COMUNICAZIONE AI LETTORI
Aggiornamenti, Comunicazioni ai lettori, Cronaca, Notizie

COMUNICAZIONE AI LETTORI ED AVVISO IMPORTANTE AGLI ISCRITTI VIA E-MAIL CON TUTTI I MIEI SINCERI AUGURI!

Tempo di lettura: < 1 minuto

Ultimo aggiornamento 31 Dicembre, 2021, 18:34:36 di Maurizio Barra

COMUNICAZIONE AI LETTORI

COMUNICAZIONE AI LETTORI ED AVVISO IMPORTANTE AGLI ISCRITTI VIA E-MAIL

COMUNICAZIONE AI LETTORI

Salve a Tutti!

Per prima cosa Vi auguro con sincerità e semplicità un ottimo, strepitoso 2022! Che possa portare a tutti Voi, nel lilmite del possibile, tutto ciò che possiate desiderare! Accompagno questo augurio con il ringraziamento a chi sta leggendo, per essere presente e per la pazienza che ha nel seguirmi e, nonostante porti avanti questo lavoro tutto da solo, dunque costretto dal tempo tiranno, non farò mancare tutta l’informazione più oggettiva, imparziale e reale possibile, affidabile e da fonti di informazioni sicure.

AVVISO IMPORTANTE PER GLI ISCRITTI VIA E-MAIL:

Siccome ho potuto constatare che il penultimo articolo di Cronaca da me pubblicato, non è stato recapitato via e-mail, o almeno, non a tutti i contatti iscritti, allego qui di seguito il link cui potrete accedere per leggere l’articolo, in modo che chi usufruisce soltanto della Posta Elettronica e non dei Feed Rss o dei socials o delle notifiche push, possa consultare l’articolo, senza dunque perderselo.

QUI L’ARTICOLO DI CRONACA DELLE 12:19 DI VENERDÌ 31 DICEMBRE 2021

Politica tutte le notizie in tempo reale. Tutta la Politica sempre aggiornata, approfondita e completa. INFORMATI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Cinema, Medicina, Salute e Benessere, Notizie, Politica, Scienza, Spettacoli Musica e Cultura, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE: TUTTI GLI ULTIMISSIMI AGGIORNAMENTI ED APPROFONDIMENTI IN TEMPO REALE DAL MONDO DELLA POLITICA NAZIONALE ED INTERNAZIONALE: RESTA AGGIORNATO! LEGGI!

Tempo di lettura: 171 minuti

Ultimo aggiornamento 31 Dicembre, 2021, 16:46:42 di Maurizio Barra

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 21:51 DI LUNEDÌ 27 DICEMBRE 2021

ALLE 16:46 DI VENERDÌ 31 DICEMBRE 2021

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

In farmacia 700mila test al giorno per le feste
Impennata nei giorni a ridosso di Natale delle prenotazioni di tamponi rapidi nelle farmacie
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
27 dicembre 2021
21:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I timori di contagiare i parenti ma anche l’aumento vertiginoso dei casi ha fatto impennare nei giorni a ridosso di Natale le prenotazioni di tamponi rapidi nelle farmacie.
Settecentomila al giorno nelle 14mila farmacie che aderiscono alla campagna su tutto il territorio, calcola Federfarma, con un incremento del 20% rispetto al periodo precedente alle festività.
“Questi numeri sono dovuti al senso di responsabilità delle persone.
Chi fa il test vuole esser sicuro di non aver preso il Covid e di non contagiare gli altri. Le farmacie stanno reggendo benissimo alla richiesta, non ci sono criticità”, commenta Marco Cossolo, presidente di Federfarma.
Il governatore del Veneto Luca Zaia ha lanciato un appello alle farmacie affinché restino aperte di domenica per consentire “un servizio in più alla popolazione”. Ma in realtà già prima delle feste una circolare di Federfarma ai suoi associati invitava alle aperture domenicali, anche solo per il servizio dei tamponi.
In Lombardia la task force tamponi istituita dall’assessore Letizia Moratti sta provvedendo alle prime iniziative urgenti per l’ampliamento del numero dei punti tampone. Da mercoledì 29 dicembre sarà attivo un nuovo centro tamponi massivo a Gallarate (Va), mentre sono state aggiunte 8 nuove linee tampone presso il centro di Trenno a Milano ed è in fase di allestimento un nuovo centro tamponi alla Fiera Milano City che sarà attivo nei prossimi giorni.
Intanto in alcune regioni si sono registrate lunghe code per fare i test.
A Roma è sceso in campo anche l’Istituto dermopatico dell’Immacolata (Idi) che da oggi affianca i servizi drive-in in regime di convenzione con il Servizio sanitario regionale. Il nuovo servizio, su prenotazione e a pagamento è disponibile di pomeriggio dalle 14.00 alle 17.00 dal lunedì al venerdì e dalle ore 9.00 alle 12.00 il sabato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bianchi, si torna in presenza, con focolai decidono Regioni
‘Con sindaci possono disporre chiusure isolate’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
08:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con il 26% dei contagi tra gli under20, la vaccinazione ancora in corso – sono stati raggiunti finora 3,7 milioni di ragazzi tra i 12 e i 19 anni, uno su 5, e 170mila bimbi tra i 5 e gli 11 anni – e diecimila classi in quarantena prima delle vacanze, comincia il pressing per un piano per il rientro, dalla gestione dei contatti dei positivi in classe alle mascherine Ffp2 per arginare meglio la circolazione del virus, che i presidi chiedono per tutti, studenti e docenti.
Per il ministro Patrizio Bianchi non si torna indietro da quella che definisce “la chiave di volta” di questo governo: “la scuola in presenza”.
“Ci vuole la responsabilità di tutti, ma questo è il nostro obiettivo e questo faremo”, ha ribadito.
E a chi ipotizza ulteriori interventi dopo le Feste, quantomeno a livello locale, Bianchi ricorda che sono possibili solo micro-chiusure: “laddove ci sono condizioni straordinarie, con focolai isolati, i presidenti di regione e sindaci possono disporre chiusure isolate, non diffuse, e allo scopo di verificare lo stato in quel cluster”. Ma, ha sottolineato, “prima della chiusura festiva avevamo un numero di bambini e ragazzi positivi molto controllato, 0,5% su un totale di 8 milioni”. Con l’ultimo decreto il governo ha previsto 9 milioni per il tracciamento e i laboratori militari, più altri 14,5 milioni per il personale della sanità militare, e 5 milioni per l’acquisto di Ffp2 per il personale delle scuole dell’infanzia, a contatto con i bambini fino a 6 anni, esonerati dall’uso della mascherina, e con chi è a contatto con studenti più grandi che non la portano per particolari fragilità.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il ministero della Difesa ha messo in campo 11 laboratori in 8 regioni per affiancare nello screening le Asl, sotto pressione con l’aumento dei positivi. Finora il personale militare ha effettuato 18 mila tamponi in 470 scuole. Nei prossimi 10 giorni andranno messi a punto i piani per lo screening in tempo per il rientro. Le Regioni concorderanno con la struttura commissariale dei “programmi specifici” per il tracciamento, ha detto ancora Bianchi, in particolare per dare certezze ai bambini più piccoli, non vaccinati. Il commissario Figliuolo in un’intervista al Corriere della Sera, ha spiegato che “ogni Regione metterà a punto un dispositivo” e “avremo il supporto dei team e dei laboratori militari”. Al di là del tracciamento però cresce, tra gli operatori della scuola, la richiesta di maggiori protezioni. I presidi chiedono di utilizzare questi giorni, da qui alle fine delle vacanze di Natale, per una nuova pronuncia del Cts sull’uso delle mascherine Ffp2 nelle scuole per tutti, alunni e personale. Per ora si è fermi al parere contrario, espresso a maggio dal Cts, che considerò non consigliabile l’uso prolungato. “Ritengo opportuno che le competenti autorità sanitarie riconsiderino l’utilizzo a scuola delle mascherine Ffp2.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le peculiarità della nuova variante Omicron potrebbero modificare tale valutazione”, dice il presidente dell’Anp, Antonello Giannelli, “i ragazzi che utilizzano mezzi pubblici e dedicati già dovranno indossarle per raggiungere le scuole. I numeri deicontagiati di quest’ultime ore ci dicono che la fascia dei più piccoli è ancora quella più colpita, probabilmente perché tra loro i vaccinati sono ancora troppo pochi’. E c’è chi, come il sindacato Anief, chiede il ritorno in dad a gennaio, “poi si valuti se finire l’anno con metà allievi in presenza e metà a casa in dad”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mummia di faraone ‘scartata’ digitalmente dopo 3.500 anni
Amenhotep I morto a 35 anni, aveva denti sani e nessuna ferita
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
07:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La mummia del faraone Amenhotep I, antica di 3.500 anni, scoperta nel 1881 ma mai ‘scartata’ dagli archeologi, è stata svelata digitalmente da alcuni scienziati egiziani, rivelando dettagli inediti sulla vita e la morte del re egiziano.
Lo riporta la Cnn.

Decorata con ghirlande di fiori e un’affascinante maschera facciale in legno, la mummia era così fragile che gli archeologi non avevano mai osato esporne i resti, rendendola l’unica mummia reale egiziana trovata nel XIX secolo e non ancora aperta dagli studiosi.
“Scaricando digitalmente la mummia e ‘staccando’ i suoi strati virtuali – la maschera facciale, le bende e la mummia stessa – potremmo studiare questo faraone ben conservato con dettagli senza precedenti”, ha affermato Sahar Saleem, professore di radiologia presso la Facoltà di Medicina dell’Università del Cairo e radiologo dell’Egyptian Mummy Project, in una nota.
Saleem e i suoi colleghi hanno scoperto che Amenhotep I aveva circa 35 anni ed era alto 169 centimetri quando morì. Era anche circonciso e aveva denti sani. All’interno degli involucri sono stati trovati circa 30 amuleti e una cintura d’oro.
Il faraone aveva un mento stretto, un naso piccolo e stretto, capelli ricci e denti superiori leggermente sporgenti, ha detto Saleem.
L’indagine non ha svelato alcuna ferita o altri segni che possano svelare la causa della sua morte.
Amenhotep I governò l’Egitto per circa 21 anni, tra il 1525 e il 1504 avanti Cristo. Fu il secondo re della XVIII dinastia e guidò un periodo di regno in gran parte pacifico, durante il quale costruì molti templi.
Il cranio del faraone, compresi i denti, erano in ottime condizioni.
I ricercatori hanno scoperto che la mummia aveva invece sofferto di lesioni multiple post mortem, probabilmente inflitte da antichi ladri di tombe, lesioni che, secondo i testi geroglifici, sacerdoti e imbalsamatori hanno cercato di riparare più di quattro secoli dopo che era stato mummificato e sepolto per la prima volta. La ricerca è stata pubblicata oggi sulla rivista Frontiers in Medicine.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La mummia del faraone Amenhotep I, antica di 3.500 anni, scoperta nel 1881 ma mai ‘spogliata’ dagli archeologi, è stata svelata digitalmente da alcuni scienziati egiziani, rivelando dettagli inediti sulla vita e la morte del re egiziano.
Lo riporta la Cnn.

Decorata con ghirlande di fiori e un’affascinante maschera facciale in legno, la mummia era così fragile che gli archeologi non avevano mai osato esporne i resti, rendendola l’unica mummia reale egiziana trovata nel XIX secolo e non ancora aperta dagli studiosi.
“Scaricando digitalmente la mummia e ‘staccando’ i suoi strati virtuali – la maschera facciale, le bende e la mummia stessa – potremmo studiare questo faraone ben conservato con dettagli senza precedenti”, ha affermato Sahar Saleem, professore di radiologia presso la Facoltà di Medicina dell’Università del Cairo e radiologo dell’Egyptian Mummy Project, in una nota.
Saleem e i suoi colleghi hanno scoperto che Amenhotep I aveva circa 35 anni ed era alto 169 centimetri quando morì. Era anche circonciso e aveva denti sani. All’interno degli involucri sono stati trovati circa 30 amuleti e una cintura d’oro.
Il faraone aveva un mento stretto, un naso piccolo e stretto, capelli ricci e denti superiori leggermente sporgenti, ha detto Saleem.
L’indagine non ha svelato alcuna ferita o altri segni che possano svelare la causa della sua morte.
Amenhotep I governò l’Egitto per circa 21 anni, tra il 1525 e il 1504 avanti Cristo. Fu il secondo re della XVIII dinastia e guidò un periodo di regno in gran parte pacifico, durante il quale costruì molti templi.
Il cranio del faraone, compresi i denti, erano in ottime condizioni.
I ricercatori hanno scoperto che la mummia aveva invece sofferto di lesioni multiple post mortem, probabilmente inflitte da antichi ladri di tombe, lesioni che, secondo i testi geroglifici, sacerdoti e imbalsamatori hanno cercato di riparare più di quattro secoli dopo che era stato mummificato e sepolto per la prima volta. La ricerca è stata pubblicata oggi sulla rivista Frontiers in Medicine.   MEDICINA SALUTE E BENESSERE   SCIENZA  TECNOLOGIA   MONDO   CRONACA

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: contagi nel vibonese, anche un sindaco e un parroco
Primo cittadino positivo a Francavilla A. e sacerdote a Vazzano
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VIBO VALENTIA
28 dicembre 2021
09:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un sindaco e un parroco positivi al Covid 19 e circa 50 persone sotto osservazione a seguito di un evento nei giorni antecedenti il Natale.
Succede in alcuni comuni del Vibonese.

A Francavilla Angitola, il primo cittadino Giuseppe Pizzonia, ha comunicato alla popolazione di essere risultato positivo al test naso-faringeo specificando di non aver particolari sintomi. A Vazzano il suo collega, Enzo Massa, ha reso nota la positività del parroco don Ottavio aggiungendo che, nella giornata odierna, verrà effettuata la sanificazione della Chiesa matrice e che pertanto le messe in programma non si svolgeranno.
“Sarà premura del nostro parroco – ha detto ancora Massa – provvedere alla sua sostituzione per le future celebrazioni, fino ad avvenuta guarigione. Nell’occasione porgiamo a don Ottavio, a nome di tutta la comunità, i più sinceri auguri per una rapida ripresa”.
C’è apprensione, poi, a Filadelfia, dove una cinquantina di persone sono risultate positive al test antigenico. Nei giorni scorsi si sarebbero svolti alcuni eventi all’interno di esercizi pubblici della cittadina. E, vista la situazione, oggi saranno effettuati i tamponi molecolari da parte dell’Azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia che ha installato una postazione al palazzetto dello sport.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Toscana, nuovo record positivi in un giorno, 4.453
Boom di tamponi effettuati, oltre 57.000 nelle 24 ore
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
28 dicembre 2021
09:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo record dei nuovi casi Covid registrati nelle 24 ore in Toscana: sono 4.453 su 57.458 test di cui 17.058 tamponi molecolari e 40.400 test rapidi.
Il tasso dei nuovi positivi è 7,75% (44,6% sulle prime diagnosi).
Lo riferisce il presidente della Regione Eugenio Giani.
L’alto numero di nuovi positivi si spiega anche con il boom di tamponi fatti. Rispetto a ieri l’incremento è netto: i nuovi casi del rilevamento precedente erano stati 2.843 su 17.650 tamponi di cui 10.839 tamponi molecolari e 6.811 test rapidi.
Più che dimezzato il rapporto dei nuovi positivi sui tamponi fati: ieri era di 16,11%.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: morto Mauro da Mantova, no vax 61enne ricoverato
All’ospedale di Verona, non ha cambiato idea fino alla fine
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MANTOVA
28 dicembre 2021
10:05
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ morto all’ospedale di Borgo Trento di Verona, dove era ricoverato da qualche settimana, Maurizio Buratti, il no vax 61enne di Mantova, noto per le sue partecipazioni alla trasmissione radiofonica di Radio 24 La Zanzara.
A tradire il carrozziere quel Covid di cui aveva sempre negato l’esistenza, vantandosi anche di essere entrato in un supermercato di Mantova quando già era preda della malattia.
Era stato ricoverato in terapia intensiva dell’ospedale veronese in gravi condizioni, ma non aveva mai fatto marcia indietro sulle sue convinzioni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ponte Genova: sindaco lavora per farci passare il Giro
Sarebbe la prima volta della ‘corsa rosa in autostrada
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
28 dicembre 2021
10:24
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il19 maggio il Giro d’Italia partirà da Parma e arriverà a Genova.
Per la prima volta nella storia della competizione la ‘corsa rosa’ potrebbe transitare su un tratto di autostrada.
Il Comune di Genova sta lavorando con Rcs, Aspi e e autorità per far passare la gara sul ponte San Giorgio, il viadotto costruito al posto del ponte Morandi crollato il 14 agosto 2018 e costato la vita a 43 persone. “Per ora è un’ipotesi, ma speriamo di poterlo confermare molto presto – dice il sindaco Marco Bucci – non sarà semplice ma neppure impossibile, io credo che basterà chiudere il tratto di autostrada per qualche ora”. La tappa genovese, una delle due che toccheranno la Liguria (l’altra è la Sanremo – Cuneo, il 20 maggio) avrà molti saliscendi: il passo del Bocco, la Ruta di Camogli, il monte Becco ma sembra che gli organizzatori abbiano invece preferito rinunciare al troppo rischioso Monte Fasce. Ed è anche grazie a questa modifica che l’opzione ponte ha scalato posizioni. Il percorso dovrebbe vedere attraversare il viadotto da ponente verso levante. La carovana rosa arriverebbe da Nervi sull’Aurelia, percorrerebbe la sopraelevata e le vie lungomare Canepa e Guido Rossa per poi fare ingresso al casello di Genova Aeroporto e uscire a Genova Ovest. Di lì, raggiungere il pieno centro per il traguardo di tappa.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Elettricità: Gme, prezzo borsa +5,1% a 338 euro
In flessione volumi scambiati (-9%)
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
10:38
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nella settimana da lunedì 20 a domenica 26 dicembre il Gme ha registrato un prezzo medio di acquisto dell’energia elettrica (PUN) pari a 338,55 euro MWh con un aumento di 16,31 euro megavattora pari a un +5,1% sulla settimana precedente.
Lo si legge in una nota.

Sono invece in flessione i volumi di energia elettrica scambiati direttamente nella borsa del Gme, pari a 3,9 milioni di MWh (-9,0%), con la liquidità al 71,7% (+0,6 punti percentuali). I prezzi medi di vendita, ancora ovunque in rialzo, sono variati tra 321,94 euro a MWh della Calabria e 344,68 euro a MWh di Nord e Centro Nord.   ECONOMIA

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: Veneto; +7.403 contagi, è record da inizio pandemia
I soggetti attualmente positivi crescono a 75.971
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
28 dicembre 2021
11:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo boom e record da inizio pandemia, in Veneto, sui casi di positività al Covid con ben 7.403 casi registrati nelle ultime 24 ore, un dato record dall’inizio della pandemia.
Secondo il report della Regione Veneto salgono ad un totale 617.653 gli infetti dall’inizio dell’epidemia.
Le vittime salgono a 12.3336 (+29). L’impennata è probabilmente legata ad un minor tasso di registrazione dovuto al rallentamento festivo. Negli ultimi giorni, infatti, i nuovi casi si attestavano ad oltre 2mila unità.
I soggetti attualmente positivi crescono a 75.971. Cala la situazione degli ospedali. I malati Covid ricoverati sono 1.164 (-49), in area medica, e 170 (-7) in terapia intensiva.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Benzina: prezzo scende ancora, self è a 1,720 euro al litro
In calo anche il gasolio, stabile il Gpl
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
11:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Continua il calo dei prezzi dei carburanti.
Secondo le ultime rilevazioni del ministero della Transizione ecologica, la scorsa settimana la media nazionale della benzina in modalità self service è scesa a 1,720 euro al litro (da 1,722 euro del monitoraggio precedente) e quella del gasolio a 1,585 euro al litro (da 1,587 euro).
Sostanzialmente stabile il GPL a 0,819 euro.
I prezzi di verde e diesel sono in calo da metà novembre.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Capodanno: a Milano vietati i botti
Misura a tutela di ambiente, persone e animali
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
28 dicembre 2021
15:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Niente botti a Milano per il Capodanno.
La misura varata del Comune nell’ambito del Regolamento per la qualità dell’aria ha l’obiettivo, come spiegato dall’amministrazione, di tutelare ambiente, animali e cittadini.
Sono quindi vietati botti e fuochi d’artificio, petardi, giochi pirotecnici e barbecue in occasione delle prossime festività. In realtà il divieto è continuativo in città, dall’1 ottobre al 31 marzo e ha un duplice obiettivo: ridurre il PM10, ossia le particelle inquinanti nocive per i polmoni, migliorando la qualità dell’aria, e nel contempo tutelare il benessere degli animali presenti nelle case e nelle famiglie milanesi e di tutta la fauna cittadina. Secondo i dati dell’annuario delle emissioni Inemar redatto da Arpa, i fuochi d’artificio sono responsabili del 6% del PM10 presente in città durante l’intero anno. “L’esplosione di fuochi d’artificio e botti è particolarmente dannoso e rilascia diverse sostanze nocive in quantità massicce – ha commentato l’assessore all’Ambiente e Verde, Elena Grandi -. Oltre al meteo e alle misure antismog strutturali o temporanee, anche i comportamenti individuali concorrono al miglioramento della qualità dell’aria cittadina”. Secondo le stime del Wwf, poi, ogni anno in Italia sono diverse migliaia gli animali che muoiono a causa dei botti di fine anno. Di questi la maggior parte è costituita da fauna urbana, soprattutto uccelli, ma vi sono anche cani, gatti e altri animali domestici.
Dal 23 dicembre e  fino al primo gennaio a Bari è vietato vendere e utilizzare alcune categorie di fuochi d’artificio. E dalle ore 20.00 del 31 dicembre alle ore 7.00 del primo gennaio è vietato utilizzare “ogni tipo di fuoco d’artificio”. Lo ha deciso con ordinanza il sindaco del capoluogo pugliese, Antonio Decaro, rilevato che “l’improprio utilizzo di petardi e botti genera una serie di conseguenze dannose che minacciano l’incolumità pubblica e incidono sulla sicurezza urbana, oltre a provocare danni all’integrità fisica delle persone, degli animali, e che tra le categorie più a rischio rispetto all’utilizzo incontrollato dei fuochi vi sono i minori”.
Il sindaco di Matera, Domenico Bennardi, ha firmato un’ordinanza con la quale ha disposto il divieto di utilizzo di petardi, botti e artifici pirotecnici su tutto il territorio comunale dal 24 dicembre al 7 gennaio 2022. “Durante le festività natalizie ed in occasione della notte di Capodanno è consuetudine – ha evidenziato il sindaco della Città dei Sassi – festeggiare con l’accensione ed il lancio di artifici pirotecnici di ogni categoria. Questa usanza di lanciare botti e petardi – ha continuato – ha causato in passato lesioni, anche gravi, alle persone che li maneggiavano o che ne venivano accidentalmente colpiti. Lo scoppio di petardi e altri artifici pirotecnici costituisce pericolo e può arrecare un danno non solo all’uomo ma anche gli animali domestici ed alla fauna selvatica”. Bennardi ha ricordato che “ogni anno, per effetto delle esplosioni del materiale pirotecnico si registrano e riscontrano danni al patrimonio pubblico e privato ed il materiale residuale di fuochi e petardi si disperde nell’ambiente deturpando il decoro urbano e pregiudicando l’igiene pubblica delle strade e aree comuni. Ulteriormente questa usanza costituisce una fonte di inquinamento ambientale in ragione dell’emissione di sostanze inquinanti prodotte dalle esplosioni, con notevole peggioramento dei valori atmosferici nei giorni a seguire, con particolare riferimento alle polveri sottili e all’emissione di sostanze nocive per la salute delle persone. I rischi descritti – ha concluso il primo cittadino materano – riguardano non solo gli artifici esplosivi la cui vendita è espressamente vietata ma anche quelli ammessi alla libera vendita”.
E stop ai botti di Capodanno anche a Reggio Calabria. Il vicesindaco Paolo Brunetti, infatti, ha firmato un’ordinanza con la quale vieta, fino al 9 gennaio 2022, l’utilizzo di petardi e materiale pirotecnico di vario genere. La misura, spiega Brunetti, “ha l’obiettivo di evitare che si verifichino incidenti e danni alle persone a causa dell’utilizzo improprio e del malfunzionamento di questi materiali esplosivi. E’ importante, inoltre, tutelare gli animali domestici che, come sappiamo, possono avere gravi conseguenze dal forte rumore che in queste circostanze viene prodotto senza dimenticare, peraltro, anche la doverosa tutela dell’ambiente e quindi della salute collettiva in ragione dell’incremento delle polveri sottili e di altre sostanze dannose che viene provocato dall’utilizzo di questi materiali pirotecnici”. “In linea generale – evidenzia Brunetti – l’auspicio e la forte raccomandazione che l’amministrazione comunale rivolge alla cittadinanza, è quella di vivere questi giorni di festa e riposo con attenzione e senso di responsabilità, anche alla luce del difficile momento storico che stiamo vivendo e che ci vede tutti impegnati nella dura battaglia contro il Covid e nel rispetto delle connesse misure di protezione dal rischio di diffusione del contagio che siamo chiamati ad osservare”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Rapporto di Mina con Tim si chiude a fine 2021
Dopo cinque anni di collaborazione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
11:45
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con la fine dell’anno 2021 si chiude il rapporto di Mina con TIM telecomunicazione SPA.
Lo annuncia una nota del responsabile comunicazione dell’interprete.

”Cinque anni di brillanti collaborazioni dove Mina ha cantato per le campagne spot e dato la voce alla comunicazione ufficiale del gruppo telefonico. Molte le canzoni che Mina ha interpretato dando una colonna sonora alle visionarie e brillanti idee di Luca Josi, capo della strategia creativa di TIM in questi anni di successi insieme. Nel 2017 Josi chiede a Mina di cantare “All night” per lo spot della prima campagna che li vede lavorare insieme per TIM, ed è subito un successo. Segue la rilettura di “It’s another day of sun” tratta dal film Lalaland, che porta Mina a cantare a Sanremo nelle pubblicità TIM del 2018, 2019, 2020 e 2021 diventando la voce dello sponsor unico della kermesse (per “riapparire”, digitalmente, nella serata finale del 2018, per la prima volta nella storia del festival, in ologramma sul palco). In questi 5 anni insieme, Luca Josi e Mina cambiano spesso con coraggio e fantasia la creatività degli spot TIM. Mina interpreta canzoni sempre diverse, tra le quali: “Merry Christmas in love” di Tony Renis, “Il Segnale” (versione italiana di “Kiss the sky” di Jason Derulo) “Stella stai” (scivola scivola…di Tozzi), una ironica “TIMtarella di luna”, la disneyana “I sogni son desideri” fino a “Questa è TIM” versione italiana con testo ad hoc del brano “This is me” tratto dal film “The greatest showman” che diventa colonna sonora degli spot per tutto il 2021. La scelta e l’efficacia di Mina come sponsor ufficiale di TIM per questi 5 anni, ha confermato quanto la sua voce sia duttile, inconfondibile e contemporanea per il pubblico di tutte le età.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Valle d’Aosta primi due casi di variante Omicron
Infettati un uomo di mezza età e una giovane donna
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
AOSTA
28 dicembre 2021
11:45
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“In Valle d’Aosta sono stati rilevati i primi due casi di variante Omicron”.
Lo ha annunciato l’assessore regionale alla sanità, Roberto Barmasse, durante la conferenza stampa di fine anno.
Ad essere infettati – ha precisato – un uomo di mezza età e una giovane donna.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Siena annulla eventi Capodanno in piazza del Campo
Decisione del Comune: “Avere massima prudenza anche nel privato”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
SIENA
28 dicembre 2021
11:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A Siena nessun evento in Piazza del Campo per la notte di Capodanno.
E’ la decisione che ha preso il Comune “alla luce di quelle che sono le decisioni del Governo e in base all’incremento dei contagi registrati in questi giorni.

Nel rispetto, dunque, delle norme vigenti – spiega una nota – non si terranno manifestazioni, a cui l’amministrazione comunale stava lavorando dopo l’atto di indirizzo approvato dalla giunta a inizio dicembre”.
“Si raccomanda – prosegue il Comune di Siena – anche ai cittadini e a tutti coloro che hanno comunque scelto di vivere i giorni di festività a Siena di utilizzare la massima prudenza e di rispettare le regole e le misure anti Covid, non solo in ambito pubblico, ma pure in ambito privato”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Torino annulla spettacolo Capodanno
Sindaco Lo Russo, dispiaciuti ma viene prima salute torinesi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
28 dicembre 2021
11:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A causa del Covid, Torino annulla lo spettacolo di luci e suoni di Capodanno.
“È in corso un tavolo per la sicurezza sulle nuove disposizioni del Decreto Natale, al quale partecipano gli assessori Mimmo Carretta e Gianna Pentenero e abbiamo condiviso le richieste di questura e prefettura e valutato di annullare lo spettacolo immaginato per Capodanno – annuncia il sindaco Stefano Lo Russo in conferenza Stampa.
Manterremo il countdown sulla Mole ma abbiamo annullato il resto. Anche il budget non sarebbe sufficiente per tutte le misure di sicurezza che sarebbero state necessarie. Ci spiace ma viene prima la salute dei torinesi”.   PIEMONTE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Manovra: 203 emendamenti su 400 inammissibili
44 per estraneità di materia, 169 per mancanza di copertura
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
12:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 203 sui circa 400 complessivamente presentati, gli emendamenti alla legge di Bilancio dichiarati inammissibili dal presidente della Commissione Bilancio della Camera, Fabio Melilli (Pd).
La maggior parte delle proposte tagliate risulta essere di Fdi che ha presentato ricorso.

Degli inammissibili, 44 emendamenti lo sono per estraneità di materia, e 169 per mancanza di copertura finanziaria. Alla ripresa della seduta Melilli ha respinto i ricorsi confermando le inammissibilità, con Fdi che ha criticato la decisione con il vicecapogruppo Tommaso Foti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Meloni, mancanze governo sono evidenti, pagano italiani
Strategia confusa e fallimentare
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
12:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Le mancanze del governo sono evidenti e la sua strategia continua ad essere confusa e fallimentare.
A subirne le conseguenze sono sempre gli italiani e questo non è più accettabile”.
Così la leader di FdI, Giorgia Meloni, su twitter.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Parente (IV), quarantena ridotta per vaccinati
Si discuta in Parlamento di obbligo vaccinale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
12:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Quella della quarantena ridotta per i vaccinati con terza dose credo sia una strada giusta da percorrere.
Dobbiamo aspettare le scelte del CTS di domani.

Quando si prendono queste decisioni politiche si tiene in considerazione anche la scienza. Se dovesse essere confermato come pare che il periodo di incubazione della variante Omicron è ridotto rispetto al covid 19 come lo abbiamo conosciuto dall’inizio della pandemia, a maggior ragione la riduzione della quarantena per i vaccinati rappresenterebbe una decisione sensata”. Lo dice la presidente della commissione igiene e sanità a Palazzo Madama Annamaria Parente intervenuta ai microfoni de L’Italia s’è Desta.
“Si discuta in Parlamento di obbligo vaccinale Credo – aggiunge – che il Parlamento debba discutere se la situazione non si tranquillizza anche di obbligo vaccinale. Lo deve fare il Parlamento, sono decisioni che vanno prese dalle assemblee parlamentari, non solo dal Governo o dal Commissario. Serve aprire un dibattito”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scioperi: sindacati, 14 gennaio stop 4 ore trasporto locale
Per il rinnovo del contratto
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
13:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I sindacati dei trasporti hanno proclamato uno sciopero di 4 ore del trasporto pubblico locale per venerdì 14 gennaio a sostegno della vertenza per il rinnovo del contratto.
“A fronte di un atteggiamento provocatorio e pregiudiziale delle associazioni datoriali ,- spiegano Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal e Ugl Autoferrotranvieri – rivendichiamo il diritto al rinnovo del contratto e il miglioramento delle condizioni lavorative, sia normative che salariali di una categoria che da sempre responsabilmente, in qualsiasi condizione, svolge un servizio pubblico essenziale, garantendo il diritto alla mobilità dei cittadini”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Confesercenti, in 200mila a rischio, prorogare la cig
Allarme per turismo, colpiti alberghi e agenzie di viaggio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
12:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La pandemia sta bloccando di nuovo turismo e ristorazione.
L’allarme arriva dalla Confesercenti che stima, senza una proroga immediata degli ammortizzatori sociali Covid, dal primo gennaio almeno 200mila lavoratori senza copertura.
“Particolarmente colpiti – afferma in una nota – il comparto agenzie di viaggio, con il 95% delle imprese con dipendenti in cassa integrazione, e quello alberghiero, soprattutto nelle città d’arte. E le prospettive di rientro al lavoro sono ogni giorno più incerte”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Confesercenti, in 200mila a rischio, prorogare la cig
Allarme per turismo, colpiti alberghi e agenzie di viaggio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
09:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La pandemia sta bloccando di nuovo turismo e ristorazione.
L’allarme arriva dalla Confesercenti che stima, senza una proroga immediata degli ammortizzatori sociali Covid, dal primo gennaio almeno 200mila lavoratori senza copertura.
“Particolarmente colpiti – afferma in una nota – il comparto agenzie di viaggio, con il 95% delle imprese con dipendenti in cassa integrazione, e quello alberghiero, soprattutto nelle città d’arte. E le prospettive di rientro al lavoro sono ogni giorno più incerte”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Lavevaz, va introdotto obbligo vaccinale
“Intero impianto gestione pandemia deve essere rivisto”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
AOSTA
28 dicembre 2021
12:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Va introdotto l’obbligo vaccinale per tutti in modo da poter guardare il futuro con serenità.

L’intero impianto di gestione della pandemia deve essere rivisto, non ha più senso usare le quarantene come oggi per chi è vaccinato e chi non lo è”.
Lo ha detto il presidente della Regione Valle d’Aosta, Erik Lavevaz, durante la conferenza stampa di fine anno. Poi ha aggiunto: “In Valle d’Aosta un anno fa il numero di contagiati era alto come oggi ma l’occupazione di posti letto in ospedale era dieci volte superiore. Gli impianti di sci erano chiusi, c’era una sorta di stallo e lo sconforto per il continuo rinvio delle aperture. Oggi abbiamo armi più affilate per combattere la pandemia. I numeri continuano a salire ma i valdostani hanno risposto molto bene, anche se manca una parte di reticenti che deve fare la propria parte”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scoperta al museo etrusco, l’elmo dei due guerrieri
Del IV sec. a.C., iscrizione decifrata a 90 anni da ritrovamento
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
12:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Forgiato nel bronzo a Perugia, poco prima della metà del IV secolo a.C.
per un soldato locale, forse un mercenario.
Per poi arrivare chissà come a Vulci, dove qualche anno più tardi divenne il vanto di un secondo guerriero, così orgoglioso di quel suo copricapo militare da portarselo nella tomba insieme a tutto il suo ricco corredo. A novant’anni dal ritrovamento, un’iscrizione appena interpretata apre uno squarcio di grande suggestione su un frammento di vita di 2400 anni fa. “Una storia rimasta nascosta sotto gli occhi di tutti” spiega l’etruscologo Valentino Nizzo, direttore del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia. Perché il magico e anche il paradosso di questa scoperta, racconta, è che sia avvenuta proprio all’interno del museo, dove l’elmo in questione era esposto già dal 1935. Solo che nessuno aveva notato quanto era stato inciso al suo interno, un particolare che rende questo reperto estremamente importante e raro, visto che in tutto il mondo – se si eccettua un deposito rituale di 150 elmi rinvenuto a Vetulonia all’inizio del ‘900 con almeno 60 esemplari tutti contraddistinti dal medesimo nome gentilizio – sono circa 10 le armi di questo tipo documentate in ambito etrusco e italico tra il VI e il III secolo a.C.
Tutto è cominciato nel 2019, racconta Nizzo, con una richiesta di studio per la digitalizzazione 3d di armi antiche condotta da un team neozelandese. Il dipendente incaricato di prelevare l’elmo nota qualcosa e allerta il direttore. Scattano i controlli, si cerca negli archivi per vedere se quell’iscrizione era stata studiata e interpretata, ma presto appare chiaro che quelle sette lettere che l’incisore aveva vergato a freddo da sinistra a destra componendo la parola “harn ste” all’interno del paranuca non erano mai state studiate. Il motivo rimane un mistero anche perché gli scavi, avviati nel 1928 da Ugo Ferraguti e Raniero Mengarelli, erano stati condotti con estrema cura usando un metodo scientifico dopo anni di saccheggi indiscriminati: “Chissà, forse l’iscrizione non si vedeva -ragiona Nizzo- quando l’elmo è stato recuperato dalla tomba 55 nella necropoli dell’Osteria di Vulci doveva essere incrostato di terra e ossidato”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio a Tunisi, auspico pieno ristabilimento stato di diritto
‘Tunisia partner privilegiato, Italia vuole rafforzare rapporti’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
13:16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Gli incontri avuti oggi con il presidente della Repubblica tunisina e con il ministro degli Esteri si sono rivelati molto proficui perché hanno permesso di portare avanti e consolidare un dialogo mai interrotto con un Paese che per l’Italia è strategico, oltre che tradizionalmente amico”.
Lo ha affermato il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in missione a Tunisi, dove in agenda ha anche un colloquio con il capo del Governo, Najla Bouden Romdhan.

“Ai miei interlocutori – ha spiegato il titolare della Farnesina – ho confermato che l’Italia guarda con interesse all’avvio di un percorso di riforme e scadenze politiche e costituzionali che dovrebbe auspicabilmente culminare in nuove elezioni legislative. Ho poi sottolineato l’importanza che il percorso avviato prosegua verso il pieno ristabilimento dello stato di diritto e della normalità democratica. Allo stesso tempo è importante che ciò avvenga attraverso un dialogo inclusivo, trasparente e sostanziale, con tutte le componenti politiche e sociali del Paese, assicurando il pieno rispetto dei diritti fondamentali e promuovendo la stabilità e la crescita economica”.
“Sul fronte delle relazioni bilaterali, in particolare economico-commerciali, nel ribadire come la Tunisia sia un partner privilegiato dell’Italia anche grazie alla presenza di circa 800 imprese italiane, ho espresso l’auspicio che si possa ulteriormente rafforzare questo partenariato”, ha concluso Di Maio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gualtieri, Roma è più pulita, evitata crisi certa rifiuti
“Restano criticità, strada è lunga. Entro 5 anni chiusura ciclo”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
28 dicembre 2021
13:25
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Facciamo il bilancio del nostro piano di pulizia straordinaria.
Ci sono tangibili miglioramenti in città, anche se restano criticità in diverse zone.
Roma è più pulita di come l’abbiamo trovata, non ancora come merita”. Lo ha detto il sindaco di Roma Roberto Gualtieri durante la conferenza stampa sui rifiuti in Campidoglio. “L’impegno è stato decisivo per evitare una crisi che si sarebbe sicuramente determinata durante le feste per i problemi strutturali e per incremento della produzione dei rifiuti”, ha spiegato. “La strada è ancora lunga, Roma merita l’eccellenza”, ha aggiunto il sindaco.
Gualtieri annuncia un piano di breve, medio e lungo termine per rendere Roma pulita. Nella prima fase, di qui a 5 mesi, si punta a “consolidare, estendere e migliorare” i risultati del programma straordinario, “con risorse aggiuntive in bilancio”.
Nella seconda, tra gli obiettivi c’è il potenziamento degli impianti esistenti e l’accesso ai fondi del Pnrr. Nella terza, entro 5 anni, si mira alla “chiusura del ciclo con nuovi impianti” e a “ridurre la Tari”. A chi gli ha chiesto se indicherà a breve un sito per la discarica di Roma, ha risposto affermativamente.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:Carabinieri festa senza mascherine a Cortina,7 denunce
In hotel del centro,in 25 non avevano rispettato norme antivirus
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BELLUNO
28 dicembre 2021
13:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un evento privato in una struttura a quattro stelle in centro a Cortina d’Ampezzo si è trasformato in un fuggi fuggi generale: i carabinieri, entrati al Boutique Hotel Villa Blu per controllare il rispetto delle normative anti-Covid, hanno trovato 25 persone che non stavano rispettando le misure antivirus.
Sette sono state individuate e sanzionate.

In particolare, un cliente americano ubriaco è riuscito a fuggire via dalla festa a bordo della sua automobile e, imboccando una pista ciclabile off limits per i mezzi a motore, ha preso una denuncia per guida in stato di ebbrezza, oltre che il ritiro della patente. Le persone multate, sono tutti turisti.
Sanzionato anche il titolare della struttura.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: in Piemonte le somministrazioni anche sulla neve
Il 30 dicembre a Sestriere, Prato Nevoso e Alagna
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
28 dicembre 2021
13:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Regione Piemonte vaccina anche sulla neve.
Il 30 dicembre, nelle stazioni invernali di Sestriere (Torino), Prato Nevoso (Cuneo) e Alagna (Vercelli) sarà possibile ricevere la prima dose con accesso diretto o la terza dose nel caso di coloro che hanno già un appuntamento programmato in quello stesso giorno.
“Un modo per avvicinarci al Capodanno continuando a sensibilizzare tutti i cittadini sull’importanza del vaccino” sottolineano in una nota il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, l’assessore alla Sanità Luigi Genesio Icardi e il vicepresidente e assessore alla Montagna Fabio Carosso.
“Speriamo che per chi non ha ancora fatto la prima dose sia una occasione, un incentivo per riceverla, e per chi invece ha già l’appuntamento quel giorno per la terza dose un modo per ricevere la protezione del vaccino senza rinunciare a una giornata sulle nostre splendide montagne”, aggiungono insieme all’assessore al Turismo, Vittoria Poggio, e allo Sport, Fabrizio Ricca.
L’iniziativa verrà realizzata in collaborazione con i Comuni e le Aziende sanitarie locali (Asl TO3, Asl CN1, Asl Vercelli) e i gestori degli impianti sciistici. Possono accedere anche gli over12 che hanno il domicilio sanitario in Piemonte.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: fioccano disdette in Vialattea, 60-70% rinunce
Merlo ‘economia montana paga prezzo alto, subito i ristori’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
28 dicembre 2021
13:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Purtroppo, e come da copione, stanno fioccando le disdette di prenotazioni sino all’Epifania.

Si parla già di una cifra che si aggira – ad oggi – fra il 60 e il 70% di rinunce.
Numeri che, probabilmente, sono ancora peggiori dello scorso anno perché nel 2020 gli albergatori e i ristoratori avevano già messo in conto che i numeri erano minori causa la perdurante emergenza sanitaria. Una situazione, quella di quest’anno, difficilmente ammortizzabile sotto il profilo economico”. Lancia l’allarme il sindaco di Pragelato, e consigliere nazionale Anci, Giorgio Merlo.
“È di tutta evidenza che, ancora una volta, sarà l’economia montana a pagare le conseguenze più dirette e più immediate di questa crisi – sottolinea Merlo, assessore alla Comunicazione dell’Unione Comuni Olimpici della Vialattea -. Per le disdette, la mancanza di prenotazioni e la crescente impossibilità di provenienze dall’estero. Ecco perché l’offerta turistica montana, di tutto il comparto alpino, è di nuovo sotto i riflettori. È quanto mai necessario, adesso, già prevedere e impegnarsi per una seria e rigorosa ‘politica dei ristori’ perch̀é è abbastanza evidente che i colpi della pandemia coinvolgeranno pesantemente il turismo della montagna in tutte le sue articolazioni. Serve un impegno diretto del Governo sin d’ora anche se, ad oggi, non conosciamo ancora le conseguenze di questa ennesima ondata della pandemia. Oppure, come sostiene giustamente l’Uncem, l’attivazione di ‘specifici fondi di rotazione per le imprese turistiche’.
Comunque sia, è necessaria un’azione concreta della politica affinché si prevedano adeguati ristori per un settore che ha già patito una crisi non indifferente lo scorso anno”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Terna: consumi elettrici novembre +3,8%, sale l’industria
Fabbisogno nazionale 26,4 miliardi di Kwh, +0,3% su ottobre
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
13:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Terna ha registrato consumi in aumento del 3,8% su base annua e dello 0,3% su base mensile lo scorso mese di novembre.
Il fabbisogno nazionale è salito a 26,4 miliardi di Kwh, con una aumento della richiesta di energia del 5,6% da inizio anno rispetto all’analogo dato del 2020.
Un risultato raggiunto, secondo il Gestore della rete elettrica nazionale, grazie anche alla “performance fortemente positiva dell’industria”, con un incremento del 2,9% dell’indice Imcei, trainato in particolare dai settori della siderurgia, della meccanica e degli alimentari.
Un incremento complessivo a condizioni quasi pari, dato che il mese di novembre ha avuto 21 giorni lavorativi come quello di ottobre, mentre la temperatura media mensile è stata superiore di circa 0,3 gradi centigradi rispetto all’analogo dato del 2020. In questo modo la domanda elettrica, destagionalizzata e corretta dagli effetti di calendario e temperatura, risulta in crescita del 3,5%.
A livello territoriale, la variazione tendenziale di novembre è stata ovunque positiva: +3,3% al Nord, +4,5% al Centro e +4,4% al Sud.
Nel mese di novembre, la domanda di energia elettrica in Italia è stata soddisfatta per circa il 93% con produzione nazionale e per la quota restante (7%) dal saldo dell’energia scambiata con l’estero.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Barbados: premier indice prime elezioni dopo fine monarchia
Si voterà il 19 gennaio 2022
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRIDGETOWN
28 dicembre 2021
14:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La premier di Barbados, Mia Amor Mottley ha annunciato lo svolgimento di elezioni legislative, le prime da quando il Paese ha abbandonato la monarchia per trasformarsi in repubblica, per il 19 gennaio 2022.
Lo scrive il quotidiano The Nation di Bridgetown.

Nel suo annuncio, Mottley ha invitato la presidente Dame Sandra Mason a sciogliere il Parlamento, avviando così il processo elettorale previsto dalla Costituzione.
In un discorso trasmesso in diretta sui media nazionali e su varie piattaforme social, la premier ha sottolineato che è giunto il momento di “ricalibrarsi come popolo dietro un governo e un leader”, e per questo “è necessario determinare con il voto chi deve portare avanti la Nazione”.
Infine Mottley ha affermato che a partire dal 3 gennaio comincerà la presentazione delle candidature per l’appuntamento elettorale, che in precedenza avrebbe dovuto svolgersi soltanto nel 2023.
Barbados, 430 km quadrati per 270.000 abitanti, ha celebrato la sua conversione in repubblica dopo aver abbandonato il Commonwealth britannico, il 30 novembre scorso. Si è trattato della quarta ex colonia nell’area caraibica a compiere questo passo dopo la Guyana nel 1970 (solo quattro anni dopo l’indipendenza), Trinidad e Tobago nel 1976 e Dominica nel 1978.
Secondo gli esperti, non sarà l’ultima in uno sfaldamento inesorabile del Commonwealth a vantaggio della Cina che sta acquistando sempre più potere nell’area grazia a ingenti investimenti. Il prossimo Paese a scegliere di diventare una Repubblica potrebbe essere, stando ai sondaggi, la Giamaica.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bollette: Nomisma, aumenti tra 770 e 1.200 euro a famiglia
Tabarelli, spesa 2022 con e senza interventi del governo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
14:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Dati gli aumenti in corso, in assenza di interventi del governo avremmo un aumento del 61% per il gas; per l’elettricità del 45%, con una spesa complessiva su base annuale nel 2022 di 1.200 euro in più a famiglia.

Con gli interventi per ora annunciati (3,8 miliardi) più il ripetersi di quanto fatto prima (5 miliardi) l’aumento sarà del 40% per il gas e per l’elettricità del 28% con una spesa di 770 euro in più a famiglia”.
Sono le previsioni del presidente di Nomisma Energia, Davide Tabarelli, fatte tenendo conto di un consumo medio annuale di 1.400 metri cubi di gas e 2.700 kilowattora di elettricità.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Dati gli aumenti in corso, in assenza di interventi del governo avremmo un aumento del 61% per il gas; per l’elettricità del 45%, con una spesa complessiva su base annuale nel 2022 di 1.200 euro in più a famiglia.

Con gli interventi per ora annunciati (3,8 miliardi) più il ripetersi di quanto fatto prima (5 miliardi) l’aumento sarà del 40% per il gas e per l’elettricità del 28% con una spesa di 770 euro in più a famiglia”.
Sono le previsioni del presidente di Nomisma Energia, Davide Tabarelli, fatte tenendo conto di un consumo medio annuale di 1.400 metri cubi di gas e 2.700 kilowattora di elettricità.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cade da impalcatura, muore operaio in centro Roma
Verifiche sul ponteggio per accertare l’esatta dinamica
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
14:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tragedia sul lavoro al centro di Roma.
Secondo quanto si apprende, un operaio è morto dopo essere caduto da un’impalcatura in via Merulana.
Inutili i soccorsi per l’uomo. Sul posto vigili del fuoco e poliziotti del commissariato Esquilino. Sono in corso verifiche sul ponteggio per accertare l’esatta dinamica dell’accaduto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tangenti: nuovo interrogatorio in carcere ex dirigente Puglia
Dopo l’arresto per due ‘mazzette’ da 20 mila e 10 mila euro
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
28 dicembre 2021
14:49
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo interrogatorio in carcere per l’ex dirigente della Protezione civile della Regione Puglia Mario Lerario, arrestato il 23 dicembre con l’accusa di corruzione dopo aver intascato due tangenti da 20 mila e da 10 mila euro da due imprenditori che hanno in corso con la Regione appalti relativi alla realizzazione di strutture per l’emergenza Covid.
Lerario, dopo l’arresto in flagranza per la seconda tangente, era già stato interrogato il 26 dicembre nell’udienza di convalida e in quella sede aveva ammesso di aver accettato buste che poi ha scoperto che contenevano denaro, precisando – come hanno dichiarato anche i due imprenditori Luca Leccese e Donato Mottola – di non essere stato lui a chiedere “mazzette” ma che si trattava di iniziative degli imprenditori.
Oggi l’interrogatorio si è concentrato prevalentemente sulla prima tangente intascata, quella da 20 mila euro che Mottola gli ha consegnato il 22 dicembre, il giorno prima che l’allora dirigente fosse seguito e bloccato in flagranza per la seconda mazzetta. Lerario, assistito dall’avvocato Michele Laforgia, ha ribadito le ammissioni già fatte chiarendo, con riferimento alla vicenda di Mottola, che la certificazione all’azienda dell’imprenditore per la quale secondo la Procura il dirigente aveva fatto pressioni su una funzionaria regionale, in realtà era dovuta. All’interrogatorio di garanzia ha partecipato il procuratore Roberto Rossi. La difesa al momento non ha fatto istanza di revoca della misura cautelare.
I due imprenditori, entrambi detenuti agli arresti domiciliari, saranno interrogati il 4 gennaio. Anche loro, sentiti in qualità di indagati prima dell’arresto, avevano già confessato il pagamento delle tangenti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ponte Genova: udienza rinviata al 28/1, prescrizione sospesa
In attesa della Cassazione su ricusazione del giudice
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
28 dicembre 2021
14:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
È stata rinviata al 28 gennaio l’udienza preliminare sul crollo del ponte Morandi (14 agosto 2018, 43 vittime).
Lo ha deciso il giudice per l’udienza preliminare Paola Faggioni accogliendo l’istanza di alcuni legali degli imputati in attesa del pronunciamento della Cassazione sulla sua ricusazione fissata per il 21 gennaio.
Il giudice ha disposto la sospensione della prescrizione per questo periodo. I pubblici ministeri Massimo Terrile e Walter Cotugno avevano dato parere favorevole al rinvio a condizione che venisse sospesa per questo periodo la prescrizione. I legali avevano ricusato il giudice Faggioni perché, a loro avviso, aveva già espresso un giudizio sul crollo del ponte Morandi nell’ordinanza in cui aveva emesso misure restrittive nell’ambito dell’inchiesta sulle barriere autostradali antirumore pericolose, nata dagli sviluppi di quella sul disastro del viadotto. La corte di appello aveva respinto la richiesta e gli avvocati l’avevano impugnata ricorrendo in Cassazione.
Se l’udienza di oggi fosse proseguita avrebbero parlato i pm per illustrare le ragioni per cui chiedono il rinvio a giudizio dei 59 imputati oltre alle due società Aspi e Spea (quest’ultima si occupava delle manutenzioni per Autostrade).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: boom di contagi in Veneto. Zaia: ‘Rivedere la logica dei tamponi’
Il governatore: ‘Test venga fatto solo a contatti che sono sintomatici’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
28 dicembre 2021
16:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo boom e record da inizio pandemia, in Veneto, sui casi di positività al Covid con ben 7.403 casi registrati nelle ultime 24 ore, un dato record dall’inizio della pandemia.
Secondo il report della Regone Veneto salgono ad un totale 617.653 gli infetti dall’inizio dell’epidemia.
Le vittime salgono a 12.3336 (+29). L’impennata è probabilmente legata ad un minor tasso di registrazione dovuto al rallentamento festivo. Negli ultimi giorni, infatti, i nuovi casi si attestavano ad oltre 2mila unità. “Abbiamo oltre 7 mila contagiati, sono tantissimi positivi, mai così nella storia di questi 22 mesi”. Lo dice il Presidente del Veneto Luca Zaia, commentando i dati odierni del Covid. “Però abbiamo una ospedalizzazione – osserva – che è un terzo del periodo peggiore:178 persone in terapia intensiva, delle quali almeno l’80% non vaccinate, mentre nelle corsie abbiamo circa 1.200 pazienti, e uno su due non è vaccinato”. Intanto dal governatore Luca Zaia arriva un allarme.
“Risulta anche a noi che la variante Omicron si stia raffreddorizzando sui vaccinati rispetto a Delta, perchè davanti a oltre 7mila contagiati nelle 24 ore, che non abbiamo mai avuto, abbiamo un terzo di ospedalizzazioni”. Lo dice il Presidente del Veneto Luca Zaia. “Vuol dire innanzitutto che il vaccino funziona – rileva – ;secondo che se ci sono vaccinati che si infettano comunque si limita a sintomi da pauci sntomatico. Questo è il grande vantaggio: se oggi non avessimo i vaccinati saremmo chiusi e tutto il giorno a contare i morti”.
Il Veneto – intanto – è pronto a somministrare le terze dosi dopo il via libera dato dal gen. Figliuolo all’inoculazione booster dopo quattro mesi. “Noi partiamo in tempo reale – assicura il Presidente del Veneto Luca Zaia – Figliuolo mi ha detto che aveva intenzione di dare l’ok per il 10 gennaio, non so se ha confermato quella data”. “L’anticipazione al quarto mese per la dose booster e della durata del super green pass a sei mesi – osserva – porta a noi a fine febbraio 2 milioni di persone potenziali da vaccinare. Però bisogna assolutamente che si modifichi questa storia dei tamponi – ripete Zaia -. Io non posso accettare che si vedano chilometri di code in strada sapendo che parte di questa attività, con questa circolazione del virus e con queste caratteristiche, rischia di essere inutile”.
“C’è un dubbio – dice inoltre – che finiscano i reagenti e anche i tamponi perchè qualche segnale sta arrivando dai mercati”.
In Valle d’Aosta sono stati rilevati 253 nuovi casi positivi al Covid-19 nelle ultime 24 ore, il numero più alto in una sola giornata dall’inizio della pandemia. Le guarigioni sono state 109. I contagiati attuali sono 1.379, di cui 31 ricoverati all’ospedale Parini (due in terapia intensiva). E’ quanto riportato nel bollettino diffuso dalla Regione sulla base dei dati dell’Usl. Il numero delle vittime dall’inizio della pandemia nella regione alpina è 487.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Censis, quasi la metà degli italiani contro i virologi in tv
54% li apprezza, 46% no. 4,5 milioni s’informano solo sui social
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
15:10
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La presenza dei virologi in tv spacca quasi a metà gli italiani.
La maggioranza apprezza i loro interventi, ma sono moltissimi quelli che danno un giudizio negativo.
E’ quanto emerge dall’Osservatorio permanente Censis-Ital Communications sulle Agenzie di comunicazione in Italia.
Oltre la metà degli intervistati (54,2%) ritiene positiva la presenza mediatica degli esperti nei vari campi della medicina. I giudizi sono invece negativi per il restante 45,8%, in quanto virologi ed epidemiologi hanno creato confusione e disorientamento (34,4%) o sono stati addirittura dannosi, perché hanno provocato allarme (11,4%).
Secondo una recente indagine di Eurobarometro, inoltre, il 61% dei cittadini europei ritiene che la più attendibile fonte di informazione sui vaccini siano virologi, medici e personale sanitario, ma tra i no vax la quota scende al 32%; il 44% dei cittadini della Ue fa affidamento su quanto comunica l’autorità sanitaria nazionale, ma tra i no vax la quota è del 12%. Il 10% di chi non è vaccinato attribuisce fiducia ai siti web per l’informazione sui vaccini e l’8% ai social network contro il 5% della popolazione. Significativo che il 41% di chi ha deciso di non vaccinarsi non giudichi affidabile nessuna fonte informativa.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Azione: Calenda, proporrò federazione con Più Europa
“Già esiste di fatto, faremo proposta a Bonino e Della Vedova”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
15:14
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Dobbiamo, io credo, ufficializzare definitivamente la federazione, già esistente di fatto, con Più Europa.
Faremo una proposta in tal senso a Benedetto Della Vedova e Emma Bonino”.
Lo scrive, su Twitter, Carlo Calenda pubblicando un sondaggio che dà la lista unica Azione-Più Europa al 5,6%.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Papa: coloro che sfruttano i bambini sono i nuovi Erode
“Spezzano loro innocenza con lavoro schiavo e prostituzione”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CITTÀ DEL VATICANO
28 dicembre 2021
15:21
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“I nuovi Erode dei nostri giorni spezzano l’innocenza dei bambini sotto il peso del lavoro schiavo, della prostituzione e dello sfruttamento, delle guerre e dell’emigrazione forzata.
#PreghiamoInsieme oggi per questi bambini e difendiamoli.
#SantiInnocenti”. Lo afferma oggi papa Francesco in un tweet, nella ricorrenza dei Santi Innocenti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lobby: Brescia, sì Commissione a pdl, il 10/1 in Aula
Sarà per Camere, governo, regioni, capoluoghi, autorità, enti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
15:24
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Si è concluso l’esame in commissione della proposta di legge che regolamenta l’attività di lobbying.

La commissione, infatti, ha approvato oggi, senza voti contrari, il mandato alla relatrice Vittoria Baldino.
Il testo ora è atteso in aula lunedì 10 gennaio e spero che verrà approvato rapidamente. Dopo decine di proposte di legge non andate in porto negli ultimi decenni, è tempo di colmare un vuoto normativo con regole chiare e semplici strumenti di trasparenza come il registro dei lobbisti e l’agenda degli incontri.” Lo dichiara Giuseppe Brescia, presidente della commissione Affari Costituzionali della Camera e deputato del Movimento 5 Stelle.
“Il Movimento 5 Stelle – prosegue Brescia – ha fortemente voluto mettere questo tema al centro dell’agenda parlamentare: oggi raggiungiamo un obiettivo storico anche perché la legge riguarderà non solo Parlamento e governo, ma anche regioni, comuni capoluogo di regione, autorità indipendenti ed enti pubblici” conclude Brescia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Meloni, serve aerazione meccanica aule e posti lavoro
Appello a governo, investa di più su questo fronte
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
15:25
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Come ha ricordato l’OMS, la ventilazione degli ambienti chiusi è una delle armi più efficaci contro il contagio da Covid-19.
Fratelli d’Italia propone da tempo l’areazione meccanica controllata nelle scuole e con tenacia siamo riusciti a far approvare in manovra un emendamento per individuare le risorse necessarie.
Siamo stati capofila col modello Marche e siamo felici che anche il presidente della Regione Basilicata Vito Bardi abbia annunciato di voler dotare gli istituti scolastici lucani di questo sistema, ritenuto tra i migliori e richiesto oggi al Governo anche dalla Confederazione italiana pediatri del Lazio. Rinnoviamo il nostro appello all’Esecutivo Draghi: investa con decisione su questo fronte, non solo nelle scuole ma anche nei luoghi di lavoro pubblici e privati”.
Lo dichiara il presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Renzi, restrizioni solo per i no-vax e per i positivi
No a quarantene indiscriminate, vaccini obbligatori sul lavoro
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
15:32
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il Covid, per chi si è vaccinato, si sta “raffreddorizzando” dicono gli esperti.
E, dunque, è meno aggressivo e più contagioso.
Ma proprio per questo rischiamo di bloccare il Paese per le regole della quarantena. Stiamo sostanzialmente imponendo quarantene in modo indiscriminato anche ai vaccinati. E questo provocherà, nel prossimo mese, il blocco di interi settori dell’economia. Si aggiunga che, con queste regole, la scuola torna in DAD di fatto prima della fine di gennaio. La mia proposta? Vaccini obbligatori sul lavoro, Green Pass solo ai guariti e ai vaccinati, anticipo della terza dose (in Francia stanno andando a tre mesi, in Israele sono pronti alla quarta dose), ma basta quarantene ai vaccinati.
Basta! Le restrizioni devono valere SOLO per i NoVax e per i positivi finché sono positivi, come peraltro hanno annunciato ieri negli Stati Uniti”. Così il leader di Italia Viva, Matteo Renzi nella sua e-news.
“Più che continuare a fare tamponi, è necessario investire sui vaccini: allunghiamo i turni degli hub vaccinali, per anticipare il più possibile la terza dose, come stanno facendo in molti altri Paesi”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Energia: Salvini, nel nuovo Piano nazionale anche il nucleare
“Non c’è spazio per i no ideologici”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
15:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Con il rischio di un blackout energetico non c’è spazio per i no ideologici: l’Italia deve sfruttare ogni mezzo per abbassare, oggi e in futuro, i costi delle bollette.
Proprio per questo la Lega proporrà al governo nel “Piano nazionale per la sicurezza energetica” che, oltre alle rinnovabili, preveda anche maggiore produzione di gas e, soprattutto, il ritorno alla ricerca sul nucleare pulito e sicuro di ultima generazione, che è già realtà e lo sarà fra pochi anni in numerosi Paesi europei”.
Lo scrive il leader della Lega, Matteo Salvini su twitter.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Zaia,reagenti e tamponi possono finire,segnale da mercati
Su base delle proposte avanzate dalla Regione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
28 dicembre 2021
15:46
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“C’è un dubbio che finiscano i reagenti e anche i tamponi perchè qualche segnale sta arrivando dai mercati”.
Lo dice il Presidente del Veneto Luca Zaia parlando della situazione nella regione, anche alla luce delle proposte avanzate dalla regione sulla strategia dei tamponi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Smog: inchiesta Torino, in corso tre consulenze tecniche
Fascicolo riguarda vertici Comune e Regione Piemonte
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
28 dicembre 2021
15:57
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un’indagine epidemiologica, un’analisi delle sostanze sprigionate nell’aria, uno studio sulle iniziative per la mobilità sostenibile: sono tre le consulenze tecniche che erano state ordinate dalla procura di Torino nell’inchiesta della magistratura su eventuali responsabilità della pubblica amministrazione per l’inquinamento che grava sulla città.
Gli specialisti interpellati dai magistrati hanno chiesto di posticipare di qualche mese il deposito delle loro conclusioni data la complessità degli accertamenti.

Il fascicolo riguarda i vertici del Comune e della Regione: gli ex sindaci Chiara Appendino e Piero Fassino, il governatore Alberto Cirio e il suo predecessore Sergio Chiamparino, gli assessori (o ex assessori) Alberto Unia, Matteo Marnati, Enzo La Volta, Stefania Giannuzzi, Alberto Valmaggia. Tutti, nel febbraio del 2021, hanno ricevuto un avviso di garanzia.
L’indagine epidemiologica dovrà valutare se i decessi registrati nel capoluogo piemontese siano superiori rispetto ai livelli attesi in base alle statistiche. Si tratta di un aggiornamento di un lavoro che era già cominciato nel 2017, quando il procedimento giudiziario aveva le mosse in seguito all’esposto di Roberto Mezzalama, un esperto in valutazioni ambientali che in seguito diede vita al comitato ‘Torino Respira’.
In parallelo alle analisi sulle sostanze presenti nell’aria si sta sviluppando uno studio sugli accorgimento che potrebbero essere presi per limitare l’inquinamento: l’attenzione è rivolta, fra l’altro, alle iniziative verso la mobilità sostenibile, visto che il traffico è “l’indiziato” principale.
Gli specialisti prenderanno in esame la situazione di altre città italiane e anche di altri Paesi. Sarà un passaggio importante per capire se le misure adottate dagli amministratori torinesi e piemontesi sono state sufficienti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Allo studio la riduzione della quarantena per chi ha la terza dose. Oggi la riunione del Cts
Riduzione isolamento solo per chi ha fatto booster. Ipotesi mini deroga quarantena per sanitari
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
08:16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sarà inviato dalle Regioni un documento indirizzato al Cts che contiene una serie di richieste sulla gestione dell’autoisolamento, in cui si chiede l’azzeramento della quarantena per le persone che hanno copertura vaccinale, in particolare quelle con terza dose effettuata.
Le modifiche auspicate – a quanto si apprende da fonti che hanno stilato il documento – sono necessarie alla luce di uno stravolgimento del sistema di contact tracing, ‘saltato’ in diversi territori, che rende appunto necessario un superamento delle attuali regole delle quarantene.
Dopo la comunicazione da parte del direttore del Parco tecnologico Padano Andrea Dilemma che spiegava l’ormai urgente bisogno di avere l’esercito in aiuto ai punti tampone di Lodi e Codogno, ieri sera è arrivata la conferma del fatto che l’esercito arriverà già nelle prossime ore, oggi o domani. In particolare, si prevede l’arrivo di due squadre, come ha anticipato il colonnello Fabio Zullino, comandante del Centro ospedaliero militare di Milano, di 7 militari ciascuna: una per Lodi e l’altra per Codogno.
Allestiranno strutture mobili e aiuteranno anche nella gestione degli arrivi ai punti tampone.
Dopo quelle chirurgiche, valutare prezzi calmierati anche per le mascherine Ffp2. E’ una delle ipotesi secondo quanto si apprende da fonti informate. Nell’ultimo decreto era stata sancita l’obbligatorietà dei dispositivi Ffp2 sui mezzi del Trasporto pubblico locale, per accedere agli spettacoli aperti al pubblico, sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali assimilati, nonché per gli eventi e le competizioni sportivi che si svolgono al chiuso o all’aperto.
“Faccio appello al Governo, in vista delle decisioni che prenderà domani, affinché vada verso quello che per il contrasto al Covid è ormai necessario: l’obbligo vaccinale o il lockdown per i non vaccinati, sul modello di quanto fatto in Austria e Germania”. Così il presidente della Toscana, Eugenio Giani, in vista della cabina di regia del Comitato tecnico scientifico che si riunirà domani.
A quanto si apprende tra i temi all’attenzione della Conferenza delle Regioni, che si riunirà domani mattina, c’è la valutazione di impegnare il personale ora destinato al tracciamento, considerato allo stato “non più gestibile”, al potenziamento della campagna vaccinale. Dalle Regioni filtra anche la richiesta di ridurre, se non azzerare, la quarantena per i vaccinati a ciclo completo.Con terapie intensive e ricoveri nei reparti ordinari ormai oltre la soglia e una stima di 2,5 milioni di persone in quarantena, la quarta ondata del Covid, segnata dalla rapida diffusione della variante Omicron, rischia di “paralizzare” l’Italia, con picchi che potrebbero toccare i 10 milioni di persone in isolamento, come ipotizza l’infettivologo dell’Ospedale San Martino di Genova, Matteo Bassetti.
Un parere è stato chiesto al Cts, convocato per domani. L’ipotesi è quella di ridurre, da inizio gennaio, l’isolamento dei contatti a 3-5 giorni per chi abbia ricevuto la terza dose, a partire da inizio gennaio. Ieri, segnalati 30.810 contagi in 24 ore contro i 24.883 del giorno di Natale, quasi la metà per la variante Omicron. Preoccupa la crisi del turismo, con tante prenotazioni annullate soprattutto in montagna.
Tra i principali sostenitori della quarantena breve c’è il governatore della Liguria, Giovanni Toti, che peraltro auspica anche l’allargamento dell’obbligo vaccinale. Quello, cioè, che potrebbe essere il prossimo step dopo la riduzione della quarantena. “Bisogna cambiare le regole al più presto prima che si blocchi un intero Paese”, dice Toti rilanciando le dichiarazioni dell’infettivologo dell’Ospedale San Martino di Genova, Matteo Bassetti. “Andiamo verso circa 100mila contagi al giorno e questo succederà credo a brevissimo – le sue parole – e allora 7-10 giorni di isolamento, quarantena, vogliono dire un milione di persone che finiranno in isolamento; considerando poi che mediamente ognuno di questi ha avuto 5, qualche volta 10 contatti, il rischio è di avere nel giro di 7-10 giorni 10 milioni di persone in isolamento, in quarantena. Non ce lo possiamo permettere”.
Al momento, infatti, per rientrare tra i “contatti stretti” basta una stretta di mano o, per esempio, la permanenza in un luogo chiuso senza la mascherina con una persona risultata poi positiva. Situazioni sempre più all’ordine del giorno, soprattutto nelle scuole italiane, come dimostra la diffusione del contagio tra i più piccoli. “Condivido la revisione delle regole della quarantena – è il parere del presidente della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga – che andrebbe ridotta o tolta soprattutto per quelli che hanno la terza dose.
Dobbiamo garantire la sicurezza sanitaria ma al contempo non dobbiamo bloccare il Paese”. Concorde anche il presidente del Veneto, Luca Zaia, secondo il quale “è ragionevole cominciare a fare una riflessione sulla quarantena per il vaccinato”.
Riflettere su eventuali deroghe o riduzioni dei giorni di quarantena per quegli operatori sanitari venuti a contatto, fuori dal proprio ambito lavorativo, con persone positive: un provvedimento di questo tipo punterebbe ad evitare eventuali carenze di personale sanitario dovuto all’isolamento obbligatorio. E’ uno degli elementi di discussione che dovrebbe approdare tra le ipotesi al tavolo del Cts, che si pronuncerà mercoledì sull’eventuale accorciamento dei tempi di quarantena per quei vaccinati con dose booster (o comunque terza dose) che vengono a contatto con persone risultate positive.
“Registriamo allungamenti di diversi giorni per gli appuntamenti sull’effettuazione dei tamponi molecolari. E questo capita non solo a Roma, ma anche in diverse altre regioni. Tra Green pass e fattori dovuti alle festività, non c’è mai stata tanta richiesta di tamponi in Italia. Bisogna aumentare gli approvvigionamenti di reagenti. Per fortuna non siamo più nella stessa fase di impreparazione della prima ondata, quindi sono sicuro che potremo risolvere il problema”. Così il presidente dell’Ordine medici di Roma, Antonio Magi, che aggiunge anche: “forse è arrivato il momento di rendere obbligatoria la vaccinazione anti-Covid”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: blocco informatico ospedale Lecco, attacco hacker
Infetti diversi sistemi server, già riattivati alcuni servizi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
LECCO
28 dicembre 2021
16:05
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A seguito del blocco informatico dei servizi, Asst Lecco ha reso noto che dalla scorsa notte, dalle ore 23.30, l’infrastruttura informatica che fa capo alla Asst di Lecco è sotto attacco informatico.

Attualmente risultano infetti diversi sistemi server.
I sistemi oggetto dell’attacco sono in parte della rete interna dell’ospedale e in parte in Private cloud erogato dai DataCenter di Aria spa.
La connettività internet in uscita è stata disattivata ed è stata realizzata una gestione dedicata per consentire ai centri vaccinali di portare avanti le attività preposte. I backup non sono stati compromessi e saranno utilizzati per ripristinare i sistemi.
Pronta la risposta dei sistemi informativi aziendali in collaborazione con ARIA spa che in tempi rapidi ha reso possibile il ripristino parziale dei servizi. I sistemi riattivati attualmente risultano essere: sistema vaccinale, laboratorio, radiologia, centro unico di prenotazione, intranet aziendale, iPac, anatomia patologica, pronto soccorso, tamponi – richieste, oncologia-radioterapia e centro prelievi in giornata.
Sono invece in fase di attivazione, sale operatorie, anestesia e rianimazione, nefrologia, neocare.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: nave Geo Barents approdata nel porto di Augusta
Ieri sera sbarcati solo casi sanitari urgenti, operazioni proseguono oggi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
29 dicembre 2021
12:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ approdata ieri sera nel porto di Augusta la nave Geo Barents di Medici Senza Frontiere con 558 profughi a bordo, tra i quali numerosi minori.
Subito dopo l’attracco è stata decisa l’evacuazione solo dei casi sanitari urgenti, mentre le operazioni di sbarco di tutti gli altri migranti cominceranno stamattina.  “I migranti sono restii a vaccinarsi perché non si fidano di firmare documenti, non dei farmaci”, ha detto intanto il sindaco di Lampedusa.
Le autorità italiane ieri hanno assegnato Augusta come “porto sicuro” alla nave Geo Barents.
Lo ha comunicato la stessa organizzazione umanitari che nei giorni scorsi aveva sollecitato una soluzione della vicenda dopo il salvataggio dei migranti in otto diversi interventi, l’ultimo dei quali avvenuto alla vigilia di Natale.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Resistenza: inaugurato il rinnovato Museo Cervi a Gattatico
Al taglio del nastro anche il ministro all’istruzione Bianchi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
GATTATICO (REGGIO EMILIA)
28 dicembre 2021
16:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
È stato inaugurato questa mattina il rinnovato Museo Cervi di Gattatico (Reggio Emilia), nel giorno del 78/o anniversario della fucilazione dei sette fratelli Cervi e di Quarto Camurri.
Al taglio del nastro, assieme alle istituzioni locali e regionali, presente anche il ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi il quale ha visitato la restaurata Casa Cervi tra il nuovo percorso che si sviluppa nelle stanze dedicate alla storia della famiglia partigiana.

Il museo ora è maggiormente improntato su multimedialità e tecnologia grazie a nuovi linguaggi e strumenti, ma pur sempre ancorato alla tradizione, come testimonia l’uso di materiali antichi ed ecosostenibili, come la “terra cruda”. Il nuovo museo è stato progettato da Massimo Venegoni dello studio Dedalo di Torino, in collaborazione con la storica Paola Boccalatte; i lavori del cantiere sono stati affidati all’architetto Fiorenzo Basenghi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Contatti stretti-positivi, come è ora la quarantena
21 giorni di isolamento per positivi sintomatici. Il caso Umbria
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
17:20
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fino a 21 giorni di quarantena per i positivi sintomatici almeno 10 giorni di isolamento per chi non presenta sintomi.
Per chi ha avuto contatti con un positivo ed è vaccinato sono 7 i giorni mentre sono 10 per chi non ha copertura.
Queste, al momento le regole in Italia in tema di quarantena anche se alcune regioni spingono per una stretta. In Umbria dal 27 dicembre in caso di contatto con un positivo e si è vaccinati si dovrà rimanere in quarantena per sette giorni, al termine dei quali si dovrà risultare negativo a un tampone molecolare o un test antigenico, oppure si dovrà rimanere in isolamento per 14 giorni al termine dei quali si potrà uscire dall’isolamento senza l’esecuzione di un test diagnostico. Ecco, nel dettaglio, quanto previsto dal ministero della Salute nelle sue Faq.
Positivo al Covid? I soggetti asintomatici e risultati positivi, anche ad un tampone rapido, devono avvisare il medico di base. Possono rientrare in comunità dopo un periodo di isolamento di almeno 10 giorni a partire dalla data di prelievo del tampone risultato positivo, al termine del quale risulti eseguito un test molecolare (non antigenico) con esito negativo. Per le persone positive sintomatiche possono rientrare dopo un periodo di isolamento di almeno 10 giorni dalla comparsa dei sintomi ma ciò deve essere accompagnato da un test molecolare con riscontro negativo eseguito dopo almeno 3 giorni senza sintomi. Se si risulta ancora positivi si ripete il test dopo 7 giorni (17° giorno) e se la positività continua ma non ci sono sintomi da almeno 7 giorni (non considerando le alterazioni dell’olfatto e del gusto), si potrà interrompere l’isolamento al termine del 21esimo giorno.
Chi è ritenuto contatto stretto? La persona che vive nella stessa casa di un caso Covid-19. La persona che ha avuto un contatto fisico diretto con un caso Covid-19 (per esempio la stretta di mano). La persona che ha avuto un contatto diretto non protetto con le secrezioni di un caso Covid-19 (ad esempio toccare a mani nude fazzoletti di carta usati). La persona che ha avuto un contatto diretto (faccia a faccia) con un caso Covid-19, a distanza minore di 2 metri e di almeno 15 minuti.
La persona che si è trovata in un ambiente chiuso con un caso Covid-19 in assenza di dispositivi di protezione idonei. Un operatore sanitario o altra persona che fornisce assistenza diretta ad un caso Covid-19 oppure personale di laboratorio addetto alla manipolazione di campioni di un caso Covid-19 senza l’impiego dei dispositivi di protezione individuale (Dpi) raccomandati o mediante l’utilizzo di Dpi non idonei. Una persona che ha viaggiato seduta in treno, aereo o qualsiasi altro mezzo di trasporto entro due posti in qualsiasi direzione rispetto a un caso Covid-19; sono contatti stretti anche i compagni di viaggio e il personale addetto alla sezione dell’aereo/treno dove il caso indice era seduto. Gli operatori sanitari, sulla base di valutazioni individuali del rischio, possono ritenere che alcune persone, a prescindere dalla durata e dal setting in cui è avvenuto il contatto, abbiano avuto un’esposizione ad alto rischio.
Che differenza c’è tra quarantena, sorveglianza attiva e isolamento? La quarantena si attua ad una persona sana (contatto stretto) che è stata esposta ad un caso Covid, con l’obiettivo di monitorare i sintomi e assicurare l’identificazione precoce dei casi. L’isolamento consiste nel separare quanto più possibile le persone affette da Covid da quelle sane al fine di prevenire la diffusione dell’infezione, durante il periodo di trasmissibilità. La sorveglianza attiva è una misura durante la quale l’operatore di sanità pubblica provvede a contattare quotidianamente, per avere notizie sulle condizioni di salute, la persona in sorveglianza.
Che cosa devono fare le persone che hanno avuto un contatto stretto con un positivo e quanto dura la quarantena? I contatti stretti di un caso confermato devono allertare il proprio medico per l’avvio della procedura. Chi non è vaccinato può uscire dall’isolamento dopo 10 giorni con un test antigenico o molecolare con risultato negativo. Chi ha completato il ciclo vaccinale può uscire dall’isolamento dopo 7 giorni con un test antigenico o molecolare con risultato negativo. I contatti non stretti devono rispettare la quarantena? No, se hanno completato il ciclo vaccinale da almeno 14 giorni.
Se ci si sottopone a un test e si ha esito negativo si può uscire dalla quarantena? Anche se si effettua un test molecolare o antigenico ed è negativo, si deve comunque rimanere in isolamento dai 7 ai 10 giorni.
Cosa bisogna fare al termine della quarantena per rientrare al lavoro? Al termine del periodo di quarantena, se non sono comparsi sintomi, la persona può rientrare al lavoro ed il periodo di assenza risulta coperto dal certificato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: da zero a 15 casi in 48 ore, chiusi bar paese Sardegna
Paulilatino (Oristano), comunicazione-appello social del sindaco
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
28 dicembre 2021
17:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I contagi in risalita a Paulilatino, nell’Oristanese, hanno convinto il sindaco e consigliere regionale Domenico Gallus a chiudere tutti i bar del paese, luoghi di aggregazione per i più giovani, i più colpiti da questa nuova ondata.

“A malincuore e con profonda tristezza devo dirvi che il virus ha ripreso a circolare tra i nostri concittadini – spiega in un video social – sono circa 15 i casi che si sono sviluppati tra ieri sera e stamattina e riguardano tutti ragazzi molto giovani che mostrano tutti sintomi e sono risultati positivi al tampone rapido.
Ho preso subito questa decisione drastica ma che ritengo necessaria”. La nuova disposizione rimarrà in essere “in attesa dell’evoluzione della situazione. Con queste vacanze natalizie e il fatto che non ci fossero più casi in paese, ha portato ad abbassare la guardia: questo non deve più succedere”.
Il primo cittadino invita poi a seguire le norme come “la mascherina fissa anche all’aperto, il distanziamento sociale e l’igiene delle mani”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ossigeno, 301 operatori dell’informazione minacciati nel 2021
Il 24% sono donne. Anche episodi correlati all’emergenza Covid
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
20:57
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nel corso del 2021 in Italia 301 operatori dell’informazione (giornalisti, blogger, fotoreporter, video cronisti) sono stati colpiti da minacce e intimidazioni per metterli a tacere, per ostacolare la loro attività di fornire informazioni nell’interesse pubblico.
A fornire i dati, aggiornati al 17 dicembre, è l’Osservatorio non governativo Ossigeno per l’Informazione.
Il 24% dei minacciati sono donne. La metà delle intimidazioni (48%) sono state realizzate con querele pretestuose, un quarto (25%) con avvertimenti, il 16% con aggressioni fisiche, il 10% con iniziative non perseguibili che hanno ostacolato arbitrariamente e in modo discriminatorio l’accesso alle informazioni, l’1% con danneggiamenti.
Nel corso dell’anno non sono mancati episodi correlati all’emergenza da Covid-19. Su 301 casi casi totali, 69 hanno riguardato operatori ed operatrici dell’informazione impegnati a seguire le manifestazioni contro l’introduzione del green pass o del vaccino, oppure che hanno documentato l’evolversi della pandemia. Dal 2006 a oggi Ossigeno ha segnalato 4904 giornalisti minacciati. Il numero dei minacciati del 2021 è inferiore a quello dei due anni precedenti: 301 rispetto ai 495 del 2020 e ai 472 del 2019. “Questo notevole calo non riflette un miglioramento della situazione, che – a giudizio dell’Osservatorio – rimane drammaticamente grave e preoccupante e richiederebbe attenzione e cure urgenti che continuano a essere rinviate sine die. Il calo del 2021 dipende essenzialmente dal notevole indebolimento delle risorse dell’Osservatorio Ossigeno che produce questi dati, svolgendo un compito di interesse pubblico che richiede una notevole mole di lavoro e che, secondo le Raccomandazioni dell’UNESCO, del Consiglio d’Europa, dell’OSCE e di altre organizzazioni, dovrebbe essere svolto con adeguate risorse pubbliche e garanzie di autonomia dal Governo e dalle forze politiche, e invece viene svolto prevalentemente con il volontariato professionale e qualche donazione”. Nel 2021 Ossigeno ha ricevuto meno donazioni e meno prestazioni volontarie e di conseguenza ha potuto fare una ricerca più limitata degli episodi che rientrano con ragionevole certezza nel suo campo di competenza. Inoltre Ossigeno ricorda che “il suo Osservatorio, anche quando ha operato con maggiori risorse, ha potuto misurare e mostrare in modo documentato soltanto la punta dell’iceberg, non l’intero fenomeno delle minacce rivolte ai giornalisti in Italia. Il fenomeno è notevolmente più grande: la parte sommersa, non visibile, è molto più estesa di quella che si riesce a vedere”.
Quest’anno Ossigeno è riuscito a condurre un esame e una verifica approfondita delle intimidazioni rivolte a 135 dei 301 giornalisti e blogger censiti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pop.Bari: Consob ‘azioni illiquide, investitori informati’
Funzionario autorità vigilanza testimone in processo su banca
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
28 dicembre 2021
18:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il fatto che le azioni della Banca popolare di Bari fossero “fortemente illiquide”, cioè non negoziate in alcun mercato regolamentato e quindi “con il rischio di non poterle rivendere mai”, era esplicitato nella seconda pagina di copertina dei prospetti 2014 e 2015.
Lo ha spiegato in aula il funzionario Consob Massimo D’Agostino, sentito oggi come testimone nel processo in corso nella Fiera del Levante di Bari sulla vecchia gestione dell’istituto di credito.
Nel processo sono imputati Marco Jacobini e il figlio Gianluca, rispettivamente ex presidente ed ex condirettore generale, accusati di falso in bilancio, falso in prospetto e ostacolo alla vigilanza.
Il prezzo delle azioni dell’istituto di credito barese, “è una autodeterminazione della banca, che se la canta e se la suona – ha detto d’Agostino – . Niente di illegale, ma abbiamo chiesto alla banca di esplicitare questo concetto nei prospetti tra i fattori di rischio, come gesto di estrema trasparenza verso l’investitore”.
Oggetto dell’audizione del funzionario è stato l’iter delle istruttorie Consob sui due aumenti di capitale del 2014 e del 2015. “La ragione dell’aumento di capitale, con l’offerta di vendita delle azioni scontate del 6% rispetto al loro valore di 9,53 euro – ha spiegato D’Agostino – , era legata al salvataggio di banca Tercas. Il primo aumento di capitale del 2014 da 500 milioni di euro si era chiuso con successo, mentre quello di 50 milioni del 2015, per una combinazione diabolica di eventi pazzesca, dovuta all’indagine della Commissione europea che ipotizzava l’operazione Tercas come aiuti illeciti di Stato, diventò un incubo”. In quella fase, sollecitato dalla Consob, Marco Jacobini continuava a “ribadire che non c’erano perdite all’orizzonte”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Abi: nuovo advisory board per Fondazione educazione economica
Servirà a dare nuovo impulso all’attività di promozione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
18:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un nuovo Advisory Board, rappresentativo del mondo economico non bancario, affiancherà e supporterà il Consiglio di Amministrazione e il Comitato Scientifico della Fondazione per l’Educazione economica e finanziaria (ABI), con l’obiettivo di fornire un nuovo impulso alla propria azione di promotrice dell’educazione finanziaria ed economica in Italia. Al Comitato, costituito su invito del Presidente della Fondazione Stefano Lucchini, hanno aderito: Cristina Catania (McKinsey), Azzurra Caltagirone (Caltagirone Editore), Francesca di Carrobio (Hermès), Andrea Abodi (Istituto per il Credito Sportivo), Francesco Gattei (ENI) e Massimo Lapucci (Fondazione CRT).
Presidente dell’Advisory Board sarà Marcello Presicci, docente Luiss Business School e fondatore della Scuola Politica “Vivere nella Comunità” insieme ai Professori Pellegrino Capaldo e Sabino Cassese.
La progettualità del nuovo comitato si baserà su proposte di idee, progetti, sinergie e collaborazioni con altri enti, istituzioni e realtà italiane – ed internazionali – con cui dialogare sui temi dell’educazione finanziaria ed economica.
Costituita dall’ABI nel 2014, la Fondazione per l’Educazione economica e finanziaria rafforza – viene scritto in una nota – il proprio ruolo di aggregatore dei tanti soggetti privati del mondo del credito e della finanza che da anni si impegnano per contribuire alla diffusione di una cultura economica di base nel nostro Paese.
Con il supporto dell’Advisory Board l’impegno profuso fino ad oggi dalle banche aumenterà la propria forza di impatto per imprimere un effetto sempre più incisivo e determinante al percorso di crescita della cultura di cittadinanza economica degli italiani.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ordinanza Giani, per accertare positività basta test rapido
Governatore della Toscana firma ordinanza
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
28 dicembre 2021
19:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In Toscana il tampone antigenico rapido sarà sufficiente per stabilire la positività al Covid senza ricorrere alla successiva verifica col tampone molecolare.

Il test inoltre sarà valido anche per stabilire la fine dell’isolamento e della quarantena.
E’ quanto deciso da un’ordinanza firmata oggi dal presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani. Da domani 29 dicembre il test antigenico rapido positivo sarà sufficiente a definire il caso Covid e porre il soggetto in isolamento senza conferma del tampone molecolare. Il test antigenico rapido dovrà essere esteso ai contatti stretti ad alto rischio, che saranno posti in quarantena. “L’ordinanza che ho firmato questo pomeriggio precisa le nuove modalità di diagnosi dei casi positivi e dei contatti stretti, le metodiche di tracciamento ed i criteri di fine isolamento e fine quarantena. In particolare – spiega lo stesso Giani -, nel caso di positività del tampone antigenico rapido non si dovrà ricorrere alla successiva verifica col tampone molecolare: questo ridurrà drasticamente il numero di tamponi richiesti, oltre a semplificare alcuni passaggi burocratici, legati per esempio al lavoro”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Rai: Capodanno all’Ast, 700 i posti per il pubblico
Riunito a Terni il Comitato per l’ordine e la sicurezza
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
28 dicembre 2021
20:12
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Per il Capodanno Rai in Ast ci sarà una riduzione dei posti a disposizione, che saranno 700 e distanziati.
Per l’ingresso saranno richiesti il Green pass rafforzato e il tampone negativo nelle 48 ore precedenti.

Inoltre gli ingressi all’area dello spettacolo saranno scaglionati in tre fasce orarie. Domani saranno comunicate le tempistiche per la prenotazione degli ingressi tramite piattaforma digitale. È quanto stabilito nel corso del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica di Terni che si è riunito in serata.
Quest’anno, infatti, Terni, e l’Umbria saranno la cornice del Capodanno di Rai1. “L’Anno che Verrà”, condotto da Amadeus, accompagnerà il pubblico verso il nuovo anno dalle acciaierie di Terni luogo simbolo del lavoro e della ripartenza.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Arriva esercito a punti tampone di Lodi e Codogno
Si tratta di due squadre, aiuteranno anche in gestione arrivi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
23:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo la comunicazione di ieri sera da parte del direttore del Parco tecnologico Padano Andrea Dilemma che spiegava l’ormai urgente bisogno di avere l’esercito in aiuto ai punti tampone di Lodi e Codogno, stasera è arrivata la conferma del fatto che l’esercito arriverà già nelle prossime ore, domani o dopodomani.
In particolare, si prevede l’arrivo di due squadre, come ha anticipato il colonnello Fabio Zullino, comandante del Centro ospedaliero militare di Milano, di 7 militari ciascuna: una per Lodi e l’altra per Codogno.
Allestiranno strutture mobili e aiuteranno anche nella gestione degli arrivi ai punti tampone.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid tra equipaggio, nave Golfo Aranci-Livorno non parte
Passeggeri e auto riprotetti sulla Moby in partenza da Olbia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
GOLFO ARANCI
29 dicembre 2021
00:03
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Mega Express Five della Corsica Ferries che sarebbe dovuta partire stasera dal porto di Golfo Aranci, nel Nord Est Sardegna, alla volta di Livorno, non ha lasciato le coste isolane.
A impedire la corsa prevista è stata l’accertata positività al Covid di alcuni componenti dell’equipaggio, sulla cui totalità si sta procedendo in questo momento allo screening.
I 330 passeggeri e le 113 auto già imbarcate sono stati riprotetti su una nave della Moby in partenza da Olbia alle 22 e stanno regolarmente viaggiando verso la Toscana.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Regioni a Governo, niente test a chi ha avuto solo contatti
“Solo per sintomatici. Cambiare sistema contact tracing” . Quarantena breve per i vaccinati, oggi la riunione del Cts
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
15:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
È riunito, dopo diverse ore, il Comitato Tecnico Scientifico convocato da questa mattina per pronunciarsi su eventuali nuovi tempi delle quarantene.
Al momento non si può escludere che sul tavolo si stiano affrontando ulteriori temi in vista di nuove misure che potrebbero essere prese per contenere la quarta ondata.
Si riunirà alle 16.30 la cabina di regia presieduta dal premier Mario Draghi con i capidelegazione della maggioranza sul Covid.
A seguire potrebbe tenersi un Consiglio dei ministri che al momento non è ancora stato convocato.
Alleggerire e cambiare il sistema del contact tracing, azzerando la quarantena per i vaccinati con booster che sono venuti a contatto con un positivo e, in questi casi, effettuare il tampone solo a chi in seguito dovesse risultare sintomatico. È quanto chiedono i governatori nell’ambito della Conferenza delle Regioni inviando anche un documento al Cts su questi aspetti. “Al Governo chiederemo l’introduzione del Super Green pass sui luoghi di lavoro. Questa richiesta sarà oggetto di un incontro oggi con l’Esecutivo”, hanno sostenuto i governatori.
Cambiano i tempi delle quarantene in Italia. E nuove misure, dalla stretta sui contagi a scuola all’obbligo vaccinale per nuove categorie di lavoratori, potrebbero entrare in vigore a gennaio. Omicron dilaga e il Paese corre ai ripari contro il rischio di un blocco delle attività a causa delle tante persone in isolamento perchè entrate in contatto con i contagiati che attualmente sono 600mila. A pronunciarsi sulla questione, sollecitata dalle Regioni e da alcuni componenti della maggioranza come il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, sarà ancora una volta il Comitato Tecnico Scientifico, a cui il Governo ha chiesto un parere. I governatori, dopo essersi riuniti, invieranno un documento al Cts che contiene una serie di richieste sulla gestione dell’autoisolamento: azzeramento della quarantena ma obbligo di Ffp2 e autosorveglianza per le persone che hanno copertura vaccinale completa, booster compreso, e un tempo di 5 giorni per chi ha già ricevute due dosi. Modifiche che, spiegano, sono necessarie alla luce di uno stravolgimento del sistema di contact tracing, ‘saltato’ in diversi territori.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In campo ci sono diverse ipotesi e un punto di caduta potrebbe essere quello di ridurre la quarantena da sette a cinque giorni per chi è vaccinato con terza dose. E’ certo invece che resterà di dieci giorni il periodo di isolamento obbligatorio per i non vaccinati. Allo studio anche la possibile revisione dei criteri di definizione del “contatto stretto”, ovvero che espone ad un “alto rischio”, e della definizione di “basso rischio” contenuti nella circolare del ministero dell’agosto scorso. In quel documento si specifica che di fronte ad un “basso rischio” la quarantena può essere revocata a seguito di test antigenico o molecolare negativo in assenza di sintomi. Un’altra riflessione potrebbe arrivare su eventuali deroghe o riduzioni dei giorni di quarantena per quegli operatori sanitari venuti a contatto, fuori dal proprio ambito lavorativo, con persone positive: un provvedimento di questo tipo punterebbe ad evitare eventuali carenze di personale sanitario dovuto all’isolamento obbligatorio.
L’isolamento non è l’unico argomento sul tavolo del Governo, che dopo il pronunciamento degli scienziati potrebbe chiedere una condivisione politica per un eventuale ordinanza ad hoc del ministero della Salute. Tra i temi da affrontare anche quello dei prezzi calmierati per le mascherine Ffp2 il cui costo (obbligatorie sui mezzi Tpl, in cinema, teatri e altri luoghi) potrebbe aggirarsi intorno a un euro. Altra questione è il fronte scuola: una nuova stretta potrebbe arrivare proprio sulla gestione dei contagi in classe. Non è escluso che, a fronte dei numeri in ascesa dei positivi, si torni a prendere in considerazione da gennaio la proposta (già avanzata ma poi ritirata) di prevedere la quarantena per un’intera classe nel caso di un solo alunno positivo (al momento l’isolamento per tutti scatta con tre contagi).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Aumenta anche il fronte dei favorevoli all’obbligatorietà del vaccino anche per altre categorie di lavoratori, dopo sanitari, insegnanti e forze dell’ordine. “Il governo è ancora in tempo per introdurlo”, insiste il presidente di Confindustria Carlo Bonomi. E il ministro per la Funzione pubblica Brunetta auspica “un super Green pass per tutto il mondo del lavoro, pubblico, privato e autonomo”. Ormai “bisogna valutare misure più restrittive come l’obbligo vaccinale” o “l’ipotesi di limitare la circolazione delle persone che non hanno la protezione, che rischiano di mettere sotto pressione il sistema sanitario”, aggiunge il ministro per il Lavoro, Andrea Orlando, che rilancia sull’alternativa all’obbligo ovvero il lockdown dei no vax. Su quest’ultimo aspetto anche il governatore toscano Giani lancia un appello al Governo.
Sì a una riduzione della quarantena per i vaccinati, ma con prudenza. Questa la riflessione che il consulente del ministro alla Salute Roberto Speranza, Walter Ricciardi, fa con La Repubblica. “Va bene la riduzione della quarantena per vaccinati con tre dosi – dichiara – ma deve esserci una analisi molto precisa su ciò che questo significa in termini di circolazione del virus”. La velocità di riproduzione di Omicron è “impressionante”, rileva Ricciardi. “Questa ondata sarà la più imponente dal punto di vista quantitativo – spiega -, fortunatamente non avrà lo stesso impatto di quelle precedenti dal punto di vista sanitario”. Attualmente “siamo nella fase di mitigazione – spiega il consulente -, nella quale bisogna abbassare la curva. Intanto dobbiamo vaccinare giorno e notte”. La terza dose anti-Covid “è protettiva contro Omicron e agisce quasi subito dopo la somministrazione”, aggiunge.L’esperto di Igiene pubblica ritiene”che la curva torni sotto i 50 casi settimanali per 100 mila a febbraio”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Quirinale, tra partiti cresce asse Draghi-Mattarella bis
M5s: ok a nome centrodestra tranne Berlusconi, meglio se una donna
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
12:05
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tra i parlamentari sembra essere sempre più forte la voglia di stabilità, con Draghi premier e Mattarella rieletto al Quirinale. Ieri intanto nuovo vertice M5s sulla linea da tenere: confermato il sì a un nome d’alto valore morale anche se indicato dal centrodestra, tranne che Berlusconi; si rafforza la preferenza per una candidatura femminile.
“Continueremo a batterci perché lo spirito di responsabilità prevalga.
E ad augurarci che, innanzitutto, tra poche settimane, nella scelta che il Parlamento dovrà fare per il Quirinale, sulle contrapposte pulsioni prevalga la maggior condivisione possibile”.
Così il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, in una lettera al sistema confindustriale pubblicata da Huffpost. “L’Italia – aggiunge – è un grande Paese che, lo abbiamo visto, nel momento del bisogno sa esprimere profili di caratura mondiale al posto giusto. Dobbiamo augurarci che tutte le forze politiche tengano conto di questo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Garattini, obbligo unica strada, è già tardi
Il governo abbia più coraggio, gli altri Paesi ci seguiranno
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
10:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La via maestra per battere il Covid secondo il decano dei farmacologi italiani e fondatore dell’Istituto Mario Negri, Silvio Garattini, è l’obbligo vaccinale.
“Non c’è più tempo da perdere, l’esecutivo deve avere più coraggio”, dichiara in un’intervista a QN.
“I dati dicono che c’è necessità e siamo in ritardo”, aggiunge. Secondo il farmacologo, se l’Italia inserisse l’obbligo vaccinale, molti Paesi europei la seguirebbero. “Siamo in una situazione paradossale in cui i governi stanno fermi in attesa che qualcuno faccia la prima mossa”, spiega.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Figliuolo, picco inoculazioni ieri oltre 619mila
34mila ai bambini fra i 5 e gli 11 anni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
13:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La campagna vaccinale nazionale accelera, facendo registrare, nella giornata di ieri oltre 619mila somministrazioni, dopo le 583mila di lunedì.
In particolare, ieri sono state inoculate 57mila prime dosi, 34mila delle quali in favore di bambini di età fra i 5 e gli 11 anni, mentre i richiami hanno superato quota 520 mila”.
Lo fa sapere la struttura commissariale di Francesco Figliuolo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: Papa, non chiudiamo occhi, è scandalo sociale
‘Sono vittime della violenza dei potenti’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
29 dicembre 2021
10:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Quella dei migranti “è una realtà davanti alla quale non possiamo chiudere gli occhi”, “è uno scandalo sociale dell’umanità”.
Lo ha detto il Papa nell’udienza generale.
“Oggi credo che ci vuole una preghiera per tutti i migranti, tutti i perseguitati e tutti coloro che sono vittime di circostanze avverse, siano circostanze politiche, storiche, personali. Pensiamo a tanta gente vittima delle guerre che vuole fuggire dalla sua patria ma non può.
Pensiamo ai migranti che cominciano quella strada per essere liberi e tanti finiscono sulla strada o nel mare”.
Il Papa, dedicando la catechesi a “San Giuseppe come migrante perseguitato e coraggioso” e ricordando che la Sacra Famiglia fu costretta per un periodo a rifugiarsi in Egitto per sfuggire alla violenza di Erode, ha aggiunto: “Ancora oggi tanti nostri fratelli e tante nostre sorelle sono costretti a vivere la medesima ingiustizia e sofferenza. La causa è quasi sempre la prepotenza e la violenza dei potenti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Confcommercio: per ristoranti 25/30% disdette capodanno
Ridotti prezzi per cenoni, ma pesano Omicron e quarantene
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
10:17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La variante Omicron e l’impennata dei contagi peserà sui festeggiamenti di capodanno soprattutto per quanto riguarda la ristorazione con oltre una prenotazione disdetta ogni quattro.
Lo fa sapere la Fipe-Confcommercio spiegando che sono già il 25/30% le disdette dei cenoni a fronte di prenotazioni comunque inferiori rispetto al periodo prepandemia.

“Prima di Natale – si legge – i dati raccolti dall’Ufficio Studi di Fipe-Confcommercio stimavano 4 milioni di italiani pronti a festeggiare l’ultimo dell’anno nei ristoranti aperti.
Per favorire questa ripresa, i ristoratori avevano previsto una riduzione dei prezzi rispetto a due anni fa: 78 euro in media per il cenone rispetto agli 80 del 2019, mentre per cena e brindisi di mezzanotte con sottofondo musicale il calo era più evidente, 90 euro contro 105. In virtù di questi numeri la spesa totale prevista si sarebbe attestata intorno ai 325 milioni di euro, a fronte dei 445 milioni spesi due anni fa. Con il dilagare della nuova variante Omicron a questi numeri oggi andrebbe fatta un’ulteriore tara tra il 25 e 30%”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Clima: Legambiente in Italia nel 2021 187 fenomeni e 9 morti
Dal 2010 264 morti; approvare piano adattamento
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
10:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dal ‘medicane’ Apollo alle temperature record in estate, dalle piogge intense alle grandinate estreme: nel 2021 in Italia si sono verificati 187 fenomeni meteorologici che hanno provocato danni nei territori con 9 vittime.
A tracciare il bilancio l’ Osservatorio Cittàclima di Legambiente realizzato in collaborazione con Unipol e con il contributo scientifico di Enel Foundation: Sicilia, Lombardia, Lazio, Campania, Veneto e Sardegna le regioni più colpite.
Roma, Napoli, Catania, Palermo e Milano le città con i maggiori danni.
Dal 2010 ad oggi i fenomeni meteorologici sono stati 1.181 e hanno provocato 264 morti e danni sul territorio con 637 Comuni dove si sono registrati eventi rilevanti, l’8% del totale. Oltre 27mila persone evacuate, a causa di frane ed alluvioni tra il 2016 ed il 2020,secondo il monitoraggio del Cnr.Legambiente chiede al Governo “di approvare il piano nazionale di adattamento, per fissare le priorità e indirizzare le risorse verso azioni davvero utili per la messa in sicurezza e la riqualificazione delle città e dei territori italiani”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Legacoop:Pmi,fiducia in ripresa, ma rischi da caro energia
Consumi decisivi. Lusetti, vero problema costo materie prime
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
10:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le piccole e medie imprese chiudono il 2021 con una fiducia ritrovata e possono pensare positivamente al 2022.
La crescita del PIL stimata al 6,3% per quest’anno (sopra il 5,2% della media Uem), fa guardare con ottimismo al futuro.
E’ quanto emerge dal report “Bilancio del 2021, secondo anno di pandemia” di Area Studi Legacoop e Prometeia. Tuttavia molto del 2022 dipenderà dalle famiglie, se anche loro torneranno ad avere fiducia e a spendere. A preoccupare le Pmi resta sempre il costo di materie prime ed energia. “Molte imprese rischiano di non resistere fino alla fine dell’inverno” dice il presidente di Legacoop Mauro Lusetti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In Toscana 7.304 casi Covid, più che triplicati in 7 giorni
Nuovo record che straccia quello registrato ieri
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
29 dicembre 2021
10:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I nuovi casi Covid registrati nelle ultime 24 ore in Toscana sono 7.304 su 56.064 test di cui 24.034 tamponi molecolari e 32.030 test rapidi.
Il tasso dei nuovi positivi è 13,03% (50,4% sulle prime diagnosi).
Il dato è stato diffuso dal presidente della Toscana Eugenio Giani. Il numero dei contagi giornalieri segna un nuovo record – stracciato quello di ieri -, ed è più che triplicato nel giro di una settimana: lo scorso 22 dicembre i casi erano stati 2.038 (su 43.963 test con un tasso di nuovi positivi del 4,64%).
Ieri i casi giornalieri erano stati 4.453 su 57.458 test, con tasso dei nuovi positivi del 7,75% (44,6% sulle prime diagnosi).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Risparmio: raccolta gestori novembre a 3,8 miliardi (+19%)
Dati Assoreti, da inizio anno superata la soglia dei 50 miliardi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
10:39
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Prosegue il processo di crescita tendenziale dei volumi d’attività delle reti di consulenza: i dati rilevati da Assoreti indicano in novembre una raccolta netta pari a 3,8 miliardi di euro ed in crescita del 19,3% rispetto allo stesso periodo del 2020 e un calo del 33,6% rispetto a ottobre.

