Cronaca tutte le notizie Tutti i fatti e gli avvenimenti di Cronaca sempre costantemente aggiornati monitorati approfonditi dettagliati ed affidabili! LEGGI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 33 minuti

Ultimo aggiornamento 4 Maggio, 2021, 22:11:07 di Maurizio Barra

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 00:44 ALLE 22:11 DI MARTEDÌ 04 MAGGIO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ex maresciallo dei Carabinieri ucciso in provincia di Lecce
Un uomo risulta ricercato per l’omicidio del 46enne a Copertino
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
LECCE
04 maggio 2021
00:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un ex maresciallo dei Carabinieri è stato ucciso con colpi d’arma da fuoco a Copertino, in provincia di Lecce.
Silvano Nestola, 46 anni, era stato in servizio al Comando provinciale leccese fino allo scorso settembre e da allora collocato a riposo perché riformato.
L’uomo è stato ucciso in contrada Tarantino, in circostanze al momento sconosciute. Sul posto è intervenuto il 118. Le indagini sono condotte dai Carabinieri della Tenenza di Copertino e del Ros di Lecce.
Nestola sarebbe stato raggiunto da diversi colpi di pistola, pare almeno sette. Il corpo è stato trovato lungo una strada sterrata tra Copertino e San Pietro in Lama, a ridosso del muro di recinzione di una villa. Quando sono arrivati gli operatori del 118 era già morto. Secondo quanto trapela, dal luogo dell’omicidio sarebbe stato visto scappare un uomo che indossava un cappuccio e che viene ora ricercato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mafia: blitz carabinieri Catania, ordinanza per 40 indagati
Ergastolano in permesso premio a summit per gestire affari clan
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
04 maggio 2021
06:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gruppi legati a Cosa nostra sono stati disarticolati da un’operazione dei Carabinieri del Comando provinciale di Catania con l’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 40 persone nel capoluogo etneo, a Siracusa, Cosenza e Bologna.
I reati ipotizzati, a vario titolo, sono associazione mafiosa, traffico di sostanze stupefacenti, estorsioni e associazione per delinquere finalizzata alla commissione di falsi e truffe ai danni dell’Inps.
Le indagini, coordinate dalla Dda di Catania, hanno permesso di ricostruire gli organigrammi di gruppi mafiosi della famiglia Santapaola-Ercolano a Paternò e Belpasso. Secondo l’accusa, gestivano un fiorente traffico di stupefacenti, in particolare marjuana e cocaina, ma anche estorsioni, riciclaggio, ricettazione e avrebbero creato una situazione di grave condizionamento del tessuto economico locale. Tra gli elementi di vertice, ricostruisce la Dda, c’era il boss Santo Alleruzzo che, nonostante una condanna all’ergastolo per duplice omicidio, mafia e traffico di droga che sta scontando detenuto a Rossano (Cosenza), approfittava dei permessi premio per ritornare nel paese d’origine, Paternò (Catania), dove durante di summit mafiosi continuava ad impartire ordini e direttive per la gestione degli affari del clan.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ex carabiniere ucciso: fucilate mentre usciva col figlio
Erano andati a cena a casa della sorella della vittima
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
COPERTINO (LECCE)
04 maggio 2021
08:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Aveva finito di cenare nella casa di campagna di sua sorella e stava raggiungendo l’auto parcheggiata all’esterno, in compagnia di suo figlio di dieci anni, quando è stato raggiunto da una raffica di colpi di fucile, quattro dei quali lo hanno colpito, uccidendolo. E’ questa una prima ricostruzione dell’omicidio dell’ex maresciallo dei carabinieri Silvano Nestola, ucciso la scorsa notte da un uomo incappucciato alla periferia di Copertino (Lecce).
Il killer è ricercato in tutto il Salento dove è caccia all’uomo.
A quanto si apprende, Nestola, che aveva 46 anni, stava raggiungendo l’auto con suo figlio quando ha sentito il rumore di alcuni colpi di arma da fuoco. A quel punto avrebbe detto al bambino di rientrare in casa mentre lui ha proseguito verso l’auto incontrando il suo assassino. L’auto di Nestola, una Toyota Yaris, è stata trovata crivellata di colpi.
Nestola era stato in servizio nel comando provinciale di Lecce fino allo scorso settembre e da allora era a riposo perché riformato. Al momento gli inquirenti ritengono poco probabile che l’omicidio possa essere collegato alla criminalità, e indagano anche nella vita privata dell’ex militare.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Traffico rifiuti, 30 ordinanze a Milano
Indagine della Dda e della Polizia Locale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
04 maggio 2021
09:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Trenta ordinanze di custodia cautelare sono in corso di esecuzione da parte della Polizia Locale di Milano in merito a un’indagine denomina ‘Rifiuti preziosi’ che coinvolge il campo nomadi di via Bonfadini, nel capoluogo lombardo. Le ipotesi di reato sono quelle di “estorsione con metodo mafioso, associazione a delinquere per traffico illecito di rifiuti e associazione a delinquere per spaccio di stupefacenti”.

“Le indagini, condotte dai sostituti procuratori Francesco De Tommasi e Sara Ombra, coordinati dalla Procuratore Aggiunto della Direzione Distrettuale Antimafia, Alessandra Dolci – riferisce la Locale – sono state svolte a partire da giugno 2020 e coinvolgono come centro nevralgico della gestione illecita di rifiuti il campo nomadi di via Bonfadini”.
Un incontro stampa è previsto per le 11.30 al Comando della Polizia Locale di Milano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Al rifornimento dei rifugi ora ci pensa il drone
Progetto pilota della Provincia di Bolzano con una start up
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
04 maggio 2021
09:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’Alto Adige punta sull’impiego di droni per le consegne settimanali ai rifugi di generi alimentari e di altre merci. Solitamente, infatti, i rifornimenti avvengono con l’impiego di elicotteri, con costi elevati e inquinamento acustico.
Una dimostrazione pratica di come potrebbe funzionare il servizio si è tenuta nei giorni scorsi a Naz-Sciaves, presso la sede della Flying Basket, una start up specializzata in aeromobili a pilotaggio remoto.
I droni consentono la consegna fino a 100 chili di materiale a volo. I gestori dei rifugi di proprietà provinciale potrebbero inviare la “lista della spesa”. Quindi con un autoveicolo gli acquisti potrebbero essere trasportati ad un punto di raccolta convenuto e da lì consegnati in quota al rifugio per mezzo di droni. Le consegne dovrebbero essere settimanali con la possibilità di ulteriori ordini integrativi.
“Con il nostro progetto pilota intendiamo garantire zero emissioni di Co2, dannose per il clima, minor inquinamento acustico e nel tempo anche un risparmio di denaro pubblico”, fa presente l’assessore provinciale Massimo Bessone. “Questa nuova possibilità sarà valutata attentamente assieme ai gestori con i quali si cercherà la miglior collaborazione possibile”, spiega Daniel Bedin, direttore della Ripartizione patrimonio. “Questo tipo di consegna, inoltre, consentirebbe ai gestori dei rifugi di contenere i costi di avvio per la ripresa dell’attività stagionale, un aspetto importante per la ripartenza dopo le chiusure per la pandemia”, aggiunge Bessone.   TECNOLOGIA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Roma: paura per Ubaldo Righetti, ricoverato per malore
L’ex giallorosso si è sentito male durante una partita di padel
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
04 maggio 2021
09:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ore di paura per Ubaldo Righetti che è stato ricoverato al Sant’Andrea nel pomeriggio di ieri dopo un malore che lo ha colpito durante una partita di padel. Il 58enne, oggi opinionista di Roma Tv, non sarebbe in pericolo di vita, è cosciente e le sue condizioni seppur serie non sarebbero gravi.

