Cronaca tutte le notizie in tempo reale! SEMPRE AGGIORNATE, COMPLETE, APPROFONDITE! LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 18 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 14:36 DI LUNEDì 19 OTTOBRE 2020

ALLE 10:14 DI MARTEDì 20 OTTOBRE 2020

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Uccisa con un mattarello, compagno condannato all’ergastolo
La sentenza a Ferrara, il femminicidio a Copparo nel 2019
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
19 ottobre 2020
14:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Corte di assise di Ferrara ha condannato all’ergastolo Saverio Cervellati, 53enne imputato per l’omicidio di Cinzia Fusi, 34, morta a Copparo il 24 agosto 2019 dopo che il compagno e datore di lavoro la colpì ripetutamente con un mattarello.
Dopo l’aggressione, al culmine di una lite per motivi di gelosia nel garage del negozio dove entrambi lavoravano, era stato lo stesso Cervellati a chiamare le forze dell’ordine.
I giudici (presidente Piera Tassoni, a latere Sandra Lepore) hanno riconosciuto il risarcimento da quantificarsi in sede civile alla parti civili, difese dall’avvocato Denis Lovison: i familiari della vittima, padre, madre, cugina e zia, oltre che i Comuni di Copparo e di Riva del Po Reno, dove risiedeva Fusi.
Per i genitori è stata disposta una provvisionale di 150mila euro ciascuno.
Alla pena dell’ergastolo si è arrivati grazie alla norma che impedisce per questi tipi di reato di chiedere l’abbreviato e al riconoscimento dell’aggravante di un fatto commesso contro una persona alla quale si è legati da una relazione affettiva.
“Sono soddisfatto dell’esito del processo, istruito in maniera precisa, puntuale e veloce dal presidente e del fatto che le istanze delle parti civili che ho assistito e difeso – dice l’avvocato Lovison – sono state riconosciute. Sono contento per i genitori: i processi non possono far tornare in vita le persone, ma abbiamo concorso, grazie anche al lavoro del pm Fabrizio Valloni, a far applicare la pena di giustizia”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sieropositivo contagiò donne, confermati 24 anni
Nel processo d’appello bis per Talluto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 ottobre 2020
15:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel processo di appello-bis a Valentino Talluto, l’uomo accusato di avere contagiato volontariamente con l’Hiv una trentina di ragazze a Roma, è stato confermata la condanna a 24 anni di carcere per lesioni gravissime così come stabilito nel processo di primo grado. La sentenza, emessa ai giudici della Corte d’Assise d’Appello, e’ arrivata dopo che la Cassazione, nell’ottobre del 2019, aveva confermato l’impianto accusatorio ma disposto un nuovo processo.
Decisione legata a ricorsi presentati da alcune parti civili in relazione a quattro episodi per i quali era stato assolto. La sentenza di oggi, conferma, quindi la sentenza di primo grado arrivata nell’ottobre del 2017 riconoscendo la sua responsabilità anche per gli episodi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza San Carlo, Gabrielli ammesso come teste difesa
Legale, ci aiuterà a inquadrare vicenda, contributo importante
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
19 ottobre 2020
16:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il capo della polizia, Franco Gabrielli, è stato ammesso come testimone nel processo – ripreso oggi nell’aula bunker delle Vallette a Torino – per i fatti di piazza San Carlo del 3 giugno 2017, quando una serie di ondate di panico tra la folla che seguiva su un maxischermo la finale di Champions League Juventus-Real Madrid provocò 1.600 feriti e, in seguito, la morte di due donne. A chiederne l’audizione sono stati alcuni dei difensori dei nove imputati. ” Gabrielli – ha spiegato l’avvocato Roberto De Sensi – è da tutti riconosciuto come uno dei massimi esperti in materia di pubblica sicurezza anche sotto il profilo amministrativo. Il suo contributo sarà importante. Ma non si tratta solo di spiegare quali erano le norme in vigore e i contenuti delle circolari che il Capo della polizia aveva diramato proprio in quel periodo. A noi interessa il contesto storico in cui inquadrare la vicenda, con particolare riguardo alla funzione della Commissione provinciale di vigilanza non solo di Torino, ma di tutte le altre città italiane”.
Gabrielli è stato “ammesso con riserva” dalla Corte d’assise.
Per le ferite riportate il 3 giugno 2017 morirono Marisa Amato ed Erika Pioletti. Oggi in aula, oltre a un ispettore della Digos, sono stati ascoltati il marito della Amato e il compagno della Pioletti. Ci sono stati momenti di commozione.   PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: casi scendono sotto i 10 mila, sono 9.338, 73 morti
Incidenza positivi/tamponi sale al 9,4%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 ottobre 2020
17:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scendono sotto i 10 mila i casi di positività al coronavirus. Nelle ultime 24 ore i contagiati sono stati 9.338. Si tratta del primo calo da una settimana. I tamponi effettuati sono stati 98.862. I deceduti sono 73. Lo rende noto il bollettino del ministero della Salute. Sale al 9,4% l’incidenza del numero di persone risultate positive rispetto al numero complessivo di tamponi effettuati nelle ultime 24 ore (precisamente il 9,44%). Sono 134.003 le persone attualmente positive al Covid in Italia (7.766 in più rispetto a ieri). Di queste, 7.676 (+545) sono ricoverate nei reparti ordinari mentre 797 (+47) sono in terapia intensiva: 113 sono in Lombardia, 111 nel Lazio, 85 in Campania e 72 in Sicilia. I decessi hanno raggiunto quota 36.616 (+73)e i guariti sono in tutto 252.959 (+1498). I contagiati totali in Italia sono 423.578.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
IL-PUNTO/COVID:Veneto, polemiche su Dpcm, meno contagi
Zaia chiede ‘condivisione dati per misure estensive’ a Governo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
19 ottobre 2020
18:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il nuovo Dpcm firmato dal presidente Giuseppe Conte solleva dubbi e proteste negli amministratori locali. Il presidente regionale Luca Zaia dice che “la vita dei cittadini non è scopnvolta” e si limita a chiedere che “nelle misure restrittive ci sia l’autonomia delle Regioni, ma se il Governo ha informazioni per cui possono essere consigliate misure estensive, lo faccia formalmente”, domandando all’esecutivo la condivisione dei dati e una ‘road map’ certa per eventuali lockdown.
Il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro è più duro, bollando il decreto come “la solita norma confusa. Io capisco – ha dichiarato – che il governo sia nel panico, probabilmente sono forze politiche che non riescono a parlarsi. Il problema è che tecnicamente confuso”. E per il sindaco di Treviso e presidente veneto Anci, Mario Conte, il nuovo Dpcm “apre numerosi interrogativi, soprattutto sulla norma che prevede la possibilità per i sindaci di chiudere vie e piazze alle 21, misura che appare più uno scaricabarile che una forma di autonomia”.
Intanto, il gruppo Pd al Consiglio regionale chiede che Zaia “venga a riferire periodicamente in Consiglio e in Commissione sulla situazione e sulle decisioni che intenderà assumere. Le dirette Facebook sono uno strumento utile per informare ma non consentono di discutere i provvedimenti e nemmeno di porre domande a chi è stato eletto dai cittadini per rappresentarli”.
Con l’inizio della settimana diminuisce rispetto a ieri la curva dei nuovi contagi, che nelle ultime 24 ore arrivano a 36.353, 502 in più rispetto a ieri, e nessun decesso. Negli ospedali continuano a crescere i degenti, 496 (+19) nei reparti non critici, dei quali 396 positivi; nelle terapie intensive restano 52 i pazienti ricoverati, con 44 positivi.
Sul fronte della cronaca si registra un arresto di un uomo che, nonostante fosse registrato come positivo, stava cercando di salire su un treno alla stazione di Venezia Mestre, e che ha aggredito a calci e pugni gli agenti di Polizia ferroviaria che stavano cercando di dissuaderlo.   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Migranti:sbarco a Reggio Calabria, arrivati in 67
Ci sono anche dei bambini, eseguiti tamponi rinofaringei
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
REGGIO CALABRIA
19 ottobre 2020
18:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sessantasette migranti sono sbarcati oggi a Reggio Calabria. Erano a bordo di un barcone quando, a largo delle cosche calabresi, sono stati intercettati da una motovedetta della guardia di finanza che li ha condotti fino al porto della città dello Stretto.
Tra i migranti, oltre sette donne e quattro bambini, ci sono anche 56 uomini. Non si conosce ancora la loro nazionalità.
Una volta sbarcati, i migranti, come prevede la procedura, sono stati sottoposti alle visite mediche e ai tamponi per verificare l’eventuale positività al Covid-19. In attesa dell’esito del test, trascorreranno la notte in quarantena e subito dopo, se negativi, saranno distribuiti secondo il piano di riparto predisposto dal Ministero dell’Interno.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid ‘annulla’ i mercatini di Natale in Trentino Alto Adige
Norme Dpcm stringenti e troppo alto il rischio di assembramenti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRENTO
19 ottobre 2020
18:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Non solo Trento ma anche l’Alto Adige rinuncerà al tradizionale Mercatino di Natale.
Impossibile, secondo i pareri giuridici, rispettare i paletti fissati dal nuovo Dpcm di palazzo Chigi. La 27/a edizione, il cui inizio era previsto per il 21 novembre, ha detto il sindaco di Trento Franco Ianeselli, probabilmente non si farà. “Alla luce della situazione dei contagi e di quanto contenuto nel Dpcm consideriamo che i mercatini non ci siano, al momento tutto spinge in quella direzione. Abbiamo anche detto che teniamo al Natale di comunità, quindi potremmo pensare ad altre forme, ma che non ci possano essere i mercatini come è stato negli anni scorsi mi pare ovvio. Al momento ci sembra improbabile che si possano tenere”, commenta Ianeselli.
Anche in Alto Adige sembra si vada verso l’annullamento dei tradizionali mercatini di Natale, che ogni anno attirano numerosissimi turisti. Si sta ora pensando ad un eventuale programma alternativo nel pieno rispetto delle misure anti-covid.
Dopo la rinuncia di Trento al mercatino di Natale, il sindaco di Bolzano Renzo Caramaschi nella sua conferenza stampa online ha dichiarato che per il mercatino di Bolzano “sarà difficile”.
“E’ tutto molto complicato – ha detto il sindaco – non sono consentiti cibi e bevande che non vengano consumate ai tavoli, è difficile controllare la distanza e il numero delle persone.
Settimana prossima – ha aggiunto – ci sarà una riunione con tutti gli interessati anche degli altri mercatini e con il governatore Kompatscher e si vedrà cosa si potrà fare”, ha concluso il sindaco.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il sindaco di Bari chiude 15 strade e piazze in zona movida
Come previsto dall’ultimo Dpcm. ‘C’è rischio assembramenti’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
19 ottobre 2020
19:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Bari il sindaco Antonio Decaro, in accordo con Asl e comitato provinciale per l’ordine pubblico, ha già firmato una ordinanza di chiusura di alcune zone della città dove c’è il rischio di assembramenti, come disposto dall’ultimo Dpcm sulla norme anti-Covid. Sono state individuate tre aree in altrettanti quartieri della città, nel centro storico (piazza Mercantile, piazza Ferrarese, via Manfredi, il primo tratto di via Venezia fino al Fortino), nel quartiere Poggiofranco (via Pappacena, via Caccuri e la piazzetta tra le due strade) e nella zona della movida nel rione Madonnella, il cosiddetto Umbertino (via Cognetti, via Brescia, un pezzo di via de Niccolò, via Bozzi, largo Giordano Bruno, largo Giannella, piazza Diaz, molo San Nicola).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: positivi 14 operatori del Cro di Aviano
Vicegovernatore Fvg, sospese sedute previste per domani
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
19 ottobre 2020
20:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono risultati positivi al Covid 14 operatori del Centro riferimento oncologico (Cro) di Aviano.
Sono un medico radioterapista, 9 tecnici di radioterapia, un dirigente di fisica sanitaria, un tecnico tirocinante, un biologo di laboratori e un collaboratore di ricerca. Lo ha reso noto il vicegovernatore con delega alla Salute del Fvg, Riccardo Riccardi. La direzione del Cro, in accordo con la Regione, ha sospeso tutte le sedute previste per domani.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Spagna: ex compagno porta Miguel Bosè in tribunale per figli
Iniziato processo, ‘devono essere considerati fratelli’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 ottobre 2020
08:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ iniziato oggi a Madrid il processo che contrappone Miguel Bose’ a colui che e’ stato il suo compagno per 26 anni, lo scultore Nacho Palau. Al centro della causa legale la paternità dei loro quattro figli: due coppie di gemelli, nati da due gravidanze surrogate, gestite autonomamente da Palau e Bose’.
Ora lo scultore, dopo la rottura con il celebre cantante, chiede che i quattro siano considerati fratelli e abbiano gli stessi diritti. Dalla loro separazione, avvenuta nel 2018, due figli vivono in Messico con il cantante e gli altri due in Spagna con lo scultore.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fontana, ospedale Fiera pronto entro pochi giorni
‘Spero che rimanga una garanzia, fatto per prevedere’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
19 ottobre 2020
23:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Noi lo useremo entro pochi giorni, entro la fine di questa settimana, al massimo all’inizio della prossima sarà perfettamente pronto a ricevere dei malati”: così il presidente della regione Lombardia Attilio Fontana, intervenendo questa sera in diretta a Quarta Repubblica su rete4, ha parlato dell’ospedale Covid allestito in Fiera.
“Dio non voglia ce ne sia necessità – ha proseguito – spero che rimanga una garanzia, una sicurezza per i cittadini lombardi, qualcosa che abbiamo fatto per prevedere. In Italia una delle colpe che si muove alla politica è di non essere capace di programmare il futuro, a noi hanno fatto una serie di accuse violente perchè avevamo cercato di programmare, prevedere quel che potesse succedere e fare in modo di dare una risposta. Io spero ancora di non doverlo utilizzare ma” ha concluso “nel caso ci sia necessità ci sono 200 letti a disposizione”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fontana, coprifuoco soluzione migliore per colpo a contagio
‘Per esperti in 15 giorni situazione molto impegnativa’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
19 ottobre 2020
23:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Cercare di dare un colpo a una delle cause del contagio che è ripartito e che risiede negli assembramenti, nelle movide, nelle feste, negli incontri in pubblico, nelle piazze, cose che purtroppo non si riescono a controllare perchè non riusciamo ad avere un numero sufficienti di polizia, di agenti e credo che la soluzione migliore possa essere questa, tanto è vero che è stata presa in altri paesi”: così il governatore della Lombardia Attilio Fontana ha spiegato su rete4 cosa ha portato la Regione e i Comuni a chiedere il coprifuoco al Governo.
Fontana ha spiegato che la decisione è legata alle proiezioni realizzate da alcuni esperti che “ci inducono a essere molto cauti, ad avere timore che entro 15 giorni si possa verificare una situazione che non sarebbe ancora da collasso ma che sarebbe sicuramente impegnativa. Credo sia inutile aspettare che si verifichi una situazione del genere per mettere in essere le misure che possono essere ritenute utili”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Camorra: blitz dei CC a Napoli, 21 arresti
“Colpito” clan Cifrone, eredi dei Lo Russo: droga ed estorsioni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
20 ottobre 2020
08:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vasta operazione anti camorra a Napoli dove i carabinieri stanno eseguendo 23 provvedimenti cautelari emessi dal Gip su richiesta dalla DDA. Si tratta di persone ritenute dagli inquirenti legate al clan Cifrone, erede del Lo Russo, che fa affari illeciti nei quartieri di Miano, Marianella, Chiaiano, Piscinola, Don Guanella, Colli Aminei e Sanità del capoluogo partenopeo.
I reati contestati, a vario titolo, sono associazione di tipo mafioso, associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, estorsione, minaccia, detenzione e porto di armi e munizioni. Tutti reati sono aggravati dal fine di avvantaggiare il sodalizio camorristico.
Complessivamente sono stati eseguiti 21 arresti. I militari sono sulle tracce di altre due persone. Le misure cautelari emesse oggi sono frutto di indagini condotte dai militari della compagnia Vomero. Gli investigatori sono riusciti a ricostruire il sistema mediante il quale il gruppo criminale ha sottoposto 11 esercenti ad estorsioni attraverso intimidazioni di stampo mafioso, imponendo loro la fornitura di generi alimentari e costringendoli, con la violenza, ad astenersi dal vendere nella zona sotto controllo del clan. Inoltre dovevano consegnare mensilmente somme di denaro al clan. Definita, infine, la struttura che gestiva il traffico e lo spaccio della droga.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Jeff Bridges annuncia su Twitter: “Ho il cancro”
‘Un linfoma, la prognosi è buona’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 ottobre 2020
08:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’attore americano Jeff Bridges ha annunciato su Twitter di essere affetto da un linfoma, per il quale inizierà subito le cure. Il protagonista del ‘Grande Lebowski’, 70 anni, ha utilizzato una battuta del film cult dei fratelli Cohen per dare la notizia ai suoi fan.
“New shit has come to light”, ha scritto l’attore. “Mi è stato diagnosticato un linfoma. Sebbene sia una malattia grave, sono fortunato ad avere una grande equipe di medici che mi segue e la prognosi è buona”. Bridges, che ha vinto l’Oscar come miglior attore protagonista nel 2010 per ‘Crazy Heart’, sta girando una serie per FX Channel, intitolata ‘The Old Man’, nella quale interpreta un agente della Cia in pensione che cerca di sfuggire al suo passato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Presa banda di falsi restauratori di beni della Chiesa
Blitz Nucleo tutela patrimonio CC in Sardegna e Nord Italia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ORISTANO
20 ottobre 2020
09:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Presentandosi come restauratori di beni culturali ecclesiastici hanno messo a segno un centinaio di estorsioni e truffe ai danni di diversi istituiti della Chiesa e ignari sacerdoti. Dalle prime luci dell’alba, nel centro-nord Italia, è in corso una vasta operazione dei Carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale che stanno eseguendo 8 misure cautelari emesse dal Gip del Tribunale di Oristano, nei confronti di un gruppo criminale di etnia rom che prima in Sardegna e poi in altre regioni del Paese ha portato avanti la sua azione criminale. L’operazione, denominata Res Ecclesiae è stata coordinata dalla Procura della Repubblica di Oristano. La banda era composta da circa 13 persone.
Le indagini sono state avviate a fine del 2017 e hanno consentito di tutelare l’immenso patrimonio culturale ecclesiastico che, altrimenti, avrebbe potuto essere irrimediabilmente danneggiato dagli interventi approssimativi effettuati da persone prive di qualsiasi qualifica professionale nel settore. Eseguite oggi anche tre perquisizioni e sequestri preventivi di immobili, terreni, conti correnti e polizze.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
++ Covid:de Magistris,errori gravi Regione,verso lockdown ++
Sindaco Napoli, che tristezza chiudere le scuole appena riaperte
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
20 ottobre 2020
09:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Penso ci siano stati errori molto gravi della Regione e non è uno scaricabarile, i numeri parlano da soli. Le persone a casa sono sole, appena aumenta la febbre vanno in ospedale, il virus è fuori controllo, la medicina territoriale è stata smantellata già prima della pandemia. De Luca ha vietato anche ai medici di dire la verità. Il tampone viene fatto dopo molti giorni. Il problema non sono i ragazzi.
Non prendiamocela con i cittadini che hanno avuto in gran parte un atteggiamento responsabile. Andremo sicuramente al lockdown in Campania, sono rimasti 15 posti in terapia intensiva”. Così Luigi De Magistris, sindaco di Napoli, su Rai Radio1 all’interno di Radio anch’io condotto da Giorgio Zanchini.
“Che tristezza chiudere le scuole appena riaperte. Adesso il tema centrale è facciamo presto. In questo momento bisogna essere uniti, bene la marcia indietro del governo, Conte forse era stanco l’altra sera in conferenza stampa. La gente sta capendo che bisogna essere responsabili ma non rinunciare subito agli altri diritti” ha aggiunto l’ex pm.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo attentato a strutture sociali Foggia
Colpiti ancora i fratelli Vigilante che le dirigono
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FOGGIA
20 ottobre 2020
09:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo attentato incendiario alle strutture sociali dei fratelli Vigilante di Foggia. E’ il quarto dall’inizio dell’anno, l’ultimo in aprile in pieno lockdown, con una bomba davanti al centro anziani ‘Il sorriso di Stefano’. La notte scorsa, invece, è stato appiccato il fuoco alla porta d’ingresso della ‘Ristorazione Più’ di via Saverio Altamura, dove si preparano i pasti per le strutture della ‘Sanità più’.
“Questa è una vera e propria sfida. Vogliono fare terra bruciata intorno a noi fino a quando non smettiamo di fare impresa”. È il commento rilasciato da Luca Vigilante, direttore amministrativo della “Sanità Più”, già sotto scorta da gennaio scorso dopo aver subito i primi due attentati dinamitardi.
Dall’inizio dell’anno, i fratelli Luca e Christian Vigilante sono stati colpiti, la prima volta, nella notte del 3 gennaio: ignoti fecero saltare in aria l’auto di Christian Vigilante in via d’Aragona. Poi, neanche due settimane dopo, all’alba del 16 gennaio una bomba esplose davanti al centro diurno per anziani il “Sorriso di Stefano” in via Vincenzo Acquaviva; per questo episodio il presunto responsabile venne arrestato nell’aprile scorso. E il primo aprile venne colpito di nuovo il centro per anziani, in pieno lockdown. Ad agire la scorsa notte, a quanto si è appreso, è stato un uomo con il volto coperto, arrivato in bici davanti alla ‘Ristorazione Più’: dopo aver compiuto un sopralluogo, è tornato e ha cosparso con liquido infiammabile la porta di ingresso, appiccando poi il fuoco. Le fiamme hanno causato notevoli danni, ma la struttura – fanno sapere i titolari – continuerà a lavorare regolarmente.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vittima di stupro ‘mascolina’, prima assolti ora condannati
Corte d’Appello ribalta la decisione dopo stop in Cassazione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 ottobre 2020
21:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Corte di Appello di Perugia ha ribaltato, dopo l’annullamento con rinvio della Cassazione, la sentenza della Corte di Appello di Ancona che aveva assolto due giovani sudamericani accusati di aver violentato una ragazza peruviana a Senigallia, con un verdetto che fece scalpore perchè si faceva riferimento anche alla ‘mascolinità’ della ragazza per dare credito alla versione assolutoria dei due imputati e, al contrario, minare la credibilità della vittima. Nei confronti dei due è stata così confermata la sentenza di primo grado che aveva condannato uno a 5 anni e l’altro a 3 anni di reclusione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gruber conduce da casa, ‘un mio collaboratore ha il Covid’
In apertura di Otto e mezzo, “io negativa al tampone”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 ottobre 2020
21:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Da stasera e per tutta la settimana mi vedrete condurre ‘Otto e mezzo’ da casa, perché un mio collaboratore è risultato positivo al Covid. Ieri ho fatto il tampone, che per fortuna era negativo, ma siccome qui a La7 rispettiamo tutti i protocolli, finché non avrò fatto il secondo tampone, andrò in onda da casa”. Così la conduttrice di Otto e mezzo su La7, Lilli Gruber, in apertura della puntata di questa sera.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rosi, detesto filmare, il mio cinema è incontro
Il regista di Notturno sceglie Bunuel e De Seta come riferimento
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 ottobre 2020
19:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Detesto filmare” dice Gianfranco Rosi, il regista Leone d’oro a Venezia con Sacro Gra e Orso d’oro a Berlino con Fuocoammare, che con l’ultimo film Notturno faticosamente e rischiosamente realizzato in Medio Oriente è stato in concorso a Venezia 77 uscendo, tra le polemiche, a mani vuote ma che potrebbe essere designato come film italiano candidato agli Oscar 2021, quest’anno spostati al 25 aprile (la commissione Anica si riunirà entro martedì 1 dicembre).
“Quando metti la cinepresa tutto cambia, i momenti più belli per me sono e restano quelli della ricerca, della preparazione, degli incontri. Senza gli incontri il cinema, il mio cinema non esiste, io non parto dalla sceneggiatura, non ce l’ho proprio ed è per questo che non faccio film di finzione. Io parto dall’intuizione, dall’essenza e perciò sono reticente a filmare e aspetto, aspetto, indugio sulle inquadrature rincorrendo la luce giusta, che per me è un modo per rinviare il ciak”, spiega Rosi nell’Incontro Ravvicinato alla Festa di Roma, moderato dal direttore Antonio Monda, davanti ad un pubblico giovane, attento, in religioso silenzio.
“Mi mette ansia incredibile dare il ciak – confessa Rosi, doppio passaporto italiano e americano, diplomato alla New York University Film School – perché sono cosciente che la cinepresa in azione fa cambiare la realtà, la situazione che mi aveva affascinato rischia di scolorarsi”. Durante l’incontro sono state mostrate scene di due film ‘preferiti’ scelti da Rosi, oltre che spezzoni dei suoi documentari: Banditi a Orgosolo (1961) di Vittorio De Seta e Los Olvidados, i figli della violenza di Luis Bunuel.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una rara opera di de Chirico all’asta da Sotheby’s
Pomeriggio di Arianna pezzo forte Impressionismo e Arte Moderna
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
19 ottobre 2020
19:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un raro capolavoro di Giorgio de Chirico sarà il pezzo forte della vendita di arte moderna e impressionismo da Sotheby’s a New York prevista per il 28 ottobre. Si tratta de ‘Il pomeriggio di Arianna’ del 1913, stimato tra i 10 ed i 15 milioni di dollari. L’opera è una delle otto tele che fanno parte della serie dei primi dipinti di de Chirico oltre a rappresentare la genesi dello stile metafisico del pittore italiano.
Di queste otto tele, datate tra il 1912 e 1913, cinque sono in istituzioni museali come il Metropolitan Museum of Art a New York e il Philadelphia Museum of Art, mentre solo tre, tra cui Il Pomeriggio di Arianna, fanno parte di collezioni private.
L’opera si distingue dalle altre tele per il suo formato verticale in larga scala e perché è l’unico esempio che descrive l’emblematica nave dal mito di Arianna con cui Teseo di allontana dall’isola di Naxos.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, il Coro di Santa Cecilia in quarantena
Un artista è risultato positivo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 ottobre 2020
18:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Coro di Santa Cecilia è in quarantena preventiva per dieci giorni dopo che uno degli artisti è risultato positivo al Covid-19. Lo ha deciso l’Accademia Nazionale dopo aver appreso la notizia e aver consultato il medico del lavoro e la Asl.
Il concerto in programma giovedì 22 ottobre diretto dal maestro Antonio Pappano, con repliche venerdì 23 e sabato 24, subirà quindi una variazione di programma: le Canzoni e i Mottetti di Giovanni Gabrieli e le Variazioni Corali di Stravinskij, che vedono protagonista il Coro, non verranno eseguite.
Secondo la prassi, tutti gli ambienti dell’Auditorium Parco della Musica, compresi i camerini degli artisti, sono stati sanificati e le attività dell’Accademia si svolgeranno regolarmente.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Preziosi, grazie al Covid racconto il terremoto
Alla Festa di Roma il suo docu tra filmati e testimonianze
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 ottobre 2020
17:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Può capitare, come è accaduto ad Alessandro Preziosi, che il Covid, la pandemia, siano stati una sorta di volàno per la sua opera prima da regista: il documentario La legge del terremoto, in anteprima oggi alla 15/a edizione della Festa del Cinema di Roma e poi in sala con il Luce il 23-24-25 novembre.
Il suo viaggio dal taglio poetico nei terremoti italiani, dal Belice fino all’Irpinia ed Amatrice, attraverso gli archivi di immagini dell’Istituto Luce è infatti accompagnato da dichiarazioni di uomini di cultura e di scienza, raccolte appunto durante la pandemia, in cui si sente l’ombra lunga emotiva di questa realtà che rende tutti un po’ più fragili, più pronti ad aprirsi.
Preziosi, giovanissimo testimone del sisma in Irpinia nel 1980, ci porta attraverso un suo personale percorso narrativo, nel Belìce, poi in Friuli, Assisi, l’Aquila, Amatrice tra filmati di repertorio, scene di animazione, dichiarazioni di testimoni di allora e di oggi: dai Vigili del Fuoco ai volontari fino a Mario Cucinella, Pierluigi Bersani, Angelo Borrelli, Grazia Francescato e altri ancora. “Girato durante il Covid con persone che lo avevano vissuto e lo stavano vivendo, ho raccolto testimonianze di grande umanità come quella di De Luca che ha raccontato il suo ‘terremoto’, ricordando il suo infarto, o di Sapelli che dichiara che il suo ‘terremoto emotivo’ c’è stato quando ha incontrato sua moglie”.
Certo, aggiunge l’attore che non nasconde la sua voglia di continuare a sperimentare la regia, “questo film parla della morte come della vita, ma soprattutto del grande amore che ho verso l’essere umano”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nina Zilli, io positiva al covid, contagiata forse a cena
La cantante su Instagram: “Attenti ai luoghi chiusi affollati”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 ottobre 2020
16:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La cantante Nina Zilli si va ad aggiungere alla lunga lista di personaggi vip risultati positivi al coronavirus. Lo rende noto la stessa artista in una serie di stories sul suo profilo Instagram in cui racconta anche come potrebbe essersi contagiata, e questa è la sua ricostruzione: “Molto probabilmente l’ho preso ad una cena. Tutto il ristorante era senza mascherina, perché quando si mangia… Ecco, vi consiglio di non andare al ristorante, di non stare più in luoghi chiusi affollati. Io mi sono quarantenata, ma vi consiglio di di smettere la vita sociale questa e la prossima settimana. Ho fatto di tutto per non prenderlo, ve lo giuro.
Eppure va oltre il nostro controllo”.
In un altro post scrive: “Oggi sono #cleopatra, 😫😪 servono sempre un po’ di autoironia e figaggine indotta da una app, quando la fortuna è cieca e la sfiga ci vede benissimo. Mi metto nel mio “sarcofago” e aspetto la prossima reincarnazione”.
Nina Zilli prova anche a sdrammatizzare su Instagram la notizia della sua positività al Covid-19: “Ho il Covid. Negli ultimi 5 giorni: 2 tamponi negativi, 1 sierologico negativo. E dopo un’ora dal sierologico negativo… mi è venuta la febbre”, già in isolamento, ha raccontato ai suoi follower di aver comunque fatto di tutto per evitare il contagio, e di essersi sottoposta più volte a tampone ed esame sierologico (sempre pagati di tasca sua, raddoppiando le analisi in occasione di sue ospitate in tv): “Lo facevo chiaramente per proteggere la mia famiglia, ancor prima di me. Sappiate che non ha funzionato”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Morto a 88 anni Enzo Mari, maestro del design
Sala, se ne va gigante del ‘900 che ha creato icone leggendarie
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
19 ottobre 2020
14:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È morto a Milano a 88 anni Enzo Mari che è stato uno dei più grandi designer italiani del Novecento. Nella sua carriera ha ricevuto 5 premi Compassi d’Oro, di cui l’ultimo nel 2011 alla carriera.
Mari è stato l’autore di oltre 1500 oggetti realizzati soprattutto da aziende italiane. Tra i più significativi il vassoio Putrella, fatto da un unico pezzo di trave da edilizia in acciaio, la sedia Delfina, la sedia Mariolina.
Le sue opere sono esposte nei principali musei di arte e design del mondo, come la Galleria nazionale d’arte moderna di Roma, il Museum of modern art di New York, il Triennale Design Museum di Milano. Enzo Mari ha donato al Comune di Milano il suo archivio con la sua attività dal 1952 al 2015.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 150 in ospedale Cagliari,apre 4/o reparto da 22 posti
Solo due letti liberi in terapia intensiva al SS. Trinità
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
20 ottobre 2020
10:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Aperto all’ospedale Santissima Trinità di Cagliari il quarto reparto Covid con 22 posti letto disponibili. Già da ieri notte alcuni pazienti sono stati ricoverati nelle stanze messe a disposizione dalla direzione sanitaria guidata da Sergio Marracini. Attualmente si contano 150 pazienti Covid nei quattro reparti e nella terapia intensiva dell’ospedale dedicato ai contagiati dal coronavirus. Solo due i posti liberi in intensiva su 16 a disposizione.
Nel frattempo permane il problema delle ambulanze in coda al Pronto soccorso, anche se oggi se ne contano solo due. Secondo quanto appreso, tra le ipotesi per superare “l’imbuto” che si crea è quella di realizzare piccoli reparti Covid in altri ospedali cittadini per chi viene trasportato dal 118, in maniera da far calare la pressione sul SS. Trinità.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Rifiuti: discariche abusive al Nord, arresti del Noe
Smaltite illecitamente 24mila tonnellate
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
20 ottobre 2020
10:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I carabinieri del Noe di Milano, con la collaborazione dal Gruppo per la Tutela Ambientale di Milano e dai Comandi provinciali competenti territorialmente con l’impiego di circa 400 militari stanno eseguendo numerosi arresti e un decreto di sequestro preventivo emessa dal gip del di Milano su richiesta della D.D.A nei confronti di un’organizzazione ritenuta responsabile di di “attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti”, “gestione di rifiuti non autorizzata” e “realizzazione di discariche abusive” attive principalmente in Piemonte, Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia, che ha smaltito illecitamente circa 24.000 tonnellate di rifiuti provenienti da vari impianti del Nord Italia.

