Mondo tutte le notizie in tempo reale! DA NON PERDERE! SEGUILE!!
Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 93 minuti

Ultimo aggiornamento 9 Giugno, 2021, 12:51:12 di Maurizio Barra

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 15:56 DI DOMENICA 06 GIUGNO 2021

ALLE 12:51 DI MERCOLEDÌ 09 GIUGNO 2021

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Perù: presidente, ‘certo che responso urne sarà rispettato’
In ballottaggio presidenziale fra Castillo e Fujimori
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LIMA
06 giugno 2021
15:56
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente ad interim peruviano, Francisco Sagasti, ha manifestato oggi l’auspicio, dopo aver votato a Lima, che i candidati nel ballottaggio presidenziale (Pedro Castillo e Keiko Fujimori) “rispetteranno il responso delle urne”.
Sono sicuro, ha aggiunto il capo dello Stato, che “entrambi i contendenti accetteranno il risultato che verrà reso noto dalle autorità elettorali senza metterlo in discussione, e chiederanno ai loro sostenitori di agire pacificamente, senza ribellioni o proteste”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
I prossimi cinque anni, ha concluso, “saranno cruciali e richiederanno profonde riflessioni e la capacità di ascoltare i cittadini”.
Nel corso della giornata, peraltro, sia il maestro di formazione comunista Pedro Castillo (Perú Libre), sia l’imprenditrice di destra Keiko Fujimori hanno confermato la loro disponibilità ad accettare il risultato ufficiale che verrà comunicato dalle autorità elettorali.
Negli ultimi giorni di campagna elettorale il vantaggio di cui godeva Castillo sulla sua sfidante è andato assottigliandosi, fino a ridursi a circa due punti percentuali, che per i sondaggisti rientra nel margine di errore delle inchieste, determinando una parità tecnica.
I seggi chiuderanno alle 19 (le 2 italiane di domani) e successivamente saranno diffusi alcuni exit poll.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Media, nata la figlia del principe Harry e Meghan Markle
Si chiama Lilibet ‘Lili’ Diana Mountbatten-Windsor
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
06 giugno 2021
18:33
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il principe Harry e Meghan Markle hanno annunciato la nascita del loro secondo figlio, Lilibet ‘Lili’ Diana Mountbatten-Windsor. Lo riportano diversi media americani.

“E’ con grande gioia che il principe Harry e Meghan, il duca e la duchessa di Sussex, annunciano al mondo danno il benvenuto alla loro figlia”, ha annunciato un portavoce.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La bimba è nata venerdì 4 giugno alle 11.40 del mattino al Cottage Hospital di Santa Barbara, in California. Pesa oltre tre chili. Sia la madre che la bambina, ha aggiunto il portavoce, stanno bene e sono già a casa . Si spiega quindi che la bimba si chiama Lili in onore della nonna, la regina Elisabetta, il cui soprannome in famiglia è Lilibeth. Il nome Diana, poi, è in onore della madre di Harry, Diana Spencer, principessa del Galles.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il principe Harry e Meghan Markle hanno annunciato la nascita della loro bambina, Lilibet ‘Lili’ Diana Mountbatten-Windsor.  Un nome che tocca le corde della memoria e dell’emozione, e che suona come un doppio tributo, ma destinato anche a rubare di nuovo la scena – da lontano – in casa Windsor.
“E’ con grande gioia che il principe Harry e Meghan, il duca e la duchessa di Sussex, annunciano al mondo danno il benvenuto alla loro figlia”, ha annunciato un portavoce . La bimba è nata venerdì 4 giugno alle 11.40 del mattino al Cottage Hospital di Santa Barbara, in California.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Pesa oltre tre chili. Sia la madre che la bambina, ha aggiunto il portavoce, stanno bene e sono già a casa . Si spiega quindi che la bimba si chiama Lili in onore della nonna, la regina Elisabetta, il cui soprannome in famiglia è Lilibeth. Il nome Diana, poi, è in onore della madre di Harry, Diana Spencer, principessa del Galles.
I richiami appaiono quanto mai suggestivi. Da un lato il secondogenito di Carlo e Diana e sua moglie mostrano di voler testimoniare affetto e rispetto nei confronti della sovrana, seppure forse non esattamente della Royal Family come istituzione vista l’indicazione del nomignolo di famiglia, quasi a onorare la bisnonna più che la monarca; dall’altro s’inchinano al ricordo di Lady D, “principessa del popolo” morta tragicamente 36enne nel 1997, la cui ribellione dalla vita di corte resta ad un tempo per Harry – il figlio di gran lunga più simile a lei – un monito, un modello e un trauma irrisolto, come confessato di recente. Lontana, ma non lontanissima dal trono, la ‘principessina’ americana nasce senza titolo ufficiale e tuttavia ottava nella linea di successione alla corona di Elisabetta II, collocandosi dietro il nonno Carlo, lo zio William (fratello maggiore di Harry), i tre figli di questo e della consorte Kate, nonché alle spalle del proprio fratellino Archie, venuto al mondo nel maggio 2019 a Londra; ma subito davanti al principe Andrea, secondo figlio maschio (in disgrazia) della regina e di Filippo di Edimburgo, scomparso nel marzo scorso quasi centenario.
La famiglia reale britannica si dice “felice” per la nascita della figlia di Harry e Meghan, Lilibet Diana:

“Congratulazioni al Duca e alla Duchessa del Sussex per la nascita della loro figlia”. Il premier britannico Boris Johnson ha inviato così su Twitter le sue felicitazioni a Harry e Meghan per la nascita della loro secondogenita.

Meghan Markle un messaggio per la figlia in arrivo e per tutte le bambine nel mondo Domenica 06 Giugno 2021 VIDEO:

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Messico: presidente chiede che nel voto vinca la democrazia
Dopo sanguinosa campagna elettorale con 36 candidati uccisi
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL MESSICO
06 giugno 2021
18:36
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador ha esclamato oggi “viva la democrazia!” dopo aver votato a Città del Messico nel quadro di elezioni di medio termine segnate fino all’ultimo da molteplici episodi di violenza costati la vita a 91 persone, fra cui 36 candidati.
All’uscita del seggio in compagnia della moglie Beatriz, il capo dello Stato si è soffermato per una decina di secondi con il pollice della mano destra in alto, ripetendo ‘viva la democrazia!’, e si è poii allontanato senza formulare dichiarazioni, nonostante che uno dei suoi assistenti si fosse avvicinato con un microfono.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Nel corso della giornata non si sono registrati episodi particolarmente violenti, ma solo una operazione di polizia che ha attratto l’attenzione dei media.
La polizia federale messicana ha arrestato alle 5 del mattino l’ex governatore dello Stato di Nayarit, Roberto Sandoval, e sua figlia Lidy Alejandra, accusati di operazioni con risorse di provenienza illecita.
Le elezioni odierne sono considerate le più importanti della storia per il numero di incarichi (19.000) da distribuire, riguardanti il rinnovo totale della Camera, 15 dei 32 governatori, 30 delle 32 assemblee legislative statali e i sindaci e consiglieri di 1.500 dei 2.500 comuni messicani.
I seggi saranno aperti alle 8 (le 15 italiane e si chiuderanno alle 18 (l’1 italiana di domani).
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Cdu ferma l’ultradestra in Sassonia secondo gli exit poll
In netto vantaggio con il 36%. Afd seconda con il 22,5%
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
07 giugno 2021
12:27
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’incubo del sorpasso è alle spalle fin dai primi exit poll: la Cdu trionfa nella tedesca Sassonia-Anhalt e l’ultradestra di Alternative fuer Deutschland resta al secondo posto, lasciando sul terreno quasi due punti percentuali. È la smentita dei sondaggi, che fino alla vigilia davano un testa a testa fra i due partiti, che avrebbe potuto destabilizzare anche la politica tedesca, con contraccolpi sulla campagna elettorale in vista del voto federale del 26 settembre.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Con il risultato di queste urne, le ultime regionali dell’era Merkel, è più forte anche il candidato cancelliere dei cristiano-democratici, Armin Laschet. L’exploit dei verdi di Annalena Baerbock segna una battuta d’arresto (nel Land dell’est crescono, ma meno delle attese) e incassano una batosta i socialdemocratici, con uno dei risultati peggiori di sempre nella storia della Repubblica federale. Stando alle proiezioni, pubblicate in serata dalla tv pubblica ARD, la Cdu di Reiner Haseloff, il ministro-presidente uscente che va verso il terzo mandato, ha ottenuto il 36,6% dei voti (+6,8). L’Afd di Oliver Krichner ha preso il 22% (-2,3), e anche se non c’è affatto voglia di festeggiare nel quartier generale, Alexander Gauland e gli altri vip del partito ostentano “soddisfazione” per un esito che li vede comunque saldamente al secondo posto nel Land di Magdeburgo, confermando un grande peso politico nell’est.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Box office Usa, in vetta The Conjuring
Battuto A Quiet Place II, terzo gradino del podio per Crudelia
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
06 giugno 2021
19:40
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Debutto vincente al box office Usa per The Conjuring – Per ordine del diavolo: il settimo film del più grande franchise horror della storia, targato Warner Bros, con Vera Farmiga e Patrick Wilson diretti da Michael Chaves (disponibile anche su Hbo Max senza costi aggiuntivi), ha incassato 24 milioni di dollari, scalzando A Quiet Place II, sequel di A Quiet Place – Un posto tranquillo, che aveva ottenuto un’apertura record in tempi di pandemia con 57 milioni nel lungo week end del Memorial Day. L’horror della Paramount, diretto da John Krasinski, ha portato a casa altri 19,5 milioni di dollari nel fine settimana, raggiungendo così gli 88 milioni nel mercato nord americano e 138 milioni a livello globale.

Al terzo posto la Crudelia della Disney, con 11,2 milioni di dollari al secondo week end di uscita. Il prequel della Carica dei 101, con Emma Stone nei panni della cattiva che rapisce i cuccioli, è disponibile anche per il noleggio su Disney+.
All’estero Crudelia ha rastrellato altri 18,6 milioni da 36 mercati, per un totale globale di 87,1 milioni di dollari.   CINEMA

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

L’oppositore russo Gudkov fugge in Ucraina
Per le pressioni delle autorità di Mosca
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
07 giugno 2021
12:50
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’oppositore ed ex deputato russo Dmitri Gudkov ha annunciato di aver lasciato la Russia per l’Ucraina, a causa delle pressioni delle autorità in vista delle elezioni parlamentari di settembre. “Mi sto avvicinando a Kiev”, ha scritto in un post su Facebook, aggiungendo che fonti vicine al Cremlino gli hanno detto che se non se ne fosse andato sarebbe stato arrestato per un “finto” procedimento penale contro di lui.
Gudkov, 41 anni, era stato arrestato all’inizio di questa settimana insieme a un altro noto critico del Cremlino, Andrei Pivovarov, 39 anni, con quest’ultimo fatto scendere da un aereo diretto a Varsavia pochi minuti prima del decollo.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Gudkov era stato arrestato un affitto non pagato dal 2015, con il rischio di scontare fino a cinque anni di carcere. I suoi sostenitori hanno definito l’arresto una forma di punizione per i suoi piani di partecipare alle elezioni. Ma è stato poi rilasciato senza accuse giovedì sera, in una rara marcia indietro da parte delle autorità russe.
Il suo avvocato Mikhail Biryukov ha dichiarato all’Afp che Gudkov è stato liberato senza essere formalmente accusato. I sostenitori hanno salutato il suo rilascio, ma hanno suggerito che non gli sarebbe stato permesso di candidarsi per il parlamento. Frattanto, Pivovarov rimane in carcere, dopo che in un’udienza un tribunale mercoledì ha ordinato che venga tenuto in custodia cautelare per due mesi. È l’ex direttore esecutivo di Open Russia, un gruppo pro-democrazia recentemente sciolto.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ramo africano Isis conferma la morte del leader di Boko Haram
Per i miliziani dello Stato islamico della provincia dell’Africa occidentale si è fatto esplodere per non essere catturato
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
07 giugno 2021
12:41
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il leader di Boko Haram, Abubakar Shekau, si è fatto esplodere durante uno scontro con combattenti jihadisti rivali. Lo hanno reso noto i miliziani dello Stato islamico della provincia dell’Africa occidentale (Iswap) in un audio rilasciato all’Afp, due settimane dopo che sono emerse notizie sulla sua morte.

“Shekau ha preferito essere umiliato nell’aldilà piuttosto che essere umiliato sulla terra. Si è suicidato all’istante facendo detonare un esplosivo”, ha detto una voce simile a quella del leader dell’Iswap Abu Musab Al-Barnawi. Boko Haram non ha ancora commentato ufficialmente la notizia.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Perù: exit poll, lieve vantaggio di Fujimori su Castillo
Ma la differenza di 0,6% è considerata parità tecnica
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LIMA
07 giugno 2021
02:11
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Secondo un exit poll realizzato dall’Istituto Ipsos per America Tv, la candidata di Fuerza popular, Keiko Fujimori è in vantaggio nel ballottaggio presidenziale in Perù con il 50,3%, rispetto al 49,7% di Pedro Castillo di Perù libre.
La differenza di 0,6% fra i due candidati è considerata un risultato di parità tecnica.   POLITICA

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Messico: elezioni, exit poll:Morena perde maggioranza Camera
Il centrosinistra arriva al 47%, il centrodestra al 44%
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
07 giugno 2021
04:39
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il Movimento di Rigenerazione Nazionale (Morena, centrosinistra), al potere in Messico, avrebbe perso il controllo della Camera dei Deputati secondo gli exit poll delle elezioni per il rinnovo di 500 seggi alla Camera, 15 dei 32 governatorati e il 60% dei Comuni.
Secondo un sondaggio del quotidiano El Financiero, Morena raccoglierebbe il 40% dei voti e la coalizione di cui fa parte raggiungerebbe il 47% grazie all’apporto dal Partito dei Verdi (4%) e Laburista (3%), senza raggiungere cioè la maggioranza assoluta che deteneva.
A loro volta, alle tre principali forze di opposizione andrebbe il 44% dei voti, distribuiti nel 21% per il Partito Rivoluzionario Istituzionale (PRI), 20% per Azione Nacional (PAN) e il 3% del Partito della Rivoluzione Partito Democratico (PRD). Tutto indica, quindi, che si va verso una Camera dei Deputati divisa praticamente in due, cosa che metterebbe in grave difficoltà il presidente Andrés López Obrador nell’approvazione delle sue riforme pendenti, in particolare quella costituzionale.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Perù: spoglio 40% schede, Fujimori in testa su Castillo
Con il 52,9% dei voti contro il 47% del rivale
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LIMA
07 giugno 2021
07:19
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’Ufficio nazionale dei processi elettorali (Onpe) del Perù ha reso noto che con lo spoglio giunto al 40,03% delle schede elettorali del ballottaggio presidenziale svoltosi ieri, la candidata Keiko Fujimori è in testa con il 52,9% mentre Pedro Castillo è al 47,09%.
Il risultato non è ancora consolidato, ha indicato il presidente dell’Onpe, Piero Corvetto, perché nel centro di computo sono arrivati i dati riguardanti i centri urbani più importanti, dove la leader della destra ha il suo bacino elettorale.

