Politica tutte le notizie Tutti i fatti gli avvenimenti gli approfondimenti i retroscena del Mondo Politico! INFORMATI!
Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 62 minuti

Ultimo aggiornamento 14 Aprile, 2021, 21:18:05 di Maurizio Barra

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 13:10 DI MARTEDì 13 APRILE 2021

ALLE 21:18 DI MERCOLEDì 14 APRILE 2021

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: esercenti in piazza in 21 città. Ristoratori bloccano la A1, ‘vogliamo riaprire’. Attimi di tensione a Roma
Al Circo Massimo un gruppo di manifestanti ha tentato di raggiungere Palazzo Chigi ma la polizia li ha bloccati
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
13:10
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un gruppo di ristoratori, sotto la sigla ‘Tutela Nazionale Imprese’, ha bloccato il traffico invadendo la carreggiata all’altezza dell’austostrada Orte (direzione nord), sulla A1. I manifestanti chiedono la “riapertura delle attività” contro le limitazioni previste dalle misure anti-Covid lamentando le “difficoltà che il settore sta vivendo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I manifestanti protestano camminando tra le auto in coda ferme a causa del sit-in improvvisato. Tra gli slogan urlati: “Libertà contro la dittatura”.
Alcune centinaia i commercianti che stanno partecipando al sit in al Circo Massimo “Una volta, per tutti” organizzato dalle associazioni: Roma più bella, Ihn (Italian hospitality network), Tni Italia (Tutela nazionale imprese) e Lupe Roma. I primi ad arrivare sono stati i ristoratori maremmani che hanno appeso ad un filo mutande rotte, arancioni e gialle con accanto scritto: “L’Italia a colori ci ha lasciato in mutande ma ora basta”. Sono arrivati dalla Sicilia, da Enna, Piombino e Crema. Ci sono rappresentanti delle lavanderie industriali, di chef e cuochi che indossano il tradizionale cappello da cucina. C’è anche il movimento artisti italiani proveniente dalla Toscana. I loro slogan, ripetuti ritmicamente, sono “Lavoro, lavoro” e “Riapertura, riapertura”.
Attimi di tensione a Circo massimo al sit in di commercianti arrivati da tutta Italia. Un gruppo di manifestanti ha lasciato il presidio per tentare di andare in corteo verso Palazzo Chigi ma la polizia li ha bloccati. A far desistere il gruppo dal suo intento anche un gruppo di manifestanti che ha ribadito di “non volere atti di violenza”.
Una delegazione di cinque persone, tra i manifestanti dei commercianti, sarà ricevuta a Palazzo Chigi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lo hanno detto dal palco gli stessi promotori, suscitando anche reazioni negative tra coloro che ritengono più incisiva una ‘marcia’ collettiva fino a Palazzo Chigi.
Gli esercenti hanno manifestato in piazza in 21 città italiane, da Firenze a Napoli e Genova, in contemporanea con l’assemblea straordinaria della Fipe-Confcommercio convocata in piazza San Silvestro, a Roma. “Siamo qui per chiedere di poterci rialzare. – afferma Alessandro Cavo, giovane esercente, collegato da Genova -. Chiediamo una data per iniziare a risollevarci, troppi colleghi sono caduti, troppo i ristori promessi che non sono arrivati”.
“Lavoravo dalle 18 a notte fonda, da quando ci hanno chiuso ho fatturato il 20%, i miei dipendenti sono in cassa integrazione, prendono una miseria e la prendono anche tardi, ho provato a sostenerli il più possibile, ma ora è diventato difficile anche per me – dice Matteo Musacchi, presidente dei giovani imprenditori della Fipe, titolare di un ristorante e cocktail-bar a Ferrara -. Oltre al fatto che stare in casa senza far nulla, per chi è abituato a lavorare 15 ore al giorno porta via di testa”.
Dal palco di Roma poco prima aveva incalzato il governo, ricordando che “ieri i pub hanno riaperto e gliel’hanno detto un mese prima”. “Non ho bisogno – aggiunge – della rassicurazione ‘stiamo per programmare le aperture’, ho bisogna di sapere quando riapro”.
“Vogliamo riaprire in sicurezza, perché la risposta all’emergenza solo con ‘più chiusure’ è ormai una scelta insostenibile dal punto di vista economico e dal punto di vista sociale”. Così il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, intervenendo all’assemblea della Fipe (Federazione italiana pubblici esercizi) organizzata in Piazza San Silvestro a Roma. “Abbiamo investito nella sanificazione – ha detto Sangalli -, abbiamo accettato le regole del distanziamento, abbiamo rafforzato l’alleanza con i consumatori, abbiamo difeso i nostri collaboratori. E tutto per poter lavorare in sicurezza”. “Ci impegniamo sugli indennizzi a fondo perduto – ha sottolineato -, che non sono sufficienti e che devono essere rafforzati per dignità e per giustizia”. “Ci siamo impegnati per spostare a lungo termine tutti quei costi, oggi insostenibili, che gravano sulle imprese.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Penso alle tasse e alle tasse locali. Penso ai finanziamenti. Penso agli affitti. Penso alle bollette”, ha spiegato Sangalli.
Quando la piazza dell’assemblea degli esercenti a Roma stava smobilitando, ha tirato fuori un piccolo martello e cominciato a rompere piatti e bicchieri, richiamando l’attenzione dei presenti. “Questi sono i nostri cocci. Ho rotto gli strumenti del mio lavoro, se non mi fanno riaprire non mi servono più”. Moreno, un ristoratore toscano, ha manifestato così la sua amarezza per le restrizioni anti-Covid. L’uomo ha poi strappato una tovaglia che si era portato appresso in una borsa, aggiungendo che anche quella non gli sarebbe servita più. Al termine della protesta, ha riposto tutto e, armato di scopa, ha ripulito raccogliendo i cocci.
Secondo la Fipe 30mila imprese hanno chiuso nel 2020, altrettante potrebbero chiudere quest’anno. “Noi donne durante l’emergenza non ci siamo fermate un attimo, e ora siamo cariche per riaprire”, dice Valentina Piccabianchi imprenditrice nel campo del catering. “Il nostro settore – ricorda, Maurizio Pasca, imprenditore pugliese dell’intrattenimento e presidente Silb – è chiuso ininterrottamente da 14 mesi, dal 23 febbraio dello scorso anno, tranne quella piccola parentesi per i locali all’aperto che hanno potuto riaprire d’estate. Il 30% ha chiuso definitivamente, un ulteriore 40% è destinato a chiudere se non si riapre quest’estate. Il nostro settore è criminalizzato, siamo indicati come gli untori della pandemia, ma abbiamo chiuso il 17 agosto e i contagi sono iniziati a risalire a ottobre. Non capiamo i pregiudizi nei confronti di un settore che serve a socializzare e che vale 2 miliardi all’anno”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Giorgetti: riaperture forse in Cdm la prossima settimana
‘Presumibilmente maggio sarà un mese di riaperture’. Le Regioni: ‘Riaprire ristoranti a pranzo e a cena sfruttando gli spazi all’aperto”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
13:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La decisione sulle riaperture sarà presa probabilmente la prossima settimana dal Consiglio dei ministri”, ha detto il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, durante l’incontro al Mise con i rappresentanti di Fipe-Confcommercio, ricevuti dopo l’assemblea straordinaria organizzata in piazza San Silvestro a Roma in collegamento con 21 piazza d’Italia. Il ministro, pur precisando che non è possibile indicare con certezza una data per le riaperture, ha però sottolineato che gli indicatori stanno migliorando e che “presumibilmente maggio sarà un mese di riaperture”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Anche il ministro della Salute Roberto Speranza è dello stesso avviso.
Riaprire in sicurezza ristoranti a pranzo e a cena sfruttando gli spazi all’aperto. E’ questa l’ipotesi contenuta nella bozza delle linee guida sulle riaperture, che le Regioni – a quanto si apprende – sottoporranno giovedì al Governo alla Conferenza Stato-Regioni e che confermano le misure di protezione già in atto. Secondo il documento – che aggiorna le linee allegate al Dpcm di marzo – tali indicazioni dovranno essere compatibili col miglioramento dei dati, anche alla luce di una revisione dei parametri di valutazione. Parallelamente, si prevede anche una regolazione della ripartenza di palestre, cinema, teatri e musei.
Un gruppo di coordinamento delle Regioni sta lavorando anche ad una proposta per la revisione o aggiornamento dei parametri sulla valutazione del rischio epidemiologico attualmente in vigore. Tra le ipotesi c’è quella di inserire, tra i parametri, il numero di somministrazioni effettuate nelle singole Regioni. La prima bozza potrebbe essere presentata giovedìal Governo per un primo confronto alla Conferenza Stato-Regioni, quando dovrebbero anche essere anche presentate le linee guida sulla riapertura di attività economiche, condizionate proprio al miglioramento dei dati e alla luce di una revisione dei parametri.
“Auspico che avremo la green card a giugno, penso che sia importante perchè consente di guardare con maggiore fiducia a spostamenti e mobilità”, ha detto il ministro della salute Roberto Speranza in una intervista a Porta a Porta. “Ho proposto che al livello dei paesi del G7 – ha concluso Speranza – si possa adottare lo spesso modello quindi non solo all’interno dell’Unione ma anche all’interno dei pasi più importanti del mondo”. E’ invece “prematuro” parlare ora della riapertura delle discoteche. “Non dimentichiamo quello che è successo l’estate scorsa”, ha aggiunto.
Dai medici arriva però una raccomandanzione alla prudenza. “Un rallentamento delle restrizioni sarà possibile solo con contagi giornalieri al di sotto di 5.000 casi, mantenendo una larga capacità di testing e riprendendo il contact tracing per il controllo della diffusione dell’epidemia, i ricoveri in area Covid medica e intensiva largamente al di sotto delle soglie critiche, rispettivamente 40% e 30%, e la vaccinazione completata almeno per i soggetti fragili e gli ultra 60enni, categorie a più alto rischio di ricovero e mortalità”. Lo scrivono al governo diverse sigle sindacali mediche. Per le organizzazioni di lavoratori, “ogni prematuro allentamento delle restrizioni potrebbe mettere a rischio tanto la vita dei pazienti affetti da Covid-19”.
Entro luglio riapertura fiere internazionali  – Si è svolto questo pomeriggio, in video conferenza, un vertice sulla riaperture delle fiere internazionali in Italia. Hanno partecipato i ministro degli Esteri Luigi Di Maio, del Turismo Massimo Garavaglia, dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, della Salute Roberto Speranza e i rappresentanti di AEFI (Associazione Esposizioni e Fiere Italiane) con il Presidente Maurizio Danese e il Vice Presidente Luca Palermo. A quanto si apprende dal vertice è emersa la volontà di riaprire le fiere internazionali entro il mese di luglio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Faraone, chiedo a governo calendario riaperture
Dare certezze e proteste verranno meno
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
13:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Mi pare che ci appassioniamo troppo a dibattiti inutili: dopo le categorie professionali adesso è la volta di quelle territoriali quando è estremamente chiaro che le uniche priorità vaccinali sono l’età e le fragilità . Lo dicono i dati : l’età media dei deceduti è di 81 anni e di questi il 97% avevano patologie pregresse.
Ciò significa che noi dobbiamo mettere in sicurezza queste persone: anziani e fragili. Non ci devono essere corsie preferenziali di alcun tipo . Una volta messi in sicurezza i più fragili di fronte al Covid saremo tranquilli e questa estate ritroveremo la normalità . Chiedo al governo di individuare già oggi le date delle riaperture : siamo nelle condizioni di indicare date certe senza modificarle. Per garantire a tutti di fare investimenti per ripartire e nel frattempo ristorare chi ha perso. Se diamo adesso certezze su aperture anche le proteste verranno meno”: così il presidente dei senatori di Italia Viva Davide Faraone ad Agorà.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pd: riunione segreteria, riaprire presto e in sicurezza
E varare un decreto imprese, lavoro e professioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
13:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Riaprire il prima possibile, in sicurezza e in modo irreversibile. Varare un decreto imprese, lavoro e professioni per sostenere le attività produttive.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono queste le priorità del Partito democratico affrontate oggi nel corso della Segreteria.
Si tratta di agire, spiegano dal Nazareno, su due aspetti: uno organizzativo-sanitario, l’altro economico. Il primo deve prevedere un programma di riaperture graduale ma certo e irreversibile, collegato al raggiungimento regione per regione degli obiettivi di vaccinazione, oltre che all’andamento dei contagi. L’aspetto economico riguarda il sostegno alle attività produttive. Il Pd chiede che il nuovo scostamento di bilancio sia utilizzato per un decreto imprese, lavoro e professioni per: 1) aiutare con una nuova tornata di ristori imprese e partite IVA (con aiuti maggiori per le attività chiuse o limitate per legge); 2) compensare affitti, bollette, tasse comunali e altri costi fissi delle imprese; 3) interventi per la liquidità: proroga a fine anno della moratoria sui prestiti, allungamento da 6 a 15 anni della tempistica di restituzione dei prestiti garantiti dallo Stato; 4) aiuti per le famiglie (congedi parentali, voucher baby sitter).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Occhiuto, De Luca sbaglia, serve piano governo
Fondamentale vaccinare in modo prioritario gli over 60
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
13:17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Nelle Regione dove la struttura sanitaria è più debole, anche il piano di vaccinazione va più a rilento. E in queste Regioni spesso ci sono anche pochi posti letto per i ricoveri ordinari: abbiamo molti ospedali che sono diventati di fatto Covid Hospital e che non riescono più ad evadere le richieste per le altre prestazioni”.
Lo ha detto Roberto Occhiuto, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, intervenendo a “Coffee Break”, su La7.
“Ci deve essere chiarezza sugli obiettivi e azzerare i conflitti tra i diversi livelli istituzionali. Io trovo la posizione di De Luca un po’ fuori dal tempo che stiamo vivendo.
Noi abbiamo la necessità – soprattutto al Sud, dove abbiamo meno strutture sanitarie – di mettere in sicurezza i più fragili e gli anziani, i più esposi al rischio ricoveri e mortalità per il Covid. È fondamentale vaccinare in modo prioritario gli over 80, gli over 70 e gli over 60, solo dopo magari si potrà procedere nella direzione di immunizzare altre categorie. Ma soprattutto nelle Regioni del Mezzogiorno serve applicare puntualmente il piano del governo. Solo così il Paese può ricominciare a vivere e anche il Sud può ripartire”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dl Sostegni: De Petris, priorità aiuti affitti e spese fisse
Presentati emendamenti in Senato
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
13:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sul tema delle riaperture si fa solo molta propaganda, invece di affrontare i problemi reali. Per riaprire gli esercizi come ristoranti, bar e piscine, o almeno per riaprire senza che poi quegli esercizi debbano chiudere perché non ce la fanno economicamente, è necessario un sostegno forte sugli affitti e sui costi fissi come le utenze o l’assurdità di dover pagare la Tari anche quando i locali sono chiusi”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lo afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris.
“Abbiamo già presentato emendamenti al dl Sostegno per il credito di imposta sugli affitti e per un sostegno tangibile e significativo su tutte le spese fisse. Se i fondi a copertura del decreto non sono sufficienti, il governo deve impegnarsi ad affrontare il problema nel prossimo decreto, che sarà varato dopo l’imminente nuovo scostamento di bilancio. E’ imprescindibile che in quel dl siano inseriti i sostegni per gli affitti e le spese fisse così come i crediti per le imprese che altrimenti non ce la faranno a ripartire”, prosegue la capogruppo di LeU.
“Questa – conclude la presidente De Petris – è la nostra priorità perché questa è la priorità delle categorie che stanno soffrendo di più le conseguenze della pandemia”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: M5S, governo acceleri su scostamento e indennizzi
Occorre dare in tempi rapidi le risposte ai cittadini
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
13:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Chiediamo al Governo di accelerare con il nuovo scostamento di bilancio e di erogare indennizzi adeguati e immediati sui conti correnti di ristoratori, partite Iva, autonomi, commercianti e di tutte le categorie che stanno pagando sulla propria pelle gli inevitabili effetti delle restrizioni introdotte per contenere il contagio”. Lo affermano i deputati del MoVimento 5 Stelle in commissione Bilancio e Finanze alla Camera.

