Sport tutte le notizie, in tempo reale e sempre aggiornate. TUTTE LE DISCIPLINE SPORTIVE, APPROFONDITE E COMPLETE. LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Notizie, Sport, Ultim'ora

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 7 minuti

Ultimo aggiornamento 26 Novembre, 2020, 11:37:02 di Maurizio Barra

SPORT TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

SPORT TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 16:02 DI MERCOLEDì 25 NOVEMBRE 2020

ALLE 11:37 DI GIOVEDì 26 NOVEMBRE 2020

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

F1: Tapiro a Leclerc “con Hamilton non andrei in vacanza”
Pilota Ferrari ricorda errore Turchia: con Vettel io migliorato
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
25 novembre 2020
16:02
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
L’errore del pilota del pilota della Ferrari Charles Leclerc all’ultima curva del Gran Premio di Turchia è solo l’ennesimo episodio di una stagione decisamente infelice per la scuderia di Maranello. Uno svarione che al pilota francese è costato il podio, ma che in compenso gli ha fatto vincere un altro ambito trofeo: il Tapiro d’Oro di Striscia la notizia. Raggiunto a Maranello dal tg satirico, Leclerc ha commentato: “La gara era andata bene e ho buttato tutto via all’ultima curva. Ho sbagliato e mi sono sfogato in radio con i miei ingegneri, avete sentito tutto… Queste cose succedono, ma devono essere uno spunto per crescere e tornare più forti. Il dominio di Hamilton? Va molto forte ed è simpatico, ma non ci andrei in vacanza assieme”. Infine, sul futuro compagno di scuderia Carlos Sainz Jr, dichiara: «Lo conosco da anni, siamo molto amici: Vettel mi ha fatto migliorare, vedremo cosa succederà con Carlos».
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Sport: Sibilia, riforma? ora fare diga per fermare catastrofe
Presidente lega dilettanti, norme su vincolo faranno morire club
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
25 novembre 2020
16:07
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Una diga per opporsi alla catastrofe.
È questa l’immagine che chiarisce la posizione della Lega Nazionale Dilettanti rispetto alla modifica per Decreto Legge del vincolo e all’introduzione di nuove norme in materia di lavoro sportivo. La Lnd, che rappresenta 12mila società di calcio dilettantistico in Italia, si dichiara infatti “totalmente contraria” a qualsiasi variazione alle norme in vigore e che regolano questi due ambiti dell’attività sportiva.
“Le norme sul vincolo sportivo presenti nei decreti attuativi rappresentano una grave minaccia per l’esistenza del calcio dilettantistico a partire dalle scuole calcio, coinvolgendo l’intera filiera dell’attività giovanile – commenta il presidente della Lnd, Cosimo Sibilia, nel commentare l’approvazione in Cdm dei testi -, che è la vera risorsa del movimento unitamente all’attività delle prime squadre fondata principalmente sulla valorizzazione dei giovani. Il vincolo di tesseramento costituisce un elemento essenziale di sussistenza per ogni singola società dilettantistica, pertanto va mantenuto nella sua attuale regolamentazione. Non esistono, in senso assoluto, forme d’indennizzo che possano surrogarlo”. “E poi come si può pensare, specie in questo particolare momento storico – dice ancora Sibilia -, di mettere sulle spalle delle Asd anche il fardello dei rapporti di lavoro, dimenticando i sacrifici e gli oneri già pesantissimi che gravano su realtà che basano la loro opera sul volontariato?”.
Il decreto legislativo sul lavoro sportivo assesterà un duro colpo alle Associazioni e società sportive dilettantistiche, che dovranno considerare i loro atleti dilettanti (in contrasto con le norme della Figc) come lavoratori iscritti alla Gestione Separata Inps con aggravio di costi e incombenze di versamenti, registrazione e altro, fermo restando che quei contributi non arriveranno mai ai destinatari in quanto la vita sportiva di un atleta si esaurisce nell’arco di pochi anni e la loro concorrenza ad una futura ipotetica pensione consterebbe di poche decine di euro.
La Lega Nazionale Dilettanti chiede quindi l’intervento deciso della Federcalcio.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
F1:Bahrain; Vettel, curioso verificare competitività Ferrari
Tedesco: circuito di Sakhir è da sempre un test impegnativo
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
25 novembre 2020
16:53
