Politica tutte le notizie in tempo reale! I FATTI E GLI AVVENIMENTI POLITICI TUTTI AGGIORNATI IN UN CLICK! LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 22 minuti

Ultimo aggiornamento 27 Ottobre, 2020, 20:42:03 di Maurizio Barra

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 20:21 DI LUNEDì 26 OTTOBRE 2020

ALLE 20:42 DI MARTEDì 27 OTTOBRE 2020

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Tensioni a Torino, petardi contro forze ordine
Polizia risponde con azione di alleggerimento
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
26 ottobre 2020
20:21
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Momenti di tensione in piazza Castello, nel centro di Torino, dove si sono radunati i partecipanti, alcune centinaia, a una delle due manifestazioni convocate questa sera nel capoluogo piemontese per protesta contro le norme anti Covid. Un paio di fumogeni sono stati lanciati contro il cordone dei carabinieri schierato davanti al Palazzo della Regione Piemonte. Il gesto era stato preceduto dal breve comizio improvvisato da un partecipante.
Due grossi petardi sono stati poi scagliati contro il cordone della polizia davanti a Palazzo Madama. La polizia ha risposto con una azione di alleggerimento che ha disperso la folla.   PIEMONTE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: proteste Milano, lancio molotov
Una bottiglia incendiaria anche verso auto polizia locale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
26 ottobre 2020
21:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Una manifestazione, contro le misure di contenimento anti-covid, è stata organizzata questa sera a Milano inizialmente lungo corso Buenos Aires la più importante strada commerciale della città: vi prendono parte centinaia di manifestanti che hanno fatto esplodere grossi petardi e molotov. Il gruppo ha occupato temporaneamente la via con un corteo improvvisato e non autorizzato per poi procedere verso la Regione Lombardia e il centro.
In particolare, lungo il percorso sono state lanciate due bottiglie incendiarie e una terza contro un’auto della polizia locale che fortunatamente non è stata centrata. Dal corteo, in diversi hanno urlato insulti e slogan contro il premier Giuseppe Conte. In Buenos Aires sono stati danneggiati dehors, le transenne usate per il Giro d’Italia di ciclismo sono state lanciate nella scale della metropolitana, molti cassonetti sono stati rovesciati.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Meloni, chi devasta città è funzionale al governo
Violenza non inquina chi manifesta sacrosanto diritto lavorare
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
27 ottobre 2020
09:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Le vergognose immagini di distruzione dei violenti che anche questa notte hanno creato caos e scontri con le forze dell’ordine, che condanniamo con forza, non inquineranno il messaggio che le tante persone perbene scese in piazza ieri a difesa del proprio futuro, vogliono mandare. Commercianti, ristoratori, lavoratori e categorie di ogni tipo scese in piazza per rivendicare il sacrosanto diritto a vivere e lavorare dignitosamente. Che la forza di questa immagine possa contrastare le menzogne di chi vorrebbe rappresentare tutti i manifestanti come gruppi di pericolosi estremisti. I violenti che devastano le città sono nemici di questi italiani, e sono perfettamente funzionali al governo”. Così su fb la leader Fdi Giorgia Meloni condanna le devastazioni in corso in varie città italiane.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fiocco rosa per Carfagna, è nata Vittoria Ruben
Vice presidente della Camera ha partorito ieri la bambina
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
27 ottobre 2020
10:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fiocco rosa per Mara Carfagna e il suo compagno Alessandro Ruben. La vicepresidente della Camera ha dato alla luce ieri Vittoria. Mamma e bimba, a quanto si apprende, sono in ottima salute.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Renzi, chiudendo ristoranti aumentano solo disoccupati
Da oltre un mese aspettiamo tavolo di maggioranza
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
27 ottobre 2020
11:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Leggo polemiche sulla nostra semplice richiesta al Premier di rivedere il Dpcm. Chiudendo ristoranti alle 18 e chiudendo i luoghi della cultura non diminuiscono i contagiati: aumentano solo i disoccupati”. Lo scrive su Facebook Matteo Renzi, leader di Italia viva.
“Chiedere di riflettere su basi scientifiche e non su emozioni passeggere è un atto di responsabilità contro la superficialità – aggiunge – E a chi ci chiede: ‘Dite queste cose al tavolo di maggioranza’, ricordo che stiamo aspettando da oltre un mese il tavolo politico che abbiamo chiesto e che sara’ convocato dopo gli Stati Generali dei Cinque Stelle”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Conte a categorie,oggi ok a dl ristoro,indennizzi subito
Lavorato a misure da mettere in campo a tempi record
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
27 ottobre 2020
11:46
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Nelle stesse ore in cui lavoravamo alle norme del Dpcm, abbiamo lavorato per far arrivare risorse in tempi record alle categorie penalizzate. Oggi alle 15 abbiamo un Cdm in cui approviamo un decreto con immediate misure di ristoro e indennizzi”. Lo ha detto, a quanto si apprende, il premier Giuseppe Conte nel corso dell’incontro a Palazzo Chigi con le categorie.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tesoro: colloca in asta Btp indicizzati, rendimento -0,15%
Emessi anche Ctz per 2,5 miliardi a -0,265%
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
27 ottobre 2020
11:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Tesoro ha collocato oggi in asta 750 milioni di euro di Btp indicizzati con scadenza maggio 2026, a un rendimento lordo di -0,15%. Le richieste sono state pari a 1,164 miliardi di euro. In emissione anche il Ctz, scadenza settembre 2022 con un rendimento di -0,265% per 2,5 miliardi di euro.   ECONOMIA

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Commercio: con lockdown a Natale in fumo 25 mld spesa
Censis-Confimprese, deadline per tenuta psicologica italiani
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
27 ottobre 2020
14:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un eventuale lockdown nel periodo delle feste brucerebbe 25 miliardi di spesa delle famiglie. E’ quanto emerge dal Rapporto Censis-Confimprese ‘Il valore sociale dei consumi’, che indica nel Natale l’orizzonte massimo di tenuta psicologica degli italiani di fronte a nuove restrizioni.
