Politica tutte le notizie in tempo reale. Tutta la Politica in costante aggiornamento! INFORMATI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 31 minuti

Ultimo aggiornamento 8 Gennaio, 2021, 13:16:25 di Maurizio Barra

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 15:04 DI MERCOLEDì 06 GENNAIO 2021

ALLE 13:16 DI VENERDì 08 GENNAIO 2021

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Gualtieri consegna a Conte la nuova bozza del Recovery plan
Lunga riunione a Palazzo Chigi con Amendola e Provenzano
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
06 gennaio 2021
15:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri ha consegnato al premier Giuseppe Conte la bozza aggiornata di Recovery plan, che recepisce alcune delle osservazioni dei partiti della maggioranza. Gualtieri, a quanto trapela da fonti di maggioranza, avrebbe illustrato il documento al premier in una lunga riunione a Palazzo Chigi, insieme ai ministri degli Affari Ue e del Sud, Enzo Amendola e Peppe Provenzano, che hanno lavorato insieme al Mef alla stesura della bozza aggiornata.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Orlando, momento sbagliato per consultazioni e totoministri
Bisogna sedersi a un tavolo e discutere, non dare ultimatum
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
06 gennaio 2021
15:39
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Stento a capire esattamente perché anziché lavorare in un confronto anche duro, si è strappato e si parla di crisi. Io sono convinto che si debba cercare in tutti i modi di risolvere i problemi.
I problemi ci sono, ma siamo in un momento in cui l’epidemia non è ancora alle spalle e la campagna di vaccinazione sta partendo: è un momento sbagliato per parlare di valzer delle consultazioni, di totoministri”. Lo dice il vicesegretario del Pd Andrea Orlando a Oggi è un altro giorno.
“La strada è mettersi attorno a un tavolo e discutere: se poi non si troverà una soluzione si dovrà prendere atto, ma è meglio che dare ultimatum”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: Rosato, Conte attivissimo ma non vedo responsabili
Ma se ci vuole in Aula andiamoci,confronto sia su idee:come Mes
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
07 gennaio 2021
10:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il presidente del Consiglio ci ha anticipato che andremo in Aula, leggo sui giornali che ha i senatori, qualcuno lo ha recuperato da Italia Viva. Tutte cose che a noi non risultano ma facciamo finta che sia tutto vero quello che leggiamo sui giornali.
Vedo invece il premier molto impegnato sul fronte dei responsabili, noi vorremmo solo responsabilità nei confronti del Paese”. Lo dice il presidente di Italia Viva Ettore Rosato a Sky tg 24. “Se Conte ci vuole in Aula noi siamo pronti. Andiamo in Aula, ci confronteremo sulle idee e non sui numeri. Per esempio, perchè non attiviamo il Mes? Solo per un problema di etichetta? Cambiamo il nome, ci sia confronto di merito, ci dimostrino che sbagliamo ma ammettano invece se sbagliano loro a perdere centinaia di miliardi che servono al Paese”, prosegue.
C’è una dead line? “C’è perchè siamo in gravissimo ritardo, clamoroso e noi abbiamo scoperto come si utilizzano i soli del Recovery plan il 7 gennaio. Invece non ci capiterà mai più di avere tutti questi soldi da spendere e non si possono fare errori”, aggiunge.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mattarella,Tricolore rappresenta identità anche in pandemia
Presidente in 224/mo anniversario Giornata Bandiera
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
07 gennaio 2021
10:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ricorre oggi il 224° anniversario della Giornata nazionale della Bandiera, il simbolo patrio più caro agli italiani. Durante questi lunghi mesi, così difficili per l’Italia e per il mondo intero, abbiamo provato una grande emozione nel vedere tanti tricolori esposti alle finestre, sulle terrazze e sulle case lungo tutta la Penisola.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Una emozione rinnovata quando la Pattuglia acrobatica nazionale ha disegnato la nostra bandiera nei cieli delle nostre città, così come quando abbiamo visto il Tricolore illuminare gli edifici e i monumenti della Repubblica. Il Tricolore, come forse mai accaduto di recente in maniera così intensa, ha saputo rappresentare la nostra identità, il sentimento di coesione di un popolo che vuole guardare avanti, senza dimenticare le sofferenze provocate dalla pandemia, ma con la volontà di ripartire”. Così il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in una nota.
“La Bandiera, espressione della nostra storia – afferma Mattarella – incarna oggi gli alti valori indicati dalla Carta costituzionale: unità, libertà, democrazia, solidarietà.
Dal Risorgimento ai momenti più tragici e a quelli più entusiasmanti del nostro percorso nazionale, il Tricolore ha sempre ispirato speranza e fiducia e spinto gli italiani a trovare la forza necessaria a risollevarsi, insieme ai popoli che hanno scelto di dar vita all’Unione Europea e alla comunità internazionale a cui apparteniamo, perché solo uniti riusciremo a superare le avversità.Viva il Tricolore, viva la Repubblica”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: Delrio, sintesi spetta a Conte, prenda iniziativa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
07 gennaio 2021
10:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Noi vogliamo che si riparta, lo diciamo da mesi, per il rilancio di una azione di governo da qui a fine legislatura”. Lo ha detto Graziano Delrio, capogruppo Pd alla Camera, a Radio24, invocando “una iniziativa del presidente del Consiglio che tenga insieme la maggioranza”.

