Cronaca tutte le notizie. Tutte, complete, aggiornate ed in tempo reale! SEGUILE E CONDIVIDILE!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 43 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 11:42 DI MERCOLEDì 24 FEBBRAIO 2021

ALLE 15:13 DI GIOVEDì 25 FEBBRAIO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Grazie Allah per Covid,2 anni a pro-Isis
Arrestato nel luglio 2020 a Milano,’propaganda ossessiva su web’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
24 febbraio 2021
11:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ha patteggiato 2 anni, con sospensione condizionale e non menzione della pena, Nicola Ferrara, 39 anni, che venne arrestato nel luglio del 2020 per apologia e istigazione all’adesione allo Stato islamico per aver invaso la rete e i social con post, audio e video di propaganda per l’Isis.
Il suo “odio per l’Occidente”, stando alle indagini dei carabinieri del Ros e dei pm Alberto Nobili, Piero Basilone e Leonardo Lesti, lo portava a dire, intercettato il 25 marzo dello scorso anno, quando in Italia morivano centinaia di persone al giorno e si era in pieno lockdown, che il Covid “è una cosa di Allah, una cosa positiva”, perché “la gente sta impazzendo” e per gli infedeli “tutto l’haram’ adesso è difficile farlo”, ossia sono stati tolti loro i “vizi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il patteggiamento alla pena sospesa per l’uomo, nato in Puglia (da una decina d’anni a Milano dove lavorava in un parcheggio) e difeso dal legale Domenico Mandalari, è stato ratificato dal gup Livio Cristofano. Era finito in carcere (ora è libero) su ordinanza del gip Guido Salvini e avrebbe frequentato l’associazione culturale Al Nur di Milano, di orientamento sunnita, e due 17enni che pregavano nello stesso centro, ai quali avrebbe proposto le sue “tesi estremiste”.
Ferrara, che si faceva chiamare ‘Issa’ dal 2015, era anche stato per due volte in Qatar e una negli Emirati Arabi per “approfondire l’indottrinamento e trovare un modo per raggiungere l’Afghanistan”. Avrebbe anche fornito “assistenza economica” con tre vaglia, per un totale di 400 euro, a Ghassen Hammami detenuto nel carcere di Rossano Calabro e arrestato in un’indagine di Perugia. E usava la piattaforma ‘Soundcloud’ per brani nei quali risuonavano parole di questo genere: “Versate il sangue della sua giugulare”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Congo: venerdì lutto cittadino a Sonnino per Iacovacci
Sindaco, domani funerali di Stato, il giorno dopo i nostri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
11:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Venerdì sarà lutto cittadino a Sonnino, il paese d’origine di Vittorio Iacovacci in provincia di Latina. Lo annuncia il sindaco Luciano De Angelis: “Dopo i funerali di stato domani mattina, la salma di Vittorio tornerà a Sonnino e il giorno seguente, venerdì, faremo anche i nostri funerali all’Abbazia di Fossanova.
In quell’occasione sarà anche proclamato il lutto cittadino”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fiaccola benedettina allo Spallanzani e in ospedale Bergamo
Accensione a Norcia, poi in luoghi simbolo lotta al Covid
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NORCIA (PERUGIA)
24 febbraio 2021
12:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con l’accensione della fiaccola benedettina “Pro Pace et Europa Una” nella cripta della Basilica di San Benedetto di Norcia , quest’anno completamente sgombra dalle macerie del post 2016, avrà inizio sabato 27 febbraio, alle 15,30, il “Marzo benedettino”. Che quest’anno toccherà anche due ospedali simbolo nella lotta al Covid, lo “Spallanzani” di Roma e il “Giovanni XXIII” di Bergamo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il programma è stato presentato in una videoconferenza stampa con i sindaci di Norcia, Cassino e Subiaco, Nicola Alemanno, Enzo Salera e Francesco Pelliccia. Oltre a don Luigi Di Bussolo, dell’abbazia di Montecassino.
Tutte le celebrazioni, è stato sottolineato, si terranno nel pieno rispetto delle normative anti Covid e con “l’intento di rinnovare il messaggio di Benedetto e quindi dare un segnale di speranza all’Europa e al mondo intero in questo tempo così complicato”.
Dopo quello di sabato a Norcia, gli appuntamenti proseguiranno il 7 marzo, sempre alle 15.30, a Subiaco con l’accensione e la benedizione della fiaccola presso il Sacro Speco, mentre il 13 marzo sarà la volta di Montecassino. Quest’anno, nelle giornate del 17 e 18 marzo, la fiaccola – in segno di vicinanza a medici e malati e nel ribadire sostegno alla ricerca scientifica – varcherà anche le porte degli ospedali “Spallanzani” di Roma e “Giovanni XXIII” di Bergamo. Nel giorno della celebrazione allo “Spallanzani” sono previsti, tra gli altri, anche gli interventi di Paolo Gentiloni, commissario europeo per l’economia, e del capo Dipartimento della Protezione civile, Angelo Borrelli.
“Vorremmo che ancora una volta la luce della fiaccola di Benedetto possa illuminare tutti i decisori politici per individuare migliore strada possibile che tuteli la salute di tutti noi e riuscire a salvare il nostro tessuto sociale ed economico”, ha detto Alemanno. “Ancora una volta – ha aggiunto – le tre città in questi anni continuano a farsi portavoce della regola si San Benedetto ‘ora et labora’ nella convinzione che tutti i responsabili civili possano trarre esempio da questo importantissimo testo ancora oggi di straordinaria attualità”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pdf pirata su Telegram:sequestrati 10 siti,chiusi 329 canali
Indagine Bari, 9 indagati per violazione legge diritto d’autore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
24 febbraio 2021
12:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Guardia di Finanza di Bari ha eseguito il sequestro preventivo di urgenza, emesso dalla Procura, di 10 siti web pirata, che sono stati oscurati, tramite i quali sarebbero stati diffusi giornali, riviste e ebook, permettendo a chiunque di scaricare illecitamente e gratuitamente le relative copie digitali, attraverso link di collegamento a risorse web gestite su server esteri.
L’operazione, chiamata ‘#cheguaio!’, è lo sviluppo dell’inchiesta avviata nell’aprile del 2020 dopo la denuncia della Fieg sulla diffusione dei file pirata sulla piattaforma Telegram, che fino ad oggi ha portato alla chiusura di 329 canali e gruppi di utenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel corso delle indagini sono stati identificati i responsabili della distribuzione illecita di migliaia di copie digitali di quotidiani, 9 dei quali indagati per violazione della legge sul diritto d’autore, mentre gli amministratori dei siti internet restano al momento ignoti.
Nell’agosto scorso alcuni degli indagati sono stati destinatari di perquisizioni domiciliari in Puglia, Campania, Marche e Lazio. “Ci chiuderanno tutto” per cui “l’unica cosa che posso fare è svelarvi dove scarico i giornali e ognuno per la propria strada prima che finiamo tutti in merda” è uno dei messaggi intercettati dagli investigatori durante gli accertamenti, dopo l’oscuramento dei primi canali Telegram.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Terremoti: Croazia, nuova scossa 4.1 intorno a Petrinja
La zona colpita dal forte sisma 6.4 di fine dicembre
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
12:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una nuova forte scossa di terremoto di magnitudo 4.1 ha colpito oggi alle 11.00 la zona di Petrinja, nella Croazia centrale, regione devastata lo scorso 29 dicembre da un sisma di magnitudo 6.4. La scossa è stata avvertita in tutto il nord del Paese e anche nella capitale Zagabria.
Per ora non ci sono notizie di feriti o danni. Da fine dicembre la zona di Petrinja e Sisak è stata interessata da un lungo sciame sismico, con una trentina di scosse di assestamento lievi e medie, e un sisma più forte di magnitudo 5.0. L’ultima scossa rilevante di magnitudo 4.0 risale al 18 febbraio. Il forte terremoto del 29 dicembre ha causato sette vittime, una trentina di feriti e provocato ingenti danni con quasi 4 mila sfollati.    MONDO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Uber, procura apre indagine fiscale
Greco su Uber Eats, analisi su ‘stabile organizzazione occulta’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
24 febbraio 2021
12:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Milano ha aperto un’indagine “fiscale” su Uber Eats, filiale italiana del colosso americano già finita in amministrazione giudiziaria per caporalato sui rider, “per verificare se sia configurabile una stabile organizzazione occulta” dal punto di vista fiscale. Lo ha annunciato il procuratore di Milano, Francesco Greco, nel corso di una conferenza stampa convocata per fare il punto sulle indagini a tutela dei ciclofattorini avviate nel capoluogo lombardo.
“E’ bene che sia aperta questa analisi fiscale su Uber Eats, peraltro già in corso”, ha aggiunto Greco.
“Non è più il tempo di dire sono schiavi ma è il tempo di dire che sono cittadini”, ha aggiunto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Procuratore di Milano: ”Non schiavi ma cittadini, vanno assunti 60mila rider’
Indagate 6 persone, tra amministratori delegati, legali rappresentanti o delegati per la sicurezza delle società Uber Eats, Glovo-Foodinho, JustEat e Deliveroo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
25 febbraio 2021
10:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Milano ha aperto un’indagine “fiscale” su Uber Eats, filiale italiana del colosso americano già finita in amministrazione giudiziaria per caporalato sui rider, “per verificare se sia configurabile una stabile organizzazione occulta” dal punto di vista fiscale. Lo ha annunciato il procuratore di Milano Francesco Greco nel corso di una conferenza stampa convocata per fare il punto sulle indagini a tutela dei ciclofattorini avviate nel capoluogo lombardo. “E’ bene che sia aperta questa analisi fiscale su Uber Eats, peraltro già in corso”, ha aggiunto Greco.
La Procura milanese nell’indagine sui rider che si è estesa a livello nazionale ha indagato 6 persone, tra amministratori delegati, legali rappresentanti o delegati per la sicurezza, delle società Uber Eats, Glovo-Foodinho, JustEat e Deliveroo, ha spiegato in conferenza stampa, via web, il procuratore aggiunto milanese Tiziana Siciliano che con il pm Maura Ripamonti è titolare del fascicolo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Questa inchiesta – ha detto Tiziana Siciliano – si è imposta perché questa situazione di illegalità è palese”.
“Non è più il tempo di dire sono schiavi ma è il tempo di dire che sono cittadini”, ha affermato Greco, nella conferenza stampa indetta per fare il punto della “prima fase” delle indagini milanesi sui riders che in questo periodo di lockdown svolgono “una funzione fondamentale” perchè consegnano a casa dei cittadini il cibo e hanno permesso a “molte imprese di non chiudere”. Greco si riferisce alla necessità di un “approccio giuridico” al tema.
Oltre “60mila lavoratori” di società del delivery, ossia Uber Eats, Glovo-Foodinho, JustEat e Deliveroo, dovranno essere assunti dalle aziende come “lavoratori coordinati e continuativi”, ossia passare da lavoratori autonomi e occasionali a parasubordinati. E ciò sulla base, come spiegato nella conferenza stampa della Procura di Milano, di verbali notificati stamani alle aziende. “Diciamo al datore di lavoro – è stato spiegato – di applicare per quel tipo di mansione che svolgono i rider la normativa, di applicare i contratti adeguati e quindi ci devono essere quelle assunzioni”. Altrimenti saranno presi “provvedimenti” specifici. In Italia i rider “hanno un trattamento di lavoro che nega loro un futuro”, ha detto Greco. ‘Hanno un permesso di soggiorno regolare – ha proseguito – ma non permettiamo loro di costruirsi una carriera adeguata”
Alle società del delivery che fanno lavorare i rider sono state “contestate ammende” sui profili di sicurezza dei fattorini per “oltre 733 milioni di euro”. Il dato impressionante è stato comunicato da Antonino Bolognani, comandante del Nucleo tutela del lavoro dei carabinieri, nel corso della conferenza stampa con Greco, l’aggiunto Tiziana Siciliano e il pm Maura Ripamonti. “Se le aziende pagheranno queste ammende, ciò consentirà loro l’estinzione del reato”, ha aggiunto Bolognani. In attività di verifiche sono stati controllati “oltre 60mila fattorini”, lavoratori “esposti a rischi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rider: ammende per 733 Mln a società
Verifiche dei CC sulle condizioni di lavoro di 60mila fattorini
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
24 febbraio 2021
12:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Alle società del delivery che fanno lavorare i rider sono state “contestate ammende” sui profili di sicurezza dei fattorini per “oltre 733 milioni di euro”. Il dato impressionante è stato comunicato da Antonino Bolognani, comandante del Nucleo tutela del lavoro dei carabinieri, nel corso di una conferenza stampa con il procuratore di Milano, Francesco Greco, l’aggiunto Tiziana Siciliano e il pm Maura Ripamonti.
“Se le aziende pagheranno queste ammende, ciò consentirà loro l’estinzione del reato”, ha aggiunto Bolognani. In attività di verifiche sono stati controllati “oltre 60mila fattorini”, lavoratori “esposti a rischi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Disperso sul Vettore: trovato morto escursionista 60enne
(v. Disperso sul Vettore: ricerche da 16 ore…’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ARQUATA DEL TRONTO
24 febbraio 2021
12:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato trovato e recuperato il cadavere di Marco Stortoni, 60 anni, pasticciere di Montefalcone Appennino (Fermo), appassionato di escursioni in montagna, disperso da ieri pomeriggio sul Monte Vettore nella zona di Arquata del Tronto (Ascoli Piceno). La sagoma dell’escursionista, durante le ricerche di carabinieri, vigili del fuoco e soccorso alpino, era stata individuata in mattinata da un drone.
Il cadavere del 60enne, che indossava scarponi da montagna, ancora con zaino in spalla, era in posizione supina su uno spuntone di roccia, con intorno neve, nella zona del Canalino nella parte alta del costone. Non si conoscono al momento le cause e la dinamica del decesso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cima nave si spezza, colpisce e uccide marinaio a Messina
Su nave in servizio sullo Stretto, incidente durante approdo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MESSINA
24 febbraio 2021
13:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un dipendente della compagnia di navigazione Caronte & Tourist, Gaetano Puleo, 61 anni, nostromo, è morto stamani in un incidente a bordo della motonave Elio, che opera sullo Stretto di Messina, durante le fasi di approdo al molo Norimberga, nella città siciliana. Dalle prime notizie, pare che il marinaio sia stato colpito in pieno da una cima che si è spezzata.
Indagando i carabinieri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: Unhcr-Oim, il 20 febbraio naufragio con 41 dispersi
Lo riferiscono superstiti soccorsi da mercantile Vos Triton
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
13:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il team di Unhcr, presente a Porto Empedocle in attesa dello sbarco dalla nave mercantile Vos Triton di 77 migranti e rifugiati, ha raccolto “testimonianze accurate circa il naufragio avvenuto sabato 20 febbraio nel Mediterraneo Centrale che confermano come almeno 41 persone sarebbero annegate e sono ora disperse”. Lo fanno sapere Unhcr e Oim.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: a Palermo hub con 60 postazioni,10 mila dosi giorno
Musumeci, noi pronti ma fornitura delle dosi va a rilento
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
24 febbraio 2021
13:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Oggi inizia la stagione della speranza e sono convinto che soltanto con i vaccini potremo tirarci fuori da questa maledetta vicenda”. Lo ha detto il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, che in mattinata, ha inaugurato l’hub vaccinale nel padiglione 20 dell’ex Fiera del Mediterraneo di Palermo, dove a regime si potranno somministrare circa 10mila dosi al giorno.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quello di Palermo è il primo dei 9 hub vaccinali che saranno aperti nei prossimi giorni dalla Regione Siciliana, uno in ogni città capoluogo. Cento complessivamente gli operatori – tra medici, infermieri e personale tecnico ed amministrativo – a lavorare su due turni in 60 postazioni modulari che potranno arrivare a 120. Il vaccino non sarà riservato solo a chi ha già compiuto 80 anni, ma in Fiera saranno effettuate anche le vaccinazioni con AstraZeneca per le forze dell’ordine e con Pfizier-Biontech a completamento del personale socio-sanitario.
“Oggi salutiamo l’inizio della stagione della speranza, vorrei dire della certezza, ma non abbiamo la sicurezza che il vaccino arrivi in tempo. Stiamo procedendo come da calendario – ha assicurato Musumeci -. Secondo il piano predisposto dal governo regionale, avremmo dovuto completare la campagna di vaccinazione entro la metà di settembre. Purtroppo, le notizie che arrivano dal fronte vaccini non sono incoraggianti. Ieri Astrazeneca ha comunicato riduzione ulteriore del 50% e chi doveva mantenere gli impegni non lo ha fatto nemmeno con Bruxelles. Noi siamo qui in attesa di partire alla grande”.
Il primo over 80 a ricevere la dose alle 8 del mattino è stato Vincenzo Agostino, padre del poliziotto Nino assassinato il 5 agosto del 1989 con la moglie Ida Castelluccio a Villagrazia di Carini.   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: in Emilia-Romagna 1.427 nuovi casi e 33 morti
Oltre 42mila tamponi, crescono i ricoveri in terapia intensiva
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
24 febbraio 2021
17:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 1.427 i nuovi casi di positività al Coronavirus individuati nelle ultime 24 ore in Emilia-Romagna, sulla base di 42.169 tamponi, fra molecolari e antigenici, messi a referto. I morti sono 33.

Dei nuovi contagiati sono 648, individuati con l’attività di screening e contact tracing. Crescono i contagi in provincia di Ravenna (240), restano alti anche Bologna (227) e Rimini (222).
I casi attivi salgono a 36.771 (+63 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, sono il 93,9%. Aumentano i ricoverati in terapia intensiva che raggiungono quota 201 (cinque in più di ieri) mentre calano di 16 unità quelli negli altri reparti covid, che sono 2.025.
Sedici delle nuove 33 vittime sono in provincia di Bologna, quattro nel Riminese, tre a Piacenza, Ferrara e Parma, due in provincia di Forlì-Cesena, uno a Modena e Ravenna. In totale, dall’inizio dell’epidemia i decessi in regione sono stati 10.426.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sei un antifascista, schiaffo a ragazzo
Da parte di quattro ventenni. Episodio nello Spezzino
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
LA SPEZIA
24 febbraio 2021
17:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sei un antifascista!”. È quanto hanno urlato quattro ventenni nei confronti di un coetaneo, prima che uno di loro lo colpisse con uno schiaffo.
È quanto accaduto lunedì pomeriggio a Ceparana e sull’episodio stanno indagando i carabinieri. I quattro giovani sono stati individuati: alcuni di loro erano finiti sotto inchiesta nell’ambito dell’operazione Aurora, che nel 2017 aveva portato allo smantellamento di una cellula di naziskin in bassa Val di Vara, sempre nello Spezzino. Chi ha colpito il ventenne è già stato identificato e denunciato per lesioni personali. La sua casa è stata perquisita: trovate mazze e un coltello.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid Usa, Fda: ‘forte protezione dal vaccino Johnson&Johnson’
‘Il 72% di efficacia negli Usa e il 64% in Sudafrica’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
24 febbraio 2021
17:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il vaccino anti-Covid monodose della Johnson&Johnson fornisce una protezione forte contro il virus e può ridurre il contagio dalle persone vaccinate. Lo afferma la Food and Drug Administration in una nuova analisi postata online e riportata dai media americani.
Il vaccino ha il 72% di efficacia negli Usa e il 64% in Sudafrica.
Intanto, durante il briefing della task force anti-Covid della Casa Bianca è stato annunciato che gli Stati Uniti sono pronti a distribuire da 3 a 4 milioni di dosi del vaccino di Johnson&Johnson la prossima settimana.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Zaki: attivisti, il padre ricoverato in ospedale
‘I timori per il figlio si sono tradotti in problemi di salute’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
IL CAIRO
24 febbraio 2021
17:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il padre di Patrick Zaki è ricoverato in ospedale da domenica mattina. Lo segnala la pagina Facebook ‘Patrick Libero’ che si batte per la scarcerazione dello studente egiziano dell’Università di Bologna in detenzione cautelare in carcere da oltre un anno in Egitto con l’accusa di propaganda sovversiva.
La pagina non precisa il motivo del ricovero ma sottolinea che dall’arresto di Patrick “la salute di suo padre è peggiorata esponenzialmente”: “Il dolore e la paura per la sorte del figlio ingiustamente detenuto si sono tradotti in gravi problemi di salute”.
Dall’inizio di questo mese, l’uomo “ha avuto una brutta infezione ad entrambe le gambe” e “ha lottato per tenere sotto controllo le sue malattie croniche”.
Nel chiedere “l’immediato rilascio” dello studente, gli attivisti sostengono che “il minimo indispensabile è permettere a Patrick di visitare suo padre in ospedale”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Meteo: improvvisa nebbia in Versilia
Fa Viareggio a Forte dei Marmi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VIAREGGIO (LUCCA)
24 febbraio 2021
17:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una coltre di nebbia ha improvvisamente avvolto questo pomeriggio la Versilia, da Viareggio e Forte dei Marmi (Lucca). Un fenomeno insolito per questa area che ha sorpreso la popolazione e regalato suggestive immagini, dei litorali e del porto con le barche ormeggiate.
La temperatura intorno ai 16 gradi potrebbe avere causato il fenomeno che in alcuni momenti è stato molto intenso.   METEO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: Marche, 639 ricoveri (+6), 84 Terapia Intensiva (+6)
In 24 ore 51 dimessi. In calo degenti Semintensiva (160, -3)
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
24 febbraio 2021
17:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Prosegue l’aumento di ricoveri per Covid-19 nelle Marche: +6 in 24ore (639) dovuti alla crescita di degenti in Terapia intensiva (84, +6) e nei reparti non intensivi (395, +3) mentre in Semintensiva ricoveri in calo (160, -3). Lo evidenziano i dati comunicato dal Servizio Sanità della Regione.
I dimessi nell’ultima giornata sono 51. Gli assistiti nei pronto soccorso calano da 55 a 45 (-10) e gli ospiti di strutture territoriali sono 187 (-5).
Intanto continua a salire il numero di positivi in isolamento territoriale (8.724, +233) e in modo ancora maggiore le quarantene per contatto con contagiati (16.869, +498; 5.292 con sintomi, 380 operatori sanitari). I guariti sono invece 53.481 (+372).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tonnellate di fanghi in mare invece che in discarica, 17 arresti
Coinvolti funzionari società regionale, agenti PS,imprenditori
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
24 febbraio 2021
17:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tonnellate e tonnellate di fanghi che dovevano essere smaltiti nelle discariche, a cavallo tra il 2017 e il 2018, sono invece finiti in mare. Punta a fare luce su quanto accaduto in una fase emergenziale della gestione dei rifiuti a Napoli, l’indagine della Procura, della Guardia di Finanza e della Polizia che oggi hanno eseguito tre arresti in carcere, 14 arresti ai domiciliari (tra cui funzionari pubblici e un poliziotto) e due sospensioni che riguardano altri due agenti della PS.

Tutto avveniva, secondo l’accusa, attraverso la corruzione dei vertici di allora della Sma Campania (società in house della regione Campania) utilizzando la tecnica dell’affidamento diretto – illecito – di appalti, attraverso la “somma urgenza”, a cordate di imprenditori guidate da un pluripregiudicato, Salvatore Abbate, soprannominato “totore a’ cachera”, in affari con dirigenti della Sma Campania (società in house della Regione Campania) e con i direttori di alcuni depuratori. A casa di Abbate i finanzieri hanno trovato molto denaro contante in pacchi di banconote sottovuoto: così tanto che è difficile contarlo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid,nuovo balzo positivi con oltre 340 mila test,318 morti
Più di 16 mila casi,salgono tasso positività e terapie intensive
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
18:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo balzo dei test risultati positivi al coronavirus in Italia in 24 ore, che sono oltre 16 mila a fronte però di oltre 340 mila analisi effettuate.
Diminuiscono invece le vittime rispetto a ieri, mentre continuano ad aumentare i pazienti in terapia intensiva.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 16.424 per la precisione i positivi registrati, secondo i dati del ministero della Salute (ieri erano stati 13.314). I morti sono 318, mentre ieri erano stati 356.
Sono complessivamente 340.247 i test molecolari e antigenici effettuati nelle ultime 24 ore, ieri erano stati 303.850, oltre 36 mila in meno. Il tasso di positività è del 4,8%, rispetto al 4,4% di ieri (+0,4%).
Sono ora 2.157 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, con un aumento di 11 unità nel saldo quotidiano tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri in rianimazione sono stati 178.
Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 18.217 persone, in calo di 78 unità rispetto a ieri.
I casi totali da inizio epidemia sono 2.848.564, i morti 96.666.
Gli attualmente positivi sono 389.433 (+1.485 rispetto a ieri), i dimessi o guariti 2.362.465 (+14.599), in isolamento domiciliare ci sono ora 369.059 persone (+1.552).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Marche, 10 decessi in 24ore, 6 in provincia di Ancona
5 donne e 5 uomini tra i 70 a i 92 anni. Bilancio sale a 2.219
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
24 febbraio 2021
18:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono dieci le persone decedute, di cui sei provenienti dalla Provincia di Ancona, in correlazione alla pandemia Covid-19 nelle Marche nelle ultime 24ore: si tratta di cinque donne e cinque uomini tra i 70 e i 92 anni, tutti con patologie pregresse. il bilancio regionale delle vittime sale a 2.219.
Il maggior numero di decessi si è registrato nell’Anconetano (6): un 80enne di Jesi, un 87enne di Camerano, una 90enne di Monte San Vito, un 90enne di Fabriano, due donne di 91 anni di Falconara Marittima. Le altre persone decedute sono una 70enne di Tolentino (Macerata), un 87enne di Fano (Pesaro Urbino), un 92enne di Grottammare (Ascoli Piceno) e una 77enne di Grazzanise (Caserta).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Coppia scomparsa: figlio chiede di essere interrogato
Benno Neumair si trova in isolamento nel carcere di Bolzano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
24 febbraio 2021
19:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Benno Neumair, accusato dell’omicidio e dell’occultamento dei cadaveri dei suoi genitori, ha chiesto tramite i suoi avvocati di venire interrogato dai pm che indagano sulla vicenda, Igor Secco e Federica Iovene. L’interrogatorio potrebbe svolgersi già la prossima settimana, ma la data non è stata ancora fissata.
Benno Neumair è detenuto in isolamento a Bolzano. Intanto proseguono senza esito le ricerche del cadavere di suo padre Peter nelle acque dell’Adige.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: boom di contagi a Brescia, 901 casi
3.310 i nuovi positivi in Lombardia, 38 i decessi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
24 febbraio 2021
19:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Continuano a salire i contagiati a Brescia che sono passati dai 506 casi di ieri ai 901 di oggi facendola diventare la provincia più colpita della Lombardia con quasi un terzo dei casi della regione. Con 50.268 tamponi effettuati, sono infatti 3.310 i nuovi positivi con il rapporto di positività in calo al 6.5% (ieri 7%).
Calano i ricoveri in terapia intensiva (-2, 406 in totale) mentre aumentano negli altri reparti (+29, 3.946). I decessi sono 38 per un totale di 28.184 morti in regione dall’inizio della pandemia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Crolla cimitero: sabato Comsubin, recuperate altre due salme
F. Cima, frana non si poteva prevedere, sindaco operato bene
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAMOGLI
24 febbraio 2021
19:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono programmati sabato mattina gli interventi del Comsubin nella zona di costa dove è franata una parte di falesia portandosi dietro circa duecento loculi e altrettante salme del cimitero di Camogli. Oggi ne sono state recuperate altre due che fa salire il conto a 12.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il corpo speciale della Marina Militare avrà il compito di individuare e recuperare eventuali salme rimaste sott’acqua nella zona dello smottamento. Prima, e sono già iniziati oggi i lavori, il comune di Camogli avvierà una serie di interventi per la messa in sicurezza dell’area demolendo i loculi rimasti in bilico e traslando le salme in un’altra parte del cimitero. Per eseguire queste operazioni verranno impiegate due grosse gru e la strada tra Camogli e Recco, su cui insiste il cimitero, sarà chiusa dalle 8 del mattino alle 18.
Anche oggi in comune a Camogli è stato fatto il punto della situazione: oltre all’assessore regionale alla Protezione Civile Giampedrone e al sindaco Olivari erano presenti tutte le forze dell’ordine, i Comsubin, la Fondazione Cima, i geologi. “Questa frana si poteva evitare e prevedere? La risposta è no – ha precisato Luca Ferraris, presidente Fondazione Cima -. La Liguria è tutta fessurata, zone come queste sono tutte a rischio e bene ha operato il sindaco chiudendo l’area alle prime avvisaglie”.
“In meno di 24 ore abbiamo messo in campo tutte le forze necessarie per effettuare l’intervento di messa in sicurezza – ha detto Giampedrone -. L’intervento che sarà realizzato è tra i più delicati mai messi in campo, per la particolarità della situazione, per l’attenzione e la delicatezza che richiede, rispetto al fatto che è crollata una porzione di cimitero”.
Per quanto riguarda l’inchiesta, in comune se ne sa poco; nessuna conferma di una visita dei carabinieri negli uffici per acquisire la documentazione. Quello che si sa è che questa mattina il magistrato ha effettuato un sopralluogo dal mare.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: ordinanza Giani, Cecina zona rossa 9 giorni
Scatta il principio di precauzione, troppi contagi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
24 febbraio 2021
20:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il comune di Cecina (Livorno) per nove giorni sarà zona rossa Covid. Lo ha stabilito il presidente della Toscana, Eugenio Giani, che ha firmato l’ordinanza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo Chiusi (Siena), Cecina è il secondo comune della Toscana a diventare zona rossa per arginare la diffusione del Covid.
Il provvedimento, in vigore dalla pubblicazione sul Burt, si è reso necessario per il ‘principio di precauzione’ e secondo le indicazioni tecnico-scientifiche contenute nelle disposizioni nazionali. La Regione organizzerà con urgenza a Cecina screening di massa per la popolazione. Tra le restrizioni è vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dal territorio comunale di Cecina (Livorno), nonchè all’interno del medesimo salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. E’ consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata è consentito, nell’ambito del comune, una volta al giorno. Sono sospese le attivita’ commerciali al dettaglio, fatta eccezione per la vendita di generi alimentari e di prima necessità. Chiusi i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici. Restano aperte edicole, tabaccai, farmacie e parafarmacie.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Etna: fontana lava dal Sud-Est, sesto parossismo in 8 giorni
Attività stromboliana con cenere lavica,da cratere emerge colata
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
24 febbraio 2021
20:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un’intesa attività stromboliana con emissione di una fontana di lava, che supera i 400 metri d’altezza, è in corso da due bocche aperte all’interno del cratere di Sud-Est dell’Etna, con emissione di cenere di lavica.
E’ presente una colata che si dirige verso la desertica Valle del Bove.
Il fenomeno parossistico, il sesto dal 16 febbraio scorso, è monitorato dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia-Osservatorio etneo di Catania. L’ampiezza media del tremore vulcanico mostra valori elevati con tendenza all’incremento. La localizzazione della sorgente è nell’area del cratere di Sud-Est ad una profondità di circa 2.700 metri sul livello del mare. Anche l’attività infrasonica risulta parecchio sostenuta sia nel tasso di accadimento che nell’energia degli eventi ed è localizzata nel cratere del Sud-Est.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Doppio sgombero, centro sociale Roma e sede Cpi a Maccarese
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
25 febbraio 2021
08:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ in corso lo sgombero di due immobili occupati: un centro sociale nella Capitale e la sede di Casapound a Maccarese, nel comune di Fiumicino. Si tratta del centro sociale ‘ex lavanderia’ a Santa Maria della Pietà e dell’edificio in via San Giorgio a Maccarese di proprietà della Asl, occupato da Casapound.
Gli interventi sono stati stabiliti nell’ambito del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza presieduto dal prefetto Matteo Piantedosi. Le operazioni sono coordinate dal questore di Roma Carmine Esposito. Le due operazioni, viene sottolineato, “si inquadrano nel rispetto della strategia di ripristino della legalità”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Ndrangheta:estorsioni su lavori in centro Reggio C.,arresti
Operazione della Polizia contro la cosca De Stefano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
25 febbraio 2021
09:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Polizia di Stato, coordinata dalla Dda di Reggio Calabria, ha eseguito 5 ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse nei confronti di elementi di vertice, affiliati e soggetti contigui alle potente cosca di ‘ndrangheta De Stefano operante a Reggio. Gli indagati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione e tentata estorsione ai danni di affermati imprenditori, aggravate dal metodo e dall’agevolazione mafiosa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli investigatori della Squadra mobile, coadiuvati dagli equipaggi dell’Ufficio Volanti della Questura di Reggio Calabria, stanno eseguendo anche perquisizioni domiciliari a carico degli indagati.
Al centro delle indagini ci sono i lavori di rifacimento di Corso Garibaldi e di piazza Duomo a Reggio Calabria.
Il blitz della Polizia è scattato all’alba. L’indagine “Nuovo corso”, coordinata dal procuratore Giovanni Bombardieri e dai sostituti della Dda Walter Ignazitto e Stefano Musolino, ha documentano ulteriormente l’esistenza e l’operatività della cosca De Stefano nella città dello Stretto, soprattutto nel settore delle estorsioni in danno di imprenditori aggiudicatari di gare d’appalto per la realizzazione di opere pubbliche.
L’inchiesta della Squadra mobile ha fatto luce sulle gravi vicende estorsive poste in essere in danno di un noto imprenditore reggino e di un suo consociato in Ati di un’altra provincia calabrese, aggiudicatari degli appalti pubblici per il rifacimento del Corso Garibaldi. Lo stesso imprenditore di Reggio ha subito un’altra estorsione per i lavori di rifacimento di piazza Duomo di Reggio Calabria.
Le misure cautelari hanno colpito elementi di vertice e affiliati dei De Stefano di cui alcuni già in carcere.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: variante inglese, altri 2 comuni sardi verso lockdown
Richiesta Ats a San Teodoro e La Maddalena dopo zona rossa Bono
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SASSARI
25 febbraio 2021
09:46
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È imminente l’istituzione della zona rossa a San Teodoro, nella costa nord-orientale sarda. Ieri notte la sindaca Rita Deretta l’ha annunciato dalla pagina Facebook istituzionale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“A seguito della nota con cui l’Ats richiede l’istituzione della zona rossa nel nostro Comune, sto predisponendo un’ordinanza urgente”, spiega la sindaca, annunciando che dalle 14 di oggi a mezzanotte del 10 marzo “in tutto il territorio comunale vigeranno le prescrizioni da zona rossa stabilite dal Dpcm del 18 gennaio”.
Deretta spiega di aver evitato in ogni modo il lockdown, “contattando i positivi, tracciando la rete dei contagi e agevolando il monitoraggio dell’Ats finalizzato al confinamento dell’incremento dei contagi – dichiara – ma l’Ats ha comunicato un incremento dei positivi tale da richiedere misure più stringenti”. La sindaca annuncia di aver richiesto “𝗹’𝗶𝗺𝗺𝗲𝗱𝗶𝗮𝘁𝗮 𝗮𝘁𝘁𝗶𝘃𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗼 𝘀𝗰𝗿𝗲𝗲𝗻𝗶𝗻𝗴 𝗱𝗶 𝗺𝗮𝘀𝘀𝗮, 𝗰𝗼𝗺𝗲 𝗴𝗶𝗮̀ 𝗮𝘃𝘃𝗲𝗻𝘂𝘁𝗼 a 𝗕𝗼𝗻𝗼, e ho avuto conferma della disponibilità dell’Ats a effettuarlo”.
Frattanto, conclude Deretta, “a𝘣𝘣𝘪𝘢𝘮𝘰 potenziato 𝘥𝘪 𝘤𝘰𝘯𝘤𝘦𝘳𝘵𝘰 𝘤𝘰𝘯 𝘭𝘢 𝘗𝘳𝘦𝘧𝘦𝘵𝘵𝘶𝘳𝘢 𝘥𝘪 𝘕𝘶𝘰𝘳𝘰 i 𝘤𝘰𝘯𝘵𝘳𝘰𝘭𝘭𝘪 del𝘭𝘦 𝘧𝘰𝘳𝘻𝘦 𝘥𝘦𝘭𝘭’𝘰𝘳𝘥𝘪𝘯𝘦”.
L’istituzione della zona rossa deriva dall’allerta lanciato dall’Ats, ma nelle comunicazioni alla sindaca non è esplicitato il numero dei contagi, né se e quanti siano i positivi alla variante inglese del Covid-19.
Una situazione analoga per il sindaco di La Maddalena, Fabio Lai. Sempre ieri notte su Fb ha dichiarato che “l’eventuale istituzione della zona rossa si valuterà a seguito di ulteriori dati richiesti agli uffici competenti”, perché “la nota che mi chiedeva di istituirla non indica il numero dei positivi alla variante inglese”. Il Coc è stato convocato per stamattina, chiuse le scuole di ogni ordine e grado e invito agli studenti pendolari a richiedere l’attivazione della Dad. “Quando si trattano questi temi è importante effettuare le dovute verifiche prima di fornire numeri o assumere provvedimenti”, conclude il sindaco prima di invitare i maddalenini a “mantenere alto il livello di attenzione”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Carceri: focolaio ancora attivo a Carinola, arrivati rinforzi
Ieri sera entrati in servizio 15 agenti nell’istituto casertano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CASERTA
25 febbraio 2021
09:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quindici agenti del Gruppo Operativo Mobile della Polizia Penitenziaria hanno preso servizio ieri sera nel carcere casertano di Carinola, dove il personale è stato decimato dal covid-19. La decisione del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria fa seguito all’istanza congiunta dei sindacati (Sinappe, Osapp, Uil Pa, Uspp, Fns Cisl, Cnpp ed Fp Cgil) che nei giorni scorsi hanno lanciato un appello anche al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, al prefetto di Caserta Raffele Ruberto e al direttore generale dell’Asl di Caserta Ferdinando Russo.

Nel carcere di Carinola è infatti attivo un focolaio che ha reso indisponibili al servizio poco meno di 30 agenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanità: in Molise cercasi medici specializzati, nessuno risponde
Ennesimo avviso Asrem dichiarato ‘deserto’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAMPOBASSO
25 febbraio 2021
09:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ennesimo avviso pubblicato dall’Azienda sanitaria regionale del Molise (Asrem) dichiarato ‘deserto’. Nessuno, infatti, ha partecipato alla procedura per titoli finalizzata al conferimento di tre incarichi a tempo determinato di dirigenti medici della disciplina di Anestesia e Rianimazione.
Ora, quindi, si fa affidamento sugli 11 medici, di cui due specializzati in Anestesia e rianimazione, che hanno manifestato al Dipartimento nazionale della Protezione civile la loro disponibilità a prestare servizio in Molise. Le adesioni sono arrivate anche da pensionati e professionisti molisani.
Saranno contrattualizzati dall’Azienda sanitaria regionale (Asrem) con fondi per l’emergenza stanziati dalla Protezione civile nazionale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Congo: al via funerali Stato Attanasio e Iacovacci
A Santa Maria degli Angeli, presenti Draghi e ministri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
25 febbraio 2021
10:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono iniziati, nella basilica di Santa Maria degli Angeli, i funerali di Stato per l’Ambasciatore Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci uccisi in Congo. I feretri, avvolti nel tricolore sono stati trasportati nella chiesa dai carabinieri del 13/o reggimento, quello di Iacovacci.

Presenti il premier Mario Draghi, i ministri Lorenzo Guerini, Luigi Di Maio, Luciana Lamorgese, Giancarlo Giorgetti e i presidenti di Camera e Senato Roberto Fico e Maria Elisabetta Casellati, oltre alle famiglie degli scomparsi. La chiesta è chiusa al pubblico.
Le bare sono avvolte nel tricolore. In prima fila, oltre ai rappresentanti delle massime istituzioni italiane, tra i familiari delle vittime c’è la moglie di Luca Attanasio che indossa un velo nero e tiene una delle figlie in braccio. A celebrare i funerali di Stato dei due italiani uccisi in un agguato in Congo è il cardinale Angelo De Donatis.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Droga: madri e figli spacciatori a Trani, minorenne corriere
Un arresto, tre denunce e segnalazione a Procura minorile
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
25 febbraio 2021
10:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Due madri e i rispettivi figli poco più che 20enni avrebbero gestito a Trani un giro di spaccio di droga. Lo hanno scoperto i carabinieri che hanno arrestato in flagranza un 23enne e denunciato il presunto complice 21enne oltre alle madri dei due, di 50 e 34 anni.
Un altro figlio 14enne è stato segnalato alla Procura minorile perché utilizzato per il trasporto della sostanza stupefacente.
I militari hanno eseguito una perquisizione domiciliare nelle due abitazioni dopo aver notato movimenti sospetti e un continuo via vai di persone. Il 23enne è stato trovato in possesso di 5 dosi di marijuana, mentre era in compagnia del 21enne, che avrebbe avuto il presunto ruolo di “cassiere”. La madre di quest’ultimo è stata trovata sotto casa dell’altra famiglia ad aspettare l’altro figlio minorenne, trovato dai militari per le scale con uno zainetto sulle spalle, dopo aver preso la droga da quella che gli investigatori ritengono la centrale dello spaccio. Nello zaino sono stati trovati 130 grammi di marijuana divisa in 114 dosi. In casa del 23enne, finito agli arresti domiciliari, i militari hanno sequestrato anche una pistola scacciacani senza il tappo rosso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lavoro, oltre in 100 a presidio di protesta ex dipendenti Auchan
Nel Napoletano. “Da eroi approvvigionamento a cassintegrati”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
25 febbraio 2021
10:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Un anno fa eravamo considerati degli eroi perché in piena pandemia stavamo garantendo l’approvvigionamento alimentare ai cittadini, adesso, malgrado il nostro settore non sia in crisi, anzi, è uno dei pochi che invece viaggia a gonfie vele, il nostro futuro occupazionale è a tinte fosche”. A parlare è Massimiliano Fusiello, uno degli oltre cento ex dipendenti dell’Auchan di Mugnano e Giugliano finiti in cassa integrazione, che stanno manifestando all’esterno dello store Conad (ex Auchan di Mugnano).
Si tratta di lavoratori che stanno confluendo nel gruppo Conad e che, sostengono, “vedono il loro futuro lavorativo a tinte fosche”. “Noi che eravamo dipendenti di una multinazionale francese, una spa, – dice ancora Fusiello, che è anche componente della rsa – siamo finiti in un’operazione di uno ‘spacchettamento’ delle attività e del personale che non prevede garanzie per il nostro futuro”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Amore tra 20enni osteggiato da famiglie, rissa nel Barese
Arrestati in 4 dai carabinieri, i due papà e i rispettivi figli
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
25 febbraio 2021
10:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I rispettivi genitori non avrebbero accettato la relazione sentimentale tra i loro figli e, dopo essersi dati appuntamento per chiarire la situazione, la discussione sarebbe degenerata in rissa. I quattro protagonisti, i due papà 46enni, il ragazzo 19enne coinvolto nella relazione e la sorella 22enne della fidanzata di lui, si sarebbero affrontati a mani nude e anche con un martello.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ accaduto intorno alle 14 del 22 febbraio scorso, per strada, nel centro storico di Gravina in Puglia, dove i quattro sono stati arrestati in flagranza dai carabinieri, intervenuti su segnalazione del violento litigio in corso. Sono stati i militari a sedare la rissa, nella quale tutti hanno riportato lesioni lievi, fatta eccezione per la 22enne che ha subìto la frattura di un dito della mano. Le immediate indagini hanno consentito poi di recuperare un martello del quale si è accertato l’utilizzo da parte del 19enne, sottoposto a sequestro. La gravità del fatto, i futili motivi e la personalità di tre dei 4 soggetti coinvolti, tutti tranne il 19enne, con precedenti di polizia per furto, non hanno potuto evitare loro l’arresto per rissa, aggravata dalle lesioni. I quattro sono rimasti per qualche giorno agli arresti domiciliari fino a quando, all’esito della udienza di convalida, il gip di Bari ha disposto la misura del divieto di avvicinamento gli uni agli altri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Gelmini, chiusure in vigore da lunedì non domenica
Ministra a Regioni, domani avrete prima bozza Dpcm
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
25 febbraio 2021
10:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il sistema dei parametri (per definire i colori delle zone in Italia nell’emergenza Covid) si può affinare, ma probabilmente non con il decreto in arrivo, ci vorrà un tavolo tecnico. In ogni caso, per rendere più agevole la programmazione delle attività economiche, le chiusure non entreranno più in vigore di domenica ma di lunedì”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo ha detto la ministra delle Autonomie Gelmini all’incontro con le Regioni e gli Enti locali.
“Il governo sta lavorando intensamente in queste ore sul nuovo provvedimento anti-Covid – ha aggiunto – Sono naturalmente in costante contatto con Palazzo Chigi e contiamo di farvi avere, nella giornata di domani, con grande anticipo rispetto alla scadenza del 5 marzo, una prima bozza del Dpcm”.
Gelmini ha sottolineato che “il sistema a fasce verrà mantenuto. Finora è stato scongiurato un lockdown generalizzato e questo deve essere l’obiettivo principale anche per le prossime settimane e per i prossimi mesi. State certamente notando un cambio di metodo. Ci siamo visti domenica e ci stiamo rivedendo oggi. Gli incontri saranno sempre più frequenti e costanti”, ha detto. Sul rinvio al lunedì dalla domenica dell’entrata in vigore delle ordinanze “questo avevano chiesto le Regioni, e lo avevo condiviso, questo abbiamo ottenuto. Così aiutiamo anche le attività economiche che non perderanno il week end”.
Infine, “stiamo lavorando per una graduale riapertura dei luoghi di cultura – ha annunciato la ministra – Il ministro Franceschini ha avviato un confronto con il Cts per far in modo che, superato il mese di marzo, si possano immaginare riaperture con misure di sicurezza adeguate. È un percorso, non è un risultato ancora acquisito. Ma è un segnale che va nella giusta direzione”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Regeni: madre, Giulio da ricercatore tentò rientro in Italia
Processo egiziani nuovo banco prova. Messaggio Sissa Student Day
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
25 febbraio 2021
10:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Nella sua tragica vicenda, Giulio aveva tante volte tentato di tornare in Italia ma il suo curriculum non era stato apprezzato e riconosciuto”. Lo ha detto la madre del ricercatore, Paola Deffendi, in un messaggio online insieme con il marito, diffuso questa mattina in occasione dello Student Day della Scuola internazionale superiore studi avanzati di Trieste.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Claudio Regeni, invece, ha ricordato la figura di ricercatore del figlio, che aveva viaggiato a lungo nella sua vita per motivi di studio, in Italia e all’estero, dal New Mexico (Usa) all’Egitto.
“Fra poco inizierà il processo a quattro ufficiali della National security egiziana, sarà un ulteriore banco di prova che ci vedrà in campo per sostenere le nostre diritti di giustizia e di verità”. Lo ha detto Claudio Regeni, il padre di Giulio, parlando agli studenti attraverso un video registrato insieme con la moglie, Paola Deffendi, in occasione dello Student Day della Sissa, Scuola internazionale di studi superiori avanzati, di Trieste. “La giornata di oggi vi servirà per orientare le vostre scelte future mettendo in campo le vostre attitudini e capacità. Noi, dopo la triste vicenda di Giulio, chiediamo verità e giustizia, lo facciamo da cinque anni. E’ un percorso difficile però teniamo duro, e con il sostegno di molte persone abbiamo fatto molti progressi”, ha aggiunto Claudio Regeni. Che ha concluso sostenendo di aver avuto, con la moglie, “la fortuna di vedere di persona l’iniziativa della Sissa l’anno scorso e con gli studenti hanno visto tutti i percorsi avanzati che offre” la Scuola, della quale hanno “apprezzato l’ambiente dinamico e vivace”, ha concluso.
Diritti umani, uguaglianza tra i sessi e possibilità per i ricercatori, di rientrare in Italia. Sono i consigli che i genitori di Giulio Regeni hanno voluto dare agli studenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Marche,oltre 700 casi e record nuove diagnosi (5.625)
Si tratta del secondo valore più alto di casi dell’anno
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
25 febbraio 2021
10:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nell’ultima giornata hanno superano quota 700 (732) i casi di positività a coronavirus con record assoluto però di nuove diagnosi (5.625 tra cui 2.892 test antigenici e 2.733 molecolari). Si tratta del secondo valore più alto di casi dell’anno dopo quelli registrati il 5 gennaio scorso (743) ma su un numero più basso di nuove diagnosi (4.365 tra cui 2.145 test antigenici rapidi e 2.220 molecolari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nelle ultime 24ore eseguiti anche 2.245 tamponi nel percorso guariti.
Il servizio Sanità della Regione stima il rapporto positivi/testati al “13%”. Nel Percorso Screening Antigenico, sulla base dei 2892 test, riscontrati altri 230 positivi (da sottoporre al tampone molecolare). Il rapporto positivi/testati è pari all’8%”.
Resta alta l’incidenza di casi in provincia di Ancona con 307 contagiati (41,9% del totale). Più bassi i numeri delle altre province: 139 a Macerata, 105 ad Ascoli Piceno, 83 a Pesaro-Urbino, 76 a Fermo e 22 provenienti da fuori regione).
Elevato anche il numero di sintomatici, sono 82. Tra i contagi ci sono casi di contatti in setting domestico (149), contatti stretti di casi positivi (266), in setting lavorativo (16), contatti in ambienti di vita/socialità (3), in setting assistenziale (6), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (32), screening percorso sanitario (4) e 1 caso proveniente da fuori regione. Per altri 173 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Università: Sissa, in 500 da tutta Italia per Student Day
Direttore Ruffo, in questi anni polo attrazione cervelli esteri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
25 febbraio 2021
10:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono stati cinquecento i ragazzi e ragazze di 26 classi da tutta Italia che questa mattina si sono collegati allo ‘Student Day’ della Scuola internazionale di studi superiori avanzati (Sissa) di Trieste, l’annuale appuntamento rivolto agli alunni degli ultimi due anni delle scuole superiori e svoltosi per la prima volta in versione online.
In apertura, il direttore della Sissa, Stefano Ruffo, ha fatto un bilancio in vista della conclusione del suo mandato, quest’anno.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La Sissa ha continuato a essere in questi anni un polo di attrazione importante – ha affermato Ruffo – nel momento in cui il paese ha bisogno di richiamare i cervelli che stanno all’estero, per rendere il nostro ambiente sempre più internazionale e farne un esempio all’interno dell’Europa”.
Il direttore ha poi ricordato che l’Università da lui diretta in 42 anni d’attività ha diplomato circa 1400 dottori, di cui il 30% erano donne e nella stessa percentuale stranieri, e che oggi la sua comunità è composta da 600 persone, tra professori, ricercatori, studenti e personale tecnico-amministrativo.
Dopo il suo intervento, è stato trasmesso un videomessaggio dei genitori di Giulio Regeni nel quale i due hanno raccontato la vita di ricercatore del figlio e dell’importanza di fare ricerca in maniera collaborativa.
Durante la mattinata, i partecipanti all’evento hanno potuto svolgere diverse attività in parallelo, tra cui seminari interattivi, dialoghi sulla scienza e visite virtuali ai laboratori.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Commercianti con reddito cittadinanza,due denunce nel Barese
Coniugi indagati da Gdf anche per evasione fiscale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
25 febbraio 2021
11:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Aveva un negozio di abbigliamento dal quale avrebbe guadagnato negli ultimi cinque anni circa 115 mila euro, non dichiarati al fisco, ma percepiva il reddito di cittadinanza e aveva anche ottenuto l’accesso al gratuito patrocinio. Una commerciante 50enne di Monopoli è stata denunciata dalla Guardia di Finanza per truffa e reati fiscali.

Anche al marito della donna vengono contestati illeciti relativi all’indebito accesso al gratuito patrocinio a spese dello Stato.
In particolare le verifiche dei finanzieri hanno accertato che la 50enne, titolare dell’attività di vendita al dettaglio di abbigliamento, non aveva dichiarato redditi dal 2014 al 2019, con conseguente evasione di 30 mila euro di Iva. Aveva inoltre ottenuto il beneficio del reddito di cittadinanza, per un importo complessivo di quasi 9 mila euro, avendo dichiarato nella richiesta di essere disoccupata. Dai controlli, fatti in parte in collaborazione con l’Inps, è poi venuto fuori che, sempre sulla base di dichiarazioni reddituali false, aveva avuto accesso insieme con il marito al gratuito patrocinio in diversi procedimenti penali nei quali entrambi erano stati coinvolti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Operaio precipitato a luglio e morto a febbraio, un indagato
Procura ipotizza omicidio colposo. Domani incarico per autopsia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
25 febbraio 2021
11:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Napoli ha aperto un procedimento penale con l’ipotesi di reato di omicidio colposo per la morte di un operaio napoletano di 63 anni, Enrico De Waure, deceduto dopo un calvario durato ben 7 mesi: la morte dell’uomo è avvenuta sabato scorso 20 febbraio, all’ospedale del Mare di Ponticelli, a causa dei gravissimi traumi subiti il 9 luglio 2020 in seguito ad un infortunio sul lavoro accaduto nel quartiere di Fuorigrotta.
Il sostituto procuratore Mario Canale ha iscritto nel registro degli indagati A.
C., 53 anni, anche lui di Napoli, proprietario dell’immobile presso e per il quale la vittima stava lavorando.
Disposta l’autopsia sulla salma per accertare le cause del decesso: l’incarico verrà conferito domani nel nuovo Palazzo di Giustizia. L’anziana mamma della vittima, i fratelli e le sorelle di Enrico De Waure sono difesi dagli avvocati Luigi Cisonna e Vincenzo Carotenuto, consulenti dello Studio3A-Valore S.p.A.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Assessore Umbria, stiamo avendo ragione terza ondata Covid
“Stanno sparendo cluster personale sanitario” annuncia Coletto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
25 febbraio 2021
11:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono “tendenzialmente positivi” i dati relativi all’andamento dell’epidemia Covid tra gli operatori delle aziende sanitarie umbre. Lo ha sottolineato l’assessore regionale alla Sanità Luca Coletto nella conferenza stampa di aggiornamento settimanale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Aumentano i guariti e diminuiscono i malati” ha aggiunto parlando sempre di tale ambito. “Stiamo avendo ragione anche di questa terza fase” ha detto ancora Coletto, parlando più in generale.
“I cluster tra il personale sanitario – ha quindi sottolineato l’assessore – stanno diminuendo se non addirittura sparendo e questo è importante per la popolazione che si serve degli ospedali non solo per questioni legate al Covid ma anche e soprattutto per normali patologie che possono essere gestite con estrema serenità nelle strutture”.
“Stiamo avendo ragione anche di questa terza fase – ha sottolineato ancora l’assessore – anche se in maniera lenta. A differenza della seconda non siamo infatti partiti da zero ma da una situazione di occupazione delle terapie intensive piuttosto importante. Ondata che ha investito per prima l’Umbria ma che purtroppo, lo dico con rammarico – ha concluso Coletto, sta arrivando in tutta Italia”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: genitori Puglia, ‘Regione chiarisca Piano sicurezza’
Manifestazione di protesta a Bari,’nuova ordinanza irricevibile’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
25 febbraio 2021
11:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il “Comitato per il diritto alla salute e all’istruzione” e il movimento “Priorità alla scuola Puglia” chiedono alla Regione “la documentazione che attesti la reale operatività di tutti i Piani d’azione per la messa in sicurezza della scuola”. In una nota consegnata ieri da una delegazione composta da un docente, due genitori e l’avvocato dei due comitati promotori della manifestazione “La scuola si-cura.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Non si chiude”, organizzata sotto la sede della Presidenza a Bari, chiedono chiarimenti su “potenziamento del trasporto pubblico, tracciamenti e screening, ampliamento degli spazi scolastici, prevenzione e controllo sanitario nelle scuole e incentivi per la mobilità alternativa”. Nell’ambito della manifestazione, la delegazione è stata ricevuta dal capo di gabinetto della Presidenza regionale, chiedendo un altro incontro urgente con gli assessori alla Formazione e alla Sanità.
Nella nota consegnata ieri, i due comitati evidenziano che, dopo la decisione del Tar che ha sospeso l’ultima ordinanza regionale sulla scuola, “Michele Emiliano invece di intervenire con politiche strutturali per porre la scuola in piena sicurezza continua a creare caos, a frammentarla con un’altra ordinanza irricevibile”, con “l’obiettivo di nascondere un lampante fallimento, quello di un sistema sanitario al collasso dopo anni di tagli e austerità che ha portato alla chiusura dei presidi ospedalieri, allo smantellamento della medicina territoriale, all’assenza di investimenti nella prevenzione”.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Serie evento Leonardo da 23 marzo su Rai1
Con Aidan Turner (Da Vinci), Giannini (Verrocchio) De Angelis
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
13:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La serie evento, creata da Frank Spotnitz e Steve Thompson, per la regia di Dan Percival e Alexis Sweet andrà in onda martedì 23 marzo in prima visione mondiale su Rai1 in 8 episodi. Una co-produzione Lux Vide e Sony Pictures Television in collaborazione con Rai Fiction, Big Light Productions, in associazione con France Télévision, RTVE e Alfresco Pictures, distribuita da Sony Pictures Television.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel cast, insieme con Aidan Turner (Poldark, Lo Hobbit), che interpreta Leonardo Da Vinci, Giancarlo Giannini è Andrea del Verrocchio, il maestro di Leonardo; Matilda De Angelis è Caterina da Cremona, la misteriosa musa e amica più cara; Freddie Highmore è Stefano Giraldi, giovane investigatore del Podestà incaricato di risolvere il mistero al centro della storia; Carlos Cuevas è Salaì, apprendista e amico fidato di Leonardo e James D’Arcy veste i panni di Ludovico Sforza detto il Moro.
La serie tv racconta in otto episodi/quattro serate, girati interamente in inglese, la storia di un genio la cui personalità complessa ed enigmatica rimane ancora oggi un segreto avvincente.
La serie evento Leonardo è stata girata in oltre 50 location – fra interni ed esterni – principalmente nel Lazio e ha coinvolto circa 500 addetti. Oltre 1900 le ore di lavorazione, 3000 le comparse e 2500 i costumi utilizzati.
Figlio illegittimo di un notaio, Leonardo vive un’infanzia solitaria nella cittadina rurale di Vinci, in Toscana, guidato da un profondo bisogno di ricerca e scoperta. Con instancabile curiosità, Leonardo spazia tra arte, scienza e tecnologia, infondendo in ogni disciplina una profonda e coraggiosa umanità, liberandole dalle convenzioni del tempo, guidato da un intenso desiderio di svelare i segreti del mondo che lo circonda. La serie racconta il mistero dell’uomo oltre il genio, attraverso una storia inedita e originale, fatta di intrigo e passione, che scava a fondo in una personalità complessa ed enigmatica rivelandone la straordinaria modernità e la profondissima umanità.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rider: pm Milano,’da assumere in 60mila’
Verbali notificati a Uber, Glovo-Foodinho, JustEat e Deliveroo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
24 febbraio 2021
13:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oltre “60mila lavoratori” di società del delivery, ossia Uber Eats, Glovo-Foodinho, JustEat e Deliveroo, dovranno essere assunti dalle aziende come “lavoratori coordinati e continuativi”, ossia passare da lavoratori autonomi e occasionali a parasubordinati. E ciò sulla base, come spiegato in una conferenza stampa della Procura di Milano, di verbali notificati stamani alle aziende.
“Diciamo al datore di lavoro – è stato spiegato – di applicare per quel tipo di mansione che svolgono i rider la normativa, di applicare i contratti adeguati e quindi ci devono essere quelle assunzioni”.
Altrimenti saranno presi “provvedimenti” specifici.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rider: ammende per 733 Mln a società
Verifiche dei CC sulle condizioni di lavoro di 60mila fattorini
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
24 febbraio 2021
12:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Alle società del delivery che fanno lavorare i rider sono state “contestate ammende” sui profili di sicurezza dei fattorini per “oltre 733 milioni di euro”. Il dato impressionante è stato comunicato da Antonino Bolognani, comandante del Nucleo tutela del lavoro dei carabinieri, nel corso di una conferenza stampa con il procuratore di Milano, Francesco Greco, l’aggiunto Tiziana Siciliano e il pm Maura Ripamonti.
“Se le aziende pagheranno queste ammende, ciò consentirà loro l’estinzione del reato”, ha aggiunto Bolognani. In attività di verifiche sono stati controllati “oltre 60mila fattorini”, lavoratori “esposti a rischi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Valanga Pila: Cai, piena solidarietà a istruttori condannati
Presidente, grave assimilare ruolo volontari a quello direttore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AOSTA
25 febbraio 2021
14:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Conferma la piena solidarietà ai propri soci” il presidente generale del Club alpino italiano, Vincenzo Torti, dopo la condanna dei sei istruttori del Cai imputati per disastro e omicidio colposi nel processo sulla morte di due scialpinisti travolti e uccisi da una valanga il 7 aprile 2018, sul Colle di Chamolé, vicino alla località valdostana di Pila.
“Abbiamo preso atto con rammarico – spiega – della sentenza di condanna pronunciata” il 24 febbraio “dal tribunale di Aosta, che sembra contraddire inequivoche risultanze probatorie e valutazioni espresse dai più autorevoli esperti sentiti in corso di giudizio”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Secondo Torti “ancor più grave è l’aver esteso la più volte contestata responsabilità a tutti i soggetti coinvolti, assimilando al ruolo del direttore del corso quello dei volontari di mero supporto collaborativo, che, in quanto non titolati, non avevano alcuna funzione in ordine a valutazioni non di loro competenza”.
Per il presidente generale del Cai si tratta di “una scelta processuale accusatoria stigmatizzata sin dal primo momento, quella cosiddetta ‘a strascico’, che talora viene utilizzata in avvio di indagine, ma viene superata all’esito di approfondimenti che consentono di individuare ruoli e contributi causali. Scelta ancor meno condivisibile, laddove ha portato, su tale errato presupposto, ad escludere qualsivoglia rilevanza al decesso del partecipante ‘qualificato'”. Il Cai inoltre “non mancherà di assicurare la necessaria vicinanza e assistenza” ai sei istruttori condannati e confida che “quanto puntualmente accertato” possa “trovare in sede di appello adeguata valutazione”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Studio, un terzo dei genitori si sente solo
The Parenting Index (Nestlé), su 8000 coppie in 16 Paesi diversi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
25 febbraio 2021
14:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un terzo dei genitori si sente solo nonostante viva in un mondo iperconnesso. Lo dice The Parenting Index, il nuovo studio commissionato da Nestlé per comprendere e supportare i neogenitori nel loro ruolo, in un mondo che cambia di continuo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo studio è basato sulle opinioni di oltre 8.000 mamme e papà di bambini di età compresa tra 0 e 12 mesi che vivono in 16 Paesi diversi. In questa prima edizione emerge che il fattore universale più significativo nell’influenzare l’esperienza genitoriale è la pressione. Una variabile su cui i neo genitori hanno poco controllo, ma che ha l’impatto maggiore: contribuisce infatti al 23% del punteggio complessivo dell’Index.
All’interno del fattore pressione si trovano ad esempio: il social shaming, la metà (51%) dei genitori intervistati sente un’intensa pressione sociale su come crescere i propri figli e questo, oggi, proviene dai social media; il senso di colpa, il 45% degli intervistati è d’accordo sul fatto che i neo genitori si trovano a provare senso di colpa e che questo può avere un impatto anche duraturo; i consigli non richiesti (“la voce del villaggio”), il 60% sente che tutti hanno un’opinione su come crescere il loro bambino. “Abbiamo sviluppato la Nestlé Parenting Initiative per aiutare a rendere più facile la vita dei genitori, in modo da poterli supportare meglio nelle decisioni che prendono durante i primi, cruciali, 1.000 giorni della vita del loro bambino – ha commentato Thierry Philardeau, Head of Nestlé Nutrition Strategic Business Unit -. E così facendo, rafforziamo il nostro impegno del 2016 ad aiutare 50 milioni di bambini a condurre una vita più sana e più felice entro il 2030”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Campobasso, prorogata al 7 marzo chiusura scuole
Gravina, non ci sono condizioni per allentare misure prevenzione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAMPOBASSO
25 febbraio 2021
14:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Campobasso è stata prorogata al 7 marzo la sospensione delle attività didattiche in presenza per gli istituti scolastici di ogni ordine e grado, pubblici, parificati, paritari, nidi d’infanzia pubblici e privati e ludoteche, il cui termine era fissato, con precedente ordinanza, al 28 febbraio. Lo ha stabilito il sindaco, Roberto Gravina.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Non ci sono le condizioni per allentare le misure preventive e cautelative – ha spiegato – per cui è indispensabile continuare a preservare, per quanto possibile, il sistema sanitario e ospedaliero regionale che si sta trovando in fortissima sofferenza”. La decisione arriva a seguito della “verifica dei dati che a livello regionale stanno maturando nel corso della settimana e che parlano di un numero di ricoveri ancora troppo alto e di una persistenza del virus forte e diffusa sempre più su tutto il territorio molisano”. Il Molise è da domenica scorsa in ‘zona arancione’, ma il 25% dei Comuni, concentrati nella fascia orientale, è in zona rossa.
Gravina ha anche ricordato che “la sospensione delle attività didattiche risponde alla manifestata esigenza di alleviare il lavoro quotidiano dei laboratori che si occupano dei tamponi e del relativo tracciamento delle catene epidemiologiche. Adesso, però, è necessario accelerare sull’organizzazione del programma di vaccinazione sul territorio. A tal proposito, confermo la piena e totale disponibilità della nostra Amministrazione per ciò che concerne la logistica e la messa a disposizione di aree e locali cittadini per scopi collegati alla campagna vaccinale”.
Il primo cittadino ha fatto sapere di aver effettuato diversi sopralluoghi oggi insieme a personale della Regione Molise per individuare un edificio di proprietà dell’amministrazione comunale da mettere a disposizione dell’Azienda sanitaria regionale (Asrem) e della Regione come Centro di vaccinazione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Frenano le vaccinazioni anti Covid, doppia dose solo a 3 over 80 su 100
Fondazione Gimbe, in 2 mesi quasi dimezzate dosi per il primo trimestre oltre i gap regionali
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
25 febbraio 2021
11:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ad oggi solo 3 anziani su 100 hanno completato la vaccinazione anti Covid e “la continua revisione al ribasso delle forniture, in soli 2 mesi, ha quasi dimezzato le dosi previste per il primo trimestre 2021, che sono precipitate da 28,3 a 15,7 milioni”. A metterlo in luce è il nuovo monitoraggio della Fondazione Gimbe che sottolinea come “una riduzione di tale entità, se da un lato è imputabile ai ritardi di produzione e consegna, dall’altro risente di irrealistiche stime di approvvigionamento del Piano originale”.
Ma, come mostra la grande differenza di velocità con cui si vaccina nelle varie regioni, è “preoccupante anche la frenata delle somministrazioni”, legata a difficoltà organizzative.
Al 24 febbraio (aggiornamento ore 8) avevano completato il ciclo vaccinale con la seconda dose oltre 1,34 milioni di persone pari al 2,25% della popolazione, ma con marcate differenze regionali: dall’1,58% dell’Abruzzo al 4,17% della P.A. di Bolzano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Resta “esigua” la copertura degli over 80: su oltre 4,4 milioni, solo 380 mila (l’8,6%) hanno ricevuto la prima dose e circa 127 mila (il 2,9%) hanno ricevuto anche la seconda.
Difficoltà organizzative riguardano anche le vaccinazioni delle altre categorie. “E’ stato somministrato – sottolinea Gimbe – solo il 14% delle dosi di AstraZeneca, destinate a insegnanti e forze dell’ordine”. Anche in questo caso, sono notevoli sono le differenze regionali: se Toscana (64%), Valle d’Aosta (41,2%), Bolzano (37,6%) e Lazio (25%) hanno somministrato almeno un quarto delle dosi consegnate da AstraZeneca, due hanno somministrato meno dell’1% e 5 Regioni non hanno nemmeno iniziato.
“Dai primi posti in classifica tra i Paesi europei conquistati nella prima fase della campagna vaccinale – precisa Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe – l’Italia ha perso numerose posizioni perché non tutte le Regioni erano pronte”. Per uscire dalla pandemia, conclude, “è necessario un netto cambio di passo del Governo Draghi”.
Inoltre la Fondazione rende noto l’ultimo monitoraggio indipendente sull’andamento della pandemia. Dopo 4 settimane di stabilità nel numero dei nuovi casi di Covid-19, nella scorsa settimana si registra “un’inversione di tendenza con un incremento che, a livello nazionale sfiora il 10%, segno della rapida diffusione di varianti più contagiose”. E in 41 province l’incremento dei nuovi casi è superiore al 20%.
Nel dettaglio, nella settimana 17-23 febbraio 2021, rispetto alla precedente, si nota un incremento dei nuovi casi (92.571 rispetto a 84.272, pari a +9,8%), a fronte di un numero stabile di decessi (2.177 rispetto a 2.169). In lieve riduzione, invece, i casi attualmente positivi (387.948 rispetto a 393.686, pari a -1,5%), le persone in isolamento domiciliare (367.507 rispetto a 373.149, pari a -1,5%) e i ricoveri con sintomi (18.295 rispetto a 18.463, pari a -0,9%), mentre risalgono le terapie intensive (2.146 rispetto a 2.074, pari a +3,5%).
“L’incremento percentuale dei nuovi casi rispetto alla settimana precedente – afferma Cartabellotta – è l’indicatore più sensibile per identificare le numerose spie rosse che si accendono nelle diverse Regioni”.
In particolare, nella settimana 17-23 febbraio in ben 74 province su 107 (68,5%) si registra un incremento percentuale dei nuovi casi rispetto alla settimana precedente, con valori che superano il 20% in 41 Province; in 11 Regioni aumentano i casi attualmente positivi per 100.000 abitanti e in 10 Regioni sale l’incremento percentuale dei casi totali.
“Questi dati – commenta Renata Gili, Responsabile Ricerca sui Servizi Sanitari della Fondazione Gimbe – confermano che, per evitare lockdown più estesi, bisogna introdurre tempestivamente restrizioni rigorose nelle aree dove si verificano impennate repentine. Temporeggiare è molto rischioso perché la situazione rischia di sfuggire di mano”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I film del weekend a casa, 8 titoli tra le novità
Da Apolloni a J. Blakeson tra streaming e home video
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
25 febbraio 2021
10:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ancora una settimana di novità tra lo streaming sulle maggiori piattaforme e I titoli disponibili in home video. La riapertura delle sale si allontana ma i film non mancano per gli appassionati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
– ADDIO AL NUBILATO di Francesco Apolloni con Laura Chiatti, Chiara Francini, Antonia Liskova e Jun Ichikawa. Disponibile su Prime Video. Quattro amiche, alla vigilia del matrimonio di una quinta, scoprono che la promessa sposa è sparita nel nulla. Si conoscono fin dal liceo e la futura sposa ingaggia una singolare caccia al tesoro con le sue ex compagne, ma quando dopo una notte di folli corse, si ritrovano davanti alla vecchia scuola…la sposa ancora non c’è. Al suo posto un’ultimo indizio… – PARADISE di Davide Del Degan con Vincenzo Nemolato, Giovanni Calcagno, Branko Zavrsan, Selene Caramazza, Andrea Pennacchi. Un testimone di un delitto di mafia viene nascosto, sotto falso nome, in una località di montagna dall’altra parte dell’Italia.
Il protagonista vede un pericolo in ogni straniero che arriva in paese e cerca ogni modo per mimetizzarsi tra la gente. Finale a sorpresa. Disponibile su Prime Video.
– TENSIONE SUPERFICIALE di Giovanni Aloi con Cristiana Dell’Anna, Philipp Peter Heidegger, Benno Steinegger, Francesca Sanapo, Hannes Perkmann. Su #iorestoinsala. Ancora un esempio del cinema italiano indipendente che ora cerca fortuna sulle piattaforme. Michela è una ragazza madre con un figlio adolescente: lavora, sottopagata, in un hotel sul lago di Resia e un giorno incontra una come lei, costretta ad andare a prostituirsi in Austria nei fine settimana. Michela si lascia attirare dal miraggio dei soldi facili, ma quando in paese qualcuno sospetta, l’ombra del ricatto si allunga sulle due donne.
– I CARE A LOT di J. Blakeson con Rosamund Pike, Eiza González, Dianne Wiest, Peter Dinklage, Isiah Whitlock Jr., Celeste Oliva.
Si trova su Prime video questa commedia-thriller molto applaudita al festival di Toronto. Ne è protagonista Marla Grayson, tutrice legale di professione, truffatrice e ladra per vocazione. In coppia con la sua amante Fran, la donna decide di circuire l’anziana ospite di una casa di riposo, Jennifer. Ma non sa che la donna nasconde a sua volta un segreto e ha insospettabili legami con un pericoloso gangster.
– THE BOOK OF VISION di Carlo S. Hinterman con Lotte Verbeek e Charles Dance. Si vede in anteprima su Chili il visionario debutto nel lungometraggio di un figlio d’arte (suo padre è il grande attore omonimo) che da sempre frequenta e ama il cinema d’autore più estremo, tanto che qui Terrence Malick firma la produzione esecutiva e nel cast tecnico figurano il direttore della fotografia di Wenders e Malick, Joerg Widmer e lo scenografo di Paul Thomas Anderson, David Crank. A tessere l’esile filo della trama è la dottoressa Eva che abbandona la carriera per studiare la medicina naturale, alla ricerca di sé e della guarigione dalla malattia. Troverà quasi per caso il trattato di un medico prussiano del Settecento, Johan Anmuth, e la lettura del suo “book of vision” la porterà in un universo parallelo, sospeso tra passato e presente. Film d’apertura della setimana della critica alla Mostra di Venezia.
– SHADOWS di Carlo Lavagna con Mia Threapleton, Lola Petticrew, Saskia Reeves. Una storia di ossessioni al femminile, di reclusione e desiderio di fuga ambientata in un non-luogo che potrebbe essere una lontana foresta o la periferia dietro casa.
Abbandonate dal padre da bambine, Alma e Alex vivono da recluse in un albergo isolato dove la madre le tiene al riparo dalla brutalità del mondo. In realtà la loro è un’esistenza monca, finché Alex si ribella e decide di attraversare il mitico “fiume nero” per avventurarsi in quel mondo minaccioso che non conosce.
Disponibile in bluray.
– IL TALENTO DEL CALABRONE di Giacomo Cimini con Sergio Castellitto, Lorenzo Richelmy, Anna Foglietta. Una notte a Milano: il giovane e popolare dj Steph, idolo di una delle radio più ascoltate va come ogni sera in onda col suo programma “Beat Time”. Ma la telefonata di uno sconosciuto è destinata a cambiargli la vita.
L’uomo infatti annuncia di volersi suicidare facendosi esplodere in diretta proprio in centro alla città. Finché però rimane in linea non agirà. Sul filo delle onde radio comincia così una corsa contro il tempo mentre la poliziotta Rosa Amedei cerca di individuare il pazzo suicida per prevenirne le mosse. Qual è il segreto dello sconosciuto. Disponibile in bluray.
– QUEIMADA di Gillo Pontecorvo con Marlon Brando, Evaristo Marquez, Renato Salvatori. Diretto nel 1969 dal regista de “La battaglia di Algeri” è un’allegoria del potere coloniale (analogo a quello delle moderne multinazionali) che pende il via da un fatto storico: l’azione spionistica dell’inglese Compagnia delle Indie per scacciare i portoghesi dai Caraibi. Così, nell’anno 1844 l’avventuriero e agente segreto William Walker sbarca nell’isoletta di Queimada per fomentare la rivolta, convince il generoso quanto ingenuo Evaristo a guidarla, si allea con i meticci borghesi dell’isola e ottiene il risultato.
Ma la fiamma della rivoluzione, una volta accesa, non si spegne e Walker dovrà guidare la repressione inglese contro l’esercito di straccioni di Evaristo. Un capolavoro finalmente restaurato in digitale e disponibile adesso anche nella versione bluray.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Inchiesta mascherine: un arresto e 4 interdittive
Interdizione anche per l’imprenditore Benotti
c
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
25 febbraio 2021
08:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I finanzieri del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria, coordinati dalla Procura di Roma, stanno eseguendo una misura cautelare per cinque persone: un arresto domiciliare e quattro interdittive, nell’ambito dell’inchiesta sull’affidamento per un valore complessivo di 1,25 miliardi di euro per l’acquisto di mascherine per l’emergenza Covid. Ai domiciliari Solis San Andreas Jorge Edisson, mentre le interdittive riguardano l’imprenditore Mario Benotti, Vincenzo Andrea Tommasi Andrea, Khouzam Georges Fares e Guarnieri Daniela Rossana.