Le scelte di investimento privilegiano fortemente la componente gestita del portafoglio: il 96,9% della raccolta confluisce su fondi comuni, gestioni individuali e prodotti assicurativi/previdenziali per un ammontare complessivo di 3,7 miliardi (+14,9% anno su anno, + 11,6% mese su mese).
La dinamica di crescita tendenziale e congiunturale si osserva anche per i volumi di raccolta realizzati sugli strumenti finanziari amministrati, mentre su conti correnti e depositi si rileva il deflusso di liquidità per 746 milioni. Da inizio anno la raccolta supera la soglia dei 50 miliardi di euro (+34,1% rispetto al 2020) ed è trainata dagli investimenti netti realizzati sui prodotti del risparmio gestito per un ammontare, già record, di 37,5 miliardi (+104%).
“Il rapporto di fiducia e trasparenza tra consulenti finanziari e italiani trasforma il risparmio in investimento sano: a fronte di risultati – commenta Marco Tofanelli, segretario generale di Assoreti – in continua crescita e di alte aspettative riposte dai risparmiatori nel sistema di consulenza, resta centrale la sfida per i prossimi anni di consolidare e preservare un rapporto che è motivo d’essere dell’intera industria e, al tempo stesso, motore di evoluzione del sistema e della figura professionale del consulente, anche nell’interesse del Paese”, conclude Tofanelli.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Unioncamere: in 9 mesi quasi 9mila imprese artigiane in più
+0,67%, soprattutto grazie alle Costruzioni (+1,80%)
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
10:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nel 2021 tornano a crescere le imprese artigiani con quasi 9mila attività in più nei primi nove mesi rispetto alla fine del 2020 (+0,67%).
Il dato arriva da un’analisi Movimprese, condotta da Unioncamere e InfoCamere, sui dati del Registro delle Imprese delle Camere di commercio che sottolinea come per effetto di questa progressione, al 30 settembre il perimetro del settore si sia attestato 1.295.221 mila unità.

“La ripresa economica sospinge la risalita del settore artigiano, ambito importante dell’economia nazionale”, sottolinea il presidente di Unioncamere, Andrea Prete. “Questo significa che tra gli italiani c’è un rinnovato ottimismo, una voglia di ‘fare’, mettendosi in proprio, che mi auguro si protragga nei prossimi mesi”.
Alla base dell’ampliamento della platea artigiana ci sono la forte ripresa del settore delle Costruzioni (+8.795 unità nel periodo, per una crescita dell’1,80%) e la dinamicità dei Servizi di supporto alle imprese (+1.287 imprese per un aumento del 2,29% nei nove mesi considerati). Non tutti i settori, però, sembrano aver risentito degli effetti della ripresa economica in atto. Cali si registrano nel Trasporto e magazzinaggio (-930 imprese artigiane pari a una variazione del -1,16%), e, soprattutto, nelle Attività manifatturiere (-2.008 imprese, pari al -0,70%).
La geografia dell’artigianato guadagna terreno soprattutto in Lombardia, prima regione per crescita in valore assoluto, con un saldo di 1.770 imprese artigiane in più nei nove mesi (+0,73%). A seguire nella classifica regionale, tutte con un incremento di oltre 1.000 imprese, troviamo Piemonte (+1.192 e +1,04% in termini relativi), Lazio (1.066 e +1,11%) e Campania (+1.009 e +1,45%). In termini di dinamismo, è invece la Valle d’Aosta (+2,58% corrispondenti a 91 imprese in più) a far segnare la spinta più sostenuta.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Confesercenti, a rischio 2 mld consumi
Penalizzati soprattutto ristorazione e turismo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
10:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’aumento dei contagi da Covid e le restrizioni rischiano di costare solo nel periodo delle festività invernali oltre due miliardi di euro di minori consumi: 932 milioni delle famiglie italiane e 1,2 miliardi di euro di mancate spese di turisti stranieri.
La stima arriva dalla Confesercenti secondo la quale ci potrebbe essere una riduzione dello 0,5% del tasso di crescita del Pil nel IV trimestre.
A subire l’impatto della frenata – sottolinea la Confesercenti – sono soprattutto le attività del turismo e della ristorazione, a partire dalla ricettività, che nel periodo delle festività vede a rischio 1,1 miliardi di fatturato, e dalle agenzie di viaggio (-136 milioni di euro).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: molte disdette a Cervinia, sindaco chiede sostegno
“Presenze per Capodanno sono diminuite in maniera rilevante”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
AOSTA
29 dicembre 2021
11:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’Amministrazione comunale segue con attenzione l’evoluzione dell’emergenza: vi sono state numerose disdette negli alberghi e le presenze sono diminuite in maniera rilevante”.
E’ quanto si legge in una nota del Comune di Valtournenche che fa riferimento alla situazione del comprensorio di Breuil-Cervinia in occasione delle festività di fine anno.

Oltre ad “invitare le persone coinvolte nell’accoglienza a offrire il massimo possibile agli ospiti”, il sindaco Jean Antoine Maquignaz ha dichiarato: “Purtroppo si sono dovuti annullare gli eventi che avrebbero creato assembramenti . È presumibile che si genererà una situazione di difficoltà.
Scriveremo alla Regione autonoma Valle d’Aosta e a Finaosta per chiedere di avviare le valutazioni rispetto ad aiuti a sostegno per gli operatori economici”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: Papa, non chiudiamo gli occhi, è uno scandalo sociale
‘Sono vittime della violenza dei potenti’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
29 dicembre 2021
22:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Quella dei migranti “è una realtà davanti alla quale non possiamo chiudere gli occhi”, “è uno scandalo sociale dell’umanità”.
Lo ha detto il Papa nell’udienza generale.
“Oggi credo che ci vuole una preghiera per tutti i migranti, tutti i perseguitati e tutti coloro che sono vittime di circostanze avverse, siano circostanze politiche, storiche, personali. Pensiamo a tanta gente vittima delle guerre che vuole fuggire dalla sua patria ma non può. Pensiamo ai migranti che cominciano quella strada per essere liberi e tanti finiscono sulla strada o nel mare”.
Il Papa, dedicando la catechesi a “San Giuseppe come migrante perseguitato e coraggioso” e ricordando che la Sacra Famiglia fu costretta per un periodo a rifugiarsi in Egitto per sfuggire alla violenza di Erode, ha aggiunto: “Ancora oggi tanti nostri fratelli e tante nostre sorelle sono costretti a vivere la medesima ingiustizia e sofferenza. La causa è quasi sempre la prepotenza e la violenza dei potenti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cade l’ultima popolare, la Sondrio si trasforma in spa
Via libera plebiscitario. Venosta, guardiamo futuro con fiducia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
11:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’assemblea della Banca Popolare di Sondrio ha approvato la trasformazione in spa con 2517 voti favorevoli, 38 contrari, 39 astenuti e 16 voti non computati.

L’istituto valtellinese è l’ultima cooperativa a mettersi in regola, dopo non poche resistenze, con la riforma approvata dal governo Renzi nel 2015, che impone alle popolari con attivi superiori agli 8 miliardi di euro di diventare società per azioni.
E anche nella nota in cui ha annunciato l’esito del voto assembleare non ha mancato di sottolineare come l’addio alla forma cooperativa sia stato “una scelta obbligata”.
“Forti dei nostri solidi valori fondativi, guardiamo al futuro con fiducia, impegnandoci fortemente per continuare a svolgere con efficacia la nostra attività, a beneficio della clientela e di tutti gli stakeholders”, ha dichiarato il presidente Francesco Venosta. “Per noi e per tutti coloro che hanno fin qui sostenuto la banca – ha proseguito – è motivo di orgoglio esserci presentati all’appuntamento odierno potendo vantare una lunga storia di crescita organica equilibrata e profittevole, che ha contribuito allo sviluppo dei territori nei quali ci siamo nel corso del tempo insediati, coprotagonisti della crescita sociale ed economica delle comunità di appartenenza”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: nuovo record contagi in Veneto, 8.666 in un giorno
Sono 23 i decessi, boom di ricoveri in ospedale, +126
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
29 dicembre 2021
12:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I contagi da Covid segnano un altro record in Veneto, 8.666 in sole 24 ore.
Lo riporta in bollettino della Regione.
Ieri i casi (7.403) rappresentavano il dato più alto dall’inizio della pandemia. Il totale degli infetti da quando è iniziata la crisi sale a 626.319. Si contano anche 23 decessi, che portano le il dato complessivo delle vittime a 12.358.
Le persone attualmente in quarantena salgono a 80.456 (+ 4.485). Numeri ugualmente preoccupanti sul fronte ospedaliero: sono 1.290 i ricoverati in area medica (+126), e 190 quelli in terapia intensiva (+12)
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bankitalia, indebitamento imprese 2020 +3,3%, boom depositi
Saliti del 28%
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
12:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Alla fine del 2020 l’indebitamento complessivo del settore delle società non finanziarie era aumentato di 36 miliardi (+3,3%) rispetto alla fine del 2019 a causa dell’incremento di prestiti bancari a medio e lungo termine per 82 miliardi (+19%), presumibilmente sostenuto dalle numerose misure governative varate nel corso dell’anno per sostenere le imprese.
Lo rileva uno studio di Bankitalia secondo il quale a tale andamento “si sono associati un incremento pari a 55 miliardi delle attività finanziarie, che sostanzialmente ha riflesso l’eccezionale aumento dei depositi bancari (86 miliardi, pari al 28%)”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gentiloni: ‘Possibile frenata dell’economia, ma presto per stime’
A Faz, ‘Siamo lontani da effetti ondate Covid precedenti’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BERLINO
29 dicembre 2021
12:46
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ha poco senso fornire nuove previsioni, proprio in una fase in cui si sa così poco della nuova variante.
È vero che per il quarto trimestre 2021 abbiamo alcuni indizi che la crescita abbia subito un rallentamento.
E che le nostre previsioni per l’intero anno fossero troppo ottimistiche rispetto alla situazione pandemica, che è peggiorata”. Lo dice il commissario Ue al Bilancio Paolo Gentiloni alla Faz, sulle stime di crescita dell’Ue per il 2021 e il 2022. Le prossime stime arriveranno a febbraio, ma “è verosimile che l’economia rallenti anche prima, nel nuovo anno.
Siamo comunque lontani dagli effetti delle precedenti ondate”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dipartimento Ps: 116 femminicidi nel 2021, dato in aumento
156 intimidazioni contro giornalisti, +21%. Crescono le intimidazioni ai sindaci
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
20:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Per quanto riguarda il più grave dei reati, vale a dire l’omicidio nel 2021 si conferma la tendenza generale: i dati aggiornati al 26 dicembre di quest’anno fanno registrare 289 omicidi, 4 persone decedute in più dell’anno scorso, ma 25 in meno del 2019 (epoca pre-pandemia)”.
Emerge dal consuntivo del Dipartimento della Pubblica Sicurezza.
“Cresce invece l’incidenza percentuale sul totale degli omicidi delle donne uccise: 116 vittime nel 2021 (erano 110 nel 2019), di cui 100 uccise in ambito familiare/affettivo (erano 93 nel 2019); di queste ultime, 68 hanno trovato la morte per mano del partner/ex partner (erano 67 nel 2019)”.
Nei primi 9 mesi del 2021 sono stati registrati 156 atti intimidatori nei confronti dei giornalisti (+21% sul 2020), 74 casi (47%) sono avvenuti su social network. Emerge dai dati elaborati dal Centro di coordinamento per le attività di monitoraggio, analisi e scambio permanente di informazioni sul fenomeno degli atti intimidatori nei confronti dei giornalisti del Dipartimento di Ps.
Crescono inoltre le minacce e gli atti intimidatori nei confronti di sindaci, anche quelli delle grandi città, e degli amministratori locali. Lo evidenzia il consuntivo di fine anno sulla criminalità presentato oggi dal dipartimento di Pubblica Sicurezza. Per quanto riguarda gli amministratori locali, l’Organismo tecnico di supporto all’Osservatorio nazionale nei primi nove mesi dell’anno, ha registrato 541 atti intimidatori (+16,9% sul 2020). Ben 278 casi (51,4%) sono avvenuti nei confronti di sindaci anche metropolitani.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 23 positivi su traghetto, atteso nulla osta sanitario
Corsica Ferries attende l’ok per salpare verso Piombino
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
OLBIA
29 dicembre 2021
13:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 23 i casi di positività tra l’equipaggio della Mega Express Five della Corsica Ferries che ieri sera sarebbe dovuta partire dal porto di Golfo Aranci, nel Nord Est Sardegna, alla volta di Livorno.
I 330 passeggeri e le 110 auto riprotetti a bordo della Moby partita alle 22 da Olbia sono arrivati regolarmente in Toscana, mentre la nave con i positivi a bordo è ormeggiata nella banchina 9 del porto olbiese dalla scorsa notte.
Rimarrà lì per tutta la giornata, in attesa del nulla osta della Sanità Marittima del Nord Sardegna per il viaggio Olbia-Piombino.
“L’Autorità portuale del Mar Tirreno Settentrionale, la capitaneria di porto e le altre autorità di Piombino sono a disposizione della compagnia per consentire lo sbarco dei marittimi positivi”, fa sapere Corsica Sardinia Elba Ferries, precisando che la compagnia “sta organizzando con le Asl di competenza lo sbarco e il ricovero dei positivi, che saranno ospitati in residenze Covid di Toscana e Lazio”.
I positivi sono separati dagli altri componenti dell’equipaggio, con i quali non hanno nessun contatto, e ricevono i pasti da terra, da una ditta specializzata. Secondo quanto appreso le loro condizioni sono buone e stabili.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Due cervi detenuti illegalmente a Termoli,tornano in Abruzzo
Intervengono i carabinieri, portati al Centro Recupero Fauna
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TERMOLI
29 dicembre 2021
13:38
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Una famiglia di Termoli deteneva illegalmente due cervi selvatici scoperti dai carabinieri di Termoli e condotti dalla squadra del Parco Nazionale della Maiella con la collaborazione dell’Anpana nel Centro di Recupero Fauna Selvatica di Popoli (Pescara).

I militari, a sorpresa, si sono recati nella proprietà della famiglia insieme a veterinari specializzati e operatori del Raggruppamento Carabinieri Biodiversità di Popoli.
Con loro Gianluca Barbuto, Coordinatore regionale delle Guardie Volontarie del Molise.
L’operazione di trasporto dei cervi è stata organizzata in due tappe. Nella prima fase si è proceduto alla sedazione dei due animali in sicurezza per poi trasportarli nel Centro abruzzese dove saranno tenuti in quarantena e sotto osservazione, prima di tornare in libertà all’interno della riserva del Parco Nazionale della Maiella.
“Vale la pena ricordare che la detenzione di animali selvatici pericolosi – hanno fatto sapere i carabinieri – deve essere autorizzata dagli organi competenti e che vanno sempre rispettate le caratteristiche etologiche di ogni animale. Si ricorda, infatti, che ciascun animale è sottoposto alla tutela di legge. Chi ha intenzione di acquistare o adottare un esemplare è tenuto a informarsi su tutte le norme in vigore”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Capodanno: prefettura, a Milano controlli saranno rafforzati
“Festeggiamenti siano improntati al rispetto delle regole”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
29 dicembre 2021
14:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Misure e controlli rafforzati a Milano per la serata di Capodanno.
Lo ha stabilito il comitato provinciale per l’Ordine e la sicurezza pubblica che si è tenuto in prefettura questa mattina.

Nel pieno della quarta ondata, “è fondamentale l’osservanza delle norme anticovid ed è forte l’invito a festeggiamenti improntati al rispetto delle regole – si legge nella nota diffusa la termine della riunione -. I servizi su tutta la città metropolitana riguarderanno sia il controllo del territorio che la verifica negli esercizi pubblici”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Capodanno e restrizioni, il Viminale rafforza i controlli
Feste proibite e obbligo di mascherina, sorvegliate le zone della movida
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
31 dicembre 2021
08:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Piazze e strade del centro sorvegliate speciali per il secondo Capodanno di fila senza concerti e festeggiamenti.
Il Viminale rafforza i controlli in vista della notte di San Silvestro, tenendo sotto controllo in particolare le zone della movida dove è più alto il rischio assembramenti.
In una circolare inviata ai prefetti di tutta Italia, il ministero dell’Interno invita le forze dell’ordine a controlli intensi e mirati nelle giornate festive e prefestive, in particolare nelle zone centrali delle città e in quelle dove insistono più locali.
L’obiettivo è quello di far rispettare le norme anti-covid, in particolare l’obbligo della mascherina anche all’aperto e il divieto di assembramenti. E così le principali città italiane si preparano ad intensificare i controlli, anche per verificare il rispetto della normativa prevista dal decreto festività. A Milano sono state predisposte misure rafforzate, come previso dal comitato per l’ordine provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica. Nel pieno della quarta ondata, “è fondamentale – si legge nella nota diffusa al termine della riunione – l’osservanza delle norme anticovid ed è forte l’invito a festeggiamenti improntati al rispetto delle regole. I servizi su tutta la città metropolitana riguarderanno sia il controllo del territorio che la verifica negli esercizi pubblici”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sulla stessa linea anche Roma, dove sotto la lente ci saranno i luoghi della città abitualmente più frequentati per monitorare eventuali assembramenti, soprattutto a ridosso della mezzanotte. Massima attenzione, poi, al rispetto dell’obbligo delle mascherine all’aperto. Le verifiche delle forze dell’ordine interesseranno anche gli esercizi pubblici, con un piano sicurezza dedicato al Capodanno che verrà messo a punto nei prossimi giorni nel corso di un tavolo tecnico in Questura. “Massima vigilanza” è stata prevista a Firenze, dove il sindaco, Dario Nardella, ha firmato anche un’ordinanza contro i botti e la vendita di contenitori in vetro nell’area Unesco durante tutta la notte di Capodanno. “Anche per le cene in famiglia è importante la massima attenzione, a tutela della salute dei propri cari e di quella di tutti noi”, la raccomandazione del prefetto, Valerio Valenti. “Ricordo a tutti i cittadini e visitatori – le parole di Nardella – che non vi saranno eventi organizzati o promossi dal Comune in occasione del Capodanno. Invito inoltre tutti a rispettare con scrupolo le regole nazionali relative al Covid”.
Si moltiplicano, intanto, le cancellazioni o riprogrammazioni degli eventi inizialmente previsti per l’ultimo dell’anno. Gorizia, per esempio, saluterà il nuovo anno con fuochi d’artificio parzialmente silenziati ma senza il previsto concerto di piazza. “Non possiamo permetterci di fare assembramenti con i numeri che abbiamo con la pandemia – le parole del sindaco di Trieste, Roberto Dipiazza -. Noi non facciamo né i fuochi d’artificio né nessuna festa in piazza per cui non avremo neanche il problema di assembramenti. Ci saranno persone che andranno a camminare” in centro, “perché piazza Unità d’Italia è sicuramente arredata e simpatica, ma finisce tutto là”. Tutto esaurito al Teatro Petruzzelli di Bari, dove è stato organizzato lo show di Canale 5 inizialmente programmato a piazza Libertà. Alla manifestazione, però, non parteciperà Al Bano, essere risultato positivo al Covid.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In tanti, poi, hanno scelto di salutare il nuovo anno a teatro o in visita nelle mostre organizzate in tutta Italia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Lupi, niente quarantena con terza dose
Calmierare prezzi mascherine Ffp2
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
14:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Niente quarantena per chi ha la terza dose di vaccino e calmierare i prezzi delle mascherine Ffp2.
Sono i primi interventi da fare per continure a contrastare il diffondersi del covid senza bloccare il paese, con il supporto dei dati e degli studi scientifici.
Il grande senso di responsabilità degli italiani e l’efficienza della campagna organizzata dal generale Figliuolo ci hanno permesso di reggere l’urto di questa nuova ondata e, proprio per non vanificare questi sforzi, non si può consentire ad una minoranza no-vax di limitare la libertà di tutti, mettere a rischio la salute e rallentare la ripresa: si adottino misure restrittive nei confronti di chi, ancora oggi, ha deciso di non vaccinarsi”.
Lo afferma il presidente di Noi con l’Italia Maurizio Lupi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Quirinale:Cesa (Udc), c.destra ha dovere riconoscenza verso Cav
Alleanza ha il compito di indicare per primo una soluzione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
14:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il centrodestra è coalizione di maggioranza in Parlamento e nel Paese, con il 45 per cento dei consensi, e dunque ha il compito di indicare per primo una soluzione da proporre poi agli altri nel tentativo di allargare il campo.
Io sono convinto che il centrodestra, nella sua unità, abbia un dovere verso Berlusconi”.
Lo ha detto Lorenzo Cesa, segretario nazionale dell’Udc, in una intervista rilasciata al quotidiano Il Mattino.
“Un dovere di solidarietà e di riconoscenza nei confronti di colui che lo ha creato e lo ha guidato per 30 anni, fino alle ultime elezioni politiche.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Turismo:Salvini, settore in ginocchio, prorogare ammortizzatori
Attendiamo proposte rapide e concrete dal ministro Orlando
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
14:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ci aspettiamo la proroga urgente degli ammortizzatori sociali per il settore del turismo, messo in ginocchio dall’emergenza Covid.
Il ministro Garavaglia e il sottosegretario Nisini hanno chiara la situazione, attendiamo proposte rapide e concrete dal ministro Orlando”.
Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Omicidio Ciatti, scarcerato ceceno detenuto in Italia
Provvedimento disposto dalla Corte di assise di Roma
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
29 dicembre 2021
14:31
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Corte di assise di Roma ha disposto la scarcerazione di Rassoul Bissoultanov, uno dei due ceceni accusati dell’omicidio di Niccolò Ciatti, il 22enne fiorentino pestato a morte l’11 agosto 2017 in una discoteca di Llorrt de Mar in Spagna.
La notizia è stata resa nota dal padre di Niccolò, Luigi Ciatti, e confermata dal legale della famiglia, avvocato Agnese Usai.
I motivi del provvedimento, spiega Usai, al momento non sono noti. Il ceceno secondo quanto appreso sarebbe già uscito dal carcere di Rebibbia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Manovra: Della Vedova, ora si apra la fase delle riforme
Serve ripresa produttività e competitività del nostro Paese
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
14:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Con l’approvazione di una Legge di Bilancio espansiva che ha dovuto fare i conti con i lasciti del recente passato e che ha avviato una riduzione del carico fiscale su persone e aziende, si chiude una fase.
Ma subito se ne dovrà aprire una nuova in cui accelerare sulla realizzazione degli investimenti del Next Generation Eu e, ancor di più, sulle riforme per la ripresa della produttività e della competitività del nostro paese”.
Lo scrive su Facebook il segretario di Più Europa e sottosegretario agli Esteri Benedetto Della Vedova.
“Sulle riforme serve coraggio e capacità di guardare al futuro più che alla popolarità immediata: la resistenza dei partiti sulla riforma delle concessioni balneari proposta da Draghi – conclude Della Vedova – non è un buon segnale”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Acquaroli, inevitabile passaggio Marche in arancione
Pochi ricoveri ma numero contagi elevatissimo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
29 dicembre 2021
15:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Di questo passo vedo inevitabile il rischio della zona arancione”.
Così il presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli, a margine della seduta odierna del Consiglio regionale.
“Aumentando di 6-7 numeri giornalieri l’area medica e di 1-2 unità la terapia intensiva” anche se “i numeri non sono tantissimi” rispetto a quello dei positivi, “è pur vero che il cumulo delle quotidianità porta a raggiungere le percentuali stabilite con il decreto”.
Nell’ultima giornata sono 1.707 i positivi al SARS-CoV-2 rilevati nelle Marche, una quota che fa salite l’incidenza dei casi positivi da 365,79 casi su 100mila abitanti di ieri a 423,80 casi odierni. “Qualche settimana fa parlando del Super Green pass – ha aggiunto Acquaroli – avevo detto che se poteva essere un incentivo alla vaccinazione non sarebbe servito per fermare il contagio. Purtroppo il numero dei contagi è elevatissimo” anche se “per fortuna” a questo “non corrisponde un numero elevatissimo di ricoveri ospedalieri, però è chiaro che aumentando la base dei contagi, una percentuale minima finisce o in area medica, o più raramente in terapia intensiva.
Occorre comprendere come gestire questa fase” ha concluso.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sospesi perché senza vaccino Covid ma al lavoro, denunciati
Dentista e igienista individuati da carabinieri Nas Perugia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
29 dicembre 2021
16:05
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nonostante fossero sospesi dai propri ordini per non essersi sottoposti alla vaccinazione, obbligatoria, per il Covid padre dentista e la figlia igienista dentale sono stati sorpresi dai carabinieri del Nas nel proprio studio a proseguire le loro attività.
I militari li hanno quindi denunciati a piede libero per esercizio abusivo della professione.

I due sono stati individuati nell’area del Trasimeno. Dalle verifiche del Nas di Perugia – comandato dal tenente colonnello Giuseppe Schienalunga – è emerso che entrambi erano stati oggetto di provvedimenti di sospensione emessi dall’Ordine dei medici, chirurghi e odontoiatri di Perugia e da quello dei Tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche.
I controlli da parte dei carabinieri del Nas proseguiranno anche relativamente all’osservanza delle norme relative alle varie tipologie di Green pass e sul rispetto degli obblighi vaccinali.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo record contagi in Campania, quasi 10mila
Oltre 111mila test. Incidenza 8,8%, ricoveri +53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
29 dicembre 2021
16:10
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo record di test e di contagi da Covid in Campania: sono 9.802 i nuovi casi rilevati (ieri 7.181) su 111.379 tamponi eseguiti.
Il tasso di incidenza balza all’8,8%, soglia mai toccata finora in regione, contro il 6,86 di ieri.
Le nuove vittime censite nel bollettino dell’Unità di crisi sono 11, di cui sette nelle ultime 48 ore e quattro risalenti ai giorni precedenti. Non si arresta la crescita dei ricoveri in degenza, a quota 587 (+53, l’incremento più consistente degli ultimi mesi), e aumenta anche l’occupazione dei posti in terapia intensiva, che sono 37 (+2).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Rc auto: nel 2020 -30% incidenti, utile ramo vola del 135%
Ivass, pesano restrizioni Covid. Premio medio scende a 320 euro
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
16:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Covid lascia il segno anche sull’rc auto.
Le restrizioni alla circolazione durante la pandemia hanno portato nel 2020 a una drastica diminuzione del numero dei sinistri ‘con seguito’ (quelli denunciati per i quali sia stato effettuato un pagamento o sia stato iscritto a riserva sinistri un importo alla fine dell’esercizio).
Secondo l’ultimo bollettino dell’Ivass sono stati circa 1,6 milioni con un calo del 30% rispetto al 2019. A scendere sono stati anche la frequenza sinistri, al 4,2% dal 5,9% del 2019, e gli oneri totali per sinistri (-18,7%).
Il premio medio, al netto di oneri fiscali e parafiscali, si è attestato a 320 euro (-3,6% rispetto all’anno precedente), mentre il pagamento medio per sinistro ha raggiunto i 2.788 euro (a prezzi costanti +6,8% sul 2019). Considerando i rendimenti finanziari e le cessioni in riassicurazione, l’utile del ramo, rileva l’Istituto, è salito a 1.505 milioni (+134,8% sul 2019), con un risultato tecnico netto per polizza pari a 39 euro, più che raddoppiato rispetto al 2019 (16 euro).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: il Casinò di Campione rinvia la riapertura di Capodanno
Tutto pronto per San Silvestro, se ne riparla entro gennaio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
29 dicembre 2021
16:38
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
29 dicembre 2021
16:38
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo oltre 3 anni di chiusura per fallimento, il Casinò di Campione dovrà ancora attendere la sua riapertura a causa del riacutizzarsi della pandemia.
Slitta infatti l’inaugurazione prevista per ill 31 dicembre con un evento organizzato per la notte di San Silvestro e tutti gli impianti funzionanti, pronti ad accogliere la clientela, dai tavoli tradizionali con tutti i giochi già presenti in passato, alle le slot machine di ultimissima generazione appena installate.

“Ogni cosa era stata prevista ma non il picco di una pandemia in grado di mettere a rischio la salute del personale e dei clienti della casa da gioco – fanno sapere dal Casinò, la più grande casa da gioco in Europa, situata nell’exclave italiana in provincia di Como – Si è voluto valorizzare l’importanza delle persone ad ogni livello e, quindi, la sostenibilità di un sistema e del suo sviluppo futuro”.
“Per tale ragione il consiglio di amministrazione della casa da Gioco, in accordo con l’unico socio, il Comune di Campione, ha ritenuto necessario differire l’apertura del Casinò compatibilmente con l’andamento dei contagi ma, in ogni caso, entro il 28 Gennaio 2022, epoca in cui è previsto un deciso decremento dei rischi di contagio – conclude la nota-.
L’indicazione è stata sottoposta ai Commissari e al Giudice delegato del Tribunale di Como che hanno ben compreso le ragioni che hanno giustificato tale decisione, dando altresì atto che l’ambiziosa tabella temporale che la società si era data per giungere alla riapertura è stata puntualmente rispettata”. Il Casinò era stato dichiarato fallito il 27 luglio del 2018.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Quarantena, si cambia: con il booster non è più necessaria. Il super pass anche sui bus, slitta l’obbligo sul lavoro
Braccio di ferro tra partiti, no Lega-M5s per tutti lavoratori
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
18:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dovrebbero entrare in vigore lo stesso giorno della pubblicazione del decreto in Gazzetta ufficiale, prevista nelle prossime ore, le nuove norme sulle quarantene, che escludono l’isolamento per i vaccinati con booster o con due dosi da meno di quattro mesi che vengano a contatto con una persona positiva al Covid, se asintomatici.
Scatterà subito, spiegano fonti di governo, anche la stretta sulle capienze negli stadi. L’estensione del Super green pass scatterà invece dal 10 gennaio.
Le nuove regole, potrebbero essere specificate con una circolare dal Dipartimento di prevenzione del ministero della Salute.
Dovrebbe arrivare già a inizio anno, con un consiglio dei ministri che potrebbe essere convocato già il 5 gennaio, l’ulteriore estensione del Super Green pass al mondo del lavoro: il governo, secondo quanto si apprende, sta studiando come procedere, valutando le complessità nei vari settori. Apparirebbe difficile, al momento, distingure per categorie soggettive, come ad esempio tutti i lavoratori della Pa o tutti i privati. In questi giorni continueranno gli approfondimenti tecnici e all’inizio della prossima settimana potrebbero anche essere consultate le parti sociali, sindacati e imprese.
Quarantena azzerata ai vaccinati da meno di quattro mesi e a quelli con dose booster, estensione del Super Green pass quasi ovunque: per salire su treni, bus, metro e tutti gli altri mezzi di trasporto, per entrare in alberghi, andare a fiere, impianti sci e tanti altri luoghi di socialità e svago, oltre a prezzi calmierati per le mascherine Ffp2. E negli stadi torna la capienza a 50%.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tra nuove decisive strette e qualche allentamento, il Governo è pronto a varare l’ultimo decreto anti-Covid di questo secondo anno di pandemia, che si chiude con numeri record sui contagi di questa quarta ondata (nelle ultime 24 ore sono stati quasi 100mila).
IL NUOVO DECRETO IN PILLOLE
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il nuovo decreto su quarantene e super pass in pillole
Nuove norme dai trasporti alle capienze negli stadi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
22:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il cdm ha approvato un primo blocco di misure sulle quarantene e l’utilizzo del green pass.
Il Prossimo Cdm ( presumibilmente già nei primi giorni di gennaio ) potrà adottare ulteriori misure.
Oggi è stato approvato approvato un decreto-legge che introduce misure urgenti per il contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19 e disposizioni in materia di sorveglianza sanitaria.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ecco il testo in pillole: prevede nuove misure in merito all’estensione del Green Pass Rafforzato (che si può ottenere con il completamento del ciclo vaccinale e la guarigione) e le quarantene per i vaccinati.
– Green Pass Rafforzato: Dal 10 gennaio 2022 fino alla cessazione dello stato di emergenza, si amplia l’uso del Green Pass Rafforzato alle seguenti attività:
alberghi e strutture ricettive;
feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose;
sagre e fiere • centri congressi
servizi di ristorazione all’aperto
impianti di risalita con finalità turistico-commerciale anche se ubicati in comprensori sciistici
piscine, centri natatori, sport di squadra e centri benessere anche all’aperto
centro culturali, centro sociali e ricreativi per le attività all’aperto
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Inoltre il Green Pass Rafforzato è necessario per l’accesso e l’utilizzo dei mezzi di trasporto compreso il trasporto pubblico locale o regionale.
– Quarantene: Il decreto prevede che la quarantena precauzionale non si applica a coloro che hanno avuto contatti stretti con soggetti confermati positivi al COVID-19 nei 120 giorni dal completamento del ciclo vaccinale primario o dalla guarigione nonché dopo la somministrazione della dose di richiamo. Fino al decimo giorno successivo all’ultima esposizione al caso, ai suddetti soggetti è fatto obbligo di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 e di effettuare – solo qualora sintomatici – un test antigenico rapido o molecolare al quinto giorno successivo all’ultima esposizione al caso. Infine, si prevede che la cessazione della quarantena o dell’auto-sorveglianza sopradescritta consegua all’esito negativo di un test antigenico rapido o molecolare, effettuato anche presso centri privati; in tale ultimo caso la trasmissione all’Asl del referto a esito negativo, con modalità anche elettroniche, determina la cessazione di quarantena o del periodo di auto-sorveglianza.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
– Capienze: Il decreto prevede che le capienze saranno consentite al massimo al 50% per gli impianti all’aperto e al 35% per gli impianti al chiuso.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un decreto che a gennaio potrebbe essere seguito da possibili altre misure. Non passa però il fronte di chi chiedeva di estendere l’obbligo del Super Green pass anche a tutte le categorie di lavoratori, nonostante la sponda delle Regioni. E non prevale la linea rigorista di chi come il ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla scorta dei pareri del Cts e pur d’accordo sulle modifiche alle regole sull’autoisolamento, chiedeva norme non troppo blande. Sia in cabina di regia che in Cdm il confronto è stato serrato: Pd e Forza Italia hanno subìto lo stop della Lega e di M5s sul varo dell’obbligo del certificato verde rafforzato per tutti i lavoratori.
C’è intesa invece per calmierare il prezzo delle mascherine Ffp2: una proposta condivisa nell’esecutivo della quale ora sarà incaricata la struttura commissariale, che dovrebbe stipulare apposite convenzioni con le farmacie. Ad imprimere una forte spinta al vaccino saranno i provvedimenti sull’obbligo del Super Green pass: dal prossimo 10 gennaio fino alla cessazione dello stato di emergenza, si amplia l’uso del certificato verde rafforzato ad alberghi e strutture ricettive, feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose, sagre e fiere, congressi, servizi di ristorazione all’aperto, impianti di risalita con finalità turistico-commerciale anche se ubicati in comprensori sciistici, piscine, centri natatori, sport di squadra e centri benessere anche all’aperto, centro culturali, centro sociali e ricreativi per le attività all’aperto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Inoltre il Green Pass rafforzato sarà necessario per l’accesso e l’utilizzo dei mezzi di trasporto compreso il trasporto pubblico locale o regionale. Cambiano dunque le regole per la quarantena, con tre diverse categorie: lo scopo è evitare la paralisi del Paese, che con un alto numero di persone in quarantena, perchè contagiati o venuti a contatto con un infettato, rischia di finire in una sorta di ‘mini-lockdown’ generato anche dai continui autoisolamenti di chi invece è negativo. Le quarantene non saranno più previste per i vaccinati con booster o con due dosi da meno di quattro mesi che vengano a contatto con una persona poi risultata positiva al Covid, se asintomatici.
In questi casi sarà prevista una forma di autosorveglianza e l’esecuzione, al quinto giorno dal contatto con il caso positivo, di un tampone con esito negativo. Per chi ha eseguito l’ultima vaccinazione da più di quattro mesi – quindi con minore copertura dal contagio – l’autoisolamento scenderebbe da 7 a 5 giorni, con test negativo. Nessuna modifica per chi non è vaccinato: la quarantena resta a 10 giorni.
Misure diverse da quelle su cui si era orientato il parere del Comitato Tecnico Scientifico: dopo un incontro durato diverse ore gli scienziati avevano convenuto di azzerare la quarantena, in questi casi, soltanto ai vaccinati impiegati nei servizi essenziali – purché indossassero obbligatoriamente la mascherina Ffp2 per circa una settimana – e di ridurla a cinque giorni ai vaccinati con booster. In cabina di regia però il Governo ha invece accolto tout court la richiesta delle Regioni, che chiedevano appunto l’eliminazione dell’autoisolamento agli immunizzati.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Slitta invece al prossimo Cdm l’ipotesi dell’estensione del Super pass a tutti i lavoratori, un provvedimento da sempre sostenuto dal ministro per la funzione pubblica Renato Brunetta, ora anche dal ministro del Lavoro Andrea Orlando, dal ministro della Famiglia, Elena Bonetti (in quota Iv) e dagli stessi governatori. A sollevare dubbi su questa misura, già in cabina di regia, sono stati Lega e Cinque Stelle. Il ministro Giancarlo Giorgetti – pur non escludendo che se ne possa discutere in un prossimo Cdm – avrebbe sottolineato la necessità in caso di portare avanti, di pari passo, anche una presa di responsabilità da parte dello Stato: se si volesse estendere l’obbligo del super pass ai luoghi di lavoro che di fatto diventerebbe un “obbligo vaccinale” per i lavoratori, il ragionamento, lo Stato dovrebbe assumersi la responsabilità per eventuali conseguenze da vaccino ed elencare i “fragili” esenti dall’obbligo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Perplessità, seppure con motivazioni opposte a quelle del Carroccio, sono state espresse anche da M5s. Il ministro Stefano Patuanelli avrebbe sottolineato che finora si è sempre ragionato per funzioni: forze dell’ordine, docenti, sanitari, lavori a contatto con le persone. Quale sarebbe stata quindi la ratio di distinguere tra lavoratori e disoccupati? “Non siamo contrari all’obbligo di super Green pass come dimostrano i precedenti decreti, ma con raziocinio. Forse a questo punto – avrebbe detto Patuanelli – conviene ragionare sull’obbligo vaccinale”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Quirinale:Crippa riunisce direttivo e capigruppo 5s su Colle
Ma siè limitato a riferire quanto detto nella riunione con Conte
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
17:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il capogruppo M5s alla Camera, Davide Crippa, ha riunito oggi il direttivo e i capigruppo M5s nelle varie commissioni per un aggiornamento sul tema dell’elezione del Presidente della Repubblica.
L’iniziativa arriva a valle della riunione convocata ieri sullo stesso argomento dal Presidente del Movimento, Giuseppe Conte, con i ministri e i suoi vicepresidenti e a cui hanno partecipato anche i presidenti dei direttivi di Camera e Senato e quindi Crippa e Castellone.

Il presidente dei deputati 5s si sarebbe quindi limitato a riferire quanto detto nella riunione con Conte, aggiornando la riunione a gennaio, quando si entrerà nel vivo della trattativa tra i partiti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Fratoianni, obbligatorie Ffp2 ma non si calmiera prezzo
Non sembra garantirne gratuità per tutto il personale scolastico
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
17:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non capisco: il governo rende obbligatorie le Ffp2 per moltissime attività, ma non fa nulla per calmierarne il prezzo, come per le mascherine chirurgiche o i tamponi.
Non sembra inoltre garantirne la gratuità per tutto il personale scolastico e nemmeno nuove scorte per impedire che si esauriscano.” Lo scrive su Facebook il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni.
“E i conti son presto fatti – prosegue l’esponente dell’opposizione di sinistra – una Ffp2 al giorno (o meglio, ogni 8 ore) per persona, significa l’ennesima batosta alle famiglie più in difficoltà, totalmente in balia delle speculazioni del mercato. Un grave errore, che manda un messaggio sbagliato e scarica sui singoli il costo della tutela della salute pubblica. Il sintomo di una profonda distanza con il Paese reale. Il governo, evidentemente non proprio dei migliori, si dia una svegliata – conclude Fratoianni – e rimedi a quest’ennesima dimostrazione di arroganza e superficialità.”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Lombardia oltre 32 mila positivi
Tasso positività al 15,5%, totale decessi oltre 35mila
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
29 dicembre 2021
17:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ schizzato al 15,5% il tasso di positività in Lombardia: ieri era al 12,8%, il giorno prima all’11,4%.
A fronte di 209.685 tamponi effettuati, sono 32.696 i nuovi positivi, quasi 4000 in più di ieri, quando erano 28.795.

Sono 191 i ricoverati nelle terapie intensive (-2 su ieri), 1.831 negli altri reparti, in crescita di 133. E sono 28 i decessi per un totale di 35.008 da inizio pandemia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Calabria:Agostino Miozzo nominato consulente per la sanità
Decreto di Occhiuto, si occuperà anche dell’emergenza pandemica
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
29 dicembre 2021
17:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto ha nominato con proprio decreto Agostino Miozzo consulente della Giunta regionale in materia sanitaria e di Protezione Civile.

Medico e dirigente pubblico, Miozzo dal 5 febbraio 2020 al 15 marzo 2021 ha ricoperto il ruolo di componente del Comitato tecnico scientifico costituito per fronteggiare l’emergenza pandemica da Covid 19 svolgendo le funzioni di coordinatore.

Miozzo, in Calabria, su incarico del presidente Occhiuto e della Giunta regionale si occuperà dei temi riguardanti “il supporto strategico nella riorganizzazione del sistema regionale di emergenza urgenza, il supporto strategico nell’implementazione sul territorio regionale di protocolli innovativi di intervento sanitario a distanza (telemedicina) e del supporto strategico relativo alle attività di contrasto all’emergenza pandemica derivante dalla diffusione del covid-19, anche in ambiente scolastico oltre che del supporto strategico nelle attività di potenziamento del sistema regionale di protezione civile”. In precedenza ha svolto il ruolo di coordinatore dell’Ufficio promozione e integrazione del servizio nazionale della Protezione civile.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I sindacati, due milioni lavoratori ancora nella crisi Covid
Emergenza turismo, servizi e terziario, serve proroga della cig. Gentiloni teme freno a ripresa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
20:08
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ ancora presto per quantificare il danno, ma Omicron sta già facendo molto male all’economia. E i primi allarmi arrivano da Confcommercio e Confesercenti, due delle associazioni in prima linea sul fronte dei mancati incassi nei settori della ristorazione e del turismo, tra i più compiti anche da questa ennesima ondata pandemica. Si teme anche per il lavoro, tanto che scendono in campo anche i sindacati, con i leader di Cisl, Luigi Sbarra, e Uil, Pierpaolo Bombardieri, a chiedere il rinnovo della Cig Covid. “Bisogna provvedere immediatamente alla proroga della cig e il blocco dei licenziamenti – lanciano l’allarme i sindacati di turismo, commercio e servizi delle tre sigle confederali – Senza sono a rischio l’occupazione e il reddito per oltre due milioni di lavoratrici e lavoratori del turismo, del terziario e degli appalti di servizi, ancora interessati dalla crisi”. Un’esigenza alla quale apre anche il ministro per il Turismo, Massimo Garavaglia, che sposa la tesi di un rinnovo della Cig Covid per le categorie più colpite altrimenti in scadenza a fine anno come la quarantena pagata come malattia. “Il settore – afferma – è già stato duramente colpito dagli effetti economici della pandemia. E la diffusione della nuova variante rischia di provocare danni sociali, oltre a quelli di fatturato. Bisogna dare certezze ai lavoratori. Ci sono migliaia di famiglie che non sanno cosa avverrà loro il 1° gennaio. Ci aspettiamo – conclude – che il ministro Orlando offra garanzie”. Secca la replica del responsabile economico del Pd, Antonio Misiani che invita a non agitare bandierine: “il confronto con tutte le categorie è aperto e nella manovra c’è la riforma degli ammortizzatori”, un confronto – spiega – che “sta proseguendo anche in questi giorni con il Mef per trovare soluzioni adeguate”. La preoccupazione di un brusco raffreddamento dell’economia arriva comunque anche a Bruxelles: “Ha poco senso fornire nuove previsioni, proprio in una fase in cui si sa così poco della nuova variante. È vero che per il quarto trimestre 2021 abbiamo alcuni indizi che la crescita abbia subito un rallentamento. E che le nostre previsioni per l’intero anno fossero troppo ottimistiche rispetto alla situazione pandemica, che è peggiorata”, spiega il commissario Ue al Bilancio Paolo Gentiloni alla tedesca Faz, sulle stime di crescita dell’Ue per il 2021 e il 2022.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cnn, domani telefonata Biden-Putin
Chiamata chiesta dal presidente russo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
29 dicembre 2021
18:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente Joe Biden avrà una conversazione telefonica con il presidente russo Vladimir Putin giovedì pomeriggio.
Lo riporta la Cnn citando alcune fonti, secondo le quali la telefonata sarebbe stata chiesta da Putin e Biden avrebbe accettato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: Acquaroli, verificare che non riparta contagio
Non tifo per Dad, ma non vorrei tornarci con peggioramento
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
29 dicembre 2021
18:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La scuola, è dimostrato dalle statistiche, è stato un veicolo importantissimo del virus negli ultimi giorni prima delle vacanze natalizie: bisogna capire se alla riapertura c’è il rischio che, ritornando a scuola, riparta questo moltiplicatore del contagio”.
Così il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli.
“Non sono un tifoso della Dad – ha detto a margine della seduta del Consiglio regionale -, ma non vorrei che se non si prende alcun tipo di provvedimento si rischi di arrivare in Dad lo stesso e con una situazione compromessa anche in altri settori”. “Bisogna capire, ma lo deve dire il Comitato Tecnico Scientifico – ha aggiunto -, se alla riapertura sarebbe importante riuscire a piegare questa curva del contagio che sta crescendo esponenzialmente”. Acquaroli ha fatto notare che “i 1.707 positivi di oggi sono numeri che ci devono far riflettere”, per questo “andrei ad intervenire laddove il contagio circola di più, dove ci sono le occasioni maggiori di contagio e sicuramente tra i cluster che abbiamo visto, quello scolastico è importante”, insieme a quello “del trasporto pubblico locale”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: sindacati, due milioni lavoratori ancora nella crisi
Emergenza turismo, servizi e terziario, serve proroga della cig
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
18:32
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ necessario “provvedere immediatamente ad una ulteriore proroga degli ammortizzatori con causale Covid e del blocco dei licenziamenti, per evitare che nei primi giorni del nuovo anno esploda una crisi occupazionale che, sinora, si è riusciti ad evitare”.
E’ quanto chiedono i sindacati del commercio, del turismo e dei servizi Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs, sostenendo che senza la proroga delle misure in scadenza a fine anno è “a rischio l’occupazione e il reddito per oltre due milioni di lavoratrici e lavoratori del turismo, del terziario e degli appalti di servizi, ancora interessati dalla crisi”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: sfiorati i 100mila positivi, sono 98.020
1.029.429 tamponi, tasso sale al 9,5%. I morti sono 136
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
18:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sfiorati i 100mila positivi: sono 98.020 i casi di Covid individuati in Italia nelle ultime 24 ore.
Ieri i casi erano stati 78.313.
Le vittime, secondo i dati del ministero della Salute, sono 136 , mentre ieri erano state 202. Sono 1.029.429 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati, ieri erano stati 1.034.677. Il tasso di positività sale al 9,5%, rispetto al 7,57% di ieri. Sono 1.185 i pazienti in terapia intensiva in Italia, 40 in più in 24 ore nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 126. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 10.578, ovvero 489 in più.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Regole e condivisione contro lo strapotere dei dati
Mannoni e Stazi, recuperare la sovranità ai tempi del cyberspazio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
19:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
STEFANO MANNONI E GUIDO STAZI -SOVRANITÀ.
COM , POTERE PUBBLICO E PRIVATO AI TEMPI DEL CYBERSPAZIO (Editoriale Scientifica, 22 euro) Regole, condivisione, Stato.
In queste tre parole è chiuso il messaggio importante di “Sovranità.com, Potere pubblico e privato ai tempi del Cyberspazio”, autori, Stefano Mannoni e Guido Stazi, che tenta di fare il punto e suggerire un percorso di fronte all’oligarchia digitale dei signori dei big data.
Entrambi espertissimi di telecomunicazioni, i due autori partono dalla constatazione di come la rivoluzione digitale abbia consegnato a poche imprese un potere privato così vasto e penetrante da mettere in discussione il potere pubblico e la sua auctoritas sovrana. Dalla pervasività di Facebook alle condotte di Google il potere di pochi, privati, si allarga sempre di più e la capacità di controllo di miliardi di dati si traduce in una sottrazione di democrazia e in un indebolimento dei poteri pubblici, questione sempre più spinosa e di particolare attualità anche in questo periodo di pandemia. “I feroci critici dello Stato – dicono gli autori – dovrebbero riflettere sulla natura di Leviatano propria di Facebook”. “Capitalismo dei dati” o “colonialismo dei dati” come si voglia chiamare, è chiaro, sostengono Mannoni e Stazi, che può essere arginato solo grazie a regole, regole dettate “grazie alla riscossa dei poteri pubblici in questo campo a cui stiamo finalmente assistendo in Europa e negli Stati Uniti e che rappresenta la riscoperta della sovranità; di una “sovranità.com” perché capace di adattarsi alle sfide del momento.
Gli autori sottolineano il ruolo che le Autorità Antitrust hanno avuto e quello della Commissione europea “diventata tamburina della sovranità digitale”, ma si pongono il problema di quale dovrà essere l’equilibrio tra potere pubblico e privato in era 3.0. Secondo Mannoni e Stazi, un Regolamento generale europeo sull’uso dei dati basato su un generale obbligo di condivisione “abbatterebbe le asimmetrie di potere tra le big tech americane e cinesi e gli utenti soprattutto a a beneficio del recupero europeo di sovranità digitale”. Una riconquista della sovranità che passa “dal riequilibrio e il bilanciamento tra poteri pubblici e quelli privati. Che riduce le disuguaglianze e tutela la democrazia”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: assessore Marche, altri 3 mln ventilazione meccanica
‘Per l’Oms Modello Marche tra misure più efficaci contro virus’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
29 dicembre 2021
20:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il Bilancio 2022 della Regione Marche destina altri 3 milioni di euro all’installazione degli impianti di ventilazione meccanica controllata nelle scuole, pur non rientrando l’intervento nelle strette competenze regionali, ma ritenendolo fondamentale per la sicurezza e salute dei nostri giovani”.
Lo annuncia l’assessore ai Lavori pubblici Francesco Baldelli; le Marche sono state le prime ad investire su dispositivi di ventilazione meccanica nelle aule.
“Salgono così a ben 9 milioni di euro, in un solo anno, le risorse finanziate dalla Regione Marche per il corretto ricambio dell’aria nelle aule didattiche in cui i nostri bambini e ragazzi passano gran parte delle loro giornate. Un’iniziativa – aggiunge – che le Marche hanno lanciato come prima Regione in Italia, ottenendo il plauso di importanti giornali ed esperti nazionali, come l’accademico Luca Ricolfi; il ‘modello Marche’ è stato indicato quale esempio di buona pratica anche dall’Oms. Nei giorni scorsi, il technical officer dell’Organizzazione mondiale della sanità, Luca Fontana, ha indicato la ventilazione meccanica controllata nelle aule scolastiche come efficace strumento di contrasto alla diffusione del contagio da Covid-19. E i primi risultati dell’attività di monitoraggio della diffusione del Covid nelle aule provviste di impianti ci rafforza nelle scelte fatte. Non banchi a rotelle – conclude – ma interventi strutturali. Proseguiamo dunque con determinazione verso la strada intrapresa per la salute dei nostri ragazzi”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nuova Irpef, bollette, Superbonus, ecco la manovra
Via libera della Camera con 355 sì. Con la lotta al Covid interventi per 32 miliardi, pioggia di micronorme
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
22:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Via libera definitivo da parte della Camera alla Manovra con 355 favorevoli, 45 contrari.
Il provvedimento è legge. Nuovi aiuti alle attività colpite dalla stretta anti-Covid, cominciando dalle discoteche: approvata in via definitiva la legge di Bilancio i partiti non perdono tempo e già con gli ordini del giorno alla manovra incalzano il governo per ottenere un nuovo scostamento e avere a disposizione risorse fresche, in deficit, da destinare ai ristori e magari anche alle bollette.
Voci di spesa che non potranno essere soddisfatte utilizzando invece i fondi del Pnrr in arrivo probabilmente a inizio primavera. I 51 obiettivi del 2021 sono stati infatti raggiunti e il Mef ha inviato la richiesta ufficiale per ottenere entro aprile 24,1 miliardi dall’Europa.
Arriva al traguardo sul filo dell’esercizio provvisorio la prima manovra del governo Draghi. Una legge di Bilancio tutta espansiva che distribuirà a famiglie e imprese oltre 32 miliardi nel 2022.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le novità sono tante: il taglio delle tasse, Quota 102, Ape social allargato e Opzione donna, in attesa della riforma delle pensioni, i nuovi ammortizzatori sociali universali, la stretta anti-delocalizzazioni, il rifinanziamento del Reddito di cittadinanza, rivisto e corretto per evitare abusi, così come il Superbonus, alla fine confermato senza i paletti immaginati dal governo. Non manca l’attenzione agli ultimi, dai disabili, ai malati rari, alla distribuzione di cibo per i più poveri, alle donne vittime di violenza. E anche agli uomini che le commettono. Ma tra le norme, votate tutte in una notte dalla commissione Bilancio del Senato e confermate dalla Camera con il voto di fiducia in serata, l’hanno spuntata anche lo stop all’allevamento di animali da pelliccia e la proroga per i partiti per chiedere l’accesso al 2xmille.
ANCORA AIUTI ANTI-COVID. Sostanzioso il pacchetto anti-pandemia, con la proroga per tre mesi dell’esenzione della tassa per i tavolini all’aperto e un fondo da 150 milioni per turismo, spettacolo e auto. Non mancano interventi su singole filiere, dal tessile di Prato ai porti della Sardegna, mentre per proteggere i lavoratori ci sono 700 milioni per la Cig straordinaria. Arrivano nuovi stanziamenti per cure e vaccini (anticipati poi alle spese 2021) e per la struttura del commissario Figliuolo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Risorse anche per stabilizzare medici e infermieri.
SCUOLA, DALLO PSICOLOGO ALLA MATURITA’. Aiuti in chiave anti-Covid anche alla scuola, dai fondi per il sostegno psicologico degli studenti al cambio in corsa delle regole dell’esame di maturità solo con ordinanza, così come già successo quest’anno, per proteggere ragazzi e insegnanti dal contagio. Per ridurre i disagi legati ad assenze e supplenze per Covid prorogati fino a giugno sia i prof sia il personale Ata assunto in più durante l’emergenza.

LE TASSE CALANO, DA IRPEF-IRAP ALL’IVA. La nuova Irpef sarà a 4 aliquote (23%, 25%, 35%, 43%), e vengono riscritte anche le detrazioni, con una clausola salva-bonus 100 euro per i redditi bassi. C’è la cancellazione dell’Irap per 835mila autonomi. Nel pacchetto anche lo sconto, ma solo per un anno, di 0,8 punti percentuali dei contributi per i redditi fino a 35mila euro.
Sempre sul fronte fisco, viene sterilizzata l’Iva per il terzo settore fino al 2024, si riduce al 10% l’Iva sugli assorbenti e ci saranno 6 mesi di tempo per pagare le cartelle notificate nel primo trimestre.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLLETTE, LOTTA AL CARO ENERGIA. Per le famiglie arriva un sollievo, temporaneo, sulle bollette da gennaio ad aprile, che potranno essere spalmate in 10 rate. Nel primo trimestre annullati gli oneri di sistema per le utenze della luce fino a 16kwh. Giù al 5% l’Iva sul gas, tagliati gli oneri di sistema. “La manovra interviene con un pacchetto di misure fortemente voluto per contrastare il rincaro delle bollette. Si tratta di misure che verranno ulteriormente rafforzate dal Governo che considera prioritario sostenere le nostre realtà industriali e le famiglie in un momento molto delicato”. Lo afferma il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, facendo il punto sulle norme pro-imprese inserite nella manovra appena approvata alla Camera.
LAVORO, CASA, SPORT, SI PUNTA SUI GIOVANI. C’è la proroga dello sconto sul mutuo per gli under 36, ma anche lo sconto per l’affitto per i giovani under 31. Ci sono poi 2 milioni in più per le attività sportive universitarie e altrettanti per le spese informatiche degli studenti fuori sede. Arrivano 600mila euro per il Giro d’Italia Under 23. In più le Pmi che assumono con contratti di apprendistato avranno lo sgravio del 100% dei contributi per tre anni, con invece multe salate a chi non paga i tirocini.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
SUPERBONUS ALLARGATO. Salta il tetto Isee per il Superbonus per le villette, basterà aver completato il 30% dei lavori entro giugno per godere della proroga fino a fine 2022. Per il prossimo anno ci sarà anche un bonus del 75% per abbattere le barriere architettoniche. Equiparati i lavori trainanti e trainati, compresi quelli per il fotovoltaico, e prorogati a tutto il 2025 gli interventi nelle aree colpite dal sisma. Per tutti i bonus restano sconto in fattura e cessione del credito.
Confermato il bonus mobili, con tetto rivisto a 10mila euro, e prorogato il bonus idrico. Tagliato invece il bonus facciate dal 90% al 60%.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
GREEN. Molte le norme amiche dell’ambiente, dal fondo per accompagnare le imprese nella transizione, alla garanzia per gli investimenti green al nuovo Fondo italiano per il clima. Non mancano risorse per la lotta agli incendi, per il riassetto dei corsi d’acqua e per il potenziamento dei centri di riutilizzo.
Il “Fondo per la strategia di mobilità sostenibile” servirà al rinnovo del parco autobus, per i treni a idrogeno, per i carburanti puliti e per le metro di Genova, Milano, Napoli, Roma e Torino.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PIOGGIA DI MICRONORME. Il record dei micro interventi è quello dei 7.000 euro per esentare dal pedaggio autostradale vigili del fuoco, forestale e protezione civile valdostana. Poi si va dagli 82mila euro per il comune di Verduno per assumere 2 amministrativi ai 600mila euro per i campi sportivi dell’istituto Mennea di Barletta. Oltre ai classici fondi per le api, gli esuli della ex Jugoslavia o per i carnevali storici, arrivano risorse per numerosi anniversari, dalla Dc a Berlinguer e Pasolini.
STIPENDI DEI MANAGER P.A. – “Con il nostro ordine del giorno accolto alla legge di Bilancio, il Movimento 5 Stelle chiede al governo di reintrodurre il tetto massimo dei 240.000 euro annui per gli stipendi dei dirigenti pubblici, di fatto abolito con una disposizione inserita nel maxiemendamento del governo approvato al Senato”. Lo afferma la deputata Baldino, capogruppo del M5s in commissione Affari Costituzionali alla Camera, prima firmataria dell’ordine del giorno che “impegna il Governo a valutare l’opportunità di reintrodurre il tetto massimo dei 240.000 euro annui per gli stipendi dei dirigenti pubblici”, a cui il governo ha dato parere favorevole.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Difficile ritorno a scuola, Omicron minaccia la presenza
Ipotesi niente quarantena per i vaccinati con 2 positivi in classe
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
31 dicembre 2021
10:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La difficile partita contro Omicron riguarda anche il comparto scuola.
Il dilagare del contagio rende un rebus il ritorno tra i banchi dopo le festività.
Per molti il rientro nelle aule il 10 gennaio potrebbe diventare un miraggio. L’aumento esponenziale dei numeri ripropone il tema della didattica a distanza sulla quale il Governo si è sempre posto in una posizione di netta contrarietà. Per il ministro Bianchi è vietato tornare indietro: la scuola in presenza è la “chiave di volta” della squadra guidata da Mario Draghi.
Al momento, quindi, la situazione sembra “cristallizzata” all’evitare una fuga in avanti. Nei giorni scorsi il ministro non aveva escluso micro-chiusure in casi “straordinari” e con “focolai isolati”.
Intanto nuove norme sulle quarantene degli studenti sono allo studio da parte dei tecnici del Governo. Per le scuole primarie e secondarie al momento l’ipotesi è di prevedere, nel caso di due studenti risultati positivi in una classe, solo l’autosorveglianza per i ragazzi vaccinati e la quarantena per i non vaccinati. Al momento alle elementari e in prima media (dunque alle scuole primarie e al primo anno della secondaria di primo grado), cioè le scuole frequentate dagli under 12, la norma prevede che – con due studenti positivi – gli alunni della stessa classe restino tutti in quarantena per dieci giorni.
Le Regioni ieri sono tornate a chiedere la cancellazione della quarantena per i vaccinati anche in ambito scolastico. Una scelta fatta proprio per favorire il più possibile la didattica in presenza anche nei casi in cui si registrassero delle positività nelle classi. Tema di discussione è la possibilità di eliminare la quarantena per i ragazzi che hanno ricevuto due dosi di vaccino da meno di quattro mesi che vengano a contatto con una persona poi risultata positiva al Covid, se asintomatici. Stesso discorso per chi ha ricevuto la dose booster nella fascia di età compresa tra 16 e i 17 anni e gli adolescenti fragili tra i 12 e i 15 anni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dal territorio, però, arrivano segnali di insofferenza. “C’è preoccupazione sulla riapertura – taglia corto l’assessore all’Istruzione del Friuli Venezia Giulia, Alessia Rosolen -. Sono certa che in questi giorni verranno fatte delle riflessioni sia rispetto ai temi delle quarantene, vedremo se dal Ministero arriveranno indicazioni, sia rispetto ai tracciamenti legati alle scuole”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ed è proprio il potenziamento nell’attività di screening l’arma messa in campo, assieme ad una distribuzione massiva di mascherina Ffp2, con il decreto legge approvato il 23 dicembre. In questo ambito sono stati stanziati 9 milioni per il tracciamento e i laboratori militari, più altri 14,5 milioni per il personale della sanità militare e 5 milioni per l’acquisto di mascherine per il personale delle scuole dell’infanzia, a contatto con i bambini fino a 6 anni, esonerati dall’uso e con chi è a contatto con studenti più grandi che non la portano per particolari fragilità. La Difesa, inoltre, ha messo in campo 11 laboratori in 8 regioni per affiancare nello screening le Asl, sotto pressione con l’aumento dei positivi. Finora il personale militare ha effettuato circa 20 mila tamponi in 470 scuole.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Intanto il Ministero dell’Istruzione ha avviato la rilevazione del fabbisogno di Ffp2 da distribuire. I dirigenti scolastici dovranno indicare i quantitativi necessari entro il prossimo 4 gennaio in modo che la distribuzione possa essere organizzata in tempo per il rientro.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Infine novità potrebbero esserci anche per l’esame di maturità. Dopo lo stop forzato alla prova di italiano, quest’anno potrebbe essere ripristinata. “Abbiamo ancora qualche settimana prima che vengano ufficializzate le modalità di svolgimento dell’esame di maturità, ma sicuramente ripristinare la prova di italiano è una misura di buon senso e di attenzione nei confronti degli studenti: tutti avranno modo di essere valutati con maggiore completezza rispetto a quanto accaduto negli ultimi due anni”, afferma il sottosegretario all’Istruzione Sasso.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: altri 3 comuni Sicilia ‘zona arancione’ fino al 12/1
Prorogata esecuzione tampone per chi arriva da13 Stati esteri
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
30 dicembre 2021
09:41
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I Comuni di Caronia e Santa Lucia del Mela, nel Messinese, e di Ribera, nell’Agrigentino, saranno in “zona arancione” da domani, venerdì 31 dicembre, sino a mercoledì 12 gennaio, compreso.
Lo prevede l’ordinanza firmata ieri sera dal presidente della Regione Nello Musumeci, su proposta del dipartimento regionale Asoe.

Lo stesso provvedimento dispone la proroga della “zona arancione” sino a mercoledì 5 gennaio, compreso, per i Comuni di Barcellona Pozzo di Gotto e Gualtieri Sicaminò, nel Messinese. Le misure restrittive anti Covid sono attualmente in vigore anche in altri otto Comuni: fino al 5 gennaio a Gravina di Catania, Marianopoli (Caltanissetta), Terme Vigliatore e Scaletta Zanclea (Messina). Fino a domani, 31 dicembre, a Butera (Caltanissetta), Fiumedinisi, Milazzo e San Filippo del Mela (Messina).
L’ordinanza ha inoltre disposto la proroga dell’efficacia di alcune misure adottate in precedenza, tra le quali quelle che prevedono l’esecuzione di un tampone in porti e aeroporti dell’Isola per chi arriva dai seguenti Stati: Malta, Francia, Grecia, Paesi Bassi, Usa, Germania, Regno Unito, Sudafrica, Botswana, Hong Kong, Israele, Egitto e Turchia. Per tutte le informazioni in merito alle misure previste è possibile consultare le Faq diffuse dal ministero della Salute.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Energia: Cgia, prezzi metteno a rischio 500mila posti
In alcuni comparti aumento potrebbe raggiungere il +250%
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
30 dicembre 2021
10:12
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il caro energia, nei primi 6 mesi del 2022, metterà a rischio, almeno con la sospensione temporanea, 500 mila posti di lavoro in Italia.
A sostenerlo la Cgia di Mestre che sotttolinea come “gli aumenti di luce e gas avranno degli effetti molto pesanti sul fronte occupazionale”.

Nei prossimi mesi, infatti, con variazioni annue delle tariffe che in alcuni comparti rischiano di raggiungere il +250 per cento, secondo gli Artigiani, molte aziende del vetro, della carta, della ceramica, del cemento, della plastica, della produzione laterizi, della meccanica pesante, dell’alimentazione, della chimica, etc., potrebbero essere costrette a fermare la produzione, perché non in grado di far fronte all’aumento esponenziale di questi costi fissi.
L’ esplosione dei prezzi – rileva la Cgia – colpisce indistintamente tutte le attività, anche se alcune eccellenze del nostro made in Italy rischiano molto più di altre. Settori che in questo momento stanno dando un contributo fondamentale alla ripresa economica dell’Italia, con livelli di vendite all’estero mai toccati in precedenza. Non sono poche, infatti, le realtà territoriali che dovranno fare i conti con i prossimi aumenti, con il risultato che per molte aziende sarà più conveniente spegnere i macchinari, si spera temporaneamente, che tenere gli impianti accesi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Intitolare lo stadio Olimpico a Paolo Rossi”, la Camera approva l’ordine del giorno
Con il provvedimento si impegna il governo a valutare la possibilità di intestare al campione del mondo 1982 lo stadio di Roma
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
30 dicembre 2021
11:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con 387 voti a favore la Camera dei deputati ha approvato un ordine del giorno con il quale impegna il governo a valutare la possibilità di intestare a Paolo Rossi, campione del mondo 1982, lo stadio Olimpico di Roma.
Lo rende noto il deputato Pierantonio Zanettin (Fi), primo firmatario della proposta.
“Sono commossa, è una notizia che mi rende felice”, è il commento di Federica Cappelletti, moglie di Paolo Rossi.
“Ringrazio l’onorevole Zanettin e anche la sottosegretaria Valentina Vezzali – aggiunge – per l’impegno profuso, spero davvero che inizi un percorso che alla fine porti all’intitolazione a Paolo dello stadio di Roma”.
“In particolare mi fa piacere – aggiunge la vedova di Pablito – che anche la politica si stia muovendo, dopo che l’ha fatto il mondo dello sport e il calcio in particolare. Paolo è un eroe nazionale, che è stato capace di unire 40 anni fa tutta la nazione e lo sta facendo ancora adesso che non c’è più, con tanti tifosi e appassionati con lo ricordano con affetto. Al calcio, italiano e mondiale, Paolo ha dato molto, quindi si tratta di un riconoscimento meritato”.   CALCIO

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Crescono numeri somministrazioni vaccini in Umbria
Nell’ultimo giorno 859 prime dosi e quasi otto mila terze
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
30 dicembre 2021
10:57
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Crescono i numeri delle vaccinazioni per il Covid in Umbria.
Nell’ultimo giorno sono state infatti somministrate 859 prime dosi, uno dei dati più alti degli ultimi giorni secondo quanto riporta il portale della Regione.
Con una copertura pari all’82,19 per cento dei residenti.
Sono state invece 705 le seconde dosi fatte, l’81 per cento dei vaccinabili, mentre sfiorano le otto mila le terze, 7.993, inoculate al 31,74 per cento dei residenti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Studios Cinecittà si ampliano, prima intesa con Cdp
Cassa cede 31 ettari per costruire nuovi teatri di posa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
11:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Intesa preliminare tra Cinecittà e Cassa Depositi e Prestiti per l’espansione degli storici Studios con nuovi teatri di posa.
Un’ area di 31 ettari di superficie, situata in prossimità degli attuali teatri di posa, sarà ceduta dal Gruppo Cdo a Cinecittà.
E’ questo l’obiettivo dell’intesa preliminare firmata da Nicola Maccanico, Amministratore Delegato di Cinecittà, con il Gruppo CDP. L’accordo prevede che al momento del closing la proprietà dello spazio venga trasferita da CDP Immobiliare (società interamente controllata da CDP) a Cinecittà. La finalizzazione del contratto è prevista entro il prossimo ottobre.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Intesa preliminare tra Cinecittà e Cassa Depositi e Prestiti per l’espansione degli storici Studios con nuovi teatri di posa.
Un’area di 31 ettari di superficie, situata in prossimità degli attuali teatri di posa, sarà ceduta dal Gruppo Cdo a Cinecittà.
E’ questo l’obiettivo dell’intesa preliminare firmata da Nicola Maccanico, Amministratore Delegato di Cinecittà, con il Gruppo CDP. L’accordo prevede che al momento del closing la proprietà dello spazio venga trasferita da CDP Immobiliare (società interamente controllata da CDP) a Cinecittà. La finalizzazione del contratto è prevista entro il prossimo ottobre.
Il piano di riqualificazione di Cinecittà prevede la realizzazione di nuovi grandi teatri di posa e di un ampio complesso articolato in numerosi spazi e servizi, tra cui oltre 15 ettari di backlot, ossia una vasta area all’aperto per effettuare le riprese in esterno che permette – viene spiegato in un comunicato – “di colmare un gap con i competitor continentali e dotare gli Studios di una capacità ambientale unica, considerando anche il fattore climatico favorevole del nostro Paese”.
Le opere di ampliamento e innovazione che verranno realizzate una volta finalizzato l’accordo con CDP, vanno ad aggiungersi agli interventi già pianificati dal Piano Industriale Cinecittà 2022-2026 che prevedono la realizzazione di nuovi teatri, set per la Virtual Reality e la Virtual Production e il più grande Ledwall d’Europa, grazie ai quali verrà incrementata in modo significativo la produttività dei set cinematografici. Fattore fondamentale per rilanciare gli Studios e renderli più accoglienti per le grandi produzioni – dai film delle major alle serie tv dei top player – è infatti la disponibilità di teatri di posa più ampi e dotati di strumenti tecnologici avanzati.
In quest’ottica, l’operazione supplementare di acquisizione dei terreni di CDP si pone come fattore funzionale e strategico per portare il brand Cinecittà, uno dei più noti marchi italiani nel mondo, a una capacità attrattiva globale mettendo al centro della strategia industriale dei prossimi anni la sostenibilità ambientale e l’inclusività, la formazione di nuove professionalità e il rafforzamento delle ricadute economiche e di immagine per tutto il settore dell’industria cinematografica. Per CDP l’operazione si inserisce nell’attività di valorizzazione di ex immobili pubblici in base a principi di trasparenza e massimizzazione del valore, come previsto nell’ultimo Piano Strategico di Gruppo.
Il preaccordo tra CDP e Cinecittà annunciato oggi arriva ad appena sei mesi dall’approvazione del Recovery Plan italiano, presentato proprio negli Studi di Cinecittà dal Presidente del Consiglio Mario Draghi alla Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen, e dall’avviamento del Piano Industriale Cinecittà 2022-2026.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Morta Pupetta Maresca, la prima camorrista
Uccise mandante omicidio marito. Su di lei anche fiction
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
30 dicembre 2021
14:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pupetta Maresca, la prima ‘camorrista’, è morta a 86 anni nella sua casa di Castellammare di Stabia.
Quando aveva 20 anni, uccise il mandante dell’omicidio del marito, Pascalone ‘e Nola.
Su di lei – della vicenda riferiscono Il Mattino e Metropolis – fu anche girata una fiction. Era comparsa in un processo l’ultima volta quando tra le prove fu portata una lettera a un imprenditore nella quale chiedeva un posto per il figlio e spiegava di essere stata rovinata dai pentiti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Capodanno: Confcooperative, 1,7 mld spesa per italiani
Più del 2020, meno del 2019.Una famiglia su tre cancella vacanze
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
11:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
«Gli italiani spenderanno 1,7 miliardi per il cenone, 400 milioni meno del 2019, ma 300 più dell’anno scorso”.
Sono le previsioni del Centro studi di Confcooperative, secondo cui 3 famiglie su 5 organizzeranno comunque cenoni in casa con oltre 10 persone, ma 1 su 3 cancella le vacanze per timore del contagio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Atr, quasi 70% prenotazioni hotel cancellate a Milano
‘Gennaio sarà mese licenziamenti’ per associazione albergatori
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
11:05
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le cancellazioni delle prenotazioni negli alberghi nella settimana del Capodanno a Milano hanno toccato una media vicina al 70%: si salvano solo gli hotel con ristorante che possono offrire cenone e pernottamento.
Lo rende noto ATR Milano, l’associazione degli albergatori milanesi in seno a Confesercenti, che punta il dito contro il decreto festività.

“Capiamo la necessità delle ulteriori restrizioni per l’avanzata della variante Omicron – spiega il presidente di ATR, Rocco Salamone – ma punire indistintamente vaccinati e non con la chiusura delle piazze e delle discoteche ci ha portato anche una prevedibile ondata di cancellazioni delle prenotazioni per il Capodanno: è abbastanza logico che togliendo alle persone la possibilità di festeggiare, queste poi preferiscano organizzarsi diversamente”.
“A questo si aggiungono altre problematiche come il rinnovo della CIG, la cassa integrazione in deroga che è arrivata alla scadenza del 31 dicembre con tante promesse ma nessun atto pratico. Se dicembre è stato il mese delle cancellazioni, di questo passo – prevede Salamone – gennaio sarà il mese dei licenziamenti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Carceri: aumentano contagi, a Spezia sezione ad hoc
UilPa, nessun obbligo Green Pass né Ffp2 in luoghi sovraffollati
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
30 dicembre 2021
11:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A causa dell’aumento costante di detenuti positivi nel carcere della Spezia è stato istituito un ‘piano detentivo Covid19′.
Lo rende noto Fabio Pagano, segretario della Uilpa Polizia penitenziaria.

Pagani sottolinea che “a fronte del dilagare dei contagi da Covid-19 nel Paese, come sempre accade, e della consequenziale crescita sostenuta dei casi di positività nelle carceri, luogo chiuso e sovraffollato e nel quale gli assembramenti sono istituzionalizzati, non è previsto Green Pass per utenza e visitatori, niente mascherine Ffp2 obbligatorie, insomma, niente di niente. E’ inaccettabile: la Polizia penitenziaria, per la quale neppure la legge di bilancio che sta per essere definitivamente varata dalla Camera prevede alcunché di significativo e specifico, non può essere considerata carne da macello. Qualcuno ci dovrebbe spiegare – chiede Pagani – perché si impongono le mascherine Ffp2 obbligatorie un po’ ovunque nei luoghi chiusi, ma non nelle carceri dove non è previsto alcun obbligo neanche del green pass ‘semplice'” nonostante cresca il sovraffollamento “raggiungendo punte del 194% a Brescia Canton Mombello, del 187% a Brindisi e del 165% a Busto Arsizio, solo per fornire alcuni dati. A far le spese di tutto questo – conclude Pagani – sono gli appartenenti del corpo di Polizia penitenziaria e gli altri operatori che, se vorranno proteggersi dal contagio , secondo il Governo, dovranno acquistare in proprio le mascherine Ffp2 vanificando gli effetti dei rinnovi contrattuali appena ottenuti e togliendo altro all’esiguo stipendio”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Omicron: Aou Cagliari, altri 5 casi nel Sud Sardegna
Ats chiede di valutare stop a lezioni in presenza sino al 31/1
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
30 dicembre 2021
11:19
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mentre l’Aou di Cagliari scova altri cinque casi di variante Omicron facendo salire a quota 65 il numero dei casi accertati (47 trovati dall’Aou di Sassari sono praticamente certi, ma manca ancora il sequenziamento) cresce la preoccupazione per l’aumento dei casi nel sud dell’Isola.
Solo nelle ultime 24 ore tra la Città metropolitana di Cagliari e il Sud Sardegna i nuovi positivi al Covid sono stati 466 su 771 complessivi registrati in tutta l’Isola.

E la curva in rialzo in queste settimane ha portato il direttore della Struttura Complessa Igiene e Sanità Pubblica Sud Sardegna della Ats Sardegna di valutare l’opportunità di sospendere le attività didattiche in presenza, nelle scuole di ogni ordine e grado, su tutto il territorio di competenza, per l’intero mese di gennaio . Questo perché l’aumento dei casi di Covid-19, in particolare nella variante omicron, è stato riscontrato in ambito scolastico, tanto che diversi Comuni della provincia di Cagliari hanno anticipato le festività natalizie.
Il prefetto di Cagliari Gianfranco Tomao ha raccolto l’appello del dirigente Ats e lo ha inviato alle autorità competenti comprese Regione e ministero dell’istruzione, tramite una lettera. Il documento è però circolato ieri, a tarda sera, sulle diverse chat delle scuole allarmando i genitori che sperano di potere evitare la Dad per l’intero mese prospettato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nel 2021 uccisi 22 missionari, in 20 anni 536
Il numero più elevato in Africa. In elenco anche italiana Munari
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
30 dicembre 2021
11:32
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nel 2021 sono stati uccisi nel mondo 22 missionari: 13 sacerdoti, 1 religioso, 2 religiose, 6 laici.
Riguardo alla ripartizione continentale – secondo i dati raccolti dall’Agenzia Fides – il numero più elevato si registra in Africa, dove sono stati uccisi 11 missionari (7 sacerdoti, 2 religiose, 2 laici); segue l’America, con 7 missionari uccisi (4 sacerdoti, 1 religioso, 2 laici) quindi l’Asia, dove sono stati uccisi 3 missionari (1 sacerdote, 2 laici), e l’Europa, dove è stato ucciso 1 sacerdote.
Dal 2000 al 2020, sempre secondo i dati di Fides, sono stati uccisi nel mondo 536 missionari.
Tra i missionari uccisi nel 2021 c’è Nadia de Munari, missionaria laica italiana, 50 anni, che apparteneva al gruppo di volontari dell’Operazione Mato Grosso operanti in Perù; è morta il 24 aprile 2021 dopo essere stata aggredita con un machete mentre dormiva. E’ di origine italiana, ma nato in Venezuela da genitori emigrati da Montefusco, in provincia di Avellino, anche fratel Luigi Manganiello, 49 anni, religioso dei Fratelli delle Scuole Cristiane; è stato colpito al corpo e alla testa con un oggetto contundente dai ladri che aveva scoperto mentre stavano rubando nei locali della scuola in cui insegnava, nel centro di Barquisimeto (Venezuela).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gli italiani spenderanno 1,7 miliardi per Capodanno
Più del 2020, meno del 2019. Una famiglia su tre cancella le vacanze
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
13:39
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Gli italiani spenderanno 1,7 miliardi per il cenone, 400 milioni meno del 2019, ma 300 più dell’anno scorso”.
Sono le previsioni del Centro studi di Confcooperative, secondo cui 3 famiglie su 5 organizzeranno comunque cenoni in casa con oltre 10 persone, ma 1 su 3 cancella le vacanze per timore del contagio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Putin, ‘convinto’ che ‘dialogo efficace’ con Usa possibile
Afferma il leader in messaggi festivi ai leader mondiali
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA
30 dicembre 2021
11:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente russo Vladimir Putin, che in serata terrà una conversazione telefonica con il presidente statunitense Joe Biden, si è detto “convinto” che sia possibile un “dialogo efficace” tra Mosca e Washington.
“Sono convinto che …
possiamo andare avanti e stabilire un dialogo russo-americano efficace basato sul rispetto reciproco e sulla considerazione degli interessi nazionali reciproci”, ha detto Putin, secondo una lettura del Cremlino dei suoi messaggi festivi ai leader mondiali. La telefonata tra Biden e Putin, la seconda in un mese, è in programma alle 21.30 italiane.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Consiglio comunale vota, ‘è donna ma va chiamata sindaco’
Nel Piacentino respinta mozione, ‘sindaca sembra offensivo’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
30 dicembre 2021
11:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La sindaca di Rottofreno (Piacenza) Paola Galvani dovrà essere chiamata “sindaco”.
Lo ha stabilito, dopo un lungo dibattito e una votazione, il consiglio comunale del paese della pianura Piacentina, al confine con il Pavese, su volontà della stessa prima cittadina.
Non è certo il primo dibattito che riguarda la declinazione femminile dei nomi comuni, ma è probabilmente la prima volta che si esprime un’assemblea istituzionale.
La storia, raccontata dal quotidiano Libertà, è nata da una mozione presentata dalla minoranza di centrosinistra, per la parità di trattamento linguistico e quindi per l’uso del termine ‘sindaca’. Il capogruppo Paolo Bersani ha illustrato i motivi (non ultimi i pregiudizi che stanno alla base della violenza di genere) per cui “è compito delle istituzioni promuovere un cambiamento culturale e adottare un linguaggio non discriminante”.
Ne è seguito un lungo e partecipato dibattito al quale ha partecipato la stessa Galvani. “Il termine sindaca – ha detto – mi sembra quasi dispregiativo, la cultura non si fa con le declinazioni. Per la prima volta i cittadini di Rottofreno hanno dimostrato grande apertura votando una donna e io sarò valutata per il mio operato e non per come sarò chiamata”.
La mozione per declinare al femminile le cariche su gli atti e sui documenti ufficiali è stata così respinta.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
C.Conti: canoni marittimi inefficienti, rivedere riscossione
Da canoni marittimi media 101,7 mln, meno previsto
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
11:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Una gestione delle concessioni demaniali marittime frammentata, anche nelle responsabilità, che provoca un flusso non efficiente di entrate dei canoni per lo Stato.
E’ il richiamo della Corte dei Conti contenuto nella l’analisi sulla “Gestione delle entrate derivanti dai beni demaniali marittimi”, condotta dalla Sezione centrale di controllo delle amministrazioni dello Stato.
Nella delibera i magistrati contabili chiedono il riordino e la semplificazione delle procedure di riscossione ma anche la revisione del sistema delle concessioni, vista anche la procedura di infrazione avviata dalla Commissione Ue sulla Direttiva Bolkestein.
Tra il 2016 e il 2020 la media dei versamenti totali riguardanti le concessioni dei beni demaniali marittimi a uso turistico è stata pari a 101,7 milioni, inferiore alla media delle previsioni definitive di competenza, pari a 111 milioni di euro.
Nel maggio 2021 le concessioni dei beni demaniali marittimi a uso turistico risultano pari a 12.166, in aumento del 12,5% rispetto a quanto rilevato nel corso del 2018.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mise:Giorgetti, 609 milioni per digitalizzazione imprese
Ministro firma decreto, obiettivo ridurre il digital divide
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
11:06
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il ministero dello Sviluppo economico ha destinato 609 milioni di euro alla digitalizzazione del tessuto produttivo del Paese.
E’ quanto prevede il decreto attuativo del “Piano voucher per le imprese” firmato dal ministro Giancarlo Giorgetti .”Mettiamo in campo importanti risorse per supportare la digitalizzazione delle imprese – spiega il ministro in una nota – in modo da ridurre il digital divide del sistema produttivo su tutto il territorio nazionale”.

La platea del provvedimento previsto nell’ambito della Strategia italiana per la banda ultralarga, a seconda della tipologia e dell’importo del voucher che verrà richiesto – spiega la nota del Mise – potrà variare da un minimo di 850.000 a un massimo di 1.400.000 imprese beneficiarie.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In Toscana 15.830 casi Covid, oltre raddoppio in un giorno
Tasso di positività al 22,69% su quasi 70.000 test
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
30 dicembre 2021
11:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I nuovi casi di Covid registrati in Toscana nelle ultime 24 ore sono 15.830 su 69.759 test di cui 25.126 tamponi molecolari e 44.633 test rapidi.
Il tasso di positività è 22,69% (69,6% sulle prime diagnosi).
7.351 nuovi positivi provengono dai test rapidi antigenici. Lo rende noto il governatore Eugenio Giani. Rispetto a ieri, che già si era toccato un nuovo record, i contagi sono più che raddoppiati: erano 7.304, già un numero più che triplicato rispetto a una settimana fa. Oggi effettuati comunque quasi diecimila tamponi in più: 56.064 i precedenti, con un tasso di positivi del 13,03% (50,4% sulle prime diagnosi).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Legalità: nuovi fondi per ricordare trentennale stragi ’92
Approvato Odg a legge bilancio proposta da deputata Alaimo (M5s)
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
30 dicembre 2021
12:14
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovi fondi per ricordare e celebrare i giudici Falcone e Borsellino a 30 anni dalle stragi di Capaci e via D’Amelio.
Lo stabilisce l’Ordine del Giorno alla legge di bilancio approvato alla Camera dei deputati che impegna il Governo “ad assumere ogni iniziativa utile per commemorare il sacrificio dei magistrati Falcone e Borsellino e così ricordare l’impegno e lo sforzo quotidianamente profuso dallo Stato, nonché diffondere il senso civico della lotta alla criminalità organizzata verso i più giovani coinvolgendoli in prima persona, in particolare nei territori protagonisti di tali tragici eventi”.

L’Odg è stato proposto dalla deputata M5S Roberta Alaimo e sottoscritto da molti parlamentari, tra cui i siciliani Valentina D’Orso, Andrea Giarrizzo, Carmelo Miceli, Aldo Penna, Adriano Varrica, Davide Aiello, Vittoria Casa e Giuseppe Chiazzese. “Si tratta di un progetto che stiamo portando avanti, tramite ‘Giovani, rilancio e sviluppo’ – dicono Alaimo e Giarrizzo – insieme alla consigliera di Palermo Daniela Tumbarello, membro del comitato tecnico dell’Agenzia Nazionale Giovani, e soprattutto con la Ministra per le Politiche Giovanili Fabiana Dadone, che ringraziamo per la sensibilità e la disponibilità”.
“I giovani – dichiara la consigliera palermitana Daniela Tumbarello – hanno contribuito in questi trent’anni a portare avanti un cambio culturale decisivo per contrastare le mafie.
Bisogna proseguire su questa strada, perché la memoria venga celebrata anche dalle nuove generazioni che non hanno vissuto le drammatiche stragi di Palermo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Lazio, oggi obiettivo 2 milioni dosi booster
D’Amato, sold out vaccinazioni in notturna di stanotte
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
30 dicembre 2021
12:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Nella giornata di oggi raggiungiamo la quota dei 2 milioni di dosi booster, obiettivo raggiunto con un anticipo di 24 ore”.Così l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

“Sta avendo un grande successo anche l’avvio delle vaccinazioni in notturna, sono oltre 6 mila le prenotazioni effettuate – aggiunge -.
Per quelle previste questa notte, nei cinque hub in notturna, è praticamente un sold out, rimangono alcune disponibilità al Palasport di Tivoli, mentre per la giornata di domani sono ancora disponibili alcuni posti. Per tanto invito a prenotarsi per utilizzare al meglio questa possibilità. Desidero ringraziare il personale sanitario che con grande professionalità e spirito di abnegazione lavorerà anche a Capodanno. Per questo sarò presente con loro negli hub vaccinali l’ultimo dell’anno e il primo sarò presente alle vaccinazioni di Cisterna di Latina”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Saluta pg De Francisci, ha riaperto le indagini sul 2 agosto
‘Al primo posto i reati contro le donne e la mafia’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
30 dicembre 2021
12:17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Va in pensione Ignazio De Francisci, procuratore generale di Bologna.
In magistratura dal 1977, ha fatto parte dello storico pool antimafia con Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e poi della Dda di Palermo.
A Bologna da cinque anni e mezzo, ha firmato l’avocazione delle indagini sulla Strage del 2 agosto 1980 che hanno portato alla nuova inchiesta sui mandanti dell’attentato e al processo attualmente in corso a Paolo Bellini, accusato di essere un altro esecutore materiale.
“E’ stato un atto opportuno, non facile e finora non si è dimostrata una scelta sballata, abbiamo avuto un minimo di soddisfazione: non siamo andati alla ricerca di fantasmi e di teoremi”, ha detto De Francisci, salutando i giornalisti. Tra le soddisfazioni del suo mandato, “c’è quella, attribuibile a tutto il mio ufficio, di aver fatto comprimere i tempi in appello per i reati sessuali. Abbiamo chiesto alla Corte di accelerare i tempi. Per me bisogna fare delle scelte e i reati che riguardano la violenza sulle donne devono essere al primo posto, insieme a quelli di mafia”.
De Francisci lascia un ufficio dimezzato: oltre a lui va in pensione anche l’avvocato generale, Alberto Candi e i sostituti da 11 in organico resteranno 5, guidati dalla procuratrice generale reggente Lucia Musti. “Mi auguro – ha detto De Francisci – che chi ha la competenza per provvedere provveda.
Non può rimanere scoperta una sede come Bologna, che ha la competenza su tutta l’Emilia-Romagna, insieme alla Lombardia cuore pulsante d’Italia”. Con così poco organico “si rischia, nei prossimi mesi, che non ci siano abbastanza sostituti pg da mandare alle udienze”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, De Luca: ‘Dal Governo misure inadeguate’
Governatore campano: ‘Confusione indescrivibile e incontrollabile’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
30 dicembre 2021
12:21
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Al di là delle misure relative a tamponi e tempi di quarantena che prendono atto della realtà di fatto, le misure del Governo per l’emergenza Covid appaiono del tutto insufficienti.
Si prosegue sulla linea delle mezze misure e del tempo perso, e contemporaneamente, di una confusione indescrivibile, ingestibile e incontrollabile”.
Così il governatore Vincenzo De Luca boccia le ultime misure adottate dal Governo per contenere la pandemia da Covid ’19. Nel merito De Luca spiega la sua posizione critica in tre punti: “Primo: dopo un analogo atteggiamento a fine novembre, anche oggi si decide di rendere esecutivi i provvedimenti fra 15 giorni. E’ proprio inevitabile questa irresponsabile perdita di tempo? Secondo: dal punto di vista della Campania – la regione a più alta densità abitativa e perciò a più alto rischio – non si riscontrano decisioni utili e ragionevoli per frenare il contagio, senza penalizzare né i vaccinati né l’economia. E’ indispensabile decidere subito l’obbligatorietà della vaccinazione o, comunque, un lockdown per i No-Vax lungo, serio e controllato. Terzo: é vero che l’enorme crescita dei positivi non si traduce automaticamente in ricoveri ospedalieri. Ma c’è un punto limite oltre il quale la quantità di contagi può portare al collasso degli ospedali. Già registriamo questa tendenza, soprattutto perché il personale a disposizione è inferiore a quello di un anno fa. Ricordo, inoltre, che un anno fa, per fronteggiare l’emergenza si decisero chiusure drammatiche di reparti ordinari. E’ questa la prospettiva che dobbiamo scongiurare oggi”
Toti: ‘Serviva il super pass al lavoro, esecutivo timido’ – Il presidente della Liguria, Giovanni Toti, è insoddisfatto dalla scelta del governo di non estendere il super Green pass agli uffici. “Il governo ci ha ascoltato sulla quarantena accorciata per non bloccare il Paese – dichiara in un’intervista al ‘Corriere della Sera’ – resta una timidezza sull’estensione del Green pass rafforzato ad altre categorie, come il mondo del lavoro pubblico e privato, che non comprendo”. Sulla resistenza dei ministri leghisti, Toti afferma che “la Lega nella Conferenza delle Regioni era sulle nostre stesse posizioni. Fedriga che la presiede era per allargare l’area del Green pass rafforzato. Così Zaia”. Il vaccino deve diventare per il presidente della Liguria “il gold standard per lavorare e avere una vita normale”. Il governatore è per l’obbligo vaccinale. “Non è più il momento del tampone, è il momento del vaccino”, perché “il sistema non è in grado di reggere un milione di tamponi al giorno”.
Boccia: ‘Obbligo vaccinale non piu’ rinviabile’ – “L’obbligo vaccinale, come ha ribadito oggi il Segretario Letta, non è più rinviabile. L’Europa è in preda alla variante Omicron, in Italia abbiamo 100 mila contagi al giorno, le reti sanitarie reggono grazie al lavoro eccezionale degli operatori sanitari, ma continuano a riempirsi di non vaccinati. Il Partito Democratico, da sempre per la linea del rigore sanitario, chiede una discussione seria in Italia e in Europa sull’obbligo vaccinale e una decisione urgente. La destra dimostri per una volta di privilegiare la difesa del diritto universale alla salute rispetto alla propaganda politica che ha trasformato Lega e FDI in riferimento per no vax e no green pass”. Così Francesco Boccia, ex Ministro per gli Affari regionali e responsabile Regioni e Enti locali della Segreteria nazionale, alla Camera per il voto sulla legge di bilancio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In Umbria otto ricoverati Covid in più, intensive stabili
Rallenta incremento positivi, stabile tasso positività test
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
30 dicembre 2021
12:21
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Salgono a 130 i ricoverati Covid in Umbria, otto in più rispetto a mercoledì mentre restano otto i posti occupati nelle terapie intensive e non si registrano altri morti.
E’ il quadro che emerge dai dati sul sito della Regione.

Nell’ultimo giorno sono emersi 3.328 nuovi positivi, più 5 per cento nelle 24 ore e quindi nuovo record assoluto, scaturiti dall’analisi di 6.280 tamponi e 17.637 test antigenici, con un tasso di positività sul totale pari al 13,9 per cento (era 13,67 il giorno precedente).
I guariti sono 287 e gli attualmente positivi salgono a 17.052, più 3.041.
Crescono del 22 per cento le persone in isolamento contumaciale, ora 16.922.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Occhiuto, ieri Calabria prima regione in Italia
Rispetto ai target Figluolo, somministrate 24 mila dosi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
30 dicembre 2021
12:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ieri la Calabria è stata la regione che, rispetto ai target di Figliuolo, ha vaccinato di più in Italia”.
Lo scrive su Twitter Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria.

“Nelle ultime 24 ore – aggiunge Occhiuto – sono state somministrate quasi 24 mila dosi. Il 50% in più rispetto alle 15.645 inoculazioni fissate come obiettivo dalla struttura commissariale nazionale”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: nessun decesso ma 661 nuovi casi in Alto Adige
17 pazienti in terapia intensiva
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
30 dicembre 2021
12:24
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’Alto Adige non registra nessun decesso di un paziente covid ma 661 nuovi casi.
Sono risultati positivi 175 di 1.757 tamponi pcr e 486 di 11.634 test antigenici.

I pazienti nei normali reparti ospedalieri sono 81, mentre quelli in terapia intensiva 17. Nelle cliniche private si trovano 55 pazienti covid. I guariti sono 516 e gli altoatesini in quarantena 7.328.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Più sicurezza e stop mala movida, a Cagliari il Daspo urbano
Nuovo regolamento, individuate 24 zone a rischio in città
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
30 dicembre 2021
12:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scuole, università, musei, aree e parchi archeologici, complessi monumentali o altri istituti e luoghi di cultura comunque interessati da consistenti flussi turistici.
Il nuovo regolamento di polizia e di sicurezza urbana per ventiquattro aree di Cagliari prevede il Daspo come per gli stadi: sanzione in caso di violazione delle norme, allontanamento e divieto di tornare sul “luogo del delitto”.
È una delle misure previste dal nuovo documento approvato in Giunta e presto al vaglio di commissioni comunali e assemblea civica.
“Un provvedimento urgente e necessario – ha detto in conferenza stampa il sindaco Paolo Truzzu – visto che l’ultimo regolamento risale al 1931”. Tra gli articoli anche quello relativo al divieto di bivacco e accattonaggio. Con un appello del sindaco ai cittadini: “Capisco il buon cuore, ma non fate più l’elemosina. Tutte le situazioni di disagio sono monitorate dal Comune. Chi sta in strada rifiuta un tetto o il nostro aiuto. L’elemosina paradossalmente – ha chiarito Truzzu – non aiuta chi vive queste situazioni ad uscire dallo stato di disagio in cui si trova”.
I controlli saranno più stringenti grazie all’arrivo di altri sessanta agenti della polizia municipale. Tra i divieti quello di consumare bevande lontano dai luoghi di somministrazione dati in concessione ai locali: una mossa contro la mala movida di solito combattuta a suon di ordinanze. Regolamento duro anche con i parcheggiatori abusivi che sollecitano il pagamento di un dazio per i posteggi. Sotto tutela, poi, il litorale del Poetto con il no alla plastica mono uso e alle sigarette.
“Si tratta di divieti che tutelano la fruibilità della città da parte dei cagliaritani”, ha sottolineato il sindaco.
Soddisfatto il comandante della polizia locale Guido Calzia: “E’ un regolamento che ci consentirá di lavorare meglio, snello, per i piccoli e grandi problemi di Cagliari. Non si poteva rimanere fermi a 90 anni fa”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Puglia 6 morti e 4.200 nuovi casi, 4,5% dei test
Nuovo record assoluto contagi, in netto aumento ricoveri
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
30 dicembre 2021
12:41
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Su 93.009 test eseguiti in Puglia sono 4.200 le persone risultate positive al Covid nelle ultime 24 ore, nuovo record assoluto di contagi in un giorno, con un tasso di positività del 4,5%, in aumento rispetto al 3,9% di ieri.
Si registrano, inoltre, sei decessi.
Sono 19.740 le persone attualmente positive, 241 quelle ricoverate in area non critica (38 in più di ieri), 30 in terapia intensiva (6 in più di ieri). Questa la suddivisione dei nuovi contagi per provincia: nel Barese 1.251, nella Bat 534, nel Brindisino 514, nel Foggiano 469, in provincia di Lecce 1.003, nel Tarantino 311, 103 sono residenti fuori regione e altri 15 di provincia in definizione. Complessivamente, dall’inizio della pandemia, sono 303.350 i pugliesi contagiati dal Covid e 6.968 i decessi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Germania classifica Italia zona ad alto rischio per il Covid
Inserite nella lista anche San Marino, Malta e il Canada
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
16:32
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il governo tedesco inserisce l’Italia, il Canada, Malta e San Marino nella lista delle zone ad alto rischio Covid a partire da sabato, seguendo le indicazioni del Robert Koch Institut.
Lo riporta Dpa.
Chi entra in Germania da una zona ad alto rischio e non è completamente vaccinato deve fare una quarantena obbligatoria di dieci giorni da cui può uscire a partire dal quinto giorno con un test negativo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Morte Burzi: folla ai funerali, in chiesa gonfalone Regione
A Torino le esequie celebrate dal parroco di San Filippo Neri
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
30 dicembre 2021
13:08
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con un saluto sul sagrato di padre Simone, parroco della Chiesa di San Filippo Neri, sono iniziati nel centro di Torino i funerali di Angelo Burzi, 73 anni, tra i fondatore di Forza Italia in Piemonte, morto suicida la notte di Natale.
Accanto alla moglie Giovanna e ai figli, sono tanti gli esponenti politici presenti, tra cui il governatore Alberto Cirio e l’ex governatore Roberto Cota.
In Chiesa anche il gonfalone della Regione di cui Burzi è stato a lungo consigliere regionale e assessore.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Morte Burzi: folla ai funerali, in chiesa gonfalone Regione
A Torino le esequie celebrate dal parroco di San Filippo Neri
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
30 dicembre 2021
13:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con un saluto sul sagrato di padre Simone, parroco della Chiesa di San Filippo Neri, sono iniziati nel centro di Torino i funerali di Angelo Burzi, 73 anni, tra i fondatore di Forza Italia in Piemonte, morto suicida la notte di Natale.
Accanto alla moglie Giovanna e ai figli, sono tanti gli esponenti politici presenti, tra cui il governatore Alberto Cirio e l’ex governatore Roberto Cota.
In Chiesa anche il gonfalone della Regione di cui Burzi è stato a lungo consigliere regionale e assessore.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: prosegue boom contagi nelle Marche, +1.814 in 24 ore
327 soggetti con sintomi, approfondimento epidemiologico per 614
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
30 dicembre 2021
13:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Prosegue e aumenta l’ondata dei contagi nelle Marche che ne registrano 1.814 in una giornata, dopo il picco di ieri di oltre 1.700 nuovi casi, facendo salire l’indice dell’incidenza a 486,61 (ieri 423,80) su 100mila abitanti, secondo i dati dell’Osservatorio Epidemiologico regionale.
Record anche per i tamponi analizzati: 15.916 in totale.
I nuovi casi rappresentano una positività del 16,2% su 11.169 tamponi del percorso diagnostico screening. Ci sono poi 6.879 test del percorso antigenico screening (con 1.432 positivi da sottoporre a tampone molecolare). Sono 614 i casi in fase di approfondimento epidemiologico, 327 i soggetti sintomatici. La provincia di Ancona resta quella con il maggior numero di casi, 463, seguita da Macerata con 317, Fermo con 307, Ascoli Piceno con 280, Pesaro Urbino con 275, e 172 casi fuori regione.
Contagi più diffusi nella fascia di età 25-44 anni con 628 casi, seguita da quella 45-59 con 369, ci sono poi 211 casi tra 19-24enni, 149 casi tra 60-69enni. Sono 330 i casi nelle varie fasce di età da zero a 18 anni, di cui 130 in quella 6-10 anni.
Dei 1.814 nuovi casi, 614 sono contatti domestici, 404 contatti stretti di casi positivi, 24 contatti in ambiente di vitta/socialità, 12 in setting lavorativo, 1 rispettivamente per contatti in setting assistenziale e screening sanitario e 11 casi extra regione. Sempre secondo i dati dell’Osservatorio Epidemiologico Regionale il 74 dei pazienti in terapia intensiva non è vaccinato, il 26% ha ricevuto 2o 3 dosi di vaccino.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scala: annullata la tournée di gennaio della Filarmonica
Per l’emergenza sanitaria
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
30 dicembre 2021
13:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A causa della situazione dei contagi da Coronavirus a livello europeo, la Filarmonica della Scala ha annullato la tournée europea con Riccardo Chailly prevista per fine gennaio.

Il tour prevedeva tappe il 25 gennaio ad Alicante, il 26 a Madrid, il 27 a Barcelona, con conclusione il 28 e 29 alla Philharmonie di Parigi.