Cronaca tutte le notizie in tempo reale. Tutta la Cronaca costantemente aggiornata, approfondita e completa. LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 11 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 08:18 ALLE 14:36 DI LUNEDì 19 OTTOBRE 2020

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Sequestrate a Napoli 3.700 compresse di farmaci illegali
All’aeroporto di Capodichino a ghanese in arrivo da Istanbul
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
19 ottobre 2020
08:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oltre 3.700 compresse medicinali e farmaceutiche, prive di ogni certificazione richiesta dalla normativa nazionale e comunitaria, sono state scoperte nelle valigie di un passeggero di nazionalità ghanese in arrivo da Istanbul. A sequestrarle i funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, unitamente ai finanzieri in servizio presso l’Aeroporto di Capodichino, nel corso di un controllo presso lo scalo partenopeo.
Tenuto conto dell’eccessivo quantitativo accertato e del divieto di introdurre farmaci sul territorio nazionale senza le prescritte autorizzazioni dell’AIFA, i prodotti sono stati sottoposti a sequestro e il passeggero denunciato all’autorità giudiziaria per violazione della normativa di settore.
Il risultato – si sottolinea in una nota – si inserisce nel quadro delle attività di controllo svolte quotidianamente dai finanzieri e dai funzionari dell’Agenzia delle Dogane all’interno degli spazi doganali, volte alla prevenzione e alla tutela della salute pubblica messa a rischio da prodotti illegali e di scarsa qualità.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ucciso da bomba in auto, operazione carabinieri Vibo e Ros
Individuate le persone che hanno posizionato l’ordigno
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
19 ottobre 2020
09:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Operazione dei carabinieri, denominata “Demetra 2”, diretta dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro nelle province di Vibo Valentia e Reggio Calabria. Le indagini, condotte dai carabinieri del Nucleo investigativo di Vibo Valentia e del Reparto Crimini Violenti del Ros di Roma, coordinate dal sostituto procuratore Andrea Mancuso, hanno consentito di individuare le due persone che hanno fabbricato e materialmente posizionato l’ordigno che il 19 aprile del 2018 ha provocato la morte del caporalmaggiore Matteo Vinci ed il grave ferimento del padre Francesco Antonio.
“L’articolato provvedimento cautelare, emesso dal Gip del Tribunale di Catanzaro, su conforme richiesta della Procura antimafia diretta dal dott. Nicola Gratteri – é detto in una nota stampa dei carabinieri – è stato eseguito a carico di 7 persone, gravemente indiziate, a vario titolo, oltre che dei reati di omicidio e tentato omicidio, anche di danneggiamento, porto di esplosivi, tentata estorsione e traffico di sostanze stupefacenti. Già erano stati assicurati alla giustizia, a solo un paio di mesi dall’esplosione, i mandanti dell’omicidio, appartenenti alla potente famiglia Mancuso. L’efferato crimine è maturato in un più ampio disegno estorsivo, posto in essere dai Mancuso, finalizzato all’illecita acquisizione di terreni, alla quale si sarebbe opposta la famiglia Vinci. La mano degli esecutori, invece, sarebbe stata armata dalla necessità di saldare un debito contratto nei traffici di droga”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Truffa e prostituzione, 13 arresti a Bari
Ci sono 5 avvocati tra i 27 indagati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
19 ottobre 2020
09:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Guardia di Finanza di Bari, la Polizia stradale e i Carabinieri hanno eseguito una misura cautelare disposta dalla magistratura nei confronti di 13 persone accusate di associazione per delinquere finalizzata alle truffe assicurative, allo sfruttamento della prostituzione, al riciclaggio e all’autoriciclaggio. Nell’inchiesta sono indagate complessivamente 27 persone, tra le quali ci sono anche 5 avvocati.
Contestualmente agli arresti, è scattato anche il sequestro di beni per 80mila euro nei confronti del principale indagato, un 37enne.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Truffe:percepiscono indebitamente sussidi Covid,10 denunce
E’ accaduto nel Reggino, falsi indigenti individuati dai Cc
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
REGGIO CALABRIA
19 ottobre 2020
09:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dieci persone sono state denunciate dai carabinieri a Scido per aver percepito indebitamente i sussidi in supporto delle famiglie per l’emergenza Covid-19. Nel corso delle verifiche sulla documentazione presentata da alcuni residenti del Comune in provincia di Reggio Calabria, infatti, i carabinieri si sono imbattuti in false dichiarazioni attestanti la situazione di indigenza di alcune delle persone che avevano presentato istanza per ottenere i sussidi. In tal modo alcuni soggetti sono riusciti ad attingere indebitamente ai fondi statali erogati in favore delle famiglie bisognose per un totale di 5mila euro.
I truffatori, tutti residenti a Scido, sono stati denunciati per i reati di falso ideologico e truffa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:nuova sassaiola contro poliziotti tendopoli Calabria
Protesta migranti “zona rossa”, divelti cancelli e inferriate
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SAN FERDINANDO
19 ottobre 2020
10:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ancora momenti di forte tensione e una fitta sassaiola contro le forze di polizia a San Ferdinando in provincia di Reggio Calabria dove vivono circa 260 immigrati di origine africana che lavorano nei campi della Piana di Gioia Tauro. Una ventina di migranti residenti nella tendopoli dichiarata “zona rossa” per la presenza di casi positivi al coronavirus e che per questo non possono lasciare l’area, dopo avere abbattuto inferriate e cancelli, hanno scagliato contro i poliziotti schierati in assetto antisommossa pietre a altri oggetti tra cui anche bottiglie di acqua e scatolette di tonno. Devastato il gabbiotto d’ingresso. Non ci sono feriti.
I migranti, molti dei quali sono risultati positivi al coronavirus, chiedono di uscire per andare a lavorare nei campi.
I funzionari di polizia presenti sono andati a parlare con i manifestanti, ma la situazione rimane di estrema tensione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: nuovo sbarco nel sud Sardegna, arrivano in otto
Un barchino dall’Algeria intercettato a Teulada dalla Finanza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TEULADA
19 ottobre 2020
10:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo sbarco di migranti nel sud Sardegna. Ieri notte un pattugliatore della Guardia di finanza ha intercettato un barchino con a bordo otto stranieri al largo di Teulada, sulla costa sud occidentale della Sardegna, in arrivo dalle coste del Nord Africa.
I migranti sono stati trasportati fino al porticciolo di Sant’Antioco dove ad attenderli c’erano i carabinieri. Gli otto, tutti uomini algerini, sono stati trasferiti nel centro di prima accoglienza di Monastir dove, dopo le visite mediche e le operazioni di identificazione, rimarranno in quarantena nella stessa struttura.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Montanelli: Digos, studente perquisito
Trovata in casa studente carta credito usata per bombolette
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
19 ottobre 2020
10:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Questa mattina la Digos di Milano ha eseguito una perquisizione nei confronti di uno studente universitario, A. M. di 21 anni, che fa parte del gruppo Lume (Laboratorio universitario metropolitano) affiliato all’area antagonista milanese.
Durante la perquisizione avvenuta nell’ambito dell’inchiesta per l’imbrattamento della statua di Indro Montanelli avvenuta nei giardini di via Palestro a Milano tra il 13 e 14 giugno 2020, è stata rinvenuta la carta di credito con la quale sono state acquistate le bombolette di vernice.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incidenti lavoro:gru tocca fili alta tensione,un morto
Vittima è operaio 50enne,collega ustionato in gravi condizioni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIUMEFREDDO BRUZIO
19 ottobre 2020
11:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un operaio di circa cinquant’anni è morto sul colpo ed un altro è rimasto gravemente ferito in un incidente sul lavoro avvenuto a Fiumefreddo Bruzio, in provincia di Cosenza.
Secondo i primi rilievi, i due operai stavano lavorando su una gru in un’area privata quando, per cause ancora in corso d’accertamento, il mezzo meccanico ha toccato i cavi dell’alta tensione della ferrovia.
La potente scarica elettrica ha scaraventato uno dei due a diversi metri di distanza dalla gru. Sul posto immediatamente si sono recati i soccorritori del 118 che hanno poi richiesto l’intervento dell’eliambulanza. L’altro operaio, anche lui sulla cinquantina, è rimasto gravemente ustionato ed è stato trasportato nell’ospedale di Cosenza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in rsa 13 decessi in 15 giorni
A Concorezzo, alle porte di Monza; tre nel fine settimana
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MONZA
19 ottobre 2020
11:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Altri tre anziani dell’Rsa Villa Teruzzi a Concorezzo, nella periferia di Monza, sono morti durante il fine settimana portando a 13 il numero dei deceduti in 15 giorni. Nella struttura, che nella prima ondata di infezioni tra febbraio e giugno non aveva registrato un solo caso di contagio, solo 4 su una quarantina di ospiti sono risultati negativi ai tamponi.
Il sindaco Mauro Capitanio ha reso noto che l’Ats ha già fatto due ispezioni. Dalle verifiche è emerso che tutti i protocolli di sicurezza sarebbero stati rispettati e non è ancora stato possibile risalire a come il virus sia entrato nella Rsa, presso la quale lavorano 49 operatori, una ventina dei quali sono risultati positivi. Anche in paese (15.700 abitanti), ha precisato Capitanio, si registrano nuovi casi e un decesso. Per quanto riguarda le scuole, 2 classi elementari e in una delle medie si stanno osservando i protocolli di sicurezza, dopo casi di contagio. “Siamo nel picco dell’escalation del fenomeno – ha detto il sindaco – ma stiamo cercando di mantenere il più possibile un equilibrio tra il rispetto delle norme di sicurezza e prevenzione e il poter continuare con una vita normale”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cirio, a confini Piemonte controllo febbre a campione
Chi ce l’ha dovrà recarsi presso Asl più vicina
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
19 ottobre 2020
11:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Piemonte effettuerà una “azione informativa e di controllo a campione” ai varchi di frontiera con la Francia. Lo annuncia il governatore Alberto Cirio che nei giorni scorsi aveva evidenziato la necessità di sorvegliare i confini per presidiare il territorio dai casi di Coronavirus provenienti dall’estero. “La nostra protezione civile sta allestendo delle tende dove, affiancata dalla polizia, misureremo la febbre a campione a chi arriva – spiega Cirio ai microfoni di Agorà, su Rai Tre – In caso di febbre, intimeremo di recarsi all’Asl più vicina per essere presi in carico dal sistema sanitario regionale”.   PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ruby: legittimo impedimento motivi salute Berlusconi
Tribunale Milano concede rinvio a difesa, si va al 16/11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
19 ottobre 2020
12:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il tribunale di Milano ha accolto la richiesta della difesa di Silvio Berlusconi, tra gli imputati per il caso Ruby ter, di rinvio del processo per legittimo impedimento dovuto a motivi di salute, e ha aggiornato l’udienza al prossimo 16 novembre nell’aula della Fiera al Portello.
L’avvocato dell’ex premier, Federico Cecconi, ha presentato documentazione medica per attestare che le condizioni di salute del Cavaliere, oramai 84enne, non consentono ancora la ripresa della vita ordinaria e quindi anche di recarsi al Palazzo di Giustizia. Il leader di Forza Italia, tra l’altro, di recente è guarito dal Covid.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Baby gang, 5 minori in carcere per stalking e estorsione
Ad Ancona 8 vittime minacciate di morte per avere denaro
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
19 ottobre 2020
11:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Stalking ed estorsione aggravata nei confronti di otto vittime. Con queste accuse la Procura dei Minorenni di Ancona ha chiesto ed ottenuto cinque misure cautelari in carcere per ragazzi di età compresa tra i 16 e i 18 anni (uno li ha compiuti da poco, ma era minorenne all’epoca dei fatti), tutti italiani, mentre altri 8 sono indagati, per aver picchiato, minacciato ed estorto denaro a dei loro coetanei, due addirittura affetti da una minorazione psicofisica. “Le vittime sono state anche minacciate di morte – ha spiegato il procuratore dei Minori Giovanna Lebboroni in un incontro stampa – con spiegazione sulla fine che avrebbero fatto fare loro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tra le minacce dicevano ai ragazzi che li avrebbero messi in un sacchetto”. L’indagine è partita a fine 2019 e ha visto impegnata la Squadra Mobile di Ancona diretta da Carlo Pinto e la polizia giudiziaria della Procura minorile. I fatti, accaduti nel capoluogo marchigiano e hanno interessato anche l’ambiente scolastico, oltre ai ritrovi, in centro e in quartieri periferici, dei ragazzi di quell’età.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: senza mascherina aggrediscono carabinieri
A Bologna, due ventenni sanzionati e denunciati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
19 ottobre 2020
12:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sorpresi a passeggiare nel centro di Bologna senza la mascherina, hanno offeso e in un caso anche aggredito i Carabinieri che li invitavano a indossarla. È successo nel fine settimana appena trascorso, durante i controlli svolti dall’Arma per verificare il rispetto delle norme e dei comportamenti sociali da tenere per evitare la diffusione del Covid-19. In Piazza Verdi, zona universitaria, una delle piazze toccate dal divieto di stazionamento dalle 18 alle 6, un ragazzo di 25 anni ha insultato e poi preso a calci i militari che gli avevano detto di mettersi la mascherina.
Oltre alla sanzione prevista, è stato denunciato per resistenza a un pubblico ufficiale. Un episodio simile è successo nella vicina via delle Belle Arti, dove una studentessa di 20 anni ha insultato i militari che l’avevano gentilmente invitata a indossare la mascherina. Per la giovane, insieme alla sanzione, è scattata una denuncia per oltraggio a pubblico ufficiale. Complessivamente, nel corso dei controlli le persone identificate sono state più di 2.200.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Strangolò la moglie:sentenza appello a Sassari il 5 novembre
Imputato reoconfesso condannato a 30 anni in primo grado
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SASSARI
19 ottobre 2020
12:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ attesa per il 5 novembre prossimo la sentenza della Corte d’assise d’appello di Sassari nei confronti di Marcello Tilloca, il 44enne di Alghero – reoconfesso – già condannato a 30 anni in primo grado con rito abbreviato per aver ucciso la ex moglie Michela Fiori, di 40 anni. La donna, che aveva deciso di separarsi dal marito, era stata strangolata il 23 dicembre del 2018 nel suo appratamento ad Alghero, dove fino a qualche mese prima la coppia viveva insieme ai due figli.
Oggi davanti alla Corte presieduta dalla giudice Maria Teresa Lupinu e di fronte al pg Stefano Fiori, è stata la volta degli avvocati di parte civile Lisa Udassi, Marco Manca e Daniela Pinna Vistoso, che rappresentano rispettivamente la madre, il fratello e la nonna della vittima, e del difensore di Tilloca, Maurizio Serra. Il legale ha parlato per oltre un’ora e ha chiesto per il suo assististo le attenuanti generiche.
Nell’udienza del 5 ottobre aveva parlato l’avvocata Gavinuccia Arca per conto della Rete delle Donne di Alghero, costituitasi parte civile, associandosi alla richiesta dell’accusa per la conferma della condanna a 30 anni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Appendino, chiusura non può essere onere sindaci
Sindaca Torino, serve confronto immediato col governo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
19 ottobre 2020
13:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’onere di chiudere al pubblico strade e piazze “deve essere concertato da tutte le Istituzioni territoriali, con ampie competenze in termini di sicurezza e controllo. Non può in alcun modo essere in capo alle singole Amministrazioni”. Lo sostiene la sindaca di Torino, Chiara Appendino, che annuncia l’intenzione di confrontarsi “domani stesso col governo in sede di Cosp”. “La Polizia Municipale non sarebbe in grado di aggiungere ai già numerosissimi compiti anche un controllo così capillare degli spazi pubblici, peraltro in un momento delicato come quello che stiamo vivendo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:in Sicilia piano 500 posti intensiva,ora 70 ricoverati
Regione pronta a eventuale picco, rapporto contagi-ricoveri 8,3%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
19 ottobre 2020
13:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per non farsi trovare impreparata di fronte a un’eventuale escalation del virus e tenendo a riferimento il rapporto tra contagiai asintomatici e quelli ospedalizzati (pari all’8,3%), la Regione siciliana è al lavoro su un piano che prevede di allestire fino a 2.500 posti letto negli ospedali per i malati di Covid. Anche se al momento i ricoverati sono 563, l’assessore alla Salute, Ruggero Razza, assieme al comitato scientifico e agli esperti sta implementando, quello che il governo ha da sempre definito il piano “a fisarmonica”, che consente di agire in modo tempestivo nei vari territori, anticipando il virus. Rispetto alla prima ondata nessun ospedale, a differenza di altre regioni d’Italia, è dedicato solo al Covid, anzi. La scelta del governo Musumeci è stata proprio quella di garantire i pazienti affetti da altre patologie e che hanno bisogno di cure. Dei 2.500 posti letto ‘anti-Covid’, il 20 per cento è destinato alla terapia intensiva e sub-intensiva: in questo momento in Sicilia i ricoverati occupano 70 posti letto nelle intensive.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cucchi:per Stefano un albero davanti a università ‘Sapienza’
Ilaria, ‘quel che abbiamo costruito diventerà sempre più grande’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
19 ottobre 2020
14:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Oggi è una giornata preziosa per la memoria di Stefano Cucchi, il Municipio II ha risposto all’appello del Comitato Promotore del Memorial con un atto di coraggio e di grande valore simbolico. A piazzale Aldo Moro, davanti all’Università La Sapienza di Roma, è stato piantato un albero ed è stata apposta una targa in suo ricordo”. Così in una nota Gianluca Peciola, portavoce del Comitato Promotore Memorial Stefano Cucchi. “Ringraziamo la presidente Francesca del Bello, l’assessore Rino Fabiano e i rappresentanti dell’Università La Sapienza per aver onorato la memoria di Stefano a sostegno della mobilitazione per i diritti fondamentali della persona”.
All’iniziativa ha partecipato anche Ilaria Cucchi: “Questo albero di ulivo e questa targa a piazzale Aldo Moro sono meravigliosi – ha detto la sorella di Stefano – Il 6° Memorial Stefano Cucchi, che ieri ha visto una staffetta attraversare le vie di tutta la città, simboleggia l’uscire dall’isolamento che veramente può uccidere. La comunità degli affetti ancora una volta si è stretta intorno a me e alla mia famiglia a sostegno della nostra battaglia. Quello che abbiamo costruito tutti insieme, passo dopo passo, diventerà sempre più grande”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cinema: incassi a -25%, Greenland ancora in testa
Tre new entry, sul podio Lockdown all’italiana e Copperfield
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 ottobre 2020
11:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ancora un weekend di sofferenza per gli incassi delle sale italiane che, secondo i dati Cinetel (periodo 15-18 ottobre) segnano ancora un dato negativo rispetto al weekend precedente, -25% (1.753.384 euro contro 2.336.834 euro della scorsa settimana), e una percentuale diminuita in maniera disastrosa, rispetto allo stesso periodo pre pandemia del 2019 (11.208.765), con -84.36%.
Tanto per rimanere in tema di catastrofi, in vetta alla top ten dei film più visti, resta, per la seconda settimana consecutiva, il disaster movie Greenland, di Ric Roman Waugh, con Gerard Butler, ennesima pioggia di meteoriti che minaccia la Terra, che segna 353.391 euro, 1.246.618 totali.
Seconda posizione per una delle tre new entry della top ten, Lockdown all’italiana, commedia sul periodo della chiusura del nostro Paese causa pandemia, di Enrico Vanzina, che registra 217.657 euro. Terzo gradino, con 175.787 euro d’incassi, per un altro nuovo ingresso, La vita straordinaria di David Copperfield di Armando Iannucci, con Dev Patel e Tilda Swinton, versione cinematografica “pop” del romanzo piu’ famoso (insieme a “Oliver Twist”) di Charles Dickens.
Quarta posizione per la terza e ultima new entry della top ten, con Trash di Francesco Dafan e Luca Della Grotta, cartoon italiano rivelazione, sulla storia di rifiuti, “dotati di anima e sentimenti” abbandonati nelle discariche, che guadagna 130.677 euro. Quinto posto per la commedia Un divano a Tunisi che ottiene 110.113 euro.      CINEMA

Cronaca tutte le notizie in tempo reale. Tutte, sempre complete, approfondite ed aggiornate! LEGGILE E CONDIVIDILE!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 7 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 15:54 DI DOMENICA 18 OTTOBRE 2020

ALLE 08:18 DI LUNEDì 19 OTTOBRE 2020

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: appello sindaci isola Capri, riaprire le scuole
Lettera a presidente De Luca: non c’è rischio di assembramenti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
18 ottobre 2020
15:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sull’isola di Capri si può consentire la didattica in presenza perché gli studenti non hanno bisogno di utilizzare i mezzi pubblici per raggiungere gli istituti scolastici, quindi senza alcun rischio di assembramento e di conseguente contagio da Covid. E’ quanto scrivono in una lettera indirizzata al presidente della Campania, Vincenzo De Luca, all’assessore Regionale all’Istruzione, Lucia Fortini, e al presidente ANCI Campania, Carlo Marino, i sindaci di Capri ed Anacapri, Marino Lembo e Alessandro Scoppa.
La maggior parte dell’isola è infatti pedonale, osservano i due sindaci. L’appello dei due sindaci si chiude con la richiesta di integrare la precedente ordinanza regionale del 16 ottobre, consentendo così l’attività in presenza, oltre che per le scuole dell’infanzia, già autorizzate, anche per le scuole primarie e le scuole secondarie di I e II grado.   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

In Lombardia quasi 3000 casi, ricoveri sopra quota 1000
Altri 21 morti. Direttore Ats Milano, la situazione è critica
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
18 ottobre 2020
17:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono ancora in crescita tutti i dati della pandemia in Lombardia: i nuovi casi sono 2975 con 30.981 tamponi per una percentuale pari al 9,6%., mentre ieri c’erano stati 2.664 nuovi positivi con 29.053 tamponi (9.1%).
Salgono i ricoveri in terapia intensiva (+14, 110 in totale) e con altri 122 posti letto occupati i ricoveri nei reparti non di terapia intensiva superano quota mille e salgono a 1.065. I decessi sono 21 (ieri 13) per un totale di 17.078 persone morte in regione dall’inizio della pandemia.
Continuano a salire i casi a Milano, dove si registrano 1.463 nuovi positivi, di cui 727 a Milano città, e sono sempre in crescita anche i dati delle province di Varese (354), Monza e Brianza (353) e Pavia (132).
“Aumentano i ricoveri in terapia intensiva e sono in costante crescita anche i casi positivi. La situazione è critica in Lombardia, ma in particolare a Milano e nella Città metropolitana. Occorre l’aiuto di tutti i cittadini per fermare la corsa del virus”, ha detto Walter Bergamaschi, direttore generale dell’ATS di Milano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ancora casi in aumento, 11.705. I decessi sono 69
Tamponi a quota 146 mila, incidenza positivi sale all’8%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2020
17:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ancora in aumento i casi di Covid in Italia: sono 11.705 i nuovi contagi nelle ultime 24 ore secondo il bollettino del Ministero della Salute. Rispetto a ieri, quando si era sfiorata quota 11 mila (10.925), sono 780 in più.
I decessi sono stati 69, in aumento rispetto ai 47 di ieri. I tamponi sono stati 146 mila, in calo di circa 20 mila rispetto a ieri. I contagiati totali sono oltre 414 mila.
Sfiora l’8%, ed è in aumento, l’incidenza del numero di persone risultate positive rispetto al numero complessivo di tamponi effettuati nelle ultime 24 ore (precisamente il 7,99%).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 126.237 le persone attualmente positive al Covid in Italia (9.302 in più rispetto a ieri). Di queste, 7.131 (+514) sono ricoverate nei reparti ordinari mentre 750 (+45) sono in terapia intensiva: 110 sono in Lombardia, 99 nel Lazio, 78 in Campania e 70 in Sicilia. I decessi hanno raggiunto quota 36.543 (+69) e i guariti sono in tutto 251.461 (+2334).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Lombardia si avvicina a quota 3 mila contagi in più in 24 ore (2.975) con il Piemonte (1.123), la Campania (1.376) e il Lazio (1.198, ma con circa 200 dei giorni scorsi) che registrano un aumento di oltre mille casi da ieri. Secondo i dati del ministero della Salute, aumento forte anche in Toscana (906) e in Veneto (800). La regione con minore incremento di contagi è il Molise con 27 e la Basilicata con 48.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Distinguere Covid da influenza,Spallanzani sperimenterà test
Assessore Lazio, “presto al via, se validato sarà preziosissimo”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
18 ottobre 2020
18:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Presto lo Spallanzani sperimenterà i test naso-faringei in grado di distinguere tra influenza stagionale (sia di tipo A che di tipo B) dal Covid-19”. Così l’assessore regionale alla Sanità del Lazio Alessio D’Amato.
“Uno strumento che se validato – osserva – sarà preziosissimo questo inverno”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Travolta e uccisa:autista non si sarebbe accorto della donna
(V. ‘Travolta e uccisa: fermato autista camion…’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
POZZUOLI (NAPOLI)
18 ottobre 2020
19:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato l’autista di un mezzo della raccolta rifiuti che opera a Pozzuoli (Napoli) a travolgere ed uccidere la donna 72enne alla rotonda di Lucrino nei pressi della stazione Cumana e comunemente indicata come ‘Rotonda Cavani’. Agli investigatori ha detto di non essersi accorto della presenza della donna.
Sono le indicazioni che emergono dalle indagini dei carabinieri di Pozzuoli, coordinati dal maggiore Claudio Di Stefano, al termine di una intensa giornata di accertamenti.
L’uomo, 60 anni, è stato interrogato a lungo nella caserma dei carabinieri di Arco Felice ed ha permesso di ricostruire la dinamica dell’incidente. La donna è stata travolta dalle ruote posteriori del pesante mezzo, finendo in terra senza scampo.
L’autista, al momento, dovrà rispondere in stato di libertà di omicidio stradale. Le indagini proseguono per appurare se, come dichiarato dal conducente del mezzo, egli non si sarebbe accorto di aver travolto la donna che stava in prossimità del marciapiede della rotonda.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Statua Sarkana in Giardini Montanelli
Assessore De Corato, gesto illegale e che viola norme anti-Covid
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
18 ottobre 2020
19:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una statua in ferro dedicata al rivoluzionario anti-colonialista africano presidente del Burkina Faso, Thomas Sankara, è stata installata oggi ai Giardini Montanelli di Milano da esponenti dell’area antagonista fra cui il Centro sociale Cantiere e il Comitato per non dimenticare Abba.
L’opera – è stato spiegato dagli ideatori – è stata scolpita da Mor Talla Seck, senegalese della Black Diaspora Art. Una targa riporta una citazione dello stesso Sankara: “Dobbiamo decolonizzare la nostra mentalità e raggiungere la felicità”.
L’installazione si è svolta nell’ambito della chiamata alle arti ‘Decolonize the city’ e segue la decorazione ‘Black lives matter’ dipinta nel campo da Basket del parco Sempione, la rinomina di Corso Colombo in ‘Corso Resistenza Indigena’.
“Sankara – è stato detto – è un simbolo che parla della realtà dello sfruttamento coloniale e neocoloniale europeo in Africa, ma anche della resistenza e della liberazione del Burkina Faso e del continente. Questa statua è un atto di condivisione di sapere, un modo per affermare che non esiste un’unica memoria, un’unica storia e un’unica verità”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La scelta del luogo è stata fatta in polemica con le posizioni del giornalista Indro Montanelli.
Immediata la protesta dell’assessore lombardo alla Sicurezza e all’Immigrazione Riccardo De Corato che già ieri aveva stigmatizzato l’iniziativa: “I no global hanno agito indisturbati, con il volto nascosto dai passamontagna, e hanno persino trasmesso su Facebook la diretta di quanto stavano facendo. Con l’arroganza di chi è sicuro che nessuno li avrebbe contestati e che le forze dell’ordine non sarebbero intervenute per interrompere questo gesto illegale compiuto in un luogo pubblico. Purtroppo, è andato a vuoto il mio appello ai vertici delle forze dell’ordine affinché impedissero questo scempio.
Nonostante fosse stato preannunciato, e persino in piena emergenza Covid 19, le forze dell’ordine non sono intervenute”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da mercoledì l’ingresso ai licei dalle 9
Il nuovo dpcm sarà in vigore da oggi fino al 13 novembre
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 ottobre 2020
01:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Saranno valide fino al 13 novembre le misure del nuovo dpcm sul Covid-19. Lo si legge nella versione finale del testo, pubblicata sul sito del Governo. Le norme entrano in vigore oggi 19 ottobre. Fanno eccezione quelle che rafforzano la didattica a distanza e gli orari scaglionati alle superiori, consentendo i doppi turni e stabilendo l’ingresso a scuola per i liceali non prima delle 9: questa disposizione varrà da mercoledì 21 ottobre.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scala: tenore Meli, sono positivo al Covid
Domani, ultima replica Aida, tenore Jonas Kaufmann sarà Radames
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
18 ottobre 2020
20:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Cari amici, vi comunico che sono risultato positivo al Covid e che pertanto domani non canterò all’ultimo concerto di Aida alla Scala”: lo scrive su facebook il tenore Francesco Meli, impegnato nel ruolo di Radames nell’opera in forma concerto in scena al Piermarini.
“Vi rassicuro tutti, sono asintomatico e mi sento bene – aggiunge – trascorrerò la quarantena nella mia casa di Genova, attenendomi rigorosamente ai protocolli sanitari. Vi terrò aggiornati, fiducioso – conclude il tenore quarantenne – di tornare a cantare prestissimo”.
Domani, per l’ultima replica di Aida, sarà il tenore Jonas Kaufmann a sostenere la parte di Radames. Una sostituzione di lusso, favorita dal fatto che il tenore austriaco è già impegnato giovedì alla Scala in un recital. Alla sua disponibilità i ringraziamenti del teatro e a Meli l’augurio di una “rapida convalescenza”. Tutte le persone che hanno lavorato con Meli ad Aida si sono sottoposte al tampone e sono risultate negative al virus.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Colonna di ambulanze nella notte per evacuare Rsa
Nella zona rossa di Sambuca di Sicilia immagini come a Bergamo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2020
20:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una sequenza di ambulanze che nella notte attraversa il paese deserto, con i lampeggianti accesi, per prelevare gli anziani ospiti di una casa di riposo dove il Coronavirus ha fatto già quattro vittime in pochi giorni. E’ questa la scena alla quale hanno dovuto assistere, dalle finestre, gli abitanti di Sambuca di Sicilia, uno dei Borghi più belli d’Italia, che nel giro di poche settimane è passato da comune Covid free durante tutto il periodo della pandemia a “zona rossa”. Da ieri pomeriggio, infatti, tutte le vie d’accesso sono presidiate dalle forze dell’ordine dopo la decisione assunta dal presidente della Regione che ha di fatto “blindato” il paese. Un modo per cercare di fronteggiare immediatamente un focolaio con 64 positivi rilevati, su circa 6 mila abitanti, oltre ai quattro anziani già deceduti, in gran parte concentrati proprio in quella casa di riposo. Il cluster è stato scoperto grazie anche alla decisione del sindaco, Leo Ciaccio, che nei giorni scorsi aveva lanciato la campagna per uno screening gratuito a tappeto tra tutti i dipendenti del Comune, degli uffici pubblici, e degli esercizi commerciali. E il risultato dei tamponi ha rivelato che il virus era arrivato anche a Sambuca.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ed è stato sempre il sindaco a sollecitare ieri pomeriggio il trasferimento degli anziani in condizioni più gravi tra i trenta degenti della Rsa, tutti positivi insieme ai 14 operatori che li assistono. “Rischiamo di avere altre vittime, non c’è altro tempo da perdere”, ha detto il primo cittadino al presidente della Regione Musumeci che ha subito risposto all’appello. In serata l’arrivo delle ambulanze e del personale sanitario con le attrezzature di biocontenimento che ha cominciato a trasferire i primi anziani verso gli ospedali e gli altri centro Covid dell’isola. E così la lunga processione dei mezzi di soccorso verso l’uscita del paese, per un attimo ha fatto venire alla memoria le immagini dei camion dell’esercito incolonnati per le strade di Bergamo.   VAI ALLE NOTIZIE DAL MONDO

Cronaca tutte le notizie, da leggere e condividere. Sono sempre aggiornate in tempo reale
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 6 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 10:20 ALLE 15:54 DI DOMENICA 18 OTTOBRE 2020

