Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 12 minuti

Ultimo aggiornamento 30 Aprile, 2019, 19:41:09 di Maurizio Barra

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 13:27 ALLE 19:41 DI MARTEDì 30 APRILE 2019

CRONACA

Osservatorio destre, toghe sottovalutano
Dopo assoluzione a dirigenti di Lealtà e Azione a Milano

MILANO30 aprile 2019 13:27

– “E’ del tutto evidente la sottovalutazione del problema, anche nell’ultimo 25 aprile ci sono stati episodi scandalosi di apologia del fascismo, ma spesso anche la stessa magistratura non coglie la rilevanza della questione”. Lo ha detto Saverio Ferrari, presidente dell’Osservatorio democratico sulle nuove destre, che era presente stamani al Palazzo di Giustizia di Milano per il processo a quattro dirigenti di Lealtà azione imputati per saluti romani durante una commemorazione, il 25 aprile 2016, dei caduti della Repubblica sociale. Imputati che sono stati tutti assolti “perché il fatto non sussiste”. Ferrari ha fatto riferimento, poi, anche alle motivazioni, a suo dire “scandalose”, con cui il 26 febbraio scorso sono stati assolti tre membri di un’organizzazione di estrema destra processati sempre a Milano per avere urlato il motto nazista ‘Sieg Heil’ ed esposto uno stendardo della ‘associazione combattenti 29esima divisione granatieri Waffen-Ss’, il 24 aprile 2016 al cimitero Musocco, a Milano.
Anziana uccisa per errore, nove condanneNipote vittima, ‘un giorno pagheranno anche giustizia di Dio’

BARI30 aprile 201913:42

– Il gup del Tribunale di Bari Francesco Agnino ha condannato a pene comprese tra i 20 anni e i 3 anni di reclusione, accogliendo interamente le richieste dell’accusa, i nove imputati ritenuti responsabili dei quattro agguati, tutti aggravati dal metodo e dalle finalità mafiose, commessi a Bitonto il 30 dicembre 2017 nella guerra tra i clan Conte e Cipriano. Tra questi anche quello che costò la vita, per errore, alla 84enne Anna Rosa Tarantino che si trovò casualmente per strada sulla linea di fuoco dei sicari. “Penso che oggi sia stata fatta giustizia, ma un giorno pagheranno anche la giustizia di Dio”, ha detto Francesco Calamita, nipote della signora Tarantino, lasciando il Tribunale dopo la lettura del dispositivo, le cui motivazioni si conosceranno tra 60 giorni.
Lasciato, la violenta e foto ad amiciImprenditore del Napoletano arrestato per stupro e stalking

CASERTA30 aprile 201913:48

– Dopo essere stato lasciato dalla compagna ha iniziato a perseguitarla e ad abusare sessualmente di lei, arrivando ad inviare delle foto intime della donna ai suoi amici. Per questo un imprenditore edile di Afragola (Napoli) è finito in carcere per i reati di violenza sessuale, estorsione e stalking. A notificargli l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere sono stati i carabinieri della Tenenza di Caivano.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE SEMPRE AGGIORNATE

CRONACA

Casapound Viterbo,prove li scagioneranno
No a gogna mediatica’. In corso interrogatori garanzia

30 aprile 201913:49

-“Confidiamo nelle prove in mano agli avvocati le quali, ne siamo certi, scagioneranno i nostri ragazzi”. Nonostante i leader nazionali di Casapound abbiano ufficialmente espulso il consigliere di Vallerano Francesco Chiricozzi, la sezione di Viterbo del movimento di estrema destra difende il giovane arrestato assieme all’altro militante Riccardo Lecci per lo stupro di una donna di 36 anni. “Non intendiamo partecipare – scrive Casapound Viterbo su Facebook – alla gogna mediatica, già abilmente partita guarda caso insieme all’inizio della campagna elettorale, nei confronti di due suoi giovanissimi militanti. Il reato contestato è molto grave ed estraneo al nostro Dna e sarà la magistratura a dover decidere la colpevolezza o l’innocenza dei ragazzi, in base alla veridicità delle affermazioni della parte lesa”. Quello che “è certo”, conclude il movimento, è che “nessuno di noi accetterà di sostenere chi gode a sbattere il mostro in prima pagina prima ancora di conoscere la realtà dei fatti”.
Meloni, su Ramelli ieri brutta pagina’Inspiegabile rigidità e manganelli usati con disinvoltura’

