Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, Sport, TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

SINTESI INTER VS JUVENTUS 1-1 IL VIDEO DEGLI HIGHLIGHTS

Tempo di lettura: < 1 minuto

SINTESI INTER VS JUVENTUS

IL VIDEO DEL MATCH DELLE 20:30 DI SABATO 27 APRILE 2019

34/MA GIORNATA SERIE A STADIO MEAZZA

CON QUESTO PAREGGIO I BIANCONERI SALGONO A PUNTI 88, 68 GOL FATTI E 24 GOL SUBITI

SINTESI INTER VS JUVENTUS

RETI: NAINGGOLAN 7′ pt, Cristiano Ronaldo (rete 600) 62’st IL VIDEOHighlights Inter-Juventus 1-1 27 Aprile 2019

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Ultim'ora

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 13 minuti

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 17:24 ALLE 23:27

DI MERCOLEDì 26 DICEMBRE 2018

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Serie B: vincono Brescia e Livorno
Lombardi appaiano momentaneamente il Palermo in testa

26 dicembre 2018 17:24

Settima vittoria casalinga per il Brescia che batte 3-2 la Cremonese in un anticipo della 18/a giornata di serie B, agguantando il Palermo al primo posto almeno per 24 ore. Il Brescia va avanti 2-0, poi si fa riprendere ma ritrova il vantaggio con Ndoj al 90′. Nell’altra sfida odierna, Prima vittoria stagionale in trasferta del Livorno, 4-1 nello scontro salvezza a Carpi. I toscani di Breda confermano l’ottimo momento, con otto punti conquistati nelle ultime quattro gare. Si ferma invece il Carpi dopo due successi di fila.Il quadro della 18/ma giornata

Brescia-Cremonese 3-2Carpi-Livorno 1-4Pescara-Venezia giovedì ore 15 Perugia-Foggia ore 21Verona-Cittadella Palermo-AscoliPadova-BeneventoCrotone-SpeziaCosenza-SalernitanaLA SERIE B IN PILLOLEBrescia-Cremonese 3-2 – Settima vittoria casalinga per il Brescia che batte 3-2 la Cremonese agguantando il Palermo al primo posto almeno per 24 ore. Il Brescia si porta in vantaggio al 22′ con Spalek su sponda aerea di Torregrossa. Il raddoppio al 42′ per Bisoli che insacca in tap in su una respinta di Ravaglia. La Cremonese e la riapre all’8′ con un siluro di piccolo da fuori e poi trova il 2-2 al 33′ sempre con Piccolo su rigore tra le proteste della squadra di casa. Al 90′ il Brescia ritrova il vantaggio con Ndoj servito da BisoliCarpi-Livorno 1-4  – Prima vittoria stagionale in trasferta del Livorno, 4-1 nello scontro salvezza a Carpi in un anticipo della 17/a giornata di serie B. I toscani di Breda confermano l’ottimo momento, con otto punti conquistati nelle ultime quattro gare. Si ferma invece il Carpi dopo due successi di fila. Gara dominata dagli ospiti che oltre a quattro gol hanno creato tantissimo colpendo anche tre legni. Vantaggio dei toscani al 10′ con Pedrelli. Si sveglia il Carpi che pareggia al 24′ con Di Noia. Nella ripresa si scatena il Livorno che torna in vantaggio al 9′ con Murilo. Nel finale la doppietta di Giannetti al 38′ e al quarto minuto di recupero. Il Livorno sale a 14 punti e si avvicina al Carpi fermo a 16.

