Politica tutte le notizie in tempo reale! TUTTO IL MONDO POLITICO ACCURATAMENTE APPROFONDITO ED AGGIORNATO! SEGUILO E CONDIVIDILO!
Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 34 minuti

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 18:44 DI MARTEDì 23 FEBBRAIO 2021

ALLE 00:51 DI GIOVEDì 25 FEBBRAIO 2021

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Papa: cordoglio per vittime Congo, servitori pace e diritto
Messaggio al presidente della Repubblica Sergio Mattarella
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CITTÀ DEL VATICANO
23 febbraio 2021
18:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Con dolore ho appreso del tragico attentato avvenuto nella Repubblica Democratica del Congo, nel quale hanno perso la vita il giovane ambasciatore italiano Luca Attanasio, il carabiniere trentenne Vittorio Iacovacci e il loro autista congolese Mustapha Milambo”. Lo scrive papa Francesco in un telegramma di cordoglio inviato al presidente della Repubblica Sergio Mattarella.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Esprimo il mio sentito cordoglio ai loro familiari, al Corpo diplomatico e all’Arma dei Carabinieri per la scomparsa di questi servitori della pace e del diritto”.
“Raccogliamo l’esemplare testimonianza del signor ambasciatore – prosegue il Pontefice nel messaggio -, persona di spiccate qualità umane e cristiane, sempre prodigo nel tessere rapporti fraterni e cordiali, per il ristabilimento di serene e concordi relazioni in seno a quel Paese africano; come pure quella del carabiniere, esperto e generoso nel suo servizio e prossimo a formare una nuova famiglia”.
“Mentre elevo preghiere di suffragio per il riposo eterno di questi nobili figli della Nazione italiana – aggiunge -, esorto a confidare nella Provvidenza di Dio, nelle cui mani nulla va perduto del bene compiuto, tanto più quando è confermato con la sofferenza e il sacrificio”.
“A Lei, signor Presidente, ai congiunti e ai colleghi delle vittime e a tutti coloro che piangono per questo lutto invio di cuore la mia benedizione”, conclude papa Bergoglio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: da inizio pandemia emanati 522 atti, oltre 37 al mese
Analisi Openpolis, nel 2021 già pubblicati 56 provvedimenti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
19:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Da quando è stato dichiarato lo stato d’emergenza, il 31 gennaio 2020, sono stati adottati 522 provvedimenti, solo a livello nazionale per una media di oltre 37 atti al mese. Lo rende noto Openpolis, sottolineando che i primi mesi del 2020 sono stati i più intensi dal punto di vista della produzione normativa: a febbraio sono stati pubblicati 67 atti Covid, a marzo 103, ad aprile 65.
Nel 2021 gli atti pubblicati sono già 56. Lo stato di emergenza è stato prorogato, con un’ordinanza firmata il 13 gennaio scorso, fino al prossimo 30 aprile. La maggior parte dei provvedimenti pubblicati sono stati emanati dal ministero della Salute, poi dalla Protezione Civile e dal ministero dell’Interno. Sono invece 7 gli atti adottati sotto la nuova presidenza di Mario Draghi: 5 del ministero della Salute, uno del governo e uno della Protezione Civile.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: Emiliano, a breve nuova ordinanza, Dad a scelta
Dopo decisione Tar Puglia che ha bocciato precedente misura
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
23 febbraio 2021
19:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Adotterò immediatamente un’altra ordinanza che, tenendo conto dei rilievi” del Tar Puglia “tuteli comunque la vita del personale scolastico agganciando la durata della campagna vaccinale per le scuole al periodo di vigenza della ordinanza, rimuovendo il limite del 50% alla presenza contemporanea nelle classi”. Lo annuncia il governatore Michele Emiliano dopo che il Tar ha sospeso l’ordinanza con la quale era stata resa obbligatoria la Dad in tutte le scuole.
“Verrà reintrodotto – annuncia Emiliano – il diritto alla scelta della didattica integrata a distanza da parte delle famiglie che ne faranno richiesta”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tim: apertura boom in Borsa dopo i conti, +5,3%
Batte attese analisti e torna a 0,4 euro, come nell’agosto 2020
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
09:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Apertura con il botto per Tim in Piazza Affari dopo i conti 2020 che, con un inaspettato utile di oltre 7 miliardi batte le attese degli analisti. Il titolo segna un rialzo del 5,37% a 0,4 euro, riportandosi ai livelli dell’agosto del 2020.

Ma i risultati, osservano gli analisti, sorprendono e soddisfano su più fronti: irl gruppo è più vicino alla stabilità, ha mostrato una ripresa della crescita nel quarto trimestre e piacciono le prospettive sul 2021 con ebitda stabile del nuovo piano. Ora si aspettano più dettagli dalla presentazione che nel pomeriggio l’ad Luigi Gubitosi farà alla comunità finanziaria.   ECONOMIA

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Scuola: Emiliano firma nuova ordinanza, Ddi sino al 14/3
In presenza solo laboratori o alunni con esigenze speciali
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
24 febbraio 2021
09:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dal 24 febbraio e sino al 14 marzo tutte le scuole pugliesi,di ogni ordine e grado, dovranno adottare la didattica digitale integrata (Ddi) al 100%,”riservando l’attività didattica in presenza agli alunni per l’uso di laboratori qualora sia previsto dall’ordinamento,o per mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali”: è la nuova ordinanza firmata dal governatore Michele Emiliano.Ieri il Tar Puglia aveva accolto il ricorso del Codacons sospendendo la precedente ordinanza che prevedeva dal 22 febbraio al 5 marzo la Dad per tutte le scuole.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio, chiesto a Onu e Pam apertura inchiesta
‘Ci aspettiamo risposte chiare ed esaustive’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
09:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Al Pam e all’Onu abbiamo chiesto formalmente l’apertura di un’inchiesta che chiarisca l’accaduto, le motivazioni alla base del dispositivo di sicurezza utilizzato e in capo a chi fossero le responsabilità di queste decisioni.
Abbiamo anche spiegato che ci aspettiamo, nel minor tempo possibile, risposte chiare ed esaustive”.
Lo ha detto il ministro degli Esteri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lungo applauso alla Camera a memoria Attanasio e Iacovacci
Prima dell’intervento del ministro degli Esteri Di Maio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
09:32
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un lungo applauso in memoria dell’ambasciatore Luca Attanasio e del carabiniere Vittorio Iacovacci, uccisi in Congo, ha preceduto l’inizio dell’intervento del Ministro degli Esteri Luigi Di Maio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Generali: piano Fenice 190, 3,5 miliardi per rilancio Europa
Donnet, anno decisivo per superare più grave crisi da dopoguerra
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
10:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In occasione dei suoi 190 anni, Generali presenta Fenice 190, un piano di investimenti da 3,5 miliardi di euro per sostenere il rilancio delle economie europee colpite dal Covid 19, a cominciare da Italia, Francia e Germania, per proseguire durante i cinque anni del piano in tutti i Paesi europei dove il gruppo è presente. Si tratta di una delle iniziative che il gruppo, fondato a Trieste il 26 dicembre 1931, ha deciso di adottare per celebrare nel 2021 la ricorrenza.
Saranno iniziative rivolte ai propri dipendenti, agenti, clienti e alle comunità in cui il gruppo opera, a partire appunto da Fenice 190.
“Il 190/o anniversario cade in un anno decisivo per superare insieme la più grave crisi mondiale dal dopoguerra e porre le premesse per un grande rilancio a livello globale” ha affermato il ceo di Generali, Philippe Donnet. “Mai come oggi, in un contesto senza precedenti – ha aggiunto Gabrile Galateri di Genola, presidente di Assicurazioni Generali – il gruppo Generali intende costruire una visione di futuro condivisa e sostenibile per tutti gli stakeholder”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pd: Zingaretti,mettere da parte polemiche e bandierine
Ho una sola bandiera, quella italiana
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
11:17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ora bisogna mettere da parte le polemiche senza cercare di piantare le bandierine di partito. Io ho una sola bandiera, quella italiana”.
Così il segretario del Pd Nicola Zingaretti in un post con foto pubblicato su Facebook e accompagnato dalle parole: “Per amore dell’Italia”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Congo: Casellati, fare luce su autori e matrice strage
Attanasio e Iacovacci erano portatori di pace
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
11:17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Luca Attanasio e Vittorio Iacovacci erano “entrambi autentici portatori di pace e di speranza. E come tali abbiamo il dovere di ricordarli e di onorarne il sacrificio.

Anche adoperandoci affinché si possa quanto prima fare piena luce sulla matrice dell’attacco, identificandone gli autori”. Lo ha detto la presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati, commemorando in Aula l’ambasciatore e il carabiniere uccisi in Congo lunedì scorso.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Catricalà: un minuto di silenzio in Aula al Senato
Presidente Casellati ha espresso cordoglio alla famiglia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
11:21
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’aula del Senato ha rispettato un minuto di silenzio, su invito della presidente Elisabetta Casellati, in memoria di Antonio Catricalà.
Casellati, al termine della commemorazione di Franco Marini, ha informato che “è venuto a mancare” l’ex sottosegretario, esprimendo “il cordoglio personale e dell’Assemblea” alla famiglia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
AstraZeneca, obiettivo oltre 5mln dosi a Italia entro marzo
Questa settimana 1,5 mln consegnate
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
11:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Per quanto riguarda l’Italia, questa settimana supereremo 1,5 milioni di dosi consegnate e abbiamo l’obiettivo di superare i 5 milioni di dosi per la fine di marzo”. Lo afferma l’azienda AstraZeneca in merito alla notizia di un taglio della metà delle dosi di vaccino anti-Covid previste per l’Ue nel secondo trimestre 2021.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Marini: Franceschini, sarebbe stato un grande Presidente
Sua lezione è stata la semplicità
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
11:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La lezione di Franco Marini è la semplicità. Era un uomo autentico, duro, capace di intimorire, ruggiva ma aveva una grande bontà.
Sarebbe stato un grande presidente della Repubblica, ma fu travolto dal vento ubriaco di un superficiale nuovismo. A me toccò chiedergli di rinunciare alla candidatura: rispose con un ruggito ma capì. Sarebbe stato un grande presidente della Repubblica, un presidente popolare, come Pertini, un Pertini cattolico, con la pipa e il cappello da alpino, sempre tra il popolo. Franco era un lottatore, aveva battuto anche il Covid, poi durante la riabilitazione una infezione lo ha piegato”. Lo ha detto il ministro Dario Franceschini, ricordando nell’Aula di Palazzo Madama l’ex presidente del Senato Franco Marini.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Marini: Renzi, non mi negò amicizia nonostante rottamazione
Mi ha gratificato con sua amicizia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
11:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“A me Franco Marini diede una lezione straordinaria: non solo non ha avuto alcun che contro di me, nonostante ne abbia criticato la candidatura per il Quirinale, ma mi ha gratificato di una amicizia che andava oltre. Quando da presidente del Consiglio lo chiamammo a guidare le Celebrazioni per il centenario della Grande Guerra, mi diceva ‘a presidè’ o ‘a segretà’, a seconda delle situazioni, e non mi negò la sua amicizia nonostante il passato”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lo ha detto Matteo Renzi, ricordando in aula a Palazzo Madama l’ex presidente del Senato.
“Ho combattuto Marini – ha ricordato Renzi – quando nel 2013 lo inserirono nella terna dei candidati per il Quirinale. Allora dissi chiaramente perché quella candidatura non era la più corretta. Lo feci in modo chiaro, in una intervista a Repubblica, spiegando che chi lo aveva candidato non gli aveva fatto del bene, per le motivazioni della sua candidatura: perché era un cattolico che doveva riequilibrare i sette anni di Napolitano. Quell’approccio era sbagliato, un approccio sbagliato come quello di candidarlo in prima votazione: se lo vuoi fare eleggere lo tieni coperto finché il quorum non si abbassa, come fu per Napolitano o per Mattarella. Chi lo candidò lo faceva senza convinzione”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Moody’s promuove Draghi, garanzia per spesa fondi Recovery
Ma l’agenzia taglia le stime di crescita del 2021 a +3,7%
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
12:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il governo Draghi è una sorta di garanzia per l’utilizzo in maniera efficace dei 209 miliardi che l’Italia riceverà dal Recovery Fund europeo entro il 2026. Lo prevede Moody’s nel suo rapporto sulle economie G20.

“Questi fondi – si legge – potrebbero rafforzare le prospettive di crescita del paese se diretti e utilizzati efficacemente per infrastrutture pubbliche e altre spese a favore della crescita. L’inaugurazione di un governo trasversale di larghe intese del primo ministro Mario Draghi aumenta la probabilità che ciò accada”.
Moody’s ha però intanto tagliato le previsioni di crescita del Pil italiano quest’anno da +5,6% a +3,7% motivando le nuove stime con le limitazioni alla mobilità e alle attività economiche ancora in vigore. La stima sul 2022 è di una crescita del 4,1%.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Tajani,FI propone Bertolaso come coordinatore piano
Serve qualcuno che coordini
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
12:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Serve qualcuno che coordini il piano vaccinale. Noi abbiamo proposto Guido Bertolaso”.
Lo ha detto Antonio Tajani, coordinatore di Forza Italia, nel corso della conferenza stampa del partito azzurro sul piano vaccinale anticovid.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Salvini, da Speranza mi aspetto un cambio di passo
Tutela della salute ma affacciarsi alla vita
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
12:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“E’ chiaro che da Speranza occorre un cambio di passo, di approccio. Tutela della salute ma affacciarsi alla vita”.
Così il leader della Lega, Matteo Salvini, in una conferenza stampa, al Senato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cattolica, Plavisgas chiede di comprare azioni proprie
Compagnia si limita a presa d’atto interesse imprenditori veneti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
24 febbraio 2021
13:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gli imprenditori veneti di Plavisgas, reduci dalla lauta plusvalenza generata dall’investimento in Ascopiave, hanno manifestato lo scorso 14 gennaio a Cattolica l’interesse a rilevare, prima dell’aumento da 200 milioni di euro, il pacchetto di azioni proprie nel portafoglio della compagnia. Cattolica, ha risposto l’11 febbraio con una presa d’atto “dell’interesse manifestato” e ha ricordato come l’Ivass abbia chiesto la dismissione delle azioni entro fine anno “senza imporre condizioni o forme di sorta” e come “allo stato” non sia “possibile formulare indicazioni più precise su modalità e tempistiche realizzative”.
Tempi e parole dietro le quali gli imprenditori veneti leggono una mancanza di interesse per la loro proposta.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: Bianchi, priorità è vaccinare subito il personale
Ministro monitora situazione con Speranza
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
13:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi durante l’incontro con i sindacati ha ribadito che la priorità è “vaccinare il personale il prima possibile: bisogna andare a scuola sentendosi in sicurezza”. Il Ministero, in raccordo con quello della Salute, sta monitorando la situazione relativa ai contagi e alle varianti del Covid-19.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Rutelli, riapertura sale? Prudenza verso facile ottimismo
Anica, è processo industriale non è come aprire ferramenta
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
14:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sulla riapertura delle sale cinematografiche, prudenza verso un eccessivo ottimismo, sostiene Francesco Rutelli, presidente Anica. “Il Governo aveva avuto indicazioni restrittive dal comitato tecnico scientifico, nonostante in base a tutte le linee di rilevazione le sale aperte non hanno poi creato grossi problemi sanitari.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ma è anche vero che aprire una sala è un processo industriale non è come aprire un negozio di ferramenta. C’è un problema di programmazione, di bilancio, di informazione al pubblico e di agibilità delle sale”. E ancora: “Nessun facile ottimismo, sono prudente perché si deve pensare a riaperture in sicurezza”.
Rutelli, che oggi ha presentato a Roma ‘ReImagine’ un corto di dieci minuti (da oggi visibile su Chili) sul valore della ricerca scientifica, iniziativa dell’azienda farmaceutica Novartis e One More Pictures, ha aggiunto: “Non credo ci sia stata poca attenzione da parte dei Governi in una situazione così drammatica rispetto alla riapertura delle sale. Abbiamo avuto un incontro con il ministro la settimana scorsa, noi dell’Anica ma anche l’Anec e vedremo quale sarà la risposta. Una cosa è certa: la produzione industriale non si è mai fermata, c’è molta resilienza nell’ambiente cinema. Si va avanti sempre nel rispetto dei rigorosi protocolli”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5s: Tribunale Cagliari nomina curatore
“Associazione senza rappresentanza legale dopo modifica statuto”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
24 febbraio 2021
17:21
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il tribunale di Cagliari ha nominato un curatore speciale del Movimento Cinquestelle “rimasto privo di rappresentanza legale”. Il 17 febbraio scorso, infatti, gli iscritti alla piattaforma Rousseau hanno votato per la modifica dello statuto del M5s, introducendo un Comitato direttivo di cinque membri al posto del Capo politico, con tutte le funzioni di rappresentanza legale.
La prima sezione civile ha deciso su istanza dalla consigliera regionale della Sardegna Carla Cuccu che il 27 gennaio scorso era stata espulsa dal Movimento con provvedimento firmato da Vito Crimi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tre sottosegretari dalla Sicilia, tutti del M5s
C’è anche Giorgio Mulè ma non è tra nomi fatti da Miccichè
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
24 febbraio 2021
21:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nel puzzle dei sottosegretari gli unici pezzi siciliani li incastra il M5s: Giancarlo Cancelleri riconfermato al Mit, Barbara Floridia all’Istruzione e Manlio Di Stefano agli Esteri. A bocca asciutta tutti gli altri.
In realtà un quarto siciliano c’è: Giorgio Mulè (Difesa), ma a fare il suo nome non è stato il leader di Fi in Sicilia, Gianfranco Miccichè, che al partito aveva consegnato i nomi di Gabriella Giammanco e Gaetano Armao e ora probabilmente presenterà il conto ai vertici nazionali.
In tanti avevano sperato fino all’ultimo di entrare nella lista di sottogoverno, ma sono stati stoppati dal gioco a incastro fatto di veti ed equilibri politici. Così rimangono fuori per esempio Davide Faraone (Iv), Steni Di Piazza (M5s), ma anche Roberto Lagalla, molto gradito al ministro Patrizio Bianchi ma senza big sponsor tra i partiti. Ci sperava anche Saverio Romano, sponda Noi per l’Italia, neanche lui ce l’ha fatta.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: Andrea Costa, un onore, sento grande responsabilità
Spezzino sottosegretario Salute.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
LA SPEZIA
24 febbraio 2021
22:25
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Un onore essere chiamato al Governo, sento forte su di me una grande responsabilità. La politica per me è sempre stata ascolto e impegno.
Domani incontrerò subito il ministro Speranza, sarà un piacere lavorae per la sanità del Paese insieme a lui”. Così il neo sottosegretario alla Salute, lo spezzino Andrea Costa.
Costa è stato consigliere regionale di Liguria Popolare è considerato molto vicino a Maurizio Lupi (Noi per l’Italia).
Alle ultime elezioni regionale non era stato rieletto e ricopriva attualmente l’incarico di consigliere comunale alla Spezia. È stato per tre mandati sindaco di Beverino (La Spezia).
Costa non è l’unico sottosegretario spezzino: stesso incarico è toccato per la Difesa a Stefania Pucciarelli, senatrice della Lega, ruolo che condividerà con Giorgio Mulé (Forza Italia), eletto in Liguria. «Inizia per me una nuova avventura. Sono molto emozionata e altrettanto determinata a darmi da fare nell’interesse del Paese e dei cittadini. Ora al lavoro» ha commentato a caldo Pucciarelli.
Del Governo Draghi fa parte un altro spezzino, il ministro del Lavoro Andrea Orlando (Pd).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Alitalia: vertice Mise-Mit-Mef in programma venerdì
Con i ministri Giorgetti e Giovannini, in forse Franco
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
12:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ in programma venerdì mattina, 26 febbraio, secondo quanto si apprende, il vertice tra i Ministeri dello Sviluppo economico, dei Trasporti e dell’Economia per discutere del dossier Alitalia. Alla riunione, che dovrebbe svolgersi in presenza al Mise, dovrebbero partecipare i titolari del Mise Giancarlo Giorgetti, del Mit Enrico Giovannini, mentre per il Tesoro è in forse, al momento, la presenza del ministro Daniele Franco.
L’incontro urgente è stato chiesto ieri dal Mise agli altri due dicasteri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Transizione ecologica: piano in 3 mesi dall’ok al decreto legge
Nel documento nascita e compiti del Comitato interministeriale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
20:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Piano per la Transizione ecologica dovrà essere approvato entro 3 mesi dal via libera al decreto legge che istituisce il nuovo ministero ed il Comitato interministeriale (Cite) per il coordinamento delle politiche green. Lo si legge in una bozza del Dl.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nel documento sono delineati gli obiettivi ed i compiti del Cite. In particolare il Piano “individua le azioni, le misure, le fonti di finanziamento, il relativo cronoprogramma, nonché le amministrazioni competenti per l’attuazione delle singole misure”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Appello madre, “vaccini a genitori caregiver”. Ok Zingaretti
Figlio è fibrosicistico.Governatore,”sue parole non inascoltate”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
20:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccinare i genitori caregiver per proteggere dal Covid i propri figli. E’ l’appello di una mamma che da anni è accanto ogni giorno al suo bambino che convive con la fibrosi cistica, affrontandola con il sorriso sulle labbra.

Una patologia grave che in Italia riguarda oltre 5.500 pazienti, di cui quasi la metà ha meno di 18 anni, registrando un’età media al decesso di 34,7 anni. In una lettera aperta al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, Lorena Iglesias lancia un appello per tutti quei genitori che, come lei, si trovano ad affrontare la malattia accanto ai loro figli.
Parole che non sono cadute nel vuoto. In serata il presidente Zingaretti, ha assicurato che il “suo appello, che in realtà è una richiesta di aiuto che riguarda tanti genitori nella sua stessa situazione, non rimarrà inascoltato”. Il governatore ha spiegato di aver già dato indicazioni agli uffici competenti in materia “per mettere in moto la macchina amministrativa e dare in tempi ragionevolmente rapidi una risposta efficace in grado di colmare eventuali lacune normative sulla vaccinazione dei genitori caregiver dei fibrosicistici”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Congo: venerdì lutto cittadino a Sonnino per Iacovacci
Sindaco, domani funerali di Stato, il giorno dopo i nostri
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
11:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Venerdì sarà lutto cittadino a Sonnino, il paese d’origine di Vittorio Iacovacci in provincia di Latina. Lo annuncia il sindaco Luciano De Angelis: “Dopo i funerali di stato domani mattina, la salma di Vittorio tornerà a Sonnino e il giorno seguente, venerdì, faremo anche i nostri funerali all’Abbazia di Fossanova.
In quell’occasione sarà anche proclamato il lutto cittadino”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: oggi incontro tra ministro Bianchi e sindacati
Tanti i temi sul tavolo, dalle vaccinazioni alle assunzioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
12:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ in corso al ministero dell’Istruzione il primo incontro tra il ministro Patrizio Bianchi e i sindacati del settore. Tanti i temi che i sindacati hanno in animo di affrontare: dalle vaccinazioni al personale della scuola, partite solo in alcune Regioni, al rinnovo dei protocolli sulla sicurezza in vista della maturità e degli esami di terza media, dalla gestione della pandemia e delle varianti che stanno colpendo le scuole, alle ordinanze dei governatori su chiusure e aperture degli istituti e alle decisioni dei Tar a cui ricorrono comitati di genitori e associazioni dei consumatori; dalle assunzioni necessarie per far partire il prossimo anno scolastico con i docenti in cattedra da settembre, al nodo concorsi (si è appena concluso quello straordinario, riservato ai precari di lunga data).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: a Palermo hub con 60 postazioni,10 mila dosi giorno
Musumeci, noi pronti ma fornitura delle dosi va a rilento
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
24 febbraio 2021
13:24
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Oggi inizia la stagione della speranza e sono convinto che soltanto con i vaccini potremo tirarci fuori da questa maledetta vicenda”. Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, che in mattinata, ha inaugurato l’hub vaccinale nel padiglione 20 dell’ex Fiera del Mediterraneo di Palermo, dove a regime si potranno somministrare circa 10mila dosi al giorno.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Quello di Palermo è il primo dei 9 hub vaccinali che saranno aperti nei prossimi giorni dalla Regione Siciliana, uno in ogni città capoluogo. Cento complessivamente gli operatori – tra medici, infermieri e personale tecnico ed amministrativo – a lavorare su due turni in 60 postazioni modulari che potranno arrivare a 120. Il vaccino non sarà riservato solo a chi ha già compiuto 80 anni, ma in Fiera saranno effettuate anche le vaccinazioni con AstraZeneca per le forze dell’ordine e con Pfizier-Biontech a completamento del personale socio-sanitario.
“Oggi salutiamo l’inizio della stagione della speranza, vorrei dire della certezza, ma non abbiamo la sicurezza che il vaccino arrivi in tempo. Stiamo procedendo come da calendario – ha assicurato Musumeci -. Secondo il piano predisposto dal governo regionale, avremmo dovuto completare la campagna di vaccinazione entro la metà di settembre. Purtroppo, le notizie che arrivano dal fronte vaccini non sono incoraggianti. Ieri Astrazeneca ha comunicato riduzione ulteriore del 50% e chi doveva mantenere gli impegni non lo ha fatto nemmeno con Bruxelles. Noi siamo qui in attesa di partire alla grande”.
Il primo over 80 a ricevere la dose alle 8 del mattino è stato Vincenzo Agostino, padre del poliziotto Nino assassinato il 5 agosto del 1989 con la moglie Ida Castelluccio a Villagrazia di Carini.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: Bianchi, priorità è vaccinare subito il personale
Ministro monitora situazione con Speranza
(2)
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
13:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi durante l’incontro con i sindacati ha ribadito che la priorità è “vaccinare il personale il prima possibile: bisogna andare a scuola sentendosi in sicurezza”. Il Ministero, in raccordo con quello della Salute, sta monitorando la situazione relativa ai contagi e alle varianti del Covid-19 .
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: Cisl, tavolo 1 settembre per prof in cattedra subito
Gissi, subito i tavoli. Eviteranno ricorso a supplenti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
14:16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Un incontro molto positivo, abbiamo già definito i temi che affronteremo nei tavoli per garantire che i professori siano in cattedra già il 1 settembre: mobilità, reclutamento e sicurezza”. Così Maddalena Gissi (Cisl) al termine dell’incontro con il ministro Bianchi in merito, in particolare, alla definizione delle cattedre per evitare di avere vuoti di organico all’inizio dell’anno scolastico.

Gissi ha parlato dell’apertura del tavolo che il ministro ha chiesto di definire come “tavolo 1° settembre”, dedicato a tutte le questioni cui è legata la possibilità di avviare a pieno regime, fin dal suo immediato inizio, il prossimo anno scolastico. In tale ambito si affronterà anche la questione degli eventuali interventi di recupero rispetto alle carenze determinate dalle particolari condizioni in cui da mesi vengono svolte le attività scolastiche. «È positivo che la questione non sia stata posta nei termini semplicistici e banalizzanti di un eventuale allungamento del calendario – afferma Maddalena Gissi – Se ne discuterà al tavolo 1° settembre, e mi pare la scelta più saggia”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
17:24
IL CDM SLITTA ALLE 18, ALL’ORDINE DEL GIORNO LA NOMINA DEI SOTTOSEGRETARI.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sei un antifascista, schiaffo a ragazzo
Da parte di quattro ventenni. Episodio nello Spezzino
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
LA SPEZIA
24 febbraio 2021
17:24
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sei un antifascista!”. È quanto hanno urlato quattro ventenni nei confronti di un coetaneo, prima che uno di loro lo colpisse con uno schiaffo.
È quanto accaduto lunedì pomeriggio a Ceparana e sull’episodio stanno indagando i carabinieri. I quattro giovani sono stati individuati: alcuni di loro erano finiti sotto inchiesta nell’ambito dell’operazione Aurora, che nel 2017 aveva portato allo smantellamento di una cellula di naziskin in bassa Val di Vara, sempre nello Spezzino. Chi ha colpito il ventenne è già stato identificato e denunciato per lesioni personali. La sua casa è stata perquisita: trovate mazze e un coltello.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: ordinanza Giani, Cecina zona rossa 9 giorni
Scatta il principio di precauzione, troppi contagi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
24 febbraio 2021
20:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il comune di Cecina (Livorno) per nove giorni sarà zona rossa Covid. Lo ha stabilito il presidente della Toscana, Eugenio Giani, che ha firmato l’ordinanza.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo Chiusi (Siena), Cecina è il secondo comune della Toscana a diventare zona rossa per arginare la diffusione del Covid.
Il provvedimento, in vigore dalla pubblicazione sul Burt, si è reso necessario per il ‘principio di precauzione’ e secondo le indicazioni tecnico-scientifiche contenute nelle disposizioni nazionali. La Regione organizzerà con urgenza a Cecina screening di massa per la popolazione. Tra le restrizioni è vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dal territorio comunale di Cecina (Livorno), nonchè all’interno del medesimo salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. E’ consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata è consentito, nell’ambito del comune, una volta al giorno. Sono sospese le attivita’ commerciali al dettaglio, fatta eccezione per la vendita di generi alimentari e di prima necessità. Chiusi i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici. Restano aperte edicole, tabaccai, farmacie e parafarmacie.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:presidente Vda,nostra legge adattava norme a territori
Dopo decisione Consulta di bocciare legge Anti-Dpcm
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
AOSTA
24 febbraio 2021
20:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“In questi mesi la Valle d’Aosta ha raggiunto risultati eccezionali nella limitazione della diffusione della pandemia: ribadiamo che la legge 11 aveva lo scopo di adattare le indicazioni nazionali per la gestione dell’emergenza sanitaria alle peculiarità del territorio valdostano”. Lo ha detto il presidente della Regione Valle d’Aosta, Erik Lavevaz, commentando la decisione della Consulta che ha accolto il ricorso del Governo contro la legge Anti-Dpcm.

“Mettiamo al primo posto la salute dei valdostani – ha aggiunto – rivendicando però il nostro diritto a costruire un’azione efficace per la nostra realtà”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Al superpoliziotto Gabrielli la delega agli ‘007’
Dalle indagini sulle nuove Br alla Protezione civile
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
21:12
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Direttore del Sisde, capo della Protezione civile, capo della Polizia ed ora Autorità delegata ai Servizi. Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha ceduto in mani esperte il delicato settore dell’intelligence.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il suo predecessore Giuseppe Conte, aveva tenuto per sè la delega fin quasi alla fine della sua permanenza a Palazzo Chigi: l’ambasciatore Pietro Benassi, da lui indicato, è rimasto così in carica solo per pochi giorni.
Quella di Gabrielli – nato 61 anni fa a Viareggio – è una storia di incarichi importanti, in istituzioni diverse. Laureato in giurisprudenza, padre di tre figli, entra in polizia nel 1985. Due anni dopo passa alla Digos di Imperia e da lì inizia un percorso che lo porterà a coordinare le indagini che hanno consentito di fare luce sulle stragi mafiose della primavera-estate del 1993, fino ad arrivare all’arresto dei brigatisti responsabili degli omicidi di Massimo D’Antona, Marco Biagi e del sovrintendente della polizia Emanuele Petri, nel 2003.
Nel dicembre 2006 – Governo Prodi – viene nominato direttore del Sisde, che l’anno dopo diventerà Aisi. Il più giovane a dirigere il servizio segreto. Che lascia nel giugno del 2008. Il 6 aprile 2009 c’è il terremoto dell’Aquila: viene nominato prefetto del capoluogo abruzzese con il compito non solo di gestire il momento difficile dell’emergenza, ma anche di vigilare sulla regolarità degli appalti per evitare infiltrazioni criminali. Nell’aprile 2010 succede a Guido Bertolaso al vertice della Protezione civile: si occupa di terremoti, alluvioni, incendi, ma anche del ‘miracoloso recupero’ – come venne definito – della Costa Concordia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Poi, nell’aprile 2015, il passaggio alla guida della prefettura di Roma e nell’aprile 2016 il sogno che diventa realtà: viene nominato capo della Polizia-Direttore generale della pubblica sicurezza.
Da capo della Polizia lavora con diversi ministri dell’Interno, anche con Matteo Salvini, con il qualche non sono mancate le polemiche dopo che però il leader leghista aveva lasciato il Viminale. Ora nel Governo Draghi guiderà da ‘tecnico’ di rango un settore che conosce molto bene.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bozza dl, nasce Comitato interministeriale transizione digitale
Per strategia nazionale, include anche Anci e Upi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
20:12
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un Comitato interministeriale per la transizione digitale (CITD) che “promuove, indirizza, coordina e verifica l’azione del Governo nelle materie dell’innovazione tecnologica, dell’attuazione dell’agenda digitale italiana ed europea, della strategia italiana per la banda ultra larga, della digitalizzazione delle pubbliche amministrazioni e delle imprese, nonché della trasformazione, crescita e transizione digitale del Paese, in ambito pubblico e privato”. Lo prevede la bozza del decreto del Governo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Comitato include anche Anci e Upi.
“Nell’ambito del predetto Comitato – si legge nella bozza del decreto – sono assunte le decisioni strategiche necessarie a garantire la coerente e puntuale declinazione della strategia nazionale per la transizione digitale. Alle riunioni del CITD – quando si trattano materie che interessano le regioni e le province autonome, partecipano il presidente della Conferenza delle regioni e delle province autonome o un presidente di regione o di provincia autonoma da lui delegato e, per i rispettivi ambiti di competenza, il presidente dell’Associazione nazionale dei comuni italiani (ANCI) e il presidente dell’Unione delle province d’Italia (UPI)”. Il CITD “è presieduto dal Presidente del Consiglio dei ministri o dal Ministro delegato per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale che lo convoca, ne determina l’ordine del giorno, ne definisce le modalità di funzionamento e ne cura, anche per il tramite della Segreteria tecnico amministrativa, le attività propedeutiche e funzionali allo svolgimento dei lavori e all’attuazione delle delibere”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Zingaretti solidale con Barbara D’Urso,è caso web
Segretario Pd: ‘Hai portato la politica tra la gente’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
20:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ subito caos sul web. Su Twitter il segretario del Pd Nicola Zingaretti ha difeso il “Live” della conduttrice Barbara D’Urso dopo che alcuni rumors circolati sui social parlano di chiusura in anticipo a fine marzo (notizia questa ultima che Mediaset interpellata non conferma: “non abbiamo informazioni in merito”).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Zingaretti alla presentatrice (da tre edizioni) del talk show Mediaset Live non è la D’Urso ha scritto: “In un programma che tratta argomenti molto diversi tra loro – è il post del segretario del Pd indirizzato a @carmelitadurso – hai portato la voce della politica alle persone. Ce n’è bisogno!”:

Da ricordare che il leader dem andò in collegamento al programma Mediaset a parlare di Covid e di crisi di governo, l’ultima volta il 17 gennaio scorso.
Dopo il post di Zingaretti centinaia i commenti: “Uno dei punti più bassi del centrosinistra”. Chi si sfoga con la solita battuta “Salvini, esci da questo corpo”. O “Gli hanno hackerato l’account?”. O Luca Bizzarri: «Alle volte, nell’uso dei social, rivaluto Carlo Calenda». Selvaggia Lucarelli in un lungo post su Facebook dopo tra l’altro scrive: “Della serie: la famiglia Berlusconi mi ridimensiona? Il Pd mi sostiene! E passo pure per epurata. E quel furbone di Zingaretti non capisce in che gioco si è infilato”.
Ma perché questo tweet del segretario oggi? Sul Live della D’Urso si affastellano indiscrezioni a rilanciarla per prima ieri il sito Dagospia: il talk potrebbe subire uno stop anticipato al 28 marzo. Al suo posto potrebbe arrivare Paolo Bonolis con Avanti un altro ma c’è anche chi ipotizza l’avvicendamento con Scherzi a parte.
A difendere la conduttrice scende in campo Imma Battaglia: «Il sessismo imperante di questo momento storico fa un’altra vittima illustre; stavolta tocca a Barbara d’Urso, la conduttrice del programma capace di influenzare e contaminare la politica usando il linguaggio del popolo!».
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sullo sfondo, il calo (reale o presunto) degli ascolti per la D’Urso. Vero è che sui motivi di una eventuale chiusura prima del tempo si rincorrono voci che Mediaset al momento non conferma né smentisce. L’unica ad aver commentato è stata la conduttrice stessa che nel corso della puntata di Pomeriggio Cinque ha dichiarato: “Quello che si legge sui social è importante, quello che si dice anche ma ci sono molti siti che spesso anche con cattiveria, raccontano le notizie a loro modo”.
Per poi aggiungere: “Si parla, si parla senza sapere come stanno realmente le cose”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5s, il Tribunale di Cagliari nomina un curatore
Si era creata una vacatio di poteri dopo il voto per l’introduzione del Comitato di 5 membri al posto del Capo politico
(2)
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
24 febbraio 2021
18:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Tribunale di Cagliari ha nominato un curatore speciale del Movimento Cinquestelle “rimasto privo di rappresentanza legale”. Il 17 febbraio scorso, infatti, gli iscritti alla piattaforma Rousseau hanno votato per la modifica dello statuto del M5s, introducendo un Comitato direttivo di cinque membri al posto del Capo politico, con tutte le funzioni di rappresentanza legale.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La prima sezione civile ha deciso su istanza dalla consigliera regionale della Sardegna Carla Cuccu che il 27 gennaio scorso era stata espulsa dal Movimento con provvedimento firmato da Vito Crimi. Il curatore nominato dal Tribunale è l’avvocato del foro di Cagliari, Silvio Demurtas.
Nell’istanza per la nomina del curatore, firmata dagli avvocati Patrizio Rovelli e Lorenzo Borrè, si fa presente che “fino al 16 febbraio la rappresentanza legale del Movimento competeva all’organo Capo politico, senonché con delibera del 17 febbraio l’assemblea degli iscritti ha modificato lo statuto abolendo tale organo e sostituendolo con il Comitato direttivo”. Ma, “senza che si sia proceduto contestualmente alla nomina dei cinque componenti, né prevista una norma transitoria che prevedesse a quale organo affidare la rappresentanza legale”.
Insomma, si è verificata una vacatio dei poteri di legale rappresentanza, ha spiegato Carla Cuccu, che ha chiesto la nomina di un curatore speciale proprio per poter “correttamente instaurare il contenzioso giudiziario”.
Secondo Carla Cuccu, “ora il pm presso il Tribunale di Cagliari solleciterá i provvedimenti necessari per la costituzione della nuova rappresentanza e cioè l’elezione dei componenti del Comitato direttivo, votazioni che sembrano ancora in alto mare, anche per via del terremoto che ha colpito molti parlamentari del MoVimento”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, cresce la variante inglese. Draghi accelera
Ipotesi decreto, ma è pressing riaperture
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
12:49
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le varianti spingono la diffusione del Covid – oltre il 30% delle infezioni in Italia è dovuto a quella inglese e a metà marzo sarà predominante in tutto il Paese, hanno detto gli esperti di Iss e Cts al premier Mario Draghi – e in diverse zone si materializza la temuta terza ondata. Allarme alto, in particolare, nella provincia di Brescia, che diventa così zona “arancione rafforzata”, al pari di 14 comuni dell’Emilia Romagna; crescono poi le zone rosse in diversi territori mentre nelle ultime 24 ore si registrano altri 356 morti, ben 82 più di lunedì, mentre i pazienti ricoverati in terapia intensiva aumentano di 28.
Ieri in serata Draghi ha riunito ministri ed esperti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Si cerca una quadra tra “aperturisti” e “rigoristi” in vista del nuovo provvedimento che dovrà sostituire il dpcm firmato da Giuseppe Conte in scadenza il 5 marzo: l’idea sarebbe quella di coinvolgere maggiormente il Parlamento e non si esclude dunque la strada del decreto. Un provvedimento da varare nei prossimi giorni, non prima comunque del monitoraggio di venerdì prossimo. Il leader della Lega Matteo Salvini, da parte sua, insiste a chiedere le riaperture, ma il ministro della Salute Speranza e gli esperti del Cts frenano, segnalando il rischio contagi, specie alla luce delle nuove varianti. “Abbiamo rappresentato al presidente del Consiglio i dati e i numeri, noi siamo prudenti, ma non abbiamo descritto una situazione di catastrofe imminente”, ha detto Agostino Miozzo, coordinatore del Cts, al termine della riunione. “Non abbiamo parlato di riaperture, se ne parlerà in un’altra occasione”, ha aggiunto, anche se è noto che gli esperti sono stati finora contrari al semaforo verde a impianti da sci, cinema e palestre. Venerdì ci sarà il nuovo monitoraggio, “poi vedremo”, ha aggiunto, anche se lo scenario di una zona arancione nazionale, ventilata da qualcuno, sembra tuttavia restare al momento solo un’ipotesi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Intanto, il presidente della Lombardia Attilio Fontana ha firmato un’ordinanza per istituire nella provincia di Brescia e in alcuni comuni della Bergamasca e della provincia di Cremona una zona arancione rafforzata, “che preveda, oltre alle normali misure della zona arancione, anche la chiusura delle scuole d’infanzia, elementari e medie, il divieto di recarsi nelle seconde case, l’utilizzo dello smart working dove possibile e la chiusura della attività in presenza”. Secondo Guido Bertolaso, a Brescia “siamo di fronte alla terza ondata della pandemia e va aggredita immediatamente”.
Zona arancione scuro da domani anche per 14 comuni dell’Emilia Romagna e zona rossa, invece, per Torrice, nel frusinate, San Cipirello e San Giuseppe Jato (Palermo).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Oltre a quella inglese, altra variante che preoccupa è quella brasiliana: un caso è stato scoperto in una scuola a Roma. Il virus riprende poi a mordere in Veneto, dove si registra una crescita di contagi e ricoveri ed in Abruzzo, dove i ricoverati in intensiva toccano la quota record di 78. L’alta incidenza del Covid non arresta le richieste di far ripartire le attività. Salvini, che ha visto per mezz’ora il premier Draghi, insiste. “Abbiamo parlato di riaperture. Se c’è un problema a Brescia – ha spiegato – intervieni in quella provincia, non è che fai il lockdown nazionale da Bolzano a Catania. Dunque chiusure mirate e un ritorno alla vita. Se si può pranzare tranquilli, allora si può cenare tranquilli. Se i ristoranti sono sicuri a pranzo allora lo sono anche a cena. E la riapertura di teatri, cinema, realtà sportive, palestre e piscine è un ritorno alla normalità”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente dell’Emilia Romagna e della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, definisce “ragionevole” la richiesta di Salvini con l’obiettivo di “dare ossigeno a qualche attività”. Voglia di riapertura è stata espressa da diversi ministri, di vari partiti, anche dal dem Franceschini, con Gelmini ad auspicare il sostegno con adeguati ristori per le attività che dovessero rimanere chiuse. Sul tavolo del Governo sono ben presenti le richieste dei tanti settori in sofferenza, così come i dati dei contagi e dei vaccini (ancora a rilento, ne sono stati somministrati 3,6 milioni).
Intanto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il decreto recante “ulteriori disposizioni urgenti in materia di spostamenti sul territorio nazionale per il contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19” varato dal Consiglio dei ministri. Lo si è appreso al Quirinale.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le varianti ‘chiudono’ le scuole, incontro tra il ministro Bianchi e i sindacati
A Roma arriva la ‘brasiliana’. In Puglia Emiliano firma una nuova ordinanza, Ddi fino al 14 marzo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
17:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La scuola torna nel caos tra varianti che si diffondono negli istituti, governatori che decidono di sospendere le lezioni per vaccinare il personale scolastico e Tar che intimano di riaprirle. A Roma è stato riscontrato il primo caso di variante brasiliana con un link con l’Umbria: è una insegnante di una scuola media nel quartiere Trieste della capitale.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Asl ha disposto tamponi a tappeto per studenti, prof e amministrativi oltre che, ovviamente, la sanificazione di tutti gli ambienti. Nei giorni scorsi erano state già chiuse le sezioni materna ed elementari dopo la scoperta di un caso di variante inglese. Solo negli ultimi tre giorni sono state sei le scuole chiuse per Covid a Roma, soprattutto dell’infanzia ed elementari.
Chiuse anche da oggi le scuole a Brescia, in sette comuni in provincia di Bergamo e in uno nel cremonese dopo che in queste zone è scattata la zona arancione ‘rafforzata’. Nel frattempo in Puglia, dove il governatore Michele Emiliano nei giorni scorsi aveva mandato tutti gli studenti a casa con la didattica a distanza mentre da sabato sono partite nella regione le vaccinazioni al personale scolastico, una ordinanza del Tar ha sospeso l’ordinanza regionale accogliendo l’istanza cautelare del ricorso presentato dal Codacons Lecce e da un gruppo di genitori di alunni. Le Regioni – fa notare il Tar – possono “introdurre misure derogatorie più restrittive rispetto a quelle disposte dal Governo nazionale, ma tali misure devono essere provvisorie e ragionevolmente coerenti con la classificazione del livello di gravità dell’emergenza in ambito regionale”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nuova ordinanza firmata oggi dal governatore pugliese Emiliano: ‘Dal 24 febbraio e sino al 14 marzo tutte le scuole pugliesi,di ogni ordine e grado, dovranno adottare la didattica digitale integrata (Ddi) al 100%,”riservando l’attività didattica in presenza agli alunni per l’uso di laboratori qualora sia previsto dall’ordinamento,o per mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali”.
E mentre in alcune Regioni sono partite le vaccinazioni al personale scolastico, in altre la campagna ancora non decolla. “Ci sono Asl che non hanno ancora avviato il piano vaccinale che coinvolge il personale scolastico tra queste la Lombardia, le Marche e la Sicilia; in quest’ultima c’è una situazione caotica, prodotta da indicazioni contraddittorie che hanno escluso totalmente le istituzioni scolastiche dalla gestione e dall’ informazione sul piano vaccinale”, accusa Maddalena Gissi, segretaria generale della Cisl Scuola.
Al ministero dell’Istruzione il primo incontro tra il ministro Patrizio Bianchi e i sindacati del settore. Tanti i temi che i sindacati hanno in animo di affrontare: dalle vaccinazioni al personale della scuola, partite solo in alcune Regioni, al rinnovo dei protocolli sulla sicurezza in vista della maturità e degli esami di terza media, dalla gestione della pandemia e delle varianti che stanno colpendo le scuole, alle ordinanze dei governatori su chiusure e aperture degli istituti e alle decisioni dei Tar a cui ricorrono comitati di genitori e associazioni dei consumatori; dalle assunzioni necessarie per far partire il prossimo anno scolastico con i docenti in cattedra da settembre, al nodo concorsi (si è appena concluso quello straordinario, riservato ai precari di lunga data).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il ministro Patrizio Bianchi durante l’incontro con i sindacati ha ribadito che la priorità è “vaccinare il personale il prima possibile: bisogna andare a scuola sentendosi in sicurezza”. Il Ministero, in raccordo con quello della Salute, sta monitorando la situazione relativa ai contagi e alle varianti del Covid-19.  “Un incontro molto positivo, abbiamo già definito i temi che affronteremo nei tavoli per garantire che i professori siano in cattedra già il 1 settembre : mobilità, reclutamento e sicurezza”, ha detto Maddalena Gissi (Cisl) al termine dell’incontro. La definizione delle cattedre per evitare di avere vuoti di organico all’inizio dell’anno scolastico.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Milleproroghe: blocco sfratti, rinvio mercato energia
Dopo ok Camera, atteso al Senato
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
23:47
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mini-proroga della moratoria delle trivelle, nuovo rinvio del passaggio al mercato libero dell’energia, più tempo ai sindaci alle prese con la carta per le aree idonee in cui localizzare il deposito nazionale delle scorie nucleari. Ma retromarcia sul blocco degli sfratti, che resta così com’è fino alla fine di giugno (bocciato anche l’emendamento di Fdi) e niente di fatto pure su Alitalia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Regge, pur con qualche frizione, la nuova maggioranza alla prova del voto sul decreto Milleproroghe che riceve oggi l’ok del’aula di Montecitorio per poi passare all’esame del Senato.

In una maratona per approvare più modifiche possibili sono andati in scena i complessi nuovi equilibri tra i partiti che sostengono il governo Draghi e dopo che Montecitorio ha bocciato l’emendamento a firma Fratelli d’Italia per sospendere la riforma Bonafede della prescrizione dopo la mediazione del ministro Marta Cartabia che ha portato alla vigilia al ritiro di tutti gli emendamenti di maggioranza sulla prescrizione. Nel fine settimana c’è stato il voto sui circa 200 emendamenti ‘supersegnalati’ dai gruppi proprio per fare presto su un provvedimento che altrimenti sarebbe in scadenza il prossimo primo marzo senza il voto del Senato.
I ministeri, che pure si stanno ancora riorganizzando sono scesi in campo negli utlimi giorni: quello della Giustizia, ha lamentato nei giorni scorsi Confedilizia, blocca l’intesa raggiunta a fatica tra i partiti per mitigare il blocco degli sfratti, quello dell’Ambiente per mediare sulle trivelle, Sugli sfratti l’idea era quella di consentire dal primo aprile il rilascio degli immobili se le morosità degli inquilini erano state certificate prima della pandemia (cioè prima di marzo 2020). Per negozi e attività commerciali a fare da spartiacque ci sarebbero state invece le chiusure anti-Covid. Ma poi si è scelto di avere più tempo per preparare un ordine del giorno che possa guidare il governo nelle prossime settimane verso una soluzione condivisa, da inserire nel primo provvedimento utile. Alla fine, niente di fatto. Lo stesso vale per Alitalia: l’emendamento che rivedeva le norme per la cessione della ex compagnia di bandiera e per la restituzione del prestito pubblico rimane accantonato. Nella fretta di chiudere c’è stato spazio comunque per diverse novità, dal bonus vacanze che si potrà utilizzare fino a fine 2021 (tra le polemiche di Fdi) all’anno accademico 2019-2020 prorogato fino al 15 giugno per dare tempo agli universitari di laurearsi in corso nonostante gli stop imposti dall’emergenza.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tra gli emendamenti approvati alcuni dei temi cari al Movimento 5 stelle come la moratoria delle trivelle, che andrà avanti ancora fino a settembre per “dare tempo al governo Draghi di intervenire definitivamente”, mentre il mercato libero dell’energia slitta di un altro anno, a gennaio 2023 – con i clienti del mercato tutelato che potranno rimanere con i loro attuali contratti ancora per tutto il 2022. Come chiesto dai sindaci arriva poi un po’ più di tempo per le consultazioni sulla nuova carta dei siti idonei per il nucleare (ci saranno 120 giorni, e si sposta più in là anche la data per il seminario nazionale propedeutico alla sua adozione definitiva). Spazio anche alla P.a., con l’ampliamento della platea dei precari che potranno beneficiare della stabilizzazione (i requisiti si possono maturare fino a tutto il 2021), al classico rinvio dell’adeguamento antincendio delle scuole ma anche al rafforzamento della struttura del Mef chiamata ad attuare il Recovery Plan, con 30 assunzioni e la possibilità di utilizzare 10 dipendenti di altre amministrazioni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Congo: l’informativa del ministro Di Maio in Aula alla Camera
il ministro degli Esteri Luigi Di Maio riferisce sull’attentato in Congo nel quale hanno perso la vita l’ambasciatore Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
09:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
il ministro degli Esteri Luigi Di Maio riferisce sull’attentato in Congo nel quale hanno perso la vita l’ambasciatore Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Morto Franco Cassano: Comune Bari gli dedica manifesti
Oggi alle 16 cerimonia laica nell’atrio del palazzo Ateneo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
24 febbraio 2021
10:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Pensiero meridiano è quel pensiero che si inizia a sentir dentro laddove inizia il mare, quando la riva interrompe gli integrismi della terra”. E’ una citazione di Franco Cassano, il sociologo ed ex parlamentare del Pd morto ieri a 78 anni, tratta dal suo “Pensiero Meridiano” del 1996, scelta dal Comune di Bari per dedicargli un omaggio con manifesti affissi in diversi punti della città.

La camera ardente è allestita nell’aula Magna “Aldo Cossu” dell’Università di Bari, mentre nell’atrio del Palazzo Ateneo si terrà alle 16 di oggi una cerimonia laica alla quale, nel rispetto delle norme anti-Covid, sarà consentito l’accesso fino ad esaurimento dei 60 posti disponibili, ma sarà trasmessa in diretta streaming sulla pagina Uniba.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Antonio Catricalà morto suicida. La Procura apre un’indagine
Fu funzionario per Presidenza Consiglio e Garante Antitrust
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
18:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Antonio Catricalà, ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell’Antitrust, è stato trovato morto nella sua abitazione a Roma, nel quartiere Parioli.
Catricalà, secondo quanto si apprende da fonti investigative, si sarebbe suicidato sparandosi un colpo di pistola. Sul posto è presente la Polizia e la Scientifica.
Catricalà aveva 69 anni, dal 2017 era presidente del cda della società Aeroporti di Roma e nei giorni scorsi era stato nominato presidente dell’Igi, l’Istituto grandi infrastrutture.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Roma ha avviato un fascicolo di indagine in relazione al suicidio dell’ex Garante dell’Antitrust.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il pm di turno Giovanni Battisti Bertolini si è recato in via Antonio Bertoloni nel quartiere Parioli.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’Aula del Senato ha rispettato un minuto di silenzio, su invito della presidente Elisabetta Casellati, in memoria di Antonio Catricalà.
Casellati, al termine della commemorazione di Franco Marini, ha informato che “è venuto a mancare” l’ex sottosegretario, esprimendo “il cordoglio personale e dell’Assemblea” alla famiglia.
Molti i messaggi di cordoglio alla famiglia dell’ex presidente dell’Antitrust. “Grande amico, grande servitore dello Stato, Antonio Catricalà lascia un incolmabile vuoto in tutti quelli che lo hanno conosciuto e hanno avuto l’onore e il privilegio di lavorare con lui”, scrive su Facebook il ministro della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, aggiungendo che “è un dolore fortissimo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Siamo sgomenti, sconvolti e addolorati per la morte di Antonio Catricalà. Fine giurista, uomo di Stato che ha saputo rappresentare le Istituzioni con disciplina e onore. Mancherà profondamente alla comunità politica di Forza Italia, mancherà all’Italia. Alla famiglia le più sentite condoglianze”, scrive in una nota Giorgio Mule’, deputato di Forza Italia e portavoce dei gruppi azzurri di Camera e Senato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Antonio Catricalà, il civil servant dai molti ruoli
Manager pubblico e uomo di governo apprezzato dal centrodestra
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
11:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Antonio Catricalà, nato a Catanzaro il 7 febbraio del 1952, è stato avvocato, magistrato,dirigente della pubblica amministrazione. Quindi politico.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tutti ruoli che ha mantenuto fino alla fine e che hanno caratterizzato la sua attività tanto da farlo definire, quasi trasversalmente, un civil servant “poliedrico” e sempre in servizio in ruoli di interesse pubblico.
Ha iniziato i primi passi della sua attività, dopo la laurea in giurisprudenza, come avvocato cassazionista, è stato magistrato del Consiglio di Stato , presidente dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato. E Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio nel governo di Mario Monti, nel 2011,per poi ricoprire il ruolo di Viceministro al Ministero dello Sviluppo Economico con Enrico Letta.
L’intercambiabilità tra ruoli politici e ruoli tecnico-manageriali è stata una sua costante. Il 30 giugno 2015 viene nominato presidente dell’OAM (Organismo per la gestione degli Elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi). Il 20 aprile 2017 diventa presidente di Aeroporti di Roma, ruolo che ricopriva tutt’ora e nei giorni scorsi era stato nominato presidente dell’IGI (l’Istituto grandi infrastrutture).
Allievo di uno dei massimi esperti di diritto privato, il professor Rescigno, Catricalà ha anche avuto una parentesi come professore all’Università degli studi di Roma Tor Vergata. È stato presidente dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato dal 9 marzo 2005 al 16 novembre 2011.
Il 16 novembre 2011 il salto nella stanza dei bottoni del governo con la nomina a Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio. Il 2 maggio 2013 viene nominato Viceministro al Ministero dello Sviluppo Economico con il Ministro Flavio Zanonato nel Governo Letta con delega alle comunicazioni.
Un civil servant apprezzato in modo particolare nel centrodestra. Tanto da essere candidato nel 2014 alla carica di giudice della Corte costituzionale in sostituzione del giudice Luigi Mazzella.
Catricalà fu sostenuto direttamente da Silvio Berlusconi e Gianni Letta, superando la candidatura di un azzurro doc, quella dell’ex Presidente della Commissione Affari Costituzionali della Camera e della Commissione d’inchiesta sul G8 di Genova Donato Bruno. E le voci di un suo nuovo ruolo nel governo erano cominciate a circolare proprio pochi giorni fa, facendolo entrare nella rosa dei possibili sottosegretari a Palazzo Chigi, quando Sergio Mattarella conferì l’incarico a Mario Draghi di formare il nuovo Esecutivo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: ordine medici Brescia, stremati
‘Misure indispensabili, forse già andati fuori tempo’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
24 febbraio 2021
12:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono “indispensabili” le misure restrittive a Brescia secondo Ottavio di Stefano, presidente del consiglio direttivo dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della provincia di Brescia.
“Siamo stremati” ha detto a 24Mattino su Radio 24.

“L’impegno dei medici e degli uomini e delle donne della sanità sta diventando di nuovo estremamente importante. Medici, infermieri e tutti gli operatori della salute – ha aggiunto – sono stremati. Abbiamo passato un anno andando oltre la fatica”.
Certo “non c’è terrore perché continuiamo ad avere quello dello spirito per cui ognuno di noi ha scelto di fare il medico, l’infermiere, il tecnico di laboratorio. Siamo stanchi e le misure restrittive secondo noi erano indispensabili, stavamo andando fuori tempo o forse – ha concluso – non so se ci siamo già andati. Dobbiamo mantenere alta la guardia nei focolai nelle zone dove si manifesta la presenza soprattutto con infezioni della variante inglese, bisogna intervenire chirurgicamente chiudendo facendo i tamponi e vaccinando”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nominati 39 sottosegretari, le donne sono 19, i viceministri 6
A Franco Gabrielli la delega ai servizi segreti. Sullo sport si rinvia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
22:20
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I veti reciproci e il pressing dei partiti della larga maggioranza complicano fino all’ultimo la partita dei sottosegretari che, comunque, alla fine viene chiusa, attraverso un Consiglio dei ministri non privo di tensioni. La riunione è caratterizzata da turbolenze sui nomi, da veti incrociati e da qualche richiesta disattesa.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tanto che a un certo punto il Cdm viene sospeso, addirittura con l’ipotesi di uno slittamento al giorno dopo. Poi, finalmente, la chiusura del cerchio. Della squadra fa parte il capo della Polizia, Franco Gabrielli, che ha la delega ai servizi segreti. Mentre sulla casella dell’Editoria lo scontro va avanti fino all’ultimo minuto. Nutrita la compagine femminile: quasi la metà, 19, sono donne. Anche lo sport resta uno dei nodi da sciogliere: la delega, viene spiegato, sarà assegnata successivamente. In giornata, il presidente del consiglio Mario Draghi decide di accelerare e nel pomeriggio modifica l’ordine del giorno di un Consiglio dei ministri già convocato, per inserire la decisione sulla squadra di governo.
La lista, limata a Palazzo Chigi a partire dalle rose di nomi presentate dai partiti, viene resa nota solo all’ultimo, ma non tutto quadra: in Cdm emergono dubbi su alcuni nomi e caselle, la riunione viene sospesa per trovare una sintesi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Riuniti attorno a un tavolo a Palazzo Chigi, i ministri cercano di trovare la sintesi di un lavoro che va avanti ormai da giorni, fra le attese dei partiti, le aspirazioni dei singoli, la necessità di mantenere gli equilibri. Trapelano dei rumors. Il primo a sollevare obiezioni sarebbe stato il ministro della Difesa Lorenzo Guerini: c’è l’intenzione di assegnargli un solo sottosegretario, ma lui avrebbe obiettato che, alla luce del lavoro che spetta al ministero, questo tipo di formula non è tecnicamente sostenibile. Alla fine l’avrà vinta.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nel gioco dei pesi fra i partiti, il conto vede 11 sottosegretari per il M5s, 9 per la Lega, 6 per FI e Pd, 2 per Italia Viva, uno di Leu, uno del centro democratico, e uno di più Europa.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Questa la squadra. Presidenza del Consiglio • Deborah Bergamini, Simona Malpezzi (Rapporti con il Parlamento) • Dalila Nesci (Sud e coesione territoriale) • Assuntela Messina (Innovazione tecnologica e transizione digitale) • Vincenzo Amendola (Affari europei) • Giuseppe Moles (Informazione ed editoria) • Bruno Tabacci (Coordinamento della politica economica) • Franco Gabrielli (Sicurezza della Repubblica) Esteri e cooperazione internazionale Marina Sereni – viceministro Manlio Di Stefano, Benedetto Della Vedova Interno Nicola Molteni, Ivan Scalfarotto, Carlo Sibilia Giustizia Anna Macina, Francesco Paolo Sisto Difesa Giorgio Mulè, Stefania Pucciarelli Economia Laura Castelli – viceministro Claudio Durigon, Maria Cecilia Guerra Alessandra Sartore Sviluppo economico Gilberto Pichetto Fratin – viceministro Alessandra Todde – viceministro Anna Ascani Politiche agricole alimentari e forestali Francesco Battistoni, Gian Marco Centinaio Transizione ecologica Ilaria Fontana, Vannia Gava Infrastrutture e trasporti Teresa Bellanova – viceministro Alessandro Morelli – viceministro Giancarlo Cancelleri Lavoro e politiche sociali Rossella Accoto, Tiziana Nisini Istruzione Barbara Floridia, Rossano Sasso Beni e attività culturali Lucia Borgonzoni Salute Pierpaolo Sileri, Andrea Costa. Sarà successivamente designato il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega allo Sport.

Politica tutte le notizie in tempo reale! SEGUI LEGGI E CONDIVIDI! INFORMATI!
Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 15 minuti

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 10:49 ALLE 18:44 DI MARTEDì 23 FEBBRAIO 2021

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Gori, Conte federatore sarebbe debolezza
Nel 2023 M5s non saranno più primo partito
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
10:49
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La figura di Giuseppe Conte, federatore dell’alleanza Pd-M5s-Leu “mi sembra una manifestazione di debolezza”. Così la considera il sindaco di Bergamo Giorgio Gori.
“Nel 2023 i 5 stelle non saranno più primo partito, quindi – ha aggiunto a 24Mattino su Radio 24 – attribuire da ora a Conte, esponente dei 5 stelle, il ruolo del leader mi sembra un segno di subalternità. I leader nel Pd li scelgono gli elettori con le primarie, e il Pd dovrà essere il primo partito di qualsiasi alleanza si componga”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Inps: effetto Covid,+22% malattia nel IV trimestre
7,15 mln certificati. Cresce durata,45,5 mln giorni, +55%
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
11:38
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nel quarto trimestre del 2020 i certificati di malattia sono stati 7.155.050 con un aumento del 22% rispetto ai 5.864.193 dell’ultimo quadrimestre del 2019. Lo rileva l’Inps nell’Osservatorio sulla malattia sottolineando che “l’incremento è dovuto probabilmente alla seconda ondata dell’epidemia da Covid-19”.
Si registra un incremento del numero dei certificati rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, più accentuato per il settore privato (+25,6% con 5.512.765 certificati) rispetto a quello pubblico (+11,2% con 1.642.285).
I giorni di malattia salgono da 29,3 milioni a 45,5 con una crescita del 55% anche a causa della durata della morbilità più lunga e dell’effetto quarantena.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Torino: estorsione sindaca, Pasquaretta a giudizio
Rinviati tutti gli imputati, processo si aprirà a novembre
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
23 febbraio 2021
11:38
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
È terminata con il rinvio a giudizio di tutti gli imputati l’udienza preliminare del procedimento che fra gli episodi contestati annovera una presunta estorsione ai danni della sindaca Chiara Appendino e dell’ex viceministro Laura Castelli. Il processo si aprirà in tribunale a novembre.

Al centro della vicenda figura l’ex portavoce della sindaca, Luca Pasquaretta. Secondo l’accusa del pm Gianfranco Colace, dopo lo scioglimento consensuale del rapporto di collaborazione, nell’estate del 2018 avrebbe minacciato rivelazioni all’autorità giudiziaria per ottenere altri incarichi lavorativi. Pasquaretta ha sempre respinto ogni accusa.
La sindaca Appendino e l’ex viceministro Castelli non si sono costituite parte civile. L’episodio rientra in un’inchiesta più vasta in cui sono presi in esame anche altre vicende con imputati diversi.   PIEMONTE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: Salvini, parlato di riaperture con Draghi
Sarebbe stato banale parlare di sottosegretari
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
11:39
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Abbiano parlato di riaperture.
Sarebbe banale parlare di sottosegretari”.
Lo ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, uscendo da Palazzo Chigi dopo un incontro con il premier Mario Draghi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:Ue,vaccinazione non può essere obbligo per viaggiare
Reynders, si deve poter continuare a farlo con test e quarantena
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
23 febbraio 2021
11:41
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sul certificato di vaccinazione “vogliamo avere un approccio digitale europeo per uso medico.
Nei prossimi mesi poi vedremo se ci sarà la possibilità di usarlo per altri scopi, come i viaggi.
Ma la vaccinazione non può diventare un obbligo per viaggiare”. Così il commissario europeo alla Giustizia, Didier Reynders, a margine del Consiglio affari generali Ue. “Anche chi non si è sottoposto all’immunizzazione deve poter continuare” a muoversi, “con l’uso dei test e dei periodi di quarantena”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Brescia verso la fascia arancione ‘rafforzata’
Potrebbero esserci misure ancora più restrittive per le scuole
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 febbraio 2021
11:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dovrebbe diventare molto presto fascia arancione la Provincia di Brescia e otto comuni della Provincia di Bergamo confinanti con Brescia. La misura sarà presa da Regione Lombardia d’intesa con il governo.