“Dall’attività di intercettazione è emerso che Mario Benotti, dopo aver ampiamente lucrato illecitamente per i contratti di fornitura delle mascherine, non pago di quanto sino ad allora ottenuto, aveva intenzione di continuare a proporre ulteriori affari al commissario Arcuri”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo scrive il gip Paolo Andrea Taviano nell’ordinanza con cui hai disposto gli arresti domiciliari per un indagato e quattro interdittive nell’ambito dell’indagine della Procura di Roma sulle mascherine importate dalla Cina. Un elemento che “si evince dall’intercettazione nella quale Benotti – scrive il gip – confida a Daniela Guarnieri, legale rappresentante e socia della Microproducts, la sua frustrazione per il fatto che il commissario Arcuri ha interrotto i rapporti con lui e che questo potrebbe essere il sintomo che Arcuri avrebbe avuto notizie informa riservata su qualcosa “che ci sta per arrivare addosso”, chiaro riferimento alla possibilità di indagini giudiziarie inerenti le forniture di mascherine mediate da Benotti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo, 4/3 di Dalla, 50 anni fa la ‘vittoria morale’
Libro Dice che era un bell’uomo su sodalizio con Pallottino
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
20:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A cinquant’anni dalla pubblicazione di “4/3/1943”, dal 9 marzo sarà disponibile in libreria e negli store digitali “DICE CHE ERA UN BELL’UOMO… – Il genio di Dalla e Pallottino” (Edizioni Minerva), il nuovo libro del giornalista Massimo Iondini dedicato alla coppia artistica formata da Lucio Dalla e Paola Pallottino.
Grazie anche alle testimonianze di Gino Paoli, Renzo Arbore, Ron, Maurizio Vandelli, Maurizio De Angelis, Vince Tempera, Angelo Branduardi, Armando Franceschini e padre Bernardo Boschi, Iondini racconta la carriera di Dalla nei primi anni Settanta, caratterizzati dal sodalizio con la storica dell’arte, illustratrice e paroliera Paola Pallottino: una breve ma intensa collaborazione grazie alla quale videro la luce canzoni come “4 marzo 1943”, “Un uomo come me”, “Il gigante e la bambina” e “Anna Bellanna”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
«Quel Festival del 1971 per la musica leggera italiana fu una vera e propria rivoluzione. Tant’è che Lucio Dalla conquistò Sanremo pur non arrivando primo. Per la sua “4/3/1943” si parlò infatti a gran voce di “vittoria morale”. Un successo a più livelli per Dalla e la quasi esordiente paroliera Paola Pallottino – dice Massimo Iondini -. Anzitutto perché la loro canzone, ripescata in extremis, era passata sotto le forche caudine della censura della Rai e dell’organizzazione del Festival: via il titolo “Gesubambino” e via alcuni importanti versi. Poi perché quell’innovativo testo portava per la prima volta in una rassegna canora di musica leggera il dramma di una ragazza madre e di un figlio della guerra. Infine, perché rappresentava il personale riscatto dello stesso Dalla, fino a quel momento lodato dalla critica ma inviso al grande pubblico per come cantava, per lo stile compositivo e per il suo aspetto trasandato da antidivo».
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gip boccia l’istanza di scarcerazione, Genovese resta in carcere
No a perizia su compatibilità con la detenzione,non ha patologie
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
25 febbraio 2021
14:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il gip di Milano Tommaso Perna ha respinto l’istanza di scarcerazione e di domiciliari in una clinica per disintossicarsi presentata dalla difesa di Alberto Genovese, l’imprenditore del web in carcere da novembre per aver stordito con droghe e stuprato una 18enne. No dal giudice anche ad una perizia che avrebbe dovuto valutare la compatibilità col carcere dell’ex ‘mago’ delle start up digitali.
Dagli atti del servizio psicologico di San Vittore, infatti, è emerso che Genovese non ha patologie, nemmeno legate all’uso di cocaina.

Cronaca tutte le notizie in tempo reale, tutti, ma proprio tutti i fatti di Cronaca sempre aggiornati. LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 21 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 14:27 DI MARTEDì 23 FEBBRAIO 2021

ALLE 11:42 DI MERCOLEDì 24 FEBBRAIO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Appello madre a Zingaretti, “vaccini a genitori caregiver”
Figlio affetto da fibrosi cistica.”Ha 15 anni, devo proteggerlo”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
14:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da anni è accanto ogni giorno al suo bambino che convive con la fibrosi cistica, affrontandola con il sorriso sulle labbra, oggi Lorena Iglesias lancia un appello al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti per tutti quei genitori che, come lei, vogliono proteggere i loro figli in tempi di Covid. In una lettera aperta chiede di riconoscere tra le priorità da vaccinare i caregiver dei bambini fibrosicistici.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Scrivo in qualità di madre caregiver di Andrea, un ragazzo di 15 anni affetto da fibrosi cistica e in cura presso il Policlinico Umberto I di Roma e in qualità di Presidente dell’associazione La Magia di un Respiro nata per supportare le famiglie e i pazienti che convivono con questa gravissima patologia – inizia la lettera – Nessuno pretende di passare davanti a nessuno! Ci si chiede piuttosto se la Regione Lazio all’interno del quadro definito dalle disposizioni ministeriali, abbia la possibilità e la volontà di dare loro attuazione in modo da colmarne alcune evidenti discrepanze”. “I caregiver dei fibrosicistici non rientrano nelle categorie da vaccinare – spiega Lorena Iglesias – Quindi un bambino che ha meno di 16 anni non può essere vaccinato per questo deve essere protetto in altro modo, in primis con il riconoscimento della priorità vaccinale per i genitori. Riconoscimento incomprensibilmente non contemplato nel caso della fibrosi cistica ma espressamente previsto per i pazienti onco-ematologici, altra categoria di ‘persone estremamente vulnerabili’, con conseguente disparità di trattamento e violazione del principio costituzionale di uguaglianza”.   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: caso di variante brasiliana, chiusa scuola a Roma
E’ una media, materna già chiusa per variante inglese
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
23 febbraio 2021
16:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un caso di variante ‘brasiliana’ del Covid è stato scoperto in una scuola a Roma che nei giorni scorsi, per l’emergere di un caso di quella ‘inglese’ aveva già disposto la chiusura delle sezioni della materna e della elementare. Il provvedimento è stato ora esteso dall’Asl Roma 1 anche alla scuola media dell’istituto Sinopoli-Ferrini, nel quartiere Africano della Capitale.
La scuola chiude da domani, e fino a data da destinarsi, a causa dell’elevato numero di tamponi molecolari da effettuare ad alunni, docenti e lavoratori. Sarebbe il primo caso di variante brasiliana che si registra a Roma e nel Lazio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Spettacolo protesta: lavoratori occupano strada a Napoli
Davanti al molo Beverello Striscione: “il lavoro non è favore”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
23 febbraio 2021
16:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Alcune centinaia di attivisti e lavoratori del mondo dello spettacolo a Napoli hanno occupato via Cristoforo Colombo davanti al Molo Beverello, a due passi dal teatro Mercadante dove si stava svolgendo la manifestazione del settore a un anno dalla chiusura dei teatri. I lavoratori hanno fermato tutto il traffico veicolare proveniente da via Acton occupando la strada con un grande striscione con la scritta “Il lavoro non è un favore”.
Alcuni di loro hanno acceso dei fumogeni rossi.   SPETTACOLI, MUSICA E CULTURA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: zona rossa per paese Ciociaria,c’è variante inglese
A Torrice, nel Lazio restrizioni già in altri tre Comuni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
23 febbraio 2021
16:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha firmato oggi l’ordinanza per istituire la zona rossa nel Comune di Torrice in provincia di Frosinone a causa della forte incidenza e presenza della variante inglese.
“Per il Comune – spiega una nota della Regione Lazio – si applicano le misure più restrittive di cui all’art.
3 del Dpcm 14 gennaio 2021. Le disposizioni dell’ordinanza entrano in vigore dalle ore 1:00 del 24 febbraio 2021 e per i 14 giorni successivi”.
La provincia di Frosinone era già attenzionata da alcuni giorni dalla Regione Lazio a causa del forte aumento dei casi di Covid. Altre zone rosse nel Lazio sono state istituite nei giorni scorsi a Carpineto e Colleferro in provincia di Roma e a Roccagorga in provincia di Latina.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini, Marche, prenotazioni con portalettere e postamat
A disposizione 889 postini e 13 Atm
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
23 febbraio 2021
17:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I cittadini delle Marche potranno prenotare l’appuntamento per la vaccinazione anti Covid-19 rivolgendosi al proprio portalettere o attraverso i 13 Atm Postamat regionali. Poste Italiane ha potenziato la propria infrastruttura tecnologica garantendo ulteriore supporto alla Regione Marche.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo il via alle prenotazioni del 12 febbraio scorso attraverso il sito ufficiale del Governo Italiano per la prenotazione dei Vaccini anti-Covid 19 il numero verde 800.009.966, in questa fase i cittadini over 80 (o loro delegati) avranno a disposizione anche la task force di 889 postini per la prenotazione del vaccino. Tessera sanitaria in corso di validità e numero di cellulare alla mano, i nati fino al 1941 potranno richiedere di verificare in tempo reale la disponibilità di appuntamenti presso i centri vaccinali limitrofi e di prossimità.
Il portalettere, attraverso la funzione “prenotazione vaccini” sviluppata per il dispositivo palmare, già in dotazione per il servizio di recapito, verificherà le disponibilità in base al Cap. Il sistema informatico si interfaccerà direttamente con i centri vaccinali e selezionerà gli slot ancora disponibili. Questa modalità resterà attiva anche per le successive fasi di vaccinazione. Per gli Atm Postamat sarà sufficiente inserire la tessera sanitaria, digitare i dati richiesti e ritirare il promemoria con i dettagli della prenotazione. Poste Italiane ha messo a disposizione la più grande flotta aziendale nell’emergenza Covid-19: oltre a gestire la piattaforma di prenotazione dei vaccini, ci sono la consegna in tutto il territorio nazionale dei dispositivi di protezione, attrezzature sanitarie e il trasporto delle dosi di vaccino Moderna e AstraZeneca ai presidi ospedalieri.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid:Lazio, oltre 360mila vaccinazioni,da domani hub Nuvola
Dal 1 marzo al via vaccinazioni dai medici di base per i 65enni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
23 febbraio 2021
17:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Superata la quota delle 360 mila dosi somministrate nel Lazio e le 120 mila persone che hanno ricevuto i richiami”. Così l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato in merito alla vaccinazione anti-Covid.

Proseguono le somministrazioni rivolte ai docenti e al personale scolastico. Sono oltre 53 mila le prenotazioni finora ed è partita oggi la procedura per le prenotazioni nella fascia fino ai 65 anni. Domani aprirà il centro alla “Nuvola” dell’Eur.
Dal primo marzo partono nel Lazio le vaccinazioni dai medici di medicina generale. Si inizierà dai nati nell’anno 1956 (65 anni) con il vaccino Astrazeneca. Al momento le dosi disponibili per i 4 mila medici sono 80 mila.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: Tar sospende ordinanza Puglia su dad per tutti
Emiliano aveva disposto fino al 5/3 didattica a distanza al 100%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
23 febbraio 2021
17:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Tar Puglia ha sospeso l’ordinanza regionale con la quale il presidente Michele Emiliano ha disposto fino al 5 marzo la didattica digitale integrata al 100% per tutti gli alunni e gli studenti pugliesi. Il decreto a firma del presidente Orazio Ciliberti accoglie l’istanza cautelare del ricorso presentato dal Codacons Lecce e da un gruppo di genitori di alunni, a per effetto sospende l’efficacia del provvedimento regionale, fissando l’udienza collegiale al 17 marzo 2021.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 13.314 nuovi casi, 356 vittime
Oltre 300 mila tamponi, tasso positività scende al 4,4%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
18:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 13.314 i nuovi casi di coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore. Sono 356, invece, le vittime.
Sono 303.850 i tamponi effettuati con il tasso di positività sui nuovi casi che scende al 4,4% rispetto al 5,6% di ieri. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 2.146, 28 in più rispetto a ieri. I ricoverati con sintomi sono, invece, 18.295 (+140). Gli attualmente positivi in Italia tornano a salire raggiungendo quota 387.948 (+45 rispetto a ieri). Il totale dei dimessi o guariti è 2.347.866 (+12.898), mentre quello delle vittime è di 96.348.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: da inizio pandemia emanati 522 atti, oltre 37 al mese
Analisi Openpolis, nel 2021 già pubblicati 56 provvedimenti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
18:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da quando è stato dichiarato lo stato d’emergenza, il 31 gennaio 2020, sono stati adottati 522 provvedimenti, solo a livello nazionale per una media di oltre 37 atti al mese. Lo rende noto Openpolis, sottolineando che i primi mesi del 2020 sono stati i più intensi dal punto di vista della produzione normativa: a febbraio sono stati pubblicati 67 atti Covid, a marzo 103, ad aprile 65.
Nel 2021 gli atti pubblicati sono già 56. Lo stato di emergenza è stato prorogato, con un’ordinanza firmata il 13 gennaio scorso, fino al prossimo 30 aprile. La maggior parte dei provvedimenti pubblicati sono stati emanati dal ministero della Salute, poi dalla Protezione Civile e dal ministero dell’Interno. Sono invece 7 gli atti adottati sotto la nuova presidenza di Mario Draghi: 5 del ministero della Salute, uno del governo e uno della Protezione Civile.   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Scuola: Emiliano, a breve nuova ordinanza, Dad a scelta
Dopo decisione Tar Puglia che ha bocciato precedente misura
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
23 febbraio 2021
19:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Adotterò immediatamente un’altra ordinanza che, tenendo conto dei rilievi” del Tar Puglia “tuteli comunque la vita del personale scolastico agganciando la durata della campagna vaccinale per le scuole al periodo di vigenza della ordinanza, rimuovendo il limite del 50% alla presenza contemporanea nelle classi”. Lo annuncia il governatore Michele Emiliano dopo che il Tar ha sospeso l’ordinanza con la quale era stata resa obbligatoria la Dad in tutte le scuole.
“Verrà reintrodotto – annuncia Emiliano – il diritto alla scelta della didattica integrata a distanza da parte delle famiglie che ne faranno richiesta”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Appello madre, “vaccini a genitori caregiver”. Ok Zingaretti
Figlio è fibrosicistico.Governatore,”sue parole non inascoltate”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
20:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccinare i genitori caregiver per proteggere dal Covid i propri figli. E’ l’appello di una mamma che da anni è accanto ogni giorno al suo bambino che convive con la fibrosi cistica, affrontandola con il sorriso sulle labbra.

Una patologia grave che in Italia riguarda oltre 5.500 pazienti, di cui quasi la metà ha meno di 18 anni, registrando un’età media al decesso di 34,7 anni. In una lettera aperta al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, Lorena Iglesias lancia un appello per tutti quei genitori che, come lei, si trovano ad affrontare la malattia accanto ai loro figli.
Parole che non sono cadute nel vuoto. In serata il presidente Zingaretti, ha assicurato che il “suo appello, che in realtà è una richiesta di aiuto che riguarda tanti genitori nella sua stessa situazione, non rimarrà inascoltato”. Il governatore ha spiegato di aver già dato indicazioni agli uffici competenti in materia “per mettere in moto la macchina amministrativa e dare in tempi ragionevolmente rapidi una risposta efficace in grado di colmare eventuali lacune normative sulla vaccinazione dei genitori caregiver dei fibrosicistici”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Urtato dal treno nel milanese, grave 13enne
Il ragazzo era sulla banchina, trauma cranico e facciale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 febbraio 2021
21:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un ragazzino di 13 anni è stato urtato da un treno alla stazione di Melzo, in provincia di Milano, ed è stato trasportato in condizioni serie all’ospedale Giovanni XXIII di Bergamo, non intubato ma con trauma cranico, facciale, all’addome e agli arti.
Secondo quanto riferito dal 118, il 13enne si trovava sulla banchina, quando è passato il treno.
Sulla dinamica dell’incidente sta investigando la Polfer di Treviglio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Zingaretti, Montalbano pazzo d’amore, scardina tutto
Su Rai1 Il metodo Catalanotti l’8 marzo dopo Sanremo. E sul futuro non si sbilancia
23 febbraio 2021
13:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Salvo Montalbano “isciuto completamente pazzo” per amore di una collega Antonia della scientifica, in mezzo un’indagine che si consuma in un contesto a lui estraneo il teatro. Il commissario di Vigàta, cittadina fantastica e metaforica della Sicilia è pronto a tornare sul piccolo schermo, su Rai1 l’8 marzo dopo Sanremo e lo farà con un nuovo, attesissimo episodio che saprà conquistare affezionati della serie e non solo e che vede nel cast oltre a Luca Zingaretti anche Cesare Bocci, Peppino Mazzotta, Antonia Truppo, Angelo Russo, Marina Rocco, con Greta Scarano e con la partecipazione di Sonia Bergamasco.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ma preparate i fazzoletti questa volta, rompe tutti gli schemi: “Il metodo Catalanotti” nato come sempre dalla penna del compianto Andrea Camilleri pubblicato da Sellerio nel 2018 (lo scrittore si è spento a Roma il 17 luglio 2019) come spiega l’attore che da oltre vent’anni presta volto, voce, e anima, al commissario più amato e conosciuto dagli italiani e che dopo la morte di Alberto Sironi, lo ha visto anche dietro la macchina da presa, vivrà un vero “stravolgimento” si perché avverte Luca Zingaretti “il nostro è pronto a cambiare e mettere in discussione la sua vita per amore, non per la sua eterna fidanzata Livia (Sonia Bergamasco) ma di una giovane collega Antonia, (Greta Scarano) che lo fa impazzire d’amore e mettere in dubbio anche “la sua carriera tanto da essere disposto a mollare tutto”. Ma perché parla di stravolgimento in questo episodio? ” E’ vero la più grande delle novità – prosegue l’attore e regista romano – è la perdita di controllo del Commissario travolto dalla passione. Il suo è un mondo legata alla sua terra, ma anche ai riti che sono quasi sempre gli stessi. Non è la prima volta che prende una sbandata lo sappiamo, ma si innamora davvero. Ora per raccontare questo terremoto interiore, abbiamo deciso di cambiare anche il suo tipo di parlare e di conseguenza la recitazione ovvero la mia, per renderlo più realistico, tormentato”. Insomma Montalbano “scende sulla terra”. Per raccontare tutto questo occorreva un salto, bisognava marcare la differenza, trovare un dolore nuovo, un coraggio disperato. Penso di poter dire che ci siamo riusciti e di aver fatto, tutti quanti insieme, un gran bel lavoro”. Qui si sovverte tutto, “come se Cappuccetto Rosso andasse a fare una rapina in banca. Così, i duetti con i vari personaggi, sono uno stilema di recitazione che se adottati in un altro film, sarebbero assurdi. Invece qui, c’è una tale unità di intenti che nessuno stona in questo contesto. Questo episodio resterà nella memoria di tutti, forse perché Camilleri presagendo la sua fine ha fatto sì che questo racconto sia una sorta di testamento”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Greta Scarano che presta il volto ad Antonia Nicoletti dice: “dovevo trovare un compromesso tra la loro recitazione sopra le righe e il mio essere un’aliena che doveva portare una sorta di realismo. La possibilità di incarnare un elemento che porta una crisi enorme in una struttura stabile, rappresentare un terremoto, per un attore è bellissimo”. In questo racconto aggiunge Zingaretti “ci sono tutti i temi cari a Camilleri. L’amore, che muove il mondo, il sesso, le corna, ma anche il teatro con l’eterno dilemma pirandelliano dello sdoppiamento dell’io e se sia più vera la realtà o la fantasia, la vecchiaia e il suo eterno tentativo di ghermire la giovinezza, la tragedia”.
– Sarà questo il capitolo finale della serie? Zingaretti non scioglie al momento la riserva: “Non c’è stanchezza su questo personaggio. Io però dico che i morti da due sono diventati tre, oltre a Camilleri e Sironi anche lo scenografo Riccieri, ed erano compagni di squadra. Non è una cosa da poco non trovare più i punti di riferimento. Da una parte c’e’ la tentazione del voler tornare al timone della barca, per rispetto a queste persone. Dall’altra mi chiedo se Camilleri ci domandasse tutto questo. Quest’anno è stato segnato da tante cose, ma soprattutto il tempo si è fermato con il covid”. E ancora: “Non c’è stato tempo di elaborare il lutto, perché il tempo non è scorso. Io sto in questa sorta di limbo, vorrei che ci aiutaste a informare il pubblico che Il metodo Catalanotti è l’ultimo inedito”. Il produttore Carlo Degli Esposti è sibillino: “Cosa ne sarà di Montalbano? È passato un anno dalla tempesta perfetta ora è presto. Il covid ci impedisce di tornare sul set con la tranquillità che ci ha contraddistinto in questi anni: ci sarà un momento, passata la pandemia in cui prenderemo una decisione. Per me e per altri Montalbano resta eterno”. Zingaretti sarà il protagonista di nuova produzione Sky Original, “Il re”, un prison drama. la serie, in otto episodi diretti da Giuseppe Gagliardi: “Si il primo ciak a marzo – risponde , le riprese si svolgeranno fra Roma, Torino e Trieste.  Montalbano è invece da sempre prodotta dalla Palomar di Carlo Degli Esposti con Rai Fiction – che ha festeggiato i vent’uno anni ed è ormai un classico. Oltre un miliardo di spettatori calcolando anche le repliche, numeri da record. “Montalbano è il testimonial principe non solo della fiction della Rai, ma anche della Rai come tale e dell’italianità”, dice Maria Pia Ammirati direttrice di Rai Fiction.
Fatto sta che Montalbano è un personaggi che negli anni ha saputo imporsi nell’immaginario collettivo nazionale e internazionale. Carmelo Catalanotti (Carlo Cartier) è stato assassinato, una pugnalata nel petto, ma quest’ammazzatina, presenta subito qualcosa di strano. Presto Montalbano scopre che la vittima era uno strozzino, benché a suo modo ‘equo’. Ma Catalanotti era anzitutto artista di teatro, fondatore della Trinacriarte, compagnia di teatro amatoriale di Vigata. Ma buona parte dei suoi soci sono letteralmente posseduti, quando non addirittura invasati, dalla passione del teatro; e Catalanotti era il guru di cotali adepti, “un guru che sapeva essere geniale, ma anche crudele e sadico”. A complicare questo non facile caso ci si mette l’incorreggibile Mimì Augello (Cesare Bocci), che nel tentativo di sfuggire al marito cornuto della sua ennesima amante, si imbatte con grande sorpresa in un cadavere. Cadavere che, però, con sorpresa ancora maggiore, non riuscirà più a ritrovare.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le amazzoni di Manuela Piemonte
L’intensa storia di tre piccole donne negli anni del Fascismo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
10:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MANUELA PIEMONTE, LE AMAZZONI (Rizzoli, pp.400, 18 euro). Sarebbero dovuti andare incontro alla “promessa di un’estate di bellezza”, invece vissero un incubo durato anni, ancora bambini, separati dalle proprie famiglie, lasciati soli, con le teste rasate, ammassati gli uni addosso agli altri, sempre puniti se disobbedienti, in una colonia da cui era bandita ogni tenerezza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ai circa 13000 figli dei coloni libici mandati in Italia dal regime di Mussolini a conoscere la patria e a diventare bravi fascisti, poi rimasti bloccati sul suolo italico in seguito alla dichiarazione di guerra a Francia e Regno Unito nel 1940, Manuela Piemonte dedica il suo romanzo d’esordio “Le amazzoni”, in libreria con Rizzoli dal 16 febbraio.
Grazia, sensibilità, una storia potente declinata al femminile con diversi personaggi ben delineati e un registro narrativo avvolgente caratterizzano un libro in cui Piemonte fa luce su una delle tante pagine buie, e poco conosciute, degli anni del Fascismo e della Seconda Guerra Mondiale. Lo sguardo dell’autrice, che mescola efficacemente la finzione alla realtà storica, si posa su tre sorelle, protagoniste del romanzo: Sara, la maggiore di 9 anni, Angela, 7 anni, e Margherita, la più piccola di 5 anni. Le bambine, mano nella mano, si imbarcano dalla Libia, la cosiddetta “Quarta sponda” verso l’Italia e lasciano lì la mamma e il papà: la loro destinazione sarà una colonia in Toscana, a Marina di Massa, allestita nell’ex Torre Fiat, un luogo spartano reso ancora più inospitale e freddo dalle “vigilatrici” chiamate a “educare” le piccole ospiti. Sara e Angela custodiscono però un segreto che le rende forse più forti delle compagne che incontrano: poche ore prima di lasciare la Libia, avevano avuto l’occasione di vedere nell’oscurità notturna una donna berbera a cavallo, libera e coraggiosa, dall’incedere fiero, lanciata come una vera e propria “amazzone” in fuga verso l’orizzonte. Contro quella “guerriera” era stato spiccato un mandato di cattura, ma Sara e Angela non avevano rivelato a nessuno di averla vista quella notte. A quell’immagine esaltante e rivelatrice, custodita nel cuore e nella mente, al pensiero di quella donna divenuta un modello di forza, le due bambine si aggrapperanno quando la colonia in Toscana si rivelerà più di una brutta vacanza, ma una infinita prigionia che le terrà lontane dai genitori per lunghi anni, pieni di difficoltà.
Come una presenza nascosta ma partecipe, l’autrice racconta con una prospettiva a misura di bambino una vicenda che tocca nel profondo: senza retorica, sulle pagine si snoda il destino sospeso e terribile toccato in sorte alle tre sorelle e a tanti altri piccoli sfortunati come loro che, lacrime contro lacrime, sogni contro sogni, tra urla soffocate e scatti di ribellione, e anche con qualche guizzo di ingegno per sopravvivere, hanno vissuto da “organizzati” (così venivano chiamati) in quei luoghi di indottrinamento cieco e violento. Piemonte si sofferma sull’infanzia interrotta, la frustrazione, la solitudine, il senso di abbandono: accompagna le sue protagoniste, le vede crescere e trasformarsi, e rivela la forza della loro “sorellanza”. Accanto alla disperazione, l’autrice racconta però anche la speranza, incarnata non solo dalla forza e dalla capacità di resistere delle tre giovani protagoniste, ma anche di quelle donne, coraggiose, guerriere a loro modo e in qualche modo salvifiche, che le bambine incontrano lungo il loro difficile cammino.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Dia, le mani delle mafie su ‘green’ e sanità
‘Seri rischi infiltrazione, crescono riciclaggio e corruzione’, l’allarme nella relazione semestrale della direzione investigativa Antimafia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
06:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La pandemia di Covid-19 rappresenta una “grande opportunità” per le mafie e lo snellimento delle procedure d’affidamento degli appalti e dei servizi pubblici comporterà “seri rischi di infiltrazione mafiosa dell’economia legale, specie nel settore sanitario”. E’ poi “oltremodo probabile” che i clan tentino di intercettare i finanziamenti per le grandi opere e la riconversione alla green economy. L’allarme è contenuto nell’ultima Relazione semestrale della Direzione investigativa antimafia (Dia), che evidenzia seri rischi di infiltrazione e la crescita di riciclaggio e corruzione.
Le indagini raccontano di una criminalità organizzata che durante il lockdown ha continuato ad agire sottotraccia, con un calo delle “attività criminali di primo livello” (traffico di droga, estorsioni, ricettazione, rapine), ma un aumento al Nord ed al Centro dei casi di riciclaggio e, al Sud, i casi di scambio elettorale politico-mafioso e di corruzione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Stabile l’usura, fattore sintomatico di una pressione “indiretta” comunque esercitata sul territorio. Si tratta, segnala la Dia, “di segnali embrionali che, però, impongono alle Istituzioni di tenere alta l’attenzione soprattutto sulle possibili infiltrazioni negli Enti locali e sulle ingenti risorse destinate al rilancio dell’economia del Paese”. Sono cresciute anche le segnalazioni di operazioni sospette (Sos) pervenute alla Direzione rispetto allo stesso periodo del 2019. Un dato, viene sottolineato, “indicativo se si considera il blocco delle attività commerciali e produttive determinato dall’emergenza Covid della scorsa primavera”. La disponibilità di liquidità delle cosche punta ad incrementare il consenso sociale anche attraverso forme di assistenzialismo a privati e imprese in difficoltà, con il rischio che le attività imprenditoriali medio-piccole “possano essere fagocitate nel medio tempo dalla criminalità, diventando strumento per riciclare e reimpiegare capitali illeciti”. Diventa pertanto fondamentale, si legge nella Relazione, “intercettare i segnali con i quali le organizzazioni mafiose punteranno, da un lato, a ‘rilevare’ le imprese in difficoltà finanziaria, esercitando il welfare criminale ed avvalendosi dei capitali illecitamente conseguiti mediante i classici traffici illegali; dall’altro, a drenare le risorse che verranno stanziate per il rilancio del Paese”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da Nord a Sud, infatti, il comune denominatore delle strategie mafiose, in questo periodo più di altri, pare collegato alla capacità di operare in forma imprenditoriale per rapportarsi sia con la Pubblica Amministrazione, sia con i privati. Nel primo caso per acquisire appalti e commesse pubbliche, nel secondo per rafforzare la propria presenza in determinati settori economici scardinando o rilevando imprese concorrenti o in difficoltà finanziaria. La Dia parla di “propensione per gli affari che passa attraverso una mimetizzazione attuata mediante il “volto pulito” di imprenditori e liberi professionisti attraverso i quali la mafia si presenta alla pubblica amministrazione adottando una modalità d’azione silente che non desta allarme sociale”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sequestro persona, rapina ed estorsione: sgominata baby gang
Operazione dei carabinieri nel Catanese, arrestato anche un maggiorenne
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
RIPOSTO
24 febbraio 2021
08:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una baby gang composta da ragazzi imparentati con esponenti della criminalità locale di Riposto è stata sgominata da carabinieri della compagnia di Giarre che ha arrestato quattro minorenni e un maggiorenne, all’epoca dei fatti minorenne. I reati ipotizzati nei confronti degli indagati sono sequestro di persona, rapina ed estorsione aggravate.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I provvedimenti che dispongono il loro collocamento in comunità sono stati emessi dai gip dei Tribunali per i minorenni e distrettuale di Catania su richiesta delle rispettive Procure.
Ad un sesto maggiorenne è stato notificato un avviso di conclusione indagini. Secondo l’accusa avrebbero condotto un commerciante e i suoi due figli a seguirli in un luogo appartato per schiaffeggiarli e per chiedere loro scusa per una presunta ‘offesa’. Agli indagati è contestata anche “l’intimidazione, derivante anche dall’appartenenza a già noti ambienti criminali” di Riposto. I quattro minori ed il maggiorenne sono stati affidati ad altrettante comunità nelle province di Agrigento, Caltanissetta, Messina, Ragusa e Siracusa. Al maggiorenne, che ha 19 anni, è stata applicata anche la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria due volte al giorno, nonché di tenersi a non meno di 500 metri dall’abitazione delle vittime e dal luogo delle attività criminose contestate. Le indagini dei carabinieri sono state avviate dopo la denuncia e la collaborazione delle vittime.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: Emiliano firma nuova ordinanza, Ddi sino al 14 marzo
In presenza solo laboratori o alunni con esigenze speciali
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
24 febbraio 2021
09:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dal 24 febbraio e sino al 14 marzo tutte le scuole pugliesi,di ogni ordine e grado, dovranno adottare la didattica digitale integrata (Ddi) al 100%,”riservando l’attività didattica in presenza agli alunni per l’uso di laboratori qualora sia previsto dall’ordinamento,o per mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali”: è la nuova ordinanza firmata dal governatore Michele Emiliano. Ieri il Tar Puglia aveva accolto il ricorso del Codacons sospendendo la precedente ordinanza che prevedeva dal 22 febbraio al 5 marzo la Dad per tutte le scuole.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: testata a carabiniere per evitare sanzione, arrestato
Controlli nel Barese, multe e bar chiusi durante coprifuoco
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
24 febbraio 2021
10:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Avrebbe colpito con una testata al volto, ferendolo, un carabiniere che con un collega era entrato in un bar a Valenzano (Bari) per contestare la violazione delle norme anti-Covid, in quanto il locale era aperto alle 23, dopo il coprifuoco. Un 35enne con piccoli precedenti, cliente del locale, è stato rintracciato e arrestato per resistenza e violenza a pubblico ufficiale, oltre alla sanzione Covid, contestata anche ad altri due clienti che erano all’esterno a consumare bevande e ai titolari del bar, per il quale è stata disposta la chiusura per cinque giorni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Binetto una coppia è stata fermata dai militari per un controllo alle 2 del mattino e, non avendo valide giustificazioni, gli è stata contestata l’inosservanza delle misure sul contenimento della pandemia. Dopo le invettive e le minacce nei confronti dei carabinieri, ricevuta copia del verbale i due lo hanno accartocciato gettandolo per terra. Oltre alla sanzione amministrativa per violazione delle normative anti-covid, dovranno rispondere anche di resistenza a pubblico ufficiale.
Complessivamente dell’inizio dell’anno nell’area metropolitana di Bari sono state controllate 47.891 persone, 714 delle quali sanzionate, e 2.051 attività, 27 delle quali sanzionate.
Nell’ambito dei controlli anti-contagio alla movida del Norb Barese, i carabinieri hanno scoperto a Trani un circolo ricreativo con all’interno 8 persone che giocavano a carte, dopo le 22, tutti sanzionati, altre sette persone sono state multate perché erano in strada senza mascherine, e due locali sono stati chiusi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spettacolo protesta nelle piazze d’Italia
Manifestazioni in tutte le città per la riapertura
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
08:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Manifestazioni dei lavoratori dello spettacolo in molte piazze d’Italia per chiedere la riapertura di cinema, teatri e luoghi di intrattenimento.
L’Inno d’Italia per chiedere di tornare a lavorare. Cosi’ i lavoratori dello spettacolo aderenti a Fistel Cisl e Uilcom Uil sotto la prefettura di Genova hanno chiesto la riapertura di teatri e sale da concerto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I musicisti presenti, tutti del Teatro Carlo Felice, alcuni dei quali precari, hanno eseguito l’Inno di Mameli. Una delegazione è stata ricevuta in prefettura.
“E’ la seconda volta che manifestiamo e non abbiamo ottenuto nulla. Non ce ne sarà una terza: la prossima occuperemo l’autostrada con i nostri camion”. E’ la provocazione di katiuscia Medina, famosa artista del Circo Medina, alla manifestazione del mondo dello spettacolo davanti alla Regione Piemonte, nel centro di Torino. “La gente, chiusa in casa da un anno, vuole tornare al circo e nei teatri, adesso basta – aggiunge -. Se la Regione e il governo non ci ascoltano, dovremo fare loro capire che così non si può proseguire”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Alcune centinaia di attivisti e lavoratori del mondo dello spettacolo a Napoli hanno occupato via Cristoforo Colombo davanti al Molo Beverello, a due passi dal teatro Mercadante dove si stava svolgendo la manifestazione del settore a un anno dalla chiusura dei teatri. I lavoratori hanno brevemente fermato tutto il traffico veicolare proveniente da via Acton occupando la strada con un grande striscione con la scritta “Il lavoro non è un favore”. Alcuni di loro hanno acceso dei fumogeni rossi.
I lavoratori dello spettacolo, con Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil, sono scesi in piazza a Firenze per denunciare lo stato di crisi del settore, a causa della perdurante emergenza sanitaria, e la loro difficile condizione lavorativa e personale, chiedendo di organizzare le riaperture. Il presidio in via Cavour sotto la prefettura ha anche visto l’esibizione dal vivo di Emanuele Urso, primo corno del Maggio Musicale Fiorentino, e della cantautrice Chiara Riondino. Alcuni sindacalisti, al termine dell’iniziativa, sono stati ricevuti in prefettura dove hanno portato le richieste al Governo per salvare il settore e i lavoratori. “Contemporaneamente all’azione di sostegno e al rafforzamento delle tutele – affermano i sindacati – crediamo sia esigenza non più rinviabile quella di organizzare le modalità di riapertura delle sale”. Inoltre secondo Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, “la pandemia ha messo drammaticamente a nudo i limiti del sistema che ordina l’offerta e la fruizione dello spettacolo dal vivo. Non è più rinviabile una riforma organica del settore, anche cogliendo l’occasione offerta dal Next generation, che preveda, oltre ad ammortizzatori sociali adeguati, il giusto riconoscimento per le competenze e un ripensamento del sistema previdenziale, un potenziamento degli investimenti strutturali sulle professionalità, sulla formazione, sui luoghi e le modalità dell’offerta culturale che, senza essere snaturata, colga le adeguate opportunità delle nuove tecnologie”.
Nella provincia di Perugia, in fascia rossa per le norme contro la diffusione del Covid, la giornata di mobilitazione nazionale del comparto indetta da Slc Cgil dal titolo “Torniamo a fare spettacolo”, si è svolta online, con i lavoratori del settore che dalle ore 12, vista l’impossibilità di scendere fisicamente in piazza, hanno iniziato a postare cartelli, immagini e dichiarazioni per fare luce anche in Umbria su questa difficile situazione. Ristori, protocolli per una riapertura in sicurezza, rinnovo di contratti collettivi nazionali scaduti da anni e riforma organica del settore: rappresentanti di Slc Cgil Umbria e Adu (Attrici attori danzatrici danzatori uniti) Umbria attraverso un incontro on-line con la stampa hanno illustrato le loro proposte oltre a fare il punto sulla situazione regionale e rinnovare la richiesta di attivazione in tempi rapidi del tavolo promesso dalla Regione Umbria. Sono i temi messi sotto i riflettori da Enrico Bruschi, segretario generale Slc Cgil Umbria: “C’è necessità di riaprire i luoghi della cultura e di sostenere con delle risorse il settore”. Un settore che, come ha ricordato ancora Bruschi, è pure “molto diversificato”. Quello della riapertura è comunque “il primo passo da fare” pure per Emanuela Faraglia, attrice e responsabile produzione culturale Slc Umbria. In Umbria, ha poi evidenziato per Adu Umbria l’attore Alessandro Sesti, c’è un terreno fertile con tante realtà teatrali anche di ricerca, “un bene prezioso da tutelare”, ha affermato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Serena Rossi e Simona Ventura all’Ariston
Tornano l’attrice e la conduttrice che guidò il festival 2004
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
16:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Serena Rossi e Simona Ventura a Sanremo: l’attrice, reduce dal successo della fiction di Rai1 Mina Settembre, e la conduttrice, che è stata al timone del festival nel 2004, saranno sul palco con ogni probabilità nella serata finale di sabato 6 marzo, affiancando Amadeus in diversi momenti di conduzione e di spettacolo.
Già a Sanremo nel 2018 per il duetto con Renzo Rubino sulle note del brano ‘Custodire’, Serena Rossi è tornata poi all’Ariston l’anno sopo, regalando un brivido al pubblico con l’interpretazione di Almeno tu nell’universo di Mia Martini, alla quale ha dato poi il volto nella fiction Io sono Mia.
La Ventura è attesa in primavera su Rai2 con un nuovo game.
Si va così completando – dopo il forfait di Naomi Campbell, legato alla nuove restrizioni anti-Covid volute dall’amministrazione Biden – il cast dei volti femminili di Sanremo 2021: martedì 2 toccherà a Matilda De Angelis il ruolo da co-conduttrice, mercoledì 3 a Elodie, giovedì 4 alla top model Vittoria Ceretti e venerdì 5 marzo a Barbara Palombelli.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Extraliscio, in missione per conto del liscio
“A Sanremo consci di essere fuori gara, ma esserci è vittoria”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
20:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Siamo consci di essere fuori moda, in qualche modo fuori gara, ma abbiamo già vinto per essere su quel palco. Noi, parafrasando i Blues Brothers, siamo in missione per conto del liscio”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mirco Mariani, Moreno Il Biondo e Mauro Ferrara (voce di Romagna mia nel mondo), ovvero gli Extraliscio, accompagnati da Davide Toffolo, l’uomo in maschera dei Tre Allegri Ragazzi Morti e fumettista rinomato che ha reso per immagini la canzone, con “Bianca Luce Nera”, scritta da Mirco Mariani e Pacifico, trasporteranno l’Ariston sulla riviera romagnola con il loro punk da balera.
“La balera è come il cinema o il teatro, profuma di posto dove si sogna – spiegano, orgogliosi di essere tra i 26 Big scelti da Amadeus -. Il progetto Extraliscio ci ha insegnato a sognare e i sogni non hanno limiti. Nessuna ansia, porteremo la leggerezza che il liscio sa dare”.
Certo è che il loro pre-festival non è stato dei più tranquilli con Moreno che dopo la positività al tampone rapido ha lasciato tutti con il fiato sospeso per 24 ore prima che arrivasse la smentita del test molecolare. “Il festival è vittima di un protocollo non chiarissimo. Viviamo un momento di estrema incertezza e difficoltà”, ha commentato Elisabetta Sgarbi, produttrice del gruppo con la sua Betty Wrong Edizioni Musicali (nonché fondatrice e direttrice della casa editrice La Nave di Teseo e regista del documentario presentato a Venezia “Si ballerà finché entra la luce dell’alba. Extraliscio – Punk da Balera”, prossimamente in uscita in sala). “Siamo caduti nel panico, con una tensione psicologica fortissima. A fronte di un festival che deve dare il segnale di fare tutto nella norma, è necessario che questi controlli abbiano i tempi corretti. E’ stata una botta molto forte e ne siamo usciti mortificati”.
Durante la settimana del festival, il 5 marzo, esce “È bello perdersi”, l’album di inediti degli Extraliscio, un doppio disco diviso in due parti: “È bello perdersi”, dove il liscio incontra la musica elettronica dei Kraftwerk e la malinconia della morna di Capo Verde, e “Si ballerà finché entra la luce dell’alba”, tra voglia di ballare e momenti più riflessivi per un omaggio alla tradizione del nostro Paese, andando verso la contemporaneità.

Cronaca tutte le notizie. Tutta la Cronaca in continuo e costante aggiornamento, leggila e condividila!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 22 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 18:32 DI LUNEDì 22 FEBBRAIO 2021

ALLE 14:27 DI MARTEDì 23 FEBBRAIO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Per il gip Suarez ha ammesso di aver ricevuto testo d’esame
Prof.ssa Spina ne “aveva sollecitato studio” sostiene giudice
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
22 febbraio 2021
18:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Parla di “ammissione del calciatore Suarez” di “avere ricevuto dalla prof. Spina” il file con il testo dell’esame per la conoscenza dell’italiano sostenuto all’Università per Stranieri di Perugia il gip in un provvedimento legato all’inchiesta che coinvolge anche gli ormai ex vertici dell’Ateneo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo fa motivando le decisione di respingere la richiesta di revoca della misura interdittiva applicata alla stessa professoressa Stefania Spina. Secondo il gip la docente – sospesa per otto mesi – aveva “sollecitato” lo studio del file inviato a Suarez che a sua volta “aveva assicurato di ripassare bene anche durante il volo verso Perugia”.
Interrogata dal pm, Spina ha però negato di avere fornito a Suarez il testo dell’esame. “Non si tratta di un copione – ha detto ai magistrati – ma di materiale che abbiamo usato a lezione. Ho detto a Suarez soltanto di prepararsi su tutto quello che avevamo fatto a lezione. Il testo del pdf contiene la presentazione con cui avrebbe cominciato l’esame e perciò avrebbe dovuto memorizzare quella parte di testo”.
Secondo il gip però Spina – docente della Stranieri ed ex direttrice del Centro di valutazione e certificazioni linguistiche – avrebbe contribuito “in maniera determinante” al quello che secondo gli inquirenti è stato “l’esame farsa” di Suarez all’Università per Stranieri di Perugia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Morta in ospedale da 2 giorni, ma nessuno avvisa familiari
E’ accaduto a Cosenza. Figli: vogliamo chiarezza su accaduto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
COSENZA
22 febbraio 2021
20:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Arriva in pronto soccorso e muore, ma i familiari lo scoprono due giorni dopo. E’ accaduto all’ospedale dell’Annunziata di Cosenza dove il 16 febbraio scorso è giunta un’anziana ospite di una casa di riposo di Dipignano, e della quale i familiari hanno perso completamente le tracce per poi ritrovarla due giorni dopo in una cella frigorifera dell’obitorio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A rendere nota la vicenda sono i figli della donna la signora Maria, che hanno dato mandato al loro legale per presentare un esposto in Procura e contestualmente richiedere la cartella clinica della paziente.
“Vogliamo solo sapere – ha detto figlia dell’anziana, Maria Pia Esposito – cosa sia realmente accaduto a nostra madre e perché nessuno ci ha avvisato, nonostante sulla sua scheda ci fossero tutti i nostri numeri”.
Secondo quanto ricostruito dai familiari, nel pomeriggio del 16 febbraio la signora si sente male e accusa diversi sintomi tra cui vomito. La struttura che la ospita allerta immediatamente il 118 e l’anziana viene trasportata in ospedale. Dopo qualche ora dall’arrivo al Pronto Soccorso un medico interpella i familiari per chiedere informazioni sullo stato clinico. Il genero dopo aver fornito le informazioni di cui era a conoscenza consiglia di contattare la struttura che ha certamente il quadro clinico esatto. Da allora è black-out. “Abbiamo telefonato per ore e per giorni senza mai ricevere alcuna risposta – aggiunge la figlia – ci siamo anche recati fisicamente al Pronto soccorso ma non ci hanno fatto entrare ripetendoci che dovevamo esclusivamente telefonare ai numeri forniti dall’ospedale. Il centralino però continuava a passare le nostre telefonate al reparto, ma il telefono squillava a vuoto o cadeva la linea”.
Solo il 18 febbraio “mio marito – prosegue Maria Pia Esposito – riesce a parlare con un medico, che dopo numerose insistenze ci comunica che mia madre era morta da due giorni e che si trovava in una cella frigorifera dell’obitorio”. I figli della donna chiedono chiarezza sull’accaduto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, Toti: ‘Restrizioni a Ventimiglia e Sanremo fino al 5 marzo’
Venti Comuni della provincia di Ancona in zona arancione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
22 febbraio 2021
20:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Ponente della Liguria e in particolare Ventimiglia, Sanremo e i Comuni limitrofi, da mercoledì 24 febbraio a venerdì 5 marzo avranno delle restrizioni più forti anche se non saranno zona rossa. Lo ha detto il governatore ligure Giovanni Toti durante il quotidiano briefing sull’andamento della pandemia. La decisione è stata presa “per evitare che la zona di confine possa traghettare l’ondata del virus dalla Francia all’Italia”.
L’ordinanza ad hoc sarà firmata domattina.
Dalla mezzanotte di oggi e fino alle 24.00 di sabato 27 febbraio passano in zona arancione 20 Comuni della provincia di Ancona, compreso il capoluogo di regione, dove si è registrato il maggior tasso di contagi da Covid-19 e la presenza di alcuni casi di variante inglese. Lo prevede un’ordinanza annunciata ieri e firmata oggi dal presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli, sentito il ,inistero della Salute, il prefetto e acquisita l’intesa con Anci Marche. Gli altri Comuni restano in zona gialla, con limitazioni agli spostamenti. Già in vigore anche un’ordinanza che limita gli spostamenti da e per la provincia di Ancona.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Eutanasia: tetraplegico, chiedo di morire in piena legalità
Ass. Luca Coscioni, applicare sentenza Corte Costituzionale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
22 febbraio 2021
21:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Chiedo di morire in Italia, in piena legalità”. Lo dice un 42enne, tetraplegico da 10 anni a causa di un incidente stradale che gli ha procurato anche altre patologie.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’uomo si è rivolto alla sua Area Vasta dell’Asur (Azienda Sanitaria Unica Regionale) delle Marche. Ma dall’azienda ha ricevuto un diniego, “senza che neppure fossero state effettuate le verifiche sulle sue condizioni come previsto dalla Corte Costituzionale”. E ora, assistito dall’associazione Luca Coscioni, ha presentato ricorso contro l’azienda sanitaria che non ha applicato la sentenza della Corte Costituzionale n.
242 del 2019 (quella sul cosiddetto “caso Cappato”), con l’obiettivo di vedere riconosciuto il diritto ad ottenere aiuto al suicidio senza che lo stesso costituisca reato ai sensi dell’art. 580 cp. Mario (il nome è di fantasia) è tra i primi in Italia, se non il primo in assoluto, a rivolgersi ad un tribunale per chiedere l’applicazione della sentenza della Consulta che, dopo la morte di Dj Fabo, “con valore di legge, stabilisce dei passaggi specifici per tutti quei pazienti affetti da patologie irreversibili che in determinate condizioni, possono far richiesta di porre fine alle proprie sofferenze, attraverso un iter tramite Servizio Sanitario Nazionale” spiega l’Associazione Luca Coscioni. “Non ho più niente della mia vita precedente – ha scritto Mario al Consiglio generale dell’associazione – per me questa non è più vita, ma pura sopravvivenza. Per questo ho fatto la richiesta di accesso al suicidio assistito. E ho scelto di farlo in Italia, per poter essere circondato dai miei affetti, fino alla fine”. Filomena Gallo, avvocato e segretario nazionale dell’Associazione Luca Coscioni chiede l’intervento del ministro della Salute. Il tesoriere Marco Cappato è prono a “portare avanti nuove disobbedienze civili”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Etna: Ingv-Oe, intensa attività stromboliana dal Sud-Est
Lancio prodotti fuori da orlo cratere,incremento tremore vulcano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
22 febbraio 2021
22:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un incremento in frequenza ed intensità dell’attività stromboliana al Cratere di Sud Est, con lancio di prodotti abbondantemente al di fuori dell’orlo craterico. Lo rende noto l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia-Osservatorio etneo (Ingv-Oe) di Catania sottolineando che l’ampiezza media del tremore vulcanico mostra un repentino ulteriore incremento, che al momento rientra nel livello alto.
La sorgente del tremore mostra un graduale spostamento verso il cratere di Sud-Est, ad una profondità di 2.500 m sopra il livello del mare.
L’attività infrasonica risulta decisamente aumentata con un alto tasso di accadimento in corrispondenza del cratere di Sud-Est.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incendio al porto di Ancona
Il secondo dopo rogo ex Tubimar a settembre
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
22 febbraio 2021
23:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un incendio di vaste proporzioni è divampato in serata nel porto di Ancona, nella zona di Marina Dorica, il porto turistico, dove avrebbero preso fuoco dei capannoni in materiale ‘sandwich’ utilizzati per il rimessaggio delle barche. Sul posto otto mezzi dei vigili del fuoco più la barca del Distaccamento Portuale, oltre a personale e mezzi della Capitaneria di Porto.
L’intervento è ancora in corso, al momento non risultano persone coinvolte. E’ il secondo incendio nello scalo anconetano, dopo quello dello scorso settembre che ha distrutto l’area ex Tubimar.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Etna: nuova fase eruttiva, getti di lava alti 300 metri
Intensificata attività al cratere di Sud-Est
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
22 febbraio 2021
23:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’Etna continua a dare spettacolo in tarda serata con una nuova fase eruttiva che si è ulteriormente intensificata con getti di lava alti 300 metri sopra il cratere di Sud-Est. Il fenomeno è monitorato dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia-Osservatorio etneo (Ingv-Oe) di Catania.
L’ampiezza media del tremore vulcanico mostra valori elevati con tendenza all’incremento. La sorgente del tremore risulta localizzata al di sotto del cratere di Sud-Est, nell’intervallo di profondità tra i 2.800 e i 2.900 metri sopra il livello del mare. Anche l’attività infrasonica ha raggiunto livelli elevati, con il tasso di accadimento e l’energia dei transienti in aumento.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Donna uccisa nel Ferrarese, fermato il compagno
Provvedimento emesso nella notte, ‘versione contraddittoria’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
23 febbraio 2021
06:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per l’omicidio di Rossella Placani, 50enne trovata morta ieri mattina a Bondeno (Ferrara) è stato fermato nella notte il compagno convivente della donna, Doriano Saveri, bolognese di 45 anni.
Il provvedimento, emesso dal pm Stefano Longhi, è stato eseguito alle quattro nel Comando provinciale dei Carabinieri.

L’uomo, artigiano edile, separato, viveva con la vittima, operaia in un’azienda del biomedicale. L’indagato avrebbe fornito al pm, interrogato, una versione dei fatti “contraddittoria e lacunosa”, cui si contrappongono gravi indizi a suo carico. E’ stato portato in carcere e le indagini proseguono.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Etna: nuovo parossismo, fontane lava alte 1 km e nube cenere
Fenomeno nella notte, in corso nuova attività stromboliana
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
23 febbraio 2021
07:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’Etna è un vulcano carico di energia interna che la notte scorsa dopo la mezzanotte ha dato vita generato getti di lava alti fino a mille metri sopra il cratere di Sud-Est. L’attività parossistica ha prodotto una colonna eruttiva che si è alzata per diversi chilometri rispetto alla cima della montagna.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Durante questa attività ha avuto inizio un secondo trabocco lavico dalla bocca della sella, alimentando un flusso lavico diretto verso sud-ovest. Dopo l’una l’Ingv-Oe di Catania ha registrato una repentina diminuzione della fontana di lava. Ma è continuata l’attività effusiva di due flussi lavici che si sovrappongono alle colate degli episodi precedenti. Poco prima delle 5 l’Ingv-Oe di Catania ha registrato un nuovo incremento in frequenza ed intensità dell’attività stromboliana, accompagnata da emissione di cenere, al Cratere di Sud-Est, con lancio di prodotti abbondantemente al di fuori dell’orlo craterico fino ad un’altezza di circa 300 m.
Contemporaneamente si sono formate due piccole colate laviche, l’una in direzione della desertica Valle del Bove e l’altra in direzione sud-ovest. La localizzazione della sorgente permane al di sotto del Cratere di Sud-Est ad una quota di circa 2.800 metri al di sopra del livello del mare.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Droga: maxi blitz dei carabinieri nel Napoletano, 40 arresti
Ordini via telefono e consegne anche con corrieri minorenni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
23 febbraio 2021
08:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I carabinieri del Comando Provinciale di Napoli hanno eseguito 55 misure cautelari emessa dal Gip del tribunale di Napoli Nord nei confronti altrettante persone accusate di cessione di sostanze stupefacenti, reati in materia di armi e per i reati di furto in abitazione, rapina, procurata evasione di soggetto detenuto presso la propria abitazione. In particolare 24 indagati sono finiti in carcere, 16 ai domiciliari mentre per altri 15 soggetti è stata disposta la misura dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Teatro dei fatti il Parco Verde di Caivano, degradato complesso residenziale alla periferia di Napoli, noto come importante piazza di spaccio dove si riforniscono pusher e trafficanti provenienti dal resto della Campania e da altre regioni.
Dalle indagini coordinate dalla Procura di Napoli Nord e realizzate dai carabinieri della Sezione Operativa della Compagnia di Casoria, è emerso che gli indagati prendevano contatti telefonici con gli acquirenti accordandosi su quantità e luogo di consegna della droga. Lo stupefacente veniva affidato per la consegna a soggetti incensurati o comunque di giovane età, in alcuni casi anche minorenni, e sempre in piccole quantità in modo da avere meno problemi con le forze dell’ordine.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Milano occupato ex cinema Arti
Scuola e spettacolo insieme per chiedere riaperture
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 febbraio 2021
08:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Milano un gruppo di studenti appartenenti a diverse scuole insieme ad un gruppo di lavoratori dello spettacolo hanno occupato gli spazi dell’ex cinema Arti in via Mascagni. “Dopo le occupazioni delle scuole di gennaio, il mondo della scuola si unisce a quello dello spettacolo per chiedere non solo una riapertura di luoghi della formazione e della cultura in sicurezza, ma per una riforma radicale di entrambi i settori”, si legge in un comunicato.
Fuori dalla struttura abbandonata è stato appeso lo striscione con la scritta ‘Create il vuoto culturale noi lo occupiamo’ e sono stati accesi dei fumogeni.
L’ingresso nello spazio, come spiegano gli occupanti in un comunicato, “chiaramente, è avvenuto in sicurezza dal punto di vista sanitario, attraverso tamponi antigienici svolti in loco, termoscanner, DPI, igienizzazione e riqualificazione dello spazio”. I lavoratori dello spettacolo chiedono misure di sostegno al reddito adeguate al periodo di emergenza fino a fine 2021, una ripartenza totale del settore con aiuti concreti per tutti gli spazi culturali e l’apertura di un tavolo interministeriale .
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ragazza morta, trans arrestato in blitz antidroga dei CC
Disposto il carcere per accusa spaccio di sostanze stupefacenti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
23 febbraio 2021
09:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tra le 24 persone arrestate dai carabinieri, per le quali il gip di Napoli Nord ha disposto il carcere, c’è anche Cira Migliore, detto Ciro, il transgender fidanzato con Maria Paola Gaglione, la giovane morta la notte tra il 10 e 11 settembre scorsi, ad Acerra (Napoli) a causa di una rovinosa caduta dallo scooter guidato da Cira, inseguito dal fratello di Maria Paola, Michele Antonio Gaglione, in sella a una moto, contrario alla loro relazione. Il giovane è accusato di omicidio volontario.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cira Migliore, invece, è accusata di essere un pusher: i carabinieri hanno documentato diversi cessioni che la vedono protagonista. La vicenda di Ciro e Maria Paola, due giovani innamorati del Parco Verde di Caivano (Napoli) è stato un importante caso di cronaca, lo scorso settembre. Da diverse parti si parlò dello spettro della transfobia come movente dell’accaduto, sempre smentito dal fratello della vittima, che all’inizio del 2021 si è visto aggravare l’accusa che gli veniva contestata da omicidio preterintenzionale a omicidio volontario. Il fratello di Maria Paola ha sempre sostenuto di non avere mai avuto l’intenzione di uccidere la sorella o il suo compagno. Le famiglie di Maria Paola e di Ciro sono entrambe residenti nel Parco Verde di Caivano, in provincia di Napoli, dove oggi i militari dell’arma hanno eseguito, complessivamente, 55 misure cautelari nell’ambito di una vasta operazione antidroga, nella quale è incappata anche Ciro Migliore.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si cucì bocca a processo, boss Ercolano di nuovo arrestato
Cugino Nitto Santapaola girava armato a Torino
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
23 febbraio 2021
09:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Già condannato per mafia nel maxiprocesso di Palermo, e ora libero dopo alcuni decenni trascorsi in carcere, girava armato di pistola. Salvatore Ercolano detto ‘Turi’, 70 anni, esponente di spicco del clan catanese ‘Santapaola-Ercolano’ è stato arrestato dai carabinieri del Comando provinciale di Torino e si trova ora ai domiciliari.

E’ accusato di porto e detenzione illegale di armi.
Cugino del boss Nitto Santapaola, Ercolano è considerato anch’egli un ‘capo’. Divenne celebre a metà degli anni Ottanta, per la protesta che mise in scena in aula durante il maxi processo, a cui si presentò con le labbra cucite con una spillatrice.
Le indagini, condotte dai militari del Nucleo Investigativo tra marzo e maggio 2019, hanno consentito di accertare che in più occasioni Ercolano ha girato sul territorio nazionale armato di pistola.
L’ordinanza di custodia cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal Gip di Torino su richiesta della locale Procura della Repubblica – DDA, è stata eseguita ieri mattina dai carabinieri.   PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Aggredisce passanti e agenti, ucciso
Poliziotto spara a uomo armato di coltello
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 febbraio 2021
10:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un uomo che la scorsa notte a Milano ha aggredito dei passanti per strada, armato di un grosso coltello, è stato ucciso dagli agenti intervenuti. L’uomo, un filippino con precedenti, forse in stato alterato durante le aggressioni, si è scagliato più volte contro gli agenti uno dei quali, dopo aver cercato di contenerlo, ha sparato uccidendolo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Secondo quanto riferito stamani dalla Polizia di Stato le Volanti di Milano sono intervenute alle 00.20 in via Sulmona, dove diversi cittadini avevano segnalato l’uomo in strada. Il soggetto, un 45 enne di cui ancora non sono state divulgate le generalità, con precedenti per reati contro la persona e spaccio, brandiva un coltello e secondo le testimonianze avrebbe tentato di aggredire prima un rider e poi un uomo che usciva dal portone di un palazzo. Entrambi sono riusciti a fuggire.
All’arrivo di una prima pattuglia l’uomo si è scagliato contro gli agenti, che hanno cercato di contenere la sua furia con i manganelli. Uno dei due indietreggiando è caduto sbattendo la testa ed è svenuto. In quel momento è sopraggiunta una seconda pattuglia del 113 e l’uomo si è scagliato anche contro gli altri due agenti. Uno dei due, dopo aver cercato di evitarlo, ha sparato alcuni colpi, forse due o tre, nella parte bassa della figura. Ma i colpi devono aver leso parti vitali e in pochi minuti l’uomo è deceduto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incendio in porto Ancona: fiamme domate da Vvf all’1.30
In scalo turistico Marina Dorica,area ricarica e capanni diporto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
23 febbraio 2021
10:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato spento definitivamente nella notte, all’1.30, dopo oltre tre ore di intervento dei vigili del fuoco, l’incendio divampato ieri sera poco prima delle 22 nella zona del porto turistico di Marina dorica ad Ancona. Due squadre (22 vigili del fuoco e 5 automezzi) del comando di Ancona sono intervenute per domare il rogo che ha distrutto alcuni manufatti.

L’incendio ha interessato l’area di ricarica di auto elettriche in uso a Marina Dorica e alcuni capanni, in materiale ‘sandwich’, per il rimessaggio delle barche, in uso ai diportisti, contigui all’area stessa. In circa un’ora i vigili avevano già posto sotto controllo le fiamme che hanno divorato due capannoni in materiale plastico contenenti masserizie e ne hanno danneggiato un terzo, per una superficie di circa 200 mq: non ci sono stati feriti né intossicati, ma l’odore del fumo è arrivato nei quartieri vicini. All’1.30 i pompieri hanno hanno avuto definitivamente la meglio sul rogo. Si tratta del secondo incendio in pochi mesi nello scalo anconetano, dopo quello dello scorso settembre che ha distrutto gran parte dell’area ex Tubimar.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Droga: traffico Italia-Albania, arresti
Polizia di Milano smantella due bande
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 febbraio 2021
10:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Due bande di trafficanti di droga sono state sgominate dalla Polizia di Stato di Milano, che sta effettuando numerosi arresti.
L’indagine, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Milano, prevede l’esecuzione di numerose misure di custodia emesse dal gip del Tribunale di Milano “nei confronti di due associazioni per delinquere operanti a Milano e dedite al traffico internazionale e nazionale di stupefacenti, composte prevalentemente da cittadini italiani e albanesi che importavano in Lombardia ingenti quantitativi di cocaina, hashish e marjuana che poi distribuivano in varie regioni d’Italia”.

Le indagini, svolte dalla sezione Antidroga della Squadra Mobile di Milano sono state coordinate dal Servizio Centrale Operativo e dalla DCSA ed hanno visto la collaborazione delle autorità albanesi attivate dal Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: sindaco Jesi, positivo nonostante cautele, attenzione
Per focolai e criticità ospedale aveva disposto zona arancione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
JESI
23 febbraio 2021
10:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Alla fine il focolaio sviluppatosi in Comune è arrivato anche a me”. E’ lo stesso sindaco di Jesi Massimo Bacci a far sapere in un post su Facebook la propria positività.
Nei giorni scorsi, dopo le limitazioni di ingresso e uscita dalla Provincia di Ancona dettate dalla Regione, aveva disposto la ‘zona arancione’ per il Comune in seguito alla situazione “contagi e quarantenati in città, ai focolai presenti in città e alcuni Comuni limitrofi, alle criticità all’ospedale Carlo Urbani per l’altissimo numero di ricoverati Covid, ai carichi di lavoro oltre il limite da parte dei medici Usca (Unità speciali di continuità assistenziale) impegnati nelle cure domiciliari”.
“Malgrado sia stato estremamente scrupoloso, – spiega Bacci – sono infatti risultato positivo al tampone, al pari di alcuni mei collaboratori. Sto abbastanza bene e continuerò il mio lavoro da casa. – conclude – Resto sempre più convinto dell’opportunità della decisione assunta con misure più stringenti per contenere questo subdolo contagio. E rinnovo l’invito a tutti per la massima attenzione e collaborazione”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sequestrate carrozze e locomotive storiche Ferrovie Sardegna
Blitz Gdf e carabinieri,sigilli a 30 mezzi a scartamento ridotto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
23 febbraio 2021
10:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Era state abbandonate in pessimo stato di conservazione, nonostante fossero patrimonio storico non solo della Sardegna ma di tutta Italia. La Guardia di Finanza di Cagliari, in collaborazione con i carabinieri, ha sequestrato 30 tra locomotive, carrozze ferroviarie e vecchie “littorine” a scartamento ridotto sullo stile del razionalismo funzionale del periodo tra i primi del ‘900 e il 1932 che erano ferme nei depositi di Monserrato, Mandas, Sassari e Macomer.

Gli inquirenti valutano alcune ipotesi di reato: dal danneggiamento del patrimonio storico culturale nazionale, all’uso illecito di beni culturali, fino all’abuso d’ufficio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Marche, record febbraio 581 casi e 211 da test rapidi
Numero più alto da 9/1. 4.942 nuove diagnosi, 2.609 antigenici
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
23 febbraio 2021
10:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Numero record per febbraio di positivi al coronavirus nelle Marche nell’ultima giornata: sono 581 uno dei valori assoluti più alti dall’inizio dell’anno, seppure su un numero di tamponi più consistente, dopo i 688 dell’8 gennaio e i 687 del 9 gennaio. Nel Percorso Screening Antigenico effettuati “2.609 test e riscontrati 211 casi positivi (da sottoporre al tampone molecolare).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il rapporto positivi/testati è pari all’8%”.
Lo comunica il Servizio Sanità della Regione Marche: “nelle ultime 24 ore testati 7.316 tamponi di cui 4.942 nel percorso nuove diagnosi (2.609 nel percorso Antigenico) e 2.374 nel percorso guariti (rapporto positivi/testati pari all’11,8%)”. E’ ancora Ancona a far registrare la maggior parte dei casi positivi, quasi la metà, con 274 contagi. A livello provinciale seguono Macerata (122), Pesaro Urbino (69), Ascoli Piceno (57), e Fermo (33; 26 i casi provenienti da fuori regione.
Tra i contagiati 68 persone con sintomi. I casi comprendono contatti in setting domestico (94), contatti stretti di casi positivi (216), in setting lavorativo (24), in ambienti di vita/socialità (1), in setting assistenziale (3), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (18), screening percorso sanitario (1 caso rilevato). Per altri 156 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanità: falsi bilanci, interdetti Cotticelli e Scura
Provvedimento gip Cosenza anche per ex Dg dipartimento Regione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
COSENZA
23 febbraio 2021
11:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il gip di Cosenza ha emesso un provvedimento di interdizione dai pubblici uffici per la durata di un anno nei confronti degli ex commissari alla sanità in Calabria Massimo Scura e Saverio Cotticelli, indagati nell’inchiesta “Sistema Cosenza” sulla presunta falsificazione dei bilanci dell’Azienda sanitaria provinciale cosentina nel triennio 2015-2017. Il provvedimento, per la stessa durata, è stato emesso anche nei confronti degli ex dg del Dipartimento tutela della salute della Regione Bruno Zito e Antonio Belcastro – quest’ultimo attuale delegato del soggetto attuatore per l’emergenza Covid – del dirigente regionale Vincenzo Ferrari, e dei dirigenti dell’Asp Aurora De Ciancio e Nicola Matrota.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per altri due dirigentti Asp Fabiola Rizzuto e Antonio Scalzo, la durata del provvedimento è di sei mesi.
I nove, in occasione dell’operazione – condotta dalla Guardia di finanza il 5 febbraio scorso con l’esecuzione di divieto di dimora nei confronti di altri 6 indagati – avevano ricevuto l’invito a rendere testimonianza davanti al gip proprio in relazione alla richiesta della Procura della Repubblica di sospensione dall’esercizio di pubblico ufficio. Le accuse ipotizzate, a vario titolo, sono abuso d’ufficio, falsità materiale commessa del pubblico ufficiale in atti pubblici e falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici. I provvedimenti sono stati notificati dai finanzieri del Nucleo di Polizia economico-finanziaria di Cosenza.
“Si tratta – ha detto l’avvocato Francesco Rotundo, legale di Massimo Scura – di un provvedimento di oltre 200 pagine e certamente presenteremo ricorso al Tribunale della libertà. I commissari non hanno mai avuto il bilancio da parte del dipartimento e per questo il provvedimento mi lascia perplesso.
Il mio assistito è rimasto male perché nel momento in cui ha avuto i bilanci dell’Asp li ha bocciati e al Gip abbiamo portato il decreto con il quale Scura bocciò il bilancio 2014, per il 2015 e 2016 non gli è mai arrivato, come faceva a valutarlo? Queste pratiche non sono mai state istruite”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Torino: estorsione sindaca, Pasquaretta a giudizio
Rinviati tutti gli imputati, processo si aprirà a novembre
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
23 febbraio 2021
11:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È terminata con il rinvio a giudizio di tutti gli imputati l’udienza preliminare del procedimento che fra gli episodi contestati annovera una presunta estorsione ai danni della sindaca Chiara Appendino e dell’ex viceministro Laura Castelli. Il processo si aprirà in tribunale a novembre.