“È lui il garante dell’unità, deve assumere una iniziativa che tenga presente le sensibilità delle componenti della sua maggioranza. Ci sono questioni aperte, bisogna fare alcune scelte, concrete e di sintesi. Se lui deciderà che c’è bisogno di nuove persone per questa nuova stagione, lo deciderà lui insieme ai leader politici, come si fatto quando è nato il governo, e lo proporrà al presidente della Repubblica”, ha aggiunto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Orlando,responsabili?No barricate ma non ci si regge governo
Non affidarsi volontà singoli,può cambiare da un giorno ad altro
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
07 gennaio 2021
10:45
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Credo che in una fase come questa un governo si debba reggere con l’incontro di forze politiche: nessuna barricata se ci sono nuovi apporti ma non credo che un governo si possa reggere su un materiale così friabile come quello di singoli parlamentari la cui volontà può cambiare da un giorno all’altro, già così è dura”. Lo ha detto Andrea Orlando, vicesegretario del Pd, a Omnibus su La7, parlando dell’ipotesi di ingresso in maggioranza di un gruppo di responsabili.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Usa:Conte,non vediamo ora di lavorare con Biden ed Harris
Per promuovere agenda di crescita, sostenibilità, inclusione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
07 gennaio 2021
11:08
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il Congresso americano ha certificato la vittoria elettorale di Joe Biden. Non vediamo l’ora di lavorare assieme al Presidente Biden e alla Vice Presidente Kamala Harris per promuovere insieme un’agenda globale di crescita, sostenibilità e inclusione”.
Lo scrive su Twitter il premier Giuseppe Conte in un messaggio in italiano e in inglese, accompagnato da una foto che ritrae Biden ed Harris.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Renzi,follia mio ruolo contro Trump,agirò vie legali
Ci mancava giusto che mi accusassero di complotti internazionali
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
07 gennaio 2021
11:21
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ieri prima dell’assalto al Campidoglio, alcuni profili trumpiani hanno accusato Obama e il sottoscritto di ‘orchestrare’ campagne contro Trump. Siamo alla follia totale.
I responsabili di queste menzogne hanno ricevuto il pardon – una sorta di grazia – da Trump qualche settimana fa.
Sto cercando con i miei avvocati di chiedere comunque di portare questi signori davanti alla giustizia italiana. Quello che dicono di me è folle: ci mancava giusto che mi accusassero di complotti internazionali. Ma ancora più grave è che questi signori la facciano franca”.
Così Matteo Renzi, nelle-news.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Usa: Zingaretti, Biden presidente, vince fiducia su paura
Vince la verità sulle bugie
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
07 gennaio 2021
11:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il Congresso Usa ha proclamato Joe Biden Presidente degli Stati Uniti d’America e Kamala Harris vice presidente. Dopo gli attacchi di ieri vince la democrazia sulla cultura dell’odio.
Vince la verità sulle bugie. Vince la fiducia sulla paura”. Così il segretario Pd Nicola Zingaretti su fb.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Usa: Casellati, assalto a congresso fatto gravissimo
La democrazia non si tocca
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
07 gennaio 2021
11:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’assalto al Congresso Usa è un fatto gravissimo e inaccettabile. Nulla può giustificare gli atti di violenza che si sono verificati a Washington.
La democrazia non si tocca. Gli Stati Uniti la difendano con le regole e i valori liberali che ne hanno sempre contraddistinto la storia”.Lo dichiara il Presidente del Senato Elisabetta Casellati.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Emiliano, nessuno studente è obbligato ad andare a scuola
Per elementari e medie opzione presenza, ‘valutare con prudenza’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
06 gennaio 2021
21:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Domani nessuno studente di ogni ordine e grado è obbligato ad andare a scuola. Tutti sono in didattica integrata da casa come da ordinanza che ho firmato ieri”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lo sottolinea su Facebook il governatore pugliese Michele Emiliano. L’ordinanza dispone la Did fino al 15 gennaio e prevede per elementari e medie la possibilità di richiedere la presenza. Le famiglie, sottolinea Emiliano, dovranno “responsabilmente farne richiesta formale al dirigente scolastico” che dovrà decidere. “Auspico fortemente – aggiunge – una prudente valutazione di tale ultima circostanza”.
Sulla presenza alle elementari e alle medie non c’è “nessun automatismo”, precisa Emiliano. “Per il primo ciclo le famiglie che per loro ragioni intendono comunque fare frequentare in presenza i loro figli a scuola – spiega – devono responsabilmente farne richiesta esplicita e formale al dirigente scolastico, richiesta che verrà valutata da quest’ultimo sulla base dei criteri della alleanza scuola famiglia”.
“Possono andare a scuola in presenza – prosegue Emiliano – solo gli studenti con bisogni didattici speciali e chi deve fare laboratorio, secondo la valutazione autonoma delle scuole, ma non sono obbligati”. “La scuola per l’infanzia, per la quale non c’è obbligo di presenza – conclude – funziona solo in presenza”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nucleare: Comitato scientifico a supporto No Sardegna
Annuncio Solinas, atteso anche odg unitario del Consiglio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
07 gennaio 2021
12:39
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un Comitato che coinvolga le università, le associazioni e le parti sociali per la redazione di un documento che illustri in modo chiaro gli elementi scientifici idonei a supportare l’esclusione netta della Sardegna come sede del deposito unico nazionale di scorie nucleari. L’istituzione, ha annunciato questa mattina in Consiglio regionale il governatore Christian Solinas, “sarà deliberata oggi dalla Giunta”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La questione dello stoccaggio di rifiuti radioattivi è infatti il primo punto all’ordine del giorno della seduta dell’Aula, che si concluderà con l’approvazione di un ordine del giorno unitario.
“Se questo non dovesse essere sufficiente – ha chiarito il presidente – siamo pronti a coordinare la mobilitazione democratica di enti locali, del popolo sardo, delle istituzioni culturali e scientifiche e dei corpi intermedi per manifestare la nostra contrarietà netta, senza se e senza ma”. Solinas ha ribadito che “l’Isola ha già pagato il suo tributo allo Stato con il 60% delle servitù militari concentrate sul territorio, con quelle industriali senza che ci sia stata alcuna bonifica, con il contributo durante la Grande guerra, con un disboscamento dei 4/5 del nostro patrimonio arboreo per la costruzione delle ferrovie nazionali”. Concessioni, queste ultime, “che hanno determinato la situazione attuale di rischio idrogeologico, fino a modificare il sistema economico produttivo”. Rispetto a tutto questo, semmai, “lo Stato dovrebbe prevedere interventi economici e piani di rinascita per riallineare la Sardegna agli standard del resto del Paese e dell’Europa”.
Il presidente ha poi ricordato che è del 2011 il referendum che ha visto il 97% del popolo sardo dire No al nucleare, e che esiste una legge regionale che dichiara l’Isola territorio denuclearizzato impedendo persino il transito delle scorie.
Infine, sui siti individuati: “14 aree ubicate in aree di alto pregio paesaggistico, ad alta vocazione agricola e sprovvista di reticolo viario, significherebbe per anni avere decine di semirimorchi quotidianamente in transito”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bruxelles, ‘no prove Moderna sia inefficace su variante Gb’
‘Ma stiamo ancora raccogliendo informazioni e le analizziamo’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
07 gennaio 2021
12:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Attualmente non ci sono prove che i vaccini non siano efficaci contro entrambe le varianti, ma siamo ancora nella fase della raccolta delle informazioni e della loro analisi”. Lo riferisce un portavoce della Commissione europea al quale è stato chiesto se il vaccino anti-Covid Moderna fosse o meno efficace anche contro la variante inglese.

Come è noto, l’altra variante è quella sudafricana.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Papa in copertina di Vanity Fair, ‘per il 2021 messaggio di speranza’
‘Siamo tutti sulla stessa barca, dobbiamo diventare una grande famiglia umana’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
07 gennaio 2021
14:32
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il settimanale di moda, bellezza, lifestyle, dedica la copertina del nuovo numero in edicola a Papa Francesco e declina il suo invito, “Fratelli Tutti”, che è anche il titolo della sua ultima Enciclica, nelle lingue più diffuse al mondo. “‘Siamo tutti sulla stessa barca, dobbiamo diventare una grande famiglia umana’.
E’ il messaggio che ci affida Papa Francesco – si legge sulla copertina del giornale – per affrontare il 2021 con amore e speranza”.
Sul sito di Vanity Fair c’è poi in apertura un contributo sul messaggio del Papa, relativo alle sfide da affrontare insieme in questo 2021, firmato da Andrea Tornielli, direttore editoriale dei media vaticani.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Usa, giocatori Nba inginocchiati dopo assalto a Congresso
“Manifestanti trattati diversamente da Jacob Blake’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
07 gennaio 2021
15:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I giocatori di Boston, Miami, Golden State e Clippers si sono inginocchiati durante l’inno nazionale, prima delle loro partite Nba, in reazione all’assalto del Congresso da parte dei manifestanti pro Trump e alla decisione della procura di Kenosha di non incriminare gli agenti che hanno ucciso l’afroamericano Jacob Blake. “Il 2021 e’ un nuovo anno ma certe cose non sono cambiate.
Noi giochiamo con il cuore pesante dopo la decisione ieri a Kenosha e sapendo che i manifestanti nella capitale del nostro Paese sono stati trattati diversamente dai dirigenti politici in relazione al campo in cui si trovano su certi temi”, hanno scritto i club degli Heat e dei Celtics in un comunicato comune.   POLITICA   MONDO   VAI ALL’ECONOMIA