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“Il circuito di Sakhir è da sempre un test impegnativo tanto per i piloti che per le vetture. Per noi che guidiamo c’è il tema delle temperature ambientali che, sorgendo questa pista nel deserto, in certi momenti della giornata sono veramente molto elevate”. Sebastian Vettel è pronto ad affrontare la prossima gara nel Gp del Bahrain con una Ferrari in risalita. “Per quanto riguarda le monoposto, le caratteristiche della pista mettono in risalto le doti di trazione e costituiscono un banco di prova per i freni che sono molto stressati nell’arco del giro”.
“Noi piloti – aggiunge il pilota tedesco della Ferrari – chiamiamo questo tipo di tracciato ‘stop&go’ a causa delle continue frenate secche seguite da brusche accelerazioni. Non abbiamo mai gareggiato in Bahrain così avanti nella stagione anche se, guardando i dati delle temperature, le condizioni non dovrebbero essere troppo diverse. Abbiamo visto che la nostra vettura ha fatto dei progressi nelle ultime gare e sono curioso di verificare anche su questa pista il nostro livello di competitività”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
F1: Bahrain; Leclerc, speriamo continuare trend ultime gare
Monegasco Ferrari: qui lo scenario si modifica continuamente
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
25 novembre 2020
16:58
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“Ho bei ricordi dello scorso anno, anche se il finale non fu ideale. Speriamo di continuare il trend delle ultime gare che ci ha visto via via più competitivi”. Parola di Charles Leclerc in vista del Gran Premio di Formula 1 del Bahrain: “è una gara molto particolare – avverte il pilota monegasco della Ferrari – perché le caratteristiche del fine settimana fanno sì che lo scenario si modifichi continuamente. A inizio weekend la pista è sporchissima, piena di sabbia che arriva dalle zone desertiche circostanti. Man mano che si gira l’asfalto si pulisce e svela la propria abrasività che mette a dura prova le gomme.
Anche luce e temperature sono in continuo cambiamento: si parte all’imbrunire, con asfalto molto caldo e il sole basso all’orizzonte, ma man mano che la gara progredisce il circuito diventa più freddo e bisogna avere la capacità di adattare la propria guida.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Pugilato: Titolo Ibo a Fondi; Magnesi ‘rimarrò imbattuto’
Superpiuma laziale affronta elvetico Kinigamazi, reduce da Covid
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
25 novembre 2020
17:01
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“La preparazione atletica e tecnica con il mio team è stata su ritmi alti. Mi sento in forma come non mai, anche dal punto di vista psicologico. Sono pronto a conquistare la vetta del mondo”.
E’ sicuro dei propri mezzi pugilistici Michael Magnesi, 25enne nativo di Palestrina, cresciuto a Cave e residente a Civitavecchia, che venerdì sul ring del Palasport di Fondi, in provincia di Latina, si batterà per il titolo mondiale Ibo dei pesi superpiuma contro lo svizzero di origini ruandesi Patrick Kinigamazi, 36enne che non perde un match dal 2013, mentre ‘Lonewolf’ Magnesi non ha proprio mai perso in 17 incontri da professionista. Quindi si preannuncia una sfida interessante, infiammata, come da copione, dalle dichiarazioni dei due contendenti. “La sola possibilità che Magnesi ha di battermi – ha detto Kinigamazi – è che riceva la vittoria su un piatto d’argento dai tre giudici italiani, ma se vogliamo parlare solo di boxe non può prevalere su di me”. Replica da parte del fighter di casa: “Patrick è molto ottimista. Pensa di arrivare ai punti, ma non ha capito che il match finirà prima del limite, e a vincere non sarà lui”.
Questa sfida avrebbe dovuto disputarsi tre settimane fa, ma è slittata al 27 in quanto Kinigamazi è risultato positivo al Covid in uno dei test effettuati durante la preparazione. Ora è guarito, e garantisce che il periodo passato in quarantena non ne ha compromesso la preparazione. Occhi puntati, quindi, su Fondi anche se la riunione, in ossequio alle restrizioni contenute nell’ultimo Dpcm anti-Covid, si terra’ a porte chiuse. Ma Sportitalia trasmetterà in diretta il match, così come i canali social della federboxe.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Tennis: Australian Open, si va verso rinvio di 2 settimane
Ministro sport stato di Victoria ribadisce idea slittamento
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
25 novembre 2020
17:02
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Gli Australian Open si svolgeranno, anche se molto probabilmente con un leggero slittamento in avanti, di una o due settimane. E’ la posizione espressa dalle autorità locali riguardo al primo Slam stagionale, al momento in calendario a Melbourne dal 18 al 31 gennaio 2021, ribadendo comunque la necessità che i partecipanti rispettino un regime di 14 giorni di quarantena al loro ingresso nel Paese in ossequio ai protocolli anti-Covid attualmente in vigore nello stato di Victoria.
