CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 213 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 06:08 DI MARTEDì 19 MAGGIO 2020

 ALLE 19:06 DI GIOVEDì 28 MAGGIO 2020

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

QUI LA PRIMA NOTIZIA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Traffico droga e furti, 11 arresti Gdf e
Sgominate due bande, una attiva anche in furti negozi e case
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
19 maggio 2020
08:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La guardia di finanza di Catania ha sgominato due gruppi di trafficanti di droga, uno dei quali anche autore di furti in abitazione e in esercizi commerciali ‘con spaccata’ eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di undici indagati, 10 in carcere e uno agli arresti domiciliari. I reati ipotizzati dalla Procura, a vario titolo, sono associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti e furti aggravati. Le indagini del Nucleo di Polizia Economico- Finanziaria di Catania si sono avvalse di intercettazioni telefoniche e ambientali che hanno portato a 5 arresti in flagranza di reato e al sequestro 4,5 chili di marijuana. L’operazione è denominata ‘Consegna a domicilio’ perché la casa del principale indagato era divenuta base logistica per la compravendita all’ingrosso e al dettaglio di cocaina e marijuana. Le indagini sono state avviate nel gennaio 2016 dopo l’arresto di due persone in possesso di cocaina e eroina, che erano destinante da uno dei dei gruppi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bruciati 3 camion di un’azienda agricola
I Carabinieri ascolteranno il titolare, nessuna ipotesi esclusa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SAN SEVERO (FOGGIA)
19 maggio 2020
09:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono da accertare le cause dell’incendio divampato poco dopo la mezzanotte scorsa nell’azienda agricola Apod che si trova lungo la statale 16 nelle campagne di San Severo. A quanto si apprende, le fiamme hanno distrutto tre camion e alcune decine di casse in plastica per la raccolta degli ortaggi. I Vigili del fuoco hanno domato le fiamme.
Le indagini sono affidate ai Carabinieri che nelle prossime ore ascolteranno il titolare dell’azienda agricola. I militari non escludono al momento alcuna ipotesi investigativa e un aiuto potrà giungere dalle telecamere di sicurezza dell’azienda.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Radioattività e rifiuti,sequestrata area
Su terreno di 100 mila metri quadri sorge vecchia azienda
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VIBO VALENTIA
19 maggio 2020
09:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un’area di 100mila metri quadri, sulla quale sorge uno stabilimento in disuso, è stata sequestrata a Vibo Valentia dopo che è stato accertato un elevato tasso di radioattività e trovati rifiuti speciali. Il provvedimento è stato emesso dal procuratore di Vibo Camillo Falvo e dal pm Filomena Aliberti ed eseguito dai carabinieri della Sezione di Pg della Procura insieme ad una squadra specializzata dei Vigili del fuoco nella zona industriale in località Porto Salvo. L’indagine, scattata dopo una segnalazione alla Questura, ha evidenziato un notevole degrado nell’area dove aveva sede la Ggr (Compagnia Generale Resine Sud), a suo tempo impegnata nella produzione, lavorazione e applicazione di resine sintetiche e costruzione impianti di industria chimica. Sono stati trovati pneumatici fuori uso, eternit, materiale ferroso e numerose ecoballe stoccate nei capannoni. Un esame radiometrico eseguito da tecnici Arpacal di Vibo e Catanzaro ha evidenziato anche un livello elevato di radioattività.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vende test covid sul web, sarà multato
Kit venivano importati dalla Cina in modo illegale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
19 maggio 2020
09:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vendeva su internet, attraverso un sito creato per l’occasione, ‘kit test anticorpi’ per il Covid-19, importati in Italia senza autorizzazione del Ministero della Salute e senza certificazione Ce. Scoperto dalla Guardia di Finanza, un torinese di 30 anni rischia 130 mila euro di multa. Secondo le ricostruzioni dei finanzieri l’uomo acquistava i kit da una società cinese e li vendeva sul web. I test acquistati online venivano poi spediti a domicilio. Sono un centinaio quelli sequestrati dalle Fiamme Gialle.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sequestrata area da 100 mila metri quadri, elevato tasso di radioattività
Provvedimento scattato a Vibo Valentia, trovati anche rifiuti speciali
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VIBO VALENTIA
19 maggio 2020
09:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un’area di 100mila metri quadri, sulla quale sorge uno stabilimento in disuso, è stata sequestrata a Vibo Valentia dopo che è stato accertato un elevato tasso di radioattività e trovati rifiuti speciali. Il provvedimento è stato emesso dal procuratore di Vibo Camillo Falvo e dal pm Filomena Aliberti ed eseguito dai carabinieri della Sezione di Pg della Procura insieme ad una squadra specializzata dei Vigili del fuoco nella zona industriale in località Porto Salvo.
L’indagine, scattata dopo una segnalazione alla Questura, ha evidenziato un notevole degrado nell’area dove aveva sede la Ggr (Compagnia Generale Resine Sud), a suo tempo impegnata nella produzione, lavorazione e applicazione di resine sintetiche e costruzione impianti di industria chimica. Sono stati trovati pneumatici fuori uso, eternit, materiale ferroso e numerose ecoballe stoccate nei capannoni. Un esame radiometrico eseguito da tecnici Arpacal di Vibo e Catanzaro ha evidenziato anche un livello elevato di radioattività.
Le indagini adesso proseguono per accertare l’entità e la natura della probabile contaminazione, così come per l’individuazione dei responsabili. Nei prossimi giorni verranno svolti ulteriori approfondimenti. Custode dell’area è stato nominato il sindaco di Vibo Valentia. Le ipotesi di reato al vaglio dei magistrati sono quelle di inquinamento ambientale e discarica abusiva.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Corruzione,a domiciliari capo pm Taranto
Anche un ispettore di Polizia e tre imprenditori
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
POTENZA
19 maggio 2020
11:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Procuratore della Repubblica di Taranto, Carlo Maria Capristo, è agli arresti domiciliari con l’accusa di corruzione in atti giudiziari. Lo stesso provvedimento è stato eseguito a carico di un ispettore della Polizia in servizio nella Procura tarantina e di tre imprenditori della provincia di Bari. L’inchiesta, cominciata un anno fa, è portata avanti dalla Procura della Repubblica di Potenza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bimba cade da finestra,in casa marijuana
A Bologna, madre arrestata e figlia in ospedale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
19 maggio 2020
11:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una bambina di due anni e mezzo è rimasta ferita, cadendo accidentalmente dalla finestra in un’abitazione in via Sant’Agnese, alla periferia di Bologna.
Nella casa la Polizia ha poi trovato e sequestrato quasi un chilo di marijuana e una serra per la coltivazione della cannabis. La madre della bimba, una 41enne italiana, è stata arrestata. La piccola, soccorsa dal 118, è stata portata all’ospedale Maggiore e ricoverata con una prognosi di 15 giorni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid-19,la 100km di Don Luca per medici
Di corsa in un itinerario spirituale con visite a ospedali e Rsa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FAENZA
19 maggio 2020
12:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una personale 100 km di corsa in territorio romagnolo seguendo un itinerario spirituale. È quella ideata da Don Luca, della parrocchia di San Savino-Beata Vergine del Paradiso di Faenza, che il sacerdote effettuerà escogitando una differente modalità per onorare la storica manifestazione della 100 km del Passatore, la cui 48/a edizione in programma il 23 e 24 maggio prossimi è stata rinviata al 2021 a causa dell’emergenza pandemica.”Vorrei dedicare questa corsa a qualche santo, ma in particolare quest’anno a tutto il personale del mondo della sanità: medici, infermieri, malati, parenti e amici dei malati”, spiega il sacerdote, sottolineando quelli che definisce come ‘i santi di oggi’. Don Luca nel corso del suo pellegrinaggio, non mancherà di far visita agli ospedali e alle case di riposo disseminate lungo il percorso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus, Conte: ‘In Fase 2 con cauto ottimismo’
Confcommercio: negozi aperti al 90%. Coldiretti: crollo dei consumi pari a quasi l’80% per il settore della ristorazione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2020
18:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’Italia sta ” allentando la maggior parte delle restrizioni, pur mantenendo rigorose misure di sicurezza per ogni attività sociale e commerciale. Continuiamo a rafforzare la nostra infrastruttura sanitaria, aumentando le unità di terapia intensiva e assumendo medici e operatori sanitari. Abbiamo ampliato i test e sviluppato un piano di monitoraggio nazionale in sinergia con le nostre autorità locali. Stiamo entrando nella ‘Fase due’ con cauto ottimismo e senso di responsabilità”.Lo ha detto il premier Giuseppe Conte alla sessione conclusiva dell’Assemblea mondiale della salute. “L’Italia è stata uno dei primi e più colpiti paesi da questa pandemia. A marzo, dovevamo prendere misure drastiche per contenere la diffusione del virus. Dopo due mesi, i dati epidemiologici sono incoraggianti: confermano che i nostri sforzi e sacrifici collettivi hanno dato i loro frutti”, ha sottolineato il premier Conte.
Nel secondo giorno della ripartenza post lockdown le città si rianimano, torna il traffico e c’è più gente sui mezzi pubblici. Gli esercizi commerciali, dai negozi di abbigliamento a quelli di calzature, dai parrucchieri ai centri estetici, ma anche ristoranti, bistrot, chiese, tutti si adoperano a predisporre la sanificazione dei locali e a distribuire gel igienizzanti, mascherine e guanti. Ma restano le difficoltà nel reperire con facilità il materiale previsto dalle normative vigenti per far fronte all’epidemia.
Confcommercio: “Oltre il 90% dei negozi di abbigliamento ha riaperto in sicurezza: intimo, camicie e scarpe sono tra i prodotti più richiesti. Riprende ossigeno la ristorazione ma l’avvio è lento: il 70% dei bar e dei ristoranti hanno aperto tutti ben equipaggiati di mascherine e gel disinfettanti, ma con personale ridotto: infatti il 40% dei dipendenti è rimasto a casa, pari a circa 400.000 unità. Tanti sono i titolari che utilizzeranno i divisori all’interno del ristorante soprattutto nell’area cassa, quasi nessuno sui tavoli.  Nel Paese la percentuale dei mercati riaperti si aggira intorno al 50% – 60% del totale. Lo riferisce Confcommercio. A Roma sono aperti tutti i mercati coperti e su area attrezzata. I mercati periodici, diversamente dal resto della regione, sono ancora chiusi come in Piemonte, Sicilia e in parte della Lombardia, compresa Milano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Campania consentita soltanto l’attività di vendita dei prodotti alimentari. Nel resto del Paese le aperture sono a macchia di leopardo.
Il governatore del Veneto, Luca Zaia avverte: “Ci sono arrivate, ma credo a tutti, decine di foto e video dei centri delle nostre città con movida a cielo aperto. Non ho nulla contro la festa, ma divieto di assembramenti e l’uso della mascherina sono la conditio sine qua non, i salva vita per la tutela dei cittadini”. ha detto Zaia, commentando i primi assembranti con spritz registrati ieri sera. “In 10 giorni – ha aggiunto – io li vedo i contagi: se aumentano richiuderemo bar, ristoranti, le spiagge, e torneremo a chiuderci in casa col silicone”.
Un crollo dei consumi pari a quasi l’80% si è registrato in ristoranti, pizzerie, trattorie e agriturismi per effetto delle mancate riaperture, ma anche per il ridotto afflusso della clientela che ha provocato un drastico taglio delle forniture alimentari rispetto alla norma. E’ quanto emerge da una stima della Coldiretti sull’inizio della Fase 2 con la possibilità per gli italiani di tornare a mangiare fuori casa. A pesare sul calo delle ordinazioni di cibo e bevande, sottolinea la Coldiretti, è in molti casi la decisione di non riaprire ma anche il calo delle presenze per la chiusura degli uffici con lo smart working e l’assenza totale dei turisti italiani e stranieri. Meno impattante in questa fase è, invece, il vincolo del rispetto delle distanze con la riduzione dei posti a sedere disponibili.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un duro colpo per l’economia, visto che la spesa per il cibo ‘fuori casa’ era il 35% del totale dei consumi alimentari per un valore di 84 miliardi di euro. Le difficoltà della ristorazione, ricorda la Coldiretti, hanno un effetto a valanga sull’agroalimentare con il mancato acquisto di cibi e bevande in industrie e aziende agricole.
“Io credo che sicuramente i bar e i ristoranti vadano gestiti con estrema attenzione, perché sono uno dei luoghi in cui bisogna fare in modo che le regole vengano rispettate nel modo più rigoroso possibile: se ci si comporta bene, si può andare avanti con aperture, altrimenti si rischia di creare qualche pasticcio”. E’ l’avvertimento del presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, a proposito della riapertura delle attività di ristorazione. “In alcune Regioni si dice che il distanziamento tra membri della stessa famiglia non è obbligatorio, noi invece questa regola l’abbiamo voluta lasciare per evitare scuse: il distanziamento all’interno dei ristoranti è fondamentale e noi pretendiamo che venga rispettato da tutti”, ha affermato Fontana. Una prova di solidarietà nel settore arriva da Roma dove molti locali non possono riaprire a causa degli spazi angusti dei locali e i proprietari delle ville sull’Appia Antica, anche loro senza eventi a causa del coronavirus, offrono ai ristoratori saloni e giardini. Nascono così le Ristoville.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si entra così nel vivo della ‘Fase 2’. Dal 15 giugno via ai centri estivi. E il ministro degli Esteri Luigi Di Maio vuol riportare i turisti in Italia. In un vertice Ue dedicato al turismo assicura che ‘dal 3 giugno l’Italia ripartirà a 360 gradi. Ci si potrà muovere tra regioni e siamo pronti ad accogliere in sicurezza cittadini europei che vogliono passare le loro ferie in Italia. Le nostre strutture sono pronte’. Ma niente “black list” tra i Paesi europei. Fredda la risposta di Berlino: “Bisognerà parlare”. Pieno accordo nel dire no ad “accordi bilaterali” tra Paesi Ue.
Intanto, gli Orafi e Orologiai della Cgia invitano i propri clienti, con un apposito cartello, di abbassare la mascherina e guardare a volto scoperto la telecamera. Questo per una questione di sicurezza, per poter così riconoscere il volto della clientela. Una questione molto importante per orafi e orologiai che spesso sono a rischio furti e rapine. “Abbiamo riaperto in totale sicurezza ed opportunamente attrezzati – rileva Claudio Dozzo, presidente Categoria Orafi Artigiani – Temiamo, tuttavia, un acuirsi degli episodi di furti con destrezza e rapine, complice anche il fatto che le persone hanno l’obbligo di utilizzare le mascherine. È per questo che rivolgiamo un invito a tutti i nostri clienti con un cartello apposito: fatti riconoscere in sicurezza”. La mascherina resta naturalmente un obbligo di legge e va sempre indossata per la sicurezza di tutti, tuttavia permette ai malintenzionati (purtroppo non sono mancati in questi anni anche a Mestre episodi di furti con destrezza) di travisarsi ulteriormente. Magari ricorrendo anche all’uso di occhiali, berretti, parrucche e quant’altro permetta di nascondere e travisare in parte il proprio aspetto. “Le nostre attività – conclude Dozzo – non possono operare con le porte dei negozi aperte, purtroppo non possiamo fare altrimenti”.
Riapre giovedì 21 maggio, dopo oltre dieci settimane di chiusura per l’emergenza coronavirus, il Giardino di Boboli di Firenze che sarà accessibile sia dall’ingresso di Palazzo Pitti, sia attraverso la porta di Annalena tutti i giorni della settimana (dalle 8,45 alle 18,15). In una nota, le Gallerie degli Uffizi ricordano che all’interno del Giardino valgono tutte le norme nazionali e regionali per contrastare la diffusione del coronavirus: è vietato l’ingresso a persone con la temperatura oltre 37,5 gradi, è obbligatorio l’utilizzo della mascherina, è necessario mantenere la distanza interpersonale di almeno 1,80 m, sono vietati assembramenti, i gruppi non possono eccedere il numero di dieci persone e le guide turistiche devono sempre utilizzare microfono e auricolari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Grotta Grande e il Museo delle Porcellane rimarranno chiusi.
Ludoteche e parchi gioco rischiano di non risollevarsi dopo l’emergenza Coronavirus e su una stima di oltre 2.500 realtà che muovono una forza lavoro di 20 mila persone, il 50% è a rischio chiusura. Lo sostiene, in una nota, il gruppo nazionale ‘Parchi Gioco e Ludoteche Italia’ che partito dalla Lombardia con un’ottantina di adesioni, riunisce ora 620 attività in tutta la Penisola. “Eppure potrebbero essere sfruttate – sostengono – proprio per aumentare l’offerta di servizi alle famiglie che, durante l’estate, dovranno fare i conti con le limitazioni ai centri estivi, mentre i genitori riprenderanno a lavorare”. Per sensibilizzare sulle difficoltà del settore hanno inviato lettere prima al governatore della Lombardia Fontana, poi al premier Conte e alla ministra Bonetti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cirio: ritorno normalità riempie fiducia
Governatore invita a responsabilità, vogliamo aprire per sempre
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
19 maggio 2020
12:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
” C’è un ritorno alla normalità che davvero riempie i cuori e riempie di fiducia”. Così, ai microfoni della trasmissione di Rai Uno ‘Storie italiane’, il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio all’indomani del primo giorno della nuova fase dell’emergenza Covid-19. “Ieri è andata bene – sottolinea Cirio – perché la gente è tornare a riassaporare questa nuova normalità, una normalità di cui aveva bisogno, e anche perché i dati ci confermano che tutti gli indicatori sono buoni”.
“In Piemonte vogliamo riaprire tutto – aggiunge Cirio – ma vogliamo aprire per sempre. Ecco perché ci vogliono le regole, le linee guida regionali che alla fine il Governo ha accolto e ci permettono l’operatività e la sicurezza. Stiamo lavorando tutti insieme, anche con Chiara Appendino, il prefetto Claudio Palomba e tutti i sindaci del Piemonte, proprio perché questa ripartenza sia nel rispetto delle regole. Molto dipenderà dal comportamento di ciascuno di noi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bonifica Puglia, interdetto commissario
Consorzio Centro Sud pugliese, anche assunzioni pilotate
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
19 maggio 2020
12:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’interdizione di un anno dai pubblici uffici è stata disposta dalla magistratura barese nei confronti di Alfredo Borzillo, attuale commissario straordinario unico del Consorzio di Bonifica Centro Sud Puglia. La misura cautelare, per i reati di turbativa d’asta e induzione indebita a dare o promettere utilità, è stata eseguita, contestualmente a perquisizioni, dai militari del nucleo di Polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza di Bari. Le indagini sono state coordinate dai pm di Bari Lino Giorgio Bruno e Savina Toscani, che avevano chiesto per Borzillo gli arresti domiciliari.
Le due accuse riguardano un presunto appalto truccato bandito nel 2017 dal Consorzio Terre d’Apulia, vinto dalla società Emisfera Sistemi srl di Reggio Emilia, e presunte pressioni esercitate da Borzillo per assunzioni. Nel Consorzio di Bonifica Centro Sud Puglia sono infatti confluiti i Consorzi, già commissariati, di Ugento Li Foggi, Terre d’Apulia, Stornara e Tara e quello speciale di Arneo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Zaia arrabbiato,troppi video di ‘movida’
Niente assembramenti e mascherina sono elementi salva-vita
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
19 maggio 2020
13:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ci sono arrivate, ma credo a tutti, decine di foto e video dei centri delle nostre città con movida a cielo aperto. Non ho nulla contro la festa, ma divieto di assembramenti e l’uso della mascherina sono la conditio sine qua non, i salva vita per la tutela dei cittadini”. Lo ha detto il governatore Luca Zaia, commentando i primi assembranti con spritz registrati ieri sera. “In 10 giorni – ha aggiunto – io li vedo i contagi: se aumentano richiuderemo bar, ristoranti, le spiagge, e torneremo a chiuderci in casa col silicone”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lerici, scogliere su prenotazione
Sindaco Paoletti, contingentare afflusso creando varchi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
LERICI (LA SPEZIA)
19 maggio 2020
13:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Spiagge libere con accesso limitato e su prenotazione. Così il Comune di Lerici si appresta a gestire la stagione balneare nella Fase 2. Il nodo è quello di regolamentare l’accesso alle parti libere di arenili e scogliere, evitando assembramenti. “Occorre delimitare anche le zone di balneazione libera per poter contingentare l’afflusso – ha detto il sindaco Leonardo Paoletti – creando un varco di accesso vigilato e adottando procedure di prenotazione di semplice utilizzo e un servizio di steward”. Sono previsti “ambiti riservati a residenti e abitanti abituali delle seconde case”. La stagione balneare a Lerici comincia il 29 maggio “quando i balneatori avranno completato gli allestimenti”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Portavoce Cei, paritarie discriminate
‘Don Maffeis, ‘non sono diplomifici per asini d’oro’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2020
13:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il mancato sostegno alle paritarie non è legato solo a questa emergenza coronavirus: “Prima ancora, queste scuole soffrono la faziosità con cui sono guardate. A minarne la sopravvivenza è, infatti, una sorta di discriminazione culturale, che impedisce di riconoscere loro piena cittadinanza. Ne porta traccia un vocabolario che ancora le considera ‘private’, scuole di classe, diplomifici per asini d’oro”. Lo dice il portavoce e sottosegretario Cei, don Ivan Maffeis, in un intervento che verrà pubblicato da ‘Vita pastorale’.
Le scuole paritarie non chiedono “privilegi” ma il riconoscimento del loro ruolo e “il diritto alla libertà di scelta educativa”. “Quello che si chiede al Governo non è un aiuto specifico – chiarisce don Maffeis – alle paritarie, che potrebbe essere interpretato come una sorta di privilegio. La scuola paritaria non vuole soldi dallo Stato, ma che sia riconosciuta per l’importante servizio pubblico che offre”.
La Cei chiede di usare per il sostegno alle scuole paritarie la quota del suo otto per mille. “In questa situazione, forse, sarebbe plausibile anche avviare una riflessione – argomenta il portavoce, don Ivan Maffeis, su ‘Vita Pastorale’ – sulla legge 222/1985. Essa stabilisce che la Chiesa cattolica può usare le somme provenienti dall’otto per mille che i cittadini le destinano per ‘esigenze di culto della popolazione, sostentamento del clero, interventi caritativi a favore della collettività nazionale o di Paesi del terzo mondo’. Anche qui vengono escluse, sulla base di un pregiudizio tardo a morire, le opere educative, accademiche e scientifiche in quanto tali. Laddove ‘caritativi’ fosse integrato con ‘educativi e formativi’, prevedendo ‘interventi a favore della comunità’, si potrebbe valutare la possibilità di destinare risorse, quanto meno ad tempus, anche alle scuole paritarie o ad altre istituzioni che si ritengano meritevoli di un sostegno finalizzato al bene comune”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Indagini su 40 minacce a Silvia Romano
Accertamenti sui messaggi sui social ritenuti più pericolosi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
19 maggio 2020
14:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono una quarantina i messaggi minatori e più pericolosi nei confronti di Silvia Romano, la cooperante rapita in Kenya e liberata in Somalia dopo un anno e mezzo di prigionia, su cui si stanno concentrando le indagini del dipartimento antiterrorismo guidato dal pm Alberto Nobili e dei carabinieri del Ros. In particolare, da quanto si è saputo, gli accertamenti di investigatori e inquirenti sono in corso per arrivare ad identificare gli autori di questi 30-40 messaggi ritenuti più pericolosi (dopo una prima scrematura), anche inviati soprattutto da profili ‘fake’ sui social come commenti ad altri post (anche su Instagram), e nei quali la 24enne viene minacciata anche di morte soprattutto per la sua decisione di convertirsi all’Islam.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rogo di libri davanti a centro sociale
Danneggiata anche recinzione di comunità accoglienza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
19 maggio 2020
15:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Alcune pile di libri date alle fiamme davanti al cancello del Tpo, il centro sociale di via Casarini che nelle ultime settimane ha dato vita a iniziative di solidarietà per famiglie in difficoltà; danneggiamenti alle recinzioni dell’Eremo di Ronzano, la comunità di accoglienza sui colli di Bologna gestita dai frati dei Servi di Maria. Entrambi gli atti vandalici sono avvenuti negli ultimi giorni e sono stati denunciati su Facebook dai responsabili delle strutture prese di mira. “Leggiamo questo gesto come un tentativo di intimidazione” – scrivono gli attivisti del centro sociale – mentre noi stiamo portando i libri nelle case dei bambini e dei ragazzi del quartiere, a qualcuno è venuto in mente di venire a bruciarne davanti al Tpo. I libri li hanno sempre bruciati gli stupidi e i fascisti”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: faro procura su acquisti Piemonte
Accertamenti su appalti pubblici legati all’emergenza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
19 maggio 2020
16:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La procura di Torino ha avviato accertamenti sugli appalti pubblici legati alla questione Coronavirus. Ad occuparsi della questione sarà in prevalenza la guardia di finanza. I controlli riguarderanno incarichi e commesse gestiti da Scr (la società di committenza della Regione Piemonte) e dall’Asl 3, dal momento che da una delibera regionale del 22 febbraio risulta che la neo costituita Unità di crisi si sarebbe avvalsa dell’ufficio acquisti dell’azienda sanitaria. La zona interessata dagli accertamenti è quella di pertinenza della procura (che comprende tre Asl).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Corruzione su ‘caro estinto’, 3 arresti
Dipendente coop che gestisce obitorio e gestori di due agenzie
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PIETRA LIGURE
19 maggio 2020
17:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Guardia di Finanza di Finale Ligure (Savona) ha arrestato un dipendente della cooperativa Ma.Ris di Genova, che gestisce l’obitorio dell’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure, e i gestori delle agenzie di Pietra Ligure e Borghetto Santo Spirito (Savona) delle Pompe Funebri Liguri. L’accusa è quella di corruzione.
Secondo gli inquirenti il dipendente della cooperativa, in cambio di favori di vario genere, segnalava i decessi ai responsabili delle pompe funebri favorendo l’assegnazione degli incarichi da parte delle famiglie alle loro imprese. Tutti e tre si trovano ora in carcere e sono accusati di concorso in corruzione di incaricato di pubblico servizio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Omicidio Sacchi, legale famiglia: Luca non conosceva i killer
‘Cercò di convincere Anastasiya a staccarsi da Princi’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
19 maggio 2020
17:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Dai nuovi atti d’indagine non risulta assolutamente che Luca conoscesse i suoi killer e che ci fosse stato un incontro. Emerge, che è cosa ben diversa, l’aggancio della cella del telefono di Luca Sacchi ad un ripetitore di Casal Monastero, e tra lui e gli altri soggetti non vi è mai stato alcun contatto telefonico. Proprio in quella zona vi sono scuole di arti marziali e Luca, in qualità di personal trainer, era solito proporsi in queste strutture, ragion per cui non è da escludere che lui si fosse recato lì per questo motivo”. Lo affermano in una nota gli avvocati Armida Decina e Paolo Salice legali della famiglia Sacchi, il giovane ucciso a Roma il 23 ottobre scorso.
“Gli sms con Anastasiya dimostrano, ancora una volta, quello che abbiamo sempre temuto. La ragazza dice che per mantenersi dovrebbe fare la prostituta. Luca – proseguono i penalisti- per troppo amore, sembra quasi giungere ad un compromesso, chiedendole di non strafare e di non fare niente senza di lui.
Emerge anche che Luca Sacchi cercava di convincere Anastasiya a staccarsi da Princi perché spaventato dai problemi che questi avrebbe potuto arrecare ad entrambi. Luca, pur di non lasciare la propria ragazza, ha deciso di proteggerla e nel fare questo ci ha rimesso la vita”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Verso archiviazione indagine Appendino
Per la consulenza da 5mila euro all’ex portavoce Pasquaretta
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
19 maggio 2020
18:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La procura di Torino è orientata a chiedere l’archiviazione della posizione della sindaca, Chiara Appendino, in un procedimento in cui aveva ricevuto un avviso di garanzia per concorso in peculato. La vicenda è quella di un incarico di consulenza per la Fondazione Salone del Libro svolta nel 2017 dal suo allora portavoce, Luca Pasquaretta.
Appendino, ascoltata dai magistrati, aveva affermato che il lavoro gli era stato assegnato contro la propria volontà. Lo scorso 17 febbraio gli inquirenti hanno ascoltato una funzionaria del Comune, Elisabetta Bove, la quale ha detto di non avere avuto contatti con la sindaca in quell’occasione e che la Fondazione aveva chiesto la collaborazione di Pasquaretta a titolo di “supporto organizzativo” e non di addetto stampa. Pasquaretta, che per l’incarico ricevette un compenso di cinquemila euro (poi restituiti), è fra gli indagati. Il procedimento è ancora in corso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cdp, donate ai Carabinieri 2 milioni di mascherine
Palermo, onorati di contribuire al loro lavoro sul territorio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2020
15:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
donne e agli uomini dell’Arma dei Carabinieri di operare in sicurezza a tutela dei cittadini durante l’emergenza sanitaria, il gruppo Cassa depositi e prestiti ha donato 2 milioni di mascherine.
La consegna, avvenuta in tempo rapidi grazie alla collaborazione con il gruppo Alibaba, è avvenuta a Roma, presso il Comando Generale dell’Arma. “Esprimo, a titolo personale e di tutta l’Arma dei Carabinieri, il mio ringraziamento a Cassa Depositi e Prestiti per l’iniziativa assunta a favore dei Carabinieri nonché ad Alibaba per aver collaborato a rendere attiva in tempi rapidi la consegna delle mascherine presso le nostre caserme, incrementando il materiale protettivo già in ciclo”, ha dichiarato il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Giovanni Nistri.
Mentre l’amministratore delegato di Cdp, Fabrizio Palermo, ha affermato: “siamo onorati, come istituzione a servizio del Paese, di poter contribuire al lavoro che i Carabinieri, presidio fondamentale sul territorio per la sicurezza nazionale, svolgono ogni giorno per tutelare tutti i cittadini. E’ molto importante che coloro che operano in prima linea, siano dotati di adeguati dispositivi di protezione individuale”.
“Quest’iniziativa – ha aggiunto Palermo – va oltre le misure di sistema che il Gruppo ha già messo in campo per sostenere le imprese e le pubbliche amministrazioni e testimonia la vicinanza del Gruppo Cdp all’Italia”. Nelle scorse settimane un primo lotto era già stato distribuito ai militari delle Regioni del Nord più colpite dall’emergenza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sardegna, sì a bagni ma a distanza
Annuncio Regione, attesa circolare esplicativa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
19 maggio 2020
14:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Le spiagge in Sardegna sono aperte e si può fare anche il bagno”. Lo dichiara l’assessore degli Enti locali e del demanio Quirico Sanna.
Ovviamente, spiega, “si dovrà mantenere il distanziamento sociale anche in acqua”. Comunque, “arriverà una precisazione oggi stesso dallo stesso presidente della Regione”. Ieri, in riferimento all’ordinanza sulle riaperture, sia il governatore Christian Solinas che l’assessore avevano sostenuto che il via libera all’accesso negli arenili non era da estendere alla balneazione. Ora, dice Sanna, “a seguito di un confronto con le altre Regioni balneari siamo arrivati alla conclusione che il bagno si può fare, ma – ribadisce – mantenendo la distanza sociale anche in acqua”. E’ possibile che la novità venga precisata attraverso una circolare.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Touring Club Italiano entra in Google Arts & Culture LE FOTO
La piattaforma tecnologica per promuovere e preservare la cultura online
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2020
15:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Touring Club Italiano è entrato a far parte di Google Arts & Culture, la piattaforma tecnologica sviluppata da Google per promuovere e preservare la cultura online, nel 2018 con una Collezione digitale di oltre 5000 opere.