MILANO30 aprile 201914:19

– “Una brutta pagina quella scritta ieri sera a Milano da parte di Prefettura e Questura chiamate a gestire l’ordine pubblico in occasione delle commemorazioni in ricordo di Sergio Ramelli”. E’ il commento di Giorgia meloni, presidente di Fratelli d’Italia, dopo i tafferugli avvenuti ieri sera nel corso del presidio dell’estrema destra per commemorare lo studente assassinato a colpi di chiave inglese da un commando di Avanguardia Operaia il 29 aprile del 1975. “Un divieto insensato a poter svolgere un corteo, senza simboli se non bandiere tricolori, senza marce o parate di alcun genere – si legge in una nota – Un innocuo serpentone che si sarebbe concluso sotto casa Ramelli, là dove Sergio ha trovato la morte 44 anni fa (…) E poi una volta in piazza una gestione nervosa, manganelli usati con troppa disinvoltura contro gente che non aveva alcuna intenzione di aggredire le forze dell’ordine. (…) Chiederemo conto al ministro dell’Interno di quanto accaduto”.
Timbra e va in palestra, condannataEx funzionaria dell’Arpav di Padova smascherata dai Carabinieri

VENEZIA30 aprile 201914:25

– Timbrava il cartellino e poi andava in palestra: è stata condannata a un anno e sei mesi, e a una provvisionale di 50mila euro, un’ex funzionaria dell’Arpav di Padova che tra il 2016 e il 2017 per decine di volte ha timbrato il cartellino la mattina per poi andare a fare ginnastica. A smascherarla sono stati i carabinieri del nucleo investigativo che l’hanno ripresa più volte mentre usciva dall’ufficio. Oggi la donna è stata condannata con rito abbreviato.
Anziano muore travolto da Tir su A2Era sceso da vettura, indagini su perché si era fermato

LAMEZIA TERME (CATANZARO)30 aprile 201914:45

– Un 73enne di Niscemi (Caltanissetta) è morto stamani travolto da un camion sull’autostrada A2 “del Mediterraneo”. L’incidente è avvenuto tra gli svincoli di Lamezia Terme e Pizzo (Vibo Valentia).
L’uomo, A.S.C., secondo quanto si è appreso, stava percorrendo l’autostrada in direzione sud quando, per cause ancora in corso di accertamento da parte della polizia stradale, si è fermato ed è sceso dalla vettura. Subito dopo l’uomo è stato investito dal camion ed è morto. La Polstrada sta ora cercando di accertare se la vettura della vittima possa avere avuto un guasto costringendolo alla sosta.
Ondata di freddo, a Bolzano si riscaldaColpo di coda dell’inverno, sindaco firma deroga fino a 7 maggio

BOLZANO30 aprile 201915:08

– A causa del colpo di coda dell’inverno i bolzanini potranno tenere il riscaldamento acceso fino al 7 maggio.
Considerato l’andamento delle temperature cui si assesterà nei prossimi giorni, tendenzialmente al di sotto delle medie stagionali del periodo con picchi nelle ore mattutine e serali, e viste le previsioni meteo provinciali che confermano tale andamento anche per i prossimi giorni il sindaco di Bolzano Renzo Caramaschi ha autorizzato, in deroga alle disposizioni di legge, la riattivazione con effetto immediato degli impianti di riscaldamento degli edifici siti nel territorio comunale fino a tutto il prossimo 7 maggio.
Picchia fidanzata e agente, arrestato41enne in manette per maltrattamenti in famiglia