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Uomo ucciso a coltellate a Umbertide
Individuato il presunto responsabile. Indagano i carabinieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
18 ottobre 2020
10:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un uomo di 35 anni è stato ucciso a coltellate la scorsa notte a Umbertide. I carabinieri che stanno indagando sull’accaduto avrebbero già individuato il presunto responsabile, che sarà sottoposto a fermo. L’omicidio è avvenuto all’interno di un appartamento, al culmine di una lite.
Secondo quanto ricostruito fino ad ora dagli investigatori, la lite sarebbe avvenuta per motivi passionali.
Nell’appartamento in cui sono avvenuti i fatti abitavano un’amica della vittima e un suo coinquilino.
Il trentacinquenne è stato colpito da diverse coltellate ed è morto prima del trasporto in ospedale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Azzolina, didattica resta in presenza per tutti
Interventi mirati territorio per territorio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2020
12:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La scuola in presenza è fondamentale per tutti, dai più piccoli all’ultimo anno del secondo grado”.
Questa, a quanto si apprende, la posizione ribadita dalla Ministra Lucia Azzolina nel corso dell’incontro di stamani con le Regioni. Per le superiori una parte di didattica digitale “è già presente”, ha ricordato la ministra. Sulla differenziazione degli orari le Regioni chiedono al Governo di organizzare eventuali adattamenti per le scuole di secondo grado. Passa dunque – a quanto si apprende – la linea del Ministero dell’Istruzione: nessuna misura generalizzata, ma interventi mirati, territorio per territorio, e d’intesa con dirigenti scolastici e famiglie. La Ministra ha poi chiesto che per risolvere le criticità dei trasporti “non si guardi solo a Scuola e Università. La scuola ha “già contribuito a decongestionare i trasporti. Ora si agisca anche su altri settori”, ha detto la ministra.  POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Uomo ucciso a coltellate a Umbertide
Individuato il presunto responsabile. Indagano i carabinieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
18 ottobre 2020
10:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un uomo di 35 anni è stato ucciso a coltellate la scorsa notte a Umbertide. I carabinieri che stanno indagando sull’accaduto avrebbero già individuato il presunto responsabile, che sarà sottoposto a fermo. L’omicidio è avvenuto all’interno di un appartamento, al culmine di una lite.
Secondo quanto ricostruito fino ad ora dagli investigatori, la lite sarebbe avvenuta per motivi passionali.
Nell’appartamento in cui sono avvenuti i fatti abitavano un’amica della vittima e un suo coinquilino.
Il trentacinquenne è stato colpito da diverse coltellate ed è morto prima del trasporto in ospedale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Azzolina, didattica resta in presenza per tutti
Interventi mirati territorio per territorio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2020
12:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La scuola in presenza è fondamentale per tutti, dai più piccoli all’ultimo anno del secondo grado”.
Questa, a quanto si apprende, la posizione ribadita dalla Ministra Lucia Azzolina nel corso dell’incontro di stamani con le Regioni. Per le superiori una parte di didattica digitale “è già presente”, ha ricordato la ministra. Sulla differenziazione degli orari le Regioni chiedono al Governo di organizzare eventuali adattamenti per le scuole di secondo grado. Passa dunque – a quanto si apprende – la linea del Ministero dell’Istruzione: nessuna misura generalizzata, ma interventi mirati, territorio per territorio, e d’intesa con dirigenti scolastici e famiglie. La Ministra ha poi chiesto che per risolvere le criticità dei trasporti “non si guardi solo a Scuola e Università. La scuola ha “già contribuito a decongestionare i trasporti. Ora si agisca anche su altri settori”, ha detto la ministra.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Antonio Ricci ricoverato ad Albenga
Lo stesso autore televisivo ha spinto per ricovero precauzionale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SAVONA
18 ottobre 2020
11:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Antonio Ricci, il ‘papà’ del programma Mediaset “Striscia la Notizia”, è stato ricoverato all’ospedale di Albenga (Savona) dopo essere risultato positivo al Covid-19. Il ricovero è avvenuto per ragioni precauzionali, su decisione dello stesso Ricci e della sua famiglia insieme ai medici. La notizia è stata confermata dalla famiglia che “ha piena fiducia nell’operato della equipe che lo ha in cura”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Appello del Papa per i pescatori fermati in Libia
Il pontefice ricorda liberazione di p. Maccalli, ‘ringrazio Dio’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
18 ottobre 2020
12:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Desidero rivolgere una parola di incoraggiamento e di sostegno ai pescatori fermati da più di un mese in Libia e ai loro familiari. Affidandosi a Maria Stella del mare mantengano viva la speranza di poter riabbracciare presto i loro cari”. Lo ha detto il Papa all’Angelus facendo riferimento alla vicenda dei pescatori italiani, di Mazara del Vallo, fermati in Libia. “Preghiamo in silenzio per i pescatori e per la Libia”, ha aggiunto.
Poi ha ricordato la recente liberazione del missionario rapito in Africa: “Desidero ringraziare Dio per la tanto attesa liberazione di padre Pier Luigi Maccalli” che “era stato rapito due anni fa in Niger. Ci rallegriamo anche perché con lui sono stati liberati altri tre ostaggi”. “Preghiamo per i missionari e per i catechisti e anche per quanti vengono perseguitati o vengono rapiti in varie parti del mondo”, ha aggiunto Papa Francesco.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Papa: le tasse vanno pagate, è un dovere dei cittadini
‘Ma è necessario affermare il primato di Dio nella storia’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
18 ottobre 2020
12:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Le tasse vanno pagate”, “pagare le tasse è un dovere dei cittadini, come anche l’osservanza delle leggi giuste dello Stato. Al tempo stesso, è necessario affermare il primato di Dio nella vita umana e nella storia, rispettando il diritto di Dio su ciò che gli appartiene”. Lo ha detto il Papa all’Angelus spiegando che “da qui deriva la missione della Chiesa e dei cristiani: parlare di Dio e testimoniarlo agli uomini e alle donne del proprio tempo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Primario, ‘abbiamo riaperto reparto Covid,notte allucinante’
Direttore pneumologia Verona, ‘sembra film già visto’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VERONA
18 ottobre 2020
13:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ieri abbiamo riaperto. Siamo rientrati nel padiglione 13, un piccolo Ospedale dedicato solo al Covid 19. Termino una notte allucinante, continui ricoveri, mi sembra di rivedere un film già visto”. Così in un post su facebook il direttore del reparto di pneumologia dell’Azienda ospedaliera di Verona, Claudio Micheletto. “Temo che questa notte – aggiunge – si sia innescata una pesante recrudescenza: pronto soccorsi strapieni, tante persone con sintomi. Non mi ricordo chi ha detto che il virus era clinicamente morto. Dopo 24 ore consecutive di lavoro forse perdo la memoria”. Il medico aveva scritto il suo ultimo post il 2 giugno, proprio in occasione della cessata emergenza: “Dopo ottanta giorni – diceva – abbiamo chiuso un reparto Covid, stiamo tentando di tornare a vita normale”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uomo ucciso a coltellate, fermato il presunto responsabile
E’ successo a Umbertide. Indagano i carabinieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
18 ottobre 2020
13:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un uomo di 42 anni, di origini marocchine, è stato sottoposto a fermo dai carabinieri per l’omicidio di un suo connazionale, di 35, avvenuto la scorsa notte in un appartamento del centro cittadino di Umbertide.
Il trentacinquenne è stato colpito con diverse coltellate, durante una lite, ed è morto su posto.
Secondo una ricostruzione dei fatti da parte dei carabinieri, l’omicidio è avvenuto nell’abitazione di una donna, anch’ella di origine marocchine, che aveva rifiutato le avances della vittima. A colpire l’uomo sarebbe stato il compagno della donna, che è stato subito bloccato e successivamente sottoposto a fermo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Escursionista precipita da un dirupo e muore nel Savonese
Incidente a Toirano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SAVONA
18 ottobre 2020
14:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un escursionista è morto a Toirano (Savona) dopo essere caduto da un dirupo. L’incidente è avvenuto intorno alle 11.30, mentre con alcuni amici percorreva il “Sentiero dei Daini”, nella zona di San Pietro. Improvvisamente è scivolato ed è precipitato per diversi metri. Inutile l’intervento dei soccorsi e il supporto dell’elicottero. Il corpo è stato recuperato e trasferito all’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cirio, proposte Regioni di buonsenso, governo le ascolti
‘Non penalizzare locali ma non assembramenti. Dad per superiori’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
18 ottobre 2020
14:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il Governo ascolti la nostra voce fatta di prudenza, ma anche di buonsenso”. Così il governatore del Piemonte, al termine del videocollegamento con gli altri presidenti di Regione per discutere con il Governo le prossime misure di contenimento. Tra le richieste del Piemonte, quella di “non penalizzare ulteriormente i locali con altre riduzioni di orario, mentre è fondamentale evitare gli assembramenti fuori dagli esercizi pubblici dopo la chiusura”. Sulla scuola, invece, “abbiamo chiesto al Governo – scrive Cirio su Fb – di alleggerire il carico del trasporto locale attraverso il potenziamento della didattica a distanza, limitata però agli ultimi anni delle superiori”.   PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

E’ morto Alfredo Cerruti, fondò gli Squallor
Autore Indietro Tutta di Arbore, ebbe relazione con Mina
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2020
13:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ morto Alfredo Cerruti, produttore discografico, attore, autore tv, ma soprattutto è stato il fondatore e la voce degli Squallor, il gruppo fondato nel 1971 insieme a Bigazzi, Pace e Savio. Era nato a Napoli il 28 giugno 1942. Molto noto negli ambienti dello spettacolo specie degli anni ’70 e ’80, aveva avuto anche una relazione con Mina a metà degli anni ’70. E’ stato, specie con Renzo Arbore, anche un apprezzato, ironico autore televisivo: aveva collaborato tra l’altro ai testi di Indietro Tutta! ed era stato voce del professor Pisapia e una delle due voci dello sketch Volante 1 a Volante 2 (l’altro Arnaldo Santoro) Ha firmato insieme ad altri le edizioni 1998-1999 e 1999-2000 di Domenica in. A dare la notizia questa mattina su Facebook l’amico Natalino Candido sulla pagina fan club dedicata all’artista.

Cronaca tutte le notizie in tempo reale. Tutta la Cronaca sempre completa ed aggiornata. INFORMATI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 3 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 18:02 DI SABATO 17 OTTOBRE 2020

ALLE 10:20 DI DOMENICA 18 OTTOBRE 2020

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: allarme Interpol, ferretti mascherine aprono manette
Circolare a tutte le questure d’Italia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
17 ottobre 2020
18:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mascherine usate per nascondere la droga o, smontando il ferretto da stringere al naso, per aprire le manette. L’allarme è partito dall’Interpol ed è passato al ministero dell’Interno che ha mandato una circolare a tutte le questure d’Italia e alle altre forze dell’ordine.
“Non abbiamo avuto ancora casi di aperture delle manette – si legge nel documento – ma invitiamo tutti gli operatori a prestare la massima attenzione nelle fasi del fermo, trasporto e sorveglianza delle persone sottoposte a controllo di polizia. Al momento le segnalazioni sono arrivate dall’estero”. Da Bruxelles è stato allegato anche un video che mostra come il ferretto possa essere usato per aprire le manette.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Attentato incendiario e minacce di morte a Golfo Aranci
A fuoco villetta di un 50enne, in casa non c’era nessuno
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GOLFO ARANCI
17 ottobre 2020
22:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un attentato incendiario ha semidistrutto una villetta in località Sopra Monte, a Golfo Aranci, e minacce di morte sono comparse sulla facciata dell’edificio, di proprietà di un 50enne del posto. Le fiamme hanno devastato completamente una stanza dell’appartamento e seriamente compromesso il resto della casa, tanto che i vigili del fuoco accorsi da Olbia per spegnere l’incendio, dopo aver domato il rogo, hanno dovuto dichiarare inagibile l’immobile a causa dei danni strutturali subiti. Al momento dell’attentato nell’appartamento non c’era nessuno, ma sulla facciata dell’edificio è stato scritto con della vernice rossa “La morte è arrivata”. Sul posto i carabinieri della Stazione di Golfo Aranci e del Reparto Territoriale di Olbia che hanno avviato le indagini per risalire ai responsabili dell’incendio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sequenza sismica in provincia di Enna
Almeno 20 scosse da ieri mattina, la più forte di magnitudo 3.3
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2020
00:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una sequenza sismica viene registrata in queste ore in Sicilia, nella provincia di Enna. Lo si evince dai dati dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv).
L’epicentro del fenomeno è localizzato tra i comuni di Cerami e Troina. Le scosse sono iniziate alle 5:50 di ieri e ne sono state registrate almeno 20 (considerando solo quelle di magnitudo uguale o superiore a 2), l’ultima delle quali alle 22:14. La più forte è stata di magnitudo 3.3, avvenuta alle 14:29.
Non si segnalano danni a persone o cose.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Spari in centro a Reggio Emilia, 3 feriti
Un giovane grave in ospedale, ricercato un altro ragazzo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
REGGIO EMILIA
18 ottobre 2020
01:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Spari e paura in pieno centro a Reggio Emilia verso le 23:30 di ieri, in piazza del Monte. Tre giovani sono rimasti feriti: uno grave è stato portato d’urgenza all’ospedale Santa Maria Nuova. Ad aprire il fuoco, a quanto pare con una pistola scacciacani modificata, sarebbe stato un ragazzo dopo una discussione con altri giovani per motivi da ricostruire. Il responsabile è fuggito tra la folla spaventata, che ha cominciato a scappare in ogni direzione, facendo perdere le proprie tracce. Ora è ricercato dalla Polizia. Sul posto è arrivato anche il sindaco Luca Vecchi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Laurea abiliterà dentisti e farmacisti
Anche veterinari, psicologi e altre figure professionali
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 ottobre 2020
06:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Arriva una “radicale semplificazione” dell’accesso alle professioni regolamentate: basterà la laurea magistrale per l’abilitazione all’esercizio delle professioni di odontoiatra, farmacista, veterinario e psicologo.
Lo rende noto il Cdm, dopo l’approvazione di un ddl che introduce nuove disposizioni in materia di titoli universitari abilitanti.
Si prevede che il tirocinio pratico-valutativo sia svolto all’interno dei corsi di laurea e che di conseguenza l’esame conclusivo del corso di studi divenga anche la sede nella quale espletare l’esame di Stato di abilitazione all’esercizio della professione.
La semplificazione si applicherà anche alle qualifiche di geometra laureato, agrotecnico laureato, perito agrario laureato e di perito industriale laureato.   VAI ALLA POLITICA   VAI ALLE NOTIZIE DAL MONDO

Cronaca tutte le notizie in tempo reale. Tutte, complete e sempre aggiornate. LEGGILE E CONDIVIDILE!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 20 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 23:34 DI VENERDì 16 OTTOBRE 2020

ALLE 18:02 DI SABATO 17 OTTOBRE 2020

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: Burioni, vaccino entro novembre
L’annuncio dall’amministratore delegato di Pfizer
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2020
23:34
AGGIORNATA IL
17 OTTOBRE 2020
08:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Abbiamo una data. Albert Bourla, amministratore delegato di Pfizer, scrive che se tutto andrà bene presenterà una richiesta per una autorizzazione di emergenza del vaccino contro Covid 19 nella terza settimana di novembre 2020. Forza!”. Lo scrive su twitter il virologo Roberto Burioni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Caritas, aumentano i ‘nuovi poveri’, sono il 45%
In maggioranza donne, famiglie con minori, italiani
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
17 ottobre 2020
08:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel periodo maggio-settembre 2020, confrontato con gli stessi mesi del 2019, l’incidenza dei “nuovi poveri” per effetto dell’emergenza Covid passa dal 31% al 45%: “quasi una persona su due che si rivolge alla Caritas lo fa per la prima volta”. Lo afferma la stessa Caritas nel Rapporto Povertà. Aumenta in particolare il peso delle famiglie con minori, delle donne, dei giovani, dei nuclei di italiani che risultano in maggioranza (52% rispetto al 47,9 % dello scorso anno) e delle persone in età lavorativa.
Nei tre mesi più difficili dell’emergenza Covid, da aprile a giugno di quest’anno, la Caritas ha assistito 450mila persone; una su tre era la prima volta che si rivolgeva all’ente di beneficienza.
Tra le file degli assistiti sono arrivati anche i piccoli commercianti e i lavoratori autonomi: oltre 2mila di loro sono stati aiutati da Caritas.
Di Maio, senza reddito sarebbe stata rivoluzione sociale – “Se durante questa pandemia non avessimo avuto il reddito di cittadinanza ci saremmo ritrovati davanti a una rivolta sociale, perché la fame crea rabbia. E l’aiuto alle persone in difficoltà è un gesto di pace”. Lo scrive il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in un post su Facebook in occasione della giornata internazionale per la lotta alla povertà. “Durante queste settimane, girando per l’Italia, ho avuto modo di ascoltare molte storie di vita reale. Di chi ha davvero sofferto. In molti ci hanno ringraziato per aver introdotto il reddito di cittadinanza così come il reddito di emergenza durante il lockdown”, ha sottolineato Di Maio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cgia, rischiamo di bruciare 160 mld di ricchezza – A causa degli effetti negativi del Covid rischiamo di ‘bruciare’ 160 miliardi di Pil: lo sostiene la Cgia di Mestre, secondo la quale nella più rosea previsione il Pil italiano di quest’anno dovrebbe scendere, rispetto al 2019, del 10% circa. Per dare l’idea della dimensione della contrazione, è come se il Veneto fosse stato in lockdown per tutto l’anno. “La gravità della situazione emerge in maniera ancor più evidente se paragoniamo l’attuale situazione economica con quanto accaduto nel 2009, annus horribilis dell’economia italiana del dopoguerra – sottolinea il coordinatore dell’Ufficio studi degli Artigiani di Mestre, Paolo Zabeo – .Allora, il Pil scese del 5,5% e il tasso di disoccupazione, nel giro di 2 anni, passò dal 6 al 12%. Quest’anno, invece, se le cose andranno bene, il Pil diminuirà del 10%”.
Sangalli, necessario evitare un nuovo lockdown – “Questa nuova emergenza sanitaria, con coprifuochi e chiusure anticipate dei pubblici esercizi, aumenta l’incertezza e mette a rischio decine di migliaia di imprese”. A lanciare l’ allarme è il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli. “Sono prioritarie misure efficaci anti Covid e con una economia già in ginocchio va assolutamente evitato un secondo lockdown – spiega sangalli in una nota – Il Governo deve sostenere con maggiori e più veloci indennizzi le imprese in difficoltà, altrimenti a fine anno rischieremo gravi, gravissime conseguenze per l’occupazione”.
Confcommercio: futuro nero per turismo e ristorazione – Per ristorazione, tempo libero e turismo si profilano giorni bui per la recrudescenza dei contagi da Covid-19. E’ quanto emerge dal rapporto sulla congiuntura elaborato da Confcommercio in cui si prevede che il “quarto trimestre si apre all’insegna di una rinnovata e profonda incertezza alimentata dalla dinamica dei contagi” con il risultato che i settori della “convivialità” e del turismo “non verranno coinvolti dalla ripresa del Pil”. Per il mese di ottobre Confcommercio stima un incremento dello 0,9% congiunturale dep prodotto che si traduce in una decrescita su base annua del 5,1%.
Lavoro in fumo per 219.000 di autonomi in un anno – Tra il II trimestre 2019 e quello di quest’anno, su 841.000 posti di lavoro perduti, 219.000 son stati quelli degli autonomi, comparto “passato da 5,4 a 5,1 milioni di occupati (-4,1%)”. Per il 79% dei professionisti, nei mesi bui dell’emergenza Covid (aprile e maggio), le entrate sono scese, ma per il 35,8% il calo è stato “superiore al 50%”. Lo scrivono i consulenti del lavoro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ponte Genova: Possetti, ‘Serve verità celere’
Comitato familiari vittime su slittamento perizia: Misura colma
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
17 ottobre 2020
10:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La misura orami è colma, i tempi tecnici necessari sono stati ampiamente superati, le complesse indagini, anche con il prolungamento Covid, dovrebbero essere terminate. Sarebbe interessante capire cosa possa essere ancora ignoto, o forse è tutto troppo chiaro ed alcuni periti cercano di fare melina?”. Lo afferma Egle Possetti, presidente del comitato Ricordo vittime ponte Morandi affermano di avere perso la pazienza dopo la notizia dello slittamento di un mese della consegna della perizia sul crollo della pila 9 del ponte Morandi che conseguentemente rinvia la data dell’incidente probatorio.
La perizia doveva essere consegnata il 30 ottobre, ma i periti del giudice si sono presi altro tempo.
Possetti afferma: “Per noi sono tecnicamente chiari i motivi del crollo del ponte e quindi siamo stufi di sentire messaggi che travisano la realtà gettando fanghiglia sul terreno, adducendo come motivazioni del crollo cariche esplosive, bobine, meteoriti, ufo e così via. Siamo molto perplessi che possano ancora esserci incertezze fra alcuni dei professionisti in campo. Cosa devono ancora vedere alcuni tecnici dei trefoli del reperto 132 (lo strallo della pila 9 con i suoi 3248 fili di acciaio)?”.
La presidente del comitato aggiunge: “Non vorremmo che nelle panzane in preparazione magari emergesse anche un ‘suicidio di massa di 43 persone’. Auguriamo ancora buon lavoro a tutti, ma i nostri morti hanno bisogno di celere verità. Il potere, di norma come avvenuto in altre stragi, cerca di ritardare, sviare, oscurare, coprire, fuggire ma la verità è solare ed ancora una volta tenteremo con tutta la forza di farla emergere”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: parroco positivo a Taranto
Collaboratori in quarantena, Arcivescovo esprime vicinanza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TARANTO
17 ottobre 2020
10:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Don Martino Mastrovito, parroco della chiesa Spirito Santo di Taranto, è risultato positivo al Covid-19. Lo rende noto la Diocesi spiegando che i suoi stretti collaboratori si trovano ora in quarantena fiduciaria e che sono scattati tutti i protocolli previsti. L’arcivescovo Filippo Santoro ha fatto sapere di aver “manifestato telefonicamente al caro don Martino la sua vicinanza – è scritto in una nota – e quella di tutta la comunità diocesana, assicurandogli la preghiera e il sostegno per una pronta guarigione”. La chiesa parrocchiale e tutte gli spazi annessi saranno sottoposti oggi a trattamento di sanificazione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Morta Donatella Carmi, fondatrice Fondazione Leniterapia
Era anche vicepresidente della Fondazione Cr Firenze
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
17 ottobre 2020
10:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ morta nella notte a Firenze Donatella Carmi Bartolozzi, 71 anni, fondatrice della Fondazione Italiana di Leniterapia (File), di cui era presidente, e vicepresidente della Fondazione Cr Firenze. Malata da tempo, Carmi è stata sempre molto impegnata nel volontariato e nell’assistenza e dette vita nel 2001 alla File per sostenere e assistere gratuitamente i malati gravi o terminali anche grazie alle cure palliative.
“Sono e siamo tutti profondamente addolorati ha dichiarato il presidente di Fondazione Cr Firenze Luigi Salvadori -.
Abbiamo perso una grande donna e una cara amica. Crediamo che il miglior modo per onorarne la memoria sia dedicarle la prossima edizione del festival ‘L’Eredità delle Donne’ che sta per cominciare e che lei ha fortemente voluto e a cui ha destinato tante energie”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Al nono mese col covid chiama 112 e partorisce
Operatore la tranquillizza e trova posto. CC scortano ambulanza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
17 ottobre 2020
10:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La data del parto si stava avvicinando e nella clinica privata dove aveva programmato il cesareo non poteva essere operata perché positiva al covid: è stato così che la donna, 32 anni di Casal di Principe e quasi al nono mese di gravidanza, letteralmente in preda al panico, si è rivolta al 112. L’episodio risale a mercoledì scorso.
L’operatore, compresa la gravità della situazione, si è subito attivato: ha avvisato i comandanti dei reparti della zona che hanno fatto un giro di telefonate a tutti gli ospedali covid della Campania. Anche grazie alla collaborazione di una ostetrica è stato trovato un posto letto d’emergenza per la donna nel reparto maternità covid dell’ospedale di Caserta.
Un’ambulanza, scortata dai carabinieri di Casal di Principe (coordinati dal capitano Luca Gino Iannotti), ha garantito il trasferimento della donna, già madre di un bimbo di 15 mesi, dalla sua abitazione al nosocomio casertano dove, nella tarda serata di ieri, ha dato alla luce Clarissa, tre chilogrammi circa. Sia la mamma che la piccolina stanno bene, anche se separate dal Coronavirus.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Firma contratto o sei fuori’, esposto contro Deliveroo
Depositato da associazione Comma 2 in procura di Torino
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
17 ottobre 2020
11:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un esposto contro la società di consegne Deliveroo è stato depositato alla procura di Torino per conto dell’associazione Comma 2. Ai magistrati si chiede di valutare possibili profili di reato (per esempio l’estorsione) in merito a una comunicazione che l’azienda ha inviato ai rider nei giorni scorsi: “Se non firmerai il nuovo contratto di collaborazione entro il 2 novembre – è il testo – a partire al 3 novembre non potrai più consegnare con noi perché il tuo contratto non sarà più conforme alla legge”.
Il contesto è quello di un “contratto collettivo nazionale” stipulato tra Assodelivery e il solo sindacato Ugl, la cui legittimità è messa in dubbio da Comma 2 anche sulla scorta di un parere diffuso lo scorso 17 settembre dal Ministero del Lavoro.
“L’associazione Comma 2 – spiega una nota – ritiene che possano ravvisarsi ipotesi di reato nella minaccia di risoluzione del contratto in caso di mancata adesione a quel Ccnl, sottoscritto da un’organizzazione sindacale di nuovo conio affatto legittimata, gravemente lesivo dei diritti previsti dal legislatore a tutela dei rider”.
Analoghi esposti saranno presentati alle procure di altre città italiane.   PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Traffico internazionale armi, quattro arresti
Fucili, pistole e 10 mila munizioni, sequestrato arsenale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
17 ottobre 2020
11:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quattro persone sono state arrestate dalla Polizia di Stato Varese con l’accusa di traffico internazionale di armi da guerra. La Polizia, coordinata dalla Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione-Ucidigos, tra appartamenti e cantine riferibili agli arrestati in Lombardia ha sequestrato un arsenale da oltre 50 pezzi tra mitragliatori, fucili d’ assalto, carabine e pistole. Non solo, grazie alle indagini coordinate dalla Procura di Busto Arsizio (Varese) sono stati sequestrati anche 14 manufatti esplosivi, granate, numerosi pezzi di armi, serbatoi per cartucce oltre a 10 mila munizioni di vario calibro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Veneto, 774 positivi e 3 morti
Totale contagiati a quota 35.051, quello dei morti 2.247
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
17 ottobre 2020
11:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuova impennata dei positivi Covid in Veneto, che oggi registra 774 casi in più e 3 vittime. Lo afferma il bollettino della Regione. Il totale dei contagiati ha raggiunto quota 35.051, quello dei morti 2.247 dall’inizio dell’epidemia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fondi gruppi: chiusa inchiesta su Pd Sardegna, 16 indagati
Cagliari, contestato peculato per spese illegittime 2009-2014
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
17 ottobre 2020
11:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Cagliari ha chiuso l’inchiesta nei confronti di 16 consiglieri ex ex consiglieri regionali del Pd in carica dal 2009 al 2014 (quattordicesima legislatura) accusati di peculato per aver speso illecitamente – questa l’ipotesi degli inquirenti – il denaro pubblico destinato a finalità istituzionali. Ne danno conto i quotidiani La Nuova Sardegna e L’Unione Sarda.
Il pm Andrea Vacca ha notificato gli avvisi di conclusione delle indagini preliminari agli attuali parlamentari Giuseppe Luigi Cucca (senatore) e Gavino Manca (deputato) e ai consiglieri ed ex consiglieri Pierluigi Caria, Mario Bruno, Giampaolo Diana, Chicco Porcu, Marco Meloni, Gian Valerio Sanna, Marco Espa, Giuseppe Cuccu, Cesare Morriconi, Tarcisio Agus, Francesco Sabatini, Valerio Meloni, Luigi Lotto e Antonio Solinas.
Al vaglio del pool composto da carabinieri e finanzieri sono finite spese per migliaia di euro che il pm Vacca (erede dell’indagine aperta dal collega Marco Cocco) ritiene non siano legittime perché effettuate con soldi destinati all’attività del gruppo. Tra le spese contestate ci sono quelle per sale convegni, necrologi, biglietti per spettacoli, cene in ristoranti, acquisti di coppe e targhe, dolci, legumi e vini, prestazioni professionali non specificate. Ora i difensori avranno la disponibilità degli atti e potranno presentare memorie e giustificare spese prima che il pm proceda con la richiesta di rinvio a giudizio.
Complessivamente l’inchiesta della Procura sui fondi ha coinvolto un’ottantina di politici di quasi tutti gli schieramenti suddivisi nella tredicesima (diversi processi sono in corso) e quattrodicesima legislatura.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 155 nuovi casi in Alto Adige
Sono sette le persone in terapia intensiva in Alto Adige
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
17 ottobre 2020
12:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I laboratori dell’Azienda sanitaria altoatesina nelle ultime 24 ore hanno effettuato 1.714 tamponi. Sono stati registrati 155 nuovi casi positivi. Il numero delle persone testate positive al coronavirus salgono pertanto a 4.648.
Attualmente sono 63 i pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri, altri 10 si trovano in isolamento nella struttura di Colle Isarco. I pazienti Covid ricoverati in reparti di terapia intensiva per il momento sono sette. Immutato il numero dei decessi complessivi che si attesta a 293 persone.
Le persone in isolamento domiciliare sono 3.709 (delle quali 18 di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta). Le persone guarite sono 3.841, si legge in una nota dell’Azienda sanitaria.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: sindaco Bari, mascherina o sarà quella dell’ossigeno
Decaro si rivolge su fb ai giovani che non rispettano norme
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
17 ottobre 2020
12:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Mettete la mascherina. Non ve lo sto dicendo io, ve lo chiede chi è stato contagiato e ora per sopravvivere la mascherina la deve tenere 24 ore su 24. Quella dell’ossigeno però”. Lo scrive su facebook il sindaco di Bari e presidente dell’Anci, Antonio Decaro, allegando al post due immagini: quella di un giovane ricoverato in ospedale per Covid e quella di un assembramento di ragazzi, molti dei quali privi di mascherina e senza rispettare il distanziamento.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Napoli: pizzaiolo si ribella al racket ma lascia l’Italia
Enzo Fiore apre attività in Inghilterra. Fermate due persone
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
17 ottobre 2020
12:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oppresso dagli estorsori della camorra decide di mollare tutto, preoccupato per l’incolumità della famiglia, e si trasferisce nel Regno Unito dopo aver contribuito al fermo di due taglieggiatori: è la vicenda di Vincenzo Fiore, 42enne pizzaiolo, che ha avviato in quel Paese una nuova attività commerciale. Fiore, riferiscono oggi organi di stampa, è stato minacciato più volte da appartenenti ad un clan i quali hanno avanzato richieste di pizzo al termine del lockdown, a giugno, quando aveva riavviato l’attività. Richieste reiterate. Alla fine di agosto, il commerciante, titolare del locale ‘ ‘o Curniciello’, si è rivolto alle forze dell’ordine le quali, grazie anche alle immagini del sistema di videoprotezione del negozio, identificano e fermano due persone.
L’imprenditore – che ha aperto un locale in GB con lo stesso nome – su fb alcuni giorni fa ha fatto riferimento alla sua esperienza. Ha scritto sul canale social tra l’altro: “Oggi è il mio compleanno e lo voglio festeggiare da top player, perchè solo uno che ha veramente le palle di osare poteva prendere una decisione del genere”. E ancora: “Da un giorno all’altro mi sono trasferito con tutta la mia famiglia (la ringrazio infinitamente per il sostegno e la forza che mi danno gni giorno) in un’altra Nazione aprendo una nuova attività e portando con me i sapori veri di Napoli”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: un caso a Santa Marta, la residenza del Papa
Il contagiato è in isolamento e ha lasciato la Domus
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
17 ottobre 2020
12:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si registra un nuovo caso di Covid in Vaticano, questa volta a Santa Marta, la residenza del Papa. “Il malato, al momento asintomatico, è stato posto in isolamento, come anche coloro che sono venuti in contatto diretto con lui, e ha lasciato temporaneamente Casa Santa Marta, dove abitualmente risiede”, riferisce il direttore della sala stampa vaticana Matteo Bruni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Venezia: il Mose non entra in funzione, Piazza San Marco si allaga
Alta marea, nel centro 105 centimetri. A Malamocco la massima di 112
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
17 ottobre 2020
14:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per il terzo giorno consecutivo Venezia fa i conti con l’acqua alta: stavolta non sono entrate in funzione le paratoie del Mose e la marea ha toccato i 105 centimetri, allagando Piazza San Marco. Ancor più alta la quota raggiunta dall’acqua al Lido, con 110 centimetri, e a Malamocco, che ha segnato una massima di 112. Il protocollo prevede che le dighe entrino in azione solo con una previsione di 130 cm, non meno, anche perché ‘chiudere’ la laguna costituisce un problema per il Porto e il traffico marittimo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: card.Sepe scrive a fedeli, tutti più responsabili
Arcivescovo prende spunto da proteste Arzano per appello
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
17 ottobre 2020
14:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Dobbiamo essere tutti più responsabili e attenti, ma non dobbiamo avvilirci e arrenderci”.
E’ quanto scrive in una lettera l’arcivescovo di Napoli, cardinale Crescenzio Sepe, che verrà letta domani nel corso delle celebrazioni delle messe nelle parrocchie della Diocesi dopo quanto è accaduto ad Arzano. Nel comune a nord di Napoli da alcuni giorni vigono norme più stringenti per contrastare il diffondersi del contagio da Covid. Provvedimenti che hanno scatenato la protesta. con sit in che ormai vanno avanti da tre giorni.
“Vi scrivo, a nome di tutta la Chiesa locale, per testimoniavi vicinanza, affetto e preghiere. Siamo tutti più preparati rispetto a prima ma la situazione epidemiologica sta peggiorando. Ci sentiamo più esposti e indifesi, ma forse è calato anche il livello di responsabilità e di saggezza già dimostrato. Dobbiamo riconoscere che, per tante ragioni e in molti strati della comunità, è calata la tensione psicologica e si è fortemente ridotto, se non annullato, il rispetto delle regole” aggiunge.
“Questo ci rende più deboli e rende più precari la sicurezza generale, il bene comune e l’economia mettendo in difficoltà chi deve assumere opportune decisioni e misure necessarie Il rischio è grande. Si possono avere scelte non adeguate, si possono commettere errori comportamentali, si sospendono attività produttive con perdita di posti di lavoro, si finisce in uno stato di crisi economica e di povertà diffusa” evidenzia il cardinale Sepe.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cinghiali uccisi in un parco a Roma, rabbia animalisti
Brambilla,avevo trovato soluzione. Campidoglio,deciso da Regione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
17 ottobre 2020
14:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Roma una mamma cinghiale e sei cuccioli sono stati uccisi dopo essere stati narcotizzati. Nei giorni scorsi la famiglia di cinghiali, attirati da cumuli di rifiuti si erano rifugiati nel giardino Mario Moderni, in via della Cava Aurelia, che per la mamma-cinghiale poteva rappresentare un rifugio sicuro per tutta la sua famiglia, mentre è subito scattata la trappola con i cancelli del giardino che sono stati chiusi per bloccarli. Per Piergiorgio Benvenuti, presidente del Movimento Ecologista Ecoitaliasolidale sottolineando: “Responsabilità della Regione, l’inerzia della Sindaca Raggi, l’incapacità di raccogliere e gestire i rifiuti nella città, hanno condannato a morte una inerme famiglia di cinghiali”, osserva Piergiorgio Benvenuti, presidente del Movimento Ecologista Ecoitaliasolidale.
“Ho sempre saputo che quella dei Cinque stelle “animalisti” era una leggenda. Ora lo sanno tutti. Avevo dato la disponibilità ad accogliere i sette cinghiali chiusi nel parco del quartiere Aurelio a Roma, per salvarli. Loro li hanno uccisi. E il dirigente del Comune di Roma che ha dato l’ordine mi ha anche insultato con epiteti sessisti irriferibili”, attacca Michela Vittoria Brambilla (Fi), presidente della Lega italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente, annunciando un esposto per uccisione di animali e una querela per diffamazione. “Cara Brambilla, dov’eri ieri sera mentre il sottoscritto tentava in tutti i modi di fermare una decisione presa unicamente dalla Regione? Eri forse sul divano di casa tua a fare “l’animalista da salotto”? E dov’era Zingaretti? Assieme alla Sindaca, avvieremo di una indagine interna per verificare l’operato di chi è intervenuto. Il tutto, nella consapevolezza che solo la Regione può (per legge) decidere la sorte dei cinghiali”, replica il presidente della commissione Ambiente di Roma Capitale Daniele Diaco (M5s)
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Festa a Pontinia con 80 invitati, assessore “irresponsabili”
Scatta blitz dei carabinieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
17 ottobre 2020
15:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una festa con più di 80 partecipanti a Pontinia, in provincia di Latina, ha fatto scattare un blitz dei carabinieri. “E’ grave e da irresponsabili quanto accaduto a Pontinia nonostante l’ordinanza restrittiva. Non si possono più fare feste e assembramenti di questa portata che mettono in discussione la salute dei partecipanti e del resto della comunità. Questo è il tempo della responsabilità altrimenti non possiamo farcela contro il virus”, commenta l’assessore alla sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato che ha ringraziato i carabinieri “per l’impegno che stanno profondendo nell’attività di controllo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Santelli: in migliaia a camera ardente per ultimo saluto
Salma benedetta dall’arcivescovo di Catanzaro
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
17 ottobre 2020
15:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migliaia di cittadini, autorità politiche, civili e militari, centinaia di sindaci con le fasce tricolori, organizzazioni di categoria hanno dato l’ultimo saluto a Jole Santelli, alla camera ardente allestita nella piazza San Francesco di Paola della Cittadella regionale.
Accanto al feretro i parenti e gli amici della governatrice, mentre migliaia di persone – nel rispetto delle norme anti-Covid – hanno sfilato davanti al feretro per l’ultimo saluto. Presenti anche centinaia di sindaci in fascia tricolore, che – con il coordinamento dell’Anci – hanno dato vita a un lungo corteo.
Sulla piazza i gonfaloni del Consiglio regionale della Calabria, delle cinque Province, della Città metropolitana di Reggio Calabria e della Regione Campania. Tra gli altri hanno portato il loro saluto anche gli ex presidenti della Regione Mario Oliverio, Agazio Loiero, Giuseppe Chiaravalloti e Guido Rhodio, il sottosegretario di Stato Anna Laura Orrico, i prefetti, i parlamentari, i presidenti delle Province della Calabria e il governatore della Puglia Michele Emiliano.
La camera ardente è stata chiusa dalla parole del presidente della Cec e arcivescovo di Catanzaro-Squillace, mons. Vincenzo Bertolone, che ha benedetto la salma del presidente Santelli.
“Jole – ha detto il presule – è stata strappata precocemente a questa vita da una malattia che non perdona, ma di fronte a questa morte inaspettata ci sentiamo ancora più uniti. La Calabria, in questi giorni commossa e in lacrime, trovi la forza di unirsi per apporre un argine a chi vuole farne una terra di facili conquiste e di divisioni. Jole ha scelto prima la Calabria, prima i calabresi, poi la salute”.
Alle ore 13.50, il feretro di Jole Santelli ha lasciato la Cittadella per raggiungere Cosenza. Dopo la cremazione del corpo, la governatrice riposerà accanto ai genitori nella cappella di famiglia nel cimitero di Malito, in provincia di Cosenza.    POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Roma: Raggi, serve ‘modello Genova’ e più poteri ai sindaci
“Semplificare Codice appalti per opere rapide”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
17 ottobre 2020
15:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ci siamo spesso confrontati coi sindaci. Il modello Genova dimostra che con una normativa fatta bene si è demolito e ricostruito un ponte, che è cosa ben più difficile che rifare una strada. Servono più poteri ai sindaci, che agiscono nell’interesse della città e dei cittadini”. Così la sindaca di Roma Virginia Raggi intervenendo al Convegno dei giovani imprenditori di Confindustria.
“Le città sono uno snodo fondamentale per far atterrare gli investimenti, ma servono strumenti snelli perché non passino due o tre ere geologiche tra la gara e l’opera. Su Roma abbiamo sbloccato opere precedenti al 2000, cioè che nascono già vecchie – ha anche osservato – La metro C – ha fatto un esempio – è già in parte superata, e vi stiamo dunque mettendo tecnologie più moderne. Però serve anche rapidità. Il codice degli appalti è estremamente complesso e nella complessità proliferano interpretazioni contrastanti anche per noi amministrazioni, e favorisce ‘sacche’ da evitare. Servono norme chiare e semplici.
Inoltre il limite di 5 milioni di investimento per noi a Roma non va bene: non ci finanzio neanche una derattizzazione. Le città non possono essere bloccate per anni. Io la semplificazione del codice degli appalti l’ho chiesta da subito, nel M5s non erano d’accordo mai io l’ho criticata lo stesso. E poi c’è il tema dei ricorsi che bloccano i lavori e paralizzano gli investimenti. È meglio dire: i lavori vanno avanti, sui ricorsi lavora la magistratura, e poi se un imprenditore ha ragione scatta il risarcimento. Perché altrimenti le città si paralizzano. Poi si può dare una stretta sui controlli: nessuno vuole la deregolamentazione. Voglio aumentare la qualità dei lavori ma dare anche certezze alle imprese – ha concluso la sindaca – Io non posso aspettare 4-5 anni che una gara vada a buon fine”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Napoli; nuova protesta mamme, ridateci la scuola
Secondo giorno di manifestazione contro ordinanza De Luca
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
17 ottobre 2020
15:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ci sono bambini con lo scudo di Capitan America, altri con i gessetti colorati e scrivono sui blocchi di cemento posti davanti all’ingresso di palazzo Santa Lucia, a Napoli, sede della Regione Campania.Tutti hanno la mascherina, nonostante in molti siano al di sotto dei 6 anni e ‘accompagnano’ i propri genitori nel secondo giorno di protesta contro l’ordinanza del governatore Vincenzo De Luca che chiude le scuole fino al 30 ottobre.
Non ci sono solo mamme e papà, ci sono anche insegnanti, esperti che tengono laboratori nelle scuole, ci sono gli autisti degli scuolabus che chiedono misure di sostegno economico.
“Ridateci la scuola”, dicono in coro i manifestanti, che con sé hanno uno striscione con la scritta “La scuola non è un virus”.
“Ci preme dire, dopo la diretta Fb di ieri di De Luca che non siamo qui perché sottovalutiamo il rischio – ha detto Maria Carmen, mamma di Alfonso – ma per denunciare che in sette mesi non ha fatto nulla e se la prende con le scuole chiudendole”.
Sandra Forte è un’insegnante e una madre, in protesta, oggi, in questa doppia veste. “Anche i medici lo hanno detto che il contagio avviene fuori scuola e non dentro – ha sottolineato – La scuola deve essere riaperta, come insegnante so bene che con la didattica a distanza i ragazzi non riescono a mantenere l’attenzione così come quando siamo in classe”.
Stefano Nicoletti è il papà di Elisabetta e Anna, 8 e 9 anni.
Tutta la famiglia è arrivata al presidio. “Noi chiediamo il ritiro del provvedimento – ha spiegato – perché lede il diritto allo studio, che viene completamente calpestato dall’ordinanza di De Luca”. “Oggi si consente il campionato, a Napoli c’è la partita, allo stadio ci sono mille persone – ha aggiunto – e il problema sarebbero le scuole che sono controllate?”.
Tra i manifestanti, c’è anche una insegnante di Arte e immagini della scuola media Fiorelli. “Abbiamo sdoppiato le classi – ha fatto sapere – per fare in modo che ci fosse tutta la distanza dovuta tra i ragazzi ai quali viene misurata la temperatura prima di entrare. Sono contraria alla chiusura, la richiesta è di riaprire subito”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Lazio, 311 adesioni per tamponi rapidi da medici base
Assessore, risultato straordinario.Regione ha fatto da apripista
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
17 ottobre 2020
16:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Nel rafforzamento della rete di sorveglianza territoriale è fondamentale il ruolo dei medici di medicina generale (MMG) e pediatri di libera scelta (PLS). Per questo considero straordinaria l’adesione di 311 medici alla manifestazione d’interesse al bando per l’esecuzione dei test antigenici rapidi”. Lo dichiara l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.”Questa rete – prosegue D’Amato – costituirà un vero e proprio primo fronte per la sorveglianza COVID ed ho chiesto oggi in sede di riunione tra Regioni e Governo di adottare tutti gli strumenti normativi e contrattuali per assolvere a questa funzione che diventerà indispensabile in questa fase ricevendo rassicurazioni. Il Lazio ha fatto da apripista, questo è un modello utile all’insieme delle Regioni”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: ancora casi in aumento 10.925. I decessi sono 47
Record tamponi, incidenza stabile al 6,6%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
17 ottobre 2020
17:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ancora in aumento i casi di Covid in Italia: sono 10.925 i nuovi contagi nelle ultime 24 ore secondo il bollettino del Ministero della Salute. Rispetto a ieri, quando si era superata quota diecimila (10.010), sono 915 in più. I decessi sono stati 47, in calo rispetto ai 55 di ieri.
Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 165.837 tamponi, nuovo record da inizio pandemia. L’incidenza con il numero di positivi (oggi 10.925 in più) è del 6,6%. In aumento le terapie intensive (+67), che ora sono in totale 705. I ricoveri sono 6.617 (+439), mentre i malati in isolamento domiciliare sono 109.613 (+9.117). Gli attualmente positivi sono 116.935 (+9.623). I decessi hanno raggiunto la cifra di 36.474 (+47). I guariti sono 249.127 (+1.255).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Festa Roma: Il grande cuore di Totti fa piangere tutti
In film Infascelli ‘il capitano’ si racconta passo dopo passo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
17 ottobre 2020
16:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il cuore di Totti fa piangere davvero tutti: è inevitabile vedendo il documentario MI CHIAMO FRANCESCO TOTTI di Alex Infascelli passato oggi alla 15/ma edizione della Festa di Roma e che ha visto il forfait de ‘il capitano’ che ha mancato al l’attesissimo ‘incontro ravvicinato’ con Pierfrancesco Favino per il lutto che lo ha colpito.
La scelta di non venire, dopo la recente morte del padre, Enzo ‘lo sceriffo’ è per molti il gesto di un uomo buono, generoso e forte che crede nella famiglia.
“La sua decisione di non venire – conferma oggi in conferenza stampa Infascelli – è vero può essere considerato l’ultimo capitolo del mio documentario. Credo che Totti abbia fatta questa scelta perché alla fine parlasse solo il film per lui e per avere anche il giusto tempo per pensare a una cosa così intima che gli è appena capitata”.
Dal campione solo un lungo Instagram il 14 ottobre dedicato al padre in cui dice: “Senza di te non ce l’avrei mai fatta.
Scusa per le parole non dette…”. E ancora: “Ciao papà, ho trascorso i 10 giorni più brutti della mia vita, sapendo che stavi là “da solo” combattendo contro il male e non potendoti vedere, parlare, abbracciarti, stringerti, avrei fatto qualsiasi cosa pur di stare là vicino a te”.
MI CHIAMO FRANCESCO TOTTI – tratto dal libro Un Capitano scritto da Francesco Totti con Paolo Condò (edito da Rizzoli) e in sala con Vision il 19-20-21 ottobre e poi dal 16 novembre su Sky – è un singolare film che parte proprio con un super otto della famiglia Totti che si apre con un immagine del padre Enzo al mare insieme alla moglie Fiorella e con un Francesco che appena cammina, ma che già si accanisce con un pallone più grande di lui.
Si passa poi alla notte che precede il suo addio al calcio e da qui, passo dopo passo, si ripercorre tutta la sua vita come se il campione la vedesse proiettata su uno schermo insieme agli spettatori. Tutte immagini ed emozioni che lui commenta solo in voce, sempre fuori campo, tra ironia e amarezza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pietrasanta città record gallerie d’arte
Primato in Italia e forse anche più alta concentrazione al mondo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PIETRASANTA (LUCCA)
17 ottobre 2020
14:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pietrasanta (Lucca), in Versilia, ha il centro storico con la più alta concentrazione di gallerie d’arte in Italia e, probabilmente, al mondo: una ogni 40 metri. Lo sostiene un censimento del Comune fatto con le stesse gallerie. Sono 40 gli spazi espositivi in circa 1.600 metri lineari di sviluppo nelle vie principali. Per lo studio il centro storico ha eguali almeno in Italia per rapporto gallerie-metri quadri. Un settore, si spiega, che “cresce grazie all’esuberanza culturale di una città che deve fama alla storica presenza di capaci artigiani, 50 laboratori artistici per la lavorazione di marmo e bronzo e di artisti come Fernando Botero, Jeff Koons, Igor Mitoraj, Kan Yasuda e tanti altri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Santelli: note silenzio accolgono feretro alla Cittadella
Aperta camera ardente. Picchetto d’onore carabinieri e gonfaloni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
17 ottobre 2020
11:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le note del “Silenzio”, intonate dal maestro Alessandro Silvestro dell’Orchestra sinfonica della Provincia di Catanzaro, hanno accolto, questa mattina, il feretro della presidente della Regione Calabria Jole Santelli nella piazza San Francesco di Paola alla Cittadella regionale a Catanzaro dove è stata allestita la camera ardente. A fare da cornice al feretro un picchetto d’onore in alta uniforme dei carabinieri, i Gonfaloni del Consiglio regionale, delle cinque Province della Calabria e della Città metropolitana di Reggio Calabria All’arrivo del feretro erano presenti il presidente del Consiglio regionale Domenico Tallini e l’assessore regionale all’Ambiente, Sergio De Caprio. Accanto alla bara le sorelle della presidente, Paola e Roberta, assessori consiglieri regionali.
Amministratori, dipendenti e anche semplici cittadini sono in fila per porgere un ultimo saluto alla governatrice. La camera ardente rimarrà aperta fino alle 13.30, poi il presidente della Conferenza episcopale calabra e arcivescovo di Catanzaro-Squillace, mons. Vincenzo Bertolone, benedirà la salma del presidente Santelli. Quindi il feretro muoverà verso il cimitero di Malito, paese di origine della presidente Santelli.
Il servizio d’ordine è garantito dalla Protezione civile regionale e dalla Croce rossa.