Negli stessi giorni i musicisti dell’orchestra scaligera saranno comunque impegnati nella Bayadère, il balletto di cui sono state cancellate le dati causa contagi fra i danzatori da oggi al 13 gennaio e riprogrammate proprio dal 25 al 29.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Morto in carcere, la famiglia ‘non deve più succedere’
Legali si oppongono ad archiviazione, si deve andare avanti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
30 dicembre 2021
13:19
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Antonio ha scritto molte lettere in cui chiedeva aiuto.
Negli ultimi colloqui mi diceva ‘portami a casa, non ce la faccio più, qui non mi aiutano, mi fanno morire qui dentro’.
Vogliamo che venga fuori la verità, perché cose del genere non capitino più a nessuno”. A parlare è Mario Raddi, il padre del giovane che il 30 dicembre di 2 anni fa morì in seguito a un’infezione dopo aver perso 25 chili mentre era in carcere a Torino.
Con accanto la moglie, la figlia, l’avvocato Gianluca Vitale e la Garante dei detenuti della Città, Monica Gallo, il padre di Antonio Raddi è tornato a raccontare la storia del figlio e a chiedere giustizia dopo che la procura ha chiesto l’archiviazione del caso della morte del ragazzo. “Testimoni ce ne sono tanti e l’omertà in questi casi dovrebbe essere messa da parte – dice -, le persone dovrebbero dire come sono andate le cose e quello che hanno visto invece che raccontare falsità, perché non è vero che abbia rifiutato le cure o che non mangiasse per poter uscire dal carcere”. Per mesi anche la Garante aveva segnalato la vicenda “e oggi mi chiedo ancora – sottolinea – quali delle autorità a cui io ho inviato mail per mesi e mesi siano andati davvero a vedere quel ragazzo negli occhi, a vedere come stava”.
Per l’avvocato Vitale “il giorno che Antonio è morto è stato certificato il fallimento dell’istituzione carceraria. Crediamo che la giustizia non debba ammettere anche il proprio fallimento, non possiamo accettare che si dica queste cose possono accadere. Per questo – aggiunge – la famiglia vuole andare avanti e ha proposto opposizione all’archiviazione”.
Ora verrà dunque fissata un’udienza davanti al Gip che dovrà decidere se disporre nuove indagini o accogliere richiesta della procura e archiviare. “Noi crediamo si debba andare avanti – conclude l’avvocato -, che debba esserci un processo pubblico e capire cosa è successo davvero e se ci sono state delle mancanze, perché non succeda mai più”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cinema in profondo rosso nel 2021, 170 milioni di incasso
Spiderman top e segnali resilienza ma con Covid -71% 2017-2019
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
31 dicembre 2021
09:10
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Da una parte il dato boom di Spider-Man: No Way Home, che fa le file fuori e oltre 19 milioni di incasso in appena 15 giorni, dall’altra le sale chiuse o riaperte per pochi nonostante ogni precauzione per la sicurezza: il cinema è vivo ma per ora almeno in sala è piuttosto svenuto.

I dati degli incassi natalizi sono ancora parziali, in genere il bilancio è dopo il 6 gennaio, ma non ci vuole Nostradamus per ipotizzarli a picco nel periodo dell’anno in cui storicamente anche i più recalcitranti si concedono l’intrattenimento di svago in poltrone comode al buio come regalo sotto l’albero.

Il Covid e le paure che si porta dietro, più o meno consapevoli, più o meno giustificate (gli esercenti sottolineano lo stato di messa in sicurezza delle strutture), fanno chiudere il 2021 in profondo rosso e quello che doveva essere l’anno della ripartenza è diventato il bis dell’annus horribilis del 2020 anzi persino peggio. Il Cinetel, che monitora il 94% delle sale italiane, ha diffuso oggi i dati dell’anno e c’è poco da stare allegri pur sforzandoci di leggerli senza enfasi. Avverte il presidente della società di Anica e Anec, Davide Novelli: “La misurazione dei risultati di un settore durante una fase così complicata, specialmente in un comparto come quello cinematografico tra i più colpiti dallo scenario pandemico, richiede molta attenzione nell’interpretazione dei dati: sono numeri che segnalano la gravità e lo stress economico e sociale subito dalle sale e dalle distribuzioni cinematografiche, ma che al tempo stesso sottolineano la vitalità e la capacità di reagire dell’intera filiera”.
Al cinema si entra con il Super Green Pass e si guarda il film con la mascherina Ffp2 (per ora capienza al 100%) ma è indubbio che il mercato è fortemente condizionato dall’emergenza sanitaria e non da questi giorni: le sale sono state chiuse per 4 mesi da inizio gennaio a fine aprile, poi la voglia di uscire e l’estate hanno fatto slittare il vero rientro autunnale freddato dal nuovo aggravarsi del Covid. Morale: in Italia nel 2021 i cinema hanno registrato un incasso complessivo di circa 170 milioni di euro per un numero di presenze pari a 25 milioni di biglietti venduti. E’ un risultato leggermente inferiore a quello del 2020 (-7% incassi e -11% presenze) che aveva tuttavia beneficiato di uno dei migliori avvii di sempre in condizioni di mercato pre-pandemiche. Se si guarda all’epoca prepandemica poi è l’impatto è fragoroso: c’è un decremento del 71% degli incassi e del 73% delle presenze rispetto alla media del triennio 2017-2018-2019. Una cifra spaventosa che se ridotta a considerare correttamente solo i dati sul periodo maggio-dicembre, i mesi in cui le sale cinematografiche sono state riaperte, si alleggerisce un po’, attestandosi sul circa 51% e 53% in meno rispetto alla media del periodo 2017-2018-2019 . E’ opportuno ricordare, segnala Cinetel, che nel 2020 le sale sono state chiuse da fine ottobre in poi e quindi non è stato possibile considerare questo anno nella media). Vedere il bicchiere mezzo pieno è durissima, si può solo ricordare in quali condizioni di resilienza il cinema è andato avanti: hanno riaperto solo a partire dal 26 aprile, in un contesto di sostanziali restrizioni all’accesso come il “coprifuoco” e il distanziamento in sala, sino all’introduzione del “green pass” ad agosto, del “super green pass” e delle ulteriori norme introdotte a ridosso delle festività natalizie.
Il successo di Spider-Man consente un sussulto adrenalinico: la speranza come si dice è l’ultima a morire. Se poi il 2021 abbia dato un ulteriore colpo psicologico a spettatori affamati di cinema divanati ormai da due anni nel binge watching dello streaming di piattaforma si capirà, ma certo che l’incognita è grande, fin quando poi le regole sulle finestre tra sala e piattaforma, come chiesto dal settore, saranno chiare, rigide e distanziate.
Segnali positivi per l’esercizio? Il trend di crescita mese su mese , rispetto al triennio 2017-2018-2019, che dall’iniziale -87% ha portato il mercato a recuperare e a ridurre la differenza con percentuali inferiori al 40% tra ottobre e novembre, fino al fine settimana antecedente al Natale che, pur in negativo, ha segnato la migliore differenza (-10,7%) rispetto allo stesso periodo del 2019.
Per amore di classifica: al top del box office “Spider-Man: No Way Home” (oltre 19 milioni di euro d’incasso), “Eternals” (8.4 milioni) e “No Time To Die” (8 milioni). I tre film italiani che hanno incassato di più sono invece “Me contro Te – il mistero della scuola incantata” (5 milioni), “Come un gatto in tangenziale – ritorno a Coccia di Morto” (3.2 milioni) e “Freaks Out” (2.6 milioni).
Per quanto riguarda le produzioni italiane, incluse le co-produzioni, si evidenzia un incasso di oltre 36 milioni ed una quota sul totale di oltre il 21% in linea con la media del triennio 2017-2019.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Manovra: via libera della Camera con 355 sì. E’ legge
I voti contrari sono stati 45
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
13:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Via libera definitivo da parte della Camera alla Manovra con 355 favorevoli, 45 contrari.
Il provvedimento è legge.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Beni culturali e Carabinieri Tpc, 201 pezzi a casa da Usa
Da Pithos-Getty a cratere Python
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
13:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
C’è il panciuto grande Pithos etrusco del VII sec a.C in arrivo dal Getty, con Polifemo contorto di dolore mentre Ulisse lo acceca.
Il cratere a campana pestano su cui Python, ceramografo in gran voga nella Magna Grecia, ha impresso per sempre Dioniso con un satiro.
E poi l’hydria attica a figure nere con Herakles che combatte il leone Nemeo, tra Atena, Hermes e Iolao. In tutto, 201 pezzi pregiatissimi e unici che nell’arco degli ultimi decenni erano finiti negli Stati Uniti, smerciati da grandi trafficanti internazionali e acquisiti, a volte dopo vari passaggi di mano, da musei, case d’asta, gallerie antiquarie e collezionisti privati. Ma che il 15 dicembre a New York sono stati restituiti all’Italia dal Procuratore Distrettuale di Manhattan, Cyrus Vance, e che oggi sono finalmente tornati a casa, grazie ai Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, che su quei reperti hanno indagato per anni insieme ai colleghi di Fbi e Hsi. Un “bottino” il cui valore, racconta il Comandante Carabinieri Tpc, generale Roberto Riccardi, insieme al Ministro della cultura Dario Franceschini, “può essere stimato intorno ai 10 milioni di euro”, tra opere d’arte e oggetti di uso comune risalenti alla civiltà romana, etrusca, magnogreca e appula, la cui datazione si colloca fra l’VIII secolo a.C. e il I secolo d.C. “Un recupero straordinario di capolavori assoluti – commenta il ministro Franceschini – Il loro valore, però, non è soltanto economico ma identitario e culturale e sarà ancora più evidente appena riporteremo tutte le opere nei musei dei territori da cui provengono”. Di questi, 40 resteranno ancora per un po’ negli Usa, in mostra fino a marzo al Consolato Generale d’Italia a New York e l’Istituto Italiano di cultura. L’operazione arriva poi a conclusione di un 2021 che ha fatto registrare il recupero di 23.363 beni archeologici e paleontologici e di 1.693 opere false sequestrate.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Manovra: M5s, sì a odg con tetto 240.000 a manager pubblici
Limite abolito nel maxiemendamento approvato al Senato
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
13:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Con il nostro ordine del giorno accolto alla legge di Bilancio, il Movimento 5 Stelle chiede al governo di reintrodurre il tetto massimo dei 240.000 euro annui per gli stipendi dei dirigenti pubblici, di fatto abolito con una disposizione inserita nel maxiemendamento del governo approvato al Senato”.
Lo afferma la deputata Baldino, capogruppo del M5s in commissione Affari Costituzionali alla Camera, prima firmataria dell’ordine del giorno che “impegna il Governo a valutare l’opportunità di reintrodurre il tetto massimo dei 240.000 euro annui per gli stipendi dei dirigenti pubblici”, a cui il governo ha dato parere favorevole.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Manovra:FdI,lettera a Mattarella per denunciare maggioranza
Quello che è accaduto è scandaloso, Parlamento non ha discusso
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
14:08
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Fratelli d’Italia invierà una lettera a Sergio Mattarella, come garante della Costituzione, per denunciare la condotta della maggioranza per quello che è accaduto: abbiamo una manovra che sarà approvata senza che il Parlamento abbia potuto discuterla”.
Così il capogruppo di FdI alla Camera, Francesco Lollobrigida, al termine del flash mob organizzato dai deputati Fdi davanti Montecitorio, mostrando uno striscione con su scritto: “Maggioranza frantumata finanziaria sgangherata”.

“Quello che è accaduto – prosegue Lollobrigida – è scandaloso”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Manovra: Crippa, scostamento per nuovi ristori, ok a odg
La richiesta del Movimento 5 Stelle
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
14:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il governo valuterà la possibilità di uno scostamento di bilancio per erogare nuovi ristori alle categorie produttive, ai lavoratori e alle lavoratrici in difficoltà a causa delle misure di contrasto al Covid.
Lo prevede un nostro ordine del giorno approvato questa mattina in sede di votazione della legge di bilancio”.
Lo dichiara Davide Crippa, capogruppo del Movimento cinque stelle alla Camera dei deputati.
“Purtroppo – prosegue – a causa dell’andamento della pandemia nel nostro Paese e delle conseguenti necessarie misure di contenimento, le evoluzioni del quadro macroeconomico potrebbero essere più negative di quanto previsto”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La mappa europea sul Covid, tutta Italia in rosso o rosso scuro
Anche Sardegna, Molise e Puglia non sono più in giallo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
14:19
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tutta Italia in rosso o rosso scuro: è la fotografia sull’andamento dei contagi scattata dalla mappa aggiornata del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc).
Anche le tre regioni rimaste in giallo la settimana scorsa (Sardegna, Molise e Puglia) passano in rosso, come la Sicilia, la Calabria, Abruzzo e Basilicata.
Le altre sono in rosso scuro.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Quirinale: Ceccanti, oggi in 400 su 630 per omicron. A gennaio?
Timore per le assenze da contagio in vista del voto per il Colle
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
14:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“400 deputati su 630 presenti per il voto sulla legge di Bilancio anche a causa della variante Omicron.
Qualcuno che può decidere sta pensando a come eleggere il Presidente in modo regolare e razionale?”.
Lo scrive su Twitter il deputato Pd e costituzionalista, Stefano Ceccanti, che nei giorni scorso ha proposto il voto da remoto per l’elezione del Presidente della Repubblica.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mattarella ha firmato il decreto legge Milleproroghe
A breve in Gazzetta, esame partirà dalla Camera
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
14:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il decreto legge Milleproroghe.
Il provvedimento sarà a breve pubblicato in Gazzetta ufficiale e sarà assegnato all’esame delle commissioni Affari costituzionali e Bilancio della Camera.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Si scia a Campo Imperatore, anche 2 ore in fila per funivia
Tanti i turisti arrivati sul Gran Sasso pieno di neve
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
14:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Campo Imperatore presa d’assalto durante le festività da sciatori e turisti, provenienti da fuori Abruzzo, molti da Roma: nella stazione invernale del versante aquilano del Gran Sasso d’Italia, con i suoi 2.912 metri montagna più alta degli Appennini, negli ultimi giorni si registrano migliaia di presenze a Fonte Cerreto, località base della funivia.
Stesse scene sugli impianti di risalita.
Secondo testimonianze di turisti, oggi sono circa tremila gli sciatori saliti in quota, ieri circa 1.300. Per salire con la funivia l’attesa è anche di due ore messo.
“E’ una situazione anomala per Campo Imperatore – commentano ancora gli sciatori – di solito non affollatissima, scelta da migliaia di persone perché è l’unica in Appennino che ha neve in abbondanza. Si scia benissimo e il tempo è splendido”. Anche le altre due stazioni montane di Ovindoli e Campo Felice sono affollate; in particolare molti sono arrivati nelle seconde case per trascorrervi il Capodanno. Sugli impianti di queste due località montane, però, la neve è meno copiosa.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Milleproroghe: da Mef a Polizia, più tempo per assunzioni Pa
Mattarella ha firmato il decreto legge, a breve in Gazzetta Ufficiale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
14:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il decreto legge Milleproroghe.
Il provvedimento sarà a breve pubblicato in Gazzetta ufficiale e sarà assegnato all’esame delle commissioni Affari costituzionali e Bilancio della Camera.
Più tempo per le assunzioni nella Pubblica amministrazione e per i concorsi pubblici nei ministeri.
Il decreto Milleproroghe dà alla P.A un anno in più, fino al 31 dicembre 2022, per procedere alle assunzioni in base alle risorse già stanziate. Stesso discorso anche per Vigili del fuoco, Forze di Polizia e Agenzie fiscali. Un anno in più anche per i concorsi di Mef e Mise, mentre per quelli in Forze Armate, Polizia, Vigili del Fuoco e per il personale penitenziario ci sarà tempo fino al 31 marzo 2022. Proroghe anche per le carriere prefettizie, per l’Avvocatura dello Stato, per i concorsi del Miur e del ministero dell’Istruzione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Veneto, più di 10mila contagiati in un giorno
Il totale dei malati da inizio pandemia si attesta a 636.695.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
30 dicembre 2021
15:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I contagi da Covid segnano un altro record in Veneto, 10.376 in sole 24 ore.
Lo riporta in bollettino della Regione.
Il totale dei contagiati da inizio pandemia si attesta a 636.695. Si contano anche 7 decessi, che portano il dato complessivo delle vittime a 12.365. Meno preoccupanti i dati sul fronte ospedaliero: sono 1.266 i ricoverati in area medica (-24), e 193 quelli in terapia intensiva (+3).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bper scrive a Consob, chiarezza su altre offerte per Carige
Chiesta trasparenza su eventuali proposte o trattative del Fitd
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
30 dicembre 2021
15:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bper ha scritto una lettera alla Consob chiedendo che venga fatta chiarezza sull’esistenza di eventuali ulteriori offerte per Carige, oltre alla sua.

L’istituto modenese chiede che il mercato venga informato sull’esistenza di eventuali proposte o trattative del Fondo Interbancario di tutela dei depositi per cedere la sua quota dell’80%, su cui da tempo si rincorrono rumor ufficiosi.
Alla base della richiesta l’esigenza di ripristinare una corretta informazione sui titoli quotati coinvolti – Carige, ma anche Bper – e di non penalizzare l’istituto modenese, uscito allo scoperto dopo le indiscrezioni di una possibile offerta per Carige, rispetto ad altri potenziali pretendenti.
La lettera di Bper, che la banca non commenta, arriva dopo che da tempo sul mercato si inseguono indiscrezioni su possibili offerte di fondi o banche per Carige (si sono fatti i nomi di Cerberus e dell’Agricole), senza che dal Fitd siano arrivate conferme o smentite al riguardo. Ma se l’istituto guidato da Piero Montani, dopo i rumor che avevano fatto decollare Carige in Borsa, lo scorso 14 dicembre è uscito allo scoperto rendendo nota la sua offerta non vincolante, non si è ancora dissipata la cortina fumogena che avvolge l’esistenza di altri pretendenti.
Da qui la richiesta a Consob affinché venga ristabilito un quadro informativo chiaro sulle offerte o trattative in corso da parte del Fitd.
La mossa arriva mentre a Modena ancora attendono una risposta ufficiale da parte del fondo presieduto da Salvatore Maccarone alla loro ultima proposta: quella di aprire un tavolo con il Fitd corredato dalla concessione di un’esclusiva, allo scopo di confrontarsi e approfondire congiuntamente la proposta recapitata il 14 dicembre e respinta dal fondo in quanto giudicata incompatibile con il suo statuto. Al momento, secondo indiscrezioni di stampa e in assenza di comunicazioni ufficiali da parte del Fitd, sembrerebbe che il Fondo non sia disponibile a concedere a Bper l’esclusiva richiesta.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bollette: Giorgetti, rafforzeremo ancora interventi
Prioritario sostenere le nostre realtà industriali e le famiglie
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
15:42
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La manovra interviene con un pacchetto di misure fortemente voluto per contrastare il rincaro delle bollette.
Si tratta di misure che verranno ulteriormente rafforzate dal Governo che considera prioritario sostenere le nostre realtà industriali e le famiglie in un momento molto delicato”.
Lo afferma il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, facendo il punto sulle norme pro-imprese inserite nella manovra appena approvata alla Camera.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Energia: Smi, a rischio filiera tessile e abbigliamento
Interventi per salvaguardare 50.000 imprese con 400.000 addetti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
15:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I prezzi record dell’energia mettono a rischio la filiera del tessile abbigliamento.
“Vi è una sincera preoccupazione per la tenuta della filiera stessa.

Sarebbero opportuni immediati interventi da parte del Governo, in soccorso della seconda manifattura del Paese e per salvaguardare 50.000 imprese e 400.000 addetti, soprattutto cercando di fermare una speculazione che è l’origine primaria di aumenti di questi livelli”. E’ l’appello del presidente di SMI (Sistema Moda Italia), Sergio Tamborini che chiede anche di “pensare ad azioni quali il ricorso alle riserve strategiche nel breve termine e successivamente ad acquisti comunitari”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lettera Burzi: ‘Io innocente, questa mia protesta più forte’
Lo scrive ad alcuni amici poco prima di suicidarsi, la notte di Natale. Oggi a Torino i funerali dell’ex consigliere e assessore regionale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
31 dicembre 2021
08:39
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Angelo Burzi era “certo di essere totalmente innocente”.
Lo scrive ad alcuni amici poco prima di suicidarsi, la Notte di Natale. “La fine della storia” è l’oggetto della mail, in cui ripercorre la vicenda Rimborsopoli e la condanna in appello per peculato a tre anni.
“Non sono più in grado di tollerare ulteriormente la sofferenza, l’ansia, l’angoscia che in questi anni ho generato oltre che a me stesso anche nelle persone che mi sono più care”, scrive l’ex consigliere e assessore regionale. “Esprimo la mia protesta più forte interrompendo il gioco, abbandonando il campo in modo definitivo”.
“Me ne vado in eccellente forma psichica, abbastanza traballante in quella fisica”, scrive Burzi, che all’inizio della mail parla di un “mal di schiena” e di alcuni esami “tutt’altro che positivi” e di “un prossimo futuro di approfondimenti, di interventi chirurgici e di terapie per nulla gradevoli”. Per il fondatore di Forza Italia in Piemonte, però, “c’è di peggio” e, sottolinea, “la giustizia è un esempio appunto del ‘ peggio'”.
L’ex consigliere e assessore regionale si dice “certo che questo mio gesto estremo sia l’unica strada da me ancora percorribile …la riduzione e la cessazione futura del danno”.
“Desidero infine che il mio abbandono non sia in alcun modo connesso con il Natale, è solo dovuto alla concomitante assenza fisica di mia moglie, il che lo rende oggi praticabile – aggiunge nella mail Burzi, che prima di spararsi alla tempia ha telefonato ai carabinieri perché non voleva che fosse la moglie a trovarlo – Spero però sia di esplicita condanna per coloro che ne sono stati concausa e di memoria per coloro che, leggendo queste poche righe, le potessero condividere”.
“Serve fare un non esaustivo elenco dei personaggi che maggiormente hanno contraddistinto in maniera negativa questa mia vicenda in quasi dieci anni. Dapprima i giudici del primo processo d’appello, i quali, con una sentenza che definire iniqua e politicamente violenta è molto poco, azzerarono la sentenza di primo grado che mi vide assolto per insussistenza del fatto dopo due anni di dibattimento in aula. Poi l’uomo nero, il vero cattivo della storia, il sostituto procuratore che dall’inizio perseguì la sua logica colpevolista, direi politicamente colpevolista”. Lo scrive Angelo Burzi nella mail inviata prima di suicidarsi.
Con un saluto sul sagrato di padre Simone, parroco della Chiesa di San Filippo Neri, sono inziati oggi nel centro di Torino i funerali di Angelo Burzi, 73 anni, tra i fondatore di Forza Italia in Piemonte. Accanto alla moglie Giovanna e ai figli, tanti gli esponenti politici presenti, tra cui il governatore Alberto Cirio e l’ex governatore Roberto Cota. In Chiesa anche il gonfalone della Regione di cui Burzi è stato a lungo consigliere regionale e assessore.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vent’anni con l’euro in tasca, utopia diventata realtà
Battezzato da Prodi e salvato da Draghi, criticato e poi osannato
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
31 dicembre 2021
11:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Senza essere espressa in euro la ricchezza degli italiani varrebbe molto meno, ad iniziare dal patrimonio immobiliare che nelle vecchie lire non sarebbe poi granché.
Criticata all’avvio per le speculazioni e i prezzi gonfiati, soprattutto nel commercio, ritenuta una camicia di forza dai sovranisti per non consentire più svalutazioni competitive e ripetute con cui interi settori industriali italiani hanno saltato il rinnovamento produttivo per conquistare i mercati, la moneta unica europea festeggia il suo ventesimo compleanno e alla fine sembra aver messo da parte ogni polemica.
Soprattutto in questi anni di pandemia che hanno visto l’euro generare una primordiale condivisione del debito dei diversi Stati lasciando spazio alla solidarietà del Next generation Eu e dei sostegni all’indebitamento.
La divisa Ue inizia a circolare il primo gennaio del 2002 ma – preceduta dall’embrione di unione monetaria dal paniere Ecu vincolato dal 1979 allo Sme, un meccanismo di stabilità monetaria con cambi fissi e bande di oscillazione definite per le monete nazionali – viene strutturata e codificata alla fine del 1998 con la definizione del rapporto con le valute dei singoli stati. Contro la lira verrà fissato a 1.936,27 un rapporto da alcuni ritenuto punitivo per l’economia italiana. In ogni caso , come previsto, l’ora X scatta alla mezzanotte del 31 dicembre 2001 e la moneta unica entra nelle tasche degli europei. Nasce con gli auguri del presidente Carlo Azeglio Ciampi, che per la moneta unica ha speso gran parte della sua esperienza professionale e politica, e del Papa, che lo accompagna all’Angelus con uno speciale augurio di pace.
In un bagno di folla e tra gli scoppi dei mortaretti di Capodanno l’allora presidente della Commissione europea, Romano Prodi, altro alfiere della moneta unica, ne dà l’avvio simbolico da Vienna comprando subito dopo lo scoccare della mezzanotte un gran mazzo di rose per sua moglie e pagandolo in euro.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il giorno dopo debutterà sui mercati con un concambio sul dollaro stabilito a 1,16 e chiudendo la seduta a 90,38 cent dopo un massimo di 90,63. I primi Paesi a passare all’euro quale unico mezzo di pagamento – si era stabilito di concedere due mesi di doppia circolazione per favorire la dimestichezza con le nuove banconote e monete – sono gli olandesi alla mezzanotte del 28 gennaio, seguiti dagli irlandesi il 9 febbraio e dai francesi il 17 febbraio. Controverso il caso della Germania. I rigorosi tedeschi in teoria avrebbero voluto disfarsi del loro amato marco in una sola notte, quella di Capodanno, evitando qualsiasi periodo di doppia circolazione con l’euro, una missione impossibile.
La lira termina il suo corso legale il 28 febbraio ma già dalla prima settimana di gennaio, contraddicendo le fosche aspettative dei critici, il 95% degli acquisti degli europei avviene in euro. Poi una navigazione più o meno tranquilla fino al 2008 quando la crisi finanziaria globale minaccia la moneta unica dalle fondamenta: la mancanza di un governo comune dell’Unione appare subito il suo tallone d’Achille su cui inizia a puntare la speculazione, prima mettendo in ginocchio il debito sovrano della Grecia nel 2010, poi puntando al cuore del sistema, i debiti dei ‘Piigs’, Portogallo, Irlanda, Spagna, oltre ad Atene e soprattutto l’Italia, il boccone più grande. Inizia la corsa dello spread italiano rispetto ai solidissimi Bund tedeschi lungo tutto il 2011. Fino ad arrivare in agosto alla lettera della Bce con cui si intima a Roma di mettere in atto alcune misure. Lo spread sale fino a toccare i 574 punti il 9 novembre, quando alla guida del governo è Silvio Berlusconi. Ne consegue la crisi di governo con l’arrivo di Monti per la messa in sicurezza dei conti italiani.
Ma il salvataggio definitivo e perentorio dell’euro arriva il 26 luglio del 2012, con la celebre frase “whatever it takes to preserve euro”, pronunciata a Londra dal presidente della Bce, Mario Draghi, succeduto a Trichet nel novembre precedente con i mercati in pieno panico. Da allora la speculazione rallenta fino a rientrare e lasciare spazio ad un dibattito tra falchi e colombe su come gestire l’indebitamento nell’Eurozona, in pratica l’enorme massa di debito pubblico italiano, acquistato dalla Bce in questi anni in maniera generosa. Poi la pandemia rimette tutto in discussione e a schizzare come fuochi d’artificio sono i debiti pubblici di tutto il mondo e dei paesi europei in particolare, costretti a finanziare costosi lockdown e fermi produttivi. L’euro diventa quindi l’ancora, non più la zavorra per molti europei, anche i più frugali. Adesso sulla moneta unica si proiettano le ombre dell’inflazione, che dopo anni di andamento sottotraccia e comunque sotto il 2% stabilito come obiettivo di politica monetaria a Francoforte, ora naviga ben sopra la soglia definita psicologicamente rilevante, soprattutto per la Germania. Dall’Eurotower assicurano che si tratta di rialzi mondiali transitori, dalla Fed non ne sono più convinti e i falchi europei iniziano a rimettersi in volo in difesa di un euro che non dimentichi troppo l’eredità del marco e torni a guardare verso Nord.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
++ Covid: oltre 11.500 contagi in Piemonte, è nuovo record ++
Non si arresta corsa positivi. Otto decessi, aumentano ricoveri
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
30 dicembre 2021
18:57
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo record di contagi, per il terzo giorno consecutivo, in Piemonte.
Sono 11.515 i nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19, il 12,7% di 90.662 tamponi eseguiti.
Gli asintomatici sono 7.950 (69,0%). Otto i decessi, nessuno di oggi, superano quota cento i ricoveri in terapia intensiva, dove sono 102 (+3), mentre nei reparti ordinari i pazienti sono 1.176 (+29). Le persone in isolamento domiciliare sono 62.608, gli attualmente positivi 63.886, i nuovi guariti 2.574.
Dall’inizio della pandemia, dunque, il Piemonte registra 487.296, 12.037 decessi e 411.373 guariti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lettera Burzi, “io innocente, questa mia protesta più forte”
L’ex consigliere ha scritto ad alcuni amici prima del suicidio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
30 dicembre 2021
16:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Angelo Burzi era “certo di essere totalmente innocente”.
Lo scrive ad alcuni amici poco prima di suicidarsi, la notte di Natale.
“La fine della storia” è l’oggetto della mail, in cui ripercorre la vicenda Rimborsopoli e la condanna in appello per peculato a tre anni. “Non sono più in grado di tollerare ulteriormente la sofferenza, l’ansia, l’angoscia che in questi anni ho generato oltre che a me stesso anche nelle persone che mi sono più care”, scrive l’ex consigliere e assessore regionale. “Esprimo la mia protesta più forte interrompendo il gioco, abbandonando il campo in modo definitivo”.
“Serve fare un non esaustivo elenco dei personaggi che maggiormente hanno contraddistinto in maniera negativa questo mia vicenda in quasi dieci anni – è un passaggio della lunga mail -. Dapprima i giudici del primo processo d’appello, i quali, con una sentenza che definire iniqua e politicamente violenta è molto poco, azzerarono la sentenza di primo grado che mi vide assolto per insussistenza del fatto dopo due anni di dibattimento in aula. Poi l’uomo nero, il vero cattivo della storia, il sostituto procuratore che dall’inizio perseguì la sua logica colpevolista, direi politicamente colpevolista”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vissani, no vax mettono a rischio piccole-medie aziende
In ristorante chef “diverse disdette” cenone da clienti Covid
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ORVIETO (TERNI)
30 dicembre 2021
16:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“I no vax hanno rotto.

Mettono a rischio la vita delle piccole e medie aziende, oltre che la loro”: a dirlo è il maestro della cucina italiana, Gianfranco Vissani.
“L’unica strada possibile per uscire dalla pandemia è la vaccinazione. Non vaccinarsi significa favorire la propagazione del virus e soprattutto la variare Omicron di questi tempi” aggiunge. “Il cenone di San Silvestro a Casa Vissani si farà, ma nelle ultime ore abbiamo ricevuto diverse disdette a causa dei contagi”, ha detto ancora lo chef dal suo ristoratore sul lago di Corbara a pochi chilometri da Orvieto.
“Dal 2022 – ha sottolineato ancora Vissani – mi attendo che si vada verso la normalità, anche se credo che serviranno ancora un paio di anni per uscire dalla pandemia e quindi spero che sia l’anno in cui tutti decidano di vaccinarsi”.
Ma lo chef ha qualcosa da dire anche al Governo: “In queste settimane – ha detto – vedo tutti i partiti troppo concentrarti su chi sarà il prossimo presidente della Repubblica e poco sulle difficoltà che le imprese stanno vivendo con questa nuova ondata. Servono degli aiuti, invece – ha concluso Vissani – chiedono solo di pagare tasse”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Germania classifica Italia zona ad alto rischio
Inserite nella lista anche San Marino, Malta e il Canada
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BERLINO
30 dicembre 2021
16:42
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il governo tedesco inserisce l’Italia, il Canada, Malta e San Marino nella lista delle zone ad alto rischio Covid a partire da sabato, seguendo le indicazioni del Robert Koch Institut.
Lo riporta Dpa.
Chi entra in Germania da una zona ad alto rischio e non è completamente vaccinato deve fare una quarantena obbligatoria di dieci giorni da cui può uscire a partire dal quinto giorno con un test negativo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A Brescia vandalismo manifesti mostra dissidente cinese Badiucao
Fondazione Musei, simbolico bavaglio, faremo denuncia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
30 dicembre 2021
17:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Negli ultimi dieci giorni a Brescia sono stati danneggiati quasi tutti i manifesti, totem, stendardi che pubblicizzano la mostra ‘La Cina non è vicina Badiucao – opere di un artista dissidente’ di cui l’ambasciata cinese in Italia, prima dell’apertura lo scorso 12 novembre, aveva chiesto al Comune la cancellazione.

Ora la fondazione Brescia Musei annuncia che presenterà una denuncia contro ignoti, e che, d’accordo con l’artista, non rimuoverà i materiali danneggiati dove sono stati cancellati soprattutto i riferimenti a dove si svolge la mostra, con un “simbolico bavaglio al progetto”.

Secondo la fondazione, la “deliberata e coerente volontà di cancellare” dimostra l’intento di censurare la mostra del Museo Santa Giulia, già visitata da 13 mila persone.
L’esposizione, in programma fino al 13 febbraio, è la prima personale dedicata a Badiucao, pseudonimo dell’artista-attivista cinese noto per la sua arte di protesta, ora in esilio in Australia e ripercorre la sua attività artistica dagli esordi alle opere più recenti nate in risposta alla crisi sanitaria innescata dalla pandemia di Covid.
Grazie al suo blog, ai social media e a campagne di comunicazione organizzate, Badiucao porta avanti la propria attività di resistenza, uno dei pochissimi canali non filtrati dal controllo governativo capace ad esempio di trasmettere i racconti dei cittadini di Wuhan durante il lockdown del 2020.
Proprio nel 2020 gli è stato conferito dalla Human Rights Foundation il Premio Václav Havel Prize for Creative Dissent, destinato ad artisti che creativamente denunciano gli inganni delle dittature.
“Questo tipo di azioni violentemente censorie – ha commentato la presidente della fondazione Brescia Musei Francesca Bazoli -, ironicamente, rafforzano gli obiettivi del Comune di Brescia e della Fondazione Brescia Musei e non intaccano i risultati complessivi del progetto”.
“L’arte in tutte le sue forme – ha sottolineato la vicesindaca Laura Castelletti – è sempre più ambasciatrice del diritto di parola e di libero pensiero, i tentativi di censura alla mostra di Badiucao sono la dimostrazione di quanto siano efficaci e necessari i suoi messaggi”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Usa: in vendita il primo Nft di Melania Trump
Ex first lady torna sulla scena dopo mesi di assenza
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
30 dicembre 2021
17:08
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gli occhi blu cobalto di Melania Trump sono ufficialmente in vendita sino al 31 gennaio sotto forma di non-fungible token (Nft).
Lo ha annunciato la stessa ex first lady sul suo sito web e le varie piattaforme di social media.
L’acquerello, come si spiega in una nota, “offre al collezionista un amuleto a cui ispirarsi”.
“Sono orgogliosa – ha detto Melania – di annunciare il mio nuovo progetto Nft che rappresenta la mia passione per le arti e sosterrà il mio impegno costante verso i bambini attraverso la mia iniziativa ‘Be Best’.
‘Melania’s Vision’ è una creazione dell’artista francese Marc-Antoine Coulon e sarà in vendita a circa 175 dollari, a seconda delle variazioni di mercato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini sulla neve in Piemonte, grande adesione al Sestriere
Cirio, sensibilizziamo cittadini sull’importanza della campagna
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
30 dicembre 2021
17:10
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Piemonte vaccina oggi anche nelle stazioni sciistiche, “un modo per avvicinarci al Capodanno continuando a sensibilizzare tutti i cittadini sull’importanza del vaccino”, afferma il governatore Alberto Cirio, che è stato a Prato Nevoso, con Sestriere e Alagna è una delle località scelte per l’iniziativa.

“Spero che per chi non ha ancora fatto la prima dose – aggiunge su Facebook – sia una occasione, un incentivo per riceverla, e per chi invece ha già un appuntamento per la terza dose fissato entro il 2 gennaio un modo per ricevere la protezione del vaccino senza rinunciare a una giornata sulle nostre splendide montagne”.

Grande l’adesione alla giornata di vaccinazione del popolo della montagna che frequenta Sestriere. “Siamo davvero soddisfatti di questa giornata – spiega il sindaco di Sestriere, Gianni Poncet – che ha consentito a residenti, turisti, proprietari di seconde case ed operatori di approfittare per vaccinarsi presso il Poliambulatorio di Sestriere. Sappiamo che dobbiamo tenere sempre alta la guardia nei confronti di questo virus ma, al tempo stesso, non dobbiamo privarci della libertà di sciare rispettando appieno le norme in tema di sicurezza sanitaria”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: punto tamponi drive through Marina Militare a Ancona
Dedicato a studenti. Operazione Athena per evitare la Dad
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
30 dicembre 2021
17:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sarà operativo all’inizio del 2022, con la riapertura delle scuole, il primo punto tamponi Drive-through della Marina Militare nelle Marche e in Italia dedicato alla popolazione scolastica con l’operazione “Athena”.

Allestito presso la sede della Marina a Piano San Lazzaro di Ancona per lo screening degli studenti delle scuole della provincia del capoluogo marchigiano, potrà supportare anche le altre province.
In caso di necessità potrebbero essere attivati anche altri punti drive della Difesa in altre località.
L’obiettivo è evitare la didattica a distanza.
Ad Ancona è presente uno degli 11 laboratori di diagnostica molecolare della Difesa in Italia, in grado di processare dai 200 ai 250 tamponi al giorno (sia test antigenici rapidi che molecolari). È la prima volta che la Marina Militare apre la sua sede ai civili in ambito pandemico nelle Marche. Qui si potranno sottoporre a test per individuare una eventuale positività al Covid, dai bambini che frequentano il nido fino agli studenti delle università nel momento in cui si verificano casi positivi all’interno della classe o della comunità educativa. Le prenotazioni avverranno sulla piattaforma dell’Asur sulla quale verranno inseriti anche i dati di refertazione. La popolazione scolastica sarà sottoposta a test antigenico rapido a tempo zero, successivamente il tampone rapido sarà ripetuto a 5 giorni per l’intera classe. Ogni caso positivo dovrà essere confermato con il test molecolare, che dovrà essere ripetuto prima del rientro in classe. In campo ci saranno 8 unità, fra medici, infermieri e biologi, personale appartenente alla Marina Militare e al Corpo Militare della Croce Rossa Italiana. L’orario del Drive-through andrà dalle 8:30 alle 13:00, ma in caso di overbooking potrà anche essere esteso.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bollette: Arera, da gennaio +55% per la luce, +41,8% gas
Senza interventi, sarebbero stati del +65% e +59,2%
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
18:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dal primo gennaio l’aumento della bolletta dell’elettricità per la famiglia tipo in tutela sarà del +55%, mentre per quella del gas del +41,8%.
Lo fa sapere l’Autorità di regolazione per energia, reti e ambiente (Arera) diffondendo l’aggiornamento delle bollette per il primo trimestre del 2022.
Aumenti che scattano “malgrado gli interventi” del governo, spiega l’Autorità, precisando che gli incrementi record delle materie prime “avrebbero portato ad un aumento del 65% della bolletta dell’elettricità e del 59,2% di quella del gas”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: record positivi, sono quasi 127 mila in 24 ore
Le vittime sono 156. Tasso sale all’11%
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
18:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Record di positivi oggi in Italia: sono 126.888 i casi di Covid individuati nelle ultime 24 ore.

Ieri i casi erano stati 98.020.
Le vittime, secondo i dati del ministero della Salute, sono 156 , mentre ieri erano state 136.
I tamponi effettuati sono 1.150.352, ieri erano stati 1.029.429. Il tasso di positività è al 11,03%, in aumento rispetto al 9,5% di ieri. Sono 1.226 (ieri 1.185) i pazienti in terapia intensiva in Italia, 41 in più in 24 ore nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 134. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 10.866 (ieri 10.578), 288 in più rispetto a ieri.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: mappa Ecdc, tutta l’Italia in rosso o rosso scuro
Anche Sardegna, Molise e Puglia non sono più in giallo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
16:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tutta Italia in rosso o rosso scuro: è la fotografia sull’andamento dei contagi scattata dalla mappa aggiornata del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc).
Anche le tre regioni rimaste in giallo la settimana scorsa (Sardegna, Molise e Puglia) passano in rosso, come la Sicilia, la Calabria, Abruzzo e Basilicata.
Le altre sono in rosso scuro.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mattarella lavora al discorso di congedo, tante le pressioni sul bis
Sarà un bilancio del settennato, chiederà responsabilità e fiducia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
17:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono sempre giornate complesse per il Quirinale quelle che precedono il tradizionale discorso di fine anno del presidente della Repubblica, ma quest’anno lo sono ancor di più.
Sono ore di alacre lavoro per limare il testo dell’ultimo appuntamento televisivo con gli italiani accompagnate però dalla preoccupazione per l’emergenza pandemica che si aggrava senza soluzione di continuità.
Ma soprattutto momenti forzosamente orientati al mese di gennaio, al prossimo futuro della Repubblica, all’elezione del successore e alla tenuta del sistema. Si respira un clima inevitabilmente grave che Sergio Mattarella percepisce – forse subisce, preciserebbero al Colle – alimentato dalle continue pressioni della politica che attraverso riservatissime telefonate e discreti contatti vorrebbe acquisire alcune certezze ove tutto andasse male nel grande gioco del Quirinale. Buona parte dei partiti ancora non si è rassegnata a lasciare del tutto fuori dal puzzle dell’elezione l’attuale capo dello Stato, quasi a voler tenere nella cassetta degli attrezzi l’unico cacciavite in grado di riparare la macchina fumante all’ultimo secondo.
Ma Sergio Mattarella è sempre più determinato nella sua convinzione che un suo bis non sarebbe più un’eccezione e diventerebbe la norma. E poi, cosa dovrebbe accadere? Che tutto l’arco parlamentare, Giorgia Meloni compresa, si convinca che un Mattarella bis sia il meglio per la Repubblica solo perché Mario Draghi non deve lasciare palazzo Chigi? Interrogativi che circolano fuori dal Quirinale ma che perdurano infastidendo il presidente e quindi rafforzando la sua convinzione. Resta il fatto che in questi giorni c’è poco e il dibattito sembra orientato più che all’elezione del nuovo capo dello Stato a come impedire che il governo collassi portando il Paese a rischiosissime elezioni anticipate. Chi meglio di Mario Draghi, osservano in molti, potrebbe dare garanzie dal Quirinale che no, una crisi non si può proprio aprire, richiamando i partiti ad una responsabilità collettiva che è poi alla base del suo esecutivo? Senza dimenticare che fu proprio Mattarella a convincere Draghi a bere l’agrodolce calice della guida di palazzo Chigi con un governo di ampia coalizione e quindi inevitabilmente di forte compromesso istituzionale.
Comprensibile quindi il silenzio del Quirinale sui contenuti dell’ultimo discorso del presidente. Ecco allora che le uniche certezze si dispiegano su tre concetti: responsabilità, bilancio ed incoraggiamento. Responsabilità individuale nell’affrontare questa infinita crisi sanitaria e responsabilità della politica nel saperne leggere l’impatto devastante sui cittadini e l’economia; bilancio di un settennato durissimo dal quale Mattarella si congeda con onore e la stima degli italiani; incoraggiamento che è un po’ il fil rouge della sua parte finale di presidenza, perché Mattarella chiude il suo impegno orgoglioso della risposta del Paese, del suo essere in marcia nonostante tutto. Un cammino che non si deve interrompere per interessi di parte o, tantomeno, per prematuri calcoli elettorali dei partiti. Sergio Mattarella non ha mai fatto invasioni nei campi altrui, rispettosissimo della divisione dei poteri costituzionali. E non lo farà certo nel suo congedo agli italiani. Ma basta rileggere tutti i suoi ultimi interventi per sapere come la vede il presidente. E certo a nessuno si può impedire di pensare cosa sia meglio per la Repubblica, tantomeno a chi l’ha servita in tanti ruoli per una vita intera.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Da Maastricht a Madrid, le tappe della moneta unica
Percorso della moneta unica dagli 11 fondatori agli attuali 19
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
18:49
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La moneta unica europea, che molti davano per spacciata all’apice della crisi del debito sovrano tra il 2011 e il 2012, è oggi la valuta di 19 Paesi Ue utilizzata quotidianamente da circa 350 milioni di europei, e la seconda al mondo dopo il dollaro.
I primi passi verso l’euro furono compiuti nel 1988 quando l’allora presidente della Commissione Ue, il francese Jacques Delors, europeista e uno dei padri dell’Unione, mise in piedi un comitato ad hoc i cui lavori gettarono le basi per il Trattato di Maastricht, firmato nel 1992 dopo duri negoziati e che costituì le fondamenta della moneta unica europea.
Il 7 febbraio 1992 la firma del Trattato di Maastricht ufficializza la strada da seguire per la nuova ‘creatura’ monetaria e i parametri a cui dovranno aderire i Paesi che vogliono adottarla: un rapporto deficit-pil non superiore al 3% (dopo l’approvazione del fiscal compact, l’unione di bilancio, il rapporto non dovra’ superare lo 0,5% avendo introdotto la clausola d’oro del pareggio di bilancio da introdurre nelle Costituzioni di Eurolandia); un rapporto debito-pil inferiore al 60% (l’interpretazione per l’ingresso di Italia e Belgio, gia’ allora ben oltre il 100%, sara’ la considerazione di indicatori in grado di dimostrare la tendenza a rientrare nel medio periodo); un’inflazione non superiore dell’1,5% rispetto a quella media dei tre Paesi a piu’ bassa inflazione.
Paramentri rigidi, su cui tanto si è discusso e che la pandemia potrebbe aver messo definitivamente in discussione per una revisione meno rigorista. E’ previsto poi un tasso di interesse a lungo termine che non superi del 2% la media dei tre membri piu’ virtuosi.
E’ nel 1995, a Madrid, che il nome Ecu, con cui la moneta unica era stata battezzata e fino a quel momento utilizzata per i conti, lascia posto all’euro, Nel 1998 diventa operativa la Banca centrale europea e il primo gennaio 1999 viene lanciato l’euro come moneta ufficiale di 11 Paesi (Germania, Francia, Belgio, Lussemburgo, Olanda, Italia, Spagna, Portogallo, Irlanda, Finlandia e Austria), a cui nel 2001 si aggancia la Grecia. Il primo gennaio 2002 vengono messe in circolazione le prime banconote e monete in euro, e ritirate le valute nazionali. Da allora si sono aggiunti Slovenia (2007), Cipro e Malta (2008), Slovacchia (2009) e poi, nonostante la crisi greca, Estonia (2011), Lettonia (2014) e Lituania (2015).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Alla guida della Banca centrale europea, con sede a Francoforte, e quindi dell’euro c’è prima l’olandese Wim Duisenberg in carica fino al 31 ottobre 2003, quindi il francese Jean Claude Trichet, dal 2003 fino al 2011 quando arriva Mario Draghi che il 31 ottobre 2019 viene sostituito da Christine Lagarde, prima donna al timone dell’Eurotower.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ordinanza Giani, in Rsa con booster o doppia dose e tampone
Nuove regole per visite a anziani. Bloccati rientri in famiglia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
30 dicembre 2021
18:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nuove regole in Toscana per le visite nelle Rsa per anziani e nelle strutture residenziali (Rsd) che ospitano persone con disabilità: da oggi e fino al termine dello stato di emergenza potranno accedere alle strutture solo coloro che sono vaccinati con terza dose-booster, oppure in possesso di Green pass rafforzato (due dosi) e test antigenico rapido o molecolare fatto nelle 48 ore precedenti l’accesso.
Lo stabilisce un’ordinanza firmata oggi dal presidente della Toscana Eugenio Giani.
Sono inoltre sospesi, fino al 31 marzo 2022, i rientri in famiglia e le uscite programmate degli ospiti delle strutture residenziali. “Le visite alle Rsa e alle altre strutture” assistenziali “possono continuare, ma a condizione che i visitatori siano vaccinati con terza dose o aggiungano alla seconda dose un tampone negativo”, spiegano il presidente Eugenio Giani e l’assessore regionale alle politiche sociali Serena Spinelli. “E’ importante – proseguono – che il filo di contatto diretto con la famiglia resti attivato anche in una situazione obiettivamente molto complessa come quella attuale, con l’esplosione dei contagi dovuta alla variante Omicron”, per questo “continuiamo nell’impegno a trovare un giusto equilibrio tra l’esigenza di sicurezza e di prevenzione in strutture che ospitano persone anziane e fragili e il rispetto dei contatti familiari e delle relazioni affettive, che per queste persone sono così importanti”. Nel dettaglio, riguardo al tampone, coloro che abbiano prenotato una visita a un ospite presso struttura residenziale sociosanitaria e che abbiano completato il ciclo vaccinale primario e sono in attesa di effettuare la terza dose o il “booster” possono, fino al 28 febbraio 2022, richiedere di effettuare il tampone gratis fino a un massimo di due richieste mensili. Restano in vigore, spiega sempre la Regione Toscana, “tutte le altri disposizioni regionali, che prevedono la possibilità di autorizzazione all’accesso in situazioni di gravità e fine vita e la chiusura alle visite dei familiari qualora si riscontri la presenza di casi positivi tra gli ospiti o il personale. In questo caso l’accesso dei visitatori non è consentito fino al permanere di tale situazione”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: pre-report, il Piemonte giallo dal 3 gennaio
Dopo 28 settimane in zona bianca. Cirio, vaccino unica arma
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
30 dicembre 2021
18:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ricoveri contenuti ma in crescita in Piemonte, che dal 3 gennaio passa in zona gialla.
E’ quanto emerge dal Pre-Report settimanale Ministero Salute – Istituto Superiore di Sanità.
“Il passaggio in zona gialla è frutto della crescita del contagio che si sta registrando a livello globale, ma testimonia anche come i numeri delle ospedalizzazioni in Piemonte siano ancora contenuti e, anche questo, è merito dei vaccini. Ora più che mai ci appelliamo a chi ha ancora dei dubbi, perché il vaccino è la nostra unica arma per salvare la vita e le nostre comunità”, sostengono il governatore Alberto Cirio e l’assessore alla Sanità, Luigi Icardi.
Il Piemonte lascia la zona bianca dopo 28 settimane. In base al pre-report, nella settimana 20-26 dicembre l’Rt puntuale calcolato sulla data di inizio sintomi passa da 1.31 a 1.35 e la percentuale di positività dei tamponi sale all’8%. L’incidenza è di 1.020,73 casi ogni 100 mila abitanti.
Supera la soglia di allerta del 10% il tasso di occupazione dei posti letto di terapia intensiva (16,2%) e la soglia del 15% quello dei posti letto ordinari (20,2%).
Numeri comunque ancora molto contenuti rispetto allo scenario nazionale e internazionale.
“Il grazie va a chi, nel nostro intero sistema sanitario, anche in questi giorni di festa sta continuando con noi a correre per somministrare le terze dosi, rendendo ancora una volta il Piemonte una delle regioni più efficienti nella campagna vaccinale, tre punti sopra la media nazionale – aggiungono Cirio e Icardi -. Ora mancano poche ore alla fine dell’anno e, proprio in un momento in cui desideriamo tutti ritrovarci e stare insieme, non devono calare la prudenza e l’attenzione. Il Governo ha introdotto misure che riteniamo di buonsenso, perché avevamo chiesto che non fossero le persone vaccinate a pagare eventuali nuove restrizioni e così è stato.
Ma ognuno di noi deve continuare a fare la propria parte per non mettere a repentaglio la propria sicurezza e quella dei propri cari. Prendetevi cura di voi”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Elton John ai funerali di Diana, così convinsero la regina
La corte era contraria, fu il decano di Westminster a insistere
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
31 dicembre 2021
09:19
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ considerata una delle più struggenti esecuzioni nella storia della musica recente: ‘Candle in the Wind’ riadattata e cantata da Elton John al pianoforte nell’abbazia di Westminster durante i funerali di Diana il 6 settembre 1997 dopo la morte della principessa del popolo avvenuta in un incidente automobilistico a Parigi.
Grazie ai documenti pubblicati dai National Archives di Londra si vengono a sapere dettagli fondamentali su come fu convinta la regina Elisabetta, allora piuttosto restia di fronte alle richieste di violare il protocollo reale per le esequie della (ex) nuora ma poi costretta dalle circostanze e la volontà popolare a rivedere la sua posizione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nel caso della canzone pop eseguita nell’abbazia, sede delle incoronazioni dei sovrani d’Inghilterra e luogo di sepoltura per molti di loro, oltre a primi ministri, illustri poeti e artisti, fu lo stesso decano di Westminster a svolgere un ruolo cruciale di mediazione rivolgendosi direttamente a Buckingham Palace e superando le resistenze iniziali.
Secondo infatti il reverendo Wesley Carr (scomparso nel 2017), invitare Elton John, grande amico della principessa, sarebbe stato un atto “creativo e generoso” nei confronti di milioni di persone che si sentivano “personalmente in lutto” per la morte di Lady D. Il suo ruolo fu fondamentale anche perché l’edificio di culto anglicano non è soggetto all’autorità diocesana ma dipende direttamente dalla monarchia britannica. Tuttavia i documenti indicano che era stato preparato anche un piano di riserva. La “seconda scelta”, come l’aveva definita Carr, era un assolo commovente suonato da un sassofonista.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bollette, arriva la stangata. A gennaio +55% per la luce e +41,8% il gas
I numeri di Arera: senza interventi sarebbero stati del +65% e +59,2%
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
22:06
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il 2022 si apre con rincari record per le bollette dell’energia.
Dal primo gennaio infatti scattano i nuovi aumenti che per il primo trimestre saranno del +55% per l’elettricità e +41,8% per il gas.
Una stangata per i consumatori, ma che sarebbe stata ben più forte senza gli interventi del governo, che ha messo sul piatto altri 3,8 miliardi in legge di bilancio. Ma la situazione resta critica: il caro energia che fa tremare molti settori produttivi, con la moda in allarme, e centinaia di migliaia di posti di lavoro a rischio. Tanto che l’esecutivo si sta già preparando a rafforzare ulteriormente le misure. Gli aumenti per il primo trimestre 2022 decisi dall’Autorità di regolazione per energia reti e ambiente (Arera) segnano un nuovo record rispetto agli aumenti già forti degli ultimi trimestri (a luglio +9,9% per l’elettricità e +15,3% per il gas; a ottobre +29,8% per la luce e +14,4% per il gas) ma sarebbero stati ancora più forti senza l’intervento del governo: i nuovi straordinari record al rialzo dei prezzi dei prodotti energetici all’ingrosso e dei permessi di emissione di CO2, spiega l’Arera, avrebbero infatti portato ad un +65% per la luce e +59,2% per il gas.
In base a quanto previsto dalla legge di bilancio, l’Autorità ha potuto confermare l’annullamento transitorio degli oneri generali di sistema in bolletta e potenziato il bonus sociale alle famiglie in difficoltà, consentendo di alleggerire l’impatto su 29 milioni di famiglie e 6 milioni di microimprese. Le nuove tariffe si tradurranno in una spesa per la famiglia-tipo nell’anno scorrevole (tra il primo aprile 2021 e il 31 marzo 2022) di oltre 2.300 euro: circa 823 euro per la bolletta elettrica (+68% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente), spiega l’Arera, e circa 1.560 euro per il gas (+64%). Considerando invece il 2022 si tratta di una stangata record da oltre mille euro in più a famiglia: una maggior spesa di 1.008 euro (441 euro per luce e 567 euro per il gas), secondo l’Unione Consumatori e di 1.119 secondo i calcoli del Codacons. Associazioni dei consumatori che considerano le misure del governo insufficienti e si appellano anche all’Ue perché imponga prezzi fissi. Il dossier è ormai da mesi sul tavolo del governo, che finora ha già investito 8 miliardi per mitigare questi aumenti, ricorda il ministro della transizione energetica Roberto Cingolani. Proprio il caro-energia è stato oggi al centro di una telefonata tra Matteo Salvini e il premier Mario Draghi. E dietro le quinte si lavora già ad altri interventi. “La manovra interviene con un pacchetto di misure fortemente voluto per contrastare il rincaro delle bollette.
Si tratta di misure che verranno ulteriormente rafforzate dal Governo – annuncia il titolare dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti – che considera prioritario sostenere le nostre realtà industriali e le famiglie in un momento molto delicato”. Proprio dal mondo dell’industria intanto si alza il grido d’allarme del settore moda. “Vi è una sincera preoccupazione per la tenuta della filiera stessa”, avverte il presidente di Sistema Moda Italia, Sergio Tamborini, che si appella al governo perché valuti “immediati interventi, in soccorso della seconda manifattura del Paese e per salvaguardare 50.000 imprese e 400.000 addetti, soprattutto cercando di fermare una speculazione che è l’origine primaria di aumenti di questi livelli”. Ma il rischio è ancora più grande, stima la Cgia di Mestre: nei primi 6 mesi del 2022 il caro-energia metterà a rischio, almeno con la sospensione temporanea, 500 mila posti di lavoro in Italia. Con variazioni annue delle tariffe che in alcuni comparti rischiano di raggiungere il +250%, secondo gli Artigiani, molte aziende del vetro, della carta, della ceramica, del cemento, della plastica, della produzione laterizi, della meccanica pesante, dell’alimentazione, della chimica, etc., potrebbero essere costrette a fermare la produzione, perché non in grado di far fronte all’aumento esponenziale di questi costi fissi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pnrr: il Mef invia all’Ue la richiesta per 24 miliardi della prima rata
Segue l’anticipo di 24,9 miliardi ottenuto ad agosto
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
19:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Conseguiti i 51 obiettivi indicati dal Pnrr per il 2021, il Ministero dell’Economia ha inviato alla Commissione Europea la richiesta relativa al pagamento della prima rata dei fondi del Pnrr.
Lo comunica lo stesso Mef.
La prima rata, che segue l’erogazione ad agosto di 24,9 miliardi a titolo di prefinanziamento, ha un valore complessivo di 24,1 miliardi di euro, con una parte di contributi a fondo perduto pari a 11,5 miliardi e una di prestiti pari a 12,6 miliardi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Acqui Terme: morto capogruppo M5s Mauro Ghione
Malato di tumore, aveva 54 anni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ACQUI TERME
30 dicembre 2021
20:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il consiglio comunale di Acqui Terme piange la morte di Mauro Marco Ghione, 54 anni, presidente M5S, partito di maggioranza.
“Sarai sempre il nostro Capogruppo”, il primo ricordo del sindaco Lorenzo Lucchini e del vice Paolo Mighetti.

Ghione lottava da tempo contro un tumore. Molti i messaggi di cordoglio e condoglianze sui social. “Non ci sono parole adeguate in questi momenti, ma chi ha conosciuto Mauro non può che provare un immenso dolore. Mauro, sarà difficile dimenticarti”, le parole della senatrice alessandrina pentastellata, Susy Matrisciano.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: E’ in arrivo il super green pass per lavorare
Subito le nuove regole sulla quarantena breve
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
31 dicembre 2021
10:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dovrebbe arrivare all’inizio dell’anno, con un Cdm il 5 gennaio, l’estensione del Super Green pass per lavorare.
La nuova legge, su cui si ragiona nonostante le ‘fumate nere’ negli ultimi due Cdm, sarebbe nuovamente discussa in un Consiglio dei ministri che potrebbe essere convocato il 5 gennaio.
E già il 10 dello stesso mese entrerà in vigore il ‘quasi lockdown’ per i non vaccinati (ovvero il certificato verde rafforzato obbligatorio ovunque, tranne che nei negozi e per i servizi essenziali). Il fronte del ‘no’ al Super pass per tutti i lavoratori, in primis Lega e M5s – anche se con motivi diversi – si riduce sempre di più. A chiederlo a gran voce sono i governatori, che in queste ore tornano alla carica. “Le misure introdotte finora dal Governo per l’emergenza Covid appaiono del tutto insufficienti. Si prosegue sulla linea delle mezze misure e del tempo perso”, attacca il presidente campano, Vincenzo De Luca, mentre il ligure Giovanni Toti va oltre e chiede l’obbligo vaccinale: “per me si può fare domani mattina – dice – semplificherebbe la vita e le regole per tante persone: qui posso entrare-lì non posso entrare, punto fine”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ma il ragionamento nel Governo è avviato e si sta studiando come procedere, valutando le complessità nei vari settori. Apparirebbe difficile, al momento, distinguere per categorie soggettive, come ad esempio tutti i lavoratori della Pa o tutti i privati. Un’altra criticità potrebbe essere quella dell’estensione del lasciapassare rafforzato a chi lavora nei Tribunali, ad esempio, che rischierebbe di creare non pochi grattacapi al sistema dei processi. Gli approfondimenti tecnici e legislativi sul tema intanto continuano e all’inizio della prossima settimana potrebbero anche essere consultate le parti sociali, sindacati e imprese.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ invece ormai certo che entreranno in vigore lo stesso giorno della pubblicazione del decreto in Gazzetta ufficiale – prevista nelle prossime ore – la stretta sulle capienze negli stadi (al 50%) e le nuove norme sulle quarantene, in cui è escluso l’isolamento per i vaccinati con booster o con due dosi da meno di quattro mesi o i guariti nell’arco dello stesso periodo che vengano a contatto con una persona positiva al Covid, se asintomatici.

QUI IL TESTO INTEGRALE

E’ di 5 articoli la bozza del nuovo decreto Covid approvato ieri dal Consiglio dei ministri, che dovrebbe essere pubblicato in Gazzetta ufficiale tra oggi e domani ed entrerà in vigore il giorno dopo la pubblicazione. Il testo rivede le regole per la quarantena ed estende l’obbligo del Super green pass a diverse attività compresi i mezzi pubblici. Si prevede che il commissario Figluolo “d’intesa con il Ministro della salute” sigli un “protocollo d’intesa” con farmacie e rivenditori autorizzati per calmierare il prezzo delle mascherine Ffp2 “fino al 31 marzo 2022”. Il governo monitorerà l’andamento dei prezzi. La quarantena non si applica a coloro che, nei 120 giorni dal completamento del ciclo vaccinale primario o dalla guarigione o dal booster, hanno avuto contatti stretti con soggetti positivi al Covid. E’ però obbligatorio indossare mascherina Ffp2 per 10 giorni. In caso di sintomi, occorre fare subito un test rapido o molecolare e, se i sintomi persistono, bisogna ripeterlo al quinto giorno successivo all’ultimo contatto. E’ quanto emerge dalla bozza del decreto Covid, secondo cui la cessazione della quarantena o dell’auto-sorveglianza consegue all’esito negativo di un test rapido o molecolare, anche presso centri privati abilitati. Le multe da 400 a 1000 euro già previste per chi non rispetta le norme anti-Covid vengono estese anche alle nuove regole su quarantene e obbligo di Super green pass. E’ quanto si legge nella bozza del decreto Covid approvato ieri dal Consiglio dei ministri. Si prevede anche che i gestori dei nuovi servizi e attività coinvolte siano “tenuti a verificare che l’accesso” avvenga rispettando le nuove regole e il possesso del Super pass. Scatta la chiusura o la sospensione dell’attività da 1 a 10 giorni anche per alberghi, sagre, fiere e congressi, feste dopo le cerimonie – dove servirà il Super pass; se non viene rispettato l’obbligo di Ffp2 per cinema, teatri e spettacoli, e le regole per le consumazioni al banco.
Nuove norme in arrivo anche per gli studenti: nelle primarie e secondarie l’ipotesi è di prevedere, nel caso di due studenti positivi in una classe, solo l’autosorveglianza per i ragazzi vaccinati e la quarantena per i non vaccinati.
L’estensione del Super green pass scatterà invece dal 10 gennaio. Le nuove regole, potrebbero essere specificate con una circolare dal Dipartimento di prevenzione del ministero della Salute.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il nuovo decreto su quarantene e super pass in pillole
Nuove norme dai trasporti alle capienze negli stadi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
22:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il cdm ha approvato un primo blocco di misure sulle quarantene e l’utilizzo del green pass.
Il Prossimo Cdm ( presumibilmente già nei primi giorni di gennaio ) potrà adottare ulteriori misure.
Oggi è stato approvato approvato un decreto-legge che introduce misure urgenti per il contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19 e disposizioni in materia di sorveglianza sanitaria.

Ecco il testo in pillole: prevede nuove misure in merito all’estensione del Green Pass Rafforzato (che si può ottenere con il completamento del ciclo vaccinale e la guarigione) e le quarantene per i vaccinati.
– Green Pass Rafforzato: Dal 10 gennaio 2022 fino alla cessazione dello stato di emergenza, si amplia l’uso del Green Pass Rafforzato alle seguenti attività:
alberghi e strutture ricettive;
feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose;
sagre e fiere • centri congressi
servizi di ristorazione all’aperto
impianti di risalita con finalità turistico-commerciale anche se ubicati in comprensori sciistici
piscine, centri natatori, sport di squadra e centri benessere anche all’aperto
centro culturali, centro sociali e ricreativi per le attività all’aperto
Inoltre il Green Pass Rafforzato è necessario per l’accesso e l’utilizzo dei mezzi di trasporto compreso il trasporto pubblico locale o regionale.
– Quarantene: Il decreto prevede che la quarantena precauzionale non si applica a coloro che hanno avuto contatti stretti con soggetti confermati positivi al COVID-19 nei 120 giorni dal completamento del ciclo vaccinale primario o dalla guarigione nonché dopo la somministrazione della dose di richiamo. Fino al decimo giorno successivo all’ultima esposizione al caso, ai suddetti soggetti è fatto obbligo di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 e di effettuare – solo qualora sintomatici – un test antigenico rapido o molecolare al quinto giorno successivo all’ultima esposizione al caso. Infine, si prevede che la cessazione della quarantena o dell’auto-sorveglianza sopradescritta consegua all’esito negativo di un test antigenico rapido o molecolare, effettuato anche presso centri privati; in tale ultimo caso la trasmissione all’Asl del referto a esito negativo, con modalità anche elettroniche, determina la cessazione di quarantena o del periodo di auto-sorveglianza.

  • Capienze: Il decreto prevede che le capienze saranno consentite al massimo al 50% per gli impianti all’aperto e al 35% per gli impianti al chiuso.
    POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
    Quirinale: Altolà di Letta per Berlusconi al Colle, ma Fi non molla
    Il segretario dem, senza intesa cade governo. Verso voto dal 24
    POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
    31 dicembre 2021
    09:17
    POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
    Accantonare prima possibile la candidatura di Silvio Berlusconi in modo da lavorare seriamente a un nome condiviso, appoggiato dalla maggioranza più ampia possibile, anche più larga di quella di governo.
    In caso contrario l’esecutivo cadrebbe. Il Pd mette in chiaro con il centrodestra i paletti attorno ai quali si potrà avviare il confronto sul Colle alla vigilia dell’ultimo messaggio di fine anno di Sergio Mattarella, almeno di questo settennato. Con due interviste in perfetta concordia, del segretario Enrico Letta e del suo numero due Giuseppe Provenzano, i dem ribadiscono la loro linea, in vista della riunione del Pd, convocata il 13 gennaio, che segnerà anche l’inizio ufficiale della partita per il Quirinale, il cui primo voto potrebbe tenersi undici giorni dopo, il 24 pomeriggio, si ragiona in ambienti parlamentari.
    Forza Italia, però, tiene il punto.
    L’ azzurro Giorgio Mulè, molto ascoltato ad Arcore, esorta il segretario dem a togliere dal tavolo ogni pregiudizio.
    POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
    “Chiede un presidente “eletto a larghissima maggioranza” ma la storia recente si incarica di smentirlo: Sergio Mattarella – ricorda Mulè – è stato eletto con il 65 per cento che non è esattamente una cifra plebiscitaria”. Ma le parole di Enrico Letta contengono diversi messaggi, non solo l’altolà al Cavaliere. Fermare la sua candidatura implica essere contrario ad ogni altra ipotesi, frutto dell’intesa tra il centrodestra e i centristi capitanati da Matteo Renzi. Inoltre, quando il segretario dem dice che senza l’elezione di un candidato condiviso cadrebbe il governo, da un lato puntella l’esecutivo, dall’altro rivolge un appello molto pressante a Lega e Fi a fare lo stesso, evitando pericolose fughe in avanti. Ma è anche un modo per preservare Mario Draghi dal tritarcarne del toto-Quirinale. Anche contro questo passaggio si schiera Giorgio Mulè: “Faccio mie le sue parole: ci vuole buon senso e, aggiungo, si faccia sparire anche la “pistola” politica di un eventuale crisi di governo”. Intanto cresce la preoccupazione che si possa raggiungere il picco della pandemia proprio nei giorni in cui si comincerà a votare.
    Si sono registrate tante le assenze in Aula alla Camera al momento del voto sulla manovra. “400 deputati su 630 presenti per il voto sulla legge di Bilancio anche a causa della variante Omicron. Qualcuno – si chiede il dem Stefano Ceccanti- che può decidere sta pensando a come eleggere il Presidente in modo regolare e razionale?”. Gli uffici di Montecitorio stanno esaminando ogni ipotesi pur di assicurare il diritto di voto in modo sicuro a tutti i 1009 grandi elettori. Ma delle possibili soluzioni si comincerà a parlarne nel concreto solo nelle prossime settimane. Per ora resta la preoccupazione del mondo politico che alla fine l’emergenza Covid possa giocare un ruolo decisivo in un passaggio istituzionale come questo. E continua a crescere il partito trasversale di chi punta al mantenimento dello status quo, ovvero Draghi a Palazzo Chigi fino a fine legislatura e Sergio Mattarella rieletto al Colle. E forti pressioni in tal senso verso il Colle stanno venendo dal mondo politico.
    POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
    Polizia: Carocci nuovo Questore Pordenone
    Sostituisce Odorisio destinato a Questura Monza e Brianza
    POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
    TRIESTE
    30 dicembre 2021
    22:37
    POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
    Luca Carocci è il nuovo Questore di Pordenone: prenderà servizio nei primi giorni di gennaio e lascerà l’incarico di dirigente del Compartimento della Polizia Ferroviaria di Trieste.
    Subentrerà a Marco Odorisio, che assumerà l’incarico di Questore di Monza e Brianza dopo essere stato protagonista di numerose indagini di rilievo nazionale e aver contribuito a far diventare la provincia di Pordenone una della aree più sicure d’Italia secondo i principali parametri.

L’attuale Questore brianzolo, Michele Davide Sinigaglia, sarà chiamato a svolgere medesima mansione a Cremona.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Biden a Putin, risposta dura se la Russia invade l’Ucraina
Seconda telefonata tra i due leader in un mese
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
31 dicembre 2021
08:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nella sua telefonata con Vladimir Putin, Joe Biden ha espresso “sostegno” per la soluzione diplomatica ma ha messo in chiaro che “gli Usa e i suoi alleati e partner risponderanno in modo risoluto se la Russia invade ulteriormente l’Ucraina” e che “progressi sostanziali” nel dialogo “possono avvenire solo in un ambiente di de-escalation piuttosto che di escalation”.
Lo rende noto la Casa Bianca.
“Il presidente Biden ha chiesto alla Russia di allentare le tensioni con l’Ucraina”, informa la Casa Bianca dopo la telefonata tra i due leader.
Il commander in chief “ha messo in chiaro che gli Usa e i suoi alleati e partner risponderanno in modo risoluto se la Russia invade ulteriormente l’Ucraina”, prosegue la Casa Bianca. Biden “ha anche espresso sostegno per la diplomazia, a cominciare dall’inizio del prossimo anno con il dialogo bilaterale sulla stabilita’ strategica, alla Nato tramite il Consiglio Nato-Russia, e all’Osce”. Il presidente americano ha infine “ribadito che progressi sostanziali in quei dialoghi possono avvenire solo in un ambiente di de-escalation piuttosto che di escalation”.
LA TELEFONATA – “Il dialogo è possibile”, dall’Ucraina alla stabilità strategica: è la convinzione comune di Joe Biden e Vladimir Putin nella loro nuova telefonata, la seconda nel giro di un mese, questa volta su richiesta russa. Un’apertura ribadita anche poche ore prima del colloquio da entrambe le parti, per alimentare una possibile atmosfera di disgelo in vista delle cruciali discussioni che dal 10 gennaio si apriranno a Ginevra in tre sedi diverse: i negoziati bilaterali Usa-Russia, seguiti dal consiglio Nato-Russia e dalla riunione Osce. “Sono convinto che … possiamo andare avanti e stabilire un dialogo russo-americano efficace basato sul rispetto reciproco e sulla considerazione degli interessi nazionali reciproci”, ha detto lo zar nel suo messaggio di auguri al presidente americano, ricordando il summit di giugno a Ginevra. “La Russia ha messo le sue preoccupazioni sul tavolo e siamo pronti a discuterle, ci aspettiamo che anche Mosca sia preparata a discutere le nostre e quelle dei nostri alleati, sulla base della reciprocità”, ha spiegato in una conference call un alto dirigente della Casa Bianca anticipando le mossa di Biden.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Attesa per l’ultimo discorso di Mattarella tra identità e orgoglio nazionale
In ultimo messaggio forse potrebbe fare uno “stand up” tv
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
31 dicembre 2021
09:20
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sarà anche il discorso del congedo quello che sta limando in queste ore Sergio Mattarella nel suo studio al Quirinale, assistito dai più stretti collaboratori.
Un intervento che il Capo dello Stato definirà fino all’ultimo momento utile prima della registrazione davanti alle telecamere della Rai.
Un intervento che andrà poi in onda, come di consuetudine, il 31 sera su tutte le tv nazionali, a reti unificate.
Le prove sono già cominciate, la location dovrebbe essere quella dello studio alla Palazzina, probabilmente non starà dietro alla scrivania ma seduto in poltrona o addirittura in piedi, con uno “stand up” da giornalismo televisivo. E con uno sfondo semplice, caratterizzato dall’immancabile bandiera tricolore e da quella dell’Unione europea.
Identità e orgoglio nazionale insieme al concetto della responsabilità, con un forte incoraggiamento ad un Paese che ha gli strumenti, morali e di competenza, per uscire fuori dalla crisi pandemica e da tutte le sue negative conseguenze. Questo dovrebbe essere il filo conduttore del discorso del presidente. Un filo che intreccia l’identità italiana con la necessità di una forte coesione sociale, coesione che egli chiede anche alle forze politiche nella gestione di questa delicata fase della vita nazionale.
Nel ragionamento del presidente si incrociano le responsabilità individuali nell’affrontare questa infinita crisi sanitaria e le responsabilità della politica nel saperne leggere l’impatto devastante sui cittadini e l’economia. Trasmettendo questa prospettiva, Mattarella si congeda alla fine di un intenso settennato. Un congedo preannunciato in diversi interventi pubblici nell’ultima parte dell’anno, e che sembra allontanare le ipotesi di un bis al Colle. Non senza far mancare l’incoraggiamento a tutti gli italiani: che è un po’ anche il fil rouge della sua parte finale di presidenza, perché Mattarella chiude il suo impegno orgoglioso della risposta del Paese, del suo essere in marcia nonostante tutto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un cammino che non si deve interrompere per interessi di parte o, tantomeno, per prematuri calcoli elettorali dei partiti.
Tutto ciò si accompagna alla inevitabile preoccupazione per l’emergenza pandemica che si aggrava senza soluzione di continuità proprio in momenti politicamente e istituzionalmente molto delicati, forzosamente orientati al mese di gennaio, al prossimo futuro della Repubblica, all’elezione del suo successore e alla tenuta del sistema.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: la Sea Watch potrà attraccare a Pozzallo, a bordo 440 migranti
La nave è in mare dalla vigilia di Natale, ha effettuato 5 soccorsi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
31 dicembre 2021
13:38
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le autorità italiane hanno assegnato Pozzallo come “porto sicuro” alla nave Sea Watch3, con 440 profughi a bordo.
Lo ha confermato il sindaco di Pozzallo Roberto Ammatuna.
La nave, in mare dalla vigilia di Natale e che ha effettuato cinque soccorsi di altrettante imbarcazioni in difficoltà nel Mediterraneo, si sta dirigendo verso la scalo ragusano dove dovrebbe attraccare nel pomeriggio.
A bordo ci sono anche 167 minorenni non accompagnati, che hanno tra gli 8 e i 17 anni, e 14 bambini che hanno meno di un anno, il più piccolo ha compiuto 3 settimane in mare. Ieri era lanciato un appello dalla Ong a fare sbarcare almeno i bambini.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Scholz, ora dobbiamo essere più veloci del virus
Appello del cancelliere nel discorso di capodanno
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BERLINO
31 dicembre 2021
10:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ora è tutta una questione di velocità.
Dobbiamo essere più veloci del virus” di fronte alla diffusione della variante omicron del covid.
Lo ha detto il nuovo cancelliere tedesco Olaf Scholz nel suo discorso di capodanno, anticipato dai media tedeschi.
Rispetto alle misure di contenimento il neo-cancelliere, alle prese con il suo primo discorso di capodanno alla tv, ha fatto un appello ai suoi concittadini: “Vi prego di prendere queste restrizioni molto seriamente. Per la vostra protezione, per la protezione delle vostre famiglie. Per la protezione di tutti noi”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:sindaco Aosta seconda volta positivo, Consiglio online
‘Solo influenza, non paragonabile a quando non ero vaccinato’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
AOSTA
31 dicembre 2021
10:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A distanza di oltre un anno dalla prima volta, il sindaco di Aosta Gianni Nuti è di nuovo positivo al Covid-19.
Per questo motivo il Consiglio comunale convocato per approvare il Bilancio, che ieri si è svolto in presenza, oggi si tiene su zoom.
I tecnici sono al lavoro per permettere lo streaming della seduta.
“Non mi sembra niente di preoccupante – dice Nuti – al momento sembra un’influenza, non è paragonabile all’anno scorso, quando non ero vaccinato. Non è paragonabile l’impatto sul corpo di questo virus oggi assai contagioso ma evidentemente meno aggressivo. Quindi si lavora, con piacere. Avevo già fatto un antigenico risultato negativo, per sicurezza ho fatto un molecolare che è risultato positivo questa mattina. Ho avvisato tutti affinché oggi si facesse online”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Botti: 50mila fuochi d’artificio sequestrati a Sassari
Polizia, erano custoditi in un capannone in precarie condizioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
SASSARI
31 dicembre 2021
11:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Polizia di Stato ha sequestrato 50mila fuochi d’artificio stipati in 17 scatoloni all’interno di un capannone adibito ad attività commerciale nella zona industriale di Sassari.

Dopo avere controllato gli scaffali dell’attività, nello specifico quelli adibiti alla vendita di materiale pirotecnico, per accertarne la certificazione gli agenti .

hanno notato e seguito un dipendente che trasportava alcune scatole di materiale da un altro edificio adiacente, utilizzato come deposito.
Il locale, in evidenti condizioni precarie e con copertura in amianto, aveva al suo interno diversi scatoloni contenenti gli articoli pirotecnici. Secondo gli investigatori il tutto era in pessimo stato di conservazione e custodito in promiscuità con altro materiale facilmente infiammabile, quali accendini, oggetti in plastica e tovaglioli.
Considerato il concreto rischio di possibili esplosioni ed incendi, i fuochi sono stati sequestri ed affidati ad una ditta specializzata per la custodia. Sul posto sono intervenuti anche i Vigili del Fuoco e il personale dello Spresal (Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro) per i rispettivi adempimenti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, nuove regole su quarantena e Super Green pass in vigore da oggi
Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto legge adottato dal Consiglio dei ministri
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
31 dicembre 2021
11:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale di oggi il decreto legge adottato dal Consiglio dei ministri che contiene le nuove regole per la quarantena e il Super Green pass.
Le norme sono dunque in vigore da oggi.
Sempre oggi è stata emanata la circolare del ministero della Salute con gli aggiornamenti sulle misure di quarantena e isolamento in seguito alla diffusione della nuova variante Omicron.
Niente quarantena per i soggetti asintomatici che abbiano ricevuto la dose booster, o abbiano completato il ciclo vaccinale primario nei 120 giorni precedenti, o siano guariti da infezione da SARS-CoV-2 nei 120 giorni precedenti, con obbligo di indossare mascherine tipo FFP2 per almeno 10 giorni. Il periodo di auto-sorveglianza termina al giorno 5. In caso di contatti a alto rischio, i sanitari devono inoltre eseguire tamponi giornalieri fino al 5/o giorno.
I primi dati sull’efficacia dei vaccini nei confronti della variante Omicron “suggeriscono che la stessa sarebbe in grado di ridurre l’efficacia dei vaccini – sottolinea il ministero della Salute nella circolare – nei confronti dell’infezione, della trasmissione, e della malattia sintomatica, soprattutto in chi ha completato il ciclo di due dosi da più di 120 giorni. La terza dose riporterebbe tuttavia l’efficacia dei vaccini a livelli comparabili a quelli contro la variante Delta conferendo una buona protezione nei confronti della malattia grave”.
Dovrebbe arrivare all’inizio dell’anno, con un Cdm il 5 gennaio, l’estensione del Super Green pass per lavorare. La nuova legge, su cui si ragiona nonostante le ‘fumate nere’ negli ultimi due Cdm, sarebbe nuovamente discussa in un Consiglio dei ministri che potrebbe essere convocato il 5 gennaio. E già il 10 dello stesso mese entrerà in vigore il ‘quasi lockdown’ per i non vaccinati (ovvero il certificato verde rafforzato obbligatorio ovunque, tranne che nei negozi e per i servizi essenziali).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il testo rivede le regole per la quarantena ed estende l’obbligo del Super green pass a diverse attività compresi i mezzi pubblici. Si prevede che il commissario Figluolo “d’intesa con il Ministro della salute” sigli un “protocollo d’intesa” con farmacie e rivenditori autorizzati per calmierare il prezzo delle mascherine Ffp2 “fino al 31 marzo 2022”. Il governo monitorerà l’andamento dei prezzi. La quarantena non si applica a coloro che, nei 120 giorni dal completamento del ciclo vaccinale primario o dalla guarigione o dal booster, hanno avuto contatti stretti con soggetti positivi al Covid. E’ però obbligatorio indossare mascherina Ffp2 per 10 giorni. In caso di sintomi, occorre fare subito un test rapido o molecolare e, se i sintomi persistono, bisogna ripeterlo al quinto giorno successivo all’ultimo contatto. E’ quanto emerge dalla bozza del decreto Covid, secondo cui la cessazione della quarantena o dell’auto-sorveglianza consegue all’esito negativo di un test rapido o molecolare, anche presso centri privati abilitati. Le multe da 400 a 1000 euro già previste per chi non rispetta le norme anti-Covid vengono estese anche alle nuove regole su quarantene e obbligo di Super green pass. E’ quanto si legge nella bozza del decreto Covid approvato ieri dal Consiglio dei ministri. Si prevede anche che i gestori dei nuovi servizi e attività coinvolte siano “tenuti a verificare che l’accesso” avvenga rispettando le nuove regole e il possesso del Super pass. Scatta la chiusura o la sospensione dell’attività da 1 a 10 giorni anche per alberghi, sagre, fiere e congressi, feste dopo le cerimonie – dove servirà il Super pass; se non viene rispettato l’obbligo di Ffp2 per cinema, teatri e spettacoli, e le regole per le consumazioni al banco.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gas: sfilza di ribassi ad Amsterdam, record da 7 anni
In calo anche oggi dell’11% per effetto cargo Usa e inverno mite
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
31 dicembre 2021
12:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Salgono a otto le sedute di ribassi consecutivi per il gas ad Amsterdam, benchmark di riferimento per il prezzo in Europa.
Anche oggi i future registrano un forte calo, perdendo l’11,3% a 77,4 euro al megawattora.
Andamento analogo a Londra dove il gas cede il 12,35% a 190 pence per therm. La sfilza di ribassi è stata innescata dalla notizia che diverse navi statunitensi che trasportano gas naturale liquefatto hanno fatto rotta sull’Europa per avvantaggiarsi dei prezzi, saliti, nonostante i cali delle ultime sedute, del 300% da inizio anno, mentre l’arrivo sul Continente di temperature più miti allenta i timori sulla domanda.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Toti, Berlusconi rischia di fare la fine di Prodi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
31 dicembre 2021
11:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Se non verifica bene i numeri, Berlusconi rischia di fare la fine di Prodi”.
Ribadisce stima e affetto verso il Cavaliere, ma Giovanni Toti, suo ex consigliere politico, governatore della Liguria e cofondatore di Coraggio Italia, lo invita a una riflessione in vista dell’elezione del presidente della Repubblica.
“Ci aspetta un voto balcanizzato e tribale”, dice Toti in una intervista al Secolo XIX.
“Per affetto e storia Berlusconi può contare sul mio appoggio. Ma deve verificare bene prima di andare in Parlamento con il rischio di scivolare come successe a Prodi”, aggiunge Toti che guarda al voto per il Quirinale come spartiacque della politica italiana. “Stato della pandemia, misure del governo, necessità di proseguire la legislatura, continuità sul Pnrr: tutti temi che si incrociano sull’elezione del presidente della Repubblica», dice. Il governatore è chiaro sul ruolo di Draghi. “Ha tutte le qualità per essere il presidente della Repubblica, e ho trovato fuori luogo alcune reazioni indispettite quando ha ricordato alla politica e ai partiti alcuni loro doveri. C’è chi l’ha interpretata come la messa a disposizione di se stesso per il Colle. Non so se intendeva questo, ma non ci troverei nulla di strano. E’ una possibile scelta di grande qualità, dopodiché non basta la qualità ma ci dev’essere la convergenza di tanti partiti e la messa in sicurezza di altre istituzioni, come Palazzo Chigi. Questo governo è una sorta di commissariamento della politica. Ora mi aspetto una prova di maturità dai partiti: si elegga un presidente condiviso come arbitro o si utilizzi una risorsa come Draghi, individuando un nuovo assetto di governo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Abruzzo la riapertura delle scuole slitta al 10 gennaio
Riunione tra assessori regionali alla Salute e il ministro dell’Istruzione Bianchi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
31 dicembre 2021
14:16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Slitta al 10 gennaio la riapertura delle scuole in Abruzzo.
A stabilirlo è l’ordinanza regionale che dispone la sospensione delle attività didattiche il 7 e 8 gennaio, con regolare ripresa delle stesse lunedì 10.
Prioritario tutelare la scuola in presenza.
Questa la posizione ribadita stamattina dal Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, a quanto si apprende, nel corso della riunione che si è svolta con gli assessori regionali alla Salute. “Per il Governo è fondamentale tutelare la didattica in presenza”, avrebbe detto Bianchi nel corso del suo intervento.
La riunione è stata chiesta dalle Regioni con i ministri della Pubblica Istruzione Bianchi e della Salute Speranza, alla quale partecipa il governatore del Friuli Venezia Giulia e Presidente della
Conferenza delle Regioni Massimiliano Fedriga. Al centro le misure di contrasto al Covid in vista della riapertura delle scuole.
Le Regioni hanno proposto nuove norme sulle quarantene degli studenti. Visto l’avvio della campagna vaccinale 5-11 anche per le scuole elementari e la prima media – così come già succede per quelle successive – la proposta è di prevedere, nel caso di due studenti risultati positivi in una classe, solo l’autosorveglianza (5gg) per i ragazzi vaccinati e la quarantena di 10 giorni con Dad (quest’ultimo caso laddove previsto) e test al termine dell’isolamento per i non vaccinati. Nelle scuole dell’infanzia resterebbe la quarantena di dieci giorni per tutti con tampone con un solo caso positivo. La proposta avrebbe trovato diversi punti di condivisione da parte del Governo.
“E’ prioritario ridurre l’area dei non vaccinati e allargare ancora quella dei vaccinati per non sovraccaricare gli ospedali”. E’ quanto avrebbe detto il Ministro della Salute Roberto Speranza nel corso della riunione chiesta dalle Regioni alla presenza del Governatore Fedriga e del Ministro Bianchi. La riunione – secondo quanto si apprende – avvrebbe esaminato la situazione generale legata alla pandemia e successivamente gli aspetti relativi alla scuola. Speranza avrebbe sottolineato la necessità di considerare “molto seriamente sia l’estensione dell’obbligo a tutti che l’estensione del green pass rafforzato al mondo del lavoro”.
“È stato un incontro positivo e costruttivo in cui abbiamo prospettato al Governo alcune ipotesi di intervento che, sulla falsariga di quanto è stato fatto con l’ultimo decreto, alleggeriscano anche il mondo della scuola sul fronte dei protocolli, delle quarantene e dei tamponi attualmente previsti. Si tratta di proposte tecniche che vogliamo approfondire e condividere con l’esecutivo per proteggere gli ospedali gravati sempre più da ricoveri e permettere una ripresa dell’anno scolastico in presenza, considerando l’andamento della curva epidemica che appare trainato proprio da una progressione importante nella fascia che va da 6 a 13 anni”. Così il Presidente della Conferenza delle Regioni , Massimiliano Fedriga, e l’assessore dell’Emilia-Romagna, Raffaele Donini, coordinatore della Commissione Salute, dopo l’incontri con il governo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Da lunedì la Lombardia torna in zona gialla
Governatore Fontana, mascherina all’aperto era già obbligatoria
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
31 dicembre 2021
12:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Da lunedì la Lombardia sarà in zona gialla.
Lo comunica il governatore della Regione Attilio Fontana, anticipando che “i dati del monitoraggio settimanale della cabina di regia di ministero della Salute e Iss confermano il superamento dei parametri da zona bianca, pertanto da lunedì prossimo la Lombardia passerà in zona gialla.
Non ci sono variazioni sulle misure da rispettare da parte dei cittadini, perché l’utilizzo della mascherina all’aperto è già prevista per tutte le fasce, compresa quella bianca”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Autostrade: Mims, in 2022 niente aumenti su 98% rete
L’unico adeguamento riguarda l’Autovia Padana
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
31 dicembre 2021
12:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il primo gennaio 2022 non scatteranno aumenti dei pedaggi sul 98% della rete autostradale nazionale.

L’unico adeguamento riguarda la tratta della A21 gestita da Autovia Padana Spa, quindi solo 105 chilometri su un totale di oltre 6.000 di rete autostradale a pedaggio.
Lo fa sapere il Ministero delle infrastrutture e mobilità sostenibili, precisando che anche per il 2022 vengono confermate le tariffe vigenti sulle autostrade gestite dalle società per le quali è in corso l’aggiornamento/revisione del rapporto concessorio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Farmacisti no vax individuati e sanzionati a Catanzaro
Scoperti da Cc e Nas, segnalati per provvedimenti sospensione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
31 dicembre 2021
12:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Non si erano mai vaccinati, non avevano subito alcuna sospensione dall’attività e continuavano a svolgere il loro lavoro in assenza del previsto “green pass”.

Due farmacisti no vax, il titolare di un esercizio commerciale e una sua collega, dipendente, sono stati scoperti e sanzionati dai carabinieri di Catanzaro e dagli specialisti del Nas.

La situazione è emersa a seguito di un controllo effettuato dai militari in una farmacia della zona sud del capoluogo di regione, nell’ambito delle attività svolte per verificare il rispetto delle normative in materia di contrasto alla pandemia da Covid-19. La successiva ispezione, che il personale del reparto speciale dell’Arma ha eseguito all’interno dell’esercizio commerciale, ha evidenziato inoltre che la farmacia aveva venduto numerosi medicinali in assenza della prevista prescrizione medica. Il totale delle sanzioni elevate è pari ad oltre 1500 euro.
I due professionisti che avevano contravvenuto alle disposizioni di legge sono stati anche segnalati all’Ordine dei farmacisti per l’avvio del procedimento di sospensione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ravanusa: indagati vertici Italgas, atto dovuto dei Pm
Indispensabile per accertamento irripetibile su luogo esplosione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
AGRIGENTO
31 dicembre 2021
13:06
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dieci persone, tra vertici nazionali e regionali di Italgas, sono state indagate dalla Procura di Agrigento nell’ambito dell’inchiesta sull’esplosione dell’11 dicembre scorso a Ravanusa in cui morirono nove persone, compresa una donna al nono mese di gravidanza.
Il fascicolo, che ipotizza i reati di disastro colposo ed omicidio colposo plurimo, è stato aperto come atto dovuto per eseguire la prossima settimana un incidente probatorio, e quindi irripetibile, nel luogo della tragedia, in via Trilussa.
La notifica degli avvisi di garanzia è in corso.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: titolare e dipendente no vax, chiusa la farmacia
Entrambi denunciati in provincia di Monza e Brianza
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
RENATE
30 dicembre 2021
20:39
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Una farmacia di Renate (Monza) è stata chiusa dai carabinieri perché la titolare, denunciata, e un dipendente, sono risultati non vaccinati, come previsto per chi lavora nei presidi sanitari e a contatto con il pubblico.
A deciderlo è stata l’Ats Brianza, conseguentemente ad alcuni controlli dei carabinieri nell’ambito della “campagna di controllo di aderenza sull’obbligo vaccinale per gli esercenti le professioni sanitarie”.
La titolare, a quanto emerso, nonostante fosse sospesa dall’Ordine dei farmacisti per non aver assolto completamente all’obbligo vaccinale per la prevenzione dall’infezione da Sars-cov2, ha continuato a svolgere la sua professione all’interno dell’esercizio. La proprietaria è stata denunciata per esercizio abusivo della professione sanitaria e inosservanza dell’ordine in materia sanitaria. Il suo collaboratore è stato invece denunciato per oltraggio a pubblico ufficiale, per aver aggredito verbalmente i carabinieri. A settembre la stessa farmacia era stata oggetto di alcuni controlli da parte dei carabinieri dei Nas e della stessa Ats, che hanno portato al sequestro di materiale informatico.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Unicef,’2021 il peggiore da dopoguerra. Aiutiamo i nostri figli’
Appello a chi governa, ‘ora occuparsi della loro salute mentale’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
31 dicembre 2021
15:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il 2021 l’anno peggiore dal dopoguerra per i bambini.
Un clamoroso passo indietro, quello che segnala l’Unicef e “su tutti gli indicatori” in materia di violazioni sui più piccoli, sottolinea il portavoce per l’Italia dell’agenzia dell’Onu Andrea Iacomini, secondo cui “avremo bisogno di 10 anni per recuperare”.
Ma l’appello quest’anno va perfino oltre i pur drammatici dati a livello globale, in aree di crisi e di conflitto, e invita a guardare anche alla ‘porta accanto’ dove possono essersi insinuate angoscia e paura, effetti collaterali della pandemia, fino a creare una emergenza ormai inconfutabile per la salute mentale dei più giovani. “Mi rivolgo a chi governa e a chi governerà: occupiamoci del benessere psicofisico dei nostri figli”, dice Iacomini.
Il tema è trasversale e anche in questo caso suffragato dai dati: “Le problematiche di salute mentale colpiscono più del 13% degli adolescenti tra i 10 e i 19 anni in tutto il mondo. Entro ottobre 2020, la pandemia aveva interrotto o fermato i servizi critici di salute mentale nel 93% dei paesi in tutto il mondo” si legge nel recente rapporto dell’Unicef le cui indicazioni mirano proprio a “Prevenire un decennio perduto” chiedendo azioni urgenti per invertire l’impatto devastante del covid-19 su bambini e giovani. E se i dati sono in peggioramento su vari fronti, se l’impatto è devastante dall’Afghanistan alla Birmania, dallo Yemen alla Siria fino all’Etiopia, nascosto sotto una coltre di silenzio (nel 2020 sono state verificate dall’ONU 26.425 gravi violazioni contro i bambini), per intravedere i segni che questi due anni di pandemia rischiano di lasciare su un’intera generazione “basta parlare con i nostri vicini di casa” insiste Iacomini. “Bisogna occuparsi di loro, dei nostri bambini e adolescenti o li perdiamo. Perchè come i nostri nonni hanno portato addosso i segni della guerra, i nostri figli portano il fardello di questi due anni. E loro racconteranno tutto questo ai loro figli”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Assegno unico: da domani domande a Inps,beneficio da marzo
E’ per tutti, dipendenti, autonomi, pensionati e disoccupati
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
31 dicembre 2021
15:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Da domani primo gennaio 2022 sarà possibile presentare le domande per l’assegno unico e universale per i figli a carico che sarà distribuito a partire dal primo marzo 2022, in coincidenza con il venir meno dell’assegno erogato dai Comuni ai nuclei familiari numerosi e l’applicazione in busta paga delle detrazioni fiscali per i figli fino a 21 anni di età (al ricorrere di certe condizioni).
Lo ricorda l’Inps dopo la pubblicazione in Gazzetta del decreto che introduce il nuovo strumento.

L’assegno unico riguarda tutte le categorie di lavoratori dipendenti (sia pubblici che privati), autonomi, pensionati, disoccupati e inoccupati.
Con l’entrata in vigore dell’assegno unico, da marzo 2022 scompariranno quasi tutti i bonus a favore della natalità, ad eccezione di quello per gli asili nido. Lo precisa l’Inps, dettagliando le misure che verranno abrogate: il premio alla nascita o all’adozione (bonus mamma domani); l’assegno ai nuclei familiari con almeno tre figli minori; gli assegni familiari ai nuclei familiari con figli e orfani; l’assegno di natalità (il cosiddetto Bonus bebè); le detrazioni fiscali per figli fino a 21 anni. “L’assegno unico – sottolinea l’Istituto – non assorbe né limita gli importi del bonus asilo nido”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Finge di fare vaccini ai no vax, arrestato medico in Toscana
Pistoia, 19 indagati, sequestrati Green pass falsi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PISTOIA
31 dicembre 2021
13:10
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Arresti domiciliari per un medico della Montagna Pistoiese che dichiarava falsamente di aver somministrato vaccini Covid a numerosi pazienti no vax che ottenevano un Green pass fasullo.
Secondo le indagini dei carabinieri di Prato e del Nas di Firenze, coordinate dalla procura di Pistoia, il medico riceveva in ambulatorio pazienti no vax attestando per loro l’avvenuta vaccinazione Covid benché in realtà non la eseguisse.
Sono state sequestrate false certificazioni Green pass sulla piattaforma del sistema sanitario della Regione e sono indagate al momento 19 persone.
Il medico, di medicina generale, nella sua qualità di pubblico ufficiale vaccinatore, è gravemente indiziato per aver falsamente attestato l’avvenuta vaccinazione per persone no vax, non solo della Montagna Pistoiese dove lui esercita la professione, tra le località di Abetone, Cutigliano, Maresca, San Marcello, Marliana, ma anche del capoluogo Pistoia e delle zone di Prato, Lucca, Pisa, Firenze. Le accuse per il medico sono di falso, peculato, truffa al Servizio Sanitario nazionale, omissione di atti d’ufficio. Dalle indagini risulta che il medico non percepiva denaro né vantaggi o regali per effettuare le false registrazioni, ma, secondo quanto spiega il procuratore Tommaso Coletta, sembra che agisse così per una convinzione personale relativa alla presunta inutilità del vaccino anti Covid. Inoltre, l’accusa di peculato sarebbe relativa alla presunta dispersione dei vaccini, gettati via, che non venivano somministrati: come vaccinatore, il medico ne era rifornito dal sistema sanitario. L’indagine parte dalla segnalazione di una madre, fatta ai carabinieri di Prato, preoccupata dalla possibilità che il figlio, che secondo lei era stato falsamente vaccinato, potesse ammalarsi per il Covid.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Fvg 2.361 nuovi contagi e 4 decessi
Ricoverate in terapia intensiva sono 28, in altri reparti 287
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
31 dicembre 2021
15:05
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Oggi in Friuli Venezia Giulia su 11.301 tamponi molecolari sono stati rilevati 1.877 nuovi contagi, con una percentuale di positività del 16,61%.
Sono inoltre 14.341 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 484 casi (3,37%).
Lo ha comunicato il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute Riccardo Riccardi.
Oggi si registrano 4 decessi: una donna di 97 anni di Trieste (deceduta in una Rsa), una di 80 di Tricesimo (ospedale), un uomo di 78 di San Dorligo della Valle (ospedale), uno di 75 anni di Sacile (ospedale). Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 28 e i pazienti ospedalizzati in altri reparti 287.
I decessi complessivamente sono stati 4.213: sono 1.011 a Trieste, 2.079 a Udine, 777 a Pordenone e 346 a Gorizia. I totalmente guariti sono 139.039, i clinicamente guariti 320, mentre le persone in isolamento sono 12.205. Dall’inizio della pandemia in Fvg sono risultate positive 156.092 persone: 37.749 a Trieste, 65.050 a Udine, 32.112 a Pordenone, 18.939 a Gorizia e 2.242 da fuori regione.
Il totale dei positivi è stato ridotto di due unità. La prima fascia d’età per quel che riguarda i contagi odierni è la 20-29 (18,38%), seguita dalla 0-19 (17,20), dalla 40-49 (16,98), dalla 50-59 (14,99%) e infine dalla 30-39 (14,57%). Per il Sistema sanitario regionale, sono state rilevate positività nell’Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina di 4 amministrativi, un assistente sociale, un terapista, 5 tecnici, 8 infermieri, 6 medici e 2 operatori socio sanitari; nell’Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale di un medico, un autista, 11 infermieri e 2 operatori socio sanitari; nell’Azienda sanitaria Friuli Occidentale di un addetto all’assistenza, 2 infermieri, 2 ostetriche e 3 tecnici; nell’Irccs Cro di Aviano di un amministrativo; nell’Irccs materno-infantile Burlo Garofolo di 2 infermieri, 2 ostetriche e un operatore socio sanitario.
Relativamente alle residenze per anziani si registrano 10 contagi tra gli operatori (San Pietro al Natisone, Morsano al Tagliamento, Trieste, Sequals, Venzone, Duino Aurisina, Ampezzo e Cormons) e nessun caso tra gli ospiti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: schizzano verso alto contagi in Sardegna, 1.209 casi
Record assoluto positivi e 2 morti, tasso positività al 5,4%
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
31 dicembre 2021
16:08
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mai così tanti casi in Sardegna, dove si registrano oggi 1.209 ulteriori casi confermati di positività al Covid-19 e il decesso di 2 pazienti: un uomo di 83 anni, residente nella Città Metropolitana di Cagliari, e un residente nella provincia di Nuoro.
Sono 5.588 le persone testate ed è record anche di tamponi effettuati: fra molecolari e antigenici, ne sono stati processati 22.192 in con un tasso di positività del 5,4% in risalta rispetto al 3,9% dell’ultimo rilevamento Pressoché stabili i ricoverati: nei reparti di terapia intensiva sono 16 (+1) mentre quelli in area medica sono 146 (+2).
Sono 7.830 le persone in isolamento (+1.004).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Unicef, il 2021 il peggiore anno dal dopoguerra per i bambini
Appello a chi governa: ‘Ora bisogna occuparsi della loro salute mentale’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
31 dicembre 2021
14:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il 2021 è stato l’anno peggiore dal dopoguerra per i bambini.
Un clamoroso passo indietro, quello che segnala l’Unicef e “su tutti gli indicatori” in materia di violazioni sui più piccoli, sottolinea il portavoce per l’Italia dell’agenzia dell’Onu Andrea Iacomini, secondo cui “avremo bisogno di 10 anni per recuperare”.
L’appello quest’anno va perfino oltre i pur drammatici dati a livello globale, in aree di crisi e di conflitto, e invita a guardare anche alla ‘porta accanto’ dove possono essersi insinuate angoscia e paura, effetti collaterali della pandemia, fino a creare una emergenza ormai inconfutabile per la salute mentale dei più giovani.
“Mi rivolgo a chi governa e a chi governerà: occupiamoci del benessere psicofisico dei nostri figli”, dice Iacomini.
Il tema è trasversale e anche in questo caso suffragato dai dati: “Le problematiche di salute mentale colpiscono più del 13% degli adolescenti tra i 10 e i 19 anni in tutto il mondo. Entro ottobre 2020, la pandemia aveva interrotto o fermato i servizi critici di salute mentale nel 93% dei paesi in tutto il mondo” si legge nel recente rapporto dell’Unicef le cui indicazioni mirano proprio a “Prevenire un decennio perduto” chiedendo azioni urgenti per invertire l’impatto devastante del covid-19 su bambini e giovani. E se i dati sono in peggioramento su vari fronti, se l’impatto è devastante dall’Afghanistan alla Birmania, dallo Yemen alla Siria fino all’Etiopia, nascosto sotto una coltre di silenzio (nel 2020 sono state verificate dall’ONU 26.425 gravi violazioni contro i bambini), per intravedere i segni che questi due anni di pandemia rischiano di lasciare su un’intera generazione “basta parlare con i nostri vicini di casa” insiste Iacomini. “Bisogna occuparsi di loro, dei nostri bambini e adolescenti o li perdiamo. Perchè come i nostri nonni hanno portato addosso i segni della guerra, i nostri figli portano il fardello di questi due anni. E loro racconteranno tutto questo ai loro figli”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bollette: Salvini, chiediamo un tavolo nazionale sul tema
Giorgetti: ‘Riflettere sulla sovranità energetica. Individuare le soluzioni per i settori industriali più impattati’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
31 dicembre 2021
15:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lega all’attacco sul fronte dellebollette.
“Chiediamo formalmente un tavolo nazionale, anzi una “cabina di regia” come dicono adesso, sul tema caro-bollette luce e gas, una mazzata da mille euro a famiglia e da 30 miliardi per negozi, artigiani e imprese.
Insieme all’emergenza Covid, questa è la vera urgenza dei prossimi mesi. Ognuno deve portare idee e prendersi le proprie responsabilità, i troppi no ideologici degli ultimi anni hanno bloccato e impoverito l’Italia. Chiedo al Presidente Draghi di convocare anche imprese e segretari di partito, famiglie e attività produttive non aspettano”. Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini in una nota.
“Bene fa Salvini a insistere sull’emergenza del caro bollette e a chiedere un tavolo per affrontare la questione. Da mesi abbiamo sollevato il problema e come Mise siamo a disposizione per portare a questo tavolo le riflessioni già avviate per individuare le soluzioni per i settori industriali più impattati. Il tema impone scelte urgenti per famiglie e imprese che implicano una riflessione più generale sulla sovranità energetica del nostro Paese”. Così Il ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Città: Mims, 3,4 miliardi per rigenerazione,ecco i progetti
Cancelleri, pubblicato decreto di assegnazione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
31 dicembre 2021
12:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pubblicato oggi il decreto per l’assegnazione ai comuni di contributi per investimenti in progetti di rigenerazione urbana, volti alla riduzione dei fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale.