“Già è stato perso troppo tempo, occorre dare in tempi rapidi le risposte che i cittadini chiedono. Ci sono milioni di famiglie italiane in difficoltà: è prioritario intervenire subito”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio, Italia e Usa insieme per lotta a stravolgenti climatici
‘Il lavoro che stiamo facendo come Italia è molto apprezzato’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
13:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“A Washington ho avuto un incontro particolarmente cordiale con il Segretario di Stato Usa Antony Blinken, che ringrazio per l’accoglienza. Abbiamo discusso del dossier libico, di anti terrorismo e di come intensificare la nostra collaborazione per affrontare al meglio la ripresa post pandemica.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Al bilaterale ha partecipato anche l’inviato speciale per il clima del Presidente Joe Biden, John Kerry. Una delle alleanze globali di cui abbiamo bisogno è quella contro lo stravolgimento climatico”. Lo scrive su Fb il ministro degli Esteri Luigi Di Maio alla sua seconda giornata di visita a Washington.
“Abbiamo condiviso un obiettivo chiaro: avviare la transizione energetica. Che significa nuovi posti di lavoro, un pianeta meno inquinato e una qualità della vita migliore per le future generazioni. Oggi – prosegue il titolare della Farnesina – seconda e ultima giornata qui a Washington, parteciperò alle celebrazioni del 160esimo anniversario delle relazioni diplomatiche tra Italia e Usa. Tra gli appuntamenti, anche l’incontro con la speaker della Camera dei rappresentanti Usa, House Speaker Nancy Pelosi. Il lavoro che stiamo portando avanti come Italia è molto apprezzato, abbiamo la possibilità di continuare a crescere e dimostrare al mondo il nostro valore.
Forza!”, conclude Di Maio.   MONDO   ECONOMIA

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Sit in IoApro: Tajani,ora risposte concrete ma no a violenza
Solidarietà alle Forze dell’ordine che hanno gestito sicurezza
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
13:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La violenza, anche verbale, non ha nulla a che vedere con il grido di dolore dei ristoratori, che merita risposte concrete. Solidarietà a Polizia di Stato, Carabinieri e Guardia di Finanza che con grande intelligenza hanno garantito l’ordine e la pubblica sicurezza”.
Lo scrive su Twitter Antonio Tajani, Coordinatore nazionale di Forza Italia, postando un video durante la manifestazione di ieri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Inail, arrivano le indicazioni per luoghi di lavoro
Dalla garanzia di efficienza e sicurezza all’organizzazione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
14:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pubblicate le indicazioni per le vaccinazioni anti-Covid nei luoghi di lavoro, dopo il protocollo del 6 aprile. Il documento, elaborato dall’Inail insieme ai ministeri del Lavoro e della Salute, alla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome e alla struttura di supporto alle attività del commissario straordinario per l’emergenza, chiarisce i requisiti e la procedura per l’attivazione dei punti vaccinali territoriali destinati alle lavoratrici e ai lavoratori.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dal fatto che la loro istituzione nelle imprese dovrà sempre garantire i requisiti di efficacia, efficienza e sicurezza, all’organizzazione dell’attività, dalla necessità di programmare anche la seconda dose, quando prevista, al corso per la formazione del personale sanitario sulla piattaforma Eduiss.
Ai fini della istituzione dei punti vaccinali territoriali e della realizzazione della campagna vaccinale nei luoghi di lavoro sono sei i “presupposti imprescindibili” indicati: la disponibilità di vaccini; la disponibilità dell’azienda; la presenza/disponibilità del medico competente o di personale sanitario; la sussistenza delle condizioni di sicurezza per la somministrazione di vaccini; l’adesione volontaria ed informata da parte delle lavoratrici e dei lavoratori; la tutela della loro privacy.
La vaccinazione nel luogo di lavoro rappresenta, comunque, viene rimarcato, “un’opportunità aggiuntiva rispetto alle modalità ordinarie” dell’offerta vaccinale che “sono e saranno sempre garantite, nel rispetto delle tempistiche dettate dal piano nazionale di vaccinazione, qualora il lavoratore non intenda aderire alla vaccinazione in azienda”. Per assicurare “tempestività, efficacia e livello di adesione”, gli spazi destinati alla somministrazione dei vaccini in azienda, compresi quelli allestiti presso punti vaccinali territoriali approntati dalle associazioni di categoria di riferimento, potranno essere utilizzati per la vaccinazione di lavoratori appartenenti anche ad altre imprese, come quelli che “prestano stabilmente servizio” presso l’azienda utilizzatrice.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccino Johnson&Johnson, Usa chiedono la sospensione. L’azienda ritarda il lancio in Europa
Casa Bianca: ‘La pausa di J&J non peserà sul piano vaccini. Abbiamo sufficienti dosi di Pfizer e Moderna per andare avanti’. L’azienda blocca il lancio in tutta Europa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
13:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La sospensione del vaccino Johnson&Johnson sarà probabilmente una questione di giorni. Lo affermano il Cdc e la Fda, le autorità sanitarie americane.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Food and Drug Administration e i Centers for Disease Control smetteranno infatti di usare il vaccino nei siti federali e solleciteranno gli Stati a fare lo stesso in attesa delle indagini sui problemi di sicurezza. La sospensione è legata a sei casi negli Stati Uniti che hanno sviluppato una malattia rara che coinvolge coaguli di sangue nelle due settimane successive alla vaccinazione. Intanto la Johnson & Johnson, che ha consegnato oggi le sue dosi di vaccino anti-Covid anche in Europa, precisa di aver deciso di “ritardare il lancio” del proprio farmaco nel Vecchio Continente, “in un’ottica di trasparenza e in attesa delle valutazioni delle autorità sanitarie europee”.  “Stiamo rivedendo questi casi con le autorità europee e abbiamo deciso in via proattiva di ritardare le consegne all’Europa”, osserva Johnson&Johnson.
Il comitato per la sicurezza dell’Agenzia europea dei medicinali sta indagando “dalla scorsa settimana” su tutte le segnalazioni di eventi embolici nelle persone che hanno ricevuto il vaccino COVID-19 Johnson&Johnson. Lo scrive l’Ema in una nota. “Al momento – prosegue Ema – non è chiaro se esista un’associazione causale”. L’Agenzia è in contatto con la Fda statunitense e altri regolatori internazionali e “comunicherà ulteriormente una volta conclusa la valutazione”.
Prende tempo il ministro della Salute, Roberto Speranza: “Valuteremo nei prossimi giorni, appena Ema e gli Usa ci daranno notizie più definitive, quale sarà la strada migliore ma io penso che anche questo vaccino dovrà essere utilizzato perchè è un vaccino importante. Le Regioni – ha poi sottolineato – devono stare a questa impostazione perchè chi è più anziano rischia di perdere la vita”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Quanto alle riaperture, il ministro ritiene “lecito aspettarsi delle riapertura per maggio ma verificheremo i dati giorno per giorno come è giusto. L’ipotesi di lavorare in modo particolare sull’aperto personalmente mi convince molto, poi dovremo naturalmente confrontarci, ma tutti i dati indicano -ha affermato – che all’aperto c’è una minore possibilità di contagio e quindi credo che la stagione che sta arrivando potrà aiutarci a recuperare alcune attività all’aperto”.
Il direttore generale dell’ Aifa, Nicola Magrini, assicura che “il vaccino J&J e’ altamente sicuro con rapporto rischio beneficio chiaramente favorevole come è stato dimostrato dagli studi” ma ” ci sono molte similitudini con il vaccino Astrazeneca, le limitazioni sono quindi possibili e ragionevoli e sara’ probabilmente la direzione verso la quale ci si muovera’ tutti assieme. I dati parlano di rarissimi eventi, 6 casi su 7 milioni di vaccini, non modifica il rapporto beneficio rischio di questo farmaco e’ una pausa di grande cautela, forse eccessiva in fase pandemica”.
Pragmatico, invece, Anthony Fauci, il super esperto americano in malattie infettive: “I problemi dai vaccini Johnson & Johnson sono un evento estremamente raro. Ce ne sono stati sei su 6,85 milioni di dosi somministrate, il che vuole dire meno di uno su un milione”.
In Usa, tutti e sei i casi di malattia rara hanno riguardato donne di età compresa tra i 18 e i 48 anni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Una di queste è morta mentre una seconda, in Nebraska, è stata ricoverata in condizioni critiche. Finora negli Stati Uniti circa sette milioni di persone hanno ricevuto il vaccino Johnson & Johnson. “Raccomandiamo una pausa nell’uso di questo vaccino per cautela”, ha annunciato la Food and Drug Administration su Twitter.
Un morto e una persona in condizioni critiche in Usa dopo aver ricevuto il vaccino Johnson&Johnson, hanno affermato le autorità sanitarie americane illustrando il perché hanno consigliato una pausa nella somministrazione dopo aver riscontrato sei casi di problemi. I casi osservati sono “estremamente rari” ma “la sicurezza del vaccino per il Covid è una priorità per il governo federale”, spiegano il Cdc e la Fda, sottolineando che la raccomandazione di una pausa nella somministrazione è stata decisa in via precauzionale.
Dopo l’indicazione delle autorità federali statunitensi, molti stati Usa si stanno adeguando. A New York tutti gli appuntamenti già programmati per il vaccino monodose sono stati confermati ma ad essere somministrato sarà il vaccino Pfizer. Mentre nel District of Columbia, dove si trova la capitale federale Washington, gli appuntamenti per il vaccino Johnson&Johnson sono stati tutti cancellati in attesa di essere riprogrammati.
“La pausa al vaccino Johnson&Johnson non avrà un impatto significativo sul nostro piano di vaccinazioni”: gli Stati Uniti hanno sufficienti disponibilità per mantenere l’attuale velocità di vaccinazioni, ha affermato la Casa Bianca, assicurando che agli americani che si erano prenotati per il vaccino Johnson&Johnson sarà offerta un’alternativa. Gli accordi siglati con Pfizer e Moderna sui vaccini coprono, aggiunge la Casa Bianca, 300 milioni di americani.
L’Italia proprio per oggi aspetta le dosi Johnson & Johnson all’hub della Difesa di Pratica di Mare: si tratta di 184mila dosi, il primo lotto del vaccino statunitense che arriva nel nostro Paese.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Queste dosi, insieme ai circa 175mila vaccini Vaxzevria (AstraZeneca, ndr) fanno parte dei 4,2 mln di dosi che giungeranno in Italia nel periodo 15-22 aprile per entrare nella disponibilità delle Regioni. “Un film già visto, anche Astrazeneca ha avuto questo percorso, ma i vaccini sono sicuri. Non allarmiamoci, il numero dei casi sospetti di Johnson&Johnson è inferiore a quelli di Astrazeneca, ma non vuol dire che non sono sicuri, è più pericoloso non fare il vaccino”, ha detto il ministro Mariastella Gelmini a Tgcom 24 sul caso esploso negli Usa. “Ci sarà un incontro dei ministri europei della salute, ma sono sicura che sarà riconosciuto come sicuro come già successo per Astrazeneca”, ha aggiunto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Verso scostamento da circa 40 miliardi, ristori per 2 mesi. Oggi il Cdm
Risorse anche a Fondo opere escluse da Recovery, tra 20 e 30 miliardi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
11:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Altri 40 miliardi, da immettere nell’economia a stretto giro, per dare ossigeno alle imprese e preparare la ripartenza: il governo è pronto a chiedere il nuovo scostamento da circa due punti e mezzo di Pil, per garantire alle aziende la liquidità, per dare altri ristori – parametrati su due mesi anziché su uno solo – soprattutto a chi è stato chiuso per limitare i contagi – e per abbattere alcuni costi fissi, dall’Imu agli affitti, per i settori più danneggiati dall’emergenza Covid.
Lo scostamento servirà anche a finanziare il fondo per le opere escluse dal Recovery ma che si vogliono comunque includere tra quelle prioritarie per i prossimi anni. L’operazione va di pari passo alla preparazione del Documento di economia e finanza, che disegnerà la cornice macroeconomica del prossimo triennio, ma avverrà in due step: un primo Consiglio dei ministri già oggi esaminerà la relazione al Parlamento con la richiesta del nuovo extradeficit, mentre per l’ok al Def ci sarebbero ancora alcuni capitoli aperti e servirebbe un supplemento di riflessione per trovare la piena convergenza.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Si tratterebbe però, da sapere Palazzo Chigi, solo di qualche limatura. L’obiettivo resta comunque quello di chiudere questo capitolo entro la settimana, in modo da avviare l’iter per ottenere l’ok dal Parlamento e procedere con il decreto Sostegni bis. Ma anche per concentrarsi sulle ultimi dettagli del Recovery.
Il Piano di fatto si sovrappone al Piano nazionale di riforma che i governi sono chiamati ad allegare ogni anno al Def, per indicare a Bruxelles i progetti delle riforme e rispondere alle raccomandazioni della Commissione per ogni Paese. L’orientamento è quindi quello di presentare un unico documento, il Pnrr appunto, appena sarà completato e illustrato al Parlamento, entro la fine del mese. Già con la relazione al Parlamento, però, dovrebbero arrivare prime indicazioni anche sul Recovery, visto che una quota del deficit aggiuntivo andrà a creare la dote per il Fondo “complementare” al Pnrr. Si tratterà anche in questo caso di un fondo pluriennale da circa 4-5 miliardi l’anno a partire dal 2022 e un primo finanziamento, forse di minore entità, già dal 2021. In tutto si oscilla tra i 20 e i 30 miliardi, cifra delle proposte in esubero indicata dallo stesso Ragioniere generale dello Stato Biagio Mazzotta qualche giorno fa. La Ue peraltro ha posto paletti ben precisi: i progetti, ad esempio, non devono superare l’orizzonte temporale del piano – il 2026 – e i fondi comuni non devono essere utilizzati per coprire spesa corrente, strutturale. La manutenzione delle strade, ad esempio, sarebbe una delle voci in bilico che potrebbe ‘traslocare’ al Fondo ad hoc.
Anche altre voci del piano sono ancora in fase di studio (si starebbe ragionando, ad esempio, di rafforzare la dote per la banda larga), e dalla composizione dei vari capitoli di spesa dipenderà anche l’impatto positivo dei progetti sul Pil (il tendenziale dovrebbe essere fissato al 4,1% nel 2021 e al 4,3% nel 2022).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un effetto lo avranno anche i 40 miliardi di nuovi aiuti: il pacchetto di misure è ancora in valutazione, e andrà coordinato con le modifiche al decreto Sostegni 1. I senatori sono intenzionati a difendere il loro ruolo e chiedono in particolare di poter intervenire su quelle misure che non hanno bisogno di operatività immediata. Con i 550 milioni a disposizione, insomma, si potrebbe prorogare fino alla fine dell’anno l’esonero dalla tassa sul suolo pubblico per bar e ristoranti che hanno tavolini all’aperto (una delle caratteristiche che potrebbe peraltro essere valutata nel calendario delle riaperture), che costa circa 140 milioni, e vorrebbero completare l’azione sui costi fissi con lo stop anche alla seconda rata Imu per gli alberghi e l’estensione dell’esonero anche alle attività della ristorazione (che costerebbe circa altri 450 milioni). Il rinnovo del credito di imposta per gli affitti dovrebbe invece arrivare con il decreto Sostegni bis che replicherà anche i ristori per chi ha avuto perdite sostenute.
L’idea è quella di mantenere l’attuale meccanismo, che garantisce velocità nell’erogazione dei contributi grazie alla piattaforma Agenzia delle Entrate – Sogei, ma si starebbe valutando come “pesare” i nuovi ristori per vedere se si riesce a mirarli meglio verso le attività più colpite.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Abbonamento del bus gratis a Bologna per 900 senza dimora
Convenzione tra Comune e Tper per il trasporto pubblico
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
13 aprile 2021
15:16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Abbonamento gratis per il trasporto pubblico locale per 900 persone senza dimora. Sarà possibile dal prossimo mese a Bologna grazie alla convenzione tra Area welfare del Comune e Tper, che amplia i beneficiari degli abbonamenti agevolati ‘Mi muovo insieme’, In questo modo, spiega il Comune, le persone in condizione di grave marginalità potranno utilizzare liberamente i mezzi pubblici per raggiungere attività di inserimento lavorativo, inclusione e socializzazione, avendo la possibilità di esibire, in caso di verifica, un regolare titolo di viaggio personale.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I servizi sociali di Comune e Asp Città di Bologna stanno già individuando i beneficiari tra le persone in carico che hanno necessità di utilizzare gli abbonamenti nell’ambito di un percorso di inserimento sociale o lavorativo: la platea complessiva stimata è di circa 900 persone: 650 seguite dalla rete di servizi Asp per il contrasto alla grave emarginazione adulta; circa 100 in carico al Servizio sociale territoriale del Comune e 150 segnalate da Caritas, Antoniano e Opera Marella.
Gli abbonamenti verranno richiesti direttamente dagli operatori dei servizi sociali di Comune e Asp e avranno una durata di sei mesi rinnovabili per altri sei.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: ok definitivo al decreto sull’esame per avvocati
Introduce una disciplina speciale per l’abilitazione alla professione forense durante l’emergenza
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
15:25
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Via libera definitivo dell’Aula della Camera al decreto legge sullo svolgimento dell’esame per l’abilitazione di avvocato durante l’emergenza Covid-19. I voti a favore sono stati 383, quattro i contrari, due gli astenuti. Il decreto introduce una disciplina speciale per la sessione di esami di abilitazione alla professione forense.
In particolare: – le prove scritte sono sostituite da una prova orale a carattere preselettivo, propedeutica rispetto alla canonica prova orale; – nella prima prova orale il candidato, che deve essere presente nella sede d’esame insieme al segretario della sottocommissione (gli altri componenti della commissione sono collegati da remoto), è chiamato a risolvere una questione di carattere pratico-applicativo, in una materia, tra diritto civile o diritto penale o diritto amministrativo, scelta precedentemente.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il candidato, dopo aver letto il quesito, deve individuare i nodi problematici, le disposizioni applicabili, sostanziali e processuali, i principi rilevanti e gli eventuali orientamenti giurisprudenziali potendo consultare anche i codici annotati.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Per lo svolgimento della prova il candidato ha a disposizione un’ora dalla dettatura del quesito (mezz’ora per l’esame preliminare, mezz’ora per la discussione); – la seconda prova orale, per la quale ciascun candidato ha a disposizione tra 45 e 60 minuti, ha ad oggetto 5 materie, oltre a ordinamento e deontologia forense.