Sull’argomento riferisce alle 12,30 in Aula del Consiglio Regionale il vice presidente e assessore al Welfare, Letizia Moratti. Da quanto si apprende da fonti regionale potrebbero esserci anche ulteriori misure restrittive, rispetto alla fascia arancione, per quanto riguarda le scuole.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Moratti, zona arancione rafforzata nel Bresciano
Scuole chiuse e divieto di recarsi nelle seconde case
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 febbraio 2021
13:05
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Oggi il presidente Fontana firmerà un’ordinanza per l’istituzione in tutta la Provincia di Brescia e nei comuni di Viadanica, Predore San Martino, Sarnico, Villongo, Castelli Caleppio, Credaro e Gandosso in provincia di Bergamo e Soncino, in provincia di Cremona, una zona arancione rafforzata, che preveda oltre alle normali misure della zona arancione, anche la chiusura delle scuole d’infanzia, elementari e medie, il divieto di recarsi nelle seconde case, l’utilizzo dello smart working dove possibile e la chiusura della attività in presenza”. La ha detto la vicepresidente e l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Letizia Moratti.

“Considerata l’ultima accelerazione – ha aggiunto la vicepresidente Moratti parlando in Consiglio regionale – nella provincia di Brescia, con l’aggravante delle varianti che nell’area sono presenti al 39% del totale dei casi, abbiamo concordato con Ministero della Salute una strategia di mitigazione e contenimento del contagio”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Congo: Sonnino, intitoliamo a Iacovacci caserma Arma
La proposta del sindaco all’arma dei carabinieri
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
14:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Comune di Sonnino vorrebbe intitolare la locale caserma dei carabinieri alla memoria di Vittorio Iacovacci, il carabiniere ucciso in Congo. “Noi oltre ad indire il giorno di lutto cittadino in concomitanza con i funerali, vogliamo chiedere ai vertici dell’Arma di intitolare la caserma dei carabinieri di Sonnino a Vittorio Iacovacci”.
Lo dice il sindaco di Sonnino Luciano De Angelis.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Bertolaso, a Brescia siamo di fronte a terza ondata
Elevato a 4 il livello di attenzione delle rianimazioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 febbraio 2021
14:06
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“A Brescia evidentemente ci troviamo di fronte alla terza ondata”: così Guido Bertolaso ha detto parlando al Consiglio regionale della Lombardia, spiegando che il direttore dell’assessorato al Welfare Giovanni Pavesi “ha elevato il livello di attenzione delle rianimazioni da tre a quattro”.
“La provincia di Brescia – ha aggiunto l’ex capo della Protezione civile – ha un’incidenza, ovvero un numero di nuovi casi, doppia rispetto al resto delle province lombarde.
Allo stato attuale, la situazione è sotto controllo e gestibile rispetto all’autunno passato, in tutto il territorio regionale, tranne in provincia di Brescia, dove siamo di fronte alla terza ondata della pandemia. Uno stato che va aggredito immediatamente”.
I reparti di rianimazione a Brescia sono “sotto stress” e per questo Areu ha “già trasportato pazienti nelle aree limitrofe”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Congo: domani alle 9 alla Camera informativa Di Maio
Su attentato in Congo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
14:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio terrà domani alle 9 nell’aula della Camera un’informativa urgente sull’uccisione del ambasciatore Italiano in Congo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Moratti, ora priorità alle aree più colpite
Assessore welfare, partiremo da confine tra Bergamo e Brescia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 febbraio 2021
14:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Regione Lombardia attuerà una rimodulazione della strategia vaccinale come strumento prioritario di contenimento del contagio: verranno concentrati, nei limiti del possibile e delle linee guida del ministero, le attività di vaccinazione. In particolare partendo dai comuni al confine tra la provincia di Brescia e di Bergamo con presenza importante di focolaio di contagio legato alle varianti e situazione di tensione legata alla saturazione delle Terapie Intensive locali”.
Lo ha detto il vicepresidente di Regione Lombardia Letizia Moratti riferendo al Consiglio Regionale.
“Attiviamo una nuova strategia di rimodulazione del programma di vaccinazioni mantenendo le vaccinazioni per gli over 80 e quelle per le categorie in fase 1 bis. Utilizziamo però la strategia vaccinale come strumento di contenimento della diffusione, concentrandoci, nel limite delle indicazioni formulate dal ministero, rimodulando la vaccinazione prevalentemente verso quelle fasce, quei comuni, quelle province e distretti che sono più critici” ha aggiunto la vicepresidente.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: domani alle 17 comunicazioni Speranza alla Camera
Illustra le nuove misure per il contrasto della pandemia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
14:57
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il ministro della salute Roberto Speranza terrà domani alle 17 comunicazioni nell’Aula della Camera sulle nuove misure per il contrasto della pandemia coronavirus.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Appello madre a Zingaretti, “vaccini a genitori caregiver”
Figlio affetto da fibrosi cistica.”Ha 15 anni, devo proteggerlo”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
15:16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Da anni è accanto ogni giorno al suo bambino che convive con la fibrosi cistica, affrontandola con il sorriso sulle labbra, oggi Lorena Iglesias lancia un appello al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti per tutti quei genitori che, come lei, vogliono proteggere i loro figli in tempi di Covid. In una lettera aperta chiede di riconoscere tra le priorità da vaccinare i caregiver dei bambini fibrosicistici.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Scrivo in qualità di madre caregiver di Andrea, un ragazzo di 15 anni affetto da fibrosi cistica e in cura presso il Policlinico Umberto I di Roma e in qualità di Presidente dell’associazione La Magia di un Respiro nata per supportare le famiglie e i pazienti che convivono con questa gravissima patologia – inizia la lettera – Nessuno pretende di passare davanti a nessuno! Ci si chiede piuttosto se la Regione Lazio all’interno del quadro definito dalle disposizioni ministeriali, abbia la possibilità e la volontà di dare loro attuazione in modo da colmarne alcune evidenti discrepanze”. “I caregiver dei fibrosicistici non rientrano nelle categorie da vaccinare – spiega Lorena Iglesias – Quindi un bambino che ha meno di 16 anni non può essere vaccinato per questo deve essere protetto in altro modo, in primis con il riconoscimento della priorità vaccinale per i genitori. Riconoscimento incomprensibilmente non contemplato nel caso della fibrosi cistica ma espressamente previsto per i pazienti onco-ematologici, altra categoria di ‘persone estremamente vulnerabili’, con conseguente disparità di trattamento e violazione del principio costituzionale di uguaglianza”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Congo: Fico, incomprensibile e vigliacca ferocia
Nostri connazionali erano al lavoro per azioni solidarietà
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
15:32
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Siamo addolorati e costernati per questo atto di incomprensibile e vigliacca ferocia contro due nostri connazionali che erano impegnati, nell’ambito dei propri ruoli, in un’azione internazionale di sostegno e di solidarietà nei confronti della popolazione locale”. Lo ha detto nell’Aula della Camera il presidente Roberto Fico commemorando l’ambasciatore d’Italia nella Repubblica Democratica del Congo Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fed: Powell, dai vaccini speranza per l’economia
Dovrebbe migliorare più avanti nell’anno
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
23 febbraio 2021
16:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’economia dovrebbe migliorare più avanti nel corso dell’anno, con i vaccini che offrono speranza. Lo afferma Jerome Powell, il presidente della Fed, nel corso di un’audizione al Congresso.
“Speriamo in un ritorno a condizioni più normali” quest’anno, aggiunge Powell.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:stasera riunione Draghi-ministri,si accelera su dpcm
Prevista la presenza di Locatelli, Brusaferro, Miozzo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
16:41
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il governo accelera sul nuovo dpcm con le norme anti contagio da Covid. A quanto si apprende da più fonti di governo, una riunione del premier Mario Draghi è prevista alle 19 con i ministri sul dossier Covid.
Alla riunione prenderanno parte anche gli esperti Silvio Brusaferro, Agostino Miozzo e Franco Locatelli.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Spettacolo protesta: lavoratori occupano strada a Napoli
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
23 febbraio 2021
16:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Alcune centinaia di attivisti e lavoratori del mondo dello spettacolo a Napoli hanno occupato via Cristoforo Colombo davanti al Molo Beverello, a due passi dal teatro Mercadante dove si stava svolgendo la manifestazione del settore a un anno dalla chiusura dei teatri. I lavoratori hanno fermato tutto il traffico veicolare proveniente da via Acton occupando la strada con un grande striscione con la scritta “Il lavoro non è un favore”.
Alcuni di loro hanno acceso dei fumogeni rossi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Congo: in volo l’aereo con salme di Attanasio e Iacovacci
Atterrerà a Roma in serata
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
16:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ in volo l’aereo che riporterà le salme di Luca Attanasio e Vittorio Iacovacci in Italia, uccisi ieri in un agguato nella Repubblica Democratica del Congo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: zona rossa per paese Ciociaria,c’è variante inglese
A Torrice, nel Lazio restrizioni già in altri tre Comuni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
23 febbraio 2021
16:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha firmato oggi l’ordinanza per istituire la zona rossa nel Comune di Torrice in provincia di Frosinone a causa della forte incidenza e presenza della variante inglese.
“Per il Comune – spiega una nota della Regione Lazio – si applicano le misure più restrittive di cui all’art.
3 del Dpcm 14 gennaio 2021. Le disposizioni dell’ordinanza entrano in vigore dalle ore 1:00 del 24 febbraio 2021 e per i 14 giorni successivi”.
La provincia di Frosinone era già attenzionata da alcuni giorni dalla Regione Lazio a causa del forte aumento dei casi di Covid. Altre zone rosse nel Lazio sono state istituite nei giorni scorsi a Carpineto e Colleferro in provincia di Roma e a Roccagorga in provincia di Latina.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:stasera riunione Draghi-ministri,si accelera su Dpcm
Prevista la presenza di Locatelli, Brusaferro, Miozzo
(2)
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
18:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il governo accelera sul nuovo dpcm con le norme anti contagio da Covid. A quanto si apprende da più fonti di governo, una riunione del premier Mario Draghi è prevista alle 19 con i ministri sul dossier Covid.
Alla riunione prenderanno parte anche gli esperti Silvio Brusaferro, Agostino Miozzo e Franco Locatelli.
Alla riunione dovrebbero prendere parte i ministri Giancarlo Giorgetti (Lega), Stefano Patuanelli (M5S), Roberto Speranza (Leu), Dario Franceschini (Pd), Maria Stella Gelmini (FI), Elena Bonetti (Iv).
Si tratta, viene spiegato, di una riunione operativa sulla situazione della pandemia. L’intenzione, secondo diverse fonti di governo, sarebbe quella di varare con largo anticipo, già nei prossimi giorni, il nuovo provvedimento destinato a rinnovare le misure anti contagio del dpcm in scadenza il 5 marzo. Domani il ministro della salute Speranza svolgerà in Parlamento le sue comunicazioni, per una interlocuzione tra governo e Camere sul provvedimento.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Salvini da Draghi: ‘Abbiamo parlato di riaperture’
Patuanelli: ‘Protocollo con Cts per ripartenza della ristorazione. Dobbiamo aver forza di far tornare persone a ristorante’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
14:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Attraverso il Cts, comitato tecnico scientifico del ministero della Salute, stiamo lavorando a protocollo per consentire alla ristorazione la ripartenza”. Lo ha annunciato il ministro delle Politiche agricole Stefano Patuanelli, intervenuto in streaming al Consiglio nazionale della Coldiretti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’impatto della pandemia sulla ristorazione, ha aggiunto, “è un tema che conosco bene. Il Fondo pensato a inizio anno è stato utile, ma ora dobbiamo avere la forza di garantire alle persone di poter tornare al ristorante. Anche perché ci sono comparti fornitori, come quello del vino in grande sofferenza”.
La proposta di Matteo Salvini sui ristoranti aperti anche a cena “è ragionevole”, ha detto il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini a ‘L’aria che tira’ su La7, specificando che questo potrebbe valere “laddove nel territorio non si hanno troppi rischi di contagio”. Cioé “dove le cose vanno in maniera migliore si può ragionare, con controlli più serrati, dove ci sono meno rischi”, con l’obiettivo “di dare ossigeno a qualche attività”.
Matteo Salvini ha incontrato il premier Mario Draghi: “Abbiamo parlato di riaperture. Sarebbe banale parlare di sottosegretari”, ha dettto uscendo da Palazzo Chigi il leader della Lega. Sulla squadra dei sottosegretari “non ho da commentare nulla. Noi siamo a posto. Noi saremmo pronti a partire anche adesso fra un minuto, altri hanno difficoltà”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: Tar sospende ordinanza Puglia su dad per tutti
Emiliano aveva disposto fino al 5/3 didattica a distanza al 100%
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
23 febbraio 2021
17:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Tar Puglia ha sospeso l’ordinanza regionale con la quale il presidente Michele Emiliano ha disposto fino al 5 marzo la didattica digitale integrata al 100% per tutti gli alunni e gli studenti pugliesi. Il decreto a firma del presidente Orazio Ciliberti accoglie l’istanza cautelare del ricorso presentato dal Codacons Lecce e da un gruppo di genitori di alunni, a per effetto sospende l’efficacia del provvedimento regionale, fissando l’udienza collegiale al 17 marzo 2021.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:Lazio, oltre 360mila vaccinazioni,da domani hub Nuvola
Dal 1 marzo al via vaccinazioni dai medici di base per i 65enni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
23 febbraio 2021
17:19
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Superata la quota delle 360 mila dosi somministrate nel Lazio e le 120 mila persone che hanno ricevuto i richiami”. Così l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato in merito alla vaccinazione anti-Covid.

Proseguono le somministrazioni rivolte ai docenti e al personale scolastico. Sono oltre 53 mila le prenotazioni finora ed è partita oggi la procedura per le prenotazioni nella fascia fino ai 65 anni. Domani aprirà il centro alla “Nuvola” dell’Eur.
Dal primo marzo partono nel Lazio le vaccinazioni dai medici di medicina generale. Si inizierà dai nati nell’anno 1956 (65 anni) con il vaccino Astrazeneca. Al momento le dosi disponibili per i 4 mila medici sono 80 mila.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini, Marche, prenotazioni con portalettere e postamat
A disposizione 889 postini e 13 Atm
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
23 febbraio 2021
17:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I cittadini delle Marche potranno prenotare l’appuntamento per la vaccinazione anti Covid-19 rivolgendosi al proprio portalettere o attraverso i 13 Atm Postamat regionali. Poste Italiane ha potenziato la propria infrastruttura tecnologica garantendo ulteriore supporto alla Regione Marche.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo il via alle prenotazioni del 12 febbraio scorso attraverso il sito (www.prenotazioni.vaccinicovid,gov.it) e il numero verde 800.009.966, in questa fase i cittadini over 80 (o loro delegati) avranno a disposizione anche la task force di 889 postini per la prenotazione del vaccino. Tessera sanitaria in corso di validità e numero di cellulare alla mano, i nati fino al 1941 potranno richiedere di verificare in tempo reale la disponibilità di appuntamenti presso i centri vaccinali limitrofi e di prossimità.
Il portalettere, attraverso la funzione “prenotazione vaccini” sviluppata per il dispositivo palmare, già in dotazione per il servizio di recapito, verificherà le disponibilità in base al Cap. Il sistema informatico si interfaccerà direttamente con i centri vaccinali e selezionerà gli slot ancora disponibili. Questa modalità resterà attiva anche per le successive fasi di vaccinazione. Per gli Atm Postamat sarà sufficiente inserire la tessera sanitaria, digitare i dati richiesti e ritirare il promemoria con i dettagli della prenotazione. Poste Italiane ha messo a disposizione la più grande flotta aziendale nell’emergenza Covid-19: oltre a gestire la piattaforma di prenotazione dei vaccini, ci sono la consegna in tutto il territorio nazionale dei dispositivi di protezione, attrezzature sanitarie e il trasporto delle dosi di vaccino Moderna e AstraZeneca ai presidi ospedalieri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: zona rossa per paese Ciociaria,c’è variante inglese
A Torrice, nel Lazio restrizioni già in altri tre Comuni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
16:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha firmato oggi l’ordinanza per istituire la zona rossa nel Comune di Torrice in provincia di Frosinone a causa della forte incidenza e presenza della variante inglese.
“Per il Comune – spiega una nota della Regione Lazio – si applicano le misure più restrittive di cui all’art.
3 del Dpcm 14 gennaio 2021. Le disposizioni dell’ordinanza entrano in vigore dalle ore 1:00 del 24 febbraio 2021 e per i 14 giorni successivi”.
La provincia di Frosinone era già attenzionata da alcuni giorni dalla Regione Lazio a causa del forte aumento dei casi di Covid. Altre zone rosse nel Lazio sono state istituite nei giorni scorsi a Carpineto e Colleferro in provincia di Roma e a Roccagorga in provincia di Latina.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: in Italia quasi 6Mln stranieri
Ismu, irregolari stimati a 517mila, -8%
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
12:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In Italia al primo gennaio 2020 gli stranieri presenti erano quasi 6 milioni, 5.923.000, su una popolazione di 59.641.488 residenti (poco meno di uno straniero ogni 10 abitanti). Il dato è del XXVI Rapporto sulle migrazioni 2020, elaborato da Fondazione Ismu e presentato online.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tra i presenti, i residenti sono circa 5 milioni (l’85%), i regolari non iscritti in anagrafe sono 366 mila, mentre gli irregolari sono poco più di mezzo milione (517mila). Rispetto alla stessa data del 2019, la variazione degli stranieri presenti è stata del -0,7%. Tra i residenti stranieri i maschi rappresentano il 48,2% del totale e le femmine il 51,8% (tra la popolazione italiana le donne sono il 51,2% del totale), i minorenni il 20,2% (sono il 14,8% di quelli di cittadinanza italiana) e gli ultrasessantacinquenni sono il 4,9% (contro il 24,9% tra gli italiani). Nel 2020 è stato registrato un calo degli irregolari: se al primo gennaio 2019 le persone prive di un valido titolo di soggiorno stimate da Ismu erano 562 mila, al primo gennaio 2020 queste sono scese a 517 mila (-8%). “Un cambiamento che si è verificato prima del provvedimento di regolarizzazione del 2020 e seppur in presenza di una nuova normativa sull’asilo che ha accresciuto la platea degli esclusi”, si legge nel Rapporto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Congo: Decaro, Comuni uniti manifestano vicinanza a famiglie
Bandiere a mezz’asta Palazzo di città Bari e Città Metropolitana
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
23 febbraio 2021
12:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“All’indomani di un’esecuzione che ha scioccato l’intera nazione oggi i Comuni italiani manifestano uniti la loro partecipazione alle famiglie che hanno perso i propri cari e l’appartenenza al Paese del quale Attanasio e Iacovacci sono stati, fino all’ultimo, leali servitori”. Lo afferma il sindaco di Bari e presidente Anci Antonio Decaro che in una nota sottolinea che da questa mattina le bandiere sulle facciate di Palazzo di Città, del Palazzo della Città metropolitana e del Comando della Polizia locale di Bari sono esposte a mezz’asta in segno di lutto per l’omicidio dell’ambasciatore italiano nella Repubblica democratica del Congo Luca Attanasio, di Vittorio Iacovacci, carabiniere della sua scorta, e di Mustapha Milambo, l’autista che li accompagnava.
“In questo modo – sottolinea la nota – la città di Bari e l’Area metropolitana aderiscono all’appello lanciato ieri da Anci”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Moratti, zona arancione rafforzata nel Bresciano
Scuole chiuse e divieto di recarsi nelle seconde case
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 febbraio 2021
13:05
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Oggi il presidente Fontana firmerà un’ordinanza per l’istituzione in tutta la Provincia di Brescia e nei comuni di Viadanica, Predore San Martino, Sarnico, Villongo, Castelli Caleppio, Credaro e Gandosso in provincia di Bergamo e Soncino, in provincia di Cremona, una zona arancione rafforzata, che preveda oltre alle normali misure della zona arancione, anche la chiusura delle scuole d’infanzia, elementari e medie, il divieto di recarsi nelle seconde case, l’utilizzo dello smart working dove possibile e la chiusura della attività in presenza”. La ha detto la vicepresidente e l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Letizia Moratti.

“Considerata l’ultima accelerazione – ha aggiunto la vicepresidente Moratti parlando in Consiglio regionale – nella provincia di Brescia, con l’aggravante delle varianti che nell’area sono presenti al 39% del totale dei casi, abbiamo concordato con Ministero della Salute una strategia di mitigazione e contenimento del contagio”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Bertolaso, a Brescia siamo di fronte a terza ondata
Elevato a 4 il livello di attenzione delle rianimazioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 febbraio 2021
14:06
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“A Brescia evidentemente ci troviamo di fronte alla terza ondata”: così Guido Bertolaso ha detto parlando al Consiglio regionale della Lombardia, spiegando che il direttore dell’assessorato al Welfare Giovanni Pavesi “ha elevato il livello di attenzione delle rianimazioni da tre a quattro”.
“La provincia di Brescia – ha aggiunto l’ex capo della Protezione civile – ha un’incidenza, ovvero un numero di nuovi casi, doppia rispetto al resto delle province lombarde.
Allo stato attuale, la situazione è sotto controllo e gestibile rispetto all’autunno passato, in tutto il territorio regionale, tranne in provincia di Brescia, dove siamo di fronte alla terza ondata della pandemia. Uno stato che va aggredito immediatamente”.
I reparti di rianimazione a Brescia sono “sotto stress” e per questo Areu ha “già trasportato pazienti nelle aree limitrofe”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Moratti, ora priorità alle aree più colpite
Assessore welfare, partiremo da confine tra Bergamo e Brescia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
14:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Regione Lombardia attuerà una rimodulazione della strategia vaccinale come strumento prioritario di contenimento del contagio: verranno concentrati, nei limiti del possibile e delle linee guida del ministero, le attività di vaccinazione. In particolare partendo dai comuni al confine tra la provincia di Brescia e di Bergamo con presenza importante di focolaio di contagio legato alle varianti e situazione di tensione legata alla saturazione delle Terapie Intensive locali”.
Lo ha detto il vicepresidente di Regione Lombardia Letizia Moratti riferendo al Consiglio Regionale.
“Attiviamo una nuova strategia di rimodulazione del programma di vaccinazioni mantenendo le vaccinazioni per gli over 80 e quelle per le categorie in fase 1 bis. Utilizziamo però la strategia vaccinale come strumento di contenimento della diffusione, concentrandoci, nel limite delle indicazioni formulate dal ministero, rimodulando la vaccinazione prevalentemente verso quelle fasce, quei comuni, quelle province e distretti che sono più critici” ha aggiunto la vicepresidente.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nasce alla Camera e al Senato la componente del M5s ‘Alternativa c’è’
A formare il nuovo gruppo sono ora 12 deputati ma se ne dovrebbero aggiungere altri nelle prossime ore
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
18:14
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stata costituita alla Camera e al Senato la nuova componente “Alternativa c’è” composta dai cosiddetti dissidenti del M5s. A formare il nuovo gruppo sono ora 12 deputati ma se ne dovrebbero aggiungere altri nelle prossime ore.
I deputati che entrano a far parte della nuova componente del Misto sono Massimo Baroni, Pino Cabras, Andrea Colletti, Manuela Corda, Paolo Giuliodori, Alvise Maniero, Maria Laura Paxia, Francesco Sapia, Arianna Spessotto, Rosa Alba Testamento, Emanuele Trano, Andrea Vallascas a cui si dovrebbe aggiungere a breve Paolo Romano.
La richiesta dovrebbe essere comunicata dai deputati al termine dell’esame del Milleproroghe.
Anche al Senato gli espulsi M5s daranno vita ad una componente autonoma nel Misto che si chiamerà “Alternativa c’è”.

Politica tutte le notizie. Tutte aggiornate ed in tempo reale. CLICCA LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 15 minuti

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 14:37 DI LUNEDì 22 FEBBRAIO 2021

ALLE 10:49 DI MARTEDì 23 FEBBRAIO 2021

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: sindaco Brescia, valutazioni Cts a breve
Del Bono, consapevole aumento contagi, preoccupa provincia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRESCIA
22 febbraio 2021
14:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Usciremo da questa situazione solo con una massiva campagna vaccinale. I dati di Brescia sono all’attenzione del Cts nazionale che farà valutazioni a breve.

Sono pienamente cosciente che c’è un aumento dei casi”. Lo ha detto il sindaco di Brescia Emilio Del Bono che ha riferito di aver già parlato con il presidente della Regione Lombardia Fontana sulla situazione della sua città, da giorni tra quelle italiane con più contagi. “Per quanto riguarda la città – ha aggiunto Del Bono – non c’è una situazione particolarmente grave, ma l’andamento del contagio preoccupa soprattutto in provincia”.
Non spetta a noi dire se siamo da zona rossa, gialla, arancione. Esistono i comitati tecnici scientifici, nazionale e regionale, che ci devono dire quale è la situazione. Non so dire quindi se oggi siamo da zona rossa perchè non ho tutti i dati che ha invece il Cts”, ha spiegato Del Bono ha aggiunto: “Sarei per arginare il flusso di gente il sabato pomeriggio in centro città. Se resterà la zona gialla valuterò di limitare la vendita di alcolici nel centro città dopo quanto visto negli ultimi fine settimana, sabato soprattutto”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Recovery: Istat, possibile impatto 2,3 punti su Pil nel 2025
+275mila occupati e -0,7 punti disoccupazione, prima simulazione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
15:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Una prima valutazione macroeconomica del possibile impatto addizionale del Pnrr indica che “nel 2025 il Pil registrerebbe uno scostamento positivo di 2,3 punti rispetto allo scenario base”. L’aumento del Pil “sarebbe associato ad un miglioramento dell’occupazione pari a circa 275 mila occupati e ad una riduzione del tasso di disoccupazione di 0,7 punti percentuali”.

E’ il risultato della simulazione compiuta dall’Istat e indicato nel corso dell’audizione alle Commissioni riunite Bilancio e Politiche dell’Unione europea del Senato, sulla proposta di Piano nazionale di ripresa e resilienza. Inoltre, l’aumento degli investimenti “determinerebbe sia il rialzo della loro quota sul Pil, che tornerebbe sopra il 19%, sia una loro ricomposizione a favore di quelli in beni intangibili, con positivi effetti sulla produttività del lavoro”.   ECONOMIA

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

S&P, Pil Italia a +5,3% nel 2021, debito può stabilizzarsi
Agenda riforme governo non ha impatto su rating
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
16:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Prevediamo una ripresa della crescita economia dell’Italia al 5,3% nel 2021, sulla base di una normalizzazione della situazione sanitaria e del mantenimento dello stimolo di bilancio e monetario”. Lo scrive Standard & Poor’s in un report sull’Italia, secondo cui un uso efficace del Next Generation Eu da parte del Governo “potrebbe dare una forte spinta agli investimenti pubblici”, che sono rimasti circa il 30% inferiori rispetto ai livelli precedenti la grande crisi finanziaria di un decennio fa.
S&P prevede un defciit/Pil vicino all’8% quest’anno, ma scrive anche che “la potenziale ripresa del Pil significa che il rapporto debito/Pil potrebbe stabilizzarsi quest’anno”.
Standard & Poor’s sostiene anche che “l’ambiziosa” agenda di riforme del governo Draghi non ha un impatto immediato sul rating dell’Italia”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Congo:Salvini, ci stringiamo a famiglia Iacovacci e ad Arma
Un ragazzo di 30 anni innamorato della sua divisa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
17:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Oggi è una giornata di sgomento e infinita tristezza per il nostro Paese. Onoriamo la memoria di Vittorio Iacovacci, il carabiniere caduto per proteggere l’ambasciatore italiano, anch’egli ucciso, in un attentato vile e barbaro in Congo.
Un ragazzo di 30 anni, un militare innamorato dell’Italia e della sua divisa fino all’estremo sacrificio. Ci stringiamo col pensiero e, per chi crede, con la preghiera in un abbraccio commosso alla sua famiglia, ai suoi amici, all’Arma tutta e alla comunità di Sonnino (Latina)”.
Lo scrive su facebook il leader della Lega Matteo Salvni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Congo:Mattarella,Italia in lutto per servitori Stato
Notizia appresa con sgomento
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
14:09
AGGIORNATO ALLE
14:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ho accolto con sgomento la notizia del vile attacco che poche ore fa ha colpito un convoglio internazionale nei pressi della citta di Goma uccidendo l’Ambasciatore Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e il loro autista. La Repubblica Italiana è in lutto per questi servitori dello Stato che hanno perso la vita nell’adempimento dei loro doveri professionali in Repubblica Democratica del Congo.”.
Così il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in un messaggio di cordoglio al ministro degli Esteri Luigi Di Maio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5s, senatori contro espulsione. Di Battista lascia il MoVimento
L’ex deputato si è formalmente disiscritto dal MoVimento
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
17:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un gruppo di 5 senatori M5s avvierà una raccolta di deleghe per avviare un ricorso collettivo in Tribunale e chiedere una sospensiva dei provvedimenti di espulsione dal Movimento. A quanto si apprende, a presentare l’istanza sarà l’avvocato genovese Daniele Granieri che sarà a Roma nelle prossime ore per raccogliere le deleghe e presentare la richiesta ex articolo 700 del codice civile.
Al gruppo iniziale di senatori che hanno contattato l’avvocato genovese dovrebbero aggiungersi a breve altri parlamentari anche della Camera. Altri senatori dovrebbero invece fare un ricorso parallelo con un altro avvocato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Intanto  Alessandro Di Battista è formalmente fuori dal Movimento 5 Stelle. A quanto risulta l’ex deputato si è formalmente disiscritto dal M5s. Non essendo più nel Movimento Di Battista non risulta più neppure tra gli iscritti che compaiono sulla pagina della piattaforma Rousseau.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Siena, sospensione cautelativa per Gozzini. Aveva insultato Meloni sui social
Decisione dell’Università in attesa della pronuncia del Collegio della disciplina
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
SIENA
22 febbraio 2021
20:25
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’Università di Siena sospende cautelativamente dalle attività didattiche il professor Giovanni Gozzini, in attesa della pronuncia del Collegio di disciplina dell’Ateneo, che si riunirà nei prossimi giorni”. Così una nota dell’Ateneo in merito al caso dello storico, docente all’Università senese, dopo le offese contro la leader di Fdi Giorgia Meloni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il rettore di Siena Francesco Frati ha proposto al Consiglio di disciplina la sanzione della sospensione dal servizio per tre mesi per il professor Giovanni Gozzini, dopo il caso delle offese pronunciate dal docente contro Giorgia Meloni nel corso di una trasmissione in radio venerdì scorso. Lo rende noto lo stesso Ateneo che ha intanto sospeso “cautelativamente dalle attività didattiche” Gozzini “in attesa della pronuncia del Collegio di disciplina dell’Ateneo, che si riunirà nei prossimi giorni”. Il rettore, spiega ancora l’Ateneo, “dopo aver pubblicamente condannato l’inaccettabile aggressione verbale” di Gozzini nei confronti della leader di Fdi, “alla quale ha espresso personalmente la propria vicinanza e solidarietà, ha convocato questa mattina l’Ufficio legale di Ateneo per valutare le misure da adottare nei confronti del docente”. “Seguendo le procedure dettate dallo Statuto – spiega Frati -, ho inviato al Collegio di disciplina la documentazione da esaminare, proponendo per il docente la sospensione dal servizio per tre mesi. In attesa della pronuncia del Collegio di disciplina dell’Ateneo, che si riunirà nei prossimi giorni, il professor Gozzini è stato sospeso cautelativamente dall’attività didattica”. “Gli attacchi volgari e sessisti rivolti all’onorevole Meloni – conclude il rettore – pongono a noi tutti una seria riflessione su quanto questi comportamenti, rivolti spesso alle donne, siano gravi, inaccettabili e da stigmatizzare senza riserve. Abbiamo la necessità di difendere l’onore dell’Ateneo e far sì che l’Università di Siena, a sua volta vittima delle dichiarazioni del professore, sia difesa nella sua dignità”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: Ordine Malta organizza un corso per autorità Libia
Gran Cancelliere, ‘Il Paese sta affrontando una sfida globale’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
14:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Prende il via oggi il Corso sulla Protezione dei migranti e dei rifugiati per le autorità libiche organizzato dal Sovrano Ordine di Malta in collaborazione con il think tank britannico Forward Thinking. I partecipanti al corso – organizzato online a causa delle limitazioni di viaggio imposte dalla pandemia – sono rappresentanti del governo libico, dei ministeri di Difesa, Interni, Giustizia e Lavoro e formazione, e altre importanti istituzioni nazionali.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il corso – spiega l’Ordine di Malta – nasce dalla continua instabilità politica e sociale che il Paese sta vivendo con le molte sfide poste dalla crisi migratoria e dei rifugiati”. “La Libia sta affrontando una sfida globale, con implicazioni regionali, guidata da fattori che superano le sue frontiere”, ha dichiarato il Gran Cancelliere dell’Ordine di Malta, Albrecht Boeaselager, nel suo discorso di apertura. “In molti incontri avuti a partire dal 2015 con un gruppo di politici libici, rappresentanti del governo e delle istituzioni, così come stakeholder internazionali, quello che è emerso è che l’unica via da seguire è impegnarsi con i molti attori coinvolti nella regione in un processo di capacity building che consenta al Paese di affrontare le tante questioni urgenti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, 20 Comuni provincia Ancona in zona arancione
Acquaroli firma ordinanza, aumento contagi e casi variante Gb
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
22 febbraio 2021
18:17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dalla mezzanotte di oggi e fino alle 24.00 di sabato 27 febbraio passano in zona arancione 20 Comuni della provincia di Ancona, compreso il capoluogo di regione, dove si è registrato il maggior tasso di contagi da Covid-19 e la presenza di alcuni casi di variante inglese. Lo prevede un’ordinanza annunciata ieri e firmata oggi dal presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli, sentito il Ministero della Salute, il prefetto e acquisita l’intesa con Anci Marche.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gli altri Comuni restano in zona gialla, con limitazioni agli spostamenti. Già in vigore anche un’ordinanza che limita gli spostamenti da e per la provincia di Ancona. Si tratta dei Comuni di Ancona, Camerata Picena, Castelfidardo, Castelplanio, Chiaravalle, Cupramontana, Falconara Marittima, Filottrano, Jesi, Loreto, Maiolati Spontini, Monte San Vito, Osimo, Ostra, Polverigi, Sassoferrato, Senigallia, Serra De’ Conti, Sirolo, Staffolo, caratterizzati “da uno scenario di elevata gravità, da un livello di rischio alto e dalla presenza di alcuni casi di variante inglese”. Da molti giorni la provincia di Ancona registra circa la metà dei nuovi casi di positività al covid e gli ospedali delle città interessate sono in sofferenza. Le restrizioni sono le stesse del Dpcm nazionale.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, Toti: ‘Restrizioni a Ventimiglia e Sanremo fino al 5 marzo’
Venti Comuni della provincia di Ancona in zona arancione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
22 febbraio 2021
20:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Ponente della Liguria e in particolare Ventimiglia, Sanremo e i Comuni limitrofi, da mercoledì 24 febbraio a venerdì 5 marzo avranno delle restrizioni più forti anche se non saranno zona rossa. Lo ha detto il governatore ligure Giovanni Toti durante il quotidiano briefing sull’andamento della pandemia. La decisione è stata presa “per evitare che la zona di confine possa traghettare l’ondata del virus dalla Francia all’Italia”.
L’ordinanza ad hoc sarà firmata domattina.
Dalla mezzanotte di oggi e fino alle 24.00 di sabato 27 febbraio passano in zona arancione 20 Comuni della provincia di Ancona, compreso il capoluogo di regione, dove si è registrato il maggior tasso di contagi da Covid-19 e la presenza di alcuni casi di variante inglese. Lo prevede un’ordinanza annunciata ieri e firmata oggi dal presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli, sentito il ,inistero della Salute, il prefetto e acquisita l’intesa con Anci Marche. Gli altri Comuni restano in zona gialla, con limitazioni agli spostamenti. Già in vigore anche un’ordinanza che limita gli spostamenti da e per la provincia di Ancona.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, Salvini: ‘Aprire i ristoranti la sera dove possibile’
‘Dove la situazione sanitaria è sotto controllo, rispettando i protocolli’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
15:39
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono d’accordo con i sindaci e con l’Anci: dove la situazione sanitaria è sotto controllo e rispettando i protocolli di sicurezza, i ristoranti devono poter lavorare anche la sera. Se la legge permette di pranzare in tranquillità e sicurezza alle 13, deve permetterlo anche alle 20”.
Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini.
Salvini, intervenendo alla trasmissione ‘Aria Pulita’, chiede la riapertura di palestre, piscine, teatri e oratori, “altrimenti i danni anche mentali oltre che economici rischiano di essere devastanti”, e annuncia che il ministro per lo Sviluppo Economico Giorgetti “inviterà domani le aziende farmaceutiche per ipotizzare una produzione in Italia dei vaccini”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Congo: Diego Bianchi, mi raccontò il Paese, consapevole dei pericoli
Conobbi Attanasio a Kinshasa per reportage, era appassionato
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
16:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Diego Bianchi, ideatore e conduttore di Propaganda Live, ha conosciuto l’ambasciatore Luca Attanasio morto oggi, insieme al carabiniere di scorta Vittorio Iacovacci e all’autista, nell’attacco contro il convoglio della missione Onu (Monusco) nella provincia orientale del Nord-Kivu, in Congo. “Ricordo benissimo quell’incontro – dice – nell’ambasciata a Kishasa, orgoglioso di poterci offrire piatti italiani che aveva insegnato a cucinare allo chef locale. Raccontò a me e ai tre giovani italiani di Medici senza frontiere la bellezza e la complessità del Congo, la storia turbolenta, gli enormi rischi che si correvano ogni giorno.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Li aveva tutti ben presenti. Si parlava amabilmente ostentando tranquillità ma il tema della sicurezza era forte in ogni discorso”.
“Mi fece impressione – racconta ancora – quanto fosse giovane e già pieno di esperienza in posti difficili, era stato anche in Nigeria precedentemente. Aveva chiara la mappatura degli italiani nel paese che non sono pochi perchè, come ci spiegò bene, siamo stati nel secondo dopoguerra quando nel Congo c’era un boom economico, tra i migranti europei in cerca di fortuna”.
Le due settimane passate in Congo nel 2019 con Medici senza frontiere (diventate poi reportage per Propaganda Live su La7) “sono state indimenticabili, un’esperienza molto forte, di posti pericolosi, di posti di blocco che non sai mai come vanno a finire, di bande armate in giro con machete e mitra, bambini soldato con il rischio di essere uccisi all’ordine del giorno, cosa che anche l’ambasciatore ci disse più volte, raccomandandoci di stare attenti in particolare a certe zone, una delle quali, il Nord Kivu è proprio quella dove oggi ha trovato la morte”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, Fondazione Hume: immunità di gregge nel 2023
Indice DQP (Di Questo Passo) è di 148 settimane, in miglioramento rispetto a lunedì scorso quando veniva indicato maggio 2024
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
16:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ecco il rapporto settimanale della Fondazione Hume, pubblicato anche sul sito, che calcola il nuovo indice DQP
Le autorità politiche e sanitarie, in particolare il ministro Roberto Speranza e la sottosegretaria Sandra Zampa, hanno ripetutamente dichiarato che la campagna di vaccinazione serve a raggiungere la cosiddetta immunità di gregge:
5 dicembre: “Il nostro obiettivo è l’immunità di gregge grazie al vaccino” (Roberto Speranza).
17 dicembre: “Immunità di gregge a settembre-ottobre prossimi” (Sandra Zampa).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre: “Oggi il ministro Speranza ha precisato che entro marzo raggiungeremo la quota di 13 milioni di italiani vaccinati contro Covid-19, e quindi in estate potremo già essere molto avanti nel perseguimento dell’obiettivo immunità di gregge data dal 70%” (Sandra Zampa).
9 gennaio 2021: “Per arrivare all’immunità di gregge dobbiamo vaccinare l’80% di 60 milioni di italiani” (Sandra Zampa).
Per ‘immunità di gregge’ si intende una situazione nella quale ci sono abbastanza persone vaccinate (e non in grado di trasmettere il virus) da portare la velocità di trasmissione del virus (Rt) al di sotto di 1, con conseguente progressiva estinzione dell’epidemia.
Ma quante settimane occorreranno per vaccinare un numero di italiani sufficiente a raggiungere l’immunità di gregge?
A rispondere a questa domanda provvede l’indice DQP (acronimo di: Di Questo Passo), che stima il numero di settimane che sarebbero ancora necessarie se – in futuro– le vaccinazioni dovessero procedere “di questo passo”.
All’inizio dell’ottava settimana del 2021 (lunedì mattina, 22 febbraio) il valore di DQP è pari a 148 settimane, il che corrisponde al raggiungimento dell’immunità di gregge non prima del mese di dicembre del 2023.
Il valore del DQP è migliorato rispetto a quello della settimana scorsa (immunità di gregge a maggio 2024).
Per raggiungere gli obiettivi enunciati dalle autorità sanitarie (immunità di gregge entro settembre-ottobre 2021), il numero di vaccinazioni settimanale dovrebbe essere circa il quadruplo di quello attuale (2 milioni la settimana, anziché 500 mila).
Le stime fornite ogni lunedì si riferiscono alla settimana appena terminata e si basano sui dati ufficiali disponibili il lunedì mattina (quindi possono subire degli aggiornamenti).
Va precisato che la nostra stima è basata sulle ipotesi più ottimistiche che si possono formulare, e quindi va interpretata come il numero minimo di settimane necessarie.
Più esattamente l’interpretazione dell’indice è la seguente:
DQP = numero di settimane necessario per raggiungere almeno il 70% degli italiani con almeno 1 vaccinazione.
A partire dalla prima settimana completa dell’anno (da lunedì 4 a domenica 10 gennaio) la Fondazione Hume calcola settimanalmente il valore dell’indice DQP (acronimo per: Di Questo Passo).
L’indice si propone di fornire, ogni lunedì, un’idea vivida della velocità con cui procede la vaccinazione, indicando l’anno e il mese in cui si potrà raggiungere l’immunità di gregge procedendo “di questo passo”.
Il calcolo dell’indice si basa su 4 parametri:
1. una stima del numero di italiani vaccinati necessario per garantire l’immunità di gregge;
2. quante vaccinazioni sono state effettuate nell’ultima settimana (da lunedì a domenica);
3. quante vaccinazioni erano state effettuate dall’inizio della campagna (1° gennaio 2021) fino alla settimana anteriore a quella su cui si effettua il calcolo;
4. che tipo di vaccini verranno presumibilmente usati (a 2 dosi o a dose singola).
Nella versione attuale l’indice si basa sulle ipotesi più ottimistiche possibili sul funzionamento del vaccino e sull’andamento della campagna vaccinale. Più precisamente:
• i vaccini somministrati non solo proteggono i vaccinati dall’insorgenza della malattia, ma impediscono la trasmissione dell’infezione ad altri (immunità sterile);
• l’obiettivo è vaccinare il 70% della popolazione (anziché l’80 o il 90%, come potrebbe risultare necessario);
• sul mercato vengono introdotti vaccini per tutte le fasce d’età, compresi gli under 16 (i vaccini attuali sono testati solo su specifiche fasce d’età);
• ci si accontenta di vaccinare ogni italiano una sola volta, trascurando il fatto che, ove la campagna di vaccinazione dovesse prolungarsi per oltre un anno, bisognerebbe procedere a un numero crescente di rivaccinazioni.  QUI IL RAPPORTO SUL SITO HUME.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Dal massacro di Kindu a Goma, 60 anni di sangue
Dal 1949 un centinaio i militari italiani morti all’estero
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
16:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’attentato avvenuto a Goma, nel quale sono rimasti vittime l’ambasciatore italiano in Congo Luca Attanasio e un carabiniere, riporta alla mente il massacro di Kindu del 1961, quando furono brutalmente assassinati 13 aviatori italiani della 46esima Brigata aerea dell’Aeronautica militare. Anche in quel caso i militari facevano parte di un contingente Onu inviato per la grave crisi che il Paese africano stava affrontando dopo l’indipendenza dal Belgio.
Ma la lunga scia dei militari italiani morti all’estero dopo la Seconda Guerra Mondiale parte dal 1949, quando il finanziere Antonio Di Stasi perse la vita ucciso da copi di scimitarra in un’imboscata a Senafé, in Eritrea.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’anno successivo, nel 1950, sempre in Eritrea, il maresciallo dei carabinieri Pio Semproni fu ucciso in un conflitto a fuoco. Nel 1952 due carabinieri, Luciano Fosci e Flavio Salacone, trovarono la morte nel tentativo di bloccare i manifestanti durante una violenta rivolta in Somalia. Nel 1973 il capitano Carlo Olivieri fu colpito mortalmente da un razzo nelle prime ore della guerra del Kippur, in Egitto. Nel 1983 a Beirut, in Libano, il marinaio della Marina Militare Filippo Montesi, del contingente di pace, fu ucciso a colpi di mitra durante un pattugliamento notturno.
Nel 1992, in Croazia, quattro militari italiani perdono la vita nell'”eccidio di Podrute” in seguito all’abbattimento dell’elicottero sul quale viaggiavano. Mesi dopo sul Monte Zec, in Bosnia-Erzegovina, quattro aviatori italiani vengono abbattuti sul loro aereo che trasportava aiuti umanitari. Il 1993 è uno degli anni più tristi per l’Italia impegnata nelle missioni “Restore Hope” e “Ibis II”, in Somalia.
Nella cosiddetta “battaglia del checkpoint Pasta”, a Mogadiscio, tre soldati restano vittime di un’imboscata di miliziani armati. Nello stesso anno, sempre a Mogadiscio, cadono i paracadutisti Gionata Mancinelli, Giorgio Righetti e Rossano Visioli e il maresciallo capo Vincenzo Li Causi. L’anno successivo, in un’imboscata sulla strada Balad-Mogadiscio, muore il tenente Giulio Ruzzi, ultimo caduto della missione italiana in Somalia.
Il 12 novembre del 2003 a Nassiriya, in Iraq, uno degli attentati più cruenti: un camion bomba esplose davanti all’ingresso della base italiana dei carabinieri. Nella deflagrazione rimasero uccise 28 persone, 19 italiani di cui 2 civili, e 9 iracheni. Sempre nella missione Antica Babilonia, in Iraq, morì il primo caporale maggiore Matteo Vanzan, vittima di un attacco dei miliziani di Moqtada Al Sadr. Nel 2005, durante la liberazione della giornalista Giuliana Sgrena, viene ucciso da fuoco amico il capo dipartimento del Sismi, Nicola Calipari. Nel 2006, ancora Iraq, in seguito ad un attentato muoiono tre marescialli capo dei carabinieri e un capitano della Folgore.
In Afghanistan trovano la morte, invece, quattro alpini, uccisi – in due episodi differenti – dallo scoppio di una mina al passaggio del loro convoglio. Nel 2007, in seguito all’attentato suicida nel giorno dell’inaugurazione del ponte sul fiume a Paghman (vicino Kabul) muore il maresciallo capo del genio pontieri Daniele Paladini. In un attentato a Kabul nel 2009 muoiono quattro caporal maggiore, un sergente maggiore e un tenente in seguito ad un attentato suicida. Numerosi sono i caduti in Afghanistan tra il 2010 e il 2013: in totale durante l’intera missione italiana sono stati 54. Il ministero della Difesa ha dedicato una pagina web a tutti i militari caduti all’estero, con biografie e riconoscimenti ricevuti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: sindaco Jesi, positivo nonostante cautele, attenzione
Per focolai e criticità ospedale aveva disposto zona arancione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
JESI
23 febbraio 2021
10:21
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Alla fine il focolaio sviluppatosi in Comune è arrivato anche a me”. E’ lo stesso sindaco di Jesi Massimo Bacci a far sapere in un post su Facebook la propria positività.
Nei giorni scorsi, dopo le limitazioni di ingresso e uscita dalla Provincia di Ancona dettate dalla Regione, aveva disposto la ‘zona arancione’ per il Comune in seguito alla situazione “contagi e quarantenati in città, ai focolai presenti in città e alcuni Comuni limitrofi, alle criticità all’ospedale Carlo Urbani per l’altissimo numero di ricoverati Covid, ai carichi di lavoro oltre il limite da parte dei medici Usca (Unità speciali di continuità assistenziale) impegnati nelle cure domiciliari”.
“Malgrado sia stato estremamente scrupoloso, – spiega Bacci – sono infatti risultato positivo al tampone, al pari di alcuni mei collaboratori. Sto abbastanza bene e continuerò il mio lavoro da casa. – conclude – Resto sempre più convinto dell’opportunità della decisione assunta con misure più stringenti per contenere questo subdolo contagio. E rinnovo l’invito a tutti per la massima attenzione e collaborazione”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Congo: D’Incà, Di Maio riferirà a Camere nelle prossime ore
O al massimo domani
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
09:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio riferirà “nelle prossime ore o al massimo domani” in Parlamento sulla morte di Luca Attanasio e del carabiniere Iacovacci: lo ha assicurato nell’Aula della Camera il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà, rinnovando “il cordoglio del governo”. “Risponderemo con la massima chiarezza agli interrogativi”, ha assicurato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Birmania: Paesi G7 condannano violenze contro manifestanti
‘Inaccettabili l’uso di proiettili su persone indifese’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
09:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I ministri degli Esteri dei Paesi del G7 “condannano con fermezza” le violenze dell’esercito sui manifestanti e chiedono con urgenza “il rispetto dei diritti umani e della legge internazionale”.
“L’uso di proiettili contro persone indifese è inaccettabile.

Chiunque risponda con violenza a proteste pacifiche deve renderne conto”, si legge nel comunicato firmato da Stati Uniti, Canada, Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia e Giappone.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Congo: presidenza, Attanasio a Goma da venerdì
‘Era arrivato alle 10.30 su un jet della Monusco’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
09:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’ambasciatore Luca Attanasio, ucciso ieri in un attentato assieme al carabiniere Vittorio Vittorio Iacovacci e al loro autista, era arrivato a Goma già venerdì scorso. Lo riferisce un comunicato della presidenza congolese.

“L’ambasciatore è arrivato a Goma venerdì 19 febbraio 2021 alle 10:30 a bordo del jet della Monusco immatricolato 5Y/Sim.
Alle 09:27 di lunedì 22 febbraio”, viene aggiunto, “un convoglio di due veicoli del Programma alimentare mondiale ‘Pam’ è partito da Goma alla volta del comune di di Kiwanja, in territorio di Rutshuru”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Industria: Istat, nel 2020 fatturato -11,5%
Cresce fatturato mezzi trasporto, crolla abbigliamento
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
10:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A causa dell’emergenza sanitaria, il fatturato dell’industria nel 2020 registra un calo dell’11,5% rispetto al 2019 segnando il peggior risultato dal 2009. Lo rileva l’Istat.
A dicembre il fatturato aumenta dell’1% su novembre e cala dello 0,5% su dicembre 2019 (dato corretto per gli effetti di calendario). Gli ordinativi a dicembre salgono dell’1,7% su novembre. A fronte di un calo complessivo a dicembre del fatturato dello 0,5% su dicembre 2019 si è registrata una crescita del fatturato dei mezzi di trasporto del 38,9% e un calo per quello dell’industria dell’abbigliamento del 19,4%. Si è avuto un calo del fatturato per l’industria dei Coke e prodotti petroliferi raffinati del 30,7%.

Politica tutte le notizie. Tutta la Politica completa, aggiornata ed in tempo reale! SEGUILA E CONDIVIDILA!
Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 16 minuti

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 12:59 DI DOMENICA 21 FEBBRAIO 2021

ALLE 14:37 DI LUNEDì 22 FEBBRAIO 2021

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Umbria riduce scorte AstraZeneca per vaccinazioni
Dosi “a più presto” a personale scuole e servizi essenziali
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
21 febbraio 2021
12:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’Umbria riduce dal 50 al 30 per cento la scorta del vaccino AstraZeneca per avviare “al più presto” la vaccinazione di tutto il personale scolastico e delle forze dell’ordine (compresi vigili del fuoco e polizia municipale). Lo ha deciso il Comitato operativo regionale.

La Regione spiega che si tratta di una scelta dettata altresì dai tempi “abbastanza lunghi” (75 giorni) per la somministrazione della seconda dose, e dunque “tali da poter garantire la ricostituzione delle scorte medesime, senza compromettere il secondo vaccino”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A Città Pieve attesa vana per il premier Draghi
Chi lo attendeva a messa, chi sperava vederlo in centro
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CITTÀ DELLA PIEVE (PERUGIA)
21 febbraio 2021
15:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
C’era chi lo attendeva alla messa delle 8 nella chiesa del monastero di Santa Lucia e chi sperava di incrociarlo magari in centro. Il neo presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha disatteso, invece, le speranze dei suoi concittadini di Città della Pieve.

Il premier ha trascorso il fine settimana a Roma, senza tornare nel borgo umbro scelto quale suo ‘buen ritiro’. I cancelli che si aprono sui viali che conducono alla casa del presidente sono rimasti chiusi per tutta la mattina, ma comunque piantonati da una pattuglia dei carabinieri. “Anche Serena, la moglie del premier, da alcuni giorni che non la vediamo in paese”, raccontano alcuni cittadini e commercianti del centro storico.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ecuador: elezioni,Arauz e Lasso a ballottaggio presidenziale
Previsto per l’11 aprile
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
QUITO
21 febbraio 2021
15:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Consiglio nazionale elettorale (Cne) dell’Ecuador ha ufficializzato la notte scorsa che, sulla base dei risultati delle elezioni del 7 febbraio, il candidato progressista Andrés Arauz (Unes), con il 32,72% dei voti, e quello conservatore Guillermo Lasso (Creo-Psc) con il 19,74%, parteciperanno ad un ballottaggio l’11 aprile per stabilire chi dei due sarà il successore del presidente Lenin Moreno.
Si apre ora una fase in cui secondo la legge elettorale i candidati esclusi potranno presentare ricorsi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ed è quello che quasi certamente intende fare il candidato ambientalista indigeno Yaku Pérez, del partito Pachakutik che, terzo con il 19,38% dei suffragi, è convinto che la sua esclusione dal ballottaggio sia “frutto di brogli”.
Per questo ha organizzato con l’appoggio di varie organizzazioni indigene una marcia di quasi 700 chilometri che, partita da Loja, arriverà a Quito martedì prossimo. Le sue richieste riguardano un nuovo conteggio del 100% dei voti della popolosa provincia di Guayas e del 50% di quelli di molte altre province.
Per il momento il Cne ha accolto parzialmente soltanto un suo ricorso per un nuovo scrutinio di voti in una trentina di seggi delle province di Guayas e Los Rios. Le decisioni del Cne possono però ora essere impugnate davanti al Tribunale del contenzioso elettorale (Tce) per un nuovo esame dei ricorsi, Arauz è un economista di 35 anni che fra il 2015 ed il 2015 è stato ministro dell’ex presidente Rafael Correa, attualmente esule in Belgio.
Lasso invece è un uomo d’affari e imprenditore di 65 anni, già governatore di Guayas, e al terzo tentativo di conquista della massima carica dello Stato.   MONDO   POLITICA

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Le Regioni: ‘Vaccini, ripresa economica, nuove norme’
Le richieste al governo, ‘indennizzi anche per chiusure locali’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
10:47
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Accelerare la campagna vaccinale, rivedere la tempistica dei provvedimenti e la revisione dei parametri che regolamentano le zone, prevedere indennizzi anche per le chiusure locali e coniugare la sicurezza sanitaria con la ripresa economica. Sono queste le richieste che la Conferenza delle Regioni ha inoltrato al Governo e che domani saranno portate in Consiglio dei ministri.
VACCINI Le Regioni ritengono priorità assoluta la campagna vaccinale.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il meccanismo sta andando troppo a rilento – si legge nel documento – il problema adesso risiede nell’approvvigionamento delle dosi, che dipende dal Governo”. “Sarebbe auspicabile e urgente – scrivono le Regioni – una valutazione circa il diretto coinvolgimento delle nostre aziende nel processo produttivo, tenendo presente che vi sono aziende e filiere nazionali in grado di realizzare alcune fasi della produzione”.
TEMPISTICA DEI PROVVEDIMENTI Le Regioni chiedono di conoscere “con congruo anticipo” le misure anti Covid. “Occorre, altresì, poter procedere ad una programmazione delle attività anche attraverso una diversa organizzazione dell’esame dei dati della cabina regia, delle ordinanze e della relativa decorrenza”, scrivono.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
REVISIONE PARAMETRI Le Regioni chiedono “una revisione dei parametri e la contestuale revisione del sistema delle zone, nel senso della semplificazione, che passi funzionalmente anche da una revisione dei protocolli per la regolazione delle riaperture”. Chiedono “un cambio di passo che consenta di coniugare le misure di sicurezza sanitaria con la ripresa economica e delle attività culturali e sociali”.
MECCANISMI PIU’ SNELLI “Il presupposto per assumere decisioni valide è individuare una strategia che si fondi su elaborazioni oggettive tecnico scientifiche sulla base delle quali la politica si assumerà la responsabilità della decisione”, scrivono le Regioni che chiedono “nuovi e più snelli meccanismi che vedano una definizione più chiara da parte di Cts e dell’Iss” riguardo le limitazioni e le attività da chiudere.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
RISTORI “In via strutturale, lo stesso provvedimento che introduce restrizioni per il Paese e poi restrizioni particolari per singoli territori, deve anche attivare gli indennizzi e salvaguardare le responsabilità, garantendo la contestualità a prescindere da chi adotta il provvedimento”. Questa la richiesta delle Regioni che chiedono anche “l’ampliamento della cabina di regia ai Ministri dello Sviluppo economico, dell’Economia e degli Affari regionali”.
SCUOLA Per le Regioni “sarebbe necessario qualificare l’attività scolastica ed universitaria (al pari delle altre attività) con un’apposita numerazione di rischio, anche tenendo conto dei dati oggettivi del contagio nelle istituzioni scolastiche e nel contesto territoriale di riferimento”. I territori chiedono anche “forme di congedo parentale e ulteriori risorse economiche a sostegno dei genitori, nel caso di chiusura delle scuole”. Inoltre chiedono venga garantita la vaccinazione a tutti i docenti “indipendentemente dalla Regione in cui prestano servizio”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Milleproroghe: FdI ritira emendamenti, solo gli indispensabili
‘No a ostruzionismo, ci concentriamo su merito’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
11:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In Aula alla Camera l’esame del decreto Milleproroghe
“Fratelli d’Italia ha presentato 350 emendamenti al decreto Milleproroghe ma non intendiamo fare alcun ostruzionismo e ci concentreremo nel merito del provvedimento. Vista la prossima scadenza del decreto ritireremo la maggior parte degli emendamenti, limitandoci a quelli che riteniamo indispensabile discutere.
Auspichiamo ci si possa confrontare nei prossimi provvedimenti su tutti gli altri argomenti. Verificheremo l’atteggiamento della maggioranza con serenità e senza pregiudizi. Speriamo di avere analogo riscontro”. Lo comunica in una nota il Gruppo parlamentare di Fratelli d’Italia alla Camera.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Bonomi, pronti ad aprire le fabbriche per le vaccinazioni
Draghi è la discontinuità.Lavoro,serve ammortizzatore universale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
09:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pronti ad aprire le fabbriche per le vaccinazioni dei lavoratori e dei loro familiari. Così il presidente di Confindustria Carlo Bonomi in un’intervista in apertura di prima pagina su la Repubblica, dove parla anche della sua fiducia verso Mario Draghi e spiega che sullo sblocco dei licenziamenti si deve tornare alla normalità, riformando gli ammortizzatori sociali.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Siamo d’accordo con l’impostazione del presidente Draghi di coinvolgere i privati nel piano vaccinale – osserva Bonomi – i dipendenti delle aziende aderenti a Confindustria sono circa 5,5 milioni, se consideriamo una media di 2,3 componenti per nucleo familiare potremmo vaccinare più di 12 milioni di persone. Siamo disposti a mettere le fabbriche a disposizione delle comunità territoriali nell’ambito del piano nazionale delle vaccinazioni.
Abbiamo già inviato una nostra proposta operativa a Palazzo Chigi”.
“Sono certo che il presidente Draghi ascolterà le imprese”, dice, aggiungendo che devono essere ascoltate insieme con “i sindacati per trovare soluzioni rapide ed efficaci. Con Conte non c’è stato poco dialogo. Non c’è proprio stato”.
“Nel discorso programmatico ho ritrovato cose che Confindustria dice da tempo – rileva Bonomi – due esempi: che non possiamo scaricare sui giovani l’incremento del debito pubblico; che una riforma del fisco non si può fare a colpi di bonus bensì in maniera organica. La discontinuità è Draghi”.
Sul blocco dei licenziamenti: “Basta proroghe a ripetizione. La discussione non è licenziare sì o no. Il tema vero è come riformare le tutele per il lavoro sapendo che la pandemia ha accelerato la trasformazione dei processi produttivi. Il lavoro non si difende dov’era e com’era. Il punto è aumentare l’occupabilità delle persone, cioè la loro capacità di essere richiesti dal mercato. Siamo favorevoli ad una proroga selettiva. Sbloccare i licenziamenti non vuol dire affatto che ci sarà la corsa a licenziare”. La proposta di Confindustria punta a “introdurre un ammortizzatore universale, valido per tutti i lavoratori e per tutti i settori; favorevoli a rafforzare l’assegno di ricollocazione” e a “avviare politiche attive per il lavoro”. Poi rileva: “un’azienda come l’Alitalia non può essere perennemente sostenuta. Diverso è il caso dell’Ilva perché la produzione di acciaio è strategica per molte filiere produttive nazionali”.
Sul fisco, avverte Bonomi, “l’Irap va tolta: è una tassa inopportuna, inadeguata e anche folle”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Turismo: Garavaglia,lunedì vorrei firmare protocollo Regioni
A Sky Tg24, vaccinare tutti, chi fa prima è in vantaggio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
08:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La prima cosa che vorrei fare lunedì è firmare con le Regioni un protocollo che faccia vedere che si lavora tutti insieme, in squadra, per promuovere l’Italia nel mondo”. Lo ha detto in un’intervista a Sky TG24 il ministro del Turismo Massimo Garavaglia che ha aggiunto “Sulle zone rosse deciderà chi di dovere, l’importante è fare quello che è giusto fare in modo serio e organizzato, pianificando per tempo”.

Per far ripartire il turismo italiano, “bisogna fare una cosa: fornire i vaccini a tutti perché il mercato è molto competitivo.
Chi chiude prima il percorso della vaccinazione ha un vantaggio.
L’Europa deve vincere insieme”.

