Aggiornamenti, Notizie, Politica

POLITICA: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Tempo di lettura: 5 minuti

Ultimo aggiornamento 16 Giugno, 2018, 20:42:24 di Maurizio Barra

DALLE 14:32 ALLE 20:38

DI SABATO 16 GIUGNO 2018

Casaleggio, cena con Lanzalone? Era ad un altro tavolo
Poi aggiunge, io non mi occupo di nomine

16 giugno 2018 14:32

“Certo sono andato a una cena l’altro giorno e ho trovato anche Lanzalone ad un altro tavolo e l’ho salutato”. Così Davide Casaleggio intercettato da Repubblica Tv risponde al giornalista che gli chiede se abbia partecipato ad una cena con l’ex presidente di Acea, Luca Lanzalone, e sostenendo tra l’altro di non occuparsi di nomine. “No – dice infatti al giornalista – Io non mi occupo di nomine”.Casaleggio spiega anche di non avere alcuna idea anche dei movimenti di Lanzalone: “No, assolutamente no”, dice aggiungendo di “non aver mai incontrato Parnasi”. Infine, a chi gli chiede se sia preoccupato dell’inchiesta e degli effetti sul M5S, Casaleggio dice di essere “molto fiducioso nel M5S, anche di come gestisce le situazioni problematiche”.

Migranti:de Raho,no Pg ostacolo indagini’Disordine’ in interventi rende difficile contrasto trafficanti

CATANIA16 giugno 201815:21

– CATANIA, 16 GIU – “L’esperienza acquisita nel contrasto al traffico umano è vasta, e le Procure siciliane e del sud Italia sono state in grado di portare avanti indagini particolarmente significative. Quello che rende difficile il contrasto alle organizzazioni che gestiscono il traffico di migranti è il ‘disordine’ negli interventi. Questo determina l’impossibilità di avere appartenenti alla polizia giudiziaria sulle nave che vanno a recuperare i migranti”. Lo ha affermato il procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero de Raho.
Migranti: Minniti, no a ‘pacchia finita’Aquarius azzardo politico e umanitario,non c’è emergenza sbarchi

CATANIA16 giugno 201815:31

– CATANIA, 16 GIU – “Non posso dire a minorenne non accompagnato ‘la pacchia è finita’, non capirebbe, perché non ci può essere cosa più drammatica che lasciare la propria famiglia.
Le migrazioni sono un business? No. Può esserci malaffare? Sì. E tuttavia definire le migrazioni un business significa non aver capito bene quello che abbiamo di fronte. Si può dire, parlando dell’immigrazione, ‘la pacchia è finita?’ No”. Lo ha detto l’ex ministro del Interno Marco Minniti a un convegno su migrazioni a Catania promosso dall’associazione di magistrati Area Dg. Parlando della nave Aquarius di Sos Mediterranee con a bordo personale di medici senza frontiere in viaggio verso Valencia, Minniti ha detto che “considera la vicenda un azzardo politico ed umanitario poiché non c’è una ragione per vietare gli approdi per una questione semplicissima: non c’è una emergenza di sbarchi in questo momento nel nostro Paese”.
Irritazione di Bonafede, su Lanzalone nessuna imposizione Il ministro avrebbe confidato ai suoi che non ci sta a finire nel tritacarne mediatico

16 giugno 201819:30

“Forte irritazione”. E’ questa, a quanto apprendono le Agenzie di Stampa, la reazione del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede di fronte ad alcuni titoli di giornali che parlando di “imposizione”, da parte sua, di Luca Lanzalone al Comune di Roma. Tanto che si starebbero valutando, a riguardo, querele per calunnia. Il ministro, pur mantenendo il più stretto riserbo sull’inchiesta sullo stadio di Roma per il grande rispetto che nutre per gli inquirenti, a maggior ragione nella posizione di Guardasigilli, avrebbe confidato ai suoi che non ci sta a finire nel tritacarne mediatico.

Gay: Luxuria a Fontana, siamo mareaL’ex parlamentare e show girl madrina al Barletta Pride

BARLETTA16 giugno 201819:09

– BARLETTA, 16 GIU – “Caro ministro tu sei Fontana ma noi siamo marea! “. È il messaggio inviato dalla Puglia dalla madrina del Barletta Pride, Vladimir Luxuria, al ministro della famiglia Fontana. Oltre un migliaio di persone sono partite dal lungomare ‘Mennea’ di Barletta per sfilare nel centro della città, chiuso al traffico e affollato da cittadini oltre che dai manifestanti.
L’evento, che si era tenuto in città già cinque anni fa, è organizzato, fra gli altri, dall’Arcigay bat “Le mine vaganti”, dai centri Anti violenza di Barletta e Trani e da altre associazioni. “Barletta è una città senza pregiudizi e auguro a tutti la buona riuscita di questa manifestazione”, ha detto il neo sindaco Cosimo Cannito in un messaggio inviato agli organizzatori che ha incontrato nei giorni scorsi.
Sassoli, intervenga Corte StrasburgoVicepresidente Pe, si stanno violando convenzioni internazionali

BRUXELLES16 giugno 201819:12

– BRUXELLES, 16 GIU – “Qui si stanno violando le convenzioni internazionali e trattati. La parola alla Corte europea dei diritti umani” di Strasburgo. Così il vicepresidente del Parlamento europeo David Sassoli, su Twitter, commentando la nuova chiusura dei porti italiani ad altre due navi con i migranti a bordo.
Marcucci, Bonisoli contro bonus culturaBonus per diffondere cultura tra i giovanissimi