Cronaca tutte le notizie in tempo reale. Tutta la Cronaca in continuo e costante aggiornamento. SEGUI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 34 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 18:47 DI GIOVEDì 15 OTTOBRE 2020

ALLE 23:34 DI VENERDì 16 OTTOBRE 2020

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Crollo ponte A14: processo per 18 persone e 4 società
Nel marzo 2017 morti due coniugi ad Ancona. Udienza nel 2021
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
15 ottobre 2020
18:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In 22 a giudizio – 18 persone fisiche e quattro società – per il crollo del ponte in A14, tra i caselli di Ancona Sud e Loreto: il 9 marzo 2017 persero la vita due coniugi di Spinetoli (Ascoli Piceno), Emidio Diomede e Antonella Viviani, di 60 e 54 anni, che viaggiavano in auto e tre operai rimasero feriti. Lo ha deciso il gup di Ancona Francesca De Palma. Le accuse contestate, a vario titolo, sono omicidio colposo, omicidio stradale, crollo colposo, violazione di norme sulla sicurezza del lavoro. Gli imputati respingono gli addebiti. Processo al via il 21 settembre 2021 davanti al giudice Carlo Masini. L’incidente, poco dopo le 13.30, durante i lavori di sopraelevazione del cavalcavia 167. Tra le concause, per l’accusa, la sottovalutazione del rischio che durante la manovra, il ponte potesse ruotare. Il pm Irene Bilotta, ha chiamato in causa manager e tecnici delle aziende coinvolte per violazioni amministrative: Autostrade per l’Italia e Spea Engeneering, (committenti), Pavimental (appaltante) e Delabech (subappaltatrice).
TWITTER DOWN IN TUTTO IL MONDO: VERIFICHE IN CORSO.
Se ne ha la prima notizia alle
00:27 DI VENERDì 16 OTTOBRE 2020.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: ancora proteste ad Arzano, traffico bloccato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Contro il mini lockdown deciso dai commissari prefettizi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
16 ottobre 2020
10:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ancora un sit it di protesta oggi ad Arzano, (Napoli) contro la decisione dei commissari prefettizi di adottare misure più stringenti per contrastare il contagio da Civid. Alcune decine di persone stanno bloccando il traffico lungo la circonvallazione esterna di Napoli, con pesanti ricadute in tutta la zona.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: parroco positivo, chiusa una chiesa a Bisceglie
Arcidiocesi sospende attività nell’edificio per la sanificazione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
16 ottobre 2020
10:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Chiusa una chiesa a Bisceglie, in Puglia, dopo che il parroco è risultato positivo al Covid-19. Il caso è stato rilevato nella chiesa Santa Maria di Misericordia di Bisceglie, nella provincia Bat. Don Michele Barbaro è in isolamento dopo che martedì ha iniziato ad accusare i primi sintomi. Lo annuncia su Facebook il vice parroco don Piero d’Alba e in una nota l’Arcidiocesi di Barletta-Andria-Trani.
L’arcivescovo Leonardo D’Ascenzo ha espresso “solidarietà e prossimità alla comunità parrocchiale”, invitandola a pregare per “la guarigione di Don Michele, nonché ad offrire collaborazione nell’eventualità ve ne fosse bisogno”. La chiesa resterà chiusa oggi fino alla sanificazione. Tutte le attività sono state sospese in attesa di nuove disposizioni da parte dell’Arcidiocesi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ricciardi: ‘Il tracciamento dei contagi non sta funzionando’
Arcuri contro le regioni: ‘Non hanno attivato 1.600 intensive’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2020
19:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Allarme di Ricciardi sul tracciamento. ‘Le asl non sono più in grado di tracciare i contagi, la strategia di contenimento del virus non sta funzionando. La situazione è molto grave, le regioni stanno andando verso la perdita del controllo dei contagi’. Ricciardi indica alcuni punti su cui si riflette: chiusure mirate nelle regioni dove l’indice di contagio è superiore a 1, per punti di aggregazione come circoli, palestre, ed esercizi non essenziali, mentre lo smart working dovrebbe diventare la forma ordinaria di lavoro in tutto il Paese. Arcuri accusa le Regioni: ‘prima del Covid le terapie intensive erano 5.179 e ora ne risultano attive 6.628 ma dovevamo averne altre 1.600 che sono già nelle disponibilità delle singole regioni ma non sono ancora attive’.
Allarme anestetisti – In dieci Regioni la tenuta delle terapie intensive è particolarmente a rischio, si è vicini alla soglia massima fissata dal ministero della Salute del 30% di posti dedicati a malati Covid occupati. Ma è allerta in tutte le Regioni: “si rischia, nel breve termine, una saturazione dei posti Covid se il trend dei contagi non si modificherà”. Il quadro arriva dal presidente nazionale degli anestesisti, Alessandro Vergallo, che parla di un ritorno della pressione, con la paura che si possa tornare alla situazione drammatica della prima fase epidemica.
Medici di base a cittadini, giunto momento per autolockdown  – “E’ giunto il momento che i cittadini considerino la necessità di un autolockdown per limitare al massimo il rischio di contagio a fronte dei numeri in preoccupante crescita”. E’ l’appello lanciato alla popolazione da Silvestro Scotti, segretario generale della Federazione italiana medici di medicina generale (Fimmg). Ovviamente, chiarisce: “vanno preservate le attività lavorative ma tutto il resto, ciò che non è cioè necessario, in questo momento deve essere sacrificato in nome della salute pubblica”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pamela: Assise appello ad Ancona. Difesa, non fu omicidio
Imputato renderà dichiarazioni. Probabile verdetto in giornata
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
16 ottobre 2020
11:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ in corso ad Ancona l’udienza del processo in Corte d’Assise d’appello per l’omicidio di Pamela Mastropietro, 18enne romana uccisa e fatta a pezzi a Macerata il 30 gennaio 2018 dopo essersi allontanata il giorno prima da una comunità terapeutica. In primo grado Innocent Oseghale, 32 anni, pusher nigeriano, è stato condannato all’ergastolo per omicidio volontario aggravato dalla violenza sessuale, vilipendio e occultamento di cadavere; la procura generale ha chiesto la conferma della sentenza. Il verdetto potrebbe arrivare nel pomeriggio.
L’imputato, che oggi renderà dichiarazioni spontanee, afferma di non aver ucciso Pamela, che lei morì per overdose d’eroina ma ammette di averne smembrato il corpo, abbandonato in due trolley sul ciglio di una strada. La difesa – avv. Simone Matraxia e Umberto Gramenzi – sostiene che non è provata la vitalità delle due ferite da coltello, cioè che la ragazza era già morta; ha reiterato l’istanza di una perizia medico legale (e analisi istochimiche) per chiarire questo elemento “dirimente”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola, più flessibilità e Dad ma non chiusura. Azzolina: “Le scuole devono essere le ultime a chiudere”
A Napoli la protesta delle mamme
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
16 ottobre 2020
18:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Io guardo i dati più che l’emotività e i dati dicono che le scuole sono posti piu sicuri di altri posti del paese, la Germania non chiude le scuole proprio per questo motivo. Oggi gli studenti campani dove sono? In giro per le strade, i negozi i centri commerciali, ho visto le foto. Non credo siano luoghi più sicuri della scuola”. Così la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina al 35mo convegno dei Giovani Imprenditori.
“Le scuole devono essere le ultime a chiudere, questo è il mio pensiero”, ha detto Azzolina. “E’ stato un dolore vedere le immagini degli studenti campani in giro per le strade e non a scuola”, ha aggiunto, riferendosi alle lezioni che sono state sospese in presenza in Campania.
“Il ministro dell’istruzione non ha il potere di aprire le scuole né di chiuderle, la decisione se impugnare la decisione del governatore De Luca sarà di tutto il governo che ne parlerà, se lo riterrà opportuno e necessario”, ha detto la ministra. “Abbiamo lavorato tutta l’estate, i dati ci stanno dando ragione, una riflessione se la scuola è una priorità va fatta da parte di tutti”.
“Ogni scelta va ponderata e concordata con tutti gli attori, nel rispetto di quello che accade nei singoli territori. Per quel che riguarda la scuola in senso stretto questo a mio avviso significa, prima di tutto, utilizzare al meglio gli strumenti di flessibilità di orari e strumenti che ci siamo dati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dobbiamo fare di tutto, però, per evitare la chiusura generalizzata delle scuole del Paese che creerebbe danni enormi a intere generazioni”. Lo scrive su fb la viceministra dell’Istruzione, Anna Ascani.
Oggi a Napoli, protesta delle mamme contro la decisione di De Luca di chiudere le scuole fino al 30 ottobre. Le mamme si sono date appuntamento davanti alla sede della Regione Campania, dopo un tam tam cominciato nella tarda serata di ieri. “Oggi è il giorno più buio per la scuola”, è il testo di un manifesto che le mamme hanno portato per protestare, insieme con i propri figli Intanto una quarantina di bus scolastici sta percorrendo le strade intorno alla sede della Regione, in agitazione perché la decisione di De Luca ferma anche le loro attività lavorative. A ogni passaggio, gli autisti ricevono l’applauso delle mamme in protesta. I conducenti dei bus gialli dedicati al trasporto scolastico stanno protestando sul lungomare di Napoli diretti alla sede della Regione Campania per sollecitare un aiuto economico dopo il blocco delle attività del mondo della scuola deciso dal governatore De Luca per l’aumento dei contagi Covid.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il corteo – una lunga scia gialla che si è mossa dalla zona di Fuorigrotta – è controllato dalle forze dell’ordine.
“Se i contagi dovessero ulteriormente aumentare, per non far perdere l’anno scolastico ai ragazzi” le ‘soluzioni’ sono due: “o si introduce la didattica a distanza – parziale, totale – per coloro che hanno necessità – oppure si differenziano gli orari della scuola”. Lo ha detto Stefano Bonaccini, presidente dell’Emilia-Romagna e della Conferenza delle Regioni a Mattino 5. “Se gli orari scolastici vengono distribuiti in maniera più spalmata sull’arco della mattina e del pomeriggio – ha aggiunto – diminuisci la pressione su coloro che devono essere portati a scuola e riportati a casa”. “Io sono di quelli che difendono la scuola in presenza”, ha ribadito Bonaccini, “poi però se c’è il virus hai anche genitori che sono preoccupati del possibile contagio”. Sul fatto che servano più mezzi di trasporto pubblico, il governatore emiliano ha portato il caso dell’Emilia-Romagna: “Non abbiamo più mezzi pubblici – ha detto – Non ne abbiamo più: o qualcuno ce li manda con risorse aggiuntive ai sindaci o diventa impossibile”. L’ipotesi di utilizzare i bus turistici per gli studenti non è di facile realizzazione per il presidente emiliano: “Non sono uguali ai mezzi pubblici delle città. Comunque anche quella è una possibile soluzione ma servono risorse per gli enti locali”.
Zampa, chiusura scuole ultima ratio – La chiusura delle scuole deve essere l”ultima ratio’ per il paese, mentre si può agire sugli orari. Lo ha affermato il sottosegretario alla Salute Sandra Zampa intervenendo a RaiNews24. “Sinceramente penso che possa essere un’ipotesi quando le altre strade sono state percorse, un paese non può decidere di chiudere per prime le scuole, che sono fondamentali anche per la salute dei ragazzi. Vanno fatte scelte sugli orari, perchè bisogna agire sui trasporti. Nelle grandi città il problema dei trasporti esiste, lavoriamo sugli orari di lavoro e della scuola, sui turni”. Zampa ha commentato anche la scelta del governatore campano De Luca, che invece ha deciso di chiudere le scuole. “Ritengo che la scuola sia prioritaria, è un elemento di salute per molte ragioni, penso che quella la dobbiamo lasciare come ultima ratio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Noi abbiamo lasciato alle regioni la facoltà di decidere, se De Luca lo ha deciso forse non ha delle altre leve. E’ evidente che pensa di non poter intervenire sui trasporti e su altri aspetti”.   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Accoltellata in casa, donna trovata morta nel Torinese
A trovarla i carabinieri, arrivati su richiesta familiari
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
16 ottobre 2020
12:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una donna di 64 anni è morta accoltellata nella sua villetta di San Benigno Canavese. A trovarla sono stati i carabinieri, intervenuti in seguito alla richiesta dei familiari al civico 24 di Via Ivrea.
Sul luogo del delitto sono arrivati il procuratore di Ivrea, Giuseppe Ferrando, e il comandante provinciale dei Carabinieri di Torino, Francesco Rizzo. I carabinieri del nucleo investigativo stanno iniziando i rilievi.   PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Crescono i cattolici nel mondo, sono 1,32 miliardi
Prosegue il calo delle vocazioni, -7mila suore in un anno
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
16 ottobre 2020
12:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il numero dei cattolici è pari a 1.328.993.000 persone nel mondo. Il dato, riferito al 2018 (l’ultima statistica disponibile), segna un aumento complessivo di 15.716.000 unità rispetto all’anno precedente.
L’aumento interessa tutti i continenti. La percentuale mondiale dei cattolici è rimasta invariata, al 17,73%. Lo riferisce l’Agenzia Fides in occasione della 94.ma Giornata Missionaria Mondiale, che si celebrerà domenica 18 ottobre.
Continua il calo delle vocazioni e si conferma la tendenza alla diminuzione globale delle religiose: -7.249 unità nel 2018.
Le suore nel mondo sono complessivamente 641.661. Gli aumenti sono, ancora una volta, in Africa (+2.220) e in Asia (+1.218), le diminuzioni in Europa (-7.167), America (-3.253) e Oceania (-267).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Shalabayeva: avvicendati Cortese e Improta
Gabrielli: ‘Amareggiato ma Polizia rispetta sentenze’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2020
13:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il questore di Palermo Renato Cortese e il capo della Polizia Ferroviaria Maurizio Improta sono stati destinati ad altro incarico. La decisione è stata presa dal capo della Polizia Franco Gabrielli come conseguenza della sentenza di primo grado del tribunale di Perugia che ha condannato i due e altri agenti per il sequestro e l’estradizione di Alma Shalabayeva. Il Dipartimento di Pubblica Sicurezza ha attivato la procedura amministrativa dell’istituto giuridico della disponibilità. “Pur ribadendo la profonda amarezza ed il pieno convincimento dell’estraneità dei poliziotti ai fatti” dice Gabrielli, con la decisione presa si riafferma il principio che “la Polizia, il cui motto non a caso è ‘sub lege libertas’, osserva e si attiene a quanto pronunciato dalle sentenze, quand’anche non definitive”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Frenano contagi in Israele, tasso più basso da luglio
Da domenica sera allentate restrizioni del lockdown
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TEL AVIV
16 ottobre 2020
13:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Frenano ancora i nuovi contagi in Israele: nelle ultime 24 ore sono stati 1.608 su 37.487 tamponi con un tasso di morbilità del 4.5%, il più basso da metà luglio.
I casi attivi della malattia sono ad oggi 38.355 e di questi 713 – in discesa – i casi gravi di cui 247 in ventilazione. I morti, da inizio pandemia, sono 2.127. Da mezzanotte di domenica prossima scatta il primo allentamento delle restrizioni dell’attuale fase di lockdown con il riavvio di alcune attività economiche e sociali. Il governo sta anche pensando di rimuovere le misure di chiusura nelle cittadine considerate “rosse”.   MONDO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Fisco: dichiarato povero aveva una Ferrari e un De Chirico
La Finanza sequestra beni a un imprenditore a Sassuolo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MODENA
16 ottobre 2020
13:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ufficialmente dichiarava redditi spesso al limite della soglia di povertà, ma ufficialmente conduceva un tenore di vita ben più elevato rispetto ai redditi leciti dichiarati. I finanzieri del comando provinciale di Modena hanno eseguito un provvedimento di prevenzione patrimoniale (emesso dal tribunale di Bologna) con il quale è stata disposta la confisca, in continuità con il sequestro dell’aprile scorso, di beni mobili e immobili per oltre un milione.
Destinatario un imprenditore settantaduenne originario di Reggio Emilia, ma da anni residente a Sassuolo che negli anni, con attività illecite nell’arco di quarant’anni ed intestando beni alla moglie e al figlio, era riuscito ad acquistare svariati beni di lusso. Tra questi una Ferrari 308 Gts del 1986 ed una imbarcazione da diporto da 12 metri. Tra i redditi dichiarati ed il patrimonio avuto a disposizione nel tempo, la Finanza ha rilevato una sproporzione per circa 7 milioni di a fronte di debiti verso l’erario per oltre 12 milioni. La confisca ha riguardato 5 unità immobiliari tutte a Sassuolo, 6 polizze assicurative, saldi in denaro depositati su 2 conti correnti bancari, nonché numerosi oggetti di valore tra cui monili, orologi (Rolex) e quadri (tra cui spiccano delle opere di De Chirico e di Scuffi).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Veneto, +704 contagi e 7 vittime
Terapie intensive occupate per 10% dotazione, 47 pazienti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
16 ottobre 2020
13:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuova fiammata dei positivi Covid in Veneto, che oggi registra 704 casi in più, e 7 vittime. Lo afferma il bollettino della Regione. Con i 600 contagi di ieri, si contano oltre 1.300 casi in 48 ore. Il dato degli infetti (compresi i guariti e i decessi) dall’inizio dell’epidemia sale a 34.277, quello dei morti a 2.244. Continua a salire la pressione sugli ospedali e le terapie intensive: nei reparti non critici si trovano 396 pazienti (+21), nelle rianimazioni 47 (+2). Quest’ultimo dato impatta per il 10% sulla dotazione base, 464 posti, delle terapie intensive del Veneto,.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Neonato abbandonato a Verona: rintracciati i genitori
All’origine del gesto lo stato di indigenza della coppia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VERONA
16 ottobre 2020
13:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono stati identificati e rintracciati dai Carabinieri i genitori del bambino di 4 mesi abbandonato l’altra notte a Verona in strada. Si tratta di una coppia originaria della Romania, 30 anni il padre, 34 anni la madre, in Italia da più di un anno. Il bimbo, il loro primo figlio, era nato lo scorso luglio. Ma i due vivono una precaria situazione economica, e inizialmente avevano ricevuto aiuto da una conoscente. La pesante indigenza e lo sconforto per questa situazione li avrebbe probabilmente indotti a prendere la decisione di abbandonare il bambino. I due genitori sono stati individuati grazie alla segnalazione di una connazionale che li ospitava.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Spallanzani da oggi accetta solo pazienti Covid
Aumentano positivi ricoverati, oggi sono 203. Capienza al 60-70%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
16 ottobre 2020
14:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“A partire da oggi l’Istituto Nazionale di Malattie Infettive, Lazzaro Spallanzani accetta solo pazienti Covid. Questa disposizione, concordata con la direzione sanitaria e con tutta la rete ospedaliera del Servizio sanitario regionale, è necessaria per garantire la disponibilità dei posti letto per l’emergenza SARS CoV-2” Lo comunica l’Unità di Crisi COVID-19 della Regione Lazio.
Allo Spallanzani aumentano i positivi al Covid-19 ricoverati, che oggi superano quota 200. Secondo quanto si è appreso, nell’istituto al momento la capienza è al 60-70%. La situazione allo Spallanzani – a quanto riferito – però è gestibile visto il lavoro di implementazione e riorganizzazione dei posti letto messo in opera nei mesi scorsi dall’Istituto proprio per prepararsi all’eventualità di una seconda ondata in autunno. In questo momento sono ricoverati 203 pazienti positivi al tampone per la ricerca di Sars-CoV-2. Di questi, 25 necessitano di terapia intensiva, quelli dimessi e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali sono, a questa mattina, 870.
E’ quanto emerge dal bollettino di oggi dell’istituto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pamela: Oseghale, morta dopo malore, non l’ho uccisa
“Ero sotto choc, non giudicatemi per colore della mia pelle”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
16 ottobre 2020
14:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Non ho ucciso Pamela”. In aula ad Ancona per il processo in Corte d’assise d’appello per l’omicidio della 18enne Pamela Mastropietro, l’imputato Innocent Oseghale, pusher nigeriano di 32 anni, ha reso dichiarazioni spontanee per ripercorrere gli ultimi momenti passati in casa in compagnia della ragazza, per ribadire di non averla uccisa il 30 gennaio 2018 a Macerata. Pamela, ha ribadito, ebbe un malore dopo l’assunzione di eroina, cadde dal letto dove si era sistemata per rilassarsi per poi progressivamente perdere coscienza e morire. “Ero sotto choc, confuso, ho fatto una cosa terribile – ha detto a proposito dell’ammissione dei avere smembrato il corpo, poi abbandonato in due trolley sul ciglio di una strada -. Ma voglio pagare per quello che ho fatto, non per quello che non ho fatto”. Oseghale ha chiesto una sentenza “senza pregiudizi”: “non giudicatemi per il colore della pelle…”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 11 morti e focolaio in Aou Sassari, 6 indagati
Chiusa inchiesta Nas su decessi e contagi in Cardiologia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SASSARI
16 ottobre 2020
15:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Su disposizione della Procura di Sassari i carabinieri del Nas hanno notificato oggi la chiusura delle indagini a 5 dirigenti dell’Aou di Sassari e uno dell’Ats, indagati per la morte per Covid di 11 persone e per i numerosi contagi fra pazienti e personale sanitario avvenuti all’interno del reparto di Cardiologia dell’ospedale Santissima Annunziata di Sassari, primo vero focolaio dell’epidemia nel nord Sardegna.
Si tratta di dirigenti in carica all’epoca dei fatti, fra marzo e maggio 2020: il coordinatore dell’Unità di crisi dell’Area socio sanitaria di Sassari Fiorenzo Delogu, al quale sono contestati i reati di rifiuto d’atti d’ufficio, morte e lesioni da altro delitto ed epidemia colposa; il direttore generale dell’Aou, Nicolò Orrù (contravvenzioni di norme a tutela della sicurezza dei lavoratori, omicidio colposo plurimo, epidemia colposa); la direttrice del servizio Acquisizione beni e servizi dell’Aou Ivana Teresa Falco (omicidio colposo plurimo ed epidemia colposa); il direttore della Struttura complessa Affari generali dell’Aou Antonio Solinas (omicidio colposo plurimo ed epidemia colposa); il direttore sanitario dell’Aou Bruno Contu (omicidio colposo plurimo ed epidemia colposa); il commissario straordinario dell’Ats Sardegna, Giorgio Steri (omicidio colposo plurimo ed epidemia colposa). Il pm ha ora la facoltà di esercitare l’azione penale chiedendo il rinvio a giudizio. Le indagini condotte dai carabinieri del Nas di Sassari e dagli ispettori del servizio Spresal fanno parte di una più ampia inchiesta in corso, coordinata dal procuratore capo Gianni Caria e dal sostituto Paolo Piras, sulla gestione generale dell’emergenza da Covid 19 nelle strutture sanitarie sassaresi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Vaccino influenza rafforza Covid’, indagato medico
Dottore ‘negazionista’ indagato per procurato allarme
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
IVREA
16 ottobre 2020
15:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La procura di Ivrea, partendo da una segnalazione dei carabinieri del Nas, ha aperto un’inchiesta nei confronti di Giuseppe Delicati, 60 anni, ex ufficiale medico di complemento. E’ accusato di procurato allarme per aver diffuso nei giorni scorsi un filmato sul web con teorie che arrivano a negare la pandemia Covid e su un’ipotetica attivazione del Coronavirus da parte del vaccino antinfluenzale.
L’ordine dei medici di Torino ha chiesto la rimozione del video pubblicato sui social.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ponte Genova: slitta di un mese la consegna della perizia
I tre esperti del giudice hanno chiesto proroga termini
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
16 ottobre 2020
15:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Slitta di un mese la consegna della relazione dei periti del giudice per le indagini preliminari nell’ambito del secondo incidente probatorio per il crollo del ponte Morandi. Il documento doveva essere consegnato entro il 30 ottobre.
I tre periti, però, hanno chiesto una proroga del termine perché alcuni consulenti di parte hanno chiesto di esaminare tutti i 3248 fili contenuti nel reperto 132, considerato la prova regina per risalire alle cause del crollo. Secondo i tecnici di Autostrade e Spea, infatti, il collasso del viadotto (avvenuto il 14 agosto 2018, provocando la morte di 43 persone) sarebbe stato causato da un difetto di costruzione (una bolla d’aria nel trefolo dovuta al minore quantitativo di calcestruzzo iniettato rispetto al progetto originario) che avrebbe accelerato il processo di corrosione interno insieme a un fattore imprevedibile che si verificò quella mattina: la caduta di un coil di acciaio da oltre tre tonnellate. Per la procura però, il camion precipitò con la bobina ancora legata al rimorchio e non potrebbe essere considerata come causa del crollo.
Tra le altre questioni aperte da affrontare per tutti i tecnici anche quelle dell’analisi dei video. Il giudice ha dunque concesso la proroga e ha anche fissato l’inizio delle udienze per la discussione a partire dall’11 gennaio.
Nel corso del primo incidente probatorio era emerso uno stato diffuso di corrosione dei resti del ponte. Con il secondo incidente probatorio si dovranno stabilire le cause vere e proprie che hanno determinato la tragedia. La procura ha indagato 71 persone e le due società Aspi e Spea a vario titolo per falso, omicidio colposo plurimo, lesioni colpose, attentato alla sicurezza dei trasporti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Piemonte, stop attività commerciali dal mezzanotte
Nuova ordinanza regionale in vigore fino al 13 novembre
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
16 ottobre 2020
16:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dal 18 ottobre la Regione Piemonte ha disposto la chiusura notturna di tutte le attività commerciali al dettaglio, da mezzanotte alle 5 del mattino, fatta salva l’attività delle farmacie. Lo prevede una ordinanza, firmata oggi dal presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, che riallinea al Dpcm del 13 ottobre le disposizioni di contenimento del Covid previste sul territorio regionale.
L’ordinanza, che ha validità fino al 13 novembre, prevede il divieto di vendita di alcolici dopo le 21 in tutte le attività commerciali, escluso il servizio di consumazione al tavolo negli esercizi di ristorazione. I ristoranti avranno invece l’obbligo di tenere un registro quotidiano delle presenze e dei contatti di tutti i clienti del locale che usufruiscono del servizio al tavolo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Papa: la fame non è solo una tragedia, è una vergogna
‘Siamo tutti responsabili’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
16 ottobre 2020
16:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Per l’umanità la fame non è solo una tragedia, ma una vergogna”. Lo dice Papa Francesco nel videomessaggio ai membri della Fao in occasione del 75° anniversario della sua istituzione. “Per la maggior part e, è causata da una distribuzione ineguale dei frutti della terra, a cui si aggiunge la mancanza di investimenti nel settore agricolo, le conseguenze del cambiamento climatico e l’aumento del conflitti in diverse aree del pianeta. D’altra parte, tonnellate di cibo vengono buttate via. Non possiamo rimanere insensibili o paralizzati. Siamo tutti responsabili”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Papa: il 20 ottobre all’Aracoeli per preghiera ecumenica
Parteciperà ad incontro promosso dalla Comunità di Sant’Egidio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
16 ottobre 2020
16:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel pomeriggio del 20 ottobre Papa Francesco sarà presente all’Incontro di Preghiera per la Pace nello spirito di Assisi dal titolo “Nessuno si salva da solo – Pace e Fraternità”, promosso dalla Comunità di Sant’Egidio, prendendo parte al momento di preghiera ecumenica con le altre confessioni cristiane nella Basilica di Santa Maria in Aracoeli e alla successiva cerimonia con i rappresentanti delle grandi religioni mondiali sulla Piazza del Campidoglio. Lo rende noto il direttore della Sala Stampa della Santa Sede, Matteo Bruni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Inchiesta trans: ridotte in appello condanne per tre Cc
Per il quarto imputato riconosciuta la prescrizione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2020
16:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ridotte in appello le condanne per tre carabinieri infedeli accusati di avere ordito un ricatto, nel 2009, all’allora presidente della Regione Lazio, Piero Marrazzo. I giudici della prima sezione della Corte d’Appello di Roma, accogliendo una richiesta di concordato, hanno stabilito una pena a 6 anni e 9 mesi per Nicola Testini e Carlo Tagliente che in primo grado erano stati condannati a 10 anni. Per Luciano Simone la condanna in secondo grado è di 3 anni e 10 mesi mentre in primo grado gli erano stati inflitti a 6 anni e mezzo. Per il quarto imputato, il carabiniere Antonio Tamburrino, è stata dichiarata l’intervenuta prescrizione. Le accuse erano, a vario titolo, quelle di concussione, rapina, violazione della legge sugli stupefacenti e ricettazione. La vicenda risale al 3 luglio del 2009 quando i carabinieri fecero un blitz, nell’ambito di una operazione antidroga, nell’abitazione della trans Natali in via Gradoli. I militari con un telefono cellulare effettuarono un video in cui erano visibili sia Marrazzo che Natali che successivamente fu utilizzato come strumento di ricatto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Fontana nuove misure non saranno drammatiche
Meno preoccupato che a marzo ma lombardi seguano regole
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 ottobre 2020
16:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Le nuove misure non saranno drammatiche”. Lo ha detto il presidente della Lombardia Attilio Fontana, dopo l’incontro con i sindaci in videoconferenza parlando della prossima ordinanza che potrebbe essere emanata tra questa sera e domani. “I lombardi posso essere meno preoccupati – ha aggiunto rispondendo ad una domanda – ma devono essere attenti alle misure altrimenti c’è il rischio che l’epidemia degeneri” “Io – ha anche detto – sono meno preoccupato che a marzo”.
“Tutti propongono una riduzione delle condizioni stabilite dal dpcm, sottoporremo le nostre proposte al Cts” regionale che si riunirà nel pomeriggio”, ha spiegato Fontana parlando della misure da adottare sulla movida in Lombardia. “Chiusura dei locali alle 21? Non credo”, ha detto.
“Il primo argomento è ridurre le persone sul trasporto pubblico locale” e quindi, legato a questo tema, “tutti ritengono sia necessario chiedere che si proceda a una didattica a distanza non assoluta ma parziale” solo per gli studenti delle scuole superiori.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Caso Caruana: nel goriziano murales di giornali la ricorda
Inaugurata opera a 3 anni morte. ‘Dedicata a informazione leale’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
16 ottobre 2020
16:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un’immagine di Daphne Caruana Galizia realizzata con gli articoli di giornale riferiti al suo omicidio e ad altri casi di giornalisti assassinati o minacciati. E’ il murales inaugurato oggi, alla presenza tra gli altri del sottosegretario all’Editoria, Andrea Martella, a Ronchi dei Legionari (Gorizia), a tre anni dalla morte della reporter investigativa, dilaniata dall’esplosione di una bomba piazzata a bordo della sua auto.
