Politica tutte le notizie! TUTTI GLI AVVENIMENTI POLITICI SEMPRE AGGIORNATI! SEGUILI!
Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 15 minuti

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 18:40 DI MERCOLEDì 03 GIUGNO 2020

ALLE 20:25 DI GIOVEDì 04 GIUGNO 2020

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Conte, da Austria discriminazioni
Non vorrei che Italia paghi sua grande trasparenza su dati
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
03 giugno 2020
18:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’Austria? “Ci sono alcuni Paesi che ritengono di adottare misure nei confronti di Stati che hanno una curva di contagio più elevata. Ma non vi è motivo per queste misure discriminatorie, non vorrei che l’Italia dovesse pagare il prezzo di una grande trasparenza” mostrata sulla pandemia.
Lo dice il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa a Palazzo Chigi. “Sono decisioni discriminatorie che non ritengo accettabili”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Meloni, Conte surreale, solo promesse
Milioni di italiani basiti, tutto surreale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
03 giugno 2020
19:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Un’altra conferenza stampa di Conte mandata in diretta in contemporanea su più reti per dire che il governo farà tantissime belle cose. Milioni di italiani assistono basiti, chiedendosi con quale coraggio si facciano nuove promesse quando non sono ancora arrivate le risorse promesse in analoghe conferenze di due mesi fa. Ma forse per rendersi conto di quanto tutto questo sia surreale occorrerebbe, ogni tanto, uscire dal palazzo e dalle conferenze virtuali”.
Lo afferma la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Conte, scuola si riaprirà a settembre
Faremo di tutto per far tornare studenti alla normalità
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
03 giugno 2020
19:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sicuramente a settembre si riaprirà, dobbiamo fare di tutto per assicurare ai nostri studenti il ripristino di una fase di normalità”. Lo dice il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa a Palazzo Chigi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Leghista Ciocca insultato da interprete, Pe si scusa
Eurodeputato: ‘Episodio gravissimo, serve intervento di Sassoli’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
03 giugno 2020
21:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Un episodio gravissimo, un gesto di grande diseducazione”. Non nasconde l’amarezza l’eurodeputato della Lega Angelo Coccia per le “parole vergognose ed offensive” espresse nei suoi confronti da un interprete del Parlamento europeo durante una diretta video. In un post su Facebook l’esponente del Carroccio ha denunciato l’episodio in questione postando un video. Nella breve sequenza, dopo l’annuncio dell’intervento di Ciocca, si sente una voce di un interprete dire: “Che c…ne, possiamo dirlo? Ma dai…”.
Una vicenda su cui Ciocca promette battaglia. “Mi auguro che il presidente del Parlamento Sassoli agisca su una cosa grave come questa”, commenta l’europarlamentare.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sul caso è intervenuto il Parlamento europeo, che ha fatto sapere di essere “al corrente del commento inappropriato dell’interprete”. In una nota si precisa che la “registrazione della riunione è stata corretta e i commenti sono stati rimossi” e che “il deputato riceverà le scuse da parte del Direttore generale responsabile degli interpreti”, ma anche che “l’interprete che ha causato lo spiacevole incidente è stato contattato e si è già scusato per il linguaggio usato”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dl semplificazione: D’Incà, presto legge
E sarà pronto entro due settimane al massimo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
04 giugno 2020
10:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Questa è una grande opportunità per semplificare il paese, il decreto semplificazione sarà legge entro agosto. Il testo è in costruzione da parte dei ministeri coinvolti, sarà pronto entro due settimane al massimo. Il decreto semplificazione prevedrà tempi ridotti, non più biblici, questo cambierà. Il modello del ponte di Genova è quello che vogliamo utilizzare nel futuro. Bisogna ridurre l’impatto della burocrazia.” Così Federico D’Incà, ministro per i rapporti con il Parlamento, a Radio anch’io, condotto da Giorgio Zanchini.
