Aggiornamenti, Notizie, Sport, Ultim'ora

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 7 minuti

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

SPORT TUTTE LE NOTIZIE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 18:43 DI GIOVEDì 25 APRILE 2019

ALLE 11:09 DI VENERDì 26 APRILE 2019

SPORT

Barcellona, Nadal e Thiem ai quarti
Eliminato Dimitrov dal cileno Jarry

25 aprile 2019 18:43

Rafa Nadal e Dominic Thiem strappano il passi per i quarti del torneo di Barcellona. Il n.2 del mondo ha regolato con un doppio 6-3 il connazionale David Ferrer, mentre l’austriaco, n.5 del ranking mondiale, ha superato per 7-5 6-1 lo spagnolo Jaume Munar. Esce di scena invece il bulgaro Grigor Dimitrov, ex n.3 del mondo a fine 2017 e oggi è 43mo, sconfitto dal cileno Nicolas Jarry 2-6 6-4 7-6. Ai quarti ci sono anche Kei Nishikori e Daniil Medvedev. Il giapponese, n.7 Atp e quarta testa di serie – l’unico in grado negli ultimi 16 anni di interrompere l’egemonia spagnola in terra catalana con la doppietta 2014-2015, ha sconfitto per 6-1 6-3 il Next Gen canadese Felix Auger-Aliassime, 18 anni e n.31 del ranking mondiale. Passa il turno anche il russo Daniil Medvedev, n.14 Atp, che ha superato l’americano Mackenzie McDonald 6-3 6-2.Infortunio al gomito, Anderson salta stagione su ‘rosso’  – Kevin Anderson è costretto a saltare tutta la stagione sulla terra battuta, compresi gli appuntamenti dei “1000” di Madrid e Roma e il Roland Garros, per il problema al gomito destro che lo sta condizionando in questa stagione. Lo ha annunciato lo stesso giocatore sudafricano, n.6 del ranking mondiale. “Volevo farvi sapere che quest’anno mancherò purtroppo la stagione della terra. Dopo aver discusso con i miei medici e il mio team, abbiamo pensato che la decisione migliore fosse quella di riposare e recuperare dal mio infortunio al gomito per qualche altra settimana. Continuerò a lavorare sodo ogni giorno per tornare sano in tempo per l’erba”, ha scritto su Twitter il 32enne di Johannesburg, che ha vinto il titolo a Pune, in India, nella prima settimana dell’anno, ma poi ha giocato solo altri due tornei nel 2019, venendo eliminato al secondo turno a Melbourne e raggiungendo i quarti di finale nel “1000” di Miami, fermato da Roger Federer. “So che questa è la decisione giusta a lungo termine per la mia carriera”, ha concluso Anderson.

SPORT

Pallavolo:semifinali,Modena-Perugia 2-2
Aizmut batte umbri in gara-4, e la serie torna in parità

25 aprile 201919:06

– L’Azimut Leo Shoes Modena di Julio Velasco ha battuto il Sir Safety Conad Perugia per 3-0 (25-19, 25-23, 25-17) in gara-4 delle semifinali scudetto della Superlega di pallavolo. Ora la situazione nella serie fra le due squadre è di 2-2 e si andrà quindi a gara-5 (domenica a Perugia, ore 18).
Nell’altra semifinale tricolore si stanno affrontando Lube Civitanova e Itas Trentino.
Tiro: Salukvadze farà sua 9/a OlimpiadeE’ record assoluto donne. A Rio 2016 gareggiò assieme al figlio

PECHINO25 aprile 201921:25

– Nell’Olimpiade di Tokyo 2020 verrà stabilito un record di longevità agonistica. Ad ottenerlo sarà la tiratrice georgiana Nino Salukvadze, 50 anni, specialista della pistola ad aria compressa. Infatti con il 5/o posto ottenuto nella gara di pistola ad aria compressa 10 metri della Coppa del mondo di tiro a segno a Pechino, vinta dalla sudcoreana Kim Minjung, ha ottenuto la carta olimpica per la Georgia e quindi per se stessa. Per la Salukvadze sarà la 9/a partecipazione ad un’Olimpiade (la prima fu Seul 1988) ed è un primato assoluto a livello femminile. Finora la georgiana condivideva questo record, con 8 presenze, con la canoista italo-tedesca Josefa Idem e l’icona del canottaggio canadese Lesley Thompson. Per gli uomini il primato è di un altro canadese, il cavallerizzo Ian Millar, che ha partecipato a 10 Olimpiadi. La Salukvadze, 3 medaglie olimpiche in bacheca, è stata anche, a Rio 2016, la prima madre a partecipare ai Giochi assieme al figlio, Tsotne Machavariani, anche lui tiratore della Georgia.
Golf: Hassan II, buon inizio E. MolinariIn Marocco azzurro sesto a tre colpi dal leader Smith

ROMA25 aprile 201921:

– Nel Trophée Hassan II, torneo dell’European Tour, buon avvio per Edoardo Molinari. In Marocco l’azzurro, già vincitore della rassegna nel 2017, è al sesto posto (69, -4) a tre colpi dal leader Jordan Smith (66, -7).
Prova bogey free per il piemontese, protagonista di quattro birdie. A Rabat cominciano bene anche Guido Migliozzi e Andrea Pavan, entrambi 17/mi (72, -1).
E’ stata una sfida subito all’insegna dell’equilibrio. Con lo spagnolo Alejandro Canizares e l’americano Sean Crocker secondi (67, -6) a una sola lunghezza dal britannico Smith. Sorridono pure il francese Matthiew Pavon e lo scozzese Stephen Gallacher, quarti (68, -5).
Gioie e dolori per l’Italgolf. Con Lorenzo Gagli e Renato Paratore 57/mi (74, +1) davanti a Nino Bertasio (ottantesimo con 75, +2) e Matteo Manassero (104/o con 76, +3). Round da dimenticare per Filippo Bergamaschi, 148/o (81, +8).
Pallavolo: donne, Novara finale scudettoScandicci cede in casa per 2-3. Ora piemontesi contro Conegliano

25 aprile 201921:59

– Savino Del Bene Scandicci-Igor Gorgonzola Novara 2-3 (16-25, 25-21, 25-13, 21-25, 19-21) in gara-4 delle semifinali scudetto del campionato femminile di pallavolo. Grazie al successo esterno di questa sera Novara vince la serie per 3-1 e si qualifica per le finali per il titolo tricolore, in cui affronterà l’Imoco Conegliano. Gara-1 per lo scudetto si giocherà mercoledì 1 maggio a Novara.
Pallavolo: Lube va alle finali scudettoTrentino battuto 3-0, per marchigiani sarà 6/a sfida tricolore

CIVITANOVA MARCHE (MACERATA)25 aprile 201922:07

– CIVITANOVA MARCHE (MACERATA)

– La stagione dell’Itas Trentino si conclude all’Eurosuole Forum di Civitanova Marche in gara 4 della semifinale scudetto della Superlega di pallavolo. La squadra di casa, la Lube Civitanova, batte infatti Trentino per 3-0 (25-21, 25-19, 31-29) in gara-4 della serie e ottiene quindi, portandosi sul 3-1 complessivo, l’accesso alle finali scudetto che giocherà contro Perugia o Modena.
Dopo la vittoria ottenuta a Pasquetta in rimonta, ai campioni del mondo dell’Itas non è quindi riuscito il bis che avrebbe portato la serie con la Lube al match di spareggio da giocare di nuovo a Trento. Facendo leva sul fattore campo, confermato oggi per la 21/a volta in 22 partite giocate in questa stagione, i marchigiani si sono nuovamente imposti, chiudendo il discorso.
Per la Lube è la sesta Finale Scudetto della sua storia, la terza consecutiva. All’Itas Trentino rimane la soddisfazione di una stagione che verrà ricordata per i due titoli internazionali conquistati: Mondiale per club e Cev Cup.
Boxe: Europeo supergallo, vince RigoldiVicentino domina contro Settoul e s’impone con verdetto unanime

BRESCIA25 aprile 201923:55

– Il 26enne vicentino di Caldogno Luca Rigoldi ha conservato il titolo europeo dei pesi supergallo battendo ai punti in 12 riprese lo sfidante francese Anthony Settoul sul ring del Centro Sportivo San Filippo di Brescia. Il verdetto a favore di Rigoldi è stato unanime: 120-108, 120-108 e 119-109. Al termine del match, e prima che venisse proclamato il verdetto, Settoul si è caricato sulle spalle il campione in carica per riconoscerne la superiorità nel corso di un match dominato dal mancino compaesano di Roberto Baggio. Infatti dal primo all’ultimo round Rigoldi è entrato costantemente nella guardia del suo avversario, che, pur possedendo un maggior allungo, non è mai riuscito a tenere a distanza il campione.
Nba, Spurs-Nuggets vanno a gara -7Stanotte i texani hanno vinto 120-103, ora il parziale è di 3-3

26 aprile 201909:21

– Sarà la settima e ultima sfida tra i San Antonio Spurs e i Denver Nuggets a stabilire quale delle due formazioni accederà alle semifinali Nba, dove affronterà la già qualificata Portland. Nella gara 6 giocata stanotte infatti gli Spurs di Marco Belinelli hanno battuto i loro rivali per 120-103 e pareggiato il conto delle sfide del primo turno dei playoff, le due squadre sono ora sul parziale di 3-3 e l’ultima partita sarà dunque quella decisiva per passare il turno. Nella gara di stanotte non sono mancate le sorprese, i Nuggets erano favoriti, anche per l’andamento della stagione che li ha visti sempre protagonisti, e il loro marcatore numero uno, cioè il serbo Nikola Jokic è andato a segno con ben 43 punti (con 12 rimbalzi e 9 assist). Ma i texani non si sono lasciati intimorire e hanno macinato gioco e punti anche loro, e alla fine di una gara a lungo equilibrata l’hanno avuta vinta grazie anche ai 26 punti personali di LaMarcus Alridge e ai 25 di DeMar DeRozan.
Atletica, a Osakue primo pass MondialiLa torinese con 61,35 mt fa 9/a prestazione italiana di sempre

26 aprile 201909:34

– Straordinaria Daisy Osakue in Texas nella notte italiana. La 23enne lanciatrice torinese si è qualificata per i Mondiali di Doha (27 settembre-6 ottobre) grazie a un sorprendente 61,35 mt nel disco, primato personale migliorato di oltre un metro e nona prestazione italiana di sempre, con le prime otto che appartengono tutte alla primatista nazionale Agnese Maffeis (63,66). Per la discobola Osakue è il definitivo salto di qualità internazionale che si attendeva che agli Open di Abilene (Usa) ha stracciato il recente personale di 60,13 e superato di slancio lo standard d’iscrizione per la rassegna iridata in Qatar che era fissato a 61,20. La Osakue, quinta classificata agli Europei di Berlino 2018, tornerà in pedana in New Mexico dal 2-4 maggio alla Lone Star Conference di Portales, e poi a fine maggio per le finali della Division II dell’NCAA a Kingsville, in Texas.

