Cronaca tutte le notizie I fatti gli avvenimenti di Cronaca! Tutti e sempre completi approfonditi ed aggiornati! NON PERDERLI! LEGGI INFORMATI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 93 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 10:48 DI LUNEDì 01 MARZO 2021

ALLE 19:12 DI MERCOLEDì 03 MARZO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Partita sperimentazione vaccino italiano Takis
Fase 1 su 80 volontari a Monza, Napoli e Roma
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
01 marzo 2021
10:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ partita la sperimentazione del vaccino tutto italiano anti Covid-19 ideato dalla Takis di Castel Romano (Roma) e sviluppato in collaborazione con la Rottapharm Biotech di Monza. Il primo volontario sano degli 80 previsti per la fase 1 è stato vaccinato oggi nell’ospedale San Gerardo di Monza, uno dei tre centri italiani che, in collaborazione con l’Università di Milano-Bicocca.
E’ coinvolto nella sperimentazione clinica con l’Istituto Nazionale Tumori Fondazione Pascale di Napoli e l’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma e l’Ospedale San Gerardo di Monza.    MEDICINA, SALUTE E BENESSERE    SCIENZA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

I Big sul palco per la prima serata
Tredici cantanti da Aiello a Max Gazzè
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
01 marzo 2021
13:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Questi i tredici Big che si esibiranno domani, 2 marzo per la prima serata del festival di Sanremo sul palco dell’Ariston in ordine alfabetico: Aiello, Arisa, Annalisa, Colapesce Dimartino, Coma_Cose, Fasma, Francesca Michielin e Fedez, Francesco Renga, Ghemon, Irama, Madame, Maneskin, Max Gazzè.
Mercoledì sarà la volta di: Bugo, Gaia, Ermal Meta, Extraliscio, Gio Evan, Fulminacci, La Rappresentante di Lista, Lo Stato Sociale, Malika Ayane, Noemi, Orietta Berti, Random, Willie Peyote.    SPETTACOLI, MUSICA E CULTURA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Riapre Mausoleo di Augusto, “restituiamo un gioiello”
Raggi, traguardo dopo anni chiusura. Sold-out fino a 21 aprile
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
01 marzo 2021
13:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da oggi 1 marzo riapre al pubblico il Mausoleo di Augusto, il più grande sepolcro circolare del mondo antico, emblema della magnificenza architettonica della romanità. Lo annuncia il Campidoglio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La riapertura avviene dopo 14 anni. “Un gioiello del patrimonio storico dell’ umanità che restituiamo al mondo intero dopo tanti anni di chiusura. Abbiamo lavorato a questo traguardo con impegno e tenacia, sostenuti dal mecenatismo della Fondazione Tim”, dice la sindaca Virginia Raggi. Visite gratuite per tutti fino al 21 aprile con prenotazioni, già sold out. Da oggi saranno nuovamente possibili per il periodo dal 22 aprile al 30 giugno.
Il Mausoleo era chiuso dal 2007 per la partenza delle indagini archeologiche preliminari alla realizzazione del grande progetto di recupero e restauro. Oggi erano presenti all’apertura delle visite al pubblico anche il presidente della Fondazione Tim Salvatore Rossi, gli assessori competenti e la Sovrintendenza. Contestualmente ai lavori di completamento del percorso museale e di riqualificazione della piazza, l’area di piazza Augusto imperatore è stata resa più vivibile dallo spostamento dei capolinea dei bus e dall’eliminazione dei parcheggi, con un conseguente guadagno di spazi. Grazie agli interventi di restauro del Mausoleo realizzati finora, con la sistemazione di numerose concamerazioni interne e l’avvio dell’allestimento del percorso museale, è stato possibile anticipare a marzo 2021 la fruizione del monumento rispetto ai termini previsti per il completamento delle opere di musealizzazione. Anche con il cantiere in corso, il pubblico potrà quindi effettuare una visita dell’area centrale e accedere agli spazi in sicurezza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo: Amadeus, ecco le donne con me sul palco
Da Matilda De Angelis a Palombelli il cast delle presentatrici
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SANREMO
01 marzo 2021
13:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Matilda De Angelis sarà con me sul palco martedì, Elodie mercoledì, giovedì Vittoria Ceretti, venerdì Barbara Palombelli che sarà la signora di tutta la serata, ma ci sarà anche Beatrice Venezi, che presenterà con me la semifinale dei Giovani e poi proclamerà il vincitore”. Lo annuncia Amadeus in conferenza stampa a Sanremo.
“Sabato, oltre a Ornella Vanoni, ci saranno varie ‘punteggiature’: Simona Ventura, che torna all’Ariston dopo qualche anno, Serena Rossi, Tecla Insolia, Giovanna Botteri”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo: Fiorello e Santamaria nei ‘quadri’ di Achille Lauro
Nelle performance, anche primo ballerino Opera Roma, Castellana
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SANREMO
01 marzo 2021
13:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In un festival ricco di “sinergie”, i ‘quadri’, cioè le performance di Achille Lauro, nel cast fisso di Sanremo 2021, coinvolgeranno diversi ‘ospiti’: “il primo ballerino dell’Opera di Roma, Giacomo Castellana, Emma Marrone e Monica Guerritore, Rosario Fiorello, Claudio Santamaria e Francesca Barra”. Lo annuncia Amadeus in conferenza stampa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uccise vicino:12 anni a attore Riva
Corte Milano, omicidio preterintenzionale e concesse attenuanti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
01 marzo 2021
13:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato condannato a 12 anni di reclusione Tommaso Libero Riva, 46enne che il 30 giugno scorso, nel capoluogo lombardo, uccise con una coltellata il vicino di casa, Giuseppe Alfredo Villa, pensionato di 68 anni, con il quale aveva frequenti liti. La Corte d’Assise di Milano ha riqualificato il reato da omicidio volontario in preterintenzionale, come chiesto dalla difesa, e gli ha concesso le attenuanti generiche equivalente all’aggravante dei futili motivi.
Riva, transessuale, in arte ‘Bianca Dolce Miele’ aveva interpretato se stesso nel film documentario ‘La Casa dell’Amore’. Aveva sempre sostenuto che non voleva uccidere.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Sardegna bianca, Fipe “fermezza e rigidità controlli”
Frongia, “non è un liberi tutti, stagione estiva dipende da noi”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
01 marzo 2021
10:33
AGGIORNATO ALLE
10:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

“Siamo contenti per la zona bianca ma questo non è un liberi tutti ma è un inizio per lavorare in sicurezza. Continuiamo ad applicare i nostri protocolli però attenzione: per poter ripartire e tornare al nostro lavoro dobbiamo accompagnare questa ripartenza ad una fermezza e una rigidità nei controlli”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ l’appello che lancia il presidente della Fipe-Confcommercio Sud Sardegna, Emanuele Frongia, ai suoi colleghi ristoratori e baristi che da oggi in Sardegna potranno tenere aperti i locali rispettivamente sino alle 23 e sino alle 21.
“Siamo noi che decidiamo con queste nostre azioni se poter passare un’estate lavorativa e finalmente convivere con questa situazione Covid – aggiunge – Poi sicuramente la vaccinazione e gli screening ci aiuteranno a essere più tranquilli però vi prego di mantenete i protocolli sicurezza: so che in certe situazioni è difficile ma la riuscita di questa stagione estiva e ovviamente del turismo in Sardegna passa attraverso la nostra responsabilità passa attraverso la nostra fermezza”.
Frongia è anche consapevole che gli esercenti dei locali pubblici “non possono essere gli unici a controllare questa situazione”. Ecco quindi l’invito alle istituzioni e alle forze politiche “per esserci vicini in questa frase e per ritornare finalmente a vivere in serenità”.
Covid: 28 badanti fanno pic-nic al parco a Bologna, multate
Intervento dei Carabinieri domenica alla Montagnola
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
01 marzo 2021
10:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un pranzo domenicale di gruppo all’aperto, sulle panchine del parco della Montagnola di Bologna. Lo avevano organizzato, in palese violazione delle prescrizioni anti Covid della zona ‘arancione rinforzato’, 28 donne originarie dell’Est Europa che lavorano in città come badanti, dunque a contatto con persone anziane.
La loro presenza è stata notata nella tarda mattinata di ieri dai Carabinieri, che per tutto il fine settimana hanno svolto controlli in città per verificare il rispetto delle misure di contenimento della pandemia. Il pic-nic è stato interrotto e per le 28 badanti è scattata la sanzione di 400 euro a testa. Complessivamente ieri i militari hanno identificato 572 persone e controllato una sessantina di esercizi pubblici.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sparatoria Questura: iniziata udienza su perizia Meran
Ritenuto responsabile della morte dei 2 agenti Demenego e Rotta
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
01 marzo 2021
10:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ iniziata nella Corte di Assise del Tribunale di Trieste, davanti al giudice Massimo Tomassini, l’udienza preliminare per discutere gli esiti della perizia psichiatrica su Alejandro Augusto Stephan Meran, il cittadino dominicano ritenuto responsabile della morte dei due agenti, Matteo Demenego e Pierluigi Rotta, nella sparatoria avvenuta in Questura a Trieste il 4 ottobre 2019. L’uomo è accusato anche di sette tentati omicidi di altrettanti poliziotti contro cui aveva sparato quel pomeriggio mentre cercava di uscire dall’edificio.

L’udienza si tiene ovviamente a porte chiuse.
Dalla perizia psichiatrica, affidata a un pool di quattro esperti, è emerso che al momento della sparatoria Meran era capace di intendere e di volere, anche se si trattava di una capacità fortemente ridotta a causa di un disturbo da stress post traumatico da ricondurre a un grave episodio di abuso che risale all’infanzia. Meran non è in aula. All’esterno è in attesa la madre Betania.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nipoti di soldato inglese cercano ‘bimba’ conosciuta nel ’44
Da Londra l’appello sui social, dopo la storia di Martin Adler
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
01 marzo 2021
10:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo il 96enne soldato americano Martin Adler, che grazie ai social ha ritrovato e conosciuto virtualmente a 76 anni di distanza i tre bambini incontrati durante la Seconda guerra mondiale, quando spuntarono da una cesta mentre lui combatteva sulla Linea Gotica, da Londra parte un nuovo appello. A lanciarlo è Neda Totoonchii, fiorentina da 20 anni trasferita in Inghilterra, che ha raccolto la storia del nonno di suo marito Paul O’ Neil, attore di teatro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il nonno si chiamava Harry Rodney ed è morto nel 2012 a 94 anni.
Nel settembre del 1944 il soldato Harry stava combattendo con i Royal Scots nella zona di Borgo San Lorenzo (Firenze) quando lui e altri militari trovarono una bambina sola, nascosta in una casa e affamata. La riportarono dalla sua famiglia. Harry e gli altri soldati rubarono del cibo dal Naafy (The Navy, Army and Air Force Institutes) e lo portarono alla famiglia che cucinò per tutti.
“Il nonno di Paul ha sempre raccontato questa storia e abbiamo appena ritrovato una foto della bambina con la famiglia. Ci piacerebbe rintracciarla e sapere se si ricorda di questo soldato e farci raccontare la storia come se la ricorda lei”, è il messaggio di Neda Totoonchii, rilanciato su Facebook da Matteo Incerti, il giornalista e scrittore reggiano che aveva fatto partire le ricerche per i bambini del soldato Adler, ormai ottantenni e rintracciati in provincia di Bologna.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Migranti: 371 arrivati a Lampedusa
Nell’hotspot ci sono, al momento, 485 persone
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AGRIGENTO
01 marzo 2021
11:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 371 i migranti giunti a partire da stanotte a Lampedusa (Ag). Un gruppo di 99, durante la notte, sono stati intercettati dai carabinieri sulla strada di Cala Francese.
All’alba, la motovedetta Cp 319 della Guardia costiera ha intercettato un barcone con a bordo 84 persone, poco dopo la Guardia di finanza ha agganciato un altro barcone con 83 nordafricani. Scortati da un’altra motovedetta delle Fiamme gialle, una lancia di legno – con a bordo 105 migranti, fra cui 6 donne e 5 bambini – è giunta a molo Favarolo. Tutti i migranti sono stati portati all’hotspot di contrada Imbriacola dove vengono sottoposti a tampone rapido anti-Covid. Nella struttura ci sono, al momento, 485 persone a fronte di una capienza per poco meno di 200.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Università: a Genova ritorno in aula per 2000 studenti
Rettore: “Proviamo a andare verso la normalità, ma con prudenza”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
01 marzo 2021
11:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Qualche coda agli ingressi, ma nessun assembramento, e una partecipazione degli studenti che, secondo una prima stima, sarebbe intorno alle 1800/2000 presenze. La ripresa delle lezioni in presenza all’Università di Genova è andata secondo le aspettative con una buona partecipazione degli studenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 8 le sedi che hanno riaperto i battenti, Nei giorni scorsi l’Ateneo genovese ha fatto un grande sforzo per adeguare gli 8 poli scelti per le lezioni: Darsena, Albergo dei Poveri, Valletta Puggia, Opera Pia, Sant’Agostino, San Salvatore, Balbi ed Ex Eridania. Nelle aule che sono state messe a disposizione la capienza è stata ridotta al 20%, con i posti a sedere evidenziati attraverso bollini oltre a tutte le altre misure di sicurezza previste, dai dispenser ai termoscanner. Ogni dipartimento si è organizzato in maniera autonoma per scegliere le modalità con cui gli studenti possono ‘prenotare’ la presenza a lezione, ad esempio con app o telefonando in segreteria. “Con il parziale rientro in presenza di oggi – spiega il rettore, Federico Delfino – l’Università di Genova ha inteso dare un segnale di ritorno alla normalità improntato comunque alla prudenza e alla tutela della salute degli studenti e del personale. Anche per questo l’Università garantisce a tutti coloro che per qualunque motivo non possano frequentare le aule universitarie la possibilità di seguire le lezioni a distanza. Speriamo che il quadro epidemiologico e l’accelerazione del piano vaccinale ci permettano di intensificare in futuro queste iniziative, non solo per il valore intrinseco della didattica in presenza ma anche come segnale di speranza e fiducia nel futuro”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Salvini a Cagliari per udienza, attivisti davanti tribunale
Processo a indipendentista per un post su Fb
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
01 marzo 2021
11:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il segretario della Lega Matteo Salvini è atterrato a Cagliari dove tra 40 minuti parteciperà all’udienza del processo nei confronti di Mauro Aresu, l’attivista che nel 2017 in un post su Facebook richiamò i fatti di piazzale Loreto in occasione di una visita dell’ex ministro dell’Interno. Fuori dal tribunale attendono Salvini una trentina di attivisti in sit-in per manifestare solidarietà ad Aresu.

“Siamo in libertà d’opinione e possono essere anche espressi esempi figurativi quali sono quelli storici”, ha commentato il leader di Sardigna Natzione davanti a Palazzo di Giustizia.
Salvini dovrebbe entrare dall’ingresso principale.   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid:variante Gb,primi test confortanti paesi sardi “rossi”
Bene screening a Bono e La Maddalena, oggi tocca a San Teodoro
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SASSARI
01 marzo 2021
11:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Bono, La Maddalena e San Teodoro, i tre Comuni del Nord Sardegna in cui la scorsa settimana è stata istituita la zona rossa in seguito all’emergere di altrettanti casi di contagio da variante inglese del Covid-19, la situazione sembra sotto controllo. A Bono lo screening fatto giovedì e venerdì ha messo in evidenza una bassa circolazione del virus: su 1.620 persone sottoposte a tampone naso-faringeo e all’esame molecolare/antigenico, sono emersi solo 6 positivi al coronavirus.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“I risultati indicano chiaramente che è stata evitata la diffusione del virus”, sottolinea la direzione del Dipartimento di Prevenzione Zona Nord dell’Ats. “La situazione epidemiologica è in via di risoluzione, ma resta valido l’appello a non abbassare la guardia”, chiedono i vertici della sanità locale e gli amministratori comunale.
Prosegue lo screening anche a La Maddalena, dove ieri sono stati eseguiti 3.348 tamponi. “Ai pochi positivi riscontrati è stato già effettuato il secondo tampone molecolare, esteso in via precauzionale alle loro famiglie”, riferisce il sindaco Fabio Lai. “In questo momento si trovano già in quarantena e sono tutti asintomatici”, aggiunge il sindaco, che in vista della nuova giornata di tamponi, prevista per oggi, spera nella collaborazione della popolazione. “Se confermeremo o miglioreremo l’affluenza, diremo finalmente basta alle teorie basate su ipotesi”, afferma.
Tra oggi e domani è previsto lo screening di massa anche a San Teodoro, dove sono state individuate quattro aree parcheggio a disposizione degli utenti che aderiranno alla campagna di monitoraggio ospitata nella palestra scolastica di Via Molise.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Procura Sassari, nuova inchiesta su recenti contagi
Al vaglio focolai in Clinica medica e Medicina interna dell’Aou
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SASSARI
01 marzo 2021
12:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si allarga l’inchiesta della Procura di Sassari sulla diffusione del Covid-19 negli ospedali e si arricchisce di un nuovo filone. Nei giorni scorsi gli inquirenti hanno convocato una quindicina fra infermieri e medici della Clinica medica e di Medicina interna dell’Azienda ospedaliera universitaria di Sassari, dove lo scorso gennaio erano scoppiati nuovi focolai di contagio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una parte degli operatori convocati sono stati sentiti la settimana scorsa in Procura come persone informate dei fatti, l’altra parte sarà ascoltata nei prossimi giorni. Dalla scorsa primavera l’inchiesta coordinata dal procuratore Gianni Caria e affidata al sostituto Paolo Piras punta a stabilire eventuali responsabilità per quanto accaduto a Sassari nelle fasi critiche dell’emergenza, in particolare in ambito sanitario: ospedali ma anche case di riposo, residenze sanitarie assistite e centri residenziali per anziani. La lente è sull’organizzazione del sistema di emergenza, che nella prima fase critica non avrebbe funzionato e non avrebbe impedito al virus di diffondersi tra medici, operatori, pazienti e ospiti.
Altre inchieste sono aperte in altre Procure sarde: a Oristano sulla gestione dell’emergenza, a Tempio Pausania e Cagliari sulla riapertura delle discoteche la scorsa estate e a Lanusei (Ogliastra) sui protocolli per la vaccinazionazione e la sanificazione dei locali ospedalieri.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Debate, terminato primo round campionato giovanile
Risultati girone unico evento promosso da Coop Lombardia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
01 marzo 2021
12:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Entra nel vivo il Campionato Italiano Giovanile Debate. Dal 16 al 19 febbraio, informa una nota di Coop Lombardia, si è svolto il primo round del girone unico composto da 23 incontri nei quali si sono sfidate squadre provenienti da Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Piemonte, Puglia, Sicilia e Umbria su temi che hanno spaziato dalla riforma dei sistemi di rappresentanza nelle democrazie occidentali alla settimana lavorativa di quattro giorni, dall’istituzione di un’authority per il fact-checking ai modelli di genitorialità, dal paradigma dell’efficientismo a quello della self-partnership come istanza dei movimenti femministi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Guidano la classifica a squadre con 5 gare su 5 vinte a punteggio pieno di 15 ballot (i ballot sono le preferenze date dai tre giudici) Pandoro, proveniente dal Liceo Scientifico “G.
Ferraris” di Varese, e Ulivi1 del Liceo scientifico “G. Ulivi” di Parma, seguite a un’incollatura da Zazie, dei Licei “L. Da Vinci” e “G. Pascoli” di Gallarate (VA) e dai Leoncini dell’Istituto “P. Sette” di Santeramo in Colle (BA), entrambe con 5 vittorie e 13 ballot, e da Galilei Blu del Liceo Scientifico “G. Galilei” di Pescara, con 5 vittorie e 12 ballot.
I debate sono visibili sul sito del Campionato e in sintesi sui social.
Mentre le 46 squadre sono impegnate nella preparazione dei dibattiti impromptu (incontri su mozioni comunicate pochi minuti prima dell’inizio) che caratterizzeranno il secondo round in programma dal 9 all’11 marzo, si allunga la lista dei riconoscimenti istituzionali ottenuti dal Campionato: dopo il patrocinio della Commissione Europea e il riconoscimento della Rappresentanza Italiana del Parlamento Europeo, l’iniziativa ha ottenuto anche l’Alto Patrocinio del Parlamento Europeo, conferito direttamente dal Presidente David Sassoli. Tutte le informazioni sul sito dedicato al debate.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Migranti: 363 su Sea Watch 3,’Italia o Malta ci diano porto’
‘Persone soccorse sono esauste’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
01 marzo 2021
12:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Le 363 persone a bordo di Sea Watch 3 sono esauste e hanno bisogno di sbarcare al più presto.
Abbiamo chiesto a Italia e Malta l’assegnazione di un porto sicuro ma non abbiamo ancora ricevuto risposta”.
Così la ong tedesca su twitter dopo gli interventi di soccorso operati al largo della Libia. Attualmente la nave si trova a nord-est di Lampedusa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Spara a salve durante assembramento
Attimi di paura ieri pomeriggio nel Quartiere Adriano a Milano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
01 marzo 2021
13:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Attimi di paura, ieri pomeriggio, per il gesto di alcuni minorenni che si sono assembrati senza mascherina in un giardino nel quartiere Adriano, nella periferia nord di Milano, fino a quando uno di loro ha sparato in aria con una pistola, che si è appurato poi essere una scacciacani.
Il giovane, alla fine, è stato denunciato ma tra la tanta gente a passeggio a quell’ora, nella domenica precedente al passaggio da zona gialla ad arancione, avvenuto oggi, c’è stato “sconcerto e preoccupazione”, come ha raccontato Giovanni Cafaro, candidato sindaco al Comune di Milano con la lista civica ‘Movimentiamoci Insieme’.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il giovane, un 16enne con precedenti, è stato poi identificato e denunciato per procurato allarme ed esplosioni pericolose, mentre gli altri ragazzi si sono dileguati.
“Un gruppo di ragazzi e persone più adulte – racconta Cafaro – una trentina circa, si sono adunate in Largo Bigatti, erano tutti senza mascherine ed alcuni con passamontagna e all’improvviso uno di loro ha estratto una pistola e ha sparato in aria 4 colpi di pistola. Nelle vicinanze vi erano molte famiglie con bambini e residenti che in quel momento passeggiavano nel quartiere, molti dei quali si sono spaventati”.
Secondo Cafaro una guardia giurata dell’istituto Civis, in quel momento libero dal servizio, li ha seguiti dando indicazioni alla polizia che poi ha bloccato il 16enne.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Prov.Brescia,concentriamoli qui
Appello a Guido Bertolaso: “Vanno tutti dirottati nel bresciano”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BRESCIA
01 marzo 2021
13:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“In questo momento di particolare criticità dove tutti i numeri ci pongono al primo posto per indice di contagiosità, dove si registra un’alta saturazione delle terapie intensive, ora non è più necessario, ma è diventato urgente concentrare su tutto il territorio bresciano, e non solo in qualche comune limitrofo, tutte le vaccinazioni”. Lo scrive il presidente della Provincia di Brescia, Samuele Alghisi, in una lettera a Guido Bertolaso, attuale consulente per il piano vaccinale della Lombardia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Se i dati sono realistici – prosegue Alghisi – tutta la provincia è una situazione critica e non possiamo permettere che Brescia riviva quei drammatici momenti che lo scorso anno l’hanno resa la più colpita dalla pandemia a livello nazionale.
Bisogna partire immediatamente con un piano di vaccinazione a tappeto. Solo questo potrà consentirci di tornare a livelli accettabili”.
Alghisi ricorda di aver scritto qualche giorno fa, insieme al sindaco di Brescia Emilio Del Bono, una lettera ad Ats e ASST, “chiedendo alle autorità sanitarie di fornire il prima possibile dati precisi riguardo alla campagna vaccinale e al numero di contagi. Ora il mio appello va dritto a Bertolaso. Abbiamo superato il muro dei 1000 contagi. Abbiamo bisogno che tutti i vaccini siano dirottati sul bresciano. Il prima possibile, come avevo già chiesto a Governo e Regione. Brescia è di nuovo in affanno. Che diventi la priorità di tutte le Istituzioni coinvolte”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pedopornografia: condivideva 10mila file
In carcere 33enne nel Milanese,’centinaia collegati a suo cloud’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
01 marzo 2021
13:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un 33enne, residente nel Milanese, è stato arrestato per aver “partecipato ad un ‘gruppo telematico’ finalizzato alla condivisione di immagini e filmati pedopornografici” e per aver “posto una ingente quantità di materiale” a “disposizione di un numero indeterminato di persone, tramite la condivisione” di un link ad una cartella presente su un suo ‘cloud’.
Dall’ordinanza di custodia in carcere, firmata dal gip Guido Salvini nelle indagini del pm di Milano Giovanni Tarzia e della Polizia postale, dopo segnalazioni arrivate dalle forze dell’ordine di Nuova Zelanda, Usa e Canada, è emerso che l’uomo deteneva oltre 10mila file con immagini e video di orrori su neonati e bambini e che il collegamento al suo cloud veniva “utilizzato da più di mille persone di cui seicento residenti in Italia”.

Per il giudice, come si legge nell’ordinanza di custodia in carcere, “il consumo di materiale pedopornografico”, che poi metteva a disposizione di centinaia di altre persone, era diventato per il 33enne di Sesto San Giovanni (Milano) “una allarmante dipendenza”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: variante inglese, 21 casi scoperti nel sud Sardegna
Analisi nel laboratorio Aou Cagliari, 7 sono nel capoluogo sardo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
01 marzo 2021
13:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 21 i nuovi casi di variante inglese nel sud Sardegna scoperti dal laboratorio del policlinico di Monserrato dell’Aou di Cagliari. Secondo i dati dell’azienda mista sette contagi di questa mutazione del virus sono stati riscontrati a Cagliari, quattro a Quartu Sant’Elena, due a Capoterra, uno a Monastir, uno a Dolianova, due a Sanluri, due a Carloforte e altri due dei quali non è stata ancora accertata la provenienza esatta.

Il laboratorio dell’Aou è tra quelli dell’Isola in grado di rilevare la variante del Covid attraverso il sequenziamento del virus.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Salvini in Tribunale: “io diffamato, non sono Mussolini”
Parte lesa a Cagliari dopo volantino su piazzale Loreto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
01 marzo 2021
13:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Non sono Mussolini e l’accostamento della mia persona a Mussolini è diffamatorio.
L’accostamento a piazzale Loreto e ai gerarchi fascisti io l’ho percepito come una minaccia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Non sono un gerarca fascista ed essere trattato alla stregua è una lesione della mia immagine”.
Così il leader della Lega, Matteo Salvini, ha testimoniato al processo che lo vede parte offesa per un volantino diffuso a Cagliari in occasione di una manifestazione del Carroccio, il 26 settembre 2017, che inneggiava a piazzale Loreto. L’accostamento tra Lega è fascismo è a suo avviso diffamatorio. “Qualsiasi ideologia politica si presta ad una critica ma – ha chiarito – ricordare piazzale Loreto, citarlo da esempio, per me va oltre la critica politica”.
Davanti alla giudice Cristina Ornano, c’è il militante Marco Aresu, 37 anni, accusato di diffamazione, istigazione a delinquere e minacce: è difeso dall’avvocata Marcella Cabras e all’esterno del Tribunale si è tenuto un sit-in di solidarietà a sostegno dell’imputato. Sul banco dei testimoni questa mattina si è così seduto il numero uno della Lega che ha ricostruito le ragioni della denuncia. “Non ho mai risposto alle offese – ha detto – nella mia attività politica sono abituato alla critica e anche all’insulto. Ma quando a mio avviso si travalica l’insulto e si arriva a quella che io percepisco come minaccia, allora segnalo a chi di competenza se quello è un diritto di critica o se è qualcosa di più grave. L’ho fatto cinque volte”.
Rispondendo all’avvocata di parte civile Claudia Eccher, l’ex ministro dell’Interno ha ricordato che quella volta a Cagliari la manifestazione venne svolta al chiuso in Fiera, proprio per questioni legate al rischio di contestazioni. “Come avvenuto anche in altre occasioni – ha poi concluso Salvini – sono disponibile a chiudere questa vicenda con le scuse pubbliche e una donazione ad un ente benefico di Cagliari”. Il processo è stato aggiornato al 26 aprile, quel giorno sarà sentito il parlamentare leghista Eugenio Zoffili.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uccise il vicino:12 anni all’attore Riva
Corte Milano, omicidio preterintenzionale e concesse attenuanti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
01 marzo 2021
14:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato condannato a 12 anni di reclusione Tommaso Libero Riva, 46enne che il 30 giugno scorso, nel capoluogo lombardo, uccise con una coltellata il vicino di casa, Giuseppe Alfredo Villa, pensionato di 68 anni, con il quale aveva frequenti liti. La Corte d’Assise di Milano ha riqualificato il reato da omicidio volontario in preterintenzionale, come chiesto dalla difesa, e gli ha concesso le attenuanti generiche equivalente all’aggravante dei futili motivi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Riva, transessuale, in arte ‘Bianca Dolce Miele’ aveva interpretato se stesso nel film documentario ‘La Casa dell’Amore’. Aveva sempre sostenuto che non voleva uccidere.
La Corte, presieduta da Ilio Mannucci Pacini, ha anche disposto che Riva sia sottoposto alla misura di sicurezza della libertà vigilata per 3 anni, a pena espiata. E ha stabilito una provvisionale di risarcimento di 100mila euro a favore della moglie del pensionato, parte civile. Il pm Maurizio Ascione e il legale di parte civile avevano chiesto che l’attore venisse condannato per omicidio volontario, mentre la difesa, col legale Ursula Lionetti, ha insistito per la tesi del “preterintenzionale” oggi accolta dalla Corte. La Procura aveva chiesto 14 anni con le attenuanti. Nella pena di 12 anni, tra l’altro, è previsto anche lo sconto di un terzo per il rito abbreviato a cui Riva non aveva potuto accedere, stando alla recente riforma, perché gli veniva contestato dalla Procura l’omicidio volontario aggravato, reato da ergastolo. Quella notte, aveva raccontato Riva, sentì dei rumori provenire dall’appartamento sopra al suo, in via Trilussa nel quartiere Quarto Oggiaro. Probabilmente, come ricostruito nelle indagini, era il vicino che si lamentava, perché Riva lo teneva sveglio facendo chiasso nel cuore della notte, come accaduto altre volte. “Ho portato il coltello, ma non volevo ucciderlo, è stato un incidente, non l’ho fatto apposta”, ha sempre sostenuto l’imputato. Lo colpì con una coltellata al braccio sinistro che ne causò la morte. Riva, come spiegato dalla difesa, cercò anche di “aiutare” e soccorrere il pensionato dopo averlo colpito. La difesa aveva anche chiesto le attenuanti per le “sue difficili condizioni di vita”. Per la difesa “ci fu un alterco, una colluttazione e Riva non aveva intenzione di ferire a morte”, come sostenuto, invece, dal pm e anche dal legale di parte civile. Le motivazioni del verdetto tra 60 giorni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini:avvio lento personale scuola Marche, solo 6 a Ancona
Prenotazioni sovrapposte.Dosi AstraZeneca, ma Pfizer per fragili
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
01 marzo 2021
14:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio lento oggi nelle Marche, e in particolare nella città di Ancona, per le vaccinazioni anti-Covid di docenti e personale Ata delle scuole: ne sono previste 300 nella regione e solo sei nel capoluogo anche a causa di una ‘sovrapposizione’ nelle prenotazioni con gli over 80 ‘ritardatari’ che, nella piattaforma di Poste Italiane, hanno occupato in sostanza molti degli slot che avrebbero dovuto essere dedicati al personale scolastico. Ad esempio, ad Ancona erano attesi nella prima giornata 70 tra insegnanti e Ata – che dovevano aggiungersi alle 480 vaccinazioni giornaliere agli ultraottantenni già in corso nell’impianto sportivo ‘Paolinelli’ alla Baraccola – ma ne arriveranno solo sei: il totale giornaliero delle vaccinazioni però sarà di circa 550 oggi, con un aumento dovuto soprattutto ad altri over 80 che si vaccineranno.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un inizio ‘sottotono’ dovuto a una serie di fattori, spiega la direttrice Asur Marche Nadia Storti, compreso l’iniziale inserimento negli elenchi con suddivisione per fasce d’età per AstraZeneca (under 55) poi superata con la previsione fino a 65 anni. A cui è aggiunta la necessità di valutare quale vaccino somministrare a soggetti fragili tra il personale della scuola (AstraZeneca come previsto o Pfizer-BioNTech per soggetti fragili). Insomma una “giornata test – osserva Storti – che non poteva essere fatta con grandi numeri, anche per valutare la fattibilità dell’opzione di un altro vaccino nei soggetti fragili tra il personale della scuola. E servirà per organizzarsi per il numero di dosi da tenere a disposizione”.
“Pochi insegnanti oggi rispetto a quelli previsti? Aspettavamo quelli che si sono prenotati per la giornata – spiega Storti -.
Una volta aperta la piattaforma c’è stato anche il fatto che, sulla stessa piattaforma, hanno continuato a prenotarsi anche gli anziani che hanno occupato dei posti; ma comunque quando si fanno test, si fanno con numeri piccoli: se c’è qualcosa da modificare non possiamo farlo con migliaia di persone”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Roma un murale con bacio tra due donne, “primo in Italia”
Opera di Krayon per Gay Help Line, collaborazione municipio III
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
01 marzo 2021
14:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un murale in pixel art che rappresenta il bacio alla luce del sole tra due ragazze. E’ l’opera dello street artist Krayon, con la collaborazione dell’agenzia Zon Productions e del Municipio III di Roma Capitale, che verrà inaugurata oggi pomeriggio presso la Metro B Jonio di Roma.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Prima di oggi nessuna istituzione pubblica in Italia aveva mai autorizzato murales con un bacio fra due donne o due uomini”, sottolinea l’attore Paolo Turano per Gay Help Line. Sull’opera è riportato il numero verde 800.713.713, contact center contro l’omotransfobia che ogni anno, come riporta il comunicato, riceve circa 20.000 contatti, offrendo ascolto e supporto alle vittime. Insieme a Croce Rossa Italiana, inoltre, il Gay Center gestisce l’accoglienza di giovani vittime di violenza con la casa-famiglia Refuge Lgbt.
Turano sottolinea gli “otto anni” trascorsi dalla “prima richiesta di autorizzazione per un murale che rappresentasse la comunità Lgbt+ (lesbiche, gay , bisex e trans) , per la quale ringrazio il fondatore di Gay Help line Fabrizio Marrazzo insieme al municipio III, che hanno consentito la realizzazione di questa opera d’arte per la cittadinanza, un gesto d’amore fra due ragazze. Iniziative come questa sono fondamentali per la promozione di una cultura inclusiva, ma è importante che le istituzioni e le amministrazioni si impegnino concretamente ogni giorno nel supporto di progetti di contrasto alle discriminazioni, perché le associazioni non restino sole in questa battaglia faticosissima. Il muro si trova a pochi passi dalla targa in memoria di Paolo Seganti a cui il numero verde è dedicato (primo monumento romano in commemorazione di una vittima d’omofobia)”, conclude l’attore.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Catturato in Spagna boss banda della ‘Marranella’ Refrigeri
Deve scontare quasi 7 anni, da Malaga gestiva narcotraffico
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
01 marzo 2021
14:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Catturato in Spagna boss banda della ‘Marranella’ E’ stato catturato un latitante di spicco della cosiddetta banda della Marranella di Roma, il boss Giuseppe Refrigeri, che ormai da anni si rifugiava in Spagna dove gestiva traffici di ingenti quantità droga verso l’Italia. L’operazione grazie alla collaborazione tra i carabinieri del Nucleo Investigativo di Ostia, il servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia – Divisione Sirene, la Dcsa (Direzione centrale per i servizi antidroga), e il coordinamento dalla Procura di Roma.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“L’indagine denominata “Hispania”, avviata a luglio 2018, ha consentito di accertare l’esistenza e l’operatività di una complessa organizzazione criminale, composta da diversi livelli gerarchici ed articolazioni territoriali, con basi logistiche stabili in Spagna con la centrale a Malaga – si legge in un comunicato -, dedita al traffico di cocaina, hashish e marijuana sull’asse Spagna-Italia. Già dal maggio dello scorso anno, le indagini condotte dai Carabinieri di Ostia hanno stretto il cerchio attorno al pericoloso latitante, già destinatario di un ordine di carcerazione emesso nel 2015 dal Tribunale di Roma – Ufficio Esecuzioni, che lo avrebbe portato all’espiazione della pena pari ad anni 6 e mesi 11 di reclusione”. “La successiva fase investigativa ha portato all’emissione di ulteriori misure cautelari emesse dal Gip presso il Tribunale di Roma e al relativo Mandato di Arresto Europeo per traffico internazionale di sostanze stupefacenti e possesso di documenti falsi – conclude la nota -. Nel caso specifico al soggetto è stato contestato il tentativo di importazione in Italia di Kg. 325 di hashish, non andato a buon fine perché i corrieri erano stati arrestati in Francia”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Malati psichiatrici diventano mugnai per un ‘pane etico’
Coltivano grani antichi e panificano. E’ agricoltura sociale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SARZANA
01 marzo 2021
14:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un pane, a marchio etico, prodotto dagli ospiti della struttura psichiatrica Campo del Vescovo di Rocchetta Vara (La Spezia), fatto con farine di antichi grani locali. Un percorso di inserimento lavorativo e di realizzazione personale, verso un recupero dell’ autonomia, che prevede anche la coltivazione del grano, la macinatura al mulino e poi la produzione dei pani.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il progetto è denominato “Le radici della solidarietà” è fa parte di tre percorsi che sono stati premiati dal bando di agricoltura sociale della Regione Liguria: gli altri sono “Sentieri di inclusione” e “Il banco dell’agricoltura sociale” che rappresentano il primo esperimento coordinato sul territorio spezzino di agricoltura sociale. I tre progetti hanno ricevuto complessivamente un finanziamento di oltre 400 mila euro.
L’iniziativa è stata presentata a Sarzana e coinvolge i tre distretti sociosanitari della Asl5 spezzina ciascuno con un progetto che viene portato avanti con associazioni di categoria e i Comuni capofila di La Spezia, Sarzana e Bolano. Coinvolte anche aziende agricole, enti di formazione e soggetti del terzo settore. L’obiettivo è aumentare il benessere delle persone fragili attraverso attività nelle aziende agricole. I tre progetti dureranno 2 anni e coinvolgeranno in tutto oltre 70 tra pazienti in carico alla salute mentale, in condizioni di disabilità o di marginalità sociale. I progetti prevedono, oltre alla panificazione, l’inserimento in agricoltura e le manutenzione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Durante inseguimento pattuglia travolge auto, muore 17enne
Incidente alla periferia di Roma. Giovane era in macchina
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
01 marzo 2021
15:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ finito in tragedia un inseguimento alla periferia di Roma. Una ragazza di 17 anni è morta dopo essere stata travolta da una pattuglia della polizia stradale che stava inseguendo una macchina.
L’incidente è avvenuto a via di Salone, alla periferia est della Capitale. Secondo quanto si è appreso la ragazza era in auto con altre persone. Nell’impatto c’è un ferito grave, che era in auto con lei. Feriti anche due poliziotti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Furti di rotaie nei depositi Rfi del Casertano, 5 arresti
Ai domiciliari tre dipendenti Rete Ferroviaria e due della Sirti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
01 marzo 2021
15:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Avrebbero sottratto almeno 40 tonnellate di materiale ferroviario, del valore di centinaia di migliaia di euro, dai depositi di Rfi situati nel Casertano. E’ l’accusa a carico di cinque persone – tra cui tre dipendenti di Rete Ferroviaria Italiana e due di Sirti Spa, importante società che lavora per Rfi – finite agli arresti domiciliari nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Santa Maria Capua Vetere, che ha scoperto l’esistenza di un’associazione criminale, formata appunto da dipendenti di Rfi infedeli, titolari di imprese di raccolta metalli o che lavorano per Rete Ferroviaria Italiana, “specializzati” in furti di rotaie, bobine di rame, scambi, casse induttive, e tutti quegli oggetti presenti nei depositi ferroviari che potessero essere rivenduti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per altri dieci indagati, quasi tutti piccoli imprenditori, il Gip di Santa Maria Capua Vetere ha emesso la misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.
Le indagini sono state realizzate, tramite intercettazioni telefoniche e ambientali e immagini dei sistemi di videosorveglianza dei depositi, dagli investigatori della Polizia Ferroviaria della Campania, che hanno anche eseguito le misure cautelari. I poliziotti hanno iniziato a capire che c’era qualcosa di più ampio dietro i tanti furti avvenuti in depositi del Casertano: ben dodici quelli accertati nel corso delle indagini, denunciati a Caserta, Santa Maria Capua Vetere, Aversa, Villa Literno, con danni alla società che gestisce la rete ferroviaria per centinaia di migliaia di euro. Determinante anche la collaborazione della Protezione Aziendale di Rfi.
Dall’inchiesta è emerso che la “testa” del sodalizio era proprio all’interno di Rfi; quattro gli operai coinvolti, addetti alla manutenzione ferroviaria. Erano loro – è emerso – ad entrare con badge e telecomandi nei depositi; poi, con l’aiuto dei mezzi messi a disposizione dagli imprenditori complici, asportavano il materiale che veniva rivenduto grazie ai titolari di imprese di raccolta metalli.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si vaccina a 105 anni, arriva in ambulatorio cantando
Accompagnata dal sindaco di Taggia, ha detto di essere felice
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TAGGIA
01 marzo 2021
16:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Anna Domenica Febbo, 105 anni, la donna più anziana del Ponente Ligure si è vaccinata, ieri alle 15, nell’ambulatorio allestito presso la stazione ferroviaria di Arma di Taggia. L’anziana è arrivata all’ambulatorio accompagnata per l’occasione da Giorgio Giuffra, sindaco della piccola località balneare imperiese.
Nonna Domenica si è presentata cantando, felicissima di ricevere il vaccino. Non ha detto nulla si particolare, ma il suo approccio è stato molto eloquente. L’anziana, che gode di ottima salute, va ancora in campagna e conduce una vita semplice.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 007, impennata disinformazione e fake news
‘Campagna lanciate da attori ostili di matrice statuale’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
01 marzo 2021
16:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La pandemia da Covid ha fatto registrare “un’impennata di campagne disinformative e fake news” e si sono dilatati i “margini di intervento per attori ostili propensi all’uso combinato di più strumenti a fini manipolatori e d’influenza”. Lo evidenzia la Relazione annuale dell’Intelligence pubblicata oggi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli 007 segnalano il “ricorso all’utilizzo combinato, da parte dei principali attori ostili di matrice statuale, di campagne disinformative e attacchi cibernetici, volti a sfruttare l’onda emotiva provocata dalla crisi sanitaria, nel tentativo di trasformare la pandemia in un vantaggio strategico di lungo termine”.
Nell’anno del Covid sono aumenti del 20% gli attacchi cibernetici contro assetti rilevanti per la sicurezza nazionale. In particolare “è emerso come attori statuali abbiano tentato di sfruttare le debolezze connesse all’ondata pandemica per porre in atto attacchi sofisticati miranti ad esfiltrare informazioni sensibili su terapie e stato della ricerca”. Lo evidenzia la Relazione annuale dell’Intelligence pubblicata oggi.
La congiuntura economica determinata dall’emergenza Covid ha “reso più concreto il pericolo che attori esteri, favoriti anche dall’accesso a forme di finanziamento confinalità extraeconomiche, si ponessero quali acquirenti di asset pregiati in Italia, con prospettive di spostamento dei centri decisionali e produttivi al di fuori dei nostri confini e/o di perdita di know how, a detrimento della competitività del tessuto economico nazionale”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nell’anno del Covid sono aumenti del 20% gli attacchi cibernetici contro assetti rilevanti per la sicurezza nazionale. In particolare “è emerso come attori statuali abbiano tentato di sfruttare le debolezze connesse all’ondata pandemica per porre in atto attacchi sofisticati miranti ad esfiltrare informazioni sensibili su terapie e stato della ricerca”. Lo evidenzia la Relazione annuale dell’Intelligence pubblicata oggi.
La pandemia da Covid ha fatto registrare “un’impennata di campagne disinformative e fake news” e si sono dilatati i “margini di intervento per attori ostili propensi all’uso combinato di più strumenti a fini manipolatori e d’influenza”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo evidenzia la Relazione annuale dell’Intelligence pubblicata oggi. Gli 007 segnalano il “ricorso all’utilizzo combinato, da parte dei principali attori ostili di matrice statuale, di campagne disinformative e attacchi cibernetici, volti a sfruttare l’onda emotiva provocata dalla crisi sanitaria, nel tentativo di trasformare la pandemia in un vantaggio strategico di lungo termine”
La congiuntura economica determinata dall’emergenza Covid ha “reso più concreto il pericolo che attori esteri, favoriti anche dall’accesso a forme di finanziamento confinalità extraeconomiche, si ponessero quali acquirenti di asset pregiati in Italia, con prospettive di spostamento dei centri decisionali e produttivi al di fuori dei nostri confini e/o di perdita di know how, a detrimento della competitività del tessuto economico nazionale”.
Gli arrivi di migranti attraverso la frontiera terrestre, così come gli sbarchi fantasma dal Nordafrica o dalle sponde turco-elleniche, “restano, sul piano della sicurezza, le modalità d’ingresso più critiche, rispetto alle quali i rischi sanitari connessi alla possibile dispersione sul territorio nazionale di soggetti positivi al virus sono andati ad aggiungersi al pericolo di infiltrazioni terroristiche”. Lo evidenzia la Relazione annuale dell’Intelligence pubblicata oggi. “Su quest’ultimo versante – si lege nel documento – le risultanze della serrata attività d’intelligence, condotta in raccordo con le Forze di polizia e in collaborazione con i Servizi collegati esteri, fanno ancora escludere un ricorso sistematico ai canali dell’immigrazione clandestina per la movimentazione di jihadisti, ribadendo peraltro la sussistenza di rischi connessi all’eventualità che nei centri di confluenza/accoglienza dei migranti possano maturare processi di radicalizzazione islamista”. Inoltre, aggiungono i servizi, “mirata attenzione informativa è stata riservata al settore del falso documentale, che vede spesso l’interazione tra circuiti criminali e terroristici”.
“In Italia ha continuato a registrarsi una certa adesione al jihadismo attraverso il web, dove vengono diffusi articoli, infografiche, video di propaganda in lingua italiana, condiviso materiale teso a veicolare istanze anti-occidentali e diramate immagini minatorie di monumenti simbolo del nostro Paese e del Cristianesimo”. Lo rileva la Relazione annuale dell’Intelligence pubblicata oggi. “All’attenzione, in questo contesto – osservano in servizi – il rischio legato all’effetto istigatorio che tale messaggistica potrebbe esercitare su soggetti particolarmente influenzabili, siano essi residenti (homegrown/di recente immigrazione) o in transito, orientandoli verso estemporanei gesti dimostrativi/provocatori, anche con esiti violenti, se non motivandoli a veri e propri atti premeditati e organizzati di jihad individuale”. “Anche nel corso del 2020 – informa la Relazione – sebbene non sia stata rilevata una produzione originale di propaganda jihadista in italiano, materiale tradotto o sottotitolato nella nostra lingua a uso di utenti italofoni è stato condiviso online, utilizzando soprattutto social network e piattaforme di messaggistica protette da crittografia end-to-end”. “Contesto sensibile – proseguono gli 007 – resta quello carcerario, come testimoniato dalle espulsioni a ne pena di estremisti o altri soggetti ristretti per reati comuni che, durante la detenzione, hanno confermato o manifestato per la prima volta la propria adesione all’ideologia jihadista, rendendosi responsabili di manifestazioni apologetiche, atteggiamenti rivoltosi e reazioni violente contro il personale penitenziario e correligionari ritenuti non ‘in linea’. In prospettiva, le principali incognite riguardano coloro che, pur avendo scontato la propria pena, conservano un forte risentimento e propositi ritorsivi nei confronti dell’Italia e quanti, una volta tornati in libertà, tendono a recuperare contatti con ambienti criminali/radicali”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Anziano ucciso in casa per rapina, 30 anni all’imputato
Cagliari, era accusato anche di un secondo tentato omicidio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
01 marzo 2021
16:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Trent’anni di reclusione perché i giudici hanno riconosciuto all’imputato, Eugenio Corona, 42 anni, le attenunati generiche che hanno compensato le aggravanti che avrebbero aperto le porte dell’ergastolo. Si è chiuso così davanti alla Corte d’Assise di Cagliari il processo per l’omicidio di Adolfo Musini, il pensionato di 88 anni ucciso il 2 giugno 2019 durante una rapina nella sua abitazione, nel quartiere cagliaritano di San Michele La Corte presieduta dal giudice Giovanni Massidda (a latere Giampaolo Casula) ha così accolto per intero la richiesta del pubblico ministero Guido Pani che aveva sollecitato trent’anni per omicidio e per il tentato omicidio di Ivaldo Marci, un anziano dello stesso quartiere rimasto gravamente ferito in un tentativo di rapina avvenuto poche ore dopo l’uccisione di Musini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vittima e presunto assassino – difeso dall’avvocata Teresa Camoglio – si conoscevano.
Dopo circa tre ore e mezza di camera di consiglio, la Corte d’Assise è uscita con la sentenza che ha invece assolto un’amica della vittima, Pamela Locci: era accusata di favoreggiamento per aver ospitato e dato dei vestiti puliti all’imputato prima che i carabinieri lo arrestassero. Il pubblico ministero, in ogni caso, ha ribadito nella sua requisitoria la pericolosità sociale di Corona, capace di uccidere a coltellate e di tentare un secondo omicidio sempre a scopo di rapina che non gli è riuscito per un soffio. Scontati i trent’anni di carcere la Corte ha disposto che l’imputato faccia altri tre anni in libertà vigilata. I familiari della vittima si sono costitutiti parte civile con gli avvocati Mauro Massa e Barbara Maganuco, mentre Ivaldo Marci è assistto dall’avvocato Ivo Loi. La Corte ha stabilito una provvisionale complessiva alle parti civili che supera i centomila euro, come anticipio al risarcimento.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incidente stradale Cossu: è stato dimesso dall’ospedale
Ex calciatore dopo intervento dovrà rimanere a riposo 45 giorni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
01 marzo 2021
18:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È stato dimesso oggi pomeriggio Andrea Cossu, l’ex giocatore del Cagliari e della Nazionale rimasto ferito in un incidente stradale dieci giorni fa sulla statale 554 a Selargius, nell’hinterland di Cagliari.
L’attuale dirigente rossoblù, 40 anni, era ricoverato nel reparto di Chirurgia Toracica dell’ospedale Businco di Cagliari dove era arrivato la sera dopo l’incidente, dopo aver trascorso una notte nel reparto di Rianimazione del Brotzu.

Nell’incidente Cossu aveva riportato un forte trauma toracico, tanto che martedì scorso era stato sottoposto a un intervento chirurgico non invasivo. Giovedì i medici hanno sciolto la prognosi. Oggi la dimissione dall’ospedale e il ritorno a casa.
L’ex calciatore dovrà comunque rimanere a riposo per almeno un mese e mezzo e dovrà sottoporsi a periodiche visite ortopediche.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Sardegna risveglio bianco, stasera al ristorante
Ma nel sud dell’Isola scoperti 21 casi di variante inglese
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
01 marzo 2021
19:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un altro mondo, da un giorno all’altro. Ieri, ore 18.30, strade e piazze semideserte e silenziose.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E gestori e personale che rimettevano le cose in ordine dietro le serrande abbassate. Oggi un tripudio di voci, risate, spritz, cocktail. “Stasera – spiegano due ragazze sedute al tavolino, Ilaria e Maria Luisa – c’è un’energia speciale. È un segnale di speranza”.
In Piazza Yenne e primo tratto del Corso in centro, a Cagliari si fa fatica a trovare un tavolino libero. In alcuni locali c’è anche la fila.
Secondo i dati di Coldiretti sono diecimila in Sardegna i locali che possono tirare sino a “tardi” (alle 21 i bar e alle 23 i ristoranti, coprifuoco dalle 23.30) in Sardegna.
Ma sulla celebrazione del primo giorno (quasi) senza limiti incombono i 21 nuovi casi di variante inglese nel sud Sardegna scoperti dal laboratorio del policlinico di Monserrato dell’Aou di Cagliari. Secondo i dati dell’azienda mista sette contagi di questa mutazione del virus sono stati riscontrati a Cagliari, quattro a Quartu, due a Capoterra, uno a Monastir, uno a Dolianova, due a Sanluri, due a Carloforte e altri due dei quali non è stata ancora accertata la provenienza esatta. E bisogna fare sempre i conti con i tre comuni in zona rossa: Bono, La Maddalena e San Teodoro. Gli ultimi dati sulla circolazione della variante inglese sono abbastanza rassicuranti. A Bono ad esempio su 1.620 persone sottoposte a tampone naso-faringeo e all’esame molecolare/antigenico, sono emersi solo 6 positivi al coronavirus. Il dato complessivo di oggi racconta di 45 nuovi casi in tutta l’isola con un tasso di positività dello 0,7%.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: sindaca Ancona chiude tutte scuole fino a 14 marzo
Dati ieri e oggi peggiorati, oltre linee guida Cts nazionale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
01 marzo 2021
19:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Da domani martedi 2 marzo, fino a domenica 14, sono sospese le attività didattiche in tutte le scuole di ogni ordine e grado nel Comune di Ancona (scuole d’infanzia e nidi compresi, pubbliche e private)”. Lo annuncia la sindaca Valeria Mancinelli su facebook.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il provvedimento è urgente e necessario – spiega -, i dati di ieri e quelli di oggi sono peggiorati e siamo ben oltre il limite che il Comitato Tecnico Scientifico nazionale indica nelle nuove linee guida e nei diversi criteri resi noti ieri sera, per la chiusura totale delle scuole”. Le Marche sono da oggi in zona arancione e da qualche giorno con dad al 100% alle superiori, mentre ad Ancona lo sono anche le seconde e terze medie. “Tutti gli indici ci dicono che il virus nella città corre velocemente, che ancora più velocemente corre nelle fasce d’età giovani, che la variante inglese è ampiamente diffusa – seguita Mancinelli, che nei giorni scorsi aveva invitato i concittadini ad evitare i contatti stretti non necessari -. La situazione è difficile in tutta la provincia ma, in assenza di provvedimenti per tutto il territorio, mi assumo la responsabilità di agire per la tutela della salute pubblica nella mia città”. “Sono consapevole – sottolinea – dei disagi che si creano per le famiglie, ma guadagnare tempo, in questo caso, significa salvaguardare la salute e, a volte, la vita di tutti”. I ragazzi diversamente abili che hanno l’insegnante di sostegno “possono frequentare la scuola, che si organizza per garantire il servizio”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Como e Cremona in zona arancione rafforzata
Arancioni anche dieci comuni del Milanese
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
01 marzo 2021
20:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana ha appena firmato tre nuove ordinanze con l’obiettivo di rafforzare le misure di prevenzione a contrasto del Covid su diverse aree del territorio, che entreranno in vigore da mercoledì 3 marzo.
Diventerà zona arancione rafforzata, con la chiusura quindi di tutte le scuole, tranne gli asili nido, l’intera provincia di Como, ma anche diversi comuni della provincia di Mantova, della provincia di Cremona (incluso il capoluogo), di quella di Pavia e di dieci comuni della Città Metropolitana di Milano, tra cui Melzo e Binasco.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Abusa di minore disabile, caccia all’uomo nel savonese
Sconosciuto entrato in casa e ha commesso l’abuso, poi è fuggito
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SAVONA
01 marzo 2021
20:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Caccia all’uomo da venerdì sera nel Savonese per individuare la persona che ha abusato di una minorenne con disabilità psichica. Il caso è avvenuto nell’abitazione dove la minore viva, in un comune della provincia di Savona.
La notizia è stata anticipata dall’edizione online del Secolo XIX e confermata dal magistrato che sta coordinando le indagini. Sul caso c’è massimo riserbo.
L’uomo, approfittando dell’assenza della madre, è entrato nell’appartamento ed ha approfittato della minore per poi fuggire a bordo di un’auto il cui modello non è stato ancora identificato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bergamini:concluse indagini morte calciatore,indagata l’ex
Legale famiglia:ci auguriamo visionare presto atti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CASTROVILLARI
01 marzo 2021
21:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Castrovillari ha notificato la conclusione delle indagini per la morte del calciatore del Cosenza Donato “Denis” Bergamini, a Isabella Internò, ex fidanzata del centrocampista del Cosenza, che resta unica indagata per l’omicidio del calciatore del Cosenza. La notizia è stata resa nota con un comunicato del Procuratore facente funzioni, Simona Manera.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Archiviate le posizioni dell’autista del Tir sotto le cui ruote il centrocampista del Cosenza venne trovato cadavere la sera del 18 novembre 1989 e quella del marito della donna, che inizialmente risultava indagato per favoreggiamento in relazione alle dichiarazioni fornite dalla moglie in fase di escussione come teste.
“Abbiamo appreso della notizia della chiusura delle indagini – ha spiegato in un video pubblicato su facebook – l’avvocato della famiglia Bergamini, Fabio Anselmo, parlando anche a nome della sorella di Denis, Donata – da un comunicato stampa della Procura di Castrovillari. Non sappiamo che fine abbiano fatto gli altri indagati, sappiamo, comunque, che Isabella Internò rimane accusata di omicidio pluriaggravato e quindi, come tale, strettamente punibile con l’ergastolo (non soggetto a prescrizione)”.
“Ci auguriamo – aggiunge il legale della famiglia – di poter visionare presto gli atti di indagine e del fascicolo. Per questo abbiamo già inoltrato una richiesta via pec in tal senso.
Auspichiamo davvero che la procura ci rilasci copia dei documenti perché credo che la famiglia Bergamini ne abbia pieno diritto così come forse avrebbe avuto diritto di conoscere gli esiti in altro modo”.
L’inchiesta era stata riaperta sei anni fa dall’ex procuratore di Castrovillari Eugenio Facciolla e poi proseguita e chiusa dal pm Luca Primicerio. Nell’inchiesta si ipotizza che Bergamini possa essere ucciso e poi coricato sull’asfalto perché fosse investito. Alla base del fatto ci sarebbe stata la fine, per decisione del calciatore, del legame con la donna.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo Dpcm, le regole fino a Pasqua
Ci sono aperture ma niente cene fuori e barbieri in zona rossa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 marzo 2021
13:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il nuovo Dpcm, che scatterà il 6 marzo, potrebbe essere valido per un mese: secondo una bozza del testo i divieti e le restrizioni resteranno in vigore anche per Pasqua e Pasquetta, le seconde dell’era Covid, scadendo il 6 aprile. Sono anche previste riaperture, seppure non da subito: dal 27 marzo riapriranno – nel rispetto di specifici protocolli – cinema e teatri mentre sarà possibile andare al museo anche nei week end.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Queste dovrebbero essere le misure contenute nel nuovo provvedimento.

  • BARBIERI E PARRUCCHIERI CHIUSI (ZONA ROSSA): in questa fascia sono sospese le attività inerenti servizi alla persona, diverse da quelle individuate nell’allegato 24, dove – a differenza del precedente provvedimento – non vengono menzionati i servizi dei saloni di barbiere e di parrucchiere.

  • IN CASA POSSONO ENTRARE ANCHE I NON CONVIVENTI (ZONA GIALLA), MA FESTE VIETATE: In questa fascia viene cancellata dal bozza del nuovo Dpcm la misura – citata nel precedente documento, secondo cui – “con riguardo alle abitazioni private, è fortemente raccomandato di non ricevere persone diverse dai conviventi, salvo che per esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza”. Nella bozza del nuovo provvedimento restano comunque “vietate le feste nei luoghi al chiuso e all’aperto, ivi comprese quelle conseguenti alle cerimonie civili e religiose”.

  • CINEMA E TEATRI APRONO DAL 27/3, MUSEI ANCHE NEL WEEK END (ZONA GIALLA): A decorrere dal 27 marzo 2021 in zona gialla spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all’aperto sono svolti con posti a sedere preassegnati e distanziati e a condizione che sia comunque assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per il personale, sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi, spiega la bozza del Dpcm. Il ministro Franceschini ha annunciato l’accesso ai musei su prenotazione anche nel weekend (questi ultimi per ora aperti in questa stessa fascia solo nei giorni infrasettimanali).
    CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

  • VIAGGI VIETATI, STOP SPOSTAMENTI TRA LE REGIONI: Il divieto di spostamento tra le Regioni è valido fino al 27 marzo ma assieme al prossimo Dpcm, che disciplinerà le misure fino al 6 aprile, Pasqua compresa, potrebbe essere nuovamente prorogato con un decreto. Come sempre è consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione così come gli spostamenti motivati da esigenze lavorative, ragioni di salute o situazioni di necessità. Permessa in zona gialla in ambito regionale la visita in una sola abitazione privata, una volta al giorno, fra le 5 del mattino e le 22. Possono spostarsi due persone più i figli minori di 14 anni.

  • SECONDE CASE: E’ consentito recarsi nelle seconde in zona gialla o arancione (anche se si trovano fuori regione) solo al nucleo familiare e soltanto se la casa è disabitata. Non si può andare nella seconda casa con amici e parenti. Non è possibile invece – a meno di urgenti e necessari motivi – se le abitazioni sono in zone rosse o arancione scuro. Sono vietati i viaggi per turismo.

  • SHOPPING: Negozi chiusi solo in zona rossa dove sono garantiti esclusivamente gli esercizi commerciali di prodotti essenziali: farmacie, alimentari, ferramenta. In zona gialla e arancione tutti i negozi sono aperti. Nei week end continuano ad essere chiusi i centri commerciali. Negli esercizi sono valide le solite misure di sicurezza: distanziamento, mascherina, ingressi contingentati.

  • CONTINUA LA SERRATA DI PISCINE E PALESTRE: Ancora lontana la possibilità di andare in palestra o in piscina. Vietati gli sport di contatto e di squadra. Consentita invece l’attività motoria individuale all’aperto come la camminata, la bici e la corsa. Al momento il Cts visto l’andamento dei contagi non ritiene opportuno allentare le restrizioni in questo settore. Se le cose dovessero migliorare si potrebbe pensare almeno a lezioni individuali o su prenotazioni. Agli agonisti è permesso di allenarsi.

  • LA SERA NIENTE RISTORANTE Niente cene al ristorante. Nonostante l’asse Salvini-Bonaccini al ristorante e bar in zona gialla si potrà andare solo di giorno. Si temono gli assembramenti fuori dai locali, che puntualmente avvengono anche a locali chiusi nel fine settimana. Dunque le regole per i ristoranti restano quelle in vigore: in zona gialla aperti fino alle 18 e fino alle 22 consentito l’asporto. A domicilio è consentito ad ogni ora. Asporto e domicilio sono consentiti nelle zone arancio e rosse. Eccezione fanno gli autogrill, oltre le 18 in zona gialla, le mense e i ristoranti negli alberghi.

  • SCUOLA: Nelle zone rosse tutte le scuole – stando alle indicazioni del Cts – dovrebbero essere chiuse. Gli esperti hanno anche valutato che gli studenti dovranno essere in Dad nel caso l’incidenza sia superiore a 250 casi ogni 100mila abitanti. In tutte le altre situazioni, la scuola resta in presenza come già stabilito dai provvedimenti in vigore: in presenza per gli alunni dell’infanzia, delle elementari e delle medie mentre per quelli delle superiori è pervista la didattica è in presenza almeno al 50% e fino ad un massimo del 75%. Nel testo della bozza del Dpcm si introduce un ulteriore misura: “al fine di mantenere il distanziamento sociale, è da escludersi qualsiasi altra forma di aggregazione alternativa”. In alcuni casi i governatori hanno già applicato misure più restrittive come ad esempio in Puglia, Campania e Marche.   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Vaccini: Padova, doppie prenotazioni tra personale scuole
Con codice fiscale fatte anche a nome di parenti o amici
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PADOVA
02 marzo 2021
10:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Prenotazioni anche a nome di parenti o amici, utilizzando il proprio codice fiscale, sono state scoperte dall’Azienda Ulss di Padova tra quelle destinate alla vaccinazione del personale scolastico. I casi, una cinquantina, hanno comportato lo stop alla piattaforma informatica per le prenotazioni e l’avvio di un’indagine.

Le verifiche – rirportano i quotidiani veneti – sono state avviate per capire quanti siano effettivamente i “furbetti” e come risolvere il disagio che rallenta la campagna vaccinale.
La scoperta sarebbe stata fatta dal Dipartimento di Prevenzione dell’Ulss nella piattaforma “Zerocoda”, che presentava prenotazioni doppie collegate a uno stesso codice fiscale. Questa prenotazioni sono state annullate e si sta valutando di presentare una denuncia alla magistratura
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Schiaffi ai bimbi: ok ricorso del pm, maestra sospesa 6 mesi
Disposta la misura cautelare interdittiva a Bologna
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
02 marzo 2021
10:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il tribunale del Riesame ha accolto il ricorso della Procura di Bologna sul caso della maestra di un asilo comunale arrestata a inizio febbraio per maltrattamenti nei confronti dei bambini e poi rimessa in libertà. I giudici hanno per lei disposto la misura cautelare interdittiva della sospensione dal servizio per sei mesi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sarà esecutiva dopo un eventuale ricorso in Cassazione della difesa.
Nel liberare la maestra, il Gip Letizio Magliaro aveva scritto tra l’altro che in circa 15 giorni di osservazione l’indagata aveva sferrato “soltanto” tre schiaffi punitivi nei confronti di tre diversi alunni e che non si era, per questo, in presenza della condotta tipica del reato di maltrattamenti. Ma la Procura, con il pm Michele Martorelli, aveva impugnato l’ordinanza, sottolineando che con una simile affermazione significava fare un’analisi che fonda le proprie conclusioni su “una media statistica inaccettabile”. Venerdì c’è stata l’udienza e il collegio di giudici (Margiocco, Oggioni, Monari) ha accolto il ricorso del pm dove si evidenziava il principio di giurisprudenza che “l’uso della violenza per fini correttivi o educativi non è mai consentito”. Ancora non sono note le motivazioni del Riesame.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: a livello mondiale sono stati persi 112 mld di giorni
Save The Children: 74 giorni in meno per ciascun alunno, più di un terzo dell’anno scolastico medio globale di 190 giorni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 marzo 2021
10:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A un anno dall’inizio della pandemia di Covid, bambini e adolescenti di tutto il mondo hanno perso in media 74 giorni di istruzione ciascuno, più di un terzo dell’anno scolastico medio globale di 190 giorni. È quanto emerge dai dati diffusi oggi da Save the Children, in occasione dell’anniversario della pandemia di Covid 19.
A livello globale, si stima che 112 miliardi di giorni di istruzione siano stati persi complessivamente e che siano stati i bambini più poveri del mondo a essere colpiti in modo sproporzionato. Il dato è calcolato tra il 16 febbraio 2020 e il 2 febbraio 2021.
Gli studenti italiani si sono trovati a frequentare i loro istituti anche per molto meno della metà dei giorni teoricamente previsti. E’ quanto emerge dal Rapporto Save The Children nel quale sono stati presi in considerazione 8 capoluoghi. Da settembre 2020 a fine febbraio 2021, i bambini delle scuole dell’infanzia a Bari, per esempio, hanno potuto frequentare di persona 48 giorni sui 107 previsti, contro i loro coetanei di Milano che sono stati in aula tutti i 112 giorni. Gli studenti delle scuole medie a Napoli sono andati a scuola 42 giorni su 97 mentre quelli di Roma sono stati in presenza per tutti i 108 giorni previsti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uccisa nel Ferrarese, compagno ricoverato per autolesionismo
In cella ha sbattuto violentemente la testa contro le sbarre
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FERRARA
02 marzo 2021
11:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Doriano Saveri, arrestato con l’accusa di aver ucciso la sua compagna Rossella Placati una settimana fa nella casa che dividevano a Bondeno (Ferrara), è ricoverato in ospedale da domenica sera dopo atti di autolesionismo in cella. Lui si professa innocente.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli agenti di Polizia penitenziaria hanno sentito rumori dalla sua cella – come riporta La Nuova Ferrara – e solo il loro intervento ha scongiurato il peggio visto che lo hanno trovato ferito gravemente alla testa e in una pozza di sangue, dopo aver sbattuto volontariamente il capo contro la finestra. Così, domenica sera poco dopo le 19, è stato ricoverato nella cella nel reparto di medicina del Sant’Anna, guardato a vista: massima sorveglianza per lui, in carcere da martedì scorso con l’accusa dell’omicidio volontario aggravato della donna, che avrebbe ucciso.
Il suo ricovero è stato deciso anche perché – da quanto si apprende – i suoi parametri sanitari vitali erano allarmanti. E non potrebbe che essere così, dopo una settimana con la pressione, psicofisica, esterna e interna, alle stelle, continuando a negare di essere lui l’autore dell’omicidio. Ma le accuse sono tutte contro di lui, come già confermato negli atti dei magistrati che si sono susseguiti: il pm Stefano Longhi che sta conducendo le indagini e coordinando i riscontri dei carabinieri, e il giudice Vartan Giacomelli che ha confermato la misura cautelare in carcere. E come gli stessi magistrati hanno riferito negli atti, sarà fondamentale l’esame medico-legale per stabilire le cause della morte. L’autopsia era fissata per ieri mattina, ma è stata rinviata per procedere con un incidente probatorio e potrebbe essere eseguita nel fine settimana.
L’autopsia dovrà circoscrivere il range sull’orario della morte, dopo il ritrovamento del corpo, che fissa il decesso tra le 10 e le 15 ore prima, fra le 22.30 di domenica e le 3.30 di lunedì scorsi: una morte causata da colpi alla testa e tre fendenti alla parte sinistra superiore del petto. L’autopsia dovrà confermare quali siano stati letali o no. L’arma o le armi non sono state trovate.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, 415 positivi nelle Marche nelle ultime 24ore
Testati complessivamente 7.094 tamponi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
02 marzo 2021
11:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 415 i positivi al covid rilevati nelle Marche nelle ultime 24 ore tra le nuove diagnosi, di cui 194 nella provincia di Ancona. Il Servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che “nelle ultime 24 ore sono stati testati 7.094 tamponi: 5.040 nel percorso nuove diagnosi (di cui 2.985 nello screening con percorso Antigenico) e 2.054 nel percorso guariti (con un rapporto positivi/testati pari all’8,2%)”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dei 414 positivi, oltre ai 184 della provincia di Ancona, ce ne sono 76 in provincia di Macerata, 67 in provincia di Pesaro Urbino, 43 in quella di Ascoli Piceno, 14 in quella di Fermo e 21 fuori regione. Questi casi comprendono soggetti sintomatici (58), contatti in setting domestico (73), contatti stretti di casi positivi (173)), contatti in setting lavorativo (6), contatti in ambienti di vita/socialità (3), contatti in setting assistenziale (5), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (7), screening percorso sanitario (2) e 1 caso proveniente da fuori regione. Per altri 87 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche. Sui 2.985 test del Percorso Screening Antigenico “sono stati riscontrati 230 casi positivi (da sottoporre al tampone molecolare). Il rapporto positivi/testati è pari all’8%”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Venezia:riapre campanile S.Marco,segnale ripresa vita piazza
Un centinaio di visitatori il primo giorno
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
02 marzo 2021
11:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ha riaperto a Venezia il campanile di San Marco, il “paron de casa” dopo mesi di chiusura a causa dell’emergenza Coronavirus. Un centinaio i visitatori, tutti veneti e alcuni veneziani, che sono saliti sul punto più alto della città per avere il miglior colpo d’occhio sulla laguna.