Quanto al Mes aggiunge: “La mia posizione e quella del Movimento 5 stelle è di massima attenzione e cautela nei confronti del MES perché sono fondi che presentano delle condizionalità. Noi vogliamo accelerare i fondi del Recovery Fund. Le aste per i Btp stanno andando molto bene”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fase 3: Mulè, da Conte vaniloquio
Chiacchiere a mille, fatti a zero. Noi dato nostro contributo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
04 giugno 2020
11:10
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’Italia sta vivendo un momento tragico con un presidente del Consiglio totalmente insufficiente nell’approccio che dovrebbe avere verso il Paese e il futuro”.
Lo afferma, in una nota, Giorgio Mulè, deputato di Forza Italia e portavoce dei gruppi azzurri di Camera e Senato che aggiunge: “Se ha sentito l’esigenza di richiamare le menti “illuminate” del Paese per far ripartire l’economia italiana mi chiedo: ma i 500 consulenti di cui si è circondato per disegnare la mappa della ripartenza che fine hanno fatto, dove sono?”. “La verità – conclude – è che le chiacchiere stanno a mille, i fatti a zero… non c’e una visione del Paese, mancano totalmente progettualità e una sana e vigorosa politica industriale. Forza Italia ha dato proposte e ricette in abbondanza, ha offerto concretezza e soluzioni: avevamo la speranza di un nuovo approccio del governo, ma ascoltato il vaniloquio di Conte abbiamo paura che non sarà così”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fase 3: Pd,creare regime fiscale per sud
Per dimezzamento aliquote Ires e meno tasse per chi investe lì
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
04 giugno 2020
11:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Costituire un regime fiscale e amministrativo speciale, che consenta il dimezzamento delle aliquote Ires e l’esenzione totale della tassazione su utili, dividendi, royalties e interessi, di qualunque natura, distribuiti agli azionisti dalle cd Holding, ossia da società di capitali di diritto Ue, che stabiliscano i propri insediamenti industriali o le proprie sedi societarie nelle aree qualificate Zes del Sud, durante i primi 7 anni dalla data di stabilimento, con possibilità di proroga per ulteriori 7 anni”. Sono le misure proposte nel disegno di legge sottoscritto da tutti i deputati del Mezzogiorno del Pd e che ha tra i primi firmatari l’ex ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan e il capogruppo in commissione Politiche europee Piero De Luca, che ne è il presentatore, per attrarre lo stabilimento di imprese e Holding nel nostro Paese.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Casapound, notificato il sequestro della sede storica a Roma
Il pm indaga per odio razziale e occupazione i vertici del movimento. Esultano la sindaca Raggi (‘vittoria per la città’) e l’Anpi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
04 giugno 2020
19:46
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Al termine di un’indagine condotta dalla Digos della Questura di Roma, la Procura della Repubblica capitolina contesta i reati di associazione a delinquere finalizzata all’istigazione all’odio razziale e occupazione abusiva di immobile nei confronti, tra gli altri, dei vertici del movimento di estrema destra di Casapound: Gianluca Iannone, Andrea Antonini e Simone Di Stefano. Con loro, altre tredici persone.
Nell’ambito di questo procedimento, sono iniziate oggi le procedure di sequestro dell’immobile di via Napoleone III, da anni occupato dai militanti e utilizzato, secondo l’impostazione degli inquirenti, come “quartier generale” dell’associazione. In risposta all’atto, sul palazzo è stato esposto dai militanti un Tricolore e dalle finestre è stato diffuso ad alto volume l’inno nazionale.
La notifica del provvedimento del gip di Roma, che ha accolto le richieste del pm Eugenio Albamonte, dovrebbe essere completata non prima di martedì. La struttura passerà quindi nelle disponibilità del Tribunale. Per quanto riguarda la programmazione dell’eventuale sgombero, essa dovrà essere decisa in seno al Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza, che dovrà coordinarsi con la Procura.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Siamo contenti che questa iniziativa sia stata assunta. Ora aspettiamo l’evoluzione dal punto di vista giudiziario”, commenta l’Anpi. “Esprimiamo viva soddisfazione per il provvedimento che era stato richiesto dalla Procura sulla base della nostra denuncia”, sottolinea il vicepresidente Emilio Ricci.