“Lavoriamo su questa enorme misura già dai governi Conte” commenta in una nota il sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Giancarlo Cancelleri.

“Una misura che grazie anche ai fondi del PNRR stanzia ben 3,4 miliardi per progetti che contribuiranno a rendere le città più sostenibili e a misura d’uomo”spiega.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Assegno unico: da domani domande a Inps,beneficio da marzo
E’ per tutti, dipendenti, autonomi, pensionati e disoccupati
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
31 dicembre 2021
16:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Da domani primo gennaio 2022 sarà possibile presentare le domande per l’assegno unico e universale per i figli a carico che sarà distribuito a partire dal primo marzo 2022, in coincidenza con il venir meno dell’assegno erogato dai Comuni ai nuclei familiari numerosi e l’applicazione in busta paga delle detrazioni fiscali per i figli fino a 21 anni di età (al ricorrere di certe condizioni).
Lo ricorda l’Inps dopo la pubblicazione in Gazzetta del decreto che introduce il nuovo strumento.

L’assegno unico riguarda tutte le categorie di lavoratori dipendenti (sia pubblici che privati), autonomi, pensionati, disoccupati e inoccupati.
Con l’entrata in vigore dell’assegno unico, da marzo 2022 scompariranno quasi tutti i bonus a favore della natalità, ad eccezione di quello per gli asili nido. Lo precisa l’Inps, dettagliando le misure che verranno abrogate: il premio alla nascita o all’adozione (bonus mamma domani); l’assegno ai nuclei familiari con almeno tre figli minori; gli assegni familiari ai nuclei familiari con figli e orfani; l’assegno di natalità (il cosiddetto Bonus bebè); le detrazioni fiscali per figli fino a 21 anni. “L’assegno unico – sottolinea l’Istituto – non assorbe né limita gli importi del bonus asilo nido”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dal primo gennaio 2022 sarà possibile presentare le domande per l’assegno unico e universale per i figli a carico che sarà distribuito a partire dal primo marzo 2022, in coincidenza con il venir meno dell’assegno erogato dai Comuni ai nuclei familiari numerosi e l’applicazione in busta paga delle detrazioni fiscali per i figli fino a 21 anni di età (al ricorrere di certe condizioni).
Lo ricorda l’Inps dopo la pubblicazione in Gazzetta del decreto che introduce il nuovo strumento.
L’assegno unico riguarda tutte le categorie di lavoratori dipendenti (sia pubblici che privati), autonomi, pensionati, disoccupati e inoccupati.
Con l’entrata in vigore dell’assegno unico, da marzo 2022 scompariranno quasi tutti i bonus a favore della natalità, ad eccezione di quello per gli asili nido. E’ quanto precisa l’Inps, dettagliando le misure che verranno abrogate: il premio alla nascita o all’adozione (bonus mamma domani); l’assegno ai nuclei familiari con almeno tre figli minori; gli assegni familiari ai nuclei familiari con figli e orfani; l’assegno di natalità (il cosiddetto Bonus bebè); le detrazioni fiscali per figli fino a 21 anni. “L’assegno unico – sottolinea l’Istituto – non assorbe né limita gli importi del bonus asilo nido”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gas naturale: in calo di oltre il 15%, sui prezzi di ottobre
‘Taglio’ del 60% dai massimi del 21 dicembre
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
31 dicembre 2021
15:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Prosegue il ribasso del prezzo del gas naturale: sui mercati europei scende di oltre il 15% poco sopra i 70 euro al Megawattora, portando al 60% il ‘taglio’ dai massimi a 180 euro del 21 dicembre.
Il prezzo della materia prima è tornato sui livelli di fine ottobre.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Air Italy: l’ira dei lavoratori, dimenticati dalla politica
Protesta in piazza a Olbia alla vigilia alla scadenza della Cig
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
OLBIA
31 dicembre 2021
16:03
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Dimenticati dalla politica, ma non è finita qui”.
È il grido di battaglia degli oltre 150 dipendenti di Air Italy che oggi hanno partecipato alla manifestazione promossa da Ap, Cobas e Usb, alla quale ha aderito anche Anpav.
Nel centro di Olbia, in piazza Elena di Gallura, di fronte al municipio, i vertici delle sigle sindacali promotrici hanno puntato il dito contro la politica nazionale.
“Siamo stati completamente abbandonati, nessun ministro è mai intervenuto o ha mai pronunciato il nome di Air Italy – accusano – altre vertenze hanno avuto l’attenzione della politica e della stampa nazionali, la nostra no, sebbene da domani siano per strada 1322 lavoratori”.
Oggi scade per tutti la cassa integrazione e, salvo sorprese, tra domani e i prossimi giorni arriveranno le prime lettere di licenziamento, visto il nulla di fatto nell’ultimo vertice nel quale i liquidatori non si sono presentati, non avendo il mandato dell’azienda. L’ultima flebile speranza è appesa a un tentativo diplomatico che vede impegnati il ministro Luigi Di Maio e il suo omologo del Qatar, come ha ribadito ai lavoratori con tutte le prudenze del caso il consigliere regionale Roberto Li Gioi del M5s, unico politico presente alla manifestazione di oggi. Una notizia che era stata data, proprio dopo l’ultimo confronto, anche dall’assessora regionale del Lavoro della Sardegna, Alessandra Zedda, che aveva lanciato un appello accorato al Governo.
“Tutte le altre compagnie aeree italiane sono coperte dalla cassa integrazione per tutto il 2022, la nostra no: come è possibile che non sia una priorità una vertenza che interessa così tante famiglie, con effetti devastanti sul tessuto socio-economico nazionale e dei territori interessati?”, si chiedono i sindacati e i lavoratori. “Questa è la seconda compagnia aerea italiana – chiosano – qui si chiude un capitolo ma la battaglia è aperta”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lagarde, choc economici più forti senza scudo dell’ euro
Presidente Bce su settimanale Corriere per 20 anni moneta unica
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
31 dicembre 2021
16:20
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“I recenti choc economici sarebbero stati ancora più gravi senza la stabilità e l’integrazione che l’euro ha conferito al nostro mercato unico” e “l’euro e l’Europa sono ormai inseparabili”.
Così la presidente della Bce Christine Lagarde in un intervento in occasione dei 20 anni dell’Euro pubblicato dal settimanale del Corriere 7 e da diversi media europei .

“Quando penso all’euro mi vengono in mente le imprese e le aziende familiari che hanno avuto successo grazie ai benefici derivanti dall’euro e dal mercato unico”, afferma Lagarde che sottolinea: “la Bce è custode dell’euro e noi lavoriamo con impegno per proteggere la nostra moneta unica”. Ed è anche “dovere” dell’istituto “studiare possibili forme di pagamento aggiuntivo come l’euro digitale”, aggiunge guardando al futuro.
Nell’intervento spazio anche ai ricordi personali per la presidente della Bce che il primo gennaio festeggia anche il suo compleanno: “Il primo gennaio del 2002 ero in Normandia, andai al bancomat e feci una scommessa con amici sul fatto che sarebbero uscite subito le nuove banconote e fu così”.

Cronaca tutte le notizie. Tutta la Cronaca in tempo reale. LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Cinema, Cronaca, Medicina, Salute e Benessere, Notizie, Scienza, Spettacoli Musica e Cultura, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE: TUTTE LE ULTIMISSIME DI CRONACA. TUTTI GLI AGGIORNAMENTI ED APPROFONDIMENTI DI CRONACA NAZIONALE ED INTERNAZIONALE SEMPRE AGGIORNATI IN TEMPO REALE: LEGGI!

Tempo di lettura: 127 minuti

Ultimo aggiornamento 31 Dicembre, 2021, 12:19:10 di Maurizio Barra

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 23:42 DI DOMENICA 26 DICEMBRE 2021

ALLE 12:19 DI VENERDÌ 31 DICEMBRE 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Droga: operazione Cc in Sicilia; 26 misure cautelari
Inchiesta Procura Agrigento, arresti anche nel nisseno
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
26 dicembre 2021
23:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una vasta operazione antidroga è in corso tra le province di Agrigento e Caltanissetta.
I carabinieri del comando provinciale di Agrigento stanno eseguendo 26 ordinanze cautelari nei confronti di persone ritenute responsabili, a vario titolo, di detenzione, traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, cocaina e hashish in maniera particolare.

L’indagine è stata condotta dai carabinieri del nucleo Operativo e Radiomobile della compagnia, con il coordinamento del procuratore di Agrigento Luigi Patronaggio e del sostituto Gloria Andreoli.
Le misure sono state firmate dal gip Stefano Zammuto.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tangenti per appalti Covid tra champagne e carne pregiata
In carcere dirigente Regione Puglia, due imprenditori ai domiciliari
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
27 dicembre 2021
11:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Gli ho portato un pensiero che era un cesto natalizio e un cartone con una bottiglia di champagne”. Così si è giustificato l’imprenditore di Foggia Luca Ciro Giovanni Leccese, titolare della società Edil Sella, quando è stato interrogato dopo aver consegnato all’ormai ex dirigente della Protezione civile regionale Mario Lerario una tangente da 10 mila euro, in 200 banconote da 50 euro.
La vicenda risale al 23 dicembre scorso ed è costata a Lerario l’arresto in flagranza e poi la detenzione in carcere e all’imprenditore gli arresti domiciliari.
Entrambi sono accusati di corruzione. Agli arresti domiciliari è finito anche un altro imprenditore, Donato Mottola, di Noci, titolare della società Dmeco Engineering, accusato di aver consegnato il giorno prima a Lerario un’altra tangente da 20 mila euro, una “manzetta” la chiama lui al telefono parlando con la moglie dopo aver recapitato al dirigente il “regalo di Natale”, cioè una “mazzetta” nascosta in un pezzo di manzo pregiato.
Entrambi gli imprenditori, hanno accertato le indagini della Guardia di Finanza, coordinate dal procuratore Roberto Rossi e dall’aggiunto Alessio Coccioli, avevano con la Protezione civile regionale diversi appalti per oltre 5,3 milioni di euro complessivi. Appalti relativi alla realizzazione di container per l’isolamento dei migranti positivi al Covid nel Cara di Borgo Mezzanone, per gli uffici della sede di Foggia del Numero unico 112 nell’aeroporto dauno, per l’ospitalità di migranti lavoratori stagionali sempre nel Foggiano e anche per l’installazione di strutture prefabbricate mobili di emergenza per pre-triage a servizio e supporto delle strutture ospedaliere durante la pandemia.
Appalti che hanno garantito a Leccese entrate per circa 2,8 milioni di euro, a Mottola per quasi 2,5 milioni. Entrambi, interrogati dopo l’arresto in flagranza di Lerario, hanno confessato, spiegando che quel denaro era una loro personale iniziativa, un “regalo” al dirigente, come ringraziamento per i lavori che erano stati affidati loro.
Negli atti, riportando il contenuto delle intercettazioni telefoniche e ambientali cominciate almeno da maggio 2021 nell’ambito della più ampia indagine della Procura sulla realizzazione della struttura per le maxi emergenze Covid nella Fiera del Levante di Bari, emerge “l’esistenza di una fitta rete di rapporti tra il pubblico ufficiale e gli imprenditori coinvolti caratterizzata dall’asservimento, in cambio di un tornaconto personale, della funzione pubblica del primo agli interessi economici dei secondi”.
La gip, nel ritenere sussistente il pericolo di inquinamento probatorio da parte di Lerario, parla di “mercimonio delle pubbliche funzioni” ed evidenzia che durante le indagini il dirigente si sarebbe anche “preoccupato di far bonificare il proprio ufficio dove erano state sistemate cimici audio-video”, consapevole di essere intercettato, in un atteggiamento di “spregio assoluto per la funzione pubblica rivestita”. La vicenda è stata al centro anche di un post del leader della Lega, Matteo Salvini, il quale l’ha citata mettendo in collegamento le presunte tangenti con il business dell’accoglienza migranti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Figliuolo: ecco il piano contro Omicron
Screening nelle scuole e terze dosi per tutti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
27 dicembre 2021
10:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Più vaccini e screening nelle scuole. È questo in sintesi il piano del Commissario per l’emergenza Coronavirus, Francesco Figliuolo, illustrato al ‘Corriere della Sera’.
In un’intervista, il generale dichiara che “aumentare il numero di persone vaccinate e che hanno ricevuto il booster ci aiuterà a consolidare la barriera costruita finora”.
Con l’apertura del richiamo a quattro mesi “dal prossimo 10 gennaio”, prosegue, “si potrà soddisfare la platea di potenziali ricettori”.
Come funzionerà lo screening nelle scuole? “Ogni Regione metterà a punto un dispositivo – spiega Figliuolo – e grazie alla grande disponibilità del ministro alla Difesa, Lorenzo Guerini, avremo il supporto dei team e dei laboratori militari”.
Per il personale scolastico “il governo ha stanziato 5 milioni di euro – rivela il commissario – che saranno impiegati per l’acquisto di mascherine Ffp2 da distribuire a chi svolge attività scolastiche e didattiche a favore dell’infanzia”.
Il generale auspica che l’ultimo vaccino approvato dall’Ema, Novavax, possa convincere anche i più restii. E’ previsto l’arrivo di “2,9 milioni di dosi”, la prima consegna “presumibilmente tra gennaio e febbraio”. “È un vaccino di tipo tradizionale”, spiega. “Mi auguro che contribuirà a convincere chi è ancora esitante”. Con esso “avremo un’arma in più contro il Covid-19 che consentirà alla campagna vaccinale di andare più spedita”.   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Un anno fa le prime vaccinazioni, raggiunte 108 milioni di dosi
Il 27 dicembre 2020 iniziava la campagna vaccinale. Dopo 12 mesi sono quasi 48 milioni gli italiani che hanno ricevuto almeno la prima
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
27 dicembre 2021
12:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un anno fa iniziava la campagna vaccinale, all’ospedale Spallanzani di Roma.
Dopo 12 mesi sono oltre 108 milioni le dose somministrate e 47.947.263 gli italiani che hanno ricevuto almeno la prima (l’88,77% della popolazione over 12).
Nell’ultimo mese sono stati avvicinati i numeri di giugno e luglio, con una media di 500mila somministrazioni al giorno, e un picco nella settimana prima di Natale, quasi 3,7 milioni di dosi dal 13 al 19 dicembre.
E sono soprattutto terze dosi: secondo l’ultimo aggiornamento 17.193.238, raggiunto per ora il 55,46% della popolazione al momento oggetto di richiamo. Ma ci sono ancora oltre 5,6 milioni di over 12 senza alcuna copertura contro il Covid. Mentre la campagna pediatrica, partita dieci giorni fa, ha riguardato finora 168.041 bambini tra i 5 e gli 11 anni.
Speranza: ‘In 12 mesi vaccino somministrate oltre 108 milioni di dosi’ – “Il 27 dicembre di un anno fa è iniziata la nostra campagna vaccinale. In 12 mesi grazie alla forza del nostro Servizio Sanitario Nazionale, all’impegno senza precedenti delle donne e degli uomini della sanità italiana, abbiamo somministrato oltre 108 milioni di dosi. Come testimoniano i dati dei nostri scienziati, i vaccini hanno salvato la vita a migliaia di persone e permesso al nostro Paese di ripartire. Dobbiamo continuare su questa strada”. Questo il messaggio su Facebook del ministro della Salute, Roberto Speranza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nonni hi-tech in Rsa, alfabetizzazione digitale con gli studenti
Progetto di Fondazione Golgi Cenci e Bicocca con tablet Emporia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
27 dicembre 2021
11:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Entrerà nel vivo da gennaio il progetto di alfabetizzazione digitale organizzato dalla Fondazione Golgi Cenci con l’Università della Bicocca di Milano.

Grazie all’utilizzo di tablet forniti dall’azienda austriaca Emporia, da qualche mese presente anche in Italia, gli over 75 ospiti delle Rsa della Fondazione potranno fare i loro primi passi nel mondo della tecnologia.
supportati da una trentina di studenti dell’università. Una fascia di età che, secondo lo specialista Emporia, presenta diverse difficoltà nell’approcciare la cosiddetta tecnologia standard, con necessità ben specifiche di capire metodologie di utilizzo basilari.
I prodotti Emporia sono il frutto di ricerche e audit organizzati per il target degli “over”, tenendo in considerazione il bisogno di avere tasti grandi, icone ben leggibili e molte altre funzioni che per altri utenti sarebbero di poco conto, quasi dei difetti. Stando proprio ad una ricerca svolta nel 2021 in collaborazione con Astra Ricerche, Emporia ha individuato che gli anziani italiani sono sempre più autonomi nella scelta del proprio smartphone (65,1%) e nel suo primo utilizzo (51,9%), sfruttando l’isolamento causato dalla pandemia per scoprire nuove funzionalità del proprio dispositivo (49,4%).
il 65,1% degli intervistati ha dichiarato di aver completato il processo di acquisto del proprio dispositivo telefonico mobile da solo, mentre solo il 24,5% di aver lasciato l’onere a figli o parenti. Con la diffusione del coronavirus, il conseguente isolamento e distanziamento sociale, lo smartphone ha acquistato un ruolo sempre più importante per contrastare la solitudine, tanto che il 72,6% degli intervistati afferma che la pandemia ha mostrato loro quanto sia importante che tutte le generazioni siano digitalmente abili, mentre il 61,9% ha risposto che il loro cellulare ha evitato che si sentissero totalmente esclusi durante il lockdown.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pensionato 80enne uccide moglie a coltellate, pensava che lo tradisse
La donna si chiamava Natalia Kyrychok, faceva la cameriera in un ristorante ed era in Italia da oltre 20 anni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GRADARA
27 dicembre 2021
14:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un pensionato di 80 anni ha ucciso a coltellate la moglie di 61, nella notte tra Natale e Santo Stefano nella loro casa di Fanano di Gradara.
La donna si chiamava Natalia Kyrychok, faceva la cameriera in un ristorante ed era in Italia da oltre 20 anni.
Il marito, Vito Cangini, incensurato, era convinto che lo tradisse. Ieri ha vagato per tutto il giorno fermandosi a bere in diversi locali fino a ubriacarsi. Ieri sera il titolare del ristorante dove la donna lavorava ha dato l’allarme non vedendola arrivare e non ricevendo risposte al telefono.
Quando i militari si sono presentati in casa, Cangini ha ammesso tutto. Il corpo di Natalia Kyrychok è stato trovato sul pavimento della camera da letto: secondo i primi accertamenti la donna sarebbe stata raggiunta da almeno 4 coltellate al petto. Gli accertamenti da parte dei carabinieri sono durati tutta la notte. Vito Cangini è stato rinchiuso nel carcere di Villa Fastiggi con l’accusa di omicidio volontario. Ritrovato il coltello da cucina utilizzato per colpire a morte la donna, che aveva origini moldave ed era madre di un ragazzo che abitava altrove. Natalia e il marito erano sposati da 17 anni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Carceri, muore dopo aver perso 25 kg, inchiesta a Torino
Diceva di non riuscire a mangiare, ma gli agenti credevano che simulasse
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
28 dicembre 2021
12:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Diceva di non riuscire a mangiare ma gli operatori del carcere credevano che simulasse.
Antonio Raddi, detenuto alle Vallette di Torino, morì il 30 dicembre 2019 a 28 anni per una infezione polmonare dopo avere perso 25 chili di peso.
Il caso è approdato in tribunale, dove tra qualche giorno verrà discussa la richiesta dei familiari del giovane di non archiviare l’inchiesta. La seconda consulenza tecnica ordinata dalla procura, la prima non era stata giudicata soddisfacente, parla di cure non adeguate.
A coordinare l’inchiesta è il procuratore aggiunto Vincenzo Pacileo. I genitori del giovane si sono affidati agli avvocati Massimo Pastore e Gianluca Vitale. Gli indagati sono quattro. Il pubblico ministero ha proposto l’archiviazione perché, sebbene i nuovi consulenti abbiano affermato che il calo di peso avrebbe dovuto essere “contrastato diversamente anche con l’ausilio di approfondimento clinico specialistici e di laboratorio”, non sono stati raccolti elementi sufficienti per stabilire la responsabilità a carico dello staff medico delle Vallette, anche perché, a quanto pare, il detenuto non si mostrava collaborativo.
Raddi cominciò ad affermare di avere problemi ad alimentarsi ad agosto. Dalle numerose testimonianze emerge che all’interno della casa circondariale molti operatori erano convinti che non fosse vero. Il 14 dicembre 2019 fu portato al pronto soccorso del Maria Vittoria: il primario ne certificò l’estremo stato di denutrizione e, agli inquirenti, sottolineò di non avere “mai visto niente del genere in 40 anni”.   PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Cinema: domina Spider-Man su incassi in calo
Secondo House of Gucci, terzo Siani e quarto Diabolik
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
27 dicembre 2021
12:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Spider-Man: No Way Home è ancora il protagonista assoluto di un botteghino che segna incassi in discesa.
Il film di Warner Bros, seppur in calo del 65%, sfiora i 3 milioni di incasso con una media di 5.345 euro su 555 schermi e un incasso totale di 17 milioni in 15 giorni.

Al secondo posto si conferma House of Gucci. Il film di Ridley Scott con Lady Gaga nel ruolo di Patrizia Reggiani, in calo del 47%, ha guadagnato altri 811 mila euro che lo portano oltre i 3 milioni totali in due settimane.
Sale terzo Chi ha incastrato Babbo Natale? la commedia di Natale di Alessandro Siani con Christian de Sica e Diletta Leotta che incassa 696 mila euro e 1 milione 581 mila complessivi. Scende quarto Diabolik dei Manetti Bros con Luca Marinelli e Miriam Leone con 537 mila (1 milione 615 mila totali).
Il resto della classifica è formato da nuove uscite: al quinto posto Sing 2 – Sempre più forte, al sesto 7 donne e un mistero (con Margherita Buy, Diana Del Bufalo, Sabrina Impacciatore, Benedetta Porcaroli, Micaela Ramazzotti, Luisa Ranieri, Ornella Vanoni), al settimo Supereroi di Paolo Genovese con Alessandro Borghi, Jasmine Trinca, Vinicio Marchioni, all’ottavo West Side Story (con Steven Spielberg che “sfida” il classico del genere firmato da Leonard Bernstein e Robert Wise), al nono Il capo perfetto di Fernando Leo’ n de Aranoa con Javier Bardem.
Gli incassi totali sono di 6 milioni 394 mila euro in calo del 47% sulla scorsa settimana e del -74,70% sullo stesso periodo del 2019.   CINEMA   SPETTACOLI MUSICA E CULTURA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: Francia, atteso oggi via libera a Super green pass
Macron ha convocato nel pomeriggio Consiglio di difesa sanitaria
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
27 dicembre 2021
12:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuova stretta anti-Covid in vista in Francia, dopo il record di oltre 100mila casi registrato nel giorno di Natale.
Il presidente francese Emmanuel Macron parteciperà questo pomeriggio in videoconferenza a una riunione del Consiglio di difesa sanitaria nel quale verranno indicate le nuove possibili misure da adottare nel Consiglio dei ministri che si terrà subito dopo.

Per cercare di frenare la rapida circolazione della variante Omicron, il governo di Parigi è intenzionato ad approvare un progetto di legge che introdurrà il Super green pass (noto in Francia come pass vaccinale) al posto dell’attuale green pass base (pass sanitario) a partire da metà gennaio.
Tra le altre ipotesi in discussione, ci sono il rafforzamento dell’obbligo di mascherine all’aperto e un possibile rinvio del rientro dalle vacanze scolastiche, attualmente previsto il 3 gennaio. Non si esclude neppure un coprifuoco nella notte di Capodanno.   MONDO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Chiara Ferragni e Fedez positivi al Covid
Annuncio sui social, noi siamo asintomatici e i bimbi negativi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
27 dicembre 2021
12:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Chiara Ferragni e Fedez hanno annunciato con un video sulle loro pagine social di essere positivi al Covid.
“Come potete facilmente intuire io e Chiara siamo positivi”, ha spiegato il rapper nel video girato nella loro casa di Milano insieme alla moglie dove entrambi indossano una mascherina.
“Ci stavamo testando ogni giorno per essere sicuri e ieri abbiamo fatto un molecolare – ha aggiunto Chiara -, il cui risultato è arrivato adesso e siamo positivi ma i bambini, non si sa come, per ora sono negativi”.
I Ferragnez hanno poi spiegato nel video sulle loro pagine Instagram che in casa indossano le mascherine tutto il giorno “perché non possiamo mantenere più di tanto una distanza con i bambini che dobbiamo accudire”. “E’ una situazione un po’ cosi, fortunatamente siamo asintomatici e stanno tutti bene – ha continuato Fedez -, quindi la nostra priorità in questo momento è che i bambini stiano bene, speriamo che continui così. So che molti di voi sono nella nostra stessa situazione quindi teniamoci compagnia e sosteniamoci a vicenda”.
In un altro video Chiara Ferragni ha aggiunto: “che disagio raga, ma l’importante è che siamo asintomatici e che stiamo bene. Speriamo che i bambini rimangano negativi”. Poi rivolgendosi ai suoi followers li ha invitati a dare qualche consiglio se per caso anche loro si sono ritrovati in una situazione simile, in casa positivi al Covid ma con i bambini negativi. “Se avete qualche esperienza simile diteci come avete fatto e grazie dei consigli. La cosa positiva è che siamo asintomatici – ha concluso – e probabilmente se non ci fossimo testati sempre non lo avremmo mai saputo, tutte le persone vaccinate che sto sentendo sono come noi, asintomatici o con sintomi molto blandi. In bocca al lupo a tutti”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Eitan: Riesame di Milano rigetta ricorso del complice del nonno
Difesa, non c’è reiterazione del reato e nessun piano rapimento
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
27 dicembre 2021
13:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Tribunale del Riesame di Milano ha rigettato il ricorso contro l’ordinanza di custodia in carcere del gip di Pavia presentato dai legali di Gabriel Alon Abutbul, soldato di un’agenzia di contractor statunitense che avrebbe aiutato Shmuel Peleg, nonno di Eitan, il bimbo unico sopravvissuto alla tragedia del Mottarone, a rapire il nipote.

Gli avvocati Cataldo Intrieri e Adolfo Scalfati nel chiedere ai giudici la revoca del provvedimento avevano sostenuto, tra l’altro, che è venuto a cadere il pericolo di reiterazione del reato “perché il bimbo è tornato in Italia” e la mancanza di un piano preordinato per un rapimento.
I legali, che in tarda mattinata hanno ricevuto il provvedimento di rigetto e, quindi, di conferma dell’ordinanza, attendono di leggere le motivazioni, – il deposito è previsto tra una quindicina di giorni – per valutare se impugnare o meno.
“Siamo rammaricati – hanno dichiarato – e continueremo a lavorare auspicando che la magistratura italiana voglia contribuire ad abbassare i toni, favorendo la riconciliazione tra i protagonisti di questa vicenda, come per altro lei stessa ritiene sia necessario fare”.
Abutbul, 50enne cittadino israeliano, il 25 novembre a Cipro, dove risiede, era stato bloccato e poi scarcerato ma con obbligo di firma dietro il pagamento di una cauzione, in seguito a un mandato d’arresto europeo nell’inchiesta della Procura di Pavia per sequestro di persona aggravato, sottrazione e trattenimento all’estero di minore e appropriazione del passaporto del bambino.
Per il prossimo 7 gennaio, a Cipro, è fissata un’altra udienza per la procedura sull’eventuale estradizione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mercatino a scuola per comprare scaldabagni a Castelvetrano
La somma raccolta ha consentito di poterne acquistare due
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CASTELVETRANO
27 dicembre 2021
13:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mancano i scaldabagni a scuola e genitori e docenti organizzano un mercatino per raccogliere fondi per comprarli.
È la singolare iniziativa organizzata al plesso “Borsani” dell’Istituto “Capuana-Pardo” di Castelvetrano.
L’idea è nata da un’esigenza e, cioè, quella di poter comprare due scaldabagni per i servizi igienici del plesso frequentato dai bambini. Lo avrebbe dovuto fare il Comune (trasferendo i fondi all’Istituto) e, invece, ci hanno dovuto pensare i genitori. Così i bambini, con l’aiuto delle maestre, hanno realizzato alcuni piccoli oggetti di Natale e poi sono stati donati con libere offerte. La somma raccolta ha consentito di poter acquistare i due scaldabagni che un genitore, Nino Accardo, in forma del tutto gratuita, ha montato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Russia: aumentata condanna a noto storico dei Gulag
15 anni per abusi su minore, per sostenitori è processo politico
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
27 dicembre 2021
12:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un tirbunale russo ha aumentato a 15 anni di carcere la condanna di Yury Dmitriyev, uno dei principali storici impegnati nelle ricerche sui Gulag, che secondo i suoi sostenitori è stato preso di mira in processi politici per aver denunciato i massacri dell’epoca sovietica.

Nel 2020, lo studioso 65enne era già stato condannato a 13 anni in un controverso processo per abusi sessuali sulla figlia adottiva, in cui si è sempre dichiarato innocente.

Interrogato dai giornalisti, il portavoce del presidente Vladimir Putin, Dmitry Peskov, non ha voluto commentare la vicenda, affermando che non fa parte dell’agenda del Cremlino.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lite tra fratelli con accoltellamento a Natale
Ferito il minore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TREIA
27 dicembre 2021
13:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una lite tra fratelli per futili motivi e vecchi rancori è finita con l’accoltellamento da parte del fratello maggiore all’addome di quello minore, alle prime luci dell’alba del 25 dicembre, giorno di Natale a Treia (Macerata), Sul luogo sono intervenuti i carabinieri.
Il ferito, non in pericolo di vita, è stato trasportato all’ospedale di Macerata: dopo essere stato curato è stato dimesso con una prognosi di 7 giorni.
Il fratello maggiore, 52 anni, è stato dichiarato in stato di arresto, piantonato al reparto psichiatrico dell’ospedale. Domani sarà processato per direttissima presso il Tribunale di Macerata.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: sindaco di Palermo, renderli obbligatori per tutti
“Rispetto delle regole è importanti ma non sufficiente”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
27 dicembre 2021
13:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“L’unica soluzione è rendere obbligatoria la vaccinazione.
Altrimenti rischiamo solo di intrattenerci nelle trasmissioni televisive discutendo su cosa sia più utile, se un lockdown totale o un green pass rafforzato e intanto il virus corre”.
Lo ha detto il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando intervenuto stamattina in diretta su La 7 durante la trasmissione “L’aria che tira”. “L’invito alla prudenza e al rispetto delle regole sono importanti ma non sufficienti – ha aggiunto Orlando – Palermo, in proporzione al numero dei suoi abitanti, continua ad avere il minor numero di nuovi contagi al giorno rispetto alle altre province ma il dato rispetto a qualche settimana fa è in aumento. Ecco perché come amministrazione comunale abbiamo dichiarato che la Giunta, pur continuando il proprio lavoro nelle sedi istituzionali, non parteciperà a nessuna manifestazione pubblica e già da poco più di una settimana si riunisce in modalità telematica”. Orlando ha poi parlato del settore del turismo e dello spettacolo colpiti dal Covid. “Entrambi sono indicatori della condizione economica del nostro paese e a causa delle restrizioni il calo è stato inevitabile. Tuttavia mandando messaggi di sicurezza, lo scorso novembre l’aeroporto Falcone-Borsellino ha registrato un incremento dei passeggeri rispetto al 2019. Ora invece complice l’aumento dei contagi e l’espandersi della variante Omicron il numero dei passeggeri nel mese di dicembre ha subito un calo del 10%”. Per questo, secondo Orlando, “l’attrattività del nostro paese ha bisogno di certezze e rendendo obbligatorio il vaccino l’Italia manderebbe un messaggio di grande sicurezza, fondamentale per ripartire”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Fvg 154 nuovi contagi e 10 decessi
Ricoverati in intensiva scendono a 27, in altri reparti sono 284
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
27 dicembre 2021
13:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oggi in Fvg su 1.770 tamponi molecolari sono stati rilevati 103 nuovi contagi (5,82%).
Sono 4.735 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 51 casi (1,08%).
Le prime fasce di contagio sono quelle degli under 19 e la fascia 40-49 anni, entrambe con il 18,18%.
Seguono 20-29 con il 14,94% e 30-39 con il 12,99%. Oggi si registrano 10 decessi: una donna di 99 anni di Cividale (deceduta in ospedale), una di 96 di Trieste (residenza per anziani), una di 94 anni di Grado (ospedale), un uomo di 91 anni di Trieste (ospedale), uno di 90 di Fiume Veneto (ospedale), uno di 89 di Trieste (ospedale), una donna di 78 di Corno di Rosazzo (ospedale), una di 76 di Spilimbergo (ospedale), una di 71 di Trieste (ospedale) e una di 59 di Trieste (ospedale). Le persone ricoverate in terapia intensiva scendono a 27, i pazienti ospedalizzati in altri reparti sono 284.
Lo comunica il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute Riccardo Riccardi.
I decessi sono stati 4.193: sono 1.002 a Trieste, 2.074 a Udine, 775 a Pordenone e 342 a Gorizia. I guariti sono 135.759, i clinicamente guariti 295, le persone in isolamento sono 8.521.
Dall’inizio della pandemia in Fvg sono risultate positive 149.079 persone: 36.041 a Trieste, 62.679 a Udine, 30.044 a Pordenone, 18.227 a Gorizia e 2.088 da fuori regione.
Per quanto riguarda il Sistema sanitario regionale, sono state rilevate le seguenti positività: 1 nell’Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina (un terapista); 2 all’Irccs Burlo Garofolo (due ricercatori); 1 all’Ircss Cro di Aviano (un assistente sanitario); 5 nell’Azienda sanitaria universitaria Friuli centrale (due medici, due infermieri e un logopedista); 1 nell’Azienda sanitaria Friuli occidentale (un infermiere). Non si segnalano contagi nelle residenze per anziani.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gimbe: ‘Quarantena ridotta per chi ha fatto terza dose’
Cartabellotta: ‘Bisognerebbe rivedere regole per la categoria’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
27 dicembre 2021
14:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta, torna a chiedere la revisione delle quarantene.
“Omicron è una variante molta contagiose.
“Ogni positivo – ha detto a Radio Cusano Campus – può aver avuto, di media, dai 5 ai 10 contatti. Se dovessimo avere un milione di positivi vuol dire che potrebbero esserci dai 5 ai 10 milioni di contatti da mandare in quarantena e questo non è possibile. Chi ha fatto il vaccino con la terza dose è più difficile si contagi e quindi bisognerebbe rivedere le regole per questa categoria. La persona vaccinata anche con terza dose deve vedere la sua quarantena ridotta”.
“E’ ragionevole cominciare a fare una riflessione sulla quarantena per il vaccinato: va rivista”, ha affermato il Presidente del Veneto Luca Zaia, in riferimento, in particolare alla quarantena prevista per chi ha fatto la terza dose “uguale a quella degli altri”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Figliuolo,auguro che nel 2022 Italia esca da pandemia
‘Sermig scrigno generosità, tanti stanno dando il massimo’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
27 dicembre 2021
14:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sento dire spesso che bisogna fare di più; si può fare tutto di più, ma ci sono tanti nostri concittadini che danno il massimo tutti i giorni.
Se c’è qualche disservizio, e ogni tanto può accadere, chiedo scusa io a nome di tutti e assicuro che cercheremo di fare ancora meglio”.
Il generale Francesco Paolo Figliuolo rivolge così un “pensiero a medici, infermieri e operatori sanitari che, insieme agli amministrativi, stanno facendo un lavoro straordinario” in occasione della sua visita all’hub vaccinale allestito a Torino negli spazi del Sermig.
“Il Sermig è uno scrigno di generosità, un’altra testimonianza della bella Italia – sottolinea il commissario straordinario per l’emergenza Covid -. Ringrazio Ernesto Olivero di aver messo a disposizione i propri spazi per realizzare in poco tempo un ulteriore punto vaccinale che consentirà di ampliare l’offerta di vaccini a Torino. Qui vedo sempre una sinergia istituzionale importante, al di là delle giuste idee e dei colori politici che sono il sale della vita comune. Agli italiani è all’Italia un buon 2022 che ci faccia uscire da questa pandemia, noi ce la mettiamo tutta, insieme alle istituzioni, a livello centrale e locale, al mondo dell’associazionismo, a tutti quelli che stanno operando in questa lunga e faticosa campagna vaccinale”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Federalberghi Roma, -50% prenotazioni, hotel chiudono
Il bilancio delle feste rispetto a 2019, “Governo dia supporto”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
27 dicembre 2021
14:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Le prenotazioni negli alberghi romani sono il 50% in meno rispetto al dicembre 2019 a causa del perdurare della pandemia e degli ultimi provvedimenti presi dal governo.
Diversi alberghi hanno addirittura chiuso durante le feste dopo le disdette.
Spero che il governo prenda provvedimenti a favore di un settore tra i più colpiti: quello turistico”. Lo dice il presidente di Federalberghi di Roma Giuseppe Roscioli che fa presente che nella Capitale risultavano chiusi già prima dell’ultima ondata “350 hotel su 1250”.   ECONOMIA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Lazio, dal 30 dicembre vaccinazioni anche la notte
D’Amato,in 300mila senza neanche una dose,è prateria per Omicron
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
27 dicembre 2021
14:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ci sono ancora oltre 300 mila cittadini nel Lazio senza neanche una dose di vaccino.
E questa è una prateria per la diffusione della variante Omicron.
Noi vaccineremo anche di notte a partire dal 30 dicembre”. Ad annunciarlo l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato.
In particolare, “negli hub di Roma Termini, Fiumicino aeroporto lunga sosta, Eur piazzale Quadrato della Concordia, Tor Vergata Le Vele e palasport di Tivoli” aggiunge. “E’ probabile, come diciamo da tempo, che il Lazio passi in giallo con il nuovo anno. Questo deve portare sempre di più ad essere prudenti e vaccinarsi” ha aggiunto l’assessore. E in merito al dibattito sul rivedere le regole della quarantena spiega: “le regole della quarantena è una materia assolutamente tecnica e di sorveglianza epidemiologica devono essere gli scienziati ad indicare la linea”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fedriga, rivedere la quarantena per i vaccinati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Presidente Regioni, massima sicurezza senza bloccare Paese
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
27 dicembre 2021
15:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Condivido la riflessione che vada rivista la quarantena per i vaccinati.
Massima sicurezza senza bloccare il Paese”.
Lo scrive su Twitter il presidente del Friuli Venezia-Giulia e della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Morto Burzi: pg Saluzzo, non vi fu persecuzione giudiziaria
Azioni uffici imparziale e ancorata a garanzie Costituzione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
27 dicembre 2021
15:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nessuna persecuzione giudiziaria e nessuna disparità di trattamento a carico di Angelo Burzi, l’ex consigliere regionale del Piemonte che alla vigilia di Natale si è ucciso con colpo di pistola alla tempia a Torino.
Così il Procuratore Generale Francesco Saluzzo risponde in una nota alle prese di posizione di numerosi esponenti politici.
Burzi era fra gli imputati del caso Rimborsopoli, riportando una condanna in appello. “L’azione di questi uffici – scrive dopo avere ripercorso la posizione processuale di Burzi – è rigorosamente ancorata ai principi e alle garanzie costituzionali, alla imparzialità e alla assoluta Indipendenza”.
Poi certo – prosegue il magistrato – deve essere anche accettata la voce e la mano pesante della legge (di quella legge scritta dalle stesse persone che oggi additano lo scandalo) quando le regole vengono violate”. L’esortazione è a usare “maggiore prudenza nel fare e veicolare affermazioni che gettano discredito e potrebbero costituire anche vilipendio dell’ordine giudiziario”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Omicidio Campobasso: De Vivo non risponde davanti al Gip
37enne accusato dell’omicidio avvenuto la notte di Natale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAMPOBASSO
27 dicembre 2021
15:46
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ durata un’ora l’udienza di convalida del fermo per Gianni De Vivo, il 37enne accusato dell’omicidio avvenuto la notte di Natale a Campobasso.
L’uomo è arrivato al palazzo di Giustizia alle 13.30 proveniente dal carcere di Benevento ed è uscito poco dopo le 14.30.
Durante l’udienza, su consiglio del suo avvocato Mariano Prencipe, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Erano presenti il pm Elisa Sabusco e il gip Veronica D’Agnone. De Vivo è giunto in tribunale completamente coperto da una tuta bianca per le norme anti covid e scendendo dal furgone della penitenziaria si è coperto il volto con un foglio di carta.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Serial killer Gb deve scontare l’ergastolo nella cella di vetro
Robert Maudsley perde ricorso, troppo pericoloso per i detenuti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
27 dicembre 2021
15:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uno dei serial killer più pericolosi del Regno Unito deve trascorrere il resto dei suoi giorni all’interno di una cella trasparente in vetro realizzata nei sotterranei del carcere inglese di Wakefield.
La giustizia britannica ha respinto infatti il ricorso dei legali di Robert Maudsley, 68 anni, che voleva passare gli anni rimanenti del suo ergastolo con gli altri detenuti.
E’ stata ribadita la sua estrema pericolosità e deve essere quindi ancora controllato a vista, come il personaggio di Hannibal Lecter nel film ‘Il silenzio degli innocenti’.
Maudsley, originario di Liverpool, è responsabile delle uccisioni di quattro uomini avvenute tra il 1974 e il 1978. La cella, protetta da un vetro antiproiettile, misura 5,5 x 4,5 metri, ed era stata costruita appositamente per lui nel 1983.
Trascorre al suo interno 23 ore al giorno, oltre alla cosiddetta ora d’aria, dorme su una lastra di cemento e usa servizi igienici che sono imbullonati al pavimento. Ha a disposizione un tavolo e una sedia in cartone compresso per evitare che possa usare qualsiasi oggetto come arma contro le guardie.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Meteo: da oggi miglioramento, poi il sole prevale al Sud
Nebbie a Nord e in parte al Centro. Fino a 20 gradi al meridione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
09:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si sposterà verso Sud l’ultima perturbazione dell’anno, in arrivo in queste ore in Italia, portando le ultime precipitazioni al Meridione e probabilmente anche sulle Alpi del Nordovest.
Da mercoledì un vasto campo di alta pressione di origine sub-tropicale invaderà gradualmente tutto il Paese, riportando una totale stabilità atmosferica, ma con essa anche le nebbie diffuse al Nord e su alcune regioni del Centro.
Sono le previsioni di Antonio Sanò, direttore del sito ‘iLMeteo.it’.
“Con l’arrivo dell’anticiclone – spiega – le temperature cominceranno a salire dove il tempo sarà più soleggiato e con punte di quasi 20°C al Sud. Al Centronord invece a causa della presenza di nubi basse e nebbie i valori termici rimarranno pressoché invariati in pianura.   VUOI CONOSCERE SEMPRE IL METEO IN TEMPO REALE? ALLORA CLICCA QUI!

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Incendio in un’azienda a Porto Marghera, nessun ferito
A fuoco un macchinario, rogo sotto controllo vigili del fuoco
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
27 dicembre 2021
16:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un incendio è divampato stamane in una azienda nell’area del Petrolchimico di Marghera, la Slim Fusina Rolling di via dell’Elettronica a Malcontenta.
Si tratta della sede dell’ex Alcoa.
Non risultano feriti ne’ persone coinvolte. Sul posto stanno operando numerose squadre dei vigili del fuoco, e il rogo sarebbe sotto controllo. A prendere fuoco è stato stato un macchinario che lamina i metalli. Le dense volute di fumo alzatesi dall’impianto sono state viste anche da Venezia In tarda mattinata l’incendio è stato domato completamente dai vigili del fuoco. Le verifiche sulla qualità dell’aria svolte dall’Arpav, si apprende, non hanno segnalato situazioni di criticità, ed anche il Comune di Venezia, in base alle informazioni del sistema di controllo sulla zona industriale, ha dichiarato “la fine dello stato di allerta per la cittadinanza”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Concordia: tribunale Genova, risarcire naufrago per stress
Uomo era assistito dal Codacons, avrà 77mila euro
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
27 dicembre 2021
16:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Costa Crociere dovrà risarcire un naufrago della Costa Concordia per lo stress post naufragio.
Lo ha deciso il Tribunale di Genova che ha riconosciuto il danno patrimoniale e non patrimoniale subito da Ernesto Carusotti, uno dei passeggeri della Concordia, che la notte del 13 gennaio 2012 fu coinvolto nel naufragio all’Isola del Giglio (32 vittime).
Lo rende noto il Codacons che ha difeso Carusotti. La sentenza è della Prima Sezione del tribunale civile (giudice Paolo Gibelli): sono state accolte le tesi del Codacons che chiedeva la responsabilità di Costa Crociere nel danno da stress post-traumatico subito dal naufrago. Il Tribunale di Genova ha condannato Costa Crociere a risarcire Ernesto Carusotti con 77 mila euro per i danni patrimoniali e non patrimoniali subiti a causa del naufragio, e a pagare 15.692 euro di spese legali.
“Si tratta di una importantissima vittoria per il Codacons, che fin da subito aveva sostenuto le responsabilità di Costa Crociere per l’incidente avvenuto all’Isola del Giglio, e la totale incongruità degli indennizzi riconosciuti dalla società ai naufraghi della Concordia”, afferma l’associazione dei consumatori.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Comune Abruzzo vieta cenoni capodanno in ristoranti
A Montorio al Vomano. Anche bar chiusi alle 22.30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MONTORIO AL VOMANO
27 dicembre 2021
17:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cenoni vietati nei ristoranti e chiusura dei bar alle 22.30.
E’ quanto disposto da Fabio Altitonante, sindaco di Montorio al Vomano, nel Teramano, per la notte di San Silvestro, su tutto il territorio comunale, “in via precauzionale, considerando l’aumento dei contagi in tutta la provincia”.
Consapevole del fatto che “stiamo chiedendo nuovi sacrifici ai ristoratori”, il primo cittadino sottolinea che alla decisione si è arrivati dopo un incontro con tutti i gestori dei locali montoriesi.
“Abbiamo scelto un atteggiamento di massima cautela – dice il sindaco – Grande senso di responsabilità: è questo l’atteggiamento che è prevalso a Montorio tra tutti i ristoratori. Ringrazio tutti per la comprensione. La certezza che hanno oggi gli esercenti montoriesi è che il Comune non li lascerà soli ad affrontare altri mancati incassi. Tutti coloro che hanno già affrontato spese per il cenone e avranno perdite causate da questa ordinanza riceveranno un contributo da parte del Comune”.
Dal sindaco, poi, un appello ai cittadini: “anche nelle nostre case prestiamo attenzione, solo così torneremo presto a una vita normale, dopo tanti sacrifici e dopo le vite umane spezzate dal Covid nella nostra comunità, non possiamo permetterci oggi di agire in modo superficiale”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 30.810 positivi, 142 morti
Eseguiti 343.968 mila tamponi, tasso scende all’8,9%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
27 dicembre 2021
18:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 30.810 i casi di Covid individuati in Italia nelle ultime 24 ore.
Ieri i casi erano stati 24.883.
Le vittime, secondo i dati del ministero della Salute, sono 142, mentre ieri erano state 81. Effettuati 343.968 tamponi molecolari e antigenici. Ieri erano stati 217.052. Il tasso di positività, pertanto, scende all’8,9%, rispetto all’11,5% di ieri. Sono 1.126 (ieri erano 1.089) i pazienti in terapia intensiva in Italia, 37 in più in 24 ore nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 100. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 9.723 (ieri erano 9.220), ovvero 503 in più.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In farmacia 700mila test al giorno per le feste
Impennata nei giorni a ridosso di Natale delle prenotazioni di tamponi rapidi nelle farmacie
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
14:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I timori di contagiare i parenti ma anche l’aumento vertiginoso dei casi ha fatto impennare nei giorni a ridosso di Natale le prenotazioni di tamponi rapidi nelle farmacie.
Settecentomila al giorno nelle 14mila farmacie che aderiscono alla campagna su tutto il territorio, calcola Federfarma, con un incremento del 20% rispetto al periodo precedente alle festività.
“Questi numeri sono dovuti al senso di responsabilità delle persone.
Chi fa il test vuole esser sicuro di non aver preso il Covid e di non contagiare gli altri. Le farmacie stanno reggendo benissimo alla richiesta, non ci sono criticità”, commenta Marco Cossolo, presidente di Federfarma.
Il governatore del Veneto Luca Zaia ha lanciato un appello alle farmacie affinché restino aperte di domenica per consentire “un servizio in più alla popolazione”. Ma in realtà già prima delle feste una circolare di Federfarma ai suoi associati invitava alle aperture domenicali, anche solo per il servizio dei tamponi.
In Lombardia la task force tamponi istituita dall’assessore Letizia Moratti sta provvedendo alle prime iniziative urgenti per l’ampliamento del numero dei punti tampone. Da mercoledì 29 dicembre sarà attivo un nuovo centro tamponi massivo a Gallarate (Va), mentre sono state aggiunte 8 nuove linee tampone presso il centro di Trenno a Milano ed è in fase di allestimento un nuovo centro tamponi alla Fiera Milano City che sarà attivo nei prossimi giorni.
Intanto in alcune regioni si sono registrate lunghe code per fare i test.
A Roma è sceso in campo anche l’Istituto dermopatico dell’Immacolata (Idi) che da oggi affianca i servizi drive-in in regime di convenzione con il Servizio sanitario regionale. Il nuovo servizio, su prenotazione e a pagamento è disponibile di pomeriggio dalle 14.00 alle 17.00 dal lunedì al venerdì e dalle ore 9.00 alle 12.00 il sabato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La morte delle due sorelle, ‘auto urtata da un animale’
L’ipotesi della famiglia, ‘sull’asfalto chiazze di sangue’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
27 dicembre 2021
18:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La famiglia di Antonella e Lorena Flores Chevez, morte a Roma a 23 e 19 anni nello schianto della loro auto, ne è convinta: a provocare l’incidente è stato un evento esterno.
Le telecamere sul luogo dell’incidente però non hanno ripreso nessun’altra vettura ma, si apprende oggi da Repubblica, delle chiazze di sangue sull’asfalto un centinaio di metri prima del punto in cui l’auto con a bordo le due sorelle si è andata a schiantare contro un albero.
Sangue che, secondo la famiglia, farebbe propendere per la presenza di un animale, forse un cinghiale, che avrebbe impattato con l’auto facendo perdere il controllo della vettura ad Antonella, la maggiore delle due sorelle che era alla guida. Sulla dinamica dell’incidente sono ancora in corso indagini della polizia locale che nei giorni scorsi ha effettuato i rilievi sul posto e ha acquisito le immagini delle telecamere della zona per poter ricostruire con esattezza l’accaduto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: nel Lazio partite prenotazioni booster under 18
Per i 16-17enni e per i 12-15enni con fragilità
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
27 dicembre 2021
19:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Partite nel Lazio le prenotazioni della dose di richiamo per i 16-17enni e per i 12-15enni con fragilità.
Secondo quanto si apprende, le prenotazioni sono on-line con le consuete modalità.
L’avvio delle prenotazioni del booster per questa fascia era atteso dalla mezzanotte.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Urtata dal treno in stazione, muore sui binari a 61 anni
L’incidente ferroviario nel Pavese forse dovuto a un’imprudenza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SARTIRANA LOMELLINA (PAVIA)
27 dicembre 2021
20:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Avrebbe cercato di attraversare i binari in stazione, ma è stata urtata da un treno in transito, a bassa velocità.
Una tragica imprudenza sembra all’origine della morte di una donna di 61 anni, Giuseppina Camussi, residente a Sartirana Lomellina, il paese in cui è avvenuto l’incidente pochi minuti dopo le 17 di oggi.
La donna non è morta sul colpo, ma a nulla è valso l’intervento dei soccorritori del 118, che hanno tentato di rianimarla sul posto. Era stato chiesto anche l’intervento di due elicotteri, di Brescia e Alessandria, entrambi non disponibili per motivi tecnici.
La circolazione ferroviaria sulla tratta Mortara-Alessandria è stata temporaneamente sospesa per consentire i rilievi, affidati alla polizia ferroviaria con l’ausilio dei carabinieri.
L’accaduto non ha avuto testimoni, ma alcuni elementi fanno pensare che la donna stesse attraversando i binari ed escluderebbero il gesto volontario.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bianchi, si torna in presenza, con focolai decidono Regioni
‘Con sindaci possono disporre chiusure isolate’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
08:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con il 26% dei contagi tra gli under20, la vaccinazione ancora in corso – sono stati raggiunti finora 3,7 milioni di ragazzi tra i 12 e i 19 anni, uno su 5, e 170mila bimbi tra i 5 e gli 11 anni – e diecimila classi in quarantena prima delle vacanze, comincia il pressing per un piano per il rientro, dalla gestione dei contatti dei positivi in classe alle mascherine Ffp2 per arginare meglio la circolazione del virus, che i presidi chiedono per tutti, studenti e docenti.
Per il ministro Patrizio Bianchi non si torna indietro da quella che definisce “la chiave di volta” di questo governo: “la scuola in presenza”.
“Ci vuole la responsabilità di tutti, ma questo è il nostro obiettivo e questo faremo”, ha ribadito.
E a chi ipotizza ulteriori interventi dopo le Feste, quantomeno a livello locale, Bianchi ricorda che sono possibili solo micro-chiusure: “laddove ci sono condizioni straordinarie, con focolai isolati, i presidenti di regione e sindaci possono disporre chiusure isolate, non diffuse, e allo scopo di verificare lo stato in quel cluster”. Ma, ha sottolineato, “prima della chiusura festiva avevamo un numero di bambini e ragazzi positivi molto controllato, 0,5% su un totale di 8 milioni”. Con l’ultimo decreto il governo ha previsto 9 milioni per il tracciamento e i laboratori militari, più altri 14,5 milioni per il personale della sanità militare, e 5 milioni per l’acquisto di Ffp2 per il personale delle scuole dell’infanzia, a contatto con i bambini fino a 6 anni, esonerati dall’uso della mascherina, e con chi è a contatto con studenti più grandi che non la portano per particolari fragilità. Il ministero della Difesa ha messo in campo 11 laboratori in 8 regioni per affiancare nello screening le Asl, sotto pressione con l’aumento dei positivi. Finora il personale militare ha effettuato 18 mila tamponi in 470 scuole. Nei prossimi 10 giorni andranno messi a punto i piani per lo screening in tempo per il rientro. Le Regioni concorderanno con la struttura commissariale dei “programmi specifici” per il tracciamento, ha detto ancora Bianchi, in particolare per dare certezze ai bambini più piccoli, non vaccinati. Il commissario Figliuolo in un’intervista al Corriere della Sera, ha spiegato che “ogni Regione metterà a punto un dispositivo” e “avremo il supporto dei team e dei laboratori militari”. Al di là del tracciamento però cresce, tra gli operatori della scuola, la richiesta di maggiori protezioni. I presidi chiedono di utilizzare questi giorni, da qui alle fine delle vacanze di Natale, per una nuova pronuncia del Cts sull’uso delle mascherine Ffp2 nelle scuole per tutti, alunni e personale. Per ora si è fermi al parere contrario, espresso a maggio dal Cts, che considerò non consigliabile l’uso prolungato. “Ritengo opportuno che le competenti autorità sanitarie riconsiderino l’utilizzo a scuola delle mascherine Ffp2. Le peculiarità della nuova variante Omicron potrebbero modificare tale valutazione”, dice il presidente dell’Anp, Antonello Giannelli, “i ragazzi che utilizzano mezzi pubblici e dedicati già dovranno indossarle per raggiungere le scuole. I numeri deicontagiati di quest’ultime ore ci dicono che la fascia dei più piccoli è ancora quella più colpita, probabilmente perché tra loro i vaccinati sono ancora troppo pochi’. E c’è chi, come il sindacato Anief, chiede il ritorno in dad a gennaio, “poi si valuti se finire l’anno con metà allievi in presenza e metà a casa in dad”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scritte ‘no vax’ sui ponti e sui muri di Venezia
Slogan ‘No vaccini’ a due passi da hub Covid ospedale Giustinian
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
27 dicembre 2021
21:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Numerose scritte a spray contro i vaccini anti-Covid sono comparse oggi nel centro storico di Venezia., in particolare tra la zona di San Barnaba e San Basilio.
“No ai vaccini'”, “‘Anche i vaccini contagiano”, e altri slogan accompagnati da espressioni volgari sono stati tracciati con spray di colore nero e rosso sui muri di alcune calli e sulla pavimentazione di qualche ponte.

Una di queste su un ponte a due passi dal Covid hub dell’ospedale Giustinian. Un’azione di deturpamento che parrebbe attribuibile a esponenti del movimento ‘no vax’ e sulla quale sono in corso accertamenti da parte delle forze dell’ordine.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mummia di faraone ‘scartata’ digitalmente dopo 3.500 anni
Amenhotep I morto a 35 anni, aveva denti sani e nessuna ferita
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
07:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La mummia del faraone Amenhotep I, antica di 3.500 anni, scoperta nel 1881 ma mai ‘scartata’ dagli archeologi, è stata svelata digitalmente da alcuni scienziati egiziani, rivelando dettagli inediti sulla vita e la morte del re egiziano.
Lo riporta la Cnn.

Decorata con ghirlande di fiori e un’affascinante maschera facciale in legno, la mummia era così fragile che gli archeologi non avevano mai osato esporne i resti, rendendola l’unica mummia reale egiziana trovata nel XIX secolo e non ancora aperta dagli studiosi.
“Scaricando digitalmente la mummia e ‘staccando’ i suoi strati virtuali – la maschera facciale, le bende e la mummia stessa – potremmo studiare questo faraone ben conservato con dettagli senza precedenti”, ha affermato Sahar Saleem, professore di radiologia presso la Facoltà di Medicina dell’Università del Cairo e radiologo dell’Egyptian Mummy Project, in una nota.
Saleem e i suoi colleghi hanno scoperto che Amenhotep I aveva circa 35 anni ed era alto 169 centimetri quando morì. Era anche circonciso e aveva denti sani. All’interno degli involucri sono stati trovati circa 30 amuleti e una cintura d’oro.
Il faraone aveva un mento stretto, un naso piccolo e stretto, capelli ricci e denti superiori leggermente sporgenti, ha detto Saleem.
L’indagine non ha svelato alcuna ferita o altri segni che possano svelare la causa della sua morte.
Amenhotep I governò l’Egitto per circa 21 anni, tra il 1525 e il 1504 avanti Cristo. Fu il secondo re della XVIII dinastia e guidò un periodo di regno in gran parte pacifico, durante il quale costruì molti templi.
Il cranio del faraone, compresi i denti, erano in ottime condizioni.
I ricercatori hanno scoperto che la mummia aveva invece sofferto di lesioni multiple post mortem, probabilmente inflitte da antichi ladri di tombe, lesioni che, secondo i testi geroglifici, sacerdoti e imbalsamatori hanno cercato di riparare più di quattro secoli dopo che era stato mummificato e sepolto per la prima volta. La ricerca è stata pubblicata oggi sulla rivista Frontiers in Medicine.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La mummia del faraone Amenhotep I, antica di 3.500 anni, scoperta nel 1881 ma mai ‘spogliata’ dagli archeologi, è stata svelata digitalmente da alcuni scienziati egiziani, rivelando dettagli inediti sulla vita e la morte del re egiziano.
Lo riporta la Cnn.

Decorata con ghirlande di fiori e un’affascinante maschera facciale in legno, la mummia era così fragile che gli archeologi non avevano mai osato esporne i resti, rendendola l’unica mummia reale egiziana trovata nel XIX secolo e non ancora aperta dagli studiosi.
“Scaricando digitalmente la mummia e ‘staccando’ i suoi strati virtuali – la maschera facciale, le bende e la mummia stessa – potremmo studiare questo faraone ben conservato con dettagli senza precedenti”, ha affermato Sahar Saleem, professore di radiologia presso la Facoltà di Medicina dell’Università del Cairo e radiologo dell’Egyptian Mummy Project, in una nota.
Saleem e i suoi colleghi hanno scoperto che Amenhotep I aveva circa 35 anni ed era alto 169 centimetri quando morì. Era anche circonciso e aveva denti sani. All’interno degli involucri sono stati trovati circa 30 amuleti e una cintura d’oro.
Il faraone aveva un mento stretto, un naso piccolo e stretto, capelli ricci e denti superiori leggermente sporgenti, ha detto Saleem.
L’indagine non ha svelato alcuna ferita o altri segni che possano svelare la causa della sua morte.
Amenhotep I governò l’Egitto per circa 21 anni, tra il 1525 e il 1504 avanti Cristo. Fu il secondo re della XVIII dinastia e guidò un periodo di regno in gran parte pacifico, durante il quale costruì molti templi.
Il cranio del faraone, compresi i denti, erano in ottime condizioni.
I ricercatori hanno scoperto che la mummia aveva invece sofferto di lesioni multiple post mortem, probabilmente inflitte da antichi ladri di tombe, lesioni che, secondo i testi geroglifici, sacerdoti e imbalsamatori hanno cercato di riparare più di quattro secoli dopo che era stato mummificato e sepolto per la prima volta. La ricerca è stata pubblicata oggi sulla rivista Frontiers in Medicine.   MEDICINA SALUTE E BENESSERE   SCIENZA   TECNOLOGIA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: contagi nel vibonese, anche un sindaco e un parroco
Primo cittadino positivo a Francavilla A. e sacerdote a Vazzano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VIBO VALENTIA
28 dicembre 2021
09:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un sindaco e un parroco positivi al Covid 19 e circa 50 persone sotto osservazione a seguito di un evento nei giorni antecedenti il Natale.
Succede in alcuni comuni del Vibonese.

A Francavilla Angitola, il primo cittadino Giuseppe Pizzonia, ha comunicato alla popolazione di essere risultato positivo al test naso-faringeo specificando di non aver particolari sintomi. A Vazzano il suo collega, Enzo Massa, ha reso nota la positività del parroco don Ottavio aggiungendo che, nella giornata odierna, verrà effettuata la sanificazione della Chiesa matrice e che pertanto le messe in programma non si svolgeranno.
“Sarà premura del nostro parroco – ha detto ancora Massa – provvedere alla sua sostituzione per le future celebrazioni, fino ad avvenuta guarigione. Nell’occasione porgiamo a don Ottavio, a nome di tutta la comunità, i più sinceri auguri per una rapida ripresa”.
C’è apprensione, poi, a Filadelfia, dove una cinquantina di persone sono risultate positive al test antigenico. Nei giorni scorsi si sarebbero svolti alcuni eventi all’interno di esercizi pubblici della cittadina. E, vista la situazione, oggi saranno effettuati i tamponi molecolari da parte dell’Azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia che ha installato una postazione al palazzetto dello sport.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Toscana, nuovo record positivi in un giorno, 4.453
Boom di tamponi effettuati, oltre 57.000 nelle 24 ore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
28 dicembre 2021
09:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo record dei nuovi casi Covid registrati nelle 24 ore in Toscana: sono 4.453 su 57.458 test di cui 17.058 tamponi molecolari e 40.400 test rapidi.
Il tasso dei nuovi positivi è 7,75% (44,6% sulle prime diagnosi).
Lo riferisce il presidente della Regione Eugenio Giani.
L’alto numero di nuovi positivi si spiega anche con il boom di tamponi fatti. Rispetto a ieri l’incremento è netto: i nuovi casi del rilevamento precedente erano stati 2.843 su 17.650 tamponi di cui 10.839 tamponi molecolari e 6.811 test rapidi.
Più che dimezzato il rapporto dei nuovi positivi sui tamponi fati: ieri era di 16,11%.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: morto Mauro da Mantova, no vax 61enne ricoverato
All’ospedale di Verona, non ha cambiato idea fino alla fine
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MANTOVA
29 dicembre 2021
19:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ morto all’ospedale di Borgo Trento di Verona, dove era ricoverato da qualche settimana, Maurizio Buratti, il no vax 61enne di Mantova, noto per le sue partecipazioni alla trasmissione radiofonica di Radio 24 La Zanzara.
A tradire il carrozziere quel Covid di cui aveva sempre negato l’esistenza, vantandosi anche di essere entrato in un supermercato di Mantova quando già era preda della malattia.
Era stato ricoverato in terapia intensiva dell’ospedale veronese in gravi condizioni, ma non aveva mai fatto marcia indietro sulle sue convinzioni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ponte Genova: sindaco lavora per farci passare il Giro
Sarebbe la prima volta della ‘corsa rosa in autostrada
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
28 dicembre 2021
10:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il19 maggio il Giro d’Italia partirà da Parma e arriverà a Genova.
Per la prima volta nella storia della competizione la ‘corsa rosa’ potrebbe transitare su un tratto di autostrada.
Il Comune di Genova sta lavorando con Rcs, Aspi e e autorità per far passare la gara sul ponte San Giorgio, il viadotto costruito al posto del ponte Morandi crollato il 14 agosto 2018 e costato la vita a 43 persone. “Per ora è un’ipotesi, ma speriamo di poterlo confermare molto presto – dice il sindaco Marco Bucci – non sarà semplice ma neppure impossibile, io credo che basterà chiudere il tratto di autostrada per qualche ora”. La tappa genovese, una delle due che toccheranno la Liguria (l’altra è la Sanremo – Cuneo, il 20 maggio) avrà molti saliscendi: il passo del Bocco, la Ruta di Camogli, il monte Becco ma sembra che gli organizzatori abbiano invece preferito rinunciare al troppo rischioso Monte Fasce. Ed è anche grazie a questa modifica che l’opzione ponte ha scalato posizioni. Il percorso dovrebbe vedere attraversare il viadotto da ponente verso levante. La carovana rosa arriverebbe da Nervi sull’Aurelia, percorrerebbe la sopraelevata e le vie lungomare Canepa e Guido Rossa per poi fare ingresso al casello di Genova Aeroporto e uscire a Genova Ovest. Di lì, raggiungere il pieno centro per il traguardo di tappa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cade da un’impalcatura, muore un operaio in centro Roma
Sul posto vigili del fuoco e poliziotti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
28 dicembre 2021
11:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tragedia sul lavoro al centro di Roma.
Secondo quanto si apprende, un operaio è morto dopo essere caduto da un’impalcatura in via Merulana.
Inutili i soccorsi per l’uomo. Sul posto vigili del fuoco e poliziotti del commissariato Esquilino. Sono in corso verifiche sul ponteggio per accertare l’esatta dinamica dell’accaduto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Veneto; +7.403 contagi, è record da inizio pandemia
I soggetti attualmente positivi crescono a 75.971
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
28 dicembre 2021
11:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo boom e record da inizio pandemia, in Veneto, sui casi di positività al Covid con ben 7.403 casi registrati nelle ultime 24 ore, un dato record dall’inizio della pandemia.
Secondo il report della Regione Veneto salgono ad un totale 617.653 gli infetti dall’inizio dell’epidemia.
Le vittime salgono a 12.3336 (+29). L’impennata è probabilmente legata ad un minor tasso di registrazione dovuto al rallentamento festivo. Negli ultimi giorni, infatti, i nuovi casi si attestavano ad oltre 2mila unità.
I soggetti attualmente positivi crescono a 75.971. Cala la situazione degli ospedali. I malati Covid ricoverati sono 1.164 (-49), in area medica, e 170 (-7) in terapia intensiva.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Meteo: arriva gigante africano, porterà caldo a Capodanno
Previste temperature anche di 20-21°C in Sardegna e Sicilia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
12:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In arrivo sull’Italia un anomalo anticiclone africano che porterà caldo nei prossimi giorni sulle regioni centrali e meridionali con temperature che potranno sfiorare anche i 20-21°C in Sardegna e Sicilia.
Raggiungerà l’Italia domani, dopo aver attraversato anche la Penisola Iberica, e si tratterrà sull’Italia fin dopo il Capodanno.

Intanto, nelle prossime ore l’ultima perturbazione dell’anno 2021 colpirà soprattutto il Sud. A dirlo è Stefano Ghetti, meteorologo del sito http://www.iLMeteo.it. Secondo l’esperto oggi le piogge riguarderanno principalmente le regioni meridionali, risultando più consistenti tra Calabria e Sicilia tirreniche, altrove il tempo sarà più asciutto, ma sarà la nuvolosità diffusa e spesso compatta impedirà al sole di scaldare l’atmosfera. Mentre da mercoledì e soprattutto nei giorni successivi fino a dopo il Capodanno, un grosso campo anticiclonico di origine sub-tropicale, dall’Africa raggiungerà l’Italia. L’alta pressione in inverno però, avverte Ghetti, non è sempre sinonimo di bel tempo e sole, infatti al Nord torneranno le nubi basse e le nebbie, così come su alcune zone del Centro e localmente pure sulle coste meridionali. Sui rilievi e sul resto dei settori invece sarà il sole l’unico protagonista dei prossimi giorni. E’ importante sapere che la “bolla” africana a circa 1500 metri ha una temperatura di quasi 15°C (un valore piuttosto anomalo per la fine di dicembre), misura che verrà facilmente raggiunta e anche superata di giorno sulle regioni centrali e meridionali e localmente pure sulle valli alpine (attesi quasi 17°C a Roma e fino a 20-21°C in Sardegna e Sicilia). Al nord invece a causa o della nebbia o del cielo coperto le temperature non supereranno i 7-9°C.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lite in condominio, anziano ucciso a colpi di pistola
Già fermato il presunto assassino, è un 76enne
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
28 dicembre 2021
11:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un uomo è stato ucciso nella tarda mattinata di oggi in via Agricola a Monserrato nell’hinterland di Cagliari.
La vittima è un anziano di 81 anni, raggiunto da alcuni colpi di pistola.
Fermato immediatamente dalla polizia il presunto autore, un uomo di 76 anni. I due, da quanto si apprende avrebbero avuto una violenta discussione legata forse al pagamento di un canone di locazione o semplicemente ad una diatriba tra condomini. La lite è poi degenerata. Sul posto stanno operando gli agenti della squadra volante, che hanno immediatamente bloccato il 76enne, e gli investigatori della squadra mobile.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rapporto di Mina con Tim si chiude a fine 2021
Dopo cinque anni di collaborazione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
11:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con la fine dell’anno 2021 si chiude il rapporto di Mina con TIM telecomunicazione SPA.
Lo annuncia una nota del responsabile comunicazione dell’interprete.

”Cinque anni di brillanti collaborazioni dove Mina ha cantato per le campagne spot e dato la voce alla comunicazione ufficiale del gruppo telefonico. Molte le canzoni che Mina ha interpretato dando una colonna sonora alle visionarie e brillanti idee di Luca Josi, capo della strategia creativa di TIM in questi anni di successi insieme. Nel 2017 Josi chiede a Mina di cantare “All night” per lo spot della prima campagna che li vede lavorare insieme per TIM, ed è subito un successo. Segue la rilettura di “It’s another day of sun” tratta dal film Lalaland, che porta Mina a cantare a Sanremo nelle pubblicità TIM del 2018, 2019, 2020 e 2021 diventando la voce dello sponsor unico della kermesse (per “riapparire”, digitalmente, nella serata finale del 2018, per la prima volta nella storia del festival, in ologramma sul palco). In questi 5 anni insieme, Luca Josi e Mina cambiano spesso con coraggio e fantasia la creatività degli spot TIM. Mina interpreta canzoni sempre diverse, tra le quali: “Merry Christmas in love” di Tony Renis, “Il Segnale” (versione italiana di “Kiss the sky” di Jason Derulo) “Stella stai” (scivola scivola…di Tozzi), una ironica “TIMtarella di luna”, la disneyana “I sogni son desideri” fino a “Questa è TIM” versione italiana con testo ad hoc del brano “This is me” tratto dal film “The greatest showman” che diventa colonna sonora degli spot per tutto il 2021. La scelta e l’efficacia di Mina come sponsor ufficiale di TIM per questi 5 anni, ha confermato quanto la sua voce sia duttile, inconfondibile e contemporanea per il pubblico di tutte le età.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Valle d’Aosta primi due casi di variante Omicron
Infettati un uomo di mezza età e una giovane donna
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AOSTA
28 dicembre 2021
11:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“In Valle d’Aosta sono stati rilevati i primi due casi di variante Omicron”.
Lo ha annunciato l’assessore regionale alla sanità, Roberto Barmasse, durante la conferenza stampa di fine anno.
Ad essere infettati – ha precisato – un uomo di mezza età e una giovane donna.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Siena annulla eventi Capodanno in piazza del Campo
Decisione del Comune: “Avere massima prudenza anche nel privato”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SIENA
28 dicembre 2021
11:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Siena nessun evento in Piazza del Campo per la notte di Capodanno.
E’ la decisione che ha preso il Comune “alla luce di quelle che sono le decisioni del Governo e in base all’incremento dei contagi registrati in questi giorni.

Nel rispetto, dunque, delle norme vigenti – spiega una nota – non si terranno manifestazioni, a cui l’amministrazione comunale stava lavorando dopo l’atto di indirizzo approvato dalla giunta a inizio dicembre”.
“Si raccomanda – prosegue il Comune di Siena – anche ai cittadini e a tutti coloro che hanno comunque scelto di vivere i giorni di festività a Siena di utilizzare la massima prudenza e di rispettare le regole e le misure anti Covid, non solo in ambito pubblico, ma pure in ambito privato”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Torino annulla spettacolo Capodanno
Sindaco Lo Russo, dispiaciuti ma viene prima salute torinesi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
28 dicembre 2021
11:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A causa del Covid, Torino annulla lo spettacolo di luci e suoni di Capodanno.
“È in corso un tavolo per la sicurezza sulle nuove disposizioni del Decreto Natale, al quale partecipano gli assessori Mimmo Carretta e Gianna Pentenero e abbiamo condiviso le richieste di questura e prefettura e valutato di annullare lo spettacolo immaginato per Capodanno – annuncia il sindaco Stefano Lo Russo in conferenza Stampa.
Manterremo il countdown sulla Mole ma abbiamo annullato il resto. Anche il budget non sarebbe sufficiente per tutte le misure di sicurezza che sarebbero state necessarie. Ci spiace ma viene prima la salute dei torinesi”.   PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: Lavevaz, va introdotto obbligo vaccinale
“Intero impianto gestione pandemia deve essere rivisto”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AOSTA
28 dicembre 2021
12:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Va introdotto l’obbligo vaccinale per tutti in modo da poter guardare il futuro con serenità.

L’intero impianto di gestione della pandemia deve essere rivisto, non ha più senso usare le quarantene come oggi per chi è vaccinato e chi non lo è”.
Lo ha detto il presidente della Regione Valle d’Aosta, Erik Lavevaz, durante la conferenza stampa di fine anno. Poi ha aggiunto: “In Valle d’Aosta un anno fa il numero di contagiati era alto come oggi ma l’occupazione di posti letto in ospedale era dieci volte superiore. Gli impianti di sci erano chiusi, c’era una sorta di stallo e lo sconforto per il continuo rinvio delle aperture. Oggi abbiamo armi più affilate per combattere la pandemia. I numeri continuano a salire ma i valdostani hanno risposto molto bene, anche se manca una parte di reticenti che deve fare la propria parte”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scoperta al museo etrusco, l’elmo dei due guerrieri
Del IV sec. a.C., iscrizione decifrata a 90 anni da ritrovamento
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
12:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Forgiato nel bronzo a Perugia, poco prima della metà del IV secolo a.C.
per un soldato locale, forse un mercenario.
Per poi arrivare chissà come a Vulci, dove qualche anno più tardi divenne il vanto di un secondo guerriero, così orgoglioso di quel suo copricapo militare da portarselo nella tomba insieme a tutto il suo ricco corredo. A novant’anni dal ritrovamento, un’iscrizione appena interpretata apre uno squarcio di grande suggestione su un frammento di vita di 2400 anni fa. “Una storia rimasta nascosta sotto gli occhi di tutti” spiega l’etruscologo Valentino Nizzo, direttore del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia. Perché il magico e anche il paradosso di questa scoperta, racconta, è che sia avvenuta proprio all’interno del museo, dove l’elmo in questione era esposto già dal 1935. Solo che nessuno aveva notato quanto era stato inciso al suo interno, un particolare che rende questo reperto estremamente importante e raro, visto che in tutto il mondo – se si eccettua un deposito rituale di 150 elmi rinvenuto a Vetulonia all’inizio del ‘900 con almeno 60 esemplari tutti contraddistinti dal medesimo nome gentilizio – sono circa 10 le armi di questo tipo documentate in ambito etrusco e italico tra il VI e il III secolo a.C.
Tutto è cominciato nel 2019, racconta Nizzo, con una richiesta di studio per la digitalizzazione 3d di armi antiche condotta da un team neozelandese. Il dipendente incaricato di prelevare l’elmo nota qualcosa e allerta il direttore. Scattano i controlli, si cerca negli archivi per vedere se quell’iscrizione era stata studiata e interpretata, ma presto appare chiaro che quelle sette lettere che l’incisore aveva vergato a freddo da sinistra a destra componendo la parola “harn ste” all’interno del paranuca non erano mai state studiate. Il motivo rimane un mistero anche perché gli scavi, avviati nel 1928 da Ugo Ferraguti e Raniero Mengarelli, erano stati condotti con estrema cura usando un metodo scientifico dopo anni di saccheggi indiscriminati: “Chissà, forse l’iscrizione non si vedeva -ragiona Nizzo- quando l’elmo è stato recuperato dalla tomba 55 nella necropoli dell’Osteria di Vulci doveva essere incrostato di terra e ossidato”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:Carabinieri festa senza mascherine a Cortina,7 denunce
In hotel del centro,in 25 non avevano rispettato norme antivirus
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BELLUNO
28 dicembre 2021
13:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un evento privato in una struttura a quattro stelle in centro a Cortina d’Ampezzo si è trasformato in un fuggi fuggi generale: i carabinieri, entrati al Boutique Hotel Villa Blu per controllare il rispetto delle normative anti-Covid, hanno trovato 25 persone che non stavano rispettando le misure antivirus.
Sette sono state individuate e sanzionate.

In particolare, un cliente americano ubriaco è riuscito a fuggire via dalla festa a bordo della sua automobile e, imboccando una pista ciclabile off limits per i mezzi a motore, ha preso una denuncia per guida in stato di ebbrezza, oltre che il ritiro della patente. Le persone multate, sono tutti turisti.
Sanzionato anche il titolare della struttura.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gualtieri, Roma è più pulita, evitata crisi certa rifiuti
“Restano criticità, strada è lunga. Entro 5 anni chiusura ciclo”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
28 dicembre 2021
13:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Facciamo il bilancio del nostro piano di pulizia straordinaria.
Ci sono tangibili miglioramenti in città, anche se restano criticità in diverse zone.
Roma è più pulita di come l’abbiamo trovata, non ancora come merita”. Lo ha detto il sindaco di Roma Roberto Gualtieri durante la conferenza stampa sui rifiuti in Campidoglio. “L’impegno è stato decisivo per evitare una crisi che si sarebbe sicuramente determinata durante le feste per i problemi strutturali e per incremento della produzione dei rifiuti”, ha spiegato. “La strada è ancora lunga, Roma merita l’eccellenza”, ha aggiunto il sindaco.
Gualtieri annuncia un piano di breve, medio e lungo termine per rendere Roma pulita. Nella prima fase, di qui a 5 mesi, si punta a “consolidare, estendere e migliorare” i risultati del programma straordinario, “con risorse aggiuntive in bilancio”.
Nella seconda, tra gli obiettivi c’è il potenziamento degli impianti esistenti e l’accesso ai fondi del Pnrr. Nella terza, entro 5 anni, si mira alla “chiusura del ciclo con nuovi impianti” e a “ridurre la Tari”. A chi gli ha chiesto se indicherà a breve un sito per la discarica di Roma, ha risposto affermativamente.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: in Piemonte le somministrazioni anche sulla neve
Il 30 dicembre a Sestriere, Prato Nevoso e Alagna
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
28 dicembre 2021
13:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Regione Piemonte vaccina anche sulla neve.
Il 30 dicembre, nelle stazioni invernali di Sestriere (Torino), Prato Nevoso (Cuneo) e Alagna (Vercelli) sarà possibile ricevere la prima dose con accesso diretto o la terza dose nel caso di coloro che hanno già un appuntamento programmato in quello stesso giorno.
“Un modo per avvicinarci al Capodanno continuando a sensibilizzare tutti i cittadini sull’importanza del vaccino” sottolineano in una nota il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, l’assessore alla Sanità Luigi Genesio Icardi e il vicepresidente e assessore alla Montagna Fabio Carosso.
“Speriamo che per chi non ha ancora fatto la prima dose sia una occasione, un incentivo per riceverla, e per chi invece ha già l’appuntamento quel giorno per la terza dose un modo per ricevere la protezione del vaccino senza rinunciare a una giornata sulle nostre splendide montagne”, aggiungono insieme all’assessore al Turismo, Vittoria Poggio, e allo Sport, Fabrizio Ricca.
L’iniziativa verrà realizzata in collaborazione con i Comuni e le Aziende sanitarie locali (Asl TO3, Asl CN1, Asl Vercelli) e i gestori degli impianti sciistici. Possono accedere anche gli over12 che hanno il domicilio sanitario in Piemonte.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: fioccano disdette in Vialattea, 60-70% rinunce
Merlo ‘economia montana paga prezzo alto, subito i ristori’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
28 dicembre 2021
13:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Purtroppo, e come da copione, stanno fioccando le disdette di prenotazioni sino all’Epifania.

Si parla già di una cifra che si aggira – ad oggi – fra il 60 e il 70% di rinunce.
Numeri che, probabilmente, sono ancora peggiori dello scorso anno perché nel 2020 gli albergatori e i ristoratori avevano già messo in conto che i numeri erano minori causa la perdurante emergenza sanitaria. Una situazione, quella di quest’anno, difficilmente ammortizzabile sotto il profilo economico”. Lancia l’allarme il sindaco di Pragelato, e consigliere nazionale Anci, Giorgio Merlo.
“È di tutta evidenza che, ancora una volta, sarà l’economia montana a pagare le conseguenze più dirette e più immediate di questa crisi – sottolinea Merlo, assessore alla Comunicazione dell’Unione Comuni Olimpici della Vialattea -. Per le disdette, la mancanza di prenotazioni e la crescente impossibilità di provenienze dall’estero. Ecco perché l’offerta turistica montana, di tutto il comparto alpino, è di nuovo sotto i riflettori. È quanto mai necessario, adesso, già prevedere e impegnarsi per una seria e rigorosa ‘politica dei ristori’ perch̀é è abbastanza evidente che i colpi della pandemia coinvolgeranno pesantemente il turismo della montagna in tutte le sue articolazioni. Serve un impegno diretto del Governo sin d’ora anche se, ad oggi, non conosciamo ancora le conseguenze di questa ennesima ondata della pandemia. Oppure, come sostiene giustamente l’Uncem, l’attivazione di ‘specifici fondi di rotazione per le imprese turistiche’.
Comunque sia, è necessaria un’azione concreta della politica affinché si prevedano adeguati ristori per un settore che ha già patito una crisi non indifferente lo scorso anno”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Madre e figlia trovate morte in casa a Sesto San Giovanni
Indaga la procura di Monza, disposta autopsia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
28 dicembre 2021
14:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Due donne, madre e figlia, rispettivamente di 71 e 48 anni, sono state trovate senza vita nel loro appartamento di Sesto San Giovanni, alle porte di Milano, dove vivevano in pratica autorecluse.

La drammatica scoperta è stata fatta ieri dai Carabinieri in seguito alla segnalazione di alcuni conoscenti che avevano tentato di chiamare al telefono le due donne per gli auguri di Natale senza riuscire a contattarle.

La 71enne, da quanto si è saputo, aveva problemi di salute, in particolare camminava a fatica. Sulla vicenda sta indagando la Procura di Monza, che ha disposto l’autopsia per accertare le cause della morte.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cade da impalcatura, muore operaio in centro Roma
Verifiche sul ponteggio per accertare l’esatta dinamica
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
28 dicembre 2021
14:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tragedia sul lavoro al centro di Roma.
Secondo quanto si apprende, un operaio è morto dopo essere caduto da un’impalcatura in via Merulana.
Inutili i soccorsi per l’uomo. Sul posto vigili del fuoco e poliziotti del commissariato Esquilino. Sono in corso verifiche sul ponteggio per accertare l’esatta dinamica dell’accaduto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tangenti: nuovo interrogatorio in carcere ex dirigente Puglia
Dopo l’arresto per due ‘mazzette’ da 20 mila e 10 mila euro
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
28 dicembre 2021
14:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo interrogatorio in carcere per l’ex dirigente della Protezione civile della Regione Puglia Mario Lerario, arrestato il 23 dicembre con l’accusa di corruzione dopo aver intascato due tangenti da 20 mila e da 10 mila euro da due imprenditori che hanno in corso con la Regione appalti relativi alla realizzazione di strutture per l’emergenza Covid.
Lerario, dopo l’arresto in flagranza per la seconda tangente, era già stato interrogato il 26 dicembre nell’udienza di convalida e in quella sede aveva ammesso di aver accettato buste che poi ha scoperto che contenevano denaro, precisando – come hanno dichiarato anche i due imprenditori Luca Leccese e Donato Mottola – di non essere stato lui a chiedere “mazzette” ma che si trattava di iniziative degli imprenditori.
Oggi l’interrogatorio si è concentrato prevalentemente sulla prima tangente intascata, quella da 20 mila euro che Mottola gli ha consegnato il 22 dicembre, il giorno prima che l’allora dirigente fosse seguito e bloccato in flagranza per la seconda mazzetta. Lerario, assistito dall’avvocato Michele Laforgia, ha ribadito le ammissioni già fatte chiarendo, con riferimento alla vicenda di Mottola, che la certificazione all’azienda dell’imprenditore per la quale secondo la Procura il dirigente aveva fatto pressioni su una funzionaria regionale, in realtà era dovuta. All’interrogatorio di garanzia ha partecipato il procuratore Roberto Rossi. La difesa al momento non ha fatto istanza di revoca della misura cautelare.
I due imprenditori, entrambi detenuti agli arresti domiciliari, saranno interrogati il 4 gennaio. Anche loro, sentiti in qualità di indagati prima dell’arresto, avevano già confessato il pagamento delle tangenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ponte Genova: udienza rinviata al 28/1, prescrizione sospesa
In attesa della Cassazione su ricusazione del giudice
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
28 dicembre 2021
14:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È stata rinviata al 28 gennaio l’udienza preliminare sul crollo del ponte Morandi (14 agosto 2018, 43 vittime).
Lo ha deciso il giudice per l’udienza preliminare Paola Faggioni accogliendo l’istanza di alcuni legali degli imputati in attesa del pronunciamento della Cassazione sulla sua ricusazione fissata per il 21 gennaio.
Il giudice ha disposto la sospensione della prescrizione per questo periodo. I pubblici ministeri Massimo Terrile e Walter Cotugno avevano dato parere favorevole al rinvio a condizione che venisse sospesa per questo periodo la prescrizione. I legali avevano ricusato il giudice Faggioni perché, a loro avviso, aveva già espresso un giudizio sul crollo del ponte Morandi nell’ordinanza in cui aveva emesso misure restrittive nell’ambito dell’inchiesta sulle barriere autostradali antirumore pericolose, nata dagli sviluppi di quella sul disastro del viadotto. La corte di appello aveva respinto la richiesta e gli avvocati l’avevano impugnata ricorrendo in Cassazione.
Se l’udienza di oggi fosse proseguita avrebbero parlato i pm per illustrare le ragioni per cui chiedono il rinvio a giudizio dei 59 imputati oltre alle due società Aspi e Spea (quest’ultima si occupava delle manutenzioni per Autostrade).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Papa: coloro che sfruttano i bambini sono i nuovi Erode
“Spezzano loro innocenza con lavoro schiavo e prostituzione”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTÀ DEL VATICANO
28 dicembre 2021
15:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“I nuovi Erode dei nostri giorni spezzano l’innocenza dei bambini sotto il peso del lavoro schiavo, della prostituzione e dello sfruttamento, delle guerre e dell’emigrazione forzata.
#PreghiamoInsieme oggi per questi bambini e difendiamoli.
#SantiInnocenti”. Lo afferma oggi papa Francesco in un tweet, nella ricorrenza dei Santi Innocenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Zaia,reagenti e tamponi possono finire,segnale da mercati
Su base delle proposte avanzate dalla Regione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
28 dicembre 2021
15:46
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“C’è un dubbio che finiscano i reagenti e anche i tamponi perchè qualche segnale sta arrivando dai mercati”.
Lo dice il Presidente del Veneto Luca Zaia parlando della situazione nella regione, anche alla luce delle proposte avanzate dalla regione sulla strategia dei tamponi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Smog: inchiesta Torino, in corso tre consulenze tecniche
Fascicolo riguarda vertici Comune e Regione Piemonte
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
28 dicembre 2021
15:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un’indagine epidemiologica, un’analisi delle sostanze sprigionate nell’aria, uno studio sulle iniziative per la mobilità sostenibile: sono tre le consulenze tecniche che erano state ordinate dalla procura di Torino nell’inchiesta della magistratura su eventuali responsabilità della pubblica amministrazione per l’inquinamento che grava sulla città.
Gli specialisti interpellati dai magistrati hanno chiesto di posticipare di qualche mese il deposito delle loro conclusioni data la complessità degli accertamenti.

Il fascicolo riguarda i vertici del Comune e della Regione: gli ex sindaci Chiara Appendino e Piero Fassino, il governatore Alberto Cirio e il suo predecessore Sergio Chiamparino, gli assessori (o ex assessori) Alberto Unia, Matteo Marnati, Enzo La Volta, Stefania Giannuzzi, Alberto Valmaggia. Tutti, nel febbraio del 2021, hanno ricevuto un avviso di garanzia.
L’indagine epidemiologica dovrà valutare se i decessi registrati nel capoluogo piemontese siano superiori rispetto ai livelli attesi in base alle statistiche. Si tratta di un aggiornamento di un lavoro che era già cominciato nel 2017, quando il procedimento giudiziario aveva le mosse in seguito all’esposto di Roberto Mezzalama, un esperto in valutazioni ambientali che in seguito diede vita al comitato ‘Torino Respira’.
In parallelo alle analisi sulle sostanze presenti nell’aria si sta sviluppando uno studio sugli accorgimento che potrebbero essere presi per limitare l’inquinamento: l’attenzione è rivolta, fra l’altro, alle iniziative verso la mobilità sostenibile, visto che il traffico è “l’indiziato” principale.
Gli specialisti prenderanno in esame la situazione di altre città italiane e anche di altri Paesi. Sarà un passaggio importante per capire se le misure adottate dagli amministratori torinesi e piemontesi sono state sufficienti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incaglio e naufragio mercantile in sud Sardegna, 3 indagati
Procura Cagliari chiama in casua anche armatore e compagnia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
28 dicembre 2021
15:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il capitano e due ufficiali di coperta, ma anche la società armatrice e la compagnia che gestiva la motonave Cdry Blu, complessivamente tre persone fisiche e due giuridiche, sono i soggetti messi sotto inchiesta dalla Procura di Cagliari per disastro ambientale marino, inquinamento e naufragio colposo.
La pm Maria Virginia Boi ha chiuso le indagini preliminari e notificato gli avvisi agli indagati, che anticipano la richiesta di rinvio a giudizio, in merito all’incaglio della nave, e al successivo naufragio, avvenuti la sera del 21 dicembre 2019 a Capo Sperone, davanti alle coste di Sant’Antioco, sversando in mare una ingente quantità di idrocarburi.
Le 12 persone a bordo vennero messe in salvo dagli elicotteri della Guardia costiera, mentre il relitto rimase sulla scogliera per lungo tempo in attesa della demolizione e successiva rimozione.
A eseguire gli accertamenti di polizia giudiziaria sono stati gli investigatori del Nucleo Speciale d’Intervento (NSI) del comando generale delle Capitanerie di Porto di Roma. Per gli inquirenti a causare il disastro sarebbero state “condotte colpose messe in atto dal comandante e da due ufficiali di coperta della nave”. Non solo: “la navigazione avvenne in violazione di norme attinenti alla sicurezza e con modalità che denotavano imperizia marinaresca, imprudenza e negligenza, tra l’altro mantenendo rotte altamente pericolose in presenza di forte vento che spingeva il mercantile verso la vicina costa sottovento dell’isola di Sant’Antioco”.
La nave sarebbe salpata da Cagliari nonostante un problema alla propulsione, che poi avrebbe convinto il capitano a cambiare rotta a causa del maltempo finendo però con l’incagliarsi. Dopo il naufragio la Cdry Blu sversò in mare ingenti quantitativi di idrocarburi di vario tipo, mai recuperati nonostante alcuni interventi da parte di ditte specializzate, causando un disastro ambientale sulla costa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: blocco informatico ospedale Lecco, attacco hacker
Infetti diversi sistemi server, già riattivati alcuni servizi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
LECCO
28 dicembre 2021
16:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A seguito del blocco informatico dei servizi, Asst Lecco ha reso noto che dalla scorsa notte, dalle ore 23.30, l’infrastruttura informatica che fa capo alla Asst di Lecco è sotto attacco informatico.

Attualmente risultano infetti diversi sistemi server.
I sistemi oggetto dell’attacco sono in parte della rete interna dell’ospedale e in parte in Private cloud erogato dai DataCenter di Aria spa.
La connettività internet in uscita è stata disattivata ed è stata realizzata una gestione dedicata per consentire ai centri vaccinali di portare avanti le attività preposte. I backup non sono stati compromessi e saranno utilizzati per ripristinare i sistemi.
Pronta la risposta dei sistemi informativi aziendali in collaborazione con ARIA spa che in tempi rapidi ha reso possibile il ripristino parziale dei servizi. I sistemi riattivati attualmente risultano essere: sistema vaccinale, laboratorio, radiologia, centro unico di prenotazione, intranet aziendale, iPac, anatomia patologica, pronto soccorso, tamponi – richieste, oncologia-radioterapia e centro prelievi in giornata.
Sono invece in fase di attivazione, sale operatorie, anestesia e rianimazione, nefrologia, neocare.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: nave Geo Barents approdata nel porto di Augusta
Ieri sera sbarcati solo casi sanitari urgenti, operazioni proseguono oggi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
29 dicembre 2021
12:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ approdata ieri sera nel porto di Augusta la nave Geo Barents di Medici Senza Frontiere con 558 profughi a bordo, tra i quali numerosi minori.
Subito dopo l’attracco è stata decisa l’evacuazione solo dei casi sanitari urgenti, mentre le operazioni di sbarco di tutti gli altri migranti cominceranno stamattina.  “I migranti sono restii a vaccinarsi perché non si fidano di firmare documenti, non dei farmaci”, ha detto intanto il sindaco di Lampedusa.
Le autorità italiane ieri hanno assegnato Augusta come “porto sicuro” alla nave Geo Barents.
Lo ha comunicato la stessa organizzazione umanitari che nei giorni scorsi aveva sollecitato una soluzione della vicenda dopo il salvataggio dei migranti in otto diversi interventi, l’ultimo dei quali avvenuto alla vigilia di Natale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Contatti stretti-positivi, come è ora la quarantena
21 giorni di isolamento per positivi sintomatici. Il caso Umbria
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
17:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fino a 21 giorni di quarantena per i positivi sintomatici almeno 10 giorni di isolamento per chi non presenta sintomi.
Per chi ha avuto contatti con un positivo ed è vaccinato sono 7 i giorni mentre sono 10 per chi non ha copertura.
Queste, al momento le regole in Italia in tema di quarantena anche se alcune regioni spingono per una stretta. In Umbria dal 27 dicembre in caso di contatto con un positivo e si è vaccinati si dovrà rimanere in quarantena per sette giorni, al termine dei quali si dovrà risultare negativo a un tampone molecolare o un test antigenico, oppure si dovrà rimanere in isolamento per 14 giorni al termine dei quali si potrà uscire dall’isolamento senza l’esecuzione di un test diagnostico. Ecco, nel dettaglio, quanto previsto dal ministero della Salute nelle sue Faq.
Positivo al Covid? I soggetti asintomatici e risultati positivi, anche ad un tampone rapido, devono avvisare il medico di base. Possono rientrare in comunità dopo un periodo di isolamento di almeno 10 giorni a partire dalla data di prelievo del tampone risultato positivo, al termine del quale risulti eseguito un test molecolare (non antigenico) con esito negativo. Per le persone positive sintomatiche possono rientrare dopo un periodo di isolamento di almeno 10 giorni dalla comparsa dei sintomi ma ciò deve essere accompagnato da un test molecolare con riscontro negativo eseguito dopo almeno 3 giorni senza sintomi. Se si risulta ancora positivi si ripete il test dopo 7 giorni (17° giorno) e se la positività continua ma non ci sono sintomi da almeno 7 giorni (non considerando le alterazioni dell’olfatto e del gusto), si potrà interrompere l’isolamento al termine del 21esimo giorno.
Chi è ritenuto contatto stretto? La persona che vive nella stessa casa di un caso Covid-19. La persona che ha avuto un contatto fisico diretto con un caso Covid-19 (per esempio la stretta di mano). La persona che ha avuto un contatto diretto non protetto con le secrezioni di un caso Covid-19 (ad esempio toccare a mani nude fazzoletti di carta usati). La persona che ha avuto un contatto diretto (faccia a faccia) con un caso Covid-19, a distanza minore di 2 metri e di almeno 15 minuti.
La persona che si è trovata in un ambiente chiuso con un caso Covid-19 in assenza di dispositivi di protezione idonei. Un operatore sanitario o altra persona che fornisce assistenza diretta ad un caso Covid-19 oppure personale di laboratorio addetto alla manipolazione di campioni di un caso Covid-19 senza l’impiego dei dispositivi di protezione individuale (Dpi) raccomandati o mediante l’utilizzo di Dpi non idonei. Una persona che ha viaggiato seduta in treno, aereo o qualsiasi altro mezzo di trasporto entro due posti in qualsiasi direzione rispetto a un caso Covid-19; sono contatti stretti anche i compagni di viaggio e il personale addetto alla sezione dell’aereo/treno dove il caso indice era seduto. Gli operatori sanitari, sulla base di valutazioni individuali del rischio, possono ritenere che alcune persone, a prescindere dalla durata e dal setting in cui è avvenuto il contatto, abbiano avuto un’esposizione ad alto rischio.
Che differenza c’è tra quarantena, sorveglianza attiva e isolamento? La quarantena si attua ad una persona sana (contatto stretto) che è stata esposta ad un caso Covid, con l’obiettivo di monitorare i sintomi e assicurare l’identificazione precoce dei casi. L’isolamento consiste nel separare quanto più possibile le persone affette da Covid da quelle sane al fine di prevenire la diffusione dell’infezione, durante il periodo di trasmissibilità. La sorveglianza attiva è una misura durante la quale l’operatore di sanità pubblica provvede a contattare quotidianamente, per avere notizie sulle condizioni di salute, la persona in sorveglianza.
Che cosa devono fare le persone che hanno avuto un contatto stretto con un positivo e quanto dura la quarantena? I contatti stretti di un caso confermato devono allertare il proprio medico per l’avvio della procedura. Chi non è vaccinato può uscire dall’isolamento dopo 10 giorni con un test antigenico o molecolare con risultato negativo. Chi ha completato il ciclo vaccinale può uscire dall’isolamento dopo 7 giorni con un test antigenico o molecolare con risultato negativo. I contatti non stretti devono rispettare la quarantena? No, se hanno completato il ciclo vaccinale da almeno 14 giorni.
Se ci si sottopone a un test e si ha esito negativo si può uscire dalla quarantena? Anche se si effettua un test molecolare o antigenico ed è negativo, si deve comunque rimanere in isolamento dai 7 ai 10 giorni.
Cosa bisogna fare al termine della quarantena per rientrare al lavoro? Al termine del periodo di quarantena, se non sono comparsi sintomi, la persona può rientrare al lavoro ed il periodo di assenza risulta coperto dal certificato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: da zero a 15 casi in 48 ore, chiusi bar paese Sardegna
Paulilatino (Oristano), comunicazione-appello social del sindaco
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
28 dicembre 2021
17:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I contagi in risalita a Paulilatino, nell’Oristanese, hanno convinto il sindaco e consigliere regionale Domenico Gallus a chiudere tutti i bar del paese, luoghi di aggregazione per i più giovani, i più colpiti da questa nuova ondata.

