 miliardi, patrimonio record a 2.583 miliardi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2022
11:32
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
A dicembre 2021 l’industria del risparmio gestito ha raccolto 7,8 miliardi di euro, mettendo a segno il dodicesimo mese consecutivo di raccolta positiva.
Nelle gestioni collettive sono entrati 7 miliardi, sotto la spinta dei fondi aperti che registrano flussi netti mensili per 5,8 miliardi di euro.
Il saldo complessivo della raccolta netta da inizio anno è salito a 92 miliardi. E’ quanto emerge dalla consueta mappa di Assogestioni, secondo cui, il patrimonio gestito segna un nuovo massimo storico a 2.583 miliardi grazie all’effetto combinato della raccolta e dell’attività di gestione. La quota prevalente degli asset, 1.340 miliardi (pari al 51,9% del totale), è impiegata in fondi aperti e chiusi. Gli investimenti nelle gestioni di portafoglio ammontano a 1.242 miliardi. I fondi di lungo termine hanno attirato flussi netti per 5,6 miliardi. I risparmiatori italiani hanno indirizzato le proprie preferenze in particolare sui fondi obbligazionari (+3,1 mld), sugli azionari (+1,4 mld) e sui bilanciati (+1 mld).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Banche: sindacati,fumata nera su accesso con greenpass
Domani nuovo incontro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2022
11:46
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fumata nera tra Abi e sindacati sulle nuove regole per l’ingresso della clientela nelle filiali delle banche: “C’è ancora una forte distanza – scrivono in una nota unitaria i segretari generali di Fabi, First Cisl, Fisac Cgil, Uilca e Unisin, Lando Maria Sileoni, Riccardo Colombani, Nino Baseotto, Fulvio Furlan ed Emilio Contrasto – in merito alla gestione dell’accesso in banca con le nuove disposizioni del Governo, che prevedono la presentazione del Green Pass da parte della clientela.
Siamo di fronte a una situazione nuova che richiede disposizioni chiare e concordate.
La mancanza di un accordo sarebbe un segnale negativo da parte delle banche e creerebbe situazioni non omogenee, non regolate e il rischio di creare caos nella erogazione di un servizio essenziale per il Paese”. Un nuovo incontro è previsto per domani.
Secondo i sindacati “le proposte datoriali sono del tutto irricevibili, non coerenti con la richiesta di garantire i lavoratori rispetto a penalizzazioni in termini operativi e professionali e a rischi di fronte a situazioni fuori controllo”.
L’incontro ha visto la conferma delle disponibilità e convergenze rispetto all’applicazione di misure di contenimento del contagio nelle banche, a partire dal ripristino di tutte le misure di prevenzione (distanziamento, areazione, sanificazione, gel disinfettante per le mani, mascherine FFP2, ecc.), dal ricorso al lavoro agile e dalla sospensione delle attività di formazione in presenza e delle trasferte.
Nell’incontro di domani – affermano – “ci attendiamo proposte che dimostrino la reale volontà delle banche di gestire questa complessa situazione valorizzando il contributo che i lavoratori bancari dimostrano quotidianamente, dall’inizio dell’emergenza, con pesanti sacrifici professionali, personali e rischi per la salute propria e dei loro cari”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lavoro:McKinsey,da transizione green fino a 15 milioni posti
Entro il 2050. A patto che il processo sia coordinato
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2022
12:28
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La transizione verso un futuro a emissioni zero, se ben gestita, potrebbe portare a un saldo positivo di 15 milioni di nuovi posti di lavoro entro il 2050.
È quanto emerge da un nuovo report di McKinsey & Company “The net-zero transition: What it would cost, what it could bring” che prende in considerazione 69 Paesi e i settori che producono l’85% delle emissioni totali.

Secondo il report, che utilizza l’ipotetico scenario Net Zero 2050 del Network for Greening the Financial System (NGFS) come punto di partenza, il capitale investito in asset fisici dovrebbe ammontare a circa 275 trilioni di dollari, pari al 7,5% del Pil globale, entro il 2050 – circa 9,2 trilioni di dollari l’anno – che corrisponde a un aumento di 3,5 trilioni di dollari rispetto all’attuale livello di spesa annuale, come conseguenza del passaggio dalle attività ad alte emissioni a quelle a emissioni ridotte. Per esempio, oggi il 65% della spesa per l’energia e l’utilizzo del suolo è destinata a prodotti ad alte emissioni; in futuro, il 70% sarà orientato verso prodotti a basse emissioni e le relative infrastrutture, invertendo così la tendenza attuale. La transizione potrebbe portare alla creazione di circa 200 milioni di nuovi posti di lavoro diretti e indiretti, ma al tempo stesso alla perdita e alla riqualificazione di 185 milioni di posizioni entro il 2050, per un saldo netto positivo di 15 milioni di nuovi posti di lavoro.
I cambiamenti saranno concentrati nella prima fase della transizione. Il prossimo decennio sarà determinante. La spesa potrebbe salire all’8,8% del Pil tra il 2026 e il 2030, rispetto al 6,8% attuale, prima di scendere nuovamente.
“Se non gestita adeguatamente,- però avverte il Rapporto- la transizione comporterebbe diversi rischi, tra cui carenze dell’offerta di energia e aumenti dei prezzi”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Poste: al via Poste Delivey Now per consegne e-commerce
Servizio con “massimo livello di personalizzazione”
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2022
12:32
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Poste ha lanciato Poste Delivey Now, la nuova gamma di soluzioni dedicate agli operatori e-commerce, sviluppata da Poste Italiane in collaborazione con Milkman, per venire incontro alle esigenze di consegne sempre più veloci e personalizzate.
Con l’opzione Scheduled Delivery, spiega l’azienda, “l’e-shopper può programmare la consegna in modo flessibile direttamente sul sito su cui ha effettuato l’acquisto, scegliendo giorno e fascia oraria, anche di sera o di sabato”.
Same Day Delivery, invece, consente di ricevere il prodotto ordinato online nel giorno stesso in cui viene effettuato l’acquisto, all’interno di una finestra oraria serale compresa tra le 19.00 e le 23.00. I nuovi servizi, si legge in una nota, “attivabili sull’offerta di spedizioni Poste Delivery Business, si avvalgono di una piattaforma evoluta per la gestione degli ordini tramite intelligenza artificiale, in grado di rispondere in tempo reale alle esigenze di chi vende e acquista online”. A disposizione del cliente anche un servizio di tracking evoluto, per seguire la spedizione dalla partenza alla consegna, che viene anticipata via Sms prima dell’arrivo del corriere, con cui è possibile comunicare direttamente in caso di necessità.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Iliad avanti da sola, no a integrazioni con Vodafone
Dopo voci su Vodafone. Fibra a 15,99 euro per chi è già cliente
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2022
12:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Andiamo avanti assolutamente da soli per la nostra strada, come abbiamo fatto per questi tre anni e mezzo”.
Così l’ad di Iliad, Benedetto Levi, risponde alla domanda su un’integrazione con Vodafone in occasione del lancio dell’offerta in fibra.

“Vogliamo portare nel fisso la stessa rivoluzione che abbiamo portato nel mobile”, spiega il numero uno del gruppo di tlc.
Il prezzo dell’offerta, di 15,99 euro la mese per gli utenti Iliad e di 23,99 euro per gli altri, rivolta a 7,4 milioni potenziali clienti, secondo gli analisti è al limite della sostenibilità del sistema.   TECNOLOGIA

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Il prezzo della benzina corre, ai massimi dal 2013
Consumatori, in una settimana un euro in più per il pieno
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
08:44
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il prezzo medio della benzina in Italia in modalità self è aumentato di 2,43 centesimi rispetto alla scorsa settimana (da 1,754 euro a 1,778), raggiungendo il massimo da settembre 2013.
Quello del gasolio è cresciuto di 2,69 centesimi (da 1,620 a 1,647).
Stabile invece il Gpl, da 0,817 euro a 0,816. Anche il gasolio da riscaldamento è salito di 2,92 centesimi (da 1,436 a 1,466). Lo rivela la rilevazione settimanale del Ministero della Transizione ecologica.
“In una sola settimana il rincaro per un pieno di carburante da 50 litri è di oltre 1 euro, 1 euro e 22 cent per la benzina e 1 euro e 35 cent per il gasolio. In meno di un mese, dall’inizio dell’anno, un litro di benzina è aumentato di quasi 6 cent (5,90), pari a 2 euro e 95 cent a pieno, il gasolio di oltre 6 cent (6,18), equivalenti a 3 euro e 9 cent per un rifornimento, pari a 74 euro su base annua” calcola Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Axa, donne e giovani più colpiti nella salute mentale
Ma italiani ottimisti, il 63% è positivo sul futuro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2022
14:15
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le donne e i più giovani sono tra le categorie maggiormente colpite nel benessere psicologico a causa della pandemia, in particolare in Europa e specialmente in Italia (48% nel nostro Paese, 33% globale).
Per gli italiani la pandemia è una delle variabili che ha influito maggiormente sulla salute mentale, seconda solo all’economia e all’occupazione.
Tuttavia manifestano un buon livello di ottimismo per il futuro e adottano un approccio positivo per superare le difficoltà (63% campione Italia, 55% media globale).
E’ quanto emerge dall’edizione 2022 dello studio “Being Mind-Healthy”, report sulla salute mentale e il benessere presentato da AXA e condotto da Ipsos su un campione di 11.000 persone a livello globale. Nel nostro Paese il 78% dei rispondenti (contro il 38% della media degli altri Paesi) dichiara di aver perso l’accesso ai servizi di assistenza per l’infanzia e alla scuola in presenza. Gli uomini invece manifestano un miglior stato di benessere mentale, legato anche a una maggiore sicurezza del lavoro e del reddito. I settori infatti più duramente colpiti dalla pandemia sono quelli che vedono un maggiore impiego femminile, come scuole, sanità e ospitalità. Persiste, tuttavia, un forte stigma sull’argomento salute mentale: gli italiani tendono a non parlarne con i figli e sono tra i meno propensi, in Europa, a cercare sostegno da familiari e amici in caso di disagio mentale. Un dato riassume il problema: l’Italia è l’unico Paese europeo dove il numero delle persone che hanno fatto autodiagnosi è superiore rispetto a quello di chi si è rivolto a uno specialista. Inoltre in Italia solo il 24% degli intervistati ritiene che il sistema sanitario pubblico fornisca un supporto adeguato, e solo il 31% ritiene che il proprio datore di lavoro dia sostegno ai propri collaboratori quando si tratta di salute mentale. Emerge globalmente, sottolinea Axa, la prioritizzazione della salute mentale e l’urgenza di aumentare la consapevolezza per le soluzioni preventive.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa resiste, futures Usa in calo, Milano +0,25%
Spread a 136 punti, attesi Redbook, indici Fed e scorte greggio
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2022
13:16
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Resistono in territorio positivo le principali borse europee pur con i futures Usa negativi in attesa del Redbook annuale sul commercio, della fiducia dei consumatori, degli indici della Fed di Richmond e delle scorte settimanali di greggio secondo l’American Petroleum Institute.

