Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 7 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 09:06 ALLE 10:46

DI MARTEDì 01 GENNAIO 2019

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Capodanno, 658 interventi vigili fuoco
Cifra in leggero aumento, oltre 100 solo nel Lazio

ROMA01 gennaio 201909:06

– Sono stati 658 gli interventi dei vigili del fuoco riconducibili ai festeggiamenti di Capodanno.
Una cifra in leggero aumento rispetto allo scorso anno, quando furono 519. Il numero maggiore anche quest’anno nel Lazio 171 (lo scorso anno furono 114), la Lombardia 88, la Campania 86, Emilia Romagna 76 e Toscana 52. Anche quest’anno nessun intervento in Sardegna.
I vigili del fuoco sono intervenuti intorno alle 2 a Livorno, in via Forte dei Cavalleggieri, per un principio d’incendio in un sottoscala, causato probabilmente da un petardo. A causa del denso fumo sviluppatosi nel vano scala, otto persone, (tre adulti e cinque bambini) sono state soccorse e affidate alle cure del personale sanitario. Poco dopo le 3, intervento per l’incendio di un’abitazione al secondo e ultimo piano di una palazzina al centro storico di Bassano del Grappa. Tre persone intossicate dai fumi (un uomo e due donne) sono state assistite e inviate all’ospedale.
Etna, 4.733 richieste sopralluoghiTecnici al lavoro, effettuate 1.265 verifiche

PALERMO01 gennaio 201909:58

– Continua senza sosta l’opera dei tecnici incaricati di verificare le abitazioni danneggiate dal terremoto di magnitudo 4.8 nel giorno di Santo Stefano che ha colpito i comuni alle pendici dell’Etna: sono salite a 4.733 le richieste di sopralluoghi, 1.265 sono state già eseguite. Le case inagibili sono 338, quelle parzialmente agibili 337 e 590 quelle agibili. Controllate 47 scuole: 38 sono agibili, 7 parzialmente inagibili, due non agibili. Rimane invariato il numero degli sfollati, 1.096 cittadini: sono 300 quelli che hanno fatto ricorso a sistemazioni autonome e 794 quelli ospitati in alberghi convenzionati con la Regione siciliana; due le persone ospitate in strutture pubbliche.
Decine cassonetti in fiamme a RomaOltre 160 interventi vvff, quasi tutti per roghi a rifiuti

ROMA01 gennaio 201910:05

– Decine di cassonetti dei rifiuti in fiamme nella notte nella Capitale. Secondo quanto si è appreso dai vigili del fuoco, gli incendi dei secchioni si sono verificati in particolare nella zona sud est della città: nei quartieri Magliana, Centocelle, Cinecittà e sul litorale romano a Ostia. Coinvolte anche alcune auto, una quindicina circa. Sono oltre 160 gli interventi effettuati la notte di Capodanno dai vigili del fuoco di Roma. Di questi circa il 75% per incendi e hanno riguardato soprattutto cassonetti dell’immondizia, depositi o scarichi all’aperto di materiali di scarto. Non risultano al momento feriti.
Botti, donna in condizioni molto graviColpita da scheggia grosso ordigno mentre stava festeggiando

BENEVENTO01 gennaio 201910:08

– Una donna di 36 anni è ricoverata in condizioni molto gravi all’ospedale Rummo di Benevento dopo essere stata colpita dalla scheggia di un grosso ordigno esploso all’esterno della struttura dove si stava festeggiando l’arrivo del nuovo anno. E’ accaduto a Sant’Agata dei Goti.
Complessivamente, sono quattro i feriti nel Sannio. Gli altri tre sono lievi. Si tratta di una persona di Benevento e di altre due residenti in altre province. Hanno dovuto fare ricorso ai sanitari del “Rummo” per lievi ustioni provocate dalla esplosione dei botti.

