Juventus-Parma video e racconto della partita
Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, Sport, TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

JUVENTUS-PARMA VIDEO E RACCONTO DELLA PARTITA

Tempo di lettura: 4 minuti

JUVENTUS-PARMA VIDEO E RACCONTO

JUVENTUS-PARMA 2-1 DOPPIETTA CR7 E CORNELIUS VIDEO E RACCONTO DELLA PARTITA

AGGIORNAMENTO IN “JUVENTUS” E “TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS” DELLE 07:32 DI LUNEDì 20 GENNAIO 2020

JUVENTUS-PARMA VIDEO E RACCONTO DELLA PARTITA

Doppio CR7, la Juve vola a più quattro
La doppietta di Ronaldo stende il Parma e vale l’allungo in classifica sull’Inter
JUVENTUS-PARMA VIDEO E RACCONTO DELLA PARTITA
La doppietta di Ronaldo fa volare la Juve che supera il Parma grazie ai gol del portoghese e porta a quattro punti il vantaggio in classifica sull’Inter, fermata a Lecce sul pareggio. I bianconeri, in campo con il lutto al braccio, in ricordo di Pietro Anastasi, indimenticabile campione scomparso venerdì all’età di 71 anni, si trovano di fronte un avversario accorto, ma tutt’altro che arrendevole e, pur rimanendo per lunghi tratti in controllo del match, devono faticare non poco per portare a casa i tre preziosissimi punti.

JUVENTUS-PARMA VIDEO E RACCONTO DELLA PARTITA GLI HIGHLIGHS:

PARTITA BLOCCATA? CI PENSA CR7L’atteggiamento è corretto fin dai primi minuti, perché la pressione portata dalla squadra di Sarri  è consistente e costante, anche se i ritmi sono blandi. Ronaldo prova un destro dal limite e Alex Sandro una girata di testa, ma entrambe le conclusioni sono fuori misura.
Il brasiliano, dopo una ventina di minuti, deve lasciare il posto a Danilo e la gara, non particolarmente vivace, offre uno dei rari sussulti grazie allo spunto di Ronaldo, che impegna Sepe con un diagonale rasoterra da posizione parecchio defilata. La partita è bloccata, il Parma si chiude bene e qualche errore di precisione impedisce alla Juve di sviluppare una manovra incisiva. In questi casi, ci si deve affidare all’istino dei campioni e quello di Ronaldo è una garanzia.
JUVENTUS-PARMA VIDEO E RACCONTO DELLA PARTITA
Così, al 43′, quando ormai sembra inevitabile andare al riposo in parità, il portoghese prende palla sulla sinistra, si accentra e lascia partire un destro che, deviato da Inglese, si infila nell’angolino sbloccando finalmente il risultato.
CORNELIUS PAREGGIA, RONALDO RISPONDEIl palo colpito da Danilo dopo pochi minuti dal ritorno in campo fa presagire una ripresa più frizzante e il Parma non tarda a confermare la sensazione, arrivando al pareggio con Cornelius, che stacca con perfetto tempismo sul corner di Scozzarella e gira di testa sotto l’incrocio. La reazione della Juve è pressoché immediata e viene premiata dopo appena tre minuti dall’accelerazione di Dybala e dall’assist per Ronaldo, corretto in rete con un destro rasoterra di prima intenzione che si infila nell’angolo più lontano.
JUVENTUS-PARMA VIDEO E RACCONTO DELLA PARTITA
LA JUVE RESISTE E ALLUNGASarri vuole chiudere i conti e manda in campo Higuain al posto di Ramsey. Ora Dybala parte più defilato dalla destra e si produce anche in qualche ottimo recupero in fase di non possesso, mentre il Pipita è il riferimento centrale.
JUVENTUS-PARMA VIDEO E RACCONTO DELLA PARTITA
La difesa del Parma si conferma solida però e, nonostante la potenza di fuoco in campo, la Juve fatica a produrre occasioni, e sono anzi gli emiliani a impegnare Szczesny con le conclusioni dalla distanza di Hernani e Kurtic. A dieci minuti dal termine Sarri richiama Dybala e inserisce Douglas Costa, ma sono ancora gli ospiti a rendersi pericolosi con la discesa di Kulusevski e la girata di Hernani, deviata in angolo da de Ligt.
JUVENTUS-PARMA VIDEO E RACCONTO DELLA PARTITA
Ronaldo scuote i suoi con tre conclusioni, una respinta da Sepe, due a lato di poco e, anche se non mette al sicuro il risultato, ha il pregio di spaventare gli avversari e di tenerli lontani dall’area quel tanto che basta per arrivare al fischio finale e incassare una vittoria pesante. Una vittoria che vuol dire allungo in classifica.
JUVENTUS-PARMA VIDEO E RACCONTO DELLA PARTITA: 2-1
RETI: Ronaldo 43′ pt e 13′ st, Cornelius 10′ st
JUVENTUS
Szczesny; Cuadrado, Bonucci, de Ligt, Alex Sandro (21′ pt Danilo); Rabiot, Pjanic, Matuidi; Ramsey (14′ st Higuain); Dybala (35′ st Douglas Costa), Ronaldo
A disposizione: Buffon, Pinsoglio, Rugani, Emre Can, Coccolo, Bernardeschi, Pjaca
Allenatore: Sarri
JUVENTUS-PARMA VIDEO E RACCONTO DELLA PARTITA
PARMA
Sepe; Darmian, Iacoponi, Bruno Alves, Gagliolo; Kucka, Hernani, Scozzarella (21′ st Sprocati); Kulusevski (43′ st Siligardi), Inglese (44′ pt Cornelius), Kurtic
A disposizione: Colombi, Alastra, Dermaku, Brugman, Laurini, Barillà, Pezzella
Allenatore: D’Aversa
JUVENTUS-PARMA VIDEO E RACCONTO DELLA PARTITA
ARBITRO: Di Bello
ASSISTENTI: Schenone, Vecchi
QUARTO UFFICIALE: Ghersini
VAR: Valeri, Tegoni
AMMONITI: 26′ st Kurtic.
JUVENTUS-PARMA VIDEO E RACCONTO DELLA PARTITA
Sala Stampa | I commenti dopo Juve-Parma:

Le parole di Maurizio Sarri, Cristiano Ronaldo e Matthijs de Ligt dopo il successo per 2-1 sugli emiliani.
JUVENTUS-PARMA VIDEO E RACCONTO DELLA PARTITA
La doppietta di Cristiano Ronaldo lancia la Juve, che chiude la serata dell’Allianz Stadium con i tre punti in tasca.
JUVENTUS-PARMA VIDEO E RACCONTO DELLA PARTITA
Queste le dichiarazioni di CR7, Sarri e de Ligt nel post gara:CRISTIANO RONALDO«Oggi era importante vincere, lo sapevamo e abbiamo giocato bene una partita difficile. Il Parma è un’ottima squadra e per me aver aiutato a vincere con due reti è molto bello. Nel finale loro sono saliti per metterci in difficoltà, ma, anche se con qualche sofferenza, abbiamo conquistato tre punti fondamentali».
JUVENTUS-PARMA VIDEO E RACCONTO DELLA PARTITA
MAURIZIO SARRI«La squadra è in crescita, stasera abbiamo disputato una partita meno pulita del solito, abbiamo la responsabilità di non averla chiusa: abbiamo sofferto gli ultimi 5 minuti contro una squadra in salute e fisica come il Parma. Abbiamo cambiato molto da mercoledì, dopo il 2-1 volevo dare un messaggio alla squadra per evitare complicazioni nel finale, e poi con Douglas Costa abbiamo cercato di riequilibrarci.
JUVENTUS-PARMA VIDEO E RACCONTO DELLA PARTITA
L’unico problema di Rabiot è di giocare a destra, ma nel rombo può giocare tranquillamente e ora è in crescita. Ramsey all’Arsenal spesso faceva il trequartista, a volte anche la seconda punta, quindi può giocare tranquillamente in quella posizione. Vengono entrambi da un altro mondo, hanno avuto due o tre mesi resi complicati dalle problematiche fisiche.
JUVENTUS-PARMA VIDEO E RACCONTO DELLA PARTITA
Il gol subito si evita con un po’ di passività in meno. Quando parte la palla siamo tutti fermi e la postura dice lo siamo anche mentalmente. Bisogna esser più attivi, eravamo in grande crescita sulle palle ferme contro, stasera abbiamo subito un gol, ma, va detto, contro una squadra che in questo è specialista.
JUVENTUS-PARMA VIDEO E RACCONTO DELLA PARTITA
Possiamo crescere mentalmente e nella gestione di certi momenti delle partite. I finali di gara in cui palleggiamo nella nostra metà campo non mi piacciono, preferisco farlo a ridosso dell’area avversaria. Cristiano è un fuoriclasse, che sa risolvere cento problemi».
JUVENTUS-PARMA VIDEO E RACCONTO DELLA PARTITA
MATTHIJS DE LIGT«Abbiamo ottenuto una vittoria importante, avevamo l’opportunità di portarci a quattro punti di vantaggio sulla seconda in classifica e siamo felici di esserci riusciti. Abbiamo giocato bene nel primo tempo, creando tante occasioni, nel secondo abbiamo avuto una bella reazione dopo il pareggio di Cornelius e segnato il 2-1. Stiamo andando bene, fra i migliori in Europa, ma sappiamo e vogliamo migliorare ancora». Home Mappa del sito