“Tieni duro Ubaldo, tutti i romanisti sono con te” è lo striscione dei tifosi romanisti per l’ex calciatore giallorosso comparso in città.   CALCIO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Bianchi: tra 10 anni 1,4 milioni di studenti in meno
‘In sede contrattuale va riconosciuto forte impegno dei presidi’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
04 maggio 2021
09:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il Mef ci ha riconosciuto gli organici del passato e ha dato qualcosa in più. Nei prossimi 10 anni avremo 1 milione e 400 mila ragazzi in meno, avremmo quindi dovuto avere tanti insegnanti in meno.
Abbiamo bisogno di prof per avere classi più piccole e aumentare il tempo scuola. Dobbiamo uscire dalla meccanica lineare tot docenti-tot studenti. Abbiamo bisogno anche di più dirigenti. I dirigenti hanno una funzione fondamentale, non abbiamo dato il giusto peso alla gravosità degli impegni che hanno avuto, va e andrà riconosciuto di più nel confronto contrattuale”. Così il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi in audizione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Festa Inter: Sala, inevitabile tifosi scendessero in piazza
Strumentalizzazione politica per racimolare qualche voto in più
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
04 maggio 2021
14:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“E’ vero la situazione era certamente prevedibile ma non è pensabile che si potesse evitare che i tifosi scendessero in piazza e sarebbe stato così in qualunque città italiana la cui squadra avesse vinto lo scudetto”. Così il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha commentato in un video sui social gli assembramenti di domenica sera, e soprattutto in piazza Duomo, dei tifosi dell’Inter.
“Io capisco che le immagini di piazza Duomo abbiano potuto colpire la sensibilità di tanti, e considero con attenzione le voci di tanti milanesi arrabbiati – ha detto -.Capisco di meno la strumentalizzazione politica per racimolare qualche voto in più”.

Sugli assembramenti che si sono verificati in città per i festeggiamenti dei tifosi interisti dopo la vittoria dello scudetto “ho sentito tante lamentele ma non un’idea sensata su come avremmo potuto gestire meglio le strade cittadine. Devo dire che ci ha provato Salvini ipotizzando di portare chissà come i tifosi a San Siro”, ha spiegato il sindaco di Milano. “Ma a tacere che gli stadi in Italia sono chiusi, che assembramenti ci sarebbero stati nell’ingresso e nell’uscita dello stadio? E una volta dentro sarebbero stati tifosi a doverosa distanza o si sarebbero abbracciati? – ha aggiunto -. Questa è stata l’ideona di uno che ha fatto il ministro dell’Interno e quindi presunto addetto ai lavori”. “Come al solito nella critica si è distinta la Lega, quella che vuole aprire tutto ma anche quella che aveva in piazza a festeggiare a Milano un vice ministro e due consiglieri comunali che allegramente postavano le loro foto – ha concluso -. E’ davvero una chicca l’intervista della consigliera ed eurodeputata leghista Silvia Sardone che dice ‘io ero lì per lo shopping’. Certo notoriamente si va a fare shopping con la mascherina dell’Inter e insieme ai compagni di partito”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nasce “segnali di futuro”: la serie online sui macrotrends che caratterizzeranno i prossimi anni
La serie online sui macrotrends che caratterizzeranno i prossimi anni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
04 maggio 2021
12:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con l’uscita del primo episodio dedicato alla pandemia e alle crisi mondiali, il 4 maggio prossimo, prende il via Segnali di Futuro, la serie online – con le sue prime cinque puntate – prodotta da Festival del Futuro, la piattaforma fisica e digitale promossa da Eccellenze d’Impresa e Gruppo editoriale Athesis con la direzione scientifica di Harvard Business Review Italia, che affronta i trend principali che influenzeranno la vita sociale ed economica nei prossimi anni.

Prevedere, affrontare e vincere le crisi, il titolo della prima puntata. Gli appuntamenti successivi, rilasciati con cadenza quindicinale, saranno dedicati alla sostenibilità, alla tecnologia e lavoro, alle prospettive economiche, per chiudere con l’innovazione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tutti gli episodi saranno introdotti da Enrico Sassoon, Direttore di Harvard Business Review Italia e Direttore scientifico del Festival del Futuro, riprendendo alcuni degli interventi più importanti esposti nell’ultima edizione del Festival. Enrico Sassoon spiega le motivazioni di Segnali di Futuro: “Volevamo che l’evento non si esaurisse con la conclusione del Festival, che è stato un grande successo ed è stato seguito in streaming da quasi 300.000 persone, ma che fosse fruibile anche in tempi successivi, creando una sorta di ponte concettuale tra l’edizione passata e quella futura del Festival”. “Il format scelto – ha aggiunto Luigi Consiglio presidente di Gea Consulenti di direzione – è di poco inferiore ai 30 minuti, una durata che permette di cogliere in breve tempo tutti i temi più importanti sul futuro raccontati da alcuni dei più grandi esperti mondiali, un format agile che completa l’offerta di riflessioni e dibattiti fruibili sulle piattaforme del festival”. Matteo Montan, Amministratore Delegato del Gruppo editoriale Athesis ha commentato: “Con Segnali di Futuro l’offerta del Festival si arricchisce, aggiungendo nuovo valore sia per il pubblico sempre più esteso di questa iniziativa sia per i grandi brand che hanno deciso di esserne partner. Il format è stato pensato per essere diffuso sulle nostre piattaforme digitali e su quelle dei nostri partner, con un’audience potenziale di diversi milioni di persone”. Le prime cinque puntate saranno diffuse sui seguenti siti: – Festival del Futuro – http://www.festivaldelfuturo.eu – Testate Athesis – http://www.larena.it, http://www.ilgiornaledivicenza.it e http://www.bresciaoggi.it – Harvard Business Review Italia – http://www.hbritalia.it – – Eccellenze d’Impresa – http://www.eccellenzedimpresa.it – Futura network – http://www.futuranetwork.eu La serie sarà, inoltre, veicolata sulle emittenti televisive di Athesis, TeleArena e TeleMantova. Le puntate sono state realizzate da Sugo Tv con musiche originali di Gadi Sassoon. Gli interi eventi e dibatti degli scorsi anni possono essere fruiti completamente sul canale YouTube del Festival del Futuro. Il Festival del Futuro è un’iniziativa organizzata da Eccellenze d’Impresa (una partnership tra Gea-Consulenti di direzione, Harvard Business Review Italia e Arca Fondi SGR) e Gruppo Editoriale Athesis. Nato nel 2019, con la partnership di VeronaFiere, nel 2020 è diventato un grande evento digitale che ha totalizzato oltre 870.000 views contando quasi 300.000 visitatori unici e una reach social che ha sfiorato 1 milione di profili raggiunti. L’edizione 2021 si svolgerà dal 18 al 20 Novembre.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Religione: Acs, si istituisca Inviato Speciale libertà fede
L’appello della fondazione pontificia al governo italiano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
04 maggio 2021
11:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre propone al Governo italiano di istituire la carica di ‘Inviato speciale per la libertà religiosa’. Secondo il Rapporto 2021 sulla libertà religiosa nel mondo di Acs, 62 Paesi su un totale di 196 fanno registrare violazioni molto gravi della libertà religiosa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il 67% circa della popolazione mondiale, pari a circa 5,2 miliardi di persone, vive in nazioni in cui tale diritto umano è seriamente minacciato. “La fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre chiede dunque al Governo italiano – sottolineano il presidente Alfredo Mantovano e il direttore Alessandro Monteduro – di istituire la carica di Inviato Speciale per la libertà religiosa, sia per assumere un ruolo identificabile e incisivo a livello internazionale, sia per confermare che il diritto di professare liberamente la fede religiosa, riconosciuto dall’art. 19 della Costituzione italiana, non è circoscritto nell’ambito dei confini nazionali ma, al contrario, deve essere promosso in ogni sede internazionale, nazionale e locale, quale diritto inviolabile di ciascuno”.