Allegri, rabbia per frasi presidentiTecnico Juve, “Banti ha arbitrato bene ma succedono cose…”

26 dicembre 201818:14

“Ho perso la pazienza. Mi girano le scatole, non sono di buon umore”. Il pareggio a Bergamo non va giù a Massimiliano Allegri, arrabbiato per il 2-2 e il rosso a Bentancur. “Non parlo degli arbitri. Banti ha arbitrato bene, ma succedono cose… – ha aggiunto il tecnico bianconero -. Ci sono dichiarazioni pesanti di responsabili di società verso arbitri, si fa i moralizzatori e poi si fa così. Allora mi arrabbio anch’io, non va bene. Sono amareggiato… In Italia tanto non si migliorerà mai nonostante certe belle parole”. “Non sono di buonumore e mi girano un po’ le scatole. Perché sono arrabbiato? Non parlo mai degli arbitri, Banti alla fine ha arbitrato bene – dice ancora Allegri a Sky – però poi a fine gara si parla tanto verso gli arbitri anche da parte di presidenti di altre squadre. Dispiace, perché anche fuori dal campo succedono cose, si parla tanto del comportamento. Ci sono dichiarazioni pesanti di responsabili di alcune società nei confronti degli arbitri, quindi ci sta che mi possa arrabbiare anche io. Sono un po’ amareggiato, in Italia non si può fare così, non impareremo mai”. Allegri non fa nulla per nascondere il priprio fastidio, che sembra più per certe dichiarazioni fatte da presidenti (vedi Aurelio De Laurentiis) nei giorni scorsi che per il risultato (2-2) di oggi a Bergamo. “Non è carino, elegante, fare certe dichiarazioni – dice ancora l’allenatore della Juve -. Dobbiamo essere noi ad educare i tifosi. Se parlassi io, adesso, succederebbe un casotto. In Italia non si impara mai. Poi quando ci sono degli incidenti, ci lamentiamo se mettono in mezzo i bambini, e se i tifosi non vengono più allo stadio”. Poi qualche battuta sulla partita: “la squadra ha fatto un buon primo tempo, loro hanno fatto gol sull’unica occasione avuta – spiega Allegri -. Sapevamo che la partita sarebbe stata difficile, ma potevamo anche raddoppiare dopo lo 0-1. Nella ripresa siamo andati in inferiorità numerica, l’abbiamo recuperata e potevamo anche vincere. Alla fine è un buon punto contro un’ottima squadra. Ci tenevamo a vincere questa gara, ora sotto con la sfida contro la Sampdoria. La formazione? Senza Pjanic ho preferito far giocare Bonucci. Emre Can ha fatto una buona partita davanti alla difesa, come Khedira al rientro. Dispiace, perché volevamo vincere anche questa e non ci siamo riusciti”.(
D’Aversa, è la vittoria del gruppoTecnico Parma, ho grandi uomini che fanno qualcosa straordinario

FIRENZE26 dicembre 201818:26

– “E’ stata una partita non semplice perché i viola hanno tecnicamente qualcosa in più di noi, poi nel momento in cui hai quei tre attaccanti che danno l’anima per non concedere nulla agli avversari penso valga la vittoria di un gruppo intero. Abbiamo grandi uomini che stanno facendo qualcosa di straordinario”. Così il tecnico del Parma Roberto D’Aversa commenta la vittoria del suo Parma sul campo della Fiorentina.
“Abbiamo preparato questa partita in base ai video che abbiamo studiato – sottolinea l’allenatore del Parma -. La Fiorentina alterna nella costruzione del gioco i tre difensori o Veretout.
Quello che ha fatto la differenza è stata la volontà di portare a casa il risultato. E’ stata la vittoria del gruppo, nonostante l’assenza di Alves. I ragazzi stanno facendo un lavoro straordinario, adesso vogliamo chiudere il girone d’andata nel modo migliore”.
Pioli,colpa nostra ma anche dell’arbitro’Fabbri? Non è stata la sua giornata migliore e più fortunata’