Il decreto prevede che in caso di positività al COVID-19 o di sintomi compatibili, quarantena o isolamento fiduciario, nonché in caso di comprovati motivi di salute, il candidato può chiedere una nuova data per lo svolgimento della prova, tramite istanza al presidente della sottocommissione, adeguatamente documentata. La prova dovrà essere svolta entro 10 giorni dalla fine dell’impedimento.
Infine, viene incrementato il numero delle sottocommissioni d’esame, ridotte numericamente da 5 a 3 componenti. Possono far parte delle commissioni d’esame, per la prima volta, i ricercatori universitari a tempo determinato (RTD-B) e i magistrati militari.
Le date delle prove saranno comunicate con un nuovo decreto del Ministero della Giustizia, entro il 12 aprile 2021.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi vede ad di Stellantis, Eni, Enel, Snam e Terna
Riunione stamattina con Cingolani, al centro transizione energia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
15:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente del Consiglio Mario Draghi, insieme al ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani, ha incontrato questa mattina a Palazzo Chigi il presidente e ad di Stellantis John Elkann e gli amministratori delegati di Eni – (Claudio Descalzi), Enel (Francesco Starace), Snam (Marco Alverà ), e Terna (Stefano Antonio Donnarumma). Nel corso della riunione sono stati affrontati i temi legati all’energia e alla transizione energetica.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio in Usa, per noi è centrale il multilateralismo
L’Italia fortemente impegnata nella Nato
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
13 aprile 2021
15:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Nella nostra politica estera è centrale il nostro sostegno al multilateralismo”: lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio intervenendo da Washington alle celebrazioni virtuali per i 160 anni delle relazioni diplomatiche tra Italia e Usa. “Intendiamo lavorare in tutti i fora multilaterali rilevanti insieme agli Usa e ai nostri partner per aumentare le ambizioni sul climate change, l’accesso ai vaccini e promuovere una ripresa economicamente e socialmente sostenibile”, ha aggiunto, dopo aver ricordato i valori condivisi da Italia e Usa.

“L’impegno dell’Italia verso la Nato resta risoluto” ha ribadito il ministro Di Maio. “Come alleati siamo risoluti nel nostro impegno a proteggere la nostra sicurezza collettiva e a lavorare insieme per mantenere la pace e la stabilità internazionale”, ha aggiunto, ricordando poi il contributo italiano alla sicurezza nello scacchiere internazionale, dall’Afghanistan alla Libia, dal Libano all’Iraq.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Denise: ex sindaco di Mazara, spero un giorno ritorni a casa
Cristaldi commenta affermazioni dell’autore foto della bimba
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
13 aprile 2021
15:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Un’altra speranza sfuma ma a me piace pensare che prima o poi Denise tornerà a casa”. L’ex sindaco di Mazara del Vallo, Nicola Cristaldi commenta così le affermazioni di stamane, alla trasmissione “Mattino Cinque” del fotoreporter Michael Biach, autore della foto diventata virale su Twitter che ritrae una bambina somigliante alla mazarese di 4 anni scomparsa nel nulla nel 2004.
Lo scatto era stato ripreso online anche dall’avvocato Frazzitta, legale della madre di Denise, Piera Maggio.
Biach spiega perché la piccola non può essere Denise: “Ho scattato la foto nell’agosto del 2012 e non nel 2004. Stavo lavorando a un articolo e ho ripreseo qualche immagine sulla situazione dei bambini che vivono nei campi rom in Slovacchia”.
Cristaldi però non dispera e aggiunge: “Mi piace questa madre che corre sempre e comunque a vedere, a indagare, a cercare perché anche questo è un modo per tenere tra noi Denise. Fino a quando la madre continua a cercare, Denise è viva perché le madri hanno il cuore negli occhi e gli occhi nel cuore…”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: provincia di Cuneo resta zona rossa
Incidenza casi è salita a 277, venerdì una nuova verifica
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
13 aprile 2021
15:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Resta in zona rossa, fino al 18 aprile, la provincia di Cuneo, l’unica del Piemonte da ieri in arancione. L’incidenza dei casi Covid non solo non è scesa sotto la soglia dei 250 per 100 mila abitanti ma è salita a 277.
Il ritorno in arancione era previsto da domani. “In linea con il nuovo decreto, la Regione – precisa una nota – si trova obbligata a prorogare la permanenza della provincia di Cuneo in zona rossa. Venerdì 16 aprile si procederà a una nuova verifica dell’evolversi della situazione, per analizzare la possibilità, in caso di miglioramento, di anticipare l’ingresso in zona arancione già dal weekend”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Recovery: Fercargo, preveda integrazione trasporto merci
Inviato position paper a governo, necessario per transizione eco
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
16:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Rilanciare il comparto ferroviario delle merci, “che rappresenta un settore chiave per la “transizione ecologica”, attraverso la revisione delle politiche nel settore dei trasporti “con la finalità di orientarle verso l’integrazione delle diverse componenti della catena logistica”.
E’ quanto chiede il Forum FerCargo nel suo Position Paper sul Piano nazionale di ripresa e resilienza inviato al Ministro e ai Vice Ministri del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lo stesso sarà presentato a tutte le forza politiche nei prossimi giorni.
Lo sviluppo del concetto di “integrazione” nel settore logistico ferroviario delle merci – sottolinea FerCargo – è in linea con l’attuale approccio ai temi della mobilità sostenibile dell’Europa che fissa come obiettivo modale per il settore ferroviario il 30% del mercato totale del trasporto merci entro il 2030.
È ritenuta apprezzabile la scelta strategica contenuta nel PNRR di investire sulle “Infrastrutture per una mobilità sostenibile”. Tuttavia, meritano maggiore attenzione – tra le altre – tre proposte coerenti con i principi del Piano e che necessitano di interventi nel breve periodo. In particolare: ultimo miglio ferroviario: nell’attesa di realizzare interventi importanti nelle infrastrutture di “ultimo miglio” si ritiene fondamentale, nel breve termine, prevedere un incentivo per le attività di manovra ferroviaria nei terminali e nei raccordi industriali che, nella catena logistica ferroviaria, presentano costi di esercizio elevati, provocando meno competitività al servizio ferroviario merci nel suo complesso. Si propone, in particolare, l’ipotesi di un “Ferrobonus dell’ultimo miglio”.
Serve anche un piano accelerato ERTMS: al fine di promuovere l’utilizzo di un sistema unico in tutta Europa, a fronte degli oltre 10 ad oggi presenti. Infine la formazione del personale: nel PNRR il sostegno all’occupazione giovanile è presente in maniera trasversale in tutte le missioni del Piano, si chiede di intervenire mediante la proroga del contributo per la formazione macchinisti, in vigore fino al 2020, per il prossimo triennio.
Il comparto negli ultimi 3 anni, grazie al contributo, ha assunto oltre 2.000 addetti a tempo indeterminato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi vede presidente Stellantis e ad Eni, Enel,Snam e Terna
Riunione stamattina con Cingolani, al centro transizione energia
(2)
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
16:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente del Consiglio Mario Draghi, insieme al ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani, ha incontrato questa mattina a Palazzo Chigi il presidente di Stellantis John Elkann e gli amministratori delegati di Eni – (Claudio Descalzi), Enel (Francesco Starace), Snam (Marco Alverà ), e Terna (Stefano Antonio Donnarumma). Nel corso della riunione sono stati affrontati i temi legati all’energia e alla transizione energetica.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Gelmini, Draghi è il primo a sostenere riaperture
Maggio sarà mese ripresa di tutte le attività economiche
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
16:10
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente del Consiglio Mario Draghi “è il primo che dice ‘riapriamo’. Ma non dobbiamo riaprire per avere qualche voto in più, dobbiamo riaprire in sicurezza senza poi essere costretti a richiudere”.
Lo ha detto il ministro per gli Affari Regionali Mariastella Gelmini a Tgcom24 ribadendo che non “dobbiamo farci prendere da un eccesso di fretta” anche se le riaperture vanno fatte “nel più breve tempo possibile”. Maggio, ha aggiunto, “sarà il mese delle riaperture di tutte le attività economiche”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Zingaretti, sì a primarie no ai conciliaboli a porte chiuse
Quando si aprono gazebo c.sinistra arrivano migliaia di elettori
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
16:14
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Io sono contento della scelta delle primarie: su scelte così importanti, come quella per il futuro delle città, coinvolgere i cittadini è sempre una cosa positiva anche perché quando si aprono i gazebo del centrosinistra arrivano milioni di elettori che vogliono partecipare e questo renderà la candidatura del centrosinistra fortissima, perché è scelta dalle persone e non nei conciliaboli a tavolino a porte chiuse”. Lo ha detto il presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti a margine del sopralluogo al nuovo punto vaccinale ‘drive in’ all’outlet di Valmontone.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Camera, ok definitivo a dl su esame avvocati
Voti a favore 383, 4 no, 2 astensioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
16:17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Via libera definitivo dell’Aula della Camera al decreto legge sullo svolgimento dell’esame per l’abilitazione di avvocato durante l’emergenza Covid-19.
I voti a favore sono stati 383, quattro i contrari, due gli astenuti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini, Gelmini: ‘Dopo over 80 e fragili avanti a fasce età’
‘Ora facciamo una media di 300 mila vaccinazioni al giorno, raggiungeremo le 500 mila a fine aprile-inizio maggio’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
16:45
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo gli over 80 “e i fragili si procederà per fasce d’età” la campagna vaccinale in Italia. Così il ministro Mariastella Gelmini a Tgcom 24.
“Noi abbiamo detto che dobbiamo mettere in sicurezza i più fragili, e quindi gli over 80, le persone che hanno delle patologie, i disabili gravi, gli operatori sanitari per il lavoro che svolgono, per tutelare la loro salute, ma anche quella dei pazienti, la scuola, e poi si procede per fasce d’età”, ha spiegato Gelmini.
“Queste regole devono essere rispettate da tutti e devo dire che sta già accadendo: la stragrande maggioranza delle Regioni sta lavorando alacremente e in maniera sinergica con la struttura commissariale, con il generale Figliuolo e con il capo della Protezione civile dottor Curcio, e tutti insieme si stanno iniziando a produrre dei risultati – ha affermato l’esponente di Forza Italia -.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Più del 70% degli over 80 ha ricevuto la prima dose, più del 50% è già stato vaccinato (con due dosi, ndr), gli operatori sanitari sono stati anche loro in gran parte vaccinati, si sta correndo per provare a mettere in sicurezza la salute delle persone che contraendo il Covid potrebbero andare incontro a conseguenze molto gravi. Dopodiché il compito è quello di vaccinare per fasce d’età, con una logica puntiforme: appena avremo la disponibilità di vaccini dovremo vaccinare anche nelle aziende e nei luoghi di lavoro”.
“Ora facciamo una media di 300 mila vaccinazioni al giorno, raggiungeremo le 500 mila a fine aprile-inizio maggio”, ha detto Gelmini.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scostamento da circa 40 miliardi e nuovi ristori per 2 mesi
Risorse anche a Fondo opere escluse da Recovery, tra 20 e 30 mld
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
18:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il decreto Sostegni bis, che sarà finanziato con il prossimo scostamento da circa 40 miliardi, conterrà nuovi ristori a fondo perduto per due mensilità, mentre nel primo dl il contributo era parametrato su un solo mese.
Le riunioni in vista del varo del Def e della richiesta di extradeficit sono in corso e un primo consiglio dei ministri per esaminare il nuovo scostamento è previsto mercoledì mentre dovrebbe servire una seconda riunione del governo, a partire da giovedì, per approvare anche il Documento di economia e finanza Il nuovo scostamento servirà anche a creare il fondo ad hoc pluriennale per le opere escluse dal Pnrr: si ipotizza una dote di 4-5 miliardi l’anno a partire dal 2022 e un primo finanziamento, probabilmente di minore entità, già nel 2021.
La forchetta per il fondo al momento oscilla tra i 20 e i 30 miliardi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
l decreto Sostegni bis, che sarà finanziato con il prossimo scostamento da circa 40 miliardi, conterrà nuovi ristori a fondo perduto per due mensilità, mentre nel primo dl il contributo era parametrato su un solo mese.
Le riunioni in vista del varo del Def e della richiesta di extradeficit sono in corso e un primo consiglio dei ministri per esaminare il nuovo scostamento è previsto mercoledì mentre dovrebbe servire una seconda riunione del governo, a partire da giovedì, per approvare anche il Documento di economia e finanza Il nuovo scostamento servirà anche a creare il fondo ad hoc pluriennale per le opere escluse dal Pnrr: si ipotizza una dote di 4-5 miliardi l’anno a partire dal 2022 e un primo finanziamento, probabilmente di minore entità, già nel 2021.
La forchetta per il fondo al momento oscilla tra i 20 e i 30 miliardi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tunisia: premier riceve ambasciatori di Italia e Francia
Rinnovato sostegno Italia a Paese nordafricano
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TUNISI
13 aprile 2021
18:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il primo ministro tunisino Hichem Mechichi ha ricevuto oggi al palazzo del governo alla Kasbah l’ambasciatore d’Italia in Tunisia, Lorenzo Fanara, e l’ambasciatore di Francia, André Parant, alla presenza del ministro dell’Economia, delle Finanze e del sostegno agli investimenti, Ali Kooli.
L’ incontro, si legge in una nota del governo di Tunisi, ha avuto al centro delle discussioni “la difficile situazione economica” del Paese e “il programma di riforme economiche che il governo sta preparando”.
I due ambasciatori “hanno rinnovato in questa occasione la volontà di Italia e Tunisia di sostenere la Tunisia al fine di superare le difficoltà economiche, in particolare in questa contingenza di pandemia da Coronavirus e delle sue riflessioni negative sulla situazione economica”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il governo punta alla banda ultra larga a tutti in 5 anni
Colao: ‘Il cambiamento deve essere radicale, pervasivo e di lungo periodo’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
19:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Ue ha degli obiettivi di digitalizzazione a 10 anni, “noi vogliamo essere più ambiziosi e mettiamo obiettivi a 5 anni: al 2026 vogliamo che il 70% della popolazione usi l’identità digitale e sia digitalmente abile, portare il 75% delle Pa italiane a usare servizi Cloud, raggiungere almeno 80% dei servizi pubblici erogati online e 100% famiglie e imprese raggiunte dalla banda ultra larga”. “Per la prima volta l’Italia partirebbe avvantaggiata” dice il ministro Vittorio Colao in audizione alla Camera.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il cambiamento, anche quello digitale, deve essere “radicale, pervasivo e di lungo periodo”. Lo sottolinea il ministro.
La strategia digitale “deve aiutarci a cogliere le opportunità della crisi attuale. Ha davanti a sé tre grandi incognite. Quella del ritardo, quella dell’inclusione e quella delle competenze. Alla prima porremo rimedio con gli interventi infrastrutturali. Sulla seconda interverremo insistendo sulla digitalizzazione come condizione abilitante della cittadinanza. Affronteremo la terza incognita creando e incentivano idee e conoscenze, nel medio periodo con investimenti di persone e, nel breve, sostenendo le amministrazioni nella migrazione” conclude il suo intervento Colao. “La tecnologia digitale è la nostra occasione per riportare il nostro paese tra i leader europei. Attraverso l’applicazione del PNRR abbiamo l’opportunità di partecipare tutti attivamente al lavoro dei 5 importantissimi anni davanti a noi”.
Le nuove gare per la copertura delle aree grigie inizieranno a fine 2021 e l’obiettivo è di arrivare “a inizio 2022 con il processo terminato”. Lo ha detto il ministro per l’Innovazione Vittorio Colao in audizione. “Agcom fa le mappature delle coperture in essere, Infratel chiederà impegni a 3 anni, faremo convergere tutto in uno” schema solo, sia per la fibra ma anche per il 5G e stiamo “valutando come rendere queste mappature ‘molto impegnative'” ovvero che non siano solo promesse. “Pensiamo di partire a maggio, durerà 30-45 giorni e daremo visibilità a quello che stiamo facendo”, dice spiegando la tempistica della mappatura.   TECNOLOGIA

