Aggiornamenti, Juventus, Notizie

TUTTE LE NOTIZIE SULLA JUVENTUS DI SABATO 31 MARZO 2018 E LA PRIMA DELLE 00:05 DI OGGI, DOMENICA 1 APRILE 2018

Tempo di lettura: 10 minuti

Ultimo aggiornamento 1 Aprile, 2018, 01:32:23 di Maurizio Barra

PARTITE
CLUB
FANS
ALLIANZ STADIUM & JUVENTUS MUSEUM
MEMBERSHIP
BIGLIETTI
SHOP
<
Home/
News/
Latest News/
Primavera: reti inviolate tra Juventus e Milan
31.03.2018 15:30 – in: Primavera
Primavera: reti inviolate tra Juventus e Milan
Condividi con: 132
0-0 a Vinovo tra la formazione di Dal Canto e quella di Lupi: non basta l’assedio finale dei bianconeri a sbloccare la partita.
Termina con un pareggio a reti inviolate la gara del campionato Primavera tra Juventus e Milan giocata oggi sul terreno dell’Ale&Ricky di Vinovo. Un match, quello tra i bianconeri di Alessandro Dal Canto e i rossoneri di Alessandro Lupi, equilibrato e combattuto, che ha visto la Juve costruire le migliori occasioni nell’assedio finale, senza riuscire però a sbloccare la partita.
IL PRIMO TEMPO: LA MIGLIORE PALLA GOL È PER PORTANOVA
La Juve parte subito con il piede sull’acceleratore e, dopo neanche sessanta secondi di gioco, Portanova spaventa la difesa rossonera con un tiro-cross respinto di testa da Bellodi.
Il Milan risponde con una conclusione di Tiago Dias, facile per Loria, ed un tiro-cross dello stesso portoghese, respinto coi pugni dall’estremo difensore bianconero. È, poi, Mastour, con un cross sul secondo palo, a servire Pobega che non trova la deviazione, pur in una posizione pericolosa.
Per i bianconeri, è Muratore uno dei più vivaci e la sua battuta al minuto numero 8, sugli sviluppi di un cross di Vogliacco respinto dalla difesa rossonera, viene murata senza procurare pericoli a Guarnone.
Al 26′ ci prova Kulenovic, fresco capo-cannoniere della Viareggio Cup (sei gol in sei partite), ma la sua deviazione su cross di Portanova termina sul fondo. Si infrange, invece, sulla spazzata di testa di Pobega la pennellata di Jakupovic su calcio di punizione alla mezzora.
Al 34′ Di Pardo si esibisce in una bella giocata sulla destra, saltando Campeol e crossando, ma servendo a Jakupovic un pallone leggermente arretrato, che l’attaccante austriaco non riesce a controllare.
Il Milan si fa vedere in più occasioni, prima con un’azione insistita (colpo di testa di Tsadjout a smorzare il pallone, poi filtrante di Mastour respinto e conclusione murata di Torrasi), successivamente con una conclusione dal limite di Pobega sulla quale è bravissimo Loria a distendersi, deviando in corner, ripetendosi sullo stesso calcio d’angolo con una pronta uscita in anticipo su tutti.
La migliore occasione bianconera della prima frazione di gioco arriva al 40′: corner conquistato con caparbietà da Jakupovic, che approfitta di un errore di Bellodi. Sulla battuta, Guarnone esce a vuoto e ne appofitta Portanova, appostato sul secondo palo, con una deviazione che trova soltanto l’esterno della rete. Per i rossoneri, arriverà soltanto un calcio di punizione di Mastour, facile per Loria, prima della chiusura del primo tempo sul risultato di 0-0.
IL SECONDO TEMPO: ASSEDIO JUVE NEL FINALE
