Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

BRENTON TARRANT: LA NUOVA ZELANDA LO ACUSA DI 50 OMICIDI E 39 TENTATI OMICIDI

Tempo di lettura: < 1 minuto

BRENTON TARRANT: LA NUOVA ZELANDA LO ACUSA DI 50 OMICIDI

E 39 TENTATI OMICIDI

AGGIORNAMENTO IN “MONDO” DELLE 10:09 DI GIOVEDì 04 APRILE 2019

BRENTON TARRANT

L’autore della strage nelle moschee di Christchurch, Brenton Tarrant, dovrà rispondere di 50 capi d’accusa per omicidio e altri 39 per tentato omicidio: lo ha reso noto la polizia neozelandese.         [print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

Christchurch: corpi a famiglie

Tempo di lettura: < 1 minuto

Christchurch: corpi a famiglie

La legge islamica ne richiederebbe la sepoltura entro 24 ore

AGGIORNAMENTO IN “MONDO” DELLE 06:12

DI DOMENICA 17 MARZO 2019

Christchurch: corpi a famiglie

CHRISTCHURCH (NUOVA ZELANDA)

– La premier neozelandese Jacinda Ardern afferma che i corpi delle 50 persone uccise negli attacchi alle moschee di Christchurch saranno riconsegnati alle famiglie a partire da questa sera.
La Ardern ha spiegato che inizialmente ne verranno restituiti solo un piccolo numero, ma che le autorità sperano di completare la restituzione di tutti i corpi entro mercoledì.
La legge islamica richiede che i cadaveri siano purificati e sepolti il prima possibile dopo la morte, di solito entro 24 ore.         [print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

Nuova Zelanda: sparatorie in due moschee: diversi morti Nella città di Christchurch. Arrestati tre uomini e una donna. Rivendicazione anti migranti Nuova Zelanda: spari moschee, 4 arrestiAustraliano 28enne rivendica attacchi, “contro i migranti”

Tempo di lettura: < 1 minuto

NUOVA ZELANDA: SPARATORIE IN DUE MOSCHEE

AGGIORNAMENTO IN “MONDO”

DELLE 06:10 DI VENERDì 15 MARZO 2019

NUOVA ZELANDA: SPARATORIE IN DUE MOSCHEE

Ci sarebbero diversi morti in Nuova Zelanda in seguito a sparatorie avvenute oggi in due moschee della città di Christchurch.
Tre uomini e una donna sono stati arrestati, ma non si esclude che altri assalitori siano ancora in azione. Le autorità chiedono ai residenti di chiudersi in casa.
Un australiano di 28 anni ha rivendicato l’attacco parlando di motivazioni anti immigrati.
La premier Ardern parla di “uno dei giorni più bui” per il Paese.

– La polizia neozelandese rende noto di aver preso in custodia tre uomini e una donna in merito alle sparatorie avvenute oggi in due moschee della città di Christchurch.
Un uomo ha rivendicato la responsabilità degli attacchi lasciando un manifesto anti-immigrati di 74 pagine in cui ha spiegato chi è e il motivo delle sue azioni, che definisce un attacco terroristico. Non è chiaro se si tratti di una delle persone già presa in custodia dalle autorità neozelandesi.
L’uomo dice di essere un australiano bianco di 28 anni che è venuto in Nuova Zelanda solo per pianificare e addestrarsi all’attacco. Ha detto di non essere membro di nessuna organizzazione, ma di aver fatto donazioni e interagito con molti gruppi nazionalisti, sebbene abbia agito da solo e nessun gruppo abbia ordinato l’attacco. Ha aggiunto di aver scelto la Nuova Zelanda a causa della sua posizione, per dimostrare che anche le parti più remote del mondo non sono esenti da “immigrazione di massa”.         [print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

Nuova Zelanda: sparatorie in due moschee Diversi morti a Christchurch. Un arresto, resta allerta alta

Tempo di lettura: < 1 minuto

Nuova Zelanda: sparatorie in due moschee

AGGIORNAMENTO IN “MONDO”

DELLE 05:19 DI VENERDì 15 MARZO 2019

NUOVA ZELANDA: SPARATORIE IN DUE MOSCHEE

WELLINGTON

– Ci sarebbero diversi morti in Nuova Zelanda in seguito a sparatorie avvenute oggi in due moschee della città di Christchurch.
Una persona è stata arrestata, ma non si esclude che altri assalitori siano ancora in azione. Le autorità chiedono ai residenti di chiudersi in casa.
La premier Ardern parla di “uno dei giorni più bui” per il Paese.         [print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 2 minuti