FIRENZE26 dicembre 201818:33

– In casa viola dopo il Ko col Parma il tecnico Stefano Pioli sembra voler puntare il dito sulla direzione di gara dell’arbitro Fabbri e soprattutto sulla ‘non prestazione’ della sua squadra. “Non è stata la sua giornata migliore e più fortunata – dice Pioli -. Anche il recupero, c’erano 8-9 minuti, magari non avremmo pareggiato ma ci stavano perché nel secondo tempo si è giocato poco. Ma abbiamo perso per colpa nostra, non dovevamo concedere un’occasione come quella.
Andare in svantaggio contro di loro li ha fatti chiudere, anche se la squadra ha creato anche in dieci contro 11. Oggi non bisognava prendere gol, era la cosa più importante della giornata. Ma non ci siamo riusciti”. Poi ancora: “Abbiamo commesso errori tecnici, in una partita così difficile a livello tattico c’erano poche possibilità di essere pericolosi. Abbiamo tirato verso la porta tante volte, ma non c’è stata qualità nel tiro o nel passaggio. E nei due episodi che hanno deciso la partita, il gol e il rosso di Hugo, abbiamo commesso errori”.
Giampaolo “brava Samp, non era facile”Tecnico blucerchiato, classifica ci dà molta autostima

GENOVA26 dicembre 201818:35

– Festeggia il tecnico della Sampdoria Marco Giampaolo che si porta a casa il sesto risultato utile consecutivo: non accadeva da marzo 2017. Una vittoria che consolida i blucerchiati nelle zone importanti della classifica in piena lotta per un posto in Champions: “Ho detto alla squadra che per raggiungere risultati importanti bisogna fare sacrifici, rinunciare a qualcosa e stare sul pezzo per tutto il campionato.
Non per un paio di mesi ma per l’intero campionato. La classifica? Ci dà molta autostima ma non dobbiamo pensare a quello che succederà a maggio ma alla prossima partita”. Poi si entra nel dettaglio del match vinto 2-0 al Ferraris: “E’ stato difficile e complicato contro il Chievo che è sceso in campo ben organizzato e avevo avvertito i miei ragazzi dei pericoli che ci potevano essere: sapevo che sarebbe stata una sfida problematica ma i ragazzi sono stati bravi”.
Cagliari: Maran, chiuderemo al meglio”Volevamo questa vittoria, l’abbiamo inseguita: non era facile”

CAGLIARI26 dicembre 201818:36

– L’allenatore del Cagliari Rolando Maran è soddisfatto dopo la vittoria sul Genoa. “Vogliamo chiudere l’andata nel migliore dei modi – dice – questa vittoria la volevamo, l’aspettavamo da tempo ed è stato difficile. Una partita ‘sporca’ ma a volte bisogna essere bravi a interpretare e a giocare anche queste partite. Ci siamo trovati a cambiare in corsa – spiega Maran – e questo ci ha un po’ rovinato i piani.
Ecco che allora abbiamo dovuto mutare atteggiamento. Nelle partite ci sono più partite: bisogna saperle leggere di volta in volta. Abbiamo giocato con cinque giocatori che non erano in campo con la Lazio: questo significa che c’è sempre lo spirito giusto al di là di chi gioca”.
Premier: City cade ancora,Liverpool volaReds provano la fuga, Tottenham è secondo: United vince ancora

26 dicembre 201818:38

– Il Boxing Day non porta fortuna al Manchester City, che incassa a Leicester la seconda sconfitta consecutiva (2-1) e scivola al terzo posto, superato anche da un Tottenham in gran forma che rifila un chiaro 5-0 al Bournemouth.
In testa, con 51 punti, corre il Liverpool, che batte 4-0 il Newcastle dell’ex Rafa Benitez e mette a referto la 7/a vittoria consecutiva, salendo a +6 sulla seconda, ora gli Spurs. Sugli altri campi, il Man United del dopo Mourinho prende ancora 3 punti, battendo 3-1 (doppietta di Pogba) l’Huddersfield.
L’Everton torna al successo dopo due ko di fila, imponendosi 5-1 sul campo del Burnley, mentre finiscono in pareggio Fulham-Wolves (1-1) e Crystal Palace-Cardiff (0-0). Tutti gli occhi, in attesa dei due posticipi Brighton-Arsenal e Watford-Chelsea, sono per i Reds di Juergen Klopp. Grazie alla difesa meno battuta del campionato e ad una prima linea di grande qualità, il Liverpool non conosce al momento ostacoli e oggi va a segno con Lovren, Salah su rigore, Shaquiri e Fabinho.
Chievo: Di Carlo, pensiamo al Frosinone”Loro con più qualità, voltiamo pagina e cerchiamo riscatto”