“A malincuore e con profonda tristezza devo dirvi che il virus ha ripreso a circolare tra i nostri concittadini – spiega in un video social – sono circa 15 i casi che si sono sviluppati tra ieri sera e stamattina e riguardano tutti ragazzi molto giovani che mostrano tutti sintomi e sono risultati positivi al tampone rapido.
Ho preso subito questa decisione drastica ma che ritengo necessaria”. La nuova disposizione rimarrà in essere “in attesa dell’evoluzione della situazione. Con queste vacanze natalizie e il fatto che non ci fossero più casi in paese, ha portato ad abbassare la guardia: questo non deve più succedere”.
Il primo cittadino invita poi a seguire le norme come “la mascherina fissa anche all’aperto, il distanziamento sociale e l’igiene delle mani”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ossigeno, 301 operatori dell’informazione minacciati nel 2021
Il 24% sono donne. Anche episodi correlati all’emergenza Covid
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
20:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel corso del 2021 in Italia 301 operatori dell’informazione (giornalisti, blogger, fotoreporter, video cronisti) sono stati colpiti da minacce e intimidazioni per metterli a tacere, per ostacolare la loro attività di fornire informazioni nell’interesse pubblico.
A fornire i dati, aggiornati al 17 dicembre, è l’Osservatorio non governativo Ossigeno per l’Informazione.
Il 24% dei minacciati sono donne. La metà delle intimidazioni (48%) sono state realizzate con querele pretestuose, un quarto (25%) con avvertimenti, il 16% con aggressioni fisiche, il 10% con iniziative non perseguibili che hanno ostacolato arbitrariamente e in modo discriminatorio l’accesso alle informazioni, l’1% con danneggiamenti.
Nel corso dell’anno non sono mancati episodi correlati all’emergenza da Covid-19. Su 301 casi casi totali, 69 hanno riguardato operatori ed operatrici dell’informazione impegnati a seguire le manifestazioni contro l’introduzione del green pass o del vaccino, oppure che hanno documentato l’evolversi della pandemia. Dal 2006 a oggi Ossigeno ha segnalato 4904 giornalisti minacciati. Il numero dei minacciati del 2021 è inferiore a quello dei due anni precedenti: 301 rispetto ai 495 del 2020 e ai 472 del 2019. “Questo notevole calo non riflette un miglioramento della situazione, che – a giudizio dell’Osservatorio – rimane drammaticamente grave e preoccupante e richiederebbe attenzione e cure urgenti che continuano a essere rinviate sine die. Il calo del 2021 dipende essenzialmente dal notevole indebolimento delle risorse dell’Osservatorio Ossigeno che produce questi dati, svolgendo un compito di interesse pubblico che richiede una notevole mole di lavoro e che, secondo le Raccomandazioni dell’UNESCO, del Consiglio d’Europa, dell’OSCE e di altre organizzazioni, dovrebbe essere svolto con adeguate risorse pubbliche e garanzie di autonomia dal Governo e dalle forze politiche, e invece viene svolto prevalentemente con il volontariato professionale e qualche donazione”. Nel 2021 Ossigeno ha ricevuto meno donazioni e meno prestazioni volontarie e di conseguenza ha potuto fare una ricerca più limitata degli episodi che rientrano con ragionevole certezza nel suo campo di competenza. Inoltre Ossigeno ricorda che “il suo Osservatorio, anche quando ha operato con maggiori risorse, ha potuto misurare e mostrare in modo documentato soltanto la punta dell’iceberg, non l’intero fenomeno delle minacce rivolte ai giornalisti in Italia. Il fenomeno è notevolmente più grande: la parte sommersa, non visibile, è molto più estesa di quella che si riesce a vedere”.
Quest’anno Ossigeno è riuscito a condurre un esame e una verifica approfondita delle intimidazioni rivolte a 135 dei 301 giornalisti e blogger censiti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pop.Bari: Consob ‘azioni illiquide, investitori informati’
Funzionario autorità vigilanza testimone in processo su banca
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
28 dicembre 2021
18:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il fatto che le azioni della Banca popolare di Bari fossero “fortemente illiquide”, cioè non negoziate in alcun mercato regolamentato e quindi “con il rischio di non poterle rivendere mai”, era esplicitato nella seconda pagina di copertina dei prospetti 2014 e 2015.
Lo ha spiegato in aula il funzionario Consob Massimo D’Agostino, sentito oggi come testimone nel processo in corso nella Fiera del Levante di Bari sulla vecchia gestione dell’istituto di credito.
Nel processo sono imputati Marco Jacobini e il figlio Gianluca, rispettivamente ex presidente ed ex condirettore generale, accusati di falso in bilancio, falso in prospetto e ostacolo alla vigilanza.
Il prezzo delle azioni dell’istituto di credito barese, “è una autodeterminazione della banca, che se la canta e se la suona – ha detto d’Agostino – . Niente di illegale, ma abbiamo chiesto alla banca di esplicitare questo concetto nei prospetti tra i fattori di rischio, come gesto di estrema trasparenza verso l’investitore”.
Oggetto dell’audizione del funzionario è stato l’iter delle istruttorie Consob sui due aumenti di capitale del 2014 e del 2015. “La ragione dell’aumento di capitale, con l’offerta di vendita delle azioni scontate del 6% rispetto al loro valore di 9,53 euro – ha spiegato D’Agostino – , era legata al salvataggio di banca Tercas. Il primo aumento di capitale del 2014 da 500 milioni di euro si era chiuso con successo, mentre quello di 50 milioni del 2015, per una combinazione diabolica di eventi pazzesca, dovuta all’indagine della Commissione europea che ipotizzava l’operazione Tercas come aiuti illeciti di Stato, diventò un incubo”. In quella fase, sollecitato dalla Consob, Marco Jacobini continuava a “ribadire che non c’erano perdite all’orizzonte”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato un infarto ad uccidere il regista Jean-Marc Vallée
Era solo in casa; l’ex moglie, “cause naturali”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
28 dicembre 2021
18:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Jean-Marc Vallée, il regista canadese di “Dallas Buyers Club” e “Big Little Lies”, è morto d’infarto nel suo chalet di Berthier-sur-Mer, una settantina di chilometri da Quebec City.
Lo scrive “Deadline Hollywood” rendendo nota la causa del decesso.
Quando è morto, Vallée era solo. Aspettava ospiti e, a quanto pare, è morto il giorno di Natale: il suo corpo senza vita è stato trovato da amici la mattina dopo, scrive oggi la “Montreal Gazette”. Sarà condotta un’autopsia ma la polizia ritiene fin d’ora che il regista sia morto per cause naturali, ha detto la ex moglie, Chantal Cadieux, in un’intervista a una tv locale.
Vallée era un salutista entusiasta. Non toccava un goccio di alcol e praticava una tecnica estrema di respirazione che richiede di trattenere il fiato per lunghi periodi spesso in condizioni di gran freddo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cinema: Capri Hollywood premia Ferretti, Lo Schiavo e Avati
‘Master of Cinematic Art’ al Teatro San Carlo il 3 gennaio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
28 dicembre 2021
19:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Allo scenografo Dante Ferretti e alla ‘set decorator ‘ Francesca Lo Schiavo, coppia tre volte premio Oscar, e al regista Pupi Avati saranno assegnati i premi ‘Master of Cinematic Art’ il 3 gennaio al Teatro di San Carlo di Napoli nel gran gala finale di ‘Capri, Hollywood -The International Film Festival’.

Lo stesso riconoscimento è già stato già annunciato per l’attore Toni Servillo che sarà premiato da Carolina Rosi e dai registi Mario Martone e Roberto Andò (presidente di Capri Hollywood 2021) per un 2021 di successi coronata dal film in corsa per gli Oscar ‘E’ stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino.
La serata aprirà le celebrazioni per il centenario del regista Francesco Rosi. #CapriHollywood26 ha il patrocinio di Croce Rossa Italiana, Città di Capri e Comune di Anacapri. Tra gli ospiti musicali sul palco del lirico più antico d’Europa l’israeliana Noa (con i Solis String Quartet per un omaggio a Napoli) e il tenore Vittorio Grigolo con un tributo a Enrico Caruso.
La kermesse, fondata e prodotta dal 1995 da Pascal Vicedomini con l’Istituto Capri nel mondo, continua fino al 2 gennaio le sue proiezioni nelle sale dell’ isola azzurra e di Sorrento con oltre 150 titoli tra anteprime internazionali e rassegne. L’ ingresso è gratuito, lo slogan ‘a cinema in sicurezza’.
L’evento è promosso con l’Università Telematica Pegaso, il sostegno del MiC (Dg Cinema), Regione Campania e la partecipazione di Intesa Sanpaolo, Terna, Givova, Fenix Entertainment, Frecciarossa e Isaia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ordinanza Giani, per accertare positività basta test rapido
Governatore della Toscana firma ordinanza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
28 dicembre 2021
19:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Toscana il tampone antigenico rapido sarà sufficiente per stabilire la positività al Covid senza ricorrere alla successiva verifica col tampone molecolare.

Il test inoltre sarà valido anche per stabilire la fine dell’isolamento e della quarantena.
E’ quanto deciso da un’ordinanza firmata oggi dal presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani. Da domani 29 dicembre il test antigenico rapido positivo sarà sufficiente a definire il caso Covid e porre il soggetto in isolamento senza conferma del tampone molecolare. Il test antigenico rapido dovrà essere esteso ai contatti stretti ad alto rischio, che saranno posti in quarantena. “L’ordinanza che ho firmato questo pomeriggio precisa le nuove modalità di diagnosi dei casi positivi e dei contatti stretti, le metodiche di tracciamento ed i criteri di fine isolamento e fine quarantena. In particolare – spiega lo stesso Giani -, nel caso di positività del tampone antigenico rapido non si dovrà ricorrere alla successiva verifica col tampone molecolare: questo ridurrà drasticamente il numero di tamponi richiesti, oltre a semplificare alcuni passaggi burocratici, legati per esempio al lavoro”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La carica dei film 2022, da Moretti a Salvatores e Virzì
Undici autori scendono in campo nell’anno più difficile
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
18:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nell’anno forse più difficile, il 2022, quello in cui si giocherà davvero il destino della sala ormai in lotta aperta con streaming e pandemia, scendono in campo, tra i 92 film italiani complessivi, undici autori con altrettanti lavori tra classicità e spleen.
Si va da Paolo Genovese a Luca Guadagnino, da Gabriele Salvatores a Michele Placido, da Paolo Virzi a Pupi Avati, da Paolo Taviani a Nanni Moretti, da Pietro Marcello fino a Mario Martone ed Alice Rohrwacher.
Intanto c’è tutta una deriva di ‘classici’ come IL RITORNO DI CASANOVA di Gabriele Salvatores dall’omonimo romanzo di Arthur Schnitzler.
Un’opera plumbea con il racconto di un Casanova (Toni Servillo) ormai in età avanzata e alle prese con la sua ultima giovanissima e impossibile conquista.  ll film, scritto dallo stesso Salvatores con Umberto Contarello e Sara Mosetti, ha nel cast Sara Serraiocco, Fabrizio Bentivoglio e Natalino Balasso.
Sempre sul fronte della classicità c’è DANTE biopic sul Divin Poeta a firma di Pupi Avati. Di scena la sua tormentata vita, dall’infanzia solitaria alla morte in esilio, vista attraverso il viaggio di Giovanni Boccaccio per riabilitarne la memoria. Tra gli interpreti Sergio Castellitto, Alessandro Sperduti, Carlotta Gamba, Enrico Lo Verso e Alessandro Haber.
Ancora un classico e addirittura I PROMESSI SPOSI per Pietro Marcello che si cimenta liberamente con l’opera omonima di Manzoni. Per ora nessuna notizia su location e cast.
Anche LEONORA ADDIO, primo film di Paolo Taviani senza il fratello Vittorio, prende spunto da un classico della letteratura, ispirato all’omonima novella di Luigi Pirandello in cui si racconta il matrimonio tra Rico Verri e Mommina, una donna non più giovane. Nel cast Fabrizio Ferracane, Massimo Popolizio, Nathalie Rapti Gomez e Sinne Mutsaers.
Mario Martone, invece, con NOSTALGIA porta avanti la sua raffinata ricerca sulla napoletanità con la lettura cinematografica dell’omonimo romanzo di Ermanno Rea.  Protagonista Felice Lasco che torna nel Rione Sanità a Napoli dopo quarantacinque anni trascorsi fra Medio Oriente e Africa. Dopo aver assistito la madre morente, invece di tornare al Cairo dove lo aspetta la compagna, resta a Napoli, forse perché in attesa dell’incontro fatale con Oreste Spasiano, delinquente incallito detto Malommo. Nel cast, Pierfrancesco Favino, Tommaso Ragno, Francesco Di Leva e Aurora Quattrocchi
L’OMBRA DI CARAVAGGIO di Michele Placido racconta il genio del Rinascimento, interpretato da Riccardo Scamarcio, con una lettura del tutto moderna. Chi era mai il pittore delle ombre? Per Placido un artista maledetto molto simile alle attuali rockstar, un uomo comunque alle prese con le sue donne, i suoi demoni e soprattutto il suo genio difficile da gestire. Nel cast, Louis Garrel, Isabelle Huppert, Lolita Chammah e Micaela Ramazzotti.
IL PRIMO GIORNO DELLA MIA VITA di Paolo Genovese, tratto dal suo romanzo omonimo e con Toni Servillo, Valerio Mastandrea, Margherita Buy, Sara Serraiocco e Giorgio Tirabassi, racconta della capacità di ripartire quando tutto sembra crollare. Di scena le storie di Emily, ex ginnasta olimpica; Aretha, poliziotta dal carattere forte e dal passato tormentato; Napoleon, professionista newyorkese di successo e Daniel, piccolo divo della pubblicità. I quattro incontrano un personaggio misterioso che regala loro sette giorni per scoprire come sarebbe il mondo senza di loro.
FIND ME di Luca Guadagnino è invece il sequel di Chiamami col tuo nome (Oscar per la miglior sceneggiatura). Protagonisti ancora Elio e Oliver, questa volta in viaggio negli Stati Uniti negli Anni Novanta. Nel cast, Timothée Chalamet, Armie Hammer, Michael Stuhlbarg, Amira Casar ed Esther Garrel.
In SICCITÀ di Paolo Virzì tutti i personaggi sono in cerca di redenzione in un mondo ormai allo sbando e senza regole (un po’ come oggi). Ci troviamo in una Roma dove non piove da tre anni, cosa che stravolge regole e abitudini. Nella città che muore di sete e divieti si muove un coro di personaggi, giovani e vecchi, emarginati e di successo, vittime e approfittatori. Nel cast Monica Bellucci, Emanuela Fanelli, Elena Lietti, Vinicio Marchioni, Valerio Mastandrea.
Poco o nulla si sa invece de IL SOL DELL’AVVENIR il nuovo film di Nanni Moretti, se non che il regista ha finito la prima stesura della sceneggiatura insieme a Valia Santella, Federica Pontremoli e Francesca Marciano.
Infine, con CI SARÀ UNA VOLTA, Alice Rohrwacher debutta alla regia di una serie scritta dalla stessa regista insieme a Marco Pettenello. Il racconto segue le avventure di una famiglia di cantastorie che viaggiano per l’Italia alla fine degli anni 50. E questo nelle piazze, nelle masserie, ai bordi delle città in crescita e per le strade di un Paese ancora agli albori del boom economico.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rai: Capodanno all’Ast, 700 i posti per il pubblico
Riunito a Terni il Comitato per l’ordine e la sicurezza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
28 dicembre 2021
20:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per il Capodanno Rai in Ast ci sarà una riduzione dei posti a disposizione, che saranno 700 e distanziati.
Per l’ingresso saranno richiesti il Green pass rafforzato e il tampone negativo nelle 48 ore precedenti.

Inoltre gli ingressi all’area dello spettacolo saranno scaglionati in tre fasce orarie. Domani saranno comunicate le tempistiche per la prenotazione degli ingressi tramite piattaforma digitale. È quanto stabilito nel corso del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica di Terni che si è riunito in serata.
Quest’anno, infatti, Terni, e l’Umbria saranno la cornice del Capodanno di Rai1. “L’Anno che Verrà”, condotto da Amadeus, accompagnerà il pubblico verso il nuovo anno dalle acciaierie di Terni luogo simbolo del lavoro e della ripartenza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Omicidio a Foggia, uomo ucciso durante una sparatoria
Sul posto i carabinieri per i primi rilievi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
28 dicembre 2021
20:46
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un uomo è morto nel corso di una sparatoria avvenuta questa sera in via Lucera, alla periferia di Foggia.
Ancora poche le informazioni che trapelano dal luogo dell’omicidio.
Sul posto si stanno recando i carabinieri per i primi rilievi. In via Lucera è giunta anche una ambulanza del 118.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Arriva esercito a punti tampone di Lodi e Codogno
Si tratta di due squadre, aiuteranno anche in gestione arrivi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
23:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo la comunicazione di ieri sera da parte del direttore del Parco tecnologico Padano Andrea Dilemma che spiegava l’ormai urgente bisogno di avere l’esercito in aiuto ai punti tampone di Lodi e Codogno, stasera è arrivata la conferma del fatto che l’esercito arriverà già nelle prossime ore, domani o dopodomani.
In particolare, si prevede l’arrivo di due squadre, come ha anticipato il colonnello Fabio Zullino, comandante del Centro ospedaliero militare di Milano, di 7 militari ciascuna: una per Lodi e l’altra per Codogno.
Allestiranno strutture mobili e aiuteranno anche nella gestione degli arrivi ai punti tampone.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid tra equipaggio, nave Golfo Aranci-Livorno non parte
Passeggeri e auto riprotetti sulla Moby in partenza da Olbia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GOLFO ARANCI
29 dicembre 2021
00:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Mega Express Five della Corsica Ferries che sarebbe dovuta partire stasera dal porto di Golfo Aranci, nel Nord Est Sardegna, alla volta di Livorno, non ha lasciato le coste isolane.
A impedire la corsa prevista è stata l’accertata positività al Covid di alcuni componenti dell’equipaggio, sulla cui totalità si sta procedendo in questo momento allo screening.
I 330 passeggeri e le 113 auto già imbarcate sono stati riprotetti su una nave della Moby in partenza da Olbia alle 22 e stanno regolarmente viaggiando verso la Toscana.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Regioni a Governo, niente test a chi ha avuto solo contatti
“Solo per sintomatici. Cambiare sistema contact tracing”. Quarantena breve per i vaccinati, oggi la riunione del Cts
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
15:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È riunito, dopo diverse ore, il Comitato Tecnico Scientifico convocato da questa mattina per pronunciarsi su eventuali nuovi tempi delle quarantene.
Al momento non si può escludere che sul tavolo si stiano affrontando ulteriori temi in vista di nuove misure che potrebbero essere prese per contenere la quarta ondata.
Si riunirà alle 16.30 la cabina di regia presieduta dal premier Mario Draghi con i capidelegazione della maggioranza sul Covid.
A seguire potrebbe tenersi un Consiglio dei ministri che al momento non è ancora stato convocato.
Alleggerire e cambiare il sistema del contact tracing, azzerando la quarantena per i vaccinati con booster che sono venuti a contatto con un positivo e, in questi casi, effettuare il tampone solo a chi in seguito dovesse risultare sintomatico. È quanto chiedono i governatori nell’ambito della Conferenza delle Regioni inviando anche un documento al Cts su questi aspetti. “Al Governo chiederemo l’introduzione del Super Green pass sui luoghi di lavoro. Questa richiesta sarà oggetto di un incontro oggi con l’Esecutivo”, hanno sostenuto i governatori.
Cambiano i tempi delle quarantene in Italia. E nuove misure, dalla stretta sui contagi a scuola all’obbligo vaccinale per nuove categorie di lavoratori, potrebbero entrare in vigore a gennaio. Omicron dilaga e il Paese corre ai ripari contro il rischio di un blocco delle attività a causa delle tante persone in isolamento perchè entrate in contatto con i contagiati che attualmente sono 600mila. A pronunciarsi sulla questione, sollecitata dalle Regioni e da alcuni componenti della maggioranza come il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, sarà ancora una volta il Comitato Tecnico Scientifico, a cui il Governo ha chiesto un parere. I governatori, dopo essersi riuniti, invieranno un documento al Cts che contiene una serie di richieste sulla gestione dell’autoisolamento: azzeramento della quarantena ma obbligo di Ffp2 e autosorveglianza per le persone che hanno copertura vaccinale completa, booster compreso, e un tempo di 5 giorni per chi ha già ricevute due dosi. Modifiche che, spiegano, sono necessarie alla luce di uno stravolgimento del sistema di contact tracing, ‘saltato’ in diversi territori.
In campo ci sono diverse ipotesi e un punto di caduta potrebbe essere quello di ridurre la quarantena da sette a cinque giorni per chi è vaccinato con terza dose. E’ certo invece che resterà di dieci giorni il periodo di isolamento obbligatorio per i non vaccinati. Allo studio anche la possibile revisione dei criteri di definizione del “contatto stretto”, ovvero che espone ad un “alto rischio”, e della definizione di “basso rischio” contenuti nella circolare del ministero dell’agosto scorso. In quel documento si specifica che di fronte ad un “basso rischio” la quarantena può essere revocata a seguito di test antigenico o molecolare negativo in assenza di sintomi. Un’altra riflessione potrebbe arrivare su eventuali deroghe o riduzioni dei giorni di quarantena per quegli operatori sanitari venuti a contatto, fuori dal proprio ambito lavorativo, con persone positive: un provvedimento di questo tipo punterebbe ad evitare eventuali carenze di personale sanitario dovuto all’isolamento obbligatorio.
L’isolamento non è l’unico argomento sul tavolo del Governo, che dopo il pronunciamento degli scienziati potrebbe chiedere una condivisione politica per un eventuale ordinanza ad hoc del ministero della Salute. Tra i temi da affrontare anche quello dei prezzi calmierati per le mascherine Ffp2 il cui costo (obbligatorie sui mezzi Tpl, in cinema, teatri e altri luoghi) potrebbe aggirarsi intorno a un euro. Altra questione è il fronte scuola: una nuova stretta potrebbe arrivare proprio sulla gestione dei contagi in classe. Non è escluso che, a fronte dei numeri in ascesa dei positivi, si torni a prendere in considerazione da gennaio la proposta (già avanzata ma poi ritirata) di prevedere la quarantena per un’intera classe nel caso di un solo alunno positivo (al momento l’isolamento per tutti scatta con tre contagi).
Aumenta anche il fronte dei favorevoli all’obbligatorietà del vaccino anche per altre categorie di lavoratori, dopo sanitari, insegnanti e forze dell’ordine. “Il governo è ancora in tempo per introdurlo”, insiste il presidente di Confindustria Carlo Bonomi. E il ministro per la Funzione pubblica Brunetta auspica “un super Green pass per tutto il mondo del lavoro, pubblico, privato e autonomo”. Ormai “bisogna valutare misure più restrittive come l’obbligo vaccinale” o “l’ipotesi di limitare la circolazione delle persone che non hanno la protezione, che rischiano di mettere sotto pressione il sistema sanitario”, aggiunge il ministro per il Lavoro, Andrea Orlando, che rilancia sull’alternativa all’obbligo ovvero il lockdown dei no vax. Su quest’ultimo aspetto anche il governatore toscano Giani lancia un appello al Governo.
Sì a una riduzione della quarantena per i vaccinati, ma con prudenza. Questa la riflessione che il consulente del ministro alla Salute Roberto Speranza, Walter Ricciardi, fa con La Repubblica. “Va bene la riduzione della quarantena per vaccinati con tre dosi – dichiara – ma deve esserci una analisi molto precisa su ciò che questo significa in termini di circolazione del virus”. La velocità di riproduzione di Omicron è “impressionante”, rileva Ricciardi. “Questa ondata sarà la più imponente dal punto di vista quantitativo – spiega -, fortunatamente non avrà lo stesso impatto di quelle precedenti dal punto di vista sanitario”. Attualmente “siamo nella fase di mitigazione – spiega il consulente -, nella quale bisogna abbassare la curva. Intanto dobbiamo vaccinare giorno e notte”. La terza dose anti-Covid “è protettiva contro Omicron e agisce quasi subito dopo la somministrazione”, aggiunge.L’esperto di Igiene pubblica ritiene”che la curva torni sotto i 50 casi settimanali per 100 mila a febbraio”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Figliuolo, picco inoculazioni ieri oltre 619mila
34mila ai bambini fra i 5 e gli 11 anni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
13:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La campagna vaccinale nazionale accelera, facendo registrare, nella giornata di ieri oltre 619mila somministrazioni, dopo le 583mila di lunedì.
In particolare, ieri sono state inoculate 57mila prime dosi, 34mila delle quali in favore di bambini di età fra i 5 e gli 11 anni, mentre i richiami hanno superato quota 520 mila”.
Lo fa sapere la struttura commissariale di Francesco Figliuolo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Toscana 7.304 casi Covid, più che triplicati in 7 giorni
Nuovo record che straccia quello registrato ieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
29 dicembre 2021
10:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I nuovi casi Covid registrati nelle ultime 24 ore in Toscana sono 7.304 su 56.064 test di cui 24.034 tamponi molecolari e 32.030 test rapidi.
Il tasso dei nuovi positivi è 13,03% (50,4% sulle prime diagnosi).
Il dato è stato diffuso dal presidente della Toscana Eugenio Giani. Il numero dei contagi giornalieri segna un nuovo record – stracciato quello di ieri -, ed è più che triplicato nel giro di una settimana: lo scorso 22 dicembre i casi erano stati 2.038 (su 43.963 test con un tasso di nuovi positivi del 4,64%).
Ieri i casi giornalieri erano stati 4.453 su 57.458 test, con tasso dei nuovi positivi del 7,75% (44,6% sulle prime diagnosi).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Foto e video minorenne via social, denunciato ricatto hard
Polizia sequestra immagini pedopornografiche in tutta Italia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
29 dicembre 2021
10:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È stata costretta per mesi a inviare foto e video intimi.
Materiale pedopornografico che il ‘fidanzatino’ virtuale minacciava di far girare in rete se lei non ne avesse mandato altro.
Vittima di questo incubo una minore residente nel Torinese, che aveva conosciuto sui social il suo ricattatore, apparentemente suo coetaneo, salvata dal padre che ha scoperto il ricatto e ha raccontato tutto alla polizia. Il ‘fidanzatino’ è stato denunciato per produzione e cessione di materiale pedopornografico; nel corso delle perquisizioni, eseguite in tutta Italia, sono state sequestrate circa trecento immagini dal contenuto pedopornografico.
Dopo aver conquistato la fiducia della ragazzina, il ‘fidanzatino’, che la giovane non ha mai conosciuto personalmente, manipolandola psicologicamente è riuscito a farsi spedire foto e filmati particolari girati con il cellulare dalla stessa vittima. Immagini che si è detto pronto a rendere pubblici, se la giovane non avesse continuato a mandargli altro materiale.
A scoprire il ricatto è stato il padre della ragazza che, controllando l’account social della figlia, si è accorto di quelle richieste. Inutile il tentativo di provare a fermarlo con dialogo, il genitore si è così rivolto al commissariato di Rivoli.
Il lavoro degli agenti, coordinati dalla Procura dei Minori del Tribunale di Torino, è “stato complesso visto le fitte maglie della rete informatica, costellata di barriere giuridiche fatte di ‘account’ e ‘file log'”, spiega la Questura di Torino.
Ma dopo mesi di lavoro gli investigatori sono riusciti a dare un nome e un volto al ‘fidanzatino’, che è stato denunciato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: molte disdette a Cervinia, sindaco chiede sostegno
“Presenze per Capodanno sono diminuite in maniera rilevante”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AOSTA
29 dicembre 2021
11:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“L’Amministrazione comunale segue con attenzione l’evoluzione dell’emergenza: vi sono state numerose disdette negli alberghi e le presenze sono diminuite in maniera rilevante”.
E’ quanto si legge in una nota del Comune di Valtournenche che fa riferimento alla situazione del comprensorio di Breuil-Cervinia in occasione delle festività di fine anno.

Oltre ad “invitare le persone coinvolte nell’accoglienza a offrire il massimo possibile agli ospiti”, il sindaco Jean Antoine Maquignaz ha dichiarato: “Purtroppo si sono dovuti annullare gli eventi che avrebbero creato assembramenti . È presumibile che si genererà una situazione di difficoltà.
Scriveremo alla Regione autonoma Valle d’Aosta e a Finaosta per chiedere di avviare le valutazioni rispetto ad aiuti a sostegno per gli operatori economici”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Crollo palazzina nel Pistoiese, due feriti lievi
A Pieve a Nievole:forse fuga gpl causa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Coinvolti madre e figlio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PIEVE A NIEVOLE (PISTOIA)
29 dicembre 2021
11:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Crollo di una palazzina a Pieve a Nievole (Pistoia) intorno alle 5:45, feriti in modo lieve una donna di 90 anni e il figlio di 52.
Forse una fuga di gas gpl la causa.
Sul posto intervenuti, anche con il nucleo cinofili, i vigili del fuoco e i carabinieri.
La palazzina è uno stabile di due piani. Madre e figlio, al momento del crollo, si trovavano al piano terra, in cucina, e sono usciti dall’abitazione prima dell’arrivo dei pompieri, praticamente illesi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: nuovo record contagi in Veneto, 8.666 in un giorno
Sono 23 i decessi, boom di ricoveri in ospedale, +126
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
29 dicembre 2021
12:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I contagi da Covid segnano un altro record in Veneto, 8.666 in sole 24 ore.
Lo riporta in bollettino della Regione.
Ieri i casi (7.403) rappresentavano il dato più alto dall’inizio della pandemia. Il totale degli infetti da quando è iniziata la crisi sale a 626.319. Si contano anche 23 decessi, che portano le il dato complessivo delle vittime a 12.358.
Le persone attualmente in quarantena salgono a 80.456 (+ 4.485). Numeri ugualmente preoccupanti sul fronte ospedaliero: sono 1.290 i ricoverati in area medica (+126), e 190 quelli in terapia intensiva (+12)
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dipartimento Ps: 116 femminicidi nel 2021, dato in aumento
156 intimidazioni contro giornalisti, +21%. Crescono le intimidazioni ai sindaci
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
12:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Per quanto riguarda il più grave dei reati, vale a dire l’omicidio nel 2021 si conferma la tendenza generale: i dati aggiornati al 26 dicembre di quest’anno fanno registrare 289 omicidi, 4 persone decedute in più dell’anno scorso, ma 25 in meno del 2019 (epoca pre-pandemia)”.
Emerge dal consuntivo del Dipartimento della Pubblica Sicurezza.
“Cresce invece l’incidenza percentuale sul totale degli omicidi delle donne uccise: 116 vittime nel 2021 (erano 110 nel 2019), di cui 100 uccise in ambito familiare/affettivo (erano 93 nel 2019); di queste ultime, 68 hanno trovato la morte per mano del partner/ex partner (erano 67 nel 2019)”.
Nei primi 9 mesi del 2021 sono stati registrati 156 atti intimidatori nei confronti dei giornalisti (+21% sul 2020), 74 casi (47%) sono avvenuti su social network. Emerge dai dati elaborati dal Centro di coordinamento per le attività di monitoraggio, analisi e scambio permanente di informazioni sul fenomeno degli atti intimidatori nei confronti dei giornalisti del Dipartimento di Ps.
Crescono inoltre le minacce e gli atti intimidatori nei confronti di sindaci, anche quelli delle grandi città, e degli amministratori locali. Lo evidenzia il consuntivo di fine anno sulla criminalità presentato oggi dal dipartimento di Pubblica Sicurezza. Per quanto riguarda gli amministratori locali, l’Organismo tecnico di supporto all’Osservatorio nazionale nei primi nove mesi dell’anno, ha registrato 541 atti intimidatori (+16,9% sul 2020). Ben 278 casi (51,4%) sono avvenuti nei confronti di sindaci anche metropolitani.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 23 positivi su traghetto, atteso nulla osta sanitario
Corsica Ferries attende l’ok per salpare verso Piombino
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
OLBIA
29 dicembre 2021
13:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 23 i casi di positività tra l’equipaggio della Mega Express Five della Corsica Ferries che ieri sera sarebbe dovuta partire dal porto di Golfo Aranci, nel Nord Est Sardegna, alla volta di Livorno.
I 330 passeggeri e le 110 auto riprotetti a bordo della Moby partita alle 22 da Olbia sono arrivati regolarmente in Toscana, mentre la nave con i positivi a bordo è ormeggiata nella banchina 9 del porto olbiese dalla scorsa notte.
Rimarrà lì per tutta la giornata, in attesa del nulla osta della Sanità Marittima del Nord Sardegna per il viaggio Olbia-Piombino.
“L’Autorità portuale del Mar Tirreno Settentrionale, la capitaneria di porto e le altre autorità di Piombino sono a disposizione della compagnia per consentire lo sbarco dei marittimi positivi”, fa sapere Corsica Sardinia Elba Ferries, precisando che la compagnia “sta organizzando con le Asl di competenza lo sbarco e il ricovero dei positivi, che saranno ospitati in residenze Covid di Toscana e Lazio”.
I positivi sono separati dagli altri componenti dell’equipaggio, con i quali non hanno nessun contatto, e ricevono i pasti da terra, da una ditta specializzata. Secondo quanto appreso le loro condizioni sono buone e stabili.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Due cervi detenuti illegalmente a Termoli,tornano in Abruzzo
Intervengono i carabinieri, portati al Centro Recupero Fauna
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TERMOLI
29 dicembre 2021
13:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una famiglia di Termoli deteneva illegalmente due cervi selvatici scoperti dai carabinieri di Termoli e condotti dalla squadra del Parco Nazionale della Maiella con la collaborazione dell’Anpana nel Centro di Recupero Fauna Selvatica di Popoli (Pescara).

I militari, a sorpresa, si sono recati nella proprietà della famiglia insieme a veterinari specializzati e operatori del Raggruppamento Carabinieri Biodiversità di Popoli.
Con loro Gianluca Barbuto, Coordinatore regionale delle Guardie Volontarie del Molise.
L’operazione di trasporto dei cervi è stata organizzata in due tappe. Nella prima fase si è proceduto alla sedazione dei due animali in sicurezza per poi trasportarli nel Centro abruzzese dove saranno tenuti in quarantena e sotto osservazione, prima di tornare in libertà all’interno della riserva del Parco Nazionale della Maiella.
“Vale la pena ricordare che la detenzione di animali selvatici pericolosi – hanno fatto sapere i carabinieri – deve essere autorizzata dagli organi competenti e che vanno sempre rispettate le caratteristiche etologiche di ogni animale. Si ricorda, infatti, che ciascun animale è sottoposto alla tutela di legge. Chi ha intenzione di acquistare o adottare un esemplare è tenuto a informarsi su tutte le norme in vigore”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Capodanno: prefettura, a Milano controlli saranno rafforzati
“Festeggiamenti siano improntati al rispetto delle regole”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
29 dicembre 2021
14:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Misure e controlli rafforzati a Milano per la serata di Capodanno.
Lo ha stabilito il comitato provinciale per l’Ordine e la sicurezza pubblica che si è tenuto in prefettura questa mattina.

Nel pieno della quarta ondata, “è fondamentale l’osservanza delle norme anticovid ed è forte l’invito a festeggiamenti improntati al rispetto delle regole – si legge nella nota diffusa la termine della riunione -. I servizi su tutta la città metropolitana riguarderanno sia il controllo del territorio che la verifica negli esercizi pubblici”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Omicidio Ciatti, scarcerato ceceno detenuto in Italia
Provvedimento disposto dalla Corte di assise di Roma
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
29 dicembre 2021
14:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Corte di assise di Roma ha disposto la scarcerazione di Rassoul Bissoultanov, uno dei due ceceni accusati dell’omicidio di Niccolò Ciatti, il 22enne fiorentino pestato a morte l’11 agosto 2017 in una discoteca di Llorrt de Mar in Spagna.
La notizia è stata resa nota dal padre di Niccolò, Luigi Ciatti, e confermata dal legale della famiglia, avvocato Agnese Usai.
I motivi del provvedimento, spiega Usai, al momento non sono noti. Il ceceno secondo quanto appreso sarebbe già uscito dal carcere di Rebibbia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Acquaroli, inevitabile passaggio Marche in arancione
Pochi ricoveri ma numero contagi elevatissimo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
29 dicembre 2021
15:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Di questo passo vedo inevitabile il rischio della zona arancione”.
Così il presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli, a margine della seduta odierna del Consiglio regionale.
“Aumentando di 6-7 numeri giornalieri l’area medica e di 1-2 unità la terapia intensiva” anche se “i numeri non sono tantissimi” rispetto a quello dei positivi, “è pur vero che il cumulo delle quotidianità porta a raggiungere le percentuali stabilite con il decreto”.
Nell’ultima giornata sono 1.707 i positivi al SARS-CoV-2 rilevati nelle Marche, una quota che fa salite l’incidenza dei casi positivi da 365,79 casi su 100mila abitanti di ieri a 423,80 casi odierni. “Qualche settimana fa parlando del Super Green pass – ha aggiunto Acquaroli – avevo detto che se poteva essere un incentivo alla vaccinazione non sarebbe servito per fermare il contagio. Purtroppo il numero dei contagi è elevatissimo” anche se “per fortuna” a questo “non corrisponde un numero elevatissimo di ricoveri ospedalieri, però è chiaro che aumentando la base dei contagi, una percentuale minima finisce o in area medica, o più raramente in terapia intensiva.
Occorre comprendere come gestire questa fase” ha concluso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sospesi perché senza vaccino Covid ma al lavoro, denunciati
Dentista e igienista individuati da carabinieri Nas Perugia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
29 dicembre 2021
16:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nonostante fossero sospesi dai propri ordini per non essersi sottoposti alla vaccinazione, obbligatoria, per il Covid padre dentista e la figlia igienista dentale sono stati sorpresi dai carabinieri del Nas nel proprio studio a proseguire le loro attività.
I militari li hanno quindi denunciati a piede libero per esercizio abusivo della professione.

I due sono stati individuati nell’area del Trasimeno. Dalle verifiche del Nas di Perugia – comandato dal tenente colonnello Giuseppe Schienalunga – è emerso che entrambi erano stati oggetto di provvedimenti di sospensione emessi dall’Ordine dei medici, chirurghi e odontoiatri di Perugia e da quello dei Tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche.
I controlli da parte dei carabinieri del Nas proseguiranno anche relativamente all’osservanza delle norme relative alle varie tipologie di Green pass e sul rispetto degli obblighi vaccinali.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo record contagi in Campania, quasi 10mila
Oltre 111mila test. Incidenza 8,8%, ricoveri +53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
29 dicembre 2021
16:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo record di test e di contagi da Covid in Campania: sono 9.802 i nuovi casi rilevati (ieri 7.181) su 111.379 tamponi eseguiti.
Il tasso di incidenza balza all’8,8%, soglia mai toccata finora in regione, contro il 6,86 di ieri.
Le nuove vittime censite nel bollettino dell’Unità di crisi sono 11, di cui sette nelle ultime 48 ore e quattro risalenti ai giorni precedenti. Non si arresta la crescita dei ricoveri in degenza, a quota 587 (+53, l’incremento più consistente degli ultimi mesi), e aumenta anche l’occupazione dei posti in terapia intensiva, che sono 37 (+2).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: il Casinò di Campione rinvia la riapertura di Capodanno
Tutto pronto per San Silvestro, se ne riparla entro gennaio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
29 dicembre 2021
16:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo oltre 3 anni di chiusura per fallimento, il Casinò di Campione dovrà ancora attendere la sua riapertura a causa del riacutizzarsi della pandemia.
Slitta infatti l’inaugurazione prevista per ill 31 dicembre con un evento organizzato per la notte di San Silvestro e tutti gli impianti funzionanti, pronti ad accogliere la clientela, dai tavoli tradizionali con tutti i giochi già presenti in passato, alle le slot machine di ultimissima generazione appena installate.

“Ogni cosa era stata prevista ma non il picco di una pandemia in grado di mettere a rischio la salute del personale e dei clienti della casa da gioco – fanno sapere dal Casinò, la più grande casa da gioco in Europa, situata nell’exclave italiana in provincia di Como – Si è voluto valorizzare l’importanza delle persone ad ogni livello e, quindi, la sostenibilità di un sistema e del suo sviluppo futuro”.
“Per tale ragione il consiglio di amministrazione della casa da Gioco, in accordo con l’unico socio, il Comune di Campione, ha ritenuto necessario differire l’apertura del Casinò compatibilmente con l’andamento dei contagi ma, in ogni caso, entro il 28 Gennaio 2022, epoca in cui è previsto un deciso decremento dei rischi di contagio – conclude la nota-.
L’indicazione è stata sottoposta ai Commissari e al Giudice delegato del Tribunale di Como che hanno ben compreso le ragioni che hanno giustificato tale decisione, dando altresì atto che l’ambiziosa tabella temporale che la società si era data per giungere alla riapertura è stata puntualmente rispettata”. Il Casinò era stato dichiarato fallito il 27 luglio del 2018.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quarantena, si cambia: con il booster non è più necessaria. Il super pass anche sui bus, slitta l’obbligo sul lavoro
Braccio di ferro tra partiti, no Lega-M5s per tutti lavoratori
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
18:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dovrebbero entrare in vigore lo stesso giorno della pubblicazione del decreto in Gazzetta ufficiale, prevista nelle prossime ore, le nuove norme sulle quarantene, che escludono l’isolamento per i vaccinati con booster o con due dosi da meno di quattro mesi che vengano a contatto con una persona positiva al Covid, se asintomatici.
Scatterà subito, spiegano fonti di governo, anche la stretta sulle capienze negli stadi. L’estensione del Super green pass scatterà invece dal 10 gennaio.
Le nuove regole, potrebbero essere specificate con una circolare dal Dipartimento di prevenzione del ministero della Salute.
Dovrebbe arrivare già a inizio anno, con un consiglio dei ministri che potrebbe essere convocato già il 5 gennaio, l’ulteriore estensione del Super Green pass al mondo del lavoro: il governo, secondo quanto si apprende, sta studiando come procedere, valutando le complessità nei vari settori. Apparirebbe difficile, al momento, distinguere per categorie soggettive, come ad esempio tutti i lavoratori della Pa o tutti i privati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In questi giorni continueranno gli approfondimenti tecnici e all’inizio della prossima settimana potrebbero anche essere consultate le parti sociali, sindacati e imprese.
Quarantena azzerata ai vaccinati da meno di quattro mesi e a quelli con dose booster, estensione del Super Green pass quasi ovunque: per salire su treni, bus, metro e tutti gli altri mezzi di trasporto, per entrare in alberghi, andare a fiere, impianti sci e tanti altri luoghi di socialità e svago, oltre a prezzi calmierati per le mascherine Ffp2. E negli stadi torna la capienza a 50%.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tra nuove decisive strette e qualche allentamento, il Governo è pronto a varare l’ultimo decreto anti-Covid di questo secondo anno di pandemia, che si chiude con numeri record sui contagi di questa quarta ondata (nelle ultime 24 ore sono stati quasi 100mila).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
IL NUOVO DECRETO IN PILLOLE:
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il nuovo decreto su quarantene e super pass in pillole
Nuove norme dai trasporti alle capienze negli stadi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
22:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il cdm ha approvato un primo blocco di misure sulle quarantene e l’utilizzo del green pass.
Il Prossimo Cdm ( presumibilmente già nei primi giorni di gennaio ) potrà adottare ulteriori misure.
Oggi è stato approvato un decreto-legge che introduce misure urgenti per il contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19 e disposizioni in materia di sorveglianza sanitaria.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ecco il testo in pillole: prevede nuove misure in merito all’estensione del Green Pass Rafforzato (che si può ottenere con il completamento del ciclo vaccinale e la guarigione) e le quarantene per i vaccinati.
– Green Pass Rafforzato: Dal 10 gennaio 2022 fino alla cessazione dello stato di emergenza, si amplia l’uso del Green Pass Rafforzato alle seguenti attività:
alberghi e strutture ricettive;
feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose;
sagre e fiere • centri congressi
servizi di ristorazione all’aperto
impianti di risalita con finalità turistico-commerciale anche se ubicati in comprensori sciistici
piscine, centri natatori, sport di squadra e centri benessere anche all’aperto
centro culturali, centro sociali e ricreativi per le attività all’aperto
Inoltre il Green Pass Rafforzato è necessario per l’accesso e l’utilizzo dei mezzi di trasporto compreso il trasporto pubblico locale o regionale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
– Quarantene: Il decreto prevede che la quarantena precauzionale non si applica a coloro che hanno avuto contatti stretti con soggetti confermati positivi al COVID-19 nei 120 giorni dal completamento del ciclo vaccinale primario o dalla guarigione nonché dopo la somministrazione della dose di richiamo. Fino al decimo giorno successivo all’ultima esposizione al caso, ai suddetti soggetti è fatto obbligo di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 e di effettuare – solo qualora sintomatici – un test antigenico rapido o molecolare al quinto giorno successivo all’ultima esposizione al caso. Infine, si prevede che la cessazione della quarantena o dell’auto-sorveglianza sopradescritta consegua all’esito negativo di un test antigenico rapido o molecolare, effettuato anche presso centri privati; in tale ultimo caso la trasmissione all’Asl del referto a esito negativo, con modalità anche elettroniche, determina la cessazione di quarantena o del periodo di auto-sorveglianza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
– Capienze: Il decreto prevede che le capienze saranno consentite al massimo al 50% per gli impianti all’aperto e al 35% per gli impianti al chiuso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un decreto che a gennaio potrebbe essere seguito da possibili altre misure. Non passa però il fronte di chi chiedeva di estendere l’obbligo del Super Green pass anche a tutte le categorie di lavoratori, nonostante la sponda delle Regioni. E non prevale la linea rigorista di chi come il ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla scorta dei pareri del Cts e pur d’accordo sulle modifiche alle regole sull’autoisolamento, chiedeva norme non troppo blande. Sia in cabina di regia che in Cdm il confronto è stato serrato: Pd e Forza Italia hanno subìto lo stop della Lega e di M5s sul varo dell’obbligo del certificato verde rafforzato per tutti i lavoratori.
C’è intesa invece per calmierare il prezzo delle mascherine Ffp2: una proposta condivisa nell’esecutivo della quale ora sarà incaricata la struttura commissariale, che dovrebbe stipulare apposite convenzioni con le farmacie. Ad imprimere una forte spinta al vaccino saranno i provvedimenti sull’obbligo del Super Green pass: dal prossimo 10 gennaio fino alla cessazione dello stato di emergenza, si amplia l’uso del certificato verde rafforzato ad alberghi e strutture ricettive, feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose, sagre e fiere, congressi, servizi di ristorazione all’aperto, impianti di risalita con finalità turistico-commerciale anche se ubicati in comprensori sciistici, piscine, centri natatori, sport di squadra e centri benessere anche all’aperto, centro culturali, centro sociali e ricreativi per le attività all’aperto.
Inoltre il Green Pass rafforzato sarà necessario per l’accesso e l’utilizzo dei mezzi di trasporto compreso il trasporto pubblico locale o regionale. Cambiano dunque le regole per la quarantena, con tre diverse categorie: lo scopo è evitare la paralisi del Paese, che con un alto numero di persone in quarantena, perchè contagiati o venuti a contatto con un infettato, rischia di finire in una sorta di ‘mini-lockdown’ generato anche dai continui autoisolamenti di chi invece è negativo. Le quarantene non saranno più previste per i vaccinati con booster o con due dosi da meno di quattro mesi che vengano a contatto con una persona poi risultata positiva al Covid, se asintomatici.
In questi casi sarà prevista una forma di autosorveglianza e l’esecuzione, al quinto giorno dal contatto con il caso positivo, di un tampone con esito negativo. Per chi ha eseguito l’ultima vaccinazione da più di quattro mesi – quindi con minore copertura dal contagio – l’autoisolamento scenderebbe da 7 a 5 giorni, con test negativo. Nessuna modifica per chi non è vaccinato: la quarantena resta a 10 giorni.
Misure diverse da quelle su cui si era orientato il parere del Comitato Tecnico Scientifico: dopo un incontro durato diverse ore gli scienziati avevano convenuto di azzerare la quarantena, in questi casi, soltanto ai vaccinati impiegati nei servizi essenziali – purché indossassero obbligatoriamente la mascherina Ffp2 per circa una settimana – e di ridurla a cinque giorni ai vaccinati con booster. In cabina di regia però il Governo ha invece accolto tout court la richiesta delle Regioni, che chiedevano appunto l’eliminazione dell’autoisolamento agli immunizzati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Slitta invece al prossimo Cdm l’ipotesi dell’estensione del Super pass a tutti i lavoratori, un provvedimento da sempre sostenuto dal ministro per la funzione pubblica Renato Brunetta, ora anche dal ministro del Lavoro Andrea Orlando, dal ministro della Famiglia, Elena Bonetti (in quota Iv) e dagli stessi governatori. A sollevare dubbi su questa misura, già in cabina di regia, sono stati Lega e Cinque Stelle. Il ministro Giancarlo Giorgetti – pur non escludendo che se ne possa discutere in un prossimo Cdm – avrebbe sottolineato la necessità in caso di portare avanti, di pari passo, anche una presa di responsabilità da parte dello Stato: se si volesse estendere l’obbligo del super pass ai luoghi di lavoro che di fatto diventerebbe un “obbligo vaccinale” per i lavoratori, il ragionamento, lo Stato dovrebbe assumersi la responsabilità per eventuali conseguenze da vaccino ed elencare i “fragili” esenti dall’obbligo.
Perplessità, seppure con motivazioni opposte a quelle del Carroccio, sono state espresse anche da M5s. Il ministro Stefano Patuanelli avrebbe sottolineato che finora si è sempre ragionato per funzioni: forze dell’ordine, docenti, sanitari, lavori a contatto con le persone. Quale sarebbe stata quindi la ratio di distinguere tra lavoratori e disoccupati? “Non siamo contrari all’obbligo di super Green pass come dimostrano i precedenti decreti, ma con raziocinio. Forse a questo punto – avrebbe detto Patuanelli – conviene ragionare sull’obbligo vaccinale”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Anziana con deambulatore travolta e uccisa da auto a Modena
La donna, 83 anni, è deceduta all’ospedale di Baggiovara
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MODENA
29 dicembre 2021
16:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ha perso la vita a poche ore dall’incidente una donna di 83 anni investita da un’auto alle 9.30 a Modena, in via Cimone, mentre stava camminando sostenuta da un deambulatore.
La donna è stata travolta da un’auto condotta da un giovane.
L’esatta dinamica dell’accaduto è al vaglio della polizia locale. L’anziana è deceduta una volta portata dai sanitari del 118 all’ospedale di Baggiovara.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sequestra e tenta di violentare ex, arrestato lungo l’A1
Ventisettenne fermato ad Orvieto dopo rapimento a Roma
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ORVIETO (TERNI)
29 dicembre 2021
16:46
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con la scusa di volerle consegnare il regalo di Natale ha convinto la sua ex a salire a bordo della sua auto e l’ha sequestrata, poi ha tentato di violentarla lungo il viaggio, prima di venire bloccato dalla polizia stradale lungo l’A1, nei pressi di Orvieto.
L’uomo – un ventisettenne di origini venete – è stato arrestato per sequestro di persona, violenza sessuale e lesioni.
Il presunto rapimento era avvenuto nella mattinata di martedì a Roma e a segnalarlo alle forze dell’ordine è stato un amico della giovane.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Al Bano, sono positivo al Covid, niente Capodanno da Bari
“Vinceremo questa guerra. No vax state attenti”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
16:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Al Bano è risultato positivo al Covid e non potrà partecipare alla serata di Capodanno di Canale 5, che andrà in onda dal Petruzzelli di Bari, con la conduzione di Federica Panicucci.
E’ lo stesso artista di Cellino San Marco ad annunciarlo con un video postato su Instagram.

“Ebbene sì, il maledetto virus Covid mi ha colpito al punto tale che non posso fare quello che c’era in programma di fare: l’ultima notte dell’anno da Bari con Panicucci e tanti amici come Riccardo Fogli, The Kolors, il grande Facchinetti”, spiega il cantante, 78 anni, in golf blu e cappello, dalla sua tenuta.
“Sono qui, devo combattere questo braccio di ferro con questo maledetto che è invisibile ma colpisce, è il nemico più importante, più squallido che rappresenta un po’ il nemico della terza guerra mondiale. Finirà, perché tutto passa: gli ho già preparato il funerale, la bara l’ho comprata, si chiama coronavirus, ho messo la data di nascita, aspetto la benedetta data di morte”.
“Mettiamoci un po’ ironia, un po’ di forza, non piangiamoci addosso”, sottolinea all’insegna dell’ottimismo Al Bano che però avverte i no vax: “State attenti, colpisce tutti, anche i no vax. E’ questa la grande amara verità. Buon anno a tutti quanti, buon tutto sempre, alla fine vinceremo noi, sicuramente”, conclude.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sequestra e tenta di violentare ex, arrestato lungo l’A1
Ventisettenne fermato ad Orvieto dopo rapimento a Roma
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ORVIETO (TERNI)
29 dicembre 2021
17:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con la scusa di volerle consegnare il regalo di Natale ha convinto la sua ex a salire a bordo della sua auto e l’ha sequestrata, poi ha tentato di violentarla lungo il viaggio, prima di venire bloccato dalla polizia stradale lungo l’A1, nei pressi di Orvieto.
L’uomo – un ventisettenne di origini venete – è stato arrestato per sequestro di persona, violenza sessuale e lesioni.
Il sequestro della ragazza era avvenuto nella mattinata di martedì a Roma e a segnalarlo alle forze dell’ordine è stato un amico della giovane il quale ha riferito che l’auto si era diretta in autostrada verso nord.
Attivati i servizi di controllo sul tratto autostradale, la polstrada di Orvieto è riuscita a fermare il veicolo segnalato, con a bordo i due. Agli agenti non è sfuggito lo sguardo di evidente sollievo della giovane che appena scesa dal veicolo – riferisce la polizia – si è gettata tra le braccia dei poliziotti nella più totale disperazione.
Condotta negli uffici della stradale, la donna vittima ha sporto denuncia spiegando di avere avuto, in passato, una relazione con l’uomo, poi interrotta. Lui, è emerso dagli accertamenti, aveva cercato più volte di convincerla a tornare insieme. Fino alla mattinata di martedì, quando la giovane, mentre stava portando a passeggio il cane di un suo amico, è stata convinta dall’ex a salire a bordo della sua auto.
Dopo avere cercato di convincerla a ricominciare la loro storia, vista la fermezza della giovane sulla decisione già presa, il ventisettenne ha imboccato l’autostrada, non consentendole più di scendere dal veicolo.
Durante il viaggio, la ragazza è comunque riuscita ad inviare una chiamata all’amico che ha allertato le forze dell’ordine.
Intanto il giovane, oramai fuori di sé, si è fermato in una piazzola lungo l’autostrada tentando di approcciare la ragazza, che si è opposta riuscendo nell’intento di farlo desistere. A quel punto l’ex l’ha malmenata – sempre in base a quanto riferito dagli investigatori – e ha ripreso il viaggio, per poi essere fermato dalla polizia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Lombardia oltre 32 mila positivi
Tasso positività al 15,5%, totale decessi oltre 35mila
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
29 dicembre 2021
17:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ schizzato al 15,5% il tasso di positività in Lombardia: ieri era al 12,8%, il giorno prima all’11,4%.
A fronte di 209.685 tamponi effettuati, sono 32.696 i nuovi positivi, quasi 4000 in più di ieri, quando erano 28.795.

Sono 191 i ricoverati nelle terapie intensive (-2 su ieri), 1.831 negli altri reparti, in crescita di 133. E sono 28 i decessi per un totale di 35.008 da inizio pandemia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Calabria:Agostino Miozzo nominato consulente per la sanità
Decreto di Occhiuto, si occuperà anche dell’emergenza pandemica
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
29 dicembre 2021
17:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto ha nominato con proprio decreto Agostino Miozzo consulente della Giunta regionale in materia sanitaria e di Protezione Civile.

Medico e dirigente pubblico, Miozzo dal 5 febbraio 2020 al 15 marzo 2021 ha ricoperto il ruolo di componente del Comitato tecnico scientifico costituito per fronteggiare l’emergenza pandemica da Covid 19 svolgendo le funzioni di coordinatore.

Miozzo, in Calabria, su incarico del presidente Occhiuto e della Giunta regionale si occuperà dei temi riguardanti “il supporto strategico nella riorganizzazione del sistema regionale di emergenza urgenza, il supporto strategico nell’implementazione sul territorio regionale di protocolli innovativi di intervento sanitario a distanza (telemedicina) e del supporto strategico relativo alle attività di contrasto all’emergenza pandemica derivante dalla diffusione del covid-19, anche in ambiente scolastico oltre che del supporto strategico nelle attività di potenziamento del sistema regionale di protezione civile”. In precedenza ha svolto il ruolo di coordinatore dell’Ufficio promozione e integrazione del servizio nazionale della Protezione civile.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: Acquaroli, verificare che non riparta contagio
Non tifo per Dad, ma non vorrei tornarci con peggioramento
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
29 dicembre 2021
18:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La scuola, è dimostrato dalle statistiche, è stato un veicolo importantissimo del virus negli ultimi giorni prima delle vacanze natalizie: bisogna capire se alla riapertura c’è il rischio che, ritornando a scuola, riparta questo moltiplicatore del contagio”.
Così il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli.
“Non sono un tifoso della Dad – ha detto a margine della seduta del Consiglio regionale -, ma non vorrei che se non si prende alcun tipo di provvedimento si rischi di arrivare in Dad lo stesso e con una situazione compromessa anche in altri settori”. “Bisogna capire, ma lo deve dire il Comitato Tecnico Scientifico – ha aggiunto -, se alla riapertura sarebbe importante riuscire a piegare questa curva del contagio che sta crescendo esponenzialmente”. Acquaroli ha fatto notare che “i 1.707 positivi di oggi sono numeri che ci devono far riflettere”, per questo “andrei ad intervenire laddove il contagio circola di più, dove ci sono le occasioni maggiori di contagio e sicuramente tra i cluster che abbiamo visto, quello scolastico è importante”, insieme a quello “del trasporto pubblico locale”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: sfiorati i 100mila positivi, sono 98.020
1.029.429 tamponi, tasso sale al 9,5%. I morti sono 136
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
18:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sfiorati i 100mila positivi: sono 98.020 i casi di Covid individuati in Italia nelle ultime 24 ore.
Ieri i casi erano stati 78.313.
Le vittime, secondo i dati del ministero della Salute, sono 136 , mentre ieri erano state 202. Sono 1.029.429 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati, ieri erano stati 1.034.677. Il tasso di positività sale al 9,5%, rispetto al 7,57% di ieri. Sono 1.185 i pazienti in terapia intensiva in Italia, 40 in più in 24 ore nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 126. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 10.578, ovvero 489 in più.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: assessore Marche, altri 3 mln ventilazione meccanica
‘Per l’Oms Modello Marche tra misure più efficaci contro virus’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
29 dicembre 2021
20:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il Bilancio 2022 della Regione Marche destina altri 3 milioni di euro all’installazione degli impianti di ventilazione meccanica controllata nelle scuole, pur non rientrando l’intervento nelle strette competenze regionali, ma ritenendolo fondamentale per la sicurezza e salute dei nostri giovani”.
Lo annuncia l’assessore ai Lavori pubblici Francesco Baldelli; le Marche sono state le prime ad investire su dispositivi di ventilazione meccanica nelle aule.
“Salgono così a ben 9 milioni di euro, in un solo anno, le risorse finanziate dalla Regione Marche per il corretto ricambio dell’aria nelle aule didattiche in cui i nostri bambini e ragazzi passano gran parte delle loro giornate. Un’iniziativa – aggiunge – che le Marche hanno lanciato come prima Regione in Italia, ottenendo il plauso di importanti giornali ed esperti nazionali, come l’accademico Luca Ricolfi; il ‘modello Marche’ è stato indicato quale esempio di buona pratica anche dall’Oms. Nei giorni scorsi, il technical officer dell’Organizzazione mondiale della sanità, Luca Fontana, ha indicato la ventilazione meccanica controllata nelle aule scolastiche come efficace strumento di contrasto alla diffusione del contagio da Covid-19. E i primi risultati dell’attività di monitoraggio della diffusione del Covid nelle aule provviste di impianti ci rafforza nelle scelte fatte. Non banchi a rotelle – conclude – ma interventi strutturali. Proseguiamo dunque con determinazione verso la strada intrapresa per la salute dei nostri ragazzi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Difficile ritorno a scuola, Omicron minaccia la presenza
Ipotesi niente quarantena per i vaccinati con 2 positivi in classe
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
31 dicembre 2021
10:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La difficile partita contro Omicron riguarda anche il comparto scuola.
Il dilagare del contagio rende un rebus il ritorno tra i banchi dopo le festività.
Per molti il rientro nelle aule il 10 gennaio potrebbe diventare un miraggio. L’aumento esponenziale dei numeri ripropone il tema della didattica a distanza sulla quale il Governo si è sempre posto in una posizione di netta contrarietà. Per il ministro Bianchi è vietato tornare indietro: la scuola in presenza è la “chiave di volta” della squadra guidata da Mario Draghi.
Al momento, quindi, la situazione sembra “cristallizzata” all’evitare una fuga in avanti. Nei giorni scorsi il ministro non aveva escluso micro-chiusure in casi “straordinari” e con “focolai isolati”.
Intanto nuove norme sulle quarantene degli studenti sono allo studio da parte dei tecnici del Governo. Per le scuole primarie e secondarie al momento l’ipotesi è di prevedere, nel caso di due studenti risultati positivi in una classe, solo l’autosorveglianza per i ragazzi vaccinati e la quarantena per i non vaccinati. Al momento alle elementari e in prima media (dunque alle scuole primarie e al primo anno della secondaria di primo grado), cioè le scuole frequentate dagli under 12, la norma prevede che – con due studenti positivi – gli alunni della stessa classe restino tutti in quarantena per dieci giorni.
Le Regioni ieri sono tornate a chiedere la cancellazione della quarantena per i vaccinati anche in ambito scolastico. Una scelta fatta proprio per favorire il più possibile la didattica in presenza anche nei casi in cui si registrassero delle positività nelle classi. Tema di discussione è la possibilità di eliminare la quarantena per i ragazzi che hanno ricevuto due dosi di vaccino da meno di quattro mesi che vengano a contatto con una persona poi risultata positiva al Covid, se asintomatici. Stesso discorso per chi ha ricevuto la dose booster nella fascia di età compresa tra 16 e i 17 anni e gli adolescenti fragili tra i 12 e i 15 anni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dal territorio, però, arrivano segnali di insofferenza. “C’è preoccupazione sulla riapertura – taglia corto l’assessore all’Istruzione del Friuli Venezia Giulia, Alessia Rosolen -. Sono certa che in questi giorni verranno fatte delle riflessioni sia rispetto ai temi delle quarantene, vedremo se dal Ministero arriveranno indicazioni, sia rispetto ai tracciamenti legati alle scuole”.

Ed è proprio il potenziamento nell’attività di screening l’arma messa in campo, assieme ad una distribuzione massiva di mascherina Ffp2, con il decreto legge approvato il 23 dicembre. In questo ambito sono stati stanziati 9 milioni per il tracciamento e i laboratori militari, più altri 14,5 milioni per il personale della sanità militare e 5 milioni per l’acquisto di mascherine per il personale delle scuole dell’infanzia, a contatto con i bambini fino a 6 anni, esonerati dall’uso e con chi è a contatto con studenti più grandi che non la portano per particolari fragilità. La Difesa, inoltre, ha messo in campo 11 laboratori in 8 regioni per affiancare nello screening le Asl, sotto pressione con l’aumento dei positivi. Finora il personale militare ha effettuato circa 20 mila tamponi in 470 scuole.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Intanto il Ministero dell’Istruzione ha avviato la rilevazione del fabbisogno di Ffp2 da distribuire. I dirigenti scolastici dovranno indicare i quantitativi necessari entro il prossimo 4 gennaio in modo che la distribuzione possa essere organizzata in tempo per il rientro.

Infine novità potrebbero esserci anche per l’esame di maturità. Dopo lo stop forzato alla prova di italiano, quest’anno potrebbe essere ripristinata. “Abbiamo ancora qualche settimana prima che vengano ufficializzate le modalità di svolgimento dell’esame di maturità, ma sicuramente ripristinare la prova di italiano è una misura di buon senso e di attenzione nei confronti degli studenti: tutti avranno modo di essere valutati con maggiore completezza rispetto a quanto accaduto negli ultimi due anni”, afferma il sottosegretario all’Istruzione Sasso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: altri 3 comuni Sicilia ‘zona arancione’ fino al 12/1
Prorogata esecuzione tampone per chi arriva da13 Stati esteri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
30 dicembre 2021
09:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I Comuni di Caronia e Santa Lucia del Mela, nel Messinese, e di Ribera, nell’Agrigentino, saranno in “zona arancione” da domani, venerdì 31 dicembre, sino a mercoledì 12 gennaio, compreso.
Lo prevede l’ordinanza firmata ieri sera dal presidente della Regione Nello Musumeci, su proposta del dipartimento regionale Asoe.

Lo stesso provvedimento dispone la proroga della “zona arancione” sino a mercoledì 5 gennaio, compreso, per i Comuni di Barcellona Pozzo di Gotto e Gualtieri Sicaminò, nel Messinese. Le misure restrittive anti Covid sono attualmente in vigore anche in altri otto Comuni: fino al 5 gennaio a Gravina di Catania, Marianopoli (Caltanissetta), Terme Vigliatore e Scaletta Zanclea (Messina). Fino a domani, 31 dicembre, a Butera (Caltanissetta), Fiumedinisi, Milazzo e San Filippo del Mela (Messina).
L’ordinanza ha inoltre disposto la proroga dell’efficacia di alcune misure adottate in precedenza, tra le quali quelle che prevedono l’esecuzione di un tampone in porti e aeroporti dell’Isola per chi arriva dai seguenti Stati: Malta, Francia, Grecia, Paesi Bassi, Usa, Germania, Regno Unito, Sudafrica, Botswana, Hong Kong, Israele, Egitto e Turchia. Per tutte le informazioni in merito alle misure previste è possibile consultare le Faq diffuse dal ministero della Salute.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Botti: 8 quintali sequestrati dalla Polizia a Pescara
In azione Unità Cinofile e Nucleo Artificieri della Questura
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PESCARA
30 dicembre 2021
09:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vasta operazione della Polizia di Pescara che ha eseguito il sequestro preventivo di due depositi e di circa 8 quintali di materiale esplodente di illecita catalogazione e manifattura, insieme a circa 25mila articoli pirotecnici non di libera vendita, appartenenti ugualmente a categorie F3 ed F4.

Gli agenti della Squadra Amministrativa della Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale, coadiuvata dal personale delle Unità Cinofile e del Nucleo Artificieri della Questura, sono intervenuti presso in numerosi punti vendita di Pescara e provincia allo scopo di individuare e sequestrare materiale pericoloso.
I controlli sono stati estesi anche ai principali hub di stoccaggio e distribuzione dove, con l’ausilio dei cani anti esplosivo e degli artificieri muniti anche di scanner a raggi X, è stato possibile individuare pacchi confezionati in maniera anonima all’interno dei quali sono stati rinvenuti e sequestrati alcuni chilogrammi di fuochi di categoria F3 illegali. Rinvenute intere partite di fuochi illegali che avevano ricevuto una catalogazione non corrispondente all’effettivo contenuto come normativamente previsto e che catalogazione P1, ovvero articoli pirotecnici che presentano un rischio potenziale ridotto e che si sono rivelati appartenere invece alle categorie F3 ed F4 comprendenti una gamma di fuochi artificiali che presentano un rischio elevato e il cui uso è riservato a persone munite di licenza e con conoscenze specialistiche. Dopo i sequestri effettuati le indagini proseguono per attestare la filiera della produzione, trasporto e catalogazione dei materiali.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Impresario ucciso, spunta pista sulla vendita della casa
Autopsia, quattro colpi di pistola di cui tre mortali al petto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
30 dicembre 2021
10:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Spunta un altro possibile movente per l’omicidio di Antonio Pisu, l’impresario edile di 79 anni ucciso martedì mattina in via Agricola a Monserrato, nella Città Metropolitana di Cagliari.
Secondo quanto riportato da l’Unione Sarda e confermato dagli investigatori, Luigi Piras, l’uomo di 76 anni accusato di omicidio volontario per avere sparato a Pisu, voleva comprare la mansarda in cui abitava e che si trova nella stessa palazzina in cui viveva la vittima.
Per questo aveva versato all’impresario edile una cospicua caparra diversi anni fa, ma la vendita dell’immobile era saltata: la mansarda infatti sarebbe stata abusiva.
Da qui il contenzioso tra l’inquilino e l’impresario: il primo pretendeva la restituzione dei soldi, il secondo la liberazione della casa e il pagamento degli affitti non coperti dalla caparra. Una serie di discussioni e litigi, l’ultimo martedì mattina finito a colpi di pistola. Nelle prossime ore sarà fissato l’interrogatorio di convalida di Luigi Piras, che si trova rinchiuso nel carcere di Uta, e si cercherà di fare luce su questa nuova pista investigativa.
Intanto dall’autopsia eseguita ieri dal medico legale, Roberto Demontis emerge che Pisu è morto per i tre colpi di pistola al petto. Gli accertamenti sono durati diverse ore e hanno confermato quanto emerso già dal primo esame esterno: quattro i colpi andati a segno, tre mortali al petto e uno al collo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Capodanno al cinema, Keanu Reeves sfida Monica Bellucci
In sala anche Me contro Te, Pio e Amedeo e il raffinato Giannoli
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
10:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le settimane delle feste sono un’alternanza di sospensione e novità per l’esercizio cinematografico.
Da un lato si punta a capitalizzare i migliori incassi disponibili (vedi il ciclone “Spiderman”), dall’altro si cercano novità.
Passato Natale, quest’anno sono già in sala (ma per pochi giorni) il documentario SIC di Alice Filippi nel decennale della scomparsa di Marco Simoncelli, il campione dal volto dolce, giovanissimo asso delle due ruote scomparso a Sepang a soli 24 anni e TIEPIDE ACQUE DI PRIMAVERA di Xiaogang Gu, delicato racconto di famiglia, con quattro figli riuniti al capezzale della madre malata, rivelatosi a Cannes nel 2019: attraverso il lento scorrere delle stagioni e i mutamenti dei protagonisti rivive la Cina pre-pandemia, un mondo ancestrale e rurale che non esisterà più.
Aspettando il nuovo anno arrivano invece: – MATRIX: RESURRECTIONS di Lana Wachowski con Keanu Reeves, Carrie-Anne Moss, Neil Patrick Harris, Christina Ricci, Priyanka Chopra, Jonathan Groff, Jessica Henwick, Ellen Hollman, Yahya Abdul-Mateen II, Jada Pinkett Smith, Daniel Bernhardt, Brian J.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Smith, Max Riemelt, Lambert Wilson, Andrew Caldwell, Ian Pirie, Toby Onwumere. Non ha pace l’odissea di Thomas Anderson, sprofondato nella falsa realtà creata dal programma Matrix e perseguitato da incubi che non trovano risposta nelle sedute psicoanalitiche cui si sottopone. Del passato viaggio in un’altra dimensione (quella a cui si accede mediante la”pillola rossa” di Morpheus) non ricorda nulla e nemmeno l’incontro con Trinity gli desta emozione. Alcuni incontri fortuiti e l’amore per Trinity lo spingeranno però nei panni di Neo, il suo “doppio” nel cuore di Matrix. In nome dell’amore e della libertà, Neo è ora pronto a battersi contro l’algoritmo micidiale del progetto e la superstite sorella Wachowski (le loro strade si sono divise) accetta la sfida di far tornare Neo in vita.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
– ME CONTRO TE: IL FILM di Gianluca Leuzzi con Luigi Calagna, Sofia Scalia, Michele Savoia, Andrea Garofalo, Antonella Carone.
Arrivata alla terza puntata la saga fantasy tutta italiana di Luí e Sofí può essere definita un vero e proprio fenomeno: nonostante la fattura casereccia, recitazione e ambienti da soap-opera del lunchtime, il nuovo film promette di insidiare i favoriti alla corsa del boxoffice e comunque di sostenere il trend dei due episodi precedenti arrivati a ritmo regolare tra il 2020 e il 2021. Questa volta Luí è pronto al diploma da scienziato quando una banda di cattivoni capeggiata da Perfidia gli invade il laboratorio in cerca degli oggetti magici. Tra cui anche la clessidra che, nello scontro finisce in mille pezzi nonostante i tentativi di Sofí per metterla in salvo. A causa di un sortilegio buoni e cattivi finiscono nell’antico Egitto dove però le avventure sono destinate a moltiplicarsi. Per i più piccoli in famiglia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
– BELLI CIAO di Gennaro Nunziante con Pio D’Antini, Amedeo Grieco, Lorena Cacciatore, Rosa Diletta Rossi, Nicasio Catanese, Giorgio Colangeli. Menu e target non cambiano anche per il ritorno di Pio e Amedeo, alla ricerca dello svago natalizio per famiglie. Amici inseparabili fin dall’infanzia, cresciuti insieme in un paese del Sud, Pio e Amedeo hanno separato da anni le loro vite: il primo è emigrato al nord diventando quotato dirigente di banca; il secondo è rimasto al paesello, vende presidi medici e si batte, insieme al sindaco, per ottenere un finanziamento che trattenga al sud i giovani di talento. Peccato che la pratica sia proprio nelle mani di Pio, chiamato da Amedeo a sposare il sogno… – LA BEFANA VIEN DI NOTTE 2: LE ORIGINI di Paola Randi con Monica Bellucci, Zoe Massenti, Fabio De Luigi, Alessandro Haber, Herbert Ballerina, Corrado Guzzanti, Guia Jelo, Giulietta Rebeggiani, Francesco Russo, Mario Luciani, Francesco Paolantoni. Ambientato nel XVIII secolo, il film tiene fede alle promesse del titolo e spiega come l’innocente Paola, insidiata dalle mire del perfido Barone De Michelis, si salvi dalla condanna al rogo (accusata di essere una strega) solo grazie al miracoloso intervento della strega buona Dolores. In coppia le due attraverseranno mille avventure finché a Paola si schiuderà un destino millenario. Commedia gentile illuminata dal carisma di Monica Bellucci e dalla regia fantasiosa di Paola Randi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
– ILLUSIONI PERDUTE di Xavier Giannoli con Benjamin Voisin, Cécile de France, Vincent Lacoste, Xavier Dolan, Jeanne Balibar, Gérard Depardieu, Louis-Do de Lencquesaing, André Marcon. Arriva in sala grazie a I Wonder l’elegante adattamento del romanzo omonimo di Balzac. Nella Francia della Restaurazione, dove i nobili hanno ripreso potere dopo la parentesi napoleonica, segue le tormentate vicende di scalata sociale dell’ingenuo provinciale Lucien, figlio di un farmacista di Angouleme e desideroso di affermarsi a Parigi come scrittore. Nonostante il sostegno della sua amante, la baronessa Louise, il giovanotto viene schernito e disprezzato dai circoli altolocati e finisce per perdere anche la protettrice, impaurita da uno scandalo.
Lucien si farà strada allora come polemista sferzando i segreti poco eleganti del bel mondo che frequenta da”paria”, ma scoprirà che anche una penna moraleggiante può essere comprata e usata.
Saprà salvare la propria coscienza in una Francia dove sembra dettar legge solo il Dio denaro? Affresco storico ricco di grandi firme presentato all’ultima Mostra di Venezia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Crescono numeri somministrazioni vaccini in Umbria
Nell’ultimo giorno 859 prime dosi e quasi otto mila terze
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
30 dicembre 2021
10:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Crescono i numeri delle vaccinazioni per il Covid in Umbria.
Nell’ultimo giorno sono state infatti somministrate 859 prime dosi, uno dei dati più alti degli ultimi giorni secondo quanto riporta il portale della Regione.
Con una copertura pari all’82,19 per cento dei residenti.
Sono state invece 705 le seconde dosi fatte, l’81 per cento dei vaccinabili, mentre sfiorano le otto mila le terze, 7.993, inoculate al 31,74 per cento dei residenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Studios Cinecittà si ampliano, prima intesa con Cdp
Cassa cede 31 ettari per costruire nuovi teatri di posa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
11:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Intesa preliminare tra Cinecittà e Cassa Depositi e Prestiti per l’espansione degli storici Studios con nuovi teatri di posa.
Un’ area di 31 ettari di superficie, situata in prossimità degli attuali teatri di posa, sarà ceduta dal Gruppo Cdo a Cinecittà.
E’ questo l’obiettivo dell’intesa preliminare firmata da Nicola Maccanico, Amministratore Delegato di Cinecittà, con il Gruppo CDP. L’accordo prevede che al momento del closing la proprietà dello spazio venga trasferita da CDP Immobiliare (società interamente controllata da CDP) a Cinecittà. La finalizzazione del contratto è prevista entro il prossimo ottobre.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Intesa preliminare tra Cinecittà e Cassa Depositi e Prestiti per l’espansione degli storici Studios con nuovi teatri di posa.
Un’area di 31 ettari di superficie, situata in prossimità degli attuali teatri di posa, sarà ceduta dal Gruppo Cdo a Cinecittà.
E’ questo l’obiettivo dell’intesa preliminare firmata da Nicola Maccanico, Amministratore Delegato di Cinecittà, con il Gruppo CDP. L’accordo prevede che al momento del closing la proprietà dello spazio venga trasferita da CDP Immobiliare (società interamente controllata da CDP) a Cinecittà. La finalizzazione del contratto è prevista entro il prossimo ottobre.
Il piano di riqualificazione di Cinecittà prevede la realizzazione di nuovi grandi teatri di posa e di un ampio complesso articolato in numerosi spazi e servizi, tra cui oltre 15 ettari di backlot, ossia una vasta area all’aperto per effettuare le riprese in esterno che permette – viene spiegato in un comunicato – “di colmare un gap con i competitor continentali e dotare gli Studios di una capacità ambientale unica, considerando anche il fattore climatico favorevole del nostro Paese”.
Le opere di ampliamento e innovazione che verranno realizzate una volta finalizzato l’accordo con CDP, vanno ad aggiungersi agli interventi già pianificati dal Piano Industriale Cinecittà 2022-2026 che prevedono la realizzazione di nuovi teatri, set per la Virtual Reality e la Virtual Production e il più grande Ledwall d’Europa, grazie ai quali verrà incrementata in modo significativo la produttività dei set cinematografici. Fattore fondamentale per rilanciare gli Studios e renderli più accoglienti per le grandi produzioni – dai film delle major alle serie tv dei top player – è infatti la disponibilità di teatri di posa più ampi e dotati di strumenti tecnologici avanzati.
In quest’ottica, l’operazione supplementare di acquisizione dei terreni di CDP si pone come fattore funzionale e strategico per portare il brand Cinecittà, uno dei più noti marchi italiani nel mondo, a una capacità attrattiva globale mettendo al centro della strategia industriale dei prossimi anni la sostenibilità ambientale e l’inclusività, la formazione di nuove professionalità e il rafforzamento delle ricadute economiche e di immagine per tutto il settore dell’industria cinematografica. Per CDP l’operazione si inserisce nell’attività di valorizzazione di ex immobili pubblici in base a principi di trasparenza e massimizzazione del valore, come previsto nell’ultimo Piano Strategico di Gruppo.
Il preaccordo tra CDP e Cinecittà annunciato oggi arriva ad appena sei mesi dall’approvazione del Recovery Plan italiano, presentato proprio negli Studi di Cinecittà dal Presidente del Consiglio Mario Draghi alla Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen, e dall’avviamento del Piano Industriale Cinecittà 2022-2026.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Morta Pupetta Maresca, la prima camorrista
Uccise mandante omicidio marito. Su di lei anche fiction
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
30 dicembre 2021
14:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pupetta Maresca, la prima ‘camorrista’, è morta a 86 anni nella sua casa di Castellammare di Stabia.
Nel 1955, quando aveva 20 anni, uccise il mandante dell’omicidio del marito, Pascalone ‘e Nola.
Su di lei – della vicenda riferiscono Il Mattino e Metropolis – fu anche girata una fiction. Era comparsa in un processo l’ultima volta quando tra le prove fu portata una lettera a un imprenditore nella quale chiedeva un posto per il figlio e spiegava di essere stata rovinata dai pentiti.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: Atr, quasi 70% prenotazioni hotel cancellate a Milano
‘Gennaio sarà mese licenziamenti’ per associazione albergatori
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
30 dicembre 2021
11:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le cancellazioni delle prenotazioni negli alberghi nella settimana del Capodanno a Milano hanno toccato una media vicina al 70%: si salvano solo gli hotel con ristorante che possono offrire cenone e pernottamento.
Lo rende noto ATR Milano, l’associazione degli albergatori milanesi in seno a Confesercenti, che punta il dito contro il decreto festività.

“Capiamo la necessità delle ulteriori restrizioni per l’avanzata della variante Omicron – spiega il presidente di ATR, Rocco Salamone – ma punire indistintamente vaccinati e non con la chiusura delle piazze e delle discoteche ci ha portato anche una prevedibile ondata di cancellazioni delle prenotazioni per il Capodanno: è abbastanza logico che togliendo alle persone la possibilità di festeggiare, queste poi preferiscano organizzarsi diversamente”.
“A questo si aggiungono altre problematiche come il rinnovo della CIG, la cassa integrazione in deroga che è arrivata alla scadenza del 31 dicembre con tante promesse ma nessun atto pratico. Se dicembre è stato il mese delle cancellazioni, di questo passo – prevede Salamone – gennaio sarà il mese dei licenziamenti”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Carceri: aumentano contagi, a Spezia sezione ad hoc
UilPa, nessun obbligo Green Pass né Ffp2 in luoghi sovraffollati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
30 dicembre 2021
11:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A causa dell’aumento costante di detenuti positivi nel carcere della Spezia è stato istituito un ‘piano detentivo Covid19′.
Lo rende noto Fabio Pagano, segretario della Uilpa Polizia penitenziaria.

Pagani sottolinea che “a fronte del dilagare dei contagi da Covid-19 nel Paese, come sempre accade, e della consequenziale crescita sostenuta dei casi di positività nelle carceri, luogo chiuso e sovraffollato e nel quale gli assembramenti sono istituzionalizzati, non è previsto Green Pass per utenza e visitatori, niente mascherine Ffp2 obbligatorie, insomma, niente di niente. E’ inaccettabile: la Polizia penitenziaria, per la quale neppure la legge di bilancio che sta per essere definitivamente varata dalla Camera prevede alcunché di significativo e specifico, non può essere considerata carne da macello. Qualcuno ci dovrebbe spiegare – chiede Pagani – perché si impongono le mascherine Ffp2 obbligatorie un po’ ovunque nei luoghi chiusi, ma non nelle carceri dove non è previsto alcun obbligo neanche del green pass ‘semplice'” nonostante cresca il sovraffollamento “raggiungendo punte del 194% a Brescia Canton Mombello, del 187% a Brindisi e del 165% a Busto Arsizio, solo per fornire alcuni dati. A far le spese di tutto questo – conclude Pagani – sono gli appartenenti del corpo di Polizia penitenziaria e gli altri operatori che, se vorranno proteggersi dal contagio , secondo il Governo, dovranno acquistare in proprio le mascherine Ffp2 vanificando gli effetti dei rinnovi contrattuali appena ottenuti e togliendo altro all’esiguo stipendio”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Omicron: Aou Cagliari, altri 5 casi nel Sud Sardegna
Ats chiede di valutare stop a lezioni in presenza sino al 31/1
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
30 dicembre 2021
11:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mentre l’Aou di Cagliari scova altri cinque casi di variante Omicron facendo salire a quota 65 il numero dei casi accertati (47 trovati dall’Aou di Sassari sono praticamente certi, ma manca ancora il sequenziamento) cresce la preoccupazione per l’aumento dei casi nel sud dell’Isola.
Solo nelle ultime 24 ore tra la Città metropolitana di Cagliari e il Sud Sardegna i nuovi positivi al Covid sono stati 466 su 771 complessivi registrati in tutta l’Isola.

E la curva in rialzo in queste settimane ha portato il direttore della Struttura Complessa Igiene e Sanità Pubblica Sud Sardegna della Ats Sardegna di valutare l’opportunità di sospendere le attività didattiche in presenza, nelle scuole di ogni ordine e grado, su tutto il territorio di competenza, per l’intero mese di gennaio . Questo perché l’aumento dei casi di Covid-19, in particolare nella variante omicron, è stato riscontrato in ambito scolastico, tanto che diversi Comuni della provincia di Cagliari hanno anticipato le festività natalizie.
Il prefetto di Cagliari Gianfranco Tomao ha raccolto l’appello del dirigente Ats e lo ha inviato alle autorità competenti comprese Regione e ministero dell’istruzione, tramite una lettera. Il documento è però circolato ieri, a tarda sera, sulle diverse chat delle scuole allarmando i genitori che sperano di potere evitare la Dad per l’intero mese prospettato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel 2021 uccisi 22 missionari, in 20 anni 536
Il numero più elevato in Africa. In elenco anche italiana Munari
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
30 dicembre 2021
11:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
30 dicembre 2021
11:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel 2021 sono stati uccisi nel mondo 22 missionari: 13 sacerdoti, 1 religioso, 2 religiose, 6 laici.
Riguardo alla ripartizione continentale – secondo i dati raccolti dall’Agenzia Fides – il numero più elevato si registra in Africa, dove sono stati uccisi 11 missionari (7 sacerdoti, 2 religiose, 2 laici); segue l’America, con 7 missionari uccisi (4 sacerdoti, 1 religioso, 2 laici) quindi l’Asia, dove sono stati uccisi 3 missionari (1 sacerdote, 2 laici), e l’Europa, dove è stato ucciso 1 sacerdote.
Dal 2000 al 2020, sempre secondo i dati di Fides, sono stati uccisi nel mondo 536 missionari.
Tra i missionari uccisi nel 2021 c’è Nadia de Munari, missionaria laica italiana, 50 anni, che apparteneva al gruppo di volontari dell’Operazione Mato Grosso operanti in Perù; è morta il 24 aprile 2021 dopo essere stata aggredita con un machete mentre dormiva. E’ di origine italiana, ma nato in Venezuela da genitori emigrati da Montefusco, in provincia di Avellino, anche fratel Luigi Manganiello, 49 anni, religioso dei Fratelli delle Scuole Cristiane; è stato colpito al corpo e alla testa con un oggetto contundente dai ladri che aveva scoperto mentre stavano rubando nei locali della scuola in cui insegnava, nel centro di Barquisimeto (Venezuela).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Droga: “corriere” arrestato da GdF, in auto 6 kg di cocaina
Bloccato agli imbarcaderi di Villa S.Giovanni, andava in Sicilia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VILLA SAN GIOVANNI
30 dicembre 2021
11:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un uomo di 33 anni, del quale non sono state rese note le generalità, è stato arrestato dalla Guardia di finanza a Villa San Giovanni con l’accusa di traffico di sostanze stupefacenti dopo che si è scoperto che nascondeva nella sua automobile cinque panetti di cocaina per un peso complessivo di sei chilogrammi.

L’arrestato, nel momento in cui è stato sottoposto a controllo dai finanzieri, era fermo agli imbarcaderi dei traghetti in attesa di trasferirsi a Messina, da dove avrebbe dovuto raggiungere una località della Sicilia che gli investigatori, adesso, stanno tentando di individuare.

I finanzieri si sono insospettiti nel momento in cui Il 33enne, residente a Vibo Valentia, manifestando chiari segni di nervosismo, ha fornito risposte contraddittorie sui motivi per i quali doveva recarsi in Sicilia. I panetti di cocaina, trovati dai finanzieri grazie all’ausilio della unità cinofile, erano stati nascosti in un doppiofondo ricavato nel vano dell’autoradio della vettura.
La Procura della Repubblica di Reggio Calabria, a cui la Guardia di finanza ha inviato un’informativa in relazione all’arresto del 33enne, ha disposto indagini per ricostruire gli ultimi contatti del “corriere” della droga ed accertare se i panetti di cocaina che l’uomo avrebbe dovuto trasferire in Sicilia siano riconducibili a qualche famiglia di ‘ndrangheta. Sono stati avviati, inoltre, accertamenti finalizzati a individuare i destinatari della sostanza stupefacente.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Consiglio comunale vota, ‘è donna ma va chiamata sindaco’
Nel Piacentino respinta mozione, ‘sindaca sembra offensivo’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
30 dicembre 2021
11:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La sindaca di Rottofreno (Piacenza) Paola Galvani dovrà essere chiamata “sindaco”.
Lo ha stabilito, dopo un lungo dibattito e una votazione, il consiglio comunale del paese della pianura Piacentina, al confine con il Pavese, su volontà della stessa prima cittadina.
Non è certo il primo dibattito che riguarda la declinazione femminile dei nomi comuni, ma è probabilmente la prima volta che si esprime un’assemblea istituzionale.
La storia, raccontata dal quotidiano Libertà, è nata da una mozione presentata dalla minoranza di centrosinistra, per la parità di trattamento linguistico e quindi per l’uso del termine ‘sindaca’. Il capogruppo Paolo Bersani ha illustrato i motivi (non ultimi i pregiudizi che stanno alla base della violenza di genere) per cui “è compito delle istituzioni promuovere un cambiamento culturale e adottare un linguaggio non discriminante”.
Ne è seguito un lungo e partecipato dibattito al quale ha partecipato la stessa Galvani. “Il termine sindaca – ha detto – mi sembra quasi dispregiativo, la cultura non si fa con le declinazioni. Per la prima volta i cittadini di Rottofreno hanno dimostrato grande apertura votando una donna e io sarò valutata per il mio operato e non per come sarò chiamata”.
La mozione per declinare al femminile le cariche su gli atti e sui documenti ufficiali è stata così respinta.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Toscana 15.830 casi Covid, oltre raddoppio in un giorno
Tasso di positività al 22,69% su quasi 70.000 test
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
30 dicembre 2021
11:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I nuovi casi di Covid registrati in Toscana nelle ultime 24 ore sono 15.830 su 69.759 test di cui 25.126 tamponi molecolari e 44.633 test rapidi.
Il tasso di positività è 22,69% (69,6% sulle prime diagnosi).
7.351 nuovi positivi provengono dai test rapidi antigenici. Lo rende noto il governatore Eugenio Giani. Rispetto a ieri, che già si era toccato un nuovo record, i contagi sono più che raddoppiati: erano 7.304, già un numero più che triplicato rispetto a una settimana fa. Oggi effettuati comunque quasi diecimila tamponi in più: 56.064 i precedenti, con un tasso di positivi del 13,03% (50,4% sulle prime diagnosi).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Legalità: nuovi fondi per ricordare trentennale stragi ’92
Approvato Odg a legge bilancio proposta da deputata Alaimo (M5s)
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
30 dicembre 2021
12:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovi fondi per ricordare e celebrare i giudici Falcone e Borsellino a 30 anni dalle stragi di Capaci e via D’Amelio.
Lo stabilisce l’Ordine del Giorno alla legge di bilancio approvato alla Camera dei deputati che impegna il Governo “ad assumere ogni iniziativa utile per commemorare il sacrificio dei magistrati Falcone e Borsellino e così ricordare l’impegno e lo sforzo quotidianamente profuso dallo Stato, nonché diffondere il senso civico della lotta alla criminalità organizzata verso i più giovani coinvolgendoli in prima persona, in particolare nei territori protagonisti di tali tragici eventi”.

L’Odg è stato proposto dalla deputata M5S Roberta Alaimo e sottoscritto da molti parlamentari, tra cui i siciliani Valentina D’Orso, Andrea Giarrizzo, Carmelo Miceli, Aldo Penna, Adriano Varrica, Davide Aiello, Vittoria Casa e Giuseppe Chiazzese. “Si tratta di un progetto che stiamo portando avanti, tramite ‘Giovani, rilancio e sviluppo’ – dicono Alaimo e Giarrizzo – insieme alla consigliera di Palermo Daniela Tumbarello, membro del comitato tecnico dell’Agenzia Nazionale Giovani, e soprattutto con la Ministra per le Politiche Giovanili Fabiana Dadone, che ringraziamo per la sensibilità e la disponibilità”.
“I giovani – dichiara la consigliera palermitana Daniela Tumbarello – hanno contribuito in questi trent’anni a portare avanti un cambio culturale decisivo per contrastare le mafie.
Bisogna proseguire su questa strada, perché la memoria venga celebrata anche dalle nuove generazioni che non hanno vissuto le drammatiche stragi di Palermo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Lazio, oggi obiettivo 2 milioni dosi booster
D’Amato, sold out vaccinazioni in notturna di stanotte
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
30 dicembre 2021
12:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Nella giornata di oggi raggiungiamo la quota dei 2 milioni di dosi booster, obiettivo raggiunto con un anticipo di 24 ore”.Così l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

“Sta avendo un grande successo anche l’avvio delle vaccinazioni in notturna, sono oltre 6 mila le prenotazioni effettuate – aggiunge -.
Per quelle previste questa notte, nei cinque hub in notturna, è praticamente un sold out, rimangono alcune disponibilità al Palasport di Tivoli, mentre per la giornata di domani sono ancora disponibili alcuni posti. Per tanto invito a prenotarsi per utilizzare al meglio questa possibilità. Desidero ringraziare il personale sanitario che con grande professionalità e spirito di abnegazione lavorerà anche a Capodanno. Per questo sarò presente con loro negli hub vaccinali l’ultimo dell’anno e il primo sarò presente alle vaccinazioni di Cisterna di Latina”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Saluta pg De Francisci, ha riaperto le indagini sul 2 agosto
‘Al primo posto i reati contro le donne e la mafia’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
30 dicembre 2021
12:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Va in pensione Ignazio De Francisci, procuratore generale di Bologna.
In magistratura dal 1977, ha fatto parte dello storico pool antimafia con Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e poi della Dda di Palermo.
A Bologna da cinque anni e mezzo, ha firmato l’avocazione delle indagini sulla Strage del 2 agosto 1980 che hanno portato alla nuova inchiesta sui mandanti dell’attentato e al processo attualmente in corso a Paolo Bellini, accusato di essere un altro esecutore materiale.
“E’ stato un atto opportuno, non facile e finora non si è dimostrata una scelta sballata, abbiamo avuto un minimo di soddisfazione: non siamo andati alla ricerca di fantasmi e di teoremi”, ha detto De Francisci, salutando i giornalisti. Tra le soddisfazioni del suo mandato, “c’è quella, attribuibile a tutto il mio ufficio, di aver fatto comprimere i tempi in appello per i reati sessuali. Abbiamo chiesto alla Corte di accelerare i tempi. Per me bisogna fare delle scelte e i reati che riguardano la violenza sulle donne devono essere al primo posto, insieme a quelli di mafia”.
De Francisci lascia un ufficio dimezzato: oltre a lui va in pensione anche l’avvocato generale, Alberto Candi e i sostituti da 11 in organico resteranno 5, guidati dalla procuratrice generale reggente Lucia Musti. “Mi auguro – ha detto De Francisci – che chi ha la competenza per provvedere provveda.
Non può rimanere scoperta una sede come Bologna, che ha la competenza su tutta l’Emilia-Romagna, insieme alla Lombardia cuore pulsante d’Italia”. Con così poco organico “si rischia, nei prossimi mesi, che non ci siano abbastanza sostituti pg da mandare alle udienze”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Umbria otto ricoverati Covid in più, intensive stabili
Rallenta incremento positivi, stabile tasso positività test
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
30 dicembre 2021
12:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Salgono a 130 i ricoverati Covid in Umbria, otto in più rispetto a mercoledì mentre restano otto i posti occupati nelle terapie intensive e non si registrano altri morti.
E’ il quadro che emerge dai dati sul sito della Regione.

Nell’ultimo giorno sono emersi 3.328 nuovi positivi, più 5 per cento nelle 24 ore e quindi nuovo record assoluto, scaturiti dall’analisi di 6.280 tamponi e 17.637 test antigenici, con un tasso di positività sul totale pari al 13,9 per cento (era 13,67 il giorno precedente).
I guariti sono 287 e gli attualmente positivi salgono a 17.052, più 3.041.
Crescono del 22 per cento le persone in isolamento contumaciale, ora 16.922.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Occhiuto, ieri Calabria prima regione in Italia
Rispetto ai target Figluolo, somministrate 24 mila dosi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
30 dicembre 2021
12:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ieri la Calabria è stata la regione che, rispetto ai target di Figliuolo, ha vaccinato di più in Italia”.
Lo scrive su Twitter Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria.

“Nelle ultime 24 ore – aggiunge Occhiuto – sono state somministrate quasi 24 mila dosi. Il 50% in più rispetto alle 15.645 inoculazioni fissate come obiettivo dalla struttura commissariale nazionale”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: nessun decesso ma 661 nuovi casi in Alto Adige
17 pazienti in terapia intensiva
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
30 dicembre 2021
12:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’Alto Adige non registra nessun decesso di un paziente covid ma 661 nuovi casi.
Sono risultati positivi 175 di 1.757 tamponi pcr e 486 di 11.634 test antigenici.

I pazienti nei normali reparti ospedalieri sono 81, mentre quelli in terapia intensiva 17. Nelle cliniche private si trovano 55 pazienti covid. I guariti sono 516 e gli altoatesini in quarantena 7.328.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Più sicurezza e stop mala movida, a Cagliari il Daspo urbano
Nuovo regolamento, individuate 24 zone a rischio in città
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
30 dicembre 2021
12:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuole, università, musei, aree e parchi archeologici, complessi monumentali o altri istituti e luoghi di cultura comunque interessati da consistenti flussi turistici.
Il nuovo regolamento di polizia e di sicurezza urbana per ventiquattro aree di Cagliari prevede il Daspo come per gli stadi: sanzione in caso di violazione delle norme, allontanamento e divieto di tornare sul “luogo del delitto”.
È una delle misure previste dal nuovo documento approvato in Giunta e presto al vaglio di commissioni comunali e assemblea civica.
“Un provvedimento urgente e necessario – ha detto in conferenza stampa il sindaco Paolo Truzzu – visto che l’ultimo regolamento risale al 1931”. Tra gli articoli anche quello relativo al divieto di bivacco e accattonaggio. Con un appello del sindaco ai cittadini: “Capisco il buon cuore, ma non fate più l’elemosina. Tutte le situazioni di disagio sono monitorate dal Comune. Chi sta in strada rifiuta un tetto o il nostro aiuto. L’elemosina paradossalmente – ha chiarito Truzzu – non aiuta chi vive queste situazioni ad uscire dallo stato di disagio in cui si trova”.
I controlli saranno più stringenti grazie all’arrivo di altri sessanta agenti della polizia municipale. Tra i divieti quello di consumare bevande lontano dai luoghi di somministrazione dati in concessione ai locali: una mossa contro la mala movida di solito combattuta a suon di ordinanze. Regolamento duro anche con i parcheggiatori abusivi che sollecitano il pagamento di un dazio per i posteggi. Sotto tutela, poi, il litorale del Poetto con il no alla plastica mono uso e alle sigarette.
“Si tratta di divieti che tutelano la fruibilità della città da parte dei cagliaritani”, ha sottolineato il sindaco.
Soddisfatto il comandante della polizia locale Guido Calzia: “E’ un regolamento che ci consentirá di lavorare meglio, snello, per i piccoli e grandi problemi di Cagliari. Non si poteva rimanere fermi a 90 anni fa”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Puglia 6 morti e 4.200 nuovi casi, 4,5% dei test
Nuovo record assoluto contagi, in netto aumento ricoveri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
30 dicembre 2021
12:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Su 93.009 test eseguiti in Puglia sono 4.200 le persone risultate positive al Covid nelle ultime 24 ore, nuovo record assoluto di contagi in un giorno, con un tasso di positività del 4,5%, in aumento rispetto al 3,9% di ieri.
Si registrano, inoltre, sei decessi.
Sono 19.740 le persone attualmente positive, 241 quelle ricoverate in area non critica (38 in più di ieri), 30 in terapia intensiva (6 in più di ieri). Questa la suddivisione dei nuovi contagi per provincia: nel Barese 1.251, nella Bat 534, nel Brindisino 514, nel Foggiano 469, in provincia di Lecce 1.003, nel Tarantino 311, 103 sono residenti fuori regione e altri 15 di provincia in definizione. Complessivamente, dall’inizio della pandemia, sono 303.350 i pugliesi contagiati dal Covid e 6.968 i decessi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Morto in carcere, la famiglia ‘non deve più succedere’
Legali si oppongono ad archiviazione, si deve andare avanti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
30 dicembre 2021
13:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Antonio ha scritto molte lettere in cui chiedeva aiuto.
Negli ultimi colloqui mi diceva ‘portami a casa, non ce la faccio più, qui non mi aiutano, mi fanno morire qui dentro’.
Vogliamo che venga fuori la verità, perché cose del genere non capitino più a nessuno”. A parlare è Mario Raddi, il padre del giovane che il 30 dicembre di 2 anni fa morì in seguito a un’infezione dopo aver perso 25 chili mentre era in carcere a Torino.
Con accanto la moglie, la figlia, l’avvocato Gianluca Vitale e la Garante dei detenuti della Città, Monica Gallo, il padre di Antonio Raddi è tornato a raccontare la storia del figlio e a chiedere giustizia dopo che la procura ha chiesto l’archiviazione del caso della morte del ragazzo. “Testimoni ce ne sono tanti e l’omertà in questi casi dovrebbe essere messa da parte – dice -, le persone dovrebbero dire come sono andate le cose e quello che hanno visto invece che raccontare falsità, perché non è vero che abbia rifiutato le cure o che non mangiasse per poter uscire dal carcere”. Per mesi anche la Garante aveva segnalato la vicenda “e oggi mi chiedo ancora – sottolinea – quali delle autorità a cui io ho inviato mail per mesi e mesi siano andati davvero a vedere quel ragazzo negli occhi, a vedere come stava”.
Per l’avvocato Vitale “il giorno che Antonio è morto è stato certificato il fallimento dell’istituzione carceraria. Crediamo che la giustizia non debba ammettere anche il proprio fallimento, non possiamo accettare che si dica queste cose possono accadere. Per questo – aggiunge – la famiglia vuole andare avanti e ha proposto opposizione all’archiviazione”.
Ora verrà dunque fissata un’udienza davanti al Gip che dovrà decidere se disporre nuove indagini o accogliere richiesta della procura e archiviare. “Noi crediamo si debba andare avanti – conclude l’avvocato -, che debba esserci un processo pubblico e capire cosa è successo davvero e se ci sono state delle mancanze, perché non succeda mai più”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Polizia sequestra a Taranto 2,5 quintali di ‘botti’ illegali
Denunciato il 32enne che li vendeva nel centro della città
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
30 dicembre 2021
13:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Due quintali e mezzo di ‘botti’ illegali sono stati sequestrati dalla Polizia a Taranto.
In pieno centro, sul lungomare Vittorio Emanuele, un 32enne aveva avviato la vendita di fuochi d’artificio il cui commercio è consentito solo ai negozi autorizzati.
A scoprirlo sono stati gli agenti della sezione Falchi della squadra mobile che in un locale attiguo all’abitazione del 32enne hanno recuperato e sequestrato l’ingente quantitativo di artifici pirotecnici che verranno distrutti dal personale specializzato del Nucleo Artificieri. Il 32enne è stato denunciato per commercio illegale di materiale esplodente di genere vietato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Aggredisce 52enne con cocci bottiglia in centro a Milano, preso
Vicino a piazza Duomo. Motivi da accertare
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
30 dicembre 2021
13:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ha aggredito un 52enne per motivi ancora da accertare, a colpi di cocci di bottiglia nelle vicinanze della Galleria De Cristoforis, a poca distanza dal Duomo di Milano.
Poi si è dato alla fuga, per essere infine bloccato dalla Polizia di Stato allertata dai passanti che avevano assistito alla scena, ieri intorno alle 22.

E’ stato arrestato per lesioni personali aggravate e per resistenza a pubblico ufficiale un 44enne italiano con precedenti per episodi simili. La vittima, che aveva vistose ferite da taglio sul corpo, è stata trasportata all’ospedale Policlinico ma non sarebbe in gravi condizioni. L’uomo verrà processato per direttissima a Milano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: prosegue boom contagi nelle Marche, +1.814 in 24 ore
327 soggetti con sintomi, approfondimento epidemiologico per 614
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
30 dicembre 2021
13:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Prosegue e aumenta l’ondata dei contagi nelle Marche che ne registrano 1.814 in una giornata, dopo il picco di ieri di oltre 1.700 nuovi casi, facendo salire l’indice dell’incidenza a 486,61 (ieri 423,80) su 100mila abitanti, secondo i dati dell’Osservatorio Epidemiologico regionale.
Record anche per i tamponi analizzati: 15.916 in totale.
I nuovi casi rappresentano una positività del 16,2% su 11.169 tamponi del percorso diagnostico screening. Ci sono poi 6.879 test del percorso antigenico screening (con 1.432 positivi da sottoporre a tampone molecolare). Sono 614 i casi in fase di approfondimento epidemiologico, 327 i soggetti sintomatici. La provincia di Ancona resta quella con il maggior numero di casi, 463, seguita da Macerata con 317, Fermo con 307, Ascoli Piceno con 280, Pesaro Urbino con 275, e 172 casi fuori regione.
Contagi più diffusi nella fascia di età 25-44 anni con 628 casi, seguita da quella 45-59 con 369, ci sono poi 211 casi tra 19-24enni, 149 casi tra 60-69enni. Sono 330 i casi nelle varie fasce di età da zero a 18 anni, di cui 130 in quella 6-10 anni.
Dei 1.814 nuovi casi, 614 sono contatti domestici, 404 contatti stretti di casi positivi, 24 contatti in ambiente di vitta/socialità, 12 in setting lavorativo, 1 rispettivamente per contatti in setting assistenziale e screening sanitario e 11 casi extra regione. Sempre secondo i dati dell’Osservatorio Epidemiologico Regionale il 74 dei pazienti in terapia intensiva non è vaccinato, il 26% ha ricevuto 2o 3 dosi di vaccino.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scala: annullata la tournée di gennaio della Filarmonica
Per l’emergenza sanitaria
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
30 dicembre 2021
13:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A causa della situazione dei contagi da Coronavirus a livello europeo, la Filarmonica della Scala ha annullato la tournée europea con Riccardo Chailly prevista per fine gennaio.

Il tour prevedeva tappe il 25 gennaio ad Alicante, il 26 a Madrid, il 27 a Barcelona, con conclusione il 28 e 29 alla Philharmonie di Parigi.

Negli stessi giorni i musicisti dell’orchestra scaligera saranno comunque impegnati nella Bayadère, il balletto di cui sono state cancellate le dati causa contagi fra i danzatori da oggi al 13 gennaio e riprogrammate proprio dal 25 al 29.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cinema in profondo rosso nel 2021, 170 milioni di incasso
Spiderman top e segnali resilienza ma con Covid -71% 2017-2019
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
31 dicembre 2021
09:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da una parte il dato boom di Spider-Man: No Way Home, che fa le file fuori e oltre 19 milioni di incasso in appena 15 giorni, dall’altra le sale chiuse o riaperte per pochi nonostante ogni precauzione per la sicurezza: il cinema è vivo ma per ora almeno in sala è piuttosto svenuto.

I dati degli incassi natalizi sono ancora parziali, in genere il bilancio è dopo il 6 gennaio, ma non ci vuole Nostradamus per ipotizzarli a picco nel periodo dell’anno in cui storicamente anche i più recalcitranti si concedono l’intrattenimento di svago in poltrone comode al buio come regalo sotto l’albero.

