Aggiornamenti, Notizie, Sport, Ultim'ora

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 4 minuti

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 09:39 ALLE 11:53

DI LUNEDì 07 GENNAIO 2019

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Golf: Sentry Tournament a Schauffele
Rimonta super per l’ americano alle Hawaii, Molinari 27/o

07 gennaio 201909:39

– Xander Schauffele vince il Sentry Tournament of Champions e conquista il 4/o titolo in carriera sul PGA Tour. Cambia ancora la leadership mondiale, con Justin Rose che senza giocare scavalca Brooks Koepka e torna numero 1.
Rimonta show alle Hawaii per Schauffele che chiude il torneo in 269 (-23) superando Woodland. “Sono senza parole – le dichiarazioni dell’americano -, ancora non riesco a crederci. E’ stata una giornata pazzesca e questa è di gran lunga la manche migliore che abbia mai giocato”. Il 25enne di La Jolla con un parziale show di 62 (-11) ha eguagliato il record del percorso mettendo a segno 8 birdie e 2 eagle, ‘macchiati’ da 1 solo bogey. Schauffele sale al comando della FedEx Cup e guadagna il 6/o posto nella classifica mondiale. A Kapalua 3/a piazza per Justin Thomas (274, -18), 4/a per Dustin Johnson (campione uscente), Rory McIlroy (crollato nell’ultimo giro) e Marc Leishman (277, -15). Solo 24/o Koepka (288, -4), con Francesco Molinari 27/o (291, -1).
Malagò “pene durissime se club complice”N.1 Coni su violenza stadi: “Serve un modello alla Thatcher”

07 gennaio 201910:12

– ”E’ un discorso che riguarda le norme che regolano questo problema. Serve un modello alla Thatcher, che aveva un problema peggiore del nostro in Inghilterra ed ha adottato i processi per direttissima, anche i Daspo che sembravano particolarmente restrittivi e invece non si sono rivelati tali”. E’ quanto afferma il presidente del Coni in vista del tavolo al Viminale programmato questo pomeriggio per affrontare il problema della violenza negli stadi. ”Se c’e’ una società complice di questi soggetti ci devono essere delle pene durissime. Nei limiti delle regole del gioco bisogna sburocratizzare gli iter, in Inghilterra – sottolinea Malagò ai microfoni di Radio Anch’io lo sport su Rai Radio 1 – hanno risolto il problema degli Hooligan e poi hanno costruito gli stadi”.
Malagò, il sogno Cortina-Milano continuaPresidente Coni su riforma sport:’non lo è,ho molte perplessità’

07 gennaio 201910:13

– ”Il sogno Cortina-Milano continua, ufficializzeremo tra poche ore i dettagli della candidatura. Lo faremo prima dell’11 gennaio”. E’ quanto afferma il presidente del Coni Giovanni Malagò tornando sul tema della riforma del Comitato olimpico nazionale da parte del governo: ”ho molte perplessità di questa che non è certo una riforma, stiamo parlando, la partita lascia spazio agli aspetti attuativi. Sulla preparazione olimpica non cambierà niente, su questo non c’e’ nessun problema, mentre il tema è che non affatto semplice stabilire quello che è preparazione olimpica e quello che non lo è. Gli impianti fanno parte del patrimonio e il problema è su chi li gestisce”. Lo sport a scuola? ”Su questo siamo in totale sintonia con il governo. Quando mi sono ricandidato ho detto che la madre di tutte le battaglie era lo sport nella scuola, la parola scuola nello statuto del Coni non esiste e questo meraviglioso paese non ha la parola sport nella Costituzione”.
‘Paltrinieri portabandiera ottimo nome’Malagò d’accordo con idea olimpionico nuoto per Giochi Tokyo