Ed esulta anche la sindaca Virginia Raggi: “Un momento storico, una vittoria per la città”. Poi, sulla sua pagina Facebook, la prima cittadina ha pubblicato un video dello scorso agosto, quando andò ai piedi del palazzo di via Napoleone III in occasione della rimozione della scritta sull’edificio. “Oggi si festeggia il 76esimo anniversario della Liberazione di Roma dall’occupazione nazi-fascista – commenta nel post Raggi – Ringrazio la Procura della Repubblica di Roma” per l’avvio dell’iter.
“Finisce un’occupazione da 4,6 milioni di danno erariale”, scrive su Twitter la capogruppo M5s al Consiglio regionale del Lazio, Roberta Lombardi.
“Per tutti coloro che vogliono mostrare solidarietà e vicinanza a CasaPound dopo gli ultimi attacchi strumentali, per gli amici, i rappresentanti delle istituzioni, gli esponenti del mondo della cultura, per tutti gli uomini liberi, l’appuntamento è oggi alle ore 17.30 in via Napoleone III numero 8”. Così un post sulla pagina Facebook di Casapound Italia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dl Rilancio, M5S: no a incentivi a auto fossili
Puntare piuttosto su mobilità sostenibile
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
04 giugno 2020
13:39
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il 37% degli italiani, secondo un sondaggio di Greenpeace, vuole che si punti sulla mobilità sostenibile. Una ragione in più per non puntare su forme di sostegno alle auto alimentate con carburanti fossili, che dovremo piuttosto lasciarci gradualmente alle spalle in favore di un trasporto pubblico efficiente e di veicoli per uso privato ecologici o a basse emissioni, come l’auto elettrica. Incentivare invece il ricorso alle auto più inquinanti è anacronistico”. Così i deputati M5S nelle commissioni Ambiente, Trasporti e Attività produttive criticano la proposta Pd.
“Il settore delle auto deve essere accompagnato nella transizione verso la mobilità verde, ma senza prese di posizione ideologiche che possono mettere a rischio migliaia di posti di lavoro. Per questo ha ragione la sottosegretaria Alessia Morani, nel chiedere l’estensione dell’ecobonus anche alle vetture con motori termici di ultima generazione”. Lo afferma Andrea Romano, deputato Pd della Commissione Trasporti e Infrastrutture della Camera. “La conversione del decreto rilancio – aggiunge Romano – può e deve essere l’occasione per mettere in campo un intervento strategico di medio periodo a sostegno dell’automotive, accompagnando l’innovazione e il passaggio alla mobilità green ma dando contemporaneamente risorse e strumenti per superare l’attuale emergenza, a partire dalla possibilità di vendere le vetture già costruite e rimaste invendute a causa dell’epidemia”, conclude l’esponente Dem.
Il rifinanziamento del ‘bonus’ da 600 euro (introdotto dal decreto Cura Italia) per i liberi professionisti iscritti alle Casse di previdenza private arriverà “in tempi brevi”, con l’emanazione di un decreto interministeriale, che conterrà la copertura delle mensilità di aprile e maggio dell’indennità. Lo annuncia il ministro del Lavoro Nunzia Catalfo, intervenendo agli Stati generali delle professioni, a proposito delle novità del decreto rilancio che riguardano le categorie degli autonomi.
Impegno del leader della Lega Matteo Salvini nei confronti delle professioni italiane, nel corso degli Stati generali delle categorie, in corso stamani online: a proposito della norma sul contributo a fondo perduto del decreto rilancio, il senatore afferma che c’è l’impegno a “presentare emendamenti su impulso di Ordini e associazioni” professionali.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Salvini, collaborazione? Vediamo i fatti
Spero non mettano fiducia su dl rilancio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
04 giugno 2020
11:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Vediamo i fatti, vediamo i fatti”.