Per Acs, di fronte ai dati sulle violazioni della libertà religiosa, “la reazione delle istituzioni nazionali e internazionali appare esitante e tardiva, anche se vi sono alcuni segnali positivi” come “l’istituzione della carica di Ambasciatore per la libertà religiosa e la fede in un numero crescente di nazioni, quali Danimarca, Paesi Bassi, Stati Uniti, Norvegia, Finlandia, Polonia, Germania e Regno Unito”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gestione illecita rifiuti, sequestrato impianto nel Barese
E’ la società ‘Recupero Pugliesi’ a Modugno
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
04 maggio 2021
12:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I carabinieri del Noe hanno sequestrato l’impianto della società ‘Recuperi Pugliesi’ di Modugno (Bari), che si occupa del recupero dei rifiuti urbani, pericolosi e non, provenienti dalla raccolta differenziata di tutta l’area metropolitana. Il decreto di sequestro preventivo è stato eseguito in quanto l’azienda, a fronte di un limite di stoccaggio pari a seimila tonnellate, aveva realizzato un deposito di 26mila tonnellate di rifiuti solidi urbani disseminati lungo l’intera area aziendale che si estende su una superficie di circa 46mila metri quadri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il provvedimento cautelare si è reso necessario, come evidenziato dai Carabinieri nel verbale di ispezione dei luoghi, e ripreso dal gip nel del decreto di sequestro, perché “in caso di eventuale incendio, la combustione di una tale mole di rifiuti sprigionerebbe nell’aria una quantità di diossina tale da mettere in serio pericolo la popolazione dell’intero circondario e non solo”. I reati contestati al legale rappresentante della società, in cui lavorano 160 persone, sono gestione illecita di rifiuti, deposito incontrollato e inosservanza delle prescrizioni previste dall’atto autorizzativo (art. 256 co. 2 e 4 del Testo Unico Ambientale).
Le indagini, coordinate alla Procura di Bari, sono partite lo scorso 21 febbraio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sicilia: psicosi AstraZeneca, 250mila dosi nei frigo
Il governatore Musumeci, comprensibile ma ingiustificata paura
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
04 maggio 2021
19:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Sicilia sono 250 mila le dosi di AstraZeneca chiusi nei frigoriferi e al momento inutilizzate. A fornire il dato aggiornato è il dirigente generale del Dasoe, Mario La Rocca, in conferenza stampa nella Presidenza della Regione. “Abbiamo avviato l’open day tre settimane fa per dare forza e impulso alla campagna di vaccinazione e a quella con AstraZeneca in modo particolare, la cui scorta nei frigoriferi è sempre stata abbondante – dice il governatore Nello Musumeci – Verso AstraZeneca c’è stata e c’è una comprensibile ma ingiustificata psicosi, a fronte di 5-6 decessi la cui connessione con il vaccino comunque è stata esclusa”.

La Sicilia avvia la campagna vaccinale di massa nelle isole minori.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Saranno somministrate le dosi a tutti i cittadini dai 18 anni in su: si parte nel weekend a Lampedusa e Linosa, da lunedì nel resto delle isole. “Spero che il generale Figliuolo voglia comprendere che da parte nostra non c’è alcuna volontà di essere disobbedienti – dice il governatore Nello Musumeci – ma avvertiamo tutti il peso della responsabilità della specifica condizione epidemiologica dell’isola ma anche di carattere sociale. Dobbiamo correre, altrimenti non ce ne usciremo più da questo tunnel”.

“Abbiamo deciso di aprire da domani la prenotazione ai cittadini dai 50 anni in su: per l’esattezza dai nati dal 1971 (dal primo gennaio) in poi”. Lo annuncia il governatore della Sicilia, Nello Musumeci, in conferenza stampa a Palazzo d’Orleans. “Abbiamo chiesto al commissario Figliuolo, con due lettere, la possibilità di ammettere al vaccino anche le persone al di sotto dai 50 ai 60 anni – afferma Musumeci – Ci è stato sempre risposto che non è possibile, e che può essere consentito solo quando avremo messo al sicuro gli ultra 80enni ma è chiaro che non abbiamo poteri sanzionatori o coercitivi, per convincere i riottosi”.
Sono oltre due milioni le dosi del vaccino di Astrazeneca nei frigoriferi delle regioni: su un totale di 6.565.080 consegnate all’Italia ne sono infatti state somministrate 4.525.107, il 69% del totale. A disposizione ne rimangono dunque 2.039.973, vale a dire il 57,1% di tutte le dosi dei 4 sieri autorizzati dall’Ema e dell’Aifa e non ancora somministrati (che sono complessivamente 3.572.061). Di queste 2 milioni di dosi, una parte deve comunque essere tenuta da parte: la settimana prossima cominceranno i richiami per chi è stato vaccinato a metà febbraio, quando si è iniziato a somministrare il siero dell’azienda anglo-svedese.
Un protocollo per le vaccinazioni anti Covid nelle aziende. Sono le linee guida a cui le regioni stanno lavorando d’intesa con la struttura commissariale per l’Emergenza del generale Francesco Figliuolo. Secondo una prima stima, la vaccinazione nelle grandi aziende – qualche centinaio inizialmente – potrebbe partire nella seconda metà di maggio o alla fine del mese, a seconda dei ritmi della campagna vaccinale. Le aziende dovranno essere inserite nei vari piani delle Regioni e dovranno recepire l’organizzazione della logistica, facendosi carico dei costi della somministrazione, in collaborazione con il sistema sanitario.
La campagna vaccinale continua con focus su anziani e soggetti fragili, mirando a rafforzare un trend positivo che ha fatto registrare incrementi diffusi a livello nazionale, per ciò che riguarda le somministrazioni, contemporaneamente a una decisa diminuzione dei decessi e dei ricoveri ordinari e in terapia intensiva. In particolare, dal 10 aprile ad oggi, si è rilevato un meno 26% di decessi, meno 34% di ricoveri ordinari e meno 31% di ricoveri in terapia intensiva”. Così, a quanto si apprende, viene fatto sapere da ambienti della struttura commissariale del generale, Francesco Figliuolo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La madre di Marco Vannini porta fiori al figlio, ‘tragedia senza vincitori’
La donna al cimitero dopo le condanne confermate dalla Cassazione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
04 maggio 2021
16:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“In questa tragedia non ci sono vincitori ma solo vinti ed il primo proprio Marco”. E’ quanto afferma la signora Marina Conte madre di Marco Vannini, tramite il suo legale Celestino Gnazi.
Questa mattina la mamma e il papà del ventenne morto nel 2015 a Ladispoli si sono recati presso il cimitero di Cerveteri per portare fiori sulla tomba del ragazzo.
Un gesto annunciato ieri dopo che la Cassazione ha ribadito la condanna a 14 anni per Antonio Ciontoli e quella a 9 anni e 4 mesi inflitta ai due figli di Ciontoli, Martina (all’epoca fidanzata di Marco) e Federico e alla moglie Maria Pezzillo.
“Una storia in cui sono vinti anche i genitori di Marco – aggiunge il legale – e l’intera famiglia Ciontoli. Spero per loro che adesso si apra un percorso che gli faccia assumere le responsabilità di quanto hanno compiuto”. Per il legale dei Vannini questo è un momento di “profonda tristezza”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: cartoon sui camici per vincere la paura del tampone
L’iniziativa al centro di Villa Bombrini a Genova Cornigliano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
04 maggio 2021
15:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Questa mattina abbiamo scelto di disegnare Scooby Doo per alleggerire la giornata”. Karen Gonzalez, operatrice socio sanitaria in servizio al centro tamponi di Villa Bombrini, a Genova Cornigliano, racconta così il tema scelto per portare un po’ di leggerezza tra i bambini che aspettano di fare il tampone.