Milano (+0,25%) è in coda dietro a Francoforte (+0,53%), mentre Londra, Parigi e Madrid riescono a fare un po’ meglio, guadagnando circa lo 0,8%.
Meglio delle stime l’indice Ifo tedesco, salito a 95,7 punti contro i 94,5 attesi, stabile lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 136 punti, con il rendimento annuo in calo di 1 punto all’1,271%.
Tiene il greggio (Wti +0,6% a 83,8 dollari al barile), riduce il calo il gas (-1,34% a 91,57 euro al MWh), mentre perdono quota i metalli ad eccezione dell’oro, invariato 1.837,77 dollari l’oncia.
Sprint dei produttori di macchine informatiche Ericsson (+7,55%) dopo risultati annui migliori delle attese degli analisti, Logitech (+11,15%), che ha alzato la stima sull’utile, e Nokia (+1,95%). Rallentano i produttori di semiconduttori Soitec (+0,64%) ed Stm (+0,43%), proseguono invece gli acquisti su Renault (+3,97%), spinta dagli analisti di Exane-Bnp, Ferrari (+1,15%) e Daimler (+1,1%), debole invece Stellantis (-1,08%).
Deboli Swatch (-1,38%), che ha chiuso il 2021 meglio delle stime, e Credit Suisse (-2,2%) dopo i preliminari. Positive invece invece Lloyds (+3,39%), Hsbc (+3,08%), Bnp (+2,06%) e Unicredit (+2,04%), in attesa dei conti che diffonderà venerdì.
Tiene Intesa (+0,14%) a differenza di Bper (-1,39%) e Banco Bpm (-1,78%) in Piazza Affari, dove scivola Leonardo (-3,97%) dopo un’inchiesta in Kuwait per presunte tangenti legate all’acquisizione di Eurofighter.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Enel Gp: 5,1 Gw capacità rinnovabile costruita 2021 (+64,8%)
Anno record Capacità totale gestita arriva ora 54 gigawatt
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2022
13:56
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Produzione record nel 2021 per Enel Green Power (EGP), che ha costruito 5.120 MW di nuova capacità rinnovabile (incluso per la prima volta 220 MW di batterie), con un aumento del 64,8% rispetto alla capacità rinnovabile costruita nel 2020.
La società, spiega una nota, ha segnato anche un record in termini di energia da fonti rinnovabili prodotta nell’anno, con circa 119 TWh, di cui 55,4 TWh da eolico e solare, in crescita di 9 TWh rispetto al 2020, 57 TWh da idroelettrico e 6 TWh da geotermico.
La pipeline di progetti in sviluppo è cresciuta, toccando circa 370 GW, inclusivi di rinnovabili, Battery Energy Storage System (BESS) e capacità già in esecuzione.
“Nel 2021, Enel Green Power ha stabilito nuovi record nel suo percorso di crescita che, nonostante le difficili circostanze determinate dalla pandemia da Covid-19, continua con forza, mettendo sempre al centro delle nostre attività la sicurezza”, ha commentato Salvatore Bernabei, Ceo di Enel Green Power.
“I risultati raggiunti rappresentano un nuovo benchmark per il settore, e confermano ancora una volta la nostra leadership globale: gestiamo infatti il più grande parco impianti privato al mondo per generazione di energia rinnovabile. Nel prossimo futuro accelereremo la nostra crescita sostenibile, in linea con la Vision del Gruppo Enel, che prevede un obiettivo di capacità rinnovabile complessiva, inclusa capacità da batterie, di circa 154 GW al 2030”.
La nuova capacità rinnovabile sviluppata da Enel Green Power al 31 dicembre 2021 comprende circa 70 impianti, principalmente eolici (2.596 MW) e solari (2.238 MW). Inoltre, nel corso dell’anno EGP ha realizzato un totale di 220 MW di BESS negli impianti di Lily, Azure Sky Solar, Azure Sky wind negli Stati Uniti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tassonomia: commissario Hahn, voterò contro il nucleare
Preoccupato da ‘falso’ periodo transizione ‘di oltre 100 anni’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
25 gennaio 2022
14:25
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
E’ tutti contro tutti sulla tassonomia Ue per gli investimenti sostenibili, anche all’interno della stessa Commissione Ue.
In un’intervista a un gruppo ristretto di media internazionali, il commissario al Bilancio, Johannes Hahn, ha rivelato che intende votare no all’inclusione del nucleare.

“Devo aspettare la bozza finale ma non ho mai nascosto la mia opinione sul nucleare”, se il testo dell’atto delegato resta così “voterò contro”, ha detto l’austriaco, precisando che le sue preoccupazioni riguardano “il periodo di transizione”, che per il nucleare “in realtà è molto più di 100 anni” quindi “non è transitorio”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fmi rivede al ribasso Pil Italia 2022 a +3,8%, +2,2% in 2023
Crescita mondo ridotta a +4,4%. Rallentano Germania,Francia e Gb
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
25 gennaio 2022
16:10
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Fmi rivede al ribasso la crescita dell’Italia per il 2022.
Il Pil è atteso crescere quest’anno del 3,8%, 0,4 punti percentuali in meno rispetto alle stime di ottobre.
Per il 2023 la crescita è prevista al +2,2%, ovvero 0,6 punti in più sulle previsioni precedenti. In rallentamento anche la Germania che crescerà quest’anno del 3,8% (-0,8%) e il prossimo del 2,5% (+0,9%). La Francia segnerà un +3,5% nel 2022 (-0,4%) e un +1,8% nel 2023 (invariata). Per la Spagna è prevista una crescita del 5,8% quest’anno (-0,6%) e del 3,8% il prossimo (+1,2%). Il pil britannico è atteso a +4,7% quest’anno (-0,3%) e a +2,2% nel 2023 (+0,3%). A livello globale Il Fmi taglia le stime di crescita dell’economia mondiale per il 2022. Dopo il +5,9% del 2021, il Pil è atteso crescere quest’anno del 4,4%, ovvero 0,5 punti percentuali in meno rispetto alle previsioni di ottobre.
Nel 2023 la crescita è stimata al 3,8%, in rialzo di 0,2 punti.
“L’economia globale entra nel 2022 in una posizione più debole delle attese”, afferma il Fondo sottolineando che la revisione al ribasso per quest’anno è legata al taglio delle stime per le due maggiori economie al mondo, gli Stati Uniti e la Cina. A pesare sull’economia mondiale è il Covid ma anche l’elevata inflazione.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa conferma rialzo dopo Fmi, Milano +0,38%
Spread stabile a 136 punti, gas sale a 94 euro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2022
15:14
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee confermano il rialzo dopo le indicazioni arrivate dal Fondo Monetario.

L’indice d’area, lo Stoxx 600, sale di oltre mezzo punto con acquisti su finanziari ed energia.
I future su Wall Street restano negative. Tra le singole Piazze del Vecchio Continente, Londra registra un +0,85%, Parigi un +0,82%, Francoforte un +0,46%. Milano è in lieve recupero e guadagna lo 0,38% con il Ftse Mib a 26.070 punti.
Lo spread tra Btp e Bund è stabile a 136 punti con il rendimento del decennale italiano all’1,26 percento. Fronte petrolio, il wti viaggia sopra gli 83 dollari al barile e il brent vicino a 87 dollari al barile. In recupero il gas con il prezzo ad Amsterdam che sale a 94 euro MWh.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa si indebolisce con Wall Street, Milano -0,23%
Spread resta nell’area dei 136 punti, gas torna a 93 euro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2022
16:10
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’avvio negativo di Wall Street indebolisce leggermente le Borse europee mentre lo sguardo è sempre rivolto alla Fed di domani.
Parigi dimezza il rialzo a +0,54%.
Londra segna un +0,62% mentre Francoforte è a +0,3%.
Milano resta indietro con il Ftse Mib che finisce in negativo (-0,23%) e il Ftse Mib lascia i 26mila punti (25.937). Sotto la lente sempre Leonardo (-5,7%) che che sconta l’inchiesta in Kuwait su due alti ufficiali della difesa per presunte tangenti sull’acquisto degli Eurofighter. Tra gli altri vendite sul risparmio con Fineco (-3,3%) e Azimut (-3,5%) . Prosegue l’evidenza dell’energia con Tenaris (+2%), Eni (+1,8%) e della multiutility A2a (+2,6%). Tra i bancari in luce Unicredit (+1,2%) attesa dalla trimestrale.
Lo spread tra Btp e Bund si muove nell’area dei 136 punti con il rendimento del decennale italiano all’1,26 percento. Il petrolio è con il wti a 83,5 dollari al barile. Il gas dopo una breve incursione ad Amsterdam a 94 euro Mwh, indietreggia e finisce sotto i 93 euro con le tensioni sempre molto forti tra Russia e Ucraina.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa frena ancora con Wall Street, Milano -0,23%
Stabili il petrolio e il gas, lo spread sale a 137 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2022
16:22
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee si indeboliscono ulteriormente con Wall Street che incrementa le perdite alla vigilia della Fed e mentre si alza la tensione con la Russia sull’Ucraina.
Marginali Francoforte (+0,14%) e Parigi (+0,21%).

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tiene invece Londra (+0,46%). Milano con il Ftse sotto i 26mila punti cede lo 0,23% con Leonardo che perde il 6%.
Lo spread tra Btp e Bund sale a 137 punti con il rendimento del decennale italiano all’1,27 percento. Stabile il petrolio con il wti sopra gli 83 dollari al barile e il gas ad Amsterdam che resta nell’area dei 93 euro Mwh.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa in altalena con Wall Street, Milano +0,43%
Petrolio sale a 84 dollari, il gas a 95 euro, spread a 136 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2022
16:54
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
E’ una seduta in altalena quelle delle Borse europee con Wall Street negativa alla vigilia della Fed e le tensioni Russia-Ucraina.
Milano recupera terreno dopo esser finito in negativa e torna +0,43% con il Ftse Mib che risale sopra i 26mila punti.
A dare slancio sempre gli acquisti su Tenaris (+3,2%), Saipem (+2,5%) e Unicredit (+2,6%). Si conferma sotto pressione Leonardo (-5,8%) che sconta l’inchiesta in Kuwait su due alti ufficiali della difesa per presunte tangenti sull’acquisto degli Eurofighter.
Tra le altre Piazze, Parigi sale dello 0,85%, Francoforte dello 0,74% e Londra sfiora il punto percentuale di rialzo.
L’indice d’area, lo stoxx 600, guadagna oltre mezzo punto con l’evidenza di finanziari ed energia. Il petrolio con il wti allunga a 84 dollari al barile. Mentre il gas risale a 95 euro al Mwh ad Amsterdam. Lo spread è stabile a 136 punti con il rendimento del decennale italiano all’1,27 percento.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude a +0,22%
Ftse Mib a 26.028 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
25 gennaio 2022
17:37
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano chiude in lieve rialzo.
Il Ftse Mib segna un +0,22% a 26.028 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa chiude in positivo, Francoforte +0,75%
Londra +1%, Parigi +0,74%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2022
17:54
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee, a dispetto della flessione di Wall Street, archiviano la seduta in rialzo alla vigilia della Fed e mentre si alza la tensione sull’Ucraina.
Tra le singole Piazze, Londra registra un +1% con il Ftse 100 a 7.370 punti.
Parigi sale dello 0,74% con il Cac 40 a 6.837 punti e Francoforte dello 0,75% con il Dax a 15.122 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp Bund chiude poco mosso a 137 punti
Rendimento del decennale italiano stabile all’1,28%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2022
17:59
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread tra Btp e Bund chiude poco mosso a 137 punti dopo un avvio a 138.
Anche il rendimento del decennale italiano è stabile all’1,28 percento.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Gm: accelera sull’elettrico con investimento da 7 miliardi
Biden, la mia strategia funziona
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
25 gennaio 2022
18:33
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
General Motors accelera sull’elettrico e scommette sul suo Michigan.
Il colosso di Detroit annuncia un investimento di quasi 7 miliardi di dollari per aumentare la produzione di veicoli elettrici e per costruire uno stabilimento per le batterie elettriche.
Per Gm si tratta del maggiore investimento singolo della sua storia.
L’annuncio di General Motors è l’ultimo segnale in ordine temporale del fatto che la “mia strategia economica sta aiutando” il rilancio della manifattura, commenta il presidente americano Joe Biden.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tod’s: nel 2021 ricavi a 884 milioni, vicini a pre-Covid
Dati superiori a stime, ritornano risultati operativi positivi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2022
18:34
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel 2021 Tod’s ha registrato ricavi superiori alle attese a 884 milioni (+38,7% rispetto al 2020 e -3,5% sul 2019), con ricavi del solo quarto trimestre in crescita del 9,6% rispetto al 2019.
E’ quanto emerge dai conti preliminari del gruppo, secondo i quali le vendite del canale e-commerce sono in crescita a tripla cifra rispetto al 2019.