La riapertura del campanile è il primo segnale di ripresa in Piazza San Marco, la prima attrazione turistica che riprende, con le dovute restrizioni e precauzioni, dopo mesi di fermo. In Piazza, in questi mesi, solo la basilica di San Marco è sempre rimasta aperta per le celebrazioni della messa, mentre Palazzo Ducale e Museo Correr per ora restano chiusi.
Una quarantina al massimo i visitatori che possono accedere, contemporaneamente, sul campanile, per rispettare il distanziamento sociale. E prima di salire sull’ascensore è necessario misurarsi la temperatura e tenere indossata nel modo corretto la mascherina, come prevedono le misure anti-covid.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Truffa a società mutuo soccorso, indagato Gianluigi Torzi
Sei ai domiciliari,l’uomo affari già coinvolto nel caso Vaticano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
02 marzo 2021
11:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per una presunta truffa con operazioni finanziarie legate all’acquisto di bond ad alto rischio lussemburghesi ai danni della storica Società di Mutuo Soccorso Cesare Pozzo, il Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Gdf di Milano ha eseguito 6 misure di arresti domiciliari e una interdittiva del divieto temporaneo di esercitare l’attività di impresa.
Nell’ inchiesta della Procura, con al centro reati di associazione per delinquere finalizzata alla truffa aggravata, false comunicazioni sociali e appropriazione indebita, è indagato l’uomo d’affari Gianluigi Torzi, già coinvolto nell’inchiesta vaticana su un palazzo a Londra.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Traffico illecito rifiuti, 11 misure cautelari in Piemonte
Operazione carabinieri forestali. Sequestrati 40 ettari di campi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CUNEO
02 marzo 2021
12:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fanghi di impianti civili e industriali e altri rifiuti, anche con plastica e mercurio, sparsi illegalmente come se fossero “compost di qualità” su oltre 40 ettari di campi – che sono stati sequestrati – nelle province di Cuneo, Asti e Torino. Parla di questo l’indagine dei carabinieri forestali di Cuneo che nelle scorse ore hanno eseguito undici misure cautelari tra Piemonte e Liguria.
Al centro la Olmo Bruno di Magliano Alfieri, azienda del Gruppo Egea, che non avrebbe trattato in modo adeguato i rifiuti, traendo secondo le accuse non profitto illecito di 1,5 milioni di euro.
Due dirigenti dell’azienda sono ai domiciliari, obbligo di firma per altre nove persone tra addetti e agricoltori.
L’operazione, denominata ‘Plastic Fertil’, è coordinata dalla Direzione antimafia di Torino, competente sui reati ambientali.
L’accusa è di traffico illecito di rifiuti; i terreni sono stati sequestrati: sono pioppeti, frutteti, orti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Serra di marijuana, per Sartor condanna a un anno e due mesi
Coltivazione nel Parmense, arrestato in flagranza di reato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PARMA
02 marzo 2021
12:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È stato condannato a un anno, due mesi e venti giorni Gigi Sartor, l’ex calciatore di serie A di 46 anni arrestato in flagranza di reato nei giorni scorsi mentre stava coltivando una serra di marijuana in un casolare isolato nella prima montagna parmense. Insieme a un amico 46enne, anche lui condannato ma essendo incensurato ha avuto la sospensione della pena, era stato sorpreso dagli agenti della Guardia di finanza qualche giorno fa in una casa di Lesignano Palmia (Parma) in mezzo a centinaia di piantine pronte a produrre oltre due chili di sostanza stupefacente.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sartor, ex difensore di Juventus, Roma, Parma, Inter e Verona, è stato condannato con rito abbreviato. Il giudice, riporta la Gazzetta di Parma, ha concesso al 46enne le attenuanti generiche e ha escluso la recidiva (l’ex calciatore ha precedenti per violazione degli obblighi di assistenza familiare e maltrattamenti) ma ha revocato la sospensione delle pena relativa alla precedente condanna.
Se l’attuale condanna per droga dovesse passare in giudicato Sartor dovrà scontare anche i nove mesi della sentenza precedente. Luigi Sartor per ora resterà ai domiciliari anche se il suo legale ha chiesto ed ottenuto di fare volontariato in una comunità di recupero per tossicodipendenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Etna: ripresa attività stromboliana da cratere di Sud-Est
Ingv-Oe, lieve incremento tremore vulcanico e fase infrasonica
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
02 marzo 2021
12:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una debole attività stromboliana è ripresa al cratere di Sud-Est dell’Etna e dalla 11:45 si osserva un lieve incremento dell’ampiezza media del tremore vulcanico.
Anche l’attività infrasonica mostra un incremento nel numero degli eventi.
Lo segnala un report dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia-Osservatorio etneo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Veneto, 1.228 contagiati nelle ultime 24 ore
Decessi +22, crsscono pazienti nelle terapie intensive
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
02 marzo 2021
12:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 1.228 i nuovi casi di Coronavirus registrati in Veneto nelle ultime 24 ore, che portano a 335.478 il totale dei malati dall’inizio della pandemia. Lo riferisce il Bollettino reigonale, che segnala da ieri anche 22 decessi, con il totale a 9.874.

L’incidenza dei positivi sui tamponi effettuati nelle ultime 24 ore è del 2,87%; gli attuali positivi sono 25.224.
Negli ospedali si registra un calo (-23) dei ricoveri nelle aree non critiche, con 1.172 pazienti; cresce invece (+6) il numero di ricoverati nelle terapie intensive, con totale a 145.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Pavoletti testimonial campagna screening a Cagliari
Il 6 e 7 “Sardi e sicuri” approda nel capoluogo, test gratuiti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
02 marzo 2021
12:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Andiamo tutti a fare il tampone”. E’ l’invito dell’attaccante del Cagliari, Leonardo Pavoletti, che attraverso un breve video ha voluto sensibilizzare tutti i cagliaritani affinché aderiscano alla campagna di screening “Sardi e sicuri”, organizzata dalla Regione Sardegna in collaborazione con il microbiologo dell’Università di Padova, Andreas Crisanti.

Nelle giornate di sabato 6 e domenica 7 marzo la campagna arriva a Cagliari: tutti i residenti in città avranno l’occasione di effettuare gratuitamente il tampone nelle 17 postazioni allestite dal Comune di Cagliari.
Saranno gli operatori dell’ATS Sardegna ad occuparsi dello screening e a comunicare un primo esito già dopo appena quindici minuti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: 5.306 sbarcati quest’anno, 4.029 respinti in Libia
Mediterranea, ‘serve un patto tra le istituzioni e le ong’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 marzo 2021
12:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Imponente flusso migratorio verso l’Italia in questi primi due mesi dell’anno: ad oggi sono 5.306 le persone sbarcate dall’1 gennaio, secondo i dati del Viminale; più del doppio rispetto alle 2.553 registrate nello stesso periodo dello scorso anno. Il grosso degli arrivi (3.896) a febbraio.

Mediterranea saving humans dà conto anche di un “allarmante aumento dei respingimenti operati in Libia dalla cosiddetta Guardia Costiera. Dall’inizio dell’anno all’1 marzo sono 4.029 le persone intercettate e ricondotte in arbitraria detenzione, 222 minori: almeno 142 i dispersi e 28 corpi restituiti dal mare”. La ong invoca “un patto fra le istituzioni e la società civile (sino ad oggi criminalizzata per atti di solidarietà) affinché, in linea con gli obblighi internazionali, venga regolamentato il diritto/dovere di salvare queste donne, uomini e bambini alla deriva, indipendentemente dalla loro nazionalità e dello status giuridico ad essi conferito”.
Tunisini i più numerosi tra gli sbarcati del 2020 (745), seguiti da ivoriani (597) e guineiani (461). I minori non accompagnati sono stati finora 493.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini:Sardegna,scatta con sms piano immunizzazione over 80
Giovedì incontro Ats-medici famiglia per il loro coinvolgimento
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
02 marzo 2021
13:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ll piano per la vaccinazione degli over 80 è scattato ufficialmente in Sardegna con l’invio dei primi sms da parte dell’Ats ai nati sino al 1937. Lo ha confermato l’assessore della Sanità Mario Nieddu.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dal 15 marzo, invece, come previsto nel “Piano operativo di vaccinazione Anti-Covid 19” predisposto dall’assessorato dieci giorni fa, si attuerà la stessa procedura ma sugli anziani nati dal 1941.
Funziona in questo modo: il messaggio trasmesso all’ultraottantenne conterrà un link per l’adesione (libera e volontaria) ai vaccini attraverso il portale “Sardegnasalute”. Saranno poi contattati dall’Ats per la comunicazione della data, dell’ora e del luogo in cui sarà effettuata la somministrazione, a seguire riceveranno tutte le info dovute sulle caratteristiche del farmaco ai fini della sottoscrizione del consenso informato necessario prima dell’inoculazione. Per aderire bisognerà essere muniti di tessera sanitaria e di un numero di cellulare. Al momento, l’adesione è riservata solo agli ultraottantenni e possono accedere al link web solo quelli che hanno ricevuto l’sms. Un dettaglio, quest’ultimo, che finora ha causato qualche problema.
“Alcuni anziani si sono scambiati il messaggio con il link che però è personalizzato – spiega Nieddu – e che in certi casi è finito nei cellulari di persone non destinate ad essere vaccinate in questa fase, questo ha mandato in alcuni momenti in tilt un sistema preparato a leggere solo le tessere sanitarie di coloro a cui deve essere effettivamente somministrato il vaccino”. Giovedì prossimo, nel frattempo, l’Ats incontrerà i medici di famiglia per concordare il loro impiego sul fronte somministrazione in tutta l’Isola.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: quattro comuni del vibonese in zona rossa
Ordinanza Spirlì, misure in vigore dalle 22 di oggi al 17 marzo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
02 marzo 2021
13:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I Comuni di Briatico, Dasà, Gerocarne e Sorianello, tutti in provincia di Vibo Valentia, entrano in zona rossa. La misura sarà in vigore dalle 22 di oggi, 2 marzo, a tutto il 17 marzo 2021.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È quanto stabilito dall’ordinanza firmata oggi dal presidente ff della Regione Calabria, che dispone ulteriori misure per la gestione dell’emergenza da Covid-19.
Il provvedimento tiene conto della nota del dipartimento di Prevenzione dell’Azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia, la quale ha comunicato che “nei Comuni di Briatico, Dasà, Gerocarne e Sorianello, si osserva un andamento epidemiologico in rapida evoluzione, con una elevata incidenza di nuovi casi rispetto alla popolazione residente, negli ultimi giorni”; e che “la situazione osservata potrebbe subire bruschi peggioramenti, a causa dell’elevato numero di contatti sociali avvenuti con soggetti poi risultati positivi, emersi nel corso delle indagini epidemiologiche”.
L’ordinanza vieta “gli spostamenti, in entrata e in uscita, dai territori interessati, nonché all’interno dei medesimi territori, salvi gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute”. Rimane comunque la possibilità “di transito, in ingresso e in uscita, dai territori individuati, per gli operatori sanitari e socio-sanitari, per il personale impegnato nei controlli e nell’assistenza e nelle attività riguardanti l’emergenza, per tutte le forze dell’ordine e per i vigili del fuoco, impiegati per le esigenze connesse al contenimento della diffusione del Covid-19 o in altri servizi d’istituto, dei servizi pubblici essenziali, per gli spostamenti connessi alle relative attività”. È inoltre consentito “ai non residenti l’attraversamento dei Comuni interessati dall’ordinanza, senza possibilità di sosta, e il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza”.
Il provvedimento, infine, dispone che “il dipartimento di prevenzione dell’Azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia proceda al costante monitoraggio della situazione epidemiologica locale, segnalando tempestivamente all’Unità di crisi regionale ogni variazione significativa intervenuta”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Etna: fontana di lava e cenere lavica da cratere di Sud-Est
Ottavo parossismo da 16 febbraio,rapido aumento ampiezza tremore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
02 marzo 2021
13:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ottavo evento parossistico sull’Etna dal 16 febbraio scorso: l’attività dal cratere di Sud-Est, dalle 13:24, è passata da stromboliana a fontana di lava. In concomitanza del fenomeno è stato registrato dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia-Osservatorio etneo di Catania un aumento rapido dell’ampiezza del tremore vulcanico, la cui sorgente è localizzata in corrispondenza del cratere di Sud-Est a circa 3.000 metri.
Anche l’attività infrasonica risulta sostenuta sia nel tasso di accadimento che nell’energia degli eventi. La localizzazione degli eventi infrasonici permane allo stesso cratere. La presenza di nuvole non rende possibile un’osservazione diretta dell’attività.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: isolata a Brescia variante nigeriana
Scoperta nei laboratori degli Spedali Civili
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BRESCIA
02 marzo 2021
13:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È stata isolata a Brescia la variante nigeriana del Covid. “Per la prima volta in Italia abbiamo isolato il virus portatore di queste mutazioni che preoccupano perché potrebbero conferire resistenza ai vaccini anti Covid oggi disponibili” ha spiegato Arnaldo Caruso, presidente della Società italiana di virologia e direttore del Laboratorio di Microbiologia dell’Asst Spedali Civili della città lombarda che da una settimana è in zona arancione rafforzato e lo resterà per un’altra settimana.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: E-R, a febbraio +70% contagi scuola in un mese
Oltre 6mila, incidenza tra studenti 350 casi su 100mila persone
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
02 marzo 2021
13:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mai così tanti casi di coronavirus nelle scuole di ogni ordine e grado dell’Emilia-Romagna come nel mese di febbraio: dagli asili nido alle superiori sono stati in totale 6.080 tra bambini, ragazzi, insegnanti e personale gli emiliano-romagnoli ad aver contratto il Sars-Cov2. Lo comunica la Regione.
Un aumento del 70% rispetto alle quattro settimane piene di gennaio. Nelle ultime due settimane – dal 15 al 21 e dal 22 al 28 febbraio – c’è un’incidenza superiore ai 350 casi ogni 100mila persone per tutte le fasce d’età dai 6 ai 18 anni, mentre tra i bambini fino ai 5 anni l’incidenza è vicina ai 250 casi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Maria Del Zompo lascia, rettrice-pioniera in Italia
“Orgogliosa dei successi di questi anni, ora torno alla ricerca”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
02 marzo 2021
14:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una rettrice che passerà alla storia: Maria Del Zompo è la prima donna al comando dell’Universitá di Cagliari. E sará sempre lei, giovedì prossimo, a presiedere la cerimonia dei quattrocento anni di vita dell’ateneo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per poi salutare perché il suo mandato si avvia alla conclusione. Lascerà il posto a Francesco Mola, eletto a dicembre. Il suo futuro? “Tornerò a fare ricerca”, annuncia. Ma nel mirino c’è subito un altro dei traguardi prefissati: l’apertura del primo asilo nido dell’Universitá di Cagliari.
“Abbiamo puntato molto – spiega – sull’obiettivo di diventare un ateneo che, nel valorizzare l’identità propria e del territorio, fosse al centro dello sviluppo culturale, sociale ed economico della Sardegna, attraverso l’innovazione, la disseminazione della conoscenza, la diffusione della cultura dello sviluppo sostenibile. Perció anche con riguardo alla promozione delle pari opportunità, dell’inclusione e dell’integrazione”. Del Zompo ha ripercorso i successi dell’ateneo. “In questi sei anni abbiamo superato brillantemente tante valutazioni. Ne siamo orgogliosi: siamo tra i primi dieci atenei italiani. Nel 2017 abbiamo ottenuto – primi in Sardegna – l’accreditamento periodico con un giudizio pienamente soddisfacente che lo colloca al di sopra della media degli atenei con giudizio B e nel primo quartile degli atenei con valutazione nota. Il rapporto stilato dall’Agenzia di valutazione (ANVUR) assegna all’Università di Cagliari anche una menzione di ‘prassi meritori’ per la sede e una per un corso di laurea”.
La rettrice si è detta orgogliosa anche delle politiche di genere sostenute dall’Università: “Siamo stati tra i primi atenei italiani a dotarsi di un Piano per l’uguaglianza di genere (Gender Equality Plan – GEP), strumento chiave per superare i divari di genere nel mondo della ricerca, rimuovendo gli ostacoli che impediscono ai talenti di esprimere il loro potenziale e contribuendo a diffondere una cultura delle pari opportunità. Dall’anno accademico 2017/2018 l’Ateneo porta avanti una campagna costante e continua di sensibilizzazione nei confronti di studenti, studentesse e di tutto il personale e dei cittadini contro la violenza di genere”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Muore travolta a Roma: si indaga per omicidio stradale
Pm dispone l’autopsia,presto consulenza per ricostruire dinamica
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
02 marzo 2021
14:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Roma procede per omicidio stradale in relazione all’incidente avvenuto ieri in via di Salone costato la vita ad una ragazzina di 14 anni e il ferimento dei genitori. I tre sono stati travolti mentre si trovavo in auto da un mezzo della polizia stradale che stava inseguendo una vettura con due presunti rapinatori.
Il procedimento è coordinato dal pm Alberto Clemente che ha disposto l’autopsia ed è pronto ad affidare una consulenza per la ricostruzione della dinamica di quanto avvenuto. Non è escluso che a breve possano arrivare le prime iscrizioni nel registro degli indagati come atto dovuti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Partita la sperimentazione nei drive trough della Difesa per la somministrazione dei vaccini ai civili
Presto anche al Trenno a Milano, il più grande d’Italia e alla Cecchignola a Roma
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 marzo 2021
15:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ partita la sperimentazione per la somministrazione del vaccino ai civili nei drive through della Difesa. Al centro vaccinale dell’ospedale Baggio di Milano, è stato allestita dall’esercito la prima struttura di questo tipo per le inoculazioni delle dosi a persone con difficoltà motorie, che aspettano a bordo delle auto il proprio turno.
L’iniziativa, la prima in Italia, sarà replicata – in accordo con le Asl che ne fanno richiesta – in altri drive through già allestiti dalle Forze Armate per i tamponi. Tra gli altri disponibili, quello del Trenno a Milano – il più grande in Italia – e quello della Cecchignola a Roma.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Papa: in Iraq probabile uso auto blindata
Con papamobile scoperta solo allo stadio di Erbil per la Messa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
02 marzo 2021
14:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un’auto blindata è sempre “a disposizione nei viaggi del Papa. In questo viaggio è molto probabile venga utilizzata”.
Lo ha detto il direttore della sala stampa vaticana Matteo Bruni nel briefing con i giornalisti sul viaggio in Iraq (5-8 marzo). Il Papa si sposterà nelle città sempre con un’auto chiusa; un’auto aperta, la classica ‘papamobile’, dovrebbe essere utilizzata solo allo stadio di Erbil dove domenica 7 marzo, il pomeriggio, celebrerà la Messa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Campobasso, street art per strisce pedonali per bambini
Innovativi attraversamenti in scuole della città
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAMPOBASSO
02 marzo 2021
14:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La street-art intesa come strumento visivo, decorativo e comunicativo per la sicurezza dei bambini. Con il sostegno del Comune di Campobasso, tre artiste dell’Associazione Malatesta hanno sviluppato un’idea dell’assessore Simone Cretella realizzando innovativi attraversamenti pedonali in prossimità di alcune scuole della città.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’intento, rendere più attrattivi i passaggi pedonali ai bambini con l’obiettivo di evidenziare la segnaletica orizzontale, sensibilizzando gli automobilisti sul tema della sicurezza stradale. Un simbolo per la città, realizzato nel rispetto delle leggi vigenti, che ha visto le artiste accettare la sfida e cimentarsi su superfici orizzontali, con l’utilizzo di vernici ‘spartitraffico’.
Contraddistinte da stili pittorici diversi, le quattro opere comunicano tra loro creando una continuità e un’unione concettuale. I macro-temi: accoglienza, armonia, leggerezza, vivacità. L’attenzione dell’Associazione Malatesta verso i temi di ripristino ed estetica urbana, assieme a quelli di sicurezza e mobilità, cerca di essere costante seppur con le difficoltà attuali che hanno comportato la necessità di fare una scelta fra gli attraversamenti in attesa di rinnovo. “L’esperimento – è spiegato in una nota trasmessa dal Comune – mira ad ampliarsi, se le possibilità cresceranno, nella prospettiva di un’ottica cittadina sempre più attenta al ripristino urbano in tutte le sue forme, come fondamento della qualità della vita quotidiana”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Turismo ligure, calo 2 mln lombardi e piemontesi
Dati del 2020, dall’estero frenata tedeschi e francesi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
02 marzo 2021
15:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel 2020 quasi 1milione 200mila presenze in meno di turisti lombardi in Liguria rispetto al 2019 : passando da 3,5 a 2,3 milioni. E’ uno dei dati che emerge dall’analisi dell’Osservatorio Turistico Regionale che presenta nel dettaglio anche le provenienze di chi visita la Liguria.

L’emergenza Covid ha ridotto anche la fetta del turismo targato Piemonte: sono stati oltre 600mila in meno, da 2,6 a 2 milioni.
Un calo del 30% anche per i turisti dell’Emilia Romagna: le presenze nel 2020 sono state 300mila circa, con una perdita rispetto al 2019 di 133mila unità. Per quanto riguarda gli stranieri in testa c’è la Germania (-672mila presenze): nel 2019 erano state invece 1milione 179mila. Poi la Francia (–467.817) e Stati Uniti (-404.948). Dal 2019 al 2020 praticamente azzerato (-91%) la presenza di turisti russi che sono passati da 229.789 a 20.652.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In fiamme a Torino l’ex centro direzionale Fiat
Bruciano ultimi piani edificio, fumo visibile a distanza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
02 marzo 2021
15:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un incendio si è sviluppato agli ultimi piani dell’ex centro direzionale Fiat di Torino, all’angolo tra corso Ferrucci e corso Peschiera. Sul posto stanno intervenendo i vigili del fuoco e i carabinieri.
Non ci sarebbero feriti. Dall’edificio si sta alzando una colonna di fumo nero ben visibile anche a distanza. L’edificio, caratteristico per la facciata di vetro e metallo, è stato trasformato da alcuni anni in un centro polifunzionale che ospita diversi uffici.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Scuola non si chiude”,parte protesta sui social
Campagna social per i congedi.Napoli, giornata di disconnessione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 marzo 2021
15:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La scuola non si chiude con nessun colore”, “Vergognatevi se chiudete la scuola”, “No alla dad”, “Che sia arancione, giallo o rosso la scuola deve essere al primo posto!”: mamme, nonne, zii, papà, si mostrano in foto su fb muniti di cartelli per contrastare le chiusure in atto e quelle che si profilano per le prossime settimane.
“Ci troviamo nell’imminenza di provvedimenti che minacciano di far tornare la scuola al febbraio-marzo 2020 (laddove questo non è già accaduto).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Consapevoli della necessità di misure per contenere l’epidemia e ridurre i contagi , sosteniamo che sia essenziale, per il presente e il futuro del Paese, adottare provvedimenti in grado di tutelare il diritto alla salute insieme al diritto all’istruzione. Richiamiamo le istituzioni italiane al senso di responsabilità verso una materia così importante come la scuola, che non può essere liquidata come «settore improduttivo», e verso i minorenni che risiedono in Italia”, scrive il Comitato Priorità alla Scuola.
Intanto è partita anche la campagna social sui congedi “Mamma ho perso il congedo” raccogliendo centinaia di testimonianze di donne “sull’orlo di una crisi di nervi” costrette ad utilizzare le ferie, i permessi non retribuiti, ad inventarsi soluzioni funamboliche perchè non tutte le categorie dispongono di questi istituti . I congedi straordinari Covid, infatti, dal 31 dicembre non sono stati rinnovati, e le famiglie con figli minorenni in isolamento fiduciario – soprattutto le mamme – hanno dovuto consumare le proprie ferie per stare accanto ai bambini, perché il Governo non ha reiterato il decreto relativo ai congedi parentali. Con la chiusura delle scuole, poi, la situazione è peggiorata in modo significativo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Etna: intensa nube , ‘piove’ cenere lavica a Catania
Parossismo da Sud-est, cadono lapilli su pendici meridionali
A
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
02 marzo 2021
15:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Piovono’ lapilli e cenere lavica a Catania e sui paesi del versante meridionale dell’Etna. E’ uno degli effetti dell’ottavo parossismo registrato dal 16 febbraio scorso dal cratere di Sud-Est dell’Etna con la presenza di una fontana di lava e l’emissione di una alta nube di cenere lavica che il vento sposta verso sud.
I paesi maggiormente interessati dal fenomeno, segnala l’Ingv-Oe, oltre Catania, sono Nicolosi, Trecastagni, Pedara, Aci Sant’Antonio e San Gregorio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incidenti montagna: cade in arrampicata e muore nel Pesarese
Vigili del fuoco impegnati da terra in operazioni recupero
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PESARO
02 marzo 2021
15:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cade durante un’arrampica e muore dopo un volo di 15 metri. E’ successo a Fosso dell’Eremo, nel territorio di Piobbico (Pesaro Urbino).
La vittima era un 68enne, a dare l’allarme una persona che era con lui. Sul luogo un elicottero dal quale è sceso con un verricello del personale medico, che non ha potuto fare altro con constatare il decesso.
Nelle operazioni di recupero, che si svolgono da terra, sono impegnati i vigili del fuoco con un quad.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Assenteismo in poliambulatorio del Sassarese, 6 a processo
Archiviazione per altri 4, via al processo il 16 settembre
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SASSARI
02 marzo 2021
16:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il gup di Sassari Antonello Spanu ha rinviato a giudizio Rita Maria Sini, Maria Rita Cossu, Maria Antonietta Marongiu, Fabio Mario Fara, Gian Franco Pilo e Maria Rosa Pulino nell’ambito della vicenda giudiziaria scaturita dall’inchiesta della Procura sui casi di assenteismo nel poliambulatorio di Sorso.
Accogliendo la richiesta di non luogo a procedere avanzata dallo stesso pm Mario Leo, secondo cui sono venute meno le accuse, oggi il giudice per le udienze preliminari ha decretato la definitiva uscita di scena di altre quattro indagati: Marco Antonio Guido, Stefano Giuseppe Giorgio Palla, Vittorio Conti e Maria Rossella Obino, difesi dagli avvocati Fabio Fois, Mario Pittalis, Giacomo Baralla, Valerio Cuccuru ed Elena Viglietti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Originariamente le persone coinvolte erano undici, ma Franca Gavino, difesa dall’avvocato Salvatore Carboni, nel corso della precedente udienza aveva chiesto di essere processata con il rito abbreviato e la sua posizione era stata stralciata. Agli imputati, tutti medici e infermieri in servizio nella struttura di via Sennori, venivano contestati a vario titolo i reati di truffa aggravata e peculato. L’Asl aveva avviato un’inchiesta interna e adottato nei loro confronti esemplari provvedimenti disciplinari, arrivando a disporre alcuni licenziamenti per poi reintegrare i sanitari su disposizione del giudice del lavoro.
Per i sei rinviati a giudizio, difesi dagli avvocati Nino Cuccureddu, Paolo Spano, Bruno Conti, Elias Vacca, Mario Spanu e Vittorio Campus, il processo inizierà il 16 settembre prossimo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Spara al proprio cane malato, anziano denunciato
Nel Bolognese, 90enne ha voluto sopprimere animale con tumore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
02 marzo 2021
16:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I carabinieri di Anzola Emilia, nel Bolognese, hanno denunciato un 90enne della zona per uccisione di animali ed esplosioni pericolose. La denuncia è scattata dopo una breve indagine avviata dopo aver appreso che l’anziano aveva sparato a un cane.

La scena era stata vista da una signora che passeggiava con il proprio cane e che ha avvisato il 112. Si è poi ricostruito che il 90enne aveva voluto sopprimere il suo amato cane, un meticcio di 12 anni, perché si era ammalato di tumore. Il veterinario gli aveva proposto di farlo al costo di 80 euro, cifra che il 90enne avrebbe spiegato di non aver voluto spendere. Così ha accompagnato il cane in un terreno nei pressi della sua abitazione e gli ha sparato due fucilate. I militari hanno sequestrato il fucile, esumato il cane e denunciato l’anziano all’Autorità giudiziaria.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: presidio statico Pas e Studenti Uniti ad Ancona
‘Aprite le scuole’ in 50 davanti a Regione Marche
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
02 marzo 2021
17:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“No dad, aprite le scuole”. Una cinquantina di persone, tra insegnanti, studenti e genitori, hanno manifestato oggi pomeriggio davanti a Palazzo Leopardi, una delle sedi della Regione Marche.
Un presidio statico indetto dal comitato Priorità alla scuola e da Studenti Uniti per contrastare l’ordinanza del presidente Francesco Acquaroli che la settimana scorsa ha chiuso tutte le scuole superiori delle Marche e anche le seconde e terze medie delle provincie di Ancona e Macerata, e contro l’ordinanza della sindaca di Ancona Valeria Mancinelli che ha chiuso da oggi, solo per suo capoluogo, tutte le scuole di ogni ordine e grado, compresi i nidi. Striscioni per ribadire l’importanza della didattica in presenza (“la scuola è una orchestra suona bene se suona insieme”), e cori “Acquaroli buffone”, si sono susseguiti durante il presidio ancora in atto alle 16:30. Una mamma ha preso il microfono per dire che la figlia, a causa della Dad, si sta lasciando andare ed è diventata anoressica. Entro domani il Tar si dovrebbe pronunciare sulla sospensiva dell’ordinanza del governatore Acquaroli, dopo il ricorso presentato ieri da alcuni genitori.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Femminicidio durante lockdown, uomo a processo in Assise
Omicidio nel Milanese ad aprile. Lui disse, ‘voleva lasciarmi’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
02 marzo 2021
17:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato mandato a processo davanti alla Corte d’Assise di Milano Antonio Vena, 47enne operaio ed ex guardia venatoria accusato di avere ucciso con un fucile a pompa, nel cuore della notte tra il 18 e il 19 aprile 2020 nel periodo del lockdown, mentre dormiva, la sua compagna Alessandra Cità, sua coetanea e tranviera dell’Atm (azienda trasporti milanesi), a Truccazzano, nel Milanese. Lo ha deciso il gup di Milano Alessandra Simion accogliendo la richiesta del pm Giovanni Tarzia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Voleva lasciarmi, l’ho ammazzata”, aveva detto l’uomo ai carabinieri di Cassano D’Adda, poche ore dopo il delitto. Stando all’indagine, i due, coetanei, si conoscevano da molto tempo e avevano iniziato una relazione sentimentale circa 9 anni prima dell’omicidio. Nell’ultimo periodo vivevano a distanza: lui a Bressanone, in provincia di Bolzano, e lei nel comune dell’hinterland del capoluogo lombardo. A causa dell’emergenza coronavirus, però, Vena era in ferie forzate e da un paio di settimane viveva nell’appartamento insieme alla donna, che lo aveva ospitato in casa sua e che, però, aveva manifestato l’intenzione di interrompere la relazione. Oggi la difesa ha provato a chiedere al gup che cadessero le aggravanti della premeditazione e della relazioni sentimentale, perché con l’omicidio volontario aggravato e la pena massima dell’ergastolo prevista non si può più concedere l’abbreviato. Il giudice non ha accolto l’istanza e ha rinviato a giudizio l’imputato davanti all’Assise.
In passato Vena era stato già denunciato due volte per violenza dalla donna con cui all’epoca era sposato: fatti che risalgono al 2009 e al 2012 a Chiusa, in Alto Adige, dove i due vivevano. Nel 2012, secondo la denuncia, Vena aveva inseguito la donna in macchina e l’aveva tamponata fino a farla uscire di strada.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Lombardia 3.762 positivi, crescono i ricoveri
Prima per nuovi casi Brescia, quasi 500 a Monza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
02 marzo 2021
18:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A fronte di 42.052 tamponi effettuati, sono 3.762 i nuovi positivi al Covid registrati in Lombardia (8,9%) dove crescono i ricoverati.
In terapia intensiva si trovano 476 pazienti, 35 più di ieri e negli altri reparti 4.408, con un aumento di 184.
Sono invece 55 i decessi, il che porta il totale da inizio epidemia a 28.458.
Fra le province, prima per contagi è Brescia con 884 casi, seguita da Milano con 767 (di cui 303 in città), 564 a Varese, 486 a Monza, 324 a Como, 148 a Pavia, 146 a Bergamo, 114 a Mantova, 100 a Cremona, 91 a Lecco, 54 a Lodi e 34 a Sondrio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: balzo terapie intensive, +222 ricoverati in 24 ore
Mai così tanti dal 10/12. Aumentano anche ricoveri ordinari +458
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 marzo 2021
18:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Risalgono i positivi al coronavirus in Italia con il quasi raddoppio dei tamponi nelle ultime 24 ore, mentre ci sono ancora 343 vittime, 458 ricoveri in più e soprattutto gli ingressi giornalieri in terapia intensiva son ben 222, con quasi due settimane di risalita dei ricoveri in rianimazione. Il tasso di positività, come spesso accade il martedì, scende.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono quindi 17.083 i test positivi, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 13.114. Le vittime giornaliere ieri erano state 246.
Sono stati effettuati 335.983 tamponi (molecolari e antigenici); ieri i test erano stati appena 170.633. Il tasso di positività odierno è di quasi il 5,1%, con un calo del 2,6 rispetto al 7,6% di ieri.
Sono 2.327 i pazienti in terapia intensiva, in aumento di 38 unità nel saldo quotidiano tra ingressi e uscite. Gli ingressi giornalieri sono stati però 222, un dato preoccupante da verificare nei prossimi giorni per escludere un semplice accumulo di notifiche oggi. Non erano così tanti dal 10 dicembre, quando furono 251 (il dato viene reso noto a partire dal 3 dicembre scorso). I pazienti ricoverati nei reparti ordinari sono invece 19.570 , in aumento di 458 unità rispetto a ieri.
I casi totali da inizio epidemia sono 2.955.434, i morti 98.288. Gli attualmente positivi sono 430.996 (+6.663 rispetto a ieri), i guariti e dimessi 2.426.150 (+10.057). In isolamento domiciliare ci sono ora 409.099 persone (+6.167).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 3 sacerdoti positivi,mini focolaio nel Duomo di Monza
Uno ricoverato al San Raffaele di Milano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MONZA
02 marzo 2021
18:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tre sacerdoti positivi e altri due più il personale laico negativi ma in quarantena, è il bilancio di un piccolo focolaio Covid all’interno del Duomo di Monza. Uno dei sacerdoti è stato ricoverato al San Raffaele di Milano per una patologia pregressa e la concomitanza con la prima dose di vaccino ricevuta.
Lo ha confermato monsignor Silvano Provasi, arciprete del Duomo di Monza. “Siamo asintomatici ma ovviamente in quarantena – ha spiegato il Decano – così come gli altri sacerdoti risultati negativi e il personale negativo”. Il Duomo, ha precisato, “è rimasto chiuso solo per la sanificazione, purtroppo è capitato come in molte zone, ma fortunatamente stiamo bene”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Genovese: tentarono di vendere video attico a tv, indagati
Filmati presunte violenze. 2 denunciati da difesa imprenditore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
02 marzo 2021
18:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono indagati per appropriazione indebita qualificata i due collaboratori di una società che ha effettuato una consulenza sui filmati delle telecamere a circuito chiuso dell’attico ‘Terrazza Sentimento’ per conto della difesa dell’imprenditore del web Alberto Genovese, in carcere per due presunte violenze sessuali ai danni di una 18enne e di una modella di 23 anni. I due tecnici, denunciati dagli stessi difensori dell’ex ‘mago’ delle start up, avrebbero tentato nelle scorse settimane di vendere i video dell’appartamento milanese a diversi media, chiedendo ad esempio 30mila euro ad una programma tv, che ha rifiutato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il fascicolo sulla tentata vendita delle immagini era stata aperto nei giorni scorsi dall’aggiunto Letizia Mannella e dal pm Rosaria Stagnaro, già titolari dell’inchiesta sui presunti abusi contestati all’imprenditore. Indagine nella quale, appunto, erano stati acquisiti i filmati delle telecamere interne dell’attico, compresi quelli delle presunta violenza ai danni della 18enne tra il 10 e l’11 ottobre scorso.
Intanto, la Procura prosegue nelle indagini anche alla ricerca di ulteriori elementi su sei presunti casi di abusi ai danni di altre due giovani, casi che non sono stati ritenuti provati dal gip Tommaso Perna nella seconda ordinanza a carico dell’imprenditore.
Su questi episodi gli inquirenti non dovrebbero fare ricorso al Riesame per insistere con la richiesta d’arresto, ma porteranno avanti approfondimenti investigativi. Indagini che sono in corso anche sul fronte del giro delle droghe presenti ai festini di Genovese, anche perché lo stesso ex fondatore di Facile.it nell’ultimo interrogatorio ha fatto i nomi di tali ‘Sam’ e ‘Leo’ che erano, come ha messo a verbale, i suoi “rifornitori”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Marche, provincia di Ancona in zona rossa da domani
Ordinanza Acquaroli, dal 3 al 5/3,altra misura con nuovo Dpcm
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
02 marzo 2021
19:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Provincia di Ancona in zona rossa dalle 8 di domani, 3 marzo, alle 24 del 5 marzo. Il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli ha firmato l’ordinanza n.7 dopo un incontro con parti sociali e amministrazioni locali.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Vi comunico che ho firmato l’ordinanza per cui da domani mattina, 3 marzo, dalle ore 8, la provincia di Ancona passerà in zona rossa. – scrive su Fb Acquaroli – Il provvedimento sarà valido fino alla scadenza del Dpcm in vigore, cioè venerdì 5 marzo. Per il periodo successivo emaneremo un nuovo provvedimento, non appena sarà noto il testo definitivo del nuovo Dpcm che entrerà in vigore da sabato 6 marzo”.
“La situazione è in continuo divenire ed è monitorata costantemente – spiega il presidente – e l’analisi settimanale dei dati, effettuata ieri, ha evidenziato la necessità di intervenire con un ulteriore provvedimento sulla provincia di Ancona”. “Restano sempre attenzionati tutti gli altri territori – aggiunge – con particolare riguardo all’andamento epidemiologico in crescita sulla provincia di Macerata”. “A tutti raccomando il massimo rispetto delle disposizioni contenute nei provvedimenti regionali e nei Dpcm. – conclude Acquaroli – È fondamentale frenare quanto prima la diffusione del virus. È il momento della massima responsabilità di ciascuno di noi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: anche la provincia di Modena sarà zona rossa
Sindaco,misura dal 4/3,scelta necessaria per frenare il contagio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
02 marzo 2021
19:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo Bologna, anche Modena da giovedì 4 marzo diventerà zona rossa. “Una scelta necessaria e indispensabile per poter arrestare la diffusione del contagio”, dice il sindaco Gian Carlo Muzzarelli, annunciando il provvedimento deciso dalla Regione Emilia-Romagna in condivisione con i sindaci della provincia modenese.
“Ci aspettiamo aiuti alle famiglie e ristori”, prosegue. I dettagli dell’ordinanza, valida per due settimane, saranno definiti domani dalla Regione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo Dpcm, dove chiuderanno le scuole? L’analisi di YouTrend
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 marzo 2021
19:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La cabina di regia, riunita a Palazzo Chigi, ha approvato il parametro proposto dal Comitato tecnico-scientifico che regola la chiusura delle scuole: queste ultime potranno essere chiuse nelle regioni gialle e arancioni che registrano oltre 250 casi Covid ogni 100 mila abitanti per almeno 7 giorni consecutivi, mentre nelle zone rosse (al momento Basilicata e Molise) – in base al nuovo Dpcm – gli istituti scolastici dovrebbero chiudere a prescindere.
Se la chiusura degli istituti scolastici sarà a livello provinciale come sembra al momento probabile, secondo le stime YouTrend,  sono al momento 24 le Province in cui si supera la soglia settimanale di contagi che impone la chiusura: Ancona, Bari, Bologna, Bolzano, Brescia, Chieti, Como, Forlì, Frosinone, Imperia, Macerata, Mantova, Modena, Monza e Brianza, Pescara, Pistoia, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini, Salerno, Siena, Trento, Udine, Verbano-Cusio-Ossola.
Ci sono poi altre 21 Province che hanno tra i 200 e i 250 casi ogni 100.000 abitanti e sono quindi vicine al rischio chiusura: Arezzo, Ascoli Piceno, Caserta, Cremona, Cuneo, Ferrara, Gorizia, Isernia, Lecco, Lucca, Massa-Carrara, Milano, Napoli, Parma, Pavia, Perugia, Prato, Taranto, Torino, Varese, Vercelli. Una precisazione importante: questi sono i dati della Protezione Civile, ma le decisioni saranno poi prese su quelli dell’Iss.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mascherine turche non conformi, sequestrati 480 mila pezzi
Destinati a Ps e sanità. Inchiesta Procura Trieste, Gdf e Dogane
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
02 marzo 2021
20:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I militari della Compagnia di Trieste della Guardia di Finanza e gli uomini dell’Agenzia delle Dogane della stessa città hanno sequestrato 480 mila mascherine anti-Covid perché non conformi alle norme di sicurezza. Il sequestro è avvenuto nell’ambito di una inchiesta aperta dalla Procura di Trieste su una fornitura turca.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo rende noto il giornale radio della Rai Tgr Fvg precisando che i dispositivi erano destinati alla Polizia di Stato e a personale sanitario e che il sequestro è avvenuto nel Porto di Trieste.
Il materiale era destinato, tra l’altro, a realtà sanitarie piemontesi, probabilmente di Torino. E proprio in Piemonte sarebbero avvenuti altri sequestri analoghi di recente.
Secondo quanto si è appreso, l’inchiesta è cominciata mesi fa e anche il sequestro è avvenuto tempo fa ma la notizia si è diffusa soltanto oggi. Per la Rai non si tratterebbe del primo sequestro di dispositivi anti-Covid non conformi nello scalo giuliano, in particolare di mascherine, anzi, nel tempo sarebbero più di un milione i dpi posti sotto sequestro.
I dispositivi sarebbero giunti a Trieste dalla Turchia, destinati a un fornitore milanese che si sarebbe dichiarato parte lesa nella vicenda.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: restrizioni a Sanremo, sindaco ‘E’ un dietrofront’
Perché cambio rotta in 4 giorni? Venerdì i contagi preoccupavano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SANREMO
02 marzo 2021
21:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Così è un’agonia”. Lo dice il sindaco di Sanremo Alberto Biancheri dopo l’annuncio del governatore Giovanni Toti, di estendere le restrizioni da zona arancione rafforzata a Sanremo, come a Ventimiglia, mentre la regione è in giallo.
“Quando Governo e Regione venerdì hanno dato la zona gialla con solo scuole e parchi chiusi – dice – ho raccomandato massima prudenza: i bollettini evidenziavano una situazione ancora delicata. Ma se Governo e Regione, che possiedono strumenti, hanno deciso così, suppongo che i parametri fossero conformi. Ora è un dietrofront: perché questo dopo 4 giorni. Così è difficile da accettare per tutti”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Omicidio di Ilenia Fabbri, arrestati l’ex marito e un conoscente
Ritenuti mandante ed esecutore materiale del delitto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
RAVENNA
03 marzo 2021
07:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Due persone sono state arrestate nella notte per l’omicidio di Ilenia Fabbri, la 46enne sgozzata il 6 febbraio nel suo appartamento di Faenza (Ravenna). Si tratta dell’ex marito e di un suo conoscente, ritenuti rispettivamente mandante ed esecutore materiale del delitto e raggiunti da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del tribunale di Ravenna su richiesta dei pm Daniele Barberini e Angela Scorza sulla base delle indagini della squadra mobile di Ravenna e dello Sco.
Il movente è riconducibile, per gli inquirenti al “profondo astio” che l’ex marito provava nei confronti della donna “a causa delle sue pretese economiche” conseguenti alla separazione del 2018 e ancora pendenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’inchiesta di Procura e polizia, che ha portato a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, ha permesso di acquisire “gravi elementi indiziari” nei confronti dell’uomo e di un conoscente, nato nel Ravennate e residente in Emilia. I due sono indagati in concorso.
Le ordinanze di custodia cautelare, a firma del Gip Corrado Schiaretti, sono state notificate tra le 3 e le 4 di notte a Faenza, dove abita l’ex marito Claudio Nanni, meccanico 53enne e a Reggio Emilia, dove abita il secondo sospettato. Quest’ultimo, di corporatura robusta, corrisponde peraltro alle descrizioni sia fornite dall’unica testimone oculare del delitto, un’amica della figlia della vittima, che dedotte da un video immortalato da una telecamera privata di un’abitazione della zona dell’omicidio. Al nome del presunto esecutore materiale gli inquirenti sono giunti nell’ultima parte dell’inchiesta.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Minacce a Segre, perquisizioni e sequestri a 2 persone
Per odio razziale via social in occasione vaccinazione senatrice
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
03 marzo 2021
10:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Perquisizioni e sequestri nei confronti di due persone, un pensionato della provincia di Cagliari e 40enne del Viterbese, sono state effettuate questa mattina dalla polizia polizia postale e dagli uomini della Digos su disposizione del’ responsabile dell’antirerrorismo di Milano, Alberto Nobili, che indaga per le minacce aggravate dall’odio razziale rivolte on line alla senatrice Liliana Segre, il giorno in cui si sottopose al vaccino.
Le minacce e gli insulti erano contenuti in commenti sotto un post pubblicato dalla stessa senatrice il 18 febbraio scorso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Terremoto: Legnini, 4.000 cantieri portati a termine
Quelli in corso sono 3.248 di privati e 253 pubblici e chiese
A
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
11:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La ricostruzione ha registrato importanti progressi nel 2020: a fine anno erano 3.248 i cantieri privati attivi e 253 quelli pubblici e delle chiese.
Nel corso dell’anno passato, poi, sono stati conclusi 1.700 cantieri, portando il totale a circa 4.000, con altrettante famiglie che hanno fatto rientro nelle proprie case”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ quanto scrive il commissario straordinario, Giovanni Legnini, nell’introduzione del rapporto “La ricostruzione dell’Italia Centrale nel 2020”.
“Tutti i dati segnalano avanzamenti rilevanti o comunque significativi, a partire dal numero delle domande di contributo, arrivate a circa 20.000, con un aumento del 62% rispetto al totale del triennio precedente. Lo stesso incremento percentuale si è verificato per i decreti di concessione dei contributi”, aggiunge Legnini. Che ricorda anche l’incremento di personale sia negli Uffici speciali che nei Comuni e nella struttura commissariale: “Sono state disposte 200 nuove assunzioni nel 2020, in attuazione di una norma di legge risalente al 2018, e di ulteriori 138 unità di personale nel 2021 utilizzando le economie registrate negli anni precedenti”, spiega Legnini.
“La struttura commissariale, a sua volta – aggiunge – è stata oggetto di una profonda riorganizzazione, con la copertura degli organici già previsti e incrementi di professionalità adibite a nuove articolazioni organizzative e all’attività dei sub commissari di recente nominati”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Terremoto: boom ricostruzione privata, + 62% domande
Nel 2020, rispetto all’anno precedente. Sono quasi ventimila
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
11:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le domande di contributo per la riparazione o la ricostruzione degli edifici danneggiati dal sisma sono cresciute nel 2020 del 62% rispetto all’anno precedente, passando da 12.063 a fine 2019 alle 19.568 di fine dicembre. E’ quanto si apprende dal report “La ricostruzione dell’Italia Centrale nel 2020” del commissario straordinario Giovanni Legnini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Subito dopo il sisma – si legge nel documento – sono stati censiti circa 80 mila immobili inagibili, 30 mila con danni lievi e 50 mila con danni gravi, ma “in base alle esperienze passate non tutti saranno oggetto di ricostruzione: realisticamente le domande pervenute fin qui rappresentano circa un terzo di quelle potenzialmente attese”, spiega il commissario.
I contributi richiesti dai cittadini per riparare o ricostruire le case colpite dal sisma ammontano a 5,6 miliardi di euro. Le istanze accolte sono state 6.946, con il riconoscimento di un contributo di circa 1,6 miliardi di euro, mentre le somme erogate effettivamente sulla base dello stato di avanzamento dei lavori sono pari a oltre 700 milioni di euro.
Nel solo 2020 le somme erogate sono state pari a 406 milioni, più di quanto erogato nei tre anni precedenti.
Lo scorso anno gli interventi portati a termine sono stati circa 1.700. Dall’avvio della ricostruzione gli edifici riparati o ricostruiti con i contributi, e dunque le famiglie che hanno già fatto rientro a casa, sono oltre 4 mila. Di questi, gli interventi per i quali sono stati effettuati gli ultimi pagamenti alle imprese costruttrici sono 3.694, mentre i cantieri aperti per la ricostruzione privata a fine anno erano 3.248: circa 2 mila nelle Marche, la regione che ha subito la maggior percentuale dei danni, quasi 600 in Umbria, oltre 300 nel Lazio e in Abruzzo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Terremoto: nel 2021 al via 624 cantieri per opere pubbliche
Legnini,provvedimenti varati hanno migliorato quadro riferimento
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
11:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Entro il 2021 saranno avviati 624 cantieri per il recupero delle opere pubbliche, il 54% di quelle contenute nel nuovo elenco stilato dalla struttura commissariale per la ricostruzione che individua nel “cratere sismico” dell’Italia Centrale 1.288 edifici pubblici, oltre che 928 chiese. E’ quanto scritto nel rapporto redatto dal commissario straordinario, Giovanni Legnini, che fotografa lo stato della ricostruzione al 31 dicembre 2020 e, al tempo stesso, propone un nuovo cronoprogramma in base alle nuove norme introdotte negli ultimi 12 mesi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“I provvedimenti normativi varati nel corso del 2020, dalle semplificazioni ai poteri in deroga concessi al commissario, hanno migliorato il quadro di riferimento”, spiega Legnini. “I molteplici interventi finanziati dalle ordinanze – per 2,2 miliardi di euro – sono stati verificati, in alcuni casi riprogrammati e inseriti in un elenco unico”. “La spesa effettiva per le opere pubbliche, a fine anno – fa sapere il commissario – era pari a 266 milioni di euro, con una crescita del 30% rispetto a fine 2019”. Nel secondo semestre del 2020 – si legge nel report – i cantieri della ricostruzione pubblica ultimati sono stati 67, portando il totale delle opere concluse a fine anno a 253 censiti. Sulla base dei cronoprogrammi ricevuti dalle stazioni appaltanti per le opere inserite nel nuovo elenco unico, rispetto alla situazione di giugno 2020, “si registra a fine anno un discreto progresso delle fasi di aggiudicazione della progettazione e dei lavori – si legge nel documento -. I cronoprogrammi prevedono entro il 2021 l’avvio dei cantieri, a seguito delle procedure di gara per la progettazione e l’esecuzione dei lavori, per 624 opere pubbliche”. Il programma di riparazione e ricostruzione delle chiese registra già oltre 100 interventi conclusi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Terremoto: erogati finora contributi ai privati per 1,6 mld
A fronte dei 5,5 richiesti con 20 mila istanze
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
11:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I contributi concessi per il recupero degli edifici privati, nei 4 anni successivi agli eventi sismici 2016, ammontano a oltre un miliardo e 625 milioni di euro, a fronte dei 5 miliardi e 590 milioni richiesti. Quelli erogati dalla Cassa depositi e prestiti alle banche convenzionate sono pari a 709 milioni (406 nel 2020), ai quali si aggiungono i 21,2 milioni concessi dal commissario per finanziare la ricostruzione privata nelle aree di sovrapposizione con i precedenti terremoti in Abruzzo (18,8 milioni spesi nel 2020 nei comuni del cosiddetto “doppio cratere” abruzzese) e in Umbria (2,4 milioni di euro).
E’ quanto emerge dal rapporto sulla ricostruzione redatto dalla struttura diretta dal commissario straordinario Giovanni Legnini, in cui si sottolinea il “cambio di passo della ricostruzione privata” evidenziato dai dati relativi all’importo dei contributi richiesti, con le “quasi 20 mila istanze presentate fino a tutto il 2020, pari a 5,5 miliardi di euro: 2,3 per i danni lievi e 3,2 per i danni gravi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Terremoto: Legnini, Recovery Plan volano per ripresa
Servono interventi mirati e coordinati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
11:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
aree dell’Appennino centrale interessate dagli eventi sismici vivono una situazione di particolare difficoltà: la crisi sanitaria dovuta al Covid è infatti intervenuta su territori pesantemente colpiti dai terremoti e che non sono ancora stati in grado di rialzarsi, fiaccando ulteriormente la struttura sociale e produttiva”. E’ quanto viene scritto nel rapporto “La ricostruzione dell’Italia Centrale nel 2020”, nel quale il commissario straordinario Giovanni Legnini sottolinea che “la capacità di resilienza di queste aree è stata in questi anni fortemente indebolita e per realizzare le condizioni di una ripresa è necessaria un’azione che preveda interventi coordinati, mirati e rafforzati, anche in riferimento a quanto indicato dagli obiettivi del Recovery Plan”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“L’intervento relativo alle aree del terremoto nel Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) approvato dal Consiglio dei ministri il 14 gennaio scorso prevede una dotazione finanziaria specifica di un miliardo e 780 milioni di euro a carico del Recovery Fund-Pnrr”, si legge nel report. E si aggiunge: “Le misure specifiche collocate sul Recovery Fund trovano riferimento nei progetti presentati dall’Ufficio del commissario straordinario e dal Dipartimento Casa Italia e che prevedono interventi complementari alla ricostruzione pubblica e privata, quali la rigenerazione urbana, il sostegno al sistema delle imprese, la promozione di centri di ricerca universitaria, il sostegno all’economia circolare ed alla valorizzazione delle risorse ambientali, la promozione delle imprese creative, sociali e collegate alla valorizzazione del patrimonio ambientale e turistico”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uber: amministratori giudiziari, eliminato caporalato
Relazione dopo commissariamento, ‘ora tutelati i rider’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
11:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uber Eats Italy si è dimostrata “sensibile ed efficiente” nell’eliminare ogni forma di sfruttamento e caporalato e c’è stato un “progresso culturale da parte della società sia per il miglioramento della sua organizzazione sia nell’ambito dei rapporti coi rider per la loro tutela e sicurezza”. Lo hanno spiegato gli amministratori giudiziari illustrando la loro relazione davanti alla Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Milano, che a fine maggio 2020 ha disposto il commissariamento per caporalato.
Dalla relazione è emerso che le “tariffe” applicate rispettano il contratto nazionale e sono anche migliorative.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vertici Treofan accusati per indebito ricorso cassa Covid
Gdf e procura Terni contestano truffa a dirigenti azienda Terni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
03 marzo 2021
11:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Truffa aggravata ai danni dello Stato per indebito ricorso alla cassa integrazione da Covid nel periodo tra il 10 agosto e il 10 ottobre scorsi: è quanto la guardia di finanza di Terni contesta alla dirigenza aziendale pro-tempore della Treofan Italy srl, la società specializzata nella produzione di film in polipropilene, con stabilimento nel polo chimico ternano, nel frattempo messa in liquidazione dalla proprietà Jindal. Su delega del gip – spiegano le fiamme gialle – è stata quindi data esecuzione di un decreto di sequestro preventivo per equivalente pari a circa 15 mila 400 euro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’indagine – coordinata dal procuratore della Repubblica di Terni, Alberto Liguori, e condotta dal Nucleo di polizia economico finanziaria – ha disvelato quelli che gli investigatori considerano “criticità sulla gestione della crisi aziendale” che ha poi portato alla chiusura del sito. In particolare la compagine societaria – secondo la ricostruzione accusatoria – avrebbe fatto ricorso al contributo attraverso una “falsa rappresentazione della realtà aziendale” la cui lamentata condizione di crisi economica sarebbe da ricondurre alla “espressa volontà del gruppo indiano di chiudere lo stabilimento ternano già a far data dalla sua acquisizione, avvenuta nel 2018”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: nel Bresciano troppi alunni presenti, arrivano CC
Dieci studenti in aula perché con la Dad non seguivano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BRESCIA
03 marzo 2021
12:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Arrivano i carabinieri nella scuola media che dovrebbe essere chiusa perché in zona arancione rafforzato. È accaduto a Casto, piccolo paese in provincia di Brescia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quando i militari hanno chiesto al preside quale fosse la situazione, a scuola erano presenti una quindicina di studenti alcuni affetti da disabilità, come permettono le norme, ma una decina solo perché con la dad non partecipavano attivamente. I dieci studenti sono stati quindi fatti tornare a casa con i genitori, segnalati al tribunale dei minori, perché avrebbero dovuto sorvegliare i figli. Non tutti gli alunni presenti avevano disabilità riconosciute, ma “alcuni venivano fatti affluire semplicemente perché da casa non partecipavano attivamente e quindi si era optato per farli presenziare al fine di tenerli maggiormente sotto controllo”, è stato scritto sul verbale dalle forze dell’ordine.
Di fatto una decina di studenti erano stati fatti entrare a scuola perché da casa non seguivano le lezioni online ma facevano altro. La legge però prevede che in zona arancione rafforzato, come è ora tutta la provincia di Brescia, e in zona rossa possano essere fatte lezioni in presenza solo per alunni disabili e per chi non ha connessione internet.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Torino: chiusa inchiesta su Teatro Regio, 5 indagati
Tra accuse corruzione, concussione e turbativa d’asta
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
03 marzo 2021
15:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La procura di Torino ha chiuso un inchiesta sulla gestione del Teatro Regio all’epoca in cui il sovraintendente William Graziosi. Oltre Graziosi nell’avviso di conclusione delle indagini è stato notificato a quattro persone.

Fra i reati contestati figurano il traffico di influenze, la corruzione, la concussione e la turbativa d’asta.
Gli altri indagati sono Roberto Guenno, corista poi diventato responsabile innovazione e sviluppo del Teatro Regio, gli imprenditori Andrea Maulini e Priscilla Alessandrini e, infine, Ariosi Alessandro, manager di artisti e cantanti. Numerosi sono gli episodi entrati al vaglio del pm Elisa Buffa, dalle pressioni indebite all’affidamento irregolare di appalti e di incarichi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: messa Sabato Santo in diretta tv davanti Sindone
Arcivescovo Nosiglia, segno speranza in questi tempi tormentati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
03 marzo 2021
13:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia, celebrerà la Messa del Sabato Santo davanti alla Sindone. “In questi tempi tormentati abbiamo bisogno di alimentare e comunicare la nostra speranza.
E per noi credenti il modo più efficace di accrescere la speranza è la preghiera comune”, ha detto Nosiglia, che del telo è anche il custode pontificio, annunciando la celebrazione nella cattedrale di Torino, sabato 3 aprile alle 17, in diretta su TV2000 e sui social.
Alla preghiera in Duomo del Sabato Santo parteciperanno i giovani torinesi coinvolti nel cammino di preparazione a questo appuntamento e i rappresentanti delle istituzioni di Torino e del Piemonte. “Il Telo – sottolinea Nosiglia – è una realtà che parla a tutti, al di là delle differenti convinzioni di cultura e al di là delle diversità di fede, testimonia dolore e morte ma anche, e con quanta maggiore forza, risurrezione e vita eterna che apre alla carità, alla fratellanza di ogni persona”.    PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Grande Fratello Vip, stasera la finale
Il reality di Canale 5 si avvia alla sua conclusione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
01 marzo 2021
12:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In prima serata su Canale 5 la finale di “Grande Fratello Vip”, il reality show prodotto da Endemol Shine Italy e condotto da Alfonso Signorini, questa sera. Ad affiancarlo i due opinionisti Antonella Elia e Pupo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Era il 14 settembre scorso quando la Porta Rossa della Casa di Cinecittà si apriva per dare il benvenuto ai “vipponi”. Dopo 5 mesi e mezzo di risate, lacrime, alleanze e strategie è tempo di incoronare il vincitore.
La finale è già iniziata: i primi due Vip in sfida sono Andrea Zelletta e Tommaso Zorzi; il vincitore si confronterà con Dayane Mello, Pierpaolo e Stefania Orlando per aggiudicarsi il montepremi finale di 100.000 euro.
Una serata che inizia da una sigla spettacolare che porterà i protagonisti e il pubblico a spasso nel tempo, proprio come ha fatto questa quinta edizione da record di “Grande Fratello Vip”.
La modella brasiliana Dayane Mello, eletta finalista del Grande Fratello Vip 2021 ormai più di un mese fa, è stata tra le principali protagoniste dell’edizione per via degli scontri che ha avuto con gli altri concorrenti (da Francesco Oppini a Stefania Orlando) e per il suo intenso rapporto di amore/amicizia con Rosalinda Cannavò, che si è fortemente incrinato nel corso delle ultime settimane (per motivi mai chiariti del tutto). Sul suo conto il pubblico è diviso in due fazioni – c’è chi la ama e chi la odia – ma tutti si sono stretti a lei in occasione della drammatica scomparsa di suo fratello Lucas in Brasile. Zorzi, a detta dei suoi fan (che gli hanno persino dedicato su Twitter l’hashtag #tzvip), è il vincitore morale di questa edizione del Grande Fratello Vip: ne esce personaggio televisivo a tutto tondo. È stato più volte tentato di abbandonare la Casa.
Legnini, vicinissimi a ricostruzione centro storico Amatrice
Spero primi cantieri partano entro questo mese
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
14:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sul centro storico di Amatrice siamo ancora in una situazione di fermo ma, a seguito degli strumenti nuovi varati in questi mesi, siamo vicinissimi all’adozione del Programma straordinario del progetto di ricostruzione: sarà varata un’ordinanza speciale per Amatrice, per consentire di far partire i cantieri privati. Saranno individuati i comparti e in particolare coloro che possono partire subito, spero entro questo mese”.
Lo ha detto il Commissario straordinario di Governo alla ricostruzione per il terremoto in centro Italia, Giovanni Legnini
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Terremoto:Legnini,ci sono strumenti per ricostruzione veloce
Ma progettisti e imprese facciano il proprio dovere
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
14:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ci sono adesso tutti gli strumenti per poter far diventare questa ricostruzione veloce. Affinché ciò si verifichi, le norme di legge sono importanti e le abbiamo ottenute, ma poi occorre che i progettisti e le imprese, e anche i cittadini, facciano il proprio dovere”.
Lo ha detto il Commissario straordinario di Governo alla ricostruzione, Giovanni Legnini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Terremoto:Legnini,venerdì a Camerino parte badge di cantiere
Avremo tutti i dati degli accessi ai cantieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
14:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Venerdì comincerà la sperimentazione del badge di cantiere a Camerino: chiederemo gradualmente a tutti i lavoratori, fornitori e soggetti che accederanno ai cantieri di essere registrati su un registro elettornico. Avremo tutti i dati degli accessi ai cantieri della ricostruzione, che confluiranno in una piattaforma.
Questo sarà, insieme al lavoro di una white list delle imprese e dell’Anac, uno strumento affidabile di presidio della legalità”. Lo ha detto il Commissario straordinario di Governo alla ricostruzione post terremoto, Giovanni Legnini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Terremoto: Legnini, su turismo valorizzare casette di legno
Spero primi cantieri partano entro questo mese
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
14:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Riguardo al turismo, uno dei contributi che possiamo dare nel processo di ricostruzione è quello sulla possibilità di estendere alle attività produttive i superbonus edilizi e di fare un lavoro straordinario sulle strutture provvisorie, proprio perché su queste è stata dislocata una parte importante delle strutture della ristorazione e della ricettività. Sarà importante capire ciò che bisognerà salvaguardare anche in questo senso, penso alle strutture di legno e su come valorizzare il grande patrimonio derivante dalle casette: questo è un tema, anche per sostenere il turismo”.
Lo ha detto il Commissario straordinario di Governo alla ricostruzione, Giovanni Legnini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Solinas, da lunedì test rapidi all’ingresso in Sardegna
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
03 marzo 2021
14:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Dalla prossima settimana iniziamo a testare chi entra in Sardegna”. Lo ha annunciato il presidente della Regione Christian Solinas a “Un Giorno da pecora” su Rai Radio Uno, intervenendo sul passaggio dell’Isola in zona bianca.
“Da lunedì a chi sbarca chiediamo qualche minuto del suo tempo per sottoporsi a un test rapido: se il risultato è di negatività si accede tranquillamente, in caso di positività scattano i protocolli previsti”. Solinas ha spiegato di voler agire in questo modo “per difendere la salute pubblica”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Priorità’, mobilitazione il 26 marzo contro scuole chiuse
In concomitanza con sciopero indetto dai Cobas
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
16:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Comitato Priorità alla scuola lancia una giornata di mobilitazione per il 26 marzo – in concomitanza con lo sciopero indetto dai Cobas, a cui ha dato la propria adesione – contro la chiusura degli istituti scolastici e per chiedere di convogliare un numero congruo di risorse del Recovery Plan sulla scuola pubblica. Sono state inoltre previste diverse mobilitazioni a livello locale nei prossimi giorni, in vista del 26 marzo: con presìdi, lezioni in piazza, striscioni sui portoni delle scuole e alle finestre delle case.
Priorità sarà presente anche agli appuntamenti dell’8 marzo e il 19 marzo per lo sciopero per il clima.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cassa Covid per chiudere azienda, indagati dirigenti Treofan
Per procuratore Terni “nessun calo produttività ma aumento
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TERNI
03 marzo 2021
16:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Avrebbero chiesto e ottenuto indebitamente il ricorso alla cassa integrazione Covid, previsto a sostegno delle imprese colpite dalla pandemia, non per reali difficoltà dello stabilimento, ma per “una preordinata politica aziendale”, tesa a dirottare gli ordinativi dal sito di Terni ad altri di proprietà dello stesso gruppo, e quindi a chiudere il sito, come poi effettivamente avvenuto nei giorni scorsi: è l’accusa per la quale tre manager della Treofan sono stati denunciati dal Nucleo di polizia economica e finanziaria della guardia di finanza per truffa aggravata ai danni dello Stato.
Si tratta del ceo e del direttore finanziario di Treofan Germany, considerati dagli inquirenti gli amministratori di fatto della società di proprietà del gruppo Jindal, e del rappresentante legale della Treofan Italy nel periodo dei fatti contestati, che risalgono al periodo agosto-ottobre 2020.

“Il paradosso della vicenda – ha spiegato nel corso di una conferenza stampa il procuratore di Terni Alberto Liguori, che ha coordinato le indagini – è che in questo frangente, a nostro giudizio, non si è assistito ad un calo della produttività dello stabilimento, ma anzi ad un aumento”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 20.884 i positivi, 347 le vittime
+84 le terapie intensive, +193 i ricoveri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
17:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 20.884 i test positivi al coronavirus nelle ultime 24 ore in Italia, che portano il totale dei contagiati a 2.976.274. Ieri i positivi erano stati 17.083.

L’incremento delle vittime in un giorno, secondo i dati del ministero della Salute, è di 347. Dall’inizio della pandemia sono morte 98.635 persone. Ad oggi in Italia ci sono 437.421 attualmente positivi, in aumento di 6.425 rispetto alla giornata di martedì. I guariti e i dimessi dall’inizio dell’emergenza sono invece 2.440.218 con un incremento di 14.068 nelle ultime 24 ore.
Sono stati effettuati 358.884 tamponi (molecolari e antigenici) nelle ultime 24 ore. Ieri i test erano stati 335.983. Il tasso di positività è al 5,8%, in aumento rispetto al 5,1% di ieri.
Infine, sono 2.411 i pazienti in terapia intensiva per il Covid-19 in Italia, in aumento di 84 unità nel saldo quotidiano tra ingressi e uscite. Gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono 222, lo stesso numero di ieri.
I pazienti ricoverati nei reparti ordinari sono invece 19.763, in aumento di 193 unità rispetto a ieri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lavori porto Brindisi, 6 indagati, anche presidente Autorità
Pm chiede proroga indagini, in corso consulenza tecnica
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BRINDISI
03 marzo 2021
17:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una richiesta di proroga delle indagini preliminari della Procura di Brindisi è stata notificata al presidente dell’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico meridionale, Ugo Patroni Griffi, e ad altre cinque persone, tra cui l’ex commissario Mario Valente, che è anche un ufficiale della Capitaneria di porto; tecnici ed esecutori di lavori, indagati per presunte violazioni edilizie nella riqualificazione dell’area portuale di Costa Morena, a Brindisi.
Sono indagati il dirigente dell’Autorità portuale di Brindisi, Francesco Di Leverano, il direttore dei lavori Cristian Casilli, e gli imprenditori Devis Rizzo e Francesco Caroli.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le indagini sono coordinate dal pm Raffaele Casto. Le accuse contestate a vario titolo sono esecuzione di interventi di trasformazione urbanistica ed edilizia in assenza di accertamento di conformità, in assenza di autorizzazione, lottizzazione abusiva. A quanto emerge dagli addebiti, le indagini si sono concentrate sulla realizzazione del terminal passeggeri del porto di Brindisi. Nel corso dell’attività investigativa è stato ascoltato come persona informata dei fatti anche il sindaco Riccardo Rossi. E’ in corso di esecuzione una consulenza tecnica di parte disposta dal pm.
“A Brindisi – scrive su Facebook il presidente dell’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico meridionale (Adsp Mam), Ugo Patroni Griffi – non si vuole che il porto si infrastrutturi. Mi contestano un abuso edilizio per una opera, il terminal ‘Le Vele’, non solo i cui lavori erano ripresi prima del mio insediamento, ma sulla cui legittimità si sono stratificate due sentenze del Tribunale di Brindisi, di cui una passata in giudicato, e il parere di numerose commissioni tecniche e finanche provvedimenti del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AstroSam pronta a volo 2022, ‘mix di gioia e nuove sfide’
Su Stazione Spaziale con veicolo privato, non ancora selezionato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
12:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Samantha Cristoforetti è pronta ad affrontare nel 2022 la sua seconda volta nello spazio in un “mix di gioia e nuove sfide professionali”. Lo ha detto la stessa astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa) presentando la missione con il nuovo direttore generale dell’Esa Josef Aschbacher, il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) Giorgio Saccoccia, e il direttore dell’Esa per l’Esplorazione Umana e Robotica David Parker.
“E’ una gioia grandissima poter finalmente tornare sulla Stazione Spaziale”, ha detto AstroSam, che viaggerà su un veicolo commerciale, “ad ora – ha detto Parker – non ancora selezionato”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Achille Lauro su Vanity Fair come icona religiosa
Assumo sembianze di donne perché sono estremo simbolo di libertà
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
10:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Cari lettori, care lettrici, per questa copertina, so che mi accuseranno di blasfemia, ma i santi e le Madonne sono immagini che fanno parte della mia storia, della mia gallery esistenziale. Anche grazie a loro, ho imparato a generare me stesso, senza aiuti, trattando la creatività come uno Spirito Santo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Comincia così la lettera che Achille Lauro scrive in esclusiva per Vanity Fair, che gli dedica la copertina del numero in edicola, in cui appare nelle sembianze di un’icona religiosa.
Nella lunga lettera in cui spiega di fare “tutto questo per non venir banalizzato dentro uno stereotipo”, Achille Lauro spiega anche perché spesso assume sembianze femminili: “La mia risposta è semplice: perché la donna è l’estremo simbolo di libertà”.
Per la prima volta, la cover di Vanity Fair è animata: inquadrando il QR code si viene trasportati nell’esibizione che Achille Lauro ha creato in esclusiva per i lettori del giornale.
È idealmente la sua sesta performance sanremese, che si aggiunge ai cinque quadri che l’artista propone durante le cinque serate del Festival di Sanremo. Per la prima volta ha anche una colonna sonora, grazie alla collaborazione con Spotify, la prima del servizio di streaming con un giornale. A corredo delle interviste ai cantanti in gara a Sanremo, il lettore potrà trovare un codice Spotify da inquadrare, con il proprio smartphone, per ascoltare una playlist con le canzoni suggerite dai Big. Il numero, infatti, contiene interviste ai cantanti in gara al Festival di quest’anno.
Vanity Fair racconta il Festival di Sanremo anche su tutte le sue piattaforme social. Dal 2 al 6 marzo su Clubhouse sono in programma 5 appuntamenti serali per commentare in diretta la kermesse.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo, prima parte del festival debutta con 11,2 mln e 46.4%
4,2 milioni con il 48% per la seconda parte
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SANREMO
03 marzo 2021
10:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono stati 11 milioni 176 mila, pari al 46.4%, i telespettatori che hanno seguito su Rai1 la prima serata di Sanremo 2021. La seconda parte ha avuto 4 milioni 212 mila con il 47.8%.

Nel 2020 la prima parte del festival aveva avuto 12 milioni 480 mila spettatori con il 51.2%, la seconda 5 milioni 697 mila con il 56.2%.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mani di Cosa nostra su scommesse online, 336 indagati
Blitz Gdf Catania e Scico. Ordinanza per 23, sequestrati 80 mln
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
03 marzo 2021
06:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una maxi operazione della GdF è in corso contro l’infiltrazione di Cosa nostra nelle scommesse illegali online. I militari, con il supporto dello Scico di Roma, stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 23 indagati in Sicilia, Emilia Romagna, Puglia, Germania, Polonia e Malta.
I reati ipotizzati dalla Dda sono esercizio abusivo di gioco e scommesse, evasione fiscale, truffa aggravata e autoriciclaggio con l’aggravante di avere favorito l’associazione mafiosa Santapaola-Ercolano. Nell’operazione ‘Doppio Gioco’ sono indagate 336 persone. Il Gip ha disposto il sequestro di beni e società per 80 mln di euro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: restrizioni a Sanremo, sindaco ‘E’ un dietrofront’
Perché cambio rotta in 4 giorni? Venerdì i contagi preoccupavano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SANREMO
02 marzo 2021
21:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Così è un’agonia”. Lo dice il sindaco di Sanremo Alberto Biancheri dopo l’annuncio del governatore Giovanni Toti, di estendere le restrizioni da zona arancione rafforzata a Sanremo, come a Ventimiglia, mentre la regione è in giallo.
“Quando Governo e Regione venerdì hanno dato la zona gialla con solo scuole e parchi chiusi – dice – ho raccomandato massima prudenza: i bollettini evidenziavano una situazione ancora delicata. Ma se Governo e Regione, che possiedono strumenti, hanno deciso così, suppongo che i parametri fossero conformi. Ora è un dietrofront: perché questo dopo 4 giorni. Così è difficile da accettare per tutti”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo: Ibrahimovic, sport unisce, politica divide
“Sono qui per tutto quello che mi ha dato l’Italia”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SANREMO
02 marzo 2021
19:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La promessa di Amadeus è di far scoprire lo Zlatan uomo, oltre all’Ibrahimovic grande campione.
E se le premesse sono quelle viste questa mattina in sala stampa, ci sarà da divertirsi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ibra è arrivato a Sanremo ed è pronto a debuttare come ospite fisso al festival. “Certo, per me è più facile fare goal che essere qui – ammette serafico -.
Questo non è il mio mondo, ma non sono preoccupato. Se sbaglio nessuno mi potrà giudicare, se faccio bene, ancora meglio: ho un altro lavoro quando smetto. Sono carico, di sicuro ci divertiamo”.
Il campione del Milan sa già che dovrà stare al gioco dei due padroni di casa Amadeus e Fiorello, interisti sfegatati. “Lo so, non fanno che ripetermi che loro sono primi in campionato”. Sta allo scherzo Ibra, ma non si tira indietro quando si torna a parlare delle polemiche che lo hanno visto protagonista nelle settimane scorse. Come quella con la stella dei Los Angeles Lakers LeBron James, al quale aveva chiesto di interrompere il suo attivismo politico, contro le ingiustizie e le disuguaglianze sociali. “Noi atleti uniamo il mondo, la politica lo divide. Noi facciamo il nostro, e siamo bravi in quello, i politici facciano i politici – ha argomentato -: questo voleva essere il mio messaggio. Nessuno puntava a razzismo”. Non sa bene cosa lo aspetta “non so niente del programma, ma sono presente”, dice accennando un sorriso dietro la mascherina nera.
Di certo è che la lesione rimediata in campo qualche giorno fa non cambia i programmi sul palco dell’Ariston: “posso fare tutto, dipende da Amadeus”. Piccola tassa da pagare al festival è anche parlare dei suoi gusti musicali, che raccontano di ascolti variegati. “Nella mia playlist c’è house, reggae, hip hop, musica svedese e anche italiana. Quale? E’ un segreto”, risponde sornione. Sul cachet, di cui molto si è parlato, minimizza: “I soldi non sono importanti. Nel mio mondo non mi serve niente. Faccio Sanremo con il cuore per dimostrare che sono molto grato all’Italia per quello che ha fatto per me. E i soldi che prenderò andranno in beneficenza”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Collaboratore positivo, Irama stasera non canta
Dopo test rapido, molecolare per tutto lo staff. Su palco Noemi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SANREMO
02 marzo 2021
16:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In seguito al tampone antigenico, risultato positivo, di uno dei componenti dello staff di Irama, l’artista è stato sottoposto a tampone molecolare di verifica.
In attesa del risultato, la sua esibizione – prevista questa sera – è stata rimandata alla seconda serata del Festival.