La giornata di Karen inizia un po’ prima di quella degli altri, per avere il tempo di disegnare con i personaggi dei cartoon i camici che saranno indossati dai colleghi, ma è una cosa che fa con gioia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Al mattino con i colleghi ci sediamo a ragionare – prosegue Karen – si sceglie da internet il tipo di disegno e poi io li realizzo. Ci sono volte che non riusciamo, per un fattore tempo ma cerchiamo di farlo il più possibile. In media io realizzo tra i 5 e i 7 disegni sui camici, per adesso li faccio su quelli azzurri, che sono più pesanti ma anche più semplici da disegnare, ma adesso che il tempo migliora e si inizia a indossare quelli più leggeri vedremo come fare a realizzare, comunque, i disegni”.
Un’attività che si è sviluppata dal momento dell’avvio dell’attività a Cornigliano e che è stata accolta con gioia dai più piccoli ma anche dagli adulti. “L’idea dei disegni è partita dalla nostra collega Karen per alleviare la sofferenza delle persone – racconta il Coordinatore infermieristico Rehhal Oudghaugh – e questo disegni, effettivamente, danno un po’ di leggerezza ai pazienti in tutto il percorso, dall’accoglienza sino a quando vengono tamponati. La gente è curiosa, chiede il perché di questi disegni, e questo crea un’empatia che per noi è molto preziosa”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fondi Lega:pm chiede condanne fino 4 anni 8 mesi per i contabili
Richiesta nel processo milanese a Di Rubba e Manzoni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
04 maggio 2021
14:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il procuratore aggiunto di Milano Eugenio Fusco e il pm Stefano Civardi hanno chiesto condanne rispettivamente a 4 anni e 8 mesi e a 4 anni per i due revisori contabili della Lega in Parlamento Alberto Di Rubba e Andrea Manzoni, imputati nel processo abbreviato, davanti al gup Guido Salvini, per il caso della compravendita del capannone di Cormano, acquistato dalla Lombardia Film Commission, con la quale sarebbero stati drenati 800mila euro di fondi pubblici.
Nel processo, filone dell’inchiesta milanese che sta scavando anche su presunti fondi neri per il Carroccio, i due sono accusati di peculato, turbativa e reati fiscali.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per Di Rubba è stata formulata la richiesta di pena più alta, 4 anni e 8 mesi, in quanto “incaricato di pubblico servizio” perché in quel periodo era presidente di Lfc. Sia lui che Manzoni (chiesti 4 anni) sono ai domiciliari dallo scorso settembre, mentre l’imprenditore Francesco Barachetti, ritenuto dai pm vicino alla Lega e che si occupò sulla carta della ristrutturazione dell’immobile, è a processo con rito ordinario davanti alla settima penale. I due contabili sono imputati per peculato e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente (i reati fiscali sono stati stralciati e non sono nelle imputazioni del processo). Tre persone, invece, tra cui il commercialista Michele Scillieri e il presunto prestanome Luca Sostegni, hanno già patteggiato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Farmaco contro Parkinson causa ludopatia, Pfizer condannata
Corte d’Appello Milano, dovrà pagare mezzo milione a 60enne
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
04 maggio 2021
14:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pfizer Italia è stata condannata al pagamento di mezzo milione di euro, tra danni morali ed economici, per gli effetti collaterali di un farmaco per la cura del Parkinson, il Cabaser, che ha causato ludopatia e ipersessualità in un 60enne residente nel centro Italia. A rendere nota la decisione della Corte d’Appello di Milano, che ha confermato la sentenza di primo grado, è lo studio legale Ambrosio & Commodo di Torino, che ha assistito il 60enne.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel corso della causa i periti hanno confermato gli effetti collaterali del farmaco, che l’uomo ha assunto dal 2001 al 2006 e che Pfizer indica nel bugiardino soltanto dal 2007.
Il sessantenne a cui la Corte d’Appello di Milano ha riconosciuto danni per mezzo milione di euro ha assunto il Cabaser dal 2001 al 2006. Cinque anni che gli hanno sconvolto la vita, trasformandolo in un giocatore incallito, durante i quali ha utilizzato 1.802 carte di credito usa e getta per giocare online, lui che fino ad allora non aveva mai giocato. Non solo: è stato anche costretto a lasciare il lavoro in una azienda a cui aveva sottratto 100mila euro, soldi che ora restituirà.
“I primi sintomi si sono manifestati pochi mesi dopo l’assunzione del farmaco – ha raccontato l’uomo ai giudici – Ero diventato ipereccitato sul piano sessuale, poi ho incominciato a giocare, credevo di essere impazzito”.
“Le conclusioni del tribunale nel marzo scorso, con una sentenza inedita ora confermata in Appello – spiega l’avvocato Renato Ambrosio – arrivano dopo due complesse consulenze tecniche cui ha partecipato attivamente anche l’azienda con un proprio esperto, senza però convincere i qualificati periti del giudice”.
“L’informativa è mancata e per lungo tempo i bugiardini hanno del tutto omesso tali informazioni vitali”, aggiunge Chiara Ghibaudo, avvocato dello stesso studio legale. “Non abbiamo mai messo in dubbio l’ottima azione sotto il profilo medico riconosciuta anche dal nostro cliente – sottolinea Stefano Bertone, altro avvocato che si è occupato della causa – ma semplicemente il difetto per mancanza di una qualità fondamentale, ovvero l’indicazione in foglietto illustrativo delle reazioni avverse: gli utilizzatori devono conoscerle in anticipo”. La causa è iniziata nel 2015.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Locatelli, rischio irrilevante nei giovanissimi. 19 morti per Covid sotto i 18 anni
“Percorsi vaccinali approvati dall’Agenzia del farmaco anche per la popolazione pediatrica”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
04 maggio 2021
15:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Nella popolazione pediatrica il rischio di andare incontro a patologia grave da Covid è contenuto se non irrilevante, per tutto questo fortunatamente il prezzo pagato in termine di vite perse nella popolazione pediatrica è stato di 19 pazienti sotto i 18 anni che hanno perso la vita e spesso c’era una patologia concomitante”. I giovanissimi “possono però essere esposti da stress in seguito alle misure per contenere la pandemia”.
E’ quanto ha detto il Coordinatore del Comitato tecnico scientifico, Franco Locatelli in audizione in commissione in Senato.
“Soprattutto in vista della ripresa dell’anno scolastico il prossimo anno, è importante mettere in campo strumenti per una didattica in presenza significativamente maggiore rispetto agli ultimi due anni, con un occhio particolare a quanto attiene il trasporto pubblico locale e con l’attivazione di percorsi vaccinali, una volta che siano approvati dall’Agenzia del farmaco, anche per la popolazione pediatrica”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: festa in un comune zona rossa nel Cosentino,7 multati
Ventuno sanzionati nel week end per violazioni norme
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
RENDE
04 maggio 2021
14:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ventuno persone sono state sanzionate dai carabinieri della Compagnia di Rende nell’ambito dei servizi finalizzati al rispetto delle normative anti Covid, intensificati nel weekend sia per la festività del 1 maggio, che delle zone rosse nei comuni di Acri e Montalto Uffugo.
Cinque contravvenzioni sono elevate per il mancato rispetto del divieto di spostamento dalle ore 22.00 alle ore 05.00 senza comprovato motivo.
Nove le persone sanzionate per divieto di assembramento nei pressi di un’attività commerciale di Rose.