Golf, Zurich Classic fermo per pioggiaMaltempo ferma 1/a manche. Il duo Stallings/Mullinax al comando

26 aprile 201909:43

– Lo spettacolo dello Zurich Classic di golf sospeso prima per l’arrivo della pioggia e poi del buio.
Nel torneo a coppie del PGA Tour il duo composto dagli americani Scott Stallings/Trey Mullinax con 61 (-11) colpi è al comando provvisorio della classifica. A New Orleans buon avvio pure per Martin Laird/Nick Taylor, secondi con 62 (-10) al fianco di Bryan Gay/Rory Sabbatini che, però, devono ancora completare quattro buche del primo round. Sul percorso del TPC Louisiana i big rincorrono. Con Jon Rahm/Ryan Palmer, Jason Day/Adam Scott e Bubba Watson/John Holmes ottavi (-7) e fermati alla buca sedici. Più distanti i fratelli Koepka, Brooks e Chase, diciottesimi al fianco, tra gli altri, di Ian Poulter/Sam Horsfield (67, -5).
Mentre la coppia composta da Sergio Gargia e Tommy Fleetwood è ventisettesima (-4) con tre buche da giocare. Ben quaranta le coppie che non sono potute scendere in campo, a causa del maltempo, nella prima manche. Con i player dello Zurich Classic chiamati ora alla maratona.

Cdm sciabola, a Seul 6 azzurre in garaCinque italiane eliminate dopo la prima giornata di sfide

26 aprile 201909:58

– Sono sei le azzurre che torneranno in gara domani nel pomeriggio sudcoreano (l’alba in Italia) per la seconda giornata di gara del Grand Prix FIE di Seul del circuito internazionale di sciabola femminile.
E’ questo l’esito della prima giornata svoltasi sulle pedane asiatiche e che ha visto protagonista la fase a gironi e poi, a seguire, gli assalti del tabellone preliminare.
A superare indenni la fase a gironi, approdando direttamente al maindraw, sono state Rossella Gregorio e Michela Battiston. Dopo il turno preliminare si sono qualificate anche Sofia Ciaraglia, Rebecca Gargano, Irene Vecchi e Martina Criscio. Eliminate invece Caterina Navarria, Lucia Lucarini, Benedetta Baldini, Giulia Arpino e Loreta Gulotta. Domani, nella mattinata coreana (le 2.00 in Italia) scatterà la fase a gironi della gara di sciabola maschile. Alle 13.30 (le 6.30 in Italia) gli assalti del tabellone principale femminile il cui primo turno prevede il derby azzurro tra Rebecca Gargano e Michela Battiston.

Golf, al Chantilly U14, l’Italia è 2/aIn Francia la giovane Italia battuta solo dai padroni di casa

26 aprile 201910:05

– Giovani e di belle speranze. Gli azzurrini del golf con Riccardo Tosi, Marco Florioli, Martina Fiorini e Federica Rossi, hanno conquistato la medaglia d’argento nella classifica a squadre dello Chantilly International Under 14 Trophy. A Vineuil-Saint-Firmin, in Francia, l’Italia con 429 (+23) è stata battuta solo dai padroni di casa, primi con 439 (+13).
Terzo posto per Svizzera e Repubblica Ceca. Nel torneo individuale maschile ottime le prove di Tosi (72 72) e Memeo (77 67), entrambi secondi con 144 (+2). Mentre in quello femminile il titolo è andato alla transalpina Inès Archer (146, +4). Con la Fiorini (159, +17) e la Rossi (166, +24) che hanno chiuso rispettivamente al quindicesimo e al trentaquattresimo posto. Hanno accompagnato le due compagini azzurre i tecnici Alain Vergari e Stefano Sardi.          [print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Notizie, Sport, Ultim'ora

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 5 minuti

SPORT

TUTTE LE NOTIZIE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 17:14 DI VENERDì 22 FEBBRAIO 2019

ALLE 06:02 DI SABATO 23 FEBBRAIO 2019

SPORT

F1: Hamilton, Lauda ci manca
Campione del mondo: “I suoi consigli sono sempre stati preziosi”

TORINO22 febbraio 2019 17:14

– “Lauda ci è mancato, ci fornisce sempre consigli molto preziosi”. Lewis Hamilton sottolinea il ruolo essenziale di Niki Lauda nel giorno del 70/o compleanno: “Ha attraversato un momento difficile, ma vuole tornare a tutti i costi quello di prima”, aggiunge il pilota campione del mondo ospite dello stabilimento Petronas di Santena (Torino). Il presidente onorario della Mercedes si sta riprendendo dai postumi di una delicatissima operazione ai polmoni.
Universiadi: Basile, 9mila in arrivoMascotte ufficializzata quando annunceremo direttore artistico

22 febbraio 201919:22

– “Abbiamo chiuso a 9000 tra atleti e accompagnatori per 130 paesi iscritti, ma ci saranno anche 1000 arbitri, e giornalisti da tutto il mondo a seguire i 18 sport.
Avevamo più richieste ma abbiamo dovuto fare una selezione”. Lo ha detto il commissario per le Universiadi di Napoli 2019 Gianluca Basile facendo il punto sui numeri dell’evento sportivo in programma in Campania in estate. “Stiamo lavorando per gli impianti e ce la faremo – ha detto Basile – avremo tutti gli stadi riqualificati e giovani da tutto il mondo in arrivo. La mascotte? Ci stiamo lavorando, ci sono alcune idee, quando ci sarà l’ufficializzazione della direzione artistica della cerimonia di apertura e chiusura e lanceremo anche mascotte e torcia”.
Tiro: India no a Pakistan, Cio sanzionaGara pistola 25m Cdm Nuova Delhi non assegna più carta olimpica

22 febbraio 201919:24

– Il Comitato esecutivo del Cio ha revocato lo status di ‘carta olimpica’ alla gara di pistola 25 metri della prova di Coppa del mondo di tiro a segno a Nuova Delhi. In pratica questa competizione avrebbe dovuto fungere, per i piazzati ai primi due posti, anche da qualificazione per Tokyo 2020, ma ora non sarà più così. Motivo della decisione, che il dirigente del Cio Kit McConnell ha comunicato al presidente della federazione mondiale del tiro (Issf) Vladimir Lisin, è che il governo indiano ha negato il visto d’ingresso a due tiratori del Pakistan che avrebbero dovuto prendere parte alla prova di Nuova Delhi. Tutto ciò in base ai principi della Carta Olimpica che vieta ogni tipo di discriminazione. La Issf ha preso atto della decisione, e anche del fatto che non è stato possibile risolvere il caso dei due pachistani, e ha deciso che in futuro, in caso di competizioni che si svolgeranno in India, pretenderà dal governo del paese la garanzia scritta che non verranno discriminati in alcun modo i partecipanti.
Dyukov nuovo n.1 federazione RussiaSi chiude epoca Mutko, accusato essere dietro a doping di Stato

22 febbraio 201919:26

– La Federcalcio russa ha scelto come proprio presidente un dirigente di primissimo piano del settore idrocarburi: Aleksandr Dyukov, ad di Gazprom Neft, il ramo petrolifero del gigante statale del metano Gazprom. Dyukov sarà presidente della Federcalcio russa fino al 2021. Dal 2008 al 2017 è stato presidente dello Zenit di San Pietroburgo, di proprietà della Gazprom.
Dyukov aveva finora mantenuto la poltrona di presidente del Consiglio dello Zenit, un ruolo che ha però abbandonato, come promesso, dopo la sua elezione – avvenuta oggi all’unanimità – a presidente della Federazione calcistica nazionale.
Dyukov sostituisce il controverso vice premier russo ed ex ministro dello Sport Vitali Mutko, che si è dimesso lo scorso dicembre da presidente della Federcalcio russa. Nel 2017 Mutko è stato bandito a vita dai Giochi olimpici dal Cio per il coinvolgimento nello scandalo del doping di Stato in Russia.
Tiro a volo: Qatar Open,azzurri favoriti169 partecipanti nella Fossa olimpica, anche Fabbrizi e la Rossi

DOHA22 febbraio 201919:59

– Il Qatar Open di tiro a volo entra nel vivo. Dopo gli allenamenti ufficiali, da domani 169 tiratori arrivati a Doha da 35 nazioni si alterneranno sulle pedane del Lusail Shooting Complex per affrontare le prime tre serie della competizione di Fossa Olimpica. In lizza anche l’Italia del ct Albano Pera, che per la gara maschile ha scelto Emanuele Buccolieri, Mauro De Filippis, il vicecampione olimpico di Londra Massimo Fabbrizi, Erminio Frasca, Valerio Grazini e il veterano azzurro Giovanni Pellielo. Per la prova delle donne iscritte Alessia Iezzi, Maria Lucia Palmitessa, Silvana Maria Stanco, Enrica Sessa, Jessica Rossi e Fiammetta Rossi. “La partecipazione a questa gara è propedeutica alla stagione internazionale Issf che comincia a marzo – spiega Pera -. Nelle prove di Coppa del Mondo saranno in palio le Carte Olimpiche per Tokyo 2020 e il nostro obiettivo è quello di conquistarne il più possibile. Quindi è fondamentale presentarsi agli appuntamenti ufficiali al massimo della forma”.

SPORT

Giorgetti:Ad Sport e Salute non politico
‘Mio identikit è sportivo che sappia gestire azienda’

VARESE22 febbraio 201920:40

– “Sono molto soddisfatto per le oltre 200 candidature arrivate per la carica di componente del Cda di Sport e Salute Spa. Adesso faremo le verifiche tecniche, in funzione di quello ci siederemo attorno ad un tavolo per vedere il candidato migliore come ad. Un candidato dal mondo della politica o dal mondo dello sport? Il mio identikit ideale è una persona che conosca molto bene il mondo dello sport ma che sappia far funzionare un’azienda. Posso dirvi che non sarà un politico”. Così il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti, arrivando a Masnago per assistere, assieme al presidente del Coni, Giovanni Malagò, e al numero uno della Fip, Gianni Petrucci, alla partita valida per le qualificazioni ai Mondiali di basket tra Italia e Ungheria.
SPORT
Basket: Ungheria ko, Italia al MondialeVittoria 75-41 per Azzurri, top scorer Della Valle. Petrucci, coronato il sogno Mondiale

VARESE22 febbraio 201923:09

Missione compiuta in un tripudio Azzurro. L’Italia fa festa e torna al Mondiale di basket dopo 13 anni, grazie ad una rotonda vittoria sulla modesta Ungheria (75-41). Alla Nazionale di Meo Sacchetti – guidata da Della Valle (15), Aradori (11), Gentile (9, suoi i primi 6 della gara) – sono sufficienti due spallate ben assestate nel primo tempo – 10-0 dopo la palla a due e 15-0 prima della sirena dell’intervallo – per mandare in estasi il PalaOldrini di Masnago e ricordare a tutti perché lo sport più in voga tra i magiari sia il nuoto e non la pallacanestro. Il canestro infatti per gli ungheresi rappresenta un miraggio, con appena 15 punti realizzati nel primo tempo e pietose percentuali al tiro (16/54 dal campo).L’Italia fa il suo, senza strafare, ma si diverte e difende forte: basta e avanza per volare in Cina, dove potrebbero aggiungersi nei cavalli del motore azzurri Belinelli, Gallinari, Datome e Melli. Sacchetti sul tema, mentre cerca di sciugarsi gli occhiali dal bagno di spumante che i suoi azzurri gli hanno riservato dopo la gara, non si espone e alza i toni, mostrando un po’ di nervosismo: “Non è il momento di parlarne. Il mio gruppo merita rispetto. Ne parleremo tra qualche settimana, sicuramente dopo la gara di lunedì contro la Lituania”.
SPORT
Il presidente Fip Petrucci invece rimanda allo staff tecnico ogni scelta: “Le convocazioni spettano al ct, ma io vorrei averli tutti a disposizione. Abbiamo coronato un sogno, ma è solo il primo tempo. Andremo in Cina per ottenere un bel piazzamento e staccare il pass per i Giochi Olimpici”. Una soddisfazione condivisa anche dal numero uno del Coni, Giovanni Malagò: “Abbiamo ottenuto tanti risultati a livello individuale in molte discipline, ma uno sport di squadra come la pallacanestro era indispensabile che tornasse nell’élite mondiale”.

