Sport tutte le notizie sempre aggiornate! da non perdere! seguile!
Aggiornamenti, Notizie, Sport, Ultim'ora

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 18 minuti

SPORT TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

SPORT TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 20:23 DI MARTEDì 02 GIUGNO 2020

ALLE 19:13 DI GIOVEDì 04 GIUGNO 2020

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Golf: Ryder Cup, Stricker “decisione entro 2-3 settimane”
Capitano Usa, “senza fan noiosa”. Ipotesi rinvio a ’21 attuale
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
02 giugno 2020
20:23
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“Entro due-tre settimane verrà presa una decisione sulla Ryder Cup 2020”. Queste le dichiarazioni di Steve Stricker, capitano degli Stati Uniti alla super sfida di golf tra Usa ed Europa, attualmente in programma dal 25 al 27 settembre nel Wisconsin.
Il 53enne di Edgerton fissa una deadline prevista entro la fine di giugno e parla dell’ipotesi di un evento a porte chiuse a causa dell’emergenza sanitaria. “Questa competizione è caratterizzata dai tifosi, senza di loro potrebbe diventare noiosa. Vorrei una rassegna che possa esprimere tutto il suo potenziale”.
Il rinvio al 2021 non è dunque da escludere. “Spetterà alla PGA of America decidere. Ma sono certo che il commissario del PGA Tour, Jay Monahan, non ne sarebbe contento anche per quel che riguarda la Presidents Cup che si giocherebbe proprio il prossimo anno. Non so se sarà possibile avere due eventi di questo tipo nel 2021, che è anche un anno olimpico”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Golf: Texas Women’s Open, a Dallas le big partono forte
Knight in testa con la Szeryk. Boutier e Lang sono terze
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
03 giugno 2020
10:34
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Nel Texas Women’s Open di golf le big cominciano forte. A Dallas, in Texas, l’americana Cheyenne Knight con un parziale di 67 (-4) colpi, al termine del primo giro condivide la leadership con la canadese Maddie Szeryk.
“E’ passato un po’ di tempo dall’ultima gara disputata. Sono stata paziente e ho cercato di giocare in maniera intelligente.
Il momento clou è stato il birdie realizzato alla prima buca, davvero un inizio perfetto dopo oltre 3 mesi dalla mia ultima gara”. Queste le dichiarazioni della Knight, campionessa 2019 del Volunteers of America Classic (LPGA Tour) e protagonista, come la Szeryk, di un round bogey free.
La coppia di testa è tallonata da un quartetto d’inseguitrici composto, tra le altre, da altre due favorite della vigilia: la statunitense Brittany Lang (vincitrice dello US Women’s Open nel 2016) e la francese Celine Boutier, 3/e (68, -3) al fianco di Kate Smith e Lindsey Weaver.
Mentre Stacy Lewis (ex numero 1 al mondo e protagonista di due successi Major in carriera) e Gerina Piller, tra le protagoniste annunciate della rassegna, condividono la 20/a piazza (71, par).
Delude invece la messicana Maria Fassi, solo 46/a (75, +4).
In attesa della ripartenza del LPGA Tour (prevista per il 23 luglio con il Marathon Classic), dopo lo stop per l’emergenza sanitaria, al GC at The Tribute (Old American course) di The Colony, alcune tra le interpreti del circuito americano si affrontano in un evento che va in scena, a porte chiuse (nonostante le disposizioni del governatore Greg Abbott, che consentono agli sport professionistici di organizzare eventi sportivi all’aperto ospitando fino a una percentuale massima del 25% di spettatori), sulla distanza di 54 buche (con taglio previsto dopo 36) e con in palio un montepremi di 50.000 dollari. In un torneo (che vede in campo 119 giocatrici, l’americana Maddy Rayner s’è infatti ritirata) non ufficiale che garantirà alla vincitrice una esenzione per giocare il Marathon LPGA Classic 2021 nell’Ohio. E che è stato giocato per la prima volta nel 1933. Nell’albo d’oro figurano leggende del calibro di Babe Didrikson-Zaharias e Betsy Rawls.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Barcolana, Salone Nautico e Fiv fanno squadra per la vela
A ottobre passaggio del testimone da Genova a Trieste
e
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
03 giugno 2020
13:20
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Federazione italiana vela, Barcolana e Salone Nautico di Genova si sono alleati per dare vita ad un “grande ottobre della vela”. Nella prima parte di ottobre, infatti, Salone Nautico e Barcolana porteranno l’attenzione degli appassionati su Genova e Trieste, in un ideale passaggio di testimone tra le due manifestazioni “che grazie alla FIV – che ha promosso nei giorni scorsi un incontro tra i vertici dei due eventi – rilanciano la propria, ormai storica partnership, e, in questo anno particolare, propongono una nuova strategia per una comune promozione internazionale dell’economia del mare “made in Italy”” spiega una nota congiunta. Dopo le polemiche, nate quando l’organizzazione della Barcolana aveva tuonato contro la scelta di spostare a ottobre il Salone Nautico, temendo una sovrapposizione, ora i due eventi fanno squadra grazie alla mediazione della Fiv che ha promosso nei giorni scorsi un incontro fra i vertici.