Altre 7 contravvenzioni sono state invece elevate per la violazione del divieto di partecipazione alle feste in luoghi all’aperto e al chiuso oltre che al mancato rispetto del divieto di spostamento. Infatti, nella serata del 1 maggio, i militari di Rende hanno sorpreso un gruppo di giovani in una casa di campagna a Montalto Uffugo, dichiarata dall’ultima ordinanza della Regione Calabria “zona rossa”, riuniti in un festa intenti a consumare super alcolici e stupefacenti. Immediate le sanzioni elevate per assembramento e divieto di spostamento in comune diverso, soprattutto in virtù della dichiarata “zona rossa”, oltre che dopo le ore 22.00.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Stralli Morandi ‘miracolati’
Dipendente Spea, certi controlli non potevamo nemmeno chiederli
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
04 maggio 2021
15:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Prima del crollo del ponte Morandi (avvenuto il 14 agosto 2018, 43 morti) gli stralli sembrano “subire guarigioni addirittura miracolose”. E’ quanto scrivono gli investigatori della guardia di finanza nelle informative depositate per la chiusura delle indagini sulla tragedia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La procura di Genova ha indagato 69 persone più le due società Aspi e Spea (che si occupava delle manutenzioni).
Tra le relazioni sullo stato di salute del viadotto del 2014 e del 2017 (ultima prima del crollo) “gli stralli a monte, sia della pila 9, sia della pila 10, sembrano subire – scrivono gli inquirenti – “guarigioni” addirittura miracolose: sulla pila 9 ci sarebbe 1 solo cavo con anomalie da corrosione di grado 4 contro i 14 della rilevazione precedente e sulla pila 10 ci sarebbero solo 11 cavi con anomalie da corrosione di grado 4 contro i 24 della rilevazione precedente”.
Non solo. Dalle pagine depositate emergono anche carenze dei controlli anche nelle gallerie.
A raccontarlo è Maurizio Massardo, dipendente Spea. “Ci sono cose – dice al pm – che non era possibile neanche ipotizzare richiedere, tipo, ad esempio, la rimozione delle onduline e delle reti elettrosaldate in quanto tale intervento avrebbe richiesto una chiusura totale della galleria, non in presenza di traffico, per più giorni. Attualmente, invece, Autostrade consente la chiusura totale a prescindere dalle esigenze di traffico. Fino al 31.12.2019 era impensabile chiedere queste chiusure totali e poter svolgere indagini così approfondite.” Una dichiarazione confermata anche dall’ispettore del Mit Placido Migliorino sentito anche lui dal pm. “Ho riscontrato gravi difetti da poter creare pregiudizio alla sicurezza della circolazione. In sintesi, i rapporti trimestrali acquisiti da Spea non rispecchiavano le reali condizioni di conservazione delle opere e i voti attribuiti erano sottostimati”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Papa: regolamentare finanza, speculazione è insostenibile
Videomessaggio per le intenzioni di preghiera di maggio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
04 maggio 2021
16:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Papa Francesco chiede di regolamentare la finanza perché la situazione, a causa della speculazione è diventata “insostenibile”. “Mentre l’economia reale, quella che crea lavoro, è in crisi – quanta gente è senza lavoro! – i mercati finanziari non sono mai stati così ipertrofici come sono ora.
Quanto è lontano il mondo della grande finanza dalla vita della maggior parte delle persone!”, dice il Papa nel videomessaggio per le intenzioni di preghiera per il mese di maggio. “La finanza, se non viene regolamentata, diventa pura speculazione animata da politiche monetarie. Questa situazione è insostenibile. È pericolosa”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: De Luca, Commissariato e Ministero correggano dati
‘Per ultraottantenni come per gli altri l’adesione è volontaria’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
04 maggio 2021
16:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Abbiamo chiesto al Commissariato e al Ministero della Salute di correggere la comunicazione relativa alla vaccinazione degli ultraottantenni. Oggi vengono proposte cifre totalmente fuorvianti.
Va chiarito che l’adesione alle vaccinazioni è assolutamente volontaria”. Così il presidente della Giunta regionale della Campania, Vincenzo De Luca.
“Pertanto l’informazione corretta relativa alla percentuale degli ultra 80enni, ultra 70enni e ultra 60enni vaccinati, non può che essere quella relativa a chi ha accettato di fare la vaccinazione, non alla percentuale Istat di popolazione. L’unica vaccinazione obbligatoria è quella degli operatori sanitari, per i quali siamo oltre il 99%. Per quanto riguarda la Campania, la prima dose è stata somministrata al 100% degli aderenti in piattaforma, come da bollettino quotidiano della Regione, che invitiamo a seguire come riferimento. Ci auguriamo che a brevissimo sia il Commissariato che il Ministero vogliano correggere l’informazione sui vaccinati” aggiunge De Luca.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Presunto violentatore seriale a Sassari, arresto convalidato
Il 32enne nigeriano si avvale della facoltà di non risspondere
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SASSARI
04 maggio 2021
17:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La gip di Sassari Carmela Rita Serra ha convalidato l’arresto e confermato la misura cautelare del carcere per Koabr Buhro, accusato di tre tentativi di stupro messi a segno tra giovedì e sabato a Sassari. Nigeriano, 32 anni, destinatario a marzo di un decreto di espulsione e intimazione a lasciare l’Italia emessi da prefetto e questore di Nuoro, già condannato per violenze commesse nel nord della penisola, l’uomo è accusato di violenza sessuale pluriaggravata e continuata e lesioni personali.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Due episodi su tre risalgono a sabato mattina. Poco dopo le otto gli agenti della squadra Volanti della Questura sono intervenuti su segnalazione di una ragazza appena aggredita mentre faceva attività sportiva lungo la pista ciclabile che costeggia la Buddi Buddi. Qualche minuto prima l’uomo, che è difeso dall’avvocato Natalino Zarelli e che oggi davanti alla giudice si è avvalso della facoltà di non rispondere, aveva fatto lo stesso con un’altra giovane donna.
Ma secondo gli investigatori della squadra Mobile, che sotto la guida del dirigente Dario Mongiovì stanno svolgendo le indagini coordinate dalla sostituta procuratrice Lara Senatore, sarebbe responsabile anche del tentativo di violenza avvenuto giovedì scorso in pieno centro storico ai danni di una barista di 36 anni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Csm: Tribunale Milano acquisisce verbale Amara ‘Eni-Nigeria’
Brescia archiviò ‘interferenze su toghe’ dopo mossa pm milanesi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
04 maggio 2021
17:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente del Tribunale di Milano Roberto Bichi ha acquisito nei giorni scorsi dalla Procura di Brescia gli atti del fascicolo archiviato che era stato aperto dopo che i pm milanesi, su decisione del procuratore Francesco Greco, avevano trasmesso ai colleghi passaggi di un verbale dell’avvocato Piero Amara che gettava un’ombra sui giudici del processo Eni-Nigeria poi finito con assoluzioni. Il legale fece riferimento a “interferenze delle difese Eni”, non provate, sul giudice Tremolada.
L’inerzia nell’indagine sul ‘caso Amara’, lamentata dal pm Storari, per alcuni sarebbe legata a questa mossa della Procura sul caso Eni-Nigeria.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: test triplicati e casi sopra 9 mila, ancora 305 morti
Tasso positività cala al 2.9%, è discesa continua dei ricoverati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
04 maggio 2021
18:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quasi triplicano i tamponi, tornando su livelli numerici più accettabili, e i contagi da coronavirus risalgono sopra i 9 mila nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Anche i decessi scavalcano di nuovo quota 300 (sono 305), ma crolla il tasso di positività e continua la discesa di pazienti ricoverati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 9.116 i positivi al test, per la precisione, mentre ieri erano stati 5.948. Ieri le vittime erano state 256.
Sono 315.506 i tamponi molecolari e antigenici effettuati, ieri i test erano stati 121.829. Il tasso di positività è del 2,9%% (ieri era al 4,9%, quindi il 2% in più).
I pazienti ricoverati terapia intensiva per il Covid sono 2.423, in calo di 67 unità rispetto a ieri nel saldo quotidiano tra entrate e uscite, mentre gli ingressi giornalieri sono stati 136 (ieri 121). Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 18.176 persone, in calo di 219 unità rispetto a ieri.
