Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento 15 Dicembre, 2019, 19:08:17 di Maurizio Barra

Tempo di lettura: 6 minuti

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 09:53 ALLE 19:08 DI DOMENICA 15 DICEMBRE 2019

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Terremoti: Filippine, almeno 4 morti
Presidente Duterte si trovava a casa a Davao City, illeso

15 dicembre 2019 09:53

– Almeno 4 persone, tra cui un bimbo di 6 anni, sono morte a causa del terremoto che ha colpito il sud delle Filippine: lo ha detto il sottosegretario Renato Solidum alla Super Radyo dzBB, secondo quanto riporta l’emittente tv GMA News. Solidum è anche il direttore dell’Istituto di vulcanologia e sismologia nazionale.
L’ufficio del presidente ha reso noto che al momento del sisma Rodrigo Duterte si trovava con sua figlia nella sua casa di Davao City, nella provincia colpita di Davao del Sur. Il presidente e sua figlia sono rimasti illesi.
Il bambino ha perso la vita nella cittadina di Matanao, ha detto il sindaco Vincent Fernandez all’emittente Super Radyo dzBB. Le altre tre vittime, secondo l’ufficio dei vigili del fuoco, si trovavano in un edificio di tre piani a Padada che ospitava un supermercato e che è crollato.

Gb: Corbyn chiede scusa per sconfittaLettera aperta, ‘me ne assumo la responsabilità’

15 dicembre 201911:28

– Il leader laburista uscente britannico, Jeremy Corbyn, si è scusato oggi per la dura sconfitta subita dal suo Partito alle elezioni di giovedì scorso: in una lettera aperta pubblicata dal Sunday Mirror e dall’Observer, Corbyn ha ammesso le mancanze del Labour ed ha accettato la sua piena responsabilità.
“Non ho alcuna esitazione al riguardo. Il risultato è stato un duro colpo per tutti coloro che hanno così disperatamente bisogno di un vero cambiamento nel nostro Paese”, ha scritto: “Mi dispiace che siamo venuti meno e me ne assumo la responsabilità”.
Il numero uno del partito, che ha già annunciato le sue dimissioni, ha comunque ribadito di essere “fiero” della campagna elettorale fatta, che ha dato al Paese un messaggio di “speranza”. Corbyn dovrebbe lasciare il posto all’inizio del mese prossimo: il Partito, ha sottolineato, è deciso a riconquistare la fiducia degli elettori laburisti che lo hanno abbandonato.

Libano: feriti in scontri a BeirutDomani previsto avvio delle consultazioni per il nuovo governo

15 dicembre 201912:18

– Decine di persone sono rimaste ferite la notte scorsa a Beirut durante scontri avvenuti tra la polizia e manifestanti antigovernativi che cercavano di abbattere le barriere erette dalle forze di sicurezza per raggiungere il Parlamento, nel centro della città. Ne danno notizia i media libanesi, secondo i quali gli agenti hanno sparato proiettili di gomma e candelotti lacrimogeni verso i dimostranti, che lanciavano pietre contro la polizia. Gli scontri si sono estesi anche alla vicina Piazza dei Martiri, l’epicentro delle proteste che dal 17 ottobre scorso scuotono il Paese, con centinaia di migliaia di libanesi scesi nelle strade per chiedere un completo rinnovamento della classe politica, giudicata corrotta e inetta.
Domani è previsto l’avvio di colloqui per formare un nuovo governo, dopo le dimissioni presentate il 29 ottobre dal primo ministro Saad Hariri, finora alla guida di un esecutivo di coalizione nazionale.

Tv Stato Cina cancella partita ArsenalDopo il tweet di Ozil contro la persecuzione degli uighuri

15 dicembre 201916:29

– La tv di Stato cinese Cctv ha annunciato che non trasmetterà la partita Arsenal-Manchester City in programma oggi dopo il tweet del calciatore tedesco di origine turca dei Gunners, Mesut Ozil, che si è schierato contro la persecuzione della minoranza musulmana degli uighuri che abita la provincia cinese dello Xinjiang, condannando tra l’altro il silenzio dei Paesi musulmani sugli abusi. L’Arsenal aveva tra l’altro preso le distanze dalle parole del proprio tesserato, ma evidentemente non è bastato. PER TUTTA L’INFORMAZIONE SULLA CRONACA, CLICCA QUI

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Usa: Nyt, espulsi due funzionari cinesi
Sono entrati in una base militare. Prime espulsioni in 30 anni

NEW YORK15 dicembre 201916:32

– Gli Usa hanno segretamente espulso due funzionari dell’ambasciata cinese in settembre per essere entrati, a bordo della loro auto, in una base militare in Virginia dove sono stazionate le forze per le Operazioni Speciali. Lo riporta il New York Times, secondo le cui fonti le espulsioni sono le prime di diplomatici cinesi sospettati di spionaggio in più di 30 anni. Le autorità Usa ritengono che almeno uno dei due funzionari fosse un agente sotto copertura diplomatica. Il caso ha intensificato i timori all’interno dell’amministrazione Trump.