POLITICA TUTTE LE  NOTIZIE

Nucleare: odg bipartisan a Mattarella, mai in Sardegna
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
07 gennaio 2021
19:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sarà trasmesso al Capo dello Stato Sergio Mattarella l’ordine del giorno votato all’unanimità dal Consiglio regionale della Sardegna contro lo stoccaggio di rifiuti nucleari nell’Isola. Il documento appena approvato impegna il governatore Christian Solinas a intraprendere “ogni possibile iniziativa in tutte le sedi istituzionali deputate per esprimere e ribadire con determinazione la ferma volontà del popolo sardo contraria a qualsiasi ipotesi che l’Isola possa essere considerata quale sede del deposito nazionale delle scorie”.
Inoltre, “a sviluppare ogni approfondimento tecnico e scientifico a supporto di questa posizione”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ morto il giornalista Giuseppe Turani
E’ stato colto da un malore mentre era nella sua abitazione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
07 gennaio 2021
20:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ morto Giuseppe Turani, detto Peppino, editorialista economico per L’Espresso, Repubblica, Il Corriere della Sera, Capital e tante importanti testate dove aveva raccontato l’economia come pochi altri. E’ stato autore con Eugenio Scalfari di un libro che ha fatto epoca come Razza Padrona.
Era nato a Voghera il 29 aprile del 1941, è morto all’ospedale di Broni dove appunto era stato ricoverato per un malore che lo ha colpito mercoleì nella sua abitazione.
“Scompare un uomo di valore che ha attraversato da protagonista la storia del giornalismo economico. Con le sue lucide analisi ha raccontato la crescita dell’Italia e i passaggi più delicati dell’economia, con la competenza che l’ha contraddistinto”. Lo dichiara Maria Elena Boschi, presidente dei deputati di Italia viva.  “Oggi perdiamo non solo una firma storica del giornalismo – aggiunge – ma anche uno sguardo attento alle evoluzioni economiche e sociali, oltre che un testimone della vita del Paese”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: P.Chigi, oltre 400mila vaccinati ad oggi in Italia
Diffuso l’ultimo aggiornamento sulle somministrazioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
07 gennaio 2021
23:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono state effettuate 400.302 somministrazioni di vaccino anti-Covid ad oggi in Italia. E’ quanto fanno sapere fonti di Palazzo Chigi.
Le donne che hanno ricevuto il vaccino sono 246.910, gli uomini 153.392
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lombardia: Salvini, per me Moratti è garanzia
Ha fatto bene sindaco e ministro
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
07 gennaio 2021
12:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Chi ha fatto il sindaco di Milano cinque anni può fare bene anche l’assessore”. Lo ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, intervenendo alla trasmissione Aria Pulita su 7 Gold per parlare del rimpasto di giunta in Regione Lombardia e dell’ingresso nella squadra di Letizia Moratti alla guida della sanità lombarda.

Secondo Salvini alla guida della sanità lombarda “serve un manager, e una persona che ha fatto bene il sindaco e il ministro dal mio punto di vista è una garanzia”, ha concluso.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Recovery:Gualtieri ha visto Pd-5s-Leu. Iv vuole prima testo
Stallo in maggioranza, capi delegazione ancora non convocati
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
07 gennaio 2021
13:45
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, a quanto si apprende da fonti di maggioranza, ha avuto ieri incontri riservati in videoconferenza con Pd, M5s, Leu, per illustrare i contenuti della bozza aggiornata del Recovery plan. Un incontro, nelle intenzioni del governo, avrebbe dovuto esserci anche con Italia viva, ma Iv chiede prima di qualsiasi colloquio di ricevere e leggere il testo.
Di qui la situazione di stallo. Dopo gli incontri con i partiti avrebbe dovuto esserci il confronto a livello di governo in una riunione di Conte e Gualtieri con i capi delegazione, in preparazione del Cdm. Ma ad ora nessuna riunione è convocata.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Torna protesta toghe onorarie, in cento a flashmob a Roma
Sciopero dal 19 al 22 e il 29 manifestazione davanti Cassazione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
07 gennaio 2021
15:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Toghe indosso, una rosa gialla in mano, divenuta ormai il simbolo della protesta, e un striscione con la scritta “la legge è uguale per tutti ma non per il magistrato onorario”. Davanti alla procura di Roma è andato in scena un nuovo flashmob della magistratura onoraria.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vi hanno partecipato un centinaio tra giudici onorari di tribunale, giudici di pace e vice procuratori onorari di Roma e dell’intero distretto.
Una protesta diretta contro le misure in discussione in Parlamento che riguardano l’intera categoria .
“Oltre alle problematiche di inquadramento, la magistratura onoraria italiana esprime preoccupazione per le scelte in via di decretazione di urgenza illustrate dal senatore Mirabelli che rischiano di compromettere i già difficili assetti della giustizia italiana garantiti dalla attività quotidiana dei magistrati onorari” spiega la Consulta della magistratura onoraria, che ha organizzato la protesta.
Un nuovo flashmob è in programma il 29 gennaio davanti alla Cassazione, in occasione della cerimonia di inaugurazione dell’anno giudiziario. E mentre due toghe onorarie di Palermo ricominciano da oggi lo sciopero della fame, dal 19 al 22 gennaio l’intera categoria incrocerà le braccia con l’astensione dalle udienze
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: Bonetti,pronti a dimissioni se continua logorio Italia
Le poltrone per le poltrone non ci interessano
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
07 gennaio 2021
15:21
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Spero che si apra presto il tavolo e arrivino risposte concrete” sul Recovery Plan,”attendiamo che questo accada” ha detto la ministra Elena Bonetti di Italia Viva, intervistata a SkyTg24 aggiungendo che “se questo non succederà, ad un logorio dell’Italia noi non ci stiamo”, “ci siamo a un lavoro serio” mentre “non ci stiamo ad occupare le poltrone per le poltrone”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Usa: Osservatore Romano, democrazia ferita
‘Chi semina vento raccoglie tempesta,trumpismo ha scavato solco’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
07 gennaio 2021
15:42
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’Osservatore Romano dedica la prima pagina all’assalto al Congresso americano e parla di “democrazia ferita”. “La politica non può prescindere dalle responsabilità individuali, soprattutto da parte di chi detiene il potere ed è in grado, attraverso una narrazione polarizzante, di mobilitare migliaia di persone.
Chi semina vento raccoglie tempesta”, scrive il giornale della Santa Sede per il quale “il trumpismo è destinato a lasciare un solco profondo nella scena politica a stelle e strisce”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Recovery: impegno fondi sale a quota 222 miliardi
A nuovi progetti vanno 143,24 mld
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
07 gennaio 2021
17:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ammontano complessivamente a 222,03 miliardi le risorse previste negli investimenti del cosiddetto Piano Recovery. Di questi 209,84 riguardano il Next Generation Eu: 66,6 miliardi sono già impegnati in progetti in essere, 143,24 su nuovi progetti.
E’ quanto emerge dalla tabella allegata al documento che il governo ha predisposto e girato ai partiti di maggioranza nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Recovery: risorse per 222,03 miliardi, la bozza sarà analizzata dal Cdm
Renzi: palla a Conte, se vuole sfidarci in Senato lo aspettiamo
e
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
08 gennaio 2021
10:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dovrebbe tenersi domani sera, intorno alle 18, la riunione del premier Giuseppe Conte con i capi delegazione di maggioranza sulla versione aggiornata del Recovery plan.
“Oggi è arrivato il documento che avevano cercato di approvare di nascosto in un Consiglio dei ministri un mese fa. Concretamente, le nostre richieste sono più soldi per la sanità che vuol dire prendere il Mes.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bisogna mettere più soldi su cultura, turismo, giovani. La next generation sono i giovani: diamogli qualcosa dopo aver chiuso le scuole”. Lo dice il leader di Iv Matteo Renzi a Tg2 Post. “Mi spiegate perché non mettete i 36 miliardi del Mes sulla sanità?”, aggiunge.

