Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Ultim'ora

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 3 minuti

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 09:41 ALLE 13:17 DI MARTEDì 23 APRILE 2019

CALCIO

Atalanta batte Napoli,festa in aeroporto
La squadra bergamasca accolta da duemila tifosi

ORIO AL SERIO23 aprile 201909:41

– Circa duemila tifosi, poco dopo la mezzanotte, tra bandiere, fumogeni, fuochi d’artificio e cori, tra cui spiccano ‘Noi vogliamo la Coppa Italia’ e ‘Noi non siamo napoletani’, hanno accolto all’aeroporto di Orio al Serio l’Atalanta di ritorno dalla vittoriosa trasferta di Napoli allo stadio San Paolo. Era già successo nella prima stagione dell’era di Gian Piero Gasperini, il 26 febbraio di due anni fa (2-0), e anche nella notte tra 2 e 3 gennaio del 2018 in occasione del quarto di Coppa Italia curiosamente dopo lo stesso risultato del posticipo di Pasquetta (2-1). Atterrata in pista alle 23,25, la squadra ha poi sfilato a bordo della corriera coi colori sociali presso la rotatoria all’uscita del padiglione arrivi del “Caravaggio” tra due ali di folla. Tra i più acclamati il tecnico, Gomez e Ilicic. Tra i presenti anche il candidato sindaco di Bergamo del centrodestra Giacomo Stucchi.
Atalanta: lutto per la morte di FaviniResponsabile del vivaio per un quarto di secolo, aveva 83 anni

BERGAMO23 aprile 201911:17

– L’Atalanta piange la scomparsa a 83 anni di Fermo “Mino” Favini, responsabile del suo settore giovanile dall’inizio degli anni ’90 fino al ritiro nel 2015. “Il Presidente Antonio Percassi e tutta la famiglia Atalanta partecipano commossi al dolore dei familiari per la scomparsa di Mino Favini”, si legge sul sito ufficiale del club.
Soprannominato ‘il Mago di Meda’, dov’era nato il 2 febbraio 1936, Favini aveva anche vestito la maglia nerazzurra dal 1960 al 1962, in una carriera iniziata nella squadra della cittadina brianzola e proseguita con Como, Brescia e Reggiana. Nel Como gli esordi come talent scout e responsabile del vivaio. Tra le promesse lanciate nel grande calcio, Pelizzoli, Consigli, Bellini, i gemelli Zenoni, Padoin, Donati, Tacchinardi, Montolivo, Bonaventura, Morfeo, Gabbiadini, Zaza, Filippo Inzaghi e Pazzini. “Un incredibile talent scout, ma prima di tutto un uomo, un grande uomo. Ciao grande Mino…”, chiosa il comunicato della società di Zingonia”.
Tegola per il Chelsea, Hudson-Odoi koPer il giovane attaccante si teme rottura del tendine d’Achille

23 aprile 201912:20

– Brutta tegola per il Chelsea di Maurizio Sarri, ieri sera fermato in casa sul pareggio (2-2) dal modesto Burnley. Callum Hudson-Odoi ha subito un grave infortunio al 41′ del primo tempo e ha dovuto lasciare il campo, sostituito da Padro: per il giovane attaccante di origini ghanesi, classe 2000, si teme concretamente la frattura del tendine d’Achille. Nel dopopartita è stato lo stesso vice di Sarri, Gianfranco Zola, a parlare di infortunio molto grave per Hudson-Odoi che dunque dovrà stare fermo a lungo. Anche l’autore di uno dei due gol dei ‘Blues’ (il primo), N’Golo Kanté, è uscito malconcio dal posticipo della Premier, subendo una forte contusione al costato.
United in pressing su Pogba ‘si decida’Real corteggia centrocampista, non escluso ritorno alla Juve

23 aprile 201912:21

– Pogba deve chiarire le sue vere intenzioni con il suo club, il Manchester United, in vista del prossimo mercato estivo. Secondo quanto scrive il giornale spagnolo ‘As’, il centrocampista francese della Nazionale campione del mondo sarebbe spinto dal suo manager ad andar via e ”le voci sull’interessamento del Real Madrid sono reali”. E in passato si era parlato anche di un possibile ritorno a Torino dell’ex giocatore della Juventus.
A parlare del futuro di Pogba è l’ex stella dello United Gary Nevill dopo il doloroso ko dei Red Devils 4-0 contro l’Everton: ”Pogba sembrava distratto e il suo agente è sempre interessato a fuggire. Le voci sul Real Madrid sembrano vere e così deve chiarire con il suo club velocemente. In questo modo il club può andare avanti”.
Barcellona a caccia vittoria per titoloSe batte l’Alaves è campione, a patto che l’Atletico vada ko

23 aprile 201912:36

– Il Barcellona è a un passo, anzi a 6 punti dal titolo 2018/19, ma potrebbe anche essere più vicino al traguardo di quanto si possa immaginare. Il titolo del Mundo Deportivo è emblematico in tal senso: “Vincere e sperare”, e fa riferimento alla sfida odierna che i blaugrana di Ernesto Valverde giocheranno allo stadio de Mendizorroza di Vitoria, contro l’Alaves. In caso di successo di Messi e compagni, stasera alle 21,30, ma soprattutto di sconfitta dell’Atletico Madrid, il Barca potrebbe infatti laurearsi campione con un certo anticipo sulla tabella di marcia. I ‘Colchoneros’ di Diego Pablo Simeone saranno in campo domani alle 19,30 in casa contro il Valencia, che non è avversario da sottovalutare, come ha di recente confermato l’Europa League, competizione nella quale la formazione guidata da Marcelino è approdata in semifinale: affronterà l’Arsenal, giustiziere del Napoli.           [print-me title=”STAMPA”]