Aggiornamenti, Notizie, Piemonte

PIEMONTE: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Tempo di lettura: 2 minuti

Ultimo aggiornamento 16 Giugno, 2018, 19:54:24 di Maurizio Barra

DELLE 16:16 E 17:47

DI SABATO 16 GIUGNO 2018

“Libera” in villa confiscata e bruciata
Prefetto Torino, questa è la risposta dello Stato

TORINO16 giugno 201816:16

– TORINO, 16 GIU – E’ iniziata a San Giusto Canavese, nella villa del re dei narcotrafficanti, il latitante Nicola Assisi, l’assemblea regionale di Libera. Una scelta simbolica, quella dell’associazione di don Ciotti: la villa confiscata è stata incendiata la scorsa settimana per mano di ignoti.
All’assemblea partecipano il presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino, il prefetto di Torino, Renato Saccone, e don Luigi Ciotti.
“Questa è la risposta dello Stato. Che non è solo apparato ma anche comunità. Dobbiamo lottare tutti insieme – dice il prefetto Saccone – Proporremo un utilizzo temporaneo ma immediato di questo bene confiscato grazie al supporto di Libera perché il presidio è la forma migliore di prevenzione in assoluto”. “Sono qui per testimoniare la vicinanza delle istituzioni ai ragazzi di Libera che combattono la mafia sul territorio ogni giorno”, commenta Chiamparino. Presenti numerosi sindaci della zona, il comandante provinciale dei carabinieri, colonnello De Santis, e l’ex procuratore Caselli.
Contro l’omofobia ecco la deomofobinaSpedito a ministro Fontana, ‘cambi nome suo dicastero’

TORINO16 giugno 201817:47

– TORINO, 16 GIU – Si chiama Deomofobina ed è un ‘farmaco’ a base di conoscenza pensato per guarire gli omofobi.
All’interno non ci sono compresse ma un coloratissimo bugiardino con le definizioni di sesso, identità ed espressione di genere, orientamento sessuale. L’iniziativa è di Geco, l’associazione delle famiglie e dei figli contro l’omofobia, col patrocinio di Comune di Torino e Farmacie Comunali, della Regione Piemonte e del Coordinamento Torino Pride.
“Ne spediremo dieci scatole al ministro per la Famiglia Lorenzo Fontana”, annuncia l’assessora alle Pari opportunità della Regione Piemonte, Monica Cerutti, mentre sfila al Torino Pride, la parata per i diritti delle persone Lgbtqi. “Insieme ci sarà una lettera con una richiesta – aggiunge -: cambiare la dicitura del suo dicastero da ministero della Famiglia a ministero delle Famiglie. Perché di famiglie ce ne sono di tipi diversi, che piaccia o no”.

La Tua opinione è importante! Vota questo articolo, grazie!
No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.