Conferenza Sarri pre Juventus-Parma 18 Gennaio 2020
Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, Sport, TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

CONFERENZA SARRI PRE JUVENTUS-PARMA VIDEO

Tempo di lettura: < 1 minuto

CONFERENZA SARRI PRE JUVENTUS-PARMA VIDEO

LA CONFERENZA STAMPA INTEGRALE DI MAURIZIO SARRI DELLE 13:15 DI SABATO 18 GENNAIO 2020, ALLA VIGILIA DI JUVENTUS-PARMA DELLE 20:45 DI DOMENICA 19 GENNAIO 2020

CONFERENZA SARRI PRE JUVENTUS-PARMA VIDEO

ASCOLTA SU YOUTUBE PER TUTTE LE NOTIZIE DELLAL JUVENTUS: CLICCA QUI

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, Sport, TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

CONFERENZA ALLEGRI VIGILIA JUVENTUS-PARMA

Tempo di lettura: < 1 minuto

CONFERENZA ALLEGRI VIGILIA JUVENTUS-PARMA

IL VIDEO INTEGRALE DELLA CONFERENZA STAMPA DI MASSIMILIANO ALLEGRI

DELLE 15:30 DI VENERDì 01 FEBBRAIO 2019

VIGILIA DI JUVENTUS-PARMA DELLE 20:30 DI SABATO 02 FEBBRAIO 2019 22/MA GIORNATA SERIE A

CONFERENZA ALLEGRI VIGILIA JUVENTUS-PARMA

Tantissimi gli argomenti toccati dal Mister, dalla condizione di squadra e giocatori, alla tattica, alle competizioni nazionali ed internazionali, sempre con risolutezza, passione, saggezza, equilibrio. Proprio quest’ultima parola, come sempre, secondo me, è il filo conduttore di molti ragionamenti di Max allegri, insieme con l’oggettività, quella dei numeri, ma anche quella delle parole. IL VIDEO INTEGRALE: La conferenza di Allegri vigilia di Juventus Parma

IL VIDEO DA YOUTUBE:

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Sport, Ultim'ora

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 9 minuti

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 13:42 ALLE 22:59

DI DOMENICA 23 DICEMBRE 2018

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Sei squalificati in Serie A
Sono Palomino, Toloi, Behrami, Kurtic, Rogerio e Bruno Alves