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Omofobia: Casellati riassegna i ddl in sede referente
I quattro disegni di legge saranno ricongiunti al ddl Zan
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 aprile 2021
20:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Presidente del Senato Elisabetta Casellati, a quanto si apprende, ha dato mandato agli uffici di riassegnare alla commissione Giustizia i ddl sull’omotransfobia in sede referente. I quattro disegni di legge saranno ricongiunti al ddl Zan.  I disegni di legge che la presidente Casellati ha riassegnato alla commissione Giustizia sono stati presentati da: Alessandra Maiorino, M5s; Elvira Evangelista, M5s;Julia Unterberger, Autonomie; Monica Cirinnà, Pd.
La scorsa settimana il presidente della commissione Giustizia, Andrea Ostellari, aveva chiesto alla presidente di palazzo Madama di riassegnarli alla commissione a in sede referente in modo di poterli congiungere con il ddl Zan.
Si tratta di un regolamento interno del Senato per il quale i ddl congiunti devono essere assegnati nella stessa sede.
Ora affinché l’iter parlamentare della legge Zan, approvata dalla Camera a novembre scorso, riprenda dovrà essere convocato un ufficio di presidenza per la calendarizzazione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Intesa:accordo con sindacati per integrazione dipendenti Ubi
Definiti trattamenti economici e normativi per lavoratori gruppo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
08:06
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Intesa Sanpaolo e le organizzazioni sindacali hanno firmato il primo accordo con Intesa Sanpaolo relativo all’integrazione dei circa 15.000 dipendenti di Ubi Banca. Lo rende noto la Fabi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con l’accordo, siglato dopo una trattativa partita lo scorso 11 febbraio, sono stati definiti i trattamenti economici e normativi di riferimento per gli 80.000 lavoratori del nuovo gruppo IntesaSanpaolo. La trattativa continuerà per tutto l’anno sulle parti previdenziali e assistenziali per i lavoratori ex Ubi e, per tutti, sul rinnovo del contratto aziendale in scadenza il prossimo 31 dicembre. E’ stato anche definito il premio di risultato per il 2021, pari a 110 milioni complessivi.
Sarà costituita una nuova commissione sulla lotta alle pressioni commerciali: importante strumento che determinerà un significativo cambio di rotta rispetto ai comportamenti difformi ai principi etici sull’attività di vendita di prodotti finanziari.
La procedura sindacale è una delle operazioni legate all’offerta pubblica di acquisto e scambio di Intesa Sanpaolo sul gruppo Ubi, conclusa nel corso del 2020. A Intesa Sanpaolo sono passate 1.046 filiali di Ubi (969 agenzie tradizionali e 77 agenzie imprese).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
YouTrend, Bolzano e Veneto avanti sui vaccini
Balzo di Lombardia-Umbria. Sicilia e Calabria in ritardo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
09:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
delle somministrazioni dei vaccini in Italia in base all’indice calcolato da YouTrend secondo il quale negli ultimi sette giorni hanno fatto un balzo in avanti anche Lombardia e Umbria mentre altre 5 regioni sono in discesa.
P
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In base ai dati aggiornati al 12 aprile, la provincia autonoma di Bolzano è, con 85 punti su 100, quella più avanti nell’indice regionale; seguono il Veneto a quota 83 (+7 rispetto a una settimana fa), la provincia autonoma di Trento a 75 (+4) e l’Emilia Romagna a 73 (+10), tutte sopra la media nazionale che è a 63 e che è in crescita di 8 punti rispetto alla settimana scorsa. Al fondo della classifica, sotto 50 punti, ci sono la Sicilia a 46 (in discesa di un punto rispetto alla settimana scorsa) e la Calabria a 45. In calo risultano anche il Lazio (-5 punti, ma sempre sopra la media nazionale a 68), Toscana (-2, con una media di 68), Basilicata (-8, a 58 punti) e Valle d’Aosta (-7 a 55 punti). A crescere di più rispetto a una settimana fa sono ancora la provincia autonoma di Bolzano, con 17 punti, e subito dopo Lombardia e Umbria, entrambe con un balzo in avanti di 16 punti.
L’indice regionale di YouTrend sintetizza settimanalmente, con un valore compreso tra 0 e 100, lo stato della campagna di vaccinazione attraverso la media ponderata di 5 parametri: la percentuale di dosi utilizzate sul totale di quelle ricevute, le percentuali di ospiti delle Rsa, di over 80 e di soggetti tra 70 e 79 anni vaccinati e l’accelerazione delle vaccinazioni rispetto alla settimana precedente. Più per una determinata regione o provincia autonoma l’indice si avvicina a 100, più essa avrà portato avanti la campagna vaccinale con efficacia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5S: senatore Mollame lascia e aderisce alla Lega
Passaggio ufficializzato in incontro con Salvini
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
14 aprile 2021
10:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il senatore siciliano Francesco Mollame, nativo del Palermitano, eletto con il Movimento 5Stelle, ha aderito alla Lega. Il passaggio è stato ufficializzato oggi durante un incontro con Matteo Salvini e il coordinatore regionale Nino Minardo.

“La Lega, con i suoi principi fondati sulla valorizzazione e sulla difesa di tutte le nostre realtà territoriali – ha spiegato la sua scelta Mollame – oggi è l’unico partito ad avere idee chiare e innovative per lo sviluppo della Sicilia, a partire dalle infrastrutture, dal turismo, dall’agricoltura e dalla valorizzazione dell’autonomia. Ringrazio Salvini e Minardo, sono pronto a impegnarmi al massimo per la mia isola e per tutta Italia”.
“La Lega cresce da Nord a Sud – ha commentato Matteo Salvini – le nostre porte sono aperte a donne e uomini di qualità. Sono particolarmente felice per la crescita della Lega in Sicilia, anche in vista delle elezioni del 2022 dove giocheremo un ruolo da protagonisti”.
Nino Minardo si dice “felice di ufficializzare l’ennesimo ingresso nella Lega Sicilia” con cui “confermiamo una volta in più il nostro serio progetto di radicamento, anche qualitativo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Letta vede Speranza, pieno accordo su linea da tenere
Punto su vaccinazioni e riaperture in sicurezza
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
10:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Stamani ho incontrato Roberto Speranza. Abbiamo fatto il punto su campagna vaccinale e piano di riaperture in sicurezza, in pieno accordo sull’analisi della situazione e la linea da tenere”.
Così il segretario Pd Enrico Letta su twitter.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Franceschini: “Se aprono gli stadi per lo sport, si aprano anche per i concerti”
Promoter: “Inaccettabile differenziazione calcio e musica”. Fimi: “La musica live è discriminata”. Mazza: “subito tavolo di confronto per trattamento equivalente”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
18:25
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sì, intendo fare tutto il possibile per garantire una riapertura” del mondo dello spettacolo, ha ribadito il ministro della Cultura Dario Franceschini rispondendo al Question time ad una interrogazione presentata da Italia Viva. Il settore, dice, “sta vivendo una sofferenza enorme.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mi fa piacere però che anche gli attori del Globe Theatre abbiano detto che il tema non è soltanto riaprire subito, ma riaprire in sicurezza”, aggiunge ricordando le richieste al Cts per consentire riaperture con maggiore capienza ed anche eventi.