Al centro della vicenda figura l’ex portavoce della sindaca, Luca Pasquaretta. Secondo l’accusa del pm Gianfranco Colace, dopo lo scioglimento consensuale del rapporto di collaborazione, nell’estate del 2018 avrebbe minacciato rivelazioni all’autorità giudiziaria per ottenere altri incarichi lavorativi. Pasquaretta ha sempre respinto ogni accusa.
La sindaca Appendino e l’ex viceministro Castelli non si sono costituite parte civile. L’episodio rientra in un’inchiesta più vasta in cui sono presi in esame anche altre vicende con imputati diversi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Genovese: chiede domiciliari per curarsi
Istanza difesa a gip Milano per scarcerazione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 febbraio 2021
12:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ha chiesto la scarcerazione e gli arresti domiciliari in una struttura, dove potersi disintossicare, Alberto Genovese, l’imprenditore del web in carcere a San Vittore dallo scorso 6 novembre per aver stordito con un mix di droghe e aver stuprato una 18enne in un festino il 10 ottobre scorso nel suo attico di lusso nel cuore di Milano.
L’istanza della difesa è ora sul tavolo dei pm milanesi per il parere e poi la parola passa al gip.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Brescia verso la fascia arancione ‘rafforzata’
Potrebbero esserci misure ancora più restrittive per le scuole
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 febbraio 2021
11:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dovrebbe diventare molto presto fascia arancione la Provincia di Brescia e otto comuni della Provincia di Bergamo confinanti con Brescia. La misura sarà presa da Regione Lombardia d’intesa con il governo.

Sull’argomento riferisce alle 12,30 in Aula del Consiglio Regionale il vice presidente e assessore al Welfare, Letizia Moratti. Da quanto si apprende da fonti regionale potrebbero esserci anche ulteriori misure restrittive, rispetto alla fascia arancione, per quanto riguarda le scuole.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: fino a 2.500/giorno a presidio Difesa Cecchignola
Partita somministrazione a militari, poi anche ai civili
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
11:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il primo presidio vaccinale anticovid della Difesa, costituito nella cittadella militare della Cecchignola (Roma), è operativo. Da ieri è iniziata la vaccinazione a favore dei militari di tutte le forze armate in servizio a Roma e nel Lazio.
L’installazione, presentata al ministro della Difesa Lorenzo Guerini giovedì scorso, consentirà di somministrare fino a 2.500 vaccini al giorno attraverso 32 postazioni dove opereranno 40 medici e 70 infermieri di tutte le forze armate e dell’Azienda sanitaria locale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pirateria: studio legale Usa, profitti su 4 conti a Napoli
Informazioni consegnate in Procura. Lista vittime lunghissima
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
23 febbraio 2021
11:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quattro dei conti correnti sui quali venivano versati gli illeciti profitti della pirateria multimediale italiana sono stati attivati su filiali di istituti bancari che si trovano a Napoli. A rendere nota l’informazione è Emme-Team, lo studio di consulenza italo-statunitense che si sta occupando, tra l’altro, di fare luce sulla morte di Tiziana Cantone, la giovane vittima di revenge-porn trovata morta in casa il 13 settembre 2016 a Mugnano (Napoli).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Tutte queste prove certificate dalla Corte statunitense e dai gestori di servizi internet, – si legge nella nota di Emme-Team – sono già state messe a disposizione della Guardia di Finanza e consegnate alla Procura della Repubblica di Napoli”.
Il capoluogo partenopeo, con la possibilità di bloccare le violazioni on line e di ottenere il risarcimento del danno subito, grazie ai tabulati internet consegnati su ordine della Corte Federale, “può diventare il simbolo della lotta alla Pirateria”. Le informazioni ottenute da Emme-Team sono frutto del procedimento federale civile statunitense intentato da Emme Team in rappresentanza di Lux Vide SPA, per la pirateria multimediale delle loro produzioni cine-televisive e successivamente grazie alle richieste di blocco della distribuzione illegale dei propri brani musicali da parte di artisti tra cui l’autore di testi Mogol, i cantautori Bobby Solo, Gianni Bella ed altri autori letterari è finalmente possibile, dopo due anni di intenso lavoro e grazie ai tabulati internet consegnati su ordine della Corte Federale, conoscere l’identità di chi da quasi vent’anni gestisce tutti i server utilizzati dalla pirateria italiana.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Università: a Bologna didattica ‘mista’ anche nel semestre
La possibilità di lezioni in presenza e a distanza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
23 febbraio 2021
12:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’università di Bologna conferma la possibilità di svolgere didattica in forma mista, in presenza e in distanza, anche nel primo semestre dell’anno accademico 2021-2022. La decisione è arrivata dal Cda, riguarda i corsi di primo, secondo e ciclo unico e quello di terzo ciclo, oltre a quelli professionalizzanti ove compatibili.

Si va in continuità con i provvedimenti dello scorso autunno e le nuove disposizioni nazionali (Dpcm del 14 gennaio 2021) che invitano le Università a predisporre piani di organizzazione della didattica e delle attività curriculari, da svolgersi a distanza o in presenza, tenendo conto delle esigenze formative e dell’evoluzione del quadro pandemico territoriale.
Tutte le 805 aule dell’Ateneo usate per la didattica, sono state attrezzate per l’erogazione in modalità mista con un insieme di apparecchiature uguali per tutte le aule, mentre la gestione delle presenze degli studenti è stata realizzata tramite la app presente.unibo.it, che permette l’indicazione della modalità di svolgimento della lezione da parte del docente e il tracciamento degli studenti in collegamento con il sistema di gestione dei casi di positività al Covid.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Ndrangheta:20 mln beni confiscati a esponente clan Mancuso
Sigilli a terreni, capannoni, un’area di servizio e una villa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
23 febbraio 2021
12:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Beni mobili e immobili per circa 20 milioni di euro, riconducibili a Giovanni Mancuso, detto “Billy”, di 80 anni, esponente di spicco dell’omonima cosca di ‘ndrangheta, già sottoposto a sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno, sono stati confiscati dai finanzieri del Comando provinciale di Vibo Valentia, coordinati dal Procuratore di Catanzaro,Nicola Gratteri, dall’Aggiunto, Vincenzo Capomolla e dai sostituti Antonio De Bernardo e Pasquale Mandolfino. Il provvedimento, eseguito su disposizione della seconda sezione penale del Tribunale di Catanzaro, trae origine dall’operazione “Terra Nostra”, diretta dalla Dda e condotta dal Nucleo di Polizia economico finanziaria di Vibo Valentia, a conclusione della quale, nell’ottobre 2019, erano stati sequestrati 92 terreni: 29 fabbricati; 6 autoveicoli; 1 trattore agricolo; 2 aziende agricole; due ditte individuali, delle quali una esercente l’attività di commercio di carbolubrificanti con annessa stazione di servizio, tutti riconducibili al Mancuso Giovanni, ma formalmente intestati a prestanomi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il decreto di confisca è stato emesso a conclusione dell’attività istruttoria che ha confermato la riconducibilità dei beni al Mancuso, nonché la sussistenza del profilo della sproporzione tra i redditi del suo nucleo familiare e il valore dei beni sequestrati.
Dalle indagini era emerso che Giovanni Mancuso Giovanni assieme ad altri 23 componenti del medesimo nucleo familiare e ad affiliati al clan, controllava tutte le attività economiche del comune di residenza e dei centri vicini ricavandone illeciti profitti e costituendo un patrimonio di beni detenuti sia direttamente che attraverso soggetti ai quali ne era stata attribuita, fittiziamente, la titolarità e/o la disponibilità.
Gli immobili confiscati, tra cui capannoni industriali, terreni, un’area di servizio e una villa, sono ubicati a Milano, Limbadi, Nicotera, Filandari, Rombiolo, Zungri, Drapia e Vibo Valentia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
12:59
CONGO: STASERA IL RIENTRO DELLE SALME, DOMANI L’AUTOPSIA.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Veneto, +1.062 contagi, tornano a crescere ricoveri
Nei reparti non critici 46 nuovi pazienti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
23 febbraio 2021
13:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Riprendono a crescere i contagi Covid e anche i ricoveri in Veneto. Dopo il rallentamento di ieri (erano 509 casi) sono 1.062 i nuovi positivi al virus in 24 ore, per un totale di 328.078 infetti dall’inizio dell’epidemia.

I decessi da ieri sono stati 21, per un numero complessivo di 9.742 vittime. Lo riferisce il bollettino della Regione. Il dato più negativo riguarda però la ripresa dei ricoveri: sono 46 in più i pazienti Covid nei reparti non critici degli ospedali (1.55 in totale); in crescita (+3) anche i malati in terapia intensiva, 139. Un aumento dei ricoveri non si registrava in Veneto dal primo gennaio scorso. “Non sottovaluterei questo dato, perchè ci preoccupa – ha detto Luca Zaia – E’ il primo giorno di risalita”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Congo: Sonnino, intitoliamo a Iacovacci caserma Arma
La proposta del sindaco all’arma dei carabinieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
14:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Comune di Sonnino vorrebbe intitolare la locale caserma dei carabinieri alla memoria di Vittorio Iacovacci, il carabiniere ucciso in Congo. “Noi oltre ad indire il giorno di lutto cittadino in concomitanza con i funerali, vogliamo chiedere ai vertici dell’Arma di intitolare la caserma dei carabinieri di Sonnino a Vittorio Iacovacci”.
Lo dice il sindaco di Sonnino Luciano De Angelis.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Congo: sindaco Limbiate, rientro salme alle 23 a Roma
‘Genitori increduli, Luca aveva mandato loro video missione’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 febbraio 2021
14:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La salma dell’ambasciatore in Congo Luca Attanasio, ucciso in un attentato insieme al carabinieri di scorta Vittorio Iacovacci, rientrerà “alle 23 a Roma”. “I genitori partono alle 15 per Roma” ha spiegato Antonio Domenico Romeo, sindaco di Limbiate, la cittadina brianzola dove Attanasio è cresciuto aggiungendo che, a prescindere dal fatto che ci siano o meno funerali di Stato, una cerimonia sarà organizzata anche in paese.
“Qui la faremo sicuramente.
All’aperto, al centro sportivo” ha aggiunto.
I genitori “sono stravolti e increduli come del resto si può facilmente immaginare davanti ad un dolore simile – ha detto il sindaco -. E il particolare che rende tutto più atroce è che ieri mattina alle 9 Luca aveva inviato loro sul cellulare un video con la partenza per quella missione e alle 12 i genitori hanno ricevuto la terribile telefonata”. In paese le bandiere sono state messe a lutto e la drammatica uccisione ha colpito tutti”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Bertolaso, a Brescia siamo di fronte a terza ondata
Elevato a 4 il livello di attenzione delle rianimazioni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 febbraio 2021
14:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“A Brescia evidentemente ci troviamo di fronte alla terza ondata”: così Guido Bertolaso ha detto parlando al Consiglio regionale della Lombardia, spiegando che il direttore dell’assessorato al Welfare Giovanni Pavesi “ha elevato il livello di attenzione delle rianimazioni da tre a quattro”.
“La provincia di Brescia – ha aggiunto l’ex capo della Protezione civile – ha un’incidenza, ovvero un numero di nuovi casi, doppia rispetto al resto delle province lombarde.
Allo stato attuale, la situazione è sotto controllo e gestibile rispetto all’autunno passato, in tutto il territorio regionale, tranne in provincia di Brescia, dove siamo di fronte alla terza ondata della pandemia. Uno stato che va aggredito immediatamente”.
I reparti di rianimazione a Brescia sono “sotto stress” e per questo Areu ha “già trasportato pazienti nelle aree limitrofe”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: in Italia quasi 6Mln stranieri
Ismu, irregolari stimati a 517mila, -8%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
12:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Italia al primo gennaio 2020 gli stranieri presenti erano quasi 6 milioni, 5.923.000, su una popolazione di 59.641.488 residenti (poco meno di uno straniero ogni 10 abitanti). Il dato è del XXVI Rapporto sulle migrazioni 2020, elaborato da Fondazione Ismu e presentato online.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tra i presenti, i residenti sono circa 5 milioni (l’85%), i regolari non iscritti in anagrafe sono 366 mila, mentre gli irregolari sono poco più di mezzo milione (517mila). Rispetto alla stessa data del 2019, la variazione degli stranieri presenti è stata del -0,7%. Tra i residenti stranieri i maschi rappresentano il 48,2% del totale e le femmine il 51,8% (tra la popolazione italiana le donne sono il 51,2% del totale), i minorenni il 20,2% (sono il 14,8% di quelli di cittadinanza italiana) e gli ultrasessantacinquenni sono il 4,9% (contro il 24,9% tra gli italiani). Nel 2020 è stato registrato un calo degli irregolari: se al primo gennaio 2019 le persone prive di un valido titolo di soggiorno stimate da Ismu erano 562 mila, al primo gennaio 2020 queste sono scese a 517 mila (-8%). “Un cambiamento che si è verificato prima del provvedimento di regolarizzazione del 2020 e seppur in presenza di una nuova normativa sull’asilo che ha accresciuto la platea degli esclusi”, si legge nel Rapporto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo, Naomi Campbell non sarà al festival
Amadeus, forfait legato alle nuove restrizioni Usa anti pandemia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
20:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Naomi Campbell non sarà al festival di Sanremo. La ‘Venere nera’ avrebbe dovuto co-condurre la serata di apertura di martedì 2 marzo.
Lo annuncia il direttore artistico Amadeus, spiegando che il forfait è legato alle “nuove restrizioni Usa” anti pandemia.

Cronaca tutte le notizie in tempo reale. Costantemente aggiornate! LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 25 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 09:24 ALLE 18:32 DI LUNEDì 22 FEBBRAIO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Incidente ex giocatore Cagliari, migliorano condizioni Cossu
Da Rianimazione a Chirurgia Toracica, prognosi resta riservata
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
22 febbraio 2021
09:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migliorano le condizioni di Andrea Cossu, l’ex giocatore del Cagliari e della Nazionale rimasto ferito sabato sera in un incidente stradale avvenuto lungo la statale 554 nel Cagliaritano. Il calciatore, dopo la seconda tac a cui è stato sottoposto, è stato trasferito dal reparto di Rianimazione dell’ospedale Brotzu a quello di Chirurgia Toracica del Businco.
Tra le varie ferite riportate nello schianto c’è infatti anche un forte trauma toracico. Le sue condizioni sono in lento miglioramento, per il momento i medici mantengono riservata la prognosi, ma potrebbero scioglierla già in giornata. Intanto proseguono gli accertamenti condotti dalla polizia municipale di Selargius per ricostruire la dinamica dell’incidente, per capire perché la Porsche condotta dall’ex calciatore sia finita fuori strada. La vettura è stata sequestrata.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lolita Lobosco, record, 7 mln 535mila e 31.8 share
Fiction Rai1 con Luisa Ranieri vola negli ascolti su Rai1
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
10:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una partenza incredibile per la prima puntata delle Indagini di Lolita Lobosco andata in onda su Rai 1 in prima serata ieri: 7.5 milioni 535mila spettatori con il 31.8% di share. Numeri che fanno della serie tv con Luisa Ranieri, nel ruolo del vicequestore della nuova serie giallo-comedy firmata dal regista Luca Miniero e liberamente tratta dai romanzi di Gabriella Genisi (editi da Sonzogno e Marsilio Editori) una rivelazione nel panorama della fiction Rai.
Una produzione Bibi Film Tv e Zocotoco in collaborazione con Rai Fiction. Nel cast ci sono anche Lunetta Savino nel ruolo della madre di Lolita Nunzia e Filippo Scicchitano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fazio si opera, domenica 28 sospeso Che tempo che fa
“Piccolo intervento, non potrò parlare per qualche giorno”
_
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
12:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Noi non ci vediamo la settimana prossima, devo fare un piccolo intervento che non mi consentirà di parlare per qualche giorno. Appena sarà possibile saremo di nuovo qua”.
Fabio Fazio ha annunciato così – nel corso della puntata di domenica 21 febbraio – la sospensione dell’appuntamento con Che tempo che fa di domenica 28 febbraio su Rai3.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
David Leavitt, l’esordio, la vita
Nuova edizione di ”Ballo di famiglia” per Sem
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
10:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
DAVID LEAVITT, BALLO DI FAMIGLIA (Sem, pag. 231, euro 17.00 Nuova traduzione di Fabio Cremonesi).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stupefacente. Si non trovo altre parole per raccontare l’emozione che mi ha dato rileggere dopo tanti anni ”Ballo di famiglia”, il più fulminante esordio letterario di una generazione che ha portato nuova luce nella letteratura americana. David Leavitt è capace di riportare quella rivoluzione che fu la sua prosa asciutta e insieme intensa fino allo struggimento nelle due cose nuove che arricchiscono questo prezioso volume che torna nella bella traduzione di Fabio Cremonesi, l’introduzione e il meraviglioso brevissimo racconto inedito che le dà un rinnovato finale.
Ecco ”il pensiero le era venuto nello stesso modo in cui il portatore di un epidemia arriva in una cittadina ignara”, scrive in ”Contando i mesi”, racconto in cui la protagonista si rende improvvisamente conto di essere capitata nel giorno in cui le era stata annunciato che sarebbe avvenuta la sua morte.
E’ con la stessa potenza che Leavitt torna a rileggere questi suoi racconti scritti quando aveva poco più di vent’anni, era il 1984 quando uscirono e cambiarono per sempre la sua esistenza.
Rileggerli per lui è in qualche modo rileggere la sua vita, quando pubblicò sul New Yorker ad esempio ”Territorio”, considerato il primo racconto gay mai apparso su quel magazine.
”Parla di un giovane gay che invita a casa il suo ragazzo per presentargli la madre, e io fino a quel momento non avevo mai ammesso di essere gay con me stesso figuriamoci con mia madre; non avevo mai avuto un ragazzo e tantomeno mi ero sognato di portarlo a casa”. Racconti legati a pensieri nemmeno ancora formulati nella sua mente, racconti legati a luoghi, che per lo scrittore sono soprattutto quelli in cui li ha scritti poi divenuti altrettanto centrali nella sua vita. Come ”Danny in transito” scritto sul polveroso pavimento di una camera d’albergo a Roma, quando l’Italia sarebbe diventata la sua seconda patria. E poi la scelta dell’agente che gli avrebbe fatto capire che la cosa più importante era fare quello che sentiva di fare, come gli avevano insegnato i suoi maestri Raimond Carver e Grace Paley. E Paley, ricorda Leavitt, a chi le chiedeva perchè scriveva racconti rispose: ”Perchè l’arte è breve e la vita è lunga”. Si la vita, quella che oggi a 59 anni Leavitt dice che fa sempre più fatica a far entrare nella pagina di un libro ed invece allora ci cadeva così con la stordita naturalezza che gli era propria, senza quasi che se ne accorgesse.
E poi rileggere questo bellissimo libro che ci aveva saputo descrivere il mondo in cui tutti noi saremmo caduti sognando una libertà che ci lasciava desolati, varrebbe la pena oggi anche solo per scoprire nella nuova introduzione l’omaggio che l’autore fa alla sua traduttrice di allora, la grande Delfina Vezzoli a cui regala una pagina a dir poco commovente.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Addio al nubilato, una commedia tutta al femminile
Chiatti, Francini e Liskova nel film di Apolloni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
10:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’universo femminile davanti a uno degli appuntamenti più importanti della vita: il matrimonio. E così L’ADDIO AL NUBILATO, film di Francesco Apolloni dal 24 febbraio su Amazon Prime Video, diventa un’occasione di confronto tra quattro amiche che si rincontrano dopo circa vent’anni in un grande albergo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il film – girato interamente durante il Covid e prodotto da Santo Versace e Gianluca Curti, per Minerva Pictures, con Rai Cinema in collaborazione con Amazon Prime Video che lo distribuirà il 24 febbraio – racconta appunto questo incontro in cui emergono ricordi comuni, uomini condivisi, antiche invidie e, soprattutto, vecchie ferite seppellite dal tempo.
“Definirei questo film con una sola frase: è una parabola sul tempo. La vita è troppo breve per non vivere le proprie passioni” dice il regista. E poi aggiunge, parlando del mondo femminile: “Le donne sono migliori degli uomini, più coraggiose. E lo posso dire io che ho avuto una madre che ha deciso di mettermi al mondo a 17 anni nell’Italia degli anni Settanta, quando fare una cosa del genere era mettersi sullo stesso piano di una prostituta”.
Queste le protagoniste del film: Linda (Laura Chiatti), pittrice che vive nella suite dell’albergo di suo padre; Vanessa (Chiara Francini), attrice frustrata con una separazione alle spalle e una figlia problematica; Eleonora (Antonia Liskova), ‘life coach’ che ha come priorità assoluta il sesso; Akiko (June Ichikawa), amante delle discipline orientali e, infine, Cristiana, diciottenne compagna di Linda.
La mancanza di una tradizione italiana per film dedicati agli addii al nubilato o comunque, di sole donne, spiega Apolloni – che si è ispirato a una sua piece teatrale omonima – “è qualcosa che nasce da lontano. Una volta non si pensava mai alle donne come uniche protagoniste. In genere facevano da spalla, ora siamo sicuramente più liberi”.
Dice Laura Chiatti: “Linda, il mio personaggio, è un’artista, una fotografa che ha un suo segreto che rivela alle amiche l’unica notte in cui si svolge tutto il film”.
Sul ruolo della donna oggi, dice l’attrice, “è sicuramente più integra, più forte. Il solo fatto di avere la possibilità di diventare madre ti fa sentire di avere superpoteri, come è capitato a me quando ho partorito e poi mi sono immediatamente presa cura di mia figlia senza provare alcuna stanchezza”.
Le fa eco la Francini: “Non ho figli, ma se avessi una bambina le direi: se vuoi ottenere 18 devi arrivare a 25, insomma per le donne la strada è sempre in salita”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Modena City Ramblers festeggiano trent’anni carriera
Concerto live streaming il 17 marzo all’Estragon di Bologna
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
22 febbraio 2021
15:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I Modena City Ramblers festeggeranno il 30/o anniversario dalla loro formazione con un concerto in live streaming – ’30 MCR 1991-2021 Trent’anni di combat folk’ – in programma mercoledì 17 marzo, festa di San Patrizio, all’Estragon di Bologna, un luogo dove la band è ‘di casa’.
Prevista una serie di opzioni di acquisto e opportunità per condividere ogni momenti di questa giornata, dalle prove del pomeriggio ai collegamenti video dal backstage, fino alla possibilità di interagire da casa con una speciale live chat.

Oltre al concerto, in diretta, il pubblico avrà la possibilità di riguardare la registrazione dell’evento per le 24 ore successive.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dal massacro di Kindu a Goma, 60 anni di sangue
Dal 1949 un centinaio i militari italiani morti all’estero
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
16:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’attentato avvenuto a Goma, nel quale sono rimasti vittime l’ambasciatore italiano in Congo Luca Attanasio e un carabiniere, riporta alla mente il massacro di Kindu del 1961, quando furono brutalmente assassinati 13 aviatori italiani della 46esima Brigata aerea dell’Aeronautica militare. Anche in quel caso i militari facevano parte di un contingente Onu inviato per la grave crisi che il Paese africano stava affrontando dopo l’indipendenza dal Belgio.
Ma la lunga scia dei militari italiani morti all’estero dopo la Seconda Guerra Mondiale parte dal 1949, quando il finanziere Antonio Di Stasi perse la vita ucciso da copi di scimitarra in un’imboscata a Senafé, in Eritrea.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’anno successivo, nel 1950, sempre in Eritrea, il maresciallo dei carabinieri Pio Semproni fu ucciso in un conflitto a fuoco. Nel 1952 due carabinieri, Luciano Fosci e Flavio Salacone, trovarono la morte nel tentativo di bloccare i manifestanti durante una violenta rivolta in Somalia. Nel 1973 il capitano Carlo Olivieri fu colpito mortalmente da un razzo nelle prime ore della guerra del Kippur, in Egitto. Nel 1983 a Beirut, in Libano, il marinaio della Marina Militare Filippo Montesi, del contingente di pace, fu ucciso a colpi di mitra durante un pattugliamento notturno.
Nel 1992, in Croazia, quattro militari italiani perdono la vita nell'”eccidio di Podrute” in seguito all’abbattimento dell’elicottero sul quale viaggiavano. Mesi dopo sul Monte Zec, in Bosnia-Erzegovina, quattro aviatori italiani vengono abbattuti sul loro aereo che trasportava aiuti umanitari. Il 1993 è uno degli anni più tristi per l’Italia impegnata nelle missioni “Restore Hope” e “Ibis II”, in Somalia.
Nella cosiddetta “battaglia del checkpoint Pasta”, a Mogadiscio, tre soldati restano vittime di un’imboscata di miliziani armati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nello stesso anno, sempre a Mogadiscio, cadono i paracadutisti Gionata Mancinelli, Giorgio Righetti e Rossano Visioli e il maresciallo capo Vincenzo Li Causi. L’anno successivo, in un’imboscata sulla strada Balad-Mogadiscio, muore il tenente Giulio Ruzzi, ultimo caduto della missione italiana in Somalia.
Il 12 novembre del 2003 a Nassiriya, in Iraq, uno degli attentati più cruenti: un camion bomba esplose davanti all’ingresso della base italiana dei carabinieri. Nella deflagrazione rimasero uccise 28 persone, 19 italiani di cui 2 civili, e 9 iracheni. Sempre nella missione Antica Babilonia, in Iraq, morì il primo caporale maggiore Matteo Vanzan, vittima di un attacco dei miliziani di Moqtada Al Sadr. Nel 2005, durante la liberazione della giornalista Giuliana Sgrena, viene ucciso da fuoco amico il capo dipartimento del Sismi, Nicola Calipari. Nel 2006, ancora Iraq, in seguito ad un attentato muoiono tre marescialli capo dei carabinieri e un capitano della Folgore.
In Afghanistan trovano la morte, invece, quattro alpini, uccisi – in due episodi differenti – dallo scoppio di una mina al passaggio del loro convoglio. Nel 2007, in seguito all’attentato suicida nel giorno dell’inaugurazione del ponte sul fiume a Paghman (vicino Kabul) muore il maresciallo capo del genio pontieri Daniele Paladini. In un attentato a Kabul nel 2009 muoiono quattro caporal maggiore, un sergente maggiore e un tenente in seguito ad un attentato suicida. Numerosi sono i caduti in Afghanistan tra il 2010 e il 2013: in totale durante l’intera missione italiana sono stati 54. Il ministero della Difesa ha dedicato una pagina web a tutti i militari caduti all’estero, con biografie e riconoscimenti ricevuti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, Fondazione Hume: immunità di gregge nel 2023
Indice DQP (Di Questo Passo) è di 148 settimane, in miglioramento rispetto a lunedì scorso quando veniva indicato maggio 2024
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
16:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ecco il rapporto settimanale della Fondazione Hume, pubblicato anche sul sito, che calcola il nuovo indice DQP
Le autorità politiche e sanitarie, in particolare il ministro Roberto Speranza e la sottosegretaria Sandra Zampa, hanno ripetutamente dichiarato che la campagna di vaccinazione serve a raggiungere la cosiddetta immunità di gregge:
5 dicembre: “Il nostro obiettivo è l’immunità di gregge grazie al vaccino” (Roberto Speranza).
17 dicembre: “Immunità di gregge a settembre-ottobre prossimi” (Sandra Zampa).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre: “Oggi il ministro Speranza ha precisato che entro marzo raggiungeremo la quota di 13 milioni di italiani vaccinati contro Covid-19, e quindi in estate potremo già essere molto avanti nel perseguimento dell’obiettivo immunità di gregge data dal 70%” (Sandra Zampa).
9 gennaio 2021: “Per arrivare all’immunità di gregge dobbiamo vaccinare l’80% di 60 milioni di italiani” (Sandra Zampa).
Per ‘immunità di gregge’ si intende una situazione nella quale ci sono abbastanza persone vaccinate (e non in grado di trasmettere il virus) da portare la velocità di trasmissione del virus (Rt) al di sotto di 1, con conseguente progressiva estinzione dell’epidemia.
Ma quante settimane occorreranno per vaccinare un numero di italiani sufficiente a raggiungere l’immunità di gregge?
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A rispondere a questa domanda provvede l’indice DQP (acronimo di: Di Questo Passo), che stima il numero di settimane che sarebbero ancora necessarie se – in futuro– le vaccinazioni dovessero procedere “di questo passo”.
All’inizio dell’ottava settimana del 2021 (lunedì mattina, 22 febbraio) il valore di DQP è pari a 148 settimane, il che corrisponde al raggiungimento dell’immunità di gregge non prima del mese di dicembre del 2023.
Il valore del DQP è migliorato rispetto a quello della settimana scorsa (immunità di gregge a maggio 2024).
Per raggiungere gli obiettivi enunciati dalle autorità sanitarie (immunità di gregge entro settembre-ottobre 2021), il numero di vaccinazioni settimanale dovrebbe essere circa il quadruplo di quello attuale (2 milioni la settimana, anziché 500 mila).
Le stime fornite ogni lunedì si riferiscono alla settimana appena terminata e si basano sui dati ufficiali disponibili il lunedì mattina (quindi possono subire degli aggiornamenti).
Va precisato che la nostra stima è basata sulle ipotesi più ottimistiche che si possono formulare, e quindi va interpretata come il numero minimo di settimane necessarie.
Più esattamente l’interpretazione dell’indice è la seguente:
DQP = numero di settimane necessario per raggiungere almeno il 70% degli italiani con almeno 1 vaccinazione.
A partire dalla prima settimana completa dell’anno (da lunedì 4 a domenica 10 gennaio) la Fondazione Hume calcola settimanalmente il valore dell’indice DQP (acronimo per: Di Questo Passo).
L’indice si propone di fornire, ogni lunedì, un’idea vivida della velocità con cui procede la vaccinazione, indicando l’anno e il mese in cui si potrà raggiungere l’immunità di gregge procedendo “di questo passo”.
Il calcolo dell’indice si basa su 4 parametri:
1. una stima del numero di italiani vaccinati necessario per garantire l’immunità di gregge;
2. quante vaccinazioni sono state effettuate nell’ultima settimana (da lunedì a domenica);
3. quante vaccinazioni erano state effettuate dall’inizio della campagna (1° gennaio 2021) fino alla settimana anteriore a quella su cui si effettua il calcolo;
4. che tipo di vaccini verranno presumibilmente usati (a 2 dosi o a dose singola).
Nella versione attuale l’indice si basa sulle ipotesi più ottimistiche possibili sul funzionamento del vaccino e sull’andamento della campagna vaccinale. Più precisamente:
• i vaccini somministrati non solo proteggono i vaccinati dall’insorgenza della malattia, ma impediscono la trasmissione dell’infezione ad altri (immunità sterile);
• l’obiettivo è vaccinare il 70% della popolazione (anziché l’80 o il 90%, come potrebbe risultare necessario);
• sul mercato vengono introdotti vaccini per tutte le fasce d’età, compresi gli under 16 (i vaccini attuali sono testati solo su specifiche fasce d’età);
• ci si accontenta di vaccinare ogni italiano una sola volta, trascurando il fatto che, ove la campagna di vaccinazione dovesse prolungarsi per oltre un anno, bisognerebbe procedere a un numero crescente di rivaccinazioni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Asl di Caserta nella bufera per abusi, corruzione e assenteismo
Il 118 affidato in base a regali e assunzioni, spariti i soldi dei progetti per le ‘fasce deboli’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CASERTA
22 febbraio 2021
09:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dodici arresti, 6 misure interdittive, 79 indagati (tra funzionari e dipendenti) e un sequestro di oltre 1,5 milioni di euro: sono i numeri della maxi-indagine “Penelope” della Procura di Napoli Nord sull’Asl di Caserta che ha consentito di fare luce su numerosi episodi di assenteismo, corruzione e gare d’appalto truccate. La stessa indagine, nel novembre scorso, ha portato alla sospensione di 22 “furbetti del cartellino”, tra cui importanti funzionari in servizio al distretto ASL di Aversa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Secondo l’indagine, l’affidamento dei servizi di trasporto in emergenza (118) avveniva in cambio di regali e assunzioni.
Grazie a intercettazioni telefoniche e ambientali sono emersi, secondo gli inquirenti, numerosi gravi violazioni penali, come l’affidamento a poche ditte compiacenti, di lavori di adeguamento e ristrutturazione di locali aziendali gestiti direttamente dal Dipartimento di Salute Mentale (Dsm), in cambio di somme di danaro e regali vari, una serie di falsi ed abusi, in ordine alla gestione di pazienti con patologie psichiatriche, che venivano affidati a strutture esterne convenzionate senza alcuna valutazione del piano terapeutico riabilitativo da parte del competente organo specialistico (U.V.I.), assoggettando l’onere di degenza, dalla somma di diverse migliaia di euro per ciascun paziente, a carico dell’Asl di Caserta. Gli inquirenti hanno accertato l’affidamento dei servizi di trasporto in emergenza (118) ad un’associazione di volontariato i cui vertici, in cambio, avrebbero corrisposto ad uno dei componenti della commissione aggiudicatrice ed ad altri dipendenti compiacenti dell’Asl, regali e altri vantaggi, come l’assunzione di propri familiari.
Sono stati poi riscontrati episodi di corruzione dei gestori delle strutture di riabilitazione convenzionate che, in cambio dell’affidamento diretto dei pazienti e dell’omessa attività di controllo sui piani riabilitativi, corrispondevano periodicamente somme di danaro e altre utilità ai funzionari pubblici che erano preposti alla tutela e corretta attività di recupero dei pazienti psichiatrici. È emerso inoltre la gestione occulta da parte di alcuni funzionari dell’Asl, con intestazione fittizia a persone compiacenti, di strutture private convenzionate presso le quali venivano indirizzati i pazienti, affidati con onere a carico dell’Asl (diaria di circa 88 euro), direttamente dai medesimi funzionari.
Nel corso dell’attività investigativa del Nas di Caserta, coordinata dalla Procura di Napoli Nord, è anche emersa la sparizione dei fondi dei progetti finalizzati alla cura dei pazienti delle cosiddette “fasce deboli”, mai attuati, che, secondo gli investigatori, sarebbero finiti nelle tasche dei dipendenti del Dipartimento di Salute Mentale. Il Nas ha anche scoperto un giro di affidamenti pilotato degli incarichi legali. Il mantenimento degli incarichi di vertice all’Asl avveniva mediante traffici di influenze illecite. Ed ancora: Procura di Napoli Nord e Nas di Caserta hanno accertato l’acquisto di beni strumentali ad uso privato con i fondi pubblici dell’Asl, e il solita condotta di illecito allontanamento dal servizio, da parte di alcuni dipendenti Asl, che dovevano svolgere faccende personali e familiari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Impiegati ‘assenteisti’ Soprintendenza Fvg, tutti assolti
Da falso,truffa, fatto non sussiste.Altre posizioni già definite
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
22 febbraio 2021
10:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono stati tutti assolti perché “il fatto non sussiste” i dipendenti della Soprintendenza dei Beni culturali del Friuli Venezia Giulia accusati di truffa aggravata ai danni dello Stato e di falso materiale in atto pubblico. Lo ha deciso oggi il giudice monocratico Massimo Tomassini del Tribunale di Trieste, al termine di un processo che coinvolgeva 34 imputati, impiegati presunti assenteisti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Non sono giunte a processo alcune posizioni avendo scelto il patteggiamento o il rito abbreviato. Altri impiegati erano stati assolti.
Il pm Massimo De Bortoli aveva chiesto l’assoluzione dall’accusa di falso e la prescrizione per la truffa aggravata.
Il processo era iniziato a seguito di un’indagine della Guardia di Finanza risalente al 2010-2011 e che aveva coinvolto circa 40 dipendenti della Direzione e della Soprintendenza per i Beni culturali del Friuli Venezia Giulia presunti assenteisti.
Allora, in circa cento giorni di accertamenti, anche con l’ausilio di videoregistrazioni, dall’attività delle Fiamme Gialle era emerso che gli impiegati uscivano dagli uffici senza timbrare il cartellino elettronico: alcuni di loro andavano a far spese al supermercato o a svolgere commissioni private.
Secondo gli investigatori, le ore di assenza nel periodo variavano per ciascun indagato da un massimo di 110 a un minimo di alcune ore, concentrate in poche giornate lavorative. “Il giudice ha assolto tutti gli imputati con la formula del ‘vecchio dubbio’, ma c’è un’assoluzione piena perché il fatto non sussiste, non sono emerse prove convincenti per dire che il reato è stato commesso”, ha affermato l’avvocato Paolo Pacileo, legale difensore di sei imputati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incidente sul lavoro nel Nuorese, testa incastrata in pressa
Operaio 30enne in gravi condizioni, con elisoccorso in ospedale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MACOMER
22 febbraio 2021
11:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incidente sul lavoro stamattina nell’area industriale di Tossilo a Macomer, nel Nuorese. Intorno alle 8.30 un operaio è rimasto incastrato con la testa in una pressa mentre lavorava.
Le sue condizioni sono molto gravi. È stato trasportato con l’elisoccorso del 118 all’ ospedale Brotzu di Cagliari.
Ancora frammentarie le notizie sull’accaduto: secondo quanto appreso l’operaio ha circa 30 anni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mafia: omicidio a Latina nel 2010 per guerra clan, 4 arresti
Faida tra famiglia Ciarelli-Di Silvio e altro gruppo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
22 febbraio 2021
11:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quattro arresti oggi a Latina per l’omicidio di Massimiliano Moro, avvenuto il 25 gennaio del 2010, nell’ambito della guerra tra clan locali, anche di etnia Rom. Gli uomini della Squadra Mobile di Latina, in collaborazione con il personale del Servizio Centrale Operativo, ha dato esecuzione ad una ordinanza emessa dal Gip di Roma, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di Ferdinando Ciarelli, 58 anni, Ferdinando Ciarelli, 39 anni, Andrea Pradissitto, 30 anni e Simone Grenga, 35 anni.

L’indagine si è avvalsa anche delle dichiarazioni di due collaboratori di giustizia. Il delitto si inquadrava nella faida scoppiata nel 2010 tra le famiglie rom Ciarelli-Di Silvio da un lato, e gruppi non rom facenti capo a Mario Nardone e Massimiliano Moro per il controllo delle attività criminali del territorio pontino.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
D’Amato, 8 marzo aprirà hub vaccini stazione Termini Roma
Ad Fs, inviteremo anche il premier Draghi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
11:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Per il personale scolastico dopodomani apriremo anche la Nuvola’ all’Eur ed è questo un altro punto importante. L’8 marzo partirà anche l’hub della stazione Termini che è anch’esso per noi un altro punto importante”.
Lo ha annunciato l’assessore alla Salute della Regione Lazio, Alessio D’Amato, sul piano vaccinale nella regione al termine del sopralluogo effettuato nell’hub di Fiumicino. “Sarà la prima stazione in Italia in cui si potranno fare le vaccinazioni – ha commentato l’ad di Ferrovie dello Stato, Gianfranco Battisti -. Probabilmente inviteremo anche Draghi a presenziare. Sarà il primo grande hub ferroviario a fare una cosa del genere. In quell’occasione presenteremo il treno sanitario che abbiamo messo a disposizione della Protezione Civile e della Croce Rossa per trasportare malati Covid o gravi”.   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Casa di riposo abusiva sequestrata, ospiti malnutriti
Una arrivata a pesare 35 kg. Tre indagati a Reggio Calabria
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
22 febbraio 2021
11:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una casa alloggio trasformata abusivamente in una casa di riposo per anziani è stata sequestrata dai carabinieri dei Nas su disposizione della Procura di Reggio Calabria che ha anche notificato tre avvisi di garanzia nei confronti del legale rappresentante della cooperativa sociale che gestiva la struttura e di due operatori socio sanitari, indagati, a vario titolo, per abbandono di persone incapaci, maltrattamenti ed esercizio abusivo della professione sanitaria.
Coordinata dal procuratore Giovanni Bombardieri, dall’aggiunto Gerardo Dominijanni e dal pm Marika Mastropasqua, l’inchiesta del Nas è partita a marzo 2020, quando, in piena pandemia e nella fase più critica, un ospite della struttura, situata nel quartiere reggino di Ciccarello, era risultato positivo al Covid-19 e ricoverato, in gravi condizioni, al Grande ospedale metropolitano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel giro di un mese lui e due donne, ospiti nella stessa casa di riposo, erano poi deceduti a causa del virus, ed altri cinque degenti risultarono contagiati.
Da qui è partita un’ispezione per verificare le condizione della struttura e le misure in atto per il contenimento del contagio. Dagli accertamenti è emerso che la casa alloggio, autorizzata solo per sei unità ed “a bassa intensità assistenziale”, in realtà era stata trasformata in casa di riposo con oltre dieci ospiti, di cui molti non autosufficienti e allettati, bisognevoli di cure e terapie farmaceutiche continue e, quindi, di una assistenza altamente professionale. È stato inoltre accertato che non vi era alcuna autorizzazione né, tantomeno, erano mai state fatte le previste comunicazioni alle autorità di pubblica sicurezza, e che l’assistenza agli anziani veniva assicurata solo dalla cuoca e da due operatori sanitari.
Erano loro, secondo gli inquirenti, che somministravano abusivamente anche i farmaci.
Per l’accusa, inoltre, la rappresentante legale non riforniva adeguatamente di derrate alimentari la struttura. Per effetto di ciò molti anziani, soprattutto quelli allettati, erano malnutriti o lasciati privi di cibo tanto che una degente arrivò a pesare addirittura 35 chili. Gli anziani venivano sedati somministrando loro massicce dosi di medicinali con effetto psicotropo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Accoltella la ex in strada, arrestato per tentato omicidio
L’aggressione ieri sera a Torino, ventenne in prognosi riservata
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
22 febbraio 2021
12:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una studentessa ventenne di origini greche è ricoverata in prognosi riservata all’ospedale Molinette di Torino, dove è stata ricoverata per le coltellate al torace, all’addome e al collo inferte dall’ex fidanzato.
L’uomo, un 27enne di origini albanesi, è stato arrestato dai carabinieri per tentato omicidio.
L’aggressione ieri sera in strada nel quartiere San Salvario a Torino. Sono stati alcuni passanti, che hanno assistito all’aggressione, a dare l’allarme e a consentire ai carabinieri di bloccare l’uomo nelle vicinanze. Recuperato il coltello.
L’aggressione, secondo quanto si apprende, è avvenuta in largo Marconi, non lontano dall’abitazione della ventenne.
Ricoverata in Rianimazione, la giovane è stata sottoposta a un intervento di sei ore per le lesioni polmonari.   PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Sequestrato “Albergo delle Fate”,icona della Sila a rischio
Sindaco Taverna, “salviamo bene monumentale, ora in abbandono”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TAVERNA
22 febbraio 2021
12:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato sequestrato il “Grande albergo Parco delle Fate di Villaggio Mancuso”, località turistica della Sila Catanzarese da anni in disarmo. Il provvedimento cautelare preventivo è stato eseguito dai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale di Cosenza si disposizione del gip del Tribunale di Catanzaro, Alfredo Ferraro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La struttura, realizzata in legno nei primi decenni del secolo scorso è conosciuto come uno dei luoghi iconici più celebrati del turismo montano calabrese del secondo dopoguerra.
La custodia giudiziale dell’immobile è stata affidata al responsabile dell’ufficio tecnico del Comune di Taverna, Marco Borello. “Sulla scia della decisione del giudice – ha dichiarato il sindaco di Taverna Sebastiano Tarantino – riteniamo sia opportuno lanciare adesso un appello alle istituzioni e agli enti che possono concorrere a garantire la salvaguardia di un bene monumentale di così grande importanza storica e culturale.
Alla Regione Calabria, alla Provincia di Catanzaro e alla Soprintendenza chiediamo di avviare un percorso di recupero dell’immobile che allo stato si rischia di perdere. E’ stato accertato, infatti, che allo stato attuale la struttura è una fonte di pericolo sia per l’edificio in quanto tale, sia per l’incolumità pubblica. E’ arrivato il momento – ha aggiunto Tarantino – di ragionare seriamente sul futuro di quest’opera e sulla sua valenza storica e culturale”.
I timori su possibili eventi negativi di natura non solo accidentale, non mancano. Esattamente un anno fa, infatti, il tetto dell’edificio venne interessato da un principio d’incendio poi domato grazie all’intervento tempestivo di alcuni cittadini e dei vigili del fuoco.
Il Grande Albergo delle Fate pensato e realizzato negli anni Trenta del secolo scorso dall’imprenditore catanzarese, Eugenio Mancuso, prima di finire nella triste condizione in cui si trova da qualche anno, conobbe stagioni di grande interesse anche con la presenza di star del cinema e dello spettacolo del calibro di Sophia Loren, Silvana Mangano, Amedeo Nazzari, Vittorio Gassman, Giovanna Ralli, Gigi Proietti e Oreste Lionello.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: variante inglese, sei i casi confermati in Sardegna
Al via tamponi su contatti e analisi per intercettare mutazione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NUORO
22 febbraio 2021
12:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Al momento sono cinque le conferme a Bono (Sassari) e una a Nuoro per la variante inglese del Covid 19, comparsa in Sardegna dopo il rientro dal Libano di un militare. Lo dice il commissario Ats Sardegna Massimo Temussi a Nuoro per un incontro sui servizi sanitari nel territorio.

A Bono secondo giorno di lockdown, che durerà sino al 6 marzo: sono stati eseguiti i primi 300 tamponi molecolari che hanno già dato 29 positivi. Ora le analisi sono all’esame dei laboratori per intercettare eventuali casi di variante inglese.
“Complessivamente si arriverà a un migliaio di tamponi per tracciare tutti i contatti dei cinque positivi nei quali è stata riscontrata la variante inglese”, ha spiegato il Commissario.
A Nuoro, invece, dove in queste ore vengono fatti circa 400 tamponi, sono in corso i tracciamenti sui contatti di una donna risultata positiva alla variante inglese.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Latte: quattro pastori a processo a Nuoro il 16 giugno
Rinviati a giudizio per proteste 2019, sit-in indipendentisti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NUORO
22 febbraio 2021
13:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si dovranno presentare a processo il prossimo 16 giugno i quattro pastori che oggi sono stati rinviati a giudizio dal giudice per l’udienza preliminare Giorgio Cannas per una manifestazione di protesta sulla statale 131 dcn che si è svolta il 13 febbraio 2019, quando in tutta la Sardegna gli allevatori ovini protestavano sollecitando che si stabilisse un equo prezzo del latte. Questa mattina in tribunale, gli avvocati Giulia, Adriano Sollai, Marcella Cabras e Michele Zuddas, hanno invece chiesto il non luogo a procedere ricordando che al blocco temporaneo della circolazione sulla Statale 131, al bivio per Lula (Nuoro), parteciparono circa 2000 persone tra cui alcuni rappresentanti delle istituzioni.

Nel frattempo, all’esterno del Tribunale, si è tenuto un presidio da parte degli esponenti dell’associazione Libertade che sta seguendo da vicino le vicende giudiziarie legale alle proteste dei pastori.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: festa abusiva con rissa, 29 sanzionati
In un locale di Milano, un uomo in ospedale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
22 febbraio 2021
13:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Non solo hanno organizzato una festa abusiva, ma alcuni di loro si sono anche resi protagonisti di una rissa fuori da un locale di via Fioravanti a Milano. I carabinieri del Nucleo Radiomobile, ieri sera, sono intervenuti per la segnalazione di un’aggressione in strada e hanno effettivamente trovato tre cinesi, tra i 29 ed i 40 anni, tutti ubriachi, dei quali uno con il volto insanguinato e varie contusioni alla testa.

Dal locale hanno sentito i rumori di una festa con musica ad alto volume. I militari hanno cercato di entrare dall’ingresso principale ma solo con l’aiuto dei vigili del fuoco sono riusciti a entrare dal retro.
Nei vari privé hanno trovato 29 persone: tutte sono state sanzionati per inottemperanza alle disposizioni anti assembramento e il locale è stato chiuso per cinque giorni.
Il ferito, soccorso dal 118, è stato portato all’ospedale Niguarda ma non è in pericolo di vita.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Genovese: pm, no a perizia su audio ‘Terrazza Sentimento
Da Procura parere negativo a richiesta avanzata da difesa a gip
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
22 febbraio 2021
13:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Milano ha dato parere negativo alla richiesta avanzata al gip Tommaso Perna dalla difesa di Alberto Genovese, l’imprenditore in carcere da novembre per aver stordito con droghe e poi stuprato una 18enne ospite a una festa nel suo appartamento, di disporre una perizia sugli audio relativi alla telecamere interne dell’attico di lusso ‘Terrazza Sentimento’. Audio che riguardano l’intera serata e di cui si chiede un’analisi da parte di esperti per verificare se la ragazza possa aver manifestato il suo consenso a ciò che è avvenuto successivamente.

Per gli inquirenti gli audio sono disturbati e, quindi, una perizia potrebbe lasciare spazio alle interpretazioni più disparate e non oggettive. La parola spetta al giudice.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per Palamara anche accusa corruzione atti giudiziari
Contestata da pm Perugia in udienza preliminare
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
22 febbraio 2021
14:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuove accuse per l’ex consigliere del Csm Luca Palamara nel corso dell’udienza preliminare in corso a Perugia. La procura ha infatti modificato il capo d’imputazione contestandogli i reati di corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio e corruzione in atti giudiziari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Stessi addebiti contestati all’imprenditore Fabrizio Centofanti e ad Adele Attisani.
I magistrati del capoluogo umbro hanno depositato nuovi atti nell’udienza che si è svolta oggi. Tra questi una corposa informativa della guardia di finanza, verbali di diversi testimoni e riscontri acquisiti nel corso delle indagini.
In particolare Palamara – al quale era stato contestato inizialmente il reato di concorso in corruzione per un atto d’ufficio – è accusato di avere acquisito informazioni riservate da pubblici ministeri di Roma e di Messina rendendole note a Centofanti. Da questi sarebbero poi passate – sempre in base alla ricostruzione accusatoria – all’avvocato Piero Amara.
Palamara avrebbe quindi ricevuto da Centofanti viaggi, soggiorni e lavori eseguiti da varie ditte presso l’abitazione di Adele Attisani, amica di Palamara e considerata “istigatrice” delle presunte condotte illecite.
La procura perugina è stata rappresentata dal capo dell’Ufficio Raffaele Cantone e dai sostituti Gemma Miliani e Mario Formisano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: Ordine Malta organizza un corso per autorità Libia
Gran Cancelliere, ‘Il Paese sta affrontando una sfida globale’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
14:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Prende il via oggi il Corso sulla Protezione dei migranti e dei rifugiati per le autorità libiche organizzato dal Sovrano Ordine di Malta in collaborazione con il think tank britannico Forward Thinking. I partecipanti al corso – organizzato online a causa delle limitazioni di viaggio imposte dalla pandemia – sono rappresentanti del governo libico, dei ministeri di Difesa, Interni, Giustizia e Lavoro e formazione, e altre importanti istituzioni nazionali.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il corso – spiega l’Ordine di Malta – nasce dalla continua instabilità politica e sociale che il Paese sta vivendo con le molte sfide poste dalla crisi migratoria e dei rifugiati”. “La Libia sta affrontando una sfida globale, con implicazioni regionali, guidata da fattori che superano le sue frontiere”, ha dichiarato il Gran Cancelliere dell’Ordine di Malta, Albrecht Boeaselager, nel suo discorso di apertura. “In molti incontri avuti a partire dal 2015 con un gruppo di politici libici, rappresentanti del governo e delle istituzioni, così come stakeholder internazionali, quello che è emerso è che l’unica via da seguire è impegnarsi con i molti attori coinvolti nella regione in un processo di capacity building che consenta al Paese di affrontare le tante questioni urgenti”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: sindaco Brescia, valutazioni Cts a breve
Del Bono, consapevole aumento contagi, preoccupa provincia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BRESCIA
22 febbraio 2021
15:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Usciremo da questa situazione solo con una massiva campagna vaccinale. I dati di Brescia sono all’attenzione del Cts nazionale che farà valutazioni a breve.

Sono pienamente cosciente che c’è un aumento dei casi”. Lo ha detto il sindaco di Brescia Emilio Del Bono che ha riferito di aver già parlato con il presidente della Regione Lombardia Fontana sulla situazione della sua città, da giorni tra quelle italiane con più contagi. “Per quanto riguarda la città – ha aggiunto Del Bono – non c’è una situazione particolarmente grave, ma l’andamento del contagio preoccupa soprattutto in provincia”.
Non spetta a noi dire se siamo da zona rossa, gialla, arancione. Esistono i comitati tecnici scientifici, nazionale e regionale, che ci devono dire quale è la situazione. Non so dire quindi se oggi siamo da zona rossa perchè non ho tutti i dati che ha invece il Cts”, ha spiegato Del Bono ha aggiunto: “Sarei per arginare il flusso di gente il sabato pomeriggio in centro città. Se resterà la zona gialla valuterò di limitare la vendita di alcolici nel centro città dopo quanto visto negli ultimi fine settimana, sabato soprattutto”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ristoratori in piazza a Genova con tassisti e mondo sport
Anche rappresentanza Teatro Carlo Felice
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
22 febbraio 2021
16:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Circa 500 persone, la maggior parte delle quali ristoratori ‘autonomi’, manifestano in centro a Genova con i rappresentanti dei tassisti, del mondo dello spettacolo e dei gestori degli impianti sportivi per protestare contro le restrizioni covid e per chiedere ristori. La protesta segue di una settimana quella di #ristoratoriuniti, movimento dal quale gli ‘autonomi’ si sono sganciati ed è il terzo lunedì che la categoria, più o meno organizzata, scende in piazza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tra i manifestanti, che hanno acceso fumogeni, anche i delegati dei lavoratori del Teatro Carlo Felice, in rappresentanza del mondo dello spettacolo tra i più penalizzati dal covid.
I lavoratori del Carlo Felice hanno esposto uno striscione con la scritta ‘Fatti, non promesse’. In piazza anche gestori di palestre, centri fitness e piscine. Molti gli striscioni tra cui ‘Ristori spariti, merci buttate, tasse da pagare. Governo, vergogna’ e ‘Dpcm demenziali = aiuti per le Multinazionali’.
“Noi ci siamo messi in sicurezza gli untori non siamo noi. Non si combatte la pandemia con i supermercati pieni e i ristoranti vuoti, con i treni pieni e i teatri vuoti. Non si combatte la pandemia combattendo la cultura”, ha detto uno degli organizzatori. La manifestazione è auto-organizzata grazie al tam tam sui social.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Calcio: Digos al lavoro su assembramento tifosi Milan-Inter
Sanzioni per chi sarà identificato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
22 febbraio 2021
17:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli agenti della Digos di Milano sono al lavoro, soprattutto con l’analisi delle immagini riprese dalle telecamere, per identificare i tifosi di Inter e Milan che ieri, nei pressi dello stadio Meazza, hanno creato assembramenti e che solo per l’intervento delle forze dell’ordine non sono venuti a contatto.
Un lavoro – è stato spiegato – che non si prevede semplice anche perché gran parte di tifosi era a volto coperto con mascherine protettive, sciarpe o altro.

Chi sarà identificato sarà sanzionato per violazione delle normative anticovid che proibiscono gli assembramenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lite in famiglia, giovane uccide il padre a martellate
Omicidio nel rodigino, indagini dei carabinieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROVIGO
22 febbraio 2021
17:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un ragazzo di 20 anni ha ucciso a martellate il padre, Giovanni Finotello, 57 anni. Il fatto è accaduto a Porto Viro, nel rodigino.
L’omicidio è avvenuto nel corso di una lite in famiglia. La vittima è stata colpita più volte alla testa e al busto con un martello. L’uomo, inizialmente ricoverato, è morto in ospedale. L’indagine è condotta dai carabinieri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:positivi sotto 10 mila,ma -80 mila test. Su i ricoveri
Ancora 274 morti, +24 in rianimazione. Tasso positività al 5,6%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
17:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con quasi 80 mila test in meno – tipico della domenica – scendono sotto i 10 mila i positivi al coronavirus nelle 24 ore in Italia, ma le vittime tornano a salire, così come i ricoverati in terapia intensiva e nei reparti ordinari.
Sono 9.630 i test positivi, secondo i dati del ministero della Salute (ieri erano stati 13.452).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I morti sono invece 274 (ieri 232).
Sono stati 170.672 i molecolari e antigenici effettuati nelle ultime 24 ore (ieri erano stati 250.986). Il tasso di positività è del 5,6%, ieri era stato del 5,4% (quindi c’è un aumento dello 0,2% in 24 ore).
Sono 2.118 le persone ricoverate in terapia intensive per il Covid-19, con un aumento di 24 unità nel saldo quotidiano tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri in rianimazione sono stati 162. Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 18.155 persone, in aumento di 351 unità rispetto a ieri.
Gli attualmente positivi tornano a scendere dopo due giorni di rialzo e sono ora 387.903 (-992 rispetto a ieri), i guariti e dimessi 2.334.968 (+10.335), in isolamento domiciliare ci sono ora 367.630 persone (-21.265).
I casi totali da inizio epidemia in Italia sono 2.818.863, i morti 95.992.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Volontari Oipa salvano cervo caduto Naviglio nel Milanese
L’animale è ora nell’oasi Wwf di Vanzago
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
22 febbraio 2021
17:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un cervo di grosse dimensioni è stato salvato stamani dai volontari dell’Oipa (Organizzazione internazionale protezione animali) dopo essere caduto nelle acque del Naviglio Martesana a Cernusco sul Naviglio (Milano) “Stamattina nella sede Oipa di Milano arriva una chiamata: un cervo è caduto nei Navigli”, raccontano i volontari. Sono quindi stati chiamati i carabinieri che hanno coordinato le operazioni di salvataggio.
Il coordinatore delle guardie zoofile Oipa di Milano, Fabio D’Aquila, anch’egli sul posto, racconta: “Si tratta di un grande cervo caduto nel Naviglio Martesana all’altezza di Cernusco. Due veterinari lo hanno addormentato sparandogli l’anestetico a distanza. Il povero animale era molto stressato e presentava qualche ferita, ma per lui c’è un lieto fine: sarà ospitato nella Riserva naturale Bosco Wwf di Vanzago nel Milanese”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, 20 Comuni provincia Ancona in zona arancione
Acquaroli firma ordinanza, aumento contagi e casi variante Gb
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
22 febbraio 2021
18:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dalla mezzanotte di oggi e fino alle 24.00 di sabato 27 febbraio passano in zona arancione 20 Comuni della provincia di Ancona, compreso il capoluogo di regione, dove si è registrato il maggior tasso di contagi da Covid-19 e la presenza di alcuni casi di variante inglese. Lo prevede un’ordinanza annunciata ieri e firmata oggi dal presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli, sentito il Ministero della Salute, il prefetto e acquisita l’intesa con Anci Marche.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli altri Comuni restano in zona gialla, con limitazioni agli spostamenti. Già in vigore anche un’ordinanza che limita gli spostamenti da e per la provincia di Ancona. Si tratta dei Comuni di Ancona, Camerata Picena, Castelfidardo, Castelplanio, Chiaravalle, Cupramontana, Falconara Marittima, Filottrano, Jesi, Loreto, Maiolati Spontini, Monte San Vito, Osimo, Ostra, Polverigi, Sassoferrato, Senigallia, Serra De’ Conti, Sirolo, Staffolo, caratterizzati “da uno scenario di elevata gravità, da un livello di rischio alto e dalla presenza di alcuni casi di variante inglese”. Da molti giorni la provincia di Ancona registra circa la metà dei nuovi casi di positività al covid e gli ospedali delle città interessate sono in sofferenza. Le restrizioni sono le stesse del Dpcm nazionale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo, Vittoria Ceretti co-conduttrice per una sera
L’annuncio di Amadeus, ‘la supermodella con me sul palco’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
17:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La supermodella Vittoria Ceretti sarà co-conduttrice di una delle serate del Festival di Sanremo. Lo annuncia Amadeus.

“La kermesse – spiega il direttore artistico e conduttore – si arricchisce di una nuova presenza femminile: è la giovane Vittoria Ceretti, super top model italiana che a poco più di vent’anni ha sfilato sulle passerelle di tutto il mondo per le più importanti griffe. È apparsa sulle copertine delle più prestigiose riviste di moda ed è la musa ispiratrice dei grandi maestri della fotografia contemporanea. Vittoria sarà la mia partner in una delle cinque serate di Sanremo 2021”.
Nata a Brescia nel 1998, Vittoria Ceretti ha iniziato la sua carriera da supermodella partecipando al concorso Elite Model Look nel 2012. Poi l’esordio in passerella con Dolce & Gabbana e centinaia di di sfilate tra New York, Londra, Milano e Parigi per maison come Chanel, Michael Kors, Tommy Hilfiger, Tom Ford, Marc Jacobs, Burberry, Versace, Etro, Salvatore Ferragamo, Roberto Cavalli, Dior, Valentino, Louis Vuitton e Givenchy.

Cronaca tutte le notizie in tempo reale! INFORMATI LEGGILE SEGUILE CONDIVIDILE!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 16 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 19:33 DI SABATO 20 FEBBRAIO 2021

ALLE 09:24 DI LUNEDì 22 FEBBRAIO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Incidente nel Cagliaritano, grave ex giocatore Cagliari
Andrea Cossu, ex azzurro, ricoverato in gravi condizioni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
20 febbraio 2021
19:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’ex giocatore del Cagliari e della nazionale Andrea Cossu, 41 anni, è stato ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Brotzu per le ferite riportate nell’incidente stradale avvenuto questa sera sulla statale 554 nell’hinterland di Cagliari. L’ex calciatore è arrivato in ospedale con assegnato un codice rosso.
Cossu, che viaggiava a bordo della propria auto – una Porsche -, è stato sbalzato all’esterno dell’abitacolo.   CALCIO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Altaroma digitale chiude in positivo
La capitale riposizionata come incubatore dei giovani talenti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
20 febbraio 2021
20:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tra l’altro nell’equilibrio di un paese con ben tre città della moda, con Milano per il pret a porter e Firenze con i saloni di Pitti. “Il Cinema non è mai stato così vero. La Moda non è mai stata così vicina” commenta Adriano Franchi, direttore generale di Altaroma, alla chiusura del calendario di sfilate che sono svolte negli studi di Cinecittà. E’ stata questa un’edizione completamente digitale, trasmessa in live streaming e compressa in tre giorni, che ha registrato per la prima volta l’assenza totale del pubblico in presenza, ma un’affluenza online superiore all’edizione settembrina, che aveva lanciato il primo esperimento in digitale. Realizzata grazie al supporto dei soci e al sostegno di Ice Agenzia, del ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, la manifestazione è ormai guardata come l’avamposto della moda indipendente e dei talenti emergenti del made in Italy. E non solo visto che cominciano ad affacciarsi anche nuovi talenti dall’estero come il francese Alexandre Blanc. Ecco alcuni numeri di questa manifestazione: 97 i brand/designer partecipanti agli eventi in calendario; 156 tra buyer, showroom e concept-store accreditati sulla piattaforma digitale, di cui 98 stranieri; 190 giornalisti accreditati tra estero e Italia; 30 eventi in piattaforma; 20 studenti dei final work di scuole e accademie; 18 eventi in live streaming; 14 sfilate. Oltre 50.000 utenti che hanno seguito online la manifestazione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si getta dal ponte col figlio, lei muore, bimbo fin di vita
Nel Trevigiano, era scomparsa da casa ieri sera
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TREVISO
21 febbraio 2021
01:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una donna di 31 anni è morta dopo essersi gettata dal ponte di Vidor, nel trevigiano, con in braccio il figlio di un anno e mezzo. Il bimbo è stato trovato dai soccorritori in condizioni disperate, ed è stato portato all’ospedale di Treviso.
La donna era uscita di casa verso le 20 di ieri sera, facendo perdere le sue tracce. Scattato l’allarme, i carabinieri hanno trovato la sua auto, vuota, nei pressi del ponte sul Piave, a Vidor, alto una quindicina di metri.
Calandosi sul greto, i pompieri hanno scoperto il corpo della donna, e il bimbo, sopravvissuto, ma gravissimo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo, la scenografia “astronave verso un futuro migliore”
Gaetano e Maria Chiara Castelli, profondità per colmare il vuoto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
21 febbraio 2021
11:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Amadeus dice che questo non sarà il suo secondo Festival, ma il primo verso un altro futuro. E lo sarà anche per la scenografia, per la quale abbiamo immaginato un’astronave e una sorta di stargate, verso un futuro migliore al quale aspirare”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Parola di Gaetano e Maria Chiara Castelli, che firmano la scenografia del 71/o Festival di Sanremo, disegnando uno spazio come mai si era visto all’interno dell’Ariston, una sorta di “involucro” che avvolge e riempie i vuoti del teatro.
“Abbiamo cercato – spiegano – di sfruttare il più possibile gli spazi, anche per la necessità, ad esempio, di distanziare l’orchestra. E allo stesso tempo di sopperire al senso di vuoto, utilizzando anche le pareti laterali fino alla galleria, creando un ‘involucro’ che con la sua forma di astronave aumentasse la profondità. In realtà, la lunghezza della scena è uguale a quella dello scorso anno, ma ora è avanzata molto l’orchestra e per questo abbiamo cercato di lavorare sulla prospettiva, con due punti di fuga centrali e con una scenografia che riducendosi progressivamente in ampiezza e in altezza crea un effetto prospettico importante, che dà profondità a tutto. E a questo si aggiunge che anche il soffitto diventa elemento scenografico, tra luci, schermi e materiali video-luminosi che sono parte integrate della scena”.
Un lavoro fatto a stretto contatto con il regista Stefano Vicario e il direttore della fotografia Mario Catapano che potranno contare, quest’anno, anche su una scenografia esterna: “Un lavoro avviato da molti mesi – concludono Gaetano e Maria Chiara Castelli – con loro e con una squadra di professionisti eccezionali con i quali, per la prima volta, siamo anche ‘usciti’ dall’Ariston in un nuovo spazio scenografico dove ci sarà una telecamera che, dall’alto, potrà varcare la soglia del teatro”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il vicedirettore di Rai1 Claudio Fasulo aveva detto presentandola: “Sono stati utilizzati 7 chilometri di strip a led, un software con 1 milione 920 mila canali, oltre 65 centraline, 600 metri quadri di led wall anche trasparente, 20 chilometri di cavi, 60 costruttori e tecnici. E 500 proiettori motorizzati”.
Immancabile la scala, al centro di questo ‘meccano’ fluorescente. Ai lati i due ‘golfi mistici’ che accolgono i 60 orchestrali diretti dal maestro Leonardo De Amicis, ancora più ‘coinvolti’ in scena, oltre che chiamati a votare nella serata del giovedì dedicata alla canzone d’autore.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: variante inglese, lockdown in comune Sardegna
Ordinanza sindaco di Bono nel Sassarese, sarà valida sino al 6/3
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SASSARI
20 febbraio 2021
20:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lockdown sino al 6 marzo: lo prevede l’ordinanza del sindaco di Bono, Elio Mulas, per contenere il cluster di contagi della variante inglese di Covid-19 nel centro del Sassarese. Stop ad ogni attività tranne tabaccai, giornalai, farmacie, parafarmacie e generi alimentari, che chiuderanno domenica 21 e 28 febbraio.
Vietato spostarsi se non per lavoro e studio o motivi di salute. Chiusi parchi, aree gioco, giardini pubblici e il cimitero, è consentita solo l’attività edilizia. Sospesa l’attività didattica in presenza, chiusi bar e ristoranti ma permessa la consegna a domicilio. Infine stop al commercio ambulante.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Etna: parossismo da cratere Sud-Est, fontane lava pulsanti
Una colata emerge dal fianco orientale del cono
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
20 febbraio 2021
23:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo evento parossistico sull’Etna con fontane di lava pulsanti dal cratere di Sud-Est, il quarto in quattro giorni. Una colata generata da un trabocco sul fianco orientale del cono ha percorso circa 150-200 metri.

Secondo il monitoraggio dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia-Osservatorio etneo di Catania l’ampiezza media del tremore vulcanico mostra valori elevati con tendenza all’incremento. La sorgente del tremore risulta localizzata al di sotto del cratere di Sud-Est, nell’intervallo di profondità tra 2.800 e 2.900 metri sopra il livello del mare. Anche l’attività infrasonica ha raggiunto livelli elevati; il tasso di accadimento e l’energia dei transienti infrasonici sono in aumento.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Etna: vulcano dà spettacolo di notte, fontane lava e colata
Nuova fase parossistica in zona sommitale, durata alcune ore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
21 febbraio 2021
09:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’Etna è tornato a dare spettacolo, per alcune ore, ma questa volta alzando il suo ‘sipario’ poco prima della mezzanotte con una fontana di lava pulsante e un trabocco lavico dal cratere di Sud-Est. E’ stata una fase in crescita di energia fino al suo completo esaurimento, seguito e monitorato dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia-Osservatorio etneo di Catania.
S
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Circa un’ora dopo l’inizio del nuovo fenomeno sul cratere di Sud-Est si sono attivate altre bocche, in direzione della “bocca della sella”. Successivamente l’attività si è ulteriormente intensificata, generando getti di lava alti 800-1.000 metri.
Poco dopo ha avuto inizio un trabocco lavico dalla “bocca della sella” alimentando un flusso lavico diretto verso sud-ovest. Una colonna eruttiva si è alzata verso il cielo per diversi chilometri sopra la cima dell’Etna. Alle prime fasi dello ‘spettacolo’, come testimoniato da scatti fotografici postati dell’Ingv-Oe sulla pagina Facebook INGVvulcani, ha ‘assistito’ dall’alto una luna che ‘tramontava’. Spettacolo che dopo l’ennesima violenta e spettacolare fase parossistica si è concluso intorno alle 2, cessando completamente 20 minuti dopo.
Le colate di lava hanno continuato lentamente ad avanzare, i fronti del ‘braccio’ più lungo sono nella desertica Valle del Bove, a circa 3.5-4 chilometri di distanza dalla bocca e ad una quota compresa fra 1.700 e 1.800 metri sul livello del mare. Il flusso lavico diretto verso sud-ovest ha percorso solo poche centinaia di metri. L’ampiezza media del tremore vulcanico col cessare del parossismo ha subìto una repentina e drastica diminuzione dei suoi valori ed ha raggiunto il livello medio, con la tendenza a diminuire ulteriormente.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti:riprese ricerche dispersi barcone a largo Lampedusa
Secondo racconto superstiti sarebbero cinque, si svuota hot spot
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
21 febbraio 2021
09:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono riprese all’alba di stamane le ricerche di almeno cinque dispersi, nel naufragio avvenuto nella notte tra giovedì e venerdì a circa 15 miglia a Sud di Lampedusa. Nelle operazioni sono impegnate le motovedette della Capitaneria di porto, della Guardia di finanza e un elicottero del secondo nucleo aereo Guardia costiera di Catania.
Secondo il racconto dei 45 superstiti sul barcone, che si è capovolto durante il trasbordo sulle motovedette dei migranti, vi erano una cinquantina di persone.
Intanto prosegue l’evacuazione dell’hot spot di contrada Imbriacola dove ieri, dopo gli ultimi sbarchi, erano state superate le mille presenze. In serata 80 migranti sono stati caricati sul traghetto di linea per Porto Empedocle. Questa mattina è prevista la partenza di altri 150 profughi, sempre con il traghetto di linea. Infine altri 700 migranti dovrebbero essere imbarcati sulle due navi quarantena “Suprema” e “Adriatica” ferme alla fonda davanti alle coste dell’isola.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uccisa a Faenza: dalle immagini nuovi dettagli sul killer
Prosegue l’analisi della sequenza captata da una videocamera
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
21 febbraio 2021
11:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Emergono alcuni dettagli importanti dall’analisi delle immagini di videosorveglianza catturate nei dintorni della casa di Faenza (Ravenna) dove, la mattina del 6 febbraio, è stata uccisa Ilenia Fabbri. Si tratterebbe, come riportano i media locali, di un uomo di carnagione chiara, alto 1,80-1,90, vestito di scuro, con un cappuccio e il volto coperto da una mascherina.