“Il 2021 si chiude con risultati di vendita positivi e superiori alle nostre aspettative di inizio anno: i ricavi – commenta Diego Della Valle, presidente e amministratore delegato del gruppo – sono tornati a livelli prossimi a quelli pre-COVID, spinti dalla accelerazione di Tod’s nella seconda parte dell’anno e dalla forte crescita di Roger Vivier. Le vendite hanno registrato un progressivo miglioramento e nel quarto trimestre sono state in crescita significativa rispetto allo stesso periodo del 2019”, aggiunge Della Valle.
Nel corso del 2021 le vendite del gruppo Tod’s hanno registrato, in particolare, un progressivo miglioramento rispetto all’anno precedente: nel solo quarto trimestre dell’anno, i ricavi sono stati pari a 261,2 milioni, +41,6% rispetto al quarto trimestre 2020 e +9,6% rispetto al quarto trimestre 2019.
“A livello geografico la graduale ripresa nei mercati occidentali – spiega ancora Della Valle commentando i dati preliminari approvati dal Cda – si è aggiunta agli ottimi risultati registrati dai nostri marchi in Cina, e nel continente asiatico in generale, con un andamento che riflette il graduale miglioramento delle condizioni di mercato, ma soprattutto conferma il grande apprezzamento dei clienti per la qualità e la creatività delle nostre collezioni.
Questi dati di vendita permetteranno al gruppo di tornare a risultati operativi positivi già nell’esercizio 2021”, conclude il presidente e amministratore delegato del gruppo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude positiva con l’energia e Unicredit
Bene anche A2a, pesanti Leonardo e risparmio gestito
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2022
18:48
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Seduta in altalena per la Borsa di Milano alla vigilia della Fed e mentre sale la tensione sull’Ucraina.
Il Ftse recupera nel finale e chiude a +0,22% restando sopra i 26 mila punti.
Poco mosso lo spread tra Btp e Bund a 137 punti rispetto ad un avvio a 138. Stabile anche il rendimento del decennale italiano all’1,28 per cento.
Sotto la lente Leonardo che lascia sul terreno il 5,7% e sconta l’inchiesta in Kuwait su due alti ufficiali della difesa per presunte tangenti sull’acquisto degli Eurofighter. La società non è sotto indagine. Male il risparmio gestito con Azimut (-2,9%) e Fineco (-3,1%).
Poco mossa Tim (-0,39%) mentre è attesa la bozza del piano dal neo a.d Labriola. Passo deciso con il petrolio in rialzo per Tenaris (+4,6%), Saipem (+3,5%), Eni (+3,2%). Nel credito torna in luce Unicredit (+2,55%) chiamata alla prova dei conti venerdì. Giorno in cui A2a (+1,99%), invece, aggiornerà il piano industriale.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: chiude in rialzo a New York a 85,60 dollari
Quotazioni salgono del 2,8%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
25 gennaio 2022
20:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il petrolio chiude in rialzo a New York, dove le quotazioni salgono del 2,8% a 85,60 dollari al barile.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: a Tokyo apertura piatta (-0.04%)
Pochi scambi, investitori attendono le decisioni della Fed
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
26 gennaio 2022
02:40
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Scambi ridotti e variazioni minime in apertura delle contrattazioni alla Borsa di Tokyo, con gli investitori ancora in attesa delle decisioni della Federal Reserve statunitense.

L’indice Nikkei 225 è sceso dello 0,04%, o 9,95 punti, a partire da 27.121,39, mentre l’indice più ampio Topix è salito dello 0,18%, o 3,36 punti, a 1.899,98.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro apre stabile a 1,1294
In Asia yen poco mosso a 113,86
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
08:05
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio stabile per l’euro sui mercati.

La moneta unica scambia a 1,1294 dollari (-0,06%).
In Asia lo yen passa di mano a 113,86 ancora vicino al minimo delle ultime settimane.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Asia chiude contrastata, attesa per decisioni Fed
Tokyo (-0,44%), Shanghai (+0,7%). Lo Yen stabile sul dollaro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
08:09
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse asiatiche concludono la seduta in ordine sparso in attesa delle decisioni della Fed con l’accelerazione sulla politica monetaria ed un primo rialzo dei tassi già a marzo.
Sotto i riflettori anche le tensioni tra Russia e Ucraina con le eventuali sanzioni per il Cremlino.
Sui listini pesa anche l’andamento dei contagi da coronavirus e le difficoltà di approvvigionamento dei microchip.
Conclude le contrattazioni in calo Tokyo (-0,44%), assestandosi ai minimi in 13 mesi. Sul mercato delle valute lo yen tratta a 113,90 sul dollaro e sull’euro a 128,70. A contrattazioni ancora in corso sono in rialzo Hong Kong (+0,14%), Shanghai e Shenzhen ( +0,7%), Mumbai (+0,6%), mentre è in rosso Seul (-0,41%).
Sul fronte macroeconomico in arrivo la fiducia dei consumatori dalla Francia e la bilancia commerciale dell’Italia.
Dagli Stati Uniti prevista la bilancia commerciale, le scorte all’ingrosso preliminari, le vendite delle nuove abitazioni e la variazione settimanale delle scorte di petrolio.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: resta sopra 85 dollari al barile, occhi a Ucraina
Brent scambia a 88,4 dollari
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
08:15
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le tensioni in Ucraina mantengono alte le quotazioni del petrolio sui mercati.
Il greggio Wti del Texas resta a quota 85 dollari raggiunta dopo il +3% visto ieri e scambia a 85,5 dollari (+0,01%).
Il Brent del Mare del Nord passa di mano a 88,4 dollari (+0,21%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: prezzo poco mosso a 1846 dollari
Variazione di -0,06%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
08:17
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Prezzo dell’oro poco mosso sui mercati.
Il metallo con consegna immediata scambia a 1846 dollari l’oncia (-0,06%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread tra Btp e Bund apre in calo a 135 punti
Il rendimento del decennale italiano scende all’1,27%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
08:34
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread tra Btp e Bund apre in lieve calo a 135 punti, rispetto ai 137 punti della chiusura di ieri.
In calo anche il rendimento del decennale italiano che scende all’1,27%, rispetto all’1,28% della vigilia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano apre in rialzo (+0,75%)
Il primo indice Ftse Mib a 26.224 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
26 gennaio 2022
09:04
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano apre in rialzo.

Il primo indice Ftse Mib guadagna lo 0,75% a 26.224 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa apre in rialzo, attesa per mosse Fed
Parigi (+0,93%), Francoforte (+0,99%), Londra (+0,89%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
09:18
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee avviano la seduta in rialzo con gli investitori che attendono le mosse della Fed sulla politica monetaria.
Le previsioni sono di una accelerazione sul rialzo dei tassi d’interesse già a partire da marzo.
Sotto i riflettori anche le tensioni geopolitiche con i venti di guerra che spirano tra Ucraina e Russia.
L’indice d’area stoxx 600 avvia le contrattazioni in rialzo dello 0,72%. Avanzano Parigi (+0,93%), Francoforte (+0,99%) e Londra (+0,89%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano corre (+1,5%) con energia e banche
Vola Leonardo. Lo spread tra Btp e Bund a 135 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
09:34
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano (+1,2%) corre, in linea con gli altri listini europei.
Piazza Affari è sostenuta dalla performance delle banche e dell’energia.
Lo spread tra Btp e Bund prosegue a 135 punti, con il rendimento del decennale italiano all’1,27%.
Volano Tenaris e Saipem (+3,2%). Bene anche Eni (+1,7%), con il prezzo del petrolio in stabile rialzo. Avanzano anche Leonardo (+3,2%), dopo la forte flessione di ieri, e le auto con Stellantis ( +1,9%), Iveco (+2,9%) e Cnh (+1,7%).
Toniche le banche con Unicredit (+2,8%), Bper (+2%), Banco Bpm (+1,8%) e Intesa (+1,9%). Debole Pirelli (-0,32%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tassonomia: McGuinnes, il 2 febbraio atto con gas e nucleare
Commissaria a FAZ, possibili solo piccole modifiche
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
26 gennaio 2022
09:48
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Commissione europea adotterà il 2 febbraio il regolamento che include gas e nucleare nella tassonomia, e sono possibili solo “piccole modifiche” rispetto alla bozza inviata il 31 gennaio ai Paesi membri e agli esperti della Piattaforma finanza sostenibile.
Lo ha detto la Commissaria responsabile del dossier Mairead McGuinness in un’intervista al Frankfurter Allgemeine Zeitung.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa tonica attende la Fed, Stoxx 600 +1,6%
Avanzano energia e banche. L’euro si indebolisce sul dollaro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
10:00
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee si mostrano toniche in attesa della riunione della Fed.
Le previsioni sono di una accelerazione sul fronte della politica monetaria, con un aumento dei tassi d’interesse già a partire da marzo.
Gli investitori stanno monitorando anche gli esiti della stagione delle trimestrali per valutare la forza della ripresa economica mentre l’inflazione prosegue la sua corsa rialzista. Fari puntati anche sulle tensioni geopolitiche con le frizioni tra Russia e Ucraina.
L’indice d’area stoxx 600 avanza dell’1,6%. In rialzo Londra (+1,5%), Parigi (+1,6%), Francoforte (+1,8%), Madrid (+1,8%). I listini sono sostenuti dall’energia (+2,4%), con il prezzo del petrolio in rialzo. Il Wti sale a 85,90 dollari al barile e il brent a 88,68 dollari.
Performance positiva anche per il comparto dell’auto (+2%) e le banche (+2,1%). Bene le utility (+1,1%), con il prezzo del gas in flessione. Ad Amsterdam le quotazioni registrano un calo del 6% a 88,06 euro al Mwh. A Londra il prezzo scende del 5,9% a 212 penny per Mmbtu.
Tra le materie prime in rimonta l’oro che guadagna lo 0,3% a 1.844 dollari l’oncia. Sul fronte valutario l’euro sul dollaro è in calo a 1,1285 a Londra.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano vola a +2% con banche e energia
L’indice Ftse Mib sale a 26.544 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
10:21
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano vola, in linea con gli altri listini europei.
Il Ftse Mib guadagna il 2% a 26.544 punti, sostenuto dall’andamento positivo di banche e energia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Inapp,oltre 7,2 mln lavorano da remoto,61% almeno 3 giorni
Quasi un terzo del totale
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
10:27
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sono oltre 7,2 milioni gli occupati che lavorano da remoto, un dato che seppur sceso rispetto ai 9 milioni raggiunti durante la pandemia è comunque triplicato rispetto al periodo pre covid quando erano impegnati anche occasionalmente da remoto oltre 2,4 milioni di persone.
Lo si legge nello studio dell’Inapp “Il lavoro da remoto: le modalità attuative, gli strumenti e il punto di vista dei lavoratori” secondo il quale gli occupati da remoto sono il 32,5% del totale e il 60,8% di questi è stato impegnato a distanza almeno tre volte a settimana.