“La palla è nel campo del presidente del Consiglio. Ha detto che vuole sfidarci in Senato: noi lo aspettiamo lì. Noi siamo diversi dagli altri, non ci interessano poltrone e sgabelli”. Lo dice il leader di Iv Matteo Renzi a Tg2 Post, rispondendo a una domanda sulla crisi di governo. “Se il presidente del Consiglio vuole venire in Parlamento ci siamo, pronti a discutere”, aggiunge
Ammontano complessivamente a 222,03 miliardi le risorse previste negli investimenti del cosiddetto Piano Recovery. Di questi 209,84 riguardano il Next Generation Eu: 66,6 miliardi sono già impegnati in progetti in essere, 143,24 su nuovi progetti. E’ quanto emerge dalla tabella allegata al documento che il governo ha predisposto e girato ai partiti di maggioranza nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza in cui la quota della parte investimenti per il Sud, trasversale a tutte le missioni e i progetti previsto dal Piano Recovery del governo italiano, ammonta al 50 per cento. E’ questo – secondo quanto si apprende – il calcolo fatto dalle valutazioni congiunte del Ministero dell’Economia e del Ministero per il Sud e la coesione territoriale.
Alla sanità saranno destinati 19,7 miliardi dei fondi complessivi del Next Generation EU. Di questi 18 miliardi sono a valere sul Recovery fund e 1,7 sul React Eu. La missione si articola in due componenti: “Assistenza di prossimità e telemedicina” a cui sono destinati 7,9 miliardi in totale e “innovazione dell’assistenza sanitaria” che assorbirà 11,8 miliardi. Nella prima versione del piano alla sanità erano destinati 9 miliardi di euro. All’assistenza della rete sanitaria territoriale – importante ad esempio per il tracciamento del Covid e per la distribuzione dei vaccini – e della telemedicina saranno destinati 7,5 miliardi dei fondi del Recovery. Per questa voce lo stanziamento è stato aumentato di quasi tre miliardi rispetto agli iniziali 5 miliardi.
Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza predisposto dal governo, integrato con gli altri fondi europei di Coesione e di React Eu, porta la quota di investimenti previsti al 70% e “assicurerebbe, secondo stime in corso, un impatto sul Pil di circa 3 punti percentuale e un incremento occupazionale superiore a quelli precedentemente stimato”. Il piano precedente prevedeva una crescita aggiuntiva di 2,3 punti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Salgono a 32 miliardi le risorse stanziate da Recovery Plan per le Infrastrutture per una mobilità sostenibile. Nello specifico, si tratta di 28,3 miliardi per la prima componente, Alta velocità di rete e manutenzione stradale 4.0, e 3,7 miliardi per la seconda componente, Intermodalità e logistica integrata. Si tratta di una mole di risorse superiore rispetto ai 27,7 miliardi della bozza del piano di dicembre.
Il piano Recovery al quale il governo, sta lavorando con l’obiettivo di aumentare il volume degli investimenti “può prevedere, in alcuni ambiti (politiche industriali per le filiere strategiche, miglioramento dei servizi turistici e infrastrutture di ricettività, economia circolare, housing sociale), l’utilizzo di strumenti finanziari che consentano di attivare un positivo effetto leva sui fondi per facilitare l’ingresso di capitali privati (equity o debito), di altri fondi pubblici o anche di una combinazione di entrambi (blending) a supporto delle iniziative di investimento”. “In questa prospettiva – viene spiegato – l’intervento pubblico può assumere la forma di una garanzia su finanziamento privato oppure di una copertura dell’eventuale prima perdita dell’investimento azionario finalizzato alla realizzazione di specifici progetti”.
Digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura: è questa la prima missione del nuovo Pnrr messo a punto dal governo e a cui saranno destinati complessivamente 45,9 miliardi. Si articola in tre componenti: “digitalizzazione, innovazione e sicurezza nella PA” che potrà contare su 11,3 miliardi, “digitalizzazione, ricerca e sviluppo e innovazione del sistema produttivo” (in cui rientra Transizione 4.0), con una dotazione di circa 26,6 miliardi, e “turismo e cultura” con 8 miliardi. Questa voce è “significativamente rafforzata” rispetto alla dotazione precedente di circa 3 miliardi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Aumenta la dotazione per la scuola nel Recovery Fund. Nell’ultima bozza si parla di oltre 20 miliardi destinati alla ‘missione Istruzione’. In particolare, sarebbero previsti oltre 6,8 miliardi per l’edilizia scolastica e oltre 14 per tutti gli altri capitoli fra cui accesso all’istruzione, potenziamento della didattica, percorsi professionali e Its.
Scendono a 69 miliardi i fondi destinati alla rivoluzione verde e alla transizione ecologica. Il nuovo Piano ‘taglia’ di circa 5 miliardi il precedente stanziamento di 74 miliardi di euro riservato alla missione green del Recovery plan. Quattro le componenti: “agricoltura sostenibile ed economia circolare” (5,5 miliardi), “energia rinnovabile, idrogeno e mobilità sostenibile” (18,2 miliardi), “efficienza energetica e riqualificazione degli edifici” (30,7 miliardi) e “tutela del territorio e della risorsa idrica” (14,5 miliardi).
Previsti nuovi progetti per la messa in sicurezza e il monitoraggio digitale di viadotti e ponti stradali nelle aree del territorio che presentano i maggiori problemi. Le risorse stanziate per questa voce, nell’ambito degli stanziamenti per le Infrastrutture, sono pari a 1,6 miliardi. Sul fronte ferroviario, invece, è previsto un “consistente intervento” sulla rete, pari a 26,7 miliardi, che è stato “ulteriormente potenziato nel Mezzogiorno grazie al supporto dei fondi Fsc”. Sul fronte dell’intermodalità, poi, è previsto un “cronoprogramma nazionale per gli investimenti per la logistica e la digitalizzazione dei porti, a partire da Genova e Trieste”, e per il rinnovo delle flotte portuali e dei mezzi di terra e la navigazione fluviale. La componente – si precisa – è stata “potenziata per finanziare investimenti nei porti del Sud, mentre sono stati eliminati gli incentivi al rinnovo delle flotte e del parco veicolare”.
Sono più che raddoppiati i fondi destinati al turismo dal Recovery Plan. Lo stanziamento totale per la componente Turismo e cultura ammonta a 8 miliardi, più del doppio rispetto ai 3,5 miliardi della bozza del piano del 30 dicembre.
Donne, giovani e Mezzogiorno sono priorità trasversali contenute in tutti gli obiettivi del l Piano Recovery al quale sta lavorando il governo e che saranno misurati negli impatti macroeconomici, occupazionali e di indicatori BES. “Tali priorità – è scritto – non sono affidate a singoli interventi circoscritti in specifiche componenti, ma perseguite in tutte le missioni del PNRR. Ogni missione, infatti, deve esplicitare le linee di riforma e di intervento mirate al perseguimento delle tre priorità trasversali, anche attraverso la definizione ex ante e la misurazione dei risultati attesi”.
“La bozza di PNRR sarà analizzata nel prossimo Consiglio dei Ministri e costituirà la base di discussione per il confronto con il Parlamento, le Istituzioni regionali e locali, le forze economiche e sociali, il Terzo Settore e le reti di cittadinanza, ai fini dell’adozione definitiva del Piano ‘Next Generation Italia'”.
“Il presente documento costituisce una sintesi delle attività di rielaborazione della bozza di Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr). È il risultato del lavoro svolto dal Governo nel confronto con le forze politiche di maggioranza, che si è intensificato nelle ultime settimane anche attraverso l’elaborazione di osservazioni e proposte di modifica alle bozze di lavoro preliminari. È un documento di lavoro interno al Governo, per favorire il raggiungimento dell’accordo politico sulle modifiche alla bozza di Pnarr. Lo sforzo compiuto è di rendere più chiara, alla luce delle novità intervenute, la visione dinsieme della strategia di investimenti e riforme del Piano”. Lo si legge nelle premesse della nuova bozza di Recovery plan, inviata dal governo ai partiti di maggioranza.
“Abbiamo avuto poco fa le 13 cartelle del Recovery, che approfondiremo e poi diremo quello che va bene o meno”. Lo dice al Tg4 il ministro delle Politiche agricole, Teresa Bellanova. Alla fine del prossimo Consiglio dei ministri “uscirò ancora ministro se arriveranno risposte – ha aggiunto – . Altrimenti Conte si trovi i responsabili; io farò la senatrice di opposizione per migliorare il Paese”.