A fine anno, a causa della seconda ondata di vincoli in aggiunta al primo lockdown, si stima un crollo dei consumi per un valore complessivo di 229 miliardi di euro (-19,5% in termini reali in un anno), a cui sarebbe associato un taglio potenziale di 5 milioni di posti di lavoro. Il solo retail subirà una sforbiciata di 95 miliardi di fatturato (-21,6%) e nel comparto si rischia la perdita di oltre 700.000 addetti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Conte, se non marciamo assieme aggraviamo situazione
Governo si assume responsabilità, giusto che ci siano critiche
c
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
27 ottobre 2020
14:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il governo si assume le proprie responsabilità ed è giusto che il suo operato sia sindacato e sottoposto a critiche, ma se perdiamo di vista l’obiettivo di marciare tutti insieme nella stessa direzione per uscire dalla pandemia, rischiamo di aggravare la situazione nel Paese”. Lo ha detto, a quanto si apprende, il premier Giuseppe Conte nel corso dell’incontro con le categorie a Palazzo Chigi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Delrio, con Sure più forte impegno per occupazione
Da Ue 10 mld a Italia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
27 ottobre 2020
14:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Dieci miliardi all’Italia per il sostegno all’occupazione. La Commissione europea ha stanziato oggi la prima parte dei 27 miliardi di prestiti a condizioni vantaggiose destinati al nostro Paese nell’ambito del piano Sure. Viene rafforzato quindi l’impegno del governo perché, nonostante la crisi gravissima, nessun resti senza lavoro.
Diventa così realtà una misura pensata e voluta dai nostri governi che è anche un chiaro segnale del cammino fatto dall’Ue in direzione della solidarietà e della effettiva costruzione della casa comune europea”. Così il capogruppo democratico alla Camera Graziano Delrio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Bernini (Fi), su tamponi e test ritardi inconcepibili
La situazione è fuori controllo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
27 ottobre 2020
14:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Tra le due fasi della pandemia non c’è stato un adeguato sistema di test, di tracciamento e di quarantena dei positivi per individuare velocemente i focolai e circoscriverli. Non c’è stata la capacità di fare tamponi sufficienti, né di allestire un efficace collegamento informatico con l’App Immuni, né di creare una logistica decente per evitare ai cittadini file di otto ore. Ma è mancato perfino un piano vaccinale contro l’influenza, tanto che da tutta Italia giungono notizie di anziani in coda davanti agli studi medici, con molti costretti a rinunciare perché non ci sono dosi sufficienti per tutti. Una situazione fuori controllo, dunque, testimoniata dall’avviso apparso tre giorni fa sul sito della Protezione Civile col quale, per garantire l’operatività del contact tracing, è stata aperta la procedura per l’individuazione di 1.500 unità di personale disponibile a prestare attività di supporto nelle strutture sanitarie territoriali. Solo il 24 ottobre, dunque, il poderoso apparato di ministri e scienziati che si occupa da otto mesi dell’emergenza, ha ritenuto di raccogliere le manifestazioni di interesse per rafforzare il personale nelle Asl adibito a processare i tamponi. Un ritardo drammatico, come drammatica si sta rivelando la gestione dell’emergenza da parte di un governo che fino a due settimane fa si compiaceva di essere un modello per il mondo intero. Inconcepibile”. Lo scrive in una nota la presidente dei senatori di Forza Italia Anna Maria Bernini.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: Open Arms, 12 dicembre fissata udienza per Salvini
Ex ministro accusato di sequestro e omissione atti d’ufficio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
27 ottobre 2020
15:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il tribunale di Palermo ha fissato per il 12 dicembre l’udienza preliminare per il processo a carico dell’ex ministro dell’Interno e leader della Lega Matteo Salvini, chiamato a rispondere di sequestro di persona e omissione atti d’ufficio. Lo rende noto la ong spagnola Open Arms che ha ricevuto la comunicazione dal tribunale in quanto parte lesa.
Il processo – dopo l’autorizzazione a procedere votata dal Senato – riguarda i fatti accaduti ad Agosto 2019 quando il rimorchiatore Open Arms, dopo aver soccorso 163 persone durante tre diverse operazioni di salvataggio, prima di vedersi assegnato il porto di sbarco rimase 21 giorni in mare, 7 dei quali di fronte alle coste di Lampedusa. “Siamo certi che il processo che si aprirà il 12 dicembre sarà l’occasione per accertare la verità dei fatti e per stabilire eventuali responsabilità di chi all’epoca ricopriva importanti incarichi istituzionali – dice Open Arms che si costituirà parte civile al processo – Quello che ci interessa non è che venga punito un singolo individuo, ma che si stabilisca, una volta per tutte, l’inviolabilità delle Convenzioni internazionali e del Diritto del Mare e che il rispetto dei diritti umani torni a essere riconosciuto come principio imprescindibile del nostro agire democratico”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dpcm:Meloni,surreale che ‘governo’ chieda ritocchi a governo
Sarebbe barzelletta se non fosse per attività massacrate
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
27 ottobre 2020
16:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Surreale. Il Governo che chiede al Governo di intervenire sui provvedimenti fatti dal Governo.