23 dicembre 2018 13:42

Sono sei i calciatori squalificati dal giudice sportivo, e tutti per un turno, dopo le partite della 17/a giornata di Serie A. Si tratta degli espulsi Palomino e Toloi, entrambi dell’Atalanta, dei diffidati Behrami (Udinese), Kurtic (Spal), Rogerio (Sassuolo) e Bruno Alves (Parma). Tra le società, multa di 2.000 euro al Chievo “perché i propri raccattapalle, in occasione di un controllo della Var effettuato nel recupero del secondo tempo, lanciavano sul terreno di gioco tre palloni al fine di ritardare la ripresa della gara”. Il giallorosso Edin Dzeko è stato multato di 5.000 euro “per avere, al termine della gara, rivolgendosi al IV Ufficiale, contestato polemicamente una decisione arbitrale”.
Milan: Salvini, siamo messi male’Vabbè è un gioco ma vincere ogni tanto non mi darebbe fastidio’

23 dicembre 201814:33

– “Siamo messi male, mamma mia come siamo messi male. Vabbé chi se ne frega, é solo un gioco, anche se vincere ogni tanto non mi darebbe fastidio”, dice Matteo Salvini parlando del Milan in diretta Fb, rispondendo a una tifosa di fede rossonera.-

Serie B: Salernitana-Foggia 1-0Ha deciso il confronto una rete di Vitale in pieno recupero

NAPOLI23 dicembre 201814:42

– La Salernitana batte 1-0 il Foggia e bagna con un successo la prima di Angelo Gregucci sulla panchina dei campani. Esordio amaro, invece, per l’allenatore dei pugliesi Pasquale Padalino (squalificato e sostituito dal vice Sergio Di Corcia), ufficializzato in settimana per sostituire Gianluca Grassadonia. La partita regala poche emozioni ai 9.730 spettatori dell’Arechi. Nel primo tempo le uniche occasioni, una per parte, capitano a Kragl (26′) e Bocalon (39′). Nella ripresa, invece, Micai salva di piede una conclusione ravvicinata di Iemmello. Al 26′ il Foggia resta in 10 uomini per l’espulsione di Gerbo e la Salernitana tenta il tutto per tutto, riuscendo a trovare il gol-vittoria al 47′ con una botta dal limite di Vitale che non lascia scampo a Bizzarri.
Parma: rosso di 22 mln ma già ripianatoPatrimonio netto è stato quindi ricostituito e risulta positivo

PARMA23 dicembre 201816:24

Dopo il recente aumento di capitale di 11,7 milioni di euro da parte del socio di maggioranza del club Nuovo Inizio Spa, oggi il Parma Calcio 1913 ha reso noto di avere depositato il bilancio al 30 giugno 2018. L’esercizio presenta un valore della produzione di circa 11,4 milioni (rispetto ai circa 6,6 dell’anno precedente in Serie C) e costi complessivi per circa 32 milioni, di cui circa otto legati a bonus a squadre di provenienza e premi a tesserati, collegati alla promozione in Serie A. La perdita di esercizio complessiva risulta di circa 22,2 milioni già però assorbita, come scrive la società in una nota, per circa 15 milioni dalle risorse immesse in conto capitale dai soci nel corso dell’esercizio 2017/2018 e per circa sette grazie all’ultimo aumento di capitale sottoscritto il 16 dicembre scorso. Il patrimonio netto è stato quindi ricostituito e risulta positivo al 31 dicembre 2018.
Juventus: si ferma BernardeschiProbabilmente salta la trasferta con l’Atalanta

TORINO23 dicembre 201816:32

– Infortunio per Federico Bernardeschi, che probabilmente salterà la trasferta della Juventus contro l’Atalanta. Nel lavoro post gara in palestra, dopo la vittoria con la Roma che ha regalato alla Juve il titolo di campione d’inverno con due turni d’anticipo, il giocatore – che non era sceso in campo – ha avuto un risentimento muscolare agli adduttori della coscia destra. Le sue condizioni, informa il club attraverso il suo sito internet, verranno valutate di giorno in giorno.
Napoli: Hamsik, Meret bravo con la Spal’Avversario si è difeso in undici, era difficile da superare’

