Mondo tutte le notizie Tutti i fatti e gli avvenimenti del Mondo costantemente aggiornati affidabili dettagliati e monitorati! LEGGI!
Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 37 minuti

Ultimo aggiornamento 4 Maggio, 2021, 16:31:18 di Maurizio Barra

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 18:21 DI LUNEDÌ 03 MAGGIO 2021

ALLE 16:31 DI MARTEDÌ 04 MAGGIO 2021

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Covid: media, Delhi chiede l’intervento dell’esercito
Per strutture con 10mila posti letto e 1.000 terapie intensive
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
03 maggio 2021
18:21
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il governo di Delhi ha chiesto al ministro della Difesa indiana l’invio dell’esercito per realizzare e gestire nuove strutture sanitarie da 10 mila posti letto con l’ossigeno e mille in terapia intensiva. Lo riporta il quotidiano indiano The Indian Express.
La richiesta, inviata domenica dal vicepremier di Delhi, Manish Sisodia, è all’esame del Ministro della Difesa Rajnath Singh, sottolinea il giornale.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Usa, ok ad esportazioni vaccini Pfizer prodotti in America
Lo riporta Bloomberg, l’amministrazione Biden allenta la stretta
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
03 maggio 2021
20:14
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’amministrazione Biden sosterrà l’iniziativa di Pfizer di iniziare ad esportare dosi di vaccino per il Covid prodotte negli Stati Uniti, in quello che è un allentamento della stretta americana sulla produzione statunitense di vaccini. Lo riporta l’agenzia Bloomberg.
I governi di Messico e Canada hanno annunciato la scorsa settimana che riceveranno dosi di Pfizer dagli Stati Uniti: si tratta della prima volta che vaccini Made in Usa sono consegnati a qualcuno che non è il governo americano.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
G7: Blinken-Raab, sintonia fra Usa e Gb su Cina e Russia
Messaggio a Nord Corea, diplomazia ma verso denuclearizzazione
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
03 maggio 2021
20:15
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Sintonia piena fra Usa e Regno Unito sui messaggi da indirizzare a Cina, Russia e Corea del Nord nel vertice dei ministri degli Esteri del G7 di Londra. Lo hanno sottolineato stasera in un incontro bilaterale che precede l’appuntamento il segretario di Stato, Antony Blinken, e il capo del Foreign Office, Dominic Raab.

Di Cina “abbiamo parlato”, ha detto Raab, concordando sulla necessità di “fronteggiarla in difesa dei nostri valori” su dossier come quello di Hong Kong o degli Uiguri, ma anche di dialogare “costruttivamente su questioni come il cambiamento climatico”. Quanto alla Russia, Blinken ha evidenziato il comune “incrollabile sostegno all’integrità territoriale dell’Ucraina” e la condivisione dell’impegno a mantenere “l’unità transatlantica” in seno alla Nato come bastione contro “qualunque minaccia diretta”. Mentre sulla Corea del Nord il segretario di Stato ha ribadito l’offerta della mano tesa della “diplomazia”, ma a patto che la prospettiva sia quella della “denuclearizzazione” dell’intera penisola coreana.
Non è mancato neppure un accenno alle tensioni post Brexit in Irlanda del Nord, con l’assicurazione di Blinken del sostegno “inequivoco” del presidente Joe Biden come di “altri presidenti prima di lui” a un Ulster britannico “prospero, sicuro e in cui tutte le comunità abbiano voce”, oltre che “dell’accordo di pace del Venerdì Santo, storica conquista da proteggere”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Bill e Melinda Gates annunciano la fine del loro matrimonio
La coppia era sposata da 27 anni. Secondo il sitoTmz, è stata lei a presentare la causa di divorzio. Tra loro nessun contratto prenozze
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
03 maggio 2021
22:53
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Bill e Melinda si separano. Il clamoroso annuncio è arrivato con un comunicato congiunto postato su Twitter, in cui i due spiegano di voler porre fine al loro matrimonio dopo 27 anni.
Un fulmine a ciel sereno per una delle coppie più ricche del mondo legate anche da un lungo sodalizio soprattutto sul fronte della filantropia, un impegno portato avanti attraverso la loro fondazione.
“Abbiamo preso la decisione dopo moltissime riflessioni e dopo aver fatto un gran lavoro sul nostro rapporto”, si legge nella dichiarazione postata dalla coppia. “Nel corso di 27 anni abbiamo cresciuto tre figli incredibili e costruito una fondazione che lavora in tutto il mondo con l’obiettivo di permettere a tutte le persone di condurre una vita sana e produttiva”, proseguono Bill e Melinda, rispettivamente 65 e 56 anni, assicurando che continueranno a condividere questo impegno e a lavorare insieme.
I due si appellano quindi a tutti perchè vengano rispettati il loro spazio e la loro privacy nel momento in cui si incamminano verso una nuova vita. La notizia arriva appena un anno dopo quella di un’altra coppia miliardaria ‘scoppiata’, quella formata dal fondatore e numero uno di Amazon, Jeff Bezos, e dalla sua ex moglie MacKenzie Scott. In quel caso di mezzo c’era un’altra donna, il noto volto televisivo Lauren Sanchez.
Poco si sa invece della vita privata dei Gates. Lo scorso anno Bill Gates si era dimesso dal board di Microsoft, proprio nel momento in cui la pandemia stava dilagando. E ha dedicato quasi tutto il suo tempo alle attività della fondazione guidata dal 2000 insieme alla moglie. La coppia si è conosciuta proprio a Microsoft, dove Melinda svolgeva il ruolo di manager del marketing. Il patrimonio della famiglia Gates è immenso. La ricchezza del fondatore di Microsoft ammonta a 133 miliardi di dollari al gennaio 2021, quella della moglie a 70 miliardi di dollari. Il restante 1% di azioni detenute dalla coppia in Microsoft, poi, vale oltre 7 miliardi di dollari, mentre la fondazione Bill e Melinda Gates detiene asset per un valore di oltre 50 miliardi di dollari.
Secondo Tmz, che ha ottenuto i documenti del caso, è stata Melinda a presentare la causa di divorzio evocando nozze irrevocabilmente compromesse, ma tra loro non c’è alcun contratto pre-matrimoniale. La richiesta è che il giudice pronunci la fine del rapporto “dalla data nel contratto di separazione”. Contratto non allegato, ma la circostanza fa supporre che la coppia si sia separata precedentemente firmando un documento a questo scopo. Melinda, che dispone di un’ampia fortuna, non avanza alcuna pretesa economica nei confronti del coniuge. La coppia chiede come data in tribunale il 22 aprile, ma quasi certamente il divorzio sarà definito senza una causa.   TECNOLOGIA

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Messico, il governo si scusa coi Maya: commessi terribili abusi
Cerimonia con López Obrador e omologo guatemalteco Giammattei
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
CITTÀ DEL MESSICO
04 maggio 2021
05:35
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il governo del Messico ha ufficialmente presentato le sue scuse al popolo indigeno Maya, per i torti commessi contro di loro dopo la conquista spagnola.
Queste scuse, che coincidono con i 500 anni della Conquista, sono state formulate ieri su iniziativa del presidente messicano Andrés Manuel López Obrador e del suo omologo guatemalteco Alejandro Giammattei nel comune di Felipe Carrillo Puerto, nello stato sudorientale di Quintana Roo.
“Ci scusiamo con il popolo Maya per i terribili abusi commessi da individui e potenze nazionali e straniere durante la conquista, i tre secoli di dominio coloniale e i due secoli di Messico indipendente”, ha detto López Obrador riferendosi in particolare alla Guerra delle caste del XIX secolo. Durante la cerimonia, il governo messicano ha riconosciuto inoltre il razzismo e la discriminazione che questa minoranza etnica soffre ancora, due secoli dopo l’indipendenza del Paese.
La costruzione del Treno Maya, progetto di punta dell’attuale governo messicano, è stata menzionata durante la cerimonia e ha attirato fischi da parte dei residenti. Nel giugno 2020, Lopez Obrador ha dato il via libera alla costruzione della linea lunga 1.500 chilometri che dovrebbe attraversare diverse parti della penisola dello Yucatan, dove si trova la località di Cancun.
Diverse organizzazioni rifiutano però il progetto, sostenendo che causerà danni all’ambiente e a diverse comunità indigene in questa regione.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Crollo ponte metro Città del Messico, 23 morti e 65 feriti
Stop ai soccorsi per rischi di altri crolli
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
CITTÀ DEL MESSICO
04 maggio 2021
08:15
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ventitre persone sono morte a causa del crollo di un ponte a Città del Messico mentre un treno della metropolitana lo attraversava. Lo riferisce la sindaca della metropoli, Claudia Sheinbaum, secondo quanto riportato dai media locali.
Tra i morti, ci sono dei  minori.  I feriti ricoverati in ospedale sono 65.
I soccorritori che stanno lavorando sul luogo del crollo del ponte si sono dovuti fermare “per il rischi di altri crolli”, ha detto ancora annunciando indagini per capire le cause del crollo. Nel frattempo è arrivata un gru per facilitare le operazioni di soccorso. La sindaca esclude comunque che ci siano persone intrappolate sotto le macerie.
L’incidente è avvenuto attorno alle 22.30 ora locale, sulla linea 12. I video diffusi sui siti e social media hanno mostrato vagoni del treno sospesi a mezz’aria mentre le sirene delle ambulanze risuonano nelle vicinanze.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Spagna: seggi aperti a Madrid per le elezioni amministrative
Favorita Ayuso del Pp, chiamate alle urne 5,1 milioni di persone
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MADRID
04 maggio 2021
09:18
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Si sono aperti alle 9 i seggi elettorali nella regione di Madrid, dove si tengono oggi le elezioni amministrative. Si tratta di una tornata che, secondo gli analisti, ha potenziali risvolti decisivi anche per quanto riguarda gli equilibri politici nazionali.