Il murales, promosso dall’associazione Leali delle Notizie con il sostegno della Fnsi, è dedicato a lei e a tutti i giornalisti, operatori e addetti dell’informazione che hanno perso la vita per aver fatto il loro lavoro. L’opera è stata realizzata tra il 19 e il 20 settembre dall’artista Massimo Racozzi sul muro della pensilina della fermata dei mezzi pubblici in via Dante. “La tecnica utilizzata – spiega l’autore – si avvale di articoli e pezzi di giornale riferiti all’omicidio di Daphne e ad altri casi di giornalisti assassinati, avvelenati o minacciati. Questi ritagli sono stati tinti in una tonalità di grigio e sono stati incollati con acqua e vinavil sulla parete, come un manifesto. Strato dopo strato, articolo dopo articolo, ha preso la forma dell’immagine di Daphne, mentre in basso a sinistra è stata inserita la frase ‘Di’ la verità anche se la tua voce trema’ con i caratteri giornalistici”.
“Il murales – spiega il presidente dell’associazione, Luca Perrino – è dedicato a Daphne Caruana Galizia ma vuole essere un omaggio a tutti i giornalisti, operatori e addetti dell’informazione che hanno perso la loro vita per aver voluto assicurare un’informazione veritiera e leale. Quest’opera rientra inoltre negli obiettivi e principi a cui si ispira la nostra associazione, che si sta battendo per la libertà di stampa e di espressione”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ndrangheta: ‘Cafè de Paris’, cade in appello accusa mafia
Per 14 imputati prescrizioni e assoluzioni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2020
17:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cade in appello l’accusa dell’aggravante dell’associazione di stampo mafioso nell’ambito del processo sulla vicenda che riguardò anche il Cafè de Paris, lo storico locale della dolce vita su cui la criminalità organizzata aveva messo mani. I giudici della III sezione penale hanno, quindi, assolto e dichiarato l’intervenuta prescrizione per le 14 posizioni giunte al loro vaglio. In primo grado, nell’aprile del 2014, i giudici avevano inflitto condanne per un totale di 40 anni nei confronti di persone ritenute affiliate a gruppi ndranghetisti che erano entrati in possesso, secondo le accuse, di numerose attività commerciali tra cui il famoso bar di via Veneto. Assoluzione per prescrizione, tra gli altri, di Vincenzo Alvaro, della moglie Grazia Palamara e di Damiano Villari.L’avvocato Fabrizio Gallo, che con i colleghi Matteo Cartolano e Tiziana Barillaro, ha difeso la famiglia Alvaro, ha commentato affermando che “l’operazione ‘Cafè de Paris’ non era una operazione contro la ‘Ndrangheta, come hanno titolato i giornali di tutto il mondo. Oggi la Corte d’appello ha stabilito che i beni sequestrati, tra i quali il locale della Dolce Vita, non erano stati acquistati con soldi illeciti. L’assoluzione dell’aggravante mafiosa ha fatto crollare il resto per prescrizione”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Donna morta a Modena: il marito, le ho dato uno schiaffo
L’interrogatorio di garanzia di Davide di Donna in carcere
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MODENA
16 ottobre 2020
17:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Non volevo farle del male. Men che meno ucciderla. Non riesco a spiegarmi come ciò sia potuto accadere. Le ho dato uno schiaffo, stavamo litigando per questioni legate alla famiglia”. Sarebbero queste in sostanza le risposte che in mattinata Davide Di Donna, fornaio 50enne di Pavullo (in provincia di Modena) arrestato con l’accusa di omicidio preterintenzionale per la morte della moglie Alessandra Perini, ha fornito nell’interrogatorio di garanzia.
Accompagnato dal suo avvocato, il legale modenese Guido Sola, Di Donna ha risposto per due ore davanti al gip Elonora Pirillo e al pubblico ministero che coordina le indagini, Marco Niccolini.
L’interrogatorio si è svolto dentro al carcere Sant’Anna di Modena. Alessandra Perini è morta l’1 ottobre durante il trasporto in ospedale a seguito di un trauma al capo che ha causato una emorragia. Il marito ha telefonato al 118 diverse ore dopo il trauma, secondo gli inquirenti la telefonata potrebbe essere stata fatta anche nell’arco delle 48 ore successive.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, contagi a quota 10mila, i decessi sono 55
Covid, incidenza positivi-tamponi sale a 6,6%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2020
17:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Raggiungono quota 10mila i nuovi contagi per il Covid in Italia nelle ultime 24 ore: nelle ultime 24 ore secondo il bollettino del Ministero della Salute si sono registrati 10.010 casi (ieri 8.804). I tamponi sono stati 150.377. I decessi. sono stati 55,in calo rispetto agli 83 di ieri.
Sale al 6,6% la percentuale di positivi al Covid in Italia per tamponi effettuati. E’ quanto emerge da un’analisi dei dati del bollettino odierno del ministero della Salute. Aumentano ancora i ricoveri: nelle ultime 24 ore sono stati 382 in più rispetto a ieri (complessivamente 6.178). In aumento anche le terapie intensive (+52), ora in tutto 638. Superata quota 100mila per i malati in isolamento domiciliare (+8.230, in tutto 100.496).
Rispetto a ieri sono stati effettuati circa 12.500 tamponi in meno: oggi 150.377. Gli attualmente positivi sono 107.312 (+8.046). I decessi hanno raggiunto la cifra di 36.427 (+55). I guariti sono 247.872 (1.908).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Coltellate mortali in discoteca, 26enne in Assise a Sassari
Prima udienza 23 novembre, respinto rito abbreviato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SASSARI
16 ottobre 2020
17:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sarà processato il 23 novembre prossimo con rito ordinario in Corte d’assise a Sassari, Giuseppe Dibo Elias, il 26enne di Ittiri accusato di aver ucciso con due coltellate il coetaneo Giovanni Fresi la notte di Natale dello scorso anno, nella discoteca Blu Star di Ossi. Il gup Antonello Spano ha infatti respinto l’eccezione di illegittimità costituzionale presentata dagli avvocati della difesa, Gabriele e Luigi Satta, che avevano chiesto l’abbreviato contestando l’articolo 438 comma 1 bis del codice di procedura penale, che impedisce questo rito per i reati puniti con l’ergastolo. Al dibattimento in Corte d’Assise è stata ammessa come parte civile la famiglia di Giovanni Fresi, difesa dall’avvocato Lisa Udassi.
Il giovane fu ucciso la notte del 25 dicembre 2019 nella discoteca Blule Star di Ossi, dove festeggiava il Natale con gli amici. Tra Fresi e Dibo Elias non correva buon sangue e spesso avevano litigato per questioni economiche e per via dell’ex fidanzata dell’imputato. I due avevano litigato anche quella notte, prima dell’omicidio. Qualche ora dopo, introno alle 4, Dibo Elias si era presentato in discoteca con un coltellaccio da cucina lungo 33 centrimetri e aveva colpito a un braccio Fresi.
La lite era proseguita all’esterno del locale dove il giovane aveva sferrato la coltellata mortale, colpendo il rivale all’addome per poi scappare. I carabinieri lo avevano arrestato qualche ora dopo nella sua casa, a Ittiri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Stilista impiccata: Riesame scagiona Venturi, fu suicidio
Confermata decisione gip, ex fidanzato non va arrestato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 ottobre 2020
18:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il tribunale ritiene che non vi siano gravi indizi di colpevolezza a carico” di Marco Venturi, “avendo gli elementi acquisiti accertato – con un grado di rilevante probabilità – che la morte ” di Carlotta Benusiglio “sia avvenuta per suicidio”. Sono le conclusioni a cui arrivano i giudici del Riesame di Milano nel confermare il provvedimento con cui il gip lo scorso marzo ha rigettato la richiesta firmata dal pm Gianfranco Gallo di arresto del fidanzato della stilista milanese trovata impiccata con una sciarpa avvolta attorno al collo ad un albero nei giardini di piazza Napoli, il 31 maggio di quattro anni fa, verso le 3.40 di notte.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Corona, ‘sono positivo al Covid’
Ex fotografo avvisa pure cronisti incontrati in Tribunale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 ottobre 2020
18:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fabrizio Corona, l’ex fotografo dei vip è positivo al Coronavirus. Lo ha annunciato lui stesso sui social dicendo di avere “la febbre alta, a 39, per tre giorni”, avvertendo tutte le persone che ha incontrato inclusi i giornalisti in Tribunale che lo hanno intervistato martedì scorso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
IL-PUNTO/COVID:Veneto,+704 casi,cluster in matrimonio
Zaia, io tifo per scuola aperta. Lockdown? sarebbe una sconfitta
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
16 ottobre 2020
18:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono i numeri ‘sotto controllo’ di ospedali e rianimazioni a frenare la paura in Veneto, ma la seconda ondata del Covid sembra una riedizione della prima: +704 contagi e 7 vittime in un solo giorno, dati più alti (nei positivi) di marzo-aprile. Il sistema sanitario regge, e questo è il mantra del governatore Luca Zaia. Sul totale dei contagiati, il 97% non ha sintomi, e ciò fa la differenzia tra fase attuale dell’epidemia e la precedente quando metà degli infetti finiva in ospedale Tuttavia la pressione si sente. Con i 600 casi di giovedì e i 704 di oggi il conteggio è cresciuto di oltre 1.300 positivi in 48 ore. Sale anche la casistica dei morti, 2.244. La nuova fiammata del virus si riverbera qppena nei bollettini degli ospedali: nei reparti non critici ci sono 396 pazienti (+21), nelle rianimazioni 47 (+2). Quest’ultimo dato impatta per il 10% sulla dotazione base, 464 posti, delle terapie intensive del Veneto.
Intanto scoppiano nuovi mini-focolai. Un cluster con 22 persone positive al Covid-19 è il risultato di una festa di matrimonio nel trevigiano, mentre il 10% di un gruppo di 500 lavoratori di un’azienda è risultato al virus.
Sul tema centrale del dibattito – chiudere oppure no il Paese una seconda volta – Luca Zaia sta con chi crede non serva un nuovo lockdown. “Non porto avanti idee di lockdown perchè sarebbe una sconfitta – dice – Vorrebbe dire avere ospedali al collasso, molte vittime,, sarebbe ammettere che qualcosa è andato storto nel piano di prevenzione”. Non esclude invece la validità di lockdown ‘chirurgici’, come è stato anche in Veneto in alcuni comuni del Comelico. Infine il presidente veneto cerca di fare chiarezza sul tema scuola: “Tifo perchè la scuola rimanga aperta e non perchè si chiuda – spiega – Sono stato criticato perchè ho posto una questione. Il tempo sarà galantuomo e vedrete come andrà a finire. Si andrà lì: con la didattica a distanza, la didattica a vista, con le turnazioni, ovviamente per gli studenti che possono autogestirsi una parte di giornata senza i genitori”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Insieme’, in foto Sestini bimbi tornati scuola
Mostra all’Istituto degli Innocenti di Firenze
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
16 ottobre 2020
19:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dieci foto che raccontano il ritorno dei bambini da 0 a 6 anni, dopo il lockdown, ai servizi educativi all’infanzia dell’Istituto degli Innocenti di Firenze: è la mostra ‘Insieme. I bambini tornano a scuola’ di Massimo Sestini, visitabile dal 17 ottobre al 30 novembre presso l’Istituto degli Innocenti di Firenze, e inaugurata oggi alla presenza del ministro della Famiglia Elena Bonetti.
Il progetto è promosso e realizzato da Global Friends e dall’Istituto degli Innocenti, in collaborazione con il Dipartimento per le politiche della famiglia della Presidenza del Consiglio dei ministri e con il Centro nazionale di documentazione e analisi per l’infanzia e l’adolescenza. Sestini ha fotografato bimbi che giocano, ascoltano storie, disegnano, sognano a occhi chiusi o a occhi aperti, cogliendone spontaneità, purezza, energia. Lo scatto della copertina della mostra raffigura bambini seduti su un prato verde, uno vicino all’altro come non accadeva da mesi, intenti ad ascoltare una storia letta dall’educatrice.
Si tratta di un lavoro “prezioso” secondo Bonetti, perché Sestini “nei suoi scatti riesce a racchiudere momenti di ordinarietà che in questo tempo inedito ci raccontano la straordinarietà di un’emozione grande: il ritorno a scuola, luogo di relazione, umanità, condivisione e conoscenza”. Per il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani “i bambini sono il nostro futuro, e i ritratti che ci offre Sestini voglio salutarli come un grande omaggio alla speranza”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 81 positivi in rsa di Varazze
La struttura ospita 100 persone
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
16 ottobre 2020
20:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nella rsa Santa Caterina di Varazze (Savona) sono stati individuati 81 ospiti positivi sui cento presenti nella struttura. Lo riferisce il responsabile di Alisa per le rsa Ernesto Palummeri.
“Fino a pochi giorni fa le rsa liguri facevano registrare ‘calma piatta’, purtroppo negli ultimi due giorni c’è stata un’accensione di alcuni focolai, è cambiato in modo significativo il quadro. – commenta – Abbiamo registrato oggi a Savona 81 casi positivi concentrati in un’unica struttura”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pamela: Assise Appello conferma ergastolo per Oseghale
Madre ragazza esulta. Oseghale, ‘non l’ho uccisa io’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
16 ottobre 2020
20:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Confermata ad Ancona dalla Corte d’assise d’appello la condanna all’ergastolo con isolamento diurno di 18 mesi per Innocent Oseghale, 32enne pusher nigeriano, per l’omicidio della 18enne romana Pamela Mastropietro uccisa e fatta a pezzi il 30 gennaio 2018 a Macerata. Le accuse sono omicidio volontario aggravato della violenza sessuale, vilipendio, distruzione e occultamento di cadavere. “Bravi, grandi” ha detto Alessandra Verni, madre di Pamela al verdetto della Corte d’assise d’appello emesso in serata dopo cinque ore e mezza di camera di consiglio. La madre di Pamela ha esultato, frenata dal proprio legale. Oseghale, mentre stava uscendo dall’aula, scortato dalla polizia penitenziaria, ha detto ad alta voce: “non l’ho uccisa, va bene, capite tutti italiani”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Santelli: immagine Jole proiettata su facciata Cittadella
Corteo funebre giunto in serata a Catanzaro
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
16 ottobre 2020
20:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ arrivato in serata nella piazza San Francesco di Paola della Cittadella regionale a Catanzaro il corteo funebre che accompagnava il feretro del presidente Jole Santelli. Ad attenderlo numerose autorità politiche e civili ma anche tanti dipendenti della Regione e semplici cittadini. A fare da sfondo, sulla facciata esterna del lato “maestrale” della Cittadella, è stata proiettata una grande immagine del presidente Santelli.
Da domattina alle 9 sarà aperta la camera ardente allestita nella piazza mentre è stata anticipata alle 13.30 la chiusura.
Subito dopo, il presidente della Cec e arcivescovo di Catanzaro-Squillace, mons. Vincenzo Bertolone, benedirà la salma del presidente Santelli.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Lombardia, bar-ristoranti chiusi alle 24
Dopo le 18 consumo di alimenti e bevande solo ai tavoli
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 ottobre 2020
22:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bar, pub e ristoranti chiusi alle 24 da domani in Lombardia. In tali attività dopo le 18 il consumo di alimenti e bevande viene consentito esclusivamente ai tavoli. E’ quanto stabilisce la nuova ordinanza del governatore Attilio Fontana.
Il provvedimento prevede anche lo stop alle competizioni sportive dilettantistiche che prevedano il ‘contatto fisico’ e la chiusura di sale gioco, scommesse e bingo. Vietato il consumo di alcol e alimenti sul suolo pubblico dalle 18 alle 6.
L’ordinanza è valida su tutto il territorio regionale da domani fino al 6 novembre.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Hit parade, Bloody Vinyl resiste in vetta
Sul podio Carl Brave e l’omaggio a Guccini, primo tra i vinili
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2020
19:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Resiste in vetta per la seconda settimana consecutiva BV3, il progetto del collettivo Bloody Vinyl, con i rapper Slait, Low Kidd, Tha Supreme e Young Miles, mentre arrivano due new entry sugli altri gradini del podio della classifica Fimi/Gfk degli album più venduti.
Sempre rap in seconda posizione con Coraggio, secondo album di Carl brave, mentre la terza piazza va a Note di Viaggio – capitolo 2: non vi succederà niente, seconda parte della raccolta delle più belle canzoni di Francesco Guccini, prodotta e arrangiata da Mauro Pagani e interpretate dalle grandi voci della musica italiana, che conquista anche la vetta della classifica dei vinili.
Scende in quarta posizione Renato Zero con il suo nuovo progetto ZeroSettanta – Volume Tre, l’album con cui il cantante festeggia il suo settimo decennio e uscito proprio il giorno del compleanno il 30 settembre.
Perde una posizione la coppia formata da Emis Killa e Jake la Furia, ora quinta con 17, mentre ne guadagnano una Ernia con Gemelli, ora sesto (oltre che primo tra i singoli con Superclassico), e Guè Pequeno con Mr. Fini, rispettivamente sesto e settimo.
Chiudono la top ten Achille Lauro con la sua riedizione di 1969, Marracash con Persona e Irama con Crepe.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Festa Roma: Francesco Totti annulla incontro dopo lutto papà
Confermate le proiezioni del documentario di Infascelli
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
16 ottobre 2020
18:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Francesco Totti non parteciperà alla Festa del Cinema: lo comunica la Fondazione Cinema per Roma che si unisce al dolore dell’ex capitano della Roma e a quello della sua famiglia.
Sarà pertanto annullato l’Incontro Ravvicinato previsto domenica 18 ottobre in Sala Sinopoli alle ore 16.30. Totti non sarà inoltre presente alle attività per il pubblico e per la stampa legate al documentario Mi chiamo Francesco Totti di Alex Infascelli.
Sono invece confermate tutte le proiezioni del documentario, come da programma, e la partecipazione del regista Alex Infascelli alla conferenza stampa e alle altre attività della Festa.
I biglietti per l’Incontro Ravvicinato acquistati online saranno rimborsati automaticamente da TicketOne entro il 25 ottobre. I biglietti acquistati presso l’Auditorium saranno rimborsati esclusivamente presso la biglietteria del Parco della Musica entro e non oltre domenica 25 ottobre alle ore 12.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Musica: esce album postumo Morricone, 7 brani inediti
Morricone Segreto il 6 novembre da Decca e italiana CAM Sugar
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
16 ottobre 2020
15:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quattro mesi dopo la sua morte esce il primo album postumo di Morricone. ‘Morricone Segreto’ sarà disponibile dal sei novembre pochi giorni prima quello che sarebbe stato il suo 92/o compleanno il 10 novembre. L’album porta l’etichetta Decca Records e l’italiana CAM Sugar. Si tratta di una raccolta di brani che copre un arco di tempo dagli anni ’60 a ’80 compreso sette tracce inedite. Morricone Segreto è stato curato da produttore Pierpaolo De Sanctis.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: a Milano altri 2 pm positivi, subito procedure
Contagiato anche un cancelliere, sanificazione in tribunale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 ottobre 2020
15:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Salgono a tre i pm della Procura di Milano risultati positivi al Coronavirus. Nei giorni scorsi uno di loro, a casa in isolamento fiduciario, aveva comunicato ai colleghi di aver preso il Covid e in questi giorni altri due si sono ammalati assieme a un assistente di cancelleria.
Subito sono scattate le procedure di tracciamento e di sanificazione dei locali e, da quanto si è saputo, altri magistrati sono in isolamento. Inoltre è stata attivata una procedura di potenziamento dell’attività in smart working in particolare per le fasce più fragili e titolari di permessi speciali legati allo stato di salute. In tutto il Palazzo di Giustizia milanese al momento non ci sarebbero altri casi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Libri: arriva Gridalo di Roberto Saviano dal 10 novembre
Indagine su meccanismi propaganda e censura, per Bompiani
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2020
11:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Esce il 10 novembre il nuovo libro di Roberto Saviano, ‘Gridalo: ” un’indagine serrata sui meccanismi della propaganda, della censura, della manipolazione. Un grido che dissipa ogni indifferenza, poetico e militante, di non assuefazione alle regole del gioco. Una grande avventura che ha per protagonista la libertà di pensiero”. Coì definito dall’editore il volume racconta ”donne e uomini celebri da sempre o famosi per un giorno che ci vengono incontro, ci pongono domande ineludibili.
Ipazia, scienziata alessandrina, fa lezione in piazza: il suo sguardo giunge dritto fino a noi, non si offusca nemmeno quando mani fanatiche di monaci cristiani si accaniscono su di lei con cocci taglienti. Robert capa, reporter di guerra, arriva così vicino alla realtà da coglierne il cuore senza nemmeno mettere a fuoco: solo vivendo in prima persona possiamo capire. La poetessa achmatova attende al gelo davanti al carcere dove è chiuso suo figlio: quando prende in mano la penna, i suoi versi fanno tremare Stalin e cantano la resistenza e il coraggio.
Giordano bruno muore tra le fiamme: ma la verità che ha condiviso rende per sempre vano quel rogo. Al contrario, lo speaker radiofonico ruandese che entra in tutte le case con le sue battute è proprio colui che semina odio sanguinario. Ed è il gerarca colto e disperatamente innamorato a insegnare a Hitler che se ripeti una bugia cento volte, finiranno per credere che sia la verità. e ancora un’attrice, un wrestler, un bambino con un pennello in mano. Con la sua scrittura capace di coniugare epica e lucidità di ragionamento, Saviano ci svela le dinamiche pericolose che dominano ogni comunicazione, eppure arrivati in fondo ci troviamo come il ragazzo a cui è rivolto il racconto: all’inizio di tutto, pieni di energie, di sogni, di indignazione”.
Il libro Bompiani overlook ( pagine 512, prezzo € 23,00 in libreria 10 novembre) sarà arricchito dal contributo di Alessandro Baronciani, che firma i ritratti dei protagonisti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: la Scala rinvia presentazione stagione 2O20-2021
Confermati spettacoli fino a 19 ottobre
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 ottobre 2020
10:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“In considerazione dell’evoluzione dell’epidemia negli ultimi giorni in Italia e in Europa nonché della conseguente incertezza del quadro normativo, il Teatro alla Scala rinvia la conferenza stampa di presentazione del calendario da dicembre 2020 a marzo 2021, prevista per oggi”. Lo fa sapere l’ufficio stampa del teatro.
Restano al momento confermati gli spettacoli in programma fino a lunedì 19 ottobre compreso.
Il Teatro alla Scala segue l’evolversi della situazione e darà comunicazione rispetto alle rappresentazioni successive non appena il quadro normativo sarà chiarito.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: ancora proteste ad Arzano, traffico bloccato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Contro il mini lockdown deciso dai commissari prefettizi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
16 ottobre 2020
10:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ancora un sit it di protesta oggi ad Arzano, (Napoli) contro la decisione dei commissari prefettizi di adottare misure più stringenti per contrastare il contagio da Civid. Alcune decine di persone stanno bloccando il traffico lungo la circonvallazione esterna di Napoli, con pesanti ricadute in tutta la zona.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Omicidio nel Palermitano, vittima 26enne
Al culmine di una lite a Camporeale, caccia all’assassino
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
16 ottobre 2020
01:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un giovane di 26 anni, Benedetto Ferrara, è stato ucciso in nottata con alcuni colpi di arma da fuoco nel corso di una lite a Camporeale, un piccolo centro in provincia di Palermo. Le indagini sono condotte dai carabinieri della Compagnia di Partinico. Secondo una prima ricostruzione l’assassino avrebbe usato una pistola calibro 38. Gli investigatori sarebbero sulle tracce dell’assassino. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 ma per la vittima non c’è stato nulla da fare.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pete Docter, in Soul racconto la bellezza della vita
Il regista due volte premio Oscar ha aperto la Festa di Roma
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2020
09:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SOUL, il nuovo film Disney e Pixar di Pete Docter ha aperto la quindicesima edizione della Festa di Roma pieno della sua carica esistenziale e di domande metafisiche più per grandi che per piccini. Inizialmente previsto per la sala cinematografica è stato dirottato sullo streaming di Disney+ dove si potrà vedere il giorno di Natale.
Perché siamo come siamo, cosa determina il nostro carattere, quanto contano le nostre passioni e soprattutto quanto è bella la vita? E cosi qualcuno si è chiesto il perché di quest’opera: “Quando è nato mio figlio aveva già una sua spiccata personalità – spiega Docter -. Molte cose poi si sono evolute in lui, cambiate nel tempo, ma c’era sempre comunque quello che avevo visto il primo giorno. Ho pensato allora: “Dove è successo? Come è possibile?” Queste cose sono alla base del mio film”. E così il regista, sceneggiatore, animatore e produttore statunitense, attuale Chief Creative Officer di Pixar Animation Studios, vincitore di due Premi Oscar per UP e INSIDE OUT, ha messo mano a questo film non privo di cupezza per spiegare da dove provengono le nostre passioni, i sogni che ci ispirano e gli interessi che ci animano. E questo in una storia che si svolge su due piani: il mondo dei vivi e quello delle anime pronte a incarnarsi e reincarnarsi (rappresentate come dei fantasmini fatti di nebbia).
Il protagonista di SOUL è Joe Gardner, filiforme insegnante di musica di scuola media che ha l’occasione della sua vita: suonare il pianoforte nel migliore locale jazz della città. Ma un passo falso lo proietta tra le anime dei non nati e qui gli viene affidata la più riluttante delle anime, ovvero la 22, non disposta ad accettare la vita perché non trova la scintilla per viverla. Determinato come è a ritornare in vita, Joe si allea con 22 e ripiomba sulla terra per avere la sua seconda chance. E tutto nel segno, come indica la frase finale, che qualsiasi senso abbia la vita ora Joe “vuole assaporarla attimo per attimo”. Che questo film segni in qualche modo una crisi esistenziale di Docter lo conferma lui stesso in collegamento remoto dagli States: “Dopo aver finito di lavorare a INSIDE OUT mi sono detto: meglio di questo cosa potrò mai fare? E per la prima volta mi sono fermato e chiesto cosa stessi facendo della mia vita. Ho riconsiderato poi il valore del tempo e ho iniziato a pensare se i film e cartoni animati siano davvero il miglior uso che se ne possa fare. Così è nata l’anima di questo film”. Infine, Pete Docter sembra davvero dispiaciuto che SOUL, dopo diversi rinvii, non sarà in sala, ma solo in streaming sulla piattaforma Disney+, a partire dal 25 dicembre 2020. “Abbiamo lavorato ogni giorno a questo film pensando alla sua uscita nei cinema – ha detto il regista -. È stata anche per noi una sorpresa che questo non sia poi accaduto anche perché era un’opera perfetta in questo particolare momento storico, ma è giusto comunque che si sia preferito farlo vedere in tutta sicurezza”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Leo Da Vinci, il cartoon italiano esce in sala in Cina
Il film di Sergio Manfio caso unico
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2020
19:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Leo da Vinci – il giovane Leo ideato e realizzato negli studios di Gruppo Alcuni – conquista la Cina.
Il film in animazione Leo Da Vinci – Missione Monna Lisa, continua il percorso di successo nel mondo, arrivando anche nei cinema cinesi; lo scorso 11 ottobre è stato presentato in una Première per la stampa e le autorità a Pechino e sarà nelle sale da domani venerdì 16 ottobre. Il lungometraggio per la regia di Sergio Manfio è riuscito nella non usuale impresa per un prodotto audiovisivo italiano di venir distribuito nella Repubblica Popolare Cinese. Rivolto a un target family, il film mixa avventura e commedia e ha come protagonista un inedito Leonardo Da Vinci in versione adolescente alla ricerca di un incredibile tesoro, contro un gruppo di pirati. Il film prodotto da Gruppo Alcuni arriva nel paese del Dragone distribuito da Enjoying Movie. Grazie a questo traguardo arrivano a 83 i paesi del mondo che hanno acquistato il film: dalla Spagna agli Stati Uniti, passando per Russia e Corea del Sud.    CINEMA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Spettacolo prova a resistere ma già saltano eventi
Cresce apprensione con seconda ondata, settore già allo stremo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2020
20:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Prova a resistere il mondo dello spettacolo, ad andare avanti nonostante la capienza limitata metta a dura prova le finanze, già sofferenti, di teatri e sale cinematografiche. Una corsa a ostacoli, tra stop and go dovuti a focolai nati qua e là, che ora l’escalation dei contagi sta mettendo ulteriormente a dura prova. Lo stop a Portici di Carta a Torino e alla presentazione della stagione della Scala sono i primi segnali sulla strada di un nuovo possibile black out delle programmazioni che potrebbe mettere definitivamente in ginocchio il settore.
Dopo la prima ondata della pandemia e il lockdown, che aveva costretto a cancellare tutti gli eventi, compresi i grandi festival, cinema, teatro, musica, mostre e mondo dell’editoria si sono rimessi in moto sia pure tra mille limitazioni e precauzioni. Archiviata la Mostra di Venezia, che si è svolta, comunque priva di star internazionali, in una fase meno allarmante dell’attuale, ora sono gli organizzatori della Festa di Roma a tentare di arrivare alla meta del 25 ottobre, tra qualche defezione, mascherine, termoscanner e dubbi legati all’andamento della curva epidemiologica.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel mondo dell’editoria, dopo che si erano regolarmente tenuti il Festivaletteratura di Mantova a settembre e Insieme a Roma a inizio mese (mentre la Buchmesse, in programma fino al 18 ottobre, aveva già optato per una programmazione tutta digitale), ha dovuto alzare bandiera bianca Portici di carta, che era in programma a Torino sabato 17 e domenica 18. Ieri l’annuncio della Scala, che ha rinviato la presentazione della stagione 2020-2021, pur confermando gli spettacoli in programma fino al 19 ottobre. Nei giorni scorsi era stato il Petruzzelli a dover sospendere le recite del Falstaff dopo che 10 dipendenti erano risultati positivi al covid.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spettacolo comunque, per il momento, non si ferma. Da Milano a Napoli, il prossimo sarà un week end di riaperture e ripartenze per il teatro italiano. L’Opera di Roma ha in programma Zaide di Mozart dal 18 al 27 ottobre, mentre stasera apre l’Auditorium sempre nella capitale il via alla stagione sinfonica dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Restano aperte anche le grandi mostre.
Gli operatori guardano però alle misure che sarebbero allo studio del governo: il coprifuoco dalle 22 metterebbe a repentaglio gran parte della programmazione, mentre le capienze limitate, al momento a 200 posti salvo deroghe, costringono le strutture a lavorare di fatto in perdita. I numeri parlano chiaro: sono 250 mila i lavoratori dei concerti dal vivo ad essere fermi e circa la metà degli oltre 300mila addetti nei teatri.
E mentre per il mondo dei libri si vede qualche piccolo segnale di ripresa (la perdita di fatturato rispetto al 2019 si è ridotta dal -20% di aprile al -7% tra luglio e settembre), a soffrire sono in particolar modo le sale cinematografiche, che hanno ripreso a programmare alcune prime visioni nonostante il crollo degli spettatori. I dati diffusi al Mercato Internazionale dell’Audiovisivo sono allarmanti: secondo l’European Audiovisual Observatory, per gli incassi al box office in Europa si prevede nel 2020 un calo rispetto al 2019 del 70% e nel 2021, sempre rispetto al 2019, del 40%.    SPETTACOLI, MUSICA E CULTURA