Il maestro di sinistra Castillo riceve invece i suoi consensi in zone più remote della Sierra centrale, del sud e della regione amazzonica.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
New York sogna la prima donna sindaco della storia
Svolta nella corsa, Maya Wiley incassa l’appoggio della Ocasio
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
07 giugno 2021
13:13
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
New York sogna la prima donna sindaco della sua storia. E il sogno ora appare più vicino, dopo che Maya Wiley ha incassato l’ambito endorsement della leader della sinistra democratica Alexandria Ocasio-Cortez.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La giovane deputata irrompe nella campagna elettorale della Grande Mela a pochi giorni dalle primarie, programmate per il 22 giugno, e la sua mossa potrebbe scompaginare ogni previsione. La progressista Wiley, 57 anni, afroamericana, una vita da attivista per i diritti civili, era finora rimasta defilata nei sondaggi guidati da due candidati moderati: Eric Adams, 61 anni, ex ufficiale del Dipartimento di polizia di New York, ed Andrew Yang, 46 anni, imprenditore di origini taiwanesi ed ex candidato presidenziale nel 2020. L’unica in grado di poter contrastare i frontrunner appariva finora Kathryn Garcia, 51 anni, ex assessore nella giunta de Blasio, profonda conoscitrice di City Hall (la sede del municipio a Manhattan) e forte anche dell’endorsement ricevuto dal New York Times.

Ma la pasionaria Ocasio-Cortez, newyorchese doc e di origini portoricane, con milioni di follower sui social media, porta in dote un bacino di elettori da fare invidia, soprattutto giovani, quelli che nel 2018 l’hanno catapultata in Congresso facendola eleggere a soli 29 anni alla Camera. Dunque la sua discesa in campo potrebbe cambiare tutto, regalando alla Wiley un insperato successo nelle primarie. E, in assenza di candidati competitivi nel campo repubblicano, chi vincerà le primarie democratiche sarà di fatto il prossimo primo cittadino della Grande Mela, con le elezioni fissate per il 2 novembre. Se eletta, Wiley sarà non solo la prima donna sindaco della storia di New York ma anche il secondo sindaco di origini afroamericane.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Avvocatessa, docente di giustizia sociale, commentatrice televisiva, Wiley è nata a Syracuse, nello stato di New York, e cresciuta nella capitale federale Washington. Ha due figli. Il padre afroamericano morì quando era bambina a seguito di un incidente in barca. Il suo programma si contrappone alle agende di Adams e Yang perchè più innovatore: punta a un New Deal per la città di New York con ben 10 miliardi di dollari stanziati per garantire nelle comunità più disagiate infrastrutture, aiuti, programmi sociali e lavoro. Punto di scontro con i suoi avversari soprattutto la proposta di reperire le risorse tagliando i fondi destinati alle forze dell’ordine e riformando profondamente il dipartimento di polizia. Per questo Wiley viene accusata di sottovalutare l’esplosione della criminalità nella Grande Mela a causa della crisi dovuta alla pandemia. Lei invece si batte contro quello che definisce l’approccio “reazionario” degli avversari sul tema sicurezza.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Finalmente avremo una progressista a Grace Mansion”, ha auspicato Ocasio-Cortez, riferendosi alla residenza ufficiale del sindaco di New York. “Abbiamo bisogno di una città amministrata non per i miliardari ma per la gente che lavora. Per questo voterò per Maya”, le sue parole. E Maya ora, considerando anche i tantissimi elettori indecisi, può sperare.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Pakistan: incidente ferroviario, i morti salgono a 30
Vi sono decine di feriti
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
KARACHI
07 giugno 2021
08:18
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
E’ salito ad almeno 30 il bilancio delle vittime dell’incidente ferroviario avvenuto oggi in Pakistan: lo ha reso noto un portavoce delle ferrovie nazionali sottolineando che vi sono decine di feriti e che un numero imprecisato di passeggeri sono ancora intrappolati nelle carrozze.
Il portavoce ha precisato che un treno intercity ha investito un treno espresso che era deragliato in precedenza.
L’incidente è avvenuto vicino a Daharki, nella provincia sudorientale di Sindh.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Malaysia, anche i droni per rilevare la temperatura
Emettono una luce rossa per segnalare se qualcuno ha la febbre
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
07 giugno 2021
09:25
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La polizia della Malaysia ha messo in campo anche i droni per rilevare la temperatura delle persone nei luoghi pubblici nell’ambito delle misure anti-Covid adottate dal governo.
I droni, secondo l’agenzia statale Bernama citata dal Guardian, sono in grado di rilevare la temperatura di un individuo fino ad un’altezza di 20 metri dal suolo ed emettono una luce rossa per segnalare alle autorità se qualcuno ha la febbre.

Il Paese, come è noto, è in quasi totale lockdown dalla settimana scorsa per cercare di fermare una nuova ondata di infezioni attribuita dalle autorità sanitarie a “nuove varianti nella comunità, che hanno tassi di contagio e di mortalità più alti”.
Secondo i dati della Johns Hopkins University dall’inizio della pandemia la Malaysia ha finora registrato 616.815 casi di contagio e 3.378 decessi.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Colombia: Comitato sciopero interrompe dialogo con governo
Denunciando manovre dilatorie
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BOGOTA
07 giugno 2021
09:51
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il Comitato nazionale di sciopero (Cnp) ha annunciato la sua decisione di sospendere in Colombia le trattative in corso con il governo, ipotizzando anche una rottura definitiva del dialogo.
In un comunicato il Cnp ha denunciato un’attività dilatoria della soluzione dei problemi da parte dell’amministrazione del presidente Iván Duque e un suo presunto rifiuto di accordarsi sulle garanzie di sicurezza per le manifestazioni popolari.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Questo atteggiamento del governo – si dice nel comunicato – ci porta a sospendere il negoziato e a valutare la stessa possibilità di continuare i colloqui in corso con le autorità governative”.
Per il momento, si dice infine, “abbiamo deciso di consegnare alla Commissione interamericana dei diritti umani (Cidh), giunta ieri a Bogotà, il testo dell’accordo preliminare del 24 maggio sulle condizioni minime per garantire l’esercizio del diritto di manifestazione pacifica”, messo in discussione nelle scorse settimane da azioni violente da parte delle forze dell’ordine colombiane.
Negli ultimi giorni il governo di Bogotà aveva insistito nella rimozione dei blocchi stradali come condizione essenziale per portare avanti il dialogo con il Cnp.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Putin firma la legge, la Russia si ritira dal trattato Open Skies
Il documento è stato pubblicato sul portale ufficiale di informazioni legali
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA
07 giugno 2021
16:27
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato la legge per ritirare ufficialmente la Russia dal Trattato sui cieli aperti (Open Skies). Il documento è stato pubblicato sul portale ufficiale di informazioni legali.
S
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il 19 maggio, la Camera bassa del Parlamento russo ha adottato all’unanimità la legge. La Camera alta ha seguito l’esempio il 2 giugno, quando ha approvato all’unanimità la misura. Lo riporta la Tass.
E’ attualmente in discussione la possibilità di tenere una conferenza stampa congiunta dei presidenti di Russia e Usa, Vladimir Putin e Joe Biden, al termine del vertice previsto il 16 giugno a Ginevra, “ma per ora è un punto del programma non confermato”, dichiara il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, ripreso dall’agenzia Interfax. “Al momento questo tema è in discussione, cioè la conferenza stampa congiunta dei due presidenti, ma per ora è un punto del programma non confermato”, ha dichiarato Peskov. “Naturalmente – ha proseguito il portavoce di Putin – ripeto che questa deve essere una soluzione condivisa. E dopo che avremo concordato l’una o l’altra opzione vi faremo sapere. In ogni caso, Putin parlerà col pool presidenziale al termine del programma di Ginevra”.
“Ho trasmesso un messaggio di unità europea nella mia telefonata con il presidente Putin”. Lo annuncia su Twitter il presidente del Consiglio europeo Charles Michel. “Il deterioramento delle relazioni Ue-Russia può cambiare solo se Mosca interrompe i suoi comportamenti destabilizzanti”, aggiunge Michel precisando che nella telefonata si è discusso anche di “mettere a disposizione di tutti i vaccini efficaci per combattere la pandemia”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Turchia: avviata pulizia della mucillagine dal Mar di Marmara
Piano del governo Erdogan per l’emergenza ambientale a Istanbul
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
ISTANBUL
07 giugno 2021
23:38
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Sono iniziate in Turchia le operazioni di pulizia delle acque e delle zone costiere del mar di Marmara, a sud di Istanbul, dopo il lancio di un piano nazionale per affrontare l’emergenza legata alla massiccia e incontrollata diffusione della mucillagine marina, una materia organica potenzialmente molto dannosa per l’ecosistema.
Il ministro dell’Ambiente, Murat Kurum, ha annunciato una serie di iniziative, che sono state avviate nelle scorse ore con l’invio di una squadra di tecnici al largo della costa di Caddebostan, sulla sponda asiatica della metropoli sul Bosforo.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Una barriera è stata calata in mare per favorire l’accumulo delle sostanze in determinati punti, da cui verranno poi raccolte e scaricate in depositi di stoccaggio.
Secondo gli esperti, il fenomeno è legato principalmente al cambiamento climatico e all’inquinamento dovuto a uno scorretto smaltimento delle acque reflue nell’area, intorno alla quale vivono circa 25 milioni di persone. Un fitto strato di questo fitoplancton, noto anche come muco o saliva di mare, ricopre ormai da mesi le acque in maniera evidente, minacciando la sopravvivenza di diverse specie e la pesca, oltre a danneggiare l’immagine turistica. Nel fine settimana, anche il presidente Recep Tayyip Erdogan è intervenuto, promettendo un rapido intervento.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: calano casi in India, riaperture a Delhi e Mumbai
Nella capitale contagi ridotti da 25.000 a 400 al giorno
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW DELHI
07 giugno 2021
10:40
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Riaperture scandite da oggi a New Delhi e a Mumbai: le due megalopoli indiane, che hanno visto nelle settimane passate un progressivo calo dei contagi da Covid 19, avviano una graduale uscita dal lockdown.
A Delhi, dove la misura è stata istituita sette settimane fa, i nuovi contagi sono scesi a 400 ieri, contro i 25mila al giorno di due mesi fa.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il governatore della città Arvind Kejriwal, che già la settimana scorsa aveva autorizzato la ripresa delle attività nei cantieri edilizi e nelle aziende, ha annunciato che mercati e centri commerciali riapriranno a giorni alternati, la metropolitana tornerà a funzionare al 50 per cento della sua capacità, e negli uffici potranno rientrare metà degli impiegati.
A Mumbai le restrizioni, in atto già da 9 settimane, saranno invece allentate in in modo diverso nei vari distretti, secondo il numero delle nuove infezioni e la disponibilità dei posti letto negli ospedali: nei distretti che continueranno a registrare un tasso di positività superiore al 20 per cento le restrizioni resteranno in vigore.
La seconda tremenda ondata di coronavirus che ha colpito l’India dalla fine di marzo si sta progressivamente attenuando in tutto il paese: secondo i dati diffusi oggi dal ministero alla Salute, i nuovi casi sono scesi ai 120mila di ieri, contro gli oltre 400mila dell’inizio di maggio.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Putin firma legge, Russia si ritira da trattato Open Skies
Il documento pubblicato su portale ufficiale informazioni legali
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA
07 giugno 2021
10:18
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente russo Vladimir Putin ha firmato la legge per ritirare ufficialmente la Russia dal trattato sui cieli aperti (Open Skies). Il documento è stato pubblicato sul portale ufficiale di informazioni legali.
Il 19 maggio, la camera bassa del parlamento russo ha adottato all’unanimità la legge. La camera alta ha seguito l’esempio il 2 giugno, quando ha approvato all’unanimità la misura. Lo riporta la Tass.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Spagna, da oggi consentito l’ingresso ai vaccinati
È necessario aver completato il ciclo da almeno due settimane
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MADRID
07 giugno 2021
11:05
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
A partire da oggi le persone che hanno completato il ciclo di vaccinazione contro il covid con uno dei preparati approvati dall’Ema o dall’Oms possono accedere in Spagna senza restrizioni se lo dimostrano con un certificato valido. Lo stabiliscono due ordinanze, una del ministero dell’Interno e uno di quello della Sanità, già pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale.

I vaccini accettati sono Pfizer, Moderna, AstraZeneca, Johnson & Johnson, Sinopharm y Sinovac-Coronavac (gli ultimi due approvati dall’Oms), secondo i media iberici. Il ciclo dev’essere terminato da almeno 14 giorni.
Le persone intenzionate a recarsi in Spagna devono comunque ottenere un codice QR da questo sito. Rimangono in vigore le restrizioni per chi arriva da Brasile, Sudafrica e India.

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Birmania: Aung San Suu Kyi a processo da lunedì
Sin dal suo arresto è stata incriminata sei volte
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NAYPYIDAW
07 giugno 2021
11:22
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’ex leader birmana Aung San Suu Kyi, rovesciata da un colpo di stato militare lo scorso primo febbraio, sarà processata a partire da lunedì prossimo, ha detto oggi il suo avvocato all’Afp.
“Avremo le testimonianze della parte richiedente e dei testimoni in programma da lunedì 14 giugno”, ha dichiarato il suo rappresentante Min Min Soe, dopo un incontro nella capitale Naypyidaw con l’ex leader, agli arresti domiciliari sin dai giorni del golpe.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Ha chiesto a tutti di rimanere in salute”, ha aggiunto.
Incriminata sei volte sin dal suo arresto, Suu Kyi, vincitrice del Premio Nobel per la pace nel 1991 per la sua lunga lotta contro le precedenti dittature militari, affronta numerose accuse che vanno dal possesso illegale di walkie-talkie all’incitamento al disturbo della quiete pubblica e alla violazione di una legge sulla segreti di stato.
Dopo il golpe, la Birmania è stata teatro di manifestazioni di protesta quasi quotidiane, accompagnate da un movimento nazionale di disobbedienza civile. Secondo l’Associazione per l’assistenza ai prigionieri politici (Aapp), quasi 850 civili sono morti nell’incessante repressione del movimento di protesta. Aung San Suu Kyi è tra le oltre 4.000 persone da allora detenute.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Navalny: trasferito dall’ospedale alla colonia penale
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA
07 giugno 2021
11:27
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Alexey Navalny è stato trasferito dall’ospedale penale di nuovo alla colonia penale numero 2 di Pokrov, dove sta scontando la pena a oltre 2 anni di prigione.
Lo ha detto un rappresentante della colonia dove si trova l’ospedale, prima dell’udienza prevista per la causa di Navalny contro la colonia penale.
“Navalny è stato trasferito alla prigione di Pokrov”, ha osservato aggiungendo che Navalny partecipa all’udienza in videoconferenza. Lo riporta la Tass.
Navalny ha poi dichiarato di voler ritirare l’esposto – legato al rifiuto di poter avere il Corano in cella tra i libri scelti e a un caso di giornali ‘censurati’ attraverso ritagli mirati degli articoli – poiché “abbiamo raggiunto ciò che volevano, ristabilire un principio”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina, la nuova maglietta della nazionale fa infuriare Mosca
Sfoggiano una mappa del Paese che include la Crimea
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA
07 giugno 2021
11:52
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Le nuove magliette della nazionale ucraina hanno causato indignazione in Russia poiché sfoggiano una mappa del Paese che include la Crimea. Il nuovo kit dell’Ucraina è stato rivelato domenica, a pochi giorni dal calcio d’inizio del campionato europeo, sulla pagina Facebook del capo della Federazione Ucraina, Andriy Pavelko.