Si vota mentre continua l’emergenza Covid, anche se con dati in lieve miglioramento e con la campagna di vaccinazione che avanza a pieno ritmo.
La favorita per la vittoria è la presidente uscente, Isabel Díaz Ayuso: candidata del Partito Popolare, è considerata un astro nascente della destra spagnola.
Sono chiamati alle urne 5,1 milioni di cittadini.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Russia: rimosso nel Daghestan busto ‘abusivo’ di Stalin
Piazzato dai Comunisti nell’ultimo viale intitolato al dittatore
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA
04 maggio 2021
10:27
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Un monumento al dittatore sovietico Josef Stalin è stato smantellato pochi giorni dopo che i comunisti locali, nella repubblica caucasica del Daghestan, lo hanno eretto sull’ultimo viale Stalin rimasto in Russia. Lo riporta il Moscow Times.
La sezione del partito comunista nella città di Dagestanskiye Ogni, 2.000 chilometri a sud di Mosca, ha acceso profonde divisioni quando i suoi membri hanno collocato il busto di Stalin vicino a una fermata dell’autobus, lo scorso giovedì.
“È un giorno storico”, ha detto un attivista in un video condiviso dall’account Instagram dell’emittente locale Ogni TV.
Gli utenti dei social media, evidenziando gli attuali disaccordi sull’eredità del dittatore nella Russia moderna, hanno sottolineato le repressioni di Stalin, le politiche antireligiose e le deportazioni interne delle popolazioni del Caucaso del Nord ma hanno anche notato il suo ruolo nella vittoria sulla Germania nazista. L’account Instagram di Ogni TV ha mostrato poi un filmato di una gru che rimuoveva la scultura dal suo piedistallo.
Il sindaco della città ha detto al sito di notizie Kavkaz Uzel che la sezione del partito comunista non aveva concordato la sua installazione con il municipio. “Sembra che i comunisti abbiano preso l’iniziativa e abbiano deciso di erigere un monumento sulla strada intitolata a Stalin”, ha dichiarato il sindaco Dzhalalutdin Alirzayev.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Città del Messico: sindaca, le vittime salgono a 23
65 le persone ricoverate in ospedale
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
04 maggio 2021
10:32
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Salgono a 23 le vittime del crollo del ponte della metropolitana a Città del Messico. Lo ha detto la sindaca della metropoli, Claudia Sheinbaum, secondo quanto riportato dai media locali.
I feriti ricoverati in ospedale sono 65.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Raab apre summit G7, ‘fronte democrazie contro minacce’
Al via prima giornata riunione ministri degli Esteri a Londra
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
04 maggio 2021
11:38
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Far fronte comune “fra società aperte e democratiche e dimostrare unità in un tempo nel quale è necessario contrastare le sfide che condividiamo e le minacce che si moltiplicano”. E’ l’obiettivo della presidenza britannica del G7 riassunto nel messaggio di benvenuto diffuso dal padrone di casa Dominic Raab sullo sfondo dell’apertura alla Lancaster House di Londra della prima sessione della riunione dei ministri degli Esteri dei 7 (per l’Italia Luigi Di Maio) e del capo della diplomazia Ue, un mese prima del vertice dei leader in Cornovaglia.
Sessione dedicata fra l’altro agli spinosi rapporti con Russia e Cina, e a Siria e Libia.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’Ema avvia l’esame del vaccino di Sinovac
Lo annuncia l’Agenzia europea su Twitter
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
04 maggio 2021
12:07
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’Ema ha avviato l’esame (in ‘rolling review’) del vaccino sviluppato dalla cinese Sinovac.
Lo annuncia l’Agenzia europea su Twitter.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Iran: diplomatica svizzera muore cadendo da una finestra
Nessuna ipotesi esclusa, compreso l’omicidio
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEHERAN
04 maggio 2021
12:15
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Una diplomatica svizzera in servizio presso l’ambasciata in Iran è morta stamane cadendo da una finestra o un balcone del suo appartamento in una zona residenziale nel nord di Teheran. La polizia ha aperto un’inchiesta sull’episodio.
Secondo Mojtaba Khaledi, portavoce del Dipartimento per le emergenze, non si esclude alcuna ipotesi, compreso l’omicidio, il suicidio o l’incidente”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Mega esercitazione a guida Usa, il maggiore sbarco dal D-day
Avverrà in Albania. Coinvolte 28 mila truppe in 12 Paesi
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TIRANA
04 maggio 2021
12:16
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Al via oggi la più grande esercitazione militare a guida americana, ‘Defender Europe ’21’, che vede la partecipazione di 28 mila truppe, rappresentanti 26 nazioni, non solo membri della Nato.
L’addestramento, che proseguirà fino al prossimo giugno, interessa una vasta area geografica, dai Balcani ai Baltici, Mar Nero e Nord Africa, sul territorio di almeno 12 Paesi.
E’ l’Albania ad ospitare il commando dell’addestramento, ed è sulle sue coste che è previsto il maggiore sbarco avvenuto in Europa, dalla Seconda Guerra mondiale. “Il D-Day (lo sbarco degli alleati in Normandia nel giugno del 1944 ndr), ci fa ricordare quanto sia difficile questo test”, ha osservato il generale americano a quattro stelle Tod Walters, alla guida del commando Usa in Europa, nel suo intervento alla cerimonia inaugurale dell’addestramento al porto albanese di Durazzo, dove da molti giorni continua l’arrivo di truppe e automezzi militari.
“L’obiettivo è dimostrare la nostra capacità in contemporanee operazioni in differenti paesi, sfruttando tutte le nostre forze contro un rivale in un simulato conflitto di alto interesse”, ha spiegato il generale Walters.
L’Albania è un paese membro della Nato, e per il suo premier Edi Rama si tratterebbe di “un’esercitazione unica in tutta la storia delle nostre relazioni”. Riconformando l’inequivocabile schieramento del proprio Paese a fianco dell’Alleanza e degli Usa, Rama ha sottolineato che a suo parere, ‘Defender Europe ’21’, servirebbe “anche a dare a tutta la regione, e persino oltre, un messaggio molto chiaro, a chi ha bisogno di risposte dirette sulla nostra ferma posizione all’interno dell’Alleanza”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Rahul Gandhi chiede un lockdown immediato in tutta l’India
‘Unico modo per salvare vite’. Stesso suggerimento dagli esperti
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW DELHI
04 maggio 2021
12:22
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Rahul Gandhi, leader del partito del Congresso, il principale partito indiano di opposizione, ha chiesto al governo di imporre un immediato lockdown nazionale “come unico strumento per far fronte all’emergenza e bloccare la diffusione della pandemia”.
Contemporaneamente al lockdown Gandhi propone di istituire un reddito minimo garantito per le fasce economicamente più deboli.
In un tweet, il figlio di Sonia Gandhi afferma che il governo “non si rende conto che la sua inazione sta uccidendo migliaia di innocenti”.
Negli ultimi giorni numerosi epidemiologi indiani hanno sostenuto che un lockdown di tutto il Paese sia l’unica soluzione per contenere la rapidità e l’intensità della diffusione della seconda ondata, che ha portato l’India a superare i 20 milioni di contagi, e minaccia di falciare migliaia di altre vite nelle prossime settimane. Ma il premier Modi ha sinora risposto che il paese non si può permettere un secondo lockdown dopo quello di due mesi e mezzo del 2020, che ha affossato l’economia, danneggiando soprattutto le piccole e medie imprese e i milioni di addetti alle attività informali.
Il premier ha affidato ai governatori degli stati la responsabilità di indire lockdown locali, invitandoli “a non abusarne”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Iran: Russia nega frenata nei negoziati sul nucleare
Ulyanov, ‘i negoziati stanno facendo progressi’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
ISTANBUL
04 maggio 2021
12:29
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Russia smentisce le indiscrezioni su una brusca frenata nei negoziati sul ritorno degli Usa all’accordo nucleare iraniano (Jcpoa), in corso a Vienna. A negare le ricostruzioni è il suo rappresentante ai colloqui, l’ambasciatore Mikhail Ulyanov, rappresentante permanente di Mosca presso le organizzazioni internazionali nella capitale austriaca.