Al suo posto – tra i 13 Campioni in gara questa sera – si esibirà Noemi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Muore travolta a Roma: si indaga per omicidio stradale
Pm dispone l’autopsia,presto consulenza per ricostruire dinamica
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
02 marzo 2021
14:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Roma procede per omicidio stradale in relazione all’incidente avvenuto ieri in via di Salone costato la vita ad una ragazzina di 14 anni e il ferimento dei genitori. I tre sono stati travolti mentre si trovavo in auto da un mezzo della polizia stradale che stava inseguendo una vettura con due presunti rapinatori.
Il procedimento è coordinato dal pm Alberto Clemente che ha disposto l’autopsia ed è pronto ad affidare una consulenza per la ricostruzione della dinamica di quanto avvenuto. Non è escluso che a breve possano arrivare le prime iscrizioni nel registro degli indagati come atto dovuti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo: De Angelis, avevo la sindrome dell’impostore
“Grazie ai miei affetti resto con i piedi per terra”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SANREMO
02 marzo 2021
14:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ho iniziato a recitare a 18 anni dal niente, facevo la maturità quando ho debuttato da protagonista con Accorsi. Le insicurezza dell’età sono state accentuate da questa situazione.
Ma ho una famiglia stupenda, una madre meravigliosa, affetti incredibili che mi tengono radicata e mi ricordano chi sono, la mia forza dipende da quello”, dice Matilda De Angelis, co-conduttrice della prima serata di Sanremo. “Per tre anni ho vissuto con la sindrome dell’impostore, mi chiedevo perché avessero scelto me e non qualcun altro. Poi sono stata chiamata all’estero e ho pensato che lo meritavo”, aggiunge l’attrice, che arriva all’Ariston dopo il successo con la serie Hbo The Undoing.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Grande fratello vip, vince Tommaso Zorzi
Si collude il reality di Canale 5 con incoronazione influncer
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
2 marzo 2021
10:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’influencer milanese è il trionfatore della quinta edizione del Grande Fratello Vip durato ben cinque mesi e mezzo.
Il reality show di Canale 5 condotto da Alfonso Signorin con Pupo e Antonella Elia nelle vesti di opinionisti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo una serie di scontri al televoto che hanno visto le eliminazioni di Andrea Zelletta, Dayane Mello e Stefania Orlando, Zorzi è arrivato allo scontro finale con Pierpaolo Pretelli- Zorzi L’influencer ha sconfitto al televoto l’ex velino Pierpaolo Pretelli, che era arrivato con lui alle ultimissime fasi del programma, aggiudicandosi il montepremi finale di 100mila euro.
La modella, infatti, favorita alla vigilia, non va oltre la quarta posizione. La finale di ieri sera si è aperta con Signorini che ironizzando sulla lunghezza record di questa edizione, a bordo della Delorean fa un viaggio nel passato e nel futuro trovando i concorrenti che sono stati eliminati fino a oggi. Dopodiché lo studio si è illuminato e tutti, opinionisti e concorrenti, sono entrati vestiti da gran sera, seguiti da Signorini. Nato a Milano nel 1995 Zorzi, che ha studiato Economia e Business Management a Londra, si è fatto conoscere nel 2016 quando ha debuttato nel docu-reality di MTV Italia «Riccanza» (ha preso parte alla prima edizione, la stessa che ha presentato al grande pubblico anche Elettra Lamborghini). Due anni dopo ha partecipato a «Pechino Express», in coppia con Paola Caruso (ex Bonas di Avanti un Altro), e nel 2020 — pochi mesi prima di entrare nella Casa del Grande Fratello Vip — ha pubblicato il libro «Siamo tutti bravi con i fidanzati degli altri» (Mondadori).
Accompagnati da mille fuochi d’artificio Pierpaolo e Tommaso arrivano in Studio, accolti dagli applausi dei presenti e sopratutto degli ex concorrenti.
I due entrambi in smoking sono visibilmente emozionati, come annota Alfonso, che li accoglie a braccia aperte.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: record contagi a Brescia 1325 casi
Quasi il 30% dei 4590 contagi registrati in Lombardia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
03 marzo 2021
17:46
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 1325 i nuovi positivi al Coronavirus registrati a Brescia, la provincia ora in ‘arancione spinto’ dove continuano ad aumentare i casi. Si tratta di quasi il 30% dei 4590 contagi da Coronavirus registrati in Lombardia.

Anche Milano è oltre i mille casi, esattamente 1026, mentre sono 356 a Monza, 296 a Varese, 295 a Como, 278 a Pavia, 249 a Bergamo, 217 a Mantova, 165 a Cremona, 139 a Lecco, 83 a Sondrio e 63 a Lodi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: Ragusa, Catania e Trapani, inchieste sulle Ong
Maersk scagiona Mediterranea, chiuse altre due indagini su Ong
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
03 marzo 2021
18:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da Copenaghen la società armatrice Maersk Tankers “scagiona la Ong Mediterranea, mentre a Trapani e a Catania sono state chiuse due inchieste che coinvolgono altre Ong.
Maersk fa chiarezza sulla vicenda che vede indagati a Ragusa quattro componenti di Mediterranea, accusati di aver trasbordato dal cargo danese alla mave Mare Jonio 27 migranti, portati poi a Pozzallo, in cambio di denaro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La società spiega che soltanto “mesi dopo l’operazione di salvataggio ha incontrato i rappresentanti di Mediterranea per ringraziarli della loro assistenza umanitaria” e ha deciso “di dare un contributo di 125 mila euro a Mediterranea per coprire alcuni dei costi sostenuti in seguito all’operazione. Ad ora non siamo stati contattati dalle autorità”.
Intanto, la Procura di Trapani ha notificato l’avviso di chiusura indagine a 21 persone coinvolte in un’inchiesta del 2017 che portò al sequestro della motonave “Iuventa”, della Ong “Jugend Rettet”. L’indagine, che ipotizza il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, si è estesa anche ad altre due ong: Save the Children e Medici Senza Frontiere con le navi Prudence e Vox Hestia. I 21 indagati sono accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina; mentre alle ong sarebbe contestato il reato di falso. “Dopo anni di indagini, nella sola giornata di ieri, abbiamo ricevuto dalla Procura di Trapani l’avviso di chiusura indagini per favoreggiamento, insieme ad altre navi umanitarie, e dal Gup di Catania la decisione di rinvio a giudizio per traffico illecito di rifiuti”, dice Medici senza frontiere. “Le decisioni della magistratura, a poche ore di distanza – aggiunge Msf – allungano l’elenco dei numerosi tentativi di criminalizzare il soccorso in mare, che a oggi non hanno confermato alcuna accusa, ma che hanno pericolosamente indebolito la capacità di soccorso”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Campania verso zona rossa, venerdì la decisione
Contagi oltre 2.000 da una settimana, aumento sintomatici
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
03 marzo 2021
18:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Campania si avvicina sempre di più alla zona rossa, che potrebbe essere decretata dalla riunione della cabina di regia del governo dopo l’analisi dei dati da parte del Cts. I 2.635 positivi emersi nei 26.533 tamponi di oggi confermano il trend regionale che va avanti da ormai da molti giorni: dal 24 febbraio a oggi la Regione è sempre stata sopra i duemila positivi al giorno, tranne che in una giornata, il marzo con poco più di 1.800 positivi ma su soli 14.600 tamponi.

Tra i dati in peggioramento in Campania anche l’occupazione dei posti letto negli ospedali, in particolare l’aumento delle terapie intensive, saliti oggi a 137. Aumenta anche il numero dei sintomatici. Cambiamenti che già avevano portato nei giorni scorsi il governatore Vincenzo De Luca a chiudere nuovamente tutte le scuole in presenza e che ora potrebbe portare la Regione in zona rossa, con una escalation molto rapida visto che due settimane fa la Regione era zona gialla.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le Conversazioni Online Relative a #Sanremo2021
Al via la manifestazione canora più popolare d’Italia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
09:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le Conversazioni Online Relative a #Sanremo2021
Al via la manifestazione canora più popolare d’Italia. L’anno scorso la prima serata di Sanremo aveva avuto mediamente oltre dieci milioni di telespettatori, per uno share medio del 52.2%, il più alto dell’ultimo decennio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vedremo se Amadeus e Fiorello avranno bissato tale successo. In attesa di conoscere i dati Auditel abbiamo analizzato le conversazioni online relative a #Sanremo2021, l’hashtag ufficiale del Festival.
Complessivamente le citazioni online sono state più di 728 mila, da parte di poco meno di 32 mila autori unici, i cui contenuti hanno coinvolto (like + commenti + condivisioni) circa tre milioni di persone. Un volume molto elevato di citazioni che ha generato una portata potenziale (“opportunity to be seen”) di 2.42 miliardi di impression, di esposizioni ai contenuti relativi a Sanremo. Volume che stimiamo ragionevolmente in 121.27 milioni di impression effettive, al lordo delle duplicazioni.
I tre termini maggiormente associati alle conversazioni relative a Sanremo 2021 sono stati: “canzone” (6% del totale delle citazioni), “Fiorello” (4.9%), e l’altro conduttore “Amadeus” (3.9%).
Se la popolarità di canzone e dei due presentatori era pressoché scontata, il coinvolgimento delle persone però si è concentrato su altro. Il tweet che ha generato maggior engagement è di Fedez che nel backstage si prepara, assieme a Francesca Michielin, ad andare in scena. Su Instagram invece è la rapper Madam a tenere banco in termini di coinvolgimento delle persone. Le sue tre foto, anche in questo caso mentre si prepara ad andare in scena, ottengono circa 113 mila “mi piace” e quasi 4 mila commenti.
Su Facebook invece sono The Jackal a generare il maggior numero di interazioni. Tre e tutti loro i post che sul social più popolato d’Italia, e del mondo, generano il maggior coinvolgimento. I loro post, in cui ironizzano sapientemente sulla non partecipazione a questa edizione del Festival di Sanremo, ottengono decine di migliaia di interazioni, e proprio il video al riguardo ottiene circa 333 mila visualizzazioni.
La social TV sulla prima serata della manifestazione canora è donna e relativamente giovane. Infatti le donne pesano il 60.8% del totale di coloro che attivamente, postando o interagendo con un contenuto relativo a #Sanremo2021, hanno partecipato al festival, anche, via social. Coloro di età compresa tra 18 e 24 anni pesano il 40.6% del totale, mentre chi ha tra 25 e 34 anni pesa il 49.3%. Dunque coloro tra 18 e 34 anni rappresentano 89.9%. Al riguardo numerose le citazioni, in particolare su Twitter relative ai “boomer” condannati ad ascoltare canzoni che i più giovani giudicano inadatte a loro. Infine, come d’abitudine, anche sui social sono forti le polemiche sulla classifica stilata dalla giuria demoscopica.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo: classifica provvisoria della prima serata
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SANREMO
03 marzo 2021
01:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Questa la classifica, sulla base del voto della giuria demoscopica chiamata a esprimersi stasera, per i 13 Big che si sono esibiti.
1) ANNALISA – Dieci
2) NOEMI – Glicine
3) FASMA – Parlami
4) FRANCESCA MICHIELIN e FEDEZ – Chiamami per nome
5) FRANCESCO RENGA – Quando trovo te
6) ARISA – Potevi fare di più
7) MANESKIN – Zitti e buoni
8) MAX GAZZE’ – Il farmacista
9) COLAPESCE DIMARTINO – Musica leggerissima
10) COMA_COSE – Fiamme negli occhi
11) MADAME – Voce
12) GHEMON – Momento perfetto
13) AIELLO – Ora
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo: le pagelle della prima serata
Promossi e bocciati tra cantanti, ospiti e conduttori
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
01:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Queste le pagelle della prima serata:
AMADEUS Padrone di casa misurato e a suo agio. Si cimenta anche con il canto, senza sfigurare.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel festival della rinascita, è una conferma. VOTO: 7,5
FIORELLO L’assenza di pubblico (e di risate e di applausi) non lo aiuta.
Fatica un po’ a ingranare. Dà il meglio quando improvvisa e quando lo fa con il fido Ama. Fase di riscaldamento in vista del torneo lungo 5 serate. VOTO: 6.5
MATILDA DE ANGELIS Parte lenta, poi si scioglie un po’. Per lei, gli autori fanno scelte che sembrano non calzarle perfettamente. VOTO: 6,5 ZLATAN IBRAHIMOVIC I santi sono il suo genere: dopo San Siro, ecco Sanremo. Un po’ Celentano, un po’ boss malavitoso. Detta le sue regole, ma si mette al servizio del festival e di Ama. Va a rete senza calciare. VOTO: 7
ARISA – Potevi fare di più Look rosso fuoco, capelli corvini, unghie lunghissime.
L’ennesimo cambio di pelle, ma non di qualità di una delle voci più belle e cristalline del panorama italiano che in questa occasione canta un toccante brano di Gigi D’Alessio nella linea della ballad più classica. VOTO: 7,5
COLAPESCE DIMARTINO – Musica leggerissima Pagano un po’ di timore reverenziale nei confronti del festival, sembrano tesi e impauriti, ma la canzone, vagamente vintage con tanto di pattinatrice anni Ottanta in body fluo, tra Alan Sorrenti, Battisti e Battiato, funziona e il ritornello si pianta nella mente. VOTO: 8
AIELLO – Ora Il giovane cantautore si candida a urlatore del festival. Esagera con la rabbia che mette nell’esecuzione di un brano che dovrebbe essere una ballata romantica e diventa invece un pugno nello stomaco. Troppo carico e troppa retorica. VOTO: 6
FRANCESCA MICHIELIN e FEDEZ – Chiamami per nome Tra i favoriti della vigilia, sicura lei, emozionatissimo lui che cede alla commozione sul finale, con tanto di abbraccio vietato dai protocolli. Nessun colpo di genio, ma la fan base della coppia può fare la differenza. VOTO: 6,5
MAX GAZZE’ – Il farmacista Dopo un periodo di sperimentazioni torna alle filastrocche in stile Gazzè e si diverte a mettere in scena il suo show, nei panni di Leonardo Da Vinci e con tanto di citazione in apertura di Frankstein Jr. Aria di leggerezza, necessaria. VOTO: 7,5
NOEMI – Glicine La nuova Noemi, tra grinta e delicatezza. Il palco la esalta e il brano dal vivo, con le acrobazie della sua voce, ne guadagna. VOTO: 8
MADAME – Voce La giovanissima tra i Big, e lo mette subito in chiaro scendendo le scale a piedi nudi. Giovane, ma per niente intimidita.Concentrata su se stessa, forse un po’ troppo. VOTO: 6,5
MANESKIN – Zitti e buoni Botta di rock, energia e gender fluid. Damiano è animale da palcoscenico, sensuale e maledetto allo stesso tempo. Fuori dagli schemi classici del festival, ma riescono a trovare il loro spazio. E che spazio. VOTO: 8
GHEMON – Momento perfetto Il suo momento perfetto il rapper lo ha trovato in questa canzone raffinata, tra jazz e urban, swing e soul. Scanzonato al punto giusto. VOTO: 7
COMA_COSE – Fiamme negli occhi Il mondo è tutto nel loro sguardo occhi negli occhi che non stacca praticamente mai. Tutto il resto rimane fuori. Vestiti di rosso come le fiamme che ardono (però la stessa stoffa per entrambi anche no). Debuttanti di lusso, Possono far bene. VOTO: 7,5 ANNALISA – Dieci Lei ci prova, e anche bene, ma il brano non arriva. La sua voce sì. VOTO: 6
FRANCESCO RENGA – Quando trovo te Uno dei veterani del festival, che ha anche vinto, ma stavolta è fuori fuoco. VOTO: 5,5
FASMA – Parlami In un anno di stop, lui passa dalle Nuove Proposte ai Big. Forse poteva osare di più, ma la sua trap è un martello pneumatico.
VOTO: 6,5
ACHILLE LAURO Piume rossa e lacrime di sangue per il glam rock criptico del primo quadro dell’artista trasformista. Primo capitolo di una storia più lunga da raccontare? VOTO: 6,5
LOREDANA BERTE’ Nell’Ariston orfano del pubblico, in tempi normali avrebbe meritato una standing ovation (con la regia che ha rimediato con immagini di repertorio) per la sua grinta, per la sua voce che continua a graffiare. Un tuffo nei suoi successi. Peccato che quando è stata la volta del nuovo singolo, si sia affidata al playback. Ma a Loredana si può perdonare anche questo. VOTO: 7
DIODATO Torna sul palco che lo ha visto vincitore un anno dopo. Il brano non è invecchiato e continua a far rumore. Emozione anche per lui, che stona. VOTO: 7
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ciak per Non sono quello che sono, di e con Edoardo Leo
Storia senza tempo in cui il bene e il male si incrociano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 marzo 2021
14:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ambientata nei primi anni 2000, una storia senza tempo in cui il bene e il male si mescolano in un vortice di inganni, tradimenti e folle gelosia.
Alla sua sesta regia, Edoardo Leo torna sul set con Non sono quello che sono, film drammatico di cui è anche autore e protagonista.

Nel cast Antonia Truppo, Javad Moraqib, Ambrosia Caldarelli, Matteo Olivetti, Michael Schermi.
La fotografia del film è di Marco Bassano, la scenografia di Veronica Rosafio, i costumi di Elena Minesso e il montaggio di Consuelo Catucci.
Le riprese dureranno sei settimane e si svolgeranno tra Roma e il litorale laziale.
Prodotto da Fulvio e Federica Lucisano per Italian International Film, Matteo Rovere e Sydney Sibilia per Groenlandia e Vision Distribution, Non sono quello che sono sarà distribuito da Vision Distribution.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:controlli Nas in bar ospedali, irregolari uno su 3
Dieci persone sono state denunciate, 128 le sanzioni amministrative, per complessivi 125mila euro
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 marzo 2021
11:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In un bar su 3 all’interno degli ospedali italiani sono state riscontrate irregolarità. E’ quanto hanno accertato i Carabinieri del Nas in una serie di ispezioni nelle strutture sia pubbliche sia private per verificare la sicurezza di cibi e bevande in vendita e il rispetto delle normative anti Covid.
I controlli hanno riguardato 382 tra bar e servizi di ristoro e in 132 casi sono state individuate irregolarità. Dieci persone sono state denunciate per detenzione di alimenti in cattivo stato di conservazione e per violazioni della sicurezza dei luoghi di lavoro. 128 invece le sanzioni amministrative, per complessivi 125mila euro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Addio Claudio Coccoluto, il re dei dj
Una vita alla ricerca di sonorità nuove per far divertire tutti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 marzo 2021
13:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Appena diffusa la notizia della sua morte, i social sono letteralmente esplosi, perché tanti, tantissimi, hanno ballato con la sua musica. Ed oggi che la pandemia ha spento da un anno le luci dei locali notturni, la nostalgia per le serate magiche che sapeva regalare si è fatta ancora più forte.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si è spento a 59 anni, nella sua casa di Cassino, Claudio Coccoluto, uno dei più noti dj italiani. Il più grande, secondo molti, capace di portare i suoi ritmi e le sue sonorità innovative da una parte all’altra del mondo.
Come ricorda il sito de Il Corriere della Sera, che ha dato la notizia della scomparsa, l’artista lottava da un anno contro una grave malattia. Lascia la moglie Paola e ai figli Gianmaria e Gaia. Aveva cominciato a giocare con i dischi da ragazzo nel negozio di elettrodomestici del padre a Gaeta, città di cui era originario. Le prime performance su Radio Andromeda, l’emettente locale, poi in altre radio pirata, e nelle discoteche, dove lo chiamano semplicemente C.O.C.C.O. o Cocodance. Da lì un’escalation che lo ha portato ad esibirsi in alcuni dei locali più noti al mondo della scena europea, a partire da Londra, e americana. Fu, ad esempio, il primo artista europeo ad esibirsi nel Sound Factory Bar di New York.
Una produzione mai scontata, sperimentando sonorità nuove della musica elettronica, che lui stesso definiva underground, per segnare uno stile tutto suo che miscelava i generi più disparati, dalla house di Chicago e Detroit fino ai ritmi latini, sempre con l’obiettivo di creare un feeling con il pubblico nei grandi party che lui guidava. Era ricercatissimo per i compleanni di personaggi noti, per serate organizzate da grandi aziende, ma anche per eventi musicali come gli Mtv Awards. Nel 2003 Pippo Baudo lo chiamò anche, primo dj italiano, nella giuria di qualità di Sanremo, dove poi tornerà per altre due volte per portare una voce diversa in un mondo apparentemente lontano dal suo. Ora sono in molti sui social a chiedere che il Festival, che partirà stasera, gli renda omaggio, ricordando anche il rapporto tra Fiorello e il dj, che suonò al suo compleanno, mentre la sorella dello showman Catena raccontò la sua storia le libro ‘Nati senza camicia’.
Il suo nome era indissolubilmente legato alle serate romane. Soprattutto al Goa, locale da lui fondato insieme a Giancarlino, che ora lo ricorda come “il maestro più grande e l’amico di sempre. Un artista fuori dal coro, sempre pronto a metterci la faccia con i media sia per gli aspetti gioiosi sia per i problemi del nostro settore”. E’, infatti, durante la pandemia, Coccoluto non ha mai mancato di ricordare i mille problemi del mondo dello spettacolo, fermo al palo.
In carriera anche collaborazioni con riviste, come L’Espresso, per raccontare la vita notturna in Italia, apparizioni nel mondo del cinema e, soprattutto, della tv. Con la ‘Iena’ Andrea Pellizzari realizzò nel 2001 il programma ‘Ibiza’, sulla vita notturna nell’isola. Fu ospite del “Maurizio Costanzo Show”, di “Lucignolo” su Italia 1, di “Fa la cosa giusta” su La7 e di “Matrix” su Canale 5, spesso per parlare del tema degli stupefacenti. Con l’amico Pierluigi Diaco, si spinse anche nel mondo della scrittura come, ad esempio, con ‘Io, Dj’ del 2007.
Tante attività, a dimostrazione della poliedricità dell’artista, che nel cuore aveva prima di tutto la musica, la sua collezione di oltre 70 mila vinili, quei vinili che mixava nel suo show cult “C.O.C.C.O.”, in onda su radio Deejay dal 2003 al 2009. Dal ’90 in poi produsse anche album come ‘Do It Whitout Thinkin’, ‘Afromarslight’, ‘Mind Melody 3.0’, ‘Imusicselection5 – Vynil Heart’, una sequenza unica di effetti mixati a mano libera. Collaborò anche con Jovanotti e con i Subsonica per il fortunato album “Microchip Emozionale”. E saranno sicuramente molti oggi, alla notizia della sua scomparsa, ad aver voluto riascoltare la sua hit ‘Belo Horizonti’, per riassaporare per un attimo la magia e il divertimento che seppe dare a tutti nell’estate del ’97.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Teatro, un corto per chiedere aiuto, nel primo anno era covid
“Lo chiamavano Teatro”, scritto ed interpretato da Luca Basile
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
01 marzo 2021
12:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ad un anno esatto dalla comparsa del virus e dal blocco totale delle attività in tutti i teatri italiani, è stato realizzato un corto dal titolo emblematico “Lo chiamavano Teatro”, scritto ed interpretato da Luca Basile, con la regia di Riccardo Giacomini, girato nel Teatro Trastevere di Roma, produzione Clan sui Generis.
Uno short movie che parte dall’anno 1 d.c.
LO CHIAMAVANO TEATRO
(dopo Covid), per richiamare l’attenzione proprio sugli effetti devastanti che un solo anno senza teatro è riuscito a creare in un settore sempre più impoverito, al quale questa pandemia sembra aver dato il colpo finale.
Al corto hanno partecipato Fabrizio Colica, Ludovica Di Donato (la giovane attrice divenuta virale per i suoi video su Tik Tok), Luca Basile, Elena Perrone, Matteo Cirillo, Viviana Colais, Fortunato Marco Iannaccone, Silvia La Monaca, Christian Laiontini e la piccola Nina Del Buono d’Ondes:

A distanza di un anno dalla chiusura dei teatri a livello nazionale, un gruppo di curiosi muniti di mascherina si dedica ad una passeggiata archeologica condotti da Fabrizio Colica nei panni di una guida d’eccezione. E’ l’1 d.C. (primo anno dopo Covid) e lentamente, sebbene con molte cautele, le persone cominciano a partecipare alle visite guidate. Si tratta in questo caso di un gruppo eterogeneo: una coppia di ipocondriaci (Luca Basile ed Elena Perrone), di entusiasti sempre alla ricerca di nuove chicche da raccontare (Matteo Cirillo e Viviana Colais) ed una coppia improbabile poco aperta alle novità (Fortunato Marco Iannaccone e Silvia La Monaca). Segue il gruppo Ludovica Di Donato, nei panni di una spassosa maestra che porta la propria allieva (Nina Del Buono d’Ondes) nelle sue passeggiate archeologiche.
Il corto nasce per voler dar voce alla condizione di tutti i teatri nazionali, un “occhio di bue” sulla situazione emergenziale di un’arte che in Italia rischia di scomparire.
Una realtà fatta di entrate contingentate, prenotazioni obbligatorie, plexyglass, amuchina e chi più ne ha più ne metta.
Quando mi è stato proposto questo ruolo all’interno del cortometraggio, dichiara Fabrizio Colica, non ci ho pensato due volte. L’idea di lanciare un grido sul web con ironia in difesa del teatro, mi elettrizzava. Sono più di quattro anni che faccio video sul web e devo dire che ho avuto la fortuna di non aver mai smesso di lavorare, anche nei momenti di chiusura più stringenti. Ma il teatro mi manca parecchio. A mancarmi non è tanto il ruolo che ogni tanto mi capitava di coprire sul palco, ma è la poltrona in platea. Mi manca l’emozione del silenzio e delle luci spente prima che lo spettacolo abbia inizio.
Sono abbastanza fiducioso che tutto prima o poi (spero più prima che poi) avrà di nuovo inizio. Perché non esiste una società senza il teatro. Non esiste una società senza cultura.
Il corto sarà online dal 1 marzo alle ore 15.00 e sarà trasmesso sulle pagine di tutti i teatri romani, nazionali ed associazioni, che hanno aderito all’iniziativa di sensibilizzazione.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 24 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 13:53 DI DOMENICA 28 FEBBRAIO 2021

ALLE 10:48 DI LUNEDì 01 MARZO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: 17.455 nuovi positivi, 192 morti
257.024 test in 24 ore, tasso sale al 6,8%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 febbraio 2021
13:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si avvicinano a quota tre milioni i casi di Covid in Italia: ad oggi sono 2.925.265, considerato l’ultimo incremento di nuovi positivi, secondo i dati forniti dal ministero della Salute. Sono infatti 17.455 i test positivi registrati nelle ultime 24 ore (ieri erano stati 18.916).
Le vittime sono invece 192, in calo rispetto alle 280 di ieri (per un totale di 97.699).
Nuovo aumento degli attualmente positivi che oggi sono 10.401 in più (per un totale di 422.367 persone) mentre i guariti sono 6.847 (per un totale di 2.405.199).
Sono 2.231 i pazienti ricoverati in terapia intensiva in Italia, con un aumento di 15 unità rispetto a ieri. Gli ingressi giornalieri in rianimazione sono stati 131 (ieri erano stati 163). Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 18.638 persone, +266 in più di ieri.
Infine, sono 257.024 i test (molecolari e antigenici) effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, in calo rispetto ai 323.047 di ieri. Il tasso di positività è al 6,8%, in aumento rispetto al 5,8% di ieri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: troppa gente, chiuso 40 minuti l’accesso alla Darsena
Poi ingressi scaglionati sui Navigli
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
28 febbraio 2021
17:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Stop all’ingresso alla Darsena di Milano per una quarantina di minuti oggi pomeriggio, ultimo giorno in zona gialla in Lombardia e poi via libera ‘scaglionato’.
Complice il bel tempo in molti hanno scelto di fare una passeggiata nei parchi, fermarsi ai tavolini dei bar per un ultimo aperitivo e godersi il sole anche alla Darsena e sui Navigli, dove ieri c’è stato un rave party con migliaia di ragazzi.

Proprio per evitare assembramenti questa mattina sono state montate transenne ed è stato allestito una sorta di senso unico, con ingresso alla Darsena da piazza XXIV Maggio. Ingresso che è stato momentaneamente ‘chiuso’ per una quarantina di minuti intorno alle 15. Particolare attenzione agli ingressi da parte delle forze dell’ordine per evitare che qualcuno entri con altoparlanti e strumenti che possano trasmettere musica ad alto volume.
Ora agenti della Polizia e del Corpo della Polizia Municipale consentono l’ingresso sulle banchine del ‘porto di Milano’ al massimo a 100 persone per volta. Tante le persone in coda per entrare, qualcuno anche arrabbiato per la restrizione, ma nessuna tensione o assembramenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: a Brescia e Milano oltre mille nuovi casi
37 i morti, che portano il totale da inizio pandemia a 28.361.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
28 febbraio 2021
18:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con 37251 tamponi eseguiti è di 3529 il numero di nuovi positivi registrato in Lombardia, una percentuale del 9,5%. Calano di nove i ricoverati in terapia intensiva (sono 426) e aumentano di 56 i pazienti negli altri reparti (4.118).
Sono 37 i deceduti, che porta il totale da inizio pandemia a 28.361.
Brescia e Milano superano i mille positivi al Coronavirus in un giorno. A Brescia sono stati 1016, a Milano 1003. Decisamente meno alti i contagi nelle altre province: a Bergamo 280. a Monza 187, a Como 175, a Cremona 169. a Mantova 153, a Pavia 144, a Varese 112, a Lecco 94, a Lodi 66 e a Sondrio 61.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Se sei in zona mia faccio bang”, il video inneggia al boss di Latina
Acquisito da polizia. Alcuni a volto coperto, inno ad arrestato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 febbraio 2021
21:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un video che ritraeva un gruppo di giovani, con il volto coperto, che inneggiava ad un boss della malavita di Latina, è stato acquisito dalla polizia.
Nel video, una sorta di rap, con tanto di intimidazioni: “Se sei in zona mia faccio bang bang bang”, o anche “c’ho in mano un fero pronto, siamo cresciuti nella fame, tra coltelli e lame”, viene ribadito senza mezzi termini che “Latina è cosa nostra”, elogiando il potere del loro clan, della violenza.
E solidarizzando con gli arrestati. Gli investigatori stanno effettuando accertamenti per risalire ai protagonisti di quelle immagini diventate ben presto virali sul web.
Per chi indaga quel video potrebbe essere la ‘risposta’ ad una serie di arresti effettuati nei giorni scorsi nel capoluogo pontino che aveva sgominato un clan con 19 arresti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I poliziotti della Squadra Mobile di Latina e del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, coordinata dalla Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, avevano arrestato lo scorso 17 febbraio 19 persone, esponenti e fiancheggiatori delle note famiglie malavitose Di Silvio e Travali di Latina.
Le persone coinvolte sono tutte indagate a vario titolo per associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, aggravata dal metodo mafioso, numerose estorsioni aggravate anch’esse dal metodo mafioso ed un omicidio, aggravato dalla finalità di agevolazione mafiosa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Sardegna bianca, Solinas firma ordinanza riaperture
Coprifuoco dalle 23.30 e ristoranti al lavoro fino alle 23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
01 marzo 2021
01:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ristoranti aperti fino alle 23, bar e pub fino alle 21 e coprifuoco che slitta dalle 22 alle 23.30 fino alle 5 del mattino. Sono le misure principali in vigore da oggi fino al 15 marzo in Sardegna (escluse le zone interdette con ordinanze dei sindaci), prima Regione d’Italia passata in zona bianca, e previste nell’ordinanza adottata in tarda serata dal governatore Christian Solinas.

Nessuna limitazione, dunque, del coprifuoco al solo stazionamento presso piazze, lungomare e belvedere come annunciato poche ore fa dallo stesso presidente della Regione, ma solo un’ora e mezzo di libera circolazione in più.   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: 17.455 nuovi positivi, 192 morti
257.024 test in 24 ore, tasso sale al 6,8%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 febbraio 2021
13:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si avvicinano a quota tre milioni i casi di Covid in Italia: ad oggi sono 2.925.265, considerato l’ultimo incremento di nuovi positivi, secondo i dati forniti dal ministero della Salute. Sono infatti 17.455 i test positivi registrati nelle ultime 24 ore (ieri erano stati 18.916).
Le vittime sono invece 192, in calo rispetto alle 280 di ieri (per un totale di 97.699).
Nuovo aumento degli attualmente positivi che oggi sono 10.401 in più (per un totale di 422.367 persone) mentre i guariti sono 6.847 (per un totale di 2.405.199).
Sono 2.231 i pazienti ricoverati in terapia intensiva in Italia, con un aumento di 15 unità rispetto a ieri. Gli ingressi giornalieri in rianimazione sono stati 131 (ieri erano stati 163). Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 18.638 persone, +266 in più di ieri.
Infine, sono 257.024 i test (molecolari e antigenici) effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, in calo rispetto ai 323.047 di ieri. Il tasso di positività è al 6,8%, in aumento rispetto al 5,8% di ieri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: troppa gente, chiuso 40 minuti l’accesso alla Darsena
Poi ingressi scaglionati sui Navigli
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
28 febbraio 2021
17:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Stop all’ingresso alla Darsena di Milano per una quarantina di minuti oggi pomeriggio, ultimo giorno in zona gialla in Lombardia e poi via libera ‘scaglionato’.
Complice il bel tempo in molti hanno scelto di fare una passeggiata nei parchi, fermarsi ai tavolini dei bar per un ultimo aperitivo e godersi il sole anche alla Darsena e sui Navigli, dove ieri c’è stato un rave party con migliaia di ragazzi.

Proprio per evitare assembramenti questa mattina sono state montate transenne ed è stato allestito una sorta di senso unico, con ingresso alla Darsena da piazza XXIV Maggio. Ingresso che è stato momentaneamente ‘chiuso’ per una quarantina di minuti intorno alle 15. Particolare attenzione agli ingressi da parte delle forze dell’ordine per evitare che qualcuno entri con altoparlanti e strumenti che possano trasmettere musica ad alto volume.
Ora agenti della Polizia e del Corpo della Polizia Municipale consentono l’ingresso sulle banchine del ‘porto di Milano’ al massimo a 100 persone per volta. Tante le persone in coda per entrare, qualcuno anche arrabbiato per la restrizione, ma nessuna tensione o assembramenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: a Brescia e Milano oltre mille nuovi casi
37 i morti, che portano il totale da inizio pandemia a 28.361.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
28 febbraio 2021
18:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con 37251 tamponi eseguiti è di 3529 il numero di nuovi positivi registrato in Lombardia, una percentuale del 9,5%. Calano di nove i ricoverati in terapia intensiva (sono 426) e aumentano di 56 i pazienti negli altri reparti (4.118).
Sono 37 i deceduti, che porta il totale da inizio pandemia a 28.361.
Brescia e Milano superano i mille positivi al Coronavirus in un giorno. A Brescia sono stati 1016, a Milano 1003. Decisamente meno alti i contagi nelle altre province: a Bergamo 280. a Monza 187, a Como 175, a Cremona 169. a Mantova 153, a Pavia 144, a Varese 112, a Lecco 94, a Lodi 66 e a Sondrio 61.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Se sei in zona mia faccio bang”, il video inneggia al boss di Latina
Acquisito da polizia. Alcuni a volto coperto, inno ad arrestato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 febbraio 2021
21:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un video che ritraeva un gruppo di giovani, con il volto coperto, che inneggiava ad un boss della malavita di Latina, è stato acquisito dalla polizia.
Nel video, una sorta di rap, con tanto di intimidazioni: “Se sei in zona mia faccio bang bang bang”, o anche “c’ho in mano un fero pronto, siamo cresciuti nella fame, tra coltelli e lame”, viene ribadito senza mezzi termini che “Latina è cosa nostra”, elogiando il potere del loro clan, della violenza.
E solidarizzando con gli arrestati. Gli investigatori stanno effettuando accertamenti per risalire ai protagonisti di quelle immagini diventate ben presto virali sul web.
Per chi indaga quel video potrebbe essere la ‘risposta’ ad una serie di arresti effettuati nei giorni scorsi nel capoluogo pontino che aveva sgominato un clan con 19 arresti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I poliziotti della Squadra Mobile di Latina e del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, coordinata dalla Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, avevano arrestato lo scorso 17 febbraio 19 persone, esponenti e fiancheggiatori delle note famiglie malavitose Di Silvio e Travali di Latina.
Le persone coinvolte sono tutte indagate a vario titolo per associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, aggravata dal metodo mafioso, numerose estorsioni aggravate anch’esse dal metodo mafioso ed un omicidio, aggravato dalla finalità di agevolazione mafiosa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Sardegna bianca, Solinas firma ordinanza riaperture
Coprifuoco dalle 23.30 e ristoranti al lavoro fino alle 23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
01 marzo 2021
01:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ristoranti aperti fino alle 23, bar e pub fino alle 21 e coprifuoco che slitta dalle 22 alle 23.30 fino alle 5 del mattino. Sono le misure principali in vigore da oggi fino al 15 marzo in Sardegna (escluse le zone interdette con ordinanze dei sindaci), prima Regione d’Italia passata in zona bianca, e previste nell’ordinanza adottata in tarda serata dal governatore Christian Solinas.

Nessuna limitazione, dunque, del coprifuoco al solo stazionamento presso piazze, lungomare e belvedere come annunciato poche ore fa dallo stesso presidente della Regione, ma solo un’ora e mezzo di libera circolazione in più.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Zaki: udienza conclusa, l’esito martedì
Patrick in aula. L’annuncio ritardato per questioni burocratiche
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
IL CAIRO
28 febbraio 2021
15:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si è tenuta, ma bisognerà attendere martedì per conoscerne l’esito, l’udienza sulla custodia cautelare di Patrick Zaki, lo studente egiziano dell’Università di Bologna da oltre un anno in carcere in Egitto con l’accusa di propaganda sovversiva. Lo ha riferito la sua legale, Hoda Nasrallah, precisando che Patrick era presente in aula e che il rinvio della notifica a dopodomani è dovuto a questione burocratiche.

“Il termine per la decisione è martedì. Il funzionario viene solo il martedì”, ha scritto Nasrallah. Il riferimento è all’impiegato della Procura per la sicurezza dello Stato dove, come sempre, va a farsi notificare l’esito delle udienze. In genere la notifica avviene però già il giorno dopo, come peraltro da lei stessa previsto ancora stamattina. “Patrick era presente”, si è limitata ad aggiungere l’avvocata.
“Questa attesa di 48 ore per Patrick, che conoscerà solo martedì l’esito dell’udienza a cui ha preso parte oggi, è un altro elemento di questa situazione crudele nei suoi confronti”, dice Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cinema: sale chiuse set aperti, è record di ciak
Priarone, non tutto è perduto se giriamo. Decisivi i protocolli
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 febbraio 2021
17:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
America Latina dei fratelli D’Innocenzo da marzo, Il Re di Giuseppe Gagliardi sempre a marzo con Luca Zingaretti, Gucci di Ridley Scott con Lady Gaga e un cast all star. E poi ancora Siccità, il nuovo film di Paolo Virzì, Il primo giorno della mia vita di Paolo Genovese, la serie Rai1 Un professore di Alessandro D’Alatri con Alessandro Gassmann fino a maggio, il prossimo film top secret di Wes Anderson e quello di Marco Bellocchio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’elenco potrebbe andare avanti ancora e riguarda solo le riprese a Roma. Le sale cinematografiche italiane sono chiuse da tempo, potrebbero riaprire il 27 marzo, i set invece sono a pieno regime, non si sono mai fermati e sono anzi a produzione record, come conferma Cristina Priarone direttore generale della Roma e Lazio FilmCommission e presidente Ifc ossia della film commission nazionale. Non solo i numeri delle produzione sono cresciuti negli ultimi 12 mesi, ma anche le settimane di lavorazione.
“L’arrivo sul nostro territorio di player così grandi, come il colosso dello streaming Netflix e poi Disney+, Prime Video e gli altri, è diventato un motore, favorendo le produzioni originali locali ma questo – dice la Priarone – è uno dei motivi, l’altro è certamente l’esplosione di domanda di prodotto che con i luoghi di spettacolo chiusi, cinema teatri sale concerti, ha determinato una grande fame di audiovisivo da vedere a casa, una tendenza che non si invertirà di botto”.
L’avere a disposizione le tv generaliste, quelle a pagamento e tutte le piattaforme, ha messo il turbo al sistema che ora accelera sulla realizzazione di prodotto. Il risultato è che tutte le figure tecniche e artistiche del cinema e della tv sono a lavoro.
“Non tutto è perduto se giriamo, il boom dei set è energia vitale antidepressiva per la situazione del cinema e dello spettacolo”- osserva la Priarone, che aggiunge: “in realtà è da qualche anno che il lavoro delle riprese ha fatto grandi salti di qualità con gli sgravi sulle tassazioni, i fondi regionali e tutto il resto. Ma la cosa più importante di tutte è che stiamo lavorando a regime di sicurezza assoluta” .
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Terremoti: scossa di magnitudo 3.0 in Calabria
A Buonvicino, nel Cosentino. Non si registrano danni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
01 marzo 2021
01:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un terremoto di magnitudo 3.0 è avvenuto nella zona di Buonvicino, in provincia di Cosenza. La scossa, rilevata dalla Sala Sismica INGV-Roma, con ipocentro a una profondità di 221 km, è avvenuta alle ore 23.45 di ieri.

Al momento non si registrano danni a persone o cose.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Golden Globe: premiata Laura Pausini con “Io sì”
Grazie mille, dice Laura, miglior canzone originale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
01 marzo 2021
03:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un Golden Globe per Laura Pausini. “Io Sì” da “La vita davanti a sé” di Edoardo Ponti è la migliore canzone originale del 2020.
L’annuncio oggi ai premi della Hollywood Foreign Press.
La canzone è frutto di una collaborazione di Diane Warren, Laura Pausini e Niccolò Agliardi. “Grazie mille” ha detto Laura nel corso della diretta sulla Nbc.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Golden Globe: Pausini, mai sognato di arrivare così lontano
Dedica a quella ragazzina che 28 anni fa vinse Sanremo e a Loren
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
01 marzo 2021
04:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Non ho mai sognato di vincere un Golden Globe, non ci posso credere”. Una Laura Pausini incredula interviene su Instagram per ringraziare la Hollywood Foreign Press Association e Diane Warren, che ha collaborato con la cantante romagnola.

“Dedico questo premio a tutti coloro che vogliono e meritano di essere “visti” – aggiunge Laura – e a quella ragazzina che 28 anni fa vinse Sanremo e non si sarebbe mai aspettata di arrivare così lontano”.
Non manca un omaggio a Sophia Loren: “Tutta la mia gratitudine e il rispetto per la meravigliosa Sophia Loren, è stato un onore dare voce al tuo personaggio, per trasmettere un messaggio così importante, di accoglienza e unità”.
Pausini, nella lunga serie di ringraziamenti, dedica il riconoscimento anche “all’Italia, alla mia famiglia, a tutti coloro che hanno scelto me e la mia musica e mi hanno reso quello che sono oggi. E – conclude – alla mia bellissima figlia, che da oggi vorrei ricordare la gioia nei miei occhi, sperando che cresca e continui sempre a credere nei suoi sogni”.   SPETTACOLI, MUSICA E CULTURA   CINEMA   MONDO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Gdf Treviso scopre truffa e bancarotta da 6,6mln, 2 denunce
Danno per i creditori, esposti per oltre 16 mln
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
01 marzo 2021
06:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La guardia di Finanza di Treviso ha denunciato due imprenditori coinvolti in una truffa e bancarotta da 6,6 milioni di euro. I finanzieri hanno scoperto che la società, operante nel settore del commercio e della distribuzione di prodotti di digital technology, distributrice di prodotti di un notissimo brand statunitense, ha fatto una serie di operazioni aventi l’unico fine di distrarre, anche tramite l’interposizione di società di diritto estero, il patrimonio aziendale della società fallita, con un danno per i creditori, esposti per oltre 16 mln.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’amministratore dell’azienda, un 60enne pisano, dopo aver pianificato la sua “uscita”, cedendo l’intera partecipazione a una società estera, al fine di sottrarsi alle responsabilità penali, ha fatto subentrare nella carica una 30enne casertana, ex pasticciera e ora beneficiaria del reddito di cittadinanza, già titolare di altre società operanti nello stesso settore commerciale ma priva di qualsivoglia spessore imprenditoriale.
La donna è riuscita a sottrarre alla società liquidità per 600 mila euro, beni aziendali e rimanenze di magazzino per oltre 6 mln, oltre a fare pagamenti “preferenziali” a vantaggio di alcuni creditori per 4,5 mln. L’amministratore inoltre ha acquistato da fornitori esteri, con pagamento dilazionato in più soluzioni, prodotti informatici per oltre 3,5 mln, ma dopo il pagamento della prima rata, non ha più saldato il proprio debito. Ma anche varie banche sono state truffate dall’uomo che aveva studiato un sistema ingegnoso per accumulare illecitamente liquidità: egli infatti si è fatto concedere dalle banche oltre 2,8 mln a titolo di anticipazione sulle fatture emesse, salvo poi contattare i propri clienti, indicando loro di pagare le fatture con versamenti su conti correnti accesi presso istituti di credito diversi.
Solo nel 2020, la Guardia di Finanza di Treviso ha concluso 70 operazioni, denunciando 140 persone e accertando distrazioni patrimoniali per oltre 400 mln di euro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: al via test Invalsi per 500 mila maturandi
Test su pc in presenza. Previsti anche a elementari e medie
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
01 marzo 2021
09:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Partono da oggi i test Invalsi di Italiano, Matematica e Inglese (lettura e ascolto) nelle quinte superiori per i 500 mila ragazzi che faranno gli esami di maturità. I test saranno in presenza e saranno organizzati dalle scuole in autonomia, prevedendo piccoli gruppi di studenti fino al 31 marzo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per le prove suppletive per l’ultimo anno delle superiori c’è tempo fino al 21 maggio.
L’esito non sarà vincolante per l’ammissione agli Esami di Stato al via il prossimo 16 giugno.
“Faccio i migliori auguri agli studenti: a loro dico che faranno un lavoro interessante per loro stessi ma anche per gli altri – dice Anna Maria Ajello presidente Invalsi: dalle informazioni che arriveranno, avremo un primo dato importante, senza colpevolizzare nessuno per i tanti eventi contrari che ci hanno colpito in questi mesi. Con queste prove avremmo infatti i primi dati attendibili per poter dire cosa è successo e come e dove dovremo recuperare. E’ dunque anche un atto generoso quello di svolgere queste prove, per aiutare a comprendere l’ampiezza del gap di apprendimento”. In II elementare le prove saranno su carta e inizieranno il 6 maggio; in V elementare prove cartacee dal 5 maggio. In terza media le prove saranno al computer e la data di inizio è il 7 aprile. In II superiore – sempre su pc – le prove inizieranno il 10 maggio. I test si svolgono tutti in presenza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fisco: fatture false in edilizia, 34 indagati nel Senese
Scoperta società ‘cartiera’, ben 31 imprese edili usavano atti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SIENA
01 marzo 2021
10:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un vasto giro di evasione fiscale nell’edilizia è stato scoperto dalla GdF di Siena che ha denunciato 34 persone attive nel settore. Accertato l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti per oltre 3 milioni di euro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I 34 indagati avrebbero dato luogo ad un collaudato meccanismo fraudolento dedito all’emissione di fatture per operazioni mai realizzate. Le Fiamme Gialle hanno scoperto che molti clienti di una ditta sulle Crete Senesi avevano indicato importi fatturati superiori rispetto a quelli segnalati dalla stessa ditta fornitrice. Il campanello d’allarme ha avuto poi conferma dal momento che i militari, una volta giunti presso la sede legale dell’impresa, non hanno trovato alcuna ditta, con ciò significando che la stessa fosse in realtà una vera e propria “cartiera”, ovvero un’impresa priva di qualsiasi struttura imprenditoriale, di dipendenti e di beni strumentali: unico “ruolo” era, appunto, emettere fatture per operazioni inesistenti a favore di altre imprese attive nello stesso comparto per far loro evadere le imposte. Infatti i documenti fiscali falsi permettevano di abbattere i ricavi e di detrarre l’Iva. Ben 31 le imprese ‘reali’, compiacenti, che hanno beneficiato della fatturazione finta da parte della società cartiera. Tra i denunciati i due rappresentanti dell’impresa edile, padre e figlio, e i 32 titolari delle imprese che hanno frodato i, fisco usando le fatture false. Per 16 indagati è scattato il sequestro complessivo per circa 160.000 euro di controvalore, fra cui 17 conti correnti, due auto, tre autocarri, un motociclo, un immobile e quote societarie. Gli altri hanno chiesto ed ottenuto l’accertamento con adesione agli uffici finanziari con relativa rateizzazione ed impegno al pagamento delle imposte evase.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo: anche antiterrorismo per sicurezza Festival
Telecamere trasmettono immagini da dentro e fuori Teatro Ariston
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
01 marzo 2021
10:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ci sono anche i Reparti specializzati della Polizia e l’antiterrorismo di Polizia e Carabinieri a vigilare sulla sicurezza del Festival di Sanremo in programma da domani al 6 marzo. La questura di Imperia ha pianificato da tempo il dispositivo di ordine e sicurezza pubblica che conta su carabinieri, polizia finanza capitaneria di porto e polizia locale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ci saranno bonifiche giornaliere dei cinofili e artificieri, il rafforzamento dei servizi di controllo del territorio ad ampio raggio, l’impiego della polizia scientifica per tutta la giornata con riprese video e sarà di supporto nello sviluppo di eventuali attività d’indagine successive.
Saranno ampliati da parte di polizia stradale e ferroviaria i controlli su strade e ferrovie.
Tutto sarà gestito e controllato dal Centro per la Gestione della Sicurezza dell’Evento, sala operativa interforze attivata al Commissariato di Sanremo. Telecamere del Comune trasmetteranno al Centro le immagini delle strade intorno al teatro Ariston, nonché quelle all’interno del teatro.
Le vie di accesso al Teatro saranno controllate a presidio degli ingressi e per evitare indebite intromissioni.
La Polizia Postale, in virtù del protocollo firmato tra Rai e CNAIPIC (Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture Critiche), monitorerà la rete da una sala operativa appositamente allestita.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Golden Globe 2021, premiata Laura Pausini. Nomadland miglior film
Storico riconoscimento a Chloe Zhao per Nomadland: prima donna regista premiata dal 1984. Chadwick Boseman miglior attore, Jodie Foster migliore attrice. Minari il miglior film straniero, Borat miglior film comico.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
01 marzo 2021
10:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Golden Globe per Laura Pausini. “Io Sì” da “La vita davanti a sé” di Edoardo Ponti è la migliore canzone originale del 2020.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’annuncio oggi ai premi della Hollywood Foreign Press. La canzone è frutto di una collaborazione di Diane Warren, Laura Pausini e Niccolò Agliardi. “Grazie mille” ha detto Laura nel corso della diretta sulla Nbc.
“Mai e poi mai avrei pensato di vincere ai Golden Globe Awards…che emozione pazzesca e che grandissimo onore! È veramente un privilegio essere la prima donna ad avere vinto con un brano tutto in italiano!”. Così Laura Pausini dopo la vittoria ai Golden Globe. “Dedico questo premio a tutti coloro che vogliono e meritano di essere “visti” – aggiunge Laura – e a quella ragazzina che 28 anni fa vinse Sanremo e non si sarebbe mai aspettata di arrivare così lontano”. Non manca un omaggio a Sophia Loren: “Tutta la mia gratitudine e il rispetto per la meravigliosa Sophia Loren, è stato un onore dare voce al tuo personaggio, per trasmettere un messaggio così importante, di accoglienza e unità”. Pausini, nella lunga serie di ringraziamenti, dedica il riconoscimento anche “all’Italia, alla mia famiglia, a tutti coloro che hanno scelto me e la mia musica e mi hanno reso quello che sono oggi. E – conclude – alla mia bellissima figlia, che da oggi vorrei ricordare la gioia nei miei occhi, sperando che cresca e continui sempre a credere nei propri sogni”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Hollywood Foreign Press ha scelto “Nomadland” come miglior film drammatico una vittoria che apre al film di Chloe Zhao con Frances McDormand la strada per gli Oscar. La Zhao è stata premiata anche come migliore regista, la prima donna dal 1984.
Catherine O’Hara e’ la migliore attrice protagonista di una serie comica televisiva. La serie, “Schitt’s Creek” aveva gia’ fatto piazza pulita agli Emmy. I Golden Globe premiano il meglio del cinema e della tv dell’ultimo anno in 25 categorie.
Ad Aaron Sorkin il premio per la miglior sceneggiatura in un film drammatico per “Trial of the Chicago 7”. Il film di Netflix con Sasha Baron Cohen nella parte del padre degli yippies Abbie Hoffmann e’ uno dei favoriti agli Oscar.
“Schitt’s Creek” è la miglior serie comica/musical del 2020 secondo la Hollywood Foreign Press Association che ha premiato la sesta e ultima stagione dello show ideato di Daniel Levy con un Golden Globe. “Speriamo che il prossimo anno questa cerimonia possa includere più diversità”, ha detto Dan Levy, il creatore della serie di Pop Tv adottata l’anno scorso da Netflix e che ha fatto piazza pulita agli ultimi Emmy.
Il ‘principe Carlo’ e ‘Lady Diana’ vincono i Golden Globe: Josh O’Connor e Emma Corrin, i due attori britannici che interpretano la parte della coppia reale nella serie “The Crown”, sono i premiati come miglior attore e attrice protagonisti in una serie drammatica.
“Minari” e’ il miglior film straniero del 2020. Fuori gioco “la Vita davanti a sé” di Edoardo Ponti che era entrato nella cinquina delle nomination. Scritto e diretto da Lee Isaac Chung, il film semi-autobiografico racconta la storia di una famiglia sudcoreana che cerca di ricrearsi una vita nell’America rurale degli anni Ottanta.

“Borat Subsequent Movie Film” e’ il miglior film comico dell’anno: Sasha Baron Cohen ha accettato il Golden Globe ringraziando “la giuria tutta bianca” della Hollywood Foreign Press e rendendo omaggio alla sua co-star, la giovanissima attrice bulgara Maria Bakalova: “Senza di lei questo film sarebbe stato impossibile”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Noemi, all’Ariston porto la nuova me
In gara con Glicine, uno dei brani del nuovo album Metamorfosi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 febbraio 2021
20:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SANREMO – 28 Feb-  “Mi sento carne viva, ho voglia di evolvere e forse, dopo un periodo di buio in cui mi sembrava di non riuscire a trovare più la passione in quello che facevo – ci sto riuscendo”. La nuova Noemi è uscita dal guscio in cui si era rintanata da tre anni ed è tornata a fiorire come il “Glicine”, il brano che porta in gara al festival di Sanremo (scritto da Ginevra Lubrano, Francesco Fugazza, Tattroli e Dario Faini), “emozionata come fosse la prima volta”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un percorso partito da dentro che l’ha portata a rinnovarsi anche fuori con un look alla Rita Hayworth e a trovare nuovi stimoli anche musicali. Una vera e propria Metamorfosi, tanto profonda da spingerla a intitolare così il suo nuovo album, in uscita per Sony Music il 5 marzo, in piena settimana sanremese. Un lavoro, prodotto da Andrea Rigonat e i Muut, in nel quale Noemi si è spinta a esplorare sonorità diverse e colori inediti della sua voce, andando a pescare nel pop e nell’underground.
“Sono andata alla ricerca – racconta orgogliosa – di un suono nuovo che poteva essere quello della mia metamorfosi. Ora ho un nuovo modo di pensare lo strumento voce”. Un disco molto autobiografico, in cui è riuscita a parlare di sé e delle sue fragilità, lavorando a stretto contatto con gli autori (tra questi ci sono Neffa, Dario Faini, Franco126, Federica Abbate, Roberto Casalino) e i produttori da cui ha deciso di farsi affiancare. “Prima mi mettevo a disposizione della canzone, stavolta in qualche modo è la canzone che ha intercettato la mia situazione emotiva”. E così Glicine. Come la pianta rampicante dalla fioritura delicata, ma in grado di piegare nel tempo il ferro, e dalle radici robuste, così la donna cantata da Noemi scopre dentro di sé la forza di rinnovarsi nel momento fragile della fine di un amore. Lei la forza di rinnovarsi l’ha ritrovata quando si è resa conto di non amarsi più. “Ho avuto l’impressione di sentirmi sciatta, un po’ imbolsita. Non mi sentivo a fuoco e neanche la musica mi appassionava più. Perdevo il controllo sulla mia vita e di conseguenza sul mio corpo. Da lì è partito il mio percorso. Mi sono ripulita dei dubbi, ho alleggerito la mente e anche la bilancia. Un repulisti completo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Matilda, “Che paura, ma con Fiore ci divertiremo”
Dopo The Undoing la prova di Sanremo, poi nella serie Leonardo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SANREMO
28 febbraio 2021
20:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Beh, siamo ancora all’anti-vigilia, ho ancora domani per sbroccare”, ride Matilda De Angelis, che Amadeus ha voluto accanto a sé a Sanremo 2021, raggiunta al telefono durante una pausa delle prove. “Sto bene, c’è una bella atmosfera, ho una stanza che affaccia sul mare, tira una bella aria, nonostante tutte le difficoltà della situazione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mi sento come a casa”, racconta l’attrice bolognese, classe 1995, che avrà il ruolo di co-conduttrice nella prima serata del festival, martedì 4 marzo.
“Con Fiorello ci siamo scambiati diversi messaggi divertenti, fa di tutto per farmi sentire a mio agio. Ma a breve salirò per la prima volta sul palco e sono davvero emozionata”, confessa.
Dalla ribalta internazionale, rivelazione della serie Hbo The Undoing all’evento nazional popolare per eccellenza: “Lo so, lo dicono tutti che l’Ariston intimorisce anche i più grandi: per quanto mi riguarda, cercherò di prenderla come un gioco. Non vedo l’ora”, sottolinea Matilda, lanciata al cinema da Matteo Rovere in Veloce come il vento, nei panni della tostissima pilota Giulia, sorella di Stefano Accorsi (ruolo che le è valso la candidatura ai David di Donatello), cara al pubblico televisivo come la tormentata Ambra nella serie Tutto può succedere e la rassicurante Mariele Ventre nella fiction sullo Zecchino d’oro. Poi ancora tanti set, da Una famiglia di Sebastiano Riso al Premio di Alessandro Gassmann, da Youtopia di Berardo Carboni a Una vita spericolata di Marco Ponti, fino all’Incredibile storia dell’Isola delle Rose di Sydney Sibilia.
Ma alle spalle ha anche esperienze da cantante e musicista, le porterà all’Ariston? “Diciamo che si vedrà una Matilda a tutto tondo, non posso spoilerare”, taglia corto con un sorriso l’attrice, che con ogni probabilità canterà da sola e in duetto con Fiorello. Dal 23 marzo tornerà su Rai1, nella fiction evento Leonardo, creata da Frank Spotnitz e Steve Thompson, per la regia di Dan Percival e Alexis Sweet: sarà Caterina da Cremona, la misteriosa musa e amica più cara del protagonista (interpretato da Aidan Turner). Al cinema è attesa nel nuovo film di e con Sergio Castellitto. Ma intanto c’è Sanremo: “E’ una scommessa far parte di un festival straordinario”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cucchi: venduta la casa di Stefano, ‘spese insostenibili’
Ilaria,”Abbiamo pagato caro, ora il suo nome significa qualcosa”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 febbraio 2021
16:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La casa di Stefano Cucchi a Morena, quartiere nell’estrema periferia a sud-est di Roma, è stata venduta. Si tratta dell’abitazione che i genitori del geometra romano, morto il 22 ottobre 2009 a sei giorni dall’arresto, gli comprarono per aiutarlo a conquistarsi un’autonomia e a rifarsi una vita.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ora quell’abitazione, finita anche nelle carte processuali, appartiene ad una giovane coppia. “Ci hanno detto che erano fieri di aver comprato la casa di Stefano Cucchi, erano emozionati. Stefano non era certo un eroe. Era un essere umano. Era mio fratello. Ora il suo nome significa qualcosa di importante”, afferma la sorella Ilaria.
E’ lei, figura centrale nella battaglia per ottenere giustizia nel caso Cucchi, a raccontare la storia della casa di Morena: “I miei genitori l’avevano comprata per Stefano. Era nel programma consigliato dagli operatori del Ceis”, il centro di Don Picchi contro le dipendenze frequentato da Cucchi. “A loro lui aveva scritto la notte del 21 ottobre 2009. Poche ore prima di morire. Aveva raccolto tutte le sue ultime energie per chiedere loro aiuto”, ricorda la sorella postando sui social la foto della missiva indirizzata a un tale Francesco, “i cui caratteri esprimono drammaticamente il suo dolore ma anche la sua disperata voglia di vivere nonostante le gravissime lesioni infertegli dopo il suo arresto”. Il motivo della vendita Ilaria Cucchi lo spiega senza mezzi termini:
“Non riuscivamo più a far fronte alle spese. Questi 11 anni li abbiamo pagati cari, io e mio padre abbiamo perso il lavoro, lui si è anche ammalato come mia madre. E’ stato un duro colpo, vendere la casa è stato come lasciarlo andare. Il dolore non si ferma”.
“Mamma e papà hanno continuato a pagarne il mutuo fino a che hanno potuto. Per fare questo sono rimasti indietro con le rate di casa loro. Non era possibile andare avanti oltre ed allora ho deciso di vendere la casa”, scrive Ilaria su Facebook. Si tratta della stessa abitazione in cui la famiglia trovò della droga: “Mio padre e’ una persona talmente per bene e onesta che a pochi giorni dalla morte di Stefano ha denunciato suo figlio per aver trovato un quantitativo di droga nella sua abitazione di Morena.
Questa e’ la nostra famiglia”, rivendicava Ilaria nel 2019. Oggi lei stessa confessa: “Non amavo, quella casa, perché era il teatro del nostro fallimento. E poi, quando vi sono entrata dopo la sua morte, vi ho visto, appesa sulla parete e ben visibile, una grande fotografia con il mio volto. Quattro giorni fa l’abbiamo venduta. Un momento tanto triste. Non può essere una consolazione ma mi rasserena il fatto che la sua casa appartenga a due giovani che quel significato sanno cogliere”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Più controlli anti-assembramenti. Numero chiuso e ‘senso unico’ in Darsena a Milano
Ma da Torino a Napoli folla per le strade, nei parchi e sul litorale. A Roma oltre un centinaio di segnalazioni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
01 marzo 2021
08:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Non si placa la calca nei centri storici, parchi e spiagge complice il bel tempo del weekend, l’ultimo in giallo per diverse regioni italiane. Dopo il ‘rave party’ improvvisato ieri ingressi contingentati e ‘senso unico’ in Darsena a Milano: è la prima conseguenza della folla che si è ritrovata ieri sera per una sorta di festa nell’ultimo sabato in zona gialla per evitare assembramenti anche semplicemente di famiglie a passeggio. Da stamattina sono state montate transenne e chiusi gli accessi laterali.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Darsena si entra quindi da piazza 24 maggio e si esce da piazzale Cantone. Si stanno nel frattempo analizzando le immagini dei rave per identificare i partecipanti, che saranno sanzionati.
Oltre un centinaio di segnalazioni in questo fine settimana per assembramenti in diverse zone della Capitale, dal Centro Storico al litorale, con controlli rafforzati da parte della Polizia Locale per il rispetto delle norme anti- Covid. Lo rende noto la polizia locale. Verifiche hanno riguardato anche Ostia, con gli agenti impegnati in varie località del lungomare capitolino. In diverse zone della movida come Monti, Trastevere, San Lorenzo e a piazza Bologna, le pattuglie sono state impegnate a contrastare assembramenti con chiusure temporanee. Oltre 40 le sanzioni per assembramenti, mancanza di mascherine.
Affollati i principali parchi della Capitale e il litorale nell’ultima domenica di febbraio dal clima primaverile. In molti hanno deciso di trascorrere la mattinata all’aria aperta nelle ville storiche della città o passeggiando vicino al mare. In atto anche questo fine settimana il piano anti-assembramenti. Controlli delle forze dell’ordine nelle principali vie dello shopping, nei parchi della Capitale, sul litorale e nelle zone dei laghi. Sorvegliati speciali via del Corso e tutta l’area del Tridente. Nel pomeriggio è prevista, inoltre, una manifestazione contro le discriminazioni a piazza del Popolo a cui sono attese circa 700 persone. I controlli, messi a punto nei giorni scorsi durante un tavolo tecnico presieduto dal questore Carmine Esposito, stanno interessando da venerdì il quartiere Trastevere con un rafforzamento dei servizi e la delimitazione della Scalea del Tamburino e della Fontana di santa Maria in Trastevere. I controlli nel quartiere, suddiviso in due aree, vengono effettuati da polizia, carabinieri, guardia di finanza e polizia locale. Nei primi due giorni sono state identificate 190 persone, di cui una sanzionata perché non indossava la mascherina.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Campania è in zona arancione, ieri il governatore De Luca ha invitato i cittadini a rimanere in casa il più possibile: ma la movida del sabato sera e il sole di stamane hanno creato ancora assembramenti, protagonisti soprattutto giovani e giovanissimi non di rado privi di mascherina. Gli episodi più significativi a Napoli e in provincia, dove – denuncia il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli di Europa Verde – spesso “la situazione è fuori controllo. Ritengo gravissimo che a Napoli, zona piazza del Gesù, e al corso Umberto di Torre Annunziata gli equipaggi delle forze dell’ordine siano stati pesantemente insultati dai giovani presenti. Dal centro storico partenopeo, via dei Carrozzieri, sempre nei pressi di piazza del Gesù, viene un altro video della vergogna con centinaia di giovanissimi assembrati e senza mascherina”. Borrelli pubblica su Facebook le immagini ricevute da cittadini esasperati per la movida senza freni: “E’ giunto il momento di adottare misure severe per coloro che non hanno rispetto per la propria salute e per quella degli altri”. Stamattina ancora folla sui lungomare, a Napoli come a Pozzuoli. Fitti i controlli delle forze dell’ordine anche se la quantità delle persone in strada rende impossibile fermare tutti coloro che passeggiano senza mascherina.
Intensificati i controlli anti-movida a Torino in questo weekend con interventi della polizia per far rispettare le norme anti Covid. Venerdì tre esercizi commerciali sono stati chiusi per 5 giorni in via Napione, via Rossini e largo Montebello per aver venduto alcolici da asporto oltre l’orario consentito. Chiuso sempre per 5 giorni un mini market dove non veniva rispettato il numero massimo di clienti al suo interno. Multa anche per il proprietario di un locale in via Catania a causa di assembramenti all’esterno del suo bar. Sei persone multate per assembramenti, tre per mancanza di utilizzo delle mascherine e altri tre per aver consumato cibo d’asporto in prossimità dei locali. Sabato multati due esercizi commerciali, in via Napione e Corso Regina Margherita e un minimarket in via San Massimo e tre persone multate per assembramenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incendiato il portone di una chiesa a Corleone, indagini
Le fiamme hanno annerito anche la parte iniziale del pavimento
c
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CORLEONE
01 marzo 2021
10:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un incendio è stato appiccato la scorsa notte al portone della chiesa Sant’Agostino oratorio Madonna del Soccorso a Corleone (Pa). I danni sono ingenti.
Il rogo è doloso visto che davanti all’ingresso della chiesa sono stati accumulati sacchi di iuta con dentro cartoni. Le fiamme hanno annerito anche la parte iniziale del pavimento della parrocchia costruita tra il XIII e il XIV secondo. Sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno spento l’incendio. Le indagini sono condotte dagli agenti del commissariato di Corleone.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Sardegna bianca, Fipe “fermezza e rigidità controlli”
Frongia, “non è un liberi tutti, stagione estiva dipende da noi”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
01 marzo 2021
10:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Siamo contenti per la zona bianca ma questo non è un liberi tutti ma è un inizio per lavorare in sicurezza. Continuiamo ad applicare i nostri protocolli però attenzione: per poter ripartire e tornare al nostro lavoro dobbiamo accompagnare questa ripartenza ad una fermezza e una rigidità nei controlli”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ l’appello che lancia il presidente della Fipe-Confcommercio Sud Sardegna, Emanuele Frongia, ai suoi colleghi ristoratori e baristi che da oggi in Sardegna potranno tenere aperti i locali rispettivamente sino alle 23 e sino alle 21.
“Siamo noi che decidiamo con queste nostre azioni se poter passare un’estate lavorativa e finalmente convivere con questa situazione Covid – aggiunge – Poi sicuramente la vaccinazione e gli screening ci aiuteranno a essere più tranquilli però vi prego di mantenete i protocolli sicurezza: so che in certe situazioni è difficile ma la riuscita di questa stagione estiva e ovviamente del turismo in Sardegna passa attraverso la nostra responsabilità passa attraverso la nostra fermezza”.
Frongia è anche consapevole che gli esercenti dei locali pubblici “non possono essere gli unici a controllare questa situazione”. Ecco quindi l’invito alle istituzioni e alle forze politiche “per esserci vicini in questa frase e per ritornare finalmente a vivere in serenità”.

Cronaca tutte le notizie in tempo reale! DA SEGUIRE LEGGERE E CONDIVIDERE! INFORMATI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 12 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 02:18 ALLE 13:53 DI DOMENICA 28 FEBBRAIO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZI

Uccisa a Faenza: ex chiese ‘conosci chi può farle male?’
Il racconto di testimoni, alcuni parlano di minacce alla moglie
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
RAVENNA
28 febbraio 2021
02:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Conosci qualcuno che possa fare del male a mia moglie?”. Secondo quanto riferito da una testimone agli inquirenti, è quanto nel 2019 le avrebbe chiesto Claudio Nanni, il 53enne indagato in concorso con persona ignota per l’omicidio della ex moglie Ilenia Fabbri, la 46enne trovata sgozzata il 6 febbraio nella sua casa di Faenza (Ravenna).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Come riportato dai quotidiani locali, la donna, sentita di recente nell’ambito delle indagini della polizia coordinate dal Pm Angela Scorza e all’epoca vicino al Nanni, durante un incontro con il 53enne, avrebbe raccolto dall’uomo uno sfogo sul contenzioso civilistico sul patrimonio coniugale con la ex moglie: “Mi vuole rovinare – il senso della parole che lui avrebbe pronunciato – mi chiede un sacco di soldi”.
E poi: “Conosci qualcuno che possa fare del male a mia moglie?”. La donna, a suo dire, avrebbe allora risposto con una frase di questo tipo: “Ma stai scherzando? Tu sei fuori”. Non è la sola testimonianza di questo tipo: poco dopo l’omicidio, un’altra donna, pure lei in passato legata all’indagato, ha riferito in commissariato che l’uomo un paio di volte, uscendo da incontri con l’avvocato civilista, si sarebbe lasciato andare a sfoghi contro la ex moglie: se continua così, prima o poi le mando qualcuno “a farle la festa”, avrebbe detto.
Ci sono inoltre a verbale diverse altre testimonianze secondo le quali l’indagato, almeno dal 2018, direttamente o indirettamente, avrebbe minacciato la ex di morte. Sul punto, una persona di fiducia della defunta ha raccontato agli investigatori che poco prima dell’ultimo Natale, la 46enne le aveva confidato di avere paura perché si sentiva minacciata e di volere per questo fare testamento a favore della figlia Arianna.
Al momento non risulta esserci alcun testamento.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:in ‘rave party’ Darsena Milano anche rissa tra ragazzi
In ultimo sabato zona gialla. Una ventina i coinvolti, no feriti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
28 febbraio 2021
09:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si è accesa anche una rissa tra alcuni giovanissimi, presto sedata dall’intervento dei carabinieri, ieri sera sulla Darsena a Milano, dove centinaia di giovani hanno dato vita ad un ‘rave party’ improvvisato con musica ad alto volume e balli nell’ultimo sabato di ‘zona gialla’, prima del passaggio in ‘arancione’ della Lombardia previsto per lunedì.
Alla rissa, come ricostruito al momento dai carabinieri, hanno partecipato almeno una ventina di ragazzi, anche con alcuni lanci di bottiglie, ma non ci sono stati feriti.
Tutto è iniziato attorno alle 21, mentre era in corso il ‘rave party’, e la situazione è tornata tranquilla verso le 23.30. Nel frattempo, comunque, centinaia di giovani hanno continuato a ballare, tra ovvi assembramenti e mascherine abbassate, e le scene sono state documentate da video e foto sui social e molti residenti della zona si sono lamentati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: da domani test Invalsi a maturandi
la presidente, così capiremo qual è il gap di apprendimento
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 febbraio 2021
12:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Partono da domani i test Invalsi di Italiano, Matematica e Inglese (lettura e ascolto) nelle V superiori per i ragazzi che faranno gli esami di maturità.
“Siamo pronti – dice la presidente Invalsi, Anna Maria Ajello – è stata allargata la finestra per far svolgere le prove, le scuole hanno più tempo e potranno convocare i ragazzi in piccolissimi gruppi o spostare le prove ai prossimi mesi in quelle zone in cui le lezioni non sono in presenza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il decollo è domani, per l’ atterraggio aspettiamo e vediamo. Faccio i migliori auguri agli studenti: a loro dico che faranno un lavoro interessante per loro stessi ma anche per gli altri: dalle informazioni che arriveranno, avremo un primo dato importante, senza colpevolizzare nessuno per i tanti eventi contrari che ci hanno colpito in questi mesi. Con queste prove avremmo infatti i primi dati attendibili per poter dire cosa è successo e come e dove dovremo recuperare. E’ dunque anche un atto generoso quello di svolgere queste prove, per aiutare a comprendere l’ampiezza del gap di apprendimento”.
In II elementare le prove saranno cartacee e inizieranno il 6 maggio; in V elementare prove cartacee dal 5 maggio. In terza media le prove saranno al computer e la data di inizio è il 7 aprile. In II superiore – sempre su pc – le prove inizieranno il 10 maggio.   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Incidenti stradali:finisce con auto nel Brembo, morto 55enne
Dopo volo in un dirupo di venti metri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BERGAMO
28 febbraio 2021
10:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un uomo di 55 anni è stato trovato morto questa mattina alle 8,30 nella sua auto, finita nel fiume Brembo a San Giovanni Bianco, sulla strada per Camerata Cornello, in valle Brembana, nella Bergamasca. Sul posto sono intervenuti i mezzi del 118 e i vigili del fuoco del distaccamento di Zogno e Bergamo, questi ultimi con una gru.