SPORT

Sacchetti, gruppo che merita rispettoItalia torna al Mondiale, io in Cina non ci sono mai stato

22 febbraio 201922:37

– Meo Sacchetti non vuole ancora sentire parlare della possibile convocazione di Belinelli, Datome, Gallinari e Melli ai prossimi Mondiali, un pass conquistato questa sera al PalaOldrini di Masnago (Varese) dalla sua Nazionale: “Questo gruppo merita il più assoluto rispetto e non sarebbe giusto parlarne ora. Ne parleremo tra qualche settimana, sicuramente dopo la gara di lunedì contro la Lituania”.
Sacchetti torna poi sereno e scherza: “Non sono mai stato in Cina. Contro l’Ungheria abbiamo disputato una partita eccellente, con una difesa molto attenta. Ci è capitata l’occasione e l’abbiamo colta, siamo stati bravi”.
SPORT
Petrucci, coronato il sogno MondialePresidente Fip: “in Cina cercheremo piazzamento e pass olimpico”

VARESE22 febbraio 201922:38

– “E’ una gioia enorme, abbiamo appena coronato un sogno”. Sono le prime parole, a caldo, del presidente della Fip, Gianni Petrucci, dopo la vittoria dell’Italia sull’Ungheria, risultato che ha garantito alla Nazionale di Meo Sacchetti di qualificarsi per il Mondiale dopo 13 anni di assenza. “Questo però – ricorda Petrucci – è solo il primo tempo. Andremo in Cina per ottenere un bel piazzamento e staccare il pass per i Giochi Olimpici. Anche lì manchiamo da troppo tempo”. Petrucci apre inoltre le porte al ritorno in azzurro di Belinelli, Datome, Gallinari e Melli, che non hanno potuto rispondere alle convocazioni per gli impegni Nba ed Eurolega: “Le convocazioni spettano al ct, ma io vorrei averli tutti a disposizione”.         [print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Notizie, Sport, Ultim'ora

SPORT TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

Tempo di lettura: 10 minuti

SPORT

TUTTE LE NOTIZIE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 09:11 ALLE 18:40 DI VENERDì 15 FEBBRAIO 2019

SPORT

Golf, maltempo rallenta il Genesis Open
Woods e altri big nemmeno in campo. Bene Spieth, male Johnson

15 febbraio 2019 09:11

– Prima il maltempo e poi il buio rallentano il Genesis Open, torneo del PGA Tour di golf. A Pacific Palisades (Los Angelese) big costretti alla maratona, con molti dei protagonisti del green costretti oggi al tour de force per recuperare un ritardo di oltre sette ore dovuto a un forte temporale. Con Tiger Woods e tante altre star che non sono neanche scese in campo. Torneo spezzatino in California dunque, dove è partito forte Jordan Spieth. L’americano, che ha completato le prime dodici buche (-5), è attualmente al comando al fianco del sudcoreano Sung Kang (-5 dopo quattordici buche giocate). Classifica indecifrabile per il resto. Con Dustin Johnson (numero tre del world ranking) in forte ritardo (+2 dopo tredici buche). Oltre a Woods pure altri campioni come Jon Rahm, Sergio Garcia, Justin Thomas e Rory McIlroy saranno chiamati agli straordinari.
Con il PGA Tour che spera di effettuare il taglio (a trentasei buche) per l’ora di pranzo di sabato (ora statunitense).
Nba, Westbrook show, ma Oklahoma va koFuoriclasse dei Thunder in tripla doppia per 11ma volta di fila

15 febbraio 201915:41

Si sono giocate soltanto tre partite nell’ultimo turno Nba prima dell’All Star Game di Charlotte. Su tutti ha svettato la prestazione di Russell Westbrook, alla sua 11ma tripla doppia consecutiva in stagione (44 punti, 14 rimbalzi e 11 assist). Tuttavia il suo show non è bastato agli Oklahoma City Thunder per vincere la sfida contro i New Orleans Pelicans, che alla fine hanno prevalso per 131-122. Successo tanto più significativo perchè i Pelicans hanno dovuto fare a meno del loro fenomeno Anthony Davis, dolorante a una spalla.  Nelle altre due gare di questa notte, larga vittoria degli Orlando Magic sugli Hornets con il punteggio di 127-89; mentre i New York Knicks, fanalino di coda a est, si sono presi la soddisfazione di battere gli Atlanta Hawks per 106-91, anche se questo non basta a smuovere la loro classifica. Nella Eastern Conference al comando sempre i Bucks, seguiti dai Raptors. Nella Western dominio assoluto dei Golden State Warriors, seguiti dai Denver Nuggets.
F1: Camilleri, accettiamo responsabilitàAd Ferrari a Maranello per la presentazione della SF90

MARANELLO (MODENA)15 febbraio 201911:29

– “Quest’anno celebriamo il 90/o anniversario. Siam ben consapevoli della responsabilità che comporta la nostra storia gloriosa e capiamo bene che ci sono grandi aspettative. Rappresentiamo l’orgoglio della nazione, milioni di tifosi. E’ una responsabilità che accettiamo con gioia, con fiducia nel talento di uomini che e donne che lavorano instancabilmente per rendere realtà le nostre ambizioni”. Lo ha detto l’ad di Ferrari Louis Camilleri, aprendo la cerimonia di presentazione della monoposto che correrà il prossimo mondiale di F1, sigla SF90.
F1: Binotto, portiamo avanti sogno DrakeTeam principal: sento dovere di proseguire tradizione Ferrari

MARANELLO (MODENA)15 febbraio 201911:34

– “Sono orgoglioso di lavorare in questo team per portare avanti il sogno di Enzo Ferrari”. Così il nuovo team principal di Maranello Mattia Binotto, durante la cerimonia di lancio della nuova Rossa che correrà il mondiale di Formula 1. Un incarico che vive “con orgoglio, sentendo il dovere di perseverare la tradizione della scuderia e del nostro fondatore. Questa è la nostra missione”.
F1: Vettel ‘strada è quella giusta”Vorrei subito salire sulla nuova Ferrari’

MARANELLO (MODENA)15 febbraio 201911:57

– “Non ho la tuta e non posso mettermi nell’abitacolo. Ma non vedo l’ora di salire sull’auto e partire, ogni volta è un’emozione incredibile”. Sono le prime sensazioni di Sebastian Vettel, di fronte alla nuova Ferrari SF90 svelata a Maranello e su cui quest’anno correrà nella stagione 2019.
“Come squadra siamo sulla strada giusta, speriamo di continuare a migliorare”, ha aggiunto il pilota tedesco.
F1: Elkann, Ferrari unisce il Paese’Inizia decennio verso il centenario, vinciamo insieme’

MARANELLO (MODENA)15 febbraio 201912:00

– Essere Ferrari significa “l’orgoglio di una squadra che riesce a unire un intero paese e rappresentare il meglio dell’Italia per la voglia di inventiva, l’innovazione e l’intraprendenza e il cuore, che è rosso Ferrari”. Parole di John Elkann, presidente Ferrari che oggi presenta la nuova SF90. “Essere Ferrari significa essere squadra. Iniziamo un importante stagione, un decennio che ci porta ai nostri 100 anni. Abbiamo bisogno di vincere tutti insieme”.
Ecco Ferrari SF90, omaggio ai 90 anniTinta rossa meno accesa e linee essenziali per nuova monoposto

MARANELLO (MODENA)15 febbraio 201912:02

– C’è, come previsto, la dedica ai 90 anni di storia della Rossa di Maranello nel nome della prima monoposto Ferrari della presidenza John Elkann. La SF90 è stata svelata alla presenza del presidente, dell’ad Louis Camilleri, del nuovo team principal Mattia Binotto, oltre che dei piloti Sebastian Vettel e Charles Leclerc e di Piero Ferrari, figlio del Drake e vicepresidente.
Tinta rossa meno accesa, inserti neri e linee semplici, specialmente nell’ala anteriore per assecondare le nuove norme regolamentari sull’aerodinamica. Sono queste due caratteristiche subito evidenti della SF90, la nuova monoposto Ferrari per la stagione F1 del 2019. L’auto è stata svelata a Maranello in attesa di debuttare in pista lunedì, nei test di Barcellona e poi in campionato il 17 marzo a Melbourne, per rompere il digiuno iridato che va avanti dal 2007.
F1: Leclerc, sarà avventura incredibileNeoferrarista tra emozione e speranze davanti alla SF90

MARANELLO (MODENA)15 febbraio 201913:25

– “Sono molto emozionato di partire con questa nuova avventura. Ho sempre sperato di salire su quest’auto, sono cresciuto nella Ferrari Driver Academy”, un’esperienza che “mi ha aiutato enormemente a crescere”.
Lo ha detto il neoferrarista Charles Leclerc, durante la presentazione della SF90. “Sono orgoglioso e emozionato – ha proseguito il giovane pilota monegasco – e sicuro che sarà grande stagione, incredibile”.
Camilleri, 2018 amaro non mina spirito’Vettel ha fame, Leclerc talento. Nel team regnerà serenità’

MARANELLO (MODENA)15 febbraio 201913:34

– “La scorsa stagione è stata la migliore negli ultimi dieci anni, ma ciò nonostante non siamo stati all’altezza dei nostri obiettivi. Un boccone amaro da mandar giù, ma che non ha minato il nostro spirito: posso assicurarvi che guardiamo avanti con grande impegno e la massima determinazione”. Lo ha detto l’ad Louis Camilleri, presentando la Ferrari SF90. Camilleri ha sottolineato “la fame di vittoria” di Sebastian Vettel, “totalmente impegnato a concretizzare le sue e le nostre ambizioni”. Al suo fianco ci sarà il giovane monegasco Charles Leclerc: “Il suo talento, la sua maturità, la sua abilità da pilota e la sua velocità sono stati evidenti a tutti lo scorso anno e siamo sicuri che farà grandi cose in futuro” ha concluso Camilleri.
Successo azzurro Coppa Europa SarentinoCazzaniga vince super-G davanti all’austriaco Babinsky

BOLZANO15 febbraio 201913:41

– Davide Cazzaniga di Correzzana in Provincia di Monza vinto il super-G di Coppa Europa a Sarentino, in Alto Adige. E lo ha fatto con il vantaggio minimo possibile, ovvero 1 solo centesimo di secondo. L’azzurro ha chiuso la sua prova sul tracciato lungo 2301 metri con 540 metri di dislivello in 1.18,04 minuti, lasciandosi alle spalle l’austriaco Stefan Babinsky con un margine di soli 0,01 secondi. La vittoria di Cazzaniga è stata in bilico solo quando è sceso il vincitore della prima discesa, ovvero l’americano Thomas Biesemeyer con il pettorale numero 38. Ma alla fine il 30enne americano è arrivato terzo con 0,14 secondi di ritardo sull’azzurro.
Per Cazzaniga, che venerdì ha gareggiato per la 73/a volta in Coppa Europa, si è trattato del primo successo nella seconda serie di sci alpino.
Sci:Mondiali,gigante,Pinturault in testaAzzurri indietro: il migliore è De Aliprandini, diciottesimo