Secondo lo studio, basato su un campione di oltre 45mila interviste fatte tra marzo e luglio 2021, il 46% dei lavoratori vorrebbe continuare a svolgere la propria attività in modo agile almeno un giorno e quasi 1 su 4 tre o più giorni a settimana.
Guardando alla distribuzione dei giorni lavorati da remoto nel 2021, si osserva che il 49,7% era impegnato in modalità agile da 3 a 5 giorni. l’11,1% per più di 5 giorni a settimana e solo l’11,6% per un solo giorno. Gran parte del lavoro da remoto si è realizzato su base fiduciaria: solo per il 16,5% è stato frutto di un accordo collettivo e per il 14,3% di un accordo individuale; per quasi il 37% dei lavoratori da remoto non c’è stata, invece, alcuna formalizzazione.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ue,revisione Pnrr in casi eccezionali,valutazione rigorosa
”Va dimostrato piano non attuabile per circostanze oggettive’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
26 gennaio 2022
18:27
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Una volta che il Pnrr di un Paese membro è stato approvato dal Consiglio Ue “solo in casi eccezionali il Paese in questione può chiedere una revisione del Piano, in linea con l’art 21” del Regolamento sul Fondo di Ripresa e Resilienza.
E’ quanto sottolinea un portavoce della Commissione Ue in merito all’eventualità che l’Italia possa modificare il suo Pnrr.
“Lo Stato deve dimostrare che non può più attuare il Piano o parte di esso a causa di circostanze oggettive”. La richiesta fa scattare “una rigorosa valutazione, caso per caso, da parte della Commissione e assieme al Paese interessato”, si aggiunge.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa frizzante prima della Fed, Stoxx 600 +1,8%
Brillano Milano e Madrid. Future Wall Street in rialzo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
11:00
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee si mostrano frizzanti in attesa della riunione della Fed.
Gli investitori cercando indicazioni sulle decisioni che prenderà la banca centrale statunitense in merito ad un eventuale accelerazione sul rialzo dei tassi d’interesse.
Sotto i riflettori gli sviluppi della crisi tra Russia e Ucraina.
L’indice d’area Stoxx 600 guadagna l’1,8%. Brillano Milano (+2%), Madrid (+2,02%), Francoforte (+1,94%), Parigi (+1,9%), Londra (+1,63%). I listini sono sostenuti dall’energia (+2,5%), auto (+2,6%) e le banche (+2,5%).In positivo anche i future di Wall Street.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Compagnia San Paolo: 600 milioni entro 2024, 100 in più
Quest’anno erogazioni ammonteranno a 161 milioni
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
26 gennaio 2022
11:06
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Compagnia di San Paolo stanzia altri 100 milioni di euro per gli interventi strategici previsti entro il 2024, portando a 600 milioni la cifra complessiva del Piano quadriennale.
Quest’anno le erogazioni saranno pari a 161 milioni di euro.
Lo hanno annunciato il presidente Francesco Profumo e il segretario generale Alberto Anfossi, che hanno presentato la strategia della fondazione.
“Quest’anno festeggiamo il trentennale delle Fondazioni e il prossimo la Compagnia di San Paolo compirà 460 anni. Sono abbastanza per farci dire che ogni grande passaggio della storia, anche il più impegnativo e spiazzante, come è la pandemia, richiede la capacità di reinventarsi. È quello che stiamo facendo rimanendo fedeli alla nostra missione: le persone e il bene comune” ha spiegato Profumo. Sei i cardini della strategia della Compagnia: salute, saperi, opportunità, svolta green, innovazione e digitale, geografie.
La quota base delle erogazioni 2022 ammonta a 120 milioni, così suddivisi: 32,7 milioni per l’Obiettivo Cultura, 46,5 milioni per l’ Obiettivo Persone, 39,5 milioni per l’Obiettivo Pianeta, mentre il budget della Direzione Pianificazione, Studi e valutazione ammonta a 1,3 milioni di euro.
Nel 2021 la Compagnia ha erogato 158,7 milioni di euro per il sostegno e lo sviluppo di 1.049 progetti. Il valore di mercato complessivo del portafoglio delle attività finanziarie è di 7,9 miliardi di euro.   PIEMONTE

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: Milano prosegue in netto rialzo, in luce energia e auto
Rimbalza Leonardo, vola Tod’s. Spread Btp-Bund a 137 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
14:11
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano (+2%) prosegue in netto rialzo, in linea con gli altri listini europei.
Piazza Affari è sostenuta dall’andamento positivo di energie, banche e auto.
Lo spread tra Btp e Bund sale a 137 punti con il rendimento del decennale italiano in rialzo all’1,29%.
Nel listino principale si mettono in mostra Tenaris (+5%), Saipem (+3%) e Eni (+2,3%), con il prezzo del petrolio in rialzo. Positiva Tim (+1,1%), nel giorno del cda che esamina la prima bozza del nuovo piano preparato da Pietro Labriola. Toniche anche le banche con Bper (+4,1%), alle prese con la due diligence per Carige (+0,1%).
Avanzano Uncredit (+3,5%), Banco Bpm (+3,3%), Intesa (+2,6%) e Mps (+1,5%). Rimbalza Leonardo (+2,1%), dopo il netto calo della vigilia per vicende legate al Kwait. Ben intonate anche le auto con Stellantis (+3,9%), Iveco (+4%) e Cnh (+2,7%). In flessione Recordati (-1,6%), Pirelli (-0,7%), Ferrari (-0,1%) e Snam (-0,2%). Fuori dal listino principale prosegue la corsa Tod’s (+13%), dopo i conti preliminari con ricavi in crescita.
Le Borse europee si mostrano frizzanti in attesa della riunione della Fed. Gli investitori cercando indicazioni sulle decisioni che prenderà la banca centrale statunitense in merito ad un eventuale accelerazione sul rialzo dei tassi d’interesse. Sotto i riflettori gli sviluppi della crisi tra Russia e Ucraina. L’indice d’area Stoxx 600 guadagna l’1,8%. Brillano Milano (+2%), Madrid (+2,02%), Francoforte (+1,94%), Parigi (+1,9%), Londra (+1,63%). I listini sono sostenuti dall’energia (+2,5%), auto (+2,6%) e le banche (+2,5%).In positivo anche i future di Wall Street.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Inail, ogni contagiato Covid in media assente 1 mese
Da inizio pandemia oltre 191mila infettati, 811 i morti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
11:26
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’assenza media dal posto di lavoro di un infortunato da Covid-19 è di un mese.
Lo comunica l’Inail indicando che i contagi sul lavoro per il nuovo Coronavirus segnalati all’Istituto dall’inizio della pandemia fino al 31 dicembre scorso sono 191.046, pari a un sesto del totale delle denunce di infortunio pervenute da gennaio 2020 e al 3,1% del complesso dei contagiati nazionali comunicati dall’Istituto superiore di sanità (Iss) alla stessa data.

I decessi sul lavoro da Covid-19 segnalati all’Inail dall’inizio della pandemia sono 811, pari a un quarto degli infortuni sul lavoro con esito mortale denunciati da gennaio 2020, con un’incidenza dello 0,6% rispetto al complesso dei morti nazionali per il coronavirus comunicati dall’Iss alla stessa data. Nel 2021 il calo dei casi mortali è stato del 57,2%.
Oltre un quarto delle morti (25,8%) è avvenuto tra il personale sanitario e socio-assistenziale. La maggioranza ha riguardato gli uomini (82,5%) tra 50-64 anni (71,0%), over 64 anni (18,6%) e 35-49 anni (9,8%), tra gli under 35 solo lo 0,6% dei morti.
Prendendo in considerazione tutti i contagi sul lavoro, la quota delle donne sul totale dei casi denunciati è pari al 68,3% e la componente femminile, in particolare, supera quella maschile in tutte le regioni, a eccezione della Calabria, della Sicilia e della Campania.
Al 31 dicembre 2021, l’83% delle denunce è stato riconosciuto positivamente, generando nel 96% dei casi un indennizzo. Il 99% degli indennizzi sono inabilità temporanee, con le menomazioni permanenti pari allo 0,7% e le rendite a superstiti per casi mortali allo 0,3%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Aeroporti:in Italia nel 2021 -113 mln di viaggiatori su 2019
Assaeroporti, ma +52,4% rispetto allo scorso anno
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
12:59
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Gli aeroporti italiani hanno chiuso il 2021 con 80,7 milioni di passeggeri e una contrazione del 58,2% sul 2019, ultimo anno non interessato dalla pandemia, quando il numero dei viaggiatori ha superato quota 193 milioni.

Un consuntivo in crescita del 52,4% sul 2020, ma pur sempre segnato da una profonda crisi con 113 milioni di passeggeri persi rispetto al 2019.
Lo rende noto Assaeroporti. “A causa della seconda e della terza ondata di contagi che hanno colpito il nostro Paese, i gravi effetti della crisi pandemica si sono manifestati almeno fino a maggio 2021”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Trasporti: Sea; sciopero sindacati base 3 e 18 febbraio
Contro esternalizzazione comparto lavoratori informatico
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
26 gennaio 2022
13:14
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
I sindacati di base – Cub Trasporti, Flai Ts, Adk e Usb Lavoro Privato – hanno annunciato due scioperi di 24 ore dei lavoratori della Sea, la società di gestione degli scali di Linate e Malpensa, per giovedì 3 febbraio e venerdì 18 febbraio, per protestare contro la decisione della società di esternalizzare il comparto dei lavoratori del settore informatico.