Nella ripresa, la Juventus cresce alla distanza: nemmeno un minuto e Kulenovic si fa vedere deviando di poco a lato, di testa, un pallone ben servito da Di Pardo. Lo stesso attaccante croato è anticipato da Gabbia in area, all’esito di una bella combinazione veloce tra Fernandes e Portanova. Proprio quest’ultimo, poi, al 55′ si inserisce splendidamente in area con una serpentina tra la difesa avversaria, fermato soltanto dall’intervento in uscita di Guarnone.
Al 69′, i bianconeri costruiscono una doppia occasione da gol, prima con la pennellata di Jakupovic su calcio di punizione, che scavalca la barriera ma è respinta da Guarnone, poi con la ribattuta di Muratore che trova, anche stavolta, l’esterno della rete.
Su sponda rossonera, Pobega prova al 71′ la conclusione potente, respinta da Loria, mentre il bianconero Jakupovic ci prova al 75′ col piattone, sfornando un rasoterra non irresistibile per Guarnone.
Lo stesso Jakupovic si ripete al 78′ con un tiro smorzato, ben imbeccato da un ispiratissimo Fernandes, e successivamente calcerà sul primo palo una punizione sugli sviluppi della quale Montaperto, che aveva da poco preso il posto di Kulenovic, verrà fermato in posizione irregolare tutto solo davanti al portiere.
Il Milan si vede per l’ultima volta all’82’, con un colpo di testa pericoloso di Forte, non lontano dall’incrocio dei pali, mentre nel finale, è un vero e proprio assedio bianconero, anche grazie al doppio cambio che rinfresca l’attacco di Dal Canto: con Portanova e Di Pardo che lasciano il posto a Morachioli e Nicolussi.
Al minuto numero 84 è ancora Jakupovic ad avere una grande occasione, con un sinistro velenoso dal limite respinto da Guarnone, che poco dopo dirà no anche a Muratore, autore di una potente conclusione dalla distanza. L’estremo difensore rossonero sarà decisivo anche a un minuto dal novantesimo, con una paratona in due tempi su Montaperto.
Proprio sull’attaccante siciliano arriverà, infine, l’ultima parata rossonera, quando ormai la gara è scivolata fino al quarto minuto di recupero: è una conclusione spettacolare, in mezza rovesciata, ma Guarnone si fa trovare pronto e blinda la porta.
Al triplice fischio, è 0-0: un punto a testa, con i rossoneri che mantengono due lunghezze di vantaggio in classifica ed evitano il sorpasso della Juventus in zona play-off.
IL COMMENTO DEI PROTAGONISTI
«Spiace perché volevamo portare a casa i tre punti» – queste le parole a caldo di Simone Muratore, centrocampista bianconero autore di un’ottima prestazione, al triplice fischio: «A tratti siamo stati noi a fare la partita e nel finale avremmo sicuramente meritato il gol».
Questo, invece, il commento di mister Alessandro Dal Canto: «I ragazzi hanno fatto un’ottima partita, cercando di comandare il gioco e tratti riuscendoci. È chiaro che mancano sempre meno partite alla fine e abbiamo bisogno di vincere per ridurre il gap dalle squadre che ci precedono in classifica: questo oggi può averci fornito un pizzico di frenesia e di ansia, però credo che ci sia lo spirito giusto per affrontare le prossime sfide».
LA GALLERY
primavera–juventus-milan-0-0