AARE (SVEZIA)15 febbraio 201915:51

– Il francese Alexis Pinturault in 1’09″97 è al comando dopo la prima manche dello slalom gigante mondiale di Aare. Seguono il campione austriaco Marcel Hirscher in 1’10″07, reduce da un raffreddamento, ed il norvegese Heinrik Kristoffersen.
Indietro gli azzurri, decisamente lontani dal podio: il migliore è il trentino Luca De Aliprandini, ma solo 18/o in 1’11″89. Seguono Manfred Moelgg (1’13″10) e Simon Maurberger (1’13″30), mentre Riccardo Tonetti è finito fuori per salto di porta. De Aliprandini e Moelgg sino a ieri erano influenzati ed a letto con febbre.
Seconda decisiva manche – in un gara su una pista senza forti pendenze, finalmente con il sole, senza vento e sull’intero tracciato, con temperatura mite di sei gradi sopra lo zero e fondo morbido trattato con sale ma sempre più’ lento – alle ore 17.45.
Tokyo 2020: Cio, Coree unite in 4 sportOk per basket,hockey prato donne, mixed team judo e canottaggio

15 febbraio 201915:58

– All’Olimpiade di Tokyo 2020 le due Coree presenteranno un’unica rappresentativa in 4 diversi sport, sempre che il ‘Team Korea’ riesca a superare le fasi di qualificazione ai Giochi. L’annuncio è arrivato dal Cio, con un comunicato, dopo l’incontro che i suoi vertici hanno avuto con le delegazioni delle due Coree, di cui facevano parte rappresentanti dei governi e dei comitato olimpici di Seul e di Pyongyang. L’iniziativa fa seguito alla decisione delle due Coree di sfilare unite nell’apertura e nella chiusura dei Giochi invernali di PyeongChang dell’anno scorso, dove poi, a livello agonistico, ci fu una sola Corea nel torneo di hockey ghiaccio femminile. Adesso invece, al termine delle riunioni con il Cio, è stato stabilito che ci sarà un solo Team Korea in quattro discipline dei Giochi estivi di Tokyo 2020.La Corea proverà a qualificarsi da unita nel basket femminile,nell’hockey prato sempre femminile, nel ‘mixed team’ di judo e nel 4 Con, di coppia e nell’Otto del canottaggio, sia maschile che femminile.
Binotto, Vettel rimane guida Ferrari”Due piloti davanti non è un problema, priorità alla Rossa”

MARANELLO (MODENA)15 febbraio 201916:02

– “Il sogno di ogni team principal è avere una coppia di piloti come questa. Non è problema, ma un’opportunità”. Lo ha detto il team principal della Ferrari Mattia Binotto, rispondendo a una domanda su quale pilota punterà la Rossa quest’anno, tra il quattro volte iridato Sebastian Vettel e il giovane Charles Leclerc, al primo anno a Maranello come pilota titolare. Sul punto l’idea di Binotto è chiara: “Seb non ha nulla da dimostrare, rimane lui la nostra guida. Charles ha ancora da imparare, lo dice lui stesso. Avrà in Vettel un bel riferimento”.
Dunque, almeno a inizio stagione “in situazioni ambigue le preferenze saranno su Seb”, spiega Binotto in conferenza stampa.
Resta il fatto, ha detto il capo della gestione sportiva, “che la nostra priorità assoluta è far vincere la Ferrari. Spero di avere il problema di gestire due piloti davanti, fin dalla prima gara. Faremo del nostro meglio”.
Leclerc, Ferrari è sogno che si avvera’Ho tanto da imparare’. Il titolo? ‘Non voglio pensarci’

RANELLO (MODENA)15 febbraio 201916:16

– Guidare la Ferrari “è un sogno avverato”. Charles Leclerc, 21enne pilota monegasco al primo anno da titolare con la Rossa, descrive così le sue sensazioni nel giorno della presentazione della nuova macchina del Cavallino.
“E’ solo l’inizio dell’avventura. Ho tanto da imparare”, ripete, assicurando che non c’è competizione con il più esperto Sebastian Vettel: “E’ un grande campione – dice Leclerc – ho tanto da imparare da lui”. Nessuna pressione, giura Leclerc: “Non la sento, non servirebbe a niente”, risponde in conferenza stampa. L’obiettivo del primo anno è già il campionato del mondo? “Non voglio pensarci, per adesso. Voglio concentrarmi su di me, i risultati arriveranno”.
Universiadi: De Luca, può essere svoltaPerò mal di fegato confronto Gallerie Vittorio Emanuele-Umberto

NAPOLI15 febbraio 201917:18

– “Se siamo bravi con le Universiadi, non dico che potremo avere una svolta analoga a Milano con l’Expo ma sicuramente possiamo avere una possibilità di promozione della immagine davvero importante”. Lo ha sottolineato il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, nel corso della trasmissione a LiraTv. “Milano ha avuto un boom turistico dopo l’Expo, una prova di grande efficienza degli amici milanesi di fronte alla quale bisogna togliersi il cappello – dice – c’è da stare male quando ti obbligano a fare il confronto tra la galleria Vittorio Emanuele e la Galleria Umberto a Napoli, te ne torni da Milano con il mal di fegato”.
“Abbiamo nelle mani una miniera d’oro, a venti metri dal teatro San Carlo – aggiunge – Ci sono tutte le condizioni per proporre una immagine straordinaria della città. Ad oggi sono aperti credo 51 cantieri sulle Universiadi, a Napoli sono 35 cantieri, la Regione ha investito su questi cantieri 120 milioni di euro, 20 solo sullo stadio San Paolo”.

SPORT

F1: Vettel, obiettivo è vincere titolo
‘Fin da quando sono bambino la Ferrari è la mia passione’

MARANELLO (MODENA)15 febbraio 201917:23

– Al quinto anno a Maranello, Sebastian Vettel non ha dubbi e punta al massimo. “Il mio obiettivo è vincere il titolo. C’è ancora molto da fare, mi piace guidare, è la mia passione, e anche la Ferrari è la mia passione fin da quando sono bambino”, assicura il tedesco nella conferenza stampa nel giorno del lancio della nuova monoposto SF90.
In inverno “mi sono rilassato, ho ricaricato le batterie, sono stato a casa evitando di viaggiare”. Ora “sono elettrizzato, non vedo l’ora di scendere in pista. La macchina penso sia bellissima. La nostra idea è di migliorare sempre, con un’auto competitiva fino alla fine”, ha detto il quattro volte iridato.
Rugby:torna Pro14 con Benetton-ScarletsIn mediana Crowley si affida a McKinley e Duvenage, Zanon centro

TREVISO15 febbraio 201917:42

– Dopo le due settimane di pausa dovute agli impegni delle nazionali nel 6 Nazioni, torna il Guinness Pro14. Il Benetton Treviso sarà impegnato domani nel match casalingo contro gli Scarlets gallesi. Le scelte di coach Crowley e del suo staff tecnico vedono la linea dei trequarti occupata da Luca Sperandio ad estremo mentre sulle ali agiranno Ratuva Tavuyara e Monty Iaone. Il reparto dei centri sarà composto dalla coppia Tommaso Iannone e Marco Zanon.
Mediana affidata a capitan Ian McKinley e Dewaldt Duvenage.
Il reparto degli avanti vedrà la prima linea formata da Nicola Quaglio, Tomas Baravalle e Marco Riccioni. In seconda invece sarà Irné Herbst ad affiancare Federico Ruzza. Chiuderanno il pack i flanker Marco Lazzaroni, Giovanni Pettinelli insieme al numero 8 Toa Halafihi.
Ciclismo: a Viviani il ‘Cangrande d’oro’E a Cunego il premio alla carriera

VERONA15 febbraio 201917:43

– A Elia Viviani è stato assegnato il “Cangrande d’oro” 2019, la 25/a edizione dei riconoscimenti che il Comune di Verona attribuisce ogni anno alle eccellenze dello sport scaligero. La premiazione si terrà martedì 19 febbraio alle ore 18 nell’auditorium del Palazzo della Gran Guardia. Sarà una cerimonia nel segno del ciclismo: aspettando la tappa conclusiva del Giro d’Italia (in programma il 2 giugno con arrivo all’Arena), l’amministrazione comunale oltre al campione italiano in carica (vincitore di 4 tappe nel Giro dello scorso anno) consegnerà il Premio alla carriera a Damiano Cunego, trionfatore del Giro d’Italia del 2004. In programma altri riconoscimenti ad atleti, allenatori, dirigenti, squadre, sponsor e giornalisti.
Rugby: Pro 14, a Viadana Zebre-LeinsterAllo Zaffanella arrivano irlandesi campioni celtici e d’Europa

PARMA15 febbraio 201917:53

– Domani per il 15/o turno del Guinness Pro14 le Zebre giocano a Viadana contro gli irlandesi del Leinster, campioni in carica del torneo celtico e della Champions. Visto che Zebre e Leinster fanno parte di due gironi diversi del torneo, quella di domani sarà l’unica sfida stagionale tra le due squadre. Giocandosi all’interno della finestra del 6 Nazioni, entrambi gli staff tecnici devono fare a meno di diversi nazionali lasciati precauzionalmente a riposo da Italia ed Irlanda. Sono quindi solo 4 gli azzurri che partiranno nel XV titolare scelto da coach Bradley per affrontare la franchigia di base a Dublino mai sconfitta dalle Zebre negli 11 precedenti: il centro Bisegni, al rientro dopo l’infortunio muscolare che gli ha fatto saltare i primi due turni del 6 Nazioni, l’apertura Canna e le due terze linee Mbandà e Tuivaiti. La quinta novità in formazione rispetto all’ultima sfida ufficiale contro i Cheetahs riguarda il tallonatore Fabiani, al rientro in prima linea dopo aver recuperato da un infortunio.

Giorgetti, spero da governo garanzie AtpSottosegretario: “Ma se non ci sono risorse diventa complicato”

15 febbraio 201918:14

– “Il governo, né il sottoscritto come qualcuno male informato ha detto, non è contrario alle ATP 2021-26. La questione, purtroppo, è che se non ci sono le risorse diventa complicato e illegittimo per l’esecutivo dare le garanzie economiche”. Così il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti, sulle Atp Finals di tennis a Torino. “Ben vengano dunque, e mi risulta ci sia una proposta Molinari, leggi d’iniziativa parlamentare che prevedano coperture economiche. Così saremo felici, io più degli altri, di fornire le necessarie garanzie governative all’evento”.
Atp Torino: Appendino, appello a governoSindaca per Torino candidata a ospitare finali 2021-2025

TORINO15 febbraio 201918:16

– “Il Governo sciolga gli indugi, in questa fase così delicata, confermi le garanzie che si era impegnato a fornire e tutte le forze politiche forniscano il loro supporto affinché questo obiettivo possa essere raggiunto insieme”. E’ l’appello della sindaca Chiara Appendino per la candidatura di Torino alle Atp Finals di tennis, “un’opportunità unica che Torino, il Piemonte e tutto il nostro Paese non possono perdere”. L’evento, ricorda Appendino, ogni anno porta 250 mila spettatori nella città che lo ospita e viene seguito in oltre 180 paesi. Sarebbe dunque “un volano per il tennis italiano ma anche per l’economia del territorio e di tutto il Paese – sostiene – visti gli investimenti pluriennali che è in grado di attrarre”.
“Torino, la Fit, il Coni, le istituzioni sinora coinvolte e le tante realtà del territorio hanno sin qui profuso un grandissimo impegno per questa candidatura, consapevoli dell’importanza dell’evento, e continueranno a impegnarsi per provare a vincere”.         [print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Notizie, Sport, Ultim'ora