La prima fase dei lavori ha portato alla digitalizzazione di 5.000 cartoline dalla collezione storica del Touring Club Italiano, comprendente 30.000 esemplari in totale. “Viaggiate” e quindi spedite o meno, con al retro veloci saluti e pensieri oppure intonse, le cartoline sono un materiale d’archivio affascinante, un ricordo di viaggio da scegliere con attenzione fra i tanti soggetti disponibili perché a quella sola immagine formato 10×15 è affidato il compito di conservare tutta l’esperienza del viaggio o dell’estate. Questo primo lotto di digitalizzazioni è stato incentrato sulla sezione “Italia” della nostra collezione di cartoline storiche, con l’obiettivo di portare online una selezione rappresentativa di tutte le regioni di Italia, fra arte, monumenti, vedute e particolari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nella sezione di Google Cultural Institute dedicata al Touring Club Italiano è presente la mostra digitale “L’Archivio Storico del Touring Club Italiano”, un percorso immersivo lanciato in occasione dell’International Museum Day per presentare al pubblico l’Archivio del Touring, con tutti i materiali conservati, e l’affascinante storia di un’associazione non profit che, dal 1894, ha segnato la storia del turismo in Italia. Questa storia viene raccontata nella mostra digitale proprio grazie all’Archivio, che ne conserva le tracce e che permette a questo passato glorioso di essere l’identità che ancora oggi guida tutte le attività del Touring Club Italiano.  Molte, infatti, in archivio le tracce di memoria di soci e dipendenti, dalle tessere associative di inizio Novecento alle fotografie scattate in occasione delle prime attività organizzate dal TCI per i soci alle fotografie che ritraggono cartografi, redattori, collaboratori all’opera per realizzare i prodotti editoriali con cui partire alla scoperta dell’Italia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fase 2: Confcommercio, prova superata, riaperto 90% negozi
Al via anche 70% ristoranti e bar. Mercati a macchia di leopardo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2020
13:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Prova di ripartenza superata per le quasi 800.000 imprese del commercio e dei servizi di mercato che hanno ripreso l’attività dopo oltre due mesi di forzata chiusura. E’ il giudizio di Confcommercio che ha fatto il punto della situazione con le federazioni di settore.
Innanzitutto, FedermodaItalia certifica che oltre il 90% del fashion retail ha riaperto in sicurezza. “Per gli operatori, è stato un po’ come il primo giorno di scuola. Per i clienti, è stato come tornare al piacere di gratificarsi con un acquisto di moda. La partenza per certi aspetti è stata incoraggiante ed ha evidenziato come sia forte il desiderio di ritorno alla normalità con il piacere di effettuare un primo acquisto”, sottolinea l’associazione. Tra i prodotti più richiesti: intimo, pantaloni e camicie, scarpe e accessori.
Nel settore della ristorazione , Fipe nota invece un avvio lento. Il 70% dei bar e dei ristoranti hanno aperto tutti ben equipaggiati di mascherine e gel disinfettanti, ma con personale ridotto: infatti il 40% dei dipendenti sono rimasti a casa, pari a circa 400.000 unità. Tanti sono i titolari che utilizzeranno i divisori all’interno del ristorante soprattutto nell’area cassa quasi nessuno sui tavoli.
Per quanto riguarda i mercati, Fiva-Confcommercio sottolinea come a Roma siano tutti aperti i mercati coperti e su area attrezzata. I mercati periodici, diversamente dal resto della regione, sono ancora chiusi come in Piemonte, Sicilia e in parte della Lombardia, compresa Milano. In Campania resta consentita soltanto l’attività di vendita dei prodotti alimentari. Nel resto del Paese le aperture sono a macchia di leopardo nel senso che sono state autorizzate ma le difficoltà di carattere organizzativo e logistico legate alla necessità di ridefinire i layout mercatali in conseguenza dell’applicazione delle misure di sicurezza stanno creando notevoli difficoltà.
Complessivamente la percentuale dei mercati riaperti con tutte le merceologie si aggira intorno al 50% – 60% del totale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tanti in piazza per lo spritz. Zaia, ‘così richiudo’
Affollamenti senza mascherina per movida, anche arresto a Padova
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
19 maggio 2020
19:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tanti ragazzi con lo spritz in mano, ma tutti senza mascherina. Distanziamento sociale di pochi centimetri, folla davanti ai bar e voglia di eccessi. Nei video della ‘movida’ esplosa ieri sera nelle piazze di Padova, il giorno del ritorno alla quasi-normalità, si vede addirittura un ragazzo che a tre metri da terra fa la ‘ruota’ sul tirante in ferro di un portico. Immagini di un ‘libera tutti’ visto anche in altre città del Veneto, come Treviso, e che ha fatto infuriare il governatore Luca Zaia, che finora aveva portato i giovani veneti in palmo di mano, perchè più attenti degli adulti al rispetto delle norme anti-contagio.
Così, nella quotidiana conferenza stampa sull’andamento del Covid, è sbottato: “Ci sono arrivate decine di foto e video dei centri delle nostre città con movida a cielo aperto. Non ho nulla contro la festa, ma divieto di assembramenti e l’uso della mascherina sono la conditio sine qua non, i salva vita per la tutela dei cittadini”. Poi l’avvertimento: “in 10 giorni io li vedo i contagi: se aumentano richiuderemo bar, ristoranti, le spiagge, e torneremo a chiuderci in casa con il silicone”. Ad amico che gli aveva girato una gallery fotografica con tanti giovani intenti a bere senza traccia di protezioni al collo, Zaia ha detto di aver risposto: “‘li aspetteremo davanti alle porte dell’ospedale'”. “Molti di costoro – ha osservato il governatore – sono gli stessi che poi fanno la morale sui social. Il loro senso civico è zero. Almeno abbiano rispetto per le 1.820 persone che hanno perso la vita”.
A Padova c’è scappato anche l’arresto. Quello di un 23enne che ha reagito con spinte e offese ai Carabinieri intervenuti all’una di notte per sciogliere l’assembramento davanti ad un bar di Piazza dei Signori.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Salta progetto nave covid a Trieste
Non più indispensabile per trasferimento anziani positivi
TRIESTE
19 Maggio 2020
21:18
La nave covid Gnv ‘Allegra’ attesa a Trieste nelle settimane scorse, che avrebbe dovuto ospitare decine di anziani positivi al coronavirus, non arriverà più nel capoluogo del Friuli Venezia Giulia.
Secondo quanto si è appreso la relazione dell’Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina (Asugi) avrebbe considerato non più indispensabile il trasferimento delle persone sulla nave. La relazione sarebbe stata consegnata questo pomeriggio alla Regione, che l’aveva chiesta per avere un parere tecnico sul caso. Sulla nave avrebbero dovuto essere ospitati gli anziani positivi al coronavirus alloggiati nelle case di riposo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Zaky, udienza sulla custodia cautelare. ‘Sabato il risultato’
La legale dello studente egiziano prevede ‘un nuovo prolungamento di 15 giorni’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
IL CAIRO
19 maggio 2020
17:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si è svolta presso la Procura per la sicurezza dello Stato, al Cairo, l’udienza sul prolungamento della custodia cautelare per Patrick George Zaky, lo studente egiziano dell’Università di Bologna, da oltre tre mesi in carcere con l’accusa di propaganda sovversiva su internet. L’udienza si è svolta di nuovo a porte chiuse a causa dell’emergenza coronavirus. Lo ha riferito una sua legale, Hoda Nasrallah, segnalando che l’esito dell’udienza verrà comunicato “forse sabato”, che però questa settimana cade nel pieno di un lungo ponte festivo per la fine del Ramadan.
Nel riferire inoltre che Patrick è rimasto al carcere cairota di Tora e che anche stavolta non è stato portato in Procura, Nasrallah ha aggiunto di prevedere che ci sarà un prolungamento della detenzione di altri 15 giorni.
Lo studente è detenuto dal 7 febbraio. Un mese dopo c’era stato un primo prolungamento di 15 giorni e poi, per tre volte a marzo e quattro il mese scorso, le udienze in Procura sono state rinviate a causa della pandemia di Covid-19.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Morto bimbo di 10 anni incastrato in cassonetto abiti
E’ avvenuto nel Bergamasco
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BERGAMO
19 maggio 2020
23:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tragico epilogo per quanto avvenuto a Boltiere, nel Begamasco: non ce l’ha fatta il bimbo di 10 anni che era rimasto incastrato in un cassonetto per la raccolta di indumenti usati. Il piccolo è morto in serata all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, dov’era stato trasferito in ambulanza in condizioni purtroppo disperate dopo essere stato estratto dai vigili del fuoco dal cassonetto, che è stato smontato. Nonostante il prodigarsi dei medici, le ferite da schiacciamento erano troppo gravi. Probabilmente sarà disposta l’autopsia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Droga, blitz cc e Gdf in quattro regioni
Operazione coordinata da DDA di Campobasso, 39 misure cautelari
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAMPOBASSO
20 maggio 2020
06:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È scattata nella notte una vasta operazione antidroga dei Comandi Provinciali Carabinieri e Guardia di Finanza di Campobasso tra Molise, Campania, Puglia e Calabria in esecuzione di 39 misure cautelari personali della DDA di Campobasso e il sequestro di beni per oltre un milione di euro. Colpite tre organizzazioni criminali che erano riuscite a costituire un solido e redditizio commercio di sostanze stupefacenti tra Campania e Molise. A capo di un sodalizio un pregiudicato napoletano vertice di un’associazione di stampo camorristico campana che reimpiegava i proventi illeciti della droga in attività commerciali in provincia di Campobasso. L’operazione, chiamata ‘Piazza Pulita’, ha visto impegnati oltre 250 carabinieri e finanzieri in 61 perquisizioni locali e personali.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Erri De Luca 70 anni, parola rivoluzione è scaduta
Scrittore, i quindicenni di oggi sono una generazione profetica
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2020
13:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sarà a scalare, da solo, in montagna, Erri De Luca nel giorno del suo settantesimo compleanno, il 20 maggio. “Non festeggio” dice lo scrittore tradotto in trenta lingue, che ha fatto tanti mestieri e vissuto tante vite.
Poeta, attore teatrale, autore di cortometraggi, traduttore da molte lingue che ha imparato da autodidatta, tra cui swahili, yiddish e ebraico antico, De Luca ha lasciato Napoli, la città dove è nato il 20 maggio del 1950, a 18 anni ed è cominciato il suo impegno nella sinistra extraparlamentare. E’ stato operaio in Francia, volontario in Africa, autista di convogli umanitari e traduttore di alcune parti dell’Antico Testamento. Ma se pensa alla sua vita non riconosce “nessun percorso piuttosto uno zigzagare da una tappa all’altra in maniera caotica, senza nessuna linea retta come gli ebrei nel deserto del Sinai per 40 anni” racconta lo scrittore che ha vissuto il lockdown nella sua casa in aperta campagna a 30 chilometri da Roma dove continua a piantare alberi. Nel settembre 2013 è stato incriminato per “istigazione a commettere reati” per interviste in sostegno alla lotta No Tav in Val di Susa e dopo cinque udienze, nel 2015 è stato assolto “perché il fatto non sussiste”. Vicenda che ha portato al libro ‘La Parola Contraria’ (Feltrinelli).
“Ho vagato nel mio tempo. Come uno del Novecento, un secolo molto impegnativo per i suoi inquilini. Il secolo della grandi migrazioni, delle rivoluzioni, della guerra moderna.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ho fatto parte dell’ultima generazione rivoluzionaria del 1900” spiega l’autore di libri come ‘Il peso della farfalla’ e ‘Mondedidio’.
Oggi la “parola rivoluzione è scaduta, si è esaurita nel Novecento”. La nuova è “una generazione profetica” dice parlando dei tredicenni-quindicenni. “Sono ammirato, ci credo in questa gioventù. Stanno accumulando saperi per poter inventare un futuro dell’economia del mondo che sarà della riparazione e del risanamento e che potrà essere redditizia. Chi nega questa evidenza, come chi nega le pandemie, sono cascami del passato”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Volevo nascondermi di Diritti Nastro d’argento dell’anno
A fine giugno i premi in edizione romana ma ‘live’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2020
13:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Al film di Giorgio Diritti Volevo nascondermi va il “Nastro dell’Anno” 2020, riconoscimento che il Direttivo dei Giornalisti Cinematografici assegna scegliendo un’opera che merita una particolare sottolineatura di eccellenza. Sempre al film va il Nastro dell’Anno a Palomar e Rai Cinema per la produzione, a Giorgio Diritti per la regia e alla performance di Elio Germano, che riceveranno i premi, come ogni anno, a fine di giugno, ma in una edizione particolare che si svolgerà a Roma. In questa occasione riceverà un riconoscimento speciale anche la squadra che – dalla scrittura alle collaborazioni tecniche, fino al make up e all’hair styling – ha lavorato nel segno della qualità. “Si tratta di un premio tradizionalmente assegnato al complesso di un’opera per il suo valore speciale” spiega per il Direttivo Nazionale Laura Delli Colli che anticipa quest’anno un’edizione inevitabilmente romana, senza l’appuntamento finale al Teatro Antico di Taormina. A fine maggio il Sngci renderà note le candidature – candidabili tutti i titoli usciti, anche sulle piattaforme, dal 1° Giugno 2019 al 31 Maggio 2020 – mentre a fine di giugno la consegna dei premi ai vincitori, pur nella formula consentita dalle normative di sicurezza previste. “Nastri con mascherina e guanti, sanificazioni, e distanziamento sociale, ma comunque ‘live’ – spiega la presidente – in un omaggio, mai come quest’anno, all’insegna della solidarietà con tutto il cinema, dalla regia ai protagonisti, ma anche a tutti i lavoratori ‘invisibili’, dietro le quinte. Un mondo di talenti, di tecnici e di grande artigianato al quale, oltre l’incoraggiamento e il riconoscimento dei premi, auguriamo soprattutto di poter tornare al lavoro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Al ciak Jams – #UnitiPiùCheMai, i ragazzi in lockdown
Un’edizione speciale per la serie Rai Ragazzi-Stand by me
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2020
13:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Video-lezioni da remoto, nuove amicizie in chat, amori nati nel giardino di casa, bigliettini passati di balcone in balcone e un contest musicale virtuale, ma anche con la preoccupazione per il nonno di uno dei protagonisti e quella per un genitore impegnato nel lavoro in ospedale. La complessa vita dei ragazzi ai tempi della quarantena e dell’emergenza coronavirus è al centro di un’edizione speciale in cinque episodi dell’innovativa serie per ragazzi “Jams”, di cui sono appena iniziate le riprese.
Il progetto, ideato da Simona Ercolani e coprodotto da Rai Ragazzi e Stand by me, è un racconto in tempo reale, con uno sforzo produttivo importante per adeguare la realizzazione della serie live action alle misure restrittive ancora in atto in Italia e a tutti i protocolli di sicurezza previsti dal governo.
“Jams” è stata la prima serie per ragazzi in Europa ad affrontare il tema delle molestie su minori, sfruttando il linguaggio e le dinamiche narrative tipiche delle serie a target Kids&Teen e oggi racconta la vita ai tempi del Covid19 dal punto di vista dei ragazzi attraverso le storie dei 4 protagonisti amatissimi dal pubblico: Joy, Alice, Max e Stefano.
“Uniti più che mai non si riferisce solo ai protagonisti della serie – racconta Luca Milano, direttore di Rai Ragazzi – ma anche al pubblico di ragazzi e ragazze costretti a una lunga quarantena e alla chiusura delle scuole, perché nella rappresentazione della fiction possono rivivere insieme e dare senso all’esperienza straordinaria che hanno dovuto affrontare”.
“Mai come in questo caso il racconto vive parallelamente alla realtà, dato che la serie racconterà la vita dei ragazzi nel mese precedente alle riprese – fa notare Simona Ercolani, Ceo di Stand by me – e la tecnica di recitazione del constructed reality, che si basa sull’improvvisazione degli attori, oggi si rivela ancora più capace di conferire veridicità al racconto, perché tutto il cast può dire di aver vissuto questa esperienza in prima persona, esattamente come tutti i loro coetanei nel mondo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Boss e gregari con reddito cittadinanza
Esponenti spicco cosche del reggino riscuotevano sussidio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
REGGIO CALABRIA
20 maggio 2020
09:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Più di 101 boss e gregari delle principali cosche di ‘ndrangheta calabresi hanno richiesto e riscosso il reddito di cittadinanza. E’ quanto emerso dall’operazione “Mala civitas” condotta dalla Guardia di finanza di Reggio Calabria che ha portato alla denuncia dei richiedenti e fruitori e di ulteriori 15 sottoscrittori delle richieste irregolari di sussidi di indigenza.
Nella rete dei finanzieri sono finiti elementi di spicco delle cosche di Gioia Tauro o delle ‘ndrine reggine dei Tegano e Serraino ma anche capibastone della Locride appartenenti ai Commisso-Rumbo-Figliomeni di Siderno, Cordì di Locri, Manno-Maiolo di Caulonia e D’Agostino di Canolo. Tutti sono stati segnalati all’Inps per l’avvio del procedimento di revoca dei benefici ottenuti e il recupero di somme già elargite per circa 516 mila euro.
L’erogazione del sussidio avrebbe comportato fino al termine del periodo di concessione previsto un ulteriore esborso per 470 mila euro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Papa: la vita va difesa e protetta
‘Noi oggi non custodiamo il creato, ma porta la firma di Dio’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA’ DEL VATICANO
20 maggio 2020
10:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Questa vita, nonostante tutte le sue fatiche e le sue prove, nonostante i suoi giorni difficili, è colma di una grazia per cui meravigliarsi. E in quanto tale va sempre difesa e protetta”. Lo ha detto il Papa nell’udienza generale. Proseguendo le catechesi sul significato della preghiera, Papa Francesco ha sottolineato: “Gli uomini e le donne che pregano sanno che la speranza è più forte dello scoraggiamento. Credono che l’amore è più potente della morte, e che di certo un giorno trionferà, anche se in tempi e modi che non conosciamo. Gli uomini e le donne di preghiera portano riflessi sul volto bagliori di luce: perché, anche nei giorni più bui, il sole non smette di illuminarli”.
Il pontefice ha parlato anche della bellezza del creato. Noi “oggi non custodiamo il creato” ma “in quel creato c’è la firma di Dio”, ha sottolineato. “Il Signore ci faccia capire sempre e più profondamente questo e ci porti a dire ‘grazie’, il ‘grazie’ è una bella preghiera”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
S.Egidio, senza anziani non c’è futuro
Campagna per ‘ri-umanizzare società’ contro ‘sanità selettiva’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 maggio 2020
10:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Nella pandemia del Covid-19 gli anziani sono in pericolo in molti Paesi europei come altrove. Le drammatiche cifre delle morti in istituto fanno rabbrividire”.
E’ da questa preoccupazione della Comunità di Sant’Egidio sul futuro delle nostre società che nasce un appello – “Senza anziani non c’è futuro” – diffuso oggi a livello internazionale “per ri-umanizzare le nostre società” e contro una “società selettiva”. Primo firmatario Andrea Riccardi, insieme a personalità come Romano Prodi, Juergen Habermas, Jeffrey Sachs, Felipe Gonzalez, Hans Gert Pottering, il card. Matteo Zuppi, Irina Bokova, Giuseppe De Rita e altri. L’appello è rivolto a cittadini e istituzioni, per un deciso cambiamento di mentalità che porti a nuove iniziative, sociali e sanitarie, nei confronti delle popolazioni anziane. “Con questo appello – vi si legge – esprimiamo il dolore e la preoccupazione per le troppe morti di anziani di questi mesi e auspichiamo una rivolta morale perché si cambi direzione nella cura degli anziani”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaticano, evitare danni arte chiese
‘Con uso detergenti sbagliati rischio conseguenze irreversibili’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA’ DEL VATICANO
20 maggio 2020
11:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Evitare “danni irreversibili” alle opere d’arte presenti nelle chiese.
L’appello arriva dal Pontificio Consiglio per la Cultura. “Sono pervenute da più parti segnalazioni che la disinfezione di ambienti, di paramenti e di vasi sacri per il culto, necessaria in questo periodo di emergenza sanitaria, e probabilmente ancora per lungo tempo, in alcuni casi è stata effettuata mediante l’uso di detergenti non adatti a oggetti d’arte e beni culturali”, riferisce una nota dello stesso Pontificio Consiglio che pubblica un vademecum che spiega dettagliatamente come trattare e con quali prodotti specifici le opere d’arte e i manufatti storici presenti in molte chiese. Da bandire soprattutto la candeggina. Tutto questo “per evitare di procurare danni irreversibili agli oggetti più preziosi e delicati presenti nelle nostre chiese”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Foto della ex su siti escort, arrestato
Anche falso profilo instagram. A domiciliari 21enne incensurato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
20 maggio 2020
12:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Avrebbe pubblicato foto intime della ex fidanzatina, di 17 anni, su alcuni siti di escort, di prostitute, col numero di cellulare di lei, per vendicarsi della fine della loro relazione. Così un 21enne, incensurato, è stato arrestato dalla polizia postale in esecuzione di una misura di custodia cautelare agli arresti domiciliari disposta dal gip di Firenze su richiesta del pm Giacomo Pestelli. Le accuse a carico del giovane, originario del Marocco, sono stalking, revenge porn, sostituzione di persona e diffamazione. Secondo le indagini, il giovane marocchino non accettava la fine della relazione e da marzo scorso avrebbe iniziato a contattarla ripetutamente al telefono, arrivando perfino a minacciarla di morte. Poi l’avrebbe ricattata, dicendo che se non fosse tornata a stare con lui avrebbe pubblicato in rete le foto intime che lei gli aveva inviato quando stavano insieme. Poco dopo lo ha fatto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Chiesto giudizio ex portavoce Appendino
Vicenda Salone Libro, chiesta archiviazione per sindaca
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
20 maggio 2020
13:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La procura di Torino ha chiesto il rinvio a giudizio per l’ex portavoce della sindaca Chiara Appendino, Luca Pasquaretta, nell’ambito dell’inchiesta sulla consulenza da 5.000 euro al Salone del Libro del 2017. A Pasquaretta vengono contestati i reati di corruzione, traffico di influenze illecite, peculato, estorsione e turbativa d’asta.
Chiesta invece l’archiviazione per la sindaca di Torino Chiara Appendino, che era accusata di concorso in peculato, e per la funzionaria comunale Elisabetta Bove. Secondo la procura, Appendino e la viceministra dell’Economia, Laura Castelli, sarebbero state vittime di estorsione da parte di Pasquaretta per ottenere un nuovo incarico. A scagionare la sindaca, secondo quanto si apprende, una chat tra lei e Pasquaretta, dalla quale si evince che Appendino non era a conoscenza della consulenza al Salone del Libro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uomo irrompe con mazza ferro in ospedale
Voleva rubare pistola a vigilantes, fuggito al rifiuto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CETRARO
20 maggio 2020
14:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un uomo con il volto travisato ha seminato il panico la notte scorsa nel Pronto soccorso dell’ospedale di Cetraro . L’uomo, secondo quanto raccontato dai testimoni, è entrato brandendo un bastone di ferro e ha chiesto alla dottoressa di turno di chiamare immediatamente la guardia giurata. La dottoressa, presa dal panico, ha chiamato la guardia giurata che è arrivata immediatamente sul posto. L’uomo ha chiesto più volte al vigilantes di consegnargli la pistola d’ordinanza ed al suo rifiuto gli ha lanciato contro il bastone ed è fuggito. L’oggetto non ha colpito nessuno dei presenti.
Sono in corso le indagini per cercare di risalire all’autore del gesto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Danni grandine a tetti, boato come sisma
Sindaca Monsampietro M., ‘forza scagliata su ferite aperte’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MONSAMPIETRO MORICO
20 maggio 2020
14:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tetti di abitazioni divelti, alberi che bloccano strade, famiglie anche con figli minori isolate, colture di vite, ulivo e grano distrutte. Molto pesanti le ripercussioni anche a Monsampietro Morico (Fermo), circa 630 abitanti, dove la sindaca Romina Gualtieri ha aperto il Coc per far fronte all’ondata di maltempo che si è abbattuta nella notte particolare nel sud delle Marche: mezzo metro di grandine accumulata e piogge consistenti.
Una tempesta, racconta, durante la quale i residenti di Monsampietro Morico hanno sentito un boato causato dalla caduta di chicchi grandi come uova che hanno fatto tremare le abitazioni. Un rumore talmente forte da far temere ai cittadini del paesino, segnato dal sisma del 2016 e per metà inagile, una nuova scossa di terremoto. I vigili del fuoco sono al lavoro per i ripristini. La sindaca è “amareggiata”, dopo 11 anni in carica, il terremoto e l’emergenza Covid: “è una situazione probante, vedi una forza sovrannaturale che si scaglia contro ferite aperte”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: infermieri davanti Regione, vogliamo rispetto
Protesta a Torino del sindacato Nursind, stipendi inadeguati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
20 maggio 2020
14:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le mani incatenate, sacchi dell’immondizia addosso al posto dei camici, buttati per terra.
E’ la protesta degli infermieri del Nursind andata questa mattina in scena in piazza Castello, a Torino, davanti al palazzo della Regione Piemonte. Un flash mob organizzato per denunciare le condizioni di lavoro degli ultimi mesi e chiedere il giusto riconoscimento economico per quanto fatto, fino ad ora soltanto promesso dalla Regione.
“Siamo qui per chiedere conto delle vostre promesse – hanno detto i manifestanti dando lettura di un documento – I nostri sono stipendi inadeguati, nessun bonus e nessun premio sanerà le nostre perdite, ma un segnale di rispetto lo pretendiamo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Israele-Palestina: S.Sede ‘preoccupata’
‘Indispensabile il rispetto del diritto internazionale’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA’ DEL VATICANO
20 maggio 2020
14:46
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Santa Sede esprime “preoccupazione” per “eventuali atti che possano compromettere ulteriormente il dialogo” tra israeliani e palestinesi. La Segreteria di Stato riferisce infatti di avere appreso da Saeb Erekat, Capo negoziatore e Segretario Generale dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina, “della possibilità che la sovranità israeliana venga applicata unilateralmente a parte di dette zone”. La Santa Sede definisce “indispensabile” il rispetto del diritto internazionale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Astalli, nel 2019 -50% arrivi migranti
11.471 sbarcati, dimenticati in carceri Libia e isole Grecia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 maggio 2020
14:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Nel 2019 migliaia di migranti hanno vissuto confinati in una sorta di limbo. Dimenticati nelle carceri libiche, nei campi delle isole greche o persino sulle navi che li hanno soccorsi, lasciati in balìa delle onde per giorni mentre l’Italia e gli altri Stati dell’Unione europea ingaggiavano un vergognoso braccio di ferro su chi dovesse accogliere poche decine di persone”. Lo denuncia il Rapporto annuale del Centro Astalli per i Rifugiati. “Solo 11.471 migranti sono approdati in Italia” con “un calo di oltre il 50% rispetto al 2018 e del 90% in relazione al 2017”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
India: superciclone Amphan, milioni di evacuati
Lungo la costa orientale del Paese
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2020
08:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le autorità indiane hanno iniziato ad evacuare milioni di persone lungo la costa orientale del Paese in vista dell’arrivo del superciclone Amphan nel golfo del Bengala.
Secondo quanto riporta la Bbc, Amphan dovrebbe toccare terra domani, colpendo gli Stati del Bengala Occidentale e di Orissa.
Quest’ultimo ha già vietato l’arrivo dei treni fino a domani che avrebbero dovuto riportare a casa decine di migliaia di lavoratori migranti in fuga dalle città a causa delle misure di lockdown prese per contenere la diffusione del coronavirus.
Le operazioni di evacuazione dovrebbero proseguire fino a domani mattina. Amphan, che potrebbe sviluppare venti fino a 230-260 chilometri orari, sarebbe il primo superciclone ad arrivare nel golfo del Bengala dopo quello del 1999, che colpì la costa di Orissa provocando oltre 9.000 vittime.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fase 2:Zaia,faremo spot su limiti movida
Già nel passato iniziativa analoga per ‘stragi sabato sera’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
20 maggio 2020
15:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uno spot con le regole da seguire agli ‘happy hour’, ma anche per far capire quali potrebbero essere le conseguenze se non si portano le mascherine e se non si evitano gli assembramenti. Lo ha annunciato il presidente del veneto, Luca Zaia, che già nel passato aveva fatto realizzare uno spot ‘choc’ sulle cosiddette ‘stragi del sabato sera’.
“E’ uno spot – spiega – che dà una dimensione cosa vuol dire andare agli happy hour trasgredendo le regole. Mi giungono miriadi di messaggi e video di violazioni, inviati per il 90% da giovani che mi chiedono di far qualcosa. Credo ancora nel dialogo, ho fatto l’obiettore di coscienza per cui sono contro le manette e uno stato di polizia. Nessuno vieta gli spritz, non sono contro gli happy hour, ma faccio un appello di evitare gli assembramenti e di portare le mascherine fino al 2 giugno”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Anticorpi in un milanese su 20 già prima dell’epidemia Covid
Studio Policlinico su donatori sangue. Erano 4,5%, a aprile 7,1%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 maggio 2020
17:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il virus SARS-CoV-2 stava circolando a Milano già diverse settimane prima di quel 21 febbraio 2020. A inizio epidemia infatti 1 donatore di sangue su 20 (4,6%) aveva già sviluppato gli anticorpi, percentuale salita al 7,1% ai primi di aprile. Lo indica uno studio sui donatori di sangue del Policlinico di Milano, pubblicato su medRxiv, sito che ospita lavori non ancora rivisti dalla comunità scientifica. “Il distanziamento sociale – viene detto – sembrerebbe essere stato d’aiuto soprattutto per proteggere i più giovani”. Si tratta della “prima vera conferma scientifica che nell’area metropolitana era presente un sommerso di persone contagiate, già prima che si verificassero i primi casi di malattia conclamata è anche il primo studio sierologico su persone asintomatiche che ci dice chiaramente che siamo ben lontani dall’immunità di gregge”, spiega Daniele Prati, uno dei coordinatori dello studio. Insieme a Luca Valenti, altro coordinatore del Policlinico di Milano, e con Gianguglielmo Zehender della Statale di Milano, i ricercatori hanno esaminato circa 800 donatori di sangue sani presentatisi al Policlinico tra il 24 febbraio e l’8 aprile. All’inizio dell’epidemia la sieroprevalenza era nel 4,6% dei donatori, cioè 1 persona su 20 era già venuta in contatto con il coronavirus. Durante il distanziamento sociale c’è stato un aumento fino al 7,1%. “Lo scopo di questo studio – commenta ancora Daniele Prati – era di esaminare la presenza dell’infezione da SARS-CoV-2 in adulti asintomatici in una delle aree italiane più colpite, e nello stesso tempo raccogliere più elementi possibili per comprendere i fattori di rischio e i valori di laboratorio associati alla malattia”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La pratica del distanziamento sociale sembra aver favorito soprattutto i più giovani, che hanno avuto il tempo di sviluppare un’immunità a lungo termine. In tutti i donatori, che hanno mostrato positività al virus, si sono verificate alterazioni nella conta delle cellule del sangue e nel profilo lipidico: due indizi che, secondo i ricercatori, potrebbero aiutare a inquadrare meglio le persone asintomatiche, cioè quelle che pur avendo il virus in circolo (ed essendo per questo contagiose) non manifestano la malattia
Il Covid in un neonato gia’ il 26 febbraio a Parma – Primo caso di isolamento da un lattante di 7 settimane del SarsCov-2. Il campione naso-faringeo del lattante, ricoverato, è pervenuto al laboratorio il 26 febbraio. Ciò dimostra che “la circolazione del nuovo virus nella popolazione pediatrica avveniva già prima dell’epidemia riconosciuta in città” e supporta l’ipotesi che “nei bambini la circolazione del virus è spesso misconosciuta”. L’isolamento e’ stato effettuato all’Università di Parma ed il dato è pubblicato su ‘International journal of infectious diseases’.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vissani, non ho riaperto ristorante Basc
Per lo chef “mantenere distanze in cucina non possibile”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
20 maggio 2020
16:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Casa Vissani a Baschi non l’ho riaperto e non so quando lo farò. Come posso riaprire il mio ristorante in queste condizioni? Mantenere le distanze imposte in cucina non è possibile”: a dirlo è Gianfranco Vissani. Il quale chiede aiuti “subito” al governo “per la sopravvivenza di tutta la categoria”.
“Dopo tutti questi mesi di chiusura le nostre aziende sono deperite” ha detto ancora Vissani. “Ogni giorno – ha aggiunto – ricevo decine di telefonate da cuochi che sono disperati”.
Nello storico ristorante dello chef lavorano 18 dipendenti.
“Che ad oggi – ha sottolineato – non sarei in grado di riassorbire. Non ci sono le condizioni per riprendere l’attività. La mia è una macchina organizzativa complessa, per fare un piatto occorrono anche quattro cuochi contemporaneamente e questo mi viene vietato per la sicurezza”.
Vissani, intanto domani a Roma riaprirà “Il tuo Vissani”, “rispetto al ristorante di Baschi è una dimensione più piccola e più gestibile”, ha spiegato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Lombardia calano i contagi, +65 morti
Solo 8 nuovi casi positivi a Milano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
20 maggio 2020
18:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ tornato a calare il numero dei positivi in Lombardia: i nuovi casi sono 294, per un totale di 85.775 in regione, con 11.508 tamponi. Ieri i nuovi positivi erano stati 462 con 14.918 tamponi. Continua a diminuire il numero dei ricoverati in terapia intensiva (231, -13) e negli altri reparti (4.281, -145). I morti sono in totale 15.662, con 65 nuovi decessi, mentre ieri erano stati 54. Sono i dati resi noti da Regione Lombardia.
Sono solo 8 i nuovi casi positivi registrati nella città di Milano, mentre sono 48 nell’intera provincia, dove si registra un totale di 22.372 contagiati, di cui 9.425 a Milano città.
Ieri c’era stato un incremento di 102 casi in provincia, di cui 49 a Milano citta’, con oltre 3000 tamponi processati in più (14.918 ieri, 11.508 oggi). Sotto controllo la situazione nelle altre province lombarde, con 26 nuovi casi a Bergamo (12.633 in totale), 50 a Brescia (14.199) e a Monza e Brianza (5.388) e 11 a Lodi (3.380).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fase 2, l’allarme dei consumatori: i prezzi rincarano, dal caffè ai parrucchieri
Il Codacons: ‘Stiamo ricevendo decine di segnalazioni’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 maggio 2020
18:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Allarme dei consumatori sui rincari dei prezzi. Lo stop di oltre due mesi ora pesa anche sui listini di diversi bar e parrucchieri, dove il caffé è arrivato a costare in alcuni casi anche il 53% in più mentre il taglio di capelli e la messa in piega sono aumentati del 25%.
“Stiamo ricevendo decine di segnalazioni”, spiega il Codacons. In testa alla classifica degli aumenti ci sono i bar, con molti esercenti che hanno ritoccato al rialzo il prezzo di caffè e cappuccino: al centro di Milano, dove il prezzo medio di un espresso è 1,30 euro, si arriva fino a 2 euro (+53,8%). A Roma (1,10) fino a 1,5 euro (+36,3%). A Firenze (1,40) fino a 1,7 euro (+21,5%). Anche i parrucchieri, in base alle segnalazioni, hanno aumentato i listini, con rincari per shampoo, messa in piega, taglio, e altri trattamenti. In base ai costi medi nelle grandi città, il prezzo di un taglio passa da una media 20 a 25 euro (+25%), ma con punte che arrivano al +66%, dove secondo una segnalazione a Milano il taglio donna in un salone è passato da 15 a 25 euro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Unc, ad aprile top rincari per frutta,verdura, burro
A fronte di un’inflazione che nel mese di aprile ha registrato una variazione nulla su base tendenziale e dello 0,1% su base mensile, i prezzi della verdura sono aumentati in media del 6,9% quelli della verdura del 3,7% come le patate, il pane confezionato dell’1,7%, la farina è rincarata dell’1,5%. E’ quanto emerge da un’elaborazione sui dati Istat dell’Unione nazionale consumatori che ha elaborato la top ten dei rincari. I prezzi dei detergenti e prodotti per la pulizia della casa sono aumentati dell’1,6%, le uova dell’ 1,3% (+3,1% annuo), il latte conservato dell’ 1,2% altri prodotti medicali come i disinfettanti in decima posizione, dell’1%. “Non è un caso se l’Antitrust ha avviato un’indagine preistruttoria sull’andamento dei prezzi dei generi alimentari di prima necessità, detergenti e disinfettanti. Certo per questi prodotti si è registrato un aumento della domanda, ma questo non può spiegare incrementi dei prezzi così elevati, specie se si considera che si tratta di dati medi e che molti commercianti e supermercati hanno responsabilmente tenuto fermi i listini” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori. Secondo l’Unione consumatori inoltre “alcuni centri estetici e parrucchieri avrebbero introdotto un contributo extra, una sorta di tassa di solidarietà per le varie spese aggiuntive, come quelle di sanificazione.
Dissente dal Codacons l’Istituto Espresso Italiano (Iei) . Affermare che “commercianti ed esercenti scarichino i mancati guadagni e i maggiori costi legati al coronavirus sui consumatori finali”, come ha detto il presidente Codacons Carlo Rienzi, secondo lo Iei “ha il sapore di una critica ideologica non tenendo in debita considerazione la congiuntura economica attuale ma, soprattutto, al di là di questa, i fattori che incidono sul prezzo del caffè al bar”. “Rienzi, prima di dire se il caffè è troppo caro dovrebbe informarsi sull’origine del prodotto e sulle le condizioni di servizio – ha affermato Luigi Morello, presidente dell’Istituto Espresso Italiano – visto che in Italia il caffè al banco è storicamente tra i più economici in Europa e il margine sulla tazzina in questi anni si è notevolmente ridotto: parlare di rincari in modo generico è pura demagogia”. Il prezzo di una tazzina di Espresso in Europa. Il prezzo di un espresso in Italia è tra i più bassi in Europa. In Nord Europa si va da 2,36 a 3,00 euro, in Austria e in Germania tra 1,75 e 1,90, in Francia 1,60, in Spagna 1,39, in Russia e in Polonia 1,50 e in Grecia e in Romania 1,30.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, 32.330 vittime, 161 più di ieri
665 nuovi casi, ma cala il totale dei malati. 2881 nuovi guariti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 maggio 2020
18:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 161 le vittime del coronavirus nelle ultime 24 ore in Italia. In totale i morti salgono così a 32.330. Ieri l’aumento era stato di 162 vittime. Il dato è stato reso noto dalla Protezione Civile. Il numero totale dei contagiati, comprensivo di attualmente positivi, vittime e guariti, sale a 227.364, cioè 665 più di ieri, dei quali 85.775 sono stati registrati in Lombardia. Ieri l’incremento nazionale era stato di 813 casi. Oggi non sono stati registrati positivi in Umbria, Valle d’Aosta, Molise, Basilicata e nella provincia autonoma di Bolzano. I malati attuali sono 62.752, con un calo di 2.377 che è più forte di quello di ieri, quando era stato di 1.424. Salgono a 132.282 i guariti e i dimessi, con un incremento rispetto a ieri di 2.881. Martedì l’aumento era stato di 2.075. Migliora il dato dei ricoverati in terapia intensiva, che sono 676, 40 meno di ieri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da guanti a visiere, vademecum per le protezioni sul lavoro
I consigli dell’esperto per usarli correttamente nella fase 2
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 maggio 2020
18:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nasi che sbucano dalle mascherine, ditate sulle visiere, guanti riciclati: sono alcuni degli errori più frequenti in cui è possibile incappare nell’utilizzo quotidiano dei dispositivi di protezione personale, così importanti per tornare a lavorare in sicurezza ed evitare il contagio da Covid-19 nella fase 2.
“La mascherina chirurgica può ridurre fino a un quinto il rischio di infezione, ma deve essere integra e non bagnata”, spiega Carlo Perno, docente di microbiologia e virologia all’Università Statale di Milano. “Quando la si indossa bisogna coprire bene naso e bocca: gli uomini, in particolare, dovrebbero evitare la barba lunga, che impedisce una buona aderenza al volto. Una volta tolta, la mascherina può essere riusata se ancora in buone condizioni: basta metterla a prendere aria, senza bisogno di disinfettarla”.
Per parrucchieri, estetisti e massaggiatori, che lavorano a stretto contatto con il cliente, è importante indossare non solo la mascherina ma anche la visiera. A fine giornata il dispositivo va maneggiato con cura, toccando la banda che lo fissa alla testa e non la visiera contaminata, che andrà pulita “con acqua e sapone o alcol denaturato”, precisa l’esperto. Infine il capitolo guanti: “se usati in maniera scorretta possono addirittura favorire il contagio”, sottolinea Perno. “Vanno cambiati spesso, non riutilizzati, e quando li indossiamo non dobbiamo toccarci il volto e gli occhi, perché possono veicolare il virus”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vo’, ‘ora temiamo chi viene da fuori’
Paese-laboratorio studi epidemiologici, resta solo un contagiato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VO’
20 maggio 2020
20:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tre mesi fa lo conoscevano solo gli amanti del buon vino e dei paesaggi bucolici. Oggi Vo’, sui Colli Euganei, 90 giorni dopo l’emergenza Coronavirus, è con Codogno il simbolo dei paesi che si sono rialzati. Era il 21 febbraio quando spuntarono i primi due contagiati, e quella stessa sera arrivò la notizia della prima vittima italiana del Covid, Adriano Trevisan, 78 anni, morto nell’ospedale di Schiavonia. A distanza di tre mesi, dopo due turni completi di tamponi e uno screening epidemiologico, il paese conta ancora un solo contagiato, ricoverato in ospedale. Il sindaco Giuliano Martini non è però sereno: “Non sono preoccupato per i miei cittadini che hanno sviluppato una disciplina ineccepibile in tema di igiene e distanziamento, ma – spiega – lo sono per la gente che viene da fuori. In questa nuova fase 2 sono corsi qui stormi di ciclisti tutti ammassati l’uno sull’altro, corrono vicini, parlano senza mascherina, si fermano al bar. Come se fino ad ora avessimo scherzato. Vorrei dire loro che non è così”.
Coronavirus: meno di un caso ogni 100 tamponi, è il dato più basso
0,98 la percentuale, considerando anche i test ripetuti. Otto Regioni senza nuove vittime nelle ultime 24 ore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
20 Maggio 2020
21:02
Mai così bassa la percentuale dei positivi sui tamponi effettuati: con 665 nuovi contagi su 67.195 test effettuati nelle ultime 24 ore si tratta dello 0,98%. Meno di un infettato dal coronavirus ogni 100 tamponi, insomma. Se si escludono i casi di tamponi ripetuti, oltre il 40% del totale, e si valutano solo i nuovi casi testati, la percentuale sale all’1,7%, comunque su livelli minimi (il 26 aprile era al 9,6%).
Otto regioni non hanno fatto registrare vittime per il coronavirus nelle ultime 24 ore in Italia, in base ai dati della Protezione civile. Si tratta di Trentino Alto Adige, Sicilia, Abruzzo, Umbria, Sardegna, Valle d’Aosta, Basilicata e Molise.
Sono 161 le vittime del coronavirus nelle ultime 24 ore in Italia. In totale i morti salgono così a 32.330. Ieri l’aumento era stato di 162 vittime.
Sono 227.364 i contagiati totali per il coronavirus in Italia, 665 più di ieri. Di questi 85.775 in Lombardia, che ne fa registrare 294 più di ieri. Il dato comprende attualmente positivi, vittime e guariti. Ieri l’incremento nazionale era stato di 813. Il dato è stato reso noto dalla protezione civile. Quattro regioni e una provincia autonoma non fanno registrare nuovi casi: Umbria, Valle d’Aosta, Molise, Basilicata e Provincia autonoma di Bolzano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 62.752 i malati di coronavirus in Italia, 2.377 meno di ieri, quando il calo era stato di 1.424.
Sono saliti a 132.282 i guariti e i dimessi per il coronavirus in Italia, con un incremento rispetto a ieri di 2.881. Martedì l’aumento era stato di 2.075.
In Italia il numero di persone sottoposte ad almeno un tampone per il Covid-19 ha superato i due milioni, in base ai dati della Protezione civile. Sono esattamente 2.038.216, a fronte di oltre 3 milioni e centomila test effettuati, almeno un terzo dei quali sono quindi tamponi ripetuti sulla stessa persona.
È tornato a calare il numero dei positivi in Lombardia: i nuovi casi sono 294, per un totale di 85.775 in regione, con 11.508 tamponi. Ieri i nuovi positivi erano stati 462 con 14.918 tamponi. Continua a diminuire il numero dei ricoverati in terapia intensiva (231, -13) e negli altri reparti (4.281, -145). I morti sono in totale 15.662, con 65 nuovi decessi, mentre ieri erano stati 54 (rpt, 54). Sono i dati resi noti da Regione Lombardia.
Dall’inizio dell’epidemia in Emilia-Romagna si sono registrati 27.364 casi di positività, 50 in più rispetto a ieri, a fronte di 6.162 tamponi effettuati, che raggiungono così complessivamente quota 274.362. Sono 11 invece i nuovi decessi, che portano il totale a 4.008. I dati, aggiornati alle 12, sono stati diffusi dalla Regione. Le nuove guarigioni oggi sono 271 (18.258 in totale), mentre continuano a calare i casi attivi, e cioè il numero di malati effettivi che a oggi sono scesi a 5.098 (-232 rispetto a ieri). Le persone in isolamento a casa sono complessivamente 4.376, 185 in meno. I pazienti in terapia intensiva sono 96 (-3). Diminuiscono anche quelli ricoverati negli altri reparti Covid (-44). I nuovi decessi riguardano 1 residente nella provincia di Piacenza, 2 in quella di Parma, 1 in quella di Reggio Emilia, 1in quella di Modena, 2 in quella di Bologna (nessuno nell’imolese), 1 in quella di Ferrara, 1 in quella di Forlì-Cesena (nel Forlivese), 2 in quella di Rimini. Nessun decesso tra i residenti nella provincia di Ravenna e da fuori Regione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sisma del 5.8 nel Mediterraneo centrale
Tra Italia e Grecia. Avvertita in Puglia, Calabria e Sicilia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
21 maggio 2020
06:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una scossa di terremoto di magnitudo 5.8 secondo l’agenzia europea di monitoraggio Emsc è stata registrata nella notte nel mare tra l’Italia e la Grecia, a circa 10 chilometri di profondità. Il sisma si è verificato poco prima delle 2 e, secondo varie fonti, sarebbe stato avvertito anche sulle coste di Puglia, Calabria e Sicilia. Al momento non si ha notizia di danni. La scossa è stata individuata a 439 chilometri a sud ovest di Atene.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Appalti Sanità: giro mazzette in Sicilia
Maxioperazione Gdf, c’è anche Commissario regionale Covid 19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
21 maggio 2020
07:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una maxi operazione della Guardia di Finanza ha svelato un intreccio perverso su un sistema che avrebbe consentito di pilotare appalti milionari della Sanità in Sicilia. L’indagine, che coinvolge imprenditori e funzionari pubblici, ha portato all’arresto di dieci persone accusate, a vario titolo, di corruzione. Gli investigatori avrebbero accertato un giro di mazzette che ruotava intorno alle gare indette dalla Centrale Unica di Committenza della Regione Siciliana e dall’Asp 6 di Palermo per un valore di quasi 600 milioni di euro. Tra gli arrestati ci sono anche Antonio Candela, 55 anni, attuale Coordinatore della struttura regionale per l’emergenza Covid-19 in Sicilia, e l’attuale direttore dell’Asp di Trapani Fabio Damiani, anche lui di 55 anni. Candela, che è ai domiciliari, è stato Commissario Straordinario e Direttore generale dell’Asp di Palermo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rifiuti, 27 arresti tra Roma e Latina
L’accusa è di traffico illecito, riciclaggio e autoriciclaggio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
21 maggio 2020
11:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ventisette arresti tra Roma e Latina per traffico illecito di rifiuti. I carabinieri della Sezione di Polizia Giudiziaria della Procura di Roma, la Gdf di Latina, i carabinieri Forestali e gli agenti della polizia locale e della Città Metropolitana stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare e sequestro preventivo, emessa dal gip di Roma su richiesta della locale DDA, nei confronti de 27 persone (14 in carcere e 13 ai domiciliari) per traffico illecito di rifiuti, riciclaggio e autoriciclaggio. Impiegati nelle operazioni circa 200 uomini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Travolta da auto pirata, grave ragazza
Ha 19 anni. Si presenta un parente dell’investitore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
LECCO
21 maggio 2020
08:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una giovane di 19 anni è stata travolta da un’auto pirata nella tarda serata di ieri, in centro a Lecco: le sue condizioni sono risultate subito molto gravi ed è stata trasportata in codice rosso con l’elicottero all’ospedale di Varese. La dinamica di quanto accaduto non è ancora del tutto chiara. Indagano gli agenti della Polizia locale: L’incidente si sarebbe verificato intorno alle 22,15 all’altezza delle strisce pedonali in via Papa Giovanni XXIII, e l’investitore non si è fermato per i soccorsi. Un’ora più tardi un parente dell’automobilista si sarebbe presentato al comando di polizia locale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fase 2, l’Emilia Romagna riapre le spiagge dal 23 maggio
Anticipata di due giorni l’avvio della stagione balneare. Pubblicate le linee guida: evitare gli assembramenti in alcune porzioni di arenile
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
21 maggio 2020
16:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’Emilia-Romagna gioca d’anticipo e fissa a sabato 23 maggio l’avvio ufficiale della stagione balneare in riviera: inizialmente prevista per lunedì 25, la riapertura degli stabilimenti balneari è stata anticipata di un paio di giorni per decisione della Regione. La raccomandazione è di evitare il concentramento solo in alcune porzioni di spiaggia, per facilitare e garantire sicurezza e distanziamento tra le persone. Nelle spiagge libere i Comuni possono prevedere accessi contingentati.
Distanze di sicurezza, steward e pulizia: sono i pilastri delle linee guida cui gli stabilimenti balneari romagnoli si sono adeguati per poter riaprire ai clienti già da questo fine settimana. I protocolli prevedono una superficie minima a ombrellone di 12 metri quadrati: indicativamente 4 e 3 metri tra paletti degli ombrelloni e delle file. Tra le attrezzature di spiaggia, come lettini e sdraio sulla battigia, dovrà esserci almeno un metro e mezzo di distanza. Le postazioni o gli ombrelloni saranno numerati e assegnati. In spiaggia ci saranno steward appositamente formati per accompagnare gli ospiti all’ombrellone o al lettino. Per quanto riguarda i pasti, questi saranno ordinati con un servizio di delivery con consegna per la consumazione all’ombrellone-lettino. In alternativa si potrà mangiare in aree ristorazione in grado di garantire il distanziamento sociale. Le aree giochi per i bambini saranno delimitate e con un numero massimo di presenze consentite. I servizi igienici, le docce e le cabine dovranno essere pulite e disinfettate ogni giorno e a ogni cambio di clientela. Nelle spiagge libere i Comuni avranno la possibilità di prevedere accessi contingentati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Appalti Sanità: assessore, subito misure
Razza, quadro svelato da indagini è impietoso e fa rabbia
e
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
21 maggio 2020
09:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La storia personale e le pubbliche considerazioni di tante istituzioni su alcuni dei soggetti coinvolti, a partire dal dottor Candela, stonano con le risultanze di questa attività investigativa. E per questo la vicenda lascia ovviamente attoniti. Ma saranno immediati, già questa mattina, tutti i provvedimenti conseguenti”. Lo ha dichiarato l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, commentando l’operazione della Guardia di Finanza su un presunto giro di mazzette che ha portato all’arresto di dieci persone, tra cui l’attuale commissario per l’emergenza Covid 19 in Sicilia Antonio Candela.
“Il quadro disvelato dalle indagini della Guardia di Finanza – prosegue – è impietoso e fa rabbia. Poco importa che siano fatti risalenti nel tempo al 2016.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Furti e spaccio, 13 arresti nel Foggiano
Otto finiscono in carcere, cinque ai domiciliari
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
21 maggio 2020
09:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 13 le persone, tra cui alcuni pregiudicati di Cerignola, raggiunte da misure cautelari perché accusate, a vario titolo, di furti e spaccio di sostanze stupefacenti. In otto sono finite in carcere, cinque invece ai domiciliari. Le misure sono state eseguite dagli agenti della squadra mobile di Foggia e da quelli del commissariato ofantino.
A quanto si apprende, gli indagati fanno parte di tre distinti gruppi criminali. Un primo e’ accusato di spaccio di sostanze stupefacenti, perlopiù hashish, proprio nel comune di Cerignola; un secondo, invece, di furti d’auto con il cosiddetto cavallo di ritorno. Ed infine, un terzo, di furti nei capannoni commessi non solo nel territorio cerignolano, ma anche al Nord Italia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sequestrate mascherine per bambini
Da Guardia Finanza a Napoli in operazione anti contraffazione
r
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
21 maggio 2020
09:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
2.600 mascherine ‘protettive’ per bambini sono state sequestrate dagli uomini del comando provinciale della Guardia di Finanza di Napoli che hanno scoperto nel corso di due distinti interventi, oltre 60.000 articoli contraffatti. Un’operazione che, secondo le Fiamme gialle, testimonia come sia iniziata una fase 2 anche per il mercato del falso.
Il Gruppo Pronto Impiego della Finanza, partendo dal monitoraggio dei flussi commerciali in ripresa nella zona mercatale della zona della ‘Maddalena’ a Napoli, ha individuato, nell’area industriale del quartiere Poggioreale, un 47enne di origini cinesi che, a bordo della propria auto, era entrato in un’area adibita a deposito container iniziando a prelevare delle scatole da uno di essi. I successivi approfondimenti hanno permesso alle Fiamme Gialle di riscontrare che all’interno del deposito erano presenti altri 8 container, tutti nella disponibilità dello stesso, contenenti calzature con marchi contraffatti di note griffe sportive.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Riapre Gambrinus, brindisi con un caffè
Meno tavolini ma gioia. Romana che lavora a Napoli prima cliente
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
21 maggio 2020
09:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un brindisi con le ‘tazzulell e’ café’ tra proprietari e personale. Così ha riaperto stamattina il Gambrinus, dopo il lockdown. La caffetteria storica di Piazza del Plebiscito, che la scorsa settimana ha celebrato a saracinesche abbassate i suoi 160 anni, è ripartita con il via libera ai tavolini nella grande sala interna e nel dehors su Piazza Trieste e Trento, con vista sul Plebiscito. I tavolini distanziati di un metro sono di meno ma hanno permesso la ripartenza come in molti altri locali di Napoli. La prima cliente è stata Daniela, romana che lavora a Napoli, accolta con uno sguardo di gioia e sollievo dallo staff per la ripartenza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: donati pasti vegani, via a Torino
Dal 30 in Lombardia, operazione mondiale ‘Million Dollar Vegan’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
21 maggio 2020
09:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Prende il via oggi a Torino la distribuzione di centinaia di pasti vegani in ospedali, asl, unità mobili e a famiglie rese più fragili dalla pandemia di coronavirus a opera dell’organizzazione ‘Million Dollar Vegan’ nell’ambito di un progetto che prevede la donazione di cibo per centomila dollari in 10 Paesi del mondo.
Nel capoluogo piemontese, dove l’operazione dura fino al 29 maggio, vengono donati circa 700 pasti al personale dell’ospedale ‘Le Molinette’ impiegato nell’emergenza covid e agli addetti delle unità mobili e delle task force coronavirus della ASL Città di Torino. Il lunch box preparato dallo chef Luca André del ‘Soul kitchen’ è composto da un piatto unico a base vegetale e un dessert, una ‘coccola’ in un momento di difficoltà.
Sabato 30 gli operatori si sposteranno nel Varesotto per distribuire pacchi spesa vegan a 50 famiglie vulnerabili in collaborazione con la onlus WhiteMilkFoundation. Assieme ai beni alimentari, le famiglie troveranno un ricettario per cucinare quanto ricevuto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ha test fai da te per Covid, denunciato
Fermato dalla polizia, ha detto che voleva farlo a un amico
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BRESCIA
21 maggio 2020
10:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un 43enne bresciano che voleva fare un test sierologico a un amico, è stato denunciato per esercizio abusivo della professione medica. Fermato dalla Polizia stradale in auto a Montichiari, nella Bassa bresciana, l’uomo aveva una serie di kit fai da te per i test sierologici anti-Covid. Gli agenti hanno ricostruito la provenienza del materiale e accertato che avrebbe dovuto effettuare l’esame sierologico ad un amico. Non avendo alcuna abilitazione alla professione sanitaria, ne i dispositivi di protezione necessari, il 43enne è stato denunciato per esercizio abusivo della professione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Protesta autoscuole, strada bloccata
50 macchine e 200 persone contro nuove modalità esami teoriciß
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
21 maggio 2020
10:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Hanno bloccato via Argine, a Napoli, per protestare contro le nuove modalità degli esami teorici di scuola guida: sono le autoscuole e scuole nautiche di Napoli e provincia, che manifestano contro cambiamenti “che hanno modificato la proposta iniziale di espletamento degli esami teorici all’interno delle sedi delle scuole guida”.
Sono circa 50 auto e oltre 200 persone, che si sono date appuntamento davanti alla sede della Motorizzazione civile di Napoli, per manifestare contro una decisione che “allungherà i tempi per la ripresa degli esami teorici”. Sul posto sono presenti le forze dell’ordine, in tenuta antisommossa, ma la situazione non desta alcuna preoccupazione.
I manifestanti lamentano “cambiamenti all’interno del testo che include le linee guida per la ripartenza degli esami, che hanno modificato la proposta iniziale di espletamento degli esami teorici all’interno delle sedi delle scuole guida”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ferito proprietario autodemolizioni
Colpi d’arma da fuoco alla spalla, indagini dei Carabinieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BENEVENTO
21 maggio 2020
11:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Agguato ad uno dei proprietari di una nota officina di demolizioni auto di S. Agata dei Goti (Benevento): sconosciuti hanno esploso alcuni colpi d’arma da fuoco contro un uomo 46 anni.
La vittima, trasportata dai sanitari del 118 presso il locale ospedale, è stata ferita alla spalla e – secondo quanto si apprende – non sarebbe in pericolo di vita.
Sul posto sono intervenuti i carabinieri che hanno avviato le indagini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sei direttori Rsa Genova indagati
Per reato di epidemia colposa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
21 maggio 2020
11:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sei persone risultano indagate nell’ambito dell’inchiesta per epidemia colposa aperta dalla procura di Genova per i morti nelle Rsa della provincia. Si tratta dei direttori sanitari della Residenza Anni Azzurri Sacra Famiglia di Rivarolo, del Centro di riabilitazione, del Don Orione Paverano, della La Camandolina, della Residenza San Camillo e della Residenza Protetta Torriglia a Chiavari.
Questa mattina, i carabinieri del Nas e i militari della guardia di finanza, coordinati dal procuratore aggiunto Francesco Pinto, hanno perquisito le strutture e acquisito materiale informatico e documentale relativo ai ricoveri di persone degenti nelle strutture in cui, nel periodo febbraio – aprile 2020, è stata registrata una mortalità di gran lunga superiore alla media delle annualità precedenti nello stesso arco temporale. L’inchiesta della procura ipotizza il reato di epidemia colposa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: ‘pochi recettori in naso bimbi’
Epidemiologo riporta alcune evidenze, ‘attendiamo conferme’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
21 maggio 2020
11:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“I bambini esprimono poco il recettore ACE2, quello che il SARS-CoV-2 usa per infettare le cellule, nell’epitelio nasale. Il fatto di avere pochi recettori per il virus in quella che è la porta di ingresso delle infezioni respiratorie, giustifica da solo la minore suscettibilità dei bambini all’infezione”. Lo scrive su Facebook il professore Pierluigi Lopalco, epidemiologo a capo della task force pugliese per l’emergenza Coronavirus, riportando una “comunicazione Jama” che potrebbe rivelare una “inferiore contagiosità” dei bambini. “Una buona notizia”, sottolinea l’epidemiologo, sulla quale “attendiamo ulteriori conferme”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Zaia, app Immuni è partita male
Se non si recupererà avrà grosse difficoltà
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
21 maggio 2020
13:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“L’app nazionale è oggetto dell’incontro tra i presidenti di Regione per capire gli aspetti sperimentali da mandare avanti, purtroppo è partita male come consenso pubblico”. Lo ha rilevato il presidente del Veneto Luca Zaia. A detta di Zaia “si è atteso troppo e lasciato troppo andare la discussione sulle giuste preoccupazioni di privacy e gestione dati. Se non si recupera avrà grosse difficoltà a decollare. Noi come Regione lavoriamo sulla biosorveglianza, non sulla tracciabilità dei contatti”, ha concluso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Morte cerebrale per ragazza investita
Fermato ragazzo di 22 anni, accusato di omicidio stradale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
21 maggio 2020
15:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ in morte cerebrale la ragazza di 19 anni che è stata travolta da un’auto pirata nella tarda serata di ieri, in centro a Lecco: l’investitore, che dopo alcune ore si è presentato al comando della Polizia locale, dovrà rispondere di omicidio stradale. Gli investigatori sono in attesa dei risultati dell’alcol test.
In base a una prima ricostruzione, Chiara Papini è stata investita all’altezza del passaggio pedonale di via Papa Giovanni XXIII ed è poi stata trasportata con l’elicottero all’ospedale di Varese dove è arrivata già in condizioni gravissime Le indagini di polizia locale e Questura hanno poi permesso di rintracciare il giovane automobilista, 22 anni di Lecco, che è stato poi sottoposto agli accertamenti alcolemici.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cts Umbria, rischi Rt non concretizzati
“Quadro epidemiologico non preoccupante” per prof. Stracci
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
21 maggio 2020
15:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“L’attuale quadro epidemiologico dell’Umbria per il Covid non è preoccupante e i dati dimostrano come non sia diventato concreto il rischio ‘moderato’ di eventuale ripresa dell’epidemia che era stato ipotizzato dall’Iss sulla base dell’indice Rt riferito al 26 aprile”: è quanto afferma il professor Fabrizio Stracci membro Comitato tecnico scientifico costituito da Regione e Università di Perugia per l’emergenza coronavirus. “Un indice – aggiunge – basato su pochi dati. Che ha un intervallo confidenziale così ampio che non è possibile affermare che Rt sia superiore a uno”.
Nelle ultime settimane i casi registrati “sono stati pochi – ha detto ancora il professor Stracci – e per lo più asintomatici derivati da screening in diverse comunità e quindi non vi è evidenza di una ripresa epidemica”. “I numeri sono così contenuti – ha aggiunto – che qualsiasi variazione sarebbe subito evidente. E’ però chiaro che il virus circola e quindi bisogna continuare a rispettare tutte le misure di contrasto”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Trovato cadavere in carrello spesa
Nei pressi di un supermercato. Area isolata, rilievi in corso
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
21 maggio 2020
15:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il cadavere di un uomo è stato trovato in un carrello della spesa nei pressi di un supermercato a Ceccano, in provincia di Frosinone. Sul posto i carabinieri che indagano sulla vicenda. A dare l’allarme sarebbe stato il personale di un vicino centro medico. Sono in corso i rilievi.
L’area è stata isolata.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Strage di Bologna, spunta foto fatta poco dopo l’esplosione del 2 agosto 1980
L’immagine inedita ritrovata dall’avvocato dei familiari
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
21 maggio 2020
16:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una foto inedita che ritrae il piazzale della stazione di Bologna la mattina del 2 agosto 1980, poco dopo l’esplosione che causò 85 morti e 200 feriti.
L’immagine, a colori, è stata ritrovata dall’avvocato Andrea Speranzoni, difensore dell’associazione dei familiari delle vittime della Strage. Si vedono tra l’altro una donna che sembra allontanarsi andando incontro all’obiettivo, con una borsa sulla spalla destra e l’altra mano sulla tempia, un vigile urbano di spalle e altre persone in secondo piano, mentre sullo sfondo il fumo ha invaso l’ingresso della stazione e si è propagato all’esterno, fino ad arrivare più in alto del tetto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Flash mob asili privati in 7 città
Ciucci, bambole e coccarde, ‘su di noi silenzio tombale’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
21 maggio 2020
16:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un flash mob silenzioso con i simboli dell’infanzia – bambole, ciucci, coccarde e fiori bianchi – abbandonati sul selciato, “così come siamo stati abbandonati noi”. E’ questa l’iniziativa che i gestori e i titolari degli asili nido e dalle scuole per l’infanzia privati hanno organizzato a Milano, in piazza Città di Lombardia, e in altre sei città italiane (Venezia, Roma, Palermo, Torino, Firenze e Terni). “Il silenzio sui servizi educativi 0-6 è tombale dopo il Dpcm sulle riaperture firmato dal Presidente Conte: parliamo di più di 10.000 le strutture in tutta Italia dimenticate anche dal Decreto Rilancio che oltre a non essere oggetto di alcun piano di riapertura, si vedono negare la proroga della Cassa Integrazione per i lavoratori, il che significa per le strutture chiuse fine febbraio, in Lombardia e da inizio marzo nel resto d’Italia, la copertura massimo fino a metà giugno” spiega Cinzia D’Alessandro, presidente del Comitato Educhiamo che riunisce gestori, genitori e operatori.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: protesta braccianti a Foggia
“Nelle campagne mancano i diritti e non le braccia”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FOGGIA
21 maggio 2020
17:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“A partire da oggi se il Governo non darà delle risposte, la stagione di raccolta sarà caratterizzata da altri scioperi. Ma gli scioperi che faremo non saranno gli scioperi dei braccianti ma del consumo e della spesa”. Lo ha detto poco fa Aboubakar rappresentante dell’USB – Unione sindacale di base – che in compagnia di una trentina di braccianti agricoli ha protestato davanti alla prefettura di Foggia, brandendo in mano ortaggi di stagione, perchè “Nelle campagne mancano i diritti e non le braccia”.
La protesta è contro le nuove disposizioni del governo in materia di regolamentazione dei braccianti. In tarda mattinata circa duecento migranti sono sfilati in corteo nelle vicinanze del ghetto di Rignano nelle campagne tra Foggia e San Severo, po un gruppo di loro, a bordo di un pullman, ha raggiunto la prefettura.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Asili e nidi in piazza, ‘riapriamo’
Protesta a Cagliari davanti Regione con banchi e sedie per bimbi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
21 maggio 2020
17:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migliaia di lavoratori fermi da marzo. E asili, centri estivi, micronidi e servizi per bambini sino a sei anni che rischiano di non riaprire a causa dei rigidi protocolli sanitari disposti dal Governo. Sono le principali ragioni che hanno portato i gestori dei servizi in Sardegna – c’era anche un gruppo di suore – e i lavoratori davanti al palazzo della Regione, in viale Trento a Cagliari. Un sit con almeno duecento persone. E lungo i marciapiedi sono stati sistemati tavolini e sedie per bambini, quasi a ricreare il clima da asilo.
Le strutture in pericolo in tutta la Sardegna sono circa 750.
La richiesta? “Un tavolo operativo e un intervento che sblocchino la situazione – sintetizza Fabrizio Paderi, uno dei portavoce – Ad esempio per la riapertura dei centri estivi, ma anche per il sostegno nei mesi scoperti dalla cig di tutti i lavoratori del settore.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Lombardia in calo ricoveri, +65 morti
Rapporto tamponi-positivi al 2.1%, il più basso dal 1 aprile
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
21 maggio 2020
18:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 316 i nuovi positivi in Lombardia per un totale di 86.901 casi in regione, con 14.702 tamponi. Ieri i nuovi positivi erano stati 294 con 11.508 tamponi. Continua a diminuire il numero dei ricoverati in terapia intensiva (226, -5) e negli altri reparti (4.119, -162).
I morti sono in totale 15.727, con 65 nuovi decessi, esattamente come ieri. Sono i dati resi noti da Regione Lombardia.
Scende ancora il rapporto fra tamponi effettuati e casi positivi in Lombardia: con i dati odierni si attesta al 2,1%, il più basso dal 1° di aprile ad oggi.
Dei 316 nuovi positivi accertati con 14.702 tamponi, 83 sono nella provincia di Milano, (38 a Milano città), 48 in quella di Bergamo e 77 in quella di Brescia, che rimangono le tre zone della Lombardia maggiormente colpite dal coronavirus.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
RegionLega candida Altieri
Si profila uno scontro con Fdi che ha indicato Fitto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
21 maggio 2020
18:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Lega Puglia, a sorpresa, candida il barese Nuccio Altieri alle prossime Regionali in Puglia. Lo annuncia il segretario regionale del partito, Luigi D’Eramo, attraverso un comunicato al termine di una riunione dell’esecutivo regionale.
“La Lega Puglia per Salvini Premier – si legge – ha un progetto politico di rinnovamento e concretezza, per offrire alla Puglia una visione di sviluppo economico e sociale fondato su una deregolamentazione reale, sostegni economici reali al sistema produttivo per incentivare l’occupazione e una sanità efficiente, moderna e capillare sul territorio”. Si profila uno scontro con Fratelli d’Italia che, invece, già a gennaio scorso ha designato Raffaele Fitto come candidato della coalizione di centrodestra, visto che negli accordi nazionali la scelta in Puglia spettava proprio al partito di Giorgia Meloni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
60.960 malati Covid, 1.792 meno di ieri
32.486 vittime, 156 più di ieri. I guariti salgono a 134.560
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
21 maggio 2020
18:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 156 le vittime del coronavirus nelle ultime 24 ore in Italia. In totale i morti salgono così a 32.486. Ieri l’aumento era stato di 161 vittime. Sono attualmente 60.960 i malati di coronavirus in Italia, 1.792 meno di ieri, quando il calo era stato di 2.377.
Sono saliti a 134.560 i guariti e i dimessi per il coronavirus in Italia, con un incremento rispetto a ieri di 2.278. Mercoledì l’aumento era stato di 2.881.
Complessivamente, sono 228.006 i contagiati totali per il coronavirus in Italia, 642 più di ieri. Di questi, 86.091 sono in Lombardia, che ne fa registrare 316 più di ieri. Il dato comprende attualmente positivi, vittime e guariti. Ieri l’incremento nazionale era stato di 665. I dati sono stati resi noti dalla Protezione Civile.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Truffa pensioni, ordinanza per 6 medici
Indagini Cc della Procura di Catania su certificazioni false
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
22 maggio 2020
08:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Carabinieri della Procura di Catania hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di sei medici specialisti che, secondo l’accusa, con certificazioni artate, hanno consentito la fruizione di indennità d’accompagnamento o pensioni d’invalidità a persone non aventi diritto. Due sono stati portati in carcere, tre posti ai domiciliari e al sesto è stato imposto il divieto di esercizio della professione. I reati contestati sono truffa, falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici, falsa perizia e frode processuale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gdf Roma, sequestro da 43 mln per frode
Imposte evase da decine imprese operanti nei servizi alberghieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
22 maggio 2020
08:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I beni di 20 società e 15 persone fisiche per un valore complessivo di oltre 43 milioni sono stati oggetti di sequestro preventivo da parte dei militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma su provvedimento emesso dal Gip del Tribunale, dopo richiesta della Procura della Repubblica capitolina. L’importo della misura cautelare corrisponde al totale delle imposte evase da decine di imprese operanti a Roma e provincia, per lo più nei settori dei servizi alberghieri e della logistica.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Maxisequestro di 43 milioni per frode fiscale
Imposte evase da decine di imprese a Roma e provincia, per lo più nei settori alberghieri e della logistica
APPROFONDIMENTO
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 maggio 2020
08:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I beni di 20 società e 15 persone fisiche per un valore complessivo di oltre 43 milioni sono stati oggetti di sequestro preventivo da parte dei militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma su provvedimento emesso dal Gip del Tribunale, dopo richiesta della Procura della Repubblica capitolina. L’importo della misura cautelare corrisponde al totale delle imposte evase da decine di imprese operanti a Roma e provincia, per lo più nei settori dei servizi alberghieri e della logistica.