“Leggo con sorpresa i commenti di alcuni analisti che sostengono che i colloqui di Vienna sul Jcpoa stiano ‘collassando’. Questo è l’auspicio di coloro che sono ostili ai tentativi di rafforzare la non-proliferazione” nucleare. “Nella vita reale – ha scritto Ulyanov su Twitter – i negoziati stanno facendo progressi”.
La prossima riunione della commissione congiunta tra l’Iran e i 4+1 (Francia, Germania, Regno Unito, Cina e Russia), mediata dall’Ue, è fissata venerdì.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Gb-India: Johnson annuncia intese commerciali da un miliardo
Summit con Modi. ‘Investimenti e migliaia di di posti di lavoro’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
04 maggio 2021
12:34
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Non solo sostegno britannico all’India (epicentro in questa fase dell’ultima ondata di contagi e morti dell’emergenza Covid) suggellata nei giorni scorsi dall’invio da Londra a New Delhi di migliaia di macchine per l’assistenza respiratoria, ma anche nuove intese commerciali in arrivo sullo sfondo della Brexit. E’ quanto annuncia Downing Street a margine di un vertice virtuale fra i premier Boris Johnson e Narendra Modi chiamato a sostituire la visita che BoJo avrebbe dovuto compiere in Asia nei giorni scorsi e che è stata invece rinviata a data da destinarsi proprio a causa della ri-esplosione della pandemia nel Subcontinente.

Gli accordi illustrati da Londra hanno un valore indicato in un miliardo di sterline, inclusi 533 milioni di ulteriori investimenti indiani nel Regno Unito destinati – secondo Johnson – a creare a breve almeno 6000 posti di lavoro in settori come le alte tecnologie, la sanità, l’industria farmaceutica.
Si tratta di un rafforzamento della partnership bilaterale che “prepara il terreno” verso un futuro accordo di libero scambio a vasto raggio indo-britannico, concepito dal governo Tory come uno dei pilastri d’una nuova politica commerciale “globale” post Brexit dopo l’uscita definitiva del Regno dall’Ue. “I legami economici fra i nostri due Paesi contribuiranno a rendere i nostri popoli più forti e più sicuri”, ha sottolineato Johnson.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio a Timmermans, ‘pieno sostegno al Green Deal europeo’
Impegno Italia nella Conferenza sul futuro dell’Europa
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
04 maggio 2021
12:39
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Luigi Di Maio ha incontrato ieri, prima di partire per la riunione dei ministri degli Esteri del G7 in programma oggi e domani a Londra, il vice presidente esecutivo della Commissione europea e commissario per il Clima, Frans Timmermans. Al centro del loro colloquio – si legge in una nota della Farnesina – i temi ambientali e la Conferenza sul futuro dell’Europa.

Di Maio ha innanzitutto ribadito il pieno sostegno italiano al Green Deal europeo, strumento fondamentale per la protezione dell’ambiente e grande opportunità per la crescita economica in un momento cruciale per la ripresa dell’economia europea. Al riguardo, il titolare della Farnesina ha evidenziato come l’Italia abbia lavorato ad un Pnrr particolarmente ambizioso sul tema dell’ambiente, a cui sono destinati circa 60 miliardi di euro, ossia oltre il 40% delle risorse a disposizione, con l’obiettivo di rendere più sostenibile la nostra economia.
L’Italia, ha ricordato Di Maio, ha inoltre posto il nesso Energia-Clima al centro della sua presidenza G20, al fine di favorire la neutralità climatica e promuovere l’innovazione tecnologica.
Il ministro si è poi soffermato sull’impegno dell’Italia nell’ambito della Conferenza sul futuro dell’Europa, sottolineando come questa dovrà concentrarsi sulle priorità dei cittadini dell’Unione europea, dando quindi importanza preminente ai contributi provenienti della società civile e dai Parlamenti nazionali e ascoltando i giovani.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Spagna: elezioni di Madrid, fermate 5 attiviste di Femen
Protesta al seggio della candidata di Vox Rocío Monasterio
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MADRID
04 maggio 2021
12:43
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Cinque attiviste del collettivo femminista Femen sono state fermate stamattina dalla polizia spagnola a Madrid dopo essersi presentate a sorpresa al seggio in cui era chiamata a votare per le elezioni regionali Rocío Monasterio, candidata del partito di estrema destra Vox. Lo riportano i media spagnoli.

Le cinque donne erano a torso nudo e sostenevano dei cartelli con messaggi di protesta contro “il fascismo politico e istituzionale”.
La polizia le ha arrestate per “resistenza” e “grave disobbedienza”, secondo l’agenzia di stampa Efe.
Monasterio si era messa in coda per votare insieme al marito Iván Espinosa de los Monteros, deputato nazionale di Vox. I due hanno raccolto volantini lanciati dalle attiviste di Femen e li hanno buttati in un cestino della spazzatura. “Le strade devono rimanere pulite”, ha commentato Espinosa. La candidata di Vox, dopo aver votato, ha sostenuto che queste elezioni “cambieranno la politica spagnola”.   POLITICA

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Armenia: eurodeputati a Ue, Baku rilasci i prigionieri
Oltre cento firmatari inviano lettera a von der Leyen e Michel
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
STRASBURGO
04 maggio 2021
12:46
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’Unione europea deve usare tutti i mezzi a sua disposizione per chiedere all’Azerbaijan di liberare e far tornare nel loro Paese tutti i prigionieri armeni, come previsto dall’accordo di cessate il fuoco entrato in vigore il 10 novembre 2020. Lo chiedono oltre 100 eurodeputati di alcuni tra i principali gruppi politici del Parlamento Ue in una lettera inviata ai presidenti della Commissione Ue e del Consiglio europeo, Ursula von der Leyen e Charles Michel.

“È difficile dire quanti armeni siano ancora detenuti dall’Azerbaijan”, scrivono gli eurodeputati, denunciando che “si stanno accumulando prove inconfutabili che numerosi prigionieri di guerra sono vittime di tortura” e che “esistono casi ben documentati di esecuzioni sommarie”.
L’Armenia “un paese amico dell’Europa, ha già pagato un prezzo altissimo nel conflitto con l’Azerbaijan”, e “l’Unione europea non può lasciarla, più a lungo, in questa situazione insopportabile”, indicano gli eurodeputati.
Tra i firmatari della missiva, anche gli italiani Fabio Massimo Castaldo (M5S), Rossana Conte, Marco Dreosto, Marco Zanni, Gianna Gancia (Lega), Antonio Tajani, Massimiliano Salini, Fulvio Martusciello (Forza Italia), Carlo Fidanza (Fratelli d’Italia).
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: lista verde Gb su viaggi non comprende l’Italia
Anticipazioni citano solo Portogallo, isole greche e spagnole
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
04 maggio 2021
12:54
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Spuntano i nomi delle mete turistiche che il governo britannico intende inserire dal 17 maggio in poi in una (limitatissima) ‘lista verde’ di destinazioni considerate in questa fase a ridotto rischio di contagio Covid o di varianti, e quindi non più soggette all’attuale divieto generalizzato di viaggio salvo giustificazioni. Ma fra questi non c’è l’Italia.
Lo rivelano i media del Regno Unito citando indicazioni non definitive recepite dal ministero degli Esteri di Londra.
Indicazioni che andranno peraltro valutate dai vertici del governo di Boris Johnson e dai consiglieri medico-scientifici prima di un annuncio ufficiale atteso non prima della settimana prossima. L’elenco preliminare evoca come “non inaccettabilmente alto” al momento il pericolo in caso di viaggi verso il Portogallo (già uscito nelle settimane scorse dalla ‘lista rossa’ dei Paesi a più elevato rischio, dopo esservi stato inserito da Londra a causa dei legami con il Brasile e dei timori relativi alla cosiddetta variante brasiliana del virus), nonché le isole Canarie della Spagna e 5 isole della Grecia: Rodi, Kos, Zante, Corfù e Creta.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Germania: Soeder, il turismo in Baviera riapre dal 21 maggio
Nel Paese alberghi chiusi ai turisti da metà dicembre
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BERLINO
04 maggio 2021
13:07
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il turismo in Baviera sarà di nuovo possibile dal 21 maggio. Lo ha annunciato il ministro-presidente del Land, Markus Soeder.
In Germania gli alberghi sono rimasti chiusi ai turisti da metà dicembre a causa del lockdown.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Von der Leyen, superate 150 milioni di vaccinazioni in Ue
‘Un quarto di tutti gli europei ha avuto la prima dose’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
04 maggio 2021
13:10
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“La campagna vaccinale sta guadagnando velocità in tutta l’Ue: abbiamo appena superato 150 milioni” di immunizzazioni, “un quarto di tutti gli europei ha avuto la prima dose”. Lo scrive la presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen su Twitter, ribadendo: “Avremo dosi sufficienti per vaccinare il 70% degli adulti nell’Ue per luglio”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: ora mr lockdown è ottimista, in Gb un’estate normale
Il calo dei contagi mi rende ottimista, dice professor Ferguson
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
04 maggio 2021
13:37
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Dopo tre lockdown nazionali e una campagna vaccinale sprint arrivata a oltre 50 milioni di dosi somministrate, il Regno Unito sembra finalmente incamminato verso “un’estate più normale”. A fare professione di ottimismo è oggi anche il professor Neil Ferguson, prudentissimo epidemiologo all’Imperial College di Londra e già consigliere del governo britannico i cui modelli, a quanto si racconta, furono decisivi per convincere oltre un anno fa un Boris Johnson inizialmente titubante della necessità di un primo confinamento e di restrizioni sociali severe.