NAPOLI23 dicembre 201817:20

– “Nel finale della partita Meret ci ha salvati due volte”. Marek Hamsik rende merito al portiere della sua squadra e gli attribuisce un ruolo decisivo nella partita vinta ieri contro la Spal.
“Il nostro avversario – scrive lo slovacco – si è difeso in undici, era difficile da superare. Abbiamo giocato anche meglio, ma poi siamo riusciti ad ottenere i tre punti con un colpo di testa di Albiol”.
“Dopo le gare con Inter e Bologna – conclude Hamsik – andrò in Slovacchia, darò il benvenuto al nuovo anno a Donovaly”.
Szczesny:pensiamo a Bergamo,non a MadridPortiere Juve, Atletico? Poteva andarci meglio ma mancano 3 mesi

TORINO23 dicembre 201819:09

– “Bisogna accettare di giocare contro una squadra forte perché, per vincere la Champions, che è il nostro obiettivo, bisogna battere le squadre più forti d’Europa”. Wojciech Szczesny commenta così, ai microfoni di Sky Sport, il sorteggio che ha riservato alla Juventus l’Atletico Madrid. “Poteva andare meglio – ammette – ma per la Champions mancano due mesi e ora dobbiamo pensare all’Atalanta, non alla partita contro l’Atletico”.
Calcio: Lecce-Padova 3-2Salentini secondi in classifica

LECCE23 dicembre 201817:50

– Termina con una vittoria (3-2) sul Padova la stagione casalinga 2018 del Lecce. Pronti via ed il Lecce sblocca subito la gara al 10′ sugli sviluppi di un corner: cross al centro dell’area e Scavone, dimenticato dalla difesa del Padova, colpisce di testa e batte Merelli. La gara sembra aver preso la piega giallorossa ed al 28′ Armellino, grazie a un sinistro chirurgico, sigla il raddoppio.
Nella ripresa il Padova prova a reagire ma i padroni di casa controllano senza eccessivi patemi d’animo. Al 69′ la gara si riapre con un rigore procurato da uno svagato Meccariello ai danni di Broh: Capello, con una esecuzione perfetta, batte Vigorito e accorcia le distanze. Il Padova ci crede ma Lucioni al 71′ con un sinistro di rara precisione chiude virtualmente la gara siglando la rete del 3-1. Il Lecce sembra gestire con tranquillità sino al pathos finale con Lepore che atterra Bonazzoli al limite dell’area: rigore ineccepibile e lo stesso Bonazzoli insacca. Il Lecce serra le fila e porta a casa il 3-2.
De Boer nuovo tecnico Atlanta UnitedEx allenatore dell’Inter succede all’argentino ‘Tata’ Martino

23 dicembre 201818:29

– L’olandese Frank De Boer è stato nominato allenatore dell’Atlanta United, la squadra campione in carica della Major League Soccer, il massimo campionato professionistico nordamericano. De Boer succede all’ex ct dell’Argentina e tecnico del Barcellona Gerardo ‘Tata’ Martino, primo allenatore della franchigia che ha fatto il suo esordio in Mls nella stagione 2017 e che ha conquistato il titolo già al secondo tentativo.
“L’esperienza di De Boer parla per lui, come giocatore e come allenatore, siamo felici di accoglierlo” ha commentato il presidente di Atlanta, Darren Eales, mentre l’ex tecnico dell’Inter, che ha firmato un contratto pluriennale, ha affermato che “l’ambizione del club e la strategia a lungo termine si accorda con le mie ambizioni. Partendo dai successi ottenuti intendo creare una solida struttura per la squadra”.
Szczesny, la Juve può ancora migliorarePortiere bianconero, dobbiamo fare nostro dovere contro Atalanta

TORINO23 dicembre 201818:47

– “Con l’Atalanta a Bergamo è sempre molto complicato. Mi aspetto una gara difficile e sarà importante vincere perché a Milano si gioca uno scontro diretto tra Napoli e Inter”. Il Natale non rende ‘più buono’ Wojciech Szczesny che, conquistato il titolo d’inverno, vuole continuare a vincere con la Juventus. Perché “se facciamo il nostro dovere possiamo ancora migliorare la classifica”. Non si pone limiti il portiere bianconero, uno dei segreti della Juve dei record di questa stagione. La sua porta è inviolata da sei partite consecutive. “Abbiamo fatto un gran lavoro difensivo, concedendo nelle ultime partite solo due occasioni: una all’Inter e una, su rigore, al Milan – sostiene il polacco – E’ una dimostrazione di grande equilibrio e compattezza della squadra, molto importante in questo momento”.
Juve: maglia Bonucci al JmuseumE’ quella delle 300 presenze in bianconero del difensore