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 9 minuti

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 08:50 ALLE 21:59

DI GIOVEDì 17 GENNAIO 2019

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Australian Open, Fognini supera in tre set Mayer
L’azzurro accede così al terzo turno

17 gennaio 2019 08:50

Italtennis protagonista agli Australian Open con tre azzurri protagonisti: dopo Andreas Seppi e Thomas Fabbiano, anche Fabio Fognini ha staccato il pass per il terzo turno. Il ligure, numero 13 del ranking mondiale e 12esima testa di serie ha superato al secondo turno senza patemi l’argentino Leonardo Mayer, numero 53 Atp: 76 (3) 63 76 (5) dopo due ore e 23 minuti. Il match, che si giocava su uno dei campi non coperti dal tetto, è stato sospeso per pioggia per circa 40 minuti quando l’azzurro era in vantaggio 76 (3) 4-1. Fabio conduceva 3-2 nei precedenti contro il coetaneo di Corrientes, ma aveva perso gli ultimi confronti entrambi nel 2018 e sulla terra. La vittoria più bella l’ha messa a segno Fabbiano: il 29enne di San Giorgio Ionico, numero 102 Atp, alla terza partecipazione al Major australiano dove non aveva mai superato il primo turno, si è imposto per 67(15) 62 64 36 76(10-5), dopo tre ore e 32 minuti di battaglia, sullo statunitense Reilly Opelka (2 metri e 11 centimetri), numero 97 del ranking mondiale. Prosegue anche l’ottimo momento di Seppi: il 34enne di Caldaro, numero 35 Atp, reduce dalla finale di Sydney (persa contro De Minaur), ha sconfitto agevolmente al secondo turno l’australiano Jordan Thompson, numero 72 del ranking mondiale, mai oltre il secondo turno dello Slam di casa: 6-3 6-4 6-4 in un’ora e 54 minuti contro un rivale che aveva ben figurato la scorsa settimana a Sydney raggiungendo i quarti. L’altoatesino gioca per la quattordicesima volta gli Australian Open dove ha raggiunto in quattro occasioni gli ottavi (2013, 2015, 2017 e dodici mesi fa, fermato da Kyle Edmund). Domani al terzo turno troverà il Next Gen statunitense Frances Tiafoe, numero 39 del ranking mondiale.

Tennis: Australia, vince anche FogniniAvanti con Andreas Seppi e Thomas Fabbiano

17 gennaio 201909:23

– Italtennis protagonista agli Australian Open con tre azzurri protagonisti: dopo Andreas Seppi e Thomas Fabbiano, anche Fabio Fognini ha staccato il pass per il terzo turno. Il ligure, numero 13 del ranking mondiale e 12esima testa di serie ha superato al secondo turno senza patemi l’argentino Leonardo Mayer, numero 53 Atp: 76 (3) 63 76 (5) dopo due ore e 23 minuti. Il match, che si giocava su uno dei campi non coperti dal tetto, è stato sospeso per pioggia per circa 40 minuti quando l’azzurro era in vantaggio 76 (3) 4-1. Fabio conduceva 3-2 nei precedenti contro il coetaneo di Corrientes, ma aveva perso gli ultimi confronti entrambi nel 2018 e sulla terra. La vittoria più bella l’ha messa a segno Fabbiano: il 29enne di San Giorgio Ionico, numero 102 Atp, alla terza partecipazione al Major australiano dove non aveva mai superato il primo turno, si è imposto per 67(15) 62 64 36 76(10-5), dopo tre ore e 32 minuti di battaglia, sullo statunitense Reilly Opelka

Tennis: Australia, Giorgi avanti facileOra l’azzurra sfiderà la ceca Karolina Pliskova

17 gennaio 201909:25

– Terzo turno in scioltezza per Camila Giorgi agli Australian Open, Slam di apertura del 2019. La 27enne di Macerata, numero 28 del ranking mondiale e 27esima testa di serie, ha travolto la 17enne polacca Iga Swiatek, numero 177 del ranking mondiale, promossa dalle qualificazioni e alla sua prima esperienza nello Slam Down Under: 62 60 in 59 minuti. La campionessa di Wimbledon junior, nata a Varsavia e dotata di un gran servizio, al suo debutto nel main draw contro la rumena Bogdan aveva messo a segno ben 12 ace. Non le sono serviti i 6 totalizzati contro la Giorgi: c’è stato match solo fino al 2-2 del primo set, poi Camila è volata via infilando 10 game consecutivi senza lasciare più nulla alla giovane avversaria e chiudendo con 2 ace e 17 vincenti. Ora l’asticella si alza: al terzo turno l’azzurra sfiderà la ceca Karolina Pliskova, testa di serie numero 7, che ha superato la statunitense Madison Brengle in tre set: 46 61 60.
Record Jacquelin,nessuna voglia smettereFrancese festeggia 600 presenze su Eurotour, “mi sento gio

17 gennaio 201910:29

– Raphaël Jacquelin come Sam Torrance, Miguel Ángel Jiménez, Barry Lane, Colin Montgomerie, Roger Chapman, Paul Lawrie, Eamonn Darcy, Peter Baker, Malcolm Mackenzie, David Howell e Robert Karlsson. Il francese è diventato il 12/o giocatore a raggiungere quota 600 presenza sull’European Tour. Professionista dal 1995, vanta 4 successi sul massimo circuito continentale e non ha alcuna intenzione di smettere. “Mi sento ancora giovane – ha dichiarato – e finché continuerò a farlo darò tutto sul green”. Negli Emirati Arabi, dove il 44enne di Lione sta giocando l’Abu Dhabi Championship (1/o torneo 2019 delle Rolex Series), è stato premiato e omaggiato con una bottiglia di champagne da parte di Keith Pelley, CEO dell’Eurotour. L’ultimo successo del player transalpino risale al 2013, quando al play-off s’è ha conquistato l’Open di Spagna. A secco di vittorie da quasi 6 anni, Jacquelin continua però a mantenere intatta la passione per il green.
Debutto 2019 Woods nel Farmers InsuranceAsso californiano in campo a San Diego con tanti big

17 gennaio 201910:35

– Il debutto ufficiale 2019 di Tiger Woods arriverà la prossima settimana. L’asso californiano giocherà il Farmers Insurance Open (24-27 gennaio), torneo del PGA Tour di golf. A Torrey Pines (San Diego) l’americano festeggerà la 18/a apparizione in carriera nell’evento del massimo circuito americano vinto per la prima volta 20 anni fa con l’ultimo successo che risale invece al 2013. Attualmente al 12/o posto dell’Official world ranking, lo statunitense punta ad entrare presto nella Top 10. E a superare le vittorie (82) di Sam Snead. “Big Cat” è fermo a 80 trionfi e vuole superare ogni record. Il Farmers Insurance per cominciare (tanti i big in campo, da Justin Rose a Rory McIlroy passando per Jason Day e Tony Finau), poi una piccola pausa e di nuovo sul green nel Genesis Open (14-17 febbraio). Quindi in primavera Woods prenderà parte al WGC-Messico. Il resto del programma è tutto da scoprire. L’unica certezza è che il 43enne di Cypress vuole tornare a prendersi la ribalta mondiale.
Australia:Djokovic facile, Zverev faticaSerbo batte Tsonga in tre set, russo piega in 5 set Chardy

17 gennaio 201915:00

– Novak Djokovic avanza al terzo turno degli Australian Open. Il n.1 del mondo ha superato in tre set il francese Jo-Wilfried Tsonga in tre set 6-3 7-5 6-4 in poco più di 2 ore. Ha invece dovuto sudare fino al 5/o set il russo Alexander Zverev n.4 del seeding. Il tedesco ha infatti divuto impiegare 3 ore e 45′ per superare il francese Jeremy Chardy, n.36 Atp, 7-6 6-4 5-7 6-7 6-1.
Golf: Abu Dhabi, Lowry resiste in vettaIrlandese resta leader, Koepka tiene e Fleetwood delude

17 gennaio 201915:27

– Nell’Abu Dhabi Championship Shane Lowry con 132 (-12) a metà gara ha conservato il comando della classifica con un colpo di vantaggio sui sudafricani Louis Oosthuizen e Richard Sterne (2/i con 133, -11). Nel primo torneo 2019 delle Rolex Series European Tour brillano anche Lee Westwood (134, -10) e Ian Poulter, rispettivamente in 4/a e 5/a posizione a ridosso del leader. Tiene pure Brooks Koepka. Il numero 2 mondiale è 13/o (137, -7) a 5 lunghezze da Lowry. Negli Emirati Arabi rischia di sfumare il sogno tripletta per Tommy Fleetwood. Il britannico, vincitore delle edizioni 2016 e 2017 della rassegna, ha rischiato l’uscita al taglio e s’è dovuto accontentare di una deludente 56/a piazza (141, -3).
Stesso score per Renato Paratore, Ross Fisher e Thomas Bjorn.
Stecca anche Dustin Johnson 45/o (140, -4). Buona rimonta per Edoardo Molinari 32/o al fianco, tra gli altri, di Nino Bertasio (139, -5). Il piemontese, con un parziale di 68 (-4), caratterizzato da 4 birdie e un bogey, ha recuperato 30 posizioni.
Biathlon: Vittozzi 2/a nella sprintWierer 6/a resta in testa a classifica generale

17 gennaio 201916:29

– Ancora un podio per Lisa Vittozzi nella coppa del mondo di biathlon: l’azzurra ha infatti chiuso al secondo posto la prova di Ruhpolding, alle spalle di Anastasija Kuzmina e davanti alla svedese Hanna Oeberg. Sesto posto per l’altra azzurra, Dorothea Wierer che resta al comando della classifica generale con 476 punti, tallonata proprio da Lisa Vittozzi a 450 (e leader della sprint).
Tra le altre azzurre in gara Nicole Gontier ha riscattato gli errori nella staffetta di Oberhof chiudendo 41esima. Dietro di lei Federica Sanfilippo, fuori dalle 60 Alexia Runggaldier, mentre Irene Lardschneider ha esordito in Coppa del mondo con un ottimo zero al poligono, chiudendo a 2’52” da Kuzmina.
Anche Mayweather fa festa con C.RonaldoCampione pugilato è un tifoso di CR7, nello spogliatoio a Gedda

17 gennaio 201916:30

– Amico e ammiratore di Cristiano Ronaldo, Floyd Mayweather, il pugile – peso welter – imbattuto dopo 50 incontri e considerato uno degli sportivi più ricchi del mondo ha visto la finale della Supercoppa a Gedda e poi è sceso negli spogliatoi per festeggiare con i bianconeri. E’ quanto mostra il profilo twitter della Juventus con una foto del boxer statunitense abbracciato a CR7.
Dakar: ad Al-Attiyah edizione 2019 tra le autoTra le moto vince l’australiano Toby Price