Proprio ieri le stesse organizzazioni sindacali avevano attuato un presidio sotto Palazzo Marino sede del Comune, attualmente azionista di maggioranza della Sea.
Secondo le organizzazioni dei lavoratori “la cessione dei sistemi informativi e’ solo l’inizio dello smembramento di Sea e dei suoi lavoratori” e per questo la lotta è “contro la cessione del reparto Ict e contro l’esternalizzazione delle attività”. “E’ evidente – concludono – che si punti al completamento della privatizzazione di Sea e al suo smembramento, pezzo per pezzo, e alla svendita di tutti i lavoratori. Nel futuro imminente nessuno potra’ sfuggire a questo modello di business”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Intel: Corte Ue annulla multa Commissione da 1,06 mld euro
Per posizione dominante nel mercato processori
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
13:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Corte di Giustizia dell’Unione europea annulla parzialmente la decisione della Commissione Ue che ha inflitto a maggio 2009 a Intel un’ammenda di 1,06 miliardi di euro per abuso di posizione dominante sul mercato mondiale dei processori tra il 2002 e il 2007.

L’analisi della Commissione secondo il Tribunale è incompleta, ma non essendo in grado di individuare l’importo dell’ammenda la Corte annulla integralmente l’articolo della decisione impugnata che infliggeva a Intel l’ammenda.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Aeroporti:in Italia nel 2021 -113 mln di viaggiatori su 2019
Assaeroporti, ma +52,4% rispetto allo scorso anno
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
12:59
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Gli aeroporti italiani hanno chiuso il 2021 con 80,7 milioni di passeggeri e una contrazione del 58,2% sul 2019, ultimo anno non interessato dalla pandemia, quando il numero dei viaggiatori ha superato quota 193 milioni.

Un consuntivo in crescita del 52,4% sul 2020, ma pur sempre segnato da una profonda crisi con 113 milioni di passeggeri persi rispetto al 2019.
Lo rende noto Assaeroporti. “A causa della seconda e della terza ondata di contagi che hanno colpito il nostro Paese, i gravi effetti della crisi pandemica si sono manifestati almeno fino a maggio 2021”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tesoro:colloca 3,75 mld Btp 2 anni, rendimento sale a -0,13%
In asta anche due tranche Btp legati a inflazione
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
12:52
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
In crescita i rendimenti del Btp Short Term (scadenza a due anni, novembre 2023) collocato in asta dal Tesoro.
In particolare sono stati collocati titoli per 3,75 miliardi di euro a fronte di richieste per 5,3 miliardi con un rendimento lordo negativo (-0,13%), in crescita di 13 punti percentuali rispetto alla precedente emissione di novembre.

In asta è stata collocata anche l’undicesima tranche del Btp a 5 anni, scadenza 2026, per 590 milioni e un rendimento di -1,18% e la 36esima tranche del Bto trentennale scadenza 2041 per un importo di 409 milioni e un rendimento lordo dello 0,04%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Assolombarda, più occupati, caro energia minaccia produzione
Nel terzo trimestre 2021 +88mila occupati su base annua
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
12:37
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cresce l’occupazione in Lombardia che risente ancora dei buoni risultati economici del 2021, ma sulle imprese stanno pesando i fortissimi rialzi dei costi dell’energia, le difficoltà nelle catene di approvvigionamento e l’aumento dei contagi da Covid-19.
Sono queste le principali evidenze che emergono dai dati del Booklet economia a cura del Centro Studi di Assolombarda e pubblicato su Genio & Impresa (genioeimpresa.it), il web magazine dell’Associazione.

La ripresa economica in Lombardia nel corso del 2021 si riflette sui dati dell’occupazione che, secondo le stime provvisorie dell’Istat, cresce tra luglio e settembre di +88mila unità su base annua, ma rispetto al 2019 sono ancora 63mila gli occupati in meno. All’incremento positivo dell’occupazione si associa sia una diminuzione gli inattivi (-93mila) sia, in controtendenza rispetto al trimestre precedente, dei disoccupati (-25mila).
Le imprese subiscono un minor slancio a causa degli altissimi costi dell’energia (il 65% del consumo elettrico totale annuo in Lombardia deriva dalle imprese di industria e servizi innovativi), l’aumento dei contagi e le criticità nelle catene di approvvigionamento.
“Dopo un 2021 di forte rimbalzo in questo inizio d’anno la ripresa prosegue, ma a un ritmo più contenuto e in prospettiva emergono nuove incertezze. Pesa sulle imprese lo shock del caro-energia, anche perché si somma al perdurare delle difficoltà negli approvvigionamenti delle catene globali, all’aumento dei prezzi di molte materie prime e alla carenza di alcune componenti”, afferma Valeria Negri, Direttore Centro Studi Assolombarda.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Banca Sella: lancia nuova piattaforma di private banking
Sviluppata da Prometeia in un’ottica di open innovation
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
12:33
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Banca Sella lancia una piattaforma innovativa per gestire il patrimonio di famiglie e imprenditori, monitorando anche l’evoluzione dei loro investimenti, e consentire in modo integrato il dialogo, anche a distanza, tra cliente e private banker grazie al servizio di ‘web collaboration”.

La nuova piattaforma “Sella Global Advisory”, fornita dal Wealth & Business Advisory di Banca Sella e sviluppata da Prometeia in un’ottica di open innovation, permette ai private banker di gestire tutti i servizi di wealth management in un unico applicativo, tenendo così costantemente aggiornata la situazione del cliente: dal patrimonio finanziario a quello assicurativo, da quello immobiliare fino a quello aziendale e successorio per poter rispondere a tutte le possibili esigenze.

Il sistema fornisce, inoltre, report periodici sullo stato degli investimenti per affiancare il cliente nella valutazione dei fattori che incidono sull’evoluzione del suo patrimonio.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa tonica attende Wall Street e Fed, Milano +2,1%
Sale il prezzo del petrolio, giù il gas. Euro debole sul dollaro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
13:02
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee si mostrano effervescenti in vista della riunione della Fed e dell’avvio di Wall Street dove i future sono in rialzo.
I mercati guardano alle mosse della banca centrale statunitense sulla politica monetaria e si attendono rassicurazioni sui tassi d’interesse e sul tapering.
Resta alta l’attenzione sulle tensioni tra Russia e Ucrania mentre si valutano gli esiti della stagione delle trimestrali per avere indicazioni sulla forza della ripresa economica.
L’indice d’area Stoxx 600 avanza dell’1,9%. Nel Vecchio continente brillano Parigi, Francoforte, Milano eMadrid (+2,1%).
Tonica anche Londra (+1,9%). I listini sono sostenuti dai comparti dell’energia (+3,3%), con il prezzo del petrolio che in rialzo. Il Wti sale dello 0,5% a 86,03 dollari al barile e il Brent cresce dello 0,7% a 88,85 dollari.
Avanza anche il comparto dell’auto (+2,6%), le banche (+2,6%) e l’informatica (+2,8%). Bene anche le utility (+1,3%), con il prezzo del gas in calo. Ad Amsterdam le quotazioni registrano una flessione del 2,6% a 91,11 euro al Mwh. A Londra il prezzo scende del 3,2% a 218,50 penny per Mmbtu.
Tra le materie prime è in calo l’oro che scende dello 0,2% a 1.843 dollari l’oncia. Sul versante valutario l’euro sul dollaro si indebolisce e scende a 1,1279 a Londra.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Putin, ‘Italia tra i nostri principali partner economici’
Dipartimento di Stato Usa: Tutti uniti sulle sanzioni e pronti ad imporre costi severi alla Russia se invade ulteriormente l’Ucraina”
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
17:36
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Russia considera l’Italia come “uno dei suoi principali partner economici”.
Lo ha detto il presidente Vladimir Putin, che oggi incontra online una delegazione di grandi gruppi industriali italiani.
La Russia, ha aggiunto il presidente, è “un affidabile fornitore di risorse energetiche ai consumatori italiani”.
“Gli Stati Uniti sono ampiamente impegnati nella diplomazia con i loro alleati e partner, compresa l’Italia. Gli Usa, il G7, l’Ue e la Nato hanno detto tutti che siamo uniti e pronti ad imporre costi severi alla Russia se invade ulteriormente l’Ucraina”: così un portavoce del Dipartimento di Stato americano ha risposto sulla posizione degli Usa rispetto all’incontro virtuale oggi tra il presidente russo Vladimir Putin e rappresentanti di grandi imprese italiane.
Parlando all’incontro con gli imprenditori italiani, Putin ha sottolineato che l’Italia è il terzo Paese europeo per interscambio commerciale con la Russia. Durante il periodo della pandemia, ha aggiunto, la situazione non ha permesso di realizzare nuovi progetti e iniziative, ma “possiamo dire con soddisfazione che i nostri Paesi sono riusciti a mantenere la cooperazione economica ad un livello piuttosto alto”.
Putin, gas russo all’Italia a prezzi inferiori al mercato. Le compagnie energetiche italiane stanno ricevendo gas russo a “prezzi molto più bassi di quelli di mercato” grazie ai contratti a lunga scadenza con Gazprom. Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin parlando all’incontro online con i rappresentanti di grandi imprese italiane. I prezzi di mercato, sulla base di contratti spot, sono invece “significativamente aumentati per la stagione invernale e la carenza di offerta”, ha aggiunto Putin secondo quanto riporta la Tass.
Sedici rappresentanti di grandi imprese italiane partecipano oggi all’incontro online con il presidente russo Vladimir Putin. Lo ha annunciato il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov.
Sono invece  tre i rappresentanti di gruppi industriali italiani che hanno rinunciato ad essere presenti ad un incontro online oggi con il presidente russo Vladimir Putin. Lo ha detto il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, aggiungendo che 16 saranno invece i partecipanti. Il portavoce non ha detto quali imprese saranno rappresentate. “Non voglio nominarle – ha affermato Peskov – visto che stanno circolando fake news e qualcuno sta facendo pressioni su qualcun altro”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Gli investimenti delle imprese italiane nell’economia russa sono pari a circa 5 miliardi di dollari, mentre quelli russi in Italia sono stimati a circa 3 miliardi di dollari”. Lo ha sottolineato oggi il presidente russo Vladimir Putin, citato dall’agenzia Tass, incontrando una delegazione di grandi gruppi industriali italiani. Putin ha aggiunto che la piattaforma italo-russa per gli investimenti che deve finanziare i più importanti progetti congiunti, costituita con la partecipazione del Fondo russo per gli investimenti diretti, sta operando in modo “molto efficiente”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Dal Mise 750 milioni per investimenti sul Green new deal
Firmato decreto che rende operative le misure per la transizione
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
13:30
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Agevolazioni finanziarie e contributi a fondo perduto a sostegno degli investimenti industriali finalizzati alla realizzazione di progetti di ricerca, sviluppo e innovazione per la transizione ecologica e circolare coerenti con gli ambiti di interventi del “Green new deal italiano”.
E’ quanto prevede il decreto del ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti che rende operativa una misura per la quale sono disponibili risorse per 750 milioni, a valere sul Fondo per la crescita sostenibile (Fcs) e sul Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e agli investimenti in ricerca (Fri), gestito da Cdp.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano prosegue a +2%, in luce energia e auto
Rimbalza Leonardo, vola Tod’s. Spread Btp-Bund a 137 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
13:53
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano (+2%) prosegue in netto rialzo, in linea con gli altri listini europei.
Piazza Affari è sostenuta dall’andamento positivo di energie, banche e auto.
Lo spread tra Btp e Bund sale a 137 punti con il rendimento del decennale italiano in rialzo all’1,29%.
Nel listino principale si mettono in mostra Tenaris (+5%), Saipem (+3%) e Eni (+2,3%), con il prezzo del petrolio in rialzo. Positiva Tim (+1,1%), nel giorno del cda che esamina la prima bozza del nuovo piano preparato da Pietro Labriola.
Toniche anche le banche con Bper (+4,1%), alle prese con la due diligence per Carige (+0,1%). Avanzano Uncredit (+3,5%), Banco Bpm (+3,3%), Intesa (+2,6%) e Mps (+1,5%).
Rimbalza Leonardo (+2,1%), dopo il netto calo della vigilia per vicende legate al Kwait. Ben intonate anche le auto con Stellantis (+3,9%), Iveco (+4%) e Cnh (+2,7%).
In flessione Recordati (-1,6%), Pirelli (-0,7%), Ferrari (-0,1%) e Snam (-0,2%), Fuori dal listino principale prosegue la corsa Tod’s (+13%), dopo i conti preliminari con ricavi in crescita.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Università: aumentano numero e valore delle borse di studio
Incrementi da 500 a 900 euro dall’anno accademico 2022/2023
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
14:07
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
È stato pubblicato il decreto del Ministro dell’Università e della Ricerca, Maria Cristina Messa, che incrementa il valore degli importi minimi delle borse di studio dall’anno accademico 2022/2023, integrando quanto disposto dal decreto n.
157 del 12 febbraio 2021.