Ferguson, citato dal Guardian online, ha definito “molto incoraggianti” i dati sui contagi da Covid giornalieri calati ieri a 1600 circa sull’isola, il minimo da 8 mesi, con solo un morto censito in tutto il Paese e una somma di ricoveri negli ospedali ridotta al momento a meno di 1500 pazienti totali.
Precisando di non poter escludere una qualche nuova ondata di casi a fine estate, connessa con le riaperture post lockdown, ma di ritenere che – anche in quel caso – il Regno non sia destinato a sperimentare più un sovraffollamento ospedaliero incontrollato grazie all’attuale situazione di partenza nonché alla protezione immunitaria crescente dei vaccini. “I casi si stanno stabilizzando al momento, e potrebbero risalire un po’, ma l’indice di mortalità, il numero di decessi e i ricoveri continuano a scendere e ci aspettiamo che seguitino a farlo fino a garantire livelli gestibili” per il servizio sanitario anche nei prossimi mesi, ha notato l’accademico. “Quindi – ha aggiunto – siamo ora in una situazione molto buona per proseguire lungo la roadmap (di riaperture a tappe) fissata dal governo con l’alleggerimento di alcune altre restrizioni fra un paio di settimane e molte di più a giugno”.
Il Regno conta circa 127.500 vittime ufficiali della pandemia, tuttora record europeo in cifra assoluta; ma in rapporto alla popolazione vi è ormai una decina di Paesi del Vecchio Continente con un bilancio peggiore di morti, Italia inclusa.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: inchiesta sul governo di Bolsonaro, prime audizioni
Interrogati al Senato ex ministri della Salute Mandetta e Teich
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRASILIA
04 maggio 2021
13:39
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Prime audizioni alla Commissione parlamentare d’inchiesta (Cpi) istituita al Congresso di Brasilia per verificare eventuali omissioni commesse dal governo di Jair Bolsonaro nella gestione della pandemia di coronavirus.
Tra i primi ad essere ascoltati, oggi, ci sarà Henrique Mandetta, dimessosi nel 2020 dopo 16 mesi alla guida del ministero della Salute a causa di discrepanze con il capo dello Stato sull’uso dell’idrossiclorochina per curare i pazienti affetti da Covid-19 e sull’applicazione delle misure di confinamento sociale.

“Il presidente è stato un negazionista del Covid fin dall’inizio, lo sanno tutti”, ha detto il senatore Omar Aziz, titolare della Cpi, che sempre oggi interrogherà un altro ex ministro della Salute, Nelson Teich, rimasto in carica appena un mese.
Bolsonaro ha detto di “non temere” la Cpi, che resterà in vigore per 90 giorni e da lui definita una “carnevalata fuori stagione”.
La Cpi è dominata dai partiti di opposizione. L’uomo chiave dell’organismo è il suo relatore, il senatore Renan Calheiros, molto legato all’ex presidente della Repubblica, Luiz Inacio Lula da Silva, probabile rivale di Bolsonaro alle elezioni del 2022.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Spagna: Sanchez al seggio a Madrid tra applausi e fischi
Il premier chiede ‘partecipazione’ mentre riceve insulti
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MADRID
04 maggio 2021
14:04
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Applausi da parte dei simpatizzanti ma anche fischi e insulti stamane vicino a Madrid per il premier spagnolo Pedro Sánchez, recatosi a votare per le elezioni amministrative nella regione della capitale iberica: lo riportano i media locali.
Il premier ha votato in un seggio di Pozuelo Alarcón, il municipio di maggior reddito pro capite di Spagna e feudo storico della destra.

Sánchez è stato applaudito e fischiato sia all’arrivo in auto, sia dopo aver votato, nel corso di dichiarazioni ai giornalisti in cui ha chiesto ai cittadini di “partecipare” alle elezioni.
“C’è bisogno del massimo sostegno democratico possibile”, ha detto, ammettendo che mentre parlava c’era “molto rumore”.
Mentre i suoi sostenitori lo incitavano, i detrattori gli gridavano “fuori” e “traditore”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Brasile superati i 408 mila morti
Altri 983 decessi e 24.619 casi nelle ultime 24 ore
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
SAN PAOLO
04 maggio 2021
14:08
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il Brasile ha registrato 983 morti e 24.619 casi di Covid-19 nelle ultime 24 ore, portando il numero totale di vittime e contagi rispettivamente a 408.622 e 14.779.529, secondo quanto riferito la notte scorsa dal Consiglio nazionale dei segretari alla Salute (Conass).
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Etiopia:Save the Children, 5 mila bambini sfollati nel Tigrè
E separati dai propri genitori per i combattimenti nella regione
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
04 maggio 2021
14:22
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Quasi 5.000 bambini sfollati in Etiopia per i combattimenti nella regione del Tigrè, a nord del Paese del Corno d’Africa, sono stati separati dai loro genitori, secondo l’associazione Save the Children, e molti di loro vivono ormai nei campi profughi o nei rifugi informali.
In un comunicato pubblicato sul proprio sito web, l’associazione dice che questi bambini sono vulnerabili a fame, violenza fisica e sessuale, aggiungendo che le organizzazioni umanitarie non hanno avuto accesso alla maggior parte della regione e che ai bambini tocca badare a sé stessi.

A sei mesi dall’inizio della guerra nel Tigrè ammonta a 1,7 milioni il numero delle persone fuggite dalle proprie case.
L’Onu continua a denunciare il peggioramento della situazione umanitaria nello Stato regionale avvertendo che, sebbene i dati rimangano scarsi, vi sono indicazioni di livelli “allarmanti” di malnutrizione nel Tigrè che colpisce bambini, madri incinte e che allattano.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Brasile:Lula torna a Brasilia e anticipa campagna elettorale
Prima volta nella capitale dopo annullamento delle sue condanne
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRASILIA
04 maggio 2021
14:23
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’ex presidente e leader dell’opposizione brasiliana, Luiz Inacio Lula da Silva, si è recato a Brasilia per la prima volta da quando la Corte suprema ha annullato le sue sentenze di condanna rendendolo eleggibile alle presidenziali del 2022, quando molto probabilmente affronterà il presidente della Repubblica uscente, Jair Bolsonaro.
Lula, tra i fondatori del Partito dei lavoratori (Pt, di sinistra), è arrivato nella capitale federale del Brasile, dove incontrerà alcuni parlamentari alleati, in concomitanza con l’avvio della Commissione parlamentare d’inchiesta (Cpi), formatasi al Congresso per indagare su eventuali omissioni commesse dal governo nella gestione della pandemia di coronavirus.

L’ex presidente-operaio ha avuto una conversazione in particolare con il deputato Marcelo Freixo, ex candidato sindaco di Rio de Janeiro, del Partito socialismo e libertà (Psol, di sinistra).
Lula rappresenta “il grande polo civilizzatore del Paese, capace di modificare la qualità del dibattito politico”, oltre a poter “sconfiggere” Bolsonaro nel 2022, ha detto Aloizio Mercadante, a capo della Fondazione Perseu Abramo, il think tank del Pt.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Nigeria: l’esercito dichiara ‘pieno’ supporto al presidente
Sotto accusa nel Paese per la crescente insicurezza
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
ABUJA
04 maggio 2021
14:29
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Le forze armate della Nigeria hanno smentito di voler deporre il presidente Muhammadu Buhari, sotto accusa per la crescente insicurezza nel Paese. Non è la prima volta che l’esercito rilascia una dichiarazione a sostegno di Buhari, ma quest’ultima arriva dopo settimane di critiche contro il 78enne ex generale per la sua incapacità nel far fronte alla protratta crisi di sicurezza nazionale, rappresentata dalle operazioni jihadiste nel nord-est agli scontri tra pastori e contadini al centro, passando per le attività dei banditi nel nord-ovest e le azioni dei separatisti nel sud-est.