L’obiettivo è promuovere insieme, a livello internazionale, le due eccellenze. “Per noi il Salone e la Barcolana sono due tra i momenti più importanti per lo sviluppo del settore, è decisivo capitalizzarli, metterli insieme, creare una doppia velocità che aiuti la voglia di ripartire che abbiamo tutti” dice Francesco Ettorre, presidente FIV. “Confermo la volontà di Confindustria Nautica di consolidare la sinergia tra due grandi eventi del mare” dichiara Marina Stella, direttore generale Confindustria Nautica, sottolineando che “La data del Salone è stata una decisione condivisa dopo attente riflessioni con i cantieri”.
“Con questo accordo, che considero eccezionale, anche nel senso che auspichiamo tutti di poter tornare alla normalità nel 2021 – dice Mitja Gialuz, presidente di Barcolana – abbiamo scelto di mettere in primo piano gli interessi di tutto il mondo della nautica e della vela in particolare, creando una piattaforma comune e un’immagine coesa nella promozione internazionale”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Golf: PGA Tour “rimpiazza” il John Deere
Dal 9 al 12 luglio nuovo evento a Dublin, nell’Ohio
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
03 giugno 2020
13:27
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Il PGA Tour di golf “rimpiazza” il John Deere Classic (cancellato per l’emergenza coronavirus) con un nuovo torneo, dal nome ancora sconosciuto, che con ogni probabilità si giocherà a porte chiuse dal 9 al 12 luglio al Murifield Village GC di Dublin, nell’Ohio, nello stesso campo dove, una settimana più tardi (16-19), si disputerà il Memorial Tournament.
A sponsorizzare l’evento “new entry” sarà la Workday, azienda californiana. Mentre a scendere in campo saranno 156 giocatori. L’intenzione del massimo circuito americano maschile del green è quello di limitare al massimo i rischi per tutti gli addetti ai lavori tutelandone la salute. Di qui la scelta di calare il “double” con una gara bis al Murifield.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Atletica: via libera a idea Fidal su 800 in corsia o crono
Ente mondiale le approva. Ok anche omologazioni lanci virtuali
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
03 giugno 2020
17:59
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Si può fare. Si possono correre gli 800 metri interamente in corsia, oppure si possono correre “a cronometro” con partenze distanziate di 8 secondi. A dare il via libera, fa sapere con una nota la federazione italiana di atletica, è stato ‘World Athletics’, il massimo organo mondiale dell’atletica leggera, nella lettera con cui ha risposto alle proposte della Fidal in merito ai possibili nuovi format di gara. Ovviamente, erano stati ideati nel pieno rispetto delle normative sul distanziamento dettate dalle autorità per fronteggiare l’emergenza Covid-19.
Tutti questi esperimenti sono stati considerati validi e adeguati per tornare a gareggiare dopo il prolungato stop all’attività agonistica. Nella nota firmata dal responsabile delle competizioni e degli eventi di ‘World’ Athletics, Jakob Larsen, si spiega che i risultati di tali competizioni sono omologabili ai fini delle graduatorie internazionali, ricordando che il Ranking è comunque sospeso fino a dicembre.
