Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

Canovi a TMW Radio: "La Roma ha fatto bene a mettere fuori rosa Zaniolo"

Tempo di lettura: 2 minuti
A parlare dei temi della Serie A a Maracanà, nel pomeriggio di TMW Radio, è stato il procuratore Dario Canovi. E in particolare del caso Zaniolo: “I grandi campioni non sono mai stati presuntuosi. Ne ho assistiti parecchi, anche in altri sport, un grande campione è sempre umile, pur conoscendo il suo valore. Quando uno lo reputa maggiore di quello che è commette un errore di presunzione. A Zaniolo va addossata la responsabilità di essere presuntuoso, di pensare di essere un campione quando non lo è ancora. Lo diventerà magari, non si può andare a dichiarare a un allenatore che non vuole partire per una partita e che non è a disposizione. Così ti metti in un angolino da solo da cui non esci. Benissimo ha fatto la Roma ad escluderlo dal progetto. Magari tra un mese, con le acque più calme, potrà tornare ad allenarsi. Questo certificato mi sembra un’altra presa in giro. Si danno certe cose ha chi ha malattie serie, non ha chi non ha voglia di allenarsi. Vigorelli è un agente serio, magari non lo ha ascoltato Zaniolo. Di sicuro il clan di Zaniolo non lo ha aiutato a scegliere bene. Ho preso Nesta che aveva 17 anni e mi ricordo che venne al mio studio per chiedermi di essere un mio assistito. E mi disse che non c’era bisogno che ci fossero i genitori, perché condividevano la sua scelta e che poi la carriera era sua. Capii così che era maturo. Di sicuro Zaniolo è stato aiutato dalla famiglia, ma non è più un ragazzino. All’estero alla sua età sono già affermati e con tante partite alle spalle. Quando pensiamo che un giocatore debba diventare maturo? A 23 anni? Invece dipende ancora dalla famiglia. Zaniolo a 19 anni ha cambiato tre procuratori in un anno, anche questo è un indizio. E anche in questo c’è l’intervento della famiglia. La famiglia è responsabile ma soprattutto Zaniolo. Se a 23 anni non usa da solo la sua testa, capisci perché ancora non è diventato un campione. Mourinho? Ha voluto proteggere la società, se diceva che voleva venderlo poteva tirarsi addosso le critiche che voleva fare cassa con un giovane di prospettiva. Mou ha messo una pietra tombale sulla possibilità di rimanere alla Roma, ma dall’altra parte sapeva che la responsabilità era del calciatore e non della società”.

source

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

ESCLUSIVA TJ – Nicola De Bonis: "Troppi antijuventini circolano tra istituzioni e stampa. Ora serve juventinità e un Direttore Sportivo. Kostic super!"

Tempo di lettura: 2 minuti
Per analizzare le vicende bianconere la redazione di Tuttojuve.com ha intervistato in esclusiva Nicola De Bonis, storica voce radiofonica bianconera con la sua “Stile Juventus”:


Buongiorno Nicola, che idea ti stai facendo sulla vicenda plusvalenze?

“Siamo scossi, storditi, ma dobbiamo lottare fino alla fine per cercare giustizia. Le nostre vittorie hanno sempre fatto male a chi non ama questi colori. La Juventus è il motore del calcio italiano, tra straordinari campioni che hanno dato gloria alla maglia azzurra e il contributo economico dato a tutto il movimento. In questi ultimi 12 anni il nostro club è stato un esempio di organizzazione, di sviluppo, riuscendo a tenere vivo il nostro calcio anche a livello continentale. Probabilmente dal 2018 può essere stato commesso qualche errore gestionale, ma a nessuno dobbiamo permettere di infangare i nostri meritati trionfi sul campo. Entrare nello specifico rispetto ad alcune scelte sbagliate sarebbe troppo complicato in pochi istanti, dico solo che questa volta daremo battaglia come non mai contro giudici e una parte della stampa che vuole affossarci.  Troppe sciarpe al collo “Juve M…..” circolano  tra le istituzioni calcistiche oltre che nelle redazioni. L’odio verso i bianconeri come ripeto da sempre è una deriva sociale, ed ha molto poco a che fare con i valori dello sport”.


Ieri sera vittoria molto importante, cosa ti aspetti da qui fino al termine della stagione?