La persona coinvolta – è stato ricostruito – ha perso il controllo della macchina, finendo nel fiume per cause da accertare, dopo un volo nel dirupo di circa 20 metri. Vani i soccorsi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 588 positivi nelle Marche in 24 ore
Testati complessivamente 4.336 tamponi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
28 febbraio 2021
11:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 588 i positivi rilevati nelle Marche nelle ultime 24 ore tra le nuove diagnosi, di cui 264 in provincia di Ancona. Il Servizio Sanità della Regione ha comunicato che “nelle ultime 24 ore sono stati testati 4.336 tamponi: 2.576 nel percorso nuove diagnosi (di cui 643 nello screening con percorso Antigenico) e 1.760 nel percorso guariti (con un rapporto positivi/testati pari al 22,8%)”.
Tra i 588 positivi ce ne sono anche 126 in provincia di Macerata,104 in provincia di Pesaro Urbino,46 in provincia di Ascoli Piceno, 37 in provincia di Fermo e 11 fuori regione.
Questi casi comprendono soggetti sintomatici (64), contatti in setting domestico (139), contatti stretti di casi positivi (184), contatti in setting lavorativo (10), contatti in ambienti di vita/socialità (5), contatti in setting assistenziale (4), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (27), screening percorso sanitario (1). Per altri 154 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche.
Sui test del Percorso Screening Antigenico “sono stati riscontrati 28 casi positivi (da sottoporre al tampone molecolare). Il rapporto positivi/testati è pari al 4%”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da domani più di un alunno su tre a casa in Dad
Tuttoscuola, per oltre tre milioni di studenti di tutte le età
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 febbraio 2021
12:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oltre 3 milioni di studenti da domani seguiranno le lezioni da casa: 800 mila bambini della scuola dell’infanzia e primaria, quasi mezzo milione di alunni delle medie e 1 milione e 800 mila studenti delle superiori. E’ la valutazione del sito specializzato Tuttoscuola, che ha esaminato il numero degli alunni in Dad dall’Alto Adige alla Basilicata, calcolando che in totale uno su tre degli 8,5 milioni di iscritti resteranno a casa.
Degli 8,5 milioni di alunni iscritti nelle scuole statali e paritarie domani saranno a scuola in presenza due alunni su tre. Le situazioni estreme vedono i 207.268 alunni della Sardegna tutti a scuola in presenza, grazie al fatto che la regione è stata dichiarata zona bianca, mentre all’opposto i 994.993 alunni della Campania saranno costretti a starsene a casa per consentire a tutti i loro insegnanti, secondo quanto disposto dal presidente regionale De Luca, di sottoporsi alla vaccinazione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Sicilia primo caso variante Sudafricana
Su un marittimo rientrato dall’Africa lo scorso 10 febbraio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
28 febbraio 2021
12:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Sicilia c’è il primo caso di variante Sudafricana del Covid nell’Isola. Il genoma è stato sequenziato su un marittimo trentaduenne di Mazara del Vallo, nel Trapanese, rientrato da un soggiorno di due mesi in Africa, dove ha lavorato su alcune piattaforme petrolifere.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il sequenziamento è stato accertato dal dottor Fabio Tramuto del laboratorio di riferimento regionale del Policlinico di Palermo, diretto dal professor Francesco Vitale. Lo scrive il Giornale di Sicilia.
L’indagine è partita grazie all’attività dell’Asp di Trapani e del dottor Stefano Giaramida, respon-sabile del presidio di Igiene pubblica di Salemi. Il marittimo è rientrato in Italia partendo il 10 febbraio da Malabo, capitale della Guinea Equatoriale, con un volo che ha fatto scalo ad Addis Abeba per poi atterrare a Roma e da lì a Palermo, dove, appena sbarcato, è stato sottoposto a tampone rapido risultando negativo. I primi sintomi li ha avvertiti il 15 febbraio e da quel momento è scattato l’isolamento. Anche la moglie è risultata positiva.
“Il sistema di tracciamento ha funzionato alla perfezione – ha spiegato il professor Vitale – I colleghi dell’Asp di Trapani sono stati molto bravi a capire che poteva esserci la variante sudafricana e sono intervenuti con celerità per bloccarne la diffusione. Anche la moglie è positiva ma è troppo presto per affermare se sia stata contagiata con la mutazione, in quanto non abbiamo ancora effettuato il sequenziamento”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Veneto, +911 contagi e 10 decessi in 24 ore
Crescono numeri dei ricoveri e terapie intensive
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
28 febbraio 2021
12:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Veneto registra 911 nuovi positivi al Covid e 10 decessi nelle ultime 24 ore. Lo riferisce il bollettino della Regione.
Il totale degli infetti da inizio epidemia sale a 333.647, quello delle vittime a 9.847. Il dato più negativo però riguarda gli ospedali, perchè dopo diversi giorni tornano a salire sia i ricoveri nelle aree non critiche, sia le terapie intensive: i posti letto occupati da pazienti Covid nei normali reparti medici sono 1.202 (+15), quelli nelle intensive 141 (+5). I soggetti attualmente positivi in regione sono 24.519 (+ 487).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Morti gli ultimi due ergastolani nazisti condannati in Italia
Responsabili eccidi di Cefalonia e Appennino tosco-emiliano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 febbraio 2021
12:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli ultimi due militari di guerra tedeschi superstiti condannati definitivamente all’ergastolo per l’uccisione indiscriminata di militari e civili italiani sono morti: si tratta, come conferma il procuratore generale militare Marco De Paolis, del centenario Karl Wilhelm Stark, accusato di vari eccidi commessi nel 1944 in varie località dell’Appennino tosco-emiliano e di Alfred Stork (97 anni), ritenuto responsabile di una delle stragi avvenute sull’isola di Cefalonia nel settembre 1943 nei confronti dei militari della Divisione Acqui. Nessuno dei due ha mai fatto un giorno di carcere o di detenzione domiciliare.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da lunedì più di un alunno su tre a casa in Dad
Tuttoscuola, per oltre tre milioni di studenti di tutte le età
(2)
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 febbraio 2021
12:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oltre 3 milioni di studenti da domani seguiranno le lezioni da casa: 800 mila bambini della scuola dell’infanzia e primaria, quasi mezzo milione di alunni delle medie e 1 milione e 800 mila studenti delle superiori. E’ la valutazione del sito specializzato Tuttoscuola, che ha esaminato il numero degli alunni in Dad dall’Alto Adige alla Basilicata, calcolando che in totale uno su tre degli 8,5 milioni di iscritti resteranno a casa.
Degli 8,5 milioni di alunni iscritti nelle scuole statali e paritarie domani saranno a scuola in presenza due alunni su tre.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le situazioni estreme vedono i 207.268 alunni della Sardegna tutti a scuola in presenza, grazie al fatto che la regione è stata dichiarata zona bianca, mentre all’opposto i 994.993 alunni della Campania saranno costretti a starsene a casa per consentire a tutti i loro insegnanti, secondo quanto disposto dal presidente regionale De Luca, di sottoporsi alla vaccinazione.
Dovranno rimanere a casa gli alunni delle zone dichiarate rosse: i 159.721 dell’Alto Adige, i 75.896 della Basilicata e i 37.558 del Molise. Dei quasi 176mila alunni abruzzesi soltanto 30.556 bambini della scuola dell’infanzia potranno frequentare le attività educative in presenza, mentre gli altri 145.367 dovranno seguire le lezioni in DAD. In Puglia, dopo che il TAR ha confermato la validità dell’ordinanza regionale, dovranno seguire la didattica a distanza i 320.432 studenti della secondaria di I e II grado, mentre per i 264.912 alunni di primaria e infanzia resta confermata la facoltà di seguire le lezioni in presenza.
Vi sono infine, ricorda Tuttoscuola, singole situazioni provinciali costrette ad adottare restrizioni, come, ad esempio Brescia con oltre 172 mila alunni in Dad, la città metropolitana di Bologna con oltre 113mila alunni bloccati a casa, Ancona e Macerata con 14.700 degli ultimi due anni della scuola media obbligati alla DAD insieme a tutti i 73.060 studenti delle superiori dell’intera regione. In Toscana quasi 80 mila alunni delle province di Pistoia e Siena entrate in zona rossa non potranno seguire le lezioni in presenza.
Infine un numero imprecisato di alunni del primo ciclo e dell’infanzia, stimato in poco più di 14.100 unità, di piccoli comuni laziali dichiarati in zona rossa, non potrà seguire le lezioni presenza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sala, ieri in Darsena c’erano 200 agenti, non si poteva di più
Se avessimo chiuso lì, sarebbero andati altrove
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
28 febbraio 2021
12:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
C’erano duecento agenti e rappresentanti delle forze dell’ordine ieri in Darsena: è questa la risposta che il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha dato alle critiche per quanto è successo ieri sui navigli con “migliaia e migliaia di persone”.
“E, che piaccia o no – è sbottato su Facebook -, di più non si poteva metterne, perché la città è grande e va gestita nella sua interezza”.
“Sarebbe stato meglio chiudere nel pomeriggio la Darsena? Ma secondo voi, chi stava in giro sarebbe stato a casa o sarebbe andato da qualche altra parte? – ha aggiunto -. Di fronte a questi dati di realtà, la maggior parte dei commenti sono sulla mancanza delle forze dell’ordine. Io però sto dalla loro parte, dalla parte di uomini e donne che sono lì a lavorare e non dalla parte di chi non tiene un comportamento adeguato alla grave crisi sanitaria che stiamo attraversando”.
Anche perché “con questa terribile pandemia se non si rispettano le regole poi si paga pegno. Così probabilmente sarà e purtroppo – ha concluso – le conseguenze ricadranno su tutta la comunità”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Genovese nega lo stupro,’le donne erano consapevoli del sistema’
Interrogato da gip Milano, ‘consenzienti ai festini con droga’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
28 febbraio 2021
13:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Alberto Genovese, l’imprenditore del web in carcere dal 6 novembre, ha negato di aver violentato la modella 23enne a Ibiza a luglio, così come aveva fatto dopo l’arresto per il caso della 18enne. Interrogato dal gip, dopo la seconda ordinanza di custodia cautelare, a quanto si è saputo, il 43enne ha sostenuto che la modella, così come le altre ragazze che partecipavano ai suoi festini a base di droga e andavano nella sua stanza, lo facevano consapevolmente.
E avrebbe spiegato quel “sistema” in cui lui metteva a disposizione “tutto”, compresa gran parte della cocaina che, comunque, di solito portavano gli uomini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Numero chiuso e ‘senso unico’ in Darsena
Da stamattina montate transenne e chiusi accessi laterali.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
28 febbraio 2021
13:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ingressi contingentati e ‘senso unico’ in Darsena a Milano: è questa la prima conseguenza della folla che si è ritrovata ieri sera per una sorta di rave party nell’ultimo sabato in zona gialla per evitare assembramenti anche semplicemente di famiglie a passeggio.
Da stamattina sono state montate transenne e chiusi gli accessi laterali.
In Darsena si entra quindi da piazza 24 maggio e si esce da piazzale Cantone. Si stanno nel frattempo analizzando le immagini dei rave per identificare i partecipanti, che saranno sanzionati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Russia-Ue, il giallo del vaccino Sputnik V
Battaglia sulla richiesta all’Ema, ecco come stanno le cose
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 febbraio 2021
13:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA – L’Europa ha urgentemente bisogno di vaccini, Mosca non vede l’ora di fornirglieli. Ma prima va spezzato il nodo gordiano dell’approvazione all’Ema, salvo la spaccatura del fronte Ue che sinora ha tenuto per avere maggior potere contrattuale.
E qui si apre il giallo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Perché Mosca sostiene di aver già presentato la fatidica domanda per ottenere l’ok al suo Sputnik V, mentre l’Europa dice che non è vero, e tramite la presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen ha criticato le autorità russe perché decantano il loro vaccino ma restano indietro con le vaccinazioni in patria. Il che è vero. Insomma, tra Mosca e Bruxelles regna la diffidenza e, dato il grado di scontro politico su altri dossier, non ci sarebbe da stupirsi. Per quanto riguarda lo Sputnik V, però, a complicare il clima potrebbe esserci solo un equivoco. Prima però un passo indietro.
A commercializzare all’estero il vaccino, per la Russia, è il Russian Direct Investment Fund (RDIF), il fondo sovrano russo che ha finanziato la sua scoperta da parte del centro Gamaleya, intitolato al padre della virologia russa e allievo di Louis Pasteur. L’RDIF, verso la fine di dicembre, ha chiesto all’Ema la ‘scientific review’, primo passo formale per accedere alla procedura di registrazione vera e propria. Tutto fila liscio fino a febbraio, quando le cose si complicano. Il 9 febbraio, infatti, l’RDIF annuncia che la review si è conclusa (dicono il 19 gennaio) e, contestualmente, i media russi pubblicano la notizia che è iniziato l’iter di approvazione in Europa.
A questo punto l’armonia s’interrompe. L’Ema, il 10 febbraio, pubblica sul suo sito una nota in cui si sottolinea che l’agenzia “non ha finora ricevuto la domanda per la rolling review – essenzialmente la procedura per emergenza, ndr – o un’autorizzazione di commercializzazione per il vaccino contro il Covid-19 sviluppato dal Centro Gamaleya”. L’RDIF, tramite l’account Twitter dedicato allo Sputnik, quello stesso giorno dice il contrario e posta uno screenshot che dovrebbe provare l’avvenuta richiesta, datata 29 gennaio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel mentre, fattore cruciale, Lancet pubblica lo studio ‘peer reviewed’ sui dati ad interim dei test clinici di fase 3 in cui si evince che lo Sputnik V è effettivamente efficace al “91,6%” ed è “sicuro”.
Per Mosca è la rivincita dopo tanto scetticismo occidentale sul suo vaccino – giustificato in parte dalla fretta con cui il Cremlino ha voluto tagliare il traguardo, lo scorso agosto, nella corsa all’immunizzazione. La campagna di commercializzazione dello Sputnik V a quel punto prende il volo e si moltiplicano i Paesi dove viene registrato (ad oggi 37 nazioni, pari a 1,1 miliardi di abitanti del mondo, tra cui l’Ungheria, primo Paese Ue).
Gli animi in Europa invece si scaldano. Il 19 febbraio l’RDIF, sempre su Twitter, scrive che la richiesta all’Ema di rolling review è stata fatta e pubblica un documento della stessa Ema a conferma. Nel documento, però, si dice chiaramente che allo Sputnik sono stati assegnai i ‘curatori’ nell’ambito della richiesta di parere indipendente fornito dal Committee for Medicinal Products for Human Use (CHMP). Stando alle regole dell’Ema, infatti, solo dopo aver ricevuto l’ok dai ‘saggi’ – nonché che dal ‘COVID-19 EMA pandemic Task Force’ o COVID-ETF – le autorità russe potranno tecnicamente registrare la domanda di rolling review. Morale. Il processo è in corso (come sostengono i russi) ma la fatidica domanda in sé, che dà diritto ad essere aggiunti alla lista di vaccini in via di approvazione nell’Ue, non c’è ancora (come precisa Bruxelles).
Tutto il resto è story telling. Se poi queste accese narrazioni, da un lato o dall’altro, seguano un canovaccio preciso (per esempio provocare fughe in avanti da parte di altri Paesi Ue, ieri il caso dell’Austria), resta da capire. Ma, più banalmente, potremmo assistere solo a un deficit di fiducia tra le parti.

Cronaca tutte le notizie in tempo reale! INFORMATI LEGGILE CONDIVIDILE! SONO SEMPRE ACCURATE ED AGGIORNATE!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 19 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 05:44 DI SABATO 27 FEBBRAIO 2021

ALLE 02:18 DI DOMENICA 28 FEBBRAIO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Droga: trasportano 30 kg marijuana in ambulanza: 2 arrestati
Entrambi percepivano reddito cittadinanza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MESSINA
27 febbraio 2021
05:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Viaggiavano a bordo di un’ambulanza con 30 kg di marijuana. La Guardia di Finanza ha arrestato in flagranza a Messina Francesco Minissale, di 39 anni, e Gregorio Fiumara, di 45, per traffico di sostanze stupefacenti e sequestrato il carico.
La scoperta è stata fatta nel corso dei controlli effettuati sugli automezzi che sbarcano a Messina provenienti da Villa San Giovanni.
I militari hanno perquisito l’ambulanza dopo che un cane antidroga aveva fiutato qualcosa di sospetto: all’interno del mezzo erano infatti occultate oltre 50 confezioni di marijuana, per un totale di circa 30 chili. La droga avrebbe potuto fruttare, sul mercato illecito al dettaglio, circa 300mila euro.
Gli investigatori hanno accertato, tra l’altro, che i due arrestati, trasferiti in carcere, percepiscono anche il reddito di cittadinanza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: minacce a Segre, ‘Banksy torinese’ le dedica opera
‘Al di sopra di ogni odio’, creazione contro syberbullismo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
27 febbraio 2021
09:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il volto della senatrice a vita Liliana Segre nel cielo azzurro con una nuvola al posto degli inconfondibili capelli bianchi e, in basso, la frase ‘Al di sopra di ogni odio’. Prende di mira il cyberbullismo la nuova opera di Andrea Villa, il ‘Banksy torinese’ tornato questa notte con nuovi manifesti affissi nel capoluogo piemontese, in corso Moncalieri, corso Vittorio Emanuele e corso Cairoli.

“Ho voluto di nuovo parlare di cyberbullismo – racconta Villa – dopo la mia esperienza per il libro #cuoriconnessi dove ho partecipato con una mia testimonianza. Mi sono ispirato alle pubblicità di Armando Testa, mio maestro spirituale, e ho voluto mettere sotto i riflettori coloro che odiano online contro Liliana Segre, una sopravvissuta all’Olocausto spesso ingiustamente sbeffeggiata. Questo lavoro – conclude – si vuole aggregare all’hashtag #odiareticosta di Cathy Latorre, contro l’odio online”.   PIEMONTE   POLITICA    SPETTACOLI, MUSICA E CULTURA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Recuperato nella notte alpinista caduto sulle Alpi cuneesi
Complesso intervento di recupero in Val Maira, uomo non è grave
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
27 febbraio 2021
09:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si è concluso all’alba il difficile intervento di recupero di un alpinista caduto per una decina di metri con un compagno, rimasto illeso, nell’intaglio ta la Torre e la Rocca Castello, sulle Alpi Cuneesi della Valle Maira. L’uomo è stato raggiunto nella notte dal soccorso alpino e recuperato attraverso un complesso sistema di paranchi con corde da alpinismo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I due sono poi scesi fino a Colle Greguri (2.319mt) Con tratti in corda doppia e tratti da percorrere disarrampicando assicurati dai soccorritori, L’alpinista ferito è stato affidato alle cure dei sanitari e trasferito in ospedale. Le sue condizioni non sono gravi.
Nella caduta, trattenuta dalla corda durante la scalata da primo di cordata, l’alpinista ha riportato un trauma toracico e a un arto superiore, oltre a varie contusioni. L’equipaggiamento adeguato che avevano lui e il compagno, illeso, ha consentito loro di attendere l’arrivo dei soccorsi.
Nella squadra del Soccorso Alpino e Speleologico Piemontese, coadiuvata nell’operazione dal soccorso alpino dei vigili del fuoco e della guardia di finanza, era presente una sanitaria che ha monitorato le condizioni dell’infortunato per tutta la durata dell’intervento.
L’alpinista, che ha trascorso diverse ore in parete all’addiaccio, è stato in grado di partecipare attivamente all’operazione sia durante la discesa del tratto alpinistico, sia dal Colle Greguri a Chiappera, che ha affrontato sulle proprie gambe.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rapine violente a coetanei, 4 minori arrestati a Milano
Picchiati e derubati nei parchi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
27 febbraio 2021
10:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Polizia di Stato, a Milano, ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip del Tribunale per i Minorenni nei confronti di quattro minori di età compresa tra 15 e 16 anni, appartenenti ad una “baby gang” responsabile di numerose rapine nel corso degli ultimi mesi in diversi parchi cittadini, in particolare nel Parco Solari e nelle zone vivine.
Le indagini della Squadra Investigativa del Commissariato Porta Genova, iniziate diversi mesi fa e ancora in corso, hanno consentito di riconoscere i quattro ragazzi (due italiani, un cingalese ed un salvadoregno) come autori di oltre dieci rapine messe a segno con modalità particolarmente violente.

In gruppo, avvicinavano i coetanei con vari pretesti, ad esempio chiedendo una sigaretta o cinque euro in prestito, per picchiarli prendendo loro cellulari, denaro e capi di abbigliamento.
Tre dei giovani sottoposti alla misura sono stati collocati in comunità rieducative della Lombardia, mentre il più grande è stato portato nel carcere minorile Beccaria.
Sono tuttora in corso indagini su altre rapine ed aggressioni, commesse da minori nella stessa area.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: appello Sala, nel week-end comportamento corretto
Sindaco, ci saranno più controlli ma momento difficile
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
27 febbraio 2021
10:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Comportatevi in modo adeguato al difficile momento”: è questo l’appello con cui il sindaco di Milano Giuseppe Sala chiude un video su Facebook in cui invita i milanesi, nell’ultimo fine settimana giallo prima che la Lombardia rientri in zona arancione, al rispetto delle regole annunciando che comunque ci saranno controlli più decisi.
“Siamo in arancione da lunedì ma avendo un week-end di giallo e bel tempo – ha spiegato – vi chiedo di tenere un comportamento corretto”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Era previsto l’arrivo di questa terza ondata ed è successo.
Alcuni nostri comportamenti – ha aggiunto il sindaco – l’hanno favorita. Ci sono immagini che tutti abbiamo in testa: i tifosi fuori da San Siro prima del derby, i Navigli pieni, che ormai sono diventati il set naturale per catturare immagine di gente assembrata. La verità è che a volte il rispetto delle regole manca davvero. Ieri sera ho fatto un giro per la città e ho visto troppi gruppetti di persone a parlare con la mascherina abbassata”.
Troppi gruppi, “talmente tanti – ha osservato che diventano incontrollabili dalle forze dell’ordine. Detto ciò oggi rafforzeremo i controlli. Ne ho parlato con il Questore. Ho chiesto un intervento più deciso per questo week-end e così sarà”, ha concluso Sala chiedendo anche l’impegno di ciascuno.
“Capisco che siamo tutti stanchi di questa situazione, lo sono anche io. Ma c’è una cosa che dovremmo avere imparato: più ce ne approfittiamo, e più paghiamo pegno”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Congo: Limbiate saluta il suo Luca, presenti Fontana e sindaci
Delpini a funerale Attanasio, troppo breve la tua vita
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
LIMBIATE
27 febbraio 2021
11:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo il funerale di Stato a Roma giovedì, oggi è stata la sua Limbiate, dove l’ambasciatore ucciso in Congo, era semplicemente Luca o ‘Att’, a dargli l’ultimo saluto. Presenti il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, una cinquantina di sindaci della zona con la fascia tricolore.

Il feretro, avvolto nella bandiera italiana, è stato accolto nel campo sportivo dal coro dei ragazzi dell’oratorio. A celebrare la messa, attorniato da parroci e sacerdoti, l’arcivescovo di Milano Mario Delpini. “Troppo breve è stata la tua vita eppure si può offrire il bene più prezioso senza che il tempo lo consumi”, ha detto nell’omelia monsignor Mario che appena arrivato è andato a porgere le condoglianze alla vedova e agli altri familiari seduti in prima fila. Il campo sportivo si è riempito rapidamente e per consentire a tutti i lombiatesi di partecipare, la messa è stata trasmesse in diretta streaming dal sito del Comune.
A esequie finite Attanasio sarà seppellito nel cimitero del comune dove è cresciuto e tornava ogni volta che poteva.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Congo: i funerali a Limbiate dell’ambasciatore Attanasio. Lo strazio dei genitori: ‘Caro figlio staremo vicino alle bimbe’
L’arcivescovo di Milano, le parole più difficili per moglie e bimbi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
27 febbraio 2021
17:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Questa mattina a Limbiate, in provincia di Monza, i funerali di Luca Attanasio, l’ambasciatore italiano ucciso in un agguato in Congo insieme al carabiniere Vittorio Iacovacci e a un autista locale.
“Caro figlio siamo distrutti dal dolore ma dobbiamo essere forti per stare accanto a Zakia e alle 3 splendide nipotine”, è il messaggio dei genitori di Attanasio, letto da un amico a conclusione del funerale pubblico.
I genitori di Luca hanno voluto anche rivolgere un pensiero al carabiniere di scorta Vittorio Iacovacci, morto insieme al figlio. Terminata la messa il primo a ricordare Attanasio è stato il sindaco Domenico Antonio Romeo con la voce rotta dall’emozione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Poi è stato il turno di altri amici. Un applauso alla fine ha accolto i discorsi e salutato l’uscita del feretro diretto al cimitero.
Le parole più difficili da trovare sono quelle per la moglie e le figlie “e credo che la parola più significativa è quell’oasi di celebrare la messa e chiedere al Signore di consolare i vivi e accogliere nella sua gloria colui che è andato via così”. Lo ha detto l’arcivescovo di Milano Mario Delpini arrivando al campo sportivo di Limbiate.
“L’ho conosciuto solo fugacemente quando è venuto a trovarmi prima del mio viaggio in Congo – ha ricordato l’arcivescovo – ma soprattutto ho avuto la testimonianza dei nostri missionari, della gente che ho visto in Congo che sentivano in lui un alleato per tutte le opere di solidarietà di promozione umana che caratterizzano in generale la presenza delle nostre comunità cristiane”. Il campo sportivo della cittadina dove Attanasio è cresciuto e dove abita la sua famiglia si è riempito rapidamente per dare l’ultimo saluto a Luca dopo il funerale di Stato giovedì mattina a Roma. L’ambasciatore sarà poi seppellito nel comune che lo ha visto crescere e al quale era rimasto profondamente legato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Trasparenza filiera beni confiscati, Comuni rimandati
1076 comuni monitorati 670 non pubblicano l’elenco
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
27 febbraio 2021
11:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Comuni italiani “rimandati” sul livello di trasparenza della ‘filiera’ della confisca dei beni mafiosi: su 1076 comuni monitorati destinatari di beni immobili confiscati, 670 non pubblicano l’elenco e non danno informazioni sul loro sito internet. Ciò significa che ben il 62% dei comuni è totalmente inadempiente.
E’ quanto emerge “RimanDATI” il primo Report nazionale sullo stato della trasparenza dei beni confiscati nelle amministrazioni locali pubblicato dall’associazione Libera contro le mafie. Ai comuni vengono destinati beni immobili confiscati alle mafie per finalità istituzionali o per scopi sociali e non danno informazioni sul loro sito internet. Ciò significa che ben il 62% dei comuni è totalmente inadempiente. E’ quanto emerge “RimanDATI” il primo Report nazionale sullo stato della trasparenza dei beni confiscati nelle amministrazioni locali pubblicato dall’associazione Libera contro le mafie. Ai comuni vengono destinati beni immobili confiscati alle mafie per finalità istituzionali o per scopi sociali.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tram deraglia e si spezza a Torino, paura ma nessun ferito
In piazza Caio Mario, ancora da chiarire le cause dell’incidente
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
27 febbraio 2021
11:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È deragliato e si è spezzato in due, mentre entrava nella rotonda di piazza Caio Mario, a Torino, un tram Gtt della linea 10. A bordo numerose persone ma nessun ferito.
Ancora da chiarire la cause dell’incidente. Sia la linea 10 che la 4 sono limitate al piazzale nelle direzioni corso Settembrini e Strada del Drosso. Bus integrativi copriranno il resto della tratta.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: boss Bari al 41 bis farà videochiamate con famiglia
Magistrato, ‘con pandemia tecnologia entra in istituti pena’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
27 febbraio 2021
11:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo il lettore cd per ascoltare musica in cella, al boss barese Domenico Strisciuglio, soprannominato “Mimmo la Luna”, 48enne capo dell’omonimo clan mafioso del quartiere Libertà di Bari, detenuto dal 1999 al regime del 41 bis dove sconta condanne per reati di mafia e omicidi, sarà concesso fare una volta al mese videochiamate con i familiari.
Il magistrato di sorveglianza di Sassari, dove il boss è detenuto, ha accolto il reclamo proposto tramite il difensore, l’avvocato Massimo Roberto Chiusolo, ritenendo che “i colloqui visivi con i familiari costituiscono espressione di un diritto di primaria importanza: quello al mantenimento dei rapporti affettivi” e quindi, in questo momento di pandemia, “l’evoluzione tecnologica può fare ingresso nell’ordinamento penitenziario”, sostituendo, in caso di impossibilità alla visita, ai colloqui telefonici le videochiamate.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: barchino con 7 persone bloccato da Gdf in Sardegna
Proseguono gli arrivi in mare dall’Algeria
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
27 febbraio 2021
12:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Proseguono gli sbarchi di migranti dall’Algeria nel sud Sardegna. Un barchino con a bordo sette persone, tutti uomini, è stato intercettato da una motovedetta del Reparto operativo aeronavale della Guardia di finanza a circa quattro miglia dell’Isola del Toro, sulla costa sud occidentale della Sardegna.

I migranti, dopo che raggiungeranno il porto di Sant’Antioco, saranno trasferiti nel centro di prima accoglienza di Monastir (Cagliari), dove rimarranno in quarantena.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Imprenditrice scomparsa: in elenco vittime innocenti mafie
Fratello, decisione Libera provocato in me speranza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VIBO VALENTIA
27 febbraio 2021
12:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il 21 marzo il nome di Maria Chindamo si trasformerà da memoria individuale a Memoria Collettiva e sarà letto insieme a quello di tutte le altre vittime innocenti delle mafie, in tanti luoghi dell’Italia e del Mondo”. Ad affermarlo è Vincenzo Chindamo, fratello della donna della quale, dal 6 maggio del 2016, non si hanno più notizie, e sulla cui scomparsa la Dda di Catanzaro sta indagando per omicidio, occultamento e distruzione di cadavere.

L’imprenditrice 44enne, originaria di Laureana di Borrello, sparì mentre era appena arrivata davanti la sua azienda agricola a Limbadi, nel Vibonese.
“Il messaggio di don Ennio Stamile e la telefonata di Daniela Marcone che mi hanno annunciato questa notizia – ha aggiunto Chindamo – hanno fatto risuonare in me note di rabbia dolore tristezza ma soprattutto di gioia, speranza e amore. Libera ha deciso ufficialmente di legare i suoi colori di Memoria e Impegno a quelli della vita bella e coraggiosa di Maria che qualcuno a voluto stroncare. Da oggi, La Memoria di Maria non é un ‘ricordino’ ma ancor di più diventata impegno, azione, energia e movimento”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bonaccini: se aumentano contagi chiudiamo altre scuole in E-R
‘Pronto a firmare altre ordinanze come per provincia Bologna’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SCANDIANO
27 febbraio 2021
12:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Chiusura delle scuole? Se ci sono aumenti dei contagi Covid soprattutto nella fascia della popolazione più giovane, ascoltando i sindaci dei territori e le Ausl, sono pronto a firmare ordinanze restrittive come fatto per Bologna e Città Metropolitana giovedì scorso”. Lo ha detto il presidente dell’Emilia-Romagna Stefano Bonaccini a margine di un’iniziativa nel Reggiano.
L’ordinanza da ‘arancione scuro’ per il Bolognese e quattro comuni del Ravennate – rispetto alla fascia arancione che riguarda la regione nel complesso – prevede la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado, fatta eccezione per le scuole dell’infanzia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Catricalà: funerali in forma privata in una parrocchia a Parioli
Al termine della celebrazione, nella chiesa di San Bellarmino, una delle figlie ha letto una poesia dedicata al padre
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
27 febbraio 2021
15:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È piena, pur nel rispetto del distanziamento per le misure anti-Covid, la chiesa di San Bellarmino, nel quartiere romano dei Parioli, per i funerali in forma privata di Antonio Catricalà, scomparso mercoledì. All’ingresso il libro delle firme e una foto sorridente dell’ex sottosegretario ed ex presidente dell’Antitrust.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nell’omelia del parroco, Antonio Magnotta, parole di stima: “Affidiamo un uomo grande alle mani sicure di Dio. Non solo un uomo delle istituzioni ma che ha dato forma alle istituzioni. Antonio Catricalà ha dimostrato risorse creative, alta competenza giuridica e tecnica, è stato capace di dare fiducia e sapersela conquistare”. Tra i presenti, Gianni Letta, il presidente del Consiglio di Stato, Filippo Patroni Griffi, l’ex ministro Claudio De Vincenti e il fondatore della Comunità di Sant’Egidio Andrea Riccardi, per portare un saluto alla moglie, Diana e alle figlie Michela e Giulia.
Al termine della celebrazione, nella chiesa di San Bellarmino, una delle figlie ha letto una poesia dedicata al padre, per rivolgergli un ultimo abbraccio ideale. Tanti anche i ricordi di amici e colleghi. “È lunga la lista di coloro che l’hanno incontrato e conosciuto, come era lunga ieri la fila ieri a piazza Verdi. Tutti desiderosi di testimoniare stima e amicizia verso quest’uomo grande. Era grande la sua cultura, saggezza ed equilibrio. Il suo senso dello Stato”, ha detto Gianni Letta aggiungendo poi: “Era uno Stradivari nell’orchestra dello Stato”. E rivolgendosi alla moglie e alla figlie, “dovete essere orgogliose del nostro grande Antonio”. Per Filippo Patroni Griffi “sapeva cogliere l’essenza delle questioni e cercare una soluzione che potesse raccogliere tutti i punti di vista e poi risolvere i problemi. Voglio ricordarlo per la sua ironia e la sua autoironia, per il suo lavoro serio e responsabile”. L’ex ministro Paola Severino ha ricordato che negli ultimi tempi “si era dedicato all’insegnamento, per lasciare il segno nei giovani”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Congo:genitori Attanasio,caro figlio staremo vicino bimbe
A conclusione funerale loro pensiero anche per carabiniere
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
LIMBIATE (MONZA E BRIANZA)
27 febbraio 2021
13:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Caro figlio siamo distrutti dal dolore, ma dobbiamo essere forti per stare accanto a Zakia e alle tre splendide nipotine”. È il messaggio dei genitori di Luca Attanasio, letto da un amico a conclusione del funerale pubblico a Limbiate, il paese in provincia di Monza e Brianza, dove l’ambasciatore ucciso in Congo era cresciuto.

I genitori di Luca hanno voluto anche rivolgere un pensiero al carabiniere Vittorio Iacovacci, morto insieme al figlio.
Terminata la messa il primo a ricordare Attanasio è stato il sindaco Domenico Antonio Romeo con la voce rotta dall’emozione.
Poi è stato il turno di altri amici. Un applauso alla fine ha accolto i discorsi e salutato l’uscita del feretro diretto al cimitero.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Accusato di violenza sessuale su due 13enni, arrestato operaio
Episodio nel trevigiano,attirate in casa, minori lo conoscevano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TREVISO
27 febbraio 2021
17:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Violenza sessuale su due ragazzine 13enni e sequestro di persona: sono le pesanti accuse che hanno portato all’arresto nel trevigiano di un operaio di 45 anni. Le due minorenni conoscevano l’uomo.
Il fatto è avvenuto nel novembre scorso, ma solo pochi giorni fa – riferisce la ‘Tribuna di Treviso’ – con l’esito delle analisi di laboratorio su indumenti e pc sequestrati in casa dell’indagato è scattata la custodia cautelare, disposta dal gip di Treviso Angelo Mascolo.
Le due adolescenti sarebbero rimaste sequestrate un’intera notte, nel garage dell’uomo, e lì sottoposte alle violenze.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: a Milano folla in centro tra shopping e aperitivo
Pieni anche i parchi, fila a bar e negozi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
27 febbraio 2021
17:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Folla in centro a Milano nell’ultimo sabato prima dell’ingresso in fascia arancione che scatterà lunedì. I milanesi, vista anche la bella giornata con delle temperature primaverili, si sono riversati in centro per passeggiare, fare shopping e bere l’aperitivo seduti ai tavolini all’aperto dei bar che si affacciano su piazza del Duomo.
Fuori da alcuni bar c’è la coda di persone che sono in attesa di sedersi ai tavoli per bere l’aperitivo anticipato, visto che la chiusura scatta alle 18.
Folla anche in corso Vittorio Emanuele la via dello shopping che costeggia il Duomo. Fuori da alcuni negozi di catene di fast fashion si sono create delle code. Sul corso passano macchine dei Carabinieri e della Polizia che controllano la situazione.
Pieni anche i parchi, a partire dal Sempione e pure i locali dall’Arco della Pace. Migliaia di giovani seduti ai tavolini all’aperto di bar e ristoranti di corso Sempione, tantissime famiglie con bambini ad invadere la piazza antistante l’Arco.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Acquaroli, per vaccini coinvolgere privati
Rivedere criteri situazione epidemiologica, programma riaperture
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
27 febbraio 2021
17:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Questa mattina abbiamo trasmesso le nostre osservazioni per il nuovo Dpcm. Abbiamo chiesto un cambio di passo e un’accelerazione nell’acquisizione e nella fornitura alle Regioni delle dosi per la campagna vaccinale, al fine di garantire quanto prima la sicurezza delle fasce più deboli e di tutta la popolazione, anche coinvolgendo le tante imprese private che si sono rese disponibili”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Così su fb il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli. “Crediamo che serva una revisione dei criteri di valutazione della situazione epidemiologica – aggiunge -, che siano chiari e sensati, oggettivi e più semplici, affinché si possano adottare soluzioni tempestive anche a livello sub-regionale”. “Dato che il Dpcm sarà in vigore fino a dopo Pasqua, abbiamo richiesto di prevedere, per le zone gialle e quando ci sono le condizioni, anche la possibilità per i ristoranti e le attività di somministrazione di aprire anche all’ora di cena, così come serve un programma di riaperture, sempre nel rispetto dei protocolli di sicurezza e con ingressi contingentati, per le palestre, le piscine, anche per lo sport di base e amatoriale.
Abbiamo chiesto di affrontare con chiarezza la situazione del settore delle cerimonie, di parchi e centri commerciali, cinema, teatri, musei e impianti sciistici. E in generale, la necessità urgente di ristori che siano immediati e totali. Spero che il presidente Draghi e il nuovo Governo raccolgano queste nostre richieste, che sono di estremo buonsenso” conclude il governatore.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Frecce Tricolori: 60 anni in volo nel cielo azzurro
Simbolo dei valori e delle competenze dell’Italia nel mondo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
RIVOLTO
27 febbraio 2021
18:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il primo marzo 1961 veniva costituito ufficialmente il 313° Gruppo Addestramento Acrobatico. Una denominazione ufficiale che quasi nessuno conosce, perchè nel mondo si tratta, per tutti, soltanto delle “Frecce Tricolori” dell’Aeronautica Militare ospitate, sin da allora, nella base aerea di Rivolto (Udine).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Gruppo è composto da circa 100 militari e la formazione è di 10 velivoli (9+solista), pilotati da ufficiali della Forza Armata che provengono dai reparti operativi di volo dell’Aeronautica Militare che, a seguito di una rigidissima selezione, entrano a far parte della Pattuglia Acrobatica Nazionale sui loro Aermacchi MB339A-PAN.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le Frecce Tricolori hanno il compito di rappresentare i valori, la tecnologia, la professionalità e la capacità di fare squadra dell’intera Aeronautica Militare. Con la propria attività di fatto sono portatori dei valori e delle competenze che sono proprie in generale delle Forze Armate e promuovono con esse anche l’industria nazionale e quindi tutto il “Sistema Paese”. L’attività principale e più evidente è l’acrobazia aerea collettiva.
Lunedì si celebrerà l’importante ricorrenza del 60° compleanno: il 1° marzo 1961 giunsero a Rivolto, provenienti dalla 4^ Aerobrigata di Grosseto i primi 6 velivoli F-86E “Sabre” con la livrea della pattuglia del “Cavallino Rampante” che recava l’emblema dell’Asso Francesco Baracca; simbolo ceduto dalla contessa Paolina, madre di Baracca, direttamente a Enzo Ferrari, per la casa automobilistica di Maranello.
La Pan, nel 2020, avrebbe dovuto celebrare la sua 60^ stagione acrobatica con un grande evento internazionale; l’Aeronautica Militare, a causa della pandemia ha però responsabilmente ritenuto di rimandare l’evento a quest’anno, con modalità che dipenderanno strettamente dai limiti imposti dalla situazione emergenziale in atto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In questo periodo così difficile per tutti, nel solco di questa importante funzione simbolica della Pattuglia Acrobatica Nazionale, lo scorso anno c’è stato, dal 25 al 29 maggio, un storico sorvolo di tutti i capoluoghi di regione italiani e sulla città di Codogno, prima “zona rossa” italiana. L'”Abbraccio Tricolore”, questo il nome attribuito allo storico sorvolo, è stata un’impresa fortemente voluta dagli stessi cittadini italiani e fatta propria dal vertice del Ministero della Difesa. A questo importante avvenimento si sono aggiunti altri sorvoli in occasione dell’inaugurazione del nuovo Ponte di Genova, della partenza del Gran Premio d’Italia a Monza e della ricorrenza del Santo Patrono d’Italia sulla Basilica Superiore di Assisi, mentre il 2021 è iniziato con il sorvolo ai Mondiali di sci di Cortina.
“Le Frecce Tricolori sono conosciute, apprezzate e portano in tutto il mondo il nostro Tricolore”, ha affermato il capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, generale di Squadra Aerea Alberto Rosso, alla vigilia del compleanno -. Esse sintetizzano tutto quello che è tecnologia, passione, capacità, competenza e professionalità che l’Italia è in grado di esportare e portare nel mondo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un 91enne cede il vaccino Covid a madre di disabile, ‘Prima voi’
Anziano convocato dal medico giovedì, vuol farli passare avanti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MASSA (MASSA CARRARA)
27 febbraio 2021
13:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Atto di generosità nei confronti di una madre di un disabile da parte di un uomo di 91 anni che si è offerto di cedere la sua dose di vaccino anti-Covid alla donna in modo da proteggere anche il figlio. La vicenda è riportata stamani da La Nazione e segue l’appello lanciato nei giorni scorsi dalla stessa donna che chiedeva che anche i familiari delle persone fragili avessero una prorità nella vaccinazione anti Covid.

“Vaccinate prima lei – ha detto il 91enne – E’ una mamma con un bambino disabile, lei davvero non può ammalarsi, e non può permettersi di portare il virus in casa. Io ho 91 anni…”.
L’anziano ha appuntamento dal medico curante di famiglia per la vaccinazione il prossimo giovedì e vorrebbe lasciare il suo posto rinviando a un altro momento il suo turno per vaccinarsi.
E’ da capire se il gesto di generosità del 91enne sarà approvato dall’autorità sanitaria.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Violenza donne: a Biella marcia degli uomini in scarpe rosse
Flash mob della compagnia Teatrando
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BIELLA
27 febbraio 2021
17:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Hanno attraversato Biella a piedi, scarpe e mascherina rossa, per dire no alla violenza contro le donne. “Uomini in scarpe rosse” è il flashmob organizzato da Paolo Zanone, imprenditore tessile e direttore artistico della compagnia Teatrando di Biella.

“Ne ammazzano una al giorno ma io vedo solo donne manifestare, protestare, gridare aiuto – ha scritto nei giorni scorsi la giornalista Milena Gabanelli su Twitter -. Non ho visto una sola iniziativa organizzata dagli uomini, contro gli uomini che uccidono le loro mogli o fidanzate. Dove siete? Non è cosa da maschi proteggere le donne?”. Di qui l’idea della compagnia Teatrando, che partiti dal Ponte della Maddalena sono arrivati sino in centro, dove hanno mostrato una serie di cartelli. Messaggi sul tema “da uomo a uomo”, per mettere fine alla violenza sulle donne.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Spari in strada a Roma, anziana ferita per errore
A Tor Bella Monaca, indaga la polizia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
27 febbraio 2021
18:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Spari in strada alla periferia di Roma. Dalle prime informazioni sembra che un’anziana sia stata ferita di striscio da un colpo di pistola.
E’ accaduto in zona via Aspertini a Tor Bella Monaca. Sul posto la polizia che indaga sull’accaduto.
E’ stato fermato da carabinieri e polizia il presunto responsabile del ferimento di un’anziana a Roma. Secondo quanto si è appreso, si tratta di un giovane della zona con precedenti. A quanto ricostruito finora dagli investigatori, avrebbe litigato per strada con un altro e quando quest’ultimo è scappato lui ha sparato ferendo di striscio l’anziana. La donna è stata medicata sul posto per una ferita superficiale. Da chiarire i motivi della lite.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Riccardo Muti e la Cherubini attraversano l’Italia
A Bergamo, Napoli, Palermo, online 21-26-28/3
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
27 febbraio 2021
10:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Riccardo Muti e la sua Orchestra Giovanile Luigi Cherubini rinnovano il proprio impegno per la musica e i teatri italiani, contribuendo a tenerne virtualmente aperte le porte con la tournée organizzata da Ravenna Festival: attraversando la penisola da nord a sud, i concerti registrati a Bergamo, Napoli e Palermo saranno in streaming gratuito rispettivamente dal 21, 25 e 28 marzo. L’appuntamento al Donizetti è un dono di BPER Banca alla città e il concerto, in programma la Sinfonia del Don Pasquale e l’Eroica di Beethoven, sarà trasmesso sul sito di BPER Banca.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nella città partenopea, dove Muti e la Cherubini eseguiranno la Sinfonia da I due Figaro di Mercadante e la Sinfonia n. 9 di Schubert, l’evento è stato invece reso possibile dalla collaborazione con Napoli Teatro Festival, che lo ospiterà sul proprio sito ufficiale. Sarà infine la web TV del Teatro Massimo di Palermo a trasmettere la Sinfonia n. 3 di Schubert e la Sinfonia “Dal Nuovo Mondo” di Dvořák. In collaborazione con RMMUSIC, i tre i concerti rimarranno disponibili per 30 giorni dalla prima data di trasmissione; saranno inoltre disponibili Il concerto, registrato il 10 marzo, sarà disponibile dal 21 marzo su bper.it e ravennafestival.live.
Il concerto, registrato il 19 marzo, sarà disponibile dal 26 marzo su live.napoliteatrofestival.it e su cultura.regione.campania.it e ravennafestival.live.
Il concerto, registrato il 21 marzo, sarà disponibile dal 28 marzo sulla web TV del Teatro a cui ai accede dalla homepage: teatromassimo.it e ravennafestival.live.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Racconto Ancella torna in aprile su Hulu
Ansie post-Trump in quarta stagione ispirata a personaggi Atwood
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
27 febbraio 2021
14:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
June Osborne e le altre ancelle ribelli del regime teocratico di Gilead tornano in aprile su Hulu per la quarta stagione della serie ispirata al romanzo distopico di Margaret Atwood e anche stavolta, come e ancor più che nelle tre precedenti, lo sfondo di riferimento rifletterà le ansie del momento: nella fattispecie quelle dei tempi post-Trump.
La serie tornerà con tre di dieci episodi il 28 aprile e prenderà le mosse da quando, alla fine della terza stagione, June rischia la vita per liberare decine di bambini di Gilead e mandarli in Canada.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Miller ha detto di non aver mai considerato l’ipotesi di far morire June, ma che le conseguenze delle sue azioni hanno spinto la serie su una nuova traiettoria e che il pubblico “sarà soddisfatto” dalle soluzioni: “In parte ha a che fare con il Covid e con la considerazione che la vita è breve, ma in questa stagione abbiamo cercato di fare progressi e far succedere cose”.
La quarta stagione era tornata sul set un anno fa, ma quasi subito, in marzo, la pandemia aveva bloccato la produzione.
Quando è stato possibile ricominciato a girare è stato necessario ridurre il numero delle persone nelle scene e creare “bolle” di lockdown. “La cosa più difficile è stata far arrivare il cast in Canada. Per questo abbiamo dovuto tener fuori alcuni attori”. Ma una volta creata la “bolla”, tra test e quarantene, “tutto è andato come si deve”, ha detto Elizabeth Moss, che oltre a interpretare il ruolo di June stavolta è per la prima volta alla regia di tre delle dieci puntate.
E c’è già comunque una quinta stagione all’orizzonte: Miller ha detto di essere rimasto affascinato da quanto accade in “The Testaments”, il sequel che la Atwood ha dato alle stampe nel 2019 e di cui Hulu ha acquisito i diritti: “Sarà parte del nostro futuro”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Eros e nozze, ritrovato a Pompei un carro unico
Osanna, “Straordinario, in Italia nessun precedente”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
27 febbraio 2021
10:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Elegante e leggero, stupefacente per la complessità e la raffinatezza dei decori in stagno e bronzo, incredibile nella sua completezza, con le tracce dei cuscini, delle funi per reggere le corone di fiori, persino le impronte di due spighe di grano lasciate su un sedile. A Pompei, gli scavi della villa di Civita Giuliana non finiscono di stupire e restituiscono uno straordinario carro da parata, dipinto di rosso e rivestito da decorazioni a tema erotico, destinato forse al culto di Cerere e Venere o più probabilmente ad un’aristocratica cerimonia di nozze.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Per l’Italia un unicum-anticipa Massimo Osanna, direttore uscente del Parco Archeologico e responsabile scientifico dello scavo – una scoperta di grandissima importanza per l’avanzamento della conoscenza del mondo antico”. Una scoperta, sottolinea il ministro della cultura Dario Franceschini, “di grande valore scientifico”.
Potrebbe trattarsi, spiega l’archeologo, di un Pilentum, ovvero quello che le fonti antiche descrivono come un carro cerimoniale, un veicolo usato solo dalle élites e soltanto in contesti cerimoniali. “Uno così in Italia non si era mai visto.
Il confronto si può fare unicamente con una serie di carri ritrovati quindici anni fa in una tomba della Tracia, nella Grecia settentrionale al confine con la Bulgaria”, dice Osanna.
Uno in particolare di questi carri traci, precisa, “assomiglia molto al nostro, ma non è decorato”. I pilenta, citati da Claudiano e altri, potevano appunto essere dipinti in azzurro o in rosso, come nel caso del reperto pompeiano. Riservati alle classi più abbienti, servivano per i culti religiosi, ma erano un po’ come un’automobile di alta rappresentanza.

Cronaca tutte le notizie in tempo reale!! LEGGI INFORMATI SEGUI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 43 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 15:13 DI GIOVEDì 25 FEBBRAIO 2021

ALLE 05:44 DI SABATO 27 FEBBRAIO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid:20 alunni e 4 insegnanti positivi dopo festa Carnevale
Organizzata da genitori nel Trevigiano, scuola aveva detto di no
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TREVISO
25 febbraio 2021
15:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Venti alunni e quattro insegnanti di una scuola del Trevigiano sono risultati positivi al Covid dopo aver partecipato ad una festa di Carnevale privata. Lo ha reso noto l’Ulss 2 di Treviso.
Sono complessivamente 140 i tamponi effettuati nella scuola; una quindicina i bambini che non hanno potuto effettuare il test, a causa del rifiuto da parte dei genitori. L’indagine epidemiologica in corso sul focolaio ha evidenziato come possibile origine del contagio diffuso tra i bimbi una festa di Carnevale in ambito extrascolastico. “La Festa, a quanto ci è stato riferito – dice il commissario dell’Usl, Francesco Benazzi – è stata organizzata dopo che la scuola aveva ribadito come in periodo Covid non fosse opportuno dar vita a iniziative che avrebbero originato assembramenti”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Genovese: ‘stuprò ragazza a Ibiza’,nuova ordinanza arresto
Respinta richiesta su tentato abuso e per 6 episodi su altre 2
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
25 febbraio 2021
16:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere per violenza sessuale e cessione di droga è stata notificata all’imprenditore del web Alberto Genovese, già a San Vittore dal 6 novembre per aver stordito con droghe e violentato una 18enne. Nell’ordinanza, firmata dal gip Tommaso Perna sulle indagini della Squadra mobile, dell’aggiunto Letizia Mannella e del pm Rosaria Stagnaro, viene contestata a Genovese una presunta violenza di luglio a Ibiza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Respinta la richiesta d’arresto per tentati abusi sulla stessa giovane e per 6 episodi su due ragazze che hanno rinunciato all’anonimato sui media. Come si legge nell’ordinanza Genovese, con la “partecipazione” della sua fidanzata Sarah Borruso, indagata (non destinataria di misura cautelare), “con violenza e abusando delle condizioni di inferiorità fisica e psichica” avrebbe costretto la 23enne “a subire atti sessuali” il 10 luglio 2020. La giovane mise a verbale gli abusi già prima dell’arresto di Genovese per il caso della 18enne.
In “una festa all’interno della residenza Villa Lolita” a Ibiza, “affittata per un periodo di vacanza da Genovese”, lui e la fidanzata avrebbero offerto più volte alla giovane “sostanze stupefacenti”, cocaina e ketamina, fino ad uno “stato di alterazione del livello di coscienza”. Poi, dopo averla condotta “all’interno della loro camera da letto e dopo averle offerto altre sostanze stupefacenti, mentre si trovava in stato di semi-incoscienza” l’avrebbero costretta a “subire plurimi atti sessuali”, continuando a cederle droghe, “fino a che la ragazza non veniva accompagnata fuori dalla stanza sorretta dai due indagati”, poiché “incapace di reggersi in piedi e sanguinante”.
Respinto l’arresto, invece, per un presunto tentato abuso sulla stessa ragazza del giugno 2020, a Milano. In questo caso, per il gip, non c’è stato un tentativo di violenza, ma un approccio sessuale respinto. No all’arresto anche per una presunta violenza sessuale su un’altra giovane del 4 luglio a Ibiza.
Non sono state accolte dal gip le ipotesi d’accusa per altri 5 presunti episodi di abusi su un’altra ragazza, tra marzo 2019 e ottobre 2020 a Milano. Su questi casi (per alcuni è indagata anche la fidanzata) ci sarebbero state dichiarazioni contradditorie da parte della presunta vittima, smentite dalle immagini delle telecamere a circuito chiuso dell’appartamento di Genovese. La giovane non sarebbe stata incosciente e aveva avuto una relazione di circa un anno e mezzo con l’imprenditore. Le ultime due ragazze hanno sporto denuncia contro l’ex imprenditore delle start up e hanno raccontato le loro vicende sui media. Per questi episodi, secondo il gip, sono necessari ulteriori approfondimenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:Fvg, 683 nuovi contagi e casi su 10.042 tamponi e test
Decessi 15, in terapia intensiva 56, altri reparti 335
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
UDINE
25 febbraio 2021
16:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oggi in Friuli Venezia Giulia su 6.657 tamponi molecolari sono stati rilevati 449 nuovi contagi con una percentuale di positività del 6,74%. Sono inoltre 3.385 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 234 casi (6,91%).
I decessi registrati sono 15; i ricoveri nelle terapie intensive scendono a 56 e quelli in altri reparti calano a 335.
Lo comunica il vicegovernatore con delega alla Salute del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi.
I decessi complessivamente ammontano a 2.817, con la seguente suddivisione territoriale: 635 a Trieste, 1.406 a Udine, 590 a Pordenone e 186 a Gorizia. I totalmente guariti sono 61.156, i clinicamente guariti salgono a 1.922, mentre le persone in isolamento oggi risultano essere 9.249.
Dall’inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 75.535 persone con la seguente suddivisione territoriale: 14.610 a Trieste, 34.460 a Udine, 16.681 a Pordenone, 8.902 a Gorizia e 882 da fuori regione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oltre mille polizze auto ‘fantasma’ online, 4 arresti Ps
Pm Napoli-Stradale Marche. Operazione “Valdez”, giro 3 mln euro
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
25 febbraio 2021
16:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una pagina con indirizzo web simile a compagnie assicurative importanti, polizze auto a prezzi allettanti e persino un sito sul quale controllare la copertura assicurativa dei veicoli dopo aver pagato con bonifico e carta di debito. Ma era tutto finto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dall’operazione ‘Valdez’ del Compartimento di Polizia Stradale delle Marche, condotta in collaborazione con Napoli e Pescara, e coordinata dalla Procura di Napoli, è emerso un sodalizio criminoso con base nel Napoletano che gestiva un giro di polizze auto fasulle: in tutto 1.095 con ricavi per 3 milioni di euro. Le indagini erano partite dopo la denuncia di un ignaro automobilista marchigiano aveva subito il sequestro dell’auto per mancanza di assicurazione anche se lui la polizza l’aveva siglata e pagata: la garanzia invece era un bluff. Altre persone si sono accorte solo a seguito di incidenti stradali o sono rimaste a piedi in aree di servizio autostradali dopo controlli.
La Polizia Stradale – il procedimento iscritto ad Ancona poi è passato a Napoli per competenza territoriale – ha eseguito quattro arresti su ordinanze di custodia cautelare, chieste dalla Sezione Criminalità Economica della Procura ed emesse dal gip di Napoli, nei confronti di presunti appartenenti alla ‘gang’ per l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla truffa. Le polizze erano stipulate online: il sito costruito appositamente era strutturato come quelli di una vera società assicurativa, numeri di telefoni diversi ‘deviavano’ le chiamate a un unica utenza; raccolti i dati di clienti e auto, i truffatori inviano un ‘ottimo’ preventivo invitando a pagare con bonifico e carta di debito. Dopo il saldo, al contraente arrivava via Whatsapp o email un’immagine della polizza e i riferimenti di un sito ad hoc per controllare che fosse tutto in regola mentre in realtà nessuna garanzia era stata stipulata.
La polizia ha verificato l’utilizzo di oltre 350 carte di debito intestate a 249 soggetti coinvolti in varie parti d’Italia e analizzato i movimenti del denaro, individuando il nucleo operativo del sodalizio in territorio di Napoli: alcuni degli indagati erano già gravati da precedenti specifici.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: nuovo test rapido della saliva, valuta anche gravità
Don Gnocchi-Bicocca,con spettroscopia Raman trova firma malattia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
25 febbraio 2021
16:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sviluppato un nuovo test rapido per la rilevazione del virus SarsCov2 dalla saliva, che non solo permette di rintracciare la ‘firma’ della malattia, ma anche di valutarne la gravità: è il tampone spettromolecolare, che sfrutta una tecnologia già usata in fisica, chiamata spettroscopia Raman. A svilupparla i ricercatori della Fondazione Don Gnocchi e dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca, il cui lavoro è in via di pubblicazione sulla rivista Scientific Reports.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Questo metodo di analisi – spiega Marzia Bedoni, coordinatrice dello studio – può dare un risultato molto sensibile e specifico in pochi minuti. Basta una minima preparazione del campione, senza l’utilizzo di reagenti e si ha la risposta in tempi brevi”. Per l’esame bisogna masticare un tampone di cotone, come quelli che si usano dal dentista. Il campione viene poi analizzato con lo spettroscopio Raman, che usa la luce laser per studiare la composizione chimica della goccia di saliva.
L’analisi riesce a individuare la presenza del virus, la cui ‘firma’ rimane anche dopo la negativizzazione del paziente, e può risalire alla gravità della patologia respiratoria e al tempo trascorso dall’infezione. “E’ un po’ come se fosse un tampone molecolare e un esame sierologico insieme – continua Bedoni -. Riusciamo a valutare la gravità sia di chi è positivo, e quindi il possibile decorso, sia di chi si è negativizzato ma ha comunque bisogno di riabilitazione”.   MEDICINA, SALUTE E BENESSERE   SCIENZA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Genova, 96enne muore e lascia in beneficienza 25 mln
A 16 enti, molti del territorio. Al Galliera va anche una villa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
25 febbraio 2021
17:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Era una riservata signora di Genova di 96 anni. L’archetipo dell’understatement genovese.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ scomparsa il 9 dicembre scorso dopo aver preparato ogni cosa, persino il proprio necrologio. Vi salutava gli affetti di sempre, ringraziava i medici, e ricordava “la lunga schiera” di ex allievi. Perché fino alla pensione Marisa Cavanna era stata professoressa di Lettere. La particolarità è che nel testamento ha lasciato in beneficienza circa 25 milioni di euro a 16 enti, molti sul territorio genovese, come l’ospedale Gaslini. O il Galliera, cui va anche una prestigiosa villa. Non si conosce la provenienza dei beni della professoressa, la “signorina Cavanna” come la chiamava un amico di vecchia data, ma si ipotizza siano sostanze di famiglia. Lontana dai giri mondani e riservata, molto religiosa, non si era mai sposata e anche per l’età viveva da ultimo piuttosto ritirata.
Per lei parla il testamento. Ben cinque su otto dei beneficiari dell’eredità Cavanna, si parla di circa 25 milioni di euro sui 40 complessivi, sono istituzioni, associazioni o onlus. Andranno dunque circa 5 milioni di euro di beni mobili al Galliera, assieme ai ricavi della vendita al miglior offerente del prestigioso edificio in via Giordano Bruno a Genova, situato in una spettacolare posizione a due passi dal mare, dove Marisa abitava. Si stima possa valere altri 3 milioni di euro o più.
Tutti gli arredi vengono invece lasciati al Don Orione di Genova, che riceve un altro ottavo del patrimonio Cavanna in titoli e contanti (per 5 milioni circa). Altri 5 milioni vanno all’ospedale pediatrico Gaslini di Genova e 5 ancora all’Associazione italiana per la ricerca sul Cancro. Quasi altri 4 milioni (12/13) sono poi ripartiti tra: Amnesty International, Amici senza frontiere, Save the Children, Fondazione Don Carlo Gnocchi, Associazione italiana Amici di Roul Follereau, Lega del Filo d’oro, Suore missionarie della carità opera Madre Teresa di Calcutta, Piccole suore dei poveri, Fondazione Opera S.
Francesco dei Poveri, Associazioni Missioni Don Bosco e Opera d’Assistenza ‘Progetto sorriso nel mondo’.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:altro balzo positivi,quasi 20mila,su terapie intensive
308 morti,in rianimazione aumento pazienti ottavo giorno di fila
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
25 febbraio 2021
18:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo balzo dei positivi al test per il coronavirus nelle ultime 24 ore in Italia, quasi 20 mila, oltre 3 mila più di ieri, a fronte di circa 13 mila tamponi effettuati in più. Il tasso di positività sale al 5,6% e aumentano ancora i pazienti in terapia intensiva – per l’ottavo giorno di fila – e quelli ricoverati nei reparti ordinari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I morti si mantengono oltre i 300.
Per la precisione sono 19.886 i test positivi registrati, secondo i dati del ministero della Salute (ieri erano stati 16.424). Le vittime sono invece 308 (ieri 318).
I test molecolari e antigenici sono stati 353.704 in 24 ore, ieri erano stati 340.247. Il tasso di positività registra un +0.8% rispetto al 4,8% di ieri.
Sono 2.168 i pazienti ricoverati in rianimazione, con un aumento di 11 unità nel saldo quotidiano tra entrate e uscite.
Gli ingressi giornalieri in rianimazione sono stati 178. Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 18.257 persone con sintomi, in aumento di 40 unità rispetto a ieri.
I casi totali da inizio epidemia sono 2.868.435, i morti 96.974. Gli attualmente positivi sono 396.143 (+6.710 rispetto a ieri), i dimessi o guariti 2.375.318 (+12.853), in isolamento domiciliare ci sono 375.718 persone (+6.659).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Lombardia supera 4.000 casi, quasi 1.000 a Brescia
Tasso positività sale all’8,2%, 44 i decessi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
25 febbraio 2021
18:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Continua a essere preoccupante la situazione a Brescia dove anche oggi i contagi sono in crescita e dai 901 di ieri sono saliti ai 973 di oggi. Ma i dati del contagio continuano a peggiorare in tutta la Lombardia con il tasso di positività in crescita all’8,2% (ieri 6,5).
Con 51.473 tamponi effettuati, sono infatti 4.243 i nuovi positivi in regione con la città metropolitana di Milano che torna a essere la più colpita con 1.072 casi di cui 409 a Milano città.
Aumentano i ricoveri in terapia intensiva (+1) e negli altri reparti (+78). I decessi sono 44 per totale complessivo di 28.228 morti in regione.
Sono in crescita anche i dati di tutte le altre province lombarde, da Monza e Brianza (356) a Bergamo (329), da Como (305) a Varese (316). Cresce il numero dei positivi anche a Pavia (243), Mantova (215), Lecco (137), Cremona (103), Lodi (57) e Sondrio (31).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: sindaco Brescia, situazione provincia molto critica
Cresce il numero dei positivi e dei ricoverati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
25 febbraio 2021
18:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La situazione in provincia di Brescia è molto critica, sta aumentando il numero di positivi, oggi sono oltre 970 i casi segnalati, è vero che nel nostro territorio si fa un forte tracciamento, con un numero di tamponi più elevato che nelle altre province, ma abbiamo numero di positivi che sta crescendo e inizia a crescere il numero di ricoverati”. Lo ha spiegato il sindaco di Brescia, Emilio Del Bono, nel corso della diretta sul sito di Repubblica dal titolo ‘Le città del Nord alla prova della pandemia: le sfide per il futuro oltre il Covid’.

“Oggi siamo a circa 300 ricoverati all’Ospedale Civile e circa un migliaio in tutta la provincia – ha aggiunto Del Bono -. Un numero che sta crescendo rispetto a Natale e all’autunno del 2020 dove non c’era stata qui una seconda ondata vera.
Questa è la nostra seconda ondata e noi sindaci della provincia siamo in apprensione”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Coppia scomparsa, chiesta archiviazione per terza indagata
Si tratta di un’amica di Benno Neumair
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
25 febbraio 2021
19:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nell’indagine per l’omicidio e l’occultamento dei cadaveri di Laura Perselli e Peter Neumair, era stata iscritta nel registro degli indagati anche una terza persona (oltre a Benno e alla sua amica), per la quale la Procura ha già chiesto l’archiviazione al gip. Si tratterebbe di un’altra amica di Benno Neumair, il principale accusato: la giovane era stata indagata per favoreggiamento, come atto dovuto in fase d’indagine.

La notizia della terza persona indagata è trapelata solo con la richiesta di archiviazione, presentata ora dalla Procura, e che sarà vagliata dal gip. La richiesta indica chiaramente che secondo gli inquirenti questa seconda amica non avrebbe avuto alcun ruolo penalmente rilevante nella vicenda, ma avrebbe solo frequentato Benno per un periodo in tempi recenti. Resta invece formalmente indagata l’altra amica di Benno, quella che lavò i vestiti di quest’ultimo la notte del 4 gennaio nella sua casa di Ora.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: Marche, da sabato a 6/3 Dad 100% scuole superiori
Domani ordinanza,anche per seconde e terze medie Ancona-Macerata
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
25 febbraio 2021
20:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nelle Marche didattica a distanza (Dad) al 100% nelle scuole superiori dal prossimo sabato 27 febbraio e fino al 6 marzo. L’ordinanza, che verrà firmata domani dal presidente della Regione Francesco Acquaroli, prevedrà lo stop alle lezioni in presenza anche per i ragazzi delle classi seconde e terze medie delle province di Ancona e Macerata.
Le misure, non ancora formalizzate, sono state decise al termine di una riunione del Tavolo con l’Ufficio scolastico regionale che ha preso atto di un aggravamento del trend dei contagi a livello regionale, in particolare per i giovani, soprattutto nelle province di Ancona e Macerata.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: arriva il bus vax, trasporto gratuito per over 80
L’iniziativa a Taranto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
25 febbraio 2021
20:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Funziona come un taxi con la differenza che non si paga nulla. E’ un “bus vax” che su prenotazione va a prendere direttamente al loro domicilio gli anziani con più di 80 anni per portarli nei centri vaccinali, e poi riaccompagnarli a casa dopo la somministrazione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Succede a Taranto dove il servizio viene offerto dall’azienda di trasporto pubblico, Kyma mobilità. L’obiettivo è rendere più facile la campagna vaccinale degli anziani, togliendo di mezzo un ostacolo pratico: la difficoltà, soprattutto per chi non guida più, di raggiungere i centri di somministrazione, magari a chilometri di distanza dalla propria abitazione e in zone dove parcheggiare è un problema per tutti. Il servizio è appena partito, tra l’entusiasmo dei primi utenti. “Funziona benissimo: sono venuti a prendermi sotto casa e sono stati puntualissimi. Davvero una iniziativa fantastica che spero sia seguita anche da altre città” racconta il primo degli over 80 che si è potuto avvalere di questa opportunità. Una soddisfazione che è “motivo di orgoglio” per la presidente di Kyma Mobilità Giorgia Gira che definisce quello dell’azienda tarantina “un piccolo contributo” alla campagna vaccinale. Rigoroso il rispetto delle precauzioni anti-Covid. Il bus vax viene continuamente sanificato grazie a una specifica attrezzatura a bordo, e ovviamente si può salire solo con la mascherina sul viso. Con gli anziani possono viaggiare anche i loro accompagnatori, senza nessuna spesa. Ogni mezzo dispone di 20 posti e anche di una pedana per consentire di ospitare chi è in sedia a rotelle. Il servizio si prenota telefonicamente, chiamando , dal lunedì al venerdì (dalle 6 del mattino alle 18 del pomeriggio) il numero fisso 099 7356111 o di cellulare 3408974802. La richiesta va fatta almeno 48 ore prima del trasporto, per consentire una puntuale organizzazione del servizio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Venezia con l’acqua bassa, canali a secco
Fenomeno contrario ad alta marea, oggi minima -48 cm
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
25 febbraio 2021
21:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Abituata a convivere con l’acqua alta, Venezia può stupire per il fenomeno opposto, l’acqua bassa, ovvero misure accentuate del minimo di marea che, come in questi giorni, portano i canali più piccoli in secca e scoprono le rive del Canal Grande. Un fenomeno favorito dalla situazione di forte alta pressione, in atto sull’Italia, che accenta più la discesa che il rialzo del livello della laguna.