L’Italia ha perso quote di mercato nel turismo negli ultimi 10 anni, “crescendo del 4,5%, mentre i nostri competitor del 6,5%. Quindi quello che dobbiamo fare è recuperarle – ha detto il neo ministro del Turismo – è evidente che quello che è successo è molto più grave di quello che ci si aspettava. Il premier Draghi ha detto una cosa fondamentale e cioè che l’industria del turismo sarà la prima a ripartire. Parleremo con il Premier e i colleghi: le risorse – ha concluso – vanno trovate all’interno del budget di 32 miliardi”.   ECONOMIA

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Milleproroghe:Fdi ritira emendamenti,solo gli indispensabili
No a ostruzionismo, ci concentriamo su merito
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
09:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Fratelli d’Italia ha presentato 350 emendamenti al decreto Milleproroghe ma non intendiamo fare alcun ostruzionismo e ci concentreremo nel merito del provvedimento. Vista la prossima scadenza del decreto ritireremo la maggior parte degli emendamenti, limitandoci a quelli che riteniamo indispensabile discutere.
Auspichiamo ci si possa confrontare nei prossimi provvedimenti su tutti gli altri argomenti. Verificheremo l’atteggiamento della maggioranza con serenità e senza pregiudizi. Speriamo di avere analogo riscontro”. Lo comunica in una nota il Gruppo parlamentare di Fratelli d’Italia alla Camera.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: iniziato il Consiglio dei ministri
Previsto stop a spostamenti tra Regioni per 30 giorni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
10:06
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ iniziata a Palazzo Chigi la riunione del Consiglio dei ministri. All’ordine del giorno c’è il nuovo decreto legge Covid.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pd: Bettini,c’è strisciante logorio interno,congresso presto
Bisogna farlo appena possibile
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
10:08
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il Pd ha avuto tenuta molto positiva. Sono molto grato a Zingaretti, ha portato il Pd fuori dalle secche.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Faremo un grave errore se durante questa fase di transizione, il governo del Presidente, in cui le forze politiche hanno sovranità limitata, riununciassimo alla politica in modo passivo. Dobbiamo fare due cose: irrobustire il sistema politico italiano, con una riforma elettorale che si adegui al taglio dei parlamentari e poi che ognuno ridefinisca il suo sistema di valori, le finalità di fondo sull’Italia. In questo quadro, il congresso del Pd è un fatto positivo. Nardella ha detto che ora non si può fare. Mettetevi d’accordo, molti dirigenti della sua area lo hanno chiesto. Facciamolo appena si potrà fare”. Lo afferma Goffredo Bettini a Radio Immagina.
“Nel Pd c’è – dice Bettini – grandissima esigenza di chiarimento. Ho difeso linea decisa all’unanimità in direzione e nei gruppi dirigenti nazionali. Sulle critiche, più che chiedere a nome di chi parlo, rispondano sulle idee, sui propositi e sulla lettura della situazione italiana e internazionale. Visto che c’è strisciante logorio interno, è bene che posizioni si esplicitino. Bisogna stappare questa bottiglia compressa”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Guterres, suprematisti e neonazisti minaccia transnazionale
Segretario generale Onu, ‘movimenti di odio sono in crescita’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
GINEVRA
22 febbraio 2021
10:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I movimenti suprematisti bianchi e i movimenti neonazisti stanno diventando “una minaccia transnazionale”, ha messo in guardia oggi il Segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres.
Tali movimenti rappresentano la più grande minaccia alla sicurezza interna di molti Paesi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ma questi “movimenti di odio crescono di giorno in giorno”, sono più di una minaccia terroristica interna e stanno diventando una minaccia transnazionale”, ha detto Guterres in un discorso davanti al Consiglio Onu sui diritti umani, che a causa della pandemia si svolge in modalità essenzialmente virtuale da oggi al 23 marzo a Ginevra.
Guterres ha lanciato un appello a “intensificare la lotta contro la rinascita del neonazismo, la supremazia bianca e il terrorismo di matrice razziale ed etnica”. Secondo il Segretario generale, questi gruppi, come altri, hanno approfittato della pandemia, così come della polarizzazione sociale e della manipolazione politica e culturale. “Troppo spesso, questi gruppi di odio sono incoraggiati da persone in posizioni di responsabilità, qualcosa che sembrava inimmaginabile poco tempo fa. È solo attraverso un’azione globale concertata che possiamo porre fine a questa grave e crescente minaccia”, ha aggiunto il Segretario generale.
Guterres ha inoltre stigmatizzato la volontà di alimentare il fuoco “del razzismo, dell’antisemitismo, del settarismo anti-musulmano, della violenza contro alcune comunità di minoranze cristiane, dell’omofobia, della xenofobia e della misoginia” che “non è nuovo, ma lo è la possibilità di intraprendere tali atti in modo “più visibile, più facile e più generalizzato”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio vede Le Drian, parlato di Libia, Mediterraneo, Covid
Incontro prima del Consiglio Esteri a Bruxelles
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
11:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Prima dell’inizio del Consiglio Affari Esteri a Bruxelles, incontro con l’amico e collega francese Jean-Yves Le Drian per ribadire il comune impegno di Italia e Francia a rafforzare il coordinamento su Libia, Mediterraneo e lotta al COVID-19. Lo scrive stamane su Twitter il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
D’Amato, 8 marzo aprirà hub vaccini stazione Termini Roma
Ad Fs, inviteremo anche il premier Draghi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
11:16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Per il personale scolastico dopodomani apriremo anche la Nuvola’ all’Eur ed è questo un altro punto importante. L’8 marzo partirà anche l’hub della stazione Termini che è anch’esso per noi un altro punto importante”.
Lo ha annunciato l’assessore alla Salute della Regione Lazio, Alessio D’Amato, sul piano vaccinale nella regione al termine del sopralluogo effettuato nell’hub di Fiumicino. “Sarà la prima stazione in Italia in cui si potranno fare le vaccinazioni – ha commentato l’ad di Ferrovie dello Stato, Gianfranco Battisti -. Probabilmente inviteremo anche Draghi a presenziare. Sarà il primo grande hub ferroviario a fare una cosa del genere. In quell’occasione presenteremo il treno sanitario che abbiamo messo a disposizione della Protezione Civile e della Croce Rossa per trasportare malati Covid o gravi”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: ok Cdm a decreto, stop spostamenti fino al 27 marzo
Prorogata anche regola spostamenti 2 adulti con minori
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
11:25
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Consiglio dei ministri ha approvato, a quanto si apprende da fonti di governo, il decreto legge Covid. Il provvedimento proroga il divieto di spostamenti tra Regioni fino al 27 marzo e anche la regola che limita gli spostamenti verso le abitazioni private a due adulti con in più solo i figli minori di 14 anni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cdm nomina Serino capo stato maggiore dell’Esercito
Lo si apprende da fonti di governo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
11:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Consiglio dei ministri ha nominato il generale Pietro Serino nuovo capo di stato maggiore dell’Esercito. Lo si apprende da fonti di governo al termine della riunione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: fonti, stop in zona rossa a visite a case private
Novità nel nuovo decreto
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
11:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Stop agli spostamenti in zona rossa verso abitazioni private. E’ la novità che, a quanto si apprende al termine del Cdm da fonti di governo, compare nel nuovo decreto legge Covid, che proroga al 27 marzo le limitazioni agli spostamenti.
Resta nelle zone gialle e arancioni la possibilità, una sola volta al giorno, di spostarsi verso un’altra abitazione privata abitata, tra le 5 e le 22, in massimo due persone, con i figli minori di 14 anni. Questa possibilità non varrà più nelle aree rosse.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Congo, uccisi l’ambasciatore italiano e un carabiniere
In un attacco a un convoglio della missione Monusco
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
12:20
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nell’attacco a Goma, in Congo, sono morti l’ambasciatore italiano Luca Attanasio e un carabiniere che era nel convoglio con il diplomatico.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’ambasciatore ed il militare stavano viaggiando a bordo di una autovettura in un convoglio della MONUSCO, la missione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per la stabilizzazione nella Repubblica Democratica del Congo.
“E’ con profondo dolore che la Farnesina conferma il decesso, oggi a Goma, dell’Ambasciatore d’Italia nella Repubblica Democratica del Congo Luca Attanasio e di un militare dell’Arma dei Carabinieri”, fa sapere il ministero degli Esteri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Congo: Di Maio: ‘Faremo ogni sforzo per fare luce’. Le reazioni
Ministro lascia Bruxelles e rientra a Roma
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
13:31
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, dopo aver informato i colleghi Ue del tragico evento esprimendo tutto il suo dolore per la morte del nostro ambasciatore in Congo e del carabiniere, ha deciso di lasciare in anticipo i lavori del Cae e sta rientrando in queste ore in Italia. “Ho appreso con sgomento e immenso dolore della morte oggi del nostro Ambasciatore nella Repubblica Democratica del Congo e di un militare dei Carabinieri – ha affermato Di Maio -.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Due servitori dello Stato che ci sono stati strappati con violenza nell’adempimento del loro dovere. Non sono ancora note le circostanze di questo brutale attacco e nessuno sforzo verrà risparmiato per fare luce su quanto accaduto. Oggi lo Stato piange la perdita di due suoi figli esemplari e si stringe attorno alle famiglie, ai loro amici e colleghi alla Farnesina e nei Carabinieri”.
“Un convoglio Onu in #Congo. Sono morti il nostro ambasciatore Luca Attanasio e un carabiniere. Uomini dello Stato al servizio della pace e della cooperazione nel Paese africano. Una preghiera li accompagni. Il loro sacrificio non sia vano, la pace vincerà sul terrorismo”, ha scritto il vicepresidente di Forza Italia, Antonio Tajani.
“Seguiamo con angoscia le notizie che arrivano dal Congo. Dolore per la morte dell’ambasciatore Luca Attanasio e di un carabiniere.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Per l’Italia è un giorno di lutto, perdiamo due uomini delle istituzioni. Cordoglio e vicinanza a familiari, Carabinieri e a nostra diplomazia”, ha scritto il segretario Pd Nicola Zingaretti su twitter.
“Sconvolti e addolorati dalla notizia della morte dell’ambasciatore italiano in Congo Luca Attanasio e di un carabiniere, rimasti uccisi in un attacco ad un convoglio Onu. Seguiamo con apprensione gli sviluppi e chiediamo al governo di riferire quanto prima in Parlamento”, ha scritto la leader di FdI Giorgia Meloni.
“Gravissimo attentato a un convoglio ONU in Congo, a Goma, sono purtroppo rimasti uccisi sia il nostro Ambasciatore che un carabiniere – ha scritto il deputato Pd Emanuele Fiano su Facebook -. Il nostro cordoglio per loro e per le loro famiglie a cui va il nostro abbraccio. Sto per chiedere in aula che il Ministro Di Maio venga a riferire su questo terribile evento”.
“Abbiamo visto le notizie” dell’attacco e dell’uccisione dell’ambasciatore Luca Attanasio e del carabiniere nella Repubblica del Congo, “sono notizie estremamente preoccupanti e seguiamo da vicino – così il portavoce della Commissione Ue, Eri Mamer -. L’Alto rappresentante ha presentato le sue condoglianze all’Italia. Il ministro degli Esteri condivide le informazioni con i colleghi Ue”.
“Oggi nell’attacco al convoglio Onu nella Repubblica democratica del Congo hanno perso la vita due servitori dello Stato. Un vile e barbaro agguato che l’Italia, fermamente impegnata con la comunità internazionale, condanna con forza. Alle famiglie dei nostri connazionali e di tutto il personale delle Nazioni unite coinvolto va la nostra incondizionata riconoscenza e affetto. Siamo vicini e condividiamo il dolore delle famiglie per la perdita dei loro cari”: così il ministro della Difesa Lorenzo Guerni.
“È con profondo dolore che apprendiamo della morte dell’Ambasciatore italiano presso la Repubblica Democratica del Congo, Luca Attanasio, e di un carabiniere, uccisi in un attacco armato contro un convoglio delle Nazioni Unite”, ha scritto su Twitter il presidente del parlamento europeo David Sassoli.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“I miei pensieri e quelli del Parlamento europeo vanno alle famiglie delle vittime”, ha aggiunto.
“Esprimo profondo dolore per quanto avvenuto oggi a Goma in Congo, dove a seguito di un gravissimo attentato compiuto contro un convoglio delle Nazioni Unite sono morti il nostro ambasciatore Luca Attanasio e un militare dell’Arma dei carabinieri”, ha dichiarato il presidente del Senato Elisabetta Casellati. “L’Italia non dimenticherà mai i suoi ‘costruttori di pace’, caduti mentre cercavano di portare sicurezza e supporto ai popoli oppressi. Occorre però che la condanna nei confronti dei responsabili di questo ignobile atto sia accompagnata dall’impegno della comunità internazionale a combattere con ogni mezzo qualunque forma di violenza in quei territori. Ai familiari delle vittime giunga la mia vicinanza e il mio cordoglio”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: ok dal Cdm al decreto, stop agli spostamenti fino al 27 marzo
Il provvedimento proroga anche la regola che limita gli spostamenti verso le abitazioni private a due adulti con in più solo i figli minori di 14 anni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
12:47
APPROFONDIMENTO
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Consiglio dei ministri ha approvato, a quanto si apprende da fonti di governo, il decreto legge Covid.
Il provvedimento proroga il divieto di spostamenti tra Regioni fino al 27 marzo. Confermata la regola che limita gli spostamenti verso le abitazioni private a due adulti con in più solo i figli minori di 14 anni.
Stop agli spostamenti in zona rossa verso abitazioni private.
E’ la novità che, a quanto si apprende compare nel nuovo decreto legge Covid.
Resta nelle zone gialle e arancioni la possibilità, una sola volta al giorno, di spostarsi verso un’altra abitazione privata abitata, tra le 5 e le 22, in massimo due persone, con i figli minori di 14 anni. Questa possibilità non varrà più nelle aree rosse.
Il Consiglio dei ministri ha nominato, poi, il generale Pietro Serino nuovo capo di stato maggiore dell’Esercito, secondo quanto si apprende da fonti di governo al termine della riunione.
Il ministro per gli Affari Regionali Mariastella Gelmini, secondo quanto si apprende, ha illustrato in Consiglio dei ministri le proposte messa a punto dalle regioni per la gestione dell’emergenza Covid. Le richieste sono state poi inviate dagli uffici del ministro a tutti i ministeri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Per Palamara anche accusa corruzione atti giudiziari
Contestata da pm Perugia in udienza preliminare
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
22 febbraio 2021
14:10
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nuove accuse per l’ex consigliere del Csm Luca Palamara nel corso dell’udienza preliminare in corso a Perugia. La procura ha infatti modificato il capo d’imputazione contestandogli i reati di corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio e corruzione in atti giudiziari.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Stessi addebiti contestati all’imprenditore Fabrizio Centofanti e ad Adele Attisani.
I magistrati del capoluogo umbro hanno depositato nuovi atti nell’udienza che si è svolta oggi. Tra questi una corposa informativa della guardia di finanza, verbali di diversi testimoni e riscontri acquisiti nel corso delle indagini.
In particolare Palamara – al quale era stato contestato inizialmente il reato di concorso in corruzione per un atto d’ufficio – è accusato di avere acquisito informazioni riservate da pubblici ministeri di Roma e di Messina rendendole note a Centofanti. Da questi sarebbero poi passate – sempre in base alla ricostruzione accusatoria – all’avvocato Piero Amara.
Palamara avrebbe quindi ricevuto da Centofanti viaggi, soggiorni e lavori eseguiti da varie ditte presso l’abitazione di Adele Attisani, amica di Palamara e considerata “istigatrice” delle presunte condotte illecite.
La procura perugina è stata rappresentata dal capo dell’Ufficio Raffaele Cantone e dai sostituti Gemma Miliani e Mario Formisano.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Consiglio Stato salva per ora chiusura sale gioco
Prevale rischio contagio,ma servono valutazioni più approfondite
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
14:16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il rischio di contagio prevale sul pur evidente danno economico degli operatori. Con questa motivazione il Presidente della III Sezione del Consiglio di Stato ha respinto con 10 decreti la richiesta di sospendere il Dpcm del 14 gennaio 2021 che ha fermato integralmente fino al 5 marzo 2021, l’attività delle sale giochi, scommesse, bingo e casinò, anche se svolte all’interno di locali adibiti ad attività differente.
Le misure di precauzione tuttavia, si osserva nei decreti, vanno adottate “alla luce di una serie di valutazioni complete scientifiche”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fisco:Zingaretti,riforma serve,basta disuguaglianze
Segretario dem illustra 4 punti per la rinascita
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
14:12
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il professor Draghi lo ha detto chiaramente e lo ringrazio. Serve una riforma fiscale per portare più giustizia e più semplificazione.
La fiducia e la speranza passano anche per la riduzione di quel livello di disuguaglianze sociali diventato intollerabile e che rischia di mettere ai margini una parte importante del nostro paese”. Lo ha detto il governatore del Lazio e segretario del Pd Nicola Zingaretti nel corso di un convegno in cui ha illustrato le 4 direttrici a suo avviso per far rinascere l’Italia.

Politica tutte le notizie in tempo reale Per conoscere tutto sulla Politica nei dettagli ed oggettivamente clicca qui leggi ed informati e condividi!
Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 38 minuti

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 14:09 DI SABATO 20 FEBBRAIO 2021

ALLE 12:59 DI DOMENICA 21 FEBBRAIO 2021

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Pompei, il nuovo direttore è Gabriel Zuchtriegel
Archeologo, guidava Paestum. L’annuncio di Franceschini
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 febbraio 2021
11:08
AGGIORNATO ALLE
14:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ l’archeologo tedesco Gabriel Zuchtriegel, 39 anni, il nuovo direttore del Parco Archeologico di Pompei. Lo annuncia il ministro della cultura Franceschini alla sua prima uscita pubblica oggi al Colosseo, nel terzo mandato alla guida del dicastero del Collegio romano.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Studi e specializzazione in archeologia classica, una tesi di dottorato sul sito archeologico di Gabi, Zuchtriegel guida dal 2015 il parco archeologico di Paestum, dove ha condotto anche campagne di scavo, riportando alla luce un edificio di epoca dorica che secondo i primi studi potrebbe essere stato un tempio eretto da artigiani vasai, è ha lavorato molto sulla valorizzazione e il rapporto con il territorio, facendo anche discutere, nel 2016, quando aprì il sito ai matrimoni con tanto di regolamento e tariffario per foto e rito civile. “Nessun problema, tutela e fruizione sono e rimangono la priorità- replicò allora citando il caso di Vienna dove è possibile sposarsi all’Albertina e alla Kunst Haus – tutti gli introiti verranno riversati proprio sulla manutenzione e la ricerca”. Il suo profilo è stato scelto dal ministro nella terna indicata dalla commissione di concorso. Sposato e padre di due figli, Zuchtriegel succede a Massimo Osanna, che da settembre 2020 è stato nominato direttore generale dei musei gestiti dallo Stato. A Pompei ha già lavorato per alcuni mesi prima di vincere il concorso che lo ha portato a Paestum.    SPETTACOLI, MUSICA E CULTURA

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Covid, Iss: E’ allarme varianti, zone rosse per contenerle. Campania, Emilia Romagna e Molise arancioni da domenica
Alcune zone regionali come Perugia e un comune piemontese del VCO passano in rosso. Più casi tra giovani e bimbi, meno tra over 80 grazie ai vaccini. Arrivati a 3,3 milioni di immunizzati
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 febbraio 2021
10:08
AGGIORNATO ALLE
14:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nuova ordinanza del ministro della Salute, Roberto Speranza, sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia, che andrà in vigore a partire da domenica 21 febbraio. Passano in area arancione le regioni Campania, Emilia Romagna e Molise.
Contro la nuova chiusura si scagliano subito i ristoratori di Napoli: ‘Richiudere è una mazzata terribile’
LA BOZZA DEL MONITORAGGIO – “È fondamentale che la popolazione eviti tutte le occasioni di contatto con persone al di fuori del proprio nucleo abitativo che non siano strettamente necessarie e di rimanere a casa il più possibile.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Si ricorda che è obbligatorio adottare comportamenti individuali rigorosi e rispettare le misure igienico-sanitarie predisposte relative a distanziamento e uso corretto delle mascherine”, evidenzia la bozza del monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute. “In Europa c’è una circolazione del virus in tutti i Paesi. In Italia si segnala una leggera ricrescita in corso ma siamo in una posizione abbastanza favorevole rispetto all’incidenza di altri paesi, ma l’epidemia è soggetta ad ondate e quindi bisogna sempre avere grande attenzione”. Lo ha detto il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, alla conferenza stampa organizzata dal ministero della Salute sull’analisi del monitoraggio regionale della Cabina di regia. Si segnala, ha detto, una leggera ricrescita dei casi tra i più giovani, un elemento “da approfondire”. “L’andamento epidemiologico mostra un rallentamento per quanto riguarda gli over 80 e questo dimostra i primi effetti della campagna vaccinale – spiega Brusaferro in conferenza stampa – dimostrando quanto è importante la vaccinazione”.
“Sono ormai poche le regioni a rischio basso, l’incidenza a livello nazionale è in lieve aumento e l’Rt medio sfiora 1. Tutto ciò ci mostra come lo scenario apparentemente stabile è in realtà in scivolamento verso un peggioramento. Ciò richiede grande attenzione, soprattutto per la circolazione di varianti”. Lo ha detto il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, alla conferenza stampa organizzata dal ministero della Salute sull’analisi del monitoraggio regionale della Cabina di regia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Quindi, “grande prudenza e interventi ristrettivi per contenere la diffusione delle varianti”, ha aggiunto.
LA CAMPAGNA DI VACCINAZIONE -“Siamo arrivati a 3,3 mln di dosi di vaccino somministrate. Da lunedì a giovedì abbiamo incrementato dosi somministrate e ieri sono state somministrate 82mila dosi, con un incremento”. Lo ha detto il presidente del Consiglio superiore di sanità Franco Locatelli, alla conferenza stampa organizzata dal ministero della Salute sull’analisi del monitoraggio regionale della Cabina di regia. “Nella popolazione pediatrica c’è un certo incremento nel numero dei casi, ma per evitare allarmismi bisogna dire che dati disponibili nella letteratura medica ci indicano come a fronte di un incremento dei pazienti pediatrici non c’è evidenza di un peggioramento dei quadri clinici. Dati dimostrano che rispetto alla Primavera scorsa il quadro clinico dei bambini è addirittura meno severo”. “Le evidenze che abbiamo disponibili sono che somministrando la seconda dose a 12 settimana dalla prima, l’efficacia del vaccino AstraZeneca è nell’ordine dell’82% per tutte le forme di Covid-19 indipendentemente dallo loro gravità. Per le forme più gravi questa copertura è invece significativamente superiore”ha precisato. “La posizione della Commissione tecnico scientifica dell’Agenzia italiana del farmaco, in linea con il Consiglio superiore di sanità Css, è che la somministrazione del vaccino AstraZeneca ai soggetti tra 18 e 55 anni era solo legata alla consistenza numerica dei dati relativi al numero de soggetti vaccinati. Dai 55 ai 65 la casistica è più limitata ma non c’è alcuna controindicazione o ragione per non considerare anche in questa fascia di età la somministrazione del vaccino di AstraZeneca. Ciò va fermamente ribadito” ha detto il presidente del Css. E sullo Sputnik: “Il dato di efficacia al 91% per il vaccino Sputnik è importante ma non è l’unico dato, quindi ben venga il fornire tutta la documentazione possibile per permettere alle agenzie regolatorie per formulare un parere completo per l’autorizzazione all’impiego. Andrà poi fatta una riflessione in merito alla capacità produttiva ed i siti produttivi per capire la potenziale utilità di questa opzione”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
LE VARIANTI, QUELLA UK LA PIU’ AGGRESSIVA -“Dobbiamo agire molto tempestivamente e in modo aggressivo contro le varianti non ancora molto diffuse, ovvero la brasiliana e la sudafricana. Quindi all’interno delle regioni vanno fatte delle zone rosse. La Uk è più diffusa e diventerà dominante, ma dobbiamo fare di tutto per limitare le altre” ha detto il direttore della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, alla conferenza stampa organizzata dal ministero sull’analisi del monitoraggio regionale della Cabina di regia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Nella migliore delle stime è emerso che l’aumento di trasmissibilità della variante Uk è del 39% ma con un range molto vario sul territorio, ciò vuol dire che la UK si trasmette il 39% in più. Ma questa è una cosa diversa dalla prevalenza” precusa Silvio Brusaferro. ALLARME IN UMBRIA, LE VARIANTI STANNO SOSTITUENDO IL CEPPO ORIGINARIO.  “Il sistema a fasce di colore per regioni ha funzionato anche se è migliorabile. Oggi abbiamo 15.479 positivi a fronte di 297mila test eseguiti: c’è una oscillazione naturale ma la situazione sembra essere ad un livello più alto dei giorni precedenti. I decessi sono 353 e ciò conferma che la coda è molto lunga. I dati ci dicono che c’è una controtendenza verso un iniziale aumento dei casi”. Lo ha detto l’epidemiologo Gianni Rezza. Sono 2.059 le persone ricoverate in terapia intensive in Italia per il Covid-19, con un incremento di 14 unità nel saldo quotidiano tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono stati 151. Nei reparti ordinari sono ricoverate ora 17.831 persone, in calo di 132 unità rispetto a ieri.
LA CONFERENZA STAMPA:

Si confermano per la terza settimana segnali di tendenza ad un “graduale incremento nell’evoluzione epidemiologica” e si osserva un “peggioramento nel livello generale del rischio”. Ciò richiede misure di mitigazione nazionali e puntuali interventi di mitigazione/contenimento nelle aree a maggiore diffusione,  rileva la bozza. Un “nuovo rapido aumento nel numero di casi potrebbe rapidamente portare ad un sovraccarico dei servizi sanitari in quanto si inserirebbe in un contesto in cui l’incidenza di base è ancora molto elevata e sono ancora numerose le persone ricoverate per COVID-19”. “Si ribadisce, anche alla luce della conferma della circolazione di alcune varianti virali a maggiore trasmissibilità, di mantenere la drastica riduzione delle interazioni fisiche tra le persone e della mobilità”, rileva la bozza del monitoraggio.
L’Italia resta gialla e arancione con alcune zone rosse, più o meno vaste, ma stabilite a livello locale. In particolare, anche l’Umbria e la provincia autonoma di Bolzano rimangono in arancione. E’ quanto emerge dopo le ordinanze del ministro della Salute, Roberto Speranza, che hanno riguardato soltanto il passaggio in arancione di Emilia Romagna, Molise e Campania. Tuttavia i governatori dell’Umbria e di Bolzano hanno autonomamente innalzato il livello di allerta al rosso per determinate aree dei loro territori, come la provincia di Perugia.
Intanto c’è una regione, la Valle d’Aosta, che potrebbe invece essere la prima a diventare bianca, qualora venisse confermata per la terza settimana consecutiva l’incidenza di meno di 50 persone positive su 100 mila abitanti, requisito necessario per passare al livello più basso della scala cromatica.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Quello che sembra ineluttabile, invece, pare essere il passaggio in zona rossa dell’Abruzzo, che ha già messo in lockdown le province di Pescara e Chieti. Scettico il governatore, Marco Marsilio, secondo il quale l’Rt sarebbe sceso da 1.22 a 1.17. “Per questo – dice – ci attendiamo che la cabina di regia confermi la classificazione in zona arancione”. Il comune di Re, quasi 700 abitanti nella provincia del Verbano-Cusio-Ossola, diventa zona rossa. Secondo quanto si apprende, il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, firmerà nelle prossime ore l’ordinanza che sospende anche l’attività didattica nelle scuole della Val Vigezzo. L’ordinanza, sempre secondo quanto appreso, entrerà in vigore domani sera. Prorogata dalla Regione Umbria fino al 28 febbraio la cosiddetta “zona rossa rafforzata” per la provincia di Perugia e per il comune di San Venanzo, in quella di Terni. Amelia torna invece “arancione” come rimane il resto del territorio non compreso nel provvedimento più restrittivo. Lo prevede un’ordinanza di Palazzo Donini. Questa è stata decisa alla luce di un andamento dei contagi che “non presenta ancora una stabilizzazione discendente, e nella volontà di ispirare l’azione amministrativa al principio di massima precauzione, nonché per portare il periodo di osservazione almeno a 21 giorni rispetto alle misure restrittive”.
Una riunione in seduta straordinaria della Conferenza delle Regioni si terrà domani per fare il punto della situazione alla luce della diffusione delle varianti del virus e affrontare il tema della gestione della pandemia e il sistema delle regole in vista della scadenza del Dpcm il 5 marzo. L’incontro è in programma alle 17.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Investire in sanità significa garantire che eventi così catastrofici possano essere contenuti non solo in termini di vite perse, ma anche per attutire quanto più possibile l’impatto economico e sociale. Questo l’insegnamento da trarre, secondo il presidente del Consiglio superiore di Sanità, Franco Locatelli, intervistato dal Corriere della Sera sui suoi 12 mesi di lotta al covid. Locatelli racconta la nascita del Cts, riflette sui momenti più difficili ma anche su quello più bello (il 27 dicembre, il ‘vaccine-day’, spiega) e invita a ricordarsi degli ‘eroi del quotidiano’, che si sono spesi in questi mesi lontano dai riflettori.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Maturità: Azzolina, scavalcata la maggioranza
‘Ministro accoglie mia proposta, dispiace saperlo dai giornali’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
13:56
AGGIORNATO IL
20 FEBBRAIO 2021
14:10
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Giorgia Meloni parla di fotocopia in salsa Pd? Veramente il Pd voleva introdurre la prova scritta agli Esami di Stato. Il Ministro Bianchi invece sembra intenzionato giustamente ad accogliere la mia proposta, replicare lo schema dello scorso anno: un esame semplificato ma serio.
Dispiace solo apprendere la notizia dai giornali.
L’ordinanza era pronta da settimane, l’ho rinviata per rispetto istituzionale, aspettando la formazione della nuova maggioranza.
Si è invece deciso di scavalcarla”. Così l’ex ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, rispetto al fatto che il testo non è passato dalle Commissioni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:positivo presidente Provincia Vibo,quarantena Prefetto
Dopo incontro in isolamento anche sindaco, Cc, Ps e Anas
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VIBO VALENTIA
19 febbraio 2021
14:17
AGGIORNATO IL
20 FEBBRAIO 2021
14:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente della Provincia e sindaco di Stefanaconi, Salvatore Solano, è risultato positivo al Covid-19. A darne notizia lo stesso interessato sul canale Facebook del comune.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Solano ha riferito di aver appreso l’esito del tampone nella serata di ieri dopo essersi sottoposto poco prima al test.
Solano, nel pomeriggio di ieri, aveva preso parte ad un vertice in prefettura per fare il punto sulle condizioni della Statale 18 minacciata dalla presenza di un masso e da uno smottamento. Vertice al quale erano presenti numerose figure istituzionali che adesso sono tutte in quarantena: il prefetto Francesco Zito, il sindaco di Vibo Maria Limardo, il tenente dei carabinieri Luca Domizi, il segretario generale del Comune, Domenico Libero Scuglia, e ancora esponenti dell’Anas e della polizia stradale, nonché personale della Prefettura e diversi giornalisti che tuttavia, contrariamente agli altri presenti, sono rimasti in sala circa un quarto d’ora.
“Periodicamente – ha riferito Solano – mi sottopongo a tamponi rapidi per via della mia attività istituzionale, mi sono sottoposto martedì scorso ed era stato negativo; soffro di allergia ma ieri sera mi sono sottoposto ad un ulteriore test che purtroppo ha dato in serata esito positivo e mai avrei pensato una cosa del genere. Fortunatamente non ho particolari sintomi”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Maturità e terza media saranno prove orali
Pronte ordinanze, lunedì a Consiglio Pubblica Istruzione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
15:45
AGGIORNATO IL
21 FEBBRAIO 2021
14:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono pronte le ordinanze sugli Esami di Stato del primo e del secondo ciclo di Istruzione, che lunedì saranno inviate al Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione per il parere previsto prima della loro emanazione.
Le ordinanze definiscono gli Esami di giugno, tenendo conto dell’emergenza sanitaria e del suo impatto sulla vita scolastica e del Paese.
Sia per il primo che per il secondo ciclo, l’Esame si baserà su una prova orale che partirà con la discussione di un elaborato. Lo rende noto il Ministero dell’Istruzione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: per l’esame terza media si parte da un elaborato
Invalsi non requisito accesso; ammissione decisa da Consiglio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
15:52
AGGIORNATO IL
20 FEBBRAIO 2021
15:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’Esame di terza media prevede una prova orale a partire dalla discussione di un elaborato su una tematica che i Consigli di classe assegneranno, tenendo conto delle caratteristiche personali di ciascuna studentessa e di ciascuno studente, entro il prossimo 7 maggio. L’elaborato sarà trasmesso alla commissione entro il 7 giugno.
I docenti seguiranno i singoli alunni, suggerendo la forma di elaborato più idonea e accompagnandoli durante la stesura.
L’elaborato potrà essere scritto, in forma multimediale, potrà essere una produzione artistica o tecnico-pratica e coinvolgere una o più discipline. La votazione finale resta in decimi. Si potrà ottenere la lode. L’ammissione all’Esame sarà deliberata dal Consiglio di classe. La partecipazione alle prove nazionali Invalsi, che comunque si terranno, non sarà requisito di accesso. Quanto al requisito della frequenza, previsto per i tre quarti dell’orario individuale, saranno, come previsto dalla normativa, i collegi docenti a introdurre le eventuali deroghe, tenuto conto delle specifiche situazioni anche dovute all’emergenza pandemica.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Solinas, non contrario se Regioni recuperano dosi
“Dipendiamo in maniera pesante da capacità consegne Governo”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
20 febbraio 2021
12:10
AGGIORNATO ALLE
14:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Dipendiamo in maniera pesante dalla capacità del Governo di darci le dosi. Abbiamo sul territorio oltre 25 centri che possiamo incrementare.
Ognuno è in grado di fare 500 vaccini al giorno. Dipende dalla capacità dello Stato di inviarci vaccini”. Lo ha detto il governatore della Sradegna, Christian Solinas in una lunga intervista al quotidiano La Nuova Sardegna, parlando anche del piano vaccinale per l’Isola.
“Alcune regioni tentano per conto loro di trovare vaccini. Non sono pregiudizialmente contrario – ha aggiunto – Io sono perché si prenda la strada che ci porti nel tempo più rapido ad avere le dosi. Chiaramente al prezzo corretto ed evitando che ci siano mediatori pronti a speculare che non danno nessuna garanzia”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Comuni: sospeso Consiglio Polistena, nominato un Commissario
Decisione del Prefetto di Reggio C. dopo dimissioni del sindaco
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
REGGIO CALABRIA
20 febbraio 2021
12:19
AGGIORNATO ALLE
15:20
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il prefetto di Reggio Calabria, Massimo Mariani ha disposto la sospensione del Consiglio comunale di Polistena. La decisione è stata adottata a seguito delle dimissioni del sindaco Marco Policaro per gli esiti dell’operazione antimafia “Faust” nell’ambito della quale è indagato il suocero del primo cittadino di Polistena.

“Il provvedimento – è scritto in una nota della prefettura – è stato adottato nelle more del perfezionamento della procedura di scioglimento del Consiglio comunale. Con il medesimo decreto il dott. Umberto Pio Antonio Campini, viceprefetto in quiescenza, è stato nominato commissario per la provvisoria amministrazione dell’ente, con i poteri spettanti al Consiglio, alla Giunta ed al Sindaco”.
Il sindaco Policaro era stato eletto nella tornata amministrativa dello scorso mese di settembre.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccino: assessore E-R, AstraZeneca ha tagliato 5mila dosi
Donini, ‘in questo caso siamo ancora da un passo lento’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
20 febbraio 2021
12:56
AGGIORNATO ALLE
15:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono in arrivo in questi giorni AstraZeneca con un’ulteriore decurtazione, ne dovevano arrivare diverse decine di migliaia, ma c’è una decurtazione di 4-5 mila dosi. Non come le altre volte ma comunque non c’è un segno più, speriamo che dalla prossima settimana si cambi passo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lo ha detto l’assessore regionale alle Politiche Sanitarie, Raffaele Donini, all’ospedale Maggiore di Bologna in occasione della Giornata nazionale degli operatori sanitari.
La conferma del taglio arriva anche dal direttore generale dell’Ausl di Bologna, Paolo Bordon. “I vaccini arrivano ma con dei tagli, oggi abbiamo 1.000 vaccini in consegna in meno di AstraZeneca, dovevano essere 8.400 e ne arriveranno 7.400.
Febbraio è un mese sfortunato – ha detto amaramente Bordon – da questo punto di vista, confidiamo in una ripresa a marzo.
Moderna e Pfizer sembra che consegneranno regolarmente”, ha concluso il direttore dell’Ausl.
La riduzione dei vaccini Astrazeneca, significa un rallentamento della campagna vaccinale per il personale della scuola, che partirà in Emilia-Romagna lunedì con le prenotazioni. “Ci saranno i tempi tecnici per l’organizzazione ma soprattutto non ci sono tantissimi vaccini – ha spiegato ancora Donini – di AstraZeneca noi abbiamo poche decine di migliaia di dosi. Quindi per ora siamo ancora ad un passo abbastanza lento per quello che riguarda la somministrazione con questo vaccino, chiaro noi siamo pronti a vaccinare tutta la popolazione dell’Emilia-Romagna in pochissimo tempo – ha aggiunto l’assessore – perché oltre ai nostri 74 punti vaccinali in tutta la regione che potrebbero viaggiare quasi a 50mila vaccini al giorno, l’accordo con i medici di Medicina generale permetterà un ulteriore forte potenziamento. Speriamo però che arrivino i vaccini”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Razza, Draghi dia scossa all’Ue su campagna
Assessore Sicilia, macchina organizzativa rodata e organizzata
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
20 febbraio 2021
13:03
AGGIORNATO ALLE
15:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Speriamo che da parte del presidente Draghi ci sia quella scossa all’Europa che sulla campagna vaccinale è indispensabile. Vorremmo potere fare molto di più vorremmo potere riaprire immediatamente la piattaforma di registrazione e che ci fosse un numero talmente adeguato di vaccini da potere correre contro il tempo visto che la macchina organizzativa è rodata e preparata”.
Lo ha detto l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, a margine dell’avvio della campagna di vaccinazione anti Covid in Sicilia per gli over 80 nell’ospedale San Marco di Catania.
“Ad oggi, la piattaforma ha ben funzionato – ha aggiunto Razza – e sono più di 130mila le persone ultra ottantenni che hanno prenotato il loro vaccino. E’ una bella giornata perché arriva quasi all’anno esatto dall’inizio della pandemia in Italia e ci apre alla speranza in un momento molto significativo. Oggi – ha concluso l’assessore – l’anziano che si vaccinerà avrà quasi cento anni o da poco compiuti e ci sono anziani oltre i 105 anni che lo hanno prenotato”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: variante inglese, verso zona rossa in paese Sassarese
Attesa nelle prossime ore l’ordinanza del sindaco di Bono
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
SASSARI
20 febbraio 2021
13:15
AGGIORNATO ALLE
15:41
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La scoperta di un cluster di contagio della variante inglese del Covid-19 nel territorio comunale ha indotto il sindaco di Bono, Elio Mulas, a predisporre un’ordinanza che firmerà a breve per disporre il lockdown totale sino al 6 marzo. La decisione di far passare Bono in zona rossa è stata presa di concerto con le autorità sanitarie.
“Siamo in contatto con l’assessore regionale della Sanità, Mario Nieddu, e con il commissario dell’Ats, Massimo Temussi – spiega Mulas – per valutare insieme i più opportuni provvedimenti da prendere”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: proroga divieto entrata e uscita da provincia Ancona
Acquaroli, fino a 27/2. Salvo stato necessità, lavoro o salute
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
20 febbraio 2021
13:37
AGGIORNATO ALLE
15:42
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Prorogate di un’altra settimana, fino alle 24 di sabato 27 febbraio, come preannunciato ieri, le misure di mitigazione degli spostamenti in entrata e in uscita dal territorio della provincia di Ancona (stabiliti con la precedente ordinanza n.3 del 2021 e valide fino a tutta la giornata di oggi). La nuova ordinanza è stata firmata stamattina dal presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Immutata la zona gialla per i comuni compresi e la libertà di spostarsi tra gli stessi.
Non sono consentiti spostamenti in entrata e in uscita dalla Provincia di Ancona, salvi spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o da situazioni di necessità o per motivi di salute. Sono consentiti gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza nei limiti in cui la stessa è consentita. È consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione. Il transito sul territorio è consentito qualora necessario a raggiungere ulteriori territori non soggetti a restrizioni negli spostamenti o nei casi in cui gli spostamenti sono consentiti dalle norme vigenti. E occorre sempre far uso della autocertificazione riguardo alle cause giustificative dello spostamento.
“Sentiti i servizi Sanità, dopo il confronto che si è svolto ieri con il Prefetto di Ancona e i sindaci dei comuni maggiormente colpiti sul territorio provinciale anconetano” la Regione ha deciso la proroga e “continua a svolgere un continuo e costante monitoraggio e tracciamento della situazione, disponibile con i singoli Comuni a valutare specifiche misure di mitigazione della diffusione del Covid-19.
La violazione della disposizione comporta l’applicazione delle sanzioni previste dall’art. 4 del d.l. 19/2020.
“Resta sempre necessaria – ricorda la Regione – la massima cautela di tutti i cittadini nel rispetto delle norme anticontagio, a cominciare dal divieto di assembramento, dall’attenzione per le norme igieniche e l’utilizzo corretto dei dispositivi di protezione individuale”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Campobasso, scuole chiuse fino al 28/2
Ordinanza sindaco in vigore dal 22 febbraio


POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAMPOBASSO
20 febbraio 2021
15:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sospensione delle attività didattiche in presenza degli istituti scolastici di ogni ordine e grado, pubblici, parificati, paritari e degli asili nido pubblici e privati dal 22 al 28 febbraio. Lo ha stabilito il sindaco di Campobasso, Roberto Gravina, con propria ordinanza.

Il capoluogo da domani sarà in ‘Zona arancione’, come gran parte dei comuni molisani, a seguito dell’ordinanza emessa dal ministro della salute, Roberto Speranza. “È una decisione sofferta – ha detto il primo cittadino – ma è legata al principio di prevenzione e precauzione”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: variante inglese, altre 2 zone rosse nel Lazio
Restrizioni a Colleferro e Carpineto in provincia di Roma
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
20 febbraio 2021
16:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Altre due zone rosse nel Lazio per l’alta incidenza di casi di variante inglese. Le ordinanze della Regione Lazio hanno disposto le misure di massima restrizione per Colleferro e Carpineto, due comuni in provincia di Roma.
Nel Lazio la zona rossa è già stata attivata per Roccagorga in provincia di Latina.
L’ordinanza per istituire la zona rossa nei Comuni di Colleferro e Carpineto Romano è stata firmata oggi dal Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. “Per ciascuno dei Comuni si applicano le misure più restrittive di cui all’art. 3 del Dpcm 14 gennaio 2021. Le disposizioni dell’ordinanza entrano in vigore dalle ore 1:00 del 21 febbraio 2021 e verranno applicate per i successivi 14 giorni”, fa sapere in una nota la Regione Lazio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: sindaco Codogno, come meteorite sulla testa
‘Vinciamo virus in memoria di chi ha perso questa battaglia”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CODOGNO
20 febbraio 2021
16:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“E’ come se fosse caduto un meteorite sulle nostre teste”. Così Francesco Passerini, sindaco di Codogno (Lodi), ricorda i primi attimi subito dopo aver saputo che nell’ospedale della cittadina lodigiana era stato scoperto il primo paziente contagiato da coronavirus in Italia.

“All’inizio speravo anche inconsciamente che tutto fosse circoscritto – ha detto – senza poter immaginare che da quel momento sarebbe cambiato tutto. Era una situazione strana, quasi incomprensibile, ma che aveva tutte le caratteristiche per pensare a qualcosa di grave, cosa che mi ha portato a chiudere subito la mia città per tutelare la nostra comunità”.
“Adesso fortunatamente sappiamo di più sul virus e sappiamo che si può vincere e abbiamo anche un’arma in più che è il vaccino. Vogliamo vincerlo nella memoria di chi ha perso questa battaglia”, ha concluso.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
AstraZeneca taglia ancora, il piano rischia di rallentare
Speranza: il vaccino è un diritto e non un privilegio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
21 febbraio 2021
09:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ancora brutte notizie dal fronte dei vaccini. Astrazeneca ha deciso un ulteriore taglio delle sue forniture all’Italia: questa settimana saranno consegnate dosi con una decurtazione tra il 10 e il 15%, secondo quanto comunicato a varie regioni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Invece di 566 mila fiale ne vengono recapitate 506 mila. Il piano di somministrazione accumula così nuovi ritardi, proprio mentre entra nel vivo la fase che coinvolge scuola e forze dell’ordine. Ed innervosisce ancora di più le regioni impegnate a rimodulare il piano vaccinale per le dosi ancora una volta meno del previsto.

“Riguardo alle notizie emerse oggi sulle consegne del vaccino AZD1222, AstraZeneca afferma che sta lavorando per rispettare l’impegno di consegnare all’Italia 4,2 milioni di dosi nel primo trimestre, con l’obiettivo di superare i 5 milioni”. È quanto si legge in una nota dell’azienda. “Con la terza consegna che è stata effettuata venerdì, siamo contenti di aver fatto arrivare già più di 1 milione di dosi. Per le prossime settimane sono pianificate altre tre consegne per 1 milione di dosi addizionali e successivamente altre consegne per raggiungere alla fine del mese di marzo il totale previsto per il primo trimestre”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I processi di produzione dei prodotti biologici come questo vaccino “sono complessi, e una moltitudine di fattori produttivi e di test di qualità che vengono minuziosamente fatti su ogni lotto possono avere un impatto sulla data, frequenza e numero di dosi di ogni consegna”. Lo afferma AstraZeneca in merito alle notizie sul taglio di dosi all’Italia. Per questo motivo “la consegna effettuata ieri è risultata inferiore di circa il 7% rispetto alle previsioni, ma allo stesso modo – rileva l’azienda – le consegne della settimana precedente erano leggermente superiori al previsto”.

“Purtroppo lavoriamo senza nessuna riserva che ci possa dare margine per gestire la normale variabilità del processo produttivo dato che ogni dose prodotta viene immediatamente resa disponibile. Siamo in costante contatto con il Commissario Arcuri al fine di tenerlo aggiornato tempestivamente”. Lo afferma AstraZeneca in merito alle notizie circa il taglio delle dosi di vaccini all’Italia.

“AstraZeneca si è impegnata a fornire dosi esclusivamente a governi o organizzazioni governative e non vi è alcuna fornitura, vendita o distribuzione del vaccino al settore privato”. Lo afferma l’azienda precisando che “se qualcuno offre vaccini attraverso il settore privato potrebbe trattarsi di vaccini contraffatti e come tali vanno segnalati alle autorità competenti. Precisiamo di aver presentato un esposto al NAS dei Carabinieri al fine di denunciare ogni tentativo di assicurare forniture al di fuori dei canali governativi ufficiali, e di aver prontamente informato di tale esposto tutte le Autorità competenti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Lavoro comune ed intesa fra tutte le Regioni che nelle prossime ore presenteranno al governo una piattaforma di proposte in vista del prossimo Dpcm, nella convinzione che occorra un deciso cambio di passo nella campagna vaccinale e per la ripresa economica. Anche per questo abbiamo chiesto al Governo un incontro urgente”. Lo ha dichiarato il presidente Stefano Bonaccini al termine della odierna Conferenza delle Regioni.

I tagli alla fornitura di vaccini da parte delle aziende produttrici è “insostenibile” secondo il presidente della Lombardia Attilio Fontana che ha chiesto che il premier “faccia sentire’ la sua voce “autorevole” in Europa per tutelare gli interessi italiani e la campagna vaccinale delle Regioni. ” Lo stillicidio dei tagli alle forniture da parte delle aziende produttrici è molto grave! Oggi l’annuncio di Astra Zeneca che riduce del 15% la fornitura all’Italia. È una situazione insostenibile – ha sottolineato – che mette in difficoltà tutte le regioni impegnate nelle campagne vaccinali”
“Ci è stata comunicata una riduzione di 9 mila dosi del vaccino Astrazeneca per le prossime consegne e questa è una brutta notizia. Mi domando come si possano conciliare le presunte offerte di mediatori proposte ad alcune regioni su mercati paralleli per il vaccino Astrazeneca con l’acclarata riduzione? , dichiara l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Intanto la Toscana annuncia che sta pensando di produrre vaccini. “Stiamo pensando di usare i fondi europei destinati alla ricerca farmaceutica e in particolare ai vaccini per incentivarne la produzione: l’invito dunque che rivolgo alle aziende toscane è di attrezzarsi per dare seguito a questa opportunità”. Lo ha affermato Eugenio Giani, presidente della Regione Toscana.

“Ho visto – ha spiegato Giani – che nei finanziamenti europei che ci potranno arrivare con il Fesr 2021-27 noi possiamo anche poter stanziare verso la ricerca farmaceutica del vaccino risorse europee che avranno un carattere di priorità. Come Regione Toscana, più che andare a cercare a chissà quale mercato i vaccini, perché su quel versante noi ci manteniamo in armonia con lo Stato, ci vogliamo concentrare sul supportare chi si cimenta nella ricerca per la produzione di vaccini, perché i vaccini sono il vero strumento per contrastare la pandemia e per farci ritornare tutti alla normalità”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: variante inglese, lockdown in comune Sardegna
Ordinanza sindaco di Bono nel Sassarese, sarà valida sino al 6/3
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
SASSARI
20 febbraio 2021
19:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lockdown sino al 6 marzo: lo prevede l’ordinanza del sindaco di Bono, Elio Mulas, per contenere il cluster di contagi della variante inglese di Covid-19 nel centro del Sassarese. Stop ad ogni attività tranne tabaccai, giornalai, farmacie, parafarmacie e generi alimentari, che chiuderanno domenica 21 e 28 febbraio.
Vietato spostarsi se non per lavoro e studio o motivi di salute. Chiusi parchi, aree gioco, giardini pubblici e il cimitero, è consentita solo l’attività edilizia. Sospesa l’attività didattica in presenza, chiusi bar e ristoranti ma permessa la consegna a domicilio. Infine stop al commercio ambulante.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fontana: ‘Stop tagli a vaccini, Draghi si faccia sentire’
‘Bisogna garantire al più presto la stabilità delle forniture’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
20 febbraio 2021
20:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I tagli alla fornitura di vaccini da parte delle aziende produttrici è “insostenibile” secondo il presidente della Lombardia Attilio Fontana. Il governatore ha chiesto che il premier “faccia sentire” la sua voce “autorevole” in Europa per tutelare gli interessi italiani e la campagna vaccinale delle Regioni.
“Lo stillicidio dei tagli alle forniture da parte delle aziende produttrici è molto grave! Oggi l’annuncio di AstraZeneca che riduce del 15% la fornitura all’Italia. È una situazione insostenibile – ha sottolineato Fontana – che mette in difficoltà tutte le regioni impegnate nelle campagne vaccinali”. “Bisogna garantire al più presto la stabilità delle forniture perché i nostri cittadini hanno diritto di conoscere i tempi della programmazione della somministrazione dei vaccini”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I casi 14.931, le vittime 251. Folla nelle città e al mare
Nuovo balzo dei contagi in Veneto. La procura di Pescara indaga sull’esplosione di casi. Variante inglese, due zone rosse nel Lazio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
21 febbraio 2021
09:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 14.931 i test positivi al coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Venerdì i positivi erano stati 15.479.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le vittime sono invece 251, venerdì erano state 353. Sono stati 306.78 i test (molecolari e antigenici) effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Venerdì i test erano stati 297.128. Il tasso di positività è del 4,8%, venerdì era stato del 5,2% (quindi c’è un calo dello 0,4% in 24 ore).  Sono 2.063 le persone ricoverate in terapia intensive in Italia per il Covid-19, con un aumento di 4 unità nel saldo quotidiano tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono stati 137. Nei reparti ordinari sono ricoverate ora 17.725 persone, in calo di 106 unità rispetto a venerdì.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Era rientrato da poco dall’Umbria l’abruzzese risultato positivo alla variante brasiliana del coronavirus, morto nei giorni scorsi all’ospedale di Chieti. L’uomo, 67 anni, era tornato nella sua abitazione di Francavilla al Mare (Chieti) dopo un periodo in una struttura riabilitativa fuori regione. Una volta a casa, aveva subito manifestato i sintomi del Covid-19 ed era risultato positivo al tampone. Ricoverato nel reparto di Medicina Covid, l’uomo, che aveva altre patologie, è morto poco dopo. Ieri è stato accertato che si trattava della variante brasiliana. I familiari sono in isolamento domiciliare sotto costante monitoraggio.

Folla nel pomeriggio al centro di Roma. Chiusure momentanee da parte della polizia locale sono scattate su via del Corso e strade limitrofe per far defluire le persone. Rafforzata da stamattina la vigilanza da parte delle pattuglie polizia locale in varie zone della Capitale, anche con presidi fissi, soprattutto nelle aree a maggior interesse commerciale e sul lungomare di Ostia. Molti i giovani che nel pomeriggio si sono radunati al Pincio.
Transenne contro la troppa folla a Napoli – A causa del progressivo aumento di persone sul lungomare di Napoli è stato transennato il marciapiede che da piazza Vittoria va verso Santa Lucia. In particolare viene interdetto l’accesso consentendo solo l’uscita di chi si trova già all’interno dell’area che comprende i locali del lungomare. La misura – concordata in occasione di un tavolo tenuto nei giorni scorsi in Prefettura – serve ad evitare assembramenti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Pescara indaga sulla crescita esponenziale di contagi registrata nelle ultime settimane nel capoluogo adriatico e nell’area metropolitana. I Carabinieri del Nas sono stati in Regione, a Pescara e all’Aquila, alla Asl e in ospedale. Acquisiti i verbali delle riunioni delle unità di di crisi, gli atti relativi all’emergenza e i dati sui contagi. Il reato ipotizzato è omissione di atti d’ufficio.
Brusco ritorno ad un alto numero di contagi giornalieri in Veneto, che registra 1.244 casi di positività al Covid in 24 ore. Era da diverse settimane che non accadeva. Il report della Regione segnala anche 18 vittime in più rispetto a ieri. Scende il dato dei ricoveri ospedalieri; resta stabile il numero dei pazienti in terapia intensiva, 133.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Altre due zone rosse nel Lazio per l’alta incidenza di casi di variante inglese. Le ordinanze della Regione Lazio hanno disposto le misure di massima restrizione per Colleferro e Carpineto, due comuni in provincia di Roma. Nel Lazio la zona rossa è già stata attivata per Roccagorga in provincia di Latina.
L’85% dei casi diagnosticati in Italia da inizio pandemia sono stati diagnosticati in 10 regioni: Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Campania, Piemonte, Lazio, Sicilia, Toscana, Puglia e Liguria. Otto regioni (Friuli-Venezia Giulia, Marche, Abruzzo, PA Bolzano, Umbria, Sardegna, Calabria e PA Trento) hanno riportato tra 30.000 e 70.000 casi; tre regioni/PA (Basilicata, Valle d’Aosta e Molise) hanno riportato meno di 15.000 casi ciascuna. Lo certifica il ‘report esteso’ pubblicato dall’Iss.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le Regioni chiedono al governo un cambio di passo sui vaccini e sulla ripresa
Contrarietà di Toti alla proposta di Bonaccini: ‘Istituire zona gialla nazionale’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
21 febbraio 2021
10:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un cambio di passo sulle norme che determinano i colori delle Regioni, per evitare i continui cambi, che leghi le decisioni a parametri più oggettivi e anche alla possibilità di indenizzi immediati alle singole categorie. Il tutto però senza abbassare la guardia perché le varianti corrono e impongono strette mirate ed immediate.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le Regioni chiedono questo al nuovo governo: vogliono una diga ai contagi, ma anche misure che tengano conto dell’oggettiva realtà dei casi sul territorio e delle sofferenze economiche. Per questo, come ha sottolineato il presidente della conferenza della Regioni, Stefano Bonaccini, “è necessario che i provvedimenti restrittivi regionali siano adottati con l’intesa del ministro della Salute”. Ma sulla possibilità di una Italia tutta arancione, ovvero di restrizioni omogenee per l’intero territorio nazionale, si registrano dissensi.

Sulla proposta avanzata venerdì dal presidente Stefano Bonaccini concordano la Toscana, la Campania, la Lombardia, ma il vicepresidente della Conferenza Giovanni Toti, governatore ligure, ha espresso la sua contrarietà. “Il paese si aspetta di ripartire”, ha detto. E ha proposto una zona gialla nazionale. Le Regioni vogliono un “deciso cambio di passo nella campagna vaccinale e per la ripresa economica”. E il presidente della conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini sottolinea: “Occorre che le misure siano conosciute con congruo anticipo e tempestività dai cittadini e dalle imprese”. L’altra richiesta è che “per i provvedimenti che introducono restrizioni particolari per singoli territori si attivino anche contestualmente gli indennizzi per le categorie coinvolte”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Davanti ad un’ipotetica Italia tutta arancio ha tuonato anche il leader della Lega Matteo Salvini. “Basta con gli annunci, gli allarmi e le paure preventive”, ha scritto su Facebook stigmatizzando “lockdown ingiustificati e generalizzati”.
Una delle prime decisioni che dovrà prendere il governo sarà quella sullo stop della mobilità tra Regioni col decreto che scade il 25 febbraio: l’intenzione, visti i dati, è quella di prorogare il blocco almeno fino la 5 marzo quando scade il dpcm attuale che norma le misure anti Covid. Misure che qualcuno vorrebbe alleggerire: il Campidoglio per voce del neoassessore al Commercio Andrea Coia porterà al tavolo del prefetto di Roma e poi del governo la richiesta di consentire la ristorazione anche serale in fascia gialla.
Intanto si registrano assembramenti che, alla vigilia di tre nuove regioni arancio (Campania, Emilia-Romagna e Molise che si aggiungono a Abruzzo, Liguria, Toscana, Umbria, Trento e Bolzano) e complice il bel tempo, anche in questo sabato si sono registrati ovunque.
Scene di folla, strade chiuse, transenne. Nonostante l’appello dell’Iss di ieri: ‘state a casa’.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: ipotesi fino al 30 giugno solo per le elementari
Per permettere di recuperare la socialità ai più piccoli
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 febbraio 2021
17:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tra le ipotesi che circolano, soprattutto per far recuperare la socialità ai più piccoli -necessità sottolineata in più occasioni dal ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi – c’è quella di tenere aperte le scuole elementari per tutto il mese di giugno. Per quanto riguarda le medie e le superiori, la conferma degli esami in presenza per tutti, con la maturità che partirà il 16 giugno, sembra di fatto escludere l’ipotesi di un allungamento del calendario, anche se una decisione ufficialmente non è stata presa.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo premier Libia a Draghi, ‘collaboriamo’ su migranti
Dbeibah, sfida comune, economia è opportunità
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
IL CAIRO
21 febbraio 2021
10:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il nuovo premier designato libico Abdul Hamid Dbeibah, nel felicitarsi per il varo del governo di Mario Draghi, ha auspicato uno sviluppo delle relazioni con l’Italia specialmente nella gestione delle migrazioni e nell’economia. “Aspiriamo a sviluppare la nostra relazione privilegiata con la vicina Italia, con la quale condividiamo molte sfide, tra cui in particolare la gestione e organizzazione della migrazione”, ha scritto su twitter.
Con l’Italia “abbiamo molte opportunità di integrazione economica”.

“Ci felicitiamo con Draghi per aver preso il posto di capo del Governo. Gli auguriamo successo nella sua missione”, ha scritto ancora su twitter primo ministro incaricato di formare il nuovo esecutivo di Tripoli. Assieme a un tripartito Consiglio presidenziale, il premier è stato eletto il 5 febbraio scorso dal Forum di dialogo politico libico promosso dall’Onu per dare un governo transitorio alla Libia con cui portare il Paese alle elezioni in dicembre. Dbeibah, quando otterrà la fiducia del disintegrato parlamento libico o almeno del Forum di dialogo politico, prenderà il posto del dimissionario Fayez al-Sarraj finora capo del Governo di accordo nazionale.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Bonomi, pronti ad aprire le fabbriche per le vaccinazioni
Draghi è la discontinuità.Lavoro,serve ammortizzatore universale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
21 febbraio 2021
09:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pronti ad aprire le fabbriche per le vaccinazioni dei lavoratori e dei loro familiari. Così il presidente di Confindustria Carlo Bonomi in un’intervista in apertura di prima pagina su la Repubblica, dove parla anche della sua fiducia verso Mario Draghi e spiega che sullo sblocco dei licenziamenti si deve tornare alla normalità, riformando gli ammortizzatori sociali.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Siamo d’accordo con l’impostazione del presidente Draghi di coinvolgere i privati nel piano vaccinale – osserva Bonomi – i dipendenti delle aziende aderenti a Confindustria sono circa 5,5 milioni, se consideriamo una media di 2,3 componenti per nucleo familiare potremmo vaccinare più di 12 milioni di persone. Siamo disposti a mettere le fabbriche a disposizione delle comunità territoriali nell’ambito del piano nazionale delle vaccinazioni.
Abbiamo già inviato una nostra proposta operativa a Palazzo Chigi”.
“Sono certo che il presidente Draghi ascolterà le imprese”, dice, aggiungendo che devono essere ascoltate insieme con “i sindacati per trovare soluzioni rapide ed efficaci. Con Conte non c’è stato poco dialogo. Non c’è proprio stato”.
“Nel discorso programmatico ho ritrovato cose che Confindustria dice da tempo – rileva Bonomi – due esempi: che non possiamo scaricare sui giovani l’incremento del debito pubblico; che una riforma del fisco non si può fare a colpi di bonus bensì in maniera organica. La discontinuità è Draghi”.
Sul blocco dei licenziamenti: “Basta proroghe a ripetizione. La discussione non è licenziare sì o no. Il tema vero è come riformare le tutele per il lavoro sapendo che la pandemia ha accelerato la trasformazione dei processi produttivi. Il lavoro non si difende dov’era e com’era. Il punto è aumentare l’occupabilità delle persone, cioè la loro capacità di essere richiesti dal mercato. Siamo favorevoli ad una proroga selettiva. Sbloccare i licenziamenti non vuol dire affatto che ci sarà la corsa a licenziare”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La proposta di Confindustria punta a “introdurre un ammortizzatore universale, valido per tutti i lavoratori e per tutti i settori; favorevoli a rafforzare l’assegno di ricollocazione” e a “avviare politiche attive per il lavoro”. Poi rileva: “un’azienda come l’Alitalia non può essere perennemente sostenuta. Diverso è il caso dell’Ilva perché la produzione di acciaio è strategica per molte filiere produttive nazionali”.
Sul fisco, avverte Bonomi, “l’Irap va tolta: è una tassa inopportuna, inadeguata e anche folle”.   ECONOMIA

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Vaccini: taglio Astrazeneca circa 15% su dosi in consegna
Zingaretti, fatto gravissimo. Se ne parla in Conferenza Regioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 febbraio 2021
18:12
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il taglio nazionale, comunicato a varie regioni, sulle dosi in consegna questa settimana del vaccino Astrazeneca, si aggirerebbe sul 15%. Il taglio dei vaccini, comunicato in queste ore alle Regioni, è oggetto anche della Conferenza delle Regioni di oggi.

Alla Regione Lazio è stata comunicata una riduzione di 9 mila dosi del vaccino Astrazeneca per le prossime consegne. In Emilia Romagna, fanno sapere dalla Regione, “ne dovevano arrivare diverse decine di migliaia, ma c’è una decurtazione di 4-5 mila dosi”. “Gravissima la riduzione improvvisa della consegna di vaccini #Astrazeneca. Noi ce la stiamo mettendo tutta ma con questa incertezza è tutto più difficile. L’Italia tuteli gli interessi nazionali e le programmazioni delle Regioni, intanto prepariamoci alla produzione di vaccini validati da Ema e Aifa da parte delle nostre aziende”, scrive su Fb il segretario del Pd e governatore del Lazio Nicola Zingaretti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio, rientrati tutti i marittimi bloccati in Cina
‘Erano fermi in Cina da oltre un anno’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 febbraio 2021
15:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“I 13 marittimi italiani bloccati in Cina sono rientrati in Italia”. Lo ha annunciato il ministro degli Esteri Luigi Di Maio su Fb, ricordando che erano “fermi in Cina da oltre un anno”.

Di Maio ha aggiunto che “a dicembre, grazie all’impegno del nostro corpo diplomatico, eravamo riusciti a ottenere tutte le autorizzazioni per permettergli di ritornare a casa. Risultato ottenuto anche grazie al lavoro della nostra Ambasciata a Pechino”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Turismo: Garavaglia,lunedì vorrei firmare protocollo Regioni
A Sky Tg24, vaccinare tutti, chi fa prima è in vantaggio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
21 febbraio 2021
12:21
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La prima cosa che vorrei fare lunedì è firmare con le Regioni un protocollo che faccia vedere che si lavora tutti insieme, in squadra, per promuovere l’Italia nel mondo”. Lo ha detto in un’intervista a Sky TG24 il ministro del Turismo Massimo Garavaglia che ha aggiunto “Sulle zone rosse deciderà chi di dovere, l’importante è fare quello che è giusto fare in modo serio e organizzato, pianificando per tempo”.

Per far ripartire il turismo italiano, “bisogna fare una cosa: fornire i vaccini a tutti perché il mercato è molto competitivo.
Chi chiude prima il percorso della vaccinazione ha un vantaggio.
L’Europa deve vincere insieme”.

L’Italia ha perso quote di mercato nel turismo negli ultimi 10 anni, “crescendo del 4,5%, mentre i nostri competitor del 6,5%. Quindi quello che dobbiamo fare è recuperarle – ha detto il neo ministro del Turismo – è evidente che quello che è successo è molto più grave di quello che ci si aspettava. Il premier Draghi ha detto una cosa fondamentale e cioè che l’industria del turismo sarà la prima a ripartire. Parleremo con il Premier e i colleghi: le risorse – ha concluso – vanno trovate all’interno del budget di 32 miliardi”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Zingaretti, gravissimo taglio dosi Astrazeneca
Italia tuteli interesse nazionale e programmazione Regioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 febbraio 2021
18:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Gravissima la riduzione improvvisa della consegna di vaccini #Astrazeneca. Noi ce la stiamo mettendo tutta ma con questa incertezza è tutto più difficile.

L’Italia tuteli gli interessi nazionali e le programmazioni delle Regioni, intanto prepariamoci alla produzione di vaccini validati da Ema e Aifa da parte delle nostre aziende”. Lo scrive su Fb il segretario del Pd e governatore del Lazio Nicola Zingaretti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dalla Cig covid al blocco sfratti, le novità del Milleproroghe
Si rafforza struttura Mef per Recovery
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
21 febbraio 2021
08:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le commissioni Affari costituzionali e Bilancio della Camera hanno votato il mandato ai relatori Giuseppe Brescia e Fabio Melilli di riferire favorevolmente in Aula sul decreto Milleproroghe. Il testo è atteso in assemblea lunedì per l’ok in prima lettura, poi dovrà passare al Senato.

Ci sarà tempo fino a fine marzo per presentare le domande per la Cig Covid: le commissioni Affari costituzionali e Bilancio della Camera ha approvato un emendamento al decreto Milleproroghe che sposta al 31 marzo “i termini di decadenza per l’invio delle domande di integrazione salariale collegati all’emergenza Covid e i termini per la trasmissione dei dati necessari per il pagamento o per il saldo degli stessi comunque scaduti entro il 31 dicembre 2020”.

Si rafforza la struttura del Mef che sarà chiamata ad attuare il recovery Plan: le commissioni Affari costituzionali e Bilancio della Camera hanno riformulato e approvato un emendamento a firma Dieni (M5S), che sblocca anche una serie di assunzioni per Tar, Consiglio di Stato, Avvocatura, giustizia amministrativa.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Per il Mef le assunzioni ad hoc per il Recovery passano da 20 a 30, si introducono criteri più stringenti per il concorso e si prevede anche la possibilità di chiamare fino a 10 dipendenti delle altre amministrazioni per l’apposita unità di missione creata alla Ragioneria generale dello Stato.

Arrivano sei mesi in più per utilizzare il bonus vacanze: le commissioni Affari costituzionali e Bilancio della Camera hanno approvato l’emendamento a firma Bonomo (Pd) al decreto Milleproroghe che sposta la scadenza per ‘spendere’ il bonus dal 30 giugno al 31 dicembre di quest’anno.

Si amplia la platea dei precari della pubblica amministrazione coinvolti dalle procedure di stabilizzazione: le commissioni Affari costituzionali e Bilancio della Camera hanno riformulato e approvato una proposta di vari gruppi per dare un anno in più ai precari della P.a. per maturare i requisiti, anche per partecipare ai concorsi con posti riservati a loro al 50%. Si prevede infatti che i tre anni di contratto, anche non continuativi negli ultimi 8 vadano maturati non entro il 31 dicembre 2020 ma entro il 31 dicembre 2021.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Niente modifiche sugli sfratti con il decreto Milleproroghe: nel corso della seduta delle commissioni Affari Costituzionali e Bilancio della Camera il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà ha spiegato che c’è stata “una riunione informale con le forze politiche” e che l’orientamento è di “rinviare” il tema e affrontarlo con più tempo a disposizione. Per ora quindi si lavorerà a un “ordine del giorno da costruire insieme” e nei prossimi giorni si cercherà una soluzione condivisa da attuare “in un prossimo provvedimento”.

Più tempo agli studenti universitari per finire gli esami e laurearsi in corso nonostante gli stop imposti dall’emergenza Covid: le commissioni Affari Costituzionali e Bilancio hanno approvato emendamenti a firma Fusacchia e Fratoianni, riformulati, che spostano l’ultima sessione utile dell’anno accademico 2019/2020 al 15 giugno 2021.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo rinvio della fine del mercato tutelato dell’energia: le commissioni Affari costituzionali e Bilancio della Camera hanno approvato un emendamento che mantiene il mercato di maggior tutela per un altro anno. Il passaggio al mercato libero scatterà quindi dal 1 gennaio 2023.