Le indagini, condotte dal II Gruppo Tutela Entrate del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria, hanno consentito di disvelare, anche valorizzando i risultati delle attività ispettive eseguite dall’Agenzia delle Entrate nei confronti di alcuni dei soggetti coinvolti, un meccanismo fraudolento che, in pochi anni, ha generato un ingente danno per l’Erario.

Figura centrale e artefice del sistema, un commercialista operante a Roma che, coadiuvato da altri due professionisti compiacenti, ha gestito una moltitudine di imprese intestate a prestanome. Queste ultime, attraverso l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti per un valore di circa 190 milioni di euro, hanno generato crediti di imposta fittizi, poi utilizzati per neutralizzare i forti debiti di natura contributiva nei confronti dell’INPS e fiscale per le ritenute d’imposta, derivanti dal personale dipendente.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In particolare, il credito veniva maturato simulando la compravendita di immobili mediante la stipulati di atti connotati da vistose anomalie: i beni venivano ceduti, più volte e in un arco di tempo ridotto, da una società all’altra del gruppo; i corrispettivi dichiarati, di volta in volta crescenti e ormai sensibilmente superiori al valore di mercato, non risultavano effettivamente pagati; davanti al notaio, era talvolta presente una sola persona, che rappresentava sia la parte venditrice che quella acquirente.

Gli elementi di prova raccolti nel corso delle investigazioni coordinate dalla Procura capitolina hanno consentito l’emissione del provvedimento cautelare reale in base al quale sono stati sequestrati le disponibilità finanziarie delle società, nonché i conti correnti, gli immobili e gli automezzi di proprietà di tutte le persone coinvolte nella frode.

L’operazione – denominata ‘Ghost Credit’ – testimonia l’azione della Procura della Repubblica e della Guardia di Finanza di Roma volta a contrastare l’evasione e le frodi fiscali che alterano le regole del mercato e danneggiano i cittadini e gli imprenditori onesti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Etna: nube di cenere alta 4.500 metri
Notte di intensa attività, fase eruttiva in decremento dall’alba
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
22 maggio 2020
09:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Improvvisa accelerazione dell’attività eruttiva la notte scorsa sull’Etna dove è stato registrato un incremento dell’attività stromboliana al Nuovo Cratere di Sud Est. La fase esplosiva ha prodotto una nube di cenere vulcanica che ha raggiunge i 4.500 metri di altezza ed è dispersa in direzione sud-ovest. Il fenomeno, secondo l’Ingv-Oe di Catania, dopo tre ore ha avuto una forte diminuzione con l’emissione di cenere confinata tutta nella zona sommitale del vulcano. Non ha subito modificazioni in vece l”attività esplosiva al cratere Voragine con periodica emissione di cenere che si disperde rapidamente in prossimità dell’area sommitale.
L’ampiezza del tremore vulcanico è in decremento e ora è su valori medi. La sorgente del tremore è nell’area del Nuovo Cratere di Sud- Est ad una profondità media di 2.8 km sopra il livello del mare. Per quanto riguarda l’attività infrasonica non si registrano variazioni sostanziali, ma è da segnalare uno spostamento delle sorgenti nell’area del cratere di Nord-Est.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Libia: portavoce di Haftar, ‘ripristinati quattro caccia’
Verranno usati nella battaglia contro il governo di Tripoli
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 maggio 2020
09:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ahmed al Mismari, portavoce delll’autoproclamato esercito nazionale libico (Lna), guidato dal generale Khalifa Haftar, ha annunciato sulla propria pagina Facebook che sono stati ripristinati dai tecnici dell’aeronautica dell’Lna e rimessi in attività quattro caccia da combattimento, dopo un lungo periodo di inattività. Gli aerei verranno usati nella battaglia contro il governo di Tripoli. Lo stesso Al Mismari annuncia una serie di attacchi aerei contro “le milizie di Erdogan” invitando la popolazione a non uscire di casa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Ndrangheta,confiscati beni per 8 mln a
Indagini Nucleo polizia valutaria Gdf coordinate da Dda reggina
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
REGGIO CALABRIA
22 maggio 2020
09:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Beni mobili e immobili per otto milioni di euro sono stati confiscati dal Nucleo speciale polizia valutaria della Guardia di finanza di Roma, con il coordinamento della Procura di Reggio Calabria all’imprenditore P. A., detto Daniele, di 50 anni, sorvegliato speciale con obbloigo di soggiorno, ritenuto contiguo alle cosche di ‘ndrangheta degli Iamonte di Melito Porto Salvo e Piromalli di Gioia Tauro. Il provvedimento è stato disposto dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria. Dalle indagini della finanza è emerso che l’imprenditore era, da tempo, in affari con la ‘ndrangheta, avendo avviato e accresciuto le proprie attività grazie alla contiguità funzionale e agli appoggi delle predette cosche, egemoni nelle rispettive aree di influenza. La confisca di beni ha riguardato il compendio aziendale di diverse imprese, quote societarie, immobili, autoveicoli e rapporti finanziari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sapone venduto come gel antibatterico
Oltre 8 mila flaconi sequestrati dai Carabinieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
22 maggio 2020
09:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I carabinieri del nucleo investigativo di polizia ambientale, agroalimentare e forestale, nell’ambito di un servizio di contrasto alla vendita di prodotti per la sanificazione non conformi alle norme sanitarie, hanno denunciato un 52enne della provincia di Napoli per frode in commercio.
Titolare di una rivendita di prodotti cosmetici, l’uomo aveva stoccato in magazzino – pronte per la commercializzazione – 8496 confezioni di gel lavamani con etichette che ne esaltavano le proprietà “antibatteriche”. Le confezioni – secondo i militari – contenevano del semplice sapone.
Tra i materiali rinvenuti e poi sequestrati anche 2 rotoli di etichette adesive da applicare ai flaconi con l’indicazione “antibatterico naturale”.
Il valore commerciale dei prodotti sequestrati ammonta a 20mila euro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus:Crisanti,0 contagi in Veneto
Risultato grazie lavoro Regione, Università e Ospedale Padova
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
21 maggio 2020
20:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Veneto ha raggiunto oggi lo zero contagi, in netto anticipo rispetto alle previsioni. Lo annuncia il professor Andrea Crisanti, sottolineando che “questo è il risultato di un lavoro che ha visto in prima linea la Regione, l’Università di Padova e l’Azienda Ospedale di Padova”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Slitta all’estate 2021 concerto Ligabue ’30 anni in un giorno’
Tributo per 30 anni carriera al Campovolo il 19 giugno 2021
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
21 maggio 2020
14:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sarebbe stato ‘l’evento degli eventi’, per Ligabue. L’occasione – il 12 settembre – per celebrare sul prato del ‘Campovolo’ una carriera lunghissima.
Invece, a causa dell’emergenza coronavirus, il concerto ribattezzato “30 anni in un giorno”, slitterà al 19 giugno del 2021 quando la chitarra del ‘Liga’ riecheggerà al Campovolo trasformato nella Rcf Arena Reggio Emilia creata rigorosamente per la musica con una capienza massima di 100.000 spettatori. La nuova data è stata ribattezzata “Trent’anni in un nuovo giorno”.
Un luogo dell’anima per Ligabue che, proprio sul pratone reggiano ha tenuto concerti davanti a folle oceaniche – entrati nella memoria collettiva della musica live italiana – e che il prossimo anno ospiterà il tributo – prodotto e organizzato da Riservarossa e Friends & Partners – ai 30 anni di carriera, iniziata nel 1990 con l’album ‘Luciano Ligabue’.
I biglietti già acquistati per l’iniziale data del 12 settembre prossimo rimangono validi per la nuova data del 19 giugno 2021 ed è possibile rivendere i biglietti utilizzando la piattaforma Fansale di TicketOne.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ex moglie Bellini: ‘Purtroppo è lui’
A verbale il riconoscimento dell’uomo ripreso sul primo binario
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
21 maggio 2020
14:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Purtroppo è lui”. È la conferma, in un verbale, dell’ex moglie di Paolo Bellini, che lo ha riconosciuto nell’uomo riccio coi baffi, ripreso in un filmato amatoriale sul primo binario della stazione di Bologna la mattina del 2 agosto 1980. Bellini, ex Avanguardia Nazionale, è accusato di concorso in strage e per lui la procura generale ha da poco chiesto il rinvio a giudizio.
“Ho visto in questo momento il video – aggiunge la donna – e posso dire che la persona ritratta nel fermo immagine immediatamente dopo la colonna è il mio ex marito”. “Se Paolo Bellini si trovava a Bologna devo dire che ci ha usati come alibi. Intendo me, e i miei familiari che sono stati interrogati”, dice in un altro passaggio dell’audizione del 12 novembre 2019.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
non si riconosce bene perché il viso è alzato e girato da una parte”. Nell’interrogatorio si parla anche di una catenina e di un crocifisso: “Paolo aveva una catenina che portava al collo con una medaglietta e un crocifisso, almeno così mi pare di ricordare”. E nel riconoscere l’ex marito nel video, la donna osserva: “Attaccato alla catenina mi pare ci sia un crocifisso”.     Sempre nell’audizione si fa riferimento al sequestro di due crocifissi fatti in indagine: “Confermo che, a mio avviso, uno dei due crocifissi, poteva essere di Paolo in quanto non apparteneva alla mia famiglia. Quando Paolo se ne andò di casa, ovvero, credo, nel periodo in cui andò sotto protezione (perché collaboratore di giustizia, ndr) non portò con sé tutte le cose. Ricordo che si prese l’orologio e poco altro. Pertanto, quel crocifisso può essere appartenuto a lui”.  In ulteriori dichiarazioni Bonini aggiunge un ulteriore elemento, con riferimento alla latitanza di Bellini: “Quando Paolo rientrò dal Brasile con il nome falso di Da Silva Roberto, si era rifatto il naso, rendendolo più corto e si era tolto un neo sulla guancia sinistra. Se si confrontano le foto del prima e dopo Brasile si possono notare queste cose”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Musei: Uffizi riaprono il 3 giugno
Palazzo Pitti lo anticipa, visite da 28/5. Oggi si torna Boboli
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
21 maggio 2020
12:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le Gallerie degli Uffizi di Firenze riaprono al pubblico: giovedì 28 maggio è in programma l’apertura di Palazzo Pitti e mercoledì 3 giugno sarà la volta degli Uffizi. Lo ha annunciato il direttore Eike Schmidt in occasione, questa mattina, della riapertura del Giardino di Boboli.
“Anche se eravamo pronti su tutta la linea – ha detto Schmidt – abbiamo declinato queste aperture seguendo alla lettera le indicazioni del comitato tecnico scientifico: prima i musei all’aperto, come Boboli, quindi quelli piccoli, con meno di centomila visitatori all’anno, infine i più grandi , come gli Uffizi. Ovviamente abbiamo predisposto tutte le misure previste in funzione antiCovid e tese a garantire il distanziamento sociale”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Indagati sei direttori delle Rsa di Genova
Per il reato di epidemia colposa
(2)
GENOVA
21 maggio 2020
13:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sei persone risultano indagate nell’ambito dell’inchiesta per epidemia colposa aperta dalla procura di Genova per i morti nelle Rsa della provincia. Si tratta dei direttori sanitari della Residenza Anni Azzurri Sacra Famiglia di Rivarolo, del Centro di riabilitazione, del Don Orione Paverano, della La Camandolina, della Residenza San Camillo e della Residenza Protetta Torriglia a Chiavari.   Questa mattina, i carabinieri del Nas e i militari della guardia di finanza, coordinati dal procuratore aggiunto Francesco Pinto, hanno perquisito le strutture e acquisito materiale informatico e documentale relativo ai ricoveri di persone degenti nelle strutture in cui, nel periodo febbraio – aprile 2020, è stata registrata una mortalità di gran lunga superiore alla media delle annualità precedenti nello stesso arco temporale. L’inchiesta della procura ipotizza il reato di epidemia colposa.

A Milano in seguito a un esposto dell’Adl Cobas Lombardia, la Procura, come atto dovuto, ha aperto un fascicolo conoscitivo, senza ipotesi di reato né indagati al momento, sulla realizzazione dell’ospedale anti-Covid nei padiglioni della Fiera.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: medici, errore non fare autopsie
Studio, mancato esami post mortem è ‘lockdwon scienza’ in Italia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
22 maggio 2020
10:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La mancanza di autopsie eseguite sui decessi Covid 19 rappresenta un “lockdown della scienza” in Italia. Lo sostengono medici delle Università di Catania, Foggia e Catanzaro che hanno pubblicato sul “Journal of clinical medicine” un articolo sull”opportunità mancata’ perché, rilevano, “su 9.709 articoli scientifici redatti, soltanto sette hanno riportato indagini istologiche” e “sono state descritte solo due autopsie complete e la causa della morte è stata elencata come Covid-19 in una sola di esse”. “La morte per Covid 19 – o con Covid 19 – è ancora un’incognita legata a quadri variabili. In tale contesto l’autopsia è una ‘fotografia’ di quanto accaduto nell’organismo umano e di quali siano state le effettive cause del decesso, ed è proprio l’autopsia, partendo dall’accertamento delle cause, a fornire elementi per poter poi definire quali siano le terapie migliori in caso di malattia”, sostiene Cristoforo Pomara, dell’università etnea, che ha coordinato il lavoro dei medici
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Buste nozze in nero per evadere fisco
Sigilli a due alberghi resort nel crotonese, otto indagati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CROTONE
22 maggio 2020
10:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le “buste” che gli invitati regalavano ai novelli sposi in occasione delle cerimonie nuziali, diventavano guadagno “in nero” per la società. E’ uno degli espedienti – escogitati da una società di capitali operante nel settore turistico-alberghiero sulla costa crotonese per evadere il fisco, – scoperti dalla Guardia di finanza del comando provinciale di Crotone che ha eseguito un sequestro preventivo di beni per quasi tre milioni di euro tra quote societarie di strutture alberghiere, denaro contante e conti correnti postali e bancari.
Otto persone sono indagate per associazione a delinquere finalizzata all’evasione fiscale. I provvedimenti sono stati disposti dal gip del Tribunale di Crotone su richiesta della Procura. Due strutture – alberghi resort riconducibili ad un noto gruppo imprenditoriale, famose anche per l’organizzazione di banchetti, grandi eventi e cerimonie – sono state sottoposte ad amministrazione giudiziaria.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Colpo a portavalori, fermate due persone
Durante rapina a BNL Aversa vennero feriti agente e vigilante
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CASERTA
22 maggio 2020
11:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A dieci giorni dal colpo alla filiale della Bnl di Aversa (Caserta) nel corso del quale rimasero feriti da colpi di arma da fuoco una guardia giurata e un poliziotto, sono stati individuati e fermati due presunti responsabili: si tratta di un 56enne di Aversa e di un uomo di 47 anni residente nel vicino centro di Melito di Napoli. Sono state molto veloci le indagini coordinate dalla Procura di Napoli Nord diretta da Francesco Greco e realizzate dalla Polizia di Stato (Squadra Mobile di Caserta e squadra di polizia giudiziaria del Commissariato di Aversa). Gli inquirenti hanno utilizzato soprattutto le immagini acquisite da telecamere poste lungo il percorso che i due banditi hanno compiuto durante sia per arrivare ad Aversa che per fuggire.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Via il divieto di scambio di oggetti per i detenuti al 41 bis
Se avviene tra componenti dello stesso gruppo di socialità. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 maggio 2020
13:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cade il divieto assoluto di scambio di oggetti di modico valore, come generi alimentari o per l’igiene personale e della cella, per i detenuti sottoposti al regime del 41 bis appartenenti allo stesso “gruppo di socialità”. Il divieto legislativo, comprensibile tra detenuti assegnati a gruppi di socialità diversi, risulta invece irragionevole se esteso in modo indiscriminato anche ai componenti del medesimo gruppo. Lo ha stabilito la Corte costituzionale con la sentenza n. 97 depositata oggi (relatore Nicolò Zanon).
Se la Corte ha dichiarato incostituzionale il divieto legislativo di scambiare oggetti tra detenuti sottoposti al regime dell’articolo 41 bis dell’Ordinamento penitenziario appartenenti al medesimo “gruppo di socialità”, resta comunque fermo che – come spiega un comunicato della Consulta – l’Amministrazione penitenziaria potrà disciplinare le modalità degli scambi nonché predeterminare eventuali limitazioni in determinati e peculiari casi, che saranno eventualmente vagliate dal magistrato di sorveglianza. Formati al massimo da quattro detenuti, i gruppi di socialità servono a conciliare due esigenze potenzialmente contrapposte: da una parte, evitare che i detenuti più pericolosi possano mantenere vivi i propri collegamenti con i membri delle organizzazioni criminali di riferimento, sia reclusi in carcere che liberi, e, dall’altra, garantire anche a questi detenuti occasioni minimali di socialità. La sentenza ricorda che gli appartenenti al medesimo gruppo di socialità trascorrono insieme alcune ore della giornata dentro il carcere e tra loro possono ovviamente comunicare, verbalmente e con gesti. Hanno così svariate occasioni di scambiare messaggi, non necessariamente ascoltati o conosciuti dalle autorità penitenziarie. Pertanto, la Corte ha rilevato che, se è ben comprensibile prevedere il divieto di comunicare e scambiare oggetti tra detenuti assegnati a gruppi di socialità diversi, risulta invece irragionevole l’estensione indiscriminata del divieto anche ai componenti del medesimo gruppo. I quali, potendo già agevolmente comunicare in varie occasioni, non hanno di regola la necessità di ricorrere a forme nascoste o criptiche di comunicazione, come lo scambio di oggetti cui sia assegnato convenzionalmente un certo significato, da trasmettere successivamente all’esterno attraverso i colloqui con i familiari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Genova,prima condanna imputato da remoto
Cinque anni e quattro mesi a broker della droga
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
22 maggio 2020
12:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Prima condanna ‘da remoto’ in tribunale a Genova, con l’imputato collegato via Teams dal carcere di Massa e giudice, pm e avvocato in aula ciascuno con il proprio pc. Il gup Filippo Pisaturo ha condannato a 5 anni e 4 mesi Andrea Faragli, broker arrestato lo scorso agosto insieme a Giacinto Pino, noto come il ‘boss di Soziglia’, per la compravendita di 30 kg di hashish. Il pm Federico Manotti aveva chiesto la condanna a 6 anni. Giacinto Pino è un personaggio noto della mala genovese, con un passato da ladro, rapinatore di banca e trafficante di droga. Era stato coinvolto nel 2015 nelle indagini per l’omicidio di un corriere della droga, Giovanni Lombardi, ucciso per uno ‘sgarro’. L’omicidio era stato organizzato dalla banda di Marietto Rossi, i cui membri erano stati fermati mentre cercavano di nascondere il cadavere in un bosco. Per quella vicenda Pino aveva patteggiato una condanna a 4 anni. Quando i carabinieri lo hanno arrestato lo scorso anno era in regime di semilibertà.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rapina portavalori Roma,
Nuovi guai per ex guardia giurata, in manette anche la sorella
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
22 maggio 2020
12:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovi sviluppi nelle indagini dei carabinieri per una rapina a un portavalori da quasi 2 milioni di euro compiuta a giugno 2018 nella Capitale. I Carabinieri del Nucleo Investigativo di via in Selci hanno notificato una nuova ordinanza che dispone misure cautelari per rapina e tentata estorsione nei confronti di 3 persone. A finire nuovamente nel mirino degli inquirenti è stata una ex guardia giurata, oggi 42enne, che nel periodo di detenzione precautelare dello stesso procedimento, con la complicità di sua sorella, avrebbe costretto un imprenditore – accusato di aver riciclato parte del bottino della rapina – a versare circa 150mila euro per ‘tenere la bocca chiusa’ in merito al suo pieno coinvolgimento nel colpo. Il 42enne – già nel carcere di Regina Coeli – insieme alla sorella di 47 anni, incensurata – ora ai domiciliari – sono accusati di estorsione in concorso. Un 46enne di Napoli, già detenuto nel carcere di Secondigliano, riconosciuto come appartenente al commando è accusato di rapina aggravata.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rete solidale Bologna aiuta 520 famiglie
Per Don’t Panic 400 volontari, attivo anche ‘tutor’ per studenti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
22 maggio 2020
13:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Une ‘rete’ che a Bologna, in piena emergenza coronavirus, ha aiutato gli anziani soli, consegnato beni di prima necessità e farmaci, ha allestito uno sportello per consulenze psicologiche e sostenuto le persone in difficoltà raggiungendo, dal 23 marzo e nelle prime otto settimane di attività, 520 famiglie. Coinvolti 400 volontari e oltre 50 associazioni, in tutto sono stati raccolti 5.537 euro e sono state donate 120 ‘spese sospese’ che sono state distribuite a chi aveva bisogno. Tutto questo è stato realizzato da ‘Don’t Panic’, la campagna creata con il contributo di numerose realtà cittadine, tra cui Arci Ritmo Lento, Coalizione Civica, Antoniano, Piazza Grande, Link, Legambiente.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Roma mille agenti per controlli nei luoghi della movida
Per primo week end post lockdown, verifiche al via da stasera
ROMA
22 Maggio 2020
14:04

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rafforzati i controlli nella Capitale nelle zone della movida per il primo week end post lockdown. Saranno impiegati nel fine settimana circa mille agenti delle forze dell’ordine nei luoghi della movida capitolina per evitare assembramenti e verificare il rispetto delle norme anti-Covid. Sotto la lente già da stasera da San Lorenzo a Trastevere, da Ponte Milvio a Campo de’ Fiori, dal Pigneto a Testaccio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nas, sequestrate 124.500 mascherine
Operazioni a Potenza, Livorno, Treviso, Padova, Firenze, Latina e Milano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 maggio 2020
14:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Continua la vigilanza dei Carabinieri del Nas per tutelare la salute del consumatore nei confronti di prodotti irregolari venduti durante l’emergenza Covid-19. Negli ultimi giorni, circa 124.500 mascherine sono state sequestrate dai militari dei Nuclei di Potenza, Livorno, Treviso, Padova, Firenze, Latina e Milano, nel corso di una serie di ispezioni che hanno riguardato attività commerciali in tutto il territorio nazionale.
Tutt’altro che innocue, le frodi possono anche causare gravi danni alla salute. Il Nas di Milano, ha scoperto infatti una società specializzata nel commercio di prodotti alimentari, che vendeva flaconi di disinfettante provenienti dal Regno Unito, pubblicizzando il prodotto come un gel igienizzante con proprietà simili a un biocida, che però poteva essere anche spruzzato direttamente in bocca, sugli occhi ed altre parti delicate del corpo. Il prodotto, privo dell’autorizzazione all’immissione in commercio da parte del Ministero della Salute, era stato anche messo a disposizione per l’utilizzo da parte degli impiegati della ditta, esponendoli così a gravi rischi per la salute.  Sempre nell’ambito dei controlli relativi al contenimento dell’epidemia, infine, i Nas di Milano e Salerno hanno segnalato i proprietari di tre bar che non rispettavano le misure previste per il contrasto alla diffusione del Covid-19. I titolari degli esercizi commerciali sono stati sanzionati e le loro attività temporaneamente chiuse.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fase 2: Ginetti, sbagliato fare paragoni
Sen. Iv chiede intervento vice ministro Sileri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
22 maggio 2020
14:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“E’ incredibile equiparare l’Umbria alla Lombardia per livello di contagi, impedendo così le aperture alle regioni limitrofe. Spero che il vice ministro Pierpaolo Sileri intervenga il prima possibile per ripristinare un po’ di buon senso nell’applicazione dei protocolli per la circolazione tra regioni”: così la senatrice Nadia Ginetti (Italia Viva).
“Non si possono ‘leggere’ le curve dei contagi – afferma Ginetti in una nota – in modo non ragionato su dati assoluti perché si rischiano scelte sbagliate con ripercussioni enormi per i territori. Se parti da un contagio e arrivi a due è chiaro che la curva epidemiologica aumenta, ma in Umbria parliamo davvero di numeri irrisori e zero nuovi contagi. Una regione che ha già subito il terremoto e che per fortuna è scampata al Covid non può essere di nuovo messa in condizioni di non far ripartire una stagione turistica, già messa a dura prova.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Stalker di Giorgia Meloni condannato a 2 anni di reclusione
Riconosciuto vizio parziale di mente, un anno presso Rems
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 maggio 2020
16:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il tribunale di Roma ha condannato a due anni di reclusione Raffaele Nugnes, accusato di stalking per avere preso di mira il leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. Lo hanno deciso i giudici della prima sezione penale riconoscendo nei confronti dell’imputato un vizio parziale di mente disponendo un terzo anno da trascorrere presso una residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza (Rems).

L’uomo, originario di Caserta e arrestato nel luglio scorso dalla Digos, aveva scritto messaggi minacciosi e diffamatori via Facebook arrivando a sostenere che la figlia della Meloni in realtà sarebbe sua figlia. Nugnes prima dell’ordinanza cautelare ai domiciliari era stato raggiunto da foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno per 2 anni nella provincia di Roma, su provvedimento del Questore: si era recato a Roma per scoprire dove abitasse la parlamentare. “Sentenza giusta che rispecchia quanto risultato dalla perizia psichiatrica che ho ritenuto di chiedere”, per il legale della Meloni, Urbano Del Balzo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rimossa ovovia ponte della Costituzione
Avrebbe dovuto essere ad uso disabili ma non funzionava
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
22 maggio 2020
15:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’ovovia per disabili, mai utilizzata, installata sul ponte della Costituzione a Venezia è stata rimossa. Le operazioni sono state velocissime, si pensava che sarebbero state concluse intorno alla mezzanotte, ma gli addetti in poche ore hanno rimosso la cremagliera sulla ‘spalla’ del ponte ideato da Santiago Calatrava e quindi hanno sganciato l’ovovia caricandola su una chiatta. L’ovovia, del costo di 2mln di euro, era stata realizzata una volta ultimato il ponte perché questo non aveva i requisiti di legge relative al passaggio dei disabili. Inizialmente si era ovviato con il traghetto gratuito sui mezzi pubblici tra Piazzale Roma e la stazione ferroviaria per scavalcare il Canal Grande. Quindi si era realizzata l’opera risultata inservibile perché si bloccava (causa le oscillazioni del ponte) e per il tempo di percorrenza che metteva in difficoltà il disabile e l’accompagnatore di turno. Con l’eliminazione dell’ovovia si torna al sistema originario del traghetto gratis.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fontana,rischio Lombardia da moderato a basso
‘Primo passo verso tanto auspicata nuova normalità’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
22 maggio 2020
16:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Un primo passo avanti verso la tanto auspicata ‘nuova normalità’ e un premio alla volontà dei lombardi, cui va il mio ringraziamento, che hanno rispettato le regole”. Così il governatore Attilio Fontana esprime “soddisfazione” per il report dell’Iss secondo cui l’indice Rt della Lombardia è pari a 0,51, in discesa rispetto allo 0,62 dell’ultima rilevazione. “Il livello di rischio – si legge nella nota – passa così da ‘moderato’ a ‘basso'”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Inchiesta procure entra nel vivo, spuntano i primi indagati
Indagini di 4 procure su svariati aspetti emergenza Covid
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
22 maggio 2020
20:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Intanto aumenta il numero degli indagati in Lombardia per inchieste legate all’epidemia di Coronavirus, questione di cui ormai si occupano tutte le procure della regione. Se a Milano ci sono già persone indagate da qualche tempo, in particolare responsabili di Rsa in cui si è verificato il maggior numero di decessi, tra cui Il Pio Albergo Trivulzio e la Fondazione Don Gnocchi, ora anche nel distretto di Corte d’appello di Brescia ci sono le prime iscrizioni nel Registro degli indagati. Non a Brescia ma in altre Procure (il distretto comprende anche Cremona, Bergamo e Mantova) . Nelle numerose denunce presentate sono segnalati anche “rappresentanti del Governo e della Regione”. Questi ultimi in riferimento alle delibera dell’8 marzo 2020 con cui si chiedeva alle Rsa di creare dei reparti Covid-19 e alla mancata istituzione della ‘zona rossa’ nei comuni di Alzano Lombardo e di Nembro, in provincia di Bergamo. Durante un incontro con la stampa il procuratore generale di Brescia, Guido Rispoli, ha fatto il punto sulle indagini e sulla loro complessità spiegando che altre denunce riguardano “organi di gestione” di Ospedali e Rsa e “personale sanitario e infermieristico a vari livelli”. Ci sono anche fascicoli a Modello 21, quindi con degli indagati. Perché i fascicoli aperti, come ha spiegato il pg, sono “eterogenei” a seconda del tipo di denuncia: quelli contro ignoti, quelli relativi a fatti non costituenti notizie di reato e quelli riguardanti esposti anonimi . Rispoli ha ricordato che l’iscrizione nel Registro degli indagati “non comporta in alcun modo una valutazione di responsabilità della persona iscritta che si compie solo alla fine delle indagini”. Le segnalazioni sono di parenti di deceduti, persone che si sono infettate fuori dagli ospedali e che lamentano “l’omissione il ritardo ovvero l’erroneità delle cure prestate”, altre che invece si sono infettate negli ospedali e in Rsa dove si trovavano per ragioni di lavoro (personale delle pulizie) o a trovare parenti e che lamentano “l’omessa adozione delle necessarie adozione delle necessarie cautele preventive”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Così è anche per medici e infermieri delle strutture che affermano di aver contratto l’infezione “nell’esercizio a causa delle loro funzioni e per mancanza di presidi preventivi”. Vi sono poi le segnalazioni dell’Inail “che riconduce l’evento lesivo derivante dall’infezione da Codiv 19 alla categoria degli infortuni sul lavoro” e quelle del Nas dei carabinieri che, nei giorno scorsi ha effettuato “una vasta indagine di tipo ispettivo nei confronti di una gran numero di Rsa presenti su territorio bresciano”. Nel pomeriggio, davanti al Trivulzio, i parenti delle vittime hanno esposto uno striscione con i loro nomi. Sulle inferriate anche altri cartelli, tra cui: “15/5/20 sei volata in cielo. Ciao mamma”. L’iniziativa del Comitato arriva, è stato spiegato ieri dal portavoce Alessandro Azzoni, “dopo mesi di condivisione distanziata di lutti e angosce per la sorte dei nostri cari, quando è ancora costante la preoccupazione per i nostri familiari che vivono isolati all’interno della Baggina”. Si tratta, chiarisce, “del primo incontro nel luogo diventato il simbolo di un dramma, che ha coinvolto anziani e personale sanitario, e che ora si cerca di mettere sotto il tappeto”Intanto aumenta il numero degli indagati in Lombardia per inchieste legate all’epidemia di Coronavirus, questione di cui ormai si occupano tutte le procure della regione. Se a Milano ci sono già persone indagate da qualche tempo, in particolare responsabili di Rsa in cui si è verificato il maggior numero di decessi, tra cui Il Pio Albergo Trivulzio e la Fondazione Don Gnocchi, ora anche nel distretto di Corte d’appello di Brescia ci sono le prime iscrizioni nel Registro degli indagati. Non a Brescia ma in altre Procure (il distretto comprende anche Cremona, Bergamo e Mantova) . Nelle numerose denunce presentate sono segnalati anche “rappresentanti del Governo e della Regione”. Questi ultimi in riferimento alle delibera dell’8 marzo 2020 con cui si chiedeva alle Rsa di creare dei reparti Covid-19 e alla mancata istituzione della ‘zona rossa’ nei comuni di Alzano Lombardo e di Nembro, in provincia di Bergamo. Durante un incontro con la stampa il procuratore generale di Brescia, Guido Rispoli, ha fatto il punto sulle indagini e sulla loro complessità spiegando che altre denunce riguardano “organi di gestione” di Ospedali e Rsa e “personale sanitario e infermieristico a vari livelli”. Ci sono anche fascicoli a Modello 21, quindi con degli indagati. Perché i fascicoli aperti, come ha spiegato il pg, sono “eterogenei” a seconda del tipo di denuncia: quelli contro ignoti, quelli relativi a fatti non costituenti notizie di reato e quelli riguardanti esposti anonimi . Rispoli ha ricordato che l’iscrizione nel Registro degli indagati “non comporta in alcun modo una valutazione di responsabilità della persona iscritta che si compie solo alla fine delle indagini”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le segnalazioni sono di parenti di deceduti, persone che si sono infettate fuori dagli ospedali e che lamentano “l’omissione il ritardo ovvero l’erroneità delle cure prestate”, altre che invece si sono infettate negli ospedali e in Rsa dove si trovavano per ragioni di lavoro (personale delle pulizie) o a trovare parenti e che lamentano “l’omessa adozione delle necessarie adozione delle necessarie cautele preventive”. Così è anche per medici e infermieri delle strutture che affermano di aver contratto l’infezione “nell’esercizio a causa delle loro funzioni e per mancanza di presidi preventivi”. Vi sono poi le segnalazioni dell’Inail “che riconduce l’evento lesivo derivante dall’infezione da Codiv 19 alla categoria degli infortuni sul lavoro” e quelle del Nas dei carabinieri che, nei giorno scorsi ha effettuato “una vasta indagine di tipo ispettivo nei confronti di una gran numero di Rsa presenti su territorio bresciano”. Nel pomeriggio, davanti al Trivulzio, i parenti delle vittime hanno esposto uno striscione con i loro nomi. Sulle inferriate anche altri cartelli, tra cui: “15/5/20 sei volata in cielo. Ciao mamma”. L’iniziativa del Comitato arriva, è stato spiegato ieri dal portavoce Alessandro Azzoni, “dopo mesi di condivisione distanziata di lutti e angosce per la sorte dei nostri cari, quando è ancora costante la preoccupazione per i nostri familiari che vivono isolati all’interno della Baggina”. Si tratta, chiarisce, “del primo incontro nel luogo diventato il simbolo di un dramma, che ha coinvolto anziani e personale sanitario, e che ora si cerca di mettere sotto il tappeto”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mascherine a terra, multe nel Modenese
Dpi rifiuti pericolosi,a Castelfranco sanzioni fino a 6mila euro
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
22 maggio 2020
16:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ndaco Giovanni Gargano: il provvedimento equipara l’abbandono di dispositivo di protezione individuale su suolo pubblico, lungo le strade o in ambiente, all’abbandono di rifiuto pericoloso che causa danno ambientale e rischio per la salute umana. La conseguenza è che la sanzione prevista per chi getta rifiuti per terra, da trecento a tremila euro, raddoppia. La decisione è stata presa perché in questi giorni si sono rilevati nel territorio comunale “comportamenti personali non rispettosi delle disposizioni concernenti il divieto di abbandonare nell’ambiente mascherine e guanti monouso utilizzati”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fase2:Emiliano,no movida o chiudo locali
‘Se necessario emetterò una ordinanza’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
22 maggio 2020
16:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Se proseguono gli assembramenti in strada “sono pronto ad emettere provvedimenti con i quali persino i locali rischiano di poter essere chiusi se non spiegano ai loro clienti che nell’esercizio si accede secondo le regole, con le mascherine, si consuma e poi ci si allontana immediatamente senza sostare all’esterno”. Lo ha annunciato il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. Il governatore ha evidenziato che “la movida è vietata”. “Stiamo dando qualche giorno per comprendere le nuove norme – ha aggiunto – ma ricordo a tutti che son si può stare in strada in gruppo, non si può stare fermi neanche in due o tre persone”.
“Tutti gli assembramenti – ha concluso – sono vietati sulla base del Dpcm del presidente Consiglio dei ministri. Se dovesse essere necessaria una ordinanza specifica io sono pronto”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rettore Perugia, si studia in sicurezza
“Ateneo è campus naturale”, sottolinea Oliviero
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
22 maggio 2020
16:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“L’Umbria è una regione sicura che ha saputo fin qui contenere il virus. I giovani devono sapere che venire a studiare a Perugia e nella nostro ateneo significa farlo in grande sicurezza”: a dirlo è il rettore dell’Università degli Studi, Maurizio Oliviero. “Il nostro ateneo – ha sottolineato – è un campus naturale e venire qui significa stare in sicurezza anche in termini di servizi che saremo in grado di offrire ai nostri giovani e alle loro famiglie, soprattutto a quelle che si trovano in difficoltà economiche”. “Faremo tutti insieme uno sforzo” ha detto ancora il rettore. “Vogliamo aiutare i nostri giovani a studiare – ha aggiunto – e a perseguire i loro sogni. Questa università si farà carico di sostenere in termini economici le famiglie più bisognose”. Oliviero si è detto convito anche del fatto che le aule dell’ateneo torneranno ad essere piene. “Già abbiamo riaperto degli spazi per le attività dei dottorati e dei ricercatori
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, un morto e 90 guariti in 24 ore
Totale positivi è di 4.733
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
22 maggio 2020
17:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una vittima e 90 guariti da coronavirus ieri in Campania: lo rende noto l’Unità di crisi con i dati aggiornati alla mezzanotte scorsa. Il totale dei positivi è di 4.733 su 161.825 tamponi, quello dei deceduti sale a 404 e quello dei guariti a 3.037. Ecco il riparto per provincia dei contagi. Napoli: 2.585​(di cui 979 in città e 1.606 nell’hinterland); Salerno: 676; Avellino: 534; Caserta: 453; Benevento: 201. Altri in fase di verifica Asl: 284.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Schiacciata da auto, salvata da passanti
Hanno sollevato vettura in attesa dei soccorsi.Incidente a Monza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 maggio 2020
17:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una donna di 34 anni è rimasta gravemente ferita dopo essere rimasta incastrata sotto un’auto che l’ha investita, oggi nel parcheggio dell’ospedale San Gerardo di Monza. A quanto emerso l’automobilista, un uomo di 62 anni, nel fare manovra per parcheggiare l’ha travolta. In attesa dell’arrivo dei soccorsi alcuni passanti hanno sollevato la vettura per poter tirare fuori la 34 enne priva di sensi. Trasportata d’urgenza in ospedale, la donna è ora ricoverata al San Gerardo di Monza in prognosi riservata.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Lombardia 57 decessi, 293 contagiati
In diminuzione i ricoverati in terapia intensiva, 19 in meno
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
22 maggio 2020
18:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con 19.028 tamponi eseguiti in Lombardia, in un giorno ci sono stati 293 nuovi positivi al Coronavirus. L’assessore al Welfare Giulio Gallera lo ha detto in diretta Facebook. A questo punto, dunque, il Covid ha contagiato 86.384 persone. Sono in diminuzione i ricoverati in terapia intensiva (207, 19 in meno) e negli altri reparti (4.028, 91 meno di ieri). I decessi sono stati 57, con un totale arrivato a 15.784.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tamponi a tutti in Rsa, 30% positivi
Lo ha detto assessore al Welfare della Lombardia Giulio Gallera
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
22 maggio 2020
18:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Abbiamo concluso lo screening nelle Rsa, dove sono stati fatti tamponi a tutti gli ospiti” lo ha detto l’assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera in diretta su fb, spiegando che sono stati fatti 57mila tamponi compresi quelli di controllo. Dai risultati è emerso che “ci sono circa un 30% di positivi all’interno delle Rsa e tutti sono stati collocati in aree separate e curati in maniera puntuale”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
2 giugno, giro d’Italia delle Frecce Tricolori
In cinque giorni verranno sorvolati tutti capoluoghi regione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 maggio 2020
19:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un sorvolo di tutte le regioni italiane da parte delle Frecce Tricolori, in occasione del 2 giugno, 74/o anniversario della proclamazione della Repubblica, “in segno di unità, solidarietà e di ripresa”.
Il giro d’Italia della Pattuglia acrobatica nazionale, sottolinea la Difesa, comincerà il 25 maggio e toccherà, in cinque giorni, tutti i capoluoghi di Regione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dedica a figlia infermiere su tuta Covid
‘Sei la cosa più bella che indosso, sei risorsa, sei il mondo’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
22 maggio 2020
16:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sei la cosa più bella che indosso, sei risorsa, sei il cielo, sei il mondo. Auguri amore di papà”.
E’ la dedica alla propria figlioletta che oggi compie 4 mesi, che un infermiere del reparto di Rianimazione 1-area Covid del Policlinico Riuniti di Foggia ha scritto sulla propria tuta bianca da lavoro. La foto dell’infermiere è pubblicata sulla pagina Fb del Policlinico che scrive: “Una emozione dietro l’altra in corsia mentre si lavora duramente e non si può festeggiare insieme (per ora). Un papà infermiere, super innamorato della sua bimba, manda un messaggio attraverso una foto significativa”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
nel Lazio 31 casi,trend allo 0,4
7 i decessi, in totale fatti 227 mila tamponi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
22 maggio 2020
16:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel Lazio oggi si registrano 31 casi positivi con un trend a 0,4%. Il numero dei guariti nelle ultime 24h è cresciuto di 36 unità. Il Report settimanale di monitoraggio dell’ISS indica per il Lazio un rischio ‘basso’ e indicatori in miglioramento. I decessi sono stati 7 mentre continuano a crescere i guariti che sono arrivati a 3.285 totali e i tamponi totali eseguiti sono stati oltre 227 mila. “Abbiamo emanato una circolare per la riapertura a partire dal 28 di maggio dell’assistenza sanitaria funzionale all’erogazione dei LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) da parte dei centri termali. Avranno una settimana di tempo per organizzare i percorsi e adottare tutte le misure di prevenzione e sanificazione necessarie”, spiega l’assessore Alessio D’Amato.
Sono state distribuite 31.100 mascherine chirurgiche, 14.500 maschere FFP2, 4.620 maschere FFP3, 3.850 camici impermeabili, 3.200 tute idrorepellenti, 83.100 guanti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: in Veneto solo un decesso
21 nuovi positivi, 40 pazienti in terapia intensiva
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
22 maggio 2020
13:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un solo decesso in più rispetto a ieri sera: è il dato che emerge dal bollettino diffuso dalla Regione Veneto sul Coronavirus. I casi di positività sono cresciuti di 21, portando il totale a 19.059. I casi attualmente positivi sono 3.023. I deceduti complessivi, in ospedale e fuori, sono 1.854, i negativizzati virologici 14.182, 40 i pazienti positivi attualmente in terapia intensiva.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uccisa a colpi pistola, fermato a Cuneo
Probabilmente si tratta del compagno, si è costituito a polizia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CUNEO
22 maggio 2020
19:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una donna è stata uccisa a colpi di pistola da un uomo, probabilmente il compagno, che poi si è costituito alla polizia. E’ accaduto a Cuneo, nel piazzale dell’Auchan. Secondo le prime informazioni la vittima ha 44 anni ed è di origini romene, mentre l’uomo è un italiano.
La vittima, sempre secondo le prime informazioni, è stata colpita al petto da almeno quattro colpi di pistola esplosi all’interno di un’auto. Dopo aver chiamato la polizia, il fermato ha atteso l’arrivo degli agenti vicino al mezzo parcheggiato sul piazzale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus, a Roma un murales per gli abbracci mancati
Allo Spallanzani, realizzato dallo street artist Harry Greb
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
22 maggio 2020
22:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un murales per tutti gli abbracci mancati a causa del coronavirus. E’ l’opera realizzata allo Spallanzani di Roma dallo street artist Harry Greb: un tributo a chi non ha potuto abbracciare i propri cari che stavano male e a chi è guarito o non ce l’ha fatta senza essere stato abbracciato.
Greb ha scelto un’immagine del film di Milos Forman “Qualcuno volò sul nido del cuculo” con l’abbraccio tra il protagonista interpretato da Jack Nicholson e Will Sampson raffigurato con mascherina e guanti. L’opera si trova sul muro esterno dell’Istituto Nazionale di malattie infettive Lazzaro Spallanzani.
“Quando un’immagine dice più di mille parole. L’abbraccio che molte vittime del coronavirus non hanno potuto dare ai loro cari in un murales dello street artist Harry Greb sui muri dello Spallanzani. Immagine tratta dal film ‘Qualcuno volò sul nido del cuculo’, rivisitata con guanti e mascherine. Mi ha commosso ed emozionato. Grazie”. Così su Facebook il segretario del Pd Nicola Zingaretti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Movida a Brescia, piazza a numero chiuso
Sindaco Del Bono, ‘contingentare presenze o la faccio chiudere’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BRESCIA
23 maggio 2020
01:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gente in piazza, distanze non rispettate e mascherine tenute sotto il mento. Allarme movida a Brescia nel primo venerdì sera dopo la riapertura. Nella città tra le più colpite dal coronavirus molte persone hanno riempito Piazzale Arnaldo, cuore della movida in centro città. Poco prima di mezzanotte la Polizia locale ha ricevuto l’ordine di impedire nuovi ingressi. Il sindaco di Brescia Emilio Del Bono annuncia provvedimenti: “O riusciamo a contingentare gli accessi o firmo un’ordinanza di chiusura della piazza”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si teme il primo fine settimana dopo il lockdown, aumentano i controlli
A Roma 1000 agenti anti-movida.Regioni fissano nuove linee guida
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 maggio 2020
13:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I patiti della movida stanno diventando nella Fase 2 quello che i runner sono stati durante il lockdown: potenziali ‘untori’, parola manzoniana tornata in auge in Italia con il coronavirus. Il rischio di contagio per assembramenti intorno ai locali è ben più consistente di quello rappresentato dai podisti e così, in vista di un weekend quasi estivo, il ministero dell’Interno rafforza i controlli e i presidenti di Regione minacciano nuove ordinanze. Per evitare altre scene come quelle sui Navigli a Milano, alla Vucciria a Palermo, a Napoli e in altre città. Intanto fonti del ministero della Salute smentiscono che le riaperture dei confini regionali avverranno solo tra territori a contagio omogeneo.