Sembrerebbe una barzelletta, se non fosse per le migliaia di attività massacrate anche da questi signori”. Lo scrive su Twitter la presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, aggiungendo le foto di Matteo Renzi di Iv e Nicola Zingaretti del Pd e i loro commenti sull’ultimo decreto del presidente del Consiglio e la scritta: “Ma lo sanno che sono al governo?”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dpcm:vertice c.destra,Parlamento voti su comunicazioni Conte
Presenti Salvini, Meloni e Tajani. In collegamento Berlusconi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
27 ottobre 2020
16:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vertice del centrodestra per fare il punto sulle misure contenute nell’ultimo Dpcm. All’incontro (tenuto negli uffici del gruppo della Lega) erano presenti Matteo Salvini, Giorgia Meloni ed Antonio Tajani. In collegamento via zoom anche Silvio Berlusconi. Nel corso della riunione – a quanto si apprende – gli esponenti del centrodestra hanno ribadito la richiesta che il Parlamento si esprima con un voto dopo l’intervento di Conte giovedì nelle aule Parlamentari proprio per illustrare i contenuti dell’ultimo provvedimento.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5s: Lezzi, rinvio Stati generali sarebbe opportuno
Concordo con Di Battista, governo e Parlamento curino emergenza
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
27 ottobre 2020
17:06
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il Paese è stremato, in questo momento è indispensabile che tutto il governo e il Parlamento lavorino senza alcuna distrazione. Rinviare gli stati generali sarebbe opportuno, quindi, vista la situazione così difficile. E in questo concordo con Alessandro Di Battista”. Lo dice la senatrice M5s ed ex ministro Barbara Lezzi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Catalfo, altre 6 settimane cig, stop licenziamenti fino 31/1
1.000 euro per stagionali e lavoratori dello spettacolo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
27 ottobre 2020
17:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Per tutte le imprese “abbiamo garantito altre 6 settimane di cassa integrazione Covid-19 utilizzabili dal 16 novembre al 31 gennaio 2021 o, in alternativa, ulteriori 4 settimane di esonero contributivo. Al contempo, proroghiamo il blocco dei licenziamenti fino al 31 gennaio”. Lo scrive la ministra del Lavoro e delle Politiche sociali, Nunzia Catalfo, dopo l’ok del Consiglio dei ministri al decreto Ristori, in cui rientrano anche due nuove mensilità di Reddito di emergenza.
Per le aziende interessate dal Dpcm è prevista la sospensione dei versamenti contributivi relativi ai lavoratori per il mese di novembre e, prosegue Catalfo, “abbiamo previsto un’indennità da 1.000 euro per i lavoratori stagionali del turismo (inclusi quelli con contratto di somministrazione o a tempo determinato) nonché gli stagionali degli altri settori, i lavoratori dello spettacolo, gli intermittenti, i venditori porta a porta e i prestatori d’opera, tra quelle categorie a cui la pandemia finora ha imposto i sacrifici più grandi e che senza il nostro intervento sarebbero rimasti privi di ogni sostegno”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Franceschini, dal Cdm 1 miliardo per cultura e turismo
ministro, ristori immediati per cinema e teatri chiusi dal dpcm
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
27 ottobre 2020
18:32
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ristoro immediato per i teatri e i cinema chiusi dal dpcm della scorsa settimana, 1.000 euro per tutti i lavoratori autonomi e intermittenti dello spettacolo, proroga della cassa integrazione e indennità speciali per i settori del turismo: è di oltre in miliardo di euro il pacchetto di misure approvato questa sera per i settori della cultura e del turismo”. Così il Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini, commenta le norme contenute nel decreto ristori approvato dal Cdm.
“Gli aiuti saranno immediati per risarcire chi ha subito le conseguenze di una chiusura repentina in conseguenza dell’ultimo dpcm. Con questo intervento – prosegue Franceschini – prosegue l’attività di sostegno a due settori fortemente colpiti dall’emergenza sanitaria. I fondi arriveranno in tempi rapidi dal momento che il sostegno avviene attraverso il rifinanziamento dei diversi fondi di emergenza contenuti nei precedenti decreti. In particolare, vengono rifinanziati: il Fondo emergenze cinema e spettacolo con 100 milioni di euro, il Fondo emergenze imprese e istituzioni culturali con 50 milioni di euro, oltre 400 milioni di euro verranno indirizzati a un contributo a fondo perduto per le strutture ricettive e gli stabilimenti termali e 400 milioni al Fondo emergenze agenzie di viaggio, tour operator e guide turistiche”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Conte interviene alla presentazione del rapporto Migrantes
Videocollegamento del presidente del Consiglio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
27 ottobre 2020
13:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, è intervenuto in videocollegamento alla presentazione del Rapporto Italiani nel Mondo 2020 curato dalla Fondazione Migrantes.