Ma ci sono novità anche per l’omologazione delle gare ‘virtuali’ di lanci, con più pedane collegate in contemporanea: i risultati saranno validi qualora siano rispettate alcune condizioni specifiche, come la presenza di un arbitro centrale che monitora l’intera gara, due giudici per ogni campo e la copertura video della pedana.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Golf: in Texas Boutier è super, francese “vede” il titolo
Transalpina vola in testa, Knight ora è seconda. Gillman terza
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
04 giugno 2020
10:33
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Dopo lo stop per l’emergenza sanitaria il LPGA Tour, massimo circuito americano di golf femminile, ripartirà solo il 23 luglio, ma in America è già sfida tra big.
A Dallas, nel secondo round del Texas Women’s Open – evento non ufficiale in scena, a porte chiuse, al GC at The Tribute (Old American Course, par 71) di The Colony – la sfida tra le favorite della vigilia è salita di colpi. Con la francese Celine Boutier che, con un parziale di 64 (-7) su un totale di 132 (68 64, -10) colpi, è volata in testa alla classifica.
A 18 buche dal termine la 26enne di Clamart, che vanta un successo nel LPGA Tour, due nel Ladies European Tour e altrettanti nel Symetra Tour, è stata protagonista di una prova bogey free, caratterizzata da 7 birdie, che le ha permesso di guadagnare una gap importante sulle inseguitrici. Le americane Cheyenne Knight (2/a con 135, -7 e leader dopo il primo giro) e Kristen Gillman (3/a con 136, -6) distano rispettivamente 3 e 4 colpi dalla transalpina, che punta il colpo grosso.
Sfida a tre in Texas dove sembrano tagliate fuori dalla volata finale la cinese Yu Liu e la canadese Maddie Szeryk (in testa dopo la prima manche con la Knight), entrambe 4/e con (139, -3).
Nessuna chance di gloria per le altre star della rassegna.
Brittany Lang è 6/a con 140 (-2), mentre Gerina Piller è 15/a (142, par). Rimonta la messicana Maria Fassi, da 46/a a 18/a (143, +1). Passo indietro per Stacy Lewis (ex numero 1 al mondo con dodici titoli sul LPGA Tour comprensivi di due Major), da 20/a a 27/a (145, +3).
E ora il rush finale in un evento, arrivato alla 39/a edizione, che la prima volta s’è disputato nel 1933 e che annovera, nell’albo d’oro, vincitrici del calibro di Babe Didrikson Zaharias e Betsy Rawis.
Il montepremi è di 50.000 dollari e la campionessa staccherà il pass per giocare il Marathon Classic (23-26 luglio) primo evento post pandemia del LPGA Tour.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Ezpeleta, prossima settimana il calendario MotoGp
“Ceo Dorna, prima gara il 19 luglio a Jerez
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
03 giugno 2020
23:12
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“Speriamo di presentare la prossima settimana il calendario del Mondiale della MotoGp: se tutto andrà bene, si comincerà il 19 luglio in Spagna, a Jerez, e l’ultima delle 12 o 13 prove sarà all’inizio di novembre”. Così il ceo della Dorna, Carmelo Ezpeleta, al sito della MotoGP, annunciando per la prima volta la possibile data di inizio del campionato mai partito a causa del coronavirus.
“Ci sono alcune gare non ancora cancellate fuori dall’Europa, come la Thailandia, la Malesia, gli Usa e l’Argentina – ha continuato Ezpeleta -. Entro la fine di luglio potremmo dire se quelle gare si faranno dopo i primi due gran premi vedremo se il calendario sarà di 12, 14 o 16 tappe”.
Anche nella MotoGp un rigoroso protocollo guiderà azioni e presenze nel paddock per evitare il rischio di contagi, oltre ai controlli sanitari che coinvolgeranno tutte le persone coinvolte, circa 1.300. “Ogni pilota sarà sottoposto a controllo medico ed eventualmente a test prima di arrivare alla prima gara in Spagna – ha spiegato il ceo di Dorna -. Un altro test sarà effettuato prima di entrare nel paddock, che sarà isolato, con controlli sugli spostamenti, i luoghi di ristoro e altro – ha concluso -. Non vogliamo creare contatti nemmeno tra chi lavora stabilmente nel circuito e la famiglia della MotoGP, che sarà composta da circa 1.300 persone”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
F1: Wolff, “Vettel in Mercedes? Non escludiamo nessun nome”
Team principal “frecce d’argento”: “No al cambio di format”
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
03 giugno 2020
23:11
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“Le nostre priorità sono i piloti della Mercedes: Lewis, Valtteri e George Russell ma a parte questo non escludiamo nessun nome, perché non sappiamo che cosa potrà succedere nei prossimi mesi. Con Vettel non sono solo parole di circostanza, prima di tutto perché bisogna rispettare un quattro volte campione del mondo. E poi perché mi è già capitato di vivere in prima persona situazioni completamente impreviste, come il ritiro di Nico Rosberg”: così in una intervista al sito ufficiale della Formula uno il team principal della Mercedes, Toto Wolff.