Il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, a quanto si apprende da fonti di maggioranza, ha avuto ieri incontri riservati in videoconferenza con Pd, M5s, Leu, per illustrare i contenuti della bozza aggiornata del Recovery plan. Un incontro, nelle intenzioni del governo, avrebbe dovuto esserci anche con Italia viva, ma Iv chiede prima di qualsiasi colloquio di ricevere e leggere il testo. Di qui la situazione di stallo. Dopo gli incontri con i partiti avrebbe dovuto esserci il confronto a livello di governo in una riunione di Conte e Gualtieri con i capi delegazione, in preparazione del Cdm. Ma ad ora nessuna riunione è convocata. Negli incontri informali avuti ieri dal ministro Roberto Gualtieri, a quanto confermano diverse fonti, il documento non è stato consegnato alle delegazioni. A un incontro analogo per un primo confronto erano stati invitati, viene spiegato, anche i renziani che però hanno chiesto di ricevere prima il testo.
“Grande irritazione” in Italia Viva dopo le dichiarazioni del vicesegretario Pd Andrea Orlando che stamani a Omnibus ha confermato di aver partecipato ieri ad una riunione col ministro Gualtieri sul nuovo testo del Recovery Plan. Queste dichiarazioni, dicono fonti di Iv, “parrebbero confermare che c’è una maggioranza nella maggioranza”. La ministra Teresa Bellanova si sarebbe detta “sconcertata e irritata per un metodo molto poco istituzionale e per nulla teso a quella pari dignità politica più volte sollecitata. Ancor più sconcertata da voci abilmente diffuse di una convocazione di Iv alla riunione di ieri, mai arrivata”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Conte: ‘Violenza incompatibile con il diritto e la democrazia’
Condanna unanime a Roma. Di Maio: ‘Attacco alla libertà del popolo americano’. Salvini: ‘No a violenza’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
06 gennaio 2021
23:17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Seguo con grande preoccupazione quanto sta accadendo a Washington. La violenza è incompatibile con l’esercizio dei diritti politici e delle libertà democratiche.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Confido nella solidità e nella forza delle Istituzioni degli Stati Uniti”. Lo scrive su Twitter il premier Giuseppe Conte. “Quanto sta accadendo a Washington in queste ore è gravissimo. Un vero e proprio sfregio alla democrazia, un attacco alle libertà del popolo statunitense. Condanniamo con forza ogni forma di violenza, nell’auspicio che ci sia quanto prima un passaggio di poteri ordinato e pacifico”. Lo scrive su Twitter il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.
Condanna unanime e bipartisan da parte della politica italiana nei confronti delle violenze portate avanti dai manifestanti che hanno invaso Capitol Hill gettando la capitale americana in un clima da guerra civile. Matteo Salvini, considerato insieme alla presidente di FdI Giorgia Meloni il leader più vicino a Donald Trump ha preso le distanze via Twitter: “La violenza non è mai la soluzione, mai. Viva la Libertà e la Democrazia, sempre e dovunque”. Sul fronte di Fratelli d’Italia, Guido Crosetto, ricorda che “in nessuna democrazia si può accettare un attacco al Parlamento”. Sempre sul fronte del centrodestra, il leader di Cambiamo e Presidente della Liguria, Giovanni Toti fa autocritica: “Desolante spettacolo in America. In democrazia i risultati si accettano, anche se non si condividono. Avrei votato per Trump. Oggi mi tocca dire: sbagliando”. Nel centrosinistra Nicola Zingaretti osserva che quelle di Washington sono “immagini drammatiche, che mai avremmo pensato di vedere. Tutti a difesa e vicini alla forza della democrazia americana, per difenderla da questi fatti gravi. Il riconoscimento del voto popolare e degli avversari politici va sempre rispettato. E’ la dimostrazione di dove portano gli estremismi: queste scene – aggiunge il segretario dem – sono figlie di chi ha voluto soffiare sul fuoco per mesi. Vicinanza alla democrazia americana”. Il ministro per gli Affari Europei Enzo Amendola cita una frase di JFK in un tweet in cui posta la foto di un manifestante pro-Trump seduto sullo scranno di Mike Pence in Congresso. “Nel passato – è il suo commento – chi ha cercato stupidamente di ottenere il potere cavalcando la tigre ha finito per esserne divorato”. Anche l’ex premier Enrico Letta attacca frontalmente Trump: “Quel che sta succedendo al Capitol Building di Washington è la dimostrazione che Trump è un golpista. Come tale andrebbe trattato”. Infine, per Pietro Grasso (Leu), le immagini che arrivano da Washington “sono gravissime”. “Il Parlamento è un tempio della democrazia: è triste e preoccupante vederlo assaltato da moltissime persone fomentate da un uomo, Donald Trump, che ancora oggi ricopre l’incarico più prestigioso della nazione, quello di presidente degli Stati Uniti. Ora, addirittura, gli spari dentro Capitol Hill. Sarà difficile guarire le ferite profonde dell’America: serviranno le energie migliori del Paese. Quanto sta avvenendo è un monito e un avvertimento. Per tutti noi”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Recovery: superbonus fino al 2022, nessuna nuova proroga
La proroga del superbonus non si estende oltre quanto previsto nella legge di bilancio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
07 gennaio 2021
18:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La proroga del superbonus non si estende oltre quanto previsto nella legge di bilancio. L’ultima bozza del Recovery plan inviato dal governo ai partiti prevede infatti “l’estensione della misura del superbonus del 110% al 31 dicembre del 2022 per il completamento dei lavori nei condomini e al 31 dicembre del 2023 per gli IACP e per gli interventi di messa in sicurezza antisismica”, così come stabilito nella manovra.
Il superbonus rientra nel capitolo “Efficienza energetica e riqualificazione degli edifici” della missione “Rivoluzione verde e transizione ecologica”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Recovery: impegno fondi sale a quota 222 miliardi
A nuovi progetti vanno 143,24 mld
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
07 gennaio 2021
17:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ammontano complessivamente a 222,03 miliardi le risorse previste negli investimenti del cosiddetto Piano Recovery. Di questi 209,84 riguardano il Next Generation Eu: 66,6 miliardi sono già impegnati in progetti in essere, 143,24 su nuovi progetti.
E’ quanto emerge dalla tabella allegata al documento che il governo ha predisposto e girato ai partiti di maggioranza nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Inail, riaperture rischiose anche con Rt sotto 1
Studio con Iss e Fbk, se incidenza resta alta
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
08 gennaio 2021
10:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le riaperture sono rischiose se l’incidenza del contagio da Covid resta alta anche se l’Rt è minore di 1. Lo si legge in uno studio FBK-Iss-Inail pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences of the Us (Pnas) sulla prima ondata del virus.
“Allentare le restrizioni quando l’incidenza delle infezioni è ancora alta – si legge – può portare a un rapido nuovo picco dei casi, e quindi dei ricoveri, anche se l’Rt è inferiore a 1. Nello studio è stato usato un modello di trasmissione del virus per stimare l’impatto di diverse strategie di mitigazione, introducendo anche la stima del rischio nei diversi settori.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Istat: a novembre disoccupazione cala a 8,9%, giovani 29,5%
Risalgono occupati ma da febbario -300mila e +340mila inattivi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
08 gennaio 2021
11:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A novembre 2020 il tasso di disoccupazione scende all’8,9% (-0,6 punti rispetto al mese di ottobre) e tra i giovani al 29,5% (-0,4 punti). Lo comunica l’Istat, sottolineando il forte calo del numero di persone in cerca di lavoro che risulta -7,0%, pari a -168mila unità, nel confronto mensile, mentre nell’arco dei dodici mesi raggiunge -10,3%, pari a -256mila unità.