In particolare, per gli studenti “fuori sede” e per gli studenti “indipendenti” l’attuale importo è incrementato di 900 euro, arrivando a 6.157,74 euro. Per gli studenti “pendolari” l’aumento è di 700 euro che porta il valore a 3.598,51 euro, mentre per quelli “in sede” la crescita è di 500 euro, arrivando a 2.481,75 euro.
Specifiche ulteriori agevolazioni e incrementi sono previsti per gli studenti economicamente più svantaggiati, per quelli con disabilità e per le studentesse iscritte ai corsi di studio in materie STEM per le quali l’importo della borsa di studio spettante è incrementato del 20%. Incrementi mensili di 600 euro per massimo dieci mesi spettano, inoltre, agli studenti che partecipano a programmi di mobilità internazionale.
“Questa misura rappresenta il segno concreto dell’impegno continuo che abbiamo messo in campo nell’agevolare studentesse e studenti che vogliono investire nella propria formazione – dice il ministro, Maria Cristina Messa – è un sostegno che consente loro di allargare le possibilità di scelta, che li supporta nella decisione di frequentare l’università lontano da casa e li incentiva a scegliere percorsi STEM. Ai giovani deve arrivare forte il messaggio che il Paese crede in loro e li accompagna, attraverso strumenti importanti, a costruire il proprio futuro”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Milano-Cortina: Morelli, necessario rivedere prezzi opere
Alla luce dell’aumento dei prezzi delle materie prime
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
15:56
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Oggi ho riunito i rappresentanti delle Regioni e delle Province autonome interessate dall’organizzazione delle Olimpiadi invernali 2026 per discutere della ripartizione dei 324 milioni stanziati in legge di Bilancio per la realizzazione degli interventi infrastrutturali – strade, ferrovie e Tpl – collegati all’evento olimpico”.
Così il Viceministro alle Infrastrutture e Mobilità sostenibili, Alessandro Morelli, al termine dell’incontro avuto stamani al Mims con il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, della Regione Veneto, Luca Zaia, della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, e il vicepresidente della Provincia autonoma di Bolzano Daniel Alfreider.

“Ciascun attore istituzionale – continua Morelli – ha rappresentato le esigenze dei propri territori, unitamente alle proposte di interventi da finanziare; ho quindi condiviso con i presenti la necessità di rivedere i costi stimati delle opere alla luce dell’aumento dei prezzi delle materie prime che rischia di complicarne la realizzazione”.   SPORT

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa:Europa sale con Wall Street in vista Fed, Milano +2,3%
Si allarga spread Btp Bund a 139,1 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
15:54
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee salgono con l’avvio positivo di Wall Street in attesa della Fed.
Il mercato scommette, e di conseguenza già in parte sconta, un contenuto rialzo dei tassi a marzo e una graduale riduzione degli acquisti di bond da parte della banca centrale americana.

Gli indici europei, rinfrancati dal calo del prezzo del gas, malgrado resti tensione fra Russia e Ucraina, e dalla ripresa del greggio, segnano rialzi superiori al 2% con Parigi in testa (+2,48%). Milano è in crescita del 2,36% con un listino principale sostenuto da Iveco (+4,56%), Bper (+4,5%) Stellantis (+4,46%) e Tenaris (+4,37%) mentre fuori dal paniere dei big si mettono in luce Tod’s (+13,5%) dopo i conti e Maire Tecnimont (+4,37%) per il contratto da 1,1 miliardi con Rosneft.
Si allarga lo spread Btp-Bund a 139,1 punti con un rendimento dell’1,31% mentre resta aperta la partita per l’elezione del presidente della Repubblica.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lavoro: richiesta esperti digitali torna a livelli pre-Covid
Osservatorio, 51.700 annunci per professioni Ict in metà 2021
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
15:59
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’emergenza sanitaria degli ultimi due anni ha penalizzato solo temporaneamente la crescita della richiesta di figure professionali Ict.
Dopo un calo nei primi mesi del 2020, la domanda di esperti in tecnologie digitali è tornata ad aumentare, con la pubblicazione nel primo semestre 2021 di circa 51.700 annunci, avvicinandosi ai valori pre-Covid (circa 57.000 nella prima metà 2019).
È quanto emerge dalle rilevazioni dell’Osservatorio Competenze Digitali, presentato durante un evento online organizzato dalle maggiori associazioni dell’Ict (Aica, Anitec-Assinform, Assintel e Assinter Italia), insieme all’Università Bicocca.
A resistere meglio all’impatto della pandemia sono gli specialisti in ambito cloud e big data, ovvero, le figure dell’area Emerging (profili emergenti), in linea con la spinta alla migrazione delle attività sul cloud da parte delle aziende.
Professioni come Project Manager, Data Specialist, Solution Designer e Digital Consultant, hanno invertito la tendenza, da negativa nel 2020 a fortemente positiva nel 2021. A livello territoriale, dal focus su Lombardia, Lazio e Campania, emerge una “grande concentrazione di profioli Ict”: a fronte di una riduzione del 21%, nel primo semestre 2020, degli annunci web nelle tre Regioni, c’è stato un recupero nella prima metà del 2021, sostanzialmente, ai valori del 2019. La domanda al sud “è decisamente inferiore. Se nel primo semestre in Campania si rilevano 1.800 annunci (aumentati rispetto al 2020 e 2019), nel Lazio si passa a 6.500 (erano 6.100 nel 2019 e solo 4.900 del 2020) per arrivare ai 17.000 della Lombardia, leggermente meno dei 17.300 del 2019 e decisamente di più dei 13.200 del 2020.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tribunale Ue cancella multa da 1,06 mld a Intel
Per giudici analisi antitrust è stata incompleta
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
27 gennaio 2022
19:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Intel vince la battaglia legale contro l’antitrust europea su una multa da ben 1,06 miliardi di euro per abuso di posizione dominante.
La maxi sanzione le era stata inflitta dodici anni fa per quelli che secondo la Commissione erano sconti “scorretti” nei microprocessori x86 praticati dal colosso Usa a quattro grandi produttori di computer (Dell, Hp, Nec e Lenovo), e a un distributore (Media-Saturn), e che avrebbero alterato la concorrenza per cinque anni, tra il 2002 e il 2007.
Intel aveva perso un primo ricorso nel 2014 ma nel 2017 i giudici avevano deciso un rinvio al tribunale.
Ora la Corte di giustizia europea interviene in pratica con una critica di peso alla Commissione affermando che la sua analisi sulle politiche dei prezzi di Intel è incompleta. “La Commissione non è in grado di stabilire che gli sconti e i pagamenti della ricorrente in questione fossero in grado di avere o potessero avere effetti anticoncorrenziali e costituissero pertanto una violazione dell’articolo”, scrivono in particolare i giudici nella sentenza.
“Dovremo leggere nel dettaglio che cosa possiamo imparare dalla Corte di giustizia europea”, ha commentato la commissaria alla Concorrenza e vice presidente della Commissione Margrethe Vestager, “quale sia il bilanciamento tra quello che vogliamo e il fatto che abbiamo perso”, per “definire come reagiremo”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lavoro: Coldiretti,oggi click day per 70 mila stranieri
Maggior parte impegnata in agricoltura con ripresa attività
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
27 gennaio 2022
12:37
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Scatta il primo click day per l’ingresso di lavoratori stranieri che riguarderà l’assunzione di lavoratori non stagionali e autonomi, mentre martedì 1 febbraio 2022 sarà la volta degli stagionali.
Lo rende noto la Coldiretti, nel sottolineare che il decreto flussi 2022 riguarda complessivamente quasi 70 mila lavoratori stranieri, in buona parte assorbiti dall’agricoltura.
La possibilità di ingresso è importante per salvare i raccolti e garantire l’approvvigionamento alimentare, in un settore ancora fortemente dipendente dal contributo dei lavoratori stranieri, nonostante la crescita di interesse tra gli italiani.
Con la piena ripresa delle attività agricole, secondo la Coldiretti, è facile prevedere l’accentuarsi della mancanza di lavoratori necessari nelle campagne in un momento in cui con la pandemia da Covid si è aperto uno scenario di incertezza, accaparramenti e speculazioni che spinge la corsa ai beni essenziali come l’energia e il cibo.
In questo contesto, sottolinea la Coldiretti, l’apertura delle frontiere agli stranieri rischia di essere vanificata dal fatto che molti braccianti provenienti da Paesi extracomunitari non possono lavorare in quanto vaccinati con il siero russo Sputnik o con quello cinese Sinovac non riconosciuti in Italia ed in Europa. Un limite che va superato, anche considerando il fatto che un prodotto agricolo su quattro viene raccolto in Italia da mani straniere che hanno trovato regolarmente occupazione in agricoltura.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: Brent vola a 90 dollari, prima volta dal 2014
I future salgono a New York del 2%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
26 gennaio 2022
17:11
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Brent vola a 90 dollari al barile per la prima volta dal 2014.
I future salgono infatti a New York del 2% approfittando del rally di Wall Street.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude in rialzo (+2,27%)
Indice Ftse Mib a 26.619 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
26 gennaio 2022
17:44
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza Affari chiude in rialzo una seduta positiva per tutti i listini.
L’indice Ftse Mib ha guadagnato il 2,27% a 26.619 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa termina in decisa crescita in attesa Fed
Francoforte +2,22%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
18:03
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee terminano in deciso rialzo in attesa, in serata, della Fed e delle parole del suo presidente Jerome Powell.
Francoforte chiude in crescita del 2,22% e Parigi del 2,11%.
Londra alle ultime battute della seduta segna un aumento dell’1,33%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund chiude in rialzo a 140, guarda a Quirinale
Livelli di settembre 2020, rendimento all’1,32%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
18:25
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread fra Btp e Bund tedesco si allarga e conclude la seduta in rialzo a 140,3 punti base, sui livelli di settembre 2020, ben sopra livello segnato in apertura di giornata (135 punti) e alla chiusura della vigilia (137).