La Conferenza delle Regioni ha approvato l’aggiornamento e l’integrazione alle “Linee guida per la riapertura delle Attività Economiche e Produttive”. Si aggiungono, tra le altre, quelle per campeggi, rifugi alpini, attività fisica all’aperto, noleggio veicoli, aree giochi per bambini, circoli culturali, cinema e spettacoli, sagre e fiere, servizi per l’infanzia e l’adolescenza. Linee guida che si aggiungono a quelle già rese note per ristorazione, stabilimenti balneari, palestre, piscine, negozi e mercati. Ora verranno inviate al governo per aggiornare il Dpcm.

Intanto il primo fine settimana dopo l’uscita da lockdown preoccupa perché la curva discendente dell’epidemia sembra aver riportato la gente in strada per i divertimenti abituali, dappertutto, da Nord a Sud. Solo a Roma la Questura schiererà circa mille agenti delle forze dell’ordine per sorvegliare la movida, evitare assembramenti e sanzionare chi non rispetterà distanze e uso della mascherina, compresi i gestori dei locali se troppo tolleranti. Le multe sono fino a 3 mila euro. Il timore dei governatori è che l’affollamento possa creare nuovi focolai e mettere a rischio le riaperture delle attività produttive ripartite dal 18 maggio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’orizzonte è ora quello del ritorno alla mobilità fra regioni dal 3 giugno. Dal ministero della Salute si smentiscono però le indiscrezioni secondo cui lo spostamento avverrà solo tra Regioni con pari livello di contagio. Le decisioni sulle aperture dei confini verranno prese sulla base dei dati epidemiologici di fine mese. E secondo l’ultimo report dell’Istituto superiore di sanità (Iss), tutte le regioni presentano un rischio basso, tranne la Valle d’Aosta (basso-moderato) e la Lombardia che resta sotto osservazione. Per il momento, sindaci e governatori sono impegnati soprattutto nel varo di nuove ordinanze anti-movida. In prima linea lo ‘sceriffo’ Vincenzo De Luca in Campania, che ha ritardato l’apertura di molte attività rispetto al resto del Paese e ora ha nel mirino i “cafoni” – così li chiama – decisi a tirar tardi in strada. “Cogliamo l’occasione per umanizzare i momenti di incontro – dice – affinché non ci si rincretinisca di alcol e droghe” e annuncia la “chiusura dei baretti alle 23”.

Intanto, a pochi giorni dall’apertura chiude il Real Bosco di Capodimonte, a Napoli. “Troppe infrazioni”, la motivazione. Nella Conferenza delle Regioni i presidenti del Nord – le aree di gran lunga più colpite da Covid-19 – spingono per cercare una qualche normalità che intercetti la stagione turistica estiva. Lunedì in Emilia-Romagna riapriranno parchi acquatici, zoo, lunapark e attrazioni di spettacolo viaggiante. In Puglia invece Michele Emiliano minaccia di chiudere i locali se i titolari non faranno rispettare l’obbligo di mascherina e il divieto di assembramento. In un’oscillazione tra voglia di ricominciare e timore di ricadute epidemiologiche.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I prossimi giorni saranno cruciali per vedere se i contagi risalgono e di quanto. Quindi occhi puntati nel weekend sulla movida, ma il segretario Pd Zingaretti esorta a non considerare “i giovani degli untori”. “Non bisogna criminalizzarli – dice -.
Sono le principali vittime di questo periodo, dal punto di vista della formazione, del lavoro e in futuro del debito pubblico.
“Vanno responsabilizzati – dice il sindaco di Bari e presidente dell’Associazione Comuni Antonio Decaro – non criminalizzati”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Presidente Vda,legalità è rispetto norme
“Celebriamo il coraggio degli italiani al servizio del Paese”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AOSTA
23 maggio 2020
09:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il pensiero di legalità ci riconduce, in questo particolare momento storico, al comportamento rispettoso delle regole e del prossimo. E’ importante ricordare tutte le vittime del terrorismo, della mafia, del dovere e di ogni forma di criminalità, anche in questo particolare momento della nostra storia in cui si è scelto di celebrare il coraggio degli italiani che si sono messi al servizio del Paese in uno dei momenti più drammatici della sua storia recente”. E’ quanto dichiara il presidente della Regione Valle d’Aosta, Renzo Testolin, in occasione dell’anniversario delle stragi di Capaci e di via d’Amelio. Testolin ha evidenziato il ruolo di “medici, infermieri, esponenti delle forze dell’ordine, insegnanti, militari, volontari della Protezione civile, farmacisti, commercianti, rider, mostrando un’etica del dovere, che richiama uno dei più grandi insegnamenti che ci ha lasciato Giovanni Falcone”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Courmayeur chalet diventano ‘uffici’
Da stanze per trattamenti estetici a postazioni smart working
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AOSTA
23 maggio 2020
10:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo smart working non solo da casa, ma anche in uno chalet ai piedi del monte Bianco, nel giardino di un albergo a quattro stelle. L’iniziativa è di Alessandra Garin, titolare dell’Auberge de la Maison di Courmayeur, che ha trasformato in ‘uffici di montagna’ due antichi rifugi in legno che, prima della pandemia, erano dedicati a trattamenti estetici e cene romantiche. Con la riapertura della struttura alberghiera, prevista il 19 giugno, saranno dotati di “tutti i comfort che un ufficio deve poter offrire”, dalla postazione di lavoro alla connessione internet veloce.
“Nonostante i primi disagi – sottolinea l’albergatrice – abbiamo scoperto questo bellissimo modo di lavorare, a distanza, da dove si desidera”, aggiungendo: “Si può quindi dedicare parte della giornata al territorio, al relax, alla vacanza, alla tranquillità e parte al lavoro. La troviamo una bella opportunità da sfruttare e da poter proporre ai nostri ospiti.
Ma la nostra identità e natura di albergo di montagna non muta”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fase 2: medici Cuba per attività bambini
Per organizzare le attività all’aperto di bambini e ragazzi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
23 maggio 2020
10:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli epidemiologi cubani, che da alcune settimane prestano servizio all’ospedale da campo allestito alle Ogr di Torino per l’emergenza coronavirus, daranno indicazioni utili per le attività ricreative estive per bambini e ragazzi all’aria aperta. Per questo motivo, accompagnati dall’assessore comunale all’Ambiente Alberto Unia hanno visitato alcuni parchi del capoluogo piemontese. Al sopralluogo era presente anche l’ambasciatore cubano in Italia, José Carlos Rodriguez Ruiz.
“La volontà a proseguire questa collaborazione, anche nella fase post Covid-19, è e sarà sicuramente preziosa per la collettività – commenta l’assessore – Sono rimasto piacevolmente colpito dal grande interesse e dagli apprezzamenti che l’ambasciatore mi ha rivolto sulla visione di una ‘città a cielo aperto’ che l’amministrazione sta concretizzando con azioni e incentivi per usare gli spazi pubblici e aperti della città”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Smantellato ospedale da campo di Crema
Oggi saluto ufficiale a medici e infermieri della Brigata Cubana
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 maggio 2020
11:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Inizierà lunedì lo smontaggio dell’ospedale da campo allestito dall’Esercito a Crema per far fronte all’emergenza Covid nel parcheggio dell’ospedale Maggiore. Lo riporta la Provincia di Cremona.
Se ne andranno dunque i militari dell’esercito arrivati a metà marzo che si sono occupati, mentre oggi in piazza Duomo arriva il grazie ufficiale alla Brigata cubana di 52 medici e infermieri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fase2: tifosi in piazza per Bitonto in C
Sindaco su Fb, chiesto di non festeggiare, intervenuta polizia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
23 maggio 2020
11:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il divieto di assembramento non ha trattenuto i tifosi dal festeggiare la promozione del Bitonto calcio in serie C e si sono ritrovati in tanti in piazza, nella cittadina in provincia di Bari, dove ieri verso sera sono dovute intervenire le forze dell’ordine, sanzionandone alcuni per non aver rispettato le norme sul distanziamento sociale imposte dall’emergenza Covid.
“Siamo felicissimi per la promozione dell’Us Bitonto, ma vi avevo pregato di non festeggiare in piazza per i noti motivi”, ha scritto su Facebook il sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio, spiegando che “sono intervenute le forze dell’ordine con la polizia municipale e dopo 20 minuti sono riuscite a riportare la situazione generale in stato di sicurezza. Con qualche sanzione. Alcuni sono stati riconosciuti e credo saranno perseguiti. Mi dispiace, davvero – sottolinea il sindaco – per tutto quanto quello che ne consegue”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fase 2: a Triste movida fino a tardi
Assembramenti in piazza di tante persone, soprattutto giovani
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
23 maggio 2020
11:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Movida affollata ieri sera e fino a notte fonda in centro a Trieste con centinaia di persone (soprattutto giovani e giovanissimi) riunite in gruppi, in piedi o sedute ai tavolini dei numerosi locali aperti fino a tardi nel fine settimana. Tra piazza Unità d’Italia e via Torino giovani e meno giovani sono rimasti lì, formando assembramenti e tenendo le mascherine abbassate per bere o mangiare. Nei giorni scorsi le autorità hanno annunciato un rafforzamento nei controlli la sera e la notte in centro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fase 2: dal primo giugno riaprono i musei Vaticani
Con misure sanitarie straordinarie per la sicurezza di visitatori e personale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA’ DEL VATICANO
23 maggio 2020
12:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“A partire dal primo giugno, dopo quasi tre mesi di chiusura, sarà possibile tornare a visitare i Musei Vaticani in totale sicurezza”. Lo annuncia una nota dei musei Vaticani che parla anche della riapertura al pubblico delle ville pontificie di Castel Gandolfo, oltre che di “misure sanitarie straordinarie per la sicurezza di visitatori e personale e nuovi orari di apertura”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Crisanti, su contagi 0 strumentalizzato
Non capisco perché si danno meriti a persone che non ne hanno
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PADOVA
23 maggio 2020
13:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“L’Azienda Zero ha emesso un comunicato sui contagi 0 in Veneto, sono intervenuto e il mio commento è stato strumentalizzato”: così Andrea Crisanti, direttore del laboratorio di Virologia di Padova. “Ho solo detto che era la prima volta dopo 100 giorni – dice -. E’ chiaro che il dato non è stabile, non sono uno sconsiderato, non capisco le ragioni delle polemiche e perché vengono dati meriti a persone che non ne hanno”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Assembramento in barca a Venezia, puniti
Dopo giro per locali ‘tour fatale’ in Canal Grande
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
23 maggio 2020
13:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono stati sanzionati per un assembramento in barca in Canal Grande a Venezia in spregio alle direttive Covid-19. E’ accaduto nella notte quando una imbarcazione dei carabinieri che stava effettuando il controllo del territorio ha individuato una barca affollata nei pressi di Palazzo Balbi sede della Regione del Veneto. I militari hanno trovato in una piccola barca da diporto con un numero di persone oltre la capacità della stessa ma anche senza le dotazioni di protezione sanitaria. A bordo giovani, provenienti da Venezia, Padova e Treviso, che dopo aver passato la serata in diversi locali del centro storico lagunare, stavano effettuando un ultimo tour, risultato ‘fatale’ sul Canal Grande, per poi far rientro presso una struttura ricettiva, nel centro cittadino, gestita dal conduttore dell’imbarcazione stessa per passare la notte. Ai giovani è stato contestato dai Carabinieri il mancato rispetto della distanza di sicurezza e il non corretto utilizzo dei dispositivi di protezione individuale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Movida a Sestri, Sindaca “così non va”
Troppi con dispositivi portati in modo inageduato in mezzo folla
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
23 maggio 2020
14:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Esplode la movida a Sestri Levante, nella Rivera Ligure di Levante, dove ieri sera si sono riversati centinaia di giovani provenienti dal Tigullio e dal suo entroterra. Presi d’assalto i locali del centro storico.
Difficile gestire la situazione sia per gestori dei locali che per le forze dell’ ordine. La sindaca Valentina Ghio non ha gradito la situazione e si è premurata di comunicare via social il suo disappunto. “‘Ragazzi così non va. Dobbiamo farcela insieme. Finalmente possiamo tornare a frequentare i locali di Sestri Levante ma dobbiamo farlo in sicurezza, rispettando tutte e sottolineo tutte le prescrizioni. Mascherine obbligatorie in carrugio e ovunque ci siano persone ravvicinate, distanziamento, no agli assembramenti. Ragazzi, è difficile e siamo tutti stanchi di questa situazione ma se non siamo prudenti il rischio è quello di tornare a chiudere tutto. E nessuno di noi ne ha voglia”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Milano protesta mascherine tricolore
Ristoratori e medici in piazza e a distanza.Intonato inno Mameli
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 maggio 2020
11:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Manifestazione di protesta contro il governo di una sessantina di persone, tutte con mascherina tricolore e a distanza di circa un metro e mezzo, questa mattina in piazza Venticinque aprile a Milano. Tra loro, alcuni ristoratori e medici che hanno chiesto all’esecutivo “risposte chiare e interventi precisi” per aiutare il mondo del commercio in grave difficoltà per via dell’emergenza Covid.
Al presidio, organizzato dal gruppo spontaneo ‘Mascherine tricolore’ e nato su Facebook, hanno partecipato anche esponenti di CasaPound tra cui l’editore di Altaforte Francesco Polacchi e la coordinatrice milanese del movimento di estrema destra Angela De Rosa. Oltre a intonare l’inno d’Italia, i manifestanti hanno dedicato un minuto di silenzio alle “vittime del virus”, non solo i morti ma anche quegli imprenditori duramente colpiti dal punto di vista economico.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Hit parade, Dark Polo Gang si conferma in vetta
Entra in top ten album di Ezio Bosso, dopo la sua scomparsa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 maggio 2020
18:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Dark Polo Gang si conferma per la seconda settimana consecutiva in vetta alla classifica dei dischi più venduti della settimana, secondo le rilevazioni Fimi-Gfk. Ma è tutta la prima parte della classifica a rimanere invariata rispetto a sette giorni fa.
Stabile il podio, con Ghali e il suo DNA al secondo posto e Marracash con Persona al terzo. Come stabili sono anche i posizionamenti a seguire: quarto gradino per Tha Supreme con 23 6451, quinti i Pinguini Tattici Nucleari con Fuori dall’hype Ringo Starr, sesto The Weeknd con Afterhours.
Invertono le loro posizioni Travis Scott, ora settimo con Astroworld, e Dua Lipa, ottava con Future Nostalgia. La prematura scomparsa di Ezio Bosso porta l’album del maestro The 12th room in nona posizione. Chiude la top ten Ultimo con Colpa delle Favole.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fase 2: scrivania a confine Gorizia
Divisa in due da rete. Incontro con primo cittadino Nova Gorica
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GORIZIA
22 maggio 2020
16:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un’unica scrivania, tagliata a metà da una rete a causa della chiusura dei confini: è l’immagine simbolo dell’azione dimostrativa del sindaco di Gorizia, Rodolfo Ziberna, e del primo cittadino di Nova Gorica (Slovenia), Klemen Miklavic, che si sono seduti allo stesso tavolo in piazza Transalpina – area per metà italiana e per metà slovena, che negli ultimi mesi è stata divisa da una rete a causa del diffondersi del coronavirus – per parlare di Europa.
“Mentre a Bruxelles i vertici dei paesi europei litigano su ogni cosa, ergono confini e, sulla gestione del virus ognuno va per conto suo, i sindaci di Gorizia e Nova Gorica – affermano – continuano a lavorare insieme per costruire l’Europa vera, quella dei cittadini e delle famiglie”.”Sia io sia il collega Miklavic – precisa Ziberna – abbiamo condiviso pensieri, informazioni e azioni, cercando anche di far dialogare i governi, per concertare le scelte sulla chiusura del confine.
Purtroppo non c’è ascolto ma noi andiamo avanti”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tesei, Umbria regione più sicura Italia
Per presidente Regione “lo dicono tutti i parametri”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
22 maggio 2020
15:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Da giorni in Umbria abbiamo contagi zero nonostante stiamo facendo tanti tamponi e aumentando anche i numeri dei test. Abbiamo attualmente meno di 90 persone malate su 900 mila abitanti, due sole in terapia intensiva, una curva discendente da tanto tempo e tutti i parametri, nessuno escluso, che ci danno oggi come la regione più tranquilla e sicura d’Italia”: lo ha rivendicato la presidente della Regione Donatella Tesei. Intervistata da Effetto giorno su Radio 24.
Per la presidente “andrebbero tenuti in considerazione i numeri reali che abbiamo perché basta fare un confronto con tutti quelli di altre regioni per capire in quale situazione è l’Umbria”. “In questi mesi – ha aggiunto – abbiamo gestito la pandemia dal territorio e non siamo mani andati in crisi anche nei ricoveri in ospedale”.
Tesei ha quindi parlato di “una regione pronta ad ospitare turisti per le vacanze che da noi si possono fare in tutta sicurezza”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Adr, nuova modalità accesso a Fiumicino
Dal 26 maggio ingresso al T3 solo a passeggeri ed operatori
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIUMICINO
22 maggio 2020
12:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dal prossimo 26 maggio cambia la modalità di accesso all’aerostazione dello scalo di Fiumicino.
Lo rende noto Adr. In base alle nuove disposizioni previste dal Dpcm del 17 maggio 2020 per il contenimento del contagio da Covid-19, al protocollo di sicurezza sanitaria dell’Ue alle linee guida dell’Enac, l’ingresso al Terminal 3 – l’unico al momento operativo – sarà consentito solo ai passeggeri e agli operatori aeroportuali. Inoltre, i controlli della temperatura corporea attraverso i termoscanner, già operativi in aeroporto dal 4 febbraio scorso, verranno ora effettuati all’ingresso nell’aerostazione e non più ai gate d’imbarco. La nuova modalità prevede che il controllo della temperatura venga effettuato presso l’ingresso 5 piano partenze del Terminal 3 e al mezzanino sempre del Terminal 3 per chi arriva dai parcheggi multipiano e dalla stazione ferroviaria. Agli arrivi del Terminal 3, invece, i controlli vengono effettuati alla porta.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Movida a Sestri, Sindaca “così non va”
Troppi con dispositivi portati in modo inageduato in mezzo folla
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
23 maggio 2020
14:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Esplode la movida a Sestri Levante, nella Rivera Ligure di Levante, dove ieri sera si sono riversati centinaia di giovani provenienti dal Tigullio e dal suo entroterra. Presi d’assalto i locali del centro storico.
Difficile gestire la situazione sia per gestori dei locali che per le forze dell’ ordine. La sindaca Valentina Ghio non ha gradito la situazione e si è premurata di comunicare via social il suo disappunto. “‘Ragazzi così non va. Dobbiamo farcela insieme. Finalmente possiamo tornare a frequentare i locali di Sestri Levante ma dobbiamo farlo in sicurezza, rispettando tutte e sottolineo tutte le prescrizioni. Mascherine obbligatorie in carrugio e ovunque ci siano persone ravvicinate, distanziamento, no agli assembramenti. Ragazzi, è difficile e siamo tutti stanchi di questa situazione ma se non siamo prudenti il rischio è quello di tornare a chiudere tutto. E nessuno di noi ne ha voglia”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Riaperta stagione balneare nel Veneziano
Primi stabilimenti in funzione, addetti ‘stiamo carburando’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
23 maggio 2020
15:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con l’apertura di questa mattina dei primi quattro stabilimenti (‘Blue Moon’ di Venezia Spiagge, ‘Pachuka’, ‘Paradiso’ e ‘Alla Diga/Kuyaba’), oltre alla spiaggia libera a ridosso dell’ex Ospedale al Mare, ha ufficialmente preso il via la stagione estiva al Lido di Venezia, la spiaggia del capoluogo lagunare. “La giornata non particolarmente soleggiata non ci ha aiutato – commenta Sebastian Perini, direttore di Venezia Spiagge, la società del Comune di Venezia che gestisce il tratto più lungo dell’arenile – ma possiamo finalmente dire che sono entrate al Blue Moon le prime persone e che quindi la stagione sta pian piano carburando”. A Bibione, invece, la stanza d’hotel si sposta in spiaggia per scongiurare rischi di contagio si è arrivati a garantire ai villeggianti fino a 64 metri di spazio sulla sabbia per singolo ombrellone e due sedie a sdraio. In queste ore si sta completando l’allestimento dell’arenile con i vari stabilimenti balneari: l’apertura ufficiale è in programma per sabato 30 maggio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Positivo dipendente ditta fornitrice Ast
Azienda, messe in atto procedure per tutela lavoratori
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
23 maggio 2020
15:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ risultato positivo al Covid-19 un dipendente di una ditta fornitrice che svolge attività presso il sito di Terni dell’Ast. Lo ha comunicato la stessa azienda.
Ast spiega di aver “prontamente informato il prefetto e si è resa disponibile per consentire la completa valutazione dell’evento e garantire la più ampia collaborazione e coordinamento con l’autorità sanitaria”. “Tutte le attività necessarie per tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori – spiega ancora Ast – sono state messe in atto e ogni figura aziendale, dotata di un compito preciso secondo il piano di emergenza Ast in caso di contagio Covid-19, è stata avvisata”.
L’azienda ha comunicato che il responsabile del servizio di prevenzione e protezione è in costante contatto con il medico competente, il dirigente delegato dell’area coinvolta e il datore di lavoro di Ast, nonché con il titolare della ditta fornitrice, per seguire l’evoluzione della situazione. Ast, in via prudenziale, sta valutando e ponendo in essere ulteriori misure.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Capaci, in Comune Milano lenzuolo TvBoy
Raffigura il giudice e la scritta “E’ tempo di andare avanti!”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 maggio 2020
16:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Anche il Comune di Milano ha voluto ricordare oggi Giovanni Falcone, a 28 anni dalla strage di Capaci in cui morì insieme alla moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, esponendo da Palazzo Marino un lenzuolo bianco e accanto a quello un lenzuolo dell’artista TvBoy raffigurante il giudice e la scritta ‘E’ tempo di andare avanti!’.
A srotolarlo, dal balcone della sede del Comune, il vicesindaco Anna Scavuzzo con la fascia tricolore.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rissa senza mascherina, chiuso bar
Sanzione per cinque giorni adottata dal questore di Perugia
e
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
23 maggio 2020
16:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Chiuso per cinque giorni, su disposizione del questore di Perugia, Antonio Sbordone, un bar alla periferia della città teatro di una rissa avvenuta nella nottata tra il 21 e il 22 maggio. La decisione – spiega la polizia – è stata presa “in quanto il responsabile del locale non provvedeva a far rispettare le prescritte norme di comportamento da parte dei propri clienti riguardanti il rispetto delle distanze sociali e l’uso delle mascherine”. In base agli accertamenti la rissa aveva coinvolto una ventina di giovani, tutti senza mascherina.
“Il tema della ‘movida sconsiderata’ – sostiene il questore Sbordone – è un argomento molto serio da prendere in considerazione con duplice valenza: ostacolare la diffusione del covid-19 in questa delicata ed importantissima fase 2 e garantire l’ordine e la sicurezza pubblica, fattore essenziale per gestire in modo ottimale le criticità del periodo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Versilia riaperti 100 stabilimenti
Livornese e Maremma ancora chiusure. Gitanti a scogli Calafuria
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VIAREGGIO (LUCCA)
23 maggio 2020
17:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Maremma ancora chiusa, Livorno, Elba e Costa degli Etruschi pure. Ma scatto in avanti della Versilia, da Viareggio a Forte dei Marmi, dove un centinaio di stabilimenti balneari sono stati già riaperti, circa un quarto dell’offerta disponibile (439), e con bar e ristoranti in funzione. Pochissima però, almeno per ora, la gente in spiaggia anche se comunque si sono visti alcuni, primissimi clienti, venuti pure da fuori provincia. Chi riapre la struttura sta rispettando tutte le prescrizioni sul distanziamento sociale e invita i bagnanti a indossare la mascherina protettiva. Nel Livornese sull’Aurelia numerose le persone andate a prendere il sole alle famose scogliere di Calafuria e del Romito, mentre in città restano ancora per un po’ di giorni chiusi i bagni, così come lungo tutta la costa labronica.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sindaco Amandola, “auto, moto e bici, sembra Ferragosto”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AMANDOLA (FERMO)
23 maggio 2020
17:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Monti Sibillini ‘invasi’ da gitanti nel primo sabato dopo il lockdown. “Non credevo ai miei occhi – racconta il sindaco di Amandola Adolfo Marinangeli – Sono andato con la famiglia a fare un pic nic in località Campolungo, a 1.200 m slm, pensavamo di essere soli…”. Invece c’erano “73 automobili e poi tantissime moto e biciclette. Sembra Ferragosto…,. Ma tutti sono prudenti e si mantengono alla giusta distanza”. Per Amandola, una delle ‘capitali’ dei Sibillini, punto di partenza per passeggiate ed escursioni, ma anche sede di festival e rassegne, si prefigura una ripartenza ‘col botto’ dopo i mesi di quarantena: la città, che si trova nel cratere sismico, aveva già registrato un aumento del 70% dei visitatori nel 2019. “Siamo inondati di richieste di case in affitto per l’estate – prosegue Marinangeli -, tutti le chiedono in campagna, un po’ isolate. E non per brevi periodi, ma anche per un mese intero! Dove metteremo tutta questa gente non lo so, qui abbiamo anche avuto il terremoto…”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Codogno,al bar no mascherina no spritz
Sindaco, gente sa che non è finita. Sporadici casi assembramento
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 maggio 2020
17:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel primo sabato dopo la riapertura dei locali a Codogno pian piano sono ripresi i riti della colazione o dello spritz in piazza, della spesa e dello shopping. Ma tutto all’insegna delle misure di sicurezza anti-Covid di cui i commercianti e titolari dei locali chiedono il rigoroso rispetto. Questi ultimi poi, a chi tenta di ‘sgarrare’, rispondono con un ‘non ti servo da bere’. Oggi sono cominciate a rispuntare le famiglie anche se ancora molte sono le persone ‘in solitario’ a passeggio nelle vie del centro della cittadina del lodigiano da dove è partita l’emergenza Coronavirus. Cominciano a ritornare “spaccati di vita normale”, dice il sindaco Francesco Passerini, ma ci sono anche i segnali che “non è ancora finita”: infatti, i commercianti e i gestori dei locali sono “in prima linea” a chiedere di osservare le regole contro i contagi. E addirittura lo testimonia, come è stato riferito, il rifiuto di servire i clienti se non si rispetta il distanziamento o non si indossano le mascherine.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lombardia, meno di 200 in intensiva
Sono 441 i nuovi contagiati, 56 i decessi in un giorno
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 maggio 2020
17:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono meno di duecento i malati di Covid ricoverati in terapia intensiva in Lombardia, precisamente 199, otto meno di ieri. Una soglia che l’assessore al Welfare Giulio Gallera considera “simbolica”. Un dato così basso non si aveva dal 4 marzo. Sono 86.825 in tutto le persone contagiate (+441) con 17.191 tamponi effettuati in un giorno. In calo anche il numero dei ricoverati negli altri reparti, 4.026, due meno di ieri. Il numero dei decessi ha raggiunto i 15.840, di cui 56 in un giorno.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Strage Capaci: a Corleone gli studenti dicono ‘no alla mafia’
Iniziative con la Fondazione Falcone, lenzuoli e flash mob
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 maggio 2020
18:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Anche Corleone, il paese di Totò Riina e di Bernardo Provenzano, ricorda il 28esimo anniversario della strage di Capaci e rinnova l’impegno delle giovani generazioni contro la mafia. Protagonisti gli studenti dell’istituto Comprensivo “Giuseppe Vasi” , guidati dai loro docenti, che si sono impegnati fin dall’inizio dell’anno in varie attività, sia curricolari che progettuali, con lo scopo di costruire l’annuale percorso che culmina nella manifestazione del 23 maggio. In collaborazione con la Fondazione Giovanni Falcone, l’istituto ha allestito una serie di iniziative con la partecipazione di tre studenti alla seduta straordinaria del Consiglio Comunale di Corleone. In mattinata sono stati esposti i cartelloni, prodotti dai ragazzi in Piazza Falcone e Borsellino e i lavori di tutti gli altri ragazzi ai balconi delle loro case: lenzuola bianche, bandiere tricolore e cartelloni. Nel pomeriggio alunni, genitori e docenti dell’istituto hanno partecipato a un’iniziativa in streaming con gli interventi di rappresentanti di enti e associazioni che hanno collaborato al progetto prima di un flash mob sulle note dei “Cento passi”. Alle ore 17:58 , ora dell’attentato al giudice Giovanni Falcone, alla moglie Francesca Morvillo e agli agenti della sua scorta, è stato intonato “Il silenzio”, seguito dalle notte dell’inno nazionale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: dati positivi, calano le vittime Ma ancora casi in Lombardia
In totale, in Italia, sono 669 i nuovi contagiati mentre i morti nel Paese sono stati 119 più di venerdì. In cinque Regioni nessun positivo .Il numero complessivo dei malati scende a 57.752
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 maggio 2020
21:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 86.825 i contagiati totali per il coronavirus in Lombardia,  441 più di venerdì, quando l’aumento era stato di 293. L’aumento rappresenta all’incirca il doppio del totale degli incrementi in tutte le altre regioni d’Italia, che è complessivamente di 228. Il dato comprende attualmente positivi, vittime e guariti. Il dato è stato reso noto dalla Protezione civile nazionale.
Fontana: ‘Pronto a nuove restrizioni’ – “Come ho più volte ribadito, Regione Lombardia è pronta a intervenire, anche con nuove restrizioni, per evitare che tutto il lavoro svolto fin qui grazie alla buona volontà della maggioranza dei cittadini, venga vanificato da alcuni incoscienti”. Lo dice il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, “dopo aver visto nelle ultime ore le foto, i video e le notizie riguardanti assembramenti e movida in diversi comuni lombardi”.
Questi gli altri principali dati
Sono 119 le vittime del coronavirus nelle ultime 24 ore in Italia. In totale i morti salgono così a 32.735. Venerdì l’aumento era stato di 130 vittime.
Sono 57.752 i malati di coronavirus in Italia, 1.570 meno di venerdì, quando il calo era stato di 1.638.
Sono saliti a 138.840 i guariti e i dimessi per il coronavirus in Italia, con un incremento rispetto a venerdì di 2.120. Venerdì l’aumento era stato di 2.160.
Sono 572 i pazienti ricoverati in terapia intensiva per Coronavirus, 23 meno di venerdì. Di questi, 199 sono in Lombardia, otto meno di venerdì. I malati ricoverati con sintomi sono invece 8.957, con un calo di 262 rispetto a venerdì, mentre quelli in isolamento domiciliare sono 48.485, con un calo di 1.285 rispetto a venerdì.
Sono 229.327 i contagiati totali per il coronavirus in Italia, 669 più di venerdì. Il dato comprende attualmente positivi, vittime e guariti. Venerdì l’incremento nazionale era stato di 652.
Sicilia,prima volta senza nuovi contagi  – Per la prima volta dall’inizio dell’emergenza sanitaria la Sicilia non registra nemmeno un nuovo caso positivo su quasi 2500 tamponi effettuati. Questo il quadro riepilogativo della situazione nell’Isola: dall’inizio dei controlli, i tamponi effettuati sono stati 131.913 (+2.482 rispetto a ieri), su 116.517 persone: di queste sono risultate positive 3.421 (0), mentre sono ancora contagiate 1.512 (-7), 1.640 sono guarite (+6) e 269 decedute (+1). Lo comunica la presidenza della Regione Siciliana.
Sono meno di duecento i malati di Covid ricoverati in terapia intensiva in Lombardia, precisamente 199, otto meno di venerdì. Una soglia che l’assessore al Welfare Giulio Gallera considera “simbolica”. Un dato così basso non si aveva dal 4 marzo. Sono 86.825 in tutto le persone contagiate (+441) con 17.191 tamponi effettuati in un giorno. In calo anche il numero dei ricoverati negli altri reparti, 4.026, due meno di ieri. Il numero dei decessi ha raggiunto i 15.840, di cui 56 in un giorno.
Sono 102 i nuovi casi nella Bergamasca  – Sono 102 più di venerdì i Covid positivi in provincia di Bergamo, arrivati a 12.834, mentre crescono di 88 unità i casi nel Milanese (in tutto sono 22.616 ) di cui 40 a Milano città. A Brescia i nuovi casi accertati sono 72, per un totale di 14.417. Sono 44 i nuovi casi nel Varesotto, dove il totale dei covid positivi è 3.490.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bimbo muore annegato in piscina di casa
Tragedia nel Napoletano, era in casa con la sorella
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
23 maggio 2020
19:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tragedia a Varcaturo, nel comune di Giugliano (Napoli), dove un bimbo di 4 anni è morto annegato nella piscina di casa. Il piccolo era in casa con la sorella di 19 anni, i genitori erano usciti, quando per cause ancora da accertare dalla finestra di casa al piano terra è finito nella sottostante piscina annegando poco dopo.cInutile il trasporto all’ospedale di Pozzuoli dove il piccolo è giunto già privo di vita. Al momento tutto lascia propendere per una tragica fatalità. Sull’episodio, tuttavia, indagano i carabinieri della stazione di Varcaturo e quelli della compagnia di Giugliano. Sul posto anche il magistrato di turno della procura di Napoli Nord che ha disposto il sequestro della salma per l’autopsia oltre a quello della piscina.
La tragedia si è consumata in una villetta popolare di via Ripuaria a Varcaturo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: movida,coprifuoco a Brescia
In piazza Arnaldo locali chiusi alle 21.30 oggi e domani
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 maggio 2020
19:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo la chiusura di ieri sera, prima di mezzanotte, per troppe presenze, il sindaco di Brescia Emilio Del Bono ha emesso un’ordinanza che limita l’orario di apertura dei locali di piazza Arnaldo, cuore della vita della città. Il sindaco di Brescia, tra le città italiane più colpite dal Covid, ha deciso la chiusura di tutti i pubblici esercizi e attività artigianali alimentari, nei giorni 23 e 24 maggio dalle 21.30 alle 5 del giorno successivo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bimbi scomparsi, nel 2019 8.331 denunce in Italia
Dati di Telefono Azzurro in occasione della Giornata Internazionale oggi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
25 maggio 2020
14:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Secondo Missing Children Europe, nel 2019 il Numero Unico per i Bambini Scomparsi in Europa (11.60.00) ha risposto a 55.284 contatti con 7.582 casi dei quali il 55% dei nuovi casi ha riguardato i rifugiati e il 23% minori sottrai ai genitori. Secondo ICMEC, il fenomeno ha proporzioni allarmanti: nel Regno Unito si registrano circa 80 mila casi di scomparsa, in Russia oltre 45.000, in India 111.569, negli Stati Uniti oltre 421.394.  Telefono Azzurro ha nel corso degli anni stretto collaborazioni e alleanze con i più rilevanti network internazionali impegnati nella scomparsa dei minori tra i proprio quali Missing Children Europe e International Center for Missing&Exploited Children (Icmmec).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In occasione della Giornata Internazionale dei Bambini Scomparsi di lunedì 25 maggio, Telefono Azzurro propone un momento di riflessione in live streaming su Avvenire al quale parteciperanno il Prefetto Silvana Riccio – Commissario straordinario del Governo per le personescomparse, Prefetto Michele Di Bari – Capo del Dipartimento per le Libertà civili el’Immigrazione del Ministero dell’Interno, On. Caterina Chinnici – Eurodeputata e Co-Presidente dell’Intergruppo delParlamento europeo per i diritti dei minori, Monsignor Sànchez Sorondo – Cancelliere della Pontificia Accademia delleScienze e della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, Maud de Boer Buquicchio -President of Missing Children Europe, Maria Francesca Pricoco – Presidente del Tribunale per i Minorenni diCatania e Presidente AIMMF, Marina Contino – Primo Dirigente del Servizio Centrale Anticriminedella Polizia di Stato, Maria Josè Falcicchia – Servizio Cooperazione Internazionale dellaPolizia di Stato, Federica Sciarelli – Giornalista RAI e presentatrice di Chi l’ha Visto.
Nel 2019 8.331 denunce di scomparsa di minori in Italia di cui 5.376 stranieri e 2.955 italiani. Un fenomeno drammatico, riscontrato anche da Telefono Azzurro che, durante lo scorso anno, ha visto raddoppiareil numero di casi gestiti rispetto al 2018. Nel 2019 sono stati 2.676 i minori stranieri non accompagnati arrivati in Italia e che si allontanano dai centri di accoglienza senza lasciare traccia.
Telefono Azzurro è in prima linea da oltre dieci anni per supportare il sistema di segnalazione e ritrovamento dei bambini scomparsi con il Numero Unico Europeo 11.60.00 gestito in Italia da Telefono Azzurro per conto del Ministero dell’Interno, attivo 24 ore su 24. Il Numero 11.60.00 ha registrato nel 2019 un aumento dei casi rispetto al 2018, la fascia d’età più a rischio è quelle compresa fra gli 11 e i 18 anni mentre, dal 2009 al 2019,le segnalazioni hanno riguardato in misura maggiore gli adolescenti maschifra i 15 e i 18 anni.
“I bambini e gli adolescentiscomparsi si ritrovano in molti casi in un territorio diverso da quello in cui sono scomparsi – dice il Professor Ernesto Caffo, Presidente di Telefono Azzurro -. Spesso sono vittime di tratta o sfruttamento e quindi occorre una solida cooperazione a livello internazionale, che favorisca la collaborazione, anche sull’aspetto della prevenzione della scomparsa, tra le Istituzioni e il mondo del No Profit”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In carcere Livorno aggrediti 3 agenti
Feriti, per loro 7 e 10 giorni di prognosi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
23 maggio 2020
20:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Tre appartenenti alla polizia penitenziaria sono stati aggrediti nel carcere di Livorno. I tre, contusi, sono dovuti ricorrere alle cure dell’ospedale cittadino”. E’ quanto denuncia in una nota la segreteria generale del Sindacato autonomo polizia penitenziaria (Sappe). “All’interno del carcere di Livorno un detenuto italiano sottoposto al regime di sorveglianza particolare previsto dall’articolo 41 bis dell’ordinamento penitenziario, ristretto nel reparto As2, al rientro dal passeggio – prosegue la nota – si rifiutava di rientrare in cella, avanzando richieste che non potevano essere soddisfatte. Il personale di polizia, dopo averlo invitato più volte a fare rientro in cella, veniva aggredito”. Tre di loro hanno fatto ricorso alle cure mediche presso l’ospedale cittadino, con prognosi di due, sette e dieci giorni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Intercettazioni travolgono l’Anm, i vertici si dimettono
Dimessi presidente e segretario. Resta solo minoranza Autonomia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
24 maggio 2020
20:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Continua a mietere vittime il trojan iniettato nel cellulare dell’ex presidente dell’Anm Luca Palamara, rinviato a processo a Perugia dopo la tempesta che ha travolto il Csm per il risiko delle nomine nelle procure decise in camere d’albergo con cotè politico. Ad andare in frantumi è l’attuale dirigenza della magistratura associata, da poco in sella dopo lo tsunami giudiziario.
Il presidente Luca Poniz di Area, la corrente progressista delle toghe che era uscita ‘bene’ dalla tempesta, e il segretario Giuliano Caputo di Unicost, la corrente più affondata perchè dominata dal ‘ras’ Palamara, si sono dimessi dopo la pubblicazione di intercettazioni di chat e conversazioni.
Gli ultimi ‘scampoli’ usciti dal pozzo senza fine dei contatti del telefonino di Palamara, che il pm di Roma ora sospeso da funzioni e stipendio era solito conservare, lo immortalano mentre parlando con un collega – il procuratore capo di Viterbo Paolo Auriemma, estraneo all’inchiesta – dice che Matteo Salvini “va fermato”, proprio mentre l’ex ministro dell’Interno è sotto indagine in Sicilia per i porti chiusi ai migranti.
Dalle trascrizioni, pubblicate da giorni su alcuni quotidiani, emergono anche contatti molto stretti, tra Palamara, l’ex presidente dell’Anm Giovanni Legnini, e alcuni giornalisti. Il contraccolpo è forte, proprio nel giorno in cui si commemorano i 28 anni della strage di Capaci, i vertici dell’Anm lasciano il mandato, dopo una riunione fiume di otto ore nella sede del ‘parlamentino’ delle toghe, in Cassazione, all’ultimo piano del ‘Palazzaccio’. Nella Giunta dell’Anm adesso rimane solo la corrente di Autonomia e Indipendenza, guidata da Piercamillo Davigo.
Oggi i gruppi faranno valutazioni per capire come proseguire e vedere se c’è una nuova maggioranza o equilibri tali per cui una nuova compagine possa traghettare l’Anm fino alle elezioni previste per fine ottobre. Il consiglio del Comitato direttivo centrale dell’Anm è stato convocato per domani, lunedì, alle 19.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Solo due giorni fa, giovedì, si era consumata l’ultima ‘vendetta’ del trojan di Palamara, culminata nella decisione del Csm di trasferire dalla Procura nazionale antimafia il pm Cesare Sirignano, intercettato mentre parla di nomine con il pm di Roma.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Napoli,lungomare bloccato,’notte follia’
Traffico in tilt e assembramenti nel primo sabato post lockdown
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
24 maggio 2020
11:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Traffico bloccato fino alle 4 del mattino, assembramenti e bivacchi, schiamazzi, risse tra giovani e residenti esasperati a filmare il tutto. Chi si è trovato dalle parti del lungomare di Napoli la scorsa notte per il primo sabato post lockdown parla di “una follia collettiva”. Migliaia di persone, anche senza mascherina, si sono riversat in strada, a piedi o con le auto, con i marciapiedi utilizzati come corsie preferenziali da auto e moto, nonostante i locali della movida abbiano rispettato il limite della chiusura alle 23.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Assembramenti,18 multe in tre ore a Bari
Sanzioni elevate soprattutto nel centro cittadino
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
24 maggio 2020
11:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Segnalazioni di assembramenti nei luoghi della movida barese hanno portato ieri sera in sole tre ore, dalle 21 a mezzanotte, gli agenti della Polizia locale ad effettuate centinaia di controlli, sanzionando 18 cittadini che non mantenevano la distanza sociale. Tutti sono stati multati con un verbale di 400 euro ciascuno per aver violato le prescrizioni imposte dall’emergenza sanitaria.
I principali assembramenti sono stati accertati nel quartiere Murat, nel centro di Bari, dove la Polizia locale ha elevato anche 55 sanzioni al Codice della strada per soste irregolari sugli attraversamenti pedonali e sugli scivoli riservati ai diversamente abili. Ai trasgressori sono state comminate sanzioni per oltre 10.000 euro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tutti fuori, da Nord a Sud. Lamorgese ai giovani: ‘State attenti’
La ministra dell’Interno: “Non è finita, siate responsabili”. I sindaci pronti a una nuova stretta
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
25 maggio 2020
09:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tutti fuori, da nord a sud. L’imperativo degli italiani, ragazzi e famiglie, amici e parenti, è stato quello di tornare a mordere la vita all’aria aperta. Al mare, in montagna – dove non sono mancati gli incidenti, con quattro vittime in Piemonte e Lombardia – di giorno e di notte, quando i luoghi della movida sono stati presi d’assalto dai giovani e gli assembramenti non sono mancati – a Napoli migliaia di persone si sono riversate sul lungomare fino alle quattro del mattino bloccando il traffico – tanto che i sindaci hanno già minacciato di essere pronti a nuove chiusure. Insomma, un vero ‘liberi tutti’, che le forze di polizia hanno monitorato da vicino, ma senza pugno di ferro. Il Viminale però avverte: non è finita, serve molta attenzione o tornerà la pandemia.
Un appello che il ministro Lamorgese rivolge soprattutto ai ragazzi: “Avere restituito la libertà di uscire può aver indotto a pensare che sia tutto superato, ma così non è. E’ opportuno lanciare un messaggio ai giovani: se dovesse tornare l’epidemia sarebbe un fallimento per il Paese. Supereremo questa emergenza solo se operiamo tutti con grande senso di responsabilità”. “Siamo ancora in una fase molto pericolosa”, aggiunge il viceministro Matteo Mauri. I governatori di Lombardia e Campania ribadiscono la linea della fermezza: “Chiedo ai sindaci – afferma Attilio Fontana – rigore per punire non i gestori dei locali, ma i clienti che dimostrano poco rispetto anche nei loro confronti”. “Lo Stato ha il dovere di imporre il rispetto delle regole e di garantire le norme di sicurezza”, tuona Vincenzo De Luca. Nel complesso, comunque, eccetto i casi del capoluogo campano e di Milano, che ha esagerato con aperitivi troppo affollati, o di Bergamo, Brescia e Perugia dove gli assembramenti hanno superato il limite del buon senso e delle regole, la maggior parte delle persone si è comportata con assennatezza e le multe sono state contenute.
Sulla riviera romagnola, anche se ancora si lavora per sistemare le spiagge, in tanti non hanno rinunciato a passeggiare in riva al mare a piedi nudi, prendendo il sole in ‘verticale’. A Rimini, capitale del divertimento estivo dove il virus ha picchiato duro, vigili e forze dell’ordine hanno avuto molto da fare a far distanziare i gruppi di ragazzi, anche senza mascherine, che affollavano di sera la Vecchia Pescheria, tradizionale luogo di ritrovo. Anche a Bari e nel foggiano c’è stato bisogno di interventi con sanzioni, e anche i locali sono stati controllati. Bella animata la movida triestina ma senza criticità, e di giorno c’è stato il ritorno ai tavoli dei caffè di Piazza Unità e lunghe le Rive. Controlli anche a Roma, con la chiusura di una piazza nel quartiere trendy di Monti, e poi famiglie e amici sono tornati a pranzare nei ristoranti di Fiumicino con soddisfazione degli esercenti che non pensavano in una ripresa così ‘vitale’ anche dal punto di vista dei coperti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Roma e sul litorale si è anche registrato un boom di consumo di gelati artigianali: due milioni di coni e coppette. Gestione regolare della vita notturna a Cagliari dove nessuna contravvenzione è stata elevata, anche se il lavoro per i vigili non è mancato ma è stato solo un richiamo ad evitare eccessi. Poetto tutto esaurito, con i cagliaritani che sono stati sotto gli ombrelloni nel rispetto delle distanze, e la stessa cosa è avvenuta nelle altre spiagge vicine al capoluogo. Bene nelle Marche e in Veneto, per quanto riguarda il ritorno sui vasti arenili meta scelta per passeggiate e prime tintarelle, ma il governatore Luca Zaia ha avvertito che la linea dei conti si traccia giovedì prossimo, con i dati del contagio.
A Verona c’è stata una certa dose di intemperanza e il sindaco Sboarina non l’ha presa bene, promette il pugno duro contro gli assembramenti e i vandalismi di chi ha lasciato le piazze piene di vetri rotti. Giornata di mare per i liguri, con i lidi a ingressi a turno, dove si preannuncia l’aiuto di steward per regolare il flusso delle persone.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Molti piemontesi hanno invece scelto la strada delle montagne, per escursioni e piccole arrampicate con pranzo al sacco, e si sono formate lunghe code al casello di Bruere e sulla tangenziale di Torino verso l’imbocco della Val di Susa. Ancora bagni di mare ed euforia per i palermitani che anche questa domenica hanno riempito la spiaggia di Mondello.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo 43 anni toga in pensione Cardella
Pm processo Pecorelli, indagò su strage di Capaci
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
24 maggio 2020
13:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo 43 anni trascorsi in magistratura il 25 maggio è l’ultimo giorno con la toga prima della pensione per Fausto Cardella, procuratore generale di Perugia e protagonista di alcune delle inchieste più importanti della recente storia italiana. La notizia è riportata dalla Nazione.
“L’indagine che non riuscirò mai a scordare? Quella sulla strage di Capaci. Dal punto di vista professionale è stato come correre in Formula Uno per la qualità del rapporti e le cose che ho imparato. Dopo Capaci niente è stato più come prima” ha detto al quotidiano il magistrato. Che si è soffermato sulla figura di Falcone. “Gli devo anche un pranzo – ha ricordato -, che non ho fatto in tempo a ricambiare. Man mano che il tempo passa emerge la grandezza della sua figura e del suo pensiero”.
Del dibattimento del processo Pecorelli, Cardella ha spiegato di ricordare in particolare “l’esame e il controesame di Tommaso Buscetta fatto con Coppi. E’ stata una delle esperienze professionali più interessanti della carriera”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Spezia, tredicenne in coma etilico
Non è in pericolo di vita.Titolare negozio rischia arresto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
24 maggio 2020
13:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Finisce in coma etilico un tredicenne spezzino che ieri aveva bevuto parte del contenuto di una bottiglia di whisky, che gli sarebbe stata venduta dal collaboratore di un market etnico. Il giovanissimo si trovava con un gruppo di amici in passeggiata Morin alla Spezia, ieri nel tardo pomeriggio, quando ha accusato un malore. I soccorritori lo hanno trovato in condizioni di semincoscienza.
Le indagini, condotte dagli agenti della polizia locale sul posto per i controlli sugli assembramenti della movida, hanno portato a individuare la bottiglia del super alcolico praticamente vuota, indicata dal gruppo di minori di 14 anni che sono stati ascoltati in caserma alla presenza dei genitori. Per fortuna il giovane non è in gravi condizioni e oggi potrebbe essere dimesso: aveva un tasso alcolemico superiore a 2,5 grammi su litro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Veneto, +17 positivi
rimane basso il dato dei ricoverati nelle terapie intensive
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
24 maggio 2020
13:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono solo 17 i nuovi casi di positività al Coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Veneto, per un dato totale, dall’inizio dell’epidemia, di 19.086 soggetti. Lo riferisce il bollettino di stamane della Regione, che aggiorna con 4 decessi (di cui uno solo negli ospedali) il numero delle vittime, complessivamente 1.869. Crescono ancora le persone guarite (negativizzati virologici), che ammontano a 14,557 (194 più di ieri), e rimane basso il dato dei ricoverati nelle terapie intensive, 40, di cui solo 11 ancora positivi al Covid.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Alpini sanificano Rifugio sul Gran Sasso
9° Reggimento al lavoro per sentiero e ripartenza montagna
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PIETRACAMELA
24 maggio 2020
15:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Arrivano gli alpini, quelli del 9 Reggimento, per sanificare il Rifugio Franchetti (2.433 mt) e per ripristinare il sentiero che da Prati di Tivo porta ad uno dei luoghi più belli del Gran Sasso, sotto la parete maestosa del Corno Grande. Un accordo con il Parco che nei prossimi giorni vedrà gli alpini di stanza all’Aquila con le squadre soccorso alpino militare, impegnati in attività di ripristino delle condizioni di sicurezza di sentieri e vie ferrate a favore di tutta la comunità montana. Gli alpini in collaborazioni con tecnici del parco, ripristineranno parte del sentiero che da cima alta conduce al Franchetti. Grande la soddisfazione di vertici del Parco. “Il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, primo in Italia, ha chiesto aiuto ai reparti altamente specializzati del nostro esercito per una ripartenza in sicurezza post covid 19”, ha detto il presidente Tommaso Navarra.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fase 2: Venezia sposa il mare con Festa
Sindaco Brugnaro lancia anello in acqua, messa al Lido
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
24 maggio 2020
15:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Venezia ha rinnovato il suo sodalizio con il mare grazie alla Festa della Sensa: un matrimonio che da secoli, nel giorno dell’Ascensione, fa rivivere la millenaria storia della Serenissima e il suo essenziale rapporto con il Mediterraneo. Lo ha fatto anche quest’anno, seppure con un programma ridotto, in ottemperanza alle vigenti normative per il contenimento del Covid-19 che ha indotto l’amministrazione a rinunciare alle manifestazioni pubbliche che negli anni hanno portato a San Nicolò del Lido migliaia di cittadini. Il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, il patriarca Francesco Moraglia e il contrammiraglio Andrea Romani a bordo di due gondole del Comune di Venezia, hanno celebrato il rito dello sposalizio del mare con il lancio dell’anello dogale da parte del primo cittadino: religioso con la celebrazione della messa per la solennità dell’Ascensione officiata dal patriarca Moraglia nella chiesa di San Nicolò del Lido. E’ seguita una messa a San Nicolò del Lido.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovi sbarchi di migranti, in 400 nell’Agrigentino
Lasciati da nave madre a poca distanza dalla riva, ricerche
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALMA DI MONTECHIARO
24 maggio 2020
16:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Circa 400 migranti sono sbarcati sulla battigia di Palma di Montechiaro, nell’Agrigentino. Una nave madre li avrebbe lasciati a pochi metri dall’arenile, prima di riprendere il largo. Polizia e carabinieri stanno rastrellando l’area e un elicottero si è levato in volo. I migranti sbarcati nella zona sottostante il Castello di Palma di Montechiaro, a piccoli gruppi, sono in fuga lungo le strade e le campagne. Tanti si sono riversati sulla statale 115, in direzione Agrigento. Chiedono acqua agli automobilisti in transito e di salire a bordo delle auto. Almeno tre le motovedette della Guardia costiera impegnate nella ricerca della nave madre.
Polizia, carabinieri e militari della Capitaneria di porto stanno setacciando – fra strade e campagne – tutta l’area prossima al luogo dello sbarco.