I Comuni avranno più tempo per fare le loro osservazioni sulla mappa delle aree utilizzabili per il deposito delle scorie nucleari: le commissioni Affari costituzionali e Bilancio della Camera hanno approvato un emendamento a firma Fornaro che dà 180 giorni, anziché 60, per la consultazione avviata dopo la pubblicazione della carta Cnapi, la Carta Nazionale delle Aree Potenzialmente Idonee a ospitare il Deposito Nazionale e Parco Tecnologico. Il seminario nazionale, propedeutico all’adozione della nuova carta, si svolgerà invece dopo 240 giorni, anziché dopo 120.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mini-proroga del blocco delle nuove concessioni per le trivelle: le commissioni Affari costituzionali e bilancio della Camera hanno approvato un emendamento al decreto Milleproroghe a firma Muroni, riformulato, che sposta al 30 settembre il termine per l’approvazione del nuovo Piano per la transizione energetica sostenibile delle aree idonee (Pitesai) cui si lega la sospensione dei procedimenti autorizzativi. L’intesa, ha sottolineato Stefania Prestigiacomo, è stata trovata grazie “al confronto con tutti i gruppi del ministro Cingolani. Auspico che questa sia la modalità per il futuro per dirimere i contrasti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non è stato approvato” l’emendamento Pd al decreto Milleproroghe sulla sperimentazione animale, “come precedentemente comunicato con una nostra nota inviata erroneamente” ma un emendamento che “prevede una proroga” per “assicurare la transizione più efficace dall’attuale assetto dell’ospedale ISMETT alla sua integrazione con il Centro di ricerca” della Fondazione Ri.MED in costruzione a Carini”. Lo precisa il Pd in una nota. “Si realizzerà così nei prossimi anni un cluster di ricerca e cura” anche per “corrispondere con flessibilità ed efficacia alle emergenze” legate a “diffusione pandemica di malattie infettive”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5S: Collegio probiviri apre procedura d’espulsione
Sanzioni a chi in ritardo con rendiconti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 febbraio 2021
20:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il Collegio dei Probiviri, convocato nella riunione odierna, ha deciso a maggioranza dei suoi componenti di applicare quanto automaticamente previsto dallo Statuto in caso di espulsione dal gruppo parlamentare e procederà già da oggi con l’apertura dei procedimenti nei confronti dei parlamentari a cui è stata comunicata l’espulsione, da parte dei capigruppo di Camera e Senato, in seguito al voto di fiducia sul governo degli scorsi giorni”. Lo comunica il Collegio dei Probiviri. “Contestualmente” all’apertura delle procedure di espulsioni “inizierà una fase di attenta verifica su tutti i portavoce non in regola con le rendicontazioni, procedendo fin da oggi con le prime aperture di procedimento per i più ritardatari”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non sto capitanando correnti, scissioni, formando partiti. Sto provando da fuori a portare avanti determinate battaglie Se fossi stato un parlamentare avrei votato no”. Lo ha detto Alessandro Di Battista in una diretta Instagram.  “Come è possibile avallare un governo con Fi? Non vi vado bene adesso? Amen, allora” quando leggeva le sentenza sui rapporti fra Dell’Utri e la mafia “andavo bene, oggi no? È il M5s che non la pensa più come me, non io che non al penso più come il M5s. Non farò scissioni né correnti. Qualcuno dice che ho il simbolo di Italia dei Valori, ma quando mai? Chi lo dice è un avvelenatore di pozzi. Sono uscito dal M5s senza sbattere la porta”.

Caos espulsi 5S, pontieri in campo ma Crimi non cede – Non ci sono più certezze nel Movimento 5 Stelle dell’era Mario Draghi. La scure dei vertici sui dissidenti del Senato e della Camera alimenta un nuovo caos, che va ad incunearsi nel cuore del Movimento, il collegio dei Probiviri. Dove uno dei membri, Raffaela Andreaola, chiede di fatto che la procedura di espulsione nei confronti dei parlamentari dissidenti sia fermata fino all’elezione della nuova governance. Ma i vertici tirano dritto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ventuno deputati, nel pomeriggio, sono espulsi dal gruppo del Movimento. “Basta tensione, il M5S evolve e cresce, guardiamo ai cittadini”, è la chiusura di Vito Crimi. Ma la voce del capo politico, nonostante il Garante Beppe Grillo sia sulla stessa linea, stavolta non basta. E la guerra fratricida divampa nel Movimento, con Alessandro Di Battista pronto a tornare in trincea, nel pomeriggio di sabato, con un Instagram Live. “Sono passati 920 giorni dalla Strage di Genova. I parenti delle vittime del crollo del Ponte Morandi aspettano la revoca delle concessioni da 920 giorni. Qualcuno ha ascoltato il Presidente Draghi parlare della questione? No!”, attacca in mattinata l’ex deputato preparando la strada di un’opposizione totale all’esecutivo Draghi, attraverso la quale il “Dibba” non vuole lasciare il palco solo alla leader di Fdi Giorgia Meloni. Il rebus, tuttavia, è dove si andrà a collocare, a livello di partito e simbolo, l’opposizione di Di Battista. Visto che, ancora in queste ore, c’è chi scommette che alla fine l’uomo della piazza tornerà nel M5S al momento giusto. Magari proprio per prendersi il Movimento. Chi si sta organizzando, invece, sono gli ortodossi espulsi al Senato e alla Camera. I numeri ci sono, il simbolo potrebbe esserci presto. “Il simbolo Idv in Senato può far costituire un Gruppo formato da almeno 10 senatori”, scrive su Fb Elio Lannutti, già legato all’Idv prima del suo ingresso nel M5S. Sul simbolo, tra l’altro, ci sarebbe anche la disponibilità del segretario Ignazio Messina. “E quindi i dissidenti si prendono il simbolo dell’Idv? Contenti loro…”, ironizza una fonte di primo piano del Movimento. Alla Camera non è necessario che il simbolo sia stato presentato alle ultime elezioni. Alcuni rumors prevedono che per il neo-gruppo, possano essere riportati in auge nome e simbolo di Alternativa Libera, che nella scorsa legislatura radunò diversi fuoriusciti. Non tutti, però, sono convinti dalla formazione dei nuovi gruppi. Giovanni Russo, alla Camera, è dato vicino a Fdi. Al Senato i “big” Barbara Lezzi e Nicola Morra non hanno ancora sciolto la riserva. Intanto, c’è chi nel Movimento prova a recuperare i dissidenti, facendo da pontiere tra i vertici e gli ortodossi. “Ricordo che tanti colleghi che hanno votato in dissenso sono parte fondamentale del Movimento, oltre che amici fraterni e compagni di tante battaglie. Serve unità adesso”, sottolinea la vice presidente Paola Taverna, tra i sì più “sofferti” al governo Draghi. Mentre, tra gli espulsi, in tanti – da Michele Sodano a Matteo Mantero – puntano il dito contro Crimi: “la scelta dell’espulsione non spetta a lui, ci aveva già minacciato”. E la guerra interna al M5S si incrocia pericolosamente con l’elezione del nuovo Comitato a 5 membri. Al momento, ufficiosamente, gli unici due che hanno ventilato la candidatura sono, per paradosso, due espulsi: Morra e Lezzi. Di Battista, che formalmente non è fuori dal Movimento, in teoria potrebbe candidarsi. Nell’ala governista, invece, regna l’incertezza. Alfonso Bonafede si sfila, Luigi Di Maio non ha ancora fatto la sua prima mossa, la corrente “Parole Guerriere” si è anche spaccata sul sì a Draghi. La confusione regna, l’insofferenza cresce. “Io con questo tafazzismo non ci sto, facciamo il gioco di chi vuole spaccarci”, protesta Fabio Massimo Castaldo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
‘Vacca e scrofa’, docente insulta Meloni. Poi le scuse
La leader di FdI: ‘Ringrazio Mattarella per la telefonata di solidarietà’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
21 febbraio 2021
09:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ringrazio il Presidente Mattarella che mi ha telefonato per esprimermi personalmente la sua solidarietà in seguito agli insulti osceni ricevuti oggi. E’ un gesto che ho apprezzato molto, e che ribadisce con fermezza il limite invalicabile, in una democrazia, tra critica e violenza”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lo scrive in un tweet Giorgia Meloni. In un tweet, il portavoce del presidente della Repubblica, Giovanni Grasso, dal suo account personale e rilanciando le parole di Meloni, sottolinea: “Gli auguri di morte a Liliana Segre che si vaccina. Ora questo qui contro l’on. Meloni. Contro le donne è sempre più facile… Non sarebbe ora di smetterla?”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Prima gli insulti, poi le scuse.
“‘Vacca’ e ‘scrofa’: siamo increduli che nel 2021 ci si possa esprimere ancora così pubblicamente. Ancora di più che a farlo sia un professore, Giovanni Gozzini, che intervenendo all’emittente Controradio ha insultato e denigrato pesantemente la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni”. Così in una nota il deputato di Fdi Giovanni Donzelli, in relazione a quanto accaduto nel corso della trasmissione ‘Bene bene male male’ del 19 febbraio, mentre Gozzini, storico e docente all’Università di Siena, commentava l’intervento alla Camera di Meloni per la fiducia al nuovo governo.
“Come al solito – sostiene Donzelli – gli intellettuali di sinistra predicano bene e razzolano male, dimostrandosi buoni a cavalcare le battaglie in difesa delle donne solo a corrente alternata. Chiediamo che l’Università di Siena sospenda il professor Gozzini”:

“Per il fatto di aver usato delle parole sbagliate durante la trasmissione sono a porgere le mie scuse a tutti quanti, a Giorgia Meloni per prima e a tutte le persone che si sono sentite offese”. Così in una nota Giovanni Gozzini, storico e docente all’Università di Siena, in merito a quanto dichiarato, durante la trasmissione ‘Bene bene Male male’ andata in onda venerdì su Controradio, mentre commentava l’intervento alla Camera di Meloni per la fiducia al nuovo governo. “Presento le mie scuse per il linguaggio usato durante la trasmissione – si legge nella nota diffusa da Gozzini -. Non è mio costume, né come ospite storico della trasmissione di Controradio né in altra sede promuovere un linguaggio che non sia più che rispettoso nei confronti di tutti”.

“Condanno con decisione le offese sgradevoli rivolte dal professor Gozzini all’on.Giorgia Meloni”. Lo ha detto il rettore dell’Università di Siena Francesco Frati in merito a quanto dichiarato, con riferimento alla leader di Fratelli d’Italia, da Giovanni Gozzini, storico e docente dell’Ateneo senese, durante una trasmissione radiofonica ieri. Sulla possibilità che possano essere presi provvedimenti il rettore ha aggiunto: “Ci sono organi competenti che valuteranno”.

“Solidarietà a Giorgia Meloni oggetto di una inaccettabile violenza verbale”. Lo afferma la presidente della Camera Elisabetta Alberti Casellati in un tweet postato in segno di solidarietà per Giorgia Meloni fatta oggetto ieri di insulti sessisti.

“Gli insulti rivolti a Giorgia Meloni sono intollerabili e inaccettabili. Un linguaggio brutale come quello usato per attaccare la presidente di Fratelli d’Italia va respinto al mittente. A lei va la mia solidarietà”. Lo afferma il presidente della Camera Roberto Fico.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Esprimo la mia solidarietà a Giorgia Meloni per gli incredibili e inqualificabili insulti ricevuti, ancora più gravi perché venuti da un docente universitario. Fermiamo questo odio e queste vergogne quotidiane. Oggi contro una donna, leader politica, ieri a Trieste contro una persona omosessuale vittima di aggressione, l’altro ieri contro Liliana Segre. Basta”. Così il deputato e Tesoriere del Pd Walter Verini.

“Solidarietà all’amica Giorgia Meloni per gli squallidi insulti ricevuti. Parliamo tanto di cambiare questo Paese, iniziamo riportando il dibattito su toni civili, dentro e fuori dalla politica”, Così scrive il Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti sulla sua pagina Facebook.

“Che un professore universitario possa liberamente offendere e pesantemente insultare un politico italiano, leader di partito nonché donna, perché evidentemente non ha idee ne’ argomenti, merita una seria riflessione e una ancor più rapida azione. Si può dissentire dalle opinioni, ma la volgarità e la derisione sono scorciatoie indecenti ancor più se usate da un uomo verso una donna. La mia solidarietà a Giorgia Meloni. Chi insulta lei, insulta tutte noi”. Lo dichiara Anna Maria Bernini, presidente dei senatori di Forza Italia.

“Trasformare il dissenso politico in sessismo, è quello che accade sempre quando si vuole attaccare un politico donna. Non mi rassegnerò mai a questa volgarità e a questo modo di offendere e denigrare “l’avversario”. La mia solidarietà a @GiorgiaMeloni”. Lo scrive, in un tweet, Laura Castelli.

“Sono inaccettabili i gravissimi insulti che Gozzini ha rivolto a Giorgia Meloni. Sono sempre sinonimo di inciviltà e incapacità di accettare che gli altri abbiano idee diverse. Quando però arrivano da un professore universitario, che deve formare giovani, non possiamo tacere e tollerare. Il docente dell’università di Siena dovrà rispondere di quanto ha affermato oggi in ogni sede. È evidente che il clima di violenza, per ora verbale, contro il leader dell’opposizione richiama tempi e metodi oscuri. Piena solidarietà e massimo appoggio al nostro Presidente, colpevole solo di coerenza e lealtà. Attendiamo dalla sinistra ferma condanna nei confronti di queste ignobili parole e un immediato intervento della Ministra Messa “. Lo dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera, Francesco Lollobrigida.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Torino: Appendino al cantiere ex Moi, quasi non sembra vero
Al via lavori progetto Social Housing, chiudiamo ferita aperta
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
21 febbraio 2021
12:46
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“A me quasi non sembra vero”. A dirlo la sindaca di Torino Chiara Appendino, in visita questa mattina all’ex Moi dove sono in corso i lavori per la realizzazione di un progetto di Social Housing.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Avevamo detto fin dall’inizio del nostro mandato – sottolinea la sindaca in un video condiviso sulla sua pagina Facebook – che risolvere questa situazione era una nostra priorità. Un luogo abbandonato a se stesso per anni dove si era alimentata una situazione di degrado e disagio, tanto per gli occupanti quanto per i residenti del quartiere, che non poteva più essere tollerata. E lo abbiamo fatto un anno prima del previsto”.
“Le quattro palazzine sono state liberate – ricorda Appendino – costruendo un percorso, anche con chi le aveva occupate, di diritti e doveri. In questi mesi è partito il cantiere e a breve partirà la seconda fase, quella di ricostruzione”, aggiunge la sindaca ricordando che “qui ci sarà un polo attrattivo in particolare per giovani e universitari che si inserirà in un’area che sta cambiando molto. Un’area di Torino – conclude – che cambierà volto e in cui verrà restituita dignità anche a questo spazio. Da qui risorge un quartiere e si chiude definitivamente una ferita aperta di Torino”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: al via in Piemonte la campagna over 80
Prime inoculazioni. Obiettivo 80 mila inoculazioni entro il mese
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
21 febbraio 2021
12:49
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Prende il via oggi, in Piemonte, la campagna di vaccinazione degli over 80. L’obiettivo della Regione, che venerdì ha iniziato a somministrare le dosi al personale scolastico, universitario e della formazione professionale, è quello di vaccinare più di 80 mila persone entro fine mese.

Tutte le aziende sanitarie, ha spiegato nelle scorse ore l’assessore alla Sanità della Regione Piemonte, Luigi Genesio Icardi, potenzieranno ulteriormente le forze sia con personale proprio, che con prestazioni aggiuntive e anche con convenzionamenti con soggetti esterni. A dare supporto ci saranno anche le aziende ospedaliere, che ormai hanno quasi terminato di immunizzare il personale del sistema sanitario.
“Tutti insieme dobbiamo fare squadra per raggiungere l’obiettivo di vaccinare, nel più breve tempo possibile, il maggior numero di persone”, ha sottolineato Icardi, auspicando anche un incremento delle dosi consegnate alle regioni dopo l’ennesimo taglio annunciato dalla struttura del commissario Arcuri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: morto 78enne padre ex presidente Marche Ceriscioli
Ex governatore dimesso ieri a Pesaro. Famiglia,grazie a sanitari
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PESARO
21 febbraio 2021
12:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Morto in ospedale a Pesaro, a 78 anni, Massimo Ceriscioli, padre dell’ex presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, ricoverato per Covid-19 ma già alle prese con gravi problemi polmonari acuiti dal coronavirus. Il decesso, avvenuto nella notte, è arrivato proprio dopo le dimissioni, ieri, del figlio Luca dall’ospedale, dove era stato anche lui ricoverato a metà febbraio dopo essere stato contagiato in famiglia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In miglioramento, dunque, le condizioni dell’ex governatore, sempre sotto controllo e senza problemi respiratori, che era assistito al San Salvatore dopo una febbre costante che lo aveva colpito per oltre una settimana a causa del contagio.
La famiglia di Massimo Ceriscioli, che era stato di nuovo ricoverato negli ultimi giorni dopo una precedente permanenza in ospedale e le dimissioni, ha voluto esprimere in un messaggio un ringraziamento ai sanitari per l’assistenza al 78enne. “Desidero ringraziare i medici e infermieri del San Salvatore (Pesaro, ndr) e del Santa Croce (Fano, ndr) per l’attenzione, – scrive la moglie Maria, anche lei colpita dal virus e in deciso miglioramento – la sensibilità, la cura e la grande professionalità con cui hanno seguito, nei suoi ultimi giorni, mio marito Massimo. Si è sentito protetto e in buone mani – aggiunge la moglie ed è stato grazie a persone come Voi, che ogni giorno lavorano, con abnegazione, nei nostri ospedali.
Grazie per il vostro impegno e la vostra passione da parte di tutta la famiglia”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Moratti,senza dosi difficile fine campagna a giugno
‘Noi siamo pronti ma abbiamo bisogno di più vaccini’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CODOGNO
21 febbraio 2021
12:47
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il nostro obiettivo è vaccinare tutti entro giugno. Se ci diminuiscono le forniture sarà difficile mantenere questo impegno”.
Lo ha detto l’assessore lombardo al Welfare Letizia Moratti, al termine della cerimonia di inaugurazione del monumento dedicato alle vittime del coronavirus e alla comunità di Codogno.
“Abbiamo bisogno di accelerare e vaccinare il più possibile.
Noi siamo pronti ma abbiamo bisogno di più vaccini”, ha aggiunto. Riguardo all’aumento dei contagi in regione, l’assessore ha ricordato che “non dobbiamo abbassare la guardia.
È un momento delicato e dobbiamo chiedere ai cittadini un comportamento responsabile”

Politica tutte le notizie in tempo reale! Sempre aggiornate! Da non perdere! SEGUILE CONDIVIDILE!
Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 20 minuti

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 14:04 DI VENERDì 19 FEBBRAIO 2021

ALLE 14:09 DI SABATO 20 FEBBRAIO 2021

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Taverna, chi ha votato in dissenso è parte M5S, serve unità
Proprio ora comincia nostra più grande partita
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
14:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Oggi siamo qui, ancora una volta, senza tirarci indietro davanti alle difficoltà.
Forse questo è il giorno di quiete che aspettavamo per iniziare a curare le ferite.
Ed io farò del mio meglio nel dare il mio contributo. Ricordo che tanti colleghi che hanno votato in dissenso sono parte fondamentale del Movimento, oltre che amici fraterni e compagni di tante battaglie.
Serve unità adesso, perché proprio in questo momento comincia la nostra più grande partita”. Lo scrive su Fb la vice presidente del Senato Paola Taverna.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Meloni, che si aspetta a rimuovere Arcuri?
Gestione imbarazzante dei soldi degli italiani
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
14:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Disastri, ritardi, fallimenti, gestione imbarazzante e vergognosa dei soldi degli italiani: cosa si aspetta ancora per rimuovere il Commissario Arcuri dal suo incarico?”. Così la leader di FdI, Giorgia Meloni, su Twitter.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5S: probivira Andreola, sospendere per ora espulsioni
Esponente M5S a LaCnews24, attendere che organo sia ricostituito
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
14:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il collegio dei probiviri si esprime all’unanimità dei propri membri su ogni provvedimento. Ritengo, quindi, opportuno sospendere in questo momento tutte le attività di ordinaria competenza e spettanza del collegio quali richiami, sospensioni ed espulsioni degli iscritti e portavoce del Movimento in attesa che vengano ricostituiti, secondo il mio punto di vista, in maniera completa nel pieno dello svolgimento delle funzioni, oltre che nel rispetto dei contrappesi associativi di tutti gli organi del M5S”.
E’ quanto spiega la probivira Raffaella Andreola in un’intervista a LaCnews24 rilanciata anche sul suo profilo Fb.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Maturità e terza media saranno prove orali
Pronte ordinanze, lunedì a Consiglio Pubblica Istruzione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
15:45
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono pronte le ordinanze sugli Esami di Stato del primo e del secondo ciclo di Istruzione, che lunedì saranno inviate al Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione per il parere previsto prima della loro emanazione.
Le ordinanze definiscono gli Esami di giugno, tenendo conto dell’emergenza sanitaria e del suo impatto sulla vita scolastica e del Paese.
Sia per il primo che per il secondo ciclo, l’Esame si baserà su una prova orale che partirà con la discussione di un elaborato. Lo rende noto il Ministero dell’Istruzione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini:Zingaretti,attivarsi per produzione in siti italiani
Governo si attivi con case farmaceutiche
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
15:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Per combattere il Covid, oltre alle regole di contenimento, l’impegno prioritario deve essere quello di mettere in sicurezza il Paese attraverso la campagna vaccinale. Per questo obiettivo bisognerebbe attivarsi subito per una conversione verso la produzione dei vaccini nei siti industriali italiani.
Una produzione che avrà tempi non brevissimi ma farebbe riferimento a un mercato immenso, mondiale e che durerà per anni. Il Governo potrebbe dunque subito attivarsi con le case farmaceutiche per promuovere accordi e prepararsi a diventare uno dei grandi “produttori” mondiali di vaccini anticovid. Nel Lazio è già prevista la produzione di alcuni tipi di vaccino, noi siamo pronti a fare la nostra parte in questa nuova eventuale sfida”.
Così il segretario del Pd e presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, in una nota.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Milleproroghe:Fusacchia,ok governo a proroga anno accademico
Dal 31 marzo al 15 giugno,sia anche per abilitazione scientifica
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
15:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Grazie all’ok del governo all’emendamento che avevo presentato per prorogare l’anno accademico dal 31 marzo al 15 giugno, riusciamo ad andare incontro alle esigenze e richieste di tante studentesse e studenti che potranno adesso laurearsi senza doversi re-iscrivere, e quindi pagare le relative tasse universitarie, ad un nuovo anno accademico”. Lo dichiara Alessandro Fusacchia (Misto) esprimendo apprezzamento per il parere espresso dal governo in commissione Bilancio, che sta esaminando il decreto Milleproroghe.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Avevo presentato anche un altro emendamento”, prosegue Fusacchia “per dare più tempo alle commissioni del sesto quadrimestre dell’Abilitazione Scientifica Nazionale 2018-2020, in considerazione del protrarsi dell’emergenza Covid e dell’aumento esponenziale delle domande, oltre 11 mila, laddove la media delle domande dei primi cinque quadrimestri era stata poco superiore a 4 mila”. “Con una sponda con i colleghi di Leu siamo riusciti a segnalare entrambi questi emendamenti, ossia a fare in modo che finissero nel pacchetto dei 300 emendamenti in discussione e votazione”.
“Di norma”, conclude Fusacchia, “le proroghe non sono mai una buona cosa, perché segno di un Paese che fatica a programmare.
Ma in momenti eccezionali, come questo in cui ci troviamo per la pandemia, possono introdurre elementi di flessibilità importanti che vanno a beneficio dei cittadini, nel caso specifico dei nostri studenti universitari”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pd: Di Salvo, prima dei sottosegretari Direzione nazionale
Dopo errore su assenza donne chiedevamo risposta urgente
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
16:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Quando il 16 febbraio ho presentato insieme a molte altre donne del Pd la richiesta della direzione nazionale urgente con un odg assunto dalla Conferenza delle donne democratiche, l’abbiamo fatto convinte che di fronte alla sconfitta e all’errore dell’assenza di ministre Pd al governo si dovesse rispondere coinvolgendo tutto il Pd sulla necessità per il Pd e per il Paese della costruzione vera di un partito di donne e uomini”. Lo dichiara Titti Di Salvo, della Direzione Pd.

“Non abbiamo scritto nell’odg che la direzione fosse convocata prima della nomina dei sottosegretari, pensavamo fosse sufficiente scrivere urgente”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pd: Gribaudo, direzione sulla parità convocata giovedì
La deputata Dem: “Ovviamente fino a quella data nessuno preparerà liste di sottosegretari. Vero?”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
20:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mentre il premier Mario Draghi lavora a completare la squadra di governo continuano le prese di posizione nel Pd per chiedere un riequilibrio della rappresentanza femminile e, in generale, un dibattito sulla parità. “Il Pd – fa sapere Chiara Gribaudo – ha convocato la Direzione sulla parità per giovedì 25.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Molto bene. Ovviamente fino a quella data nessuno preparerà liste di sottosegretari. Vero?”.
La Gribaudo oggi aveva fatto sapere che non avrebbe accettato una eventuale nomina al governo senza che prima fosse convocata la direzione. “Ha ragione Marisa Rodano: non ci sarà credibilità finché non avremo fatto un passaggio politico – aveva detto – per fare chiarezza e dimostrare coerenza. Non nego che sarei onorata e felice di mettermi a disposizione del Presidente Draghi per lavorare in maniera concreta e operativa, con le idee e le proposte sul lavoro che conoscete e che porto avanti da sempre. Ma non credo che avrei e che avremmo, come comunità politica, la credibilità di portarle avanti al governo se oggi non tenessimo la schiena dritta”. “Sì, comporta fatica seguire un percorso coerente. Ma non lo facciamo per attaccare qualcuno, non stiamo chiedendo congressi o teste da tagliare. Stiamo chiedendo un percorso che ci permetta di continuare a combattere le nostre battaglie. Perché abbandonando i principi del progetto democratico, quelle battaglie non le possiamo vincere”.
“Quando il 16 febbraio – ha detto anche Titti Di Salvo – ho presentato insieme a molte altre donne del Pd la richiesta della direzione nazionale urgente con un odg assunto dalla Conferenza delle donne democratiche, l’abbiamo fatto convinte che di fronte alla sconfitta e all’errore dell’assenza di ministre Pd al governo si dovesse rispondere coinvolgendo tutto il Pd sulla necessità per il Pd e per il Paese della costruzione vera di un partito di donne e uomini”. “Non abbiamo scritto nell’odg che la direzione fosse convocata prima della nomina dei sottosegretari, pensavamo fosse sufficiente scrivere urgente”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Italia-S.Sede: bilaterale Draghi-cardinale Parolin il 2 marzo
Si terrà il 2 marzo prossimo l’incontro bilaterale Italia-Santa Sede nell’anniversario della firma dei Patti Lateranensi e dell’accordo di revisione del Concordato
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CITTÀ DEL VATICANO
19 febbraio 2021
21:16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Si terrà il 2 marzo prossimo l’incontro bilaterale Italia-Santa Sede nell’anniversario della firma dei Patti Lateranensi e dell’accordo di revisione del Concordato. Inizialmente previsto per il 12 febbraio, il vertice è stato rimandato a causa della crisi di governo e nell’attesa per la formazione del nuovo esecutivo la nuova data è stata fissata al 2 marzo, quando sarà celebrato all’ambasciata italiana presso la Santa Sede, con le delegazioni governative guidate dal card. Pietro Parolin e per la prima volta da Mario Draghi, anche se con le restrizioni imposte dal Covid e senza il tradizionale ricevimento.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Arcelor Mittal, Giorgetti: ‘Impegno governo e Invitalia prosegua su accordo’
Incontro al Mise con i sindacati e Orlando. Da Landini ‘giudizio positivo’ della riunione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
18:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Al ministero dello Sviluppo economico è terminato da pochi minuti l’incontro del ministro Giancarlo Giorgetti e del ministro del Lavoro, Andrea Orlando, con i sindacati sull’ex Ilva.
“La prossima settimana – ha detto il ministro Giancarlo Giorgetti – ci saranno altri incontri con la proprietà e ci impegniamo, come Governo, insieme con il ministro Orlando, a risolvere l’impegno per la cig dei dipendenti in amministrazione straordinaria. Serve la collaborazione di tutti e con questo spirito ci prepariamo a vedere, nei prossimi giorni, il sindaco di Taranto e il presidente della Regione Puglia”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il ministro ha anche auspicato che “Invitalia prosegua nel percorso dell’accordo”.
Il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, dà un “giudizio positivo dell’incontro per quello che abbiamo sentito oggi” sull’ex Ilva. “Il governo – dice Landini uscendo dal Mise – ha preso alcuni impegni: uno riguarda l’integrazione per i lavoratori che sono che sono in cassa integrazione, il secondo riguarda il rapporto diretto con Invitalia affinché siano rispettati gli impegni previsti dagli accordi sottoscritti e non ci siano appigli per nessuno”. “Hanno dichiarato che considerano il settore dell’acciaio strategico e quindi hanno indicato anche la possibilità della golden power quindi di una legge”. “Si sono dichiarati disponibili – aggiunge Landini – a un confronto sull’accordo Invitalia Mittal con i sindacati , che noi abbiamo chiesto stabilimento per stabilimento, questo è un modo per garantire le qualità delle produzioni”. “Abbiamo ribadito che anche per noi l’acciaio è strategico e che non siamo disponibili a perdere neanche un posto e nessun stabilimento”, conclude Landini.
Anche l’amministratrice delegata di Arcelor Mittal Italia, Lucia Morselli, è stata al ministero dello Sviluppo economico dopo la fine dell’incontro tra Giorgetti, Orlando e i sindacati. “Incontro lungo, schietto, franco e costruttivo” al Mise tra l’ad di ArcelorMittal, Lucia Morselli e il ministro per lo sviluppo economico Giancarlo Giorgetti. Così il ministero dello Sviluppo in una nota nella quale evidenzia che nel corso della riunione si è parlato soprattutto dell’impegno di ArcelorMittal e delle conseguenze della sentenza del Tar di Lecce sulle prospettive aziendali. La prossima settimana il ministro si confronterà, come annunciato anche al tavolo Ilva con i sindacati, con il Sindaco di Taranto e il governatore della Puglia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Odg Cartabia, affrontare la prescrizione dentro le riforme del processo
Primo atto politico della ministra per superare le tensioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
15:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Affrontare il nodo della prescrizione all’interno delle riforme del processo penale, nell’ambito cioè di un disegno più organico che consenta il bilanciamento dei principi costituzionali in ballo. E dunque che permetta di contemperare l’efficacia della giustizia con i diritti degli imputati, la ragionevole durata del processo con la necessità di un processo giusto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ questo l’impegno assunto dalla ministra della Giustizia Marta Cartabia con l’ordine del giorno a sua firma, concordato ieri con i capigruppo della maggioranza delle Commissioni Giustizia. Il primo atto politico per superare le tensioni sul nodo della prescrizione.
Lo strumento per affrontare il nodo della prescrizione nell’ambito delle riforme del processo penale sarà quello della delega al governo, che consente una gradualità di interventi. E’ la linea definita nella riunione di ieri tra la ministra della Giustizia Marta Cartabia, il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà e i capigruppo di maggioranza in Commissione Giustizia di Camera e Senato. Incontro che ha segnato un cambio di passo nel segno del dialogo, facendo calare la tensione sul nodo prescrizione, con l’accantonamento degli emendamenti presentati al Milleproroghe e l’accordo trovato sull’odg di Cartabia.
Una visita a sorpresa al Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà. E’ stata questa la prima uscita pubblica della nuova Ministra della Giustizia. Marta Cartabia ha incontrato stamattina il presidente dell’autorità di garanzia Mauro Palma e una componente del Collegio, Daniela de Robert. Ed è stata “una prima occasione per riaffermare la comune volontà di collaborazione e di un avvio del suo positivo sviluppo”, sottolinea il Garante, che ha ribadito alla Ministra gli auguri per il suo “nuovo importante impegno per il Paese”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A.Mittal: Giorgetti, impegno e Invitalia prosegua su accordo
Importanza del settore acciaio e necessità tutela dell’ambiente
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
17:05
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La prossima settimana ci saranno altri incontri con la proprietà e ci impegniamo, come Governo, insieme con il ministro Orlando, a risolvere l’impegno per la cig dei dipendenti in amministrazione straordinaria. Serve la collaborazione di tutti e con questo spirito ci prepariamo a vedere, nei prossimi giorni, il sindaco di Taranto e il presidente della Regione Puglia”.
Così il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, che ha incontrato al Mise insieme con il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, i sindacati sull’ex Ilva. Il ministro ha anche auspicato che “Invitalia prosegua nel percorso dell’accordo”.
Giorgetti ha inoltre sottolineato “l’importanza del settore dell’acciaio in Italia e la necessità della tutela ambientale come uno dei capisaldi dell’azione di Governo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5S: Bonafede, frattura forte ma ora compatti per incidere
Io candidato nella nuova governance? Non sto pensando a questo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
18:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Io ho votato ‘sì'” alla fiducia all’esecutivo Draghi “ritenendo che fosse fondamentale per un momento così delicato sostenere il governo ed essere compatti come Movimento 5 stelle. Perché la compattezza è fondamentale per incidere in Parlamento.
È chiaro che si è formata una frattura molto forte, ne prendo atto, e andiamo avanti perché i cittadini ci chiedono di lavorare in questa situazione”. Lo dice, interpellato dai cronisti, l’ex ministro della Giustizia e deputato M5S Alfonso Bonafede. Se mi candido alla nuova governance? “In questo momento non sto pensando a questo”, replica.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Salvini, la Lega sarà presente al ministero dell’Interno
Noi siamo convintamente una forza propulsiva del nuovo governo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
19 febbraio 2021
18:24
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con il completamento della squadra di governo “la Lega sarà presente al ministero dell’Interno e commenteremo i fatti e non le ipotesi”, ma “dalle prime parole del presidente Draghi” emerge “una politica europea dei rimpatri che arriva grazie alla nostra azione che ha ridotto gli sbarchi, contrastato i trafficanti, ridotto i morti in mare e svegliato l’Europa”. Lo ha detto Matteo Salvini uscendo dall’aula bunker di Catania, a conclusione dell’udienza preliminare del caso Gregoretti.

“Del nuovo governo in carica la Lega è orgogliosamente e lealmente protagonista, anche viste le defezioni che arrivano da altre parti – ha aggiunto il leader della Lega -. Noi siamo assolutamente e convintamente forza propulsiva di questo governo che attuerà politiche europee serie e rigorose sul tema immigrazione”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Trasporti: Giovannini convoca sindacati il 1 marzo
Per confrontarsi sulle criticità’ sulle diverse modalità’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
18:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Enrico Giovannini, rispondendo ad una loro richiesta, ha convocato i sindacati confederali Cgil, CIsl e Uil del settore trasporti il 1 marzo alle ore 10,30 per confrontarsi sulle criticità’ che interessano le diverse modalità’ di trasporto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: Cingolani, sono qui per Recovery, un anno e poi vado
Voglio lasciare a chi verrà una macchina capace di gestire soldi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
10:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Io sono qui innanzitutto per scrivere il Programma nazionale di riforme per il Recovery plan, ho 8 settimane. Dobbiamo lavorare come se dovessimo vincere un premio.
C’è un’ottima base da cui partire; la scadenza del 30 aprile è a un passo”. Così il ministro dell’Ambiente e della Transizione ecologica Roberto Cingolani su ‘Il Fatto quotidiano’, dove fa presente di aver accettato perché “tanto resto un anno, un anno e mezzo, poi me ne vado”.
“Io non sono di nessuno – dice a proposito delle sue simpatie politiche – ma trovo che i 5Stelle abbiano avuto il coraggio di cambiare idea su di me. Grillo l’ho rivisto solo qualche giorno fa”. “Il problema del clima – rileva – non è verticale, non si affronta con un singolo ministero. Serve un disegno poliedrico, come ha detto Draghi. Quindi c’entrano il Mise, l’Innovazione, la Pubblica Amministrazione”. Sulle deleghe avverte che se ne sta “ancora discutendo”.
Della situazione trovata al ministero dell’Ambiente dice che “finora si è esternalizzato troppo. Io voglio lasciare a chi verrà dopo di me una macchina che sappia gestire i soldi e i progetti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Milleproroghe: c’è l’intesa, 6 mesi in più per il bonus vacanze
Parere favorevole all’emendamento Pd che sposta la scadenza al 31/12
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
20:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sei mesi in più per utilizzare il bonus vacanze: c’è intesa tra i partiti della nuova maggioranza sull’emendamento a firma Bonomo (Pd) al decreto Milleproroghe, che sarà al voto sabato, che ha incassato intanto il parere favorevole di governo e relatori. La scadenza per ‘spendere’ il bonus sarà quindi spostata dal 30 giugno al 31 dicembre di quest’anno.
Tra le modifiche che hanno già parere favorevole anche il rinvio di un altro anno per l’adeguamento di asili nido e scuole alla normativa antincendio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
G7: Per Draghi salute bene globale, le regole vanno condivise
Per l’Italia l’accesso equo, universale e di massa ai vaccini è un imperativo non negoziabile
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
19:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La salute va intesa come bene pubblico globale, che va regolato con principi trasparenti e regole condivise. E’ questo il ragionamento che il premier Mario Draghi ha affrontato nel corso del G7 straordinario convocato sulle risposte alla crisi pandemica e alle strategie per la ripresa.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente del Consiglio, nel suo intervento, ha richiamato l’esigenza di riservare attenzione ai cambiamenti climatici e alle biodiversità, la cui tutela è essenziale per prevenire future pandemie.
IL G7 STANZIA 7,5 MILIARDI DI DOLLARI PER VACCINI ANTI-COVID
L’Italia ha espresso grande sostegno all’ACT-Accelerator e sta lavorando ad un nuovo contributo economico all’Act-Accelarator (meccanismo all’interno delle Nazioni Unite per l’accelerazione della campagna vaccinale).
In qualità di Presidenza del G20, l’Italia sta anche valutando la proposta avanzata mercoledì dal Segretario Generale delle Nazioni Unite Guterres per istituire una “Task Force di emergenza G20” volta a sviluppare un Piano vaccinale globale.
La Salute sarà al centro dell’impegno internazionale italiano, come dimostra il prossimo Global Health Summit di Roma: un momento decisivo per la definizione di una strategia comune mondiale contro la pandemia. Quanto fatto finora da tutti i Paesi, ovvero mitigare le conseguenze immediate della crisi sociale con politiche espansive, deve essere integrato con un’efficace campagna vaccinale – necessaria per stabilizzare il trend sanitario ed evitare ulteriori mutazioni del virus.
Per l’Italia l’accesso equo, universale e di massa ai vaccini è un imperativo non negoziabile: la salute è un bene comune globale, un principio ispiratore anche dell’agenda della Presidenza italiana G20. Mai come oggi, esercitare leadership significa essere solidali.
C’è poi il capitolo della ripresa, in merito al quale, il ragionamento del governo italiano verte sul trasformare la crisi in opportunità: significa concentrare gli sforzi su una ricostruzione che, a livello globale, sia capace di prendersi cura del Pianeta ed intervenire laddove la faglia della diseguaglianza è più accentuata. L’attenzione alla sfida del climate change, infine, è un punto fermo cui è necessario rispondere in maniera decisa. A questo proposito, la COP 26 sul cambiamento climatico – che l’Italia organizza in partnership con il Regno Unito – e la Cop 15 (sulla biodiversità) saranno appuntamenti cruciali per testare la comune capacità di risposta.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: Duello tra i partiti, si allontana la lista dei sottosegretari
La Lega punta al Viminale. Fi ne chiede 7. Tensione nel Pd, direzione convocata il 25
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
21:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La guerra dei numeri tra i partiti di maggioranza, l’implosione del M5S e l’alta tensione nel Pd frenano la partita sui sottosegretari che, nell’iniziale strategia del presidente del Consiglio Mario Draghi, avrebbe potuto chiudersi già questo fine settimana. Nulla da fare, invece.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il gioco degli equilibri tra i partiti a sostegno del governo, dopo l’espulsione dei dissidenti dal M5S, si è fatto più complesso. Mentre, nel Pd, non si ferma la trincea delle donne e della minoranza Dem, che chiedono al segretario Nicola Zingaretti di non procedere a nessuna trattativa sui sottosegretari prima della direzione di giovedì prossimo.
Draghi e il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, a margine della cerimonia inaugurale dell’anno giudiziario della Corte dei Conti, avrebbero avuto uno scambio di vedute sul dossier. Nuovi contatti non si escludono nelle prossime ore.
Proprio per le tensioni in atto e la “fame” di posti dei partiti, la “quota” tecnici potrebbe essere ridotta, magari solo all’Editoria e al Mef.
Mentre, sull’onda del pressing delle forze politiche, il premier potrebbe dare il suo placet alla nomina di alcuni viceministri nella squadra dei sottosegretari. Ma il D-Day rischia di slittare a metà della prossima settimana.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Anche il Cdm convocato per lunedì mattina, a meno di improvvise accelerazioni, non avrà sul tavolo la lista dei sottosegretari.
C’è un dato, innanzitutto, ad aver complicato il quadro. Lega e FI, con l’espulsione dei senatori M5S che hanno votato contro Draghi, hanno la maggioranza a Palazzo Madama rispetto al Movimento, al Pd e a Leu. “Spiace per le decine di voti contrari a Draghi e le conseguenti espulsioni di parlamentari grillini. Ancora più responsabilità, impegno e passione sono richiesti alla Lega ed al centrodestra di governo, noi ci siamo”, sottolineano fonti leghiste. “Quando torneremo al Viminale ci saranno cambiamenti”, avverte non a caso Matteo Salvini da Catania, dove si trova per la quarta udienza preliminare del processo Gregoretti. E il nome che Salvini ha in mente per l’Interno è quello di un ritorno: Nicola Molteni.
Tra i leghisti in corsa ci sono anche Claudio Durigon (Lavoro), Stefano Candiani (come alternativa a Molteni), Luca Coletto per la Salute e Massimo Bitonci per il Mef.
Tra i Dem, intanto, sulla scia del caso dell’assenza delle donne tra i ministri, la tensione resta molto alta.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Zingaretti convoca una direzione per giovedì dal titolo: “l’affermazione di un partito di donne e di uomini al centro di una nuova fase politica”. “Molto bene. Ovviamente fino a quella data nessuno preparerà liste di sottosegretari. Vero?”, attacca a stretto giro Chiara Gribaudo e dello stesso avviso è Titti Di Salvo, lei stessa membro della Direzione. Sul tavolo non c’è solo la questione dei sottosegretari ma anche la carica di vice segretario del Pd, dopo l’arrivo di Orlando a capo del dicastero del Lavoro.
Anche Forza Italia, in queste ore, mostra un crescente dinamismo. A Palazzo Chigi, si apprende da fonti parlamentari, sarebbe stata mandata una lista di 20 nomi per i 7 posti sicuri che gli azzurri starebbero chiedendo. Tra i favoriti ecco Valentino Valentini per gli Esteri, Francesco Paolo Sisto per la Giustizia, Gilberto Pichetto Fratin per il Mef. In corsa anche Anna Grazia Calabria, Lucio Malan, Simone Baldelli, Stefania Prestigiacomo. Con un altra carica in ballo: quella di vicepresidente della Camera (al posto di Mara Carfagna), alla quale punta anche la Lega.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il M5S post-scissione perderà un paio di posti nel governo. Laura Castelli al Mef, Pier Paolo Sileri alla Salute e Mirella Liuzzi al Mise viaggiano verso la conferma. Stefano Buffagni è in direzione Ministero della Transizione ecologica, Gianluca Vacca alla Cultura, Luca Carabetta all’Innovazione e Gilda Sportiello (sponsorizzata dal vicecapogruppo Ricciardi) al Sud sono potenziali new entry.
Anche tra i “piccoli” la tensione è alta. Cambiamo! ambisce a due posti, uno in più di Leu. +Europa guarda agli Esteri con Benedetto della Vedova e anche i renziani – tra i quotati Davide Faraone a Lucia Annibali – chiedono spazio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mattarella, preservare nostro sistema sanitario e investire
Sta fronteggiando prova senza precedenti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 febbraio 2021
10:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il nostro sistema sanitario nazionale, pur tra le tante difficoltà, sta fronteggiando una prova senza precedenti e si dimostra più che mai un patrimonio da preservare e su cui investire, a tutela dell’intera collettività. Per queste ragioni rivolgo, a nome di tutti gli Italiani, un saluto riconoscente a tutto il personale sanitario ed esprimo commossa vicinanza ai familiari dei caduti per la salvaguardia della salute di tutti noi”. E’ il messaggio inviato di Sergio Mattarella, al Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri, Filippo Anelli nella prima Giornata Nazionale del personale sanitario.
Nel messaggio di Sergio Mattarella, al Presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri, Filippo Anelli nella prima Giornata Nazionale del personale sanitario, sociosanitario, socioassistenziale e del volontariato, il Capo dello Stato afferma che questa è “importante occasione per rinnovare la più profonda riconoscenza del Paese verso tutti coloro che con professionalità e abnegazione si sono trovati, e tuttora si trovano, in prima linea nel fronteggiare l’emergenza pandemica che, a distanza di poco più di un anno dalla sua comparsa, ancora ci affligge”.
“Fin dall’inizio della diffusione del virus, il personale sanitario si è dimostrato all’altezza di una minaccia di così vasta portata, impegnandosi al meglio, con tutti gli strumenti a disposizione, al fine di evitare che l’epidemia precipitasse in una catastrofe irreversibile.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
È stato un impegno contrassegnato da difficoltà e sofferenze: moltissimi operatori hanno contratto il virus e tante sono le vittime che abbiamo dovuto piangere tra medici e infermieri. Soprattutto a loro va dedicata questa Giornata”, si legge nel messaggio.
“Il prolungarsi della pandemia produce drammatiche conseguenze, segnando di dolori e lutti le nostre comunità e innescando una crisi economica e sociale di grave portata. Antichi squilibri sono aumentati, nuove fratture si sono prodotte. E’ necessaria un’azione coraggiosa per ricucire quel che si è lacerato e per rinnovare ciò che è utile a costruire un domani migliore”, ha affermato il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in un messaggio al Presidente Nazionale delle Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani (ACLI) in occasione del congresso. “Insieme alle istituzioni, tutti i corpi intermedi e il terzo settore, espressione della società civile, sono chiamati a partecipare alla sfida di una vera e propria rinascita, che ponga la dignità della persona e l’affermazione dell’eguaglianza dei diritti e delle opportunità al centro delle iniziative, come detta la Costituzione Repubblicana. Per assicurare prospettive di un futuro positivo alle generazioni più giovani”, dice il Capo dello Stato. “In questo tempo, così difficile, di fronte alle emergenze causate dalla pandemia, è motivo di apprezzamento il loro impegno all’educazione civica, per rafforzare le reti di solidarietà, per ampliare la partecipazione democratica, per ridurre le diseguaglianze sociali”, afferma Mattarella nel messaggio alle Acli. “Nelle difficoltà abbiamo riscoperto la capacità di resilienza della nostra gente, il senso del dovere di molti, la solidarietà e la gratuita azione volontaria a favore di chi ha più bisogno, il valore delle reti associative”, sottolinea il Capo dello Stato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Papa: “Grato a medici e infermieri morti per Covid, sono eroi”
“L’esempio di tanti nostri fratelli e sorelle che hanno messo a repentaglio la propria vita fino a perderla”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 febbraio 2021
12:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Papa Francesco rivolge “un pensiero speciale” ai medici, infermieri e operatori sanitari deceduti a causa della pandemia, “ricordando lo svolgimento generoso e a tratti eroico della loro professione vissuta come una missione”. “L’esempio di tanti nostri fratelli e sorelle che hanno messo a repentaglio la propria vita fino a perderla suscita in tutti noi viva gratitudine ed è motivo di riflessione di fronte a tanta oblatività”, dice il Pontefice nel messaggio, letto da mons. Vincenzo Paglia, inviato in occasione della Giornata nazionale in memoria dei medici e degli odontoiatri scomparsi per Covid-19.
Il messaggio del Papa è stato letto dall’arcivescovo Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la Vita, a conclusione della cerimonia commemorativa promossa dalla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri. “L’intera società – afferma Francesco – è stimolata a testimoniare sempre più l’amore al prossimo e la cura degli altri, specialmente in più deboli.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La dedizione di quanti anche in questi giorni sono impegnati negli ospedali e nelle strutture sanitarie è un vaccino contro l’individualismo e l’egocentrismo, e dimostra il desiderio più autentico che abita il cuore dell’uomo: farsi accanto a coloro che hanno più e bisogno e spendersi per loro”.
“Mi unisco spiritualmente a quanti sono riuniti al significativo evento commemorativo ed invio il mio benedicente saluto”, conclude papa Francesco.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Fontana ringrazia i sanitari
Nella giornata nazionale del personale sanitario
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
20 febbraio 2021
12:16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il grazie va a tutte le donne e gli uomini da un anno impegnati oltre le proprie forze ed energie nella lotta per la vita”: comincia con questo un post del presidente della Lombardia, Attilio Fontana, pubblicato oggi, nella giornata nazionale del personale sanitario che è anche il giorno in cui si scoprì a Codogno, nel Lodigiano, il primo malato italiano di Coronavirus.
“Oggi – ha aggiunto – , questo ringraziamento si concretizza in una campagna vaccinale che ha l’obbiettivo di riportare gli ospedali alla loro straordinaria normalità”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pd: Gribaudo, giovedì la Direzione sulla parità di genere
Deputata Dem ‘Fino ad allora niente liste sottosegretari vero?’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
18:46
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il Pd ha convocato la Direzione sulla parità per giovedì 25. Molto bene.
Ovviamente fino a quella data nessuno preparerà liste di sottosegretari. Vero?”.
Lo ha scritto su twitter la vice capogruppo del Pd alla Camera, Chiara Gribaudo, e la notizia è stata accolta con soddisfazione anche da Cecilia D’Elia, portavoce della Conferenza nazionale delle donne democratiche.
“Come avevamo chiesto dopo la formazione del governo, è stata convocata la prossima settimana la direzione del Pd, per discutere della piena affermazione di un partito di donne e uomini, ricco della sguardo libero e autonomo delle donne, della loro valorizzazione, e di un’agenda politica che metta al centro il loro protagonismo”, ha dichiarato D’Elia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
G7: per Draghi salute bene globale, regole vanno condivise
Attenzione a tutela ambiente per prevenzione pandemie
(2)
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
19:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La salute va intesa come bene pubblico globale, che va regolato con principi trasparenti e regole condivise. E’ questo il ragionamento che il premier Mario Draghi ha affrontato nel corso del G7 straordinario convocato sulle risposte alla crisi pandemica e alle strategie per la ripresa.
Il presidente del Consiglio, nel suo intervento, ha richiamato l’esigenza di riservare attenzione ai cambiamenti climatici e alle biodiversità, la cui tutela è essenziale per prevenire future pandemie.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pd: direzione convocata giovedì 25 febbraio
Per partito di donne e uomini al centro nuova fase politica
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
19:24
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
È convocata da remoto la Direzione nazionale del Pd il prossimo giovedì, 25 febbraio, alle ore 14.30 con all’ordine del giorno: l’affermazione di un partito di donne e di uomini al centro di una nuova fase politica.
Lo rende noto l’ufficio stampa del Pd.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: Lopalco, in Puglia ddi al 100% per due settimane
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
20 febbraio 2021
10:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con la nuova ordinanza regionale sulla scuola che sarà pubblicata a breve “abbiamo eliminato l’opzione” della frequenza in presenza a scelta e “stiamo limitando al massimo la didattica in presenza per dare la possibilità a tutto il personale scolastico di vaccinarsi e ritornare a fare didattica in presenza più in sicurezza. Quindi stiamo parlando di portare la didattica digitale integrata (Ddi)al 100%”.
Lo ha spiegato l’assessore alla Salute della Regione Puglia, Pier Luigi Lopalco, a margine dell’avvio della campagna vaccinale degli operatori scolastici di Bari.
L’ordinanza varrà fino al 5 marzo, quando ci sarà il nuovo Dpcm.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Sardegna, somministrazioni a tutti entro agosto
Al via il Programma operativo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
20 febbraio 2021
10:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La vaccinazione di tutta la popolazione della Sardegna over 16 anni sarà completata entro il mese di agosto, le somministrazioni per gli over 80 (115mila persone) saranno a pieno regime dall’1 marzo per i nati fino al 1936 e dal 15 marzo per i nati dal 1937 al 1941. Lo prevede il “Programma operativo di vaccinazione anti Covid 19” predisposto dall’assessorato della Sanità della Regione, e che comprende il cronoprogramma delle inoculazioni organizzato con cadenza mensile distribuendo la popolazione per categorie e fasce di priorità.
I punti vaccinali saranno fissi e temporanei, riservando questi ultimi prevalentemente alla fase 4.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Alitalia: incontro commissario-sindacati martedì 23
Per fare il punto sulla situazione della compagnia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 febbraio 2021
11:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il commissario straordinario di Alitalia Giuseppe Leogrande incontrerà martedì 23 febbraio, nel pomeriggio, i sindacati per fare il punto sulla situazione della compagnia. Lo si apprende da fonti sindacali.
Sul tavolo c’è l’emergenza finanziaria dell’aviolinea, con l’atteso ok dell’Ue all’ultima tranche dei ristori Covid e il rischio che i soldi non bastino per pagare gli stipendi di febbraio; ma anche il tema della cessione degli asset attraverso un bando che il commissario starebbe mettendo a punto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
G7: Wto a Gb, momento di donare vaccini a paesi poveri è ora
In risposta a impegno Londra di redistribuire suo surplus dosi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 febbraio 2021
12:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Regno Unito dovrebbe donare adesso i vaccini ai paesi in via di sviluppo che li necessitano e non aspettare che abbia dosi in surplus. Lo ha detto alla Bbc la nuova capo del Wto, Ngozi Okonjo-Iweala, sottolineando che è “nell’interesse” dei paesi ricchi fare in modo che tutti i paesi abbiano accesso ai vaccini.

La reazione di Ngozi Okonjo-Iweala riguarda quanto affermato ieri dal primo ministro britannico Boris Johnson durante il G7 tenutosi ieri in forma virtuale e presieduto da Londra, il quale ha promesso una donazione ai paesi poveri delle dosi di vaccino che risulteranno in surplus nell’ambito della campagna britannica di vaccinazione. Un impegno “benvenuto” ha detto Okonjo-Iweala al ‘Today Programme’ di Bbc Radio 4, ma ha anche precisato: “non credo si debbano attendere i tempi di un surplus. Credo che le eventuali donazioni debbano essere fatte adesso. La ragione è semplice: è nell’interesse dei paesi ricchi come dei paesi poveri che tutti abbiano equo accesso” ai vaccini.   VAI ALL’ECONOMIA   VAI ALLE NOTIZIE DAL MONDO   VAI ALLA TECNOLOGIA    VAI ALLA CRONACA    VAI ALLE NOTIZIE DEL PIEMONTE

Politica tutte le notizie in tempo reale! LEGGILE SEGUILE CONDIVIDILE!
Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 38 minuti

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 12:43 DI GIOVEDì 18 FEBBRAIO 2021

ALLE 14:04 DI VENERDì 19 FEBBRAIO 2021

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Messina, patrimoniale sarebbe grande sconfitta
‘Contrario a scelta del genere. Valorizzare risparmio famiglie’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
12:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono convinto che la patrimoniale, se mai sarà attuata negli anni futuri, rappresenterà la grande sconfitta per non aver individuato soluzioni che sono alla portata di tutti”. Lo ha detto il ceo di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina, nel corso di un convegno della Fisac-Cgil.

“Quindi – ha aggiunto – sono totalmente contrario alla patrimoniale ma sono favorevole all’individuazione di modalità che tolgano dal bilancio pubblico degli attivi per valorizzare il risparmio degli italiani. E questo eviterebbe alle famiglie di trovarsi espropriato dei propri risparmi”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Whirlpool: sindacati, impegno Giorgetti su licenziamenti
Farà tavolo con la volontà di allungare il blocco
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
14:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, ha incontrato una delegazione di sindacati e lavoratori del sito Whirlpool di Napoli e ha loro garantito che questa “sarà una delle prime vertenze che affronterà”. Lo hanno affermato i sindacati al termine dell’incontro, spiegando di aver chiesto il blocco dei licenziamenti e che il ministro, hanno riferito, “da subito istituisce un tavolo” non solo con Whirlpool, “con la volontà di allungare il blocco dei licenziamenti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
23:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I sindacati sono stati convocati oggi, venerdì 19 febbraio, alle 14:30 per una riunione sull’ex Ilva presso il ministero dello Sviluppo economico. Sarà presente il neoministro Giancarlo Giorgetti.

Il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, ha garantito che “la prossima settimana inizierà a studiare e la nostra sarà una delle prime vertenze che affronterà”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ quanto affermano i sindacati dei lavoratori di Whirlpool al termine dell’incontro con il ministro. I sindacati hanno chiesto il blocco dei licenziamenti e il ministro – riferiscono – ha detto che “da subito istituisce un tavolo” non solo con Whirlpool, “con la volontà di allungare il blocco dei licenziamenti”.

EX ILVA, LA SENTENZA DEL TAR – Non fermare la produzione perché in gioco non è solo lo stabilimento di Taranto ma il futuro della siderurgia in Italia. E’ il grido d’allarme lanciato sia da Confindustria che da Federacciai dopo la sentenza del Tar di Lecce che intima ad ArcelorMittal lo spegnimento dell’area a caldo dello stabilimento di Taranto nel rispetto dell’ordinanza sulle emissioni del sindaco Rinaldo Melucci. La fermata forzata degli impianti, sottolineano fonti legali vicine al dossier ArcelorMittal, “senza la disponibilità di una stazione di miscelazione azoto e metano, non permetterebbe la tenuta in riscaldo dei forni e ne conseguirebbe il loro crollo e quindi la distruzione dell’asset aziendale di proprietà di Ilva in Amministrazione Straordinaria”.

Le stesse fonti evidenziano “rischi per la sicurezza” e il fatto che ci sarebbe un “totale blocco della produzione dello stabilimento, qualificato di ‘interesse strategico , l’unico sul territorio nazionale a ‘ciclo integrato’ per la produzione di acciaio”. Confindustria chiede di “evitare lo spegnimento del ciclo integrale a caldo dell’ex Ilva. Interrompere la produzione e la fornitura dell’acciaio prodotto a Taranto mette in seria difficoltà le intere filiere della manifattura italiana che ne hanno necessità”. Inoltre, prosegue la confederazione, si avrebbe “un sicuro e rilevante aggravio della bilancia commerciale nazionale, poiché occorrerebbe importare l’acciaio dall’estero”. Ed ancora: “la chiusura nell’immediato vanificherebbe tutti gli sforzi compiuti per limitare il numero di esuberi, mettendo a serio rischio migliaia di lavoratori e famiglie” e sarebbe anche “vanificato in maniera traumatica e definitiva il processo di investimenti intrapreso per la sostenibilità ambientale della produzione”. Il presidente di Federacciai Alessandro Banzato esprime “forte preoccupazione” e auspica “che venga adottata una sospensiva di questa sentenza e che il Governo appena incaricato si adoperi per evitare lo spegnimento del più grande stabilimento siderurgico italiano”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il termine di 60 giorni concesso dal giudice amministrativo per ottemperare all’ordinanza sindacale scade il 14 aprile, ma l’azienda – che pure ha annunciato un ricorso al Consiglio di Stato – è chiamata comunque a predisporre entro quella data le procedure tecniche per una eventuale conferma allo stop degli impianti. Il segretario nazionale Fim Cisl Roberto Benaglia ha dichiarato in una intervista radiofonica che “l’azienda ha già comunicato informalmente nel week end l’avvio della messa in sicurezza di alcune attività produttive”. Anche la Procura di Taranto, a quanto si apprende, sta seguendo l’evolversi della vicenda dopo aver acquisito la sentenza del Tar che ha definito il pericolo per la popolazione legato alle emissioni del Siderurgico “permanente ed immanente”. Nel provvedimento del giudice amministrativo si afferma che lo stabilimento, che ora vede lo Stato, tramite Invitalia, affiancare nella gestione ArcelorMittal, inquina ancora. E si puntualizza che nemmeno il rispetto dell’Aia comporta “di per sé garanzia della esclusione del rischio o del danno sanitario”. Secondo i sindacati metalmeccanici, che hanno già annunciato una richiesta di incontro al ministro per la Transizione Ecologica Roberto Cingolani, chiudere l’area a caldo a Taranto significherebbe chiudere anche i siti di Genova e Novi Ligure, con il rischio di “perdere 20mila posti di lavoro”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A.Mittal: Giorgetti convoca sindacati su ex Ilva
Venerdì 19 febbraio, alle 14:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
14:31
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I sindacati sono stati convocati venerdì 19 febbraio, alle 14:30 per una riunione sul’ex Ilva presso il ministero dello Sviluppo economico. Sarà presente il neoministro Giancarlo Giorgetti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A.Mittal: ricorso a Consiglio Stato contro stop area a caldo
Dopo che il Tar ha ordinato lo spegnimento degli impianti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TARANTO
18 febbraio 2021
15:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ArcelorMittal ha depositato al Consiglio di Stato l’appello contro la sentenza del Tar Lecce dello scorso 13 febbraio che ha intimato all’azienda di ottemperare all’ordinanza sulle emissioni del sindaco di Taranto Rinaldo Melucci e conseguentemente di spegnere gli impianti dell’area a caldo entro il 14 aprile. Il Tar ha definito il pericolo per la popolazione legato alle emissioni del Siderurgico “permanente ed immanente”.