IL TABELLINO
Campionato Nazionale Primavera 1 – 9° Giornata Girone di Ritorno
Juventus Training Center, Vinovo (To).
JUVENTUS – MILAN 0-0
Juventus: Loria, Vogliacco (Cap.), Anzolin, Serrao, Fernandes, Delli Carri, Di Pardo (36’ st. Nicolussi), Muratore, Kulenovic (25’ st. Montaperto), Jakupovic, Portanova (36’ st. Morachioli).
A disposizione: Busti, Lonoce, Meneghini, Capellini, Freitas, Merio, Campos, Morrone, Galvagno.
Allenatore: Alessandro Dal Canto.
Milan: Guarnone, Bellanova, Campeol, Bellodi, El Hilali (Cap.), Gabbia, Torrasi (5’ st. Brescianini), Pobega (47’ st. Murati), Tsadjout, Rodrigues Dias, Mastour (25’ st. Forte).
A disposizione: Cavaliere, Negri, Sportelli, Sanchez, Bargiel, Sinani, Capanni, Finessi, Larsen.
Allenatore: Alessandro Lupi.
Ammoniti: 6’ pt. Serrao (J), 18’ st. Kulenovic (J), 29’ st. Campeol (M).
Prossimo impegno:
Campionato – 10° Giornata Girone di Ritorno
Sassuolo – Juventus
Sabato 14 aprile ore 13