E’ la risposta che Matteo Salvini da’ a chi gli chiede un commento all’appello alla collaborazione del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, intervenendo agli ‘Stati generali delle professioni’. “I nostri emendamenti, vi aggiornerò se saranno approvati”, sostiene, aggiungendo: “siamo ottimisti che non metteranno la fiducia sul decreto rilancio”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dl Imprese: ok definitivo Senato, 156 sì
Il testo è stato approvato definitivamente a Palazzo Madama con 156 voti a favore e 119 contrari
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
04 giugno 2020
14:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Senato conferma la fiducia al governo sul dl Imprese, ed approva definitivamente il decreto legge Imprese. Il testo è stato approvato definitivamente a Palazzo Madama con 156 voti a favore e 119 contrari.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Delrio (Pd), nidi riaprano subito
Va favorita riapertura dopo parere favorevole Cts
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
04 giugno 2020
12:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Dopo il parere favorevole del Comitato tecnico scientifico all’estensione delle linee guida per le attività estive ai bambini da zero e tre anni occorre che a questi bambini sia consentito subito tornare a vivere gli spazi di comunità. A questo scopo vanno superate le restrizioni contenute nell’ultimo Dpcm per i servizi educativi ma soprattutto deve essere favorita la riapertura dei nidi che costituiscono molto più di un centro estivo per il servizio pedagogico offerto ai bambini e aiuto ai genitori. Allo stesso modo è urgente risolvere le questioni economiche legate alle scuole per i bambini tra zero e sei anni perché ripartano in sicurezza. La scuola deve essere al centro della rinascita”.Così il capogruppo democratico alla Camera Graziano Delrio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: Renzi, non vedo cambi
D’accordo con Conte al 95%, legislatura finisce nel ’23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
04 giugno 2020
12:38
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“‘La Mossa Del cavallo’ non corrisponde a un cambio di governo, né a un rimpasto o un allargamento della maggioranza, che non vedo all’orizzonte ma a un cambio di cultura politica per il futuro dell’Italia”. Lo afferma il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, presentando il suo volume alla Galleria Borghese. “Sono d’accordo con le cose dette ieri da Conte al 95%. Credo che la legislatura finirà nel 2023”, aggiunge.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus, Arcuri: ‘Al 31/12 un terzo degli italiani farà il tampone’
Conferenza stampa del commissario Domenico Arcuri alla Protezione civile
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
04 giugno 2020
18:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Da inizio crisi sono stati somministrati in media 39.500 tamponi al giorno, a maggio in media 61 mila al giorno. Obiettivo era far crescere stabilmente questo numero fino a 84 mila al giorno, lo abbiamo superato e ne potremo fare 89 mila al giorno, +47% su maggio. E 9,9 milioni di prodotti tra reagenti e kit saranno acquistati e messi a disposizione delle Regioni”. Così il commissario Domenico Arcuri in conferenza stampa alla Protezione civile. “Nel Lazio in media da 3.803 al giorno passeremo a 6.328 tamponi al giorno, da 12.159 a 21.336 in Lombardia – ha aggiunto -. Al 31 dicembre il 28 per cento degli italiani sarà stato sottoposto a tampone, ove necessario, un italiano su tre quasi”.
“Un milione e 150 mila italiani hanno già scaricato la App Immuni, un risultato confortante grazie a un lavoro coordinato; da lunedì sarà a pieno regime nelle regioni pilota e dalla settimana successiva in tutta Italia”.