Videocollegamento del presidente del Consiglio:  Dpcm: Bonaccini, evitare gazzarre e divisioni
“C’è il rischio che qualcuno cavalchi la rabbia in modo irresponsabile”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
27 ottobre 2020
12:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Se la politica si mette a fare gazzarra, si arriva ad una situazione difficilmente gestibile.
Io accolgo e faccio mio l’appello del presidente Mattarella, bisogna evitare di dividersi”. Lo ha detto il presidente dell’Emilia-Romagna e delle Regioni Stefano Bonaccini, ad Agorà su Rai3. Per Bonaccini, bisogna “tenere il dibattito a un livello civile: c’è gente che sta male, bisogna aiutarla, e non dividersi”. E va evitato “che qualcuno cavalchi la rabbia in maniera irresponsabile”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dpcm: da Comune Sanremo istanza a Toti per riaprire Casinò
Sbagliato paragonarlo a sale giochi, sale bingo o sale scommesse
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
SANREMO
27 ottobre 2020
15:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Comune di Sanremo e il cda del Casinò hanno presentato un’istanza al governatore della Liguria, Giovanni Toti per riaprire la casa da gioco, chiusa in seguito alle nuove direttive del Decreto Conte. “Un provvedimento con pesanti ripercussioni finanziarie – dichiara il sindaco della città dei Fiori, Alberto Biancheri – per il Casinò e per il Comune di Sanremo, con ripercussioni sull’occupazione diretta e indotta”. Nella “motivata” istanza, il presidente del Casinò Adriano Battistotti, evidenzia che: “Le attività esercitate da sale giochi, sale scommesse e sale bingo” sono affidate dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli a concessionari privati e differiscono da quelle esercitate all’interno del Casinò di Sanremo sia dal punto di vista tecnico-giuridico sia da quello organizzativo e logistico, che si traduce in una non comparabile situazione sul piano dei presidi anticontagio implementati”.
Proprio sull’aspetto logistico-organizzativo si concentra la richiesta del cda del Casinò, che sottolinea come la gestione e l’organizzazione della casa da gioco sotto il profilo della prevenzione non possa essere equiparabile a quelle di sale giochi, sale bingo o sale scommesse, sia perché il Casinò dispone di spazi importanti: 2.500 metri quadri di aree giochi gestiti con un rigido protocollo di contingentamento, che permette un “volume d’aria mediamente presente per cliente di oltre quarantunomila litri”, sia per le imponenti misure di sicurezza sanitaria varate già la scorsa primavera attraverso ingenti investimenti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Fedriga, preoccupato per tenuta sociale Paese
Rischio è che si perda tutti battaglia contro virus
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
27 ottobre 2020
12:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono preoccupato per la tenuta sociale del Paese. Se non ci muoviamo insieme rischiamo di non arrivare a nessun risultato”: lo ha affermato il presidente della Regione Fvg, Massimiliano Fedriga stamani, a Trieste, in videoconferenza dalla sede della giunta regionale in videocollegamento con sindaci dei comuni capoluogo della Fvg e il presidente Anci Favot sull’ultimo Dpcm.
“Sto vedendo una tensione enorme – ha proseguito Fedriga – e tutte le istituzioni condannano chi inserisce all’interno di manifestazioni pacifiche arrecando danni enormi, ed è pacifico che certi soggetti vadano isolati. Qui non c’è qualcuno che vince o che perde ma il rischio è che si perda tutti la battaglia contro il virus”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In Umbria già più contagi Covid fase 1
Presidente Regione, ritmo e velocità propagazione mai visti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
27 ottobre 2020
13:16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In Umbria nell’attuale seconda fase della pandemia Covid “sono già stati superati i contagi della prima fase”. Lo ha detto la presidente della Regione Donatella Tesei illustrando in Assemblea legislativa la situazione legata all’emergenza sanitaria. “L’epidemia – ha aggiunto – ha un ritmo giornaliero mai visto così come la velocità di propagazione. Un’onda completamente diversa dalla fase 1”. La presidente ha parlato di un contagio “massivo e diffuso seppure senza focolai particolari”.
Tesei ha quindi ricordato che i ricoverati a oggi sono il 5,8% dei contagiati e le terapie intensive lo 0,6% (il 10% dei ricoverati). “Naturalmente – ha aggiunto – sono dati che non ci possono far stare tranquilli ma non possiamo certamente negare che l’onda è completamente diversa. Fatta prevalentemente da asintomatici e pauci-sintomatici. Tanto e vero che in questa fase due abbiamo trovato e isolato un numero maggiore di contagi che in tutta la gestione della fese 1”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ricciardi: ‘Lockdown necessario per Napoli e Milano’
‘In queste città si può prendere il virus anche al bar’, per Fontana è “escluso”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
27 ottobre 2020
16:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
‘A Milano e Napoli uno può prendere il Covid entrando al bar, al ristorante, prendendo l’autobus. Stare a contatto stretto con un positivo è facilissimo perché il virus circola tantissimo. In queste aree il lockdown è necessario, in altre aree del Paese no’. Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute, torna a chiedere dei lockdown mirati nelle zone dove il virus circola di più, perché ‘ci sono delle aree del Paese dove la trasmissione è esponenziale e le ultime restrizioni adottate, che possono essere efficaci nel resto del territorio, in quelle zone non bastano a fermare il contagio’.