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 06:20 ALLE 10:42

DI MARTEDì 18 DICEMBRE 2018

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Xi: ora nuovo miracolo economico cinese
“Impressioneremo il mondo, nessuno può dirci cosa fare”
PECHINO18 dicembre 2018, 06:20
Il presidente cinese Xi Jinping promette “un nuovo miracolo, persino più grande, che impressionerà il mondo”.
Commemorando i 40 anni d’apertura e riforme alla base del “miracolo” utile a sollevare dalla povertà 740 milioni di persone e portare Pechino al ruolo di seconda economia mondiale, Xi ha ricordato che “con una civilizzazione di oltre 5.000 anni “nessuno può dire alla Cina quello che deve o non deve fare”.
Avanti con apertura e riforme, no a “egemonia” e a “crescita a spesa di altre nazioni o rinuncia al nostro passo”.

Nuova Zelanda: uccise 50 mila mucche
Altrettante aspetta la stessa sorte, per eliminare micoplasma

SYDNEY

18 dicembre 201808:15

– Oltre 50 mila mucche sono state uccise e altre 50 mila attendono la stessa sorte, nel tentativo della Nuova Zelanda di diventare il primo paese al mondo a debellare la malattia bovina Mycoplasma bovis, una condizione che causa aborti e polmonite, anche se non presenta rischi agli esseri umani e alla sicurezza del latte e della carne. Dovendo affrontare un numero crescente di casi sospetti in allevamenti attorno al Paese, il governo ha voluto tentare quello in cui che nessun altro paese è riuscito: un’eliminazione di massa parzialmente finanziata con denaro pubblico.
Il piano sembra stia funzionando. “In questa fase abbiamo fiducia che l’approccio adottato per eliminare la malattia sia quello giusto e restiamo impegnati a continuare”, ha detto la prima ministra Jacinda Ardern. Secondo un gruppo di consulenza tecnica, “è stato compiuto un progresso sostanziale” da quando è stato avviato il provvedimento lo scorso maggio e il piano di eliminazione è considerato fattibile.
Yemen: la tregua a Hudayda reggeMedia locali descrivono una situazione di calma tesa

BEIRUT18 dicembre 201810:21

– E’ una calma tesa quella che si respira a Hudayda, porto yemenita sul Mar Rosso, teatro da stanotte di una tregua tra forze lealiste filo-saudite e insorti Huthi considerati vicini all’Iran. Lo riferiscono fonti sul terreno citate da media panarabi.       [print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: < 1 minuto

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 09:11 ALLE 11:15

DI DOMENICA 09 DICEMBRE 2018

SOMMARIO

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Ieri 136.000 gilet gialli, 1.220 fermi
Macron rende omaggio al ‘coraggio’ delle forze dell’ordine

Trovato corpo, forse turista Gb sparitaIn Nuova Zelanda, stava facendo un viaggio intorno al mondo

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

SEMPRE AGGIORNATE

L’ARTICOLO

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Mentre a Parigi lentamente riaprono negozi, musei, monumenti, teatri rimasti chiusi ieri per la 4/a manifestazione dei gilet gialli, arrivano le ultime cifre del ministero degli Interni: 136.000 i manifestanti in tutto il Paese, lo stesso numero di una settimana prima. Sono state 1.723 le persone identificate, per 1.220 di loro è scattato lo stato di fermo.
Emmanuel Macron, obiettivo numero uno della protesta, dovrebbe prendere la parola davanti ai francesi fra domani e martedì, anche per disinnescare una nuova protesta sabato prossimo. Ieri sera il presidente si è limitato ad un tweet in cui ha ringraziato le forze dell’ordine impegnate sul territorio “per il coraggio e l’eccezionale professionalità”.
– WELLINGTON

– La polizia della Nuova Zelanda ha ritrovato un corpo che ritengono sia quello della turista inglese ventitreenne Grace Millane, scomparsa il 1 dicembre. Il corpo si trovava in un’area boschiva vicino a Auckland. Millane, che si era appena laureata, stava facendo un viaggio all’estero che avrebbe dovuto durare un anno. Era arrivata in Nuova Zelanda il mese scorso e l’ultima volta è stata vista entrare in un hotel nel centro di Auckland con un uomo di 26 anni, che ora è accusato di omicidio e che dovrebbe apparire davanti al tribunale lunedì.      [print-me title=”STAMPA”]