Dopo la sostanziale stabilità di ottobre, tornano a crescere gli occupati, che registrano un +0,3%, pari a +63mila unità, rispetto al mese precedente. Su base annua, si continua invece a registrare un calo che risulta dell’1,7%, pari a -390mila unità.
Rispetto a febbraio 2020, e quindi all’impatto del Covid, i livelli di occupazione e disoccupazione risultano “inferiori rispettivamente di 300 mila e di oltre 170 mila unità, mentre l’inattività è superiore di quasi 340 mila unità”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Recovery: oltre 20 mld per l’istruzione
Aumenta la dotazione, si partiva da 14 mld
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
07 gennaio 2021
21:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Aumenta la dotazione per la scuola nel Recovery Fund. Secondo quanto si apprende, nell’ultima bozza si parla di oltre 20 miliardi destinati alla ‘missione Istruzione’.
In particolare, sarebbero previsti oltre 6,8 miliardi per l’edilizia scolastica e oltre 14 per tutti gli altri capitoli fra cui accesso all’istruzione, potenziamento della didattica, percorsi professionali e Its. La cifra inizialmente prevista era di circa 14 miliardi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: in Lombardia superiori in Dad fino a 24/1
‘Valutazioni condivise con il Cts regionale’
e
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
07 gennaio 2021
19:32
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Si svolgeranno fino al 24 gennaio le lezioni a distanza per gli studenti delle scuole superiori in Lombardia. “Preso atto – si legge in una nota della Regione – delle valutazioni e delle risultanze di carattere sanitario, connesse all’attuale diffusione del Covid, condivise con il Comitato Tecnico Scientifico lombardo, Regione Lombardia ha assunto l’orientamento di proseguire le lezioni per le scuole secondarie di secondo grado con la didattica a distanza al 100%”.
“La decisione – prosegue la nota – verrà formalizzata con un’ordinanza e resterà in vigore fino al 24 gennaio”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gestori: tante incertezze sull’apertura degli impianti di sci il 18 gennaio
Anef, ‘tra le incognite anche la mobilità tra regioni’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
AOSTA
07 gennaio 2021
16:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sull’apertura dello sci il 18 gennaio ci sono ancora “tante, ma tante incertezze”. Lo spiega Valeria Ghezzi, presidente dell’Anef, associazione nazionale che riunisce i gestori funiviari.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ipotizziamo che il protocollo di sicurezza venga approvato dal Cts in tempo utile e che il Governo confermi la data di apertura per il 18 e non la rinvii per la crescita dei contagi, si potrebbe pensare di aprire il 18 gennaio”, spiega. “Ma rimane l’incognita della mobilità tra le regioni anche nei week end – aggiunge Ghezzi – che interessa soprattutto la Valle d’Aosta, il Trentino e l’Alto Adige, dove le persone devono poter arrivare”.
Gestori in Valle d’Aosta: incerta l’apertura il 18 gennaio – “C’è un’evoluzione che non sappiamo dove possa andare, servono certezze sulle aperture e sui ristori”. E’ l’appello dell’associazione che riunisce le società di gestione degli impianti da sci in Valle d’Aosta, in vista dell’apertura della stagione invernale posticipata al 18 gennaio: “Bisognerà vedere che cosa succede in quella data, con i tempi che corrono c’è estrema incertezza”, spiega Ferruccio Fournier, presidente dell’Associazione valdostana impianti a fune cui aderisco, tra gli altri, Courmayeur, Cervinia, Monterosaski, La Thuile e Pila. “Gli impianti sono abbastanza pronti, – spiega – la neve c’è, ma c’è il problema delle assunzioni degli stagionali, c’è da mettere in piedi l’organizzazione delle aziende per adattare le procedure al protocollo di sicurezza, su cui le società hanno già le idee chiare; per poter aprire abbiamo bisogno di saperlo una settimana prima”. La maggiore incognita riguarda la mobilità tra regioni: “Non possiamo permetterci di far girare gli impianti solo per gli sciatori della Valle d’Aosta”, spiega Fournier. Il comparto fattura nella regione alpina tra i 70 e gli 80 milioni di euro a stagione e impiega circa mille persone, di cui poco meno di 400 a tempo indeterminato, i restanti sono precari stagionali. “La battaglia che stanno conducendo le Regioni si sta scontrando contro un muro: anche se dovessimo aprire – prosegue il presidente dell’Avif – ci sarà comunque una botta economica a causa dell’assenza degli stranieri, mentre dallo Stato non arriva alcuna notizia sui ristori se non delle rassicurazioni estremamente generiche”.
Sindaco Val Susa a ministri, incertezza insostenibile – L’incertezza sugli impianti sciistici “è insostenibile” perché per molti paesi di montagna lo sci “è l’unica fonte di sostentamento”. Lo scrive, in una lettera ai ministri Speranza, Franceschini e Spadafora e al governatore del Piemonte Cirio, il sindaco di Sauze d’Oulx, rinomata stazione invernale della Valle di Susa (Torino), Mauro Meneguzzi. “A distanza di 10 mesi dalla sospensione dell’attività – ricorda Meneguzzi -, contrariamente a quanto avvenuto, ad esempio, negli Stati Uniti o in Svizzera, non è stato ancora possibile definire delle linee guida che permettano la convivenza dell’attività sciistica all’aperto con l’evoluzione della diffusione del virus. Vediamo quotidianamente ad esempio, nei centri urbani, soprattutto nei grandi centri commerciali, numerosissimi assembramenti di persone, a breve avremo sotto gli occhi i grandi affollamenti di studenti all’ingresso ed uscita dalle lezioni, ci chiediamo perché lo sci debba restar al palo”.
Il Sindaco Meneguzzi non nega “la gravità della situazione sanitaria”, ma chiede “però chiarezza nelle decisioni e soprattutto una progettualità in prospettiva, finalizzata ad una ripresa in tempi, magari lunghi, ma certi. Non possiamo accettare questo pantone di colorazioni, che variano ad intervalli di pochi giorni: impedisce una qualsiasi programmazione”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lombardia: Fontana, Gallera fuori dalla giunta
‘Ha svolto lavoro molto pesante e ha condiviso avvicendamento’
e
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
08 gennaio 2021
12:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Giulio Gallera non avrà alcun incarico nella nuova giunta della Lombardia. E’ quanto ha spiegato il presidente della Regione Attilio Fontana.