Il Covid e le paure che si porta dietro, più o meno consapevoli, più o meno giustificate (gli esercenti sottolineano lo stato di messa in sicurezza delle strutture), fanno chiudere il 2021 in profondo rosso e quello che doveva essere l’anno della ripartenza è diventato il bis dell’annus horribilis del 2020 anzi persino peggio. Il Cinetel, che monitora il 94% delle sale italiane, ha diffuso oggi i dati dell’anno e c’è poco da stare allegri pur sforzandoci di leggerli senza enfasi. Avverte il presidente della società di Anica e Anec, Davide Novelli: “La misurazione dei risultati di un settore durante una fase così complicata, specialmente in un comparto come quello cinematografico tra i più colpiti dallo scenario pandemico, richiede molta attenzione nell’interpretazione dei dati: sono numeri che segnalano la gravità e lo stress economico e sociale subito dalle sale e dalle distribuzioni cinematografiche, ma che al tempo stesso sottolineano la vitalità e la capacità di reagire dell’intera filiera”.
Al cinema si entra con il Super Green Pass e si guarda il film con la mascherina Ffp2 (per ora capienza al 100%) ma è indubbio che il mercato è fortemente condizionato dall’emergenza sanitaria e non da questi giorni: le sale sono state chiuse per 4 mesi da inizio gennaio a fine aprile, poi la voglia di uscire e l’estate hanno fatto slittare il vero rientro autunnale freddato dal nuovo aggravarsi del Covid. Morale: in Italia nel 2021 i cinema hanno registrato un incasso complessivo di circa 170 milioni di euro per un numero di presenze pari a 25 milioni di biglietti venduti. E’ un risultato leggermente inferiore a quello del 2020 (-7% incassi e -11% presenze) che aveva tuttavia beneficiato di uno dei migliori avvii di sempre in condizioni di mercato pre-pandemiche. Se si guarda all’epoca prepandemica poi è l’impatto è fragoroso: c’è un decremento del 71% degli incassi e del 73% delle presenze rispetto alla media del triennio 2017-2018-2019. Una cifra spaventosa che se ridotta a considerare correttamente solo i dati sul periodo maggio-dicembre, i mesi in cui le sale cinematografiche sono state riaperte, si alleggerisce un po’, attestandosi sul circa 51% e 53% in meno rispetto alla media del periodo 2017-2018-2019 . E’ opportuno ricordare, segnala Cinetel, che nel 2020 le sale sono state chiuse da fine ottobre in poi e quindi non è stato possibile considerare questo anno nella media). Vedere il bicchiere mezzo pieno è durissima, si può solo ricordare in quali condizioni di resilienza il cinema è andato avanti: hanno riaperto solo a partire dal 26 aprile, in un contesto di sostanziali restrizioni all’accesso come il “coprifuoco” e il distanziamento in sala, sino all’introduzione del “green pass” ad agosto, del “super green pass” e delle ulteriori norme introdotte a ridosso delle festività natalizie.
Il successo di Spider-Man consente un sussulto adrenalinico: la speranza come si dice è l’ultima a morire. Se poi il 2021 abbia dato un ulteriore colpo psicologico a spettatori affamati di cinema divanati ormai da due anni nel binge watching dello streaming di piattaforma si capirà, ma certo che l’incognita è grande, fin quando poi le regole sulle finestre tra sala e piattaforma, come chiesto dal settore, saranno chiare, rigide e distanziate.
Segnali positivi per l’esercizio? Il trend di crescita mese su mese , rispetto al triennio 2017-2018-2019, che dall’iniziale -87% ha portato il mercato a recuperare e a ridurre la differenza con percentuali inferiori al 40% tra ottobre e novembre, fino al fine settimana antecedente al Natale che, pur in negativo, ha segnato la migliore differenza (-10,7%) rispetto allo stesso periodo del 2019.
Per amore di classifica: al top del box office “Spider-Man: No Way Home” (oltre 19 milioni di euro d’incasso), “Eternals” (8.4 milioni) e “No Time To Die” (8 milioni). I tre film italiani che hanno incassato di più sono invece “Me contro Te – il mistero della scuola incantata” (5 milioni), “Come un gatto in tangenziale – ritorno a Coccia di Morto” (3.2 milioni) e “Freaks Out” (2.6 milioni).
Per quanto riguarda le produzioni italiane, incluse le co-produzioni, si evidenzia un incasso di oltre 36 milioni ed una quota sul totale di oltre il 21% in linea con la media del triennio 2017-2019.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si scia a Campo Imperatore, anche 2 ore in fila per funivia
Tanti i turisti arrivati sul Gran Sasso pieno di neve
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
14:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Campo Imperatore presa d’assalto durante le festività da sciatori e turisti, provenienti da fuori Abruzzo, molti da Roma: nella stazione invernale del versante aquilano del Gran Sasso d’Italia, con i suoi 2.912 metri montagna più alta degli Appennini, negli ultimi giorni si registrano migliaia di presenze a Fonte Cerreto, località base della funivia.
Stesse scene sugli impianti di risalita.
Secondo testimonianze di turisti, oggi sono circa tremila gli sciatori saliti in quota, ieri circa 1.300. Per salire con la funivia l’attesa è anche di due ore messo.
“E’ una situazione anomala per Campo Imperatore – commentano ancora gli sciatori – di solito non affollatissima, scelta da migliaia di persone perché è l’unica in Appennino che ha neve in abbondanza. Si scia benissimo e il tempo è splendido”. Anche le altre due stazioni montane di Ovindoli e Campo Felice sono affollate; in particolare molti sono arrivati nelle seconde case per trascorrervi il Capodanno. Sugli impianti di queste due località montane, però, la neve è meno copiosa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Veneto, più di 10mila contagiati in un giorno
Il totale dei malati da inizio pandemia si attesta a 636.695.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
30 dicembre 2021
15:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I contagi da Covid segnano un altro record in Veneto, 10.376 in sole 24 ore.
Lo riporta in bollettino della Regione.
Il totale dei contagiati da inizio pandemia si attesta a 636.695. Si contano anche 7 decessi, che portano il dato complessivo delle vittime a 12.365. Meno preoccupanti i dati sul fronte ospedaliero: sono 1.266 i ricoverati in area medica (-24), e 193 quelli in terapia intensiva (+3).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Matrix Resurrections, un ritorno tra nostalgia e tradizione
Quarto episodio con Keanu Reeves e Carrie-Anne Moss
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
15:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quando si tratta di MATRIX RESURRECTIONS, quarto episodio della saga, la critica, in genere tiepida nell’usare un certo armamentario terminologico, mette mano alla metafisica e non si preoccupa troppo di citare Jean Baudrillard, luddismo, metaverso e soprattutto transizione (mancano all’appello buddismo ed iniziazione).
Eppure, se si guarda bene, in questo ennesimo episodio, inevitabilmente nostalgico e forse anche troppo cerebrale, pesa anche un altro elemento non da poco: l’elaborazione del lutto.
Di fatto, in sala dal 1 gennaio con Warner Bros Pictures, arriva il quarto capitolo della saga cinematografica di fantascienza interrotta quasi vent’anni fa, nel 2003, con l’ultimo episodio della trilogia a firma delle sorelle Lana e Lilly Wachowski, a quei tempi ancora i fratelli Larry e Andy. Dopo una cosa non da poco come la transizione transgender e un lutto, come mai è la sola Lana a dirigere il nuovo film con protagonisti sempre Keanu Reeves e Carrie-Anne Moss, alias Neo e Trinity? Lei lo spiega così: “Mio padre è morto, dopo poco è morto anche un mio amico e subito dopo mia madre. Non sapevo davvero come elaborare quel tipo di dolore – dice la regista – .
Non l’avevo mai sperimentato così da vicino, sapevo che le loro vite stavano per finire, eppure è stato davvero difficile. Non potevo avere indietro mia madre e mio padre, ma all’improvviso ho pensato a Neo e Trinity, probabilmente i due personaggi più importanti della mia vita. È stato davvero confortante far rivivere questi due personaggi. È quello che fa l’arte ed è quello che fanno le storie: ci confortano”.
Tornando a MATRIX RESURRECTIONS l’interrogativo è sempre lo stesso ed è antico: la realtà in cui vivo è una illusione che mi confonde e nasconde quella vera? Per uscire da questo dilemma, il game designer di fama mondiale Thomas Anderson/Neo dovrà scegliere di seguire ancora una volta il Bianconiglio. L’eletto insomma dovrà capire ancora una volta quale strada percorrere e quale pillola ingerire: blu o rossa? Ma questa volta cercherà anche di ritrovare l’amore della sua vita, l’iconica guerriera Trinity che ora è Tiffany, moglie e madre di tre figli con la passione per le moto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il 2021 in tv, l’anno dello sport e delle piattaforme
Studio Frasi, sulle smart tv le ‘altre’ battono Rai1 e Canale 5
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
15:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’anno dello sport e dei trionfi italiani, della conferma di Sanremo come l’evento di intrattenimento per eccellenza, dell’affermazione definitiva delle piattaforme che – complice la pandemia – nell’intera giornata arrivano a superare, considerando i soli ascolti da smart tv ( e dunque con dato sottostimato), Rai1 e Canale 5.
E’ il bilancio del 2021 in tv stilato dallo Studio Frasi sulla base dei dati Auditel.

Nell’anno della vittoria degli azzurri agli Europei, il calcio è tornato a toccare vette che non si vedevano da tempo.
Tutte le sette partite della Nazionale sono state seguite da oltre 10 milioni di spettatori; la più vista è stata la finale Italia-Inghilterra, terminata dopo i calci di rigore davanti a 18,2 milioni di appassionati sintonizzati su Rai1 e 2,4 milioni su Sky Sport.
La differenza di fuso orario ha penalizzato le Olimpiadi: al top dell’Auditel la fascia tra le 12 e le 15, con 2,9 milioni di spettatori e il 23,5%. È il doppio oro italiano il momento più visto in diretta tv: è il primo agosto, Gianmarco Tamberi nel salto in alto e Marcell Jacobs nei 100 metri trionfano davanti a quasi 7 milioni di spettatori, ben il 46% di share.
Ai vertici della classifica si conferma Sanremo: la più vista è la serata finale del 6 marzo, con 10,7 milioni di spettatori.
Scende la platea complessiva, con un -7% in prima serata rispetto al 2020: mancano all’appello davanti alla tv 1,8 milioni di persone. Se la Rai in prime time perde il 3,5% dei propri spettatori, Mediaset cala del 10,4%, Sky del 10,8% e La7 del 13,9%. A guadagnare ascolto in prima serata è l’insieme di reti, le cosiddette ‘altre terrestri’, che non sono rilevate singolarmente da Auditel: la fetta più interessante à rappresentata dagli over the top (OTT), come Prime Video, Netflix, Disney+. Un insieme che raggiunge l’8% di share sia nel giorno medio che in prime time, conquistando il terzo posto dietro soltanto alle due ammiraglie. Il boom si registra in particolare grazie alle smart tv: le ‘altre’ raggiungono il 16% di share nelle 24 ore, superando Rai1 (13,6%) e Canale 5 (12,4%). In prima serata Rai1 mantiene il primato con il 16,8% di share, ma Canale 5, al 12,8%, viene superata dalle ‘altre’ (14,2%).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lettera Burzi, “io innocente, questa mia protesta più forte”
L’ex consigliere ha scritto ad alcuni amici prima del suicidio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
30 dicembre 2021
16:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Angelo Burzi era “certo di essere totalmente innocente”.
Lo scrive ad alcuni amici poco prima di suicidarsi, la notte di Natale.
“La fine della storia” è l’oggetto della mail, in cui ripercorre la vicenda Rimborsopoli e la condanna in appello per peculato a tre anni. “Non sono più in grado di tollerare ulteriormente la sofferenza, l’ansia, l’angoscia che in questi anni ho generato oltre che a me stesso anche nelle persone che mi sono più care”, scrive l’ex consigliere e assessore regionale. “Esprimo la mia protesta più forte interrompendo il gioco, abbandonando il campo in modo definitivo”.
“Serve fare un non esaustivo elenco dei personaggi che maggiormente hanno contraddistinto in maniera negativa questo mia vicenda in quasi dieci anni – è un passaggio della lunga mail -. Dapprima i giudici del primo processo d’appello, i quali, con una sentenza che definire iniqua e politicamente violenta è molto poco, azzerarono la sentenza di primo grado che mi vide assolto per insussistenza del fatto dopo due anni di dibattimento in aula. Poi l’uomo nero, il vero cattivo della storia, il sostituto procuratore che dall’inizio perseguì la sua logica colpevolista, direi politicamente colpevolista”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vissani, no vax mettono a rischio piccole-medie aziende
In ristorante chef “diverse disdette” cenone da clienti Covid
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ORVIETO (TERNI)
30 dicembre 2021
16:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“I no vax hanno rotto.

Mettono a rischio la vita delle piccole e medie aziende, oltre che la loro”: a dirlo è il maestro della cucina italiana, Gianfranco Vissani.
“L’unica strada possibile per uscire dalla pandemia è la vaccinazione. Non vaccinarsi significa favorire la propagazione del virus e soprattutto la variare Omicron di questi tempi” aggiunge. “Il cenone di San Silvestro a Casa Vissani si farà, ma nelle ultime ore abbiamo ricevuto diverse disdette a causa dei contagi”, ha detto ancora lo chef dal suo ristoratore sul lago di Corbara a pochi chilometri da Orvieto.
“Dal 2022 – ha sottolineato ancora Vissani – mi attendo che si vada verso la normalità, anche se credo che serviranno ancora un paio di anni per uscire dalla pandemia e quindi spero che sia l’anno in cui tutti decidano di vaccinarsi”.
Ma lo chef ha qualcosa da dire anche al Governo: “In queste settimane – ha detto – vedo tutti i partiti troppo concentrarti su chi sarà il prossimo presidente della Repubblica e poco sulle difficoltà che le imprese stanno vivendo con questa nuova ondata. Servono degli aiuti, invece – ha concluso Vissani – chiedono solo di pagare tasse”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Brescia vandalismo manifesti mostra dissidente cinese Badiucao
Fondazione Musei, simbolico bavaglio, faremo denuncia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
30 dicembre 2021
17:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Negli ultimi dieci giorni a Brescia sono stati danneggiati quasi tutti i manifesti, totem, stendardi che pubblicizzano la mostra ‘La Cina non è vicina Badiucao – opere di un artista dissidente’ di cui l’ambasciata cinese in Italia, prima dell’apertura lo scorso 12 novembre, aveva chiesto al Comune la cancellazione.

Ora la fondazione Brescia Musei annuncia che presenterà una denuncia contro ignoti, e che, d’accordo con l’artista, non rimuoverà i materiali danneggiati dove sono stati cancellati soprattutto i riferimenti a dove si svolge la mostra, con un “simbolico bavaglio al progetto”.

Secondo la fondazione, la “deliberata e coerente volontà di cancellare” dimostra l’intento di censurare la mostra del Museo Santa Giulia, già visitata da 13 mila persone.
L’esposizione, in programma fino al 13 febbraio, è la prima personale dedicata a Badiucao, pseudonimo dell’artista-attivista cinese noto per la sua arte di protesta, ora in esilio in Australia e ripercorre la sua attività artistica dagli esordi alle opere più recenti nate in risposta alla crisi sanitaria innescata dalla pandemia di Covid.
Grazie al suo blog, ai social media e a campagne di comunicazione organizzate, Badiucao porta avanti la propria attività di resistenza, uno dei pochissimi canali non filtrati dal controllo governativo capace ad esempio di trasmettere i racconti dei cittadini di Wuhan durante il lockdown del 2020.
Proprio nel 2020 gli è stato conferito dalla Human Rights Foundation il Premio Václav Havel Prize for Creative Dissent, destinato ad artisti che creativamente denunciano gli inganni delle dittature.
“Questo tipo di azioni violentemente censorie – ha commentato la presidente della fondazione Brescia Musei Francesca Bazoli -, ironicamente, rafforzano gli obiettivi del Comune di Brescia e della Fondazione Brescia Musei e non intaccano i risultati complessivi del progetto”.
“L’arte in tutte le sue forme – ha sottolineato la vicesindaca Laura Castelletti – è sempre più ambasciatrice del diritto di parola e di libero pensiero, i tentativi di censura alla mostra di Badiucao sono la dimostrazione di quanto siano efficaci e necessari i suoi messaggi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Morto Renato Scarpa, fu Robertino di Ricomincio da tre
82 anni, tra i film più noti anche Un sacco bello di Verdone
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
17:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ morto improvvisamente nella sua casa di Roma, in zona Bravetta, il popolare attore Renato Scarpa, indimenticabile Robertino di Ricomincio da tre di Massimo Troisi.
Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri; al momento su ipotizzano cause naturali.

82 anni, aveva esordito al cinema a fine anni ’60. Tra i suoi film più noti Un sacco bello di Carlo Verdone in cui era Sergio in procinto di partire con lui per la Polonia, appuntamento davanti al “palo della morte” a Vigne Nuove; Il postino di Michael Radford; Così parlò Bellavista di Luciano De Crescenzo e Habemus Papam di Nanni Moretti. Era nato a Milano il 14 settembre 1939.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si dice spesso che se in Italia esistesse la stessa considerazione che Hollywood riserva ai suoi caratteristi, nel nostro Paese si ritroverebbero i migliori.
Tra questi non c’è dubbio che Renato Scarpa, nato a Milano il 14 settembre del 1939, morto oggi nella sua casa di Roma, si sia ritagliato uno spazio d’eccezione.
Perché ha saputo declinare il suo talento e le sue passioni in mille sfaccettature diverse, perché non ha mai temuto le sfide, perché sapeva concentrare l’attenzione dello spettatore su quel suo faccione pieno di umanità e duttile nelle espressioni. Piccolo, capace di alternare il registro drammatico e quello comico senza mai perdere una sua immediata riconoscibilità, ha attraversato le stagioni del cinema italiano dalla fine degli anni ’60 ad oggi ottenendo attenzione e fiducia da molti dei nostri migliori registi: i Fratelli Taviani che ne rivelarono il talento in “Sotto il segno dello scorpione” (1969) e “San Michele aveva un gallo” (1973; Nicolas Roeg e Dario Argento che gli diedero una patina di ambiguità in “A Venezia un dicembre rosso shocking” e “Suspiria”; Giuliano Montaldo che lo vestì da frate in “Giordano Bruno”. E poi Bellocchio, Comencini, Rossellini, Monicelli, Cavani, Risi per non citarne che alcuni:

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

In genere il caratterista viene usato per una sorta di controcanto rispetto all’eroe protagonista, ma nel suo caso, Scarpa sapeva sempre ritagliarsi una dimensione autonoma e regalava ai suoi personaggi un plus di umanità come nell’inflessibile preside di “La stanza del figlio” o l’abile cardinale di “Habemus Papam” per Nanni Moretti. Per il grande pubblico però divenne popolare grazie a tre fortunati incontri: con Carlo Verdone (l’impagabile ipocondriaco di “Un sacco bello”), Massimo Troisi (l’impacciato Robertino di “Ricomincio da tre”) e Luciano De Crescenzo (“Così parlò Bellavista”). In tutti questi casi dalla bisaccia di Renato Scarpa uscì una verve comica che – alla maniera di Totò – contrastava con lo sguardo malinconico e proprio per questo “bucava” lo schermo. Del resto l’attore aveva cavalcato con ottimi risultati (più di 100 ruoli tra cinema e tv fino alla recente serie “Rocco Schiavone” del 2019) tutti i generi del cinema italiano, dalla farsa al western, dall’avventura, al melodramma. Era un bagaglio coltivato con pazienza e passione fin dall’adolescenza, prima sui palcoscenici teatrali milanesi e poi al Centro Sperimentale di cinematografia di Roma. Poteva essere eroico e ambiguo, ammiccante e sobrio, dolce e severo: la sua faretra conosceva tutte le armi della seduzione espressiva e per questo ha avuto una carriera ricca di soddisfazioni comprese le candidature ai David di Donatello. Ma certamente gli restava il rimpianto di una mancata gloria se non “a fianco di”. Piace ricordarlo per questo soprattutto in una recente interpretazione che ne riassume bene l’umanità e la bravura attoriale: in “Diaz” (2012) Daniele Vicari gli affida il ruolo dell’umile pensionato coinvolto senza alcuna responsabilità negli scontri con la polizia durante il G8 di Genova. Nel suo sguardo smarrito, nei suoi occhi azzurri che contemplano la brutalità della violenza senza poter opporre ragione alla forza, il regista riassume il senso stesso del film e quel personaggio minore (realmente esistito del resto) diventa l’autentico protagonista, il testimone silenzioso di una pagina dolorosa della nostra storia. Oggi che Renato Scarpa se ne è andato, in silenzio e i solitudine com’era il suo stile, lo si ricorda proprio come piccolo, grande protagonista della nostra memoria collettiva.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: punto tamponi drive through Marina Militare a Ancona
Dedicato a studenti. Operazione Athena per evitare la Dad
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
30 dicembre 2021
17:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sarà operativo all’inizio del 2022, con la riapertura delle scuole, il primo punto tamponi Drive-through della Marina Militare nelle Marche e in Italia dedicato alla popolazione scolastica con l’operazione “Athena”.

Allestito presso la sede della Marina a Piano San Lazzaro di Ancona per lo screening degli studenti delle scuole della provincia del capoluogo marchigiano, potrà supportare anche le altre province.
In caso di necessità potrebbero essere attivati anche altri punti drive della Difesa in altre località.
L’obiettivo è evitare la didattica a distanza.
Ad Ancona è presente uno degli 11 laboratori di diagnostica molecolare della Difesa in Italia, in grado di processare dai 200 ai 250 tamponi al giorno (sia test antigenici rapidi che molecolari). È la prima volta che la Marina Militare apre la sua sede ai civili in ambito pandemico nelle Marche. Qui si potranno sottoporre a test per individuare una eventuale positività al Covid, dai bambini che frequentano il nido fino agli studenti delle università nel momento in cui si verificano casi positivi all’interno della classe o della comunità educativa. Le prenotazioni avverranno sulla piattaforma dell’Asur sulla quale verranno inseriti anche i dati di refertazione. La popolazione scolastica sarà sottoposta a test antigenico rapido a tempo zero, successivamente il tampone rapido sarà ripetuto a 5 giorni per l’intera classe. Ogni caso positivo dovrà essere confermato con il test molecolare, che dovrà essere ripetuto prima del rientro in classe. In campo ci saranno 8 unità, fra medici, infermieri e biologi, personale appartenente alla Marina Militare e al Corpo Militare della Croce Rossa Italiana. L’orario del Drive-through andrà dalle 8:30 alle 13:00, ma in caso di overbooking potrà anche essere esteso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: record positivi, sono quasi 127 mila in 24 ore
Le vittime sono 156. Tasso sale all’11%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
18:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Record di positivi oggi in Italia: sono 126.888 i casi di Covid individuati nelle ultime 24 ore.

Ieri i casi erano stati 98.020.
Le vittime, secondo i dati del ministero della Salute, sono 156 , mentre ieri erano state 136.
I tamponi effettuati sono 1.150.352, ieri erano stati 1.029.429. Il tasso di positività è al 11,03%, in aumento rispetto al 9,5% di ieri. Sono 1.226 (ieri 1.185) i pazienti in terapia intensiva in Italia, 41 in più in 24 ore nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 134. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 10.866 (ieri 10.578), 288 in più rispetto a ieri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ordinanza Giani, in Rsa con booster o doppia dose e tampone
Nuove regole per visite a anziani. Bloccati rientri in famiglia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
30 dicembre 2021
18:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuove regole in Toscana per le visite nelle Rsa per anziani e nelle strutture residenziali (Rsd) che ospitano persone con disabilità: da oggi e fino al termine dello stato di emergenza potranno accedere alle strutture solo coloro che sono vaccinati con terza dose-booster, oppure in possesso di Green pass rafforzato (due dosi) e test antigenico rapido o molecolare fatto nelle 48 ore precedenti l’accesso.
Lo stabilisce un’ordinanza firmata oggi dal presidente della Toscana Eugenio Giani.
Sono inoltre sospesi, fino al 31 marzo 2022, i rientri in famiglia e le uscite programmate degli ospiti delle strutture residenziali. “Le visite alle Rsa e alle altre strutture” assistenziali “possono continuare, ma a condizione che i visitatori siano vaccinati con terza dose o aggiungano alla seconda dose un tampone negativo”, spiegano il presidente Eugenio Giani e l’assessore regionale alle politiche sociali Serena Spinelli. “E’ importante – proseguono – che il filo di contatto diretto con la famiglia resti attivato anche in una situazione obiettivamente molto complessa come quella attuale, con l’esplosione dei contagi dovuta alla variante Omicron”, per questo “continuiamo nell’impegno a trovare un giusto equilibrio tra l’esigenza di sicurezza e di prevenzione in strutture che ospitano persone anziane e fragili e il rispetto dei contatti familiari e delle relazioni affettive, che per queste persone sono così importanti”. Nel dettaglio, riguardo al tampone, coloro che abbiano prenotato una visita a un ospite presso struttura residenziale sociosanitaria e che abbiano completato il ciclo vaccinale primario e sono in attesa di effettuare la terza dose o il “booster” possono, fino al 28 febbraio 2022, richiedere di effettuare il tampone gratis fino a un massimo di due richieste mensili. Restano in vigore, spiega sempre la Regione Toscana, “tutte le altri disposizioni regionali, che prevedono la possibilità di autorizzazione all’accesso in situazioni di gravità e fine vita e la chiusura alle visite dei familiari qualora si riscontri la presenza di casi positivi tra gli ospiti o il personale. In questo caso l’accesso dei visitatori non è consentito fino al permanere di tale situazione”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: titolare e dipendente no vax, chiusa la farmacia
Entrambi denunciati in provincia di Monza e Brianza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
RENATE
30 dicembre 2021
20:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una farmacia di Renate (Monza) è stata chiusa dai carabinieri perché la titolare, denunciata, e un dipendente, sono risultati non vaccinati, come previsto per chi lavora nei presidi sanitari e a contatto con il pubblico.
A deciderlo è stata l’Ats Brianza, conseguentemente ad alcuni controlli dei carabinieri nell’ambito della “campagna di controllo di aderenza sull’obbligo vaccinale per gli esercenti le professioni sanitarie”.
La titolare, a quanto emerso, nonostante fosse sospesa dall’Ordine dei farmacisti per non aver assolto completamente all’obbligo vaccinale per la prevenzione dall’infezione da Sars-cov2, ha continuato a svolgere la sua professione all’interno dell’esercizio. La proprietaria è stata denunciata per esercizio abusivo della professione sanitaria e inosservanza dell’ordine in materia sanitaria. Il suo collaboratore è stato invece denunciato per oltraggio a pubblico ufficiale, per aver aggredito verbalmente i carabinieri. A settembre la stessa farmacia era stata oggetto di alcuni controlli da parte dei carabinieri dei Nas e della stessa Ats, che hanno portato al sequestro di materiale informatico.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Polizia: Carocci nuovo Questore Pordenone
Sostituisce Odorisio destinato a Questura Monza e Brianza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
30 dicembre 2021
22:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Luca Carocci è il nuovo Questore di Pordenone: prenderà servizio nei primi giorni di gennaio e lascerà l’incarico di dirigente del Compartimento della Polizia Ferroviaria di Trieste.
Subentrerà a Marco Odorisio, che assumerà l’incarico di Questore di Monza e Brianza dopo essere stato protagonista di numerose indagini di rilievo nazionale e aver contribuito a far diventare la provincia di Pordenone una della aree più sicure d’Italia secondo i principali parametri.

L’attuale Questore brianzolo, Michele Davide Sinigaglia, sarà chiamato a svolgere medesima mansione a Cremona.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’attore Paolo Calissano trovato morto in casa a Roma
54 anni, disposta autopsia. Dalle soap alla cronaca giudiziaria
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
31 dicembre 2021
07:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato trovato morto nella tarda serata del 30 dicembre nella sua casa di Roma l’attore Paolo Calissano, 54 anni.
A dare l’allarme – riportano Il Corriere della Sera e il Messaggero – è stata la compagna.
Nel suo appartamento sarebbero stati trovati psicofarmaci. Sul posto sono arrivati carabinieri e medico legale ed è stata disposta l’autopsia. Rampollo di una famiglia di imprenditori, Calissano era nato a Genova il 18 febbraio 1967. Dopo gli studi a Boston e le prime esperienze nei fotoromanzi, aveva debuttato al cinema (Palermo-Milano solo andata) e in tv, diventando noto al pubblico grazie a serie come General Hospital, La dottoressa Giò, Linda e il brigadiere e soprattutto grazie alle soap italiane Vivere, in cui interpretava il dottor Bruno De Carolis, e Vento di ponente, in cui dava il volto al manager senza scrupoli Guido Mandelli. Nel 2004 aveva partecipato alla seconda edizione dell’Isola dei famosi, ma si era dovuto ritirare per un infortunio. Negli ultimi anni la sua vita è stata segnata dalle vicende di cronaca. Nel 2005 era stato arrestato con l’accusa di aver causato la morte della ballerina brasiliana Ana Lucia Bandeira Bezerra, stroncata da un’overdose nella sua casa di Genova, e aveva patteggiato la pena di 4 anni, scontandola nella comunità di recupero per tossicodipendenti ‘Fermata d’autobus di Trofarello (Torino). Aveva poi ottenuto l’indulto. Era tornato a recitare al Teatro Brancaccio di Roma nel musical A un passo dal sogno, nel 2007. L’anno dopo era stato ricoverato a Genova per un malessere e trovato positivo alla cocaina. La sua ultima apparizione in tv nel 2018, nella fiction di Rai1 Non dirlo al mio capo 2.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Stando ai primi accertamenti, Calissano è probabilmente deceduto da almeno un paio di giorni. Sarà comunque l’autopsia a stabilirlo con esattezza. L’esame autoptico, che verrà effettuato al Gemelli, chiarirà anche le cause della morte. Al momento gli investigatori ipotizzano un abuso di psicofarmaci. I carabinieri, intervenuti sul posto, ne hanno trovate in casa diverse scatole.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Capodanno: Da Copacabana a Trafalgar, il Covid spegne le feste
Tanti gli eventi cancellati nel mondo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
31 dicembre 2021
09:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Niente balli in bianco sulla famosa spiaggia di Copacabana a Rio de Janeiro, niente festeggiamenti a Trafalgar Square a Londra, niente spettacoli di luci sugli Champs Elysees, il countdown di Times Square a New York contingentato e fuochi d’artificio a Sydney tra tamponi e limitazioni: il mondo, alle prese con l’impennata dei contagi spinta dalla variante Omicron, cancella o taglia i festeggiamenti per il nuovo anno.
Da una parte all’altra del Pianeta, anche quest’anno come per l’arrivo del 2021, saltano così le feste più famose di fine anno, che come sempre partiranno e si chiuderanno nelle piccole isole del Pacifico: il 2022 inizierà, 13 ore prima che in Italia, a Kiritimati (o Christmas Island) dove passa la linea internazionale del cambiamento di data mentre gli ultimi a rimanere nel 2021 saranno gli abitanti delle isole Samoa, che festeggeranno 11 ore dopo l’Italia.
E sono simbolo di speranza in anni di pandemia: i 15 atolli a 3.000 chilometri dalla Nuova Zelanda sono ‘Covid free’, salvi grazie ad uno stretto isolamento dal resto del mondo.
Dopo Auckland, in Nuova Zelanda, che è la prima grande città a dare il benvenuto al nuovo anno stappando le bottiglie ben 13 ore prima di noi, toccherà a Sydney (11 ore prima), dove il tradizionale spettacolo dei fuochi nella baia non è stato cancellato ma sarà a numero chiuso, con biglietti limitati e un forte invito a partecipare solo se vaccinati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mentre anche gli italiani saranno entrati nel nuovo anno, resteranno invece nel 2021 i britannici a Londra e i portoghesi a Lisbona (1 ora in più). Le Azzorre saranno poi l’ultimo spicchio di terra europea ad entrare nel 2022 (+2 ore). Ma il tradizionale appuntamento per brindare a Trafalgar Square rimarrà deserto, con il sindaco londinese che ha cancellato l’evento dopo l’impennata di contagi nella capitale.
Rio de Janeiro resterà anche quest’anno orfana dei festeggiamenti nella famosa spiaggia di Copacabana, dove sono stati annullati anche i tradizionali giochi di fuochi sul mare, mentre New York ha confermato la festa a Times Square: ma con un limite di 15 mila persone (un quarto rispetto ai capodanni passati), tutte obbligatoriamente vaccinate e con la mascherina.
La maggior parte delle feste è saltata anche a Los Angeles, una delle ultime grandi metropoli a salutare il nuovo anno, che resterà orfana del countdown a Grand Park: ci si dovrà consolare seguendolo in streaming.
Tra mascherine, coprifuoco, lockdown per i no-vax e annullamenti delle feste in piazza, anche il Vecchio Continente si prepara ad un Capodanno sotto tono: Parigi ha annullato concerti e spettacoli e l’evento tradizionale sugli Champs Elysees; niente riunioni con più di 10 persone a Berlino, dove non si potranno ammirare i fuochi d’artificio dalla Porta di Brandeburgo. E, ancora, cancellata la celebrazione di Capodanno di Hogmanay, appuntamento tradizionale a Edimburgo. Forti restrizioni, annullamenti di festeggiamenti e concerti anche in Belgio, Danimarca, Portogallo e in Spagna, dove salterà anche la festa tra le Ramblas di Barcellona. Sperando sia l’ultima volta.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sequestrate tre tonnellate di cocaina in porto Gioia Tauro
Nascosta tra le banane. Sul mercato valore pari ad un 1 miliardo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
31 dicembre 2021
09:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tre tonnellate di cocaina purissima sono state sequestrate nel porto di Gioia Tauro, in due operazioni, dalla Guardia di Finanza e dall’Ufficio Dogane sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Palmi.

E’ stato anche arrestato il conducente di un Tir.
In oltre 3.000 contenitori provenienti dal continente sudamericano, i militari della Guardia di Finanza ed i funzionari doganali, con l’ausilio di sofisticati scanner in dotazione ad Adm, sono riusciti ad individuare 2.272,515 kg di cocaina, nascosta in 3 container carichi di banane, sacchi di arachidi e pepe. Sul fronte dei controlli sulla merce in uscita dal porto veniva fermato, a seguito di una manovra sospetta, il conducente di un autoarticolato che trasportava un container apparentemente carico di forni elettrici. La successiva ispezione permetteva di trovare, nascosta sotto caschi di banane, 855,690 kg. di cocaina. La droga e l’autoarticolato utilizzato per il traffico illecito sono stati sequestrati; l’uomo, indagato per la violazione della normativa in materia di sostanze stupefacenti (in relazione al trasporto di 855,690 kg di cocaina) è stato arrestato e condotto nella Casa Circondariale di Palmi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Complessivamente la sostanza stupefacente sequestrata, di qualità purissima, avrebbe potuto essere tagliata dai trafficanti di droga fino a 4 volte prima di essere immessa sul mercato, fruttando alla criminalità un introito di circa 1 miliardo di euro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: la Sea Watch potrà attraccare a Pozzallo, a bordo 440 migranti
La nave è in mare dalla vigilia di Natale, ha effettuato 5 soccorsi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
31 dicembre 2021
10:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le autorità italiane hanno assegnato Pozzallo come “porto sicuro” alla nave Sea Watch3, con 440 profughi a bordo.
Lo ha confermato il sindaco di Pozzallo Roberto Ammatuna.
La nave, in mare dalla vigilia di Natale e che ha effettuato cinque soccorsi di altrettante imbarcazioni in difficoltà nel Mediterraneo, si sta dirigendo verso la scalo ragusano dove dovrebbe attraccare nel pomeriggio.
A bordo ci sono anche 167 minorenni non accompagnati, che hanno tra gli 8 e i 17 anni, e 14 bambini che hanno meno di un anno, il più piccolo ha compiuto 3 settimane in mare. Ieri era lanciato un appello dalla Ong a fare sbarcare almeno i bambini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:sindaco Aosta seconda volta positivo, Consiglio online
‘Solo influenza, non paragonabile a quando non ero vaccinato’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AOSTA
31 dicembre 2021
10:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A distanza di oltre un anno dalla prima volta, il sindaco di Aosta Gianni Nuti è di nuovo positivo al Covid-19.
Per questo motivo il Consiglio comunale convocato per approvare il Bilancio, che ieri si è svolto in presenza, oggi si tiene su zoom.
I tecnici sono al lavoro per permettere lo streaming della seduta.
“Non mi sembra niente di preoccupante – dice Nuti – al momento sembra un’influenza, non è paragonabile all’anno scorso, quando non ero vaccinato. Non è paragonabile l’impatto sul corpo di questo virus oggi assai contagioso ma evidentemente meno aggressivo. Quindi si lavora, con piacere. Avevo già fatto un antigenico risultato negativo, per sicurezza ho fatto un molecolare che è risultato positivo questa mattina. Ho avvisato tutti affinché oggi si facesse online”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Botti: 50mila fuochi d’artificio sequestrati a Sassari
Polizia, erano custoditi in un capannone in precarie condizioni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SASSARI
31 dicembre 2021
11:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Polizia di Stato ha sequestrato 50mila fuochi d’artificio stipati in 17 scatoloni all’interno di un capannone adibito ad attività commerciale nella zona industriale di Sassari.

Dopo avere controllato gli scaffali dell’attività, nello specifico quelli adibiti alla vendita di materiale pirotecnico, per accertarne la certificazione gli agenti .

hanno notato e seguito un dipendente che trasportava alcune scatole di materiale da un altro edificio adiacente, utilizzato come deposito.
Il locale, in evidenti condizioni precarie e con copertura in amianto, aveva al suo interno diversi scatoloni contenenti gli articoli pirotecnici. Secondo gli investigatori il tutto era in pessimo stato di conservazione e custodito in promiscuità con altro materiale facilmente infiammabile, quali accendini, oggetti in plastica e tovaglioli.
Considerato il concreto rischio di possibili esplosioni ed incendi, i fuochi sono stati sequestri ed affidati ad una ditta specializzata per la custodia. Sul posto sono intervenuti anche i Vigili del Fuoco e il personale dello Spresal (Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro) per i rispettivi adempimenti.

Mondo tutte le notizie. TUTTI I FATTI DAL MONDO IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATI. LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Cinema, Medicina, Salute e Benessere, Mondo, Notizie, Scienza, Spettacoli Musica e Cultura, Ultim'ora

MONDO TUTTE LE NOTIZIE: TUTTI GLI ULTIMISSIMI AGGIORNAMENTI ED APPROFONDIMENTI DAL MONDO IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATI: LEGGI!

Tempo di lettura: 142 minuti

Ultimo aggiornamento 30 Dicembre, 2021, 18:09:04 di Maurizio Barra

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 22:33 DI SABATO 25 DICEMBRE 2021

ALLE 18:09 DI GIOVEDÌ 30 DICEMBRE 2021

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Brasile, 11 mila evacuati nel nordest per piogge torrenziali
In dicembre precipitazioni 5 volte più intense della media
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
SALVADOR
25 dicembre 2021
22:33
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Oltre 11.000 persone sono state costrette a lasciare le proprie case nello Stato brasiliano di Bahia a causa di inondazioni provocate da piogge torrenziali che da novembre scorso hanno ucciso 17 persone, l’ultima giovedì scorso.

Le autorità stanno cercando di fornire assistenza ai residenti senza un alloggio alternativo.
Secondo la protezione civile sono 4.185 le persone in cerca di un riparo. Le piogge hanno colpito in modo particolarmente forte 19 città, tra cui Guaratinga, Itororo e Coaraci nel sud dello Stato.
In totale 11.260 persone sono state costrette a fuggire dalle proprie case. Il governo di Bahia e quello federale hanno organizzato un’operazione congiunta, in collaborazione con altri Stati, per mettere a disposizione personale, aerei e attrezzature, oltre a fornire assistenza ai residenti nelle aree allagate. Sono stati segnalati allagamenti e blocchi del traffico su 17 strade, alcuni dei quali causati da frane e smottamenti, ha riferito il segretario di Stato alle infrastrutture.
Le precipitazioni di dicembre nella capitale di Bahia, Salvador, fino a venerdì, sono state pari a 250 millimetri, una cifra cinque volte superiore alla media.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Sudafrica: morto Desmond Tutu, uno dei simboli della resistenza contro l’apartheid
Vinse nel 1984 il premio Nobel per la Pace come simbolo della lotta non violenta contro il regime razzista
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
JOHANNESBURG
26 dicembre 2021
08:33
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
E’ morto l’arcivescovo emerito sudafricano Desmond Tutu, che fu uno dei simboli della resistenza contro l’apartheid e divenne poi il promotore della riconciliazione.
Lo comunica la presidenza del Sudafrica.

Tutu, 90 anni, arcivescovo anglicano, vinse nel 1984 il premio Nobel per la Pace come simbolo della lotta nonviolenta contro il regime razzista. Ma dopo la fine dell’apartheid, dopo che Nelson Mandela era stato eletto presidente del nuovo Sudafrica, Tutu ideò e presiedette la Commissione per la Verità e la Riconciliazione (Trc), creata nel 1995, che in un doloroso e drammatico processo di pacificazione fra le due parti della società sudafricana, mise in luce la verità sulle atrocità commesse durante i decenni di repressione da parte dei bianchi.
Il perdono fu accordato a chi, fra i responsabili di quelle atrocità commesse avesse pienamente confessato: una forma di riparazione morale anche nei confronti dei familiari delle vittime.
Nell’annunciare la scomparsa del reverendo Tutu, il presidente Cyril Ramaphosa ha espresso, “a nome di tutti i sudafricani, profonda tristezza per la morte, avvenuta domenica, di una figura essenziale della storia” del Paese.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
E’ morto l’arcivescovo emerito sudafricano Desmond Tutu, che fu uno dei simboli della resistenza contro l’apartheid e divenne poi il promotore della riconciliazione.
Lo comunica la presidenza del Sudafrica.

Tutu, 90 anni, arcivescovo anglicano, vinse nel 1984 il premio Nobel per la Pace come simbolo della lotta nonviolenta contro il regime razzista. Ma dopo la fine dell’apartheid, dopo che Nelson Mandela era stato eletto presidente del nuovo Sudafrica, Tutu ideò e presiedette la Commissione per la Verità e la Riconciliazione (Trc), creata nel 1995, che in un doloroso e drammatico processo di pacificazione fra le due parti della società sudafricana, mise in luce la verità sulle atrocità commesse durante i decenni di repressione da parte dei bianchi.
Il perdono fu accordato a chi, fra i responsabili di quelle atrocità commesse avesse pienamente confessato: una forma di riparazione morale anche nei confronti dei familiari delle vittime.
Nell’annunciare la scomparsa del reverendo Tutu, il presidente Cyril Ramaphosa ha espresso, “a nome di tutti i sudafricani, profonda tristezza per la morte, avvenuta domenica, di una figura essenziale della storia” del Paese.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
E’ morto l’arcivescovo sudafricano Desmond Tutu, che fu uno dei simboli della resistenza contro l’apartheid e divenne poi il promotore della riconciliazione.
Lo comunica la presidenza del Sudafrica.
Tutu, 90 anni, arcivescovo anglicano, vinse nel 1984 il premio Nobel per la Pace come simbolo della lotta non violenta contro il regime razzista.
Ma dopo la fine dell’apartheid, dopo che Nelson Mandela era stato eletto presidente del nuovo Sudafrica, Tutu ideò e presiedette la Commissione per la Verità e la Riconciliazione (Trc), creata nel 1995, che in un doloroso e drammatico processo di pacificazione fra le due parti della società sudafricana, mise in luce la verità sulle atrocità commesse durante i decenni di repressione da parte dei bianchi.
Il perdono fu accordato a chi, fra i responsabili di quelle atrocità commesse avesse pienamente confessato: una forma di riparazione morale anche nei confronti dei familiari delle vittime.

Nell’annunciare la scomparsa del reverendo Tutu, il presidente Cyril Ramaphosa ha espresso, “a nome di tutti i sudafricani, profonda tristezza per la morte, avvenuta domenica, di una figura essenziale della storia” del Paese.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Surfista muore attaccato da uno squalo in California
Allerta a Morro Bay, vietato entrare in acqua
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
26 dicembre 2021
09:50
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Un surfista di 31 anni è rimasto ucciso in un presunto attacco di uno squalo a Morro Bay, in California, e in tutta la baia è stato diffuso il divieto di entrare in acqua per 24 ore.
Lo riporta la Bbc, citando autorità statali.

L’uomo – che non è stato identificato – è stato dichiarato morto sul posto. Indagini sull’incidente sono in corso ma nel frattempo ai bagnanti è stato ordinato di rimanere fuori dall’acqua per le prossime 24 ore.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
I talebani vietano alle donne i viaggi senza un uomo della famiglia
Per distanze oltre i 70 km dovranno essere accompagnate da un parente
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
26 dicembre 2021
09:48
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ennesimo passo indietro per i diritti delle donne in Afghanistan: i talebani hanno annunciato oggi il divieto per le donne di viaggiare da sole per lunghe distanze (oltre i 70 km circa) e che dovranno essere accompagnate da un uomo della famiglia.

La raccomandazione, pubblicata dal ministero della Promozione della virtù e della prevenzione del vizio, che già circolava sui social, invita inoltre gli autisti a non accettare donne sui loro veicoli se non indossano il “velo islamico”, senza tuttavia precisare quale tipo di velo.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Birmania: rabbia per la strage di civili, militari sotto accusa
Sui social le foto del massacro, donne e bambini tra le vittime
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
26 dicembre 2021
10:45
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Monta la rabbia sui social media dopo il massacro della vigilia di Natale in Birmania per il quale sono accusati i militari della giunta al potere.
Tra le decine di vittime, scrive il Guardian, ci sono anche donne e bambini.

Le truppe del governo del Myanmar avrebbero radunato e ucciso a colpi di arma da fuoco almeno 38 abitanti della cittadina di Hpruso, secondo una ong e altri media. Le foto della strage sono state diffuse sul web suscitando indignazione contro i militari, che hanno preso il controllo dello Stato a febbraio. Un testimone ha raccontato che le vittime stavano cercando di fuggire dai combattimenti tra l’esercito e i gruppi di resistenza armata nella zona. Due lavoratori di Save the Children rimangono dispersi, con la conferma che il loro veicolo privato è stato attaccato e dato alle fiamme.
“Secondo quanto riferito – ha affermato la ong – i militari hanno costretto le persone a scendere dalle loro auto, ne hanno arrestato alcune, ne hanno ucciso altre e hanno bruciato i loro corpi”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: rimpatriati in Iraq 16 morti in naufragio Manica
Nella tragedia del 24 novembre morirono 27 persone
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
ARBIL
26 dicembre 2021
10:56
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Sono stati rimpatriati durante la notte nel Kurdistan iracheno i corpi di 16 migranti annegati in mare lo scorso 24 novembre, nel tragico naufragio di un gommone, che tentava di attraversare la manica dalla Francia alla Gran Bretagna, in cui persero la vita almeno 27 migranti.

L’aereo è atterrato alle 3.00 di notte, ora italiana, ad Arbil, dove le bare sono state caricate su alcune ambulanze che hanno trasportato le vittime ai rispettivi luoghi di provenienza: Darbandikhan, Ranya, Soran e Qadrawa.
All’aeroporto del capoluogo del Kurdistan iracheno c’erano i familiari di alcune delle vittime. Il rimpatrio delle salme era previsto per venerdì scorso ma è stato rimandato ad oggi.
Fra i 27 morti della strage della Manica – la più grave da quando il braccio di mare è divenuto una delle rotte più frequentate dai migranti diretti nel Regno Unito – c’erano sette donne e due bambini, uno dei quali di soli sette anni. Oltre ai 16 curdi iracheni, la lista includeva un curdo iraniano, quattro uomini afghani, tre etiopi, un somalo, un egiziano e una persona non ancora identificata. Solo quattro persone furono portate in salvo dal gommone affondato che, secondo diversi testimoni, trasportava almeno 33 persone.
La tragedia, sulla quale le autorità francesi continuano a indagare, provocò anche una frizione diplomatica fra Parigi e Londra, con il primo ministro britannico Boris Johnson che inizialmente puntò il dito verso la Francia, chiedendole di riprendersi i migranti, provocando la reazione rabbiosa del presidente francese Emmanuel Macron, che accusò la controparte di “mancanza di serietà”. L’invito a Johnson ad un vertice con Germania, Belgio, Olanda e Francia proprio sul tema dei migranti fu di conseguenza cancellato.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Conclusa l’eruzione della Cumbre Vieja sull’isola di La Palma
Oltre tre mesi di intensa attività vulcanica
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
26 dicembre 2021
17:13
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’eruzione della Cumbre Vieja sull’isola spagnola di La Palma, alle Canarie, è stata ufficialmente dichiarata conclusa dalle autorità locali, dopo oltre tre mesi di intensa attività vulcanica.
“E’ durata 85 giorni e 18 ore, oggi il comitato scientifico può dirlo: l’eruzione è finita”, ha annunciato Julio Pérez il direttore del piano di emergenza vulcanica delle Canarie (Pevolca) durante una conferenza stampa conferenza tenuta il giorno di Natale.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: altri 1.800 voli cancellati nelle prime ore di oggi
Dati destinati a crescere nella giornata
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
26 dicembre 2021
11:00
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Sono già più di 1.800 i voli cancellati oggi nel mondo, oltre 3.000 quelli rinviati a causa del Covid.
E’ quanto emerge dai dati odierni del sito Flightaware, cifre destinate a crescere nelle prossime ore.

Le nuove cancellazioni vanno ad aggiungersi alle circa 6.000 della vigilia e del giorno di Natale, a causa del numero crescente di dipendenti e membri degli equipaggi affetti dalla variante Omicron o costretti all’isolamento.
Le compagnie aeree e le destinazioni più colpite restano quelle di Cina e Stati Uniti.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Russia: due Pussy Riot detenute in sciopero della fame
Chiedono di essere nella stessa cella e di poter comunicare
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
26 dicembre 2021
11:04
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Due componenti del gruppo punk femminile russo Pussy Riot sono entrate in sciopero della fame nella prigione di Mosca dove sono attualmente detenute.
Chiedono di essere rinchiuse nella stessa cella in modo che possano comunicare tra loro, secondo il sito di informazione che si occupa di difesa dei diritti umani Ovd-Info.

Le due donne sono detenute da due settimane. Critiche del regime russo, le Pussy Riot sono regolarmente oggetto di arresto e condanna da parte delle autorità russe.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Colombia: uccisa una funzionaria dell’organismo Onu antidroga
La portavoce dell’Unodc attaccata da una banda criminale
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BOGOTA
26 dicembre 2021
11:15
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Uomini armati, forse rapinatori, hanno attaccato e ucciso a Bogotà Natalia Castillo, portavoce colombiana dell’Organizzazione dell’Onu contro la droga ed il crimine (Unodc).
Lo riferisce Blu Radio.

Secondo l’emittente, Castillo, 32 anni, stava cenando con un gruppo di amici alla vigilia di Natale e quando è uscita all’esterno del ristorante per rispondere ad una telefonata al cellulare è stata assaltata da una banda armata che l’ha derubata, non esitando a spararle un colpo di pistola al petto.
Il comandante della polizia metropolitana, generale Oscar Gómez, ha dichiarato che “insieme alla Procura abbiamo creato una squadra investigativa per risalire ai responsabili del brutale omicidio”. Le autorità colombiane hanno offerto una ricompensa fino a 20 milioni di pesos (circa 4.400 euro) per chi sia in grado di fornire informazioni utili per risolvere il caso.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: naufragio in Libia, 28 corpi trovati su spiaggia
Fonte della Mezzaluna Rossa, 3 i sopravvissuti
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TRIPOLI
26 dicembre 2021
12:22
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
I corpi di 28 migranti, trasportati dalle onde, sono stati ritrovati su una spiaggia della Libia, dopo che il barcone con il quale stavano cercando di attraversare il Mediterraneo è affondato: lo rende noto una fonte della mezzaluna Rossa libica, che dichiara che sono anche stati recuperati tre migranti sopravvissuti sulla spiaggia di Al-Alous.
a 90 km da Tripoli.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Johnson rattristato, omaggia leadership spirituale di Tutu
Il premier britannico su Twitter ricorda il suo ‘buon umore’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
26 dicembre 2021
12:22
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Sono profondamente rattristato di apprendere della morte dell’arcivescovo Desmond Tutu”, ha scritto in un messaggio su Twitter il primo ministro britannico, Boris Johnson.
L’inquilino di Downing Street lo definisce “figura cruciale nella lotta contro l’apartheid e per la creazione di un nuovo Sudafrica”.
Il premier rende inoltre omaggio alla sua “leadership spirituale” e al suo “irreprimibile buon umore”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Presidente Ramaphosa, Tutu ‘un patriota senza pari’
Addio alla generazione che ‘ci ha consegnato Sudafrica liberato’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
JOHANNESBURG
26 dicembre 2021
12:22
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“La scomparsa dell’arcivescovo emerito Desmond Tutu è nuovo capitolo del dolore nell’addio della nostra nazione a una generazione di sudafricani straordinari che ci hanno consegnato in eredità un Sudafrica liberato”, ha scritto il presidente sudafricano, Cyril Ramaphosa commentando la morte del Nobel per la Pace.

Ramaphosa lo definisce “patriota senza pari, leader di principi ma anche pragmatico che ha dato un vero significato alla dottrina biblica che la fede senza l’azione è morta”.
Anche “uomo di straordinario intelletto, integrità e irriducibile volontà”, dotato di “tenerezza e vulnerabilità nella sua compassione”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Desmond Tutu, ‘bussola morale’ del nuovo Sudafrica
Nobel contro l’apartheid, riconciliatore. Poi spina nel fianco
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
26 dicembre 2021
12:52
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Eroe non violento della lotta contro il regime segregazionista e vincitore del Nobel per la Pace nel 1984 prima, ideatore e protagonista del doloroso ma liberatorio processo di riconciliazione nazionale dopo la fine dell’apartheid, infine spina nel fianco dei potenti e delle storture della società multietnica: l’arcivescovo anglicano Desmond Tutu, morto a 90 anni, è stato definito la “bussola morale” del Sudafrica, Paese che ha perso così un’altra grande icona dopo Nelson Mandela e la sua controparte Frederick Willem de Clerk, che condivisero il Nobel per la Pace nel 1993.
Con Mandela Tutu operò in una sorta di ideale tandem nel forgiare la nuova nazione “arcobaleno” (il termine fu ideato proprio da lui), uscita dalle ceneri di un secolo di regime della minoranza bianca.

Lungi dall’accontentarsi del nuovo status quo, Desmond Tutu non ha mancato di fustigare lo stesso partito maggioritario dell’Africa multietnica, l’African National Congress (Anc), denunciandone la deriva nepotistica e la corruzione sotto il presidente Jacob Zuma. Non ha risparmiato neanche il presidente Mandela, bacchettandolo per le paghe eccessivamente generose di alcuni ministri e collaboratori. Ha criticato duramente l’omofobia presente nella società, nel potere come anche nella Chiesa anglicana.
Nato nel 1931 a Klerksdorp, nell’allora provincia del Transvaal, di etnia Tswana, Tutu fu ordinato sacerdote nel 1960 e divenne nel 1975 vescovo del Lesotho, poi dal 1978 segretario generale del Consiglio delle chiese del Sudafrica. In questi anni si distinse per le prediche, gli insegnamenti e le azioni nonviolente contro l’apartheid. Pur dichiarando di “comprendere le ragioni” per cui giovani neri potessero compiere azioni violente, condannò la violenza da entrambe le parti, sostenendo che la lotta armata avesse poche possibilità di vincere, e denunciò la connivenza di diverse nazioni Occidentali nei confronti del Sudafrica razzista. Promosse anche una petizione per la liberazione di Mandela. Dopo il Nobel per la Pace del 1984 fu eletto prima vescovo di Johannesburg e nel 1986 arcivescovo di Città del Capo.
Nel 1995, con Mandela presidente, per 30 mesi guidò la dolorosa fase che ha forgiato lo spirito di pacificazione, per quanto imperfetto, del Paese: il processo per la Verità e la Riconciliazione, che permise di esporre finalmente al mondo le atrocità confessate dai protagonisti grandi e piccoli della pluridecennale repressione operata dai bianchi, accordando loro il perdono giuridico e morale e consentendo ai carnefici di liberarsi le coscienze e alle vittime di elaborare il lutto.
Ritiratosi da ogni carica attiva nel 1996, dal 1997 Tutu ha dovuto fare i conti a più riprese con il cancro. Di recente ha anche preso posizione a favore della “morte compassionevole”: “Ho preparato la mia morte e voglio che sia chiaro che non voglio essere tenuto in vita a tutti i costi”, ha scritto in un editoriale del 2016 sul Washington Post. “Spero di essere trattato con compassione e che mi sia consentito di passare alla prossima fase del viaggio della vita nel modo che sceglierò”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Calano i contagi in Germania, 10.100 nelle ultime 24 ore
Ma l’istituto Koch teme Omicron: ‘A Natale meno tamponi’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
26 dicembre 2021
12:51
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Germania ha registrato 10.100 nuovi contagi di Covid-19 nelle ultime 24 ore, secondo i dati riportati dal Robert Koch Institute riportati dai media tedeschi.
I morti sono stati 88.
Una settimana fa i nuovi casi erano stati 29.384, mentre il 23 dicembre erano balzati di nuovo a 44.927.
La Germania ha introdotto dal 2 dicembre, quando i nuovi casi giornalieri erano oltre 74 mila, un lockdown per i non vaccinati. L’istituto Koch teme tuttavia la diffusione di Omicron e sottolinea che durante le vacanze vengono effettuati meno test e che è quindi probabile che emergano meno casi.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il Papa: “Preoccupato per l’inverno demografico, è una tragedia”
“Va contro le nostre famiglie, la nostra patria e il nostro futuro”
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
26 dicembre 2021
22:04
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Parlando delle famiglie mi viene una preoccupazione, una preoccupazione vera, almeno qui in Italia: l’inverno demografico”.
Così il Papa all’Angelus.
“Sembra che tanti abbiano perso l’illusione di andare avanti con figli e tante coppie preferiscono rimanere senza o con un figlio soltanto. Pensate a questo: è una tragedia. Alcuni minuti fa ho visto nel programma ‘A sua immagine’ come si parlava di questo problema grave, l’inverno demografico. Facciamo tutto il possibile per riprendere una coscienza per vincere questo inverno demografico, che va contro le nostre famiglie, contro la nostra patria, e anche contro il nostro futuro”.
“In questi giorni ho ricevuto messaggi augurali da Roma e da altre parti del mondo – ha detto papa Francesco al termine dell’Angelus -. Purtroppo non mi è possibile rispondere a tutti, ma prego per ognuno e ringrazio specialmente per le preghiere che tanti di voi hanno promesso di fare. Pregate per me, non dimenticatevi. Grazie tante”.
“Rinnovo l’augurio che la contemplazione del Bambino Gesù, cuore e centro delle festività natalizie, possa suscitare atteggiamenti di fraternità e di condivisione nelle famiglie e nella comunità”, ha detto papa Francesco. “E anche per festeggiare un po’ il Natale – ha aggiunto – farà bene fare una visita al presepe e ai 100 presepi che sono sotto il colonnato. Questo ci aiuterà anche”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: naufragio in Libia, 28 corpi trovati sulla spiaggia
Secondo la Mezzaluna Rossa, 3 i sopravvissuti
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TRIPOLI
27 dicembre 2021
08:59
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
I corpi di 28 migranti, trasportati dalle onde, sono stati ritrovati su una spiaggia della Libia, dopo che il barcone con il quale stavano cercando di attraversare il Mediterraneo è affondato: lo rende noto una fonte della mezzaluna Rossa libica, che dichiara che sono anche stati recuperati tre migranti sopravvissuti sulla spiaggia di Al-Alous.
a 90 km da Tripoli.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Gli Entronauti e la ricerca di Piero Scanziani
Dal 27 gennaio torna per Utopia
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
26 dicembre 2021
12:46
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PIERO SCANZIANI, ‘ENTRONAUTI’ IN USCITA DA UTOPIA EDITORE IL 27 GENNAIO In perenne viaggio tra l’Europa, l’America e l’Asia, alla fine degli anni sessanta un raffinato intellettuale è alla ricerca degli entronauti, neologismo coniato da Piero Scanziani per identificare i grandi mistici che consacrano le proprie vite all’indagine sui continenti interiori, fino a raggiungerli.
La sua prima destinazione è l’India, percorsa da Bombay a Calcutta, fino a Pondicherry, per un confronto con un Diogene e un Platone contemporanei.
Il secondo viaggio porta il protagonista nel continente americano, dove incontra i monaci laici della California, pensatori-scienziati, e i nudisti di Los Angeles, e analizza i segreti di un antico culto amerindo. Dopo gli Stati Uniti, dunque, la ricerca continua in Europa: prima a Londra, per incontrare Maggie McCann, maestra d’onnipotenza; poi a Parigi, dove vivono i Leroy, esperti nella dissociazione dell’anima dal corpo.
E così, di terra in terra, il protagonista affina la propria domanda esistenziale, in una sete di verità insaziabile. Si mette alla ricerca dei sufi, in Persia, ma non prima di aver assistito alla danza gaudiosa dei dervisci, penetrando nel segreto dell’islam; poi si trasferisce in Oriente, per studiare i principi di Buddha, i segreti delle arti marziali e i precetti di maestra Poo, anziana monaca buddista che gli rivela l’impermanenza dell’universo e della persona; infine, sul monte Athos, alla ricerca degli ultimi anacoreti cristiani.
Il viaggio nel mondo di un uomo oltre il mondo che, sublimato in letteratura con una lingua elegante e poetica, è valso a Scanziani due candidature al premio Nobel.
Piero Scanziani, autore di romanzi e saggi letterari, coltivò con successo la drammaturgia e la cinologia. Tra le sue opere, in corso di pubblicazione esclusiva presso Utopia, spiccano il saggio Avventura dell’uomo e i romanzi Libro bianco ed Entronauti. La lingua poetica delle sue indagini antropologiche, venate di spiritualità e trascendenza, gli valse presto la fama internazionale, coronata dall’assegnazione del premio Schiller.
Negli anni ottanta il filosofo Mircea Eliade sostenne per due volte la sua candidatura al premio Nobel per la letteratura. È morto a Mendrisio nel 2003.  SPETTACOLI MUSICA E CULTURA

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Omicron costringe a cancellare migliaia di voli, molti gli equipaggi in quarantena
In Germani contagi in calo: 10.100 nelle ultime 24 ore. Ma l’istituto Koch teme Omicron: ‘A Natale meno tamponi’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
26 dicembre 2021
20:26
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Migliaia di voli cancellati
Più di settemila voli cancellati nel weekend di Natale, migliaia di altri in ritardo, con gli aeroporti nel caos dagli Stati Uniti alla Cina.
La variante Omicron che ha messo in ginocchio il mondo, spingendo il record di contagi di Covid-19 dall’Europa a New York, ha costretto a rimanere a terra decine di migliaia di viaggiatori, assestando un nuovo colpo al settore turistico, anche in vista del Capodanno.
Perché difficilmente la situazione migliorerà a breve, visto che all’origine di molte cancellazioni c’è la quarantena cui è costretto il personale di volo e quello di terra di molte compagnie perché positivo o è stato in contatto con colleghi positivi.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Secondo il sito specializzato Flightaware, oltre cinquemila voli sono stati cancellati tra la vigilia e il giorno di Natale, più di un quarto dei quali negli Usa – Delta, United e JetBlue le compagnie più colpite -, dove si è registrato il picco di 184mila casi da gennaio. Anche il 26 oltre 2.200 collegamenti sono saltati in tutto il mondo. In grave difficoltà pure i vettori di Pechino, con la China Eastern che ha lasciato a terra 390 voli, mentre lo scalo più colpito è quello di Xi’an, la metropoli in cui 13 milioni di persone sono state messe in lockdown dopo un focolaio di alcune decine di casi.

La Germania ha registrato 10.100 nuovi contagi di Covid-19 nelle ultime 24 ore, secondo i dati riportati dal Robert Koch Institute riportati dai media tedeschi. I morti sono stati 88. Una settimana fa i nuovi casi erano stati 29.384, mentre il 23 dicembre erano balzati di nuovo a 44.927.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Germania ha introdotto dal 2 dicembre, quando i nuovi casi giornalieri erano oltre 74 mila, un lockdown per i non vaccinati. L’istituto Koch teme tuttavia la diffusione di Omicron e sottolinea che durante le vacanze vengono effettuati meno test e che è quindi probabile che emergano meno casi.
Un primo caso di contagio dalla variante Omicron del coronavirus si è registrato in Macedonia del Nord. Nel darne notizia, i media regionali riferiscono che si tratta di una persona tornata dalla Gran Bretagna, che accusa sintomi lievi ed è in isolamento a casa. Era guarito dal Covid-19 lo scorso gennaio, e successivamente gli erano state somministrate due dosi di vaccino Pfizer-BioNTech.
In crescita in Israele tutti gli indici della pandemia che, secondo alcuni esperti, sono destinati a salire ulteriormente nelle prossime settimane per effetto della variante Omicron. Nelle ultime 24 ore le nuove infezioni – in quella che oramai è chiamata la quinta ondata – sono state 760 con un tasso, per la prima volta dall’inizio di ottobre, sopra il 2% (2.07%) a fronte di oltre 40 mila test. In crescita anche il Fattore R arrivato a 1.41, così come i malati gravi che sono ora 98 (oltre l’80% non sono vaccinati) con 5 decessi nell’ultima settimana. Finora i casi di Omicron accertati sono 1.118, una buona fetta riguardano persone tornate dall’estero. Su altri 800 casi circa sospetti si sta indagando Nel tentativo di ridurre la corsa della pandemia il governo di Naftali Bennett ha varato ulteriori restrizioni, a partire dall’accesso ai centri commerciali e anche nelle scuole.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Una prima infezione di variante Omicron è stata rilevata nella Striscia di Gaza e desta forte preoccupazione nelle autorità sanitarie locali. Lo ha reso noto il ministero della sanità di Gaza, precisando che la persona infetta è residente nella Striscia. L’origine del contagio non è nota. Secondo fonti locali, potrebbe essere collegata al transito quotidiano di migliaia di manovali palestinesi fra Gaza e Israele, oppure al traffico di persone al valico di Rafah con l’Egitto. Secondo i dati aggiornati del ministero della sanità, ieri nella striscia di Gaza (2 milioni di abitanti) si sono avuti 20 contagi di Covid e quattro decessi. I malati attivi sono al momento 1.585. I ricoverati in ospedale sono 60 e di questi 44 versano in condizioni gravi. Il ministero della sanità di Gaza ha intanto lamentato la insufficienza di apparecchiature e di altri mezzi necessari a combattere la pandemia, “anche a causa – ha precisato – di limitazioni imposte da Israele”.
Le autorità dell’Oman consentiranno l’ingresso nel Paese solo ai vaccinati contro il Covid con almeno due dosi. La norma vale solo per i maggiorenni. Lo rende noto l’agenzia di stampa di Stato citata dal Guardian. Allo stesso tempo, il sultanato ha cancellato la sospensione degli arrivi da 8 Paesi africani: Sudafrica, Namibia, Botswana, Zimbabwe, Lesotho, Eswatini e Mozambico.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Omicron: studio, a Londra positivo 1 su 10
In tutta l’Inghilterra contagiata una persona su 35
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
26 dicembre 2021
15:00
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Una persona su 10 a Londra è stata infettata dal Covid-19, in particolare dalla nuova variante Omicron.
Lo indicano le ultime proiezioni dell’Ufficio nazionale di statistica, secondo cui una media del 9,5% dei londinesi avrebbe contratto il coronavirus.

Secondo la stessa fonte, tra il 13 e il 19 dicembre una persona su 35 in tutta l’Inghilterra ha avuto il Covid, rispetto alla stima di una su 45 nella settimana fino al 16 dicembre.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Brexit un anno dopo bocciata da oltre 6 elettori su 10
Anche per il 42% dei Leaver è andata male o peggio del previsto
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
26 dicembre 2021
15:11
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Un anno dopo l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea, più di 6 elettori britannici su 10 ritengono che la Brexit sia andata male o peggio di quanto avessero previsto.
E’ quanto emerge da un sondaggio pubblicato dall’Observer.

Il sondaggio Opinium – rivelato una settimana dopo le dimissioni del ministro per la Brexit del governo Johnson, David Frost – indica anche che il 42% di coloro che nel 2016 votarono Leave hanno oggi una visione negativa di come sia andata la Brexit finora. Tra gli elettori del Remain, che al contrario volevano restare nell’Ue, l’86% ha dichiarato che le cose sono andate male o peggio del previsto. Solo il 14% di tutto l’elettorato ritiene che la Brexit sia andata meglio di quanto ci si aspettasse.
Il dato più sorprendente, ha spiegato Adam Drummond di Opinion, è che i Leaver sono ora più esitanti rispetto ai benefici della Brexit rispetto a quanto ritenessero in precedenza. “Durante il processo della Brexit, ogni volta che si poneva la domanda ‘la Brexit è bene o male?’, tutti i Remainer rispondevano ‘male’ e tutti i Leaver rispondevano ‘bene’, di fatto annullandosi a vicenda”. Adesso, invece, è aumentata la percentuale di chi ha votato per lasciare l’Ue che ritiene che sia andata male o almeno peggio del previsto. Solo il 17% dei Leaver risponde: “Mi aspettavo che andasse bene e così è stato”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Israele, ‘raddoppiamo la popolazione ebraica sul Golan’
Bennett: ‘Colto il momento offerto da Usa e da crisi in Siria’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEL AVIV
26 dicembre 2021
15:30
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il governo israeliano ha deciso di raddoppiare la popolazione ebraica del Golan e di stanziare a questo fine un miliardo di shekel (circa 285 milioni di euro): lo ha annunciato oggi il premier Naftali Bennett in una seduta straordinaria del consiglio dei ministri tenuta nel kibbutz Mevo Hama (Golan).
“Abbiamo deciso di cogliere il momento”, ha detto.

Dopo aver ricordato il riconoscimento degli Usa della sovranità israeliana sul Golan e i dieci anni di guerra civile in Siria, “ogni persona comprende ormai – secondo Bennett – che occorre preferire alture tranquille, verdi e prosperose sotto Israele che non ogni altra alternativa”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Figlia contagiata dal Covid, il premier israeliano in isolamento
Bennett ha dovuto lasciare anzitempo il Consiglio dei ministri
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEL AVIV
26 dicembre 2021
15:30
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il premier Naftali Bennett è stato costretto oggi a lasciare anzitempo la riunione del Consiglio dei ministri (tenuta in via straordinaria a Mevò Hama, sulle alture del Golan) dopo aver appreso che una delle sue due figlie è stata contagiata dal Covid.
Il primo ministro, riferiscono i media, si è sottoposto ad un tampone molecolare e fino al ricevimento dei risultati resterà in isolamento nella propria residenza, ma separato dalla figlia.
La seduta del governo, aggiungono i media, è proseguita sotto la direzione del ministro della Giustizia Gideon Saar.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Fauci, nuovi casi aumenteranno in Usa, bene Trump
L’esperto si augura che il tycoon continui a difendere i vaccini
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
27 dicembre 2021
07:42
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“La scorsa settimana ci sono stati in media 150.000 nuovi casi di Covid al giorno negli Stati Uniti ma il numero salirà di molto”.
Lo afferma Anthony Fauci, il super esperto americano in malattie infettive e consigliere di Joe Biden per il Covid in un’intervista a Abc.

Fauci si augura che l’ex presidente Donald Trump continui a incoraggiare le vaccinazioni come ha fatto di recente. “E’ sicuro. Chi lo fa non muore. Coloro che si ammalano gravemente e finiscono in ospedale sono i non vaccinati. Ma è una loro scelta. Chi si vaccina è protetto”, aveva detto il tycoon nei giorni scorsi.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Pil mondiale da 100.000 miliardi nel 2022, è la prima volta
Studio del Cebr: ‘Cina batte Usa nel 2030, rischio inflazione’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
26 dicembre 2021
15:34
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’economia mondiale supererà i 100.000 miliardi di dollari per la prima volta nel 2022 e alla Cina serviranno due anni in più, fino al 2030, per superare gli Stati Uniti e affermarsi come la maggiore economia al mondo.
E’ quanto emerge da uno studio del Centre for Economics and Business Research riportato dai media americani, secondo il quale l’India dovrebbe superare la Francia il prossimo anno e la Gran Bretagna nel 2023 per diventare la sesta economia al mondo.

Lo studio osserva come il pil mondiale è sostenuto dalla ripresa dalla pandemia, ma avverte che l’inflaizone resta una minaccia e potrebbe far scivolare le economie in recessione nel 2023 o 2024.   ECONOMIA

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Tutu: Obama, era un mentore e un amico con grande umorismo
‘Cercava il lato umano negli avversari, ci mancherà molto’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
26 dicembre 2021
15:36
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Desmond Tutu era un mentore, un amico e una bussola morale per me e per molti altri.
Spirito universale, Tutu si è battuto per la liberazione e la giustizia nel suo Paese, ma era anche preoccupato per l’ingiustizia altrove.
Non ha mai perso il suo senso dell’umorismo e la sua volontà di cercare un lato umano nei suoi avversari. A me e Michelle mancherà molto”. Lo afferma Barack Obama in merito alla morte dell’arcivescovo Desmond Tutu.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Pil mondiale da 100.000 miliardi nel 2022, è la prima volta
Studio del Cebr: ‘Cina batte Usa nel 2030, rischio inflazione’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
26 dicembre 2021
15:34
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’economia mondiale supererà i 100.000 miliardi di dollari per la prima volta nel 2022 e alla Cina serviranno due anni in più, fino al 2030, per superare gli Stati Uniti e affermarsi come la maggiore economia al mondo.
E’ quanto emerge da uno studio del Centre for Economics and Business Research riportato dai media americani, secondo il quale l’India dovrebbe superare la Francia il prossimo anno e la Gran Bretagna nel 2023 per diventare la sesta economia al mondo.

Lo studio osserva come il pil mondiale è sostenuto dalla ripresa dalla pandemia, ma avverte che l’inflaizone resta una minaccia e potrebbe far scivolare le economie in recessione nel 2023 o 2024.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Grecia: morto l’ex presidente Papoulias
Capo di Stato dal 2005 al 2015, nel pieno della crisi economica
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
ATENE
26 dicembre 2021
15:39
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Con tristezza, diamo il nostro ultimo saluto al presidente Karolos Papoulias, ringraziandolo per la sua vigorosa difesa della coesione sociale e dell’unità nazionale”.
Così la presidente greca Katerina Sakellaropoulou, in un comunicato di cordoglio, annuncia la morte dell’ex capo dello Stato, che aveva 92 anni.
Eletto nel 2005, guidò il Paese nel pieno della crisi economica nata nel 2008 e ottenne un secondo mandato di cinque anni nel 2010.
Membro fondatore del Movimento Panellenico Socialista (Pasok), dal 1974 in poi Papoulias venne eletto membro del Comitato Centrale in tutti i congressi del Pasok. Papoulias, oltre ad essere stato un grande collaboratore del defunto premier socialista Andreas Papandreou, fu anche un suo grande amico, stretto collaboratore e confidente.   POLITICA

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Covid: India, a gennaio vaccini dai 15 anni e dose booster
Modi annuncia le misure anti Omicron. Oltre 1,4 mld di dosi
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW DELHI
26 dicembre 2021
15:56
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’India aprirà dal 3 gennaio la vaccinazione anti-Covid 19 ai ragazzi dai 15 anni di età e avvierà la somministrazione della dose detta “booster” a lavoratori in prima linea e ai “fragili”: è il “regalo di Natale”, annunciato ieri sera in un discorso alla nazione dal premier Narendra Modi.

“Ce lo hanno consigliato gli esperti, dopo avere esaminato i risultati dei nostri 11 mesi di vaccinazione”, ha detto il primo ministro nel suo intervento, trasmesso a reti unificate.
“La variante Omicron preoccupa il mondo intero: non dobbiamo farci prendere dal panico, ma abbiamo il dovere di essere cauti e molto attenti. Tutti gli operatori sanitari, chiunque lavori a contatto col pubblico, e i cittadini di oltre 60 anni con problemi di salute potranno ricevere la terza dose booster, che sarà disponibile dal 10 gennaio”.
L’India, con un ingente sforzo organizzativo, ha sinora somministrato un miliardo 400 milioni di vaccini: il 90 per cento degli indiani maggiorenni ha avuto la prima dose, il 60 per cento anche la seconda. Il Paese ha utilizzato soprattutto vaccini “indigeni”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Gorbaciov 30 anni dopo la fine dell’Urss, ‘giorni bui’
‘L’Unione si sarebbe potuta salvare, ma ormai era troppo tardi’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
27 dicembre 2021
09:16
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Se fosse stata riformata in tempo, l’Unione Sovietica sarebbe potuta sopravvivere come Unione di Stati sovrani, ma ormai era troppo tardi.
E’ la riflessione consegnata alla Tass dall’ultimo presidente dell’Urss Mikhail Gorbaciov nel trentesimo anniversario della dissoluzione dell’impero sovietico.
Gorbaciov si dimise da presidente dell’Urss il 25 dicembre del 1991.
La bandiera rossa sopra il Cremlino fu ammainata e sostituita con il tricolore russo. L’Unione Sovietica cessò di esistere lo stesso giorno, anche se formalmente si dissolse il 26 dicembre per ordine del Soviet Supremo. “Furono giorni bui per l’Unione Sovietica, per la Russia e anche per me. Ma non avevo il diritto di agire diversamente”, ricorda ora Gorbaciov, che spiega anche perché non usò mai la forza per tentare di tenere insieme l’impero: “In primo luogo perché avrei smesso di essere me stesso. E poi una decisione del genere avrebbe innescato una guerra civile gravissima e dalle conseguenze imprevedibili. Ero certo che questo scenario dovesse essere evitato a tutti i costi”.
“È certo comunque – continua Gorbaciov – che il Paese sarebbe potuto sopravvivere anche dopo il tentativo di colpo di stato dell’agosto 1991 come Unione di Stati sovrani. Ma fin dall’inizio abbiamo sottovalutato la portata e la profondità dei problemi nelle relazioni interetniche e nei rapporti tra il centro e le repubbliche. Ci è voluto troppo tempo per capire che l’Unione aveva bisogno di rinnovamento”.
Gorbaciov spiega che in quei giorni confusi l’obiettivo delle autorità sovietiche era “preservare l’Unione e creare una vera federazione con reale sovranità per le repubbliche, che avrebbero delegato parte dei loro poteri al centro. Sicurezza, difesa, rete dei trasporti, moneta e diritti umani dovevano rimanere nelle mani delle autorità centrali in base alla bozza del trattato della nuova Unione. Sono certo che fosse un’opzione praticabile e che la maggior parte delle repubbliche l’avrebbe sostenuta, ma il tentato golpe travolse questa possibilità”.
“Anche dopo il colpo di stato comunque, quando le repubbliche proclamarono la loro indipendenza e i poteri del Cremlino furono gravemente indeboliti, ero convinto che l’Unione potesse essere preservata. Per questo proposi l’Unione di Stati sovrani”, dice Gorbaciov, ribadendo che un soggetto del genere sarebbe diventato una confederazione con le repubbliche costituenti che avrebbero goduto di poteri ancora più ampi. “Per prima cosa, sarebbero diventati membri delle Nazioni Unite, mentre l’Unione avrebbe mantenuto il seggio nel Consiglio di sicurezza. Le forze armate e le armi nucleari sarebbero rimaste sotto un unico comando. Sono certo che sarebbe stato molto meglio di quello che è seguito al crollo dell’Unione Sovietica”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Israele, ‘raddoppiamo la popolazione ebraica sul Golan’
Bennett: ‘Colto il momento offerto da Usa e da crisi in Siria’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEL AVIV
26 dicembre 2021
16:58
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il governo israeliano ha deciso di raddoppiare la popolazione ebraica del Golan e di stanziare a questo fine un miliardo di shekel (circa 285 milioni di euro): lo ha annunciato oggi il premier Naftali Bennett in una seduta straordinaria del consiglio dei ministri tenuta nel kibbutz Mevo Hama (Golan).
“Abbiamo deciso di cogliere il momento”, ha detto.

Dopo aver ricordato il riconoscimento degli Usa della sovranità israeliana sul Golan e i dieci anni di guerra civile in Siria, “ogni persona comprende ormai – secondo Bennett – che occorre preferire alture tranquille, verdi e prosperose sotto Israele che non ogni altra alternativa”.

Bennett ha precisato che la città israeliana di Katzrin (7.000 abitanti) sarà estesa con due nuovi quartieri. Inoltre saranno creati due nuovi insediamenti ebraici: Assif e Meitar. Oggi sulle alture del Golan risiedono circa 25 mila israeliani ed altrettanti drusi di origine siriana. Dal 1981, quando Israele ha esteso la propria legislazione al Golan, essi hanno diritto a richiedere carte di identità israeliane. Il premier ha aggiunto che una delle circostanze che hanno influito sulla decisione odierna è legata anche alla crisi del Covid “che ha mostrato a molti israeliani che non è obbligatorio vivere nel centro del Paese e che è possibile anche lavorare da casa”. A costoro il governo offrirà infrastrutture adeguate. Il premier ha notato infine con compiacimento che la decisione di estendere gli insediamenti sul Golan è stata approvata tanto dai ministri di destra quanto da quelli di sinistra.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Cina: via il capo del partito in Xinjang, era in black list Usa
Chen Quanguo accusato di aver guidato repressione degli uiguri
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PECHINO
26 dicembre 2021
19:18
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il partito comunista cinese (Pcc) ha nominato un nuovo responsabile nella regione nordoccidentale dello Xinjiang, sostituendo Chen Quanguo, il suo uomo forte finito nella black list delle sanzioni Usa per le accuse di repressione nei confronti della minoranza musulmana degli uguiri.
Lo ha riferito l’agenzia di stampa statale Xinhua, senza fornire motivazioni ufficiali per la decisione.
L’annuncio giunge a pochi giorni dalle nuove sanzioni di Washington contro società cinesi accusate di aver contribuito alle violazioni dei diritti umani in Xinjiang.
Ex militare, il 66enne Chen Quanguo era il massimo dirigente comunista nella regione dall’agosto 2016, dopo essere stato per cinque anni segretario del Partito in Tibet. Nel 2017 era stato nominato anche tra i 25 membri dell’Ufficio politico del Pcc, il massimo organo politico cinese. Sotto la sua guida, denunciano i Paesi occidentali e numerose ong, sono stati creati e potenziati campi di rieducazione forzata per gli uiguri, dove sono stati internati centinaia di migliaia di esponenti della minoranza.
Pechino afferma invece che si tratta di strutture mirate a contrastare la radicalizzazione. Il regime è inoltre accusato di portare avanti una politica per modificare gli equilibri etnici nello Xinjiang.
Come nuovo responsabile cinese nella regione è stato nominato Ma Xingrui, che dirigeva la provincia meridionale del Guangdong.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Usa: Kamala Harris, 2024? Non ho il lusso di poterci pensare
‘Una delle priorità del 2022 è combattere l’inflazione’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
26 dicembre 2021
19:21
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Non ho il lusso di poter pensare” alle elezioni del 2024: “ho molte cose da fare ora”.
Lo afferma la vicepresidente Kamala Harris in un’intervista a Cbs, sottolineando che una delle priorità per il 2022 è combattere l’inflazione.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Falkland-Malvine: Argentina critica saluto Johnson a isole
Buenos Aires ne rivendica la sovranità basata su risoluzioni Onu
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BUENOS AIRES
26 dicembre 2021
19:57
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’Argentina ha reagito vivacemente al messaggio inviato alla vigilia di Natale dal primo ministro britannico Boris Johnson agli abitanti delle isole Falkland (denominate Malvinas da Buenos Aires) in cui ha sostenuto che “perfino la Federazione internazionale di Tennis da tavolo, di fronte alle proteste di alcuni settori, ha confermato recentemente di considerare i giocatori delle Falkland come britannici”.

Il sottosegretario agli Esteri per Malvine, Antartide e Atlantico meridionale, Guillermo Carmona, ha risposto via Twitter, riferisce l’agenzia di stampa Telam, che “quando mancano argomenti convincenti, compaiono quelli ingannevoli: nelle organizzazioni internazionali il colonialismo britannico perde sempre con ampio margine”, come hanno dimostrato le risoluzioni di Onu, Osa e del Tribunale internazionale di giustizia.

“Quando mancano le ragioni – ha insistito – compare la retorica militarista: vantarsi di una vittoria armata (la Guerra che si svolse fra il 2 aprile e il 14 giugno 1982, vinta da Londra, ndr.) che il diritto internazionale non riconosce come titolo di sovranità, e non fa che riaprire le ferite della guerra e ignora 48 anni di democrazia argentina”.
Nel suo messaggio natalizio Johnson ha accennato anche all’anno 2022, che segnerà i 40 anni di quella guerra, affermando che “sarà un anno in cui tutti potremo ricordare debitamente l’anniversario dell’invasione, occupazione e liberazione delle nostre isole”.
Carmona ha infine sostenuto che “questa è la prova, contrariamente a quanto spesso si tenta di far credere, che i discorsi guerrafondai e la retorica ostile non provengono dallo Stato che subisce l’occupazione (delle isole) ma dalla potenza occupante”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid, 60 navi da crociera sotto osservazione autorità Usa
Dopo alcuni casi registrati a bordo
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
27 dicembre 2021
02:27
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Le autorità sanitarie americane stanno monitorando 60 navi da crociera in seguito ad alcuni casi di Covid registrati a bordo.
Lo afferma il Centers for Disease Control and Prevention.

Nei giorni scorsi 55 persone sono risultate positive al Covid a bordo di una nave da crociera Royal Carribean partita dalla Florida. I contagiati sulla Odyssey of the Seas erano stati fra i passeggeri e fra l’equipaggio, anche se il 95% di coloro che sono a bordo sono completamente vaccinati.
Le isola caraibiche di Curaçao e Aruba, nelle Antille olandesi, avevano vietato l’attracco.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Omicron, quasi 8.000 i voli cancellati nel week end
In aumento contagi tra piloti ed equipaggi
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
27 dicembre 2021
02:33
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Circa 7.900 voli sono stati cancellati dalle compagnie aeree di tutto il mondo durante il fine settimana di Natale, con la variante Omicron di Covid-19 che ha continuato la sua ascesa fulminea durante le vacanze, anche tra gli assistenti di volo, contaminati o esposti al virus.
L’Europa è attualmente la regione con il maggior numero di casi al mondo, con 3.022.868 casi negli ultimi sette giorni o il 57% del totale globale, nonché il maggior numero di decessi, seguita dall’area che comprende Stati Uniti e Canada (1.421.516 casi) .
La Francia ha varcato in particolare la soglia dei 100.000 nuovi casi di Covid-19 in 24 ore sabato, il giorno di Natale, un record assoluto nel Paese.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Tokyo apre in lieve ribasso (-0,07%)
Timori persistenti legati alla variante omicron
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
27 dicembre 2021
03:02
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Tokyo ha aperto leggermente in ribasso la prima seduta dopo Natale, con timori persistenti legati alla diffusione della variante omicron.

L’indice di riferimento Nikkei 225 è sceso dello 0,07 percento, o 21,37 punti, a 28.761,22 nei primi scambi, mentre l’indice Topix, più ampio, è sceso dello 0,12 percento, o 2,39 punti, a 1.984,39.
l dollaro ha raggiunto 114,36 yen nei primi scambi asiatici, quasi invariato rispetto ai 114,38 yen di New York venerdì.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Brasile: forti piogge, 18 morti e 58 località inondate
Salito a 35 mila il numero degli sfollati
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
SALVADOR
27 dicembre 2021
05:41
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
E’ salito a 18 morti il bilancio delle alluvioni provocate da piogge torrenziali in Brasile, dove 58 Comuni sono in emergenza e 35 mila persone hanno dovuto lasciare le proprie case.

L’ultima vittima è un uomo di 60 anni annegato in un fiume nel comune meridionale di Aurelino Leal.
Oltre a questi 18 morti, si contano due dispersi, 19.580 sfollati e 16.001 in cerca di un rifugio, che portano a circa 35.000 il numero delle persone che hanno lasciato le proprie case, secondo la Protezione Civile di Bahia. Nel frattempo, 286 persone sono rimaste ferite a novembre per il maltempo. In totale, le persone in qualche modo toccate dalle eccezionali condizioni meteo sono 430.869.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Somalia, presidente Farmajo sospende il premier Roble
Sullo sfondo un conflitto sullo svolgimento delle elezioni
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MOGADISCIO
27 dicembre 2021
07:06
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente somalo Mohamed Abdullahi Mohamed, detto Farmajo, ha annunciato che sospenderà il primo ministro Mohamed Hussein Roble, una decisione legata a una disputa sulle elezioni più volte rimandate nel travagliato Paese del Corno d’Africa.

“Il presidente ha deciso di sospendere il primo ministro Mohamed Hussein Roble e porre fine ai suoi poteri a seguito di accuse di corruzione”, ha affermato l’ufficio del presidente in una nota, accusando il primo ministro di avere interferito in un’indagine su una compravendita di terreni.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Birmania: processo Suu Kyi, verdetto rinviato al 10 gennaio
Era atteso per oggi
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
YANGON
27 dicembre 2021
07:26
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato rinviato al 10 gennaio prossimo il verdetto atteso per oggi al processo all’ex leader birmana e Nobel per la pace Aung San Suu Kyi, accusata di importazione illegale e possesso di walkie-talkie e per violazione delle restrizioni Covid: lo si apprende da una fonte vicina al caso.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato rinviato al 10 gennaio prossimo il verdetto atteso per oggi al processo all’ex leader birmana e Nobel per la pace Aung San Suu Kyi, accusata di importazione illegale e possesso di walkie-talkie e per violazione delle restrizioni Covid: lo si apprende da una fonte vicina al caso.
Monta intanto la rabbia sui social media dopo il massacro della vigilia di Natale in Birmania per il quale sono accusati i militari della giunta al potere.
Tra le decine di vittime, scrive il Guardian, ci sono anche donne e bambini.
Le truppe del governo del Myanmar avrebbero radunato e ucciso a colpi di arma da fuoco almeno 38 abitanti della cittadina di Hpruso, secondo una ong e altri media.
Le foto della strage sono state diffuse sul web suscitando indignazione contro i militari, che hanno preso il controllo dello Stato a febbraio. Un testimone ha raccontato che le vittime stavano cercando di fuggire dai combattimenti tra l’esercito e i gruppi di resistenza armata nella zona. Due lavoratori di Save the Children rimangono dispersi, con la conferma che il loro veicolo privato è stato attaccato e dato alle fiamme.
“Secondo quanto riferito – ha affermato la ong – i militari hanno costretto le persone a scendere dalle loro auto, ne hanno arrestato alcune, ne hanno ucciso altre e hanno bruciato i loro corpi”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid, positivo il cantante brasiliano Caetano Veloso
Lo ha annunciato sui social lo stesso cantante, di 79 anni, aggiungendo di stare “bene” grazie al vaccino
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
27 dicembre 2021
08:51
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Caetano Veloso, leggenda vivente della musica brasiliana, è risultato positivo al Covid-19: lo ha annunciato sui social lo stesso cantante, di 79 anni, aggiungendo di stare “bene” grazie al vaccino.
“Dopo una settimana di risultati negativi ai test giornalieri richiesti dalle produzioni di programmi televisivi, Paulinha (Lavigne, sua moglie, ndr) ed io siamo risultati positivi al Covid-19”, ha scritto il musicista su twitter da Bahia, la sua regione d’origine, dove si trova da cinque giorni.
“Stiamo bene e lo attribuiamo al fatto di essere vaccinati”, ha aggiunto Caetano Veloso, che ha ricevuto la sua terza dose in ottobre a Rio de Janeiro, dove risiede. “Chi può deve fare il test.
E soprattutto completare il ciclo vaccinale – ha detto -. La pandemia non è finita e la nuova variante è molto contagiosa”, ha aggiunto, senza specificare se il contagio sia dovuto alla variante Omicron.
“Caetano”, recente vincitore insieme al figlio Tom Veloso di un Grammy Latino per la registrazione dell’anno con la canzone “Talvez”, ha criticato anche il presidente Jair Bolsonaro, di cui è un oppositore. “E’ inaccettabile che il governo federale ostacoli il programma approvato dall’Anvisa per la vaccinazione dei bambini”, ha scritto, riferendosi alla vaccinazione dei bambini tra i 5 e gli 11 anni approvata dall’agenzia sanitaria brasiliana (Anvisa) e che il governo ha voluto limitare ai casi in cui vi è prescrizione medica. “Possa lo Stato brasiliano liberarsi da questo governo”, ha concluso il musicista, uno dei leader del “tropicalismo”, un movimento libertario che ha rivoluzionato la musica brasiliana negli anni ’60.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Corea Sud approva pillola antivirale Paxlovid
Casi sotto quota 5.000 per la prima volta in 20 giorni
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
27 dicembre 2021
08:30
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Corea del Sud ha approvato oggi l’uso di emergenza della pillola antivirale Paxlovid contro il Covid: lo riporta l’agenzia di stampa Yonhap, che cita il ministero della sicurezza degli alimenti e dei farmaci.

Il ministero ha fatto valutare la sicurezza e l’efficacia della pillola da un gruppo di esperti ed ha concluso che il farmaco prodotto dalla Pfizer è necessario per far fronte all’attuale crisi sanitaria.
Secondo gli esperti, infatti, la Paxlovid riduce notevolmente le probabilità di ricovero in ospedale o di morte nei pazienti ad alto rischio.
La Yonap riporta inoltre che i casi di contagio da Covid nel Paese sono scesi nelle ultime 24 ore sotto quota 5.000 per la prima volta in 20 giorni.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Filippine: tifone Rai, il bilancio dei morti sale a 388
I dispersi sono 60, il governo mette in guardia contro il rischio malattie
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MANILA
27 dicembre 2021
11:25
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
E’ salito ad almeno 388 morti il bilancio del tifone Rai che ha colpito le regioni centro-meridionali delle Filippine il 16 e il 17 dicembre scorsi: lo ha reso noto oggi la Protezione Civile del Paese, sottolineando che ad oggi i dispersi sono 60.
Attualmente, hanno precisato le autorità, oltre quattro milioni di abitanti in 430 città ricevono aiuti a causa del tifone, che ha distrutto o danneggiato circa 482mila abitazioni.
Il governo ha inoltre messo in guardia contro il rischio di malattie nelle zone colpite legato alle precarie condizioni igienico sanitarie: finora almeno 140 persone si sono ammalate a causa di una sospetta contaminazione dell’acqua potabile.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Morta Sarah Weddington, la legale di ‘Jane Roe’ per l’aborto
A soli 26 anni l’avvocato icona presentò il caso alla Corte Suprema e vinse
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
27 dicembre 2021
22:07
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Sarah Weddington, avvocato icona per aver rappresentato ‘Jane Roe’ Norma McCorvey nel caso Roe v. Wade alla Corte Suprema, con il quale i saggi legalizzarono l’aborto negli Stati Uniti, è morta all’età di 76 anni.
Lo riportano i media americani citando come fonte alcuni studenti di Weddington.
A soli 26 anni Weddintgon presentò il caso di McCorvey ai saggi americani. Le due si incontrarono nel 1970, quando McCorvey era incinta e voleva abortire. Nel presentare il caso Weddington cercò di mantenere l’anonimato di McCorvey chiamandola Jane Roe. Nel 1973 la Corte Suprema, con una maggioranza di sette a due, legalizzò l’aborto negli Stati Uniti.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Somalia, il presidente Farmajo sospende il premier Roble
Sullo sfondo un conflitto sullo svolgimento delle elezioni
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MOGADISCIO
27 dicembre 2021
10:33
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente somalo Mohamed Abdullahi Mohamed, detto Farmajo, ha annunciato che sospenderà il primo ministro Mohamed Hussein Roble, una decisione legata a una disputa sulle elezioni più volte rimandate nel travagliato Paese del Corno d’Africa. “Il presidente ha deciso di sospendere il primo ministro Mohamed Hussein Roble e porre fine ai suoi poteri a seguito di accuse di corruzione”, ha affermato l’ufficio del presidente in una nota, accusando il primo ministro di avere interferito in un’indagine su una compravendita di terreni.
I rapporti tra il presidente e Roble sono da tempo difficili e gli ultimi sviluppi sollevano nuovi timori per la stabilità di un Paese che da mesi cerca invano di tenere le elezioni.
Ieri il primo ministro aveva accusato il presidente di sabotare il processo elettorale, dopo che Farmajo gli aveva ritirato il mandato per organizzare le elezioni e aveva chiesto la creazione di un nuovo comitato per “correggere” le carenze del premier.
Roble, che non ha ancora commentato l’annuncio di sospensione odierno, ritiene che Farmajo non voglia tenere “elezioni credibili in questo Paese”. A sua volta, il presidente ha accusato il premier di avere tentato di influenzare un’inchiesta su uno scandalo legato a terreni di proprietà dell’Esercito dopo che quest’ultimo ha licenziato il ministro della Difesa e lo ha sostituito ieri.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Omicron: Iran, stop a ingressi da 4 Paesi europei
Regno Unito, Francia, Danimarca e Norvegia. Per due settimane
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEHERAN
27 dicembre 2021
10:04
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’Iran ha vietato ai viaggiatori provenienti da Regno Unito, Francia, Danimarca e Norvegia di entrare nel Paese per due settimane nel tentativo di frenare la diffusione della variante Omicron del coronavirus nel Paese: lo ha reso noto la notte scorsa la tv di Stato, aggiungendo che sono state anche chiuse le frontiere con la vicina Turchia.

Inoltre, “il precedente divieto per i viaggiatori provenienti dal Sudafrica e da sette Paesi vicini, fissato lo scorso novembre, è stato prorogato di altre due settimane”.

Ieri l’Iran ha registrato 1.857 nuovi contagi – di cui 14 di Omicron – e 52 morti. Le ultime cinque ondate di Covid nel Paese hanno provocato 131.400 decessi. Circa 51,3 milioni di persone su 84 milioni di abitanti in Iran hanno ricevuto entrambe le dosi del vaccino.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Clima, Ong: nel 2021 calamità per oltre 170 mld di dollari
Cifra record che riflette il crescente impatto del riscaldamento globale, secondo l’organizzazione Christian Aid
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
27 dicembre 2021
13:51
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
I dieci peggiori disastri meteorologici del 2021 hanno causato in totale danni per 170 miliardi di dollari, una cifra in aumento rispetto al 2020 e che riflette il crescente impatto del riscaldamento globale, secondo Christian Aid, una Ong britannica. Le calamità hanno anche causato almeno 1.075 vittime e oltre 1,3 milioni di sfollati.
L’anno scorso, l’ammontare del danno economico dei 10 eventi meteorologici più costosi era stato calcolato in quasi 150 miliardi di dollari dalla Ong, la quale sottolinea che la maggior parte delle stime “si basano esclusivamente sui danni assicurati, il che suggerisce costi reali ancora più elevati”.
Questa classificazione economica considera poi i disastri avvenuti nei Paesi ricchi, con infrastrutture più sviluppate e meglio assicurate, ma l’Ong ricorda che “alcuni degli eventi meteorologici estremi più devastanti del 2021 hanno colpito i Paesi poveri, che hanno contribuito poco alle cause del cambiamento climatico” e dove la maggior parte dei danni non è assicurata.
In Sud Sudan le inondazioni, il cui costo economico non è stato quantificato, hanno colpito circa 800.000 persone, ricorda ad esempio Christian Aid.
Il disastro più costoso è stato la tempesta Ida (verificatasi tra fine agosto e inizio settembre), che ha provocato inondazioni a New York City per un costo stimato di 65 miliardi di dollari.
Poi le alluvioni di luglio in Germania, Belgio e Paesi limitrofi, con 43 miliardi di dollari di perdite, la tempesta invernale Uri negli Stati Uniti, con ondate di freddo fino al Texas, che ha colpito la rete elettrica e causato 23 miliardi di danni.
Un quarto disastro ha superato i 10 miliardi di dollari di danni: l’ inondazione della provincia cinese di Henan a luglio, ‘costata’ 17,6 miliardi di dollari. Seguono le inondazioni nella Columbia Britannica in Canada di novembre (7,5 miliardi), l’ondata di freddo di fine aprile in Francia (5,6 miliardi), che ha devastato vigneti prestigiosi, il ciclone Yaas in India e Bangladesh a maggio.
A metà dicembre il riassicuratore Swiss Re ha pubblicato una stima globale del costo dei disastri naturali nel 2021 in tutto il mondo, stimata in circa 250 miliardi di dollari, in crescita del 24% rispetto al 2020.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Omicron: governo Gb valuta introduzione di nuove restrizioni
Con scienziati si considerano ultimi dati,si teme record contagi
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
27 dicembre 2021
10:40
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il governo britannico sta valutando coi propri consulenti scientifici la possibilità di introdurre nuove restrizioni alla luce degli ultimi dati sul Covid che potrebbero mostrare una ulteriore avanzata della variante Omicron.
E’ quanto si legge sul sito della Bbc, secondo cui dopo due giorni senza numeri sul coronavirus pubblicati per via della pausa natalizia si teme un nuovo record di contagi.

Downing Street ha affermato che non sono state ancora prese decisioni sull’introduzione in Inghilterra di ulteriori misure per controllare la variante Omicron ma in precedenza il premier Boris Johnson aveva affermato che non avrebbe esitato ad agire dopo Natale, se necessario.
E’ possibile che Londra possa seguire l’esempio delle altre nazioni del Regno Unito che hanno inasprito le restrizioni anti-Covid a partire da ieri, in particolare per quanto riguarda pub e ristoranti.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Omicron: Iran, stop a ingressi da 4 Paesi europei
Regno Unito, Francia, Danimarca e Norvegia. Per due settimane
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEHERAN
27 dicembre 2021
10:41
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’Iran ha vietato ai viaggiatori provenienti da Regno Unito, Francia, Danimarca e Norvegia di entrare nel Paese per due settimane nel tentativo di frenare la diffusione della variante Omicron del coronavirus nel Paese: lo ha reso noto la notte scorsa la tv di Stato, aggiungendo che sono state anche chiuse le frontiere con la vicina Turchia.

Inoltre, “il precedente divieto per i viaggiatori provenienti dal Sudafrica e da sette Paesi vicini, fissato lo scorso novembre, è stato prorogato di altre due settimane”.

Ieri l’Iran ha registrato 1.857 nuovi contagi – di cui 14 di Omicron – e 52 morti. Le ultime cinque ondate di Covid nel Paese hanno provocato 131.400 decessi. Circa 51,3 milioni di persone su 84 milioni di abitanti in Iran hanno ricevuto entrambe le dosi del vaccino.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Israele si appresta a rivedere restrizioni ai viaggi
Ministro sanità, forse da prossima settimana riapertura cieli
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEL AVIV
27 dicembre 2021
10:56
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il governo israeliano si appresta a rivedere molte delle restrizioni all’ingresso e alle uscite dal Paese decise nelle settimane passate a causa della variante Omicron.
Ne ha parlato il ministro della sanità Nitzan Horowitz secondo cui “visto che le infezioni si stanno diffondendo nel Paese, non c’è bisogno di fermare gli ingressi dall’estero”.

“Per la riapertura dei cieli – ha aggiunto – non ci vorrà molto, forse dalla prossima settimana”.
Attualmente le frontiere sono chiuse per tutti gli stranieri mentre gli israeliani non possono recarsi in circa 70 Paesi (tra cui l’Italia) definiti dalle autorità sanitarie “rossi” per l’alta circolazione del virus, compresa l’Omicron. Inoltre per chi torna da quelle nazioni è prevista una quarantena.
La veloce diffusione della nuova variante in loco rende tuttavia obsoleta l’attuale politica.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Marea nera a Mauritius, 20 mesi di carcere a capitano nave
Nel 2020 un cargo giapponese disperse 4.000 tonnellate petrolio
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PORT
27 dicembre 2021
11:19
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato condannato a 20 mesi di carcere il capitano del cargo giapponese Mv Wakashio che nel luglio del 2020 si incagliò su una barriera corallina nella costa sud-orientale dell’isola di Mauritius, disperdendo circa 4.000 tonnellate di petrolio e causando così il peggior disastro ambientale mai verificatosi nell’Oceano indiano.
Il giudice delle Mauritius Ida Dookhy Rambarrun ha inflitto la stessa pena al primo ufficiale.

Tre marinai impegnati nelle operazioni di bonifica della marea nera persero la vita cappottandosi con il loro rimorchiatore.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Giappone: nevicate record su versante ovest, disagi e feriti
Interruzioni sulle principali arterie, cancellati 140 voli
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
27 dicembre 2021
11:26
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Forte nevicate si sono abbattute sul versante nordoccidentale del Giappone nelle ultime 24 ore, provocando ampie interruzioni sul traffico ferroviario, la cancellazione di centinaia di voli e criticità nei principali centri abitati.
La città di Asago, nella prefettura di Shiga, ha registrato 71 centimetri di neve nell’arco di 24 ore, il massimo mai segnalato nelle statistiche della Agenzia meteorologica nazionale (Jma).