17 gennaio 201917:57

Nasser Al-Attiyah ha vinto l’edizione 2019 (la numero 41) della Dakar nella categoria auto, al termine della decima ed ultima tappa, da Pisco a Lima, in Perù. Il principe del Qatar, 48 anni, al volante di una Toyota su base Hilux, assistito dal copilota francese, Matthieu Baumel, ha concluso la sua fatica nel tempo di 34 ore 38′ e 14″, precedendo in classifica generale la copp a spagnola Nani Roma-Alex Haro Bravo (su Mini John Cooper Works Rally, +46’42”) ed il francese Sebastian Loeb (co-driver il monegasco Daniel Elena, su Peugeot 3008 DKR, +1h 54′ 18″). L’ultima tappa è stata vinta dallo spagnolo Carlos Sainz, davanti a Loeb e all’altro francese Cyril Despres. Per Al-Attiyah, oggi 12/mo, il successo di questa edizione si aggiunge a quelli del 2011 e 2015. Nel suo palmares sportivo anche il bronzo olimpico nel tiro a volo di Londra 2012.Australiano Price vince ultima tappa e la gara  – Toby Price è il vincitore della Dakar 2019 nella categoria moto. Il pilota australiano, in sella ad una Ktm 450 del team Red Bull, ha tagliato con il miglior tempo il traguardo della decima ed ultima tappa dell’edizione disputata interamente in Perù (da Pisco a Lima, con 112 chilometri di speciale), precedendo di 2’21” il cileno José Ignacio Cornejo (Honda) e di 2’38” l’austriaco Matthias Walkner (Ktm), vincitore lo scorso anno. In classifica generale Price – che ha bissato il successo del 2016 nonostante abbia corso tutta la gara con il polso destro dolorante per l’operazione subita a metà dicembre – ha fatto meglio di Walkner (+9’13”). Sul podio anche il cileno Pablo Quintilliana (Husqvarna, +20’46”). Il primo dei centauri italiani è Maurizio Gerini, 14/o con un distacco di 4h28’41”.
Livigno, accordo per piscina olimpionicaStanziati per il progetto 700mila euro dalla regione Lombardia

17 gennaio 201920:29

– Una grande piscina olimpionica che potrà ospitare anche la nazionale di nuoto per gli allenamenti in altura: il progetto per Livigno diventa realtà. E’ stato infatti firmato l’accordo di programma tra il comune valtellinese e la Regione Lombardia che ha stanziato 700 mila euro per i lavori di costruzione della piscina che andrà ad ampliare e completare il centro sportivo di Aquagranda-Active You. A presentare il progetto il Sottosegretario con delega ai grandi eventi sportivi Antonio Rossi, l’Assessore a sport e giovani di Regione Lombardia Martina Cambiaghi, il Direttore Generale Sport e Giovani di Regione Lombardia Simone Rasetti, il sindaco di Livigno Damiano Bormolini con il vicesindaco Remo Galli e il consigliere Samantha Todeschi, il presidente di Apt Livigno Luca Moretti e i due campioni dell’Italnuoto Simona Quadarella e Marco Orsi. “Sono stata qui anche prima dei Mondiali in vasca corta, e posso confermare che Livigno porta bene” ha detto l’azzurra.
Mancini e Cassani a omaggio a ScarponiSabato iniziativa Fondazione intitolata al campione scomparso

JESI (ANCONA)17 gennaio 201921:14

– Il ricordo di Michele Scarponi, vincitore del Giro d’Italia nel 2011 e capitano dell’Astana morto nel 2017 in un incidente stradale, rivivrà sabato 19 gennaio a Filottrano con il ct della nazionale di calcio Roberto Mancini e quello degli azzurri del ciclismo Davide Cassani, ospiti della Fondazione intitolata al campione marchigiano. Presieduta dal fratello, Marco Scarponi, la Fondazione darà il via alla sua missione per la sicurezza stradale nel corso dell’iniziativa intitolata “Kilometro Zero”, presentando i suoi progetti a tutta la cittadinanza. Si comincia alle 18:15 presso la sala consiliare del Municipio di Filottrano con la presentazione da parte della Fondazione dei passi fatti e degli obiettivi per il 2019. Alle 21:15 al teatro Torquis il giornalista Marino Bartoletti, grande amico della famiglia Scarponi, intervisterà Davide Cassani e Roberto Mancini. Chiude la serata il concerto della band “The Boots”, con canzoni dedicate a Michele e agli anni in cui il campione ha iniziato a pedalare.

Delegazione Chinese League da BalataPresidente della Lega B spiega modello torneo cadetto italiano

17 gennaio 201921:15

– Continua il percorso di crescita della Lega B rivolto al campo internazionale. Una delegazione della Chinese Super League ha incontrato a Milano il presidente Mauro Balata per studiare il modello e la struttura della Lega dei cadetti. Balata ha presentato l’organizzazione del campionato e indicato i progetti di riforma che la Lega B sta cercando di portare avanti per l’intero movimento nazionale, senza tralasciare gli aspetti relativi all’organizzazione degli eventi sportivi e della tutela della sicurezza, tema su cui il presidente Balata si è soffermato particolarmente negli ultimi giorni con l’idea di intensificare le strutture a tutela dell’ordine pubblico e sulla necessità di inasprire le pene per chi commette reati al di fuori degli impianti sportivi. Al centro della discussione anche il marketing associativo, i diritti tv e i progetti relativi all’impegno sociale. Il vicepresidente Li Yuyi ha ricambiato l’invito ricevuto dalla Lega di B invitando il presidente Balata a Pechino.
Dakar: moto, a Price l’edizione del 2019Australiano bissa successo del 2016 nonostante polso dolorante

17 gennaio 201918:01

Toby Price è il vincitore della Dakar 2019 nella categoria moto. Il pilota australiano, in sella ad una Ktm 450 del team Red Bull, ha tagliato con il miglior tempo il traguardo della decima ed ultima tappa dell’edizione disputata interamente in Perù (da Pisco a Lima, con 112 chilometri di speciale), precedendo di 2’21” il cileno José Ignacio Cornejo (Honda) e di 2’38” l’austriaco Matthias Walkner (Ktm), vincitore lo scorso anno. In classifica generale Price – che ha bissato il successo del 2016 nonostante abbia corso tutta la gara con il polso destro dolorante per l’operazione subita a metà dicembre – ha fatto meglio di Walkner (+9’13”). Sul podio anche il cileno Pablo Quintilliana (Husqvarna, +20’46”). Il primo dei centauri italiani è Maurizio Gerini, 14/o con un distacco di 4h28’41”.        [print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Notizie, Sport, Ultim'ora

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 11 minuti

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 09:17 ALLE 15:58

DI MERCOLEDì 16 GENNAIO 2019

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Aus Open, Seppi al terzo turno
Travaglia si arrende al 5/o set al georgiano Basilashvili

16 gennaio 201909:17

– Andreas Seppi continua la sua marcia agli Australian Open di tennis. Il 34enne azzurro ha infatti battuto nella notte italiana l’australiano Jordan Thompson con il punteggio di 6-3 6-4 6-4 ed ha fatto un altro passo avanti nel prestigioso torneo in corso da lunedì a Melbourne.
L’altoatesino (numero 35 del mondo) gioca per la 14ma volta gli Aus Open dove ha raggiunto in quattro occasioni gli ottavi (2013, 2015, 2017 e dodici mesi fa, fermato da Kyle Edmund). Al terzo turno troverà il 20enne americano Frances Tiafoe, numero 39 del ranking mondial E’ stato invece eliminato, ma con molto onore, Stefano Travaglia, che ha resistito fino al quinto set contro il georgiano Nikolaz Basilashvili, e ha perso con il punteggio di 3-6 6-3 3-6 6-4 6-3.
Nba, Golden State torna in testaPrestazione super dei campioni in carica contro la capolista

16 gennaio 201909:33

– L’incredibile tonfo casalingo della capolista Denver è la nota saliente del turno di questa notte in Nba, che aveva come piatto forte la sfida fra le prime due della Western Conference. Ha vinto, anzi ha stravinto la formazione campione in carica, cioè Golden State che ha umiliato i padroni di casa con un pesantissimo 142-111, soffiando loro la testa della classifica generale. Un risultato inatteso, stante la grande condizione fin qui dimostrata dai Nuggets (hanno vinto tutte le ultime 12 gare) e le prove non sempre convincenti dei Warriors. Ma stanotte i campioni hanno ritrovato il loro smalto migliore e si sono ripresi la scena chiudendo il primo quarto di gara con addirittura 51 punti, nuovo record in Nba. Il terzetto d’attacco Curry, Thmopson e Durant è stato poi letale, 31 punti a testa. Nelle altre sfide, vittoria dei Bucks su Miami per 124-86, e successo anche dei Lakers -ancora senza Lebron James- su Chicago per 107-100. Buona prova anche per Philadelphia che ha avuto la meglio su Oklahoma 142-126.
Aus Open, Seppi “mio segreto? l’impegno””Oggi era importante vincere in 3 set e risparmiare energie”

16 gennaio 201909:43

– E’ l’impegno, anzi “tanto impegno, il segreto” di Andrea Seppi, il 34enne tennista azzurro protagonista di un inizio di stagione esaltante. Già finalista una settimana fa al torneo di Sydney, l’altoatesino ha appena conquistato il passaggio al terzo turno agli Australian Open e guarda lontano, forte anche di una intensa preparazione atletica svolta negli States che lo ha presentato in condizioni ottimali in questo avvio di stagione. “Non c’è nessun segreto -dice Seppi- solo la continuità, un lavoro fatto bene e tanto impegno.
Bisogna avere sempre voglia di sacrificarsi, senza accontentarsi, e pronti a affrontare ogni situazione. Oggi era importante vincere in tre set senza sprecare energie” spiega Seppi che ora aspetta la sfida contro il 20enne Francis Tiafoe.
I due non si sono mai misurati in un match ufficiale, ma in passato si sono allenati insieme, “se ha battuto Anderson significa che sta giocando molto bene”.
Tennis: Australia, Thompson ko e Seppi vola al 3/o turno Travaglia si arrende al 5/o set al georgiano Basilashvili

16 gennaio 201909:57

Andreas Seppi continua la sua marcia agli Australian Open di tennis. Il 34enne azzurro ha infatti battuto nella notte italiana l’australiano Jordan Thompson con il punteggio di 6-3 6-4 6-4 ed ha fatto un altro passo avanti nel prestigioso torneo in corso da lunedì a Melbourne. L’altoatesino (numero 35 del mondo) gioca per la 14ma volta gli Aus Open dove ha raggiunto in quattro occasioni gli ottavi (2013, 2015, 2017 e dodici mesi fa, fermato da Kyle Edmund). Al terzo turno troverà il 20enne americano Frances Tiafoe, numero 39 del ranking mondial E’ stato invece eliminato, ma con molto onore, Stefano Travaglia, che ha resistito fino al quinto set contro il georgiano Nikolaz Basilashvili, e ha perso con il punteggio di 3-6 6-3 3-6 6-4 6-3.Seppi:”il mio segreto? tanto impegno” – E’ l’impegno, anzi “tanto impegno, il segreto” di Andrea Seppi, il 34enne tennista azzurro protagonista di un inizio di stagione esaltante. Già finalista una settimana fa al torneo di Sydney, l’altoatesino ha appena conquistato il passaggio al terzo turno agli Australian Open e guarda lontano, forte anche di una intensa preparazione atletica svolta negli States che lo ha presentato in condizioni ottimali in questo avvio di stagione. “Non c’è nessun segreto -dice Seppi- solo la continuità, un lavoro fatto bene e tanto impegno. Bisogna avere sempre voglia di sacrificarsi, senza accontentarsi, e pronti a affrontare ogni situazione. Oggi era importante vincere in tre set senza sprecare energie” spiega Seppi che ora aspetta la sfida contro il 20enne Francis Tiafoe. I due non si sono mai misurati in un match ufficiale, ma in passato si sono allenati insieme, “se ha battuto Anderson significa che sta giocando molto bene”

Aus Open, Federer passa al terzo turnoVittoria difficile contro il britannico Evans