In un comunicato di ieri sera, le forze armate hanno dichiarato che continueranno a supportare “pienamente” il governo, rimanendo politicamente neutrali e proteggendo la democrazia della Nigeria. La scorsa settimana, i parlamentari hanno sollecitato Buhari a dichiarare lo stato di emergenza nazionale dopo un mese di attacchi quasi giornalieri, rapimenti e uccisioni in tutto il Paese.
Il comunicato dell’esercito si riferisce in particolare alle dichiarazioni di Robert Clarke, noto parlamentare secondo il quale la Nigeria è sull’orlo del collasso e la leadership politica dovrebbe passare la mano all’esercito, in modo da ristrutturare le forze di sicurezza. La Nigeria è tornata alla democrazia nel 1999 dopo quasi 16 anni di governo militare e Buhari è stato eletto per la prima volta nel 2015, venendo riconfermato quattro anni dopo con la promessa di porre fine all’attività jihadista di Boko Haram nel nord-est.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Iran: diplomatica svizzera muore cadendo da una finestra
Nessuna ipotesi esclusa, compreso l’omicidio
(2)
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEHERAN
04 maggio 2021
14:46
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Una diplomatica svizzera in servizio presso l’ambasciata in Iran è morta stamane cadendo da una finestra o un balcone del suo appartamento in una zona residenziale nel nord di Teheran. La polizia ha aperto un’inchiesta sull’episodio.
Secondo Mojtaba Khaledi, portavoce del Dipartimento per le emergenze, non si esclude alcuna ipotesi, compreso l’omicidio, il suicidio o l’incidente”.
“Stamane – ha detto Khaledi – la cameriera della diplomatica è andata a casa sua, nel quartiere di Kamranieh. Non avendola trovata, ha chiamato la polizia. Successivamente un addetto alla manutenzione in un giardino vicino all’edificio ha trovato il corpo, che è stato riconosciuto dal portiere del palazzo”.
Secondo Khaledi, il corpo della diplomatica, che aveva 52 anni, presentava fratture alla testa e ad un braccio. Il cadavere è stato trasferito a disposizione del medico legale.
Il ministro degli Esteri svizzero, Ignazio Cassis, è “scioccato dalla tragica morte” della diplomatica ed esprime le sue “più profonde condoglianze alla famiglia”, ha detto un portavoce al portale Swissinfo.ch, della radiotelevisione pubblica svizzera.
Il ministero degli Esteri di Berna è in contatto con la famiglia della diplomatica e con le autorità locali, ha aggiunto il portavoce. Le autorità svizzere non hanno fornito alcun dettaglio sulle circostanze della morte né il nome della diplomatica per ragioni di privacy.
L’ambasciata svizzera a Teheran rappresenta anche gli interessi degli Usa in Iran dalla rottura delle relazioni diplomatiche tra i due Paesi, nel 1980.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Sudafrica: incendio in reparto Covid, muoiono due pazienti
Si indaga sulla causa
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
04 maggio 2021
15:39
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Due pazienti hanno perso la vita in un incendio scoppiato in Sudafrica nell’ospedale FH Odendaal, nella provincia di Limpopo. Lo riferiscono i media locali, specificando che una delle vittime era un detenuto condannato all’ergastolo in cura nella struttura ospedaliera.

Secondo quanto riportato, l’incendio è iniziato in un reparto Covid-19 e si è diffuso in altre parti dell’edificio. Un paziente “era gravemente malato ed è stato ricoverato in stato di semi-coscienza la notte precedente. Stavano cercando di stabilizzarlo nel caso avessero dovuto mandarlo” altrove, ha detto il funzionario sanitario Phophi Ramathuba, citato dal sito web dell’Independent Online. Le autorità stanno indagando sulla causa dell’incendio.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Spagna: confermata fine stato d’emergenza il 9 maggio
L’ultima parola su eventuali restrizioni sarà in mano ai giudici
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MADRID
04 maggio 2021
15:47
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Lo stato d’emergenza per il covid in Spagna terminerà il 9 maggio: il governo iberico conferma la volontà di non estenderlo ulteriormente e di lasciare in mano alle regioni e alla giustizia le decisioni su eventuali nuove restrizioni.
Secondo i media iberici, il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto che consentirà ai governatori di chiedere alla Corte Suprema di pronunciarsi su misure che possano limitare diritti fondamentali.
In questo modo, l’esecutivo intende permettere uniformità nelle decisioni giudiziarie sulle restrizioni ed evitare che vengano applicati criteri diversi a seconda del giudice chiamato in causa.
Inoltre, il governo ha annunciato l’estensione per tre mesi di misure per affrontare emergenze come quella di persone vulnerabili che rischiano lo sfratto.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Etiopia:Save the Children, 5 mila bambini sfollati nel Tigrè
E separati dai propri genitori per i combattimenti nella regione
(2)
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
04 maggio 2021
15:52
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Quasi 5.000 bambini sfollati in Etiopia per i combattimenti nella regione del Tigrè, a nord del Paese del Corno d’Africa, sono stati separati dai loro genitori, secondo l’associazione Save the Children, e molti di loro vivono ormai nei campi profughi o nei rifugi informali.
In un comunicato pubblicato sul proprio sito web, l’associazione dice che questi bambini sono vulnerabili a fame, violenza fisica e sessuale, aggiungendo che le organizzazioni umanitarie non hanno avuto accesso alla maggior parte della regione e che ai bambini tocca badare a sé stessi.

A sei mesi dall’inizio della guerra nel Tigrè ammonta a 1,7 milioni il numero delle persone fuggite dalle proprie case.
L’Onu continua a denunciare il peggioramento della situazione umanitaria nello Stato regionale avvertendo che, sebbene i dati rimangano scarsi, vi sono indicazioni di livelli “allarmanti” di malnutrizione nel Tigrè che colpisce bambini, madri incinte e che allattano.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Nato: al via missione italiana di polizia aerea in Estonia
Dispiegati quattro F35 dell’aeronautica militare
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
04 maggio 2021
15:51
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Al via la missione italiana di polizia aerea in Estonia, alla base di Amari, nell’ambito della rotazione Nato a difesa dei cieli della regione baltica.
Sul posto sono stati dispiegati quattro F-35 dell’aeronautica militare del 32mo stormo di Amendola.
Nella missione, denominata Baltic Eagle 2, è impegnata la task force Air Estonia, composta da circa cento unità e comandata dal colonnello Vincenzo Sirico.
Gli italiani sono subentrati ai colleghi tedeschi, e resteranno in Estonia fino al 30 novembre.
Fino a fine aprile i militari italiani erano stati impegnati in un’altra missione, sempre in difesa dei cieli dell’area baltica nell’ambito della rotazione Nato, a Siauliai, in Lituania.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: ora mr lockdown è ottimista, in Gb un’estate normale
Il calo dei contagi mi rende ottimista, dice professor Ferguson
(2)
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
04 maggio 2021
13:37
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Dopo tre lockdown nazionali e una campagna vaccinale sprint arrivata a oltre 50 milioni di dosi somministrate, il Regno Unito sembra finalmente incamminato verso “un’estate più normale”. A fare professione di ottimismo è oggi anche il professor Neil Ferguson, prudentissimo epidemiologo all’Imperial College di Londra e già consigliere del governo britannico i cui modelli, a quanto si racconta, furono decisivi per convincere oltre un anno fa un Boris Johnson inizialmente titubante della necessità di un primo confinamento e di restrizioni sociali severe.

Ferguson, citato dal Guardian online, ha definito “molto incoraggianti” i dati sui contagi da Covid giornalieri calati ieri a 1600 circa sull’isola, il minimo da 8 mesi, con solo un morto censito in tutto il Paese e una somma di ricoveri negli ospedali ridotta al momento a meno di 1500 pazienti totali.
Precisando di non poter escludere una qualche nuova ondata di casi a fine estate, connessa con le riaperture post lockdown, ma di ritenere che – anche in quel caso – il Regno non sia destinato a sperimentare più un sovraffollamento ospedaliero incontrollato grazie all’attuale situazione di partenza nonché alla protezione immunitaria crescente dei vaccini. “I casi si stanno stabilizzando al momento, e potrebbero risalire un po’, ma l’indice di mortalità, il numero di decessi e i ricoveri continuano a scendere e ci aspettiamo che seguitino a farlo fino a garantire livelli gestibili” per il servizio sanitario anche nei prossimi mesi, ha notato l’accademico. “Quindi – ha aggiunto – siamo ora in una situazione molto buona per proseguire lungo la roadmap (di riaperture a tappe) fissata dal governo con l’alleggerimento di alcune altre restrizioni fra un paio di settimane e molte di più a giugno”.
Il Regno conta circa 127.500 vittime ufficiali della pandemia, tuttora record europeo in cifra assoluta; ma in rapporto alla popolazione vi è ormai una decina di Paesi del Vecchio Continente con un bilancio peggiore di morti, Italia inclusa.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Nigeria: l’esercito dichiara ‘pieno’ supporto al presidente
Sotto accusa nel Paese per la crescente insicurezza
(2)
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
ABUJA
04 maggio 2021
14:29
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Le forze armate della Nigeria hanno smentito di voler deporre il presidente Muhammadu Buhari, sotto accusa per la crescente insicurezza nel Paese. Non è la prima volta che l’esercito rilascia una dichiarazione a sostegno di Buhari, ma quest’ultima arriva dopo settimane di critiche contro il 78enne ex generale per la sua incapacità nel far fronte alla protratta crisi di sicurezza nazionale, rappresentata dalle operazioni jihadiste nel nord-est agli scontri tra pastori e contadini al centro, passando per le attività dei banditi nel nord-ovest e le azioni dei separatisti nel sud-est.