Gli inquirenti sono convinti che l’uomo ripreso pochi minuti prima da quelle telecamere sia il killer di Ilenia, sia perché a quell’ora, le 6 di mattina, in giro non c’era nessuno, sia perché la descrizione coincide con quella riferita dall’amica della figlia di Ilenia, che era rimasta a dormire nella casa del delitto dopo che la figlia della vittima insieme a suo padre (l’ex marito di Ilenia, attualmente indagato a piede libero) erano usciti. Nei prossimi giorni si continuerà ad analizzare quella sequenza di pochi secondi dove potrebbe esserci la soluzione del mistero.
Si stanno passando al setaccio anche i negozi di ferramenta.
L’uomo che ha ucciso Ilenia, infatti, sarebbe entrato in casa aprendo la porta con una copia delle chiavi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: morto 78enne padre ex presidente Marche Ceriscioli
Ex governatore dimesso ieri a Pesaro. Famiglia,grazie a sanitari
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PESARO
21 febbraio 2021
12:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Morto in ospedale a Pesaro, a 78 anni, Massimo Ceriscioli, padre dell’ex presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, ricoverato per Covid-19 ma già alle prese con gravi problemi polmonari acuiti dal coronavirus. Il decesso, avvenuto nella notte, è arrivato proprio dopo le dimissioni, ieri, del figlio Luca dall’ospedale, dove era stato anche lui ricoverato a metà febbraio dopo essere stato contagiato in famiglia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In miglioramento, dunque, le condizioni dell’ex governatore, sempre sotto controllo e senza problemi respiratori, che era assistito al San Salvatore dopo una febbre costante che lo aveva colpito per oltre una settimana a causa del contagio.
La famiglia di Massimo Ceriscioli, che era stato di nuovo ricoverato negli ultimi giorni dopo una precedente permanenza in ospedale e le dimissioni, ha voluto esprimere in un messaggio un ringraziamento ai sanitari per l’assistenza al 78enne. “Desidero ringraziare i medici e infermieri del San Salvatore (Pesaro, ndr) e del Santa Croce (Fano, ndr) per l’attenzione, – scrive la moglie Maria, anche lei colpita dal virus e in deciso miglioramento – la sensibilità, la cura e la grande professionalità con cui hanno seguito, nei suoi ultimi giorni, mio marito Massimo. Si è sentito protetto e in buone mani – aggiunge la moglie ed è stato grazie a persone come Voi, che ogni giorno lavorano, con abnegazione, nei nostri ospedali.
Grazie per il vostro impegno e la vostra passione da parte di tutta la famiglia”.   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Vaccini: Moratti,senza dosi difficile fine campagna a giugno
‘Noi siamo pronti ma abbiamo bisogno di più vaccini’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CODOGNO
21 febbraio 2021
12:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il nostro obiettivo è vaccinare tutti entro giugno. Se ci diminuiscono le forniture sarà difficile mantenere questo impegno”.
Lo ha detto l’assessore lombardo al Welfare Letizia Moratti, al termine della cerimonia di inaugurazione del monumento dedicato alle vittime del coronavirus e alla comunità di Codogno.
“Abbiamo bisogno di accelerare e vaccinare il più possibile.
Noi siamo pronti ma abbiamo bisogno di più vaccini”, ha aggiunto. Riguardo all’aumento dei contagi in regione, l’assessore ha ricordato che “non dobbiamo abbassare la guardia.
È un momento delicato e dobbiamo chiedere ai cittadini un comportamento responsabile”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Etna: lo spettacolo del vulcano visto dalle Eolie
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
21 febbraio 2021
13:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’Etna in piena attività esplosiva e con la neve è stata ammirata stamane anche dalle isole Eolie.
Uno spettacolo nello spettacolo.
Il vulcano è chiaramente visibile a Lipari dal belvedere di Quattrocchi, dove narra la leggenda due occhi non bastano per quanto è bello il panorama perchè bisogna andare in coppia. Le foto scattate stamane vedono in primo piano i faraglioni Petra Minalda e Petru Luongu, la grande attrazione naturalistica dove ogni anno a settembre si rinnova la cerimonia dello “sposalizio”, e sullo sfondo l’Etna imbiancato .
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Umbria riduce scorte AstraZeneca per vaccinazioni
Dosi “a più presto” a personale scuole e servizi essenziali
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
21 febbraio 2021
14:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’Umbria riduce dal 50 al 30 per cento la scorta del vaccino AstraZeneca per avviare “al più presto” la vaccinazione di tutto il personale scolastico e delle forze dell’ordine (compresi vigili del fuoco e polizia municipale). Lo ha deciso il Comitato operativo regionale.

La Regione spiega che si tratta di una scelta dettata altresì dai tempi “abbastanza lunghi” (75 giorni) per la somministrazione della seconda dose, e dunque “tali da poter garantire la ricostituzione delle scorte medesime, senza compromettere il secondo vaccino”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Chiesti più vaccini per ‘zone rosse’ Umbria
Obiettivo “spegnere incendio ed evitare virus si propaghi”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
21 febbraio 2021
15:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le “zone rosse” per l’emergenza Covid “non possono essere rifornite di vaccini con il criterio di proporzionalità con la popolazione, ma devono avere maggiori forniture in grado di spegnere ‘l’incendio in atto’ ed evitare che il virus si propaghi verso altri territori”. Lo sottolinea il Comitato operativo regionale che ha deciso l’invio di una lettera al Commissario straordinario per l’emergenza Covid, Domenico Arcuri firmata dai direttori della Regione Umbria Claudio Dario, Sanità, e Stefano Nodessi, Infrastrutture e protezione civile.

La lettera è stata inviata – spiega la Regione – per “ribadire, e supportare, la richiesta di una rapida fornitura per l’Umbria di 50 mila vaccini, già formalizzata dalla stessa presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, anche al Ministro per la salute, Roberto Speranza, in occasione della sua recente visita”. Richiesta motivata dall’andamento epidemiologico che ha visto un “considerevole aumento” della circolazione del virus, soprattutto in provincia di Perugia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Confindustria Pesaro, pronti allestire camper per vaccini
Senza scavalcare Asur. Prima dosi a lavoratori prima si riparte
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PESARO
21 febbraio 2021
15:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli industriali vogliono vaccinare i lavoratori il prima possibile. “Siamo pronti – annuncia Confindustria Marche Nord sezione Pesaro Urbino – ad allestire un camper che possa viaggiare per il territorio provinciale e consentire, in tutta sicurezza, la vaccinazione dei lavoratori delle imprese nostre associate”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tutto ciò, senza scavalcare ma collaborando con l’azienda sanitaria regionale “ovviamente rispettando la sequenza delle priorità fissata dalla Regione, che potrebbe tenere conto anche dei tecnici di aziende che devono installare impianti e collaudarli, che hanno la necessità di spostarsi di frequente non solo fuori regione, ma anche fuori dall’Italia”.
Nel giorno in cui diventano 25 mila i tamponi antigenici effettuati in aziende della provincia aderenti a Confindustria, il presidente Mauro Papalini annuncia una nuova disponibilità, “per venire incontro a quelle che saranno le esigenze legate agli spazi per somministrare le dosi e alla necessità di completare nel più breve tempo possibile la campagna di vaccinazione di massa”.
“Prima arriviamo a vaccinarci, – aggiunge Papalini – prima possiamo ripartire senza dover fare i conti ogni settimana con la fascia assegnata alla regioni, prima le aziende possono tornare a produrre, a vendere, a competere – e chi viene vaccinato deve possedere un certificato riconosciuto a livello internazionale in modo da evitare la quarantena quando entra in un paese estero e quando rientra in Italia”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cade valanga su pista in Friuli, nessuno coinvolto
A Piancavallo. Bonificata zona con ausilio elicottero
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AVIANO
21 febbraio 2021
16:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una valanga è caduta questa mattina a Piancavallo e ha invaso la pista Salomon, appena sotto il Rifugio Arneri. Lo rende noto il soccorso Cnsas Fvg precisando che la massa nevosa si è staccata sul versante meridionale del Monte Tremol, attraversando un canale che è spesso sito valanghivo; ha un fronte di circa quaranta metri per una lunghezza di scorrimento di circa trecento dal punto di partenza al punto di accumulo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sul posto sono intervenuti dodici tecnici del Soccorso Alpino di Pordenone (altri sei della stazione di Maniago pronti a partire per dare il cambio assieme ad altrettanti provenienti dall’Alpago), assieme all’elicottero della Protezione Civile che fa base a Tolmezzo, con a bordo un tecnico del Soccorso Alpino e un’Unità cinofila. Sul posto è arrivato in un primo tempo anche l’elisoccorso regionale.
L’elicottero della Protezione Civile, invece, ha effettuato una ricognizione e ha sondato il campo della valanga dall’alto con il sistema di rilevamento Recco, senza riscontrare intercettazioni di alcun segnale, escludendo così il coinvolgimento di sciatori. Tuttavia, è stato effettuato anche un sondaggio sul terreno, con l’aiuto dell’Unità Cinofila da valanga. In tre ore è stata tutta bonificata.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti:nave Asso30 arriverà stanotte,c’è anche un cadavere
Era su barcone con 232 profughi soccorsi da nave privata
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AGRIGENTO
21 febbraio 2021
16:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Asso 30, la nave privata che lavora per le piattaforme Eni, arriverà stanotte in rada di Porto Empedocle (Ag) e in banchina attraccherà domattina, alle 8 circa. Rispetto a quanto inizialmente previsto, il mare mosso ha rallentato l’imbarcazione a bordo della quale ci sono 232 migranti e una salma che nulla ha a che vedere con il naufragio che si è registrato, poco prima dell’alba di ieri, a 15 miglia da Lampedusa.

I migranti – fra i quali appunto c’era un cadavere – sono stati soccorsi, nella giornata di ieri, nel canale di Sicilia. Per domattina, subito dopo l’approdo, il gruppo verrà sottoposto ai tamponi anti-Covid e alle procedure di fotosegnalamento e poi si procederà all’imbarco sulla nave quarantena Allegra.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: sul litorale romano è pienone,tanti anche in spiaggia
Bis dopo ieri, ‘assalto’ auto, locali e bistrot pieni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
21 febbraio 2021
16:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con il passare delle ore assume la connotazione di un vero e proprio “pienone” estivo la domenica sul litorale romano, con un assalto di auto verso Ostia e Fiumicino, in particolare. A simboleggiarlo anche il contino afflusso di veicoli in uscita dall’autostrada Roma-Fiumicino.

Per entrare nel centro cittadino di Fiumicino ci sono file ed anche in direzione del lungomare, con parcheggi saturi dappertutto. Oltre che nei ristoranti e nei chioschi sul mare, tante presenze anche sulle spiagge e sui lungomare. Non trovando posti liberi, alcuni visitatori hanno fatto “dietrofront” e sono ripartiti verso la Capitale. Grande il lavoro per il comando della polizia locale di Fiumicino, impegnato per coordinare, con le altre forze dell’ordine, le otto pattuglie in campo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid,positivi stabili,meno morti. Aumento malati e ricoveri
Vittime di nuovo sotto quota 300, ma -55 mila test. Più malati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
21 febbraio 2021
17:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si mantengono costanti i test positivi al coronavirus in Italia, a fronte del fisiologico calo degli esami nel weekend, mentre continuano a diminuire le vittime, per il secondo giorno ben sotto le 300. Sono 13.452 i tamponi molecolari e antigenici positivi nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute (ieri erano stati 14.931).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I morti sono invece 232 (ieri erano stati 251).
Sono stati effettuati in totale 250.986 test (ieri erano stati 306.078, circa 55 mila in più). Il tasso di positività odierno è del 5,4%, mentre ieri era stato del 4,8% (quindi c’è un aumento dello 0,6% in 24 ore).
Aumentano i pazienti in rianimazione e nei reparti ordinari.
Sono 2.094 le persone ricoverate in terapia intensiva, con un incremento di 31 unità nel saldo quotidiano tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri in rianimazione sono stati 125.
Nei reparti ordinari sono ricoverate ora 17.804 persone, in aumento di 79 unità rispetto a ieri.
I malati di coronavirus – gli attualmente positivi delle tabelle del ministero della Salute – aumentano ancora nelle ultime 24 ore: sono 4.272 in più, per un totale di 388.895. I dimessi e guariti sono 2.324.633, con un incremento di 8.946 unità. In isolamento domiciliare ci sono ora 368.997 persone, con un aumento di 4.162 nelle ultime 24 ore.
I casi totali da inizio epidemia in Italia sono ora 2.809.246, i morti 95.718.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Capitano Ultimo da oggi in pensione, arrestò Riina
Il saluto ai colleghi del Ros, ‘le mie lacrime e il mio sorriso’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
21 febbraio 2021
19:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Oggi pensione e fine servizio.
Nell’ultimo giorno le mie lacrime e il mio sorriso alla bandiera di guerra dell’Arma dei carabinieri.
Al popolo italiano tutta la mia vita”. Lo scrive su twitter Sergio Di Caprio detto il Capitano Ultimo. “Vado in pensione, abbiamo combattuto, rivendico tutte le azioni passate presenti e future, torniamo ad essere il nulla da cui veniamo”, dice in un video riferendosi al Ros. De Caprio è stato a capo dell’unità Crimor dei ROS dei Carabinieri ed è noto soprattutto per aver arrestato Totò Riina il 15 gennaio 1993.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Donna uccisa a Genova: appello amici per figlio disabile
Si rivolgono a Bucci, gli serve assistenza, città sia di esempio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
21 febbraio 2021
20:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli amici di Clara Ceccarelli, la donna assassinata venerdì nel suo negozio di pantofole in pieno centro a Genova dal suo ex compagno, hanno lanciato un appello al sindaco della città Marco Bucci chiedendogli un intervento concreto di aiuto al figlio disabile della donna, Mauro. Il testo dell’appello, firmato a nome degli ‘amici di Mauro’ e poi condiviso da centinaia di persone, è stato pubblicato sulla pagina Facebook ‘Al fianco di Mauro!’ che in serata ha già raccolto oltre 650 adesioni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Clara “lascia un padre anziano e un figlio che necessita di assistenza”, scrivono tra l’altro nell’appello a Bucci.
“Vogliamo chiederle un aiuto grande e concreto, oggi per Mauro, ma certamente anche per tutte quelle famiglie che per una tragedia simile si trovano sole ed in difficoltà – aggiungono -.
Non siamo qui ad affibbiarvi l’ennesimo femminicidio, ad elencare quello che fa o non fa lo stato a favore di queste famiglie, a giudicare il lavoro delle forze dell’ordine e di chi avrebbe avuto il dovere di fermare queste insensate tragedie, ma siamo qui a chiederle un aiuto concreto ed un cambiamento drastico di queste leggi !” “Clara non è stata tutelata a tal punto di essere ancora qui con noi – si legge più oltre nell’appello -.
Confido in un suo riscontro, caro Sindaco, per questa situazione in particolare, ma anche per determinare una soluzione affinché si possa arginare questa grave piaga che sta dilagando senza limiti e mi piacerebbe che Genova possa essere d’esempio!!”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, 20 Comuni provincia Ancona verso zona arancione
Presidente Acquaroli annuncia ordinanza su facebook
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
21 febbraio 2021
22:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Divieto di spostamento (se non per motivi di lavoro, salute, studio e necessità comprovate) tra i Comuni della provincia di Ancona e ingresso in zona arancione (con le stesse regole del Dpcm) per 20 Comuni, tra cui Ancona, Jesi, Osimo, Senigallia, Loreto, Sassoferrato. Lo prevede un’ordinanza che il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli firmerà domani e che sarà in vigore da martedì 23 febbraio fino alle 24 di sabato 27 febbraio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli altri Comuni restano in zona gialla, annuncia il governatore su fb, e resta in vigore la limitazione per gli spostamenti da e per la provincia di Ancona, colpita da un aumento di contagi. Il resto delle Marche è in zona gialla. La decisione è stata adottata, spiega Acquaroli, dopo una videoconferenza con la presidente Anci Marche e sindaca di Ancona Valeria Mancinelli e i sindaci dei Comuni dell’Anconetano maggiormente colpiti dalla pandemia.
“Abbiamo analizzato, insieme con i dirigenti del Servizio Sanità – racconta -, i dati epidemiologici della settimana in corso, da lunedì 15 a sabato 20 febbraio, che denotano una crescita del contagio su alcuni Comuni della provincia di Ancona, in aumento rispetto alle scorse settimane. Così, con l’intesa dell’Anci e dei sindaci presenti, sentito anche il ministro, firmerò domani mattina una ordinanza per adottare delle misure restrittive”.
Acquaroli ringrazia “l’Anci e i sindaci per la collaborazione istituzionale dimostrata. Comprendiamo di chiedere uno sforzo ulteriore a tanti cittadini ma la tutela della salute e della sicurezza deve essere la priorità di tutti noi”. I Comuni che entreranno in zona arancione sono Ancona, Jesi, Osimo, Senigallia, Falconara Marittima, Filottrano, Staffolo, Serra de’ Conti, Polverigi, Cupramontana, Camerata Picena, Monte San Vito, Maiolati Spontini, Chiaravalle, Ostra, Loreto, Sirolo, Sassoferrato, Castelplanio e Castelfidardo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Precipita dal quarto piano, studente muore a Firenze
21enne italiano frequentava scuola moda
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
22 febbraio 2021
09:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un 21enne originario di Monza, studente del Polimoda a Firenze, è morto la notte scorsa, intorno alle 3, dopo essere precipitato dal quarto piano di un palazzo nel centro del capoluogo toscano, in via di Porta Rossa.
Da quanto spiegato dai carabinieri, il giovane si trovava a casa di altri studenti: accertamenti sono in corso per verificare la dinamica dei fatti da parte dei militari della Compagnia di Firenze, con il supporto della sezione investigazioni scientifiche del comando provinciale.

Secondo quanto riferito dai carabinieri, dagli accertamenti svolti fino a ora sarebbe escluso il coinvolgimento di altre persone nella caduta dello studente. Il 21enne, sempre in base a quanto spiegato, è caduto da una finestra, precipitando in una corte interna. Si trovava a casa di amici per passare una serata insieme con loro. Nella casa i carabinieri avrebbero trovato numerose bottiglie di alcolici, probabilmente consumati dai giovani nel corso della serata. La notte scorsa è intervenuto sul posto anche il pm di turno, Giuseppe Ledda, che ha disposto l’autopsia sul corpo dello studente.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Amadeus, Loredana Bertè superospite prima serata di Sanremo
L’annuncio a Che tempo che fa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
21 febbraio 2021
22:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Loredana Bertè superospite della prima serata del Festival di Sanremo, al via il 2 marzo: lo ha annunciato Amadeus, conduttore e direttore artistico, in collegamento con Che tempo che fa dalla platea del teatro Ariston.

Cronaca tutte le notizie in tempo reale! DA SEGUIRE LEGGERE E CONDIVIDERE! INFORMATI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 41 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 04:54 ALLE 19:33 DI SABATO 20 FEBBRAIO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Lampedusa, barcone migranti si ribalta durante soccorsi
In 47 portati in salvo. In corso le operazioni di ricerca di eventuali dispersi da parte della Guardia Costiera e Guardia di Finanza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 febbraio 2021
04:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una barca carica di migranti si è ribaltata al largo di Lampedusa durante le operazioni di trasbordo delle persone sulle motovedette della Guardia Costiera e della Guardia di Finanza. Al momento sono stati salvati 47 migranti e sono in corso le ricerche di eventuali dispersi.
Il naufragio è avvenuto a 15 miglia a sud di Lampedusa. Impiegato anche un elicottero del Secondo Nucleo Aereo Guardia Costiera di Catania.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il soccorso di questa notte – si legge in una nota – avviene al termine di una giornata particolarmente intensa dal punto di vista operativo per l’elevato numero di imbarcazioni con migranti segnalate nella giornata di ieri”.
L’elicottero del secondo nucleo aereo Guardia costiera di Catania sta perlustrando l’area dove si è ribaltato il barcone, per provare ad individuare eventuali dispersi. Sulla base delle prime testimonianze raccolte a bordo delle motovedette dai migranti superstiti, sulla “carretta del mare” c’erano in tutto una cinquantina di persone. All’appello mancherebbero altri 5 migranti, ma i racconti dei superstiti, al momento, vengono valutati con il beneficio del dubbio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Droga: operazione Cc, 5 arresti tra Alcamo e Partinico
Indagini su una rete che spacciava anche a minori
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
20 febbraio 2021
08:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I Carabinieri del Nor stanno eseguendo, tra Alcamo e Partinico, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip presso il Tribunale di Trapani, su richiesta della locale Procura, nei confronti di cinque persone (quattro uomini ed una donna di età compresa tra i 29 ed i 44 anni) ritenuti responsabili di spaccio e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.
Il provvedimento scaturisce dalle indagini condotte dalla fine di novembre 2019 sino alla scorsa estate, a seguito del deferimento di una donna, con precedenti specifici e sino al 2018 residente a Roma, per possesso di pochi grammi di marijuana e cocaina.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I successivi approfondimenti investigativi hanno permesso di accertare come l’indagata, insieme al compagno, fosse dedita all’attività di spaccio di piccole quantità di stupefacente. Le sue difficoltà economiche la portavano a rivendere le dosi, a sua volta acquistate da altri spacciatori, solo dopo averle ulteriormente “tagliate”. Approfondendo le frequentazioni della coppia, i militari sono riusciti a risalire ai fornitori dello stupefacente, rivenduto al dettaglio, oltre che alla donna ed al compagno, anche ad altri acquirenti di Alcamo. Tra gli acquirenti assidui anche alcuni minori. In totale, l’indagine ha permesso di arrestare in flagranza sette soggetti, di sequestrare circa 40 grammi di cocaina e oltre un chilo di marijuana che sul mercato avrebbero fruttato oltre 10mila euro, e di segnalare alla prefettura 3 acquirenti quali assuntori di stupefacente.
Gli arrestati sono stati trasferiti presso la casa circondariale di Trapani, a disposizione dell’autorità giudiziaria.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Morto Arturo Di Modica, realizzò “Toro di Wall Street”
Scultore siciliano vissuto negli Usa era tornato a Vittoria
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VITTORIA
20 febbraio 2021
08:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo scultore Arturo di Modica è morto ieri sera Vittoria, nella sua casa di contrada Pozzo Bollente. Aveva 80 anni, festeggiati qualche mese fa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Arturo di Modica aveva trascorso gran parte della sua esistenza negli Stati Uniti. È l’autore del celebre “Toro di Wall Street”, noto negli Usa come Wall Street Bull o Charging Bull: un grande scultura in bronzo che realizzò interamente a sue spese nel 1987, dopo il crollo della Borsa di Wall Street. Di Modica, che in quegli anni viveva negli Usa, volle simboleggiare la forza possente e la capacità di rinascita del popolo americano nei momenti difficili, nonché della Borsa di risollevarsi. L’opera avrebbe dovuto essere rimossa, ma oggi è diventata uno dei simboli più noti degli States ed uno dei monumenti più visitati.
Tornato nella sua città, aveva costruito la sua dimora fuori città, in contrada Pozzo Bollente. Negli ultimi anni, viveva soprattutto a Vittoria ed era tornato sempre più di rado negli Stati Uniti. Aveva accarezzato un sogno e stava lavorando ad un’ultima grande opera che voleva regalare alla sua città: due cavalli in bronzo da 40 metri situati uno di fronte all’altro a sormontare il fiume Ippari: un sogno rimasto incompiuto. Voleva fare diventare casa sua un centro di aggregazione mondiale di artisti giovani. L’ultima apparizione pubblica nel settembre scorso quando i quattro candidati sindaco di Vittoria (Salvatore Di falco, Piero Gurrieri, Salvatore Sallemi, Francesco Aiello) si recarono nella sua casa per pianificare questi progetti.
Numerosi i messaggi alla sua morte. La camera ardente sarà allestita a Vittoria presso l’ex convento delle Grazie, nei pressi di piazza del Popolo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Aggredisce carabiniere e viene ferito, morto nel Biellese
Colpito da proiettile a Quaregna. Ferito anche militare
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BIELLA
20 febbraio 2021
09:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ morto all’ospedale di Ponderano, dove era ricoverato in gravi condizioni, l’uomo ferito nella notte dal colpo di pistola sparato da un carabiniere, rimasto a sua volta ferito nel tentativo di difendersi. E’ accaduto a Quaregna, nel Biellese.
La vittima, un cinquantenne di origini straniere, probabilmente ubriaco, con un coltello si è scagliato contro i militari, intervenuti dopo la segnalazione del 118 perché stava dando in escandescenza. Anche il carabiniere è stato ricoverato all’ospedale di Ponderano, le sue condizioni non sarebbero gravi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: Lopalco, in Puglia ddi al 100% per due settimane
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
20 febbraio 2021
10:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con la nuova ordinanza regionale sulla scuola che sarà pubblicata a breve “abbiamo eliminato l’opzione” della frequenza in presenza a scelta e “stiamo limitando al massimo la didattica in presenza per dare la possibilità a tutto il personale scolastico di vaccinarsi e ritornare a fare didattica in presenza più in sicurezza. Quindi stiamo parlando di portare la didattica digitale integrata (Ddi)al 100%”.
Lo ha spiegato l’assessore alla Salute della Regione Puglia, Pier Luigi Lopalco, a margine dell’avvio della campagna vaccinale degli operatori scolastici di Bari.
L’ordinanza varrà fino al 5 marzo, quando ci sarà il nuovo Dpcm.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Marina: Il Vespucci compie 90 anni
Comandante Bacchi: “Neppure il covid ci ha fermato”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
20 febbraio 2021
10:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Novant’anni e non sentirli. Lo storico veliero Amerigo Vespucci, nave scuola varata il 22 febbraio 1931 nei regi cantieri di Castellamare di Stabia, l’unità più anziana in servizio della Marina Militare italiana, la più ammirata, compie 90 anni e non si è fermata neppure con il Covid.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“E’ un traguardo a cui arriva avendo percorso più di 800 mila miglia, navigato in tutti i mari del mondo, visitato tutti i continenti. E il bello è che dopo questi primi 90 anni la nave è pronta per affrontarne altrettanti e altri traguardi, perché è stata conservata nel tempo in maniera maniacale” dice il comandante Gianfranco Bacchi, il 122 esimo e uno degli unici tre ad avere superato l’anno di comando del Vespucci. “E’ uno strumento formativo formidabile – aggiunge – ha visto passare decine di migliaia di allievi dell’Accademia navale, e poi è un simbolo per il Paese, non solo per la Marina. Le sono state affidate tante definizioni, la più semplice e banale è la nave più bella del mondo, ma in realtà è molto di più, è un’ambasciatore dell’Italia e del made in Italy”.
Per il Covid nel 2020 è stato annullato il giro del mondo, trasformato però in campagna di addestramento nel Mediterraneo: 2 mesi di navigazione – dopo doppio tampone, e quarantena – senza toccare i porti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini:prime dosi a docenti Bari; Lopalco, tributo a scuola
Vaccinazioni a personale scuole comunali nel Palacarbonara
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
20 febbraio 2021
10:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Abbiamo iniziato subito e stiamo cercando anche di accelerare il processo di vaccinazione di tutti gli operatori scolastici di tutta la regione proprio per questo motivo, perché prima saranno vaccinati e prima potranno continuare a lavorare con maggiore serenità. È questo il tributo che il mondo della sanità in questo momento ha il dovere di dare al mondo della scuola”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo ha detto l’assessore alla Sanità della Regione Puglia, Pierluigi Lopalco, in occasione dell’avvio della campagna vaccinale per il personale scolastico comunale che parte a Bari con la vaccinazione dei primi 200 operatori scolastici, e in contemporanea anche in alcuni degli altri capoluoghi di provincia pugliesi. A Bari le somministrazioni vengono fatte nel palazzetto dello sport ‘Palacarbonara’ allestito e attrezzato per l’occorrenza.
“Abbiamo iniziato subito e stiamo cercando anche di accelerare il processo di vaccinazione di tutti gli operatori scolastici di tutta la regione proprio per questo motivo, perché prima saranno vaccinati e prima potranno continuare a lavorare con maggiore serenità. È questo il tributo che il mondo della sanità in questo momento ha il dovere di dare al mondo della scuola”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Sardegna, somministrazioni a tutti entro agosto
Al via il Programma operativo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
20 febbraio 2021
10:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La vaccinazione di tutta la popolazione della Sardegna over 16 anni sarà completata entro il mese di agosto, le somministrazioni per gli over 80 (115mila persone) saranno a pieno regime dall’1 marzo per i nati fino al 1936 e dal 15 marzo per i nati dal 1937 al 1941. Lo prevede il “Programma operativo di vaccinazione anti Covid 19” predisposto dall’assessorato della Sanità della Regione, e che comprende il cronoprogramma delle inoculazioni organizzato con cadenza mensile distribuendo la popolazione per categorie e fasce di priorità.
I punti vaccinali saranno fissi e temporanei, riservando questi ultimi prevalentemente alla fase 4.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: no respingimenti rotta balcanica, 300 in digiuno
Centro Balducci, staffetta sciopero fame della Rete Dasi Fvg
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
20 febbraio 2021
10:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 300 le adesioni complessivamente raccolte che si alterneranno quotidianamente alla staffetta di sciopero della fame promosso dalla Rete Diritti Accoglienza Solidarietà Internazionale (DASI) FVG contro i respingimenti dei migranti provenienti dalla Rotta balcanica.
Lo rende noto il Centro Balducci di Zugliano (Udine), precisando che la metà degli aderenti non sono del Friuli Venezia Giulia e che il loro numero è in crescita.

L’iniziativa ha anche lo scopo di “denunciare le responsabilità dell’Europa e dell’Italia nella gravissima situazione che vede migliaia di migranti, in cammino lungo la Rotta balcanica, bloccati in Bosnia in condizioni disumane”.
Il digiuno proseguirà fino ai primi giorni d’aprile ed ogni giorno sul sito della Rete compariranno le foto e i video postati dai partecipanti.
La Rete DASI si augura che il nuovo Governo garantisca “alle persone provenienti dalla Rotta balcanica e presenti sul territorio italiano la possibilità di presentare richiesta d’asilo”.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: Toma, se necessario altre Zone rosse locali
Da domani 108 comuni su 136 ‘arancioni’, 28 già ‘rossi’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAMPOBASSO
20 febbraio 2021
11:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Molise da domani sarà in ‘Zona arancione’, ma non si escludono ulteriori restrizioni e possibili ‘Zone rosse’ locali qualora si dovessero registrare situazioni più critiche. Lo ha scritto su Facebook il presidente della Regione, Donato Toma.
“In questo momento – ha evidenziato – la prudenza e la protezione vanno al primo posto”. Nel post si legge ancora: “La nostra comunità si è comportata molto bene in tutti questi mesi. Le istituzioni hanno lavorato in sinergia (e lasciate perdere le fake news e le polemiche strumentali utili solo a creare confusione) e voglio ringraziare quanti hanno lavorato e lavorano in prima linea per proteggere i cittadini”. Infine, “sono certo che continueremo ad avere fiducia e adottare comportamenti responsabili”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Droga:con drone segnalavano loro presenza a clienti, arresti
A Prato, trovati in possesso di oltre mezzo chilo cocaina
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PRATO
20 febbraio 2021
11:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Segnalavano la loro presenza ai tossicodipendente con l’utilizzo di un drone a quattro rotori, di piccole dimensioni, di colore arancione e sono stati trovati in possesso di oltre mezzo chilo di cocaina. Per questo due pusher, rispettivamente di 27 e 29 anni sono stati arrestati dai carabinieri tra Prato e Montecatini (Pistoia).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’arresto è avvenuto lo scorso mercoledì, intorno alle 21.45,. Il 27enne e il 29enne, già noti alle forze dell’ordine, fanno sapere gli investigatori, sono stati controllati dai militari del nucleo investigativo del reparto operativo del comando provinciale di Prato nei giardini prospicienti viale Galilei e trovati in possesso di due dosi di cocaina. La perquisizione è poi stata estesa all’auto che i due, marocchini, avevano in uso e nella quale sono stati trovati quattro involucri di cellophane contenenti altri 108 grammi sempre della stessa sostanza mentre nella perquisizione domiciliare sono stati rinvenuti ulteriori 412 grammi sempre di cocaina, una bilancia di precisione, materiale per il confezionamento dello stupefacente e 1.595 euro in banconote, ritenuti dagli inquirenti provento dell’attività di spaccio. Lo stupefacente è stato sequestrato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: chiuse superiori Sarnico e Lovere
Per un periodo di due settimane
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
20 febbraio 2021
11:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Chiuse per due settimane le scuole superiori di Sarnico e Lovere, in provincia di Bergamo al confine con quella di Brescia, più precisamente gli istituti Riva e Piana: la decisione è stata presa dall’Ats di Bergamo “a seguito del riscontro di un significativo numero di casi positivi”.
Si tratta di 28 all’istituto Serafino Riva di Sarnico e, ha spiegato il sindaco Giorgio Bertazzoni all’Eco di Bergamo, il timore “è che qualche alunno possa essere stato contagiato dalla variante inglese”.

All’istituto Ivan Piana di Lovere invece gli alunni positivi sono 8 su 800. “Nel nostro Comune – ha sottolineato il sindaco Alex Pennacchio, che è anche docente della scuola – abbiamo solo dieci cittadini positivi al virus. Capiamo la decisione di Ats su cui evidentemente hanno pesato i numeri preoccupanti che arrivano dal bresciano, a noi limitrofo, da cui provengono alcuni nostri studenti, ma al tempo stesso non posso non far notare che la scuola è uno dei posti più sicuri”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Omicida Genova, volevo lei
‘Abbiamo discusso e poi l’ho colpita’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
20 febbraio 2021
12:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono entrato nel negozio e abbiamo iniziato a discutere. Volevo tornare con lei, ma Clara non voleva.
Così l’ho colpita”. È quanto ha detto agli investigatori ieri notte Renato Scapusi, l’uomo di 59 anni che ieri pomeriggio ha ucciso in pieno centro a Genova la ex compagna Clara Ceccarelli, commerciante di pantofole di 69 anni.
“Dopo ho vagato per la città fino al Galliera. Volevo uccidermi”. Scapusi, difeso d’ufficio dall’avvocato Stefano Bertone, è accusato di omicidio volontario aggravato. Il pubblico ministero Giovanni Arena, che coordina le indagini della mobile e delle volanti, sta valutando se contestare la premeditazione.
Scapusi è arrivato in negozio con un coltello che poi ha buttato quando è scappato. Agli inquirenti non ha però saputo dire dove lo ha gettato. L’uomo perseguitava la ex da mesi: le telefonava di continuo, si presentava in negozio.
Ma Clara non lo aveva mai denunciato, pur rimanendo ferma nella volontà di non volere riprendere la convivenza. Nei prossimi giorni verrà fissato l’interrogatorio di convalida davanti al gip. Non e escluso che il pm possa disporre una perizia psichiatrica su Scapusi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pasqua: Vaticano, opera pieve Prato in francobollo 2021
E’ Resurrezione dell’ucraino Vitaliy Shtanko. Il 22 l’annullo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PRATO
20 febbraio 2021
12:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Viene da Prato l’immagine che la Città del Vaticano ha scelto come francobollo per Pasqua 2021.
Si tratta di un quadro alto due metri raffigurante la Resurrezione, custodito nella pieve di S.Pietro a Figline.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo rende noto la Diocesi pratese spiegando che l’opera è stata realizzata dall’artista ucraino Vitaliy Shtanko nel 2005 e rappresenta il momento in cui il Cristo risorto la sera di Pasqua è apparso agli apostoli nel cenacolo. Il dipinto “è stato notato dal Servizio poste e filatelia del Vaticano grazie a una fotografia portata all’attenzione del responsabile del servizio don Francesco Mazzitelli”.
“È stato un fotografo al termine di una celebrazione nella chiesa di Figline a scattare una foto al quadro e poi, anni dopo, a mostrarla a don Mazzitelli” spiega don Giuseppe Billi, parroco di San Pietro a Figline, anche apprezzato critico d’arte. E’ stato lo stesso don Billi, nei primi anni duemila a lanciare Vitaliy Shtanko, all’epoca ventenne: «Il padre – spiega – è un bravissimo iconografo e con la moglie e i figli si trasferì a Firenze alcuni anni fa. Vitaliy è un ottimo ritrattista e fin da giovanissimo si è fatto notare per la sua eccellente tecnica, io lo portai al Museo Stauròs di arte sacra contemporanea al santuario di San Gabriele in Abruzzo, dove espose proprio il quadro della Resurrezione”. Il francobollo, stampato in 55mila esemplari, valore 1,15 euro, verrà emesso lunedì prossimo e all’ufficio postale Arco delle Campane in San Pietro ci sarà l’annullo speciale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Marche, 547 positivi in 24 ore, metà in provincia Ancona
Testati 5.970 tamponi complessivi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
20 febbraio 2021
12:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 547 i positivi al covid nelle ultime 24 ore nelle Marche tra le nuove diagnosi, di cui circa la metà, 276, in provincia di Ancona, che resta ancora la zona più colpita. Seguono la provincia di Macerata con 103, quella di Urbino con 53, quella di Ascoli Piceno con 48, quella di Fermo con 47 e 20 fuori regione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati testati “5.970 tamponi: 3.782 nel percorso nuove diagnosi (di cui 1.481 nello screening con percorso Antigenico) e 2.188 nel percorso guariti (con un rapporto positivi/testati pari al 14,5%)”. I 547 positivi comprendono soggetti sintomatici (65), contatti in setting domestico (96), contatti stretti di casi positivi (216), contatti in setting lavorativo (17), contatti in ambienti di vita/socialità (1), contatti in setting assistenziale (2), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (27), screening percorso sanitario (3). Per altri 120 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche.
Sui 1.481 test del Percorso Screening Antigenico “sono stati riscontrati 93 casi positivi (da sottoporre al tampone molecolare). Il rapporto positivi/testati è pari al 6%”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Solinas, non contrario se Regioni recuperano dosi
“Dipendiamo in maniera pesante da capacità consegne Governo”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
20 febbraio 2021
12:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Dipendiamo in maniera pesante dalla capacità del Governo di darci le dosi. Abbiamo sul territorio oltre 25 centri che possiamo incrementare.
Ognuno è in grado di fare 500 vaccini al giorno. Dipende dalla capacità dello Stato di inviarci vaccini”. Lo ha detto il governatore della Sradegna, Christian Solinas in una lunga intervista al quotidiano La Nuova Sardegna, parlando anche del piano vaccinale per l’Isola.
“Alcune regioni tentano per conto loro di trovare vaccini. Non sono pregiudizialmente contrario – ha aggiunto – Io sono perché si prenda la strada che ci porti nel tempo più rapido ad avere le dosi. Chiaramente al prezzo corretto ed evitando che ci siano mediatori pronti a speculare che non danno nessuna garanzia”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: a Codogno svelata targa in memoria medici europei
‘Oggi memoria di tutti e per sempre’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 febbraio 2021
12:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una targa in memoria dei medici e degli odontoiatri europei scomparsi per Covid-19 “nel ricordo e nella memoria di tutti e per sempre” è stata svelata oggi, giornata nazionale dedicata a tutti i camici bianchi morti, all’ospedale di Codogno (Lodi), dove un anno fa venne accertato il primo casi di Covid in Italia, giorno che segnò l’inizio della pandemia nel nostro Paese.
La cerimonia, organizzata dalla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri – in contemporanea con Roma dove la presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati ha scoperto un’altra targa per ricordare i 326 camici bianchi italiani che hanno perso la vita – è avvenuta alla presenza, tra gli altri, degli assessori regionali Paolo Foroni e Guido Guidesi, del prefetto e del sindaco di Lodi Giuseppe Montella e Sara Casanova, del presidente della Federazione Regionale Lombarda degli Ordini dei Medici e degli Odontoiatri, Gianluigi Spata, e di Francesco Passerini, il primo cittadino del comune della Bassa Lodigiana, uno dei 10 che l’anno scorso venne isolato con l’istituzione di un Zona Rossa, il quale ha ‘svelato’ la targa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Comuni: sospeso Consiglio Polistena, nominato un Commissario
Decisione del Prefetto di Reggio C. dopo dimissioni del sindaco
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
REGGIO CALABRIA
20 febbraio 2021
12:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il prefetto di Reggio Calabria, Massimo Mariani ha disposto la sospensione del Consiglio comunale di Polistena. La decisione è stata adottata a seguito delle dimissioni del sindaco Marco Policaro per gli esiti dell’operazione antimafia “Faust” nell’ambito della quale è indagato il suocero del primo cittadino di Polistena.

“Il provvedimento – è scritto in una nota della prefettura – è stato adottato nelle more del perfezionamento della procedura di scioglimento del Consiglio comunale. Con il medesimo decreto il dott. Umberto Pio Antonio Campini, viceprefetto in quiescenza, è stato nominato commissario per la provvisoria amministrazione dell’ente, con i poteri spettanti al Consiglio, alla Giunta ed al Sindaco”.
Il sindaco Policaro era stato eletto nella tornata amministrativa dello scorso mese di settembre.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Omicidio nel Nuorese, attesa per l’autopsia su allevatore
Più colpi d’arma da fuoco hanno colpito la vittima alla testa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NUORO
20 febbraio 2021
12:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Più colpi di arma da fuoco, tutti rivolti alla testa. Così è stato trovato l’allevatore di Ortueri (Nuoro) Marcello Musu, di 54 anni, ucciso ieri mattina mentre arrivava nel suo podere nelle campagne del paese in località “Suegiu e Sa Ide”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ quanto emerge da una prima perizia esterna del cadavere, eseguita dal medico legale Roberto Demontis. Tra oggi e domani il professionista riceverà l’incarico da parte del Pm della Procura di Oristano Valerio Bagattini, titolare delle indagini, per l’autopsia sul corpo della vittima, che verrà effettuata nel Policlinico di Monserrato, dove ieri è stata trasportata la salma. Sara l’esame autoptico a dire a che ora è stato ucciso e quanti colpi sono stati esplosi sul capo della vittima.
Musu, ieri mattina, era andato in azienda una prima volta all’alba e una seconda volta a metà mattina, e da allora non è più tornato a casa. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, l’allevatore non ha avuto possibilità di scampo: una volta sceso dal suo pick up bianco per aprire il cancello del podere, è stato raggiunto dai colpi di arma da fuoco. L’allarme è scattato in tarda mattinata quando un altro allevatore lo ha visto riverso per terra.
I carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando provinciale di Nuoro, al comando del maggiore Michele Cappa, in queste ore passano al setaccio gli elementi che si muovono intorno alla vita dell’uomo, con interrogatori, rastrellamenti e posti di blocco. Si indaga anche nel passato di Musu e su quell’arresto per tentato omicidio nei confronti di un compaesano nel lontano 1993. Vicenda da cui l’allevatore era stato però scagionato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Marche, al via vaccini a over 80 in 15 location
480 in un giorno ad Ancona. Anziani,potremo riabbracciare nipoti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
20 febbraio 2021
12:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Al via nelle Marche la vaccinazione agli over 80 in 15 Punti di vaccinazione della popolazione (Pvp) con l’obiettivo di ‘proteggere’ almeno il 70% delle circa 134mila persone di questa fascia d’età nella regione; intanto si sta completando la stessa procedura per gli anziani in Rsa e case di riposo, iniziata in precedenza. Ad Ancona, nella tensostruttura dell’impianto sportivo ‘Paolinelli’, zona Baraccola, in mattinata è filato tutto liscio: buona organizzazione, nessuna fila, soddisfazione di anziani (e familiari) sollevati per la prospettiva di essere gradualmente più liberi e poter riabbracciare i nipoti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le somministrazioni, dopo una prima ora sotto le 40 persone, hanno accelerato con la previsione di arrivare a 483 (circa 44 all’ora in 11 ore) nella prima giornata. Domani stop di un giorno per un ‘punto’ della situazione, prima della galoppata per completare il percorso entro il 20 aprile: dal 13 marzo – data di richiamo per i vaccinati di oggi – si inizieranno le seconde dosi in contemporanea con il completamento delle prime: dopo la veloce ‘accettazione, gli interessati attendono su sedie distanziate, vengono chiamati per la vaccinazione in ‘box’ al centro del ‘pallone’ e poi attendono i 20 minuti di ‘osservazione’ sull’altro lato della struttura.
Un procedura che, confermano la responsabile dell’evento, dott.ssa Daniela Cimini, a giudicare dal buon risultato, finora potrebbe permettere di ‘raddoppiare’ i vaccinati giornalieri ad Ancona. Al lavoro nella struttura circa 30 sanitari; e, a supporto, entro e fuori dalla tensostruttura, volontari di protezione civile e polizia locale. Soddisfazione per il positivo avvio della campagna il direttore dell’Area Vasta 2 Giovanni Guidi e dell’Assessore comunale Stefano Foresi. Anche l’assessore regionale alla Sanità Filippo Saltamartini sta visitando i vari centri di vaccinazione per monitorare l’andamento.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccino: assessore E-R, AstraZeneca ha tagliato 5mila dosi
Donini, ‘in questo caso siamo ancora da un passo lento’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
20 febbraio 2021
12:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono in arrivo in questi giorni AstraZeneca con un’ulteriore decurtazione, ne dovevano arrivare diverse decine di migliaia, ma c’è una decurtazione di 4-5 mila dosi. Non come le altre volte ma comunque non c’è un segno più, speriamo che dalla prossima settimana si cambi passo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo ha detto l’assessore regionale alle Politiche Sanitarie, Raffaele Donini, all’ospedale Maggiore di Bologna in occasione della Giornata nazionale degli operatori sanitari.
La conferma del taglio arriva anche dal direttore generale dell’Ausl di Bologna, Paolo Bordon. “I vaccini arrivano ma con dei tagli, oggi abbiamo 1.000 vaccini in consegna in meno di AstraZeneca, dovevano essere 8.400 e ne arriveranno 7.400.
Febbraio è un mese sfortunato – ha detto amaramente Bordon – da questo punto di vista, confidiamo in una ripresa a marzo.
Moderna e Pfizer sembra che consegneranno regolarmente”, ha concluso il direttore dell’Ausl.
La riduzione dei vaccini Astrazeneca, significa un rallentamento della campagna vaccinale per il personale della scuola, che partirà in Emilia-Romagna lunedì con le prenotazioni. “Ci saranno i tempi tecnici per l’organizzazione ma soprattutto non ci sono tantissimi vaccini – ha spiegato ancora Donini – di AstraZeneca noi abbiamo poche decine di migliaia di dosi. Quindi per ora siamo ancora ad un passo abbastanza lento per quello che riguarda la somministrazione con questo vaccino, chiaro noi siamo pronti a vaccinare tutta la popolazione dell’Emilia-Romagna in pochissimo tempo – ha aggiunto l’assessore – perché oltre ai nostri 74 punti vaccinali in tutta la regione che potrebbero viaggiare quasi a 50mila vaccini al giorno, l’accordo con i medici di Medicina generale permetterà un ulteriore forte potenziamento. Speriamo però che arrivino i vaccini”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: associazione bimbi disabili, sono ad alta fragilità
Vaccini per loro e per i caregivers
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
20 febbraio 2021
13:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La disabilità non ha, a nostro parere, avuto la giusta attenzione nella determinazione delle categorie prioritarie e non si è tenuto conto affatto della disabilità infantile. I minori di 16 anni, come previsto in altri paesi europei, avrebbero dovuto essere tutelati dal rischio di infezione assicurando la vaccinazione ai loro caregivers”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo scrive in una nota l’associazione Bambini di Marco Cavallo APS di Trieste, attiva nella tutela dei diritti dei bambini con disabilità.
Per la presidente, Teresa Vullo, che è anche membro della FIRST – Federazione Italiana Rete Sostegno e Tutela dei diritti delle persone con disabilità – “benché il contagio da Covid abbia esiti più lievi nella popolazione infantile, per i bambini con disabilità grave non è cosi: per questo devono essere tutelati, rientrare tra le categorie con più alta fragilità e protetti proprio con la vaccinazione dei conviventi”.
Proprio per questo, la richiesta al Governo e al Ministero della Salute devono “garantire direttamente e indirettamente ai propri cittadini più fragili la vaccinazione anti Covid”.
Secondo Vullo, “eventi traumatici di questo tipo potrebbero compromettere, al di là degli esiti della malattia, ulteriormente il quadro diagnostico dei minori, a causa delle regressioni irreversibili a cui potrebbero andare incontro”. Il tutto nello spirito “di garantire l’equità di trattamento fra i cittadini, tutelando la salute delle persone con disabilità ed in particolare dei bambini e dei ragazzi più fragili”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: variante inglese, verso zona rossa in paese Sassarese
Attesa nelle prossime ore l’ordinanza del sindaco di Bono
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SASSARI
20 febbraio 2021
13:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La scoperta di un cluster di contagio della variante inglese del Covid-19 nel territorio comunale ha indotto il sindaco di Bono, Elio Mulas, a predisporre un’ordinanza che firmerà a breve per disporre il lockdown totale sino al 6 marzo. La decisione di far passare Bono in zona rossa è stata presa di concerto con le autorità sanitarie.
“Siamo in contatto con l’assessore regionale della Sanità, Mario Nieddu, e con il commissario dell’Ats, Massimo Temussi – spiega Mulas – per valutare insieme i più opportuni provvedimenti da prendere”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: proroga divieto entrata e uscita da provincia Ancona
Acquaroli, fino a 27/2. Salvo stato necessità, lavoro o salute
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
20 febbraio 2021
13:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Prorogate di un’altra settimana, fino alle 24 di sabato 27 febbraio, come preannunciato ieri, le misure di mitigazione degli spostamenti in entrata e in uscita dal territorio della provincia di Ancona (stabiliti con la precedente ordinanza n.3 del 2021 e valide fino a tutta la giornata di oggi). La nuova ordinanza è stata firmata stamattina dal presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Immutata la zona gialla per i comuni compresi e la libertà di spostarsi tra gli stessi.
Non sono consentiti spostamenti in entrata e in uscita dalla Provincia di Ancona, salvi spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o da situazioni di necessità o per motivi di salute. Sono consentiti gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza nei limiti in cui la stessa è consentita. È consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione. Il transito sul territorio è consentito qualora necessario a raggiungere ulteriori territori non soggetti a restrizioni negli spostamenti o nei casi in cui gli spostamenti sono consentiti dalle norme vigenti. E occorre sempre far uso della autocertificazione riguardo alle cause giustificative dello spostamento.
“Sentiti i servizi Sanità, dopo il confronto che si è svolto ieri con il Prefetto di Ancona e i sindaci dei comuni maggiormente colpiti sul territorio provinciale anconetano” la Regione ha deciso la proroga e “continua a svolgere un continuo e costante monitoraggio e tracciamento della situazione, disponibile con i singoli Comuni a valutare specifiche misure di mitigazione della diffusione del Covid-19.
La violazione della disposizione comporta l’applicazione delle sanzioni previste dall’art. 4 del d.l. 19/2020.
“Resta sempre necessaria – ricorda la Regione – la massima cautela di tutti i cittadini nel rispetto delle norme anticontagio, a cominciare dal divieto di assembramento, dall’attenzione per le norme igieniche e l’utilizzo corretto dei dispositivi di protezione individuale”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ponte Genova: concluso secondo incidente probatorio
Il tre marzo udienza per uso intercettazioni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 febbraio 2021
13:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Concluso in cinque udienze il secondo incidente probatorio, quello sulle cause del crollo del ponte Morandi, il viadotto autostradale collassato il 14 agosto 2018 causando la morte di 43 persone. Oggi il gip Angela Nutini ha ammesso solo un approfondimento di perizia depositato da alcuni indagati mentre ha respinto le altre richieste.

I periti del giudice hanno ribadito che il ponte è crollato a causa della corrosione dei cavi dello strallo della pila 9.
Corrosione accelerata da difetti di esecuzione del progetto originario. Secondo alcuni legali della difesa quello era un vizio occulto. Secondo i tecnici, invece, quel difetto era conoscibile dai documenti e se si fossero fatte le manutenzioni il viadotto non sarebbe crollato. L’inchiesta vede indagate 71 persone oltre alle due società Aspi e Spea per omicidio colposo plurimo, crollo doloso, falso, attentato alla sicurezza dei trasporti, omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro. Il prossimo 3 marzo ci sarà l’udienza stralcio con la quale si deciderà quali intercettazioni potranno essere usate. A quel punto la procura chiuderà le indagini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Maltratta e picchia marito, arrestata
Vessazioni per mesi accertate da polizia Fermo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
20 febbraio 2021
13:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Intervento da Codice Rosso, ma a parti invertite, per gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Fermo che hanno arrestato una donna per i continui maltrattamenti nei confronti del marito. Vessazioni, minacce e anche percosse che andavano avanti da oltre un anno: protagonista una coppia sulla cinquantina, residente in un Comune del Fermano, che poi si è trasferita in altre località della stessa provincia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il marito è stato in diverse occasioni colpito dalla moglie con oggetti di uso domestico, minacciato con arnesi da taglio ed aggredito verbalmente anche davanti ad altre persone.
La vittima ha subito nella speranza di tentare di ricostruire una serenità familiare ma la donna ha perseverato nei suoi comportamenti. In qualche occasione l’uomo ha lasciato temporaneamente l’abitazione familiare, a volte ha chiesto l’intervento della Volante della Polizia di Stato, che ha segnalato il caso ai servizi Sociali. E come nei più classici casi di questo tipo, lui aveva presentato denuncia, ritirandola dopo qualche giorno, sempre sperando di ricucire la situazione.
Gli elementi raccolti dai poliziotti della Volante e gli approfondimenti investigativi della Squadra Mobile sono stati vagliati dall’autorità giudiziaria, che ha emesso un primo provvedimento di allontanamento della donna dalla casa familiare e il divieto di avvicinamento e di comunicazione con il coniuge.
Lei però non ha desistito, violando le prescrizioni, arrivando a sottrarre al marito le chiavi di casa e minacciando lui e altre persone che gli erano vicine, disturbando i vicini di casa.
Ieri, dopo l’ennesimo comportamento violento, l’Autorità Giudiziaria ha deciso l’aggravamento, disponendo la custodia cautelare in carcere della donna, che è stata trasferita dal personale della Squadra mobile presso la casa di reclusione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Padre uccide figlio di 2 anni e si suicida
Nel Trevigiano, sul posto i carabinieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TREVISO
20 febbraio 2021
15:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un padre di 43 anni ha ucciso il proprio figlio, di due anni, e si è poi suicidato, Il fatto è avvenuto a Castello di Godego, nel Trevigiano. A trovare i corpi è stato il nonno, che ha chiamato i carabinieri.
La madre, in quel momento, era fuori casa. Sul posto è arrivata anche la pm Mara De Donà.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Campobasso, scuole chiuse fino al 28/2
Ordinanza sindaco in vigore dal 22 febbraio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAMPOBASSO
20 febbraio 2021
15:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sospensione delle attività didattiche in presenza degli istituti scolastici di ogni ordine e grado, pubblici, parificati, paritari e degli asili nido pubblici e privati dal 22 al 28 febbraio. Lo ha stabilito il sindaco di Campobasso, Roberto Gravina, con propria ordinanza.

Il capoluogo da domani sarà in ‘Zona arancione’, come gran parte dei comuni molisani, a seguito dell’ordinanza emessa dal ministro della salute, Roberto Speranza. “È una decisione sofferta – ha detto il primo cittadino – ma è legata al principio di prevenzione e precauzione”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: sit in Ambasciata Diritti davanti a Pfizer Ascoli
Striscioni, fumogeni e volantini, espropriamo i brevetti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ASCOLI PICENO
20 febbraio 2021
15:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Striscioni, fumogeni, volantini oggi davanti allo stabilimento Pfizer di Ascoli Piceno “per dire che la ricerca scientifica deve essere pubblica, che l’accesso al vaccino Sars-CoV2 deve essere libero e gratuito, che la proprietà intellettuale va immediatamente sospesa, che i brevetti vanno espropriati, resi pubblici e utilizzati per la produzione di vaccini su larga scala, che il know-how e le innovazioni tecnologiche e scientifiche vanno condivise”.
Un’iniziativa simbolica (nel sito di Ascoli si producono altri tipi di farmaci, tra cui il Viagra) messa in campo dall’Ambasciata dei Diritti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il vaccino oggi è un terreno di scontro politico. Chi ne detiene la proprietà esercita un’influenza diretta sulla complessità della produzione economica e della riproduzione sociale. Vaccinarsi vuol dire tutelare la propria salute, recuperare la propria libertà e riprendere la propria attività lavorativa. Vale come individuo, vale come specie e vale come gruppo sociale” spiegano gli organizzatori che sollecitano una campagna vaccinale rapida, efficace e sicura. Non è in ballo solo la salute individuale, ma il nostro con/vivere sociale”.
Per questo “è inaccettabile che i giganti del farmaco come Pfizer-Biontech, Moderna o AstraZeneca facciano profitti su quello che oggi si può tranquillamente definire un bene primario. E’ ancora più grave che mentre si rallenta drasticamente la campagna vaccinale per presunti problemi produttivi, inizino ad emergere filiere di mercato parallele con la conseguenza non solo di un maggior lucro, ma anche dell’aumento del prezzo d’acquisto degli stessi vaccini”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: variante inglese, altre 2 zone rosse nel Lazio
Restrizioni a Colleferro e Carpineto in provincia di Roma
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
20 febbraio 2021
16:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Altre due zone rosse nel Lazio per l’alta incidenza di casi di variante inglese. Le ordinanze della Regione Lazio hanno disposto le misure di massima restrizione per Colleferro e Carpineto, due comuni in provincia di Roma.
Nel Lazio la zona rossa è già stata attivata per Roccagorga in provincia di Latina.
L’ordinanza per istituire la zona rossa nei Comuni di Colleferro e Carpineto Romano è stata firmata oggi dal Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. “Per ciascuno dei Comuni si applicano le misure più restrittive di cui all’art. 3 del Dpcm 14 gennaio 2021. Le disposizioni dell’ordinanza entrano in vigore dalle ore 1:00 del 21 febbraio 2021 e verranno applicate per i successivi 14 giorni”, fa sapere in una nota la Regione Lazio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Romani tra parchi e pranzi fuori, locali “ancora sold-out”
Fiepet, a Roma e provincia 18,5 mln incassi, litorale al top
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
20 febbraio 2021
16:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Romani a spasso nei parchi e a pranzo fuori. Con la bella giornata tanti si sono riversati fuori casa, nel solco di quanto già avvenuto lo scorso fine settimana.
Per la ristorazione i dati sono “molto positivi”, secondo l’Osservatorio della Fiepet-Confesercenti. “Nelle località balneari della nostra regione, da Gaeta a Pescia Romana, prenotazioni chiuse già nel tardo pomeriggio di venerdì per dieci ristoranti su 10, con sold-out a Fregene – il report dell’associazione -. Nella Capitale il rapporto è stato otto su dieci, complice anche il bel tempo che ha portato a preferire indirizzi fuori porta, ma i romani che hanno scelto di restare in città hanno premiato bar, pizzerie al taglio e gelaterie. Il litorale ha toccato incassi pari a 4 milioni di euro, mentre Roma e dintorni 14,5 milioni, con un incremento complessivo del più 12% rispetto al week-end precedente ma sempre in negativo rispetto all’anno scorso”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: sindaco Codogno, come meteorite sulla testa
‘Vinciamo virus in memoria di chi ha perso questa battaglia”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CODOGNO
20 febbraio 2021
16:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“E’ come se fosse caduto un meteorite sulle nostre teste”. Così Francesco Passerini, sindaco di Codogno (Lodi), ricorda i primi attimi subito dopo aver saputo che nell’ospedale della cittadina lodigiana era stato scoperto il primo paziente contagiato da coronavirus in Italia.

“All’inizio speravo anche inconsciamente che tutto fosse circoscritto – ha detto – senza poter immaginare che da quel momento sarebbe cambiato tutto. Era una situazione strana, quasi incomprensibile, ma che aveva tutte le caratteristiche per pensare a qualcosa di grave, cosa che mi ha portato a chiudere subito la mia città per tutelare la nostra comunità”.
“Adesso fortunatamente sappiamo di più sul virus e sappiamo che si può vincere e abbiamo anche un’arma in più che è il vaccino. Vogliamo vincerlo nella memoria di chi ha perso questa battaglia”, ha concluso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In 200 davanti a negozio di Clara
Fiori, messaggi, ricordi “per l’amica vera, donna dolcissima”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
20 febbraio 2021
16:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ci sono rose e tulipani e le prime mimose, gli anemoni e le azalee e i messaggi di chi la conosceva e l’omaggio di chi non l’aveva mai neppure incrociata. Via Colombo, a Genova: la saracinesca del negozio di pantofole di Clara Ceccarelli, uccisa ieri pomeriggio dal suo ex compagno Renato Scapusi, 59 anni, è nascosta da uno striscione rosa con su scritto “Non è un raptus ad ucciderci.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Basta crederci”.
In duecento, per la quasi totalità donne, hanno reso omaggio all’ennesima vittima di femminicidio, un presidio dolente costruito anche sui ricordi di chi Clara “amica vera, donna dolcissima che aveva sofferto tanto” l’ha conosciuta davvero.
C’è chi spera “che chiudano quell’assassino in galera e buttino via la chiave”, chi ha paura che “tanto lo metteranno fuori dopo due mesi”, chi si sente rassegnata e passa e se ne va “tanto è sempre successo e sempre succederà” e chi auspica “un cambio di mentalità generazionale nel rapporto uomo-donna”.
Il presidio è stato organizzato dal centro antiviolenza Mascherona di Genova: “siamo sconvolte per quello che è successo a pochi passi da noi – ha detto Manuela Caccioni, responsabile del Centro Antiviolenza Mascherona – ma non siamo stupite. Sono già 13 le donne uccise nel nostro Paese da inizio anno.
L’uccisione di Clara è un’ulteriore triste conferma di un fenomeno purtroppo sempre attuale e diffuso e che ci obbliga ancora una volta a una riflessione e ad una assunzione collettiva di responsabilità.”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AstraZeneca taglia ancora, il piano rischia di rallentare
Speranza: il vaccino è un diritto e non un privilegio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
20 febbraio 2021
18:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il taglio nazionale, comunicato a varie regioni, sulle dosi in consegna questa settimana del vaccino Astrazeneca, si aggirerebbe sul 15%. Il taglio dei vaccini, comunicato in queste ore alle Regioni, potrebbe essere oggetto anche della Conferenza delle Regioni prevista oggi.

“Ci è stata comunicata una riduzione di 9 mila dosi del vaccino Astrazeneca per le prossime consegne e questa è una brutta notizia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mi domando come si possano conciliare le presunte offerte di mediatori proposte ad alcune regioni su mercati paralleli per il vaccino Astrazeneca con l’acclarata riduzione? , dichiara l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.
Intanto la Toscana annuncia che sta pensando di produrre vaccini. “Stiamo pensando di usare i fondi europei destinati alla ricerca farmaceutica e in particolare ai vaccini per incentivarne la produzione: l’invito dunque che rivolgo alle aziende toscane è di attrezzarsi per dare seguito a questa opportunità”. Lo ha affermato Eugenio Giani, presidente della Regione Toscana.

“Ho visto – ha spiegato Giani – che nei finanziamenti europei che ci potranno arrivare con il Fesr 2021-27 noi possiamo anche poter stanziare verso la ricerca farmaceutica del vaccino risorse europee che avranno un carattere di priorità. Come Regione Toscana, più che andare a cercare a chissà quale mercato i vaccini, perché su quel versante noi ci manteniamo in armonia con lo Stato, ci vogliamo concentrare sul supportare chi si cimenta nella ricerca per la produzione di vaccini, perché i vaccini sono il vero strumento per contrastare la pandemia e per farci ritornare tutti alla normalità”.
“Ci è stata comunicata una riduzione di 9 mila dosi del vaccino Astrazeneca per le prossime consegne e questa è una brutta notizia. Mi domando come si possano conciliare le presunte offerte di mediatori proposte ad alcune regioni su mercati paralleli per il vaccino Astrazeneca con l’acclarata riduzione? , dichiara l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:calano positivi e morti,con più test. Risalgono malati
Numeri sempre alti,in aumento pazienti rianimazione,giù ricoveri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 febbraio 2021
17:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Calano positivi e vittime a fronte di un leggero aumento dei test nelle ultime 24 ore in Italia.
Sono 14.931 i test positivi al coronavirus, secondo i dati del ministero della Salute (ieri erano stati 15.479).
Le vittime sono invece 251 (ieri 353).
Sono stati 306.078 i molecolari e antigenici effettuati (ieri erano stati 297.128, circa 9 mila in meno). Il tasso di positività è del 4,8%, ieri era stato del 5,2% (quindi c’è un calo dello 0,4% in 24 ore).
Sono 2.063 le persone ricoverate in terapia intensive, con un aumento di 4 unità nel saldo quotidiano tra entrate e uscite.
Gli ingressi giornalieri in rianimazione sono stati 137. Nei reparti ordinari sono ricoverate ora 17.725 persone, in calo di 106 unità rispetto a ieri.
Tornano a salire i malati, gli attualmente positivi delle tabelle del ministero della Salute: in 24 ore sono aumentati di 2.175 unità, portando il totale a 384.623. In aumento anche le persone in isolamento domiciliare: sono 364.835 (+2.277).
I dimessi e guariti sono 2.315.687 (+12.488 rispetto a ieri).
I casi totali da inizio epidemia in Italia sono ora 2.795.796, le vittime 95.486.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: centro Bologna strapieno prima della zona arancione
Tanta gente nei bar e ristoranti e nelle strade dello shopping
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
20 febbraio 2021
18:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato un pomeriggio di pienone come non si vedeva da tempo nel centro di Bologna. Complice il bel tempo e la consapevolezza che da domani l’Emilia-Romagna ritorna in zona arancione, con conseguente chiusura totale di bar e ristoranti, in tanti hanno approfittato per un pranzo o un aperitivo all’aperto.