“In relazione alle notizie di stampa riguardo ad una differenziazione tra la presenza del pubblico negli eventi sportivi e in quelli culturali, il Ministero della Cultura precisa che: sia nell’audizione di lunedì sia nelle proposte inviate ieri al Cts – scrive il ministero della cultura -, il ministro Franceschini ha chiesto che, nel caso in cui si dovessero autorizzare eventi sportivi con pubblico, le stesse regole dovrebbero riguardare i concerti e gli spettacoli negli stadi o in spazi analoghi”.
“La possibile differenziazione di ‘capienze covid’ tra calcio e musica è inaccettabile e su questo punto tutta la filiera legata alla musica live, compresi gli artisti, è pronta a prendere posizioni forti e nette”. E’ quanto affermano in una nota congiunta Roberto De Luca (Live Nation), Ferdinando Salzano (Friends&Partners), Clemente Zard (Vivo Concerti). I tre promoter ribadiscono che “la capienza Covid deve essere calcolata non a numero fisso bensì in relazione ai metri quadrati disponibili per ogni singola venue e possa permettere l’applicazione precisa di tutte le norme del protocollo di sicurezza”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Se è possibile accedere in uno stadio con 16 mila persone per il calcio deve essere possibile anche per un concerto. E’ una questione di principio, il mondo della cultura non può essere trattato in questo modo”. E’ la presa di posizione di Enzo Mazza, ceo di Fimi, la Federazione dell’industria musicale italiana, che dopo il via libera del governo alla presenza del 25% di tifosi all’Olimpico per Euro 2020 torna a parlare di “discriminazione” e chiede l’apertura immediata di “un tavolo di confronto per ottenere quanto meno un trattamento equivalente”. “È evidente – sottolinea Mazza – che siamo di fronte ad una farsa. Si dibatte su protocolli stringenti sui quali dovrebbe esprimersi il Cts, per consentire quest’estate eventi musicali con mille o poco più persone all’aperto e nello stesso momento si approva un piano per l’accesso di oltre 16 mila persone all’Olimpico in occasione degli europei di calcio ? I danni causati al mondo dello spettacolo e della musica dal vivo dopo oltre un anno di pandemia e restrizioni sono immensi. Un settore distrutto, lavoratori dispersi e senza risorse, piccoli club che hanno chiuso per sempre e ora si scopre che una decisione politica può derogare alle restrizioni sanitarie? È ridicolo”. Il ceo di Fimi pensa che “artisti e addetti ai lavori non debbano accettare una discriminazione di tale portata. Deve essere immediatamente aperto un tavolo di confronto per ottenere quanto meno un trattamento equivalente. Se è possibile accedere in uno stadio con 16 mila persone per il calcio deve essere possibile anche per un concerto. E’ una questione di principio, il mondo della cultura non può essere trattato in questo modo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E un gruppo di lavoratori dello spettacolo ha occupato il Globe Theatre a Villa Borghese a Roma. “Dopo più di un anno dal blocco degli spettacoli dal vivo chiediamo una riforma strutturale del settore -scrivono su Fb – Non vogliamo una riapertura senza sicurezza, che ci faccia ripiombare in un mondo del lavoro ancora più incerto e privo di garanzie. Riapriamo questo spazio a tutte le precarie, a tutti gli sfruttati, per riappropriarci di un tempo di confronto e autoformazione”. Gli occupanti assicurano che “tutto si sta svolgendo nel rispetto delle disposizioni sanitarie” e che si sono sottoposti a tampone.
“Ho apprezzato il tono costruttivo e positivo del vostro intervento, della vostra protesta, sono qui per dirvi che io non sono la vostra controparte, io ho il dovere di essere il vostro rappresentante nelle istituzioni”. Giacca a vento e mascherina, il ministro della cultura Franceschini si è presentato a sorpresa nel pomeriggio, dopo il Question time alla Camera, nel Globe Theatre occupato a Roma per parlare con i ragazzi e gli artisti che animano la protesta. E ha preso il microfono per ribadire la sua vicinanza ai lavoratori dello spettacolo: “Posso riuscire a fare questo lavoro più o meno bene, ma ho il dovere di rappresentare il vostro mondo. E’ quello che ho cercato di fare dall’inizio della pandemia, quando è arrivata questa bufera che ha travolto tante categorie e in modo particolare la cultura”. “Abbiamo cercato di intervenire con provvedimenti d’urgenza -, ha detto il ministro parlando a braccio – e per la prima volta in un settore che non li aveva sono arrivati gli ammortizzatori sociali. Questo lavoro si può migliorare e io sto continuando a insistere perché anche nel decreto Sostegni questi interventi continuino per i luoghi che restano chiusi o che potranno riaprire in maniera parziale”. La parte più importante del lavoro, ha sottolineato, è stata quella di censire il settore , “per avere una mappa precisa dei lavoratori intermittenti. E quello che ci deve impegnare ora, e lo stiamo già facendo, è trovare una norma che introduca in maniera permanente alcune protezioni che abbiamo introdotto in emergenza e che renda permanenti le forme di protezione dei lavoratori del settore”. In queste ore – ha concluso – il ministero della cultura sta affrontando un altro problema, “evitare che chi ha avuto i fondi di emergenza ma non ha potuto versare i contributi sufficienti per il proprio percorso pensionistico nel 2020-21 abbia riconosciuti comunque dei contributi figurativi per i due anni e che questi non siano persi rispetto al percorso previdenziale . E’ una grande operazione che dobbiamo fare con il ministero del Lavoro, ascoltando le associazioni di categoria”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ocse a Italia,efficienza p.a.priorità essenziale ripresa
Crisi rischia di aggravare le disuguaglianze
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PARIGI
14 aprile 2021
11:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La “priorità essenziale” per favorire la ripresa dell’Italia è rappresentata dalla “promozione dell’efficienza della pubblica amministrazione, principalmente nell’ottica di migliorare la gestione degli investimenti pubblici e rendere, al contempo, più efficaci l’assegnazione e il coordinamento dei compiti di attuazione delle varie politiche tra i diversi livelli di governo. Passaggi chiave, questi ultimi, per un efficace utilizzo dei fondi del Recovery e per la piena realizzazione dei vantaggi attesi dalle previste riforme strutturali”: è quanto scrive l’Ocse nella scheda sull’Italia del rapporto ‘Going for Growth’.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La crisi rischia di far calare ulteriormente i tassi di occupazione, già bassi, e di rafforzare le diseguaglianze, soprattutto per chi ha uno scarso livello di competenze e un basso livello di formazione continua”: lo scrive l’Ocse nella scheda sull’Italia del report ‘Going for Growth 2021. Shaping a Vibrant Recovery’. “Un’offerta efficace di istruzione, servizi pubblici di promozione dell’impiego e politiche di attivazione servizi in materia di istruzione, può contribuire a mitigare i divari tra domanda e offerta di competenze e lavoro, in particolar modo per i giovani e per i lavoratori più vulnerabili”, suggerisce l’Ocse.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Recovery: Ue lancia piano di finanziamento da 806 miliardi
Entro il 2026. Prima emissione prevista per giugno
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
14 aprile 2021
11:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Commissione europea lancia il suo piano per finanziare il Next Generation Eu: entro il 2026, raccoglierà sui mercati 806 miliardi di euro, con un ritmo di circa 150 miliardi l’anno. Lo ha annunciato il commissario Ue al Bilancio, Johannes Hahn.

La prima emissione è prevista per giugno. “La Commissione sarà pronta per andare sui mercati non appena gli Stati membri avranno completato il processo di ratifica” della decisione sulle risorse proprie, ha sottolineato Hahn. I titoli avranno una durata variabile (da 3 a 30 anni), ma è prevista anche l’introduzione di obbligazioni con scadenza inferiore all’anno.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Copasir: Elio Vito (Fi) si dimette dal Comitato
Nella lettera di dimissioni al presidente della Camera sottolinea che: ‘Non è più tollerabile il perdurare di una situazione non corrispondente alla legge’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
11:42
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Elio Vito, uno dei due membri di Fi del Copasir, si é dimesso dal Comitato con una lettera al presidente della Camera. “Signor Presidente – scrive Vito – è con rammarico che Le comunico le mie dimissioni dal Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica.
Non è più tollerabile, in un Organo così importante ed in un momento così delicato, il perdurare di una situazione non corrispondente alla legge, con alla presidenza un esponente della maggioranza”. “È evidente che per risolvere tale situazione – prosegue la lettera , non dovrei essere io a rassegnare le dimissioni, ma spero che questo gesto indichi la via del rispetto delle regole istituzionali, a chi avrebbe dovuto già seguirla” conclude Vito.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Partiti nei prossimi giorni da Draghi su Recovery e Imprese
Già domani possibile incontro con 5S e Lega, poi Fi-Pd-Iv e FdI
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
11:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il premier Mario Draghi dovrebbe incontrare le delegazioni dei partiti sul Recovery plan e sul prossimo decreto per le imprese. A quanto si apprende da fonti parlamentari di maggioranza, non ci sarebbe ancora una convocazione ufficiale ma già domani il premier potrebbe vedere la Lega e il Movimento 5 stelle, poi nei giorni successivi Forza Italia e Pd, Iv e Fdi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Copasir: Vito (Fi) si dimette da comitato
Ha inviato una lettera al presidente della Camera Fico
(2)
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
11:46
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Elio Vito, uno dei due membri di Fi del Copasir, si é dimesso dal comitato con una lettera al presidente della Camera.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: ok mozione, Italia abbia ruolo primario in governance
Camera approva testo maggioranza su ruolo del governo in vendita
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
11:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il governo dovrà “assicurare che all’Italia sia garantito un ruolo di primo piano sia a livello operativo sia di governance del nuovo sistema federale in ragione delle peculiarità della piazza finanziaria italiana e delle esigenze del mercato e dei suoi stakeholder”. Lo prevede uno degli impegni della mozione di maggioranza sul ruolo del Ministero dell’Economia nell’ambito del processo di vendita della società Borsa Italiana approvata dall’Aula della Camera.

In base al testo, approvato con la sola astensione di Fdi e nessun contrario, il governo dovrà, tra l’altro, “adottare ogni iniziativa utile, nell’ambito delle proprie competenze e della partecipazione azionaria in Cdp” per “tutelare in ogni sede e con ogni strumento di propria competenza lo strategico assetto economico finanziario di Borsa italiana e la sua autonomia per “assicurare la sana e prudente gestione di una così importante infrastruttura di mercato e garantire l’effettiva trasparenza ed integrità del mercato, nonché l’ordinato svolgimento delle negoziazioni e la tutela degli investitori”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ocse a Italia, crisi rischia di aggravare le disuguaglianze
‘Prioritaria l’efficenza della Pubblica ammnistrazione’
(2)
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PARIGI
14 aprile 2021
11:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La crisi rischia di far calare ulteriormente i tassi di occupazione, già bassi, e di rafforzare le diseguaglianze, soprattutto per chi ha uno scarso livello di competenze e un basso livello di formazione continua”: lo scrive l’Ocse nella scheda sull’Italia del report ‘Going for Growth 2021. Shaping a Vibrant Recovery’.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Un’offerta efficace di istruzione, servizi pubblici di promozione dell’impiego e politiche di attivazione servizi in materia di istruzione, può contribuire a mitigare i divari tra domanda e offerta di competenze e lavoro, in particolar modo per i giovani e per i lavoratori più vulnerabili”, suggerisce l’Ocse.

La “priorità essenziale” per favorire la ripresa dell’Italia è rappresentata dalla “promozione dell’efficienza della pubblica amministrazione, principalmente nell’ottica di migliorare la gestione degli investimenti pubblici e rendere, al contempo, più efficaci l’assegnazione e il coordinamento dei compiti di attuazione delle varie politiche tra i diversi livelli di governo. Passaggi chiave, questi ultimi, per un efficace utilizzo dei fondi del Recovery e per la piena realizzazione dei vantaggi attesi dalle previste riforme strutturali”: è quanto scrive l’Ocse nella scheda sull’Italia del rapporto ‘Going for Growth’.

“Rimuovere i vincoli legali al telelavoro”: questo uno dei suggerimenti rivolti dall’Ocse all’Italia, nel quadro del rapporto ‘Going For Growth: Shaping a Vibrant Recovery’ presentato oggi in presenza del segretario generale dell’organismo, Angel Gurria e del ministro dell’Economia e delle Finanze, Daniele Franco. Per favorire produttività e innovazione, l’Ocse suggerisce inoltre di “rimuovere i vincoli per favorire l’installazione più rapida di infrastrutture per le telecomunicazioni”. Ma anche “sensibilizzare i manager e accrescere il loro livello di competenze per favorire la diffusione delle tecnologie, l’innovazione e un miglior utilizzo del personale”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Recovery e Dl Sostegni, nei prossimi giorni Draghi vede i partiti
Gli incontri potrebbero svolgersi già da domani con Lega e M5s
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
11:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il premier Mario Draghi dovrebbe incontrare le delegazioni dei partiti sul Recovery plan e sul prossimo decreto per le imprese. A quanto si apprende da fonti parlamentari di maggioranza, non ci sarebbe ancora una convocazione ufficiale ma già domani il premier potrebbe vedere la Lega e il Movimento 5 stelle, poi nei giorni successivi Forza Italia e Pd, Iv e Fdi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:Mattarella,da qua a poco approderemo a nuova normalità
Intanto digitale permette di non fermarsi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
11:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La piattaforma on line della Dante Alighieri, Dante.global “consente di affiancare alla rete tradizionale quella digitale, naturalmente questa non sostituisce le persone e non supera la preziosa formula dei comitati diffusi in tutti i continenti, ma affiancandoli consente loro strumenti nuovi, uno sostegno immediato nell’emergenza sanitaria e uno strumento della nuova normalità, a cui approderemo da qua a poco, per svolgere con efficacia la propria attività”. Lo ha detto il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, intervenendo all’inaugurazione della piattaforma on line Dante.global.

Il capo dello Stato ha poi sottolineato come “pur in presenza di una drammatica pandemia, improvvisa e veloce nella diffusione nel mondo, sia possibile non fermarsi, non chiudersi in se stessi, ma continuare nella propria attività e svolgendo la propria missione, con strumenti innovativi. La piattaforma Dante global ne è una conferma”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Fi incontra imprese, serve calendario riaperture
Diritto alla salute sullo stesso piano del diritto al lavoro
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
12:03
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Le attività chiuse da mesi sono in grande sofferenza, molte hanno chiuso molte altre rischiano di non riaprire più. Lavorare è un diritto e il diritto alla salute deve stare sullo stesso piano del diritto al lavoro.
Occorre che alle attività commerciali sia consentito di riaprire in sicurezza con un calendario delle riaperture”. Lo hanno detto i deputati Roberto Cassinelli e Roberto Bagnasco di Forza Italia incontrando, di fronte alla Camera dei deputati, una delegazione di TNI (Tutela Nazionale Imprese). Presenti anche i ristoratori liguri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scostamento e Def in Cdm. Draghi il 26-27 alle Camere sul Recovery
Il governo è pronto a chiedere il nuovo scostamento da 40 miliardi per dare ossigeno alle imprese
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
19:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi vede i partiti e prepara lo sprint su piano Recovery e decreto Imprese. Il via libera al nuovo scostamento di bilancio, di 40 miliardi, con l’ok al Def, nel Cdm di domani.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nella riunione di oggi, quindi, non c’è stato alcun voto in Cdm sul nuovo scostamento.