In un comunicato di ieri sera, le forze armate hanno dichiarato che continueranno a supportare “pienamente” il governo, rimanendo politicamente neutrali e proteggendo la democrazia della Nigeria. La scorsa settimana, i parlamentari hanno sollecitato Buhari a dichiarare lo stato di emergenza nazionale dopo un mese di attacchi quasi giornalieri, rapimenti e uccisioni in tutto il Paese.
Il comunicato dell’esercito si riferisce in particolare alle dichiarazioni di Robert Clarke, noto parlamentare secondo il quale la Nigeria è sull’orlo del collasso e la leadership politica dovrebbe passare la mano all’esercito, in modo da ristrutturare le forze di sicurezza. La Nigeria è tornata alla democrazia nel 1999 dopo quasi 16 anni di governo militare e Buhari è stato eletto per la prima volta nel 2015, venendo riconfermato quattro anni dopo con la promessa di porre fine all’attività jihadista di Boko Haram nel nord-est.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ministri Turismo G20, -73% arrivi e -62 mln posti di lavoro
In bozza documento, priorità mobilità sicura e sostenibilità
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
04 maggio 2021
14:31
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ripristinare la fiducia nei viaggi e nel turismo e consentire la ripresa economica, imparare dall’esperienza della pandemia e dare priorità a un’agenda di sviluppo sostenibile nel guidare il turismo futuro. Queste le azioni da intraprendere indicate nella bozza del documento della riunione del ministri del Turismo del G20, riuniti sotto la Presidenza italiana e alla presenza del ministro Massimo Garavaglia, che si esplicano in linee guida in 7 aree chiave: mobilità sicura, gestione delle crisi, resilienza, inclusività, trasformazione verde, transizione digitale e investimenti e infrastrutture.

Il turismo – viene sottolineato ancora nella bozza – continua a essere uno dei settori più duramente colpiti dalla pandemia, con arrivi turistici internazionali in calo del 73% a livello globale nel 2020 e impatti senza precedenti sui gruppi vulnerabili e piccole e medie imprese, e con quasi 62 milioni di posti di lavoro persi a livello globale, che rappresentano un calo del 18,5%, con una prospettiva che rimane altamente incerta. La ripresa dei viaggi e del turismo è cruciale per la ripresa economica globale.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Iran: diplomatica svizzera muore cadendo da una finestra
Nessuna ipotesi esclusa, compreso l’omicidio
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEHERAN
04 maggio 2021
14:46
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Una diplomatica svizzera in servizio presso l’ambasciata in Iran è morta stamane cadendo da una finestra o un balcone del suo appartamento in una zona residenziale nel nord di Teheran. La polizia ha aperto un’inchiesta sull’episodio.
Secondo Mojtaba Khaledi, portavoce del Dipartimento per le emergenze, non si esclude alcuna ipotesi, compreso l’omicidio, il suicidio o l’incidente”.
“Stamane – ha detto Khaledi – la cameriera della diplomatica è andata a casa sua, nel quartiere di Kamranieh. Non avendola trovata, ha chiamato la polizia. Successivamente un addetto alla manutenzione in un giardino vicino all’edificio ha trovato il corpo, che è stato riconosciuto dal portiere del palazzo”.
Secondo Khaledi, il corpo della diplomatica, che aveva 52 anni, presentava fratture alla testa e ad un braccio. Il cadavere è stato trasferito a disposizione del medico legale.
Il ministro degli Esteri svizzero, Ignazio Cassis, è “scioccato dalla tragica morte” della diplomatica ed esprime le sue “più profonde condoglianze alla famiglia”, ha detto un portavoce al portale Swissinfo.ch, della radiotelevisione pubblica svizzera.
Il ministero degli Esteri di Berna è in contatto con la famiglia della diplomatica e con le autorità locali, ha aggiunto il portavoce. Le autorità svizzere non hanno fornito alcun dettaglio sulle circostanze della morte né il nome della diplomatica per ragioni di privacy.
L’ambasciata svizzera a Teheran rappresenta anche gli interessi degli Usa in Iran dalla rottura delle relazioni diplomatiche tra i due Paesi, nel 1980.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Città del Messico, diversi gli incidenti nei 50 anni della metro
Il primo nel 1975, l’ultimo a marzo del 2020
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
04 maggio 2021
15:00
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il crollo di un ponte a Città del Messico è l’ultimo di una serie di incidenti che hanno colpito la metropolitana della metropoli nei suoi 50 anni di vita.
Il primo si è verificato il 20 ottobre 1975 quando un treno si è schiantato contro un altro fermo nella stazione di Viaducto, sulla linea 2.
Il bilancio è pesante: 31 morti 70 feriti. Il secondo incidente è avvenuto sei anni fa, nel 2015. Anche in questo caso si è trattato dello scontro fra due treni, nella stazione Oceania, sulla linea 5. Fortunatamente non ci furono vittime ma soltanto 12 feriti. L’ultimo è avvenuto il 10 marzo del 2020 nella stazione di Tacubaya. Per l’ennesima volta un treno si è schiantato contro un altro convoglio fermo sui binari provocando un morto e 41 feriti.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: inchiesta sul governo di Bolsonaro, prime audizioni
Interrogati al Senato ex ministri della Salute Mandetta e Teich
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRASILIA
04 maggio 2021
14:15
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Prime audizioni alla Commissione parlamentare d’inchiesta (Cpi) istituita al Congresso di Brasilia per verificare eventuali omissioni commesse dal governo di Jair Bolsonaro nella gestione della pandemia di coronavirus.
Tra i primi ad essere ascoltati, oggi, ci sarà Henrique Mandetta, dimessosi nel 2020 dopo 16 mesi alla guida del ministero della Salute a causa di discrepanze con il capo dello Stato sull’uso dell’idrossiclorochina per curare i pazienti affetti da Covid-19 e sull’applicazione delle misure di confinamento sociale.

“Il presidente è stato un negazionista del Covid fin dall’inizio, lo sanno tutti”, ha detto il senatore Omar Aziz, titolare della Cpi, che sempre oggi interrogherà un altro ex ministro della Salute, Nelson Teich, rimasto in carica appena un mese.
Bolsonaro ha detto di “non temere” la Cpi, che resterà in vigore per 90 giorni e da lui definita una “carnevalata fuori stagione”.
La Cpi è dominata dai partiti di opposizione. L’uomo chiave dell’organismo è il suo relatore, il senatore Renan Calheiros, molto legato all’ex presidente della Repubblica, Luiz Inacio Lula da Silva, probabile rivale di Bolsonaro alle elezioni del 2022.
Il senatore dell’opposizione brasiliana, Randolfe Rodrigues, ha paragonato il governo di Jair Bolsonaro al nazismo. “C’erano campi di concentramento in Germania che hanno portato gli ebrei al massacro, oggi c’è un massacro in Brasile: in un certo momento la storia giudicherà chi è responsabile di questo, chi passerà alla storia nella stessa maniera di Hitler”, ha affermato Rodrigues, che è stato il promotore della Cpi, di cui è diventato anche vicepresidente.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Armenia: eurodeputati a Ue, Baku rilasci i prigionieri
Oltre cento firmatari inviano lettera a von der Leyen e Michel
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
STRASBURGO
04 maggio 2021
14:05
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’Unione europea deve usare tutti i mezzi a sua disposizione per chiedere all’Azerbaijan di liberare e far tornare nel loro Paese tutti i prigionieri armeni, come previsto dall’accordo di cessate il fuoco entrato in vigore il 10 novembre 2020. Lo chiedono oltre 100 eurodeputati di alcuni tra i principali gruppi politici del Parlamento Ue in una lettera inviata ai presidenti della Commissione Ue e del Consiglio europeo, Ursula von der Leyen e Charles Michel.