Tantissime le persone nelle strade dello shopping come via Indipendenza o in quelle dove si concentrano molti locali come via del Pratello. Fino alle 18, quando i locali devono chiudere, ogni tavolo di ogni locale del centro era pieno. Pressoché inevitabili gli assembramenti, di persone spesso anche senza mascherina. Presenti le forze dell’ordine per i controlli, impegnate soprattutto a far rispettare l’obbligo della mascherina.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
COVID: vaccinare bimbi disabili e caregivers
Fvg, 326 nuovi contagi su 9.792 tamponi, 8 i decessi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
20 febbraio 2021
18:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mentre è in corso la Conferenza delle Regioni per discutere dell’ipotesi di zona arancione in tutta Italia per un periodo e di possibili revisioni del sistema delle fasce – tema nel quale fa irruzione il taglio dei vaccini di Astrazeneca – in Fvg l’associazione Bambini di Marco Cavallo APS ribadisce il fatto che i bimbi disabili sono ad alta fragilità e che vanno vaccinati quanto prima, così come i loro caregivers. “I bambini di età minore dei 16 anni, come previsto in altri paesi europei, avrebbero dovuto essere tutelati dal rischio di infezione assicurando la vaccinazione ai loro caregivers”, scrive la presidente dell’associazione, Teresa Vullo, membro della FIRST – Federazione Italiana Rete Sostegno e Tutela dei diritti delle persone con disabilità.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Intanto, la Regione, per bocca del vicegovernatore e assessore alla Salute, Riccardo Riccardi, annuncia il progetto di un Registro regionale delle morti cardiache improvvise, il cui scopo è ampliare le conoscenze sui meccanismi delle patologie cardiache genetiche e non, identificare in vitro nuovi target farmacologici a beneficio preventivo dei familiari e dei soggetti a rischio e uniformare il trattamento dei pazienti. Un progetto accolto positivamente dal direttore del dipartimento cardiovascolare Asugi, Gianfranco Sinagra: “E’ un progetto importante che si pone l’obiettivo di caratterizzare al meglio le cardiopatie che sono causa di morte improvvisa extraospedaliera trasformando l’esperienza tragica della morte inattesa, in particolare con riferimento a soggetti di età inferiore a 50 anni, in opportunità di vita attraverso la caratterizzazione delle famiglie e l’eventuale identificazione precoce dei soggetti a rischio, anche se asintomatici”.
E mentre i teatri si illumineranno il 22 febbraio per sottolineare le difficoltà che attraversano, chiusi da mesi, i dati in Fvg sull’ andamento dell’epidemia sono meno sconfortanti: su 5.783 tamponi molecolari rilevati 216 nuovi contagi con percentuale di positività del 3,74%. Sono 4.009 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali si rilevano 110 casi (2,74%). I decessi sono 8 e i ricoveri nelle terapie intensive sono 60, mentre si riducono quelli in altri reparti (348.  VAI ALLA POLITICA    VAI ALL’ECONOMIA   VAI ALLE NOTIZIE DAL MONDO    VAI ALLA TECNOLOGIA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: folla in centro Roma, chiusure su via del Corso
Rafforzati i controlli, molti giovani anche al Pincio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
20 febbraio 2021
18:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Folla nel pomeriggio al centro di Roma. Chiusure momentanee da parte della polizia locale sono scattate su via del Corso e strade limitrofe per far defluire le persone.
Rafforzata da stamattina la vigilanza da parte delle pattuglie polizia locale in varie zone della Capitale, anche con presidi fissi, soprattutto nelle aree a maggior interesse commerciale e sul lungomare di Ostia. Molti i giovani che nel pomeriggio si sono radunati al Pincio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Assembramenti a Rimini nell’ultimo sabato di zona gialla
Folla di giovani per l’aperitivo nelle vie dei pub
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 febbraio 2021
18:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il centro di Rimini si riempie di gente nell’ultimo sabato di zona gialla per l’Emilia-Romagna. A destare preoccupazione sono in particolare le vie dell’aperitivo vicino piazza Cavour.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il corso principale è un flusso costante di gente, soprattutto famiglie con bambini, comitive di giovani; pochi gli anziani. Quasi tutti però indossano la mascherina.
C’è chi fa shopping e magari sta in coda fuori dai negozi, chi si dedica all’ultima consumazione nei locali. Difficile liberare i tavoli alle 18 quando i bar dovrebbero chiudere. A quell’ora sono ancora tutti seduti nei dehor esterni che, date le temperature miti, sono stati presi d’assalto.
Il punto più critico è rappresentato dai vicoli attorno la Vecchia Pescheria dove si concentrano i pub: qui nel pomeriggio bisogna sgomitare per farsi largo. I giovani consumano i drink anche all’esterno dei locali, in piedi, appiccicati e con la mascherina abbassata. Oltretutto nei giorni scorsi si sono tenute le lauree e quindi alcuni gruppi di amici hanno scelto oggi per festeggiare. Anche quando i camerieri iniziano a smantellare i tavolini, la folla rimane sul posto ben dopo le 18. Per alcune ore l’area della Vecchia Pescheria è un grande assembramento di centinaia di giovani.
Alcune pattuglie delle forze dell’ordine sono in piazza a sorvegliare. Nei giorni scorsi la questura aveva fatto sapere che risulta difficile intervenire per sciogliere gli assembramenti perché si rischia di causare più danni che benefici.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il testamento letterario di Zafon nei racconti
Esce postumo ‘La città di vapore’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 febbraio 2021
10:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CARLOS RUIZ ZAFON, LA CITTÀ DI VAPORE (MONDADORI, PP 179, EURO 18,50). Le atmosfere incantate, tra sogno e realtà, di Carlos Ruiz Zafon rivivono ne ‘La città di vapore’ che esce postumo per Mondadori a meno di un anno dalla morte dello scrittore, avvenuta il 19 giugno 2020.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono undici racconti, inediti in Italia, tradotti da Bruno Arpaia, che rappresentano il testamento letterario di Zafon, lo scrittore spagnolo più letto in tutto il mondo dopo Cervantes, in cui ritroviamo i personaggi della saga del ‘Cimitero dei Libri Dimenticati’, partita nel 2001 con ‘L’ombra del vento’.
Ci sono scrittori maledetti come David Martin che troviamo bambino in ‘Blanca e l’addio’, la storia che apre ‘La città di vapore’. Martin ha 8 anni, viene da una famiglia di umili condizioni, non ha amici, inventa racconti e li impara a memoria e quando incontra Blanca, una bambina ricca ma infelice si innamora e le racconta di principesse e stregoni, malefici e baci avvelenati in “un universo di incantesimi e palazzi viventi”. E’ lei la sua prima lettrice che insegue e sogna, che chiede a lui di non dimenticarla mai. Il racconto che chiude il libro, ‘Apocalisse in due minuti’ è invece un commiato in cui una “rossa dagli occhi argentei” che sembrava una delle mogli di Dracula, concede allo scrittore tre desideri prima del big bang.
E lui dopo averci pensato un po’ dice: “voglio conoscere il senso della vita, voglio sapere dove trovare il miglior gelato al cioccolato del mondo e voglio innamorarmi”. In mezzo ci sono la sua Barcellona avvolta nel mistero, un architetto che fugge da Costantinopoli, un ritrattista di defunti, un misterioso uomo che che vuole convincere Cervantes a scrivere un libro che non è mai esistito, il visionario Gaudì a Manhattan, la donna di vapore e pagine che raccontano la costruzione della mitica biblioteca dei libri dimenticati. ‘La città di vapore’ è un estensione dell’universo di narrativo di Zafon di cui vengono svelati aspetti inediti e imprevisti. E’ un libro che lo stesso Zafon – nato il 25 settembre 1964 a Barcellona e morto a 55 anni a Los Angeles, dove viveva, dopo una lunga malattia – aveva in mente. Alcuni inediti, altri usciti in pubblicazioni periodiche o in estratti di edizioni speciali dei romanzi, questi racconti erano stati affidati alla curatrice del libro Emile de Rosiers Castellaine, come racconta lei stessa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Carlos Ruiz Zafon – spiega la curatrice – concepiva quest’opera, oltre che in se stessa, come un riconoscimento ai suoi lettori, che lo avevano seguito nel corso della saga iniziata con ‘L’ombra del vento'”.
Quel romanzo è stato il primo vero bestseller planetario spagnolo del dopoguerra, insieme a ‘La cattedrale del mare” di Ildefonso Falcones. Tradotto in 36 paesi ha venduto nel mondo otto milioni di copie di cui un milione in Italia, dove Zafon era molto amato.
“Anche rispetto ai generi letterari, ‘La città di vapore’ dimostra l’abilità con cui Carlos Ruiz Zafon se n’è servito per costruire una letteratura propria e inconfondibile, in cui identifichiamo elementi del romanzo di formazione, di quello storico , di quello gotico, del thriller, di quello romantico, senza che manchi il suo tocco magistrale nel racconto dentro il racconto” spiega la de Rosiers Castellaine.
Un testamento letterario che nel portarci nei suoi labirinti magici e fantastici ci mostra il dietro le quinte dell’anima di un racconto e dove anche le immagini, le mappe, le foto riportate nel libro sembrano avvolte in quel vapore che accompagna tutte le storie.
“Dopo un po’, padre e figlio si confondono tra la folla delle Ramblas come due figure di vapore, i loro passi perduti per sempre nell’ombra del vento” sono le parole da ‘L’ombra del vento’ citate ne ‘La città di vapore’.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’avventura di Sia al cinema, esce Music
Due nomination Golden Globe per esordio pop star con Kate Hudson
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 febbraio 2021
17:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’artista musicale mondiale Sia fa il suo debutto al cinema, reinventando in modo audace e avvincente il genere cinematografico musical. Star mondiale multi-platino nominata nove volte ai Grammy Award, due ai BRIT Awards, Sia è stata più volte definita regina del pop e una delle più importanti popstar del nuovo millennio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il film si intitola Music, sarà disponibile in Italia dal 22 al 28 febbraio solo su MusicilFilm.it ed ha avuto due nomination ai Golden Globe: come miglior film commedia o musicale e come migliore attrice protagonista, Kae Hudson.
Il film, costruito sul rapporto fra Zu (Kate Hudson), ex tossicodipendente dal presente complicato, e la ‘sorellastra’ Music (Maddie Ziegler), adolescente con un disturbo dello spettro autistico non verbale, è stato fermo per tre anni in postproduzione ed è stato accolto da molte recensioni non benevole. L’artista multiplatino inoltre, all’uscita del trailer, è stata attaccata per il ritratto che si fa in alcune scene del disturbo del neurosviluppo e per aver scelto come protagonista la giovane ballerina e attrice Maddie Ziegler già interprete di molti suoi video, e non una giovane attrice realmente nello spettro autistico. La cantante che inizialmente aveva risposto in maniera decisa sui social, ha poi fatto autocritica su alcuni passaggi narrativi.
Le polemiche sul film non si sono placate nemmeno con le due nomination ai Golden Globes ricevute da Music, come Miglior commedia o film musicale e per la Miglior attrice (Kate Hudson), ma non toccano l’album, fra i migliori della popstar.
Non una semplice colonna sonora, ma anche un’immersione tra brani ispirati dal suo esordio alla regia Music è anche il titolo dell’album, sottotitolo Songs From And Inspired By The Motion Picture (etichetta Monkey Puzzle/Atlantic Records), ottavo album in studio di Sia. Le 14 tracce del disco (dieci sono nel film), appena uscito, riflettono la sua potenza d’interprete e l’efficacia da storyteller, in ambienti elettropop ricchi di cori ripetuti come mantra, contaminazioni e collaborazioni, da David Guetta a Dua Lipa, da Labrinth a Burna Boy.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Morto Albertelli, paroliere di Mina e autore di sigle tv
86 anni, mezzo secolo di carriera, sue Furia e Ufo Robot
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORTONA (ALESSANDRIA)
20 febbraio 2021
17:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È morto Luigi Albertelli, paroliere che in cinquant’anni di carriera ha scritto per Mina, Milva, Iva Zanicchi, autore delle sigle di ‘Ufo Robot’ e di ‘Furia’ Aveva 86 anni, era originario di Tortona (Alessandria). La notizia l’ha data su Facebook la cantante Tania Furia con la quale – grazie al cognome – aveva collaborato di recente: “Una brutta notizia – ha scritto sulla sua pagina social -: Luigi Albertelli, importante autore di musica italiana, autore televisivo e di famosi jingle pubblicitari, ci ha lasciati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Era il mio maestro, anche se non amava essere chiamato Maestro. Lui era Luigi. Mi ha insegnato tanto”. “Aveva cuore, forza, e una creatività prorompente. Mando un abbraccio ai suoi cari. E uno lo tengo per me, perché Luigi mi mancherai tantissimo. Grazie. Come te nessuno mai! Voglio immaginarti come Goldrake “Tra le stelle sprinta e va!”, ha aggiunto la cantante Tania Furia. Il sindaco di Tortona Federico Chiodi, ha scritto un ricordo: “La scomparsa di Luigi Albertelli lascia un grande vuoto nella nostra città: non solo perché con i suoi successi aveva portato Tortona agli onori della cronaca nazionale, ma anche perché ci lascia una persona brillante e straordinaria con cui era un piacere conversare quando lo si incontrava sotto i portici della via Emilia, o ascoltarlo raccontare i suoi tanti aneddoti e le sue spassose ‘lezioni di vita’. Quello che colpiva di lui – prosegue Chiodi – era il grande entusiasmo e la capacità di guardare sempre alla prossima sfida. Nonostante la carriera costellata di grandi successi, preferiva guardare ai progetti futuri piuttosto che vivere nel passato. La musica italiana ha perso uno dei suoi maestri e noi Tortonesi abbiamo perso un amico”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Arte: provocazione Evyrein, Sant’Antonio con in mano vaccino
Il Bansky veneto titola opera ‘Ci vorrebbe un miracolo’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
20 febbraio 2021
12:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ci vorrebbe un miracolo”: è l’ultima provocazione di Evyrein, lo street art veneto che ha voluto utilizzare uno dei simboli più importanti di Padova, Sant’Antonio, ambientandolo ai tempi della pandemia.
Il Santo tiene in una mano il vaccino Pfizer e nell’altro Gesù bambino con tatuata sul petto la scritta ‘carpe Diem’.

Questa volta Evyrein usa un soggetto religioso per far riflettere le persone non solo sul Covid ma anche sulle paure suscitate dal vaccino. Uno stimolo per le persone, afferma, “a credere che un miracolo, una magia o qualsiasi cosa possa ancora succedere per vincere la battaglia al Covid 19”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da Lavia a Puccini, “facciamo luce sul teatro”
Il 22 edifici illuminati. Agis, 142 mln persi solo per prosa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 febbraio 2021
15:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I teatri italiani si illuminano. A sipari chiusi ormai da più di 100 giorni filati, per una sera tornano a farsi vedere, in nome delle migliaia di artisti, tecnici e maestranze senza lavoro e con le stagioni bloccate da un anno.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ “Facciamo luce sul teatro”, iniziativa lanciata da U.n.i.t.a. – Unione Nazionale Interpreti Teatro e Audiovisivo per lunedì 22 febbraio, a un anno dalla prima chiusura a macchia di leopardo dei sipari causa pandemia, alla quale stanno aderendo palcoscenici piccoli e grandi, pubblici e privati.
L’invito è a illuminare e tenere aperti gli edifici dalle 19.30 alle 21.30. Agli artisti, alle maestranze e al pubblico quello di organizzare presidi, in sicurezza, perché “questi luoghi tornino simbolicamente a essere ciò che da 2500 anni sono sempre stati: piazze aperte sulla città, motori psichici della vita di una comunità”.
“Le lavoratrici e i lavoratori dello spettacolo, storicamente poco tutelati, sono tra quelli che hanno maggiormente subito gli effetti devastanti della pandemia sul lavoro”, spiega sui social la presidente di U.n.i.t.a., Vittoria Puccini. “La notizia del blocco del nuovo decreto Ristori”, dice, è solo l’ennesimo macigno su lavoratori “che si troveranno da un momento all’altro senza alcuna forma di sostegno”. “C’è grande tristezza”, rilancia a distanza Gabriele Lavia, tra i protagonisti della serata. “Il teatro, inteso anche come luogo fisico – dice Valter Malosti, attore, regista e direttore del Tpe – deve tornare ad avere una funzione sociale all’interno della città. Deve recuperare il suo ruolo di servizio alla comunità. Tornare ad essere un’agorà”.
I numeri intanto raccontano una debacle assoluta: secondo le stime Agis, solo per il teatro di prosa, sono oltre 142 i milioni andati in fumo al botteghino nel 2020, rispetto al 2019, ovvero il 72% di incassi in meno. Non va meglio per la lirica, che perde quasi 79 milioni (-74%) e la danza con quasi 26 milioni in meno (-78%). E allora, per una sera, si torna a “incontrare” quella parte essenziale e indispensabile di ogni spettacolo, senza la quale il teatro semplicemente non è: il pubblico.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: balzo contagi in Veneto, +1.244 positivi
Basso invece, 18, numero dei decessi in 24 ore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
20 febbraio 2021
14:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Brusco ritorno ad un alto numero di contagi giornalieri in Veneto, che registra 1.244 casi di positività al Covid in 24 ore. Era da diverse settimane che non accadeva.
Il report della Regione segnala anche 18 vittime in più rispetto a ieri, a conferma di un trend dei decessi che continua ad abbassarsi. Il totale degli infetti dall’inizio dell’epidemia sale così a 325.789, quello dei morti a 9.701.
Scende anche il dato dei ricoveri ospedalieri: nei normali reparti medici si trovano oggi 1.211 malati Covid (-30); resta stabile infine il numero dei pazienti in terapia intensiva, 133.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: italiani campioni risparmio,83% ci riesce ogni mese
Intrum, 54% non soddisfatto di quanto riesce a mettere da parte
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 febbraio 2021
11:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il risparmio per le famiglie italiane è un rifugio per fronteggiare i momenti difficili, come quelli del Covid, e gli italiani sono quelli che, comunque, risparmiano di più in Europa. Lo sostiene l’European Consumer Payment Report (ECPR) di Intrum, operatore europeo nei credit services che ha intervistato – fra ottobre e novembre 2020 – oltre 24.000 consumatori e famiglie di 24 paesi europei (quasi 1.000 in Italia).

L’83% del campione italiano sostiene di poter risparmiare ogni mese e nel 2019 il dato era pari al 84%. La media europea del 2020 è pari invece al 76%. Il 58% dei nostri connazionali, comunque, non è soddisfatto della quota di denaro che riesce a mettere da parte ogni mese, nel 2019 il dato era pari al 53%.
Sono gli uomini i più oculati: una percentuale pari al 86% risparmia (in Europa è il 81%) in proporzioni variabili ogni mese, mentre la quota di risparmio attribuibile alle donne è pari al 79% (54% la media europea).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pompei, il nuovo direttore è Gabriel Zuchtriegel
Archeologo, guidava Paestum. L’annuncio di Franceschini
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 febbraio 2021
11:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ l’archeologo tedesco Gabriel Zuchtriegel, 39 anni, il nuovo direttore del Parco Archeologico di Pompei. Lo annuncia il ministro della cultura Franceschini alla sua prima uscita pubblica oggi al Colosseo, nel terzo mandato alla guida del dicastero del Collegio romano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Studi e specializzazione in archeologia classica, una tesi di dottorato sul sito archeologico di Gabi, Zuchtriegel guida dal 2015 il parco archeologico di Paestum, dove ha condotto anche campagne di scavo, riportando alla luce un edificio di epoca dorica che secondo i primi studi potrebbe essere stato un tempio eretto da artigiani vasai, è ha lavorato molto sulla valorizzazione e il rapporto con il territorio, facendo anche discutere, nel 2016, quando aprì il sito ai matrimoni con tanto di regolamento e tariffario per foto e rito civile. “Nessun problema, tutela e fruizione sono e rimangono la priorità- replicò allora citando il caso di Vienna dove è possibile sposarsi all’Albertina e alla Kunst Haus – tutti gli introiti verranno riversati proprio sulla manutenzione e la ricerca”. Il suo profilo è stato scelto dal ministro nella terna indicata dalla commissione di concorso. Sposato e padre di due figli, Zuchtriegel succede a Massimo Osanna, che da settembre 2020 è stato nominato direttore generale dei musei gestiti dallo Stato. A Pompei ha già lavorato per alcuni mesi prima di vincere il concorso che lo ha portato a Paestum.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Artigianato motore della moda sostenibile
Carolina Cucinelli, dignità al lavoro di sarto con nostra scuola
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 febbraio 2021
15:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’economia circolare e i principi fondanti della sostenibilità, non ultima “il rispetto e la dignità del lavoro umano”, hanno coinvolto anche l’artigianato, che alla base della filiera del made in Italy. A testimoniarlo sono i giovani imprenditori, ognuno con le proprie aziende solidali e innovative, che hanno partecipato al terzo e ultimo talk di Altaroma, che termina oggi la sua edizione digitale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Titolo, “Artigiani – Il motore per il recupero del territorio e dello sviluppo sostenibile”. A coordinare gli ospiti la giornalista Chiara Beghelli (Sole 24Ore). I protagonisti sono Carolina Cucinelli, co-presidente e co direttrice creativa della Brunello Cucinelli; Chantal Marchetti, manager del progetto Quid; Niccolò Cipriani, ideatore di Rifò; Elena Sisti, fondatrice di ElestaTravel; Susanna Martucci Fortuna, fondatrice di Alisea e Perpetua; Matteo Ward, fondatore di Wrad.
“La nostra sostenibilità nasce sulla filosofia di mio padre del “Capitalismo umanistico” – spiega Carolina Cucinelli, figlia del “Re del cachemire”-. Mio padre Brunello ha cominciato nel 1978 con l’idea di colorare il cachemire. Poi ha fondato l’azienda nel Borgo di Solomeo, a pochi chilometri da Perugia. Noi e i nostri dipendenti lavoriamo otto ore al giorno per trovare lo spazio per fare altro, passeggiate, per vivere la famiglia. Il concetto è quello di lavorare senza arrecare danno a persone, cose e ambiente. Ma è anche quello di rendere dignitoso il lavoro dei dipendenti, che possono alzare lo sguardo e vedere che sono circondati da un bel giardino. Infine, per far riavvicinare i giovani al lavoro di sarto, restituendogli dignità, nel 2013 abbiamo fondato una scuola interna, dove gli anziani insegnano ai giovani rammendo, ricamo, taglio e confezione. La scuola dura tre anni e alla fine offre la possibilità di entrare in azienda, oppure di andare a lavorare in uno dei 350 laboratori esterni sparsi sul territorio che lavorano per noi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
100 anni fa Giulietta Masina, Gelsomina per sempre
In centenario nascita riscoprire sua magia solare oltre Fellini
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 febbraio 2021
15:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Era nata 100 anni fa a San Giorgio di Piano (un passo da Bologna) il 21 febbraio 1921 Giulietta Masina, l’indimenticabile musa di Federico Fellini che si sarebbe congedata dalle luci di scena il 23 marzo 1994, a pochi mesi dalla scomparsa di suo marito, il Grande Riminese. A Giulietta non è mai pesata l’identificazione col marito artista, conosciuto alla radio nazionale (EIAR) in piena guerra, nel 1941, e suo pigmalione al cinema fin dal primo film di lui, “Luci del varietà”, diretto a fianco di Alberto Lattuada nel 1950.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ma si farebbe oggi un torto limitando il talento della Masina ai suoi ruoli felliniani come ben ricorda Gianfranco Angelucci nel bel volume a lei dedicato che il Centro Sperimentale di Cinematografia e le Edizioni Sabinae pubblicano nel centenario della nascita. Il cinema italiano la ricorda infatti, insieme ad Anna Magnani, tra le protagoniste assolute di un’epoca che traghetta Cinecittà dalle glorie patrie in epoca fascista allo splendore internazionale: da “Senza pietà” (1948) a “La strada” (1954), da “Nella città l’inferno” (1958) a “Frau Holle” (1986), il percorso di quella piccola e solo apparentemente fragile creatura nata per lo schermo, è scandito da apparizioni memorabili. Giulietta era un’apparizione magica, un elfo sceso in terra a restituire grazia al mondo: sotto i riflettori si illuminava e trasformava, simbolo di una donna che custodiva valori e segreti dell’umanità migliore. Per molti anni i maggiori registi le hanno assegnato ruoli di mondana, prostituta, vittima della brutalità maschile, Ma ogni volta il suo sorriso illuminava lo schermo e mostrava che un’altra possibilità esiste sempre, anche per i più sfortunati. La sua Gelsomina, folletto indimenticabile a fianco di Zampanò (Anthony Quinn) e il Matto (Richard Basehart) conquista la platea dell’Academy che consacra “La strada” con l’Oscar al miglior film straniero, vincitore anche del Leone a Venezia. Dal letto d’ospedale Fellini le scriveva “Giuliettina mia adorata, sei sempre una ragazzetta in gambissima e insieme con il tuo vecchierello faremo ancora qualche “pastrocchio”. Con te vicino sono ancora capace di fare capriole”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ecco i duetti della terza serata di Sanremo
Battisti, Tenco, Dalla e i classici nelle scelte degli artisti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 febbraio 2021
11:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ecco i duetti della terza serata del festival di Sanremo, giovedì 4 marzo, resi noti oggi. E’ prevista l’interpretazione – esecuzione – da parte dei 26 Artisti della sezione Campioni – di una canzone edita scelta tra i grandi brani della storia della canzone d’autore.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli Artisti, che potranno scegliere di esibirsi da soli oppure insieme ad artisti ospiti italiani o stranieri, verranno votati dai musicisti e dai coristi componenti l’Orchestra del Festival. I Duetti: AIELLO Gianna (Rino Gaetano) con VEGAS JONES ANNALISA La musica è finita (Ornella Vanoni) ARISA Quando (Pino Daniele) BUGO Un’avventura (Lucio Battisti) feat PINGUINI TATTICI NUCLEARI COLAPESCE DIMARTINO Povera Patria (Franco Battiato) COMA_COSE Il mio canto libero (Lucio Battisti) con ALBERTO RADIUS e MAMAKASS ERMAL META Caruso (Lucio Dalla) con NAPOLI MANDOLIN ORCHESTRA EXTRALISCIO feat Davide Toffolo Medley Rosamunda (Gabriella Ferri) con PETER PICHLER FASMA La fine (Nesli) con NESLI FRANCESCO RENGA Una ragione di più (Ornella Vanoni) con CASADILEGO FULMINACCI Penso positivo (Jovanotti) con VALERIO LUNDINI e ROY PACI GAIA Mi sono innamorato di te (Luigi Tenco) con LOUS AND THE YAKUZA GHEMON Medley “Le ragazze”, “Donne”, “Acqua e sapone”, “La canzone del sole” con NERI PER CASO GIO EVAN Gli anni (883) con I CANTANTI DI THE VOICE SENIOR IRAMA Cyrano (Francesco Guccini) LA RAPPRESENTANTE DI LISTA Splendido Splendente (Donatella Rettore) con DONATELLA RETTORE LO STATO SOCIALE Non è per sempre (Afterhours) con SERGIO RUBINI E I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO MADAME Prisencolinensinainciusol (Adriano Celentano) MALIKA Insieme a te non ci sto più (Caterina Caselli) MANESKIN Amandoti (CCCP di GIOVANNI LINDO FERRETTI) con MANUEL AGNELLI MAX GAZZE’ Del Mondo (Csi di GIOVANNI LINDO FERRETTI) con M.M.B FRANCESCA MICHIELIN e FEDEZ Medley (Calcutta – Del Verde, Daniele Silvestri – Le cose che abbiamo in comune) NOEMI Prima di andare via (Neffa) con NEFFA ORIETTA BERTI Io che amo solo te (Sergio Endrigo) con LE DEVA RANDOM Ragazzo fortunato (Jovanotti) con THE KOLORS WILLIE PEYOTE Giudizi Universali (Samuele Bersani) con SAMUELE BERSANI
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Verdone, “40 anni fa usciva Bianco Rosso e Verdone”
A Elastic Rock, senza musica questo periodo ancora peggiore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 febbraio 2021
19:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il 20 febbraio 1981 usciva in sala Bianco Rosso e Verdone, il film diretto e interpretato da Carlo Verdone, diviso in tre episodi in cui attraverso i personaggi del pedante Furio, dell’ingenuo Mimmo e dello sventurato Pasquale si raccontava un po’ dell’Italia di allora. Oggi sono passati 40 anni ed ha ricordarlo su facebook lo stesso attore-regista da pochi giorni in libreria con La carezza della memoria (Giunti).

“Una vita senza la passione per la musica fa parte di anime austere, incapaci di lasciarsi andare, tristi e probabilmente noiose. Senza note questo orrendo periodo sarebbe ancora più orribile”. E’ la riflessione pubblicata sui social da Carlo Verdone dopo una visita al storico negozio di vinili e cd romano Elastic Rock, “il suo tempietto della musica” in cui ha trovato la colonna sonora di Posti in Piedi in Paradiso (“una vera rarità” spiega).
“Cercavo – aggiunge Verdone – qualcosa di nuovo che ho trovato.
Ma mi sono ritrovato anche una caterva di libri di clienti ai quali dovevo dedicare il libro e copertine di dvd di Bianco Rosso & Verdone . Non capivo… Poi Massimiliano mi ha ricordato che proprio oggi ricorrono i 40 anni di questo amato film. Sono più bravi loro a ricordare gli anniversari che me”.

Cronaca tutte le notizie in tempo reale! SEMPRE AGGIORNATE ED APPROFONDITE! LEGGI INFORMATI SEGUI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 32 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 03:09 DI VENERDì 19 FEBBRAIO 2021

ALLE 04:54 DI SABATO 20 FEBBRAIO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Vaccini: pm indaga su minacce a Segre, ‘odio razziale’
Sui social, dopo un video in cui la senatrice a vita invita tutti a vaccinarsi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
19 febbraio 2021
03:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Polizia postale, coordinata dal capo del pool antiterrorismo milanese Alberto Nobili, sta indagando, con l’ipotesi di reato di minacce aggravate dalla discriminazione e dall’odio razziale, per identificare gli autori delle minacce e degli insulti indirizzati via social, ancora una volta, alla senatrice a vita Liliana Segre, che ieri mattina si è vaccinata al Fatebenefratelli di Milano.
Gli inquirenti del pool antiterrorismo milanese, guidato da Alberto Nobili, attendono un’informativa della Polizia postale che sta lavorando per identificare gli autori di minacce e insulti comparsi ieri sui social dopo che la senatrice, sopravvissuta ad Auschwitz, si è vaccinata contro il Covid nel primo giorno della campagna lombarda per gli over 80. Le persone identificate saranno iscritte con l’ipotesi di reato di minacce aggravate dall’odio e dalla discriminazione razziale.
Molti commenti irripetibili e antisemiti sono comparsi sotto il post dove il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, che ieri mattina ha accolto Segre in ospedale insieme all’assessore al Welfare Letizia Moratti, ringraziava la senatrice per la sua testimonianza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Procura a Milano, tra l’altro, è già aperta anche un’altra indagine per molestie e minacce per gli insulti arrivati negli anni scorsi sui social network alla senatrice Segre. Un fascicolo in cui il lavoro degli investigatori prosegue, anche se è complicata l’individuazione degli autori delle minacce più pesanti. Nelle indagini sulle minacce pubblicate ieri, invece, è più concreta la possibilità di identificazione.
“Ho letto frasi vergognose contro Liliana Segre. Insulti, minacce e attacchi deplorevoli da parte di alcuni vigliacchi nei confronti di una persona che dopo aver vissuto e superato il nazifascismo, oggi per tutti noi rappresenta un simbolo di memoria, verità e speranza”. Lo scrive il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, su Facebook, in merito agli insulti online alla senatrice a vita che ieri mattina si è vaccinata al Fatebenefratelli di Milano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incendio in appartamento Spezia, un morto
La vittima è un 67enne
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
19 febbraio 2021
08:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una persona è morta in un incendio che si è verificato la notte scorsa in un appartamento del quartiere Favaro alla Spezia. A scoprire il cadavere i vigili del fuoco intervenuti con due squadre.
Alcune persone sono state fatte sfollare. Secondo le prime informazioni la vittima è un uomo di 67 anni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incendio in appartamento a La Spezia, muore un disabile
In ospedale la badante e un altro uomo, ancora incerte le cause del rogo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
19 febbraio 2021
10:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una persona è morta in un incendio che si è verificato la notte scorsa in un appartamento del quartiere Favaro alla Spezia. A scoprire il cadavere i vigili del fuoco intervenuti con due squadre.
Alcune persone sono state fatte sfollare. Secondo le prime informazioni la vittima è un uomo disabile di 67 anni.
Secondo quanto appreso, nell’appartamento dove è stata trovata la vittima c’erano anche un altro uomo e una donna – la sua badante di 52 anni – che sono stati trasferiti in ospedale con una grave intossicazione. I vigili del fuoco stanno indagando per capire quali siano state le cause del rogo.
All’arrivo dei vigili del fuoco sul posto le fiamme avevano già coinvolto buona parte degli arredi interni dell’appartamento e una tettoia esterna. Vista la dimensione dell’incendio la sala operativa del 115 ha immediatamente predisposto l’invio di un’ulteriore autobotte e un’autoscala. Le operazioni di bonifica sono andate avanti fino alle 7,30 di stamani. L’appartamento interessato dal fuoco e quello al piano superiore sono stati dichiarati inagibili.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo: Irama, arte è sincerità, se no è altra cosa
In gara con La Genesi del tuo colore, tra elettronica e orchestra
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
14:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A suon di record di vendite, di sold out e di visualizzazioni streaming (con Mediterranea incoronato da Spotify come brano più ascoltato dell’estate e, a dicembre, come la canzone più ascoltata dell’anno), Irama si è guadagnato il terzo lasciapassare al festival di Sanremo con “La Genesi del tuo colore”, dopo aver partecipato nel 2016 con “Cosa resterà” nella sezione nuove proposte e nel 2019 con il brano “La ragazza con il cuore di latta”.
“Sono orgoglioso dei miei risultati – spiega il cantautore 25enne, passato anche per i banchi di Amici di Maria De Filippi -, li ho ottenuti rimboccandomi le maniche, lavorando sodo e tenendo i piedi per terra.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
So che non si può piacere a tutti, ma so anche che quello che determina un artista è la solidità della sua carriera. E io mi sto impegnando per far sì che questo avvenga”.
Il brano che porta al festival, un uptempo che farà ballare ma con una venatura malinconica, che per il momento è solo il primo capitolo di un progetto che verrà (magari prima dei due palazzetti in programma a ottobre a Roma e Milano), “rappresenta un inno alla vita, anche nei momenti di sofferenza”. “Quando rischiamo di perdere tutto – spiega Irama (Filippo Maria Fanti, all’anagrafe), nasce qualcosa dentro di noi che fa scoppiare il colore e fa tornare a scorrere la vita. Il colore per me rappresenta la vita, con le sue tante e diverse sfumature che scorrono dentro di noi come il sangue nelle vene”. Il testo è nato dopo aver visto un video in cui un uomo abbracciava la sua ragazza che si rasava i capelli per un tumore. “Il flusso artistico può arrivare da qualsiasi cosa. E’ incontrollabile.
L’arte è sincera, altrimenti non è più arte. Le immagini mi hanno scosso a tal punto da voler raccontare l’emozione in un brano. Ma non è così diretto: rispetto ad altri miei brani, è una canzone più eterea e spirituale, con un testo volutamente non schietto. Ma la bellezza della musica non è fare sempre le stesse cose”. Per la musica, che mescola elettronica e mondo orchestrale, ha chiamato a collaborare l’immancabile Dardust e Giulio Nenna. Irama rivendica, rispetto alla prima partecipazione al Festival, una maggiore consapevolezza. “La piuma che porto sempre con me, rimane al suo posto in segno di continuità, però sono cresciuto non solo anagraficamente, ma anche artisticamente. Il mio essere – dice – gravita molto intorno alla musica. Quando decidi di affrontare una passione con rispetto devi sacrificare la tua vita. Per me l’arte non è solo bellezza, ma sofferenza e sacrificio, La mia quotidianità è l’arte, non c’è altro”. E giura di non aver mai pensato di fermarsi, anche in un anno complicato come quello che abbiamo vissuto. “Non lo penserò mai e finché non sarò catalogabile o ripetitivo in quello che faccio – e allora si tratterebbe di imprenditoria e non di musica -, continuerò per la mia strada.
La grandezza di un artista è morire provandoci”.
Per la serata cover ha scelto “un artista con cui sono cresciuto e un brano che per me è molto importante”.
L’ufficialità manca, ma tutto fa pensare a Francesco Guccini, di cui Irama si è sempre detto grande fan, e alla sua Cirano.
Accanto a sé potrebbe avere Massimo Ranieri, con il quale ha già duettato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Venerus, la mia Musica Magica è viaggio senza tempo
Disco di debutto dell’astro nascente del cantautorato italiano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
10:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un viaggio spazio-temporale, tra mondi magici e atmosfere oniriche. E’ Magica Musica, il disco di debutto di Venerus, astro nascente del cantautorato italiano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
album – in uscita domani – che avrebbe dovuto vedere la luce già qualche mese fa, ma che è stato rimandato per la situazione legata alla pandemia. “E’ stato un anno intenso – racconta il 29enne artista milanese -, ma sono contento di aver aspettato fino a questo momento per fare uscire il disco. E’ nato dopo due anni di tour e l’ho sempre immaginato nella sua resa dal vivo, perché il live è la mia dimensione. E questo credo venga fuori anche dagli arrangiamenti”.
Definisce il suo lavoro “un’arca di Noè, in cui sono finite tutte le cose in cui credo e che che voglio salvare dalla velocità del tempo. Tra le cose che abbiamo imparato quest’anno c’è anche il rallentare. Come artista già ero proiettato al 2022, invece lo stop forzato mi ha ricordato che bisogna prendersi del tempo. Ho preso consapevolezza del lavoro che stavo facendo – racconta felice in collegamento dalla cucina di casa -. Ho avuto il tempo di rendermi conto di cosa significhi questo lavoro per me”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il disco contiene 16 tracce, di cui 12 coprodotte con Mace, e collaborazioni eterogenee: Frah Quintale, Calibro 35, Rkomi e Gemitaiz per quanto riguarda i featuring, oltre ai produttori Crookers, Tommaso Colliva, Vanegas, amanda lean & not for climbing. “Nessuna di queste scelte è stata fatta a tavolino. Sono dell’idea che le collaborazioni abbiano senso quando c’è empatia, quando c’è connessione tra due persone. Viviamo un momento storico in cui c’è la corsa ai feat, come se fosse la moneta di un disco. Io la penso diversamente: la collaborazione artistica avviene prima di tutto a livello umano. Più che stare al computer, preferisco avere davanti musicisti e strumenti”.
Musica Magica, anticipato dai singoli Canzone per un amico e Ogni pensiero vola, colpisce per la scrittura raffinata e l’eclettismo sonoro, alla scoperta di nuove dimensioni che rivelano le molte sfaccettature di un artista difficilmente etichettabile che fonde sonorità soul e R&B all’elettronica in un pop inedito. “Scardinare la questione di genere per me è molto importante. Per chi è appassionato di un mezzo, in questo caso la musica, la forma diventa secondaria. Ora sto ascoltando molto jazz, e probabilmente questo influenzerà la musica che verrà”.
Per la presentazione del disco, Venerus ha voluto un vero e proprio lancio nello spazio, effettuato tramite un pallone aerostatico che ha portato con sé il sigillo di Magica Musica e una lettera con il messaggio “in cerca di forme d’amore nell’Universo”, sul canale Twitch di Asian Fake. Un “Viaggio Cosmico” durato quattro ore e documentato con una telecamera che ha accompagnato le parole dell’artista.   SPETTACOLI, MUSICA E CULTURA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Uccisa a Faenza: al vaglio le immagini di una telecamera
Sequenza in una strada vicina potrebbe aver ripreso il killer
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
19 febbraio 2021
09:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Potrebbe esserci proprio l’assassino di Ilenia Fabbri nelle immagini captate il 6 febbraio scorso da una telecamera privata della zona poco prima dell’omicidio della donna nella sua casa di Faenza (Ravenna). Un killer “non professionale ma pericoloso”, come lo ha tratteggiato il Procuratore capo facente funzione Daniele Barberini, per il quale la polizia Scientifica sta eseguendo valutazioni “su aspetti morfologici” proprio sulla base del video in questione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si tratta – come riportato dalla stampa locale – di una sequenza della durata di 15 secondi circa immortalata tra le 5.50 e le 5.52 dalla telecamera di una casa di via Testi, strada che interseca via Corbara, dove è stata uccisa Ilenia. Nelle immagini appare una persona vestita di scuro e con cappuccio che cammina sul marciapiede fino a fermarsi quasi sotto all’obbiettivo. Forse si accorge della telecamera: gira di scatto verso sinistra, riprende a camminare ma dall’altra parte, come se fosse in attesa. Quindi attraversa l’incrocio tra via Testi e via Corbara e scompare.
Poco dopo la medesima telecamera immortala l’arrivo dell’auto di Claudio Nanni, ex marito della vittima ora indagato a piede libero per omicidio doloso pluriaggravato in concorso con persona ignota. L’uomo è in procinto di dare un passaggio alla figlia Arianna, convivente con la vittima, per andare fino a Milano a ritirare un’auto: alle 5.57 le scrive di scendere perché lui è già sotto casa. Pochi minuti dopo i due sono già in viaggio e la telecamera sempre di via Testi registra di nuovo il passaggio della sua auto.
Mentre padre e figlia sono in autostrada, alle 6.06 a chiamare Arianna è l’amica rimasta a dormire quella notte nella casa dell’omicidio: ha sentito dei rumori accompagnati dalle urla di Ilenia, poi ha visto qualcuno inseguire la donna giù per le scale. E la descrizione sommaria fornita dalla giovane, da pochi giorni sotto protezione, è compatibile proprio con l’aspetto dell’uomo che appare nel video della telecamera di via Testi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Maturità: Bianchi, è orale e si parte da elaborato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
10:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Niente prove scritte ma solo l’orale: il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi conferma al Corsera le indiscrezioni sulla maturità circolate da giorni.
Il maturando partirà da un elaborato ampio e personalizzato sulle materie di indirizzo, concordandolo con il consiglio di classe; da qui comincerà l’orale che si svilupperà poi sulle altre discipline.
L’ammissione agli esami sarà disposta in sede di scrutinio finale dal Consiglio di classe. Le prove, come era già previsto, inizieranno a metà giugno.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Etna: nuova attività parossistica da Cratere Sud-Est
Nube di cenere alta più di un chilometreo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
19 febbraio 2021
10:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una nuova attività parossistica è in corso sull’Etna. Protagonista è sempre il Cratere di Sud Est, dove sono presenti alte fontane di lava e da cui emerge una nube di cenere lavica alta più di un chilometro.

Il nuovo fenomeno è stato preceduto da un trabocco lavico, con la colata che si dirige verso la desertica Valle del Bove.
L’Ingv-Osservatorio Etneo ha emesso un’allerta Vona per gli spazi aerei di colore rosso. Al momento l’aeroporto di Catania è operativo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AGGIORNAMENTO DI QUESTA NOTIZIA ALLE 12:58
La nube eruttiva prodotta dall’attività esplosiva si è dispersa in direzione est-sud-est causando la ricaduta di cenere e lapilli sugli abitati del versante orientale del vulcano. L’ampiezza media del tremore vulcanico e l’attività infrasonica hanno registrato una diminuzione della loro intensità ed allo stato attuale risultano confrontabili a quelli che hanno preceduto l’attività di fontana di lava. I dati di deformazione indicano un rientro delle variazioni registrate alla rete clinometrica.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cucciolo di balena trovato morto in spiaggia in Israele
Probabile causa il greggio fuoriuscito da una nave
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TEL AVIV
19 febbraio 2021
12:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un cucciolo di balenottera è stato ritrovato morto su una spiaggia della Riserva di Nitzanim nel sud di Israele. Il decesso del cetaceo – che può arrivare da adulto anche a 20 metri di lunghezza – è stato attribuito, anche se ancora non c’è certezza, al possibile inquinamento ambientale in forme non trascurabili, causato da petrolio greggio fuoriuscito da un nave.

Insieme alla balenottera – di una lunghezza di 17 metri circa – sono stati trovati morti anche molti pesci. Il ministro della protezione ambientale Gila Gamliel ha detto che le autorità sono al lavoro per determinare la fonte dell’inquinamento e i responsabili.   MONDO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Scritta ‘forza Hitler’ sull’auto di una insegnante ebrea nel Milanese
“Se lo incontrassi gli direi di studiare la storia”, avrebbe detto la docente
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
19 febbraio 2021
09:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una scritta neonazista, ‘Forza Hitler’, è apparsa sull’auto di una insegnante che appartiene a una famiglia di origine ebrea, a Rosate (Milano). Il sindaco del Paese, di cui è cittadina onoraria la senatrice Liliana Segre, ha subito espresso solidarietà alla donna. E’ accaduto sabato scorso, ma lo riporta oggi il quotidiano ‘Il Giorno’.
La donna ha trovato la sua auto posteggiata con la scritta ‘forza Hitler’ fatta a mano, con un pennarello indelebile, sul cofano. Solo la sua vettura era stata imbrattata, e non ci sono dubbi sul fatto che fosse stata presa di mira. “Se lo incontrassi gli direi di studiare la storia”, avrebbe detto la docente, che ha sporto denuncia, e che insegna in una scuola elementare a Milano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Omicidio Tassitani, tre lettere riaprono il caso
Fusaro sarebbe solo esecutore materiale delitto del 2007
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
19 febbraio 2021
10:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Michele Fusaro, il falegname di Bassano condannato per l’omicidio di Jole Tassitani, la figlia del notaio Luigi che venne sequestrata e uccisa nel dicembre del 2007 a Castelfranco sarebbe solo l’esecutore materiale del delitto. E’ quanto sostengono tre lettere, come riporta il Corriere del Veneto, che sono state recapitate nel febbraio dello scorso anno, quindi a oltre 10 anni dal delitto, al padre della vittima, alla sorella maggiore e al legale della famiglia, l’avvocato Roberto Quintavalle.

Proprio il legale aveva sempre sostenuto che “il punto più oscuro della vicenda è proprio la mancata scoperta dei complici”. Difficile immaginare che il cadavere della professionista possa essere stato fatto a pezzi e infilato in sacchi di plastica da una sola persona. Fusaro è stato condannato a 30 anni di cui 13 già scontati. Tutte e tre le lettere contengono il nome di un uomo indicato come “Complice e mandante” e definito con parole sprezzanti “zingaro, slavo di etnia sinti). Il nome è quello di una persona ben conosciuta in città.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Trovato corpo di un disperso sul Velino
Quattro escursionisti sotto una valanga dal 25 gennaio scorso
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AVEZZANO
19 febbraio 2021
11:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il corpo di uno dei 4 escursionisti dispersi sul Velino dallo scorso 25 gennaio sarebbe stato individuato. Non si sa al momento a chi appartenga: Tonino Durante, 60 anni, GianMauro Frabotta, 33, Gianmarco Degni, 26 e Valeria Mella, 25, tutti di Avezzano, erano stati travolti da una valanga nel Val Majellana.
Sul luogo si è portato anche il sindaco di Avezzano Giovanni Di Pangrazio. Alle ricerche sta partecipando il nucleo delle unità cinofili dei carabinieri arrivate ieri da Bologna e specializzate nella ricerca di cadaveri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migliaia video hard con minori,arrestato
Nel Varesotto. Condivideva immagini anche sui social network
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VARESE
19 febbraio 2021
11:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un giovane di 28 anni è stato arrestato a Busto Arsizio (Varese) con l’accusa di aver diffuso per anni materiale pedopornografico attraverso i social network, arrivando a collezionare migliaia di video e immagini raffiguranti minori anche giovanissimi, scoperti nei suoi device grazie a un’indagine avviata dal Centro nazionale per il contrasto alla pedopornografia online della Polizia Postale.
L’inchiesta è partita grazie a una segnalazione che ha portato le forze dell’ordine sulle tracce telematiche del 28enne e poi alla sua identificazione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bimba morta sugli sci, gli imputati chiedono di patteggiare
Incidente due anni fa. Udienza preliminare ripresa oggi a Torino
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
19 febbraio 2021
11:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Hanno chiesto di patteggiare una condanna convertita in pena pecuniaria tutti gli imputati (meno uno che ha proposto di essere giudicato con rito abbreviato) per il caso di due sciatori deceduti a distanza di un anno l’uno dall’altro dopo un incidente su una pista a Sauze d’Oulx, in valle di Susa. Le vittime sono l’ingegnere siciliano Giovanni Bonaventura, morto nel gennaio del 2018, e la piccola Camilla Compagnucci, nove anni, di Roma, che perse la vita il 2 Gennaio 2019.

L’udienza preliminare è ripresa stamani al Palazzo di Giustizia di Torino ed è stata aggiornata a marzo. “Non sono contento degli sviluppi del processo – ha commentato Francesco Compagnucci il papà di Camilla, che si è costituito parte civile – né come genitore né come persona. È un messaggio negativo.
Capisco che si tratta di un reato colposo, ma pensavo che si sarebbe discusso intorno a condanne di entità più elevata”. Gli imputati sono della società di gestione Sestrieres spa.   PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Incidenti stradali, cade bici e viene investito, grave rider
A Firenze, ricoverato in codice rosso all’ospedale di Careggi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
19 febbraio 2021
11:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Versa in gravi condizioni un rider rimasto coinvolto in un incidente stradale avvenuto ieri intorno alle 19,15 a Firenze, in piazza delle Cure. Secondo una prima ricostruzione dalla polizia municipale, l’uomo, 45 anni, stava effettuando una consegna a bordo della sua bici, quando ha perso l’equilibrio a causa dell’asfalto bagnato ed è caduto, venendo poi investito da un’auto che sopraggiungeva.
Il 45enne è stato trasportato in codice rosso al pronto soccorso dell’ospedale di Careggi, dove si trova attualmente ricoverato. La piazza ieri sera è rimasta chiusa al traffico per circa un’ora per consentire i soccorsi e i rilievi. Intervenuti anche gli ispettori Asl in materia di lavoro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Omicidio Tassitani:legale famiglia,non credo molto a lettere
La persona indicata non mi pare proprio un delinquente
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
19 febbraio 2021
11:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Non credo molto alla veridicità di queste tre lettere”: lo dice l’avvocato Roberto Quintavalle, legale della famiglia di Jole Tassitani. “Sono stato proprio io – ricorda – un anno fa a portarle in Procura”.

“Nelle missive – precisa – viene indicata una persona che non mi pare proprio sia un delinquente, fa parte di una famiglia stimabilissima”. L’avvocato è più propenso a credere che si tratti di parole di rancore personale nei confronti della persona indicata nelle missive come il mandante.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Smog: indagati vertici Comune Torino e Regione Piemonte
Inchiesta accusa enti di provvedimenti insufficienti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
19 febbraio 2021
11:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ci sono avvisi di garanzia ai vertici istituzionali di Regione Piemonte e Comune di Torino, non soltanto quelli attuali, in una inchiesta della procura del capoluogo subalpino sull’inquinamento ambientale. Al momento non si conoscono ulteriori dettagli.

L’inchiesta è nata alcuni anni fa dopo l’esposto di un privato cittadino. La procura, all’epoca guidata ancora da Armando Spataro, aveva affidato una consulenza ai carabinieri del Noe.
Nell’esposto si lamentava l’insufficienza dei provvedimenti presi da Regione e Comune per risolvere il problema dell’inquinamento ambientale su Torino.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
50 persone intossicate dal cibo, chiuso locale nell’Aretino
A Sansepolcro, denunciati tre titolari ristorante orientale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SANSEPOLCRO (AREZZO)
19 febbraio 2021
12:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cinquanta persone sono state colpite da una sospetta tossinfezione dopo avere consumato del cibo d’asporto prelevato in un ristorante di cucina orientale nel comune di Sansepolcro (Arezzo). Il locale è stato chiuso e i titolari, tre cittadini cinesi residenti tra Toscana, Umbria e Lombardia, sono stati denunciati dai carabinieri per lesioni personali aggravate.

I militari hanno svolto le indagini, coadiuvati dal dipartimento di prevenzione di sicurezza alimentare della Asl. I pasti finiti sotto osservazione sarebbero tutti riferibili a cibi a base di pesce consumati nella giornata di sabato 13 febbraio. E’ ancora in fase di definizione quale sia effettivamente l’alimento che avrebbe causato i malori. I carabinieri hanno proceduto inoltre a mettere insieme i numerosi certificati medici dei clienti del locale che si sono recati presso gli ospedali di Sansepolcro, Città di Castello e Arezzo con sintomi da intossicazione. Decine le denunce presentate da chi è rimasto intossicato. L’attività si è conclusa stamani quando i militari, insieme ai tecnici Asl, hanno apposto i sigilli al ristorante sospendendo temporaneamente l’attività.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: pm Roma indaga su presunti intermediari
dopo la denuncia del commissario Arcuri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
19 febbraio 2021
13:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Roma indaga su presunti intermediari e faccendieri che si sarebbero proposti per offrire forniture di vaccini contro il Coronavirus. I pm capitolini, coordinati dal procuratore aggiunto Nunzia D’Elia ipotizzano nel fascicolo aperto il reato di ricettazione.
A presentare la denuncia a piazzale Clodio sono stati gli uffici del commissario straordinario per l’emergenza Covid guidati da Domenico Arcuri.
Gli accertamenti delegati alla polizia giudiziaria mirano a verificare eventuali illeciti di chi propone vaccini che hanno già avuto le autorizzazioni delle autorità.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dispersi sul Velino, trovati gli altri tre corpi
In quattro sotto una valanga dal 24 gennaio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PESCARA
19 febbraio 2021
13:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono stati ritrovati tutti e tre i corpi dispersi dal 24 gennaio scorso sul Velino in Val Majelama: lo si apprende da fonti dei soccorritori. In precedenza era stata trovata la salma di Valeria Mella, ora sono stati riportati alla luce i cadaveri di Tonino Durante, 60 anni, GianMauro Frabotta, 33, Gianmarco Degni, 26.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SoS disabile, aiutatemi, ho bisogno di assistenza continua
Villa Literno, Antonio ammalato di Sla, situazione insostenibile
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
19 febbraio 2021
13:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ho bisogno di assistenza continua, ma le istituzioni finora si sono dimostrate sorde ai miei appelli. Mio padre non c’è più, mia madre è anziana e i miei fratelli hanno una loro famiglia da portare avanti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E io sono rimasto solo”. È l’appello di Antonio Tessitore, 44enne di Villa Literno (Caserta), da oltre 15 anni affetto da sclerosi laterale amiotrofica e da sempre in prima fila nelle battaglie per i diritti degli ammalati.
“Purtroppo i piani terapeutici finanziati si fondano su un’assistenza prevalentemente diurna – spiega Tessitore – perché si da’ per scontato che un disabile non autosufficiente di notte sia.assistito dai familiari o da una badante. Nel mio caso, però, non è così perché una patologia come la Sla necessita di un’assistenza plurispecialistica che deve coprire l’intera giornata”. E per farlo, aggiunge, “occorre sostenere notevoli spese che sono costretto a integrare con quelle coperte dall’assistenza”. Di qui l’appello: “Siccome la situazione è diventata insostenibile, chiedo a chi di dovere di interessarsi a una situazione che riguarda anche tanti altri malati. Non vorrei essere costretto a gesti eclatanti per far valere i miei diritti. Il Covid non può cancellare il dramma dei disabili”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:manifestazione impenditori,striscione su Cima Settsass
Per crisi pandemia ma anche contro progetti impianti sciistici
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ARABBA (BELLUNO)
19 febbraio 2021
14:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un gruppo di imprenditori e professionisti del territorio è salito stamani, sci ai piedi, sulla Cima Settsass, montagna situata tra Arabba (Belluno) e la Val Badia, in Trentino, esponendo striscioni per richiamare l’attenzione sul difficile momento che sta vivendo la montagna, come ambiente, comunità e come sistema economico, per le decisioni legate all’emergenza Covid-19.
Secondo una nota degli organizzatori, “la riflessione deve partire dalla constatazione di una contrapposizione: da un lato la difficoltà di gestire un’emergenza sanitaria stagionale a fronte delle caratteristiche del turismo dello sci, che concentra grandi flussi turistici in poco tempo e in pochi spazi; dall’altro una progettualità economica, turistica, ma anche sociale, che si è appiattata sulle grandi opere funzionali allo sci dimenticando la messa in sicurezza del territorio, la sanità locale, le scuole, i trasporti e la tutela dell’ambiente, necessaria per creare proposte turistiche diversificate, con una stagionalità che risenta meno della neve”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Non siamo contro lo sci – precisa Federico Sordini, imprenditore di Rocca Pietore (Belluno) – siamo persone che vivono e lavorano in montagna e che la amano. Siamo persone che si sono stancate di assistere impotenti alla distruzione della terra in cui vivono e allo smantellamento dei suoi servizi di base nel tentativo di trasformarla in un parco divertimenti aperto due mesi in estate e tre in inverno”.
L’area del Settsass, Sief e Col di Lana è interessata da un progetto che prevede la costruzione di un collegamento sciistico tra il comprensorio di Arabba e quello delle Cinque Torri. “La realizzazione di questo collegamento – prosegue Sordini – andrebbe in realtà a distruggere una delle pochissime aree dolomitiche rimaste senza impianti. L’importanza storica di cui sono permeati questi luoghi dovrebbe essere sufficiente a scoraggiare qualsiasi progetto di questo tipo, ma purtroppo non è così”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A. Mittal: Consiglio Stato, no a richiesta sospensiva
Giudice monocratico, su stop chiusura deciderà collegio 11 marzo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TARANTO
19 febbraio 2021
14:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stata respinta la richiesta di sospensiva presentata da ArcelorMittal al presidente della Quarta Sezione del Consiglio di Stato, Luigi Maruotti, contro la sentenza del Tar di Lecce che impone all’azienda di ottemperare all’ordinanza del sindaco di Taranto Rinaldo Melucci e di spegnere gli impianti dell’area a caldo entro il 14 aprile.
Secondo il presidente di sezione, “non risulta e non è stata comprovata la circostanza che, in assenza di immediate misure cautelari, per l’appellante si produrrebbe uno specifico pregiudizio irreparabile, prima della data dell’11 marzo 2021”, quando si riunirà l’organo collegiale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il giudice ha quindi rigettato “la domanda della società appellante, volta alla emanazione di una favorevole misura monocratica cautelare”. Il giudice ritiene infatti che la trattazione spetti all’organo collegiale “nel rispetto del principio del contraddittorio”. La Camera di consiglio è stata fissata per l’11 marzo, mentre è prevista per l’udienza pubblica del 13 maggio 2021 la definizione del secondo grado del giudizio. Con l’ordinanza del 27 febbraio 2020 il sindaco Melucci intimava ad ArcelorMittal Italia e Ilva in As di individuare entro 30 giorni dalla stessa ordinanza le fonti inquinanti del siderurgico, rimuovendole, e, in difetto di adempimento, di spegnere gli impianti entro ulteriori 30 giorni.
Il Consiglio di Stato precisa che i termini “hanno ripreso a decorrere dopo il deposito della sentenza appellata dal 14 febbraio 2021 nuovamente e per l’intero, poiché gli originari effetti degli atti impugnati erano stati sospesi con le ordinanze cautelari del Tar”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:positivo presidente Provincia Vibo,quarantena Prefetto
Dopo incontro in isolamento anche sindaco, Cc, Ps e Anas
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VIBO VALENTIA
19 febbraio 2021
14:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente della Provincia e sindaco di Stefanaconi, Salvatore Solano, è risultato positivo al Covid-19. A darne notizia lo stesso interessato sul canale Facebook del comune.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Solano ha riferito di aver appreso l’esito del tampone nella serata di ieri dopo essersi sottoposto poco prima al test.
Solano, nel pomeriggio di ieri, aveva preso parte ad un vertice in prefettura per fare il punto sulle condizioni della Statale 18 minacciata dalla presenza di un masso e da uno smottamento. Vertice al quale erano presenti numerose figure istituzionali che adesso sono tutte in quarantena: il prefetto Francesco Zito, il sindaco di Vibo Maria Limardo, il tenente dei carabinieri Luca Domizi, il segretario generale del Comune, Domenico Libero Scuglia, e ancora esponenti dell’Anas e della polizia stradale, nonché personale della Prefettura e diversi giornalisti che tuttavia, contrariamente agli altri presenti, sono rimasti in sala circa un quarto d’ora.
“Periodicamente – ha riferito Solano – mi sottopongo a tamponi rapidi per via della mia attività istituzionale, mi sono sottoposto martedì scorso ed era stato negativo; soffro di allergia ma ieri sera mi sono sottoposto ad un ulteriore test che purtroppo ha dato in serata esito positivo e mai avrei pensato una cosa del genere. Fortunatamente non ho particolari sintomi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Revenge porn, condannate la preside e una mamma
La maestra perse il lavoro dopo la diffusione non voluta di un video hard: ‘Il danno non si cancella’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
19 febbraio 2021
19:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Tribunale di Torino ha pronunciato due condanne per il caso della maestra d’asilo del Torinese che nel 2018 perse il posto di lavoro dopo la diffusione non voluta di immagini intime. Alla direttrice dell’Istituto è stato inflitto un anno e un mese di reclusione con la condizionale; per una delle mamme la pena è di 12 mesi.
La giovane insegnante si è costituita parte civile e ha ottenuto il diritto a un risarcimento e delle somme di denaro a titolo di provvisionale. “Quel che è fatto è fatto e il danno non si cancella.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ma almeno con questa sentenza è emersa la verità”, ha detto la giovane, che nel 2018 perse il posto di lavoro dopo la diffusione a sua insaputa di immagini intime, commentando le condanne pronunciate dal Tribunale di Torino. “Posso dire che è andata bene”, aggiunge.
“Siamo tutti lupi cattivi di una storia raccontata male”, ha detto la direttrice dell’asilo commentando la sentenza.
Al termine di un processo parallelo celebrato con il rito abbreviato oggi è stata condannata anche una collega dell’insegnante. Il tribunale ha inflitto 8 mesi alla collega della maestra.  E’ stato invece assolto il marito di una delle mamme.
La vicenda risale al marzo del 2018. L’insegnante, poco più che ventenne, raccontò che il ragazzo che frequentava all’epoca aveva inviato senza il suo consenso immagini intime in una chat di amici e che in seguito, quando la notizia si sparse, era stata costretta a firmare una lettera di dimissioni. L’accusa ha sostenuto che nei suoi confronti ci fu una vera e propria “gogna scolastica”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Palamara fa ricorso in Cassazione contro la sua rimozione
La difesa contesta tra l’altro la violazione della normativa della Corte Europea dei diritti dell’uomo sul giusto processo per la mancata ammissione dei testimoni richiesti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
16:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’ex presidente dell’Anm Luca Palamara ha presentato tramite il suo legale ricorso alle Sezioni unite della Cassazione contro l’espulsione dalla magistratura decretata dalla Sezione disciplinare del Csm a ammissione dei testimoni richiesti.A darne notizia il suo legale Roberto Rampioni. Otto i motivi di ricorso sviluppati dalla difesa di Palamara in circa 90 pagine corredate da numerosi allegati .
Tra le principali censure l’assimilazione dell’illecito disciplinare commesso da un magistrato a quello di un tassista che nell’esercizio delle sue funzioni commette un incidente stradale, assimilazione definita dalla difesa improbabile e contraria ai più elementari principi di logica giuridica.
Inoltre la difesa contesta la mancata ricusazione di Davigo e la violazione della normativa della corte europea dei diritti dell’uomo sul giusto processo per la mancata ammissione dei testimoni richiesti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uno bianca: Zecchi, ‘uccidevano per il gusto di uccidere’
Cerimonia nel Bolognese a 33 anni omicidio Beccari
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
19 febbraio 2021
15:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Uccidevano per il gusto di uccidere anche quando non importava, so che la Chiesa imporrebbe di perdonare, ma io non ce la faccio”. Con queste parole la presidente dell’associazione familiari delle vittime della Uno Bianca, Rosanna Zecchi, è tornata a ribadire la propria posizione sui componenti della banda e in particolare su Fabio Savi, che ha recentemente inviato una lettera al Resto del Carlino in cui ha scritto di non avere presentato le proprie scuse per i fatti di sangue per rispetto delle persone uccise.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Zecchi ha parlato questa mattina in occasione della cerimonia con cui, davanti al supermercato Coop di Casalecchio di Reno, nel Bolognese, è stato commemorato il 33/o anniversario dell’omicidio della guardia giurata Carlo Beccari, colpito a morte il 19 febbraio 1988 durante una rapina a un portavalori, mentre cercava di proteggere alcuni colleghi dell’istituto La Patria, che restarono feriti.
“Un comportamento da eroe – ha detto il sindaco di Casalecchio Massimo Bosso – come sancito dalla Medaglia d’Oro al Merito Civile che gli è stata conferita dalla Presidenza della Repubblica”. L’anziano padre di Beccari non ha potuto essere presente alla cerimonia perché malato e la figlia, che all’epoca dell’omicidio aveva tre anni, oggi vive in Puglia ed è stata tenuta lontana dalle restrizioni agli spostamenti per il Covid.
“Cerco di essere sempre presente io – ha detto ancora Zecchi – penso sia doveroso ricordare le nostre vittime, perché qualsiasi persona morta per mano di questi assassini per me è un eroe, anche se non gli hanno dato la medaglia.” Zecchi non ha voluto rispondere alla lettera di Fabio Savi: “La mia paura è che lui dialogando con noi punti ad avere permessi premio, ma io con gli assassini non dialogo. Per me deve rimanere in carcere e se ha un po’ di dignità deve stare zitto”. Riguardo la ex compagna di Savi Eva Mikula, che ha appena pubblicato un libro autobiografico, Zecchi dice: “E’ stata zitta 30 anni, poteva parlare prima, a me non la dà ad intendere che lei è una vittima”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: dg Veneto da Nas per documenti su intermediari
Zaia,al nucleo dei Carabinieri segnalata nostra lettera ad Aifa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
19 febbraio 2021
16:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il dg della sanità del Veneto, Luciano Flor, ha incontrato stamane gli uomini del Nas in relazione alla richiesta, da parte dei pm di Perugia, di acquisizione di documenti sulle interlocuzioni avviate dalla Regione per trovare vaccini anti-Covid sul mercato. “Il dottor Flor – ha detto il presidente Luca Zaia – aveva appuntamento stamane con i Nas, il riferimento è il nucleo di Treviso.
Mi aveva informato già ieri”.
L’incontro tra Flor e il comandante del Nas di Treviso è durato circa quattro ore. Il dirigente, al quale Zaia ha affidato il sondaggio sul mercato di reali possibilità di acquisti extra del siero, è stato sentito dall’Arma su delega della Procura di Perugia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Valerio Verbano: a Roma un gigantesco murale firmato Jorit
Iniziativa municipio III e Regione Lazio. Lunedì si inaugura
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
19 febbraio 2021
16:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un grande murale per Valerio Verbano, il giovane antifascista ucciso a 19 anni nella sua casa di Roma.
A 40 anni dalla morte del militante di sinistra nel quartiere Montesacro il municipio III e la Regione Lazio gli dedicano un gigantesco omaggio, su un muro vicino ad una scuola, firmato dal noto street artist napoletano Jorit.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“E’ il suggello di tutta una serie d’iniziative che l’anno scorso, nel 40ennale della morte di Valerio e prima della pandemia, hanno portato in piazza circa trentamila persone – spiega l’assessore municipale alla Cultura Christian Raimo -. Il ritratto sarebbe dovuto essere realizzato già la primavera scorsa ma il lockdown e il Covid hanno imposto un necessario slittamento dei tempi. Ora, finalmente, il murale concluso può diventare un simbolo per tutto il quartiere”.
“Il volto di Valerio impresso su uno dei muri del municipio porta la sua presenza nella quotidianità e nella vita di ogni giorno. È un monito fortemente antifascista – le parole del minisindaco Giovanni Caudo -. La memoria è una trama di vicende, non un solo tempo lineare, che si misura anche nella collettività, nell’appartenenza a dei valori e nella condivisione. Le strisce sui visi di Jorit, in particolare su quello di Verbano, a questo rimandano: all’unità”. Il murale sarà inaugurato lunedì alle 11 in via delle Isole Curzolane, angolo via Sarandì, alla presenza anche dell’autore.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 44 contagi in Sardegna, tasso positività 1,6%
Aggiornamento Regione, 6 morti, +214 i pazienti guariti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
19 febbraio 2021
16:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ in calo la curva dei contagi in Sardegna: nelle ultime 24 ore si registrano 44 nuovi casi, con un tasso di positività del 1,6%, e 6 decessi (1.102 in tutto).
Salgono così a 40.582 i casi di positività al Covid-19 complessivamente accertati dall’inizio dell’emergenza.
In totale sono stati eseguiti 715.073 tamponi, per un incremento complessivo di 2.636 test rispetto al dato precedente.
Sono, invece, 282 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (-13), mentre sono 27 (+2) i pazienti in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 13.020. I guariti sono complessivamente 25.920 (+214), mentre le persone dichiarate guarite clinicamente nell’Isola sono attualmente 231.
Sul territorio, dei 40.582 casi positivi complessivamente accertati, 9.558 (+21) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 6.496 (+10) nel Sud Sardegna, 3.446 (+2) a Oristano, 8.100 (+2) a Nuoro, 12.982 (+9) a Sassari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: superati i 95 mila morti in Italia,aumentano positivi
Più test e ancora 353 vittime. Salgono intensive,calano ricoveri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
17:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Aumentano ancora i test e c’è una nuova, limitata impennata dei positivi al coronavirus in Italia, mentre resta alto il numero delle vittime giornaliere, con il totale che supera anche la quota di 95 mila.
Sono 15.479 i test positivi registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute (ieri erano stati 13.762).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le vittime sono invece 353 (ieri erano state 347).
L’Emilia Romagna ha comunicato oggi di aver eliminato 5 decessi dai dati degli ultimi giorni.
Sono stati 297.128 i test (molecolari e antigenici) effettuati (ieri erano stati 288.458). Il tasso di positività è del 5,2%, a fronte del 4,8% di ieri, quindi con un aumento dello 0,4% in 24 ore. Aumentano i pazienti in terapia intensiva, mentre diminuiscono quelli nei reparti ordinari. Sono 2.059 le persone ricoverate in rianimazione, con un incremento di 14 unità nel saldo quotidiano tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono stati 151. Nei reparti ordinari sono ricoverate con sintomi ora 17.831 persone, in calo di 132 unità rispetto a ieri.
I casi totali da inizio epidemia in Italia sono ora 2.780.882, i morti 95.235. Gli attualmente positivi sono 382.448 (-2.053 rispetto a ieri), i dimessi e guariti 2.303.199 (+17.170), in isolamento domiciliare ci sono 362.558 persone (-1.935).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Formia, domiciliari al 17enne accusato di aver accoltellato a morte un coetaneo
Lo hanno deciso i giudici del tribunale dei minori di Roma, che hanno convalidato l’arresto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
19 febbraio 2021
19:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fermato poco dopo la tragica rissa scoppiata la sera di martedì Grasso a Formia, va agli arresti domiciliari il 17enne accusato di aver accoltellato a morte un coetaneo. I giudici del tribunale dei minori di Roma hanno convalidato l’arresto disponendo i domiciliari per il ragazzo accusato di omicidio.
Per gli investigatori sarebbe stato lui a impugnare il coltello colpendo Romeo Bondanese, un ragazzo di Formia con la passione per il calcio e che quella sera era in compagnia di un gruppo di amici quando si è imbattuto in una comitiva che proveniva da fuori regione, dalla provincia di Caserta, nonostante i divieti previsti per il Covid.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Lombardia aumentano casi e ricoveri, 33 morti
Tasso positività al 7,1%, Brescia supera Milano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
19 febbraio 2021
18:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con 51.894 tamponi effettuati (di cui 38.842 molecolari e 13.052 antigenici), sono 3.724 i nuovi casi positivi, con un tasso di positività in crescita al 7,1% (ieri 5,9%). Aumentano i ricoveri in terapia intensiva (+5, 373) e negli altri reparti (+17, 3.733).
I decessi sono 33 per un totale complessivo di 27.971 morti in regione dall’inizio della pandemia.
Per quanto riguarda le province, Brescia è quella più colpita con 787 nuovi casi, sono 785 nella città metropolitana di Milano, di cui 325 a Milano città, 528 a Varese, 462 a Monza e Brianza, 295 a Como, 166 a Pavia, 140 a Mantova, 108 a Lecco, 100 a Cremona, 27 a Lodi, 24 a Sondrio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Pfizer si può conservare a temperature meno estreme
L’annuncio dell’azienda, basta tenerlo tra -25 e -15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
19 febbraio 2021
18:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il vaccino Pfizer/BioNTech si può conservare a temperature meno estreme di -70 gradi: lo hanno annunciato oggi le due case farmaceutiche, secondo quanto riporta l’agenzia Belga. In una lettera all’autorità americana del farmaco (FDA), affermano che sarà sufficiente una temperatura compresa tra -25 gradi centigradi e -15 gradi.

Pfizer e BioNTech chiedono quindi all’ente americano per il controllo dei farmaci, la Fda, di adattare le direttive sulla conservazione del vaccino. Le dosi possono così essere conservate per due settimane a questa nuova temperatura. Il vaccino attualmente resta in frigo per 5 giorni al massimo dopo essere stato conservato a -70 gradi e scongelato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Acquisiti da pm Perugia documenti in indagine vaccini
In Struttura commissario e Aifa per ricostruire quadro normativo


CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
19 febbraio 2021
18:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Acquisiti dalla procura di Perugia i primi documenti nell’ambito dell’indagine che punta ad accertare se per i vaccini Covid esista una sorta di mercato parallelo a quello ufficiale. Accertamenti condotti dai carabinieri del Nas e coperti dal massimo riserbo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli inquirenti avrebbero comunque prelevato alcuni documenti presso la Struttura commissariale per l’emergenza Covid e all’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco. Materiale ora al vaglio degli inquirenti coordinati dal procuratore della Repubblica Raffaele Cantone e dal sostituto Gennaro Iannarone.
I magistrati perugini hanno disposto l’acquisizione della documentazione ritenuta utile per accertare le modalità di approvvigionamento dei vaccini, il quadro normativo-contrattuale vigente a livello nazionale ed europeo, le modalità e i criteri per la distribuzione tra regioni, nonché se risultino regioni italiane che abbiano inoltrato istanze ai fini dell’approvvigionamento diretto. Attività disposta anche presso la sede della Regione Veneto.
Gli accertamenti sono stati avviati dopo quello che gli inquirenti ritengono un tentativo di truffa posto in essere da un incensurato di 40 anni, originario della provincia di Messina, che a gennaio scorso, accreditandosi falsamente come intermediario per conto di Astrazaneca Internazionale, aveva proposto alla Regione Umbria l’acquisto di vaccini anti Covid
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Piemonte, comune del Vco diventa zona rossa
Preoccupa situazione a Re, Cirio vieta anche scuole Val Vigezzo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
19 febbraio 2021
20:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il comune di Re, nella provincia del Verbano-Cusio-Ossola, diventa zona rossa. Il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, ha firmato l’ordinanza che sospende anche l’attività didattica in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado della Val Vigezzo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’ordinanza entrerà in vigore alle 18 di domani e resterà in vigore fino al 26 febbraio.
“Una decisione che si è resa necessaria dato l’improvviso incremento di casi registrato nell’ultima settimana – spiega Cirio -. In questo piccolo comune su circa 750 abitanti sono emersi 37 soggetti positivi negli ultimi 7 giorni. Non sappiamo ancora se questi casi siano dovuti a una variante, ma è comunque un’incidenza molto elevata e abbiamo ritenuto necessario intervenire per tutelare la salute delle persone che popolano la vallata”.
Già ieri l’assessore alla Sanità della Regione Piemonte, Luigi Genesio Icardi, aveva indicato il Vco come la provincia più a rischio nella diffusione del virus mutato in forme maggiormente contagiose. Gli oltre 5 mila frontalieri che tutti i giorni fanno la spola dall’Ossola e dal Verbano verso i cantoni Ticino e Vallese, così come il pendolarismo verso Milano, sono elementi che fanno alzare la guardia. “Il senso di responsabilità da parte della nostra gente non manca – osserva il sindaco, Massimo Patritti -: evitiamo i contatti e manteniamo il distanziamento in modo da superare presto questa fase delicata”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Folla in zone movida, chiuse piazze a Roma
Assembramenti a San Lorenzo e Trastevere
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
19 febbraio 2021
20:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Folla in zone della movida a Roma. La polizia locale ha effettuato chiusure momentanee per consentire l’allontanamento delle persone nei quartieri San Lorenzo e Trastevere.
Tra le piazze ‘isolate’ momentaneamente largo degli Osci, piazza dell’Immacolata, via degli Ausoni, tutte a San Lorenzo. Mentre a Trastevere piazza San Cosimato, piazza di San Calisto e piazza Santa Maria in Trastevere. I controlli sono tuttora in corso nei vari quartieri della Capitale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: stop a vendita U-Mask come dispositivo medico
Ministero dopo segnalazione Nas, ‘potenziali rischi per salute’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
21:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Ministero della Salute ha disposto “il divieto di immissione in commercio del dispositivo medico U-Mask Model 2” e “l’adozione della misura del ritiro del medesimo prodotto” dal mercato. Decisione presa dopo che i carabinieri del Nas di Trento hanno segnalato al Ministero che le mascherine U-Mask risultavano come dispositivi medici in base a certificazione di un laboratorio “privo di autorizzazione”, sottoscritta da un soggetto senza laurea.
Il Ministero evidenzia i “potenziali rilevanti rischi per la salute” derivanti “dall’assenza di un regolare processo valutativo”. A Milano si indaga per frode nell’esercizio del commercio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, Marsilio ‘per Abruzzo confermati dati da arancione’
‘Restano in zona rossa province Pescara e Chieti’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PESCARA
19 febbraio 2021
21:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Non cambia nulla. Sono confermati i dati da zona arancione.
Manterremo la zona rossa per le province di Chieti e Pescara”. Lo afferma il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, sottolineando che la regione è classificata tra quelle a “rischio moderato” e che l’indice Rt è “leggermente sceso”, arrivando a 1,17.
Si proseguirà, annuncia Marsilio, con uno “stretto monitoraggio: ho chiesto alle Asl di valutare quotidianamente l’andamento nei singoli territori. Anche per valutare se inserire altri comuni in zona rossa o, viceversa – conclude – se nelle province di Chieti e Pescara si possa iniziare a delimitare un’area meno pericolosa da restituire alla zona arancione”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Amadeus, Palombelli conduttrice da record, stupirà
“Felice di avere con me sul palco collega e brava giornalista”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
23:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono felice di avere con me sul palco dell’Ariston Barbara Palombelli per la quarta serata del Festival di Sanremo 2021. Nel mosaico femminile non poteva mancare una donna dal lungo curriculum.
È per me una collega, la conduttrice più presente sul piccolo schermo, oltre ad essere una brava giornalista”. A sottolinearlo è Amadeus, direttore artistico e conduttore del festival.
“Lo scorso anno – aggiunge Amadeus – abbiamo puntato sull’unione di mondi differenti, ha funzionato e speriamo di replicare anche quest’anno stupendo il pubblico con Barbara e con tutte le altre donne che saranno con me al Festival. E chissà, magari c’è ancora tempo per qualche sorpresa”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Hit parade, subito in vetta Gazzelle
Sul podio Mace e Capo Plaza. L’altra new entry è Mr. Rain
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
18:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A una settimana dall’uscita, il terzo album di Gazzelle, “OK”, entra direttamente al primo posto della classifica Fimi degli album più venduti. Anticipato dal successo dei brani ‘Destri’ e ‘Coltellata’ (ai primi posti della top ten singoli), già oltre i 91,5 milioni di stream, il disco conquista anche la vetta tra i vinili.