Botti di Capodanno, grave un ragazzo nel milanese A Napoli a provincia 37 feriti, uno in meno del 2018

01 gennaio 201910:30

Festa nelle piazze di tutta Italia per l’inizio del nuovo anno. Nonostante i divieti, non sono mancati incidenti legati all’uso dei botti. In particolare in provincia di Milano un giovane è in gravi condizioni dopo lo scoppio di un petardo che gli ha dilaniato le mani e ferito volto e testa. A Napoli e provincia i feriti, secondo un primo bilancio della questura, sono stati 37, uno in meno dell’anno passato. Cinque di loro – c’è anche un dodicenne – sono ricoverati in ospedale con prognosi di 30 giorni per traumi da esplosione.Grave ragazzo ustionato da petardo nel Milanese – Un ragazzo è rimasto gravemente ferito per l’esplosione di un petardo a Cesate, nel Milanese.
Secondo le prime informazioni ha riportato una grave ferita alla testa e alle mani, una delle quali, la sinistra, è stata dilaniata. La destra ha perso un dito e il volto ha riportato ustioni. Sul posto, in strada, in via Italia, lo stanno stabilizzando i soccorritori del 118.Tra Napoli e provincia 17 feriti, uno in meno del 2018 – I feriti tra Napoli e provincia per i botti, uno in meno rispetto all’anno scorso. E’ il bilancio reso noto dalla Questura. Ventitre le persone ferite in città, 14 in provincia. Coinvolti a Napoli anche tre minori, di 11 anni e mezzo, 12 e 17 anni. Il dodicenne, in particolare, è stato ricoverato all’ospedale Vecchio Pellegrini per un trauma da scoppio di petardo alla mano destra, con una prognosi di 30 giorni. Un cittadino polacco di 21 anni è stato ferito a Ischia alla mano destra dallo scoppio di un petardo, trauma all’occhio sinistro per un cittadino di Moncalieri. In totale, cinque dei feriti sono ricoverati con 30 giorni di prognosi. Un 17enne ha riportato una ferita lacero-contusa alla gamba destra in seguito all’esplosione di botti di fine anno ed è stato medicato all’Ospedale del Mare di Napoli. Lo si apprende dalla Polizia. Sempre nel nosocomio napoletano è stato medicato e dimesso con una prognosi di otto giorni un uomo di 57 anni per aver riportato una ustione di secondo grado alla regione lombare. All’ospedale di Villa Betania un 69enne è stato medicato e dimesso con prognosi di dieci giorni per una ferita riportata nello scoppio di un botto di fine anno. All’ospedale ‘Maresca’ di Torre del Greco (Napoli) un 34enne ha riportato una escoriazione alla mano sinistra ed è stato dimesso con prognosi di sette giorni.Nel Salernitano 8 feriti per i botti – È di otto persone il bilancio dei feriti – reso noto dalla Questura – in provincia di Salerno a causa dell’utilizzo di botti durante la notte di Capodanno. Non si sono registrati incidenti nella città capoluogo, mentre il numero maggiore di feriti si è verificato a Cava de’ Tirreni dove quattro persone hanno dovuto ricorrere alle cure ospedaliere. Un 35enne ha perso una mano e riportato gravi danni all’occhio destro. L’uomo, dopo esser stato soccorso al Santa Maria Incoronata dell’Olmo è stato trasferito al Pellegrini di Napoli. È ricoverato in prognosi riservata, invece, un 24enne che ha subito una frattura ossea all’orbita sinistra e una contusione polmonare. Altre due persone hanno riportato lievi bruciature ed escoriazioni con una prognosi giudicata guaribile tra i 10 e 15 giorni. A Battipaglia, invece, ad avere la peggio sono stati due giovanissimi di 19 e 17 anni, entrambi stranieri. Il primo – che avrebbe raccolto un petardo inesploso -, di nazionalità romena, è stato trasportato all’ospedale Santa Maria della Speranza per le lesioni riportate al volto e a una mano che hanno reso necessario l’amputazione di un dito della mano destra. Il minore, invece, ha riportato lievi ferite a un braccio. Altre due persone, infine, sono state medicate presso l’ospedale di Mercato San Severino per bruciature e lievi escoriazioni causate dallo scoppio di petardi. Spenti due incendi nella zona di