Sulle critiche di Matteo Renzi per la chiusura di cinema e teatri, prevista nell’ultimo Dpcm, Ricciardi risponde: “Se sei a Milano è un luogo dove te lo puoi prendere anche al cinema. In altre città la situazione non è la stessa. A Milano e Napoli è impensabile qualsiasi attività che prevede l’avvicinarsi di persone negli spazi chiusi”. Ci troviamo, infatti, ha aggiunto, in presenza “di migliaia di soggetti asintomatici che tornano a casa, dove non si indossa la mascherina, ci si bacia e ci si abbraccia”.
Sul tema di un possibile lockdown è tornato anche Guido Bertolini, responsabile del Coordinamento Covid-19 per i reparti dei pronto soccorso lombardi. Per Bertolini “arrivati a questo punto, con una curva di crescita esponenziale dei contagi, l’unica cosa che si può fare è chiudere tutto, un lockdown a livello nazionale. La situazione nei pronto soccorso è drammatica, non solo in Lombardia, ma ovunque a livello nazionale”.
“Escludo che ci siano le condizioni per prevedere ipotesi di questo genere, anzi, tutti i nostri interventi vanno nella direzione di evitare ogni tipo di lockdown”. E’ quanto ha rimarcato il governatore Attilio Fontana, a margine della presentazione della mostra sui 50 anni della Regione Lombardia organizzata a Palazzo Pirelli. Questo pomeriggio Fontana avrà un nuovo incontro con i sindaci dei capoluoghi di provincia lombardi e i capigruppo di maggioranza e opposizione per un aggiornamento sulla situazione epidemiologica. Le ultime limitazioni regionali anti-Covid saranno “ribadite” in una nuova ordinanza attesa in giornata, necessaria per allineare a livello tecnico quella attualmente in vigore con il nuovo Dpcm.
E’ verosimile che “oltre l’80% di tutti coloro che contraggono l’infezione siano asintomatici o paucisintomatici”. Lo afferma Flavia Riccardo. dell’Istituto superiore di sanità , sottolineando al contempo che cresce il numero dei soggetti postivi a sarsCov2 asintomatici rispetto ai mesi iniziali dell’epidemia: sono il 56,5% sul totale dei test molecolari effettuati nel periodo 20 luglio-20 ottobre. La percentuale era invece pari al 15,1% nei primi tre mesi dell’epidemia (20 febbraio- 20 maggio). Il dato si evince dall’ultimo Rapporto dell’Iss sull’epidemia da Covid aggiornato al 20 ottobre. L’aumento è dovuto al maggior numero di tamponi effettuati sui contatti e per attività di screening rispetto all’inizio della pandemia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Decreto ristori, via libera del Consiglio dei ministri. Conte: ‘Dl da oltre 5 miliardi, risorse immediate’
Il premier: ‘Non abbiamo fatto scelte indiscriminate. Critiche legittime ma dobbiamo evitare che curva ci sfugga’. Gualtieri: ‘Decreto rapido, semplice e efficace’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
27 ottobre 2020
20:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera al decreto ristori.
“Abbiamo appena varato il decreto ristori, che vale complessivamente oltre 5 miliardi che saranno usati per dare risorse immediate a beneficio delle categorie” penalizzate dall’ultimo Cdm. Io ho firmato il Dpcm, all’una di notte circa, solo quando siamo stati sicuri che queste risorse c’erano”, ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte in conferenza stampa a Palazzo Chigi. I ristori a fondo perduto “arriveranno sul conto con bonfico dell’agenzia delle entrate, è il modo più efficace, confidiamo che a metà novembre chi ha aderito alla prima edizione potrà riceverlo, subito dopo anche gli altri”.
“Se rispettiamo queste misure abbiamo buone possibilità di affrontare dicembre con una certa serenità, senza un sistema sanitario sotto stress. In caso contrario ci troveremo di fronte alla necessità di un lockdown, dobbiamo scongiurarlo”, ha aggiunto il premier. “Le nostre scelte possono essere legittimamente criticate, siamo in democrazia. Ma voglio dire che non abbiamo compiuto scelte indiscriminate. Per evitare che la curva ci sfugga è indispensabile ridurre le principali occasioni di socialità. Solo in questo modo possiamo decongestionare i mezzi pubblici, evitare gli assembramenti, alleggerire il sistema dei tracciamenti”. “Stiamo incontrando le categorie, ne sta venendo fuori un dialogo aperto e un approccio costruttivo. Non ci sfuggono i sacrifici e le difficoltà che sono chiamate ancora una volta a sostenere”. “Se rispetteremo le misure abbiamo buone speranze di affrontare dicembre con una buona serenità”. “Non abbiamo chiuso attività che ritenevamo meno importanti di altre, non ci sono attività di serie A e di serie B”.
Se escludo il lockdown? “Io ho detto che stiamo lavorando per evitarlo. Per farlo dobbiamo operare adesso, senza ulteriore indugio, delle scelte che sono dolorose”. “Abbiamo cercato di costruire in modo chirurgico una serie di misure con la consapevolezza che avrebbero avuto un impatto negativo”, sottolinea. “Il decreto ristori ha misure per oltre 5 miliardi, fatto con una corsa contro il tempo pazzesca, può essere criticato ma denota la responsabilità del governo”. “Abbiamo fatto un dpcm che li rende possibili”, ha risposto Conte alla eventualità di lockdown locali.
“Il nostro sforzo di tutte le misure che mettiamo in piedi è di non introdurre nuove tasse, stiamo facendo uno sforzo incredibile per non introdurre nuove tasse, già questo è un grande risultato. Vogliamo la pace sociale”, ha ancora detto il presidente del Consiglio rispondendo a una domanda siulla possibilità di introdurre una patrimoniale.