Aste:occhiali sole Lennon a 165mila euroDa Sotheby’s a Londra

15 dicembre 201916:37

– Un paio di occhiali da sole di John Lennon è stato venduto all’asta da Sotheby’s per 137.500 sterline (circa 165mila euro). La vendita, riporta oggi l’Independent, è avvenuta venerdì scorso a Londra.
Il nome dell’acquirente non è stato reso noto, ma a vendere è stato l’ex autista dei Beatles, Alan Herring, che in una lettera allegata agli occhiali spiega come ne è venuto in possesso.
Lennon, scrive Herring, aveva lasciato gli occhiali – dalla montatura rigorosamente rotonda – sul sedile posteriore dell’auto di Ringo Starr nell’estate del 1968. “Avevo preso John con Ringo e George nella Mercedes di Ringo e avevo portato i ragazzi in ufficio”, si legge nella lettera. “Quando John scese dall’auto notai che aveva lasciato questi occhiali da sole sul sedile posteriore ed una lente e una stanghetta si erano staccati – prosegue Herring -. Chiesi a John se voleva che li portassi a far riparare. Lui mi rispose di non preoccuparmi perche’ erano solo per il look!…”.

India: cittadinanza, scontri a DelhiForte tensione nel nord-est, coprifuoco e sospensione internet

NEW DELHI15 dicembre 201916:39

– India in subbuglio da nord a sud per le manifestazioni contro la legge sulla cittadinanza approvata nei giorni scorsi in Parlamento. Questa mattina a Delhi centinaia di studenti dell’Università Jamia Millia Islamia, che protestavano in centro, si sono scontrati con la polizia: un autobus è andato a fuoco e un mezzo dei pompieri è stato danneggiato. I rappresentanti degli studenti sostengono di avere reagito alle cariche della polizia che li ha assaliti con bastoni durante una protesta pacifica. Forte tensione anche nello stato dell’Assam, nel nord-est, al confine col Bangladesh. Fonti ufficiali delle forze di sicurezza hanno reso noto questa mattina che sono saliti a quattro i morti tra coloro che erano stati feriti dalle pallottole della polizia durante le violente proteste degli ultimi giorni nel capoluogo, Guwahati. Sempre secondo la polizia, 27 feriti sono stati ricoverati dallo scorso mercoledì.

Usa: studentessa uccisa a Ny, arrestato un tredicenneMa lui scarica la colpa sui due amici 14enni. Shock in città

NEW YORK15 dicembre 201916:22

Un ragazzino di 13 anni, Zyairr Davis, e altri due di 14 anni sarebbero gli autori dell’omicidio di Tessa Majors, la studentessa del Barnard College uccisa a Morningside Park, a pochi passi dall’università Columbia a New York. Una morte che scuote gli studenti e tutta la Grande Mela per la sua violenza in un’area sempre sorvegliata e in un parco che, dopo essere stato per anni ritenuto pericoloso, aveva di recente riconquistato un’ottima reputazione.
A scuotere non è solo l’uccisione della studentessa, ma anche l’età degli autori, tutti minorenni e per i quali ci si interroga sull’entità della pena. Per ora l’unico arrestato è un tredicenne di Harlem, che però ha scaricato la responsabilità su due suoi amici: il ragazzino ha infatti riferito alla polizia di aver assistito all’attacco e alla rapina e di essere stato presente quando uno dei suoi amici ha accoltellato la ragazza.
Secondo le ricostruzioni preliminari, i tre ragazzini erano al parco quando hanno puntato un uomo che avevano iniziato a seguire. Successivamente però hanno adocchiato Majors, e deciso che sarebbe stata lei la loro preda. L’hanno bloccata, immobilizzata con una mossa come per strozzarla e le hanno rubato quello che aveva in tasca. La ragazza ha opposto resistenza e uno dei tre ragazzini ha tirato fuori il coltello e l’ha colpita. Oltre al 13enne arrestato è al momento sotto custodia della polizia un altro sospettato, nei confronti del quale non sono state per ora avanzate accuse formali. Gli investigatori continuano a esaminare la scena del crimine, passando al setaccio con i sub anche il laghetto del parco.

Sisi, Sarraj ostaggio di terroristiPresidente egiziano al forum mondiale a Sharm

15 dicembre 201919:00

– Il governo di unità libico di Fayez al Sarraj “non ha un vero libero arbitrio” perché “è stato preso in ostaggio dalle milizie armate e dai terroristi” a Tripoli. Lo ha detto il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi, nel corso del Forum mondiale della gioventù in corso a Sharm el Sheik, citato da al Ahram. L’Egitto “ha subito conseguenze negative” dal conflitto in Libia, ha aggiunto.

Brasile, sposteremo amb. a GerusalemmeOggi inaugurato ufficio commerciale. Netanyahu riconoscente

15 dicembre 201919:02

– TEL AVIV

– Il presidente del Brasile Jair Bolsonaro sposterà a Gerusalemme l’ambasciata del proprio Paese: lo ha affermato oggi il figlio Edoardo Bolsonaro, presidente della commissione per gli affari esteri e la sicurezza del Brasile, aprendo oggi a Gerusalemme gli uffici della missione commerciale brasiliana. “Ho parlato con mio padre e questi mi ha confermato che l’impegno preso resta valido. Intende trasferire la ambasciata a Gerusalemme, e lo farà”.

No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.