GENOVA26 dicembre 201818:38

– Per il tecnico del Chievo, Domenico Di Carlo, c’è la consapevolezza che la lotta per la salvezza è sempre più dura dopo l’ennesimo ko, ma non c’è assolutamente voglia di mollare: “Nel primo tempo abbiamo fatto una buona prestazione ma nella ripresa non siamo riusciti a essere incisivi e i cambi della Samp hanno fatto la differenza – ha detto -. Contento per come ci siamo proposti ma dobbiamo voltare pagina e pensare al riscatto subito col Frosinone”.
Genoa: Prandelli, bisogna lavorare moltoTecnico rammaricato: “Peccato, ma il gruppo mi segue”

26 dicembre 201818:39

– Cesare Prandelli sorride amaro. La parola più usata è rammarico dopo il ko del suo Genoa: “E’ stata una gara molto equilibrata – dice -: siamo dispiaciuti per i primi venti minuti, lì avremmo potuto anche segnare. E sarebbe stata un’altra partita. Ci manca in qualche caso la concentrazione giusta per capire bene alcune situazioni, su questo dobbiamo lavorare ancora”. Perché Kouame fuori all’inizio? “Ho dovuto tenere conto – risponde – anche degli ultimi impegni. Mi sembra che però, anche con meno punte, siamo andati bene e creato occasioni, forse anche di più rispetto a quando abbiamo giocato con tre attaccanti”. Primi bilanci: “Soddisfatto perché il gruppo mi segue, dobbiamo ancora migliorare, ma possiamo fare ancora molto bene”. Poi Prandelli si prende l’applauso della sala stampa: “Volevo cogliere l’occasione per salutare Gigi Riva – dice, congedandosi -, perché è un grande giocatore e un grande uomo”.
Inzaghi, la Lazio si sta ritrovando”Ora chiudere bene l’anno col Torino. Pippo? Bologna si salverà”

BOLOGNA26 dicembre 201818:52

– Simone Inzaghi festeggia la vittoria a Bologna e non solo per aver reso più solido il quarto posto della sua Lazio: “Abbiamo dato continuità al successo sul Cagliari, non abbiamo preso gol, abbiamo ritrovato Leiva, che non giocava da 55 giorni, e Luis Alberto, che deve ritrovare la miglior condizione. Sono le nostre prime opzioni sui calci piazzati e ci abbiamo dovuto rinunciare a lungo”. Da calcio d’angolo sono infatti arrivate le reti di Luiz Felipe e Lulic: “A Bergamo avevamo perso immeritatamente e vi avevo detto che ero sicuro che saremmo ripartiti. Lo stiamo facendo, ma dobbiamo chiudere bene l’anno col Torino”. Simone difende pure il fratello Pippo: “Sono convinto che il Bologna, con l’atteggiamento del secondo tempo di oggi e delle ultime partite si salverà, gli manca un episodio positivo”.
Bologna: Inzaghi, perso per due episodiPippo aspetta rinforzi a Bologna ma tifosi intanto contestano

BOLOGNA26 dicembre 201818:56

– Mancano qualità, certezze e sicurezze al Bologna e al suo tecnico, in bilico, che chiede rinforzi e si rammarica per la sconfitta con la Lazio: “Abbiamo perso solo per due episodi – dice Filippo Inzaghi -, per due calci piazzati, ma non sono questi i punti che ci mancano. La squadra lotta e si impegna: non fosse così mi farei da parte”. Inzaghi spera e crede di poter ancora raddrizzare la barca rossoblù: “Dopo Napoli ci siederemo a un tavolo per decidere il da farsi. Il presidente ha già detto che intende fare”, ovvero rinforzare la squadra. “Fino ad allora dovremo giocare a testa alta e col lavoro uscire da questa situazione, riportando i tifosi dalla nostra parte”. Quei tifosi che oggi hanno fischiato la squadra e contestato la dirigenza.
Serie A: Inter-Napoli 1-0Lautaro Martinez regala la vittoria ai nerazzurri, Juve a +9