Cinquantadue migranti dell’Africa subsahariani, fra cui alcune donne, sono stati bloccati dai carabinieri della stazione di Linosa (Ag) dopo che con un’imbarcazione di circa 10 metri, sono riusciti ad arrivare sugli scogli della più piccola isola delle Pelagie. E’ stata già avvisata la Guardia costiera che dovrà trasferire a Lampedusa i 52. Intanto, sarebbe stato intercettato un barcone, in acque internazionali, che sta viaggiando verso l’Italia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dai dati del Viminale, aggiornati al 22 maggio, sono 4.445 i migranti arrivati quest’anno in Italia, senza contare i circa 450 giunti oggi sulla costa dell’Agrigentino e sull’isola di Linosa e i circa 70 sbarcati ieri tra Lampedusa e Marsala. Nello stesso periodo del 2019 gli arrivi erano stati 1.361, mentre nel 2018 avevano raggiunto quota 10.693. Il totale dei migranti arrivati lo scorso anno ammonta – sempre secondo i dati del Ministero dell’Interno – a 11.471; nel 2018 erano stati 23.370.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fontana, punire clienti non inegozianti
Sala, richiamo al buonsenso funziona fino a un certo punto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
24 maggio 2020
16:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Uscire non è più un divieto, ma il distanziamento e l’uso della mascherina sono fondamentali!”: il presidente della Lombardia Attilio Fontana lo ha ripetuto in un post su Facebook. “Se non ci riuscite – ha aggiunto – ben vengano le misure restrittive dei sindaci ai quali ancora una volta chiedo rigore e fermezza, per punire non i gestori dei locali, già penalizzati dal lockdown, ma i clienti che dimostrano poco rispetto anche nei loro confronti”.
E proprio su questo domani, lunedì 25 maggio, il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha annunciato che incontrerà il prefetto Riccardo Saccone “per verificare la situazione a valle del weekend”. “Ieri mi sono sentito con i Sindaci delle grandi città – ha aggiunto Sala -. C’è frustrazione in noi perché tutti concordiamo che con le Forze dell’Ordine disponibili non si riesce a gestire gli assembramenti e che il richiamo al buonsenso funziona fino a un certo punto”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Liguria, 53 nuovi positivi
I guariti con due test negativi consecutivi sono 150
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
24 maggio 2020
16:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Liguria registra 53 nuovi contagi da Covid-19 oggi e 5 morti in piu’. I positivi in Liguria sono oggi 3.781spiega la Regione nel bollettino quotidiano, gli ospedalizzati sono 265, due in meno di ieri, i guariti con due test negativi consecutivi sono 4280, 150 in piu’ di ieri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Liguria, bagni ma poca folla
I divieti frenano la tintarella
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
24 maggio 2020
17:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La tanto tenuta invasione delle spiagge non c’è stata oggi nelle riviere della Liguria. Molti sono andati al mare e hanno fatto il bagno ma le distanze sono state rispettate un po’ ovunque anche perchè restano in vigore le disposizioni che vietano di sostare sull’ arenile per prendere il sole. C’è chi è stato piu’ rigido nei controlli e chi invece ha lasciato maglie piu’ larghe.
Anche l’ambita spiaggia della Baia di Portobello a Sestri Levante, patrimonio Unesco, non ha ricevuto il temuto assalto.
Il monito lanciato via social dalla sindaca Valentina Ghio dopo gli assembramenti di giovani nella serata di venerdì è servito a scongiurare sabato sera la movida nel centro storico e oggi, nonostante la bella giornata di sole, l’assedio alla spiaggia.
Poche persone a fare il bagno, senza sostare sull’arenile, come indica la delibera comunale, e scarsa presenza nei pochi ristoranti che hanno riaperto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Confortola da vetta, forza Italia
Alpinista posta video da cima montagna a oltre 3800 metri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
24 maggio 2020
17:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Gran Zebrù 3854 metri, Parco Nazionale dello Stelvio, Forza Italia, forza la Lombardia e forza la Valtellina”: sono le parole urlate in un video dal grande alpinista valtellinese Marco Confortola, dopo aver raggiunto la vetta. Il messaggio di speranza a tutta Italia a e alla Lombardia per la sua ripartenza è stato postato sulla pagina Facebook di Lombardia Notizie. Sui ghiacci della cima del Gran Zebrù si vede stesa una bandiera della Regione Lombardia. Il Gran Zebrù è una montagna nel gruppo Ortles-Cevedale al confine tra Lombardia e Trentino (Parco dello Stelvio) di cui è la seconda vetta per altezza dopo l’Ortles ed è anche la seconda vetta più alta del Trentino-Alto Adige.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Movida irresponsabile, sindaco chiude
Stop a 2 attività Castrovillari e orari limitati per stare fuori
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
24 maggio 2020
17:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Movida “irresponsabile” e il sindaco di Castrovillari Mimmo Lo Polito chiude 2 esercizi e annuncia, su Facebook, un’ordinanza per limitare orari e luoghi frequentabili. “Avevo chiesto di essere responsabili. Lo avevo fatto, credo – scrive – in maniera esplicita ricordando che i dati sui contagi sono falsati dalla mancata effettuazione di tamponi in vaste aree. Avevo ricordato quanto fosse importante evitare assembramenti per ridare a tutti la possibilità di tornare a godere delle ritrovate libertà rispettando le misure di prevenzione. I dati, soprattutto quelli fotografici, dimostrano che non meritiamo fiducia. Per questo domani sarò costretto a fare un’ordinanza che limita la possibilità di stare fuori oltre una certa ora, soprattutto in spazi aperti al pubblico come piazze, villette e luoghi simili. Mi vedo costretto, inoltre, a chiudere fino a sabato 30 maggio 2 attività che hanno dato il peggiore esempio di distanziamento e rispetto delle regole.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da Cuneo a Savona, multa 800 euro
Dopo le polemiche di venerdi’ rigidi controlli nella riviera
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
24 maggio 2020
17:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Savona è corsa ai ripari per la movida del sabato sera e ha fatto scattare controlli serrati dopo gli assembramenti di venerdì e le critiche del presidente ligure Giovanni Toti al sindaco Ilaria Caprioglio. Nella rete dei controlli è caduto tra gli altri un giovane di Cuneo che ha preso una multa da 800 euro perchè aveva valicato i confini regionali. Il giovane, nonostante la massiccia presenza delle Forze dell’Ordine, si è presentato senza problemi ai controlli dichiarando di essere venuto in Liguria per fare un giro. Gli spostamenti tra Regioni sono vietati e il giovane dovrà pagare la sanzione. La rete dei controlli ha creato uno sbarramento nell’area della movida dove gli ingressi sono stati in pratica contingentati, in particolare alla Darsena, dove erano presenti undici pattuglie interforze con una sorta di vero e proprio checkpoint di controllo allestito nella parte alta di via Baglietto, dove era presente anche l’assessore alla sicurezza Roberto Levrero.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: calano malati e decessi, si verificano i dati in Lombardia
Forse per un problema di trasmissione dati. I morti in Italia nelle ultime 24 ore sono 50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
25 maggio 2020
10:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’emergenza coronavirus fa registrare un buon segnale dall’inizio delle riaperture di una settimana fa circa: i contagiati non aumentano, ed è questo, dicono gli esperti, il dato più significativo della giornata anche in previsione dei prossimi 15 giorni. Sono 531 i nuovi positivi a Covid-19 contro i 669 di sabato, secondo il bollettino quotidiano della Protezione Civile. Riflettori puntati anche sulla Lombardia dove a fare scalpore è il dato di zero decessi sul quale si stanno concentrando le verifiche. L’assenza di nuovi decessi per Covid-19, per la prima volta dall’inizio dell’epidemia a febbraio, potrebbe infatti essere causata dalla mancata trasmissione dei dati dalla rete ospedaliera e dalle anagrafi dei Comuni.
È, d’altra parte, già capitato, in occasione di festività o fine settimane degli scorsi mesi, che i dati non fossero del tutto aggiornati e quelli mancanti siano stati aggiunti il giorno dopo. I contagiati in Lombardia sono 285 in più rispetto al giorno prima. Anche dopo le riaperture di una settimana fa “i contagiati non stanno aumentando e questo è un buon segnale ma non è definitivo”. Bisogna aspettare altre due settimane. Se fra 15 giorni i contagi non aumenteranno “il segnale allora confermerà che la situazione è sotto controllo”, spiega l’economista sanitario, Cesare Cislaghi. Ma il virus, dice l’esperto “continua a circolare” e serve “cautela”. In generale in Italia, sono 56.594 i malati di coronavirus, mentre sono 50 le vittime nelle ultime 24 ore, escludendo per il numero di morti in Lombardia nello stesso arco temporale. I morti salgono così a 32.785, escludendo il dato della Lombardia non ancora pervenuto. Ieri l’aumento complessivo era stato di 130 vittime. Sono 553 i pazienti ricoverati in terapia intensiva per Coronavirus, 19 meno. Di questi, 197 sono in Lombardia, due meno. I malati ricoverati con sintomi sono invece 8.613, con un calo di 82, mentre quelli in isolamento domiciliare sono 47.428, con un calo di 1.057.
Di contro sono saliti a 140.479 i guariti e i dimessi per il coronavirus in Italia, con un incremento rispetto di 1.639. Sabato l’aumento era stato di 2.120. “Finché non ci sono evidenze di altra natura che il virus si stia ripiegando su se stesso – prosegue Cislaghi – la realtà è che continua a circolare e ad essere attivo soprattutto nei territori già maggiormente colpiti quindi la prudenza non guasta mai, senza fare catastrofismo né essere riduzionisti”. “Per fortuna – spiega ancora Cislaghi – non ci sono segnali negativi ma, appunto, il segnale di un virus che continua a circolare”. Da qui l’importanza del dato sui contagiati che consente la “valutazione del momento”. Mentre i dati su decessi e guariti si riferiscono a un periodo che va indietro anche di 30 giorni, riferisce l’esperto. “C’è adesso da capire se il contagio andrà diminuendo”, dice Cislaghi considerando che i numeri tra la domenica e il martedì sono sempre minori rispetto alla parte centrale della settimana per via della trasmissione dei dati nel week end. Per l’analisi “servono medie settimanali”, spiega Cislaghi. “Riprendiamo alcuni aspetti normali della vita – aggiunge – ma con moderazione e cautela. Bisogna fare in modo di non passare dal buio al solleone, anche se sicuramente non c’è più buio”. “La ricetta – conclude Cislaghi – è far riavviare tutto ciò che effettivamente serve per difendere l’economia ma moderare tutto ciò che non è essenziale in attesa di vedere che strada prenderà il virus”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Firenze,sciame api sotto fontana Nettuno
Chiusa porzione di strada in attesa di apicoltori o Vvf
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
24 maggio 2020
19:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uno sciame di api posizionato sulle ringhiere che circondano la fontana del Nettuno in Piazza della Signoria a Firenze ha costretto la polizia a recintare la porzione di piazza e allontanare i passanti.
Le forze dell’ordine stanno ora presidiando la zona in attesa dell’intervento degli apicoltori o dei vigili del fuoco.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Costa Magica, 16 positivi al tampone
Di 617 persone giunte al porto di Ancona, a bordo 431
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
24 maggio 2020
19:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 16 i membri dell’equipaggio della Costa Magica, ormeggiata nel porto di Ancona, ancora positivi al tampone, rispetto ai 49 iniziali. Lo ha comunicato il responsabile del Gores (Gruppo Operativo Rregionale Emergenza Sanitaria) Mario Caroli. Su queste persone sarà effettuato un nuovo tampone di controllo tra 15 giorni. Delle 617 persone giunte al porto di Ancona il 28 aprile, ne sono rimaste ora a bordo 431. Il prossimo sbarco, previsto per il 3 giugno, riguarderà 95 persone di nazionalità filippina, che saranno rimpatriate in aereo. Sempre nei primi giorni di giugno, ma la data esatta non è ancora confermata, sono in procinto di lasciare la nave altre 32 persone, con destinazione Sud America.
I restanti membri dell’equipaggio sbarcheranno in seguito, in base ai tempi di apertura delle finestre di accettazione da parte dei Paesi di origine.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fase 2: boom consumo gelati a Roma
Fiepet, bene coni e coppette artigianali, anche su litorale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
24 maggio 2020
19:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il gelato artigianale italiano esce finalmente dal lockdown e in questo primo fine settimana, a partire quindi dal 18 maggio con la riapertura dei pubblici esercizi, ha fatto registrare tra le gelaterie aperte nella Capitale e sul litorale romano numeri estremamente positivi.
Secondo i dati di Fiepet-Confesercenti, in collaborazione con l’Associazione Italiana Gelatieri (Aig) attraverso il presidente Pennestrì, sono stati consumati circa 240000 kg, oltre 2 milioni di coni e coppette. “I gusti che aprono il trend all’insegna dell’estate – afferma Claudio Pica, presidente della Fiepet-Confesercenti – sono il mango all’anice stellato e il limone alla genziana, insieme ai classici con sorbetto al ‘cioccolato del mondo’ e i sorbetti di frutta a km zero per il trionfo dell’Agro Italiano. Dati che fanno ben sperare per l’inizio di questa stagione, che seppur partita in ritardo a causa dell’emergenza Covid, auspichiamo possa dare soddisfazione”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Zero morti Lombardia, forse mancano dati
Occorre attendere per sicurezza i riscontri di domani
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
24 maggio 2020
20:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La notizia sarebbe straordinaria: non è stato segnalato nessun decesso per Covid oggi in Lombardia per la prima volta dall’inizio dell’epidemia in febbraio. La Regione spiega che “i flussi provenienti dalla rete ospedaliera e le anagrafi territoriali oggi non hanno segnalato decessi”. Ma un dato così positivo potrebbe anche essere causato dalla mancata trasmissione dei dati dalla rete ospedaliera e dalle anagrafi dei Comuni.
E’ già capitato, in occasione di festività o fine settimane degli scorsi mesi, che i dati non fossero del tutto aggiornati e quelli mancanti siano stati aggiunti il giorno dopo. Per essere certi che si tratti di una così decisiva inversione di tendenza nel dato più lugubre e più lento a decrescere dell’epidemia in Lombardia (ieri si sono registrati +56 morti), occorre quindi attendere, per sicurezza, i dati di domani lunedì 25 maggio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Card. Bassetti, Signore tornato tra noi
Presidente Cei celebra messa all’aperto con 250 fedeli
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTÀ DELLA PIEVE (PERUGIA)
24 maggio 2020
20:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Anche la celebrazione eucaristica si deve svolgere nel pieno rispetto delle norme di sicurezza ed usare tutti gli accorgimenti per preservare la salute di tutti noi. Ma non c’è dubbio, il Signore è tornato in mezzo a noi”: lo ha detto il presidente della Cei, cardinale Gualtiero Bassetti, celebrando la messa dell’Ascensione a Città della Pieve, durante la messa all’aperto, in piazza Matteotti. Rito al quale hanno partecipato 250 fedeli. Bassetti è vescovo della diocesi di Perugia e Città della Pieve.
“E’ un’emozione grande poter partecipare per voi all’Eucarestia, ma lo è altrettanto di più per me. E’ come se fossi stato privato, in un certo senso, del Signore perché non potevo condividere il Pane eucaristico con la mia gente” ha detto con voce commossa il cardinale Bassetti, secondo quanto riferisce la diocesi.
La messa è stata celebrata nelle vicinanze del Santuario della Madonna di Fatima. Presente anche il sindaco Fausto Risini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Agguato al cognato di Roberto Spada a Ostia, 3 arresti
Era stato ferito a colpi pistola, in manette esecutori e mandante
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
25 maggio 2020
12:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I carabinieri hanno identificato i presunti esecutori e mandante del ferimento a colpi d’arma da fuoco del cognato di Roberto Spada, avvenuto lo scorso 20 aprile a Ostia. I militari del nucleo investigativo di Ostia stanno notificando un’ordinanza che dispone nei confronti di tre persone la custodia cautelare in carcere, emessa dal gip di Roma su richiesta della DDA, con l’accusa di tentato omicidio. Il fatto di sangue – rendono noto i carabinieri – si colloca nelle dinamiche di “riposizionamento” dei gruppi malavitosi sullo “scacchiere criminale” di Ostia.
La vittima dell’agguato, romano, 51 anni, aveva raccontato di essere stato colpito da un proiettile mentre camminava in via Forni. Dopo aver sentito all’improvviso un dolore alla gamba, aveva abbassato lo sguardo e visto il sangue, decidendo di salire in macchina e recarsi verso l’ospedale. Non aveva aggiunto dettagli su chi l’aveva ferito ne’ quanti fossero e, soprattutto, su un possibile movente che potesse aver spinto qualcuno a premere il grilletto di giorno in un periodo in cui le strade della Capitale erano particolarmente sorvegliate, per verificare il rispetto delle disposizioni per il contenimento del coronavirus.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Azzolina, concorso ma eliminati i quiz
‘Saranno sostituiti da uno scritto. Ringrazio la maggioranza’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
25 maggio 2020
08:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Accordo raggiunto sulla scuola.
Vogliamo ridurre il precariato, per dare più stabilità alla scuola, e vogliamo farlo attraverso una modalità di assunzione che garantisca il merito. La proposta presentata dal Presidente del Consiglio va in questa direzione, confermando il concorso come percorso di reclutamento per i docenti”.
Lo scrive su fb la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina dopo l’accordo raggiunto la notte scorsa. “È stata anche accolta la richiesta di modificare la modalità della prova, eliminando i quiz a crocette previsti nel decreto sulla scuola votato a dicembre in Parlamento. Saranno sostituiti da uno scritto, in modo da garantire una selezione ancora più meritocratica. Nel frattempo, in attesa di espletare la prova, ci saranno le supplenze dalle graduatorie provinciali che saranno aggiornate con le nuove modalità. Ringrazio la maggioranza: abbiamo raggiunto un importante obiettivo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Reddito cittadinanza a moglie boss
Scoperti da Cc, tra “furbetti” anche lavoratori “in nero”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TAURIANOVA (REGGIO CALABRIA)
25 maggio 2020
09:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il marito, boss della ‘ndrangheta, è in carcere ristretto da sei anni in regime di 41 bis con una condanna definitiva per associazione mafiosa da scontare ma lei percepiva il reddito di cittadinanza. Accade a Taurianova, nel Reggino, dove i carabinieri, coordinati dalla Procura di Palmi diretta dal Procuratore Ottavio Sferlazza, hanno scoperto 18 “furbetti” che usufruivano del sussidio pur non avendone diritto. L’erogazione, che ha provocato un danno erariale di 50 mila euro è stata subito interrotta dall’Inps. La consorte del boss aveva dimenticato di segnalare che nel suo nucleo famigliare era presente il marito ma nelle maglie dei militari della Compagnia di Taurianova sono finiti anche cittadini che lavoravano in nero, pur intascando il reddito,in bar, ristoranti o in cantieri, ma anche un gestore di una officina meccanica abusiva, con diverse auto in attesa e un parrucchiere che intascava il beneficio pur lavorando regolarmente anche se aveva formalmente chiuso l’attività 4 anni fa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fontana,zero morti da prendere con pinze
‘Mi rasserena che numero nuovi contagiati stia diminuendo’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
25 maggio 2020
10:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La cosa che mi rasserena è il numero dei nuovi contagiati che sta diminuendo. Lo ‘zero decessi’ è un dato che andrà preso con le pinze, nel senso che purtroppo la domenica è un giorno durante il quale la comunicazione non è sempre precisa e perfetta, a volte arrivano in ritardo. E’ sicuramente molto positivo come dato, però non illudiamoci che sia finita”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana. I dati “sono assolutamente ufficiali”, ha confermato il governatore.
I dati “sono assolutamente ufficiali – ha ribadito -, ieri sicuramente zero decessi ed è una cosa positiva, è un trend che sta continuando. Però non illudiamoci che adesso sia finito il numero di morti”. “E’ possibile, io me lo auguro, non voglio distribuire troppo entusiasmo perché negli ultimi giorni abbiamo assistito a movida e assembramenti che sono un po’ preoccupanti. Non vorrei che questi ulteriori dati creassero eccessivo entusiasmo”, ha concluso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Anche secondo l’assessore al Welfare della Lombardia, Giulio Gallera, a Mattino Cinque, il dato di zero decessi in Lombardia diffuso ieri “guardiamolo con prudenza: è successo all’inizio di ogni mese che arrivano anche un centinaio di decessi legati alle anagrafi dei Comuni che non vengono aggiornate quotidianamente” e ieri “dai nostri ospedali” è arrivato “il dato che segnalava nessun decesso, ma era domenica ma non vorrei oggi essere euforico su un dato che sarebbe significativo” ma registrare poi “una forte smentita”. “Trovo molto triste che si usino le emergenze sanitarie che qui ci sono state in maniera molto drammatica rispetto ad altrove – ha poi detto Gallera commentando le richieste di dimissioni -, per provare a scalzare chi in maniera democratica è stato eletto da 30 anni a governare questa regione, ma noi andiamo avanti a lavorare”. “Dà fastidio che ci sia una regione che ha un modello originale in cui pubblico e privato collaborano e competono in maniera virtuosa e che è un’eccellenza. Lo è in generale perché abbiamo più di 150 mila persone che vengono nella nostra regione e ci stanno tornando anche adesso nonostante gli attacchi e nonostante le richieste di dimissioni di Gallera: i cittadini della Campania, della Puglia stanno prenotando nei nostri ospedali per venire a farsi curare nonostante la campagna d’odio”.
“Quello che è successo l’ultima settima è un’ incontenibile voglia di tornare alla normalità ma questo può essere rischioso”, ha detto l’assessore al Welfare della Lombardia commentando la movida e gli assembramenti degli ultimi giorni. Gli effetti “si vedranno tra circa 12 giorni, mi sembra ci sia una sorta di effetto rimozione che è sbagliato ma dobbiamo comunque ricordarci” quello “che è successo poche settimane fa nella nostra regione”, ha aggiunto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Se non abbiamo un atteggiamento responsabile il rischio che si torni così obiettivamente c’è”, ha concluso dicendo anche che le le immagini di assembramenti lo preoccupano “molto”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Abbraccia fidanzata, multa di 400 euro
Sanzionato nel centro di Pavia da agenti in borghese
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
25 maggio 2020
12:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ha abbracciato la sua fidanzata mentre stavano passeggiando in Strada Nuova, nel centro di Pavia. Uno slancio affettivo che non è ammesso dalle attuali regole contro la diffusione del coronavirus. Il giovane, poco più che ventenne, è stato sanzionato da una pattuglia di agenti in borghese: dovrà pagare una multa di 400 euro (che potrà essere ridotta a 280, se la sanzione verrà saldata entro 30 giorni dalla emissione del verbale).
Sia il ragazzo che la sua fidanzata avevano la mascherina. Ma a creargli i problemi è stato l’improvviso abbraccio: un comportamento che non rispetta le norme sul distanziamento sociale. Gli agenti, dopo aver appurato che i due giovani sono conviventi, hanno sanzionato il ragazzo. Nel corso del fine settimana a Pavia e nel resto della provincia sono stati intensificati i controlli da parte delle forze dell’ordine. Sono state elevate alcune sanzioni a persone trovate senza mascherina o che non rispettavano le distanze sociali.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Drogava e abusava bimba, vendeva video
Deve rispondere di più reati fra cui violenza sessuale aggravata
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
25 maggio 2020
12:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un trentenne comasco è stato arrestato dalla polizia postale di Milano per violenza sessuale aggravata, detenzione e produzione di materiale pedopornografico: l’accusa è di avere abusato sessualmente di una bambina in età prescolare, dopo averla drogata, poi di avere filmato gli atti sessuali e infine di avere messo in vendita i video sul web.
La vicenda è emersa nel corso di un’indagine sul “deep web” durante la quale i poliziotti si sono imbattuti nella segnalazione di un utente su un italiano che stava cercando di vendere prodotti pedopornografici. L’italiano non aveva coperto le sue tracce, per cui attraverso l’ip del suo computer è stato possibile risalire al comasco Stefano Taroni, disoccupato, che è stato perciò arrestato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ammassati a chioschi panini a Cagliari
Giovanissimi accalcati e molti senza mascherina
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
25 maggio 2020
12:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il primo weekend del dopo lockdown, in generale ha promosso i cagliaritani. I titolari dei locali hanno sistemato i tavolini distanziati e gli avventori, salvo rare eccezioni, hanno rispettato le norme contro il contagio da coronavirus. Ma domenica sera, intorno alle 20.30, nella zona del litorale del Poetto, al Cavalluccio Marino, sembrava di essere tornati a prima della pandemia. Molti giovanissimi si sono assembrati davanti ai chioschi che vendono panini: accalcati uno sull’altro, in attesa di pagare o ritirare una birra, una porzione di patate fritte, un panino super imbottito. Solo alcuni indossavano la mascherina, ma la maggioranza ne era priva. La Polizia municipale, impegnata nei controlli per il tutto il fine settimana, in quella zona ci era passata, ma l’assembramento non era ancora scattato. Sono bastati pochi minuti dal passaggio della pattuglia, che il gruppo ordinato di ragazzi si è trasformato in una calca insensata e pericolosa per la salute di tutti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Reazione chimica lo investe, è grave
Portato con elisoccorso a reparto grandi ustionati a Pisa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SANTA CROCE SULL’ARNO
25 maggio 2020
13:11