Scivola in seconda posizione ‘Obe’ (acronimo di Out of body experience), il nuovo progetto discografico di Mace, che precede Plaza di Capo Plaza, stabile sul terzo gradino del podio.
Si conferma al quarto posto Sfera Ebbasta con ‘Famoso’, davanti all’altra new entry della settimana, ‘Petrichor’ (che vuol dire profumo della pioggia), il nuovo album di inediti di Mr. Rain. Perdono una posizione i Pinguini Tattici Nucleari con ‘Ahia’ e The Weeknd con ‘After Hours’, mentre è stabile all’ottavo posto Ernia con ‘Gemelli’. Chiudono la classifica Harry Styles, che risale tra le prime dieci posizioni con ‘Fine Line’, e i Foo Fighters con ‘Medicine at Midnight’, decimo disco della band che festeggia i 25 anni di carriera.
Tra i singoli, si conferma in testa La canzone nostra di Mace, Blanco & Salmo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo, Palombelli co-conduttrice della serata del venerdì
Giornalista e conduttrice di lungo corso al fianco di Amadeus
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
18:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sarà Barbara Palombelli la quarta protagonista femminile del Festival di Sanremo 2021. Giornalista di lungo corso, conduttrice radiofonica e volto televisivo con all’attivo il maggior numero di ore di presenza sul piccolo schermo all’anno.
Calcherà il palcoscenico del Teatro Ariston durante la serata del venerdì al fianco del direttore artistico e conduttore Amadeus.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Duetto Vanoni-Gabbani nella serata finale di Sanremo
Sulle note di ‘Un sorriso dentro al pianto’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
16:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Duetto straordinario nell’ultima serata di Sanremo. Dopo l’annuncio della partecipazione di Ornella Vanoni, ospite sabato 6 marzo, si annuncia che sul palco con lei ci sarà Francesco Gabbani.

I due artisti si esibiranno insieme in un’emozionante performance di Un Sorriso dentro al pianto, il brano da lui composto e primo singolo estratto da “Unica”, il nuovo album di Ornella Vanoni uscito il 29 gennaio scorso per BMG.
Un sorriso dentro al pianto, del quale Gabbani firma musica e – insieme a Pacifico e Ornella stessa – anche il testo, è uscito come singolo l’8 gennaio ed è tuttora fra i brani più trasmessi in radio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Claudio Bisio, sono positivo al Covid, ma sto bene
Attore ha postato oggi una ‘storia’ sui social su malattia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
13:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono qua, ancora a casa in quarantena, ma una cosa la voglio dire: sono positivo al Covid.
Niente di grave, ho solo un po’ di tosse fastidiosa, ma sto bene”.
Così la ‘storia’ postata oggi sui social (Instagram e Facebook) dall’attore Claudio Bisio.
“Dovevo essere a Roma a presentare un progetto di una serie TV (‘Tutta colpa di Freud’, serie in otto episodi di 45 minuti disponibile in streaming su Amazon Prime Video a partire dal 26 febbraio), ma non ce la farò. Saluto colleghi e regista (Rolando Ravello) a tutti un abbraccio” conclude Bisio visibilmente sciupato in collegamento dalla sua casa milanese.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo: Mihajlovic, sarò sul palco con Ibrahimovic
‘Canteremo insieme, due zingari sul palcoscenico’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
19 febbraio 2021
12:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Zlatan Ibrahimovic non sarà l’unico ospite calcistico di eccezione nella prossima edizione di Sanremo alle porte. Con l’attaccante del Milan ci sarà pure, per una puntata, l’allenatore del Bologna Sinisa Mihajlovic, amico del rossonero: “Ho sentito Amadeus stamattina.
Sì, vado a Sanremo, io e Ibra canteremo: due zingari sul palcoscenico. Per fortuna non ci sarà il pubblico, perché non so né ballare, e questo lo avete già potuto vedere, non so neppure cantare.
Zlatan è un po’ meglio di me a ballare, ma pure lui a cantare…
male male. Voi italiani avete una grande musica. Personalmente mi piace Io vagabondo. In Italia c’è tutto, in questo paese si sta bene”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Aiello, io il più piccolo tra i Big
Al festival con Ora, il 12 marzo esce secondo album Meridionale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 febbraio 2021
12:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da un lato il suo primo festival di Sanremo, dall’altro l’uscita di Meridionale (il 12 marzo), il suo secondo album. E’ un momento cruciale per il giovane cantautore Aiello, calabrese di nascita, romano d’adozione, chiamato a mettere un tassello importante nel suo percorso artistico.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Da spettatore sono sempre stato un fan del Festival, da artista invece non ho mai pensato che fosse una tappa obbligatoria e fino a qualche mese fa non ci pensavo proprio – racconta Aiello, in gara con il brano Ora -. Poi, complice anche il periodo che stiamo vivendo, ho provato a dare uno spazio più largo alla mia musica portandola sul palco più grande che abbiamo in Italia”. Si definisce “il più piccolo dei Big”, e non nega che “vincere sarebbe bello, ma se arrivassi ultimo come Vasco per poi riempire i miei concerti andrebbe bene”.
Il brano, che racconta il sesso Ibuprofene (“curativo, tossico o liberatorio, ognuno può vederci quello che vuole”) ed ed prodotto da Mace e Brail, è una delle dieci tracce contenute nel nuovo disco. “Un progetto al quale tengo, perché dovrà confermare che le cose buone fatte finora non sono state un abbaglio, chiedendo a me stesso un passo in avanti e un’evoluzione artistica”.
Meridionale, un titolo scelto ovviamente non a caso, vuole essere “l’occasione per accendere una luce buona su una terra raccontata spesso a tinte scure”. Il filo conduttore del disco è la contaminazione di suoni e generi che spaziano dal pop all’r’n’b passando per clubbing, flamenco, classic e urban. “Un newpop che affonda nelle mie origini e si nutre delle mie esperienze in giro per il mondo. Una musica lacrime e sudore, schiaffi e abbracci”.

Cronaca tutte le notizie! SONO SEMPRE AGGIORNATE ED IN TEMPO REALE! SEGUILE E CONDIVIDILE!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 24 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 00:10 DI GIOVEDì 18 FEBBRAIO 2021

ALLE 03:09 DI VENERDì 19 FEBBRAIO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Prima fermata per un Frecciarossa a Terontola nell’Aretino
Su Av Roma-Firenze per Toscana-Umbria,Giani inaugura con sindaci
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TERONTOLA
18 febbraio 2021
00:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Prima fermata, stamani, di un treno Frecciarossa nella stazione di Terontola (Arezzo), sulla linea Av Roma-Firenze, sbocco dell’utenza ferroviaria delle popolose zone della val di Chiana, in Toscana, e del lago Trasimeno, in Umbria.
“Pochi minuti ma molto importanti per tutto il territori”, il commento unanime degli amministratori umbri e toscani all’inaugurazione della fermata.
Un Frecciarossa ha sostato alle ore 5.54 a Terontola e poi è ripartito esattamente alle 5.56 diretto a Milano e Torino. “Ringrazio tutti coloro che si sono impegnati affinché questo potesse accadere, in particolare le Regioni Toscana e Umbria, le amministrazioni della Val di Chiana e del Trasimeno”, ha detto il governatore della Toscana Eugenio Giani, presente all’evento. Gli amministratori indossavano la fascia tricolore e sulla pensilina c’è stato un taglio del nastro nella breve sosta in stazione, quindi il treno è ripartito verso Nord.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Regione Fvg,con numeri attuali restiamo zona gialla
Vicegovernatore Riccardi, indice Rt da 0,94 a 0,8
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
18 febbraio 2021
10:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“A meno che non si cambi qualche parametro di definizione nella classificazione, non vedo perché noi dovremmo con questi numeri andare in una zona diversa da quella gialla”. Così il vicepresidente del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi sulle indiscrezioni circolate ieri su un possibile passaggio in arancione della regione.
“I dati arrivati ieri sera sono tutti in riduzione – ha spiegato Riccardi -: Rt ha una punta più bassa di 0,74 avendo una media di 0,8 contro lo 0,94 della scorsa settimana”.
Secondo indiscrezioni, il Report del Ministero della Salute relativo alla settimana dall’8 al 14 febbraio e aggiornata al 17 febbraio sull’andamento della pandemia in Fvg, presenta, oltre al calo dell’indice Rt, anche altri dati generalmente in discesa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: mano dura del Vaticano contro i dipendenti no vax
Sanzioni prevedono dal demansionamento fino al licenziamento
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
18 febbraio 2021
10:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mano dura del Vaticano contro i dipendenti che scelgono di non vaccinarsi in caso di pandemie, come è ora il Covid. La vaccinazione è volontaria ma un decreto del Presidente della Pontificia Commissione dello Stato della Città del Vaticano, il cardinale Giuseppe Bertello, prevede per i dipendenti che non fanno il vaccino (che il Vaticano ha messo a disposizione di tutti i lavoratori dello Stato) fino al demansionamento per chi non può farlo per ragioni di salute, con il mantenimento dello stipendio della mansione precedente.

Per chi si rifiuta “senza comprovate ragioni di salute” il decreto rinvia ad una legge vaticana del 2011 che prevede, per chi non si sottopone ad accertamenti sanitari d’ufficio, “conseguenze di diverso grado che possono giungere fino alla interruzione del rapporto di lavoro”.
Il decreto emanato in questi giorni parla delle altre norme da osservare in caso di pandemie, dal distanziamento al divieto di assembramenti, dalle mascherine alla quarantena, e prevede sanzioni pecuniarie in caso di inosservanza delle disposizioni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bose: Bianchi non se ne va, Comunità ‘profonda amarezza’
Su indicazione del delegato del Papa doveva trasferirsi entro 17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
10:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Enzo Bianchi non ha lasciato Bose, in Piemonte, per trasferirsi in Toscana secondo l’accordo che, secondo la Comunità, avrebbe posto fine alle tensioni interne.
Un provvedimento, il trasferimento di Bianchi da Bose a Cellole, che era stato suggerito dal delegato del Papa.
Il trasferimento doveva realizzarsi prima dell’inizio della Quaresima, cioè ieri.
“Con profonda amarezza la Comunità – sottolinea lo stesso monastero di Bose – ha dovuto prendere atto che fr. Enzo non si è recato a Cellole nei tempi indicatigli dal Decreto del Delegato Pontificio dello scorso 4 gennaio. Si trattava di una soluzione messa a punto in questi mesi con l’assenso ribadito per iscritto dallo stesso fr. Enzo e da alcuni fratelli e sorelle disposti a seguirlo per fornirgli tutta l’assistenza necessaria”.   POLITICA   VAI ALLE NOTIZIE DAL MONDO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Debate, al via campionato nazionale per ragazzi
Dal 16/2 al via girone unico; finali a Milano l’8 e 9 maggio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
18 febbraio 2021
12:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Non solo negli Stati Uniti, ora anche in Italia arriva il Debate agonistico – ovvero gare di dibattito in cui si affrontano due squadre di tre oratori ciascuna – con la prima edizione del campionato italiano giovanile, di cui è iniziato il 16 febbraio il girone unico nazionale, dopo una iniziale scrematura delle 76 squadre in gara provenienti da 16 regioni.
Sono alcuni anni che il Debate si sta diffondendo come metodo per fare acquisire ai ragazzi le cosiddette soft skills, capacità dunque di ascolto e di analisi, che permettano loro un domani di essere cittadini attivi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La rete Nazionale We Debate unisce più di 180 scuole, nel 2017 il ministero dell’Istruzione ha avviato il progetto Debate Italia, che realizza le Olimpiadi nazionali, porta di accesso ai campionati mondiali. Nel 2019 è nata anche la Società Nazionale Debate Italia (Sndi) con lo scopo di diffondere questa disciplina anche fuori delle scuole, che quest’anno organizzano i campionati giovanili, di cui è main sponsor Coop Lombardia con il patrocinio della Commissione Europea in collaborazione con il Parlamento Europeo.
“Affinché il debate possa incidere nella formazione di una persona occorre molto più tempo e pratica – ha raccontato il presidente Sndi Manuele De Conti -. E’ nata così l’idea di un “campionato” che duri un intero anno scolastico”. In questo modo “si allenano i giovani al rispetto delle regole comuni e degli avversari, in perfetta sintonia con i valori di Coop Lombardia che – ha spiegato il presidente Daniele Ferré – da sempre investe in progetti etici e di responsabilità sociale”.
Hanno nomi fantasiosi come ‘Bazinga!’ (dall’istituto Tecnico Economico Tosi di Busto Arsizio), ‘Le ragazze di via Panisperna’ (IsIS “Majorana – Fascitelli” di Isernia) o ‘Rinoceronti Blu (Iis Dalla Chiesa di Montefiascone) le 46 squadre arrivate al girone nazionale a eliminazione diretta. Gli ottavi di finale sono in programma il 26 aprile mentre la finale si svolgerà l’8 e 9 maggio a Milano con un evento dal vivo (se sarà possibile) e in streaming. Tutte le informazioni sono disponibili al sito Campionatoitalianodebate.it e sui social del torneo.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Donna morta a Pavia: 28enne confessa
I due avrebbero avuto una relazione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PAVIA
18 febbraio 2021
12:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sarebbe stato un giovane sbandato ad uccidere Lidia Pescherera, 49 anni, la donna trovata morta ieri nel suo appartamento a Pavia. Alessio Nigro, 28 anni, originario della provincia di Lodi, che aveva una relazione con la vittima, ha confessato il delitto dopo essere stato fermato nella tarda serata di ieri dai carabinieri di Pavia in un ostello a Milano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sottoposto a fermo per il reato di omicidio volontario, è stato condotto nel carcere di Torre del Gallo a Pavia.
Il 28enne, con problemi di alcolismo e privo di fissa dimora, ha spiegato al procuratore, Mario Venditti, e al sostituto, Diletta Balduzzi, che venerdì 12 febbraio, durante un ennesimo litigio, colto da un raptus, ha strangolato la donna nella vasca da bagno.
Nigro è rimasto nell’appartamento di via Depretis fino a lunedì 15 febbraio; agli inquirenti ha anche spiegato di aver utilizzato il telefonino della sua convivente per inviare dei messaggi al datore di lavoro per non allarmarlo per l’assenza di Lidia Peschechera. Ma è stato proprio il titolare dell’azienda presso la quale lavorava la donna, ad allarmarsi per il fatto che la donna non rispondeva al telefono e anche per il contenuto dei messaggi ricevuti. E’ stato così avvisato l’ex marito della vittima e successivamente le forze dell’ordine che ieri hanno scoperto il cadavere, adagiato nella vasca da bagno, in stato di decomposizione e coperto da un asciugamano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Liliana Segre vaccinata a Milano
Accolta da Attilio Fontana e Letizia Moratti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
18 febbraio 2021
15:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccinazione al Fatebenefratelli e oftalmico di Milano per la senatrice a vita Liliana Segre. L’ultranovantenne milanese, sopravvissuta ad Auschwitz, si è presentata al centro vaccinale verso le 11.30 per la somministrazione programmata. Ad accoglierla anche il presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana e il vice presidente e assessore al Welfare, Letizia Moratti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Veneto, contagi tornano sopra quota 1.000 in 24 ore
Non succedeva da un mese
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
18 febbraio 2021
13:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo un mese di calo dei contagi quotidiani il Veneto torna a superare i 1.000 casi di positività al Covid in sole 24 ore. Il report della Regione registra infatti 1.042 contagi in più rispetto a ieri, per un totale di 323.888 infetti dall’inizio dell’epidemia.
Sotto quota mille la regione era scesa esattamente il 18 gennaio scorso (i casi erano stati 998). I decessi sono 30 in più rispetto a ieri, per un dato complessivo di 9.651 vittime. L’incidenza dei positivi sui tamponi – ha detto il presidente Luca Zaia – è del 3,13%. Nei reparti non critici degli ospedali sono ricoverate 1.290 persone (-46), nelle terapie intensive 135 (+1).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cutolo: procuratore Salerno, ha influenzato camorra per anni
Borrelli: “Pentimento? Mai chiesto ma su certi casi ininfluente”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
18 febbraio 2021
13:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Raffaele Cutolo è responsabile della trasformazione che ha avuto la camorra in Campania, e non solo, e gli effetti della sua azione non sono limitati nel tempo ma si protrarranno per molto tempo negli anni a venire”. A parlare è il procuratore di Salerno Giuseppe Borelli, per lungo tempo a capo della Direzione Distrettuale Antimafia presso la Procura di Napoli che, pur essendosi, da investigatore, occupato del clan Alfieri, feroce rivale della NCO del “professore”, è stato costretto a confrontarsi anche con la mentalità del boss scomparso ieri all’età di 79 anni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Con tutto il rispetto che si deve, comunque, a una persona deceduta, Cutolo, giuridicamente e moralmente – ricorda il procuratore di Salerno – è responsabile di centinaia e centinaia di omicidi, molti dei quali eseguiti con crudeltà senza pari”.
Riguardo al mancato pentimento di don Raffaele, e sui segreti che si è portato nella tomba, Giuseppe Borrelli, ricorda che parecchi casi “sono stati ampiamente e dettagliatamente risolti anche senza il suo contributo, come, per esempio, quello che riguarda Ciro Cirillo (il politico della DC rapito e poi rilasciato dalle Brigate Rosse, ndr)”.
Per quello che concerne gli anni in cui ha coordinato i magistrati antimafia partenopei, il procuratore di Salerno ci tiene a precisare di non avere mai chiesto a Cutolo di collaborare con la giustizia: “Per certi aspetti, la collaborazione con la giustizia di Cutolo, peraltro mai richiesta quando ero io a capo della DDA, non avrebbe potuto essere utile in quanto determinate vicende che lo vedevano coinvolto erano state ampiamente chiarite dagli inquirenti sulla base di elementi assolutamente certi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Confartigianato a Prefetto Pescara, ristoranti aperti a cena
Consegnate proposte. Anche su estetisti, spostamenti e affitti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PESCARA
18 febbraio 2021
13:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ristoranti e bar aperti a pranzo e a cena con prenotazione obbligatoria, negozi aperti anche in zona rossa, spostamenti consentiti tra comuni per andare dal proprio artigiano o commerciante di fiducia e rinegoziazione dei canoni di locazione. Sono le proposte avanzate da Confartigianato al Prefetto di Pescara, Giancarlo Di Vincenzo, con l’obiettivo di “tutelare il tessuto socioeconomico nel rispetto delle misure anti-Covid”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’incontro si è svolto ieri pomeriggio in videoconferenza. Vi hanno preso parte, oltre al Prefetto, il presidente dell’associazione artigiana, Giancarlo Di Blasio, i vicepresidenti Barbara Lunelli e Paolo Verdecchia ed il direttore Fabrizio Vianale. I rappresentanti di Confartigianato hanno consegnato un pacchetto di proposte al Prefetto, affinché “si faccia portavoce delle richieste presso il Ministero”.
Nel corso del confronto, fa sapere l’associazione, si è parlato anche della sentenza del Tar del Lazio che ha disposto l’annullamento della misura contenuta nel Dpcm del 14 gennaio che escludeva i centri estetici dai servizi alla persona erogabili in zona rossa. Al Prefetto, in tal senso, è stato chiesto di “informare gli organi preposti al controllo su quanto stabilito dai giudici amministrativi”.
Confartigianato propone, inoltre, un protocollo tra le istituzioni locali per la rinegoziazione dei canoni di locazione con l’obiettivo di “superare la crisi di liquidità in atto” e chiede maggiori controlli, al fine di “evitare nuove chiusure, che sarebbero letali per l’economia”, con il “contingentamento degli ingressi nelle piazze e nelle strade ‘calde'”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Lavevaz (Vda), zona bianca non è traguardo stabile
‘Aspettiamo il riscontro, ma situazione è fragilissima’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AOSTA
18 febbraio 2021
14:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La zona bianca potrebbe essere una boccata d’ossigeno, ma dobbiamo essere tutti consapevoli che non sarebbe un traguardo stabile: la discesa dei contagi si è già arrestata, e dobbiamo sapere che la zona bianca potrebbe durare anche solo una o due settimane”. Così il presidente della Regione Valle d’Aosta Erik Lavevaz, commenta l’ipotesi di un passaggio della regione alpina in zona bianca.
“Aspettiamo il riscontro ai dati inviati, che da settimane sono buoni, ma sappiamo che la situazione è fragilissima”, spiega.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Veneto, i contagi tornano sopra quota 1.000 in 24 ore
Zaia, arrivata oggi un’offerta per AstraZeneca
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
17:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo un mese di calo dei contagi quotidiani il Veneto torna a superare i 1.000 casi di positività al Covid in sole 24 ore. Il report della Regione registra infatti 1.042 contagi in più rispetto a ieri, per un totale di 323.888 infetti dall’inizio dell’epidemia.
Sotto quota mille la regione era scesa esattamente il 18 gennaio scorso (i casi erano stati 998). I decessi sono 30 in più rispetto a ieri, per un dato complessivo di 9.651 vittime. L’incidenza dei positivi sui tamponi – ha detto il presidente Luca Zaia – è del 3,13%. Nei reparti non critici degli ospedali sono ricoverate 1.290 persone (-46), nelle terapie intensive 135 (+1).
“Stamani il dottor Flor ha ricevuto una disponibilità per AstraZeneca”, Zaia. “Anche il collega Bonaccini – ha aggiunto – ha mostrato che era arrivata una proposta dalla Croazia. Non è colpa nostra se ci chiamano”, ha concluso. Già due giorni fa Zaia aveva detto che gli erano state offerte altri dosi di vaccino “dell’azienda Pfizer”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Post antisemita, Amore indagata per diffamazione
Aggravata dall’odio razziale. Procura Torino apre fascicolo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
18 febbraio 2021
15:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La consigliera comunale di Torino Monica Amore, del Movimento 5 Stelle, è indagata per diffamazione aggravata dall’odio razziale. Titolare dell’inchiesta il procuratore aggiunto Emilio Gatti che ha aperto un fascicolo dopo l’esposto presentato dall’avvocato Tommaso Levi per conto della comunità ebraica di Torino.
La vicenda è quella del post su Facebook in cui associava alle testate del Gruppo Gedi alcune caricature antisemite.   PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Gup: Gaia e Camilla travolte sulle strisce pedonali
“Elevato il grado di colpa di Genovese”. Le motivazioni della sentenza. Le 16enni romane, travolte nella zona di Corso Francia, attraversavano dopo che il semaforo pedonale era diventato verde
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
18 febbraio 2021
18:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gaia e Camilla, la tragica notte del 21 dicembre del 2019, non avevano fatto nessun azzardo: stavano attraversando sulle strisce, dopo che il semaforo pedonale era diventato verde. Un comportamento irreprensibile che però non è bastato a salvare dalla morte, dal violento impatto con l’auto guidata da Pietro Genovese che le ha centrate uccidendole sul colpo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per il gup di Roma Gaspare Sturzo, che ha condannato il 19 dicembre scorso il ventenne a 8 anni di carcere per omicidio stradale plurimo “è assai elevato il grado di colpa dell’imputato, sotto il profilo del quantum di evitabilità dell’evento, essendo l’incidente frutto anche di una negligente scelta di mettersi alla guida dopo aver fatto uso di alcol, pur sapendo che era obbligato a non bere qualora avesse voluto condurre un’auto, secondo la sua età e per il tempo in cui aveva preso la patente”.
In 197 pagine di motivazioni il giudice ricostruisce l’intera vicenda delle due 16enni romane affermando che Genovese le ha investite mentre le due erano “sulle strisce pedonali, nel tratto della terza corsia di sinistra di corso Francia, dopo che queste avevano iniziato l’attraversamento con il verde pedonale ma si erano fermate per aver notato alla loro sinistra provenire dal precedente semaforo ad alta velocità tre auto impegnate, di fatto in una gara di sorpassi, che non accennavano a rallentare”. L’imputato ha “effettuato una serie di sorpassi utilizzando al contempo un cellulare con cui mandava messaggi; superando il limite di velocità in ora notturna; iniziando un ultimo sorpasso di un’auto che aveva cominciato a frenare e, poi, si era fermata”.
Genovese non ha attivato “i dovuti doveri di diligenza, nell’avvicinarsi ad un incrocio, notoriamente attraversato da diversi utenti, soprattutto a piedi, ben noto per il pericolo di improvvisi attraversamenti tra gli esercizi commerciali e le abitazioni collocate ai due lati della duplice carreggiata” e “senza verificare il motivo della frenata e dell’arresto dell’auto che lo precedeva, in relazione all’incrocio incriminato, soprattutto quanto alla possibile presenza di altri utenti della strada davanti all’auto che stava sorpassando”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per il giudice Sturzo, l’imputato “è un soggetto capace di intendere e di volere al momento del fatto. Innanzi a questo giudice ha reso dichiarazioni spontanee che hanno mostrato la sua capacità al momento del fatto e quella di comprendere perfettamente la gravità dei fatti e che per questi era sottoposto ad un giudizio penale”. E ancora: “è vero, che nonostante gli arresti domiciliari aveva ricevuto alcuni amici e ascoltato, probabilmente ad alto volume, della musica, infastidendo qualche vicino, ma – prosegue il giudice – anche questo elemento assieme agli altri sopra annotati deve essere inquadrato in un complesso di immaturità dell’imputato, dovuta alla giovane età e al tentativo di sbandierare una goliardia, qualche istinto di bullo, per nascondere le sue insicurezze e qualche eccesso di solitudine”.
Per i legali delle ragazze “la motivazione della sentenza è una conferma netta della piena regolarità di condotta di Gaia e Camilla, così sgombrando definitivamente il campo da fantasiose ipotesi di attraversamento “azzardato” che, in alcuni casi, null’altro hanno costituito che gratuiti e ingiustificati attacchi alla memoria delle due povere ragazze, inizialmente incluse, addirittura, in un inventato gioco di attraversamento con il semaforo rosso che non ha avuto il benché minimo riscontro processuale”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 13.762 nuovi casi, 347 vittime
288.458 tamponi, tasso positività sale al 4,8%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
17:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 13.762 i nuovi casi di coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore. Lo rende noto il bollettino quotidiano del ministero della Salute.
Le vittime sono, invece, 347.
Sono stati 288.458 i tamponi effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, con il tasso di positività rispetto ai nuovi casi (13.762) che sale al 4,8% dal 4,1% di ieri. Ad oggi gli attualmente positivi al coronavirus sono 384.501 (-4.363), mentre i dimessi o guariti sono 2.286.024 (+17.771). Le vittime totali, invece, sono 94.887.
Il numero di pazienti ricoverati in terapia intensiva per coronavirus in Italia sono 2.045, due in più rispetto a ieri. I ricoverati con sintomi, invece, sono 17.963, 311 in meno.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ponte Genova: periti, su reperto 132 solo 5 trefoli integri
Su 464. Evidenziati diversi gradi corrosione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
18 febbraio 2021
17:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Su 464 trefoli, nel reperto 132, la sommità della pila 9 che cedendo avrebbe causato il crollo del Morandi, solo cinque erano perfettamente integri. Gli altri avevano diversi gradi di corrosione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ quanto emerso nel corso dell’incidente probatorio sulle cause del crollo del viadotto (14 agosto 2018, 43 morti), ripreso oggi. Le udienze erano state sospese per 15 giorni per consentire ai consulenti dei 71 indagati di studiare il software usato dai periti del gip per calcolare la capacità di tiraggio dei cavi degli stralli.
Già nella prima perizia, quella che fotografava lo stato del viadotto al momento della tragedia, era emerso che il 68% dei trefoli del gruppo primario (quello che garantisce la stabilità dell’infrastruttura) e l’85% di quelli secondari avevano una riduzione di sezione tra il 50 e il 100 per cento. Una corrosione dovuta ai difetti di esecuzione del progetto. Con le dovute manutenzioni, secondo i periti, il Morandi non sarebbe crollato.
Nell’udienza di oggi i periti hanno illustrato il momento del collasso attraverso l’analisi del video della ditta Ferrometal e si è anche parlato dei fattori esterni: dal temporale, al vento di quel giorno fino al coil trasportato dal tir. Secondo i super esperti a cedere per primo è stato lo strallo, ovvero uno dei tiranti, lato mare/levante della pila nove. L’udienza proseguirà domani e sabato.
Dopo l’esposizione degli esperti del giudice i legali degli indagati potranno chiedere chiarimenti. Le persone indagate, tra ex vertici di Aspi e dirigenti di Spea e del ministero, sono accusate a vario titolo di omicidio colposo plurimo, crollo doloso, falso, attentato alla sicurezza dei trasporti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Coletto, cominciamo a pensare di vaccinare ragazzi
Per assessore Umbria “vettore innocente della pandemia”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
18 febbraio 2021
17:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Per arginare la diffusione del Covid si valuti anche da un punto di vista scientifico la possibilità di vaccinare i ragazzi in età scolare, penso alla fascia 13-20 anni”: è la proposta che avanza Luca Coletto, assessore alla Sanità della Regione Umbria. “Spessissimo sono loro il vettore innocente della pandemia” ha aggiunto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Dopo avere immunizzato medici, anziani e le altre categorie previste nella fase iniziale del Piano vaccinale bisogna porsi il problema delle scuole”, ha affermato Coletto.
“I ragazzi in età scolastica – ha aggiunto l’assessore – non possono continuare a essere isolati. Loro si muovono e i più piccoli non possono restare soli. Bisogna proteggerli con un vaccino su misura ed è opportuno che Istituto superiore di sanità e Agenzia del farmaco comincino a porsi la questione da un punto di vista scientifico”.
Coletto ha sottolineato che i ragazzi infettati dal Covid “sono nella maggior parte dei casi asintomatici o pauci-sintomatici”. “Inconsapevolmente – ha aggiunto – possono quindi diventare diffusori del virus. Dei vettori innocenti”.
“E’ uno dei problemi da porsi – ha sottolineato ancora l’assessore – anche per i riflessi socio-economici che tutto questo ha. La diffusione del contagio si riflette poi inevitabilmente in maniera lineare sui ricoveri e sull’occupazione delle terapie intensive da parte di appartenenti a tutte le altre fasce della popolazione”.
“Le scuole chiuse sono uno dei problemi più grandi del Paese – ha detto ancora Coletto – e concordo con il presidente Mario Draghi sulla necessità di riaprirle. Ma bisogna trovare la soluzione per questi ragazzi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cogne:Taormina,Franzoni iniziato pagare,non sono persecutore
Avvocato a Telelombardia, ‘ci siam messi d’accordo sulla parola’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
18:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La vendita della villetta di Cogne è sospesa. Con la famiglia Franzoni non stiamo facendo trattative, stiamo ricevendo le somme.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’asta stava andando avanti, ma è stata fermata perché i coniugi Franzoni hanno iniziato a pagare”. Lo ha detto l’avvocato Carlo Taormina, ospite della trasmissione “Iceberg Lombardia” in onda questa sera su Telelombardia, in merito all’asta per la vendita della villetta dei Franzoni a Cogne, teatro il 30 gennaio del 2002 dell’omicidio del piccolo Samuele Lorenzi.
“Non ci siamo messi d’accordo con un piano di rientro, ma – ha aggiunto il legale rispondendo alle domande del conduttore Marco Oliva – sulla parola. Ci ho già pagato le tasse sulla cifra che è arrivata. Una quota è arrivata e siamo già d’accordo, grosso modo, su quando arriverà la prossima, gli ho dato tempo fino a giugno. Ma non faccio il persecutore”.
L’asta, che era in programma domani in Tribunale ad Aosta, è stata sospesa lo scorso 4 febbraio fino al 30 giugno prossimo dal giudice Paolo De Paola dopo che Taormina, in qualità di creditore, non si è opposto alla richiesta di sospensione. In base a una sentenza civile passata in giudicato a Bologna, Annamaria Franzoni deve al suo ex legale oltre 275 mila euro per il mancato pagamento degli onorari difensivi, divenuti circa 450 mila nell’atto di pignoramento.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lazio, 1 marzo al via vaccinazione 65enni da medici base
Si parte con nati nel 1956, vaccinati con Astrazeneca
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
18 febbraio 2021
18:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Partiranno dal primo marzo nel Lazio le vaccinazioni presso i medici di medicina generale (mmg). La novità, in attesa dell’atto ufficiale del ministero, è che si partirà dai nati nell’anno 1956 (65 anni) con il vaccino Astrazeneca.
E’ quanto fa sapere l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uccide moglie e si suicida, trovati i corpi in casa
Nel vicentino, tragedia scoperta da un familiare
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
18 febbraio 2021
19:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I corpi di due coniugi, lei uccisa e coperta con un lenzuolo, lui impiccato, sono stati trovati oggi all’interno di un’abitazione a Rosà, in provincia di Vicenza. A scoprire i cadaveri è stato un familiare, che aveva le chiavi della casa, e poi ha chiamato la polizia.
La pista seguita dagli investigatori sarebbe quella dell’omicidio-suicidio. Non si conoscono al momento i motivi della tragedia, ne’ la modalità con le quali è stata uccisa la donna. Sul posto gli agenti del commissariato di Bassano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pm Perugia acquisisce documenti Commissario Covid e Aifa
Anche in Regione Veneto, indagine su approvvigionamento vaccini
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
18 febbraio 2021
19:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La procura di Perugia ha dato mandato ai carabinieri del Nas del capoluogo umbro di acquisire alcuni documenti presso la struttura del Commissario straordinario per l’emergenza Covid e all’Aifa. In particolare per accertare le modalità di approvvigionamento dei vaccini, il quadro normativo-contrattuale vigente a livello nazionale ed europeo, le modalità e i criteri per la distribuzione tra regioni, nonché se risultino regioni italiane che abbiano inoltrato istanze ai fini dell’ approvvigionamento diretto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo si è appreso dal Nas.
L’acquisizione dei documenti è stata disposta dalla procura perugina – guidata da Raffaele Cantone – nell’ambito delle indagini su un tentativo di truffa del quale è accusato un quarantenne incensurato, originario della provincia di Messina.
Questi, a gennaio scorso – in base alla ricostruzione degli inquirenti – “accreditandosi falsamente” come intermediario per conto di Astrazaneca Internazionale proponeva alla Regione Umbria l’acquisto di vaccini anticovid-19. Nel fascicolo non risultano altri indagati oltre al quarantenne.
L’acquisizione di documenti riguarderà anche la sede della Regione Veneto. L’obiettivo – in base a quanto viene riferito – è di accertare presunti proponenti di forniture di vaccino in deroga agli accordi con le Autorità centrali.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: variante Uk e sudafricana in materna e nido Milano
In totale i casi nella scuola dell’infanzia sono 17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
18 febbraio 2021
19:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ats Città Metropolitana di Milano ha individuato 2 casi Covid-19 di variante inglese nella scuola dell’infanzia di via Lope de Vega, a Milano, e una di variante sudafricana nel Nido, situato nella stessa via. Lo comunica la stessa Ats, spiegando che i casi Covid nella scuola dell’infanzia sono 17, di cui 2 di variante inglese (trovata in due educatrici).
Tutte le sezioni sono in isolamento e faranno un tampone molecolare a fine quarantena, compreso tutto il personale scolastico.
Nel Nido, invece, i casi sono 2. Una educatrice (con variante sudafricana) e un bambino della stessa sezione. La sezione è in isolamento e farà il tampone molecolare di fine quarantena. È previsto il tampone molecolare per tutti gli altri bambini del nido e per tutto il personale.
La circolazione di varianti virali nella popolazione scolastica milanese – si legge nella nota – è in linea con quanto atteso in base alla situazione epidemiologica nazionale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nell’anno del Covid più news per Rai, più film per Mediaset
Studio Frasi, il 2020 ha accentuato differenziazione offerte
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
14:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La pandemia, la crisi politica, gli eventi economici e sociali hanno avuto un profondo impatto sulla programmazione delle reti generaliste, modificando l’equilibrio dei palinsesti e differenziando ancora di più l’offerta della Rai da quella di Mediaset. Il genere privilegiato dal servizio pubblico nel 2020 è stata l’informazione, cioè telegiornali, rubriche, inchieste, attualità, dibattiti, informazioni parlamentari, con 7.300 ore trasmesse; per Mediaset la fiction (film, serie, miniserie, sitcom, soap e telenovelas), con 9.600 tre.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ il quadro delineato dal nuovo numero dell’Osservatorio dello Studio Frasi che ha analizzato tipologie e generi proposti dalle reti generaliste Rai e Mediaset nell’intero 2020, in base alle classificazioni Nielsen utilizzate da Auditel.
Considerando l’offerta di Viale Mazzini, la differenza più rilevante riguarda le trasmissioni informative di servizio (come Storie italiane e UnoMattina), di cui la Rai ha trasmesso l’anno scorso in totale 112.108 minuti (1.868 ore, oltre 77 giorni); seguono le rubriche dei tg (1.450 ore più per la Rai), i programmi culturali di scienza e ambiente (63.953 ore in più).
Per Mediaset a fare maggiormente la differenza sono film (2.795 ore in più rispetto alla Rai), telefilm (1.655 ore), cartoni animati (789 ore), soap opera (497 ore), rotocalco leggero (come Verissimo o Live non è la D’Urso) con 453 ore di differenza, poi sitcom (425 ore), telenovelas (317 ore) e reality show (312 ore).
“Il servizio pubblico e il polo privato – commenta Francesco Siliato, responsabile dell’Osservatorio dello Studio Frasi – costituiscono due universi separati sia nelle finalità che nella costruzione della propria identità. Il servizio pubblico dà più spazio all’informazione, alla cultura, alla scienza e all’ambiente, senza trascurare le fiction di produzione nazionale; il polo privato ha più programmi scripted anche per l’intrattenimento narrativo e affabulatorio, senza tuttavia trascurare i programmi d’informazione”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Amadeus, speriamo di avere gli Extraliscio in gara a Sanremo
Scattato protocollo, ‘per fortuna mancano 15 giorni al festival’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
11:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Fortunatamente mancano 15 giorni al festival: sono state spostate in avanti le prove degli Extraliscio, ci auguriamo che tutto possa rientrare e che possano essere presenti in gara”. Così Amadeus, a Radio2 Social Club, dopo che Moreno Conficconi degli Extraliscio è risultato positivo il 17 febbraio al tampone rapido prima di entrare al Teatro Ariston per le prove.

“E’ stato attivato il protocollo – ha spiegato Amadeus – con i tamponi agli altri componenti del gruppo: oggi si saprà il risultato. Se risulteranno negativi, dovranno fare una settimana di quarantena. Attendiamo il tampone molecolare della persona risultata positiva”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Siae: 2020, per lo spettacolo l’anno più buio
Spesa pubblico giù dell’82,24%. In fumo oltre 4,1 miliardi euro
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
09:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli eventi ridotti del 69,29%, gli ingressi del pubblico crollati del 72,9%. Arrivano i dati Siae per lo spettacolo 2020 e appaiono come la certificazione di quello che per il settore, dal cinema al teatro, dalla musica alle mostre, il ballo, lo sport, è stato l’anno più buio.
Con la spesa del pubblico che, sempre nel confronto con il 2019, è diminuita dell’82,24% ovvero di oltre 4,1 miliardi di euro. Per il settore “un prezzo altissimo”, sottolinea il presidente Mogol. Mentre il dg Blandini parla di “bollettino di guerra”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Addio al maestro Lo Vecchio, scrisse per Mina, Vecchioni, Carrà
Aveva 78 anni, autore anche per la tv. E’ sua Luci a San Siro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
14:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Addio al maestro Andrea Lo Vecchio, indimenticabile autore di successi della musica italiana come “Luci a San Siro”, “E poi” e “Rumore”, Lo Vecchio, 78 anni, è stato presidente di giuria di tutte le ultime edizioni del premio Augusto Daolio – Città di Sulmona per cantautori e gruppi emergenti. E sono proprio le associazioni Premio Augusto Daolio – Città di Sulmona e Nomadi Fans Club “Un Giorno insieme” che ne danno la notizia esprimendo il proprio cordoglio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Andrea Lo Vecchio, è venuto a mancare la sera di mercoledì 17 febbraio a Roma.
Nato a Milano il 7 ottobre 1942, è stato un cantautore, compositore, paroliere, produttore discografico e autore televisivo italiano, entrato nella storia della musica leggera italiana in qualità di autore di canzoni come “Luci a San Siro” per Roberto Vecchioni, “E poi” per Mina, “Rumore” per Raffaella Carrà ed “Help me” per i Dik Dik. Tra i suoi successi come cantautore ricordiamo “Ho scelto Bach” (Festivalbar 1967) e “Li” (Festivalbar 1978), e numerosi album come “Di avventura in avventura” (1976) e “Luci a San Siro e altri lampioni” (1995).
Ottiene un buon successo come autore nel 1968 con “Sera” che, interpretata da Gigliola Cinquetti e Giuliana Valci, si classifica all’ottavo posto al Festival di Sanremo 1968. Come autore partecipa al Festival di Sanremo 1970 con “L’addio”, interpretata da Michele e Lucia Rizzi. Ritorna al Sanremo nel 1973 con “Una casa grande”, interpretata da Lara Saint Paul. Nel 1973 stabilisce un sodalizio con Shel Shapiro, ex componente dei Rokes: insieme i due scrivono “E poi…”, successo di Mina di quell’anno e, nel 1974, “Help Me” per i Dik Dik (brano che è stato coverizzato da numerosi artisti, tra cui anche Elio e le storie tese). Dagli anni settanta è autore di programmi televisivi di successo tra i quali “Canzonissima”, “Premiatissima”, “Drive In” ed altri ancora. Tra i suoi programmi più recenti il Festival di Sanremo 2010 (condotto da Antonella Clerici), “I migliori anni” (2013) con Carlo Conti, “Il Festival di Castrocaro” (2013) con Pupo, “Sogno e son desto” (2014) con Massimo Ranieri. Molto conosciuta anche la sua produzione per le sigle dei cartoni animati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fabrizio De Andrè oggi avrebbe 81 anni ma resta un immortale
Da Marinella a Smisurata preghiera, l’opera intatta nel tempo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
13:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fabrizio De André, scomparso l’11 gennaio di 22 anni fa, oggi 18 febbraio avrebbe compiuto 81 anni. Ciò che colpisce è il sentimento al tempo stesso di perdita e di presenza perché la sua opera e il suo pensiero rimangono intatte nella sfida del tempo rinnovandosi nel passaggio tra le generazioni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ quello che succede ai grandi autori che sono riusciti a dare alla loro opera un valore universale, a interpretare sentimenti collettivi. Certo oggi, in questa epoca così travagliata, la mancanza del suo pensiero si fa più acuta.
Resta la grande lezione di un canzoniere che è un simbolo di attenzione per chi di solito attenzione non ha, quegli ultimi della società che sono i veri protagonisti di un canzoniere dal valore inestimabile. Fabrizio De André è stato un intellettuale dotato di una voce straordinaria che si è votato alla musica dopo il successo ottenuto da Mina con “La canzone di Marinella”, (“senza di lei sarei stato un pessimo avvocato” raccontò) e che, come accade appunto solo con i grandi autori, ha portato fino a vette creative mai più raggiunte, il tessuto creativo generato dalla scuola genovese, quella di Tenco, Bindi, Paoli, Lauzi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
De André aveva una straordinaria capacità di rielaborare i materiali, fossero le canzoni di Brassens (“Il gorilla”), l’antologia di Spoon River, l’opera di Edgar Lee Master da cui ha tratto “Non al denaro non all’amore né al cielo”, un album del 1971 che ancora oggi rimane tra i capolavori assoluti della musica italiana, le intuizioni di chi gli lavorava vicino. Come quella di Mauro Pagani che, nel 1984, in anticipo sui tempi, e per questo suscitò l’entusiasmo di David Byrne, lo ha portato nei territori della World Music, in un viaggio attraverso le musiche del mediterraneo che ha generato “Creuza de ma”, un album cantato in genovese dal respiro internazionale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E come non dare un significato simbolico oggi a un’opera basata sul concetto del mare come elemento unificante, vitale, di incontro tra culture diverse? Nel momento in cui si ricordano i vent’anni dalla morte, viene da pensare al valore quasi evangelico dei testi di un autore non credente, ma che aveva rielaborato i vangeli apocrifi (“La buona novella”) e che per tutta la vita si è occupato di chi “viaggia in direzione ostinata e contraria”. Meglio di qualsiasi ragionamento è il testo di “Smisurata preghiera”, ultimo brano dell’ultimo album della carriera di De André, “Anime salve”, scritto con Ivano Fossati e pubblicato nel 1996.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il testo è dichiaratamente ispirato al “Gabbiere” di Alvaro Mutis e lo stesso De André sentì il bisogno di fornirne un’interpretazione: “E’ una specie di riassunto dell’album stesso: è una preghiera, una sorta di invocazione… un’invocazione ad un’entità parentale, come se fosse una mamma, un papà molto più grandi, molto più potenti. Noi di solito identifichiamo queste entità parentali, immaginate così potentissime come una divinità; le chiamiamo Dio, le chiamiamo Signore, la Madonna. In questo caso l’invocazione è perché si accorgano di tutti i torti che hanno subito le minoranze da parte delle maggioranze. Le maggioranze hanno la cattiva abitudine di guardarsi alle spalle e di contarsi… dire ‘Siamo 600 milioni, un miliardo e 200 milioni…’ e, approfittando del fatto di essere così numerose, pensano di poter essere in grado, di avere il diritto, soprattutto, di vessare, di umiliare le minoranze. La preghiera, l’invocazione, si chiama “smisurata” proprio perché fuori misura e quindi probabilmente non sarà ascoltata da nessuno, ma noi ci proviamo lo stesso”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E intanto restano questi versi: “Coltivando tranquilla l’orribile varietà delle proprie superbie la maggioranza sta come una malattia come una sfortuna come un’anestesia come un’abitudine per chi viaggia in direzione ostinata e contraria col suo marchio speciale di speciale disperazione e tra il vomito dei respinti muove gli ultimi passi per consegnare alla morte una goccia di splendore di umanità di verità”.
La morte del camorrista Raffaele Cutolo porta di nuovo ad ascoltare  l’attualità di Don Raffaè: “Io mi chiamo Pasquale Cafiero e son brigadiero del carcere oinè”: è l’attacco di una delle più note canzoni di Fabrizio De Andrè, cantata in napoletano e ispirata alla figura del camorrista, pluriomicida e sanguinario, e alle drammatiche condizioni della vita carceraria. ‘Don Raffaè’ fu un successo e in seguito venne ripresa anche da Roberto Murolo, massimo interprete della canzone napoletana d’autore.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Donne e hate speech, la rete d’odio
#STAIZITTA giornalista! di Garambois e Rizzi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 febbraio 2021
10:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
”L’anonimato dei post e dei messaggi garantisce ai vigliacchi una probabile impunità. Qui sta parte della spiegazione ma l’odio appare antico, radicato, è il segnale di sentimenti preesistenti che ora paiono esplodere”, e Silvia Garambois e Paola Rizzi li hanno messi in fila, in un elenco impressionante che porta a luce attacchi che nascono da situazioni diverse, ”fatti di cronaca, questioni di rilevante peso politico, atti di autentica criminalità”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vicende che hanno però il comun denominatore di vedere maschi che non sopportano che siano donne ”giornaliste a indagare e informare”. Una criminalità che, come scrive ancora Vittorio Roidi nell’introduzione ”va combattuta con mezzi nuovi” perchè quelli attualmente a disposizione, è chiaro a tutti, non bastano. Una battaglia, continua Roidi, che devono combattere soprattutto gli uomini. Allora un libro è sempre un buon inizio e leggere ”#STAIZITTA giornalista! Dall’hate speech allo zoombombing quando le parole imbavagliano”, di Silvia Garambois e Paola Rizzi (dal 18 febbraio in ebook e dal 26 febbraio in versione cartacea per la collana studi della Fondazione Murialdi, edizioni All Around) è essenziale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Come scrive Laura Boldrini nella prefazione ci sono ”tre elementi a fungere da brodo di cottura del virus della misoginia”, ovvero ”il permanere nel nostro paese di una radicata mentalità maschilista e patriarcale”, il secondo ”sminuire la gravità del sessismo derubricandolo a goliardia, a scherzo”, il terzo ”la banalizzazione e la sottovalutazione della pericolosità di ciò che avviene online”. Boldrini conclude quindi che ”se è vero che è auspicabile una regolamentazione internazionale, è pure vero che a livello nazionale non possiamo più aspettare nè lasciare sole le vittime di intimidazioni, minacce e violenze”. Si perchè in questo l’Italia ha la sua peculiarità, come spiega bene Elisa Giomi, commissaria Agcom, nel suo intervento. ”Ciò che ci distingue – scrive – è che ad utilizzare lo slut-shaming come arma contro le donne dal profilo pubblico non sono solo i comuni odiatori on e offline ma anche i personaggi pubblici stessi. Nel corso degli ultimi anni sono stati numerosi i politici e i giornalisti che hanno dato il via a vere e proprie campagne di slut-shaming a colpi di tweet, editoriali, e persino performance su veri e propri palcoscenici del mondo offline”. Lo scopo è ridurre al silenzio.
Le donne chiedono una risposta e questo libro racconta drammaticamente i casi che sono ancora cronaca di oggi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ecco allora la storia di Angela Caponnetto, quella di Nunzia Vallini, o ancora di Monica Napoli, di Marianna Aprile, di Marilù Mastrogiovanni, di Antonella Napoli, di Elisabetta Esposito, che in altrettante interviste raccontano in prima persona le vicende di odio e di violenza che le hanno viste protagoniste. Un libro in cui oltre alle importanti testimonianze ci sono anche momenti di ricerca e di riflessione, dati, tabelle, approfondimenti su linguaggio, normative, reti globali, fenomeni. Tutto ovviamente con la consueta cura di Giulia Giornaliste, un gruppo nato nel 2011 per mettere insieme le donne che fanno informazione e vogliono farla in modo libero e che a partire dal Manifesto inziale promuove studi su questi temi. Silvia Garambois ne è la presidente. ”I tempi sono decisamente maturi – scrivono le autrici – perchè nelle redazioni online e offline si ragioni di moderazione dei social network, di team dedicati, di legislazione e di scorte mediatiche per la salvaguardia del lavoro di tutti e di tutte”.

Cronaca tutte le notizie! SONO SEMPRE AGGIORNATE ED IN TEMPO REALE! SEGUILE E CONDIVIDILE!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 54 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 11:50 DI MARTEDì 16 FEBBRAIO 2021

ALLE 00:10 DI GIOVEDì 18 FEBBRAIO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Regioni: difensore Traini eletto Garante Marche
Giulianelli legale di autore raid 2018 Macerata contro migranti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
16 febbraio 2021
11:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il nuovo titolare dell’Ufficio del Garante regionale dei diritti della persona delle Marche è l’avvocato penalista maceratese Giancarlo Giulianelli, noto alle cronache come legale di Luca Traini, il 31enne di Tolentino, autore il 3 febbraio 2018 della sparatoria per le vie di Macerata in cui ferì a colpi di pistola sei migranti per ‘vendicare’ l’omicidio della 18enne romana Pamela Mastropietro commesso da un pusher nigeriano. Giulianelli, 59 anni, è stato eletto dal Consiglio regionale alla votazione di ballottaggio, con 18 preferenze contro le 9 attribuite all’avvocato del foro di Ancona, Manuela Caucci.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nelle precedenti quattro votazioni non era stato infatti raggiunto il quorum dei due terzi dei votanti.
Il penalista succede nell’incarico all’avvocato anconetano Andrea Nobili che aveva comunicato pubblicamente l’intenzione di non ripresentare candidatura. Il sui nome è stato contestato ieri da Antigone Marche, che lo aveva definito “improponibile perché legato a doppio filo alla politica”, in quanto alle regionali Giulianelli si era candidato, senza successo, come consigliere con la lista civica Movimento per le Marche nel collegio di Macerata, al fianco di Francesco Acquaroli (Fdi), poi eletto presidente di Regione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Fontana, un terzo over 80 già aderito
E’ indispensabile arrivino dosi per poter procedere
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 febbraio 2021
14:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“In sole 24 ore oltre un terzo degli aventi diritto over 80 ha già aderito alla campagna anti Covid Lombardia”: il presidente della Lombardia Attilio Fontana su Facebook ha spiegato che sono “state superate le 250 mila adesioni sui 726 mila over 80 lombardi”.
“La piattaforma – ha aggiunto – sta operando correttamente e, cosa più importante, le persone stanno aderendo avendo ben compreso l’importanza del vaccino per mettere un freno al Covid.

Giovedì partiranno le vaccinazioni, è indispensabile che arrivino le dosi così da poter procedere a spron battuto e senza ritardi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Camionista scomparso, trovati resti umani nel Ticino
Dopo 5 giorni di ricerche, si suppone siano di Incarbone
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VIGEVANO (PAVIA)
16 febbraio 2021
14:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I sommozzatori del vigili del fuoco nella tarda mattinata di oggi hanno ritrovato resti umani nel Ticino. Sono in corso gli accertamenti per capire se appartengano, come tutto lascia supporre, a Filippo Incarbone, il camionista di 49 anni ucciso ai primi di gennaio e gettato nel fiume.
Per il delitto sono in carcere due vigevanesi, Michael Mangano, 31 anni, e Gianluca Iacullo, 44.
Il loro fermo, eseguito dai carabinieri nelle prime ore di giovedì, è stato convalidato ieri dal gip di Pavia Luisella Perulli, che ha disposto per entrambi la custodia cautelare in carcere.
Da cinque giorni consecutivi i vigili del fuoco stavano scandagliando quel tratto del Ticino, tra le località Ramo delle Streghe e Buccella, dove i due fermati hanno ammesso di aver gettato il corpo senza vita di Incarbone. Intanto da questa mattina i carabinieri dei Ris di Parma sono al lavoro nell’abitazione di via Buccella dove sarebbe stato commesso il delitto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, invita a indossare mascherina, aggredito volontario
Nel Pistoiese, colpito alle spalle mentre avvisava forze ordine
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PESCIA (PISTOIA)
16 febbraio 2021
14:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rifiuta di indossare la mascherina e colpisce alle spalle una guardia ambientale volontaria che stava svolgendo i controlli per conto del Comune di Pescia (Pistoia). E’ successo ieri verso le 15 nella piazzetta principale della frazione di Collodi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo rende noto l’Amministrazione comunale. Il volontario, 66 anni, si era avvicinato a un gruppo di persone riunite, chiedendo a una di esse, priva della mascherina, di indossarla come previsto dalla normativa. L’uomo avrebbe risposto che non poteva farlo perché non ne era in possesso e allora la guardia volontaria gliene ha consegnata una, che sarebbe però stata rifiutata. E quando il volontario stava per richiedere l’intervento delle forze dell’ordine, l’altro l’avrebbe colpito alla schiena, costringendolo a farsi visitare al pronto soccorso. Sul posto è intervenuta una volante della polizia che ha identificato l’aggressore, un 53enne. La guardia volontaria dovrebbe presentare oggi una formale denuncia. “Mentre manifestiamo indignazione e sgomento per questa aggressione, che condanniamo in modo assoluto come ogni altro atto di violenza – sottolinea in una nota i il sindaco facente funzioni Guja Guidi – dobbiamo ringraziare queste persone che a titolo di volontariato si adoperano per il territorio. Ecco perché questo atto violento è ancora più insopportabile, perché rivolto a un volontario che, per il bene di tutti, ha semplicemente invitato alcune persone a rispettare le minime condizioni igienico-sanitarie vigenti in questi tempi di pandemia”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: presidi, con le varianti è molto difficile pensare a rientro 100%
“Bisogna stare attenti, per ora è 1 caso su 5”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
16:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sicuramente l’obiettivo è tornare in classe al 100% ma il problema è se sia possibile, tanto più con la variante inglese che sembra molto aggressiva dal punto di vista dei contagi. In questo momento è molto difficile pensare al rientro al 100% ma è certamente un obiettivo di lungo termine, l’anno prossimo dovremmo avere tutta la popolazione scolastica in classe, anche per questo abbiamo chiesto una accelerazione della campagna vaccinale per la scuola”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Così il presidente dell’Associazione nazionale presidi, Antonello Giannelli, su Sky Tg24.
“Le varianti si stanno diffondendo nella popolazione, credo si tratti di 1 caso su 5, e quindi bisogna stare attenti, soprattutto nelle aule dove ci sono ragazzi e docenti, ci vuole una rinnovata attenzione che deve essere monitorata”, ha aggiunto.
“C’è un sentimento diffuso” che riguarda l’efficacia della didattica a distanza “ma dati oggettivi – ha proseguito Giannelli – non ci sono: io chiedo che se ne possa occupare l’Invalsi, serve un monitoraggio oggettivo, scientifico, che potrebbe essere di interesse, magari da fare non nell’immediato ma a settembre; un monitoraggio e un piano di recupero sarebbero un buon orizzonte”.
“Si attui un piano di recupero mirato, non qualcosa che vada bene per tutti, ma una osservazione di quello che è accaduto, un piano di intervento. L’Invasi è l’Istituto nazionale per la valutazione del sistema di istruzione, è preposto proprio a questo, in passato è stato oggetto di pregiudizio. Non si devono valutare gli studenti ma i test Invalsi sono una sorta di diagnostica, come una tac o una ecografia, sono indispensabili per capire lo stato della scuola come periodicamente andiamo dal medico”.
D’altro canto, secondo la capogruppo M5S in Commissione Istruzione del Senato Bianca Laura Granato i presidi sbagliano a considerare il rientro in classe al 100% un obiettivo non raggiungibile.  “Dobbiamo puntare al rientro di tutti gli studenti in presenza, non può essere un obiettivo accantonato; così come si è espresso Giannelli di Anp è gettare una spugna e fornire alibi agli enti locali: spero che il governo non voglia fornire comodi alibi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Musei Vaticani, Jatta: ‘Non folle drammatiche’
Direttrice replica a polemiche su presunti assembramenti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTÀ DEL VATICANO
16 febbraio 2021
16:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sabato scorso ero anche io ai Musei Vaticani a fare da guida ad alcuni visitatori e la situazione non era affatto così drammatica. Trovo sinceramente le polemiche tirate fuori da alcune guide un po’ sciocche.
Prima si lamentavano della chiusura dei Musei, ora, dopo ben 88 giorni di stop forzato, si lamentano della riapertura”. Lo dice la direttrice dei Musei Vaticani, Barbara Jatta, interpellata per le polemiche che in queste ore stanno facendo il giro del Web su presunti assembramenti ed eccessivi affollamenti sabato scorso ai Musei vaticani.
Jatta fa riferimento a una guida che ha rilasciato un’intervista a un quotidiano nazionale e commenta: “A me dispiace, perché il problema non c’era. Io stessa ho fatto da guida a due gruppi, intrattenendoci nelle sale il giusto tempo. Ma a quanto mi dicono, questa guida esterna ha tenuto i suoi visitatori ben 40 minuti in una delle sale principali”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Droga: polizia smantella organizzazione a Macerata, 13 arresti
Pusher di eroina si muovevano tra diverse province
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MACERATA
16 febbraio 2021
16:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ di 13 misure di custodia cautelare in carcere e 5 persone denunciate a piede libero il bilancio di un’indagine coordinata dal procuratore della Repubblica di macerata Giovanni Giorgio, che ha permesso di smantellare un’organizzazione dedita al traffico di sostanze stupefacenti. Le misure, emesse dal gip, sono state eseguite, a partire da sabato mattina, dai poliziotti della Squadra Mobile di Macerata, guidati dal commissario capo Matteo Luconi, nei confronti di 13 cittadini nigeriani responsabili, in concorso tra loro, del delitto di spaccio di eroina a Macerata, nel periodo compreso tra gennaio 2017 e ottobre 2020.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’indagine scaturisce dai controlli effettuati dai poliziotti della Squadra Mobile su strada, nei parchi, nelle aree verdi della città, nei luoghi più frequentati dai giovani, nel corso dei quali venivano sequestrati modesti quantitativi di eroina.
Singoli episodi indagando sui quali la Squadra Mobile ha ricostruito la rete dello spaccio a Macerata. I 18 spacciatori sono senza fissa dimora sul territorio nazionale e l’indagine si è sviluppata anche attraverso molteplici servizi di appostamento e di pedinamento. Ogni spacciatore, dislocato autonomamente sul territorio, riforniva più tossicodipendenti. Dopo un certo periodo i pusher venivano subito rimpiazzati con connazionali provenienti da altre province, in modo da eludere controlli e indagini delle forze dell’ordine. Nel corso dell’operazione, sono state eseguite perquisizioni domiciliari, col supporto di operatori dei reparti Prevenzione Crimine e dell’Unità Cinofili della Questura di Ancona. Tra i destinatari delle misure cautelari di sabato c’è anche un nigeriano arrestato in flagranza di reato il giorno prima per resistenza a pubblico ufficiale e detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti, dopo un rocambolesco inseguimento in auto. Aveva ingoiato 14 ovuli di eroina, avendone spacciato uno in precedenza ad un tossicodipendente.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Marche, dal primo marzo vaccino a personale scuola
Assessore, AstraZeneca fino 55 anni.Arrivati altri 12.800 Pfizer
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
16 febbraio 2021
16:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nelle Marche, “dal primo marzo inizierà somministrazione dei vaccini al personale della scuola; dal 2 marzo alle forze di polizia, a magistratura, forze armate, vigili del fuoco, polizia locale e volontari della protezione civile più personale civile prefetture e delle Questure. Lo ha annunciato l’assessore regionale alla Sanità Filippo Saltamartini rispondendo in Consiglio regionale, che si svolge a porte chiuse visto l’aumento di casi di Covid-19, sulla prosecuzione del piano regionale di vaccini anti-Covid.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Per il personale del comparto dei servizi fondamentali – ha ricordato Saltamartini – è prevista la somministrazione del Vaccino AstraZeneca. Verrà utilizzato per le persone fino a 55 anni; mentre per la parte restante tra 55 e 65, anche 67, verrà somministrato il Pfizer”.
Il 20 febbraio nelle Marche al via invece la vaccinazione per gli over 80: finora, ha riferito ancora l’assessore alla Sanità, sono giunte “62mila prenotazioni”. A questo target di persone verrà somministrato il vaccino Pfizer-BioNTech”. A tal proposito sono arrivate nelle Marche altre “12.800 unità”. Per ora ad essere vaccinate sono gli over 80 che hanno la possibilità di recarsi o essere accompagnati ai punti di vaccinazione prestabiliti. Poi, ha detto ancora l’assessore, sarà allestito un hub, insieme alla Poste Italiane, per le prenotazioni degli over 80 che non deambulano. Queste persone dovranno essere vaccinate a domicilio: a tal proposito, dopo lo stop alla trattativa nazionale con i medici di medicina generale arrivata con la caduta del governo Conte 2, nelle Marche domani ripartirà una trattativa a livello regionale per ‘coinvolgere’ i medici di medicina generale nella somministrazione dei vaccini anti-Covid.
La prima dose dei vaccini agli over 80, ha comunicato Saltamartini, avverrà in 21 giorni. A ‘ruota’ del vaccino agli over 80 (sono oltre 133mila nelle Marche) si inizieranno la vaccinazioni delle “categorie di persone fragili, con comorbilità che hanno bisogno della vaccinazione”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rissa tra ragazzini sul lungomare di Napoli, un ferito
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
16 febbraio 2021
16:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un 16enne è rimasto ferito ad una mano con un’arma da taglio in una rissa tra ragazzini avvenuta in Via Partenope sul lungomare di Napoli; il minorenne è stato medicato in ospedale. I clienti che erano nei locali della zona e in strada sono fuggiti spaventati.
La notizia della rissa, diffusa dalla Confesercenti che parla di gravi danni per l’economia e riferisce anche di un’aggressione ad un automezzo del 118, è stata confermata dalla Polizia. “La lite ha svuotato i ristoranti, ho chiesto al prefetto e al questore un incontro urgente sulla sicurezza. I controlli sono assenti” dice Vincenzo Schiavo, presidente dell’organizzazione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uccisa a Faenza: la Polizia vaglia gli appunti della vittima
Manoscritti sulla causa civile, nuovo sopralluogo nella casa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
16 febbraio 2021
16:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo sopralluogo della polizia alla casa di via Corbara a Faenza, nel Ravennate, dove il 6 febbraio attorno alle 6 è stata sgozzata la 46enne Ilenia Fabbri. In particolare gli agenti della squadra Mobile, coordinati dal Pm Angela Scorza, hanno fotografato alcuni fogli manoscritti dalla vittima, perlopiù appunti sui contenziosi civilistici che la donna aveva in sospeso con l’ex marito, il 53enne Claudio Nanni indagato per omicidio volontario pluriaggravato in concorso con persona ignota.

Dopo l’assegnazione del giudice alla donna della casa coniugale di via Corbara in seguito alla separazione del 2018, la 46enne aveva più di recente promosso anche una causa di lavoro da 100mila euro relativa a contestati mancati compensi per la sua collaborazione nell’impresa di famiglia: la prossima udienza, la seconda, era stata fissata al Tribunale di Ravenna per il 26 di febbraio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sconfiggono il Covid e celebrano il 79/o anno di matrimonio
Mano nelle mano dai loro letti in residenza protetta di Terni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TERNI
16 febbraio 2021
17:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ un amore da record, riuscito a sconfiggere anche il Covid, quello festeggiato nella residenza protetta di Collerolletta, a Terni: Felice Amadei e Alba Taddei, 99 anni lui e 98 lei, hanno infatti celebrato il loro 79/o anniversario di matrimonio. Entrambi sopravvissuti al virus, dal quale sono recentemente guariti (lui è stato anche ricoverato in ospedale), hanno saputo reagire alla malattia e, direttamente dai loro letti, hanno preso parte ad una funzione religiosa celebrata – a distanza, con l’altare collocato fuori dalla loro stanza – da don Luca Andreani, parroco della vicina chiesa di Santa Maria del Rivo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A causa delle restrizioni anti-contagio i parenti di Felice e Alba non hanno potuto essere presenti ai festeggiamenti come negli anni passati, ma alla coppia non è mancato l’affetto degli altri ospiti e del personale della struttura. Oltre alla preghiera – raccontano i presenti – ha trovato spazio anche un po’ di musica, con la ‘sposa’ che non si è sottratta ad intonare la canzone “O surdato ‘nnammurato’.
“Mi vuoi ancora bene?” la domanda che ha rivolto più volte al marito, tenuto ancora per mano – stavolta da un letto all’altro – come quel 14 febbraio 1942, giorno del loro matrimonio.
“Con semplicità, con tanto amore e grazie a don Luca – dice Sandro Corsi, presidente di Salus Umbria Terni, che gestisce la residenza – anche quest’anno abbiamo celebrato un evento meraviglioso e straordinario. Felicetto e Alba sono un segno di speranza per tutti”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Pressioni su vittima abusi’, a processo 5 Legionari Cristo
Gup Milano,a giudizio ex vertici congregazione.Violenze a Novara
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 febbraio 2021
17:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono state mandate a processo per le accuse, a vario titolo, di tentata estorsione e favoreggiamento cinque persone, ex vertici dei Legionari di Cristo, finite indagate nell’inchiesta, che era passata da Novara a Milano, su presunte pressioni per far ritrattare una vittima di abusi. Abusi commessi, come già stabilito dalla Cassazione, nel seminario di Novara della congregazione religiosa dall’allora rettore Vladimir Resendiz Gutierrez, già condannato con sentenza definitiva a 6 anni e mezzo e ridotto allo stato laicale.

Lo ha deciso il gup di Milano Patrizia Nobile, accogliendo la richiesta di rinvio a giudizio del pm Alessia Menegazzo, del dipartimento guidato dall’aggiunto Letizia Mannella. A maggio inizierà il processo per Luca Gallizia, Oscar Nader Kuri, Victor De Luna, Corrado D’Agostino e Manuel Cordero Arjona. L’inchiesta ‘bis’ sui presunti tentativi di far ritrattare il ragazzino, che aveva denunciato gli abusi avvenuti nel 2013, era stata trasferita per competenza territoriale a Milano, perché i reati sarebbero stati commessi nel capoluogo lombardo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: quasi 95 mila test in più, risalgono positivi e morti
Le vittime sono 336, ma scende tasso positività. Giù i ricoveri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
17:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I test per il coronavirus aumentano di quasi 95 mila unità in 24 ore – un incremento netto consueto il lunedì rispetto alla domenica – e i casi positivi in Italia risalgono sopra quota 10 mila. In aumento anche le vittime, di nuovo sopra quota 300.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono per la precisione 10.386 i positivi, secondo i dati del ministero della Salute (ieri erano stati 7.351). I deceduti sono 336 (ieri 258).
Sono stati 274.019 i test molecolari e antigenici effettuati (ieri erano stati 179.278). Il tasso di positività odierno è del 3,8%, a fronte del 4,1% di ieri (-0,3% in 24 ore).
Calano anche i pazienti ricoverati nelle terapie intensive e nei reparti ordinari. Sono ora 2.074 le persone in rianimazione per il Covid in Italia, con un saldo giornaliero di 15 unità in meno tra ingressi e uscite. Gli ingressi giornalieri nelle terapie intensive sono stati 154. I ricoverati con sintomi sono ora 18.463, con un calo di 52 unità.
I casi totali di coronavirus da inizio epidemia sono ora 2.739.591, i morti 94.171.
Gli attualmente positivi sono 393.686 (-4.412 nelle ultime 24 ore), i guariti e dimessi sono 2.251.734 (+14.444), in isolamento domiciliare ci sono 373.149 persone (-4.345).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, brusco aumento terapie intensive Abruzzo, occupato 34%
Al completo da giorni il Covid Hospital di Pescara
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PESCARA
16 febbraio 2021
17:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rapido aumento delle terapie intensive in Abruzzo, che passano dalle 57 di ieri alle 64 di oggi: sono sette in più, al netto di decessi, dimissioni e 11 nuovi ricoveri. Il tasso di occupazione dei posti letto di rianimazione, che già ieri aveva superato la soglia di allarme del 30%, arriva al 33,86%, raggiungendo valori analoghi alla prima metà di dicembre scorso.