MILANO26 dicembre 201822:36

– L’Inter batte 1-0 il Napoli nel posticipo serale della 18/a giornata, primo Boxing Day di serie A, e la Juve sale a +9 sugli azzurri nonostante il pareggio di oggi a Bergamo. L’Inter è più attiva nel primo tempo, con un gol annullato a Perisic per fuorigioco e una incursione di Icardi che smarca tutti trova Koulibaly a respingere la palla sulla linea di porta. Nella seconda parte della ripresa esce il Napoli, ma Handanovic non rischia mai troppo e nel finale Koulibaly, il migliore dei suoi, si fa espellere per doppia ammonizione. Zielinski batte a colpo sicuro ma Asamoha ribatte sulla linea di porta. Poco dopo, nel recupero, Lautaro Martinez segna la rete decisiva, mentre a Insigne saltano i nervi e anche per lui arriva il rosso.
Maicon torna a giocare, va al CriciumaGiocherà in Serie B nella squadra dove cominciò la sua carriera

RIO DE JANEIRO26 dicembre 201822:39

– Maicon torna in campo a 37 anni. L’ex laterale destro di Inter e Roma ha infatti firmato un contratto ‘a rendimento’ (guadagnerà in base al numero delle partite giocate e delle reti segnate) con il Criciuma, squadra dello stato di Santa Catarina che a livello nazionale disputerà il campionato di Serie B. L’accordo ha durata annuale e riflette il desiderio del giocatore di chiudere la carriera nel club in cui mosse i primi passi da professionista, prima di trasferirsi al Cruzeiro e poi in Europa.
“E’ stato Maicon a cercarci – ha rivelato il presidente del Criciuma, Jaime Dal Farra -. E’ un grande idolo, anche il mio, e ha molta qualità ed esperienza, visti i grandi club in cui ha giocato. Parlavamo fin da marzo, e lui ha insistito perchè voleva finire la carriera qui. Fisicamente sta bene, è dimagrito e ha solo bisogno di allenarsi per ritrovare il ritmo partita: in un mese lo troverà e potrà giocare per 90′ di seguito”.
Salvini, Milan senz’anima e senza idee’Non ricordo squadra così negli ultimi anni’

26 dicembre 201819:21

– “Per il Milan è la quarta partita senza gol, senza idee e senza cuore. Una squadra così, senza anima e senza costrutto, non me la ricordo negli ultimi anni”. Lo ha detto il ministro dell’Interno Matteo Salvini, tifoso rossonero, in diretta Facebook.
Salah, Liverpool non prenda israelianoJerusalem Post ricorda anche mancata stretta mano a Maccabi

26 dicembre 201819:25

– Grande protagonista oggi nella vittoria del suo Liverpool sul Newcastle, ‘Momo’ Salah si trova sui giornali non solo per le belle prestazioni. Infatti il Jerusalem Post scrive che l’attaccante egiziano avrebbe posto un ultimatum ai suoi dirigenti: lascerà il Liverpool se il club dovesse acquistare l’attaccante israeliano del Salisburgo Moanes Dabour, 20 reti e sei assist in 30 partite. Quanto scritto dal giornale di Gerusalemme è stato poi ripreso da media inglesi e spagnoli, anche perchè in effetti il Liverpool aveva fatto trapelare un certo interesse per Dabour. Persone vicine a Salah hanno fatto sapere che il calciatore vuole “essere lasciato in pace per concentrarsi sulle cose di campo” e che non s’interessa dei movimenti di mercato del suo club.
Gasperini, vittoria Atalanta vicinissima”Abbiamo giocato a tratti anche meglio della capolista”