ROMA16 giugno 201819:12

– ROMA, 16 GIU – “Un ministro della cultura, come #Bonisoli, che vuole iniziare suo mandato con un taglio, comincia molto male. #18app aiuta a diffondere la cultura tra i giovanissimi. #18appnonsitocca”. Lo scrive in un tweet il presidente dei senatori Pd Andrea Marcucci.
Festival orgoglio antirazzista a PontidaTestimonial Mario Balotelli, palco con 12 gruppi su pratone Lega

BERGAMO16 giugno 201819:25

– BERGAMO, 16 GIU – Circa duemila persone hanno preso parte oggi al ‘Festival dell’orgoglio migrante e antirazzista’ a Pontida, nella roccaforte bergamasca della Lega. E’ il secondo anno della manifestazione e, rispetto all’edizione passata, alla quale parteciparono circa tre mila persone, la presenza di pubblico è stata minore. Sul ‘Pratone’ caro al Carroccio è stato allestito un palco sul quale si alternano 12 gruppi, tra formazioni bergamasche e band da tutta Italia. Nel vicino campo sportivo è stato organizzato un torneo di calcio con sfide tra squadre formate da italiani e da migranti. Alla fine i vincitori sono stati premiati con le magliette firmate da Mario Balotelli, che non era presente ma che è stato uno dei personaggi che ha appoggiato la manifestazione insieme a chef Rubio e alla band ‘Lo Stato Sociale’. La festa continuerà fino a mezzanotte.
Pride Liguria, in migliaia in corteoIn strada anche Alice Salvatore (M5S), madrina Cecilia Strada

GENOVA16 giugno 201819:28

– GENOVA, 16 GIU – Il serpentone colorato e danzante del Gay Pride ligure con oltre 5 mila manifestanti, 10.000 per gli organizzatori, ha attraversato la città dalla Stazione marittima fino a piazza De Ferrari per la difesa dei diritti Lgbtqi. L’attivista Cecilia Strada è madrina della manifestazione ed è presente anche la presidente nazionale di Famiglie Arcobaleno Marilena Grassodonia. Presente nel corteo anche Alice Salvatore del M5S. “Sono molto orgogliosa – ha detto Strada, past presidente di Emergency -. Per anni ho detto banalità sul fatto che la pace è meglio delle guerre e oggi ne dico un’altra: l’amore è amore. Viviamo in un paese che grida vittoria se respinge uomini e donne in mare e così si grida vittoria se non si riconoscono i diritti di coppie dello stesso sesso”. Il trenino con le famiglie Arcobaleno viene aperto da Marilena Grassodonia: “Ho scelto Genova per contestare la negazione del patrocinio da parte del Comune di Genova e della Regione Liguria, un sindaco ha responsabilità verso tutti i cittadini”.
Ipotesi abolizione 18App Cultura. Pd insorgeLo ha ventilato il ministro Bonisoli in una intervista al Corriere. “Vuole penalizzare i diciottenni”, dicono i Dem

16 giugno 201819:55

Il Pd insorge sull’ipotesi avanzata dal ministro della Cultura, Alberto Bonisoli, di cancellare il bonus cultura per i diciottenni, 18App. Il ministro, in una intervista al Corriere della sera ha definito “indubbiamente un fatto positivo” che lo scorso governo abbia stanziato più risorse, “ma in alcuni casi era meglio spendere diversamente i soldi. Penso alla 18 App, i 500 euro in buoni da far spendere ai diciottenni. Vale 200 milioni… Meglio far venire la fame di cultura ai giovani, facendoli rinunciare a un paio di scarpe”.”Si può avere idee diverse su 18App – commenta Anna Ascani – strumento certamente perfettibile. Ma pensare che l’acquisto di un libro, la visita a un museo, un concerto, uno spettacolo teatrale non abbiano un valore diverso per lo Stato rispetto a ‘un paio di scarpe in più’, è preoccupante e pericoloso”.”Purtroppo – scrive Filippo Sensi su twitter – il ministro della Cultura Bonisoli conferma di volere smantellare @18app iniziativa pilota in Europa, penalizzando 18enni”.”Un ministro della cultura, come #Bonisoli, che vuole iniziare suo mandato con un taglio, comincia molto male. #18app aiuta a diffondere la cultura tra i giovanissimi. #18appnonsitocca, scrive in un tweet il presidente dei senatori Pd Andrea Marcucci.

Di Stefano, M5S ha anticorpiAllontaniamo chi sbaglia

ROMA16 giugno 201819:59

– ROMA, 16 GIU – “L’unica certezza che ha la nostra base o chiunque si avvicina al Movimento 5 Stelle sa che la nostra differenza non è essere migliori ma avere gli anticorpi.
Noi chi sbaglia lo allontaniamo”. Così Manlio Di Stefano, sottosegretario agli esteri del M5s a margine di un’iniziativa dell’associazione Rousseau in corso a Roma. “Non crediamo allo scandalo della magistratura che fa una giustizia a orologeria come potremmo fare visto che il governo è nato”, ha continuato Di Stefano assicurando: “Abbiamo fiducia nella magistratura e quando sapremo che qualcuno ha sbagliato lo cacceremo dal Movimento, come abbiamo sempre fatto. È l’anticorpo la differenza, non l’essere umano che per natura ha la sua corruttibilità”, ha concluso.

La Tua opinione è importante! Vota questo articolo, grazie!
No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.