“Giulio Gallera ha svolto un lavoro molto pesante, era particolarmente stanco e quindi ha condiviso l’avvicendamento”, ha detto Fontana.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lombardia: Fontana, Moratti vicepresidente e assessore
Entrano in giunta due deputati della Lega, Locatelli e Guidesi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
08 gennaio 2021
12:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Letizia Moratti sarà vicepresidente e assessore al Welfare nella nuova giunta della Lombardia. E’ quanto ha detto il presidente della Regione Attilio Fontana.

Assieme a Letizia Moratti, entrano in giunta anche due deputati della Lega che hanno fatto parte del primo governo Conte e cioè l’ex ministro per la Famiglia Alessandra Locatelli e l’ex sottosegretario ai rapporti con il Parlamento Guido Guidesi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Accordo Lombardia-medici di famiglia per fare vaccino
Corti(Fimmg), obiettivo 5 milioni persone per fine ottobre
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
08 gennaio 2021
11:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I medici di famiglia aiuteranno nella campagna di vaccinazione anti-Covid in Lombardia. E’ stato siglato questa mattina infatti l’accordo tra la Regione e le principali organizzazioni sindacali dei medici di medicina generale (Fimmg e Snami).
Il loro impegno, che sarà su base volontaria, partirà “non appena sarà disponibile il vaccino di Moderna e l’obiettivo è di arrivare a vaccinare entro fine ottobre circa 5 milioni di Lombardia”, precisa Fiorenzo Corti, vicesegretario nazionale della Fimmg (Federazione italiana medici medicina generale).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bonaccini: ‘Pronti a fare i vaccini anche di notte’
‘La terza ondata non è esclusa, tenere comportamenti adeguati’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
08 gennaio 2021
09:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’Italia si sta comportando bene” sulla prima fase dei vaccini e “da marzo sarà la vera sfida”, ha detto a Mattino 5 il presidente della Regione Emilia-Romagna e Stefano Bonaccini. Secondo cui è necessario “coinvolgere i medici di base per ampliare la platea vaccinale”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Per Bonaccini “si è detto che a fine anno si avrà l’immunità di gregge, ma io penso che si possa avere parecchi mesi prima e noi come Emilia-Romagna vogliamo essere pronti a raddoppiare o triplicare” il numero di dosi somministrate. “Ho detto ai direttori delle Asl di tenerci pronti anche per aperture notturne, se serve”, ha aggiunto. “Sui vaccini voglio avere fiducia. Ieri risultavamo la Regione con il più alto indice di rapporto per mille abitanti. Mi interessa poco la classifica, ieri abbiamo superato i diecimila”, ha aggiunto Bonaccini. Il presidente ha definito “ottima notizia” quella sull’approvazione del vaccino di Moderna, “e poi ce ne aspettiamo altri”. Da marzo, dunque, “bisognera fare bene i compiti, organizzare al meglio tutto. Essere bravi, veloci. E’ chiaro che serve un numero di vaccini adeguato. E’ nel flusso di trasferimento, distribuzione e vaccinazione che può andare al meglio una macchina che sta cominciando ad essere oliata veramente alla grande”. “Ci aspettiamo poi un aiuto di personale sanitario aggiunto. Le Regioni lo hanno chiesto al Governo, il commissario Arcuri ha fatto un bando e arriverà nelle prossime settimane”, ha concluso.
“In tutta Europa – prosegue Bonaccini – ci sono situazioni addirittura più pesanti dell’italia. La terza ondata non è esclusa e per combattere la pandemia economica e sociale bisogna che sconfiggiamo quella sanitaria. Serve che i comportamenti siano il più adeguati possibile”.  “Ieri, parlando, con gli epidemiologi – ha aggiunto – mi dicevano che in questo momento ci sono molti focolai familiari”, probabilmente conseguenza di pranzi e cene durante le festività.
“Noi, tra gennaio e febbraio, in parte direttamente come Regione, in parte con le camere di commercio per essere più rapidi, mettiamo in aggiunta alle risorse dello Stato 40 milioni di euro, di cui 22 solo ai bar e ai ristoranti. E gli altri alle attività come palestre, piscine, discoteche, spettacoli viaggianti, maestri di sci. Stiamo pensando di aggiungere ulteriormente”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Governo verso la conta. Bellanova: ‘Vogliamo segnali chiari’
‘Nessuno è insostituibile, neanche il presidente del Consiglio’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
08 gennaio 2021
12:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A un passo dal baratro: la rottura e la conta, in Aula al Senato. Si trova lì, il governo Conte 2.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La crisi si avvita: la nuova bozza di Recovery plan, inviata ai partiti dopo ore di tensione e “irritazione” tra Iv e gli alleati, non sembra soddisfare Italia viva. E come una partita a poker, dopo la disponibilità al dialogo e al rimpasto data da Giuseppe Conte, Matteo Renzi prova a rilanciare e lasciare al premier il cerino della crisi.
“Noi – dice il ministro e capodelegazione Iv Teresa Bellanova a Omnibus su La 7 – stiamo facendo grande sforzo perchè per me il tempo è già finito. Ora bisogna dire che cosa si vuole fare: Conte vuole misurarsi con la soluzione dei problemi allora non minacciasse di andare in Parlamento perchè in Parlamento bisogna andare, in Parlamento si va e si avanzano le proposte, se si ha il consenso si governo se no si passa la mano. Noi parleremo con un documento in modo che nessuno possa ricostruire retroscena. Non chiediamo posti in più ma soluzioni che non sono arrivate. Già oggi ci devono essere dei segnali molto chiari.  Si cominci a scendere dal piedistallo. Qui nessuno è insostituibile, non lo sono io, non lo è Iv, non lo è neanche il presidente del Consiglio. Anche il Pd ha posto problemi poi se si vuole derubricare tutto perché si vuole isolare Renzi, facciano i loro giochetti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Anche Zingaretti in passato al tavolo con Crimi e Conte ha messo dei punti al tavolo per un un impianto programmatico. Ora sono risolti tutti i problemi?”.
I pontieri sono al lavoro per aprire davvero il tavolo del confronto. Ma il tempo corre: una riunione di Conte con i capi delegazione venerdì sera dovrebbe siglare l’intesa sulla bozza del Recovery plan da portare in Consiglio dei ministri nelle ore successive, probabilmente sabato. Solo dopo si aprirebbe – questa la “road map” condivisa da Conte, Pd, M5s e Leu – il tavolo sugli altri temi del programma di governo e la trattativa per il rimpasto. Ma Renzi vuole vedere tutte le carte insieme e vuole che Conte molli la delega ai Servizi e riparta da dimissioni e un Conte ter. Un iter cui Conte non è disponibile. Se sul Recovery Iv romperà, osservano i contiani, che al dialogo offerto dal premier è stato Renzi a chiudere. A questa dinamica assiste il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in questa fase osservatore di una crisi che non è nelle sue mani. Il momento storico, con la pandemia che morde e il rilancio da preparare, sconsiglierebbe di aprire una crisi di governo. Ma se accadesse, in ambienti parlamentari escludono che al capo dello Stato possa essere gradito un governo che nasca con il solo scopo di evitare le elezioni. Lo dice anche Andrea Orlando, dal Pd, che sulle spalle di un gruppo di responsabili – ognuno mosso dai suoi interessi – nascerebbe una maggioranza “friabile”. Un esperimento del genere, scommettono i più, avrebbe vita breve e difficile, a partire dalle commissioni. Nicola Zingaretti nelle prossime ore alla direzione del partito dovrebbe indicare l’obiettivo di un vero rilancio, su programma e Recovery. Ma i Dem avvertono Renzi che non farebbero “barricate” contro la nascita di un esperimento del genere: Goffredo Bettini definisce Conte il “pilastro” dell’alleanza giallorossa, se cade lui si va alla conta in Aula e poi eventualmente al voto. Larghe intese con Lega e Fdi non sono possibili, assicurano i Dem.