“Abbiamo riconquistato ieri l’ultima parte delle nostre libertà, dopo 84 giorni dall’11 marzo, che sembra un’epoca fa, un’Italia più unita e più libera si è ritrovata”. “E’ frutto dei sacrifici e della responsabilità degli italiani, delle scelte del governo e della capacità di applicarle – aggiunge -. Senza lockdown il 3 giugno sarebbe stato un giorno come gli altri, un giorno dolorante, senza una gestione dell’emergenza il virus si sarebbe esteso in tutto il Paese con la stessa gravità e il 3 giugno non è stato un giorno come un altro. Ora dobbiamo preservare la libertà e conferire ad essa il valore che ha. Come diceva un grande italiano, Piero Calamandrei, la libertà è come l’aria, ci si accorge di quanto vale quando comincia a mancare. Ora dipende dai nostri comportamenti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il numero delle mascherine chirurgiche italiane ordinate è superiore a quello delle mascherine non italiane – ha detto il commissario Arcuri in conferenza stampa -; 22 aziende hanno sottoscritto contratti con noi, ci forniranno un miliardo e 876 milioni mascherine, nei prossimi giorni, con altre 4 aziende e supereremo i 2 miliardi di mascherine italiane al costo medio 41 centesimi, 9 in meno di quello calmierato”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5S: sospesi 3 europarlamentari
Su risoluzione 17 aprile. Ma loro protestano, era contro Mes
e
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
04 giugno 2020
13:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ieri sera i probiviri hanno comunicato agli europarlamentari Ignazio Corrao, Piernicola Pedicini e Rosa D’Amato la sospensione dal M5S. La decisione arriva in seguito al voto contrario, secondo i vertici in dissenso dal gruppo, dei tre eurodeputati in occasione della riunione del Parlamento Ue per l’ok al pacchetto di aiuti europei, Recovery Fund incluso. Motivazione che i tre parlamentari contestano. ”La nostra contrarietà non era a un pacchetto per la ripresa economica in Ue, ma ad una risoluzione politica che all’interno conteneva la polpetta avvelenata del Mes”, spiega Pedicini. Fonti vicine a Corrao, che è stato rimosso anche da facilitatore del M5S agli enti locali, ricordano come, ad aprile, il voto dei tre eurodeputati in dissenso dal gruppo (che si astenne) giunse su una risoluzione non vincolante in cui c’era dentro il Mes.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Conte: ‘Per la ripartenza drastico taglio della burocrazia’
‘Sfida non può esaurirsi nel ritorno a normalità precedente’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
04 giugno 2020
15:14
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’urgenza con cui è stato necessario mettere in campo le risorse è stata anche occasione per tagliare alcuni passaggi burocratici eccessivi come per la cig. Un taglio alla burocrazia deve essere ancora più drastico, perché la sfida della ripartenza non può esaurirsi nel ritorno alla normalità precedente”. Lo dice il premier Giuseppe Conte in un intervento a Ey Digital Talk “Italia riparte”.
“Con l’arrivo di questa crisi il Pil tornerà ai livelli del 2000, abbiamo quindi il dovere tutti insieme di uno sforzo corale, per recuperare tutti insieme il ventennio perduto”, ha detto Conte.
“All’emergenza sanitaria si è affiancata da subito un’emergenza economica di cui non siamo ancora in grado di conoscere la portata fino in fondo. Di fronte a uno scenario così critico il governo ha messo a disposizione 80 miliardi in deficit, ha attivato garanzie pubbliche e private rendendo più facile la capitalizzazione delle imprese”, ha spiegato il premier intervenendo al webinar EY Digital Talk “Italia Riparte” trasmesso su Corriere.it.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Dobbiamo introdurre una riforma fiscale organica, riordinando il sistema delle deduzioni e delle detrazioni per assicurare che il nostro fisco sia equo, efficiente. E’ impensabile avere un fisco la cui riforma organica più recente risale a circa 50 anni fa, serve un progetto condiviso che renda tutto il sistema fiscale molto più efficiente”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dl scuola: al via alla Camera dibattito su fiducia
Appello uninominale alle 16,15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
04 giugno 2020
14:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ iniziato nell’Aula della Camera il dibattito sulla questione di fiducia posta dal governo sul decreto scuola. Le dichiarazioni di voto da parte dei gruppi si concluderanno attorno alle 16,15 quando inizierà l’appello uninominale dei 630 deputati.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5s: Lezzi, vertici isolano Di Battista
Più facile per vertici parlare con Franceschini,Boschi e Salvini
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
04 giugno 2020
15:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Parliamoci chiaro. Colpire Corrao e D’Amato rimuovendoli dal ruolo di facilitatori e sospendere per un mese Pedicini significa isolare Alessandro Di Battista, reo di aver presentato una proposta. Parlare di temi, presentare proposte e chiedere di non rinnovare alla guida della più potente partecipata di Stato un inquisito, è diventato per il M5S uno stigma”. “È, evidentemente, più facile per i presunti vertici, sedere al tavolo con Franceschini, la Boschi e Salvini che confrontarsi con Alessandro Di Battista”. Lo afferma Barbara Lezzi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
‘Ndrangheta a Verona: 23 arresti, indagato Tosi
L’accusa è concorso in peculato. L’inchiesta della Dda ha portato anche a 23 arresti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
04 giugno 2020
18:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’ex sindaco di Verona, Flavio Tosi, è tra gli indagati nell’inchiesta della Dda di Venezia che ha portato a 26 misure cautelari, tra le quali 23 arresti, a carico di un’associazione criminale che agiva nel capoluogo scaligero, riconducibile alla cosca della ‘ndrangheta degli Arena-Nicosia di Isola Capo Rizzuto (Crotone). I reati ipotizzati nell’inchiesta, a vario titolo, sono quelli di associazione mafiosa, truffa, riciclaggio, estorsione, traffico di droga, corruzione, turbata libertà degli incanti, trasferimento fraudolento di beni e fatture false. Tosi, si apprende dalle carte dell’indagine, è invece accusato di concorso in peculato in relazione alla distrazione da parte dell’ex presidente della municipalizzata dei rifiuti Amia, Andrea Miglioranzi (ai domiciliari), di una somma “‘non inferiore a 5.000 euro” per pagare la fattura di un’agenzia di investigazioni privata, su prestazioni in realtà mai eseguite in favore di Amia, ma nell’interesse di Tosi.
Tosi, io totalmente estraneo – “Non ne so nulla, ne uscirò totalmente estraneo, come in tutte le altre occasioni. Da Sindaco sono sempre stato rigorosissimo nel mio mandato, tanto da non avere utilizzato per molti anni autisti e veicoli a carico del Comune pur avendone diritto, facendo risparmiare alle casse pubbliche decine di migliaia di euro”. Lo dice l’ex sindaco di Verona, Flavio Tosi, in merito all’inchiesta sull’ndrangheta nella città scaligera che lo vede indagato. “Quindi la presente indagine nei miei riguardi (che mi risulta rivolta a tutt’altri aspetti e che anche stavolta apprendo dai mass media) – aggiunge – mi fa francamente sorridere”. “Nel 2006 da Assessore Regionale – ricorda – subii addirittura una perquisizione domiciliare, salvo poi essere totalmente prosciolto: il magistrato di turno mi querelò per la mia replica piuttosto forte, il che mi costò migliaia di euro per aver proclamato e difeso la mia innocenza. Lo stesso copione si è ripetuto altre volte nel tempo, da ultimo nel 2014, ed il sottoscritto ne è uscito totalmente estraneo, tanto per cambiare. Pertanto ho moderato i toni della presente risposta, per evitare di essere querelato da qualche collega di Palamara, per il rispetto che provo nei confronti della Magistratura”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’inchiesta – In carcere sono finite 17 persone, 6 sono state poste agli arresti domiciliari e per 3 è stato disposto l’obbligo di presentazione alla Polizia giudiziaria. Le indagini sono state condotte tra il 2017 e il 2018 dagli investigatori della prima divisione del Servizio centrale operativo (Sco) della Polizia e dagli agenti delle Squadre mobili di Verona e Venezia. L’inchiesta è ancora in corso ed oltre alle persone colpite da misure cautelari ci sono ulteriori indagati. Il boss che gestiva l’organizzazione è Antonio Gardino, detto Totareddu, uomo vicino alla cosca Arena-Nicosia. Sono stati sequestrati 15 milioni di euro frutto di un’attività volta al riciclaggio ed allo spaccio di stupefacenti, con società fittizie che evadevano il Fisco e creavano provviste di denaro. Non un fenomeno mafioso tradizionale, ma organizzato con una rete di contatti nel territorio – come hanno sottolineato il procuratore di Venezia Bruno Cherchi e Francesco Messina, dell’Anticrimine – che ha coinvolto la municipalizzata veronese Amia per lo smaltimento dei rifiuti, che faceva circolare denaro, corsi di formazione, con due dirigenti che sono tra gli indagati.  Il denaro gestito nel Veronese giungeva dalla Calabria e veniva riciclato per lo più attraverso imprese edili, portando ai reati di riciclaggio, estorsione ed evasione fiscale.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Raggi, stato non arretra
Prima i Casamonica ora Casapound, contrasto la criminalità
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
04 giugno 2020
17:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Penso che la criminalità non si sia nascosta, io però vado avanti a testa alta e la contrasto.