FIRENZE30 aprile 201915:28

– Ha aggredito la fidanzata colpendola con pugni alla schiena, poi ha ferito un agente di polizia libero dal servizio che era intervenuto in difesa della donna, colpendolo con una testata al volto e procurandogli lesioni giudicate guaribili in 30 giorni. Per questo un 41enne è stato arrestato ieri sera dai carabinieri. L’episodio è avvenuto in strada, a Scandicci (Firenze). Il 41enne è stato anche trovato in possesso di 8 grammi di hashish. Secondo quanto emerso, non sarebbe stata la prima volta che si rendeva responsabile di atteggiamenti violenti verso la donna. Dovrà rispondere della accuse di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e resistenza a pubblico ufficiale.
Migranti:Treviso, 127 rientrano casermaChi ha lavoro si rivolge a mercato affittacamere

TREVISO30 aprile 201916:36

– Sono 127 sui circa 200 finora distribuiti nelle strutture del sistema Sprar i migranti che a Treviso rientreranno da oggi nella casera ‘Serena’ di Casier, storico centro di accoglienza nel trevigiano. Ciò in ragione della mancata partecipazione ai nuovi bandi per la gestione dei richiedenti asilo da parte di vari soggetti attivi in percorsi di inclusione. Altri migranti saranno inviati in ex strutture militari a Oderzo (Treviso) o a cooperative di piccole dimensioni, che hanno scelto di continuare comunque il servizio di seconda accoglienza in attesa del nuovo bando. Una parte degli stranieri che ha già un lavoro o un tirocinio, e quindi un reddito, ha infine scelto di rivolgersi al mercato ed affittare posti letto.
Maratona Trieste: 5 top runner africaniDopo iniziale mancato invito correranno 4 uomini e una donna

TRIESTE30 aprile 201916:47

– Saranno 5 (4 uomini e 1 donna) i top runner africani protagonisti della Trieste 24 Half Marathon, la mezza maratona evento clou del III Trieste Running Festival, a Trieste dal 2 al 5 maggio. La partecipazione di runner africani arriva dopo le polemiche per l’iniziale mancato invito di atleti africani. Lo rende noto l’organizzatore, Fabio Carini: “Felici per l’adesione di atleti professionisti che garantiranno un tasso tecnico interessante alla Trieste 24 Half Marathon”. La maratona comprende anche la Generali Miramar Young (brevi distanze riservata ai giovani da 3 a 12 anni), e la Generali Miramar Family (7 km aperta alle famiglie). Gli atleti africani presenti alla maratonina internazionale saranno i keniani Noel Hitmana, Sammy Kipngetich e Joel Kipkenel Melly, l’ugandese Simon Rugut, già vincitore nel 2017 dell’ ultima maratona disputata a Trieste, e Camaline Nahimana del Burundi, precisa l’organizzazione.

CRONACA

Uomo morso al volto da cane nel savonese
Nel savonese, è in gravi condizioni al S.Martino di Genova

STELLA (SAVONA)30 aprile 201917:06

– Un uomo di 55 anni è stato aggredito da un cane di grossa taglia che lo ha morso al volto e agli arti superiori. E’ successo oggi, poco dopo le 13, a Stella, nel savonese. Secondo quanto appreso l’uomo è in gravi condizioni. Sul posto sono intervenuti i militi della Croce Rossa di Stella, l’automedica inviata dal 118 e i vigili del fuoco che hanno messo a disposizione l’elisoccorso ‘Drago’ per trasferire in codice rosso il ferito all’ospedale San Martino di Genova.
Vannini, Ciontoli ricorso in CassazioneIl capofamiglia condannato a 5 anni, gli altri 3 a tre anni