La parte anteriore della maglia gialla mostra i confini dell’Ucraina in bianco. Uno slogan nella parte superiore della schiena recita “Gloria all’Ucraina!”. All’interno della maglia c’è uno slogan che dichiara “Gloria agli eroi!”. Entrambe le frasi sono usate in Ucraina come un saluto militare ufficiale.
Il deputato parlamentare russo Dmitry Svishchev ha detto a RIA Novosti che il disegno è “una provocazione politica”; secondo lui mostrare una mappa dell’Ucraina “che include un territorio russo è illegale”.
La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha detto sui social media che gli slogan sulle magliette sono di natura nazionalistica e che lo slogan “Gloria all’Ucraina! Gloria agli eroi!” riecheggia un richiamo al raduno nazista.   CALCIO   POLITICA

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Gerusalemme, annullata la Marcia nazionalista ebraica di giovedì
La polizia non ha concesso il transito nel quartiere musulmano. Protesta la destra ultranazionalista
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEL AVIV
07 giugno 2021
12:11
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Marcia delle bandiere, la manifestazione nazionalista ebraica in programma giovedì prossimo a Gerusalemme, è stata annullata. Lo hanno fatto sapere, citati dai media, gli organizzatori dopo che la polizia non ha concesso il passaggio della Marcia nel quartiere musulmano della Città Vecchia.
La manifestazione è al suo secondo stop: la prima volta doveva svolgersi il 10 maggio scorso ma fu annullata dopo le proteste sulla Spianata delle Moschee e il conseguente scoppio della guerra tra israeliani e palestinesi.
La decisione è legata a motivi di ordine pubblico e a possibili nuove violenze in città. Lo stesso ministro della Difesa Benny Gantz ne aveva chiesto lo stop.
Proteste arrivano dalla destra nazionalista: Bezalel Smootrich, del partito sionista religioso, ha definito la decisione “una resa vergognosa al terrorismo e alle minacce di Hamas”. Hamas aveva annunciato ritorsioni se la Marcia si fosse svolta e l’Autorità nazionale palestinese (Anp) aveva messo in guardia Israele da possibili nuove violenze.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La plenaria dell’Eurocamera torna a Strasburgo dopo 16 mesi
Atteso l’ok definitivo al Green pass e il voto sui brevetti
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
07 giugno 2021
11:53
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Dopo quasi 16 mesi segnati dalla pandemia, più precisamente 15 mesi e 28 giorni, la plenaria del Parlamento europeo torna a riunirsi a Strasburgo. La sessione che si apre oggi nell’emiciclo della città alsaziana prevede una serie di attività a partire dal dibattito che si terrà domani, seguito poi da una risoluzione, sul certificato digitale Covid-19 dell’Ue, uno strumento per facilitare i viaggi nell’Unione europea malgrado il virus e contribuire alla ripresa economica.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il tema della pandemia resterà centrale anche per il voto che si terrà sulla rinuncia o meno dei diritti di proprietà intellettuale per i vaccini Covid-19 da parte dell’Organizzazione mondiale del commercio (Wto).
In tema di economia, gli eurodeputati discuteranno insieme al Consiglio e alla Commissione la valutazione sul Recovery and Resilience plan e voteranno una risoluzione sulla posizione del Parlamento Ue in merito. La Plenaria adotterà anche il mandato per negoziare con il Consiglio la creazione di un fondo di riserva per aiutare i Paesi Ue a contrastare le conseguenze negative dell’uscita del Regno Unito.
Tra le altre attività il Parlamento discuterà la reazione dell’Unione europea all’atterraggio forzato del volo Ryanair a Misk e all’arresto del giornalista bielorusso Protasevich con l’Alto rappresentante per la politica estera Josef Borrell.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: calano casi in India, riaperture a Delhi e Mumbai
Nella capitale contagi ridotti da 25.000 a 400 al giorno
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW DELHI
07 giugno 2021
12:50
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Riaperture scandite da oggi a New Delhi e a Mumbai: le due megalopoli indiane, che hanno visto nelle settimane passate un progressivo calo dei contagi da Covid 19, avviano una graduale uscita dal lockdown.
A Delhi, dove la misura è stata istituita sette settimane fa, i nuovi contagi sono scesi a 400 ieri, contro i 25mila al giorno di due mesi fa.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il governatore della città Arvind Kejriwal, che già la settimana scorsa aveva autorizzato la ripresa delle attività nei cantieri edilizi e nelle aziende, ha annunciato che mercati e centri commerciali riapriranno a giorni alternati, la metropolitana tornerà a funzionare al 50 per cento della sua capacità, e negli uffici potranno rientrare metà degli impiegati.
A Mumbai le restrizioni, in atto già da 9 settimane, saranno invece allentate in in modo diverso nei vari distretti, secondo il numero delle nuove infezioni e la disponibilità dei posti letto negli ospedali: nei distretti che continueranno a registrare un tasso di positività superiore al 20 per cento le restrizioni resteranno in vigore.
La seconda tremenda ondata di coronavirus che ha colpito l’India dalla fine di marzo si sta progressivamente attenuando in tutto il paese: secondo i dati diffusi oggi dal ministero alla Salute, i nuovi casi sono scesi ai 120mila di ieri, contro gli oltre 400mila dell’inizio di maggio.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Morto Dushman, l’ultimo liberatore di Auschwitz
Col carrarmato abatté la recinzione elettrica del campo nel 1945
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
08 giugno 2021
12:59
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
E’ il primo pomeriggio del 27 gennaio 1945: una Divisione fucilieri della 60esima Armata rossa avanza verso il campo nazista di Auschwitz-Birkenau. Tra i soldati, reduci dalle tremende battaglie di Stalingrado e Kursk, c’è un 21enne di origine ebraica nato a Danzica, David Dushman.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
E’ a bordo del leggendario T-34 sovietico che ha sbaragliato le difese naziste: punta la rete di recinzione elettrificata che circonda il campo e la abbatte, aprendo la strada ai suoi compagni. I sovietici, interdetti dall’assenza di nazisti, si ritrovano circondati dai prigionieri, che li abbracciano, li baciano, si buttano ai loro piedi in lacrime. Sono emaciati, malati, sembrano fantasmi. “Scheletri ovunque, uscirono dalle baracche e si misero seduti accanto ai morti. E’ stato terribile”, ricordava qualche anno fa Dushman, morto a 98 anni a Monaco, in Germania. Era l’ultimo sopravvissuto di quei soldati che liberarono Auschwitz. “Ci abbracciarono, ci diedero dei biscotti e cioccolato: non eravamo solo affamati di cibo, eravamo affamati di gentilezza umana”, ha ricordato Eva Mozes Mor, che aveva 10 anni quando scorse dall’altra parte della recinzione i sovietici. Con lei, vittima degli esperimenti nel campo di Josef Mengele, altre centinaia di bambini, e un totale di 7 mila prigionieri nei vari siti della struttura. Altre migliaia di persone erano state costrette alle ‘marce della morte’ con le divisioni naziste in fuga verso le zone ancora controllate dal Reich. Chi era considerato un peso veniva ucciso sul posto o lasciato al proprio destino di morte. In quei campi, dal 1940, erano state sterminate oltre un milione di persone, in gran parte ebrei. I sovietici trovarono montagne di cadaveri, 44 mila paia di scarpe, magazzini zeppi di abiti. Ma soprattutto pile di cenere che solo successivamente capiranno essere i resti di migliaia e migliaia di corpi cremati nei famigerati forni. Quel 27 aprile del 1945 “non avevamo idea di quale orrore avessimo scoperto”, raccontava Dushman, che capì solo anni dopo di aver segnato la Storia spingendo in avanti i cingoli del carro armato. Veterano di mille battaglie – fu uno dei 69 soldati sui 12 mila della sua Divisione a sopravvivere alla guerra – Dushman è poi entrato nella leggenda dello sport, allenatore per decenni della squadra olimpica sovietica di scherma femminile. Nel ’72 alle Olimpiadi di Monaco rivisse l’orrore della guerra: “Sentimmo gli spari, poi gli elicotteri che sorvolavano l’area, fummo inorriditi”. La squadra sovietica era alloggiata di fronte a quella israeliana, obiettivo dell’attacco terroristico di otto palestinesi del Settembre Nero.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Filippine, 35 mln di persone in seconda fase vaccini
Da mercoledì aperte le registrazioni
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
07 giugno 2021
12:28
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il governo filippino dà il via questa settimana alla seconda fase del suo programma di vaccinazioni anti Covid con l’immunizzazione di circa 35 milioni di persone.
Secondo quanto riporta il Guardian, saranno vaccinati in questa tornata le persone che non possono lavorare da casa, come i dipendenti dei trasporti pubblici.
Nella prima fase, iniziata a marzo, erano stati vaccinati invece gli anziani, gli individui affetti da malattie pregresse e il personale sanitario.
Le registrazioni per questa seconda fase saranno aperte da mercoledì. Finora il Paese ha ricevuto oltre nove milioni di dosi, soprattutto del vaccino cinese Sinovac Biotech, ed altre sono attese nella seconda metà dell’anno.
Secondo i dati della Johns Hopkins University, dall’inizio della pandemia il Paese ha registrato 1.269.478 casi di contagio e 21.898 decessi. Il governo punta a vaccinare 70 milioni di persone entro la fine dell’anno su una popolazione di 110 milioni di abitanti.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Cannes, Laura Samani in concorso alla Semaine de la critique
Con Piccolo Corpo
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
7 giugno 2021
12:33
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Laura Samani con Piccolo Corpo (Small Body) è in concorso a La Semaine de la Critique, la sezione autonoma che si svolge dal 7 al 15 uglio durate il festival di Cannes. Il fllm in anteprima mondiale è una coproduzione Italia-Francia e Slovenia in lingua friulana.
Si tratta di una storia di montagna, di nascita e di morte, di miracoli e respiri.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Incidente ferroviario in Pakistan, almeno 36 le vittime, decine i feriti
Un treno Intercity ha investito un treno espresso che era deragliato in precedenza vicino a Daharki
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
KARACHI
07 giugno 2021
12:46
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
E’ salito ad almeno 36 il bilancio delle vittime dell’incidente ferroviario avvenuto oggi in Pakistan: lo ha reso noto la polizia, sottolineando che i feriti sono circa 60 e che tra i morti ci sono anche donne e bambini. Secondo il Guardian tra 15 e 20 passeggeri sono ancora intrappolati nelle carrozze del treno Millat Express, che si è scontrato con il Sir Syed Express.
Un portavoce delle ferrovie ha spiegato che un treno intercity ha investito un treno espresso che era deragliato in precedenza. L’incidente è avvenuto vicino a Daharki, nella provincia sudorientale di Sindh.

Incidente ferroviario in Pakistan almeno 36 vittime Lunedì 07 giugno 2021 VIDEO:

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Kim dichiara guerra ai jeans attillati e ai film stranieri
‘Simboli della cultura capitalista, rovinano la Corea del Nord’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PECHINO
07 giugno 2021
12:50
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Corea del Nord ha lanciato una guerra a slang, jeans attillati, tagli di capelli e film stranieri, soprattutto le soap opera sudcoreane, attraverso una nuova legge varata di recente per neutralizzare le minacce del “pensiero reazionario”.
Lo stesso Kim Jong-un ha scritto lo scorso mese una lettera alla Lega della gioventù, riportata dal Rodong Sinmun, allo scopo di reprimere “comportamenti sgradevoli, individualisti e antisocialisti” tra i giovani per fermare il linguaggio straniero, le acconciature e i vestiti che ha descritto come “pericolosi” e veleni” per la tenuta della società.

Kim ha messo al bando i jeans attillati e pratiche, come il piercing, ritenuti simboli dello “stile di vita capitalista”: è necessario quindi fare di più per impedire alla “cultura capitalista” di conquistare il Paese, è stato il suo monito.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Controlli nascite Uighuri, ‘fino a 4,5mln parti in meno’
Entro 20 anni, secondo ricercatore citato da sito Reuters
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
07 giugno 2021
12:52
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Le nuove norme cinesi per il controllo delle nascite potrebbero tagliare tra i 2,6 e i 4,5 milioni di parti tra gli Uighuri e le altre minoranze etniche nello Xinjiang entro i prossimi 20 anni. Lo rivela la Reuters in esclusiva sul proprio sito web citando lo studio di un ricercatore tedesco, Adrian Zenz.