“È difficile dire quanti armeni siano ancora detenuti dall’Azerbaijan”, scrivono gli eurodeputati, denunciando che “si stanno accumulando prove inconfutabili che numerosi prigionieri di guerra sono vittime di tortura” e che “esistono casi ben documentati di esecuzioni sommarie”.
L’Armenia “un paese amico dell’Europa, ha già pagato un prezzo altissimo nel conflitto con l’Azerbaijan”, e “l’Unione europea non può lasciarla, più a lungo, in questa situazione insopportabile”, indicano gli eurodeputati.
Tra i firmatari della missiva, anche gli italiani Fabio Massimo Castaldo (M5S), Rossana Conte, Marco Dreosto, Marco Zanni, Gianna Gancia (Lega), Antonio Tajani, Massimiliano Salini, Fulvio Martusciello (Forza Italia), Carlo Fidanza (Fratelli d’Italia).
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Raab apre summit G7, ‘fronte democrazie contro minacce’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
04 maggio 2021
15:38
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Far fronte comune “fra società aperte e democratiche e dimostrare unità in un tempo nel quale è necessario contrastare le sfide che condividiamo e le minacce che si moltiplicano”. E’ l’obiettivo della presidenza britannica del G7 riassunto nel messaggio di benvenuto diffuso dal padrone di casa Dominic Raab sullo sfondo dell’apertura alla Lancaster House di Londra della prima sessione della riunione dei ministri degli Esteri dei 7 (per l’Italia Luigi Di Maio) e del capo della diplomazia Ue, un mese prima del vertice dei leader in Cornovaglia.
Sessione dedicata fra l’altro agli spinosi rapporti con Russia e Cina, e a Siria e Libia.
Raab, che ieri ha offerto una cena introduttiva agli ospiti nella quale si è discusso in particolare dei programmi nucleari di Iran e Corea del Nord sullo sfondo della strategia della nuova amministrazione Usa di Joe Biden improntata a un mix fra “diplomazia e dissuasione”, ha in programma una serie di incontri bilaterali a margine dell’incontro collettivo, che proseguirà fino a domani. Ieri ha già visto, fra gli altri, il neo segretario di Stato americano, Antony Blinken, mentre nelle prossime ore ha in agenda pure un faccia a faccia con Di Maio.
“La presidenza del G7 affidata al Regno Unito – ha affermato nella nota diffusa dal Foreign Office in apertura – è una opportunità per radunare le società aperte e democratiche e dimostrare unità in un tempo in cui è assai necessario affrontare le sfide che condividiamo e le minacce che si moltiplicano”. Mentre la presenza nella seconda giornata in veste di ospiti aggiuntivi “dei nostri amici di Australia, India, Corea del Sud e Sudafrica, oltre che della presidenza di turno dell’Asean, riflette la crescente importanza della regione Indo-Pacifica per il G7”, ha proseguito il ministro degli Esteri del governo di Boris Johnson.
La sessione iniziata stamattina prevede in particolare discussioni su Cina, Birmania, Libia, Siria, Etiopia, Russia e Afghanistan (con Di Maio chiamato ad aprire i lavori su Libia e Siria). Mentre domani ci sarà spazio, assieme ai Paesi ospiti, per parlare di “società aperta”, libera informazione, detenzioni arbitrarie nel mondo, libertà di religione, cyber governance, propaganda online (con gli annunciati meccanismi di risposta rapida alla disinformazione imputata tanto a Mosca quanto a Pechino), cambiamenti climatici, cooperazione su post Covid e vaccini, rilancio sostenibile dell’economia. Senza dimenticare l’educazione delle ragazze o l’aiuto all’occupazione femminile per cui Londra ha già preannunciato un impegno comune a stanziare 15 miliardi di dollari nei prossimi 5 anni.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio a Timmermans, ‘pieno sostegno al Green Deal europeo’
Impegno Italia nella Conferenza sul futuro dell’Europa
(2)
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
04 maggio 2021
12:59
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Luigi Di Maio ha incontrato ieri, prima di partire per la riunione dei ministri degli Esteri del G7 in programma oggi e domani a Londra, il vice presidente esecutivo della Commissione europea e commissario per il Clima, Frans Timmermans. Al centro del loro colloquio – si legge in una nota della Farnesina – i temi ambientali e la Conferenza sul futuro dell’Europa.

Di Maio ha innanzitutto ribadito il pieno sostegno italiano al Green Deal europeo, strumento fondamentale per la protezione dell’ambiente e grande opportunità per la crescita economica in un momento cruciale per la ripresa dell’economia europea. Al riguardo, il titolare della Farnesina ha evidenziato come l’Italia abbia lavorato ad un Pnrr particolarmente ambizioso sul tema dell’ambiente, a cui sono destinati circa 60 miliardi di euro, ossia oltre il 40% delle risorse a disposizione, con l’obiettivo di rendere più sostenibile la nostra economia.
L’Italia, ha ricordato Di Maio, ha inoltre posto il nesso Energia-Clima al centro della sua presidenza G20, al fine di favorire la neutralità climatica e promuovere l’innovazione tecnologica.
Il ministro si è poi soffermato sull’impegno dell’Italia nell’ambito della Conferenza sul futuro dell’Europa, sottolineando come questa dovrà concentrarsi sulle priorità dei cittadini dell’Unione europea, dando quindi importanza preminente ai contributi provenienti della società civile e dai Parlamenti nazionali e ascoltando i giovani.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Rahul Gandhi chiede un lockdown immediato in tutta l’India
‘Unico modo per salvare vite’. Stesso suggerimento dagli esperti
(2)
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW DELHI
04 maggio 2021
12:59
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Rahul Gandhi, leader del partito del Congresso, il principale partito indiano di opposizione, ha chiesto al governo di imporre un immediato lockdown nazionale “come unico strumento per far fronte all’emergenza e bloccare la diffusione della pandemia”.
Contemporaneamente al lockdown Gandhi propone di istituire un reddito minimo garantito per le fasce economicamente più deboli.
In un tweet, il figlio di Sonia Gandhi afferma che il governo “non si rende conto che la sua inazione sta uccidendo migliaia di innocenti”.
Negli ultimi giorni numerosi epidemiologi indiani hanno sostenuto che un lockdown di tutto il Paese sia l’unica soluzione per contenere la rapidità e l’intensità della diffusione della seconda ondata, che ha portato l’India a superare i 20 milioni di contagi, e minaccia di falciare migliaia di altre vite nelle prossime settimane. Ma il premier Modi ha sinora risposto che il paese non si può permettere un secondo lockdown dopo quello di due mesi e mezzo del 2020, che ha affossato l’economia, danneggiando soprattutto le piccole e medie imprese e i milioni di addetti alle attività informali.
Il premier ha affidato ai governatori degli stati la responsabilità di indire lockdown locali, invitandoli “a non abusarne”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Addio a Michèle Léridon, prima donna a dirigere France Presse
Corrispondente da Roma dal 2009 al 2014, poi al Consiglio superiore audiovisivo
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PARIGI
04 maggio 2021
11:08
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
E’ scomparsa ieri a Parigi, improvvisamente, all’età di 62 anni, Michèle Léridon, giornalista, prima donna a dirigere l’Agence France Presse, grande amica e conoscitrice dell’Italia e di Roma, dove era stata a lungo corrispondente. Da due anni, era stata nominata membro del Consiglio superiore dell’audiovisivo (CSA), che oggi ha dato notizia del decesso. “Donna di profonde convinzioni – ha scritto il CSA – Michèle Léridon era una grande giornalista unanimemente apprezzata”, in particolare per “la sua ricca esperienza il grande rigore intellettuale”.
Forte e noto in tutto l’ambiente il suo impegno per la libertà d’espressione e di informazione, che ha ispirato tutto il suo percorso professionale.
Diplomata presso la scuola di giornalismo dell’università di Lione, Michéle Léridon cominciò la carriera nella stampa regionale, a La Voix de l’Ain e poi ne La République du Centre Ouest e a L’Usine Nouvelle, fino al 1981. Alla AFP arrivò nel 1981 e nel 1989 cominciò ad occuparsi di Africa, diventando in breve vice responsabile della sede di Abidjan, incaricata della copertura di 8 paesi dell’Africa occidentale. Seguì i conflitti in Liberia e in Sierra Leone. A Roma arrivò nel 2009 e rimase fino al 2014 come corrispondente, un periodo in cui perfezionò con la conoscenza diretta e con l’apprendimento perfetto della lingua il suo rapporto con l’Italia. Alla fine della sua esperienza romana, fu nominata direttrice dell’AFP, prima donna ad occupare la massima carica. Molti i premi ricevuti in carriera, fra i quali l’European Alliance of New Agencies (EANA) nel 2015. Al termine del prestigioso incarico, fu chiamata a far parte del CSA, incaricata in particolare del tema della “deontologia dei programmi e del pluralismo politico”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Wuhan, 11mila al concerto senza distanze e mascherine
Festa in Cina nel primo epicentro della pandemia mondiale
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PECHINO
03 maggio 2021
18:35
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Niente distanziamento e pochissime mascherine. Migliaia di persone hanno festeggiato così il Primo Maggio all’apertura dello Strawberry Music Festival di Wuhan, capoluogo della provincia cinese di Hubei e primo focolaio registrato del Covid-19 più di un anno fa.

Grazie anche alle temperature calde, il festival della durata di due giorni ha visto all’esordio, tra regole quasi azzerate di distanziamento sociale, 11 mila persone ballare, saltare e urlare di gioia per celebrare il ritorno dal vivo dell’appuntamento dopo lo stop deciso lo scorso anno a causa della pandemia. Gli organizzatori, secondo i media locali, hanno deciso di contenere il numero di partecipanti, installando barriere davanti a ogni palco, mentre solo alcuni spettatori hanno indossato le mascherine. L’evento riunisce cantanti e band nazionali ben noti e meno noti su tre palchi nel Garden Expo Park di Wuhan. Altri appuntamenti dello Strawberry Music Festival si svolgono in altre città, tra cui Pechino, durante la festa nazionale del Primo Maggio.
Il Covid-19 è emerso per la prima volta a Wuhan a fine 2019 e a fine gennaio 2020, per circa 2 mesi, fu deciso un lockdown estremo di contenimento non solo della città di 11 milioni di persone, ma anche dell’intera provincia e dei suoi 60 milioni di residenti. Attualmente, la Cina continua a segnalare una decina di infezioni quotidiane da Covid-19, in gran parte importate.
Il numero totale di casi confermati sfiora ora le 91.000 unità, mentre il bilancio delle vittime rimane invariato a 4.636, molti dei quali registrati a Wuhan. Sul fronte delle vaccinazioni, invece, la Cina ha deciso di accelerare il passo, avendo somministrato oltre 265 milioni di dosi, secondo i dati diffusi sabato dalla Commissione sanitaria nazionale.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Messico: delegazione zapatista salpa per ‘invadere’ Europa
Veliero viaggerà per sei settimane fino a raggiungere la Spagna
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
CITTA’ DEL MESSICO
04 maggio 2021
15:58
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Una delegazione dell’Esercito zapatista di liberazione nazionale (Ezln) del Messico è salpata dal Paese in un viaggio in veliero con destinazione l’Europa per “risvegliare” i popoli dalla “invasione” del capitalismo e incontrare gruppi affini di 29 Paesi nel continente europeo.
I membri dello “Squadrone 421” dell’Ezln, composto da quattro donne, due uomini e una donna transessuale, hanno lasciato domenica Isla Mujeres, a 13 chilometri dalla costa caraibica messicana, e iniziato il loro viaggio su un vecchio veliero tedesco ribattezzato “La Montaña” per l’occasione.