30 aprile 201917:29

– Dopo le condanne in appello per l’omicidio di Marco Vannini la famiglia Ciontoli ricorre in Cassazione. Antonio Ciontoli, capofamiglia condannato a 5 anni per omicidio colposo, la moglie, Maria Pezzillo, e i figli, Federico e Martina, condannati tutti e tre a tre anni, hanno fatto ricorso contro la sentenza di secondo grado. La condanna d’appello per Ciontoli a 5 anni aveva sollevato molte polemiche: in primo grado era stato infatti condannato a 14 anni per omicidio volontario. Marco Vannini, 20 anni di Cerveteri morì il 18 maggio 2015 a Ladispoli, in provincia di Roma, perché raggiunto da un colpo di arma da fuoco sparatogli da Antonio Ciontoli, padre della fidanzata del giovane e sottoufficiale della Marina Militare. Cosa successe davvero quella sera in quell’abitazione è una vicenda ancora controversa. Marco Vannini, per l’accusa, fu lasciato per tre ore agonizzante con la complicità dell’intera famiglia del sottoufficiale.
Saluti Giubilaro prima della pensioneProcuratore Massa Carrara ‘è stato periodo positivo’

MASSA (MASSA CARRARA)30 aprile 201917:36

– Il procuratore di Massa Carrara Aldo Giubilaro, prossimo alla pensione, ha voluto salutare questa mattina il corpo della polizia di Stato, durante un incontro in questura. “E’ stato un periodo positivo – ha detto Giubilaro che lascia la procura apuana dopo otto anni – nel quale ho lavorato a stretto contatto con la polizia di Stato, instaurando un rapporto di fiducia, un clima sereno e senza mai nessun contrasto. Ho potuto apprezzare la competenza, la serietà e la professionalità di ognuno degli uomini della polizia, che ringrazio e rispetto per il grande lavoro svolto con sacrificio e sottraendo tempo alla propria famiglia”. Il questore di Massa Carrara Giuseppe Ferrari ha omaggiato il procuratore con una targa in marmo di Carrara. “Abbiamo sempre lavorato molto bene insieme e i risultati si sono visti – ha ricordato il questore -; l’ autorevolezza con cui il dottor Giubilaro ha guidato la procura si è riverberata nella nostra attività”. Dal 5 maggio Aldo Giubilaro andrà in pensione.
Omicidio stradale:indagato Michele BraviA Milano morì donna in moto. Cantante si disse addolorato

MILANO30 aprile 201917:42

– La Procura di Milano ha notificato l’avviso di conclusione indagini, che prelude alla richiesta di processo, con l’accusa di omicidio stradale per il cantante 24enne Michele Bravi per l’incidente del 22 novembre nel quale è morta una 58enne che era in sella ad una moto. Nelle indagini il pm Alessandra Cerreti ha disposto una consulenza cinematica. Ora Bravi, che aveva già espresso il suo “profondo dolore” annullando tutti gli impegni, attraverso il legale Manuel Gabrielli, potrà depositare memorie o chiedere l’interrogatorio.
Imbratta targa razzista, ma è opera arteDi Ruth Beraha a Livorno, giovane non ha compreso significato

LIVORNO30 aprile 201917:46

– Imbrattata con vernice spray nera da un giovane studente livornese, che non ha colto il senso ritenendola offensiva, la targa in ottone con scritto ‘Vietato l’ingresso agli ebrei e agli omosessuali’, opera dell’artista Ruth Beraha ‘Io non posso entrare’, installata ieri sul muro di ingresso all’esterno del Museo della Città di Livorno. Sia l’artista sia la direttrice del museo Paola Tognon presenti al momento del gesto si sono confrontate con il ragazzo riconoscendo l’istintività del gesto. Al termine il giovane ha donato all’artista Ruth il libro di Italo Calvino ‘Il sentiero dei nidi di ragno’ che aveva lasciato appositamente accanto all’opera.
“Ritengo che questa opera di Ruth Beraha – ha spiegato su Facebook la direttrice del museo Paola Tognon commentando il gesto – abbia in qualche modo sollecitato solo il primo e forse il più banale dei suoi messaggi, cioè quello di essere una semplice provocazione” mentre in realtà vuol “sollecitare una riflessione contro razzismi e discriminazioni”.
Ex Ilva: ArcelorMittal completa copertura di metà del parco mineraleA.d Jehl: “E’ la prova visibile che stiamo rispettando tutti gli impegni presi”