Nel provvedimento del Tar si afferma che lo stabilimento, che ora vede lo Stato, tramite Invitalia, affiancare nella gestione ArcelorMittal, inquina ancora. E si puntualizza che nemmeno il rispetto dell’Aia comporta “di per sé garanzia della esclusione del rischio o del danno sanitario”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi: Grillo, i grillini non sono più marziani
Garante cita sonda su Marte, a stessa ora Perseveranza a Camera
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
15:20
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Oggi, alle 21:55 la sonda Perseverance atterrerà su Marte. Alla stessa ora, la Perseveranza atterrerà su un altro Pianeta.
La Terra. Più precisamente alla Camera dei deputati. I Grillini non sono più marziani. I Grillini non sono più marziani.” Lo scrive Beppe Grillo sul suo blog.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Post antisemita, Amore indagata per diffamazione
Aggravata dall’odio razziale. Procura Torino apre fascicolo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
18 febbraio 2021
15:41
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La consigliera comunale di Torino Monica Amore, del Movimento 5 Stelle, è indagata per diffamazione aggravata dall’odio razziale. Titolare dell’inchiesta il procuratore aggiunto Emilio Gatti che ha aperto un fascicolo dopo l’esposto presentato dall’avvocato Tommaso Levi per conto della comunità ebraica di Torino.
La vicenda è quella del post su Facebook in cui associava alle testate del Gruppo Gedi alcune caricature antisemite.   PIEMONTE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Vaccini: Zingaretti, vera scommessa è produrli in Italia
Miliardi di esseri umani vanno alla ricerca di vaccini
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
16:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Si parla di centinaia di milioni, forse di miliardi, di esseri umani che vanno alla ricerca di vaccini: la vera scommessa è lavorare perché l’industria italiana possa produrre di più da noi”. Lo dice il segretario Pd e presidente del Lazio Nicola Zingaretti, a Oggi è un altro giorno su Rai1, rispondendo a chi gli domanda se pensi anche lui a comprare per il Lazio vaccini come sta facendo il Veneto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: Lollobrigida (Fdi), da Draghi aspettavamo di meglio
Doveva fare governo migliori,invece ha Speranza,Lamorgese,DiMaio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
16:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Da Draghi ci aspettavamo altro. Ci aspettavamo il coraggio di fare il governo dei migliori.
Ma tra i migliori è difficile annoverare il ministro Speranza, il ministro Lamorgese dal cui insediamento gli sbarchi sono triplicati, il ministro Di Maio che ha reso debole l’Italia a livello internazionale. Come si fa a chiamare Bianchi un tecnico dopo che si è fatto dieci anni nell’Emilia rossa con Vasco Errani?”. Lo afferma il capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera, Francesco Lollobrigida “Sui provvedimenti utili al Paese noi ci saremo”, assicura. E citando l'”Ahi serva Italia…” di Dante dice: “le auguriamo di guidare questa Nazione nel migliore dei modi ma sappia che l’equipaggio che la accompagna non è dei migliori”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi: Berlusconi, da lui mi aspetto moltissimo
Discorso piaciuto,ora deve affrontare problemi con cuore e mente
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MONZA
18 febbraio 2021
16:32
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Mi aspetto più da SuperMario Balotelli o da SuperMario Draghi? Ci aspettiamo moltissimo da entrambi. Il suo discorso mi è piaciuto, ora deve affrontare problemi con cuore oltre che mente, in modo che si possa dare via alla campagna di ricostruzione che in molti hanno paragonato alla ricostruzione dopoguerra”.
Lo ha detto il leader di Fi Silvio Berlusconi, a margine della presentazione del nuovo sponsor del Monza Calcio di cui è presidente.
“A Draghi e al Governo faccio l’augurio di riuscire a mettere da parte ogni discussione per arrivare a provvedimenti precisi da approvare in tempi brevissimi dall’uniformità del Parlamento”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lazio, 1 marzo al via vaccinazione 65enni da medici base
Si parte con nati nel 1956, vaccinati con Astrazeneca
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
18 febbraio 2021
18:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Partiranno dal primo marzo nel Lazio le vaccinazioni presso i medici di medicina generale (mmg). La novità, in attesa dell’atto ufficiale del ministero, è che si partirà dai nati nell’anno 1956 (65 anni) con il vaccino Astrazeneca.
E’ quanto fa sapere l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi non ripete il discorso, ascolta e prende appunti sui banchi del governo
La giornata a Montecitorio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il premier Mario Draghi ha ascoltato la discussione generale dei deputati prendendo appunti e consultando documenti, solo un pausa per bere un bicchiere d’acqua. Il voto inizierà alle 20.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo, Grillo: 5s non più marziano. Ex verso un gruppo -IL PUNTO
Prosegue dibattito fiducia. Esordio internazionale Draghi al G7
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
19:25
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo l’annuncio dell’espulsione dal Movimento Cinque Stelle dei 15 senatori che ieri non hanno votato la fiducia al governo guidato da Mario Draghi, a “rinforzare” la linea ufficiale di sostegno all’esecutivo è il garante del M5s Beppe Grillo. Il comico genovese, in un post sul suo blog, facendo un parallelo con il nome della sonda che stasera è attesa su Marte scrive: “Oggi, alle 21:55 la sonda Perseverance atterrerà su Marte. Alla stessa ora, la Perseveranza atterrerà su un altro Pianeta.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Terra. Più precisamente alla Camera dei deputati. I Grillini non sono più marziani. I Grillini non sono più marziani”.
Parole che suonano come una nuova presa di posizione a favore del premier. Ma, gli ormai ex M5s, non si danno per vinti. E se c’è chi ha già annunciato che presenterà ricorso contro l’espulsione, Mattia Crucioli fa sapere di essere al lavoro per la formazione di un gruppo. Ospite del programma radiofonico un Giorno da Pecora, il senatore conferma non solo di pensare ad un nuovo contenitore con gli altri ex pentastellati, ma di essere già al lavoro sul nome: “Tecnicamente siamo nel Misto ora, ma io – spiega – voglio fare una opposizione seria”.
L’eventuale nascita di un gruppo di ex M5s all’opposizione non lascerebbe più solo a Fratelli d’Italia il primato di essere l’unico partito “contro” il governo. In attesa di capire gli sviluppi, nell’aula di Montecitorio prosegue il dibattito sulla fiducia. Poi un nuovo stop per permettere la sanificazione dell’Emiciclo e alle 18 la ripresa dei lavori con la replica del premier, a seguire le dichiarazioni di voto e infine la votazione per la fiducia. Attesa dunque per il discorso del presidente del Consiglio che domani farà anche il suo esordio internazionale in veste di premier partecipando ai lavori del G7.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
‘Sei il nostro Totti’, la giornata di Draghi alla Camera
Cravatta e mascherina azzurre, 8 applausi nella replica a Montecitorio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
20:17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Abito blu e cravatta azzurra che richiama la maglia della Nazionale, nonché la bandiera europea, in tono anche con la mascherina della Presidenza del consiglio con cui nel pomeriggio ha sostituito la Ffp2 bianca. Mario Draghi cambia qualche dettaglio nel suo look per il debutto alla Camera e, se c’è, questa volta nasconde l’emozione rivelata ieri al Senato dove ha incassato il primo dei due voti di fiducia per il suo governo.
Nel giorno in cui ricorrono i 160 anni dalla prima legislatura del Regno d’Italia, “libera ed unita, quasi tutta”, come disse Vittorio Emanuele II nell’Aula di Palazzo Carignano, a Torino, il nuovo premier a Montecitorio, come consuetudine, non ripete il discorso programmatico del Senato, limitandosi ad ascoltare il dibattito per replicare nel tardo pomeriggio con un intervento di 13 minuti, interrotto da 8 applausi.
Ogni volta alza leggermente lo sguardo verso l’emiciclo e poi riprende a leggere i paragrafi arricchiti durante la giornata con gli appunti presi mentre parlavano i deputati.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A differenza dei molti ministri quasi mai tocca lo smartphone posato sul banco, anche se sul display compare ‘Giacomo’, il nome di uno dei suoi due figli. Con una Parker l’ex governatore della Bce prende annotazioni e segna una lettera, S, N o C accanto a ciascono dei 63 nomi nell’elenco degli interventi.
Gli strappa una risata sonora Roberto Giachetti, puntando un passaggio del suo discorso sulla comune fede romanista: “Ho sentito paragonarla a Ronaldo e a Baggio – dice nel suo intervento il deputato di Iv -. Mi consentirà di paragonarla al Capitano”, ossia Francesco Totti, “al quale riconosciamo lungimiranza, intelligenza e precisione nei passaggi”. Sempre in chiave calcistica, ma di altro tenore, l’offensiva di Andrea Delmastro Delle Vedove, di Fratelli d’Italia, che critica il suo “tridente d’attacco, Lamorgese, Speranza e Di Maio”.
Quelli del partito di Giorgia Meloni sono praticamente gli unici attacchi, non senza qualche apertura, che il nuovo premier ascolta alla Camera. Perché anche il leghista Claudio Borghi, spesso ruvido con Draghi, rinosce che nessuno meglio di lui sa come trovare i soldi che mancano all’Italia, salvo avvertirlo in fondo: “Ha la possibilità di riscattarsi e diventare un eroe, ma se tradirà il tricolore e saremo implacabili”.
Per i loro interventi in molti attingono direttamente al discorso programmatico di Draghi al Senato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ogni spreco è un torto alle future generazioni”, dice Vittoria Baldini del M5S, l’azzurra Annagrazia Calabria cita Cavour e il Papa, la sua collega Catia Polidori utilizza invece il celebre “whatever it takes” dell’ex governatore della Bce, mentre un’altra azzurra, Michela Biancofiore, rispolvera Edoardo Bennato.
Durante le pause per la sanificazione, nel cortile di Montecitorio i deputati di Iv sorridono dietro le maschierine, il vicepresidente di Forza Italia Antonio Tajani si scatta foto con altre cinque deputate azzurre, mentre è decisamente diversa l’atmosfera nei capannelli dei grillini: fra una sigaretta e l’altra si discute con una certa agitazione di ribelli ed espulsioni. Spingeva per il ‘no’ alla fiducia ma si allinea al voto su Rousseau Angela Raffa, che parla a titolo personale.
“Sono la più giovane qua dentro – dice la 5S, 28 anni appena compiuti – e perdoni la franchezza: il precedente governo è stato fatto fuori ma l’Aventino è una sconfitta. Leggerò ogni pagina di ogni dossier e le farò le pulci”. “Ho ascoltato con grande interese il dibattito”, risponderà poi ai deputati Draghi, evitando di tornare sui temi già toccati a Palazzo Madama: come a dire che le perdite di tempo è meglio evitarle.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi: ‘Rafforzare la qualità dei servizi della PA, a partire dalle competenze’
Insediamento del presidente della Corte dei Conti. ‘Con il Recovery il ruolo della Corte dei Conti ancor più cruciale’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
12:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono fermamente convinto della funzione essenziale della Corte” nell’ambito del controllo, “che deve essere intransigente. Ma con la stessa fermezza confido che tale controllo sia rapido.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I tempi straordinari che viviamo lo richiedono”. Lo dice il premier Mario Draghi alla cerimonia d’inaugurazione dell’anno giudiziario 2021, presenti anche il presidente della Repubblica Mattarella e il presidente della Camera Fico. “Oggi il ruolo della Corte diventa ancora più cruciale. Il Recovery and Resilience Facility riconosce al nostro Paese risorse imponenti con una chiara linea di indirizzo: investire sul futuro. Sta a chi governa fare le scelte strategiche, sta a chi amministra eseguirle in maniera efficace ed efficiente e a chi controlla verificare che le risorse siano impiegate correttamente. Governo, Parlamento, Amministrazione Pubblica, Corte dei Conti e tutte le Istituzioni del nostro Paese devono essere coprotagonisti di un percorso di rinascita economica e sociale”, ha aggiunto il premier Draghi.
“Bisogna agire sul versante del rafforzamento della qualità dell’azione amministrativa, a partire dalle competenze delle persone. È un diritto innegabile dei cittadini e le imprese di ricevere servizi puntuali, efficienti e di qualità. È un dovere delle Pubbliche Amministrazioni attrezzarsi perché ciò avvenga” – ha affermato il premier -. È necessario sempre trovare un punto di equilibrio tra fiducia e responsabilità: una ricerca non semplice, ma necessaria. Occorre, infatti, evitare gli effetti paralizzanti della ‘fuga dalla firma’, ma anche regimi di irresponsabilità a fronte degli illeciti più gravi per l’erario”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“È una mia profonda convinzione che le contrapposizioni tra istituzioni siano un gioco a somma negativa, mentre la collaborazione produce effetti moltiplicatori. È a questo principio di leale e costruttiva collaborazione che penso vada improntata la relazione tra chi agisce e chi controlla: questo principio deve guidare tutti i servitori dello Stato, controllati e controllori”, ha detto il premier. LA DIRETTA DELLA CERIMONIA

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Carlino: ‘Recovery motore rilancio economia, vigileremo’ – “Vanno colte le opportunità offerte dal nuovo Quadro finanziario pluriennale dell’Ue 2021-2027 che, integrato dal Next Generation Eu, costituisce il motore per rilanciare le economie dei Paesi membri”. Lo ha detto il Presidente della Corte dei Conti, Guido Carlino, inaugurando l’anno giudiziario 2021 della Corte, sottolineando che “può esservi ripresa solo in presenza di trasparenza, legalità finanziaria e controlli che garantiscano la realizzazione dei programmi finanziati” per cui la Corte “continuerà a svolgere le proprie funzioni di referto, controllo e giurisdizione a garantire l’uso corretto e proficuo delle risorse pubbliche”. “Vi è il rischio che molti, per motivi criminosi, possano trarre vantaggio dalla pandemia”. E’ l’allarme che lancia il Presidente della Corte dei Conti, Guido Carlino, inaugurando l’anno giudiziario 2021 della Corte. “In tale ambito, è determinante il ruolo che la Corte dei conti svolgerà per il perseguimento degli obiettivi di prevenzione e repressione dei fenomeni di dispersione delle risorse pubbliche, che vanificano le politiche di bilancio e la possibilità di erogare servizi pubblici di qualità, con ulteriore aggravio per i cittadini e le imprese”, ha spiegato Carlino. “L’azione di contrasto ai fenomeni di dispersione delle risorse pubbliche si confronta con un sistema normativo costituito da disposizioni stratificate nel tempo e con la complessità delle procedure amministrative, che spesso determinano aggravi per il cittadino e deficit di trasparenza”. E’ quanto denuncia il Presidente della Corte dei Conti, Guido Carlino, inaugurando l’anno giudiziario 2021 della Corte, spiegando che “tali criticità, come l’esperienza della Corte dei conti insegna, agevolano la realizzazione di fenomeni distrattivi delle risorse pubbliche o di inefficace impiego delle stesse”. Pertanto “è necessario un rinnovato impegno nella semplificazione della normativa, nello snellimento delle procedure, nella prevenzione e nel contrasto dei conflitti di interesse nella gestione pubblica”, ha sottolineato Carlino.
Corte dei Conti, non un euro in mano alla criminalità – “La fase della ripresa richiederà sforzi enormi e grande attenzione nell’impiego delle ingenti risorse del Next Generation Eu, non un euro dovrà essere sprecato, non un euro dovrà finire nelle tasche dei profittatori, dei disonesti, dei criminali”, ha sottolineato il Procuratore generale della Corte dei Conti, Angelo Canale, nel suo intervento all’inaugurazione dell’anno giudiziario 2021 della Corte. “Questo deve essere l’imperativo categorico per tutti, decisori politici, pubbliche amministrazioni, forze di polizia, magistrature”, ha aggiunto.
“Bisogna agire sul versante del rafforzamento della qualità dell’azione amministrativa, a partire dalle competenze delle persone. È un diritto innegabile dei cittadini e le imprese di ricevere servizi puntuali, efficienti e di qualità. È un dovere delle Pubbliche Amministrazioni attrezzarsi perché ciò avvenga”, ha detto il premier.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Landini: serve confronto imprese-sindacati sul futuro
Messina, patrimoniale sarebbe grande sconfitta
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
13:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Credo che sia opportuno, oltre alle classiche relazioni sindacali che esistono, avere dei momenti in cui imprese e sindacati si incontrano e si confrontano per il futuro”. Lo ha detto il segretario della Cgil, Maurizio Landini, nel corso del convegno della Fisac-Cgil.

“Sarebbe l’occasione – ha aggiunto – anche per confrontarsi sui cambiamenti che ci sono o che arriveranno. Viviamo una fase che ci sta cambiando e questo richiede anche un cambio della funzione sindacale”.

“Bisogna che il Governo metta in campo una legislazione che impedisca che la competizione tra le imprese avvenga sui contratti pirata e sulla riduzione dei diritti delle persone, ha aggiunto. La precarietà è uno degli elementi che ha determinato l’aumento della povertà e della diseguaglianze”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fiducia di ferro per Mario Draghi in Senato
Quindici del M5S votano ‘no’, 8 non partecipano al voto
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
16:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fiducia larga con 262 sì, 101 in più rispetto a quelli che basterebbero per avere la maggioranza politica, e 40 voti contrari per il nuovo governo Draghi in Senato. Solo due gli astenuti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Quella su cui può contare l’ex presidente della Bce è una maggioranza molto ampia ma che, a Palazzo Madama, non supera il record dell’Esecutivo Monti pari a 281 voti favorevoli. A schierarsi contro, oltre i 19 parlamentari di Fdi, sono quindici senatori 5s. Altri 8 cinquestelle non hanno partecipato alla votazione ma due risultano assenti giustificati. Il capogruppo del Movimento a Palazzo Madama Licheri avverte comunque che quella targata 5s non è una fiducia incondizionata. “Non dia mai per scontato il nostro sì perché noi, mi permetta questa licenza verbale, le romperemo le scatole”, dichiara in Aula.
“L’unità non è un’opzione, è un dovere”. Richiama al senso di “responsabilità nazionale” Mario Draghi nel suo intervento programmatico alle Camere: non un esecutivo tecnico o del presidente, il suo è il “governo del Paese” e ha il compito di avviare una “Nuova ricostruzione”. Parla 53 minuti e all’inizio di un discorso denso dichiara un’emozione che si fa sentire quando cita, sbagliando le cifre, i dati della pandemia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’euro come scelta “irreversibile”, lo sguardo rivolto al futuro e ai giovani, la lotta al virus, l’ambiente (che si lavora per mettere in Costituzione), sono alcuni tra i temi fondanti del discorso. L’ex presidente della Bce pone come ancoraggio, in politica estera, l’Europa e l’Alleanza Atlantica. Con la Russia e la Cina la porta del dialogo resta aperta ma Draghi mette sul tavolo le “preoccupazioni” per il mancato rispetto dei diritti umani.
Sono 21 gli applausi che i senatori tributano al nuovo presidente del Consiglio. La politica ascolta e quasi unanime plaude, per le polemiche ci saranno altri giorni: Berlusconi invita a guardare al “minimo comune denominatore” fra le forze che sostengono il governo, Zingaretti in una dichiarazione stringata si dice convinto che “l’Italia si trovi in buone mani”.
Accanto al premier, alla sua destra, siede il ministro leghista Giancarlo Giorgetti: è a lui che si rivolge con lo sguardo quando tentenna per un attimo sui numeri della pandemia. Draghi perimetra però chiaramente l’azione del suo esecutivo: a Salvini che ha attaccato l’euro, dice senza giri di parole che quella è “una scelta irreversibile”. Ma non solo. L’ancoraggio all’Europa è una necessità per l’ex presidente della Bce: “Non c’è sovranità nella solitudine. C’è solo l’inganno di ciò che siamo – dice in uno dei passaggi più articolati del suo intervento – nell’oblio di ciò che siamo stati e nella negazione di quello che potremmo essere”. L’Aula apprezza, il Capitano meno e infatti rimane a braccia conserte mentre in molti battono le mani. E sulla moneta unica taglia corto “Non è di attualità”, replica.
Si attira anche qualche ‘buuh’ dai banchi del centrodestra Draghi: accade quando ringrazia Conte. Ma il premier senza dare l’impressione di voler azzerare quanto fatto dal predecessore dalla lotta al virus al Recovery segna però parecchie discontinuità. Nell’Italia di Draghi non c’è posto per i gazebo a forma di primula immaginati dal commissario Arcuri: sui vaccini è necessario correre, va usato ogni spazio e ogni forza a disposizione per battere il virus “nemico di tutti”.
La scuola deve riaprire, i giovani – a cui Draghi riserva ampio spazio – hanno il diritto di recuperare il tempo perso. Come insegna Cavour, avverte però il premier, l’imporsi dell’emergenza non esclude la necessità di fare le riforme. Pubblica amministrazione, giustizia civile e fisco sono in cima alla lista. E poi il Recovery. I 210 miliardi a disposizione sono un’occasione da non perdere e su questo concordano da sempre tutti. Ma come renderli davvero utilizzabili è la domanda a cui è più difficile rispondere. La governance – elemento scatenante della crisi del Conte II – sarà nelle mani del ministero dell’Economia, in raccordo con i colleghi. Il Parlamento, che ha ora all’esame l’ultima bozza messa a punto dal precedente esecutivo e che è invitato a fare in fretta, “verrà costantemente informato”, dice nel suo intervento Draghi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Regioni avanti sul fai da te, ma arrivano i Nas
Zaia: ‘Disponibilità di AstraZeneca’. Ma si indaga anche sul Veneto
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
21:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Aumentano i contatti delle Regioni con gli intermediari per l’acquisto fai-da-te del vaccino, ma i Nas indagano per scongiurare il rischio che si possa cadere nella trappola di frodi e contraffazioni negli ambienti del commercio parallelo di farmaci. Dopo quelle per le dosi di Pfizer qualche giorno fa, il Veneto ha annunciato di aver ricevuto in queste ore altre disponibilità di dosi anche per fiale di AstraZeneca.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Proposte giunte anche all’Emilia Romagna: “Anche per il collega Bonaccini – ha spiegato lo stesso governatore Zaia – ne era arrivata una dalla Croazia. Non è colpa nostra se ci chiamano”, si è giustificato. E nei giorni scorsi anche il Piemonte si era attivato su questo fronte.
Ora però quei contatti finiranno in un fascicolo di indagine aperto dalla Procura di Perugia che, come primo atto, ha dato mandato ai carabinieri del Nucleo Antisofisticazione del capoluogo umbro di acquisire alcuni documenti presso la struttura del Commissario straordinario per l’emergenza Covid e all’Aifa. L’obiettivo del procuratore generale, Raffaele Cantone – ex presidente dell’Anac ed esperto di reati che riguardano la corruzione e i reati che coinvolgono la pubblica amministrazione – è in particolare di accertare se risultino regioni italiane che abbiano inoltrato istanze ai fini dell’approvvigionamento diretto. L’acquisizione di documenti riguarderà anche la sede della Regione Veneto, per accertare i presunti proponenti di forniture di vaccino, in deroga agli accordi con le Autorità centrali.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi, il debutto da premier al G7: ‘Accelerare sui vaccini’
Prima volta di Biden al summit. La prossima settimana a Bruxelles
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
11:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Formalmente è un debutto quello del nuovo presidente del Consiglio italiano al summit del G7. In realtà Mario Draghi conosce molto bene la maggior parte degli interlocutori che incontrerà oggi, sebbene in formato virtuale.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In quello che di fatto è un pre-vertice voluto dal premier britannico Boris Johnson – che ha la presidente del G7 e che ha già fissato per il mese di giugno in Cornovaglia il summit in presenza – c’è un’altra importante novità, che spazza via un passato molto ingombrante: l’arrivo del presidente Usa Joe Biden e di un’America, quella del dopo Trump, assai più aperta al dialogo e meno desiderosa di sparigliare le carte.

Draghi si collegherà al vertice tutto dedicato all’emergenza Covid, in particolare ai vaccini, con la convinzione che sia necessario accelerare. E da questo punto di vista il confronto con gli altri Paesi, Gran Bretagna in testa, è fondamentale. E’ quello il modello a cui guarda il premier e cui fa riferimento quando invita ad “imparare dai Paesi che si sono mossi più rapidamente di noi, disponendo subito di quantità di vaccini adeguate”. Del resto, secondo il premier, la rapidità nella diffusione dei vaccini è essenziale anche per scongiurare che le varianti prendano il sopravvento. Un tema che Draghi potrebbe affrontare anche con la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen a Bruxelles, dove si sta lavorando ad un possibile incontro già la settimana prossima. Anche con gli altri leader europei d’altra parte, Angela Merkel e Emmanuel Macron, c’è piena sintonia sulla necessità di un’integrazione e di un’accelerazione sulla gestione dell’emergenza.

Ma il primo G7 con Biden è anche l’occasione per l’atlantista Draghi come per gli altri leader (a cominciare dal canadese Justin Trudeau, ‘acerrimo amico’ di Trump) per tirare il fiato e avviare un nuovo rapporto con gli Stati Uniti, anche nella postura da assumere verso Russia e Cina. Il nuovo corso l’ha indicato il segretario al Tesoro Janet Yellen al G7 dei ministri delle Finanze: gli Stati Uniti, ha detto, hanno come “priorità” il multilateralismo, il rafforzamento delle alleanze e del loro impegno a livello internazionale. Ovviamente il formato virtuale non permette la possibilità di bilaterali, più o meno formali. Ma resta l’intenzione di Draghi, in attesa dei faccia a faccia, di porre le basi per strutturare quel rapporto “strategico e imprescindibile” con Francia e Germania del quale ha parlato in Senato per far rinascere l’economia europea dalle macerie del Covid. Non è inoltre escluso uno scambio con Boris Johnson visti gli impegni comuni che avranno Italia e Gran Bretagna, a partire dalla Cop26.
Tra i temi del summit anche la necessità di arrivare ad un piano globale dei vaccini, accogliendo l’appello dell’Onu. Più sarà estesa e rapida la vaccinazione, prima il mondo potrà ricominciare a girare. Rapidità, insomma, è la parola d’ordine.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Non solo per il presente, ma anche per il futuro: l’ambizione che Johnson presenterà ai colleghi è infatti quella di ridurre a 100 giorni i tempi per sviluppare nuovi vaccini contro malattie emergenti, per evitare i problemi vissuti con il Covid per il quale ce ne sono voluti 300.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5S: Crimi, espulsi i deputati che non hanno votato la fiducia
Guerra nel Movimento, arriva la scissione. Ortodossi da soli
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
12:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Come già avvenuto al Senato, anche i portavoce del MoVimento 5 Stelle che nel voto di fiducia alla Camera si sono espressi diversamente dal gruppo parlamentare verranno espulsi. Chi ha scelto di votare diversamente ha scelto di chiamarsi fuori da questo gruppo, lasciando dei vuoti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ora le fila vanno serrate, affinché l’azione del gruppo, della squadra, sia ancora efficace”. Lo annuncia su Fb Vito Crimi.
Guerra nei 5s, arriva scissione. Ortodossi da soli – La scissione è iniziata, la guerra fratricida è un dato di fatto, la battaglia sul simbolo e il rapporto tra Beppe Grillo e Davide Casaleggio sono due fattori da cui dipende l’esistenza stessa del M5S così come finora era conosciuto. Il “no” dei 15 senatori ortodossi a Mario Draghi apre una ferita che difficilmente si rimarginerà. Una manciata di ore dopo, alla Camera, i “contras” viaggiano più o meno sulla stessa linea. I gruppi autonomi, per i dissidenti espulsi, sono a un passo. E, al Senato, gli ultimi rumors spiegano che gli ortodossi avrebbero chiesto al segretario Ignazio Messina l’uso del simbolo Idv. Nel pomeriggio i vertici tentano una controffensiva. Vito Crimi si palesa a Montecitorio, preceduto da un post di Beppe Grillo in cui il Garante non muta la sua linea pro-Draghi: “I Grillini non sono più marziani. I Grillini non sono più marziani”, scrive Grillo tracciando una linea che unisce la sonda Perseverance, in arrivo nella notte su Marte con la “perseveranza” del sì del M5S ad un governo ambientalista. Un sì che, nella strategia di Grillo, potrebbe innescare una rifondazione della sua creatura. In mattinata, invece, governisti ed espulsi si combattono a suon di dichiarazioni e post sui social. Alla notizia dell’espulsione – che potrebbe riguardare anche tre assenti al Senato, tra cui Emanuele Dessì – Barbara Lezzi risponde per le rime: “Mi candido a far parte del comitato direttivo del M5S (da cui non sono espulsa)”. Ma è una provocazione: lo Statuto, all’art.11, recita che chi è espulso dai gruppi parlamentari lo è anche dal Movimento, e viceversa. C’è un dato tuttavia: il procedimento di espulsione – con il ricorso che, per prassi, viene fatto da chi subisce la sanzione – ha i suoi tempi. E chissà se, nel caso il voto sulla nuova governance preceda l’espulsione ufficiale, i dissidenti non possano candidarsi. L’altro “big” del Senato cacciato dai vertici, Nicola Morra, staziona in mattinata a lungo alla Camera. Parla con Lorenzo Fioramonti, ex ministro M5S che da mesi pensa a un gruppo autonomo con altri fuoriusciti. I numeri, a Montecitorio, ci sarebbero, così come al Senato. Anche se Morra per ora si sfila: “Non mi interessa, non voglio andare via”. Sono ore di scosse telluriche per il M5s e Luigi Di Maio aspetta che ci sia un primo assestamento. Poi potrebbe fare la sua mossa, come gli viene chiesto da diversi deputati.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ma la tensione, per ora, è troppo alta e investe anche due esponenti moderati del calibro di Alfonso Bonafede e Federico D’Incà che, a lungo, in Aula si attardano in una discussione dai toni piuttosto alti. E poi c’è il nodo Rousseau. L’affondo di ieri contro Crimi – “lo Statuto è cambiato, non è più capo politico” – ha acuito l’irritazione dei parlamentari. “Si tenga gli iscritti, facciamola finita. Lì c’è solo una gara per i click degli attivisti”, è la linea, tranchant, di un esponente della vecchia guardia. Luca di Giuseppe facilitatore campano M5s vicino a Casaleggio lancia una ‘call to action’ per sostenere con la funzione “Mi fido” gli espulsi. E in serata riemerge Alessandro Di Battista. La guida dei “descamisados” annuncia un Live per sabato che pare una discesa in campo: “Ci sono cose da dire. Scelte politiche da difendere. Domande a cui rispondere ed una sana e robusta opposizione da costruire”, sottolinea. E sullo sfondo, appare la guerra sul simbolo. Che è di Grillo e della sua Associazione del 2012, ma è stato ceduto in comodato all’Associazione M5s del 2017, in cui risultano fondatori Luigi Di Maio e Casaleggio. E il caos potrebbe frenare anche Giuseppe Conte. Dal suo futuro potrebbe dipendere anche quello del Comitato direttivo a 5 membri approvato dagli iscritti. Ma l’ex premier sembrerebbe ancora indeciso tra una sua lista, il ruolo di federatore e l’adesione al M5s. “Faccia il leader politico, non il federatore”, è il consiglio del suo ex portavoce Rocco Casalino. Consapevole che la sua ambizione troverebbe uno scoglio, innanzitutto, quello del Pd.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Maturità 2021: niente scritti, solo esame orale
Il maturando partirà da un elaborato ampio e personalizzato
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
13:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Niente prove scritte ma solo l’orale: il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi conferma al Corsera le indiscrezioni sulla maturità circolate da giorni. Il maturando partirà da un elaborato ampio e personalizzato sulle materie di indirizzo, concordandolo con il consiglio di classe; da qui comincerà l’orale che si svilupperà poi sulle altre discipline. L’ammissione agli esami sarà disposta in sede di scrutinio finale dal Consiglio di classe.
Le prove, come era già previsto, inizieranno a metà giugno.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sul calendario scolastico non c’è nulla di deciso, dipende da come andrà l’epidemia; c’è una grossa incognita sulle varianti, molto aggressive, oggi bisogna fare i conti con una realtà così complessa che stare a disquisire, a metà febbraio, se si andrà a scuola fino al 15 o al 30 giugno appare una forzatura. In linea linea di principio, se ci fosse necessità di prolungare il calendario si può prendere in considerazione, ma di qui a parlarne ora ce ne passa, dobbiamo aspettare: tra gli esperti c’è chi parla anche della necessità di un nuovo lockdown nazionale”. Lo dice Antonello Giannelli che guida l’associazione presidi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Eni: nel 2020 rosso di 8 miliardi, adjusted 742 milioni
Descalzi: nell’anno più difficile dato prova di forza e flessibilità
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
08:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Eni ha chiuso il 2020 con una perdita netta di 8 miliardi e un risultato netto adjusted di -0,74 miliardi. Lo si legge nella nota diffusa dopo il cda che ha esaminato i risultati d’esercizio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nel quarto trimestre la perdita netta è stato di 0,725 miliardi, mentre per l’adjusted c’è stato un ritorno in utile a 66 milioni.
L’Ebit adjusted di Gruppo, pari a 1,9 miliardi nell’anno (0,5 miliardi di euro nel quarto trimestre), registra una contrazione di circa 6,7 miliardi dovuta per -6,8 miliardi alla flessione dei prezzi/margini degli idrocarburi e per -1 miliardo agli effetti del COVID-19, attenuati da una migliore performance per 1,1 miliardi. Nel 2020 la produzione d’idrocarburi di Eni è stata di 1,73 milioni di barili di olio equivalente (boe) al giorno, in linea con la guidance ridefinita a seguito dello scoppio della pandemia. Nell’ultimo trimestre la produzione è stata pari a 1,71 milioni di boe al giorno (-11% rispetto al periodo di confronto).
“Nell’anno più difficile nella storia dell’industria energetica, Eni ha dato prova di grande forza e flessibilità, rispondendo con prontezza allo straordinario contesto di crisi e progredendo nel processo irreversibile di transizione energetica”. Lo afferma l’a.d. dell’Eni Claudio Descalzi nella nota sui risultati del 2020, sottolineando che “in pochi mesi abbiamo rivisto il nostro programma di spesa e minimizzato l’impatto sulla cassa della caduta del prezzo del greggio, aumentato la nostra liquidità e difeso la nostra solidità patrimoniale”.
Il cda di Eni ha confermato la proposta di dividendo 2020 di 0,36 euro per azione, di cui 0,12 euro versati in sede di acconto a settembre 2020. La proposta del cda verrà sottoposta all’assemblea degli azionisti che si riunirà il 12 maggio.   ECONOMIA

Carlino: ‘Recovery motore rilancio economia, vigileremo’ – “Vanno colte le opportunità offerte dal nuovo Quadro finanziario pluriennale dell’Ue 2021-2027 che, integrato dal Next Generation Eu, costituisce il motore per rilanciare le economie dei Paesi membri”. Lo ha detto il Presidente della Corte dei Conti, Guido Carlino, inaugurando l’anno giudiziario 2021 della Corte, sottolineando che “può esservi ripresa solo in presenza di trasparenza, legalità finanziaria e controlli che garantiscano la realizzazione dei programmi finanziati” per cui la Corte “continuerà a svolgere le proprie funzioni di referto, controllo e giurisdizione a garantire l’uso corretto e proficuo delle risorse pubbliche”. “Vi è il rischio che molti, per motivi criminosi, possano trarre vantaggio dalla pandemia”. E’ l’allarme che lancia il Presidente della Corte dei Conti, Guido Carlino, inaugurando l’anno giudiziario 2021 della Corte. “In tale ambito, è determinante il ruolo che la Corte dei conti svolgerà per il perseguimento degli obiettivi di prevenzione e repressione dei fenomeni di dispersione delle risorse pubbliche, che vanificano le politiche di bilancio e la possibilità di erogare servizi pubblici di qualità, con ulteriore aggravio per i cittadini e le imprese”, ha spiegato Carlino. “L’azione di contrasto ai fenomeni di dispersione delle risorse pubbliche si confronta con un sistema normativo costituito da disposizioni stratificate nel tempo e con la complessità delle procedure amministrative, che spesso determinano aggravi per il cittadino e deficit di trasparenza”. E’ quanto denuncia il Presidente della Corte dei Conti, Guido Carlino, inaugurando l’anno giudiziario 2021 della Corte, spiegando che “tali criticità, come l’esperienza della Corte dei conti insegna, agevolano la realizzazione di fenomeni distrattivi delle risorse pubbliche o di inefficace impiego delle stesse”. Pertanto “è necessario un rinnovato impegno nella semplificazione della normativa, nello snellimento delle procedure, nella prevenzione e nel contrasto dei conflitti di interesse nella gestione pubblica”, ha sottolineato Carlino.
Corte dei Conti, non un euro in mano alla criminalità – “La fase della ripresa richiederà sforzi enormi e grande attenzione nell’impiego delle ingenti risorse del Next Generation Eu, non un euro dovrà essere sprecato, non un euro dovrà finire nelle tasche dei profittatori, dei disonesti, dei criminali”, ha sottolineato il Procuratore generale della Corte dei Conti, Angelo Canale, nel suo intervento all’inaugurazione dell’anno giudiziario 2021 della Corte. “Questo deve essere l’imperativo categorico per tutti, decisori politici, pubbliche amministrazioni, forze di polizia, magistrature”, ha aggiunto.
“Bisogna agire sul versante del rafforzamento della qualità dell’azione amministrativa, a partire dalle competenze delle persone. È un diritto innegabile dei cittadini e le imprese di ricevere servizi puntuali, efficienti e di qualità. È un dovere delle Pubbliche Amministrazioni attrezzarsi perché ciò avvenga”, ha detto il premier.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Landini: serve confronto imprese-sindacati sul futuro
Messina, patrimoniale sarebbe grande sconfitta
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
13:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Credo che sia opportuno, oltre alle classiche relazioni sindacali che esistono, avere dei momenti in cui imprese e sindacati si incontrano e si confrontano per il futuro”. Lo ha detto il segretario della Cgil, Maurizio Landini, nel corso del convegno della Fisac-Cgil.

“Sarebbe l’occasione – ha aggiunto – anche per confrontarsi sui cambiamenti che ci sono o che arriveranno. Viviamo una fase che ci sta cambiando e questo richiede anche un cambio della funzione sindacale”.

“Bisogna che il Governo metta in campo una legislazione che impedisca che la competizione tra le imprese avvenga sui contratti pirata e sulla riduzione dei diritti delle persone, ha aggiunto. La precarietà è uno degli elementi che ha determinato l’aumento della povertà e della diseguaglianze”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fiducia di ferro per Mario Draghi in Senato
Quindici del M5S votano ‘no’, 8 non partecipano al voto
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
16:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fiducia larga con 262 sì, 101 in più rispetto a quelli che basterebbero per avere la maggioranza politica, e 40 voti contrari per il nuovo governo Draghi in Senato. Solo due gli astenuti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Quella su cui può contare l’ex presidente della Bce è una maggioranza molto ampia ma che, a Palazzo Madama, non supera il record dell’Esecutivo Monti pari a 281 voti favorevoli. A schierarsi contro, oltre i 19 parlamentari di Fdi, sono quindici senatori 5s. Altri 8 cinquestelle non hanno partecipato alla votazione ma due risultano assenti giustificati. Il capogruppo del Movimento a Palazzo Madama Licheri avverte comunque che quella targata 5s non è una fiducia incondizionata. “Non dia mai per scontato il nostro sì perché noi, mi permetta questa licenza verbale, le romperemo le scatole”, dichiara in Aula.
“L’unità non è un’opzione, è un dovere”. Richiama al senso di “responsabilità nazionale” Mario Draghi nel suo intervento programmatico alle Camere: non un esecutivo tecnico o del presidente, il suo è il “governo del Paese” e ha il compito di avviare una “Nuova ricostruzione”. Parla 53 minuti e all’inizio di un discorso denso dichiara un’emozione che si fa sentire quando cita, sbagliando le cifre, i dati della pandemia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’euro come scelta “irreversibile”, lo sguardo rivolto al futuro e ai giovani, la lotta al virus, l’ambiente (che si lavora per mettere in Costituzione), sono alcuni tra i temi fondanti del discorso. L’ex presidente della Bce pone come ancoraggio, in politica estera, l’Europa e l’Alleanza Atlantica. Con la Russia e la Cina la porta del dialogo resta aperta ma Draghi mette sul tavolo le “preoccupazioni” per il mancato rispetto dei diritti umani.
Sono 21 gli applausi che i senatori tributano al nuovo presidente del Consiglio. La politica ascolta e quasi unanime plaude, per le polemiche ci saranno altri giorni: Berlusconi invita a guardare al “minimo comune denominatore” fra le forze che sostengono il governo, Zingaretti in una dichiarazione stringata si dice convinto che “l’Italia si trovi in buone mani”.
Accanto al premier, alla sua destra, siede il ministro leghista Giancarlo Giorgetti: è a lui che si rivolge con lo sguardo quando tentenna per un attimo sui numeri della pandemia. Draghi perimetra però chiaramente l’azione del suo esecutivo: a Salvini che ha attaccato l’euro, dice senza giri di parole che quella è “una scelta irreversibile”. Ma non solo. L’ancoraggio all’Europa è una necessità per l’ex presidente della Bce: “Non c’è sovranità nella solitudine. C’è solo l’inganno di ciò che siamo – dice in uno dei passaggi più articolati del suo intervento – nell’oblio di ciò che siamo stati e nella negazione di quello che potremmo essere”. L’Aula apprezza, il Capitano meno e infatti rimane a braccia conserte mentre in molti battono le mani. E sulla moneta unica taglia corto “Non è di attualità”, replica.
Si attira anche qualche ‘buuh’ dai banchi del centrodestra Draghi: accade quando ringrazia Conte. Ma il premier senza dare l’impressione di voler azzerare quanto fatto dal predecessore dalla lotta al virus al Recovery segna però parecchie discontinuità. Nell’Italia di Draghi non c’è posto per i gazebo a forma di primula immaginati dal commissario Arcuri: sui vaccini è necessario correre, va usato ogni spazio e ogni forza a disposizione per battere il virus “nemico di tutti”.
La scuola deve riaprire, i giovani – a cui Draghi riserva ampio spazio – hanno il diritto di recuperare il tempo perso. Come insegna Cavour, avverte però il premier, l’imporsi dell’emergenza non esclude la necessità di fare le riforme. Pubblica amministrazione, giustizia civile e fisco sono in cima alla lista. E poi il Recovery. I 210 miliardi a disposizione sono un’occasione da non perdere e su questo concordano da sempre tutti. Ma come renderli davvero utilizzabili è la domanda a cui è più difficile rispondere. La governance – elemento scatenante della crisi del Conte II – sarà nelle mani del ministero dell’Economia, in raccordo con i colleghi. Il Parlamento, che ha ora all’esame l’ultima bozza messa a punto dal precedente esecutivo e che è invitato a fare in fretta, “verrà costantemente informato”, dice nel suo intervento Draghi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Regioni avanti sul fai da te, ma arrivano i Nas
Zaia: ‘Disponibilità di AstraZeneca’. Ma si indaga anche sul Veneto
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
21:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Aumentano i contatti delle Regioni con gli intermediari per l’acquisto fai-da-te del vaccino, ma i Nas indagano per scongiurare il rischio che si possa cadere nella trappola di frodi e contraffazioni negli ambienti del commercio parallelo di farmaci. Dopo quelle per le dosi di Pfizer qualche giorno fa, il Veneto ha annunciato di aver ricevuto in queste ore altre disponibilità di dosi anche per fiale di AstraZeneca.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Proposte giunte anche all’Emilia Romagna: “Anche per il collega Bonaccini – ha spiegato lo stesso governatore Zaia – ne era arrivata una dalla Croazia. Non è colpa nostra se ci chiamano”, si è giustificato. E nei giorni scorsi anche il Piemonte si era attivato su questo fronte.
Ora però quei contatti finiranno in un fascicolo di indagine aperto dalla Procura di Perugia che, come primo atto, ha dato mandato ai carabinieri del Nucleo Antisofisticazione del capoluogo umbro di acquisire alcuni documenti presso la struttura del Commissario straordinario per l’emergenza Covid e all’Aifa. L’obiettivo del procuratore generale, Raffaele Cantone – ex presidente dell’Anac ed esperto di reati che riguardano la corruzione e i reati che coinvolgono la pubblica amministrazione – è in particolare di accertare se risultino regioni italiane che abbiano inoltrato istanze ai fini dell’approvvigionamento diretto. L’acquisizione di documenti riguarderà anche la sede della Regione Veneto, per accertare i presunti proponenti di forniture di vaccino, in deroga agli accordi con le Autorità centrali.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi, il debutto da premier al G7: ‘Accelerare sui vaccini’
Prima volta di Biden al summit. La prossima settimana a Bruxelles
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
11:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Formalmente è un debutto quello del nuovo presidente del Consiglio italiano al summit del G7. In realtà Mario Draghi conosce molto bene la maggior parte degli interlocutori che incontrerà oggi, sebbene in formato virtuale.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In quello che di fatto è un pre-vertice voluto dal premier britannico Boris Johnson – che ha la presidente del G7 e che ha già fissato per il mese di giugno in Cornovaglia il summit in presenza – c’è un’altra importante novità, che spazza via un passato molto ingombrante: l’arrivo del presidente Usa Joe Biden e di un’America, quella del dopo Trump, assai più aperta al dialogo e meno desiderosa di sparigliare le carte.

Draghi si collegherà al vertice tutto dedicato all’emergenza Covid, in particolare ai vaccini, con la convinzione che sia necessario accelerare. E da questo punto di vista il confronto con gli altri Paesi, Gran Bretagna in testa, è fondamentale. E’ quello il modello a cui guarda il premier e cui fa riferimento quando invita ad “imparare dai Paesi che si sono mossi più rapidamente di noi, disponendo subito di quantità di vaccini adeguate”. Del resto, secondo il premier, la rapidità nella diffusione dei vaccini è essenziale anche per scongiurare che le varianti prendano il sopravvento. Un tema che Draghi potrebbe affrontare anche con la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen a Bruxelles, dove si sta lavorando ad un possibile incontro già la settimana prossima. Anche con gli altri leader europei d’altra parte, Angela Merkel e Emmanuel Macron, c’è piena sintonia sulla necessità di un’integrazione e di un’accelerazione sulla gestione dell’emergenza.

Ma il primo G7 con Biden è anche l’occasione per l’atlantista Draghi come per gli altri leader (a cominciare dal canadese Justin Trudeau, ‘acerrimo amico’ di Trump) per tirare il fiato e avviare un nuovo rapporto con gli Stati Uniti, anche nella postura da assumere verso Russia e Cina. Il nuovo corso l’ha indicato il segretario al Tesoro Janet Yellen al G7 dei ministri delle Finanze: gli Stati Uniti, ha detto, hanno come “priorità” il multilateralismo, il rafforzamento delle alleanze e del loro impegno a livello internazionale. Ovviamente il formato virtuale non permette la possibilità di bilaterali, più o meno formali. Ma resta l’intenzione di Draghi, in attesa dei faccia a faccia, di porre le basi per strutturare quel rapporto “strategico e imprescindibile” con Francia e Germania del quale ha parlato in Senato per far rinascere l’economia europea dalle macerie del Covid. Non è inoltre escluso uno scambio con Boris Johnson visti gli impegni comuni che avranno Italia e Gran Bretagna, a partire dalla Cop26.
Tra i temi del summit anche la necessità di arrivare ad un piano globale dei vaccini, accogliendo l’appello dell’Onu. Più sarà estesa e rapida la vaccinazione, prima il mondo potrà ricominciare a girare. Rapidità, insomma, è la parola d’ordine.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Non solo per il presente, ma anche per il futuro: l’ambizione che Johnson presenterà ai colleghi è infatti quella di ridurre a 100 giorni i tempi per sviluppare nuovi vaccini contro malattie emergenti, per evitare i problemi vissuti con il Covid per il quale ce ne sono voluti 300.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5S: Crimi, espulsi i deputati che non hanno votato la fiducia
Guerra nel Movimento, arriva la scissione. Ortodossi da soli
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
12:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Come già avvenuto al Senato, anche i portavoce del MoVimento 5 Stelle che nel voto di fiducia alla Camera si sono espressi diversamente dal gruppo parlamentare verranno espulsi. Chi ha scelto di votare diversamente ha scelto di chiamarsi fuori da questo gruppo, lasciando dei vuoti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ora le fila vanno serrate, affinché l’azione del gruppo, della squadra, sia ancora efficace”. Lo annuncia su Fb Vito Crimi.
Guerra nei 5s, arriva scissione. Ortodossi da soli – La scissione è iniziata, la guerra fratricida è un dato di fatto, la battaglia sul simbolo e il rapporto tra Beppe Grillo e Davide Casaleggio sono due fattori da cui dipende l’esistenza stessa del M5S così come finora era conosciuto. Il “no” dei 15 senatori ortodossi a Mario Draghi apre una ferita che difficilmente si rimarginerà. Una manciata di ore dopo, alla Camera, i “contras” viaggiano più o meno sulla stessa linea. I gruppi autonomi, per i dissidenti espulsi, sono a un passo. E, al Senato, gli ultimi rumors spiegano che gli ortodossi avrebbero chiesto al segretario Ignazio Messina l’uso del simbolo Idv. Nel pomeriggio i vertici tentano una controffensiva. Vito Crimi si palesa a Montecitorio, preceduto da un post di Beppe Grillo in cui il Garante non muta la sua linea pro-Draghi: “I Grillini non sono più marziani. I Grillini non sono più marziani”, scrive Grillo tracciando una linea che unisce la sonda Perseverance, in arrivo nella notte su Marte con la “perseveranza” del sì del M5S ad un governo ambientalista. Un sì che, nella strategia di Grillo, potrebbe innescare una rifondazione della sua creatura. In mattinata, invece, governisti ed espulsi si combattono a suon di dichiarazioni e post sui social. Alla notizia dell’espulsione – che potrebbe riguardare anche tre assenti al Senato, tra cui Emanuele Dessì – Barbara Lezzi risponde per le rime: “Mi candido a far parte del comitato direttivo del M5S (da cui non sono espulsa)”. Ma è una provocazione: lo Statuto, all’art.11, recita che chi è espulso dai gruppi parlamentari lo è anche dal Movimento, e viceversa. C’è un dato tuttavia: il procedimento di espulsione – con il ricorso che, per prassi, viene fatto da chi subisce la sanzione – ha i suoi tempi. E chissà se, nel caso il voto sulla nuova governance preceda l’espulsione ufficiale, i dissidenti non possano candidarsi. L’altro “big” del Senato cacciato dai vertici, Nicola Morra, staziona in mattinata a lungo alla Camera. Parla con Lorenzo Fioramonti, ex ministro M5S che da mesi pensa a un gruppo autonomo con altri fuoriusciti. I numeri, a Montecitorio, ci sarebbero, così come al Senato. Anche se Morra per ora si sfila: “Non mi interessa, non voglio andare via”. Sono ore di scosse telluriche per il M5s e Luigi Di Maio aspetta che ci sia un primo assestamento. Poi potrebbe fare la sua mossa, come gli viene chiesto da diversi deputati.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ma la tensione, per ora, è troppo alta e investe anche due esponenti moderati del calibro di Alfonso Bonafede e Federico D’Incà che, a lungo, in Aula si attardano in una discussione dai toni piuttosto alti. E poi c’è il nodo Rousseau. L’affondo di ieri contro Crimi – “lo Statuto è cambiato, non è più capo politico” – ha acuito l’irritazione dei parlamentari. “Si tenga gli iscritti, facciamola finita. Lì c’è solo una gara per i click degli attivisti”, è la linea, tranchant, di un esponente della vecchia guardia. Luca di Giuseppe facilitatore campano M5s vicino a Casaleggio lancia una ‘call to action’ per sostenere con la funzione “Mi fido” gli espulsi. E in serata riemerge Alessandro Di Battista. La guida dei “descamisados” annuncia un Live per sabato che pare una discesa in campo: “Ci sono cose da dire. Scelte politiche da difendere. Domande a cui rispondere ed una sana e robusta opposizione da costruire”, sottolinea. E sullo sfondo, appare la guerra sul simbolo. Che è di Grillo e della sua Associazione del 2012, ma è stato ceduto in comodato all’Associazione M5s del 2017, in cui risultano fondatori Luigi Di Maio e Casaleggio. E il caos potrebbe frenare anche Giuseppe Conte. Dal suo futuro potrebbe dipendere anche quello del Comitato direttivo a 5 membri approvato dagli iscritti. Ma l’ex premier sembrerebbe ancora indeciso tra una sua lista, il ruolo di federatore e l’adesione al M5s. “Faccia il leader politico, non il federatore”, è il consiglio del suo ex portavoce Rocco Casalino. Consapevole che la sua ambizione troverebbe uno scoglio, innanzitutto, quello del Pd.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Maturità 2021: niente scritti, solo esame orale
Il maturando partirà da un elaborato ampio e personalizzato
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
13:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Niente prove scritte ma solo l’orale: il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi conferma al Corsera le indiscrezioni sulla maturità circolate da giorni. Il maturando partirà da un elaborato ampio e personalizzato sulle materie di indirizzo, concordandolo con il consiglio di classe; da qui comincerà l’orale che si svilupperà poi sulle altre discipline. L’ammissione agli esami sarà disposta in sede di scrutinio finale dal Consiglio di classe.
Le prove, come era già previsto, inizieranno a metà giugno.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sul calendario scolastico non c’è nulla di deciso, dipende da come andrà l’epidemia; c’è una grossa incognita sulle varianti, molto aggressive, oggi bisogna fare i conti con una realtà così complessa che stare a disquisire, a metà febbraio, se si andrà a scuola fino al 15 o al 30 giugno appare una forzatura. In linea linea di principio, se ci fosse necessità di prolungare il calendario si può prendere in considerazione, ma di qui a parlarne ora ce ne passa, dobbiamo aspettare: tra gli esperti c’è chi parla anche della necessità di un nuovo lockdown nazionale”. Lo dice Antonello Giannelli che guida l’associazione presidi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Eni: nel 2020 rosso di 8 miliardi, adjusted 742 milioni
Descalzi: nell’anno più difficile dato prova di forza e flessibilità
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
08:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Eni ha chiuso il 2020 con una perdita netta di 8 miliardi e un risultato netto adjusted di -0,74 miliardi. Lo si legge nella nota diffusa dopo il cda che ha esaminato i risultati d’esercizio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nel quarto trimestre la perdita netta è stato di 0,725 miliardi, mentre per l’adjusted c’è stato un ritorno in utile a 66 milioni.
L’Ebit adjusted di Gruppo, pari a 1,9 miliardi nell’anno (0,5 miliardi di euro nel quarto trimestre), registra una contrazione di circa 6,7 miliardi dovuta per -6,8 miliardi alla flessione dei prezzi/margini degli idrocarburi e per -1 miliardo agli effetti del COVID-19, attenuati da una migliore performance per 1,1 miliardi. Nel 2020 la produzione d’idrocarburi di Eni è stata di 1,73 milioni di barili di olio equivalente (boe) al giorno, in linea con la guidance ridefinita a seguito dello scoppio della pandemia. Nell’ultimo trimestre la produzione è stata pari a 1,71 milioni di boe al giorno (-11% rispetto al periodo di confronto).
“Nell’anno più difficile nella storia dell’industria energetica, Eni ha dato prova di grande forza e flessibilità, rispondendo con prontezza allo straordinario contesto di crisi e progredendo nel processo irreversibile di transizione energetica”. Lo afferma l’a.d. dell’Eni Claudio Descalzi nella nota sui risultati del 2020, sottolineando che “in pochi mesi abbiamo rivisto il nostro programma di spesa e minimizzato l’impatto sulla cassa della caduta del prezzo del greggio, aumentato la nostra liquidità e difeso la nostra solidità patrimoniale”.
Il cda di Eni ha confermato la proposta di dividendo 2020 di 0,36 euro per azione, di cui 0,12 euro versati in sede di acconto a settembre 2020. La proposta del cda verrà sottoposta all’assemblea degli azionisti che si riunirà il 12 maggio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Appello assessori a Draghi, far ripartire la cultura
‘Riaprire i musei nel week end e gradualmente gli altri luoghi’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
19 febbraio 2021
13:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gli assessori alla Cultura di 11 tra le principali città italiane, tra cui Milano, Torino, Mantova, Firenze, Palermo e Bari, si appellano al premier Draghi “che nel suo discorso in Senato ha posto l’attenzione sulla necessità di far ripartire la cultura in Italia” perché si proceda al più presto a riaprire i musei anche nei week end e, gradualmente, tutti i luoghi della cultura.
Nel corso di un incontro in streaming gli assessori chiedono anche l’istituzione di un tavolo permanente presso il ministero e l’avvio di un ‘protocollo condiviso’ che garantisca le aperture “con un percorso programmato e certo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi, controllo Corte Conti sia intransigente e rapido
Lo richiedono tempi straordinari che viviamo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
11:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono fermamente convinto della funzione essenziale della Corte” nell’ambito del controllo, “che deve essere intransigente. Ma con la stessa fermezza confido che tale controllo sia rapido.
I tempi straordinari che viviamo lo richiedono”. Lo dice il premier Mario Draghi alla cerimonia d’inaugurazione dell’anno giudiziario 2021.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Riforme: Veltroni,serve legge elettorale che dia stabilità
Governo Draghi occasione per politica.Se non ora quando
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
11:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La politica, mentre Draghi affronta da par suo l’emergenza e fa avanzare, d’intesa con il Parlamento, le riforme necessarie a modernizzare il sistema e a renderlo più equo, dovrebbe avere la lungimiranza di sedersi e affrontare il tema delle scelte necessarie per dare un assetto stabile ai governi”. E’ quanto sostiene Walter Veltroni in un intervento sul ‘Corriere della Sera’.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La stabilità – afferma l’ex leader Pd – impone, così è in Europa, ai governi di governare e di fare le riforme e li sottopone non alla melassa dei costanti conflitti di visibilità e alle verifiche notturne, ma al giudizio dei cittadini che sanno valutare, perché li vivono sulla propria pelle, meriti e torti di ciascuno. Per questo il ricorso a una legge puramente proporzionale apparirebbe singolare”. Secondo Veltroni “basterebbe in fondo operare con gli strumenti di flessibilità che i Costituenti stessi hanno immaginato, per approvare una legge elettorale che non aiuti frammentazioni e correntismi e restituisca ai cittadini la scelta del governo, per dare più potere di decisione all’esecutivo e più cogente capacità di controllo al Parlamento, per correggere i regolamenti delle Camere e rendere più veloce e trasparente il processo decisionale”, osserva ancora Veltroni che conclude: “Alla politica dunque bisogna rivolgere una domanda, con rispetto. Se non ora, quando?”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi, Recovery straordinaria prova fiducia reciproca Ue
Se scelte oneste potrebbe sfociare in bilancio comune europeo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
11:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Mai nella storia dell’Ue, i governi avevano tassato i loro cittadini per dare il provente di questa tassazione ai cittadini di altri paesi dell’Unione. È avvenuto con i trasferimenti a fondo perduto stabiliti dal Next Generation.
Si tratta di una straordinaria prova di fiducia reciproca che, se validata da scelte oneste ed efficaci, potrà un giorno sfociare nella creazione di un bilancio europeo comune da cui dovrebbero trarre maggior beneficio proprio i paesi più fragili dell’Unione.” Lo dice il premier Mario Draghi alla cerimonia d’inaugurazione dell’anno giudiziario 2021.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Smog: indagati vertici Comune Torino e Regione Piemonte
Inchiesta accusa enti di provvedimenti insufficienti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
19 febbraio 2021
11:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ci sono avvisi di garanzia ai vertici istituzionali di Regione Piemonte e Comune di Torino, non soltanto quelli attuali, in una inchiesta della procura del capoluogo subalpino sull’inquinamento ambientale. Al momento non si conoscono ulteriori dettagli.

L’inchiesta è nata alcuni anni fa dopo l’esposto di un privato cittadino. La procura, all’epoca guidata ancora da Armando Spataro, aveva affidato una consulenza ai carabinieri del Noe.
Nell’esposto si lamentava l’insufficienza dei provvedimenti presi da Regione e Comune per risolvere il problema dell’inquinamento ambientale su Torino.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5S: Crimi, espulsi deputati che non hanno votato fiducia
Ora fila vanno serrate perché azione 5S sia più efficace
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
11:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Come già avvenuto al Senato, anche i portavoce del MoVimento 5 Stelle che nel voto di fiducia alla Camera si sono espressi diversamente dal gruppo parlamentare verranno espulsi. Chi ha scelto di votare diversamente ha scelto di chiamarsi fuori da questo gruppo, lasciando dei vuoti.
Ora le fila vanno serrate, affinché l’azione del gruppo, della squadra, sia ancora efficace”. Lo annuncia su Fb Vito Crimi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Ronzulli, rispondere a crisi creando lavoro
Pandemia ha sicuramente aumentato le disuguaglianze
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
12:05
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La pandemia ha sicuramente aumentato le disuguaglianze. Il numero di poveri è cresciuto e questo dimostra come il reddito di cittadinanza non abbia funzionato e che, quindi, andrebbe certamente rimodulato, anche perché è finito troppo spesso nelle tasche di chi non ne aveva diritto, addirittura della malavita.
La soluzione per rispondere alla crisi economica e contrastare la povertà è aumentare i posti di lavoro, abbassare le tasse e facilitare l’accesso al credito per immettere liquidità nel sistema. E’ ancora troppo difficile ottenere mutui e finanziamenti dalle banche, ma questi soldi servono alle imprese e a tutte quelle attività che ripartendo creerebbero anche quei nuovi posti di lavoro di cui c’è così tanto bisogno”. Lo ha detto Licia Ronzulli, vicepresidente del gruppo Forza Italia al Senato e responsabile del movimento azzurro per i rapporti con gli alleati, a Mattino Cinque.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
C.Conti:Carlino,Recovery motore rilancio economia,vigileremo
Non un euro deve finire in mano alla criminalità
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
12:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Vanno colte le opportunità offerte dal nuovo Quadro finanziario pluriennale dell’Ue 2021-2027 che, integrato dal Next Generation Eu, costituisce il motore per rilanciare le economie dei Paesi membri”. Lo ha detto il Presidente della Corte dei Conti, Guido Carlino, inaugurando l’anno giudiziario 2021 della Corte, sottolineando che “può esservi ripresa solo in presenza di trasparenza, legalità finanziaria e controlli che garantiscano la realizzazione dei programmi finanziati” per cui la Corte “continuerà a svolgere le proprie funzioni di referto, controllo e giurisdizione a garantire l’uso corretto e proficuo delle risorse pubbliche”.
E il Procuratore generale della Corte dei Conti, Angelo Canale, ha precisato che “non un euro dovrà essere sprecato, non un euro dovrà finire nelle tasche dei profittatori, dei disonesti, dei criminali”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: si indaga su minacce a Segre
Aggravante discriminazione. Si lavora su identificazione autori
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
19 febbraio 2021
12:31
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Polizia postale, coordinata dal capo del pool antiterrorismo milanese Alberto Nobili, sta indagando, con l’ipotesi di reato di minacce aggravate dalla discriminazione e dall’odio razziale, per identificare gli autori delle minacce e degli insulti indirizzati via social, ancora una volta, alla senatrice a vita Liliana Segre, che ieri mattina si è vaccinata al Fatebenefratelli di Milano.
Gli inquirenti del pool antiterrorismo milanese, guidato da Alberto Nobili, attendono un’informativa della Polizia postale che sta lavorando per identificare gli autori di minacce e insulti comparsi ieri sui social dopo che la senatrice, sopravvissuta ad Auschwitz, si è vaccinata contro il Covid nel primo giorno della campagna lombarda per gli over 80.

Le persone identificate saranno iscritte con l’ipotesi di reato di minacce aggravate dall’odio e dalla discriminazione razziale.

Politica tutte le notizie in tempo reale! TUTTA LA POLITICA SEMPRE IN DETTAGLIO SEMPRE AGGIORNATA! DA NON PERDERE! LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 49 minuti

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 10:49 DI MERCOLEDì 17 FEBBRAIO 2021

ALLE 12:43 DI GIOVEDì 18 FEBBRAIO 2021

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Draghi,primo pensiero è responsabilità nazionale
E’ il principale dovere a cui siamo chiamati tutti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
10:49
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il primo pensiero che vorrei condividere riguarda la nostra responsabilità nazionale, il principale dovere a cui siamo chiamati tutti io per primo”. Lo ha detto il premier Mario Draghi nel discorso programmatico per la fiducia al Senato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Draghi,è trincea comune, virus nemico di tutti
Ricordo commosso per chi non c’è più
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
10:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Nostro dovere è combattere con ogni mezzo la pandemia e salvaguardare le vite dei cittadini: una trincea dove combattuiamo tutti insieme, il virus è nemico di tutti. E’ nel commosso ricordo di chi non c’è più che cresce il nostro impegno”.
Lo dice il premier Mario Draghi in Aula al Senato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi, sostegno a governo è sostegno a euro irreversibile
Unione Europea sia sempre più integrata
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
10:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sostenere questo governo significa condividere l’irreversibilità della scelta dell’euro, significa condividere la prospettiva di un’Unione Europea sempre più integrata che approderà a un bilancio pubblico comune capace di sostenere i Paesi nei periodi di recessione. Gli Stati nazionali rimangono il riferimento dei nostri cittadini, ma nelle aree definite dalla loro debolezza cedono sovranità nazionale per acquistare sovranità condivisa”.
Lo dice il premier Mario Draghi nel discorso programmatico in Aula al Senato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi, vaccini in tutte le strutture, pubbliche e private
Mobilitare tutte energie, prot. civile, forze armate, volontari
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
10:57
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il piano di vaccinazione. Abbiamo bisogno di mobilitare tutte le energie su cui possiamo contare, ricorrendo alla protezione civile, alle forze armate, ai tanti volontari.
Non dobbiamo limitare le vaccinazioni all’interno di luoghi specifici, spesso ancora non pronti: abbiamo il dovere di renderle possibili in tutte le strutture disponibili, pubbliche e private”. Lo dice il premier Mario Draghi in Aula al Senato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi, proteggere tutti lavoratori, non tutte le attività
Scegliere quali proteggere e quali accompagnare al cambiamento
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
11:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Uscire dalla pandemia non sarà come riaccendere la luce. Questa osservazione, che gli scienziati non smettono di ripeterci, ha una conseguenza importante.
Il governo dovrà proteggere i lavoratori, tutti i lavoratori, ma sarebbe un errore proteggere indifferentemente tutte le attività economiche. Alcune dovranno cambiare, anche radicalmente. E la scelta di quali attività proteggere e quali accompagnare nel cambiamento è il difficile compito che la politica economica dovrà affrontare nei prossimi mesi”. Lo dice il premier Mario Draghi in Aula al Senato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi, adeguare calendario scolastico a esigenze pandemia
Il rientro deve avvenire in sicurezza
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
11:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Occorre rivedere il disegno del percorso scolastico annuale. Allineare il calendario scolastico alle esigenze derivanti dall’esperienza vissuta dall’inizio della pandemia.
Il ritorno a scuola deve avvenire in sicurezza”.
Lo dice il premier Mario Draghi nel discorso programmatico in Aula al Senato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi, ridurre carico Irpef preservando progressività
E rafforzare impegno in lotta a evasione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
11:12
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Va studiata una revisione profonda dell’Irpef con il duplice obiettivo di semplificare e razionalizzare la struttura del prelievo, riducendo gradualmente il carico fiscale e preservando la progressività. Funzionale al perseguimento di questi ambiziosi obiettivi sarà anche un rinnovato e rafforzato impegno nell’azione di contrasto all’evasione fiscale”.
Lo dice il premier Mario Draghi nel discorso programmatico in Aula al Senato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: Draghi, cruciale politica europea di rimpatri
Equilibrio tra responsabilità dei Paesi di primo ingresso
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
11:14
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Altra sfida sarà il negoziato sul nuovo Patto per le migrazioni e l’asilo, nel quale perseguiremo un deciso rafforzamento dell’equilibrio tra responsabilità dei Paesi di primo ingresso e solidarietà effettiva. Cruciale sarà anche la costruzione di una politica europea dei rimpatri dei non aventi diritto alla protezione internazionale, accanto al pieno rispetto dei diritti dei rifugiati”.Lo ha detto il premier Mario Draghi nel discorso programmatico per la fiducia al Senato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Turismo: il lockdown della neve costa 9,7 miliardi
Demoskopika, 5 le regioni più colpite, a rischio lavoratori
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
11:17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La decisione di posticipare l’apertura degli impianti sciistici peserà drammaticamente sul turismo bianco italiano: ben 12,4 milioni di turisti in meno che genereranno mancati incassi per il comparto pari a oltre 9,7 miliardi di euro, come emerge da una nota dell’Istituto Demoskopika sul periodo dicembre 2020-marzo 2021. A rischio immediato almeno 9 mila lavoratori stagionali.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dal presidente di Demoskopika, Raffaele Rio, un appello al ministro del Turismo Massimo Garavaglia: “Subito ristori adeguati alle perdite e revisione del Next Generation Italia, altrimenti assisteremo alla stagione di de profundis del turismo montano”.
Sono 5 le destinazioni turistiche invernali che risultano maggiormente penalizzate: Trentino-Alto Adige, Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia e Veneto la cui perdita di spesa turistica rappresenta l’86,2% dei mancati introiti complessivi italiani, pari a 8,3 miliardi di euro. Nel dettaglio, il lockdown bianco potrebbe generare una sforbiciata degli incassi pari a 3,2 miliardi di euro per il Trentino-Alto Adige, a 2 miliardi per il Piemonte, a 1,3 miliardi per la Valle d’Aosta, a quasi 1,1 miliardi per la Lombardia e a 886 mila euro per il Veneto.
L’ordinanza che ha stabilito la chiusura degli impianti sciistici fino al prossimo 5 marzo rischia, dunque, di mettere definitivamente in ginocchio il turismo invernale del Belpaese rappresentato da 6.170 chilometri di piste con circa 1.800 impianti di risalita al servizio dei comprensori sciistici che producono lavoro per ben 14 mila persone oltre all’indotto. La spesa media pro capite stimata per sostenere la settimana bianca, è pari a 785 euro per persona.
“Al neo ministro del Turismo, Massimo Garavaglia che ha giustamente bollato come atto di mancato rispetto per i lavoratori l’improvvisa decisione di non riaprire le stazioni sciistiche – precisa Rio – non sfuggirà, in alcun modo, che ci sono a rischio immediato almeno 9 mila lavoratori stagionali occupati nel turismo bianco oltre ad almeno altri 5 mila assunti a tempo indeterminato”.   ECONOMIA   PIEMONTE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Draghi, unità non è opzione ma dovere per amore Italia
Serve sostegno Camere poggiato su spirito sacrificio cittadini
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
11:21
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Questo è il terzo governo della legislatura. Non c’è nulla che faccia pensare che possa far bene senza il sostegno convinto di questo Parlamento.
E’ un sostegno che non poggia su alchimie politiche ma sullo spirito di sacrificio con cui donne e uomini hanno affrontato l’ultimo anno, sul loro vibrante desiderio di rinascere, di tornare più forti e sull’entusiasmo dei giovani che vogliono un paese capace di realizzare i loro sogni. Oggi, l’unità non è un’opzione, l’unità è un dovere. Ma è un dovere guidato da ciò che son certo ci unisce tutti: l’amore per l’Italia”. Lo dice il premier Mario Draghi in Aula al Senato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Italia-Usa:Draghi,fiducioso rapporti si intensificheranno
Con nuova Amministrazione ci sarà cambiamento metodo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
11:25
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’avvento della nuova Amministrazione USA prospetta un cambiamento di metodo, più cooperativo nei confronti dell’Europa e degli alleati tradizionali. Sono fiducioso che i nostri rapporti e la nostra collaborazione non potranno che intesificarsi”.
Lo ha detto il premier Mario Draghi nel discorso programmatico per la fiducia al Senato.   MONDO

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: Vaticano, anche quest’anno restrizioni riti Pasqua
Le indicazioni della Congregazione per il Culto Divino
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
17 febbraio 2021
13:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La pandemia porterà ad una seconda Quaresima e Pasqua con le restrizioni già viste lo scorso anno. “Per le celebrazioni della Domenica delle Palme, del Giovedì Santo, del Venerdì Santo e della Veglia Pasquale valgono le indicazioni dello scorso anno” è l’indicazione della Congregazione per il Culto divino.
“Stiamo ancora affrontando il dramma della pandemia di Covid 19 che ha portato molti cambiamenti anche al consueto odo di celebrare la liturgia”, scrive il Prefetto della Congregazione, il card. Robert Sarah.
Niente ‘Lavanda dei piedi’ il Giovedì Santo, niente bacio della Croce il Venerdì Santo, Domenica delle Palme solo all’interno dell’edificio sacro, sospensione delle manifestazioni di pietà popolare: sono alcune delle indicazioni che vengono replicate e che i vescovi dovranno adattare a seconda della situazione pandemica del loro territorio. Si chiede di favorire la partecipazione anche con celebrazioni on line e sussidi per pregare a casa in famiglia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Inps, a gennaio Reddito di cittadinanza a 1,2 milioni nuclei
2,8 mln persone coinvolte. Con Pensione totale 1,3 mln famiglie
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
15:06
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nel mese di gennaio hanno percepito il Reddito di cittadinanza 1,2 milioni di nuclei familiari, con 2,8 milioni di persone coinvolte ed un importo medio a nucleo pari a 573 euro; i nuclei percettori di Pensione di cittadinanza sono stati invece 115 mila, con 129 mila persone coinvolte ed un importo medio di 240 euro. Lo fa sapere l’Inps nell’aggiornamento dell’Osservatorio.
Complessivamente, quindi, a gennaio hanno ricevuto il beneficio 1,3 milioni di nuclei, con un importo medio pari a 543 euro.
La regione che in questo periodo ha avuto più nuclei beneficiari (266mila, pari al 21% del totale) è stata la Campania, a seguire la Sicilia (231mila, pari al 18% del totale); gli importi medi percepiti sono stati rispettivamente pari a 617 euro e 598 euro.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5S:arriva l’ok su Rousseau, al via la governance a 5 membri
Le elezioni per il Comitato direttivo avverranno prima possibile
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
15:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Via libera definitivo da parte degli iscritti su Rousseau alla nuova governance collegiale del M5S.
La votazione, conclusasi alle 12, vede la netta prevalenza dei favorevoli, con una percentuale attorno all’80%.
Sui 6 quesiti in media sono state espresse 11.514 preferenze. Il picco dei click ha visto votare 11.947 attivisti su un parco iscritti di 119.721 membri. Con il sì di Rousseau cambia lo Statuto del M5S.
“In questa fase di transizione delicata lavoreremo, come Associazione Rousseau per consentire agli iscritti di poter eleggere il prima possibile questo organo collegiale e definire così una guida politica legittimata dal basso che possa assumere le decisioni politiche e associative necessarie nell’immediato e fondamentali per consentire al MoVimento di poter costruire la sua strada per il futuro”, si legge in un post dell’Associazione Rousseau secondo il quale, tra i requisiti per entrare nel Comitato direttivo, i candidati “dovranno essere in regola con le rendicontazioni al mese indicato sul sito http://www.tirendiconto.it”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Berlusconi, Draghi è comune denominatore per forze diverse
Discorso di alto profilo, non programma di maggioranza politica
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
16:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il presidente Draghi ha pronunciato un discorso dettagliato e di alto profilo, che guarda al futuro, che delinea un’Italia capace di rialzarsi e di ripartire. È quanto gli avevamo chiesto nell’indicare per primi la necessità di una formula di governo che riunisse l’Italia per una grande risposta di fronte all’emergenza.
Quello delineato oggi non è il programma di una maggioranza politica, è un ‘comune denominatore’ nel quale si possono ritrovare forze politiche diverse e alternative fra loro”. Così il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi in una nota commentando l’intervento del premier, Mario Draghi al Senato.
“La conferma della vocazione europea e atlantica come orizzonte del nostro Paese, l’impegno a una riforma del fisco che comprende la riduzione del carico fiscale e a una riforma burocratica che favorisca l’attività di impresa, gli investimenti in infrastrutture materiali e immateriali – ha aggiunto Berlusconi -, sono tutti argomenti che rafforzano le ragioni del nostro sostegno al governo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Domani alle 20 il voto sulla fiducia a Draghi alla Camera
Dal 22 febbraio in commissione esame del decreto Milleproroghe
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
16:14
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Slitta alle 20 di domani, rispetto a quanto era stato inizialmente deciso, l’inizio della votazione sulla fiducia sul governo Draghi nell’Aula della Camera. La decisione è stata assunta dai capigruppo, a quanto si apprende, per ragioni di diretta tv sollevate da diversi gruppi.
La nuova modulazione è dunque: ore 9-12 discussione generale; ore 12-13.30 pausa sanificazione; ore 13.30-16 seguito discussione generale; ore 16-18 pausa sanificazione; ore 18 replica presidente del Consiglio; ore 18.30-20 dichiarazioni di voto; ore 20 inizio voto.
La conferenza dei capigruppo di Montecitorio ha deciso anche che a partire da lunedì prossimo, 22 febbraio, l’Aula della Camera esaminerà il decreto Milleproroghe. Il decreto è all’esame delle commissioni Bilancio e Affari costituzionali che devono ancora cominciare a votare gli emendamenti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mozione di maggioranza stringata, esprime fiducia a governo
Al Senato prima riunione dei capigruppo di M5s,Pd,Leu,Lega e FI
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
16:24
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Al termine della riunione fra i capigruppo al Senato, la maggioranza che sostiene il governo Draghi ha sottoscritto una risoluzione unica che depositerà in aula alla ripresa della discussione sulla fiducia. Firmata dai sei capigruppo di Pd, M5s, Leu, Iv, Lega e FI in ordine di grandezza, si limita a confermare la fiducia usando la formula generica: “Udite le comunicazioni esprime fiducia”.