Il ministro dell’Economia Daniele Franco ha proposto in Consiglio dei ministri un nuovo scostamento di bilancio da 40 miliardi. La discussione tra i ministri sarebbe ora in corso, sia sulla cifra complessiva, che potrebbe dunque variare, sia sulla sua ripartizione in vista delle nuove misure di sostegno all’economia.

Altri 40 miliardi, da immettere nell’economia a stretto giro, per dare ossigeno alle imprese e preparare la ripartenza: il governo è pronto a chiedere il nuovo scostamento da circa due punti e mezzo di Pil, per garantire alle aziende la liquidità, per dare altri ristori – parametrati su due mesi anziché su uno solo – soprattutto a chi è stato chiuso per limitare i contagi – e per abbattere alcuni costi fissi, dall’Imu agli affitti, per i settori più danneggiati dall’emergenza Covid.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lo scostamento servirà anche a finanziare il fondo per le opere escluse dal Recovery ma che si vogliono comunque includere tra quelle prioritarie per i prossimi anni. L’operazione va di pari passo alla preparazione del Documento di economia e finanza, che disegnerà la cornice macroeconomica del prossimo triennio.
“Probabilmente già domani verrà approvato il Def con la previsione di uno scostamento ulteriore non inferiore a 40 miliardi”. Lo ha ribadito il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, al question time alla Camera.
“La digitalizzazione della pubblica amministrazione è tema centrale. La cooperazione e il lavoro con i territori sarà cruciale e vede già oggi una serie di attività già ben avviate che ora possono essere organizzate al meglio e sostenute con strumenti e risorse adeguate”. Lo ha detto il Ministro per l’Innovazione tecnologica e la Transizione digitale Vittorio Colao illustrando le linee guida in tema di digitalizzazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza alla Conferenza Unificata Regioni-Anci-Upi. Durante l’esposizione Colao ha sottolineato come il digitale permette maggiore crescita, produttività e inclusione e ha illustrato gli obiettivi al 2026 del suo dicastero.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Rampi (Pd), se pubblico è possibile lo sia per tutti
Non solo per un’attività,che siano gli Europei di calcio o altro
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
12:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Se la fase pandemica e la situazione vaccinale, oltre che la stagione climatica, portano a una valutazione per cui è possibile realizzare a certe condizioni e in certi spazi momenti dal vivo partecipati dal pubblico, bene.
Ma sia così per tutti.
Non solo per un’attività, che siano gli Europei di calcio o altro. Credo che lo stesso criterio vada usato per i concerti, per il teatro e per gli altri eventi”. Lo dice il senatore Roberto Rampi, capogruppo Pd in Commissione Cultura.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:Meloni,dl sostegni inadeguato,bocciato da maggioranza
Tremila emendamenti, solo il 15% di FdI
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
12:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Abbiamo proposto di prendere i 5 miliardi di euro messi sul cashback e metterli sui ristori”, “abbiamo scritto anche al presidente Draghi” perchè “oggi non è la lotta al contante la priorità”. Lo ha detto la leader di FdI Giorgia Meloni presentando gli emendamenti del suo partito al decreto ristori.
“Da parte nostra non c’è nessun intento ostruzionistico, la bocciatura è della maggioranza – ha aggiunto -. Sono infatti stati presentati 3000 emendamenti e solo il 15% di FdI. Il resto sono della maggioranza e dimostrano che il provviedimanto è inadeguato”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mattarella: “Presto approderemo a una nuova normalità”
Il presidente della Repubblica all’inaugurazione della piattaforma Dante.global. “Il digitale permette di non fermarsi”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
15:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La piattaforma on line della Dante Alighieri, Dante.global “consente di affiancare alla rete tradizionale quella digitale, naturalmente questa non sostituisce le persone e non supera la preziosa formula dei comitati diffusi in tutti i continenti, ma affiancandoli consente loro strumenti nuovi, uno sostegno immediato nell’emergenza sanitaria e uno strumento della nuova normalità, a cui approderemo da qua a poco, per svolgere con efficacia la propria attività”. Lo ha detto il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, intervenendo all’inaugurazione della piattaforma on line Dante.global.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Questo incontro suggerisce alcuni temi di riflessione e confermano il ruolo prezioso della Dante Alighieri. La prima riflessione è che, pur in presenza di una drammatica pandemia, improvvisa e veloce nella diffusione nel mondo, è possibile non fermarsi, non chiudersi in se stessi, ma continuare nella propria attività e svolgendo la propria missione, con strumenti innovativi. La piattaforma Dante global ne è una conferma”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Figliuolo, in arrivo altri 7 milioni dosi Pfizer
Aifa: ‘Verosimile J&J possa essere solo per over60′
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
20:12
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ho ricevuto una chiamata dal premier Draghi che mi ha comunicato l’arrivo per Europa in questo trimestre di 50 milioni di dosi Pfizer in più. Per l’Italia vuol dire oltre 670.000 dosi in più ad aprile, 2 milioni e 150.000 dosi in più a maggio e oltre 4 milioni di dosi in più a giugno. Finalmente una bella notizia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il piano va avanti così come l’avevo strutturato, per questo sono davvero contento”, ha detto il commissario per le misure anti Covid, il generale Francesco Figliuolo, in visita al Polo vaccinale di Aosta.
Vaccini, Figliuolo: “In arrivo altri 7 milioni di dosi Pfizer”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“E’ iniziata intanto la distribuzione alle Regioni di circa 1,5 milioni di dosi di vaccino Pfizer, arrivate presso gli aeroporti di Bergamo, Bologna, Brescia, Roma Ciampino, Milano Malpensa, Pisa e Venezia”, ha reso noto il Commissariato all’emergenza Covid. “Le consegne interesseranno più di 210 strutture sanitarie in tutta Italia, e si concluderanno entro 24 ore”.
Su Johnson&Johnson “stiamo aspettando fiduciosi cosa dirà la comunità scientifica, in particolare Ema ed Aifa, che credo si pronunceranno nei prossimi 2-3 giorni e rispetteremo chiaramente le prescrizioni. Sono sicuro che a fine mese raggiungeremo il target che ci siamo prefissati”, ha spiegato Figliuolo, da Torino, all’inaugurazione dell’hub vaccinale. “Johnson&Johnson è stato fermato dagli Usa per una riflessione su probabili casi di effetti collaterali gravi il cui rapporto causa-effetto non è stato ancora dimostrato, 6 casi rispetto a 7 milioni di dosi inoculate, dato in linea con qualsiasi altra tipologia di farmaco”. “Non voglio dire che non sia importante per chi ha subito gravi effetti, – ha aggiunto Figliuolo – ma è incomparabile con i morti della pandemia e con le gravi conseguenze che provoca sulla popolazione anziana”.
‘È verosimile che il vaccino anti-Covid di Johnson&Johnson possa essere limitato agli over-60’, ha spiegato a Rainews 24 Patrizia Popoli, presidente della Commissione tecnica scientifica dell’Aifa, dopo la sospensione del vaccino in Usa a seguito della segnalazione di eventi trombotici rari. Il vaccino J&J, ha spiegato Popoli, utilizza la stessa tecnologia a vettore virale usata anche per il vaccino di AstraZeneca: ‘Se anche gli eventi avversi rari osservati risulteranno simili a quelli osservati per il vaccino AstraZeneca – dice – è verosimile che si adotteranno misure analoghe. È una possibilità concreta’.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Intanto secondo gli utlimi dati, sono 16.168 i positivi al test del coronavirus in Italia in 24 ore. Sono invece 469 le vittime in un giorno.
“Quello del rifiutodel vaccino AstraZeneca è un tema difficile. È un fenomeno che negli ultimi giorni sta diventando più importante di quello che possiamo pensare”, ha intanto detto il direttore generale del Welfare di Regione Lombardia, Giovanni Pavesi, intervenendo in audizione in Commissione Sanità del Consiglio Regionale. “Ho segnalazione di centri vaccinali importanti in cui parecchia gente li sta rifiutando – ha aggiunto -. In questi casi, se in sede di anamnesi ci sono valutazioni critiche, possiamo fargli il Pfizer. Negli altri casi, se non ci sono queste motivazioni, li rimettiamo in coda”.
Antitrust, sulla salute il mercato deve avere limiti – “Non tutti i bisogni possono essere soddisfatti dal mercato”. Così il presidente dell’Antitrust Roberto Rustichelli facendo riferimento ai brevetti per i vaccini e sottolineando che “quando, ad esempio, a venire in rilievo è la tutela di diritti fondamentali come quello alla salute, il mercato può e deve subire dei limiti”. Rustichelli ricorda che il nostro Codice della proprietà industriale “prevede già ora, agli articoli 141 e 142, la possibilità di un intervento rapido tramite DPR con cui si espropria, anche per ragioni di pubblica utilità, la titolarità o l’uso del brevetto, dietro corresponsione di un congruo indennizzo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vitalizi, Formigoni: “contro di me invettive forcaiole”
‘Per qualcuno va ripristinata la condanna a morire di stenti”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
13:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Si deve chiedere a quei parlamentari, a quegli intellettuali e a quei commentatori che tanto si stracciano le vesti di fronte a una sentenza, se ritengano che lo stato di diritto sia ancora il baluardo contro gli abusi di qualsiasi potere a protezione della singola persona o se per qualcuno possa invece essere ripristinata una forma di condanna a morire di stenti”. E’ quanto scrive Roberto Formigoni in una nota, nella quale denuncia le “invettive forcaiole rivoltemi contro in questi anni”.

La Commissione Contenziosa del Senato  ha stabilito il diritto al vitalizio per Roberto Formigoni, ex parlamentare ed ex presidente della Regione Lombardia, dopo che questi aveva fatto ricorso contro la sospensione a seguito della condanna definitiva a 5 anni e 10 mesi di reclusione per corruzione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Zaia, 11 giugno allo stadio? Bene, allora liberi tutti
Governatore, pensiamo a cosa aprire strada facendo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
14 aprile 2021
13:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ho visto che l’11 giugno ci saranno gli europei con lo stadio aperto per Italia-Turchia….
liberi tutti allora? Ci entreranno 20 mila persone all’Olimpico, immagino che l’11 di giugno sia la parte finale della ‘liberazione’ “.
Lo ha detto il governatore del Veneto Luca Zaia, dicendosi convinto che sia “inevitabile andare verso una fase di convivenza con il virus”. “Chi la volesse leggere in maniera maldestra – ha aggiunto – potrebbe dire che sto parlando male di questa apertura. Invece dico: ‘bene’, prendiamo atto che l’11 giugno siamo aperti, vediamo di capire strada facendo cosa si può aprire in questi 60 giorni”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Zaki: Ok del Senato alla cittadinanza. In Aula Liliana Segre
Lo studente agli arresti dal 7 febbraio del 2020 in Egitto. La senatrice: ‘Ci sarò sempre per parlare di libertà’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
13:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Senato chiede al Governo di conferire la cittadinanza italiana all’egiziano Patrick Zaki, studente dell’università di Bologna, da 432 giorni rinchiuso nel carcere di Tora a Sud del Cairo con l’accusa di “incitamento alla protesta” e “istigazione a crimini terroristici”. Ha 28 anni e rischia 25 anni di reclusione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La richiesta di palazzo Madama arriva sotto forma di due mozioni (Pd e M5s) convertite poi in un ordine del giorno unificato votato da 208 parlamentari. Per bussare forte alle porte dell’Egitto si muove anche la senatrice a vita Liliana Segre, che con i suoi 90 anni arriva a Roma, nonostante le limitazioni anti-Covid, solo per dare una speranza allo studente egiziano. “Sarò sempre presente quando si parla di libertà – afferma Segre – Ricordo cosa si prova da innocente in prigione”.
Nessuno in Senato vota contro Zaki cittadino italiano, ma in 33 si astengono, tra questi i 20 parlamentari di Fratelli d’Italia, sollevando dubbi sull’opportunità politica della cittadinanza. Il timore è un “effetto controproducente per lo stesso Zaki”, spiega Alberto Balboni di FdI, “potrebbe insospettire e irrigidire ulteriormente le autorità egiziane”. Anche il sottosegretario agli esteri Marina Sereni, pur ribadendo l’impegno del Governo a “seguire il caso con la massima attenzione”, sottolinea in Aula che “l’attribuzione della cittadinanza è una misura simbolica”, “priva di effetti pratici a tutela dell’interessato”. Perplessità anche da Forza Italia che tuttavia vota a favore “per ribadire l’inviolabilità dei diritti umani riconosciuti”. Convinti della decisione presa M5s e Pd. Dai pentastellati arriva l’appello a puntare dritto sull’obiettivo della liberazione. Il leader dem Enrico Letta scrive “l’unanimità dimostra l’impegno di tutta l’Italia. Non molliamo”. Ettore Rosato vicepresidente della Camera, fa notare che su questo caso non c’è “alcun colore politico”. Anche la Lega appoggia la richiesta di cittadinanza, ma mette in guardia: “non vorremmo che quella cittadinanza italiana che non fu in grado di proteggere Regeni sia oggi un ulteriore fardello sulle spalle di Patrick Zaki”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Regeni: tre nuovi testimoni accusano 007 egiziani
Procura di Roma deposita atti in vista udienza gup del 29 aprile
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
15:17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tre nuove testimonianze accusano i quattro appartenenti ai servizi segreti egiziani di essere gli autori del sequestro, delle torture dell’omicidio di Giulio Regeni, il ricercatore italiano trovato privo di vita in Egitto nel febbraio del 2016. E’ quanto emerge dai nuovi atti depositati dalla Procura di Roma in vista dell’udienza preliminare, fissata per il 29 aprile, a carico del generale Tariq Sabir, Athar Kamel Mohamed Ibrahim, Uhsam Helmi, Magdi Ibrahim Abdelal Sharif in cui si dovrà vagliare la richiesta di processo.