30 aprile 201917:59

“Sono stati ultimati, nel pieno rispetto dei tempi previsti dall’addendum al contratto di affitto stipulato lo scorso settembre tra AM InvestCo Italy e l’Ilva in amministrazione straordinaria, che fissava il termine al 30 aprile 2019, i lavori di completamento del 50% della parte superiore della struttura che consentirà la copertura del materiale presente nel parco minerale e necessario ai fini del livello di produzione autorizzato”. ArcelorMittal, con una nota, spiega anche che “L’attuale struttura, composta da tre moduli coperti, dopo essere stata montata è stata anche interamente spostata di 230 metri, in modo da collocarla, in maniera permanente, nella cosiddetta ‘posizione finale’ accanto alla quale, nei prossimi mesi saranno agganciati i restanti tre moduli. Ad oggi, inoltre, è in fase di ultimazione anche il quarto modulo che sarà coperto, sollevato e collegato tra alcuni giorni”   “La realizzazione della copertura dei Parchi Primari, ossia il Parco Minerali e il Parco Fossili – spiega l’Ad di ArcelorMittal Italia, Matthieu Jehl – è uno degli interventi più importanti richiesti dall’Autorizzazione Integrata Ambientale. Il risultato di oggi è la prova visibile che facciamo sul serio e stiamo rispettando tutti gli impegni presi”.I lavori di copertura dei Parchi Minerali, affidati per progettazione, fabbricazione e montaggio alla ditta italiana Cimolai, – spiega ancora la società – sono iniziati, con la posa della prima pietra, il primo febbraio 2018 e termineranno entro l’ultimo trimestre del 2019. “La copertura dei Parchi Primari, una volta completamente realizzata, sarà uno dei progetti ingegneristici ambientali più ambiziosi al mondo e creerà una barriera fisica che eviterà la dispersione delle polveri provenienti dai cumuli dei parchi sulla città, in particolare, sul quartiere Tamburi, soprattutto in occasione dei cosiddetti wind days. La parte di copertura che si sta realizzando più rapidamente è, infatti, quella che si trova maggiormente vicina allo stesso quartiere”.

Inseguimento Firenze,udienza slitta 13/5Questa mattina familiari e amici di Duccio a Palazzo Giustizia

FIRENZE30 aprile 201917:59

– Slittata al 13 maggio prossimo l’udienza preliminare fissata nell’ambito delle indagini per la morte di Duccio Dini, il 29enne travolto e ucciso il 10 giugno scorso a Firenze da un’auto coinvolta in un inseguimento tra rom. L’udienza, prevista per questa mattina, è stata rinviata per alcuni difetti di notifica. Presenti stamani al Palazzo di Giustizia di Firenze, nei pressi del quale è stato affisso uno striscione con la scritta ‘Duccio merita giustizia’, numerosi amici e parenti di Duccio. Sono sette, tutte di etnia rom, le persone arrestate nell’ambito delle indagini, due al momento in carcere e cinque ai domiciliari. Nove in tutto le richieste di costituzione di parte civile avanzate al giudice, tra cui quella della famiglia del 29enne, dell’associazione Duccio Dini onlus e del Comune di Firenze. A queste si aggiungono le richieste di costituzione di parte civile avanzate da altre persone coinvolte nell’incidente, che hanno riportato ferite o danni ai veicoli.
A Venezia i vigili armati con il teaserUtilizzo sarà sperimentale, arma in dotazione a coppia operatori