Non ultimo, e devo ringraziare la procura che ha fatto un ottimo lavoro, notificando un provvedimento di sequestro per l’immobile di via Napoleone III, quello occupato da oltre 18 anni da Casapound, e quindi anche lì si va a ristabilire la legalità. Abbiamo buttato giù i villini dei Casamonica, una famiglia purtroppo storica della criminalità romana che ha iniziato con estorsione, usura, rapine, racket, droga, spaccio. Penso che la criminalità vada contrastata facendo vedere che lo Stato c’è, che lo Stato è forte e non arretra. Si fa tutti insieme, ci si mette la faccia a difesa dei cittadini onesti”. Così Virginia Raggi in un post su Facebook.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5S Roma, Raggi minacciata
Account Fb riferito a sindaca, ‘camerati hanno memoria’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
04 giugno 2020
17:38
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La sindaca Raggi ripristina la legalità ma i mendr5i del clan la minacciano”. Così il consigliere capitolino Paolo Ferrara riportando il post di un account che riferito alla Raggi recita: “Vuoi mettere in strada 20 famiglie italiane, ti ricordo che fra un anno l’attenzione mediatica e la scorta spariranno e tu tornerai ad essere una nullità ma il tuo nome resterà scritto nel libro nero dei camerati che hanno una buona memoria”. Il capogruppo M5S Giuliano Pacetti: “sono dei vigliacchi”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dl Rilancio: record emendamenti, verso quota 10 mila
Proposte di modifica in commissione alla Camera
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
04 giugno 2020
17:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Record di emendamenti in Parlamento ad un provvedimento economico. Le proposte di modifica presentate in commissione Bilancio alla Camera dai partiti di maggioranza e opposizione al dl Rilancio, secondo quanto viene riferito da diverse fonti, potrebbero arrivare a toccare quota 10mila. Il termine per la presentazione degli emendamenti è scaduto oggi alle 16 e gli uffici sono ancora a lavoro per numerare le diverse proposte.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Parenti, inevitabile compromesso in Ue
Capo rappresentanza Commissione a Roma: ‘Tutelare mercato unico’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
04 giugno 2020
16:42
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il negoziato sul bilancio Ue e sul Recovery Fund sarà un momento di realismo in cui tutti i leader, anche quelli dei cosiddetti Paesi frugali, dovranno trovare un accordo. Su questo si è mossa la Germania e ciò avrà un’importanza non da poco a convincere questi Paesi che alla fine il compromesso sarà necessario”. Lo dice Antonio Parenti, neo capo della Rappresentanza in Italia della Commissione europea, facendo il punto sulle sfide che dovrà affrontare l’Europa per superare le conseguenze economiche della crisi provocata dal coronovirus.
Paesi come l’Austria, l’Olanda, la Svezia, “sono estremamente aperti al commercio internazionale. E il rischio che si sta delineando, e che sarà ancora più forte se venisse rieletto Trump, è quello di una segmentazione mondiale dei mercati con un forte incremento del protezionismo a livello globale. Il mercato unico europeo diventerà quindi molto più importante di prima, una valvola di sicurezza per tutti, anche per i frugali”. VAI ALL’ECONOMIA VAI ALLE NOTIZIE INTERNAZIONALI VAI ALLA CRONACA

Annunci
No votes yet.
Please wait...

Che aspettate a commentare o a fornire idee, suggerimenti utili e costruttivi? Sono qui per Voi, aiutatemi ad esserci ancora meglio! Siete i benvenuti! Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.