Gli 007 egiziani sapevano della morte di Regeni già il 2 febbraio del 2016, il giorno prima del ritrovamento “ufficiale” del corpo, e per deviare l’attenzione da loro “inscenarono una rapina finita male”, è quanto emerge da una testimonianza, ritenuta attendibile dai magistrati italiani, e depositata in vista dell’udienza gup di Roma.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Regeni: testimone, gli 007 inscenarono una rapina finita male
Tre nuovi testimoni accusano i servizi segreti egiziani
(2)
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
15:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tre nuove testimonianze accusano i quattro appartenenti ai servizi segreti egiziani di essere gli autori del sequestro, delle torture dell’omicidio di Giulio Regeni, il ricercatore italiano trovato privo di vita in Egitto nel febbraio del 2016. E’ quanto emerge dai nuovi atti depositati dalla Procura di Roma in vista dell’udienza preliminare, fissata per il 29 aprile, a carico del generale Tariq Sabir, Athar Kamel Mohamed Ibrahim, Uhsam Helmi, Magdi Ibrahim Abdelal Sharif in cui si dovrà vagliare la richiesta di processo.
Gli 007 egiziani sapevano della morte di Regeni già il 2 febbraio del 2016, il giorno prima del ritrovamento “ufficiale” del corpo, e per deviare l’attenzione da loro “inscenarono una rapina finita male”.
E’ quanto emerge da una testimonianza, ritenuta attendibile dai magistrati italiani, e depositata in vista dell’udienza gup di Roma del 29 aprile prossimo e che vede imputati quattro agenti della National Securety del Cairo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fmi all’Europa, misure mirate per crescita, è a punto di svolta
Può avere ripresa a V. Pil ai livelli pre-pandemia nel 2022
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
14 aprile 2021
16:17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Fmi invita l’Europa a ulteriori misure di stimolo: “Non un pacchetto di spesa indiscriminata e permanente ma misure mirate e temporanee sul fronte della domanda e dell’offerta”. Questo ulteriore stimolo, ipotizzato al 3% del Pil nel 2021-2022, può aumentare il Pil del 2% entro la fine del 2022.

“L’Europa si trova a un punto di svolta. Anche se il ritmo delle vaccinazioni è ancora lento, si intravede una luce in fondo al tunnel della pandemia”. Lo afferma Alfred Kammer, responsabile del Dipartimento europeo del Fmi, sottolineando che la crescita è disomogenea ma il Pil dell’Europa è atteso tornare ai livelli pre-pandemia nel 2022. “Con un duro lavoro sulla produzione e sulla distribuzione dei vaccini, il continuo sostegno e con politiche innovative per combattere le cicatrici economiche, l’Europa può avere una ripresa a V che è più giusta e più resiliente”.
La dimensione del Recovery plan europeo al momento è sufficiente, afferma inoltre Kammer.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Francia: il politologo Duhamel confessa violenze sessuali
La vittima fu il figliastro quattordicenne negli anni Ottanta
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PARIGI
14 aprile 2021
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Olivier Duhamel, il politologo francese denunciato per violenze sessuali sul suo figliastro quattordicenne negli anni Ottanta, ha ammesso le sue colpe durante un interrogatorio della polizia. Lo hanno riferito i media francesi citando fonti dell’inchiesta.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Occupanti Globe, Franceschini e Orlando parlino con noi
Rete Lavoratori cultura, riaprire con sicurezza anche economica
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
16:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono circa una sessantina i membri (tutti ‘tamponati’) di una rete composta da collettivi di lavoratori dello spettacolo e della cultura che stamattina hanno occupato il Globe Theatre a Roma, il teatro elisabettiano nel cuore della Capitale creato grazie a Gigi Proietti. Un gesto “forte, di rabbia che siamo stati costretti a fare per rimettere al centro dell’attenzione, dopo un anno in cui ci siamo trovati contro un muro di gomma, i lavoratori di questo settore, ma non solo – spiega in conferenza stampa David, uno dei rappresentanti dell’Occupazione, promossa fra gli altri da Autorganizzati Spettacolo Roma, C.l.a.p – Camere del lavoro autonomo e precario, Il campo Innocente, presidi Culturali Permanenti -.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Non chiediamo le riaperture subito. Dobbiamo cambiare radicalmente il settore, per ripartire tutti in sicurezza con una riforma che dia a tutti più tutele anche economiche. Serve un reddito che ci liberi da precarietà e sfruttamento che troppo spesso si subiscono nei luoghi di lavoro”. Si è scelto di occupare il Globe “perché ha un fortissimo legame con la città: è un posto che amiamo e vogliamo tutelare – aggiunge – un luogo pubblico della cultura. E pensiamo che in questa fase soprattutto le istituzioni pubbliche debbano stare vicino ai lavoratori”. E’ necessario “un tavolo con più di un ministero” sottolinea un’altra rappresentante, Giulia. Fra i temi del dialogo “ci deve essere il reddito di continuità, necessario per non essere precari e ricattati a vita. Un provvedimento che vorremmo poi fosse esteso a tutte le categorie precarie di lavoratori anche attraverso un reddito universale”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Quindi “facciamo innanzitutto appello ai ministri Franceschini e Orlando – aggiunge David -: chiediamo che vengano a confrontarsi con noi. Non siamo solo a Roma, siamo a Milano al Piccolo, al Mercadante di Napoli e presto in altri teatri. Da parte dei ministri venire sarebbe un primo passo importante”. In conferenza stampa l’assessora alla Cultura di Roma Capitale, Lorenza Fruci, esprime “solidarietà a queste istanze.
Nella mia precedente vita ero un’operatrice culturale e conosco certe dinamiche – spiega -. Per quanto possibile mi farò portatrice delle vostre richieste, sono qui per dialogare con voi. Vi chiedo che questa sia un ‘occupazione costruttiva e pacifica”. Oltre che da decine di realtà, festival e artisti, da Ascanio Celestini e Giorgio Barberio Corsetti, direttore artistico del Teatro di Roma (presenti alla conferenza stampa) a Emma Dante e, fra gli altri, l’associazione Non una di meno e il Festival di Sant’Arcangelo, la solidarietà arriva anche da Alessandro Fioroni, a capo della parte gestionale del Globe e da Carlotta Proietti, che oltre ad essere attrice, è fra i curatori della programmazione: “La nostra reazione stamattina è stata un po’ di confusione, perché non sapevamo nulla – spiega -. Ma ovviamente c’è la nostra solidarietà. Mi sento di chiedervi con tutto il cuore, trattatecelo bene perché stiamo facendo di tutto per ripartire quest’estate con una stagione, proprio per far lavorare le persone”.
Secondo Stefano Fassina (Leu) “è giusto cogliere il momento di questo dramma per fare dei cambiamenti strutturali, per rivedere la condizione dei lavoratori”. Durante l’occupazione “organizzeremo la mattina con tavoli tematici – spiega Anna – i cui contenuti saranno poi riportate in assemblee in streaming (chi parteciperà in presenza potrà fare il tampone fuori dal teatro a soli 5 euro, ndr). Fra i temi, la riforma del settore, il reddito di continuità, le questioni del sessismo con tutte le violenze che si porta dietro e l”ecosistema culturale”. “Si è occupato il Globe – dice Giulia – anche per la persona che simbolicamente rappresenta Gigi Proietti, maestro e figura importantissima a cui tutti i romani sono affezionati. Non so cosa direbbe oggi lui, ma nelle sue interviste ricordava spesso che la cultura non è né alta né bassa, ma è popolare, appartiene a tutti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Alitalia: Giorgetti, con Ue compromesso ragionevole o niente
Fonti Ue, piano B? Spetta a Italia fare proposte
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
17:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Tutto quello che è possibile, sarà fatto e se non si arriverà ad un compromesso ragionevole in termini di prospettive industriali di sostenibilità, il governo non lo accetterà”. Lo ha detto il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, al question time alla Camera, circa la trattativa con la Commissione Ue su Alitalia.
Intanto, secondo fonti da Bruxelles, il governo italiano può fare le proposte che più ritiene opportune su Alitalia, da parte della Commissione europea non c’è alcun paletto in questo senso, ma spetta al governo italiano mettere sul tavolo un eventuale piano B. La Commissione resta però sempre in attesa di molte risposte dal governo su Alitalia per poter valutare la discontinuità economica della newco Ita.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mattarella: ‘Gorizia/Nova Gorica capitale europea Cultura’
Ricevuto al Quirinale l’omologo sloveno Borut Pahor
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
17:42
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il presidente della Slovenia Borut Pahor hanno lanciato il progetto di Gorizia/Nova Gorica capitale europea della Cultura 2025. Mattarella ha ricevuto al Quirinale il suo omologo sloveno.
“Sono lietissimo – ha detto alla stampa Mattarella – di accogliere qui al Quirinale l’amico Borut Pahor, non soltanto per un confronto sull’amicizia e la collaborazione tra Italia e Slovenia.
Il nostro ultimo incontro fu a Trieste per la restituzione del Narodni Dom, ed è stato un’occasione in cui abbiamo segnato per il futuro un’ulteriore strada di collaborazione e amicizia tra Slovenia e Italia. E su questa linea intendiamo muoverci e sviluppare la collaborazione tra i nostri Paesi”.