Wolff parla anche del futuro di Lewis Hamilton, anche se ancora non c’è il rinnovo del contratto: “Durante il lockdown non ci siamo visti – ha spiegato – ma ci siamo sentiti regolarmente. Non abbiamo ancora lavorato al rinnovo del contratto. Fra noi c’è un rapporto di fiducia solidissimo, quando ricominceremo a correre passeremo un po’ di tempo insieme e sono sicuro che tireremo fuori il contratto dal cassetto, spero molto presto».
Il team principal della Mercedes ha poi detto la sua sull’ipotesi di cambiare il format delle qualifiche, con l’introduzione della sprint race il sabato. “La F1 è e deve restare meritocratica – le parole di Wolff – succede sempre che rispuntino fuori vecchi progetti già bocciati. Non è il momento degli esperimenti e non c’è bisogno di inventarsi degli artifizi per aiutare chi è dietro. La trovo una mossa anti-sportiva e opportunistica per una cosa, che in base ai sondaggi, interessa solo al 15% dei tifosi”. E sul Mondiale ridotto di quest’anno, Wolff ha sottolineato che “l’affidabilità sarà decisiva. Le macchine usciranno dai container dopo l’Australia senza aver mai più girato sui banchi, sarà un test per tutti”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Minneapolis, nuovo appello di Hamilton: ‘F1, siamo con te’
La rabbia del campione del mondo, “basta razzismo”
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
04 giugno 2020
13:48
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“Sono sopraffatto dalla rabbia”.  Lewis Hamilton torna a lanciare il suo grido di allarme per i fatti di Minneapolis. Il pilota inglese della Mercedes nei giorni scorsi aveva scosso il mondo della Formula1 puntando il dito contro i suoi silenzi di fronte alla morte di George Floyd, le accuse di razzismo alla polizia Usa, le fortissime tensioni in tutti gli States. Ora, con un lungo post ribadisce la sua presa di posizione e muove alla prima presa di posizione ufficiale della F1: “Siamo con te nella lotta a ogni forma di razzismo”, la dichiarazione “Sono completamente sopraffatto dalla rabbia, nel vedere il palese disprezzo della vita di altre persone – scrive il campione del Mondo – L’ingiustizia che vediamo nei confronti dei nostri fratelli e delle nostre sorelle, in tutto il mondo, e’ disgustosa e deve finire. Molti sembrano sorpresi, ma questi fatti non sorprendono noi. Chi di noi, nero o mulatto o di qualsiasi altro colore, vede queste cose ogni giorno non deve sentirsi come fosse colpevole di qualcosa alla nascita. Ci sono volute centinaia di migliaia di persone in strada e tanti edifici bruciati perche’ le autorita’ si muovessero e Chauvin venisse arrestato”, aggiunge poi Hamilton riferendosi al poliziotto che arresto’ Floyd e lo immobilizzo’ a terra soffocandolo. “Purtroppo, l’America non e’ l’unico luogo al mondo dove il razzismo vive: non restate fermi in silenzio”.
A questo post, ha fatto seguito una nota della F1: “Siamo con voi, e con tutte le persone che lottano contro il razzismo: e’ un male da cui nessuno sport o nessun settore della societa’ e’ immune, ed e’ solo insieme che possiamo opporci e sradicarlo”
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
F1, Sainz: ‘Non ho firmato con la Ferrari per fare il secondo’
Lo spagnolo: ‘Darò tutto per vincere, ogni collega è un rivale’
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
04 giugno 2020
13:40
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“Non ho firmato niente che mi stabilisca nella posizione di seconda guida. Nel mio contratto (con la Ferrari n.d.r.)c’è scritto, come in tutti quelli che ho sottoscritto, che il team sta sopra al pilota, però non c’è nulla a proposito di ‘secondo’ o appoggio a qualcun altro. Ciò che so è che darò tutto per la Ferrari”. Intervistato da Radio Marca, il neo ferrarista Carlos Sainz jr, che con la Rossa correrà dal 2021, chiarisce di non sentirsi il ‘secondo’ di Charles Leclerc, e di volersi giocare le proprie chance.