“È stata la prima riunione di tutta maggioranza. Ma questa era semplice, alle prossime vi saprò dire…”, ha commentato scherzando al termine il capogruppo di Italia viva, Davide Faraone al termine della riunione che si è svolta a Palazzo Madama.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Monti, soluzione con Draghi grazie a Repubblica parlamentare
Il mondo ci invidia possibilità di governo di unità nazionale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
16:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“A volte dimentichiamo che la nostra Repubblica parlamentare ha la capacità di trovare soluzioni che altri ci invidiano: la possibilità di avere governi di unità nazionale”. Così Mario Monti parlando in Senato.

“È una felice circostanza avere un uomo di questa qualità alla guida del governo. Oggi – ha aggiunto Monti rivolto a Draghi – entra in un Parlamento che ha discusso su identità nazionale e sovranità in Europa. Siamo stati oggetto di sperimentazioni di tante varianti e abbiamo visto che in Usa s’è certato una primazia senza averla trovata, anzi diminuendo la sua rilevanza nel mondo. Mi piacerebbe sentirla esortare noi tutti a non abbassarci usando solo noi, la frase della ‘soluzione all’italiana’, in senso peggiorativo. Nessuno all’estero lo dirà mai: ci inviti a cambiare il nostro linguaggio. Un augurio dal profondo del cuore di buon lavoro”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Meloni, spero che Draghi ce la faccia, io tifo per l’Italia
Governo è nato anche per eleggere il prossimo capo dello Stato
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
16:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Io spero che Draghi ce la faccia, io tifo per l’Italia e faccio opposizione nell’interesse dell’Italia. Nelle due volte che ho incontrato Draghi gli ho detto: ‘Noi siamo patrioti, se lei farà cose che consideriamo giuste per la nazione, ci saranno i nostri voti e non chiediamo ministri in cambio'”.
Così la presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, ospite di Porta a porta, su Rai1.
Il governo Draghi scavallerà l’anno prossimo l’elezione del presidente della Repubblica? “Io credo che sia nato anche per questo”, ha replicato Meloni, spiegando poi che FdI darà il suo voto al Recovery plan se sarà convincente. “Assolutamente sì – ha chiarito -. Io mandai le mie proposte a Conte e gli chiesi di aggiungere alle grandi materie da lui citate alcune come lo sviluppo portuale, la questione della natalità, la sicurezza e legalità, il piano carcerario”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Salvini “l’Euro non è un tema attuale, ora più Italia in Ue”
Con Draghi non saremo solo un punto di approdo di migranti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
17:12
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Quello dell’Euro non è un tema di attualità: chi ascolta Skytg24 si interessa di salute, di lavoro o di moneta? Io mi occupo di salute, scuola e lavoro, lascio ai filosofi le dissertazioni sulla moneta”. Così Matteo Salvini su Skytg24, ha glissato sul passaggio del discorso in cui il premier Mario Draghi ha detto che “sostenere questo governo significa condividere l’irreversibilità della scelta dell’Euro”.

“Ho fatto una riunione con i ministri e i sottosegretari: interverremo per dire che lavoreremo per portare più Italia in Europa, meno tasse, più cantieri, sulle partite Iva”, ha aggiunto il leader della Lega e più tardi, ospite di Porta a Porta su Rai 1, ha spiegato che la gestione dei clandestini cambierà: “Assolutamente sì. I confini dell’Italia sono i confini dell’Europa. Un governo con la Lega, presieduto da una persona seria come Draghi, non può continuare ad avere l’Italia come punto di approdo e di non ripartenza. Controllare i nostri confini è interesse non solo italiano ma europeo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: Renzi “Ora al volante c’è Draghi, io mi rilasso”
Cambio da Conte a lui la cosa più difficile della mia carriera
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
17:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il mio futuro? Intanto mi rilasso per qualche settimana. Ora il volante ce l’ha uno che sa guidare e questo mi tranquillizza”.
È quanto dichiarato dal leader di Italia viva, Matteo Renzi, ospite di Porta a Porta su Rai 1.
“Draghi farà bene e secondo me Draghi è molto più politico di Conte – ha aggiunto il senatore -: ha fatto il segretario generale del Tesoro, il governatore della Banca d’Italia, il presidente della Banca centrale europea: è più politico di molti che lo hanno preceduto, quindi ha una capacità di amministrare la cosa pubblica in modo evidente. Non lo definirei un non politico, tutt’altro”: Guardando al suo passato, Renzi ha notato che “quando fai politica, sia che tu vinca sia che tu perda è un’esperienza umanamente intensa: quella a cui sono più legato è il sindaco, quella più importante è il presidente del Consiglio, quella più difficile l’ultima operazione. Il cambio Conte-Draghi – ha spiegato l’ex premier – è in assoluto, nella mia esperienza politica, la cosa più difficile, incredibile e più utile al Paese che abbia mai fatto”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bonomi a Draghi, non prorogare il blocco dei licenziamenti
Appello al premier. Sarebbe segnale sbagliato, agire con riforme
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
18:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Confindustria rivolge “un appello al Presidente del Consiglio Mario Draghi: non vorremmo di nuovo, tra poche settimane – dice il presidente Carlo Bonomi -, assistere a una nuova protrazione del blocco generale dei licenziamenti al fine di prendere ancora tempo. Sarebbe l’invito alle imprese a rinviare ulteriormente riorganizzazioni, investimenti e assunzioni: un segnale decisamente sbagliato”.
E’ invece “il momento di agire, per rendere davvero concreto l’impegno a non lasciare indietro nessuno”, dice il leader degli industriali, con le riforme su ammortizzatori sociali e politiche attive del lavoro.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: fiducia quasi record, ma 15 di M5s votano no
Draghi resta sotto quota Monti. Del movimento dicono sì 69 su 92
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
00:45
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Non sfonda la ‘quota Monti’ e resta sotto di 19 voti, la fiducia al governo di Mario Draghi al Senato. Complice l’opposizione annunciata e solitaria di Fratelli d’Italia, la squadra dell’ex presidente della Bce vanta comunque numeri record, con i suoi 262 sì, 40 no e due astensioni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Meglio ha fatto il governo Andreotti IV nel 1978 con 267 sì e quello di Enrico Letta nel 2013 con 233. Gli astenuti sono stati Tiziana Drago del gruppo Misto, ex M5s, e Albert Laniece delle Autonomie. Contrari invece tutti i 19 senatori di FdI e 15 del del Movimento 5 stelle. A spiccare sono proprio i cosiddetti ‘dissidenti’ pentastellati, più della decina prevista nei giorni scorsi. Si tratta di Laura Granato, Virginia La Mura, Elio Lannutti, Barbara Lezzi, Matteo Mantero, Cataldo Mininno, Vilma Moronese, Nicola Morra, Fabrizio Ortis, Rosa Abate, Laura Angrisani, Mattia Crucioli, Silvana Giannuzzi, Fabio Di Micco, Margherita Corrado. In sostanza, a parte 2 assenti giustificati (Orietta Vanin in congedo e Francesco Castiello in missione) e altri 6 che non hanno partecipato al voto (Giuseppe Auddino, Elena Botto, Antonella Campagna, Emanuele Dessì, Vincenzo GArruti, Simona Nocerino), i favorevoli del M5s sono stati 69 sui 92 complessivi. Anche se resta il gruppo più numeroso al Senato con 92 parlamentari, segna un netto calo di consensi rispetto ai tre governi precedenti. Dal 2018 a oggi tra espulsioni e addii il Movimento ha ‘perso’ 15 senatori, più due deceduti (Franco Ortolani nel 2019 e Vittoria Bogo Deledda nel 2020).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Zingaretti: ‘Campo democratico unito, alternativi a Lega’
Renzi: ‘Intergruppo apre spazio interessante al centro’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
20:08
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il segretario del Pd Nicola Zingaretti su Facebook scrive che “l’esito positivo della crisi è stato possibile grazie al sostegno dell’insieme delle forze che hanno sostenuto il precedente governo. L’aver mantenuto l’asse unitario tra il Pd i 5 Stelle e Leu, ha permesso di portare attorno a Draghi l’insieme del campo democratico.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E altrimenti lo stesso Pd, in un quadro di divisione, sarebbe rimasto isolato”. “Il Pd rimane nettamente alternativo alla Lega e all’insieme della destra, non solo politicamente ma per valori e visione del mondo. Per questo farà valere in Parlamento la propria forza e quella dell’insieme del campo democratico”. “L’Italia è in buone mani – prosegue -. Il governo Draghi rappresenta una grande scommessa. Il Pd lo sosterrà con impegno e lealtà, con i suoi contenuti programmatici e con i suoi ideali e valori. Le priorità del Pd le abbiamo individuate chiaramente. Fermare la pandemia. Vaccinare il maggior numero possibile di cittadini. Creare lavoro, spendere presto e bene le risorse europee, aprendo una nuova stagione di investimenti, garantire politiche attive nel campo dell’occupazione, evitando che la fine del blocco dei licenziamenti diventi una tragedia sociale non più gestibile. Promuovere un piano per l’occupazione femminile”.
Per Matteo Renzi la nascita dell’intergruppo al Senato con Pd-Leu e M5s “è la continuazione della strategia che hanno avuto durante la crisi”. “Nei prossimi due anni – ha detto Renzi – avrai la riorganizzare della politica attraverso l’europeizzazione dei partiti, con la destra spendibile in Europa, che io non voto, e una sinistra che in Europa sceglie una casa, Leu, Pd e M5s. Al centro c’è un’area liberal democratica riformista con Macron, Vestager… La rappresenta Iv? È più ampia ed è uno spazio politico molto interessante. Iv si può fare aggregatrice e promotrice”.
“La forza del governo Draghi e il suo successo saranno misurati sui risultati concreti. Per questo motivo” il Pd “farà valere in Parlamento la propria forza e quella dell’insieme del campo democratico, che dovrebbe rimanere responsabilmente unito, nel confronto parlamentare. Con l’obiettivo di far rispettare gli impegni assunti con il presidente Draghi”. Così il segretario del Pd Nicola Zingaretti in un intervento su la Repubblica in cui parla anche della necessità di “circoscrivere il più chiaramente possibile la missione dei prossimi mesi”; il che significa “da una parte non risparmiarsi” dall’altra “la consapevolezza che tuttavia nella società italiana il Partito Democratico rimane per il futuro nettamente alternativo alla Lega e all’insieme della destra”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le priorità del Pd: “fermare la pandemia”, vaccinazioni, creazione di lavoro, spesa giusta delle risorse europee, evitare che “la fine del blocco dei licenziamenti diventi una tragedia sociale”, promuovere un piano per l’occupazione femminile. “L’Italia è in buone mani – osserva – il governo Draghi rappresenta una grande scommessa. Il Pd lo sosterrà con impegno e lealtà. È stata la risposta di una crisi improvvisa, non giustificata. L’aver mantenuto l’asse unitario tra il Pd i 5 Stelle e LeU, che fino all’ultimo ha tentato di dare basi più ampie e solide al Conte II, ha permesso con più facilità, convinzione e naturalezza di portare attorno a Draghi l’insieme del campo democratico”. Questa unità “ha impedito che essa scivolasse verso la destra o forme di sovranismo e populismo”. “Noi dunque ci siamo – dice – non ci tiriamo indietro, anzi ci impegneremo con tutte le nostre energie. Già negli eccessi polemici di queste prime ore si conferma la necessità assoluta, in una nuova maggioranza così variegata, di sopire le asprezze inutili, il ping-pong delle dichiarazioni, la miseria delle ‘visibilità’. Avremmo preferito una coalizione a sostegno di Draghi più coesa. Per questo occorre definire un programma essenziale di cose da fare per immediatamente mettersi al lavoro sui drammatici problemi delle persone”. “Dobbiamo far compiere un passo in avanti al sistema democratico, al rinnovamento dei partiti, al valore insostituibile della politica – rileva – il Pd si muoverà con un doppio passo: stare senza riserve e con l’ansia del fare a sostegno del lavoro di Draghi, proponendo nello stesso tempo un confronto parlamentare costituente. Per lavorare insieme a quelle riforme istituzionali ed elettorali necessarie”. Inoltre dovrà essere “il tempo di un rinnovamento”: dalle città per lo sviluppo sostenibile e inclusive alle strategie chiare sulle alleanze. Il nodo delle donne al governo: “c’è stato una brutta battuta d’arresto. Su questo, insieme, dobbiamo riflettere”. “Ora il Pd ha davanti la prova importante delle amministrative in tantissime città italiane – rileva – decideremo insieme; verificando l’unità del campo democratico e aprendoci ad ogni contributo politico e civico”, soprattutto ai ballottaggi. “Ripeto: il Pd è vivo – conclude – ora il 13 e 14 marzo avremo l’assemblea nazionale. È il momento di una ripartenza” per “impostare il rilancio dell’iniziativa in questo nuovo scenario, e aprire una fase nuova. L’importante è che tutto ciò non sia una povera contesa interna”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’intervento di Draghi al Senato e il voto di fiducia dalle 22
Due sanificazioni dell’Aula, poi le dichiarazioni di voto a partire dalle 20. Il calendario alla Camera
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
18:12
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo le Comunicazioni del Presidente del Consiglio, Mario Draghi, al Senato sulle linee programmatiche del Governo la giornata è così articolata:
– 12.30-15.30 discussione generale (3 ore);
– 15.30-16.30 sanificazione;
– 16.30-19 seguito e conclusione della discussione generale;
– 19-20 sanificazione;
– 20-22 replica del Presidente del Consiglio e dichiarazioni di voto;
– 22 inizio chiama voto di fiducia.
La seduta trasmessa integralmente in diretta televisiva Rai.
– Giovedì alla Camera gli orari cambiano rispetto alla tabella di marcia prevista:
Slitta alle 20, rispetto a quanto era stato inizialmente deciso, l’inizio della votazione sulla fiducia sul governo Draghi nell’Aula della Camera. La decisione è stata assunta dalla Conferenza dei Capigruppo, a quanto si apprende, per ragioni di diretta tv sollevate da diversi gruppi.
La nuova modulazione è dunque:
– Ore 9-12 discussione generale;
– Ore 12-13.30 pausa sanificazione;
– Ore 13.30-16 seguito discussione generale;
– Ore 16-18 pausa sanificazione;
– Ore 18 replica presidente del Consiglio;
– Ore 18.30-20 dichiarazioni di voto;
– Ore 20 inizio voto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nasce il coordinamento Pd-5s-LeU, sfida al centrodestra
Il plauso di Conte. Verso un documento programmatico. Minoranza Dem frena
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
15:41
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Una maggioranza nella maggioranza. Nasce in Parlamento l’intergruppo Pd, M5s e Leu per promuovere iniziative comuni. Parte al Senato, dove oggi si vota la fiducia al governo Draghi e dove il dissenso nei cinquestelle è più forte.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’operazione vuole gettare le basi per un’alleanza più strutturata e per molti rappresenta anche una sfida a Lega e FI, che siedono allo stesso tavolo nel Consiglio dei Ministri, e che per tutta risposta, nelle stesse ore, riuniscono i loro vertici.

Salvini rivendica l’unità con gli azzurri e con Fratelli d’Italia e continua a mostrare un doppio registro. Mentre organizza incontri con tutti i leader, a partire da Nicola Zingaretti, e si mostra collaborativo, riesce anche ad attaccare l’euro: “Solo la morte è irreversibile”, dice il segretario della Lega a chi gli chiede se abbia archiviato le posizioni contro la moneta unica ora che è al governo con l’ex presidente della Bce. E, ancora, dice di aspettarsi che Draghi “rilanci” il Ponte sullo Stretto.
Nicola Zingaretti risponde affermando che l’importanza di una politica monetaria unitaria dovrebbe essere cosa “superflua” da ricordare. Il segretario Dem promette però di voler dare seguito alle richieste del nuovo presidente del Consiglio e di non voler ingaggiare “guerriglie quotidiane”. Anche se le distanze con la Lega restano tutte, non si stanca di ripetere. Vuole guardare ai contenuti, osserva, e per questo, aggiunge, può essere utile anche un’alleanza parlamentare come quella con 5S e LeU.
I tre gruppi rivendicano l’esperienza del governo Conte II e si preparano a coordinare l’attività parlamentare per cominciare: Dem, cinquestelle di LeU si incontreranno prima di ogni Conferenza dei Capigruppo per trovare un’intesa sul calendario dei lavori e anche a cercare una sintesi al momento della presentazione degli emendamenti ai vari testi. “Un’ottima notizia”, commenta il ministro della Salute e esponente di LeU Roberto Speranza. Allo studio anche un documento programmatico: potrebbe essere un testo abbastanza breve di un paio di pagine nel quale ribadire le priorità per combattere l’emergenza sanitaria, economica e sociale e per concretizzare la transizione ecologica e l’innovazione digitale.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Plaude Giuseppe Conte, che parla di un’iniziativa “giusta e opportuna” per rilanciare “l’esperienza positiva di governo che si è appena conclusa”. Ma lo sguardo più che essere rivolto al passato deve essere proiettato avanti e – spiega chi ha lavorato all’operazione – punta a delineare un perimetro identitario ad una futura alleanza. Fuori le destre dunque e fuori anche Italia Viva. Il partito di Matteo Renzi non sembra intimorito, al contrario: si tratta di una scelta che “apre una prateria per chi vuole costruire la casa dei riformisti. Italia Viva c’è e ci sarà. Per il riformismo, contro il populismo”, avverte Ettore Rosato.

Anche dentro il Pd c’è chi non apprezza la mossa. La minoranza, che spinge per il congresso del partito, mette in guardia da quelle che gli appaiono come “fughe in avanti”. Non è il momento, scrivono in una nota Vincenzo D’Arienzo, Tommaso Nannicini e Francesco Verducci, di fare “forzature”, quello che serve è “una discussione vera su come il Pd voglia svolgere la propria funzione e definire la propria identità”. Tranchant Matteo Orfini: “intergruppi che guardano al passato hanno davvero poco senso”, twitta. Avverte invece del rischio di aumentare le difficoltà per il neopremier il deputato Dem e costituzionalista Stefano Ceccanti: il dibattito sulla fiducia servirà al “Pd per marcare soprattutto la propria particolare sintonia col Presidente del Consiglio. Qualsiasi ulteriore esigenza viene ovviamente dopo questo orientamento politico”.

Il centrodestra sorpreso dall’iniziativa rivendica di avere da tempo dato vita a un coordinamento: l’ipotesi di creare una cabina di regia strutturata fra Lega e Fi, lasciando fuori FdI, complicherebbe la costruzione del puzzle delle alleanze alle amministrative, si rileva nei due partiti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il governo Draghi ottiene la fiducia in Senato, 262 i sì
M5s: ‘Il nostro voto favorevole non sarà incondizionato’. Bellanova: ‘Un drappello di visionari ha avuto ragione’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
08:24
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Senato accorda la fiducia al governo Draghi con 262 voti a favore, 40 contrari e due astenuti.
A votare contro il governo Draghi sono stati 15 senatori del M5s, mentre 8 sono assenti e non hanno partecipato al voto. In aggiunta, fra i contrari, ci sono i 19 parlamentari di Fratelli d’Italia, tutti i componenti del gruppo a Palazzo Madama, come annunciato.
“Il nostro sì non sarà mai incondizionato – dice il capogruppo M5S al Senato Ettore Licheri nel corso della replica al Senato – sarà un sì vigile, direi guardingo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Non dia mai per scontato il nostro sì perché noi, mi permetta questa licenza verbale, le romperemo le scatole. Sul tavolo abbiamo il blocco dei licenziamenti e degli sfratti e noi le romperemo le scatole. Come gruppo M5S abbiamo passato giornate terribili. Presidente dia corpo e gambe all’intuizione di Grillo di dotare questo Paese di dotare di una transizione ecologica. Lo faccia e avrà il nostro appoggio, e che Dio lo assista”.
“E’ finalmente evidente a tutti perché un drappello di visionari riformisti ha avuto ragione indicando i limiti di un esecutivo che aveva nell’emergenza il suo unico motivo di esistenza” ha detto la senatrice di Iv, Teresa Bellanova.
“La fiducia al suo governo è convinta. Viene da parte del primo partito d’Italia per dare più forza dell’Italia in Europa. Ma se L’Ue sbaglia è diritto dovere di ogni cittadino poterlo dire”. Così il segretario della Lega, Matteo Salvini, intervenendo in sede di dichiarazione di voti al Senato.
Fratelli d’Italia annuncia che “Il gruppo di Fdi non voterà la fiducia e lo farà in modo ancora più convinto dopo le sue comunicazioni, molto vaghe, senza nulla sulla giustizia, sulla web tax, nulla sui ristori”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Voglio ribadire quanto considero cruciale la funzione e il lavoro del Parlamento, in particolare per quanto riguarda il Programma di ripresa e resilienza, ho indicato come la governance debba essere incardinato al ministero dell’Economia con strettissimo coordinamento con i ministeri competenti, per definire e attuare i progetti. Il Parlamento sarà informato in modo tempestivo sul programma e le linee di intervento”, ha detto Mario Draghi nella replica in Senato dopo il dibattito sulla fiducia. “Questo governo conferma l’impegno di andare nella direzione” dell’inserimento in Costituzione dei “concetti” di ambiente e sviluppo sostenibile sui cui sta lavorando il Senato con un progetto di legge. “Il coinvolgimento delle Regioni e dei Comuni”, così come quello “delle parti sociali” nelle “cose” che il governo vuole fare “non solo è indispensabile ma è essenziale”, ha aggiunto il premier.
“Molto è stato fatto per assicurare ristori adeguati: occorre fare molto di più, va colta l’opportunità di Next generation Eu per investimenti su capitale umano e nuove tecnologie. La cultura in tutte le sue forme imprescindibile per la crescita e il benessere del Paese”, ha detto ancora Draghi nella replica. “Le restrizioni necessarie a contenere la pandemia hanno messo a dura prova musei, cinema, teatri. La cultura va sostenuta. Il rischio è di perdere un patrimonio che definisce la nostra identità. La perdita economica è ingente, ma ancor più grande sarebbe la perdita dello spirito”. “Molto è stato fatto per assicurare ristori adeguati. Serve fare ancora di più. Soprattutto occorre rinforzare le tutele dei lavoratori e utilizzare il patrimonio del Next generation Eu”, aggiunge.
Sui dossier migratori “la risposta più efficace e duratura passa per una piena assunzione di responsabilità da parte delle istituzioni europee”. “Permane la contrapposizione tra Stati di frontiera esterna, e Stati del Nord e dell’Est Europa, principalmente preoccupati di evitare i cosiddetti movimenti secondari. L’Italia, appoggiata anche da alcuni Paesi mediterranei, propone un meccanismo obbligatorio di re-distribuzione dei migranti pro-quota”, sottolinea.
“Un’impresa che certamente riaprire dopo la pandemia è il turismo- ha detto ancora il premier nella replica -. Quindi investire nel turismo non significa buttar via i soldi, queli soldi tornano indietro”. “Vanno messe in campo misure che permettano alle imprese del turismo di non fallire. Bisogna impedire che in questo periodo queste imprese falliscano perché poi si perde un capitale che, spesso, è capitale umano”, aggiunge.
“C’è poi un rischio specifico che corriamo in vista della stagione di ricostruzione” che verrà avviata anche con il Recovery plan: “le possibili infiltrazioni della criminalità organizzata a seguito della crisi di liquidità in diversi settori. Questo rischio viene costantemente seguito” con l’obiettivo di “anticipare una risposta strutturata in termini di prevenzione e contrasto”. “Come ho detto, legalità e sicurezza – ha sottolineato Draghi – sono basi su cui costruire benessere e crescita nel Mezzogiorno: senza non ci può essere crescita. E’ chiaro che ci sono strumenti specifici come credito d’imposta ma senza legalità e sicurezza è molto difficile crescere”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il DISCORSO DI DRAGHI
“Il primo pensiero che vorrei condividere riguarda la nostra responsabilità nazionale, il principale dovere a cui siamo chiamati tutti, io per primo”. E’ questo uno dei primi passaggi del discorso del premier al Senato in cui invita le forze politiche all’unità e ribadisce come sia “nostro dovere” ora “combattere con ogni mezzo la pandemia e salvaguardare le vite dei cittadini: una trincea dove combattiamo tutti insieme, il virus è nemico di tutti” dichiara.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Questo, in pillole, l’intervento del premier che è durato 53 minuti e ha ricevuto 21 applausi.
IL VIRUS E LA CRISI ECONOMICA – Draghi si rivolge prima di tutti a “coloro che soffrono per la crisi economica” scatenata dalla pandemia. “Ci impegniamo a fare di tutto perché possano tornare, nel più breve tempo possibile, nel riconoscimento dei loro diritti, alla normalità delle loro occupazioni”, assicura. “Ci impegniamo a informare i cittadini con sufficiente anticipo, per quanto compatibile con la rapida evoluzione della pandemia, di ogni cambiamento nelle regole”, osserva. “Un esecutivo come quello che ho l’onore di presiedere, specialmente in una situazione drammatica come quella che stiamo vivendo, è semplicemente il governo del Paese. Non ha bisogno di alcun aggettivo che lo definisca. Riassume la volontà, la consapevolezza, il senso di responsabilità delle forze politiche che lo sostengono alle quali è stata chiesta una rinuncia per il bene di tutti”. “Questo è lo spirito repubblicano di un governo che nasce in una situazione di emergenza raccogliendo l’alta indicazione del capo dello Stato”, sottolinea il premier. “La crescita di un’economia di un Paese non scaturisce solo da fattori economici. Dipende dalle istituzioni, dalla fiducia dei cittadini verso di esse, dalla condivisione di valori e di speranze. Gli stessi fattori determinano il progresso di un Paese”. Draghi parla di un “nuovo e del tutto inconsueto perimetro di collaborazione” tra le forze politiche e ringrazia il suo predecessore Giuseppe Conte per il lavoro fatto. La pandemia “ha finora ha colpito soprattutto giovani e donne, una disoccupazione selettiva ma che presto potrebbe iniziare a colpire anche i lavoratori con contratti a tempo indeterminato”.
LA NUOVA RICOSTRUZIONE – “Oggi abbiamo, come accadde ai governi dell’immediato dopoguerra, la possibilità o meglio la responsabilità, di avviare una Nuova Ricostruzione” attraverso “la fiducia reciproca, nella fratellanza nazionale, nel perseguimento di un riscatto civico e morale”, incalza Draghi. “A quella ricostruzione collaborarono forze politiche ideologicamente lontane se non contrapposte. Sono certo che anche a questa nuova ricostruzione nessuno farà mancare, nella distinzione di ruoli e identità, il proprio apporto”.
POLITICA ESTERA – “Questo governo nasce nel solco dell’appartenenza del nostro Paese, come socio fondatore, all’Unione europea e come protagonista dell’Alleanza Atlantica”. “Sostenere questo governo significa condividere l’irreversibilità della scelta dell’euro” e la “prospettiva di un’Unione Europea sempre più integrata che approderà a un bilancio pubblico comune capace di sostenere i Paesi nei periodi di recessione. Gli Stati nazionali rimangono il riferimento dei nostri cittadini, ma nelle aree definite dalla loro debolezza cedono sovranità nazionale per acquistare sovranità condivisa”. “Questo governo sarà convintamente europeista e atlantista, in linea con gli ancoraggi storici dell’Italia: Ue, Alleanza Atlantica, Nazioni Unite”. Draghi punta quindi a rafforzare il rapporto strategico e imprescindibile con Francia e Germania e a intensificare la collaborazione con la “nuova Amministrazione USA”. “L’Italia si adopererà per alimentare meccanismi di dialogo con la Federazione Russa”, mentre dichiara di seguire “con preoccupazione ciò che sta accadendo” in Russia e “in altri paesi dove i diritti dei cittadini sono spesso violati”, “anche l’aumento delle tensioni in Asia intorno alla Cina”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ORGOGLIO NAZIONALE E UNITA’ – “Nell’appartenenza convinta al destino dell’Europa siamo ancora più italiani”. Dobbiamo essere “orgogliosi del contributo italiano alla crescita e allo sviluppo dell’Unione europea. Senza l’Italia non c’è l’Europa. Ma, fuori dall’Europa c’è meno Italia. Non c’è sovranità nella solitudine”. “Dobbiamo essere più orgogliosi, più giusti e più generosi nei confronti del nostro Paese. E riconoscere i tanti primati, la profonda ricchezza del nostro capitale sociale, del nostro volontariato, che altri ci invidiano”. Draghi chiede quindi “il sostegno convinto del Parlamento”. Un sostegno “che non poggia su alchimie politiche ma sullo spirito di sacrificio, sul vibrante desiderio di rinascere, di tornare più forti e sull’entusiasmo dei giovani che vogliono un paese capace di realizzare i loro sogni. Oggi, l’unità non è un’opzione, ma un dovere. Un dovere guidato da ciò che son certo ci unisce tutti: l’amore per l’Italia”.
LA SCUOLA – Il Covid “ha provocato ferite profonde” anche sul piano “culturale ed educativo”. Le ragazze e i ragazzi hanno avuto il servizio scolastico attraverso la Didattica a Distanza che, “pur garantendo la continuità del servizio, non può non creare disagi ed evidenziare diseguaglianze”. Si deve “tornare rapidamente a un orario scolastico normale”, e si devono “recuperare le ore di didattica in presenza perse lo scorso anno, soprattutto nelle regioni del Mezzogiorno in cui la didattica a distanza ha incontrato maggiori difficoltà”.  Ma “il ritorno a scuola deve avvenire in sicurezza”. “E’ necessario investire nella formazione del personale docente per allineare l’offerta educativa alla domanda delle nuove generazioni” e “particolare attenzione va riservata agli ITIS (istituti tecnici)”. “Senza innovare l’attuale organizzazione di queste scuole rischiamo di sprecare le risorse” ad esse destinate.
I VACCINI – Per “il piano di vaccinazione” vanno mobilitate “tutte le energie” dalla protezione civile, alle forze armate, ai volontari. E le vaccinazioni vanno fatte “in tutte le strutture disponibili, pubbliche e private”. La “prima sfida” è ottenere le dosi sufficienti, e poi “distribuire” il vaccino “rapidamente ed efficientemente”. “Nostro dovere è combattere con ogni mezzo la pandemia e salvaguardare le vite dei cittadini: una trincea dove combattuiamo tutti insieme, il virus è nemico di tutti”.
L’AMBIENTE – Il “riscaldamento del pianeta ha effetti diretti sulle nostre vite e sulla salute, dall’inquinamento, alla fragilità idrogeologica, all’innalzamento del livelllo dei mari che potrebbe rendere ampie zone di alcune città litoranee non più abitabili”.  Proteggere il futuro dell’ambiente, conciliandolo con il progresso e il benessere sociale, richiede un approccio nuovo: digitalizzazione, agricoltura, salute, energia, aerospazio, cloud computing, scuole ed educazione, protezione dei territori, biodiversità, riscaldamento globale ed effetto serra, sono diverse facce di una sfida poliedrica che vede al centro l’ecosistema in cui si svilupperanno tutte le azioni umane”.
IL LAVORO – “Uscire dalla pandemia non sarà come riaccendere la luce”. “Il governo dovrà proteggere tutti i lavoratori, ma sarebbe un errore proteggere indifferentemente tutte le attività economiche. Alcune dovranno cambiare, anche radicalmente. E la scelta di quali attività proteggere e quali accompagnare nel cambiamento è il difficile compito che la politica economica dovrà affrontare nei prossimi mesi”. “Centrali sono le politiche attive del lavoro. Affinché esse siano immediatamente operative è necessario migliorare gli strumenti esistenti, come l’assegno di riallocazione, rafforzando le politiche di formazione dei lavoratori occupati e disoccupati. Vanno anche rafforzate le dotazioni di personale e digitali dei centri per l’impiego in accordo con le regioni. Questo progetto è già parte del Programma Nazionale di Ripresa e Resilienza ma andrà anticipato da subito”. “La risposta della politica economica al cambiamento climatico e alla pandemia dovrà essere una combinazione di politiche strutturali che facilitino l’innovazione, di politiche finanziarie che facilitino l’accesso delle imprese capaci di crescere al capitale e al credito e di politiche monetarie e fiscali espansive che agevolino gli investimenti e creino domanda per le nuove attività sostenibili che sono state create”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
LE DONNE – Uno dei passaggi dell’intervento più applauditi, soprattutto dalle senatrici, riguarda le donne: “L’Italia presenta oggi uno dei peggiori gap salariali tra generi in Europa, oltre una cronica scarsità di donne in posizioni manageriali di rilievo. Una vera parità di genere non significa un farisaico rispetto di quote rosa richieste dalla legge: richiede che siano garantite parità di condizioni competitive tra generi. Intendiamo lavorare in questo senso, puntando a un riequilibrio del gap salariale e un sistema di welfare che permetta alle donne di dedicare alla carriera le stesse energie dei loro colleghi uomini, superando la scelta tra famiglia o lavoro”.
IL TURISMO – “Alcuni modelli di crescita dovranno cambiare” come il turismo, “attività che prima della pandemia rappresentava il 14% del totale delle nostre attività economiche. Imprese e lavoratori in quel settore vanno aiutati ad uscire dal disastro creato dalla pandemia. Ma senza scordare che il nostro turismo avrà un futuro se non dimentichiamo che esso vive della nostra capacità di preservare città d’arte, luoghi e tradizioni”.
INFRASTRUTTURE – “Occorre investire sulla preparazione tecnica, legale ed economica dei funzionari pubblici per permettere alle amministrazioni di poter pianificare, progettare e accelerare gli investimenti con certezza di tempi, costi e in piena compatibilità con gli indirizzi di sostenibilità e crescita indicati nel Programma nazionale di Ripresa e Resilienza”. “Il settore privato deve essere invitato a partecipare alla realizzazione degli investimenti pubblici apportando più che finanza, competenza, efficienza e innovazione”.
RECOVERY FUND – “La strategia per i progetti del Next Generation EU non può che essere trasversale e sinergica” con la “capacità di impattare simultaneamente più settori, in maniera coordinata. Dovremo imparare a prevenire piuttosto che a riparare” non solo dispiegando tutte le tecnologie a nostra disposizione ma anche investendo sulla consapevolezza delle nuove generazioni che “ogni azione ha una conseguenza”. La “quota di prestiti aggiuntivi che richiederemo tramite la principale componente del programma, lo Strumento per la ripresa e resilienza, dovrà essere modulata in base agli obiettivi di finanza pubblica”.  “Vi sono poi strumenti specifici” per il Mezzogiorno “quali il credito d’imposta e altri interventi da concordare in sede europea”. “Per riuscire a spendere bene, utilizzando gli investimenti dedicati dal Next Generation EU, occorre irrobustire le amministrazioni meridionali”. “La governance del Programma di ripresa e resilienza è incardinata nel Ministero dell’Economia e Finanza con la strettissima collaborazione dei Ministeri competenti che definiscono le politiche e i progetti di settore. Il Parlamento verrà costantemente informato sia sull’impianto complessivo, sia sulle politiche di settore”. “Il precedente Governo ha già svolto una grande mole di lavoro sul Programma di ripresa e resilienza. Dobbiamo approfondire e completare quel lavoro che, includendo le necessarie interlocuzioni con la Commissione Europea, avrebbe una scadenza molto ravvicinata, la fine di aprile”. “Le missioni del programma potranno essere rimodulate e riaccorpate, ma resteranno quelle enunciate nei precedenti documenti del Governo uscente”.
FISCO – “Non è una buona idea cambiare le tasse una alla volta. Un intervento complessivo rende anche più difficile che specifici gruppi di pressione riescano a spingere il governo ad adottare misure scritte per avvantaggiarli”. “Va studiata una revisione profonda dell’Irpef con il duplice obiettivo di semplificare e razionalizzare la struttura del prelievo, riducendo gradualmente il carico fiscale e preservando la progressività. Funzionale al perseguimento di questi ambiziosi obiettivi sarà anche un rinnovato e rafforzato impegno nell’azione di contrasto all’evasione fiscale”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Le riforme della tassazione dovrebbero essere affidate a esperti, che conoscono bene cosa può accadere se si cambia un’imposta”.
LA GIUSTIZIA – La Commissione Ue “ci esorta ad aumentare l’efficienza del sistema giudiziario civile, attuando e favorendo l’applicazione dei decreti di riforma in materia di insolvenza, garantendo un funzionamento più efficiente dei tribunali, favorendo lo smaltimento dell’arretrato e una migliore gestione dei carichi di lavoro, adottando norme procedurali più semplici, coprendo i posti vacanti del personale amministrativo, riducendo le differenze che sussistono nella gestione dei casi da tribunale a tribunale e infine favorendo la repressione della corruzione”.
LA RIFORMA DELLA P.A. – “L’altra riforma che non si può procrastinare è quella della P.A.” che “dovrà muoversi su due direttive: investimenti in connettività con la realizzazione di piattaforme efficienti e di facile utilizzo da parte dei cittadini; aggiornamento continuo delle competenze dei dipendenti pubblici selezionando le migliori competenze e attitudini in modo rapido, efficiente e sicuro, senza costringere a lunghe attese migliaia di candidati”.
I MIGRANTI –  “Altra sfida sarà il negoziato sul nuovo Patto per le migrazioni e l’asilo, nel quale perseguiremo un deciso rafforzamento dell’equilibrio tra responsabilità dei Paesi di primo ingresso e solidarietà effettiva. Cruciale sarà anche la costruzione di una politica europea dei rimpatri dei non aventi diritto alla protezione internazionale, accanto al pieno rispetto dei diritti dei rifugiati”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
LE CITAZIONI – Draghi, dopo aver ribadito lo spirito repubblicano del nuovo governo, cita Cavour e il Papa. “Il Governo farà le riforme ma affronterà anche l’emergenza. Non esiste un prima e un dopo, siamo consci dell’insegnamento di Cavour: ‘Le riforme compiute a tempo, invece di indebolire l’autorità, la rafforzano'”. Per quanto riguarda Francesco, il premier osserva: “Come ha detto papa Francesco ‘Le tragedie naturali sono la risposta della terra al nostro maltrattamento. E penso che se chiedessi al Signore cosa pensa, non credo mi direbbe che è una cosa buona: siamo stati noi a rovinare l’opera del Signore”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Roma Capitale, Raggi, ‘la base M5S voti mia candidatura su Rousseau’
“E’ il momento che la base M5S si esprima sulla mia candidatura a Roma. Basta ambiguità e giochi di palazzo” scrive la sindaca su Facebook
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
16:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“E’ il momento che la base M5S si esprima sulla mia candidatura a Roma. Basta ambiguità e giochi di palazzo. Credo che, a poco più di tre mesi dal voto, sia un atto dovuto soprattutto nei confronti dei cittadini: siamo tutti ormai stanchi dei giochetti da vecchia politica”. Così la sindaca di Roma Virginia Raggi in un post su Facebook.
“Lo scorso anno, mi sono candidata in piena trasparenza.
Vorrei la stessa chiarezza da parte di tutti e non leggere retroscena o assistere, come avviene ormai da anni, a trame di potere volte a isolare chi è scomodo… Il mio pensiero va anche a Giuseppe Conte che stimo -aggiunge Raggi nel post- Lo ripeto: basta ambiguità. Se qualcuno ha altri piani sulla città, lo dica apertamente. Si dia voce alla base. Intendiamoci: no a formule arzigogolate ma un voto netto sulla mia candidatura a Roma. Gli strumenti ci sono. La scelta alle persone. #AvantiConcoRAGGIo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5S: arriva ok Rousseau, via a governance a 5 membri
Cambia lo Statuto del Movimento
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
09:03
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Via libera definitivo da parte degli iscritti su Rousseau alla nuova governance collegiale del M5S. La votazione, conclusasi alle 12, vede la netta prevalenza dei favorevoli, con una percentuale attorno all’80%. Sui 6 quesiti in media sono state espresse 11.514 preferenze.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il picco dei click ha visto votare 11.947 attivisti su un parco iscritti di 119.721 membri. Con il sì di Rousseau cambia lo Statuto del M5S.
“In questa fase di transizione delicata lavoreremo, come Associazione Rousseau per consentire agli iscritti di poter eleggere il prima possibile questo organo collegiale e definire così una guida politica legittimata dal basso che possa assumere le decisioni politiche e associative necessarie nell’immediato e fondamentali per consentire al MoVimento di poter costruire la sua strada per il futuro”. E’ quanto si legge in un post dell’Associazione Rousseau secondo il quale, tra i requisiti per entrare nel Comitato direttico, i candidati “dovranno essere in regola con le rendicontazioni al mese indicato sul sito http://www.tirendiconto.it”.
“Da oggi dunque termina la reggenza della figura del Capo Politico e si avvia il percorso per la creazione di un organo collegiale che avrà il compito, come stabilito dalle modifiche dello Statuto, di definire la linea politica del MoVimento 5 Stelle insieme all’Assemblea degli iscritti, oltre che amministrare le attività quotidiane del MoVimento 5 Stelle, come la certificazione delle liste, la definizione delle candidature del MoVimento in occasione delle consultazioni online su Rousseau prima di ogni tornata elettorale e decidere se modificare o meno l’attuale organizzazione territoriale del Team del Futuro”, si legge nel post del Associazione, dal titolo “Il conclave degli iscritti”.
“La composizione di questo organo – così come stabilito dallo Statuto e dal regolamento di candidatura – prevede che ciascun genere sarà rappresentato per almeno i due quinti e che il numero dei portavoce presenti sarà limitato. Ad esempio, tra i principali requisiti di candidatura è previsto che potranno essere presenti all’interno del Comitato direttivo, oltre che esclusivamente gli iscritti prima del 30/06/2020, un massimo di due componenti per i parlamentari nazionali, un massimo di due membri di governo tra esponenti parlamentari ed extra parlamentari ed anche due parlamentari europei e/o due consiglieri regionali e/o due consiglieri comunali sui cinque membri, questo nell’ottica nella maggiore collegialità tra tutti gli organi istituzionali del MoVimento 5 Stelle”, spiega il post, che conclude: “Siamo pronti come Associazione Rousseau a mettere a disposizione tutti gli strumenti che consentano agli iscritti di partecipare a questo fondamentale momento di scelta, atteso ormai da oltre un anno, ed abbiamo provveduto a un aggiornamento della funzione Open Candidature attraverso la quale sarà possibile come sempre accedere dopo la compilazione e la pubblicazione del proprio Profilo Attivista.”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Editoria: Open sbarca su Twitch
Prima testata generalista nella piattaforma livestreaming
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
18:41
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo aver appena festeggiato i due anni dal lancio, Open, il giornale online fondato da Enrico Mentana e diretto da Umberto La Rocca, arriva anche su Twitch.
Giovedì 18 febbraio alle ore 21 andrà in onda il primo di una serie di appuntamenti settimanali, che inaugurano lo sbarco delle testate generaliste italiane sulla piattaforma di livestreaming più popolare tra Millennials e Gen Z.

Un esperimento non casuale, pianificato da tempo e frutto di una scelta precisa: sperimentare nuovi linguaggi per avvicinare i più giovani all’informazione, nello stesso spirito che nel dicembre 2018 ha convinto Enrico Mentana a creare e finanziare Open, l’impresa sociale senza scopo di lucro che fa capo all’omonimo giornale e che dà lavoro a 30 giovani giornalisti.
Ambientalismo, comicità, scienza, musica, Esport, fumetti, queerness. Sono solo alcuni dei temi che verranno affrontati nel ricco palinsesto del nuovo canale Twitch di Open, che aprirà la prima puntata con due ospiti d’eccezione: il suo fondatore, Enrico Mentana, e lo youtuber Dario Moccia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il dibattito sulla fiducia al governo Draghi, la DIRETTA dalla Camera
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
09:23

E’ in corso nell’Aula della Camera il dibattito sulla fiducia al governo Draghi. Il presidente del Consiglio segue il dibattito dai banchi del governo.
In base a quanto deciso dai capigruppo di Montecitorio,la discussione generale andrà avanti fino alle 12, quando sarà sospesa fino alle 13.30 per la sanificazione dell’Aula. Riprenderà dalle 13.30 alle 16, quando ci sarà una nuova pausa per la sanificazione fino alle 18, quando si terrà la replica del presidente del Consiglio. Le dichiarazioni di voto saranno dalle 18.30 alle 20, quando avrà inizio la chiama per la votazione di fiducia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il voto di fiducia al Senato, il film della giornata
Il via libera di Palazzo Madama poco prima della mezzanotte
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
00:05
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente del Consiglio Mario Draghi fa il suo esordio in Parlamento per chiedere il voto di fiducia per il nuovo governo che ha giurato al Quirinale lo scorso 13 febbraio. E si comincia con il Senato visto che il precedente governo Conte aveva avuto la sua ‘culla’ a Montecitorio.
Questo, in estrema sintesi, il film della giornata:
Ore 9.50 –  I ministri arrivano a Palazzo Madama.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tra i primi a varcare il portone, Luciana Lamorgese, Daniele Franco, Mariastella Gelmini, Fabiana Dadone e Renato Brunetta.
Ore 10 – Mario Draghi fa il suo ingresso nell’Aula del Senato.
Ore 10.15 – Draghi comincia il suo intervento e tra i primi punti affronta i temi del Covid, del lavoro e delle riforme. Cita la lezione di Cavour, parla di ‘Nuova ricostruzione’ e invita all’unità nazionale
Ore 11.15 – Il premier conclude il suo discorso e va alla Camera a consegnare una copia del suo intervento programmatico. Si sospende la seduta al Senato
Ore 12.30 –  Riprende nell’Aula del Senato la discussione generale dopo l’intervento di Draghi. La prima a prendere la parola è la senatrice a vita Elena Cattaneo che invita il nuovo governo a fare dell’investimento nella ricerca una delle priorità
Ore 15.32 – Seduta sospesa nell’Aula del Senato fino alle 16.15, per la sanificazione. E’ in corso il dibattito sulla fiducia al governo Draghi.
Ore 16.08 – Al Senato la prima riunione informale dei capigruppo della maggioranza che sostiene il governo Mario Draghi (M5s, Pd, Leu, Italia viva, Lega e Forza Italia) per decidere il testo della mozione che presenteranno in Aula: sottoscritta una risoluzione unica
Ore 16.21 – Ripreso nell’Aula del Senato il dibattito sulla fiducia al governo Draghi. La prima ad intervenire è stata Alessandra Gallone di Fi che ha ringraziato Draghi di aver “iniettato negli italiani il vaccino del futuro” e di “aver parlato con la testa e con il cuore”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ore 17.16 – La mozione di fiducia al governo Draghi, proposta dalla maggioranza, è stata depositata in Aula. Ha le firme degli 8 gruppi parlamentari che sostengono l’esecutivo, in ordine di grandezza: Movimento 5 stelle, Lega, Forza Italia, Pd, Leu, Italia viva, Europeisti-Maie-Centro democratico e il gruppo delle Autonomie. Nel testo, pochissime righe e ‘standard’: “Il Senato, udite le comunicazioni del presidente del Consiglio dei ministri esprime la fiducia al governo”.
Ore 19.34 – Su Twitter il commento dell’Alto rappresentante dell’Ue, Josep Borrell: “Il primo ministro Draghi ci ricorda l’essenza dell’integrazione europea”. Borrell riporta in italiano un passaggio del discorso di Draghi: “Gli Stati nazionali rimangono il riferimento dei nostri cittadini, ma nelle aree definite dalla loro debolezza cedono sovranità nazionale per acquistare sovranità condivisa”.
Ore 19.56 – Chiusa nell’Aula del Senato la discussione generale sulla fiducia al governo Draghi. La seduta è ora sospesa per la sanificazione: riprenderà alle 20.40 con la replica del presidente del Consiglio.
Ore 20.45 – Al via nell’aula del senato la replica del presidente del Consiglio Mario Draghi sulla fiducia.
Ore 21.02 – “Vi ringrazio per la stima che avete dimostrato ma anche questa dovrà essere giustificata e validata nei fatti dall’azione di governo da me presieduto”, ha detto il premier Mario Draghi nella replica in Aula al Senato dove ha sottolineato che ‘la cultura va sostenuta’, e la necessità di ‘impedire che le imprese del turismo falliscano’. Poi, ancora, ha parlato dell’essenzialità ‘del coinvolgimento delle Regioni e delle parti sociali’
Ore 21:30 – Ciriani annuncia che Fdi non voterà la fiducia. Ancora più convinti dopo dichiarazioni Draghi
Ore 22:29 – M5S: Il sì alla fiducia ma non sarà sempre scontato. Sarà un sì vigile, direi guardingo. Non dia mai per scontato il nostro sì perché noi, mi permetta questa licenza verbale, le romperemo le scatole.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ore 23:44 – Il Senato concede la fiducia al governo Draghi: 262 sì , 40 no e due astenuti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi emozionato ringrazia Mattarella, 21 gli applausi
Ringrazio Mattarella per l’onore dell’incarico
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
10:25
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Nel ringraziare, ancora una volta il presidente della Repubblica per l’onore dell’incarico che mi è stato assegnato, vorrei dirvi che non vi è mai stato, nella mia lunga vita professionale, un momento di emozione così intensa e di responsabilità così ampia”. Lo dice il premier Mario Draghi in Aula al Senato.
Ringraziamenti anche  al predecessore Giuseppe Conte che “ha affrontato una situazione di emergenza sanitaria ed economica come mai era accaduto dall’Unità d’Italia”.
Un applauso più lungo, sicuramente il più fragoroso del suo intervento, è stato rivolto dai senatori al premier Mario Draghi nell’ultimo passaggio del discorso quando ha detto: “Oggi l’unità non è un’opzione ma un dovere” ed è così in nome dell'”amore per l’Italia”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I senatori si sono alzati. Subito dopo l’aula è stata sospesa per consentire al premier di depositare le sue comunicazioni a Montecitorio e riprenderà alle 12.30. Prima di lasciare l’aula a Draghi si sono avvicinati per un breve saluto la senatrice di +Europa Emma Bonino e il senatore a vita Mario Monti.
Sono stati 21 in tutto gli applausi che hanno contrassegnato i 53 minuti di durata delle dichiarazioni programmatiche del presidente del Consiglio nell’Aula del Senato.
LE CITAZIONI – “Il Governo farà le riforme ma affronterà anche l’emergenza. Non esiste un prima e un dopo. Siamo consci dell’insegnamento di Cavour:’à le riforme compiute a tempo, invece di indebolire l’autorità, la rafforzano’. Ma nel frattempo dobbiamo occuparci di chi soffre adesso, di chi oggi perde il lavoro o è costretto a chiudere la propria attività”.
“Come ha detto papa Francesco ‘Le tragedie naturali sono la risposta della terra al nostro maltrattamento. E io penso che se chiedessi al Signore che cosa pensa, non credo mi direbbe che è una cosa buona: siamo stati noi a rovinare l’opera del Signore’. Proteggere il futuro dell’ambiente, conciliandolo con il progresso e il benessere sociale, richiede un approccio nuovo: digitalizzazione, agricoltura, salute, energia, aerospazio, cloud computing, scuole ed educazione, protezione dei territori , biodiversità, riscaldamento globale ed effetto serra, sono diverse facce di una sfida poliedrica che vede al centro l’ecosistema in cui si svilupperanno tutte le azioni umane”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi: Casellati, auguri a Casini ricoverato in ospedale
Nei giorni scorsi, lo stesso ex presidente della Camera aveva annunciato di avere il Covid
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
13:32
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“A nome di tutti invio gli auguri al senatore Pier Ferdinando Casini di buona guarigione: è in ospedale e non è qui con noi oggi”. Lo ha detto la presidente del Senato Elisabetta Alberti Casellati prima di dare la parola al presidente del Consiglio Mario Draghi.
Le sue parole sono state seguire dall’applauso unanime dell’Assemblea di Palazzo Madama.
Era stato nei giorni scorsi lo stesso Casini ad annunciare, nel corso di un collegamento telefonico con l’Aria che Tira: “Ho il Covid, ma sto bene”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il discorso di Draghi convince tutti, plauso dai big
Salvini: ‘Ottimo punto di partenza, la Lega c’è’. Renzi: ‘Ha dato una visione’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
18:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Positivi i commenti delle forze politiche al discorso programmatico di Mario Draghi al Senato. Un discorso durato 53 minuti che ha ricevuto 21 applausi.
LA LEGA E SALVINI – “Più salute e meno tasse, più rimpatri e meno burocrazia, più cantieri e meno sprechi, responsabilità e rispetto nei confronti delle future generazioni, orgoglio di essere italiani.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ottimo punto di partenza, nel nome dell’efficienza, della trasparenza e del cambiamento. La Lega c’è!”, è il commento del leader della Lega, Matteo Salvini che aggiunge: “Vedremo di essere la parte concreta di questa maggioranza: le liti le lascio agli altri”. Draghi sui vaccini dimostra di essere “una persona di buon senso”, dice il governatore del Veneto Luca Zaia.
ITALIA VIVA E RENZI – Draghi “ha dato una visione, puoi amarla o non amarla, apprezzarla o non apprezzarla, ma ha dato una visione”, dice Matteo Renzi parlando con i giornalisti in Transatlantico in Senato. “L’unico commento è questo”, ha poi aggiunto abbassando la mascherina e mostrando un sorriso. Quello illustrato da Draghi è un programma da tre anni? “Anche più a lungo” , ha risposto Renzi. “Se qualcuno avesse avuto dei dubbi, ascolti Draghi e dica: ne valeva la pena di aprire la crisi? Sì. Il discorso di Draghi è straordinario”.
FRATELLI D’ITALIA E MELONI – “Dopo aver ascoltato da Draghi un intervento di generica visione politica, che evita però di calarsi nelle scelte concrete da effettuare, confermiamo il nostro ‘no’ a questo Governo. Non si può chiedere agli italiani un supplemento di fiducia al buio nei confronti del nuovo esecutivo. Entreremo nel merito delle singole questioni evidenziate da Draghi durante il dibattito in Aula e valuteremo i singoli provvedimenti che saranno votati, senza ‘cessioni di sovranità’ che non ci appartengono”,  scrive su Facebook la presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. “Siamo una forza patriottica che tifa sempre per l’Italia e non ci auguriamo il suo fallimento”, dice il senatore di FdI, Luca De Carlo, che garantisce comunque “la lealtà” al governo.
ALESSANDRO DI BATTISTA – “Reputo che la pandemia abbia acutizzato ancor di più quel divario tra ricchissimi (pochi e sempre più facoltosi) e disgraziati (sempre di più e sempre più disagiati). La forbice si è allargata negli ultimi 30 anni per via delle scelte iper-liberiste adottate dalla politica.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La classe media, il motore economico e sociale italiano, è stata indebolita. Molte scelte passate di Draghi (se poi si sia convertito staremo a vedere) sono state strumento di tale indebolimento. Oppormi a questo governo e dunque prendere le distanze dal Movimento che ha deciso di sostenerlo è stata per me una decisione naturale. Come naturale fu, nel 2013, candidarmi al Parlamento con il Movimento stesso”, scrive su Fb Alessandro Di Battista.
PD E ZINGARETTI – “Bene il presidente Draghi. Dalle sue parole una conferma: l’Italia è in buone mani. Il Pd farà la sua parte in questa sfida”, afferma il segretario Pd Nicola Zingaretti. “Un ottimo inizio. (Mi scuso per non aver consultato l’intergruppo prima di dirlo)”, scrive su twitter Matteo Orfini.  “Quello di Draghi è un discorso eccellente e inclusivo”, dichiara Ermete Realacci, già presidente della commissione Ambiente della Camera ora presidente di Symbola.
LEU – “La casa come primo luogo di cura e la sanità del territorio come pilastro della riforma del Servizio Sanitario Nazionale. Dal Presidente Draghi le parole giuste sul futuro del nostro bene più prezioso”, sottolinea su Fb il ministro della Salute, Roberto Speranza.
FORZA ITALIA – “Ho ritrovato grande Draghi, siamo fortunati. Un ottimo discorso, ossuto, essenziale, come quelli che faceva in Bankitalia e in Bce, ma qua in Parlamento ha una valenza straordinaria, senza retorica o captatio benevolentiae” , dce il ministro per la P.A, Renato Brunetta parlando con i giornalisti al Senato. “Da Draghi una vera svolta ambientalista”, afferma la deputata Michela Brambilla. “Il presidente Draghi ha pronunciato un discorso dettagliato e di alto profilo, che guarda al futuro – ha detto il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi -, che delinea un’Italia capace di rialzarsi e di ripartire. E’ quanto gli avevamo chiesto nell’indicare per primi la necessità di una formula di governo che riunisse l’Italia per una grande risposta di fronte all’emergenza. Quello delineato oggi non è il programma di una maggioranza politica, è un ‘comune denominatore’ nel quale si possono ritrovare forze politiche diverse e alternative fra loro”. “La conferma della vocazione europea e atlantica come orizzonte del nostro Paese, l’impegno a una riforma del fisco che comprende la riduzione del carico fiscale e a una riforma burocratica che favorisca l’attività di impresa, gli investimenti in infrastrutture materiali e immateriali, sono tutti argomenti che rafforzano le ragioni del nostro sostegno al governo”, ha aggiunto Berlusconi che ha rimarcato, apprezzandolo, “l’impegno a sostenere meglio le categorie fin qui non garantite, come il lavoro autonomo – cui aggiungerei il commercio, l’artigianato e il turismo – e considero essenziale il rilancio di una campagna vaccinale che non è ancora decollata e che deve vedere il concorso di tutte le strutture disponibili, pubbliche e private, prima che le varianti del virus scatenino una nuova e più grave ondata di contagi”. Quindi ha concluso: “L’amore per l’Italia e il senso del dovere cui ha fatto riferimento il Presidente del Consiglio sono la stella polare che ha orientato il nostro impegno responsabile dall’inizio della pandemia, è la ragione per la quale abbiamo chiesto la nascita di questo governo e per la quale lo sosterremo con impegno e dedizione totale all’interesse del Paese”.
UDC – “Dal presidente Draghi è giunta un’indicazione forte e chiara”, commenta il senatore dell’Udc Antonio De Poli.
MISTO – “Avevamo assicurato a Draghi una ‘fiducia preventiva’. Il discorso programmatico di oggi conferma che abbiamo fatto bene. Ci riconosciamo pienamente nelle sue parole: sull’Europa e l’Euro, su un piano vaccinale immediato che coinvolga tutte le risorse disponibili pubbliche e private, sulla sostenibilità ambientale e l’innovazione per rilanciare l’economia, sulla necessità di evitare sprechi di risorse pubbliche, sulla concorrenza come elemento essenziale per la crescita economica, sulla coesione territoriale come su ricerca e scuola. Così come sulla strategia per il Next Generation Eu”. Lo dichiara il segretario di Più Europa, Benedetto Della Vedova. “E’ una felice circostanza avere un uomo di questa qualità alla guida del governo”, commenta l’ex premier Mario Monti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I VERDI – “Quelle del Premier Draghi sono dichiarazioni programmatiche incoraggianti, che mettono insieme la lotta alla pandemia e quella alla crisi climatica”, dichiara Angelo Bonelli, coordinatore dell’esecutivo nazionale dei Verdi ed esponente di Europa Verde.
CONFINDUSTRIA – Confindustria rivolge “un appello al Presidente del Consiglio Mario Draghi: non vorremmo di nuovo, tra poche settimane – dice il presidente Carlo Bonomi -, assistere a una nuova protrazione del blocco generale dei licenziamenti al fine di prendere ancora tempo. Sarebbe l’invito alle imprese a rinviare ulteriormente riorganizzazioni, investimenti e assunzioni: un segnale decisamente sbagliato”. E’ invece “il momento di agire, per rendere davvero concreto l’impegno a non lasciare indietro nessuno”, dice il leader degli industriali, con le riforme su ammortizzatori sociali e politiche attive del lavoro.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dibattito fiume, fiducia notturna a Draghi – TEMPO REALE
In M5s finisce era capo unico, sì a gestione collegiale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
16:17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tra sanificazioni varie, il grandissimo spazio dato alla discussione generale, la replica prevista per le 21 e le successive dichiarazioni di voto, il governo Draghi “di emergenza” e nato “in spirito repubblicano” avrà la fiducia del Senato solo dopo le 23. Quanto robusta, dato per scontato il no di Fdi, dipende dai cinque stelle contrari.
“Tra i 260 e i 270 voti”, prevede comunque Maurizio Gasparri, quindi ben sopra i 161 necessari per la maggioranza assoluta.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Emma Bonino, dal suo scranno di palazzo madama, veste i panni di Cassandra sebbene con il sorriso: “Signor presidente, la sua navigazione non sarà facile, non sarà sempre come oggi, non ci prenda gusto! Ci saranno divisioni, incomprensioni e occorrerà tutta la sua autorevolezza e bisognerà scontentare qualcuno”. Ma non è solo la senatrice di +Europa a mettere in guardia il premier sulle insidie.
“Draghi ha ragione: l’unità oggi non è un’opzione, ma un dovere. Ma è nostro dovere anche controllare l’azione del governo in Parlamento e vincolare il nostro appoggio all’interesse dei cittadini”, detta la linea per i 5stelle il repsidente della Commissione Affari Costituzionali Brescia. Così come la presidente del gruppo misto e senatrice di Leu Loredana De Petris promette di vigilare sulla “emergenza ambientale” messa al centro da Draghi, insieme all’emergenza sanitaria. Di fatto però, nell’Aula del Senato risuona solo plauso per Draghi e Silvio Berlusconi chiosa. “Quello delineato oggi non è il programma di una maggioranza politica, è un ‘comune denominatore’ nel quale si possono ritrovare forze politiche diverse e alternative fra loro”. Intanto arriva il via libera definitivo da parte degli iscritti su Rousseau alla nuova governance collegiale del M5S: quasi 80% favorevoli. Con il sì di Rousseau cambia lo Statuto del M5S.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fiducia di ferro per Mario Draghi in Senato, oggi il voto alla Camera
Quindici del M5S votano ‘no’, 8 non partecipano al voto
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
10:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ inizato nell’Aula della Camera il dibattito sulla fiducia al governo Draghi. Il presidente del Consiglio lo segue dai banchi del governo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La discussione generale andrà avanti fino alle 12, quando sarà sospesa fino alle 13.30 per la sanificazione dell’Aula. Riprenderà dalle 13.30 e andrà avanti fino alle 16. Nuova pausa per la sanificazione fino alle 18 e poi la replica del presidente del Consiglio. Le dichiarazioni di voto saranno dalle 18.30 alle 20, quando avrà inizio la chiama per la votazione di fiducia.
IL DISCORSO DI MARIO DRAGHI AL SENATO
di Chiara Scalise
Fiducia larga con 262 sì, 101 in più rispetto a quelli che basterebbero per avere la maggioranza politica, e 40 voti contrari per il nuovo governo Draghi in Senato. Solo due gli astenuti. Quella su cui può contare l’ex presidente della Bce è una maggioranza molto ampia ma che, a Palazzo Madama, non supera il record dell’Esecutivo Monti pari a 281 voti favorevoli. A schierarsi contro, oltre i 19 parlamentari di Fdi, sono quindici senatori 5s. Altri 8 cinquestelle non hanno partecipato alla votazione ma due risultano assenti giustificati. Il capogruppo del Movimento a Palazzo Madama Licheri avverte comunque che quella targata 5s non è una fiducia incondizionata. “Non dia mai per scontato il nostro sì perché noi, mi permetta questa licenza verbale, le romperemo le scatole”, dichiara in Aula.
Oggi alle 20 il voto alla Camera, slittato di due ore rispetto al primo appuntamento per ragioni di diretta tv sollevate da diversi gruppi.
“L’unità non è un’opzione, è un dovere”. Richiama al senso di “responsabilità nazionale” Mario Draghi nel suo intervento programmatico alle Camere: non un esecutivo tecnico o del presidente, il suo è il “governo del Paese” e ha il compito di avviare una “Nuova ricostruzione”. Parla 53 minuti e all’inizio di un discorso denso dichiara un’emozione che si fa sentire quando cita, sbagliando le cifre, i dati della pandemia.
L’euro come scelta “irreversibile”, lo sguardo rivolto al futuro e ai giovani, la lotta al virus, l’ambiente (che si lavora per mettere in Costituzione), sono alcuni tra i temi fondanti del discorso. L’ex presidente della Bce pone come ancoraggio, in politica estera, l’Europa e l’Alleanza Atlantica. Con la Russia e la Cina la porta del dialogo resta aperta ma Draghi mette sul tavolo le “preoccupazioni” per il mancato rispetto dei diritti umani.
Sono 21 gli applausi che i senatori tributano al nuovo presidente del Consiglio. La politica ascolta e quasi unanime plaude, per le polemiche ci saranno altri giorni: Berlusconi invita a guardare al “minimo comune denominatore” fra le forze che sostengono il governo, Zingaretti in una dichiarazione stringata si dice convinto che “l’Italia si trovi in buone mani”.
Accanto al premier, alla sua destra, siede il ministro leghista Giancarlo Giorgetti: è a lui che si rivolge con lo sguardo quando tentenna per un attimo sui numeri della pandemia. Draghi perimetra però chiaramente l’azione del suo esecutivo: a Salvini che ha attaccato l’euro, dice senza giri di parole che quella è “una scelta irreversibile”. Ma non solo. L’ancoraggio all’Europa è una necessità per l’ex presidente della Bce: “Non c’è sovranità nella solitudine. C’è solo l’inganno di ciò che siamo – dice in uno dei passaggi più articolati del suo intervento – nell’oblio di ciò che siamo stati e nella negazione di quello che potremmo essere”. L’Aula apprezza, il Capitano meno e infatti rimane a braccia conserte mentre in molti battono le mani. E sulla moneta unica taglia corto “Non è di attualità”, replica.
Si attira anche qualche ‘buuh’ dai banchi del centrodestra Draghi: accade quando ringrazia Conte. Ma il premier senza dare l’impressione di voler azzerare quanto fatto dal predecessore dalla lotta al virus al Recovery segna però parecchie discontinuità. Nell’Italia di Draghi non c’è posto per i gazebo a forma di primula immaginati dal commissario Arcuri: sui vaccini è necessario correre, va usato ogni spazio e ogni forza a disposizione per battere il virus “nemico di tutti”.
La scuola deve riaprire, i giovani – a cui Draghi riserva ampio spazio – hanno il diritto di recuperare il tempo perso. Come insegna Cavour, avverte però il premier, l’imporsi dell’emergenza non esclude la necessità di fare le riforme. Pubblica amministrazione, giustizia civile e fisco sono in cima alla lista. E poi il Recovery. I 210 miliardi a disposizione sono un’occasione da non perdere e su questo concordano da sempre tutti. Ma come renderli davvero utilizzabili è la domanda a cui è più difficile rispondere. La governance – elemento scatenante della crisi del Conte II – sarà nelle mani del ministero dell’Economia, in raccordo con i colleghi. Il Parlamento, che ha ora all’esame l’ultima bozza messa a punto dal precedente esecutivo e che è invitato a fare in fretta, “verrà costantemente informato”, dice nel suo intervento Draghi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Cosa prevede il nuovo piano vaccini, più hub e 300mila volontari
Addio alle primule scende in campo la Protezione Civile
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
09:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le vaccinazioni nelle caserme e nei palazzetti, un esercito di 300mila volontari in campo per la logistica e per aumentare il personale dedicato alle somministrazioni, mezzo milione di dosi al giorno come obiettivo a partire da aprile. Prende forma il nuovo piano vaccini dopo le indicazioni che il premier Mario Draghi ha dato, in Senato, ribadendo che l’immunizzazione di massa degli italiani è la “prima sfida” per il governo del Paese. Il presidente del Consiglio ha parlato della necessità di essere rapidi ed efficienti, del “dovere” di utilizzare tutto ciò che l’Italia ha a disposizione per proteggere i suoi cittadini e già nei prossimi giorni ci saranno una serie di incontri per definire le linee del piano organizzativo e logistico.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Piano che però non può che essere strettamente vincolato alla fornitura dei vaccini: senza dosi, la campagna non può partire.
La strategia si muoverà dunque su due piani, quello nazionale e quello quello europeo, dove l’Italia sarà convinta sostenitrice della linea adottata finora da Bruxelles per gli acquisti centralizzati.
L’obiettivo del ministero della Salute è di arrivare a 500mila vaccinati al giorno, 6 milioni di italiani al mese, utilizzando soprattutto medici di base e pediatri. Ma per centrarlo servirà anche altro.
Ad Arcuri dovrebbe rimanere la parte relativa agli acquisti mentre la struttura commissariale dovrebbe essere sgravata per ciò che concerne logistica e distribuzione. “Abbiamo bisogno di mobilitare tutte le energie su cui possiamo contare, ricorrendo alla protezione civile, alle forze armate, ai tanti volontari. Non dobbiamo limitare le vaccinazioni all’interno di luoghi specifici, spesso ancora non pronti: abbiamo il dovere di renderle possibili in tutte le strutture disponibili, pubbliche e private”, ha detto Draghi. Dunque addio alle Primule disegnate dall’architetto Stefano Boeri, che al momento nessuna regione ha richiesto, e spazio a caserme, palazzetti, fiere ma anche a luoghi come la stazione Termini e la Nuvola di Fuksas a Roma, gli spazi nei centri commerciali. E, ovviamente, i drive trough della Difesa, che saranno riconvertiti a centri vaccinale.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il primo aprirà nelle prossime ore alla Cecchignola a Roma. Un cambio di passo che rimette in gioco la Protezione Civile, un sistema che ha al suo interno tutte le strutture dello Stato, dalle forze di polizia alle forze armate, dai rappresentanti dei servizi essenziali alle associazioni di volontariato e che garantisce quel coordinamento necessario – attraverso il Comitato operativo in cui siedono tutti i soggetti coinvolti – a far sì che la gestione dell’emergenza si muova su un’unica linea operativa.
Al Dipartimento stanno predisponendo un dossier per palazzo Chigi, indicando possibilità di intervento e disponibilità, a partire dai 300mila volontari in tutta Italia immediatamente attivabili. Volontari che potranno essere utilizzati sia per l’allestimento dei centri vaccinali e le eventuali tensostrutture, sia per la parte sanitaria.
La Croce Rossa ad esempio, che fa parte del sistema, oggi fornisce per il Centro a Fiumicino 30 medici al giorno su sue turni, che possono arrivare a 40 quando l’hub sarà a regime e potrà effettuare tremila vaccinazioni al giorno. Uno schema che potrebbe essere replicato a livello nazionale. Non è escludo dunque che già la settimana prossima possa essere convocato il Comitato operativo, per andare nella direzione indicata da Draghi: rapidità ed efficienza.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Inps: a novembre 664.000 posti in meno rispetto al 2019
+243.000 contratti stabili 11 mesi, crollo precari
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
10:49
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il saldo annualizzato dei rapporti di lavoro a novembre 2020, ovvero la differenza tra quelli registrati nel mese rispetto a quelli di novembre 2019 è negativo per 664.000 unità. Lo rileva l’Inps nell’Osservatorio sul precariato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nel corso degli undici mesi del 2020 le assunzioni attivate dai datori di lavoro privati sono state 4.755.000 (-30% sullo stesso periodo del 2019 anche per gli effetti legati all’emergenza da Covid-19. Il calo ha riguardato soprattutto i contratti a termine. Le cessazioni negli 11 mesi sono state 5.051.000 (-20%). La variazione netta negli 11 mesi è stata negativa per 295.696 posti di lavoro.