Cronaca tutte le notizie in tempo reale. Tutte e sempre aggiornate. INFORMATI, LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 25 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 09:36 ALLE 18:47 DI GIOVEDì 15 OTTOBRE 2020

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Accoltella la ex del marito, arrestata 38enne a Molfetta
Accusata di porto abusivo d’armi, minacce e tentato omicidio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
15 ottobre 2020
09:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Avrebbe accoltellato l’ex moglie del marito durante un litigio in strada, a Molfetta. La donna, una 38enne molfettese, è stata arrestata dai carabinieri, su ordinanza del gip di Trani, per i reati di porto abusivo di arma, minacce e tentato omicidio.
L’episodio risale a pochi giorni dopo ferragosto. La 38enne ora agli arresti domiciliari, avrebbe invitato l’ex moglie del marito ad un incontro per strada per chiarire definitivamente i rapporti dopo l’ennesimo litigio. Durante l’incontro, a cui assisteva anche l’uomo conteso tra le due, sarebbe iniziata una violenta lite e la 38enne, che si era premunita di un coltello, avrebbe ferito l’altro donna con una pugnalata.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Preso aggressore seriale donne a Varese, minore in comunità
Famiglia sconcertata ha collaborato a indagini
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 ottobre 2020
09:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Squadra Mobile di Varese ha eseguito una misura cautelare del collocamento in comunità nei confronti di un minorenne, accusato di essere l’autore di numerose aggressioni sessuali con palpeggiamenti ai danni di donne nella prima metà di settembre scorso nel centro di Varese.
I fatti avevano destato un notevole allarme in città anche per il moltiplicarsi degli episodi. Le vittime erano scelte a caso tra le donne sole: la vittima più giovane ha 13 anni, la più anziana 53.
La Squadra Mobile di Varese – ricostruisce una nota del procuratore della Repubblica dei minori di Milano, Ciro Cascone – ha intuito la serialità delle aggressioni attribuibili allo stessa persona raccontate in nove denunce. Sono poi state analizzate le telecamere di videosorveglianza ed è stato individuato un minorenne, di origini straniere, studente in una scuola superiore di Varese. La perquisizione della sua abitazione, disposta dal pm Sabrina Ditaranto, ha consentito di trovare i capi d’abbigliamento descritti dalle vittime e di ricostruire gli spostamenti del giovane nei giorni dei reati, confermando l’ipotesi dell’Accusa.
La famiglia del ragazzo è sconcertata, spiegano gli inquirenti, ed è ben inserita nel tessuto sociale varesino; i genitori lavorano regolarmente e il fratello maggiore studia all’università e hanno collaborato alle indagini. La Procura ha chiesto e ottenuto il collocamento in una comunità educativa I reati contestati dalla Procura per i minorenni di Milano consistono in nove episodi di violenze sessuali, spesso aggravate da diverse circostanze: minore età della vittima, ma anche stato di gravidanza, ovvero minorata difesa della vittima.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bottino 400 mila euro con rip-deal
Recuperati gioielli e orologi preziosi frutto di raggiri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
15 ottobre 2020
09:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La squadra mobile di Genova ha arrestato tre persone, di origini rom, accusati di avere messo a segno diverse truffe con la tecnica del ‘rip-deal’, raggiro messo a segno con un cambio di valute fraudolento. Dalle indagini è emerso che i tre avrebbero ottenuto un bottino di circa 400 mila euro tra gioielli e orologi preziosi raggirando diverse persone in situazioni e con tecniche differenti. Gli arrestati sono tutti reidenti a Torino.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Fontana, prossime ore decisioni su eventuali misure
Negli ultimi giorni molti più tamponi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 ottobre 2020
10:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Stiamo monitorando la situazione – ha aggiunto – e nelle prossime ore diremo se è necessario prendere qualche misura o se invece basterà essere rigorosamente rispettosi di quanto è già stato disposto”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana.
In Lombardia “nelle ultime giornate si sono fatti molti più tamponi, la percentuale tra i tamponi e gli infettati è più o meno sempre la stessa dei giorni precedenti, ma è sicuramente comunque in crescita”, ha aggiunto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cirio, test rapidi a valichi confine Francia
Governatore,per garantire presidio massimo e assoluto territorio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
15 ottobre 2020
10:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per garantire il presidio “massimo e assoluto” del territorio, la Regione Piemonte con la Protezione civile allestirà punti di accesso e controlli rapidi “a tutti i valichi di confine con la Francia, dove i contagi sono altissimi”. Lo afferma il governatore Alberto Cirio, ricordando ai microfoni di Radio Capital che gli aeroporti “di Torino e di Roma sono stati i primi in Italia ad allestire la possibilità di fare controlli” con i Covid test point.  PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: Veneto, +600 positivi e 11 vittime
Si aggrava anche il conteggio dei ricoveri, 375 (+16)
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
15 ottobre 2020
10:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ancora una giornata nera per i numeri del Covid in Veneto, con 600 nuovi positivi (ieri erano +657), che portano il dato complessivo dall’inizio dell’epidemia a 33.573. Pesante il bilancio delle vittime, 11 in più; il numero totale dei morti (tra ospedali e case di riposo) raggiunge i 2.237. Lo afferma il bollettino della Regione. Si aggrava anche il conteggio dei ricoveri, 375 (+16), e dei pazienti inj terapia intensiva, 45 (+5). Salgono infine i soggetti in isolamento domiciliare, 12.972 (+138).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Università: Manfredi, centralità atenei situati aree interne
Ministro, punto di forza per territori e sistema universitario
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MACERATA
15 ottobre 2020
11:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“L’inaugurazione di questo anno accademico è l’occasione per riaffermare la centralità delle università che si trovano nelle aree interne e rappresentano un punto di forza per i territori, ma anche per il sistema universitario nazionale”. A dirlo è il ministro dell’Università, Gaetano Manfredi, stamani a Macerata per i 730 anni dalla fondazione dell’ateneo marchigiano. “Le tante difficoltà causate dall’emergenza sanitaria dobbiamo trasformarle in opportunità – ha aggiunto – Stiamo vivendo un periodo di grande trasformazione digitale e anche il Covid ci ha dimostrato come le tecnologie possono essere delle opportunità”.
“Dobbiamo coniugare la nostra grande tradizione universitaria con l’innovazione tecnologica, – ha detto ancora Manfredi – così da pensare per il futuro ad atenei più inclusivi, più aperti, più internazionali e in tal senso il governo sta investendo in maniera significativa”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: bus a rischio per calca, sciopero in scuole Cagliari
Appello e referendum via social, studenti disertano lezioni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
15 ottobre 2020
11:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Andare a scuola in pullman è diventata un’azione “a rischio” per gli studenti Cagliaritani. E dopo il piccolo sciopero di pochi giorni fa monta la protesta perché in classe le distanze anti Covid vengono rispettate, ma sui bus no. Così anche dopo la conferma del Governo sulla capienza all’80%, oggi in molti sono rimasti a casa. Una protesta silenziosa dopo un appello e un “referendum” tra i rappresentanti degli student,i tutto via social. I ragazzi, non potendo sfilare per le strade della città per il divieto di assembramenti, non sono nemmeno usciti da casa. Solo per fare un esempio al liceo classico Siotto, istituto con molti pendolari, il problema è molto sentito e almeno 16 classi hanno disertato le lezioni.
“Non è uno sciopero contro la scuola – spiega Raffaele Peralta, 18 anni, rappresentante d’istituto – anzi qui al Siotto ringraziamo il preside per avere preparato la scuola alla ripartenza. Il problema è che, ad esempio al Siotto, il settanta per cento degli studenti è pendolare. E ogni giorno affrontiamo situazioni a rischio per andare a scuola” “Le norme anti Covid in pullman – si legge in un comunicato degli studenti – non possono essere rispettate perché non c’è spazio sufficiente”.
Nel mirino anche gli assembramenti alle fermate del bus: “Servono maggiori controlli sanitari. Soprattutto più veloci”, dicono.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Neonato trovato abbandonato in strada a Verona, sta bene
Ha circa un mese, portato in terapia intensiva
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VERONA
15 ottobre 2020
11:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un neonato è stato trovato poco dopo la mezzanotte abbandonato all’angolo di una strada a Verona. E’ successo nel quartiere di Golosine. Il piccolo, di circa un mese, come hanno riferito gli operatori sanitari del 118, è stato trasportato in ambulanza all’Ospedale della Donna e del Bambino. E’ ricoverato in terapia intensiva, ma è in buone condizioni di salute. E’ stato trovato da due agenti delle volanti della Questura, in pattuglia nella zona, che hanno allertato i sanitari del Suem 118.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Neonato trovato abbandonato in strada a Verona
È ricoverato in terapia intensiva all’Ospedale della Donna e del bambino, ma è in buone condizioni di salute
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VERONA
15 ottobre 2020
12:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un neonato è stato trovato poco dopo la mezzanotte abbandonato all’angolo di una strada a Verona. E’ successo nel quartiere di Golosine. Il piccolo, di circa un mese, è stato trasportato in ambulanza all’Ospedale della Donna e del Bambino: è ricoverato in terapia intensiva, ma è in buone condizioni di salute. E’ stato trovato da due agenti delle volanti della Questura, in pattuglia nella zona, che hanno allertato i sanitari del Suem 118. State avviate anche le indagini per cercare di risalire all’identità della madre o a chi abbia abbandonato il piccolo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’Oms: ‘Il vaccino? I giovani potrebbero aspettare fino al 2022’
‘La priorità l’avranno gli operatori sanitari e quelli in prima linea, e gli anziani’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2020
13:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una persona giovane e in salute potrebbe non essere vaccinata contro il coronavirus fino al 2022. Lo ha detto la ricercatrice capo dell’Oms, Soumya Swaminathan, avvertendo che non sarà possibile una vaccinazione di massa rapida contro il Covid-19.
“La priorità l’avranno gli operatori sanitari e quelli in prima linea, su questo siamo tutti d’accordo. Ma anche in quei casi bisgnerà stabilire chi corre i rischi più alti. Poi ci saranno gli anziani”, ha spiegato la dottoressa durante un evento su Twitter precisando “un giovane in salute potrebbe dover aspettare fino al 2022″.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Goldin, Van Gogh l’artista eroe
Biografia attraverso epistolario. ”Non era pazzo”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2020
13:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MARCO GOLDIN, ”VAN GOGH. L’AUTOBIOGRAFIA MAI SCRITTA”. (LA NAVE DI TESEO, PAG. 710, EURO, 24,50).
L’epistolario, poderoso, di 903 missive, di cui 820 scritte da Vincent Van Gogh e 83 a lui indirizzate, 586 in olandese, 310 in francese e 6 in inglese, 140 contengono schizzi, 658 sono indirizzate al fratello Theo, a cui seguono il giovane pittore olandese Anthon van Rappard (57), poi Emile Bonard (22) e la sorella prediletta Wil (21). E’ questa la base da cui è partito Marco Goldin per riscrivere la vita dell’artista e per cambiare idea su di lui. ”Van Gogh non era pazzo”, spiega Goldin che all’olandese ha anche dedicato la grande mostra in corso fino all’11 aprile al Centro San Gaetano a Padova: ”Van Gogh. I colori della vita”. Ma Galeotto fu Facebook e il lockdown in realtà, quando Goldin iniziò a fare delle lezioni sempre più lunghe sul pittore a cui stava lavorando per la mostra di Padova, ”e lezione dopo lezione aumentavano gli utenti e la mia voglia di condividere la vita dell’artista. Tanto che ad un certo punto mi chiamò Elisabetta Sgarbi per propormi di farne un libro. Ed eccolo qui”.
”Io stesso nelle altre mostre che gli ho dedicato – spiega ancora Goldin, già curatore di altre mostre sull’olandese come ‘Van Gogh tra grano e cielo (Vicenza 2017) – ero stato affascinato dalla visione maledetta dell’artista che poi il cinema ha trasformato in un personaggio molto lontano dalla realtà”. Poi a portarlo verso la scoperta dell’uomo sono stati gli studi di un gruppo di storici dell’arte che ruotano intorno al Museo Van Gogh di Amsterdam e che appunto hanno riportato alla luce e riletto l’epistolario nel suo reale contesto depurandolo da quella patina di follia che spesso era negli occhi di chi le leggeva e traduceva. ”Van Gogh non era pazzo.
Si è avvicinato al sole, prima cercandolo, poi fuggendone via.
Vi è rimasto impigliato, con un filo che mai più ha districato, stringendolo nella mano. Fino a quella spiga di grano rimasta nella tasca della sua giacca, sotto il cielo di Auvers, prima di sera. Accanto ad un covone. Sotto le stelle del firmamento”.
Quello di Van Gogh, e di conseguenza di Goldin che ne ha ripercorso le orme. è prima di tutto un viaggio.
L’attraversamento a piedi (”faceva a volte anche 150 km in due giorni”) del mondo per restituirlo alla tela in una dimensione della cui unicità era assolutamente consapevole. Una vita tra Zundert, Etten, l’Aia, Parigi, la Provenza e Arles, Sant-Remy-de-Provence e poi ”andandosene fumando la pipa” negli ultimi giorni a Auvers-sur-Oise.
Il viaggio di Goldin esattamente come quello di Van Gogh, è reale e metaforico. ”Il viaggio di questo pittore, il viaggio di Vincent Van Gogh, è precisamente il viaggio dell’eroe. Il pittore come eroe. Colui che ha un compito, una missione da compiere. Nei suoi scritti bellissimi, pieni di echi e suggestioni, Karol Kereny ci dice come gli eroi non siano al livello medesimo degli dei, ma inseriti nel flusso della storia”. Goldin questa storia l’ha ripercorsa a piedi, passo do passo, rileggendo e spesso traducendo le lettere . ”E sono testi che per la loro bellezza meriterebbero un posto nella storia della letteratura”, spiega. ”Il mio sguardo – scrive Van Gogh – è nitido come un girasole./Ho l’abitudine di camminare per le strade/ guardando a destra e a sinistra,/ e talvolta guardando dietro di me…”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in servizio al Giro,17 poliziotti positivi in Abruzzo
Sono in isolamento in un hotel di Francavilla al Mare
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PESCARA
15 ottobre 2020
11:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Diciassette poliziotti impegnati nel servizio d’ordine del 103/o Giro d’Italia, che domenica e ieri ha fatto tappa in Abruzzo, sono risultati positivi al coronavirus. Gli agenti sono in isolamento all’hotel Santa Maria di Francavilla al Mare. Ad occuparsi dei tamponi è stata la Asl di Chieti. La notizia è confermata da ambienti vicini all’organizzazione del Giro.
“Nessuno di loro è di Francavilla – precisa il sindaco, Antonio Luciani – Gli agenti al loro arrivo sono stati sottoposti al tampone di routine al quale sono risultati positivi. Sono isolati, tutti insieme e nello stesso luogo a Francavilla. Sembra siano tutti asintomatici”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Addio a Jole Santelli: quando disse ‘non voglio che la malattia mi perseguiti’
In cura per tumore, smentì voci di un aggravamento: ‘Miserie umane’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
15 ottobre 2020
16:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Non ho mai nascosto la mia malattia, non voglio neanche però che essa mi perseguiti”.
Malata da tempo di tumore, Jole Santelli, la presidente della Regione Calabria morta la notte scorsa a causa – secondo le prime notizie – di un malore – non aveva mai nascosto la sua malattia, ma – a conferma del suo carattere deciso e combattivo – non voleva farsi condizionare. E per questo accettò la proposta di candidarsi alla Regione Calabria.
“Quando una persona subisce un attacco così violento alla propria vita – disse in un’intervista al Fatto Quotidiano il 12 gennaio scorso – quando il dolore fisico si fa radicale e incomprimibile, allora quella persona ha due strade: deprimersi e farsi portare via dalla corrente, scegliere che il destino scelga per lei. Oppure attivarsi, concentrarsi e soprattutto ribellarsi. Quando Silvio Berlusconi mi offre la candidatura ringrazio felice, ma chiudo la telefonata e formo il numero del mio oncologo: posso candidarmi? Posso onorare il mandato quinquennale? Il medico risponde: non solo puoi candidarti ma mi auguro che io possa essere il tuo consulente negli anni della presidenza”.
Nelle ultime settimane il tema della sua malattia, già venuto fuori subito dopo l’elezione per una fastidiosa raucedine che colpì la Santelli nei giorni del voto, era tornato a galla con una serie di voci che davano le sue condizioni in aggravamento.
Voci che fu lei stessa a smentire a margine di una conferenza stampa alla Cittadella Regionale bollandole come “fantasie malate di tanti che pensano di potere stabilire che cosa deve succedere nella mia vita”. “La trovo veramente – aggiunse – una miseria umana. Facendo i dovuti scongiuri, io sto bene, alla faccia delle malelingue. Ognuno si misura con la propria miseria umana perché un conto è la politica e un altro è l’umanità”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Donna morta dissanguata in casa a Bari, indagano carabinieri
Sul posto, in via Davanzati, una ambulanza del 118 e pattuglie
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
15 ottobre 2020
12:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una donna di 40 anni è stata trovata senza vita nel suo appartamento nel centro di Bari, in via Davanzati. Sul posto c’è personale del 118 e i carabinieri che stanno cercando di ricostruire la dinamica dei fatti. A quanto si apprende, la donna è stata trovata riversa sul pavimento e in casa gli investigatori hanno trovato molto sangue.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Papa: mons. Semeraro nuovo Prefetto Congregazione santi
Prende il posto che era di Becciu
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
15 ottobre 2020
12:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Papa ha nominato Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi mons.
Marcello Semeraro, finora vescovo di Albano e Segretario del Consiglio di Cardinali che aiuta il pontefice nella riforma della Curia.
Semeraro prende il posto del cardinale Angelo Becciu che il 24 settembre si era dimesso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: da Comitato Bergamo altre 150 denunce
‘Dissecretate atti della task force ministeriale’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 ottobre 2020
12:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Altre 150 denunce di parenti di vittime del coronavirus saranno da oggi all’esame dei pm della Procura di Bergamo che hanno aperto inchieste sulle conseguenze della diffusione del Covid. Due le inchieste, in particolare sulla chiusura per alcune ore del Pronto soccorso di Alzano Lombardo dopo la scoperta di due casi e la mancata applicazione delle zone rosse a Nembro e ad Alzano. Le denunce si aggiungono alle altre centinaia presentate nei mesi scorsi, con migliaia di allegati e il professor Andrea Crisanti, consulente dei pm, ha chiesto sei mesi di tempo per poterle esaminare.
Il Comitato Noi denunceremo, coordinato dall’avvocato Consuelo Locati, continua a chiedere che si tolga la segretezza a tutti gli atti della task force del Ministro della Salute e accusa il nostro Paese di aver violato le linee guida dell’OMS sulla comunicazione in caso di minaccia epidemica. Per il responsabile della comunicazione del comitato, Robert Lingard, “le linee guida dell’OMS sono chiarissime. Durante una emergenza di sanità pubblica, la popolazione ha bisogno di sapere a quali rischi va incontro, e quali azioni deve intraprendere per proteggere la propria vita e la propria salute”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Gimbe, sui casi Sardegna peggiore di media nazionale
In ultima settimana 177 positivi su 100mila abitanti e +21%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
15 ottobre 2020
12:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Sardegna sempre con gli indicatori in rosso nell’ultima tabella della Fondazione Gimbe.
Secondo i dati forniti la situazione nell’isola risulta essere peggiore rispetto alla media nazionale. Ad esempio nel numero di casi attualmente positivi per 100.000 abitanti: sono 177 contro il dato nazionale di 144. Nell’ultima settimana si registra un incremento di positivi del 20,9%, quasi il doppio della media italiana del 10,7%.
Altro dato negativo è quello dei casi testati per 100mila abitanti: 710 contro gli 838 a livello generale. Il rapporto tra positivi e casi testati è del 7,9% contro il 7% della media nazionale.
“Nell’ultima settimana – afferma Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione GIMBE, riferendosi al quadro complessivo della situazione – si rileva un raddoppio dei nuovi casi, a conferma di un incremento esponenziale che si riflette anche sulla curva di pazienti ospedalizzati con sintomi e in terapia intensiva.
Inoltre, con il netto aumento dei casi si rendono molto più evidenti le numerose variabilità regionali, oltre che provinciali”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Papa chiama Nobel Fisica 2020 ad Accademia delle Scienze
Il tedesco Reinhard Genzel nominato membro ordinario
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
15 ottobre 2020
12:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Papa ha nominato membro ordinario della Pontificia Accademia delle Scienze il prof. Reinhard Genzel, Direttore del Max Plank Institute for Extraterrestrial Physics, a Garching (Germania).
Genzel ha ricevuto quest’anno il Nobel per la Fisica, assieme al britannico Roger Penrose, e all’americano Andrea Ghez.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Papa: Consiglio riforma diventa ‘C7’, Maradiaga coordinatore
Entra il vescovo di Kinshasa, mons. Mellino nominato segretario
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
15 ottobre 2020
12:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Papa ha confermato coordinatore del Consiglio dei cardinali che lo aiuta nella riforma della Curia il card. Oscar Andrés Rodríguez Maradiaga, arcivescovo di Tegucigalpa (Honduras). Entra nel Consiglio poi il cardinale Fridolin Ambongo Besungu, arcivescovo di Kinshasa (Repubblica Democratica del Congo) e il cosiddetto ‘C6’ diventa dunque il ‘C7’. Il Papa ha anche nominato segretario dello stesso Consiglio mons. Marco Mellino, finora segretario aggiunto. Mellino prende il posto di mons. Marcello Semeraro nominato oggi Prefetto della Congregazione dei Santi, in sostituzione del cardinale Angelo Becciu.
Nel Consiglio dei cardinali per la riforma della Curia il Papa ha confermato: Pietro Parolin, Segretario di Stato; Seán Patrick O’Malley, arcivescovo di Boston (Stati Uniti d’America); Oswald Gracias, arcivescovo di Bombay (India); Reinhard Marx, arcivescovo di Monaco (Germania); e Giuseppe Bertello, Presidente del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Maltempo: frana nel Frusinate, crolla un ponte
Bus Cotral travolto dal fango a San Biagio Saracinisco, auto inghiottita dal crollo del viadotto a Picinisco
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2020
16:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il maltempo che si è abbattuto nellla notte nel Frusinate ha provocato danni e disagi in tutta la zona. Tragedia sfiorata in mattinata: a San Biagio Saracinisco un bus Cotral che stava passando in quel momento sulla strada diretto a Pedimonte San Germano, è stato travolto e sommerso da acqua e fango.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Picinisco, una frana ha causato il crollo di un ponte. Un’auto è finita nelle acque. L’automobilista è stato tratto in salvo dai Vigili del Fuoco intervenuti sul luogo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Becciu: pg, pronti a chiedere estradizione Marogna
Procura generale Milano, in astratto pure accusa autoriciclaggio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 ottobre 2020
13:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La procura generale di Milano è pronta a chiedere l’estradizione di Cecilia Marogna, la manager coinvolta nell’indagine vaticana sull’ex numero 2 della Segreteria di Stato, il cardinale Angelo Becciu arrestata l’altro ieri su mandato dell’autorità giudiziaria della Città del Vaticano. Da quanto si è appreso, il sostituto pg Giulio Benedetti è favorevole all’estradizione della donna che è accusata dalla magistratura del Vaticano di appropriazioni indebita aggravata. La sua condotta, in astratto, per la legge italiana porterebbe a configurare anche il reato di autoriciclaggio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: contagiati 5793 studenti, 1020 docenti
I dati di positività al Covid-19 al 10 ottobre
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2020
14:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Ministero dell’Istruzione comunica che, alla data del 10 ottobre, gli studenti contagiati sono pari allo 0,080% (5.793 casi di positività), per il personale docente la percentuale è dello 0,133% del totale (1.020 casi), per il personale non docente si parla dello 0,139% (283 casi). I dati del monitoraggio, condotto dal Ministero dell’Istruzione con la collaborazione dei dirigenti scolastici, sono stati condivisi con l’Istituto Superiore di Sanità. “I dati odierni confermano che la trasmissione del virus a scuola è limitata rispetto a quella che avviene in comunità, perciò è ancor più importante monitorare e rispettare le regole anche al di fuori del mondo scolastico”, scrive anche il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss), Silvio Brusaferro su Twitter.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Papa, c’è il rischio di una catastrofe educativa
Per il Pontefice serve ‘un patto educativo globale’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
15 ottobre 2020
15:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Covid potrebbe creare “una catastrofe educativa”. Lo ha detto Papa Francesco nel videomessaggio ai partecipanti al Global Compact on Education. “Secondo alcuni recenti dati di agenzie internazionali, si parla di ‘catastrofe educativa’ – è un po’ forte, ma si parla di ‘catastrofe educativa’ -, di fronte ai circa dieci milioni di bambini che potrebbero essere costretti a lasciare la scuola a causa della crisi economica generata dal coronavirus, aumentando un divario educativo già allarmante, con oltre 250 milioni di bambini in età scolare esclusi da ogni attività formativa”.
Per il Papa serve dunque un “patto educativo globale”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bonaccini: ‘Lockdown? Solo parziali, molto parziali’
‘Uno generalizzato porterebbe a una pandemia economica’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
15 ottobre 2020
15:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In caso di impennate della curva epidemiologica “bisogna essere pronti a lockdown parziali, molto parziali. Un lockdown generalizzato” porterebbe “da una pandemia sanitaria a una pandemia economica”. Quindi, misure ma solo “molto mirate se la curva dovesse aumentare”. Così il presidente dell’Emilia-Romagna e della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, intervenendo alla trasmissione ‘L’aria che tira’ su La7, ha replicato a chi gli chiedeva se vi fosse la possibilità di un nuovo lockdown generalizzato o di lockdown mirati in caso di crescita dell’emergenza Coronavirus.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli Alpini compiono 148 anni
Battesimo del fuoco sulle roventi ambe africane, nelle campagne di Eritrea del 1887 e del 1896
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2020
15:46
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli Alpini compiono oggi 148 anni.
“Istituiti nel 1872 come specialità della fanteria per garantire la difesa dei confini montani, gli alpini – si legge sul sito dell’Esercito, che oggi celebra la festa di questa valorosa specialità – nascono da una intuizione del Capitano di Stato Maggiore Giuseppe Domenico Perrucchetti appassionato di montagna, studioso di operazioni militari in zone alpine, che in uno scritto sosteneva e dimostrava come la difesa di primo tempo (copertura) del confine alpino dovesse essere affidata a presidi di soldati nati in montagna, pratici dei luoghi sin dalla prima giovinezza e sicuramente ben motivati nel caso avessero dovuto effettivamente difendere i propri cari e i propri beni”.
Seppure nati per combattere sui ghiacciai e sulle vette delle Alpi, gli alpini ebbero il battesimo del fuoco sulle roventi ambe africane, nelle campagne di Eritrea del 1887 e del 1896, “dove mostrarono il loro valore e le loro qualità di fieri soldati nella sfortunata battaglia di Adua del primo marzo 1896, sull’Amba Rajo, dove il 1/o Battaglione Alpini d’Africa, comandato dal tenente colonnello Davide Menini, si immolò sul posto assieme a molti artiglieri. Dei suoi 954 alpini ne sopravvissero solo 92”.
Nel corso della storia “gli alpini hanno sempre dimostrato – viene sottolineato – il loro carattere saldo, versatilità d’impiego, profonda determinazione e spirito di sacrificio, forgiato tra le vette delle nostre montagne, offrendo esaltanti prove di coraggio, generosità e abnegazione soprattutto in quei conflitti dove il terreno e le condizioni climatiche costituivano impervi ostacoli”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il movimento verticale – “la verticalità” – è la base costitutiva delle Truppe Alpine che da sempre operano in montagna. La frequentazione di un ambiente severo come quello degli scenari dolomitici consente, ancora oggi, di perfezionare la preparazione tecnica, fisica e morale di professionisti che giornalmente sono chiamati ad operare in Italia e all’estero.
Gli alpini di oggi sono parte integrante del sistema sicurezza in montagna che ha nel servizio meteomont, nel soccorso piste e soprattutto nelle Squadre Soccorso Alpino Militare (SSAM) un saldo riferimento per il sistema di protezione civile al quale molto spesso i reggimenti alpini hanno contribuito nelle recenti emergenze.
Dall’Esercito, “in questa giornata in cui si ricorda la loro epopea storica, motivo di forte orgoglio e coesione, giunga a tutte le Penne nere di ieri e di oggi l’augurio e il ringraziamento per il costante e profondo impegno in favore della Patria”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oltre 500 capre stipate su tir, sequestrati mezzo e animali
Controllo polstrada dopo segnalazione gruppo animalista
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
15 ottobre 2020
15:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sequestrato dalla polizia stradale nel corso di un controllo lungo il tratto fiorentino dell’A1 un tir proveniente dalla Romania che trasportava 550 capre destinate al macello.
Secondo quanto accertato, gli animali erano ammassati e senza spazio per muoversi, tanto che faticavano a respirare. Uno degli esemplari era deceduto durante il viaggio. Irregolarità sono emerse anche nei documenti di viaggio, dai quali risultava che gli animali avevano fatto una sosta per bere in una stalla a Bari, luogo del tutto fuori itinerario. Il mezzo pesante è stato fatto proseguire verso il macello di destinazione, a Foligno, dove saranno effettuati tutti controlli medici sugli animali, posti sotto sequestro insieme al mezzo. Il controllo della polstrada è scattato dopo la segnalazione di un gruppo di animalisti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Donna morta a Bari, arteria recisa mentre si iniettava droga
La 40enne è morta dissanguata nel suo appartamento
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
15 ottobre 2020
16:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sarebbe morta dissanguata ferendosi l’arteria femorale mentre si iniettava una dose di droga la 40enne trovata morta stamattina nel suo appartamento nel centro di Bari. E’ questa l’ipotesi alla quale stanno lavorando i carabinieri, coordinati dalla pm di turno Savina Toscani. La donna, tossicodipendente, era sul letto circondata da lenzuola e asciugamani pieni di sangue, con i quali probabilmente aveva tentato di tamponare l’emorragia. Sul posto, oltre al 118 che ha constatato il decesso e ai carabinieri, è andato il medico legale Antonio De Donno.
Al momento il compagno della donna, anche lui tossicodipendente, si trova in caserma per essere sentito come persona informata sui fatti. Non è ancora chiaro se fosse presente al momento del fatto o se sia arrivato dopo. E’ stato lui, intorno alle 11.30, a chiamare i soccorsi.
La figlia di 10 anni, che era in casa quando la mamma è morta, è stata affidata al padre, ex marito della donna.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Schianto in galleria Sardegna,3 morti e 2 feriti gravi
Ogliastra, coinvolti 5 cacciatori di rientro da battuta
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NUORO
15 ottobre 2020
16:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tre morti e due feriti in maniera grave: è il bilancio di un incidente stradale che si è verificato nel primo pomeriggio sulla Statale 125 “Orientale Sarda” che collega Cagliari con Tortolì. Il fatto è avvenuto all’interno di una galleria, tra Cardedu e Bari Sardo. I cinque, di ritorno da una battuta di caccia, viaggiavano a bordo di una Land Rover. Secondo una prima ricostruzione l”autista del fuoristrada avrebbe perso il controllo del mezzo, ma non si conoscono ancora la cause precise dell’incidente. Sul posto il personale del 118, che ha trasportato in elisoccorso i due feriti gravi negli ospedali di Cagliari e Sassari, e i Carabinieri per i rilievi di rito.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Censis, Gli italiani e il Covid, impauriti ma pronti a nuova ondata
Per 8 su 10 sì a mascherina ovunque. Promosso lo smart working
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2020
17:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli italiani d’accordo con l’obbligo della mascherina da indossare ovunque sono l’80% del totale (il dato sale all’86% tra le donne). Più favorevoli al Centro (85,6%) e al Sud (83,1%), meno al Nord-Ovest (78%) e al Nord-Est (71,6%). In particolare, tre lavoratori su quattro vogliono mascherine obbligatorie ovunque, anche in azienda, pena un’ammenda per i contravventori. Più favorevoli sono i dirigenti (84,2%) e i laureati (80,7%). Questi sono alcuni dei risultati dell’instant report Censis-Eudaimon “Lavorare durante e dopo il Covid-19: perché è importante il welfare aziendale”, realizzato dal Censis in collaborazione con Eudaimon, leader nei servizi per il welfare aziendale, con il contributo di Credem, Edison e Michelin.
– Pronti alla seconda ondata. L’83,7% degli italiani è pronto ad affrontare l’emergenza sanitaria e le restrizioni a cui da tempo si preparavano. Per il 66,1% la propria Regione è pronta (il dato aumenta all’83,2% nel Nord-Est e scende al 65,1% nel Sud e nelle isole, al 64,4% nel Centro, al 56,4% nel Nord-Ovest). Per il 55,1% il Governo è pronto (il 54,1% tra i giovani, il 62,8% tra gli anziani). E per il 63,1% dei lavoratori è pronta la propria azienda. Paura sì, ma stavolta niente “effetto sorpresa” dal virus. Alla seconda ondata gli italiani si sono preparati psicologicamente e materialmente, anche dentro le aziende.
– Ma non è più il lavoro di prima del Covid-19. È già chiaro che a causa dell’emergenza sanitaria il lavoro è cambiato per sempre.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo pensa quasi la metà degli occupati (il 45,9%), in particolare i millennial (57,3%) e gli operai (52%). Secondo il 44,3% sono aumentati la fatica e lo stress. L’autonomia negli impegni e negli orari di lavoro è rimasta però la stessa secondo la maggioranza (63,7%), mentre è peggiorata solo per il 18,2% (al contrario, è aumentata per il 18%). Ma per il 25,3% degli occupati adesso è più complicato conciliare lavoro, famiglia e tempo libero.
– Molto meglio lavorare da casa. Il 24,4% degli occupati ha sperimentato forme di lavoro da remoto: il 34,8% tra i dirigenti, il 27,2% tra gli impiegati, solo l’11,3% tra gli operai. La conciliazione di lavoro, vita familiare e tempo libero è migliorata molto di più per gli smart worker che per i lavoratori costretti alla presenza fisica: il 41,6% dei primi contro solo il 13,1% dei secondi. In particolare, per il 44% di chi lavora a distanza è migliorata la gestione dei figli: una percentuale che crolla al 15,1% tra chi non lavora da remoto.
Rispetto al periodo pre-Covid, per il 24% degli smart worker è migliorato in generale il proprio lavoro, ma la pensa così solo il 7,6% di chi non lavora da remoto.
– La sfida per il welfare aziendale. Per il 46,1% dei lavoratori (il 59,5% dei dirigenti, il 44,8% degli impiegati, il 45,7% degli operai) l’emergenza sanitaria ha complicato ulteriormente la vita familiare e ha differenziato profondamente le condizioni di lavoro nelle aziende. “Ecco – si legge nella ricerca – la sfida che il Covid-19 ha lanciato alle aziende: riuscire a far cooperare persone con situazioni di lavoro e di vita personale diversissime tra loro. Il valore aumentato del welfare aziendale emergerà da questa sfida: garantire servizi adeguati a condizioni personali e lavorative molto diverse, intercettando i bisogni di ciascuno e fornendogli i servizi necessari. Riducendo così lo stress e le tensioni, e migliorando la qualità della vita di tutti”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, nuovo record contagi: oltre 8 mila. Morti raddoppiano
83 vittime in 24h, 163 mila tamponi. Lombardia +2 mila infetti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2020
17:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo record assoluto di contagi in Italia per il Coronavirus: secondo il bollettino del Ministero della Salute in 24 ore si sono registrati 8.804 casi (ieri 7.332). I morti quasi raddoppiano in un solo giorno da 43 a 83.
I tamponi effettuati sono ancora al massimo assoluto, 162.932, oltre 10 mila più di ieri. I casi totali da inizio epidemia sono ora 381.602, le vittime 36.372.
Tra le Regioni con più contagi giornalieri da coronavirus la Lombardia ne ha 2.067, seguita dalla Campania con 1.127 e dal Piemonte con 1.033. Il Veneto ne ha 600, il Lazio 594, la Toscana 581.
I pazienti in terapia intensiva per il Covid in Italia aumentano di 47 unità in 24 ore, arrivando a quota 586. I ricoveri in reparti ordinari crescono invece di 326 unità, raggiungendo la cifra di 5.796. Gli attualmente positivi a livello nazionale aumentano in 24 ore di 6.821 unità, arrivando a 99.266. I pazienti in isolamento domiciliare sono ora 92.884, con un aumento di 6.448 unità. I guariti e dimessi sono ora 245.964, con un incremento di 1.899 persone.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mps, condannati a 6 anni Profumo e Viola
Le accuse erano di falso in bilancio e aggiotaggio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 ottobre 2020
17:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono stati condannati a sei anni di reclusione a Milano Alessandro Profumo e Fabrizio Viola finiti sotto processo in qualità di ex presidente ed ex ad di Mps in un filone dell’indagine sulla banca senese.
Oltre ai sei anni e alla sanzione pecuniaria di 2.5 milioni ciascuno, Profumo e Viola sono stati condannati anche alle pene accessorie di rito, tra cui 5 anni di interdizione dai pubblici uffici e due anni di interdizione dagli uffici direttivi di imprese.
Per l’attuale presidente di Banca Leonardo, a processo però in qualità di ex presidente di Mps, per Viola, ora senior advisor in Boston Consulting Group e allora ad dell’istituto di credito, per Salvandori e per la stessa banca, la Procura aveva chiesto al gip l’archiviazione, poi respinta, e, lo scorso giugno, in dibattimento, aveva rinnovato la proposta di assoluzione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le accuse erano di falso in bilancio e aggiotaggio in relazione ai derivati Alexandria e Santorini e alla loro contabilizzazione a saldi aperti nei bilanci di Mps per gli anni 2013 e 2014 e il primo semestre del 2015. Il pm Stefano Civardi, durante la sua requisitoria, prima di ribadire la richiesta di assoluzione, aveva spiegato che tale contabilizzazione, pur “non corretta” , “di certo non era diretta a ingannare soci e mercati”.
La difesa ha sempre sostenuto che “nessuna informazione fuorviante è mai stata data al mercato”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
IL-PUNTO/COVID:Veneto, +600 contagi e 11 morti
Zaia su Immuni, nessun ostracismo, noi problemi come altri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
15 ottobre 2020
18:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un altro bilancio pesante per i dati Covid in Veneto: rispetto a ieri ci sono 600 nuovi positivi (mercoledì erano stati 657) che portano il dato dall’inizio dell’epidemia (compresi guariti e i decessi) a 33.573. E’ il trend soprattutto a preoccupare: incrementi di oltre 1.200 casi in 48 si erano visti solo nei giorni peggiori della prima ondata. La provincia con il peggior saldo è Verona, con 7.500 casi.
Il bollettino della Regione è negativo anche alla casella riguardante le vittime, 11 in più,; per un numero totale di morti (tra ospedali e case di riposo) che raggiunge i 2.237. Si aggrava anche il conteggio dei ricoveri, 375 (+16), e dei pazienti in terapia intensiva, 45 (+5). Tra i ricoverati nei reparti non critici sono 96 quelli negativizzati, mentre tra quelli in terapia intensiva sono 5.
L’aumento dell’attività di contact tracing resa necessaria dai nuovi focolai spinge all’insù anche il dato dei soggetti in isolamento domiciliare, 12.972 (+138). I positivi tra loro sono però 4.496.
Tiene ancora banco la polemica per la mancata funzionalità in Veneto della app Immuni, dovuta al fatto che le Usl del territorio non hanno finora implementato piattaforma i dati dei soggetti positivi. Ieri soprattutto dalle opposizioni, in testa Pd e M5S, era stato un fuoco di fila contro la Regione. Oggi ha replicato alle critiche il governatore Luca Zaia. “Non c’è alcun ostracismo a Immuni – ha spiegato – Il Veneto ha lo stesso problema di molte altre regioni, è da giugno che il Dipartimento di Prevenzione dialoga su questo con il Ministero”. E infine ha aggiunto: “se al signor Mario Rossi arriva una segnalazione secondo la quale lui avrebbe avuto un contatto con un soggetto positivo al Covid 19, il servizio prevenzione deve sapere chi sia quel soggetto. Se non si è in grado di qualificare il contatto si finisce con il fare tamponi al mondo intero”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Lombardia 26 morti, Milano ancora sopra mille casi
Rapporto tamponi/positivi stabile al 6.3%, crescono i ricoveri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 ottobre 2020
18:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 26 le persone morte per Covid e 2.067 i nuovi positivi in Lombardia, dove sono stati fatti 32.507 tamponi, per una percentuale pari al 6,3%, identica a ieri. Sono 72 le persone in terapia intensiva, 8 più di ieri, 726 quelle in altri reparti, in crescita di 81 unità.
La maggioranza dei contagi sono sempre a Milano, con 1.053 casi, di cui 515 in città. Segue la provincia di Monza e Brianza con 196, Varese con 170, Brescia con 106, Lodi con 81, Pavia con 79, Bergamo con 71. A Como i nuovi casi sono 63, a Lecco 51, a Cremona 34, a Mantova 30, a Sondrio 22.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bus a rischio per calca, “viaggio da roulette russa”
Genitori disperati, si estende protesta studenti in Sardegna
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
15 ottobre 2020
17:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo sciopero degli studenti per la calca su pullman si allarga a anche alla Marmilla e al Medio Campidano, nel la provincia del Sud Sardegna. Ed è una protesta anche delle famiglie, d’accordo con i loro figli. A Sanluri molti alunni non sono entrati a scuola alla prima ora. Qualche mamma, preoccupata per l’assenza, ha riportato i figli in classe alle ore successive. Ma la protesta è partita.
“Uno sciopero generalizzato – questa l’accorata lettera di un genitore – per cercare di sensibilizzare le istituzioni a una problematica piuttosto grave in questo periodo”. La situazione è quella vissuta dai tanti pendolari che quotidianamente viaggiano verso Sanluri da Ussaramanna, Turri, Barumini, Villamar, Tuili, Pauli Arbarei , Lunamatrona. Qualcuno chiede il ritorno alla didattica a distanza perché le condizioni di viaggio su insostenibili.
“Una roulette russa – si lamenta un papà – la capienza dei bus che da protocolli dovrebbe essere del’80% spesso arriva al 200%: non garantisce il rispetto delle distanze di sicurezza , anche perché spesso i ragazzi sono costretti a sedersi gli uni su gli altri poiché mancano anche i posti in piedi”. Una battaglia silenziosa: niente cortei, i ragazzi rimangono a casa.
“Una battaglia per la salute dei nostri ragazzi e di conseguenza dei nostri piccoli paesi dove eventuali focolai – conclude il genitore – dovuti a questa negligenza, rischiano di abbassare notevolmente la popolazione che è composta prevalentemente da persone anziane”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gdf: sequestrate 57 mln mascherine, con Covid allarme usura
Famiglie e imprese indebolite, aumentano rischi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2020
16:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’indebolimento economico di famiglie e imprese causato dall’emergenza Covid “accresce i rischi di usura e può facilitare l’acquisizione, diretta o indiretta, delle aziende da parte delle organizzazioni criminali”. E’ l’allarme lanciato dalla Guardia di Finanza in audizione alla Commissione Finanze del Senato.
“Le attività dei nostri reparti – ha spiegato il Generale di Corpo d’Armata Giuseppe Zafarana – testimoniano la recrudescenza del fenomeno dell’usura, sia come attività speculativa collaterale a investimenti leciti sia come strumento di acquisizione di piccole-medie imprese in difficoltà, sovente attraverso il ricorso alle estorsioni secondo logiche destabilizzatrici tipicamente mafiose. A dimostrazione di ciò segnalo che, tra marzo e settembre 2020, il valore dei proventi usurari sottoposti a sequestro è più che raddoppiato rispetto allo stesso periodo del 2019. E questo – ha sottolineato – è un dato allarmante”.
Zafarana ha inoltre reso noto che nei primi nove mesi del 2020, cioè nei mesi di pandemia, “sono stati denunciati 1.172 soggetti per i reati di frode in commercio, vendita di prodotti con segni mendaci, truffa, falso e ricettazione e sono stati sottoposti a sequestro, anche grazie all’intensificazione dei controlli doganali, circa 57 milioni di mascherine e dispositivi di protezione individuale, nonché 765 mila confezioni e 158 mila litri di igienizzanti venduti, fraudolentemente, come disinfettanti”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Becciu: pg, pronti a chiedere estradizione Marogna
Procura generale Milano, in astratto pure accusa autoriciclaggio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 ottobre 2020
13:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La procura generale di Milano è pronta a chiedere l’estradizione di Cecilia Marogna, la manager coinvolta nell’indagine vaticana sull’ex numero 2 della Segreteria di Stato, il cardinale Angelo Becciu arrestata l’altro ieri su mandato dell’autorità giudiziaria della Città del Vaticano. Da quanto si è appreso, il sostituto pg Giulio Benedetti è favorevole all’estradizione della donna che è accusata dalla magistratura del Vaticano di appropriazioni indebita aggravata. La sua condotta, in astratto, per la legge italiana porterebbe a configurare anche il reato di autoriciclaggio.   VAI ALLA POLITICA   VAI ALL’ECONOMIA   VAI ALLE NOTIZIE DAL MONDO