“Alla Ferrari darò tutto ciò che ho per tentare di vincere – dice ancora lo spagnolo- e per me è uguale il colore della vettura, nel senso che tratto ogni mio collega allo stesso modo e per me sono tutti dei rivali. Se poi ci sarà una situazione complicata, state sicuri che prenderò la decisione giusta”.
Sainz, che in questa stagione ancora non partita per via della pandemia continuerà a far parte della McLaren, non vede l’ora di tornare in pista: “manca solo un mese (al primo gran premio n.d.r.) e io non vedo l’ora. Ho un tale desiderio di gareggiare che mi è venuta voglia di stare sul simulatore, cosa che di solito non mi piace. Quindi immaginate quanto mi vada di tornare a competere. Voglio andare in Austria – aggiunge – prepararmi alla gara e sentire la pressione che aumenta. Se lo fai da una vita, poi ne senti la mancanza. Certo sarà strano un gp senza pubblico, però quando saremo dentro la vettura non ne avvertiremo l’assenza”.
Un’altra battuta sul contratto con la Ferrari. “Mi ha mandato solo quello e potete immaginare il sorriso che avevo quando l’ho firmato – dice Sainz -. Non ho guardato se c’era una postilla per avere uno sconto per l’acquisto di una Ferrari. Vedremo, ne parleremo quando sarò a Maranello”
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
F1: Carey, in caso di un contagio si correrà lo stesso
L’ad del Circus: calendario definitivo entro fine di giugno
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
03 giugno 2020
13:27
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
I Gran Premi programmati per la ripresa della stagione di Formula 1 non saranno annullati se un pilota o un membro del team risultasse positivo al coronavirus.
Lo ha detto l’ad della F1 Chase Carey. “Avremo una procedura che nel caso di un’infezione non ci portera’ alla cancellazione”, le parole di Carey.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Moto: 24 ore Le Mans ad agosto a porte chiuse
Annuncio degli organizzatori, si corre il 29-30/8
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
04 giugno 2020
18:35
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Le 24 ore di Motos au Mans in programma il 29 e 30 agosto si svolgerà a porte chiuse a causa della pandemia di Covid-19. Lo ha annunciato oggi l’Automobile Club de l’Ouest (ACO). “Dato l’attuale contesto sanitario, le misure per limitare i viaggi tra alcuni paesi e il divieto di assembramenti in vigore in Francia, la 43a edizione delle 24 Heures di moto, in programma il 29 e 30 agosto, si terrà a porte chiuse”, hanno annunciato gli organizzatori in una nota. La gara, inizialmente programmata per aprile prima di essere rinviata, è valida per il campionato mondiale di endurance.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Tokyo 2020, verso semplificazione eventi
Governo già al lavoro per ridurre rischi contagi partecipanti
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
04 giugno 2020
10:40
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Il governo giapponese punta a una semplificazione nell’organizzazione delle Olimpiadi di Tokyo, previste nell’estate del 2021, per contenere i rischi di un’espansione dei contagi di coronavirus e salvaguardare la salute degli atleti e del pubblico. Tra le variazioni al vaglio degli organizzatori, riferiscono i media nipponici, la possibilità di ridurre il numero degli spettatori e un accorciamento della durata della cerimonia di apertura e di chiusura dei giochi olimpici e paralimpici. Le nuove misure potrebbero inoltre prevedere accertamenti medici per tutti gli atleti l’intero staff al seguito e gli spettatori, e limitazioni alle uscite degli sportivi dal villaggio olimpico. “È estremamente importante organizzare l’evento nella forma più sicura per gli atleti e gli spettatori” ha detto il capo Gabinetto Yoshihide Suga, rispondendo alla stampa, senza fornire ulteriori spiegazioni su una possibile variazione della manifestazione con programma completo delle gare, un convincimento espresso di recente dal premier Shinzo Abe. Fonti citate dall’agenzia Kyodo riferiscono che gli organizzatori di Tokyo hanno già avviato dei colloqui con il Comitato olimpico internazionale per le programmate revisioni, una riduzione dei costi, e la garanzia delle appropriate misure contro il coronavirus. Il rinvio delle Olimpiadi di Tokyo è stato deciso a fine marzo con la nuova data d’inizio dei giochi prevista il 23 luglio del 2021.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Tokyo: membro Cio, 2021 sarà l’ultima possibilità
Australiano Coates: sarà una Olimpiade molto diversa
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
04 giugno 2020
12:06
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Il 2021 è l’ultima possibilità di poter svolgere i Giochi olimpici di Tokyo. E’ l’avvertimento dell’austrliano John Coates, membro del Comitato olimpico internazionale (CIO) secondo cui sarà una Olimpiade “molto diversa” a causa delle misure che saranno adottate per il Coronavirus.