LA CONFERENZA STAMPA DOPO IL CDM:  Il Dl Ristori “è contrassegnato da rapidità, semplifica ed efficacia” e “il contributo a fondo perduto sarà erogato automaticamente a oltre 300.000 aziende che già lo hanno già avuto, e quindi contiamo per metà novembre di avere tutti bonifici effettuati da parte dell’Agenzia delle entrate”, ha detto il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri. Ci sono le risorse per “consentire la somministrazione di 2 milioni di tamponi nei mesi di novembre e dicembre”. Il dl Ristori “mobilita una massa consistente d risorse, 5,4 miliardi in termini di indebitamento netto, 6,2 miliardi in termini di saldo netto da finanziare”, ha spiegato Gualtieri.
Il decreto ristori stanzia “2,4 miliardi per 460 mila soggetti”, ha spiegato il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli in conferenza stampa dopo il varo del provvedimento. “Per i settori chiusi completamente come palestre, piscine, teatri, cinema, l’importo viene raddoppiato”, ha aggiunto a proposito dei contributi a fondo perduto introdotti con il decreto ristori. “Molti ristoranti – ha detto – sono aperti solo la sera, perdono molto più di metà del loro introito, anche per questi dopo il confronto con le categorie abbiamo deciso di applicare il coefficiente del 200%. Il 150% andrà a bar pasticcerie, gelaterie”.
Per tutte le imprese “abbiamo garantito altre 6 settimane di cassa integrazione Covid-19 utilizzabili dal 16 novembre al 31 gennaio 2021 o, in alternativa, ulteriori 4 settimane di esonero contributivo. Al contempo, proroghiamo il blocco dei licenziamenti fino al 31 gennaio”, ha scritto la ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo, dopo l’ok al decreto Ristori. Per le aziende interessate dal Dpcm è prevista la sospensione dei versamenti contributivi relativi ai lavoratori per il mese di novembre, fa sapere la ministra.  Nel decreto Ristori “abbiamo previsto un’indennità da 1.000 euro per i lavoratori stagionali del turismo (inclusi quelli con contratto di somministrazione o a tempo determinato) nonché gli stagionali degli altri settori, i lavoratori dello spettacolo, gli intermittenti, i venditori porta a porta e i prestatori d’opera, tra quelle categorie a cui la pandemia finora ha imposto i sacrifici più grandi e che senza il nostro intervento sarebbero rimasti privi di ogni sostegno”. Inoltre, aggiunge Catalfo, nel decreto sono previste “due nuove mensilità di Reddito di emergenza” per i “molti cittadini economicamente fragili e famiglie svantaggiate” che “stanno pagando un duro prezzo”.“Ci sono anche i tassisti e i titolari di noleggio con conducente tra le categorie destinatarie dei ristori stanziati dal Governo nel Decreto approvato oggi a sostegno delle attività chiuse o danneggiate dalle ultime misure anti Covid”: così la ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli al termine del Consiglio dei ministri. “Taxi e Ncc hanno giustamente rappresentato in un incontro presso il Mit che l’attività, se pure non sospesa, lo sarà di fatto dopo le 18, considerate le chiusure del dpcm. Potranno così usufruire di un indennizzo pari al 100 % di quanto hanno ottenuto con il dl Rilancio dell’aprile scorso. Le risorse – conclude – saranno erogate direttamente sui conti correnti. Ringrazio il sottosegretario Salvatore Margiotta che ha incontrato i rappresentanti delle categorie e contribuito a questo risultato”.
“Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto Ristori – ha scritto in un post su Fb il viceministro al Mise Stefano Buffagni -. Si tratta di un primo passo importante, direi doveroso, in favore di chi è stato colpito dalle restrizioni dovute al contenimento della pandemia. Abbiamo raddoppiato e in alcuni casi triplicato i soldi a fondo perduto erogati con il decreto Rilancio. Un pacchetto di misure da 6,8 miliardi tra le quali è previsto il credito d’imposta sugli affitti, l’estensione della cassa integrazione, la cancellazione della rata Imu, la sospensione dei versamenti contributivi di novembre dei dipendenti, e molto altro”.
GLI INCONTRI DI CONTE, LA GIORNATA
“Nelle stesse ore in cui lavoravamo alle norme del Dpcm, abbiamo lavorato per far arrivare risorse in tempi record alle categorie penalizzate. Oggi alle 15 abbiamo un Cdm in cui approviamo un decreto con immediate misure di ristoro e indennizzi”, aveva detto, a quanto si apprende, il premier Giuseppe Conte nel corso dell’incontro a Palazzo Chigi con le categorie. “Il governo si assume le proprie responsabilità ed è giusto che il suo operato sia sindacato e sottoposto a critiche, ma se perdiamo di vista l’obiettivo di marciare tutti insieme nella stessa direzione per uscire dalla pandemia, rischiamo di aggravare la situazione nel Paese”, aveva aggiunto Conte.