In totale i casi dall’inizio dell’epidemia sono 4.059.821, i morti 121.738. Gli attualmente positivi sono invece 413.889 (-9.669 rispetto a ieri), i guariti e dimessi 3.524.194 (+18.477). In isolamento domiciliare ci sono 393.290 persone (-9.383).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Grillo: verso un nuovo interrogatorio per Ciro e i suoi amici
I legali dei giovani stanno valutando dopo la chiusura delle indagini bis
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
04 maggio 2021
18:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Potrebbero essere interrogati di nuovo Ciro Grillo e i suoi tre amici – Edoardo Capitta, Vittorio Lauria e Francesco Corsiglia – accusati di avere stuprato una studentessa italo-norvegese in Sardegna a luglio 2019 dopo una serata passata nella discoteca Billionaire. L’ipotesi è al vaglio dei difensori dei ragazzi.
I legali (Sandro Vaccaro, Romano Raimondo, Gennaro Velle, Ernesto Monteverde e Mariano Mameli) hanno 20 giorni di tempo per chiederlo ai pm della procura di Tempio Pausania. I magistrati ieri hanno chiuso per la seconda volta le indagini sulla vicenda, dopo una prima chiusura a novembre scorso.
I quattro sono accusati di violenza di gruppo nei confronti della studentessa che li ha denunciati. Grillo jr, Lauria e Capitta sono accusati di violenza sessuale anche nei confronti di una seconda ragazza per le tre foto oscene che i giovani hanno scattato mentre lei dormiva. La studentessa aveva denunciato tutto dopo una settimana dalla presunta violenza al suo rientro a Milano. Per i quattro, invece, i rapporti furono consenzienti. Nelle scorse settimane Beppe Grillo aveva pubblicato un video in difesa del figlio e gli amici suscitando numerose polemiche.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Barricato in casa in Brianza, spara 3 colpi pistola
Palazzina circondata dai carabinieri, mediazione in corso
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MONZA
04 maggio 2021
18:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un uomo di 55 anni ha esploso tre colpi di pistola nella sua abitazione a Nova Milanese (Monza), all’interno della quale è barricato da diverse ore, a quanto emerso a seguito di una lite familiare.
I carabinieri hanno circondato la zona, bloccato il traffico con delle transenne e sono ora in corso le trattative per convincerlo ad uscire dall’abitazione.
Risulterebbe, ma la dinamica è ancora da ricostruire, un primo intervento da parte della Polizia Locale nella tarda mattinata di oggi, quando all’interno dell’abitazione erano presenti anche moglie, figlia e cognato dell’uomo, ora in salvo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
IL-PUNTO/COVID: Sardegna, frena campagna vaccinazione
Cinque decessi e 104 nuovi casi, tasso positività scende al 3,5%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
04 maggio 2021
18:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Sardegna si registra un calo nel ritmo delle somministrazioni di vaccini, nelle ultime ore, tuttavia, ha spiegato l’assessore della Sanità Mario Nieddu, “adesso dovrebbero scendere in campo in modo più importante i medici di famiglia, e questo dovrebbe consentirci di recuperare”.
Da domani, ha annunciato l’esponente della Giunta regionale, “i medici di base potranno andare a ritirare le siringhe già pronte per iniziare quindi a vaccinare a domicilio”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le altre ragioni del rallentamento nelle inoculazioni: “Il passaggio dalla piattaforma regionale a quella di Poste ma anche la mancanza di vaccini Astrazeneca.
Sul fronte delle consegne, Nieddu ha ricordato che sabato sono arrivati circa 60mila dosi: “Ora attendiamo altri due invii a maggio e uno ai primi di giugno per un totale di 180mila dosi circa di Pfizer”.
Secondo il report del Governo aggiornato in tempo reale, in Sardegna oggi ha toccato quota 531.297 dosi somministrate (terzultima in Italia con l’80,5%).
Intanto salgono a 54.980 i casi di positività complessivamente accertati nell’isola dall’inizio dell’emergenza: nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale sono stati rilevati 104 nuovi contagi, in aumento rispetto a ieri ma con più tamponi effettuati, 2.919 test, e un tasso di positività che scende al 3,5%.
Si registrano anche cinque nuovi decessi (1.398 in tutto). In calo i ricoveri: sono 354 (-4) le persone attualmente ricoverate in ospedale in reparti non intensivi, 47 (-4) i pazienti in terapia intensiva.
Le persone in isolamento domiciliare sono 16.042 e i guariti sono complessivamente 37.137 (+423) mentre le persone dichiarate guarite clinicamente nell’Isola sono attualmente 2.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Europei: Assessore Lazio, pronti a vaccinare durante partite
‘Modello Nba, tifosi hanno avuto siero durante match’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
04 maggio 2021
19:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il Servizio sanitario regionale è pronto a eseguire le vaccinazioni anche in occasione dei prossimi Europei di calcio che la città di Roma ospiterà.
Qualora ci venisse richiesto dalla competente Federazione siamo in grado di allestire dei punti di somministrazione dei vaccini durante gli eventi sportivi”.
Lo annuncia l’assessore regionale alla sanità del Lazio Alessio D’Amato. “Il modello è quello già sperimentato in America dalla NBA e nello specifico dai Milwaukee Bucks che ha vaccinato i propri tifosi tra il primo ed il secondo tempo delle partite di basket”, aggiunge D’Amato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Braccio incastrato in un macchinario tessile, grave 41enne
A un giorno di distanza dalla morte di Luana D’Orazio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BERGAMO
04 maggio 2021
19:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A un giorno di distanza dalla morte di Luana D’Orazio, deceduta a soli 22 anni dopo essere rimasta incastrata in un macchinario tessile in provincia di Prato, oggi si è verificato un infortunio in una ditta tessile di Leffe (Bergamo), la Warmor: in questo caso un operaio di 41 anni, nativo della Romania e residente a Fiorano, è rimasto ferito gravemente. Un braccio gli è rimasto incastrato in un rullo.
Sul posto è arrivato il 118 e l’operaio, che rischia di perdere un braccio, è stato trasferito con l’elisoccorso all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Barricato in casa con pistola in Brianza, si è arreso
Negoziatore lo ha convinto a consegnarsi ai carabinieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MONZA
04 maggio 2021
20:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si è arreso il 55enne che, dalla tarda mattinata di oggi, si è barricato all’interno di un’abitazione di Nova Milanese e che ha esploso tre colpi di pistola dopo l’intervento delle forze dell’ordine, fortunatamente senza ferire nessuno. Insieme al negoziatore, che intorno alle 19 era riuscito a entrare nella palazzina, il 55 enne è uscito da casa e si è consegnato alle autorità.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Csm: su caso verbali si muove anche pg Milano
Telefonata Cartabia-Salvi, domani Davigo teste da pm Roma
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
04 maggio 2021
21:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si muove anche la Procura Generale di Milano sul caso dei verbali degli interrogatori resi ai pm milanesi dall’avvocato siciliano Piero Amara che riguardano la presunta loggia segreta Ungheria e che, oltre a portare a uno scontro al quarto piano del Palazzo di Giustizia di Milano tra Francesco Greco con l’aggiunto Laura Pedio e il pm Paolo Storari, sta creando un terremoto nella magistratura, fino al Csm. Mentre in questi giorni, in piena bufera, si sono moltiplicate le attestazioni di solidarietà al pm Storari, il pg del capoluogo lombardo Francesca Nanni, esercitando i suoi poteri di sorveglianza sui magistrati requirenti del distretto, ha chiesto informazioni scritte alla Procura per capire cosa sia accaduto per poi eventualmente riferire al Procuratore Generale della Cassazione Giovanni Salvi. Il quale, dopo aver annunciato possibili iniziative disciplinari ed essersi consultato, in una telefonata di ieri sera, con la ministra della Giustizia Marta Cartabia, sta aspettando gli atti dalle procure interessate dalla vicenda.