Per il governatore di Tokyo Yuriko Koike “far svolgere le Olimpiadi in queste condizioni richiederà pazienza e comprensione da parte dei cittadini. Per questo, dobbiamo razionalizzare ciò che deve essere razionalizzato e semplificare ciò che deve essere semplificato”.
Tra i provvedimenti in campo anche quello – scrive il Guardian – di rendere obbligatori i test per tutti gli spettatori – oltre che per gli atleti e lo staff – e limitare i movimenti all’interno e all’esterno del villaggio olimpico degli atleti.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Atp verso ripartenza, 10 giugno annuncio a giocatori
Possibile spostamento del Masters 1000 di Cincinnati a New York
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
04 giugno 2020
13:08
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
La stagione del tennis professionistico, attualmente sospesa fino al 31 luglio, potrebbe forse ripartire prima del previsto dopo la pausa imposta dalla pandemia di Coronavirus. Secondo il quotidiano spagnolo Marca, l’ATP ha convocato i giocatori in una videoconferenza il 10 giugno alle 16.00 (ora italiana) per informarli della decisione che è stata presa per il prossimo futuro.
Durante la settimana sono previste molte riunioni per definire il destino del tour americano e che culmina con gli US Open (previsti dal 31 agosto al 13 settembre). Decisioni che influenzeranno anche il resto della stagione sulla terra battuta europea da Roma al Roland-Garros, per il momento ancora fissato dal 20 settembre al 4 ottobre, che potrebbe però slittare in aventi di una settimana.
Se i giocatori riceveranno le prime notizie il 10 giugno, per il 15 è prevista una comunicazione ufficiale dall’ATP. E il 18 giugno, dovrebbe essere la volta degli allenatori a essere chiamati a discutere le condizioni per la ripresa.
Intanto si parla anche di uno spostamento del Masters 1000 di Cincinnati a New York. Secondo il New York Times, c’è una proposta in questo senso presentata dalla Federazione americana (Usta), proprietaria del torneo, all’Atp e al Wta, i circuiti maschile e femminile. L’idea dell’Usta: riunire i giocatori in un posto per più di un mese per facilitare gli aspetti legati alle quarantene e limitare i viaggi. In questo modo la prova di Cincinnati, che si svolge al Lindner Family Tennis Center di Mason, Ohio, potrebbe rimanere nelle date previste, vale a dire dal 17 al 23 agosto, e dunque evitare il rischio dell’annullamento, proprio come gli US Open, per i quali una decisione finale sarà annunciata entro la fine di giugno.
Prima di Cincinnati ci sarebbe in programma il Masters 1000 di Toronto, mentre il corrispettivo femminile, cioè il Wta Premier 5 di Montreal è già stato cancellato perché il Quebec ha proibito tutti i grandi avvenimenti culturali e sportivi fino al 31 agosto
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Sport: Obiettivo Tricolore, la grande staffetta paralimpica
Viaggio a tappe degli atleti capeggiati da Zanardi da nord a sud
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
04 giugno 2020
16:14
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Un messaggio di rinascita attraverso lo sport. E’ la finalità della staffetta di Obiettivo3*, un viaggio che, dal 12 al 28 giugno, vedrà oltre 50 atleti paralimpici, tra i quali Alex Zanardi, passarsi il testimone, da nord a sud. In un momento difficile, Obiettivo Tricolore vuol rappresentare l’Italia che riparte, dimostrando che si può resistere e lottare insieme. Gli atleti percorreranno il tragitto in handbike, bici o carrozzina olimpica.