I ricoveri sono in tutto 599, cinque più di ieri. In particolare, oltre a quelli in terapia intensiva, ci sono 535 pazienti (-2) in area medica. In questo caso il tasso di occupazione dei posti letto è 35,9%, a fronte di una soglia d’allarme del 40%. Gli altri 11.705 positivi (+322) sono in isolamento domiciliare.
Fortissima la pressione sull’ospedale di Pescara, dove tutta la catena di gestione dell’emergenza – dal 118 al pronto soccorso alle aree di degenza – è in tilt. Al completo da giorni il Covid Hospital: decine i pazienti trasferiti in altre strutture. Ricoverati anche 30enni e 40enni con sintomi importanti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Etna: spettacolare eruzione, alta colonna fumo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
16 febbraio 2021
18:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una spettacolare eruzione è in corso sull’Etna con una forte attività esplosiva dal cratere di Sud-est e l’emissione di una alta nube di cenere lavica che si disperde verso sud. Dalla stessa ‘bocca’ emerge un trabocco lavico che ha prodotto un modesto collasso del fianco del cono generando un flusso piroclastico che si è sviluppato lungo la parete occidentale della valle del Bove.
L’unità di crisi dell’aeroporto di Catania si riunirà alle 18.15 per valutare la situazione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La principessa Latifa disperata, ‘prigioniera a Dubai’
Video della figlia dell’emiro: ‘Mio padre mi tiene in ostaggio’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
16 febbraio 2021
18:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dovrebbe avere una vita da favola, circondata da lusso e attenzioni, e invece si è ritrovata a subire una prigionia da incubo, sotto il rigido controllo della polizia. La principessa Latifa, figlia dell’emiro di Dubai Mohammed bin Rashid Al Maktoum, lancia un nuovo inquietante appello sulle condizioni in cui la costringe a stare da anni il suo padre-padrone, nonché uno degli uomini più ricchi del pianeta.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E lo fa tramite una serie di video girati con uno smartphone di nascosto e fatti arrivare al programma Panorama della tv britannica Bbc. “Mi trovo in una villa e questa casa è stata trasformata in una prigione, tutte le finestre sono sbarrate, non le posso aprire, ci sono cinque agenti di polizia fuori dall’abitazione e due al suo interno”, le parole della 35enne sceicca, che dice di essersi rinchiusa in bagno per registrare i suoi messaggi di sos, l’unico luogo in cui può farlo senza essere scoperta.
In un’altra registrazione, pubblicata online sul sito di news della Bbc, la figlia di primo letto dell’emiro, e protagonista anni fa d’un rocambolesco tentativo di fuga via mare finito con la cattura da parte delle unità di commando inviate dal padre fino al largo delle coste indiane, lancia l’accusa di essere stata perfino “drogata” in quell’occasione, per essere poi ricondotta nella sua prigione dorata. Nell’ultimo video appare ancora più angosciata: “Non so proprio cosa vogliano fare di me – aggiunge – la situazione peggiora di giorno in giorno, sono proprio stanca di tutto questo”. L’invio di messaggi segreti di aiuto si sono poi interrotti e alcuni amici della principessa hanno consegnato i video all’emittente e chiesto l’intervento delle Nazioni Unite. Da tempo le autorità degli Emirati affermano invece che Latifa si trova al sicuro presso la sua famiglia. Era anche stata messa in giro la voce di un suo disturbo bipolare, che si è poi rivelata falsa.
Diversi personaggi pubblici hanno preso a cuore la sorte della principessa prigioniera. Come l’ex alto commissario Onu ed ex presidente irlandese, Mary Robinson, che aveva descritto Latifa come una “giovane donna turbata” dopo averla incontrata nel 2018 e ora dice di essere stata “orribilmente ingannata” dalla famiglia dell’emiro. Ha chiesto un’azione internazionale per stabilire le condizioni attuali e il luogo in cui si trova esattamente la 35enne, che ha tentato la fuga dal padre-padrone ben due volte senza riuscirci: da adolescente nel 2002 e poi nel 2018. Questo è solo l’ultimo dei problemi per il potente emiro di Dubai, che conta però su alleanze e interessi miliardari con l’Occidente.   MONDO    VAI ALLA TECNOLOGIA   VAI ALLA POLITICA   VAI ALL’ECONOMIA   VAI ALLE NOTIZIE DEL PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: sindaco, isola del Giglio torna a zero contagi
Ortelli: “E’ obiettivo che desideriamo mantenere a lungo”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ISOLA DEL GIGLIO
16 febbraio 2021
18:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’Isola del Giglio (Grosseto) torna ad essere un territorio Covid-free. “Una buona notizia che rasserena il comune e che arriva durante un periodo di grande criticità per la Toscana e per l’intero Paese – ha detto il sindaco Sergio Ortelli -.
La ragazza asintomatica residente, che ha contratto il contagio fuori dal territorio gigliese, è adesso negativa. L’altra notizia riguarda il rientro a casa del concittadino che fu ricoverato qualche tempo fa per Covid e che adesso si sta riprendendo dal periodo trascorso in ospedale. Questa situazione di zero contagi è un obiettivo importantissimo che desideriamo mantenere a lungo anche se raccomandiamo di adottare tutte le attenzioni nelle nostre quotidiane e più semplici azioni”.
“Il risultato ottenuto, infatti – conclude il sindaco – non deve renderci incauti nei comportamenti ma più attenti e rispettosi delle regole che, se adottate correttamente, tengono alla larga il contagio”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le nuove relazioni Ue-Uk dopo la Brexit: profili legali e finanziari
Secondo appuntamento del ciclo Global Talks organizzato in collaborazione con i Comitati Internazionali Alumni UCSC IL VIDEO
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
19:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Secondo appuntamento del ciclo Global Talks organizzato in collaborazione con i Comitati Internazionali Alumni UCSC per approfondire tematiche attuali di grande impatto a livello sociale, economico e geopolitico:

Morto neonato a Savona, ci sarà autopsia
Partorito ieri a casa di 2,3kg,in ospedale lievemente ipotermico
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
16 febbraio 2021
19:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un neonato nato lunedì è morto oggi alle 12.40 all’ospedale di Savona dopo un peggioramento delle condizioni dalle 8 di stamane. Nel corso della mattinata era stato posto in rianimazione ed è deceduto dopo quattro arresti cardiocircolatori.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo rende noto la Asl 2 savonese. Il bimbo era venuto alla luce in casa a Cairo Montenotte il 15 febbraio alle 3.39 al termine di una gravidanza normale e con esami clinici negativi. Portato dal 118 è arrivato alle 5 in neonatologia in buone condizioni, lievemente ipotermico e un peso di 2,31 chili.
E’ stato richiesto l’esame autoptico.
All’arrivo in ospedale ieri era stato posto nella termoculla e nel pomeriggio, viste le condizioni cliniche soddisfacenti e gli esami ematici normali, si era cominciato a lasciarlo con la madre durante riportandolo al nido alla sera, sempre rilevando parametri vitali e glicemia normali. Questa mattina all’ultima rilevazione di peso e parametri risultava in condizioni soddisfacenti, ed era stato portato alla mamma per la definitiva permanenza in stanza con lei.
Poco dopo le 8 la mamma ha riferito la comparsa di respiro alterato e quindi il neonato è stato ricondotto al nido e preso in carico dall’equipe medico infermieristica che rilevava parametri vitali normali. Sono stati quindi eseguiti in successione esami del sangue, posizionamento accesso venoso e avvio di supporto respiratorio per il progressivo peggioramento delle condizioni generali. Di seguito è stata avviata una doppia terapia antibiotica e rianimazione, fino alla necessità di intubazione e rianimazione cardiopolmonare. La rianimazione è poi proseguita in collaborazione con i colleghi della Rianimazione dell’ospedale S Paolo e quindi con gli operatori del Trasporto neonatale Gaslini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, limitazioni entrata e uscita provincia Ancona
Acquaroli, fino a sabato. Misura dopo confronto Iss e Ministero
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
16 febbraio 2021
20:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Da domani mattina alle ore 8 fino alle ore 24 di sabato, sono limitati gli spostamenti da e per la provincia di Ancona, salvi spostamenti per comprovate esigenze lavorative, motivi di salute, di studio e per il rientro nella propria residenza, domicilio o abitazione. Per spostarsi sarà necessaria l’autocertificazione”.
Lo annuncia su Facebook il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli dopo il sensibile aumento di contagi nella provincia in ‘controtendenza’ con il resto del territorio regionale e la presenza di numerosi casi di variante inglese. La decisione è arrivata “dopo il confronto con l’Istituto Superiore di Sanità e d’accordo con il Ministero della Salute”. Non sono previste chiusure o limitazioni all’interno della provincia di Ancona.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: prefetto Brescia, domani Castrezzato zona rossa
Comune bresciano chiuso per troppi contagi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BRESCIA
16 febbraio 2021
20:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ho ricevuto comunicazione dalla Regione che da domani Castrezzato sarà zona rossa”. Lo ha detto il prefetto di Brescia Attilio Visconti.
Il sindaco del paese bresciano – circa 7.000 abitanti – è già stato avvertito.
Ad oggi i contagi hanno superato i 580 casi, con 137 negli ultimi sette giorni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 4 i comuni lombardi in zona rossa da domani
“Chiusi” Castrezzato, Viggiù, Mede e Bollate
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 febbraio 2021
20:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oltre a Castrezzato, anche Viggiù, nel Varesotto, Mede, nel Pavese, e Bollate, alle porte di Milano, dalle 18 di domani saranno zona rossa. Lo ha stabilito con un’ordinanza il presidente della Regione Attilio Fontana.
La decisione – viene spiegato – è dovuta all’insorgere di cluster di contagio legati alla diffusione di varianti del virus.
Il presidente della Regione – sentito il ministro della Salute – ha stabilito con un’ordinanza che, ai sensi dell’art. 3 del dpcm 14 gennaio 2021, nei 4 comuni verranno applicate le disposizioni previste nella cosiddetta ‘fascia rossa’.
Con l’ordinanza firmata oggi da Fontana “si dispone che le attività scolastiche e didattiche di tutte le classi delle scuole primarie e secondarie in questi comuni si svolgano esclusivamente con modalità a distanza. Tale sospensione – viene aggiunto in una nota – riguarda anche asili nidi e scuole materne”. L’ordinanza è valida fino a mercoledì 24 febbraio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: incognita varianti, a Napoli una rara mutazione, è la prima volta in Italia
In Veneto trovata anche la variante brasiliana
c
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
17 febbraio 2021
14:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incognita varianti per i test antigenici rapidi che servono a rilevare la positività al virus SarsCov2. Per ora sembrerebbero funzionare, ma è necessario monitorare perchè le mutazioni del virus potrebbero comunque comprometterne l’efficacia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’allerta è contenuta in una nuova circolare del ministero della Salute e arriva proprio quando negli Stati Uniti si affacciano sette nuove possibili varianti fino ad ora sconosciute ed a Napoli, per la prima volta in Italia, è stata individuata un’altra mutazione molto rara. L’Istituto Pascale e l’Università Federico II di Napoli hanno infatti isolato un’altra variante di Covid-19, mai individuata prima in Italia.
Di questa variante, rende noto la Regione Campania, al momento non si conoscono il potere di infezione, né altre sue caratteristiche come accade per molte varianti rare del virus. Si chiama B.1.525, e finora ne sono stati individuati soltanto 32 casi in Gran Bretagna, e pochi casi anche in Nigeria, Danimarca e Stati Uniti. Mai finora in Italia. In Usa invece ricercatori stanno indagando la possibilità che vi siano fino a sette nuove varianti originate appunto negli Stati Uniti e che presentano un maggiore livello di contagiosità. Ne scrive il New York Times citando uno studio in cui si fa riferimento a sette crescenti derivazioni del coronavirus individuate in diversi Stati.
E c’è anche la variante brasiliana, riscontrata nel padovano, tra quelle sequenziate in Veneto. Lo ha riferito il presidente regionale Luca Zaia. “Noi andiamo avanti con le sequenziazioni – ha precisato – ma la situazione epidemiologica è in calo da 50 giorni. Sono comunque singoli campioni e non cluster”, ha concluso.
Moderna annuncia l’impegno per una disponibilità dei vaccini contro le varianti. “La Commissione Europea sta dialogando con noi su come prepararci al 2022, anche per far fronte a potenziali varianti, e la Commissione ha un’opzione per ulteriori 150 milioni di dosi da consegnare nel 2022. Moderna è impegnata a lavorare incessantemente per rendere disponibili boost dei vaccini per le varianti rilevanti per affrontare questa pandemia”. Lo afferma Stéphane Bancel, CEO di Moderna, in merito alla decisione della Commissione Europea di acquistare 150 milioni di dosi aggiuntive del COVID-19 Vaccine Moderna.
In comune hanno tutte la mutazione in una specifica area genetica. Le più diffuse, comunque, sono, ad oggi, le cosiddette varianti Uk, brasiliana e sudafricana. Tali varianti, “che presentano diverse mutazioni nella proteina spike – sottolinea la circolare ministeriale ‘Aggiornamento sull’uso dei test antigenici e molecolari per la rilevazione di SARS-CoV-2′ – non dovrebbero in teoria causare problemi ai test antigenici, in quanto questi rilevano la proteina N”.
Tuttavia, avverte il ministero, “è da tenere presente che anche per la proteina N stanno emergendo mutazioni che devono essere attentamente monitorate per valutare la possibile influenza sui test antigenici che la usino come bersaglio”. Dalla circolare arriva pure un’ulteriore indicazione: “Pur considerando l’elevata specificità dei test antigenici, i campioni positivi a tali test in contesti a bassa prevalenza necessitano di conferma con un test molecolare o, in caso di mancata disponibilità di molecolari, con un test antigenico differente, per eliminare la possibilità di risultati falsi positivi”. Inoltre, data la sensibilità analitica “non ottimale di diversi test antigenici attualmente disponibili, è consigliabile – si legge nella – confermare la negatività di test antigenici eseguiti su pazienti sintomatici o con link epidemiologico con casi confermati di Covid-19”.
Questa necessità è rafforzata appunto dalla possibile circolazione di varianti virali con mutazioni a carico della proteina N, che è il principale antigene target utilizzato in questo tipo di test. In caso di mancata disponibilità di test molecolari o in condizioni d’urgenza, per la conferma si può ricorrere a test antigenici diversi quali i test antigenici non rapidi (di laboratorio), test antigenici rapidi con lettura in fluorescenza e quelli basati su microfluidica con lettura in fluorescenza, che rispondano alle caratteristiche di sensibilità e specificità minime indicate. A causa della diffusione delle nuove varianti, “Istituto superiore di sanità e ministero della Salute stanno rafforzando la sorveglianza sia microbiologica che epidemiologica”, ha commentato il direttore della prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, in un intervento video. Rezza ha anche riferito che Iss e ministero “producono studi di prevalenza ripetuti che dicono qual è la distribuzione delle varianti sul territorio nazionale”. Queste mutazioni della proteina N, ha chiarito, “sono per ora un fenomeno piuttosto raro per cui i test antigenici mantengono la loro grande utilità. In casi specifici è giusto poi il ricorso per la conferma ai test molecolari”. Tre sono appunto, ha ribadito, “le varianti virali più note: quella inglese, molto trasmissibile, è la più diffusa sul territorio nazionale ma per fortuna non diminuisce l’efficacia dei vaccini. Per quanto riguarda la variante brasiliana e quella sudafricana – ha concluso – hanno invece una distribuzione attualmente molto limitata nel territorio nazionale”.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Risse tra giovanissimi, un 17enne muore a Formia
Carnevale di sangue. A Napoli caos sul lungomare, ferito 16enne
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
22:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un ragazzo è morto accoltellato durante una rissa a Formia, vicino Latina. Dalle prime informazioni sembra che la lite sia scoppiata fra alcuni giovanissimi, probabilmente minorenni.
P
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sul posto polizia e carabinieri. Sulla vicenda indaga il commissariato di Formia.

Da una prima ricostruzione degli investigatori, sembra che la rissa sia scoppiata fra due gruppi di giovanissimi: uno della zona e l’altro che probabilmente veniva da fuori. Sarebbero stati almeno dieci i ragazzi coinvolti. Oltre alla vittima c’è un altro ragazzo ferito, che non sarebbe in pericolo di vita. La rissa è avvenuta intorno alle 20 al centro di Formia. Sulla vicenda sono in corso indagini del commissariato locale. Sono in corso accertamenti per risalire a tutti i partecipanti.
Un 16enne è rimasto ferito ad una mano con un’arma da taglio in una rissa tra ragazzini avvenuta in Via Partenope sul lungomare di Napoli; il minorenne è stato medicato in ospedale. I clienti che erano nei locali della zona e in strada sono fuggiti spaventati. La notizia della rissa, diffusa dalla Confesercenti che parla di gravi danni per l’economia e riferisce anche di un’aggressione ad un automezzo del 118, è stata confermata dalla Polizia. “La lite ha svuotato i ristoranti, ho chiesto al prefetto e al questore un incontro urgente sulla sicurezza. I controlli sono assenti” dice Vincenzo Schiavo, presidente dell’organizzazione.
La rissa, si apprende, sarebbe avvenuta in due momenti successivi coinvolgendo intorno all’ora di pranzo alcuni minorenni.
Confesercenti e Fiepet Napoli condannano l’episodio e lamentano “le gravi ripercussioni sulle attività commerciali della zona”. Con due lettere firmate dai presidenti di Confesercenti Napoli, Vincenzo Schiavo, e Fiepet Napoli, Antonio Viola e del vicepresidente Fiepet Roberto Biscardi, è stato chiesto un incontro urgente sia al prefetto, Marco Valentini, che al questore Alessandro Giuliano.
“Segnaliamo che una banda di ragazzini ha scatenato una rissa e ha aggredito un automezzo del 118 in via Partenope – si legge nella missiva – e che questi delinquenti erano sprovvisti delle mascherine. Gli esercizi pubblici del lungomare non possono subire ulteriori danni oltre quelli che li hanno già messi in ginocchio, per cui richiediamo ancora maggiore vigilanza e presenza”. “Ai nostri occhi – aggiunge Schiavo – lo Stato è assente, la città pare abbandonata al suo destino. Non è possibile che sul posto ci siano appena due volanti della polizia. E’ l’ultimo giorno di Carnevale, c’è il sole, è festa, era assolutamente scontato un assembramento di persone. I protagonisti di questa rissa sono delinquenti, gentaglia senza rispetto degli altri e della città. A pagare purtroppo sono sempre i ristoratori, già sommersi dai debiti, già vessati da un anno di Covid e dalle mille restrizioni”.
Prosegue Schiavo: “Gli amici de “I Re di Napoli”, ad esempio, hanno avuto danni diretti per la rissa tra teppisti. È una vergogna doppia. Perché gli assembramenti sono assolutamente vietati e perché non è possibile che i nostri imprenditori siano vittime oltre che del Covid anche di questi delinquenti. Occorre un incontro urgente con il Prefetto e con il Questore: siamo disponibili, come sempre, a collaborare, ma il tema sicurezza del Lungomare è essenziale”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Napoli: 13enne pestato da 7 minorenni, anche con tirapugni
Fuori dalla scuola. Analoga aggressione 7 giorni fa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
17 febbraio 2021
06:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un 13enne è stato pestato anche con un tirapugni da 7 coetanei all’uscita di scuola nel quartiere Pianura a Napoli; i minorenni sono stati segnalati alla magistratura dai carabinieri. L’episodio – evidenziato anche da un consigliere di Municipalità, Pasquale Strazzullo – è avvenuto l’altro ieri vicino all’Istituto F.
Russo. I 7 hanno aggredito con calci e pugni il 13enne. Una settimana fa gli stessi minori per futili motivi in seguito ad una partita di calcio, avevano aggredito il giovane e un suo amico, minacciandoli anche con un coltello.La vittima è in osservazione all’ospedale Santobono per contusioni multiple e trauma facciale.
Le indagini sono state coordinate dalla Procura dei Minori partenopea e condotte dalla Stazione carabinieri di Napoli Pianura. Nei confronti dei 7 minorenni – di età compresa tra i 13 e i 14 anni – i militari, d’intesa con la Procura, hanno effettuato ‘elezione di domicilio’ per i reati di lesioni personali aggravate in concorso e porto abusivo di armi bianche.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Ndrangheta:amministrazione giudiziaria per un’impresa edile
Emersi rapporti vertici con esponenti legati a cosca reggina
r
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
17 febbraio 2021
10:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Amministrazione giudiziaria per sei mesi nei confronti dell’Aet srl, società reggina operante nel settore edilizio. Lo dispone un provvedimento eseguito dai militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, con il coordinamento Procura della Direzione Distrettuale Antimafia, diretta dal Procuratore Giovanni Bombardieri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il provvedimento scaturisce dalla richiesta avanzata dalla Procura reggina a seguito di accertamenti condotti dal nucleo di polizia economico finanziaria del Gico di Reggio Calabria, con il coordinamento del Procuratore aggiunto Calogero Gaetano Paci, nel cui ambito è emerso “un rapporto di stabile e ed oggettiva agevolazione tra l’esercizio delle attività economiche riferibili alla struttura imprenditoriale della società ed i suoi soci ed amministratori Antonio Martino ed Andrea Cuzzocrea, il cui patrimonio è stimato in 10 milioni di euro circa, con componenti della famiglia ‘Guarnaccia’, coinvolti in vicende giudiziarie in relazione ai loro stretti rapporti con la cosca ‘Libri'”.
Nello specifico, spiegano i finanzieri, sono emerse significative commistioni di interessi con una società di diritto arabo costituita, tra gli altri, da Francesco Guarnaccia, di 52 anni, già condannato per intestazione fittizia, e con un’altra impresa, anch’essa di diritto arabo, nella cui compagine Giovanni Guarnaccia, di 68 anni, condannato per lo stesso reato, già sottoposto a precedenti misure di prevenzione personali e patrimoniali.
Il 31 gennaio del 2018, l’azienda era stata già sottoposta a controllo giudiziario per un anno, periodo poi prorogato il 6 febbraio 2019 a causa di un provvedimento interdittivo emesso nel 2017 dalla Prefettura di Reggio Calabria, confermato sia dal Tar che dal Consiglio di Stato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Papa: la Quaresima non è una raccolta di fioretti
Il Pontefice ha imposto le ceneri dopo averle ricevute sul capo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
17 febbraio 2021
10:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La Quaresima non è una raccolta di fioretti, è discernere dove è orientato il cuore”.
Lo ha detto Papa Francesco nell’omelia della Messa delle Ceneri che apre la Quaresima.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Proviamo a chiederci: dove mi porta il navigatore della mia vita, verso Dio o verso il mio io? Vivo per piacere al Signore, o per essere notato, lodato, preferito, al primo posto, e così via? Ho un cuore ‘ballerino’, che fa un passo avanti e uno indietro, ama un po’ il Signore e un po’ il mondo, oppure un cuore saldo in Dio? Sto bene con le mie ipocrisie, o lotto per liberare il cuore dalle doppiezze e dalle falsità che lo incatenano?”. La Messa si svolge nella basilica vaticana, alla presenza di un centinaio di fedeli, distanziati e con mascherina, nel rispetto delle norme anti-Covid.
Papa Francesco, nella Messa che apre il tempo di Quaresima, ha ricevuto le ceneri sul capo dal cardinale Angelo Comastri, arciprete della basilica di San Pietro. Poi le ha imposte lui sul capo dei cardinali presenti in basilica.
Quest’anno, a causa del Covid, il rito delle ceneri è leggermente cambiato. La formula che accompagna l’imposizione (“Ricordati che polvere sei e polvere ritornerai”) viene letta all’inizio per tutti dall’altare, senza poi essere ripetuta dal sacerdote fedele per fedele.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incidenti lavoro: copre tracce morte operaio, denunciato
Accusa Cc, imprenditore fa cancellare macchie sangue da cantiere
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
17 febbraio 2021
10:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Avrebbe coperto la morte di un operaio edile di 60 anni, facendola passare come una caduta accidentale dal tetto di un’abitazione e facendo cancellare le tracce di sangue nel cantiere da un suo dipendente. E’ l’accusa contestata da carabinieri a un imprenditore edile di 46 anni che è stato denunciato da militari dell’Arma della locale stazione per omicidio colposo derivante da violazioni delle norme per la prevenzione sul lavoro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Deferito alla magistratura, per le responsabilità penali del caso, il committente dei lavori, un 82enne, e un muratore di 36 anni per favoreggiamento personale.
La vicenda risale allo scorso 12 febbraio quando l’operaio 60enne è stato ricoverato nell’ospedale Cannizzaro di Catania dove è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico a causa di politraumi derivanti dalla caduta dal tetto di un’abitazione di Ramacca, dov’erano in corso lavori di rifacimento della copertura. Tre giorni dopo l’uomo è deceduto.
In un primo momento l’imprenditore aveva sostenuto che l’operaio era caduto casualmente dal tetto di un’abitazione privata di Mineo dove lui era intento, per conto proprio, alla sistemazione di un’antenna televisiva, e che la vittima era salita sul tetto solo per dargli una mano a titolo personale. Indagini dei carabinieri e la visione di immagini di riprese di sistemi di videosorveglianza della zona indicata hanno fatto emergere un’altra ricostruzione investigativa: la vittima stava lavorando in nero e in violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro in un cantiere edile a Ramacca, per il rifacimento di un tetto eseguito dall’impresa del 46enne.
Inoltre i carabinieri hanno accertato che il 36enne, dipendente della ditta, su precisa indicazione dell’imprenditore, aveva provveduto a lavare le tracce di sangue sul pavimento del cantiere, per eludere le indagini nei confronti del suo datore di lavoro. Il cantiere, in attesa di ulteriori rilievi tecnici, è stato sottoposto a sequestro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incendio a Covid Hospital Acireale,Vvf evacuano sei pazienti
Fiamme spente da personale antincendio, non ci sono intossicati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ACIREALE
17 febbraio 2021
10:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un principio d’incendio sviluppatosi la notte scorsa in un vano deposito del blocco scala dell’ospedale di Acireale (Catania), divenuto Covid Hospital, è stato domato tempestivamente dal personale addetto antincendio del presidio, che ha evitato qualsiasi conseguenza.
Lo rende noto l’Asp di Catania.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono intervenuti carabinieri, polizia e vigili del fuoco.
I pompieri hanno evacuato sei pazienti del reparto Covid 19, trasferendoli in un’altra area, e poi sanificato gli ambienti attraverso i quali sono stati spostati, il personale, le attrezzature e gli automezzi coinvolti. L’Asp di Catania sottolinea che nessun paziente è rimasto intossicato o è stato trasferito in altri ospedali. I servizi medici non hanno subito interruzioni e sono tutt’ora in funzione. Il fumo sviluppatosi ha interessato il vano scala e le sale di accoglienza dei piani.
Nella notte il personale in servizio dei reparti, coordinato dai rispettivi direttori e dalla Direzione medica del presidio, osserva l’Asp di Catania, ha assicurato il puntuale rispetto delle procedure per la sicurezza dei pazienti, garantendo la necessaria assistenza.
Pompieri, carabinieri e Polizia di Stato hanno effettuato le opportune verifiche e la messa in sicurezza della zona.
E’ stato attivato un gruppo di lavoro per accertare la dinamica dell’accaduto e sono stati già programmati interventi di ripristino. La Direzione aziendale ha già richiesto chiarimenti alla Direzione medica del presidio per una ricostruzione dettagliata dei fatti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Picchiò la moglie con il matterello, condannato a 8 anni
La sentenza a Rimini, l’accusa era tentato omicidio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
RIMINI
17 febbraio 2021
11:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato condannato a otto anni e dieci mesi di reclusione per aver tentato di uccidere la moglie a colpi di matterello: Arshim Keta, 42 anni, di origine albanese, dovrà risarcire i danni morali nei confronti delle parti civili, 60mila euro alla compagna e 3 mila alla Gens Nova Onlus, associazione che si occupa della tutela delle donne vittima di violenza.
La sentenza è stata pronunciata dal giudice Vinicio Cantarini, in giudizio abbreviato, in Tribunale a Rimini.
Il pubblico ministero, Davide Ercolani che, in quell’aggressione aveva visto la volontà di uccidere la donna, aveva chiesto una condanna a 14 anni.
L’uomo la sera del 21 ottobre 2019, aveva spaccato braccia e gambe a colpi di matterello alla moglie che voleva separarsi.
Solo l’intervento della polizia di Stato, che arrestò il 42enne, evitò un epilogo più tragico.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rifiuti:scarichi nel torrente salernitano, sequestro azienda
Proseguono controlli in aziende che operano a ridosso del Sarno
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NOCERA INFERIORE
17 febbraio 2021
11:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il gip del Tribunale di Nocera Inferiore (Salerno) ha emesso un decreto di sequestro preventivo dell’impianto de “La Betoncave”, stabilimento industriale di Nocera Superiore, noto per la produzione di conglomerati cementizi e dotato di un impianto di frantumazione ed un impianto di produzione di calcestruzzo.
Nel corso del sopralluogo i carabinieri del Noe hanno accertato che l’azienda non possedeva alcuna autorizzazione allo scarico in corpo idrico superficiale delle acque reflue industriali prodotte che, pertanto, venivano convogliate illecitamente, nell’Alveo Santa Croce, affluente del torrente Cavaiola.
Al termine delle indagini i legali rappresentanti sono stati deferiti in stato di libertà per i reati connessi allo scarico illecito di reflui industriali. Proseguono, dunque, le indagini della Procura della Repubblica di Nocera Inferiore ed i controlli dei Carabinieri del Comando per la Tutela Ambientale nei confronti delle aziende operanti nel bacino del fiume Sarno e dei suoi affluenti al fine di perseguire le attività illegali che contribuiscono all’inquinamento del corso d’acqua.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: un positivo a bordo di Msc Grandiosa
Passeggero e moglie sbarcano a Palermo. Il viaggio prosegue
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
17 febbraio 2021
11:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un caso di positività al covid è stato scoperto ieri sera a bordo di Msc Grandiosa, partita da Genova domenica scorsa. Il passeggero è stato isolato, come la moglie, risultata negativa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono stati subito tracciati i contatti stretti della coppia che sono stati a loro volta isolati e testati: sono negativi e restano a bordo in isolamento. In casi come questi, il protocollo prevede che – in accordo con le Autorità competenti – eventuali casi sospetti siano traferiti in una struttura di terra per ricevere assistenza. Così la nave sì è diretta al porto di Palermo per effettuare un breve scalo tecnico per trasferire l’ospite e la moglie in una delle strutture che la Compagnia ha riservato. I passeggeri sono sbarcati questa mattina. La nave proseguirà regolarmente per il suo itinerario.
Msc Crociere è stata la prima compagnia a ripartire dopo la sospensione nelle festività natalizie, proprio con Msc Grandiosa, il 24 gennaio da Genova. La nave effettua crociere di una settimana nel Mediterraneo con tappe a Civitavecchia, Napoli, Palermo e Malta. Quella in corso è la quarta crociera dell’anno. La ripartenza è stata possibile grazie a uno specifico protocollo sanitario che prevede il tampone prima dell’imbarco, visite a terra solo organizzate e in aree protette solo in zone gialle e arancioni. Inoltre è previsto un secondo tampone a bordo per gli ospiti a metà crociera e tamponi settimanali per tutto l’equipaggio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mafia: Libera, per 83% italiani i politici l’hanno favorita
Sondaggio,per 30% corruzione più forte che in epoca Tangentopoli
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
11:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Italia emerge la netta consapevolezza della diffusione oramai nazionale (26%) e internazionale (45%) delle mafie. Bocciato l’impegno della politica nel contrastare la mafia: è forte la sfiducia soprattutto confronti di membri del governo, del Parlamento e dei partiti.
Ben 83% degli intervistati ritiene che i politici nazionali hanno favorito l’espansione delle mafie in Italia, l’81% degli intervistati ritengono colpevoli i partiti politici e i politici locali. Il 30% degli intervistati ritiene che i fenomeni di corruzione siano più diffusi rispetto all’epoca di tangentopoli. La fotografia è stata scattata da Libera.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: test Invalsi dal 1° marzo a ultimo anno superiori
Presidente Istituto,anche test l’1° settembre su base volontaria
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
11:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Partono dal 1° marzo i test Invalsi per l’ultimo anno delle scuole superiori: a confermarlo è la presidente dell’Invalsi, Anna Maria Ajello, che ieri ha incontrato il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi. “Il ministro ci ha subito ricevuti ed ha confermato la necessità di avere dei dati per decidere le politiche scolastiche -ha spiegato Ajello – ma non ci ha detto nulla sull’uso rispetto all’esame di maturità”.

Ad aprile poi partiranno i test nelle terze medie mentre non si faranno nella seconda superiore in modo da concedere più tempo alle prove dell’ultimo anno e disporre più agevolmente delle sale con i pc in cui distribuire i ragazzi. A maggio si faranno le prove alle elementari, come già previsto.
Invalsi mette anche a disposizione dal 1° settembre solo su base volontaria dei test iniziali di tipo ‘diagnostico’, per valutare cioè gli apprendimenti e le possibili lacune, “è un servizio in più che offriamo”, conclude Ajello.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Ndrangheta: cosche nel crotonese, eseguiti 18 arresti
In 13 erano già stati sottoposti a fermo a gennaio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CROTONE
17 febbraio 2021
11:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I carabinieri del Comando provinciale di Crotone hanno eseguito, tra Petilia Policastro, Crotone e in diverse Case circondariali, un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Catanzaro, su richiesta della Dda, nei confronti di 18 persone, 11 delle quali già sottoposte a fermo il 25 gennaio scorso nell’operazione “Eleo”, 3 già detenuti per altre inchieste e 4 catturati oggi. Gli indagati sono accusato, a vario titolo, di associazione mafiosa, omicidio, estorsioni, usura, delitti in materia di armi, furti, danneggiamenti seguiti da incendio, tutti aggravati dal metodo mafioso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il provvedimento trae origine dalle indagini condotte, dal marzo 2018 all’aprile 2020, dai carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Crotone e dalla Compagnia di Petilia Policastro, dirette e coordinata dal procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri e dai pm Paolo Sirleo, Domenico Guarascio e Pasquale Mandolfino.
Dall’inchiesta, secondo l’accusa, è emersa la pervasività della Locale di ‘ndrangheta di Petilia Policastro nel territorio dei comuni di Petilia e Cotronei, che ha visto una sua riorganizzazione, a partire dal 2014, a seguito di alcune scarcerazioni per fine pena di suoi esponenti di spicco, che hanno determinato una escalation di atti intimidatori sul territorio. Inoltre sarebbero stati delineati i singoli ruoli dei vari componenti, comprese le nuove leve che si prestavano, tra le altre cose, a fare d’autista al reggente. Con le indagini sarebbero anche stati identificati gli autori dell’omicidio di Massimo Vona, un allevatore ucciso il 30 ottobre 2018 ed il cui cadavere non è stato mai ritrovato. L’inchiesta ha anche fatto luce su diversi casi di usura ed estorsioni a imprenditori, soprattutto nel settore turistico e boschivo nell’area silana.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Frode informatica da 1 mln euro, indagato 50enne Firenze
Svuotati conti società finanziaria con 1.700 transazioni fasulle
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
17 febbraio 2021
11:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un 50enne residente in provincia di Firenze è stato denunciato dalla polizia postale e dalla guardia di finanza per una frode informatica che gli avrebbe consentito di incassare illegalmente denaro per quasi un milione di euro. Disposto dal gip, su richiesta del pm Ester Nocera, un sequestro preventivo di beni per equivalente del valore del denaro presunto frutto della truffa.

Secondo quanto emerso, l’uomo, attivo nel settore della locazione a breve termine, durante il lockdown del 2020 avrebbe sfruttato un ‘bug’ nel sistema informatico di un intermediario finanziario specializzato nella gestione di carte di credito virtuali, riuscendo a replicare per 1.700 volte una singola transazione, acquisendo altrettanti pagamenti non dovuti. Il denaro incassato dal 50enne sarebbe poi stato versato su conti correnti intestati a familiari e conviventi. Parte del denaro sarebbe stato usato per acquistare un appartamento, un’auto e un motociclo, beni anche questi posti sotto sequestro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Marche, 471 positivi, 259 in provincia di Ancona
Tra casi 53 persone con sintomi. 19 contagi percorso antigenico
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
17 febbraio 2021
12:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 471 i positivi al coronavirus emersi tra le nuove diagnosi nelle Marche nelle ultime 24ore di cui 259 in provincia di Ancona interessata, da oggi, dal provvedimento della Regione che limita gli spostamenti in ingresso e uscita salvo motivi di lavoro, studio e salute.
Nell’ultima giornata, fa sapere il Servizio Sanità della Regione, “testati 5.891 tamponi: 3.483 nel percorso nuove diagnosi (di cui 1.466 nello screening con percorso Antigenico) e 2.408 nel percorso guariti (con un rapporto positivi/testati pari al 13,5%)”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel Percorso Antigenico riscontrati 19 casi positivi (da sottoporre al tampone molecolare). Il rapporto positivi/testati è all’1%”.
Tra i positivi delle nuove diagnosi, oltre ai 259 casi della provincia di Ancona, 85 in provincia di Pesaro Urbino, 56 in provincia di Macerata, 29 in provincia di Ascoli Piceno, 17 in provincia di Fermo e 25 fuori regione. I soggetti sintomatici sono 53 nelle ultime 24ore; tra i casi contatti in setting domestico (89), contatti stretti di casi positivi (181), contatti in setting lavorativo (25), contatti in ambienti di vita/socialità (3), contatti in setting assistenziale (6), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (16), screening percorso sanitario (4). Per altri 94 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ilva: processo, attese per oggi richieste di condanna dei pm
Imputate 3 società e 44 persone tra cui famiglia Riva e Vendola
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TARANTO
17 febbraio 2021
12:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono attese per oggi le richieste della pubblica accusa al processo “Ambiente Svenduto” in corso davanti alla Corte d’Assise di Taranto (presidente Stefania D’Errico, a latere Fulvia Misserini e sei giudici popolari) per il presunto disastro ambientale causato dall’Ilva negli anni della gestione della famiglia Riva. Sono 47 gli imputati, di cui 44 persone fisiche e 3 società (Ilva, Riva Fire e Riva Forni elettrici) per la responsabilità amministrativa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Secondo quanto appreso dal collegio difensivo, le richieste potrebbero essere formulate nel primo pomeriggio. L’inchiesta, supportata da una perizia chimica e una epidemiologica, sfociò il 26 luglio 2012 nel sequestro degli impianti dall’area a caldo e in una serie di arresti. Tra gli imputati, spiccano gli ex proprietari e amministratori Fabio e Nicola Riva, l’ex presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, l’ex presidente della Provincia di Taranto, Gianni Florido, l’ex sindaco di Taranto, Ippazio Stefàno, l’ex presidente Ilva, Bruno Ferrante, l’ex responsabile della relazioni istituzionali Girolamo Archinà, l’ex direttore dello stabilimento siderurgico di Taranto, Salvatore Capogrosso, l’ex direttore generale di Arpa Puglia Giorgio Assennato, l’ex consulente della Procura ed ex preside del Politecnico di Taranto Lorenzo Liberti.
Tra le contestazioni c’è l’associazione per delinquere finalizzata al disastro ambientale, all’avvelenamento di sostanze alimentari, alla omissione dolosa di cautele suoi luoghi di lavoro, alla corruzione, al falso e all’abuso d’ufficio. Dopo la requisitoria dei pubblici ministeri Mariano Buccoliero, Remo Epifani, Giovanna Cannarile e Raffaele Graziano, ormai verso la conclusione, il calendario del processo andrà avanti con parti civili e difensori degli imputati. La sentenza di primo grado è attesa prima dell’estate.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Ndrangheta: Dda sequestra beni per 1,5 mln nel Crotonese
Sigilli a 109 immobili tra fabbricati e terreni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PETILIA POLICASTRO
17 febbraio 2021
12:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Beni mobili e immobili per un valore di circa un milione 500 mila euro sono stati sequestrati dai carabinieri ad Antonio Santo Bagnato, attualmente detenuto, e alla moglie Stefania Aprigliano. Il provvedimento, emesso dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale di Catanzaro, è stato eseguito su delega della Procura della Dda del capoluogo dai militari della sezione Pg del Tribunale di Catanzaro e dei colleghi della Compagnia di Petilia Policastro.

I sigilli sono stati apposti a 109 unità immobiliari tra terreni e fabbricati, un trattore, un rimorchio agricolo, alcuni fabbricati non accatastati, un’auto, 23 capi di bestiame e un conto corrente.
Il sequestro rientra nelle attività di contrasto alle cosche della zona avviate nell’area crotonese dalla Dda di Catanzaro e coordinate dal Procuratore Nicola Gratteri e dai sostituti Domenico Guarascio e Pasquale Mandolfino.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:Veneto,calano contagi (+492) ma crescono decessi (+70)
134 pazienti nelle terapie intensive (-2)
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
17 febbraio 2021
12:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 492 i casi di positività registrati in Veneto in 24 ore, con il totale da inizio pandemia di 322.846 malati. I decessi registrati da ieri sono 70 in più, con il totale a 9.621.
Prosegue la discesa dei dati clinici, con 1.336 ricoverati nei reparti non critici (-46) e 134 pazienti nelle terapie intensive (-2).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Vaticano, anche quest’anno restrizioni riti Pasqua
Le indicazioni della Congregazione per il Culto Divino


A
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
17 febbraio 2021
13:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La pandemia porterà ad una seconda Quaresima e Pasqua con le restrizioni già viste lo scorso anno. “Per le celebrazioni della Domenica delle Palme, del Giovedì Santo, del Venerdì Santo e della Veglia Pasquale valgono le indicazioni dello scorso anno” è l’indicazione della Congregazione per il Culto divino.
“Stiamo ancora affrontando il dramma della pandemia di Covid 19 che ha portato molti cambiamenti anche al consueto odo di celebrare la liturgia”, scrive il Prefetto della Congregazione, il card. Robert Sarah.
Niente ‘Lavanda dei piedi’ il Giovedì Santo, niente bacio della Croce il Venerdì Santo, Domenica delle Palme solo all’interno dell’edificio sacro, sospensione delle manifestazioni di pietà popolare: sono alcune delle indicazioni che vengono replicate e che i vescovi dovranno adattare a seconda della situazione pandemica del loro territorio. Si chiede di favorire la partecipazione anche con celebrazioni on line e sussidi per pregare a casa in famiglia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: da Fabriano in Umbria e deruba tassista, denunciato
25enne segnalato da Ps per furto aggravato, sanzione 400 euro
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FABRIANO
17 febbraio 2021
13:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si fa accompagnare in taxi da Fabriano (Ancona) a Perugia, che è anche in zona rossa, violando il divieto di spostamento tra le regioni; al ritorno deruba il tassista e poi si barrica in casa. Un 25enne fabrianese è stato individuato dalla polizia, multato per 400 euro per violazione delle disposizioni anti-Covid e denunciato per furto aggravato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il giovane aveva chiamato il taxi per un’andata e ritorno dall’Umbria e il tassista aveva accettato, pensando che avesse un giustificato motivo per spostarsi tra le Regioni in presenza della normativa vigente che lo vieta se non in presenza di un giustificato motivo: stato di necessità, lavoro o salute. Al ritorno a Fabriano, il cliente ha pagato la corsa ma ha sottratto con destrezza 500 euro al tassista, poi si è chiuso in casa. Gli agenti del locale commissariato, allertati dalla chiamata al 113 del tassista, sono riusciti ad entrare nell’abitazione del 25enne che è stato denunciato a piede libero per furto aggravato; a carico del giovane anche multa di 400 euro per aver violato la normativa anti-Covid. Durante la perquisizione domiciliare è stata trovata la somma di denaro rubata che è stata restituita al legittimo proprietario. Le indagini proseguono per capire il motivo dello spostamento del 25enne in Umbria e non sono esclusi ulteriori sviluppi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lombardia,ricoveri ma no sotto pressione
Dg Welfare, 578 casi con variante, preoccupano numeri in ascesa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
17 febbraio 2021
13:46
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ad oggi in Lombardia non c’è una situazione di pressione dal punto di vista ospedaliero. Il tasso di occupazione delle terapie intensive è ancora sotto il 30%, che è il livello limite, e anche i letti ordinari sono sotto l’allerta, ma è vero che i numeri sono in ascesa e il tema delle varianti è molto preoccupante”.
Lo ha detto il direttore generale Welfare di Regione Lombardia, Marco Trivelli, nel corso della sua audizione in Commissione Sanità.
Proprio a proposito della cosiddette ’emergenza varianti’, Trivelli ha detto che in Lombardia sono 578 i casi positivi con variante, per lo più inglese.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: effetto Covid dimezza i rimpatri, 3.585 nel 2020
Oltre 1.800 rimandati in Tunisia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
15:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rimpatri dimezzati nel 2020: sono 3.585 – si apprende – i migranti irregolari rimandati nel Paese d’origine, la metà rispetto ai 7.054 dell’anno precedente. E’ anche questo un effetto della pandemia Covid, che ha comportato per sei mesi la chiusura delle frontiere ed in seguito ha rallentato i viaggi di rimpatrio.
Circa 1.800 le persone riportate in Tunisia, Paese che nel 2020 ha visto un netto aumento delle partenze verso le coste italiane.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Comune ligure vigili a casa di chi non si vaccina
Per sapere se over80 conosce opportunità. Con no firma diniego
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
17 febbraio 2021
15:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Comune di Torriglia (Genova) ha deciso di mandare i vigili a casa degli over 80 che non risponderanno alla chiamata per vaccinarsi contro il covid. Lo fa “per avere la certezza che tutti sappiano di questa opportunità” e se confermeranno di non volersi vaccinare “i vigili raccoglieranno in modo formale la loro rinuncia”.
Lo annuncia il sindaco Maurizio Beltrami, che amministra una comunità di 2300 abitanti. “Non è una forma di pressione, ma di autotutela da parte del Comune”.
“Il Comune di Torriglia sta telefonando a tutti gli over 80 per prenotare il vaccino e sta predisponendo un servizio di trasporto assistito all’ambulatorio Asl. Chi telefonicamente ci dirà che non vuol fare il vaccino, riceverà nei giorni successivi la visita della polizia locale con un modulo in cui è scritto che è stato informato sull’opportunità della vaccinazione e che l’ha rifiutata”. “Non è una pressione – ribadisce il sindaco – ma un modo per il Comune di tutelarsi.
Voglio evitare che un anziano, se si infetta, possa dire il Comune non mi ha informato e presenti una denuncia”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ilva: chiesti 28 e 25 anni per i Riva e 5 anni per Vendola
In processo ‘Ambiente svenduto’ 47 imputati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TARANTO
17 febbraio 2021
16:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I pm del pool per i reati ambientali della procura di Taranto hanno chiesto 28 e 25 anni di reclusione per Fabio e Nicola Riva, ex proprietari e amministratori dell’Ilva, tra i 47 imputati (44 persone e tre società) nel processo chiamato Ambiente Svenduto sull’inquinamento ambientale prodotto dallo stabilimento siderurgico. Sono accusati di concorso in associazione per delinquere finalizzata al disastro ambientale, all’avvelenamento di sostanze alimentari, alla omissione dolosa di cautele sui luoghi di lavoro.

Cinque anni di reclusione sono stati chiesti per l’ex presidente della Regione Puglia Nichi Vendola che è accusato di concussione aggravata in concorso, in quanto, secondo la tesi degli inquirenti, avrebbe esercitato pressioni sull’allora direttore generale di Arpa Puglia, Giorgio Assennato, per far “ammorbidire” la posizione della stessa Agenzia nei confronti delle emissioni nocive prodotte dall’Ilva.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Torture in carcere, condannati 10 agenti San Gimignano
A processo per il pestaggio di un detenuto nel 2018
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SIENA
17 febbraio 2021
17:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Condannati per tortura e lesioni aggravate 10 agenti della penitenziaria in servizio, a ottobre 2018, nel carcere di San Gimignano (Siena): le pene vanno da 2 anni e 3 mesi a 2 anni e 8 mesi. Questa la sentenza del gup di Siena Jacopo Rocchi dopo quasi 3 ore di camera di consiglio.
I 10 agenti, con i legali Manfredi Biotti e Stefano Cipriani, avevano scelto la strada del rito abbreviato dopo essere stati accusati del pestaggio di un detenuto durante un trasferimento coatto di cella avvenuto a ottobre 2018. Il pm Valentina Magnini aveva chiesto condanne a 3 anni per 8 agenti, 2 per un altro e 22 mesi per il decimo imputato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 12.074 nuovi casi, 369 vittime
Eseguiti 294.411 tamponi, tasso positività sale al 4,1%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
17:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 12.074 i nuovi casi di coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore. Lo rende noto il bollettino quotidiano del ministero della Salute.
Le vittime sono, invece, 369. Sono stati in totale (molecolari e antigenici) 294.411 i tamponi effettuati, con un tasso di positività rispetto ai nuovi casi (12.074) che sale al 4,1% rispetto al 3,8% di ieri. Le persone attualmente positive in Italia sono 388.864 (-4.822), mentre il totale delle vittime è salito a 94.540. Le persone guarite o dimesse sono in totale 2.268.253 (+16.519 rispetto a ieri). I pazienti ricoverati in terapia intensiva per Covid sono 2.043, 31 in meno rispetto a ieri nonostante i 113 ingressi nelle ultime 24 ore. Le persone ricoverate con sintomi sono invece 18.274, 189 in meno rispetto a ieri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Tar Lombardia, sì a misure ma limitate nel tempo
“L’emergenza non giustifica di per sé qualsivoglia misura”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
17 febbraio 2021
17:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Secondo il Tar della Lombardia, “la situazione pandemica giustifica l’introduzione di misure restrittive a fronte di un temporaneo e limitato sacrificio degli interessi individuali”, ma vi è “la necessità di tenere fermi inderogabili principi, anche di derivazione eurounitaria, nella persuasione che, in uno Stato di diritto, l’emergenza non giustifica di per sé qualsivoglia misura”. Lo ha spiegato Il Tar stesso in occasione dell’inaugurazione dell’Anno giudiziario la cui celebrazione non si è tenuta in presenza “a causa della perdurante pressione della pandemia”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Corona: il giudice chiede il carcere, decide il collegio di Sorveglianza
Istanza per violazione prescrizioni. Udienza fissata per l’8 marzo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
17 febbraio 2021
21:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il giudice della Sorveglianza Marina Corti nelle scorse settimane ha proposto la revoca del “differimento pena” e quindi il ritorno in carcere di Fabrizio Corona, ora in detenzione domiciliare. Su questa proposta, avanzata per una serie di violazioni delle prescrizioni da parte dell’ex agente fotografico, dovrà decidere un collegio di giudici della Sorveglianza.
E’ emerso dall’udienza di oggi relativa ad un altro procedimento in cui si deve stabilire se Corona debba o meno tornare in carcere. Da qui la riunione dei due procedimenti in un’unica udienza fissata per l’8 marzo. Dopo la discussione in aula a marzo arriverà la decisione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Camorra: è morto il boss Raffaele Cutolo
Dopo una lunga malattia nel carcere di Parma, aveva 79 anni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
17 febbraio 2021
21:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il boss della camorra Raffaele Cutolo, dopo una lunga malattia, è morto nel reparto sanitario del carcere di Parma. Il fondatore nonché capo della Nuova Camorra Organizzata aveva 79 anni ed era il detenuto al 41bis più anziano.

Nell’ultimo periodo Cutolo era stato più volte trasferito dal carcere al reparto ospedaliero.
Nel respingere l’ultima istanza di differimento della pena, fatta dalla difesa del boss per le condizioni di salute, il tribunale di Sorveglianza di Bologna aveva sottolineato, a giugno 2020, come le sue condizioni fossero compatibili con la detenzione. Ma soprattutto come, nonostante l’età, Cutolo fosse ancora un simbolo. “Si puo’ ritenere che la presenza di Raffaele Cutolo potrebbe rafforzare i gruppi criminali che si rifanno tuttora alla Nco, gruppi rispetto ai quali Cutolo ha mantenuto pienamente il carisma”, scrivevano i giudici. E subito proseguivano: “Nonostante l’età e la perdurante detenzione rappresenta un ‘simbolo’ per tutti quei gruppi criminali” che continuano a richiamarsi al suo nome.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Conficconi (Extraliscio) primo positivo tra i Big di Sanremo
Band in quarantena in attesa del tampone molecolare
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
22:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Primo positivo tra i cantanti in gara al festival di Sanremo, a meno di due settimane dal via della manifestazione. Moreno Conficconi, il Biondo, degli Extraliscio è risultato nel pomeriggio, prima di entrare al Teatro Ariston per le prove, positivo al tampone rapido, come anticipato dal Secolo XIX.

Tutta la band, composta anche da Mirco Mariani e Mauro Ferrara ai quali si aggiunge il feat con Davide Toffolo dei Tre Allegri Ragazzi Morti, è ora in quarantena in attesa del tampone molecolare. Avviato anche il tracciamento dei possibili contatti avuti dagli artisti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si lavora a un biopic dedicato a Lucio Dalla
Il progetto di Leone Cinematografica a 10 anni dalla morte
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
13:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Compagnia Leone Cinematografica sta preparando un biopic sulla vita di Lucio Dalla per il decennale della morte dell’artista, scomparso il 1° marzo 2012 a Montreux.
L’opera, alla quale stanno lavorando lo sceneggiatore Stefano Rulli e il regista Ambrogio Lo Giudice, amico e collaboratore di Dalla, è patrocinata dalla Fondazione Dalla di Bologna.

Racconterà la vita artistica e il percorso creativo, poliedrico, innovativo, aperto a molteplici stimoli e sperimentazioni, dell’amatissimo artista bolognese. L’evento è destinato ai principali broadcaster e over the top.
Gli eredi di Lucio Dalla – spiega una nota della produzione – hanno concesso alla produzione di effettuare le riprese nei luoghi in cui si è svolta parte della vita dell’artista, come la casa a Bologna e quella delle Tremiti, oltre ad aver dato l’accesso a documenti inediti audio e video.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Festa Roma, la 16/a edizione dal 14 al 24 ottobre
All’Auditorium e in altri luoghi della città
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
17 febbraio 2021
12:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La sedicesima edizione della Festa del Cinema di Roma si svolgerà dal 14 al 24 ottobre 2021 all’Auditorium Parco della Musica coinvolgendo, come ogni anno, numerosi altri luoghi e istituzioni della Capitale. Lo annuncia il direttore artistico Antonio Monda d’intesa con Laura Delli Colli, presidente della Fondazione Cinema per Roma.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Su Disney+ arriva Star e annuncia 3 titoli italiani
Reunion di Boris, serie dalle Fate Ignoranti e le donne di mafia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
11:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dal 23 febbraio arriva in Italia Star, il sesto brand della piattaforma streaming Disney+ lanciata lo scorso anno (94,9 milioni di abbonati l’ultimo aggiornamento). Centinaia di nuovi titoli di film e serie per tutti i pubblici (con un sofisticato sistema di parental control) e produzioni originali.
Tre i titoli italiani annunciati oggi nell’evento di lancio: la serie dalle Fate Ignoranti di Ferzan Ozpetek, 8 episodi che il regista sta preparando, l’attesa reunion di Boris, titolo cult che questa volta farà satira proprio sul mondo delle piattaforme e un mafia drama con un’inedita angolatura femminile, The Good Mothers.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Marte, domani arriva rover Nasa
Perseverance si poserà sul bacino di un antico lago
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
16:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ultime battute per il lungo viaggio della missione Mars 2020 della Nasa, che alle 21,55 di domani rilascerà su Marte Perseverance, il quinto rover della Nasa e il settimo finora arrivato sul pianeta rosso dall’inizio dell’esplorazione spaziale.
E’ un arrivo atteso, quello di Perseverance, destinato a esplorare il bacino dell’antichissimo lago nel quale atterrerà, il cratere Jazeero, in cerca di tracce di vita passata o presente.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ad accompagnare il rover c’è il piccolo drone-elicottero Ingenuity, destinato a diventare la prima macchina del genere a volare su un pianeta diverso dalla Terra.
La curiostà e l’entusiasmo si fanno sentire anche in Italia dove l’Unione Astrofili Italiani (Uai) ha organizzato le Mars Night; serate di osservazione dedicate a Marte, con conferenze e osservazioni guidate con telescopi puntati sul pianeta rosso.
Lanciata il 30 giugno 2020, la missione Mars 2020 del Jet Propulsione Laboratory della Nasa è la terza a raggiungere Marte nell’arco di dieci giorni, dopo la missione Hope degli Emirati Arabi e la Tianwen-1 della Cina. Sarà poi la prima a rilasciare un rover sul suolo marziano, considerando che l’altra missione programmata per farlo, la Tianwen-1, lo farà solo in maggio.
Dopo un viaggio di 3,9 milioni di chilometri, il veicolo è in buone condizioni, rileva la Nasa, e l’atterraggio può essere confermato nell’orario previsto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Appalto per le mascherine da 1,25 miliardi, sequestri per 70 milioni
Otto indagati in un’inchiesta sulle maxi-commesse a consorzi cinesi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
13:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Guardia di Finanza sta eseguendo un decreto di sequestro preventivo per 70 milioni nell’ambito di un’indagine della procura di Roma sull’affidamento complessivo di 1,25 miliardi fatto dal Commissario per l’emergenza Domenico Arcuri a 3 consorzi cinesi per l’acquisto di 800 milioni di mascherine avvenuto attraverso l’intermediazione di alcune imprese italiane.
E vi sono otto persone indagate dalla Procura di Roma nell’inchiesta relativa alle maxi commesse di mascherine comprate dalla Cina durante la prima fase della pandemia Covid. Il dato emerge dal decreto di sequestro preventivo urgente emesso oggi dalla Procura ed eseguito in contemporanea con quello del gip.
Nel registro degli indagati figurano l’imprenditore Andrea Vincenzo Tommasi, a capo di una della società coinvolte nell’indagine, il giornalista, ora in aspettativa, Mario Benotti, Antonella Appulo, Daniela Guarnieri, Jorge Edisson Solis San Andrea, Daniele Guidi, Georges Fares Khozouzam e Dayanna Andreina Solis Cedeno.
Nel procedimento sono coinvolte quattro società: la Sunsky srl, Partecipazioni Spa, Microproducts It Srl e Guernica Srl.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nei confronti degli indagati le accuse sono, a secondo delle posizioni, traffico di influenze illecite, riciclaggio, autoriciclaggio e ricettazione.
Il valore complessivo dei due provvedimenti di sequestro preventivo è di 69,5 milioni di euro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Luisa Ranieri, Lolita Lobosco donna contemporanea / VIDEO
Su Rai1 dal 21 febbraio regia Luca Miniero da romanzi Genisi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
20:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Vive con sana fierezza la sua femminilità, non finge di essere un uomo per avere rispetto, è priva di retropensieri. Ho scelto di accettare di interpretare questo ruolo perché è una figura moderna, proiettata nell’attualità, diversa dai personaggi più storici, che hanno caratterizzato una parte della mia carriera (da Luisa Spagnoli a Terra Promessa).
P
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lolita Lobosco si è fatta strada da sola è autorevole e diciamolo brava, ma anche dotata di grande ironia. Pur se del Sud, non è un’idea di come le donne erano o dovrebbero essere. Il racconto mi ha rapito subito: le sue indagini fatte da un tacco 12 raccontano un femminile che non ha bisogno di assomigliare al maschile per essere autorevole. Anche il rapporto con la sua famiglia è importante Incontra l’universo maschile, è vicequestore del commissariato di polizia a Bari, sua città natale dov’è appena tornata per sua scelta dopo un lungo periodo di lavoro nel Nord”. Luisa Ranieri è entusiasta della serie Le indagini di Lolita Lobosco, su Rai 1 dal 21 febbraio, in 4 prime serate, per la regia di Luca Miniero, mescola giallo con commedia, che vede nel cast tra gli altri Lunetta Savino nel ruolo di Nunzia la madre di Lolita e Filippo Scicchitano in quello di Danilo giovane e bellissimo giornalista che avrà una liaison con la protagonista nella fiction, una serie liberamente tratta dai romanzi di Gabriella Genisi (editi da Sonzogno), uno produzioni Bibi Tv e Zocotoco  (casa di produzione fondata dal marito Luca Zingaretti). Considera “un punto di svolta” Le indagini di Lolita Lobosco: “con autorevolezza comanda la sua squadra ma è molto simpatica. E’ una single convinta, è una scelta consapevole. Tutti le fanno sempre la stessa domanda: ‘Come mai non ha figli?’ Li guarda sgomenta. Diventare madre deve essere una scelta, non bisogna sentirsi in dovere perché la società te lo impone, Lolita viene da una famiglia matriarcale è circondata da donne”. Fa notare Lunetta Savino: “La famiglia di Lolita è molto al femminile. Richiama un Sud apparentemente arcaico, è invece anche Nunzia è forte e resiliente. Supporta entrambe le figlie. E’ molto orgogliosa di Lolita, ma non mancano i classici contrasti fra madre e figlia. Pur essendo una donna semplice, Nunzia è attenta al mondo che cambia. Questo è tipico di Bari, e della mia Puglia.”. Prosegue Ranieri napoletana doc che sfoggia un accento barese: “abbiamo ingentilito il dialetto, cercando un linguaggio comprensibile a tutti e musicale”. Quindi rileva: “Il lavoro di ispettore non è stato limitante nella storia. Lolita avrebbe potuto essere anche un chirurgo. Le indagini sono sullo sfondo, il romanzo e la serie raccontano il personaggio, i suoi rapporti”. È interessante osservare come viva la dimensione di donna single, serena di esserlo, felice di mettere i suoi tacchi, come se portasse le scarpe da ginnastica, di vestirsi senza mortificare la sua femminilità. Allo stesso tempo ha una dote investigativa innata. Non ha mai avuto una storia importante. Lolita trova delle scuse per non impegnarsi: il lavoro, i difetti del partner, il desiderio di indipendenza. Incontra anche un giornalista più giovane Danilo che ha trent’anni (Filippo Scicchitano) e nasce una liaison più giovane di lei. Non racconto tutta la storia.”. E a tale proposito rileva: “Non mi piace la definizione toy boy, sono contro il pregiudizio, penso “Così come gli uomini si mettono con le donne più giovani, così le donne possono frequentare i ragazzi”.Le anime si incontrano a prescindere dall’età. Il pregiudizio resta solo nell’ignoranza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Così come gli uomini si mettono con donne più giovani, lo stesso possono fare le donne”. Per Lolita Lobosco sono stati scelti i romanzi di Gabriella Genisi, da alcuni definita la “Camilleri di Puglia”. Lei vede delle similitudini? “Con tutto il grandissimo rispetto per Camilleri, semplificare è cosa assai ardua. Lolita è una donna di oggi, Montalbano è quasi metafisico, appartenente a un mondo a parte, che non si può replicare, quasi fuori dal tempo, si muove in località quasi vuote. Un prodotto che ha conquistato in certi periodi il 40 per cento di share ed è amato e venduto in tutto il mondo, detto questo lo considero un onore”.“I miei romanzi – sottolinea l’autrice Genisi – nascono dopo aver letto Camilleri. In realtà Lolita, che è un personaggio forte, mette in luce il vuoto dei personaggi femminili” chiarisce Gabriella Genisi, “c’erano le donne ma erano solo ispettrici. L’ho creato non per emulare ma per riempire questo vuoto”.Riguardo al rapporto romanzo-fiction: “Penso che i libri e i romanzi si prestino bene alla fiction perchè contengono personaggi che vale la pena raccontare in modo approfondito. E’ soprattutto una donna che ricopre una figura apicale in polizia”. Quanta strada a suo parere c’è da fare ancora? “Non bisogna abbassare la guardia mai- sottolinea Ranieri -. Piano piano si arriverà alla parità, dipende da anche da noi, guardare alle nuove generazioni, dai messaggi che mandiamo. Le scelte quotidiane contano”. Per la direttrice di Rai Fiction Maria Pia Ammirati “le donne non sono più quelle di una volta, e in molti mestieri non hanno più bisogno di tutele maschili.
Lei ha già indossato però la divisa in altri progetti? “Sono stata un’agente in La omicidi- risponde Ranieri – , e  un maresciallo in Il giudice meschino”. Luisa Ranieri è stata scelta da Paolo Sorrentino nel nuovo film “E’ stata la Mano di Dio”. “Su questo silenzio assoluto, ho una clausola nel contratto”. Ma Maradona, lei è napoletana, è morto quest’anno lo ricorderà anche se era una bambina. “Non sono mai stata tifosa, ovviamente avevo credo 14 anni, ricordo quel periodo: ha dato moltissimo, come si fa a dimenticare la luce”. Ranieri sarà anche la voce della madre della nuova eroina Disney in uscita a a Marzo “Raya e il Drago”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Su Sky un canale per i ‘Gangster’, arriva in prima tv ‘Capone’
Da De Palma a Scorsese, il meglio del genere
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
13:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È uno dei generi cinematografici più longevi e floridi, nella classica contrapposizione tra il bene e il male che ha dato vita ad alcune delle storie più appassionati del cinema. E da sabato 20 a domenica 28 febbraio Sky Cinema celebra i gangster movies con Sky Cinema Collection – Gangster, un canale interamente dedicato al genere con oltre 30 film, tra cui alcuni grandi cult e una prima visione da non perdere.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I titoli sono disponibili anche on demand su Sky e in streaming su Now Tv nella collezione dedicata.
In evidenza, sabato 20 febbraio alle 21.15 su Sky Cinema Uno e alle 21.45 su Sky Cinema Collection – Gangster la prima visione del film “Capone” con Tom Hardy che veste i panni del noto gangster, nel biopic con Linda Cardellini, Kyle MacLachlan e Matt Dillon. La pellicola racconta gli ultimi anni di Al Capone quando, a soli 47 anni, dopo aver trascorso 10 anni in prigione, inizia a soffrire di demenza e alterna la follia al senso di colpa per i crimini commessi. E con extra, il programma fedeltà di Sky, il film “Capone” è già disponibile per i clienti Sky da più di 3 anni, on demand nella sezione extra.
Tra gli altri film in programmazione si segnalano alcune pietre miliari del genere: il capolavoro di Brian De Palma “The Untouchables – Gli Intoccabili”; il gangster-movie di Brian De Palma e sceneggiato da Oliver Stone “Scarface” con Al Pacino; il gioiello di Martin Scorsese, miglior regia a Venezia, “Quei Bravi Ragazzi”, interpretato da Robert De Niro, Ray Liotta e Joe Pesci, premiato con l’Oscar©; e il capolavoro di Sergio Leone “C’era Una Volta In America”, in versione estesa e restaurata, in cui sulle note di Ennio Morricone si racconta l’ascesa e il declino di due gangster, Robert De Niro e James Woods, divisi dall’amore per la stessa donna.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Roma primo hub vaccinale della Difesa per la vaccinazione di massa
Alla Cecchignola, sarà attivo per i cittadini. Altri in tutta Italia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
17 febbraio 2021
17:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato allestito nella cittadella militare della Cecchignola, a Roma, ed è pronto per essere attivato il primo hub messo a disposizione dalla Difesa per le somministrazioni del vaccino ai cittadini. Dalle prossime settimane, quando entrerà nel vivo la campagna vaccinale di massa, il Centro potrà ospitare tutti i cittadini che saranno prenotati per le vaccinazioni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per il momento, sarà utilizzato per le vaccinazioni dei militari e del personale della Difesa. A questo primo Centro, su disposizione del ministro Lorenzo Guerini, ne seguiranno altri in tutta Italia sulla base delle richieste delle Aziende Sanitarie Locali.
Sono circa un centinaio i drive through della Difesa, oggi impegnati in tutta Italia per effettuare i tamponi, che potrebbero essere allestiti ‘ex novo’ o trasformati in centri di somministrazione dei vaccini su richiesta delle Asl, secondo il fabbisogno calcolato dalle Regioni e fornito alle strutture preposte. Domani sarà inaugurato alla presenze del ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, il primo hub vaccinale della Difesa, nella cittadella militare della Cecchignola. A questo primo Centro dovrebbero seguirne altri in tutto il Paese sulla base delle richieste delle Asl.
“Domani mi recherò a visitare il nuovo centro vaccinale alla Cecchignola, che a pieno regime sarà in grado di effettuare circa 2500 dosi di vaccino al giorno, proprio per ringraziare tutto il personale della Difesa che fin dall’inizio di questa emergenza sta operando con grande professionalità, senza risparmio di energie”. Così il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Morto l’attore e doppiatore Claudio Sorrentino
Voce Richie Cunningham di Happy Days, Travolta, Gibson, Willis.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
17 febbraio 2021
12:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ morto il 16 febbraio a Roma a causa del Covid Claudio Sorrentino, attore, conduttore televisivo, doppiatore sin da bambino e voce di tantissime star da Mel Gibson a John Travolta, una delle voci principali di Bruce Willis e fratello della doppiatrice Liliana Sorrentino.
Era nato a Roma il 18 luglio del 1945 ed aveva iniziato fin da bambino a dare la sua voce a personaggi che sono entrati nell’immaginario collettivo come Ron Howard ovvero il Richie Cunningham di Happy Days.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
O ancora ha dato la voce a Bruce Willis in Die Hard – Duri a morire, Die Hard – Vivere o morire e Die Hard – Un buon giorno per morire, a Sylvester Stallone in Cop Land, a Willem Dafoe in L’ultima tentazione di Cristo, e anche a Ryan O’Neal in Love Story. Tra gli altri attori, ha doppiato anche Jeff Bridges, Mickey Rourke, Geoffrey Rush, Gérard Depardieu, Daniel Day-Lewis e Russell Crowe. È anche stato la voce ufficiale di Topolino negli anni settanta.
Negli anni Ottanta è stato nella squadra dei conduttori del programma di Rai2 Tandem, anche con Fabrizio Frizzi. Tra il 1995 e il 2000 è stato autore e conduttore della trasmissione radiofonica I suoni del cinema, legata al mondo del doppiaggio cinematografico e trasmessa da RDS prima e poi da Radio 101.
Tanti i premi tra cinema, teatro e tv, ma grande anche il suo impegno sociale che lo ha visto tra i fondatori del Segretariato sociale della Rai. I funerali si svolgeranno quando possibile in forma strettamente privata.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ragazzo ucciso in una rissa a Formia, fermato un minorenne
Sospettato di omicidio. Si cercano altri partecipanti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
17 febbraio 2021
18:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato fermato dalla polizia un minorenne sospettato di aver accoltellato a morte un 17enne ieri sera durante una rissa a Formia, in provincia di Latina. Gli investigatori stanno sottoponendo a fermo di indiziato di delitto il ragazzo della provincia di Caserta.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La polizia è al lavoro per identificare gli altri partecipanti alla rissa. Sarebbero circa dieci i giovani coinvolti. La rissa è nata fra un gruppo di ragazzi del posto e un altro della provincia di Caserta. A un certo punto sarebbero spuntati i coltelli. Oltre alla vittima, un 17enne di Formia, è rimasto ferito un altro minorenne che è ricoverato in ospedale ma non in pericolo di vita. Fermato un minorenne. La sua posizione è all’attenzione dei magistrati della Procura minorile di Roma mentre la Procura di Cassino verificherà se nella rissa hanno partecipato anche maggiorenni.
E a Napoli un 13enne è stato pestato anche con un tirapugni da 7 coetanei all’uscita di scuola nel quartiere Pianura. I minorenni sono stati segnalati alla magistratura dai carabinieri. L’episodio – evidenziato anche da un consigliere di Municipalità, Pasquale Strazzullo – è avvenuto l’altro ieri vicino all’Istituto F. Russo. I 7 hanno aggredito con calci e pugni il 13enne. Una settimana fa gli stessi minori per futili motivi in seguito ad una partita di calcio, avevano aggredito il giovane e un suo amico, minacciandoli anche con un coltello.La vittima è in osservazione all’ospedale Santobono per contusioni multiple e trauma facciale.
Le indagini sono state coordinate dalla Procura dei Minori partenopea e condotte dalla Stazione carabinieri di Napoli Pianura. Nei confronti dei 7 minorenni – di età compresa tra i 13 e i 14 anni – i militari, d’intesa con la Procura, hanno effettuato ‘elezione di domicilio’ per i reati di lesioni personali aggravate in concorso e porto abusivo di armi bianche.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Torna Boris e si prepara la serie dalle Fate Ignoranti, parte Star
Nuovo brand piattaforma Disney+, si accende sfida con Netflix
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
20:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Disney+ lancia il guanto di sfida a Netflix. Si infiamma anche in Italia la concorrenza tra le piattaforme di streaming che con il perdurare della pandemia, e dunque della chiusura dei luoghi di spettacolo, sono le regine dell’intrattenimento.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
All’inseguimento di Netflix – oltre 200 milioni di abbonati, di cui 8,51 milioni arrivati negli ultimi tre mesi dello scorso anno, dati del 20 gennaio scorso – si è lanciata anche Disney+, la galassia del mondo Disney arrivata in un anno a 94,9 milioni di abbonati. “Un risultato entusiasmante se pensiamo che l’obiettivo fissato per il 2024 era tra i 60 e i 90”, ha detto Kathryn Fink, General Manager Media.
Ora dal 23 febbraio in Italia Disney plus sferra l’attacco con Star, il sesto brand della piattaforma di Topolino (accanto a Disney, Pixar, Marvel, Star Wars e National Geographic): arrivano più di 400 film e 6.000 episodi TV nel primo anno e si apre alle nuove produzioni originali anche italiane. Tre sono i titoli annunciati oggi nell’evento di lancio da Alessandro Saba, Director Original Production. Il titolo cult per un’intera generazione di spettatori, ossia BORIS, sei episodi di satira e divertimento scritti e diretti da Giacomo Ciarrapico e Luca Vendruscolo con il cuore rivolto al prematuramente scomparso Mattia Torre, prodotti da Lorenzo Mieli per The Apartment (Fremantle) e ambientati questa volta, con lo stesso cast di allora, proprio nel nuovo mondo delle piattaforme.
La serie da un altro titolo cult, LE FATE IGNORANTI, cui sta lavorando lo stesso Ferzan Ozpetek: “mi do delle arie, lavoro per Disney – ha detto il regista italo-turco intervenuto all’evento – e mi sto impegnando giorno e notte. Saranno otto puntate di cui metà con la mia regia e l’altra metà con Gianluca Mazzella al debutto. Io sarò showrunner dell’intera serie che supererà il tema della sessualità per parlare di tradimento”.
“Sarà un rinnovamento anche per me, oltre ad essere la mia prima serie. Ci sarà molta italianità, la luce, l’opera lirica”, ha proseguito. Top secret il cast: “qualcuno pensa che saranno gli stessi del film di 20 anni fa – Accorsi, Buy, Garko, Ylmaz -, poi saranno altri. Voglio anche spiazzare il pubblico e un episodio sarò girato nella mia Istanbul”.
Terzo titolo per Star Original è un mafia drama da brividi, idealmente dedicato al sacrificio di Lea Garofalo: THE GOOD MOTHERS, sei episodi in coproduzione internazionale (House Productions e Mario Gianani e Lorenzo Gangarossa per Wildside), scritti da Stephen Butchard, basati sul libro di Alex Perry per raccontare con un angolatura diversa, femminile, la storia vera di tre donne di clan della ‘ndrangheta, che decidono di collaborare con una coraggiosa magistrata (Alessandra Cerreti) per distruggerlo. L’amministratore delegato Disney Italia, Daniel Frigo, ha ribadito la linea di programmazione: oltre alla produzione di contenuti in esclusiva per a piattaforma ci saranno “contenuti che seguiranno il tradizionale percorso di release, arrivando prima nelle sale cinematografiche e sui canali lineari per poi approdare sul servizio di streaming del gruppo”.
Tra i titoli in streaming solo su Disney+ e disponibili dal 23 febbraio su Star ci saranno: il thriller poliziesco Big Sky, creato da David E. Kelley (Big Little Lies e The Undoing); Love, Victor, la serie spin-off di Tuo, Simon scritta dagli sceneggiatori originali del film Isaac Aptaker (This Is Us) e Elizabeth Berger (This Is Us); la sitcom animata Solar Opposites, co-creata da Justin Roiland (Rick & Morty) e Mike McMahan (ex assistente sceneggiatore di Rick & Morty); oltre alle serie drama Helstrom e Godfather of Harlem, scritta da Chris Brancato e Paul Eckstein, con protagonista Forest Whitaker.
Un plus potrà fare la differenza: il sistema di parental control. Accanto al profilo bambini (per i minori di sette anni) già presente sulla piattaforma, il brand Star avrà un sofisticato e personalizzabile accesso per fasce d’età e pin dedicato, in modo che ogni contenuto visibile anche in assenza dei genitori sarà garantito in sicurezza (6+, 9+, 12+, 14+, 16+ e 18+). Andrea Pirlo sarà il volto della nuova campagna di lancio Disney e con Stefano Fresi guiderà gli spettatori alla scoperta di Star, il cui abbonamento è incluso in Disney+ senza alcun incremento di prezzo fino al primo rinnovo successivo al 22 agosto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Valerio Massimo Manfredi in miglioramento, fuori dal coma
Lo scrittore prosegue la degenza all’ospedale di Grosseto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GROSSETO
16 febbraio 2021
16:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In miglioramento le condizioni cliniche dello scrittore Valerio Massimo Manfredi che è uscito dal coma farmacologico all’ospedale ‘Misericordia’ di Grosseto dove si trova ricoverato dall’11 febbraio scorso. Manfredi era stato colpito da un’intossicazione da monossido di carbonio.
Lo si apprende nella città maremmana dove lo storico venne trasferito d’urgenza da Roma per la disponibilità di una camera iperbarica, attrezzatura presente nell’ospedale grossetano. L’11 febbraio Manfredi fu trovato esanime nel suo appartamento di Roma insieme alla scrittrice Antonella Prenner, anche lei priva di sensi. A Grosseto Valerio Massimo Manfredi prosegue la degenza nel reparto di terapia intensiva.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Miss Italia Martina Sambucini debutta in tv
Conduce ‘Port to Port’ insieme a Roberto Onofri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
15:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un viaggio nei porti italiani in dodici puntate, con due conduttori, alla scoperta di un mondo popolato di personaggi poco conosciuti ma ricchi di professionalità, competenza e umanità: ecco ‘Port to Port’ il programma con il quale Martina Sambucini, Miss Italia 2020, debutta, due mesi dopo la sua elezione, nella conduzione televisiva con Roberto Onofri, da molto tempo impegnato nella promozione del mondo portuario, e la regia di Giuseppe Sciacca.
Martina, 19 anni, di Frascati, studentessa universitaria di psicologia del marketing, ha vinto il titolo in un momento particolare della storia del nostro Paese, in dicembre, in un pomeriggio lontano dallo splendore delle celebri serate televisive di un tempo, senza pubblico e senza forme di spettacolo, nel rispetto di un’Italia in difficoltà. La ragazza è diventata il simbolo del coraggio e della volontà di chi ha deciso, nonostante tutto, di non fermarsi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In poco tempo, con molta semplicità ma con convinzione, sostenuta dalla patron Patrizia Mirigliani, la Miss ‘eletta nell’anno della pandemia’ ha saputo conquistare la simpatia degli italiani.
Il viaggio di Martina a “Port to Port” comincia oggi dalla Sicilia – Catania e Augusta – per proseguire nei prossimi giorni in Puglia, Campania, Lazio e Liguria. Il programma compie un percorso all’interno di un settore, quello dei porti italiani, nel quale operano tante figure ed è animato da molte situazioni: sono eccellenze che vengono narrate come lo specchio a cielo aperto di coloro che vi gravitano intorno, dagli ufficiali ai militari, ai pescatori e al mercato marittimo. “Intendiamo accendere un faro su di loro – dicono gli autori .- ascoltarli e venire a conoscenza delle peculiarità di un mondo vivo e attivissimo, ma poco noto, al di là delle immagini consuete, come le grandi navi da crociera o i romantici pescherecci”. ‘Port to Port’ andrà in onda su CiborTv, che permette agli italiani nel mondo di restare collegati con 300 diversi canali tra programmi inediti, on demand, streaming. Prodotta da Italian Television Network e patrocinata da Assoporti, la trasmissione farà capolino anche su Amazon Prime.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Su Disney+ arriva Star e annuncia 3 titoli italiani
Reunion di Boris, serie dalle Fate Ignoranti e le donne di mafia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
12:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dal 23 febbraio arriva in Italia Star, il sesto brand della piattaforma streaming Disney+ lanciata lo scorso anno (94,9 milioni di abbonati l’ultimo aggiornamento). Centinaia di nuovi titoli di film e serie per tutti i pubblici (con un sofisticato sistema di parental control) e produzioni originali.
Tre i titoli italiani annunciati oggi nell’evento di lancio: la serie dalle Fate Ignoranti di Ferzan Ozpetek, 8 episodi che il regista sta preparando, l’attesa reunion di Boris, titolo cult che questa volta farà satira proprio sul mondo delle piattaforme e un mafia drama con un’inedita angolatura femminile, The Good Mothers.