“Mi aspetto la juventinità, abbiamo una squadra con ottimi giocatori che possono fare benissimo. La figura di Allegri in questa fase diventa determinante, allenatore e psicologo, manager alla Ferguson in attesa di trovare un Direttore sportivo che conosca i meccanismi e abbia i contatti giusti. Una squadra di calcio, dai dilettanti alla Serie A, non può svilupparsi senza questa figura di riferimento”.


Hai fatto riferimento ad un DS, chi ti piacerebbe vedere a Torino? 

“Per quello che sta facendo da diversi anni credo che Giuntoli abbia le stigmate della figura  tra campo e mercato”. 


Da chi ti aspetti qualcosa in più in questa seconda parte di stagione?

“Gli argentini sicuramente, Vlahovic e Chiesa stanno tornando e poi io vorrei elogiare pubblicamente Filip Kostic, come è spesso accaduto anche con Cuadrado, di questo ragazzo si parla troppo poco… Giocatore importantissimo”.

source

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

Malfatti a RBN: "Vlahovic? Non è facile attaccare in uno contro quattro"

Tempo di lettura: < 1 minuti
Intervistato da Radio Bianconera su ‘Cose di Calcio’, l’allenatore Attila Malfatti analizza così Juventus-Lazio: “Il 3-5-2 della Juve ha dato molto fastidio al 4-3-3 della Lazio. Cataldi faceva fatica ad accorciare su Locatelli e gli esterni offensivi della Lazio, in fase di ripiegamento, hanno avuto difficoltà con Chiesa e Kostić. Sono d’accordo sul fatto di concretizzare maggiormente, però, devo dire che la Juve ha avuto la partita in controllo: ha avuto delle occasioni per chiudere la partita nel secondo tempo, anche se non sono state tantissime. Tuttavia, ha fatto una partita molto ordinata. Poi, dobbiamo tenere in considerazione che la Lazio sta facendo un’ottima stagione, ma, ieri, non ha trovato sbocchi. Non riuscendo a soffocare le trame di gioco e le impostazioni di gioco della Juventus, i bianconeri hanno controllato la partita: non ricordo parate di Perin, se non due o tre tiri da fuori della Lazio. La lettura di Allegri è stata complessivamente ottima”.


Su Vlahovic: “Si è impegnato molto, ma quando la Juve ha attaccato la porta, spesso il serbo si è trovato da solo ad attaccare gli spazi in area, perché i giocatori nella Juve non si sono buttati in profondità per mantenere un equilibrio tattico. Quando vuoi attaccare un cross e sei preda di un 1 contro 4 in area, non è facile. Tuttavia, penso che giocando insieme a Kostic, Chiesa e Di María, può essere messo nelle condizioni di giocare più palloni e in più maniere”.

source

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

Guardalá (Sky Sport): "Kostic può ancora crescere"

Tempo di lettura: < 1 minuti

Giovanni Guardalá, dagli studi di Sky Sport, ha parlato di Filip Kostic che fino ad ora ha realizzato sette assist con la maglia della Juventus. Ecco quanto evidenziato da TuttoJuve.
source

Aggiornamenti, Calcio, Notizie, Sport, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

Serie A, Cremonese-Lecce

Tempo di lettura: 2 minuti
Cremonese-Lecce sabato alle 15 apre la 21/ma giornata di campionato di Serie A

Riprendere la marcia verso la salvezza interrotta dopo lo stop contro Verona e Salernitana. Il Lecce di Marco Baroni partirà per Cremona con l’obiettivo di lasciarsi alle spalle il doppio passaggio a vuoto, contro una formazione che avrà dalla sua, forse, una delle ultime possibilità di salire sul treno verso la permanenza nel massimo campionato. Questo il pensiero del tecnico giallorosso sul momento che sta vivendo la sua squadra: “Siamo incorsi in due battute d’arresto in due ottime partite in cui abbiamo fatto più passaggi, cross e tiri – dice Baroni nella conferenza della vigilia. E’ questione di episodi, ma ciò che conta è la prestazione della squadra: ed io parto sempre da questo”. “Sono percorsi – aggiunge – che in un campionato ci stanno, ma ora è necessario giocare le gare con attenzione, determinazione e capacità di essere sempre dentro la partita”. Si va a Cremona, in una gara che si annuncia difficile e delicata per entrambe le formazioni: “Sono incroci diretti, gare in cui non serve fare un passo indietro ma un passo avanti in termini di attenzione, voglia e coraggio. Dobbiamo avere rispetto ma non paura. La Cremonese – sostiene – è una squadra che ha grandi valori, la prestazione è nelle nostre gambe e nella nostra voglia che dobbiamo mettere in campo”. Infine una battuta sul calciomercato che si è chiuso pochi giorni fa: “Siamo contenti perché non era un mercato facile. Abbiamo portato dentro dei ragazzi che incarnano i valori della squadra, che ci danno qualità ed esperienza e si sono già inseriti bene nel gruppo”, conclude Baroni.