Oggi in città la minima di marea è stata di 48 centimetri sotto il medio mare. E per il fine settimana il Centro maree del Comune prevede misure di -50.
Livelli tuttavia non da record per Venezia: nel gennaio del 2018 fu registrato un minimo di -66, mentre alla fine di febbraio del 2008 fu registrato il primato di -83 cm.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incidenti stradali: camion a fuoco, A4 chiusa nel Bresciano
Colonne di fumo visibili a chilometri di distanza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BRESCIA
26 febbraio 2021
09:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un mezzo pesante ha preso fuoco dopo un incidente avvenuto attorno alle sette lungo l’autostrada A4 nel territorio tra Ospitaletto e Castegnato nel Bresciano.
L’autostrada è stata chiusa al traffico.
Con le fiamme si sono sprigionate anche colonne di fumo nero visibili a chilometri di distanza.
Due i mezzi coinvolti: uno trasportava glicerina e l’altro pellet. Nell’incidente non risultano feriti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: Tar Puglia, legittima nuova ordinanza Regione su Did
Respinto ricorso gruppo genitori su nuovo provvedimento Emiliano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
26 febbraio 2021
10:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Tar Puglia ha rigettato il ricorso di un gruppo di genitori baresi contro l’ultima ordinanza della Regione Puglia sulla scuola che dispone, fino al 14 marzo per tutti gli istituti di ogni ordine e grado, la didattica integrata digitale (Did) al 100%, riservando la presenza per l’uso di laboratori, o per mantenere una relazione educativa che realizzi l’inclusione degli alunni con disabilità e bisogni educativi speciali. Con decreto monocratico il presidente Orazio Ciliberti ha ritenuto quindi legittimo il nuovo provvedimento adottato dal presidente Michele Emiliano dopo la sospensione di quello precedente.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Respingendo l’istanza cautelare di una nuova sospensione e rinviando per la trattazione collegiale al prossimo 17 marzo, il Tar spiega che la nuova ordinanza regionale “recepisce, in discreta misura, le indicazioni del decreto” di sospensione, “rendendo dunque in parte operativa la tutela che quel decreto ha inteso accordare”. In particolare, il presidente Ciliberti spiega che il provvedimento di Emiliano “ha meglio specificato i presupposti motivazionali del proprio atto attraverso la pubblicazione della relazione istruttoria redatta dal competente Dipartimento della Salute, a seguito dello specifico monitoraggio settimanale della situazione dei contagi scolastici”, e “ha ribadito che l’ordinanza ha lo scopo di permettere la vaccinazione del personale scolastico con il vaccino AstraZeneca e ha indicato questa volta un cronoprogramma delle operazioni di vaccinazione”.
Il giudice evidenzia, ancora, che la nuova ordinanza “ha in parte rimosso il tetto massimo del 50% che consentiva alle istituzioni scolastiche di ammettere alla didattica in presenza una percentuale di alunni e studenti che va dallo zero al 50% dell’intera popolazione scolastica”, e “ha, comunque, ripristinato al 100% l’accesso a domanda alla didattica in presenza nelle scuole dell’infanzia ed elementari, che sono quelle dove si registra la maggiore difficoltà verso la didattica digitale a distanza”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incendio a Napoli, vittime erano fratello e sorella anziani
Vivevano con il figlio di lui che ha provato a salvare il padre
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
26 febbraio 2021
11:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Erano fratello e sorella le due vittime dell” incendio scoppiato poco dopo le 4.30 in un appartamento al quinto piano di un edificio in via Mercantini nel quartiere Fuorigrotta, a Napoli.
Entrambi ultraottantenni, i fratelli Schiano vivevano con Dario, il figlio di lui, che secondo le testimonianze di alcuni inquilini avrebbe cercato senza riuscirsi di trascinare il padre, Mario, fuori dall’appartamento in fiamme.
L’uomo, rimasto ustionato, è ricoverato al Cardarelli. La donna, invalida e costretta su una sedia a rotelle, è stata avvolta completamente dalle fiamme.
I vigili del fuoco del distaccamento di Fuorigrotta, che hanno evacuato con l’aiuto di una scala esterna gli altri inquilini del palazzo, ipotizzano che nell’appartamento possa aver preso fuoco una stufa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La foschia rossa della sabbia del Sahara sulle Dolomiti
Scatto di Erwin Flor del Corno Bianco e Corno Nero
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
26 febbraio 2021
11:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La sabbia del Sahara in questi giorni crea una suggestiva foschia rossa in Alto Adige, documentata da uno scatto di Erwin Flor. I.’telecineoperatore della Rai di Bolzano ha immortalato questa mattina da Appiano le cime dolomitiche Corno Bianco e Corno Nero.

Come spiega il meteorologo provinciale Dieter Peterlin, in Alto Adige la sabbia del Sahara nell’aria, circa 1.500 tonnellate, fa salire anche le pm10. Valori oltre la soglia di attenzione si registrano infatti a Bolzano, in Bassa Atesina, a Merano, a Bressanone e in val Venosta. Nei prossimi giorni, con l’annunciata inversione delle correnti d’aria, spariranno la foschia rossa e i valori elevati di polveri sottili.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: Alarm Phone, barca con 150 in grave pericolo
‘Al largo della Libia, urla a bordo, persone in acqua’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
26 febbraio 2021
12:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una barca con circa 150 persone a bordo è in grave pericolo a largo della Libia. Lo fa sapere Alarm Phone.
“Il nostro contatto con la barca – aggiunge il servizio telefonico – non è buono e riceviamo solo informazioni frammentate sulla posizione. Sentiamo urla, dicono che ci sono persone in acqua. Le autorità sono informate”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Genovese: pm indagano ancora su imputazioni bocciate da gip
Per 7 casi respinta richiesta arresto.Avanti con approfondimenti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
26 febbraio 2021
12:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Milano andrà avanti nelle indagini a carico di Alberto Genovese, l’imprenditore del web che ieri ha ricevuto una seconda ordinanza di custodia in carcere per violenza sessuale e cessione di droga, continuando ad approfondire e raccogliere elementi anche sulle imputazioni di violenze e abusi, che riguardano, in particolare, altre due giovani. Imputazioni che il gip non ha ritenuto provate e per le quali non ha accolto la richiesta di misura cautelare.

E’ stata respinta, infatti, la richiesta d’arresto per tentati abusi sulla stessa modella di 23 anni, ai danni della quale invece il gip ha ritenuto provata una violenza a Ibiza il 10 luglio (indagata anche la fidanzata di Genovese), e per 6 episodi (alcuni dei quali contestati anche alla fidanzata) su due ragazze che hanno rinunciato all’anonimato parlando sui media.
La Procura, però, a quanto si è saputo, porterà avanti anche queste imputazioni con integrazioni delle indagini, condotte dalla Squadra Mobile e coordinate dall’aggiunto Letizia Mannella e dal pm Rosaria Stagnaro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: 4.536 sbarcati quest’anno, il doppio del 2020
L’anno scorso furono 2.359, nel 2019 soltanto 262
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
26 febbraio 2021
12:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 4.536 i migranti sbarcati in Italia nei primi due mesi dell’anno, quasi il doppio rispetto allo stesso periodo del 2020, quando gli arrivi erano stati 2.359 (nel 2019 furono soltanto 262). Lo indicano i dati aggiornati del Viminale.
Numeri che è prevedibile cresceranno con l’arrivo della primavera.
Proprio nel mese di febbraio che sta per chiudersi si è registrato un alto numero di sbarchi, ben 3.497. Tunisini i più numerosi tra coloro che sono giunti in Italia via mare nel 2021 (560), seguiti da ivoriani (470) e bengalesi (364). I minori non accompagnati sono 398.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Genovese: ‘stuprò ragazza a Ibiza’, nuova ordinanza arresto
Imprenditore in chat, ‘sono meno di un animale’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
25 febbraio 2021
15:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere per violenza sessuale e cessione di droga è stata notificata all’imprenditore del web Alberto Genovese, già a San Vittore dal 6 novembre per aver stordito con droghe e violentato una 18enne. Nell’ordinanza, firmata dal gip Tommaso Perna sulle indagini della Squadra mobile, dell’aggiunto Letizia Mannella e del pm Rosaria Stagnaro, viene contestata a Genovese una presunta violenza di luglio a Ibiza.
Respinta la richiesta d’arresto per tentati abusi sulla stessa giovane e per 6 episodi su due ragazze che hanno rinunciato all’anonimato sui media.
“Ogni tanto mi vengono dei momenti di senso di colpa per cui prendo in considerazione di essere meno un animale”, scriveva Genovese in una chat con un amico nell’aprile 2020.
“Attraverso l’esame della chat – scrive il gip Perna – si comprende quale sia l’intimo convincimento di Genovese rispetto al sesso ed alle donne, dimostrando egli indubbiamente un preoccupante maschilismo ed un carattere prevaricatore, connotato da totale mancanza di rispetto verso il genere femminile”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quentin Tarantino, primo romanzo a giugno per Nave di Teseo
”C’era una volta a Hollywood”, diritti in 25 paesi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
26 febbraio 2021
11:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quentin Tarantino, ”C’era una volta a Hollywood”, pubblica il suo primo romanzo in contemporanea mondiale e in Italia uscirà con La nave di Teseo a giugno. I diritti sono stati venduti in 25 Paesi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono felice e onorata – dichiara Elisabetta Sgarbi, Publisher della Nave di Teseo – di annunciare la pubblicazione del romanzo di Quentin Tarantino, C’era una volta a Hollywood con La nave di Teseo.
Un vero romanzo che precede il film, e che del film è stato ispirazione, con forti differenze nei personaggi e nello sviluppo drammaturgo che il lettore italiano scoprirà il prossimo giugno quando il romanzo uscirà in contemporanea mondiale.
Questo romanzo – che è un grande atto d’amore nei confronti del cinema e della cultura italiana – conferma nella convinzione che ho avuto sin dagli anni ’90, quando pubblicai la sceneggiatura di Pulp Fiction, che Quentin Tarantino è uno scrittore straordinario, oltre che il regista che conosciamo.
La nave di Teseo ha chiuso un accordo con l’agenzia William Morris per il romanzo e un saggio. Contestualmente alla pubblicazione del romanzo, inizieremo a riproporre le sue sceneggiature, a partire da Pulp Fiction, che uscirà in luglio.
Il catalogo della Nave di Teseo, che in questi giorni festeggia i cinque anni dalla pubblicazione del suo primo libro (Pape Satan Aleppe di Umberto Eco), dunque, dopo l’autobiografia di Woody Allen, A proposito di niente, e quella di Oliver Stone, Cercando la luce, si arricchisce ulteriormente di una nuova voce che dal Cinema incontra la Letteratura.”.   CINEMA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Gomorra stagione finale, prime immagini riprese in corso
Prossimante su Sky, riprese tra Riga e Napoli
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
26 febbraio 2021
12:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Prime immagini dal set della stagione finale di GOMORRA, il cult Sky Original prodotto da Cattleya (parte di ITV Studios) in collaborazione con Beta Film, da un’idea di Roberto Saviano. Le prime quattro stagioni hanno ricevuto, in Italia e negli oltre 190 territori in cui è stata venduta, numerosi premi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli attesissimi nuovi episodi – nella classifica del New York Times al quinto posto fra le produzioni non americane più importanti del decennio 2010/2020 – sono scritti dagli head writer Leonardo Fasoli e Maddalena Ravagli, che firmano anche il soggetto di serie con Roberto Saviano.
Completano il team Gianluca Leoncini e Valerio Cilio. I primi 5 episodi sono diretti da Marco D’Amore, già regista di due episodi di Gomorra 4 e del film L’Immortale, successo targato Cattleya e Vision Distribution che fa da ponte narrativo fra la quarta e la quinta stagione, mentre gli altri 5 sono diretti da Claudio Cupellini, al timone fin dagli esordi della serie. Entrambi sono anche i supervisori artistici. La quinta ed ultima stagione – le cui riprese, iniziate a Riga e proseguite a Napoli, termineranno a maggio – andrà in onda prossimamente su Sky e NOW TV.
Le prime foto ufficiali e il video di backstage appena rilasciati mostrano il ritorno sul set degli ormai storici protagonisti della serie Sky: Salvatore Esposito nei panni di Genny Savastano, costretto alla latitanza, in un bunker, alla fine della quarta stagione, Arturo Muselli nei panni di Enzo Sangue Blu e Ivana Lotito in quelli di Azzurra Avitabile, moglie di Genny. Sul set il grande ritorno di Marco D’Amore, nuovamente protagonista nel ruolo di Ciro Di Marzio, creduto morto alla fine della terza stagione e – come svelato sul finale del film L’immortale – clamorosamente tornato in scena, redivivo, in Lettonia. Lo scontro tra i Levante e Patrizia ha lasciato Napoli in macerie, costringendo Genny a rinunciare al suo sogno di normalità e a tornare in campo. Ma ora è braccato dalla polizia, costretto in un bunker e senza più Azzurra e Pietrino, abbandonati per garantire loro una vita migliore. Il suo unico alleato è ora ‘O Maestrale, il misterioso boss di Ponticelli. La guerra è imminente. Ma arriva una scoperta: Ciro è vivo, in Lettonia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo: Stato Sociale, sarà Albi a cantare brano in gara
Esce il suo album, l’ultimo per ciascuno dei membri della band
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
26 febbraio 2021
13:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cinque dischi per cinque artisti, uno per ogni componente della band. E’ la sfida de Lo Stato Sociale che, dopo Bebo, Checco, Carota e Lodo culmina con il lavoro del “fratellone” Albi, autore dell’ultimo capitolo in scena il 26 febbraio via Garrincha Dischi/Island.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un disco che parla (anche) dei ‘regaz’ de Lo Stato Sociale perché racconta il valore delle relazioni interpersonali che, in una band, come in una famiglia, sono manifestazioni della società. Quattro le tracce del disco, che rompono la geometria dispari cui ci avevano abituati i compagni del collettivo bolognese. Ne manca una: è Combat Pop e debutterà sul palco del 71° Festival della Canzone Italiana di Sanremo, cantata proprio da Albi e non da Lodo.
“E’ una storia senza fine e senza un inizio preciso, diciamo che tutto ha preso forma quando ho capito cosa volevo fare nella vita: ‘stare bene, fare stare bene e cantare viva la libertà’.
Da quel momento mi sono immerso nelle relazioni cercando di rispettare questa mia identità, in un equilibrio instabile sopra la follia di questa strana società globale”, spiega. Ed è così che la parola chiave di ogni canzone diventa “rapporto”: con il sistema (Sesso, droga e lavorare), con se stessi (Fucking Primavera), con l’altro in una relazione (Belli così) e con chi non c’è più (Equazione). L’ultima traccia, infatti, diventa il ricordo indelebile dedicato a Mario, amico prematuramente scomparso a causa della leucemia. Tutte le royalties ricavate da “Equazione” saranno devolute all’Ail, associazione italiana contro leucemie linfoma e mieloma.
Per Albi suonare e giocare sono la stessa cosa: la naturale conseguenza è circondarsi di una serie di amici per vestire le sue canzoni, “solo grandi artisti e persone meravigliose”. Dai Selton a CIMINI, mantenendo prevalentemente in regia Matteo Costa Romagnoli, Nicola Hyppo Roda e Francesco Brini – gli storici produttori de Lo Stato Sociale – ad eccezione delle prime due tracce affidate a Simon Says.   SPETTACOLI, MUSICA E CULTURA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

I Coma_Cose al festival, non dobbiamo dimostrare niente
Coppia su palco e nella vita, al festival con Fiamme negli occhi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
26 febbraio 2021
16:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Coppia sul palco, coppia nella vita.
“E quindi potremo essere gli unici all’Ariston a poterci avvinghiare.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E con la platea vuota, ci faremo da pubblico a vicenda”. Battute a parte, i Coma_Cose, Fausto Lama e California (Fausto Zanardelli e Francesca Mesiano), arrivano a Sanremo, in gara tra i Big con il brano scritto a quattro mani Fiamme negli occhi, con il loro bagaglio di esperienze personali, con il loro sguardo alternativo sul mondo che li circonda, con la necessità di raccontare in modo diverso una generazione liquida, attraverso la ricerca di nuove sonorità e di un linguaggio inedito, tra cantautorato e urban.
“Fiamme negli occhi è una fotografia della nostra storia, forse della storia di molti. È una canzone che parla di restare insieme anche di fronte agli ostacoli – raccontano i due artisti che si sono conosciuti nel 2016, commessi nello stesso negozio, e hanno un album alle spalle (Hype Aura) -. La nostra vita, i nostri sogni, la musica per noi sono un viaggio da percorrere insieme e a volte c’è bisogno di urlarselo in faccia. Crediamo a un percorso di condivisione e crescita reciproca, speriamo che anche altre persone si rivedano in tutto questo”.
E sul palco promettono di essere se stessi. “Non dobbiamo dimostrare niente a nessuno, veniamo da anni di gavetta, di coerenza non fatta di paraculate commerciali né di hit estive, abbiamo la fedina penale pulita. Nessuna critica, ma certe cose bisogna sentirsele addosso e noi facciamo altro – rivendicano -.
Partecipare, dunque, è una scommessa, anche solo per provare a scardinare certi meccanismi”.
Il 16 aprile uscirà il loro nuovo disco Nostralgia, “perché la nostalgia sarà il fil rouge che lega tutti i brani, ma volevamo che fosse ancora più nostra. E’ un album che fa il punto sulla situazione delle nostre vite – aggiungono ancora i Coma_Cose -. E ci fa guardare indietro, anche nelle sonorità che vanno a pescare negli anni ’90, un po’ vintage. C’è tanta introspezione nei testi e una parola che torna è ‘perdono’: perché è bello maturare, ma anche fare pace con se stessi. Anche gli errori fatti ci hanno portato fin qua. Di certo non lo possiamo definire un disco rassicurante”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il ‘cuore selvaggio’ di Tarantino in The First Eight
Arriva su MioCinema un docu e in libreria un suo libro
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
26 febbraio 2021
16:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cosa è mai il ‘cuore selvaggio’ di Quentin Tarantino? È un cuore capace di connettersi con tutta la gamma delle emozioni umane attraverso personaggi che hanno una sola mission: fare ‘la cosa giusta’ e farla subito. Questa una delle tante linee guida di ‘QT8 | QUENTIN TARANTINO – THE FIRST EIGHT di Tara Wood, dal 26 febbraio su MioCinema, documentario che racconta tutta la sua carriera attraverso le testimonianze di chi ha lavorato con lui e, ovviamente, immagini dei suoi film.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel frattempo arriverà in libreria a giugno, in contemporanea mondiale in 25 Paesi, C’era una volta a Hollywood, pubblicato da La nave di Teseo. Un vero e proprio romanzo che precede il film omonimo e ne racconta origini e forme di ispirazione.
Come ne esce Tarantino in questo documentario in cui il regista non appare mai, ma viene solo raccontato? Soprattutto come un entusiasta, come indica la sua sonora risata, un outsider che a un certo punto ce l’ha fatta, ma che non si è mai montato la testa. Un uomo poi pieno di contagioso carisma capace di urlare sul set, che segue sempre in prima persona: “Va bene! Va bene la scena! Ma ne giriamo un’altra perché noi amiamo fare cinema”.
“Secchione maniacale”, “cinefilo enciclopedico”, “celluloide viva”, “regista DJ”: questi solo alcuni degli appellativi attribuiti a Tarantino che è sicuramente uno che si diverte davvero a girare: “A volte abbiamo dovuto interrompere la scena perché si sente la sua risata”, dice lo sceneggiatore Scott Spiegel.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mediaset, si amplia Domenica Live, stop D’Urso domenica sera
Live – Non è la D’Urso fino al 28/3. Da 11/4 nuovo spazio news
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
26 febbraio 2021
18:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Dall’11 aprile 2021, dalle 15.00 alle 17.00, debutta un nuovo spazio dedicato all’informazione e all’attualità che andrà ad arricchire “Domenica Live”: il programma festivo di Canale 5 dedicato al costume e all’intrattenimento andrà in onda fino alle 18.45 con quattro ore di diretta”. Lo annuncia Mediaset in una nota, spiegando che “contemporaneamente si conclude il 28 marzo la stagione di “Live – Non è la d’Urso” la domenica sera.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Missione compiuta per il talk show più visto del prime time domenicale dopo un ciclo che fino a oggi ha visto 76 puntate con oltre 300 ore di informazione e di servizio costruite con tenacia anche nelle fasi più difficili dell’emergenza sanitaria”.
Mediaset fa notare che il programma “ha ospitato anche decine di esperti oltre a protagonisti della politica come Domenico Arcuri, Silvio Berlusconi, Stefano Bonaccini, Maria Elena Boschi, Giuseppe Conte, Luigi Di Maio, Giorgia Meloni, Matteo Salvini, Roberto Speranza, Giovanni Toti, Luca Zaia, Nicola Zingaretti e tanti altri. Come tutti i programmi che rappresentano un appuntamento per il pubblico, il talk serale riprenderà con le nuove edizioni”.
Barbara d’Urso nel frattempo proseguirà fino all’estate con l’impegno quotidiano del contenitore “Pomeriggio Cinque”.
Mauro Crippa, direttore generale dell’informazione Mediaset tiene a sottolineare: “Barbara d’Urso è capace di guardare oltre i confini del tradizionale pubblico delle news. Sa parlare un linguaggio semplice, informa e diverte le famiglie che trascorrono a casa la domenica. Sa spiegare la politica anche a chi normalmente non la segue. Barbara è una risorsa per Mediaset, una professionista che non ha mai tradito il suo pubblico”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Congo: Pam, Rocco Leone sta bene, non è in ospedale
Vicedirettore del Pam in Congo sopravvissuto all’attacco
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
26 febbraio 2021
18:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il vicedirettore del Programma alimentare mondiale in Congo, Rocco Leone, sopravvissuto all’attacco in cui sono stati uccisi l’ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista “non è in ospedale e sta bene”. Lo ha detto il vicedirettore della comunicazione del Pam, Greg Barrow, in un briefing alla stampa.   MONDO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Congo: superstite italiano, diremo tutto agli inquirenti
Perché responsabili dell’attacco siano assicurati alla giustizia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
26 febbraio 2021
18:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Non posso entrare nei dettagli dell’attacco” ma siamo “pronti a dare tutte le informazioni” e “stiamo lavorando con tutti gli inquirenti” in modo che “chi ha perpetrato questo crimine sia assicurato alla giustizia”. Lo ha detto il vicedirettore del Programma alimentare mondiale (Pam) in Congo, Rocco Leone, rimasto illeso nell’attacco in cui sono stati uccisi l’ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista.
Leone ha rilasciato una dichiarazione letta dal vicedirettore della comunicazione del Pam, Greg Barrow, in un briefing alla stampa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Hit parade, subito in vetta Il tre con ‘ALI’
New entry al 4/o posto Venerus con Magica musica, al top vinili
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
26 febbraio 2021
19:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo aver raggiunto a poche ore dalla pubblicazione la vetta di iTunes e di Apple, mentre su Amazon i tre formati disponibili sono andati esauriti in preorder e dopo essere entrato alla terza posizione della Global Chart di debutto di Spotify , “ALI – Per chi non ha un posto in questo mondo”, il primo album de Il Tre, entra direttamente al primo posto della classifica ufficiale Fimi/Gfk.
L’artista romano (al secolo Guido Senia), classe ’97, scalza dalla vetta “OK” di Gazzelle che scivola in terza posizione, mentre resta stabile al secondo posto ‘Obe’ (acronimo di Out of body experience), il nuovo progetto discografico di Mace.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Alle spalle del podio un’altra new entry: è ‘Magica Musica’, il disco di debutto di Venerus, astro nascente del cantautorato italiano, anche in vetta ai vinili più venduti, che precede Plaza di Capo Plaza, questa settimana in quinta posizione.
A seguire Sfera Ebbasta con ‘Famoso’, i Pinguini Tattici Nucleari con ‘Ahia’, Ernia con ‘Gemelli’ e The Weeknd con ‘After Hours’. Chiude la top ten, in risalita dall’80/a posizione, ‘Be’, quinto album in studio dei coreani Bts.
Tra i singoli, si conferma in testa La canzone nostra di Mace, Blanco & Salmo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Umbria arancione, non ci saranno zone rosse
Lo prevede la nuova ordinanza della Regione valida 1-5 marzo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
26 febbraio 2021
20:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Niente più zone rosse in Umbria confermata in fascia arancione per il rischio Covid. Lo prevede la nuova ordinanza della Regione in vigore da lunedì 1 marzo.

Previste comunque alcune misure sia di carattere regionale sia specifiche per la provincia di Perugia (finora sottoposta alle norme più restrittive). L’ordinanza sarà valida sino al 5 marzo in considerazione della scadenza del Dpcm del 14 gennaio e dell’entrata in vigore del nuovo cui l’ordinanza dovrà essere allineata.
La Regione ha spiegato che l’ordinanza potrà essere suscettibile di proroghe o modifiche in ragione del nuovo quadro legislativo nonché dell’eventuale mutamento delle condizioni epidemiologiche.
“E’ un’ordinanza che durerà sino al prossimo venerdì – ha sottolineato la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei – in attesa del nuovo Dpcm. Continuando nei giusti comportamenti spero che già dalla settimana successiva si possano avere i presupposti per continuare a diminuire le misure restrittive, soprattutto per ciò che concerne la scuola”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La moglie di Attanasio: “Tradito da qualcuno vicino a noi”
“Quella mattina non avevamo nessuna percezione del pericolo”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
26 febbraio 2021
12:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Luca è stato tradito da qualcuno vicino a noi, alla nostra famiglia. Quella mattina la sua era un’operazione che non implicava direttamente il suo lavoro di ambasciatore”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo dice in un’intervista a Il Messaggero Zakia Seddiki, moglie dell’ambasciatore italiano ucciso lunedì mattina in un agguato nella foresta di Virunga in Congo.
“Quella mattina, ci siamo scritti via WhatsApp. Lui lo faceva sempre, mi ha mandato due foto nel giro di pochissimi minuti – spiega – Venti minuti dopo mi ha ripetuto la stessa frase che mi diceva quando non eravamo insieme: Ti amo amore mio e mi mancate. Era tranquillo, sorridente. Non avevo nessuna percezione del pericolo e come me, lui. Anche nell’ultima foto, quella con il carabiniere Iacovacci rimasto vittima insieme a Luca nell’agguato. Nello scatto, sorridono e salutano.
L’appuntamento di quella mattina poi era in programma da tempo per un progetto del World Food Programme. E invece…”.
La vita di Attanasio con la famiglia “fino a quella mattina è andata avanti senza nessuna avvisaglia. Però è vero: Luca aveva fatto richiesta per una nuova macchina. Perché quella che era a disposizione in ambasciata, aveva avuto alcuni problemi meccanici. Quindi non c’è nessuna relazione con ciò che è accaduto quella terribile mattina”.
“Saranno le indagini ad accertare cosa è accaduto nella foresta. In queste ultime ore sono stata travolta dagli eventi, dal dolore per me, per la mia famiglia distrutta. L’unica risposta che mi sono data, e che posso dare, è che qualcuno che conosceva i suoi spostamenti ha parlato, lo ha venduto e lo ha tradito. Mentre io ho perso l’amore della mia vita”.
Con Luca “dividevamo e condividevamo tutto, perciò anche le rispettive religioni: frequentavo la chiesa, con i riti cattolici. E lui faceva lo stesso, partecipando ai riti islamici. Non c’è stato mai alcun problema anche sull’educazione delle nostre figlie a cui abbiamo sempre letto sia la Bibbia che il Corano”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Congo: camera ardente Attanasio, a Limbiate centinaia in fila
In Comune vedova e genitori dell’ambasciatore ucciso in Congo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
LIMBIATE
26 febbraio 2021
12:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È stata aperta con una decina di minuti di anticipo, perché la fila di persone in attesa invadeva quasi la strada, la camera ardente di Luca Attanasio, l’ambasciatore italiano ucciso lunedì in Congo insieme al carabiniere Vittorio Iacovacci e all’autista Mustapha Milompa.
Dopo i funerali di stato ieri a Roma, da oggi è il suo paese, Limbiate (Monza e Brianza), al quale era molto legato, a volergli rendere omaggio.
La camera ardente è stata allestita nell’atrio del Comune: la bara avvolta nel tricolore, il picchetto d’onore dei carabinieri in alta uniforme, uno schermo su cui vengono proiettate immagini e interviste dell’ambasciatore.
All’apertura della camera ardente erano presenti la vedova e i genitori di Attanasio. Domani si svolgeranno le esequie pubbliche al campo sportivo celebrate dall’arcivescovo di Milano Mario Delpini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: sit-in lavoratori ristorazione a Napoli, traffico ko
Blocco sul lungomare, ‘vogliamo riaprire’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
26 febbraio 2021
13:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Traffico in tilt sul lungomare di Napoli a causa di una manifestazione del comparto ristoranti e bar. Gli aderenti hanno attuato un blocco stradale in via Nazario Sauro, appena rimosso e durato una novantina di minuti, per protestare contro la nuova chiusura delle attività scattata domenica scorsa, con il passaggio della Campania in fascia arancione.

I manifestanti hanno urlato in strada la loro rabbia, chiedendo di poter riaprire i tavoli dei bar e dei ristoranti e denunciando un mancato ascolto alle loro istanze da parte della Regione e della Prefettura.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Abiti sposa in piazza, flash mob operatori wedding Caglari
“In ginocchio con restrizioni Covid, pronti a nuove proteste”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
26 febbraio 2021
14:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Abiti da sposa in piazza dal Carmine, a Cagliari. Ma non c’è nessun matrimonio e non c’è nemmeno aria di festa: è la protesta degli operatori del settore wedding, dall’abbigliamento ai planner passando per fotografi e fiorai, per chiedere attenzione e ristori che compensino i danni legati alla riduzione dell’attività a causa del Covid.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tutti schierati in ordine a occupare tutta la piazza per un flash mob che si è tenuto contemporaneamente anche nel resto d’Italia. E pronti alla protesta ogni 26 del mese sino a quando non ci saranno risposte da parte del Governo.
“Il settore wedding – spiegano gli organizzatori – è uno tra i comparti più colpiti, se non il più colpito, dalla crisi collegata all’emergenza vista l’immediata chiusura di tutto ciò che generava assembramento di persone imposti dal governo, anche il successivo restringimento numerico di presenze (per i matrimoni) ha bloccato le celebrazioni per il 90%”. Se non ci dovessero essere nuove regole per i matrimoni – denunciano i promotori del flash – entro il 15 marzo 2021 rischia di fallire io 50/80 percento delle aziende del comparto.
“Le coppie che dall’anno scorso hanno spostato la cerimonia al 2021 – questa la constatazione degli operatori – stanno ora chiedendo agli operatori certezze, gli operatori non sono in grado di dargliele e già i matrimoni di maggio sono stati in buona parte nuovamente rinviati e in molti casi disdetti”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Femminicidio: giudice, Stato indennizzi figlia vittima
Legale, non condivisibile somma fissa di 60mila euro
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
26 febbraio 2021
14:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il giudice della Seconda sezione civile di Roma ha condannato la Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Ministero della Giustizia, a indennizzare in solido con 60mila euro, con gli interessi legali dall’inizio della causa, a favore di una donna il cui padre era stato condannato in via definitiva dalla Corte di Assise di Appello di Cagliari per l’omicidio di sua madre.
L’indennizzo è stato stabilito in base al Decreto del 22/11/2019, riguardante la “Determinazione degli importi dell’indennizzo alle vittime dei reati intenzionali violenti”, quantificato per “il delitto di omicidio commesso dal coniuge, anche separato o divorziato, o da persona che è o è stata legata da relazione affettiva alla persona offesa, nell’importo fisso di euro 60.000 esclusivamente in favore dei figli della vittima”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Al Decreto si era giunti dopo la direttiva europea che istituiva un indennizzo a favore delle vittime di reati violenti ed intenzionali, “laddove risulti impossibile ottenere il risarcimento del danno dagli autori dei delitti”. Direttiva, aggiunge il giudice “tardivamente trasposta nell’ordinamento” italiano con alcuni limiti limitatamente e che era stata “integralmente attuata” solo con una legge del 2016.
L’avvocato milanese Claudio Defilippi, che assiste la donna, ricorrerà in appello in quanto, a suo avviso, la cifra ‘standard’ di 60mila euro non tiene conto delle diverse circostanze in cui si trovano i famigliari delle vittime e l’omicida. Il legale sottolinea inoltre come il ricorso al giudice sia necessario in quanto “non vengono risposte” dalle Prefetture presso le quali è istituito il fondo per gli indennizzi dei famigliari stessi che vi potrebbero ricorrere in via amministrativa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola, ordinanza Acquaroli, Dad al 100% superiori Marche
Da domani. Anche per 2/e e 3/e medie province Ancona e Macerata
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
26 febbraio 2021
15:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Firmata oggi dal presidente della regione Marche Francesco Acquaroli un’ordinanza che dispone, a partire da domani, sabato 27 febbraio, e fino al 5 marzo (giorno di scadenza dell’attuale Dpcm), la didattica a distanza al 100% in tutte le scuole superiori delle Marche. Nelle sole province di Ancona e Macerata la stessa modalità in Dad al 100% riguarderà anche le seconde e terze classi delle scuole medie.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’obiettivo è ridurre la pressione sul sistema sanitario regionale, alla luce di un incremento di contagi covid nelle fasce di età giovanili, a partire dalla provincia di Ancona, ma anche negli altri territori.
Un provvedimento necessario, informa la Regione, per contrastare la diffusione del virus in ambito scolastico e nelle classi di età maggiormente colpite, intervenendo nelle province in base alla differente intensità di incidenza rilevata nelle diverse fasce di età. L’incidenza è maggiore nella provincia di Ancona e Macerata, specie nelle classi di età 11-13 anni e 14-18 anni. Tuttavia si segnala anche nelle restanti province un deciso incremento dei contagi nella classe 14-18 anni. Resta garantita la possibilità di svolgere la presenza per i laboratori, gli studenti con disabilità e con bisogni educativi speciali. Nel provvedimento viene disposta anche la proroga fino al 5 marzo, a scadenza dell’attuale Dpcm, delle ordinanze già in vigore, che dispongono i limiti di spostamento in entrata e in uscita nel territorio provinciale di Ancona e le restrizioni per i 20 Comuni in zona arancione dell’Anconetano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Roma, protesta dei commercianti del rione Trevi
Su 40 esercizi solo 5 aperti e con meno 2/3 di forza lavoro
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
26 febbraio 2021
16:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un tavolino collocato di giorno davanti a Fontana di Trevi con le iniziali di tutti i lavoratori “lasciati a casa da alcune delle misure assurde ed inefficaci” adottate contro il Covid” e alcune scritte come “il virus è pericoloso dopo le 18:00” “io niente ristori perché sono figlio di un codice Ateco minore”, “bar vuoti ma bus pieni”. E’ la protesta dell’Associazione dei Commercianti del Rione Trevi che da ormai un anno vivono gli effetti “devastanti” dell’epidemia visto che il centro di Roma è ormai privo di turisti e dei tanti lavoratori romani che si trovano in smart working.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il virus c’è e va affrontato, ma dopo tutto questo tempo non possiamo più accettare certe discriminazioni e facilonerie – sostiene il presidente dell’Associazione Fabrizio Patrizi- perché ad un anno di distanza dall’emergenza Covid molte misure inutili ed improvvisate sono state per gli operatori commerciali dannose quanto il virus. La nostra protesta vuol far capire in modo chiaro ed evidente che fino ad oggi sono rimaste a casa molte persone che fino ad oggi sono state sempre identificate come numeri. Attualmente sono soltanto 5 le attività aperte su oltre 40 del Rione. E non è che quelle 5 riescono a sopravvivere visto che hanno ridotto la forza lavoro di almeno i 2/3 e la stessa riduzione è avvenuta per tutta la catena dell’indotto. Su quel tavolo ci sono, infatti, le iniziali di molti fornitori”.
La speranza dell’Associazione dei Commercianti del Rione Trevi è che “questo banchetto non diventi una lapide della nostra attività lavorativa, cosa che avverrà perché se non si trovano delle misure per ricominciare a lavorare in sicurezza, le aziende non ripartiranno. Noi vogliamo che il nostro sia un monito per evitare nuovi errori visto che questa situazione è probabile che duri per tutto il 2021”.
Il banchetto rimarrà davanti alla Fontana di Trevi per “un’altra settimana, poi come Associazione – conclude il presidente – decideremo se portarlo al sindaco di Roma, oppure sotto uno dei ministeri competenti”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Crollo cimitero: recuperate 8 salme, in tutto sono 20
E 4 ossari. Domenica entra in azione Comsubin
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
26 febbraio 2021
16:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sale a 20 il numero di feretri recuperati nel mare di Camogli dove cinque giorni fa è crollata la falesia sulla quale poggiava un’ala del cimitero con oltre 200 bare. Nel conteggio sono esclusi i due corpi rinvenuti ieri nel genovese mentre quello del savonese non ha al momento riscontri.
Oggi i vigili del fuoco hanno ripescato in mare 8 salme e 4 ossari. “Domenica – ha spiegato l’assessore regionale alla Protezione Civile Giacomo Giampedrone durante il quotidiano aggiornamento tra Regione Liguria, comune di Camogli, tecnici e soccorritori – il Comsubin della Marina ispezionerà tutto lo specchio acqueo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:Fvg,468 nuovi casi e contagi su 8.591 campioni,6 morti
Ricoveri in terapie intensive 56, in altri reparti 348
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
26 febbraio 2021
17:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oggi in Friuli Venezia Giulia su 5.873 tamponi molecolari sono stati rilevati 294 nuovi contagi con una percentuale di positività del 5,01%. Sono inoltre 2.718 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 174 casi (6,40%).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I decessi registrati sono 6; i ricoveri nelle terapie intensive sono 56 e quelli in altri reparti 348.
Lo comunica il vicegovernatore con delega alla Salute del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi.
I decessi complessivamente ammontano a 2.823, con la seguente suddivisione territoriale: 637 a Trieste, 1.408 a Udine, 591 a Pordenone e 187 a Gorizia. I totalmente guariti sono 61.354, i clinicamente guariti salgono a 1.951, mentre le persone in isolamento oggi risultano essere 9.471.
Dall’inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 76.003 persone con la seguente suddivisione territoriale: 14.682 a Trieste, 34.733 a Udine, 16.742 a Pordenone, 8.961 a Gorizia e 885 da fuori regione.
Nel dettaglio dei dati odierni, nel settore delle residenze per anziani è stato rilevato un solo caso di positività tra le persone ospitate nelle strutture regionali; nessun tra gli operatori sanitari all’interno delle stesse.
Sul fronte del Sistema sanitario regionale da registrare nell’Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale le positività al Covid di due amministrativi, un infermiere e un medico; nell’Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina di un terapista; nell’Azienda sanitaria Friuli Occidentale di un infermiere.
Infine, da evidenziare il caso di una persona contagiata rientrata dall’estero (Regno Unito).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
COVID: 20.499 NUOVI POSITIVI, 253 MORTI
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
26 febbraio 2021
17:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I dati del ministero della Salute, contagi aumentano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
26 febbraio 2021
17:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 20.499 i test positivi al coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri i positivi erano stati 19.886.
Le vittime sono invece 253, in calo rispetto alle 308 di ieri.
Sono 325.404 i test (molecolari e antigenici) effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, in calo rispetto ai 353.704 di ieri. Il tasso di positività sale al 6,3% (+0,7%).
Sono 2.194 i pazienti ricoverati in terapia intensiva con un aumento di 26 unità rispetto a ieri. Gli ingressi giornalieri in rianimazione sono stati 188. Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 18.292 persone, 35 in più di ieri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Delitto Gucci: Patrizia Reggiani ha chiuso i conti con la giustizia
Archiviata l’ultima indagine a carico della moglie di Maurizio Gucci ucciso nel 1995
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
26 febbraio 2021
17:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Patrizia Reggiani, condannata a 26 anni di cui 17 trascorsi in carcere come mandante dell’omicidio del marito Maurizio Gucci, ucciso a Milano nel 1995, ha chiuso i conti con la giustizia.
Oggi infatti il gip Roberto Crepaldi ha archiviato l’ultimo procedimento penale a carico della signora.
Fu indagata “erroneamente”, spiega la difesa, per mancata esecuzione del provvedimento del giudice a causa della denuncia di Giuseppe Onorato, il portiere del palazzo in via Palestro che il giorno del delitto fu ferito: l’uomo, morto a novembre per infarto, non si era visto risarcire i 200 milioni di lire disposti in sentenza.
Somma ora versata.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 12 casi di variante inglese a Olbia
L’annuncio del sindaco Nizzi, “situazione sotto controllo”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
OLBIA
26 febbraio 2021
18:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono dodici i casi di variante inglese del coronavirus riscontrati a Olbia, tutti isolati e sotto controllo. Lo ha precisato il sindaco, Settimo Nizzi, facendo il punto della situazione epidemiologica in città.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In totale le persone residenti a Olbia attualmente contagiate dal virus sono 95, fra queste 12 hanno contratto la variante inglese. Alcuni dei casi di variante sono stati registrati nelle scuole e l’amministrazione comunale ha già provveduto a chiudere gli istituti interessati per il tempo necessario a eseguire la completa sanificazioni degli ambienti: tutte le scuole sono ora aperte in assoluta sicurezza. Il sindaco si è anche soffermato sull’intensificazione dei controlli e sulle sanzioni comminate nei giorni scorsi a diverse attività commerciali: “Questa variante del virus è molto contagiosa e aggressiva, per cui non possiamo permetterci di abbassare la guardia e tutti dobbiamo applicare e rispettare le misure di sicurezza per contrastare la diffusione della malattia”. Dal canto suo Nizzi ha anche spiegato che sarebbe favorevole alla riapertura dei ristoranti, ma sempre nel rispetto di tutti i protocolli di sicurezza indicati dalle autorità. Sul fronte dei vaccini, Nizzi ha riferito di avere chiesto agli organi regionali un’accelerazione della campagna di vaccinazione, ribadendo la piena disponibilità e collaborazione del Comune di Olbia a mettere in campo tutte le forze e gli strumenti a sua disposizione per far sì che la popolazione sia vaccinata quanto prima, a partire dalle fasce più deboli ed esposte, come gli anziani.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
COVID Grado a Fedriga, chiudi due weekend
Ricoveri in terapie intensive 56, in altri reparti 348
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
26 febbraio 2021
18:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oggi in Fvg su 5.873 tamponi molecolari sono stati rilevati 294 nuovi contagi con una percentuale di positività del 5,01%. Sono inoltre 2.718 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 174 casi (6,40%).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I decessi sono 6; i ricoveri nelle terapie intensive sono 56, quelli in altri reparti 348. Lo comunica il vicegovernatore con delega alla Salute del Fvg, Riccardo Riccardi.
I decessi complessivamente ammontano a 2.823, con la seguente suddivisione territoriale: 637 a Trieste, 1.408 a Udine, 591 a Pordenone e 187 a Gorizia. I totalmente guariti sono 61.354, i clinicamente guariti salgono a 1.951, mentre le persone in isolamento oggi risultano essere 9.471.
Intanto, il sindaco di Grado scrive a Fedriga invitandolo a chiudere il suo comune per ‘chiudere 2 weekend’: “Siamo molto preoccupati per l’incertezza sull’incidenza dei contagi nell’isola, a fronte di una previsione di 20.000 presenze di turisti e visitatori nel prossimo weekend, dunque chiediamo al presidente Fedriga un blocco degli spostamenti per i prossimi due weekend, almeno verso le zone costiere, dove i turisti si riversano incoraggiati dal bel tempo”. Lo ha detto oggi il sindaco di Grado Dario Raugna che, confrontatosi con la Giunta, ha inviato una lettera al governatore.
Mentre si aspetta la conferma che il Fvg sia in zona gialla, come le due settimane precedenti, ha preso il via in ospedale a Udine la campagna vaccinale destinata alle forze di polizia e, in parte, alle forze armate. AstraZeneca viene somministrato a chi ha volontariamente aderito. Si procede da chi ha meno di 55 anni e non presenta vulnerabilità incompatibili con la profilassi.
Il Covid ha colpito il presidente del Consiglio Fvg, Piero Mauro Zanin, risultato positivo asintomatico. Lo si è scoperto a Roma, dove si trovava per un impegno istituzionale.
Il Governatore Fedriga ha criticato la politica vaccinale dell’Unione Europea: “Non conosco” la campagna sulla produzione dei vaccini ma “so che ci sono dei paesi come Israele, Gran Bretagna e Stati Uniti che hanno forniture massicce e vaccinano moltissimo. Non è accettabile che l’Europa non sia stata in grado di garantire vaccini per la propria popolazione”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Acquaroli, Marche in arancione da lunedì
‘Mi dispiace, ma ora bisogna fermare recrudescenza contagio’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
26 febbraio 2021
18:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Mi ha appena comunicato il ministro Speranza che da lunedì la nostra regione sarà in zona arancione. Mi dispiace moltissimo per le restrizioni che condizioneranno la nostra quotidianità e tutte le attività, ma mi preme raccomandarvi la massima attenzione”.
Così il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli su fb.
“Sapete quanto in altre occasioni mi sono battuto per chiedere di consentire lo svolgimento di attività personali ed economiche – aggiunge -, ma in questo momento abbiamo il dovere di fermare il prima possibile questa fase di recrudescenza del virus a tutela della salute e della sicurezza di tutti i marchigiani”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: a Bologna parchi presi d’assalto
Da domani scatta ‘arancione scuro’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
26 febbraio 2021
19:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Centinaia di persone a Bologna hanno affollato nel pomeriggio parchi e aree verdi, approfittando del clima primaverile nell’ultima giornata prima del passaggio alla zona ‘arancione scuro’, che scatta domani e prevede maggiori restrizioni anche negli spostamenti all’interno del comune di residenza. I giardini Margherita, in particolare, sono stati presi d’assalto da gruppi di giovanissimi, radunati sui prati e in gran parte senza mascherina.

Nel giardino, fra ieri e oggi ci sono stati diversi interventi della Polizia Locale per invitare le persone a rispettare le distanze e indossare le mascherine. Anche parco Cavaioni, sui colli fuori porta San Mamolo, è stato scelto da decine di giovani che si sono concentrati nel prato a ridosso della strada. Una folla è stata segnalata, nella serata di ieri, anche nel giardino fra via Gobetti e via Fioravanti, a ridosso di quello che fu il centro sociale Xm24. Sono intervenuti Polizia Locale e Digos e i partecipanti si sono allontanati dopo le 23, lasciando un tappeto di bottiglie e rifiuti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Delfini maltrattati a Rimini, confermata 1 condanna
Assolta la veterinaria. Lav, ‘decisione clamorosa’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
26 febbraio 2021
19:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Confermata la condanna del legale rappresentante del delfinario di Rimini a sei mesi, assolta la veterinaria della struttura. E’ la sentenza della Corte di appello di Bologna sui maltrattamenti ai quattro delfini ospitati in spazi, secondo l’accusa, non adeguati alle loro esigenze.
Agli animali, inoltre, sarebbero stati iniettati calmanti e ormoni.
E’ stata mantenuta la confisca dei cetacei, affidati allo Stato. Sono stati invece ridotti i risarcimenti alle associazioni ambientaliste costituite parte civile. Per la Lav l’assoluzione della veterinaria, in primo grado condannata a quattro mesi, è “una decisione clamorosa: vedremo perché nelle motivazioni (entro 90 giorni) e valuteremo con attenzione il ricorso in Cassazione perché non lasceremo nulla di intentato per dare giustizia ai delfini”, dice l’associazione. Gli imputati sono difesi dagli avvocati Piero Ippoliti e Alessandro Francesco Petrillo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: pm Rota, non risulta richiesta zona rossa per Alzano
‘Sorpresa mancata collaborazione Oms, chiederemo rogatoria’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
26 febbraio 2021
19:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La Regione Lombardia avrebbe potuto istituire la zona rossa ad Alzano e Nembro un anno fa, così come la Prefettura o anche i sindaci dei Comuni colpiti, come poi è accaduto e accade tuttora in altre zone d’Italia. È una scelta di natura politica.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In ogni caso, agli atti dell’inchiesta, non risulta nessuna richiesta formale scritta da parte del Pirellone a Palazzo Chigi per sollecitare un provvedimento di chiusura così come non c’è nessuna richiesta da parte del Governo alla Regione per chiudere Alzano e Nembro”. Lo dice in un’intervista a Famiglia Cristiana il procuratore aggiunto di Bergamo, Maria Cristina Rota, che coordina l’inchiesta sulla mancata istituzione della zona rossa in Val Seriana, epicentro della prima ondata della pandemia.
“L’indagine – spiega il pm – all’inizio era circoscritta alla mancata chiusura dell’ospedale di Alzano Lombardo, poi si è ampliata e adesso ruota attorno a due filoni: la zona rossa e il piano pandemico nazionale che non era stato aggiornato”. Sul piano pandemico ico nazionale, Rota afferma che quello italiano era del 2006: “Nel 2012 l’Ue e l’anno successivo l’Oms hanno invitato i singoli Stati ad aggiornarlo alla luce delle nuove linee guida emanate. L’Italia non l’ha fatto. Questo, però, non vuol dire che non fosse valido. Quello che avrà rilevanza per l’indagine è accertare se l’attuazione di quel piano, così com’era, era sufficiente a ridurre il numero dei morti”. Il pm si dice poi “molto sorpresa”, dall’ atteggiamento di “mancata collaborazione” avuto finora dall’Oms, l’Organizzazione mondiale della sanità: “L’Oms non ha consentito al personale convocato di essere ascoltato dalla Procura di Bergamo come persone informate sui fatti affermando di godere dello status d’immunità diplomatica, né ha mai trasmesso le informazioni da noi richieste. Chiederemo una rogatoria sperando in una maggiore collaborazione da un organismo che tutti sappiamo essere neutrale fino a prova contraria”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Piemonte, diventano 8 i Comuni in zona rossa
Nel Vco oltre a Re altri sei comuni. Cavour nel Torinese
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
26 febbraio 2021
19:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Diventano 8 i Comuni del Piemonte in zona rossa, da domani alle 18: oltre alla conferma per Re, lo stesso provvedimento, in vigore fino al 5 marzo, riguarda altri 6 paesi della Valle Vigezzo, nella provincia del Verbano-Cusio-Ossola: Craveggia, Villette, Toceno, Malesco, Santa Maria Maggiore e Druogno. Zona rossa anche a Cavour (Torino), nel Pinerolese, al confine con la provincia di Cuneo, “a causa – spiega la Regione – di un sospetto focolaio da variante su cui sono in corso ulteriori approfondimenti”.

Re, comune montano con poco più di 700 abitanti, è in zona rossa da sabato scorso per un focolaio da variante inglese.
“Nonostante siano state disposte le misure restrittive aggiuntive, – spiega la Regione Piemonte – nell’area si rileva ancora un tasso di incidenza molto elevato e doppio rispetto al tasso medio delle tre settimane precedenti”.   PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: nelle Marche i ricoverati sono 642 (-1)
In terapia intensiva 81 (-3), i dimessi sono 28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
26 febbraio 2021
19:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 642, -1 su ieri, i ricoverati per Covid negli ospedali delle Marche. In calo i pazienti in terapia intensiva, 81 (-3), mentre crescono di poco quelli in semi intensiva, 159 (+1) e nei reparti non intensivi, 402 (+1).
I dati del Servizio Sanità della Regione Marche indicano che nelle ultime 24 ore ci sono stati anche 28 dimessi.
Gli ospiti di strutture territoriali sono 188, le persone nei pronto soccorso (tecnicamente non considerate tra i ricoverati) 67. I positivi in isolamento domiciliare sono arrivati a 9.102 (il totale di ricoverati più isolati è 9.744). Le persone in quarantena per contatti con contagiati sono 17.872, di cui 5.016 con sintomi, 396 operatori sanitari. I dimessi/guariti dall’inizio della pandemia sono 54.503.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, nelle Marche 16 decessi in 24 ore, 9 dell’Anconetano
Totale vittime sale a 2.240 da inizio pandemia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
26 febbraio 2021
19:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ di 16 decessi legati al covid il bilancio giornaliero del Servizio Sanità della Regione Marche, che fanno salire i totale a 2.240 dall’inizio della pandemia.
Sono morti 9 uomini e 7 donne, di età compresa tra 59 e 95 anni.

Nove delle vittime erano della provincia di Ancona.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:Cirio ‘Piemonte arancione è sacrificio,subito ristori’
Rt cresciuto, si attesta sopra l’1
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
26 febbraio 2021
20:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ci viene chiesto purtroppo un nuovo sforzo e so che è un sacrificio grande”. Il governatore Alberto Cirio commenta così, su Facebook, il passaggio dal Piemonte da lunedì in zona arancione.
“L’Rt è cresciuto e si attesta sopra l’1 e la pressione ospedaliera sta aumentando”, osserva il governatore, che ha sentito telefonicamente il ministro Speranza dopo che i dati del report settimanale sono stati validati dal Cts e dal Ministero della Salute.
“Al nuovo Governo abbiamo sollecitato che i ristori per le attività costrette a fermarsi siano immediati – conclude -. È fondamentale”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Umbria arancione, non ci saranno zone rosse
Lo prevede la nuova ordinanza della Regione valida 1-5 marzo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
26 febbraio 2021
20:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Niente più zone rosse in Umbria confermata in fascia arancione per il rischio Covid. Lo prevede la nuova ordinanza della Regione in vigore da lunedì 1 marzo.

Previste comunque alcune misure sia di carattere regionale sia specifiche per la provincia di Perugia (finora sottoposta alle norme più restrittive). L’ordinanza sarà valida sino al 5 marzo in considerazione della scadenza del Dpcm del 14 gennaio e dell’entrata in vigore del nuovo cui l’ordinanza dovrà essere allineata.
La Regione ha spiegato che l’ordinanza potrà essere suscettibile di proroghe o modifiche in ragione del nuovo quadro legislativo nonché dell’eventuale mutamento delle condizioni epidemiologiche.
“E’ un’ordinanza che durerà sino al prossimo venerdì – ha sottolineato la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei – in attesa del nuovo Dpcm. Continuando nei giusti comportamenti spero che già dalla settimana successiva si possano avere i presupposti per continuare a diminuire le misure restrittive, soprattutto per ciò che concerne la scuola”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Strega 75, quando Bellonci annunciò la prima edizione
Petrocchi, che spirito collaborazione e rinascita siano attivi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
26 febbraio 2021
21:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ il 27 febbraio 1947 quando Maria Bellonci annuncia sulla ‘Fiera Letteraria’ la prima edizione del Premio Strega. Arrivato alla 75/ma edizione, gli stessi anni della ricorrenza della proclamazione della Repubblica Italiana, il più importante riconoscimento letterario italiano festeggia la ricorrenza ricordando le parole della Bellonci e riportandoci all’atmosfera di quel periodo che ha qualcosa da dirci nei giorni della pandemia con cui anche lo Strega dovrà ancora fare i conti nel 2021.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il premio è stato costituito col fondo di duecentomila lire messo a disposizione dai fratelli Alberti della ditta Strega, ed è inutile sottolineare quanto sia bello per noi che proprio due uomini dell’industria di gusto e di cultura, abbiano voluto dare il loro contributo ad una iniziativa della società letteraria.
Per ricambiare la cortesia noi chiameremo questo premio il ‘Premio letterario Strega degli Amici della domenica’. Abbiamo pensato di farlo assolutamente indivisibile e per l’organizzazione ci siamo attenuti alle norme del referendum.
Noi, cioè, non poniamo candidati, né pochi né molti. Hanno diritto al voto tutti gli amici che frequentano le nostre riunioni domenicali (che abbiamo calcolato in centocinquanta, comprese le signore e gli amici lontani). La prima votazione, che avrà luogo il 15 giugno, designerà con la maggioranza del suffragio cinque opere pubblicate negli ultimi dodici mesi. Dopo lo scrutinio, che avverrà immediatamente. Si comunicheranno ai votanti i nomi delle cinque opere segnalate per maggioranza di voti, e su queste, sempre con scheda segreta, si ripeterà la votazione. La proclamazione avverrà verso il primo luglio in un locale pubblico. Sarà premiata un’opera narrativa (romanzo, racconti, diario, biografia)” annuncia Maria Bellonci.
Come spiega il direttore della Fondazione Bellonci Stefano Petrocchi: “È una storia nota, che amiamo raccontarci ogni anno e che rivivrà fino al prossimo 8 luglio, quando celebreremo il libro vincitore della settantacinquesima edizione passando attraverso il settantacinquesimo compleanno della Repubblica.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La durezza di questi ultimi mesi ci ha insegnato una volta di più ‘che gli uomini esistono gli uni per gli altri e che gli scrittori non fanno eccezione’. Sono ancora parole di Maria Bellonci. L’augurio è che quello spirito di collaborazione e di rinascita che animava i fondatori del Premio Strega continui a essere attivo in tutti noi”.
E aggiunge soffermandosi sull’annuncio: “La memoria del referendum del 2 giugno 1946, in cui gli italiani hanno scelto la Repubblica, è ancora vivissima, tanto che nello spiegare il meccanismo del premio Maria Bellonci adopera volentieri le parole della consultazione elettorale: ‘referendum’, appunto, e ‘candidati’, ‘votazione’, ‘suffragio’, ‘maggioranza’. Si avverte in questo annuncio la gioia di aver riacquistato l’esercizio dei diritti civili fondamentali dopo gli anni della dittatura e della guerra. Non soltanto nel lessico: è la struttura stessa del nuovo riconoscimento a venire disegnata dal desiderio di un’ampia partecipazione ai riti della società letteraria. In seguito Maria descriverà il gruppo degli Amici della domenica come una giuria ‘vasta e democratica’, più vasta – di fatto – di quella di qualunque altro premio allora esistente in Italia o all’estero. In essa, il giudizio di alcuni fra gli scrittori e le scrittrici maggiori del tempo (Banti, Brancati, Cialente, De Cèspedes, Flaiano… Morante, Moravia, Piovene… scorrere l’annuario del 1947 procura un brivido continuo) è chiamato a confrontarsi da pari a pari con quello di studiosi, pittori, musicisti, imprenditori, politici. Ma anche con quello di numerose ‘signore senza interessi artistici’ accertati, registrano perplesse le cronache, cioè, diremmo oggi, con il giudizio dei lettori e delle lettrici, il quale – osserva Corrado Alvaro, fra i più attivi componenti del gruppo – ‘avrebbe temperato il parere dei letterati cosiddetti puri'” ricorda il direttore della Fondazione Bellonci.
C’è tempo fino al 5 marzo per inviare le proposte degli Amici della Domenica per l’edizione 2021. L’annuncio della dozzina sarà il 22 marzo, il 10 giugno sarà votata la cinquina probabilmente nella sede storica di Casa Bellonci, in via Fratelli Ruspoli a Roma, trasformata in casa Museo, di cui sono terminati i lavori di ristrutturazione. L’8 luglio ci sarà la serata finale con la proclamazione del vincitore.

Cronaca tutte le notizie. Tutte, complete, aggiornate ed in tempo reale! SEGUILE E CONDIVIDILE!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 43 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 11:42 DI MERCOLEDì 24 FEBBRAIO 2021

ALLE 15:13 DI GIOVEDì 25 FEBBRAIO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Grazie Allah per Covid,2 anni a pro-Isis
Arrestato nel luglio 2020 a Milano,’propaganda ossessiva su web’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
24 febbraio 2021
11:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ha patteggiato 2 anni, con sospensione condizionale e non menzione della pena, Nicola Ferrara, 39 anni, che venne arrestato nel luglio del 2020 per apologia e istigazione all’adesione allo Stato islamico per aver invaso la rete e i social con post, audio e video di propaganda per l’Isis.
Il suo “odio per l’Occidente”, stando alle indagini dei carabinieri del Ros e dei pm Alberto Nobili, Piero Basilone e Leonardo Lesti, lo portava a dire, intercettato il 25 marzo dello scorso anno, quando in Italia morivano centinaia di persone al giorno e si era in pieno lockdown, che il Covid “è una cosa di Allah, una cosa positiva”, perché “la gente sta impazzendo” e per gli infedeli “tutto l’haram’ adesso è difficile farlo”, ossia sono stati tolti loro i “vizi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il patteggiamento alla pena sospesa per l’uomo, nato in Puglia (da una decina d’anni a Milano dove lavorava in un parcheggio) e difeso dal legale Domenico Mandalari, è stato ratificato dal gup Livio Cristofano. Era finito in carcere (ora è libero) su ordinanza del gip Guido Salvini e avrebbe frequentato l’associazione culturale Al Nur di Milano, di orientamento sunnita, e due 17enni che pregavano nello stesso centro, ai quali avrebbe proposto le sue “tesi estremiste”.
Ferrara, che si faceva chiamare ‘Issa’ dal 2015, era anche stato per due volte in Qatar e una negli Emirati Arabi per “approfondire l’indottrinamento e trovare un modo per raggiungere l’Afghanistan”. Avrebbe anche fornito “assistenza economica” con tre vaglia, per un totale di 400 euro, a Ghassen Hammami detenuto nel carcere di Rossano Calabro e arrestato in un’indagine di Perugia. E usava la piattaforma ‘Soundcloud’ per brani nei quali risuonavano parole di questo genere: “Versate il sangue della sua giugulare”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Congo: venerdì lutto cittadino a Sonnino per Iacovacci
Sindaco, domani funerali di Stato, il giorno dopo i nostri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
11:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Venerdì sarà lutto cittadino a Sonnino, il paese d’origine di Vittorio Iacovacci in provincia di Latina. Lo annuncia il sindaco Luciano De Angelis: “Dopo i funerali di stato domani mattina, la salma di Vittorio tornerà a Sonnino e il giorno seguente, venerdì, faremo anche i nostri funerali all’Abbazia di Fossanova.
In quell’occasione sarà anche proclamato il lutto cittadino”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fiaccola benedettina allo Spallanzani e in ospedale Bergamo
Accensione a Norcia, poi in luoghi simbolo lotta al Covid
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NORCIA (PERUGIA)
24 febbraio 2021
12:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con l’accensione della fiaccola benedettina “Pro Pace et Europa Una” nella cripta della Basilica di San Benedetto di Norcia , quest’anno completamente sgombra dalle macerie del post 2016, avrà inizio sabato 27 febbraio, alle 15,30, il “Marzo benedettino”. Che quest’anno toccherà anche due ospedali simbolo nella lotta al Covid, lo “Spallanzani” di Roma e il “Giovanni XXIII” di Bergamo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il programma è stato presentato in una videoconferenza stampa con i sindaci di Norcia, Cassino e Subiaco, Nicola Alemanno, Enzo Salera e Francesco Pelliccia. Oltre a don Luigi Di Bussolo, dell’abbazia di Montecassino.
Tutte le celebrazioni, è stato sottolineato, si terranno nel pieno rispetto delle normative anti Covid e con “l’intento di rinnovare il messaggio di Benedetto e quindi dare un segnale di speranza all’Europa e al mondo intero in questo tempo così complicato”.
Dopo quello di sabato a Norcia, gli appuntamenti proseguiranno il 7 marzo, sempre alle 15.30, a Subiaco con l’accensione e la benedizione della fiaccola presso il Sacro Speco, mentre il 13 marzo sarà la volta di Montecassino. Quest’anno, nelle giornate del 17 e 18 marzo, la fiaccola – in segno di vicinanza a medici e malati e nel ribadire sostegno alla ricerca scientifica – varcherà anche le porte degli ospedali “Spallanzani” di Roma e “Giovanni XXIII” di Bergamo. Nel giorno della celebrazione allo “Spallanzani” sono previsti, tra gli altri, anche gli interventi di Paolo Gentiloni, commissario europeo per l’economia, e del capo Dipartimento della Protezione civile, Angelo Borrelli.
“Vorremmo che ancora una volta la luce della fiaccola di Benedetto possa illuminare tutti i decisori politici per individuare migliore strada possibile che tuteli la salute di tutti noi e riuscire a salvare il nostro tessuto sociale ed economico”, ha detto Alemanno. “Ancora una volta – ha aggiunto – le tre città in questi anni continuano a farsi portavoce della regola si San Benedetto ‘ora et labora’ nella convinzione che tutti i responsabili civili possano trarre esempio da questo importantissimo testo ancora oggi di straordinaria attualità”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pdf pirata su Telegram:sequestrati 10 siti,chiusi 329 canali
Indagine Bari, 9 indagati per violazione legge diritto d’autore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
24 febbraio 2021
12:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Guardia di Finanza di Bari ha eseguito il sequestro preventivo di urgenza, emesso dalla Procura, di 10 siti web pirata, che sono stati oscurati, tramite i quali sarebbero stati diffusi giornali, riviste e ebook, permettendo a chiunque di scaricare illecitamente e gratuitamente le relative copie digitali, attraverso link di collegamento a risorse web gestite su server esteri.
L’operazione, chiamata ‘#cheguaio!’, è lo sviluppo dell’inchiesta avviata nell’aprile del 2020 dopo la denuncia della Fieg sulla diffusione dei file pirata sulla piattaforma Telegram, che fino ad oggi ha portato alla chiusura di 329 canali e gruppi di utenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel corso delle indagini sono stati identificati i responsabili della distribuzione illecita di migliaia di copie digitali di quotidiani, 9 dei quali indagati per violazione della legge sul diritto d’autore, mentre gli amministratori dei siti internet restano al momento ignoti.
Nell’agosto scorso alcuni degli indagati sono stati destinatari di perquisizioni domiciliari in Puglia, Campania, Marche e Lazio. “Ci chiuderanno tutto” per cui “l’unica cosa che posso fare è svelarvi dove scarico i giornali e ognuno per la propria strada prima che finiamo tutti in merda” è uno dei messaggi intercettati dagli investigatori durante gli accertamenti, dopo l’oscuramento dei primi canali Telegram.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Terremoti: Croazia, nuova scossa 4.1 intorno a Petrinja
La zona colpita dal forte sisma 6.4 di fine dicembre
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
12:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una nuova forte scossa di terremoto di magnitudo 4.1 ha colpito oggi alle 11.00 la zona di Petrinja, nella Croazia centrale, regione devastata lo scorso 29 dicembre da un sisma di magnitudo 6.4. La scossa è stata avvertita in tutto il nord del Paese e anche nella capitale Zagabria.
Per ora non ci sono notizie di feriti o danni. Da fine dicembre la zona di Petrinja e Sisak è stata interessata da un lungo sciame sismico, con una trentina di scosse di assestamento lievi e medie, e un sisma più forte di magnitudo 5.0. L’ultima scossa rilevante di magnitudo 4.0 risale al 18 febbraio. Il forte terremoto del 29 dicembre ha causato sette vittime, una trentina di feriti e provocato ingenti danni con quasi 4 mila sfollati.    MONDO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Uber, procura apre indagine fiscale
Greco su Uber Eats, analisi su ‘stabile organizzazione occulta’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
24 febbraio 2021
12:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Milano ha aperto un’indagine “fiscale” su Uber Eats, filiale italiana del colosso americano già finita in amministrazione giudiziaria per caporalato sui rider, “per verificare se sia configurabile una stabile organizzazione occulta” dal punto di vista fiscale. Lo ha annunciato il procuratore di Milano, Francesco Greco, nel corso di una conferenza stampa convocata per fare il punto sulle indagini a tutela dei ciclofattorini avviate nel capoluogo lombardo.
“E’ bene che sia aperta questa analisi fiscale su Uber Eats, peraltro già in corso”, ha aggiunto Greco.
“Non è più il tempo di dire sono schiavi ma è il tempo di dire che sono cittadini”, ha aggiunto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Procuratore di Milano: ”Non schiavi ma cittadini, vanno assunti 60mila rider’
Indagate 6 persone, tra amministratori delegati, legali rappresentanti o delegati per la sicurezza delle società Uber Eats, Glovo-Foodinho, JustEat e Deliveroo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
25 febbraio 2021
10:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Milano ha aperto un’indagine “fiscale” su Uber Eats, filiale italiana del colosso americano già finita in amministrazione giudiziaria per caporalato sui rider, “per verificare se sia configurabile una stabile organizzazione occulta” dal punto di vista fiscale. Lo ha annunciato il procuratore di Milano Francesco Greco nel corso di una conferenza stampa convocata per fare il punto sulle indagini a tutela dei ciclofattorini avviate nel capoluogo lombardo. “E’ bene che sia aperta questa analisi fiscale su Uber Eats, peraltro già in corso”, ha aggiunto Greco.
La Procura milanese nell’indagine sui rider che si è estesa a livello nazionale ha indagato 6 persone, tra amministratori delegati, legali rappresentanti o delegati per la sicurezza, delle società Uber Eats, Glovo-Foodinho, JustEat e Deliveroo, ha spiegato in conferenza stampa, via web, il procuratore aggiunto milanese Tiziana Siciliano che con il pm Maura Ripamonti è titolare del fascicolo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Questa inchiesta – ha detto Tiziana Siciliano – si è imposta perché questa situazione di illegalità è palese”.
“Non è più il tempo di dire sono schiavi ma è il tempo di dire che sono cittadini”, ha affermato Greco, nella conferenza stampa indetta per fare il punto della “prima fase” delle indagini milanesi sui riders che in questo periodo di lockdown svolgono “una funzione fondamentale” perchè consegnano a casa dei cittadini il cibo e hanno permesso a “molte imprese di non chiudere”. Greco si riferisce alla necessità di un “approccio giuridico” al tema.
Oltre “60mila lavoratori” di società del delivery, ossia Uber Eats, Glovo-Foodinho, JustEat e Deliveroo, dovranno essere assunti dalle aziende come “lavoratori coordinati e continuativi”, ossia passare da lavoratori autonomi e occasionali a parasubordinati. E ciò sulla base, come spiegato nella conferenza stampa della Procura di Milano, di verbali notificati stamani alle aziende. “Diciamo al datore di lavoro – è stato spiegato – di applicare per quel tipo di mansione che svolgono i rider la normativa, di applicare i contratti adeguati e quindi ci devono essere quelle assunzioni”. Altrimenti saranno presi “provvedimenti” specifici. In Italia i rider “hanno un trattamento di lavoro che nega loro un futuro”, ha detto Greco. ‘Hanno un permesso di soggiorno regolare – ha proseguito – ma non permettiamo loro di costruirsi una carriera adeguata”
Alle società del delivery che fanno lavorare i rider sono state “contestate ammende” sui profili di sicurezza dei fattorini per “oltre 733 milioni di euro”. Il dato impressionante è stato comunicato da Antonino Bolognani, comandante del Nucleo tutela del lavoro dei carabinieri, nel corso della conferenza stampa con Greco, l’aggiunto Tiziana Siciliano e il pm Maura Ripamonti. “Se le aziende pagheranno queste ammende, ciò consentirà loro l’estinzione del reato”, ha aggiunto Bolognani. In attività di verifiche sono stati controllati “oltre 60mila fattorini”, lavoratori “esposti a rischi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rider: ammende per 733 Mln a società
Verifiche dei CC sulle condizioni di lavoro di 60mila fattorini
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
24 febbraio 2021
12:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Alle società del delivery che fanno lavorare i rider sono state “contestate ammende” sui profili di sicurezza dei fattorini per “oltre 733 milioni di euro”. Il dato impressionante è stato comunicato da Antonino Bolognani, comandante del Nucleo tutela del lavoro dei carabinieri, nel corso di una conferenza stampa con il procuratore di Milano, Francesco Greco, l’aggiunto Tiziana Siciliano e il pm Maura Ripamonti.
“Se le aziende pagheranno queste ammende, ciò consentirà loro l’estinzione del reato”, ha aggiunto Bolognani. In attività di verifiche sono stati controllati “oltre 60mila fattorini”, lavoratori “esposti a rischi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Disperso sul Vettore: trovato morto escursionista 60enne
(v. Disperso sul Vettore: ricerche da 16 ore…’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ARQUATA DEL TRONTO
24 febbraio 2021
12:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato trovato e recuperato il cadavere di Marco Stortoni, 60 anni, pasticciere di Montefalcone Appennino (Fermo), appassionato di escursioni in montagna, disperso da ieri pomeriggio sul Monte Vettore nella zona di Arquata del Tronto (Ascoli Piceno). La sagoma dell’escursionista, durante le ricerche di carabinieri, vigili del fuoco e soccorso alpino, era stata individuata in mattinata da un drone.
Il cadavere del 60enne, che indossava scarponi da montagna, ancora con zaino in spalla, era in posizione supina su uno spuntone di roccia, con intorno neve, nella zona del Canalino nella parte alta del costone. Non si conoscono al momento le cause e la dinamica del decesso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cima nave si spezza, colpisce e uccide marinaio a Messina
Su nave in servizio sullo Stretto, incidente durante approdo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MESSINA
24 febbraio 2021
13:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un dipendente della compagnia di navigazione Caronte & Tourist, Gaetano Puleo, 61 anni, nostromo, è morto stamani in un incidente a bordo della motonave Elio, che opera sullo Stretto di Messina, durante le fasi di approdo al molo Norimberga, nella città siciliana. Dalle prime notizie, pare che il marinaio sia stato colpito in pieno da una cima che si è spezzata.
Indagando i carabinieri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: Unhcr-Oim, il 20 febbraio naufragio con 41 dispersi
Lo riferiscono superstiti soccorsi da mercantile Vos Triton
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
13:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il team di Unhcr, presente a Porto Empedocle in attesa dello sbarco dalla nave mercantile Vos Triton di 77 migranti e rifugiati, ha raccolto “testimonianze accurate circa il naufragio avvenuto sabato 20 febbraio nel Mediterraneo Centrale che confermano come almeno 41 persone sarebbero annegate e sono ora disperse”. Lo fanno sapere Unhcr e Oim.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: a Palermo hub con 60 postazioni,10 mila dosi giorno
Musumeci, noi pronti ma fornitura delle dosi va a rilento
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
24 febbraio 2021
13:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Oggi inizia la stagione della speranza e sono convinto che soltanto con i vaccini potremo tirarci fuori da questa maledetta vicenda”. Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, che in mattinata, ha inaugurato l’hub vaccinale nel padiglione 20 dell’ex Fiera del Mediterraneo di Palermo, dove a regime si potranno somministrare circa 10mila dosi al giorno.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quello di Palermo è il primo dei 9 hub vaccinali che saranno aperti nei prossimi giorni dalla Regione Siciliana, uno in ogni città capoluogo. Cento complessivamente gli operatori – tra medici, infermieri e personale tecnico ed amministrativo – a lavorare su due turni in 60 postazioni modulari che potranno arrivare a 120. Il vaccino non sarà riservato solo a chi ha già compiuto 80 anni, ma in Fiera saranno effettuate anche le vaccinazioni con AstraZeneca per le forze dell’ordine e con Pfizier-Biontech a completamento del personale socio-sanitario.
“Oggi salutiamo l’inizio della stagione della speranza, vorrei dire della certezza, ma non abbiamo la sicurezza che il vaccino arrivi in tempo. Stiamo procedendo come da calendario – ha assicurato Musumeci -. Secondo il piano predisposto dal governo regionale, avremmo dovuto completare la campagna di vaccinazione entro la metà di settembre. Purtroppo, le notizie che arrivano dal fronte vaccini non sono incoraggianti. Ieri Astrazeneca ha comunicato riduzione ulteriore del 50% e chi doveva mantenere gli impegni non lo ha fatto nemmeno con Bruxelles. Noi siamo qui in attesa di partire alla grande”.
Il primo over 80 a ricevere la dose alle 8 del mattino è stato Vincenzo Agostino, padre del poliziotto Nino assassinato il 5 agosto del 1989 con la moglie Ida Castelluccio a Villagrazia di Carini.   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: in Emilia-Romagna 1.427 nuovi casi e 33 morti
Oltre 42mila tamponi, crescono i ricoveri in terapia intensiva
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
24 febbraio 2021
17:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 1.427 i nuovi casi di positività al Coronavirus individuati nelle ultime 24 ore in Emilia-Romagna, sulla base di 42.169 tamponi, fra molecolari e antigenici, messi a referto. I morti sono 33.