Fiumicino – Le squadre della Protezione civile di Fiumicino sono dovute intervenire dopo la mezzanotte per spegnere due incendi di vegetazione, probabilmente causati da scoppi di petardi. Intorno all’1:30 un intervento ha riguardato un’area boschiva a ridosso di viale di Focene, evitando che le fiamme potessero estendersi nella zona limitrofa di Macchiagrande. Il rogo è stato domato in circa 40 minuti. Un secondo intervento si è invece svolto in via Redipuglia, nella zona di Isola Sacra.Petardi contro ambulanza del 118 a Napoli – Un’ambulanza del servizio 118 è stata colpita a Napoli da alcuni petardi e botti lanciati contro il mezzo durante i festeggiamenti per la notte di San Silvestro. Lo denuncia l’associazione ‘Nessuno tocchi Ippocrate’, che si occupa delle violenze contro gli operatori sanitari.  L’equipaggio dell’ambulanza aveva effettuato un intervento di soccorso nella zona di Pianura quando è iniziato il lancio di botti da parte di sconosciuti. Due petardi sono stati lanciati anche contro il tetto dell’ambulanza. Nessuno degli operatori è stato comunque colpito. “Auguri a tutti – spiegano gli esponenti dell’associazione -, anche a chi cerca di ostacolare il nostro lavoro. Ricordate che essere in giro in ambulanza significa che c’è qualcuno in pericolo di vita che ha bisogno di noi e non è carino ostacolargli la corsa in ospedale”.    Durante il 2018 sono state in totale 82 le aggressioni denunciate da ‘Nessuno tocchi Ippocrate’.Valle Susa, diciannovenne perde una mano – Uno studente di diciannove anni è rimasto gravemente ferito per lo scoppio di un petardo durante la notte di San Silvestro all’esterno di una discoteca Bardonecchia, in alta Valle Susa. Secondo le prime notizie, il giovane, Lorenzo D.M., di Druento, che è stato portato con l’elisoccorso al Cto di Torino, avrebbe perso la mano destra e ha riportato gravi lesioni a una gamba. Non risulta in pericolo di vita. I carabinieri stanno svolgendo accertamenti. In condizioni molto gravi donna nel Beneventano – Una donna di 36 anni è ricoverata in condizioni molto gravi all’ospedale Rummo di Benevento dopo essere stata colpita dalla scheggia di un grosso ordigno esploso all’esterno della struttura dove si stava festeggiando l’arrivo del nuovo anno. E’ accaduto a Sant’Agata dei Goti.    Complessivamente, sono quattro i feriti nel Sannio. Gli altri tre sono lievi. Si tratta di una persona di Benevento e di altre due residenti in altre province. Hanno dovuto fare ricorso ai sanitari del “Rummo” per lievi ustioni provocate dalla esplosione dei botti.
14enne ferito nel Torinese, seconda volta in due anni – Un quattordicenne è rimasto ferito per lo scoppio di un petardo a Collegno, in provincia di Torino, durante i festeggiamenti della notte di San Silvestro. Fonti dell’ospedale Cto, dove è stato portato, riferiscono che già lo scorso anno si era fatto medicare per ragioni analoghe.
Questa volta il ragazzo ha riportato lesioni al volto, alla mano e al polso sinistro giudicate guaribili in dieci giorni.
I carabinieri hanno recuperato i resti del petardo sul marciapiede attiguo all’abitazione del giovane.
Livorno: petardo entra dalla finestra, poi rogo, lievi intossicati – Dieci persone, tra cui cinque bambini, che si trovavano una palazzina di via Forte dei Cavalleggeri a Livorno sono state soccorse verso le 2 dai volontari del 118, e alcune di loro trasferite a scopo precauzionale in ospedale per lieve intossicazione da fumi, a causa di un piccolo incendio di materiale in un corridoio condominiale dell’edificio. Le fiamme immediatamente spente, spiegano i vigili del fuoco, probabilmente sono state innescate da un petardo penetrato all’interno da una finestra aperta del vano scale. Sul posto anche tre ambulanze del 118. I vigili del fuoco hanno evacuato temporaneamente l’immobile per spegnere il piccolo rogo. Alla fine dell’intervento tutti i condomini hanno potuto fare ritorno nelle rispettive abitazioni.-