I dati del rapporto mostrano già un consistente calo nella regione, stimato in un meno 48,7% tra il 2017 e il 2019.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Taiwan: Cina condanna la visita di tre senatori Usa
Protesta formale, ‘messaggi sbagliati a forze secessioniste’. Studio sugli Uighuri, ‘norme cinesi potrebbero ridurre di 4,5 milioni le nascite’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PECHINO
07 giugno 2021
15:09
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Cina “si oppone con forza” alla visita dei senatori americani a Taiwan ed esorta gli Usa “a fermare ogni contatto ufficiale”, sostenendo il principio della ‘Unica Cina’ per evitare altri danni alle relazioni bilaterali e alla stabilità nello stretto di Taiwan. Pechino, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri Wang Wenbin, ha inviato una “protesta formale” agli Usa, sollecitati a “evitare di mandare messaggi sbagliati alle forze secessioniste”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Tammy Duckworth, Christopher Coons e Dan Sullivan sono giunti domenica a Taipei con un aereo militare C-17 annunciando che gli Usa daranno 750.000 dosi di vaccino anti-Covid.
Studio tedesco sugli Uighuri, crollo delle nascite:  Le nuove norme cinesi per il controllo delle nascite potrebbero tagliare tra i 2,6 e i 4,5 milioni di parti tra gli Uighuri e le altre minoranze etniche nello Xinjiang entro i prossimi 20 anni. Lo rivela la Reuters in esclusiva sul proprio sito web citando lo studio di un ricercatore tedesco, Adrian Zenz. I dati del rapporto mostrano già un consistente calo nella regione, stimato in un meno 48,7% tra il 2017 e il 2019. Secondo lo studio, con le nuove norme nel 2040 la popolazione uighura in Xinjiang arriverebbe a 8,6-10,5 milioni, mentre le precedenti stime dei ricercatori cinesi arrivavano a 13,4 milioni. D’altro canto, la popolazione di etnia cinese Han crescerebbe dall’8,4% attuale al 25%. Le autorità cinesi hanno bollato i dati come non veri, “non riflettono la reale situazione”, hanno affermato.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Israele: il 25 giugno il Gay Pride torna a Tel Aviv
L’anno scorso fu annullato per la pandemia
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEL AVIV
07 giugno 2021
23:39
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il Gay Pride di Tel Aviv – una delle maggiori manifestazioni al mondo del genere – tornerà il 25 giugno. Lo ha annunciato il Comune sottolineando che sarà il primo mega evento dopo lo stop dovuto alla pandemia che portò alla cancellazione della manifestazione lo scorso anno.
Una iniziativa resa possibile dalla vaccinazione di massa avvenuta in Israele e alla rimozione di quasi tutte le restrizioni imposte dalla pandemia.
Nel 2019 i partecipanti furono circa 250mila da tutto il mondo. Il Pride prenderà avvio dal centro della città per arrivare al Parco ‘Charles Clore’ sul mare dove ci saranno spettacoli ed esibizioni musicali fino a notte inoltrata. “Gli eventi del Pride – ha detto il sindaco Ron Huldai – sono una tradizione da molto tempo, centrati sul messaggio di eguaglianza, accettazione e diritti umani e civili”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Canada: abbattuta statua padre ‘scuole residenziali’
Ryerson, uno degli architetti degli istituti per figli indigeni
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
07 giugno 2021
13:06
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Non si placa la rabbia in Canada dopo la recente scoperta dei resti di 215 bambini, figli di indigeni, in una delle ex ‘scuole residenziali’ del Paese: ieri è stata abbattuta a Toronto la statua dedicata a Egerton Ryerson, uno degli architetti di quel sistema scolastico in cui i bimbi venivano spesso sottoposti ad abusi e violenze.
La statua, riporta la Bbc, si trovava nel campus della Ryerson University, che ieri è stato teatro di una protesta pacifica a cui hanno partecipato oltre 1.000 persone.
Già nei giorni scorsi la statua era stata dipinta di rosso e in molti ne avevano chiesto la rimozione, oltre al cambio di nome dell’università.
Come è noto, la rete delle cosiddette ‘Indian residential schools’ era stata fondata dal governo e gli istituti erano amministrati dalle Chiese cattoliche, che rimuovevano i figli degli indigeni dalla loro cultura per assimilarli nella cultura dominante. Ma i bambini erano spesso oggetto di abusi sessuali e fisici, e molti di loro – come testimonia il recente ritrovamento dei resti umani nella Kamloops Indian Residential School della British Columbia – pagarono con la vita la loro unica ‘colpa’ di essere diversi.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Catalogna: Junqueras, no a un altro referendum unilaterale
Il leader indipendentista: l’indulto può attenuare il conflitto
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MADRID
07 giugno 2021
13:10
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’ex vicepresidente della Catalogna Oriol Junqueras, attualmente in carcere dopo una condanna a 13 anni per la sua partecipazione nel tentativo di secessione del 2017, si è detto contrario alla possibilità di convocare un nuovo referendum sull’indipendenza della regione spagnola che non sia frutto di un patto con lo Stato. Lo ha fatto in una lettera pubblicata dal giornale catalano Ara e dalla televisione spagnola La Sexta.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“A più di tre anni dal referendum del 1 ottobre”, ha scritto Junqueras in riferimento a quello organizzato dalle autorità regionali nel 2017 senza l’ok del governo centrale, “noi di ERC (Esquerra Republicana, il partito indipendentista di sinistra di cui fa parte Junqueras) abbiamo sviluppato una profonda riflessione sui nostri punti di forza e di debolezza”. Il leader ha aggiunto: “Dobbiamo essere consapevoli che la nostra risposta non è stata intesa come pienamente legittima da una parte importante della società, anche in quella catalana”. E per questo, secondo Junqueras, la soluzione passa attraverso un “referendum accordato” come quello della Scozia nel 2014, perché “altre strade non sono né praticabili né desiderabili”.
Le parole del leader indipendentista arrivano mentre il governo centrale di Pedro Sánchez valuta la possibilità di concedere l’indulto a lui e agli altri politici e attivisti catalani condannati e mentre si registrano i primi segnali di disposizione al dialogo tra il premier stesso e il nuovo presidente regionale catalano Pere Aragonès (anche lui di Erc).
Sugli indulti, Junqueras ha scritto che considera che gesti di questo tipo possono contribuire ad “attenuare il conflitto” e “alleviare la sofferenza della repressione”. Inoltre, ha affermato che da parte del suo partito “non ci sarà mai una rinuncia al dialogo e ai negoziati”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Thailandia lancia vasta campagna vaccinazione
Per cercare di rivitalizzare il turismo
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BANGKOK
07 giugno 2021
13:10
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Thailandia ha lanciato oggi una campagna di vaccinazione di massa contro il Covid-19 per cercare di stroncare una terza ondata di infezioni e riavviare la sua vitale industria del turismo. Il regno prevede di inoculare circa sei milioni di dosi entro giugno, inizialmente concentrandosi su Bangkok, dove è iniziata l’attuale terza ondata del paese, e sull’isola turistica di Phuket.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La campagna viene avviata mentre il governo viene bersagliato dalle critiche per la lentezza della sua strategia di vaccinazione – meno di tre milioni dei 70 milioni della popolazione hanno avuto il vaccino – e le preoccupazioni per le forniture.
I centri commerciali e i supermercati sono tra i 25 siti di vaccinazione in azione intorno alla capitale, che mira a inoculare fino a 70.000 persone al giorno, per lo più con dosi di AstraZeneca prodotte localmente. A Phuket l’obiettivo è di vaccinare il 70 percento della popolazione e consentire ai turisti completamente vaccinati di rimanere sull’isola senza dover fare la quarantena.
La Thailandia è riuscita a mantenere basso il numero delle infezioni per la maggior parte del 2020 grazie alle draconiane restrizioni ai viaggi e al rapido isolamento dei casi positivi.
Tuttavia, un focolaio iniziato nel quartiere della vita notturna di Bangkok il mese scorso ha visto i casi complessivi aumentare bruscamente a quasi 180.000, con oltre 1.200 morti.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Corea Nord: Kim Jong-un riappare in pubblico dopo 29 giorni
Leader presiede riunione Politburo e fa convocare il ‘plenum’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PECHINO
07 giugno 2021
13:13
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Kim Jong-un è riapparso in pubblico dopo 29 giorni alla riunione del politburo tenuta la scorsa settimana, sollecitando una riunione “urgente” del plenum, la terza del 2021, allo scopo di affrontare “i problemi urgenti” che il Paese deve affrontare nell’era della pandemia.
I media statali Kcna e Rodong Sinmun hanno fornito sabato soltanto un breve resoconto dell’incontro, in cui il supremo leader ha parlato dei risultati finora raggiunti dal congresso del Partito dei Lavoratori di gennaio, sottolineando la necessità di convocare “una riunione plenaria del Comitato centrale del partito” per “risolvere le questioni in sospeso, i problemi urgenti per l’economia e la vita delle persone”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il regolare sviluppo degli affari di Stato “deve affrontare molte sfide e restrizioni dovute alle condizioni e all’ambiente soggettivi e oggettivi prevalenti sfavorevoli”, ha aggiunto Kim, valutando “positivamente” gli sforzi in corso del Paese. Il politburo ha anche parlato della “riorganizzazione strutturale dei dipartimenti del Comitato centrale del partito”, ha precisato la Kcna.
Seduti vicino a Kim, nelle foto diffuse da Rodong Sinmun, ci sono quattro dei collaboratori più stretti del leader, Jo Yong-won, Choe Ryong-hae, Ri Pyong-chol e Kim Tok-hun.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
India:8 esemplari di ghepardo saranno reintrodotti da Africa
Primo esperimento al mondo. Felino estinto nel paese da anni ’50
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW DELHI
07 giugno 2021
13:47
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’India annuncia il tentativo di reinserire nei suoi territori una specie estinta: l’esperimento, che porterà in India 8 esemplari di ghepardo, 5 maschi e 3 femmine, avrà luogo il prossimo novembre. Lo annuncia Yadvendradev Jhala, responsabile del Wildlife Institute of India, uno degli esperti coinvolti nel progetto.
“Finalmente abbiamo i fondi e l’habitat in cui introdurre gli animali”.
I felini affronteranno un viaggio di 8,405 km per raggiungere dal Sudafrica il Kuno National Park, in Madhya Pradesh, dove potranno cibarsi di antilopi e orsi selvatici. Se tutto andrà bene, i naturalisti stanno valutando di importare altri ghepardi nella riserva delle tigri delle colline di Mukundra, in Rajasthan.
Il ghepardo, l’animale più veloce al mondo, è estinto in India da molti decenni: negli anni Cinquanta, l’india aveva avviato un progetto per “importare” almeno 300 esemplari dall’Iran, ma i colloqui furono sospesi dopo la cacciata dello Shah. Jhala ha spiegato che questo sarà il primo tentativo al mondo di reintrodurre esemplari di carnivori di grandi dimensioni spostandoli da un continente all’altro.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Spazio: anche Bezos su New Shepard per primo volo turistico
La navetta decollerà il 20 luglio
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
07 giugno 2021
13:56
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ci sarà anche Jeff Bezos a bordo della navetta New Shepard, della sua società Blue Origin, in occasione del primo volo turistico nello spazio previsto per il 20 luglio prossimo: lo rende noto la Cnn in un tweet.
Come è noto il viaggio durerà 11 minuti e la navetta porterà sei persone a 100 km dalla superficie terrestre.
Il lancio avverrà dal Launch Site One, in Texas, 15 giorni dopo che Bezos avrà lasciato la carica di amministratore delegato di Amazon.
La Blue Origin ha messo all’asta uno dei sei posti sulla New Shepard (soprannominata ‘RSS First Step Crew Capsule’) e l’offerta attuale, secondo il sito della società, è di 2,8 milioni di dollari.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Bosnia: Mladic, legale e figlio fiduciosi su assoluzione
Domani all’Aja sentenza di appello dopo ergastolo in primo grado
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
07 giugno 2021
14:20
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BELGRADO, 07 GIU – Il legale di Ratko Mladic si è detto fiducioso sulla sentenza d’appello attesa per domani all’Aja, affermando che se i giudici hanno preso in esame attentamente gli argomenti della difesa, l’ex capo militare dei serbo-bosniaci o sarà assolto o verrà disposto a suo carico un nuovo processo.
“Mi aspetto una sentenza di assoluzione o almeno la ripetizione del processo, se i giudici in appello avranno esaminato le nostre argomentazioni.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Se sarà così, non ho dubbi che la decisione sarà cambiata”, ha detto alla Tanjug l’avvocato Branko Lukic, difensore di Mladic.
In primo grado nel novembre 2017 l’ex generale fu stato condannato all’ergastolo per crimini di guerra e contro l’umanità, in particolare per il genocidio di Srebrenica e l’assedio di Sarajevo durante il conflitto armato in Bosnia del 1992-1995.
Per Lukic, se in campo vi sarà di nuovo la politica, allora non c’è da aspettarsi una sentenza, ma un “proclama politico”.
In primo grado infatti, a suo avviso, i giudici decisero di non prendere in considerazione gli elementi e gli argomenti della difesa. Domani l’avvocato Lukic non sarà presente all’Aja per la sentenza di appello.
Anche il figlio dell’ex generale, Darko Mladic, ha detto oggi di aspettarsi l’assoluzione del padre, ed una “maggiore integrità professionale” da parte dei giudici d’appello. Darko ha detto che suo padre sarà domani in aula al momento della sentenza nonostante le precarie condizioni di salute, affiancato da una assistente legale. Lui stesso, ha aggiunto il figlio, si recherà oggi all’Aja per seguire il pronunciamento del verdetto, al termine del quale potrà incontrare il padre per un’ora.
A emettere la sentenza d’appello sarà il Meccanismo residuale internazionale per i tribunali criminali, l’organismo che negli anni scorsi ha preso il posto all’Aja del Tribunale penale internazionale per i crimini nella ex Jugoslavia (Tpi).
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Kamala Harris in Guatemala per la sua prima visita ufficiale
Al centro migranti e corruzione. Stasera raggiungerà il Messico
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
07 giugno 2021
14:51
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Dopo aver dovuto cambiare aereo a causa di un problema tecnico, la vicepresidente degli Stati Uniti, Kamala Harris è atterrata in Guatemala per iniziare una visita ufficiale nel Paese centroamericano, la prima da quando è in carica.
Secondo quanto riferito dal quotidiano guatemalteco Prensa Libre, per la visita di Harris c’è stato un forte dispiegamento di forze della polizia nazionale del Paese centroamericano con il supporto dell’esercito.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Harris incontrerà oggi il presidente del Guatemala Alejandro Giammattei, e alle ore 11 locali (le 19 italiane) emetteranno una dichiarazione congiunta. La vicepresidente Usa lascerà oggi stesso il Paese per recarsi in Messico, dove incontrerà il presidente Manuel López Obrador.
Durante la sua visita, si prevede che Harris firmi tre accordi con il Guatemala che includono questioni di sicurezza delle frontiere, lotta alla corruzione e sviluppo economico, come confermato da Juan González, direttore degli Affari emisferici presso il Consiglio di sicurezza della Casa Bianca.
Con il viaggio in Guatemala e Messico, Kamala Harris intende approfondire i rapporti diplomatici con due nazioni latinoamericane fondamentali per gli sforzi del governo degli Stati Uniti per frenare l’arrivo dei migranti nel Paese.
Da quando è stata incaricata dal presidente Joe Biden del tema della migrazione al confine tra Stati Uniti e Messico, Harris ha presentato un approccio incentrato sulla creazione di migliori opportunità e condizioni di vita nella regione attraverso aiuti umanitari ed economici.
A fine aprile, la vicepresidente Usa ha già annunciato l’intenzione di inviare 310 milioni di dollari per sostenere le necessità di migranti e rifugiati in Centroamerica, e di recente ha assicurato l’impegno di una decina di aziende e organizzazioni per investire nei cosiddetti paesi del Triangolo del Nord (Guatemala, Honduras ed El Salvador) per promuovere opportunità economiche e formazione professionale.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
India, premier Modi annuncia vaccino gratuito per tutti
Governo cambia strategia: dosi procurate da Delhi, non da Stati
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW DELHI
07 giugno 2021
15:43
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
In un discorso alla nazione appena concluso, il premier indiano Narendra Modi ha annunciato varie iniziative che saranno prese dal suo governo per sostenere la popolazione travolta dal Covid 19. Tra le più rilevanti, la vaccinazione gratuita per tutti i maggiorenni nei centri pubblici, dal 21 di giugno e la distribuzione di razioni mensili di grano, fino al prossimo novembre, a 800 milioni di contadini.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Modi ha annunciato un cambio della strategia vaccinale per gli Stati, che, d’ora in poi, non dovranno più competere per procurarsi i vaccini: il 75% per cento delle dosi disponibili sarà acquistato dal governo centrale che lo distribuirà alle amministrazione locali. Il restante 25% sarà lasciato agli ospedali privati, che lo acquisteranno a prezzi da libero mercato.
Il premier indiano ha anche ricordato che i test di tre nuovi vaccini, che si aggiungeranno a quelli già disponibili nel paese, sono in fase avanzata e che vari laboratori stanno lavorando alla messa a punto di un innovativo vaccino sotto forma di spray nasale.
L’India ha registrato oggi 100.636 nuovi positivi al Covid-19, che hanno portato il totale delle infezioni nel paese, dall’inizio della pandemia, a oltre 289 milioni. Il dato di oggi è stato il più basso negli ultimi 61 giorni.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Spazio: anche Bezos su New Shepard per primo volo turistico
La navetta decollerà il 20 luglio
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
08 giugno 2021
13:01
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ci sarà anche Jeff Bezos a bordo della navetta New Shepard, della sua società Blue Origin, in occasione del primo volo turistico nello spazio previsto per il 20 luglio prossimo: lo rende noto la Cnn in un tweet.
Come è noto il viaggio durerà 11 minuti e la navetta porterà sei persone a 100 km dalla superficie terrestre.
Il lancio avverrà dal Launch Site One, in Texas, 15 giorni dopo che Bezos avrà lasciato la carica di amministratore delegato di Amazon.
La Blue Origin ha messo all’asta uno dei sei posti sulla New Shepard (soprannominata ‘RSS First Step Crew Capsule’) e l’offerta attuale, secondo il sito della società, è di 2,8 milioni di dollari.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: dal 9 giugno cade l’obbligo di mascherina a Bruxelles
Ad eccezione delle vie affollate dello shopping
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
07 giugno 2021
15:58
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Addio all’obbligo di indossare le mascherine all’aperto nella regione di Bruxelles-Capitale, ad eccezione delle affollate vie dello shopping. Ad annunciare la svolta, che entrerà in vigore mercoledì 9 giugno, è stato il ministro-presidente della Regione, Rudi Vervoort, dopo una riunione con i sindaci dei diciannove comuni del territorio che hanno trovato l’accordo all’unanimità.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La mascherina continuerà a essere obbligatoria all’aperto in tutte le aree affollate, indicate da ciascun sindaco per il territorio di competenza, ove non sia possibile mantenere una distanza di sicurezza. Sarà inoltre revocato il divieto di consumare alcolici negli spazi pubblici dalle 22 alle 5.
“La vaccinazione sta avanzando e i numeri stanno diminuendo.
Dal 9 giugno non sarà quindi più obbligatorio indossare la mascherina all’aperto, ad eccezione delle trafficate vie dello shopping”, ha scritto su Twitter il sindaco del comune di Bruxelles, Philippe Close, invitando comunque tutti a “rimanere attenti e responsabili”.
Secondo gli ultimi dati federali, in Belgio sono oltre 5 milioni le persone che finora hanno ricevuto almeno una dose di vaccino anti-Covid, pari al 44,4% della popolazione. L’intero ciclo vaccinale è stato invece completato da 2,5 milioni di persone, pari al 22% della popolazione.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Mattarella riceve presidente Austria Van der Bellen
Colazione al Quirinale
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
07 giugno 2021
16:00
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella ha ricevuto questa mattina al Quirinale il Presidente della Repubblica d’Austria, Alexander Van der Bellen, in visita ufficiale in Italia, intrattenendolo successivamente a colazione. Era presente il Sottosegretario agli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale, Benedetto Della Vedova.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Perù: Fujimori in testa per pochi voti con scrutinio a 92,7%
50,09% voti contro 49,9% del candidato del partito di sinistra
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LIMA
07 giugno 2021
16:54
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Con il 92,7% dei voti scrutinati, si assottiglia sempre di più la distanza tra Keiko Fujimori e Pedro Castillo nei risultati del ballottaggio presidenziale in Perù, con la prima candidata in testa sul secondo per una differenza di solamente lo 0,19%.
Secondo i dati dell’Ufficio nazionale dei processi elettorali (Onpe), Fujimori, la leader del partito di destra Fuerza Popular registra il 50,09% dei voti contro il 49,9% del candidato del partito di sinistra Peru Libre, una distanza di circa 31 mila voti mentre manca lo scrutinio di poco più del 7% delle schede.