Procure che da oggi diventano quattro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Infatti anche quella di Brescia ha aperto un fascicolo, al momento conoscitivo e, quindi, senza indagati né ipotesi di reato, partendo dalle dichiarazioni che Nino Di Matteo, consigliere del Consiglio Superiore della Magistratura ha reso durante il plenum dello scorso 28 aprile: ha informato i colleghi di aver ricevuto, nei mesi scorsi, un “plico anonimo, tramite spedizione postale,” contenente la copia di quei verbali secretati che risalgono al dicembre 2019, accompagnati da una lettera anonima in cui si accusano di inerzia i vertici della Procura milanese. Stesso plico finito tra ottobre e marzo sui tavoli di due giornalisti.
Un capitolo, questo, su cui i pm di Roma hanno aperto una inchiesta nella quale per ora è indagata Marcella Contrafatto, l’ex segretaria di Davigo ai tempi in cui era al Csm: è accusata di essere la ‘postina’ per aver diffuso quelle carte segrete e, per le parole scritte nella missiva d’accompagnamento, risponde di calunnia. Carte che erano state consegnate da Storari nell’aprile del 2020 a Davigo, per autotutelarsi, in quanto all’indomani di quelle rivelazioni sulla non ben definita loggia Ungheria aveva chiesto ripetutamente, senza ottenere risultati, a Greco – che sta lavorando a una relazione per il pg Nanni e per il Csm – e Pedio di iscrivere nel registro degli indagati alcuni nomi, Amara compreso, per associazione segreta per fare subito dei tabulati telefonici e avviare intercettazioni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Caso Fedez, domani Di Mare si difende in Vigilanza Rai
Il rapper sul cavallo della Rai, murales davanti alla sede tv
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
04 maggio 2021
19:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Domani la Commissione di Vigilanza Rai ascolterà il direttore di Rai3 Di Mare sul caso Fedez. Nella notte murale nella strada che costeggia la sede principale della tv pubblica, con il rapper sul cavallo simbolo dell’azienda.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Salvini: ‘Pronto a parlare con il rapper, ma non risponde’. Bombardieri: ‘Si parla di lui e non di lavoro’. Il premier Draghi intanto apre il dossier sulle nomine Rai, ma senza accelerare.
Il direttore di Rai3, Franco Di Mare, sarà ascoltato mercoledì 5 maggio alle 19 in commissione di Vigilanza sulla Rai. L’audizione urgente è stata decisa dal presidente della bicamerale, Alberto Barachini, dopo il caso Fedez e le accuse di censura mosse dal rapper alla tv pubblica.
Fedez che doma il cavallo della Rai. E’ il murales spuntato nottetempo in via Podgora, a Roma, la strada che costeggia la sede principale della tv pubblica. L’opera, che porta la firma dello street artist Harry Greb, è intitolata “Non è la Rai” e rappresenta il rapper che cavalca il cavallo simbolo della Rai, sul quale sono impresse frasi estratte dal suo discorso di sul palco del primo maggio: dl Zan, stop omofobia, censura tv pubblica e diritti dei lavoratori.
In mattinata il deputato del Pd Alessandro Zan, autore del ddl anti-omofobia in discussione al Senato, in diretta su RTL 102.5 all’interno di Non Stop News, ha detto: “Penso che chiedere preventivamente ad un artista, che si esibisce sul palco del primo maggio che è il palco dei diritti per eccellenza, il suo discorso per poi tentare di censurarlo, non sia un cosa bella del servizio pubblico, ecco perché è giusto che ci sia un chiarimento anche in commissione di vigilanza e mi sarei aspettato delle scuse più importanti. Certo è che la Rai in questo frangente, non ci ha fatto una bella figura, mi auguro che queste cose non succedano più, in un paese civile ed avanzato come l’Italia non ci può essere nessuna forma di censura”.
“Sono pronto a un confronto con Fedez, con telecamere o meno, per parlare di futuro, di diritti, di arte, di musica, sul suo attico, in autogrill. Per il momento non c’è alcuna risposta. Tuttavia le emergenze dell’Italia sono altre, penso alla ragazza morta ieri in fabbrica”, ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, parlando con i cronisti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Taddia-Grassucci, Chi sono?
100 domande a 30mila ragazzi, la fotografia della Generazione Z
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
04 maggio 2021
09:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FEDERICO TADDIA – DANIELE GRASSUCCI, CHI SONO? IO. LE ALTRE. E GLI ALTRI (De Agostini, pp.240, 14.90 Euro). “Abbiamo voluto fornire ai ragazzi uno strumento per specchiarsi, in se stessi e negli altri, perché ogni originalità ha il diritto di esistere. L’idea era quella di dare voce alle sfumature”. E’ una finestra aperta sul variegato, complesso ed entusiasmante mondo della cosiddetta Generazione Z il libro “Chi sono? Io. Le altre. E gli altri” (De Agostini, in libreria dal 4 maggio) che il giornalista Federico Taddia ha scritto insieme a Daniele Grassucci, direttore di Skuola.net.
Con una grafica accattivante e un linguaggio diretto e privo di retorica, il libro presenta il risultato di un’indagine condotta (con la collaborazione di Skuola.net) su 30mila ragazzi dai 12 ai 17 anni ai quali sono state sottoposte 100 domande (chiuse e aperte) relative a temi identitari, individuali e collettivi, dall’amicizia all’amore, dal corpo al mondo dei social, dal credo al futuro, e poi impegno, rabbia, paura, passioni, rivoluzioni. Le domande sono semplici, le risposte invece svelano l’anima, ferita sì ma anche determinata, di una generazione che in questi ultimi mesi, spesso in silenzio, ha pagato un prezzo alto, subendo forse più di tutti la reclusione forzata imposta dall’emergenza sanitaria.
Il risultato è che dal volume, pensato come strumento utile ai ragazzi ma anche agli adulti, di certo non emerge nessun giudizio univoco sui giovani intervistati, ma solo la voglia di comprenderne sogni e bisogni, dubbi, frustrazioni e certezze: “Abbiamo fatto un vero e proprio viaggio in questa generazione e per fortuna è impossibile generalizzare”, spiega Taddia, “quello che abbiamo capito è che gli adolescenti di oggi hanno la consapevolezza delle proprie potenzialità e dei punti deboli e sanno esprimere fragilità e paure. Questi ragazzi hanno dubbi sugli adulti, ma anche sulla scuola, che vedono stantia e diversa da loro per stimoli, aspettative, modalità e tempi, e sulle istituzioni. E poi si appoggiano tanto sulle amicizie, un aspetto quest’ultimo forse accentuato proprio dalla chiusura degli ultimi mesi”.
Non si sono ripiegati nei social, unico sfogo nella pandemia? “Le risposte rivelano che gli adolescenti si sono stancati dei social, ne hanno scoperto i limiti in tema di relazioni”, afferma il giornalista, “hanno ripreso confidenza con il concetto di passione, dalla chitarra agli scacchi. In generale con la pandemia hanno avuto più tempo per loro, per fare e anche per annoiarsi: sono meglio di quello che pensavamo, hanno solo bisogno di spazi e tempi per farsi capire e per farsi scoprire”.
Nel libro emerge nei ragazzi una grande voglia di fare, e quindi, anche la speranza nel domani che li attende. “Gli adolescenti intervistati pensano di poter essere protagonisti di grandi cambiamenti nel futuro, forse anche sulla scia del fenomeno Greta Thunberg”, afferma. “Forse hanno capito che ora è il loro turno per salvare il nostro Pianeta, e che è l’ultima possibilità non solo sul tema della sostenibilità, ma anche nella lotta alla corruzione, nel rivoluzionare la scuola, nel ripensare il concetto di famiglia, nell’arginare omofobia e razzismo che ritengono incompatibili con la loro idea di società e mondo”. E degli adulti, che opinione hanno? “Non si sentono migliori di mamma e papà, credono abbastanza ai loro adulti di riferimento, dai genitori agli insegnanti, e si fidano – prosegue -, se c’è una accusa è quella dell’assenza dei genitori, di non essere considerati abbastanza e di avere poca voce in capitolo in famiglia”.