NEWSSQUADRAPARTITECLUBFANSALLIANZ STADIUM & JUVENTUS MUSEUMMEMBERSHIPBIGLIETTISHOP<Home/News/Latest News/Pregara di Juve-Milan? Si inizia su Juventus Tv!31.03.2018 17:30 – in: Serie APregara di Juve-Milan? Si inizia su Juventus Tv!Condividi con: 132Ore 19: via a J Match Time, con collegamenti da bordocampo!Ritorna il campionato, ritorna un match carico di fascino e ritorna il pre partita di Juventus Tv!Sul 212 di Sky, Juve-Milan inizia… alle 19, con JMatchTime! La squadra è quella vincente che conoscete bene!

APARTITECLUBFANSALLIANZ STADIUM & JUVENTUS MUSEUMMEMBERSHIPBIGLIETTISHOP<Home/News/Latest News/3-1 al Milan, la Juve allunga31.03.2018 22:53 – in: Match ReportBuona Pasqua Signora!Condividi con: 132La Juve supera il Milan 3-1 con le reti di Dybala, Cuadrado e Khedira e porta a quattro punti il vantaggio sul Napoli, fermato dal SassuoloAlla Juve basta un tempo, il secondo, per regolare il Milan. I bianconeri iniziano bene anche la prima parte di gara per la verità, ma si limitano ai primi otto minuti, durante i quali piazzano due tiri in porta: uno di Higuain, parato, l’altro di Dybala, a segno. Poi però lasciano troppo spazio agli ospiti, sbagliano troppo in fase di impostazione e finiscono per subire il pareggio di Bonucci. La rete sarà l’unica gioia per l’ex, perché nella ripresa la musica cambia: con gli ingressi di Douglas Costa e Cuadrado la Juve lavora il Diavolo ai fianchi e nel finale piazza l’uno-due vincente, proprio con il colombiano e con Khedira. E si regala una Pasqua dolcissima, allungando sul Napoli e avvicinandosi con un successo al match di Champions con il RealSUBITO UNA JOYADifesa a tre e coppia d’attacco composta da Higuain e Dybala, con Douglas Costa tenuto in panchina come arma da utilizzare a gara in corso: queste le scelte di Allegri, che esaltano i due attaccanti argentini, letteralmente assatanati. Dopo un primo tentativo del Pipita dal limite, respinto non senza fatica da Donnarumma, da identica posizione la Joya piazza un sinistro che rimbalza davanti al portiere rossonero e si infila nell’angolino.BONUCCI INCORNA IL PAREGGIODall’inizio della partita sono passati appena otto minuti e il Milan sa di avere il tempo per rimediare, quindi non cambia i piani, mantenendosi compatto e cercando, attraverso il palleggio, di allargare il gioco, specie sulla destra dove agisce Suso. I rossoneri sono pericolosi anche quando possono sfruttare le ripartenze: Kessie e Calhanoglu sono rapidi a condurre l’azione, ma il colpo di testa di André Silva, piazzato nell’area piccola, è fuori misura. La Juve lascia totalmente l’iniziativa in mano agli avversari e, a lungo andare, paga dazio: su un corner dalla destra battuto da Calhanoglu, Bonucci prende il tempo a Barzagli e Chiellini e incorna da due passi il classico gol dell’ex. Il pareggio scuote i bianconeri, che ora però devono ritrovare il ritmo e, pur prendendo il comando delle operazioni, non riescono a lasciare nuovamente il segno sulla prima metà di gara.CUADRADO, CHE RIENTRO!La ripresa è tutta un’altra storia, che inizia con l’ingresso di Douglas Costa al posto di Lichtsteiner. Il brasiliano si piazza sulla destra, all’altezza dei centrocampisti, e le sue accelerazioni regalano imprevedibilità alla manovra. La Juve prende campo, ma quando perde palla si espone al contropiede: Calhanoglu arriva al tiro e stampa il destro sulla traversa, quindi Buffon mette in angolo il tentativo di Suso. Sarà comunque questo l’unico tentativo degno di nota dei rossoneri. Al quarto d’ora Allegri interviene ancora, richiamando Matuidi e inserendo Cuadrado, al rientro dopo tre mesi. Douglas Costa di sposta a sinistra, lasciando la posizione precedente al nuovo entrato e mette più di un pallone interessante in area, senza però mai trovare un compagno pronto alla deviazione. È comunque dalla sinistra che arrivano le giocate migliori e, a forza di insistere, i bianconeri sfondano: per una volta è Khedira e venire imbeccato da Douglas Costa e il tedesco, in posizione d’ala, pennella un traversone delizioso sul quale, dalla parte opposta dell’area, si avventa Cuadrado, che schiaccia in rete di testa, prendendo Donnarumma in contro tempo e facendo esplodere l’Allianz Stadium.“KAISER SAMI” CHIUDE I CONTI
La Juve ora può controllare il ritmo dell’incontro e rallentarlo a proprio piacimento, anche quando potrebbe provare a sfruttare il contropiede, trovando il Milan sbilanciato alla ricerca del pareggio. Non c’è la necessità in effetti, basta saper attendere il momento buono: Douglas Costa, tanto per cambiare, inventa una giocata sulla sinistra, trovando tra due uomini lo spiraglio per servire in maniera perfetta Dybala. La Joya si allunga il pallone come se volesse concludere e invece tocca qualche metro indietro per Khedira che, non pago dell’assist, infila sul primo palo il gol che chiude la gara e rimanda la Juve a più quattro sul Napoli, fermato sul pareggio da Sassuolo. Per avvicinarsi alla sfida con il Real, davvero non poteva esserci modo migliore.JUVENTUS-MILAN 3-1