TORINO23 dicembre 201818:50

– La maglia numero 19 di Leonardo Bonucci, quella con cui nella stagione 2016-2017 ha tagliato il traguardo delle 300 presenze, entra a far parte dello Juventus Museum. Il difensore, che nel frattempo ha raggiunto le 340 partite in bianconero, l’ha consegnata oggi nelle mani del presidente del Museo, Paolo Garimberti.
“Consegnare questa maglia è qualcosa di veramente speciale ed emozionante, che mi rende orgoglioso – racconta Bonucci ai microfoni di Juventus Tv – Adesso voglio continuare così, perché ci sono tante altre battaglie da vincere insieme”.
Premier: Tottenham ne fa 6 all’EvertonCon le doppiette di Son e Kane si chiude la 18/a giornata,

23 dicembre 201819:43

– Il Tottenham per Natale si regala un rotondo 6-2 sull’Everton nel posticipo della 18/a giornata di Premier League, vittoria che combinata con il ko del Chelsea col Leicester consolida la terza posizione in classifica degli Spurs e si avvicina a -2 dal City (battuto ieri in casa dal Crystal Palace) e a -6 dalla capolista Liverpool. Una partita senza storia a Liverpool, dove la squadra allenata da Mauricio Pochettino ha chiuso il primo tempo in vantaggio per 3-1, frutto della rete in apertura di Walcott presto rimontata da quelle segnate in serie da Son, Dele Alli e Kane. Il coreano e il bomber britannico, che raggiunge Salah a quota 11 nella classifica marcatori, hanno raddoppiato il bottino nella ripresa, aiutati a completare la sestina da Eriksen, mentre Sigurdson aveva segnato la rete del temporaneo 2-4. La Premier torna in campo mercoledì, per il tradizionale Boxing Day.
Pioli, col Milan risposta di carattere’Vittoria di prestigio ma ora pensiamo alle ultime due sfide’

FIRENZE23 dicembre 201819:52

– “Contro il Milan la Fiorentina ha dato una risposta di grande mentalità e carattere, ora dobbiamo restare concentrati sulle prossime due partite”. Nonostante la soddisfazione di aver sbancato San Siro Stefano Pioli sprona i suoi a non abbassare la guardia: mercoledì al Franchi arriverà il Parma, sabato ci sarà la trasferta col Genoa dell’ex Prandelli. Intanto la Fiorentina si gode un Natale al 7/o posto, a soli tre punti dalla zona Champions. Tutto questo grazie ai successi con Empoli e Milan che hanno permesso ai viola, dopo oltre due mesi senza vincere, di tornare a respirare aria d’Europa. “Il risultato di ieri è prestigioso, frutto di una prova da squadra gagliarda e convinta ma deve solo ridarci morale e renderci più consapevoli dei nostri mezzi – ha aggiunto Pioli ai canali ufficiali del club – Bisogna rimanere concentrati, si apre una settimana importante, l’abbiamo iniziata bene ma ci aspettano altre sfide di livello”, a cominciare dal Parma “avversario pericoloso e difficile”.
Crisi Milan, Gattuso in bilico ma mercato flop Rosa corta e caso Higuain, decisive gare con Frosinone e Spal