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un operaio di 34 anni è rimasto gravemente ustionato in seguito a una reazione chimica avvenuta all’interno di una conceria di Santa Croce sull’Arno (Pisa) questa mattina intorno alle 10.30. Secondo le prime informazioni, durante un’operazione di lavoro si sono liberati improvvisamente degli agenti chimici che hanno innescato una reazione che ha investito il 34enne ustionandolo. Sul posto sono intervenuti un’ambulanza e l’automedica del 118 oltre all’elisoccorso Pegaso, che ha trasferito l’uomo in codice rosso al reparto grandi ustionati dell’ospedale di Cisanello a Pisa. Sul posto sono intervenuti anche i tecnici per la prevenzione e la sicurezza nei luoghi di lavoro dell’Asl Toscana Centro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si finge agente per andare al mare
Denunciato 36enne a Genova
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
25 maggio 2020
13:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La sua voglia di godersi il sole sugli scogli, dopo la fine del lockdown, lo ha spinto a presentarsi come agente a uno dei soci di un circolo di corso Italia che non voleva farlo entrare. E così, un uomo di 36 anni si è beccato una doppia denuncia. Il bagnante si è presentato, senza mascherina, come agente e ha detto di essere autorizzato ad andare sugli scogli per controlli. Il socio ha chiamato il numero di emergenza e quando gli agenti, veri, si sono presentati, il finto collega ha detto di avere usato quella scusa perché si era sentito minacciato dalle domande insistenti dell’iscritto al circolo. I poliziotti hanno anche perquisito la casa dell’uomo e hanno trovato due proiettili calibro 9, un caricatore per il fucile d’assalto AR70/90 e un proiettile 5,56x45mm.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fase 2: 1.321 denunciati nel weekend, domenica picco
Domenica il picco. Viminale, 238mila controllati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
25 maggio 2020
13:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono state 1.321 le persone denunciate nel fine settimane nell’ambito dei controlli sulle prescrizioni per il contenimento del Coronavirus: il picco di trasgressori si è registrato domenica (770), con un numero in aumento rispetto agli altri giorni. Tra sabato e domenica sono state controllate dalle forze dell’ordine complessivamente 238.488 cittadini: la quota dei sanzionati si è attestata sullo 0,55%. Dunque si mantiene ancora bassa la percentuale di indisciplinati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Traghetto Tirrenia salpato da Termoli
Oggi 27 passeggeri hanno raggiunto l’isola di San Nicola
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TERMOLI
25 maggio 2020
13:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono state completate questa mattina le riparazioni, nel porto di Termoli (Campobasso), al traghetto della Tirrenia finito ieri sulla scogliera davanti al porticciolo dell’Isola di San Nicola, nell’arcipelago delle Tremiti (Foggia). L’imbarcazione, con sette passeggeri a bordo, era appena arrivata e impegnata in una manovra. Fortunatamente nessun ferito tra dipendenti e utenti. Il traghetto, sottoposto a riparazione subito dopo l’incidente nella banchina di San Nicola, era poi rientrato ieri nel tardo pomeriggio nello scalo molisano per essere sottoposto a verifiche e riparazioni a prua.
Oggi, completate le operazioni di sistemazione, l’imbarcazione alle 11.10 è salpata alla volta delle Tremiti, trasportando a San Nicola 27 passeggeri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Agguato a cognato Roberto Spada, arresti
Fu ferito a colpi di pistola, in manette esecutori e mandante
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
25 maggio 2020
14:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I carabinieri hanno identificato i presunti esecutori e mandante del ferimento a colpi d’arma da fuoco del cognato di Roberto Spada, avvenuto lo scorso 20 aprile a Ostia. I militari del nucleo investigativo di Ostia stanno notificando un’ordinanza che dispone nei confronti di tre persone la custodia cautelare in carcere, emessa dal gip di Roma su richiesta della Dda, con l’accusa di tentato omicidio. Il fatto di sangue – rendono noto i carabinieri – si colloca nelle dinamiche di “riposizionamento” dei gruppi malavitosi sullo “scacchiere criminale” di Ostia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Velivolo biposto nel Tevere a Roma, una persona dispersa
Salvato l’istruttore, si cerca nel fiume il passeggero
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
25 maggio 2020
19:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stata tratta in salvo una delle due persone a bordo di un piccolo biposto caduto nel Tevere a Roma, all’altezza dell’aeroporto dell’Urbe. Si tratterebbe dell’istruttore che è riuscito a uscire dall’aereo prima che si inabissasse. L’uomo è stato trasportato in ospedale. Sono in corso ricerche da parte della polizia fluviale e dei vigili del fuoco per raggiungere l’altro passeggero, al momento disperso. Tra le prime ipotesi, che ci sia stato un tentativo di ammaraggio da parte del pilota prima che il velivolo si inabissasse.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, nessuna nuova vittima in 24 ore
Numero decessi resta stazionario a quota 405
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
25 maggio 2020
18:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nessuna nuova vittima e 61 guarigioni da coronavirus nelle ultime 24 ore in Campania: così i dati dell’Unità di crisi regionale, aggiornati alla mezzanotte scorsa. Il totale dei positivi è di 4.755 su 175.466 tamponi, quello dei decessi resta fermo a quota 405 mentre le guarigioni salgono a 3.137​(fino a ieri erano 3076).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
34 morti in Lombardia,148 nuovi positivi
In regione i ricoverati scendono sotto quota 4mila
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
25 maggio 2020
18:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 34 le persone decedute per coronavirus in Lombardia rispetto a ieri quando non erano stati segnalati decessi. Nessun boom dunque se si considera che sabato il numero dei morti era stato di 56. Sale così a 15.874 il numero complessivo di chi ha perso la vita per Covid. Sono stati invece 148 i positivi riscontrati in un giorno per un totale da inizio epidemia di 87.258.
Scende sotto 4mila il numero di persone ricoverate: di queste 196 sono in terapia intensiva (uno meno di ieri) e 3.721 negli altri reparti, con una diminuzione in un giorno di 296. I tamponi effettuati sono stati 5.641 per un totale complessivo di 675.882. Le persone attualmente positive sono 25.215 (in calo di 399).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ponte:per apertura concerto Carlo Felice
Anche brano inedito. Bucci ringrazia per concerto Santa Cecilia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
25 maggio 2020
18:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Concerto del teatro Carlo Felice per il nuovo viadotto. Si terrà in piazza De Ferrari la sera precedente al giorno dell’apertura. L’evento è in collaborazione con Regione e Comune Genova. “Ci è sembrato doveroso, in un momento così importante, coinvolgere una delle nostre migliori espressioni artistiche. Ringrazio tutti i lavoratori del Teatro per il contributo e l’impegno”, commenta il sindaco Marco Bucci.
“Si tratterà di un importante affresco musicale dedicato alla storia e alle radici musicali di Genova con la partecipazione di straordinari artisti e l’esecuzione di un brano musicale creato appositamente da un grande compositore italiano – spiega il sovrintendente del teatro Claudio Orazi -. Una sorta di meditazione musicale nel rispetto del significato dell’ appuntamento”. Il Sindaco Marco Bucci ringrazia anche le imprese che lavorano al nuovo ponte per aver invitato l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a tenere un concerto a Genova il 27 luglio: “Si tratta di uno straordinario omaggio alla città”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Silvia Romano esce di casa dopo la quarantena
La rabbia con la stampa ‘Abbiate rispetto’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
25 maggio 2020
21:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una seduta in un centro estetico è stato il primo assaggio di normalità per Silvia Aisha Romano che, tornata a casa dopo essere stata un anno e mezzo sotto sequestro, ha dovuto aspettare altri 14 giorni di isolamento per le misure anti-coronavirus per essere di nuovo completamente libera di uscire. E, terminata la quarantena, la giovane cooperante ha scelto di concedersi un po’ di relax e un trattamento di bellezza. “Niente di strano, è quello che anche io e tante altre donne abbiamo fatto non appena è finito il lockdown”, sottolineavano le estetiste del centro benessere, poco dopo aver lasciato passare la ragazza e sua mamma da un’uscita secondaria, nel tentativo vano di evitare gli obiettivi di telecamere e macchine fotografiche. L’ora abbondante trascorsa al ‘Salotto del benessere’, è servita a riassaggiare la quotidianità, anche se è una normalità decisamente diversa da quella che Silvia Romano, 25 anni a settembre, ha lasciato quando a 23 è partita per l’Africa con una onlus: il sequestro nel novembre 2018 in un centro commerciale in Kenya, la lunga prigionia ostaggio del gruppo terroristico islamista Al Shabaab, fino all’agognato ritorno a casa, con il velo a coprire il capo, una nuova fede, l’Islam, un nuovo nome, Aisha, che ha scelto anche per la nuova pagina Facebook, l’unico posto dove finora ha scelto di parlare fuori dall’ambiente domestico.
Sui social ha anche potuto leggere una valanga di insulti e critiche, anche per la conversione, oltre ad una serie di minacce, poco rasserenanti (come l’episodio del lancio di una bottiglia contro il suo palazzo pochi giorni dopo il rientro), al centro delle indagini del dipartimento antiterrorismo guidato dal pm Alberto Nobili e dei carabinieri del Ros. Rispetto ai primi giorni, la sorveglianza mobile delle forze dell’ordine davanti al palazzo è meno serrata. La famiglia invece le fa sempre scudo. La madre, Francesca Fumagalli, mal sopporta vedere sotto casa giornalisti, fotografi e operatori tv, che dopo i primi giorni sono tornati oggi per la fine della quarantena. Poco dopo le 14, mamma e figlia si sono infilate in un taxi: la prima in gonna e maniche corte, l’altra con indosso pantaloni, scuri come la maglia a maniche lunghe, una borsetta a tracolla, mascherina bordeaux e guanti di lattice alle mani. Pochi minuti dopo, a qualche isolato di distanza, sono entrate in silenzio nel centro benessere, da cui poi hanno cercato di uscire senza farsi notare. Visibilmente infastidita, Francesca Fumagalli ha dato una manata sulla macchina fotografica di un fotoreporter che stava scattando e si è fatto male al naso. Mentre Silvia è salita a bordo del taxi e dal finestrino si è rivolta a una telecamera: “Il rispetto non sapete cos’è, vero?”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Roma,velivolo cade in Tevere.Un disperso
Istruttore non è grave,si cerca l’allievo. Ansv apre inchiesta
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
25 maggio 2020
19:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il decollo dall’aeroporto dell’Urbe, il tentativo estremo di un ammaraggio e il velivolo che rapidamente si è inabissato nelle acque del fiume. Gravissimo incidente nel pomeriggio a Roma. Un piccolo aereo biposto, con a bordo istruttore e allievo, è finito nel Tevere scomparendo nelle sue acque nel quadrante nord della Capitale. L’istruttore, un trentenne, è stato tratto in salvo. Mentre l’allievo, un ragazzo di 22 anni, è ancora disperso. Sono in corso da ore le ricerche di vigili del fuoco, polizia, polizia fluviale e carabinieri per individuare il punto in cui si è inabissato il velivolo della scuola volo e raggiungere il disperso. Un elicottero sorvola la zona. Le ricerche si sono concentrate nell’area nei pressi di via di Vitorchiano. Tra le ipotesi quella di un guasto.
L’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo (Ansv) ha aperto un’inchiesta.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Frane per fare opere, 27 indagati
Inchiesta coinvolge amministratori pubblici e imprenditori marmo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
LUCCA
25 maggio 2020
20:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La procura di Lucca ha aperto un’inchiesta sull’affidamento a procedura diretta di lavori pubblici per somma urgenza a Vagli di Sotto, in Garfagnana, e tra gli indagati ci sarebbero il sindaco Giovanni Lodovici e il vicesindaco Mario Puglia. Perquisizioni e acquisizioni di atti sono stati fatti sia in enti pubblici sia presso aziende del marmo. Indagate 27 persone tra cui amministratori pubblici e imprenditori. I reati, a vario titolo ipotizzati, sono truffa, falso ideologico, abuso d’ufficio, corruzione, turbativa d’asta, riciclaggio, associazione a delinquere. Secondo le accuse lavori pubblici sarebbero stati avviati esagerando la gravità di alcune emergenze naturali. Ma sono state scoperte delibere per procedure dirette di affidamento lavori in somma urgenza “per frane inesistenti ma dichiarate dal sindaco” o per “frane realizzate ad arte proprio dall’amministrazione comunale con mezzi di scavo” solo per “elargire somme alle solite ditte”.
Indagate anche concessioni per l’estrazione di marmo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Roma,chi getta mascherine,500 euro multa
Sanzioni anche per guanti. Raggi, duri contro condotta incivile
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
25 maggio 2020
20:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Multe fino a 500 euro per chi abbandona guanti e mascherine usate per strada. È quanto prevede un’ ordinanza firmata dalla Sindaca di Roma Virginia Raggi contro l’abbandono dei dispositivi di protezione individuale monouso.
Questi rifiuti, così come previsto dalle norme, devono essere conferiti nei contenitori della raccolta indifferenziata. “In questi mesi di emergenza sanitaria legata al coronavirus – dice Raggi – i nostri operatori ecologici hanno segnalato più volte di dover raccogliere guanti e mascherine usati, buttati per terra da persone incivili. Un comportamento vergognoso che, grazie a questo provvedimento, sarà duramente sanzionato”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 32.877 morti, 34 in Lombardia
Contagiati salgono di 300, il 50% sempre in Lombardia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
25 maggio 2020
18:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 92 le vittime del coronavirus nelle ultime 24 ore in Italia. I morti salgono così a 32.877.
Ieri l’aumento era stato di 50 vittime, con la Lombardia che non aveva segnalato deceduti. Oggi la regione ne comunica 34. Il dato è stato reso noto dalla Protezione Civile. I contagiati totali sono 230.158, 300 in più di ieri. In Lombardia sono quasi il 50%, 148 in più. I malati sono 55.300 (+1.294), 141.981 i guariti (+1.502). I pazienti in terapia intensiva sono 541, 12 in meno di ieri. Di questi, 196 sono in Lombardia, uno meno di ieri. I malati ricoverati con sintomi sono invece 8.185, con un calo di 428 rispetto a ieri, mentre quelli in isolamento domiciliare sono 46.574, con un calo di 854 rispetto a ieri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Arena di Verona chiede deroga per 3.000 spettatori
Sindaco e soprintendente consegnano la richiesta ai parlamentari
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VERONA
25 maggio 2020
17:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Spettacoli all’Arena di Verona per almeno 3.000 spettatori anziché i 1.000 del decreto sulla Fase 2, minore decurtazione del Fus legata alle produzioni, risorse ad hoc per la specificità dell’anfiteatro e della stagione lirica.
Il sindaco e presidente della Fondazione Arena, Federico Sboarina, insieme al sovrintendente Cecilia Gasdia, hanno consegnato queste richieste ai parlamentari veronesi, perché possano essere discusse alla Camera che nei prossimi giorni inizierà l’esame del decreto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sclerosi multipla, trapianto staminali
Per la prima volta al mondo trattati tutti i pazienti reclutati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
25 maggio 2020
12:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si è conclusa la sperimentazione di Fase I che prevede il trapianto di cellule staminali cerebrali umane in 15 pazienti affetti da Sclerosi multipla secondaria progressiva. Per la prima volta al mondo sono stati trattati tutti i 15 pazienti reclutati per il trattamento sperimentale della malattia. Lo annunciano la Pontificia Accademia per la Vita con Associazione Revert Onlus e Fondazione Casa Sollievo della Sofferenza. Nessun paziente ha manifestato effetti collaterali. Si stanno ora valutando eventuali effetti terapeutici. La sperimentazione, coordinata e finanziata dalla Fondazione e dall’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza e da Revert Onlus con il patrocinio della Fondazione Cellule Staminali di Terni, è stata realizzata anche grazie alla collaborazione con l’Azienda Ospedaliera di Terni, l’Università di Milano Bicocca e l’Ospedale Cantonale di Lugano. Nonostante l’emergenza Covid, l’ultimo paziente è stato trattato il 20 maggio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola, il concorso dopo l’estate
Non più crocette ma prova scritta. Azzolina: stabilità e merito
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
25 maggio 2020
01:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Accordo chiuso nella maggioranza sul decreto Scuola: il concorso per i precari ci sarà, ma dopo l’estate e non sarà più a crocette ma con una prova scritta.
“Bene la soluzione sul concorso straordinario per la scuola”, commenta la ministra Lucia Azzolina definendosi “soddisfatta.
Vogliamo ridurre il precariato, per dare più stabilità alla scuola, e vogliamo farlo attraverso una modalità di assunzione che garantisca il merito. Abbiamo 78mila insegnanti da assumere nel primo e secondo ciclo fra concorsi ordinari e concorso straordinario. Sono numeri importanti e dobbiamo fare presto”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Moda: Gucci, basta cruise, faremo 2 appuntamenti l’anno
Michele, ‘nuova storia a capitoli irregolari’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
24 maggio 2020
18:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ci incontreremo solo due volte l’anno per condividere i capitoli di una nuova storia. Si tratterà di capitoli irregolari, impertinenti e profondamente liberi. Saranno scritti mescolando le regole e i generi. Si nutriranno di nuovi spazi, codici linguistici e piattaforme comunicative”. Così il direttore creativo di Gucci, Alessandro Michele, ha annunciato su Instagram la scelta di presentare le sue collezioni due sole volte l’anno.
“Mi piacerebbe – si legge negli ‘appunti dal silenzio’ scritti in questi mesi di lockdown, – abbandonare l’armamentario di sigle che hanno colonizzato il nostro mondo: cruise, pre-fall, spring-summer, fall-winter. Mi sembrano parole stantie e denutrite. Sigle di un discorso impersonale, di cui abbiamo smarrito il senso”. Al loro posto, ci “saranno nomi legati, di volta in volt alla musica classica: sinfonie, rapsodie, madrigali, notturni, overture, concerti e minuetti a costellare il mio percorso creativo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Zaia,”La Mostra del Cinema di Venezia si farà”
Il governatore, mancheranno alcune produzioni bloccate
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
24 maggio 2020
15:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La Mostra del cinema di Venezia si farà a settembre come previsto”. Lo conferma Luca Zaia, Governatore del Veneto, che è nel Cda. “Gli esperti dicono che settembre è la finestra per le elezioni quindi si può fare la Mostra. Ho parlato con il Presidente Roberto Cicutto e sul problema Biennale Architettura è stato detto che la maggior parte degli espositori non se la sentiva di fare gli allestimenti dei padiglioni, sulla Mostra del cinema probabilmente non ci saranno tutte le produzioni che siamo abituati a vedere perché si sono fermate le lavorazioni ed anteprime dei film”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fase 2: Zaia, giro di boa giovedì
Video Regione Veneto per rispetto regole contro eccessi movida
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
24 maggio 2020
13:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“I dati dicono che andiamo verso una situazione di tranquillità, ma il ‘giro di boa’ lo vedremo giovedì, per capire se la mancanza del rispetto delle regole con la ‘movida’ ha portato danni”. Lo ha detto Luca Zaia nella quotidiana conferenza stampa sulla situazione Covid-19 in Veneto. Il governatore ha sottolineato l’importanza del calo dei positivi “specie dopo l’aumento delle aperture e quindi di una crescita della socializzazione in questa prima settimana”. Nel corso dell’incontro Zaia ha anche presentato il video realizzato dalla Regione Veneto, che da oggi verrà diffuso sui social, per sensibilizzare i cittadini al rispetto delle regole nei momenti di svago e negli aperitivi in piazza: “il Covid-19 si combatte in ospedale, ma soprattutto fuori” è lo slogan che conclude il filmato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tv, Le serie che torneranno, da Ncis a Grey’s anatomy
Nuove stagioni anche per 9-1-1, Westworld, Stranger Things
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
24 maggio 2020
13:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per le serie, con le incognite sui tempi di ripresa delle lavorazioni legati all’emergenza coronavirus, i network puntano soprattutto sull”usato’ sicuro.
La Cbs, ad esempio, ha appena annunciato il rinnovo di produzioni molto amate anche in Italia, fra tv generaliste (molte hanno casa su Rai2) e a pagamento. Tra le altre torneranno Blue Bloods, Bull, Fbi e lo spin-off Fbi Most Wanted, The Good Fight, Swat e tutto l’attuale pacchetto NCIS dalla serie madre con Mark Harmon, a NCIS: Los Angeles e “NCIS: New Orleans.
Nuove stagioni anche per i reboot di MacGyver, e Magnum P.I, insieme a Swat, All rise, Evil e Seal Team. Fra le comedy, continuano Young Sheldon e Mom Anna Faris e Allison Janney. La Nbc aveva già annunciato il ritorno di tutto il franchise ‘Chicago’ (Fire, Med e Pd); di Law & Order: SVU (rinnovata per tre stagioni) più l’attesissimo nuovo spin-off con Chris Meloni.
Torneranno anche New Amsterdam, This Is Us, le mamme criminali di Good Girls e The Blacklist con James Spader. L’ ABC ha già detto sì al ritorno del cult Grey’s Anatomy, del suo spin-off Station 19 e di The Good Doctor. Fox farà tornare, fra gli altri, 9-1-1 e lo spin-off 9-1-1: Lone Star e I Simpsons. Hbo andrà avanti con la quarta stagione di Westworld e porterà avanti fra le altre, la provocatoria Euphoria, His Dark materials, Succession, Watchmen e Insecure. Cw ha dato luce verde alle nuove stagioni di titoli come Riverdale, Supergirl, The Flash, il reboot di Streghe, Roswell New Mexico, Batwoman e Nancy Drew.
In casa Netflix, fra i tanti rinnovi annunciati, quelli per i nuovi cult Stranger Things e The Crown, insieme a serie come Fauda, Glow, Locke & Key, Le terrificanti avventure di Sabrina, Sex Education. Torneranno, fra le altre, anche la tragicomica After life con Ricky Gervais, la brillante Russian Doll, e per le loro stagioni finali Grace & Frankie e Atypical. Apple tv continua a puntare fra gli altri, su The Morning Show con Jennifer Aniston, For All Mankind e Dickinson. Su Amazon Prime, torneranno la pluripremiata La Fantastica Signora Maisel e fra le altre, Bosch, Upload Britannia, Hanna, Modern Love, The Boys, e il nuovo Jack Ryan interpretato da John Krasinski.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Spara e uccide ex moglie poi si suicida
Tragedia in periferia Roma, forse lite per questioni separazione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
23 maggio 2020
20:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Avrebbe ucciso la ex moglie e ferito, con un colpo di pistola, il figlio che tentava di difenderla poi ha premuto nuovamente il grilletto verso di sé. Tragedia stamattina in un appartamento alla periferia di Roma. Nicola Russo ex guardia giurata di 67 anni e la sua ex moglie di 63 anni Gerarda Di Gregorio sono morti poco dopo in ospedale, dove erano stati trasportati in condizioni critiche. Grave anche il figlio 44enne, ferito con un colpo di pistola. A dare l’allarme alcuni vicini e la nuora che hanno sentito gli spari provenire dall’abitazione di via Francesco Maria Torrigio, a Primavalle.
All’arrivo della polizia la situazione è apparsa in tutta la sua drammaticità: in casa c’era molto sangue, padre, madre e figlio erano feriti all’interno dell’appartamento. Così sono scattati i soccorsi e il trasferimento d’urgenza in ospedale. Fin da subito gli investigatori hanno ipotizzato che a sparare sia stato l’uomo. E’ stato così piantonato in ospedale dagli agenti, poi sia lui che la ex moglie sono deceduti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lombardia, meno di 200 in intensiva
Sono 441 i nuovi contagiati, 56 i decessi in un giorno
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 maggio 2020
17:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono meno di duecento i malati di Covid ricoverati in terapia intensiva in Lombardia, precisamente 199, otto meno di ieri. Una soglia che l’assessore al Welfare Giulio Gallera considera “simbolica”. Un dato così basso non si aveva dal 4 marzo. Sono 86.825 in tutto le persone contagiate (+441) con 17.191 tamponi effettuati in un giorno. In calo anche il numero dei ricoverati negli altri reparti, 4.026, due meno di ieri. Il numero dei decessi ha raggiunto i 15.840, di cui 56 in un giorno.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ponte Genova: 27 luglio concerto diretto da Pappano
Con Orchestra S. Cecilia. In diretta in prima serata su Rai3
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 maggio 2020
16:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le note immortali della Quinta di Beethoven per celebrare il nuovo ponte di Genova: il concerto straordinario dell’ Orchestra dell’ Accademia Nazionale di Santa Cecilia diretta da Antonio Pappano in programma il 27 luglio è l’ omaggio alla Liguria e all’ Italia deciso da Webuild (Salini Impregilo ) e Fincantieri, le due società che stanno completando l’ opera a tempo di record. L’ evento, trasmesso in diretta in prima serata su Rai 3, proporrà la celebre sinfonia del genio di Bonn, di cui le quest’ anno ricorrono i 250 anni dalla nascita.
Il concerto, programmato inizialmente per il 24 maggio, era stato rinviato a causa dell’ emergenza Coronavirus e soltanto nelle prossime settimane, date le restrizioni sanitarie in materia di spettacoli, si saprà se sarà aperto al pubblico.
”Nato da una tragedia non solo territoriale ma collettiva – è detto in una nota – il Ponte è diventato simbolo di riscatto di una Italia, che mette in campo le migliori aziende e i migliori tecnici ed ingegneri e ricostruisce il ponte vincendo la sfida contro il tempo, contro le avverse condizioni meteorologiche, contro le difficoltà tecniche e contro una pandemia mai conosciuta a livello globale”. Si tratta di un successo – è stato sottolineato – ”ottenuto grazie alla volontà di raggiungere un obiettivo comune con le istituzioni nazionali e territoriali, e a un grande lavoro di squadra, che ha permesso di far lavorare in sicurezza per un anno mille persone e contemporaneamente restituire al territorio una infrastruttura fondamentale in tempi mai visti prima”.
La Quinta di Beethoven, con l’ incipit più noto della storia della musica, sarà preceduta dall’ omaggio che le società costruttrici insieme con il Maestro Pappano e all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia vogliono rendere alle 43 vittime del Ponte Morandi, con l’Adagio dal Quartetto per archi op. 11 del compositore statunitense Samuel Barber, noto al grande pubblico anche per il suo utilizzo nel film Platoon di Oliver Stone. Il brano, scritto nel 1936, fu eseguito per la prima volta a New York nel 1938 dall’Orchestra sinfonica della NBC diretta da Arturo Toscanini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pd-Iv-Leu, emendamento su zone rosse
Va ripristinata prima formulazione decreto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 maggio 2020
10:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un emendamento per le zone rosse escluse dal dl rilancio è annunciato dai deputati Federico Conte (Leu), del Basso de Caro (Pd), De Filippo (Iv) e Stumpo (Leu).
“La proposta è pronta. – dicono i parlamentari – I Comuni che sono stati zona rossa hanno tutti pari dignità. Non possono essere fatte discriminazioni. Va ripristinata la prima formulazione del Decreto che all’articolo 112 riconosceva a tutti i comuni italiani dichiarati zona rossa per 30 giorni di accedere al riparto dello stanziamento di fondi per 200 mln”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Milano movida preoccupa, Sala vede il prefetto
Fontana ai sindaci, siate severi, ma con i clienti non i gestori
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
25 maggio 2020
08:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel giorno in cui, per la prima volta dall’inizio dell’epidemia a febbraio, non sono stati ‘segnalati’ morti per Coronavirus in Lombardia – ma l’ipotesi è che non siano stati trasmessi i dati dalla rete ospedaliera e dalle anagrafi dei Comuni – la Regione minaccia una stretta ‘antimovida’. A farlo non è solo il governatore Attilio Fontana, ma anche i sindaci preoccupati per la gente che si ritrova insieme a bere o a passeggiare, che ha affollato le rive del lago di Como e le località di montagna, tanto che il sindaco di Brescia Emilio Del Bono ha messo il coprifuoco per il fine settimana ai locali della centrale piazza Arnaldo e i giovani dell’Associazione Industriali Bresciani hanno comperato una pagina di giornale per chiedere a tutti “per favore” di rispettare le distanze e mettere le mascherine.
La paura è che si alzino i contagi nella regione che già ha il primato dei positivi in Italia (in totale 87.110, 285 più di ieri) e si debba richiudere tutto. Il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha detto di aver parlato con “i Sindaci delle grandi città”. “C’è frustrazione in noi perché tutti concordiamo che con le Forze dell’Ordine disponibili non si riesce a gestire gli assembramenti e che il richiamo al buonsenso funziona fino a un certo punto” ha spiegato annunciando che farà “il punto” con il prefetto Renato Saccone “per verificare la situazione, a valle del weekend”.
“Le situazioni serali e notturne dove si riscontrano assembramenti parola bruttissima, ma così ci si intende, sono molte – ha aggiunto -. Non è questione di giusto o sbagliato, o di giovani o meno giovani, posto che in giro non ci sono solo giovani e, d’altro canto, se dovessi giudicare dai messaggi che ricevo, sono tanti i ragazzi che ‘denunciano’ l’irresponsabilità di altri ragazzi”. “La voglia di divertimento è tanta, ma rispettiamo le regole e pensiamo ai sacrifici a cui ancora sono costretti coloro che non possono andare a trovare i propri figli nipoti o parenti perché vivono in altre regioni” è stato l’invito di Fontana che ha chiesto il pugno duro ai Comuni non contro i gestori però, ma contro gli indisciplinati.
“Se non ci riuscite ben vengano le misure restrittive dei sindaci ai quali ancora una volta chiedo rigore e fermezza – ha avvisato -, per punire non i gestori dei locali, già penalizzati dal lockdown, ma i clienti che dimostrano poco rispetto anche nei loro confronti”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La crisi da Covid-19 dell’editoria, i numeri
70% degli editori ha attuato o programmato cassa integrazione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
25 maggio 2020
10:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ecco una mappa della crisi da Coronavirus dell’editoria italiana attraverso i numeri. I dati fanno riferimento alle ultime rilevazioni dell’Osservatorio dell’Associazione Italiana Editori sull’impatto del Covid-19.
Nel 2020 saranno 21 mila i titoli pubblicati in meno, anche se si concretizzerà il recupero, 12.500 le novità in uscita bloccate, 44,5 milioni le copie che non saranno stampate e 2.900 i titoli in meno da tradurre.
Ad aprile erano il 70% gli editori che stavano attuando o programmando la cassa integrazione.
Per il periodo maggio-agosto è del 42% la percentuale di chi ha deciso di temporeggiare con le uscite, rimandandole ulteriormente. Si punta in modo particolare sull’ultima parte dell’anno con solo l’8% degli editori che immagina di rinviare i titoli di settembre-dicembre, sperando in un recupero natalizio.
Ebook e audiolibri tengono: nel primo semestre dell’anno solo l’1% degli editori ha dichiarato di aver riprogrammato al ribasso le uscite dei libri in digitale. Il 10% quelle degli audiolibri.
I piccoli e medi editori rischiano di essere decimati: quasi un editore su dieci (9%) sta valutando la chiusura già nel 2020. Un altro 21% la considera probabile. Si arriverebbe così al 30%.
A fine 2020 si stima che la riduzione dei titoli dei piccoli e medi editori sarà del 32%. Questo vuol dire 21.000 opere in meno, il 54% di tutte quelle che andranno perdute nel 2020.
Pesante il calo di fatturato: il 72% dei piccoli e medi editori stima una perdita a marzo superiore al 30%, il 56% superiore al 50%, il 29% superiore al 70%.
Le librerie con il lockdown hanno avuto in dieci settimane 140 milioni di minor fatturato, pari a circa 45 milioni di euro di mancati utili lordi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mafia, colpo a clan Brunetto: 46 arresti
Legato a Cosa nostra di Catania, gestiva droga ed estorsioni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
26 maggio 2020
06:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Operazione antimafia dei Carabinieri del Comando provinciale di Catania che hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare e di sequestro preventivo nei confronti di 46 persone disarticolando il clan Brunetto, legato a Cosa nostra rappresentata dalla famiglia Santapaola-Ercolano, egemone in gran parte dell’area Ionica dell’area Etnea.
Il provvedimento restrittivo, emesso dal gip su richiesta della Procura distrettuale di Catania, ipotizza a vario titolo i reati di associazione mafiosa, traffico e a spaccio di sostanze stupefacenti ed estorsione aggravata dal metodo mafioso.
L’operazione, denominata ‘Jungo’, con 46 arresti due dei quali ai domiciliari, è stata eseguita nelle province di Catania, Messina, Trapani e Rimini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Maxi operazione Cc, 35 arresti
Anche 2 misure cautelari. Tra Napoli e Torre Annunziata
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
26 maggio 2020
08:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vasta operazione dei Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli contro la criminalità organizzata e il traffico di stupefacenti. Sono 37 le misure in corso di esecuzione (35 arresti e due obblighi di dimora).
Dall’alba i militari del comando provinciale di Napoli stanno eseguendo due provvedimenti emessi dai gip dei Tribunali di Napoli e Torre Annunziata.
Il primo, eseguito a Marano sotto il coordinamento della DDA di Napoli, ha portato all’arresto di 16 persone contigue al Clan “Polverino”, gravemente indiziate dei delitti di associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti e all’intestazione fittizia di beni, aggravati dal metodo mafioso.
A Torre Annunziata, invece, sotto il coordinamento della Procura oplontina, sono 19 le persone arrestate e 2 colpite dalla misura dell’obbligo di dimora per i reati di detenzione di stupefacenti a fini di spaccio, sostituzione di persona, estorsione, porto abusivo di armi e falsità ideologica commessa dal privato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cimitero in mano cosca, preso dirigente
Operazione polizia a Reggio Calabria contro Rosmini-Zindato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
26 maggio 2020
08:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I lavori nel cimitero del quartiere Modena di Reggio Calabria erano gestiti in condizioni di monopolio dalla cosca Rosimini. E’ emerso dall’inchiesta della Dda reggina, condotta dalla squadra mobile, che ha portato a 10 arresti, tra i quali il dirigente responsabile pro tempore dei servizi cimiteriali del Comune Carmelo Manglaviti ritenuto responsabile di aver favorito i Rosmini nell’imposizione del monopolio assurgendo a uomo chiave nello scacchiere del sodalizio. L’uomo, ai domiciliari, è accusato di aver permesso al referente imprenditoriale della cosca Francesco Giordano e a Salvatore Claudio Crisalli detto Peppe e Massimo Costante, di operare indisturbati – senza essere titolari di ditta – nella realizzazione di ogni lavoro, consegnando sostanzialmente ai Rosmini l’intero plesso, mettendo a loro disposizione i suoi sottoposti e la sede degli uffici comunali nel cimitero che di fatto era diventata la base amministrativa dei Rosmini dove ricevevano clienti, stipulavano accordi, formalizzavano vendite.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Armi e droga, arresti a San Severo
Nello stesso quartiere ‘Texas’ della festa con assembramenti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SAN SEVERO (FOGGIA)
26 maggio 2020
09:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Carabinieri e Polizia hanno compiuto perquisizioni alla ricerca di armi e droga e arresti nel rione Luisa Fantasia di San Severo, conosciuto come ‘Texas’, dove la scorsa settimana si sono svolti i festeggiamenti non autorizzati in onore della Madonna del Soccorso, con fuochi d’artificio e pericolosi assembramenti. Contestualmente i Carabinieri del Nucleo Investigativo hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare nei confronti di quattro foggiani, alcuni dei quali già pregiudicati, accusati a vario titolo di usura e di aver tentato di estorcere denaro a un commerciante della provincia. Durante le perquisizioni, alle quali hanno partecipato oltre 100 carabinieri, i militari hanno eseguito arresti in flagranza di reato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cocaina in acquascooter, sgominata banda
7 gli arresti, 120 kg cocaina nascosta nelle moto d’acqua
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
26 maggio 2020
09:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sette persone al vertice di un’organizzazione di narcotrafficanti, dedita all’importazione di partite di cocaina dal Perù tramite il Cile, sono state arrestate da militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma che ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia capitolina. Le indagini sono state avviate nel marzo 2018 dopo l’arresto di 5 connazionali al confine tra i due Paesi sudamericani, trovati in possesso di 120 chili di cocaina – con una percentuale di purezza di oltre l’80% – occultati nelle paratie di 2 acquascooter, appositamente scavate nella vetroresina.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Laboratorio clandestino di mascherine
Polizia scopre a Torino 16 lavoratori in nero
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
26 maggio 2020
09:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Riconverte la sua produzione di maglieria per realizzare mascherine e camici monouso per l’emergenza Coronavirus, ma i 16 operai che impiega sono in nero. Un cittadino di origini cinesi di 45 anni è stato denunciato dalla polizia, a Torino, per diversi reati collegati alle normative sul lavoro e sulla sicurezza.
Il laboratorio, che si trovava in corso Vercelli, era di 1000 metri quadrati. Durante il controllo, al quale erano presenti il titolare e il figlio 18enne, gli agenti hanno scoperto che la ditta ha tre dipendenti regolarmente assunti, che però non erano presenti, mentre diverse delle persone pagate in modo irregolare arrivavano da Milano e due di loro erano privi del permesso di soggiorno.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Caporalato nell’edilizia, 11 arresti
Inchiesta pm Prato, c’è anche accusa di associazione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PRATO
26 maggio 2020
09:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La squadra mobile di Firenze, in collaborazione con quelle di Prato e Pistoia, sta eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del tribunale di Prato, su richiesta della procura pratese, a carico di 11 persone, italiane e straniere, nell’ambito di un’inchiesta sul caporalato nel settore edile. Gli indagati sono indiziati, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere, intermediazione illecita, sfruttamento del lavoro, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, impiego di lavoratori non in regola con le norme in materia di immigrazione e falsità ideologica in certificati commessa da persone esercenti un servizio di pubblica necessità.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ivrea riapre scuole, lezioni all’aperto
Iniziato progetto sperimentale Comune per bimbi 3-6 anni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
IVREA
26 maggio 2020
09:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Alle 8 di questa mattina, il piccolo Claudio è stato il primo allievo dell’asilo Sant’Antonio di Ivrea a tornare a scuola. Con il bimbo è partito questa mattina il progetto ‘Outdoor Education’ promosso dal Comune di Ivrea per venti bambini tra i 3 e i 6 anni che, fino alla fine di questa settimana, tornano tra i banchi di scuola.
Le lezioni si tengono all’aperto e gli accessi sono contingentati nel rispetto delle norme di distanziamento. Oltre all’asilo Sant’Antonio, il progetto riguarda anche la scuola dell’infanzia Don Milani, dove sempre questa mattina hanno iniziato le lezioni all’aperto altri 10 bambini. All’ingresso gli educatori hanno sottoposto i piccoli al controllo della temperatura e alla sanificazione delle mani. Poi sono iniziate le lezioni gioco nei giardini dei due plessi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scoperta fabbrica mascherine clandestina
Nel Napoletano. Sottratti a vendita 160mila dpi non a norma
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
26 maggio 2020
09:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una fabbrica clandestina di mascherine è stata sequestrata dalla Guardia di Finanza a Nola, nel Napoletano. L’operazione ha consentito escludere dal mercato oltre 106.000 dispositivi di protezione individuale non a norma e con loghi contraffatti. I finanzieri di Nola e Ottaviano hanno scoperto che la fabbrica “del falso” era stata allestita in un supermercato dismesso, ampio oltre 300 mq.
Il titolare della ditta (un 45enne di San Giuseppe Vesuviano, che è stato denunciato per contraffazione, ricettazione e frode in commercio) usava strumentazioni e macchinari hi-tech per la produzione di mascherine e articoli per bambini raffiguranti famosi personaggi di serie televisive, cartoni animati e stemmi di squadre di calcio di serie A. I dispositivi erano privi dei requisiti di sicurezza sanitaria e delle informazioni previste dal Codice del Consumo.
In una ditta di abbigliamento all’ingrosso, inoltre, i finanzieri hanno scoperto e sequestrato 6.600 mascherine non a norma, di cui 130 per bambini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Zaky:maxi disegno in piazza a Bologna
Realizzazione di concessionaria pubblicità, patrocinio Comune
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
26 maggio 2020
10:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da questa mattina un grande cartellone che chiede libertà per Patrick Zaky, studente dell’università di Bologna detenuto in Egitto, si trova sulla facciata di Palazzo dei Notai in piazza Maggiore a Bologna, a fianco della basilica di San Petronio, nello spazio pubblicitario che protegge i lavori in corso e che in questo periodo è disponibile. Il disegno che ritrae il giovane egiziano è opera dell’artista Gianluca Costantini e la realizzazione è stata curata a spese dell’azienda Tmc Pubblicità di Milano, concessionaria dello spazio, con il patrocinio non oneroso del Comune di Bologna.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Armi II guerra mondiale in sottotetto
A Montesacro, durante lavori demolizione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
26 maggio 2020
10:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I Carabinieri di Roma hanno sequestrato armi e munizionamento da guerra, probabilmente risalenti al secondo conflitto mondiale, rinvenuti nel sottotetto di un palazzo in via Cimone, quartiere Montesacro. I Carabinieri sono intervenuti su richiesta della ditta di ristrutturazione che stava eseguendo dei lavori al 4° piano dello stabile perché, dopo la demolizione di un muro, gli operai hanno trovato un’intercapedine, murata da molti decenni, dove era nascosto l’intero arsenale, ormai in pessimo stato di conservazione. Sul posto sono giunti anche i Carabinieri Artificieri del Comando Provinciale di Roma e i Vigili del Fuoco che hanno messo in sicurezza l’area.
I Carabinieri hanno quindi recuperato e sequestrato una bomba a mano, due fucili moschetto privi di matricola e di otturatore, cinque mitragliatori privi di matricola e di otturatore, 70 proiettili di diverso calibro, due caricatori vuoti e due calcioli di fucili mitragliatori.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fase 2: da oggi nuova modalità di accesso in scalo Fiumicino
Termoscanner all’ingresso. Entrano passeggeri e aeroportuali
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIUMICINO (ROMA)
26 maggio 2020
18:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cambiano da oggi le modalità di accesso all’aeroporto di Roma Fiumicino in base alle nuove disposizioni previste dal Dpcm del 17 maggio 2020 per il contenimento del contagio da Covid-19, al protocollo di sicurezza sanitaria dell’Ue e alle linee guida dell’Enac. Al terminal 3, l’unico al momento operativo – spiega Adr -, possono da oggi entrare solo i passeggeri muniti di regolare titolo di viaggio e gli operatori aeroportuali. Vietato invece l’accesso agli accompagnatori. L’unica eccezione viene fatta per i passeggeri minorenni e per i viaggiatori a mobilità ridotta.
​ Novità anche per quanto riguarda i controlli della temperatura corporea con l’impiego di termoscanner (già operativi peraltro dal 4 febbraio, ndr.) che vengono ora effettuati da personale del volontariato all’ingresso dell’aeroporto e non più ai gate d’imbarco. La nuova modalità prevede pertanto che il controllo venga eseguito all’ingresso 5, piano partenze del terminal 3, e al mezzanino, sempre del terminal 3, per chi arriva dai parcheggi multipiano e dalla stazione ferroviaria. Agli arrivi del terminal 3, invece, i controlli vengono effettuati alla porta 4. L’uscita dal terminal è consentita dalla porta 3, a livello partenze, e dalla porta 2, a livello arrivi. Presente ad ogni ingresso un presidio di Adr Security.
​ ​ Resta poi sempre obbligatorio indossare la mascherina di protezione all’interno dello scalo e mantenere la distanza interpersonale di almeno un metro. Una misura, questa, che si aggiunge a tutte le altre iniziative adottate da Aeroporti di Roma per rendere l’aeroporto sicuro. A cominciare dall’attività di sanificazione dell’intero perimetro aeroportuale, sia nelle zone interne (banchi check-in, metal detector, contenitori porta oggetti, sedute d’attesa, corrimano delle scale mobili, toilette, carrelli per il trasporto delle valigie, bagagli) sia, secondo necessità, in quelle esterne (strade, aree di parcheggio a tempo, stalli per i taxi). Attività, questa, che, a seguito di verifiche a campione con tamponi fatti in varie aree dello scalo, ha fin qui permesso di escludere la presenza di eventuali virus.
Sanificazioni vengono inoltre effettuate anche a bordo degli aerei sui quali, per evitare assembramenti, si sale peraltro attraverso il finger (il corridoio che porta direttamente all’aereo, ndr). Anche all’interno della cabina passeggeri va poi rispettato l’obbligo di indossare la mascherina di protezione. La distanza interpersonale tra un posto e l’altro è data al momento del check-in con la consegna della carta d’imbarco. Fanno eccezione i nuclei familiari che possono stare seduti vicini.
​ Sono stati poi rimodulati gli spazi all’interno dell’aeroporto proprio per garantire il distanziamento sociale che viene indicato da una nuova segnaletica. Sono state anche incrementate le informazioni sui monitor di servizio, aggiunti totem informativi e installati oltre 200 dispenser di gel igienizzante.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La costante collaborazione in atto tra Adr, Protezione Civile, Ministero della Salute, Enac e Polizia di Stato – sottolinea la società di gestione — ha finora garantito la corretta esecuzione delle procedure di prevenzione indicate dai competenti soggetti istituzionali, a vantaggio della sicurezza e senza generare disagi per i passeggeri”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Kompatscher, test gratis a tutti turisti
Covid-free area negli alberghi per chi ha fatto il tampone
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
26 maggio 2020
11:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Noi vorremmo offrire a tutti i turisti che vengono qui gratuitamente il test. Il test sierologico o anche il Pcr. Soprattutto prevediamo per gli alberghi una Covid-free area, dove si entri solo se si è testati. Non sarà obbligatorio ma sarà una nostra offerta.” Così Arno Kompatscher, presidente della Provincia autonoma di Bolzano, a Rai Radio1 all’interno del programma “Centocittà”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pastore aggredisce allevatore
Lite per area di pascolo contesa nel Reggiano, 44enne denunciato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
REGGIO EMILIA
26 maggio 2020
11:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una lite tra pastori per un terreno conteso per il pascolo è sfociata in minacce e in un’aggressione. È successo nella Bassa Reggiana dove un 44enne allevatore siciliano residente a Brescello è stato denunciato dai carabinieri per minacce e lesioni personali ai danni di un 27enne, ‘collega’ reggiano. Quest’ultimo – proprietario di 400 ovini – aveva accusato il concorrente nel marzo scorso di aver sconfinato col suo gregge di 2000 capi di bestiame nell’area golenale del Po, a Fogarino di Guastalla, occupata solitamente da lui. Dopo alcune recriminazioni, il pastore siciliano aveva fatto capire che sarebbe tornato nella zona di sua competenza, a Dosolo, nel mantovano, appena al di là del confine segnato dal fiume. Ma qualche giorno dopo ha cominciato a minacciare di morte il reggiano con audio e messaggi sul telefono.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Disperso su monti Friuli, ricerche
Escursionista partito domenica. Caso segnalato a Chi l’ha visto?
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AVIANO
26 maggio 2020
11:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono ripartite all’alba le ricerche di un quarantenne di Gubbio (Perugia), domiciliato a Pordenone, la cui auto è stata ritrovata alle Roncjade in Piancavallo dai Carabinieri di Aviano: si presume che l’escursionista sia partito domenica mattina. Le ricerche sui monti del Friuli erano iniziate ieri dopo che i colleghi non avevano visto arrivare l’uomo al lavoro: erano intervenuti 20 tecnici del Soccorso alpino e due elicotteri di Protezione Civile Fvg e Vigili del fuoco. I vigili urbani del Comando di Udine avevano invece perlustrato con il drone le zone aperte e prative nei dintorni del punto di scomparsa. Da stamani sorvolano la zona anche droni di privati.
I Carabinieri hanno controllato con il fuoristrada le strade carrarecce di accesso ai sentieri. Il caso è stato segnalato anche alla trasmissione tv “Chi l’ha visto?”.
Questa mattina sono arrivati rinforzi di personale da tutte le stazioni del Cnsas del Fvg, assieme a unità cinofile e due cani molecolari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Passaggio Frecce Tricolori su Firenze
Tanta gente in strada per sorvolo in vista Festa Repubblica
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
26 maggio 2020
11:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Suggestivo passaggio delle Frecce Tricolori, la Pattuglia acrobatica nazionale, sopra la città di Firenze secondo il programma previsto in vista del 2 giugno, Festa della Repubblica. Sui ponti sull’Arno tanto gente per vedere le Frecce da una visuale più aperta rispetto alle strade strette del centro. Gente a testa in su anche nelle piazze.
Tutti indossavano la mascherina, mentre dai palazzi dei quartieri esterni al centro la gente si è affacciata alle finestre e dai terrazzi per osservare gli aerei. Altro punto di osservazione il piazzale Michelangiolo oltre alle colline intorno alla città. Dopo un primo transito, la formazione della Pan ha sorvolato con un largo tondo la città in senso antiorario, quindi tornando verso nord ha aggirato il Monte Morello e ripreso la rotta all’altezza di Prato per eseguire, con assetto a freccia, un secondo sorvolo su Firenze rilasciando, in questo transito, la celebre scia fumogena tricolore dalle code dei velivoli.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fedriga, Roma intervenga su confini
‘No a dumping sul turismo’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
26 maggio 2020
11:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Spero che il nostro Governo, oltre a prendere una posizione netta, se non troverà risposta, metta in atto contromisure per salvaguardare il nostro settore turistico e il nostro Paese”. Lo ha affermato il presidente del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, ai microfoni di “Centocittà” su Radio1, parlando di apertura asimmetrica dei confini e di corridoi turistici e riferendosi in particolare all’Austria. “E’ chiaro che stanno utilizzando l’emergenza sanitaria per fare un dumping sul turismo – ha osservato Fedriga – basta guardare i numeri: la Germania ha un numero di contagiati molto simile a quello italiano. Non capisco perché il confine austriaco sia aperto con la Germania e non con l’Italia. E’ chiaro che viene utilizzato in modo strumentale. Questo significa che viene distrutta qualsiasi regola europea. I paesi ‘rigoristi’, che vogliono rispettare alla virgola ogni singolo trattato, sono i primi che li stanno disattendendo con politiche assolutamente pericolose”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Spallanzani, 88 ricoverati
37 positivi a covid e 51 sottoposti a indagini
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
26 maggio 2020
12:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In questo momento sono ricoverati all’ospedale Spallanzani di Roma “88 pazienti, di cui 37 positivi al Covid e 51 sottoposti a indagini. Otto pazienti necessitano di supporto respiratorio. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o in altre strutture territoriali sono 456, a questa mattina”. È quanto si legge nel bollettino di oggi dell’Istituto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Principio incendio in ospedale, arresto
L’uomo avrebbe appiccato le fiamme nel reparto Diagnosi e Cura
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MODENA
26 maggio 2020
12:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un 53enne modenese che si trovava ricoverato nel reparto di Diagnosi e Cura dell’ospedale di Baggiovara, a Modena, è stato arrestato per aver provocato un principio d’incendio all’interno del reparto. Il fatto risale alla giornata di ieri. A identificarlo sono stati gli agenti della volante della polizia di Stato giunti subito sul posto. Le fiamme, appiccate con un accendino e un pezzo di carta, sono state domate grazie all’intervento immediato dei vigili del fuoco. Necessaria comunque l’evacuazione a scopo precauzionale dei pazienti dal reparto, poi rientrati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sfregia la moglie con coltello rovente
E’ successo nel Bolognese, la zia ha chiamato il 112
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
26 maggio 2020
12:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I Carabinieri hanno eseguito un decreto di fermo di delitto, emesso dal pm Michele Martorelli, per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali gravissime nei confronti di un 27enne che ha sfregiato la moglie, 25enne italiana, con la lama rovente di un coltello da cucina.
L’aggressione, a quanto pare per gelosia, è avvenuta tra domenica e lunedì a Molinella, nel Bolognese. A chiamare il 112 è stata la zia della giovane, trasportata d’urgenza in una struttura sanitaria, dove è stata medicata e ricoverata con prognosi di 60 giorni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Morta donna caduta ieri nel Tagliamento
Il compagno aveva provato a salvarla da annegamento
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SPILIMBERGO (PORDENONE)
26 maggio 2020
12:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ morta poche ore dopo il ricovero nella Terapia Intensiva di Udine la donna, di 53 anni, che ieri pomeriggio era scivolata nel fiume Tagliamento a Spilimbergo (Pordenone), dove abitava. Secondo una ricostruzione, la vittima dell’incidente è scivolata su alcune pietre ed è stata trascinata dalla corrente. Il compagno, che si trovava poco distante, è riuscita a raggiungerla ed a riportarla faticosamente a riva. Il cuore della donna, però, aveva già cessato di battere. L’equipe medica giunta subito sul posto le ha praticato il massaggio cardiaco, trasferendola d’urgenza in ospedale, dov’è spirata alcune ore dopo. Le indagini dei Carabinieri hanno escluso responsabilità di terzi. Sul posto anche i Vigili del fuoco del locale distaccamento.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uccise col Suv due cuginetti, condannato a 9 anni carcere
Le vittime travolte davanti l’uscio di casa. Il padre di uno dei bambini: ‘Pena poco severa’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
RAGUSA
26 maggio 2020
19:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Gup di Ragusa, Ivano Infarinato, ha condannato a nove anni di carcere Rosario Greco, l’uomo che l’11 luglio dell’anno scorso, alla guida del suo Suv, travolse e uccise i due cuginetti Alessio e Simone D’Alessio, mentre giocavano davanti all’uscio di casa. A Greco è stata pure confiscata l’auto. Il risarcimento per il comune di Vittoria che si era costituito parte civile invece avverrà in separata sede con un nuovo giudizio civile.
Greco al momento della sentenza non era in aula, dove erano presenti invece i genitori dei due bambini e gli zii. L’imputato era accusato di omicidio stradale plurimo aggravato dall’alterazione psicofisica dovuta all’utilizzo di sostanze alcoliche e stupefacenti e nell’udienza dello scorso 19 maggio il pm Fabio D’Anna aveva chiesto la sua condanna a 10 anni. L’uomo per aver scelto il rito abbreviato ha potuto contare su una riduzione della pena che in base alla sentenza del Gup del Tribunale di Ragusa Ivano Infarinato è partito da una condanna di 13 anni e sei mesi per poi arrivare alla sentenza finale di nove anni.
“Il giudice ha fatto un ulteriore sconto rispetto alla richiesta del pm. Non sono queste le pene che si applicano ad un criminale. Ci saremmo aspettati una condanna più severa”., ha commentato Tony D’Antonio, padre di Simone, uno dei due cuginetti morti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fase 2: riapre a Venezia Caffè Quadri
Alajmo ‘Sovrintendenza ci vieta ombrelloni per spazio esterno’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
26 maggio 2020
13:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sconti per i residenti che consumeranno all’esterno, posti ridotti nel bistrò interno di piano terra, mentre si dovrà aspettare il 18 giugno per il ristorante vero e proprio del primo piano: è una ripartenza lenta e graduale quella scelta dalla famiglia Alajmo per il Gran Caffè Quadri di Piazza San Marco. Riaprirà giovedì solo il Quadrino, il bistrò di piano terra, riducendo da 30 a 14-20 i posti disponibili. Altri posti saranno disponibili ai tavoli esterni del locale. Una ripresa sul filo della polemica. “Piazza San Marco è controllata dalla Soprintendenza – dice il ceo Raffaele Alajmo – che vieta ombrelloni di qualsiasi genere: se li avessimo potremmo far lavorare anche di giorno tutti i nostri dipendenti”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Kompatscher, stiamo valutando con alberg
“Offerti dalle strutture, su base volontaria”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
26 maggio 2020
13:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente della Provincia autonoma di Bolzano Arno Kompatscher, in merito alla notizia riguardante l’offerta di test agli ospiti delle strutture alberghiere dell’Alto Adige, precisa che “la Provincia sta valutando con gli albergatori del territorio la possibilità di ricomprendere i test Sars-Cov-2 all’interno dei pacchetti turistici offerti dalle strutture stesse, ovviamente su base volontaria”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Soldi per famiglie killer Siani
Rivelazioni da blitz contro famiglie camorristiche di Marano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
26 maggio 2020
14:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il clan Nuvoletta prima ed i clan Polverino e Orlando dopo, non hanno mai fatto mancare il sostegno economico alle famiglie dei killer del giornalista Giancarlo Siani, ucciso in un agguato il 23 settembre 1985. Un sostegno “trasversale”, si può dire, che non è venuto meno neppure nel periodo in cui i Polverino e gli Orlando si sono fatti la guerra. Emerge dall’operazione dei carabinieri e della DDA di Napoli “Polvere 3”, che oggi ha inflitto un ulteriore colpo ai mafiosi di Marano (Napoli). Si tratta dei familiari di Ciro Cappuccio e di Armando Del Core, entrambi condannati all’ergastolo per quell’efferato omicidio, che dopo il raid, raccontano i collaboratori di giustizia, tornarono nel loro covo per festeggiare insieme ai mandanti. I militari dell’Arma hanno notificato i provvedimenti cautelari ai componenti la “frangia” rimasta fedele al capoclan Giuseppe Polverino. Un gruppo mafioso che si è anche trovato in contrapposizione armata con il clan Orlando.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus, il coro dell’ospedale San Giovanni canta “Here comes the Sun” per beneficienza
Si è unito ad altri cori della scuola Musikè
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
26 maggio 2020
23:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il coro dell’ospedale San Giovanni canta “Here comes the Sun” per beneficienza. ‘San Giovanni in Canto” si è unito ad altri cori della Scuola Musikè realizzando questo video della celebre canzone dei Beatles per una raccolta fondi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Frecce tricolori sorvolano Perugia e Ass
In tanti ad applaudirle, quasi tutti con le mascherine
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
26 maggio 2020
16:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un applauso ha salutato il passaggio delle Frecce tricolori sul centro storico di Perugia.
Con il cielo segnato dal verde, bianco e rosso, la bandiera italiana ‘disegnata’ dagli aerei.
Ad assistere allo spettacolo un migliaio di persone tra corso Vannucci, piazza IV Novembre e in piazza Italia. Quasi tutte con il volto coperto dalle mascherine.
Presenti anche la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, che aveva guidato la Commissione Difesa del Senato, e il sindaco Andrea Romizi.
Le Frecce hanno sorvolato anche Assisi e le sue Basiliche.
‘Accolte’ da diversi turisti dalla comunità religiosa e dal sindaco Stefania Proietti. Anche qui gli aerei hanno disegnato la bandiera dell’Italia nel cielo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Testi,folla Frecce Tricolori stress test
Se contagi non aumenteranno vuol dire che virus circola meno
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
26 maggio 2020
16:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Torino ieri, con il formarsi di assembramenti spontanei in centro per assistere alle Frecce Tricolori ha fatto una sorta di stress test involontario, se fra 15 giorni non assisteremo ad un forte aumento dei contagi sarà un buon segnale, vorrà dire che il virus circola meno o qualcosa del genere. Sarebbe davvero di buon auspicio anche in previsione delle prossime future riaperture dell’autunno”. Lo ha detto Roberto Testi, presidente del Comitato Tecnico Scientifico dell’Unità di Crisi della Regione Piemonte. Sulla riapertura delle scuole, a settembre, Testi ha sostenuto che molto dipenderà “da come andranno le cose, dal diffondersi del contagio. Molte persone stanno facendo la coda in ospedali e laboratori privati per fare i test sierologici, che si stanno facendo anche in ampi settori della società, comprese le forze dell’ordine, ma anche risultassero, per assurdo, tutti negativi, non vorrebbe dire che si può riaprire tutto tranquillamente”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Regione avvia revoca Rsa Soleto
In struttura morti 23 anziani contagiati, ora restano 16 ospiti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FOGGIA
26 maggio 2020
17:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Regione Puglia ha avviato il procedimento per la revoca dell’autorizzazione al funzionamento della Rssa ‘La Fontanella’ di Soleto dove dal 21 maggio ad oggi sono morti 23 anziani contagiati da coronavirus. Lo rende noto la Direzione generale della Asl di Lecce.
L’avvio del procedimento da parte della Regione prelude alla chiusura della struttura (che ha 10 giorni di tempo per eventuali controdeduzioni) ritenuta responsabile di “gravi e reiterate inadempienze comportanti situazioni di pericolo per la salute dei cittadini”. E’ stato anche disposto il trasferimento in altre strutture dei 19 ospiti, tutti negativi al contagio, che ancora si trovano nella residenza. Sulla Rssa di Soleto è in corso una inchiesta della Procura di Lecce con tre persone iscritte sul registro degli indagati con le accuse di abbandono di persone incapaci e diffusione colposa di epidemia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Germania,cavalieri 2 superstiti S.Anna
Decisione di Steinmeier per onorificenza a Pieri e Mancini
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SANT’ANNA DI STAZZEMA (LUCCA)
26 maggio 2020
18:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente federale tedesco Frank-Walter Steinmeier ha conferito l’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Federale di Germania (Verdienstkreuz am Bande) “per le particolari benemerenze acquisite verso la Repubblica Federale di Germania” a due superstiti della strage di Sant’Anna di Stazzema, Enrico Pieri ed Enio Mancini. Lo ha comunicato direttamente agli interessati con una lettera l’ambasciatore tedesco a Roma, Viktor Elbling. Nell’eccidio nazista del 12 agosto 1944 a S.Anna furono trucidati 560 civili, fra cui donne, anziani e bambini. Enrico Pieri aveva 10 anni ed ebbe la famiglia sterminata. Enio Mancini aveva 6 anni e si salvò in una fase del rastrellamento.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I due killer di Giancarlo Siani sostenuti da 35 anni dalla camorra
Il giornalista del Mattino fu trucidato sotto casa il 23 settembre del 1985, aveva 26 anni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
26 maggio 2020
18:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Va avanti da quasi 35 anni il sostegno della camorra ai due killer ergastolani del giornalista de Il Mattino Giancarlo Siani, trucidato sotto casa, nel quartiere Vomero di Napoli, il 23 settembre 1985, da Ciro Cappuccio e di Armando Del Core. Emerge dall’indagine dei carabinieri che oggi, coordinati dalla Dda di Napoli, hanno assestato un altro duro colpo alla criminalità organizzata di Marano di Napoli, notificando 16 misure cautelari emesse dal gip nei confronti di altrettante persone ritenute legate al clan Polverino accusate di associazione per delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti e all’intestazione fittizia di beni, reati aggravati dal metodo mafioso.
L’apporto economico, le cosiddette “mesate”, a coloro che sono “caduti nell’adempimento del dovere criminale” o a chi sta pagando con il carcere la sua fedeltà alla camorra, non è una novità per chi conosce le dinamiche delle mafie. Ma certamente può ritenersi singolare che per questi due killer, e per le loro famiglie, il flusso di denaro sia rimasto ininterrotto, per tutto questo tempo, malgrado il controllo degli affari illeciti sia passato per le mani di addirittura tre clan in quella zona del Napoletano: prima i Nuvoletta, poi i Polverino e infine gli Orlando.
Per Paolo Siani, fratello di Giancarlo, quest’indagine dimostra che la lotta alle mafie “non può essere lasciata solo ai magistrati e alle forze dell’ordine. Non bastano le manette e gli arresti. C’è bisogno di un grande intervento sociale sul territorio. C’è bisogno di ridare opportunità e speranza, perché il vero welfare che da benessere ai cittadini è quello dello Stato, non certo quello criminale”.
E per le famiglie Cappuccio e Del Core, “foraggiati” separatamente in cella, il welfare criminale non è venuto meno neppure quando tra i Polverino e gli Orlando, sono sorti attriti “armati”. Una circostanza che ha spinto gli inquirenti a ritenere che i servigi resi da questi due affiliati – che con le loro famiglie non hanno mai rescisso il vincolo criminale con i clan – fossero di caratura. Le cronache dell’epoca riportano che Cappuccio e Del Core dopo avere ucciso Siani, tornarono nel loro covo per festeggiare con i boss che avevano impartito l’ordine stappando una bottiglia di champagne. A decidere che Giancarlo dovesse morire furono i clan Nuvoletta e Gionta, con i boss Angelo Nuvoletta e Luigi Baccante. Una punizione per lavare l’onta dell’infamia. In un articolo Giancarlo scrisse che l’arresto di Valentino Gionta fu reso possibile grazie a una soffiata dei suoi alleati, i Nuvoletta, appunto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus, contagiati un po’ su
In quattro regioni e a Bolzano zero casi, in calo i decessi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
26 maggio 2020
19:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 230.555 i contagiati totali per il coronavirus in Italia, 397 più di ieri. Il dato comprende attualmente positivi, vittime e guariti. In Lombardia sono 159 in più. Ieri l’incremento nazionale era stato di 300. Il dato è stato reso noto dalla Protezione civile. Quattro regioni – Sardegna, Calabria, Molise e Basilicata – e la provincia autonoma di Bolzano registrano zero nuovi contagiati. Sono 78 le vittime del coronavirus nelle ultime 24 ore in Italia, l’incremento più basso dal 2 marzo scorso. In Lombardia nell’ultima giornata se ne sono registrate 22, in calo rispetto ai 34 di ieri. I morti a livello nazionale salgono così a 32.955. Ieri l’aumento in tutta Italia era stato di 92 vittime.
Sono 521 i pazienti ricoverati in terapia intensiva per Coronavirus, 20 meno di ieri. Di questi, 183 sono in Lombardia, 13 meno di ieri. I malati ricoverati con sintomi sono invece 7.917, con un calo di 268 rispetto a ieri, mentre quelli in isolamento domiciliare sono 44.504, con un calo di 2.070 rispetto a ieri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sorelle gemelle morte in casa, indagano carabinieri
Nella loro casa in Val Susa, vicini non le vedevano da mesi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
26 maggio 2020
19:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Due sorelle gemelle, 66 anni, sono state trovate morte dai carabinieri nella loro abitazione di Bussoleno, in Val Susa. A dare l’allarme sono stati i vicini di casa, che hanno riferito ai militari di non vedere le due donne da mesi. Il primo cadavere, già scheletrico, è stato trovato in camera da letto; il secondo sul pavimento della cucina. S’indaga sulle circostanze in cui le due sono morte. Le indagini della sezione investigazioni scientifiche del nucleo investigativo (SIIS Ninv) sono coordinate dal comandante provinciale dell’Arma, colonnello Francesco Rizzo. Sul posto anche i vigili del fuoco.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
False accuse ad un afroamericano al Central Park, licenziata
Lui le chiede di mettere guinzaglio al cane, lei chiama polizia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
26 maggio 2020
23:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un incontro brusco, tipico fra due newyorkesi. Almeno così sembrava fino alle urla, all’intervento della polizia e alla successiva catena di eventi inattesa innescata da un video dello scontro. Amy Cooper passeggiava a Central Park con il suo cane Henry sciolto, quando Christian Cooper le ha chiesto di tenerlo al guinzaglio. Erano le 8.10 del mattino del Memorial Day in un’area del popolare parco di New York in cui i cani devono essere sempre al guinzaglio. Amy Cooper si è rifiutata di esaudire la richiesta. L’uomo, un afroamericano, ha quindi iniziato a riprendere la scena: la donna gli ha chiesto di smetterla di filmare poi ha perso la testa. “Chiamo la polizia e dico che c’è un afroamericano che sta minacciando la mia vita”, si sente dire alla donna soprannominata ‘Karen’, nome che identifica le donne bianche privilegiate. Christopher Cooper, laureato a Harvard e avido birdwatcher, le dice di procedere, di dire agli agenti “quello che vuole”. Amy estrae il suo cellulare e chiama il 911, il 113 locale, e riferisce che un afroamericano la sta minacciando e sta minacciando il suo cane, poi alza la voce, urla: “Mandate degli agenti subito!”. Il video di 1 minuto e 9 secondi viene postato sui social e diventa subito virale, con 30 milioni di visualizzazioni. La donna travolta dalle critiche per razzismo chiede scusa davanti alle telecamere a Christopher Cooper, ma nega di essere razzista. E restituisce il cane Henry all’Abandoned Angels Cocker Spaniel Rescue, l’associazione da cui l’aveva adottato due anni prima. Ma nulla riesce a placare la rabbia sollevata dal suo gesto in una città che fa dell’uguaglianza la sua bandiera e il suo valore per eccellenza. Franklin Templeton, la società di Wall Street in cui Amy Cooper lavora, la licenzia: dopo una sospensione temporanea per rivedere l’incidente, Amy viene cacciata su due piedi perché “alla Franklin Templeton non tolleriamo il razzismo”. Parole dure le usa anche Bill de Blasio: “Razzismo puro e semplice”, twitta il primo cittadino della Grande Mela. Amy Cooper “ha chiamato la polizia perché si trattava di un afroamericano anche se era lei che stava infrangendo la legge.  Questo tipo di odio non ha posto nella nostra città”, aggiunge il sindaco.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Polemica su folla per Frecce tricolori
Per deputato Pd “ingiustificati e pericolosi assembramenti”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
26 maggio 2020
21:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Polemiche a Perugia dove in occasione del passaggio delle Frecce tricolori il centro è stato affollato da diverse centinaia di persone.
“Due pesi e due misure. Tutta colpa della movida” la scritta su uno striscione esposto in serata sulle scalette antistanti al Duomo da alcuni giovani contro quella che hanno definito “una diversità di trattamento” con quanto successo la notte tra venerdì e sabato.
Nella polemica – che si è sviluppata anche sui social – è intervenuto il deputato umbro del Pd Walter Verini che ha parlato di “incredibili, ingiustificati e pericolosi assembramenti”. “E ancora meno si può giustificare – ha aggiunto – il comportamento del sindaco che, con la fascia, invece di adoperarsi per prevenire e risolvere gli assembramenti posava per foto ricordo”.
In una note il Comune aveva invece sottolineato che “nella piazza, i presenti hanno assistito in maniera molto ordinata, indossando la mascherina, mentre i pochi che ne erano sprovvisti ne sono stati muniti dalla polizia locale”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Parco del Colosseo riapre il 1 giugno
Nuova bigliettazione e misure di sicurezza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
26 maggio 2020
19:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo lo stop legato all’emergenza coronavirus, il 1 giugno il Parco archeologico del Colosseo riapre al pubblico nel segno dell’accessibilità, dell’accoglienza e soprattutto della sicurezza, con tutele puntuali sia per il personale sia per i visitatori.
Altrettanto importanti i nuovi percorsi e le diverse modalità di accesso e fruizione. Per evitare la coincidenza con gli orari di punta dei mezzi pubblici, saranno variati gli orari di accesso, ora compresi tra le 10.30 e le 19.15 (ultimo ingresso alle 18.15).
Due saranno le tipologie di biglietto che consentiranno la visita al Foro Romano-Palatino e al Colosseo. Resta attivo il biglietto ordinario di € 16,00 valido 24h, ma viene introdotto per la prima volta un biglietto ridotto che punta al coinvolgimento di tutti i visitatori: A.R.T. (Afternoon reduced ticket) al prezzo di € 9,50, sarà acquistabile online e usufruibile tutti i giorni a partire dalle ore 14.00 e fino alla chiusura del Parco. I biglietti saranno tutti smaterializzati, acquistabili online dal sito ufficiale http://www.parcocolosseo.it e dal sito del concessionario http://www.coopculture.it (dal 28 maggio) e collegati ad un’app gratuita che permetterà di scaricare le mappe dei percorsi, i contenuti storici e tutte le informazioni utili alla visita in sicurezza.
Prima di varcare gli ingressi i visitatori, preventivamente dotati di mascherina, dovranno obbligatoriamente sottoporsi alla misurazione della temperatura mediante termoscanner.
Al Colosseo l’accesso, in questa prima fase, sarà esclusivamente dal cosiddetto “Sperone Valadier” e fruibile da singoli o gruppi di massimo 14 persone, adeguatamente distanziate, che entreranno ogni 15 minuti e saranno sempre accompagnati. Al Foro Romano e Palatino sarà ugualmente previsto un unico ingresso, lungo via dei Fori Imperiali.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nasce l’Atip, Associazione Teatri Italiani Privati
Piparo, “Così non si riparte. Istituzioni ci ascoltino”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
26 maggio 2020
15:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Dire che il 15 giugno si riaprono teatri e cinema è non sapere che mestiere facciamo.
Ascoltateci”. A lanciare l’appello è l’Atip, Associazione Teatri Italiani Privati che nasce il 26 maggio raccogliendo come nucleo fondatore 14 grandi sale in tutta Italia (Ambra Jovinelli di Roma, Augusteo di Napoli, Celebrazioni di Bologna, Colosseo di Torino, Geox di Padova, EuropAuditorium di Bologna, Lyrick di Assisi, Metropolitan di Catania, Morato di Brescia, Politeama di Genova, Quirino di Roma, Sistina di Roma, TeatroTeam di Bari, Verdi di Firenze). Quattordici palcoscenici, che da soli sviluppano in una stagione 2500 giornate di spettacolo dal vivo, oltre 2 milioni di biglietti venduti e un volume di 50 milioni di euro. Ma dopo i due mesi di chiusura, l’emergenza sanitaria per loro si è “integrata” con una altrettanto grave emergenza economica.
“Per noi la Fase 2 non esiste – spiega Massimo Romeo Piparo, direttore del Sistina e ideatore dell’Atip – Noi siamo un altro mondo rispetto alle Fondazioni lirico sinfoniche o ai teatri pubblici. Viviamo dei biglietti venduti. Capiamo che il Comitato tecnico scientifico deve occuparsi di mille cose, ma dire che il 15 giugno, con le limitazioni indicate, si riapre è essere inconsistenti. Per questo diciamo: incontrateci”.
Tra le richieste dell’Atip, il dettaglio dei criteri di divisione del Fondo emergenze spettacolo e cinema; prolungamento di strumenti come la Cassa Integrazione in deroga/ Fondo incremento salariale; credito d’imposta sugli affitti fino fine anno e abolizione dell’Imu per i mesi di inattività. E poi Art Bonus al teatro privato e defiscalizzazione dei biglietti acquistati per cultura e intrattenimento dal vivo per tutto il 2021; e introduzione del tax credit. Altrimenti, si va verso “l’inevitabile licenziamento di migliaia di lavoratori tra comparto e indotto”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bocelli dona il plasma, ‘ho avuto il Covid’
Anche moglie e figli. Artista contribuisce allo studio Aoup Pisa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PISA
26 maggio 2020
12:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Andrea Bocelli si è recato il 26 maggio al centro prelievi dell’ospedale Cisanello di Pisa per donare il plasma ai fini dello studio, coordinato dall’Azienda ospedaliero-universitaria di Pisa, sulla cura per i malati di Covid. L’artista è stato infatti tra i casi positivi di Coronavirus come egli stesso ha svelato: la scoperta il 10 marzo scorso dopo aver fatto il tampone.
Parlando con i giornalisti fuori dall’ospedale Bocelli ha spiegato di non aver avuto particolari problemi: un po’ di febbriciattola ma in pratica è stato un asintomatico.
Contagiati, ha spiegato, anche la moglie, che a sua volta ha donato il plasma, e i due figli.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Reviving Origins di Nespresso in Uganda
Da progetto per rilanciare coltivazioni nasce caffè ‘speranza’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
27 maggio 2020
09:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo l’impegno in Zimbabwe e Colombia, il programma di Nespresso “Reviving Origins” dedicato ai paesi di origine del caffè arriva in Uganda. Un progetto, che prese il via nel 2019 e su cui sono stati investiti quasi 10 milioni di franchi per i prossimi cinque anni, con cui Nespresso si è data l’obiettivo di rilanciare la coltivazione di caffè in regioni in cui la produzione è stata minacciata per motivi climatici, geopolitici o economici, mettendo così in difficoltà le comunità locali. Nespresso, in collaborazione con Agri Evolve, azienda agricola che opera sul territorio, ha avviato il programma Reviving Origins raccogliendo l’adesione di oltre 2.000 piccoli coltivatori locali che hanno ricevuto formazione e nuove competenze sostenibili per incrementare qualità e produttività dei raccolti. Il risultato del lavoro in Uganda sarà la nuova capsula Nespresso “Amaha awe Uganda”, dal nome “speranza per l’Uganda”: ogni caffè consumato sarà un supporto al progetto e permetterà di aumentare ogni anno la produzione.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Governatore Fontana finisce sotto scorta
Provvedimento adottato da due giorni, auto con agente
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
27 maggio 2020
09:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, da due giorni è sotto scorta. Lo riporta oggi il quotidiano La Stampa. La misura è stata decisa dalla prefettura di Varese dopo che “il clima intorno al governatore lombardo si è fatto incandescente” con due murales, a Milano, cui viene apostrofato come “assassino” e minacce sul web. A seguire Fontana, quindi, adesso c’è anche un’auto di scorta con un agente, che configura un provvedimento “di quarto livello”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da Guinea a Palermo, lascia ‘intensiva’
Sarà trasferito reparto malattie infettive ospedale ‘Cervello’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
27 maggio 2020
09:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per Jesus Jaime Mba Obono, informatico di 49 anni, cittadino italiano, originario della Guinea Equatoriale, colpito a fine aprile nel suo paese dal coronavirus, si vede la luce in fondo al tunnel. In mattinata lascerà la terapia intensiva. “Il paziente è migliorato moltissimo, rispetto alle condizioni in cui è arrivato scorso 7 maggio quando è stato ricoverato nel nostro reparto. La buona notizia è che domani è in programma il trasferimento dalla terapia intensiva al reparto malattie infettive”, dice il direttore della terapia intensiva dell’ospedale ‘Cervello’, Baldo Renda. “Il risultato ottenuto si deve – sottolinea Renda – al lavoro straordinario di tutta l’équipe di medici e infermieri che si sono impegnati in un lavoro che li ripaga di un periodo veramente difficile”. Jesus Jaime Mba Obono era stato prelevato lo scorso 6 maggio dall’ospedale di Malabo con un volo dell’Aeronautica militare, grazie alla Farnesina e al ministero della Difesa, e poi ricoverato in gravi condizioni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Droga dall’Albania alla Puglia,9 arresti
Sequestrate da 2017 quasi 4 tonnellate marijuana e altre droghe
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BRINDISI
27 maggio 2020
09:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nove arresti per traffico internazionale di droga dall’Albania all’Italia sono stati eseguiti dalla Guardia di finanza di Brindisi in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Lecce, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia. Per cinque persone è stato disposto il carcere, per quattro gli arresti domiciliari. Si tratta di indagati residenti nelle province di Brindisi, Lecce e Bologna. Le indagini sono state avviate nel 2017, da quando sono stati sequestrati complessivamente 3.750 chili di marijuana, 50 chili di hashish, 1 di cocaina, 1 di eroina, 6 imbarcazioni e 3 autovetture. Secondo quanto emerso, un’organizzazione criminale attiva nel Brindisino ordinava nei Balcani gli stupefacenti che, una volta approdati sulle coste pugliesi, venivano prelevati da persone del luogo per poi essere smistati in Italia.
In tutto sono 24 le persone denunciate nel corso dell’inchiesta, 15 quelle arrestate in flagranza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Truffe con falsi fondi risparmio
Promesso 40% interessi. Nelle rete un centinaio di risparmiatori
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
REGGIO CALABRIA
27 maggio 2020
10:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Promettevano interessi fino al 40% ma in realtà gli strumenti finanziari che offrivano erano fasulli ed a struttura piramidale e in assenza di autorizzazioni. La truffa, nella quale sono caduti un centinaio di risparmiatori in tutta Italia, è stata scoperta dai finanzieri del Comando provinciale di Reggio Calabria e dal Nucleo speciale di polizia valutaria coordinati dalla Procura diretta da Giovanni Bombardieri, che stamani hanno eseguito un decreto di sequestro beni per 1,5 milioni di euro a carico di 3 persone accusate di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di delitti di truffa aggravata. Tra gli indagati un funzionario – ora in pensione – di un Istituto di credito che ha fornito supporto all’associazione per individuare potenziali clienti. Sono state sequestrate disponibilità finanziarie su conti corrente in Italia e a Tenerife (Spagna), terreni, 127 oggetti preziosi tra cui diamanti, collane, bracciali, anelli in oro, orologi, pietre preziose e 241 monete di argento.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rete droga e psicofarmaci, perquisizioni
Smercio ‘di strada’, 16 indagati. Ricette mediche false
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
27 maggio 2020
10:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Perquisizioni sono state effettuate nel Mugello per un’operazione coordinata dalla procura di Firenze nei confronti di 16 indagati dediti allo spaccio di stupefacenti, nove dei quali destinatari di provvedimenti cautelari (obbligo di dimora). Le indagini hanno permesso di accertare l’esistenza di una rete di smercio di hashish e marijuana, nonché di psicofarmaci utilizzati come ‘droga di strada’, capace di raggiungere gli acquirenti, alcuni dei quali minori. I carabinieri della Compagnia di Borgo San Lorenzo hanno eseguito i provvedimenti cautelari emessi dal gip di Firenze e sedici perquisizioni personali e domiciliari nel territorio del Mugello e in altri comuni della provincia di Firenze.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ceriscioli,zero positivi Marche in 24ore
Risultato su 1.250 tamponi esaminati. “Notizia attesa da mesi”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
27 maggio 2020
11:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Buona giornata a tutti, cominciamo con la migliore notizia che aspettavamo da mesi: oggi nelle Marche abbiamo zero, ripeto zero positivi su 1.250 analizzati nelle ultime 24 ore”. Lo scrive su Fb il presidente della Regione Luca Ceriscioli. La regione è stata una delle più colpite dai contagi, in particolare la provincia di Pesaro Urbino, all’inizio della pandemia, quando la curva di progressione del Covid-19 seguiva quella della Lombardia. Poi, in particolare da metà aprile, l’evoluzione dei contagi ha rallentato in maniera sensibile anche a seguito delle varie misure di lockdown, a partire dalla chiusura delle scuole che nelle Marche era stata decisa dalla Regione, con una prima ordinanza, già dagli ultimi giorni di febbraio. Dalla metà di maggio il numero dei positivi registrati ogni giorno si è mantenuo nella regione quasi costantemente sotto i dieci.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nevicata notturna a Campo Imperatore
Al Rifugio Franchetti, quota 2433, minima registrata -2.6
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’AQUILA
27 maggio 2020
11:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Leggera nevicata nella notte a Campo Imperatore, 2100 metri di quota sul Gran Sasso, con venti fino a 100 km/h. Alle 9.29 la temperatura registrata dalla stazione dell’associazione meteorologica Aq Caput Frigoris era – 0.3 °C, con vento a 24 km/h e temperatura percepita -6.2 °C .
Sempre sul Gran Sasso, al Rifugio Franchetti, quota 2433, la minima registrata è stata -2.6
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gemelle morte,trovate biglietto di scuse
Indagini carabinieri proseguono per stabilire cause decesso
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
27 maggio 2020
11:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nell’abitazione delle due sorelle gemelle trovate morte ieri a Bussoleno (Torino), Maria e Vittoria Perottino, i carabinieri hanno trovato un biglietto con il numero di telefono di una parente che vive in Brasile insieme a una lettera di scuse e la richiesta di contattare questa persona in caso di morte. I carabinieri stanno facendo analizzare le impronte trovate sui fogli. Proseguono inoltre le indagini per capire le cause del decesso: non si esclude nessuna ipotesi.
All’interno dell’abitazione è presente anche una stufa che potrebbe aver provocato un’intossicazione. Le due donne erano sicuramente morte da tempo. “È un dramma, soprattutto in una comunità piccola come la nostra – spiega la sindaca, Bruna Consolini – In questo periodo abbiamo ricevuto diverse segnalazioni di persone che non si vedevano più in giro e in realtà stavano bene. È una storia legata al tema della solitudine”. PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Mafia: blitz dei carabinieri nel Palermitano, 8 arresti
Prosecuzione di un’inchiesta sul mandamento di Misilmeri-Belmonte Mezzagno
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
27 maggio 2020
13:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I carabinieri del Comando Provinciale di Palermo hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere e agli arresti domiciliari nei confronti di 8 persone accusate di associazione mafiosa, concorso esterno in associazione mafiosa, estorsioni aggravate e violazione degli obblighi della sorveglianza speciale. Il blitz, coordinato dal procuratore aggiunto Salvatore De Luca, è la prosecuzione di una inchiesta del Nucleo Investigativo di Palermo sul mandamento mafioso di Misilmeri-Belmonte Mezzagno che aveva portato in cella 19 persone, tra cui Filippo Bisconti, poi divenuto collaboratore di giustizia, e Salvatore Sciarabba, ritenuti co-reggenti della cosca, Vincenzo Sucato, reggente della famiglia mafiosa di Misilmeri, recentemente morto in carcere per Covid, e Stefano Polizzi, reggente della famiglia mafiosa di Bolognetta.     L’indagine è andata avanti accertando il ruolo nel clan di Stefano Polizzi e Domenico Nocilla. Quest’ultimo, insieme al figlio Claudio, secondo le indagini faceva da autista a Sciarabba, che accompagnava in auto nei luoghi in cui il clan organizzava i summit.
L’inchiesta ha svelato i retroscena di due summit organizzati da Sciarabba a casa di Carlo Noto, imbianchino, incensurato, che oggi è sfuggito all’ arresto perché da un anno vive negli Usa. Uno degli incontri è stato intercettato dai carabinieri che hanno registrato le conversazioni del presunto boss. Dialoghi da cui emerge il ruolo, occupandosi di tutte le questioni del clan: come la necessità di ostacolare un imprenditore edile che forniva il cemento nel comune di Bolognetta senza il permesso di Cosa nostra. La vicenda venne risolta e su ordine di Sciarabba Stefano Polizzi, al vertice della famiglia mafiosa di Bolognetta, impedì fisicamente ai camion dell’imprenditore di entrare sia nel territorio controllato dalla cosca che in quello del Comune di Marineo, facendo in modo che, da quel momento in avanti, le imprese si rivolgessero ad altre aziende per la fornitura del cemento. Sciarabba, inoltre, emerge dalle intercettazioni, avrebbe scontato il pizzo a un fornaio che aveva subìto un grave lutto familiare. Ascoltando in diretta il summit, i carabinieri hanno anche accertato che Nocilla, dopo aver chiesto l’autorizzazione a Sciarabba, avrebbe rilevato un negozio per farci lavorare i figli, e avrebbe chiesto al boss di inserire una persona di fiducia del clan in una lista civica, slegata dalle logiche di partito, per indirizzare le scelte dell’amministrazione in favore di Cosa nostra. Sciarabba avrebbe rinviato la discussione, sostenendo che alle elezioni comunali mancavano tre anni. Le indagini hanno scoperto anche un’estorsione di 12mila euro a una ditta edile impegnata nei lavori di costruzione di una palazzina a Misilmeri, e la restituzione a un imprenditore di un camion e un escavatore rubati in cambio di 2.800 euro. Il provvedimento è stato notificato in carcere a Salvatore Sciarabba, 69 anni, e Giuseppe Bonanno detto Andrea, 60 anni, entrambi detenuti. Stefano Casella, 41 anni, già ai domiciliari, è finito in carcere, Carlo Noto, 54 anni, è sfuggito alla cattura perché da un anno vive negli Usa. Arrestati Claudio Nocilla, 45 anni, Alessandro Imparato, 43 anni. Per Giuseppe Rizzo, 71 anni e Giuseppe Contorno, 71 anni sono stati disposti i domiciliari
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Violenza sessuale su minore, arrestato
Oristano, ora si trova rinchiuso nel carcere di Massama
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ORISTANO
27 maggio 2020
11:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un uomo di 53 anni, residente a San Nicolò D’Arcidano, in provincia di Oristano, è stato arrestato dagli agenti della squadra mobile della Questura, su mandato dalla Procura, con l’accusa di violenza sessuale aggravata ai danni di un minore. La Polizia si è mossa allertata da alcune voci ricorrenti nell’Oristanese e confermate poi da alcuni residenti. Al termine di un’articolata attività di indagine gli investigatori hanno avuto i primi riscontri e hanno fermato l’uomo che ora si trova nel carcere di Massama.
Durante l’arresto i poliziotti hanno eseguito la perquisizione dell’abitazione dell’uomo, sequestrando numerose apparecchiature informatiche che potrebbero portare gli inquirenti ad ulteriori sviluppi dell’indagine. Lunedì scorso il 53enne è stato sottoposto all’interrogatorio di garanzia nel quale si è avvalso della facoltà di non rispondere.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Piemonte valuta obbligo mascherine per ponte 2 giugno
Governatore Cirio, bisogna essere tutti più attenti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
27 maggio 2020
11:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Obbligo di mascherina anche all’aperto nei giorni del ponte del 2 giugno. E’ l’ipotesi che si sta delineando in Piemonte, spiega ai microfoni della trasmissione ‘Centocittà’ di Radio Rai il governatore Alberto Cirio, ricordando che l’ordinanza attualmente in vigore “prevede già l’obbligo della mascherina all’aperto dove non si può garantire la distanza di sicurezza”.
“Purtroppo – sottolinea Cirio – quel che abbiamo visto è che la gente tende a non metterla nonostante ci siano luoghi di potenziale assembramento. Bisogna essere tutti più attenti, a iniziare naturalmente dalle istituzioni, e bisogna essere più chiari. Per questo – annuncia – stiamo ragionando con le prefetture di introdurre l’ordinanza che valga nel ponte lungo che va da venerdì a martedì obbligando in tutti i centri abitati a indossare la mascherina anche all’aperto”.
Fra gli episodi degli ultimi giorni Cirio cita “le serate in cui ci sono stati momenti in cui la gente era vicina senza mascherina” e il passaggio delle Frecce Tricolori a Torino. “Ci sarebbe anche da chiedere – osserva – se forse non si poteva immaginare di fare un altro tipo di evento e non un evento di piazza” e ribadisce di essersi “molto arrabbiato” di fronte alle immagini della folla. Poi una critica alla “comunicazione che è stata data prima dell’evento, quasi come l’annuncio di un concerto, con la gente che è andata a spostarsi nelle piazze dove si poteva vedere il passaggio”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Minacce e insulti sui social, scorta per ministra Azzolina
Analoghi provvedimenti per il governatore della Lombardia Fontana e per il viceministro alla Salute Sileri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
27 maggio 2020
11:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina è stata messa sotto scorta. Da tre giorni viene scortata da uomini della Guardia di finanza. Da alcuni giorni, da quanto si apprende, la ministra è oggetto di minacce e insulti sui social. Azzolina, pur essendo ministro, non aveva la scorta.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Alle elementari torna giudizio,stop voti
Emendamento Pd in Commissione entra in vigore dal prossimo anno
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
27 maggio 2020
11:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dal prossimo anno scolastico la valutazione finale degli alunni nella scuola elementare non sarà più espressa con i voti numerici ma con un giudizio. E’quanto prevede un emendamento presentato dai senatori Verducci, Iori e Rampi e approvato in Commissione Cultura e Istruzione.
“L’emendamento prevede che nella scuola primaria i bambini non possano essere considerati dei numeri”, dice la senatrice Pd Vanna Iori.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: intesa su concorso precari
Riformulazione emendamento per prova scritta in 2020-21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
27 maggio 2020
11:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Intesa nella maggioranza sulle modifiche al dl sulla scuola. E’ stato presentato l’emendamento a firma del relatore al dl, che sarà messo ai voti in commissione al Senato questa mattina e che sintetizza l’accordo sul concorso straordinario per i precari. Il concorso con la prova scritta si terrà nel corso dell’anno scolastico 2020-2021 – si legge nel testo – e prevede quesiti a risposta aperta.
Rispetto alla prima formulazione respinta da Pd e LeU scompare la precisazione del numero dei quesiti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Anm, si cambio elezione Csm
Poniz, c’è bisogno di cambiare le regole
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
27 maggio 2020
11:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“C’è bisogno di cambiare le regole elettorali del Csm e restituire maggiore potere di selezione alla comunità dei magistrati”, piuttosto che alle correnti. Lo ha detto il presidente dell’Anm Luca Poniz, intervistato da Agorà. Quanto al ricorso al sorteggio per la composizione del Csm, Poniz ha ricordato che “l’ultima posizione del ministro Bonafede era quella di superare l’idea sorteggio che è totalmente incostituzionale”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Minacce e insulti, scorta ad Azzolina
Da tre giorni protetta da uomini della Guardia di Finanza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
27 maggio 2020
12:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina è stata messa sotto scorta. Da tre giorni viene scortata da uomini della Guardia di finanza. Da alcuni giorni, da quanto si apprende, la ministra è oggetto di minacce e insulti sui social. Azzolina, pur essendo ministro, non aveva la scorta.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Spettacolo Frecce Tricolori su Cagliari
Due passaggi sul capoluogo, tutti col naso all’insù
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
27 maggio 2020
12:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dalle 10.40 tutti col naso all’insù con telecamere e cellulari per immortale lo spettacolo delle Frecce tricolori sul cielo di Cagliari. Quella sul capoluogo sardo è la terza tappa della pattuglia acrobatica nazionale che dal 25 maggio e per cinque giorni toccherà tutti i capoluoghi di regione in occasione delle celebrazioni per il 74° anniversario della proclamazione della Repubblica. Una serie di sorvoli per abbracciare simbolicamente con i fumi tricolori tutta l’Italia, in segno di unità, solidarietà e di ripresa. I passaggi più significati sopra Codogno, prima zona rossa dell’emergenza Covid-19 che ha colpito il Paese, e Loreto, dove ha sede l’omonimo santuario della Madonna protettrice dell’Arma Azzurra.
A Cagliari questa mattina un doppio passaggio per lasciare la scia verde-bianco-rosso: prima sopra via Roma e Castello, poi via Manno e il Corso. Molo Ichnusa, porto, Largo Carlo Felice, piazza Yenne e Bastione di Santa Croce i punti di osservazione più gettonati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Operaio muore in gasdotto del Salento
L’uomo è dipendente di una ditta tedesca
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VERNOLE (LECCE)
27 maggio 2020
12:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un operaio ha perso la vita in un incidente sul lavoro avvenuto a Pisignano, frazione di Vernole in uno dei cantieri per la realizzazione del gasdotto Snam di interconnessione tra Tap e la rete italiana. La vittima è Simone Martena, di 34 anni, che lavorava come saldatore nella ditta tedesca Max Streicher che sta realizzando un tratto del gasdotto. L’incidente è avvenuto nei pressi della strada Pisignano -Castrì dove si stanno posando i grossi tubi di acciaio dal diametro di 1,40 m, che vengono mano a mano saldati.
Secondo una prima ricostruzione, l’uomo sarebbe stato schiacciato dal macchinario ‘pipe welder’ che sposta i tronconi di tubi e li posa nella trincea già scavata. Sul posto sono intervenuti i carabinieri e personale del 118.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sgominata baby gang nel Cremonese
Violenza e odio razziale, sono 4 minorenni tra i 12 e i 14 anni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CREMONA
27 maggio 2020
12:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rapina, estorsione, lesioni personali aggravate, percosse e violenza privata aggravata dall’odio razziale: sono pesanti le accuse di cui dovranno rispondere quattro minorenni, di età compresa fra i 12 e i 14 anni, tutti residenti a Scandolara Ravara, in provincia di Cremona, incastrati dai carabinieri dopo quasi un anno di indagini. Le vittime erano loro coetanei, avvicinati e aggrediti vicino all’oratorio del paese, la palestra, i giardini pubblici, per rubare loro, sotto minaccia di ritorsioni se avessero denunciato i fatti, piccole somme di denaro, anche solo cinque euro.
L’ultimo episodio a fine ottobre presso una palestra della zona: due del gruppo hanno preso di mira un giovane di origine straniera, insultandolo con frasi dettate dall’odio razziale e colpendolo con calci e pugni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Carabinieri a messa arrestano un ladro
Nel Modenese, in manette un 46enne, denunciato un altro uomo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
27 maggio 2020
12:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Carabinieri in borghese durante la messa per individuare i responsabili di furti avvenuti di recente nella chiesa di San Bartolomeo Apostolo di Formigine, in provincia di Modena. L’operazione si è conclusa con l’arresto di un 46enne di Sassuolo, e la denuncia di un 27enne di Fiorano Modenese. Dopo le segnalazioni del parroco, i militari hanno seguito le funzioni religiose individuando prima il 27enne, trovato con forbice, cacciavite, e un metro estendibile, con all’estremità un nastro adesivo, che serviva per calarlo attraverso la fessura delle cassette, per poi tirare su il denaro, incollato. Il materiale è stato sequestrato e l’uomo denunciato. Poi i carabinieri hanno notato entrare il 46enne, uscito poco dopo e bloccato: era in possesso di 27 euro appena prelevati dalle cassette. La persona arrestata si è impossessata delle monete con la tecnica del chewingum, all’estremità di chiavi, calato nella cassetta. Dalle immagini i carabinieri hanno potuto accertare che i due erano responsabili di 7 furti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: in Veneto solo 6 nuovi casi
Calano ricoverati in terapia intensiva
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
27 maggio 2020
13:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono solo 6 i nuovi casi di positività al Coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Veneto, per un dato totale di 19.113 soggetti dall’inizio dell’epidemia. Il bollettino odierno della Regione aggiorna con solo un decessi negli ospedali (nessuno nelle Rsa) il numero delle vittime, salito così a 18.887. Tutti i dati su contagi e malati in trattamento negli ospedali sono in calo: nei normali reparti Covid sono ricoverati attualmente 439 pazienti (15 meno di ieri), mentre nelle terapie intensive 36 (-2).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’allarme dei sindaci: ‘Manovra o servizi a rischio’
Tredici primi cittadini scrivono al premier Conte. Patente immunità per la Sardegna, la proposta andrà alla conferenza Stato-Regioni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
28 maggio 2020
10:46
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Senza una manovra di aggiustamento, urgente e indifferibile, salteranno i servizi essenziali di tutte le Città italiane. Il rischio potrebbe essere un drammatico lockdown delle attività che, quotidianamente, i Comuni svolgono in ogni angolo del nostro Paese per i loro cittadini”. E’ l’allarme dei 13 sindaci delle città metropolitane contenuto in una lettera al presidente del Consiglio Giuseppe Conte.
“Se di ciò non si prende piena e profonda consapevolezza, a farne le spese saranno le Città d’Italia e cioè l’Italia stessa”, dicono i sindaci che rivendicano la volontà di “essere protagonisti di questa delicata fase del Paese per evitare che già alle battute iniziali possa risultare compromessa”. “Siamo gli unici, tra le istituzioni rappresentative della nostra Repubblica, ad avere un mandato, pieno e diretto, dai cittadini e in virtù di questo abbiamo un legame viscerale con le nostre comunità e i nostri territori -aggiungono- per queste ragioni, Ti chiediamo di avviare con noi un confronto, leale e serrato, sugli aspetti fondamentali della ripartenza: risorse certe e sufficienti per consentire ai Comuni di assicurare continuità nei servizi alle comunità, perché le somme già stanziate non ci permetteranno di chiudere i bilanci a luglio; misure eccezionali di revisione e flessibilizzazione dei vincoli finanziari per i Comuni; semplificazioni per eseguire opere celermente e ridisegnare gli spazi urbani in vista della fase di convivenza con il virus”. “L’Italia ha bisogno di uno sforzo progettuale, di tutti, per rialzarsi e costruire il suo futuro. Senza gli occhi lungimiranti e la caparbia determinazione dei sindaci si rischia di ripartire con il piede sbagliato”, conclude la lettera firmata dai sindaci di Bari, Roma, Milano, Torino, Palermo, Genova, Bologna,Firenze, Catania, Venezia, Reggio Calabria, Cagliari.
Il primo cittadino di Bologna Virginio Merola ha detto al Tgr dell’Emilia-Romagna: “Avremo domani un incontro con il presidente del Consiglio Conte in cui chiediamo di comprendere fino in fondo che senza i Comuni, senza il sostegno economico ai Comuni, non si affronta la ripresa economica”. “Noi dobbiamo garantire i servizi essenziali e gli investimenti – precisa – Contiamo di intenderci con il presidente Conte perché finora i sindaci si sono dimostrati molto responsabili, malgrado le diverse ordinanze regionali”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Intanto la Regione Sardegna ha scelto la via istituzionale sul certificato sanitario di negatività al Covid-19 che intende chiedere ai turisti in arrivo nell’Isola a partire dal 3 giugno: prima un passaggio in conferenza delle Regioni poi, se ci sarà il via libera, l’approdo venerdì 29 maggio alla Conferenza Stato-Regioni. Un passaggio cruciale per comprendere le intenzioni del Governo. La proposta del governatore Solinas finora è appoggiata solo dalla Sicilia.
In Piemonte si sta delinenado invece l’ipotesi dell”obbligo di mascherina anche all’aperto nei giorni del ponte del 2 giugno, come ha spiegato ai microfoni della trasmissione ‘Centocittà’ di Radio Rai il governatore Alberto Cirio, ricordando che l’ordinanza attualmente in vigore “prevede già l’obbligo della mascherina all’aperto dove non si può garantire la distanza di sicurezza”. “Purtroppo – sottolinea Cirio – quel che abbiamo visto è che la gente tende a non metterla nonostante ci siano luoghi di potenziale assembramento. Bisogna essere tutti più attenti, a iniziare naturalmente dalle istituzioni, e bisogna essere più chiari. Per questo – annuncia – stiamo ragionando con le prefetture di introdurre l’ordinanza che valga nel ponte lungo che va da venerdì a martedì obbligando in tutti i centri abitati a indossare la mascherina anche all’aperto”.  Fra gli episodi degli ultimi giorni Cirio cita “le serate in cui ci sono stati momenti in cui la gente era vicina senza mascherina” e il passaggio delle Frecce Tricolori a Torino. “Ci sarebbe anche da chiedere – osserva – se forse non si poteva immaginare di fare un altro tipo di evento e non un evento di piazza” e ribadisce di essersi “molto arrabbiato” di fronte alle immagini della folla. Poi una critica alla “comunicazione che è stata data prima dell’evento, quasi come l’annuncio di un concerto, con la gente che è andata a spostarsi nelle piazze dove si poteva vedere il passaggio”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Giovani e movida a Napoli? Questa è la prova che il lanciafiamme non funziona, se era efficace doveva funzionare sia nella fase 1 che nella fase 2. Noi dobbiamo responsabilizzare le persone. Dobbiamo dire riprendiamo le nostre attività ma dobbiamo stare attenti. Eviterei decisioni che sono punitive in maniera inutile e tendono a colpevolizzare il cittadino”. Sono le parole del sindaco di Napoli Luigi de Magistris nel corso di Tg Club Speciale in onda su Teleclubitalia che ne ha diffuso una sintesi. Il sindaco ha ribadito la sua contrarietà alla chiusura anticipata alle 23 di bar, vinerie, baretti imposta dal presidente della Regione, Vincenzo De Luca, e ha annunciato che domani “emanerà delibere per consentire l’apertura degli orari “pre-Covid”.
“È giusto che si torni a vivere ma in sicurezza, tenendo alta la guardia, il virus non è una cosa passeggera e la mascherina è un problema ma è anche un oggetto che può salvare vite e salute. Le regole le devono rispettare tutti a prescindere dall’età”, ha detto a ‘Mi manda Raitre’, il governatore del Lazio e leader Pd Nicola Zingaretti, aggiungendo: “Sugli assistenti civici decideranno i sindaci, il volontariato è stato già protagonista nel Lazio e noi abbiamo messo fondi per il volontariato per portare ad esempio la spesa agli anziani. Nelle forme giuste la richiesta di volontari è corretta, aiuta”.
Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, nel video che ogni giorno posta sulle sue pagine social ha parlato della data del 3 giugno, quando il governo deciderà se anche i lombardi potranno lasciare la loro regione per spostarsi in altre. “Ne abbiamo necessità e voglia, per andare a trovare un parente, per andare al mare o in montagna. Poi stiamo facendo bene i compiti a casa e, per esempio la mia ordinanza di ieri va in questa direzione, cioè cercare di contenere la potenziale diffusione del Covid – ha spiegato il sindaco -. Quello che il governo deciderà noi lo applicheremo, sia chiaro, però chiedo al governo, in particolare l’ho chiesto ieri al ministro Boccia, che non ce lo dicano il giorno prima, e mi sembra anche naturale, perché molti si devono organizzare”.
“Mi auguro che si possa riaprire tutti, perché vuol dire che cala il rischio. Bisogna che si prenda una decisione insieme, condivisa. Io mi auguro che possa riaprirsi tutto”, sono invece le parole di Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia-Romagna e della conferenza delle Regioni, rispondendo a L’aria che tira su La7 a chi gli chiedeva un parere sulla questione delle riaperture dei confini regionali dal 3 giugno e sul dibattito in corso fra i presidenti delle Regioni.
“Se vogliamo far ripartire l’economia occorre incentivare gli spostamenti nel modo più sicuro ma anche più agevole. Certamente un ‘passaporto sanitario’ sarebbe burocrazia in più che piomba sul turismo, nessuno ci garantisce che da quando fa l’esame al momento in cui parte una persone non si infetti”, ha detto il governatore Giovanni Toti che, nel pomeriggio, aveva detto “sostituiremo il turismo estero con quello dell’Italia del Nord”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Intanto il Consiglio dei ministri è stato convocato per stasera alle 19,30 a Palazzo Chigi. Lo si apprende da fonti di governo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Strage Georgofili, commemorate vittime
Sindaco depone corona fiori sotto lapide che ricorda attentato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
27 maggio 2020
14:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si è svolta, nelle forme consentite dalle disposizioni di sicurezza anti-Covid, la commemorazione della strage mafiosa di via de’ Georgofili del 27 maggio 1993 a Firenze. Dalla mezzanotte e mezzo un piccolo corteo si è mosso da Palazzo Vecchio al luogo dell’attentato, costato la vita alla famiglia Nencioni (Fabrizio, Angela, le due bambine Nadia e Caterina) e allo studente Dario Capolicchio.
Presenti nel corteo il vicesindaco Cristina Giachi, il prefetto Laura Lega, e l’assessore regionale alla presidenza Vittorio Bugli. Alle 1.04, orario dell’esplosione, è stata deposta una corona del sindaco di Firenze sotto la lapide che ricorda l’attentato mafioso, presente anche il gonfalone del Comune e una rappresentanza dei vigili urbani. Inoltre al cimitero della Romola, altra cerimonia con la deposizione di corone di fiori sulla tomba della famiglia Nencioni, originaria del paese.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Padre Tasca incontra il card.Bagnasco
In curia, incontro riservato e personale, poi pranzo insieme
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
27 maggio 2020
14:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incontro “riservato e personale” tra il cardinale Angelo Bagnasco e padre Marco Tasca, il francescano nominato nuovo vescovo di Genova da Papa Francesco.
Secondo quanto appreso, Tasca – la cui ordinazione episcopale non è ancora stata fissata così come non è stato fissato l’ingresso – e il cardinale hanno avuto un lungo colloquio in arcivescovado sul cui contenuto nulla al momento è dato sapere perché “appunto – secondo quanto appreso in Curia – si è trattato di un incontro personale che resta riservato”. Il cardinale e padre Tasca hanno pranzato insieme, nel primo pomeriggio Tasca lascerà la curia e Genova.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Nonni terribili’ a capo di una gang di trafficanti
Le indagini partite dall’arresto di un pensionato fermato a Genova con circa 80mila euro nascosti nel cruscotto dell’auto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
27 maggio 2020
14:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Nonni terribili’ capi di una gang di trafficanti di droga sgominata dai carabinieri di Genova. Le indagini erano partite dall’arresto di un pensionato di 79 anni, Ivan Maragno, residente in provincia di Perugia, fermato dai militari al casello di Nervi con circa 80 mila euro nascosti all’interno del cruscotto dell’auto. In pratica, gli umbri erano i broker che raccoglievano i soldi, dagli anziani “colleghi” genovesi per gli acquisti di grossi quantitativi di droga, hashish in particolare. Lo stupefacente veniva poi nascosto dentro box e smazzato ai pusher più giovani che lo spacciavano in diverse zone del capoluogo ligure. Secondo una stima dei carabinieri, coordinati dal sostituto procuratore della Dda Federico Manotti, il gruppo avrebbe acquistato almeno 40 chili di fumo. I referenti genovesi erano Federico Emanuele Carlevaro, 68 anni; Bruno Chiaroni, 72 anni, e Giacinto Pino, 62 anni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incinta positiva a Covid,feto monitorato
Non è sofferente. Infuso plasma iperimmune a donna,resta stabile
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
27 maggio 2020
14:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Restano critiche, ma stabili le condizioni della donna incinta, originaria del Bangladesh ma residente da anni a Palermo, positiva al Covid 19 ricoverata in rianimazione all’ospedale Cervello del capoluogo siciliano dopo essere tornata in aereo in Sicilia da Londra nei giorni scorsi. “Alla gestante stanotte è stato infuso plasma iperimmune arrivato la notte scorsa con un volo di Stato da Pavia – dice il primario della rianimazione del Cervello Baldassare Renda – La donna è sedata, ventilata meccanicamente. Il feto è sotto stretto monitoraggio. Anche stamattina non è sofferente. Per il momento proseguiamo in questo modo. Stiamo prendendo più tempo possibile per portare alle migliori condizioni possibili il piccolo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Igor, pg chiede conferma dell’ergastolo
‘Fate spegnere lentamente il suo ghigno con decenni di carcere’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
27 maggio 2020
15:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Abbiamo visto ghignanti sorrisi sparire al cospetto del tunnel carcerario dal volto di tanti analoghi e feroci assassini. Fatalmente accadrà anche per costui che mai, dico mai, ha speso mezza parola di rimorso per quanto fatto e di rispetto per le persone del tutto incolpevoli verso le quali si è autopromosso feroce carnefice”. E’ un passaggio della requisitoria del sostituto pg Valter Giovannini, che ha chiesto alla Corte di assise di appello di Bologna la conferma dell’ergastolo per Norbert Feher alias ‘Igor il russo’, accusato degli omicidi del barista Davide Fabbri e del volontario Valerio Verri e del tentato omicidio dell’agente provinciale Marco Ravaglia, tra l’1 e l’8 aprile 2017. Il processo si tiene nell’aula Bachelet della Corte, con l’imputato in videocollegamento dalla Spagna, dove venne arrestato a dicembre 2017 dopo 8 mesi di latitanza. “Fate spegnere lentamente, applicando la legge, quel ghigno nei prossimi lunghi decenni che Igor passera’ in carcere”. ha aggiunto il pg.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Operaio morto folgorato nel Ferrarese
L’uomo stava facendo manutenzione a un impianto elettrico
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
27 maggio 2020
15:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un operaio italiano di 60 anni è morto, probabilmente folgorato, mentre stava facendo lavori di manutenzione all’impianto elettrico di una cartiera a Mesola, in provincia di Ferrara. È successo intorno alle 14.20. Sul posto i carabinieri e personale di Medicina del lavoro. L’uomo, di Porto Tolle (Rovigo) è morto per arresto cardiocircolatorio, ma probabilmente verrà fatta l’autopsia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Arcuri: ‘Entro fine settembre solo mascherine italiane’
Il commissario per l’emergenza: ‘Non dipenderemo più dalle importazioni. Da giugno 31 milioni di pezzi al giorno’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 maggio 2020
16:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A settembre ci saranno sul mercato solo mascherine chirurgiche italiane: lo ha garantito il commissario per l’emergenza Domenico Arcuri in commissione Affari sociali alla Camera, sottolineando che per quella data la produzione italiana sarà a pieno regime. “Perché in giro si vedono ancora le mascherine cinesi? Le aziende italiane, poverine, ci mettono qualche tempo a raggiungere la produzione massima. In Cina le fanno da qualche decennio. Ma a settembre non ci saranno più mascherine cinesi, perché quelle italiane basteranno al nostro fabbisogno”.
Arcuri ha poi ricordato che oltre alla riconversione di 135 imprese che hanno iniziato a produrre i Dpi, lo Stato ha avviato la produzione delle macchine necessarie a realizzare i dispositivi. “Abbiamo fatto un accordo con due grandi aziende italiane che stanno producendo 51 macchine che a regime, entro giugno, produrranno 31 milioni di mascherine chirurgiche al giorno”. E dunque, ha concluso, “la conversione delle imprese e la produzione di macchine ci fa ritenere che, al più tardi alla fine di settembre, non dipenderemo più dall’importazione dei dispositivi da altri luoghi del mondo”.
Quanto alle imprese che si sono riconvertite, Arcuri ha sottolineato che ad oggi sono in essere contratti con 19 aziende “che hanno ricevuto da noi ordini per un miliardo e 823 milioni di mascherine, ad un prezzo medio di vendita di 42 centesimi”. Ordini “che sono superiori al totale delle mascherine chirurgiche che abbiamo acquisito in Cina da 15 fornitori, che ci daranno complessivamente un miliardo e 807 milioni di mascherine”.
“Stiamo facendo un accordo con l’Ordine dei medici – ha quindi annunciato – per rifornire di mascherine chirurghi e dentisti: garantiremo loro 10 milioni al mese” di dispositivi. Per quanto riguarda gli esami di maturità, “a partire dal 17 giugno e per dieci giorni, garantiremo a tutte le scuole le mascherine per il personale docente, non docente e anche per gli studenti che la dovessero perdere per strada o dimenticare”.
“Con il Comitato tecnico scientifico, inoltre, valutiamo se introdurre modalità più veloci e meno dipendenti dai reagenti per fare i tamponi, come le macchine aperte e i kit. L’Italia è il Paese, tra i più grandi, in cui si fanno più tamponi al mondo. Non ne facciamo abbastanza, però, perché siamo uno Stato sostanzialmente federalista nella sanità e le Regioni hanno comportamenti molto diversi nei test. I reagenti per estrazione, d’altronde, sono carenti in tutto il mondo. Non solo, in Italia esistono 211 laboratori accreditati per i tamponi che sovente usano combinazioni di reagenti di amplificazione e di estrazione differenti: quindi,
bisogna acquisire un numero ampio di prodotti”.