07 gennaio 201910:16

– ”Gregorio Paltrinieri sarebbe un ottimo nome come portabandiera perchè ha vinto la medaglia d’oro a Rio”. Ai microfoni di Radio Anch’io lo sport il presidente del Coni Giovanni Malagò ha detto di trovarsi d’accordo con l’idea di affidare la bandiera della delegazione italiana all’olimpionico del nuoto Gregorio Palrinieri in occasione della cerimonia d’apertura delle Olimpiadi di Tokyo.
Tennis:ranking Atp, Cecchinato al n.18Sul trono del mondo si siede Djokovic seguito da Nadal

07 gennaio 201910:36

– Nella classifica pubblicata stamane dall’Atp – la prima della nuova stagione – Fabio Fognini si conferma il primo degli azzurri: il ligure è stabile al numero 13, eguagliando il best ranking (firmato per la prima volta il 31 marzo 2014). Alle sue spalle è in progresso Marco Cecchinato, che grazie alla semifinale a Doha si porta al numero 18 ritoccando così il proprio best ranking. Andreas Seppi si mantiene al 37esimo posto, mentre risale due gradini Matteo Berrettini, ora numero 52 (best ranking eguagliato). Guadagnando una posizione si riaffaccia nei primi 100 anche Thomas Fabbiano, mentre appena fuori è Lorenzo Sonego, che risale al numero 104.
La prima classifica del 2019 non presenta variazioni ai vertici del ranking mondiale, dove Novak Djokovic semifinalista a Doha puntella il trono su cui è tornato a sedersi per la quarta volta sul finire della passata stagione, dopo la finale di Parigi-Bercy: per Nole è la decima settimana consecutiva al comando. In seconda posizione c’è Rafael Nadal.
Nella classifica pubblicata stamane dall’Atp – la prima della nuova stagione – Fabio Fognini si conferma il primo degli azzurri: il ligure è stabile al numero 13, eguagliando il best ranking (firmato per la prima volta il 31 marzo 2014). Alle sue spalle è in progresso Marco Cecchinato, che grazie alla semifinale a Doha si porta al numero 18 ritoccando così il proprio best ranking. Andreas Seppi si mantiene al 37esimo posto, mentre risale due gradini Matteo Berrettini, ora numero 52 (best ranking eguagliato). Guadagnando una posizione si riaffaccia nei primi 100 anche Thomas Fabbiano, mentre appena fuori è Lorenzo Sonego, che risale al numero 104. La prima classifica del 2019 non presenta variazioni ai vertici del ranking mondiale, dove Novak Djokovic semifinalista a Doha puntella il trono su cui è tornato a sedersi per la quarta volta sul finire della passata stagione, dopo la finale di Parigi-Bercy: per Nole è la decima settimana consecutiva al comando. In seconda posizione c’è Rafael Nadal, staccato ora di 1.655 punti dal serbo, mentre sul gradino più basso del podio resta Roger Federer che precede il “maestro” Alexander Zverev e Juan Martin Del Potro. Kevin Anderson con il titolo a Pune consolida il sesto posto davanti a Marin Cilic e Dominic Thiem, avvicinato da Kei Nishikori, che a Brisbane è tornato ad alzare un trofeo dopo quasi tre anni, con John Isner a chiudere la “top ten”.

Tennis: Berrettini avanza ad AucklandAzzurro batte all’esordio americano McDonald 6-3 6-4

07 gennaio 201911:28

– Esordio positivo per Matteo Berrettini nel torneo Atp 250 di Auckland, in Nuova Zelanda, uno dei due appuntamenti in vista degli Open d’Australia. Il 22enne romano, numero 52 del ranking mondiale, ha sconfitto 6-3 6-4, in un’ora ed undici minuti, lo statunitense Mackenzie McDonald, numero 79 Atp, proveniente dalle qualificazioni. Prossimo avversario il vincente del match tra l’altro americano Steve Johnson e l’argentino Leonardo Mayer. Esordiranno invece direttamente al secondo turno Fabio Fognini, numero 13 del ranking mondiale (alla prima del nuovo anno), e Marco Cecchinato, fresco della 18/a posizione) rispettivamente seconda e terza testa di serie.        [print-me title=”STAMPA”]