16 gennaio 201910:40

– Roger Federer si è qualificato, non senza soffrire, per il terzo turno degli Australian Open, battendo il britannico Daniel Evans, numero 190 del tennis mondiale, con il punteggio di 7-6, 7-6, 6-3. Il 37enne campione svizzero, numero 3 del mondo ha faticato soprattutto nei primi due set per avere ragione di un avversario che alla vigilia non si presentava certo come irresistibile e oltretutto proveniente dalle qualificazioni. Il fuoriclasse svizzero al prossimo turno affronterà l’americano Taylor Fritz, numero 50 del ranking, e reduce dalla sfida vittoriosa con il francese Gae Monfils (33). Eliminato a sorpresa il sudafricano Kevin Anderson numero 6 del mondo, uno dei favoriti della vigilia, finalista agli Us Open 2017 e a Wimbledon 2018, battuto dal 20enne statunitense Francis Tiafoe (39), che al terzo turno sfiderà Andreas Seppi (35).
Coni, al via Stati generaliAi lavori presenti i sottosegretari Giorgetti e Valente

16 gennaio 201911:23

– Il presidente del Coni Giovanni Malagò ha aperto a Roma gli Stati Generali dello Sport Italiano, giornata di approfondimenti e dibattiti sul futuro del movimento sportivo. “Il Coni è un grande esempio di rispetto della democraticità, siedono qui 254 delegati che rappresentano oltre 12 mln di persone” ha detto Malagò, presenti i sottosegretari Giancarlo Giorgetti e Simone Valente. “Gli stati generali -ha aggiunto- servono a contemperare interessi tra settori che ne hanno di diversi e contrapposti”.
Ci saranno 10 sessioni di lavori sul tema “Coni, futuro segnato e/o futuro sognato?”. 5 tavole rotonde con l’intervento dei membri di CIO, Giunta Nazionale e delle Federazioni, per chiudere con le Discipline Sportive Associate. Nel pomeriggio altre 5 sessioni, con gli interventi di atleti, tecnici e dirigenti. La conclusione e la sintesi dei lavori saranno curate dal Presidente Malagò e dal Segretario Generale, Carlo Mornati.
Golf, Desert Classic, sfida Rose-RahmIn California 60/a edizione torneo vinto 1/a volta da Palmer

16 gennaio 201911:27

– Sfida tra star e amateur nel Desert Classic (17-20 gennaio), torneo show del PGA Tour arrivato alla 60/a edizione. L’evento, giocato per la prima volta nel 1960, andrà in scena a La Quinta (California) e avrà come assoluti favoriti il leader mondiale Justin Rose e il campione uscente Jon Rahm. Torna sul green, dopo il match vinto contro Tiger Woods, anche Phil Mickelson, al debutto nel 2019. Tra i possibili outsider ecco poi Danny Willett, Patrick Cantlay, Patton Kizzire e Charl Schwartzel. In una rassegna che vedrà in campo pure tanti golfisti amateur e si disputerà su tre diversi percorsi: il PGA West’s Stadium Course, il Nicklaus Tournament Course e il La Quinta Country Club. Con il taglio previsto dopo 54 buche.
Ciclismo: Down Under, 2/a tappa a BevinNeozelandese nuovo leader, ma Viviani è secondo a soli 5″

Patrick Bevin, con il tempo di 3h14’31”, ha vinto a sorpresa la 2/a tappa del Tour Down Under di ciclismo ed è il nuovo leader della classifica generale. Il neozelandese del Team Ccc si è imposto in volata su due big del calibro dell’australiano Caleb Ewan e dell’ex campione del mondo slovacco Peter Sagan, dopo i 122,1 chilometri percorsi fra Norwood e Angaston, nel sud dell’Australia. Primo degli italiani Elia Viviani, che non è riuscito ad andare oltre il 7/o posto.
Per Bevin si tratta della seconda vittoria in questo primo scorcio di stagione, dopo la conquista del titolo nazionale a cronometro. In classifica generale guida Bevin, con il tempo di 6h34’03”, davanti a Viviani (in ritardo di 5″) ed Ewan (a 9″).
Domani è in programma la 3/a tappa, da Lobethal a Uraidla, lunga 146,2 chilometri.
Aus Open, anche Fabbiano al terzo turnoIl 29enne pugliese batte Opelka dopo oltre 3 ore mezza di gioco

16 gennaio 201911:59

– Sorride il tennis azzurro agli Australian Open con il passaggio al terzo turno di Thomas Fabbiano. Il tennista pugliese è stato protagonista di una grande partita contro il gigante americano Reilly Opelka (è alto 211 cm) vincendo al quinto set dopo un’altalena di emozioni, con il punteggio di 6-7 6-2 6-4 3-6 7-6. Sono state necessarie oltre tre ore e mezza di gioco al 29enne tennista italiano per avere ragione dell’avversario e andare ad affiancare Andrea Seppi nei qualificati per il terzo turno. Con la vittoria di oggi Fabbiano dovrebbe diventare, al prossimo rilevamento ufficiale, il n. 99 del tennis mondiale, da 102mo che era.
L’azzurro al prossimo turno troverà il vincente della sfida fra il bulgaro Grigor Dimitrov e l’uruguaiano Pablo Cuevas.
Valente: Nostro mandato migliorare sportSottosegretario: “Cittadini ci hanno chiesto di cambiare tanto”

16 gennaio 201912:32

– “Quanto scritto nella legge di bilancio è un punto di partenza, che però deve essere messo a terra, funzionale, migliorativo. Altrimenti restiamo nel solito problema: cambiare tutto per non cambiare nulla. Non è nella intenzione del Governo e non è nella mia”. Lo dice il sottosegretario con delega ai Rapporti con il Parlamento e responsabile sport dei Cinque stelle, Simone Valente, parlando agli stati generali dello sport italiano in corso al Coni.
Parlando della riforma dello sport contenuta nella legge di Bilancio, Valente ha quindi aggiunto, rivolgendosi alla platea di presidenti e dirigenti sportivi: “Bisogna parlare di collaborazione, è questa la chiave che può far funzionare questo modello. I cittadini ci hanno dato il mandato di cambiare tante cose nel nostro paese, anche intervenire nel mondo sportivo. È vero che nei programmi elettorali non c’era scritto proprio questo, ma comunque c’era il fatto di dover dare dei segnali di miglioramento”.
Giochi26:Giorgetti,costi a organizzatori’Enti disponibili a sostenerli: era la condizione iniziale’

16 gennaio 201912:40

– “Il Governo dà le garanzie che servono per organizzare l’evento, poi chi organizza l’evento deve farsi carico di costi e benefici. Il governo è stato chiaro e stiamo collaborando, poi il comitato organizzatore e gli enti alla sua base si sono detti disponibili a sostenere gli oneri e questa era la condizione affinché la procedura potesse andare avanti. Alla fine oneri e onori”. Lo dice il sottosegretario con delega allo Sport, Giancarlo Giorgetti, uscendo dagli stati generali in corso al Coni e rispondendo in merito all’incontro di ieri a Palazzo Chigi sulla candidatura di Milano e Cortina a ospitare i Giochi invernali 2026.
Tennis, azzurri ok agli Australian Open: Seppi e Fabbiano al 3/o turnoAvanzano anche Federer e Cilic. Eliminato Anderson

16 gennaio 201912:47

Andreas Seppi continua la sua marcia agli Australian Open di tennis. Il 34enne azzurro ha infatti battuto nella notte italiana l’australiano Jordan Thompson con il punteggio di 6-3 6-4 6-4 ed ha fatto un altro passo avanti nel prestigioso torneo in corso da lunedì a Melbourne. L’altoatesino (numero 35 del mondo) gioca per la 14ma volta gli Aus Open dove ha raggiunto in quattro occasioni gli ottavi (2013, 2015, 2017 e dodici mesi fa, fermato da Kyle Edmund). Al terzo turno troverà il 20enne americano Frances Tiafoe, numero 39 del ranking mondial E’ stato invece eliminato, ma con molto onore, Stefano Travaglia, che ha resistito fino al quinto set contro il georgiano Nikolaz Basilashvili, e ha perso con il punteggio di 3-6 6-3 3-6 6-4 6-3.

E’ l’impegno, anzi “tanto impegno, il segreto” di Andrea Seppi, il 34enne tennista azzurro protagonista di un inizio di stagione esaltante. Già finalista una settimana fa al torneo di Sydney, l’altoatesino ha conquistato il passaggio al terzo turno agli Australian Open e guarda lontano, forte anche di una intensa preparazione atletica svolta negli States che lo ha presentato in condizioni ottimali in questo avvio di stagione. “Non c’è nessun segreto -dice Seppi- solo la continuità, un lavoro fatto bene e tanto impegno. Bisogna avere sempre voglia di sacrificarsi, senza accontentarsi, e pronti a affrontare ogni situazione. Oggi era importante vincere in tre set senza sprecare energie” spiega Seppi che ora aspetta la sfida contro il 20enne Francis Tiafoe. I due non si sono mai misurati in un match ufficiale, ma in passato si sono allenati insieme, “se ha battuto Anderson significa che sta giocando molto bene”.

Sorride il tennis azzurro agli Australian Open con il passaggio al terzo turno di Thomas Fabbiano. Il tennista pugliese è stato protagonista di una grande partita contro il gigante americano Reilly Opelka (è alto 211 cm) vincendo al quinto set dopo un’altalena di emozioni, con il punteggio di 6-7 6-2 6-4 3-6 7-6. Sono state necessarie oltre tre ore e mezza di gioco al 29enne tennista italiano per avere ragione dell’avversario e andare ad affiancare Andrea Seppi nei qualificati per il terzo turno. Con la vittoria di oggi Fabbiano dovrebbe diventare, al prossimo rilevamento ufficiale, il n. 99 del tennis mondiale, da 102mo che era. L’azzurro al prossimo turno troverà il vincente della sfida fra il bulgaro Grigor Dimitrov e l’uruguaiano Pablo Cuevas.

Roger Federer si è qualificato, non senza soffrire, per il terzo turno degli Australian Open, battendo il britannico Daniel Evans, numero 190 del tennis mondiale, con il punteggio di 7-6, 7-6, 6-3. Il 37enne campione svizzero, numero 3 del mondo ha faticato soprattutto nei primi due set per avere ragione di un avversario che alla vigilia non si presentava certo come irresistibile e oltretutto proveniente dalle qualificazioni. Il fuoriclasse svizzero al prossimo turno affronterà l’americano Taylor Fritz, numero 50 del ranking, e reduce dalla sfida vittoriosa con il francese Gae Monfils (33). Eliminato a sorpresa il sudafricano Kevin Anderson numero 6 del mondo, uno dei favoriti della vigilia, finalista agli Us Open 2017 e a Wimbledon 2018, battuto dal 20enne statunitense Francis Tiafoe (39), che al terzo turno sfiderà Andreas Seppi (35). Passo avanti anche per il croato Marin Cilic (7), finalista a Melbourne l’anno scorso, e vincitore della sfida con l’americano McKanzie McDonald (79). Successo anche per il giovanissimo greco Stefanos Tsitsipas (15) e l’argentino Diego Schwartzman (19). Al terzo turno anche Thomas Berdych (57) che si è liberato dell’olandese Robin Haase (58), mentre al primo turno aveva eliminato addirittura il britannico Kyle Edmund numero 14 del ranking e semifinalista un anno fa a Melbourne.