Cosa e quanto abbiamo sbagliato con gli adolescenti nell’ultimo, difficile anno? “Siamo stati tutti travolti, credo però che in questo tsunami gli adolescenti siano stati lasciati da parte. Pensando che in qualche modo se la sarebbero cavata, è mancato un focus di attenzione su di loro – afferma -. La scuola poi ha reagito dove ha potuto, è stata una lotteria, a volte ha funzionato altre no. Ma di certo è mancato il contatto, la socialità, la trasgressione delle regole, ed è contestualmente aumentato il conflitto con i genitori. I ragazzi hanno vissuto un periodo contro natura. Basta guardare quello che è emerso sul tema delle paure: hanno detto di aver timore di far male alla famiglia portando a casa il virus, di non vivere pienamente l’adolescenza, di non sapere cosa accadrà la prossima settimana, di essere tristi. Emerge anche la paura della morte, quando invece a questa età ci si dovrebbe sentire immortali. Tuttavia in questi mesi si sono verificati anche dei rimescolamenti nelle relazioni e molti cambiamenti positivi in famiglia, perché con la convivenza forzata finalmente ci si è conosciuti”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Procura Perugia ricostruisce rapporti indicati da Amara
Dopo trasmissione atti da pm Milano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
04 maggio 2021
16:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ impegnata nella ricostruzione dei rapporti tra le varie persone indicate nei verbali dell’avvocato Piero Amara la procura di Perugia titolare si uno dei tronconi d’inchiesta relativi alla presunta loggia segreta Ungheria.
I documenti sono stati trasmessi ai magistrati del capoluogo umbro da quelli di Milano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nei verbali vengono chiamate in causa anche alcune toghe in servizio a Roma. Circostanza che ha portato al coinvolgimento nell’indagine dell’Ufficio guidato da Raffaele Cantone competente a occuparsi delle indagini che riguardano i magistrati della capitale.
A Perugia l’indagine è in corso nel massimo riserbo. Il reato ipotizzato nel fascicolo sembrerebbe quello di associazione segreta ma l’indagine sembra puntare anzitutto trovare riscontri o smentite ai presunti rapporti tra i personaggi indicati da Amara.
A coordinare gli accertamenti, oltre al procuratore capo, ci sarebbero anche i sostituti Gemma Miliani e Mario Formisano. Gli stessi che hanno già condotto l’inchiesta a carico dell’ex consigliere del Csm Luca Palamara e hanno firmato l’avviso di conclusione indagini per concorso in millantato credito nei confronti di Amara e altri due indagati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fiction regina dei palinsesti, domina Rai1
Studio Frasi, 30% offerta generaliste prime time, bene ascolti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
04 maggio 2021
13:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tra novità assolute e marchi consolidati, la fiction si conferma un asse portante dei palinsesti, oltre che un punto di forza dell’industria dell’audiovisivo in Italia. Nell’ultima stagione (1 ottobre-25 aprile) ha occupato il 30% dell’offerta complessiva delle generaliste in prima serata, con ascolti importanti in particolare su Rai1.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ il quadro che emerge dal nuovo numero dell’Osservatorio dello Studio Frasi. Nel giorno medio sono soprattutto Italia 1 e Rete4 a riempire i palinsesti di fiction, con programmi per lo più prodotti all’estero. Il maggior numero di ore spetta alla serie Usa CSI per Italia1 e alla soap tedesca Tempesta d’amore per Rete4; per Canale 5 in testa c’è la telenovela spagnola Una vita, per Rai2 NCIS, per Rai1 Il paradiso delle signore e per Rai3 la soap italiana Un posto al sole. La media di ascolto più alta per la fiction nell’intera giornata è appannaggio di Rai1, con 3,4 milioni di spettatori.
In prima serata (programmi che iniziano tra le 21 e le 21.59) la fiction rappresenta il 30% dell’offerta complessiva delle reti generaliste e produce un ascolto medio di 2 milioni. Il genere copre oltre la metà dell’offerta di Rai2 (55.9%) e di Rai1 (52.4%), al terzo posto Italia1 (40.6%). I dati Auditel incoronano Rai1, che con la fiction di prime time realizza un ascolto medio di 4,9 milioni per uno share del 19.9%; Canale 5 è a quota 2,6 milioni pari al 10.7%; seguono Italia1 con 1,4 milioni, Rai2 con 1,2 milioni e Rai3 con 1,1milioni di spettatori.
La fiction di Rai1 guida anche la classifica delle interazioni social (Facebook, Instagram, Twitter, YouTube).
Secondo le voci Talkwalker attribuibili alla fiction (“Serie, Comedy, Drama e Doc & Special interests”) al top c’è Che Dio ci aiuti con 3,6 milioni di interazioni complessive, prodotte per il 64,6% su Instagram. Segue Doc nelle tue mani, con 2,6 milioni di interazioni, il 61% su Instagram. La serie con Luca Argentero, ispirata a una storia vera, ha collezionato anche il maggior numero di like su Facebook, 617mila. Al terzo posto una coproduzione Italia-Usa, We Are Who We Are, miniserie diretta da Luca Guadagnino, prodotta e distribuita da Hbo e in onda su Sky Atlantic, con 2,3 milioni di interazioni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fosca Innocenti, al via le riprese della fiction con Incontrada
L’attrice torna su Canale 5, produce Banijay Studios Italy
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
04 maggio 2021
13:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono iniziate a Roma le riprese della nuova serie tv ‘Fosca Innocenti’ (titolo internazionale ‘Fosca – A Tuscan policewoman’), che segna il ritorno di Vanessa Incontrada su Canale 5. Diretta da Fabrizio Costa, è una produzione di Banijay Studios Italy, società guidata dal ceo Paolo Bassetti e dall’Head of Drama Massimo Del Frate, per Mediase.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Successivamente il set si sposterà ad Arezzo, ambientazione della storia.
Tra realismo poliziesco e commedia sentimentale, Incontrada è Fosca Innocenti, vicequestore a capo di una squadra investigativa tutta al femminile. Vive in un casolare di campagna ereditato dal padre e circondato da campi di girasole, ama andare a cavallo, ma, soprattutto, ha un gran fiuto, un istinto straordinario che la rende capace di riconoscere odori e profumi e dal quale si lascia guidare per risolvere i suoi casi.
Il punto debole di Fosca è il suo migliore amico Cosimo, interpretato da Francesco Arca, titolare dell’enoteca vicina al commissariato. Tra loro è veramente solo amicizia o c’è qualcosa di più? La decisione di Cosimo di partire per New York rimetterà tutto improvvisamente in discussione ‘Fosca Innocenti’ è prodotta da Massimo Del Frate per Banijay Studios Italy. Il soggetto e la sceneggiatura sono di Dido Castelli e Graziano Diana.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Csm: pm Storari indagato a Roma, pronto a chiarire sabato
Invito a comparire per rivelazione segreto ufficio, atto dovuto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
04 maggio 2021
21:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per il caso dei verbali degli interrogatori resi ai pm milanesi dall’avvocato Piero Amara, che riguardano la presunta loggia segreta Ungheria, il pm di Milano Paolo Storari è indagato dalla Procura di Roma, come atto dovuto, per rivelazione del segreto d’ufficio. Storari ha ricevuto un invito a comparire per sabato prossimo ed è pronto a spiegare e a difendere la decisione presa nell’aprile 2020 di consegnare quelle carte ‘secretate’ all’allora consigliere del Csm Piercamillo Davigo per autotutelarsi ritenendo che i vertici del suo ufficio stessero insabbiando le indagini sulle rivelazioni del legale.

La Tua opinione è importante! Vota questo articolo, grazie!
No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.