RETI: Dybala 8′ pt, Bonucci 28′ pt, Cuadrado 34′ st, Khedira 42′ st

JUVENTUS
Buffon; Barzagli, Benatia, Chiellini; Lichtsteiner (1′ st Douglas Costa), Khedira, Pjanic (31′ st Bentancur), Matuidi (16′ st Cuadrado), Asamoah; Dybala, Higuain
A disposizione: Szczesny, Pinsoglio, De Sciglio, Howedes, Rugani, Sturaro, Marchisio
Allenatore: Allegri

MILAN
G. Donnarumma; Calabria, Bonucci, Romagnoli, Rodriguez; Kessie, Biglia (30′ st Montolivo), Bonaventura; Suso, André Silva (19′ st Kalinic), Calhanoglu (35′ st Cutrone)
A disposizione:  Storari, A. Donnarumma, Musacchio, Zapata, Antonelli, Locatelli, Mauri, Borini
Allenatore: Gattuso

ARBITRO: Mazzoleni
ASSISTENTI: Giallatini, Paganessi
QUARTO UFFICIALE: Damato
VAR: Massa, Meli

AMMONITI: 38′ pt Benatia, 39′ pt Rodriguez, 7′ st Biglia, 37′ st Montolivo

APARTITECLUBFANSALLIANZ STADIUM & JUVENTUS MUSEUMMEMBERSHIPBIGLIETTISHOP<Home/News/Latest News/Juve-Real Madrid, gli appuntamenti della vigilia31.03.2018 23:00 – in: Champions LeagueJuve-Real Madrid, gli appuntamenti della vigiliaCondividi con: 132Allenamenti e conferenze stampa nel lunedì che precede il match di Champions LeagueSarà come sempre una giornata molto intensa, quella che precederà la grande sfida di martedì fra Juventus e Real Madrid. Una Pasquetta da vivere in diretta, partendo dal pomeriggio.Lunedì, alle 15.45 la Juventus si allenerà al Training Center di Vinovo, e i primi minuti della sessione saranno visibili su Juventus Tv, sulla nostra pagina Facebook e su Juventus.com.Alle 18.30 ci si sposta all’Allianz Stadium: prende la parola in conferenza stampa il Real Madrid (che si allena sul terreno di gioco dello stadio mezz’ora dopo), con Zidane e un giocatore della squadra.19.20: inizia la conferenza stampa della Juventus, sempre all’Allianz Stadium, con Massimiliano Allegri e un calciatore bianconero.Anche le conferenze stampa saranno trasmesse in diretta sui nostri canali.

APARTITECLUBFANSALLIANZ STADIUM & JUVENTUS MUSEUMMEMBERSHIPBIGLIETTISHOP<Home/News/Latest News/EuroWatch: tris del Real contro il Las Palmas31.03.2018 23:00 – in: Champions LeagueEuroWatch: tris del Real contro il Las PalmasCondividi con: 132Due volte Bale, gol di Benzema: il Madrid passa in trasfertaPur privo di molti titolari, il Real Madrid vince la sua gara di campionato, giocata questa sera a Las Palmas. Il Madrid in pratica fa sua la partita nel primo tempo, grazie ai gol di Bale al minuto 26 e al calcio di rigore, battuto e trasformato, da Benzema al 36′.Nella ripresa c’è tempo per un altro calcio di rigore, battuto da Bale al 51′, dopodichè i Blancos si limitano a controllare il match, che permette loro di restare al terzo posto, avvicinandosi momentaneamente a un solo punto dall’Atletico Madrid.

APARTITECLUBFANSALLIANZ STADIUM & JUVENTUS MUSEUMMEMBERSHIPBIGLIETTISHOP<Home/News/Latest News/Cuadrado: «Tre punti importanti, ma…»31.03.2018 23:01 – in: Serie ACuadrado: «Tre punti importanti, ma…»Condividi con: 132«…Ma non abbiamo ancora fatto nulla». Così il bianconero nel post garaRientrare e “timbrare” con il gol, che di fatto, spacca la partita.Cuadrado sa come si fa, e lo ha dimostrato anche questa sera, ma mantiene – come è giusto che sia – i piedi piantati per terra: «Restiamo tranquilli, non abbiamo ancora fatto nulla», spiega.Poi aggiunge: «Adesso pensiamo al Real, ma intanto siamo felicissimi, il Napoli ha pareggiato e quindi possiamo allungare. Favoriti? No, ci vuole equilibrio, il campionato è ancora lungo e ci richiede di fare il meglio possibile sempre».Tornando al Real: «Grandissima squadra, ma noi pensiamo a noi stessi: giocheremo come se fosse una Finale».

APARTITECLUBFANSALLIANZ STADIUM & JUVENTUS MUSEUMMEMBERSHIPBIGLIETTISHOP<Home/News/Latest News/Allegri: «Abbiamo la voglia di centrare gli obiettivi»31.03.2018 23:17 – in: Serie AAllegri: «Abbiamo la voglia di centrare gli obiettivi»Condividi con: 132Il tecnico bianconero analizza la sfida: «Una vittoria importante, contro una squadra che sta bene fisicamente»C’è la giusta soddisfazione, da parte di Mister Allegri, per unavittoria che significa innanzitutto allungo nei confronti del Napoli, immediato inseguitore in classifica: «Abbiamo recuperato il vantaggio che avevamo, e dobbiamo giocare una partita in meno. Ma questo campionato è ancora lungo, non possiamo permettercidi mollare nemmeno per un minuto, perché tutti vanno forte».Su questa sera: «Era importante, per noi, tornare alla vittoria contro una squadra che sta bene fisicamente. Dopo il vantaggio ci siamo fermati, abbiamo avuto qualche difficoltà nella gestione della palla, anche per merito del Milan. Comunque, una partita del genere è importante, avendo iniziato, con questa sera, la “discesa” verso la parte finale della stagione»E aggiunge: «Bisogna essere bravi a capire i momenti in partite così: lo abbiamo fatto, dimostrando anche di voler continuare, arrivare fino in fondo e centrare gli obiettivi. Khedira? Lo ho tenuto in campo perché capisce sempre i momenti della partita, inoltre si erano allargati gli spazi e serviva un giocatore come lui, con molta tecnica».Su Cuadrado: «Juan è rientrato bene, ha dato una grandissima mano alla squadra».E ora il Real: «Una grande serata di calcio, dovremo fare grande attenzione, specie perché quando perdi la palla loro in tre passaggisono in area di rigore».