La staffetta di Obiettivo Tricolore avrà tre partenze differenti: la prima venerdì 12 giugno da Luino, sul Lago Maggiore. Da qui la carovana percorrerà la Lombardia, sconfinerà in Emilia e arriverà a Firenze, in piazza della Signoria. La seconda, sabato 13, scatterà da Levico Terme, passerà da Friuli e Veneto, dalla Romagna sempre per arrivare a Firenze. La terza, partendo dalla provincia di Cuneo il 16 giugno, passerà per Genova e il Ponte Morandi, fino a sbarcare in Toscana. Il 19 giugno, riuniti i testimoni e i tre colori della bandiera, la staffetta riprenderà il viaggio verso il Lazio fino ad arrivare a Santa Maria di Leuca, dove domenica 28 giugno l’ultimo atleta isserà al cielo la bandiera della manifestazione. In totale 52 atleti paralimpici percorreranno 3 mila km, suddivisi in 43 tappe, toccando 14 regioni d’Italia, compresa la Sardegna, dove un atleta imbarcherà il proprio testimone per Civitavecchia.
“Obiettivo3 è nato con diverse ambizioni, tra le quali quella di provare a portare tre atleti ai Giochi paralimpici – spiega Zanardi -. Ma, fin dai primi passi, abbiamo unito le ambizioni di carattere agonistico a una vocazione più ampia che anima gli atleti. I ragazzi hanno una voglia enorme di sfruttare le opportunità che si trovano davanti per superare le difficoltà della vita. L’occasione è di compiere una piccola impresa”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Ripartono anche i rally, ad agosto al via quello del Tirreno
La gara messinese prima in calendario. Confermata la notturna
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
04 giugno 2020
16:24
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Il 17° Rally del Tirreno si svolgerà l’8 e 9 agosto prossimi. La gara messinese organizzata da Top Competition sarà la prima della tre gare siciliane valide per il Campionato Rally di Zona 2020 ed avrà coefficiente 1,5, nell’ambito del nuovo calendario appena rimodulato dalla Federazione e annunciato dal Presidente della Commissione Rally Daniele Settimo. Il 4° Tirreno Historic Rally sarà valido per il Trofeo Rally di Zona, serie nazionale di cui sono protagoniste le autostoriche. Confermate tutte le caratteristiche più apprezzate della competizione che sin dalla prima edizione nel 2004, ha sempre trovato pieno sincronismo con l’intero territorio coinvolto, di cui continua ad essere riconosciuto come efficace strumento di promozione.
Nei prossimi giorni sarà confermata tutta la logistica, opportunamente pianificata con gli Enti preposti, nel pieno rispetto delle direttive del governo e di quelle Federali, per quanto riguarda il motorsport ed i rally in particolare.
Naturalmente la competizione sarà oggetto di qualche modifica, per garantire appieno innanzi tutto la sicurezza.
Molto entusiasmo è già emerso nel primo incontro virtuale che lo staff organizzatore ha avuto con l’Automobile Club Messina, gli ufficiali di gara, i volontari ed il Direttore di Gara Michele Vecchio. Tutti hanno espresso massimo favore verso lo svolgimento del rally. Grande fervore anche tra i piloti, che immediatamente dopo la fine della fase 1 dell’emergenza sanitaria, in congruo numero avevano contattato Top Competition per avere informazioni e annunciare la propria presenza.
-“Lo svolgimento del Rally del Tirreno è un importante segnale di completa ripresa – afferma Maria Grazia Bisazza, Presidente Top Competition – non abbiamo mai smesso di lavorare all’organizzazione della gara anche perché siamo circondati da grande entusiasmo e passione da tutte le componenti della squadra, sportive e non” Nel 2019 vittoria per Salvatore (Totò) Riolo e Gianfranco Rappa su Skoda Fabia R5 che hanno duellato con i giovani Alessio Profeta e Sergio Raccuia anche loro su Skoda Fabia R5.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
F1: piloti Mercedes torneranno in pista la prossima settimana
A Silverstone prima Bottas martedì e poi Hamilton mercoledì
e
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
04 giugno 2020
18:34
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Dopo il calcio anche la Formula 1 ricomincia a fare sul serio. E così dalla prossima settimana i piloti Mercedes Lewis Hamilton e Valtteri Bottas scenderanno in pista sul circuito inglese di Silverstone la prossima settimana per prepararsi all’inizio della stagione di F1 il 5 luglio in Austria.