Il dato sembra confermare la previsione di un “pareggio tecnico molto stretto” delineata dalla proiezione realizzata dall’istituto Ipsos Perù per America Tv, tuttavia la società assegna la vittoria di misura al candidato Pedro Castillo con il 50,2% sulla sfidante Keiko Fujimori che raggiunge il 49,8%.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Putin a Michel, controproducenti le sanzioni Ue a Minsk
Lo fa sapere il Cremlino in una nota
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA
07 giugno 2021
17:00
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Vladimir Putin, nel corso della sua conversazione telefonica con il capo del consiglio europeo Charles Michel, ha sottolineato che le misure sanzionatorie dell’Ue contro “la Bielorussia” sono “controproducenti”. Lo fa sapere il Cremlino in una nota.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Bolsonaro, numero dei morti forse inferiore del 50%
Il presidente brasiliano cita un rapporto della Corte dei conti
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRASILIA
07 giugno 2021
17:01
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, ha affermato oggi che il numero di morti per coronavirus nel suo Paese potrebbe essere inferiore del 50% rispetto al bilancio ufficiale, che riporta oltre 473mila vittime dall’inizio della pandemia.
“Vi fornisco una notizia di prima mano: la Corte dei conti non confida nel numero dei decessi per Covid dello scorso anno; circa il 50% di quelli attribuiti al virus in realtà non lo sarebbero”, ha affermato il capo dello Stato.
“Questo rapporto è uscito pochi giorni fa: logicamente la stampa non lo divulgherà, l’ho già passato a tre giornalisti seri e ora lo divulgheremo”, ha aggiunto Bolsonaro durante una conversazione informale a Brasilia.
Non è la prima volta che il leader di estrema destra, considerato un negazionista, mette in dubbio il bilancio delle vittime, mentre alcuni ricercatori locali ritengono che in Brasile il numero di morti e contagiati sia “sottostimato”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: trovato sulle coste della Norvegia il corpo di un bimbo curdo
Era fuggito con la sua famiglia dall’Iran, aveva 15 mesi quando è scomparso e morto nel Canale della Manica l’anno scorso
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
08 giugno 2021
14:31
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La polizia norvegese ha rinvenuto il corpo di un bambino sulla costa del paese e ha affermato che si tratta di un bimbo di 15 mesi scomparso e morto nel Canale della Manica l’anno scorso. Lo riferisce Bbc News online, ricordando che il bambino, di nome Artin, è morto insieme a quattro membri della sua famiglia curdo-iraniana quando la barca su cui viaggiavano è affondata, a ottobre, mentre tentavano di raggiungere il Regno Unito dalla Francia.
Per giungere all’identificazione è stato ottenuto un profilo del Dna e alla famiglia è stato comunicato che si trattava effettivamente di Artin, aggiunge la stessa fonte, citando poi una dichiarazione della polizia in cui si afferma che “professionisti qualificati del dipartimento di scienze forensi dell’ospedale universitario di Oslo sono riusciti a recuperare i profili del Dna corrispondenti”. I parenti della famiglia avevano espresso il loro dolore e confusione mentre aspettavano di sapere cosa fosse successo ad Artin. Ora i resti del bambino verranno rispediti in Iran, per essere seppelliti.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Calcio: Coppa America, giocatori del Brasile parteciperanno
Dietrofront ‘Selecao’ dopo aver minacciato di boicottare torneo
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRASILIA
07 giugno 2021
18:03
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
I giocatori della nazionale di calcio brasiliana hanno deciso di partecipare alla Coppa America, dopo aver minacciato di non prendere parte al torneo, che inizierà domenica prossima a Brasilia, in polemica con il via libera alla manifestazione nel Paese nonostante la pandemia di coronavirus ancora in corso.
“Nel mezzo della crisi della Cbf (Confederazione brasiliana di calcio, ndr), i giocatori della nazionale decidono di giocare la Coppa America”, si legge nel titolo di copertina dell’edizione online del quotidiano O Globo.

Secondo il giornale, i giocatori erano “scontenti” del presidente della Cbf, Rogerio Caboclo, che ieri è stato sospeso per 30 giorni dall’incarico dopo essere stato denunciato per molestie sessuali.
Per il sito GloboEsporte, una delle questioni che ha influenzato la scelta della ‘Selecao’ è il fatto che la Coppa America servirà a preparare la squadra per i Mondiali del 2022 in Qatar.
Venerdì scorso il capitano del team verdeoro, Casemiro, aveva ammesso il malcontento dei compagni e del ct, Tite, rinviando però un pronunciamento definitivo a domani, dopo la partita contro il Paraguay per le qualificazioni.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Parigi, riapertura Samaritaine rinviata al 23 giugno
La ristrutturazione è costata a LVMH 750 milioni di euro
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PARIGI
07 giugno 2021
19:01
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La riapertura dei grandi magazzini La Samaritaine, inizialmente prevista per il 19 giugno, è stata rinviata al 23 giugno. Dopo una chiusura di 15 anni e sei anni di ristrutturazione, i celebri grandi magazzini di Parigi sono stati rimessi completamente a nuovo.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il gigantesco cantiere, condotto a suon di milioni da LVMH, il colosso del lusso di proprieta’ di Bernard Arnault, ha riportato il complesso agli antichi splendori. Per realizzare il progetto l’imprenditore francese, tra gli uomini piu’ ricchi al mondo, ha sborsato 750 milioni di euro. A fine Ottocento la Samaritaine venne annoverata tra le cosiddette “cattedrali del commercio moderno”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Usa, risponderemo se le azioni ostili russe continuano
Il riferimento è in particolare ai cyber attacchi
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
07 giugno 2021
19:12
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Gli Usa risponderanno se le dannose azioni russe contro gli Stati Uniti continueranno: lo ha detto il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan in un briefing alla Casa Bianca, riferendosi in particolare ai cyber attacchi.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Usa, 80 mln di vaccini a Paesi poveri entro fine luglio
Lo ha detto il segretario di Stato americano Antony Blinken
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
07 giugno 2021
19:20
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Gli Stati Uniti tra ora e la fine di luglio cominceranno a distribuire 80 milioni di dosi di vaccino anti Covid ai Paesi che ne hanno più bisogno, compresi quelli del programma Covax. Lo ha detto il segretario di Stato americano Antony Blinken nel corso di un’audizione alla Camera.

La prima tranche riguarderà 25 milioni di dosi e il 75% di queste verrà distribuito in coordinamento col programma Covax, mentre il restante 25% saranno inviate direttamente dagli Stati Uniti.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Casa Bianca, in incontro Biden-Erdogan anche diritti umani
A margine del vertice della Nato a Bruxelles
e
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
07 giugno 2021
20:13
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’incontro tra il presidente americano Joe Biden e quello turco Recep Tayyip Erdogan a margine del vertice Nato coprirà una vasta gamma di questioni, compresi i diritti umani: lo ha detto il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan in un briefing alla Casa Bianca.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: al via prime prove con certificati in Spagna
Da oggi diverse regioni emettono pass digitali o fisici
07 giugno 2021
20:49
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Diverse regioni della Spagna hanno iniziato ad emettere certificati covid digitali (in alcuni casi anche fisici) per favorire la mobilità dei cittadini: “Siamo in anticipo di più di venti giorni rispetto alla data di entrata in vigore obbligatoria del 1 luglio”, ha detto in conferenza stampa il sottosegretario alla Salute Digitale, Alfredo González.
Il certificato attesta che una persona ha già completato il ciclo di vaccinazione approvata dall’Ema o dall’Oms contro il covid da almeno 14 giorni, oppure è risultata negativa a tampone o test rapido, o ancora che ha avuto la malattia negli ultimi sei mesi ed è guarita.

“Tutto il mese di giugno si considererà come periodo di prova”, ha spiegato González, che ha precisato però che si tratta di certificati già validi. Allo stesso tempo, la Spagna d’ora in poi riconoscerà certificati di questo tipo emessi da altri Paesi membri dell’Unione Europea, ha aggiunto.
Da oggi le persone con ciclo di vaccinazione completo certificato possono entrare in territorio spagnolo senza restrizioni. Per farlo, rimane comunque obbligatorio seguire le indicazioni del sito già citato sopra, che è, ribadisco, questo.

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Canada: veicolo uccide famiglia musulmana, arrestato 20enne
‘Attacco premeditato’. Quattro i morti, tra loro un teenager
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
07 giugno 2021
22:43
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Cinque persone di una stessa famiglia musulmana sono state investite domenica sera da un veicolo a London, nella provincia canadese dell’Ontario, in quello che per gli investigatori è stato un attacco “premeditato” per la loro fede islamica. Quattro di loro sono morti.
Lo riferiscono i media locali, citando la polizia. Un ventenne di London è stato arrestato come sospettato dell’attentato. Le vittime sono tre adulti e un teenager. Un altro adolescente è ricoverato in ospedale in gravi condizioni.
Travolge con un pick up una famiglia musulmana in Canada
A London, nell’Ontario. Quattro morti e un ferito. La polizia parla di ‘attacco premeditato’. Arrestato un ventenne
(2)
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
07 giugno 2021
23:31
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il Canada tollerante, accogliente e multietnico di Justin Trudeau torna a fare i conti con l’odio razziale. L’ultimo bersaglio è una famiglia musulmana che stava passeggiando domenica sera a London, citta’ di quasi mezzo milione di abitanti nella zona meridionale nella provincia dell’Ontario.
Improvvisamente è sbucato un pick-up che ha puntato dritto contro i pedoni, falciando l’intera famigliola: hanno perso la vita tre adulti e un teenager, mentre un bambino di nove anni è rimasto seriamente ferito ed ora è ricoverato in ospedale in gravi condizioni. Il sospetto autore dell’attacco è stato arrestato in un centro commerciale a meno di dieci chilometri di distanza. E’ un ventenne residente a London, di cui non sono state ancora fornite le generalità. Gli investigatori però hanno una convinzione. “Ci sono prove che si tratta di un atto premeditato, intenzionale, motivato dall’odio. Crediamo che le vittime di questo orribile episodio siano state colpite perché erano musulmane”, ha spiegato il sovrintendente di polizia Paul Waight in una conferenza stampa.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
App installata nei cellulari dei criminali, centinaia di arresti
Operazione di polizia tra Ue, Usa, Australia e Nuova Zelanda
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
SYDNEY
07 giugno 2021
22:08
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Centinaia di persone sono state arrestate in diverse parti del mondo in una massiccia operazione contro la criminalità organizzata, grazie all’infiltrazione della polizia in un’app utilizzata per scambiare messaggi in codice tra criminali. Lo ha reso noto oggi la polizia federale australiana.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’operazione è stata eseguita in diversi paesi di Europa, Stati Uniti, Australia e Nuova Zelanda ed è riuscita a decodificare in tempo reale e per tre anni migliaia di comunicazioni crittografate all’interno di reti criminali di ogni tipo. La polizia neozelandese dal canto suo ha descritto l’operazione come “la più sofisticata al mondo contro la criminalità organizzata che sia stata condotta fino a oggi dalla polizia”.
Questa massiccia intercettazione di messaggi è stata resa possibile da un’applicazione chiamata ‘ANoM’, che i criminali di tutto il mondo usavano per comunicare in modo criptato ma che in realtà era controllata dall’Fbi. Questi messaggi riguardavano in particolare progetti di assassinio e traffico di droga e armi, ha affermato la polizia australiana che ha arrestato 224 persone. E altre “centinaia di persone sono state arrestate” fuori dall’Australia, ha aggiunto.
L’applicazione ANoM era stata installata sui telefoni cellulari che, privi di ogni altra funzionalità, venivano scambiati al mercato nero. Un telefono di questo tipo può comunicare solo con un altro telefono contenente l’applicazione.