APARTITECLUBFANSALLIANZ STADIUM & JUVENTUS MUSEUMMEMBERSHIPBIGLIETTISHOP<Home/News/Latest News/Il commento del Capitano31.03.2018 23:45 – in: Serie AIl commento del CapitanoCondividi con: 132Buffon: «Siamo stati bravi e cinici, questa sera era un crocevia troppo importante»Dopo una vittoria così importante, non può mancare il pensiero del nostro Capitano. «Un crocevia troppo importante per la nostra stagione – così Gigi Buffon – Siamo stati bravi e cinici. La sorte ci è stata vicina, ma sono convinto che la si debba andare a cercare, e se dopo anni di vittorie e successi abbiamo ancora la forza di volontà di venire a capo, con umiltà, di partite difficili, significa che abbiamo valoriimportanti. Tutti noi, chi scende in campo e tutto lo staff, oltre che logicamente la società. Questa squadra ha tanti “capitani”, non solo chi indossa la fascia».Dal Capitano anche i complimenti al Milan: «Li ho visti trasformatirispetto all’andata, con Gattuso hanno trovato compattezza, sono una delle squadre che stannomeglio in questo momento, il tecnico sa sfruttare bene le qualità dei giocatori».E adesso la Coppa: «Dobbiamo prepararel’impegno al meglio: avremo anche bisogno del massimo sostegno da parte di tutti i nostri tifosi».

APARTITECLUBFANSALLIANZ STADIUM & JUVENTUS MUSEUMMEMBERSHIPBIGLIETTISHOP<Home/News/Latest News/Benatia: Bravi quando c’era da soffrire»01.04.2018 00:01 – in: Serie ABenatia: Bravi quando c’era da soffrire»Condividi con: 132Il difensore bianconero: «Quattro punti di vantaggio non significano niente, il cammino è lungo»«La cosa più importante è aver portato a casa la vittoria. Siamo stati bravi, soprattutto quando c’era da soffrire, ed è quello che conta: il Milan ha dimostrato di essere molto equilibrato, e di giocare bene tecnicamente».Così Medhi Benatia commenta una vittoria importante, ma non decisiva: «Avere quattro punti di vantaggio sul Napoli non significa nulla. Il cammino è lungo, diciamo che abbiamo recuperato i punti che avevamo perso contro la Spal».E infine: «Cercheremo di fare sempre di più, peccato per il golpreso, ma ripeto, l’importante era il risultato finale».

APARTITECLUBFANSALLIANZ STADIUM & JUVENTUS MUSEUMMEMBERSHIPBIGLIETTISHOP<Home/News/Latest News/Buon compleanno, John Elkann!01.04.2018 00:05 – in: EventiBuon compleanno, John Elkann!Condividi con: 132Il Presidente di FCA ed Exor compie oggi 42 anni: gli auguri della JuventusJohn Elkann spegne oggi 42 candeline: tutta la Juventus si unisce nel porgere al Presidente di FCA ed Exor, di cui è anche Amministratore Delegato, i più calorosi (e bianconeri) auguri di buon compleanno!

La Tua opinione è importante! Vota questo articolo, grazie!
No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.