Cresce anche il rendimento del decennale italiano, arrivato all’1,32%.

A mettere in tensione il titolo del Tesoro, rilevano gli operatori, è la partita incerta sul nome del prossimo presidente della Repubblica e il nodo non ancora sciolto del futuro di Mario Draghi.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mattel:conquista licenza per principesse Disney, +8,95% a Ny
Anche i protagonisti di Frozen tornano alla casa di Barbie
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
26 gennaio 2022
18:27
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le principesse di Walt Disney, così come i protagonisti di Frozen, tornano da Barbie.
Mattel si è aggiudicata la licenza per produrre giocattoli legati ai popolari personaggi del colosso di Topolino dopo averla persa nel 2016, quando se l’era aggiudicata la rivale Hasbro, in quello che era stato uno schiaffo finanziario e simbolico in un momento di turbolenza in casa Mattel.
L’annuncio spinge i titoli Mattel che salgono a Wall Street dell’8,95%. I nuovi giocattoli saranno in vendita dal 2023 e le loro attività saranno gestite dalla stessa squadra di Mattel che ha curato il rilancio di Barbie.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund chiude in rialzo a 140, guarda al Colle
Livelli di settembre 2020, rendimento all’1,32%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
18:46
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread fra Btp e Bund tedesco si allarga e conclude la seduta in rialzo a 140,3 punti base, sui livelli di settembre 2020, ben sopra livello segnato in apertura di giornata (135 punti) e alla chiusura della vigilia (137).
Cresce anche il rendimento del decennale italiano, arrivato all’1,32%.
A mettere in tensione il titolo del Tesoro, rilevano gli operatori, è la partita incerta sul nome del prossimo presidente della Repubblica e il nodo non ancora sciolto del futuro di Mario Draghi.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano positiva (+2,2%), corre Stellantis, vola Tod’s
Attesa la Fed. Sale lo spread con partita per il Quirinale
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2022
18:58
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza Affari termina la seduta in decisa crescita (indice Ftse Mib +2,27%), in linea con gli altri listini europei e con Wall Street.
In attesa delle indicazioni della Fed il mercato pare aver già scontato un rialzo a marzo dello 0,25% dei tassi americani e l’inizio della riduzione degli acquisti di bond in estate da parte della banca centrale statunitense confida di avere rassicurazioni in questo senso da Jerome Powell, attento a tenere sotto controllo l’inflazione.

Mentre l’azionario sale, al pari del petrolio col Brent arrivato a 90 dollari al barile sui valori del 2004 e col gas europeo in discesa malgrado il permanere delle tensioni sull’Ucraina, la partita più nazionale dell’elezione del Presidente della Repubblica, dove permane l’incertezza sul futuro del premier Mario Draghi, spinge lo spread Btp Bund oltre i 140 punti base. Si tratta di un livello che non toccava da settembre 2020 mentre il rendimento del decennale italiano cresce all’1,32%.
A guidare il listino milanese è Stellantis (+4,83%), tallonata da Bper (+4,56%), in accelerazione su Carige (+0,8%), e da Tenaris (+4,46%) in linea con la buona giornata dei petroliferi.
Cauta Tim (+0,57%) che ha riunito il Cda. Fuori dal paniere principale Tod’s (+15,81%) brinda ai ricavi superiori alle attese, Maire Tecnimont (+4,18%) a un contratto miliardario in Russia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fed lascia tassi invariati, ‘a breve appropriato alzarli’
‘Economia si è rafforzata, ma restano rischi’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
26 gennaio 2022
20:23
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“A breve sarà appropriato alzare i tassi di interesse”.
Lo afferma la Fed al termine della due giorni di riunione.
Per ora lascia i tassi invariati: il costo del denaro resta fermo fra lo 0 e lo 0,25%. “L’economia e il mercato del lavoro si sono rafforzati”, aggiunge la Fed, sottolineando che i rischi all’outlook restano, incluse nuove varianti del Covid.
Subito dopo il comunicato, Wall Street ha immediatamente accelerato.
Il Dow Jones è salito dell’1,16% a 34.695,32 punti, il Nasdaq del 3,23% a 13.979,39 punti mentre lo S&P 500 ha messo a segno un progresso del 2,10% a 4.447,96 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“A breve sarà appropriato alzare i tassi di interesse”.
Lo afferma la Fed al termine della due giorni di riunione.
Per ora lascia i tassi invariati: il costo del denaro resta fermo fra lo 0 e lo 0,25%. “L’economia e il mercato del lavoro si sono rafforzati”, aggiunge la Fed, sottolineando che i rischi all’outlook restano, incluse nuove varianti del Covid.
Subito dopo il comunicato, Wall Street ha immediatamente accelerato.
Il Dow Jones è salito dell’1,16% a 34.695,32 punti, il Nasdaq del 3,23% a 13.979,39 punti mentre lo S&P 500 ha messo a segno un progresso del 2,10% a 4.447,96 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: in calo a 1.813 dollari l’oncia
Quotazione arretra dello 0,36%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
27 gennaio 2022
08:10
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio in calo per l’oro.
Il metallo prezioso passa di mano a 1.813 dollari l’oncia in ribasso dello 0,36%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro in calo in avvio a 1,1218 dollari (-0,20%)
A 128,60 contro yen
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
27 gennaio 2022
08:14
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Euro in calo in avvio di giornata.
La moneta unica e’ trattata a 1,1218 dollari (-0,20%) ed a 128,60 yen (-0,20%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: in calo in avvio, wti a 86,52 dollari (-0,95%)
Giù anche il brent a 89,21 dollari (-0,83%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
27 gennaio 2022
08:25
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio in calo in avvio di giornata.
Il wti passa di mano a 86,52 dollari (-0,95%), il brent a 89,21 dollari al barile (-0,83%).
Ieri a New York il brent era arrivato a 90 dollari, ai massimi dal 2014.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Asia cede su Fed, male Tokyo e Seul
Future sull’avvio dei mercati europei ampiamente negativi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
27 gennaio 2022
08:31
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Pessima giornata per i mercati azionari asiatici e dell’area del Pacifico sui timori di un rialzo a breve dei tassi da parte della Fed: la Borsa di Tokyo ha chiuso in ribasso del 3,1%, con Seul che ha fatto peggio in calo finale del 3,5%.

Hong Kong cede il 2,5%, con i listini cinesi non lontano da questi ribassi: Shanghai -1,7%, Shenzhen -2,8%.

In calo di due punti percentuali Sidney, con i future sull’avvio dei mercati europei ampiamente negativi.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Stellantis: sale al 75% in società con Gac in Cina
Per sviluppare il potenziale commerciale del marchio Jeep
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
27 gennaio 2022
08:45
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Stellantis prevede di acquisire una quota di maggioranza nella joint venture con GAC Group in Cina, passando dal 50% a al 75%.

Lo rende noto un comunicato, specificando che si tratta di “un cambiamento possibile grazie al nuovo quadro normativo che consente ulteriori investimenti stranieri nelle joint venture esistenti”.
Stellantis e GAC Group “continueranno a cooperare per sviluppare il potenziale commerciale di successo del marchio Jeep in Cina”, aggiunge la nota specificando che è il “primo passo fondamentale per razionalizzare le operazioni in Cina, come parte del piano strategico dell’azienda che sarà annunciato il primo marzo”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Stellantis prevede di acquisire una quota di maggioranza nella joint venture con GAC Group in Cina, passando dal 50% a al 75%.

Lo rende noto un comunicato, specificando che si tratta di “un cambiamento possibile grazie al nuovo quadro normativo che consente ulteriori investimenti stranieri nelle joint venture esistenti”.
Stellantis e GAC Group “continueranno a cooperare per sviluppare il potenziale commerciale di successo del marchio Jeep in Cina”, aggiunge la nota specificando che è il “primo passo fondamentale per razionalizzare le operazioni in Cina, come parte del piano strategico dell’azienda che sarà annunciato il primo marzo”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano apre in ampio calo su Fed, -1,2%
Su timori ‘stretta’ Federal reserve a breve
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
27 gennaio 2022
09:03
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio di seduta ampiamente negativo per Piazza Affari sui timori dei mercati di un rialzo a breve dei tassi da parte della Federal reserve: il primo indice Ftse Mib segna un calo dell’1,22%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa parte male, Amsterdam -1,7%
Deboli anche Parigi e Francoforte, Londra contiene perdite
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
27 gennaio 2022
09:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Mercati azionari del Vecchio continente tutti in evidente calo in avvio di seduta dopo lo scivolone delle Borse asiatiche sul rischio ‘stretta’ da parte delle banche centrali: il listino azionario peggiore in partenza di giornata è quello di Amsterdam che scende dell’1,7%, seguito da Francoforte (-1,5%), con Parigi in calo dell’1,4%.

Madrid cede un punto percentuale e Londra lo 0,9%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund: tensione su bond europei, sale a 141 punti
Sfiora più volte quota 142
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
27 gennaio 2022
09:50
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Forte tensione su tutti i titoli di Stato europei, anche per il possibile rialzo a breve dei tassi da parte delle banche centrali, con lo spread tra Btp e Bund tedeschi a a 10 anni che, dopo una partenza in calo, è salito a 141 punti base sfiorando più volte quota 142, ritoccando così i
massimi da settembre segnati ieri in chiusura di seduta.

Il rendimento del prodotto del Tesoro è all’1,39%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund: tensione su bond europei, sale a 141 punti
Rendimento del prodotto del Tesoro all’1,38%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
27 gennaio 2022
09:52
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Forte tensione su tutti i titoli di Stato europei, anche per il possibile rialzo a breve dei tassi da parte delle banche centrali, con lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 10 anni che, dopo una partenza in calo, è salito a 141 punti base toccando anche quota 142, rivedendo così i massimi da settembre segnati ieri in chiusura di seduta.

Il rendimento del prodotto del Tesoro è all’1,38%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund: tensione su bond europei, sale a 141 punti
Rendimento del prodotto del Tesoro all’1,38%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
27 gennaio 2022
09:52
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Forte tensione su tutti i titoli di Stato europei, anche per il possibile rialzo a breve dei tassi da parte delle banche centrali, con lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 10 anni che, dopo una partenza in calo, è salito a 141 punti base toccando anche quota 142, rivedendo così i massimi da settembre segnati ieri in chiusura di seduta.