23 dicembre 201820:45

La panchina di Gattuso torna a traballare e, per il pronto riscatto o il tracollo definitivo, saranno decisive le ultime due sfide del 2018, contro Frosinone e Spal. Ma se per la sostituzione del tecnico si fanno i nomi di Conte, Donadoni e Wenger, le colpe per la seconda crisi di stagione – la prima è stata superata con due gol di Romagnoli a tempo scaduto – vanno divise con la dirigenza, che ha messo a disposizione una rosa senza i ricambi adeguati.I rinforzi dell’estate, per un motivo o per un altro, hanno finora deluso le aspettative: Caldara – scambiato alla pari con Bonucci – non si è mai visto, prima di interrompere bruscamente la stagione per una lesione al tendine d’Achille; Laxalt e Castillejo, arrivati per Lapadula e Bacca, sono semplici comprimari e non hanno lasciato alcuna impronta; Bakayoko ha trovato un po’ di continuità di rendimento solo per i contemporanei infortuni di Biglia e Bonaventura; nemmeno Higuain riesce a fare la differenza, tanto da essere al centro di alcune voci su un ipotetico scambio con Alvaro Morata del Chelsea. L’argentino, accolto in pompa magna come l’uomo della Provvidenza, si è trasformato presto in un caso: non segna da 8 gare e soprattutto continua ad avere atteggiamenti indisponenti verso i compagni che non lo servono e di nervosismo immotivato verso gli arbitri. E rischia di non portare troppe gioie nemmeno il mercato di gennaio, con la scure della sentenza Uefa (12 milioni di multa e il pareggio di bilancio obbligato entro il 2021) contro cui il Milan farà appello al Tas di Losanna. Già sfumato Ibrahimovic, rischia di complicarsi anche la pista che porta a Cesc Fabregas, corteggiato anche dal Monaco.Un’inversione di rotta verso i giocatori over30 che potrebbe dipendere anche dalla volontà del nuovo amministratore delegato Ivan Gazidis, molto attento agli investimenti sui giovani. Leonardo e Maldini dovranno quindi inventarsi qualcosa per dare alla squadra un innesto che possa far fare il salto di qualità per raggiungere il quarto posto, “necessario” stando alle recenti dichiarazioni del presidente Scaroni.

Napoli subito a lavoro, Ancelotti sfida Spalletti Hamsik: “Nel finale partita Meret ci ha salvato due volte”

23 dicembre 201821:52

Non c’è tempo neppure per festeggiare il Natale. Ieri la vittoria sulla Spal, mercoledì il big match a San Siro con l’Inter, la più diretta inseguitrice del Napoli. Ancelotti non è un tiranno, ma il calendario è impietoso e il tecnico non può dare tregua alla squadra. Per rilassarsi e riposare ci sarà tempo dopo l’ultimo impegno dell’anno, il 29 prossimo, ancora una volta al San Paolo contro il Bologna. I calciatori si sono ritrovati di mattina a Castel Volturno per una seduta di allenamento in vista della gara del Meazza. Il gol del pareggio del Chievo, segnato allo scadere della partita da Pellissier ha indirettamente messo il Napoli in una condizione di forza in vista della gara di mercoledì. L’Inter è ora infatti a otto lunghezze di distanza dagli azzurri che potranno giocarsi la partita con tranquillità, sapendo che anche una eventuale sconfitta non consentirebbe agli avversari di avvicinarsi pericolosamente. Ancelotti, però, è ambizioso e più che guardare al vantaggio sui nerazzurri, pensa allo svantaggio dalla Juventus ancora da colmare. I bianconeri non sbagliano un colpo, ma anche il Napoli è sempre li a una distanza che consente quanto meno di sperare in un possibile riavvicinamento in caso di frenata degli uomini di Allegri. L’impegno di metà settimana è difficile per entrambi. Il Napoli se la dovrà vedere con un Inter carica di rabbia e ansiosa di riscatto per quanto è accaduto a Verona, la Juventus giocherà sul campo dell’Atalanta, una partita che non è facile per nessuno. Quanto alla gara di San Siro, Ancelotti comincerà da domani a prepararla tatticamente. Con Spalletti sarà una partita a scacchi nella quale anche un solo errore potrebbe essere fatale. Il Napoli arriva alla sfida del Meazza con l’organico praticamente al completo. Gli infortunati, anche i lungo degenti – tranne Chiriches – sono guariti e sono in grado di giocare. E’ probabile che l’allenatore si affiderà comunque ai titolari, anche se la presenza in campo dal primo minuto di Milik, che contro la Spal è rimasto in panchina, è un’opzione piuttosto credibile.      [print-me title=”STAMPA”]