Coni: Pancalli, concertazione su decretiN.1 Cip: “Preoccupato per instabilità Paese, retorica non serve”

16 gennaio 201914:01

– “Non bisogna avere paura delle novità e del futuro: oggi ci si trova di fronte a questa norma, il resto della retorica, in questa fase non ci serve. Le mie perplessità sono invece che mi auguro ci sia la fase della concertazione nella fase dei decreti attuativi”. Così il presidente del Comitato italiano paralimpico, Luca Pancalli, nel suo intervento al Salone d’onore del Coni in cui sono in corso gli stati generali dello sport. “Deve essere chiaro lo schema di gioco e il livello territoriale – ha proseguito Pancalli -. Mi preoccupa anche l’instabilità politica del Paese. Perché può essere anche che un giorno qualche altra visione possa cambiare nuovamente l’approccio delle politiche sportive del Paese”.
Sci: Feuz più veloce in prova a WengenInnerhofer ha il 13/o tempo, a 2″28. Ancora più in ritardo Paris

WENGEN (SVIZZERA)16 gennaio 201914:15

– Lo svizzero Beat Feuz, in 2’29″49, è stato il più veloce nella prima prova cronometrata della discesa di Coppa del mondo di sci, a Wengen, disputata sulla famosa pista Lauberhorn che, con i suoi 4.480 metri è la più lunga del circuito iridato. Secondo tempo per per il suo connazionale Mauro Caviezel (a 1″16), terzo per l’austriaco Matthias Mayerv (a 1″27). Decisamente indietro gli azzurri, in questo primo assaggio della pista. Il più veloce è stato Christof Innerhofer, 13/o, con un ritardo di 2″28. Ancora più indietro Dominik Paris e gli altri. Domani è prevista la seconda e ultima prova. A Wengen venerdì è in programma una super-combinata tra una discesa e una manche di slalom speciale; sabato la classica discesa e domenica lo slalom speciale.
Coni: Abbagnale, non temo il cambiamentoGiomi (Fidal): “Preoccupano finanziamenti per anno preolimpico”

Coni: Abbagnale, non temo il cambiamentoGiomi (Fidal): “Preoccupano finanziamenti per anno preolimpico”

16 gennaio 201914:29

– “Uno sportivo non ha paura del cambiamento, ma deve sapere da dove partire, su che basi può contare. Per questo le parole lasciano il tempo che trovano, contano i fatti”. Così il presidente della Federcanottaggio, Giuseppe Abbagnale, agli Stati generali dello sport italiano, in corso al Coni. Abbagnale ha espresso preoccupazione, condivisa da altri presidenti di Federazioni e da atleti, per la gestione di un’annata sportiva 2019 di qualificazione ai Giochi di Tokyo.
“Quest’anno come Federazione ci troviamo già con 200 mila euro in meno, secondo quanto deciso dall’ultima Giunta, ma ora bisogna intervenire e pensarci”, ha detto il presidente di Federatletica, Aldo Giomi. Valentina Turisini, tecnico del tiro, ha chiesto “quali sono le basi economiche per lavorare e ottenere risultati”. “Il rischio di questa riforma – ha sottolineato il presidente della federazione Taekwondo, Angelo Cito – è che si smantelli un sistema nell’anno preolimpico”.
Basket: Leonis, interesse per TorinoAmministratore società: “Ma resta impegno primario per Roma”

TORINO16 gennaio 201914:43

– Leonis Group conferma l’interesse ad acquisire l’Auxilium Torino, mantenendo però tutti gli impegni e i programmi con Eurobasket Roma. Lo precisa Danilo Angarella, amministratore unico della società. “Nel confermare il nostro interesse per l’Auxilium Fiat Torino – si legge, in una nota – vorrei chiarire che Leonis Group spa mantiene, come ha fatto fin dall’inizio, il necessario riserbo sulla trattativa, tutt’ora in fase di valutazione. Il progetto sportivo e imprenditoriale con Eurobasket Leonis Roma rimane per noi un impegno di primaria importanza e una potenziale acquisizione, se ce ne saranno i termini, dell’Auxilium Torino non potrà che rafforzarlo, creando un importante asset Roma-Torino”. “D’altronde – conclude Angarella – abbiamo da tempo definito in tutte le sedi, istituzionali e imprenditoriali, il fondamentale obiettivo di costruire a Roma un nuovo PalArena”.        [print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Notizie, Sport

SPORT: TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 4 minuti

SPORT: TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 11:20 ALLE 22:28

DI LUNEDì 10 SETTEMBRE 2018

SOMMARIO

SPORT: TUTTE LE NOTIZIE

Sfuriata Williams, Wta difende tennista
Ad Simon: “Garantire a tutti i giocatori lo stesso trattamento”

Olimpiadi 26: Mornati, Milano difende brand ma vuole correreSegretario Coni, Governo interessato a candidatura unita a tre

Basket, venerdì Italia-PoloniaA Bologna la prima sfida delle qualificazioni ai mondiali

Cio: una donna n.1 del Comitato UsaDopo 10 anni lascia Probst, dal 1° gennaio Susanne Lyons

SPORT: TUTTE LE NOTIZIE

TUTTE LE NOTIZIE DI SPORT SEMPRE AGGIORNATE

L’ARTICOLO

 

SPORT: TUTTE LE NOTIZIE

Nella lite fra Serena Williams e il giudice di gara avvenuta durante e dopo la finale agli Us Open, la Wta si schiera apertamente con la supercampionessa americana.
Ieri la Williams aveva protestato vivacemente contro l’arbitro e ricevuto una punizione in partita. Un giudice di sedia che penalizza in maniera molto dubbia la star del tennis mondiale, allontanando irrimediabilmente il sogno di un altro titolo del Grande Slam, insomma è ormai diventato un caso, con le accuse di sessismo rivolte al giudice. Oggi è sceso in campo anche Steve Simon, amministratore delegato della Wta, il circuito mondiale dei tornei femminili, secondo il quale la finale degli Us Open ha portato “alla ribalta la questione se diversi standard siano applicati agli uomini e alle donne nell’officiare le partite”.
Secondo il capo della Wta “non dovrebbero esserci differenze negli standard di tolleranza fra uomini e donne” e bisogna “garantire che tutti i giocatori siano trattati allo stesso modo”.
“Se c’erano dubbi su Milano, oggi possiamo dire che l’intenzione di Milano è invece quella di partecipare. Senza in questa fase dettare condizioni ma attendendo anche quello che dicono gli altri e lo stesso Governo, che è l’interlocutore diretto”. Lo ha dichiarato Carlo Mornati, segretario generale del Coni e coordinatore del dossier di candidatura per le Olimpiadi invernali del 2026, al termine dell’incontro a Palazzo Chigi con il Sottosegretario con delega allo Sport, Giancarlo Giorgetti, e il sindaco di Milano, Giuseppe Sala. La volontà del capoluogo lombardo (a partecipare al colloquio oggi c’era anche il Governatore della Regione, Attilio Fontana) resta quella di difendere il brand della città pretendendo una posizione da ‘architrave’ della candidatura: “La città ha manifestato la propria intenzione ad andare avanti. Per natura sono ottimista – specifica Mornati – presto parlare ora del nome, in questa fase ognuno cerca di tirare acqua al proprio mulino. Milano è interessata al fatto che sia messo in evidenza il nome della città. Per Milano il nome alternativo della candidatura non deve esserci, ci deve essere il nome della città. Sala vuole difendere il brand Milano e questo è facile, basta che ci sia il nome della città. Così come Torino e Cortina, non a caso il nostro dossier si intitola Cortina-Milano-Torino”. Dopo l’incontro di oggi, domani andrà in scena un tavolo a cui parteciperanno anche le altre due città, Cortina e Torino: “Si farà una sintesi – ha concluso Mornati – anche se Sala dovrà partire per San Francisco ma per Milano ci saranno l’assessore allo Sport (Roberta Guaineri, ndr) e per la Regione Antonio Rossi. Poi dire se domani già si decide mi sembra prematuro. Da domani però inizieremo a capire effettivamente se avrà senso portare avanti la candidatura o meno. La risposta al Cio la dobbiamo dare entro il 19 settembre. Ma oggi tutti hanno preso consapevolezza per la prima volta che il Governo è molto attento al fatto che ci sia una candidatura a tre”.
“Riteniamo importante che Milano sia l’architrave di queste Olimpiadi”. Così il Governatore della Regione Lombardia, Attilio Fontana, dopo l’incontro che la delegazione di Milano con il sindaco Sala, ha avuto con il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti e il presidente del Coni, Giovanni Malagò, con al centro la candidatura italiana alle Olimpiadi del 2026. “Abbiamo avuto una riunione molto importante – ha aggiunto Fontana all’uscita da Palazzo Chigi – Noi parteciperemo, ma dovremo vedere quali sono le condizioni di questa gestione perché sarà complicato e ci sarà bisogno di precisione sulla governance. Se ci sfileremo in caso contrario? Non lo so, prima di parlare di queste cose dovremo ascoltare le richieste delle altre città e quello che deciderà il governo”. “Noi oggi – ha concluso il Governatore lombardo – abbiamo esposto le nostre idee, i nostri pensieri, il governo ha ascoltato e si è riservato di ascoltare anche le altre città per poi fare una sintesi di quelle che sono le varie richieste”.

– BOLOGNA

– Dopo il calcio la scorsa settimana, un altro incrocio sportivo tra Italia e Polonia passa per Bologna. Venerdì al PalaDozza gli azzurri del basket guidati da coach Sacchetti, sfideranno i polacchi nella prima gara del gruppo J valido per la qualificazione ai mondiali di Cina 2019. “C’è la pressione, la sentiamo – ha detto Sacchetti – Ma sappiamo che grandi giocatori e grandi squadre devono reggerla; ho avuto giocatori e compagni di squadra che davano ancora di più proprio quando erano sotto pressione. Abbiamo fatto un brutto passo falso con l’Olanda e dobbiamo farci perdonare. E fare vedere la pallacanestro delle prime giornate. Da oggi abbiamo a disposizione 14 giocatori di cui ne sceglieremo 12”. A ‘mettere pressione’ anche il presidente della Federazione, Giovanni Petrucci “i dirigenti sono qui per mettere pressioni agli allenatori. Noi siamo dietro Sacchetti a spingere. Il basket di oggi è difficile, ci sono nazioni forti che prima neanche vedevamo. In bocca al lupo a tutti i nostri”.
– Lascia dopo dieci anni il numero 1 del comitato olimpico Usa. Larry Probst, presidente del consiglio direttivo dell’organismo, ha annunciato oggi che rinuncerà al suo mandato cominciato nel 2008 e rinnovato due volte a fine 2018, quando ancora mancano due anni al completamento del suo terzo mandato. Al suo posto, dal 1 gennaio 2019, Susanne Lyons, una rappresentante indipendente nel ‘Board’ dell’Usoc che aveva ricoperto temporaneamente il ruolo di Ad nello scorso luglio. “Faro’ ciò che serve per riconquistare la fiducia dei nostri atleti, soprattutto di quelli vittime di abusi sessuali”, la prima dichiarazione – esplicita – della Lyons.
Usa Today sottolinea i successi di Probst (più medaglie olimpiche e Los Angeles 2028) ma ricorda ricorda che il comitato olimpico è finito negli ultimi due anni sotto accusa per la sua condotta nello scandalo degli abusi sessuali che ha travolto la ginnastica Usa prima, con i numerosissimi abusi del dottor Nassar, e poi anche nuoto, taewkondo e pattinaggio velocità.   [print-me title=”STAMPA”]