Incendio rifiuti in baraccopoli migranti
Danni ma nessun ferito, sfollati trasferiti in tendopoli

SAN FERDINANDO (REGGIO CALABRI01 gennaio 201910:41

– Un incendio di rifiuti, sulle cui cause sono in corso accertamenti, si è sviluppato nella parte perimetrale della baraccopoli di San Ferdinando, in provincia di Reggio Calabria, dove vivono diverse centinaia di migranti occupati come braccianti nella raccolta degli agrumi. Non si registrano feriti, ma dieci baracche sono state distrutte dal rogo.
I quaranta cittadini extracomunitari che occupavano le baracche sono stati immediatamente collocati nella nuova tendopoli. Decisivo per evitare più gravi conseguenze, è stato fatto sapere dalla Prefettura di Reggo Calabria, si è rivelato l’immediato intervento degli uomini del presidio fisso dei Vigili del Fuoco e del personale delle forze di polizia recatisi sul posto.
Nell’ultimo incendio scoppiato all’interno della baraccopoli di San Ferdinando lo scorso 2 dicembre aveva perso la vita un giovane migrante gambiano di 18 anni, Surawa Jaith.

[print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

BOTTI: RAGAZZO FERITO GRAVE NEL MILANESE

Tempo di lettura: < 1 minuto

BOTTI: RAGAZZO FERITO GRAVE NEL MILANESE

AGGIORNAMENTO DELLE 01:23

DI MARTEDì 01 GENNAIO 2019

BOTTI: RAGAZZO FERITO GRAVE NEL MILANESE

MILANO

– Un ragazzo è rimasto gravemente ferito per l’esplosione di un petardo a Cesate, nel Milanese.
Secondo le prime informazioni ha riportato una grave ferita alla testa e alle mani, una delle quali, la sinistra, è stata dilaniata. La destra ha perso un dito e il volto ha riportato ustioni. Sul posto, in strada, in via Italia, lo stanno stabilizzando i soccorritori del 118.      [print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 3 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 09:44 ALLE 10:33

DI LUNEDì 31 DICEMBRE 2018

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Petardo causa rogo sterpaglie ad Ortisei
Causa siccità vietati fuochi artificiali in Alto Adige

BOLZANO31 dicembre 201809:44

– I vigili del fuoco di Ortisei e dintorni sono intervenuti la scorsa notte per l’incendio di sterpaglie nella frazione Pufles, sopra Roncadizza. Il rogo, tempestivamente spento, è stato causato da un petardo. Sul posto sono anche intervenuti i carabinieri e il corpo forestale.
A causa della siccità in tutto l’Alto Adige per la notte di Capodanno è vietato l’uso di fuochi d’artificio, tranne su autorizzazione.
A Bolzano è vietato anche il consumo di superalcolici e bibite a base di mix con superalcolici, nonché l’utilizzo di contenitori in vetro, dalle ore 12 del 31 dicembre fino alle 6 del primo gennaio, nell’area della festa di capodanno in piazza Tribunale e nelle vie limitrofe. Il sindaco Renzo Caramaschi, nell’esprimere i propri auguri alla cittadinanza, invita tutti a festeggiare il Capodanno “con gioia e sano divertimento”, nel rispetto delle regole che, ribadisce, “sono state fissate a tutela di tutti i partecipanti”.
Esplode bombola gas, muore anzianaAbitazione parzialmente crollata, donna sotto macerie