Cronaca tutte le notizie in tempo reale. Leggi e condividi!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 35 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 06:32 DI LUNEDì 15 FEBBRAIO 2021

ALLE 11:50 DI MARTEDì 16 FEBBRAIO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Maltempo: Eolie ancora isolate, arriva anche la neve
Fermi traghetti e aliscafi, danni a causa delle mareggiate
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
15 febbraio 2021
06:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le Eolie sono ancora isolate e a causa delle basse temperature nelle zone sommitali è arrivata anche la neve. Da ieri pomeriggio non sono collegate con la terraferma Lipari, Salina e Vulcano e da due giorni tutte le altre isole, compresa la frazione di Ginostra a Stromboli.

Sull’arcipelago continuano a soffiare raffiche di vento proveniente da nord che hanno raggiunto i 40 chilometri orari.
Il mare molto mosso (Forza 6-7) ha bloccato nei porti aliscafi e traghetti. La temperatura continua a scendere, nella notte a 3 gradi e all’alba a 5 gradi. La serata di ieri è stata caratterizzata anche da fiocchi di neve nelle zone alte di Lipari. Nella più grande isola delle Eolie si contano i danni per le violente mareggiate. In particolare a Canneto nella Marina Garibaldi, dove sono in corso i lavori di demolizione e ricostruzione del muraglione per allargare la carreggiata e ridurre la spiaggia, mentre a Calandra hanno sventrato il manto stradale. La spiaggia è stata inghiottita dal mare. Nel borgo di Acquacalda, senza i lavori di protezione, ancora una volta il mare ha invaso le case dei residenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Droga:operazione Polizia Foggia contro racket internazionale
Venduti circa 640 Kg di stupefacenti per oltre 4 milioni di euro
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FOGGIAMARE
15 febbraio 2021
08:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dalle prime luci dell’alba la Polizia di Stato di Foggia sta eseguendo numerose misure di custodia cautelare nei confronti di appartenenti a un’organizzazione criminale dedita al traffico internazionale di droga. La vasta operazione di polizia giudiziaria, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo di Bari, vede impegnati i poliziotti della Squadra Mobile di Foggia e del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato.
I criminali, spiegano gli agenti di polizia, “facevano arrivare ingenti quantitativi di hashish dal Marocco, attraverso la Spagna per spacciarla nella provincia di Foggia. L’organizzazione si avvaleva di una fitta rete di coperture e complicità in varie province, con propaggini in Campania e Lombardia”. Durante l’indagine “sono state registrate cessioni per un totale di circa 640 chili di stupefacenti, il cui valore di mercato supera i 4 milioni di euro”. Sequestrate anche armi da fuoco rubate “provenienti dal mercato clandestino di Napoli”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in ristorante tamponi a clienti per la sera, chiuso
A Milano sanzionate anche 30 persone ai tavoli
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 febbraio 2021
09:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Hanno deciso, violando le norme anticovid, di tenere aperto il ristorante la sera, offrendo tamponi ai clienti che potevano entrare solo se negativi.
Sono intervenuti gli agenti della Polizia amministrativa del Commissariato Sempione che hanno ottenuto dal questore di Milano la chiusura per cinque giorni de ‘La Parrilla Mexicana’ e hanno sanzionato una trentina di persone ai tavoli per la violazione della normativa per contrastare la diffusione del coronavirus.

Si tratta di un ristorante, in corso Sempione, zona della Movida milanese, che aveva già aderito all’iniziativa di protesta #ioapro, qualche settimana fa. I proprietari avevano organizzato, preannunciando l’iniziativa sul web, un punto per eseguire i tamponi che avevano pagato personalmente ed erano eseguiti da un medico privato.
Anche il ristorante, oltre alla chiusura di cinque giorni, è stato sanzionato con 400 euro per aver violato la normativa anticovid.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Maltempo:nevica in Calabria,-13 sui rilievi della Sila
Fiocchi da Crotone a Catanzaro, scuole chiuse in molti comuni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
15 febbraio 2021
09:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nevica sulla fascia ionica centro settentrionale della Calabria con temperature letteralmente in picchiata. Precipitazioni da Crotone, dove si è leggermente imbiancato il litorale, a Catanzaro e lungo tutti i centri della costa, i fiocchi hanno fatto la loro apparizione dalle prime ore dell’alba senza però al momento dare forma ad accumuli significativi, solo qualche centimetro in più nel quartiere S.Elia, nella zona alta del capoluogo di regione.

Più consistenti le nevicate in Sila dove è stata la temperatura a farla da padrona con il termometro che, in alcune località, ha superato i -13 e nei centri dell’interno pedemontano tra il Crotonese e il Catanzarese. Le scuole di ogni ordine e grado sono chiuse nella Presila Catanzarese. Al momento continua a nevicare ma secondo le previsioni la situazione dovrebbe migliorare già dalle prossime ore. Non si segnalano, per ora, particolari problemi per la circolazione stradale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: screening Sardegna, 82mila test Nuorese e 50 positivi
Casi da confermare con tampone, Solinas “è modello vincente”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NUORO
15 febbraio 2021
09:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo l’Ogliastra si conclude anche nei 52 paesi del Nuorese la campagna di screening “Sardi e sicuri”, promossa dalla Regione Sardegna e coordinata dal microbiologo Andrea Crisanti. Sono 82.020 le persone che si sono sottoposte al test antigenico rapido nelle due fasi del 6 e 7, e del 13 e del 14 febbraio, di cui 41.746 sono quelle testate nell’ultimo fine settimana.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ventotto i positivi confermati all’esame molecolare nella prima fase, 22 sono invece quelli del weekend appen apassato. Questi ultimi sono numeri parziali relativi alla sola giornata del 13 febbraio e sono ancora da confermare invece le persone risultate positive ieri.
Per la Regione è stato raggiunto il target fissato, che puntava a una partecipazione tra il 50 e il 65% degli abitanti complessivi, ovvero un numero di tamponi stimati tra 71mila e 98mila. “Per il territorio del Nuorese e per tutta l’Isola un risultato importante: premia un modello che si conferma vincente – ha detto il presidente della Regione Christian Solinas – Con la loro adesione allo screening, i sardi hanno dimostrato, ancora una volta, grande senso di responsabilità e spirito solidale. In Sardegna – ha proseguito – la curva epidemiologica rallenta la sua crescita in modo significativo. L’ultimo rapporto dell’Istituto superiore di Sanità certifica la nostra regione a basso rischio. La zona bianca è a un passo. Per questo bisogna proseguire l’azione di monitoraggio sul nostro territorio, fermare la diffusione del virus e portare l’Isola fuori dall’emergenza nel più breve tempo possibile”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Reddito cittadinanza a condannato per mafia,14 denunce
Scoperti da Gdf Crotone “furbetti” parenti esponenti cosche
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CROTONE
15 febbraio 2021
09:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Condannati per mafia o parenti di esponenti della ‘ndrangheta del Crotonese percepivano indebitamente il reddito di cittadinanza. E’ quanto ha scoperto la Guardia di finanza di Crotone che ha denunciato 14 persone per l’avvio delle procedure di recupero delle somme intascate dall’Inps.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tra le persone individuate dai finanzieri del Nucleo di Polizia economico finanziaria, c’è un soggetto, condannato in via definitiva nell’ambito delle indagini Kyterion nei confronti della cosca Grande Aracri, e altre risultate in rapporti di parentela con condannati per reati di mafia. Secondo quanto emerso dagli accertamenti, i “furbetti” del reddito di cittadinanza imparentati con condannati per i reati di associazione mafiosa, estorsione, traffico di stupefacenti e detenzione di armi a seguito delle operazioni Eracles/Perseus, Filottete, Old Family e Kyterion nei confronti delle cosche di ‘ndrangheta di Crotone, Cutro e Petilia Policastro, hanno percepito complessivamente sussidi per oltre 100 mila euro in assenza dei requisiti di legge. La normativa , difatti, preclude la possibilità di accedere al citato sussidio pubblico a chi ha riportato una condanna, nell’ultimo decennio, per i reati di associazione di stampo mafioso ovvero per reati commessi con l’aggravante del metodo mafioso, prevendendo, per gli illegittimi beneficiari del sussidio, l’immediata revoca e la restituzione di quanto indebitamente percepito. La verifica dei requisiti è stata svolta anche attraverso l’interscambio informativo con la sede provinciale dell’Inps di Crotone.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: scuola e over 80, al via le adesioni in Piemonte
Già migliaia in pochi istanti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
15 febbraio 2021
09:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oltre duemila preadesioni in pochi istanti, da parte del personale scolastico, della formazione professionale e dell’università, e già 4mila adesione per gli over 80 caricate dai medici di famiglia. Partono bene, in Piemonte, le prenotazioni del vaccino contro il Covid-19.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Accessibile da questa mattina la app il piemontevaccina.it, in questa fase della campagna può aderire il personale docente e non docente delle scuole di ogni ordine e grado, e delle università, purché privo di patologie, poiché per le categorie più a rischio sono previsti canali diversi. Possono aderire anche gli over 55, anche se al momento non possono ancora essere vaccinati, visto che le dosi di AstraZeneca, usato per questa categoria in Italia, è al momento validato solo fino ai 55 anni.
A differenza del personale scolastico, gli over 80 non devono invece prenotarsi tramite la app, ma contattando il medico di medicina generale per dare la propria pre-adesione. Tocca al medico compilare l’adesione per i propri assistiti, indicando una priorità ‘alta’ o ‘normale’, e chiarendo se il soggetto può recarsi all’appuntamento o deve essere vaccinato al domicilio.
Saranno invece le Asl a inviare l’sms o la mail con l’appuntamento. Gli over 80 non trasportabili saranno vaccinati a domicilio.   PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Migranti: rintracciati un centinaio irregolari in Fvg
Abbandonati nella notte a nord di Udine, indagano Ps e Cc
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
UDINE
15 febbraio 2021
10:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un centinaio di migranti sono stati individuati, e in gran parte rintracciati, la notte scorsa in una zona a nord di Udine da Polizia e Carabinieri. Si tratta di persone di varie nazionalità che sono state notate mentre camminavano, a piccoli gruppi, lungo le strade principali tra Osoppo, Buja e Colloredo di Monte Albano.
Probabilmente sono state portate lì da alcuni mezzi pesanti in transito. E’ in corso l’operazione di identificazione dei richiedenti protezione internazionale, mentre le indagini mirano a risalire ai passeur che li hanno guidati in Italia. Alcuni migranti sono già stati accompagnati nell’ex caserma Cavarzerani dove trascorreranno la quarantena anti-Covid.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: blitz Gdf, oltre 2mila persone controllate, 51 multe
Tra Napoli e provincia, sanzioni a bar e palestre
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
15 febbraio 2021
11:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oltre 2mila persone e 297 attività commerciali controllate: 51 le multe contestate per il non rispetto delle disposizioni anti Covid. Blitz della Guardia di Finanza, nello scorso fine settimane, nelle aree centrali di Napoli, da via Partenope a piazza Plebiscito, da via Chiaia, via Toledo, Calata Trinità Maggiore, a Piazza del Gesù, Decumani e al Vomero, come in provincia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tante le irregolarità: da persone in strada dopo il coprifuoco a chi era senza mascherina.
Nel quartiere Secondigliano, nel corso di un controllo in un internet point, il 2° Nucleo Operativo Metropolitano ha sequestrato una videoslot non collegato alla rete telematica sanzionando il titolare per la mancata affissione della tabella dei giochi oltre che per violazioni anti Covid.
Inoltre, tra Sorrento, Saviano, Palma Campania, San Vitaliano e Sant’Antimo sono stati sanzionati 14 esercizi commerciali perché non esponevano all’ingresso dei locali indicazioni riportanti il numero massimo di persone ammesse ad accedere contemporaneamente. A Capri sanzionati il titolare di una palestra più 2 persone, disposta la chiusura provvisoria. A Pozzuoli e Casavatore sanzionati 3 bar perché alcuni avventori non indossavano la mascherina o consumavano all’interno oltre l’orario consentito.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 3 decessi in Alto Adige e più di 200 nuovi positivi
Dall’inizio dell’emergenza accertati più di 60.000 contagi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
15 febbraio 2021
11:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Altri tre decessi sono stati provocati dal Covid-19 in Alto Adige. Il totale delle vittime, dall’inizio dell’emergenza sanitaria, è ora di 946.
L’Azienda sanitaria provinciale segnala, inoltre, 144 nuovi casi positivi rilevati nelle ultime 24 ore sulla base di 1.542 tamponi pcr, di cui 404 nuovi test. Altre 68 nuove infezioni sono state accertate sulla base di 625 test antigenici rapidi.
In totale, le persone testate positive in Alto Adige sono 60.384: 40.240 accertate con tamponi pcr e 20.144 con test antigenici.
I pazienti Covid-19 ricoverati sono 44 nelle terapie intensive (di cui 39 classificati Icu-Covid, inoltre 1 paziente ricoverato all’estero); 254 nei normali reparti ospedalieri; 163 nelle strutture private convenzionate e 23 in isolamento nella struttura di Colle Isarco.
Le persone in quarantena o in isolamento domiciliare sono 15.797, in calo di quasi mille unità rispetto a ieri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sci: Piana di Vigezzo non si ferma, impianti aperti
In valle piemontese. Gestore, era tutto pronto e l’abbiamo fatto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CRAVEGGIA
15 febbraio 2021
12:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo stop del governo non ferma lo sci alla Piana di Vigezzo, 1.720 metri nel Comune di Craveggia (Vco), nell’omonima valle Vigezzo, in alta Ossola.
Nonostante la decisione del ministro Speranza, i gestori della stazione sciistica hanno deciso di aprire gli impianti.
“Ancora venerdì la Regione ci aveva assicurato l’apertura e noi abbiamo predisposto tutto, in sicurezza, per riaprire. E così lo abbiamo fatto”, dice Luca Mantovani, uno dei titolari della società che gestisce gli impianti nella valle piemontese a ridosso del Canton Ticino.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Fvg, via a campagna vaccinale per over 80
Sono oltre mille anziani ai quali si prevede sarà somministrato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
15 febbraio 2021
12:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ cominciata stamani la campagna vaccinale per gli over 80 prenotatisi nei giorni scorsi. Sono oltre un migliaio – come riferito dall’Azienda sanitaria universitaria integrata giuliano-isontina – gli anziani ai quali oggi verrà somministrato il vaccino.

Saranno 480 gli over 80 che saranno vaccinati tra Trieste e Monfalcone (Gorizia) mentre a Muggia cominceranno domani e a Gorizia giovedì 18. Nell’ambito dell’Azienda sanitaria del Friuli occidentale sono già cominciate nella mattinata le inoculazioni nel distretto sanitario di San Vito al Tagliamento (Pordenone), come affermato da fonti interne al distretto, mentre dalle 14 cominceranno quelle al distretto di Sacile (Pordenone). Da domani si comincia a Pordenone.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un anno dopo Codogno ancora rischio lockdown. Gimbe: ‘Fermo totale di 2 settimane oppure stop and go per tutto il 2021’
Cartabellotta: ‘Obiettivo è far circolare il virus meno possibile’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
12:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Un lockdown totale per 2 settimane farebbe abbassare la curva per poter riprendere il tracciamento, altrimenti bisognerà continuare con stop and go per tutto il 2021”.
A dirlo è Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, ai microfoni della trasmissione ‘L’Italia s’è desta’ su Radio Cusano Campus.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sulla richiesta di lockdown generale da parte del consigliere del ministro della Salute, Walter Ricciardi, “credo che il suo ragionamento sia allineato con quello che abbiamo pubblicato prima del periodo natalizio – spiega Cartabellotta – La strategia che il governo ha assunto è quello della convivenza con il virus, varando misure per evitare la saturazione degli ospedali”. Chiudere tutto per 2 settimane significherebbe abbassare la curva per poter riprendere il tracciamento, ma secondo Cartabellotta, “non tutte le regioni sono pronte all’attività di testing e tracciamento. Dobbiamo decidere se siamo disponibili ad accettare una restrizione maggiore per abbassare la curva, oppure se accettiamo di avere un 2021 che andrà avanti con stop&go”. Immaginare che la somministrazione del vaccino possa far migliorare la situazione “è molto difficile, sia per i tempi sia per l’incognita varianti – continua – L’obiettivo dovrebbe essere far circolare il virus meno possibile e non abbassare il carico sugli ospedali, tutti i Paesi invece hanno scelto la seconda via”. Dal punto di vista della percentuale di popolazione vaccinata con due dosi, l’Italia è terza nel mondo, “quindi in una posizione assolutamente di merito – prosegue Cartabellotta – ma con differenze regionali non trascurabili”. Si va dall’1,4% della Calabria al 4,1% di Bolzano. Con la quantità di vaccini ricevuta la campagna è proceduta finora bene, sottolinea, “con l’unico neo che abbiamo vaccinato ancora pochi ultraottantenni, perché si è scelto di vaccinare prima gli operatori sanitari anziché le persone più fragili. Ma il vero problema è quello delle forniture”. Per quanto riguarda le varianti in circolazione, conclude Cartabellotta, “bisogna ipotizzare lo scenario peggiore per evitare di farci trovare impreparati”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bancarotta,truffa e malversazione,arrestati 2 imprenditori
Sono ai domiciliari. Sequestrati da Gdf Cosenza beni per 1 mln
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
COSENZA
15 febbraio 2021
12:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Due imprenditori cosentini, attivi nel settore dei “lavori stradali, fognari e movimento terra”, sono stati arrestati e posti ai domiciliari con l’accusa di bancarotta fraudolenta, truffa ai danni dello Stato e malversazione. Ai due, ai quali è stato applicato anche il divieto di comunicare con persone diverse da quelle con loro coabitanti, sono state sequestrate a scopo preventivo, somme di denaro e terreni per circa un milione di euro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le indagini seguono precedenti attività investigative scaturite dal fallimento di una società gestita dai due imprenditori. Attraverso intercettazioni telefoniche, ricostruzioni contabili ed acquisizioni d’informazioni da persone informate sui fatti, i provvedimenti odierni sono incentrati sul fallimento di un’ulteriore società, di fatto amministrata dai due indagati, e formalmente rappresentata da un loro fedelissimo. Gli indagati, sei in tutto, secondo l’accusa, hanno posto in essere gravi e reiterate condotte di bancarotta fraudolenta distrattiva, con grave danno per i terzi creditori, tra cui l’Erario, nei cui confronti la società fallita aveva accumulato un debito per imposte non versate pari ad oltre euro 2 milioni e 200mila euro.
Le condotte illecite sarebbero state compiute attraverso contratti di cessione e/o locazione di beni e rami d’azienda, senza corrispettivo, stipulati con diverse imprese intestate a parenti diretti degli arrestati, di fatto sempre gestita da loro, consentendo la distrazione e la dissipazione del compendio aziendale, per un valore complessivo di circa 7 milioni di euro, già sottoposto a sequestro. Gli elementi raccolti hanno consentito di ricondurre agli indagati, l’amministrazione di fatto della società fallita sebbene la stessa risultasse formalmente amministrata da un terzo soggetto, anch’egli indagato. Nei confronti di alcuni degli indagati, è stata anche contestata un’ipotesi di truffa e malversazione ai danni dello Stato in quanto, attraverso l’emissione di fatture per operazioni inesistenti, gli stessi hanno incamerato 745mila euro di finanziamenti europei erogati dalla Regione Calabria trasferiti sul conto corrente di una nuova società.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Paolo Rossi: suoi cimeli storici spariti dallo stadio di Vicenza
Dal cartellino al primo contratto, denuncia dell’amministratore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
15 febbraio 2021
15:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo lo “sfregio” del furto in casa nel giorno del funerale, altri ricordi di Paolo Rossi, il bomber morto il 9 dicembre scorso, sarebbero scomparsi dalla sede del Vicenza Calcio, la società che tesserò e in cui esplose ‘Pablito’. Una denuncia per furto contro ignoti – riferiscono i giornali locali – è stata presentata dall’amministratore straordinario della società Nerio De Bortoli, secondo il quale la sparizione dei documenti sarebbe avvenuta nella sede del club, allo stadio Menti di Vicenza, prima della vendita all’asta alla nuova proprietà di Renzo Rosso, avvenuta nel 2018.
Tra i documenti spariti ci sono il cartellino di Rossi quando arrivò al Lanerossi Vicenza dalla Juventus nel 1976. Scomparsi anche alcuni accordi sui premi partita e quelli legati ai gol realizzati in biancorosso, e anche il telegramma con cui Rossi fu convocato in nazionale per i Mondiali del 1978 in Argentina.
Che i documenti fossero ancora in sede fino a metà gennaio 2018, prima che il tribunale di Vicenza dichiarasse il fallimento della società, è attestato da alcune fotografie scattate dal consigliere comunale Andrea Berengo durante una visita con l’ex calciatore e amico di Rossi, Giorgio Carrera.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sci, delusione e rabbia a Bolognola
‘Comunicazione stop ultimo minuto ennesima mancanza rispetto’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNOLA (MACERATA)
15 febbraio 2021
12:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“E’ una situazione di profonda delusione e rabbia. La comunicazione all’ultimo minuto di non poter riaprire gli impianti sciistici è stata l’ennesima mancanza di rispetto verso il nostro mondo e il nostro lavoro”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ quanto dice Francesco Cangiotti, direttore della stazione di Bolognola, in provincia di Macerata, che oggi avrebbe dovuto riaprire al pubblico le proprie piste, ma che invece si ritrova, come tutti gli impianti italiani, a restare ancora chiusa per l’emergenza covid. “Ma non si capisce il perché – aggiunge Cangiotti -. Senza entrare nel merito della decisione del Comitato Tecnico Scientifico, quello che non accettiamo è la non coerenza delle decisioni. A livello di diffusione dei contagi in sette giorni non è cambiato nulla, allora perché comunicarci la possibilità di riaprire e dopo una settimana toglierci la possibilità di tornare a lavorare?”, si chiede il direttore. Che evidenzia il danno economico causato da questa decisione: “Riaprire gli impianti sciistici non è girare una semplice chiave e tutto riparte – sottolinea -. Noi abbiamo dovuto affrontare delle spese, come ad esempio acquistare dei software per la vendita on line degli ski pass, ma abbiamo anche provveduto all’innevamento e adeguato le strutture alle misure anti coronavirus”. “Abbiamo speso almeno 50mila euro, una cifra che va aggravare la già difficile situazione economica a cui dobbiamo far fronte”, sottolinea il direttore. “Danno economico causato anche all’indotto che gira attorno agli impianti – dice ancora Cangiotti -. Si dice no allo sci, che è uno sport individuale e all’aria aperta e poi si permette, tanto per fare un esempio, ai centri commerciali di restare aperti, si fa molta fatica ad accettare certe decisioni”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: test ai camionisti, a Tarvisio nessuna coda
Né aumento flusso mezzi pesanti deviati in Friuli Venezia Giulia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TARVISIO
15 febbraio 2021
13:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La necessità di presentare al confine, da parte degli autotrasportatori in transito, un tampone negativo Pcr o antigenico, effettuato nelle 48 ore precedenti, non sta per il momento provocando problemi al valico autostradale di Tarvisio (Udine), dove la viabilità si presenta assolutamente regolare. Lo si apprende dal Centro di cooperazione internazionale di Polizia di Thörl Maglern.

Per il momento, non si registra nemmeno un aumento del flusso di mezzi pesanti deviati in Friuli Venezia Giulia dopo che al Brennero si sono formate code per oltre 40 chilometri. Non si esclude, però, che nelle prossime ore possano verificarsi ripercussioni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gelo in Abruzzo, -14,3 a Campo Imperatore
Rilevazioni rete monitoraggio ‘Caput Frigoris’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’AQUILA
15 febbraio 2021
13:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Permane l’ondata di gelo in Abruzzo con le temperature minime basse: a Campo Imperatore, a 2.132 metri di quota, la scorsa notte e’ stata registrata la minima di -14,3 gradi. I rilevamenti sono segnalati dalla rete di monitoraggio dell’associazione meteo Aq Caput Frigoris.

Da registrare anche i -13,0 gradi sul Monte Genzana a 1.980 metri di quota, i -12,9 gradi ai Piani di Pezza (1.450 metri di quota) sul massiccio del Sirente-Velino e alla Majelletta-Blockhaus (2.003 mt di quota); poi i -10,2 di Campo Felice (1.538 metri), -10,1 gradi a Passo Godi (1.560 metri di quota), -9,9 a Montereale (983 metri), -9,4 gradi sull’Altopiano delle Cinque Miglia (1.250 metri di quota), -9,2 al Rifugio Il Ceppo (1.334 metri di quota) e i -9,0 di Prati di Tivo (1.450 mt).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Veneto, aumento contagi ai minimi, +241 in 24 ore
Sono 11 i decessi, possibile effetto ‘fine settimana’ sui dati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
15 febbraio 2021
13:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dati dei nuovi contagi Covid ai minimi in Veneto quest’oggi, con soli 241 casi di positività nelle ultime 24 ore, e 11 decessi. Numeri che potrebbero scontare un ritardo nelle elaborazioni, come accaduto spesso nei fine settimana.
Il totale degli infetti, dall’inizio dell’epidemia, sale a 321.716, quello delle vittime a 9.509. Si attenua il trend di discesa nei reparti ospedalieri: in area non critica sono ricoverati 1.433 pazienti Covid (-5), nelle terapie intensive 148 (-3). I soggetti attualmente positivi al virus sono 24.810 (-4).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Strage di Bologna, Paolo Bellini a giudizio
Richesta era stata avanzata dalla Procura generale di Bologna
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
15 febbraio 2021
14:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il gup del Tribunale di Bologna, Alberto Gamberini, ha rinviato a giudizio l’ex Avanguardia Nazionale Paolo Bellini, accusato di essere uno degli autori della strage della stazione di Bologna del 2 agosto 1980, in concorso con i Nar condannati e con Licio Gelli, Umberto Ortolani, Federico Umberto D’Amato e Mario Tedeschi, deceduti e ritenuti mandanti, finanziatori o organizzatori. A processo anche l’ex carabiniere Piergiorgio Segatel, per depistaggio, e Domenico Catracchia, amministratore di condominio di immobili in via Gradoli a Roma per false informazioni al pm al fine di sviare le indagini.
Il processo comincerà il 16 aprile.
La richiesta di rinvio a giudizio era stata avanzata dalla Procura generale di Bologna, che ha avocato a sé l’inchiesta sul filone dei ‘mandanti’, rappresentata dall’avvocato generale Alberto Candi e dai sostituti pg Nicola Proto e Umberto Palma.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: in Lombardia 5.225 adesioni online, 100mila in coda
A un’ora dall’apertura delle adesioni per over 80
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 febbraio 2021
14:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Alle 14, dunque a un’ora dall’apertura delle adesioni alla vaccinazione anticovid per gli over 80, sono 5.225 le adesioni effettuate al portale realizzato da Regione Lombardia vaccinazionicovid.servizirl.it, dove erano in fila 101.100 utenti.
Sono invece state 587 le adesioni fatte in farmacia e 39 quelle ai medici di famiglia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Clochard aggrediti e rapinati nel sonno a stazione Firenze
Feriti con cacciavite e rasoio. Due rapinatori arrestati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
15 febbraio 2021
14:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Clochard aggrediti e rapinati la notte scorsa a Firenze da due uomini, poi arrestati nelle vicinanze, mentre dormivano fuori dalla stazione ferroviaria di Santa Maria Novella. Due degli aggressori sono stati arrestati dalla polizia, un terzo sarebbe riuscito a fuggire.
Uno dei senzatetto, 50enne italiano, è stato ferito con un rasoio alla testa e a una mano, e ha riportato una prognosi di 10 giorni.
Secondo quanto riferito, i malviventi si sarebbero avvicinati a tre clochard e li avrebbero spintonati, portando loro via telefoni cellulari e uno zaino. Inoltre avrebbero derubato un’altra senzatetto, portandole via una valigia trolley senza che lei si accorgesse di nulla.
I due aggressori, di 22 e 24 anni, marocchini, sono stati rintracciati poco dopo dagli agenti della squadra volante del 113 nei pressi di una fermata della tramvia, in zona Fortezza da Basso. Con loro avevano ancora la refurtiva.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini:inaugurato nuovo hub a Auditorium Roma,10 postazioni
Zingaretti,simbolo rinascita. Somministrate 176 dosi a over 80
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
15 febbraio 2021
15:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Inaugurato il nuovo hub per la vaccinazione anti-Covid allestito dalla Asl Roma 1 all’Auditorium – Parco della Musica. All’interno 10 postazioni vaccinali e due postazioni dedicate alla preparazione e diluizione del vaccino.
Il centro vaccinale ha somministrato nella sua giornata di apertura il vaccino Moderna a 176 persone, con prenotazione effettuata su piattaforma regionale. Presenti all’inaugurazione il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti e l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato.
“Iniziare la campagna vaccinale per uomini e donne over 80enni dà speranza – ha detto Zingaretti – L’Italia ha bisogno di due cose: fermare la pandemia e riaccendere i motori dell’economia. Entrambi gli obiettivi si raggiungono attraverso il successo della campagna vaccinale. Noi – ha proseguito – stiamo facendo la nostra parte. Nel Lazio stiamo aprendo sei grandi hub vaccinali. Grazie all’Auditorium che, in un momento buio come quello che stiamo vivendo, è diventato un simbolo di rinascita e di rivolta. Posizionare hub in alcuni centri pulsanti della città vuol dire che ci stiamo riprendendo la vita”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid-Test per camionisti al Brennero, niente code tir per obbligo tampone in Austria
Funziona filtraggio lungo A22, Alpini allestiscono drive through
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
16 febbraio 2021
10:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Non si segnalano code al Brennero a causa dell’obbligo di tampone negativo per i camionisti, diretti in Austria. Sta infatti funzionando il filtraggio della polizia stradale ai caselli stradali lungo l’autostrada del Brennero.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I camionisti possono effettuare i test all’autoporto ‘Sadobre’ a Vipiteno, dove le Truppe Alpine dell’Esercito in giornata – a supporto dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige – attiveranno un drive through della difesa con un ufficiale medico e un infermiere militare. La struttura è stata allestita dal personale delle Truppe Alpine. Tra Nogarole Rocca e Verona Nord si segnalano 4 km di coda per traffico intenso.
Situazione pesante ieri invece per le nuove disposizioni anticontagio-covid. Chi entra in Austria diretto in Germania deve, infatti, presentare un covid-test effettuato nelle 48 ore precedenti. Visto che non tutti ne erano al corrente o si presentavano comunque senza test, sull’Autobrennero si sono formate code e rallentamenti da Bressanone al Brennero. Per poter effettuare i test rapidi al Brennero sono state istituite delle postazioni, che comunque hanno rallentato il traffico, tant’è che sull’A22 in direzione nord durante la mattina sono transitati circa 40-50 veicoli all’ora, mentre in direzione sud erano 300-400. “Tamponi al Brennero: si applichi il principio di reciprocità”, così il presidente di Conftrasporto-Confcommercio Paolo Uggè al neoministro dei Trasporti Enrico Giovannini e al presidente del Consiglio Mario Draghi, ai quali la Confederazione ha scritto una lettera. “Anche l’Italia faccia i tamponi ai conducenti provenienti dalla Germania e dall’Austria, disponendo unità mobili di controllo. Se gli autisti italiani vengono considerati portatori di virus, non si vede perché il principio non debba valere per tutti”, così Uggè che chiede che il Governo investa subito della questione le autorità Ue. Comunque per impedire il blocco della circolazione al passo del Brennero, Autostrada del Brennero – d’intesa con il Ministero dei Trasporti, il Commissariato del Governo di Bolzano, la Polizia Stradale e Viabilità Italia che sta coordinando le operazioni – ha disposto un’azione di filtraggio alla stazione autostradale di Verona nord, in modo da evitare che i viaggiatori diretti in Austria, ignari delle disposizioni si trovino bloccati al confine.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: malati sotto quota 400 mila,meno test e meno positivi
I morti sono 258,più di ieri, scende tasso. Aumentano ricoverati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
17:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Calano i positivi, ma aumentano le vittime per il Covid-19 in Italia nelle ultime 24 ore, a fronte del consueto calo dei test della domenica (oltre 26 mila in meno rispetto a sabato). Per la prima volta dal 2 novembre gli ‘attualmente positivi’ – i malati, gli infetti dal coronavirus – scendono sotto quota 400 mila.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 7.351 i positivi registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 11.068. Le vittime odierne sono invece 258, mentre ieri erano state 221.
Sono stati 179.278 i test (molecolari e antigenici) effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, ieri erano stati 205.642. Il tasso di positività scende al 4,1%, a fronte del 5,3% di ieri (-1,2% in 24 ore).
Aumentano invece leggermente i pazienti in terapia intensiva e nei reparti ospedalieri ordinari. Sono 2.089 i ricoverati in rianimazione, con un saldo giornaliero di 4 unità in più tra ingressi e uscite. Gli ingressi giornalieri in terapia intensiva sono stati 122. I ricoverati con sintomi sono ora 18.515, con un aumento di 66 unità.
I casi totali da inizio epidemia sono ora 2.729.223, i morti 93.835.
Gli attualmente positivi sono ora 398.098 (-4.685 nelle ultime 24 ore), i guariti e dimessi 2.237.290 (+11.771), in isolamento domiciliare ci sono 377.494 persone (-4.755).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sen. Pillon assolto da accusa diffamazione a circolo gay
Da giudici appello, in primo grado era stato condannato a multa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
15 febbraio 2021
18:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Corte d’appello di Perugia ha assolto “perché il fatto non costituisce reato” l’avvocato Simone Pillon, quale consigliere nazionale del Forum associazioni familiari, per diffamazione nei confronti del circolo gay Omphalos per alcune affermazioni con le quali aveva commentato (quando ancora non era senatore della Lega) una loro iniziativa nelle scuole. Fatti per i quali in primo grado era stato condannato a 1.500 euro di multa (pena sospesa).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I giudici d’appello hanno così accolto il ricorso presentato dai difensori di Pillon, gli avvocati Laura Modena, Stefano Forzani e Massimiliano Sirchi. In primo grado, il giudice unico di Perugia aveva disposto per Pillon anche il risarcimento, da liquidarsi in sede civile, nei confronti dello stesso circolo e di un attivista, con una provvisione complessiva di 30 mila euro, al pagamento della quale il giudice ha subordinato la sospensione della pena. Somma già versata dal senatore della Lega che ora – si è appreso dai suoi legali – potrà chiedere indietro. Pillon è stato processato per quanto detto come consigliere nazionale del Forum delle associazioni familiari in tre incontri, tutti nel 2014: ad Assisi e Bastia Umbra, a giugno, a San Marino, ad agosto, e ad Ascoli Piceno, a novembre.
Quando cioè non era ancora senatore. In particolare Pillon era accusato di avere offeso la reputazione di Omphalos e dei suoi membri “diffondendo notizie non corrispondenti al vero sull’attività di informazione e di prevenzione delle malattie venere svolte dall’associazione, attribuendole iniziative e messaggi distorti rispetto al loro effettivo contenuto”.
“La formula con la quale il sen. Pillon è stato assolto – ha detto l’avvocato Laura Modena – ci fa ritenere che sia stata riconosciuta la tesi che abbiamo sempre sostenuto. Quella cioè che si sia trattato di un legittimo diritto di critica”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini:infermiere,con pianoforte rallegro anziani in attesa
Bacoli,in Casina Vanvitelliana del lago Fusaro musica napoletana
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BACOLI (NAPOLI)
15 febbraio 2021
18:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La presenza di un pianoforte nella sala di attesa per le vaccinazioni e la mia passione smisurata per la musica hanno generato un sorprendente apprezzamento da parte di tutti”. Così Antonio Barracano – un nome che richiama quello del famoso personaggio di Eduardo De Filippo, ‘Il sindaco del Rione Sanità’ – infermiere della Asl Napoli 2 Nord che a Bacoli (Napoli) allieta da qualche giorno l’attesa degli ultraottantenni per ricevere la dose di vaccino contro il Covid nella Sala Ostrichina della Casina Vanvitelliana nel Lago Fusaro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Spiega Barracano: “L’idea è nata per caso con un mio collega.
Un pianoforte che sembrava abbandonato e che ho accordato ci permette di non rendere pesanti le attese degli anziani, soprattutto tra una sessione e la successiva. Io approfitto della pausa di dieci minuti e propongo un repertorio tutto di musica napoletana”. Il successo è stato pieno. Non solo da parte dei pazienti. Hanno gradito anche il sindaco di Bacoli, Josi Gerardo Della Ragione ed i vertici dell’Asl flegrea. Barracano, già responsabile del Centro diabetologico di Pozzuoli, Bacoli e Monte di Procida, nell’emergenza Covid ha già operato per effettuare i tamponi con turni massacranti di sette giorni affrontati sempre con l’innata allegria che lo accompagna.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Imprenditore ucciso: Cassazione conferma ergastolo al cugino
Come mandante dell’omicidio. Il killer non è mai stato scoperto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAMAIORE (LUCCA)
15 febbraio 2021
18:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Corte di Cassazione ha confermato l’ergastolo per Roberto Romanini, 69 anni, riconosciuto come il mandante dell’omicidio del cugino Stefano Romanini, 47enne ucciso a colpi di pistola davanti alla sua abitazione di Camaiore (Lucca) l’8 febbraio 2011. Si chiude così definitivamente il processo per l’omicidio senza che, al termine della indagini condotte dalla squadra anticrimine del commissariato di Viareggio e della questura di Lucca, siano riuscite a dare un volto e un nome al killer che materialmente sparò per uccidere Stefano Romanini.
La moglie vide fuggire l’assassino la mattina dell’omicidio sotto casa pochi istanti dopo l’uccisione del marito. Per i giudici quella mano fu ‘armata’ da Roberto Romanini, cugino della vittima con il quale i rapporti erano diventati pessimi dopo essere stati soci in lavoro. L’accusa ritiene che Roberto Romanini pagò il killer. La Cassazione oggi ha messo la parola fine al processo ritenendo inammissibile il ricorso della difesa. Roberto Romanini era stato condannato all’ergastolo sia in primo che in secondo grado.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Omicidio a Crotone, assolto in appello presunto responsabile
In primo grado Gianluigi Foschini era stato condannato a 30 anni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
15 febbraio 2021
18:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Corte d’assise d’Appello di Catanzaro ha assolto dall’accusa di omicidio Gianluigi Foschini, 27 anni di Crotone, ribaltando la decisione dei giudici di primo grado che avevano condannato il giovane a 30 anni di reclusione.
Foschini era accusato dell’omicidio di Francesco Macrì, di 73 anni, ucciso in un agguato in strada a Crotone l’11 agosto del 2014.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’uccisione di Macrì, secondo l’accusa, sarebbe stato da inquadrare nella guerra tra le cosche crotonesi. Gianluigi Foschini era stato arrestato, su disposizione della Dda di Catanzaro, il 16 gennaio del 2018 dalla squadra Mobile di Crotone.
Alla base dell’arresto anche un’intercettazione nella sala d’attesa della Questura di Crotone in cui Vittorio Foschini, fratello di Gianluigi, gli chiede se avessero usato il cappuccio. Una frase che per gli inquirenti rivelava che Vittorio Foschini fosse a conoscenza che il fratello avesse preso parte all’agguato contro Macrì.
I difensori di Gianluigi Foschini, gli avvocati Aldo Truncè e Francesco Gambardella, hanno ottenuto dalla Corte d’Assise d’Appello la riapertura dell’istruttoria dibattimentale proprio riguardo alla difficile comprensione di quella frase, che era la prova più importante a carico di Vittorio Foschini. La consulenza di un perito ha confermato la tesi degli avvocati della difesa, secondo cui che quella registrazione non permetteva di comprendere le parole pronunciate. Da qui la sentenza di assoluzione di Foschini, che é stato così rimesso in libertà.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uccisa a Montecassiano: figlia e nipote non rispondono a gip
Entrambi sono stati arrestati il 12 febbraiO
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
15 febbraio 2021
18:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Come avevano fatto già in precedenza davanti agli inquirenti, hanno scelto ancora di non rispondere alle domande, questa volta del gip di Macerata Giovanni Maria Manzoni, Arianna Orazi, 49 anni, e il figlio Enea Simonetti, 20 anni. Entrambi sono stati arrestati il 12 febbraio scorso con l’accusa di aver concorso nell’omicidio premeditato pluriaggravato (minorata difesa) di Rosina Carsetti, 78enni, madre di Arianna e nonna delle 20enne, in concorso con il marito di lei Enrico Orazi, 79 anni, indagato in libertà.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’anziana era stata strozzata in casa tra le 17 e le 17.20 della scorsa vigilia di Natale.
I familiari avevano raccontato di una rapina finita in tragedia commessa da un rapinatore solitario, poi scappato; l’accusa non ha mai creduto a questa versione dei fatti e, tra ammissioni parziali del giovane, intercettazioni e altri accertamenti tecnici, ha chiesto e ottenuto le misure cautelari per due dei tre indagati accusati anche di simulazione di reato, maltrattamenti e di estorsione. Dietro l’omicidio, sostiene l’accusa, una difficile convivenza tra Rosina, che il 19 dicembre aveva anche chiesto aiuto a un centro anti-violenza, e gli altri familiari, rapporti deteriorati anche per motivi economici.
Per l’interrogatorio di garanzia, la Orazi, ora in carcere a Villa Fastiggi di Pesaro, è stata portata in Tribunale a Macerata. Assistita dai propri legali, si è avvalsa della facoltà di non rispondere. Stessa scelta da parte del figlio che, in videocollegamento dal carcere di Montacuto (Ancona), è rimasto anche lui in silenzio. Enrico Orazi, non sottoposto a misure cautelari, si trova invece in un albergo. La villetta di via Pertini, luogo del delitto, è ancora sotto sequestro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel 2020 70kg ciottoli e 12kg sabbia rubate da nord Sardegna
Bilancio Agenzia dogane su sequestri in scali Alghero e Olbia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SASSARI
15 febbraio 2021
19:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Anche in piena pandemia i turisti in partenza dalla Sardegna non hanno rinunciato a rubare ciottoli, sabbia e conchiglie dalle spiagge dell’isola come “souvenir” delle vacanze. Nei soli due aeroporti del nord Sardegna, quello di Alghero e quello di Olbia, i funzionari dell’Agenzia dogane e monopoli, in collaborazione con la Guardia di finanza e la Polizia di frontiera, sono riusciti a sventare numerosi furti, scoprendo fra i bagagli dei viaggiatori un totale di 70kg di ciottoli, 12 kg di sabbia e varie conchiglie.

Quasi tutti i passeggeri fermati e sanzionati con una multa da 500 a 3mila euro, hanno dichiarato di ignorare le norme che vietano di prelevare sabbia e altro dalle spiagge sarde.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sci: Fedriga, stop causa danni per 500mln nel solo Fvg
Governatore contesta tempi e metodi. Ora indennizzi subito
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
16 febbraio 2021
08:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ammontano complessivamente a circa 500 milioni di euro soltanto per il Friuli Venezia Giulia i danni diretti e indiretti causati dall’ordinanza che ha bloccato l’attività sciistica”. Lo ha detto il presidente della Regione Fvg, Massimiliano Fedriga, intervenendo questa mattina alla trasmissione radiofonica Radio Anch’io.

Fedriga, all’obiezione che la scelta sia stata fatta a causa delle varianti del Covid-19 ha riposto che “lo studio sulle varianti è stato fatto su dati del 3 e 4 febbraio e dunque era noto già ad inizio settimana, non la domenica alle 19”. Fedriga ha anche criticato il fatto che la decisione di non riaprire gli impianti sia stata appresa “tramite comunicato stampa”.
Domenica, però, “gli operatori e le attività avevano già fatto gli ordinativi ed erano pronti ad aprire”. Dunque il Governatore “contesta i tempi e i metodi”, ed ha citato il caso del blocco dello spostamento tra regioni, “che era stato deciso – su proposta delle regioni stesse – già giorni prima”. Fedriga ha infine chiesto “indennizzi immediati alle attività”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mina Settembre chiude volando, si guarda al sequel
Fiction con Serena Rossi ha stregato il pubblico superando 6 mln
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
18:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mina Settembre, la serie tv molto liberamente ispirata ai romanzi di Maurizio de Giovanni con protagonista Serena Rossi, Giuseppe Zeno e Giorgio Pasotti, con la regia di Tiziana Aristarco, si è conclusa trionfando negli ascolti anche negli ultimi due episodi, con un finale aperto che guarda a una seconda stagione. Sono stati infatti 6.546.000 gli spettatori incollati davanti a Rai1 nella sera di San Valentino, pari al 26.4% di share.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una fiction che ha dominato la prima serata sulla rete ammiraglia dalla prima all’ultima puntata. A mandare in estasi i fan dell’attrice partenopea e chi ha seguito la serie con apprensione, il messaggio pubblicato da Serena Rossi sui social: “E ora si va avanti”, con un emoticon col cuore rosso e l’hashtag #minasettembre. Serena Rossi, che nella fiction interpreta l’assistente sociale psicologa che si aggira tra i vicoli del Rione Sanità a Napoli per aiutare le persone in difficoltà senza mai risparmiarsi, così ha salutato il pubblico all’indomani dell’ultima puntata della serie che la conferma ancora una volta beniamina dell’Auditel. I fan lo chiedono a gran voce, del resto la prima ad accendere una luce dire su una seconda parte era stata la regista già durante la conferenza stampa di presentazione: “Tutti noi saremmo felicissimi di poter iniziare a girare una seconda serie, anche in tempi brevi, lo speriamo tutti” aveva detto Tiziana Aristarco. E ora? Serena Rossi è attesa a breve ne La Canzone Segreta, il nuovo show di Rai1, fra la musica e l’emozione.
Parole di soddisfazione intanto per Mina Settembre da Fulvio e Paola Lucisano che con IIF hanno prodotto la serie in collaborazione con Rai Fiction. “Siamo felici di questo successo – ha sottolineato in particolare Paola Lucisano – che ci ripaga dagli sforzi fatti in questo periodo di pandemia.
Ringrazio Napoli e la Campania e soprattutto Rai Fiction per aver creduto nel progetto”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Michielin-Fedez, vincere Sanremo? Vogliamo solo divertirci
Saranno in gara con Chiamami per nome, “pregiudizi non servono”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
14:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Vincitori annunciati? Macché, noi andiamo per goderci il nostro Sanremo e per divertirci”.
Francesca Michielin e Fedez, in coppia al Festival di Sanremo con il brano “Chiamami per Nome”, non vogliono farsi condizionare dalle aspettative e dai pronostici a scatola chiusa della vigilia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“I pregiudizi, nel bene o nel male, non hanno senso”, dicono.
Il brano, scritto da loro due con Davide Simonetta, Alessandro Mahmoud, Alessandro Raina e prodotto da d.whale, segna il ritorno insieme dei due artisti dopo i successi di Magnifico e Cigno Nero.
Per Francesca, che già ha partecipato al Festival arrivando seconda nel 2016 (e partecipando all’Eurovision Song Contest), è un ritorno all’Ariston, per Federico (nome all’anagrafe di Fedez) è una prima volta. “E una certa ansietta ce l’ho, ma ho scelto la terapia d’urto”, ammette.
Per Fedez nessun progetto discografico all’orizzonte (“non volevo nessun tipo di corollario rispetto al festival e non so cosa verrà dopo, mi godo il percorso”), mentre Francesca pubblicherà il 5 marzo Feat. fuori dagli spazi, una sorta di riedizione dell’album (“un progetto collettivo, concepito a capitoli”) uscito a inizio pandemia. “Dal 25 febbraio, poi, giorno del mio compleanno, esce il mio primo podcast: ci interrogheremo sulle donne e sulle loro battaglie oggi”.
I due sono stati protagonisti anche dell’immancabile polemica pre-festival, con la pubblicazione sui profili social di Fedez di 10 secondi di canzone, per la quale hanno rischiato la squalifica. “Non mi sono arrabbiata e ritengo una cattiveria dire che è stato fatto per far parlare di noi”, è l’assoluzione della cantante.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Strega, Barzini e Caminito tra 10 nuove proposte
Le segnalazioni si possono inviare fino al 5 marzo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
12:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono dieci le nuove proposte della storica giuria degli Amici della Domenica, tra cui figurano Andrea Barzini, Maria Grazia Calandrone e Giulia Caminito, per il Premio Strega 2021, pubblicate il 15 febbraio sul sito http://www.premiostrega.it. Salgono così a 25 i titoli finora segnalati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ecco il terzo gruppo di libri proposti: Andrea Barzini, Il fratello minore’ (Solferino), proposto da Maria Ida Gaeta; Maria Grazia Calandrone, ‘Splendi come vita’ (Ponte alle Grazie), proposto da Franco Buffoni; Giulia Caminito,’L’acqua del lago non è mai dolce’ (Bompiani), proposto da Giuseppe Montesano; Alessandro Carlini, ‘Gli sciacalli’ (Newton Compton), proposto da Paolo Ruffilli; Stefano Corbetta, ‘La forma del silenzio’ (Ponte alle Grazie), proposto da Lorenza Foschini; Massimo de Angelis ‘L’uomo con il turbante'(Rubbettino), proposto da Marcello Ciccaglioni;’Il popolo di mezzo’ (Piemme) di Mimmo Gangemi , proposto da Raffaele Nigro; ‘Dopo la pioggia’ (Edizioni E/O) di Chiara Mezzalama , proposto da Jhumpa Lahiri; Daniele Petruccioli, ‘La casa delle madri’ (TerraRossa), proposto da Elena Stancanelli e Daniele Rielli, ‘Odio’ (Mondadori), proposto da Antonio Monda.
C’è tempo fino al 5 marzo per inviare le proposte. L’annuncio della dozzina sarà il 22 marzo, il 10 giugno sarà votata la cinquina e l’8 luglio ci sarà la serata finale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Collective, docu romeno sulla corruzione che guarda a Oscar
Premiato a Efa e da critici Usa. Da 18/2 arriva su Iwonderfull
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
09:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dal debutto mondiale, nel 2019, alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, Collective (Colectiv) il documentario di Alexander Nanau che segue, con il ritmo di un thriller, un team di giornalisti in Romania nell’indagine su uno scandalo nazionale, si è costruito un percorso trionfale. Il film non fiction, in arrivo dal 18 febbraio sulla piattaforma IWonderfull, ha vinto nel 2020 vari premi nei festival internazionali, compreso quello come miglior documentario europeo agli Efa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato designato come candidato romeno nella corsa per il miglior film internazionale, ed ha ottime chance di nomination dopo che il 9 febbraio ha superato il primo step entrando nella short list sia per il miglior film straniero che per il miglior documentario.
Ha conquistato intanto i critici Usa (ha il 99% di recensioni positive sull’aggregatore Rotten Tomatoes): la Boston Society of Film Critics, il San Francisco Bay Area Film Critics Circle e la St. Louis Film Critics Association lo hanno premiato come miglior documentario, mentre la National Society of Film Critics come miglior film straniero.
Al centro del film i fatti avvenuti nell’ottobre 2015, quando un grave incendio scoppiato al Club Colectiv di Bucarest (che non era a norma), durante un concerto, causa 27 morti e 180 feriti, ma di questi altri 33 ne moriranno nei giorni, e a volte nelle settimane successive negli ospedali. Una tragedia nazionale dovuta a una rete di corruzione, incompetenze e silenzi nella società e nella politica romena (il Ministro della salute, per lo scandalo, è stato costretto a dimettersi) che viene scoperto da un team di giornalisti investigativi guidato da Catalin Tolontan. Il loro straordinario lavoro d’inchiesta è stato seguito passo passo da Alexander Nanau, che ha iniziato il 2021 rifiutando la medaglia al Merito culturale assegnatagli dal presidente romeno Klaus Iohannis: un gesto di protesta del regista contro il mancato sostegno dell’industria cinematografica del Paese colpita dalla pandemia.
“Quanto accaduto al Colectiv mi sembrava riguardasse tutta la nazione – ha spiegato il cineasta tedesco- romeno -. Ci si stava rendendo conto che la corruzione non e’ solo un giro di soldi ma può uccidere. Catalin stava indagando su cosa stesse succedendo negli ospedali (dove non si era in grado di trattare gli ustionati, inoltre molte delle strutture erano contaminate da infezioni batteriche, poi contratte e diventate letali per alcuni pazienti, ndr) e io volevo seguire cosa stesse scoprendo”. All’inizio però “Catalin non si fidava di me, credeva fossi dell’intelligence e volessi spiarlo”.
Tra i protagonisti del film non fiction anche Camela Roiu, anestesista, fra i primi a rivelare cosa stesse succedendo negli ospedali; Tedy Ursuleanu che è fra i sopravvissuti all’incendio, per quanto ne porti i segni e Narcis Hogea, padre di una delle vittime poi morte in ospedale.
“In effetti nelle prime settimane eravamo quasi ostili all’idea del documentario – ha detto Tolontan -. Ma poi abbiamo lavorato per un anno insieme ad Alexander e avevamo bisogno di parlare. Non siamo supereroi, siamo giornalisti che lavorano duramente ogni giorno. Nel mio Paese c’era una parte della stampa condizionata dal governo e una più libera, ed è quella che viene raccontata dal film”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Carlo e Renzo Piano, alla ricerca di Atlantide
In libreria, viaggio per mare e architetture dedicato ai ragazzi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
09:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CARLO E RENZO PIANO, ‘ALLA RICERCA DI ATLANTIDE. VIAGGIO NELL’ARCHITETTURA PER RAGAZZI SOGNATORI’ (FELTRINELLI, PP.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
168, 18,00 EURO) “L’architetto? Da papà, ci ha sempre raccontato tante storie, sui suoi viaggi, sui progetti. Ma da nonno, beh, è un’altra cosa”. Sorride Carlo Piano, giornalista e scrittore.
“L’architetto”, come lo chiama, è suo padre Renzo Piano, l’archistar mondiale, senatore a vita dal 2013, vincitore del Pritzker (praticamente il Nobel dell’architettura), ma soprattutto firma di grandiose opere in tutto il mondo, dal grattacielo Shard a Londra all’Aeroporto del Kansai a Osaka, il Postdamer Platz a Berlino e il nuovo Tribunale di Parigi, fino all’Auditorium Parco della musica a Roma e il viadotto San Giorgio inaugurato lo scorso agosto nella sua Genova ferita dalla tragedia del crollo del ponte Morandi. Ma Renzo Piano è anche il nonno di sua figlia Elsa, tredicenne piena di curiosità e appassionata di storie, che non vede l’ora di ascoltare dal nonno.
Dopo “Atlantide. Viaggio alla ricerca della bellezza” di due anni fa, padre e figlio tornano ora a firmare un libro insieme, “Alla ricerca di Atlantide. Viaggio nell’architettura per ragazzi sognatori”, in libreria dal 18 febbraio, versione junior di quel primo esperimento, con le illustrazioni a colori di Tommaso Vidus Rosin.
Un viaggio che Carlo immagina compiuto dal padre e dalla figlia alla ricerca della mitica Atlantide, al via dal porto di Genova in una giornata di fine estate. A guidarli, il sogno di trovare quella città perfetta, ambizione di ogni architetto, facendo tappa nei luoghi in cui nonno Renzo ha costruito nel mondo le sue opere.
“Papà ha un’agenda fittissima – racconta Carlo – ma il tempo per le nipoti lo trova. Credo anche che in questo momento della sua vita e della sua carriera, trasmettere ciò che ha visto e conosciuto sia un punto fondamentale. Lui è per la bottega, non è un accademico. L’idea di questo libro – aggiunge – mi è venuta riflettendo sul fatto che lui ha costruito grattacieli, centri culturali, musei, ma alla fine la sua più grande passione sono sempre stati i castelli di sabbia. Li faceva a Peglie, il quartiere della Genova di Ponente dove è nato. E li ha insegnati a tutti noi, figli e nipoti (nel libro, un’accurata descrizione per tirar su il miglior castello di sabbia firmata Piano senior, ndr). Da lì è nata la sua passione per il costruire, che poi è una passione ancestrale. Si, io ho preso un’altra strada, ma in fondo anche far nascere qualcosa dalla pagina bianca, che sia un articolo di giornale piuttosto che un libro o un film, è un po’ costruire”.
E così pronti, si salpa, in giro per il mondo, per mare, perché “i viaggi in barca sono diversi: si abbassa la voce, si alzano gli occhi al cielo e si confessano cose che sulla terra ferma non si dicono. Per nonno Renzo – dice ancora Carlo Piano – è anche un’occasione per confessare qualche errore o rimorso.
Quello dell’architetto è davvero un mestiere avventuroso, in senso fisico – prosegue – Basti pensare che mentre costruivano l’aeroporto di Osaka sono scampati a 36 terremoti. In Nuova Caledonia, durante il cantiere per il centro culturale Jean-Marie Tjibaou di Noumea, hanno affrontato tifoni da 200 chilometri orari. A New York c’è stato l’uragano Sandy. A Berlino le bombe inesplose. Ma la vita di cantiere, lo raccontiamo nel libro, azzera rapporti e distanze. Si lavora tutti per un unico obbiettivo”.
In ogni capitolo, aneddoti e curiosità, oltre a nozioni marinaresche di venti, onde, stelle, ancoraggi, naufragi scampati. E la posizione di tutti i luoghi in cui gli studiosi nei secoli hanno collocato la mitica Atlantide. “E’ la grande metafora della Bellezza, che rende le persone e i luoghi migliori – riflette ancora l’autore – Ma la vera bellezza è quella legata al bisogno. Un ponte è bello perché serve e funziona. Altri progetti insieme a papà? Per ora mi bastano questi – sorride – Per un giornalista gli architetti sono un incubo: mettono tutto in discussione, ultra perfezionisti e abituati a progetti che durano decenni”. Meglio, per ora, godersi il viaggio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Fondazione Hume, per l’immunità di gregge dobbiamo aspettare aprile 2024
Il valore del DQP è peggiorato rispetto a quello della settimana scorsa (immunità di gregge a giugno 2023)
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 febbraio 2021
16:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le autorità politiche e sanitarie, in particolare il ministro Roberto Speranza e la sottosegretaria Sandra Zampa, hanno ripetutamente dichiarato che la campagna di vaccinazione serve a raggiungere la cosiddetta immunità di gregge.
Per “immunità di gregge” si intende una situazione nella quale ci sono abbastanza persone vaccinate (e non in grado di trasmettere il virus) da portare la velocità di trasmissione del virus (Rt) al di sotto di 1, con conseguente progressiva estinzione dell’epidemia.
Ma quante settimane occorreranno per vaccinare un numero di italiani sufficiente a raggiungere l’immunità di gregge? A rispondere a questa domanda provvede l’indice DQP (acronimo di: Di Questo Passo), che stima il numero di settimane che sarebbero ancora necessarie se – in futuro– le vaccinazioni dovessero procedere “di questo passo”. All’inizio della settima settimana del 2021 (lunedì mattina, 15 febbraio) il valore di DQP è pari a 165 settimane, il che corrisponde al raggiungimento dell’immunità di gregge non prima del mese di aprile del 2024.
Il valore del DQP è peggiorato rispetto a quello della settimana scorsa (immunità di gregge a giugno 2023).
Per raggiungere gli obiettivi enunciati dalle autorità sanitarie (immunità di gregge entro settembre-ottobre 2021), il numero di vaccinazioni settimanale dovrebbe essere circa il quadruplo di quello attuale (2 milioni la settimana, anziché 500 mila).
In mancanza di dati aggiornati, i dati regionali mancanti sono stati stimati in base alle variazioni settimanali medie degli ultimi sette giorni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Morto Johnny Pacheco, il padre della salsa
A 85 anni, era stato ricoverato per una polmonite nel New Jersey
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SANTO DOMINGO
16 febbraio 2021
08:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Johnny Pacheco, il musicista di origine dominicana considerato uno dei padri della salsa, è morto all’età di 85 anni nel New Jersey. Lo ha fatto sapere la sua famiglia.
Musicista, compositore e produttore, Pacheco ha fondato l’etichetta Fania Records e la storica band Fania All Stars, di cui hanno fatto parte icone della salsa come Celia Cruz, Hector Lavoe e Willie Colon.
Nato Juan Azarias Pacheco a Santiago de los Caballeros, nel nord della Repubblica Dominicana, il 25 marzo 1935, emigrò a New York da bambino con la sua famiglia. Ha studiato alla Juilliard Arts School e ha iniziato la sua carriera musicale negli anni ’50. È diventato famoso con la sua band Pacheco y Su Charanga. Ha fondato Fania Records nel 1964 con l’avvocato Gerald Masucci. Ha registrato o composto più di 100 canzoni durante la sua carriera, tra cui “El Faisan” e “Quitate tu”.    SPETTACOLI, MUSICA E CULTURA   MONDO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Scuola: presidi, ora molto difficile pensare a rientro 100%
Giannelli, c’è variante inglese molto contagiosa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
09:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sicuramente l’obiettivo è tornare in classe al 100% ma il problema è se sia possibile, tanto più con la variante inglese che sembra molto aggressiva dal punto di vista dei contagi. In questo momento è molto difficile pensare al rientro al 100% ma è certamente un obiettivo di lungo termine, l’anno prossimo dovremmo avere tutta la popolazione scolastica in classe, anche per questo abbiamo chiesto una accelerazione della campagna vaccinale per la scuola”.
Così il presidente dell’Associazione nazionale presidi, Antonello Giannelli, su Sky Tg24.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanità: Nas in sedi guardie mediche, in 1 su 4 irregolarità
Ispezioni in 390 sedi in Italia, denunciati dirigenti Asl
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
09:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Locali inadeguati, farmaci scaduti, assenza totale di misure anti Covid, criticità per la sicurezza degli stessi operatori sanitari: al termine di un’ispezione in 390 sedi di Guardie Mediche in tutta Italia, i Nas hanno riscontrato “criticità strutturali e organizzative” in più di una su quattro.
I problemi sono infatti emersi in 99 sedi ispezionate e hanno portato alla denuncia di 19 persone all’autorità giudiziaria e alla segnalazione di altre 85 alle autorità amministrative e sanitarie regionali. Destinatari dei provvedimenti sia i responsabili dei presidi sanitari sia dirigenti delle Asl locali e personale medico infermieristico.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: presidi, ora molto difficile pensare a rientro 100%
Giannelli, c’è variante inglese molto contagiosa
(2)
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 febbraio 2021
10:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sicuramente l’obiettivo è tornare in classe al 100% ma il problema è se sia possibile, tanto più con la variante inglese che sembra molto aggressiva dal punto di vista dei contagi. In questo momento è molto difficile pensare al rientro al 100% ma è certamente un obiettivo di lungo termine, l’anno prossimo dovremmo avere tutta la popolazione scolastica in classe, anche per questo abbiamo chiesto una accelerazione della campagna vaccinale per la scuola”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Così il presidente dell’Associazione nazionale presidi, Antonello Giannelli, su Sky Tg24.
“Le varianti – sottolinea – si stanno diffondendo nella popolazione, credo si tratti di 1 caso su 5, e quindi bisogna stare attenti, soprattutto nelle aule dove ci sono ragazzi e docenti, ci vuole una rinnovata attenzione che deve essere monitorata”.
“C’è un sentimento diffuso” che riguarda l’efficacia della didattica a distanza “ma dati oggettivi non ci sono: io chiedo che se ne possa occupare l’Invalsi, serve un monitoraggio oggettivo, scientifico, che potrebbe essere di interesse, magari da fare non nell’immediato ma a settembre; un monitoraggio e un piano di recupero sarebbero un buon orizzonte”. “Si attui un piano di recupero mirato, non qualcosa che vada bene per tutti, ma una osservazione di quello che è accaduto, un piano di intervento. L’Invasi è l’Istituto nazionale per la valutazione del sistema di istruzione, è preposto proprio a questo, in passato è stato oggetto di pregiudizio. Non si devono valutare gli studenti ma i test Invalsi sono una sorta di diagnostica, come una tac o una ecografia, sono indispensabili per capire lo stato della scuola come periodicamente andiamo dal medico”.
“Invalsi è contestato per ragioni ideologiche che non condivido”, ha proseguito Giannelli. “E’ chiaro che si può lavorare a un piano di recupero ma abbiamo bisogno di capire dove sono le sacche di povertà, già prima della pandemia c’era un forte divario. Ritengo si debba partire da lì perchè la pandemia ha acuito situazioni che già esistevano. Il tema è capire dove sono le povertà e dove vanno affrontate. La situazione molto differenziata a livello geografico e addirittura di singola classe. Ci sono ragazzi che non sono riusciti a collegarsi con la dad in modo efficace. Serve una rilevazione per capire dove le competenze sono carenti”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sorelline ferite in incidente d’auto, morta la più piccola
Schianto ieri sera nel Vercellese. Erano su auto madre, ferita
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VERCELLI
16 febbraio 2021
10:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Non ce l’ha fatta una delle due sorelline ferite nell’incidente di ieri sera sulla provinciale 11 tra Borgo d’Ale e Tronzano, nel Vercellese. La bimba più piccola, 3 anni e mezzo, è morta subito dopo l’arrivo nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Regina Margherita di Torino; le sue condizioni erano apparse subito gravissime a causa di un profondo trauma cranico, che ne ha provocato l’arresto cardiaco.

La bambina più grande, di 6 anni, è intubata in Rianimazione, sempre all’ospedale infantile Regina Margherita di Torino, con un trauma cranico e addominale. La prognosi è riservata.
Nell’incidente erano rimasti coinvolti anche la mamma delle due piccole e un uomo, entrambi trasportati ieri sera al Sant’Andrea ma non in pericolo di vita.