Crescono i rapporti di lavoro stabili salvaguardati dallo stop ai licenziamenti mentre crollano quelli a termine e stagionali. E’ quanto emerge dall’Osservatorio Inps sul precariato secondo cui nei primi 11 mesi del 2020 a fronte di una variazione netta complessiva negativa per 295.696 unità ci sono stati 243.769 rapporti di lavoro a tempo indeterminato in più (assunzioni stabili più trasformazioni meno cessazioni da contratto stabile). Sono crollati i contratti precari con una riduzione rispetto ai primi 11 mesi del 2019 di 263.902 contratti a termine, 121.913 contratti stagionali, 80.217 di somministrazione e 76.970 intermittenti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5s: Crimi, espulsi 15 senatori che hanno votato no fiducia
Lo annuncia su Facebook il capo politico del Movimento 5 stelle
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
10:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“I 15 senatori che hanno votato no alla fiducia saranno espulsi”. Lo annuncia su Facebook il capo politico del Movimento 5 stelle, Vito Crimi, che aggiunge: “si collocano, nei fatti, all’opposizione.
Per tale motivo non potranno più far parte del gruppo parlamentare del Movimento al Senato. Ho dunque invitato il capogruppo a comunicare il loro allontanamento, ai sensi dello Statuto e del regolamento del gruppo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
‘La scuola non è stata ferma, più disagi in alcune zone’
Il ministro dell’Istruzione Bianchi: “Difficoltà non in tutto il Paese in modo uguale”
1
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
11:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La scuola non è stata ferma, ha fatto un apprendimento collettivo a cui dovremmo imparare a dare il giusto valore. Il premier ha posto la scuola all’inizio del suo discorso, al primo posto.
Le difficoltà non sono distribuite in modo lineare in tutto il Paese ci sono zone emarginate come le montagne, i centri urbani, non tutti i territori sono nelle stesso condizioni noi ci mettiamo dalla parte dei territorio con maggiori difficoltà. Abbiamo avuto delle perdite in questo periodo, voglio ringraziare tutto il personale, in questa fase difficile siete stati vicini ai ragazzi”. Così il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi al un convegno di Federmobilità.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5s:Lezzi,io espulsa?Mi candido per un posto nel direttivo
Va rappresentato il 41% dei contrari a allearsi con tutti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
11:38
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Buongiorno. Ho appena letto il post del reggente perpetuo in cui comunica l’espulsione dal gruppo parlamentare dei 15 senatori, tra cui ci sono anche io, che ieri non hanno dato la fiducia al governo Draghi.
Ho preso la decisione. Mi candido a far parte del comitato direttivo del M5S (da cui non sono espulsa). Credo che il 41% degli iscritti contrari ad allearsi con tutti, compresi Berlusconi, Salvini e Renzi, debbano essere rappresentati. Sono convinta, inoltre, che se il quesito fosse stato riproposto, come lo statuto prevede, quel 41% sarebbe stato più alto. Auspico, quindi, la massima serietà nel percorso che porta alle candidature e l’urgenza necessaria a sbloccare l’azione del M5S”.
Lo scrive su Facebook Barbara Lezzi, tra i 15 senatori del Movimento che ieri non ha votato la fiducia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: Pe, Sofo lascia la Lega e va verso Ecr di Meloni
‘Non posso condividere grande alleanza a sostegno Draghi’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
18 febbraio 2021
11:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’eurodeputato leghista Vincenzo Sofo ha annunciato la decisione di lasciare il movimento politico guidato da Matteo Salvini in seguito al voto di fiducia dato dalla Lega al governo Draghi. “Non posso condividere il percorso intrapreso entrando nella grande alleanza a sostegno del neonato governo Draghi, il quale temo che provvederà passo dopo passo a un reset di tutto ciò per il quale ci siamo battuti” si legge in una nota diffusa dallo stesso europarlamentare.
Sofo lascia quindi il gruppo Identità e Democrazia e annuncia la volontà di restare al Pe passando al gruppo dei Conservatori e Riformisti (Ecr) guidato da Giorgia Meloni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bose: Bianchi non se ne va, Comunità ‘profonda amarezza’
Su indicazione del delegato del Papa doveva trasferirsi entro 17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
10:49
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Enzo Bianchi non ha lasciato Bose, in Piemonte, per trasferirsi in Toscana secondo l’accordo che, secondo la Comunità, avrebbe posto fine alle tensioni interne.
Un provvedimento, il trasferimento di Bianchi da Bose a Cellole, che era stato suggerito dal delegato del Papa.
Il trasferimento doveva realizzarsi prima dell’inizio della Quaresima, cioè ieri.
“Con profonda amarezza la Comunità – sottolinea lo stesso monastero di Bose – ha dovuto prendere atto che fr. Enzo non si è recato a Cellole nei tempi indicatigli dal Decreto del Delegato Pontificio dello scorso 4 gennaio. Si trattava di una soluzione messa a punto in questi mesi con l’assenso ribadito per iscritto dallo stesso fr. Enzo e da alcuni fratelli e sorelle disposti a seguirlo per fornirgli tutta l’assistenza necessaria”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5s: Crimi, espulsi 15 senatori che hanno votato no fiducia
Si collocano di fatto all’opposizione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
10:45
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“I 15 senatori che hanno votato no alla fiducia saranno espulsi”. Lo annuncia su Facebook il capo politico del Movimento 5 stelle, Vito Crimi, che aggiunge: “si collocano, nei fatti, all’opposizione.
Per tale motivo non potranno più far parte del gruppo parlamentare del Movimento al Senato. Ho dunque invitato il capogruppo a comunicare il loro allontanamento, ai sensi dello Statuto e del regolamento del gruppo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: mano dura del Vaticano contro i dipendenti no vax
Sanzioni prevedono dal demansionamento fino al licenziamento
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
18 febbraio 2021
10:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mano dura del Vaticano contro i dipendenti che scelgono di non vaccinarsi in caso di pandemie, come è ora il Covid. La vaccinazione è volontaria ma un decreto del Presidente della Pontificia Commissione dello Stato della Città del Vaticano, il cardinale Giuseppe Bertello, prevede per i dipendenti che non fanno il vaccino (che il Vaticano ha messo a disposizione di tutti i lavoratori dello Stato) fino al demansionamento per chi non può farlo per ragioni di salute, con il mantenimento dello stipendio della mansione precedente.

Per chi si rifiuta “senza comprovate ragioni di salute” il decreto rinvia ad una legge vaticana del 2011 che prevede, per chi non si sottopone ad accertamenti sanitari d’ufficio, “conseguenze di diverso grado che possono giungere fino alla interruzione del rapporto di lavoro”.
Il decreto emanato in questi giorni parla delle altre norme da osservare in caso di pandemie, dal distanziamento al divieto di assembramenti, dalle mascherine alla quarantena, e prevede sanzioni pecuniarie in caso di inosservanza delle disposizioni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: Giachetti (Iv), serve bicamerale con leader partiti
Per scrivere insieme riforme istituzionali
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
10:12
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Una “bicamerale per redigere tutti insieme le riforme istituzionali”: la ha chiesta Roberto Giachetti di Iv nell’Aula della Camera durante il dibattito sulla fiducia al governi Draghi.
Per Giachetti, la bicamerale dovrebbe vedere la partecipazione dei leader dei partito e lavorare “parallelamente” al governo.

Politica tutte le notizie in tempo reale! TUTTA LA POLITICA SEMPRE IN DETTAGLIO SEMPRE AGGIORNATA! DA NON PERDERE! LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 24 minuti

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 03:19 DI MARTEDì 16 FEBBRAIO 2021

ALLE 03:37 DI MERCOLEDì 17 FEBBRAIO 2021

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Vecchia intervista a Brunetta accende lo scontro in maggioranza
Attacco a smart working, ma era di giugno
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
03:19
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Polemiche sul neo ministro della Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta per una sua dichiarazione critica riguardo lo smart working dei dipendenti pubblici, rilanciate dal sito del Corriere della Sera. Parole che però, come precisa quasi allibito l’esponente azzurro, risalivano ad una intervista rilasciata lo scorso giugno, “quando la pandemia sembrava in via di superamento” e sembrava vicino “il ritorno auspicato alla normalità”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lo stesso Corsera si premura di correggere chiedendo scusa al ministro e ai lettori per il “disguido” e “l’errore”.
Ma anche i pochi minuti di permanenza in “pagina”, bastano alla nuova maggioranza per trovare uno spunto di polemica sollevando le immediate proteste di esponenti M5s e Pd. “Non vorremmo che, qualcuno, abbia voglia di tornare indietro di 20 anni, invece che di andare avanti”, dice la capogruppo del MoVimento in commissione Affari costituzionali alla Camera, Vittoria Baldino invitando Brunetta a “pesare le parole” e smetterla “con la retorica dei fannulloni”. Il ministro passa sotto la lente anche del responsabile Lavoro del Partito Democratico Marco Miccoli che, sempre prima della correzione, chiede: “Come si concilia l’allarme lanciato dal Cts sulla variante inglese del virus e l’invito di alzare la guardia nella prevenzione con la scelta del ministro Brunetta di smetterla con lo smart working e far tornare tutto il lavoro in presenza?”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Critiche che si spengono sul nascere, dunque. Ma non invece le domande che Brunetta affida ad un nuovo comunicato: “Prendo atto della smentita del ‘Corriere della Sera’, nella quale il quotidiano milanese ammette che ‘per un disguido e un nostro errore è andato online un articolo su una vecchia intervista dell’allora deputato Brunetta che riguardava un contesto completamente diverso in cui si pensava di poter tornare alla normalità’. Ma a questo punto mi chiedo: chi ha interesse ad avvelenare i pozzi? Chi vuole mettere già i bastoni tra le ruote a questo governo? Chi ha interesse a giocare con gli equivoci?”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: online appello attivisti M5s, rivotare su Rousseau
Fico, non è questione alleanze ma interesse pubblico
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
22:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il Movimento ha deciso come sempre attraverso i suoi strumenti. Abbiamo votato su Rousseau ed è stata assunta una decisione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E lasciatemi dire un’altra cosa: qui non stiamo facendo nessuna alleanza con FI o con la Lega, proprio nessuna. E non abbiamo firmato cambiali in bianco. Non è una questione di alleanze, ma di capire qual è oggi l’interesse pubblico, cos’è che viene prima di noi e prima delle esigenze di ogni partito. Lo voglio ricordare perché ho come l’impressione che nel dibattito di questi giorni sia scomparso il Paese, e le sofferenze che tanti stanno vivendo”. Lo scrive il presidente della Camera Roberto Fico su Fb.

“Il M5S voterà sì” al governo Draghi, “ogni altro voto sarà considerato in dissenso dal gruppo. Non sarà una fiducia in bianco ma vigileremo e combatteremo sulle cose che non andranno bene”. Lo ha detto, a quanto si apprende da fonti parlamentari M5S che partecipano alla riunione, il capo politico del Movimento Vito Crimi aprendo l’assemblea dei deputati.

Restano agitate le acque in casa M5s in vista del voto di fiducia di mercoledì sul governo Dragi. Un appello “al Capo Politico pro tempore o in sua vece al Garante” per chiedere, tra l’altro, un nuovo voto su Rousseau è comparsa in rete.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Si chiede l’immediata apertura di una discussione su Rousseau per poter valutare, tra l’altro, sull’ “immediata nuova consultazione, che ponga gli iscritti nella possibilità di esprimersi sulla base di un quesito onesto, sincero, veritiero e reale sul ruolo del Movimento 5 Stelle nel Governo Draghi, e quindi una chiara espressione di voto degli iscritti, tale da consentire ai Portavoce nazionali di non avere dubbi sull’indirizzo politico dell’Assemblea al quale uniformarsi” . La petizione che gira on-line tra la base e che porta la firma di una settantina di iscritti al M5s, parlamentari come Barbara Lezzi,Luisa Angrusani, e Bianca Laura Granato e portavoce locali come Francesca De Vito e Marì Muscarà.
“La perdita di credibilità oltre che di compattezza, per non aver dato seguito ad una votazione reale e concreta sul Governo Draghi, ha portato il gravissimo volontario allontanamento di Alessandro Di Battista che si traduce in una incommensurabile perdita di un esponente che ha incarnato la forza propulsiva del Movimento, concorrendo alla sua creazione e formazione identitaria, sin dalle origini”. Lo scrivono in un appello per tornare a votare su Rousseau, attivisti e parlamentari del Movimento. Nella petizione i sottoscrittori, in qualità di iscritti al M5S, lamentano che ormai da troppi mesi assistono “impotenti alle conseguenze di decisioni politiche e di scelte calate dall’alto, che stanno causando danni irreversibili all’immagine del Movimento, alla coesione interna ed al suo radicamento”.E ricordano che le ragioni della nascita del M5S si basava sulla volontà di dare il controllo delle scelte politiche ai cittadini, attraverso strumenti trasparenti di “democrazia partecipativa” per costruire “proposte programmatiche” e non certo da “compromessi o strategie e convenienze politiche ed economiche”. Insomma, “è ormai sotto gli occhi di tutti il dato allarmante del crollo dei consensi che dal 2018 vede una drastica diminuzione nei sondaggi di almeno il 50%”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Pretendere dai nostri portavoce nazionali il voto di fiducia al governo Draghi e di punirli con l’espulsione, sulla base dell’art. 11 dello statuto del M5S, in caso di dissenso, è da ritenere profondamente illegittimo e ingiustificato, vista la confusione creata dalla totale incoerenza e tendenziosità del quesito sottoposto, con quanto si deve andare a votare in Parlamento”. Lo scrivono i sottoscrittori della petizione per tornare al voto degli iscritti M5ssu Rousseau: gli stessi non escludono di adire le vie legali qualora non vengano adottati i provvedimenti richiesti. C’è infatti la possibilità che possano ricorrere in tribunale affinché ordini il rinnovo delle consultazioni. Quanto alla possibilità di espellere gli “obiettori” , i firmatari dell’appello ricordano “nessun obbligo può essere imposto ai nostri portavoce poichè il Premier non è espressione del M5S sulla base dell’articolo 3 del Codice Etico del M5S”, nè, tanto meno, per la “manifestazione di voto palesemente viziata da un quesito poco chiaro e ipotetico”. Stando così le cose, i “nostri portavoce nazionali dovranno quindi votare secondo coscienza” senza per questo incorrere in qualsiasi successiva espulsione, ma “rispondendo della loro personale fiducia ad un Governo presieduto da colui nel quale non abbiamo mai riposto grande considerazione per le sue pregresse scelte e azioni politiche”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Conte,giusto e opportuno intergruppo parlamentare 5S-Pd-Leu – “L’iniziativa annunciata dai Capigruppo in Senato di M5S-Pd-Leu di costituire un intergruppo parlamentare per promuovere iniziative che rilancino l’esperienza positiva di governo che si è appena conclusa è giusta e opportuna”. Lo dichiara l’ex premier Giuseppe Conte. “In questa fase è ancora più urgente l’esigenza di costruire spazi e percorsi di riflessione che valorizzino il lavoro comune già svolto e contribuiscano ad indirizzare la svolta ecologica e digitale e le riforme di efficientamento della Pa e della giustizia nel segno di una maggiore equità e inclusione sociale”, sottolinea.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tesoro, la domanda per i Btp sindacati supera i 100 miliardi
Oltre 85 miliardi per decennale e 20 miliardi per trentennale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
11:16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La domanda per i Btp sindacati a 10 e 30 anni che il Tesoro sta emettendo ha già superato i 100 miliardi di euro, a testimonianza dell’appetito del mercato per il nostro debito con l’avvento del governo di Mario Draghi. Per il Btp a dieci anni la richiesta ha superato gli 85 miliardi di euro mentre per quello a trent’anni i 20 miliardi.   ECONOMIA

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Governo: Gelmini sarà capodelegazione Fi
Scelta di Berlusconi condivisa da altri ministri
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
12:17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sarà Mariastella Gelmini, ministro per gli Affari Regionali e le autonomie, il capo delegazione di Forza Italia al governo. Questa, a quanto si apprende da fonti Fi, l’indicazione del presidente di Forza Italia Silvio Berlusconi, arrivata a pochi giorni dalla nascita dell’esecutivo.
Decisione, quella del leader Fi, condivisa con la stessa Gelmini e gli altri due ministri, Renato Brunetta e Mara Carfagna.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: Draghi nomina Mattiolo suo Consigliere diplomatico
Sarà rappresentante personale e Sherpa per i vertici G7 e G20
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
11:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Draghi, ha nominato l’Ambasciatore Luigi Mattiolo suo Consigliere diplomatico e rappresentante personale/Sherpa per i vertici G7 e G20, a decorrere dalla data odierna. L’Ambasciatore Mattiolo è in carriera diplomatica dal 1981 e ha svolto le funzioni di Capo missione presso le sedi di Tel Aviv, Ankara e Berlino.
Lo rende noto un comunicato della presidenza del Consiglio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Comune Genova, locali e case gratis per rilancio vicoli
Bucci: Bando su 200 immobili per attività, poi gli appartamenti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
16 febbraio 2021
13:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Passa anche attraverso la concessione gratuita di 200 immobili per l’apertura di nuove attività o l’ampliamento di attività già esistenti – che siano commerciali, artigianali, associative o professionali – la rigenerazione urbana del centro storico di Genova. A novembre il Comune ha presentato il complesso del piano “Caruggi” e dopo alcuni azioni già avviate sul fronte del decoro, del sociale e della sicurezza, il prossimo grande progetto sarà lanciare un bando che darà la possibilità a 200 realtà di sfruttare spazi al piano terra di gran parte dei vicoli oggi inutilizzati.
“Gli uffici stanno lavorando alla messa a punto e per la fine di marzo saremo pronti con il bando – dice il sindaco Marco Bucci – si tratta di un modello piuttosto inedito perché non tutti i 200 immobili saranno di proprietà comunale, molti saranno privati e l’amministrazione penserà a coprire le spese di affitto, per 5 anni, di chi si insedierà”. Per questo progetto sono stati stanziati 5 milioni di euro.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Passaggio di consegne tra Azzolina e Bianchi
“Al ministro Bianchi ho chiesto di continuare a lavorare per la scuola in presenza”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
16:47
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, ha incontrato oggi l’Onorevole Lucia Azzolina, che ha ricoperto l’incarico di Ministra fino allo scorso 12 febbraio. Il passaggio di consegne si è svolto in un clima cordiale e in un comune spirito di servizio al Paese. Lo rende noto il ministero dell’Istruzione.
“Al nuovo ministro – scrive Azzolina su Fb – ho augurato buon lavoro.
Gli ho chiesto di continuare a lavorare per la scuola in presenza: oggi le scuole in Italia sono aperte, al contrario della maggior parte dei Paesi europei. Ho anche ricordato il lavoro sugli Esami di Stato, con una proposta già definita e nata dall’ascolto di docenti, studenti e famiglie. È stato un anno molto impegnativo e sono fiera del lavoro svolto, che mi auguro non venga disperso”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Giustizia:Calenda,congelati emendamenti in rispetto Cartabia
Niente proposte su prescrizione al dl Milleproroghe
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
12:24
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Per facilitare la partenza del Governo Draghi e in segno di rispetto verso il nuovo ministro della Giustizia, Cartabia, abbiamo deciso con Enrico Costa, di congelare l’emendamento sulla prescrizione”. Lo dichiara il leader di Azione, Carlo Calenda, commentando l’intervista dell’ex ministro e attuale Responsabile Giustizia di Azione, e la decisione di non presentare al voto l’emendamento sulla prescrizione al decreto Milleproroghe.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ue: Salvini, Euro irreversibile? Solo la morte lo è
Leader della Lega elude domanda
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
13:25
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Euro è irreversibile? C’è solo la morte che è irreversibile”. Così il leader della Lega, Matteo Salvini, a “L’aria che tira” su La7.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ue: Zingaretti,superfluo ripetere importanza euro per Italia
E’ dimensione per rafforzare futuro Italia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
15:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’euro e l’Europa sono la dimensione dove pensare e rafforzare il futuro dell’Italia. Dovrebbe essere anche superfluo ripeterlo”.
Così il segretario Pd Nicola Zingaretti su twitter.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5S:al via voto su Rousseau su leadership collegiale
Votazione fino alle 12 di domani
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
15:03
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ in corso dalle ore 12 il voto sulla piattaforma Rousseau sulla nuova governance collegiale del M5S. Si vota fino alle 12 di domani.
Si tratta della seconda convocazione degli iscritti visto che, alla prima, oltre l’80% ha detto sì al comitato a 5 ma non era stata raggiunta la maggioranza assoluta. Questa volta non serve il quorum.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pd: Pini, non è maschi contro femmine, ne discuta il partito
C’è problema di rappresentanza e di rappresentatività
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
15:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La questione dei Ministri del Pd sta prendendo una piega che non mi piace. Questa non è una guerra di maschi contro femmine e nessuno critica le persone scelte solo “in quanto uomini”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Così come il problema non si risolve mettendo nei posti di “vice” delle donne solo “in quanto donne”.
Non è una questione di quote: il problema è più complesso e merita una discussione seria e ponderata all’interno del nostro partito”. Lo scrive in una nota Giuditta Pini, Deputata del Partito Democratico.
“Si tratta – prosegue Pini – di un problema di rappresentanza e di rappresentatività e di come scegliamo chi va a ricoprire incarichi di Governo. Le persone scelte sono tre uomini, etero, ultra-cinquantenni del nord. Se aggiungessi “centro-nord” avremmo l’identikit perfetto dell’establishment del Pd. Le donne, le persone non bianche, i giovani, il sud, non hanno trovato chi li rappresenti all’interno del Partito Democratico nemmeno stavolta. E non basterà spartirsi qualche incarico per placare la sacrosanta rabbia del nostro elettorato. Perché – continua la Deputata Dem – sono anni ormai che diciamo il contrario di quello che facciamo e che pensiamo di risolvere ogni cosa col manuale Cencelli delle correnti. Se non sradichiamo questo meccanismo, se non agiamo con decisione e non lo facciamo ora, saremo condannati a essere sempre più marginali, fino a scomparire. Il luogo in cui discuterne è la Direzione Nazionale. E prima di allora nessuno dovrebbe accettare incarichi di sottogoverno. Né uomo, né donna. Perché qui occorre ridiscutere tutto. Ce lo chiedono le cittadine e i cittadini, le firme di importanti giornali, l’opinione pubblica e chi vorrebbe un’alternativa alle destre e non la trova. Sono arrabbiati e delusi. E hanno ragione”, conclude Pini.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: D’Amato, ReiThera a settembre con 100 mln dosi
I vaccini serviranno anche nei prossimi anni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
16:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Per noi è importante avere il cosiddetto il vaccino ‘made in Italy’, su cui anche la Regione Lazio ha investito. Ci sono anche altre Regioni che chiedono di poter partecipare al vaccino Reithera.
Noi crediamo che potrebbe essere disponibile a settembre con 100milioni di dosi”.
Lo ha detto l’assessore alla Sanità del Lazio Alessio D’Amato intervenuto oggi in commissione regionale Sanità. “La campagna vaccinale – avverte D’Amato – non si concluderà con la singola o la doppia dose, si concluderà quando raggiungeremo l’immunizzazione di gregge. E’ facilmente prevedibile che anche i prossimi anni dovremmo fare vaccini anti-Covid”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’Ue ai 27, ‘evitare decisioni unilaterali sulle frontiere’
Lettera agli Stati membri: ‘Garantire un approccio coordinato’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
16 febbraio 2021
17:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Commissione europea “ha appena inviato una lettera a tutti gli Stati membri per ricordare i loro impegni per garantire un approccio coordinato a livello dell’Unione Europea sulle limitazioni alla libera circolazione”. Lo scrive su Twitter il commissario alla Giustizia Didier Reynders precisando la lettera è stata inviata a nome suo e della commissaria agli Affari interni Ylva Johansson.
“Dobbiamo evitare decisioni unilaterali”, ha aggiunto Reynders, ricordando che ne parlerà al Consiglio affari interni della prossima settimana.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Berlusconi: incinta la moglie di Luigi, nuovo nipote per Cav
Lo anticipa il numero di ‘Chi’ in edicola domani
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 febbraio 2021
17:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Luigi Berlusconi, 32 anni, figlio di Silvio Berlusconi e Veronica Lario, aspetta un figlio da Federica Fumagalli, 31 anni, che ha sposato lo scorso 7 ottobre a Milano dopo nove anni di fidanzamento. Lo rivela il numero di Chi in edicola da domani.

La coppia, che si è laureata alla Bocconi (lui in Economia e lei in Giurisprudenza) si era conosciuta – ricorda ‘Chi’ – durante una serata con gli amici in un noto locale milanese.
Luigi, che deve il proprio nome al nonno paterno, lavora nel campo della finanza, nel 2014 è diventato presidente della holding Italiana Quattordicesima, la cassaforte di famiglia che gestisce il patrimonio suo e delle sue sorelle, mentre Federica, che proviene da una famiglia di imprenditori nel campo manifatturiero, lavora con la MB Projects, che si occupa di pubbliche relazioni, eventi, comunicazione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cisl: Furlan, a marzo lascio, Sbarra mio successore
L’annuncio al Comitato esecutivo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
18:20
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, lascerà a marzo la guida del sindacato e nei prossimi giorni avvierà le consultazioni con i segretari delle categorie, delle regioni e degli enti: lì “proporrò il nome di Luigi Sbarra, attuale segretario generale aggiunto, come mio successore alla guida della Cisl”. Lo ha affermato concludendo il Comitato esecutivo del sindacato di via Po.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Transizione: Cingolani,da città a rinnovabili, 6 priorità
Ministro a Repubblica valutare effetti collaterali innovazione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
18:24
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un nuovo modello per le città l’accelerazione sulle energie rinnovabili, l’immediata applicazione degli accordi sul clima di Parigi,la qualità dell’aria: Sono queste alcune delle 6 priorità per l’ambiente che il neoministro Roberto Cingolani indica in una lettera a Repubblica nella quale prende commiato dalla Rubrica su Green&blue. Tra le priorità il ministro sottolinea l’esigenza di valutare il costo degli effetti collaterali dell’innovazione e il valore dell'”intelligenza globale”, “che ci salverà”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: Senato, voto fiducia domani dalle 22
Alle dieci le dichiarazioni programmatiche del premier
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
19:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Avrà inizio intorno alle 22 nell’Aula del Senato la votazione sulla fiducia al governo Draghi. Lo hanno deciso i capigruppo di Palazzo Madama.

Come noto, alle 10 Draghi terrà le sue dichiarazioni programmatiche. Al termine si recherà a Montecitorio a consegnarne il testo. Al Senato il dibattito riprenderà alle 12.30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: Zingaretti,ora buona volontà o esplodono problemi
Preferivamo maggioranza più omogenea ma ci affidiamo a Draghi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
19:16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“È un governo migliore del precedente? È molto diverso e non nascondo che noi avevamo chiesto e, posso dirlo, avremmo preferito una maggioranza politicamente più omogenea che forse avrebbe creato meno problemi. Quindi ci affidiamo ora alla personalità di Draghi.

Sicuramente è un governo che ha una larghissima maggioranza parlamentare e questo può essere un fatto molto positivo, di tranquillità. Ma ora se non ci mettiamo tutti la buona volontà, potrà anche creare problemi come è accaduto in queste ore su alcuni temi che sono riesplosi”. Lo ha detto il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, a Cartabianca.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Conte,giusto e opportuno intergruppo parlamentare 5S-Pd-Leu
Serve costruire spazi riflessione che valorizzino lavoro comune
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
19:17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’iniziativa annunciata dai Capigruppo in Senato di M5S-Pd-Leu di costituire un intergruppo parlamentare per promuovere iniziative che rilancino l’esperienza positiva di governo che si è appena conclusa è giusta e opportuna”. Lo dichiara l’ex premier Giuseppe Conte.

“In questa fase è ancora più urgente l’esigenza di costruire spazi e percorsi di riflessione che valorizzino il lavoro comune già svolto e contribuiscano ad indirizzare la svolta ecologica e digitale e le riforme di efficientamento della Pa e della giustizia nel segno di una maggiore equità e inclusione sociale”, sottolinea.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Morto Basso: Casellati, sempre al servizio dei più fragili
La sua era una mission umanitaria
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
19:21
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Oggi piangiamo la scomparsa del professor Giuseppe Basso, storico direttore della clinica di oncoematologia pediatrica di Padova, una eccellenza assoluta della professione medica. Per Giuseppe Basso la ricerca scientifica e la pratica clinica erano una missione umanitaria al servizio dei più fragili, una lotta personale al fianco dei suoi pazienti.
Con il suo sorriso, con la sua ironia, ha saputo accompagnare anche nelle fasi più difficili della malattia i tanti giovanissimi che in lui hanno trovato una speranza.
Desidero unire il mio abbraccio ideale a quello dei tanti bambini, ora adulti, che grazie a lui hanno superato la prova più difficile, quella per la vita, e che lo ricorderanno sempre con affetto e riconoscenza”. Lo ha dichiarato il Presidente del Senato Elisabetta Casellati.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: incontro Salvini con Tajani e Ronzulli
Punto alla vigilia fiducia Draghi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
19:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Incontro tra Matteo Salvini e Forza Italia: il leader leghista ha visto il coordinatore nazionale Antonio Tajani e la responsabile dei rapporti con gli alleati Licia Ronzulli. Hanno fatto il punto della situazione alla vigilia del discorso di Mario Draghi.
Lo rende noto la Lega.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pd: Zingaretti, a favore di vicesegretario donna
Nessuna ministra Dem? A nostri uomini dico ‘non accada mai più’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
19:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Io su questo parlo soprattutto agli uomini del Pd: è accaduto, è grave e non deve più accardere”. Lo ha detto il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, ospite di Cartabianca, commentando le proteste delle donne Dem per la mancanza di una ministra espressione del partito nel governo Draghi.
Zingaretti ha aggiunto che avere un “vicesegretario donna è una delle possibilità, io sono a favore. Non nego l’errore, la battuta d’arresto ma questo – ha aggiunto – è l’unico partito italiano in cui le donne rappresentano almeno la metà degli organismi dirigenti ed esecutivi, nella presidenza e nella gestione di molte commissioni”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, limitazioni entrata e uscita provincia Ancona
Acquaroli, fino a sabato. Misura dopo confronto Iss e Ministero
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
16 febbraio 2021
20:12
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Da domani mattina alle ore 8 fino alle ore 24 di sabato, sono limitati gli spostamenti da e per la provincia di Ancona, salvi spostamenti per comprovate esigenze lavorative, motivi di salute, di studio e per il rientro nella propria residenza, domicilio o abitazione. Per spostarsi sarà necessaria l’autocertificazione”.
Lo annuncia su Facebook il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli dopo il sensibile aumento di contagi nella provincia in ‘controtendenza’ con il resto del territorio regionale e la presenza di numerosi casi di variante inglese. La decisione è arrivata “dopo il confronto con l’Istituto Superiore di Sanità e d’accordo con il Ministero della Salute”. Non sono previste chiusure o limitazioni all’interno della provincia di Ancona.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: prefetto Brescia, domani Castrezzato zona rossa
Comune bresciano chiuso per troppi contagi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRESCIA
16 febbraio 2021
20:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ho ricevuto comunicazione dalla Regione che da domani Castrezzato sarà zona rossa”. Lo ha detto il prefetto di Brescia Attilio Visconti.
Il sindaco del paese bresciano – circa 7.000 abitanti – è già stato avvertito.
Ad oggi i contagi hanno superato i 580 casi, con 137 negli ultimi sette giorni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 4 i comuni lombardi in zona rossa da domani
“Chiusi” Castrezzato, Viggiù, Mede e Bollate
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 febbraio 2021
20:39
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Oltre a Castrezzato, anche Viggiù, nel Varesotto, Mede, nel Pavese, e Bollate, alle porte di Milano, dalle 18 di domani saranno zona rossa. Lo ha stabilito con un’ordinanza il presidente della Regione Attilio Fontana.
La decisione – viene spiegato – è dovuta all’insorgere di cluster di contagio legati alla diffusione di varianti del virus.
Il presidente della Regione – sentito il ministro della Salute – ha stabilito con un’ordinanza che, ai sensi dell’art. 3 del dpcm 14 gennaio 2021, nei 4 comuni verranno applicate le disposizioni previste nella cosiddetta ‘fascia rossa’.
Con l’ordinanza firmata oggi da Fontana “si dispone che le attività scolastiche e didattiche di tutte le classi delle scuole primarie e secondarie in questi comuni si svolgano esclusivamente con modalità a distanza. Tale sospensione – viene aggiunto in una nota – riguarda anche asili nidi e scuole materne”. L’ordinanza è valida fino a mercoledì 24 febbraio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lavoro: Orlando, massimo confronto e ascolto
Costruire insieme una prospettiva per il dopo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
20:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ho ribadito la volontà di impostare un metodo di lavoro improntato al massimo confronto e all’ascolto, metodo quanto mai necessario nella fase di emergenza che stiamo vivendo”. Così il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Andrea Orlando, in un post su Facebook, dopo il secondo tavolo con le parti sociali.
“Credo che il nostro compito sia quello di provare insieme a costruire una prospettiva” per affrontare l’emergenza e il dopo, aggiunge.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Fontana, un terzo over 80 già aderito
E’ indispensabile arrivino dosi per poter procedere
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 febbraio 2021
14:16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“In sole 24 ore oltre un terzo degli aventi diritto over 80 ha già aderito alla campagna anti Covid Lombardia”: il presidente della Lombardia Attilio Fontana su Facebook ha spiegato che sono “state superate le 250 mila adesioni sui 726 mila over 80 lombardi”.
“La piattaforma – ha aggiunto – sta operando correttamente e, cosa più importante, le persone stanno aderendo avendo ben compreso l’importanza del vaccino per mettere un freno al Covid.

Giovedì partiranno le vaccinazioni, è indispensabile che arrivino le dosi così da poter procedere a spron battuto e senza ritardi”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Regioni: difensore Traini eletto Garante Marche
Giulianelli legale di autore raid 2018 Macerata contro migranti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
16 febbraio 2021
13:19
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il nuovo titolare dell’Ufficio del Garante regionale dei diritti della persona delle Marche è l’avvocato penalista maceratese Giancarlo Giulianelli, noto alle cronache come legale di Luca Traini, il 31enne di Tolentino, autore il 3 febbraio 2018 della sparatoria per le vie di Macerata in cui ferì a colpi di pistola sei migranti per ‘vendicare’ l’omicidio della 18enne romana Pamela Mastropietro commesso da un pusher nigeriano. Giulianelli, 59 anni, è stato eletto dal Consiglio regionale alla votazione di ballottaggio, con 18 preferenze contro le 9 attribuite all’avvocato del foro di Ancona, Manuela Caucci.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nelle precedenti quattro votazioni non era stato infatti raggiunto il quorum dei due terzi dei votanti.
Il penalista succede nell’incarico all’avvocato anconetano Andrea Nobili che aveva comunicato pubblicamente l’intenzione di non ripresentare candidatura. Il sui nome è stato contestato ieri da Antigone Marche, che lo aveva definito “improponibile perché legato a doppio filo alla politica”, in quanto alle regionali Giulianelli si era candidato, senza successo, come consigliere con la lista civica Movimento per le Marche nel collegio di Macerata, al fianco di Francesco Acquaroli (Fdi), poi eletto presidente di Regione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Esperti favorevoli ai vaccini AstraZeneca fino ai 65 anni
Speranza ha chiesto all’Aifa una verifica per capire se c’è la possibilità di ampliare il limite dell’età
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
21:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Si va verso la somministrazione del vaccino AstraZeneca ai soggetti fino ai 65 anni. E’ questa la linea espressa dagli esperti nella riunione di oggi alla quale hanno partecipato rappresentanti del Ministero della Salute, Aifa e Regioni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La decisione finale arriverà però solo dopo una ulteriore riunione della Commissione tecnico scientifica dell’Aifa. Secondo quanto si apprende, il ministro della salute Roberto Speranza ha, infatti, chiesto all’ Aifa di “fare ogni verifica sul piano scientifico e sulla base di evidenze, per capire se c’è la possibilità di ampliare il limite dell’età. Tale decisione aiuterebbe a velocizzare la campagna vaccini”.
Sulla possibilità di somministrazione del vaccino AstraZeneca anche agli over-55, il presidente dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa), Giorgio Palù, a Uno Mattina, ha spiegato che “probabilmente anche noi rivaluteremo, se occorre, questo suggerimento che era derivato, né più né meno, dagli studi clinici di validazione”.
Intanto domani la Commissione europea presenterà domani una procedura accelerata per l’approvazione di vaccini adattati alle nuove varianti Covid e una spinta alla collaborazione tra i produttori per aumentare le forniture, sia dei vaccini già autorizzati sia di quelli per possibili nuovi ceppi virali.
La prima iniziativa, su cui ha lavorato la commissaria Ue alla salute Stella Kyriakides, riguarderà una procedura accelerata per il via libera ai farmaci già autorizzati e adattati alle nuove varianti che passerà necessariamente dall’aumento delle capacità di sequenziamento e di scambio di informazioni tra i sistemi sanitari nazionali.
Sul versante industriale – seguito da vicino dal commissario Ue per il Mercato interno, Thierry Breton, che insieme a Kyriakides guida la task force di contatto con i Ceo delle case farmaceutiche e gli Stati membri – Bruxelles spinge per una maggiore cooperazione tra pubblico e privato. E intende mettere in collegamento diverse aziende farmaceutiche in tutta Europa per ampliare la capacità e i volumi produttivi dell’Unione e garantire che la produzione non subisca più interruzioni.
“Accolgo con favore la notizia della richiesta di Johnson&Johnson all’Ema” per l’ok al “suo vaccino contro il Covid-19. La Commissione Ue sarà pronta a concedere l’autorizzazione non appena l’Ema fornirà un parere scientifico positivo. Vaccini più sicuri ed efficaci sono in arrivo”. Lo scrive su Twitter la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen.
Intanto i sindaci delle 14 città maggiori d’Italia (Roma, Milano, Torino, Napoli, Palermo, Bologna, Firenze, Genova, Venezia, Bari, Cagliari, Catania, Messina, Reggio Calabria) hanno incontrato il commissario per l’emergenza Domenico Arcuri, per parlare della campagna di vaccinazione, delle criticità e per avanzare proposte. Al termine della riunione, presieduta da Antonio Decaro in qualità di presidente dell’Anci e di sindaco di Bari, è emersa la volontà di collaborare per la migliore riuscita possibile della campagna di vaccinazione.
Una campagna, spiega una nota, che per essere di massa non potrà prescindere dal lavoro che i sindaci dovranno coordinare in ogni città media o grande. Decaro ha chiesto chiarezza sugli oneri: i sindaci offriranno gli impianti, le strutture per stabilire punti di vaccinazione, ma per servizi come pulizia e custodia, occorrerà far fronte a spese straordinarie che non potranno essere sostenute dai Comuni. Su questi punti, Decaro ha inviato una lettera alla neoministra agli Affari regionali e alle Autonomie locali, Gelmini.
Sempre sul fronte vaccini una portavoce della Commissione europea ha detto che “Moderna ci ha annunciato qualche ritardo nelle consegne di febbraio, che saranno recuperate a marzo”. Sulla trattativa che, secondo notizie circolate sulla stampa tedesca, sarebbe in corso per un contratto di preacquisto per ulteriori 150 milioni di dosi con l’azienda biotech americana Moderna (con cui l’Ue ha già un accordo per complessive 160mln di dosi) la portavoce ha risposto “non commentiamo sui negoziati in corso”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sci: Fedriga, stop causa danni per 500mln nel solo Fvg
Governatore contesta tempi e metodi. Ora indennizzi subito
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
16 febbraio 2021
08:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ammontano complessivamente a circa 500 milioni di euro soltanto per il Friuli Venezia Giulia i danni diretti e indiretti causati dall’ordinanza che ha bloccato l’attività sciistica”. Lo ha detto il presidente della Regione Fvg, Massimiliano Fedriga, intervenendo questa mattina alla trasmissione radiofonica Radio Anch’io.

Fedriga, all’obiezione che la scelta sia stata fatta a causa delle varianti del Covid-19 ha riposto che “lo studio sulle varianti è stato fatto su dati del 3 e 4 febbraio e dunque era noto già ad inizio settimana, non la domenica alle 19”. Fedriga ha anche criticato il fatto che la decisione di non riaprire gli impianti sia stata appresa “tramite comunicato stampa”.
Domenica, però, “gli operatori e le attività avevano già fatto gli ordinativi ed erano pronti ad aprire”. Dunque il Governatore “contesta i tempi e i metodi”, ed ha citato il caso del blocco dello spostamento tra regioni, “che era stato deciso – su proposta delle regioni stesse – già giorni prima”. Fedriga ha infine chiesto “indennizzi immediati alle attività”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Transizione: Cingolani,da città a rinnovabili, 6 priorità
Ministro a Repubblica valutare effetti collaterali innovazione
(2)
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
18:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un nuovo modello per le città l’accelerazione sulle energie rinnovabili, l’immediata applicazione degli accordi sul clima di Parigi,la qualità dell’aria: Sono queste alcune delle 6 priorità per l’ambiente che il neoministro Roberto Cingolani indica in una lettera a Repubblica nella quale prende commiato dalla Rubrica su Green&blue. Tra le priorità il ministro sottolinea l’esigenza di valutare il costo degli effetti collaterali dell’innovazione e il valore dell'”intelligenza globale”, “che ci salverà”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: Ricci, subito indennizzi sci e stop litigi ministri
Questo è tempo di responsabilità, non di bandierine partiti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
16 febbraio 2021
16:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il governo indennizzi subito gli operatori degli impianti sciistici e al tempo stesso basta litigi tra ministri. Questo è il tempo della responsabilità, non è il tempo delle bandierine dei singoli partiti.
La salute viene prima di tutto, non si indebolisca la credibilità del governo Draghi”. Così su Instagram il sindaco Pd di Pesaro e presidente di Ali-Autonomie Locali Italiane Matteo Ricci.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nasce intergruppo parlamentare 5S-Pd-Leu. Conte: giusto e opportuno
L’ex premier: ‘Serve costruire spazi riflessione che valorizzino lavoro comune’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
22:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Alla vigilia del voto di fiducia al nuovo governo Draghi, abbiamo deciso, sollecitati da senatrici e senatori dei tre gruppi parlamentari, di intraprendere un’iniziativa comune: la costituzione di un intergruppo parlamentare che, a partire dall’esperienza positiva del Governo Conte II, promuova iniziative comuni sulle grandi sfide del Paese, dalla emergenza sanitaria, economica e sociale fino alla transizione ecologica ed alla innovazione digitale. Con questo spirito, da domani, saremo insieme per rilanciare e ricostruire il nostro Paese”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lo affermano in una nota congiunta i capigruppo al Senato di M5s, Ettore Licheri, del Pd, Andrea Marcucci, e di Leu, Loredana De Petris.

“L’iniziativa annunciata dai Capigruppo in Senato di M5S-Pd-Leu di costituire un intergruppo parlamentare per promuovere iniziative che rilancino l’esperienza positiva di governo che si è appena conclusa è giusta e opportuna”. Lo dichiara l’ex premier Giuseppe Conte.
“In questa fase è ancora più urgente l’esigenza di costruire spazi e percorsi di riflessione che valorizzino il lavoro comune già svolto e contribuiscano ad indirizzare la svolta ecologica e digitale e le riforme di efficientamento della Pa e della giustizia nel segno di una maggiore equità e inclusione sociale”, sottolinea.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“È una cosa molto importante la scelta che hanno fatto oggi i senatori, dentro questa maggioranza così ampia, di offrire al presidente Draghi un’area omogenea per aiutarlo a raggiungere i suoi obiettivi su un asse politico dell’europeismo che altrimenti sarebbe stato più debole”. Lo ha detto il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, a Cartabianca, riferendosi alla costituzione di un intergruppo parlamentare fra Pd, M5S e Leu.

“La nascita dell’intergruppo parlamentare Leu Pd M5s è un’ottima notizia e indica la strada giusta per coltivare un’idea di Paese che metta al centro la difesa dei beni pubblici fondamentali”. Lo dichiara il ministro della Salute Roberto Speranza.

“La scelta di andare verso una coalizione strutturale tra Pd, M5s e Leu, codificata anche nell’intergruppo parlamentare appena annunciato, apre una prateria per chi vuole costruire la casa dei riformisti. Italia Viva c’è e ci sarà. Per il riformismo, contro il populismo”. Lo scrive su Twitter il presidente di Iv Ettore Rosato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Siamo parlamentari del Pd. Pensiamo a rilanciare l’iniziativa del Pd e a farlo uscire da questa assurda subalternità. Intergruppi che guardano al passato hanno davvero poco senso. Pensiamo semmai al futuro”, lo scrive su Twitter Matteo Orfini, parlamentare del Partito Democratico.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il centrodestra sorpreso dall’iniziativa rivendica di avere da tempo dato vita a un coordinamento: l’ipotesi di creare una cabina di regia strutturata fra Lega e Fi, lasciando fuori FdI, complicherebbe la costruzione del puzzle delle alleanze alle amministrative, si rileva nei due partiti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pd: Zingaretti, a favore di vicesegretario donna
Nessuna ministra Dem? A nostri uomini dico ‘non accada mai più’
(2)
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
20:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Io su questo parlo soprattutto agli uomini del Pd: è accaduto, è grave e non deve più accardere”. Lo ha detto il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, ospite di Cartabianca, commentando le proteste delle donne Dem per la mancanza di una ministra espressione del partito nel governo Draghi.
Zingaretti ha aggiunto che avere un “vicesegretario donna è una delle possibilità, io sono a favore. Non nego l’errore, la battuta d’arresto ma questo – ha aggiunto – è l’unico partito italiano in cui le donne rappresentano almeno la metà degli organismi dirigenti ed esecutivi, nella presidenza e nella gestione di molte commissioni”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi chiede la fiducia alle Camere. Botta e risposta Salvini-Zingaretti
Il premier prepara il discorso ma c’è il nodo delle liti tra i partiti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
00:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Avrà inizio intorno alle 22 nell’Aula del Senato la votazione sulla fiducia al governo Draghi. Alle 10 Draghi terrà le sue dichiarazioni programmatiche.
P
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Al termine si recherà a Montecitorio a consegnarne il testo. Al Senato il dibattito riprenderà alle 12.30.

La coesione sociale e della politica. Il rigore contro le nuove varianti del Covid. La necessità di procedere a passo ancora più spedito nel piano vaccini. Il presidente del Consiglio Mario Draghi prepara il suo esordio in Parlamento. Il suo discorso non sarà lungo – una ventina di minuti circa – e sarà in gran parte incentrato sulle emergenze e le priorità del Paese. Il Covid, innanzitutto. Ma anche il Recovery Plan con la sua forte impronta ambientalista e le tre grandi riforme da mettere in campo: quella del fisco, quella digitale, quella della giustizia civile.

Non dura quarantotto ore l’appello ai ministri a parlare solo con i fatti. Nelle ore in cui Mario Draghi prepara il discorso sulla fiducia che pronuncerà mercoledì in Parlamento, la sua larghissima maggioranza è già solcata da conflitti, accuse reciproche, distinguo. L’invito al silenzio rivolto in Cdm dal presidente del Consiglio mirava proprio a sminare possibili polemiche prima del voto di fiducia ma è già botta e risposta tra il segretario della Lega Matteo Salvini e il leader del Pd Nicola Zingaretti, che ieri si sono, tra l’altro, incontrati alla Camera.
“Euro è irreversibile? C’è solo la morte che è irreversibile”, dice il numero uno della Lega a ‘L’aria che tira’. “L’euro e l’Europa sono la dimensione dove pensare e rafforzare il futuro dell’Italia. Dovrebbe essere anche superfluo ripeterlo”, è la replica via twitter di Nicola Zingaretti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il vertice tra i due doveva restare segreto ma ilfattoquotidiano.it immortala entrambi i leader all’uscita e Salvini non nega: “Abbiamo parlato di lavoro, del prossimo blocco dei licenziamenti, bisognerà parlare con le parti sociali”. Il Nazareno tace ma il leghista dice di più, che vedrà anche i segretari di M5s, Fi, Iv. I vertici tra i leader potrebbero diventare la camera di compensazione della larghissima maggioranza, spiegano più fonti. “Conto di incontrare gli altri leader entro la settimana. Oggi spero di incontrare Gelmini e Giovannini”, dice sempre a La7.
“Stiamo cercando – sottolinea in un altro passaggio – soluzioni alle tante crisi aziendali: c’è un progetto di fattibilità sul ponte dello Stretto con l’acciaio prodotto a Taranto, Sarebbero circa 100mila posti di lavoro. Mi aspetto che Draghi rilanci il Ponte sullo Stretto”.
In mattinata Salvini aveva sottolineato a Radio Capital la necessità di deporre l’ascia di guerra lavorare insieme e pensare all’occupazione. Sono stato un’ora con Giorgetti, ci cono 140 crisi aziendali ferme da mesi. Il 31 marzo c’è lo sblocco dei licenziamenti, bisogna intervenire subito”.

“Ho visto Salvini ieri per la prima volta nella mia vita. L’ho incontrato innanzitutto perché è giusto dare un segnale di serietà. Penso sia giusto che i partiti debbano collaborare ma non è pensabile che i partiti politici si possano annullare nelle prossime settimane: noi rimaniamo alternativi alla Lega, ma siamo chiamati in questo momento storico a trovare i punti sui quali si deve collaborare. Io almeno dico, mai più una guerriglia quotidiana. Anche in queste ore si dovrebbe evitare di dire cose come quelle sull’Euro, non solo perché sono profondamente sbagliate”. Così il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, a Cartabianca.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“È un governo migliore del precedente? È molto diverso e non nascondo che noi avevamo chiesto e, posso dirlo, avremmo preferito una maggioranza politicamente più omogenea che forse avrebbe creato meno problemi. Quindi ci affidiamo ora alla personalità di Draghi. Sicuramente è un governo che ha una larghissima maggioranza parlamentare e questo può essere un fatto molto positivo, di tranquillità. Ma ora se non ci mettiamo tutti la buona volontà, potrà anche creare problemi come è accaduto in queste ore su alcuni temi che sono riesplosi”, ha affermato Zingaretti.

Politica tutte le notizie. Tutte in tempo reale e sempre aggiornate e complete! LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 39 minuti

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 02:59 DI LUNEDì 15 FEBBRAIO 2021

ALLE 03:19 DI MARTEDì 16 FEBBRAIO 2021

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Governo e ‘nodo’ sci. Centrodestra, ora si cambi – TEMPO REALE
Salvini: ‘Più condivisione’. Tajani: ‘Bertolaso al posto di Arcuri’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
02:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La prima settimana di lavoro per il premier Mario Draghi si apre all’insegna delle polemiche sulla chiusura degli impianti sciistici. Una scelta, fanno sapere da palazzo Chigi, messa nero su bianco dal ministro della Salute Roberto Speranza, ma condivisa dall’intero esecutivo.
La decisione, sottolineano le stesse fonti, rimanda ad una circolare del ministero in cui si evidenzia come la “preoccupazione per la diffusione del Covid e delle altre varianti abbia portato anche Francia e Germania ad adottare misure analoghe”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La “grana” dello sci rischia di innalzare le polemiche non solo all’interno dell’esecutivo, ma anche tra le forze della maggioranza. A chiedere “un cambio di metodo” ad esempio è il centrodestra che ritrova l’unità nel condannare la decisione di chiudere gli impianti “all’ultimo momento”. Matteo Salvini invita a mettere fine agli “allarmismi”, dice di avere “piena fiducia” nei ministri, ma chiede che si “cambi qualche tecnico. La comunità scientifica è piena di persone in gamba”. L’ex ministro dell’Interno invoca “maggiore condivisione” e promette poi un cambio di passo sulle politiche migratorie: “Ora che la Lega è in maggioranza dovranno cambiare”. Sul piede di guerra anche Forza Italia.
Antonio Tajani invita il governo ad “ascoltare il grido di dolore delle imprese adottando tutte le misure necessarie per risarcire un settore sull’orlo del collasso”. Il vice presidente di Fi torna anche a chiedere di sostituire il commissario all’emergenza Domenico Arcuri con Guido Bertolaso. Una bocciatura alle prime “mosse” dell’esecutivo arriva anche da Giorgia Meloni. La leader di Fratelli D’Italia alle 18 ha convocato la direzione del partito e nella sua relazione proporrà di votare no alla fiducia al nuovo governo. Il presidente del Consiglio è atteso a metà settimana in Parlamento (mercoledì in Senato e giovedì alla Camera) per chiedere il voto di fiducia, ma difficilmente prima di allora la squadra dell’esecutivo sarà completata con la nomina dei sottosegretari.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Una partita attesa delle forze politiche, che non mancheranno di chiedere una rappresentanza adeguata anche nei ruoli di sottogoverno.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: nuova manifestazione contro il lockdown a Bolzano
Circa cento persone protestano in Piazza Magnago
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
15 febbraio 2021
11:38
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nuova manifestazione a Bolzano contro le restrizioni imposte dalle ultime ordinanze del presidente della Provincia, Arno Kompatscher, per contenere la diffusione del contagio da coronavirus.
Circa cento persone, come già avvenuto una settimana fa, si sono radunate in Piazza Magnago, davanti alla sede del consiglio provinciale e della presidenza della giunta, per protestare contro il lockdown.