BERGAMO26 dicembre 201819:30

– Rammarico di Gian Piero Gasperini per il pari con la Juve: “Abbiamo giocato a tratti anche meglio della capolista. Non abbiamo vinto su una situazione da calcio d’angolo, una delle non poche da palla inattiva su cui abbiamo lasciato punti. Siamo un po’ più fragili rispetto al passato nella fase difensiva”. Dopo un inizio horror, i bergamaschi sono usciti alla grande: “In partite del genere rischi di prendere imbarcate, invece la squadra ha costruito. La Juve risolve spesso le circostanze difficili buttando in area gente di stazza sulle palle inattive. La vittoria era vicinissima, forse un po’ di coraggio nel finale non avrebbe guastato”.
Serie A: vincono Roma e TorinoGiallorossi battono 3-1 il Sassuolo, 3-0 granata all’Empoli

26 dicembre 201820:07

– La Roma ha battuto il Sassuolo 3-1 in un posticipo delle 18 della 18/a giornata della Serie A e anche il Torino ha portato a casa tre punti battendo 3-0 l’Empoli. E’ finita invece 0-0 la sfida tra pericolanti Spal-Udinese. La vittoria, con reti di Perotti su rigore, Schick e Zaniolo, porta la Roma al settimo posto, a 27 punti, -4 dalla zona Champions, mentre il Torino (n’Kolou, De Silvestri e Iago Falque) è un punto sotto.
Marotta, Nainggolan non sarà sul mercatoNon andrà via a gennaio, all’Inter chi sbaglia paga ma caso chiuso

MILANO26 dicembre 201820:50

Radja Nainggolan non sarà messo sul mercato. Lo dice a Sky l’amministratore delegato dell’Inter, Beppe Marotta, prima della sfida col Napoli. La società è coinvolta nelle polemiche anche per i file audio attribuiti a Nainggolan nel quale il giocatore esprime il desiderio di lasciare Milano. File che sembrerebbero autentici. “Quanto successo non può invalidare la decisione presa a luglio. In ogni caso chi sbaglia è giusto che paghi, per la società il caso è chiuso”. Marotta ha poi spiegato che Nainggolan sarà presente allo stadio. “La nostra posizione è quella che abbiamo esplicitato nel comunicato stampa, che racchiude le nostre motivazioni e la nostra decisione – le parole di Marotta -. E per nostra intendo la società, abbiamo raccolto le indicazioni dell’allenatore che è il leader del gruppo. Ma tutte le dinamiche interne sono cose nostre, ed è meglio non parlarne qui. Quando si deciderà di reinserirlo, e la decisione la prenderà Spalletti, sarà tutto dimenticato”.
Roma:Di Francesco, miglior gara stagioneZaniolo: primo gol in A un sogno, ma no paragoni con Totti

ROMA26 dicembre 201821:04

– “Dal punto di vista tecnico penso che quella col Sassuolo sia la migliore partita della stagione anche se mi scoccia il gol subito nel finale. Momento non facile? Ci sarebbero tante cose da dire – ammette il tecnico giallorosso -.
Non mi è mai mancato il sostegno della società. A Roma si sa che quando mancano i risultati si mette in discussione l’allenatore, ma io mi sento sempre in discussione. Abbiamo vinto una partita e ora dobbiamo dare continuità. Sono a capo di questa squadra e devo essere bravo a dare continuità di risultati e di prestazioni”. Serata indimenticabile per Zaniolo: “Il primo gol in serie A lo sognavo sin da quando ero bambino. Una serata perfetta, sono veramente felice perché oltre al gol è arrivata anche la vittoria”. Ai primi paragoni con gli ‘scavetti’ di Totti tira il freno: “Parlare di Francesco è una forzatura, c’è tanto da lavorare. L’importante erano i tre punti, e ora c’è il Parma: bisogna farsi trovare pronti e assolutamente vincere per rientrare in corsa Champions”.
Mazzarri, bravi a non concedere nienteTecnico Toro, sono contento della prova dei miei