I ristori a fondo perduto saranno il “pezzo forte” del decreto sul tavolo del Consiglio dei ministri del pomeriggio e arriveranno “in tempi record entro il 15 novembre”, avrebbe inoltre detto il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri. Il nuovo intervento a fondo perduto avrà un funzionamento legato al meccanismo già utilizzato con il decreto Rilancio, il mese di aprile resterà il punto di riferimento: “Per alcuni settori il coefficiente sarà 1, per i ristoranti 1,5”, per altri settori potrà arrivare a 2 (quindi ristoro doppio rispetto a quanto già ricevuto). Nel decreto ci saranno anche “sostegni specifici per turismo e somministrazione”, cioè bar, ristoranti, pub.
E prima del Cdm riunione in call conference tra il presidente del consiglio Giuseppe Conte, il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora e diversi rappresentanti del mondo dello sport. Presenti, a distanza, tra gli altri il presidente del Coni Giovanni Malagò, quello del Comitato italiano paralimpico Luca Pancalli e il numero uno della Lega Pro Francesco Ghirelli, in rappresentanza del comitato 4.0. Partecipano anche alcuni presidenti degli Enti di promozione sportiva. Al centro della discussione, lo stop allo sport di base e le possibili misure di aiuti. “Noi dobbiamo ridurre le occasioni di socialità in modo da ridurre anche il numero dei contatti che si hanno abitualmente – ha detto Conte, a quanto si apprende durante la riunione -. Solo così riusciremo a tenere sotto controllo la curva epidemiologica”. E poi ancora : “Capisco la sofferenza di tutte le categorie. Ho firmato il Dpcm solo quando sono stato sicuro che ci sarebbero state le risorse per il vostro mondo e per le altre categorie coinvolte”. Chiudere di nuovo lo sport di base è stata una decisione “sofferta ma necessaria”, ha detto il premier Conte ai rappresentanti dello sport. Tra le misure già anticipate, il bonus collaboratori che sale da 600 a 800 per il mese di chiusura di novembre, contributi a fondo perduto del doppio rispetto alla scorsa tornata del primo lockdown (variabile in base al calo del fatturato), oltre alla possibilità di cessione del credito di imposta dal canone di affitto degli impianti.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Il cordoglio di Grillo per la morte di Marangoni: “Una parte di me”
Su Fb l’addolorato post per la morte del suo agente
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
27 ottobre 2020
12:31
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Avrei voluto stringerti la mano come ce la siamo stretta 50 anni fa. Quel gesto segnò la nostra amicizia e il nostro legame professionale.Ora lo spettacolo qui è finito e tu ne inizierai un altro. Senza di te se ne va un pezzo di storia dello spettacolo di questo paese. C’è chi ha perso un padre, chi ha perso uno zio, chi un fratello… io ho perso una parte di me. Ciao Cencio”. E’ quanto scrive, su Fb, Beppe Grillo in un ultimo saluto al suo storico impresario, Cencio Marangoni, morto ad Arese.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Stuprò un’amica, l’ex assessore Massari patteggia 2 anni
Alla pena di due anni si aggiungono altri due di trattamento terapeutico
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
27 ottobre 2020
18:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Paolo Massari, l’ex assessore del Comune di Milano all’epoca della giunta Moratti per aver stuprato, lo scorso 13 giugno, un’amica imprenditrice e in passato sua compagna di scuola, ha patteggiato 2 anni di carcere, pena sospesa, e altrettanti di trattamento terapeutico come prevede il cosiddetto ‘Codice Rosso’. Ad accogliere la richiesta di patteggiamento con contestuale risarcimento di 30 mila euro alla vittima è stato il gup Tiziana Gueli. Massari, che fin da subito ha accettato di sottoporsi a un percorso terapeutico, ha ammesso i fatti e ha chiesto scusa alla donna che aveva aggredito nel garage del palazzo dove vive. Il giornalista di Mediaset, ora sospeso in via cautelare dall’azienda e dall’Albo, a suo tempo arrestato, è in libertà.
La pena a due anni, patteggiata oggi, da Massari a cui si aggiungono altri due anni di trattamento “è adeguata al fatto concreto – ha spiegato il procuratore aggiunto Maria Letizia Mannella, responsabile del dipartimento fasce deboli – e anche al comportamento processuale dell’imputato che è stato corretto”.
Immediatamente dopo l’aggressione, Massari ha intrapreso un percorso terapeutico mirato, con colloqui cadenzati con un psicologo, che ha finalità di sostegno e recupero come previsto dal pacchetto contro la violenza sulle donne dell’anno scorso. E inoltre ha ammesso gli addebiti e ha chiesto scusa.
Stando alle indagini il 13 giugno scorso, sabato sera, Massari si era dato appuntamento con l’amica. Lei aveva bisogno di aiuto e consigli per via del delicato momento professionale che stava attraversando a causa dell’epidemia da Coronavirus: era preoccupata di non riprendersi più. I due dopo un aperitivo in locale della movida vicino a Porta Venezia decisero di andare a cena.
A quel punto, secondo la ricostruzione di inquirenti e investigatori, lui propose a lei di lasciare lo scooter nel suo box per poi recarsi al ristorante. Una volta arrivati nel garage, dal quale si accede direttamente al loft del giornalista, lui avrebbe cambiato registro trasformando la serata in un incubo. Dopo l’ aggressione e la violenza l’imprenditrice, in un momento di calo di tensione, riuscì a scappare e in mezzo alla strada disperata e praticamente senza abiti, attorno alle 22, venne soccorsa dalle Volanti. Subito la denuncia e l’arresto del giornalista.