ARADEO (LECCE)31 dicembre 201809:54

– Un’esplosione causata da una fuga di gas ha provocato ad Aradeo il crollo di un’abitazione provocando la morte dell’anziana che vi abitava. É accaduto poco prima delle 8 in via Silvio Pellico al civico 54.
Sul posto stanno operando i vigili del fuoco impegnati ad estrarre dalle macerie il corpo della vittima che si trova sotto un cumulo di detriti. Sul posto stanno operando anche i carabinieri e i sanitari del 118.
Festa Capodanno in cella a base drogaPreso detenuto-corriere tornato in carcere dopo Natale a casa

NAPOLI31 dicembre 201810:02

– Maxi sequestro di sostanze stupefacenti nel carcere napoletano di Secondigliano dove i cani antidroga della polizia penitenziaria hanno verosimilmente sventato un festino di Capodanno in cella a base di droga: il finissimo fiuto di Igor e Cesare ha consentito di scoprire un detenuto, a cui era stato concesso di trascorrere il Natale in famiglia, tornato nell’istituto penitenziario dopo un permesso premio con nell’intestino numerosi ovuli contenenti hashish.
L’uomo e’ stato denunciato. “Nonostante lo Stato investa milioni di euro per i detenuti – ha commentato Ciro Auricchio, segretario regionale dell’Uspp – con programmi di trattamento, corsi di studio, lavoro e attività socio/ricreative, molti tradiscono la mano tesa della collettività”. Il blitz del comandante della polizia penitenziaria di Secondigliano e’ stato coadiuvato dal nucleo regionale cinofili Campania del distaccamento di Benevento e Avellino.

Indagato Ciccarelli,fondatore dei VikingE’ stato sentito a lungo ieri dalla Digos milanese

MILANO31 dicembre 201810:17

– Tra gli indagati per gli scontri del 26 dicembre prima della partita Inter-Napoli, a Milano, in cui ha trovato la morte un ultrà del Varese, Daniele Belardinelli, c’è anche uno storico esponente del tifo nerazzurro, Nino Ciccarelli. Ciccarelli è stato convocato ieri dalla Digos ed è uscito in tarda serata dalla Questura del capoluogo lombardo. Ciccarelli, 49 anni, fondatore della tifoseria dei ‘Viking’ nel 1984, ha alle spalle una serie di guai giudiziari già 12 anni di carcere e 5 anni di ‘Daspo’ , misura ancora in corso. Venne coinvolto anche negli scontri ad Ascoli nei quali morì il tifoso Nazareno Filippini, omicidio per il quale venne prima arrestato ma poi prosciolto.-

Capodanno con la neve in Calabria
Precipitazioni sui principali rilievi della regione,no criticità

CATANZARO31 dicembre 201810:29

– Capodanno con la neve in Calabria. Dopo un Natale avaro di precipitazioni per le zone montane della regione, dalla serata di ieri, con l’abbassamento delle temperature, prossime allo zero, nevicate hanno interessato le principali località turistiche di Sila, Pollino e Aspromonte dove gli operatori sperano che il manto consenta l’apertura degli impianti sciistici.
Nevica a Camigliatello e Lorica sul versante cosentino dell’altopiano. Interessati anche il versante crotonese dell’altopiano, a Villaggio Palumbo, e quello catanzarese dove qualche fiocco ha imbiancato i villaggi catanzaresi Mancuso e Racise e la località Pantane di Taverna. Neve anche a Gambarie d’Aspromonte e sulle cime del Pollino. Le previsioni per le prossime ore confermano ulteriori precipitazioni.
Non si segnalano criticità particolari per la circolazione stradale sulla A2. Rallentamenti per neve e ghiaccio si registrano sulle arterie interne come la statale 107 Silana – Crotonese.

[print-me title=”STAMPA”]