Dei nuovi contagiati sono 648, individuati con l’attività di screening e contact tracing. Crescono i contagi in provincia di Ravenna (240), restano alti anche Bologna (227) e Rimini (222).
I casi attivi salgono a 36.771 (+63 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, sono il 93,9%. Aumentano i ricoverati in terapia intensiva che raggiungono quota 201 (cinque in più di ieri) mentre calano di 16 unità quelli negli altri reparti covid, che sono 2.025.
Sedici delle nuove 33 vittime sono in provincia di Bologna, quattro nel Riminese, tre a Piacenza, Ferrara e Parma, due in provincia di Forlì-Cesena, uno a Modena e Ravenna. In totale, dall’inizio dell’epidemia i decessi in regione sono stati 10.426.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sei un antifascista, schiaffo a ragazzo
Da parte di quattro ventenni. Episodio nello Spezzino
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
LA SPEZIA
24 febbraio 2021
17:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sei un antifascista!”. È quanto hanno urlato quattro ventenni nei confronti di un coetaneo, prima che uno di loro lo colpisse con uno schiaffo.
È quanto accaduto lunedì pomeriggio a Ceparana e sull’episodio stanno indagando i carabinieri. I quattro giovani sono stati individuati: alcuni di loro erano finiti sotto inchiesta nell’ambito dell’operazione Aurora, che nel 2017 aveva portato allo smantellamento di una cellula di naziskin in bassa Val di Vara, sempre nello Spezzino. Chi ha colpito il ventenne è già stato identificato e denunciato per lesioni personali. La sua casa è stata perquisita: trovate mazze e un coltello.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid Usa, Fda: ‘forte protezione dal vaccino Johnson&Johnson’
‘Il 72% di efficacia negli Usa e il 64% in Sudafrica’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
24 febbraio 2021
17:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il vaccino anti-Covid monodose della Johnson&Johnson fornisce una protezione forte contro il virus e può ridurre il contagio dalle persone vaccinate. Lo afferma la Food and Drug Administration in una nuova analisi postata online e riportata dai media americani.
Il vaccino ha il 72% di efficacia negli Usa e il 64% in Sudafrica.
Intanto, durante il briefing della task force anti-Covid della Casa Bianca è stato annunciato che gli Stati Uniti sono pronti a distribuire da 3 a 4 milioni di dosi del vaccino di Johnson&Johnson la prossima settimana.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Zaki: attivisti, il padre ricoverato in ospedale
‘I timori per il figlio si sono tradotti in problemi di salute’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
IL CAIRO
24 febbraio 2021
17:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il padre di Patrick Zaki è ricoverato in ospedale da domenica mattina. Lo segnala la pagina Facebook ‘Patrick Libero’ che si batte per la scarcerazione dello studente egiziano dell’Università di Bologna in detenzione cautelare in carcere da oltre un anno in Egitto con l’accusa di propaganda sovversiva.
La pagina non precisa il motivo del ricovero ma sottolinea che dall’arresto di Patrick “la salute di suo padre è peggiorata esponenzialmente”: “Il dolore e la paura per la sorte del figlio ingiustamente detenuto si sono tradotti in gravi problemi di salute”.
Dall’inizio di questo mese, l’uomo “ha avuto una brutta infezione ad entrambe le gambe” e “ha lottato per tenere sotto controllo le sue malattie croniche”.
Nel chiedere “l’immediato rilascio” dello studente, gli attivisti sostengono che “il minimo indispensabile è permettere a Patrick di visitare suo padre in ospedale”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Meteo: improvvisa nebbia in Versilia
Fa Viareggio a Forte dei Marmi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VIAREGGIO (LUCCA)
24 febbraio 2021
17:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una coltre di nebbia ha improvvisamente avvolto questo pomeriggio la Versilia, da Viareggio e Forte dei Marmi (Lucca). Un fenomeno insolito per questa area che ha sorpreso la popolazione e regalato suggestive immagini, dei litorali e del porto con le barche ormeggiate.
La temperatura intorno ai 16 gradi potrebbe avere causato il fenomeno che in alcuni momenti è stato molto intenso.   METEO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: Marche, 639 ricoveri (+6), 84 Terapia Intensiva (+6)
In 24 ore 51 dimessi. In calo degenti Semintensiva (160, -3)
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
24 febbraio 2021
17:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Prosegue l’aumento di ricoveri per Covid-19 nelle Marche: +6 in 24ore (639) dovuti alla crescita di degenti in Terapia intensiva (84, +6) e nei reparti non intensivi (395, +3) mentre in Semintensiva ricoveri in calo (160, -3). Lo evidenziano i dati comunicato dal Servizio Sanità della Regione.
I dimessi nell’ultima giornata sono 51. Gli assistiti nei pronto soccorso calano da 55 a 45 (-10) e gli ospiti di strutture territoriali sono 187 (-5).
Intanto continua a salire il numero di positivi in isolamento territoriale (8.724, +233) e in modo ancora maggiore le quarantene per contatto con contagiati (16.869, +498; 5.292 con sintomi, 380 operatori sanitari). I guariti sono invece 53.481 (+372).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tonnellate di fanghi in mare invece che in discarica, 17 arresti
Coinvolti funzionari società regionale, agenti PS,imprenditori
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
24 febbraio 2021
17:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tonnellate e tonnellate di fanghi che dovevano essere smaltiti nelle discariche, a cavallo tra il 2017 e il 2018, sono invece finiti in mare. Punta a fare luce su quanto accaduto in una fase emergenziale della gestione dei rifiuti a Napoli, l’indagine della Procura, della Guardia di Finanza e della Polizia che oggi hanno eseguito tre arresti in carcere, 14 arresti ai domiciliari (tra cui funzionari pubblici e un poliziotto) e due sospensioni che riguardano altri due agenti della PS.

Tutto avveniva, secondo l’accusa, attraverso la corruzione dei vertici di allora della Sma Campania (società in house della regione Campania) utilizzando la tecnica dell’affidamento diretto – illecito – di appalti, attraverso la “somma urgenza”, a cordate di imprenditori guidate da un pluripregiudicato, Salvatore Abbate, soprannominato “totore a’ cachera”, in affari con dirigenti della Sma Campania (società in house della Regione Campania) e con i direttori di alcuni depuratori. A casa di Abbate i finanzieri hanno trovato molto denaro contante in pacchi di banconote sottovuoto: così tanto che è difficile contarlo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid,nuovo balzo positivi con oltre 340 mila test,318 morti
Più di 16 mila casi,salgono tasso positività e terapie intensive
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
18:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo balzo dei test risultati positivi al coronavirus in Italia in 24 ore, che sono oltre 16 mila a fronte però di oltre 340 mila analisi effettuate.
Diminuiscono invece le vittime rispetto a ieri, mentre continuano ad aumentare i pazienti in terapia intensiva.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 16.424 per la precisione i positivi registrati, secondo i dati del ministero della Salute (ieri erano stati 13.314). I morti sono 318, mentre ieri erano stati 356.
Sono complessivamente 340.247 i test molecolari e antigenici effettuati nelle ultime 24 ore, ieri erano stati 303.850, oltre 36 mila in meno. Il tasso di positività è del 4,8%, rispetto al 4,4% di ieri (+0,4%).
Sono ora 2.157 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, con un aumento di 11 unità nel saldo quotidiano tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri in rianimazione sono stati 178.
Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 18.217 persone, in calo di 78 unità rispetto a ieri.
I casi totali da inizio epidemia sono 2.848.564, i morti 96.666.
Gli attualmente positivi sono 389.433 (+1.485 rispetto a ieri), i dimessi o guariti 2.362.465 (+14.599), in isolamento domiciliare ci sono ora 369.059 persone (+1.552).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Marche, 10 decessi in 24ore, 6 in provincia di Ancona
5 donne e 5 uomini tra i 70 a i 92 anni. Bilancio sale a 2.219
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
24 febbraio 2021
18:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono dieci le persone decedute, di cui sei provenienti dalla Provincia di Ancona, in correlazione alla pandemia Covid-19 nelle Marche nelle ultime 24ore: si tratta di cinque donne e cinque uomini tra i 70 e i 92 anni, tutti con patologie pregresse. il bilancio regionale delle vittime sale a 2.219.
Il maggior numero di decessi si è registrato nell’Anconetano (6): un 80enne di Jesi, un 87enne di Camerano, una 90enne di Monte San Vito, un 90enne di Fabriano, due donne di 91 anni di Falconara Marittima. Le altre persone decedute sono una 70enne di Tolentino (Macerata), un 87enne di Fano (Pesaro Urbino), un 92enne di Grottammare (Ascoli Piceno) e una 77enne di Grazzanise (Caserta).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Coppia scomparsa: figlio chiede di essere interrogato
Benno Neumair si trova in isolamento nel carcere di Bolzano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
24 febbraio 2021
19:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Benno Neumair, accusato dell’omicidio e dell’occultamento dei cadaveri dei suoi genitori, ha chiesto tramite i suoi avvocati di venire interrogato dai pm che indagano sulla vicenda, Igor Secco e Federica Iovene. L’interrogatorio potrebbe svolgersi già la prossima settimana, ma la data non è stata ancora fissata.
Benno Neumair è detenuto in isolamento a Bolzano. Intanto proseguono senza esito le ricerche del cadavere di suo padre Peter nelle acque dell’Adige.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: boom di contagi a Brescia, 901 casi
3.310 i nuovi positivi in Lombardia, 38 i decessi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
24 febbraio 2021
19:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Continuano a salire i contagiati a Brescia che sono passati dai 506 casi di ieri ai 901 di oggi facendola diventare la provincia più colpita della Lombardia con quasi un terzo dei casi della regione. Con 50.268 tamponi effettuati, sono infatti 3.310 i nuovi positivi con il rapporto di positività in calo al 6.5% (ieri 7%).
Calano i ricoveri in terapia intensiva (-2, 406 in totale) mentre aumentano negli altri reparti (+29, 3.946). I decessi sono 38 per un totale di 28.184 morti in regione dall’inizio della pandemia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Crolla cimitero: sabato Comsubin, recuperate altre due salme
F. Cima, frana non si poteva prevedere, sindaco operato bene
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAMOGLI
24 febbraio 2021
19:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono programmati sabato mattina gli interventi del Comsubin nella zona di costa dove è franata una parte di falesia portandosi dietro circa duecento loculi e altrettante salme del cimitero di Camogli. Oggi ne sono state recuperate altre due che fa salire il conto a 12.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il corpo speciale della Marina Militare avrà il compito di individuare e recuperare eventuali salme rimaste sott’acqua nella zona dello smottamento. Prima, e sono già iniziati oggi i lavori, il comune di Camogli avvierà una serie di interventi per la messa in sicurezza dell’area demolendo i loculi rimasti in bilico e traslando le salme in un’altra parte del cimitero. Per eseguire queste operazioni verranno impiegate due grosse gru e la strada tra Camogli e Recco, su cui insiste il cimitero, sarà chiusa dalle 8 del mattino alle 18.
Anche oggi in comune a Camogli è stato fatto il punto della situazione: oltre all’assessore regionale alla Protezione Civile Giampedrone e al sindaco Olivari erano presenti tutte le forze dell’ordine, i Comsubin, la Fondazione Cima, i geologi. “Questa frana si poteva evitare e prevedere? La risposta è no – ha precisato Luca Ferraris, presidente Fondazione Cima -. La Liguria è tutta fessurata, zone come queste sono tutte a rischio e bene ha operato il sindaco chiudendo l’area alle prime avvisaglie”.
“In meno di 24 ore abbiamo messo in campo tutte le forze necessarie per effettuare l’intervento di messa in sicurezza – ha detto Giampedrone -. L’intervento che sarà realizzato è tra i più delicati mai messi in campo, per la particolarità della situazione, per l’attenzione e la delicatezza che richiede, rispetto al fatto che è crollata una porzione di cimitero”.
Per quanto riguarda l’inchiesta, in comune se ne sa poco; nessuna conferma di una visita dei carabinieri negli uffici per acquisire la documentazione. Quello che si sa è che questa mattina il magistrato ha effettuato un sopralluogo dal mare.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: ordinanza Giani, Cecina zona rossa 9 giorni
Scatta il principio di precauzione, troppi contagi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
24 febbraio 2021
20:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il comune di Cecina (Livorno) per nove giorni sarà zona rossa Covid. Lo ha stabilito il presidente della Toscana, Eugenio Giani, che ha firmato l’ordinanza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo Chiusi (Siena), Cecina è il secondo comune della Toscana a diventare zona rossa per arginare la diffusione del Covid.
Il provvedimento, in vigore dalla pubblicazione sul Burt, si è reso necessario per il ‘principio di precauzione’ e secondo le indicazioni tecnico-scientifiche contenute nelle disposizioni nazionali. La Regione organizzerà con urgenza a Cecina screening di massa per la popolazione. Tra le restrizioni è vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dal territorio comunale di Cecina (Livorno), nonchè all’interno del medesimo salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. E’ consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata è consentito, nell’ambito del comune, una volta al giorno. Sono sospese le attivita’ commerciali al dettaglio, fatta eccezione per la vendita di generi alimentari e di prima necessità. Chiusi i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici. Restano aperte edicole, tabaccai, farmacie e parafarmacie.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Etna: fontana lava dal Sud-Est, sesto parossismo in 8 giorni
Attività stromboliana con cenere lavica,da cratere emerge colata
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
24 febbraio 2021
20:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un’intesa attività stromboliana con emissione di una fontana di lava, che supera i 400 metri d’altezza, è in corso da due bocche aperte all’interno del cratere di Sud-Est dell’Etna, con emissione di cenere di lavica.
E’ presente una colata che si dirige verso la desertica Valle del Bove.
Il fenomeno parossistico, il sesto dal 16 febbraio scorso, è monitorato dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia-Osservatorio etneo di Catania. L’ampiezza media del tremore vulcanico mostra valori elevati con tendenza all’incremento. La localizzazione della sorgente è nell’area del cratere di Sud-Est ad una profondità di circa 2.700 metri sul livello del mare. Anche l’attività infrasonica risulta parecchio sostenuta sia nel tasso di accadimento che nell’energia degli eventi ed è localizzata nel cratere del Sud-Est.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Doppio sgombero, centro sociale Roma e sede Cpi a Maccarese
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
25 febbraio 2021
08:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ in corso lo sgombero di due immobili occupati: un centro sociale nella Capitale e la sede di Casapound a Maccarese, nel comune di Fiumicino. Si tratta del centro sociale ‘ex lavanderia’ a Santa Maria della Pietà e dell’edificio in via San Giorgio a Maccarese di proprietà della Asl, occupato da Casapound.
Gli interventi sono stati stabiliti nell’ambito del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza presieduto dal prefetto Matteo Piantedosi. Le operazioni sono coordinate dal questore di Roma Carmine Esposito. Le due operazioni, viene sottolineato, “si inquadrano nel rispetto della strategia di ripristino della legalità”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Ndrangheta:estorsioni su lavori in centro Reggio C.,arresti
Operazione della Polizia contro la cosca De Stefano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
25 febbraio 2021
09:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Polizia di Stato, coordinata dalla Dda di Reggio Calabria, ha eseguito 5 ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse nei confronti di elementi di vertice, affiliati e soggetti contigui alle potente cosca di ‘ndrangheta De Stefano operante a Reggio. Gli indagati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione e tentata estorsione ai danni di affermati imprenditori, aggravate dal metodo e dall’agevolazione mafiosa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli investigatori della Squadra mobile, coadiuvati dagli equipaggi dell’Ufficio Volanti della Questura di Reggio Calabria, stanno eseguendo anche perquisizioni domiciliari a carico degli indagati.
Al centro delle indagini ci sono i lavori di rifacimento di Corso Garibaldi e di piazza Duomo a Reggio Calabria.
Il blitz della Polizia è scattato all’alba. L’indagine “Nuovo corso”, coordinata dal procuratore Giovanni Bombardieri e dai sostituti della Dda Walter Ignazitto e Stefano Musolino, ha documentano ulteriormente l’esistenza e l’operatività della cosca De Stefano nella città dello Stretto, soprattutto nel settore delle estorsioni in danno di imprenditori aggiudicatari di gare d’appalto per la realizzazione di opere pubbliche.
L’inchiesta della Squadra mobile ha fatto luce sulle gravi vicende estorsive poste in essere in danno di un noto imprenditore reggino e di un suo consociato in Ati di un’altra provincia calabrese, aggiudicatari degli appalti pubblici per il rifacimento del Corso Garibaldi. Lo stesso imprenditore di Reggio ha subito un’altra estorsione per i lavori di rifacimento di piazza Duomo di Reggio Calabria.
Le misure cautelari hanno colpito elementi di vertice e affiliati dei De Stefano di cui alcuni già in carcere.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: variante inglese, altri 2 comuni sardi verso lockdown
Richiesta Ats a San Teodoro e La Maddalena dopo zona rossa Bono
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SASSARI
25 febbraio 2021
09:46
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È imminente l’istituzione della zona rossa a San Teodoro, nella costa nord-orientale sarda. Ieri notte la sindaca Rita Deretta l’ha annunciato dalla pagina Facebook istituzionale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“A seguito della nota con cui l’Ats richiede l’istituzione della zona rossa nel nostro Comune, sto predisponendo un’ordinanza urgente”, spiega la sindaca, annunciando che dalle 14 di oggi a mezzanotte del 10 marzo “in tutto il territorio comunale vigeranno le prescrizioni da zona rossa stabilite dal Dpcm del 18 gennaio”.
Deretta spiega di aver evitato in ogni modo il lockdown, “contattando i positivi, tracciando la rete dei contagi e agevolando il monitoraggio dell’Ats finalizzato al confinamento dell’incremento dei contagi – dichiara – ma l’Ats ha comunicato un incremento dei positivi tale da richiedere misure più stringenti”. La sindaca annuncia di aver richiesto “𝗹’𝗶𝗺𝗺𝗲𝗱𝗶𝗮𝘁𝗮 𝗮𝘁𝘁𝗶𝘃𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗼 𝘀𝗰𝗿𝗲𝗲𝗻𝗶𝗻𝗴 𝗱𝗶 𝗺𝗮𝘀𝘀𝗮, 𝗰𝗼𝗺𝗲 𝗴𝗶𝗮̀ 𝗮𝘃𝘃𝗲𝗻𝘂𝘁𝗼 a 𝗕𝗼𝗻𝗼, e ho avuto conferma della disponibilità dell’Ats a effettuarlo”.
Frattanto, conclude Deretta, “a𝘣𝘣𝘪𝘢𝘮𝘰 potenziato 𝘥𝘪 𝘤𝘰𝘯𝘤𝘦𝘳𝘵𝘰 𝘤𝘰𝘯 𝘭𝘢 𝘗𝘳𝘦𝘧𝘦𝘵𝘵𝘶𝘳𝘢 𝘥𝘪 𝘕𝘶𝘰𝘳𝘰 i 𝘤𝘰𝘯𝘵𝘳𝘰𝘭𝘭𝘪 del𝘭𝘦 𝘧𝘰𝘳𝘻𝘦 𝘥𝘦𝘭𝘭’𝘰𝘳𝘥𝘪𝘯𝘦”.
L’istituzione della zona rossa deriva dall’allerta lanciato dall’Ats, ma nelle comunicazioni alla sindaca non è esplicitato il numero dei contagi, né se e quanti siano i positivi alla variante inglese del Covid-19.
Una situazione analoga per il sindaco di La Maddalena, Fabio Lai. Sempre ieri notte su Fb ha dichiarato che “l’eventuale istituzione della zona rossa si valuterà a seguito di ulteriori dati richiesti agli uffici competenti”, perché “la nota che mi chiedeva di istituirla non indica il numero dei positivi alla variante inglese”. Il Coc è stato convocato per stamattina, chiuse le scuole di ogni ordine e grado e invito agli studenti pendolari a richiedere l’attivazione della Dad. “Quando si trattano questi temi è importante effettuare le dovute verifiche prima di fornire numeri o assumere provvedimenti”, conclude il sindaco prima di invitare i maddalenini a “mantenere alto il livello di attenzione”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Carceri: focolaio ancora attivo a Carinola, arrivati rinforzi
Ieri sera entrati in servizio 15 agenti nell’istituto casertano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CASERTA
25 febbraio 2021
09:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quindici agenti del Gruppo Operativo Mobile della Polizia Penitenziaria hanno preso servizio ieri sera nel carcere casertano di Carinola, dove il personale è stato decimato dal covid-19. La decisione del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria fa seguito all’istanza congiunta dei sindacati (Sinappe, Osapp, Uil Pa, Uspp, Fns Cisl, Cnpp ed Fp Cgil) che nei giorni scorsi hanno lanciato un appello anche al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, al prefetto di Caserta Raffele Ruberto e al direttore generale dell’Asl di Caserta Ferdinando Russo.

Nel carcere di Carinola è infatti attivo un focolaio che ha reso indisponibili al servizio poco meno di 30 agenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanità: in Molise cercasi medici specializzati, nessuno risponde
Ennesimo avviso Asrem dichiarato ‘deserto’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAMPOBASSO
25 febbraio 2021
09:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ennesimo avviso pubblicato dall’Azienda sanitaria regionale del Molise (Asrem) dichiarato ‘deserto’. Nessuno, infatti, ha partecipato alla procedura per titoli finalizzata al conferimento di tre incarichi a tempo determinato di dirigenti medici della disciplina di Anestesia e Rianimazione.
Ora, quindi, si fa affidamento sugli 11 medici, di cui due specializzati in Anestesia e rianimazione, che hanno manifestato al Dipartimento nazionale della Protezione civile la loro disponibilità a prestare servizio in Molise. Le adesioni sono arrivate anche da pensionati e professionisti molisani.
Saranno contrattualizzati dall’Azienda sanitaria regionale (Asrem) con fondi per l’emergenza stanziati dalla Protezione civile nazionale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Congo: al via funerali Stato Attanasio e Iacovacci
A Santa Maria degli Angeli, presenti Draghi e ministri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
25 febbraio 2021
10:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono iniziati, nella basilica di Santa Maria degli Angeli, i funerali di Stato per l’Ambasciatore Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci uccisi in Congo. I feretri, avvolti nel tricolore sono stati trasportati nella chiesa dai carabinieri del 13/o reggimento, quello di Iacovacci.

Presenti il premier Mario Draghi, i ministri Lorenzo Guerini, Luigi Di Maio, Luciana Lamorgese, Giancarlo Giorgetti e i presidenti di Camera e Senato Roberto Fico e Maria Elisabetta Casellati, oltre alle famiglie degli scomparsi. La chiesta è chiusa al pubblico.
Le bare sono avvolte nel tricolore. In prima fila, oltre ai rappresentanti delle massime istituzioni italiane, tra i familiari delle vittime c’è la moglie di Luca Attanasio che indossa un velo nero e tiene una delle figlie in braccio. A celebrare i funerali di Stato dei due italiani uccisi in un agguato in Congo è il cardinale Angelo De Donatis.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Droga: madri e figli spacciatori a Trani, minorenne corriere
Un arresto, tre denunce e segnalazione a Procura minorile
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
25 febbraio 2021
10:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Due madri e i rispettivi figli poco più che 20enni avrebbero gestito a Trani un giro di spaccio di droga. Lo hanno scoperto i carabinieri che hanno arrestato in flagranza un 23enne e denunciato il presunto complice 21enne oltre alle madri dei due, di 50 e 34 anni.
Un altro figlio 14enne è stato segnalato alla Procura minorile perché utilizzato per il trasporto della sostanza stupefacente.
I militari hanno eseguito una perquisizione domiciliare nelle due abitazioni dopo aver notato movimenti sospetti e un continuo via vai di persone. Il 23enne è stato trovato in possesso di 5 dosi di marijuana, mentre era in compagnia del 21enne, che avrebbe avuto il presunto ruolo di “cassiere”. La madre di quest’ultimo è stata trovata sotto casa dell’altra famiglia ad aspettare l’altro figlio minorenne, trovato dai militari per le scale con uno zainetto sulle spalle, dopo aver preso la droga da quella che gli investigatori ritengono la centrale dello spaccio. Nello zaino sono stati trovati 130 grammi di marijuana divisa in 114 dosi. In casa del 23enne, finito agli arresti domiciliari, i militari hanno sequestrato anche una pistola scacciacani senza il tappo rosso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lavoro, oltre in 100 a presidio di protesta ex dipendenti Auchan
Nel Napoletano. “Da eroi approvvigionamento a cassintegrati”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
25 febbraio 2021
10:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Un anno fa eravamo considerati degli eroi perché in piena pandemia stavamo garantendo l’approvvigionamento alimentare ai cittadini, adesso, malgrado il nostro settore non sia in crisi, anzi, è uno dei pochi che invece viaggia a gonfie vele, il nostro futuro occupazionale è a tinte fosche”. A parlare è Massimiliano Fusiello, uno degli oltre cento ex dipendenti dell’Auchan di Mugnano e Giugliano finiti in cassa integrazione, che stanno manifestando all’esterno dello store Conad (ex Auchan di Mugnano).
Si tratta di lavoratori che stanno confluendo nel gruppo Conad e che, sostengono, “vedono il loro futuro lavorativo a tinte fosche”. “Noi che eravamo dipendenti di una multinazionale francese, una spa, – dice ancora Fusiello, che è anche componente della rsa – siamo finiti in un’operazione di uno ‘spacchettamento’ delle attività e del personale che non prevede garanzie per il nostro futuro”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Amore tra 20enni osteggiato da famiglie, rissa nel Barese
Arrestati in 4 dai carabinieri, i due papà e i rispettivi figli
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
25 febbraio 2021
10:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I rispettivi genitori non avrebbero accettato la relazione sentimentale tra i loro figli e, dopo essersi dati appuntamento per chiarire la situazione, la discussione sarebbe degenerata in rissa. I quattro protagonisti, i due papà 46enni, il ragazzo 19enne coinvolto nella relazione e la sorella 22enne della fidanzata di lui, si sarebbero affrontati a mani nude e anche con un martello.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ accaduto intorno alle 14 del 22 febbraio scorso, per strada, nel centro storico di Gravina in Puglia, dove i quattro sono stati arrestati in flagranza dai carabinieri, intervenuti su segnalazione del violento litigio in corso. Sono stati i militari a sedare la rissa, nella quale tutti hanno riportato lesioni lievi, fatta eccezione per la 22enne che ha subìto la frattura di un dito della mano. Le immediate indagini hanno consentito poi di recuperare un martello del quale si è accertato l’utilizzo da parte del 19enne, sottoposto a sequestro. La gravità del fatto, i futili motivi e la personalità di tre dei 4 soggetti coinvolti, tutti tranne il 19enne, con precedenti di polizia per furto, non hanno potuto evitare loro l’arresto per rissa, aggravata dalle lesioni. I quattro sono rimasti per qualche giorno agli arresti domiciliari fino a quando, all’esito della udienza di convalida, il gip di Bari ha disposto la misura del divieto di avvicinamento gli uni agli altri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Gelmini, chiusure in vigore da lunedì non domenica
Ministra a Regioni, domani avrete prima bozza Dpcm
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
25 febbraio 2021
10:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il sistema dei parametri (per definire i colori delle zone in Italia nell’emergenza Covid) si può affinare, ma probabilmente non con il decreto in arrivo, ci vorrà un tavolo tecnico. In ogni caso, per rendere più agevole la programmazione delle attività economiche, le chiusure non entreranno più in vigore di domenica ma di lunedì”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo ha detto la ministra delle Autonomie Gelmini all’incontro con le Regioni e gli Enti locali.
“Il governo sta lavorando intensamente in queste ore sul nuovo provvedimento anti-Covid – ha aggiunto – Sono naturalmente in costante contatto con Palazzo Chigi e contiamo di farvi avere, nella giornata di domani, con grande anticipo rispetto alla scadenza del 5 marzo, una prima bozza del Dpcm”.
Gelmini ha sottolineato che “il sistema a fasce verrà mantenuto. Finora è stato scongiurato un lockdown generalizzato e questo deve essere l’obiettivo principale anche per le prossime settimane e per i prossimi mesi. State certamente notando un cambio di metodo. Ci siamo visti domenica e ci stiamo rivedendo oggi. Gli incontri saranno sempre più frequenti e costanti”, ha detto. Sul rinvio al lunedì dalla domenica dell’entrata in vigore delle ordinanze “questo avevano chiesto le Regioni, e lo avevo condiviso, questo abbiamo ottenuto. Così aiutiamo anche le attività economiche che non perderanno il week end”.
Infine, “stiamo lavorando per una graduale riapertura dei luoghi di cultura – ha annunciato la ministra – Il ministro Franceschini ha avviato un confronto con il Cts per far in modo che, superato il mese di marzo, si possano immaginare riaperture con misure di sicurezza adeguate. È un percorso, non è un risultato ancora acquisito. Ma è un segnale che va nella giusta direzione”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Regeni: madre, Giulio da ricercatore tentò rientro in Italia
Processo egiziani nuovo banco prova. Messaggio Sissa Student Day
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
25 febbraio 2021
10:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Nella sua tragica vicenda, Giulio aveva tante volte tentato di tornare in Italia ma il suo curriculum non era stato apprezzato e riconosciuto”. Lo ha detto la madre del ricercatore, Paola Deffendi, in un messaggio online insieme con il marito, diffuso questa mattina in occasione dello Student Day della Scuola internazionale superiore studi avanzati di Trieste.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Claudio Regeni, invece, ha ricordato la figura di ricercatore del figlio, che aveva viaggiato a lungo nella sua vita per motivi di studio, in Italia e all’estero, dal New Mexico (Usa) all’Egitto.
“Fra poco inizierà il processo a quattro ufficiali della National security egiziana, sarà un ulteriore banco di prova che ci vedrà in campo per sostenere le nostre diritti di giustizia e di verità”. Lo ha detto Claudio Regeni, il padre di Giulio, parlando agli studenti attraverso un video registrato insieme con la moglie, Paola Deffendi, in occasione dello Student Day della Sissa, Scuola internazionale di studi superiori avanzati, di Trieste. “La giornata di oggi vi servirà per orientare le vostre scelte future mettendo in campo le vostre attitudini e capacità. Noi, dopo la triste vicenda di Giulio, chiediamo verità e giustizia, lo facciamo da cinque anni. E’ un percorso difficile però teniamo duro, e con il sostegno di molte persone abbiamo fatto molti progressi”, ha aggiunto Claudio Regeni. Che ha concluso sostenendo di aver avuto, con la moglie, “la fortuna di vedere di persona l’iniziativa della Sissa l’anno scorso e con gli studenti hanno visto tutti i percorsi avanzati che offre” la Scuola, della quale hanno “apprezzato l’ambiente dinamico e vivace”, ha concluso.
Diritti umani, uguaglianza tra i sessi e possibilità per i ricercatori, di rientrare in Italia. Sono i consigli che i genitori di Giulio Regeni hanno voluto dare agli studenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Marche,oltre 700 casi e record nuove diagnosi (5.625)
Si tratta del secondo valore più alto di casi dell’anno
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
25 febbraio 2021
10:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nell’ultima giornata hanno superano quota 700 (732) i casi di positività a coronavirus con record assoluto però di nuove diagnosi (5.625 tra cui 2.892 test antigenici e 2.733 molecolari). Si tratta del secondo valore più alto di casi dell’anno dopo quelli registrati il 5 gennaio scorso (743) ma su un numero più basso di nuove diagnosi (4.365 tra cui 2.145 test antigenici rapidi e 2.220 molecolari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nelle ultime 24ore eseguiti anche 2.245 tamponi nel percorso guariti.
Il servizio Sanità della Regione stima il rapporto positivi/testati al “13%”. Nel Percorso Screening Antigenico, sulla base dei 2892 test, riscontrati altri 230 positivi (da sottoporre al tampone molecolare). Il rapporto positivi/testati è pari all’8%”.
Resta alta l’incidenza di casi in provincia di Ancona con 307 contagiati (41,9% del totale). Più bassi i numeri delle altre province: 139 a Macerata, 105 ad Ascoli Piceno, 83 a Pesaro-Urbino, 76 a Fermo e 22 provenienti da fuori regione).
Elevato anche il numero di sintomatici, sono 82. Tra i contagi ci sono casi di contatti in setting domestico (149), contatti stretti di casi positivi (266), in setting lavorativo (16), contatti in ambienti di vita/socialità (3), in setting assistenziale (6), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (32), screening percorso sanitario (4) e 1 caso proveniente da fuori regione. Per altri 173 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Università: Sissa, in 500 da tutta Italia per Student Day
Direttore Ruffo, in questi anni polo attrazione cervelli esteri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
25 febbraio 2021
10:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono stati cinquecento i ragazzi e ragazze di 26 classi da tutta Italia che questa mattina si sono collegati allo ‘Student Day’ della Scuola internazionale di studi superiori avanzati (Sissa) di Trieste, l’annuale appuntamento rivolto agli alunni degli ultimi due anni delle scuole superiori e svoltosi per la prima volta in versione online.
In apertura, il direttore della Sissa, Stefano Ruffo, ha fatto un bilancio in vista della conclusione del suo mandato, quest’anno.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La Sissa ha continuato a essere in questi anni un polo di attrazione importante – ha affermato Ruffo – nel momento in cui il paese ha bisogno di richiamare i cervelli che stanno all’estero, per rendere il nostro ambiente sempre più internazionale e farne un esempio all’interno dell’Europa”.
Il direttore ha poi ricordato che l’Università da lui diretta in 42 anni d’attività ha diplomato circa 1400 dottori, di cui il 30% erano donne e nella stessa percentuale stranieri, e che oggi la sua comunità è composta da 600 persone, tra professori, ricercatori, studenti e personale tecnico-amministrativo.
Dopo il suo intervento, è stato trasmesso un videomessaggio dei genitori di Giulio Regeni nel quale i due hanno raccontato la vita di ricercatore del figlio e dell’importanza di fare ricerca in maniera collaborativa.
Durante la mattinata, i partecipanti all’evento hanno potuto svolgere diverse attività in parallelo, tra cui seminari interattivi, dialoghi sulla scienza e visite virtuali ai laboratori.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Commercianti con reddito cittadinanza,due denunce nel Barese
Coniugi indagati da Gdf anche per evasione fiscale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
25 febbraio 2021
11:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Aveva un negozio di abbigliamento dal quale avrebbe guadagnato negli ultimi cinque anni circa 115 mila euro, non dichiarati al fisco, ma percepiva il reddito di cittadinanza e aveva anche ottenuto l’accesso al gratuito patrocinio. Una commerciante 50enne di Monopoli è stata denunciata dalla Guardia di Finanza per truffa e reati fiscali.

Anche al marito della donna vengono contestati illeciti relativi all’indebito accesso al gratuito patrocinio a spese dello Stato.
In particolare le verifiche dei finanzieri hanno accertato che la 50enne, titolare dell’attività di vendita al dettaglio di abbigliamento, non aveva dichiarato redditi dal 2014 al 2019, con conseguente evasione di 30 mila euro di Iva. Aveva inoltre ottenuto il beneficio del reddito di cittadinanza, per un importo complessivo di quasi 9 mila euro, avendo dichiarato nella richiesta di essere disoccupata. Dai controlli, fatti in parte in collaborazione con l’Inps, è poi venuto fuori che, sempre sulla base di dichiarazioni reddituali false, aveva avuto accesso insieme con il marito al gratuito patrocinio in diversi procedimenti penali nei quali entrambi erano stati coinvolti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Operaio precipitato a luglio e morto a febbraio, un indagato
Procura ipotizza omicidio colposo. Domani incarico per autopsia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
25 febbraio 2021
11:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Napoli ha aperto un procedimento penale con l’ipotesi di reato di omicidio colposo per la morte di un operaio napoletano di 63 anni, Enrico De Waure, deceduto dopo un calvario durato ben 7 mesi: la morte dell’uomo è avvenuta sabato scorso 20 febbraio, all’ospedale del Mare di Ponticelli, a causa dei gravissimi traumi subiti il 9 luglio 2020 in seguito ad un infortunio sul lavoro accaduto nel quartiere di Fuorigrotta.
Il sostituto procuratore Mario Canale ha iscritto nel registro degli indagati A.
C., 53 anni, anche lui di Napoli, proprietario dell’immobile presso e per il quale la vittima stava lavorando.
Disposta l’autopsia sulla salma per accertare le cause del decesso: l’incarico verrà conferito domani nel nuovo Palazzo di Giustizia. L’anziana mamma della vittima, i fratelli e le sorelle di Enrico De Waure sono difesi dagli avvocati Luigi Cisonna e Vincenzo Carotenuto, consulenti dello Studio3A-Valore S.p.A.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Assessore Umbria, stiamo avendo ragione terza ondata Covid
“Stanno sparendo cluster personale sanitario” annuncia Coletto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
25 febbraio 2021
11:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono “tendenzialmente positivi” i dati relativi all’andamento dell’epidemia Covid tra gli operatori delle aziende sanitarie umbre. Lo ha sottolineato l’assessore regionale alla Sanità Luca Coletto nella conferenza stampa di aggiornamento settimanale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Aumentano i guariti e diminuiscono i malati” ha aggiunto parlando sempre di tale ambito. “Stiamo avendo ragione anche di questa terza fase” ha detto ancora Coletto, parlando più in generale.
“I cluster tra il personale sanitario – ha quindi sottolineato l’assessore – stanno diminuendo se non addirittura sparendo e questo è importante per la popolazione che si serve degli ospedali non solo per questioni legate al Covid ma anche e soprattutto per normali patologie che possono essere gestite con estrema serenità nelle strutture”.
“Stiamo avendo ragione anche di questa terza fase – ha sottolineato ancora l’assessore – anche se in maniera lenta. A differenza della seconda non siamo infatti partiti da zero ma da una situazione di occupazione delle terapie intensive piuttosto importante. Ondata che ha investito per prima l’Umbria ma che purtroppo, lo dico con rammarico – ha concluso Coletto, sta arrivando in tutta Italia”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: genitori Puglia, ‘Regione chiarisca Piano sicurezza’
Manifestazione di protesta a Bari,’nuova ordinanza irricevibile’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
25 febbraio 2021
11:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il “Comitato per il diritto alla salute e all’istruzione” e il movimento “Priorità alla scuola Puglia” chiedono alla Regione “la documentazione che attesti la reale operatività di tutti i Piani d’azione per la messa in sicurezza della scuola”. In una nota consegnata ieri da una delegazione composta da un docente, due genitori e l’avvocato dei due comitati promotori della manifestazione “La scuola si-cura.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Non si chiude”, organizzata sotto la sede della Presidenza a Bari, chiedono chiarimenti su “potenziamento del trasporto pubblico, tracciamenti e screening, ampliamento degli spazi scolastici, prevenzione e controllo sanitario nelle scuole e incentivi per la mobilità alternativa”. Nell’ambito della manifestazione, la delegazione è stata ricevuta dal capo di gabinetto della Presidenza regionale, chiedendo un altro incontro urgente con gli assessori alla Formazione e alla Sanità.
Nella nota consegnata ieri, i due comitati evidenziano che, dopo la decisione del Tar che ha sospeso l’ultima ordinanza regionale sulla scuola, “Michele Emiliano invece di intervenire con politiche strutturali per porre la scuola in piena sicurezza continua a creare caos, a frammentarla con un’altra ordinanza irricevibile”, con “l’obiettivo di nascondere un lampante fallimento, quello di un sistema sanitario al collasso dopo anni di tagli e austerità che ha portato alla chiusura dei presidi ospedalieri, allo smantellamento della medicina territoriale, all’assenza di investimenti nella prevenzione”.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Serie evento Leonardo da 23 marzo su Rai1
Con Aidan Turner (Da Vinci), Giannini (Verrocchio) De Angelis
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
13:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La serie evento, creata da Frank Spotnitz e Steve Thompson, per la regia di Dan Percival e Alexis Sweet andrà in onda martedì 23 marzo in prima visione mondiale su Rai1 in 8 episodi. Una co-produzione Lux Vide e Sony Pictures Television in collaborazione con Rai Fiction, Big Light Productions, in associazione con France Télévision, RTVE e Alfresco Pictures, distribuita da Sony Pictures Television.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel cast, insieme con Aidan Turner (Poldark, Lo Hobbit), che interpreta Leonardo Da Vinci, Giancarlo Giannini è Andrea del Verrocchio, il maestro di Leonardo; Matilda De Angelis è Caterina da Cremona, la misteriosa musa e amica più cara; Freddie Highmore è Stefano Giraldi, giovane investigatore del Podestà incaricato di risolvere il mistero al centro della storia; Carlos Cuevas è Salaì, apprendista e amico fidato di Leonardo e James D’Arcy veste i panni di Ludovico Sforza detto il Moro.
La serie tv racconta in otto episodi/quattro serate, girati interamente in inglese, la storia di un genio la cui personalità complessa ed enigmatica rimane ancora oggi un segreto avvincente.
La serie evento Leonardo è stata girata in oltre 50 location – fra interni ed esterni – principalmente nel Lazio e ha coinvolto circa 500 addetti. Oltre 1900 le ore di lavorazione, 3000 le comparse e 2500 i costumi utilizzati.
Figlio illegittimo di un notaio, Leonardo vive un’infanzia solitaria nella cittadina rurale di Vinci, in Toscana, guidato da un profondo bisogno di ricerca e scoperta. Con instancabile curiosità, Leonardo spazia tra arte, scienza e tecnologia, infondendo in ogni disciplina una profonda e coraggiosa umanità, liberandole dalle convenzioni del tempo, guidato da un intenso desiderio di svelare i segreti del mondo che lo circonda. La serie racconta il mistero dell’uomo oltre il genio, attraverso una storia inedita e originale, fatta di intrigo e passione, che scava a fondo in una personalità complessa ed enigmatica rivelandone la straordinaria modernità e la profondissima umanità.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rider: pm Milano,’da assumere in 60mila’
Verbali notificati a Uber, Glovo-Foodinho, JustEat e Deliveroo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
24 febbraio 2021
13:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oltre “60mila lavoratori” di società del delivery, ossia Uber Eats, Glovo-Foodinho, JustEat e Deliveroo, dovranno essere assunti dalle aziende come “lavoratori coordinati e continuativi”, ossia passare da lavoratori autonomi e occasionali a parasubordinati. E ciò sulla base, come spiegato in una conferenza stampa della Procura di Milano, di verbali notificati stamani alle aziende.
“Diciamo al datore di lavoro – è stato spiegato – di applicare per quel tipo di mansione che svolgono i rider la normativa, di applicare i contratti adeguati e quindi ci devono essere quelle assunzioni”.
Altrimenti saranno presi “provvedimenti” specifici.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rider: ammende per 733 Mln a società
Verifiche dei CC sulle condizioni di lavoro di 60mila fattorini
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
24 febbraio 2021
12:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Alle società del delivery che fanno lavorare i rider sono state “contestate ammende” sui profili di sicurezza dei fattorini per “oltre 733 milioni di euro”. Il dato impressionante è stato comunicato da Antonino Bolognani, comandante del Nucleo tutela del lavoro dei carabinieri, nel corso di una conferenza stampa con il procuratore di Milano, Francesco Greco, l’aggiunto Tiziana Siciliano e il pm Maura Ripamonti.
“Se le aziende pagheranno queste ammende, ciò consentirà loro l’estinzione del reato”, ha aggiunto Bolognani. In attività di verifiche sono stati controllati “oltre 60mila fattorini”, lavoratori “esposti a rischi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Valanga Pila: Cai, piena solidarietà a istruttori condannati
Presidente, grave assimilare ruolo volontari a quello direttore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AOSTA
25 febbraio 2021
14:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Conferma la piena solidarietà ai propri soci” il presidente generale del Club alpino italiano, Vincenzo Torti, dopo la condanna dei sei istruttori del Cai imputati per disastro e omicidio colposi nel processo sulla morte di due scialpinisti travolti e uccisi da una valanga il 7 aprile 2018, sul Colle di Chamolé, vicino alla località valdostana di Pila.
“Abbiamo preso atto con rammarico – spiega – della sentenza di condanna pronunciata” il 24 febbraio “dal tribunale di Aosta, che sembra contraddire inequivoche risultanze probatorie e valutazioni espresse dai più autorevoli esperti sentiti in corso di giudizio”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Secondo Torti “ancor più grave è l’aver esteso la più volte contestata responsabilità a tutti i soggetti coinvolti, assimilando al ruolo del direttore del corso quello dei volontari di mero supporto collaborativo, che, in quanto non titolati, non avevano alcuna funzione in ordine a valutazioni non di loro competenza”.
Per il presidente generale del Cai si tratta di “una scelta processuale accusatoria stigmatizzata sin dal primo momento, quella cosiddetta ‘a strascico’, che talora viene utilizzata in avvio di indagine, ma viene superata all’esito di approfondimenti che consentono di individuare ruoli e contributi causali. Scelta ancor meno condivisibile, laddove ha portato, su tale errato presupposto, ad escludere qualsivoglia rilevanza al decesso del partecipante ‘qualificato'”. Il Cai inoltre “non mancherà di assicurare la necessaria vicinanza e assistenza” ai sei istruttori condannati e confida che “quanto puntualmente accertato” possa “trovare in sede di appello adeguata valutazione”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Studio, un terzo dei genitori si sente solo
The Parenting Index (Nestlé), su 8000 coppie in 16 Paesi diversi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
25 febbraio 2021
14:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un terzo dei genitori si sente solo nonostante viva in un mondo iperconnesso. Lo dice The Parenting Index, il nuovo studio commissionato da Nestlé per comprendere e supportare i neogenitori nel loro ruolo, in un mondo che cambia di continuo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo studio è basato sulle opinioni di oltre 8.000 mamme e papà di bambini di età compresa tra 0 e 12 mesi che vivono in 16 Paesi diversi. In questa prima edizione emerge che il fattore universale più significativo nell’influenzare l’esperienza genitoriale è la pressione. Una variabile su cui i neo genitori hanno poco controllo, ma che ha l’impatto maggiore: contribuisce infatti al 23% del punteggio complessivo dell’Index.
All’interno del fattore pressione si trovano ad esempio: il social shaming, la metà (51%) dei genitori intervistati sente un’intensa pressione sociale su come crescere i propri figli e questo, oggi, proviene dai social media; il senso di colpa, il 45% degli intervistati è d’accordo sul fatto che i neo genitori si trovano a provare senso di colpa e che questo può avere un impatto anche duraturo; i consigli non richiesti (“la voce del villaggio”), il 60% sente che tutti hanno un’opinione su come crescere il loro bambino. “Abbiamo sviluppato la Nestlé Parenting Initiative per aiutare a rendere più facile la vita dei genitori, in modo da poterli supportare meglio nelle decisioni che prendono durante i primi, cruciali, 1.000 giorni della vita del loro bambino – ha commentato Thierry Philardeau, Head of Nestlé Nutrition Strategic Business Unit -. E così facendo, rafforziamo il nostro impegno del 2016 ad aiutare 50 milioni di bambini a condurre una vita più sana e più felice entro il 2030”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Campobasso, prorogata al 7 marzo chiusura scuole
Gravina, non ci sono condizioni per allentare misure prevenzione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAMPOBASSO
25 febbraio 2021
14:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Campobasso è stata prorogata al 7 marzo la sospensione delle attività didattiche in presenza per gli istituti scolastici di ogni ordine e grado, pubblici, parificati, paritari, nidi d’infanzia pubblici e privati e ludoteche, il cui termine era fissato, con precedente ordinanza, al 28 febbraio. Lo ha stabilito il sindaco, Roberto Gravina.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Non ci sono le condizioni per allentare le misure preventive e cautelative – ha spiegato – per cui è indispensabile continuare a preservare, per quanto possibile, il sistema sanitario e ospedaliero regionale che si sta trovando in fortissima sofferenza”. La decisione arriva a seguito della “verifica dei dati che a livello regionale stanno maturando nel corso della settimana e che parlano di un numero di ricoveri ancora troppo alto e di una persistenza del virus forte e diffusa sempre più su tutto il territorio molisano”. Il Molise è da domenica scorsa in ‘zona arancione’, ma il 25% dei Comuni, concentrati nella fascia orientale, è in zona rossa.
Gravina ha anche ricordato che “la sospensione delle attività didattiche risponde alla manifestata esigenza di alleviare il lavoro quotidiano dei laboratori che si occupano dei tamponi e del relativo tracciamento delle catene epidemiologiche. Adesso, però, è necessario accelerare sull’organizzazione del programma di vaccinazione sul territorio. A tal proposito, confermo la piena e totale disponibilità della nostra Amministrazione per ciò che concerne la logistica e la messa a disposizione di aree e locali cittadini per scopi collegati alla campagna vaccinale”.
Il primo cittadino ha fatto sapere di aver effettuato diversi sopralluoghi oggi insieme a personale della Regione Molise per individuare un edificio di proprietà dell’amministrazione comunale da mettere a disposizione dell’Azienda sanitaria regionale (Asrem) e della Regione come Centro di vaccinazione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Frenano le vaccinazioni anti Covid, doppia dose solo a 3 over 80 su 100
Fondazione Gimbe, in 2 mesi quasi dimezzate dosi per il primo trimestre oltre i gap regionali
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
25 febbraio 2021
11:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ad oggi solo 3 anziani su 100 hanno completato la vaccinazione anti Covid e “la continua revisione al ribasso delle forniture, in soli 2 mesi, ha quasi dimezzato le dosi previste per il primo trimestre 2021, che sono precipitate da 28,3 a 15,7 milioni”. A metterlo in luce è il nuovo monitoraggio della Fondazione Gimbe che sottolinea come “una riduzione di tale entità, se da un lato è imputabile ai ritardi di produzione e consegna, dall’altro risente di irrealistiche stime di approvvigionamento del Piano originale”.
Ma, come mostra la grande differenza di velocità con cui si vaccina nelle varie regioni, è “preoccupante anche la frenata delle somministrazioni”, legata a difficoltà organizzative.
Al 24 febbraio (aggiornamento ore 8) avevano completato il ciclo vaccinale con la seconda dose oltre 1,34 milioni di persone pari al 2,25% della popolazione, ma con marcate differenze regionali: dall’1,58% dell’Abruzzo al 4,17% della P.A. di Bolzano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Resta “esigua” la copertura degli over 80: su oltre 4,4 milioni, solo 380 mila (l’8,6%) hanno ricevuto la prima dose e circa 127 mila (il 2,9%) hanno ricevuto anche la seconda.
Difficoltà organizzative riguardano anche le vaccinazioni delle altre categorie. “E’ stato somministrato – sottolinea Gimbe – solo il 14% delle dosi di AstraZeneca, destinate a insegnanti e forze dell’ordine”. Anche in questo caso, sono notevoli sono le differenze regionali: se Toscana (64%), Valle d’Aosta (41,2%), Bolzano (37,6%) e Lazio (25%) hanno somministrato almeno un quarto delle dosi consegnate da AstraZeneca, due hanno somministrato meno dell’1% e 5 Regioni non hanno nemmeno iniziato.
“Dai primi posti in classifica tra i Paesi europei conquistati nella prima fase della campagna vaccinale – precisa Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe – l’Italia ha perso numerose posizioni perché non tutte le Regioni erano pronte”. Per uscire dalla pandemia, conclude, “è necessario un netto cambio di passo del Governo Draghi”.
Inoltre la Fondazione rende noto l’ultimo monitoraggio indipendente sull’andamento della pandemia. Dopo 4 settimane di stabilità nel numero dei nuovi casi di Covid-19, nella scorsa settimana si registra “un’inversione di tendenza con un incremento che, a livello nazionale sfiora il 10%, segno della rapida diffusione di varianti più contagiose”. E in 41 province l’incremento dei nuovi casi è superiore al 20%.
Nel dettaglio, nella settimana 17-23 febbraio 2021, rispetto alla precedente, si nota un incremento dei nuovi casi (92.571 rispetto a 84.272, pari a +9,8%), a fronte di un numero stabile di decessi (2.177 rispetto a 2.169). In lieve riduzione, invece, i casi attualmente positivi (387.948 rispetto a 393.686, pari a -1,5%), le persone in isolamento domiciliare (367.507 rispetto a 373.149, pari a -1,5%) e i ricoveri con sintomi (18.295 rispetto a 18.463, pari a -0,9%), mentre risalgono le terapie intensive (2.146 rispetto a 2.074, pari a +3,5%).
“L’incremento percentuale dei nuovi casi rispetto alla settimana precedente – afferma Cartabellotta – è l’indicatore più sensibile per identificare le numerose spie rosse che si accendono nelle diverse Regioni”.
In particolare, nella settimana 17-23 febbraio in ben 74 province su 107 (68,5%) si registra un incremento percentuale dei nuovi casi rispetto alla settimana precedente, con valori che superano il 20% in 41 Province; in 11 Regioni aumentano i casi attualmente positivi per 100.000 abitanti e in 10 Regioni sale l’incremento percentuale dei casi totali.
“Questi dati – commenta Renata Gili, Responsabile Ricerca sui Servizi Sanitari della Fondazione Gimbe – confermano che, per evitare lockdown più estesi, bisogna introdurre tempestivamente restrizioni rigorose nelle aree dove si verificano impennate repentine. Temporeggiare è molto rischioso perché la situazione rischia di sfuggire di mano”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I film del weekend a casa, 8 titoli tra le novità
Da Apolloni a J. Blakeson tra streaming e home video
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
25 febbraio 2021
10:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ancora una settimana di novità tra lo streaming sulle maggiori piattaforme e I titoli disponibili in home video. La riapertura delle sale si allontana ma i film non mancano per gli appassionati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
– ADDIO AL NUBILATO di Francesco Apolloni con Laura Chiatti, Chiara Francini, Antonia Liskova e Jun Ichikawa. Disponibile su Prime Video. Quattro amiche, alla vigilia del matrimonio di una quinta, scoprono che la promessa sposa è sparita nel nulla. Si conoscono fin dal liceo e la futura sposa ingaggia una singolare caccia al tesoro con le sue ex compagne, ma quando dopo una notte di folli corse, si ritrovano davanti alla vecchia scuola…la sposa ancora non c’è. Al suo posto un’ultimo indizio… – PARADISE di Davide Del Degan con Vincenzo Nemolato, Giovanni Calcagno, Branko Zavrsan, Selene Caramazza, Andrea Pennacchi. Un testimone di un delitto di mafia viene nascosto, sotto falso nome, in una località di montagna dall’altra parte dell’Italia.
Il protagonista vede un pericolo in ogni straniero che arriva in paese e cerca ogni modo per mimetizzarsi tra la gente. Finale a sorpresa. Disponibile su Prime Video.
– TENSIONE SUPERFICIALE di Giovanni Aloi con Cristiana Dell’Anna, Philipp Peter Heidegger, Benno Steinegger, Francesca Sanapo, Hannes Perkmann. Su #iorestoinsala. Ancora un esempio del cinema italiano indipendente che ora cerca fortuna sulle piattaforme. Michela è una ragazza madre con un figlio adolescente: lavora, sottopagata, in un hotel sul lago di Resia e un giorno incontra una come lei, costretta ad andare a prostituirsi in Austria nei fine settimana. Michela si lascia attirare dal miraggio dei soldi facili, ma quando in paese qualcuno sospetta, l’ombra del ricatto si allunga sulle due donne.
– I CARE A LOT di J. Blakeson con Rosamund Pike, Eiza González, Dianne Wiest, Peter Dinklage, Isiah Whitlock Jr., Celeste Oliva.
Si trova su Prime video questa commedia-thriller molto applaudita al festival di Toronto. Ne è protagonista Marla Grayson, tutrice legale di professione, truffatrice e ladra per vocazione. In coppia con la sua amante Fran, la donna decide di circuire l’anziana ospite di una casa di riposo, Jennifer. Ma non sa che la donna nasconde a sua volta un segreto e ha insospettabili legami con un pericoloso gangster.
– THE BOOK OF VISION di Carlo S. Hinterman con Lotte Verbeek e Charles Dance. Si vede in anteprima su Chili il visionario debutto nel lungometraggio di un figlio d’arte (suo padre è il grande attore omonimo) che da sempre frequenta e ama il cinema d’autore più estremo, tanto che qui Terrence Malick firma la produzione esecutiva e nel cast tecnico figurano il direttore della fotografia di Wenders e Malick, Joerg Widmer e lo scenografo di Paul Thomas Anderson, David Crank. A tessere l’esile filo della trama è la dottoressa Eva che abbandona la carriera per studiare la medicina naturale, alla ricerca di sé e della guarigione dalla malattia. Troverà quasi per caso il trattato di un medico prussiano del Settecento, Johan Anmuth, e la lettura del suo “book of vision” la porterà in un universo parallelo, sospeso tra passato e presente. Film d’apertura della setimana della critica alla Mostra di Venezia.
– SHADOWS di Carlo Lavagna con Mia Threapleton, Lola Petticrew, Saskia Reeves. Una storia di ossessioni al femminile, di reclusione e desiderio di fuga ambientata in un non-luogo che potrebbe essere una lontana foresta o la periferia dietro casa.
Abbandonate dal padre da bambine, Alma e Alex vivono da recluse in un albergo isolato dove la madre le tiene al riparo dalla brutalità del mondo. In realtà la loro è un’esistenza monca, finché Alex si ribella e decide di attraversare il mitico “fiume nero” per avventurarsi in quel mondo minaccioso che non conosce.
Disponibile in bluray.
– IL TALENTO DEL CALABRONE di Giacomo Cimini con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, Anna Foglietta. Una notte a Milano: il giovane e popolare dj Steph, idolo di una delle radio più ascoltate va come ogni sera in onda col suo programma “Beat Time”. Ma la telefonata di uno sconosciuto è destinata a cambiargli la vita.
L’uomo infatti annuncia di volersi suicidare facendosi esplodere in diretta proprio in centro alla città. Finché però rimane in linea non agirà. Sul filo delle onde radio comincia così una corsa contro il tempo mentre la poliziotta Rosa Amedei cerca di individuare il pazzo suicida per prevenirne le mosse. Qual è il segreto dello sconosciuto. Disponibile in bluray.
– QUEIMADA di Gillo Pontecorvo con Marlon Brando, Evaristo Marquez, Renato Salvatori. Diretto nel 1969 dal regista de “La battaglia di Algeri” è un’allegoria del potere coloniale (analogo a quello delle moderne multinazionali) che pende il via da un fatto storico: l’azione spionistica dell’inglese Compagnia delle Indie per scacciare i portoghesi dai Caraibi. Così, nell’anno 1844 l’avventuriero e agente segreto William Walker sbarca nell’isoletta di Queimada per fomentare la rivolta, convince il generoso quanto ingenuo Evaristo a guidarla, si allea con i meticci borghesi dell’isola e ottiene il risultato.
Ma la fiamma della rivoluzione, una volta accesa, non si spegne e Walker dovrà guidare la repressione inglese contro l’esercito di straccioni di Evaristo. Un capolavoro finalmente restaurato in digitale e disponibile adesso anche nella versione bluray.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Inchiesta mascherine: un arresto e 4 interdittive
Interdizione anche per l’imprenditore Benotti
c
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
25 febbraio 2021
08:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I finanzieri del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria, coordinati dalla Procura di Roma, stanno eseguendo una misura cautelare per cinque persone: un arresto domiciliare e quattro interdittive, nell’ambito dell’inchiesta sull’affidamento per un valore complessivo di 1,25 miliardi di euro per l’acquisto di mascherine per l’emergenza Covid. Ai domiciliari Solis San Andreas Jorge Edisson, mentre le interdittive riguardano l’imprenditore Mario Benotti, Vincenzo Andrea Tommasi Andrea, Khouzam Georges Fares e Guarnieri Daniela Rossana.

“Dall’attività di intercettazione è emerso che Mario Benotti, dopo aver ampiamente lucrato illecitamente per i contratti di fornitura delle mascherine, non pago di quanto sino ad allora ottenuto, aveva intenzione di continuare a proporre ulteriori affari al commissario Arcuri”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo scrive il gip Paolo Andrea Taviano nell’ordinanza con cui hai disposto gli arresti domiciliari per un indagato e quattro interdittive nell’ambito dell’indagine della Procura di Roma sulle mascherine importate dalla Cina. Un elemento che “si evince dall’intercettazione nella quale Benotti – scrive il gip – confida a Daniela Guarnieri, legale rappresentante e socia della Microproducts, la sua frustrazione per il fatto che il commissario Arcuri ha interrotto i rapporti con lui e che questo potrebbe essere il sintomo che Arcuri avrebbe avuto notizie informa riservata su qualcosa “che ci sta per arrivare addosso”, chiaro riferimento alla possibilità di indagini giudiziarie inerenti le forniture di mascherine mediate da Benotti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo, 4/3 di Dalla, 50 anni fa la ‘vittoria morale’
Libro Dice che era un bell’uomo su sodalizio con Pallottino
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
20:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A cinquant’anni dalla pubblicazione di “4/3/1943”, dal 9 marzo sarà disponibile in libreria e negli store digitali “DICE CHE ERA UN BELL’UOMO… – Il genio di Dalla e Pallottino” (Edizioni Minerva), il nuovo libro del giornalista Massimo Iondini dedicato alla coppia artistica formata da Lucio Dalla e Paola Pallottino.
Grazie anche alle testimonianze di Gino Paoli, Renzo Arbore, Ron, Maurizio Vandelli, Maurizio De Angelis, Vince Tempera, Angelo Branduardi, Armando Franceschini e padre Bernardo Boschi, Iondini racconta la carriera di Dalla nei primi anni Settanta, caratterizzati dal sodalizio con la storica dell’arte, illustratrice e paroliera Paola Pallottino: una breve ma intensa collaborazione grazie alla quale videro la luce canzoni come “4 marzo 1943”, “Un uomo come me”, “Il gigante e la bambina” e “Anna Bellanna”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
«Quel Festival del 1971 per la musica leggera italiana fu una vera e propria rivoluzione. Tant’è che Lucio Dalla conquistò Sanremo pur non arrivando primo. Per la sua “4/3/1943” si parlò infatti a gran voce di “vittoria morale”. Un successo a più livelli per Dalla e la quasi esordiente paroliera Paola Pallottino – dice Massimo Iondini -. Anzitutto perché la loro canzone, ripescata in extremis, era passata sotto le forche caudine della censura della Rai e dell’organizzazione del Festival: via il titolo “Gesubambino” e via alcuni importanti versi. Poi perché quell’innovativo testo portava per la prima volta in una rassegna canora di musica leggera il dramma di una ragazza madre e di un figlio della guerra. Infine, perché rappresentava il personale riscatto dello stesso Dalla, fino a quel momento lodato dalla critica ma inviso al grande pubblico per come cantava, per lo stile compositivo e per il suo aspetto trasandato da antidivo».
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gip boccia l’istanza di scarcerazione, Genovese resta in carcere
No a perizia su compatibilità con la detenzione,non ha patologie
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
25 febbraio 2021
14:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il gip di Milano Tommaso Perna ha respinto l’istanza di scarcerazione e di domiciliari in una clinica per disintossicarsi presentata dalla difesa di Alberto Genovese, l’imprenditore del web in carcere da novembre per aver stordito con droghe e stuprato una 18enne. No dal giudice anche ad una perizia che avrebbe dovuto valutare la compatibilità col carcere dell’ex ‘mago’ delle start up digitali.
Dagli atti del servizio psicologico di San Vittore, infatti, è emerso che Genovese non ha patologie, nemmeno legate all’uso di cocaina.

Cronaca tutte le notizie in tempo reale, tutti, ma proprio tutti i fatti di Cronaca sempre aggiornati. LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 21 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 14:27 DI MARTEDì 23 FEBBRAIO 2021

ALLE 11:42 DI MERCOLEDì 24 FEBBRAIO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Appello madre a Zingaretti, “vaccini a genitori caregiver”
Figlio affetto da fibrosi cistica.”Ha 15 anni, devo proteggerlo”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
14:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da anni è accanto ogni giorno al suo bambino che convive con la fibrosi cistica, affrontandola con il sorriso sulle labbra, oggi Lorena Iglesias lancia un appello al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti per tutti quei genitori che, come lei, vogliono proteggere i loro figli in tempi di Covid. In una lettera aperta chiede di riconoscere tra le priorità da vaccinare i caregiver dei bambini fibrosicistici.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Scrivo in qualità di madre caregiver di Andrea, un ragazzo di 15 anni affetto da fibrosi cistica e in cura presso il Policlinico Umberto I di Roma e in qualità di Presidente dell’associazione La Magia di un Respiro nata per supportare le famiglie e i pazienti che convivono con questa gravissima patologia – inizia la lettera – Nessuno pretende di passare davanti a nessuno! Ci si chiede piuttosto se la Regione Lazio all’interno del quadro definito dalle disposizioni ministeriali, abbia la possibilità e la volontà di dare loro attuazione in modo da colmarne alcune evidenti discrepanze”. “I caregiver dei fibrosicistici non rientrano nelle categorie da vaccinare – spiega Lorena Iglesias – Quindi un bambino che ha meno di 16 anni non può essere vaccinato per questo deve essere protetto in altro modo, in primis con il riconoscimento della priorità vaccinale per i genitori. Riconoscimento incomprensibilmente non contemplato nel caso della fibrosi cistica ma espressamente previsto per i pazienti onco-ematologici, altra categoria di ‘persone estremamente vulnerabili’, con conseguente disparità di trattamento e violazione del principio costituzionale di uguaglianza”.   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: caso di variante brasiliana, chiusa scuola a Roma
E’ una media, materna già chiusa per variante inglese
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
23 febbraio 2021
16:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un caso di variante ‘brasiliana’ del Covid è stato scoperto in una scuola a Roma che nei giorni scorsi, per l’emergere di un caso di quella ‘inglese’ aveva già disposto la chiusura delle sezioni della materna e della elementare. Il provvedimento è stato ora esteso dall’Asl Roma 1 anche alla scuola media dell’istituto Sinopoli-Ferrini, nel quartiere Africano della Capitale.
La scuola chiude da domani, e fino a data da destinarsi, a causa dell’elevato numero di tamponi molecolari da effettuare ad alunni, docenti e lavoratori. Sarebbe il primo caso di variante brasiliana che si registra a Roma e nel Lazio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Spettacolo protesta: lavoratori occupano strada a Napoli
Davanti al molo Beverello Striscione: “il lavoro non è favore”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
23 febbraio 2021
16:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Alcune centinaia di attivisti e lavoratori del mondo dello spettacolo a Napoli hanno occupato via Cristoforo Colombo davanti al Molo Beverello, a due passi dal teatro Mercadante dove si stava svolgendo la manifestazione del settore a un anno dalla chiusura dei teatri. I lavoratori hanno fermato tutto il traffico veicolare proveniente da via Acton occupando la strada con un grande striscione con la scritta “Il lavoro non è un favore”.
Alcuni di loro hanno acceso dei fumogeni rossi.   SPETTACOLI, MUSICA E CULTURA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: zona rossa per paese Ciociaria,c’è variante inglese
A Torrice, nel Lazio restrizioni già in altri tre Comuni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
23 febbraio 2021
16:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha firmato oggi l’ordinanza per istituire la zona rossa nel Comune di Torrice in provincia di Frosinone a causa della forte incidenza e presenza della variante inglese.
“Per il Comune – spiega una nota della Regione Lazio – si applicano le misure più restrittive di cui all’art.
3 del Dpcm 14 gennaio 2021. Le disposizioni dell’ordinanza entrano in vigore dalle ore 1:00 del 24 febbraio 2021 e per i 14 giorni successivi”.
La provincia di Frosinone era già attenzionata da alcuni giorni dalla Regione Lazio a causa del forte aumento dei casi di Covid. Altre zone rosse nel Lazio sono state istituite nei giorni scorsi a Carpineto e Colleferro in provincia di Roma e a Roccagorga in provincia di Latina.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini, Marche, prenotazioni con portalettere e postamat
A disposizione 889 postini e 13 Atm
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
23 febbraio 2021
17:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I cittadini delle Marche potranno prenotare l’appuntamento per la vaccinazione anti Covid-19 rivolgendosi al proprio portalettere o attraverso i 13 Atm Postamat regionali. Poste Italiane ha potenziato la propria infrastruttura tecnologica garantendo ulteriore supporto alla Regione Marche.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo il via alle prenotazioni del 12 febbraio scorso attraverso il sito ufficiale del Governo Italiano per la prenotazione dei Vaccini anti-Covid 19 il numero verde 800.009.966, in questa fase i cittadini over 80 (o loro delegati) avranno a disposizione anche la task force di 889 postini per la prenotazione del vaccino. Tessera sanitaria in corso di validità e numero di cellulare alla mano, i nati fino al 1941 potranno richiedere di verificare in tempo reale la disponibilità di appuntamenti presso i centri vaccinali limitrofi e di prossimità.
Il portalettere, attraverso la funzione “prenotazione vaccini” sviluppata per il dispositivo palmare, già in dotazione per il servizio di recapito, verificherà le disponibilità in base al Cap. Il sistema informatico si interfaccerà direttamente con i centri vaccinali e selezionerà gli slot ancora disponibili. Questa modalità resterà attiva anche per le successive fasi di vaccinazione. Per gli Atm Postamat sarà sufficiente inserire la tessera sanitaria, digitare i dati richiesti e ritirare il promemoria con i dettagli della prenotazione. Poste Italiane ha messo a disposizione la più grande flotta aziendale nell’emergenza Covid-19: oltre a gestire la piattaforma di prenotazione dei vaccini, ci sono la consegna in tutto il territorio nazionale dei dispositivi di protezione, attrezzature sanitarie e il trasporto delle dosi di vaccino Moderna e AstraZeneca ai presidi ospedalieri.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid:Lazio, oltre 360mila vaccinazioni,da domani hub Nuvola
Dal 1 marzo al via vaccinazioni dai medici di base per i 65enni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
23 febbraio 2021
17:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Superata la quota delle 360 mila dosi somministrate nel Lazio e le 120 mila persone che hanno ricevuto i richiami”. Così l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato in merito alla vaccinazione anti-Covid.

Proseguono le somministrazioni rivolte ai docenti e al personale scolastico. Sono oltre 53 mila le prenotazioni finora ed è partita oggi la procedura per le prenotazioni nella fascia fino ai 65 anni. Domani aprirà il centro alla “Nuvola” dell’Eur.
Dal primo marzo partono nel Lazio le vaccinazioni dai medici di medicina generale. Si inizierà dai nati nell’anno 1956 (65 anni) con il vaccino Astrazeneca. Al momento le dosi disponibili per i 4 mila medici sono 80 mila.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: Tar sospende ordinanza Puglia su dad per tutti
Emiliano aveva disposto fino al 5/3 didattica a distanza al 100%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
23 febbraio 2021
17:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Tar Puglia ha sospeso l’ordinanza regionale con la quale il presidente Michele Emiliano ha disposto fino al 5 marzo la didattica digitale integrata al 100% per tutti gli alunni e gli studenti pugliesi. Il decreto a firma del presidente Orazio Ciliberti accoglie l’istanza cautelare del ricorso presentato dal Codacons Lecce e da un gruppo di genitori di alunni, a per effetto sospende l’efficacia del provvedimento regionale, fissando l’udienza collegiale al 17 marzo 2021.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 13.314 nuovi casi, 356 vittime
Oltre 300 mila tamponi, tasso positività scende al 4,4%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
18:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 13.314 i nuovi casi di coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore. Sono 356, invece, le vittime.
Sono 303.850 i tamponi effettuati con il tasso di positività sui nuovi casi che scende al 4,4% rispetto al 5,6% di ieri. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 2.146, 28 in più rispetto a ieri. I ricoverati con sintomi sono, invece, 18.295 (+140). Gli attualmente positivi in Italia tornano a salire raggiungendo quota 387.948 (+45 rispetto a ieri). Il totale dei dimessi o guariti è 2.347.866 (+12.898), mentre quello delle vittime è di 96.348.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: da inizio pandemia emanati 522 atti, oltre 37 al mese
Analisi Openpolis, nel 2021 già pubblicati 56 provvedimenti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
18:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da quando è stato dichiarato lo stato d’emergenza, il 31 gennaio 2020, sono stati adottati 522 provvedimenti, solo a livello nazionale per una media di oltre 37 atti al mese. Lo rende noto Openpolis, sottolineando che i primi mesi del 2020 sono stati i più intensi dal punto di vista della produzione normativa: a febbraio sono stati pubblicati 67 atti Covid, a marzo 103, ad aprile 65.
Nel 2021 gli atti pubblicati sono già 56. Lo stato di emergenza è stato prorogato, con un’ordinanza firmata il 13 gennaio scorso, fino al prossimo 30 aprile. La maggior parte dei provvedimenti pubblicati sono stati emanati dal ministero della Salute, poi dalla Protezione Civile e dal ministero dell’Interno. Sono invece 7 gli atti adottati sotto la nuova presidenza di Mario Draghi: 5 del ministero della Salute, uno del governo e uno della Protezione Civile.   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Scuola: Emiliano, a breve nuova ordinanza, Dad a scelta
Dopo decisione Tar Puglia che ha bocciato precedente misura
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
23 febbraio 2021
19:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Adotterò immediatamente un’altra ordinanza che, tenendo conto dei rilievi” del Tar Puglia “tuteli comunque la vita del personale scolastico agganciando la durata della campagna vaccinale per le scuole al periodo di vigenza della ordinanza, rimuovendo il limite del 50% alla presenza contemporanea nelle classi”. Lo annuncia il governatore Michele Emiliano dopo che il Tar ha sospeso l’ordinanza con la quale era stata resa obbligatoria la Dad in tutte le scuole.
“Verrà reintrodotto – annuncia Emiliano – il diritto alla scelta della didattica integrata a distanza da parte delle famiglie che ne faranno richiesta”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Appello madre, “vaccini a genitori caregiver”. Ok Zingaretti
Figlio è fibrosicistico.Governatore,”sue parole non inascoltate”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
20:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccinare i genitori caregiver per proteggere dal Covid i propri figli. E’ l’appello di una mamma che da anni è accanto ogni giorno al suo bambino che convive con la fibrosi cistica, affrontandola con il sorriso sulle labbra.