Anche Pahor ha rivolto un saluto alla stampa accennando al progetto Gorizia/Nova Gorica Capitale europea della Cultura 2025. “Vorrei riprendere quanto ha detto il presidente Pahor – ha quindi aggiunto Mattarella – quanto alla prospettiva importante per di Gorizia-Nova Gorica capitale europea della cultura. E’ un ulteriore messaggio di vicinanza, di amicizia di collaborazione e di futuro comune che stiamo mandando all’intero continente europeo e che segna in modo altamente positivo la nostra collaborazione”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Erdogan: “Le parole di Draghi totale maleducazione, danneggiate le relazioni”
“Prima di dire una cosa del genere a Tayyip Erdogan devi conoscere la tua storia, ma abbiamo visto che non la conosci. Sei una persona che è stata nominata, non eletta”, ha detto il presidente turco
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ISTANBUL
14 aprile 2021
18:14
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Prima di dire una cosa del genere a Tayyip Erdogan devi conoscere la tua storia, ma abbiamo visto che non la conosci. Sei una persona che è stata nominata, non eletta”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lo ha detto il presidente turco Erdogan, rispondendo alle parole di Mario Draghi, in un discorso ad un gruppo di giovani nella biblioteca del suo palazzo presidenziale di Ankara e parlando anche di “totale impertinenza” rispetto alle affermazioni del premier. Con le sue affermazioni, “Draghi ha purtroppo danneggiato” lo sviluppo delle “relazioni Turchia-Italia”, ha aggiunto Erdogan secondo quanto riferito dall’agenzia Anadolu e dalla tv di Stato turca.
“La dichiarazione del presidente del Consiglio italiano è stata una totale maleducazione, una totale maleducazione”, ha ripetuto il presidente Erdogan, citato da Anadolu, replicando al premier Mario Draghi, che una settimana fa lo aveva definito “dittatore”.
“Erdogan si colloca da sempre agli antipodi rispetto al concetto di democrazia. Nonostante ciò, si permette di impartire lezioni a Mario Draghi. Dimentica che il nostro premier ha ricevuto la fiducia dal Parlamento, massima espressione della sovranità popolare e quindi della democrazia”. Lo sottolinea in una nota, l’europarlamentare del Partito Democratico Pina Picierno.
“Oggi più che mai sto con il presidente Draghi, la democrazia, la libertà, l’Occidente. #Erdogan”. Lo scrive in un tweet il leader della Lega Matteo Salvini.
“Che il sig. Erdogan, che arresta i parlamentari dell’opposizione, bombarda i villaggi curdi, voglia dare lezioni di stile ed educazione al presidente del consiglio italiano è davvero esilarante”. Lo afferma il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni.
“Inaccettabili le dichiarazioni di Erdogan. Le sue continue provocazioni stanno danneggiando le relazioni tra l’Unione europea e la Turchia. Draghi ha semplicemente detto la verità a chi non ha mai smesso di reprimere le libertà nel suo Paese”. Lo dichiara il deputato di Italia Viva Gennaro Migliore, capogruppo in Commissione Esteri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Alitalia: tensione con Bruxelles. Giorgetti, con Ue compromesso ragionevole o niente
Fonti Ue, piano B? Spetta a Italia fare proposte
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
18:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tensione Italia-Ue sul dossier Alitalia dopo che Bruxelles ha sottolineato che il governo italiano può fare le proposte che più ritiene opportune su Alitalia, da parte della Commissione europea non c’è alcun paletto in questo senso, ma spetta al governo italiano mettere sul tavolo un eventuale piano B. La Commissione resta però sempre in attesa di molte risposte dal governo su Alitalia per poter valutare la discontinuità economica della newco Ita.
Stupore a Roma da parte di Ita e di tutti gli attori in campo rispetto alle indiscrezioni arrivate da Bruxelles.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fonti vicine al dossier sottolineano infatti che l’Italia ha dato ogni volta risposte puntuali alle oltre 200 domande dei funzionari europei con 35 documenti e 10 call. Totale disponibilità quindi verso l’Unione europea, ribadiscono le stesse fonti, ma le domande – affermano – sono spesso ripetitive e a volte poco pertinenti con il risultato di un’enorme quantità di tempo sprecato in una situazione sempre più grave.
“Tutto quello che è possibile, sarà fatto – ha detto al question time il ministro Giancarlo Giorgetti – e se non si arriverà ad un compromesso ragionevole in termini di prospettive industriali di sostenibilità, il governo non lo accetterà”.
Per il decollo di Ita “è importante partire col piede giusto con un piano industriale per crescere, non per mantenere i livelli di partenza”. Lo ha detto il ministro delle infrastrutture e mobilità sostenibili, Enrico Giovannini a Restart, in onda questa sera su Rai2 – secondo quanto riporta una nota della trasmissione – Sulla possibilità di partire anche senza l’ok di Bruxelles, Giovannini ha frenato: “sarebbe una scelta di ultima spiaggia. Come ha detto oggi il ministro Giorgetti nell’incontro con i sindacati, noi analizziamo il piano a e il piano b, ma crediamo che sia possibile arrivare a questo accordo in tempi brevi”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Blitz di Franceschini al Globe Theatre, “sono con voi”
Ministro ad attori e maestranze, “al lavoro per aiutare settore”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
18:42
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ho apprezzato il tono costruttivo e positivo del vostro intervento, della vostra protesta, sono qui per dirvi che io non sono la vostra controparte, io ho il dovere di essere il vostro rappresentante nelle istituzioni”. Giacca a vento e mascherina, il ministro della cultura Franceschini si è presentato a sorpresa oggi pomeriggio 14 aprile, dopo il Question time alla Camera, nel Globe Theatre occupato a Roma per parlare con i ragazzi e gli artisti che animano la protesta.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E ha preso il microfono per ribadire la sua vicinanza ai lavoratori dello spettacolo: “Posso riuscire a fare questo lavoro più o meno bene, ma ho il dovere di rappresentare il vostro mondo. E’ quello che ho cercato di fare dall’inizio della pandemia, quando è arrivata questa bufera che ha travolto tante categorie e in modo particolare la cultura”. “Abbiamo cercato di intervenire con provvedimenti d’urgenza -, ha detto il ministro parlando a braccio – e per la prima volta in un settore che non li aveva sono arrivati gli ammortizzatori sociali. Questo lavoro si può migliorare e io sto continuando a insistere perché anche nel decreto Sostegni questi interventi continuino per i luoghi che restano chiusi o che potranno riaprire in maniera parziale”. La parte più importante del lavoro, ha sottolineato, è stata quella di censire il settore , “per avere una mappa precisa dei lavoratori intermittenti. E quello che ci deve impegnare ora, e lo stiamo già facendo, è trovare una norma che introduca in maniera permanente alcune protezioni che abbiamo introdotto in emergenza e che renda permanenti le forme di protezione dei lavoratori del settore”.
In queste ore – ha concluso – il ministero della cultura sta affrontando un altro problema, “evitare che chi ha avuto i fondi di emergenza ma non ha potuto versare i contributi sufficienti per il proprio percorso pensionistico nel 2020-21 abbia riconosciuti comunque dei contributi figurativi per i due anni e che questi non siano persi rispetto al percorso previdenziale . E’ una grande operazione che dobbiamo fare con il ministero del Lavoro, ascoltando le associazioni di categoria”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Patuanelli, scostamento 40 mld per garantire tenuta Paese
Così nuovi interventi a sostegno economia reale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
18:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Lo scostamento di ulteriori 40 miliardi è fondamentale per lenire le sofferenze di migliaia di piccole e medie imprese con ulteriori interventi a sostegno dell’economia reale e per garantire la tenuta sociale del paese”. Lo dichiara il ministro per le Politiche Agricole Stefano Patuanelli dopo il Cdm tenutosi questa mattina.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Recovery: Senato, comunicazioni Draghi in Aula il 27/4
Lo ha deciso la Capigruppo di Palazzo Madama
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
19:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente del Consiglio terrà nell’Aula del Senato comunicazioni sul Pnrr il prossimo 27 aprile. Lo ha deciso la conferenza dei capigruppo del Senato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Zaki: Fico, significativo impegno Parlamento su cittadinanza
Ed Egitto sappia che su Giulio Regeni Stato Italiano farà luce
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
19:06
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’Egitto sappia che su Regeni “lo Stato italiano farà luce fino in fondo. Come non smetterà di chiedere la liberazione di Patrick Zaki.
L’impegno del Parlamento sulla cittadinanza italiana a Zaki rappresenta un messaggio chiaro e significativo”. Lo dice il presidente della Camera Roberto Fico.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Recovery: Draghi vede partiti, domani a P. Chigi M5S e Lega
Venerdì tocca a Fi e Pd, chiudono Fdi e Iv lunedì
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
19:08
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, avvierà domani a Palazzo Chigi i primi incontri con i partiti sul Piano nazionale di ripresa e resilienza.
Di seguito il calendario sul quale sono annunciati possibili aggiornamenti: GIOVEDÌ 15 – ore 17.00 M5S – ore 18.30 Lega VENERDÌ 16 – ore 17.00 Forza Italia – ore 18.30 Partito Democratico LUNEDÌ 19 – ore 17.00 Fratelli d’Italia – ore 18.30 Italia Viva.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, Pd con Speranza: ‘Salvini lo usa come capro espiatorio’
Leader della Lega ancora in pressing sulle riaperture
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
19:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Matteo Salvini attacca il ministro della Salute Roberto Speranza usandolo come capro espiatorio, ma è un modo per cercare di distogliere l’attenzione dal calo di consensi che sta subendo non solo dentro il centrodestra, ma anche all’interno del suo stesso partito, la Lega. E’ il ragionamento che viene fatto al Nazareno, dove si ribadisce: “Supporto totale a Speranza, nessuno lo tocchi”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Anche ieri il leader della Lega lo ha attaccato per il libro, poi non pubblicato, sulla pandemia.
Intanto la Lega resta in pressing sulle aperture. “Questo è quello che chiediamo al governo”, ha detto il leader della Lega a Porta a Porta, rispondendo alla domanda se lunedì riapriranno in qualche città i ristoranti. “Le dico che nella provincia di Trento, col sostegno della Comunità scientifica, già da lunedì riapriranno i ristoranti all’aperto, perché sono meglio controllate all’aria aperto piuttosto che 10 persone di nascosto dentro casa”. Alla domanda se ci potranno essere riaperture anche in altre Regioni, Salvini ha replicato: “E’ auspicabile. A Madrid, Londra, Lugano, Stoccolma e così. A San Marino, nel cuore dell’Italia, usando il vaccino russo, sono tornati giustamente alla vita. Anche perché i danni psicologici, psichiatrici, mentali – a casa di milioni di italiani ci sono tranquillanti, psicofarmaci, ansiolitici, droghe – rischiano di essere irreparabili sui figli e i nipoti. Tornare alla vita è fondamentale anche dal punto di vita sanitario oltre che economico”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Francia: ministra, ‘Notre-Dame riaprirà nel 2024’
Domani 2 anni da incendio. ‘Fondi sufficienti per ricostruzione’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PARIGI
14 aprile 2021
19:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La cattedrale di Notre-Dame de Paris, devastata dall’incendio dell’aprile di due anni fa, “sarà riaperta” nel 2024: è quanto assicurato oggi dalla ministra francese della Cultura, Roselyne Bachelot, aggiungendo che la sottoscrizione pubblica per raccogliere i fondi necessari alla ricostruzione ha permesso di raggiungere una somma sufficiente per portare a termine il cantiere. Con donazioni e promesse di donazioni per un totale di 833 milioni di euro, “le somme raccolte ci permettono di affrontare tranquillamente questo cantiere”, ha precisato la ministra della Cultura, recentemente guarita dal Covid-19, durante un intervento al Senato di Parigi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Posso dirvi che nel 2024 la cattedrale Notre-Dame de Paris verrà riaperta”, ha aggiunto. Domani, a due anni esatti dall’incendio, Bachelot si recherà in visita nel cantiere della cattedrale gotica di tra i simboli fondamentali della Francia e dell’Europa, assieme al presidente, Emmanuel Macron. All’epoca dei fatti, il capo dello Stato aveva invocato la ricostruzione dell’edificio in cinque anni, in tempo per le Olimpiadi di Paris-2024. Anche il generale Jean-Louis Georgelin, che segue il cantiere per conto di Macron, ha garantito che Notre Dame potrà riaprire nel 2024, con un Te Deum già fissato per il 16 aprile, anche se i lavori non saranno del tutto conclusi per quella data.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Csm: eletta un’altra donna, mai così tante
E’ Maria Tiziana Balduini,candidata da Magistratura Indipendente
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
19:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Per la prima volta in 60 anni le donne sfiorano la parità al Consiglio superiore della magistratura: le consigliere togate sono 7, solo due in meno dei loro colleghi uomini, e sinora non erano mai state così tante.
Il record è stato raggiunto con l’elezione di una nuova consigliera, Maria Tiziana Balduini, presidente di sezione al Tribunale di Roma, che con 2086 voti ha avuto la meglio sugli altri 3 candidati: Luca Minniti, giudice a Firenze , Mario Cigna, presidente di sezione al tribunale di Lecce e Marco D’Orazi, giudice a Bologna.
Con questo risultato, Magistratura Indipendente la corrente delle toghe più moderate che aveva candidato Balduini, diventa il secondo gruppo per rappresentanti (ne ha 4) al Csm.
Le elezioni suppletive erano stata indette per sostituire Marco Mancinetti, l’ultimo dei consiglieri del Csm che si è dimesso per le chat con Luca Palamara, l’ex presidente dell’Anm condannato dalla Sezione disciplinare alla rimozione dall’ordine giudiziario.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Toti, oggi in Liguria vaccinate 16mila persone
In sicurezza fasce più a rischio per poter ripartire
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
14 aprile 2021
19:42
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Oggi in Liguria abbiamo vaccinato più di 16 mila persone. La nostra campagna, grazie allo sforzo eccezionale di sanità pubblica, privata e farmacie, ha avuto una rapida accelerata, superando di molto le somministrazioni richieste dal Commissario per l’emergenza generale Figliuolo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ormai siamo vicinissimi alla soglia del 90% di vaccini fatti su quelli consegnati, nella nostra regione il 19,94% della popolazione ha ricevuto la prima dose, l’8,01% ha completato il ciclo, contro una media nazionale rispettivamente del 15,80% e 6,70%. Numeri incoraggianti che si riflettono anche sui dati della diffusione del virus: l’incidenza continua a calare e oggi anche le ospedalizzazioni, con 28 pazienti in meno ricoverati negli ospedali liguri. Questo proprio perché vaccinare gli anziani e le persone più fragili è stata fin da subito la nostra priorità: mettiamo al sicuro tutti loro, abbassiamo ricoveri e mortalità, chiudiamo i reparti Covid e finalmente permettiamo all’Italia di ripartire”. Così il presidente della Regione Liguria e assessore alla Sanità Giovanni Toti fa il punto sull’emergenza Covid-19 in Liguria.
In particolare, in 24 ore in Liguria sono state somministrate 16.564 dosi, di cui 14.073 di vaccini ‘freeze’ Pfizer o Moderna (a mRNA) e 2.491 di vaccino Astrazeneca alle persone con età tra 70 e 79 anni. Cala l’incidenza del Covid su tutto il territorio: rispetto alla soglia di 250 casi ogni 100mila abitanti, sopra la quale il governo richiede l’adozione di ulteriori misure restrittive, la media ligure è di 161 casi, mentre nelle province l’incidenza è di 189 casi su 100mila abitanti nel Savonese, 128 casi nello Spezzino, 221 casi nell’Imperiese e 132 casi nell’area metropolitana di Genova.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le Regioni spingono per riaprire tutto, verso cabina di regia venerdì
Al tavolo della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome l’aggiornamento delle linee guida per la riapertura delle attività economiche, produttive e ricreative
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
20:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le Regioni sono pronte a riaprire progressivamente le attività, nei prossimi due mesi. Al tavolo della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, convocata per domani, l’aggiornamento delle linee guida per la riapertura delle attività economiche, produttive e ricreative. Venerdì si va verso una nuova riunione della cabina di regia del governo, presieduta dal premier Mario Draghi, sulla situazione epidemiologica in Italia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Già nelle scorse ore era emersa la probabilità che il premier convocasse la riunione dopo l’ultimo aggiornamento dei dati del contagio del Paese. Riunione che si terrà venerdì e nella quale, presumibilmente, il governo farà un primo punto sulle riaperture. Nel pomeriggio, invece, Draghi ha incontrato il coordinatore nazionale e il portavoce del Ct Franco Locatelli e Silvio Brusaferro.
Intanto si discute della possibilità di aprire le scuole per le vacanze per assicurare attività ludico-ricreative e culturali agli alunni.
Tenere le scuole aperte dopo la fine dell’anno scolastico, al servizio del territorio e su base volontaria “si può fare, ci sono stati stanziamenti appositi. Si tratta di valutare le possibilità di un’offerta formativa specifica per il territorio di riferimento di ogni singola scuola. Qui viene fuori la differenziazione delle nostre aree geografiche. Mi aspetto territori dove questa iniziativa sarà accolta molto positivamente e altri in cui ci sarà maggior freddezza da parte delle famiglie. Ma è possibile e lavoreremo per questo”. Lo ha detto a Timeline, su Sky TG24, il Presidente dell’Associazione Nazionale Presidi, Antonello Giannelli.
E quattro nuove “zone rosse” e proroga per altre otto in Sicilia. Lo ha disposto il presidente della Regione Nello Musumeci, con un’ordinanza appena firmata. Le nuove restrizioni – in vigore da venerdì 16 a mercoledì 28 aprile – riguardano: Catenanuova e Cerami, in provincia di Enna; Mussomeli, nel Nisseno; Sant’Alfio, in provincia di Catania. Le proroghe – fino a giovedì 22 aprile – sono state invece adottate per: Caltanissetta; Biancavilla, in provincia di Catania; Centuripe, Pietraperzia e Regalbuto, nell’Ennese; Francavilla di Sicilia, in provincia di Messina; Lampedusa e Linosa, nell’Agrigentino; Mazzarino, nel Nisseno.
“L’orientamento del Governo è chiarissimo: riaprire con sicurezza, quando ci saranno le condizioni ma dare già delle date e delle certezze perché il sistema economico ha bisogno di certezze e di organizzazione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E anche i cittadini hanno bisogno di capire che orizzonte hanno davanti”. Lo dice il ministro del turismo Massimo Garavaglia intervistato da Serena Bortone nella trasmissione Oggi è un altro giorno su Rai1. E ribadisce: “Riapriamo in sicurezza per non chiudere più”.     Alla domanda se si pensa di riaprire bar e ristoranti all’aperto, sull’esempio dei pub inglesi ribatte: “Ci sono settori e settori – spiega – e categorie e categorie. I parrucchieri appena si può, riaprono subito. Ci sono attività che hanno bisogno di tempi e quindi va detto. Le fiere, di cui abbiamo discusso ieri, hanno bisogno di mesi di preparazione, altrimenti salta tutto e si passa all’anno dopo. Tipologia per tipologia bisogna dare il giusto orizzonte e la giusta agenda. Bisogna mettersi a un tavolo e rivedere tutto, ma vedo il ministro Speranza molto meno “arcigno” rispetto a prima su questo. E’ questione di mettere le regole e i protocolli giusti, tanto si sa che si va verso la direzione del Green Pass europeo. Ad esempio noi prima di entrare in Cdm facciamo il tampone… In una mostra che ha gli orari di ingresso scaglionati che problema ci sarebbe?”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Lombardia in calo contagi e ricoveri, 85 decessi
2.153 i nuovi positivi, tasso positività scende al 4.2%
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
18:24
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con 50.487 tamponi effettuati, sono 2.153 i nuovi positivi in Lombardia, con il tasso di positività in calo al 4,2% (ieri 5.1%). Continua il calo dei ricoverati sia in terapia intensiva (-6, 781) che negli altri reparti (-138, 5.589).
I decessi sono 85 per un totale complessivo di 31.994 morti in Lombardia dall’inizio della pandemia.
Per quanto riguarda le province, sono 550 i nuovi casi nella Città metropolitana di Milano, di cui 221 a Milano città, 367 a Brescia, 212 a Varese, 173 a Bergamo, 148 a Monza e Brianza, 146 a Como, 125 a Mantova, 108 a Pavia, 89 a Cremona, 79 a Lecco, 57 a Sondrio e 48 a Lodi.

La Tua opinione è importante! Vota questo articolo, grazie!
No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.