Martedì prossimo sarà la volta del finlandese Valtteri Bottas, mentre mercoledì toccherà al campione del mondo Lewis Hamilton guidare la Mercedes del 2018 in quanto i test privati ;;sono vietati con l’auto per la stagione in corso.
Questa sarà un’opportunità per il team di “mettere in pratica i (suoi) protocolli” prima del primo Gran Premio del 2020 sul Red Bull Ring. Secondo il sito ufficiale della F1, la Ferrari farà lo stesso in una data per ora sconosciuta e su un circuito, mentre le auto della F1 del 2020 non sono scese in pista dai test pre-stagionali di Barcellona a febbraio.
Il britannico Lando Norris (McLaren) si è messo al volante di una F3 mercoledì a Silverstone.
L’inizio della stagione è stato rinviato dalla pandemia di coronavirus e la F1 ha reso ufficiale martedì scorso un calendario per la ripresa di otto gare in Europa tra luglio e settembre. Il campionato dovrebbe poi continuare fuori dall’Europa.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Spadafora, da lunedì pagamento bonus
“Firmato decreto 51 mln euro a fondo perduto per Asd e Ssd”
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
04 giugno 2020
18:59
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“Da lunedì Sport e Salute è in grado di avviare i bonifici per tutti i 47 mila che aspettavano il bonus di marzo e poi quelli di aprile e maggio per tutti quanti.
Ringrazio la squadra di Sport e Salute, con il presidente Vito Cozzoli, loro erano fermi solo perché non c’erano le risorse, hanno fatto un lavoro ottimo. Anche la questione degli arbitri è risolta. Tutte le 131mila persone che hanno fatto domanda avranno il bonus”. Così il ministro per le politiche giovanili e lo sport in una diretta facebook durante la quale ha anche annunciato di aver firmato “oggi il devreto di 51 milioni di euro a fondo perduto per le Asd e Ssd”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
F1: Aci firma accordo, Gp Italia 6 settembre a porte chiuse
Circus a Monza fino 2025,Sticchi’straordinario valore simbolico’
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
04 giugno 2020
19:02
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“Grandissima soddisfazione”. Non nasconde l’entusiasmo il Presidente dell’ACI, Angelo Sticchi Damiani, per la firma, avvenuta oggi, dei contratti tra Automobile Club d’Italia – la Federazione dello sport automobilistico – e “Formula 1”, per la realizzazione del Gran Premio d’Italia 2020, che si disputerà – a porte chiuse, salvo future differenti indicazioni dalle autorità preposte – domenica 6 settembre, nel “Tempio della Velocità” a Monza.
“Si tratta – ha sottolineato il presidente dell’Aci e vice presidente Mondiale della Fia per lo Sport – di una ripartenza importantissima, dallo straordinario valore simbolico. Le auto e i piloti che animano la Formula automobilistica più prestigiosa del mondo, tornano, infatti, in pista insieme a un Paese – l’Italia – che, lasciandosi alle spalle l’emergenza Covid, mette in campo tutte le sue energie e risorse migliori per tornare, velocemente, ad occupare il posto che gli spetta sulla scena europea e internazionale”.
“Siamo giunti a questa importante firma – ha concluso Sticchi Damiani – malgrado le difficoltà connesse al lockdown imposto dall’emergenza sanitaria, a dimostrazione del fatto che, quando si lavora insieme, con impegno, determinazione, professionalità e serietà, si può riuscire a superare qualunque ostacolo.
L’augurio di tutti noi è che il ‘semaforo verde’ dell’edizione 2020 del GP d’Italia possa rappresentare un importante segnale di ripartenza e rinascita per tutti”.
Con la firma di oggi, l’Aci ottiene anche un’estensione degli accordi raggiunti, lo scorso settembre, con Formula 1, con il diritto di organizzare il GP d’Italia a Monza anche per il 2025, insieme a nuovi spazi per una serie di importanti operazioni di promozione della cultura e dei prodotti dell’eccellenza italiana nel mondo. VAI AL CALCIO

Annunci
No votes yet.
Please wait...

Che aspettate a commentare o a fornire idee, suggerimenti utili e costruttivi? Sono qui per Voi, aiutatemi ad esserci ancora meglio! Siete i benvenuti! Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.