Una patologia grave che in Italia riguarda oltre 5.500 pazienti, di cui quasi la metà ha meno di 18 anni, registrando un’età media al decesso di 34,7 anni. In una lettera aperta al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, Lorena Iglesias lancia un appello per tutti quei genitori che, come lei, si trovano ad affrontare la malattia accanto ai loro figli.
Parole che non sono cadute nel vuoto. In serata il presidente Zingaretti, ha assicurato che il “suo appello, che in realtà è una richiesta di aiuto che riguarda tanti genitori nella sua stessa situazione, non rimarrà inascoltato”. Il governatore ha spiegato di aver già dato indicazioni agli uffici competenti in materia “per mettere in moto la macchina amministrativa e dare in tempi ragionevolmente rapidi una risposta efficace in grado di colmare eventuali lacune normative sulla vaccinazione dei genitori caregiver dei fibrosicistici”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Urtato dal treno nel milanese, grave 13enne
Il ragazzo era sulla banchina, trauma cranico e facciale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 febbraio 2021
21:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un ragazzino di 13 anni è stato urtato da un treno alla stazione di Melzo, in provincia di Milano, ed è stato trasportato in condizioni serie all’ospedale Giovanni XXIII di Bergamo, non intubato ma con trauma cranico, facciale, all’addome e agli arti.
Secondo quanto riferito dal 118, il 13enne si trovava sulla banchina, quando è passato il treno.
Sulla dinamica dell’incidente sta investigando la Polfer di Treviglio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Zingaretti, Montalbano pazzo d’amore, scardina tutto
Su Rai1 Il metodo Catalanotti l’8 marzo dopo Sanremo. E sul futuro non si sbilancia
23 febbraio 2021
13:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Salvo Montalbano “isciuto completamente pazzo” per amore di una collega Antonia della scientifica, in mezzo un’indagine che si consuma in un contesto a lui estraneo il teatro. Il commissario di Vigàta, cittadina fantastica e metaforica della Sicilia è pronto a tornare sul piccolo schermo, su Rai1 l’8 marzo dopo Sanremo e lo farà con un nuovo, attesissimo episodio che saprà conquistare affezionati della serie e non solo e che vede nel cast oltre a Luca Zingaretti anche Cesare Bocci, Peppino Mazzotta, Antonia Truppo, Angelo Russo, Marina Rocco, con Greta Scarano e con la partecipazione di Sonia Bergamasco.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ma preparate i fazzoletti questa volta, rompe tutti gli schemi: “Il metodo Catalanotti” nato come sempre dalla penna del compianto Andrea Camilleri pubblicato da Sellerio nel 2018 (lo scrittore si è spento a Roma il 17 luglio 2019) come spiega l’attore che da oltre vent’anni presta volto, voce, e anima, al commissario più amato e conosciuto dagli italiani e che dopo la morte di Alberto Sironi, lo ha visto anche dietro la macchina da presa, vivrà un vero “stravolgimento” si perché avverte Luca Zingaretti “il nostro è pronto a cambiare e mettere in discussione la sua vita per amore, non per la sua eterna fidanzata Livia (Sonia Bergamasco) ma di una giovane collega Antonia, (Greta Scarano) che lo fa impazzire d’amore e mettere in dubbio anche “la sua carriera tanto da essere disposto a mollare tutto”. Ma perché parla di stravolgimento in questo episodio? ” E’ vero la più grande delle novità – prosegue l’attore e regista romano – è la perdita di controllo del Commissario travolto dalla passione. Il suo è un mondo legata alla sua terra, ma anche ai riti che sono quasi sempre gli stessi. Non è la prima volta che prende una sbandata lo sappiamo, ma si innamora davvero. Ora per raccontare questo terremoto interiore, abbiamo deciso di cambiare anche il suo tipo di parlare e di conseguenza la recitazione ovvero la mia, per renderlo più realistico, tormentato”. Insomma Montalbano “scende sulla terra”. Per raccontare tutto questo occorreva un salto, bisognava marcare la differenza, trovare un dolore nuovo, un coraggio disperato. Penso di poter dire che ci siamo riusciti e di aver fatto, tutti quanti insieme, un gran bel lavoro”. Qui si sovverte tutto, “come se Cappuccetto Rosso andasse a fare una rapina in banca. Così, i duetti con i vari personaggi, sono uno stilema di recitazione che se adottati in un altro film, sarebbero assurdi. Invece qui, c’è una tale unità di intenti che nessuno stona in questo contesto. Questo episodio resterà nella memoria di tutti, forse perché Camilleri presagendo la sua fine ha fatto sì che questo racconto sia una sorta di testamento”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Greta Scarano che presta il volto ad Antonia Nicoletti dice: “dovevo trovare un compromesso tra la loro recitazione sopra le righe e il mio essere un’aliena che doveva portare una sorta di realismo. La possibilità di incarnare un elemento che porta una crisi enorme in una struttura stabile, rappresentare un terremoto, per un attore è bellissimo”. In questo racconto aggiunge Zingaretti “ci sono tutti i temi cari a Camilleri. L’amore, che muove il mondo, il sesso, le corna, ma anche il teatro con l’eterno dilemma pirandelliano dello sdoppiamento dell’io e se sia più vera la realtà o la fantasia, la vecchiaia e il suo eterno tentativo di ghermire la giovinezza, la tragedia”.
– Sarà questo il capitolo finale della serie? Zingaretti non scioglie al momento la riserva: “Non c’è stanchezza su questo personaggio. Io però dico che i morti da due sono diventati tre, oltre a Camilleri e Sironi anche lo scenografo Riccieri, ed erano compagni di squadra. Non è una cosa da poco non trovare più i punti di riferimento. Da una parte c’e’ la tentazione del voler tornare al timone della barca, per rispetto a queste persone. Dall’altra mi chiedo se Camilleri ci domandasse tutto questo. Quest’anno è stato segnato da tante cose, ma soprattutto il tempo si è fermato con il covid”. E ancora: “Non c’è stato tempo di elaborare il lutto, perché il tempo non è scorso. Io sto in questa sorta di limbo, vorrei che ci aiutaste a informare il pubblico che Il metodo Catalanotti è l’ultimo inedito”. Il produttore Carlo Degli Esposti è sibillino: “Cosa ne sarà di Montalbano? È passato un anno dalla tempesta perfetta ora è presto. Il covid ci impedisce di tornare sul set con la tranquillità che ci ha contraddistinto in questi anni: ci sarà un momento, passata la pandemia in cui prenderemo una decisione. Per me e per altri Montalbano resta eterno”. Zingaretti sarà il protagonista di nuova produzione Sky Original, “Il re”, un prison drama. la serie, in otto episodi diretti da Giuseppe Gagliardi: “Si il primo ciak a marzo – risponde , le riprese si svolgeranno fra Roma, Torino e Trieste.  Montalbano è invece da sempre prodotta dalla Palomar di Carlo Degli Esposti con Rai Fiction – che ha festeggiato i vent’uno anni ed è ormai un classico. Oltre un miliardo di spettatori calcolando anche le repliche, numeri da record. “Montalbano è il testimonial principe non solo della fiction della Rai, ma anche della Rai come tale e dell’italianità”, dice Maria Pia Ammirati direttrice di Rai Fiction.
Fatto sta che Montalbano è un personaggi che negli anni ha saputo imporsi nell’immaginario collettivo nazionale e internazionale. Carmelo Catalanotti (Carlo Cartier) è stato assassinato, una pugnalata nel petto, ma quest’ammazzatina, presenta subito qualcosa di strano. Presto Montalbano scopre che la vittima era uno strozzino, benché a suo modo ‘equo’. Ma Catalanotti era anzitutto artista di teatro, fondatore della Trinacriarte, compagnia di teatro amatoriale di Vigata. Ma buona parte dei suoi soci sono letteralmente posseduti, quando non addirittura invasati, dalla passione del teatro; e Catalanotti era il guru di cotali adepti, “un guru che sapeva essere geniale, ma anche crudele e sadico”. A complicare questo non facile caso ci si mette l’incorreggibile Mimì Augello (Cesare Bocci), che nel tentativo di sfuggire al marito cornuto della sua ennesima amante, si imbatte con grande sorpresa in un cadavere. Cadavere che, però, con sorpresa ancora maggiore, non riuscirà più a ritrovare.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le amazzoni di Manuela Piemonte
L’intensa storia di tre piccole donne negli anni del Fascismo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
10:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MANUELA PIEMONTE, LE AMAZZONI (Rizzoli, pp.400, 18 euro). Sarebbero dovuti andare incontro alla “promessa di un’estate di bellezza”, invece vissero un incubo durato anni, ancora bambini, separati dalle proprie famiglie, lasciati soli, con le teste rasate, ammassati gli uni addosso agli altri, sempre puniti se disobbedienti, in una colonia da cui era bandita ogni tenerezza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ai circa 13000 figli dei coloni libici mandati in Italia dal regime di Mussolini a conoscere la patria e a diventare bravi fascisti, poi rimasti bloccati sul suolo italico in seguito alla dichiarazione di guerra a Francia e Regno Unito nel 1940, Manuela Piemonte dedica il suo romanzo d’esordio “Le amazzoni”, in libreria con Rizzoli dal 16 febbraio.
Grazia, sensibilità, una storia potente declinata al femminile con diversi personaggi ben delineati e un registro narrativo avvolgente caratterizzano un libro in cui Piemonte fa luce su una delle tante pagine buie, e poco conosciute, degli anni del Fascismo e della Seconda Guerra Mondiale. Lo sguardo dell’autrice, che mescola efficacemente la finzione alla realtà storica, si posa su tre sorelle, protagoniste del romanzo: Sara, la maggiore di 9 anni, Angela, 7 anni, e Margherita, la più piccola di 5 anni. Le bambine, mano nella mano, si imbarcano dalla Libia, la cosiddetta “Quarta sponda” verso l’Italia e lasciano lì la mamma e il papà: la loro destinazione sarà una colonia in Toscana, a Marina di Massa, allestita nell’ex Torre Fiat, un luogo spartano reso ancora più inospitale e freddo dalle “vigilatrici” chiamate a “educare” le piccole ospiti. Sara e Angela custodiscono però un segreto che le rende forse più forti delle compagne che incontrano: poche ore prima di lasciare la Libia, avevano avuto l’occasione di vedere nell’oscurità notturna una donna berbera a cavallo, libera e coraggiosa, dall’incedere fiero, lanciata come una vera e propria “amazzone” in fuga verso l’orizzonte. Contro quella “guerriera” era stato spiccato un mandato di cattura, ma Sara e Angela non avevano rivelato a nessuno di averla vista quella notte. A quell’immagine esaltante e rivelatrice, custodita nel cuore e nella mente, al pensiero di quella donna divenuta un modello di forza, le due bambine si aggrapperanno quando la colonia in Toscana si rivelerà più di una brutta vacanza, ma una infinita prigionia che le terrà lontane dai genitori per lunghi anni, pieni di difficoltà.
Come una presenza nascosta ma partecipe, l’autrice racconta con una prospettiva a misura di bambino una vicenda che tocca nel profondo: senza retorica, sulle pagine si snoda il destino sospeso e terribile toccato in sorte alle tre sorelle e a tanti altri piccoli sfortunati come loro che, lacrime contro lacrime, sogni contro sogni, tra urla soffocate e scatti di ribellione, e anche con qualche guizzo di ingegno per sopravvivere, hanno vissuto da “organizzati” (così venivano chiamati) in quei luoghi di indottrinamento cieco e violento. Piemonte si sofferma sull’infanzia interrotta, la frustrazione, la solitudine, il senso di abbandono: accompagna le sue protagoniste, le vede crescere e trasformarsi, e rivela la forza della loro “sorellanza”. Accanto alla disperazione, l’autrice racconta però anche la speranza, incarnata non solo dalla forza e dalla capacità di resistere delle tre giovani protagoniste, ma anche di quelle donne, coraggiose, guerriere a loro modo e in qualche modo salvifiche, che le bambine incontrano lungo il loro difficile cammino.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Dia, le mani delle mafie su ‘green’ e sanità
‘Seri rischi infiltrazione, crescono riciclaggio e corruzione’, l’allarme nella relazione semestrale della direzione investigativa Antimafia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
06:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La pandemia di Covid-19 rappresenta una “grande opportunità” per le mafie e lo snellimento delle procedure d’affidamento degli appalti e dei servizi pubblici comporterà “seri rischi di infiltrazione mafiosa dell’economia legale, specie nel settore sanitario”. E’ poi “oltremodo probabile” che i clan tentino di intercettare i finanziamenti per le grandi opere e la riconversione alla green economy. L’allarme è contenuto nell’ultima Relazione semestrale della Direzione investigativa antimafia (Dia), che evidenzia seri rischi di infiltrazione e la crescita di riciclaggio e corruzione.
Le indagini raccontano di una criminalità organizzata che durante il lockdown ha continuato ad agire sottotraccia, con un calo delle “attività criminali di primo livello” (traffico di droga, estorsioni, ricettazione, rapine), ma un aumento al Nord ed al Centro dei casi di riciclaggio e, al Sud, i casi di scambio elettorale politico-mafioso e di corruzione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Stabile l’usura, fattore sintomatico di una pressione “indiretta” comunque esercitata sul territorio. Si tratta, segnala la Dia, “di segnali embrionali che, però, impongono alle Istituzioni di tenere alta l’attenzione soprattutto sulle possibili infiltrazioni negli Enti locali e sulle ingenti risorse destinate al rilancio dell’economia del Paese”. Sono cresciute anche le segnalazioni di operazioni sospette (Sos) pervenute alla Direzione rispetto allo stesso periodo del 2019. Un dato, viene sottolineato, “indicativo se si considera il blocco delle attività commerciali e produttive determinato dall’emergenza Covid della scorsa primavera”. La disponibilità di liquidità delle cosche punta ad incrementare il consenso sociale anche attraverso forme di assistenzialismo a privati e imprese in difficoltà, con il rischio che le attività imprenditoriali medio-piccole “possano essere fagocitate nel medio tempo dalla criminalità, diventando strumento per riciclare e reimpiegare capitali illeciti”. Diventa pertanto fondamentale, si legge nella Relazione, “intercettare i segnali con i quali le organizzazioni mafiose punteranno, da un lato, a ‘rilevare’ le imprese in difficoltà finanziaria, esercitando il welfare criminale ed avvalendosi dei capitali illecitamente conseguiti mediante i classici traffici illegali; dall’altro, a drenare le risorse che verranno stanziate per il rilancio del Paese”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da Nord a Sud, infatti, il comune denominatore delle strategie mafiose, in questo periodo più di altri, pare collegato alla capacità di operare in forma imprenditoriale per rapportarsi sia con la Pubblica Amministrazione, sia con i privati. Nel primo caso per acquisire appalti e commesse pubbliche, nel secondo per rafforzare la propria presenza in determinati settori economici scardinando o rilevando imprese concorrenti o in difficoltà finanziaria. La Dia parla di “propensione per gli affari che passa attraverso una mimetizzazione attuata mediante il “volto pulito” di imprenditori e liberi professionisti attraverso i quali la mafia si presenta alla pubblica amministrazione adottando una modalità d’azione silente che non desta allarme sociale”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sequestro persona, rapina ed estorsione: sgominata baby gang
Operazione dei carabinieri nel Catanese, arrestato anche un maggiorenne
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
RIPOSTO
24 febbraio 2021
08:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una baby gang composta da ragazzi imparentati con esponenti della criminalità locale di Riposto è stata sgominata da carabinieri della compagnia di Giarre che ha arrestato quattro minorenni e un maggiorenne, all’epoca dei fatti minorenne. I reati ipotizzati nei confronti degli indagati sono sequestro di persona, rapina ed estorsione aggravate.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I provvedimenti che dispongono il loro collocamento in comunità sono stati emessi dai gip dei Tribunali per i minorenni e distrettuale di Catania su richiesta delle rispettive Procure.
Ad un sesto maggiorenne è stato notificato un avviso di conclusione indagini. Secondo l’accusa avrebbero condotto un commerciante e i suoi due figli a seguirli in un luogo appartato per schiaffeggiarli e per chiedere loro scusa per una presunta ‘offesa’. Agli indagati è contestata anche “l’intimidazione, derivante anche dall’appartenenza a già noti ambienti criminali” di Riposto. I quattro minori ed il maggiorenne sono stati affidati ad altrettante comunità nelle province di Agrigento, Caltanissetta, Messina, Ragusa e Siracusa. Al maggiorenne, che ha 19 anni, è stata applicata anche la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria due volte al giorno, nonché di tenersi a non meno di 500 metri dall’abitazione delle vittime e dal luogo delle attività criminose contestate. Le indagini dei carabinieri sono state avviate dopo la denuncia e la collaborazione delle vittime.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: Emiliano firma nuova ordinanza, Ddi sino al 14 marzo
In presenza solo laboratori o alunni con esigenze speciali
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
24 febbraio 2021
09:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dal 24 febbraio e sino al 14 marzo tutte le scuole pugliesi,di ogni ordine e grado, dovranno adottare la didattica digitale integrata (Ddi) al 100%,”riservando l’attività didattica in presenza agli alunni per l’uso di laboratori qualora sia previsto dall’ordinamento,o per mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali”: è la nuova ordinanza firmata dal governatore Michele Emiliano. Ieri il Tar Puglia aveva accolto il ricorso del Codacons sospendendo la precedente ordinanza che prevedeva dal 22 febbraio al 5 marzo la Dad per tutte le scuole.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: testata a carabiniere per evitare sanzione, arrestato
Controlli nel Barese, multe e bar chiusi durante coprifuoco
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
24 febbraio 2021
10:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Avrebbe colpito con una testata al volto, ferendolo, un carabiniere che con un collega era entrato in un bar a Valenzano (Bari) per contestare la violazione delle norme anti-Covid, in quanto il locale era aperto alle 23, dopo il coprifuoco. Un 35enne con piccoli precedenti, cliente del locale, è stato rintracciato e arrestato per resistenza e violenza a pubblico ufficiale, oltre alla sanzione Covid, contestata anche ad altri due clienti che erano all’esterno a consumare bevande e ai titolari del bar, per il quale è stata disposta la chiusura per cinque giorni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Binetto una coppia è stata fermata dai militari per un controllo alle 2 del mattino e, non avendo valide giustificazioni, gli è stata contestata l’inosservanza delle misure sul contenimento della pandemia. Dopo le invettive e le minacce nei confronti dei carabinieri, ricevuta copia del verbale i due lo hanno accartocciato gettandolo per terra. Oltre alla sanzione amministrativa per violazione delle normative anti-covid, dovranno rispondere anche di resistenza a pubblico ufficiale.
Complessivamente dell’inizio dell’anno nell’area metropolitana di Bari sono state controllate 47.891 persone, 714 delle quali sanzionate, e 2.051 attività, 27 delle quali sanzionate.
Nell’ambito dei controlli anti-contagio alla movida del Norb Barese, i carabinieri hanno scoperto a Trani un circolo ricreativo con all’interno 8 persone che giocavano a carte, dopo le 22, tutti sanzionati, altre sette persone sono state multate perché erano in strada senza mascherine, e due locali sono stati chiusi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spettacolo protesta nelle piazze d’Italia
Manifestazioni in tutte le città per la riapertura
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
08:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Manifestazioni dei lavoratori dello spettacolo in molte piazze d’Italia per chiedere la riapertura di cinema, teatri e luoghi di intrattenimento.
L’Inno d’Italia per chiedere di tornare a lavorare. Cosi’ i lavoratori dello spettacolo aderenti a Fistel Cisl e Uilcom Uil sotto la prefettura di Genova hanno chiesto la riapertura di teatri e sale da concerto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I musicisti presenti, tutti del Teatro Carlo Felice, alcuni dei quali precari, hanno eseguito l’Inno di Mameli. Una delegazione è stata ricevuta in prefettura.
“E’ la seconda volta che manifestiamo e non abbiamo ottenuto nulla. Non ce ne sarà una terza: la prossima occuperemo l’autostrada con i nostri camion”. E’ la provocazione di katiuscia Medina, famosa artista del Circo Medina, alla manifestazione del mondo dello spettacolo davanti alla Regione Piemonte, nel centro di Torino. “La gente, chiusa in casa da un anno, vuole tornare al circo e nei teatri, adesso basta – aggiunge -. Se la Regione e il governo non ci ascoltano, dovremo fare loro capire che così non si può proseguire”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Alcune centinaia di attivisti e lavoratori del mondo dello spettacolo a Napoli hanno occupato via Cristoforo Colombo davanti al Molo Beverello, a due passi dal teatro Mercadante dove si stava svolgendo la manifestazione del settore a un anno dalla chiusura dei teatri. I lavoratori hanno brevemente fermato tutto il traffico veicolare proveniente da via Acton occupando la strada con un grande striscione con la scritta “Il lavoro non è un favore”. Alcuni di loro hanno acceso dei fumogeni rossi.
I lavoratori dello spettacolo, con Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil, sono scesi in piazza a Firenze per denunciare lo stato di crisi del settore, a causa della perdurante emergenza sanitaria, e la loro difficile condizione lavorativa e personale, chiedendo di organizzare le riaperture. Il presidio in via Cavour sotto la prefettura ha anche visto l’esibizione dal vivo di Emanuele Urso, primo corno del Maggio Musicale Fiorentino, e della cantautrice Chiara Riondino. Alcuni sindacalisti, al termine dell’iniziativa, sono stati ricevuti in prefettura dove hanno portato le richieste al Governo per salvare il settore e i lavoratori. “Contemporaneamente all’azione di sostegno e al rafforzamento delle tutele – affermano i sindacati – crediamo sia esigenza non più rinviabile quella di organizzare le modalità di riapertura delle sale”. Inoltre secondo Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, “la pandemia ha messo drammaticamente a nudo i limiti del sistema che ordina l’offerta e la fruizione dello spettacolo dal vivo. Non è più rinviabile una riforma organica del settore, anche cogliendo l’occasione offerta dal Next generation, che preveda, oltre ad ammortizzatori sociali adeguati, il giusto riconoscimento per le competenze e un ripensamento del sistema previdenziale, un potenziamento degli investimenti strutturali sulle professionalità, sulla formazione, sui luoghi e le modalità dell’offerta culturale che, senza essere snaturata, colga le adeguate opportunità delle nuove tecnologie”.
Nella provincia di Perugia, in fascia rossa per le norme contro la diffusione del Covid, la giornata di mobilitazione nazionale del comparto indetta da Slc Cgil dal titolo “Torniamo a fare spettacolo”, si è svolta online, con i lavoratori del settore che dalle ore 12, vista l’impossibilità di scendere fisicamente in piazza, hanno iniziato a postare cartelli, immagini e dichiarazioni per fare luce anche in Umbria su questa difficile situazione. Ristori, protocolli per una riapertura in sicurezza, rinnovo di contratti collettivi nazionali scaduti da anni e riforma organica del settore: rappresentanti di Slc Cgil Umbria e Adu (Attrici attori danzatrici danzatori uniti) Umbria attraverso un incontro on-line con la stampa hanno illustrato le loro proposte oltre a fare il punto sulla situazione regionale e rinnovare la richiesta di attivazione in tempi rapidi del tavolo promesso dalla Regione Umbria. Sono i temi messi sotto i riflettori da Enrico Bruschi, segretario generale Slc Cgil Umbria: “C’è necessità di riaprire i luoghi della cultura e di sostenere con delle risorse il settore”. Un settore che, come ha ricordato ancora Bruschi, è pure “molto diversificato”. Quello della riapertura è comunque “il primo passo da fare” pure per Emanuela Faraglia, attrice e responsabile produzione culturale Slc Umbria. In Umbria, ha poi evidenziato per Adu Umbria l’attore Alessandro Sesti, c’è un terreno fertile con tante realtà teatrali anche di ricerca, “un bene prezioso da tutelare”, ha affermato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Serena Rossi e Simona Ventura all’Ariston
Tornano l’attrice e la conduttrice che guidò il festival 2004
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
16:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Serena Rossi e Simona Ventura a Sanremo: l’attrice, reduce dal successo della fiction di Rai1 Mina Settembre, e la conduttrice, che è stata al timone del festival nel 2004, saranno sul palco con ogni probabilità nella serata finale di sabato 6 marzo, affiancando Amadeus in diversi momenti di conduzione e di spettacolo.
Già a Sanremo nel 2018 per il duetto con Renzo Rubino sulle note del brano ‘Custodire’, Serena Rossi è tornata poi all’Ariston l’anno sopo, regalando un brivido al pubblico con l’interpretazione di Almeno tu nell’universo di Mia Martini, alla quale ha dato poi il volto nella fiction Io sono Mia.
La Ventura è attesa in primavera su Rai2 con un nuovo game.
Si va così completando – dopo il forfait di Naomi Campbell, legato alla nuove restrizioni anti-Covid volute dall’amministrazione Biden – il cast dei volti femminili di Sanremo 2021: martedì 2 toccherà a Matilda De Angelis il ruolo da co-conduttrice, mercoledì 3 a Elodie, giovedì 4 alla top model Vittoria Ceretti e venerdì 5 marzo a Barbara Palombelli.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Extraliscio, in missione per conto del liscio
“A Sanremo consci di essere fuori gara, ma esserci è vittoria”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
20:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Siamo consci di essere fuori moda, in qualche modo fuori gara, ma abbiamo già vinto per essere su quel palco. Noi, parafrasando i Blues Brothers, siamo in missione per conto del liscio”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mirco Mariani, Moreno Il Biondo e Mauro Ferrara (voce di Romagna mia nel mondo), ovvero gli Extraliscio, accompagnati da Davide Toffolo, l’uomo in maschera dei Tre Allegri Ragazzi Morti e fumettista rinomato che ha reso per immagini la canzone, con “Bianca Luce Nera”, scritta da Mirco Mariani e Pacifico, trasporteranno l’Ariston sulla riviera romagnola con il loro punk da balera.
“La balera è come il cinema o il teatro, profuma di posto dove si sogna – spiegano, orgogliosi di essere tra i 26 Big scelti da Amadeus -. Il progetto Extraliscio ci ha insegnato a sognare e i sogni non hanno limiti. Nessuna ansia, porteremo la leggerezza che il liscio sa dare”.
Certo è che il loro pre-festival non è stato dei più tranquilli con Moreno che dopo la positività al tampone rapido ha lasciato tutti con il fiato sospeso per 24 ore prima che arrivasse la smentita del test molecolare. “Il festival è vittima di un protocollo non chiarissimo. Viviamo un momento di estrema incertezza e difficoltà”, ha commentato Elisabetta Sgarbi, produttrice del gruppo con la sua Betty Wrong Edizioni Musicali (nonché fondatrice e direttrice della casa editrice La Nave di Teseo e regista del documentario presentato a Venezia “Si ballerà finché entra la luce dell’alba. Extraliscio – Punk da Balera”, prossimamente in uscita in sala). “Siamo caduti nel panico, con una tensione psicologica fortissima. A fronte di un festival che deve dare il segnale di fare tutto nella norma, è necessario che questi controlli abbiano i tempi corretti. E’ stata una botta molto forte e ne siamo usciti mortificati”.
Durante la settimana del festival, il 5 marzo, esce “È bello perdersi”, l’album di inediti degli Extraliscio, un doppio disco diviso in due parti: “È bello perdersi”, dove il liscio incontra la musica elettronica dei Kraftwerk e la malinconia della morna di Capo Verde, e “Si ballerà finché entra la luce dell’alba”, tra voglia di ballare e momenti più riflessivi per un omaggio alla tradizione del nostro Paese, andando verso la contemporaneità.

Cronaca tutte le notizie. Tutta la Cronaca in continuo e costante aggiornamento, leggila e condividila!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 22 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 18:32 DI LUNEDì 22 FEBBRAIO 2021

ALLE 14:27 DI MARTEDì 23 FEBBRAIO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Per il gip Suarez ha ammesso di aver ricevuto testo d’esame
Prof.ssa Spina ne “aveva sollecitato studio” sostiene giudice
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
22 febbraio 2021
18:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Parla di “ammissione del calciatore Suarez” di “avere ricevuto dalla prof. Spina” il file con il testo dell’esame per la conoscenza dell’italiano sostenuto all’Università per Stranieri di Perugia il gip in un provvedimento legato all’inchiesta che coinvolge anche gli ormai ex vertici dell’Ateneo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo fa motivando le decisione di respingere la richiesta di revoca della misura interdittiva applicata alla stessa professoressa Stefania Spina. Secondo il gip la docente – sospesa per otto mesi – aveva “sollecitato” lo studio del file inviato a Suarez che a sua volta “aveva assicurato di ripassare bene anche durante il volo verso Perugia”.
Interrogata dal pm, Spina ha però negato di avere fornito a Suarez il testo dell’esame. “Non si tratta di un copione – ha detto ai magistrati – ma di materiale che abbiamo usato a lezione. Ho detto a Suarez soltanto di prepararsi su tutto quello che avevamo fatto a lezione. Il testo del pdf contiene la presentazione con cui avrebbe cominciato l’esame e perciò avrebbe dovuto memorizzare quella parte di testo”.
Secondo il gip però Spina – docente della Stranieri ed ex direttrice del Centro di valutazione e certificazioni linguistiche – avrebbe contribuito “in maniera determinante” al quello che secondo gli inquirenti è stato “l’esame farsa” di Suarez all’Università per Stranieri di Perugia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Morta in ospedale da 2 giorni, ma nessuno avvisa familiari
E’ accaduto a Cosenza. Figli: vogliamo chiarezza su accaduto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
COSENZA
22 febbraio 2021
20:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Arriva in pronto soccorso e muore, ma i familiari lo scoprono due giorni dopo. E’ accaduto all’ospedale dell’Annunziata di Cosenza dove il 16 febbraio scorso è giunta un’anziana ospite di una casa di riposo di Dipignano, e della quale i familiari hanno perso completamente le tracce per poi ritrovarla due giorni dopo in una cella frigorifera dell’obitorio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A rendere nota la vicenda sono i figli della donna la signora Maria, che hanno dato mandato al loro legale per presentare un esposto in Procura e contestualmente richiedere la cartella clinica della paziente.
“Vogliamo solo sapere – ha detto figlia dell’anziana, Maria Pia Esposito – cosa sia realmente accaduto a nostra madre e perché nessuno ci ha avvisato, nonostante sulla sua scheda ci fossero tutti i nostri numeri”.
Secondo quanto ricostruito dai familiari, nel pomeriggio del 16 febbraio la signora si sente male e accusa diversi sintomi tra cui vomito. La struttura che la ospita allerta immediatamente il 118 e l’anziana viene trasportata in ospedale. Dopo qualche ora dall’arrivo al Pronto Soccorso un medico interpella i familiari per chiedere informazioni sullo stato clinico. Il genero dopo aver fornito le informazioni di cui era a conoscenza consiglia di contattare la struttura che ha certamente il quadro clinico esatto. Da allora è black-out. “Abbiamo telefonato per ore e per giorni senza mai ricevere alcuna risposta – aggiunge la figlia – ci siamo anche recati fisicamente al Pronto soccorso ma non ci hanno fatto entrare ripetendoci che dovevamo esclusivamente telefonare ai numeri forniti dall’ospedale. Il centralino però continuava a passare le nostre telefonate al reparto, ma il telefono squillava a vuoto o cadeva la linea”.
Solo il 18 febbraio “mio marito – prosegue Maria Pia Esposito – riesce a parlare con un medico, che dopo numerose insistenze ci comunica che mia madre era morta da due giorni e che si trovava in una cella frigorifera dell’obitorio”. I figli della donna chiedono chiarezza sull’accaduto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, Toti: ‘Restrizioni a Ventimiglia e Sanremo fino al 5 marzo’
Venti Comuni della provincia di Ancona in zona arancione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
22 febbraio 2021
20:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Ponente della Liguria e in particolare Ventimiglia, Sanremo e i Comuni limitrofi, da mercoledì 24 febbraio a venerdì 5 marzo avranno delle restrizioni più forti anche se non saranno zona rossa. Lo ha detto il governatore ligure Giovanni Toti durante il quotidiano briefing sull’andamento della pandemia. La decisione è stata presa “per evitare che la zona di confine possa traghettare l’ondata del virus dalla Francia all’Italia”.
L’ordinanza ad hoc sarà firmata domattina.
Dalla mezzanotte di oggi e fino alle 24.00 di sabato 27 febbraio passano in zona arancione 20 Comuni della provincia di Ancona, compreso il capoluogo di regione, dove si è registrato il maggior tasso di contagi da Covid-19 e la presenza di alcuni casi di variante inglese. Lo prevede un’ordinanza annunciata ieri e firmata oggi dal presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli, sentito il ,inistero della Salute, il prefetto e acquisita l’intesa con Anci Marche. Gli altri Comuni restano in zona gialla, con limitazioni agli spostamenti. Già in vigore anche un’ordinanza che limita gli spostamenti da e per la provincia di Ancona.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Eutanasia: tetraplegico, chiedo di morire in piena legalità
Ass. Luca Coscioni, applicare sentenza Corte Costituzionale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
22 febbraio 2021
21:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Chiedo di morire in Italia, in piena legalità”. Lo dice un 42enne, tetraplegico da 10 anni a causa di un incidente stradale che gli ha procurato anche altre patologie.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’uomo si è rivolto alla sua Area Vasta dell’Asur (Azienda Sanitaria Unica Regionale) delle Marche. Ma dall’azienda ha ricevuto un diniego, “senza che neppure fossero state effettuate le verifiche sulle sue condizioni come previsto dalla Corte Costituzionale”. E ora, assistito dall’associazione Luca Coscioni, ha presentato ricorso contro l’azienda sanitaria che non ha applicato la sentenza della Corte Costituzionale n.
242 del 2019 (quella sul cosiddetto “caso Cappato”), con l’obiettivo di vedere riconosciuto il diritto ad ottenere aiuto al suicidio senza che lo stesso costituisca reato ai sensi dell’art. 580 cp. Mario (il nome è di fantasia) è tra i primi in Italia, se non il primo in assoluto, a rivolgersi ad un tribunale per chiedere l’applicazione della sentenza della Consulta che, dopo la morte di Dj Fabo, “con valore di legge, stabilisce dei passaggi specifici per tutti quei pazienti affetti da patologie irreversibili che in determinate condizioni, possono far richiesta di porre fine alle proprie sofferenze, attraverso un iter tramite Servizio Sanitario Nazionale” spiega l’Associazione Luca Coscioni. “Non ho più niente della mia vita precedente – ha scritto Mario al Consiglio generale dell’associazione – per me questa non è più vita, ma pura sopravvivenza. Per questo ho fatto la richiesta di accesso al suicidio assistito. E ho scelto di farlo in Italia, per poter essere circondato dai miei affetti, fino alla fine”. Filomena Gallo, avvocato e segretario nazionale dell’Associazione Luca Coscioni chiede l’intervento del ministro della Salute. Il tesoriere Marco Cappato è prono a “portare avanti nuove disobbedienze civili”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Etna: Ingv-Oe, intensa attività stromboliana dal Sud-Est
Lancio prodotti fuori da orlo cratere,incremento tremore vulcano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
22 febbraio 2021
22:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un incremento in frequenza ed intensità dell’attività stromboliana al Cratere di Sud Est, con lancio di prodotti abbondantemente al di fuori dell’orlo craterico. Lo rende noto l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia-Osservatorio etneo (Ingv-Oe) di Catania sottolineando che l’ampiezza media del tremore vulcanico mostra un repentino ulteriore incremento, che al momento rientra nel livello alto.
La sorgente del tremore mostra un graduale spostamento verso il cratere di Sud-Est, ad una profondità di 2.500 m sopra il livello del mare.
L’attività infrasonica risulta decisamente aumentata con un alto tasso di accadimento in corrispondenza del cratere di Sud-Est.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incendio al porto di Ancona
Il secondo dopo rogo ex Tubimar a settembre
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
22 febbraio 2021
23:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un incendio di vaste proporzioni è divampato in serata nel porto di Ancona, nella zona di Marina Dorica, il porto turistico, dove avrebbero preso fuoco dei capannoni in materiale ‘sandwich’ utilizzati per il rimessaggio delle barche. Sul posto otto mezzi dei vigili del fuoco più la barca del Distaccamento Portuale, oltre a personale e mezzi della Capitaneria di Porto.
L’intervento è ancora in corso, al momento non risultano persone coinvolte. E’ il secondo incendio nello scalo anconetano, dopo quello dello scorso settembre che ha distrutto l’area ex Tubimar.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Etna: nuova fase eruttiva, getti di lava alti 300 metri
Intensificata attività al cratere di Sud-Est
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
22 febbraio 2021
23:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’Etna continua a dare spettacolo in tarda serata con una nuova fase eruttiva che si è ulteriormente intensificata con getti di lava alti 300 metri sopra il cratere di Sud-Est. Il fenomeno è monitorato dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia-Osservatorio etneo (Ingv-Oe) di Catania.
L’ampiezza media del tremore vulcanico mostra valori elevati con tendenza all’incremento. La sorgente del tremore risulta localizzata al di sotto del cratere di Sud-Est, nell’intervallo di profondità tra i 2.800 e i 2.900 metri sopra il livello del mare. Anche l’attività infrasonica ha raggiunto livelli elevati, con il tasso di accadimento e l’energia dei transienti in aumento.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Donna uccisa nel Ferrarese, fermato il compagno
Provvedimento emesso nella notte, ‘versione contraddittoria’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
23 febbraio 2021
06:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per l’omicidio di Rossella Placani, 50enne trovata morta ieri mattina a Bondeno (Ferrara) è stato fermato nella notte il compagno convivente della donna, Doriano Saveri, bolognese di 45 anni.
Il provvedimento, emesso dal pm Stefano Longhi, è stato eseguito alle quattro nel Comando provinciale dei Carabinieri.

L’uomo, artigiano edile, separato, viveva con la vittima, operaia in un’azienda del biomedicale. L’indagato avrebbe fornito al pm, interrogato, una versione dei fatti “contraddittoria e lacunosa”, cui si contrappongono gravi indizi a suo carico. E’ stato portato in carcere e le indagini proseguono.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Etna: nuovo parossismo, fontane lava alte 1 km e nube cenere
Fenomeno nella notte, in corso nuova attività stromboliana
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
23 febbraio 2021
07:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’Etna è un vulcano carico di energia interna che la notte scorsa dopo la mezzanotte ha dato vita generato getti di lava alti fino a mille metri sopra il cratere di Sud-Est. L’attività parossistica ha prodotto una colonna eruttiva che si è alzata per diversi chilometri rispetto alla cima della montagna.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Durante questa attività ha avuto inizio un secondo trabocco lavico dalla bocca della sella, alimentando un flusso lavico diretto verso sud-ovest. Dopo l’una l’Ingv-Oe di Catania ha registrato una repentina diminuzione della fontana di lava. Ma è continuata l’attività effusiva di due flussi lavici che si sovrappongono alle colate degli episodi precedenti. Poco prima delle 5 l’Ingv-Oe di Catania ha registrato un nuovo incremento in frequenza ed intensità dell’attività stromboliana, accompagnata da emissione di cenere, al Cratere di Sud-Est, con lancio di prodotti abbondantemente al di fuori dell’orlo craterico fino ad un’altezza di circa 300 m.
Contemporaneamente si sono formate due piccole colate laviche, l’una in direzione della desertica Valle del Bove e l’altra in direzione sud-ovest. La localizzazione della sorgente permane al di sotto del Cratere di Sud-Est ad una quota di circa 2.800 metri al di sopra del livello del mare.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Droga: maxi blitz dei carabinieri nel Napoletano, 40 arresti
Ordini via telefono e consegne anche con corrieri minorenni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
23 febbraio 2021
08:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I carabinieri del Comando Provinciale di Napoli hanno eseguito 55 misure cautelari emessa dal Gip del tribunale di Napoli Nord nei confronti altrettante persone accusate di cessione di sostanze stupefacenti, reati in materia di armi e per i reati di furto in abitazione, rapina, procurata evasione di soggetto detenuto presso la propria abitazione. In particolare 24 indagati sono finiti in carcere, 16 ai domiciliari mentre per altri 15 soggetti è stata disposta la misura dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Teatro dei fatti il Parco Verde di Caivano, degradato complesso residenziale alla periferia di Napoli, noto come importante piazza di spaccio dove si riforniscono pusher e trafficanti provenienti dal resto della Campania e da altre regioni.
Dalle indagini coordinate dalla Procura di Napoli Nord e realizzate dai carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Casoria, è emerso che gli indagati prendevano contatti telefonici con gli acquirenti accordandosi su quantità e luogo di consegna della droga. Lo stupefacente veniva affidato per la consegna a soggetti incensurati o comunque di giovane età, in alcuni casi anche minorenni, e sempre in piccole quantità in modo da avere meno problemi con le forze dell’ordine.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Milano occupato ex cinema Arti
Scuola e spettacolo insieme per chiedere riaperture
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 febbraio 2021
08:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Milano un gruppo di studenti appartenenti a diverse scuole insieme ad un gruppo di lavoratori dello spettacolo hanno occupato gli spazi dell’ex cinema Arti in via Mascagni. “Dopo le occupazioni delle scuole di gennaio, il mondo della scuola si unisce a quello dello spettacolo per chiedere non solo una riapertura di luoghi della formazione e della cultura in sicurezza, ma per una riforma radicale di entrambi i settori”, si legge in un comunicato.
Fuori dalla struttura abbandonata è stato appeso lo striscione con la scritta ‘Create il vuoto culturale noi lo occupiamo’ e sono stati accesi dei fumogeni.
L’ingresso nello spazio, come spiegano gli occupanti in un comunicato, “chiaramente, è avvenuto in sicurezza dal punto di vista sanitario, attraverso tamponi antigienici svolti in loco, termoscanner, DPI, igienizzazione e riqualificazione dello spazio”. I lavoratori dello spettacolo chiedono misure di sostegno al reddito adeguate al periodo di emergenza fino a fine 2021, una ripartenza totale del settore con aiuti concreti per tutti gli spazi culturali e l’apertura di un tavolo interministeriale .
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ragazza morta, trans arrestato in blitz antidroga dei CC
Disposto il carcere per accusa spaccio di sostanze stupefacenti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
23 febbraio 2021
09:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tra le 24 persone arrestate dai carabinieri, per le quali il gip di Napoli Nord ha disposto il carcere, c’è anche Cira Migliore, detto Ciro, il transgender fidanzato con Maria Paola Gaglione, la giovane morta la notte tra il 10 e 11 settembre scorsi, ad Acerra (Napoli) a causa di una rovinosa caduta dallo scooter guidato da Cira, inseguito dal fratello di Maria Paola, Michele Antonio Gaglione, in sella a una moto, contrario alla loro relazione. Il giovane è accusato di omicidio volontario.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cira Migliore, invece, è accusata di essere un pusher: i carabinieri hanno documentato diversi cessioni che la vedono protagonista. La vicenda di Ciro e Maria Paola, due giovani innamorati del Parco Verde di Caivano (Napoli) è stato un importante caso di cronaca, lo scorso settembre. Da diverse parti si parlò dello spettro della transfobia come movente dell’accaduto, sempre smentito dal fratello della vittima, che all’inizio del 2021 si è visto aggravare l’accusa che gli veniva contestata da omicidio preterintenzionale a omicidio volontario. Il fratello di Maria Paola ha sempre sostenuto di non avere mai avuto l’intenzione di uccidere la sorella o il suo compagno. Le famiglie di Maria Paola e di Ciro sono entrambe residenti nel Parco Verde di Caivano, in provincia di Napoli, dove oggi i militari dell’arma hanno eseguito, complessivamente, 55 misure cautelari nell’ambito di una vasta operazione antidroga, nella quale è incappata anche Ciro Migliore.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si cucì bocca a processo, boss Ercolano di nuovo arrestato
Cugino Nitto Santapaola girava armato a Torino
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
23 febbraio 2021
09:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Già condannato per mafia nel maxiprocesso di Palermo, e ora libero dopo alcuni decenni trascorsi in carcere, girava armato di pistola. Salvatore Ercolano detto ‘Turi’, 70 anni, esponente di spicco del clan catanese ‘Santapaola-Ercolano’ è stato arrestato dai carabinieri del Comando provinciale di Torino e si trova ora ai domiciliari.

E’ accusato di porto e detenzione illegale di armi.
Cugino del boss Nitto Santapaola, Ercolano è considerato anch’egli un ‘capo’. Divenne celebre a metà degli anni Ottanta, per la protesta che mise in scena in aula durante il maxi processo, a cui si presentò con le labbra cucite con una spillatrice.
Le indagini, condotte dai militari del Nucleo Investigativo tra marzo e maggio 2019, hanno consentito di accertare che in più occasioni Ercolano ha girato sul territorio nazionale armato di pistola.
L’ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal Gip di Torino su richiesta della locale Procura della Repubblica – DDA, è stata eseguita ieri mattina dai carabinieri.   PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Aggredisce passanti e agenti, ucciso
Poliziotto spara a uomo armato di coltello
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 febbraio 2021
10:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un uomo che la scorsa notte a Milano ha aggredito dei passanti per strada, armato di un grosso coltello, è stato ucciso dagli agenti intervenuti. L’uomo, un filippino con precedenti, forse in stato alterato durante le aggressioni, si è scagliato più volte contro gli agenti uno dei quali, dopo aver cercato di contenerlo, ha sparato uccidendolo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Secondo quanto riferito stamani dalla Polizia di Stato le Volanti di Milano sono intervenute alle 00.20 in via Sulmona, dove diversi cittadini avevano segnalato l’uomo in strada. Il soggetto, un 45 enne di cui ancora non sono state divulgate le generalità, con precedenti per reati contro la persona e spaccio, brandiva un coltello e secondo le testimonianze avrebbe tentato di aggredire prima un rider e poi un uomo che usciva dal portone di un palazzo. Entrambi sono riusciti a fuggire.
All’arrivo di una prima pattuglia l’uomo si è scagliato contro gli agenti, che hanno cercato di contenere la sua furia con i manganelli. Uno dei due indietreggiando è caduto sbattendo la testa ed è svenuto. In quel momento è sopraggiunta una seconda pattuglia del 113 e l’uomo si è scagliato anche contro gli altri due agenti. Uno dei due, dopo aver cercato di evitarlo, ha sparato alcuni colpi, forse due o tre, nella parte bassa della figura. Ma i colpi devono aver leso parti vitali e in pochi minuti l’uomo è deceduto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incendio in porto Ancona: fiamme domate da Vvf all’1.30
In scalo turistico Marina Dorica,area ricarica e capanni diporto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
23 febbraio 2021
10:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato spento definitivamente nella notte, all’1.30, dopo oltre tre ore di intervento dei vigili del fuoco, l’incendio divampato ieri sera poco prima delle 22 nella zona del porto turistico di Marina dorica ad Ancona. Due squadre (22 vigili del fuoco e 5 automezzi) del comando di Ancona sono intervenute per domare il rogo che ha distrutto alcuni manufatti.

L’incendio ha interessato l’area di ricarica di auto elettriche in uso a Marina Dorica e alcuni capanni, in materiale ‘sandwich’, per il rimessaggio delle barche, in uso ai diportisti, contigui all’area stessa. In circa un’ora i vigili avevano già posto sotto controllo le fiamme che hanno divorato due capannoni in materiale plastico contenenti masserizie e ne hanno danneggiato un terzo, per una superficie di circa 200 mq: non ci sono stati feriti né intossicati, ma l’odore del fumo è arrivato nei quartieri vicini. All’1.30 i pompieri hanno hanno avuto definitivamente la meglio sul rogo. Si tratta del secondo incendio in pochi mesi nello scalo anconetano, dopo quello dello scorso settembre che ha distrutto gran parte dell’area ex Tubimar.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Droga: traffico Italia-Albania, arresti
Polizia di Milano smantella due bande
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 febbraio 2021
10:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Due bande di trafficanti di droga sono state sgominate dalla Polizia di Stato di Milano, che sta effettuando numerosi arresti.
L’indagine, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Milano, prevede l’esecuzione di numerose misure di custodia emesse dal gip del Tribunale di Milano “nei confronti di due associazioni per delinquere operanti a Milano e dedite al traffico internazionale e nazionale di stupefacenti, composte prevalentemente da cittadini italiani e albanesi che importavano in Lombardia ingenti quantitativi di cocaina, hashish e marjuana che poi distribuivano in varie regioni d’Italia”.

Le indagini, svolte dalla sezione Antidroga della Squadra Mobile di Milano sono state coordinate dal Servizio Centrale Operativo e dalla DCSA ed hanno visto la collaborazione delle autorità albanesi attivate dal Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: sindaco Jesi, positivo nonostante cautele, attenzione
Per focolai e criticità ospedale aveva disposto zona arancione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
JESI
23 febbraio 2021
10:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Alla fine il focolaio sviluppatosi in Comune è arrivato anche a me”. E’ lo stesso sindaco di Jesi Massimo Bacci a far sapere in un post su Facebook la propria positività.
Nei giorni scorsi, dopo le limitazioni di ingresso e uscita dalla Provincia di Ancona dettate dalla Regione, aveva disposto la ‘zona arancione’ per il Comune in seguito alla situazione “contagi e quarantenati in città, ai focolai presenti in città e alcuni Comuni limitrofi, alle criticità all’ospedale Carlo Urbani per l’altissimo numero di ricoverati Covid, ai carichi di lavoro oltre il limite da parte dei medici Usca (Unità speciali di continuità assistenziale) impegnati nelle cure domiciliari”.
“Malgrado sia stato estremamente scrupoloso, – spiega Bacci – sono infatti risultato positivo al tampone, al pari di alcuni mei collaboratori. Sto abbastanza bene e continuerò il mio lavoro da casa. – conclude – Resto sempre più convinto dell’opportunità della decisione assunta con misure più stringenti per contenere questo subdolo contagio. E rinnovo l’invito a tutti per la massima attenzione e collaborazione”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sequestrate carrozze e locomotive storiche Ferrovie Sardegna
Blitz Gdf e carabinieri,sigilli a 30 mezzi a scartamento ridotto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
23 febbraio 2021
10:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Era state abbandonate in pessimo stato di conservazione, nonostante fossero patrimonio storico non solo della Sardegna ma di tutta Italia. La Guardia di Finanza di Cagliari, in collaborazione con i carabinieri, ha sequestrato 30 tra locomotive, carrozze ferroviarie e vecchie “littorine” a scartamento ridotto sullo stile del razionalismo funzionale del periodo tra i primi del ‘900 e il 1932 che erano ferme nei depositi di Monserrato, Mandas, Sassari e Macomer.

Gli inquirenti valutano alcune ipotesi di reato: dal danneggiamento del patrimonio storico culturale nazionale, all’uso illecito di beni culturali, fino all’abuso d’ufficio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Marche, record febbraio 581 casi e 211 da test rapidi
Numero più alto da 9/1. 4.942 nuove diagnosi, 2.609 antigenici
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
23 febbraio 2021
10:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Numero record per febbraio di positivi al coronavirus nelle Marche nell’ultima giornata: sono 581 uno dei valori assoluti più alti dall’inizio dell’anno, seppure su un numero di tamponi più consistente, dopo i 688 dell’8 gennaio e i 687 del 9 gennaio. Nel Percorso Screening Antigenico effettuati “2.609 test e riscontrati 211 casi positivi (da sottoporre al tampone molecolare).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il rapporto positivi/testati è pari all’8%”.
Lo comunica il Servizio Sanità della Regione Marche: “nelle ultime 24 ore testati 7.316 tamponi di cui 4.942 nel percorso nuove diagnosi (2.609 nel percorso Antigenico) e 2.374 nel percorso guariti (rapporto positivi/testati pari all’11,8%)”. E’ ancora Ancona a far registrare la maggior parte dei casi positivi, quasi la metà, con 274 contagi. A livello provinciale seguono Macerata (122), Pesaro Urbino (69), Ascoli Piceno (57), e Fermo (33; 26 i casi provenienti da fuori regione.
Tra i contagiati 68 persone con sintomi. I casi comprendono contatti in setting domestico (94), contatti stretti di casi positivi (216), in setting lavorativo (24), in ambienti di vita/socialità (1), in setting assistenziale (3), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (18), screening percorso sanitario (1 caso rilevato). Per altri 156 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanità: falsi bilanci, interdetti Cotticelli e Scura
Provvedimento gip Cosenza anche per ex Dg dipartimento Regione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
COSENZA
23 febbraio 2021
11:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il gip di Cosenza ha emesso un provvedimento di interdizione dai pubblici uffici per la durata di un anno nei confronti degli ex commissari alla sanità in Calabria Massimo Scura e Saverio Cotticelli, indagati nell’inchiesta “Sistema Cosenza” sulla presunta falsificazione dei bilanci dell’Azienda sanitaria provinciale cosentina nel triennio 2015-2017. Il provvedimento, per la stessa durata, è stato emesso anche nei confronti degli ex dg del Dipartimento tutela della salute della Regione Bruno Zito e Antonio Belcastro – quest’ultimo attuale delegato del soggetto attuatore per l’emergenza Covid – del dirigente regionale Vincenzo Ferrari, e dei dirigenti dell’Asp Aurora De Ciancio e Nicola Matrota.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per altri due dirigentti Asp Fabiola Rizzuto e Antonio Scalzo, la durata del provvedimento è di sei mesi.
I nove, in occasione dell’operazione – condotta dalla Guardia di finanza il 5 febbraio scorso con l’esecuzione di divieto di dimora nei confronti di altri 6 indagati – avevano ricevuto l’invito a rendere testimonianza davanti al gip proprio in relazione alla richiesta della Procura della Repubblica di sospensione dall’esercizio di pubblico ufficio. Le accuse ipotizzate, a vario titolo, sono abuso d’ufficio, falsità materiale commessa del pubblico ufficiale in atti pubblici e falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici. I provvedimenti sono stati notificati dai finanzieri del Nucleo di Polizia economico-finanziaria di Cosenza.
“Si tratta – ha detto l’avvocato Francesco Rotundo, legale di Massimo Scura – di un provvedimento di oltre 200 pagine e certamente presenteremo ricorso al Tribunale della libertà. I commissari non hanno mai avuto il bilancio da parte del dipartimento e per questo il provvedimento mi lascia perplesso.
Il mio assistito è rimasto male perché nel momento in cui ha avuto i bilanci dell’Asp li ha bocciati e al Gip abbiamo portato il decreto con il quale Scura bocciò il bilancio 2014, per il 2015 e 2016 non gli è mai arrivato, come faceva a valutarlo? Queste pratiche non sono mai state istruite”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Torino: estorsione sindaca, Pasquaretta a giudizio
Rinviati tutti gli imputati, processo si aprirà a novembre
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
23 febbraio 2021
11:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È terminata con il rinvio a giudizio di tutti gli imputati l’udienza preliminare del procedimento che fra gli episodi contestati annovera una presunta estorsione ai danni della sindaca Chiara Appendino e dell’ex viceministro Laura Castelli. Il processo si aprirà in tribunale a novembre.

Al centro della vicenda figura l’ex portavoce della sindaca, Luca Pasquaretta. Secondo l’accusa del pm Gianfranco Colace, dopo lo scioglimento consensuale del rapporto di collaborazione, nell’estate del 2018 avrebbe minacciato rivelazioni all’autorità giudiziaria per ottenere altri incarichi lavorativi. Pasquaretta ha sempre respinto ogni accusa.
La sindaca Appendino e l’ex viceministro Castelli non si sono costituite parte civile. L’episodio rientra in un’inchiesta più vasta in cui sono presi in esame anche altre vicende con imputati diversi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Genovese: chiede domiciliari per curarsi
Istanza difesa a gip Milano per scarcerazione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 febbraio 2021
12:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ha chiesto la scarcerazione e gli arresti domiciliari in una struttura, dove potersi disintossicare, Alberto Genovese, l’imprenditore del web in carcere a San Vittore dallo scorso 6 novembre per aver stordito con un mix di droghe e aver stuprato una 18enne in un festino il 10 ottobre scorso nel suo attico di lusso nel cuore di Milano.
L’istanza della difesa è ora sul tavolo dei pm milanesi per il parere e poi la parola passa al gip.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Brescia verso la fascia arancione ‘rafforzata’
Potrebbero esserci misure ancora più restrittive per le scuole
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 febbraio 2021
11:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dovrebbe diventare molto presto fascia arancione la Provincia di Brescia e otto comuni della Provincia di Bergamo confinanti con Brescia. La misura sarà presa da Regione Lombardia d’intesa con il governo.

Sull’argomento riferisce alle 12,30 in Aula del Consiglio Regionale il vice presidente e assessore al Welfare, Letizia Moratti. Da quanto si apprende da fonti regionale potrebbero esserci anche ulteriori misure restrittive, rispetto alla fascia arancione, per quanto riguarda le scuole.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: fino a 2.500/giorno a presidio Difesa Cecchignola
Partita somministrazione a militari, poi anche ai civili
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
11:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il primo presidio vaccinale anticovid della Difesa, costituito nella cittadella militare della Cecchignola (Roma), è operativo. Da ieri è iniziata la vaccinazione a favore dei militari di tutte le forze armate in servizio a Roma e nel Lazio.
L’installazione, presentata al ministro della Difesa Lorenzo Guerini giovedì scorso, consentirà di somministrare fino a 2.500 vaccini al giorno attraverso 32 postazioni dove opereranno 40 medici e 70 infermieri di tutte le forze armate e dell’Azienda sanitaria locale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pirateria: studio legale Usa, profitti su 4 conti a Napoli
Informazioni consegnate in Procura. Lista vittime lunghissima
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
23 febbraio 2021
11:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quattro dei conti correnti sui quali venivano versati gli illeciti profitti della pirateria multimediale italiana sono stati attivati su filiali di istituti bancari che si trovano a Napoli. A rendere nota l’informazione è Emme-Team, lo studio di consulenza italo-statunitense che si sta occupando, tra l’altro, di fare luce sulla morte di Tiziana Cantone, la giovane vittima di revenge-porn trovata morta in casa il 13 settembre 2016 a Mugnano (Napoli).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Tutte queste prove certificate dalla Corte statunitense e dai gestori di servizi internet, – si legge nella nota di Emme-Team – sono già state messe a disposizione della Guardia di Finanza e consegnate alla Procura della Repubblica di Napoli”.
Il capoluogo partenopeo, con la possibilità di bloccare le violazioni on line e di ottenere il risarcimento del danno subito, grazie ai tabulati internet consegnati su ordine della Corte Federale, “può diventare il simbolo della lotta alla Pirateria”. Le informazioni ottenute da Emme-Team sono frutto del procedimento federale civile statunitense intentato da Emme Team in rappresentanza di Lux Vide SPA, per la pirateria multimediale delle loro produzioni cine-televisive e successivamente grazie alle richieste di blocco della distribuzione illegale dei propri brani musicali da parte di artisti tra cui l’autore di testi Mogol, i cantautori Bobby Solo, Gianni Bella ed altri autori letterari è finalmente possibile, dopo due anni di intenso lavoro e grazie ai tabulati internet consegnati su ordine della Corte Federale, conoscere l’identità di chi da quasi vent’anni gestisce tutti i server utilizzati dalla pirateria italiana.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Università: a Bologna didattica ‘mista’ anche nel semestre
La possibilità di lezioni in presenza e a distanza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
23 febbraio 2021
12:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’università di Bologna conferma la possibilità di svolgere didattica in forma mista, in presenza e in distanza, anche nel primo semestre dell’anno accademico 2021-2022. La decisione è arrivata dal Cda, riguarda i corsi di primo, secondo e ciclo unico e quello di terzo ciclo, oltre a quelli professionalizzanti ove compatibili.

Si va in continuità con i provvedimenti dello scorso autunno e le nuove disposizioni nazionali (Dpcm del 14 gennaio 2021) che invitano le Università a predisporre piani di organizzazione della didattica e delle attività curriculari, da svolgersi a distanza o in presenza, tenendo conto delle esigenze formative e dell’evoluzione del quadro pandemico territoriale.
Tutte le 805 aule dell’Ateneo usate per la didattica, sono state attrezzate per l’erogazione in modalità mista con un insieme di apparecchiature uguali per tutte le aule, mentre la gestione delle presenze degli studenti è stata realizzata tramite la app presente.unibo.it, che permette l’indicazione della modalità di svolgimento della lezione da parte del docente e il tracciamento degli studenti in collegamento con il sistema di gestione dei casi di positività al Covid.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Ndrangheta:20 mln beni confiscati a esponente clan Mancuso
Sigilli a terreni, capannoni, un’area di servizio e una villa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
23 febbraio 2021
12:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Beni mobili e immobili per circa 20 milioni di euro, riconducibili a Giovanni Mancuso, detto “Billy”, di 80 anni, esponente di spicco dell’omonima cosca di ‘ndrangheta, già sottoposto a sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno, sono stati confiscati dai finanzieri del Comando provinciale di Vibo Valentia, coordinati dal Procuratore di Catanzaro,Nicola Gratteri, dall’Aggiunto, Vincenzo Capomolla e dai sostituti Antonio De Bernardo e Pasquale Mandolfino. Il provvedimento, eseguito su disposizione della seconda sezione penale del Tribunale di Catanzaro, trae origine dall’operazione “Terra Nostra”, diretta dalla Dda e condotta dal Nucleo di Polizia economico finanziaria di Vibo Valentia, a conclusione della quale, nell’ottobre 2019, erano stati sequestrati 92 terreni: 29 fabbricati; 6 autoveicoli; 1 trattore agricolo; 2 aziende agricole; due ditte individuali, delle quali una esercente l’attività di commercio di carbolubrificanti con annessa stazione di servizio, tutti riconducibili al Mancuso Giovanni, ma formalmente intestati a prestanomi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il decreto di confisca è stato emesso a conclusione dell’attività istruttoria che ha confermato la riconducibilità dei beni al Mancuso, nonché la sussistenza del profilo della sproporzione tra i redditi del suo nucleo familiare e il valore dei beni sequestrati.
Dalle indagini era emerso che Giovanni Mancuso Giovanni assieme ad altri 23 componenti del medesimo nucleo familiare e ad affiliati al clan, controllava tutte le attività economiche del comune di residenza e dei centri vicini ricavandone illeciti profitti e costituendo un patrimonio di beni detenuti sia direttamente che attraverso soggetti ai quali ne era stata attribuita, fittiziamente, la titolarità e/o la disponibilità.
Gli immobili confiscati, tra cui capannoni industriali, terreni, un’area di servizio e una villa, sono ubicati a Milano, Limbadi, Nicotera, Filandari, Rombiolo, Zungri, Drapia e Vibo Valentia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
12:59
CONGO: STASERA IL RIENTRO DELLE SALME, DOMANI L’AUTOPSIA.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Veneto, +1.062 contagi, tornano a crescere ricoveri
Nei reparti non critici 46 nuovi pazienti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
23 febbraio 2021
13:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Riprendono a crescere i contagi Covid e anche i ricoveri in Veneto. Dopo il rallentamento di ieri (erano 509 casi) sono 1.062 i nuovi positivi al virus in 24 ore, per un totale di 328.078 infetti dall’inizio dell’epidemia.

I decessi da ieri sono stati 21, per un numero complessivo di 9.742 vittime. Lo riferisce il bollettino della Regione. Il dato più negativo riguarda però la ripresa dei ricoveri: sono 46 in più i pazienti Covid nei reparti non critici degli ospedali (1.55 in totale); in crescita (+3) anche i malati in terapia intensiva, 139. Un aumento dei ricoveri non si registrava in Veneto dal primo gennaio scorso. “Non sottovaluterei questo dato, perchè ci preoccupa – ha detto Luca Zaia – E’ il primo giorno di risalita”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Congo: Sonnino, intitoliamo a Iacovacci caserma Arma
La proposta del sindaco all’arma dei carabinieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
14:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Comune di Sonnino vorrebbe intitolare la locale caserma dei carabinieri alla memoria di Vittorio Iacovacci, il carabiniere ucciso in Congo. “Noi oltre ad indire il giorno di lutto cittadino in concomitanza con i funerali, vogliamo chiedere ai vertici dell’Arma di intitolare la caserma dei carabinieri di Sonnino a Vittorio Iacovacci”.
Lo dice il sindaco di Sonnino Luciano De Angelis.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Congo: sindaco Limbiate, rientro salme alle 23 a Roma
‘Genitori increduli, Luca aveva mandato loro video missione’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 febbraio 2021
14:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La salma dell’ambasciatore in Congo Luca Attanasio, ucciso in un attentato insieme al carabinieri di scorta Vittorio Iacovacci, rientrerà “alle 23 a Roma”. “I genitori partono alle 15 per Roma” ha spiegato Antonio Domenico Romeo, sindaco di Limbiate, la cittadina brianzola dove Attanasio è cresciuto aggiungendo che, a prescindere dal fatto che ci siano o meno funerali di Stato, una cerimonia sarà organizzata anche in paese.
“Qui la faremo sicuramente.
All’aperto, al centro sportivo” ha aggiunto.
I genitori “sono stravolti e increduli come del resto si può facilmente immaginare davanti ad un dolore simile – ha detto il sindaco -. E il particolare che rende tutto più atroce è che ieri mattina alle 9 Luca aveva inviato loro sul cellulare un video con la partenza per quella missione e alle 12 i genitori hanno ricevuto la terribile telefonata”. In paese le bandiere sono state messe a lutto e la drammatica uccisione ha colpito tutti”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Bertolaso, a Brescia siamo di fronte a terza ondata
Elevato a 4 il livello di attenzione delle rianimazioni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 febbraio 2021
14:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“A Brescia evidentemente ci troviamo di fronte alla terza ondata”: così Guido Bertolaso ha detto parlando al Consiglio regionale della Lombardia, spiegando che il direttore dell’assessorato al Welfare Giovanni Pavesi “ha elevato il livello di attenzione delle rianimazioni da tre a quattro”.
“La provincia di Brescia – ha aggiunto l’ex capo della Protezione civile – ha un’incidenza, ovvero un numero di nuovi casi, doppia rispetto al resto delle province lombarde.
Allo stato attuale, la situazione è sotto controllo e gestibile rispetto all’autunno passato, in tutto il territorio regionale, tranne in provincia di Brescia, dove siamo di fronte alla terza ondata della pandemia. Uno stato che va aggredito immediatamente”.
I reparti di rianimazione a Brescia sono “sotto stress” e per questo Areu ha “già trasportato pazienti nelle aree limitrofe”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: in Italia quasi 6Mln stranieri
Ismu, irregolari stimati a 517mila, -8%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
12:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Italia al primo gennaio 2020 gli stranieri presenti erano quasi 6 milioni, 5.923.000, su una popolazione di 59.641.488 residenti (poco meno di uno straniero ogni 10 abitanti). Il dato è del XXVI Rapporto sulle migrazioni 2020, elaborato da Fondazione Ismu e presentato online.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tra i presenti, i residenti sono circa 5 milioni (l’85%), i regolari non iscritti in anagrafe sono 366 mila, mentre gli irregolari sono poco più di mezzo milione (517mila). Rispetto alla stessa data del 2019, la variazione degli stranieri presenti è stata del -0,7%. Tra i residenti stranieri i maschi rappresentano il 48,2% del totale e le femmine il 51,8% (tra la popolazione italiana le donne sono il 51,2% del totale), i minorenni il 20,2% (sono il 14,8% di quelli di cittadinanza italiana) e gli ultrasessantacinquenni sono il 4,9% (contro il 24,9% tra gli italiani). Nel 2020 è stato registrato un calo degli irregolari: se al primo gennaio 2019 le persone prive di un valido titolo di soggiorno stimate da Ismu erano 562 mila, al primo gennaio 2020 queste sono scese a 517 mila (-8%). “Un cambiamento che si è verificato prima del provvedimento di regolarizzazione del 2020 e seppur in presenza di una nuova normativa sull’asilo che ha accresciuto la platea degli esclusi”, si legge nel Rapporto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo, Naomi Campbell non sarà al festival
Amadeus, forfait legato alle nuove restrizioni Usa anti pandemia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
20:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Naomi Campbell non sarà al festival di Sanremo. La ‘Venere nera’ avrebbe dovuto co-condurre la serata di apertura di martedì 2 marzo.
Lo annuncia il direttore artistico Amadeus, spiegando che il forfait è legato alle “nuove restrizioni Usa” anti pandemia.