“C’è un certo numero di potenziali date sul tavolo. Ho visto report che suggeriscono uno slittamento di una o due settimane, penso sia molto probabile – le parole del ministro dello sport di Victoria, Martin Pakula – Continuo a credere anche che sia molto più probabile che sarà un ritardo più breve piuttosto che più lungo”.
Da otto mesi l’Australia ha chiuso le proprie frontiere e sconsigliato ai suoi residenti di recarsi all’estero per contrastare il diffondersi della pandemia da Covid-19 E Melbourne è stata l’epicentro della seconda ondata del virus e solo di recente è uscita da diversi mesi di duro lockdown.
Inizialmente l’idea del direttore generale della federtennis australiana e direttore del torneo, Craig Tiley, era di far arrivare i partecipanti con i loro tecnici a metà dicembre in modo da poter svolgere la prevista quarantena di due settimane prima di disputare i tradizionali tornei di avvicinamento agli Australian Open. Ma il progetto ha trovato l’opposizione di Dan Andrews, primo ministro dello Stato di Victoria. Le autorità non autorizzano tennisti e loro team a giungere in Australia come minimo prima della fine di dicembre, orizzonte temporale che renderebbe impossibile la disputa della ATP Cup a squadre e degli altri tornei che precedono lo Slam. “Noi non possiamo che essere pazienti e accettare la situazione – le parole di Rafael Nadal – che è difficile per tutto il mondo. Dobbiamo essere flessibili e trovare un modo di disputare il maggior numero di tornei possibile l’anno prossimo”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Bebe Vio,novità disabili in riforma grande vittoria Pancalli
Campionessa, ‘Grande risultato, n.1 Cip sta riscrivendo regole’
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
25 novembre 2020
18:54
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
La novità prevista dalla riforma dello sport dell’inserimento degli atleti paralimpici nei gruppi sportivi militari è una “cosa su cui Luca Pancalli sta lottando da sempre, essendo stato un atleta. L’ho sentito oggi al telefono ed era entusiasta perché sono riusciti ad ottenere come Cip questo grande grande risultato”. A dirlo è la campionessa paralimpica della scherma Bebe Vio, oggi a Palazzo Velli Expo di Roma per ritirare il premio ‘ReWriters’ 2020, dedicato a chi si è contraddistinto per avere contribuito alla riscrittura dell’immaginario contemporaneo. “Lui mi dice che ‘da padre del movimento paralimpico sono veramente fiero dei miei figli, ho veramente ottenuto qualcosa che quando ero atleta neanche mi sognavo. Pancalli sta veramente cambiando le regole, lui davvero dovrebbe vincere questo premio”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Sport: riforma; Uisp ‘noi non ci arrendiamo’
Lettera aperta del presidente nazionale Manco dopo ok a decreti
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
25 novembre 2020
19:50
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“Noi non ci arrendiamo”. Lettera aperta del presidente nazionale Uisp Vincenzo Manco, dopo l’approvazione dei cinque decreti in attuazione della legge delega 86/2019. “Oggi è un giorno buono per lo sport se pensiamo agli effetti che dispiegano i cinque decreti legislativi approvati dal Governo, in esame preliminare, di riforma dell’ordinamento sportivo, in attuazione di altrettanti articoli della legge delega 86/2019. In particolare sulle questioni del lavoro sportivo, sul professionismo femminile, sulla parità e il contrasto alla violenza di genere. Invece – rileva Manco – è tutt’altro che un buon giorno per la mancata approvazione del decreto “sulla governance” dello sport. È come se nessuno avverta il senso di aver perso una grande occasione per ammodernare un sistema sportivo che mostra da lungo tempo forti limiti allo sviluppo della pratica e della cultura dello sport e del movimento nel nostro Paese. Ancora una volta “quella montagna” si è mostrata potente, granitica, insormontabile”.
“Una cultura sportiva – aggiunge il presidente dell’Uisp – che fa fatica ad aprirsi, a contaminarsi, ad ammodernarsi ed un sistema sportivo chiuso che non permette lo sviluppo di tutte le energie vitali che la cultura motoria e sportiva del nostro paese meriterebbe. Ma non ci fermiamo, continueremo a lavorare perché la pari dignità della promozione sportiva sia una questione acquisita nel nostro paese”.   VAI AL CALCIO

La Tua opinione è importante! Vota questo articolo, grazie!
No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.