Le autorità locali hanno detto che le condizioni atmosferiche potrebbero peggiorare fino a domani, con forti raffiche di vento previste e il mantenimento dell’emergenza, con accumulo di neve nelle città di Kyoto, Nagoya, e Hiroshima. Nel corso del fine settimana sono stati segnalati 4 feriti a causa della bufera provocata dal maltempo.
L’ammasso di neve ha portato alla parziale riduzione della velocità sui treni Shinkansen della linea Tokaido tra Tokyo e Osaka, e il raccordo autostradale tra Kobe e Nagoya. Diversi voli aerei nella regione a nord dell’Hokkaido sono stati cancellati, portando il totale a 140 a livello nazionale.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Morto Jean-Marc Vallee, regista Dallas Buyers Club e Wild
Ha diretto anche prima stagione Big Little Lies e Sharp Objects
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
27 dicembre 2021
11:28
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Da Dallas Buyers Club e Wild alla prima stagione di Big Little Lies.
Il mondo del cinema piange la morte a soli 58 anni del pluripremiato regista canadese Jean-Marc Vallee.
Non sono state ancora rese note le cause del decesso, avvenuto alla periferia di Quebec City.
Divenne celebre nel 2005 con la commedia drammatica C.R.A.Z.Y., premiato al Toronto International Film Festival e presentato in anteprima alla Mostra del Cinema di Venezia nel 2005, che racconta il percorso di un uomo alla ricerca della propria sessualità e a farsi accettare dal padre. Nel 2009 dirige The Young Victoria, ambientato nei primi anni di regno della regina interpretata da Emily Blunt e prodotto anche da Martin Scorsese.
Il film ricevette tre candidature agli Oscar 2010 e vinse quello per i migliori costumi, oltre che due Bafta e un Critics’ Choice Movie Award. Nel 2013 arriva il settimo film, Dallas Buyers Club, che narra la storia vera di un elettricista texano che riceve la diagnosi di Aids ed è stato interpretato da Matthew McConaughey con Jared Leto e Jennifer Garner. McConaughey e Leto sono stati premiati con l’Oscar. Nel 2014 dirige Wild, basato sulle memorie scritte da Cheryl Strayed e sceneggiato da Nick Hornby con protagonista Reese Witherspoon, che ha ricevuto due candidature all’Oscar.
Ha avuto successo anche nel mondo delle serie tv Big Little Lies, con Reese Whiterspoon e Nicole Kidman, che ha vinto numerosi Emmy, e sempre con Hbo la serie Sharp Objects con Amy Adams.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Venezuela: Maduro, presto mi recherò a Teheran
‘Per rafforzare la cooperazione bilaterale su tutti i piani’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
CARACAS
27 dicembre 2021
11:40
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Molto presto mi recherò in Iran” per definire con il presidente Ebrahim Raisi “vari progetti di cooperazione congiunta”.
Lo ha rivelato il presidente venezuelano Nicolás Maduro, in una intervista di fine anno con la tv panaraba libanese Al Mayadeen, rilanciata dall’emittente statale venezuelana Vtv.

Il capo dello stato venezuelano ha sostenuto che “questo 2021 è l’anno della ripresa economica” e “nonostante le sanzioni criminali dell’imperialismo, sta aumentando la produzione di cibo, beni, servizi, industria, commercio e cresce anche il mercato interno, con un grande beneficio per la gente”.
Per quanto riguarda le relazioni con l’Iran, Paese che nel recente passato ha aiutato il Venezuela a superare un picco di crisi energetica fornendo petrolio e additivi, Maduro ha sottolineato che le relazioni con Teheran si stanno rafforzando giorno dopo giorno. “Ho parlato per due volte per telefono con il presidente Raisi” e “molto presto mi recherò a Teheran per incontrarlo personalmente e poter così accelerare i processi di cooperazione bilaterale su tutti i piani”, ha spiegato il presidente venezuelano.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: caos voli, anche oggi oltre 2mila cancellazioni
Dopo gli 8mila collegamenti saltati nel fine settimana di Natale
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
27 dicembre 2021
11:44
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Continuano i pesanti disagi al traffico aereo in tutto il mondo, dopo gli oltre 8mila voli cancellati nel fine settimana di Natale a seguito della quarantena Covid del personale di bordo e di terra di numerose compagnie.
Al momento i collegamenti saltati nella giornata di oggi sono più di 2mila, secondo il sito specializzato Flightaware.

Particolarmente colpiti restano gli Stati Uniti, dove rimarrà a terra quasi un quarto di tutti i voli annullati, e la Cina, con China Eastern e Air China come compagnie più coinvolte.
I disagi sono destinati a proseguire anche nella settimana di Capodanno, con almeno 760 cancellazioni già previste domani.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Francia, atteso oggi via libera a Super green pass
Macron ha convocato nel pomeriggio Consiglio di difesa sanitaria
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
27 dicembre 2021
12:07
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Nuova stretta anti-Covid in vista in Francia, dopo il record di oltre 100mila casi registrato nel giorno di Natale.
Il presidente francese Emmanuel Macron parteciperà questo pomeriggio in videoconferenza a una riunione del Consiglio di difesa sanitaria nel quale verranno indicate le nuove possibili misure da adottare nel Consiglio dei ministri che si terrà subito dopo.

Per cercare di frenare la rapida circolazione della variante Omicron, il governo di Parigi è intenzionato ad approvare un progetto di legge che introdurrà il Super green pass (noto in Francia come pass vaccinale) al posto dell’attuale green pass base (pass sanitario) a partire da metà gennaio.
Tra le altre ipotesi in discussione, ci sono il rafforzamento dell’obbligo di mascherine all’aperto e un possibile rinvio del rientro dalle vacanze scolastiche, attualmente previsto il 3 gennaio. Non si esclude neppure un coprifuoco nella notte di Capodanno.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Omicron galoppa.
Passati tra tamponi e rinunce cenoni e pranzi di Natale, l’Europa cerca di contenere l’ondata anche per Capodanno ma guarda soprattutto alle prossime settimane, al rientro al lavoro e a scuola dopo le feste.

E così la Francia – che alla vigilia di Natale ha superato per la prima volta i 100 mila nuovi contagi – ha deciso di introdurre dal 15 gennaio, previo consenso del parlamento, il “pass vaccinale” (l’equivalente del Super green pass italiano) per ristoranti,
cinema e palestre e tutte le attività al chiuso. “Un semplice tampone non sarà più sufficiente”, ha spiegato il premier Jean Castex in conferenza stampa dopo il consiglio dei ministri in video conferenza (nelle ultime ore è risultata positiva anche la ministra per la Transizione ecologica Barbara Pompili), insistendo sull’intenzione di rafforzare “il nostro scudo” contro il virus. Al punto che, già da oggi, sarà possibile prenotare la terza dose di vaccino, o booster, a soli 3 mesi dalla seconda, come deciso anche da Israele che ha intanto dato il via alla somministrazione della quarta.
Castex ha annunciato anche pene più severe per chi spaccia green pass falsi. Dal 3 gennaio inoltre non sarà più possibile consumare nei locali in piedi ma solo al tavolo, i grandi eventi saranno limitati a 2.000 persone al chiuso, 5.000 all’aperto, e si tornerà allo smart working obbligatorio per almeno 3 giorni a settimana.
Come accade in Italia poi, Parigi riflette anche sulla necessità di ridurre i giorni di isolamento dei contatti di un positivo per non ritrovarsi a gennaio con un Paese paralizzato. “Le nuove regole saranno rese note entro la fine della settimana”, ha avvisato il premier. Per Capodanno invece sono state ribadite le “raccomandazioni” del Natale, e cioè di evitare grandi feste e assembramenti, di usare le mascherine e sottoporsi a test preventivi.
Anche il governo britannico di Boris Johnson non intende imporre alcuna nuova restrizione anti-Covid da qui alla fine dell’anno, perché – ha spiegato il ministro della Sanità Sajid Javid – l’andamento della pandemia nel Regno Unito (quasi 100 mila casi anche oggi, ma senza i dati di Scozia, Galles e Irlanda del Nord) non è cambiato nel periodo natalizio. Javid ha comunque esortato le persone ad “essere prudenti” in vista delle celebrazioni di Capodanno, suggerendo di sottoporsi in via precauzionale a un test rapido e a festeggiare all’aperto dove possibile.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
In Germania invece continua a scendere la curva dei nuovi
contagi: sono 13.908 e 69 i morti nelle 24 ultime ore secondo il Robert Koch Institut, che tuttavia ritiene i dati poco attendibili a causa dei ritardi accumulati nei giorni festivi e il minor numero di tamponi. Gli esperti e il ministro della Salute hanno già avvertito che i numeri torneranno a salire proprio a causa della variante Omicron.
Il virus continua inoltre a lasciare a terra gli aerei, a causa del numero crescente di dipendenti contagiati o in quarantena: anche oggi sono stati oltre 2.500 i voli cancellati in tutto il mondo, più di 8.000 quelli rinviati. Il traffico aereo resterà a singhiozzo anche nei prossimi giorni, soprattutto negli Stati Uniti, i più colpiti dai disagi insieme alla Cina.
Tanto che il super esperto americano Anthony Fauci considera “ragionevole” valutare l’obbligo vaccinale almeno sui voli interni. Obbligo appena entrato in vigore a New York per i dipendenti delle aziende private, per mangiare all’interno di un ristorante o andare in palestra, pena una sanzione di 1.000 dollari. Il balzo di casi di Covid del resto costringe anche la metropolitana di New York a tagliare le corse per carenza di personale, almeno fino a giovedì. Solo il 24 dicembre nello Stato di New York sono stati registrati 49.708 nuovi casi di Covid, un nuovo record, il 25 dicembre sono stati 36.454. I ricoveri hanno raggiunto quota 5.500 per la prima volta da febbraio, con un aumento del 190% da novembre, mentre sono quintuplicati in una settimana quelli dei bambini.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: premier belga apre a vaccinazione obbligatoria
Rallenta discesa contagi mentre avanza Omicron
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
27 dicembre 2021
12:41
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Anche in Belgio si fa strada l’ipotesi della vaccinazione obbligatoria, quanto meno nella versione già adottata da Germania e Austria, i due Paesi che hanno imposto ‘de facto’ un lockdown quasi totale per chi non si è vaccinato.

Alexander De Croo, alla guida del governo federale belga, in un’intervista al quotidiano di lingua fiamminga De Zondag, ha abbandonato la cautela a cui finora si era attenuto e ha sottolineato che “l’obiettivo è chiaro: dobbiamo vaccinare tutti e se la strada della vaccinazione obbligatoria può contribuire sono pronto a prenderla in considerazione”.
La pandemia, per il premier, non finirà con la quarta ondata e bisogna imparare a conviverci.
La posizione di De Croo è supportata dal suo partito, i liberali di Open Vld, secondo cui – a quanto riferiscono i media locali – solo i vaccinati (e non più anche chi risulta negativo a un tampone) devono poter accedere ai teatri, ristoranti, caffè e a tutti gli altri luoghi pubblici di incontro. In ogni caso un’eventuale proposta sull’obbligatorietà del vaccino dovrebbe essere discussa e approvata dal Parlamento.
Nel frattempo i dati sui contagi segnano una riduzione delle persone ricoverate in terapia intensiva sebbene il tasso di positività resti al di sopra del 10%. Ma crescono i timori che questa tendenza possa arrestarsi se non invertirsi anche causa dell’affermarsi della variante Omicron attesa per i prossimi giorni. Segnali in questo senso sono giunti dalla regione di Bruxelles capitale dove si sarebbe riscontrato un incremento dei contagi tra i giovani, in particolare nella fascia di età 21-29 anni.
Nel weekend di Natale si sono intanto svolte manifestazioni di protesta del settore culturale a Bruxelles e altrove contro le ultime misure restrittive introdotte.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Omicron: governo Gb valuta introduzione di nuove restrizioni
Con scienziati si considerano ultimi dati,si teme record contagi
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
27 dicembre 2021
10:40
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il governo britannico sta valutando coi propri consulenti scientifici la possibilità di introdurre nuove restrizioni alla luce degli ultimi dati sul Covid che potrebbero mostrare una ulteriore avanzata della variante Omicron.
E’ quanto si legge sul sito della Bbc, secondo cui dopo due giorni senza numeri sul coronavirus pubblicati per via della pausa natalizia si teme un nuovo record di contagi.

Downing Street ha affermato che non sono state ancora prese decisioni sull’introduzione in Inghilterra di ulteriori misure per controllare la variante Omicron ma in precedenza il premier Boris Johnson aveva affermato che non avrebbe esitato ad agire dopo Natale, se necessario.
E’ possibile che Londra possa seguire l’esempio delle altre nazioni del Regno Unito che hanno inasprito le restrizioni anti-Covid a partire da ieri, in particolare per quanto riguarda pub e ristoranti.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il giorno di Natale India congela conti bancari Madre Teresa
Ignote le motivazioni. Senza cibo e medicine 22mila in ospedale
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW DELHI
27 dicembre 2021
12:50
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il governo indiano ha congelato tutti i conti bancari delle Missionarie della Carità, l’ordine fondato da Madre Teresa.

Lo fa sapere la governatrice del Bengala Occidentale, in un tweet, in cui definisce la decisione “scioccante”.

“Il ministro ha preso la decisione il giorno di Natale”, dice la Banerjee.
“I 22.000 pazienti degli ospedali dell’ordine e gli impiegati sono stati lasciati senza cibo e medicine. Il rispetto della legge è fondamentale, ma l’impegno umanitario non deve essere compromesso”, ha aggiunto.
Non è noto per quali motivazioni i conti siano stati congelati, mentre il governo di Delhi non ha commentato la decisione.
Lo scorso 14 dicembre una casa famiglia delle missionarie in Gujarat era stata incriminata di “conversioni forzate” delle ragazze ospiti.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: premier belga apre a vaccinazione obbligatoria
Rallenta discesa contagi mentre avanza Omicron
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
27 dicembre 2021
12:41
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Anche in Belgio si fa strada l’ipotesi della vaccinazione obbligatoria, quanto meno nella versione già adottata da Germania e Austria, i due Paesi che hanno imposto ‘de facto’ un lockdown quasi totale per chi non si è vaccinato.

Alexander De Croo, alla guida del governo federale belga, in un’intervista al quotidiano di lingua fiamminga De Zondag, ha abbandonato la cautela a cui finora si era attenuto e ha sottolineato che “l’obiettivo è chiaro: dobbiamo vaccinare tutti e se la strada della vaccinazione obbligatoria può contribuire sono pronto a prenderla in considerazione”.
La pandemia, per il premier, non finirà con la quarta ondata e bisogna imparare a conviverci.
La posizione di De Croo è supportata dal suo partito, i liberali di Open Vld, secondo cui – a quanto riferiscono i media locali – solo i vaccinati (e non più anche chi risulta negativo a un tampone) devono poter accedere ai teatri, ristoranti, caffè e a tutti gli altri luoghi pubblici di incontro. In ogni caso un’eventuale proposta sull’obbligatorietà del vaccino dovrebbe essere discussa e approvata dal Parlamento.
Nel frattempo i dati sui contagi segnano una riduzione delle persone ricoverate in terapia intensiva sebbene il tasso di positività resti al di sopra del 10%. Ma crescono i timori che questa tendenza possa arrestarsi se non invertirsi anche causa dell’affermarsi della variante Omicron attesa per i prossimi giorni. Segnali in questo senso sono giunti dalla regione di Bruxelles capitale dove si sarebbe riscontrato un incremento dei contagi tra i giovani, in particolare nella fascia di età 21-29 anni.
Nel weekend di Natale si sono intanto svolte manifestazioni di protesta del settore culturale a Bruxelles e altrove contro le ultime misure restrittive introdotte.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Polonia: veto presidente alla controversa legge sui media
Dopo le pesanti critiche da parte degli Stati Uniti
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
VARSAVIA
27 dicembre 2021
12:54
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente polacco, Andrzej Duda, ha posto oggi il veto ad una controversa legge sulla proprietà dei media che, secondo alcuni critici, mirava a mettere a tacere il canale d’informazione Tvn24, che appartiene al gruppo americano Discovery.
“Ho posto il veto”, ha detto Duda in una dichiarazione trasmessa in tv, dopo pesanti critiche alla legge da parte degli Stati Uniti.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Gb:’cercherò di uccidere la regina’, polizia indaga su video
Per media è legato ad arresto di intruso in castello di Windsor
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
27 dicembre 2021
12:57
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La polizia inglese sta indagando su un video collegato all’arresto di un 19enne che aveva tentato di introdursi armato nel castello di Windsor, dove la regina stava festeggiando il Natale con la sua famiglia.

Nel filmato pubblicato dal Sun, un individuo mascherato e vestito con una felpa nera mentre brandisce una moderna balestra dice con una voce distorta artificialmente di voler “assassinare la regina” in una missione di vendetta per il massacro di Jallianwala Bagh o di Amritsar, avvenuto nel 1919 nel Punjab indiano, allora parte dell’impero britannico: il generale di brigata Reginald Dyer a capo delle truppe coloniali ordinò di aprire il fuoco sulla folla e morirono 379 persone.

Scotland Yard ha confermato che gli investigatori stanno “valutando il contenuto di un video” dopo l’arresto di un uomo di 19 anni di Southampton, probabilmente squilibrato.
Il portavoce della polizia londinese ha rifiutato di commentare sull’identità dell’uomo nel filmato. Il Sun, invece, lo collega direttamente al giovane arrestato, di cui rivela il nome di origine asiatica: Jaswant Singh Chail.
L’intruso nella tenuta reale è stato sottoposto dalle autorità al regime previsto dal Mental Health Act per le persone con problemi mentali.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Russia: aumentata condanna a noto storico dei Gulag
15 anni per abusi su minore, per sostenitori è processo politico
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA
27 dicembre 2021
13:20
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Un tirbunale russo ha aumentato a 15 anni di carcere la condanna di Yury Dmitriyev, uno dei principali storici impegnati nelle ricerche sui Gulag, che secondo i suoi sostenitori è stato preso di mira in processi politici per aver denunciato i massacri dell’epoca sovietica.

Nel 2020, lo studioso 65enne era già stato condannato a 13 anni in un controverso processo per abusi sessuali sulla figlia adottiva, in cui si è sempre dichiarato innocente.

Interrogato dai giornalisti, il portavoce del presidente Vladimir Putin, Dmitry Peskov, non ha voluto commentare la vicenda, affermando che non fa parte dell’agenda del Cremlino.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Francia, sì al Super green pass e al booster dopo 3 mesi. Usa riducono isolamento a 5 giorni per i positivi
L’annuncio di Castex. Ma per Capodanno solo ‘raccomandazioni’. Israele, prof e infermiera primi a ricevere la 4/a dose
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
28 dicembre 2021
12:04
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Al via la somministrazione delle quarte dosi in Israele.
Tra i primi a essere immunizzati un’infemiera e un prof.
Orna Rahminov, infermiera presso l’ospedale Shbea di Tel Aviv che ha avviato uno studio sull’efficacia del secondo booster, è la prima donna che ha ricevuto la dose che sarà inoculata a circa 150 membri dello staff medico dell’ospedale. Israele – primo paese a scegliere la quarta dose – ha tuttavia dilazionato l’avvio della campagna in attese di nuovi riscontri. “Onorata di essere stata scelta – ha detto Rahminov sul sito Facebook dell’ospedale – Ho fiducia nei vaccini”.
Quarta dose anche a un professore, Jacob Lavi, dello stesso nosocomio che dirige l’unità dei trapianti di cuore, che in un’intervista alla radio pubblica Kan, ha detto di essere stato lui a ricevere la prima somministrazione della quarta dose. Questa mattina sul sito Facebook dello Sheba era stata indicata l’infermiera Orna Rahminov come “prima donna” a ricevere l’immunizzazione. Entrambi fanno parte di uno studio dell’ospedale volto a verificare l’efficacia del secondo booster.
L’ospedale Sheba di Tel Aviv comincerà oggi uno studio sull’efficacia della somministrazione della quarta dose di vaccino anti Covid. Lo studio – il primo al mondo secondo i media e in stretto contatto con il ministero della Sanità – coinvolge 6.000 persone, inclusi 150 operatori sanitari della struttura ospedaliera. “La ricerca – ha detto la professoressa Gili Regev-Yochay – saggerà gli effetti della quarta dose sul livelli di anticorpi sulla prevenzione del contagio e controllerà la sua sicurezza”. Israele ha per il momento sospeso l’avvio di una eventuale quarta campagna vaccinale in attesa di ulteriori verifiche.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Nel frattempo il ministero della Sanità ha dato una autorizzazione di emergenza per l’uso del farmaco orale Paxlovid della Pfizer contro la malattia. Israele ha ordinato migliaia di dosi con l’obiettivo di combattere la variante Omicron: dosi che dovrebbero arrivare nel Paese mercoledì prossimo.
STATI UNITI – Il Centers for Disease Control and Prevention riduce da 10 a 5 giorni l’isolamento per coloro che sono positivi al Covid e asintomatici. “Il cambio è motivato dal fatto che la scienza ci dice che la trasmissione avviene nei due giorni prima dei sintomi e nei 2-3 giorni successivi”, afferma il Cdc, raccomandando di far seguire ai cinque giorni di isolamento altri cinque in cui si indossa la mascherina quando si è vicino ad altre persone.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
GRAN BRETAGNA – Il governo britannico non intende imporre in Inghilterra nuove restrizioni anti-Covid da qui alla fine dell’anno. Lo ha affermato il ministro della Sanità, Sajid Javid. Ha spiegato che i dati relativi al coronavirus vengono analizzati su “base giornaliera” ma l’andamento della pandemia, nonostante l’avanzata della variante Omicron nel Regno Unito, non è cambiato nel periodo natalizio. Javid ha comunque esortato le persone a “essere prudenti” in vista delle celebrazioni di Capodanno. Ha suggerito che sarebbe meglio sottoporsi in via precauzionale a un test rapido e festeggiare all’aperto dove possibile o mantenere una certa ventilazione se i party avvengono al chiuso.
FRANCIA – Il governo francese ha deciso di introdurre il pass vaccinale, l’equivalente del Super green pass italiano, a partire dal 15 gennaio, previo voto del parlamento. E ha annunciato che già da domani sarà possibile effettuare la terza dose, o booster, a soli tre mesi dalla seconda. Lo ha annunciato il premier Jean Castex in una conferenza stampa al termine del consiglio dei ministri per fronteggiare l’ondata di Covid. Per Capodanno Castex ha ribadito le “raccomandazioni” di evitare gli assembramenti, di limitare le grandi feste e sottoporsi a tamponi preventivi.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
CINA – Le autorità cinesi hanno esteso il lockdown nel nord del Paese ad altre centinaia di migliaia di persone per contenere un’ondata di casi di coronavirus che ha raggiunto il livello più alto degli ultimi 21 mesi e che già costringe in isolamento milioni di cittadini. Nelle ultime 24 ore la città di Xi’an, con i suoi 13 milioni di abitanti in lockdown da sei giorni, ha registrato 209 nuovi casi, il livello giornaliero più alto dal marzo 2020. La nuova ondata di infezioni, anche se modesta rispetto al volume di casi registrati in Europa e negli Stati Uniti, ha indotto le autorità ad imporre le misure “più severe” possibili nella metropoli settentrionale. E il focolaio che ha colpito Xi’an si sta rapidamente espandendo alle città vicine: le autorità di Yan’an – che dista circa 300 chilometri da Xi’an – hanno chiuso oggi le attività commerciali della città ed hanno ordinato a centinaia di migliaia di residenti in un distretto di rimanere a casa.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: infermiera israeliana prima a ricevere 4/a dose
‘Onorata. Fiducia ne vaccini’. Parte primo studio su efficacia
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEL AVIV
27 dicembre 2021
13:43
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
E’ una donna la prima persona ad essere vaccinata con la quarta dose in Israele.
Si chiama Orna Rahminov ed infermiera presso l’ospedale Shbea di Tel Aviv che ha avviato oggi uno studio sull’efficacia del secondo booster che sarà inoculato a circa 150 membri dello staff medico dell’ospedale.

Israele – primo paese a scegliere la quarta dose – ha tuttavia dilazionato l’avvio della campagna in attese di nuovi riscontri. “Onorata di essere stata scelta – ha detto Rahminov sul sito Facebook dell’ospedale – Ho fiducia nei vaccini”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Marea nera a Mauritius, 20 mesi di carcere al capitano della nave
Nel 2020 il cargo giapponese si incagliò su una barriera corallina e disperse 4.000 tonnellate di petrolio
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
27 dicembre 2021
15:38
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato condannato a 20 mesi di carcere il capitano del cargo giapponese Mv Wakashio che nel luglio del 2020 si incagliò su una barriera corallina nella costa sud-orientale dell’isola di Mauritius, disperdendo circa 4.000 tonnellate di petrolio e causando così il peggior disastro ambientale mai verificatosi nell’Oceano indiano.
Il giudice delle Mauritius Ida Dookhy Rambarrun ha inflitto la stessa pena al primo ufficiale. Tre marinai impegnati nelle operazioni di bonifica della marea nera persero la vita cappottandosi con il loro rimorchiatore.
Nell’emettere la condanna la corte di Port-Louis ha preso in considerazione il fatto che “entrambi gli imputati si sono dichiarati colpevoli e si sono scusati”, ha detto il magistrato Ida Dookhy Rambarrun.
Il capitano della nave, Sunil Kumar Nandeshwar, ha ammesso di aver bevuto durante una festa a bordo, ed insieme al suo primo ufficiale, Hitihanillage Subhoda Janendra Tilakaratna, è stato giudicato colpevole di “aver messo in pericolo la navigazione sicura”. “Il capitano e il suo secondo in comando sono stati irresponsabili e non hanno svolto come avrebbero dovuto i loro ‘doveri di navigazione'”, ha detto il magistrato.
La MV Wakashio stava navigando da Singapore al Brasile con 3.800 tonnellate di olio combustibile e 200 tonnellate di diesel a bordo quando si è scontrata con la barriera corallina al largo della costa sud-orientale di Mauritius. Più di 1.000 tonnellate di petrolio sono filtrate nelle acque ricoprendo mangrovie, coralli e altri fragili ecosistemi prima che le squadre di soccorso fossero in grado di rimuovere tutto il carburante rimanente.
L’incidente è avvenuto vicino a due siti ecologicamente critici: Blue Bay, nota per i suoi giardini di corallo, e Pointe D’Esny, che ospita una foresta di mangrovie, un ecosistema cruciale e un’arma nella lotta contro il riscaldamento globale.
Nei giorni successivi all’incidente, migliaia di volontari si sono schierati lungo la costa indossando stivali di gomma e guanti, strofinando rocce e mettendo insieme cordoni di fortuna per contenere la marea oleosa. Migliaia di persone sono anche scese in piazza nei mesi successivi per protestare contro la reazione del governo al disastro.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Serial killer Gb deve scontare l’ergastolo nella cella di vetro
Robert Maudsley perde ricorso, troppo pericoloso per i detenuti
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
27 dicembre 2021
15:44
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Uno dei serial killer più pericolosi del Regno Unito deve trascorrere il resto dei suoi giorni all’interno di una cella trasparente in vetro realizzata nei sotterranei del carcere inglese di Wakefield.
La giustizia britannica ha respinto infatti il ricorso dei legali di Robert Maudsley, 68 anni, che voleva passare gli anni rimanenti del suo ergastolo con gli altri detenuti.
E’ stata ribadita la sua estrema pericolosità e deve essere quindi ancora controllato a vista, come il personaggio di Hannibal Lecter nel film ‘Il silenzio degli innocenti’.
Maudsley, originario di Liverpool, è responsabile delle uccisioni di quattro uomini avvenute tra il 1974 e il 1978. La cella, protetta da un vetro antiproiettile, misura 5,5 x 4,5 metri, ed era stata costruita appositamente per lui nel 1983.
Trascorre al suo interno 23 ore al giorno, oltre alla cosiddetta ora d’aria, dorme su una lastra di cemento e usa servizi igienici che sono imbullonati al pavimento. Ha a disposizione un tavolo e una sedia in cartone compresso per evitare che possa usare qualsiasi oggetto come arma contro le guardie.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Uno dei serial killer più pericolosi del Regno Unito deve trascorrere il resto dei suoi giorni all’interno di una cella trasparente in vetro realizzata nei sotterranei del carcere inglese di Wakefield.
La giustizia britannica ha respinto infatti il ricorso dei legali di Robert Maudsley, 68 anni, che voleva passare gli anni rimanenti del suo ergastolo con gli altri detenuti.
E’ stata ribadita la sua estrema pericolosità e deve essere quindi ancora controllato a vista, come il personaggio di Hannibal Lecter nel film ‘Il silenzio degli innocenti’.
Maudsley, originario di Liverpool, è responsabile delle uccisioni di quattro uomini avvenute tra il 1974 e il 1978. La cella, protetta da un vetro antiproiettile, misura 5,5 x 4,5 metri, ed era stata costruita appositamente per lui nel 1983.
Trascorre al suo interno 23 ore al giorno, oltre alla cosiddetta ora d’aria, dorme su una lastra di cemento e usa servizi igienici che sono imbullonati al pavimento. Ha a disposizione un tavolo e una sedia in cartone compresso per evitare che possa usare qualsiasi oggetto come arma contro le guardie.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Israele, terza dose anticipata a 3 mesi dalla seconda
Il ministero della sanità accelera il livello di vaccinazione
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
27 dicembre 2021
17:19
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Mentre i dati sui contagi di Covid in Israele si fanno sempre più preoccupanti, il ministero della sanità ha ridotto oggi il lasso di tempo minimo che deve intercorrere fra la somministrazione della seconda dose di vaccino Pfizer e la terza, ossia il ‘booster’: in precedenza si poteva ricevere la terza vaccinazione solo cinque mesi dopo la seconda, da adesso questo periodo viene ridotto a soli tre mesi.

“I dati del contagio in Israele e nel mondo indicano un netto aumento del Covid in generale e della variante Omicron in particolare”, ha osservato il ministero.
“Adesso esiste la necessità di elevare il livello di immunità nella popolazione nei tempi più stretti possibile”.
Il ministero ha notato che altri Paesi, quali Gran Bretagna, Germania e Francia stanno pure muovendosi nella stessa direzione.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Gb segnala oltre 98 mila contagi ma è dato parziale
E’ la sola Inghilterra, mancano altre nazioni per pausa Natale
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
27 dicembre 2021
17:46
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Gran Bretagna segnala oggi 98.515 nuovi casi di coronavirus e 143 decessi.
Si tratta però di un dato parziale e riguardante la sola Inghilterra, in quanto le altre nazioni del Regno Unito – Scozia, Galles e Irlanda del Nord – non forniscono dati ufficiali nel periodo festivo.

Il numero di contagi sembra dunque basso se si confronta coi numeri record, ben oltre i 100 mila casi, registrati negli ultimi giorni. Tuttavia, i dati provvisori dalla Scozia suggeriscono che le infezioni nella regione a nord dell’Inghilterra sono 10.562. Se corretto, ciò porterebbe il totale giornaliero a 109.077, senza contare i dati di Galles e Irlanda del Nord.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Israele, prof e infermiera primi a ricevere la quarta dose
Parte la sperimentazione a Tel Aviv. Anticipata terza iniezione
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEL AVIV
27 dicembre 2021
19:58
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ad avere la palma di primo vaccinato con la quarta dose è stato un professore dell’ospedale Sheba di Tel Aviv, Jacob Lavi.
Mentre la prima donna è stata un’infermiera dello stesso nosocomio, Orna Rahminov.
Entrambi fanno parte dello studio – il primo al mondo – avviato dal nosocomio su 150 persone del suo staff sanitario per verificare da subito l’efficacia della quarta dose.
Il secondo booster è la scelta del governo di Israele per salvaguardare le fasce a rischio della propria popolazione, anche se la campagna su larga scala, che sarebbe dovuta partire nei giorni scorsi, è in stand by per ulteriori verifiche.
Secondo i media, il direttore generale del ministero della Sanità Nachman Ash potrebbe decidere entro la fine di questa settimana. Ancora incerto il target, ovvero se partire dagli over 60 o dagli over 70. Proprio lo studio dello Sheba – ha spiegato la professoressa Gili Regev-Yochay, che dirige la ricerca ed è a capo dell’Unità epidemiologica delle malattie infettive dell’ospedale – “saggerà gli effetti della quarta dose sul livello di anticorpi per quanto riguarda la prevenzione del contagio e controllerà la sicurezza”.
Il problema principale è dunque la durata degli anticorpi generati dalla terza dose e la loro efficacia di copertura. Non a caso oggi – in concomitanza con l’avvio dello studio – Israele ha deciso di anticipare da 5 a 3 mesi la terza iniezione rispetto alla seconda. Specie dopo l’arrivo della variante Omicron, che allo stato attuale rappresenta il 25% dei contagi in Israele e si riproduce con grande velocità. “A quanto so – ha detto il professor Lavi – sono la prima persona in salute al mondo a ricevere il quarto vaccino”. E subito dopo la somministrazione del secondo booster ha aggiunto di “sentirsi bene”. “Onorata di essere stata scelta”, ha commentato dal canto suo l’infermiera Rahminov sul sito Facebook dell’ospedale aggiungendo di “avere piena fiducia nei vaccini” e nell’operato di Regev-Yochay.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
COVID: USA RIDUCONO ISOLAMENTO A 5 GIORNI PER I POSITIVI
Cdc, ‘per asintomatici, altri 5 con mascherina vicino ad altri’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
27 dicembre 2021
22:56
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il Centers for Disease Control and Prevention riduce da 10 a 5 giorni l’isolamento per coloro che sono positivi al Covid e asintomatici.
“Il cambio è motivato dal fatto che la scienza ci dice che la trasmissione avviene nei due giorni prima dei sintomi e nei 2-3 giorni successivi”, afferma il Cdc, raccomandando di far seguire ai cinque giorni di isolamento altri cinque in cui si indossa la mascherina quando si è vicino ad altre persone.

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: Tokyo apre in rialzo (+0.92%)
Sull’ onda dei guadagni di Wall Street
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
28 dicembre 2021
02:02
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Tokyo ha aperto in rialzo con l’iniziativa degli investitori sostenuta dai guadagni di Wall Street nei giorni scorsi.
L’indice di riferimento Nikkei 225 ha guadagnato lo 0,92 percento, o 264,37 punti, a 28.940,83 nei primi scambi, mentre l’indice Topix, più ampio, è aumentato dello 0,85 percento, o 16,85 punti, a 1.994,75.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Colloqui Usa-Russia su Ucraina e sicurezza il 10 gennaio
A seguire colloqui con Nato e Osce
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
28 dicembre 2021
03:54
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Stati Uniti e Russia avvieranno il prossimo 10 gennaio negoziati sulle tensioni in Ucraina e sul controllo delle armi nucleari: lo ha detto all’Afp un portavoce della Casa Bianca per le questioni di sicurezza.

“Gli Stati Uniti sono desiderosi di avviare un dialogo con la Russia”, ha affermato il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale.
Un incontro tra Russia e Nato potrebbe poi aver luogo il 12 gennaio, seguito il 13 gennaio da un incontro tra la Russia e l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce), di cui fanno parte gli Stati Uniti, ha aggiunto il portavoce.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Media siriani, ‘attacco israeliano al porto di Latakia’
Il secondo in questo mese contro l’infrastruttura
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
DAMASCO
28 dicembre 2021
04:15
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Le forze armate israeliane avrebbero effettuato un raid aereo contro il porto siriano di Latakia, il secondo in questo mese contro una installazione strategica del Paese, secondo quanto riferito dai media statali siriani.

“Verso le 3:21 del mattino, il nemico israeliano ha effettuato un attacco aereo con diversi missili in direzione del Mediterraneo (…) prendendo di mira il parco container nel porto di Latakia”, ha affermato l’agenzia di stampa siriana SANA, citando un fonte militare.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
El Salvador, sequestrate oltre 4 tonnellate di cocaina
Su due barche nell’Oceano Pacifico
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
SAN SALVADOR
28 dicembre 2021
04:45
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Marina militare di El Salvador ha sequestrato 4,1 tonnellate di cocaina durante un’operazione nell’Oceano Pacifico in cui sono stati arrestati cinque colombiani e due ecuadoriani che la trasportavano su due barche semisommergibili: lo ha detto il presidente Nayib Bukele.

Valore della droga sequestrata, poco meno di 104 milioni di dollari.

Secondo il presidente, si tratta del “più grande sequestro di droga” effettuato nell’ambito del Piano di controllo territoriale, che prende il nome dalla strategia di sicurezza e anticrimine del suo governo. Il 20 novembre, le autorità salvadoregne hanno sequestrato 2,5 tonnellate di cocaina per un valore di 62,5 milioni di dollari durante un’operazione nell’Oceano Pacifico. In questa occasione erano stati arrestati quattro ecuadoriani, tre messicani e due colombiani.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Brasile: 20 le vittime delle alluvioni, 63 mila sfollati
100 su 116 i Comuni in emergenza
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
05:38
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
ITAPETINGA, 28 DIC – Sono 20 le vittime delle forti piogge e delle inondazioni che stanno sferzando lo Stato brasiliano nord-orientale di Bahia da novembre.
Gli sfollati sono ora quasi 63 mila.

Due nuovi decessi sono stati registrati nella cittadina di Itabuna: un uomo di 21 anni travolto dalle correnti e una donna di 33 anni rimasta uccisa in una frana, secondo un rapporto del governo locale.
“Stiamo vivendo il più grande disastro nella storia della Bahia”, ha affermato il governatore Rui Costa, che da sabato scorso supervisiona le operazioni di soccorso nelle aree colpite.
Secondo la Protezione Civile di Bahia, il numero di persone sfollate dalle loro case a causa dell’alluvione è quasi raddoppiato da domenica a 62.796. Altre 358 persone sono rimaste ferite dall’inizio delle forti piogge ad oggi. In totale, le autorità stimano che ad essere colpiti siano stati 116 Comuni, di cui almeno 100 attualmente in stato di emergenza, siano stati colpiti dalle forti piogge.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Sono 20 le vittime delle forti piogge e delle inondazioni che stanno sferzando lo Stato brasiliano nord-orientale di Bahia da novembre.
Gli sfollati sono ora quasi 63 mila.

Due nuovi decessi sono stati registrati nella cittadina di Itabuna: un uomo di 21 anni travolto dalle correnti e una donna di 33 anni rimasta uccisa in una frana, secondo un rapporto del governo locale.
“Stiamo vivendo il più grande disastro nella storia della Bahia”, ha affermato il governatore Rui Costa, che da sabato scorso supervisiona le operazioni di soccorso nelle aree colpite.
Secondo la Protezione Civile di Bahia, il numero di persone sfollate dalle loro case a causa dell’alluvione è quasi raddoppiato da domenica a 62.796. Altre 358 persone sono rimaste ferite dall’inizio delle forti piogge ad oggi. In totale, le autorità stimano che ad essere colpiti siano stati 116 Comuni, di cui almeno 100 attualmente in stato di emergenza, siano stati colpiti dalle forti piogge.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Mummia di faraone ‘scartata’ digitalmente dopo 3.500 anni
Amenhotep I morto a 35 anni, aveva denti sani e nessuna ferita
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
07:09
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La mummia del faraone Amenhotep I, antica di 3.500 anni, scoperta nel 1881 ma mai ‘scartata’ dagli archeologi, è stata svelata digitalmente da alcuni scienziati egiziani, rivelando dettagli inediti sulla vita e la morte del re egiziano.
Lo riporta la Cnn.

Decorata con ghirlande di fiori e un’affascinante maschera facciale in legno, la mummia era così fragile che gli archeologi non avevano mai osato esporne i resti, rendendola l’unica mummia reale egiziana trovata nel XIX secolo e non ancora aperta dagli studiosi.
“Scaricando digitalmente la mummia e ‘staccando’ i suoi strati virtuali – la maschera facciale, le bende e la mummia stessa – potremmo studiare questo faraone ben conservato con dettagli senza precedenti”, ha affermato Sahar Saleem, professore di radiologia presso la Facoltà di Medicina dell’Università del Cairo e radiologo dell’Egyptian Mummy Project, in una nota.
Saleem e i suoi colleghi hanno scoperto che Amenhotep I aveva circa 35 anni ed era alto 169 centimetri quando morì. Era anche circonciso e aveva denti sani. All’interno degli involucri sono stati trovati circa 30 amuleti e una cintura d’oro.
Il faraone aveva un mento stretto, un naso piccolo e stretto, capelli ricci e denti superiori leggermente sporgenti, ha detto Saleem.
L’indagine non ha svelato alcuna ferita o altri segni che possano svelare la causa della sua morte.
Amenhotep I governò l’Egitto per circa 21 anni, tra il 1525 e il 1504 avanti Cristo. Fu il secondo re della XVIII dinastia e guidò un periodo di regno in gran parte pacifico, durante il quale costruì molti templi.
Il cranio del faraone, compresi i denti, erano in ottime condizioni.
I ricercatori hanno scoperto che la mummia aveva invece sofferto di lesioni multiple post mortem, probabilmente inflitte da antichi ladri di tombe, lesioni che, secondo i testi geroglifici, sacerdoti e imbalsamatori hanno cercato di riparare più di quattro secoli dopo che era stato mummificato e sepolto per la prima volta. La ricerca è stata pubblicata oggi sulla rivista Frontiers in Medicine.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Birmania: partecipò a protesta, attore condannato a tre anni
Paing Takhon dovrà scontare la pena ai lavori forzati
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
08:24
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Uno dei volti più noti della Birmania, il modello e attore Paing Takhon, è stato condannato a tre anni di reclusione per avere partecipato ad una protesta di massa anti golpe.
Lo riporta la Bbc.

Takhon, che è seguito da milioni di giovani sui social ed è uno dei principali critici del governo online, era stato arrestato lo scorso aprile da 50 soldati arrivati nella sua abitazione alle cinque del mattino a bordo di otto camion.
Secondo il suo legale Takhon è già stato incarcerato e dovrà scontare la sua pena ai lavori forzati. La sua famiglia sta valutando se ricorrere in appello.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Colloqui Usa-Russia su Ucraina e sicurezza il 10 gennaio
A seguire colloqui con Nato e Osce
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
28 dicembre 2021
09:16
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Stati Uniti e Russia avvieranno il prossimo 10 gennaio negoziati sulle tensioni in Ucraina e sul controllo delle armi nucleari: lo ha detto all’Afp un portavoce della Casa Bianca per le questioni di sicurezza.

“Gli Stati Uniti sono desiderosi di avviare un dialogo con la Russia”, ha affermato il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale.
Un incontro tra Russia e Nato potrebbe poi aver luogo il 12 gennaio, seguito il 13 gennaio da un incontro tra la Russia e l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce), di cui fanno parte gli Stati Uniti, ha aggiunto il portavoce.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Niger sblocca fondi Eau per impianti solari fotovoltaici
Eliminazione cecità fluviale annunciata a Expo sblocca i fondi
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
DUBAI
28 dicembre 2021
09:17
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Abbiamo firmato importanti accordi con gli Emirati Arabi Uniti e abbiamo deciso un progetto che ci consentirà in pochi anni di realizzare enormi impianti solari fotovoltaici in Niger.
Sono fiducioso che la cooperazione con gli Emirati Arabi in questo settore e in altri come l’agricoltura, l’allevamento e le infrastrutture, si svilupperà ancora di più”, lo ha annunciato il Presidente della Repubblica del Niger, Mohamed Bazoum, nella conferenza stampa del giorno nazionale del Niger all’Expo di Dubai.

Il Niger aveva in precedenza annunciato all’ Expo che aveva eliminato completamente l’oncocercosi, comunemente nota come cecità fluviale, secondo le valutazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), primo paese africano a raggiungere questo obiettivo, sbloccando così miliardi per l’economia del paese. L’eliminazione della cecità fluviale in Africa occidentale, da parte del Niger, aveva dato prova che l’eliminazione di questa malattia è possibile, non solo nell’Africa occidentale ma in tutto il continente.
Nella cerimonia del giorno nazionale del Niger ad Al Wasl Plaza, lo sceicco emiratino Shakhboot Nahyan Al Nahyan aveva dichiarato: “Siamo lieti di celebrare il Niger, non solo come partecipante di Expo, ma anche come partner costante e di lunga data del Emirati Arabi Uniti”.
“Il fatto che tutti i paesi africani partecipino ad Expo – per la prima volta nella storia – dimostra il ruolo centrale degli Emirati Arabi Uniti nel mondo di oggi”, aveva aggiunto il presidente nigerino Mohamed Bazoum.
Situato nel Distretto della Mobilità, il Padiglione del Niger mette in mostra la principale ricchezza mineraria della nazione, ma offre anche una panoramica delle attrazioni di viaggio di questa repubblica sub-sahariana, con antiche città carovaniere ai margini del deserto.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Venezuela: prorogata presidenza ad interim di Guaidó
Maduro, l’opposizione ‘non ha limiti al ridicolo’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
CARACAS
28 dicembre 2021
09:34
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’opposizione venezuelana ha approvato la proroga per un altro anno dell’incarico di presidente ad interim del Venezuela per Juan Guaidó.
La decisione è stata adottata ieri in una riunione straordinaria della Commissione delegata dell’Assemblea nazionale, organo legislativo il cui mandato quinquennale è scaduto nel 2020 ma che è stato esteso, in parallelo con la nuova Assemblea controllata dai sostenitori del presidente Nicolás Maduro.

Ringraziando la Commissione per questa decisione, Guaidó ha dichiarato che “Nicolás Maduro dal 2018 ci deve un’elezione presidenziale e il mio dovere costituzionale come presidente in carica è lottare per elezioni presidenziali libere”.
Da parte sua Maduro ha criticato oggi la proroga dei poteri del leader oppositore definendola “ridicola”. “Là – ha dichiarato durante una riunione trasmessa dalla tv statale – hanno preso una decisione nel Paese di Narnia (così è solito il capo dello Stato riferirsi alle decisioni dell’opposizione, ndr.) che nessuno capisce. Non hanno limiti al ridicolo, alla stupidità politica”.
Il capo dello Stato ha poi sostenuto che “l’estrema destra non fa altro che fare danni. Guardateli – ha proseguito – per cinque anni hanno distrutto l’Assemblea nazionale, promosso sanzioni, cospirazioni, invasioni per cinque anni, soffrendo fino a che non è stata eletta la nuova Assemblea nazionale. Ora camminano proteggendosi dietro a un Frankenstein: la destra non ha limiti alla sua stupidità”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Moschea Beauvais chiusa 6 mesi, ‘apologia della jihad’
Lo ha ordinato la Prefettura dell’Oise, in Francia
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LILLE
28 dicembre 2021
10:29
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La prefettura dell’Oise, zona a nord di Parigi, ha ordinato la chiusura della grande moschea di Beauvais per un periodo di sei mesi a causa di sermoni che “incitano all’odio e alla violenza” e che “fanno apologia della jihad”.
Lo ha annunciato la stessa prefettura.
Il decreto, in data di ieri diventa esecutivo dopo 48 ore, vale a dire dal 29 dicembre. Il ministro dell’Interno francese Gerald Darmanin ha annunciato il 14 dicembre di aver “avviato” la procedura per la chiusura amministrativa di questa moschea.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Sudafrica: corte vieta a Shell esplorazione sismica Wild Coast
Esultano ambientalisti che temevano danni alla fauna marina
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
JOHANNESBURG
28 dicembre 2021
10:31
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Un tribunale sudafricano ha vietato al gigante petrolifero Shell di effettuare esplorazioni sismiche al largo della “Wild Coast”, cuore del Sudafrica rurale e zona ancora incontaminata.
Si tratta di una vittoria per gli ambientalisti preoccupati per le ripercussioni che le attività della multinazionale avrebbero avuto sulla fauna marina.

All’inizio del mese, era stata respinta la richiesta di un divieto urgente di questo progetto per la ricerca di giacimenti di petrolio e gas mediante campagna sismica, con tempi previsti dai quattro ai cinque mesi, su un’area di oltre 6.000 km2.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Omicron:allerta gialla a New Delhi,governo reimpone chiusure
Governatore, ‘non siamo ancora all’emergenza, ma preveniamo’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW DELHI
28 dicembre 2021
10:36
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Un'”allerta gialla” e nuove restrizioni sono state imposte da oggi a New Delhi per combattere l’insorgere dei casi della variante Omicron del Covid19.

Le scuole della capitale saranno nuovamente chiuse, il trasporto pubblico viaggerà a metà della capienza; 50% dei clienti anche nei ristoranti, bar e in tutti gli altri luoghi pubblici.
Chiusi cinema, sale per le feste, teatri, palestre e tutti i parchi divertimento. Non più di venti persone saranno ammesse ai matrimoni e ai funerali.
L'”allerta gialla” in India scatta quando una città registra un tasso di positività superiore allo 0.5% per due giorni consecutivi, i casi superano i 1.500 in una settimana e i letti con ossigeno occupati negli ospedali sono in media 500 per una settimana.
Delhi ha registrato domenica un tasso di positività dello 0.55% e ieri dello 0,68%. “Non siamo ancora all’emergenza”, ha detto il governatore della città Arvind Kejriwal, “ma dobbiamo impedire che il virus si propaghi. Siamo dieci volte meglio attrezzati che in passato, ma dobbiamo seguire precauzioni e non abbassare la guardia. Se i mercati continueranno ad essere affollati come nei giorni scorsi, con troppe persone senza mascherina, sarò costretto a farli chiudere”, ha aggiunto.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Presidente iraniano Raisi presto a Mosca per vedere Putin
Visita in Russia in programma all’inizio del 2022
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEHERAN
28 dicembre 2021
11:13
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente iraniano Ebrahim Raisi si recherà in Russia all’inizio del nuovo anno dopo aver ricevuto un invito dal capo di Stato russo Vladimir Putin.
Lo ha annunciato il portavoce del governo di Teheran, Ali Bahadori Jahromi.

“In linea con i rapporti strategici tra i due Paesi, la visita si colloca nell’ambito della politica dell’Iran per il rafforzamento delle relazioni a livello bilaterale e multilaterale con priorità verso gli Stati regionali”, ha affermato Jahromi.
In seguito a problemi con i Paesi occidentali riguardo all’attività nucleare iraniana, la repubblica islamica ha annunciato che lavorerà a stretto contatto con Russia e Cina riguardo a questioni regionali e internazionali.
Mosca e Teheran hanno preparato una bozza per un accordo ventennale di cooperazione economica, militare e a livello di sicurezza. In aprile, l’Iran ha siglato con la Cina un accordo omnicomprensivo per una cooperazione strategica nei prossimi 25 anni.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Israele, per vaccinati ‘isolamenti abbreviati’
Nuove regole del governo mentre si diffonde la variante Omicron
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
11:43
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEL AVIV, 28 DIC – Nuove regole di isolamento, più permissive nei confronti di chi risulti vaccinato, sono state decise oggi dal governo israeliano in seguito al diffondersi dei contagi per la variante Omicron del coronavirus.

Entreranno in vigore già da domani.

Persone vaccinate che entrino in contatto con un contagiato (anche da Omicron) dovranno fare un tampone e restare in isolamento solo fino a quando abbiano ottenuto un risultato negativo. Nei dieci giorni seguenti dovranno evitare luoghi di svago affollati, ed astenersi dall’incontrare persone che siano in elevato rischio di contagio.
Diversamente da loro, i non vaccinati che siano entrati in contatto con un contagiato dovranno restare in isolamento per una settimana, fare tamponi al primo e al settimo giorno, ed attendere l’esito negativo di quest’ultimo.
Ieri in Israele sono stati rilevati 2.952 contagi (circa mille in più rispetto a quelli del giorno precedente) su 126 mila tamponi.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Boom di contagi in Francia e Gb. In Usa oltre 500.000 nuovi casi
La Finlandia vieta l’ingresso agli stranieri non vaccinati
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
29 dicembre 2021
09:42
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Negli Stati Uniti sono stati registrati oltre 500.000 nuovi casi di Covid nelle ultime 24 ore, il numero più alto dall’inizio della pandemia.
Solo nella città di New York il tasso di positività medio degli ultimi sette giorni è quasi il 20%, per l’esattezza il 19,97%. Sono più di 180.000 i contagi di Covid registrati nelle ultime 24 ore in Francia, un nuovo record dall’inizio della pandemia.
Lo riferiscono le autorità sanitarie. Il Paese aveva superato i 100.000 casi per la prima volta il giorno di Natale. Nel Regno Unito sono stati registrati altri 17.269 contagi della variante Omicron del coronavirus nell’ultimo giorno. E’ quanto emerge dai dati diffusi dalla Uk Health Security Agency (Ukhsa). Il totale arriva così a 177.201, sebbene dal 23 dicembre manchino i dati di Scozia o Galles per via del periodo di festività. Il numero totale di decessi in Inghilterra causati da Omicron è salito a 49. Mentre i ricoveri ospedalieri, sempre per via della mutazione, sono arrivati a 668.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Europa travolta dai contagi – Finlandia off limits per i turisti stranieri non vaccinati. Il Paese dei laghi è il primo nell’Ue a fare un passo destinato a far discutere anche nei corridoi delle istituzioni europee avendo optato per il divieto assoluto di ingresso per i non residenti che non siano immunizzati o guariti. Più in generale è un martedì nero per l’Europa nella battaglia al coronavirus. Omicron sta dilagando ovunque. La nuova variante, dopo Danimarca e Portogallo, è diventata dominante anche in Olanda e in Svizzera, mentre la Francia nelle ultime 24 ore ha registrato un aumento ciclopico dei contagi battendo tutti i record con 180 mila nuovi positivi.
La Scandinavia è tra le regioni europee che sta affrontando una rapidissima ascesa dei contagi. La Danimarca registra infatti il più alto tasso di infezioni al mondo: secondo i dati delle scorse ore, su 100 mila abitanti in 1.612 sono positivi al Covid. E la Finlandia, dopo una riunione-lampo del governo, ha deciso di correre ai ripari nel modo più drastico: vietando, salvo alcune eccezioni, a tutti gli stranieri non vaccinati e con età superiore ai 16 anni di entrare nel Paese. I non residenti vaccinati, invece, dovranno comunque sottoporsi al tampone nelle 48 ore precedenti al loro ingresso, sulla scia di quanto deciso nei giorni scorsi dall’Italia e da un numero crescente di Paesi europei. Sempre in Finlandia, secondo la deputata di Fdi Augusta Montaruli che ha annunciato un’interrogazione a riguardo, ci sarebbe un caso particolare che riguarda due cittadini italiani. Entrambi, dopo essere risultati positivi allo scalo di Helsinki, sarebbero stati chiusi in un bagno dell’aeroporto per l’isolamento, è stata la denuncia di Montaruli, che ha chiesto l’intervento del ministro degli Esteri Luigi Di Maio.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
In Europa Omicron avanza dappertutto sebbene non in maniera omogenea. La Francia, nelle ultime 24 ore, è stata letteralmente travolta dai contagi registrando 180 mila positivi, cifra nettamente superiore a quella del giorno di Natale, quando il Paese aveva sfondato il tetto dei 100 mila casi. In Gran Bretagna i positivi sono stati 129.471, con 18 decessi, ma i dati sono incompleti a causa del periodo di vacanza. E la stragrande maggioranza sono concentrati nell’Inghilterra, dove i positivi sono oltre 117 mila, nuovo record assoluto della più popolosa nazione del Regno Unito.
Nell’Olanda del lockdown la crescita dei contagi sta rallentando ma, secondo gli esperti, dopo che Omicron ha ufficialmente scalzato Delta, il Paese potrebbe affrontare un nuovo balzo di casi di positività e di ricoveri ospedalieri. La Germania, dove vige il cosiddetto lockdown dei non vaccinati, per il momento sembra reggere mentre il Belgio registra un moderato ma costante calo dei contagi e, grazie ad una sentenza del Consiglio di Stato che ha annullato il decreto regio del 22 dicembre, vedrà nelle prossime ore riaprire cinema e teatri. Il Covid sta inoltre tornando con prepotenza laddove tutto è cominciato, in Cina. Nelle ultime 24 ore la città di Xi’an, con i suoi 13 milioni di abitanti in lockdown da sei giorni, ha registrato 209 nuovi casi, il livello giornaliero più alto dal marzo 2020. I dati ufficiali sono meno drammatici di quelli europei ma Pechino ha già scelto di allargare le rigidissime restrizioni alle aree vicine per arginare il più grande focolaio di Covid dopo quello di Wuhan. Così altre centinaia di migliaia di persone sono finite in lockdown a Yan’an, che dista circa 300 chilometri da Xi’an.
Usa riducono la quarantena per i positivi a 5 giorni – Quarantena dimezzata per i positivi asintomatici. Sono gli Usa il primo Stato nel mondo occidentale a prendere le contromisure al pericolo paralisi sociale a causa delle centinaia di migliaia di persone costrette all’isolamento. E sulla scia di Washington, altre capitali potrebbero muoversi nei prossimi giorni, a cominciare da Roma e Parigi.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ma il rischio, per l’Unione europea, è che i Paesi membri si muovano ancora una volta in ordine sparso. Oltreoceano la quarantena, per i positivi asintomatici, è stata ridotta da 10 a 5 giorni. “Il cambio è motivato dal fatto che la scienza ci dice che la trasmissione avviene nei due giorni prima dei sintomi e nei 2-3 giorni successivi”, ha spiegato il Centers for Disease Control and Prevention (Cdc), che ha raccomandato, a chi è positivo e asintomatico, di portare comunque la mascherina nei 5 giorni successivi alla fine dell’isolamento. Il Centro ha inoltre raccomandato 5 giorni di isolamento per i vaccinati che hanno avuto contatti con un positivo. Niente quarantena, invece, per chi ha avuto contatti con un positivo ma ha fatto la terza dose.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Cina attacca gli Usa, i satelliti di Musk sono pericolosi
Dopo due ‘incontri ravvicinati’ con stazione spaziale cinese
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PECHINO
28 dicembre 2021
12:13
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Pechino ha accusato oggi gli Stati Uniti di condotta irresponsabile e pericolosa nello spazio a causa di due “incontri ravvicinati” tra la stazione spaziale cinese ed i satelliti della società Starlink del miliardario americano fondatore della Tesla, Elon Musk.

In particolare, secondo una nota consegnata questo mese dal governo cinese all’agenzia spaziale dell’Onu, la nuova stazione spaziale cinese – la Tiangong – è stata costretta ad effettuare manovre di emergenza per evitare la collisione con i satelliti del futuro servizio Internet Starlink in due occasioni, a luglio e ottobre di quest’anno.
Gli incidenti, sottolinea la nota cinese, “hanno messo in pericolo la vita o la salute degli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Cinese”.
Sull’argomento è intervenuto oggi il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Zhao Lijian, secondo il quale “gli Stati Uniti… ignorano i loro obblighi ai sensi dei trattati internazionali, ponendo una seria minaccia alla vita e alla sicurezza degli astronauti”.
La Starlink, una divisione della società SpaceX di Musk, gestisce una costellazione di quasi 2.000 satelliti che mira a fornire l’accesso a Internet a livello globale. La SpaceX è una società privata, ma la Cina afferma nella sua nota che i membri del Trattato sullo spazio extra-atmosferico (‘Outer Space Treaty’) – il fondamento del diritto spaziale internazionale – sono anche responsabili delle azioni delle loro entità non governative. Da parte sua, la SpaceX non ha risposto ad una richiesta di commenti sulla questione.   TECNOLOGIA

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Corte suprema russa ordina chiusura ong Memorial
E’ un’agente straniero’.Caduti nel vuoto gli appelli di Ue e Onu
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA
28 dicembre 2021
12:14
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Corte Suprema russa ha ordinato la chiusura di Memorial, la più antica organizzazione per la difesa dei diritti umani russa fondata durante la perestrojka da Andrei Sakharov, che si occupa di commemorare le vittime del regime sovietico.
E’ accusata di agire come “agente straniero” che riceve finanziamenti dall’estero.
Ieri il responsabile di Memorial, Yury Dmitriev, uno dei maggiori storici dei Gulag, ha visto aumentare da 13 a 15 anni la sua condanna in un controverso processo per presunti abusi sulla figlia adottiva.
L’Onu, l’Ue e gran parte della comunità internazionale si sono espressi contro lo smantellamento dell’ong.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Israele, per vaccinati ‘isolamenti abbreviati’
Nuove regole del governo mentre si diffonde la variante Omicron
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
11:43
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEL AVIV, 28 DIC – Nuove regole di isolamento, più permissive nei confronti di chi risulti vaccinato, sono state decise oggi dal governo israeliano in seguito al diffondersi dei contagi per la variante Omicron del coronavirus.

Entreranno in vigore già da domani.

Persone vaccinate che entrino in contatto con un contagiato (anche da Omicron) dovranno fare un tampone e restare in isolamento solo fino a quando abbiano ottenuto un risultato negativo. Nei dieci giorni seguenti dovranno evitare luoghi di svago affollati, ed astenersi dall’incontrare persone che siano in elevato rischio di contagio.
Diversamente da loro, i non vaccinati che siano entrati in contatto con un contagiato dovranno restare in isolamento per una settimana, fare tamponi al primo e al settimo giorno, ed attendere l’esito negativo di quest’ultimo.
Ieri in Israele sono stati rilevati 2.952 contagi (circa mille in più rispetto a quelli del giorno precedente) su 126 mila tamponi.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Presidente iraniano Raisi presto a Mosca per vedere Putin
Visita in Russia in programma all’inizio del 2022
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEHERAN
28 dicembre 2021
12:18
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente iraniano Ebrahim Raisi si recherà in Russia all’inizio del nuovo anno dopo aver ricevuto un invito dal capo di Stato russo Vladimir Putin.
Lo ha annunciato il portavoce del governo di Teheran, Ali Bahadori Jahromi.

“In linea con i rapporti strategici tra i due Paesi, la visita si colloca nell’ambito della politica dell’Iran per il rafforzamento delle relazioni a livello bilaterale e multilaterale con priorità verso gli Stati regionali”, ha affermato Jahromi.
In seguito a problemi con i Paesi occidentali riguardo all’attività nucleare iraniana, la repubblica islamica ha annunciato che lavorerà a stretto contatto con Russia e Cina riguardo a questioni regionali e internazionali.
Mosca e Teheran hanno preparato una bozza per un accordo ventennale di cooperazione economica, militare e a livello di sicurezza. In aprile, l’Iran ha siglato con la Cina un accordo omnicomprensivo per una cooperazione strategica nei prossimi 25 anni.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Cina attacca gli Usa, i satelliti di Musk sono pericolosi
Dopo due ‘incontri ravvicinati’ con stazione spaziale cinese
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PECHINO
28 dicembre 2021
12:24
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Pechino ha accusato oggi gli Stati Uniti di condotta irresponsabile e pericolosa nello spazio a causa di due “incontri ravvicinati” tra la stazione spaziale cinese ed i satelliti della società Starlink del miliardario americano fondatore della Tesla, Elon Musk.

In particolare, secondo una nota consegnata questo mese dal governo cinese all’agenzia spaziale dell’Onu, la nuova stazione spaziale cinese – la Tiangong – è stata costretta ad effettuare manovre di emergenza per evitare la collisione con i satelliti del futuro servizio Internet Starlink in due occasioni, a luglio e ottobre di quest’anno.
Gli incidenti, sottolinea la nota cinese, “hanno messo in pericolo la vita o la salute degli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Cinese”.
Sull’argomento è intervenuto oggi il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Zhao Lijian, secondo il quale “gli Stati Uniti… ignorano i loro obblighi ai sensi dei trattati internazionali, ponendo una seria minaccia alla vita e alla sicurezza degli astronauti”.
La Starlink, una divisione della società SpaceX di Musk, gestisce una costellazione di quasi 2.000 satelliti che mira a fornire l’accesso a Internet a livello globale. La SpaceX è una società privata, ma la Cina afferma nella sua nota che i membri del Trattato sullo spazio extra-atmosferico (‘Outer Space Treaty’) – il fondamento del diritto spaziale internazionale – sono anche responsabili delle azioni delle loro entità non governative.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Omicron:allerta gialla a New Delhi,governo reimpone chiusure
Governatore, ‘non siamo ancora all’emergenza, ma preveniamo’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW DELHI
28 dicembre 2021
12:27
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Un'”allerta gialla” e nuove restrizioni sono state imposte da oggi a New Delhi per combattere l’insorgere dei casi della variante Omicron del Covid19.

Le scuole della capitale saranno nuovamente chiuse, il trasporto pubblico viaggerà a metà della capienza; 50% dei clienti anche nei ristoranti, bar e in tutti gli altri luoghi pubblici.
Chiusi cinema, sale per le feste, teatri, palestre e tutti i parchi divertimento. Non più di venti persone saranno ammesse ai matrimoni e ai funerali.
L'”allerta gialla” in India scatta quando una città registra un tasso di positività superiore allo 0.5% per due giorni consecutivi, i casi superano i 1.500 in una settimana e i letti con ossigeno occupati negli ospedali sono in media 500 per una settimana.
Delhi ha registrato domenica un tasso di positività dello 0.55% e ieri dello 0,68%. “Non siamo ancora all’emergenza”, ha detto il governatore della città Arvind Kejriwal, “ma dobbiamo impedire che il virus si propaghi. Siamo dieci volte meglio attrezzati che in passato, ma dobbiamo seguire precauzioni e non abbassare la guardia. Se i mercati continueranno ad essere affollati come nei giorni scorsi, con troppe persone senza mascherina, sarò costretto a farli chiudere”, ha aggiunto.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Sudafrica: corte vieta a Shell esplorazione sismica Wild Coast
Esultano ambientalisti che temevano danni alla fauna marina
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
JOHANNESBURG
28 dicembre 2021
12:30
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Un tribunale sudafricano ha vietato al gigante petrolifero Shell di effettuare esplorazioni sismiche al largo della “Wild Coast”, cuore del Sudafrica rurale e zona ancora incontaminata.
Si tratta di una vittoria per gli ambientalisti preoccupati per le ripercussioni che le attività della multinazionale avrebbero avuto sulla fauna marina.

All’inizio del mese, era stata respinta la richiesta di un divieto urgente di questo progetto per la ricerca di giacimenti di petrolio e gas mediante campagna sismica, con tempi previsti dai quattro ai cinque mesi, su un’area di oltre 6.000 km2.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Birmania: partecipò a protesta, attore condannato a tre anni
Paing Takhon dovrà scontare la pena ai lavori forzati
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
16:22
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Uno dei volti più noti della Birmania, il modello e attore Paing Takhon, è stato condannato a tre anni di reclusione per avere partecipato ad una protesta di massa anti golpe.
Lo riporta la Bbc.

Takhon, che è seguito da milioni di giovani sui social ed è uno dei principali critici del governo online, era stato arrestato lo scorso aprile da 50 soldati arrivati nella sua abitazione alle cinque del mattino a bordo di otto camion.
Secondo il suo legale Takhon è già stato incarcerato e dovrà scontare la sua pena ai lavori forzati. La sua famiglia sta valutando se ricorrere in appello.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
India: star Bollywood Salman Khan morso tre volte da serpente
L’incidente in campagna, lunedì, giorno del 56esimo compleanno
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW DELHI
28 dicembre 2021
12:32
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La superstar di Bollywood Salman Khan ha raccontato ai media il piccolo dramma vissuto lunedì, giorno del suo 56esimo compleanno, quando è stato morso da un serpente e ha dovuto passare sei ore in un ospedale rurale.

L’attore, noto per il suo senso dell’umorismo, ha raccontato la storia nei dettagli.

“Il serpente mi ha morsicato tre volte. Ero andato con la mia famiglia nella casa di campagna, a Panvel, una villa immersa nella giungla. I bambini hanno visto il serpente in una stanza.
Sono riuscito a farlo attorcigliare delicatamente su un bastoncino”, ha raccontato, “ma in quel momento gli abitanti del villaggio, appresa la notizia, si sono radunati attorno alla villa urlando ‘kandhari, kandhari, kandhari’, il nome della famiglia del rettile. Frastornato dalla confusione, il serpente mi ha morso la prima volta; allora le grida sono aumentate e lui mi ha morso di nuovo; a quel punto tutti urlavano ‘ospedale, ospedale’ e mi ha morso per la terza volta”.
A quel punto per la star è stato necessario correre all’ospedale per l’antidoto, mentre il serpente veniva riportato, sano e salvo, nella giungla. “Siamo sopravvissuti entrambi a tre morsi”, ha concluso Khan, “ci siamo lasciati da amici, e ho persino un selfie con lui”.
La famiglia di serpenti “kandhari” ha un veleno poco pericoloso: dopo sei ore di osservazione, l’attore è stato dimesso dall’ospedale.
Le morti per i morsi di serpente sono frequenti in India: secondo uno studio dell’anno scorso, tra il 2019 e il 2020 ci sarebbero stati 58mila morti all’anno, 160 al giorno.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Mummia di faraone ‘spogliata’ digitalmente dopo 3.500 anni
Amenhotep I morto a 35 anni, aveva denti sani e nessuna ferita
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
12:34
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La mummia del faraone Amenhotep I, antica di 3.500 anni, scoperta nel 1881 ma mai ‘spogliata’ dagli archeologi, è stata svelata digitalmente da alcuni scienziati egiziani, rivelando dettagli inediti sulla vita e la morte del re egiziano.
Lo riporta la Cnn.

Decorata con ghirlande di fiori e un’affascinante maschera facciale in legno, la mummia era così fragile che gli archeologi non avevano mai osato esporne i resti, rendendola l’unica mummia reale egiziana trovata nel XIX secolo e non ancora aperta dagli studiosi.
“Scaricando digitalmente la mummia e ‘staccando’ i suoi strati virtuali – la maschera facciale, le bende e la mummia stessa – potremmo studiare questo faraone ben conservato con dettagli senza precedenti”, ha affermato Sahar Saleem, professore di radiologia presso la Facoltà di Medicina dell’Università del Cairo e radiologo dell’Egyptian Mummy Project, in una nota.
Saleem e i suoi colleghi hanno scoperto che Amenhotep I aveva circa 35 anni ed era alto 169 centimetri quando morì. Era anche circonciso e aveva denti sani. All’interno degli involucri sono stati trovati circa 30 amuleti e una cintura d’oro.
Il faraone aveva un mento stretto, un naso piccolo e stretto, capelli ricci e denti superiori leggermente sporgenti, ha detto Saleem.
L’indagine non ha svelato alcuna ferita o altri segni che possano svelare la causa della sua morte.
Amenhotep I governò l’Egitto per circa 21 anni, tra il 1525 e il 1504 avanti Cristo. Fu il secondo re della XVIII dinastia e guidò un periodo di regno in gran parte pacifico, durante il quale costruì molti templi.
Il cranio del faraone, compresi i denti, erano in ottime condizioni.
I ricercatori hanno scoperto che la mummia aveva invece sofferto di lesioni multiple post mortem, probabilmente inflitte da antichi ladri di tombe, lesioni che, secondo i testi geroglifici, sacerdoti e imbalsamatori hanno cercato di riparare più di quattro secoli dopo che era stato mummificato e sepolto per la prima volta. La ricerca è stata pubblicata oggi sulla rivista Frontiers in Medicine.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Corte suprema russa ordina chiusura ong Memorial
E’ un ‘agente straniero’. Caduti nel vuoto gli appelli Ue e Onu
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA
28 dicembre 2021
12:41
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Corte Suprema russa ha ordinato la chiusura di Memorial, la più antica organizzazione per la difesa dei diritti umani russa fondata durante la perestrojka da Andrei Sakharov, che si occupa di commemorare le vittime del regime sovietico.
E’ accusata di agire come “agente straniero” che riceve finanziamenti dall’estero.
Ieri il responsabile di Memorial, Yury Dmitriev, uno dei maggiori storici dei Gulag, ha visto aumentare da 13 a 15 anni la sua condanna in un controverso processo per presunti abusi sulla figlia adottiva.
L’Onu, l’Ue e gran parte della comunità internazionale si sono espressi contro lo smantellamento dell’ong.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Moschea Beauvais chiusa 6 mesi, ‘apologia della jihad’
Lo ha ordinato la Prefettura dell’Oise, in Francia
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LILLE
28 dicembre 2021
12:45
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La prefettura dell’Oise, zona a nord di Parigi, ha ordinato la chiusura della grande moschea di Beauvais per un periodo di sei mesi a causa di sermoni che “incitano all’odio e alla violenza” e che “fanno apologia della jihad”.
Lo ha annunciato la stessa prefettura.
Il decreto, in data di ieri diventa esecutivo dopo 48 ore, vale a dire dal 29 dicembre. Il ministro dell’Interno francese Gerald Darmanin ha annunciato il 14 dicembre di aver “avviato” la procedura per la chiusura amministrativa di questa moschea.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Presidente iraniano Raisi presto a Mosca per vedere Putin
Visita in Russia in programma all’inizio del 2022
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEHERAN
28 dicembre 2021
11:13
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente iraniano Ebrahim Raisi si recherà in Russia all’inizio del nuovo anno dopo aver ricevuto un invito dal capo di Stato russo Vladimir Putin.
Lo ha annunciato il portavoce del governo di Teheran, Ali Bahadori Jahromi.

“In linea con i rapporti strategici tra i due Paesi, la visita si colloca nell’ambito della politica dell’Iran per il rafforzamento delle relazioni a livello bilaterale e multilaterale con priorità verso gli Stati regionali”, ha affermato Jahromi.
In seguito a problemi con i Paesi occidentali riguardo all’attività nucleare iraniana, la repubblica islamica ha annunciato che lavorerà a stretto contatto con Russia e Cina riguardo a questioni regionali e internazionali.
Mosca e Teheran hanno preparato una bozza per un accordo ventennale di cooperazione economica, militare e a livello di sicurezza. In aprile, l’Iran ha siglato con la Cina un accordo omnicomprensivo per una cooperazione strategica nei prossimi 25 anni.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Cina, casi record nel nord, si allarga il lockdown
In isolamento altre centinaia di migliaia di persone a Yan’an
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PECHINO
28 dicembre 2021
12:48
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Le autorità cinesi hanno esteso il lockdown nel nord del Paese ad altre centinaia di migliaia di persone per contenere un’ondata di casi di coronavirus che ha raggiunto il livello più alto degli ultimi 21 mesi e che già costringe in isolamento milioni di cittadini.

Nelle ultime 24 ore la città di Xi’an, con i suoi 13 milioni di abitanti in lockdown da sei giorni, ha registrato 209 nuovi casi, il livello giornaliero più alto dal marzo 2020.
La nuova ondata di infezioni, anche se modesta rispetto al volume di casi registrati in Europa e negli Stati Uniti, ha indotto le autorità ad imporre le misure “più severe” possibili nella metropoli settentrionale.
E il focolaio che ha colpito Xi’an si sta rapidamente espandendo alle città vicine: le autorità di Yan’an – che dista circa 300 chilometri da Xi’an – hanno chiuso oggi le attività commerciali della città ed hanno ordinato a centinaia di migliaia di residenti in un distretto di rimanere a casa.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Cina attacca gli Usa, i satelliti di Musk sono pericolosi
Dopo due ‘incontri ravvicinati’ con stazione spaziale cinese
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PECHINO
28 dicembre 2021
12:56
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Pechino ha accusato oggi gli Stati Uniti di condotta irresponsabile e pericolosa nello spazio a causa di due “incontri ravvicinati” tra la stazione spaziale cinese ed i satelliti della società Starlink del miliardario americano fondatore della Tesla, Elon Musk.

In particolare, secondo una nota consegnata questo mese dal governo cinese all’agenzia spaziale dell’Onu, la nuova stazione spaziale cinese – la Tiangong – è stata costretta ad effettuare manovre di emergenza per evitare la collisione con i satelliti del futuro servizio Internet Starlink in due occasioni, a luglio e ottobre di quest’anno.
Gli incidenti, sottolinea la nota cinese, “hanno messo in pericolo la vita o la salute degli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Cinese”.
Sull’argomento è intervenuto oggi il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Zhao Lijian, secondo il quale “gli Stati Uniti… ignorano i loro obblighi ai sensi dei trattati internazionali, ponendo una seria minaccia alla vita e alla sicurezza degli astronauti”.
La Starlink, una divisione della società SpaceX di Musk, gestisce una costellazione di quasi 2.000 satelliti che mira a fornire l’accesso a Internet a livello globale. La SpaceX è una società privata, ma la Cina afferma nella sua nota che i membri del Trattato sullo spazio extra-atmosferico (‘Outer Space Treaty’) – il fondamento del diritto spaziale internazionale – sono anche responsabili delle azioni delle loro entità non governative.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Usa-Russia: il 10 gennaio colloqui su sicurezza e Ucraina
A Ginevra, secondo il ministero degli Esteri russo
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA
28 dicembre 2021
12:55
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Washington e Mosca terranno colloqui sulla sicurezza e sul conflitto in Ucraina a Ginevra il 10 gennaio prossimo: lo ha annunciato oggi il ministero degli Esteri russo.
“L’incontro si svolgerà a Ginevra.
Il 10 gennaio sarà il giorno principale per le consultazioni bilaterali russo-americane”, ha detto il viceministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov, secondo quanto riporta l’agenzia di stampa Tasss.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Scoperta al museo etrusco, l’elmo dei due guerrieri
Del IV sec. a.C., iscrizione decifrata a 90 anni da ritrovamento
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
12:55
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Forgiato nel bronzo a Perugia, poco prima della metà del IV secolo a.C.
per un soldato locale, forse un mercenario.
Per poi arrivare chissà come a Vulci, dove qualche anno più tardi divenne il vanto di un secondo guerriero, così orgoglioso di quel suo copricapo militare da portarselo nella tomba insieme a tutto il suo ricco corredo. A novant’anni dal ritrovamento, un’iscrizione appena interpretata apre uno squarcio di grande suggestione su un frammento di vita di 2400 anni fa. “Una storia rimasta nascosta sotto gli occhi di tutti” spiega l’etruscologo Valentino Nizzo, direttore del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia. Perché il magico e anche il paradosso di questa scoperta, racconta, è che sia avvenuta proprio all’interno del museo, dove l’elmo in questione era esposto già dal 1935. Solo che nessuno aveva notato quanto era stato inciso al suo interno, un particolare che rende questo reperto estremamente importante e raro, visto che in tutto il mondo – se si eccettua un deposito rituale di 150 elmi rinvenuto a Vetulonia all’inizio del ‘900 con almeno 60 esemplari tutti contraddistinti dal medesimo nome gentilizio – sono circa 10 le armi di questo tipo documentate in ambito etrusco e italico tra il VI e il III secolo a.C.
Tutto è cominciato nel 2019, racconta Nizzo, con una richiesta di studio per la digitalizzazione 3d di armi antiche condotta da un team neozelandese. Il dipendente incaricato di prelevare l’elmo nota qualcosa e allerta il direttore. Scattano i controlli, si cerca negli archivi per vedere se quell’iscrizione era stata studiata e interpretata, ma presto appare chiaro che quelle sette lettere che l’incisore aveva vergato a freddo da sinistra a destra componendo la parola “harn ste” all’interno del paranuca non erano mai state studiate. Il motivo rimane un mistero anche perché gli scavi, avviati nel 1928 da Ugo Ferraguti e Raniero Mengarelli, erano stati condotti con estrema cura usando un metodo scientifico dopo anni di saccheggi indiscriminati: “Chissà, forse l’iscrizione non si vedeva -ragiona Nizzo- quando l’elmo è stato recuperato dalla tomba 55 nella necropoli dell’Osteria di Vulci doveva essere incrostato di terra e ossidato”.   SCIENZA

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Tribunale belga rifiuta estradizione rapper spagnolo Valtonyc
Cantante era fuggito dopo condanna per ‘apologia del terrorismo
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
13:12
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES, 28 DIC – La Corte d’Appello della città belga di Gand ha rifiutato l’estradizione del rapper spagnolo Valtonyc, condannato nel suo Paese per “apologia del terrorismo” all’interno delle sue canzoni, in lingua catalana.

“Sono libero, faccio musica da quando ho 18 anni, non sono un terrorista e la giustizia mi ha dato ragione”, ha esultato il rapper, il cui vero nome è José Miguel Arenas Beltran.

Il cantante era fuggito in Belgio nel 2018 dopo una condanna a tre anni e mezzo per “apologia del terrorismo”, “ingiurie contro la Corona spagnola” e “minacce” contenute, secondo la sentenza, nelle sue canzoni. Secondo la giustizia spagnola, inoltre, alcuni versi di un suo brano contenevano una “incontestabile” apologia degli indipendentisti baschi dell’Eta, classificato come movimento terroristico in Ue. Ma il tribunale di Gand, questa mattina, ha rigettato la richiesta di estradizione del rapper per tutti e tre i casi giudiziari che lo avevano coinvolto.
“Questa è una vittoria chiara e netta”, ha sottolineato Simon Bekaert, legale di Valtonyc. La Spagna potrà comunque fare appello alla Corte di Cassazione, che però si limita all’esame degli aspetti procedurali di un caso giudiziario. Il rapper, in Belgio, ha potuto contare sul sostegno del movimento indipendentista catalano e, in particolare, dell’entourage dell’ex presidente della Catalogna Carles Puigdemont.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio a Tunisi, auspico pieno ristabilimento stato di diritto
‘Tunisia partner privilegiato, Italia vuole rafforzare rapporti’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
13:16
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Gli incontri avuti oggi con il presidente della Repubblica tunisina e con il ministro degli Esteri si sono rivelati molto proficui perché hanno permesso di portare avanti e consolidare un dialogo mai interrotto con un Paese che per l’Italia è strategico, oltre che tradizionalmente amico”.
Lo ha affermato il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in missione a Tunisi, dove in agenda ha anche un colloquio con il capo del Governo, Najla Bouden Romdhan.

“Ai miei interlocutori – ha spiegato il titolare della Farnesina – ho confermato che l’Italia guarda con interesse all’avvio di un percorso di riforme e scadenze politiche e costituzionali che dovrebbe auspicabilmente culminare in nuove elezioni legislative. Ho poi sottolineato l’importanza che il percorso avviato prosegua verso il pieno ristabilimento dello stato di diritto e della normalità democratica. Allo stesso tempo è importante che ciò avvenga attraverso un dialogo inclusivo, trasparente e sostanziale, con tutte le componenti politiche e sociali del Paese, assicurando il pieno rispetto dei diritti fondamentali e promuovendo la stabilità e la crescita economica”.
“Sul fronte delle relazioni bilaterali, in particolare economico-commerciali, nel ribadire come la Tunisia sia un partner privilegiato dell’Italia anche grazie alla presenza di circa 800 imprese italiane, ho espresso l’auspicio che si possa ulteriormente rafforzare questo partenariato”, ha concluso Di Maio.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Barbados: premier indice prime elezioni dopo fine monarchia
Si voterà il 19 gennaio 2022
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRIDGETOWN
28 dicembre 2021
14:11
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La premier di Barbados, Mia Amor Mottley ha annunciato lo svolgimento di elezioni legislative, le prime da quando il Paese ha abbandonato la monarchia per trasformarsi in repubblica, per il 19 gennaio 2022.
Lo scrive il quotidiano The Nation di Bridgetown.

Nel suo annuncio, Mottley ha invitato la presidente Dame Sandra Mason a sciogliere il Parlamento, avviando così il processo elettorale previsto dalla Costituzione.
In un discorso trasmesso in diretta sui media nazionali e su varie piattaforme social, la premier ha sottolineato che è giunto il momento di “ricalibrarsi come popolo dietro un governo e un leader”, e per questo “è necessario determinare con il voto chi deve portare avanti la Nazione”.
Infine Mottley ha affermato che a partire dal 3 gennaio comincerà la presentazione delle candidature per l’appuntamento elettorale, che in precedenza avrebbe dovuto svolgersi soltanto nel 2023.
Barbados, 430 km quadrati per 270.000 abitanti, ha celebrato la sua conversione in repubblica dopo aver abbandonato il Commonwealth britannico, il 30 novembre scorso. Si è trattato della quarta ex colonia nell’area caraibica a compiere questo passo dopo la Guyana nel 1970 (solo quattro anni dopo l’indipendenza), Trinidad e Tobago nel 1976 e Dominica nel 1978.
Secondo gli esperti, non sarà l’ultima in uno sfaldamento inesorabile del Commonwealth a vantaggio della Cina che sta acquistando sempre più potere nell’area grazia a ingenti investimenti. Il prossimo Paese a scegliere di diventare una Repubblica potrebbe essere, stando ai sondaggi, la Giamaica.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Finlandia vieta l’ingresso agli stranieri non vaccinati
Pfizer, possibile in primavera un vaccino adattato a Omicron
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
18:24
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Finlandia blocca gli ingressi a tutti i viaggiatori stranieri non vaccinati.
Lo annuncia il governo di Helsinki.
Per gli stranieri non vaccinati sarà vietato l’ingresso a meno che non abbiano meno di 16 anni, non siano residenti in Finlandia, non siano diplomatici o impiegati in attività essenziali o non abbiano motivi familiari non differibili come motivo del viaggio. Chi è vaccinato, per entrare nel Paese dei laghi, dovrà comunque esibire un test Covid negativo effettuato nelle 48 ore precedenti. Le misure sono entrate in vigore oggi e si applicano anche ai cittadini dell’Ue. Inizialmente il governo finlandese aveva annunciato l’ingresso nel Paese sarebbe stato possibile, dal 28 dicembre, solo con test negativo, obbligatorio per vaccinati e non vaccinati. Poi, nelle ultime ore, Helsinki ha optato per una stretta ulteriore. Pfizer annuncia che in caso di necessità sarà in grado di fornire in primavera un vaccino adattato alla variante Omicron del Covid. Lo dice in un’intervista al giornale ‘Blick’ Sabine Bruckner, responsabile di Pfizer in Svizzera. “Non sappiamo ancora se questo vaccino sarà necessario”, osserva Bruckner. Pfizer sta quindi lavorando su due fronti contemporaneamente, spiega la responsabile. Da una parte sta studiando fino a che punto l’attuale siero sia efficace contro le nuove varianti, dall’altra sta sviluppando le modifiche nel caso in cui fosse necessario adattarlo.
La riduzione dell’isolamento a cinque giorni per i positivi al Covid è per consentire agli asintomatici di rientrare al lavoro prima, soprattutto a coloro che svolgono lavori ritenuti essenziali. Lo afferma Anthony Fauci, il super esperto americano in malattie infettive e consigliere di Joe Biden, sottolineando che la decisione di ridurre l’isolamento per tutti a prescindere dallo stato di vaccinazione è stata una buona scelta, ha spiegato Fauci. La decisione – che non prevede isolamento per chi ha fatto la terza dose ed è stato esposto al virus – segue il pressing di molti settori economici e non solo che hanno chiesto di rivedere le norme per far fronte alla mancanza di personale. Ed è subito criticata perché ritenuta inadeguata all’emergenza Omicron, Il Centers for Disease Control and Prevention è da tempo al centro delle polemiche per i suoi messaggi contrastanti e per le ripetute modifiche delle linee guida. Nel mezzo di Omicron e in assenza di test per il Covid, è l’accusa, le autorità decidono di ridurre l’isolamento per rispondere al pressing degli ospedali, delle compagnie aeree e di altri settori di attività economica.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Corte suprema russa ordina la chiusura della ong Memorial
“E’ un agente straniero”. Caduti nel vuoto gli appelli di Ue e Onu
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA
29 dicembre 2021
09:45
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Corte Suprema russa ha ordinato la chiusura di Memorial, la più antica organizzazione per la difesa dei diritti umani russa fondata durante la perestrojka da Andrei Sakharov, che si occupa di commemorare le vittime del regime sovietico. E’ accusata di agire come “agente straniero” che riceve finanziamenti dall’estero.
Ieri il responsabile di Memorial, Yury Dmitriev, uno dei maggiori storici dei Gulag, ha visto aumentare da 13 a 15 anni la sua condanna in un controverso processo per presunti abusi sulla figlia adottiva.
L’Onu, l’Ue e gran parte della comunità internazionale si sono espressi contro lo smantellamento dell’ong.
La chiusura della ong Memorial da parte della Russia è un “affronto” ai diritti umani. Lo afferma il segretario di Stato americano Antony Blinken. La chiusura arriva in un anno in cui lo spazio per la società civile, i media e gli attivisti pro-democrazia in Russia si è ridotto, aggiunge Blinken mettendo in evidenza che i russi e “la memoria dei milioni che hanno sofferto la repressione dell’era sovietica, meriano di meglio”.
Il giudice Alla Nazarova ha ordinato la chiusura di Memorial International, sia la struttura centrale sia le sue sedi regionali, per non aver contrassegnato tutte le sue pubblicazioni con l’etichetta di “agente estero” come richiesto dalla legge. La dibattuta legislazione russa sull'”agente estero” definisce le organizzazioni che ricevono fondi internazionali come azioni contrarie agli interessi della Russia. “Disgrazia! Disgrazia!” hanno gridato alcuni sostenitori in tribunale dopo la sentenza. Durante l’udienza il pubblico ministero ha anche sostenuto che Memorial “crea una falsa immagine dell’Urss come stato terrorista e denigra la memoria della seconda guerra mondiale”. La decisione del tribunale è il colpo più duro subito dall’organizzazione fondata nel 1989 da dissidenti sovietici tra cui il premio Nobel per la pace Andrei Sakharov. L’avvocato Maria Eismont ha affermato che la chiusura è un “segnale molto negativo”, ma ha aggiunto che Memorial farà ricorso e proseguirà con il suo lavoro. “Questa non è la fine”, ha detto ai giornalisti.
“International Memorial è un’organizzazione per i diritti umani molto rispettata che ha lavorato instancabilmente per documentare le atrocità e la repressione politica compiute sotto il governo di Joseph Stalin e di altri leader sovietici. Chiudendo l’organizzazione, le autorità russe calpestano la memoria di milioni di vittime perse nel Gulag”. Lo ha dichiarato Marie Struthers, direttrice di Amnesty International per l’Europa orientale e l’Asia centrale reagendo alla notizia che la Corte suprema russa ha ordinato la chiusura dell’organizzazione della società civile International Memorial per presunta violazione della legislazione sugli “agenti stranieri”. “La chiusura di International Memorial rappresenta un attacco diretto ai diritti alla libertà di espressione e di associazione. L’uso da parte delle autorità della legge sugli ‘agenti stranieri’ per sciogliere l’organizzazione è un attacco sfacciato alla società civile che cerca di offuscare la memoria nazionale della repressione statale. La decisione di chiudere l’International Memorial è un grave insulto per le vittime del Gulag russo e deve essere immediatamente annullata”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Papa: coloro che sfruttano i bambini sono i nuovi Erode
“Spezzano loro innocenza con lavoro schiavo e prostituzione”
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
CITTÀ DEL VATICANO
28 dicembre 2021
15:21
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“I nuovi Erode dei nostri giorni spezzano l’innocenza dei bambini sotto il peso del lavoro schiavo, della prostituzione e dello sfruttamento, delle guerre e dell’emigrazione forzata.
#PreghiamoInsieme oggi per questi bambini e difendiamoli.
#SantiInnocenti”. Lo afferma oggi papa Francesco in un tweet, nella ricorrenza dei Santi Innocenti.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Finlandia vieta l’ingresso agli stranieri non vaccinati
Tranne minori 16 anni, residenti, lavoratori essenziali
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
HELSINKI
28 dicembre 2021
15:58
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Finlandia blocca gli ingressi a tutti i viaggiatori stranieri non vaccinati.
Lo annuncia il governo di Helsinki.
Per gli stranieri non vaccinati sarà vietato l’ingresso a meno che non abbiano meno di 16 anni, non siano residenti in Finlandia, non siano diplomatici o impiegati in attività essenziali o non abbiano motivi familiari non differibili come motivo del viaggio. Chi è vaccinato, per entrare nel Paese dei laghi, dovrà comunque esibire un test Covid negativo effettuato nelle 48 ore precedenti. Le misure sono entrate in vigore oggi e si applicano anche ai cittadini dell’Ue.
Inizialmente il governo finlandese aveva annunciato l’ingresso nel Paese sarebbe stato possibile, dal 28 dicembre, solo con test negativo, obbligatorio per vaccinati e non vaccinati. Poi, nelle ultime ore, Helsinki ha optato per una stretta ulteriore.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: De Blasio, scuole restino aperte, più test a studenti
Il sindaco di New York ai genitori, vaccinate i bambini
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
28 dicembre 2021
16:37
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Le scuole devono restare aperte: stiamo lavorando affinché tutto sia pronto per il 3 gennaio”, all’attesa riapertura dopo la pause di Natale.
Lo afferma il sindaco di New York, Bill de Blasio, annunciando un aumento dei test per gli studenti.
Quelli molecolari saranno raddoppiati, aggiunge De Blasio invitando i genitori a fare la loro parte e a vaccinare i ragazzi.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Epstein: rischio Covid, giuria Maxwell allunga deliberazioni
L’ordine del giudice, un’ora in più al giorno
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
28 dicembre 2021
16:38
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il giudice che presiede al processo di Ghislaine Maxwell, la complice di Jeffrey Epstein, ha ordinato ai giurati di allungare i tempi giornalieri in camera di consiglio.
Una decisione, quella di Alison Nathan, legata al balzo dei casi di Covid.
Ai giurati Nathan ha ordinato di chiudere la giornata di deliberazioni alle 18 ora locale almeno per questa settimana fino a quando non raggiungeranno un verdetto. Finora la camera di consiglio si era chiusa prima delle 17.
“Siamo di fronte al rischio che i giurati e i partecipanti al processo debbano mettersi in quarantena. Allungare di un’ora le deliberazioni concede alla giuria più tempo”, spiega il giudice.
La giuria è ormai al quinto giorno di camera di consiglio.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Omicron: in Gb altri 17 mila casi, totale supera 177 mila
Ma dal 23 dicembre mancano i dati di Scozia e Galles
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
28 dicembre 2021
16:48
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Nel Regno Unito sono stati registrati altri 17.269 contagi della variante Omicron del coronavirus nell’ultimo giorno.
E’ quanto emerge dai dati diffusi dalla Uk Health Security Agency (Ukhsa).
Il totale arriva così a 177.201, sebbene dal 23 dicembre manchino i dati di Scozia o Galles per via del periodo di festività. Il numero totale di decessi in Inghilterra causati da Omicron è salito a 49. Mentre i ricoveri ospedalieri, sempre per via della mutazione, sono arrivati a 668.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ossigeno, 301 operatori dell’informazione minacciati nel 2021
Il 24% sono donne. Anche episodi correlati all’emergenza Covid
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
20:57
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Nel corso del 2021 in Italia 301 operatori dell’informazione (giornalisti, blogger, fotoreporter, video cronisti) sono stati colpiti da minacce e intimidazioni per metterli a tacere, per ostacolare la loro attività di fornire informazioni nell’interesse pubblico.
A fornire i dati, aggiornati al 17 dicembre, è l’Osservatorio non governativo Ossigeno per l’Informazione.
Il 24% dei minacciati sono donne. La metà delle intimidazioni (48%) sono state realizzate con querele pretestuose, un quarto (25%) con avvertimenti, il 16% con aggressioni fisiche, il 10% con iniziative non perseguibili che hanno ostacolato arbitrariamente e in modo discriminatorio l’accesso alle informazioni, l’1% con danneggiamenti.
Nel corso dell’anno non sono mancati episodi correlati all’emergenza da Covid-19. Su 301 casi casi totali, 69 hanno riguardato operatori ed operatrici dell’informazione impegnati a seguire le manifestazioni contro l’introduzione del green pass o del vaccino, oppure che hanno documentato l’evolversi della pandemia. Dal 2006 a oggi Ossigeno ha segnalato 4904 giornalisti minacciati. Il numero dei minacciati del 2021 è inferiore a quello dei due anni precedenti: 301 rispetto ai 495 del 2020 e ai 472 del 2019. “Questo notevole calo non riflette un miglioramento della situazione, che – a giudizio dell’Osservatorio – rimane drammaticamente grave e preoccupante e richiederebbe attenzione e cure urgenti che continuano a essere rinviate sine die. Il calo del 2021 dipende essenzialmente dal notevole indebolimento delle risorse dell’Osservatorio Ossigeno che produce questi dati, svolgendo un compito di interesse pubblico che richiede una notevole mole di lavoro e che, secondo le Raccomandazioni dell’UNESCO, del Consiglio d’Europa, dell’OSCE e di altre organizzazioni, dovrebbe essere svolto con adeguate risorse pubbliche e garanzie di autonomia dal Governo e dalle forze politiche, e invece viene svolto prevalentemente con il volontariato professionale e qualche donazione”. Nel 2021 Ossigeno ha ricevuto meno donazioni e meno prestazioni volontarie e di conseguenza ha potuto fare una ricerca più limitata degli episodi che rientrano con ragionevole certezza nel suo campo di competenza. Inoltre Ossigeno ricorda che “il suo Osservatorio, anche quando ha operato con maggiori risorse, ha potuto misurare e mostrare in modo documentato soltanto la punta dell’iceberg, non l’intero fenomeno delle minacce rivolte ai giornalisti in Italia. Il fenomeno è notevolmente più grande: la parte sommersa, non visibile, è molto più estesa di quella che si riesce a vedere”.
Quest’anno Ossigeno è riuscito a condurre un esame e una verifica approfondita delle intimidazioni rivolte a 135 dei 301 giornalisti e blogger censiti.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato un infarto ad uccidere il regista Jean-Marc Vallée
Era solo in casa; l’ex moglie, “cause naturali”
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
28 dicembre 2021
18:43
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Jean-Marc Vallée, il regista canadese di “Dallas Buyers Club” e “Big Little Lies”, è morto d’infarto nel suo chalet di Berthier-sur-Mer, una settantina di chilometri da Quebec City.
Lo scrive “Deadline Hollywood” rendendo nota la causa del decesso.
Quando è morto, Vallée era solo. Aspettava ospiti e, a quanto pare, è morto il giorno di Natale: il suo corpo senza vita è stato trovato da amici la mattina dopo, scrive oggi la “Montreal Gazette”. Sarà condotta un’autopsia ma la polizia ritiene fin d’ora che il regista sia morto per cause naturali, ha detto la ex moglie, Chantal Cadieux, in un’intervista a una tv locale.
Vallée era un salutista entusiasta. Non toccava un goccio di alcol e praticava una tecnica estrema di respirazione che richiede di trattenere il fiato per lunghi periodi spesso in condizioni di gran freddo.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Cinema: Capri Hollywood premia Ferretti, Lo Schiavo e Avati
‘Master of Cinematic Art’ al Teatro San Carlo il 3 gennaio
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
28 dicembre 2021
19:42
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Allo scenografo Dante Ferretti e alla ‘set decorator ‘ Francesca Lo Schiavo, coppia tre volte premio Oscar, e al regista Pupi Avati saranno assegnati i premi ‘Master of Cinematic Art’ il 3 gennaio al Teatro di San Carlo di Napoli nel gran gala finale di ‘Capri, Hollywood -The International Film Festival’.

Lo stesso riconoscimento è già stato già annunciato per l’attore Toni Servillo che sarà premiato da Carolina Rosi e dai registi Mario Martone e Roberto Andò (presidente di Capri Hollywood 2021) per un 2021 di successi coronata dal film in corsa per gli Oscar ‘E’ stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino.
La serata aprirà le celebrazioni per il centenario del regista Francesco Rosi. #CapriHollywood26 ha il patrocinio di Croce Rossa Italiana, Città di Capri e Comune di Anacapri. Tra gli ospiti musicali sul palco del lirico più antico d’Europa l’israeliana Noa (con i Solis String Quartet per un omaggio a Napoli) e il tenore Vittorio Grigolo con un tributo a Enrico Caruso.
La kermesse, fondata e prodotta dal 1995 da Pascal Vicedomini con l’Istituto Capri nel mondo, continua fino al 2 gennaio le sue proiezioni nelle sale dell’ isola azzurra e di Sorrento con oltre 150 titoli tra anteprime internazionali e rassegne. L’ ingresso è gratuito, lo slogan ‘a cinema in sicurezza’.
L’evento è promosso con l’Università Telematica Pegaso, il sostegno del MiC (Dg Cinema), Regione Campania e la partecipazione di Intesa Sanpaolo, Terna, Givova, Fenix Entertainment, Frecciarossa e Isaia.   CINEMA

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Covid: in Francia esplodono i contagi, 180.000 in 24 ore
Lo riferiscono le autorità sanitarie
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PARIGI
28 dicembre 2021
20:05
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Sono più di 180.000 i contagi di Covid registrati nelle ultime 24 ore in Francia, un nuovo record dall’inizio della pandemia.
Lo riferiscono le autorità sanitarie.
Il Paese aveva superato i 100.000 casi per la prima volta il giorno di Natale.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Polonia: Tusk denuncia, ‘il governo spia gli oppositori’
‘E’ la più grave crisi della democrazia dai tempi del comunismo’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
VARSAVIA
28 dicembre 2021
20:05
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il leader dell’opposizione polacca Donald Tusk ha affermato che i report sul presento spionaggio di oppositori da parte del governo tramite lo spyware Pegasus rappresenta “la più grande crisi per la democrazia” in Polonia dalla fine del comunismo.
La scorsa settimana Citizen Lab, un’organizzazione di monitoraggio sulla cyber-sicurezza basata in Canada, ha affermato che Pegasus sarebbe stato utilizzato per prendere di mira figure di spicco dell’opposizione, con i media polacchi che parlano di un “Watergate polacco”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Birmania: appello Usa all’embargo di armi verso i militari
Lo lancia Blinken dopo la strage di civili del 24 dicembre
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
28 dicembre 2021
20:05
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Gli Stati Uniti condannano gli attacchi del 24 dicembre in Birmania in cui hanno perso la vita 35 persone: “Prendere di mire innocenti è inaccettabile.
La comunità internazionale deve fare di più per prevenire il ripetersi di queste atrocità in Birmania, incluso mettere fine alla vendita di armi e di tecnologia a doppio uso ai militari birmani”.
Lo afferma il segretario di Stato americano, Antony Blinken, chiedendo al regime di garantire la sicurezza degli operatori umanitari e l’accesso a coloro che offrono assistenza umanitaria alla popolazione.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Danimarca ha il più alto tasso di infezioni al mondo
Media: ‘1.612 casi ogni 100.000 persone. Omicron dominante’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre 2021
20:05
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Danimarca diventa il Paese con il più alto tasso di infezione da Covid al mondo, con 1.612 casi ogni 100.000 persone.
Il Paese di 5,8 milioni di abitanti – riferisce il Guardian – ha registrato lunedì un nuovo record di contagi superando per la prima volta i 15.000 casi in 24 ore, esattamente 16.164, a fronte di 130.686 tamponi, con un tasso di positività del 12,4%.
A partire dalla scorsa settimana, la variante Omicron è diventata dominante in Danimarca.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Kabul, donne protestano contro le uccisioni di ex soldati
Alcuni cronisti e fotografi sono stati fermati
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
KABUL
28 dicembre 2021
20:05
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Decine di donne hanno sfilato oggi a Kabul protestando contro le uccisioni di ex soldati governativi di cui sono accusati i Talebani.
Circa 30 manifestanti si sono radunate nei pressi di una moschea nel centro della capitale, riuscendo poi a marciare per qualche centinaio di metri, intonando lo slogan “giustizia giustizia” prima di essere bloccate dai miliziani armati, che hanno tentato di impedire ai giornalisti di seguire la manifestazione.