Cronaca tutte le notizie in tempo reale. Tutte, sempre aggiornate e complete. Tutti i fatti di Cronaca. LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 20 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 13:39 DI MERCOLEDì 14 OTTOBRE 2020

ALLE 09:36 DI GIOVEDì 15 OTTOBRE 2020

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Triangolo amoroso finisce su Fb, denuncia per diffamazione
Tradite dall’amante pubblicano video sul social e lui va dai Cc
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
14 ottobre 2020
13:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lui ha 37 anni e lavora come personal trainer a domicilio, lei ne ha 35 e di lui si è invaghita, come un’altra donna che di anni ne ha 28. Sono i protagonisti della vicenda avvenuta in un paesino del Cagliaritano finita con una denuncia per diffamazione. Il ménage à trois, infatti, è stato scoperto dalle due donne che, per vendetta, si sono coalizzate e hanno pubblicato su Facebook un video sbeffeggiando il loro amante.
Le indagini dei carabinieri sono partite alcuni giorni fa quando in caserma si è presentato il personal trainer, che ha mostrato ai militari il video pubblicato in rete e che a suo dire danneggiava la sua immagine. Ha poi fornito la sua versione dei fatti. Aveva avuto una relazione clandestina con entrambe le donne. Le due, ignare del tradimento, parlando con altre amiche hanno poi scoperto di essere al centro del triangolo amoroso.
Non hanno litigato tra loro, ma si sono coalizzate pretendendo un chiarimento dal personal trainer. Lo hanno così incontrato e riempito di insulti e ingiurie: tutto filmato con il telefonino e poi pubblicato su Facebook. Quando l’uomo o ha scoperto, ha presentato formale denuncia ai carabinieri. Le due donne adesso dovranno rispondere di diffamazione. Il video, nel frattempo, sarebbe già stato rimosso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: balzo a 315 casi in Puglia, due i morti
Oltre metà dei casi in provincia Bari, seguono Foggia e Taranto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
14 ottobre 2020
15:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oggi mercoledì 14 ottobre sono stati registrati in Puglia 315 casi positivi su 5.844 test per l’infezione da Covid-19. Due i decessi, uno in provincia di Bari e l’altro nel Foggiano.
I nuovi contagi sono 169 in provincia di Bari, 13 in provincia di Brindisi, 28 nella provincia Bat, 55 in provincia di Foggia, 11 in provincia di Lecce, 37 in provincia di Taranto, 2 residenti fuori regione.
Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 467.815 test e sono 5.317 i pazienti guariti. ll totale dei casi positivi in Puglia è di 10.164 e I casi attualmente positivi sono 4.229.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pamela: Pg, confermare ergastolo per Innocent Oseghale
Processo appello ad Ancona per l’uccisione della diciottenne Pamela Mastropietro nel 2018
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
14 ottobre 2020
23:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Conferma della condanna all’ergastolo con isolamento diurno, senza attenuanti, per Innocent Oseghale, 32enne pusher nigeriano, per l’omicidio della 18enne romana Pamela Mastropietro, uccisa e fatta a pezzi il 30 gennaio 2018 a Macerata. Sono le conclusioni del procuratore generale di Ancona Sergio Sottani nel processo in Corte d’assise d’appello per omicidio volontario aggravato dalla violenza sessuale, distruzione e occultamento di cadavere.
“Un giorno vorrei parlarci, deve dirmi, guardandomi negli occhi, cos’è successo e dire chi sono i suoi complici”. Così ad Ancona Alessandra Verni, la madre di Pamela Mastropietro prima del processo id’appello a carico di Innocent Oseghale.
L’imputato, difeso dagli avvocati Simone Matraxia e Umberto Gramenzi, sostiene di non aver ucciso Pamela e che la giovane morì di overdose, pur ammettendo di averne fatto a pezzi il corpo, nascosto dentro due trolley poi abbandonati in campagna.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Dice di essere pentito, piange? Anch’io piango ma non sono come lui, – aggiunge Verni – non riuscirei mai a fare del male a una persona. Deve parlarmi guardandomi negli occhi, dire quello che è successo, indicare i complici, altrimenti non ci credo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Meteo: peggiora in Toscana,codice giallo
Da stasera a domani precipitazioni diffuse nella regione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
14 ottobre 2020
15:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Peggioramento in arrivo dal tardo pomeriggio e dalla sera di oggi con temporali e precipitazioni diffuse in Toscana. La Sala operativa della Protezione civile regionale ha emesso un codice giallo per per temporali forti associato a rischio idrogeologico idraulico del reticolo minore con validità dalle 18 di oggi, mercoledì 14 ottobre, fino alle 13 di domani, giovedì 15 ottobre. Le zone interessate sono quelle centro-settentrionali, quelle meridionali, costa e Arcipelago. Emesso inoltre un codice giallo per vento, valido sempre dalle 18 di oggi fino alle 6 di domani, per le zone meridionali, costa e isole.
In arrivo, dal tardo pomeriggio-sera di oggi, precipitazioni diffuse, localmente abbondanti sulle zone centro-settentrionali e anche a carattere di forte rovescio o forte temporale sulla costa centro-meridionale e sull’Arcipelago. Domani ancora spiccata variabilità con rovesci sparsi, anche forti. Non si escludono anche colpi di vento e grandinate. Sempre per oggi previsto rinforzo del vento di Scirocco/Levante dal pomeriggio-sera in particolare su Arcipelago, costa centro-meridionale, zone centro-orientali e crinali, localmente e temporaneamente anche forte. Domani, giovedì, vento di Maestrale moderato.   METEO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Stilista impiccata, pm Milano: ‘Strangolata dal fidanzato’
Chiusa inchiesta su morte nel 2016. Perizia ‘scagionò’ compagno
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
14 ottobre 2020
16:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Milano, dopo oltre quattro anni dai fatti, ha chiuso le indagini con l’accusa di omicidio volontario a carico di Marco Venturi per la morte della stilista di 37 anni Carlotta Benusiglio trovata impiccata con una sciarpa ad un albero, nel capoluogo lombardo, il 31 maggio 2016.
Venturi, secondo la ricostruzione del pm Gianfranco Gallo, è accusato di aver ucciso la fidanzata “per futili motivi, con dolo d’impeto, stringendole al collo una sciarpa oppure il proprio braccio” e quindi strangolandola. La ragazza, anche perché affetta dalla “sindrome di Eagle”, sarebbe “deceduta subito dopo per asfissia meccanica da strangolamento” e lui avrebbe simulato “una impiccagione sospendendo parzialmente” con la sciarpa il cadavere ad un albero nei giardini di piazza Napoli, il 31 maggio di quattro anni fa, verso le 3.40 di notte.
Venturi, come si legge nell’atto di chiusura indagini, è anche accusato di episodi di stalking e lesioni contro la fidanzata, tra il 2014 e il 2016. Gli viene contestato di averla più volte presa a schiaffi, di averla minacciata, di averla colpita con calci, anche per “moti di gelosia”. I familiari della donna nel procedimento sono assistiti dai legali Gian Luigi Tizzoni e Pier Paolo Pieragostini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, Pesenti: ‘Pronti a riapertura ospedale Fiera’
Se si occupano tutti i 150 letti previsti per terapia intensiva
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
14 ottobre 2020
16:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Lombardia sono 150 i posti letto in terapia intensiva previsti nei vari hub destinati a ricevere i malati di Covid. Se si dovessero riempire tutti, “il progetto della Regione è di riaprire l’ospedale della Fiera di Milano”.
A precisarlo è Antonio Pesenti, coordinatore dell’Unità di crisi della Regione per le terapie intensive. Fino a ieri erano 63 i pazienti in terapia intensiva. Al momento sono attivi 10 hub in Lombardia con reparti Covid, ma se ne potranno attivare progressivamente altri 7-8.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Lombardia 1.844 casi, 17 decessi
Oltre mille i contagiati nella sola provincia di Milano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
14 ottobre 2020
16:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con 29.048 tamponi effettuati sono 1.844 i nuovi positivi registrati in Lombardia, di questi 1.032 a Milano, di cui 504 in città. Sono invece 17 i decessi, numero che porta il totale complessivo oltre i 17mila, a 17.011.
La percentuale fra tamponi effettuati e positivi è del 6,3%, simile a quella di ieri di 6,2%. Allora però i positivi erano 1.080.
In aumento sono anche i ricoveri: quelli in terapia intensiva sono saliti a 64 (+2), a 645 negli altri reparti con un aumento di 99.
Per quanto riguarda le Province, oltre a Milano, 150 sono stati i casi a Monza, 110 a Varese, 101 a Pavia, 81 a Brescia, 67 a Como, 46 a Bergamo, 42 a Mantova, 30 a Cremona. 20 a Lecco, 23 a Lodi e 14 a Sondrio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Giro, Acquaroli, bello stimolo in momento preoccupazione
Occasione di visibilità per le Marche
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PORTO SANT’ELPIDIO
14 ottobre 2020
16:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il Giro d’Italia è una bellissima manifestazione che, in questo momento di grande preoccupazione, credo che sia uno stimolo bello, oltre che un’occasione di visibilità importante per la nostra regione”: è quanto ha detto il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli, a margine della partenza dell’undicesima tappa Porto Sant’Elpidio-Rimini. “Il Giro – ha aggiunto il governatore – è un’opportunità per far conoscere le nostre straordinarie colline, il nostro mare e tutto un territorio che sicuramente va riscoperto e valorizzato”. Nessun riferimento, invece, alla squadra di Giunta alla quale sta lavorando in vista del primo consiglio regionale in programma lunedì 19 ottobre.   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Pamela: Pg, conferma ergastolo per Oseghale senza attenuanti
Processo appello Ancona per omicidio. Parola alle parti civili
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
14 ottobre 2020
16:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Conferma della condanna all’ergastolo con isolamento diurno, senza attenuanti, per Innocent Oseghale, 32enne pusher nigeriano, per l’omicidio della 18enne romana Pamela Mastropietro, uccisa e fatta a pezzi il 30 gennaio 2018 a Macerata. Sono le conclusioni del procuratore generale di Ancona Sergio Sottani nel processo in Corte d’assise d’appello per omicidio volontario aggravato dalla violenza sessuale, distruzione e occultamento di cadavere. Dalle 15 in udienza parleranno i legali di parte civile. “Non vogliamo vendetta ma un processo e una sentenza giusti – ha detto Sottani citando nella sua requisitoria la poesia ‘A tutte le donne’ di Alda Merini – Nessuna attenuante per la condotta perpetrata in questa vicenda”. Il sostituto pg Ernesto Napolillo ha ripercorso l’intera vicenda, esprimendo “tristezza e amarezza per lo scempio. Difficile spegnere il sorriso di Pamela – ha osservato – Non è stata solo barbarie ma un furto di felicità a una ragazza sottratta alla famiglia, a chi l’ha conosciuta e alla società civile, tutta”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Catena (Sacco), Milano rischia ora più di prima
Al Sacco in terapia intensiva pazienti più giovani, 50 e 60enni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2020
16:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Secondo la mia opinione Milano rischia. A differenza della prima ondata, dove la città in qualche modo era stata più o meno risparmiata, in questo momento Milano sicuramente è a rischio, come altre zone ad esempio Monza o Varese. Milano è da tenere sotto stretta osservazione”. A mettere in guardia, a Buongiorno, su Sky TG24, è Emanuele Catena, direttore della terapia intensiva dell’Ospedale Sacco di Milano.
“Ci rendiamo conto – ha spiegato – che le zone da cui vengono i pazienti sono zone della città, è importante monitorare anche il numero dei ricoveri nei reparti di degenza di malattie infettive e nei reparti di terapia sub intensiva”.
Inoltre, “i ricoveri che abbiamo avuto in terapia intensiva in questi giorni si caratterizzano per una riduzione della fascia di età, qui al Sacco abbiamo ricoverato pazienti che vanno dai cinquanta ai sessanta anni. Sono pazienti meno gravi rispetto alla prima ondata. Le manifestazioni cliniche sono identiche ma ad oggi la mortalità è molto più contenuta”. In prospettiva, ha concluso, “se si dovessero verificare dei numeri molto allarmanti”, avere a disposizione “i letti in Fiera è una fondamentale scialuppa di salvataggio e questi all’occorrenza vanno utilizzati”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Sardegna attivati 255 posti letto, occupati 198
Assessore Sanità in Aula, “possiamo arrivare sino a 402”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
14 ottobre 2020
17:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Sardegna i posti letto allestiti e dedicati ai pazienti Covid sono 255 in totale. Di questi, 198 sono occupati, di cui 172 in degenza ordinaria e 26 in terapia intensiva. Restano quindi a disposizione rispettivamente 43 e 14 posti da sfruttare in caso di necessità.
Sono i numeri sull’ospedalizzazione nell’Isola sui quali ha riferito in Aula l’assessore della Sanità Mario Nieddu durante la discussione della mozione presentata dall’opposizione sulla gestione dell’emergenza coronavirus in questa seconda fase di recrudescenza dei contagi.
L’esponente della Giunta Solinas ha spiegato che la Regione fa riferimento al piano di contenimento varato dall’Esecutivo che prevede l’attivazione al bisogno fino a un massimo di 402 posti letto. Per quanto riguarda le Usca – Unità speciali di continuità assistenziale – quelle opertaive sono 17 e altre due sono in fase di attivazione. Nieddu ha riconosciuto che su questo fronte esistono criticità: “Ci scontriamo costantemente con la carenza di medici disponibili a ricoprire il ruolo di assistere i pazienti sintomatici a domicilio”, ha chiarito in Aula.
L’assessore ha poi citato l’attuale indice di ricoverati con sintomi sul totale dei positivi: “La Sardegna si attesta al 5,65%, uno dei migliori a livello nazionale”, ha sottolineato.
Quindi la campagna vaccinale contro l’influenza, utile a migliorare le diagnosi differenziali. “E’ messa in totale sicurezza – ha assicurato – siamo stati la terza Regione a chiudere la gara dei vaccini. Abbiamo ordinato 530mila dosi e il primo lotto è già arrivato, chiuso in questi giorni anche l’accordo con i medici di famiglia”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
362 nuovi positivi, in Liguria superata soglia 5 mila
Aumentano ospedalizzati e terapie intensive, +16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
14 ottobre 2020
17:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 362 i nuovi positivi di oggi in Liguria, a fronte di 3.981 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore. Secondo i numeri diffusi da Regione Liguria, sui dati-flusso Alisa-Ministero, l maggior numero di nuovi contagi è stato rilevato nell’Asl3 genovese che presenta 269 nuovi casi di cui 149 contatti di caso confermato e 120 individuati con attività di screening. Superato, in Liguria, il tetto dei 5 mila contagiati: sono 5.089 (esclusi i 9.552 guariti e i 1.623 deceduti) In ospedale si trovato 315 persone di cui 29 in terapia intensiva. Il maggior numero di degenti si trova al Policlinico S.Martino: 85 pazienti di cui 11 in terapia intensiva.
Le persone attualmente in isolamento domiciliare sono 2.760, 136 in più rispetto a ieri. I oggetti in sorveglianza attiva sono 4.333.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
IL-PUNTO/COVID:Veneto,boom contagi,scoppia caso Immuni
In un giorno +657 casi,Usl finora non hanno inserito dati in App
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
14 ottobre 2020
17:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ una corsa che per ora non rallenta quella dei contagi Covid in Veneto, che oggi registra il dato più alto, +657 positivi, da quando si è giunta la seconda ondata. Gli infetti dall’inizio dell’epidemia salgono a 32.973, mentre per fortuna sono stabili i decessi, 2.226.
Intanto scoppia la polemica legata alla mancata implementazione da parte delle Usl dei dati sulla app Immuni, che finora, quindi, non avrebbe funzionato in Veneto. Un ‘buco’ nella piattaforma informatica di inserimento dei codici dei positivi al tampone – per consentirne il tracciamento – che verrà risolto, ha precisato la Direzione Prevenzione della Regione, nel giro di pochi giorni. Su questo però i 5 Stelle, con la deputata Francesca Businarolo, sono andati all’attacco del governatore Zaia: “534 mila veneti presi in giro. Zaia dia spiegazioni sulla mancata attivazione di Immuni in Veneto, anziché adottare il trucchetto di far vedere quanto è bravo a risolvere i problemi che lui stesso ha creato” ha affondato Businarolo.
Da parte sua, il presidente veneto mantiene il punto sul problema scuola-trasporti, ribadendo la sua proposta, avanzata al Governo dalla Conferenza delle Regioni, di didattica a distanza alle superiori per alleggerire i mezzi sovraffollati.
Per Zaia – che dopo la ministra Azzolina ha raccolto il no anche dell’Associazione nazionale dei Presidi – si tratterebbe di mettere a punto un piano preventivo “per fare formazione a distanza alternata a lezioni in presenza con i ragazzi più grandi, dai 16 anni in su”. Una modalità, ricorda il Governatore, che già faceva parte delle linee guida sulla scuola elaborate a luglio dal Veneto, in seguito mutuate da tutte le Regioni.
Nel frattempo c’è da monitorare attentamente la pressione che i nuovi casi rispetto alla tenuta degli ospedali. E il dato positivi di oggi, pur in presenza di un boom di infetti, è un leggero calo nei numeri dei ricoverati, 359 (-3), e dei pazienti nelle terapie intensive, 40 (-1). Rispetto ad un mese fa però c’è stato un raddoppio: il 14 settembre il Veneto aveva 151 persone ricoverate nei normali reparti, e 20 nelle terapie intensive.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Al Mia il mercato punta alla creatività e guarda al futuro
Vice ministra degli Esteri Sereni: ‘Sostenere il cinema italiano e promuoverlo all’estero’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2020
18:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sostenere l’audiovisivo significa promuovere all’estero la diffusione della nostra cultura e dei nostri valori, una delle nostre missioni essenziali, la diplomazia culturale. Il cinema e l’intero settore dell’audiovisivo sono un elemento distintivo dell’identità dell’Italia: parte irrinunciabile del nostro patrimonio culturale ed eccellenza che ci viene riconosciuta in tutto il mondo. Una componente fondamentale del nostro soft power”. Lo ha dichiarato la Vice Ministra degli Esteri Marina Sereni intervenendo oggi all’apertura della sesta edizione del Mia, il Mercato internazionale dell’audiovisivo a Roma a Palazzo Barberini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: categoria foto e video, noi in crisi senza cerimonie
Tante quelle annullate col Dpcm, chiuderemo l’anno in passivo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2020
19:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La stretta alle cerimonie contenuta nell’ultimo Dpcm rischia di mettere in crisi la categoria foto-video, che chiede al Governo interventi di sostegno. In una lettera aperta alla presidenza del Consiglio l’Associazione Fotografi e Videografi Professionisti (AFVP), “prende atto che le ultime direttive riguardano anche restrizioni per le location che svolgono cerimonie. Consapevoli che tale emergenza potrebbe protrarsi, anche in conseguenza di decisioni delle Regioni con altri provvedimenti restrittivi per tutte le categorie che svolgono attività legate al mondo delle cerimonie, e constatando che si stanno creando già situazioni di instabilità e incertezza economica e psicologica, l’Associazione chiede al Governo e a tutte le Istituzioni una maggiore attenzione per le categorie foto-video legate al mondo delle cerimonie già, fortemente, penalizzate dal passato lockdown che aveva portato una profonda crisi del settore”.
“Visti i pochissimi ricavi, legati a rinvii al 2021 di moltissime cerimonie programmate per il 2020, e l’annullamento di quelle di questi giorni, la nostra categoria, che sarà sicuramente penalizzata a stipulare contratti futuri, chiuderà, sicuramente, l’anno fiscale in passivo”, aggiunge l’AFVP.
L’Associazione fa anche presente che “l’indotto legato al mondo delle foto/video-cerimonie conta migliaia di addetti che, purtroppo, non potranno far fronte nè al pagamento di finanziamenti in itinere, nè a pagare le pigioni dei locali, nè a pagare i collaboratori regolarmente assunti, nè a onorare le scadenze fiscali future”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Legali del finanziere precisano AVETISYAN E LE SUE ATTIVITA’
RETTIFICA
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2020
23:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In merito alla rettifica pubblicata lo scorso 4 agosto 2020 dal titolo ‘Il finanziere ArtemAvetisyan e le sue attività’ su richiesta dell’avvocato Stefano Ferrero, a confutazione di una precedente rettifica relativa all’articolo di Matteo Bernardo Bagnoli pubblicato online il 10 giugno 2019 ed intitolato ‘L’oligarca che inguaiò Calvey fa shopping di casa in Italia’, gli avvocati Fabrizio Colonna e Alessandra Perelli, legali di Arten Avetisyan, hanno chiesto, ai sensi della legge sulla stampa, la pubblicazione del seguente testo:
“1 – Nessun tribunale in Europa,Inghilterra o Russia ha mai accertato l’esistenza di un sospetto depauperamento del patrimonio di Uniastrum, gli assunti contenuti la rettifica del 4 agosto 2020 sono mere supposizioni non basate su fatti reali.
2 – Il signor Calvey attualmente agli arresti domiciliari in Russia in attesa di giudizio penale per atti fraudolenti danni della Orient Express Bank, ha subito varie azioni legali che hanno coinvolto una società in ultima istanza controllata del signor Calvey (e altri), come riportato ampiamente dalla stampa russa tale società è stata giudicata responsabile da un Tribunale russo e da una Corte Arbitrale londinese (LCIA) per aver distorto fatti di causa e per aver impedito a Finvision, società in cui il signor Avetisyan ha interessi, di esercitare il diritto di opzione avente ad oggetto l’acquisto della partecipazione di controllo della Orient Express Bank.
3 – Al signor Calvey (e ai suoi colleghi coinvolti nel processo penale in Russia) non è stao in alcun modo impedito di testimoniare nell’ambito del processo arbitrale pendente a Londra. Nel settembre 2018 Evison avrebbe dovuto presentare le sue deduzioni istruttorie nell’ambito del processo arbitrale londinese e in tale sede non menzionò in alcun modotra le deposizioni testimoniali da acquisire quella del signor Calvey o dei suoi colleghi coinvolti nel processo penale russo, sicché il loro arresto non ha avuto alcun impatto sulla istruttoria del giudizio arbitrale londinese, ove non comparivano come testi.
4 – Il signor Avetisyan è stato impropriamente coinvolto nell’ambito della procedura innanzi al Comitato Etico del principale sindacato degli imprenditori russi, l’Unione Russa degli Industriali e degli Imprenditori, il quale ha espressamente accertato che il signor Avetysian non ebbe alcun ruolo nell’istigazione dell’azione penale.
5 – L’Alta Corte di Giustizia di Londra non ha mai iniziato alcun processo nei confronti dei signori Avetisyan e Yusupov, vero è invece chEvison iniziò tale procedura nell’ambito della quale i signori Avetisyan e Yusupovhanno svolto le loro difese. 6 – Orient Express Bank ha intentato numerose cause in Russia contro il signor Calvey per depauperamento del suo patrimonio per fatto e colpa dello stesso”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Torna l’acqua alta, Mose ancora a difesa Venezia
Tempo peggiora, domani punta 135 cm, barriere di nuovo su
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
14 ottobre 2020
20:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Archiviata con successo la ‘prima’ con l’acqua alta di sabato 3 ottobre, il Mose tornerà a sollevarsi domani per proteggere Venezia da una nuova punta di marea, +135 centimetri, attesa per le 10.40. L’ordinanza della Capitaneria per il blocco della navigazione in laguna è pronta, e tutto dovrebbe prendere il via alle 8 di domani. Il Provveditorato alle Opere pubbliche – che con la struttura del Commissario straordinario sovrintendente alle operazioni – ha monitorato le carte meteo a lungo, poi, pur con un’incertezza sul picco, che potrebbe fermarsi più in basso, ha deciso che le 78 paratoie alle 3 bocche di porto si alzeranno per fermare l’ingresso del mare in laguna. Da stanotte il maltempo, dalla Francia si sposterà verso l’Italia. Sull’Adriatico è atteso un mix di venti di scirocco e bora. Se dovesse prevalere il primo, sommandosi ad un contributo di marea astronomica di +80, i 135 centimetri saranno raggiunti facilmente. L’obiettivo di domani dovrebbe essere di mantenere la quota di salvaguardia in laguna intorno al metro sul medio mare. In questa ipotesi Piazza San Marco verrebbe comunque coperta da un velo d’acqua, ma gran parte della città si risparmierebbe l’alta marea.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Frode prodotti informatici, sequestrati 40mln beni
Operazione guardia finanza e Eurojust, 18 misure cautelari
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
15 ottobre 2020
08:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La guardia di finanza di Torino ha smantellato un’associazione per delinquere ramificata in tutta Europa, scoprendo una frode transnazionale nel settore dei prodotti informatici in una indagine coordinata da Eurojust. Tra gli indagati c’è anche chi aveva richiesto il reddito di cittadinanza e i contributi di sostegno alle imprese per l’emergenza COVID-19. Diciotto le misure cautelari personali eseguite in tutta Italia, sequestri di beni per oltre 40 milioni di euro. A capo dell’organizzazione due imprenditori torinesi, ora in carcere.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