Il rendimento del prodotto del Tesoro è all’1,38%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Saipem: accordo con Tenaris e Siad per la cattura della Co2
Un impianto a Dalmine ne immagazzinerà 30 tonnellate al giorno
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
27 gennaio 2022
09:55
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tenaris, Saipem e Siad hanno sottoscritto un protocollo d’intesa per avviare la progettazione di un impianto di cattura e utilizzo di anidride carbonica (Ccu), da realizzare presso lo stabilimento di Tenaris a Dalmine (Bergamo).

Il progetto prevede la cattura di 30 tonnellate giornaliere di Co2 prodotta dalla centrale termoelettrica dello stabilimento TenarisDalmine.
L’anidride carbonica verrà catturata tramite l’utilizzo della tecnologia proprietaria Saipem Co2 Solutions e successivamente sarà utilizzata da Siad, in particolare nell’ industria alimentare e delle bevande, nelle coltivazioni, nel trattamento delle acque, nella lavorazione dei metalli e come gas refrigerante a ridotto impatto ambientale.
L’accordo prevede come prima fase lo studio di fattibilità sull’impianto che adotterà la tecnologia di Saipem CO2 Solutions, che si basa su un “innovativo processo enzimatico”, che consentirà l’impiego di calore di scarto, evitando il ricorso a sostanze tossiche, impiegate in altri processi”.
Secondo Michele Della Briotta, presidente di Tenaris Europa e amministratore delegato di TenarisDalmine, il progetto “si colloca nell’ambito dell’obiettivo di Tenaris di ridurre del 30% le proprie emissioni di Co2 entro il 2030”. “L’accordo con Tenaris e Siad – commenta Francesco Caio, amministratore delegato e direttore generale di Saipem – conferma il ruolo di Saipem nell’offerta di soluzioni tecnologiche all’avanguardia per la riduzione degli impatti ambientali”. “La partecipazione a questo progetto – sottolinea – consolida la nostra strategia di decarbonizzazione dei settori industriali e conferma il ruolo di Saipem come partner ideale per il Net Zero”. “Siad – spiega l’amministratore delegato Bernardo Sestini – partecipa a questo progetto perché siamo convinti che l’innovazione, da sempre una nostra caratteristica, sia la base per lo sviluppo della sostenibilità ambientale”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
++ La Bce lancia stress test climatici, risultati a luglio ++
Saranno condotti sulle banche nella prima metà del 2022
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
27 gennaio 2022
10:13
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Bce lancia gli stress test sui rischi climatici per il sistema bancario, la cui esposizione verrà sottoposta a vari scenari che includono una transizione green, un ritardo e l’assenza di politiche verso gli obiettivi di sostenibilità.
I test di vigilanza sui rischi climatici e la preparazione delle banche saranno condotti nella prima metà del 2022 e i risultati – su base aggregata – saranno pubblicati a luglio.

Lo comunica la Bce in una nota.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Fed non convince, Milano debole con Europa
Negative Prysmian e Tim, in marginale rialzo Stellantis
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
27 gennaio 2022
10:23
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo una partenza in evidente calo, Piazza Affari prova a contenere le perdite, muovendosi un po’ meglio degli altri mercati azionari della zona euro: l’indice Ftse Mib scende dello 0,8%, con Stm in controtendenza (+1,7% a 40,5 euro) dopo i conti del 2021 con utile in aumento dell’80%.

Tra le altre Borse del Vecchio continente, pesanti soprattutto per il rischio di ‘stretta’ a breve da parte delle banche centrali dopo i segnali di ieri della Fed, ora la peggiore è Francoforte che cede l’1,6%, seguita da Amsterdam (-1,2%) e Parigi (-1,1%), mentre Londra contiene il calo e scende dello 0,3%.

Sul listino principale di Milano, il titolo più debole è Prysmian che scende del 2,8%, con Tim negativa dell’1,7% dopo il Cda di ieri. In marginale crescita Stellantis (+0,2%) dopo l’annuncio della crescita nella joint venture con Gac in Cina, meglio fa Tenaris che sale dello 0,7%.
Senza particolari strappi le banche con lo spread Btp Bund che risente della tensione su tutti i titoli di Stato europei e si muove attorno ai 141 punti dopo aver toccato quota 142.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Arriva ‘Pensami’, servizio per conoscere pensione futura
Inps, 3 livelli di domande per approfondire quale sarà l’assegno
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
27 gennaio 2022
18:16
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Arriva un nuovo applicativo per conoscere la propria pensione futura: l’Inps ha messo a disposizione “Pensami”, (pensione a misura), un servizio di consulenza pre-login per affiancare e accompagnare gli utenti a comprendere il proprio futuro pensionistico.

L’applicativo – spiega l’Inps in una nota – si articola su tre livelli da percorrere in sequenza obbligata, che forniscono informazioni sulle prospettive di accesso alla pensione via via più approfondite a fronte di domande più specifiche.
Al primo livello, sulla base di poche e semplici domande, il servizio fornisce informazioni sulle principali prestazioni pensionistiche alle quali il richiedente può accedere valorizzando tutta la contribuzione, con il dettaglio relativo al sistema di calcolo applicato.
Il secondo livello, indicando i periodi di contribuzione nelle diverse gestioni, fornisce la decorrenza teorica delle prestazioni contemplate nel primo livello, nonché le ulteriori prestazioni conseguibili a carico di ciascuna gestione. Il terzo livello consente di avvalersi di alcuni istituti che influiscono sul diritto e sul sistema di calcolo delle pensioni (ad esempio, servizio militare, valorizzazione della contribuzione accreditata presso le casse professionali, ecc.) e di visualizzarne gli effetti sui propri scenari pensionistici.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Industria: fatturato novembre +22,2% trainato da energia
Istat, +2,4% su ottobre
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
27 gennaio 2022
10:28
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
A novembre si stima che il fatturato dell’industria, al netto dei fattori stagionali, aumenti del 2,4% rispetto a ottobre, con un andamento positivo sia sul mercato interno (+2,2%) sia su quello estero (+2,7%).
Lo rileva l’Istat sottolineando che su base tendenziale, corretto per gli effetti di calendario, il fatturato totale cresce del 22,2% (i giorni lavorativi sono stati 21 come a novembre 2020).

L’aumento del fatturato è trainato dall’energia che sale del 4% su ottobre e dell’81% su novembre 2020. L’indice tendenziale generale al netto dell’energia segna un +19,8%.
Nei primi 11 mesi del 2021 il fatturato dell’industria è cresciuto del 23,4% rispetto ai primi 11 mesi del 2020. La crescita è trainata dall’energia (+35,4%) ma l’andamento generale al netto dell’energia segna un +22,6%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Unicredit:accordo con sindacati per 1200 uscite e 725 assunzioni
Nell’ambito dell’intesa in totale 1725 i posti di lavoro stabili
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
27 gennaio 2022
10:30
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
È all’insegna del ricambio generazionale l’accordo sul nuovo piano industriale di Unicredit, siglato nella notte dai sindacati con il gruppo bancario.
A fronte di complessive 1.200 uscite solo su base volontaria, sono state concordate 725 nuove assunzioni di giovani oltre che la conferma di 1.000 lavoratrici e lavoratori attualmente in apprendistato: in totale, 1.725 posti di lavoro stabili, vale a dire 525 in più delle 1.200 uscite, sottolinea la Fabi.

L’accordo, nel dettaglio, riguarda le ricadute occupazionali del piano industriale ‘Unlocked 2022- 2024’, prevede un primo blocco di 950 uscite che saranno gestite con pensionamenti e prepensionamenti, solo su base volontaria, attraverso il Fondo di solidarietà, compensate da 475 assunzioni. È stata stabilita, inoltre, una seconda finestra di uscita per 250 lavoratrici e lavoratori, sempre su base volontaria, compensata con 250 ingressi. Con 1.200 esodi e 725 ingressi viene così raggiunta una percentuale di copertura delle cessazioni di servizio pari al 60%, mai raggiunta finora nel settore bancario.
Numeri a cui sommare la stabilizzazione di 1.000 contratti di apprendistato che portano il totale dei posti di lavoro stabili a quota 1.725. Quanto alla distribuzione della nuova forza lavoro, è stato stabilito che l’83% venga destinato alla rete, cioè 600 unità, mentre il restante 17% (pari a 125 dipendenti) verrà assegnato all’area digital. Restano ancora da completare, e sono state confermate, ulteriori 780 assunzioni del precedente piano industriale “Team 23”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Franco: ‘Evitare che gli aumenti delle bollette blocchino la ripresa’
Mef, eventuale revisione del Pnrr avrebbe un impatto marginale
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
27 gennaio 2022
22:58
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Il 2021 è stato un anno di forte ripresa, anche i dati del quarto trimestre sono positivi, la crescita dovrebbe avvicinarsi al 6,5%.
Per il 2022 le previsioni di consenso indicano una crescita superiore al 4%, nel primo trimestre dovremmo recuperare il livello produttivo ante crisi.
L’andamento dell’economia nel 2022 è tuttavia condizionato dal protrarsi della pandemia, dalle tensioni internazionali, e soprattutto dal costo dell’energia”, ha detto il ministro dell’Economia Daniele Franco intervenendo a Telefisco del Sole 24 Ore.
Abbiamo preso finora “misure per 5,5 miliardi per contenere i costi dell’energia. Altri interventi potranno essere adottati in relazione all’evolvere della situazione”, perché “bisogna evitare che blocchi la ripresa”, ha aggiunto il ministro.
Sul fronte macroeconomico intanto, l’Istat ha comunicato i dati sul fatturato dell’industria, cresciuto a novembre proprio per il traino del costo dell’energia. Il balzo è stato di oltre il 22% rispetto allo stesso mese de 2020.

“Gli importi relativi alle sovvenzioni concesse all’Italia erano già stati significativamente rivisti al rialzo nel corso del processo di formazione” del Pnrr, in base all’evolvere delle stime sul Pil del 2020-2021. “L’utilizzo dei dati di consuntivo, potrebbe portare ad una revisione, che, sulla base dei dati attualmente disponibili, ci si aspetta possa essere di importo molto limitato per l’Italia e comunque tale da determinare un impatto marginale sulla portata dell’intero Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza”. Lo spiega il Mef parlando in una nota dell’eventuale revisione dei finanziamenti a favore dell’Italia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
EasyJet: offerta 2022 di nuovo su livelli pre-pandemia
Lagorio, in Italia saliamo a 33 aerei con 180 rotte per l’estate
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
27 gennaio 2022
10:37
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’offerta di EasyJetQ4 per il 2022 è “vicina ai livelli del 2019” e la domanda per l’estate si preannuncia “forte, con il Regno Unito e le rotte turistiche che andranno particolarmente bene”.
Lo afferma l’amministratore delegato Johan Lundgren, che si dice “fiducioso che EasyJet continuerà a conquistare nuovi clienti”.
Il Gruppo potrà contare su “ulteriori opportunità che, affiancate alla nuova offerta di servizi ancillari, garantiranno un ritorno forte e sostenibile per gli azionisti”. Quanto all’Italia, commenta il country manager Lorenzo Lagorio, “con 33 aerei e 180 rotte internazionali e domestiche” la dinamica dell’offerta sarà “in linea” con quella del Gruppo e continuerà ad essere “flessibile” per “adattarsi alla domanda del mercato”. “Quello lombardo – spiega il Manager – è uno d