Alcuni cronisti e fotografi sono stati fermati, l’equipaggiamento confiscato e le immagini delle macchine fotografiche cancellate.
“Il mondo dica ai Talebani di fermare gli assassinii, vogliamo libertà, giustizia, diritti umani”, ha detto una delle manifestanti, Nayera Koahistani.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Usa oltre 500.000 casi, a Ny tasso positività 20%
E’ il numero più alto dall’inizio della pandemia
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
28 dicembre 2021
21:29
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Negli Stati Uniti sono stati registrati oltre 500.000 nuovi casi di Covid nelle ultime 24 ore, il numero più alto dall’inizio della pandemia.
Solo nella città di New York il tasso di positività medio degli ultimi sette giorni è quasi il 20%, per l’esattezza il 19,97%.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid, Oms: il rischio legato a Omicron resta molto alto
Italia tra i paesi con il maggior numero di casi della variante
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
GINEVRA
29 dicembre 2021
03:16
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il rischio rappresentato nel mondo dalla variante Omicron del Covid-19 rimane “molto alto”, ha annunciato oggi l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

“Il rischio globale legato alla nuova preoccupante variante rimane molto alto”, avverte l’Oms nel suo bollettino epidemiologico settimanale.
“Prove affidabili mostrano che Omicron ha un vantaggio di crescita rispetto alla variante Delta, con una capacità di raddoppiare in due o tre giorni”, aggiunge l’organizzazione constatando che “si osserva un rapido aumento dell’incidenza dei casi in un certo numero di paesi”.
“La crescita rapida è probabilmente legata a una combinazione tra la perdita di immunità e l’aumento intrinseco della trasmissibilità della variante Omicron”, afferma l’Oms evidenziando tuttavia la diminuzione del 29% dell’incidenza dei casi in Sudafrica, il Paese che per primo ha segnalato questa variante il 24 novembre. L’Oms aveva indicato che i dati provenienti da Regno Unito, Sudafrica e Danimarca – che attualmente hanno i più alti tassi di infezione – suggerivano un ridotto rischio di ricovero per Omicron rispetto alla variante Delta. Tuttavia sarebbero necessari più dati per comprendere la gravità rappresentata da Omicron in termini di marcatori clinici, tra cui l’uso di ossigeno, la ventilazione meccanica e i decessi. E anche su come questa gravità potrebbe essere influenzata da una precedente infezione da Covid-19 o da una vaccinazione. Secondo l’Oms, nella settimana terminata domenica il numero complessivo di nuovi casi è aumentato dell’11% rispetto alla precedente, mentre il numero di decessi è diminuito del 4%. “Ciò corrisponde a poco meno di 5 milioni di nuovi casi e oltre 44.000 nuovi decessi”. Il maggior numero di casi è stato registrato in Stati Uniti, Regno Uniti, Francia e Italia.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il rischio rappresentato nel mondo dalla variante Omicron del Covid-19 rimane “molto alto”, ha annunciato oggi l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

“Il rischio globale legato alla nuova preoccupante variante rimane molto alto”, avverte l’Oms nel suo bollettino epidemiologico settimanale.
“Prove affidabili mostrano che Omicron ha un vantaggio di crescita rispetto alla variante Delta, con una capacità di raddoppiare in due o tre giorni”, aggiunge l’organizzazione constatando che “si osserva un rapido aumento dell’incidenza dei casi in un certo numero di paesi”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Maltempo: California, nevicate record sulla Sierra Nevada
Da inizio dicembre 5,13 metri di neve
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
08:36
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La catena montuosa della Sierra Nevada, in California, ha registrato finora questo mese (dato aggiornato a ieri) ben 5,13 metri di neve, il livello più alto mai raggiunto a dicembre da quando sono iniziate le rilevazioni nel 1970.
Lo riporta la Cnn sottolineando che il record segue mesi di estrema siccità che hanno alimentato incendi e provocato scarsità d’acqua.

Le rilevazioni sono state fatte al Passo Donner, a est di Sacramento, dal Central Sierra Snow Laboratory della University of California, Berkeley. Inoltre, il dicembre 2021 diventa così il terzo mese più nevoso in assoluto in California (in testa a questa classifica c’e’ il gennaio 2017, con 6,04 metri di neve).
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Oms: ‘Con tsunami Omicron-Delta ospedali a rischio collasso’
In rapido aumento l’incidenza dei casi in alcuni Paesi. Afp, nuovo record settimanale di casi nel mondo
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
GINEVRA
29 dicembre 2021
21:43
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Lo “tsunami” dei casi prodotto dalla combinazione della variante Delta e della variante Omicron rischia di “portare i sistemi sanitari sull’orlo del collasso”.
Lo ha detto, nel corso di una conferenza stampa, il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus.
“Questa situazione esercita, e continuerà a farlo, una pressione enorme su un personale sanitario già esausto”, ha affermato il numero uno dell’Oms.
Il rischio rappresentato nel mondo dalla variante Omicron del Covid-19 rimane “molto alto”, ha annunciato oggi l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms).  “Il rischio globale legato alla nuova preoccupante variante rimane molto alto”, avverte l’Oms nel suo bollettino epidemiologico settimanale. “Prove affidabili mostrano che Omicron ha un vantaggio di crescita rispetto alla variante Delta, con una capacità di raddoppiare in due o tre giorni”, aggiunge l’organizzazione constatando che “si osserva un rapido aumento dell’incidenza dei casi in un certo numero di paesi”.
Oltre 935.000 casi di Covid sono stati registrati in media ogni giorno nell’ultima settimana a livello mondiale, vale a dire il livello più alto mai raggiunto dall’inizio della pandemia: è quanto risulta dai conteggi dell’agenzia di stampa Afp. I dati si riferiscono alla settimana dal 22 al 28 dicembre e si basano sui rapporti comunicati quotidianamente dalle autorità sanitarie di ciascun Paese.
STATI UNITI – Lo stato di New York ha registrato un nuovo record di nuovi casi di Covid: nelle ultime 24 ore sono stati 67.000. Lo afferma il governatore Kathy Hochul, sottolineando di aver ordinato 37 milioni di kit per effettuare i test. I ricoveri sono saliti di 594 unità a quota 6.767, mentre i decessi sono stati 97.
SPAGNA  – La Spagna riduce la quarantena per chi è positivo al Covid da dieci a sette giorni. Lo riportano i media iberici. Ridotto ad una settimana anche il periodo di isolamento per chi non è vaccinato ed è entrato in contatto diretto con un positivo. La decisione della Commissione di Salute Pubblica, che riunisce le Comunità autonome della Spagna e il ministero della Sanità, è arrivata “all’unanimità”.
REGNO UNITO –  Il premier Boris Johnson ha affermato che “fino al 90%” delle persone attualmente ricoverate in terapia intensiva per il Covid negli ospedali britannici non hanno ricevuto la terza dose di vaccino e ha quindi esortato ancora una volta i cittadini a sottoporsi al ‘booster’. Parlando ai giornalisti, il primo ministro ha aggiunto che ci sono 2,4 milioni di persone che si sono sottoposte a due dosi ma non hanno fatto il richiamo, pur essendo idonee, e che è proprio questa categoria la più esposta ai ricoveri.
FRANCIA –  La Francia registra oltre duecentomila nuovi casi di Covid e segna un nuovo record dall’inizio della pandemia. Le persone contagiate nelle ultime 24 ore sono state 208.000, ha annunciato il ministro della Salute francese Olivier Véran all’Assemblea Nazionale. Ieri il Paese aveva registrato 180mila nuovi casi.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Guterres (Onu), serve piano vaccinazioni coraggioso
‘Impegno affinche’ il 2022 sia l’anno della ripresa per tutti’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
09:56
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
”Dobbiamo lavorare per mettere in campo un piano di vaccinazioni coraggioso che permetta di raggiungere ogni persona in qualsiasi parte del mondo”: lo ha detto il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, nel suo messaggio di fine anno riferendosi alla pandemia di coronavirus.

”Il mondo accoglie il 2022 in un momento in cui le nostre speranze sono messe a dura prova per la povertà che si aggrava, la crescente disuguaglianza nella distribuzione dei vaccini anti Covid, per gli impegni insufficienti in favore del clima, per i conflitti persistenti, le divisioni e la disinformazione che resiste”: ha sottolineato il numero uno dell’Onu.

”Siamo di fronte non solo a decisioni politiche importanti ma a prove morali e vitali”, ha aggiunto: “Sfide che l’umanità può superare, se ci impegniamo a rendere il 2022 l’anno della ripresa per tutti”.
Oltre ad un “piano di vaccinazioni coraggioso”, Guterres ha sottolineato che “è necessario un rilancio dell’economia con i Paesi ricchi che sostengono i Paesi in via di sviluppo con finanziamenti, investimenti e riduzione del debito”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Hong Kong: Stand News chiude dopo perquisizione e arresti
Si dimette direttore ad interim, licenziati tutti i dipendenti
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
HONG KONG
29 dicembre 2021
10:00
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il sito web indipendente di notizie Stand News di Hong Kong ha chiuso i battenti alla luce della perquisizione e degli arresti eseguiti oggi da parte della polizia dell’ex colonia con l’accusa di “pubblicazione sediziosa”: lo ha reso noto la stessa pubblicazione sulla sua pagina Facebook.
Il direttore ad interim Patrick Lam si è dimesso e tutti i dipendenti sono stati licenziati, si legge nel messaggio: il sito web della testata e le sue pagine sui social media non saranno più aggiornate e saranno rimosse presto.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Neve in California e caldo in Alaska,’clima impazzito’
In Sierra Nevada dall’ inizio del mese di dicembre sono caduti già 5,13 metri di neve
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
19:32
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Sempre più drammatici e “assurdi” gli effetti del cambiamento climatico: dopo le temperature record in Siberia, tocca ora agli Stati Uniti, già devastati da uragani e tornado, a fari i conti con il ‘clima impazzito’.
Sulla catena montuosa della Sierra Nevada, in California, nell’ultimo mese è state registrata una media di 5,13 metri di neve, il livello più alto mai raggiunto a dicembre da quando sono iniziate le rilevazioni nel 1970.
Un record che arriva dopo mesi di estrema siccità che hanno alimentato incendi e provocato scarsità d’acqua. Opposto il problema in Alaska, in preda a un’ondata di calore con temperature che i 20 gradi in un periodo dell’anno caratterizzato normalmente da un freddo pungente e abbondanti nevicate.
Secondo quanto riportano i media locali, sull’isola di Kodiak – a sudovest di Anchorage – sono stati registrati domenica scorsa 19,4 gradi, la temperatura più alta mai rilevata nel mese di dicembre in tutto il territorio. Una situazione “assurda”, ha commentato Rick Thoman dell’Alaska Center for Climate Assessment and Policy. Il nuovo massimo di riferimento segue una serie di temperature record come i 18,3 gradi registrati all’aeroporto di Kodiak, i 16,6 gradi a Cold Bay nella penisola di Alaska, e i 13,3 gradi di sabato 25 a Unalaska, ovvero il giorno di Natale più caldo mai registrato nelle Aleutine occidentali. Dal punto di vista climatico, il 2021 degli Usa è stato caratterizzato da due grandi eventi avversi anomali. L’uragano Ida, che ha fine estate ha causato quasi 70 morti, danni devastanti in Louisiana e fino negli Stati del nordest, facendo temere una nuova Katrina. Solo poche settimane fa è stata invece la volta dei devastanti tornado che hanno colpito che hanno colpito il Midwest e il Sud, in particolare il Kentucky. Il prezzo pagato è stato di almeno 90 morti.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: Papa, non chiudiamo occhi, è scandalo sociale
‘Sono vittime della violenza dei potenti’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
29 dicembre 2021
10:13
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Quella dei migranti “è una realtà davanti alla quale non possiamo chiudere gli occhi”, “è uno scandalo sociale dell’umanità”.
Lo ha detto il Papa nell’udienza generale.
“Oggi credo che ci vuole una preghiera per tutti i migranti, tutti i perseguitati e tutti coloro che sono vittime di circostanze avverse, siano circostanze politiche, storiche, personali. Pensiamo a tanta gente vittima delle guerre che vuole fuggire dalla sua patria ma non può.
Pensiamo ai migranti che cominciano quella strada per essere liberi e tanti finiscono sulla strada o nel mare”.
Il Papa, dedicando la catechesi a “San Giuseppe come migrante perseguitato e coraggioso” e ricordando che la Sacra Famiglia fu costretta per un periodo a rifugiarsi in Egitto per sfuggire alla violenza di Erode, ha aggiunto: “Ancora oggi tanti nostri fratelli e tante nostre sorelle sono costretti a vivere la medesima ingiustizia e sofferenza. La causa è quasi sempre la prepotenza e la violenza dei potenti”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Polonia, 794 morti in 24 ore, il 75% non vaccinato
I nuovi casi sono 15.571
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
10:25
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Polonia ha registrato 794 morti a causa del coronavirus nelle ultime 24 ore, il 75% dei quali (600) non erano vaccinati: lo ha reso noto oggi a Polsat News il vice ministro della Sanità, Waldemar Kraska, secondo quanto riporta il Guardian.
Si tratta del più alto numero di decessi giornalieri registrato finora nella quarta ondata della pandemia.
Allo stesso tempo, sono stati segnalati altri 15.571 casi di contagio.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Thailandia, 2.575 casi e 17 morti in 24 ore
I contagi importati dall’estero sono 116
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
10:58
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Thailandia ha registrato nelle ultime 24 ore 2.575 nuovi casi di coronavirus e 17 decessi provocati dalla malattia: lo ha reso noto il ministero della Sanità, secondo quanto riporta il Guardian.
Sul totale delle nuove infezioni 116 sono stati rilevati in persone provenienti dall’estero e 2.459 sono stati causati dalla trasmissione del virus a livello locale.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Hamas, incontro Gantz-Abu Mazen una ‘pugnalata alla schiena’
Ministro a-Sheikh, discusso ‘orizzonte politico’ per negoziati
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
11:04
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
GAZA, 29 DIC – L’incontro della scorsa notte del presidente palestinese Abu Mazen col ministro israeliano della difesa Benny Gantz è “un crimine” e rappresenta “una pugnalata alla schiena della intifada palestinese”.
Lo ha affermato su twitter Hazem Kassem, un portavoce di Hamas.
Il dialogo di Abu Mazen con Israele “è tanto più riprovevole – ha sottolineato il portavoce – mentre in Cisgiordania si moltiplicano gli attacchi da parte di coloni ebrei”. Nei siti web vicini a Hamas circola intanto una vignetta che mostra Abu Mazen, in ginocchio, intento a pulire gli scarponi militari di Gantz. Critiche all’incontro sono state espresse anche dalla Jihad islamica, mentre le fazioni armate di Gaza sono state convocate oggi “per elaborare una risposta unitaria”.
Intanto il ministro palestinese per le questioni civili Hussein a-Sheikh, che ha partecipato all’incontro, ha precisato che la sua importanza consiste nell’aver affrontato la questione dell’ “orizzonte politico” in vista di una soluzione negoziata sulla base della legittimità internazionale.
Fra i temi affrontati, ha aggiunto, questioni legate alla sicurezza, nonché argomenti di carattere economico ed umanitario.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Usa: è morto l’ex allenatore di football John Madden
Aveva 85 anni
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
11:27
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il leggendario ex allenatore di football americano, e poi commentatore tv, John Madden, è morto ieri in California all’età di 85 anni: lo ha reso noto la National Football League (NFL) senza rivelare la causa del decesso, secondo quanto riporta la Bbc.

Madden portò gli allora Oakland Raiders alla loro prima conquista del Super Bowl nel 1977 e divenne un popolarissimo commentatore e analista televisivo dopo il suo ritiro da allenatore quando aveva solo 42 anni.
Successivamente, divenne il volto del Madden NFL Football, uno dei videogiochi sportivi di maggior successo nella storia degli Stati Uniti.
“Nessuno amava il football più di Coach”, ha commentato in un comunicato il commissario della NFL, Roger Goodell: “Non ci sarà mai un altro John Madden e saremo per sempre in debito con lui per tutto ciò che ha fatto per rendere il football e la NFL quello che è oggi”. Madden allenò i Raiders per 10 stagioni, dal 1969 al 1978.   SPORT

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Migranti: Papa, non chiudiamo gli occhi, è uno scandalo sociale
‘Sono vittime della violenza dei potenti’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
29 dicembre 2021
22:11
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Quella dei migranti “è una realtà davanti alla quale non possiamo chiudere gli occhi”, “è uno scandalo sociale dell’umanità”.
Lo ha detto il Papa nell’udienza generale.
“Oggi credo che ci vuole una preghiera per tutti i migranti, tutti i perseguitati e tutti coloro che sono vittime di circostanze avverse, siano circostanze politiche, storiche, personali. Pensiamo a tanta gente vittima delle guerre che vuole fuggire dalla sua patria ma non può. Pensiamo ai migranti che cominciano quella strada per essere liberi e tanti finiscono sulla strada o nel mare”.
Il Papa, dedicando la catechesi a “San Giuseppe come migrante perseguitato e coraggioso” e ricordando che la Sacra Famiglia fu costretta per un periodo a rifugiarsi in Egitto per sfuggire alla violenza di Erode, ha aggiunto: “Ancora oggi tanti nostri fratelli e tante nostre sorelle sono costretti a vivere la medesima ingiustizia e sofferenza. La causa è quasi sempre la prepotenza e la violenza dei potenti”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Cina, ‘misure drastiche’ se Taiwan verso indipendenza
Avverte portavoce dell’ufficio per gli Affari di Taiwan
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
12:16
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Cina prenderà “misure drastiche” se Taiwan si muoverà verso l’indipendenza: è l’avvertimento lanciato oggi dal portavoce dell’Ufficio per gli affari di Taiwan, Ma Xiaoguang.
Lo riportano i media internazionali.

Il funzionario ha sottolineato nel corso di una conferenza stampa che Pechino è pronta a fare tutto il possibile per cercare la riunificazione pacifica con Taiwan, ma agirà se le linee rosse dell’indipendenza saranno superate. “Se le forze separatiste che chiedono l’indipendenza di Taiwan provocano, esercitano forza o addirittura superano una linea rossa, dovremo adottare un’azione drastica”, ha detto Ma.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Johnson, 90% pazienti in terapia intensiva senza terza dose
Premier Gb, 2,4 milioni non hanno fatto booster, anche se idonei
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
29 dicembre 2021
12:16
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il premier Boris Johnson ha affermato che “fino al 90%” delle persone attualmente ricoverate in terapia intensiva per il Covid negli ospedali britannici non hanno ricevuto la terza dose di vaccino e ha quindi esortato ancora una volta i cittadini a sottoporsi al ‘booster’.
Parlando ai giornalisti, il primo ministro ha aggiunto che ci sono 2,4 milioni di persone che si sono sottoposte a due dosi ma non hanno fatto il richiamo, pur essendo idonee, e che è proprio questa categoria la più esposta ai ricoveri.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Afp, nuovo record settimanale di casi nel mondo
In media oltre 935mila al giorno dal 22 al 28 dicembre
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PARIGI
29 dicembre 2021
12:18
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Oltre 935.000 casi di Covid sono stati registrati in media ogni giorno nell’ultima settimana a livello mondiale, vale a dire il livello più alto mai raggiunto dall’inizio della pandemia: è quanto risulta dai conteggi dell’agenzia di stampa Afp.
I dati si riferiscono alla settimana dal 22 al 28 dicembre e si basano sui rapporti comunicati quotidianamente dalle autorità sanitarie di ciascun Paese.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Hamas, incontro Gantz-Abu Mazen una ‘pugnalata alla schiena’
Ministro a-Sheikh, discusso ‘orizzonte politico’ per negoziati
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
11:04
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
GAZA, 29 DIC – L’incontro della scorsa notte del presidente palestinese Abu Mazen col ministro israeliano della difesa Benny Gantz è “un crimine” e rappresenta “una pugnalata alla schiena della intifada palestinese”.
Lo ha affermato su twitter Hazem Kassem, un portavoce di Hamas.
Il dialogo di Abu Mazen con Israele “è tanto più riprovevole – ha sottolineato il portavoce – mentre in Cisgiordania si moltiplicano gli attacchi da parte di coloni ebrei”. Nei siti web vicini a Hamas circola intanto una vignetta che mostra Abu Mazen, in ginocchio, intento a pulire gli scarponi militari di Gantz. Critiche all’incontro sono state espresse anche dalla Jihad islamica, mentre le fazioni armate di Gaza sono state convocate oggi “per elaborare una risposta unitaria”.
Intanto il ministro palestinese per le questioni civili Hussein a-Sheikh, che ha partecipato all’incontro, ha precisato che la sua importanza consiste nell’aver affrontato la questione dell’ “orizzonte politico” in vista di una soluzione negoziata sulla base della legittimità internazionale.
Fra i temi affrontati, ha aggiunto, questioni legate alla sicurezza, nonché argomenti di carattere economico ed umanitario.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Gentiloni: ‘Possibile frenata dell’economia, ma presto per stime’
A Faz, ‘Siamo lontani da effetti ondate Covid precedenti’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BERLINO
29 dicembre 2021
12:46
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Ha poco senso fornire nuove previsioni, proprio in una fase in cui si sa così poco della nuova variante.
È vero che per il quarto trimestre 2021 abbiamo alcuni indizi che la crescita abbia subito un rallentamento.
E che le nostre previsioni per l’intero anno fossero troppo ottimistiche rispetto alla situazione pandemica, che è peggiorata”. Lo dice il commissario Ue al Bilancio Paolo Gentiloni alla Faz, sulle stime di crescita dell’Ue per il 2021 e il 2022. Le prossime stime arriveranno a febbraio, ma “è verosimile che l’economia rallenti anche prima, nel nuovo anno.
Siamo comunque lontani dagli effetti delle precedenti ondate”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
India: Goa si divide sulla statua dedicata a Ronaldo
Molti avrebbero preferito onorare un giocatore locale
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
13:12
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Una statua dedicata al fuoriclasse portoghese Cristiano Ronaldo divide l’opinione pubblica indiana: appena inaugurata nello Stato occidentale di Goa, dove il calcio è lo sport più popolare, la statua è stata pensata per ispirare i giovani, ma finora ha soltanto alimentato una polemica di stampo campanilistico.
Lo riporta la Bbc.

Goa, infatti, è un’ex colonia portoghese e sono ormai 60 anni che gode della sua indipendenza da Lisbona: per i critici sarebbe stato meglio onorare un giocatore locale, anche perché numerosi membri passati e presenti della Nazionale Indiana sono proprio di Goa.
“Sono molto deluso di sentire che hanno eretto una statua dedicata a Ronaldo. Impariamo ad essere orgogliosi delle nostre icone, come Samir Naik e Bruno Coutinho”, ha detto un residente del luogo all’agenzia di stampa IANS riferendosi a due ex noti calciatori locali. Da parte sua, il Times of India riporta che durante l’inaugurazione della statua alcune persone hanno sventolato bandiere nere in segno di protesta.
Altri ritengono che sia offensivo installare la statua proprio durante le celebrazioni del 60mo anniversario dell’indipendenza dal Portogallo, avvenuta 14 anni dopo che il resto dell’India era stato liberato dal dominio britannico.
“Erigere una statua di un calciatore portoghese quest’anno è un sacrilegio. Condanniamo questo atto”, ha detto l’attivista di destra, Guru Shirodkar, citato dalla IANS. “Ci sono molti combattenti per la libertà a Goa che sono stati insultati”, ha aggiunto.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Clima: Alaska in preda a ondata calore, fino a 20 gradi
La temperatura più alta mai registrata a dicembre
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
14:00
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’Alaska è in preda a un’ondata di calore con temperature che in alcune parti dello Stato sfiorano i 20 gradi Celsius in un periodo dell’anno caratterizzato normalmente da un freddo pungente e abbondanti nevicate.

Secondo quanto riportano oggi i media locali, sull’isola di Kodiak – a sudovest di Anchorage – sono stati registrati domenica scorsa 19,4 gradi, la temperatura più alta mai rilevata nel mese di dicembre in tutto il territorio, ha commentato lo scienziato Rick Thoman dell’Alaska Center for Climate Assessment and Policy, definendola “assurda”.

Il nuovo massimo di riferimento segue una serie di temperature record come i 18,3 gradi registrati all’aeroporto di Kodiak, i 16,6 gradi nel Comune di Cold Bay nella penisola di Alaska e almeno otto giorni questo mese con temperature superiori ai 10 gradi nella città di Unalaska – nelle Aleutine occidentali – inclusi 13,3 gradi sabato 25, ovvero il giorno di Natale più caldo mai registrato nello Stato.   METEO

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Tre Boeing per salvare il Giappone dalla crisi delle patatine
Accordo con una società di cargo Usa. ‘Vendite riprendono il 31’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
14:48
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Tre aerei della compagnia americana Flexport Inc.
carichi di patate sono pronti a partire per salvare i McDonald’s in Giappone dalla carenza di patatine fritte causata dalla crisi della catena di approvvigionamenti nel mondo dovuta alla pandemia di Covid.
Non solo, il porto di Vancouver da cui partono le navi dirette in Asia è stato colpito da piogge e allagamenti a metà dicembre e tutte le spedizioni si sono bloccate. Nei giorni scorsi la mancanza di materia prima aveva portato tutti i fast food del Paese a razionare le ‘french fries’ – come sono chiamate in America – e a servire solo le porzioni piccole. Immagini circolate sui social media lo scorso 21 dicembre avevano mostrato lunghe file fuori dai locali McDonald’s di Tokyo per accaparrarsi le ultime porzioni medie e grandi.
“Flexport ha appena stipulato un contratto per far volare tre 747 carichi di patate in Giappone per aiutare con la carenza di patatine fritte”, ha annunciato l’amministratore delegato della società Ryan Petersen in un tweet, senza fornire dettagli sul costo di un’operazione del genere. Interpellata dall’agenzia Bloomberg McDonald’s non ha confermato né smentito l’accordo con Flexport ma ha rassicurato che le vendite di tutti i formati di french fries riprenderanno il 31 dicembre.
La carenza di patatine fritte non ha colpito solo il Giappone. A New York, l’iconico ristorante di hamburger J.G.
Melon la scorsa settimana ha dichiarato in un post su Instagram che avrebbe bloccato la vendite delle sue patatine fritte erano a causa di problemi con la catena di approvvigionamento.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Tre aerei della compagnia americana Flexport Inc.
carichi di patate sono pronti a partire per salvare i McDonald’s in Giappone dalla carenza di patatine fritte causata dalla crisi della catena di approvvigionamenti nel mondo dovuta alla pandemia di Covid.
Non solo, il porto di Vancouver da cui partono le navi dirette in Asia è stato colpito da piogge e allagamenti a metà dicembre e tutte le spedizioni si sono bloccate. Nei giorni scorsi la mancanza di materia prima aveva portato tutti i fast food del Paese a razionare le ‘french fries’ – come sono chiamate in America – e a servire solo le porzioni piccole. Immagini circolate sui social media lo scorso 21 dicembre avevano mostrato lunghe file fuori dai locali McDonald’s di Tokyo per accaparrarsi le ultime porzioni medie e grandi.
“Flexport ha appena stipulato un contratto per far volare tre 747 carichi di patate in Giappone per aiutare con la carenza di patatine fritte”, ha annunciato l’amministratore delegato della società Ryan Petersen in un tweet, senza fornire dettagli sul costo di un’operazione del genere. Interpellata dall’agenzia Bloomberg McDonald’s non ha confermato né smentito l’accordo con Flexport ma ha rassicurato che le vendite di tutti i formati di french fries riprenderanno il 31 dicembre. La carenza di patatine fritte non ha colpito solo il Giappone. A New York, l’iconico ristorante di hamburger J.G.
Melon la scorsa settimana ha dichiarato in un post su Instagram che avrebbe bloccato la vendite delle sue patatine fritte erano a causa di problemi con la catena di approvvigionamento.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Usa: Kamala Harris in difficoltà, si allea con top manager
Sono come consiglieri informali, ma strategia comporta rischi
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
29 dicembre 2021
15:05
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Con un portafoglio di compiti particolarmente complicato, che include l’immigrazione e i diritti di voto, e in caduta libera nei sondaggi, Kamala Harris si ‘allea’ con i top manager di Corporate America, divenuti una sorta di consiglieri informali.
Il presidente di Microsoft Brad Smith, l’amministratore delegato di Cisco Chuck Robbins e il numero uno di Citigroup Jane Fraser sono alcuni dei leader con i quali Harris si interfaccia con maggiore frequenza.

Il dialogo, riporta l’agenzia Bloomberg, ha portato all’impegno del settore privato a stanziare 1,2 miliardi di dollari per aiutare a gestire il flusso dei migranti dal centro America, e spinto le banche a distribuire più fondi alle piccole imprese, soprattutto quelle di minoranze. Per Harris si è trattato di successi per ritagliarsi un ruolo attivo all’intenro della Casa Bianca e per distrarre l’attenzione dei media, troppo concentrati a suo avviso sulla frustrazione del suo staff.
Ma il legame con Corporate America di traduce anche in rischi politici. Rapporti stretti con i manager di Wall Street e della Silicon Valley rischiano di alienarle il consenso degli elettori democratici e di costarle potenzialmente caro nel 2024.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo record contagi in Francia, oltre 200.000 in 24 ore
Mai così tanti dall’inizio della pandemia
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
15:06
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Francia registra oltre duecentomila nuovi casi di Covid e segna un nuovo record dall’inizio della pandemia.
Le persone contagiate nelle ultime 24 ore sono state 208.000, ha annunciato il ministro della Salute francese Olivier Véran all’Assemblea Nazionale.
Ieri il Paese aveva registrato 180mila nuovi casi.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Morta la fotografa Sabine Weiss, aveva 97 anni
E’ stata la pioniera della ‘fotografia di strada’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
15:58
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La fotografa svizzero-francese Sabine Weiss, pioniera di quella che in seguito divenne nota come la ‘fotografia di strada’, è morta oggi all’età di 97 anni nella sua casa di Parigi: lo ha reso noto la sua famiglia.

Weiss è stata l’ultima esponente della scuola di fotografia umanista francese del secondo dopoguerra, che ha reinventato i poteri evocativi delle immagini espressi da grandi come Robert Doisneau, Willy Ronis e Brassai.

Nella sua carriera di quasi 80 anni, la fotografa ha catturato la condizione della gente comune nella capitale francese, spesso all’aperto, in un corpus di opere che sono state mostrate in importanti retrospettive in tutto il mondo. Ed è stata anche molto richiesta come fotografa ritrattista di artisti, tra cui i compositori Benjamin Britten e Igor Stravinsky, il famoso violoncellista Pablo Casals e il pittore francese Fernand Leger.
Il suo lavoro è stato esposto in 160 mostre e fa parte delle collezioni permanenti di diversi importanti musei, tra cui il Museum of Modern Art e il Metropolitan Museum of Art di New York, e il Centre Pompidou di Parigi. Weiss era nata in Svizzera nel 1924 e si era trasferita a Parigi nel 1946, diventando poi cittadina francese.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Afghanistan: Usa nominano inviata speciale per diritti donne
E’ l’esperta Rina Amiri
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
29 dicembre 2021
16:40
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Gli Stati Uniti nominano un’inviata speciale per la difesa dei diritti delle donne afghane.
Si tratta di Rina Amiri, esperta che ha lavorato al Dipartimento di Stato nell’amministrazione Obama.
“Come inviata speciale lavorerà su temi importanti per l’amministrazione e la sicurezza nazionale: i diritti umani e le libertà fondamentali delle donne. Vogliamo un Afghanistan pacifico, stabile e sicuro, dove tutti gli afghani possano vivere”, afferma il segretario di Stato, Antony Blinken.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Grecia chiude ristoranti a mezzanotte e niente musica
Ma per notte Capodanno apertura locali prorogata alle 2 di notte
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
16:43
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Nuova stretta anti-Covid in Grecia, dove si registra un nuovo record assoluto di contagi – oltre 21mila nelle ultime 20 ore – e dove, rispetto a lunedì scorso i casi di positività sono raddoppiati.
Il governo ellenico ha annunciato che a partire da domani e fino al 16 gennaio bar, locali e ristoranti dovranno potranno ammettere un massimo di sei persone al tavolo e dovranno eliminare la musica.
Dovranno inoltre chiudere a mezzanotte tranne che nella notte di Capodanno quando l’apertura sarà eccezionalmente prorogata alle due.
“La variante Omicron è dominante e il sistema sanitario è sotto pressione. Le misure, se applicate correttamente, ci permetteranno di tornare alla vita normale a metà gennaio”, ha sottolineato – secondo quanto riportato su diversi media internazionali – il ministro della Sanità greco Thanos Plevris.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Nuova Zelanda: prima giornalista conduce tg con tatuaggio Maori
Disegno su parte inferiore mento.’ La propria cultura è forza’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
17:11
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La giornalista televisiva neozelandese Oriini Kaipara è diventata la prima anchor a presentare il notiziario in prima serata con un tatuaggio sul viso Maori.
Lo riportano i media internazionali ripubblicando un tweet della giornalista prima del su debutto alle 18, su Newshub, lunedì 27 dicembre.

“È davvero emozionante. Mi sto davvero divertendo. Non sono senza parole e orgogliosa di quanto sono arrivata lontano”, ha raccontato Kaipara invitando le nuove generazioni a usare la loro cultura come punto di forza. La giornalista, 37enne, ha sfoggiato con orgoglio il suo moko kauae, un tatuaggio tradizionale portato dalle donne Maori sulle labbra e la parte inferiore del mento, che si è fatta fare nel 2017 quando ha scoperto le sue origini indigene. I disegni del moko kauae, raccontano il ruolo all’interno della comunità o la storia della persona e dei suoi antenati.
Visto con diffidenza e pregiudizio ancora da molti in Nuova Zelanda, il tatuaggio è stato sdoganato dalla nuova ministra degli Esteri Nanaia Mahuta, la prima donna maori a ricoprire questo ruolo.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Cnn, domani telefonata Biden-Putin
Chiamata chiesta dal presidente russo
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
29 dicembre 2021
18:09
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente Joe Biden avrà una conversazione telefonica con il presidente russo Vladimir Putin giovedì pomeriggio.
Lo riporta la Cnn citando alcune fonti, secondo le quali la telefonata sarebbe stata chiesta da Putin e Biden avrebbe accettato.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Una nuova telefonata, la seconda in un mese, tra il presidente degli Usa Joe Biden e il presidente russo Vladimir Putin per provare a imboccare la difficile strada del disgelo sul dossier Ucraina.
Il colloquio tra i due leader è previsto alle 21:30 (ora italiana) di domani e si inserisce in un contesto nel quale, dietro la coltre di dichiarazioni alla stampa, le due potenze stanno entrambe aprendo alla possibilità di un alleggerimento delle tensioni.
Il colloquio, secondi fonti americane, sarebbe stato chiesto da Putin e Biden avrebbe accettato. E il presidente degli Usa, hanno spiegato da Washington, offrirà al suo interlocutore “una via diplomatica”. Saranno diversi gli argomenti, tutti caldissimi, che Biden e Putin toccheranno nel corso della telefonata. All’orizzonte ci sono i colloqui che si apriranno ad inizio 2022 con il Consiglio Nato-Russia, previsto il 10 gennaio proprio sul dossier Kiev e anche sul tema del controllo delle armi nucleari. E il 12 e 13 dello stesso mese nuovi colloqui tra l’Occidente e Mosca avranno luogo in occasione del summit dell’Osce. Washington, sul dossier ucraino, continua a tenere aperto un doppio binario. Da una parte, come hanno sottolineato anche in queste ore fonti dell’amministrazione Biden, conferma l’impegno ad uno sforzo diplomatico che porti ad una soluzione concordata con Mosca. Dall’altra ribadisce “la preoccupazione” per l’integrità territoriale dell’Ucraina e si dice “pronta a rispondere con nuove e dure sanzioni” in caso di escalation. In caso di invasione da parte della Russia, gli Usa “prevedono di rafforzare la posizione della Nato” e di “fornire ulteriore assistenza” all’Ucraina se necessario, ha aggiunto alla Cnn un funzionario dell’amministrazione americana. La strada delle sanzioni, al momento, resta comunque nettamente sullo sfondo e anche l’Unione Europea, al vertice dei leader del dicembre scorso, si è mostrata prudente.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Usa, trovata la capsula del tempo del generale Lee
Era nella base della statua abbattuta per proteste anti-razzismo
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
29 dicembre 2021
18:15
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Una Bibbia con una moneta incastonata, una copia del magazine Harper’s Weekly del 1865 con in copertina la foto di una persona piangere sulla tomba Abraham Lincoln, una bandiera confederata e una pallottola Miniè, un tipo di proiettile usato durante la Guerra di Secessione.
La capsula del tempo scovata sotto la ormai rimossa statua del generale sudista Robert Lee è stata aperta.

Gli storici e i restauratori parlano di un tesoro raro anche se la tanto ricercata foto di Lincoln nella sua bara non è stata trovata. L’apertura della scatola rettangolare in rame è avvenuta nel corso di una cerimonia trasmessa anche online e che ha attirato migliaia di persone, deluse la scorsa settimana dall’apertura della prima scatola ritrovata, dalla quale erano emersi solo un libro e la foto di un marmista che lavorava su un piedistallo di granite. La magra scoperta ha alimentato la speranza e l’attesa per la seconda capsula del tempo rinvenuta sotto la statua di Lee rimossa da Richmond, capitale degli stati Confederati d’America durante la Guerra di Secessione.
La caduta dell’imponente monumento è stata il culmine della battaglia degli Stati Uniti contro i simboli della schiavitù e del razzismo. Eretta nel 1890 dominava Monument Avenue, la strada di Richmond che onorava gli eroi della Confederazione. Lo scorso settembre era l’ultima rimasta in piedi dopo che i busti di J. E. B. Stuart, Stonewall Jackson, Jefferson Davis e Matthew Fontaine Maury era stati rimossi sulla scia delle proteste contro la discriminazione razziale innescate con la morte di George Floyd.
Il contenuto della preziosa scatola è stato estratto con la massima cautela: la capsula del tempo era infatti sommersa nell’acqua ma gli oggetti al suo interno hanno evitato il peggio. “Sono in condizioni decisamente migliori di quanto ci aspettavamo. Ci immaginavamo che tutto fosse bagnato, invece non è lo è”, afferma la restauratrice Kate Ridgway, osservando come la prima scatola rinvenuta era stata probabilmente abbandonata da coloro coinvolti nella costruzione e nell’installazione del gigantesco monumento che pesava 12 tonnellate.
Ora spetta ai restauratori recuperare al meglio i cimeli e documenti, verificando se nascondono segreti.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Cedu chiede alla Russia di sospendere la chiusura di Memorial
Ricorso d’urgenza della ong alla Corte Europea dei diritti umani
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
29 dicembre 2021
20:11
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Corte europea dei diritti dell’uomo (Cedu) ha chiesto alla Russia di “sospendere” lo scioglimento del Centro per i Diritti Umani del gruppo Memorial.

Interpellata con procedura d’urgenza da parte della ong, la Corte ha chiesto al governo di Mosca di sospendere la sua decisione “il tempo necessario perché possa essere esaminata il ricorso” del gruppo Memorial.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Da Usa a Francia è record contagi, ‘si rischia tsunami’
Ma l’Europa attende su restrizioni. Anche Spagna riduce quarantena
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
20:09
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Dagli Stati Uniti alla Francia al Regno Unito la variante Omicron porta contagi record in tutto il mondo e costringe i Paesi a muoversi, dai tempi della quarantena alle nuove restrizioni, in ordine sparso.
Gli Usa hanno registrato oltre 500mila casi con un tasso di positività che a New York ha sfiorato il 20%.
La Francia, che solo martedì aveva toccato la cifra record di 180mila nuovi casi, ha battuto se stessa 24 ore dopo sfondando quota 200mila. “Lo tsunami prodotto dalla combinazione di Delta ed Omicron” rischia di “portare i sistemi sanitari sull’orlo del collasso”, è l’allarme lanciato dal direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus. A dispetto della prima ondata di Covid l’Occidente questa volta non ha innescato una corsa alle chiusure. In alcuni Paesi, come la Germania, esperti e governo non hanno escluso nuove restrizioni. Altri, come la Grecia, si sono limitati a spegnere la musica nei ristoranti e nei bar per evitare assembramenti e ad imporre loro la chiusura a mezzanotte (con proroga alle 2 a Capodanno). Altri ancora, come la Spagna, hanno invece seguito la scia di Usa, Gran Bretagna o Italia optando per un drastico taglio della quarantena. Madrid ha infatti ridotto da dieci a sette giorni l’isolamento obbligatorio per chi è positivo. “Dobbiamo trovare un equilibrio tra salute pubblica e crescita economica”, ha spiegato il primo ministro Pedro Sanchez facendo riferimento al rischio paralisi dei servizi a causa delle tantissime persone costrette alla quarantena. In Belgio, in seguito ad una sentenza del Consiglio di Stato, riaprono teatri, cinema e eventi culturali con una capienza massima di 200 persone. Ma Omicron non si ferma. Secondo il conteggio dell’agenzia Afp oltre 935.000 casi di Covid sono stati registrati in media ogni giorno nell’ultima settimana a livello mondiale, il livello più alto mai raggiunto dall’inizio della pandemia. L’ascesa dei contagi è rapidissima in Danimarca, Portogallo e Grecia. La Gran Bretagna ha sfondato il tetto dei 180mila contagi. Negli Usa i dati più recenti hanno mostrato un calo – dagli oltre 500mila di martedì ai 380mila mercoledì – tenendo però presente la crescente scarsità di test a disposizione. Il filo rosso che lega la gran parte dei Paesi è soprattutto uno: a finire in terapia intensiva sono i non vaccinati e rischia anche chi non ha fatto la terza dose. “Fino al 90%” delle persone attualmente ricoverate in terapia intensiva per il Covid negli ospedali britannici non hanno ricevuto il “booster”, ha sottolineato il primo ministro britannico Boris Johnson, tornando ad invitare tutti a immunizzarsi.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Spagna riduce da 10 a 7 giorni quarantena per positivi
Stesso isolamento per non vaccinati in contatto con contagiati
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
19:05
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Spagna riduce la quarantena per chi è positivo al Covid da dieci a sette giorni.
Lo riportano i media iberici.
Ridotto ad una settimana anche il periodo di isolamento per chi non è vaccinato ed è entrato in contatto diretto con un positivo.
La decisione della Commissione di Salute Pubblica, che riunisce le Comunità autonome della Spagna e il ministero della Sanità, è arrivata “all’unanimità”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ue monitora situazione Omicron, ‘importante coordinarsi’
‘Quando dati completi su variante attendiamo torni convergenza’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
29 dicembre 2021
19:08
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’Ue continua a “operare uno stretto monitoraggio della situazione, in particolare riguardo alla proporzionalità” delle misure e quando i dati su Omicron saranno completi “si attende che le misure prese dai Paesi membri tornino a convergere”.
E’ quanto spiega un portavoce della Commissione Ue dopo che la Finlandia ha imposto il divieto di ingresso agli stranieri non vaccinati.
“E’ importante che ci sia coordinamento sulle misure. I nostri obiettivi restano proteggere la salute, facilitare una libera e sicura circolazione e assicurare il funzionamento del mercato interno”, si spiega dall’Ue.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: nuovo record di contagi in Gran Bretagna, 183 mila
Includono però casi registrati in cinque giorni nel Nord Irlanda
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
29 dicembre 2021
19:18
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Nel Regno Unito si registra un nuovo record di contagi da Covid dall’inizio della pandemia: sono stati 183.037, con 57 morti.
Tuttavia, i dati giornalieri del governo includono il conteggio di casi registrati nell’arco di cinque giorni nell’Irlanda del Nord e non comunicati in precedenza per la pausa natalizia.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Usa, Biden offrirà a Putin via diplomatica
Gli Stati Uniti pronti a ulteriore assistenza a Kiev
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
29 dicembre 2021
19:19
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Joe Biden offrirà al presidente russo Vladimir Putin una “via diplomatica” per le tensioni in Ucraina.
Lo afferma un funzionario dell’amministrazione americana in vista delle telefonata fra i due leader in programma domani.
Gli Stati Uniti, aggiunge, sono pronti a offrire all’Ucraina ulteriore assistenza.
Gli Stati Uniti continuano comunque a essere molto preoccupati per il rafforzamento della presenza militare della Russia al confine con l’Ucraina e sono pronti a sanzioni più forti che mai contro Mosca in caso di escalation, secondo quanto riportato da un funzionario dell’amministrazione di Joe Biden in vista della telefonata, la seconda in un mese, fra il presidente americano e il presidente russo Vladimir Putin.
La conversazione è in programma domani alle 21.30 italiane.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Epstein: giuria si riunirà anche 31 dicembre e 1 e 2 gennaio
La decisione del giudice a causa del Covid, ‘fatti progressi’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
29 dicembre 2021
19:29
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La giuria del processo contro Ghislaine Maxwell, la complice di Jeffrey Epstein, continuerà a deliberare anche il 31 dicembre, l’1 gennaio e 2 gennaio fino a quando un verdetto non sarà raggiunto”.
Lo afferma il giudice Alison Nathan, ribadendo la necessità di procedere con la camera di consiglio a causa del Covid e del rischio di possibili quarantene nel caso in cui qualcuno risultasse positivo.
La giuria avrebbe indicato di aver fatto progressi nelle sue deliberazioni.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: a New York 67.000 casi in 24 ore, nuovo record
Le vittime sono 97
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
29 dicembre 2021
21:50
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Lo stato di New York ha registrato un nuovo record di nuovi casi di Covid: nelle ultime 24 ore sono stati 67.000.
Lo afferma il governatore Kathy Hochul, sottolineando di aver ordinato 37 milioni di kit per effettuare i test.
I ricoveri sono saliti di 594 unità a quota 6.767, mentre i decessi sono stati 97.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: a Parigi di nuovo mascherine obbligatorie all’aperto
Per chi ha oltre 11 anni
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PARIGI
29 dicembre 2021
21:53
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Le mascherine tornano ad essere obbligatorie all’aperto a Parigi per far fronte al “maremoto” della variante Omicron: lo annuncia la prefettura della capitale.

L’obbligo si applica alle persone di età superiore agli 11 anni, “ad eccezione di chi si muove all’interno di veicoli, di ciclisti e di utenti delle due ruote” o anche “di persone che praticano un’attività sportiva”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Musk respinge accuse, spazio è enorme,posto per tutti satelliti
Risposta indiretta al numero uno dell’Agenzia Spaziale Europea
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
29 dicembre 2021
22:22
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Lo spazio è immensamente grande e i satelliti molto piccoli.
Non abbiamo bloccato nessuno, e non ci aspettiamo di farlo”.
Lo afferma Elon Musk in un’intervista al Financial Times respingendo le critiche mosse a Starlink e ai suoi satelliti accusati di occupare e intasare lo spazio. “C’è spazio per decine di miliardi di satelliti. Qualche migliaio non sono nulla, sono come due migliaia di auto sulla Terra”, aggiunge Musk rispondendo indirettamente a Josef Aschbacher, il numero uno dell’Agenzia Spaziale Europea, secondo il quale il lancio di migliaia di satelliti per la comunicazione da parte di Musk lascia poche radiofrequenze e postazioni disponibili per gli altri.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Eurotunnel, stop a cittadini Gb dopo misure Francia
“A seguito della decisione del governo francese del 28/12/2021′
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
29 dicembre 2021
22:25
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Eurotunnel ha annunciato che i cittadini britannici non potranno più transitare in macchina in Francia per raggiungere i Paesi di residenza in Ue a causa delle nuove restrizioni Covid imposte da Parigi.
Sono esclusi i britannici con residenza in Francia.

“A seguito della decisione del governo francese del 28/12/2021, a meno che non abbiano la residenza francese, i cittadini britannici sono ora considerati cittadini di paesi terzi e non possono più transitare in Francia su strada per raggiungere il loro paese di residenza nell’Ue”, è scritto nella nota pubblicata sul sito di Eurotunnel.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Epstein: giuria processo Maxwell ha raggiunto il verdetto
Lo riportano i media americani
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
29 dicembre 2021
23:04
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La giuria chiamata a decidere il futuro di Ghislaine Maxwell, la complice di Jeffrey Epstein, ha raggiunto il verdetto.
Lo riportano i media americani.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Epstein: verdetto giuria, Ghislaine Maxwell colpevole
Lo riporta l’agenzia Bloomberg
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
29 dicembre 2021
23:19
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ghislaine Maxwell, la socialite britannica accusata di essere la complice di Jeffrey Epstein, è colpevole di cinque dei sei capi d’accusa mossi nei suoi confronti.
E’ il verdetto della giuria dopo quasi 40 ore di camera di consiglio, secondo quanto riportano i media americani.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ghislaine Maxwell è colpevole: ha cospirato per anni insieme a Jeffrey Epstein per reclutare e abusare sessualmente di minorenni.
Dopo quasi 40 ore di camera di consiglio la giuria chiamata a decidere il destino dell’ex socialite britannica ha raggiunto il verdetto.
E ora Maxwell rischia di trascorrere decenni dietro le sbarre. I 12 giurati hanno rinvenuto l’ex compagna di Epstein – milionario morto suicida in carcere dove si trovava con l’accusa di sfruttamento minorile e pedofilia – colpevole di cinque dei sei capi di accusa mossi nei suoi confronti. L’unico su cui è stata graziata è quello di aver adescato una minorenne – che ha testimoniato sotto il falso di ‘Jane’ – e di averla fata viaggiare per motivi sessuali.
Alla lettura del verdetto, Maxwell si è dimostrata impassibile: non ha rivelato alcuna emozione, ha continuato a guardare fissa davanti a sé. Poi ha sorseggiato dell’acqua in un bicchiere di plastica. Ha lasciato l’aula 318 del tribunale di New York rapidamente e senza parlare: si è limitata solo a guardare i suoi fratelli presenti in aula. “Potete andare”, ha detto il giudice Alison Nathan ai 12 giurati senza però fissare una data per la sentenza. Prima di abbandonare il tribunale uno dei legali di Maxwell, Bobbi Sternheim, ha chiesto a Nathan se si potevano predisporre le circostanze affinché la sua assistita potesse ricevere la terza dose del vaccino per il Covid. Il giudice ha risposto ferma: nel carcere dove si trova è disponibile.
Il pubblico ministero non ha invece nascosto la sua soddisfazione per il verdetto. “La strada per ottenere giustizia è stata lunga. Ma oggi giustizia è stata fatta. Voglio ringraziare il coraggio delle ragazze ora donne adulte che hanno deciso di uscire dall’ombra e venire in tribunale. Il loro coraggio e la loro volontà hanno reso questo risultato possibile”, ha commentato il pm del Southern District of New York, Damian Williams. Il processo a Maxwell – accusata fra l’altro di sfruttamento della prostituzione minorile e abusi sessuali perpetrati su minori, in reati commessi fra il 1994 e il 2004 – si è aperto il 29 novembre e ha visto protagonisti decine di testimoni. Nel dipingere Maxwell l’accusa non ha mai avuto alcuna esitazione: “è stata il braccio destro di Epstein”, “sapeva bene quello che stava facendo”, ha detto il pubblico ministero nella sua arringa finale, descrivendo come chiave nell’organizzazione criminale del finanziare pedofilo la figura della figlia dell’editore britannico Robert Maxwell proprietario del Daily Mirror e morto misteriosamente nel 1991.
La difesa ha cercato invece di far passare la linea dell’inconsapevolezza e di dissociare la donna dalla figura del finanziere. Con il verdetto Ghislaine accantona ogni speranza e dice definitivamente addio al suo vecchio e sfarzoso stile di vita, che l’ha vista per anni protagonista del jet set internazionale con alcune figure di spicco, dall’ex presidente americano Bill Clinton al principe Andrea, che sta cercando di chiudere in via definitiva l’azione civile avviata nei suoi confronti da Virginia Giuffre, la principale accusatrice di Epstein. Per Ghislaine quei tempi sono ormai passati così come il suo famoso taglio di capelli e gli abiti firmati, che lasciano il posto alla divisa carceraria e alla sue identificazione con un numero. Fino al processo è stata la detenuta 02879-509.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Cina, i calciatori della Nazionale devono togliersi i tatuaggi
Nuova stretta sulle “volgarità provenienti dall’estero”
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PECHINO
30 dicembre 2021
05:40
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il ministero dello Sport cinese ha vietato i tatuaggi ai calciatori della Nazionale e ha chiesto a chi li ha di “toglierli”, in un momento in cui il potere comunista intende porre fine a tendenze ritenute volgari.

Dalla musica ai giochi online, la Cina ha cercato in questi mesi di riprendere il controllo della sua gioventù e di imporre valori virili, in opposizione a una decadenza morale che verrebbe dall’estero.
Nel mirino anche i contenuti “volgari” trasmessi sul piccolo schermo e sui social, chiamati a puntare invece sui valori “patriottici”. Il regolatore dell’audiovisivo cinese ha quindi chiamato nei mesi scorsi a stabilire criteri di bellezza “corretti” e a bandire gli uomini “effeminati” e i “volgari influencer”.

I calciatori della Nazionale cinese ora hanno “il divieto formale di farsi nuovi tatuaggi”, ha detto ieri il ministero dello Sport, esortando coloro che li hanno a farli “rimuovere”.

“In circostanze speciali i tatuaggi dovrebbero essere coperti” durante gli allenamenti e le gare, ha affermato il dicastero in un comunicato che vieta il reclutamento di qualsiasi atleta tatuato.

I tatuaggi sono generalmente disapprovati in Cina, che rimane una società prevalentemente conservatrice. Ma hanno un certo successo nelle grandi città, specialmente con le giovani generazioni. Non è la prima volta che l’estetica arriva nel calcio cinese. La Federazione aveva già ordinato ai giocatori di coprire i propri tatuaggi negli ultimi anni.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Hong Kong, apertura piatta (-0,03%)
In leggero rialzo le piazze di Shanghai e Shenzhen
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
HONG KONG
30 dicembre 2021
02:46
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Hong Kong ha aperto oggi piatta, appesantita dai timori per la variante Omicron del Covid-19.
Nei primi scambi l’indice Hang Seng ha perso lo 0,03% percent, a 23.079,76.

Il Composite della Borsa di Shanghai è salito invece dello 0,11% a 3.601,12 punti, mentre quello di Shenzhen ha guadagnato lo 0,14% a quota 2.497,80.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Messico autorizza in emergenza vaccino cubano Abdala
E’ il decimo approvato dall’Authority sanitaria messicana
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL MESSICO
30 dicembre 2021
09:33
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Commissione federale per la protezione dai rischi sanitari (Cofepris) del Messico ha autorizzato l’uso di emergenza del vaccino cubano Abdala contro il Covid-19.
Lo riferisce la tv ‘all news’ messicana Milenio.

In un comunicato la Cofepris ha reso noto di aver dato il via libera all’uso di emergenza di Abdala perche tale vaccino “è compatibile con le nostre regole di verificata qualità, sicurezza e efficacia del prodotto”.
Con questa autorizzazione di Cofepris, Abdala diventa il decimo vaccino contro il Covid-19 approvato in Messico per uso di emergenza, dopo quelli denominati Pfizer, AstraZeneca, CanSino Biologics, Sputnik V, Sinovac, Covaxin, Janssen, Moderna e Sinopharm.
Il vaccino Abdala prevede la somministrazione di tre dosi separate da intervalli di 14 giorni e deve essere conservato tra i 2 e gli 8 gradi centigradi. Infine, secondo il Centro cubano per l’ingegneria genetica e la biotecnologia, lo studio clinico di fase III di Abdala ha dimostrato una efficacia del 92% contro le malattie sintomatiche.
Inoltre si è dimostrato efficace al 100% nella prevenzione delle malattie sistemiche gravi e della morte di persone vaccinate, oltre ad una efficacia del 90% nei pazienti in gravi condizioni.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Hong Kong: accusa di ‘sedizione’ per 2 arrestati Stand News
Pechino, dall’estero critiche ‘irresponsabili’ su arresti
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PECHINO
30 dicembre 2021
09:42
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Due persone legate al giornale online pro-democrazia Stand News di Hong Kong sono stati accusati oggi di “cospirazione per pubblicare pubblicazioni sediziose”, ha detto la polizia dopo il raid di ieri contro la pubblicazione.
“Il Dipartimento per la sicurezza nazionale della polizia ha ufficialmente accusato due uomini, rispettivamente di 34 e 52 anni, e una società di media online”, ha detto la polizia in un comunicato.
I media locali riportano che i due sono un redattore e un ex redattore di Stand News.
Intanto, il governo cinese ha definito “irresponsabili” le critiche giunte ieri da tutto il mondo per gli arresti di sette giornalisti di Stand News che hanno portato alla sua chiusura immediata. “Alcune forze esterne, con il pretesto della libertà dei media, hanno fatto commenti irresponsabili sulle forze dell’ordine a Hong Kong”, ha detto oggi in un briefing il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian, aggiungendo che questo “confonde completamente ciò che è giusto e ciò che è sbagliato e trae in inganno l’opinione pubblica”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: la Bolivia dichiara l’emergenza sanitaria
6.149 casi e 28 decessi in 24 ore
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LA PAZ
30 dicembre 2021
10:01
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il ministro della Sanità boliviano, Jeyson Auza, ha annunciato che, a causa dell’improvviso incremento dei casi di contagio da Covid-19, il Consiglio nazionale strategico ha decretato nel Paese un’emergenza sanitaria, oltre all’applicazione di nove misure straordinarie per la prevenzione e e la cura dei pazienti.

In una conferenza stampa tenuta ieri, Auza ha aggiunto che “il Consiglio strategico ha esaminato la situazione epidemiologica a livello nazionale e internazionale, con il risultato della dichiarazione dell’emergenza sanitaria, accompagnato da misure straordinarie”.

Di fronte all’emergenza, i sindaci delle principali città boliviane (La Paz, Cochabamba e Santa Cruz) hanno annunciato la revoca delle autorizzazioni concesse in un primo tempo per le feste di fine d’anno, un provvedimento che sta valutando anche El Alto, città gemella della capitale boliviana.
In percentuale alla sua popolazione, la Bolivia è fra i Paesi che maggiormente registrano in America latina un aumento dei contagi. Nelle ultime 24 ore ne sono stati registrati 6.149, inclusi 28 decessi.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Australia: protesta a ex sede Parlamento, in fiamme ingresso
A Canberra, dimostrazione per i diritti degli aborigeni
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
CANBERRA
30 dicembre 2021
10:13
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Un gruppo di dimostranti ha dato fuoco oggi all’ex sede del Parlamento australiano di Canberra in segno di protesta per i diritti degli aborigeni: le fiamme hanno distrutto l’ingresso principale dell’edificio – l’Old Parliament House – che oggi ospita il Museo della Democrazia Australiana.

Il palazzo è stato evacuato mentre i vigili del fuco domavano le fiamme e successivamente chiuso al pubblico.
L’incendio si è verificato quando la polizia ha disperso un gruppetto di attivisti che si erano radunati davanti all’ingresso principale per la tradizionale cerimonia del fumo.
In un comunicato il museo ha reso noto che l’incendio è stato causato dai manifestanti, mentre uno degli attivisti – Albert Hartnett – ha sostenuto sulla sua pagina Facebook che la polizia ha usato lo spray al peperoncino per disperdere i dimostranti e che questo avrebbe provocato le fiamme.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Capodanno al cinema, Keanu Reeves sfida Monica Bellucci
In sala anche Me contro Te, Pio e Amedeo e il raffinato Giannoli
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
10:17
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Le settimane delle feste sono un’alternanza di sospensione e novità per l’esercizio cinematografico.
Da un lato si punta a capitalizzare i migliori incassi disponibili (vedi il ciclone “Spiderman”), dall’altro si cercano novità.
Passato Natale, quest’anno sono già in sala (ma per pochi giorni) il documentario SIC di Alice Filippi nel decennale della scomparsa di Marco Simoncelli, il campione dal volto dolce, giovanissimo asso delle due ruote scomparso a Sepang a soli 24 anni e TIEPIDE ACQUE DI PRIMAVERA di Xiaogang Gu, delicato racconto di famiglia, con quattro figli riuniti al capezzale della madre malata, rivelatosi a Cannes nel 2019: attraverso il lento scorrere delle stagioni e i mutamenti dei protagonisti rivive la Cina pre-pandemia, un mondo ancestrale e rurale che non esisterà più.
Aspettando il nuovo anno arrivano invece: – MATRIX: RESURRECTIONS di Lana Wachowski con Keanu Reeves, Carrie-Anne Moss, Neil Patrick Harris, Christina Ricci, Priyanka Chopra, Jonathan Groff, Jessica Henwick, Ellen Hollman, Yahya Abdul-Mateen II, Jada Pinkett Smith, Daniel Bernhardt, Brian J.
Smith, Max Riemelt, Lambert Wilson, Andrew Caldwell, Ian Pirie, Toby Onwumere. Non ha pace l’odissea di Thomas Anderson, sprofondato nella falsa realtà creata dal programma Matrix e perseguitato da incubi che non trovano risposta nelle sedute psicoanalitiche cui si sottopone. Del passato viaggio in un’altra dimensione (quella a cui si accede mediante la”pillola rossa” di Morpheus) non ricorda nulla e nemmeno l’incontro con Trinity gli desta emozione. Alcuni incontri fortuiti e l’amore per Trinity lo spingeranno però nei panni di Neo, il suo “doppio” nel cuore di Matrix. In nome dell’amore e della libertà, Neo è ora pronto a battersi contro l’algoritmo micidiale del progetto e la superstite sorella Wachowski (le loro strade si sono divise) accetta la sfida di far tornare Neo in vita.
– ME CONTRO TE: IL FILM di Gianluca Leuzzi con Luigi Calagna, Sofia Scalia, Michele Savoia, Andrea Garofalo, Antonella Carone.
Arrivata alla terza puntata la saga fantasy tutta italiana di Luí e Sofí può essere definita un vero e proprio fenomeno: nonostante la fattura casereccia, recitazione e ambienti da soap-opera del lunchtime, il nuovo film promette di insidiare i favoriti alla corsa del boxoffice e comunque di sostenere il trend dei due episodi precedenti arrivati a ritmo regolare tra il 2020 e il 2021. Questa volta Luí è pronto al diploma da scienziato quando una banda di cattivoni capeggiata da Perfidia gli invade il laboratorio in cerca degli oggetti magici. Tra cui anche la clessidra che, nello scontro finisce in mille pezzi nonostante i tentativi di Sofí per metterla in salvo. A causa di un sortilegio buoni e cattivi finiscono nell’antico Egitto dove però le avventure sono destinate a moltiplicarsi. Per i più piccoli in famiglia.
– BELLI CIAO di Gennaro Nunziante con Pio D’Antini, Amedeo Grieco, Lorena Cacciatore, Rosa Diletta Rossi, Nicasio Catanese, Giorgio Colangeli. Menu e target non cambiano anche per il ritorno di Pio e Amedeo, alla ricerca dello svago natalizio per famiglie. Amici inseparabili fin dall’infanzia, cresciuti insieme in un paese del Sud, Pio e Amedeo hanno separato da anni le loro vite: il primo è emigrato al nord diventando quotato dirigente di banca; il secondo è rimasto al paesello, vende presidi medici e si batte, insieme al sindaco, per ottenere un finanziamento che trattenga al sud i giovani di talento. Peccato che la pratica sia proprio nelle mani di Pio, chiamato da Amedeo a sposare il sogno… – LA BEFANA VIEN DI NOTTE 2: LE ORIGINI di Paola Randi con Monica Bellucci, Zoe Massenti, Fabio De Luigi, Alessandro Haber, Herbert Ballerina, Corrado Guzzanti, Guia Jelo, Giulietta Rebeggiani, Francesco Russo, Mario Luciani, Francesco Paolantoni. Ambientato nel XVIII secolo, il film tiene fede alle promesse del titolo e spiega come l’innocente Paola, insidiata dalle mire del perfido Barone De Michelis, si salvi dalla condanna al rogo (accusata di essere una strega) solo grazie al miracoloso intervento della strega buona Dolores. In coppia le due attraverseranno mille avventure finché a Paola si schiuderà un destino millenario. Commedia gentile illuminata dal carisma di Monica Bellucci e dalla regia fantasiosa di Paola Randi.
– ILLUSIONI PERDUTE di Xavier Giannoli con Benjamin Voisin, Cécile de France, Vincent Lacoste, Xavier Dolan, Jeanne Balibar, Gérard Depardieu, Louis-Do de Lencquesaing, André Marcon. Arriva in sala grazie a I Wonder l’elegante adattamento del romanzo omonimo di Balzac. Nella Francia della Restaurazione, dove i nobili hanno ripreso potere dopo la parentesi napoleonica, segue le tormentate vicende di scalata sociale dell’ingenuo provinciale Lucien, figlio di un farmacista di Angouleme e desideroso di affermarsi a Parigi come scrittore. Nonostante il sostegno della sua amante, la baronessa Louise, il giovanotto viene schernito e disprezzato dai circoli altolocati e finisce per perdere anche la protettrice, impaurita da uno scandalo.
Lucien si farà strada allora come polemista sferzando i segreti poco eleganti del bel mondo che frequenta da”paria”, ma scoprirà che anche una penna moraleggiante può essere comprata e usata.
Saprà salvare la propria coscienza in una Francia dove sembra dettar legge solo il Dio denaro? Affresco storico ricco di grandi firme presentato all’ultima Mostra di Venezia.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Omicron: Israele, quasi 4 mila casi in 24 ore
Tasso 2,93%. 94 malati gravi, 78,7% non vaccinato
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEL AVIV
30 dicembre 2021
11:29
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Mentre la variante Omicron del coronavirus continua a diffondersi nel Paese, Israele ha registrato nelle ultime 24 ore il più alto numero di contagi giornalieri negli ultimi 3 mesi: quasi 4.000 (3.947).
Lo ha reso noto il ministero della Sanità.

A fronte di 135.885 test, il tasso di positività è arrivato al 2,93%. Il Fattore R è a 1,62 il che – secondo gli esperti – indica che la pandemia sembra accelerare. In compenso il dato sui malati resta stabile: ad oggi sono 94, su 151 ricoverati in totale. Il ministero ha indicato che il 78,7% dei malati gravi è non vaccinato.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Putin, ‘convinto’ che ‘dialogo efficace’ con Usa possibile
Afferma il leader in messaggi festivi ai leader mondiali
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA
30 dicembre 2021
11:43
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente russo Vladimir Putin, che in serata terrà una conversazione telefonica con il presidente statunitense Joe Biden, si è detto “convinto” che sia possibile un “dialogo efficace” tra Mosca e Washington.
“Sono convinto che …
possiamo andare avanti e stabilire un dialogo russo-americano efficace basato sul rispetto reciproco e sulla considerazione degli interessi nazionali reciproci”, ha detto Putin, secondo una lettura del Cremlino dei suoi messaggi festivi ai leader mondiali. La telefonata tra Biden e Putin, la seconda in un mese, è in programma alle 21.30 italiane.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente russo Vladimir Putin, che in serata terrà una conversazione telefonica con il presidente statunitense Joe Biden, si è detto “convinto” che sia possibile un “dialogo efficace” tra Mosca e Washington.
“Sono convinto che …
possiamo andare avanti e stabilire un dialogo russo-americano efficace basato sul rispetto reciproco e sulla considerazione degli interessi nazionali reciproci”, ha detto Putin, secondo una lettura del Cremlino dei suoi messaggi festivi ai leader mondiali.
Una nuova telefonata, la seconda in un mese, tra il presidente degli Usa Joe Biden e il presidente russo Vladimir Putin per provare a imboccare la difficile strada del disgelo sul dossier Ucraina. Il colloquio tra i due leader è previsto alle 21:30 (ora italiana) di oggi e si inserisce in un contesto nel quale, dietro la coltre di dichiarazioni alla stampa, le due potenze stanno entrambe aprendo alla possibilità di un alleggerimento delle tensioni.
Il colloquio, secondi fonti americane, sarebbe stato chiesto da Putin e Biden avrebbe accettato. E il presidente degli Usa, hanno spiegato da Washington, offrirà al suo interlocutore “una via diplomatica”. Saranno diversi gli argomenti, tutti caldissimi, che Biden e Putin toccheranno nel corso della telefonata. All’orizzonte ci sono i colloqui che si apriranno ad inizio 2022 con il Consiglio Nato-Russia, previsto il 10 gennaio proprio sul dossier Kiev e anche sul tema del controllo delle armi nucleari. E il 12 e 13 dello stesso mese nuovi colloqui tra l’Occidente e Mosca avranno luogo in occasione del summit dell’Osce. Washington, sul dossier ucraino, continua a tenere aperto un doppio binario. Da una parte, come hanno sottolineato anche in queste ore fonti dell’amministrazione Biden, conferma l’impegno ad uno sforzo diplomatico che porti ad una soluzione concordata con Mosca. Dall’altra ribadisce “la preoccupazione” per l’integrità territoriale dell’Ucraina e si dice “pronta a rispondere con nuove e dure sanzioni” in caso di escalation. In caso di invasione da parte della Russia, gli Usa “prevedono di rafforzare la posizione della Nato” e di “fornire ulteriore assistenza” all’Ucraina se necessario, ha aggiunto alla Cnn un funzionario dell’amministrazione americana. La strada delle sanzioni, al momento, resta comunque nettamente sullo sfondo e anche l’Unione Europea, al vertice dei leader del dicembre scorso, si è mostrata prudente.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Australia: protesta a ex sede Parlamento, in fiamme ingresso
A Canberra, dimostrazione per i diritti degli aborigeni
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
CANBERRA
30 dicembre 2021
11:54
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Un gruppo di dimostranti ha dato fuoco oggi all’ex sede del Parlamento australiano di Canberra in segno di protesta per i diritti degli aborigeni: le fiamme hanno distrutto l’ingresso principale dell’edificio – l’Old Parliament House – che oggi ospita il Museo della Democrazia Australiana.

Il palazzo è stato evacuato mentre i vigili del fuco domavano le fiamme e successivamente chiuso al pubblico.
L’incendio si è verificato quando la polizia ha disperso un gruppetto di attivisti che si erano radunati davanti all’ingresso principale per la tradizionale cerimonia del fumo.
In un comunicato il museo ha reso noto che l’incendio è stato causato dai manifestanti, mentre uno degli attivisti – Albert Hartnett – ha sostenuto sulla sua pagina Facebook che la polizia ha usato lo spray al peperoncino per disperdere i dimostranti e che questo avrebbe provocato le fiamme.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Omicron: Israele, quasi 4 mila casi in 24 ore
Tasso 2,93%. 94 malati gravi, 78,7% non vaccinato
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEL AVIV
30 dicembre 2021
11:55
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Mentre la variante Omicron del coronavirus continua a diffondersi nel Paese, Israele ha registrato nelle ultime 24 ore il più alto numero di contagi giornalieri negli ultimi 3 mesi: quasi 4.000 (3.947).
Lo ha reso noto il ministero della Sanità.

A fronte di 135.885 test, il tasso di positività è arrivato al 2,93%. Il Fattore R è a 1,62 il che – secondo gli esperti – indica che la pandemia sembra accelerare. In compenso il dato sui malati resta stabile: ad oggi sono 94, su 151 ricoverati in totale. Il ministero ha indicato che il 78,7% dei malati gravi è non vaccinato.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Hong Kong: accusa di ‘sedizione’ per 2 arrestati Stand News
Pechino, dall’estero critiche ‘irresponsabili’ su arresti
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PECHINO
30 dicembre 2021
11:58
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Due persone legate al giornale online pro-democrazia Stand News di Hong Kong sono stati accusati oggi di “cospirazione per pubblicare pubblicazioni sediziose”, ha detto la polizia dopo il raid di ieri contro la pubblicazione.
“Il Dipartimento per la sicurezza nazionale della polizia ha ufficialmente accusato due uomini, rispettivamente di 34 e 52 anni, e una società di media online”, ha detto la polizia in un comunicato.
I media locali riportano che i due sono un redattore e un ex redattore di Stand News.
Intanto, il governo cinese ha definito “irresponsabili” le critiche giunte ieri da tutto il mondo per gli arresti di sette giornalisti di Stand News che hanno portato alla sua chiusura immediata. “Alcune forze esterne, con il pretesto della libertà dei media, hanno fatto commenti irresponsabili sulle forze dell’ordine a Hong Kong”, ha detto oggi in un briefing il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian, aggiungendo che questo “confonde completamente ciò che è giusto e ciò che è sbagliato e trae in inganno l’opinione pubblica”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La mappa europea sul Covid, tutta Italia in rosso o rosso scuro
Anche Sardegna, Molise e Puglia non sono più in giallo
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
14:19
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Tutta Italia in rosso o rosso scuro: è la fotografia sull’andamento dei contagi scattata dalla mappa aggiornata del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc).
Anche le tre regioni rimaste in giallo la settimana scorsa (Sardegna, Molise e Puglia) passano in rosso, come la Sicilia, la Calabria, Abruzzo e Basilicata.
Le altre sono in rosso scuro.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
‘I killer di Khashoggi vivono nel lusso a Riad’
L’accusa dei testimoni. Sauditi avevano promesso pene esemplari
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
16:22
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Almeno tre membri del commando saudita condannato per l’omicidio di Jamal Khashoggi in Turchia vivono e lavorano “in alloggi a sette stelle” all’interno di un complesso di sicurezza gestito dal governo a Riad.
Lo ha riferito una fonte collegata ai vertici dell’intelligence saudita che ha parlato con due testimoni, riporta il Guardian.

I killer del giornalista del Washington Post, critico del regime di Riad e ucciso nel consolato di Istanbul, erano stati condannati all’ergastolo. Ma stando a questa nuova rivelazione, stanno scontando la loro pena in condizioni di agio con la possibilità di ricevere visite periodiche dei familiari: in netto contrasto con le assicurazioni della corte saudita e del potente erede al trono Mohammed bin Salman che i responsabili dell’omicidio avrebbero subito una punizione esemplare.
Questi sviluppi rendono ancora più fitta la trama del caso Khashoggi, su cui – ricorda il Guardian – aleggia ancora il mistero dell’uomo arrestato dalla polizia francese su mandato della Turchia a inizio di dicembre e inizialmente identificato come membro di un’altra squadra coinvolta nell’omicidio. L’uomo subito dopo era stato scarcerato perché, nella versione di Parigi, si era trattato di uno scambio di persona. Secondo Ankara, invece, la sua liberazione è avvenuta per motivi politici all’indomani della visita di Emmanuel Macron a bin Salman a Riad, la prima di un leader occidentale dopo l’omicidio Khashoggi, avvenuto nell’ottobre del 2018.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Austria: ex cancelliere Kurz lavorerà a Silicon Valley
Bild, come ‘global strategist’ per società sostenitore di Trump
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BERLINO
30 dicembre 2021
16:30
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’ex cancelliere austriaco Sebastian Kurz assumerà un incarico nella Silicon Valley come “global strategist” della Thiel Capital, una società del finanziere americano di origine tedesca Peter Thiel.
Lo riporta il tabloid Bild.

L’ex cancelliere, che ha lasciato la politica a inizio dicembre in seguito al sospetto di corruzione, farà il pendolare tra gli Usa e l’Austria. Thiel è un noto investitore di Facebook, un repubblicano e un sostenitore dell’ex presidente americano Donald Trump, riferisce la testata tedesca.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Sudafrica: il corpo di Tutu esposto per l’ultimo saluto
Oggi e domani nella cattedrale di San Giorgio, a Città del Capo
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
16:31
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il corpo dell’arcivescovo simbolo dell’anti-apartheid, Desmond Tutu, è stato portato oggi nella cattedrale di San Giorgio a Città del Capo e i sudafricani sfilano per dargli l’ultimo saluto.
Premio Nobel per la pace nel 1984, Tutu ha dato un contributo cruciale per porre fine alla segregazione razziale in Sudafrica ed è morto domenica a 90 anni.

I funerali di Stato si terranno sabato primo gennaio. Dei sacerdoti hanno bruciato incensi all’ingresso della bara nella cattedrale, mentre Thabo Makgoba, successore di Tutu, ha recitato una preghiera. Il periodo in cui Tutu sarà nella cattedrale è stato esteso a due giorni “per paura che ci potesse essere della calca”, come ha detto all’agenzia Afp il reverendo Gilmore Fry aspettando la salma fuori dalla chiesa.
Tutu avrà un funerale semplice come la sua bara, secondo le volontà da lui espresse. “Non ha voluto ostentazioni o spese sontuose”, ha fatto sapere la sua fondazione, aggiungendo che l’arcivescovo ha sempre “chiesto che la bara fosse la più economica disponibile”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Matrix Resurrections, un ritorno tra nostalgia e tradizione
Quarto episodio con Keanu Reeves e Carrie-Anne Moss
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
15:01
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Quando si tratta di MATRIX RESURRECTIONS, quarto episodio della saga, la critica, in genere tiepida nell’usare un certo armamentario terminologico, mette mano alla metafisica e non si preoccupa troppo di citare Jean Baudrillard, luddismo, metaverso e soprattutto transizione (mancano all’appello buddismo ed iniziazione).
Eppure, se si guarda bene, in questo ennesimo episodio, inevitabilmente nostalgico e forse anche troppo cerebrale, pesa anche un altro elemento non da poco: l’elaborazione del lutto.
Di fatto, in sala dal 1 gennaio con Warner Bros Pictures, arriva il quarto capitolo della saga cinematografica di fantascienza interrotta quasi vent’anni fa, nel 2003, con l’ultimo episodio della trilogia a firma delle sorelle Lana e Lilly Wachowski, a quei tempi ancora i fratelli Larry e Andy. Dopo una cosa non da poco come la transizione transgender e un lutto, come mai è la sola Lana a dirigere il nuovo film con protagonisti sempre Keanu Reeves e Carrie-Anne Moss, alias Neo e Trinity? Lei lo spiega così: “Mio padre è morto, dopo poco è morto anche un mio amico e subito dopo mia madre. Non sapevo davvero come elaborare quel tipo di dolore – dice la regista – .
Non l’avevo mai sperimentato così da vicino, sapevo che le loro vite stavano per finire, eppure è stato davvero difficile. Non potevo avere indietro mia madre e mio padre, ma all’improvviso ho pensato a Neo e Trinity, probabilmente i due personaggi più importanti della mia vita. È stato davvero confortante far rivivere questi due personaggi. È quello che fa l’arte ed è quello che fanno le storie: ci confortano”.
Tornando a MATRIX RESURRECTIONS l’interrogativo è sempre lo stesso ed è antico: la realtà in cui vivo è una illusione che mi confonde e nasconde quella vera? Per uscire da questo dilemma, il game designer di fama mondiale Thomas Anderson/Neo dovrà scegliere di seguire ancora una volta il Bianconiglio. L’eletto insomma dovrà capire ancora una volta quale strada percorrere e quale pillola ingerire: blu o rossa? Ma questa volta cercherà anche di ritrovare l’amore della sua vita, l’iconica guerriera Trinity che ora è Tiffany, moglie e madre di tre figli con la passione per le moto.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Scala: annullata la tournée di gennaio della Filarmonica
Per l’emergenza sanitaria
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
30 dicembre 2021
13:33
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
A causa della situazione dei contagi da Coronavirus a livello europeo, la Filarmonica della Scala ha annullato la tournée europea con Riccardo Chailly prevista per fine gennaio.

Il tour prevedeva tappe il 25 gennaio ad Alicante, il 26 a Madrid, il 27 a Barcelona, con conclusione il 28 e 29 alla Philharmonie di Parigi.

Negli stessi giorni i musicisti dell’orchestra scaligera saranno comunque impegnati nella Bayadère, il balletto di cui sono state cancellate le dati causa contagi fra i danzatori da oggi al 13 gennaio e riprogrammate proprio dal 25 al 29.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Beni culturali e Carabinieri Tpc, 201 pezzi a casa da Usa
Da Pithos-Getty a cratere Python
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
13:56
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
C’è il panciuto grande Pithos etrusco del VII sec a.C in arrivo dal Getty, con Polifemo contorto di dolore mentre Ulisse lo acceca.
Il cratere a campana pestano su cui Python, ceramografo in gran voga nella Magna Grecia, ha impresso per sempre Dioniso con un satiro.
E poi l’hydria attica a figure nere con Herakles che combatte il leone Nemeo, tra Atena, Hermes e Iolao. In tutto, 201 pezzi pregiatissimi e unici che nell’arco degli ultimi decenni erano finiti negli Stati Uniti, smerciati da grandi trafficanti internazionali e acquisiti, a volte dopo vari passaggi di mano, da musei, case d’asta, gallerie antiquarie e collezionisti privati. Ma che il 15 dicembre a New York sono stati restituiti all’Italia dal Procuratore Distrettuale di Manhattan, Cyrus Vance, e che oggi sono finalmente tornati a casa, grazie ai Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, che su quei reperti hanno indagato per anni insieme ai colleghi di Fbi e Hsi. Un “bottino” il cui valore, racconta il Comandante Carabinieri Tpc, generale Roberto Riccardi, insieme al Ministro della cultura Dario Franceschini, “può essere stimato intorno ai 10 milioni di euro”, tra opere d’arte e oggetti di uso comune risalenti alla civiltà romana, etrusca, magnogreca e appula, la cui datazione si colloca fra l’VIII secolo a.C. e il I secolo d.C. “Un recupero straordinario di capolavori assoluti – commenta il ministro Franceschini – Il loro valore, però, non è soltanto economico ma identitario e culturale e sarà ancora più evidente appena riporteremo tutte le opere nei musei dei territori da cui provengono”. Di questi, 40 resteranno ancora per un po’ negli Usa, in mostra fino a marzo al Consolato Generale d’Italia a New York e l’Istituto Italiano di cultura. L’operazione arriva poi a conclusione di un 2021 che ha fatto registrare il recupero di 23.363 beni archeologici e paleontologici e di 1.693 opere false sequestrate.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: mappa Ecdc, tutta l’Italia in rosso o rosso scuro
Anche Sardegna, Molise e Puglia non sono più in giallo
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
16:36
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Tutta Italia in rosso o rosso scuro: è la fotografia sull’andamento dei contagi scattata dalla mappa aggiornata del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc).
Anche le tre regioni rimaste in giallo la settimana scorsa (Sardegna, Molise e Puglia) passano in rosso, come la Sicilia, la Calabria, Abruzzo e Basilicata.
Le altre sono in rosso scuro.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Germania classifica Italia zona ad alto rischio per il Covid
Inserite nella lista anche San Marino, Malta e il Canada
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
30 dicembre 2021
16:32
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il governo tedesco inserisce l’Italia, il Canada, Malta e San Marino nella lista delle zone ad alto rischio Covid a partire da sabato, seguendo le indicazioni del Robert Koch Institut.
Lo riporta Dpa.
Chi entra in Germania da una zona ad alto rischio e non è completamente vaccinato deve fare una quarantena obbligatoria di dieci giorni da cui può uscire a partire dal quinto giorno con un test negativo.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Austria valuta bonus di 500 euro per dose booster
Cancelliere Nehammer, ‘segnale positivo’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
30 dicembre 2021
15:59
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’Austria discute un premio di 500 euro, in forma di bonus spesa, per chi riceve la dose booster anti Covid.
Si tratta di una proposta dei socialdemocratici e il governo di Oevp e Verdi si dice pronto a parlarne.
Il cancelliere Karl Nehammer parla di un “segnale positivo”.
Secondo il ministero alla Salute, “è importante trasmettere il messaggio agli indecisi che il vaccino non protegge solo loro ma anche chi gli sta vicino”. “Ogni contributo per aumentare il tasso di vaccinazione è utile”, aggiunge il ministero.
In Austria attualmente è vaccinato il 70,6% della popolazione. Il bonus potrebbe scattare il primo febbraio con l’entrata in vigore dell’obbligo vaccinale.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Israele registra il suo primo caso di ‘flurona’, influenza e Covid
Ynet: ‘E’ una partoriente non vaccinata, ma sta bene’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEL AVIV
30 dicembre 2021
14:38
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Israele ha registrato il suo primo caso di quella che è stata chiamata ‘flurona’: un’infezione contemporanea di influenza e Covid.
Lo riporta il sito Ynet spiegando che si tratta di una partoriente trovata positiva alle due infezioni durante analisi all’ospedale Beilinson di Petach Tikva, nel centro di Israele.
Secondo il nosocomio – citato da Ynet – la giovane madre, che non è vaccinata contro nessuno dei due virus, si sente bene e dovrebbe essere dimessa dall’ospedale oggi stesso.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Vent’anni con l’euro in tasca, utopia diventata realtà
Battezzato da Prodi e salvato da Draghi, criticato e poi osannato
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
30 December 2021
16:11
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Senza essere espressa in euro la ricchezza degli italiani varrebbe molto meno, ad iniziare dal patrimonio immobiliare che nelle vecchie lire non sarebbe poi granché.
Criticata all’avvio per le speculazioni e i prezzi gonfiati, soprattutto nel commercio, ritenuta una camicia di forza dai sovranisti per non consentire più svalutazioni competitive e ripetute con cui interi settori industriali italiani hanno saltato il rinnovamento produttivo per conquistare i mercati, la moneta unica europea festeggia il suo ventesimo compleanno e alla fine sembra aver messo da parte ogni polemica.
Soprattutto in questi anni di pandemia che hanno visto l’euro generare una primordiale condivisione del debito dei diversi Stati lasciando spazio alla solidarietà del Next generation Eu e dei sostegni all’indebitamento.
La divisa Ue inizia a circolare il primo gennaio del 2002 ma – preceduta dall’embrione di unione monetaria dal paniere Ecu vincolato dal 1979 allo Sme, un meccanismo di stabilità monetaria con cambi fissi e bande di oscillazione definite per le monete nazionali – viene strutturata e codificata alla fine del 1998 con la definizione del rapporto con le valute dei singoli stati. Contro la lira verrà fissato a 1.936,27 un rapporto da alcuni ritenuto punitivo per l’economia italiana. In ogni caso , come previsto, l’ora X scatta alla mezzanotte del 31 dicembre 2001 e la moneta unica entra nelle tasche degli europei. Nasce con gli auguri del presidente Carlo Azeglio Ciampi, che per la moneta unica ha speso gran parte della sua esperienza professionale e politica, e del Papa, che lo accompagna all’Angelus con uno speciale augurio di pace.
In un bagno di folla e tra gli scoppi dei mortaretti di Capodanno l’allora presidente della Commissione europea, Romano Prodi, altro alfiere della moneta unica, ne dà l’avvio simbolico da Vienna comprando subito dopo lo scoccare della mezzanotte un gran mazzo di rose per sua moglie e pagandolo in euro. Il giorno dopo debutterà sui mercati con un concambio sul dollaro stabilito a 1,16 e chiudendo la seduta a 90,38 cent dopo un massimo di 90,63. I primi Paesi a passare all’euro quale unico mezzo di pagamento – si era stabilito di concedere due mesi di doppia circolazione per favorire la dimestichezza con le nuove banconote e monete – sono gli olandesi alla mezzanotte del 28 gennaio, seguiti dagli irlandesi il 9 febbraio e dai francesi il 17 febbraio. Controverso il caso della Germania. I rigorosi tedeschi in teoria avrebbero voluto disfarsi del loro amato marco in una sola notte, quella di Capodanno, evitando qualsiasi periodo di doppia circolazione con l’euro, una missione impossibile.
La lira termina il suo corso legale il 28 febbraio ma già dalla prima settimana di gennaio, contraddicendo le fosche aspettative dei critici, il 95% degli acquisti degli europei avviene in euro. Poi una navigazione più o meno tranquilla fino al 2008 quando la crisi finanziaria globale minaccia la moneta unica dalle fondamenta: la mancanza di un governo comune dell’Unione appare subito il suo tallone d’Achille su cui inizia a puntare la speculazione, prima mettendo in ginocchio il debito sovrano della Grecia nel 2010, poi puntando al cuore del sistema, i debiti dei ‘Piigs’, Portogallo, Irlanda, Spagna, oltre ad Atene e soprattutto l’Italia, il boccone più grande. Inizia la corsa dello spread italiano rispetto ai solidissimi Bund tedeschi lungo tutto il 2011. Fino ad arrivare in agosto alla lettera della Bce con cui si intima a Roma di mettere in atto alcune misure. Lo spread sale fino a toccare i 574 punti il 9 novembre, quando alla guida del governo è Silvio Berlusconi. Ne consegue la crisi di governo con l’arrivo di Monti per la messa in sicurezza dei conti italiani.
Ma il salvataggio definitivo e perentorio dell’euro arriva il 26 luglio del 2012, con la celebre frase “whatever it takes to preserve euro”, pronunciata a Londra dal presidente della Bce, Mario Draghi, succeduto a Trichet nel novembre precedente con i mercati in pieno panico. Da allora la speculazione rallenta fino a rientrare e lasciare spazio ad un dibattito tra falchi e colombe su come gestire l’indebitamento nell’Eurozona, in pratica l’enorme massa di debito pubblico italiano, acquistato dalla Bce in questi anni in maniera generosa. Poi la pandemia rimette tutto in discussione e a schizzare come fuochi d’artificio sono i debiti pubblici di tutto il mondo e dei paesi europei in particolare, costretti a finanziare costosi lockdown e fermi produttivi. L’euro diventa quindi l’ancora, non più la zavorra per molti europei, anche i più frugali. Adesso sulla moneta unica si proiettano le ombre dell’inflazione, che dopo anni di andamento sottotraccia e comunque sotto il 2% stabilito come obiettivo di politica monetaria a Francoforte, ora naviga ben sopra la soglia definita psicologicamente rilevante, soprattutto per la Germania. Dall’Eurotower assicurano che si tratta di rialzi mondiali transitori, dalla Fed non ne sono più convinti e i falchi europei iniziano a rimettersi in volo in difesa di un euro che non dimentichi troppo l’eredità del marco e torni a guardare verso Nord.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Putin, ‘convinto’ che ‘dialogo efficace’ con Usa possibile
‘Basato sul rispetto reciproco’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA
30 dicembre 2021
16:38
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente russo Vladimir Putin, che in serata terrà una conversazione telefonica con il presidente statunitense Joe Biden, si è detto “convinto” che sia possibile un “dialogo efficace” tra Mosca e Washington.
“Sono convinto che …
possiamo andare avanti e stabilire un dialogo russo-americano efficace basato sul rispetto reciproco e sulla considerazione degli interessi nazionali reciproci”, ha detto Putin, secondo una lettura del Cremlino dei suoi messaggi festivi ai leader mondiali. La telefonata tra Biden e Putin, la seconda in un mese, è in programma alle 21.30 italiane.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Germania classifica Italia zona ad alto rischio
Inserite nella lista anche San Marino, Malta e il Canada
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BERLINO
30 dicembre 2021
16:42
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il governo tedesco inserisce l’Italia, il Canada, Malta e San Marino nella lista delle zone ad alto rischio Covid a partire da sabato, seguendo le indicazioni del Robert Koch Institut.
Lo riporta Dpa.
Chi entra in Germania da una zona ad alto rischio e non è completamente vaccinato deve fare una quarantena obbligatoria di dieci giorni da cui può uscire a partire dal quinto giorno con un test negativo.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Gb: l’attentatore di Liverpool aveva intenzione di uccidere
E’ quanto emerge dall’inchiesta condotta dal ‘coroner’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
30 dicembre 2021
16:59
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Per la giustizia britannica aveva intenzione di uccidere l’attentatore di Liverpool, Emad Al Swealmeen, che il 14 novembre era stata l’unica persona a morire nell’esplosione di una bomba artigianale (da lui fabbricata) a bordo di un taxi davanti a un ospedale della città inglese.
Lo ha stabilito il ‘coroner’, Andre Rebello, che ha ricostruito il fatto.
L’ordigno era stato assemblato dal 32enne di origine irachena nel suo appartamento e per renderlo più letale aveva inserito biglie metalliche. Non è ancora chiaro però se fosse sua intenzione farlo esplodere mentre si trovava a bordo del veicolo. Nell’inchiesta è anche emerso che Al Swealmeen aveva telefonato a suo fratello due giorni prima dell’attentato affermando che si preparava a fare “qualcosa di brutto”.
Le autorità considerano l’attentato come un atto terroristico anche se non è stata individuata una matrice ideologica. L’attentatore, nato a Baghdad, era stato in prigione in Medio Oriente per una grave aggressione e aveva accumulato anche un precedente a Liverpool per possesso di un’arma offensiva. Era arrivato legalmente in Inghilterra nel maggio 2014 con un passaporto giordano e un visto per il Regno Unito.
Aveva poi affermato di essere un rifugiato siriano e si era visto rifiutare tutte le richieste di asilo.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
A Brescia vandalismo manifesti mostra dissidente cinese Badiucao
Fondazione Musei, simbolico bavaglio, faremo denuncia
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
30 dicembre 2021
17:01
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Negli ultimi dieci giorni a Brescia sono stati danneggiati quasi tutti i manifesti, totem, stendardi che pubblicizzano la mostra ‘La Cina non è vicina Badiucao – opere di un artista dissidente’ di cui l’ambasciata cinese in Italia, prima dell’apertura lo scorso 12 novembre, aveva chiesto al Comune la cancellazione.

Ora la fondazione Brescia Musei annuncia che presenterà una denuncia contro ignoti, e che, d’accordo con l’artista, non rimuoverà i materiali danneggiati dove sono stati cancellati soprattutto i riferimenti a dove si svolge la mostra, con un “simbolico bavaglio al progetto”.

Secondo la fondazione, la “deliberata e coerente volontà di cancellare” dimostra l’intento di censurare la mostra del Museo Santa Giulia, già visitata da 13 mila persone.
L’esposizione, in programma fino al 13 febbraio, è la prima personale dedicata a Badiucao, pseudonimo dell’artista-attivista cinese noto per la sua arte di protesta, ora in esilio in Australia e ripercorre la sua attività artistica dagli esordi alle opere più recenti nate in risposta alla crisi sanitaria innescata dalla pandemia di Covid.
Grazie al suo blog, ai social media e a campagne di comunicazione organizzate, Badiucao porta avanti la propria attività di resistenza, uno dei pochissimi canali non filtrati dal controllo governativo capace ad esempio di trasmettere i racconti dei cittadini di Wuhan durante il lockdown del 2020.
Proprio nel 2020 gli è stato conferito dalla Human Rights Foundation il Premio Václav Havel Prize for Creative Dissent, destinato ad artisti che creativamente denunciano gli inganni delle dittature.
“Questo tipo di azioni violentemente censorie – ha commentato la presidente della fondazione Brescia Musei Francesca Bazoli -, ironicamente, rafforzano gli obiettivi del Comune di Brescia e della Fondazione Brescia Musei e non intaccano i risultati complessivi del progetto”.
“L’arte in tutte le sue forme – ha sottolineato la vicesindaca Laura Castelletti – è sempre più ambasciatrice del diritto di parola e di libero pensiero, i tentativi di censura alla mostra di Badiucao sono la dimostrazione di quanto siano efficaci e necessari i suoi messaggi”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Usa: in vendita il primo Nft di Melania Trump
Ex first lady torna sulla scena dopo mesi di assenza
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
30 dicembre 2021
17:08
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Gli occhi blu cobalto di Melania Trump sono ufficialmente in vendita sino al 31 gennaio sotto forma di non-fungible token (Nft).
Lo ha annunciato la stessa ex first lady sul suo sito web e le varie piattaforme di social media.
L’acquerello, come si spiega in una nota, “offre al collezionista un amuleto a cui ispirarsi”.
“Sono orgogliosa – ha detto Melania – di annunciare il mio nuovo progetto Nft che rappresenta la mia passione per le arti e sosterrà il mio impegno costante verso i bambini attraverso la mia iniziativa ‘Be Best’.
‘Melania’s Vision’ è una creazione dell’artista francese Marc-Antoine Coulon e sarà in vendita a circa 175 dollari, a seconda delle variazioni di mercato.

Sport tutte le notizie in tempo reale. Tutto lo sport e le sue discipline sempre aggiornate. SEGUILE E CONDIVIDILE!
Aggiornamenti, Notizie, Sport, Ultim'ora

SPORT TUTTE LE NOTIZIE: TUTTI GLI ULTIMISSIMI AGGIORNAMENTI ED APPROFONDIMENTI DAL MONDO DELLO SPORT NAZIONALE ED INTERNAZIONALE: LEGGI!

Tempo di lettura: 41 minuti

Ultimo aggiornamento 30 Dicembre, 2021, 12:43:15 di Maurizio Barra

SPORT TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

SPORT TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 10:00 DI VENERDÌ 24 DICEMBRE 2021

ALLE 12:43 DI GIOVEDÌ 30 DICEMBRE 2021

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Basket: Nba;Spurs superiori ai Lakers,vincono anche Warriors
E da domani Staples Center diventa Crypto.com Arena
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
LOS ANGELES
24 dicembre 2021
10:00
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Da domani lo Staples Center di Los Angeles cambia nome, diventando Crypto.com Arena (per questo la piattaforma di criptovaluta di stanza a Singapore pagherà 700 milioni di dollari in 20 anni) e i Lakers avrebbero voluto celebrare l’addio al vecchio nome con una vittoria.
Invece, nonostante i 36 punti di LeBron James e i 30 di Russell Westbrook, i San Antonio Spurs ne hanno fatti 138 lasciando a -28 i gialloviola.
Ottima, nel team texano, la prestazione di Drew Eubanks che uscendo dalla panchina ha segnato 30 punti, mentre Derrick White ne ha aggiunti 23. “Giocano un basket eccezionale e sono una delle migliori squadre della lega”, il commento di Lebron su San Antonio a fine partita.
Finisce 113-104 la sfida, avvincente per tutta la sua durata, fra i Golden State Warriors e i Memphis Grizzlies al Chase Center di San Francisco. Decisivo il contributo del solito Stephen Curry, con 46 punti (8 triple a segno). A 2’03” dalla fine il punteggio era di 102 pari, poi i Warriors hanno operato l’allungo decisivo, e ora sono dietro solo a Phoenix (contro cui giocheranno a Natale) come squadra con il miglior record stagionale della lega. Proprio i Suns hanno battuto 113-101 gli Oklahoma City Thunder, con 30 punti di Devin Booker.
Gli Atalanta Hawks, invece, sono scesi in campo privi di sette giocatori a causa del Covid ma si sono ugualmente imposti sui Philadelphia 76ers (4 gli assenti per il virus), per 98-96.
Vincono anche i campioni in carica di Milwaukee, privi di Giannis Antetokounmpo ancora in quarantena, su Dallas per 102-95.   BASKET NBA IN TEMPO REALE: RISULTATI, CLASSIFICHE ED APPROFONDIMENTI

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Cannavaro in bici da Napoli a Roma ‘7 ore e 43 minuti’
Pallone Oro 2006 ora è cicloamatore. Perrotta ‘Ma davvero??’
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
24 dicembre 2021
13:26
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Una foto, con caschetto d’ordinanza, che lo ritrae di sera davanti al Colosseo illuminato.
Così, su Instagram, Fabio Cannavaro, ultimamente dedicatosi al ciclismo, ha celebrato l’impresa di aver percorso (assieme ad altri nove ‘compagni di avventura’) la distanza, 254 chilometri, che separa la sua Napoli da Roma impiegando il tempo, come scrive lui stesso sul social, di “7h43m”.
Seguono emoticon di un ciclista e del bicipite, simbolo di forza. Fra i tanti commenti al post del capitano dell’Italia campione del mondo nel 2006, la domanda di un altro azzurro di quei tempi, Simone Perrotta: “Ma davvero??”. Fra i ‘like’ c’è invece quello di Francesco Totti.   CALCIO

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Atletica: BoClassic, in gara Faniel, Crippa e Battocletti
A San Silvestro appuntamento da non perdere in centro Bolzano
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
24 dicembre 2021
11:48
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
A una settimana dalla tradizionale BOclassic Alto Adige, la corsa di San Silvestro che torna quest’anno nel centro storico di Bolzano, gli organizzatori annunciano tre azzurri di primissimo piano.
Nella 47/a edizione di venerdì 31 dicembre, attesi due big del mezzofondo come Eyob Faniel e Yeman Crippa nella gara maschile di 10 chilometri.
Tra le donne, chiamate invece ad affrontare i 5 km sulle strade del circuito cittadino, al via Nadia Battocletti che di recente ha firmato un altro trionfo agli Europei di cross, il terzo consecutivo, a Dublino tra le under 23.
Per Eyob Faniel sarà l’ultima gara di un 2021 ricco di momenti esaltanti, iniziato con il record italiano della “mezza” (1h00:07 in febbraio a Siena Ampugnano) che si aggiunge a quello della maratona festeggiato l’anno scorso. Proprio sulla distanza più lunga a novembre ha corso da protagonista a New York, terzo al traguardo: era da ventidue anni che un europeo non arrivava tra i primi tre nella 42,195 km più famosa del mondo. E così il vicentino delle Fiamme Oro ha riscattato la delusione delle Olimpiadi di Tokyo, a Sapporo, dove non è andato oltre il ventesimo posto. A Bolzano due anni fa, nel 2019, aveva messo a segno l’impresa di conquistare il successo interrompendo il digiuno di vittorie italiane che durava da 31 anni.
Quanto a Yeman Crippa, è uno dei beniamini del pubblico locale.
Più volte ha sfiorato il podio nella classica bolzanina il 25enne azzurro che vive nella vicina Trento, pronto a ripartire per lasciarsi alle spalle il ritiro agli Europei di campestre.
Ma nel 2021 è riuscito comunque a migliorare il suo primato italiano dei 3000 metri, anche se ai Giochi ha raccolto meno di quanto potesse sperare: undicesimo nei 10.000 senza poi raggiungere la finale dei 5000. Nell’edizione speciale 2020 della BOclassic, disputata nel circuito automobilistico di Vadena, ha riscritto il limite anche nei 5 chilometri.
Tutta da seguire la prova di Nadia Battocletti. Sensazionale la stagione della 21enne trentina delle Fiamme Azzurre, culminata con il settimo posto nei 5.000 olimpici di Tokyo diventando la seconda italiana di sempre a un soffio dal primato nazionale, ma anche con gli ori europei under 23 su pista e nel cross.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Pechino 2022, il Giappone si unisce al boicottaggio diplomatico
Tokyo non invia rappresentanza governativa, per diritti umani
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
24 dicembre 2021
12:47
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Il Giappone non invierà funzionari ministeriali alle Olimpiadi invernali di Pechino a febbraio, ha annunciato venerdì il portavoce del governo giapponese dopo il boicottaggio diplomatico deciso da diversi paesi, tra cui gli Stati Uniti.

Il presidente del comitato organizzatore olimpico Tokyo 2020, Seiko Hashimoto, visiterà però il sito, così come il presidente del comitato olimpico giapponese Yasuhiro Yamashita, ha aggiunto il portavoce ufficiale Hirokazu Matsuno.
Hashimoto andrà a Pechino “per esprimere gratitudine e rispetto agli atleti e alle altre persone che hanno sostenuto i Giochi di Tokyo” tenutisi la scorsa estate, ha aggiunto. Al contrario, il Giappone “non prevede di inviare funzionari governativi” alle Olimpiadi invernali in Cina, ha affermato il portavoce.
La posizione di Tokyo è arrivata dopo che Stati Uniti, Regno Unito, Australia e Canada hanno annunciato questo mese un boicottaggio diplomatico dei Giochi di Pechino del 4-20 febbraio 2022 per denunciare le violazioni dei diritti umani in Cina.
Pechino ha avvertito i quattro paesi occidentali, che invieranno atleti ai Giochi ma non funzionari, che pagheranno “il prezzo” della loro decisione. Il Giappone, ospite dei Giochi di Tokyo 2020 rinviati di un anno a causa del coronavirus, si trova in una delicata posizione diplomatica tra Stati Uniti e Cina, due importanti partner commerciali, e finora non era riuscito a far conoscerne la sua posizione. La Corea del Sud, un altro alleato degli Stati Uniti, da parte sua ha annunciato all’inizio della scorsa settimana che non avrebbe boicottato diplomaticamente i Giochi, citando la necessità di continuare a cooperare con la Cina. Il Comitato olimpico internazionale (Cio) ha intanto invocato la sua “neutralità” sulla questione, rifiutandosi di commentare “decisioni puramente politiche” e soprattutto salutando l’assenza di un boicottaggio sportivo. Secondo le organizzazioni per i diritti umani, almeno un milione di uiguri e altre minoranze di lingua turca, principalmente musulmani, sono detenuti nei campi dello Xinjiang. La Cina è accusata di sterilizzare con la forza le donne e di imporre il lavoro forzato.   MONDO  POLITICA

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Pugilato: Santo Stefano sul ring, match Tricolore a Lucca
Demollari e Benkorichi si sfidano per titolo italiano leggeri
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
24 dicembre 2021
14:16
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Anche quest’anno, come da tradizione, sarà Santo Stefano pugilistico.
Infatti domenica a Lucca si disputerà, sul ring del Palatagliate, il match valido per il titolo Italiano dei pesi leggeri tra il beniamino del pubblico di casa Marvin Demollari e il fighter milanese Fateh Benkorichi.

Come dire, una sfida tra un ‘demolitore’ come Demollari e un boxeur dall’ottima tecnica come Benkorichi, non a caso soprannominato ‘The Style’. Le differenti caratteristiche fisiche e tattiche dei due pugili attribuiscono al match un pronostico davvero incerto, calcisticamente da tripla. Intanto domani, anche se è Natale, alle 17 ci sarà il primo faccia a faccia tra i due rivali, al Caffè Bar Nelli per le operazioni di peso.
A testimoniare l’attesa per Ia riunione pugilistica