“I dispositivi sono circolati e la loro popolarità è cresciuta tra i criminali, che avevano fiducia nella legittimità dell’applicazione perché le principali figure della criminalità organizzata ne garantivano l’integrità”, ha aggiunto. “Questi influencer criminali hanno messo la polizia federale australiana nelle tasche di centinaia di sospetti trasgressori”, ha dichiarato il capo della polizia australiana Reece Kershaw nella dichiarazione. “Fondamentalmente, si sono ammanettati l’un l’altro abbracciando e fidandosi di ANoM e comunicando apertamente con esso, non sapendo che li stavamo ascoltando tutto il tempo”, ha aggiunto. L’operazione è stata denominata in codice ‘Ironside’ in Australia e ‘Trojan Shield’ in tutto il mondo.   TECNOLOGIA

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Pakistan: incidente ferroviario, il bilancio sale a 63 morti
I feriti sono oltre 100
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
DAHARKI
08 giugno 2021
08:53
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
E’ salito ad almeno 63 morti il bilancio delle vittime dell’incidente ferroviario avvenuto ieri in Pakistan, nella provincia meridionale di Sindh: lo hanno reso noto oggi funzionari delle ferrovie del Paese. Secondo la polizia i feriti sono oltre 100.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Ue, green pass dovrà essere accettato in tutta Europa
Regolamento in vigore dal primo luglio ma emissione da subito
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
08 giugno 2021
10:07
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il certificato digitale Covid della Ue “sarà gratuito, verrà emesso da tutti gli Stati membri e dovrà essere accettato in tutta Europa, contribuirà all’eliminazione graduale delle restrizioni” e “sarà di facile accesso e disponibile a tutti gli europei”. Lo ha detto il commissario europeo alla giustizia Didier Reynders, intervenendo al dibattito al Parlamento europeo a Strasburgo.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Gli Stati membri non potranno imporre restrizioni aggiuntive alla circolazione a chi detiene un certificato Covid a meno che queste restrizioni non siano necessarie e proporzionate alla necessità di tutela della salute pubblica”, ha sottolineato Reynders. Il certificato “permetterà di circolare in Ue per lavoro, motivi familiari e per il tempo libero”, inoltre “garantirà un’alta protezione dei dati”, ha aggiunto, precisando che la Commissione sta lavorando con gli Stati membri “affinché questo certificato diventi una realtà concreta”.
Reynders ha poi confermato che “il regolamento entrerà in vigore il primo luglio ma l’introduzione inizia subito, più certificati verranno emessi nelle prossime settimane più riusciremo ad evitare problemi”. La “piattaforma europea – ha poi ricordato il commissario – è stata introdotta a inizio mese e già dei certificati vengono emessi negli Stati membri e stiamo continuando a lavorare con la presidenza portoghese sulle raccomandazioni”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Israele: Knesset voterà il nuovo governo il 13 giugno
Media, nella stessa seduta anche il nuovo presidente dell’Assise
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEL AVIV
08 giugno 2021
10:10
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Knesset voterà il nuovo governo israeliano, guidato da Naftali Bennett e Yair Lapid, domenica 13 giugno. Lo ha stabilito il presidente dell’assise Yariv Levin.
Nella stessa seduta – secondo i media – si voterà anche il sostituto di Levin.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Perù: elezioni, Castillo avanti, Fujimori denuncia brogli
Team economico: ‘Non nazionalizzeremo né confischeremo beni’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LIMA
08 giugno 2021
10:13
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Procede, anche se lentamente, presso la sede dell’Ufficio nazionale dei processi elettorali (Onpe), lo spoglio delle schede del secondo turno delle elezioni presidenziali svoltosi domenica in Perù, in cui si consolida l’ipotesi di una vittoria del candidato della sinistra Pedro Castillo, che attualmente ha quasi 100.000 voti di vantaggio sulla rivale di destra, Keiko Fujimori.
Quando lo spoglio delle schede è giunto al 96,43% del totale, il leader di Perú Libre ha ottenuto 8.575.987 voti, pari al 50.29%, mentre la candidata di Fuerza popular ha raccolto 8.477.817 suffragi, equivalenti al 49.71%.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La differenza attualmente è di 98.170 voti.
I voti delle campagne e delle zone remote della foresta amazzonica, favorevoli al candidato che rivendica le sue origini provinciali, gli hanno permesso di superare la figlia dell’ex presidente Alberto Fujimori, che ha denunciato “irregolarità” e “segnali di truffa”. “C’è una chiara intenzione di sabotare la volontà del popolo”, ha detto la Fujimori durante una conferenza stampa, con foto e video a sostegno, inclusa l’immagine dei risultati in un piccolo villaggio che ha dato il suo avversario vittorioso per 187 voti a zero. La missione di osservazione dell’Organizzazione degli stati americani (Osa) dal canto suo non ha individuato incidenti di rilievo. “Il conteggio delle schede è avvenuto secondo le procedure ufficiali”, ha detto.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Nucleare: Zarif, l’Iran rispetta l’accordo
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEHERAN
08 giugno 2021
10:15
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“L’Iran rispetta l’accordo sul nucleare. Basta leggere il paragrafo 36”: lo ha detto il ministro degli Esteri Mohammad Javad Zarif rispondendo al suo omologo americano, Antony Blinken, secondo il quale non è chiaro se Teheran sia disposta a prendere provvedimenti per tornare al rispetto dell’accordo.

Non è chiaro se il presidente Joe Biden e Blinken siano pronti a seppellire la fallita politica di “massima pressione” dell’ex presidente Donald Trump e del suo segretario di stato Mike Pompeo, e a cessare di usare il terrorismo economico come “leva” di contrattazione, ha scritto ieri sera Zarif in un messaggio su Twitter. “È ora di cambiare rotta”, ha aggiunto.
L’Iran sostiene che l’Articolo 36 dell’accordo sul nucleare gli consente di ridurre gradualmente i propri obblighi se altre parti non rispettano l’intesa.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Israele: Knesset voterà il nuovo governo il 13 giugno
Media, nella stessa seduta anche il nuovo presidente dell’Assise
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEL AVIV
08 giugno 2021
10:30
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Knesset voterà il nuovo governo israeliano, guidato da Naftali Bennett e Yair Lapid, domenica 13 giugno. Lo ha stabilito il presidente dell’assise Yariv Levin.
Nella stessa seduta – secondo i media – si voterà anche il sostituto di Levin.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Ue, green pass dovrà essere accettato in tutta Europa
Regolamento in vigore dal primo luglio ma emissione da subito
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
08 giugno 2021
10:33
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il certificato digitale Covid della Ue “sarà gratuito, verrà emesso da tutti gli Stati membri e dovrà essere accettato in tutta Europa, contribuirà all’eliminazione graduale delle restrizioni” e “sarà di facile accesso e disponibile a tutti gli europei”. Lo ha detto il commissario europeo alla giustizia Didier Reynders, intervenendo al dibattito al Parlamento europeo a Strasburgo.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Gli Stati membri non potranno imporre restrizioni aggiuntive alla circolazione a chi detiene un certificato Covid a meno che queste restrizioni non siano necessarie e proporzionate alla necessità di tutela della salute pubblica”, ha sottolineato Reynders. Il certificato “permetterà di circolare in Ue per lavoro, motivi familiari e per il tempo libero”, inoltre “garantirà un’alta protezione dei dati”, ha aggiunto, precisando che la Commissione sta lavorando con gli Stati membri “affinché questo certificato diventi una realtà concreta”.
Reynders ha poi confermato che “il regolamento entrerà in vigore il primo luglio ma l’introduzione inizia subito, più certificati verranno emessi nelle prossime settimane più riusciremo ad evitare problemi”. La “piattaforma europea – ha poi ricordato il commissario – è stata introdotta a inizio mese e già dei certificati vengono emessi negli Stati membri e stiamo continuando a lavorare con la presidenza portoghese sulle raccomandazioni”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Libano: mancano carburante e medicinali, proteste in strada
E’ la peggiore crisi economica degli ultimi 30 anni
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
08 giugno 2021
10:48
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BEIRUT, 08 GIU – Lunghe code di autovetture si sono registrate stamani agli ingressi sud di Beirut e a Tripoli nel nord del Libano dove da settimane scarseggia il carburante nelle principali stazioni di rifornimento del Paese, travolto da quasi due anni dalla peggiore crisi economica degli ultimi 30 anni.
Intanto nella serata di ieri diverse strade e arterie viarie del Paese sono state bloccate a Beirut e in altre città del Libano da dimostranti che protestavano contro le difficili condizioni di vita in un contesto in cui scarseggiano l’elettricità, il combustibile per far funzionare i generatori elettrici, i medicinali, e in cui la lira locale ha perso in un anno e mezzo il 90% del suo valore.

Blocchi stradali si sono verificati nelle zone centrali di Beirut, come a Piazza dei Martiri, lungo viale Mazraa, nel quartiere Qasqas, ma anche a Tripoli nel nord e Sidone a sud della capitale.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Kamala Harris ai migranti, ‘non venite negli Stati Uniti’
Vice presidente in Guatemala e Messico: ‘Proteggeremo i confini’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
08 giugno 2021
11:20
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La vice presidente americana Kamala Harris ha detto ai migranti di Guatemala e Messico di “non venire negli Stati Uniti” perché saranno respinti. Durante la sua prima visita all’estero da quando ha assunto l’incarico, Harris ha parlato del “pericoloso viaggio verso nord” che intraprendono i migranti invitandoli a “non venire.
Gli Stati Uniti continueranno a far rispettare le nostre leggi e a proteggere i nostri confini”. “Se verrete al nostro confine, sarete rimandati indietro”, ha detto la vice presidente sottolineando che ci sono “strade per un’immigrazione legale e sono queste che vanno percorse”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
India: tempesta di fulmini, 27 morti nei campi
Feriti anche 8 passeggeri di un aereo travolto da turbolenze
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW DELHI
08 giugno 2021
11:39
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Una tempesta di fulmini ha ucciso 27 persone che lavoravano nei campi nello stato indiano del Bengala Occidentale e ferito 8 passeggeri di un volo, che, partito da Mumbai, si è trovato al centro di una grave turbolenza, poco prima dell’atterraggio a Calcutta. Lo ha comunicato Javed Ahmed Khan, responsabile della gestione delle emergenze e dei disastri naturali del West Bengala.

Le tempeste di fulmini sono frequenti nell’area sud orientale dell’India nella stagione dei monsoni, da giugno a settembre, ma sono diffuse comunque in tutto il Paese. Secondo i più recenti dati disponibili del National Crime Record Bureau, nel 2019 sono stati quasi 3.000 gli indiani morti fulminati.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Gb: femminicidio a Londra, poliziotto si dichiara colpevole
Di aver rapito, stuprato e causato la morte di Sarah Everard
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
08 giugno 2021
11:40
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Si è dichiarato oggi colpevole, in un’udienza preliminare dinanzi alla corte londinese di Old Bailey, il poliziotto Wayne Couzens, ex agente di Scotland Yard addetto al servizio di vigilanza di ambasciate e palazzi del potere a Londra, accusato di aver rapito, violentato e ucciso a marzo la 33enne Sarah Everard.
Couzens, che aveva già confessato agli investigatori al momento dell’arresto, ha ammesso di aver catturato la donna mentre rincasava alle 9 di sera a inizio marzo in un quartiere residenziale della capitale britannica, di aver poi abusato di lei fino a causarne la morte e di averne infine abbandonato il cadavere in un terreno isolato del Kent.
Mentre ha respinto l’imputazione di omicidio volontario.
Il caso Everard, preceduto e seguito da altri femminicidi analoghi nel Regno, ha suscitato orrore e proteste, sfociate in particolare in tensioni con la stessa polizia a margine di una manifestazione-veglia animata da alcune centinaia di donne a Londra (in sfida alle restrizioni Covid) per invocare il diritto alla libertà di muoversi e ad avere strade più sicure.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
India: 18 operai morti in incendio fabbrica chimica a Puna
Ennesimo incidente sul lavoro, governo risarcirà famiglie
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW DELHI
08 giugno 2021
13:04
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ennesimo incidente sul lavoro in India: almeno 18 operai hanno perso la vita in un incendio, divampato all’interno di un insediamento chimico a Pune, nello stato del Maharashtra.
I Vigili del fuoco hanno dovuto abbattere un muro per trarre in salvo una quarantina di altre persone rimaste imprigionate in uno degli edifici.
La fabbrica appartiene alla SV Aqua Technologies, che realizza prodotti a base di biossido di cloro, utilizzato soprattutto nel trattamento delle acque.
L’incendio avrebbe potuto avere conseguenze molto gravi perché lo stabilimento si trova nella zona industriale di Pirangut, dove operano molte altre aziende del settore chimico.
Il premier Narendra Modi ha annunciato un risarcimento di 200.000 rupie, 2.500 euro, per le famiglie delle vittime e circa 700 euro per i feriti. Il governo del Maharashtra ha aggiunto altri 6.800 euro per ogni vittima.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Inaccessibili i siti di diversi media internazionali
Tra questi Bbc e Cnn e governo Uk, si ipotizza problema tecnico
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PARIGI
08 giugno 2021
12:49
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Diversi siti di grandi media internazionali, tra i quali la Bbc e la Cnn, sono inaccessibili da poco più di un’ora. Anche il sito ufficiale del governo britannico registra problemi: l’accesso alla home page è infatti possibile, ma diverse operazioni sono bloccate.