VENEZIA30 aprile 201918:12

– Il Consiglio comunale di Venezia ha approvato la sperimentazione di armi ad impulsi elettrici (teaser) per la Polizia locale. Il provvedimento è passato con 23 voti favorevoli e 8 contrari (un non votante). La sperimentazione durerà sei mesi e prevede di dotare due operatori per turno di servizio di un’arma ad impulsi elettrici.
La sperimentazione prenderà il via una volta concluso il periodo di formazione previsto, secondo le linee guida indicate nel provvedimento. E’ prevista la formazione di almeno tre istruttori che dovranno addestrare i colleghi che partecipano alla sperimentazione e di tutto il personale coinvolto. Il percorso formativo sarà di almeno 24 ore, di cui 3 sulle conseguenze sanitarie legate all’utilizzo dell’arma, 3 sul trattamento sanitario delle persone colpite da armi ad impulsi elettrici, 2 sulle caratteristiche tecniche dello strumento, 2 sui presupposti per il suo utilizzo, 2 sui criteri giuridici per l’uso, 3 sulle precauzioni per utilizzarlo e 9 sulle procedure operative.
Picchiano direttore e rapinano la bancaVia con circa 5.000 euro, l’uomo e un’impiegata in ospedale

CAPANNORI (LUCCA)30 aprile 201918:43

– Dopo aver picchiato il direttore per farsi consegnare il denaro due uomini hanno rapinato la filiale della Cassa di Risparmio di Volterra sulla via della Madonnina a Lunata, nel comune di Capannori (Lucca). I malviventi hanno agito nel pomeriggio, poco prima dell’orario di apertura al pubblico dopo la pausa pranzo: per introdursi nella banca hanno forzato una finestra sul retro dell’edificio, segando i montanti dell’infisso. Una volta dentro i due, che parlavano con uno spiccato accento meridionale, hanno malmenato il direttore e si sono fatti consegnare il denaro contenuto nelle casse, in tutto circa 5000 euro. Poi si sono dileguati. Appena scattato l’allarme sul posto è intervenuta una pattuglia dei carabinieri e i sanitari del 118 che hanno medicato il direttore per poi trasferirlo in ospedale.
Trasportata in ospedale anche un’impiegata che ha accusato un malore per lo spavento.
Trovato morto alpinista sul Monte RosaEra in un crepaccio a oltre quattromila metri di quota

AOSTA30 aprile 201918:57

– E’ stato trovato Massimo Peressini, l’alpinista quarantaquattrenne di Novara che risultava disperso da domenica scorsa sul Monte Rosa. I soccorritori hanno individuato oggi il corpo grazie a una traccia nella neve a 30 metri di profondità, in un crepaccio a 4.151 metri di quota, vicino al Colle del Lys. Proprio domenica a quelle quote avrebbe dovuto snodarsi il percorso del Trofeo Mezzalama, impegnativa gara di scialpinismo tra Cervinia e Gressoney, ma gli organizzatori, visto il maltempo che imperversava, avevano deciso di evitare agli atleti tutti i 4000.
Peressini era partito da Alagna Valsesia (Vercelli) con l’obiettivo di raggiungere Punta Parrot con le ciaspole e in solitaria. Nelle ricerche sono stati impiegati elicotteri, unità cinofile, droni, e gli uomini del Soccorso alpino valdostano, piemontese e della guardia di finanza.

Migranti:Alarm Phone,salvati 23 su barca’Riportati in Libia, speriamo che sia vero’

30 aprile 201919:23

– Sono stati salvati da pescatori e riportati in Libia i 23 migranti che ieri avevano lanciato un sos a bordo di una barca alla deriva. Lo fa sapere Alarm Phone, il servizio telefonico che assiste le navi in difficoltà nel Mediterraneo.
“Siamo stati informati da un parente di una delle persone sulla nave”, fa sapere Alarm Phone. “Speriamo sia vero e che tutti siano sopravvissuti, ma siamo preoccupati per la loro sicurezza nella zona di guerra libica”, aggiunge, spiegando di aver informato la Guardia Costiera del fatto.          [print-me title=”STAMPA”]

No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.