Inoltre, altre donne, almeno sette, nei mesi scorsi hanno raccontato al pm milanese Alessia Menegazzo, che ha svolto approfondimenti di indagine, di essere state vittime delle violenze da parte di Massari, ma nessuna ha sporto formalmente denuncia. Come non avevano sporto denuncia la funzionaria del Consolato Norvegese e una impiegata che nel 2010 inviarono una lettera per raccontare quanto avevano subito all’allora sindaco Letizia Moratti, la quale rimosse l’ex assessore dal suo incarico sebbene lui sostenesse di non essere “un molestatore sessuale”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La conferenza stampa del presidente dell’Iss
L’analisi di Silvio Brusaferro sull’andamento dei contagi in Italia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
27 ottobre 2020
17:08
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’analisi del presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro e del Direttore Generale della Prevenzione del Ministero della Salute, Gianni Rezza sull’andamento dei contagi in Italia:  Con Decreto Ristori via libera anche a pacchetto giustizia
Arrivano indagini da remoto. Deposito atti via pec, giudice positivo lavorerà da casa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
27 ottobre 2020
20:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Far proseguire il lavoro giudiziario in sicurezza. Di fronte alla recrudescenza della pandemia il governo interviene con una serie di misure volte ad arginare il diffondersi del contagio anche nei palazzi di giustizia, limitando l’afflusso di operatori e utenti nei tribunali. Lo fa con un sistema di interventi contenuti nel dl Rilancio, sui quali il Guardasigilli si è confrontato alla vigilia del Consiglio dei ministri con i rappresentanti della magistratura e dell’avvocatura, che per la prima volta sul tema arrivano a un documento comune tra procure e Unione delle camere penali.
Si tratta di misure che dovranno valere per il tempo strettamente necessario per il superamento della fase acuta e che vanno dai processi a porte chiuse, al compimento di alcuni atti di indagini da remoto, sino al deposito degli atti da parte dei difensori mediante la posta elettronica certificata.
Ecco le principali novità.
PORTE CHIUSE: le udienze dei procedimenti civili e penali alle quali è ammessa presenza del pubblico si debbono sempre celebrare con questa modalità
INDAGINI DA REMOTO: L’indagato e la persona offesa potranno essere sentiti dal pm anche in collegamento dallo studio del difensore che li assiste, mentre i consulenti o esperti di cui si avvale il pubblico ministero o la polizia giudiziaria possono essere ascoltati dal loro stesso ufficio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il difensore della persona sottoposta alle indagini potrà comunque opporsi a questa modalità, se il compimento dell’atto preveda la sua presenza.
DETENUTI IN VIDEOCONFERENZA: Se la presenza fisica delle persone detenute non potrà essere assicurata senza mettere a rischio le esigenze di contenimento della diffusione del virus Covid-19, la partecipazione avverrà da remoto mediante videoconferenze o collegamenti individuati e regolati con provvedimento del Direttore generale dei sistemi informativi e automatizzati del Ministero della giustizia. Sono escluse le udienze di discussione finale e quelle nelle quali devono essere esaminati testimoni, parti, consulenti o periti, salvo che le parti vi acconsentano.
GIUDICE POSITIVO LAVORA DA CASA: Il giudice che si trovi in condizioni di quarantena o di isolamento fiduciario per Covid-19 (che è stato escluso sia qualificabile come malattia) potrà partecipare all’udienza anche da un luogo diverso dall’ufficio giudiziario. Per quanto riguarda le deliberazioni collegiali, invece, si è previsto che, sia nei procedimenti civili che in quelli penali, possano essere assunte mediante collegamenti da remoto.
UDIENZA CARTOLARE PER I DIVORZI: Udienza ‘cartolare’ cioè senza presenza delle parti per le cause civili di separazione consensuale e di divorzio congiunto. Lo prevede la bozza del pacchetto giustizia se tutte le parti che avrebbero diritto a partecipare all’udienza vi rinunciano espressamente.
DEPOSITO ATTI CON PEC: Per tutti gli atti, documenti e istanze è consentito il deposito mediante posta elettronica certificata da parte dei difensori. Anche l’accesso agli atti successivi alla discovery potrà avvenire da remoto, in modo da non obbligare i legali a recarsi in cancelleria. E i cancellieri che sono in smart working potranno accedere anche loro da casa ai registri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:in Puglia stop a tempo indeterminato ricoveri ordinari
Permessi per solo ricoveri di urgenza non differibili
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
27 ottobre 2020
19:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Restano sospesi sino “a nuova disposizione” i ricoveri programmati negli ospedali pubblici e privati della Puglia. La decisione è stata comunicata in serata attraverso una nota a firma dell’assessore alle Politiche della Salute Pier Luigi Lopalco e del direttore del dipartimento Salute, Vito Montanaro: la Regione ha confermato, quindi, con decorrenza immediata e fino a nuova disposizione, lo stop ai ricoveri a causa dell’evoluzione delle criticità dell’emergenza Covid-19.
Saranno effettuati solo ricoveri di urgenza non differibili provenienti dai pronto soccorso, mentre saranno garantite le prestazioni di oncologia, quelle non differibili del percorso nascita, le prestazioni di neurochirurgia, di cardiochirurgia, di chirurgia pediatrica, ortopedica, vascolare, e le prestazioni per i pazienti con malattie rare. Rimane sospesa l’attività intramoenia di ricovero, resta garantita l’attività ambulatoriale ordinaria.

La Tua opinione è importante! Vota questo articolo, grazie!
No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.