Secondo le prime indicazione potrebbe trattarsi di un crash tecnico del provider Fastly, e non necessariamente un attacco hacker, ad aver provocato il blocco. Lo riporta la Bbc, sottolineando come Fastly sorregga moltissimi website.
Le pagine di molti siti internazionali riportano genericamente un ‘Error 503 Service Unavailable’. Oltre a quello del governo Gb e dei media britannici Guardian e Bbc anche il sito della Cnn risulta inaccessibile, così come quello del francese Le Monde. Il collegamento risulta invece intermittente per le pagine web di altre importanti testate estere.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Criminalità: blitz tra Ue-Usa-Australia, 800 arresti
Sequestrate oltre otto tonnellate di cocaina
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
08 giugno 2021
15:19
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Sono oltre 800 gli arresti eseguiti a livello globale nell’ultima settimana nell’ambito della massiccia operazione contro la criminalità organizzata realizzata grazie all’infiltrazione della polizia in un’app utilizzata per scambiare messaggi in codice tra criminali: lo ha detto nel corso di una conferenza stampa il vice direttore delle operazioni di Europol, Jean-Philippe Lecouffe. “Queste informazioni hanno portato la settimana scorsa a centinaia di operazioni di polizia su scala globale, dalla Nuova Zelanda all’Australia, all’Europa e agli Stati Uniti con risultati impressionanti”, ha commentato Lecouffe.
Sono stati eseguiti “oltre 800 arresti, oltre 700 siti sono stati perquisiti e oltre otto tonnellate di cocaina” sono state sequestrate, ha aggiunto.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Da Amazon alla Bbc, in tilt il web mondiale
Si conferma la spiegazione di un incidente tecnico che ha colpito provider Fastly
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PARIGI
08 giugno 2021
21:07
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Un guasto tecnico manda in tilt il web mondiale. Per oltre 60 lunghissimi minuti molti siti di media e non – da Amazon alla Bbc, dal Financial Times al New York Times passando per il governo britannico e gli italiani Corriere della Sera, Repubblica e Gazzetta dello Sport – non sono risultati accessibili facendo temere il peggio, ovvero un cyber attacco su amplissima scala.
Invece lo stop è stato causato da un errore nei servizi di configurazione di Fastly, provider di servizi di cloud computing usati dalle aziende per migliorare la velocità e l’affidabilità delle loro pagine web.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il blackout è scattato intorno alle ore 12, quando su molti siti sono iniziati ad apparire i laconici messaggi ‘Error 503 service unavailable’ o ‘connection failure’.
Proprio Fastly dopo i primi segnali di allarme sulla rete è uscita allo scoperto, ammettendo che lo stop era causato da un suo problema. C’è voluta poco più di un’ora per dichiarare l’incidente chiuso: “Abbiamo identificato una configurazione di servizio che ha innescato problemi ai nostri point of presence a livello globale e l’abbiamo disinnescata. La nostra rete sta tornando online”, sono state le parole di Fastly, seguite dal lento normalizzarsi dei siti, alcuni dei quali hanno comunque continuato a sperimentare rallentamenti.
La società californiana fornisce quei servizi dietro le quinte della tecnologia di cui molti non sono a conoscenza ma che invece sono essenziali per il funzionamento di internet, come i cosiddetti Content Delivery Network che riducono la distanza fra il server e l’utente, accelerando la velocità con cui i siti vengono caricati.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Recovery: von der Leyen, nostra ripresa sta per cominciare
Soldi cominceranno ad arrivare nelle prossime settimane
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
08 giugno 2021
13:03
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
3
NEWS
“Ringrazio tutti e 27 gli Stati membri per il lavoro titanico che hanno fatto. In meno di un anno, quindi, ci siamo, la nostra ripresa sta per cominciare, i piani sono il faro e i soldi cominceranno ad arrivare nelle prossime settimane”.
Lo ha detto la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen intervenendo al dibattito al Parlamento europeo a Strasburgo.
“Ad oggi abbiamo ricevuto 23 piani nazionali, piani che lanciano un messaggio molto chiaro – ha aggiunto -: gli europei sono pronti per un nuovo inizio. I nostri cittadini sono pronti per vivere in modo sostenibile, più digitale e più resiliente nel futuro”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Burkina Faso: oltre 3.300 in fuga dopo massacro nel nord
Unhcr, nella notte fra venerdì e sabato uccise 138 persone
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
08 giugno 2021
12:05
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
GINEVRA, 08 GIU – Oltre 3.300 persone, soprattutto bambini, hanno abbandonato le loro case nel Burkina Faso settentrionale dopo il massacro avvenuto nella notte fra venerdi’ e sabato scorsi a Solhan, nella provincia di Yagha, in cui sono state uccise almeno 138 persone: lo ha reso noto oggi l’agenzia Onu per i rifugiati (Unhcr).
Il portavoce dell’Unhcr, Babar Baloch, ha sottolineato che le vittime sono state “giustiziate” nell’attacco, mentre quasi 40 persone sono rimaste ferite gravemente.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Secondo fonti locali il numero dei morti sarebbe di almeno 160.
“Temendo per le loro vite, oltre 3.300 persone hanno abbandonato i vicini villaggi di Sebba e Sampelga, tra loro vi sono oltre 2.000 bambini e oltre 500 donne”, ha detto Baloch sottolineando che queste persone hanno urgente bisogno di acqua, servizi igienico-sanitari e cure mediche.
L’attacco non è stato rivendicato ma la matrice appare abbastanza chiara dato che la provincia si trova nell’area delle cosiddette ‘tre frontiere’ – tra Burkina Faso, Mali e Niger – spesso bersaglio di assalti contro civili e militari da parte di jihadisti soprattutto del Gruppo sostegno all’Islam e ai musulmani (Gsim), affiliato ad Al-Qaeda, e dello Stato islamico nel grande Sahara (Eigs), ma anche di altre formazioni minori.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Kosovo primo caso di variante sudafricana
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
08 giugno 2021
13:14
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
In Kosovo è stato confermato un primo caso di variante Beta (l’ex sudafricana) del coronavirus. Nel darne notizia, l’Istituto nazionale di sanità pubblica ha riferito oggi che il paziente è ricoverato in un ospedale della capitale Pristina.
Sono in corso controlli e indagini per accertare i contatti avuti dal paziente.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Tokyo 2020: verso vaccinazione 70 mila volontari
Governo, per maggiore cautela conto rischio contagio Covid
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
08 giugno 2021
13:16
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il governo giapponese sta valutando di vaccinare i 70 mila volontari che parteciperanno alle Olimpiadi di Tokyo, nel tentativo di aumentare il livello di sicurezza contro il rischio di contagio da coronavirus. Lo ha detto la ministra dello Sport con la delega ai Giochi, Tamayo Marukawa, nel corso di una seduta parlamentare, quando mancano meno di 50 giorni alla cerimonia di apertura dell’evento, e nel mezzo di una campagna di immunizzazione che – nonostante i recenti progressi – è ancora indietro rispetto a quelle dei Paesi occidentali.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La scorsa settimana il comitato organizzatore aveva comunicato che circa diecimila degli 80.000 volontari inizialmente selezionati per assistere allo svolgimento delle Olimpiadi e le Paralimpiadi di Tokyo, avevano deciso di ritirarsi. Una tendenza che è andata consolidandosi negli ultimi mesi con l’ascesa dei contagi da Covid nel Paese, ma che tuttavia, stando agli organizzatori, non dovrebbe compromettere il regolare svolgimento dei Giochi. Ad oggi in Giappone circa il 9% della popolazione (126 milioni di abitanti) ha ricevuto una prima dose di vaccino.
Dopo il rinvio di un anno, le Olimpiadi si terranno dal 23 luglio all’8 agosto, mentre le Paralimpiadi si svolgeranno tra il 24 agosto e il 5 settembre.   SPORT

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Covid: niente obbligo di vaccini per giocatori Coppa America
Lo annuncia governo Brasile. Opposizione vuole impedire partite
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRASILIA
08 giugno 2021
13:58
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il governo brasiliano ha reso noto che non obbligherà a vaccinarsi i giocatori delle dieci squadre che parteciperanno alla Coppa America, nonostante le critiche ricevute sul rischio rappresentato dalla realizzazione dell’evento in piena pandemia di coronavirus.
“Chi si è già immunizzato meglio così, ma non lo imporremo agli altri atleti, perché il vaccino potrebbe provocare una reazione e compromettere il ritmo dei giocatori”, ha affermato il ministro della Salute, Marcelo Queiroga.

I calciatori saranno sottoposti a test ogni 48 ore, ha poi precisato Queiroga, che oggi sarà ascoltato dalla Commissione parlamentare d’inchiesta (Cpi) sulla pandemia.
La scorsa settimana, il presidente della Repubblica,Jair Bolsonaro, aveva assicurato che il torneo sportivo si conformerà agli stessi protocolli sanitari applicati anche in altre competizioni.
La Coppa America inizierà domenica a Brasilia e si concluderà il 10 luglio a Rio de Janeiro, dove il Partito socialismo e libertà (Psol, di sinistra), di opposizione, ha presentato un’ingiunzione in tribunale per sospendere le partite in programma nella città.   CALCIO

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Parto record, una donna sudafricana dà alla luce 10 gemelli
Supera il primato del mese scorso di 9 bimbi nati in Marocco
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
09 giugno 2021
08:48
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Una donna della provincia sudafricana del Gauteng ha dato alla luce 10 bambini, battendo il precedente record detenuto dalla maliana Halima Cissé che ha dato alla luce nove bambini in Marocco il mese scorso. Lo riportano i media sudafricani.
Gosiame Thamara Sithole, 37 anni, ha dato alla luce i suoi gemelli – due in più di quelli che i medici avevano precedentemente previsto in base agli accertamenti diagnostici – in un ospedale di Pretoria la scorsa notte, secondo quanto riferito alla testata dal marito Teboho Tsotetsi.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La pesca si ferma, misure Ue uccidono turismo e ristorazione
Alleanza pesca, protesta il 12 giugno in tutta Italia
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
08 giugno 2021
14:29
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La pesca italiana si fermerà in segno di protesta il 12 giugno, una battaglia di tutte le economie perché sul settore vivono e prosperano turismo e ristorazione in prima fila. “Fermiamo le restrizioni della politica europea prima che sia troppo tardi”, fa sapere l’Alleanza pesca lanciando l’hashtag #salviamolapescaitaliana.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Se la politica europea della pesca in Mediterraneo continuerà a ridurre l’attività dei nostri pescherecci costringendo alla chiusura le imprese – avverte l’Alleanza – ci accorgeremo di quanto fosse importante per la ristorazione e per il turismo”.
La cultura del mare e la vitalità delle comunità costiere rischiano di essere un ricordo del passato, precisa l’Alleanza, “a causa di una politica dissennata che mira a chiudere la pesca a strascico, il comparto principale che rifornisce di pesce fresco le tavole degli italiani e dei turisti”. Difficile pensare a una riconversione della cucina di mare italiana verso sogliole di Dover, merluzzo atlantico o pangasio del Mekong, denuncia l’Alleanza ed ancora più difficile sperare che i turisti vengano in Italia per mangiare lo stesso pesce che trovano a casa loro. “Eppure questa è una prospettiva che Bruxelles sta rendendo sempre più probabile cercando di ridurre la nostra pesca al punto di ucciderla”, conclude l’Alleanza, annunciando manifestazioni per sabato a partire dalle 10.30 a Venezia-Fondamenta Le Zattere e a Mazara del Vallo-Piazza della Repubblica e da Nord a Sud in tantissimi porti.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Farage contro Southgate: ‘Inginocchiarsi è un gesto marxista’
Ex n.1 del Brexit Party contro il ct per il gesto a sostegno di Black Lives Matter
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
08 giugno 2021
17:50
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Inginocchiarsi a Black Lives Matter non ha nulla a che fare con la giustizia razziale. E’ un gesto marxista”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La scelta della nazionale inglese di inginocchiarsi prima di ogni partita continua a creare polemica: dopo i fischi dei tifosi e la solidarietà alla squadra del Premier Boris Johnson, il ct Gareth Souhtgate è stato duramente criticato da Nigel Farage. L’ex leader del Brexit Party, tra i principali artefici dell’uscita del Regno Unito dall’Ue, si è scagliato contro il ct inglese, reo a suo dire di “non essere più a contatto con i suoi stessi tifosi e con la nazione”, quando si è schierato al fianco dei suoi giocatori.
Nelle ultime due amichevoli prima dell’esordio europeo, i nazionali inglesi sono stati sonoramente fischiati quando si sono inginocchiati a terra, a sostegno delle campagne contro ogni tipo di discriminazione razziale. Un gesto lanciato dal movimento Black Lives Matter, in seguito dell’uccisione per soffocamento di George Floyd da parte di un poliziotto statunitense. E che nel Regno Unito è considerato da alcuni – Farage compreso – un gesto dalla forte matrice politica.
“Inginocchiarsi a Black Lives Matter non ha nulla a che fare con l’uguaglianza di opportunità o la giustizia razziale – le parole di Farage in un video-messaggio diffuso sui suoi social -. Significa piuttosto solidarizzare con una organizzazione marxista che vuole eliminare le forze politiche, vuole distruggere il capitalismo occidentale, cancellare il nostro modo di vivere e sostituirlo con un nuovo ordine comunista”. Da qui l’invito ad astenersi dal ripetere il gesto nelle prossime partite. “La morale della storia è molto semplice – ha concluso Farage -. Tutti gli sportivi e gli eventi sportivi non devono occuparsi di politica, né compiere gesti che abbiano una valenza politica”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Schiaffo a Macron tra la folla, due arresti
L’aggressione durante una visita nella Drome. Il video sul web
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PARIGI
08 giugno 2021
15:01
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Due persone sono state fermate oggi nella Drome, nel sud-est della Francia, dopo che il capo dello stato, Emmanuel Macron, è stato aggredito con uno schiaffo durante un bagno di folla. Il presidente è impegnato in questi giorni in una serie di visite in diverse regioni del Paese.

Ripreso da alcuni presenti e postato sui social network, l’accaduto è stato confermato dall’Eliseo.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ripreso da alcuni presenti e postato sui social network. Da quanto si può vedere dal video che circola sul web, Macron – che era in visita a Tain-l’Hermitage ed era appena uscito da una scuola alberghiera – si stava allontanando dalla folla trattenuta dietro le barriere e stava per rientrare nell’automobile che lo attendeva.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Vedendo le persone che lo chiamavano, si è riavvicinato alle transenne e il primo uomo verso il quale si è diretto lo ha afferrato per il braccio e colpito con uno schiaffo (mano destra contro guancia sinistra):