L’iniziativa, promossa dal gruppo “Südtiroler gegen den Lockdown”, si svolge in concomintanza con la seduta straordinaria del consiglio provinciale, convocata però in videoconferenza e non i presenza su richiesta delle opposizioni proprio per discutere le nuove misure adottate.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Crisanti: ‘Nei guai, lockdown come a Codogno’.
‘Altri Paesi Ue chiudono, noi pensiamo a sciare e mangiar fuori’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
14:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Allarme varianti in tutta Europa, altri Paesi Ue chiudono. Piuttosto che pensare a sciare e mangiare fuori, anche in Italia dovremmo decidere un lockdown come è stato un anno fa a Codogno.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ormai le zone rosse non bastano più. Anche il virologo Andrea Crisanti, come il consigliere del ministro Speranza Walter Ricciardi, ritiene che il governo debba stringere ancora le misure per la lotta al Covid e ne parla in una intervista a La Stampa.
‘Gli impianti di sci non riaprono? E vorrei vedere! Il 20% dei contagiati presenta la variante inglese e la percentuale è destinata ad aumentare. Bisognava fare il lockdown a dicembre, prevenendo tutto questo, mentre ora siamo nei guai. Come se ne esce? Con un lockdown duro subito per evitare che la variante inglese diventi prevalente e per impedire che abbia effetti devastanti come in Inghilterra, Portogallo e Israele’, risponde Crisanti.
Niente sci, zone gialle e neanche arancioni, per il virologo che ha collaborato con il Veneto di Zaia all’inizio dell’epidemia. ‘Va chiuso tutto e va lanciato un programma nazionale di monitoraggio delle varianti’. ‘Dove si trovano le varianti brasiliana e sudafricana servono lockdown stile Codogno, non le zone rosse che sono troppo morbide’. Gli sviluppi, aggiunge, dipenderanno dalla dinamica del contagio, ‘ma se va come all’estero ci sarà un’impennata importante a fine febbraio’.
D’altra parte, all’estero sono molto prudenti. ‘La Germania continua il lockdown, la Francia pure, l’Inghilterra anche, solo noi pensiamo a sciare e a mangiar fuori. Tutti vogliamo una vita normale, ma non si realizza se non si controlla la pandemia’.
‘Il rischio attuale – afferma Crisanti – è la diffusione della variante inglese, che se non si ferma subito aumenterà di molto la circolazione del virus e di conseguenza il rischio ulteriore di altre varianti, tra cui alcune che potrebbero resistere ai vaccini’.
Quanto al nuovo governo e alla conferma di Speranza, Crisanti risponde: ‘Credo sia stato giusto confermare Speranza, perché conosce le carte. Però conta molto chi lo consiglia e lì forse qualcosa va cambiato. Non può rimanere tutto com’è’. Non si riferisce a Ricciardi, che ha posizioni simili alle sue? ‘Ne sono contento, ma non basta – risponde Crisanti – Mi riferisco ai tecnici del ministero e al Cts, che sono più ascoltati di lui. Le politiche adottate fin qui sono state sempre di rincorsa al virus, mentre è venuto il momento di anticiparlo’.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo, Draghi prepara il discorso sulla fiducia, il nodo della coesione dei partiti
Tensione sui sottosegretari. FdI voterà no alla fiducia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
21:31
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nelle ore in cui Mario Draghi prepara il discorso sulla fiducia che pronuncerà mercoledì in Parlamento, la sua larghissima maggioranza è già solcata da conflitti, accuse reciproche, distinguo. E Fratelli d’Italia delibera all’unanimità che voterà no alla fiducia.
L’invito al silenzio rivolto in Cdm dal presidente del Consiglio mirava proprio a sminare possibili polemiche prima del voto di fiducia.
P
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Alle Camere sarà il premier a indicare infatti la via di una collaborazione in nome del comune impegno a superare le emergenze del Paese.
Intanto si prova a comporre il complicato rebus dei sottosegretari. Draghi lavora per tutto il giorno a Palazzo Chigi, dove viene visto entrare il ministro per l’innovazione tecnologica Vittorio Colao oltre al capo della Polizia Franco Gabrielli.
Nel governo e nella maggioranza si infiamma il dibattito sulle misure anti Covid, nonostante da Palazzo Chigi trapeli che la decisione di chiusura con gli impianti è stata concordata dal premier con il ministro della Salute Roberto Speranza. Ci sono i nodi del ruolo di Domenico Arcuri e della composizione del Cts, fatti bersaglio da Fi e Lega. Ma nulla trapela da Palazzo Chigi, anche se nel merito delle scelte in ambienti di governo si fa notare che alla base di decisioni assai delicate, come quella di un eventuale lockdown, non potrà non esserci innanzitutto una valutazione tecnica, dettata dagli esperti, più che politica.
Coesione, è la parola che Draghi ha usato nelle consultazioni con i partiti. Collaborazione, è la richiesta rivolta ai suoi ministri. Del resto le priorità già poste dal premier al centro della sua azione, dai vaccini alla scuola, dal lavoro all’ambiente, corrispondono ad altrettante emergenze del Paese, che è urgente affrontare, anche attraverso una sostanziale riscrittura del Recovery plan.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ci sono 40 deleghe da assegnare, incluse quelle pesanti ai Servizi segreti, che Draghi potrebbe tenere per sé, e agli Affari europei. Ad alcune figure tecniche potrebbero andare incarichi come quello dell’editoria, dove si fa anche il nome di Mauro Masi, o della riforma del fisco (si parla di Ernesto Ruffini viceministro all’Economia). A seconda di quante caselle il premier terrà per i tecnici, dovrebbe essere calcolato il ‘cencelli’ dei partiti, che dovrebbero indicare al premier i loro potenziali nomi.
L’ipotesi è che circa 12 sottosegretari vadano al M5s, 8 alla Lega, 6 o 7 a Pd e Fi, 1 o 2 a Iv o Leu. Tra i Dem c’è il pressing per una presenza numerosa di donne, con l’impegno di Zingaretti a mantenerlo e la difficoltà a conciliarlo con la possibile conferma di figure come i viceministri Antonio Misiani e Matteo Mauri all’Interno. Nel M5s si spinge per deleghe in ministeri che si occupano del Recovery e si parla dell’ipotesi che Vito Crimi vada alla Giustizia, Carlo Sibilia venga confermato all’Interno, Laura Castelli all’Economia. Nella Lega tornano nomi come Nicola Molteni, Stefano Candiani, Durigon, Barbara Saltamartini. In Fi si citano per lo più senatori come Pichetto Fratin, Caliendo, Malan, per riequilibrare tutti ministri-deputati.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A Palazzo Chigi intanto inizia a insediarsi lo staff del premier.
Arriva come capo di Gabinetto Antonio Funiciello e viene confermato Roberto Chieppa come segretario generale. Non c’è ancora ufficialmente un portavoce ma nello staff dovrebbe comparire la capo della comunicazione di Bankitalia Paola Ansuini. sarebbe stato contattato – si racconta – anche Ferruccio De Bortoli.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5s: blog Stelle, domani voto su Statuto e governance
Voto valido qualunque sia il numero dei partecipanti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
14:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dalle 12 di domani martedì 16 febbraio fino alla stessa ora di mercoledì 17, l’assemblea degli iscritti M5s è chiamata in seconda convocazione sulla piattaforma Rousseau a votare per la modifica dello Statuto M5s e quindi anche la parte relativa alla nuova governance collegiale.
In questa seconda convocazione la votazione è valida qualunque sia il numero dei partecipanti e l’esito è rimesso alla maggioranza dei voti espressi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’Iss: ‘Preoccupano le mutazioni del virus, rafforzare le misure’. A Genova isolata la variante sudafricana
‘Impatto rilevante senza misure adeguate’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
21:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Considerata la circolazione nelle diverse aree del paese “si raccomanda di intervenire al fine di contenere e rallentare la diffusione della variante VOC 202012/0, rafforzando/innalzando le misure in tutto il paese e modulandole ulteriormente laddove più elevata è la circolazione, inibendo in ogni caso ulteriori rilasci delle attuali misure in atto”. E’ quanto afferma l’Istituto superiore di sanità nello studio di prevalenza della variante VOC 202012/01 (Regno Unito) in Italia, relativo alla indagine svolta lo scorso 4-5 febbraio.
“Nel contesto italiano, in cui la vaccinazione delle categorie di popolazione più fragile sta procedendo rapidamente ma non ha ancora raggiunto coperture sufficienti, la diffusione di varianti a maggiore trasmissibilità può avere un impatto rilevante se non vengono adottate misure di mitigazione adeguata”, sottolinea l’Istituto superiore di sanità nello studio di prevalenza della variante VOC 202012/01 (Regno Unito) in Italia relativo alla indagine svolta lo scorso 4-5 febbraio.
Intanto a Genova è stata isolata la variante sudafricana del Sars-Cov-2, riscontrata su una paziente di 25 anni di rientro dall’estero, che avrebbe fatto scalo aereo in un paese a rischio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La paziente si è autodenunciata e autoisolata. Positiva dal 31 gennaio, si è negativizzata l’8 febbraio scorso. A ora, informa il Policlinico “non sono stati rilevati casi secondari derivanti”.
A causa delle varianti il rischio associato a un’ulteriore diffusione del Covid nell’Ue è “attualmente valutato come alto-molto alto per la popolazione complessiva e molto alto per gli individui vulnerabili”. Lo scrive l’Ecdc nella sua analisi del rischio aggiornata. I paesi dovrebbero accelerare le campagne di vaccinazione, raccomanda l’Agenzia, poiché le varianti hanno “maggiore trasmissibilità” e potrebbero “determinare una maggiore gravità della malattia”, e “i vaccini con licenza esistenti” potrebbero essere “solo parzialmente o in gran parte meno efficaci”.
Per “contenere e rallentare” la diffusione delle varianti del Covid, “in analogia con le strategie adottate negli altri paesi europei”, è necessaria una “rigorosa osservanza, rafforzamento e incremento delle misure di mitigazione del rischio sia in ambito nazionale che in specifici ambiti locali, evitando ulteriori misure di rilascio”. E’ l’indicazione che gli esperti del Comitato tecnico scientifico hanno dato venerdì scorso al termine della riunione in cui hanno analizzato gli ultimi dati epidemiologici e preso atto dello studio dell’Istituto superiore di sanità sulla diffusione delle varianti del virus in Italia.
“L’incidenza dell’epidemia – hanno scritto nel verbale al termine della riunione i tecnici e gli scienziati – risulta nuovamente in crescita, con un impatto sostenuto sui sistemi sanitari”. E l’incremento dell’incidenza dovuta alle varianti “potrebbe prefigurare scenari con un nuovo rapido aumento diffuso nel numero di casi nelle prossime settimane”. Di qui, è la conclusione, la necessità della “rigorosa osservanza, rafforzamento e incremento” delle misure.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Intanto è polemica dopo che Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza, ha ipotizzato un lockdown stringente per contrastare la pandemia. ‘Queste sono considerazioni che lascio alla politica. Se posso essere utile al Paese con i miei consigli, lo faccio a livello internazionale e lo faccio anche in Italia. Altrimenti, mi faccio da parte’. Lo afferma Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza, a Rainews24, rispondendo alle polemiche e richieste di dimissioni da parte di alcuni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sci: Piana di Vigezzo non si ferma, impianti aperti
In valle piemontese. Gestore, era tutto pronto e l’abbiamo fatto
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CRAVEGGIA
15 febbraio 2021
12:08
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lo stop del governo non ferma lo sci alla Piana di Vigezzo, 1.720 metri nel Comune di Craveggia (Vco), nell’omonima valle Vigezzo, in alta Ossola.
Nonostante la decisione del ministro Speranza, i gestori della stazione sciistica hanno deciso di aprire gli impianti.
“Ancora venerdì la Regione ci aveva assicurato l’apertura e noi abbiamo predisposto tutto, in sicurezza, per riaprire. E così lo abbiamo fatto”, dice Luca Mantovani, uno dei titolari della società che gestisce gli impianti nella valle piemontese a ridosso del Canton Ticino.   PIEMONTE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: Antitrust,istruttoria su promozione mascherina U-Mask
Enfatizza efficacia in modo ingannevole e aggressivo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
13:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’Antitrust ha avviato un procedimento contro la promozione e la vendita delle mascherine U-Mask perché “verrebbe enfatizzata l’efficacia di questi dispositivi con modalità ingannevoli e aggressive, sfruttando indebitamente la situazione di emergenza sanitaria in corso per indurre il consumatore a comprare a prezzi elevati il prodotto reclamizzato”. Lo comunica l’Autorità annunciando l’avvio del “procedimento istruttorio”, nei confronti delle società U-Earth Biotech Ltd.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
e Pure Air Zone Italy S.r.l. L’Antitrust ha condotto oggi ispezioni nelle sedi di U-Earth Biotech Ltd. e Pure Air Zone Italy S.r.l. con la collaborazione dei militari della Guardia di Finanza. Al prodotto U-Mask “è attribuita un’efficacia protettiva (per singolo filtro) di 200 ore di utilizzo effettivo o di un anno, che non sarebbe debitamente comprovata” viene spiegato e questo tipo di mascherina “sarebbe impropriamente comparato con dispositivi di protezione individuale (DPI) rispetto ai quali, secondo la presentazione sul sito web, “U-Mask ha un’efficienza superiore, paragonabile a un FFP3”. Invece U-Mask non è certificata come DPI ma risulta registrata presso il Ministero della Salute come dispositivo medico di “classe I””.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: Draghi al Senato il 17/2,’chiama’ fiducia in serata
Comunicazioni al via alle 10, poi sospensioni per sanificazioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
13:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono previste mercoledì alle 10 le comunicazioni del premier Mario Draghi nell’aula del Senato, in vista del voto di fiducia al governo, previsto in serata.
Secondo quanto si apprende da fonti parlamentari, dopo il suo intervento l’aula dovrebbe essere sospesa per consentire al presidente del Consiglio di depositare le linee programmatiche alla Camera.
Riprenderebbe quindi verso mezzogiorno con la discussione generale che andrà avanti per alcune ore e che dovrebbe essere sospesa un paio di volte per le sanificazioni anti Covid. Poi repliche e dichiarazioni di voto, fino alla ‘chiama’ dei senatori prevista intorno alle 20.30.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pelù, condizione disperata per la musica, ristori per tutti
‘Non solo per grandi enti, anche per migliaia di lavoratori’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
15 febbraio 2021
13:20
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La situazione per lo spettacolo dal vivo è in una condizione disperata da ormai un anno. È giusto pensare a dei ristori per il mondo della musica, ma che siano veramente spalmati come si deve e che non siano solo per i grandi enti”.
Lo ha detto il cantautore Piero Pelù, a margine della presentazione del suo libro ‘Spacca l’infinito’.
“Capisco i grandi teatri, i grandi enti lirici che devono essere sostenuti – ha aggiunto – ma c’è anche tutto un mondo che ruota attorno alla musica, a cominciare dalle maestranze, che versano in condizioni disperate. È fondamentale che chi ci governa si renda conto e agisca in maniera concreta e continuativa per sostenere tutte queste migliaia e migliaia di persone”. Sul futuro della musica dal vivo, ha concluso il frontman dei Litfiba, “ancora, purtroppo, si naviga a vista”.   SPETTACOLI, MUSICA E CULTURA

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Sci: P.Chigi,provvedimento Speranza condiviso nel governo
Si basa su dati epidemiologici per le varianti. Arrivano ristori
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
13:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La decisione sugli impianti di sci è stata condivisa nel governo. Lo confermano fonti di Palazzo Chigi. Le stesse fonti rimandano alla nota diffusa dal ministero della salute in cui si ricorda che “il provvedimento tiene conto dei più recenti dati epidemiologici comunicati venerdì 12 febbraio dall’Istituto Superiore di Sanità, attestanti che la variante VOC B.1.1.7, detta variante UK e caratterizzata da maggiore trasmissibilità, rappresenta una percentuale media del 17,8% sul numero totale dei contagi.

La preoccupazione per la diffusione di questa e di altre varianti del virus SARS-CoV-2 ha portato all’adozione di misure analoghe in Francia e in Germania”.
Nella nota della Sanità si ricorda che sono previsti, “al più presto”, ristori per il settore.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Zingaretti, tutti siano impegnati in campagna vaccini
Tutti impegnati nell’obiettivo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
13:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’Italia in questo momento ha bisogno di due cose semplici da dire, ma complesse da realizzare: fermare la pandemia; riaccendere l’economia.
Entrambe passano per il successo della campagna vaccinale.
Un obiettivo su cui ora dobbiamo essere tutti impegnati”. Lo scrive su Twitter il segretario del Pd, Nicola Zingaretti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Moody’s, con Draghi migliorano prospettive per uso fondi Ue
Ma restano le sfide di lungo termine
c
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
15 febbraio 2021
14:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il governo di Mario Draghi “migliora” le prospettive dell’Italia per un “efficace utilizzo dei fondi europei”. Lo afferma Moody’s, sottolineando come le “sfide di lungo termine” comunque restano.
Una volta allentata l’urgenza legata alla pandemia, probabilmente si troverà a far fronte a “difficoltà simili e a un’opposzione politica ad alcune riforme strutturali che abbiamo osservato con altri governi nel passato”, osserva Moody’s.   ECONOMIA   MONDO

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Fi: Berlusconi nomina Tajani coordinatore nazionale
Coordinerà attività e contributo di Fi al governo Draghi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
16:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, ha nominato il vice Presidente, Antonio Tajani, Coordinatore nazionale di Forza Italia. Lo rende noto un comunicato del partito.

All’onorevole Tajani, che è tra i fondatori del Movimento, ha assegnato come principale mandato quello di coordinare lo sviluppo di Forza Italia sul territorio. Tra i primi compiti anche quello di coordinare l’attività e il contributo di Forza Italia al neonato governo di Mario Draghi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Università Firenze, conclusa aspettativa Conte
Rettore firma decreto, ex premier torna formalmente in servizio

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
15 febbraio 2021
16:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con decreto del rettore dell’Università di Firenze Luigi Dei, firmato oggi, Giuseppe Conte riprende formalmente servizio presso l’Università di Firenze come professore ordinario a tempo definito di Diritto privato, concluso il periodo di aspettativa obbligatoria scattata nel 2018 con la sua nomina a premier. Lo si apprende da fonti dell’ateneo fiorentino.

Nei prossimi giorni il professor Conte incontrerà il rettore Dei e saranno definiti i suoi impegni didattici, tenendo conto che la programmazione delle lezioni per il secondo semestre di questo anno accademico è già stata stabilita.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: Fedeli (Pd), assenza donne schiaffo a nostra storia
Le poche che ci sono sopratutto senza portafoglio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
16:17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“In Parlamento abbiamo lavorato perché nel piano per il recovery fund la parità di genere fosse trasversale a tutte le misure. L’assenza di donne dem nella squadra di governo è uno schiaffo a questo impegno e alla storia Pd”.
Lo ha detto la senatrice Pd Valeria Fedeli a Rai Gr Parlamento.
“Il riconoscimento e l’inclusione delle competenze femminili, la parità di genere a tutti i livelli, cariche e organismi è principio fondativo di un partito che sia davvero democratico, innovativo, capace di segnare e guidare il cambiamento. Giorgia Meloni – ha aggiunto ancora la senatrice dem – è un’avversaria politica ma sono contenta che negli altri schieramenti ci siano donne leader. Mi dispiace invece che nel governo Draghi ci siano poche donne e quelle che ci sono siano, quasi tutte, in ministeri senza portafoglio”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sci: Meloni,turismo invernale asset economico insostituibile
Chi vive in montagna merita rispetto
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
16:20
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Chi sostiene che lo sci è un’attività sacrificabile ignora che il turismo invernale è un asset economico insostituibile e non si rende conto che per tanti territori è l’unica fonte di ricchezza e occupazione. Chi vive e lavora in montagna merita rispetto, va sostenuto nell’accesso ai servizi e chiede che lo Stato sia un alleato per favorire residenzialità, combattere lo spopolamento e rilanciare l’imprenditorialità.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I commenti approssimativi, i pregiudizi e l’ironia che sto leggendo in queste ore per giustificare la folle scelta di Draghi e Speranza di rinviare, peraltro con poche ore di preavviso, la stagione sciistica amatoriale sono un affronto per tantissimi nostri connazionali. Fratelli d’Italia è l’unico partito ad aver celebrato più volte gli Stati Generali della Montagna e ad aver difeso in Parlamento le istanze di tutti quei cittadini che chiedono di poter continuare a vivere e lavorare dove sono nati e cresciuti: lo dimostra la mozione approvata alla Camera ormai un anno fa, rimasta lettera morta per colpa della sinistra e della maggioranza. La montagna è un pezzo dell’identità italiana e non può essere umiliata in questo modo”. Lo scrive su Facebook la presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Conte, ora torno a Firenze, poi molti modi per fare politica
E ci sono tanti modi per farla
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
17:06
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il mio futuro immediato è il rientro a Firenze, da professore all’università: è terminata l’aspettativa e quindi riprenderò ad andare a Firenze”. Lo dice Giuseppe Conte a il FattoQuotiodiano.it che lo intercetta per chiedergli quale sarà il suo immediato futuro, se sarà un futuro “politico” e in quali forme.
“Ci sono tanti modi per partecipare alla vita politica: lo vedremo insieme agli amici con cui abbiamo lavorato e ai compagni di viaggio” risponde.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5s: Morra, scissione? Io 5 stelle fino al midollo, vedremo
Escludo di votare fiducia a Draghi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
17:24
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Una scissione? Dal mio punto di vista io mi stento M5s fino al midollo. Poi vediamo.
Se M5s va in altra direzione valuterò, fino ad ora ci siamo sempre intesi”. Così il senatore M5s Nicola Morra intervistato da La7.
“Io a priori non do la fiducia a scatola chiusa, valuterò per singoli provvedimenti. Tutti auspicavano tra l’altro un governo di alto profilo, una mia amica citava Dante Alighieri: ‘perdei la speranza dell’altezza'”, sostiene- “Io escludo di votare a favore” sulla fiducia al governo Draghi. “Spero di poter ottenere, attraverso un dibattito interno alla nostra assemblea, una posizione comune che consenta di non tradire i suoi valori e la sua storia”, aggiunge poi Morra ricordando di aver “chiesto la ripetizion del voto” sulla piattaforma Rousseau riguardo al sostegno al governo Draghi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sci: Bardonecchia si ferma, fiaccati nell’animo
Protesta contro stop, serrata negozi e rintocco campane
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARDONECCHIA (TORINO)
15 febbraio 2021
17:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bardonecchia, in Alta Valle di Susa, si ferma contro lo stop alla ripresa dello sci. I negozi con le serrande abbassate e il suono delle campane della chiesa parrocchiale hanno accompagnato la protesta di maestri di sci, operatori del turismo, impiantisti e commercianti.

“I tempi e i modi non dovevano essere questi, la scelta di ieri ci fiacca nell’animo – afferma il sindaco, Francesco Avato – siamo stremati”. Al flash mob è intervenuto anche il presidente dell’Uncem, Marco Bussone.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A.Mittal: legali, rischio crollo forni e distruzione asset
Confindustria, evitare spegnimento area a caldo ex Ilva
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
18:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La fermata forzata degli impianti, stabilita dal Tar di Lecce “senza la disponibilità di una stazione di miscelazione azoto e metano, non permetterebbe la tenuta in riscaldo dei forni e ne conseguirebbe il loro crollo e quindi la distruzione dell’asset aziendale di proprietà di Ilva in Amministrazione Straordinaria”. Lo si apprende da fonti legali vicine al dossier Arcelor Mittal, che evidenziano “rischi per la sicurezza”.

Interviene Confindustria: bisogna “Evitare lo spegnimento del ciclo integrale a caldo dell’ex Ilva”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Lazio, al via lunedì vaccinazione personale scuola
Assessore, per docenti e non docenti under 55. Anche università
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
19:24
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Partiranno lunedì prossimo le vaccinazioni anti-Covid del personale della scuola under 55 nel Lazio. Lo ha annunciato l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato, a margine dell’avvio delle vaccinazioni degli over 80 nella caserma Magnasco a Roma.
“Il 18 partiranno le prenotazioni on line per la fascia d’età 55-45 del corpo docente e non docente delle scuole di ogni ordine e grado e delle Università pubbliche e private – ha detto l’assessore – Le vaccinazioni partiranno lunedì 22 febbraio”.
Dal 18 febbraio partono dunque nel Lazio le prenotazioni del vaccino per il personale della scuola e delle università. La modalità di prenotazione, spiega una nota della Regione, è online (link: prenotavaccino-covid.regione.lazio.it) tramite la tessera sanitaria. Potranno prenotare dal 18 febbraio gli appartenenti alla fascia di età compresa tra i 55 e i 45 anni.
Dal 22 febbraio le prenotazioni per la fascia di età tra i 44 e i 35 anni e dal 26 febbraio gli under 34 anni. Le somministrazioni inizieranno dal giorno 22 febbraio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Deputati Napoli, Ruffino e Della Frera lasciano Forza Italia
Passano al Misto, portrebbero approdare a Cambiamo!
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
19:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I deputati Osvaldo Napoli, Daniela Ruffino e Guido Della Frera lasciano il gruppo di Forza Italia alla Camera. I tre deputati transitano ora al gruppo Misto, ma l’approdo dovrebbe essere Cambiamo!, la componente di Giovanni Toti.
L’addio dei tre deputati di Forza Italia, viene riferito, era nell’aria da diverso tempo. Schierati apertamente contro la linea filo sovranista del partito, i tre parlamentari guardano con interesse al progetto messo in campo da Giovanni Toti, presidente della Liguria e leader di Cambiamo!.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sci: Zingaretti, subito dal governo indennizzi e ristori
Il danno per il settore è davvero immenso
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
19:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il danno per l’economia dello sci e della montagna è davvero immenso. Il governo subito si adoperi per indennizzi e ristori a chi è stato colpito.
Questa è la priorità assoluta”. Lo ha dichiarato il segretario del Pd Nicola Zingaretti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: Fico, super-ministero c’è, è novità storica
Confluirà in ministero transizione ecologica,assieme ad ambiente
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
19:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il nuovo super ministero c’è. Avrà competenze e perimetro che prima non esistevano.
Tutto ciò che riguarda l’energia confluirà nel ministero della transizione ecologica, assieme all’ambiente. Un cambio di prospettiva storico. Storico, al di là come la si pensi e delle idee politiche di ciascuno. Perché significa che scelte politiche fondamentali per il futuro del Paese da domani dovranno essere filtrate attraverso la lente ambientale, ecologica, e della transizione”. Così in un post il presidente M5s della Camera, Roberto Fico.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pd: donne Dem,accanto a Orlando una vicesegretaria
Immagine Pd ha leadership interamente maschile

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
19:39
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’immagine” del Pd, “fatta eccezione per la Presidente, guardando alle posizioni apicali, è rappresentata da una leadership interamente maschile. Nelle dichiarazioni di questi giorni ho fatto una fotografia del partito, non ho chiesto le dimissioni del vicesegretario Orlando, a cui rinnovo la mia stima.
Non è il punto. Però penso che ci possa essere una vice segretaria donna, come è già stato.
La segreteria di Zingaretti aveva cominciato con una vicesegreteria duale, con Orlando c’era Paola De Micheli”. Così Cecilia D’Elia, portavoce della Conferenza nazionale delle democratiche, al termine del coordinamento nazionale riunito oggi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Eurogruppo, non ritirare troppo presto stimoli economia
Ancora forte incertezza, serve cautela e gradualità
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
20:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lo scenario economico resta caratterizzato da una forte incertezza, che suggerisce cautela e gradualità nel prendere decisioni e che evidenza l’importanza di politiche di supporto all’economia che non devono essere ritirate troppo presto. E’ quanto è emerso nel corso dell’Eurogruppo secondo quanto sottolineano fonti Mef.
Nel corso della riunione dell’Eurogruppo la Commissione ha illustrato le sue previsioni d’inverno, dalle quali emerge un miglioramento delle prospettive, a causa della riduzione di alcuni rischi, ad esempio quello collegato alla scoperta del vaccino e quello legato alla Brexit.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Toti, fase 2 chiusa entro maggio in Liguria
Nelle strutture sanitarie coinvolti 160 mila anziani
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
15 febbraio 2021
12:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Somministrare il vaccino anti covid entro maggio a circa 160 mila liguri over 80 residenti fuori dalle residenze sanitarie assistenziali. E’ l’obiettivo indicato dal presidente della Regione Liguria Giovanni Toti stamani a Genova durante la presentazione delle modalità di prenotazione della fase 2 della campagna vaccinale.

“Abbiamo ridotto le scorte di vaccini dal 30 al 15%, ovviamente vaccineremo a seconda degli arrivi da Roma delle varie tipologie di vaccino”, ribadisce Toti. “I vaccini Moderna e Pfizer per gli over 80 saranno somministrati in strutture sanitarie, quando poi arriveranno le consegne imponenti di vaccini AstraZeneca per i più giovani, ovviamente entreranno in campo strutture diverse”, aggiunge.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sci: sindaco Sestriere, ‘stop una vergogna, ci boicottano’
‘Montagna è ferma dal 2020, dal governo solo prese in giro
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
15 febbraio 2021
13:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“È un chiaro segnale di disinteresse e maltrattamento della montagna, delle persone e delle famiglie che ci vivono, ci lavorano, e dell’intera filiera del sistema turistico invernale che da sempre ha come colonna portante lo sci alpino”. E’ duro il commento del sindaco di Sestriere, Gianni Poncet, alla decisione del governo di bloccare la ripresa dello sci.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La montagna invernale è ferma da marzo 2020. Tra poco sarà un anno di paralisi della principale fonte di economia e di sostentamento per decine di migliaia di famiglie – sostiene il primo cittadino -. Gli unici ristori che sono arrivati, al momento, sono quelli erogati dalle casse del Comune di Sestriere secondo un piano concreto, deliberato: 300 mila euro destinati a salvaguardare i propri cittadini! Per il resto dal governo solo parole, nessuno si è degnato di fare altro se non prenderci in giro con questi continui rinvii dell’ultim’ora dettati dal CTS.
Una vergogna”.
“Non abbiamo mai sottovalutato l’emergenza sanitaria, ci siamo sempre attivati per arginare e tenere sotto controllo l’epidemia – osserva ancora Poncet – nel frattempo vediamo in grandi città centri commerciali presi d’assalto, assembramenti per vie e piazze. E davanti a tutto questo dobbiamo sentirci dire che andare a sciare è pericoloso? Una cosa è certa a questo punto non si deve parlare solo di ristori da parte del governo ma anche di una congrua richiesta di danni causati da una scellerata e totale disattenzione nei confronti di chi vive e lavora in montagna. Gente che da sempre è abituata a rimboccarsi le maniche lavorando in silenzio e che adesso non è più intenzionata a subire atteggiamenti e azioni di boicottaggio”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Zaia, abbiamo proposte per 12 e 15 mln dosi
Ci hanno contattato, informato Aifa e Arcuri
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
15 febbraio 2021
13:41
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Abbiamo avuto un’offerta per 12 e una per 15 milioni di dosi di vaccino. Sono proposte sul mercato europeo.
Abbiamo chiesto le offerte per iscritto”. Lo ha annunciato il presidente del Veneto, Luca Zaia, a proposito dell’acquisto autonomo di vaccini. “Nel frattempo – ha aggiunto – abbiamo scritto all’Aifa, ci ha risposto dopo 10 giorni dicendo di parlare con Arcuri, e lo faremo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: sindaca Comune “rosso”, addolorati ma la superiamo
Lazio, preoccupazione a Roccagorga per sospetta variante inglese
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
15 febbraio 2021
14:46
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La situazione è molto delicata”, ma “tutta la popolazione sta rispondendo con grande responsabilità”, e alla fine “supereremo anche questa”. Lo dice Annunziata Piccaro, la sindaca del Comune di Roccagorga in provincia di Latina, in un videomessaggio ai suoi concittadini.

Nel paese si sospetta che sia arrivata la variante inglese del Covid ma ancora si attendono gli ultimi esiti degli esami. In seguito ai contagi rilevati nell’ultimo periodo e alla “situazione di particolare criticità” la Regione Lazio ha deciso l’istituzione della zona rossa a partire da oggi.
“Avere i militari ai varchi del proprio paese non è usuale, non ci era mai capitata, ma ce la faremo e supereremo anche questa”, dice Piccaro dai social del Comune. “La sensazione di incertezza, preoccupazione e dolore per la nostra comunità pervade tutti noi”, continua. Quindi si mette a disposizione di tutti gli abitanti del Paese e ringrazia tutte le forze dell’ordine e le istituzioni “che stanno lavorando in sinergia”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sci: sindaco Aosta, stupore e sconcerto per rinvio
“Ennesimo duro colpo per economia della nostra comunità”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
AOSTA
15 febbraio 2021
14:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il sindaco di Aosta, Gianni Nuti, esprime “stupore e sconcerto” a nome dell’amministrazione comunale per la “decisione da parte del ministro della Salute, Roberto Speranza, comunicata nella tarda serata di ieri, di prorogare il blocco delle attività sciistiche riservate agli amatori il cui via libera sarebbe dovuto arrivare nella giornata odierna”.
“Pur consapevole dell’importanza di tutelare l’interesse pubblico – spiega Nuti – e la salute dei cittadini, mi chiedo se e quanto lo svolgimento delle attività sciistiche con i severi protocolli che erano stati individuati (da noi ancora più restrittivi), permanesse effettivamente incompatibile con il rischio di diffusione del contagio da varianti del virus Sars Cov-2 paventato dal Comitato tecnico-scientifico del Ministero”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Secondo il sindaco di Aosta “per l’economia della nostra comunità è l’ennesimo, durissimo colpo” e “lascia attoniti, oltre all’intempestività, la forma scelta per assumere una decisione così impattante su un territorio naturalmente fragile come quello montano e su gran parte dei suoi cittadini: l’emergenza non esclude la condivisione preventiva in una logica di alleanza interistituzionale sulle cose da fare, corredata di giustificazioni plausibili e di strumenti per comunicare adeguatamente notizie così dolorose agli operatori come ai cittadini”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Lazio, regolare avvio vaccinazioni forze ordine
D’Amato, auspico ok Aifa e ministero su Astrazeneca fino 65 anni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
15 febbraio 2021
15:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Stamani mi sono recato all’hub vaccinale dell’ aeroporto di Fiumicino allestito presso l’area Lunga Sosta in collaborazione con Croce Rossa Italiana e AdR per verificare l’avvio delle vaccinazioni al personale delle forze dell’ordine e di polizia. Tutto si sta svolgendo regolarmente e ho avuto modo, parlando con gli uomini della polizia, dei carabinieri e della guardia di finanza di verificare il livello di soddisfacimento rispetto alle operazioni di vaccinazione”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lo dichiara l’Assessore alla sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.
“Nei prossimi giorni provvederemo ad aumentare i numeri coerentemente con le dosi a nostra disposizione – aggiunge l’assessore – Ritengo molto importante la pubblicazione sulla rivista scientifica Lancet degli ultimi studi sull’efficacia del vaccino Astrazeneca, che con il richiamo arriva all’82% confermando così il potenziale di riduzione della trasmissione del virus. Auspico che alla luce di questi ulteriori approfondimenti scientifici e della posizione assunta dall’Oms, sia l’Aifa che il ministero della Salute possano aggiornare la raccomandazione fino al limite dei 65 anni come avviene in Germania, consentendo così di non interrompere le fasce lavorative”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sci: Piemonte valuta azioni legali, “subito indennizzi”
Giunta straordinaria dopo stop governo, “5,3 mln come ristori”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
15 febbraio 2021
15:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La Regione Piemonte ha previsto di stanziare immediatamente 5,3 milioni di euro come ristori per gli impianti sciistici penalizzati da una politica di chiusura intempestiva e annunciata con nessun anticipo”. Così il governatore Alberto Cirio, che ha riunito la giunta in seduta straordinaria per affrontare la mancata ripartenza dello sci.
La Regione, che scriverà al Governo per sollecitare l’attivazione di ristori e un ulteriore indennizzo per le false partenze, valuta con l’avvocatura di costituirsi parte civile, al fianco dei gestori degli impianti, per chiedere indennizzi proporzionati alla quantificazione dei danni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sci: Bardonecchia si ferma, fiaccati nell’animo
Protesta contro stop, serrata negozi e rintocco campane
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARDONECCHIA (TORINO)
15 febbraio 2021
17:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bardonecchia, in Alta Valle di Susa, si ferma contro lo stop alla ripresa dello sci. I negozi con le serrande abbassate e il suono delle campane della chiesa parrocchiale hanno accompagnato la protesta di maestri di sci, operatori del turismo, impiantisti e commercianti.

“I tempi e i modi non dovevano essere questi, la scelta di ieri ci fiacca nell’animo – afferma il sindaco, Francesco Avato – siamo stremati”. Al flash mob è intervenuto anche il presidente dell’Uncem, Marco Bussone.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sen. Pillon assolto da accusa diffamazione a circolo gay
Da giudici appello, in primo grado era stato condannato a multa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
15 febbraio 2021
18:06
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Corte d’appello di Perugia ha assolto “perché il fatto non costituisce reato” l’avvocato Simone Pillon, quale consigliere nazionale del Forum associazioni familiari, per diffamazione nei confronti del circolo gay Omphalos per alcune affermazioni con le quali aveva commentato (quando ancora non era senatore della Lega) una loro iniziativa nelle scuole. Fatti per i quali in primo grado era stato condannato a 1.500 euro di multa (pena sospesa).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I giudici d’appello hanno così accolto il ricorso presentato dai difensori di Pillon, gli avvocati Laura Modena, Stefano Forzani e Massimiliano Sirchi. In primo grado, il giudice unico di Perugia aveva disposto per Pillon anche il risarcimento, da liquidarsi in sede civile, nei confronti dello stesso circolo e di un attivista, con una provvisione complessiva di 30 mila euro, al pagamento della quale il giudice ha subordinato la sospensione della pena. Somma già versata dal senatore della Lega che ora – si è appreso dai suoi legali – potrà chiedere indietro. Pillon è stato processato per quanto detto come consigliere nazionale del Forum delle associazioni familiari in tre incontri, tutti nel 2014: ad Assisi e Bastia Umbra, a giugno, a San Marino, ad agosto, e ad Ascoli Piceno, a novembre.
Quando cioè non era ancora senatore. In particolare Pillon era accusato di avere offeso la reputazione di Omphalos e dei suoi membri “diffondendo notizie non corrispondenti al vero sull’attività di informazione e di prevenzione delle malattie venere svolte dall’associazione, attribuendole iniziative e messaggi distorti rispetto al loro effettivo contenuto”.
“La formula con la quale il sen. Pillon è stato assolto – ha detto l’avvocato Laura Modena – ci fa ritenere che sia stata riconosciuta la tesi che abbiamo sempre sostenuto. Quella cioè che si sia trattato di un legittimo diritto di critica”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Lazio, al via lunedì vaccinazione personale scuola
Assessore, per docenti e non docenti under 55. Anche università
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
15 febbraio 2021
19:24
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Partiranno lunedì prossimo le vaccinazioni anti-Covid del personale della scuola under 55 nel Lazio. Lo ha annunciato l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato, a margine dell’avvio delle vaccinazioni degli over 80 nella caserma Magnasco a Roma.
“Il 18 partiranno le prenotazioni on line per la fascia d’età 55-45 del corpo docente e non docente delle scuole di ogni ordine e grado e delle Università pubbliche e private – ha detto l’assessore – Le vaccinazioni partiranno lunedì 22 febbraio”.
Dal 18 febbraio partono dunque nel Lazio le prenotazioni del vaccino per il personale della scuola e delle università. La modalità di prenotazione, spiega una nota della Regione, è online (link: prenotavaccino-covid.regione.lazio.it) tramite la tessera sanitaria. Potranno prenotare dal 18 febbraio gli appartenenti alla fascia di età compresa tra i 55 e i 45 anni.
Dal 22 febbraio le prenotazioni per la fascia di età tra i 44 e i 35 anni e dal 26 febbraio gli under 34 anni. Le somministrazioni inizieranno dal giorno 22 febbraio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cpl Concordia, ex sindaco d’Ischia assolto anche in Appello
L’eurodeputato ex sindaco finì in inchiesta su metanizzazione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ISCHIA
15 febbraio 2021
21:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Si è concluso con la conferma della assoluzione per l’europarlamentare del PD Giosi Ferrandino il processo d’appello celebrato davanti al Tribunale di Napoli per l’inchiesta sulla metanizzazione ad Ischia della CPL Concordia.
Ferrandino venne arrestato nel 2015, quando ricopriva la carica di sindaco di Ischia: insieme a lui venne arrestato anche Silvano Arcamone, dirigente comunale, che invece venne assolto in primo grado con formula piena nel 2018.

“Ho sempre confidato nella Giustizia, sono felice che questa parentesi si sia conclusa, ora posso finalmente guardare avanti” dice Ferrandino. “È stata una esperienza dura che ha causato tante sofferenze a me e alla mia famiglia. La conferma dell’assoluzione ci restituisce serenità dopo anni difficili.
Ringrazio di cuore il pool di avvocati che mi ha difeso in questi anni con professionalità e abnegazione”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Unwto, il turismo è ferito, bisogna ripartire assieme
Priante, da Draghi azione coraggiosa, tutti aiutino Garavaglia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
21:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il 2020 è stato l’anno peggiore della storia del turismo, una ferita senza precedenti per un settore vitale e resiliente che ogni anno instancabile mieteva nuovi record. E invece il Covid si è spinto dove nemmeno il terrorismo e le Torri Gemelle, lo tsunami e la crisi economica erano riusciti: gli arrivi internazionali in calo del 74% rispetto al 2019 con le destinazioni di tutto il mondo che hanno accolto 1 miliardo di turisti in meno a causa di un calo della domanda senza precedenti e di limitazioni ai viaggi diffuse.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il settore a livello globale ha perso 1.300 miliardi di dollari, un’emorragia di 11 volte maggiore di quella registrata durante la crisi economica globale del 2009. Ne ragiona Alessandra Priante, prima direttrice e italiana del settore Europa dell’Unwto, l’agenzia che si occupa del turismo mondiale per le Nazioni Unite.
“La situazione – spiega – è iperdrammatica, registriamo un’altissima mortalità specialmente tra le microimprese, ma soprattutto non si riesce a programmare una ripartenza, perché è chiaro che per uscire da questa crisi servono linee, azioni e soluzioni condivise tra tutti i Paesi. Fino a che non ci saranno, non ce la faremo. Abbiamo messo in piedi un comitato di crisi globale sul turismo che si interfaccia continuamente anche tutte le organizzazioni dell’Onu coinvolte dall’Oms a quella del Lavoro (Ilo), tutto il resto del settore privato e ovviamente tutti gli Stati membri. Stiamo aiutando con delle linee guida i vari Paesi anche sulla allocazione del Recovery Fund, su quanto deve pesare il comparto e cosa funziona meglio rispetto ad altro. E abbiamo fatto un prospetto che mette a paragone le varie iniziative prese dagli Stati che speriamo sia utile”.
La Priante, laureata alla Bocconi e con una vasta esperienza diplomatica e finanziaria, per l’Unwto lavora a Madrid. “Nella capitale spagnola – racconta – funziona tutto a pieno regime (gli alberghi sono aperti anche con incentivi e il coprifuoco è alle 22 e sarà esteso a mezzanotte) e quindi questa grossa interruzione del turismo, seppur con delle perdite, non si è vista. Si mantengono anche gli appuntamenti di tipo congressuale: ad esempio Fitur la fiera del turismo è a fine maggio e gli spagnoli ci tengono a dire che si terrà comunque. C’è una grande forza nel portare avanti il messaggio non solo della trasversalità di questo settore, ma soprattutto che se non si aiutano le imprese in questo momento, il tasso di mortalità sarà talmente violento che sarà troppo difficile recuperare”.
Ma c’è anche la Grecia, altro competitor dell’Italia da prendere come esempio: “Ha fatto e sta facendo passi da gigante. Già quest’estate aveva lavorato con un sistema di intelligenza artificiale per fare un sistema di tracciamento sia dei residenti sia dei turisti (sottoposti a tampone) e ora lo sta utilizzando per fare entrare tutti quelli che sono già vaccinati (il primo con cui hanno stretto accordi è Israele che ha la percentuale più alta di vaccinati). Dobbiamo trovare modi per incentivare la ripartenza e uno di questi è lo scambio di informazioni: se qualcuno è vaccinato o negativo tutti lo devono sapere perché si possa muovere. A questo proposito l’Unwto ha anche alzato il tiro dell’interlocuzione europea, alle nostre riunioni è sempre presente il vicepresidente della commissione europea Margaritis Schinas. Come dice il nostro segretario generale Zurab Pololikashvili con tutti i controlli che si fanno adesso viaggiare, specialmente per via aerea, è uno dei modi più sicuri. La metropolitana per assurdo è molto meno controllata”.
Infine nei pensieri della Priante non può mancare l’Italia, vista anche la sua esperienza come capo ufficio delle relazioni internazionali del ministero diretto da Gian Marco Centinaio e anche nella task force che si occupò del passaggio del turismo dalla Cultura all’Agricoltura. “L’Italia, in cui l’Unwto crede molto anche facendo partire da Roma l’operazione di Restart Tourism dopo la prima ondata della pandemia, non deve perdere l’occasione di stare alla pari dei suoi colleghi europei. Quello che sta facendo ora il governo Draghi è un passo molto coraggioso a cui si era già pensato nel 2018. Ora il ministro Massimo Garavaglia si trova davanti un altro momento di transizione, che sarà molto complesso, quello che sarà importante in questa fase sarà destinare una parte adeguata del Recovery Fund al turismo che a questa punto si stacca dalla Cultura. Avrà poi bisogno di dialogare con tutti i colleghi, dal Mef ai Trasporti, dalla Transizione digitale alla Cultura con la visione dall’alto di Mario Draghi, che sicuramente è una carta molto importante in questo momento così difficile”. Ma quello che è essenziale e che la Priante augura a Garavaglia è la collaborazione e l’unità di tutti gli operatori: “Tutto il mondo del turismo deve aiutare Garavaglia e non solo chiedere e basta. Se tutti stanno solo a domandare la loro parte e a rivendicare i loro piccoli interessi, non ne usciremo mai. Il ministero del Turismo ora non esiste e va costruito, in questo momento alla direzione generale Turismo ci sono 15 persone. Garavaglia ha davanti un impegno molto più grande di quello che può sembrare e deve sistemare tante cose che non sono state fatte nel passato. Probabilmente questa può essere una grande occasione. Il G20 è pure una grande occasione e aiuteremo, anche come Unwto, Garavaglia affinché questa transizione di governo non tolga all’Italia la grande posizione di centralità che ha presiedendolo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gli Usa si congratulano con il nuovo governo italiano
Biden: ‘Non vedo l’ora di collaborare per approfondire le relazioni’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
15 febbraio 2021
16:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Gli Stati Uniti hanno una lunga e storica relazione con l’Italia. Ci congratuliamo con il nuovo governo italiano e siamo impazienti di continuare la cooperazione per accrescere i nostri risultati e affrontare le numerose sfide che abbiamo di fronte come comunità globale”: così un portavoce del dipartimento di stato ha commentato il nuovo esecutivo guidato da Mario Draghi.
Poche ore prima il tweet di congratulazioni di Joe Biden allo stesso Draghi, con l’auspicio di una “stretta collaborazione” per affrontare le sfide globali, dal Covid ai cambiamenti climatici:

    “Congratulazioni, primo ministro Mario Draghi. Non vedo l’ora di lavorare a stretto contatto con lei per approfondire la nostra forte relazione bilaterale, cooperare durante la sua leadership del G20 e affrontare le sfide globali, dal Covid al climate change”: lo ha twittato Joe Biden.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Conte, schieramento con Pd-Leu prospettiva a cui credo molto
‘Ora torno a Firenze, poi molti modi per fare politica’
(2)
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
17:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Quello con Pd e Leu è un progetto che non ho declamato a caso ma che abbiamo iniziato anche a realizzare: ha già prodotto dei risultati, altri sono in corso di completamento, altri vanno ancora elaborati e realizzati: quella è una prospettiva a cui credo molto. Ci credo molto da politico, da privato cittadino e da ex presidente del consiglio. Continuerò a dare il mio contributo nelle modalità che decideremo insieme”.
Così Giuseppe Conte intervistato da il FattoQuotidiano.it che gli chiede sarà lui il perno dello schieramento per lo Sviluppo sostenibile.
“Il mio futuro immediato è il rientro a Firenze – ha detto Conte – da professore all’università: è terminata l’aspettativa e quindi riprenderò ad andare a Firenze”, replicando su quale sarà il suo immediato futuro, se sarà un futuro “politico” e in quali forme. “Ci sono tanti modi per partecipare alla vita politica: lo vedremo insieme agli amici con cui abbiamo lavorato e ai compagni di viaggio” risponde.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: Prima grana alla Camera, si vota su prescrizione
All’esame emendamenti al Milleproroghe: ok decreto entro 1 marzo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
14:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il governo Draghi non ha ancora incassato la fiducia del Parlamento ma la prima grana è sul tavolo. E’ il voto sulla riforma della prescrizione che fu ‘bandiera’ dell’ex Guardasigilli Alfonso Bonafede e del suo Movimento, ora al centro di alcuni emendamenti al decreto milleproroghe, all’esame della commissione Affari costituzionali della Camera.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Proposti separatamente da Italia viva, +Europa-Azione e Forza Italia, chiedono la sospensione della riforma fino almeno al 2021.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ma in un perimetro rivoluzionato rispetto a poche settimane fa, a una maggioranza fa e con una ministra tecnica com’è Marta Cartabia. Insomma con l’approdo al governo dell’emergenza che vanta una maggioranza quasi bulgara, le storiche barricate di renziani e forzisti potrebbero cadere.
Gli emendamenti per ora restano. Presentati il 3 febbraio, potrebbero essere votati a giorni, più probabile dopo la fiducia di giovedì.
Attendono il parere del governo, al suo primo banco di prova. E in fretta: il milleproroghe scade il primo marzo e in mezzo ancora tre passaggi (aula Camera, commissione Senato, aula di Palazzo Madama).
Non a caso il Pd, che era all’opposizione quando la riforma fu varata dal Conte 1, ora temporeggia. “Bisogna vedere che iniziativa assume il governo, noi attendiamo la fiducia e poi decidiamo”, si limita a dire il deputato Dem Stefano Ceccanti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I 5 Stelle chiedono collaborazione. “In questa fase non è tempo di battaglie di bandiera e di provocazioni”, ammonisce Giuseppe Brescia nella doppia veste di presidente della commissione Affari costituzionali e relatore del provvedimento, che poi suggerisce la via d’uscita: “Lasciamo al dibattito già avviato in commissione Giustizia alla Camera il compito di trovare una soluzione”.
In effetti lì è in ballo la riforma del processo penale e la prescrizione potrebbe rientrarci. Non esclude l’ipotesi Lucia Annibali, renziana firmataria dell’emendamento pro sospensione. “Sono due temi che vanno tenuti insieme. Di sicuro c’è tutta la nostra fiducia alla neoministra e non vogliamo mettere in difficoltà il governo, valuteremo insieme ai gruppi”.
Ma rimarca: “La prescrizione non è una bandiera, è un tema importante a cui teniamo”. Non ritira gli emendamenti nemmeno FI, ma lo spirito è cambiato. “Non è più una stagione di contrapposizioni, aspettiamo le valutazioni del governo con uno spirito più collaborativo e meno belligerante”, assicura Francesco Paolo Sisto e taglia corto: “Sono convito che ci sarà il modo di ragionare”.
“Non ci saranno sgambetti né agguati al governo” promette Riccardo Magi che, insieme a Enrico Costa, firma gli emendamenti di +Europa-Azione. “Però la questione va affrontata e finora non è stato fatto – sottolinea – Una soluzione va trovata e indicata, spero che la linea dei 5S non condizioni tutta la maggioranza”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cresce tesi Gualtieri candidato Roma, nodo primarie
Alcuni dem chiedono di accelerare. Abodi in rosa di centrodestra
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
15 febbraio 2021
15:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo la formazione del governo di Mario Draghi, l’ormai ex ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, stando ai rumors, potrebbe diventare il candidato del centrosinistra per il Campidoglio. Il Pd, infatti, non ha ancora individuato un nome per Palazzo Senatorio e ora tra i dem romani si fa strada la speranza che possa essere lui, un ‘big’, a scendere in campo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nel frattempo c’è chi chiede di accelerare sulle primarie, nonostante le difficoltà organizzative legate alla pandemia di Covid. L’ex eurodeputato si sarebbe preso qualche giorno per riflettere sul suo futuro e potrebbe valutare la possibilità della corsa per il Campidoglio. A febbraio dello scorso anno Gualtieri è stato eletto alle suppletiva per la Camera dei Deputati con un risultato largo proprio nel centro di Roma: oltre il 62% dei consensi in un collegio storicamente favorevole per il centrosinistra. Il suo potrebbe diventare quel nome autorevole di cui da mesi il Partito Democratico va a caccia e su cui, magari, provare a dialogare con il M5s in un’eventuale fase di ballottaggio. “Dopo il varo del governo Draghi, si ricomincia finalmente a parlare di Roma. Si parla di un candidato autorevole come Roberto Gualtieri. Ne sono molto soddisfatto – dice Tobia Zevi che già da tempo si è fatto avanti per il Campidoglio -. A questo punto si acceleri sulle primarie stabilendo innanzitutto la data. Sarà una bella sfida, innanzitutto tutto sulle idee e sui programmi per la città”.
Oltre a lui, nel centrosinistra si sono candidati da diverso tempo anche il leader di Azione Carlo Calenda, il presidente del III Municipio Giovanni Caudo e il consigliere regionale Paolo Ciani. “Finalmente una persona di assoluto rilievo”, commenta il del Stefano Pedica parlando di Gualtieri e auspica che “il candidato del Pd passi attraverso le primarie” La sindaca di Roma Virginia Raggi ha annunciato la sua ricandidatura già quest’estate e non appare affatto intenzionata a fare passi indietro. Per questo motivo, nonostante l’alleanza tra Pd e 5s si sia consolidata nel corso del 2020, al momento non sembra possibile che i due partiti possano convergere su un candidato unitario per Roma. Al ballottaggio si aprirà un’altra partita.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Anche sul fronte del centrodestra, fonti romane indicano come imminente una decisione sul candidato di Lega, FdI e FI. Tra i nomi in pole ci sono Andrea Abodi, presidente dell’Istituto per il credito Sportivo, e Guido Bertolaso (nonostante il suo impegno sul piano vaccini in Lombardia). Le prossime settimane, insomma, potrebbero essere decisive per fare il quadro delle amministrative, il prossimo cruciale appuntamento elettorale.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi lima squadra governo e staff Chigi – TEMPO REALE
Funicello Capo gabinetto. M5S, in maggioranza con spirito critico
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
16:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Al lavoro sul discorso programmatico in vista della fiducia – mercoledì in Senato, giovedì alla Camera – Mario Draghi mette a punto staff di Palazzo Chigi e squadra di sottogoverno. L’imminente nomina di viceministri e sottosegretari porta nuova agitazione tra le forze politiche, che dovranno però tenere conto della volontà del premier di scegliere ancora profili tecnici per caselle chiave nella gestione della macchina di governo.
Capo di gabinetto sarà Antonio Funiciello, 45 anni, laureato in Filosofia all’Università Federico II di Napoli e grande esperto di comunicazione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Per i tipi di Rizzoli, nel 2019 Funiciello ha scritto “Il metodo Machiavelli”, un saggio che a partire dalla sua personale esperienza di chief of staff del premier Paolo Gentiloni racconta tratti e caratteristiche del “leader e dei suoi consiglieri”. Verso la conferma Roberto Chieppa, Segretario generale di Palazzo Chigi nell’ultimo governo Conte.
Delicate alcune scelte, che facilmente slitteranno alla settimana successiva alla fiducia, come quella del sottosegretario all’editoria. Pd e M5s lo chiedono per sè, mentre non si esclude un ruolo tecnico di alto profilo. Certamente tecnici saranno anche altri nomi, anche se Draghi pensa di dare spazi ai partiti con deleghe specifiche.
Resta alta la tensione nel Pd sull’assenza di donne nella squadra di governo, con l’intenzione del sottosegretario Nicola Zingaretti di dare loro ampio spazio nei ruoli di viceministro e sottosegretari. Nel mirino del centrodestra ancora la scelta del ministro Speranza di tenere ancora in stop la ragione sciistica.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Matteo Salvini è sul piede di guerra anche con la ministra Lamorgese sull’ìmmigrazione. Quanto al M5s – dove il fondatore di Rousseau Davide Casaleggio continua a sostenere la possibile astensione al governo Draghi – da registrare oggi la posizione di Giuseppe Brescia, presidente della Commissione Affari costituzionali della Camera. “Staremo nella maggioranza con spirito critico.
Dovremo difendere i risultati e le conquiste di questi due anni di governo”, avverte garantendo che i cinque stelle faranno pesare in Parlamento la loro forza numerica.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: migliaia firme a petizione M5s per rivotare
Su Change.org anche petizione per evitare espulsioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
17:31
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ha superato le 5 mila firme la petizione lanciata su Change.org da alcuni iscritti M5s per chiedere al garante Beppe Grillo di rimettere su Rousseau un nuovo quesito sull’adesione del Movimento al governo Draghi.
“Alla luce della compagine di Governo indicata dal Presidente del Consiglio incaricato, Mario Draghi, che si è espresso pubblicamente ieri per la prima volta dopo le consultazioni, siamo a chiedere di mettere ai voti su Rousseau la scelta di dare la fiducia a questo Governo, affinché vi sia il pieno consenso o meno da parte degli iscritti. Reputiamo infatti che solo ora, messi a conoscenza di tali informazioni, sia possibile esprimere un voto pienamente consapevole” scrivono i sottoscrittori della petizione che chiedono a Grillo anche “un suo celere riscontro pubblico”.
Sempre su Chang.org c’è anche un’altra petizione, con meno di un migliaio di adesioni però, con cui, ritenendo sempre pregiudicato l’esito della votazione su Rousseau dalla successiva conformazione del ministero per la Transizione, si chiede di non espellere dal Movimento i parlamentari 5 Stelle che non voteranno la fiducia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nella petizione si chiede infatti che “i Deputati e i Senatori del Movimento 5 Stelle possano votare liberamente, escludendo fin da ora l’applicazione di possibili azioni o sanzioni disciplinari a coloro i quali decideranno di astenersi o di votare contrariamente alla fiducia al nuovo Governo. È evidente che tali posizioni non siano da considerarsi una disattesa del voto degli iscritti. Siamo fermamente convinti che l’adozione di eventuali sanzioni determinerebbe una grave rottura all’interno del Movimento. Per questo, in qualità di portavoce e attivisti del Movimento 5 Stelle, dichiariamo sin da ora di essere pronti ad auto-sospenderci e a mettere in campo azioni ed iniziative nazionali qualora ciò si verificasse”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Papa: ricorda Copti ‘sgozzati da brutalità Isis, sono santi’
Videomessaggio per la Giornata dei Martiri contemporanei
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
15 febbraio 2021
18:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Papa ricorda i ventuno Copti uccisi in Libia dall’Isis nel febbraio 2015 e li definisce “martiri e “santi”.
“Sono i nostri Santi, Santi di tutti i cristiani, Santi di tutte le confessioni e tradizioni cristiane”, sottolinea Papa Francesco in un videomessaggio per la ‘Giornata dei Martiri Contemporanei’, organizzata dalla Diocesi Ortodossa Copta di Londra, in occasione della commemorazione dei 21 Martiri Ortodossi Copti uccisi il 15 febbraio 2015.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le immagini di quei giovani provenienti dall’Egitto e in Libia per lavorare, inginocchiati, con una tuta arancione, e con dietro i militanti dell’Isis pronti ad ucciderli, fece il giro del mondo. “Sono andati a lavorare all’estero per sostenere le loro famiglie: uomini normali, padri di famiglia, uomini con l’illusione, il desiderio, di avere dei figli; uomini con la dignità dei lavoratori, che non solo cercano di avere pane a casa loro, ma di portarlo a casa con la dignità del lavoro. E questi uomini hanno dato testimonianza di Gesù Cristo. Sgozzati dalla brutalità dell’Isis – ricorda il Pontefice -, morivano dicendo: ‘Signore Gesù!’, confessando il nome di Gesù. È vero che c’è una tragedia, che questa gente ha lasciato la vita sulla spiaggia; ma è vero anche che la spiaggia è stata benedetta dal loro sangue”.
L’iniziativa riunisce in un webinar Papa Tawadros II, patriarca della Chiesa ortodossa copta, Justin Welby, arcivescovo di Canterbury, il cardinale Kurt Koch, Presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell’Unità dei Cristiani, e rappresentanti di altre Chiese.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sci: Garavaglia, danno per scelta governo va indennizato
Il ministro: ‘Montagna dimenticata, la stagione è finita’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
19:49
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“C’è stato un danno per una scelta del governo e i danni vanno indennizzati”: lo ha detto il ministro del Turismo Massimo Garavaglia dopo un incontro con gli operatori della montagna, i rappresentanti degli enti locali insieme al presidente della Lombardia Attilio Fontana e in collegamento il ministro delle per gli Affari regionali Mariastella Gelmini e il governatore del Piemonte Alberto Cirio.
“La montagna – ha aggiunto Garavaglia – è stata dimenticata, non è arrivato nulla se non qualche briciola”.
“Per ripartire – ha detto il ministro – servono due cose fondamentali: finalmente programmazione, non si può sapere il giorno prima cosa si fa il giorno dopo, e poi lavorare per mantenere la competitività del nostro sistema montagna. Quindi bisogna usare i soldi del Recovery per fare investimenti mirati, per ripartire alla grande come la nostra montagna sa fare”.
Secondo Garavaglia, “è evidente che la stagione è finita” ed è “assurdo” che un ministro “possa decidere in autonomia” lo stop agli impianti di sci.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il timing del governo, mercoledì fiducia al Senato
Giovedì Draghi alla Camera, venerdì debutto internazionale al G7
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
20:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il discorso programmatico e i sottosegretari. Nelle prime 72 ore da presidente del Consiglio, sono questi i principali dossier su cui si concentra l’attenzione di Mario Draghi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Senato è convocato mercoledì alle 10 per il discorso con cui il premier chiederà la fiducia sul proprio esecutivo: la ‘chiama’ dei senatori è attesa verso le 20.30, ma sull’articolazione del dibattito deciderà domani pomeriggio la capigruppo. L’indomani il premier si presenterà per la fiducia alla Camera, convocata alle 11.30: anche in questo caso il voto dovrebbe arrivare in serata, ma la scansione dei lavori verrà definita alla vigilia dalla conferenza dei capigruppo.
Draghi sembra intenzionato a chiudere in tempi brevi le nomine di sottosegretari e viceministri. Si parla di un Consiglio dei ministri venerdì, ma il tema agita le forze politiche e non è detto che si riesca a trovare in tempo la quadra su circa quaranta designazioni.
Venerdì sarà anche il giorno del debutto di Draghi sulla scena internazionale come premier: parteciperà da remoto alla riunione dei leader del G7 (la prima dall’aprile 2020), virtualmente ospitata dalla Gran Bretagna, con al centro la lotta al Covid, l’economia mondiale e i rapporti con la Cina.
Avendo per ora tenuto per sé la delega, il premier potrebbe anche partecipare il 23 febbraio, in presenza, alla videoconferenza informale dei ministri degli Affari europei, appuntamento preparatorio in vista del Consiglio europeo straordinario del 25 e 26.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Intanto, dopo l’esordio di oggi all’Eurogruppo, il ministro dell’Economia, Daniele Franco, domani sarà impegnato nell’Ecofin. Lorenzo Guerini invece mercoledì e giovedì parteciperà da remoto alla riunione dei ministri della Difesa della Nato. Sul fronte interno una delle prime grane per il governo potrebbe arrivare dalla riforma della prescrizione, oggetto di uno degli emendamenti al decreto milleproroghe su cui la Commissione Affari costituzionali della Camera potrebbe esprimersi a giorni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fdi: Meloni a direzione nazionale, propongo il no alla fiducia
La linea di Fratelli d’Italia in vista del voto di mercoledì
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
20:47
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La posizione di Fratelli d’Italia nella giornata di mercoledì al Senato e di giovedì alla Camera dovrà essere una posizione chiara con un voto contrario alla fiducia del governo Draghi e ribadendo la piena disponibilità a lavorare per il bene della Nazione. Credo che siano giuste una posizione chiara e un’opposizione patriottica”.
E’ quanto ha detto il presidente di FdI Giorgia Meloni intervenendo in videoconferenza durante la direzione nazionale del partito che è ancora in corso.
“Si può dire senza timore di smentita, che gli italiani sono rimasti molto delusi dalla squadra di governo che Mario Draghi ha messo in campo”, ha continuato Meloni affermando che: “Ci sono alcuni elementi che balzano agli occhi anche ai più distratti dalla politica: il primo sicuramente è la totale assenza di una forte discontinuità con l’esperienza di Giuseppe Conte. È curioso che si dica che Draghi sia necessario a salvare l’Italia dal governo Conte se il suo esecutivo ha gli stessi i ministri. Il secondo elemento che balza agli occhi è che il PD è il partito trainante del nuovo governo e questo è oggettivamente intollerabile e ingiustificabile” ha concluso il presidente di FdI. La proposta verrà votata al termine degli interventi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5s: Fico richiama all’unità, comprendo disagio ma serve cambio prospettiva
‘La fase che si apre ora deve essere di costruzione, responsabilità, lungimiranza’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
20:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Resta alta la tensione nel movimento cinque stelle dopo l’ok alla partecipazione al governo Draghi. Diversi gli esponenti pentastellati che hanno fatto sapere che non voteranno la fiducia alle Camere.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A cercare di fare da pontiere fra le varie anime del movimento è Roberto Fico. “So che molti dei nostri attivisti e parlamentari sono delusi. Comprendo  – dice il presidente della Camera – il malumore di chi non digerisce certe scelte e di chi nutre perplessità rispetto a decisioni che appaiono in contrasto con il nostro percorso. Ma dobbiamo adottare un cambio di prospettiva drastico, perché il momento lo richiede”.
“La fase che si apre ora – sottolinea –  deve essere di costruzione, responsabilità, lungimiranza e avrà al centro temi che sono cari al Movimento: sostenibilità, ambiente, beni comuni, transizione energetica”. Alla prova del governo il Movimento ha dovuto fare scelte difficili, che sono sempre state fatte dagli iscritti tramite la piattaforma Rousseau. Lo ha fatto per portare avanti temi e realizzare punti di programma. Io stesso non ho nascosto un malessere rispetto ad alcune fasi e ad alcuni provvedimenti, ma ho lavorato dall’interno con serietà e trasparenza a sostegno di una linea scelta insieme” afferma Fico che continua: “Abbiamo un modo solo di andare avanti: difendere le nostre conquiste e raggiungere gli obiettivi finora non realizzati. Migliorare quanto già ottenuto. E dobbiamo lavorare con spirito di abnegazione per portare il nostro Paese fuori da uno dei periodi più difficili della sua storia recente. La fase che si apre ora deve essere di costruzione, responsabilità, lungimiranza e avrà al centro temi che sono cari al Movimento, ai meetup, che hanno contraddistinto l’impegno di tanti di noi in questi anni: sostenibilità, ambiente, beni comuni, transizione energetica”.