14 ottobre 2020
17:01
RECORD CONTAGI IN ITALIA, 7.332 CASI.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fai, l’appello di Carandini, fondo in crisi Covid sosteneteci
Presidente a Porta a Porta, con virus giù un terzo degli incassi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2020
20:46
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Anche il Fondo ambiente italiano (Fai) che si appresta a lanciare le sue giornate d’autunno, quest’anno in versione raddoppiata (il 17 e 18 ottobre e poi il 24 e 25 con l’apertura di oltre 1000 luoghi in 400 città italiane) deve fare i conti con la crisi economica conseguente alla pandemia da coronavirus. “Su 33 milioni di incasso un terzo lo abbiamo perso” annuncia il presidente Andrea Carandini intervistato da Bruno Vespa nella puntata di Porta a Porta in onda questa sera su Rai1. “Il fondo era in attivo di 1,5 milioni, con la pandemia ne ha persi almeno 5 , anche se poi siamo riusciti a recuperare qualche cosa grazie all’anticipo del 5 per mille”. Il fatto è , spiega l’archeologo, “che è cambiato tutto, è cambiato il mondo. L’imperativo ora è resistere, anche se siamo felici dell’entusiasmo incredibile dei nostri volontari anche quest’anno al lavoro con 96 gruppi per rendere possibili le aperture nella massima sicurezza. Quello che posso dire – aggiunge – è che non bisogna avere paura, ma rispettare le regole”. Tra le aperture di quest’anno, una particolarmente simbolica riguarda Bergamo, una delle città più colpite, forse la più colpita dalla pandemia Covid, dove il Fai apre al pubblico lo splendido Palazzo Moroni, gioiello del barocco. Ma certo non è facile, ribadisce il presidente, “Con 62 beni da gestire, senza il sostegno dei cittadini non possiamo farcela.
La nostra è una missione possibile se gli italiani ci mettono nelle condizioni di farla”. Al Fai anche il sostegno in diretta del ministro Franceschini anche lui invitato nella puntata alla quale partecipa anche l’attore Alessio Boni. “Voglio ringraziarli – dice – perché la la loro è una funzione fondamentale. E’ giusto che lo Stato faccia tutto il possibile per il patrimonio artistico , ma è giusto e fondamentale che si aggiunga anche l’aiuto del non profit”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nera e pop, Simone Leigh alla Biennale
da Brooklyn a Venezia, rappresenterà gli Stati Uniti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
14 ottobre 2020
20:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da Brooklyn a Venezia: sara’ Simone Leigh, la cui monumentale “Brick House” domina sulla Decima Strada il plinto del parco della High Line, a rappresentare gli Stati Uniti alla prossima Biennale di Venezia.
Nata nel 1967 a Chicago da genitori giamaicani, l’artista e’ la prima donna nera a popolare con le sue creazioni il padiglione americano dei Giardini di Castello durante la manifestazione che avrebbe dovuto aprire il prossimo maggio ma che a causa della pandemia e’ stata rinviata alla primavera 2022. L’annuncio ufficiale dell’Institute of Contemporary Art di Boston, che ha co-commissionato l’esposizione e la cui chief curator, Eva Raspini, sta organizzando una grande rassegna della Leigh l’anno successivo, conferma l’anticipazione oggi sul New York Times.
Centrale nell’opera della Leigh sono le storie di donne afro-americane: storie con la “S” maiuscola e con la “s” minuscola, dalle rivolte nel carcere di Brooklyn negli anni Settanta, o l’arresto di Debbie Africa, nera, incinta di otto mesi, che partorì di nascosto in carcere. A scegliere Simone per la Biennale e’ stato l’ufficio per gli affari culturali del Dipartimento di Stato su raccomandazione di altri artisti e curatori. “Penso di essere parte di un piu’ ampio gruppo di artisti e pensatori che hanno raggiunto massa critica”, ha detto la Leigh: “Il clima orribile che stiamo attraversando non riesce a distrarmi di quanto sia straordinario oggi essere un artista nera”. Gli ultimi due rappresentanti Usa alla Biennale, lo scultore Martin Puryear e il pittore Mark Bradford erano anche loro afro-americani.
Vincitrice del premio Hugo Boss 2018, la Leigh lavora principalmente con la ceramica e il bronzo ed e’ stata esposta al Whitney e al Guggenheim. Le sue sculture raffigurano corpi di donne nere che diventano tutt’uno con le forme dell’architettura vernacolare africana o di brocche o caraffe diffuse nelle comunita’ della diaspora africana. Per Venezia l’artista realizzera’ una scultura di bronzo monumentale collocata nel cortile esterno dell’edificio che, con le sue colonne neoclassiche, ricorda alla Leigh la Casa Bianca “con tutti i suoi strati di significato”. Altre opere in ceramica, bronzo e rafia saranno piazzati nelle cinque gallerie del padiglione popolandoli per la prima volta in molti anni di rappresentazioni figurative. Parte integrante del progetto e’ la collaborazione con un college femminile storicamente nero, lo Spelman di Atlanta, le cui studentesse parteciperanno a tutte le fasi della realizzazione del padiglione: l’obiettivo e preparare giovani donne di colore a lavorare nel mondo delle arti e del musei finora dominato dai bianchi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Shalabayeva, condannati Cortese e altri imputati
Riconosciuto il reato di sequestro di persona
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
15 ottobre 2020
00:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono stati tutti condannati dal tribunale di Perugia gli imputati nel processo relativo all’espulsione dall’Italia di Alma Shalabayeva. Inflitti cinque anni di reclusione all’ex capo della squadra mobile di Roma Renato Cortese, ora questore di Palermo, e a Maurizio Improta, all’epoca responsabile dell’ufficio immigrazione e ora a capo della polfer.
Il tribunale presieduto da Giuseppe Narducci ha condannato inoltre l’allora giudice di pace Stefania Lavore a due anni e mezzo di reclusione, i funzionari della mobile romana Luca Armeni e Francesco Stampacchia a cinque anni, e quelli dell’Ufficio immigrazione Vincenzo Tramma e Stefano Leoni, rispettivamente a quattro anni e tre anni e sei mesi di reclusione. Per Cortese, Improta, Stampacchia e Armeni è stata disposta l’interdizione dai pubblici uffici. Cortese, Armeni, Stampacchia, Tramma, Leoni e Improta sono stati riconosciuti responsabili di sequestro di persona nei confronti di Alma Shalabayeva, moglie del dissidente kazako Muktar Ablyazov, e della loro figlia Alua, all’epoca di sei anni. Assolta per questo reato invece il giudice Lavore.
Il tribunale ha anche disposto l’assoluzione degli imputati per una decina dei 20 capi d’accusa contestati relativi a presunti episodi di falso ideologico, abuso e omissione di atti d’ufficio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Operazione contro pedopornografia on line, arresti e denunce
Materiale prodotto mediante lo sfruttamento sessuale di minori
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
15 ottobre 2020
09:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vasta operazione della Polizia Postale in 16 province, coordinata dal Centro Nazionale Contrasto alla Pedopornografia Online del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni di Roma, disposta dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Venezia, nell’ambito del contrasto alla pedopornografia online. Perquisizioni, arresti e la denuncia di 16 persone, informa una nota, ritenute responsabili di divulgazione, cessione e detenzione di immagini video e foto pedopornografiche. Secondo le indagini della polizia, il materiale prodotto mediante lo sfruttamento sessuale di minori era scambiato su una piattaforma di messaggistica.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gestione guadagni ‘Il Volo’, un anno a Torpedine
Imputato per infedeltà patrimoniale, lo denunciò Tony Renis
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
15 ottobre 2020
09:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si conclude in primo grado con una condanna a un anno per il produttore musicale Michele Torpedine, imputato a Bologna per infedeltà patrimoniale, la disputa sulla gestione dei guadagni de ‘Il Volo’, trio che vinse il Festival di Sanremo nel 2015.
La vicenda penale era nata da una denuncia presentata dai difensori di Elio Cesari, in arte Tony Renis: Torpedine in origine era amministratore e Renis socio al 50% della Rentor, società che gestiva il trio in esclusiva. Le indagini hanno contestato un conflitto di interessi legato a un contratto che nel 2014 Torpedine stipulò con patto di esclusiva a favore della Family Srl, di cui era amministratore unico. Con questo atto avrebbe provocato alla Rentor un danno pari alla perdita dei diritti di esclusiva e dei compensi correlati alle attività del trio.
Il tribunale ha condannato anche al risarcimento in sede civile e ha disposto una provvisionale esecutiva per Rentor, costituita parte civile con la liquidatrice Marzia Chessa, difesa dell’avvocato Gabriele Bordoni, di 50mila euro e di 20mila per Renis, difeso dagli avvocati Antonio Cappuccio e Tiziana Zambelli, più 10mila di spese processuali. Torpedine era difeso dal prof. Gaetano Insolera.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, annullata Portici di carta a Torino
Era in programma nel weekend 17-18 ottobre
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
14 ottobre 2020
21:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La XIV edizione di Portici di Carta, prevista per il prossimo fine settimana a Torino (17-18 ottobre) è annullata. La decisione è stata presa in maniera condivisa dopo il nuovo Dpcm in occasione di un confronto tra la Città di Torino, gli enti organizzatori Associazione Torino, la Città del Libro e Fondazione Circolo dei lettori, i librai e gli editori aderenti. on la pubblicazione del nuovo Dpcm, e in seguito a un confronto con il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, l’organizzazione di Portici di Carta – spiega una nota – ha preso atto che non si presentano le condizioni per garantire il distanziamento sociale nelle sedi tradizionali della manifestazione (via Roma, piazza San Carlo, piazza Cln). Per senso di responsabilità, in un quadro di contagi in sensibile aumento, è stato quindi deciso di annullare la XIV edizione”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cinema: la diversità è il conformismo delle banlieu
In sala la commedia ‘Una classe per i ribelli’ di Leclerc
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2020
17:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nessuno si illuda, tutto è ormai sottosopra e oggi il vero conformismo è la diversità. In certi ambienti si è accettati con più favore se si ha una moglie araba, un figlio gay e se si preferisce la scuola pubblica, multietnica, rispetto a quella privata. UNA CLASSE PER I RIBELLI di Michel Leclerc, in sala dal 22 ottobre con Satine Film, una perfetta commedia francese all’italiana (il titolo originale è La lutte des classes) piena come è di ironia e sostanza, descrive proprio questo.Di scena il pregiudizio sociale, il mix culturale, la laicità e anche, ovviamente, l’importanza della scuola in una società come quella francese dove il multiculturalismo è radicato da molte generazioni. Questa la storia: Sofia e Paul, interpretati da Leïla Bekhti e Eduard Baer, sono due genitori molto alternativi, che decidono di trasferirsi dalla città alla periferia per far crescere i propri figli secondo ideali di apertura all’integrazione e alla diversità. Paul, cinquantenne batterista punk d’animo anarchico è anche un comunista integralista, come si vede a inizio film.
Di fronte a uno sbigottito agente immobiliare rifiuta di vendere la sua casa, valutata il doppio di quanto l’aveva pagata anni prima, pur di non confondersi con uno speculatore. Insomma un vero puro quest’uomo che vive insieme ai figli, in piena laicità, con Sofia, avvocato di origine magrebina. Ma come reagiranno questi due integerrimi bobos (borghesi bohémien) sostenitori della diversità quando scoprono che il figlio adolescente è oggetto di razzismo non solo perché considerato ricco, ma anche perché è l’unico non credente in classe?    CINEMAX Factor 2020, Bootcamp seconda parte
Stasera Emma e Manuel scelgono i cinque talenti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 ottobre 2020
09:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo gli Over di MIKA e le Under Donna di HELL RATON, oggi – giovedì 15 ottobre – è il momento del Bootcamp di MANUEL AGNELLI e dei suoi Gruppi e di EMMA e gli Under Uomini. L’obiettivo, come sempre, è scegliere la squadra più forte per puntare così alla vittoria di X FACTOR 2020.
Continua così anche questa settimana la giostra delle sedie al fine di completare tutte le squadre dello show di Sky prodotto da Fremantle, in onda su Sky e NOW TV, in vista dell’ultima fase di selezione. La regola è sempre la stessa: una volta assegnate tutte e cinque le sedie, per il giudice al banco di prova sarà inevitabile lo “switch”. Per gli artisti non sarà facile convincere i giudici: sarà necessario mostrare grinta e un altro lato di sé, dopo quanto già mostrato alle Audition. Accettare il giudizio e il verdetto finale non sempre sarà facile: nessuno potrà dirsi al sicuro fino al completamento della squadra, e anche per lo stesso giudice sarà complicato trovare il quintetto giusto, che sia equilibrato, coerente, semplicemente il migliore possibile. Alessandro Cattelan e gli altri tre giudici non coinvolti nella scelta commenteranno le scelte del giudice protagonista del Bootcamp, seduti comodi nella saletta accanto allo studio, a volte condividendo le scelte, altre in aperto dissenso. Con questa puntata, le squadre iniziano così a prendere forma in attesa della Last Call: un’ultima chiamata per essere tra i 12 protagonisti della gara live di X Factor 2020.

cronaca tutte le notizie in tempo reale sempre aggiornate
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 6 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 00:34 ALLE 13:39 DI MERCOLEDì 14 OTTOBRE 2020

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Mafia: operazione Dda, 23 arresti nel Tarantino
Indagate altre 23 persone,clan riorganizzato dopo blitz nel 2017
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TARANTO
14 ottobre 2020
00:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 23 le persone accusate a vario titolo di associazione mafiosa, associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti, rapine, estorsioni e altri reati aggravati dal metodo mafioso. La Squadra Mobile della Questura di Taranto e personale del Servizio Centrale Operativo della direzione centrale Anticrimine della Polizia hanno eseguito, nei loro confronti, una ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Lecce su richiesta del pm della Dda salentina, Milto Stefano De Nozza.
Gli inquirenti ritengono di aver disarticolato un clan riorganizzatosi a Manduria (Taranto) dopo l’operazione “Impresa” del luglio 2017, in un territorio “ancora interessato – sottolinea la Questura in una nota – dal fenomeno mafioso e governato da frange della Sacra Corona Unita, sempre più orientate ad attuare una strategia di potenziamento del proprio prestigio criminale”.
Altre 27 persone risultano indagate nell’ambito dello stesso procedimento, destinatarie di avviso di conclusione delle indagini preliminari.
Il processo di primo grado scaturito dall’operazione di tre anni fa, che si concluse con 38 condanne e 19 assoluzioni, ha riguardato le attività del presunto clan della Sacra Corona Unita guidato da Antonio Campeggio, compresi i tentativi di infiltrarsi e condizionare l’attività politico-amministrativa locale. Proprio quella inchiesta portò, ad aprile del 2018, allo scioglimento del Consiglio comunale di Manduria per ingerenze della criminalità organizzata.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Sacco, situazione può esplodere
Direttore terapia intensiva, aumento esponenziale dei ricoveri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
14 ottobre 2020
09:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ci sono elementi di forte preoccupazione. Non tanto legati al numero dei ricoveri in terapia intensiva, ieri in Lombardia avevamo 63 ricoveri nelle nostre rianimazioni, ma a preoccuparci è l’andamento dei ricoveri”. Lo ha detto a Buongiorno su Sky TG24 Emanuele Catena, direttore della Terapia intensiva dell’Ospedale Sacco di Milano.
“Se immaginiamo di proiettare questo trend nei prossimi giorni – ha aggiunto – e nelle prossime settimane potremo trovarci dalle attuali poche decine di pazienti ricoverati alle centinaia. Questa situazione potrebbe potenzialmente diventare molto esplosiva e allarmante”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Morto il giornalista sportivo Gianfranco De Laurentiis
Tra le sue trasmissioni, Eurogol, prima rubrica sulle Coppe europee nata nel ’77, e i rotocalchi Domenica Sprint e Dribbling
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2020
13:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Morto Gianfranco De Laurentiis, giornalista sportivo della Rai. Ne da’ notizia RaiNews24. De Laurentiis, 81 anni, romano, continuava a collaborare da remoto con la Domenica Sportiva, che aveva condotto nella stagione ’94-’95.
“Un volto storico del giornalismo sportivo italiano” così in un post sul suo profilo facebook, il ministro dello sport Vincenzo Spadafora ricorda il giornalista sportivo. De Laurentiis, scrive Spadafora, “ha lavorato in Rai per trent’anni occupandosi di sport con Diretta Sport, Dribbling, Domenica sprint. Esprimo il mio cordoglio al figlio Paolo, alla famiglia, agli amici e ai colleghi”.
IL POST:Tra le sue trasmissioni, Eurogol, prima rubrica sulle Coppe europee nata nel ’77, e i rotocalchi Domenica Sprint e Dribbling.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

‘Ndrangheta: informò boss di operazione, arrestato ex agente
Permise fuga di 7 ricercati, riarrestati successivamente
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
REGGIO CALABRIA
14 ottobre 2020
11:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel luglio 2018 avrebbe informato i boss delle cosca Cacciola-Grasso di Rosarno che i carabinieri stavano per eseguire l’operazione “Ares” e che sarebbero finiti in carcere. Con l’accusa di concorso esterno con la ‘ndrangheta un ex poliziotto è stato arrestato dai carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria Si tratta di un ex sovrintendente, G.C. di 45 anni, in servizio fino allo scorso agosto nel posto di polizia di Frontiera marittima nel porto di Gioia Tauro. L’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata emessa dal gip Tommasina Cotroneo, su richiesta del procuratore Giovanni Bombardieri, dell’aggiunto Gaetano Calogero Paci e del pm Sabrina Fornaro. L’indagine che ha portato all’arresto dell’ex poliziotto – denominata Antenora – scaturisce da quanto accaduto la notte del 9 luglio 2018 quando la Dda reggina aveva emesso un fermo di indiziato di delitto nei confronti di 38 soggetti appartenenti o contigui alle cosche Cacciola e Grasso. Quella notte 7 indagati sfuggirono all’arresto e tra questi Rosario Grasso, elemento di spicco e rampollo del clan. I 7 latitanti, nel giro di pochi mesi, sono stati catturati e la Dda è riuscita a individuare le connivenze che gli avevano consentito di darsi alla fuga. In particolare, stando all’inchiesta, quella notte il boss ed i suoi più stretti collaboratori erano stati avvertiti con una telefonata inviata da un appartenente alle forze dell’ordine sull’apporto del quale i componenti della cosca avevano potuto contare sino a quel momento. Dopo numerosi accertamenti, condotti con la collaborazione del Reparto Indagini Tecniche del Ros dei carabinieri, l’autore è stato identificato nell’ex poliziotto originario della provincia reggina ma residente in Sicilia.
Dalle indagini, inoltre, è emerso che l’ex sovrintendente non avrebbe favorito la cosca solo in quell’occasione, ma avrebbe rappresentato un supporto indispensabile per l’ingresso nel porto di Gioia Tauro di ingenti quantitativi di cocaina provenienti dal Sudamerica. Per farlo, G.C. sarebbe stato sistematicamente retribuito e per questo, oltre all’accusa di concorso esterno, la Dda gli contesta anche la corruzione e la partecipazione ad associazioni dedite al narcotraffico.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Maestro sbatteva bimbi contro mobile
E’ indagato per percosse continuate, misura ad hoc del gip.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
14 ottobre 2020
11:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un maestro elementare di Milano ha ricevuto una interdittiva personale, una misura cautelare ad hoc emessa del gip del capoluogo lombardo, che ordina la sospensione all’insegnamento per la durata di quattro mesi a causa di presunti comportamenti violenti e diseducativi. La Polizia di Stato ieri mattina ha notificato il provvedimento all’uomo, un 48enne incensurato (ma con dei provvedimenti disciplinari per comportamenti analoghi alle spalle), dopo i riscontri acquisiti in 18 audizioni protette di bambini e da alcuni insegnanti.
Le indagini, svolte dagli agenti del Commissariato Comasina, hanno preso il via dopo che erano stati segnalati alcuni disegni fatti dai bambini in classe raffiguranti un mobile con un bambino e il maestro a fianco. L’uomo, che è indagato per violenza e percosse aggravate e continuate, avrebbe in più occasioni afferrato i bambini, alcuni dei quali affetti da disabilità, per poi sbatterli contro un armadio. Nella scuola elementare alcuni bambini avrebbero manifestato anche dei disturbi del sonno e il timore di andare a scuola.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incidenti lavoro: frana terreno, muore operaio a Padova
Un altro è ferito, ora in codice rosso all’ospedale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PADOVA
14 ottobre 2020
12:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un operaio è morto e un altro è rimasto ferito in un incidente sul lavoro avvenuto al’Acegas Aps di Padova. I due erano al lavoro in una buca profonda un paio di metri per il posizionamento di alcuni tubi dell’acquedotto, quando è avvenuto il cedimento del terreno circostante che li ha investiti, schiacciandoli contro la condotta. I vigili del fuoco accorsi sul posto hanno estratto i due uomini portandoli in zona sicura. Purtroppo, nonostante i tentativi di rianimazione del personale medico del Suem, un operaio di 47 anni è stato dichiarato morto. L’altro è stato invece stabilizzato e trasferito in codice rosso in ospedale. Sul posto anche il personale dello Spisal (Servizio Prevenzione Igiene Sicurezza Ambienti di Lavoro) e i carabinieri. Le operazioni di soccorso sono tuttora in corso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, controlli a tappeto dei Nas su 1.900 locali 351 violazioni
L’attività di una settimana. Oltre il 43% delle multe è per mancato uso di mascherine
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 ottobre 2020
13:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In una sola settimana, 1.898 ispezioni sono state condotte dai Nas in ristoranti, pizzerie, fast-food, pub e bar per controllare il rispetto delle misure anti Covid e 351 sono state le violazioni individuate.
La più diffusa, pari al 43% delle segnalazioni, è stata il mancato uso delle mascherine. Nell’ambito dell’emergenza sanitaria, il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute ha rafforzato i controlli sulle misure di contenimento dei contagi da coronavirus realizzando, in condivisione con il Ministero della Salute, uno specifico servizio di controllo sulle strutture di ristorazione. Le ispezioni sono state svolte dai 38 nuclei dei Nas su tutto il territorio nazionale dal 5 all’11 ottobre, soprattutto in locali della movida e in orari serali o notturni.
“Ulteriori violazioni hanno interessato nel 9% la distanza insufficiente fra tavoli, nel 9% il mancato distanziamento sociale tra le persone, nell’8% l’assenza di prodotti igienizzanti all’interno o all’ingresso dei locali nonchè l’omessa attuazione delle corrette e periodiche procedure di pulizia e sanificazione degli ambienti (3%). Ulteriori inosservanze, pari al 15%, hanno riguardato altri obblighi previsti sia da normative nazionali che regionali e locali, oggetto di autonome ordinanze, relative ad esempio alla segnaletica orizzontale sui percorsi da seguire, omessa registrazione avventori e la misurazione della temperatura corporea.
Sono state oggetto di controllo anche le fasi di preparazione, detenzione e vendita di alimenti con contestazione di 30 sanzioni penali e 310 amministrative per violazioni alle norme igienico-sanitarie che hanno altresì determinato il sequestro di kg. 4.077 di alimenti irregolari, per un valore di 59.000 euro, e la chiusura/sospensione dell’attività di 49 locali / strutture”.   VAI ALLE NOTIZIE DAL MONDO