Cronaca tutte le notizie in tempo reale. Costantemente aggiornate! LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 25 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 09:24 ALLE 18:32 DI LUNEDì 22 FEBBRAIO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Incidente ex giocatore Cagliari, migliorano condizioni Cossu
Da Rianimazione a Chirurgia Toracica, prognosi resta riservata
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
22 febbraio 2021
09:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migliorano le condizioni di Andrea Cossu, l’ex giocatore del Cagliari e della Nazionale rimasto ferito sabato sera in un incidente stradale avvenuto lungo la statale 554 nel Cagliaritano. Il calciatore, dopo la seconda tac a cui è stato sottoposto, è stato trasferito dal reparto di Rianimazione dell’ospedale Brotzu a quello di Chirurgia Toracica del Businco.
Tra le varie ferite riportate nello schianto c’è infatti anche un forte trauma toracico. Le sue condizioni sono in lento miglioramento, per il momento i medici mantengono riservata la prognosi, ma potrebbero scioglierla già in giornata. Intanto proseguono gli accertamenti condotti dalla polizia municipale di Selargius per ricostruire la dinamica dell’incidente, per capire perché la Porsche condotta dall’ex calciatore sia finita fuori strada. La vettura è stata sequestrata.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lolita Lobosco, record, 7 mln 535mila e 31.8 share
Fiction Rai1 con Luisa Ranieri vola negli ascolti su Rai1
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
10:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una partenza incredibile per la prima puntata delle Indagini di Lolita Lobosco andata in onda su Rai 1 in prima serata ieri: 7.5 milioni 535mila spettatori con il 31.8% di share. Numeri che fanno della serie tv con Luisa Ranieri, nel ruolo del vicequestore della nuova serie giallo-comedy firmata dal regista Luca Miniero e liberamente tratta dai romanzi di Gabriella Genisi (editi da Sonzogno e Marsilio Editori) una rivelazione nel panorama della fiction Rai.
Una produzione Bibi Film Tv e Zocotoco in collaborazione con Rai Fiction. Nel cast ci sono anche Lunetta Savino nel ruolo della madre di Lolita Nunzia e Filippo Scicchitano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fazio si opera, domenica 28 sospeso Che tempo che fa
“Piccolo intervento, non potrò parlare per qualche giorno”
_
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
12:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Noi non ci vediamo la settimana prossima, devo fare un piccolo intervento che non mi consentirà di parlare per qualche giorno. Appena sarà possibile saremo di nuovo qua”.
Fabio Fazio ha annunciato così – nel corso della puntata di domenica 21 febbraio – la sospensione dell’appuntamento con Che tempo che fa di domenica 28 febbraio su Rai3.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
David Leavitt, l’esordio, la vita
Nuova edizione di ”Ballo di famiglia” per Sem
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
10:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
DAVID LEAVITT, BALLO DI FAMIGLIA (Sem, pag. 231, euro 17.00 Nuova traduzione di Fabio Cremonesi).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stupefacente. Si non trovo altre parole per raccontare l’emozione che mi ha dato rileggere dopo tanti anni ”Ballo di famiglia”, il più fulminante esordio letterario di una generazione che ha portato nuova luce nella letteratura americana. David Leavitt è capace di riportare quella rivoluzione che fu la sua prosa asciutta e insieme intensa fino allo struggimento nelle due cose nuove che arricchiscono questo prezioso volume che torna nella bella traduzione di Fabio Cremonesi, l’introduzione e il meraviglioso brevissimo racconto inedito che le dà un rinnovato finale.
Ecco ”il pensiero le era venuto nello stesso modo in cui il portatore di un epidemia arriva in una cittadina ignara”, scrive in ”Contando i mesi”, racconto in cui la protagonista si rende improvvisamente conto di essere capitata nel giorno in cui le era stata annunciato che sarebbe avvenuta la sua morte.
E’ con la stessa potenza che Leavitt torna a rileggere questi suoi racconti scritti quando aveva poco più di vent’anni, era il 1984 quando uscirono e cambiarono per sempre la sua esistenza.
Rileggerli per lui è in qualche modo rileggere la sua vita, quando pubblicò sul New Yorker ad esempio ”Territorio”, considerato il primo racconto gay mai apparso su quel magazine.
”Parla di un giovane gay che invita a casa il suo ragazzo per presentargli la madre, e io fino a quel momento non avevo mai ammesso di essere gay con me stesso figuriamoci con mia madre; non avevo mai avuto un ragazzo e tantomeno mi ero sognato di portarlo a casa”. Racconti legati a pensieri nemmeno ancora formulati nella sua mente, racconti legati a luoghi, che per lo scrittore sono soprattutto quelli in cui li ha scritti poi divenuti altrettanto centrali nella sua vita. Come ”Danny in transito” scritto sul polveroso pavimento di una camera d’albergo a Roma, quando l’Italia sarebbe diventata la sua seconda patria. E poi la scelta dell’agente che gli avrebbe fatto capire che la cosa più importante era fare quello che sentiva di fare, come gli avevano insegnato i suoi maestri Raimond Carver e Grace Paley. E Paley, ricorda Leavitt, a chi le chiedeva perchè scriveva racconti rispose: ”Perchè l’arte è breve e la vita è lunga”. Si la vita, quella che oggi a 59 anni Leavitt dice che fa sempre più fatica a far entrare nella pagina di un libro ed invece allora ci cadeva così con la stordita naturalezza che gli era propria, senza quasi che se ne accorgesse.
E poi rileggere questo bellissimo libro che ci aveva saputo descrivere il mondo in cui tutti noi saremmo caduti sognando una libertà che ci lasciava desolati, varrebbe la pena oggi anche solo per scoprire nella nuova introduzione l’omaggio che l’autore fa alla sua traduttrice di allora, la grande Delfina Vezzoli a cui regala una pagina a dir poco commovente.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Addio al nubilato, una commedia tutta al femminile
Chiatti, Francini e Liskova nel film di Apolloni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
10:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’universo femminile davanti a uno degli appuntamenti più importanti della vita: il matrimonio. E così L’ADDIO AL NUBILATO, film di Francesco Apolloni dal 24 febbraio su Amazon Prime Video, diventa un’occasione di confronto tra quattro amiche che si rincontrano dopo circa vent’anni in un grande albergo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il film – girato interamente durante il Covid e prodotto da Santo Versace e Gianluca Curti, per Minerva Pictures, con Rai Cinema in collaborazione con Amazon Prime Video che lo distribuirà il 24 febbraio – racconta appunto questo incontro in cui emergono ricordi comuni, uomini condivisi, antiche invidie e, soprattutto, vecchie ferite seppellite dal tempo.
“Definirei questo film con una sola frase: è una parabola sul tempo. La vita è troppo breve per non vivere le proprie passioni” dice il regista. E poi aggiunge, parlando del mondo femminile: “Le donne sono migliori degli uomini, più coraggiose. E lo posso dire io che ho avuto una madre che ha deciso di mettermi al mondo a 17 anni nell’Italia degli anni Settanta, quando fare una cosa del genere era mettersi sullo stesso piano di una prostituta”.
Queste le protagoniste del film: Linda (Laura Chiatti), pittrice che vive nella suite dell’albergo di suo padre; Vanessa (Chiara Francini), attrice frustrata con una separazione alle spalle e una figlia problematica; Eleonora (Antonia Liskova), ‘life coach’ che ha come priorità assoluta il sesso; Akiko (June Ichikawa), amante delle discipline orientali e, infine, Cristiana, diciottenne compagna di Linda.
La mancanza di una tradizione italiana per film dedicati agli addii al nubilato o comunque, di sole donne, spiega Apolloni – che si è ispirato a una sua piece teatrale omonima – “è qualcosa che nasce da lontano. Una volta non si pensava mai alle donne come uniche protagoniste. In genere facevano da spalla, ora siamo sicuramente più liberi”.
Dice Laura Chiatti: “Linda, il mio personaggio, è un’artista, una fotografa che ha un suo segreto che rivela alle amiche l’unica notte in cui si svolge tutto il film”.
Sul ruolo della donna oggi, dice l’attrice, “è sicuramente più integra, più forte. Il solo fatto di avere la possibilità di diventare madre ti fa sentire di avere superpoteri, come è capitato a me quando ho partorito e poi mi sono immediatamente presa cura di mia figlia senza provare alcuna stanchezza”.
Le fa eco la Francini: “Non ho figli, ma se avessi una bambina le direi: se vuoi ottenere 18 devi arrivare a 25, insomma per le donne la strada è sempre in salita”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Modena City Ramblers festeggiano trent’anni carriera
Concerto live streaming il 17 marzo all’Estragon di Bologna
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
22 febbraio 2021
15:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I Modena City Ramblers festeggeranno il 30/o anniversario dalla loro formazione con un concerto in live streaming – ’30 MCR 1991-2021 Trent’anni di combat folk’ – in programma mercoledì 17 marzo, festa di San Patrizio, all’Estragon di Bologna, un luogo dove la band è ‘di casa’.
Prevista una serie di opzioni di acquisto e opportunità per condividere ogni momenti di questa giornata, dalle prove del pomeriggio ai collegamenti video dal backstage, fino alla possibilità di interagire da casa con una speciale live chat.

Oltre al concerto, in diretta, il pubblico avrà la possibilità di riguardare la registrazione dell’evento per le 24 ore successive.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dal massacro di Kindu a Goma, 60 anni di sangue
Dal 1949 un centinaio i militari italiani morti all’estero
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
16:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’attentato avvenuto a Goma, nel quale sono rimasti vittime l’ambasciatore italiano in Congo Luca Attanasio e un carabiniere, riporta alla mente il massacro di Kindu del 1961, quando furono brutalmente assassinati 13 aviatori italiani della 46esima Brigata aerea dell’Aeronautica militare. Anche in quel caso i militari facevano parte di un contingente Onu inviato per la grave crisi che il Paese africano stava affrontando dopo l’indipendenza dal Belgio.
Ma la lunga scia dei militari italiani morti all’estero dopo la Seconda Guerra Mondiale parte dal 1949, quando il finanziere Antonio Di Stasi perse la vita ucciso da copi di scimitarra in un’imboscata a Senafé, in Eritrea.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’anno successivo, nel 1950, sempre in Eritrea, il maresciallo dei carabinieri Pio Semproni fu ucciso in un conflitto a fuoco. Nel 1952 due carabinieri, Luciano Fosci e Flavio Salacone, trovarono la morte nel tentativo di bloccare i manifestanti durante una violenta rivolta in Somalia. Nel 1973 il capitano Carlo Olivieri fu colpito mortalmente da un razzo nelle prime ore della guerra del Kippur, in Egitto. Nel 1983 a Beirut, in Libano, il marinaio della Marina Militare Filippo Montesi, del contingente di pace, fu ucciso a colpi di mitra durante un pattugliamento notturno.
Nel 1992, in Croazia, quattro militari italiani perdono la vita nell'”eccidio di Podrute” in seguito all’abbattimento dell’elicottero sul quale viaggiavano. Mesi dopo sul Monte Zec, in Bosnia-Erzegovina, quattro aviatori italiani vengono abbattuti sul loro aereo che trasportava aiuti umanitari. Il 1993 è uno degli anni più tristi per l’Italia impegnata nelle missioni “Restore Hope” e “Ibis II”, in Somalia.
Nella cosiddetta “battaglia del checkpoint Pasta”, a Mogadiscio, tre soldati restano vittime di un’imboscata di miliziani armati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nello stesso anno, sempre a Mogadiscio, cadono i paracadutisti Gionata Mancinelli, Giorgio Righetti e Rossano Visioli e il maresciallo capo Vincenzo Li Causi. L’anno successivo, in un’imboscata sulla strada Balad-Mogadiscio, muore il tenente Giulio Ruzzi, ultimo caduto della missione italiana in Somalia.
Il 12 novembre del 2003 a Nassiriya, in Iraq, uno degli attentati più cruenti: un camion bomba esplose davanti all’ingresso della base italiana dei carabinieri. Nella deflagrazione rimasero uccise 28 persone, 19 italiani di cui 2 civili, e 9 iracheni. Sempre nella missione Antica Babilonia, in Iraq, morì il primo caporale maggiore Matteo Vanzan, vittima di un attacco dei miliziani di Moqtada Al Sadr. Nel 2005, durante la liberazione della giornalista Giuliana Sgrena, viene ucciso da fuoco amico il capo dipartimento del Sismi, Nicola Calipari. Nel 2006, ancora Iraq, in seguito ad un attentato muoiono tre marescialli capo dei carabinieri e un capitano della Folgore.
In Afghanistan trovano la morte, invece, quattro alpini, uccisi – in due episodi differenti – dallo scoppio di una mina al passaggio del loro convoglio. Nel 2007, in seguito all’attentato suicida nel giorno dell’inaugurazione del ponte sul fiume a Paghman (vicino Kabul) muore il maresciallo capo del genio pontieri Daniele Paladini. In un attentato a Kabul nel 2009 muoiono quattro caporal maggiore, un sergente maggiore e un tenente in seguito ad un attentato suicida. Numerosi sono i caduti in Afghanistan tra il 2010 e il 2013: in totale durante l’intera missione italiana sono stati 54. Il ministero della Difesa ha dedicato una pagina web a tutti i militari caduti all’estero, con biografie e riconoscimenti ricevuti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, Fondazione Hume: immunità di gregge nel 2023
Indice DQP (Di Questo Passo) è di 148 settimane, in miglioramento rispetto a lunedì scorso quando veniva indicato maggio 2024
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
16:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ecco il rapporto settimanale della Fondazione Hume, pubblicato anche sul sito, che calcola il nuovo indice DQP
Le autorità politiche e sanitarie, in particolare il ministro Roberto Speranza e la sottosegretaria Sandra Zampa, hanno ripetutamente dichiarato che la campagna di vaccinazione serve a raggiungere la cosiddetta immunità di gregge:
5 dicembre: “Il nostro obiettivo è l’immunità di gregge grazie al vaccino” (Roberto Speranza).
17 dicembre: “Immunità di gregge a settembre-ottobre prossimi” (Sandra Zampa).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre: “Oggi il ministro Speranza ha precisato che entro marzo raggiungeremo la quota di 13 milioni di italiani vaccinati contro Covid-19, e quindi in estate potremo già essere molto avanti nel perseguimento dell’obiettivo immunità di gregge data dal 70%” (Sandra Zampa).
9 gennaio 2021: “Per arrivare all’immunità di gregge dobbiamo vaccinare l’80% di 60 milioni di italiani” (Sandra Zampa).
Per ‘immunità di gregge’ si intende una situazione nella quale ci sono abbastanza persone vaccinate (e non in grado di trasmettere il virus) da portare la velocità di trasmissione del virus (Rt) al di sotto di 1, con conseguente progressiva estinzione dell’epidemia.
Ma quante settimane occorreranno per vaccinare un numero di italiani sufficiente a raggiungere l’immunità di gregge?
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A rispondere a questa domanda provvede l’indice DQP (acronimo di: Di Questo Passo), che stima il numero di settimane che sarebbero ancora necessarie se – in futuro– le vaccinazioni dovessero procedere “di questo passo”.
All’inizio dell’ottava settimana del 2021 (lunedì mattina, 22 febbraio) il valore di DQP è pari a 148 settimane, il che corrisponde al raggiungimento dell’immunità di gregge non prima del mese di dicembre del 2023.
Il valore del DQP è migliorato rispetto a quello della settimana scorsa (immunità di gregge a maggio 2024).
Per raggiungere gli obiettivi enunciati dalle autorità sanitarie (immunità di gregge entro settembre-ottobre 2021), il numero di vaccinazioni settimanale dovrebbe essere circa il quadruplo di quello attuale (2 milioni la settimana, anziché 500 mila).
Le stime fornite ogni lunedì si riferiscono alla settimana appena terminata e si basano sui dati ufficiali disponibili il lunedì mattina (quindi possono subire degli aggiornamenti).
Va precisato che la nostra stima è basata sulle ipotesi più ottimistiche che si possono formulare, e quindi va interpretata come il numero minimo di settimane necessarie.
Più esattamente l’interpretazione dell’indice è la seguente:
DQP = numero di settimane necessario per raggiungere almeno il 70% degli italiani con almeno 1 vaccinazione.
A partire dalla prima settimana completa dell’anno (da lunedì 4 a domenica 10 gennaio) la Fondazione Hume calcola settimanalmente il valore dell’indice DQP (acronimo per: Di Questo Passo).
L’indice si propone di fornire, ogni lunedì, un’idea vivida della velocità con cui procede la vaccinazione, indicando l’anno e il mese in cui si potrà raggiungere l’immunità di gregge procedendo “di questo passo”.
Il calcolo dell’indice si basa su 4 parametri:
1. una stima del numero di italiani vaccinati necessario per garantire l’immunità di gregge;
2. quante vaccinazioni sono state effettuate nell’ultima settimana (da lunedì a domenica);
3. quante vaccinazioni erano state effettuate dall’inizio della campagna (1° gennaio 2021) fino alla settimana anteriore a quella su cui si effettua il calcolo;
4. che tipo di vaccini verranno presumibilmente usati (a 2 dosi o a dose singola).
Nella versione attuale l’indice si basa sulle ipotesi più ottimistiche possibili sul funzionamento del vaccino e sull’andamento della campagna vaccinale. Più precisamente:
• i vaccini somministrati non solo proteggono i vaccinati dall’insorgenza della malattia, ma impediscono la trasmissione dell’infezione ad altri (immunità sterile);
• l’obiettivo è vaccinare il 70% della popolazione (anziché l’80 o il 90%, come potrebbe risultare necessario);
• sul mercato vengono introdotti vaccini per tutte le fasce d’età, compresi gli under 16 (i vaccini attuali sono testati solo su specifiche fasce d’età);
• ci si accontenta di vaccinare ogni italiano una sola volta, trascurando il fatto che, ove la campagna di vaccinazione dovesse prolungarsi per oltre un anno, bisognerebbe procedere a un numero crescente di rivaccinazioni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Asl di Caserta nella bufera per abusi, corruzione e assenteismo
Il 118 affidato in base a regali e assunzioni, spariti i soldi dei progetti per le ‘fasce deboli’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CASERTA
22 febbraio 2021
09:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dodici arresti, 6 misure interdittive, 79 indagati (tra funzionari e dipendenti) e un sequestro di oltre 1,5 milioni di euro: sono i numeri della maxi-indagine “Penelope” della Procura di Napoli Nord sull’Asl di Caserta che ha consentito di fare luce su numerosi episodi di assenteismo, corruzione e gare d’appalto truccate. La stessa indagine, nel novembre scorso, ha portato alla sospensione di 22 “furbetti del cartellino”, tra cui importanti funzionari in servizio al distretto ASL di Aversa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Secondo l’indagine, l’affidamento dei servizi di trasporto in emergenza (118) avveniva in cambio di regali e assunzioni.
Grazie a intercettazioni telefoniche e ambientali sono emersi, secondo gli inquirenti, numerosi gravi violazioni penali, come l’affidamento a poche ditte compiacenti, di lavori di adeguamento e ristrutturazione di locali aziendali gestiti direttamente dal Dipartimento di Salute Mentale (Dsm), in cambio di somme di danaro e regali vari, una serie di falsi ed abusi, in ordine alla gestione di pazienti con patologie psichiatriche, che venivano affidati a strutture esterne convenzionate senza alcuna valutazione del piano terapeutico riabilitativo da parte del competente organo specialistico (U.V.I.), assoggettando l’onere di degenza, dalla somma di diverse migliaia di euro per ciascun paziente, a carico dell’Asl di Caserta. Gli inquirenti hanno accertato l’affidamento dei servizi di trasporto in emergenza (118) ad un’associazione di volontariato i cui vertici, in cambio, avrebbero corrisposto ad uno dei componenti della commissione aggiudicatrice ed ad altri dipendenti compiacenti dell’Asl, regali e altri vantaggi, come l’assunzione di propri familiari.
Sono stati poi riscontrati episodi di corruzione dei gestori delle strutture di riabilitazione convenzionate che, in cambio dell’affidamento diretto dei pazienti e dell’omessa attività di controllo sui piani riabilitativi, corrispondevano periodicamente somme di danaro e altre utilità ai funzionari pubblici che erano preposti alla tutela e corretta attività di recupero dei pazienti psichiatrici. È emerso inoltre la gestione occulta da parte di alcuni funzionari dell’Asl, con intestazione fittizia a persone compiacenti, di strutture private convenzionate presso le quali venivano indirizzati i pazienti, affidati con onere a carico dell’Asl (diaria di circa 88 euro), direttamente dai medesimi funzionari.
Nel corso dell’attività investigativa del Nas di Caserta, coordinata dalla Procura di Napoli Nord, è anche emersa la sparizione dei fondi dei progetti finalizzati alla cura dei pazienti delle cosiddette “fasce deboli”, mai attuati, che, secondo gli investigatori, sarebbero finiti nelle tasche dei dipendenti del Dipartimento di Salute Mentale. Il Nas ha anche scoperto un giro di affidamenti pilotato degli incarichi legali. Il mantenimento degli incarichi di vertice all’Asl avveniva mediante traffici di influenze illecite. Ed ancora: Procura di Napoli Nord e Nas di Caserta hanno accertato l’acquisto di beni strumentali ad uso privato con i fondi pubblici dell’Asl, e il solita condotta di illecito allontanamento dal servizio, da parte di alcuni dipendenti Asl, che dovevano svolgere faccende personali e familiari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Impiegati ‘assenteisti’ Soprintendenza Fvg, tutti assolti
Da falso,truffa, fatto non sussiste.Altre posizioni già definite
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
22 febbraio 2021
10:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono stati tutti assolti perché “il fatto non sussiste” i dipendenti della Soprintendenza dei Beni culturali del Friuli Venezia Giulia accusati di truffa aggravata ai danni dello Stato e di falso materiale in atto pubblico. Lo ha deciso oggi il giudice monocratico Massimo Tomassini del Tribunale di Trieste, al termine di un processo che coinvolgeva 34 imputati, impiegati presunti assenteisti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Non sono giunte a processo alcune posizioni avendo scelto il patteggiamento o il rito abbreviato. Altri impiegati erano stati assolti.
Il pm Massimo De Bortoli aveva chiesto l’assoluzione dall’accusa di falso e la prescrizione per la truffa aggravata.
Il processo era iniziato a seguito di un’indagine della Guardia di Finanza risalente al 2010-2011 e che aveva coinvolto circa 40 dipendenti della Direzione e della Soprintendenza per i Beni culturali del Friuli Venezia Giulia presunti assenteisti.
Allora, in circa cento giorni di accertamenti, anche con l’ausilio di videoregistrazioni, dall’attività delle Fiamme Gialle era emerso che gli impiegati uscivano dagli uffici senza timbrare il cartellino elettronico: alcuni di loro andavano a far spese al supermercato o a svolgere commissioni private.
Secondo gli investigatori, le ore di assenza nel periodo variavano per ciascun indagato da un massimo di 110 a un minimo di alcune ore, concentrate in poche giornate lavorative. “Il giudice ha assolto tutti gli imputati con la formula del ‘vecchio dubbio’, ma c’è un’assoluzione piena perché il fatto non sussiste, non sono emerse prove convincenti per dire che il reato è stato commesso”, ha affermato l’avvocato Paolo Pacileo, legale difensore di sei imputati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incidente sul lavoro nel Nuorese, testa incastrata in pressa
Operaio 30enne in gravi condizioni, con elisoccorso in ospedale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MACOMER
22 febbraio 2021
11:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incidente sul lavoro stamattina nell’area industriale di Tossilo a Macomer, nel Nuorese. Intorno alle 8.30 un operaio è rimasto incastrato con la testa in una pressa mentre lavorava.
Le sue condizioni sono molto gravi. È stato trasportato con l’elisoccorso del 118 all’ ospedale Brotzu di Cagliari.
Ancora frammentarie le notizie sull’accaduto: secondo quanto appreso l’operaio ha circa 30 anni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mafia: omicidio a Latina nel 2010 per guerra clan, 4 arresti
Faida tra famiglia Ciarelli-Di Silvio e altro gruppo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
22 febbraio 2021
11:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quattro arresti oggi a Latina per l’omicidio di Massimiliano Moro, avvenuto il 25 gennaio del 2010, nell’ambito della guerra tra clan locali, anche di etnia Rom. Gli uomini della Squadra Mobile di Latina, in collaborazione con il personale del Servizio Centrale Operativo, ha dato esecuzione ad una ordinanza emessa dal Gip di Roma, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di Ferdinando Ciarelli, 58 anni, Ferdinando Ciarelli, 39 anni, Andrea Pradissitto, 30 anni e Simone Grenga, 35 anni.

L’indagine si è avvalsa anche delle dichiarazioni di due collaboratori di giustizia. Il delitto si inquadrava nella faida scoppiata nel 2010 tra le famiglie rom Ciarelli-Di Silvio da un lato, e gruppi non rom facenti capo a Mario Nardone e Massimiliano Moro per il controllo delle attività criminali del territorio pontino.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
D’Amato, 8 marzo aprirà hub vaccini stazione Termini Roma
Ad Fs, inviteremo anche il premier Draghi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
11:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Per il personale scolastico dopodomani apriremo anche la Nuvola’ all’Eur ed è questo un altro punto importante. L’8 marzo partirà anche l’hub della stazione Termini che è anch’esso per noi un altro punto importante”.
Lo ha annunciato l’assessore alla Salute della Regione Lazio, Alessio D’Amato, sul piano vaccinale nella regione al termine del sopralluogo effettuato nell’hub di Fiumicino. “Sarà la prima stazione in Italia in cui si potranno fare le vaccinazioni – ha commentato l’ad di Ferrovie dello Stato, Gianfranco Battisti -. Probabilmente inviteremo anche Draghi a presenziare. Sarà il primo grande hub ferroviario a fare una cosa del genere. In quell’occasione presenteremo il treno sanitario che abbiamo messo a disposizione della Protezione Civile e della Croce Rossa per trasportare malati Covid o gravi”.   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Casa di riposo abusiva sequestrata, ospiti malnutriti
Una arrivata a pesare 35 kg. Tre indagati a Reggio Calabria
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
22 febbraio 2021
11:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una casa alloggio trasformata abusivamente in una casa di riposo per anziani è stata sequestrata dai carabinieri dei Nas su disposizione della Procura di Reggio Calabria che ha anche notificato tre avvisi di garanzia nei confronti del legale rappresentante della cooperativa sociale che gestiva la struttura e di due operatori socio sanitari, indagati, a vario titolo, per abbandono di persone incapaci, maltrattamenti ed esercizio abusivo della professione sanitaria.
Coordinata dal procuratore Giovanni Bombardieri, dall’aggiunto Gerardo Dominijanni e dal pm Marika Mastropasqua, l’inchiesta del Nas è partita a marzo 2020, quando, in piena pandemia e nella fase più critica, un ospite della struttura, situata nel quartiere reggino di Ciccarello, era risultato positivo al Covid-19 e ricoverato, in gravi condizioni, al Grande ospedale metropolitano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel giro di un mese lui e due donne, ospiti nella stessa casa di riposo, erano poi deceduti a causa del virus, ed altri cinque degenti risultarono contagiati.
Da qui è partita un’ispezione per verificare le condizione della struttura e le misure in atto per il contenimento del contagio. Dagli accertamenti è emerso che la casa alloggio, autorizzata solo per sei unità ed “a bassa intensità assistenziale”, in realtà era stata trasformata in casa di riposo con oltre dieci ospiti, di cui molti non autosufficienti e allettati, bisognevoli di cure e terapie farmaceutiche continue e, quindi, di una assistenza altamente professionale. È stato inoltre accertato che non vi era alcuna autorizzazione né, tantomeno, erano mai state fatte le previste comunicazioni alle autorità di pubblica sicurezza, e che l’assistenza agli anziani veniva assicurata solo dalla cuoca e da due operatori sanitari.
Erano loro, secondo gli inquirenti, che somministravano abusivamente anche i farmaci.
Per l’accusa, inoltre, la rappresentante legale non riforniva adeguatamente di derrate alimentari la struttura. Per effetto di ciò molti anziani, soprattutto quelli allettati, erano malnutriti o lasciati privi di cibo tanto che una degente arrivò a pesare addirittura 35 chili. Gli anziani venivano sedati somministrando loro massicce dosi di medicinali con effetto psicotropo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Accoltella la ex in strada, arrestato per tentato omicidio
L’aggressione ieri sera a Torino, ventenne in prognosi riservata
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
22 febbraio 2021
12:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una studentessa ventenne di origini greche è ricoverata in prognosi riservata all’ospedale Molinette di Torino, dove è stata ricoverata per le coltellate al torace, all’addome e al collo inferte dall’ex fidanzato.
L’uomo, un 27enne di origini albanesi, è stato arrestato dai carabinieri per tentato omicidio.
L’aggressione ieri sera in strada nel quartiere San Salvario a Torino. Sono stati alcuni passanti, che hanno assistito all’aggressione, a dare l’allarme e a consentire ai carabinieri di bloccare l’uomo nelle vicinanze. Recuperato il coltello.
L’aggressione, secondo quanto si apprende, è avvenuta in largo Marconi, non lontano dall’abitazione della ventenne.
Ricoverata in Rianimazione, la giovane è stata sottoposta a un intervento di sei ore per le lesioni polmonari.   PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Sequestrato “Albergo delle Fate”,icona della Sila a rischio
Sindaco Taverna, “salviamo bene monumentale, ora in abbandono”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TAVERNA
22 febbraio 2021
12:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato sequestrato il “Grande albergo Parco delle Fate di Villaggio Mancuso”, località turistica della Sila Catanzarese da anni in disarmo. Il provvedimento cautelare preventivo è stato eseguito dai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale di Cosenza si disposizione del gip del Tribunale di Catanzaro, Alfredo Ferraro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La struttura, realizzata in legno nei primi decenni del secolo scorso è conosciuto come uno dei luoghi iconici più celebrati del turismo montano calabrese del secondo dopoguerra.
La custodia giudiziale dell’immobile è stata affidata al responsabile dell’ufficio tecnico del Comune di Taverna, Marco Borello. “Sulla scia della decisione del giudice – ha dichiarato il sindaco di Taverna Sebastiano Tarantino – riteniamo sia opportuno lanciare adesso un appello alle istituzioni e agli enti che possono concorrere a garantire la salvaguardia di un bene monumentale di così grande importanza storica e culturale.
Alla Regione Calabria, alla Provincia di Catanzaro e alla Soprintendenza chiediamo di avviare un percorso di recupero dell’immobile che allo stato si rischia di perdere. E’ stato accertato, infatti, che allo stato attuale la struttura è una fonte di pericolo sia per l’edificio in quanto tale, sia per l’incolumità pubblica. E’ arrivato il momento – ha aggiunto Tarantino – di ragionare seriamente sul futuro di quest’opera e sulla sua valenza storica e culturale”.
I timori su possibili eventi negativi di natura non solo accidentale, non mancano. Esattamente un anno fa, infatti, il tetto dell’edificio venne interessato da un principio d’incendio poi domato grazie all’intervento tempestivo di alcuni cittadini e dei vigili del fuoco.
Il Grande Albergo delle Fate pensato e realizzato negli anni Trenta del secolo scorso dall’imprenditore catanzarese, Eugenio Mancuso, prima di finire nella triste condizione in cui si trova da qualche anno, conobbe stagioni di grande interesse anche con la presenza di star del cinema e dello spettacolo del calibro di Sophia Loren, Silvana Mangano, Amedeo Nazzari, Vittorio Gassman, Giovanna Ralli, Gigi Proietti e Oreste Lionello.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: variante inglese, sei i casi confermati in Sardegna
Al via tamponi su contatti e analisi per intercettare mutazione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NUORO
22 febbraio 2021
12:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Al momento sono cinque le conferme a Bono (Sassari) e una a Nuoro per la variante inglese del Covid 19, comparsa in Sardegna dopo il rientro dal Libano di un militare. Lo dice il commissario Ats Sardegna Massimo Temussi a Nuoro per un incontro sui servizi sanitari nel territorio.

A Bono secondo giorno di lockdown, che durerà sino al 6 marzo: sono stati eseguiti i primi 300 tamponi molecolari che hanno già dato 29 positivi. Ora le analisi sono all’esame dei laboratori per intercettare eventuali casi di variante inglese.
“Complessivamente si arriverà a un migliaio di tamponi per tracciare tutti i contatti dei cinque positivi nei quali è stata riscontrata la variante inglese”, ha spiegato il Commissario.
A Nuoro, invece, dove in queste ore vengono fatti circa 400 tamponi, sono in corso i tracciamenti sui contatti di una donna risultata positiva alla variante inglese.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Latte: quattro pastori a processo a Nuoro il 16 giugno
Rinviati a giudizio per proteste 2019, sit-in indipendentisti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NUORO
22 febbraio 2021
13:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si dovranno presentare a processo il prossimo 16 giugno i quattro pastori che oggi sono stati rinviati a giudizio dal giudice per l’udienza preliminare Giorgio Cannas per una manifestazione di protesta sulla statale 131 dcn che si è svolta il 13 febbraio 2019, quando in tutta la Sardegna gli allevatori ovini protestavano sollecitando che si stabilisse un equo prezzo del latte. Questa mattina in tribunale, gli avvocati Giulia, Adriano Sollai, Marcella Cabras e Michele Zuddas, hanno invece chiesto il non luogo a procedere ricordando che al blocco temporaneo della circolazione sulla Statale 131, al bivio per Lula (Nuoro), parteciparono circa 2000 persone tra cui alcuni rappresentanti delle istituzioni.

Nel frattempo, all’esterno del Tribunale, si è tenuto un presidio da parte degli esponenti dell’associazione Libertade che sta seguendo da vicino le vicende giudiziarie legale alle proteste dei pastori.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: festa abusiva con rissa, 29 sanzionati
In un locale di Milano, un uomo in ospedale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
22 febbraio 2021
13:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Non solo hanno organizzato una festa abusiva, ma alcuni di loro si sono anche resi protagonisti di una rissa fuori da un locale di via Fioravanti a Milano. I carabinieri del Nucleo Radiomobile, ieri sera, sono intervenuti per la segnalazione di un’aggressione in strada e hanno effettivamente trovato tre cinesi, tra i 29 ed i 40 anni, tutti ubriachi, dei quali uno con il volto insanguinato e varie contusioni alla testa.

Dal locale hanno sentito i rumori di una festa con musica ad alto volume. I militari hanno cercato di entrare dall’ingresso principale ma solo con l’aiuto dei vigili del fuoco sono riusciti a entrare dal retro.
Nei vari privé hanno trovato 29 persone: tutte sono state sanzionati per inottemperanza alle disposizioni anti assembramento e il locale è stato chiuso per cinque giorni.
Il ferito, soccorso dal 118, è stato portato all’ospedale Niguarda ma non è in pericolo di vita.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Genovese: pm, no a perizia su audio ‘Terrazza Sentimento
Da Procura parere negativo a richiesta avanzata da difesa a gip
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
22 febbraio 2021
13:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Milano ha dato parere negativo alla richiesta avanzata al gip Tommaso Perna dalla difesa di Alberto Genovese, l’imprenditore in carcere da novembre per aver stordito con droghe e poi stuprato una 18enne ospite a una festa nel suo appartamento, di disporre una perizia sugli audio relativi alla telecamere interne dell’attico di lusso ‘Terrazza Sentimento’. Audio che riguardano l’intera serata e di cui si chiede un’analisi da parte di esperti per verificare se la ragazza possa aver manifestato il suo consenso a ciò che è avvenuto successivamente.

Per gli inquirenti gli audio sono disturbati e, quindi, una perizia potrebbe lasciare spazio alle interpretazioni più disparate e non oggettive. La parola spetta al giudice.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per Palamara anche accusa corruzione atti giudiziari
Contestata da pm Perugia in udienza preliminare
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
22 febbraio 2021
14:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuove accuse per l’ex consigliere del Csm Luca Palamara nel corso dell’udienza preliminare in corso a Perugia. La procura ha infatti modificato il capo d’imputazione contestandogli i reati di corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio e corruzione in atti giudiziari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Stessi addebiti contestati all’imprenditore Fabrizio Centofanti e ad Adele Attisani.
I magistrati del capoluogo umbro hanno depositato nuovi atti nell’udienza che si è svolta oggi. Tra questi una corposa informativa della guardia di finanza, verbali di diversi testimoni e riscontri acquisiti nel corso delle indagini.
In particolare Palamara – al quale era stato contestato inizialmente il reato di concorso in corruzione per un atto d’ufficio – è accusato di avere acquisito informazioni riservate da pubblici ministeri di Roma e di Messina rendendole note a Centofanti. Da questi sarebbero poi passate – sempre in base alla ricostruzione accusatoria – all’avvocato Piero Amara.
Palamara avrebbe quindi ricevuto da Centofanti viaggi, soggiorni e lavori eseguiti da varie ditte presso l’abitazione di Adele Attisani, amica di Palamara e considerata “istigatrice” delle presunte condotte illecite.
La procura perugina è stata rappresentata dal capo dell’Ufficio Raffaele Cantone e dai sostituti Gemma Miliani e Mario Formisano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: Ordine Malta organizza un corso per autorità Libia
Gran Cancelliere, ‘Il Paese sta affrontando una sfida globale’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
14:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Prende il via oggi il Corso sulla Protezione dei migranti e dei rifugiati per le autorità libiche organizzato dal Sovrano Ordine di Malta in collaborazione con il think tank britannico Forward Thinking. I partecipanti al corso – organizzato online a causa delle limitazioni di viaggio imposte dalla pandemia – sono rappresentanti del governo libico, dei ministeri di Difesa, Interni, Giustizia e Lavoro e formazione, e altre importanti istituzioni nazionali.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il corso – spiega l’Ordine di Malta – nasce dalla continua instabilità politica e sociale che il Paese sta vivendo con le molte sfide poste dalla crisi migratoria e dei rifugiati”. “La Libia sta affrontando una sfida globale, con implicazioni regionali, guidata da fattori che superano le sue frontiere”, ha dichiarato il Gran Cancelliere dell’Ordine di Malta, Albrecht Boeaselager, nel suo discorso di apertura. “In molti incontri avuti a partire dal 2015 con un gruppo di politici libici, rappresentanti del governo e delle istituzioni, così come stakeholder internazionali, quello che è emerso è che l’unica via da seguire è impegnarsi con i molti attori coinvolti nella regione in un processo di capacity building che consenta al Paese di affrontare le tante questioni urgenti”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: sindaco Brescia, valutazioni Cts a breve
Del Bono, consapevole aumento contagi, preoccupa provincia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BRESCIA
22 febbraio 2021
15:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Usciremo da questa situazione solo con una massiva campagna vaccinale. I dati di Brescia sono all’attenzione del Cts nazionale che farà valutazioni a breve.

Sono pienamente cosciente che c’è un aumento dei casi”. Lo ha detto il sindaco di Brescia Emilio Del Bono che ha riferito di aver già parlato con il presidente della Regione Lombardia Fontana sulla situazione della sua città, da giorni tra quelle italiane con più contagi. “Per quanto riguarda la città – ha aggiunto Del Bono – non c’è una situazione particolarmente grave, ma l’andamento del contagio preoccupa soprattutto in provincia”.
Non spetta a noi dire se siamo da zona rossa, gialla, arancione. Esistono i comitati tecnici scientifici, nazionale e regionale, che ci devono dire quale è la situazione. Non so dire quindi se oggi siamo da zona rossa perchè non ho tutti i dati che ha invece il Cts”, ha spiegato Del Bono ha aggiunto: “Sarei per arginare il flusso di gente il sabato pomeriggio in centro città. Se resterà la zona gialla valuterò di limitare la vendita di alcolici nel centro città dopo quanto visto negli ultimi fine settimana, sabato soprattutto”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ristoratori in piazza a Genova con tassisti e mondo sport
Anche rappresentanza Teatro Carlo Felice
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
22 febbraio 2021
16:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Circa 500 persone, la maggior parte delle quali ristoratori ‘autonomi’, manifestano in centro a Genova con i rappresentanti dei tassisti, del mondo dello spettacolo e dei gestori degli impianti sportivi per protestare contro le restrizioni covid e per chiedere ristori. La protesta segue di una settimana quella di #ristoratoriuniti, movimento dal quale gli ‘autonomi’ si sono sganciati ed è il terzo lunedì che la categoria, più o meno organizzata, scende in piazza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tra i manifestanti, che hanno acceso fumogeni, anche i delegati dei lavoratori del Teatro Carlo Felice, in rappresentanza del mondo dello spettacolo tra i più penalizzati dal covid.
I lavoratori del Carlo Felice hanno esposto uno striscione con la scritta ‘Fatti, non promesse’. In piazza anche gestori di palestre, centri fitness e piscine. Molti gli striscioni tra cui ‘Ristori spariti, merci buttate, tasse da pagare. Governo, vergogna’ e ‘Dpcm demenziali = aiuti per le Multinazionali’.
“Noi ci siamo messi in sicurezza gli untori non siamo noi. Non si combatte la pandemia con i supermercati pieni e i ristoranti vuoti, con i treni pieni e i teatri vuoti. Non si combatte la pandemia combattendo la cultura”, ha detto uno degli organizzatori. La manifestazione è auto-organizzata grazie al tam tam sui social.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Calcio: Digos al lavoro su assembramento tifosi Milan-Inter
Sanzioni per chi sarà identificato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
22 febbraio 2021
17:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli agenti della Digos di Milano sono al lavoro, soprattutto con l’analisi delle immagini riprese dalle telecamere, per identificare i tifosi di Inter e Milan che ieri, nei pressi dello stadio Meazza, hanno creato assembramenti e che solo per l’intervento delle forze dell’ordine non sono venuti a contatto.
Un lavoro – è stato spiegato – che non si prevede semplice anche perché gran parte di tifosi era a volto coperto con mascherine protettive, sciarpe o altro.

Chi sarà identificato sarà sanzionato per violazione delle normative anticovid che proibiscono gli assembramenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lite in famiglia, giovane uccide il padre a martellate
Omicidio nel rodigino, indagini dei carabinieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROVIGO
22 febbraio 2021
17:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un ragazzo di 20 anni ha ucciso a martellate il padre, Giovanni Finotello, 57 anni. Il fatto è accaduto a Porto Viro, nel rodigino.
L’omicidio è avvenuto nel corso di una lite in famiglia. La vittima è stata colpita più volte alla testa e al busto con un martello. L’uomo, inizialmente ricoverato, è morto in ospedale. L’indagine è condotta dai carabinieri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:positivi sotto 10 mila,ma -80 mila test. Su i ricoveri
Ancora 274 morti, +24 in rianimazione. Tasso positività al 5,6%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
17:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con quasi 80 mila test in meno – tipico della domenica – scendono sotto i 10 mila i positivi al coronavirus nelle 24 ore in Italia, ma le vittime tornano a salire, così come i ricoverati in terapia intensiva e nei reparti ordinari.
Sono 9.630 i test positivi, secondo i dati del ministero della Salute (ieri erano stati 13.452).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I morti sono invece 274 (ieri 232).
Sono stati 170.672 i molecolari e antigenici effettuati nelle ultime 24 ore (ieri erano stati 250.986). Il tasso di positività è del 5,6%, ieri era stato del 5,4% (quindi c’è un aumento dello 0,2% in 24 ore).
Sono 2.118 le persone ricoverate in terapia intensive per il Covid-19, con un aumento di 24 unità nel saldo quotidiano tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri in rianimazione sono stati 162. Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 18.155 persone, in aumento di 351 unità rispetto a ieri.
Gli attualmente positivi tornano a scendere dopo due giorni di rialzo e sono ora 387.903 (-992 rispetto a ieri), i guariti e dimessi 2.334.968 (+10.335), in isolamento domiciliare ci sono ora 367.630 persone (-21.265).
I casi totali da inizio epidemia in Italia sono 2.818.863, i morti 95.992.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Volontari Oipa salvano cervo caduto Naviglio nel Milanese
L’animale è ora nell’oasi Wwf di Vanzago
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
22 febbraio 2021
17:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un cervo di grosse dimensioni è stato salvato stamani dai volontari dell’Oipa (Organizzazione internazionale protezione animali) dopo essere caduto nelle acque del Naviglio Martesana a Cernusco sul Naviglio (Milano) “Stamattina nella sede Oipa di Milano arriva una chiamata: un cervo è caduto nei Navigli”, raccontano i volontari. Sono quindi stati chiamati i carabinieri che hanno coordinato le operazioni di salvataggio.
Il coordinatore delle guardie zoofile Oipa di Milano, Fabio D’Aquila, anch’egli sul posto, racconta: “Si tratta di un grande cervo caduto nel Naviglio Martesana all’altezza di Cernusco. Due veterinari lo hanno addormentato sparandogli l’anestetico a distanza. Il povero animale era molto stressato e presentava qualche ferita, ma per lui c’è un lieto fine: sarà ospitato nella Riserva naturale Bosco Wwf di Vanzago nel Milanese”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, 20 Comuni provincia Ancona in zona arancione
Acquaroli firma ordinanza, aumento contagi e casi variante Gb
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
22 febbraio 2021
18:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dalla mezzanotte di oggi e fino alle 24.00 di sabato 27 febbraio passano in zona arancione 20 Comuni della provincia di Ancona, compreso il capoluogo di regione, dove si è registrato il maggior tasso di contagi da Covid-19 e la presenza di alcuni casi di variante inglese. Lo prevede un’ordinanza annunciata ieri e firmata oggi dal presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli, sentito il Ministero della Salute, il prefetto e acquisita l’intesa con Anci Marche.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli altri Comuni restano in zona gialla, con limitazioni agli spostamenti. Già in vigore anche un’ordinanza che limita gli spostamenti da e per la provincia di Ancona. Si tratta dei Comuni di Ancona, Camerata Picena, Castelfidardo, Castelplanio, Chiaravalle, Cupramontana, Falconara Marittima, Filottrano, Jesi, Loreto, Maiolati Spontini, Monte San Vito, Osimo, Ostra, Polverigi, Sassoferrato, Senigallia, Serra De’ Conti, Sirolo, Staffolo, caratterizzati “da uno scenario di elevata gravità, da un livello di rischio alto e dalla presenza di alcuni casi di variante inglese”. Da molti giorni la provincia di Ancona registra circa la metà dei nuovi casi di positività al covid e gli ospedali delle città interessate sono in sofferenza. Le restrizioni sono le stesse del Dpcm nazionale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo, Vittoria Ceretti co-conduttrice per una sera
L’annuncio di Amadeus, ‘la supermodella con me sul palco’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
17:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La supermodella Vittoria Ceretti sarà co-conduttrice di una delle serate del Festival di Sanremo. Lo annuncia Amadeus.

“La kermesse – spiega il direttore artistico e conduttore – si arricchisce di una nuova presenza femminile: è la giovane Vittoria Ceretti, super top model italiana che a poco più di vent’anni ha sfilato sulle passerelle di tutto il mondo per le più importanti griffe. È apparsa sulle copertine delle più prestigiose riviste di moda ed è la musa ispiratrice dei grandi maestri della fotografia contemporanea. Vittoria sarà la mia partner in una delle cinque serate di Sanremo 2021”.
Nata a Brescia nel 1998, Vittoria Ceretti ha iniziato la sua carriera da supermodella partecipando al concorso Elite Model Look nel 2012. Poi l’esordio in passerella con Dolce & Gabbana e centinaia di di sfilate tra New York, Londra, Milano e Parigi per maison come Chanel, Michael Kors, Tommy Hilfiger, Tom Ford, Marc Jacobs, Burberry, Versace, Etro, Salvatore Ferragamo, Roberto Cavalli, Dior, Valentino, Louis Vuitton e Givenchy.

Cronaca tutte le notizie in tempo reale! INFORMATI LEGGILE SEGUILE CONDIVIDILE!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 16 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 19:33 DI SABATO 20 FEBBRAIO 2021

ALLE 09:24 DI LUNEDì 22 FEBBRAIO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Incidente nel Cagliaritano, grave ex giocatore Cagliari
Andrea Cossu, ex azzurro, ricoverato in gravi condizioni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
20 febbraio 2021
19:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’ex giocatore del Cagliari e della nazionale Andrea Cossu, 41 anni, è stato ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Brotzu per le ferite riportate nell’incidente stradale avvenuto questa sera sulla statale 554 nell’hinterland di Cagliari. L’ex calciatore è arrivato in ospedale con assegnato un codice rosso.
Cossu, che viaggiava a bordo della propria auto – una Porsche -, è stato sbalzato all’esterno dell’abitacolo.   CALCIO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Altaroma digitale chiude in positivo
La capitale riposizionata come incubatore dei giovani talenti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
20 febbraio 2021
20:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tra l’altro nell’equilibrio di un paese con ben tre città della moda, con Milano per il pret a porter e Firenze con i saloni di Pitti. “Il Cinema non è mai stato così vero. La Moda non è mai stata così vicina” commenta Adriano Franchi, direttore generale di Altaroma, alla chiusura del calendario di sfilate che sono svolte negli studi di Cinecittà. E’ stata questa un’edizione completamente digitale, trasmessa in live streaming e compressa in tre giorni, che ha registrato per la prima volta l’assenza totale del pubblico in presenza, ma un’affluenza online superiore all’edizione settembrina, che aveva lanciato il primo esperimento in digitale. Realizzata grazie al supporto dei soci e al sostegno di Ice Agenzia, del ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, la manifestazione è ormai guardata come l’avamposto della moda indipendente e dei talenti emergenti del made in Italy. E non solo visto che cominciano ad affacciarsi anche nuovi talenti dall’estero come il francese Alexandre Blanc. Ecco alcuni numeri di questa manifestazione: 97 i brand/designer partecipanti agli eventi in calendario; 156 tra buyer, showroom e concept-store accreditati sulla piattaforma digitale, di cui 98 stranieri; 190 giornalisti accreditati tra estero e Italia; 30 eventi in piattaforma; 20 studenti dei final work di scuole e accademie; 18 eventi in live streaming; 14 sfilate. Oltre 50.000 utenti che hanno seguito online la manifestazione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si getta dal ponte col figlio, lei muore, bimbo fin di vita
Nel Trevigiano, era scomparsa da casa ieri sera
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TREVISO
21 febbraio 2021
01:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una donna di 31 anni è morta dopo essersi gettata dal ponte di Vidor, nel trevigiano, con in braccio il figlio di un anno e mezzo. Il bimbo è stato trovato dai soccorritori in condizioni disperate, ed è stato portato all’ospedale di Treviso.
La donna era uscita di casa verso le 20 di ieri sera, facendo perdere le sue tracce. Scattato l’allarme, i carabinieri hanno trovato la sua auto, vuota, nei pressi del ponte sul Piave, a Vidor, alto una quindicina di metri.
Calandosi sul greto, i pompieri hanno scoperto il corpo della donna, e il bimbo, sopravvissuto, ma gravissimo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo, la scenografia “astronave verso un futuro migliore”
Gaetano e Maria Chiara Castelli, profondità per colmare il vuoto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
21 febbraio 2021
11:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Amadeus dice che questo non sarà il suo secondo Festival, ma il primo verso un altro futuro. E lo sarà anche per la scenografia, per la quale abbiamo immaginato un’astronave e una sorta di stargate, verso un futuro migliore al quale aspirare”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Parola di Gaetano e Maria Chiara Castelli, che firmano la scenografia del 71/o Festival di Sanremo, disegnando uno spazio come mai si era visto all’interno dell’Ariston, una sorta di “involucro” che avvolge e riempie i vuoti del teatro.
“Abbiamo cercato – spiegano – di sfruttare il più possibile gli spazi, anche per la necessità, ad esempio, di distanziare l’orchestra. E allo stesso tempo di sopperire al senso di vuoto, utilizzando anche le pareti laterali fino alla galleria, creando un ‘involucro’ che con la sua forma di astronave aumentasse la profondità. In realtà, la lunghezza della scena è uguale a quella dello scorso anno, ma ora è avanzata molto l’orchestra e per questo abbiamo cercato di lavorare sulla prospettiva, con due punti di fuga centrali e con una scenografia che riducendosi progressivamente in ampiezza e in altezza crea un effetto prospettico importante, che dà profondità a tutto. E a questo si aggiunge che anche il soffitto diventa elemento scenografico, tra luci, schermi e materiali video-luminosi che sono parte integrate della scena”.
Un lavoro fatto a stretto contatto con il regista Stefano Vicario e il direttore della fotografia Mario Catapano che potranno contare, quest’anno, anche su una scenografia esterna: “Un lavoro avviato da molti mesi – concludono Gaetano e Maria Chiara Castelli – con loro e con una squadra di professionisti eccezionali con i quali, per la prima volta, siamo anche ‘usciti’ dall’Ariston in un nuovo spazio scenografico dove ci sarà una telecamera che, dall’alto, potrà varcare la soglia del teatro”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il vicedirettore di Rai1 Claudio Fasulo aveva detto presentandola: “Sono stati utilizzati 7 chilometri di strip a led, un software con 1 milione 920 mila canali, oltre 65 centraline, 600 metri quadri di led wall anche trasparente, 20 chilometri di cavi, 60 costruttori e tecnici. E 500 proiettori motorizzati”.
Immancabile la scala, al centro di questo ‘meccano’ fluorescente. Ai lati i due ‘golfi mistici’ che accolgono i 60 orchestrali diretti dal maestro Leonardo De Amicis, ancora più ‘coinvolti’ in scena, oltre che chiamati a votare nella serata del giovedì dedicata alla canzone d’autore.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: variante inglese, lockdown in comune Sardegna
Ordinanza sindaco di Bono nel Sassarese, sarà valida sino al 6/3
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SASSARI
20 febbraio 2021
20:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lockdown sino al 6 marzo: lo prevede l’ordinanza del sindaco di Bono, Elio Mulas, per contenere il cluster di contagi della variante inglese di Covid-19 nel centro del Sassarese. Stop ad ogni attività tranne tabaccai, giornalai, farmacie, parafarmacie e generi alimentari, che chiuderanno domenica 21 e 28 febbraio.
Vietato spostarsi se non per lavoro e studio o motivi di salute. Chiusi parchi, aree gioco, giardini pubblici e il cimitero, è consentita solo l’attività edilizia. Sospesa l’attività didattica in presenza, chiusi bar e ristoranti ma permessa la consegna a domicilio. Infine stop al commercio ambulante.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Etna: parossismo da cratere Sud-Est, fontane lava pulsanti
Una colata emerge dal fianco orientale del cono
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
20 febbraio 2021
23:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo evento parossistico sull’Etna con fontane di lava pulsanti dal cratere di Sud-Est, il quarto in quattro giorni. Una colata generata da un trabocco sul fianco orientale del cono ha percorso circa 150-200 metri.

Secondo il monitoraggio dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia-Osservatorio etneo di Catania l’ampiezza media del tremore vulcanico mostra valori elevati con tendenza all’incremento. La sorgente del tremore risulta localizzata al di sotto del cratere di Sud-Est, nell’intervallo di profondità tra 2.800 e 2.900 metri sopra il livello del mare. Anche l’attività infrasonica ha raggiunto livelli elevati; il tasso di accadimento e l’energia dei transienti infrasonici sono in aumento.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Etna: vulcano dà spettacolo di notte, fontane lava e colata
Nuova fase parossistica in zona sommitale, durata alcune ore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
21 febbraio 2021
09:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’Etna è tornato a dare spettacolo, per alcune ore, ma questa volta alzando il suo ‘sipario’ poco prima della mezzanotte con una fontana di lava pulsante e un trabocco lavico dal cratere di Sud-Est. E’ stata una fase in crescita di energia fino al suo completo esaurimento, seguito e monitorato dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia-Osservatorio etneo di Catania.
S
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Circa un’ora dopo l’inizio del nuovo fenomeno sul cratere di Sud-Est si sono attivate altre bocche, in direzione della “bocca della sella”. Successivamente l’attività si è ulteriormente intensificata, generando getti di lava alti 800-1.000 metri.
Poco dopo ha avuto inizio un trabocco lavico dalla “bocca della sella” alimentando un flusso lavico diretto verso sud-ovest. Una colonna eruttiva si è alzata verso il cielo per diversi chilometri sopra la cima dell’Etna. Alle prime fasi dello ‘spettacolo’, come testimoniato da scatti fotografici postati dell’Ingv-Oe sulla pagina Facebook INGVvulcani, ha ‘assistito’ dall’alto una luna che ‘tramontava’. Spettacolo che dopo l’ennesima violenta e spettacolare fase parossistica si è concluso intorno alle 2, cessando completamente 20 minuti dopo.
Le colate di lava hanno continuato lentamente ad avanzare, i fronti del ‘braccio’ più lungo sono nella desertica Valle del Bove, a circa 3.5-4 chilometri di distanza dalla bocca e ad una quota compresa fra 1.700 e 1.800 metri sul livello del mare. Il flusso lavico diretto verso sud-ovest ha percorso solo poche centinaia di metri. L’ampiezza media del tremore vulcanico col cessare del parossismo ha subìto una repentina e drastica diminuzione dei suoi valori ed ha raggiunto il livello medio, con la tendenza a diminuire ulteriormente.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti:riprese ricerche dispersi barcone a largo Lampedusa
Secondo racconto superstiti sarebbero cinque, si svuota hot spot
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
21 febbraio 2021
09:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono riprese all’alba di stamane le ricerche di almeno cinque dispersi, nel naufragio avvenuto nella notte tra giovedì e venerdì a circa 15 miglia a Sud di Lampedusa. Nelle operazioni sono impegnate le motovedette della Capitaneria di porto, della Guardia di finanza e un elicottero del secondo nucleo aereo Guardia costiera di Catania.
Secondo il racconto dei 45 superstiti sul barcone, che si è capovolto durante il trasbordo sulle motovedette dei migranti, vi erano una cinquantina di persone.
Intanto prosegue l’evacuazione dell’hot spot di contrada Imbriacola dove ieri, dopo gli ultimi sbarchi, erano state superate le mille presenze. In serata 80 migranti sono stati caricati sul traghetto di linea per Porto Empedocle. Questa mattina è prevista la partenza di altri 150 profughi, sempre con il traghetto di linea. Infine altri 700 migranti dovrebbero essere imbarcati sulle due navi quarantena “Suprema” e “Adriatica” ferme alla fonda davanti alle coste dell’isola.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uccisa a Faenza: dalle immagini nuovi dettagli sul killer
Prosegue l’analisi della sequenza captata da una videocamera
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
21 febbraio 2021
11:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Emergono alcuni dettagli importanti dall’analisi delle immagini di videosorveglianza catturate nei dintorni della casa di Faenza (Ravenna) dove, la mattina del 6 febbraio, è stata uccisa Ilenia Fabbri. Si tratterebbe, come riportano i media locali, di un uomo di carnagione chiara, alto 1,80-1,90, vestito di scuro, con un cappuccio e il volto coperto da una mascherina.

Gli inquirenti sono convinti che l’uomo ripreso pochi minuti prima da quelle telecamere sia il killer di Ilenia, sia perché a quell’ora, le 6 di mattina, in giro non c’era nessuno, sia perché la descrizione coincide con quella riferita dall’amica della figlia di Ilenia, che era rimasta a dormire nella casa del delitto dopo che la figlia della vittima insieme a suo padre (l’ex marito di Ilenia, attualmente indagato a piede libero) erano usciti. Nei prossimi giorni si continuerà ad analizzare quella sequenza di pochi secondi dove potrebbe esserci la soluzione del mistero.
Si stanno passando al setaccio anche i negozi di ferramenta.
L’uomo che ha ucciso Ilenia, infatti, sarebbe entrato in casa aprendo la porta con una copia delle chiavi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: morto 78enne padre ex presidente Marche Ceriscioli
Ex governatore dimesso ieri a Pesaro. Famiglia,grazie a sanitari
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PESARO
21 febbraio 2021
12:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Morto in ospedale a Pesaro, a 78 anni, Massimo Ceriscioli, padre dell’ex presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, ricoverato per Covid-19 ma già alle prese con gravi problemi polmonari acuiti dal coronavirus. Il decesso, avvenuto nella notte, è arrivato proprio dopo le dimissioni, ieri, del figlio Luca dall’ospedale, dove era stato anche lui ricoverato a metà febbraio dopo essere stato contagiato in famiglia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In miglioramento, dunque, le condizioni dell’ex governatore, sempre sotto controllo e senza problemi respiratori, che era assistito al San Salvatore dopo una febbre costante che lo aveva colpito per oltre una settimana a causa del contagio.
La famiglia di Massimo Ceriscioli, che era stato di nuovo ricoverato negli ultimi giorni dopo una precedente permanenza in ospedale e le dimissioni, ha voluto esprimere in un messaggio un ringraziamento ai sanitari per l’assistenza al 78enne. “Desidero ringraziare i medici e infermieri del San Salvatore (Pesaro, ndr) e del Santa Croce (Fano, ndr) per l’attenzione, – scrive la moglie Maria, anche lei colpita dal virus e in deciso miglioramento – la sensibilità, la cura e la grande professionalità con cui hanno seguito, nei suoi ultimi giorni, mio marito Massimo. Si è sentito protetto e in buone mani – aggiunge la moglie ed è stato grazie a persone come Voi, che ogni giorno lavorano, con abnegazione, nei nostri ospedali.
Grazie per il vostro impegno e la vostra passione da parte di tutta la famiglia”.   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Vaccini: Moratti,senza dosi difficile fine campagna a giugno
‘Noi siamo pronti ma abbiamo bisogno di più vaccini’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CODOGNO
21 febbraio 2021
12:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il nostro obiettivo è vaccinare tutti entro giugno. Se ci diminuiscono le forniture sarà difficile mantenere questo impegno”.
Lo ha detto l’assessore lombardo al Welfare Letizia Moratti, al termine della cerimonia di inaugurazione del monumento dedicato alle vittime del coronavirus e alla comunità di Codogno.
“Abbiamo bisogno di accelerare e vaccinare il più possibile.
Noi siamo pronti ma abbiamo bisogno di più vaccini”, ha aggiunto. Riguardo all’aumento dei contagi in regione, l’assessore ha ricordato che “non dobbiamo abbassare la guardia.
È un momento delicato e dobbiamo chiedere ai cittadini un comportamento responsabile”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Etna: lo spettacolo del vulcano visto dalle Eolie
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
21 febbraio 2021
13:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’Etna in piena attività esplosiva e con la neve è stata ammirata stamane anche dalle isole Eolie.
Uno spettacolo nello spettacolo.
Il vulcano è chiaramente visibile a Lipari dal belvedere di Quattrocchi, dove narra la leggenda due occhi non bastano per quanto è bello il panorama perchè bisogna andare in coppia. Le foto scattate stamane vedono in primo piano i faraglioni Petra Minalda e Petru Luongu, la grande attrazione naturalistica dove ogni anno a settembre si rinnova la cerimonia dello “sposalizio”, e sullo sfondo l’Etna imbiancato .
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Umbria riduce scorte AstraZeneca per vaccinazioni
Dosi “a più presto” a personale scuole e servizi essenziali
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
21 febbraio 2021
14:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’Umbria riduce dal 50 al 30 per cento la scorta del vaccino AstraZeneca per avviare “al più presto” la vaccinazione di tutto il personale scolastico e delle forze dell’ordine (compresi vigili del fuoco e polizia municipale). Lo ha deciso il Comitato operativo regionale.

La Regione spiega che si tratta di una scelta dettata altresì dai tempi “abbastanza lunghi” (75 giorni) per la somministrazione della seconda dose, e dunque “tali da poter garantire la ricostituzione delle scorte medesime, senza compromettere il secondo vaccino”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Chiesti più vaccini per ‘zone rosse’ Umbria
Obiettivo “spegnere incendio ed evitare virus si propaghi”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
21 febbraio 2021
15:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le “zone rosse” per l’emergenza Covid “non possono essere rifornite di vaccini con il criterio di proporzionalità con la popolazione, ma devono avere maggiori forniture in grado di spegnere ‘l’incendio in atto’ ed evitare che il virus si propaghi verso altri territori”. Lo sottolinea il Comitato operativo regionale che ha deciso l’invio di una lettera al Commissario straordinario per l’emergenza Covid, Domenico Arcuri firmata dai direttori della Regione Umbria Claudio Dario, Sanità, e Stefano Nodessi, Infrastrutture e protezione civile.

La lettera è stata inviata – spiega la Regione – per “ribadire, e supportare, la richiesta di una rapida fornitura per l’Umbria di 50 mila vaccini, già formalizzata dalla stessa presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, anche al Ministro per la salute, Roberto Speranza, in occasione della sua recente visita”. Richiesta motivata dall’andamento epidemiologico che ha visto un “considerevole aumento” della circolazione del virus, soprattutto in provincia di Perugia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Confindustria Pesaro, pronti allestire camper per vaccini
Senza scavalcare Asur. Prima dosi a lavoratori prima si riparte
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PESARO
21 febbraio 2021
15:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli industriali vogliono vaccinare i lavoratori il prima possibile. “Siamo pronti – annuncia Confindustria Marche Nord sezione Pesaro Urbino – ad allestire un camper che possa viaggiare per il territorio provinciale e consentire, in tutta sicurezza, la vaccinazione dei lavoratori delle imprese nostre associate”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tutto ciò, senza scavalcare ma collaborando con l’azienda sanitaria regionale “ovviamente rispettando la sequenza delle priorità fissata dalla Regione, che potrebbe tenere conto anche dei tecnici di aziende che devono installare impianti e collaudarli, che hanno la necessità di spostarsi di frequente non solo fuori regione, ma anche fuori dall’Italia”.
Nel giorno in cui diventano 25 mila i tamponi antigenici effettuati in aziende della provincia aderenti a Confindustria, il presidente Mauro Papalini annuncia una nuova disponibilità, “per venire incontro a quelle che saranno le esigenze legate agli spazi per somministrare le dosi e alla necessità di completare nel più breve tempo possibile la campagna di vaccinazione di massa”.
“Prima arriviamo a vaccinarci, – aggiunge Papalini – prima possiamo ripartire senza dover fare i conti ogni settimana con la fascia assegnata alla regioni, prima le aziende possono tornare a produrre, a vendere, a competere – e chi viene vaccinato deve possedere un certificato riconosciuto a livello internazionale in modo da evitare la quarantena quando entra in un paese estero e quando rientra in Italia”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cade valanga su pista in Friuli, nessuno coinvolto
A Piancavallo. Bonificata zona con ausilio elicottero
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AVIANO
21 febbraio 2021
16:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una valanga è caduta questa mattina a Piancavallo e ha invaso la pista Salomon, appena sotto il Rifugio Arneri. Lo rende noto il soccorso Cnsas Fvg precisando che la massa nevosa si è staccata sul versante meridionale del Monte Tremol, attraversando un canale che è spesso sito valanghivo; ha un fronte di circa quaranta metri per una lunghezza di scorrimento di circa trecento dal punto di partenza al punto di accumulo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sul posto sono intervenuti dodici tecnici del Soccorso Alpino di Pordenone (altri sei della stazione di Maniago pronti a partire per dare il cambio assieme ad altrettanti provenienti dall’Alpago), assieme all’elicottero della Protezione Civile che fa base a Tolmezzo, con a bordo un tecnico del Soccorso Alpino e un’Unità cinofila. Sul posto è arrivato in un primo tempo anche l’elisoccorso regionale.
L’elicottero della Protezione Civile, invece, ha effettuato una ricognizione e ha sondato il campo della valanga dall’alto con il sistema di rilevamento Recco, senza riscontrare intercettazioni di alcun segnale, escludendo così il coinvolgimento di sciatori. Tuttavia, è stato effettuato anche un sondaggio sul terreno, con l’aiuto dell’Unità Cinofila da valanga. In tre ore è stata tutta bonificata.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti:nave Asso30 arriverà stanotte,c’è anche un cadavere
Era su barcone con 232 profughi soccorsi da nave privata
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AGRIGENTO
21 febbraio 2021
16:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Asso 30, la nave privata che lavora per le piattaforme Eni, arriverà stanotte in rada di Porto Empedocle (Ag) e in banchina attraccherà domattina, alle 8 circa. Rispetto a quanto inizialmente previsto, il mare mosso ha rallentato l’imbarcazione a bordo della quale ci sono 232 migranti e una salma che nulla ha a che vedere con il naufragio che si è registrato, poco prima dell’alba di ieri, a 15 miglia da Lampedusa.

I migranti – fra i quali appunto c’era un cadavere – sono stati soccorsi, nella giornata di ieri, nel canale di Sicilia. Per domattina, subito dopo l’approdo, il gruppo verrà sottoposto ai tamponi anti-Covid e alle procedure di fotosegnalamento e poi si procederà all’imbarco sulla nave quarantena Allegra.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: sul litorale romano è pienone,tanti anche in spiaggia
Bis dopo ieri, ‘assalto’ auto, locali e bistrot pieni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
21 febbraio 2021
16:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con il passare delle ore assume la connotazione di un vero e proprio “pienone” estivo la domenica sul litorale romano, con un assalto di auto verso Ostia e Fiumicino, in particolare. A simboleggiarlo anche il contino afflusso di veicoli in uscita dall’autostrada Roma-Fiumicino.

Per entrare nel centro cittadino di Fiumicino ci sono file ed anche in direzione del lungomare, con parcheggi saturi dappertutto. Oltre che nei ristoranti e nei chioschi sul mare, tante presenze anche sulle spiagge e sui lungomare. Non trovando posti liberi, alcuni visitatori hanno fatto “dietrofront” e sono ripartiti verso la Capitale. Grande il lavoro per il comando della polizia locale di Fiumicino, impegnato per coordinare, con le altre forze dell’ordine, le otto pattuglie in campo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid,positivi stabili,meno morti. Aumento malati e ricoveri
Vittime di nuovo sotto quota 300, ma -55 mila test. Più malati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
21 febbraio 2021
17:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si mantengono costanti i test positivi al coronavirus in Italia, a fronte del fisiologico calo degli esami nel weekend, mentre continuano a diminuire le vittime, per il secondo giorno ben sotto le 300. Sono 13.452 i tamponi molecolari e antigenici positivi nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute (ieri erano stati 14.931).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I morti sono invece 232 (ieri erano stati 251).
Sono stati effettuati in totale 250.986 test (ieri erano stati 306.078, circa 55 mila in più). Il tasso di positività odierno è del 5,4%, mentre ieri era stato del 4,8% (quindi c’è un aumento dello 0,6% in 24 ore).
Aumentano i pazienti in rianimazione e nei reparti ordinari.
Sono 2.094 le persone ricoverate in terapia intensiva, con un incremento di 31 unità nel saldo quotidiano tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri in rianimazione sono stati 125.
Nei reparti ordinari sono ricoverate ora 17.804 persone, in aumento di 79 unità rispetto a ieri.
I malati di coronavirus – gli attualmente positivi delle tabelle del ministero della Salute – aumentano ancora nelle ultime 24 ore: sono 4.272 in più, per un totale di 388.895. I dimessi e guariti sono 2.324.633, con un incremento di 8.946 unità. In isolamento domiciliare ci sono ora 368.997 persone, con un aumento di 4.162 nelle ultime 24 ore.
I casi totali da inizio epidemia in Italia sono ora 2.809.246, i morti 95.718.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Capitano Ultimo da oggi in pensione, arrestò Riina
Il saluto ai colleghi del Ros, ‘le mie lacrime e il mio sorriso’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
21 febbraio 2021
19:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Oggi pensione e fine servizio.
Nell’ultimo giorno le mie lacrime e il mio sorriso alla bandiera di guerra dell’Arma dei carabinieri.
Al popolo italiano tutta la mia vita”. Lo scrive su twitter Sergio Di Caprio detto il Capitano Ultimo. “Vado in pensione, abbiamo combattuto, rivendico tutte le azioni passate presenti e future, torniamo ad essere il nulla da cui veniamo”, dice in un video riferendosi al Ros. De Caprio è stato a capo dell’unità Crimor dei ROS dei Carabinieri ed è noto soprattutto per aver arrestato Totò Riina il 15 gennaio 1993.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Donna uccisa a Genova: appello amici per figlio disabile
Si rivolgono a Bucci, gli serve assistenza, città sia di esempio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
21 febbraio 2021
20:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli amici di Clara Ceccarelli, la donna assassinata venerdì nel suo negozio di pantofole in pieno centro a Genova dal suo ex compagno, hanno lanciato un appello al sindaco della città Marco Bucci chiedendogli un intervento concreto di aiuto al figlio disabile della donna, Mauro. Il testo dell’appello, firmato a nome degli ‘amici di Mauro’ e poi condiviso da centinaia di persone, è stato pubblicato sulla pagina Facebook ‘Al fianco di Mauro!’ che in serata ha già raccolto oltre 650 adesioni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Clara “lascia un padre anziano e un figlio che necessita di assistenza”, scrivono tra l’altro nell’appello a Bucci.
“Vogliamo chiederle un aiuto grande e concreto, oggi per Mauro, ma certamente anche per tutte quelle famiglie che per una tragedia simile si trovano sole ed in difficoltà – aggiungono -.
Non siamo qui ad affibbiarvi l’ennesimo femminicidio, ad elencare quello che fa o non fa lo stato a favore di queste famiglie, a giudicare il lavoro delle forze dell’ordine e di chi avrebbe avuto il dovere di fermare queste insensate tragedie, ma siamo qui a chiederle un aiuto concreto ed un cambiamento drastico di queste leggi !” “Clara non è stata tutelata a tal punto di essere ancora qui con noi – si legge più oltre nell’appello -.
Confido in un suo riscontro, caro Sindaco, per questa situazione in particolare, ma anche per determinare una soluzione affinché si possa arginare questa grave piaga che sta dilagando senza limiti e mi piacerebbe che Genova possa essere d’esempio!!”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, 20 Comuni provincia Ancona verso zona arancione
Presidente Acquaroli annuncia ordinanza su facebook
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
21 febbraio 2021
22:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Divieto di spostamento (se non per motivi di lavoro, salute, studio e necessità comprovate) tra i Comuni della provincia di Ancona e ingresso in zona arancione (con le stesse regole del Dpcm) per 20 Comuni, tra cui Ancona, Jesi, Osimo, Senigallia, Loreto, Sassoferrato. Lo prevede un’ordinanza che il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli firmerà domani e che sarà in vigore da martedì 23 febbraio fino alle 24 di sabato 27 febbraio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli altri Comuni restano in zona gialla, annuncia il governatore su fb, e resta in vigore la limitazione per gli spostamenti da e per la provincia di Ancona, colpita da un aumento di contagi. Il resto delle Marche è in zona gialla. La decisione è stata adottata, spiega Acquaroli, dopo una videoconferenza con la presidente Anci Marche e sindaca di Ancona Valeria Mancinelli e i sindaci dei Comuni dell’Anconetano maggiormente colpiti dalla pandemia.
“Abbiamo analizzato, insieme con i dirigenti del Servizio Sanità – racconta -, i dati epidemiologici della settimana in corso, da lunedì 15 a sabato 20 febbraio, che denotano una crescita del contagio su alcuni Comuni della provincia di Ancona, in aumento rispetto alle scorse settimane. Così, con l’intesa dell’Anci e dei sindaci presenti, sentito anche il ministro, firmerò domani mattina una ordinanza per adottare delle misure restrittive”.
Acquaroli ringrazia “l’Anci e i sindaci per la collaborazione istituzionale dimostrata. Comprendiamo di chiedere uno sforzo ulteriore a tanti cittadini ma la tutela della salute e della sicurezza deve essere la priorità di tutti noi”. I Comuni che entreranno in zona arancione sono Ancona, Jesi, Osimo, Senigallia, Falconara Marittima, Filottrano, Staffolo, Serra de’ Conti, Polverigi, Cupramontana, Camerata Picena, Monte San Vito, Maiolati Spontini, Chiaravalle, Ostra, Loreto, Sirolo, Sassoferrato, Castelplanio e Castelfidardo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Precipita dal quarto piano, studente muore a Firenze
21enne italiano frequentava scuola moda
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
22 febbraio 2021
09:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un 21enne originario di Monza, studente del Polimoda a Firenze, è morto la notte scorsa, intorno alle 3, dopo essere precipitato dal quarto piano di un palazzo nel centro del capoluogo toscano, in via di Porta Rossa.
Da quanto spiegato dai carabinieri, il giovane si trovava a casa di altri studenti: accertamenti sono in corso per verificare la dinamica dei fatti da parte dei militari della Compagnia di Firenze, con il supporto della sezione investigazioni scientifiche del comando provinciale.

Secondo quanto riferito dai carabinieri, dagli accertamenti svolti fino a ora sarebbe escluso il coinvolgimento di altre persone nella caduta dello studente. Il 21enne, sempre in base a quanto spiegato, è caduto da una finestra, precipitando in una corte interna. Si trovava a casa di amici per passare una serata insieme con loro. Nella casa i carabinieri avrebbero trovato numerose bottiglie di alcolici, probabilmente consumati dai giovani nel corso della serata. La notte scorsa è intervenuto sul posto anche il pm di turno, Giuseppe Ledda, che ha disposto l’autopsia sul corpo dello studente.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Amadeus, Loredana Bertè superospite prima serata di Sanremo
L’annuncio a Che tempo che fa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
21 febbraio 2021
22:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Loredana Bertè superospite della prima serata del Festival di Sanremo, al via il 2 marzo: lo ha annunciato Amadeus, conduttore e direttore artistico, in collegamento con Che tempo che fa dalla platea del teatro Ariston.