La partenza della spedizione, battezzata ‘Viaggio per la Vita, capitolo Europa’ era in programma per oggi, ma gli organizzatori dell’evento hanno dovuto anticiparla per via delle condizioni meteo.
La delegazione prevede di arrivare tra circa sei settimane al porto di Vigo, in Galizia, in un viaggio che vuole simulare una “invasione” dell’Europa in ricordo della conquista del Messico da parte degli spagnoli, 500 anni fa.
Prima di raggiungere Isla Mujeres, una carovana zapatista ha percorso circa mille chilometri dal Chiapas, da dove è partita lunedì scorso. Annunciando l’operazione a metà aprile, il gruppo zapatista ha spiegato che nelle settimane di permanenza in Europa incontrerà “quanti ci hanno invitato a parlare delle nostre reciproche storie, dolori, rabbie, conquiste e fallimenti”, in 29 Paesi che vanno da Austria a Ungheria, passando per Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Russia.
Fondato dal ‘subcomandante’ Marcos ritiratosi volontariamente nel 2014, l’Ezln è attualmente coordinato dal ‘subcomandante Galeano’ che e’ stato incaricato di raccontare il viaggio, tappa per tappa.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Israele, fumata nera per un nuovo governo Netanyahu
Bennett respinge la proposta del premier,domani scade l’incarico
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEL AVIV
04 maggio 2021
16:00
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Naftali Bennett brucia le residue speranze di Benyamin Netanyahu di formare un governo in Israele e anzi apre una finestra per un possibile governo di unità nazionale con il fronte anti-premier. A poco più di 24 ore dalla scadenza del mandato di Netanyahu per comporre un nuovo esecutivo, il leader di Yamina – uomo chiave di questa fase politica con i suoi 7 seggi – ha respinto l’offerta, in extremis, del capo del Likud di fare il primo ministro per un anno a rotazione con lui.
Un’offerta condita con l’impegno di Netanyahu di assegnare ai membri di Yamina anche importanti incarichi di governo e alla Knesset.
Con il suo rifiuto, Bennett di fatto ha esaurito l’incarico affidato a Netanyahu dal presidente Reuven Rivlin quasi un mese fa. Il no è stato giustificato con il fatto che il premier non ha “una maggioranza in mano”. “La proposta di Netanyahu – ha spiegato – non è comprensibile: io non ho chiesto la premiership bensì un governo. E questo lui non lo ha”. Il perché, ha insistito, è presto detto: il partito religioso sionista di Bezalel Smootrich, satellite del Likud, ha “bruciato i ponti” per un governo di destra “puntellato” dal partito arabo islamista di Mansour Abbas. “Come gli ho sempre detto – ha incalzato Bennett – sono a disposizione di Netanyahu a patto che riesca a fare un governo di destra”. Un governo, ha proseguito, che eviti le quinte elezioni, “la cosa più distruttiva”. Per questo, ha concluso, se Netanyahu non “riuscirà a fare un governo, allora cercheremo di fare un governo di unità nazionale”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Onu: Blinken a riunione virtuale Consiglio Sicurezza venerdì
Su cooperazione globale presieduta da ministro esteri cinese
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
04 maggio 2021
15:55
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il segretario di Stato americano Antony Blinken parteciperà venerdì a una riunione virtuale del Consiglio di Sicurezza dell’Onu presieduta dal ministro degli esteri cinese Wang Yi sul rafforzamento della cooperazione globale e il ruolo chiave delle Nazioni Unite nello sfruttare l’azione internazionale per affrontare i conflitti e le crisi del mondo. Lo ha detto l’ambasciatore cinese al Palazzo di Vetro, Zhang Jun, affermando che l’incontro e’ la “prima priorita'” del mese di presidenza di turno di Pechino.
“Sta diventando sempre più evidente che nell’affrontare le attuali crisi globali, il multilateralismo rappresenta la giusta via d’uscita”, ha precisato Zhang.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Usa: Fbi ferisce uomo armato davanti a sede Cia
Ricoverato in ospedale, si ignorano le sue condizioni
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
04 maggio 2021
16:03
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Un uomo armato e’ stato colpito e ferito con un’arma da fuoco dopo essere stato affrontato da almeno un agente dell’Fbi all’esterno del quartier generale della Cia, in Virginia, alle porte di Washington.
L’episodio risale a ieri sera, scrivono i media Usa.
Il sospetto “era uscito da un’auto con un’arma ed e’ stato affrontato dalle forze dell’ordine”, riferisce l’Fbi, che ora sta esaminando la vicenda.
L’uomo e’ ricoverato in ospedale e le sue condizioni non sono note. Secondo alcuni media la sparatoria e’ seguita ad una lunga situazione di stallo con le autorita’.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Papa: regolamentare finanza, speculazione è insostenibile
Videomessaggio per le intenzioni di preghiera di maggio
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
04 maggio 2021
16:05
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Papa Francesco chiede di regolamentare la finanza perché la situazione, a causa della speculazione è diventata “insostenibile”. “Mentre l’economia reale, quella che crea lavoro, è in crisi – quanta gente è senza lavoro! – i mercati finanziari non sono mai stati così ipertrofici come sono ora.
Quanto è lontano il mondo della grande finanza dalla vita della maggior parte delle persone!”, dice il Papa nel videomessaggio per le intenzioni di preghiera per il mese di maggio. “La finanza, se non viene regolamentata, diventa pura speculazione animata da politiche monetarie. Questa situazione è insostenibile. È pericolosa”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Israele: Likud presenta legge su elezione diretta premier
A poche ore da scadenza mandato Netanyahu. Verso incarico Lapid
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEL AVIV
04 maggio 2021
16:08
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
A poche ore dalla scadenza del mandato di Benyamin Netanyahu per formare il nuovo governo, il suo partito, il Likud, ha deciso di presentare alla Knesset una serie di leggi fortemente divisive. A cominciare da quella che punta alla elezione diretta del premier, uno dei cavalli di battaglia di Netanyahu in queste ultime settimane che hanno evidenziato sempre di più la sua impossibilità di avere una maggioranza e lo stallo politico del paese.
Se fosse approvata, Israele tornerebbe al voto generale per scegliere non più i partiti ma direttamente il premier e Netanyahu sarebbe il superfavorito.
A spingere le proposte è stato Miki Zohar, presidente per il Likud di una influente Commissione della Knesset. Insieme all’elezione diretta del premier, alcune delle altre proposte di legge riguardano l’introduzione della pena di morte per i terroristi, il riconoscimento degli avamposti ebraici illegali in Cisgiordania, la cancellazione della qualifica di premier alternato per l’attuale ministro della difesa Benny Gantz.
Secondo i media quello di Zohar è un tentativo di rendere difficile la vita a Yair Lapid, capo dell’opposizione che si appresterebbe a ricevere dal presidente Reuven Rivlin il mandato alla scadenza di quello di Netanyahu. Tecnicamente la coalizione che sostiene il premier ha i voti necessari alla Knesset per far passare alcune delle proposte.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Birmania, Le Monde: ‘I milioni di Total alla Giunta’
‘Ecco come il gruppo petrolifero francese finanzia i generali’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PARIGI
04 maggio 2021
16:25
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“I milioni di Total alla Giunta birmana”: questo il titolo di prima pagina del quotidiano francese Le Monde, aggiungendo che “il gruppo petrolifero francese, che sfrutta un giacimento di gas al largo delle coste birmane, ha attuato un sistema di spartizione dei proventi con i generali al potere” in Birmania.
Secondo documenti consultati dal giornale, “centinaia di milioni di dollari vengono dirottati dalle casse dello Stato attraverso una società registrata alle Bermuda”. E ancora: “Dissuasi dalla loro gerarchia ad unirsi al movimento di contestazione, dei dipendenti birmani di Total si appellano al loro datore di lavoro affinché cessi di finanziarie la dittatura militare”.

La Tua opinione è importante! Vota questo articolo, grazie!
No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.