TORINO26 dicembre 201821:29

– Tre punti pesanti per il Torino, che torna alla vittoria contro l’Empoli rilanciandosi in zona Europa League: “Complimenti all’Empoli ma siamo stati bravi a non concedere niente” spiega un raggiante Mazzarri al termine della partita. “Nel secondo tempo – aggiunge il tecnico – siamo entrati in campo come se non fossimo stati in vantaggio, con l’atteggiamento giusto. De Silvestri ha fatto un grandissimo gol, N’Koulou è un cardine della nostra squadra: sono contento della prova dei miei”.
Sassuolo: De Zerbi, sconfitta meritata’Ci mettiamo una pietra sopra questa prestazione’

26 dicembre 201821:33

– C’è amarezza nel tecnico del Sassuolo, Roberto De Zerbi, per quella che definisce “partita strana” all’Olimpico contro la Roma, forse condizionata dall’episodio del quasi autogol di Schick. “Dopo quella situazione siamo spariti dal campo – sottolinea – abbiamo fatto male e meritato di perdere. Non ci siamo presentati e la responsabilità è mia, non siamo ancora pronti a fare il salto di qualità, ma ci arriveremo, dobbiamo essere testardi. Non ci piangiamo addosso.
Ci mettiamo una pietra sopra questa prestazione e ora dobbiamo tornare a fare punti alla prossima partita”.
Iachini, oggi Empoli incapace far maleMa abbiamo grandi margini miglioramento

TORINO26 dicembre 201821:38

– E’ durata quasi un tempo la resistenza dell’Empoli di Iachini, colpito dal gol di N’Koulou che ha aperto la strada alla vittoria del Torino: “Sappiamo di aver grandi margini di miglioramento. Abbiamo anche fatto un primo tempo discreto ma abbiamo sbagliato sempre l’ultimo passaggio e l’ultima scelta – ha spiegato l’allenatore dei toscani -. Non siamo stati capaci di far male all’avversario. Nel secondo tempo il gol del Torino ha inciso molto”.
Spal: Semplici, ci volevano i 3 punti”Ci sono momenti in cui le cose non girano benissimo”

FERRARA26 dicembre 201821:40

– Leonardo Semplici, allenatore della Spal, ci teneva a fare un regalo anticipato di Capodanno ai tifosi ma deve accontentarsi dello 0-0 con l’Udinese: “C’è rammarico, certo. I tre punti ci volevano e la squadra ha dato tutto. Ci sono momenti in cui le cose non girano benissimo e noi stiamo vivendo uno di questi. In fase offensiva dobbiamo trovare maggiore qualità, poi va anche sottolineato che non è facile affrontare squadre che mettono otto-nove giocatori dietro la linea della palla. Di positivo c’è che non abbiamo preso gol e in generale la nostra fase difensiva sta migliorando”.

Spalletti,Radja? regole sono importanti’Avuto comportamenti che non vanno bene. Ora rientra in gruppo’

MILANO26 dicembre 201823:12

– “Dentro gli spogliatoi a inizio anno si fanno dei regolamenti, e dentro lo spogliatoio ci sono io. Io faccio presente alla società ma non vado a tirare il cappello in aria: se succedono cose che sono evidenti, per rispetto del gruppo io devo far rispettare le regole. E le regole nel calcio sono importanti come il pallone”. Così l’allenatore dell’Inter Luciano Spalletti si esprime sul caso Nainggolan. Ma la punizione nei confronti del belga finisce con questa partita? “Sì, lui è stato tenuto fuori solo per questa gara – risponde Spalletti -. Naturalmente ci sarà la multa, ma i soldini i calciatori li hanno, e se stanno fuori qualche volta serve di più. Ora rientra in gruppo e si allena, vedremo se giocherà”. Ma Spalletti è deluso da Nainggolan, che ha voluto all’Inter? “Ha avuto dei comportamenti che non vanno bene, poi l’abbiamo voluto tutti, le cose si fanno con la società, con i direttori, ed è stata fatta un’operazione con più calciatori. A noi sembra che possa darci una mano con qualità e personalità”.      [print-me title=”STAMPA”]