E anche tra le fila M5s sembra prevalere il ‘partito’ filo-premier. Gli alleati scelgono Conte. A questo punto circolano voci di una spaccatura dei gruppi Iv e della nascita di un gruppo con centristi, Maie ed ex M5s. Ad ora i conti non tornano, ma almeno tre renziani avrebbero bussato alla porta Pd e i contatti tra Renzi e Berlusconi per preparare soluzioni alternative non sarebbero andati a buon fine. Uno scenario di unità nazionale potrebbe essere sostenuto dal Cavaliere e anche dalla Lega, osservano fonti di opposizione, ma il Pd si è messo di traverso e anche Fdi potrebbe non starci. E’ in questo clima che si prova a confrontarsi sul Recovery plan. Un lungo tira e molla si protrae per ore, con il rifiuto di Iv di incontrare il ministro Roberto Gualtieri, che mercoledì aveva visto Pd, M5s e Leu, prima di aver letto la nuova bozza del Recovery.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nucleare: tutti i no della Sardegna dal 2011,plico a Governo
Comitato Nonucle avvia mobilitazione contro deposito nell’Isola
e
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
08 gennaio 2021
12:47
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Hanno raccolto tutti gli atti ufficiali che negli ultimi anni hanno detto che la Sardegna non vuole diventare la ‘pattumiera’ dei rifiuti nucleari prodotti in Italia. Poi li hanno messi in un plico: dai risultati del Referendum del 2011 ai pronunciamenti dei Consigli comunali e della Conferenza episcopale.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E questa mattina, nonostante la pioggia, il Comitadu NonucleNoscorie era negli uffici della sede di rappresentanza del Governo, in piazza del Carmine a Cagliari, per consegnare la documentazione.
“È la dimostrazione che la Sardegna ha sempre dichiarato in tutti i modi di non volere questo deposito – spiega Bustianu Cumpostu, uno dei portavoce del movimento che ha ripreso la battaglia dopo la pubblicazione della mappa dei siti potenzialmente idonei allo smaltimento delle scorie radioattive – Stasera – annuncia – consegneremo le nostre bandiere ai sindaci che si sono dati appuntamento a Mandas. La lotta è appena cominciata”.
Per l’occasione sono state rispolverate proprio le bandiere del Referendum del 2011 e molti manifestanti hanno indossato la maglietta gialla simbolo, allora come oggi, del Comitato.
Una delegazione è stata poi ricevuta nel palazzo a due passi da via Roma. La richiesta è stata quella di trasmettere il plico a Roma, anche se i documenti sono stati comunque inviati alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e alla Presidenza della Comunità Europea. Gli atti sono relativi al Referendum del 2011, alle leggi e ordini del giorno regionali, alle delibere dei Comuni e delle Province, alla determinazione della Conferenza Episcopale Sarda. Per i prossimi giorni il Comitato, “considerato l’allarme che ha suscitato la minaccia nucleare che la Sardegna sta subendo, si riserva, a seconda dell’evolvere della questione, di chiamare il popolo sardo a mobilitazioni di massa nel non rispetto delle norme restrittive anti Covid imposte dai Dcpm”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: Fassina, umiliante farsi dettare agenda da Renzi
Non si governa sotto ricatto linea iperminoritaria
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
08 gennaio 2021
12:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Cari Movimento 5 Stelle e Pd, è umiliante, oltre che perdente, farsi dettare l’agenda politica e programmatica da Matteo Renzi che fuori dal Palazzo vale meno di Liberi e Uguali. Non si governa sotto ricatto di una linea iper-minoritaria.
Le elezioni sono il male minore”.Lo scrive su Twitter il deputato di LeU Stefano Fassina.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Salvini,squallido Conte cerchi parlamentari per salvarsi
Leader Lega, attaccato al telefono promette mari e monti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
08 gennaio 2021
12:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Mi risulta che ci sia Conte attaccato al telefono che promette mari e monti: diciamo che un presidente del Consiglio con una campagna vaccinale partita con difficoltà e con una situazione economica preoccupante a Palermo come a Milano che passi il suo tempo non a risolvere i problemi degli ospedali o delle imprese ma a cercare parlamentari per salvare la sua poltrona è squallido”. Così il leader della Lega, Matteo Salvini, a Palermo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: D’Incà positivo, sta bene e senza sintomi
Controllo di routine il 5 gennaio, oggi l’esito positivo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
08 gennaio 2021
11:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà è positivo al Covid. Il 5 gennaio, viene spiegato, il ministro si è sottoposto a un tampone: un controllo di routine a scopo precauzionale, dal momento che D’Incà non aveva alcun sintomo riconducibile al Covid.
Oggi è arrivato l’esito: il ministro risulta positivo al Covid. Per questo sono scattate immediatamente le procedure di profilassi.
Il ministro – rende noto il suo ufficio stampa – sta bene, non ha alcun sintomo, si atterrà scrupolosamente alle indicazioni dell’autorità sanitaria competente.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mes: Crippa, M5S fermamente contrario
Non è conveniente dal punto di vista economico
e
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
08 gennaio 2021
11:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ribadiamo che, il MoVimento 5 Stelle, è fermamente contrario all’attivazione del Mes”. E’ quanto ha affermato il capogruppo del MoVimento 5 Stelle alla Camera, Davide Crippa, nel corso del suo intervento ad “Agorà”.

“Ci sono diverse ragioni che supportano questa nostra posizione – ha aggiunto – anche in base all’evidenza degli accadimenti. La modalità, infatti, con cui i Btp di Stato sono stati messi all’asta, ed hanno ottenuto degli ottimi risultati, rispetto ai tassi d’interesse, fa comprendere, se ce ne fosse ancora bisogno, che non è conveniente anche dal punto di vista economico seguire quel percorso”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: P.Chigi, oltre 400mila vaccinati ad oggi in Italia
Diffuso l’ultimo aggiornamento sulle somministrazioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
7 gennaio 2021
23:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono state effettuate 400.302 somministrazioni di vaccino anti-Covid ad oggi in Italia. E’ quanto fanno sapere fonti di Palazzo Chigi.
Le donne che hanno ricevuto il vaccino sono 246.910, gli uomini 153.392.

La Tua opinione è importante! Vota questo articolo, grazie!
No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.