Probabili formazioni
Cremonese (5-3-2): 12 Carnesecchi; 17 Sernicola, 24 Ferrari, 21 Chiriches, 5 Vasquez, 3 Valeri; 24 Benassi; 19 Castagnetti, 28 Meité; 77 Okereke, 90 Dessers. (45 Sarr, 13 Saro, 4 Aiwu, 18 Ghiglione,15 Bianchetti, 9 Ciofani, 20 Felix, 74 Tsadjout, 27 Galdames, 6 Pickel). All.: Ballardini. Squalificato: nessuno. Diffidati: Ferrari, Okereke, Vasquez Indisponibili: Acella, Lochoshvili, Quagliata, Buonaiuto
Lecce (4-3-3): 30 Falcone; 17 Gendrey, 6 Baschirotto, 93 Umtiti, 25 Gallo; 29 Blin, 42 Hjulmand, 16 Gonzalez; 27 Strefezza, 9 Colombo, 11 Di Francesco. (1 Bleve, 21 Brancolini, 4 Romagnoli, 7 Askildsen, 13 Tuia, 14 Helgason, 18 Ceccaroni, 22 Banda, 28 Oudin, 31 Persson, 83 Lemmens, 84 Cassandro, 97 Pezzella). All.: Baroni. Squalificati: nessuno. Diffidati: Di Francesco. Gonzalez, Umtiti, Baschirotto, Maleh Indisponibili: Ceesay, Dermaku, Maleh, Pongracic. Arbitro: Orsato di Schio Quote Snai: 2,65; 3,05; 2,85.

source

Aggiornamenti, Calcio, Cinema, Cronaca, ECONOMIA, Juventus, Medicina, Salute e Benessere, Mondo, Notizie, Piemonte, Politica, Scienza, Spettacoli Musica e Cultura, Sport, Tecnologia, tutte le regioni italiane: ultimissime notizie in tempo reale sempre aggiornate, TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS, Ultim'ora, VIAGGI E VACANZE: TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, VIDEO NOTIZIE

Borse europee miste, Milano perde lo 0,55%

Tempo di lettura: < 1 minuti
Al termine di una seduta incerta le borse europee chiudono miste: Milano -0,55%, Francoforte -0,21%, Londra 1,04% e Parigi 0,90%. Sui mercati pesano i dati migliori delle attese sull’occupazione in Usa, con il tasso di disoccupazione sceso al minimo dal 1969, al 3,4%, dato che fa temere nuovi rialzi dei tassi di interesse da parte della Fed..

Wall Street dopo un avvio in calo dovuto anche ad alcune trimestrali deludenti, recupera terreno, mentre il dollaro si rafforza.

In rialzo i rendimenti europei dei titoli di stato, i Btp decennali salgono al 4,03% dopo il forte calo di ieri. 

A Piazza Affari vendite su Intesa Sanpaolo dopo i conti, -2,9%, in luce Pirelli +3,61% e Finecobank +2,63%

Stabile il prezzo del gas, a 57 euro al mwh.

source

Aggiornamenti, Calcio, Cinema, Cronaca, ECONOMIA, Juventus, Medicina, Salute e Benessere, Mondo, Notizie, Piemonte, Politica, Scienza, Spettacoli Musica e Cultura, Sport, Tecnologia, tutte le regioni italiane: ultimissime notizie in tempo reale sempre aggiornate, TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS, Ultim'ora, VIAGGI E VACANZE: TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, VIDEO NOTIZIE

Colapesce Dimartino presentano “Splash”

Tempo di lettura: < 1 minuti

Il duo siciliano salirà sul palco del Teatro Ariston con una canzone che medita sulle aspettative che l’uomo tende a crearsi per riempire il quotidiano e in qualche modo evadere
source