Spazio, infine, per un’altra polemica: “Ringrazio l’onorevole Noja (Lisa Noja, di Italia Viva, ndr) per l’approfondimento sul sistema che fornisce i dati. Lungi da me il dichiarare che sia disonesto chi contesta i dati: io cerco sempre di misurarmi con le legittime
contestazioni, purché siano informate. Il commissario rende edotti i cittadini del lavoro che fa. Ma non trovo coerente con i principi basilari dell’emergenza contestare se non si è informati. Chiedo quindi che il valore del lavoro che facciamo venga conosciuto, specie in questa sede, prima di contestarlo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Ndrangheta, restano in carcere Rosso e Burlò
Respinta richiesta domiciliari per ex assessore e imprenditore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
RINO
27 maggio 2020
17:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
27 maggio 2020
17:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Restano in carcere l’ex assessore regionale del Piemonte Roberto Rosso e l’imprenditore Mario Burlò, rinviati a giudizio nell’ambito dell’inchiesta ‘Fenice’ sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta in Piemonte. Il giudice del tribunale di Torino Elena Rocci ha respinto le istanze che chiedevano la sostituzione del carcere con gli arresti domiciliari. “Rispettiamo tutti i provvedimenti dei giudici anche se dopo 6 mesi che Burlò è detenuto siamo un po’ sconcertati”, dichiara l’avvocato Domenico Peila, che difende Burlò. Nei giorni scorsi erano state respinte anche le istanze per i domiciliari presentate dai legali dell’imprenditrice Enza Colavito e di Carlo De Bellis. “Auspico che emerga la realtà durante il dibattimento”, conclude l’avvocato di Colavito, Alessandro Paolini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Primo paziente a Covid Center Civitanova
Direttore Av 3, struttura serve e sarà utile oltre emergenza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CIVITANOVA MARCHE
27 maggio 2020
17:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È arrivato nel pomeriggio il primo dei sette pazienti affetti da coronavirus che saranno ricoverati nel nuovo Covid Center di Civitanova Marche. È stato trasferito dall’ospedale di Camerino, così come il secondo paziente, il cui arrivo a Civitanova è atteso sempre in giornata. “Gli altrI 5 malati verranno invece trasferiti tra domani e venerdì”, ha spiegato il direttore dell’Area Vasta 3, Alessandro Maccioni prima dell’arrivo dell’ambulanza che ha varcato l’ingresso del piazzale antistante l’ospedale e si è ‘infilata’ nella cosiddetta “camera calda” con il paziente preso in carico dal personale sanitario da lunedì in servizio al Covid Center.
“Tra medici, anestesisti, infermieri e operatori socio sanitari si alterneranno una quarantina di persone – ha riferito – Per il momento verranno trasferiti qui solo malati ricoverati a Camerino”. “Sono convinto che la struttura serva – ha ribadito Maccioni replicando ad alcune polemiche – e tornerà utile in futuro al di là dell’emergenza pandemica”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Appello, ergastolo per killer Jessica
A Milano confermato verdetto per brutale omicidio della 19enne
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
27 maggio 2020
18:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Corte d’assise d’appello di Milano ha confermato la condanna all’ergastolo con rito abbreviato per Alessandro Garlaschi, il tranviere accusato del brutale omicidio di Jessica Valentina Faoro, la ragazza di appena 19 anni che venne uccisa con 85 coltellate il 7 febbraio 2018 nell’appartamento dell’uomo in via Brioschi. Garlaschi, ora 41enne, uccise la giovane, alla quale aveva offerto una stanza in cambio di lavori domestici, per il rifiuto di lei alle sue avance. Inoltre tentò anche di bruciarne il corpo.
La Corte ha dunque accolto la richiesta del sostituto pg Daniela Meliota, che aveva chiesto la conferma del verdetto emesso nel dicembre 2018 a carico di Garlaschi, che ha assistito al processo dal carcere in videoconferenza. “Avergli dato l’ergastolo non è sufficiente per quel che ha fatto”, ha commentato Anna Maria Natella, mamma di Jessica.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Calabria stretta trasporti pubblici
Garantite linee per servizi essenziali e chiesta sanificazione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
27 maggio 2020
18:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La presidente della Regione Calabria Jole Santelli ha emesso un’ordinanza sul servizio di trasporto pubblico su gomma contenente misure restrittive. Nel provvedimento si afferma che sono “garantiti i trasporti verso strutture o centri sanitari e ospedali; per il pendolarismo lavorativo nelle fasce di punta; per l’accesso ai capoluoghi di provincia per fruire dei servizi istituzionali essenziali; per l’accesso agli insediamenti produttivi per le attività economiche in attività; per i servizi necessari a raggiungere gli esercizi autorizzati alla vendita di derrate alimentari e beni di prima necessità; nonché le interconnessioni per l’accesso alle stazioni ferroviarie ed autostazioni”. Le società dovranno comunicare “il mantenimento delle linee strettamente indispensabili per garantire i servizi essenziali che comunque non dovranno superare il 70% di quelli già autorizzati nel programma di esercizio”.Un successivo provvedimento “disporrà le misure di mitigazione dei danni provocati dall’ emergenza”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Aiuto Scajola a Matacena non lecito”
Depositate motivazioni sentenza condanna giudici Reggio Calabria
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
REGGIO CALABRIA
27 maggio 2020
18:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Dal punto di vista oggettivo la condotta di Scajola e della Rizzo è certamente strumentale a consentire a Matacena di protrarre la sottrazione all’esecuzione della pena che gli è stata inflitta a seguito di processo svoltosi con tutte le garanzie previste dall’ ordinamento democratico per uno dei reati di massima offensività”. Così i giudici del Tribunale di Reggio Calabria nelle motivazioni della sentenza con cui, il 24 gennaio scorso, hanno condannato a 2 anni l’ex ministro dell’Interno, ora sindaco di Imperia, Claudio Scajola e ad un anno Chiara Rizzo, per procurata inosservanza della pena dell’ex deputato di Fi Amedeo Matacena, latitante a Dubai dopo una condanna a 3 anni per concorso esterno in associazioni mafiosa. Per i giudici è emerso “un interesse ad aiutare Matacena per ottenere asilo politico in Libano a seguito di una richiesta della moglie Chiara Rizzo”, e la condotta di Scajola “non si è esaurita in aiuto lecito al latitante”, per l’esistenza di “indubbi e consolidati” rapporti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bologna, confermato in appello l’ergastolo per Igor il russo
Il killer serbo, detenuto in carcere, rinuncia anche alla videoconferenza: ‘Non sono fondamentale’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
27 maggio 2020
19:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ergastolo confermato in appello a Bologna per Norbert Feher. La sentenza per il serbo, conosciuto come ‘Igor il russo’, detenuto in Spagna, è stata letta dopo un’ora e mezza di camera di consiglio dalla Corte d’assise d’appello, presieduta dal giudice Orazio Pescatore, che ha accolto la richiesta del sostituto procuratore generale Valter Giovannini. La difesa aveva invece chiesto di disporre una perizia psichiatrica.
Feher, arrestato nel dicembre 2017 dopo 8 mesi di latitanza, risponde degli omicidi del barista di Budrio Davide Fabbri e del volontario di Portomaggiore Valerio Verri e del tentato omicidio del poliziotto provinciale Marco Ravaglia (oggi presente in aula), commessi l’1 e l’8 aprile 2017, tra Bolognese e Ferrarese.
“Abbiamo visto ghignanti sorrisi sparire al cospetto del tunnel carcerario dal volto di tanti analoghi e feroci assassini – ha detto Giovannini nella sua requisitoria – Fatalmente, accadrà anche per costui che mai, dico mai, ha speso mezza parola di rimorso per quanto fatto e di rispetto per le persone del tutto incolpevoli verso le quali si è autopromosso feroce carnefice. Fate spegnere lentamente, applicando la legge, quel ghigno nei prossimi lunghi decenni che Igor passerà in carcere”.
“Tra i criteri di valutazione della personalità e quindi per adeguare la pena – ha detto ancora il pg – rientra obbligatoriamente il comportamento post delictum. Ebbene, fuggito dalla Spagna, costui cosa fa? Rapina e poi ammazza a sangue freddo altre tre persone”. Feher infatti, prima di essere arrestato, assassinò due agenti della Guardia civil e un allevatore, nella zona di Teruel, in Aragona. E in precedenza aveva tentato di uccidere altre due persone. Giovannini ha quindi mostrato foto del processo spagnolo dove il killer serbo sorride e fa il segno della vittoria con le dita.
Feher, nel carcere di La Coruna, non ha presenziato all’udienza neppure in video, definendo la sua presenza non fondamentale. E’ stato assolto da un’imputazione, una tentata rapina ai danni di un pachistano, tra i due delitti, ma non cambia nulla in termini di pena.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Protesta a Milano, c’è assembramento
Vogliono fare corteo ma è vietato, polizia blocca partenza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
27 maggio 2020
19:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Chiedono il corteo i manifestanti dei sindacati di base e dei centri sociali riuniti sotto il Palazzo di Regione Lombardia, a Milano. I manifestanti sono schierati e vorrebbero partire. Di fronte a loro, un cordone di Polizia e Carabinieri con caschi e scudi. Le misure di sicurezza per il contenimento al Coronavirus al momento impediscono cortei consentendo solo presidi. I manifestanti, oltre seicento, sono assembrati e vicinissimi alle forze dell’ordine a cui gridano: “Voi siete onesti fateci passare.
Abbiamo il diritto di manifestare”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fase 2: Piemonte, obbligo delle mascherine all’aperto per il ponte 2/6
Il governatore Cirio ha firmato l’ordinanza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
27 maggio 2020
19:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mascherine obbligatorie all’aperto in Piemonte, nei centri abitati e nelle aree commerciali, nel lungo ponte del 2 giugno. Il presidente della Regione, Alberto Cirio, ha firmato l’ordinanza valida per il periodo dal 29 maggio alla Festa della Repubblica.
L’obbligo non vale mentre si pratica attività sportiva e motoria.
“Di concerto con le Prefetture – spiega Cirio -, alla luce di quanto avvenuto nei giorni scorsi con la movida e durante il passaggio delle Frecce Tricolori, abbiamo ritenuto necessario un irrigidimento delle norme di uso della mascherina all’aperto in vista del weekend lungo del 2 giugno. Una precauzione per non vanificare questi mesi di sacrificio e per ricordare a ognuno di noi che, oggi più che mai, i nostri comportamenti sono fondamentali per impedire alla curva del contagio di tornare a crescere”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Ndrangheta: appalti pilotati per favorire le cosche
Decine di arresti in tutta Italia, coinvolti anche 11 funzionari pubblici
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 maggio 2020
08:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un cartello criminale composto da imprenditori e funzionari pubblici per pilotare gli appalti e agevolare le cosche della ‘Ndrangheta. Lo ha scoperto la Guardia di Finanza che sta eseguendo decine di arresti in diverse regioni italiane. L’indagine, coordinata dalla Dda di Reggio Calabria, ha preso di mira i profili ‘imprenditoriali’ dei Piromalli, la cosca che opera nella Piana di Gioia Tauro. I finanzieri stanno eseguendo anche sequestri di beni e imprese per oltre 103 milioni.
I provvedimenti cautelari e i sequestri, nei quali sono impegnati circa 500 finanzieri dei comandi provinciali e dello Scico, sono scattati in Calabria, nelle province di Reggio Calabria, Catanzaro, Cosenza e Vibo Valentia, in Sicilia tra Messina, Palermo, Trapani e Agrigento, in Campania – a Benevento e Avellino -a Milano e Brescia in Lombardia e ad Alessandria, Gorizia, Pisa, Bologna e Roma.
L’operazione, coordinata dal procuratore di Reggio Calabria Giovanni Bombardieri e denominata ‘Waterfront’, è l’epilogo delle indagini sull’ ala imprenditoriale dei Piromalli. Dagli accertamenti, infatti, è emersa l’esistenza di un cartello composto da imprenditori e pubblici ufficiali ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla turbativa d’asta aggravata dall’agevolazione mafiosa, frode nelle pubbliche forniture, corruzione ed altri reati. Sono 11 i funzionari pubblici coinvolti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Truffa in vendita pellet, 4 arresti
Operazione Gdf e Carabinieri di Roma
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
28 maggio 2020
08:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Militari dei Comandi Provinciali della Guardia di Finanza e dei Carabinieri di Roma hanno arrestato quattro persone, tutte residenti nella zona del litorale laziale, artefici di una maxi truffa ai danni di centinaia di consumatori. Le indagini, scaturite dalle querele sporte da numerose persone che lamentavano partite di pellet pagate e mai ricevute, sono state condotte dalla Compagnia dei Carabinieri di Anzio e dalla Compagnia della Guardia di Finanza diNettuno, coordinate dalla Procura della Repubblica di Velletri. Gli accertamenti svolti hanno consentito di identificare i promotori ed organizzatori della truffa i quali, attraverso lo schermo di una società di Nettuno, acquisivano on line gli ordinativi dei clienti avvalendosi del sito internet o contratti conclusi da intermediari, incassando il corrispettivo del materiale, che omettevano però di consegnare.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Droga: sgominata organizzazione, arresti
Narcotrafficanti pakistani e afghani rifornivano la Capitale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
28 maggio 2020
08:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia capitolina, nei confronti di 10 persone originarie del Pakistan e dell’Afghanistan per traffico internazionale di eroina.
L’organizzazione criminale aveva stabilito a Roma la base operativa da cui coordinare le importazioni per tutta l’Europa(oltre all’Italia, Gran Bretagna, Grecia, Olanda e Francia), in gran parte operate utilizzando i cosiddetti “ovulatori” o “ingoiatori”. L’operazione è stata denominata “Opium”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Appalti pilotati per favorire cosche
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
REGGIO CALABRIA
28 maggio 2020
08:46
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un cartello criminale composto da imprenditori e funzionari pubblici per pilotare gli appalti e agevolare le cosche della ‘Ndrangheta. Lo ha scoperto la Guardia di Finanza che sta eseguendo decine di arresti in diverse regioni italiane. L’indagine, coordinata dalla Dda di Reggio Calabria, ha preso di mira i profili ‘imprenditoriali’ dei Piromalli, la cosca che opera nella Piana di Gioia Tauro. I finanzieri stanno eseguendo anche sequestri di beni e imprese per oltre 103 milioni. L’operazione, coordinata dal procuratore di Reggio Calabria Giovanni Bombardieri e denominata ‘Waterfront’, è l’epilogo delle indagini sull’ala imprenditoriale dei Piromalli. Dagli accertamenti, infatti, è emersa l’esistenza di un cartello composto da imprenditori e pubblici ufficiali ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata alla turbativa d’asta aggravata dall’agevolazione mafiosa, frode nelle pubbliche forniture, corruzione ed altri reati. Sono 11 i funzionari pubblici coinvolti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sgominata banda spacciatori movida
Si finanziava anche con furti di computer nelle scuole
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
28 maggio 2020
08:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una banda di 10 spacciatori che agiva in particolare nelle ore della movida del Vomero a Napoli è stata sgominata dai Carabinieri che hanno accertato che il gruppo si finanziava anche con furti di computer delle scuole Le cessioni di stupefacenti, a minori e maggiorenni, potevano avvenire con due modalità: o attraverso la cessione diretta in piazza Immacolata, dove nel corso delle serate stazionavano alcuni degli indagati in attesa dei clienti, o con la cosiddetta modalità itinerante che consisteva nel ricevere l’ordinativo telefonicamente ed effettuare la consegna tramite pusher che raggiungeva il cliente a bordo di scooter. All’epoca dei fatti uno degli indagati lavorava come barista all’interno di un bar in piazza Medaglie d’Oro il quale durante lo svolgimento della sua attività lavorativa effettuava cessioni di stupefacente da dietro il bancone.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Corruzione, indagine su Regio Torino
Nei guai ex sovrintendente, dipendente Fondazione e imprenditori
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
28 maggio 2020
09:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Perquisizioni della guardia di finanza nell’ambito di una inchiesta sul Teatro Regio di Torino.
Le accuse per i 4 indagati sono di corruzione, turbativa d’asta e abuso d’ufficio. Coinvolte due società, una elvetica. Le perquisizioni sono in corso a Torino, Milano, Asti, Fermo e Ancona.
Secondo l’operazione Spartito, coordinata dal procuratore aggiunto Enrica Gabetta e il pm Elisa Buffa, esisteva un legame tra l’ex sovrintendente William Graziosi, indagato, e un’agenzia teatrale svizzera, che avrebbe visto crescere il fatturato in seguito alla scritturazione dei suoi artisti. Sono emerse anche presunte irregolarità per la conferma di Graziosi, poi non avvenuta, e nell’affidamento di incarichi a persone a lui vicine per il marketing del Teatro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Soldi a estero, sequestri per 3 mln
Blitz Guardia di Finanza di Olbia su mandato Procura Tempio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TEMPIO PAUSANIA
28 maggio 2020
09:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I finanzieri del comando provinciale di Sassari hanno eseguito questa mattina una serie di misure cautelari e di sequestri di beni per oltre 3milioni di euro. A portare ai provvedimenti odierni sono stati gli esiti dell’operazione “All Blacks”, condotta dai militari del gruppo di Olbia sotto il coordinamento del procuratore di Tempio, Gregorio Capasso, e del sostituto procuratore Nadia La Femina.
Le accuse sono esterovestizione e frode fiscale internazionale tra la Costa Smeralda, Malta e gli Emirati Arabi. Ulteriori dettagli saranno forniti in mattinata nel corso di una conferenza stampa convocata dalla Procura, alle 12.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Walter Tobagi, 40 anni fa l’omicidio. Omaggio di Mattarella
‘Era un giornalista libero. Barbaramente ucciso rappresentava ciò che i brigatisti negavano’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 maggio 2020
11:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Walter Tobagi fu ucciso barbaramente perché rappresentava ciò che i brigatisti negavano e volevano cancellare. Era un giornalista libero che indagava la realtà oltre gli stereotipi e pregiudizi, e i terroristi non tolleravano narrazioni diverse da quelle del loro schematismo ideologico”. A quarant’anni dall’assassinio del giornalista del Corriere della sera, Walter Tobagi, avvenuta a Milano il 28 maggio 1980, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ne ricorda il coraggio e l’autorevolezza sulle pagine del quotidiano di via Solferino. “Era un democratico, un riformatore, e questo risultava insopportabile al fanatismo estremista”, sottolinea Mattarella ricordando che “Tobagi è morto giovanissimo. A trentatré anni aveva già dimostrato straordinarie capacità, era leader sindacale dei giornalisti lombardi, aveva al suo attivo studi, saggi storici, indagini di carattere sociale e culturale”. E, ancora ricorda che “è stato ucciso in quei mesi, in cui altri uomini dello Stato, altri eroi civili, cadevano a Milano e in tutta Italia per fedeltà a quei principi di convivenza che la Mitologia rivoluzionaria, le trame eversive, le organizzazioni criminali di diversa natura volevano colpire”.
Il Capo dello Stato, che esprime i “sentimenti di vicinanza alla famiglia Tobagi” sottolinea che “per il suo giornale Walter Tobagi è più di un simbolo: è esempio di un giornalismo libero, che non si piega davanti alla minaccia, che non rinuncia allo spirito critico nel raccontare la realtà, che vive nel pluralismo”. “Questo giorno di memoria è importante per il ‘Corriere della Sera’, che ha avuto in Tobagi una delle sue firme più prestigiose, e lo è per tutta la stampa italiana: la società è cambiata in questi decenni – scrive Mattarella – ma la sfida della libertà, dell’autonomia, dell’autorevolezza della professione giornalistica è sempre vitale. Il desiderio di scavare nella realtà per portare alla luce elementi nascosti, oltre a essere buon giornalismo, aiuta anche a trovare semi di speranza. Di questo – conclude il presidente – abbiamo bisogno”:L’Aula del senato ha osservato un minuto di silenzio e tributato un applauso unanime alla memoria di Walter Tobagi, nel quarantesimo anniversario della sua uccisione. “Il suo sacrificio non può e non deve mai essere dimenticato”, ha detto la presidente Elisabetta Alberti Casellati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Walter Tobagi fu “un uomo di grande intelligenza e lucida capacità di analisi, si era dedicato con passione a studiare e raccontare le complesse cause di uno dei periodi più difficili e drammatici della nostra storia. Irremovibile difensore della libertà di stampa e del diritto di cronaca, era anche consapevole che il vero giornalismo non si fa rincorrendo la notizia, ma ricostruendo la verità con pazienza, scrupolo, perseveranza e onestà intellettuale”. Lo dice nell’Aula del Senato la presidente Elisabetta Alberti Casellati ricordando il giornalista ucciso da un commando del gruppo terroristico della Brigata XXVIII marzo. “Fu proprio la sua grande professionalità e il coraggio di difendere questi valori che lo fecero diventare un bersaglio della violenza del terrorismo. Una violenza che si è macchiata del sangue di troppi innocenti eroi della normalità. Donne e uomini colpiti per la sola colpa di avere interpretato il loro ruolo nella società con impegno e grande senso del dovere. Cittadini per bene, il cui sacrificio non può e non deve mai essere dimenticato”, conclude.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Card. Bassetti, sul lavoro basta slogan
Per presidente Cei se non ci sarà ripresa rischio povertà
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
28 maggio 2020
09:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Basta con gli slogan e le parole roboanti!. Se non ci sarà ripresa, molte persone non riusciranno più a ritornare a galla e sarà facile scivolare sotto la soglia di povertà”: così il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, parlando del tema della ripresa del lavoro. “Una sapiente e oculata gestione delle risorse – aggiunge -, la collaborazione con tutti i corpi intermedi del terzo settore, che si dedicano alla rete di protezione sociale, possono favorire ‘il piano per risorgere’, di cui ha parlato Papa Francesco.
Nell’ultima ‘lettera di collegamento’ alla comunità di Perugia-Città della Pieve della quale è arcivescovo, Bassetti si è soffermato sul ‘piano per risorgere’. “Prevedo – ha scritto, secondo quanto reso noto dalla stessa diocesi – tre campi di lavoro: il primo e più urgente è l’aiuto alimentare, che ha già visto tanta generosità durante questi mesi. Il secondo, le spese per la gestione della casa: utenze e consumi, un bisogno che sta emergendo e diventerà primario nell’estate”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
2 giugno:Frecce Tricolori sorvolano Bari
Pattuglia acrobatica ‘abbraccia’ la città con la scia tricolore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
28 maggio 2020
10:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ arrivato a Bari il giro d’Italia delle Frecce Tricolori che in occasione delle celebrazioni per il 74esimo anniversario della proclamazione della Repubblica Italiana, sta sorvolando dallo scorso 25 maggio tutti i capoluoghi di regione. La Pattuglia acrobatica ha sorvolato il Lungomare di Bari comparendo con la scia tricolore verso le 9.30 da sud, al largo della spiaggia di Pane e Pomodoro, per proseguire in direzione nord verso il porto, i quartieri costieri di San Girolamo e Fesca, e dopo avere virato al largo di Palese è rientrata verso la città. Il tricolore lasciato al suo passaggio è stato visibile anche dai quartieri più interni.
Molta gente è riuscita a catturare dai balconi e per strada gli attimi del rapido passaggio delle Frecce, ma l’arrivo a sorpresa (l’orario non era stato ufficializzato) ha evitato che si creassero per strada grossi assembramenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Delitto Rosboch,in carcere G. De Filippi
Aveva ottenuto i domiciliari perché positivo al coronavirus
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
28 maggio 2020
10:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Torna in carcere Gabriele De Filippi, condannato a 30 anni in Cassazione lo scorso dicembre per l’omicidio di Gloria Rosboch, l’insegnante del Canavese scomparsa il 13 gennaio 2016 e ritrovata morta un mese dopo. De Filippi era uscito dal carcere di Torino, dopo essere risultato positivo al Coronavirus i primi di aprile, su decisione del Tribunale di Sorveglianza di Torino. Ieri la decisione di riportarlo in carcere, dopo la comunicazione che è risultato negativo ai due tamponi. I carabinieri della stazione Borgo Dora lo hanno condotto in carcere.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bassetti, grazie a medici e a insegnanti
Presidente Cei cita tanti, da sanitari a chi assistito disabili
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
28 maggio 2020
10:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Esprime gratitudine a quanti hanno operato per mitigare gli effetti della pandemia, il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Cei e arcivescovo di Perugia-Città della Pieve. “Un grazie particolare – afferma nella lettera di collegamento ai fedeli – ai medici, agli infermieri, agli operatori sanitari, agli amministratori, agli operatori sociali, ai lavoratori dei servizi essenziali, agli insegnanti e docenti che hanno seguito i ragazzi e i giovani con tanta passione educativa, in particolare coloro che hanno curato i disabili, che nell’accoglienza in chiesa dovrebbero essere messi al primo posto”. “E tanti – ha affermato ancora il presidente della Cei – mi hanno espresso apprezzamenti per i nostri sacerdoti, che hanno trovato mille modi per restare vicino alla gente, per esprimere parole di incoraggiamento, di consolazione, di prossimità e di carità”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In aula con roncola, denunciato avvocato
Ha detto che doveva esibirla in processo per ricostruire vicenda
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
28 maggio 2020
10:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Denunciato dai Carabinieri di Vicenza per porto abusivo d’arma perchè trovato con una roncola all’interno del Palazzo di Giustizia. Protagonista della vicenda un avvocato padovano che si era recato in Tribunale per difendere una persona imputata in un processo per lesioni. Il legale ne ha giustificato il possesso riferendo che doveva esibirla al giudice per la ricostruzione dei fatti in aula.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Usura: dà 20mila euro e ha casa da 1 mln
Nel Barese, Gdf sequestra stabile profitto del reato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
28 maggio 2020
11:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Era entrato in possesso di un immobile del valore di un milione di euro in cui viveva una donna alla quale aveva prestato due somme di denaro, acquisendo un vantaggio usuraio pari al 3.000%. E’ accaduto ad Altamura (Bari) dove la Gdf ha eseguito un decreto di sequestro preventivo dell’immobile che rappresenta il profitto del reato, nei confronti di un 60enne già condannato in via definitiva per delitti contro la Pubblica amministrazione. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, la donna, una casalinga senza reddito, viveva con i genitori nell’immobile. Quando suo padre, proprietario della casa, è morto, la donna si è trovata in difficoltà anche per le spese ordinarie, tra cui le bollette. A questo punto ha accettato 20mila euro dal 60enne che ha chiesto e ottenuto come garanzia, anche a fronte di un ulteriore prestito, il 100% della nuda proprietà dell’immobile.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Solinas, da Boccia litania neocentrista
Governatore Sardegna,dica invece come vuole riaprire tra Regioni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
28 maggio 2020
11:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Dal ministro Boccia non ci saremmo aspettati l’inutile litania neocentralista che vuole riaffermare una supremazia prepotente dello Stato rispetto alle Regioni nell’architettura della Repubblica come definita da novellato titolo V”. Così il governatore della Sardegna Christian Solinas dopo le dichiarazioni del ministro sulla incostituzionalità del passaporto sanitario. “Dal ministro ci saremmo aspettati, a pochi giorni dal 3 giugno, una proposta di soluzione chiara sulle riaperture tra Regioni”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Protesta azionisti BpB,pochi 30mln Fitd
‘Titoli pagati 9 euro ce li rimborsano a 0,18, servono 800 mln’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
28 maggio 2020
12:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una catena umana per dire “no alla trasformazione in Spa” e per “respingere al mittente l’iniziativa del Fondo interbancario” per il salvataggio della Banca Popolare di Bari: è quanto organizzato questa mattina dal Comitato indipendente degli azionisti dell’istituto di credito barese che stanno protestando nel capoluogo pugliese. “Hanno stabilito uno stanziamento di 30 milioni di euro per gli azionisti che, facendo i conti, corrispondono a 0,18 euro ad azione a fronte degli oltre 9 euro che ci sono costate – spiega Saverio D’Addario, uno degli azionisti in protesta – . A queste condizioni non ci stiamo. Servono almeno 800 milioni di euro per ristorare i 70mila azionisti truffati. Senza un accordo su un adeguato ristoro, voteremo no alla Spa”. I manifestanti, partendo dalla sede della banca di corso Vittorio Emanuele, hanno formato la catena umana, legati uno all’altro dal nastro bianco e rosso, fino alla Banca d’Italia dove hanno tenuto il sit-in con cartelli, fischietti e megafono.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Veneto, 8 nuovi casi
In terapia intensiva rimangono 34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
28 maggio 2020
13:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 8 i nuovi casi di positività al Coronavirus registrati stamane in Veneto, per un dato totale di 19.125 soggetti dall’inizio dell’epidemia. Nessun decesso è avvenuto da ieri sera. Il dato complessivo dei morti resta perciò fermo a 1.898. Le persone attualmente positive sono 2.025, i negativizzati virologici 15.202, i pazienti in isolamento domiciliare 2.142. In terapia intensiva rimangono 34 malati, 426 i ricoverati in area non critica.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Rimini spunta ‘arcobaleno’ in spiaggia
Titolare del bagno 27: ‘Portiamo avanti i valori del Pride’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
RIMINI
28 maggio 2020
13:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quest’anno niente Gay Pride sul lungomare di Rimini, per le restrizioni anti-Covid, e così un bagno dipinge l’arcobaleno sulla pedana che porta in spiaggia.
L’idea è di Stefano Mazzotti, titolare del bagno 27, che ha condiviso gli scatti su Instagram e ha deciso di ispirarsi ai colori della parata in solidarietà alla comunità Lgbt.
“Per noi – ha spiegato Mazzotti – è un modo per portare avanti i valori che il Pride ha trasmesso qui a Rimini.
Non averlo quest’anno è una perdita”. “Siamo sempre stati un’azienda impegnata nella tutela dei diritti delle minoranze – prosegue il balneare – Il nostro è un luogo libero, ci piace fare in modo che la gente si esprima per quello che è”.
Quest’anno un gesto così forte, ha aggiunto, “perché negli ultimi tempi è venuta fuori la parte più becera delle persone che vedono gli altri come diversi, nemici”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Venezia: riapre Caffè Quadri a S.Marco
Avventori sono residenti o turisti giornata, niente orchestrine
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
28 maggio 2020
14:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza San Marco tenta la ripartenza senza il sottofondo musicale delle orchestrine dei caffè storici e puntando sul turismo di giornata. A tirare la volata, a Venezia, delle riaperture illustri ci ha pensato stamane il Gran Caffè Quadri. Di primo mattino i camerieri hanno allestito i tavoli all’esterno e accolto i primi avventori nel Quadrino, il bistrò di piano terra. Ai tavoli, per ora, in pochi: una famiglia di turisti con due bambini, due ragazze e molti anziani, sicuramente locali e affezionati clienti, che non hanno perso l’occasione di bere seduti il primo caffè in Piazza. Unici non italiano alcuni soldati della Base militare Usa di Vicenza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Abusa e picchia la fidanzata, arrestato
A Taranto, perseguita anche ex della ragazza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
28 maggio 2020
15:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ha abusato e ha tentato di soffocare la sua fidanzata, e ha perseguitato e tentato di accoltellare l’ex fidanzato di lei: con le accuse di stalking, lesioni personali aggravate, violenza sessuale aggravata, porto di oggetti atti ad offendere e tentato omicidio, un 23enne di Taranto è stato arrestato dagli agenti della Squadra mobile.
Secondo quanto accertato dalle indagini, l’anno scorso il 23enne, dopo l’inizio di una relazione sentimentale con una coetanea, in preda ad una gelosia ossessiva ha iniziato a minacciare l’ex fidanzato della ragazza prima attraverso i social e, in seguito, pedinandolo e insultandolo ogni qualvolta lo incontrava per strada, fino ad aggredirlo fisicamente. In uno di questi episodi, il 23enne ha tentato di colpire il “rivale” all’addome con un grosso coltello. Lo stalker ha poi iniziato a perseguitare la propria fidanzata, sfociati spesso in violenze fisiche e psicologiche, fino a spingerla ad abbandonare gli studi e a isolarla dai suoi familiari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus, Fontana: ‘Dal 3 i lombardi saranno liberi di circolare’. Scontro tra Regione e Gimbe
Il presidente Cartabellotta accusa la Regione di fare magheggi sui numeri. ‘False e offensive le parole del presidente Cartabellotta’ secondo una nota del Pirellone. La Lombardia querela la Fondazione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 maggio 2020
18:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono convinto che dal 3 giugno i lombardi saranno liberi di circolare in tutta Italia”. Lo ha detto il presidente della Lombardia Attilio Fontana in diretta Facebook spiegando che i dati sono “tutti positivi e in miglioramento”. Per questo crede che “la Lombardia rientrerà sicuramente nel novero delle regioni che avranno libertà di movimento”, ha aggiunto. “Abbiamo esaminato i dati relativi alla Regione Lombardia che abbiamo inviato all’istituto superiore di sanità – ha spiegato Fontana – e abbiamo potuto evidenziare come siano tutti estremamente positivi e tutti in miglioramento rispetto alle precedenti settimane questo vuol dire che la situazione sta sostanzialmente migliorando”. “Credo quindi – ha aggiunto – che in previsione del provvedimento governativo in cui si stabilirà la riapertura delle singole Regioni, la possibilità di circolazione tra le diverse regioni credo che la Lombardia rientrerà sicuramente nel novero delle regioni che avranno libertà di movimento”. Il governatore si è detto “molto confidente sul provvedimento che verrà emanato dal governo”. “E sono convinto – ha concluso – che dal 3 i lombardi saranno liberi di circolare in tutta Italia”. Così il governatore lombardo risponde indirettamente alla Fondazione Gimbe che aveva posto dei paletti alla riapertura di Lombardia, Piemonte e Liguria
‘Gravissime, offensive e soprattutto non corrispondenti al vero’. Così la Regione Lombardia commenta, in una nota, le parole del presidente della Fondazione Gimbe Nino Cartabellotta che, a Radio 24, parlando della Lombardia, ha sostenuto che ‘si combinano anche magheggi sui numeri’. ‘In Lombardia i dati sono pubblicati in modo trasparente. Nessuno, a partire dall’Iss, ha mai messo in dubbio la qualità del nostro lavoro. E’ inaccettabile ascoltare simili affermazioni che ci auguriamo siano rettificate da chi le pronunciate’, conclude la nota. Poco dopo la decisione di querelare la Fondazione. “Regione Lombardia, attraverso il proprio ufficio legale, ha deciso di presentare una querela contro la fondazione Gimbe e il suo presidente Nino Cartabellotta”: lo comunica in una Nota la Regione Lombardia spiegando che si tratta di “un atto inevitabile, il nostro, dopo quanto affermato dal presidente della fondazione che, parlando dei dati sanitari della Lombardia, ha dichiarato, fra l’altro, che ‘si combinano anche dei magheggi sui numeri'”. Si tratta di “accuse intollerabili e prive di ogni fondamento – si legge nella nota – per le quali il presidente di Gimbe dovra’ risponderne personalmente. I nostri dati, come da protocollo condiviso da tutte le Regioni, vengono trasmessi quotidianamente e con la massima trasparenza all’Istituto Superiore Sanita’”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Durante 24 Mattino Le interviste di Radio 24, alla domanda di Maria Latella e Simone Spetia se in particolare la Lombardia sia tra le Regioni che ‘aggiustano i numeri per paura di essere fermate’, Cartabellotta ha detto: ‘la risposta è affermativa, anche perchè in Lombardia si sono verificate troppe stranezze negli ultimi tre mesi: soggetti dimessi che venivano comunicati come guariti alla Protezione civile e andavano ad alimentare il cosiddetto silos dei guariti, alternanza e ritardi nella comunicazione e trasmissione dei dati che sarebbe stata giustificata nella prima fase e molto meno ora. Come se ci fosse la necessità – ha detto Cartabellotta – di mantenere sotto un certo livello il numero dei casi diagnosticati’.
Secondo un’analisi della Fondazione Gimbe Lombardia, Piemonte e Liguria, non sono pronte, dal punto di vista epidemiologico, alla riapertura tra Regioni di cui si discute per il 3 giugno. “Le analisi post lockdown della fondazione Gimbe dimostrano che in queste tre Regioni si registra la percentuale più elevata di tamponi diagnostici positivi e il maggior incremento di nuovi casi”, si legge in una nota, diffusa dopo l’intervento del presidente del Gimbe Nino Cartabellotta a Radio 24, che ha provocato lo scontro con la Regione Lombardia. La Fondazione Gimbe, per arrivare alle sue conclusioni, ha valutato tre elementi nel periodo 4-27 maggio: percentuale di tamponi diagnostici positivi, tamponi diagnostici per 100mila abitanti, incidenza di nuovi casi per 100mila abitanti. Lombardia, Piemonte, Liguria, Puglia ed Emilia-Romagna risultano superiori alla media nazionale per quanto riguarda la percentuale di tamponi diagnostici positivi, ma anche per l’incidenza di nuovi casi per 100.000 abitanti: rispetto alla media nazionale, la Lombardia ne ha 96, la Liguria 76 e il Piemonte 63. “Il governo – commenta Cartabellotta – a seguito delle valutazioni del Comitato Tecnico-Scientifico si troverà di fronte a tre possibili scenari: il primo, più rischioso, di riaprire la mobilità su tutto il territorio nazionale; il secondo, un ragionevole compromesso, di mantenere le limitazioni solo nelle 3 Regioni più a rischio, con l’opzione di consentire la mobilità tra di esse; il terzo, più prudente, di prolungare il blocco totale della mobilità interregionale, fatte salve le debite eccezioni attualmente in vigore”. Negli ultimi 20 giorni la Lombardia ha avuto il 6% di tamponi diagnostici positivi, termine che indica i tamponi fatti per la diagnosi del Sars-Cov-2 ed esclude quelli eseguiti per confermare la guarigione virologica o per la necessità di ripetere il test. Un numero “particolarmente rilevante”, insieme a quello della Liguria, pari al 5,8%. A fronte di una media nazionale del 2,4% di tamponi diagnostici positivi, le altre regioni che ne hanno una percentuale più alta della media sono il Piemonte (con il 3,8%), la Puglia (3,7%) e l’Emilia Romagna (2,7%).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Da tempo abbiamo denunciato che la Lombardia comunica in un unico dato dimessi e guariti, e se i guariti sono sovrastimati Rt si abbassa”: lo afferma il presidente della Fondazione Gimbe Nino Cartabellotta dopo la replica della Regione Lombardia alle sue dichiarazioni a Radio 24 sui ‘dati aggiustati’, invitando la Regione a rendere disponibile tutti i dati in formato open “come fanno altre Regioni”. “Per i dimessi non si conosce il loro status di guarigione clinica o virologica e, come ‘casi attivi’ devono restare in isolamento domiciliare”, dice Cartabellotta. “Oltre alla distorsione del quadro epidemiologico nazionale (la Lombardia in alcune fasi dell’epidemia riportava oltre il 50% dei guariti), l’indice Rt utilizzato dal ministero della Salute, è condizionato dai casi chiusi, decessi e guariti. Di conseguenza, se i guariti sono sovrastimati l’Rt si abbassa. A questo va aggiunta – conclude il presidente Gimbe – la mancata disponibilità dei decessi su base provinciale e comunale. Infine, è impossibile verificare i dati come per altre Regioni visto che non sono disponibili in formato open”.
Dalla Lombardia vediamo una “smania quasi ossessiva nel riaprire perché è il motore economico d’Italia. Però la nostra grossa preoccupazione è che la Regione Lombardia sarà quella che uscirà per ultima da questa tragedia nazionale perché è ovvio che la volontà politica non è quella di dominare l’epidemia, ma di ripartire al più presto con tutte le attività e questo non lascia tranquilli”, ha detto il presidente della Fondazione Gimbe Nino Cartabellotta, a Mattino 24 l’Intervista di Radio 24, con Maria Latella e Simone Spetia. La Lombardia, ha aggiunto, “ha avuto probabilmente una enorme diffusione del contagio prima del caso di Codogno e probabilmente le misure del lockdown dovevano essere più rigorose e intensive. Avevamo chiesto ad esempio, la chiusura della Lombardia come successo a Wuhan, perché quel livello di estensione dei contagi così alto non poteva che essere la testimonianza che il virus serpeggiava in modo molto diffuso già a febbraio”. Questo, ha concluso il presidente Gimbe, “non è stato fatto, sono state prese una serie di non decisioni, come la mancata chiusura di Alzano e Nembro, che ha determinato la diffusione incontrollata nella bergamasca”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A domiciliari per Covid torna in carcere
E’ ritenuto referente cosca Arena a Catanzaro
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
28 maggio 2020
15:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Messo agli arresti domiciliari il 18 marzo scorso per ragioni di incompatibilità carceraria determinata dalla diffusione del virus Covid-19, stamani è stato arrestato e ricondotto in carcere da personale delle squadre mobili di Catanzaro e Crotone su delega della Dda catanzarese.
Si tratta di Nicolino Gioffrè, di 45 anni, condannato in primo grado a 13 anni e 4 mesi di reclusione per associazione mafiosa ed estorsione. Era stato arrestato nel maggio 2017 nell’ambito dell’operazione Jonny in quanto ritenuto “luogotenente” della cosca Arena e referente, per conto della stessa, sul territorio catanzarese. In virtù del suo ruolo di spicco, dalle indagini era emerso anche come partecipe di “summit” di ‘ndrangheta tesi a ristabilire i sempre precari equilibri tra cosche dei diversi territori. Avvalendosi anche del nuovo Dl 29 del 10 maggio scorso, il capo della Dda di Catanzaro Nicola Gratteri e il pm Domenico Guarascio hanno chiesto ed ottenuto dal Gip il ripristino della custodia cautelare in carcere.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Thyssen: manager chiedono la semilibertà, la rabbia delle famiglie
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
28 maggio 2020
17:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Hanno chiesto la semilibertà Harald Espenhahn e Gerald Priegnitz, i due manager tedeschi condannati in via definitiva nel 2016 per l’incendio della Thyssen in cui morirono sette operai. A renderlo noto è Rosina Platì, mamma di Giuseppe Demasi, una delle vittime del rogo del 2007. “E’ una farsa, una barzelletta, quando l’ho saputo mi è preso lo sconforto, ho pianto e sono stata malissimo”, dice la donna, che ha scritto al ministro della Giustizia Bonafede. “Attendo una sua telefonata, questa è l’ennesima pugnalata dritta al cuore…”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Thyssen: manager chiedono semilibertà
Mamma Demasi piange, è ennesima pugnalata al cuore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
28 maggio 2020
17:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Hanno chiesto la semilibertà Harald Espenhahn e Gerald Priegnitz, i due manager tedeschi condannati in via definitiva nel 2016 per l’incendio della Thyssen in cui morirono sette operai. A renderlo noto è Rosina Platì, mamma di Giuseppe Demasi, una delle vittime del rogo del 2007. “E’ una farsa, una barzelletta, quando l’ho saputo mi è preso lo sconforto, ho pianto e sono stata malissimo”, dice la donna, che ha scritto al ministro della Giustizia Bonafede. “Attendo una sua telefonata, questa è l’ennesima pugnalata dritta al cuore…”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Studenti in piazza, bocciamo il ministro
‘Maturità ancora poco chiara e a settembre vogliamo rientrare’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
COSENZA
28 maggio 2020
13:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Bocciamo il ministro non gli studenti” è lo striscione esposto dagli studenti cosentini stamani in piazza XI Settembre a Cosenza. Una trentina i ragazzi che con mascherine, seguendo le regole anti-contagio, sono in sit-in per chiedere di tornare a scuola. “Bocciamo il ministro perché mancano 20 giorni alla maturità e tutto è poco chiaro.
Tanti studenti ancora non hanno ottenuto i rimborsi per le gite annullate o per i trasporti pubblici dei quali non hanno usufruito” ha detto Eugenio De Fazio, portavoce degli studenti.
“La didattica a distanza – ha aggiunto – ha funzionato per pochi. Chi non ha un dispositivo adatto o una connessione performante è stato penalizzato. Poi sono stati stanziati troppi pochi soldi. Infine, non siamo d’accordo a settembre sul tornare a scuola metà classe e metà a distanza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Solinas, senza certificato stop imbarco
“Il 3 giugno è dietro l’angolo ma dal Governo nessuna soluzione”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
28 maggio 2020
17:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Chi arriva senza certificato, dal mio punto di vista, non può imbarcarsi in partenza, quindi non arriva in Sardegna”, Lo dice a Rai Radio1, ospite di Un Giorno da Pecora, il governatore della Sardegna Christian Solinas. “Il passaporto sanitario per il ministro Boccia è anticostituzionale? – ha aggiunto – Io da un ministro mi sarei aspettato qualche soluzione visto che manca poco al 3 giugno”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Lombardia 382 nuovi casi, +20 morti
In calo ricoveri.Crescono dati Bergamo e Brescia, stabile Milano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
28 maggio 2020
18:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 382 i nuovi contagiati in Lombardia con 15.507 tamponi effettuati per un totale di 88.183 positivi in regione. Ieri c’erano stati 216 nuovi casi a cui andavano aggiunti 168 tamponi effettuati nel corso della settimana a Bergamo. In calo i nuovi decessi che sono 20 (ieri 58) per un totale di 15.974 persone morte in regione. In calo sia i ricoveri in terapia intensiva (-2, 173) che negli altri reparti (-156, 3.470). Sono i dati resi noti da Regione Lombardia.
Sono in leggera crescita i dati sui nuovi contagiati nelle province lombarde: a Brescia si registrano 90 nuovi positivi (14.612 in totale), mentre ieri erano stati 33, e a Bergamo 69 nuovi positivi (13.244) mentre ieri erano stati 30.
Stabile la situazione a Milano, dove nella città metropolitana ci sono 76 casi in più (ieri 68), per un totale di 22.908, di cui 39 a Milano città (ieri 41) per un totale di 9.718. Sempre molto bassa la crescita del contagio a Lodi dove sono stati registrati 13 nuovi casi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: Ue, Italia rispetta principi
‘Ha affrontato pandemia al meglio delle sue possibilità’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
28 maggio 2020
13:46
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Era inevitabile che la pandemia creasse una situazione particolare soprattutto per i Paesi di primo ingresso” dei flussi migratori. Penso che Italia e Malta abbiano affrontato la situazione al meglio delle loro possibilità, e non credo che abbiano deviato rispetto ai valori ed ai principi che definiscono la politica migratoria dell’Ue”.
Così il vicepresidente dell’Ue, Margaritis Schinas, ad una domanda sulla gestione dei flussi migratori da parte di Italia e Malta.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ue: Prodi, recovery fund bella notizia
Abbiamo un livello di evasione incompatibile con economia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 maggio 2020
12:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il Recovery Fund è oggettivamente una bella notizia perché non ce la sognavamo neanche, diciamo la verità. Un mese fa ho scritto articoli durissimi perché si andava verso un’ Europa che marciava per conto suo o non marciava affatto. Questo è un grosso cambiamento. È giusto però fare anche un riflessione sulla necessità che venga reso legge effettiva”. Lo ha detto l’ex premier Romano Prodi, in un’intervista a InBlu Radio, il network delle radio cattoliche della Cei.
“Bisogna dimostrare – ha sottolineato Prodi – che l’Italia fa sul serio nell’equilibrio finanziario. Il problema oggi non è più la spesa ma le entrare. Abbiamo un livello di evasione fiscale che è incompatibile con un equilibrio economico. Questa grande mossa europea ci dà un grande aiuto ma poi bisogna lavorare nell’ordinaria amministrazione. O si fa una lotta sull’evasione fiscale o l’ Italia tra qualche mese ritornerà nei problemi di oggi. Con un’evasione fiscale media simile all’Europa noi avremo 60 miliardi di euro in più all’anno”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nek, pandemia non ferma Il mio gioco preferito
Esce Parte seconda. “Per ora niente live, ma valuto alternative”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 maggio 2020
12:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ogni promessa è debito. E così, dopo Il mio gioco preferito – Parte prima, Nek pubblica a distanza di poco più di un anno, la Parte seconda, in uscita il 29 maggio per Warner. In mezzo, un tour, una pandemia, un lockdown e ora una libertà ritrovata. “Ho avuto solo per un attimo il dubbio di non uscire con questo progetto – racconta il cantautore emiliano -, ma io fermo non ci sto neanche se mi puntano una pistola alla tempia. La musica non si ferma, la mia musica non si ferma.
Senza, morirei”.
Dieci brani, “alcuni scritti insieme ai sette usciti un anno fa, alcuni durante l’ultimo tour e altri in questo ultimo periodo – racconta Fiippo Neviani -. Ma il filo conduttore non si è perso, anzi. Il comun denominatore tra le due parti è parlare della vita, della mia o di quella degli altri come semplice portatore di emozioni”.
Per presentare il nuovo album, Nek ha realizzato un concerto senza pubblico nel Piazzale della Rosa a Sassuolo, la sua città.
Un live che sarà trasmesso il 29 maggio, dalle 21, in radiovisione su RTL 102.5, in streaming su http://www.rtl.it e poi su YouTube. “E’ un primo passo, in un momento in cui le alternative che si prospettano per i live sono diverse, da quelli con pochi spettatori allo streaming a pagamento, passando per i concerti in salotto. Stiamo cercando le soluzioni migliori per accontentare tutti, ma la macchina organizzativa è complessa. Al momento non ci sono appuntamenti live in vista”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Schmidt, musei statali restituiscano dipinti a chiese
‘Negli Uffizi uno dei capolavori sottratti, la Pala Rucellai’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
28 maggio 2020
12:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Credo che il momento sia giunto: i musei statali compiano un atto di coraggio e restituiscano dipinti alle chiese per i quali furono originariamente creati.
Il caso forse più importante di un capolavoro sottratto al suo contesto originale si trova proprio agli Uffizi: la Pala Rucellai di Duccio di Buoninsegna, che nel 1948 fu portata via dalla basilica di Santa Maria Novella”. Lo ha detto il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt, a margine della riapertura di Palazzo Pitti a Firenze. Secondo Schmidt “il modo più concreto per ripristinare il principio del ‘museo diffuso’, secondo la felice espressione di Antonio Paolucci, è che i musei statali comincino a riportare nei luoghi sacri i dipinti che per essi furono creati”. Nella loro sede originale ritroverebbero il giusto contesto architettonico-spaziale e il rapporto con le altre opere d’arte, con una ‘valorizzazione virtuosa’ dal punto di vista storico e artistico.
Il direttore delle Gallerie degli Uffizi ha anche parlato di guide turistiche ed educatori museali per i quali, secondo Schmidt, è necessario “istituire il prima possibile un ordine professionale”: “Solo così possiamo garantire la buona salute del settore turistico”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tobagi, Marcucci, eternamente grati
Ha compreso e spiegato complessità stagione drammatica
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 maggio 2020
11:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Walter Tobagi è stato un giornalista serio, un uomo rigoroso ed attento a comprendere e a spiegare la complessità della stagione drammatica che l’Italia stava vivendo. Gli siamo eternamente grati”.
Lo afferma il capogruppo del Pd al Senato Andrea Marcucci.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Corruzione, indagine su Regio Torino
Nei guai ex sovrintendente, dipendente Fondazione e imprenditori
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
28 maggio 2020
09:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Perquisizioni della guardia di finanza nell’ambito di una inchiesta sul Teatro Regio di Torino.
Le accuse per i 4 indagati sono di corruzione, turbativa d’asta e abuso d’ufficio. Coinvolte due società, una elvetica. Le perquisizioni sono in corso a Torino, Milano, Asti, Fermo e Ancona.
Secondo l’operazione Spartito, coordinata dal procuratore aggiunto Enrica Gabetta e il pm Elisa Buffa, esisteva un legame tra l’ex sovrintendente William Graziosi, indagato, e un’agenzia teatrale svizzera, che avrebbe visto crescere il fatturato in seguito alla scritturazione dei suoi artisti. Sono emerse anche presunte irregolarità per la conferma di Graziosi, poi non avvenuta, e nell’affidamento di incarichi a persone a lui vicine per il marketing del Teatro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Trapani non è più covid free: 4 positivi
Da 28 giorni non si registravano casi di coronavirus
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRAPANI
28 maggio 2020
02:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Trapani perde in poche ore il primato di provincia covid free dopo che sono stati registrati 4 nuovi casi. Lo conferma l’ufficio stampa dell’Asp.
I casi, dopo quello di Mazara del Vallo, sono a Calatafimi Segesta, Castelvetrano, Marsala. A Trapani da 28 giorni non si registravano nuovi casi di positivi al coronavirus.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Erdogan riapre isola Istanbul
A 60 anni da putsch, fu carcere premier Menderes poi giustiziato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ISTANBUL
27 maggio 2020
16:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si celebra oggi con una cerimonia nel 60/mo anniversario del primo golpe in Turchia la riapertura di Yassiada, una delle isole dei Principi al largo di Istanbul, dove vennero imprigionati e processati l’allora premier Adnan Menderes e due suoi ministri, prima di essere giustiziati nell’isola di Imrali, sempre nel mar di Marmara. A inaugurare la riapertura dell’isola, ribattezzata della Democrazia e delle Libertà, sarà il presidente Recep Tayyip Erdogan, che l’ha voluta come simbolo della lotta all’interventismo armato dell’esercito contro le istituzioni civili in Turchia. L’inaugurazione assume ulteriore rilievo visti i riferimenti al fallito tentativo di putsch del 2016 per rovesciare lo stesso Erdogan. “Yassiada, che ha ospitato uno dei più oscuri periodi della storia della democrazia, è rinata” e “racconta alle nuove generazioni le conseguenze dei colpi di stato”, annuncia in uno spot l’ufficio per la comunicazione della Presidenza di Ankara.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Merkel, proposta costruttiva
Ha elementi del piano franco-tedesco e di quello dei frugali
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BERLINO
27 maggio 2020
16:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Commissione ha fatto una proposta “costruttiva”, “che dovremo accompagnare e sulla quale dovremo consultarci”. Lo ha detto Agnela Merkel, nel corso di una conferenza stampa. Il piano “dovrà servire alla ripresa e al futuro” e molte sono le “questioni ancora aperte”. “Non meraviglia che la proposta della Commissione non sia identica alla proposta avanzata da noi”, ha affermato riferendosi all’iniziativa presa con Macron. Quella di oggi, “contiene elementi” della proposta di Berlino e Parigi, ed “elementi” della proposta degli altri Paesi: “Ora ci sarà una trattativa”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sala, non in vacanza dove chiesto test
La replica del sindaco al governatore della Sardegna
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
27 maggio 2020
16:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Illustre Presidente Solinas, rispondo con educazione a quanto da lei affermato. Ho parlato a titolo personale, ma non tiro proprio indietro la mano: io non andrei in vacanza laddove fosse richiesto un test di negatività al virus”. Così il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha replicato con un post su Facebook al governatore della Sardegna, Christian Solinas, che gli ha suggerito di “usare la decenza del silenzio” dopo il video in cui ha detto che si ricorderà quando sarà il momento di decidere dove andare in vacanza delle Regioni che chiedono la patente di immunità. “A parte il fatto che non è così semplice disporre di questi test, penso sia sbagliato discriminare gli italiani per regioni di appartenenza. Milano e la Lombardia saranno sempre terre di libertà e di accoglienza – ha aggiunto Sala – Ci aspettiamo lo stesso dal resto del Paese”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tajani, Ue si muove in giusta direzione
Ora Consiglio europeo non riduca la proposta della Commissione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
27 maggio 2020
15:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“L’Europa si muove nella giusta direzione. Il Consiglio europeo non riduca la proposta della Commissione europea. E l’Italia utilizzi i 170 mld del Recovery Fund per sostenere industria e Pmi. E avvii le riforme della giustizia, della burocrazia e del mercato del lavoro”. Lo scrive scrive su twitter il vicepresidente di Forza Italia Antonio Tajani.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sardegna, card immunità a Stato-Regioni
Prima passaggio in conferenza Regioni, per ora appoggio Sicilia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
27 maggio 2020
14:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Prima un passaggio in conferenza delle Regioni poi, se ci sarà il via libera, l’approdo venerdì 29 maggio alla Conferenza Stato-Regioni. E’ la via istituzionale scelta dalla Sardegna sul certificato sanitario di negatività al Covid-19 che intende chiedere ai turisti in arrivo nell’Isola a partire dal 3 giugno. Un passaggio cruciale per comprendere le intenzioni del Governo. La proposta finora è appoggiata solo dalla Sicilia. Oggi l’assessore della Sanità Mario Nieddu (Lega) proverà a capire quanto tempo ci vorrà per la validazione dei test salivari sperimentati dall’Università Insubria. Si tratta del tipo di esami ipotizzati da Solinas perché danno esiti attendibili dopo pochissimo tempo. Nieddu ha già trasmesso il documento al coordinatore della commissione Sanità in conferenza delle Regioni, il collega del Piemonte Luigi Icardi (Lega). Ottenuto l’ok, la proposta dovrebbe entrare sotto forma di odg in Conferenza Stato-Regioni entro venerdì 29. Mappa del sito

Annunci
No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.