E’ immediatamente stato bloccato e posto in stato di fermo – insieme a una seconda persona a lui vicina – dagli uomini della sicurezza del presidente. Le immagini riprendono poi il presidente che si riavvicina alla folla per continuare a parlare con i presenti. Macron, ha fatto sapere l’Eliseo, ha poi continuato la visita.
L’uomo che ha colpito oggi con uno schiaffo il presidente francese Emmanuel Macron ha urlato il grido di battaglia dei Capetingi, i seguaci di Ugo Capeto, terza dinastia dei re di Francia: ‘Montjoie! Saint-Denis!”. Ha poi aggiunto chiaramente “a bas la Macronie”, abbasso il macronismo, uno slogan piuttosto diffuso nelle manifestazioni di protesta.
“Lancio un appello a un risveglio repubblicano, ci riguarda tutti, ne va delle basi della nostra democrazia”: lo ha detto, in Parlamento, subito dopo l’episodio dello schiaffo al presidente Emmanuel Macron, il premier francese, Jean Castex. Coinvolto ieri in una polemica per aver evocato gravi violenze nella settimana che precederà le presidenziali del 2022, Jean-Luc Melenchon, leader della sinistra radicale de ‘La France Insoumise’, è stato il primo a reagire: “Solidarietà al presidente. Ora cominciate a capire che i violenti passano all’azione?”.
“Va tutto bene, bisogna relativizzare questo incidente che ritengo un fatto isolato”: lo ha detto il presidente francese, Emmanuel Macron, dopo l’incidente dello schiaffo subito oggi mentre era a contatto con la folla oggi durante una visita a Tain L’Hermigate, nel sud-est del paese. “Non permettiamo – ha detto Macron rispondendo alle domande del quotidiano locale, Le Dauphiné Libéré – che fatti isolati, o individui ultraviolenti, come ce n’è sempre qualcuno anche nelle manifestazioni, si impossessino del dibattito pubblico, non lo meritano”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’Italia ammaina la bandiera in Afghanistan
Si avvia a conclusione la missione del contingente che accelera il ritiro dal Paese
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
09 giugno 2021
08:29
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Si avvia a conclusione la quasi ventennale presenza del contingente italiano in Afghanistan. Ad Herat è arrivato oggi il ministro della Difesa Lorenzo Guerini, per il saluto finale ai militari e la cerimonia dell’ammaina-bandiera alla base di Camp Arena, che sarà consegnata alle forze di sicurezza locali.
Le operazioni di rimpatrio di uomini (erano 800 a inizio anno) e mezzi, avviate a maggio, si concluderanno a breve, in sintonia con l’accelerazione impressa dagli Usa che intendono lasciare il Paese entro metà luglio, in anticipo sulla data simbolica dell’11 settembre annunciata dal presidente Joe Biden.
“Non vogliamo che l’Afghanistan torni ad essere un luogo sicuro per i terroristi.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Vogliamo continuare a rafforzare questo Paese dando anche continuità all’addestramento delle forze di sicurezza afghane per non disperdere i risultati ottenuti in questi 20 anni”, ha spiegato Guerini.
“Non abbandoniamo il personale civile afghano che ha collaborato con il nostro contingente ad Herat e le loro famiglie: 270 sono già stati identificati e su altri 400 si stanno svolgendo accertamenti. Verranno trasferiti in Italia a partire da metà giugno”, ha spiegato il ministro della Difesa parlando della sorte dei collaboratori afgani che rischiano ritorsioni da parte dei talebani una volta che il contingente Nato avrà lasciato l’Afghanistan.
I Paesi che stanno ritirando le loro truppe dall’Afghanistan dovrebbero accelerare i programmi per il reinsediamento di ex interpreti afghani e altri dipendenti di truppe o ambasciate straniere minacciati di ritorsioni dalle forze talebane: è l’appello di Human Rights Watch rivolto in particolare agli Stati Uniti e a tutti quei Paesi che si apprestano a ritirare ogni loro presenza nel Paese entro l’11 settembre di quest’anno. “Gli afghani che hanno lavorato con truppe o ambasciate straniere affrontano enormi rischi di ritorsioni da parte dei talebani”, ha affermato Patricia Gossman, direttore associato per l’Asia di Human Rights Watch. “I Paesi con le truppe in partenza dovrebbero impegnarsi ad assistere chi si trova ad affrontare un pericolo per aver lavorare per loro”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Etiopia: Onu, diverse aree Tigray sull’orlo della carestia
Guterres fa appello per nuovi fondi e accesso ad aiuti umanitari
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
08 giugno 2021
15:57
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Diverse aree della regione settentrionale dell’Etiopia, il Tigray, sono “sull’orlo della carestia”, ha affermato oggi via Twitter il segretario generale dell’Onu, António Guterres, aggiungendo che la situazione “continuerà a peggiorare a meno che i finanziamenti non aumentino e l’accesso umanitario alla regione non migliori”.
“Le azioni che intraprendiamo ora possono significare la differenza tra la vita e la morte per molte persone”, ha concluso.
La scorsa settimana l’Onu ha avvertito del rischio che in Etiopia si ripeta la devastante carestia del 1984.
Mark Lowcock, sottosegretario generale dell’Onu per gli Affari umanitari e coordinatore dei Soccorsi di emergenza, ha dichiarato alla Bbc che centinaia di migliaia di persone stanno già soffrendo la carestia nel Tigray dopo oltre sette mesi di conflitto.
La guerra nel Tigray è scoppiata lo scorso 4 novembre quando il primo ministro etiope, Abiy Ahmed, ha sferrato un’offensiva militare per control’ex partito di governo della regione, il Fonte di liberazione del popolo del Tigray (Tplf), dopo aver accusato le sue forze di aver attaccato le basi militari federali.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Parlamento Ue vota stasera i Green pass, domani i risultati
Faciliteranno i viaggi nell’Unione
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
08 giugno 2021
16:05
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il Parlamento europeo si esprimerà in serata sull’approvazione definitiva del certificato digitale Covid-19 dell’Ue, lo strumento che servirà a facilitare i viaggi nell’Unione durante la pandemia e contribuire alla ripresa economica.
I voti saranno due: uno sul certificato per agevolare la libera circolazione delle persone durante la pandemia di Covid-19 ed un secondo che riguarderà i cittadini di Paesi terzi regolarmente soggiornanti o residenti nel territorio degli Stati membri durante la pandemia.
I risultati saranno resi noti domani mattina.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Sono già più di un milione gli europei che hanno già ricevuto i primi certificati digitali Covid. I documenti che dovrebbero facilitare i viaggi in estate durante la pandemia cominciano dunque a farsi strada nel Vecchio continente mentre salgono a nove i Paesi nei quali è già attivo il sistema per il loro mutuo riconoscimento.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ad annunciare l’accelerazione con quasi tre settimane di anticipo rispetto alla data fissata del primo luglio è stata oggi la Commissione europea, nello stesso giorno in cui il Parlamento europeo ha dato il suo via libera ai pass.
Da oggi la Spagna e la Lituania hanno reso operativa la piattaforma Ue in via ufficiale iniziando a distribuire i certificati che attestano l’avvenuta vaccinazione, il risultato negativo ad un tampone o la guarigione dal virus. Dunque dopo Bulgaria, Repubblica ceca, Danimarca, Germania, Grecia, Croazia e Polonia, sono così nove gli Stati membri nei quali è già attivo il sistema.Con un green pass in mano i singoli titolari dei certificati potranno dunque evitare le quarantene nel Paese di destinazione o di arrivo. Ma non mancheranno alcune eccezioni. Gli Stati membri infatti potranno continuare a conservare la possibilità di imporre ulteriori misure restrittive, nel caso ad esempio della comparsa di una variante. Tali misure però dovranno essere “necessarie e proporzionate per tutelare la salute pubblica”, ha sottolineato Bruxelles.
Dopo l’ok dell’Eurocamera il certificato è atteso venerdì alla riunione degli ambasciatori dei 27 Paesi per un ultimo passaggio formale per poi entrare definitivamente in vigore il primo luglio.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: un positivo su nave Msc, Malta rifiuta ingresso
Crociera Seaside era cominciata il primo giugno da Siracusa
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LA VALLETTA
08 giugno 2021
16:17
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Le autorità maltesi ieri hanno vietato l’ingresso in porto alla nave da crociera ‘Msc Seaside’ perché un passeggero è risultato positivo al Covid-19 durante la navigazione, cominciata il primo giugno scorso da Siracusa. Lo riportano i media maltesi, tra cui il sito del canale pubblico TVM.
Una portavoce del ministero della salute ha confermato che la nave avrebbe dovuto fare tappa a Malta, quando il passeggero si è ammalato e, seguendo i protocolli della compagnia di navigazione Msc ed approvati dalle autorità sanitarie, è stato sottoposto a bordo ad un test risultato positivo. Secondo i protocolli della compagnia, tutti i passeggeri devono sottoporsi a test o essere completamente vaccinati per poter essere ammessi all’imbarco.
Secondo i dati del sito MarineTraffic, la nave (varata nel 2017 e lunga 323 metri) è arrivata nel porto di Siracusa attorno alle 3 di stamani.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Daria Navalnaya, ‘orgogliosa di papà, sostenere chi lotta’
Figlia dell’oppositore a forum Ginevra, ‘dovrebbe esserci lui’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA
08 giugno 2021
16:28
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Per quanto sia per me divertente tenere questo discorso, in realtà sono triste. Perché oggi a ricevere questo premio ci dovrebbe essere mio padre”.
Lo ha detto Daria Navalnaya, figlia maggiore di Alexey Navalny, parlando al 13esimo ‘Geneva Summit for Human Rights and Democracy’, che ha assegnato il ‘2021 Moral Courage Award’ a Navalny. Il summit – sostenuto da 25 Ong per i diritti umani – precede la principale sessione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite. “Sono orgogliosa di mio padre”, ha detto Daria. “Dobbiamo sostenere chi lotta per la nostra libertà e le loro famiglie”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
A Muti e Gianotti la prima edizione del Premio De Sanctis Europa
Consegnato a Roma, il 25 ottobre tappa a Bruxelles
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
08 giugno 2021
16:41
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
È andato al maestro Riccardo Muti, tra i più grandi direttori d’orchestra al mondo, e alla professoressa Fabiola Gianotti, scienziata e direttrice generale del Cern, il Premio De Sanctis Europa, prima edizione del riconoscimento attribuito a figure di assoluto rilievo nel panorama culturale, scientifico e letterario europeo istituito in occasione del decennale del Premio De Sanctis.
“Due modelli di unione tra arte, scienza e creatività – sottolinea il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Luigi Di Maio alla cerimonia di consegna alla Farnesina – Due personalità straordinarie, due cittadini italiani ed europei, che si distinguono per il lustro che hanno portato all’Italia e all’Europa nel mondo”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Dedico questo premio al mio Paese – commenta il maestro Muti – Come dico sempre, la strada che ho fatto la devo agli insegnanti italiani.
Noi non abbiamo bisogno di cose altisonanti. Abbiamo una forza interna per la quale continuare a combattere una battaglia culturale per la grandezza del nostro Paese. Non siamo secondi a nessuno, né abbiamo bisogno di seguire influencer o di qualcuno che ci dica che biancheria mettere. Abbiamo la grandezza di un passato che ci dice dove dobbiamo andare”.
“Un premio per me speciale – aggiunge la professoressa Gianotti – perché io sono cresciuta con de Sanctis per i miei studi classici, perché De Sanctis era anche un uomo di scienza e perché era un uomo che promuoveva una visione unitaria della cultura, l’umanesimo dell’arte e della scienza, come manifestazioni coerenti e unitarie, e forse le più elevate della curiosità, della creatività e dell’ingegno umano”.
Annunciato già per l’ottobre 2019, con premiazione finale a Bruxelles, ma rimandato causa pandemia, il Premio è stato quindi diviso in due segmenti, oggi a Roma e il 25 ottobre a Bruxelles.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
CONFERMATA IN APPELLO LA CONDANNA ALL’ERGASTOLO PER MLADIC
La sentenza è definitiva
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BELGRADO
08 giugno 2021
18:03
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il Tribunale dell’Aja ha confermato oggi in appello la condanna all’ergastolo per Ratko Mladic, il boia di Srebrenica. La sentenza è definitiva, senza ulteriori possibilità di ricorsi.
Respingendo il ricorso della difesa, i giudici dell’Aja hanno confermato le accuse di genocidio, crimini di guerra e contro l’umanità a carico dell’ex capo militare dei serbi di Bosnia, ribadendo il carcere a vita per l’ex generale.
Mladic (78 anni) era presente in aula e ha seguito con le cuffie della traduzione la lettura del lungo dispostivo della sentenza.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
In giacca scura e cravatta azzura, affiancato da due agenti della sicurezza, l’ex generale è apparso in buone condizioni, accigliato e perplesso per tutte le accuse confermate a suo carico.
Ratko Mladic, ultimo criminale di guerra eccellente giudicato dalla giustizia internazionale, è stato riconosciuto responsabile in particolare per il genocidio di Srebrenica, dove nel luglio 1995 furono massacrati 8 mila bosniaci musulmani, e per il lungo assedio di Sarajevo durante il conflitto armato in Bosnia del 1992-1995.
“Questa storica sentenza mostra che coloro che commettono crimini orribili saranno considerati responsabili e rafforza la nostra comune risolutezza nel prevenire che future atrocita’ accadano in qualsiasi parte del mondo”: cosi’ Joe Biden ha commentato in una nota la conferma in appello da parte del Tribunale dell’Aja della condanna all’ergastolo per Ratko Mladic, il boia di Srebrenica.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Bruce Springsteen riapre Broadway, ma solo per vaccinati
Dal 26 giugno; e sempre in giugno i Foo Fighters e gli Strokes
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
08 giugno 2021
16:50
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Bruce Springsteen riapre Broadway, ma solo per i vaccinati: il “Boss” di “Born to Run” calcherà di nuovo le scene del St. James Theater per una nuova edizione del suo “one man show” autobiografico a partire dal 26 giugno e fino al 4 settembre.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Springsteen on Broadway” aveva debuttato nel 2017 sulla “lunga strada bianca” ed era stato prorogato tre volte fino alla fine del 2018. La peculiarità stavolta è che, per poter entrare a teatro, oltre a pagare biglietti con prezzo compreso tra 75 e 850 dollari, gli spettatori dovranno presentare la prova di esser stati completamente vaccinati contro il Covid. “Mi sono divertito moltissimo a fare ‘Springsteen on Broadway’ e sono felice che mi sia stato chiesto di rilanciare lo show come parte della riapertura dei teatri”, ha detto l’artista che durante la pandemia ha lavorato con l’ex presidente Barack Obama nel podcast di Spotify “Renegades”. “Springsteen on Broadway” è al momento il primo spettacolo a riaprire a Broadway dopo i lunghi mesi del lockdown, ma non il solo concerto in persona in programma nelle prossime settimane.
Oggi i Foo Fighters hanno annunciato che il 20 giugno riapriranno il Madison Square Garden, mentre gli Strokes suoneranno il 12 giugno a Irving Plaza. In entrambi i casi, come per Springsteen, l’accesso sarà consentito solo a persone protette dal vaccino.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Irlanda del Nord: 39enne Givan sarà il nuovo first minister
Svolta generazionale, ma anche più a destra fra gli unionisti
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
08 giugno 2021
16:29
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Sarà Paul Givan, 39 anni, il prossimo first minister del governo locale dell’Irlanda del Nord dalla settimana prossima, in rappresentanza degli unionisti protestanti del Dup. La designazione è stata formalizzata oggi dal leader dello stesso Dup, Edwin Poots, eletto nei mesi scorsi al posto della ex numero uno del partito e first minister uscente Arlene Foster sullo sfondo di una rivolta interna all’insegna del ringiovanimento, ma anche di una piattaforma politica spostata ancor più a destra e su posizioni ancor più tradizionaliste su alcuni temi.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Givan, deputato locale ed ex ministro, è un fedelissimo di Poops, che ha scelto di dedicarsi per ora solo alla guida del partito. E la sua nomina al vertice del governo regionale di Belfast non dovrebbe essere in discussione visto che la poltrona di first minister spetta per prassi agli unionisti in base agli storici accordi di pace del Venerdi’ Santo 1998; anche se la coalizione di unità nazionale con gli alleati-nemici repubblicani cattolici dello Sinn Fein andrà ricostituita ora da zero con la suddivisione dei ministeri e l’indicazione di una personalità di quest’ultima formazione per il ruolo di vicepremier. Partita non scontata dato che Paul Givan, come Edwin Poots, è noto per avere posizioni ancor più radicali di quelle della Foster su temi quali la promozione dell’insegnamento del creazionismo a scuola o il no all’apprendimento curriculare fra i banchi dell’Irlanda del Nord britannica dell’irlandese (gaelico) come seconda lingua dopo l’inglese.
Sullo sfondo dello scossone politico continuano inoltre a pendere le tensioni legate all’impatto del protocollo post Brexit sull’Irlanda del Nord sottoscritto nei mesi scorsi da Londra con Bruxelles a tutela del mantenimento dei confini aperti fra Belfast e Dublino – e oggetto di nuovi colloqui spinosi con recriminazioni reciproche fra l’Ue e il governo centrale britannico di Boris Johnson proprio in questi giorni – sul destino dei legami fra Ulster e resto del Regno Unito.
Tensioni sfociate nei mesi scorsi anche nella riaccensione di fiammate di disordini e violenza.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Etiopia: Onu, diverse aree Tigray sull’orlo della carestia
Guterres fa appello per nuovi fondi e accesso ad aiuti umanitari
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
08 giugno 2021
17:11
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Diverse aree della regione settentrionale dell’Etiopia, il Tigray, sono “sull’orlo della carestia”, ha affermato oggi via Twitter il segretario generale dell’Onu, António Guterres, aggiungendo che la situazione “continuerà a peggiorare a meno che i finanziamenti non aumentino e l’accesso umanitario alla regione non migliori”.
“Le azioni che intraprendiamo ora possono significare la differenza tra la vita e la morte per molte persone”, ha concluso.
La scorsa settimana l’Onu ha avvertito del rischio che in Etiopia si ripeta la devastante carestia del 1984.
Mark Lowcock, sottosegretario generale dell’Onu per gli Affari umanitari e coordinatore dei Soccorsi di emergenza, ha dichiarato alla Bbc che centinaia di migliaia di persone stanno già soffrendo la carestia nel Tigray dopo oltre sette mesi di conflitto.
La guerra nel Tigray è scoppiata lo scorso 4 novembre quando il primo ministro etiope, Abiy Ahmed, ha sferrato un’offensiva militare per control’ex partito di governo della regione, il Fonte di liberazione del popolo del Tigray (Tplf), dopo aver accusato le sue forze di aver attaccato le basi militari federali.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Gaza: Israele, ‘da Torre media Hamas agiva contro Iron Dome’
Portavoce, ecco perchè abbiamo colpito edificio dopo avvisi
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEL AVIV
08 giugno 2021
17:11
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Torre di al-Jala a Gaza – distrutta dall’esercito israeliano il 15 maggio scorso durante il conflitto – era usata da Hamas ai fini di intelligence militare. Lo ha detto il portavoce militare spiegando i motivi che hanno portato Israele a distruggere la Torre dove erano ospitati anche media internazionali come al-Jazeera e l’Associated Press.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Un attacco che ha suscitato la ferma reazione dei media stessi e anche la richiesta di chiarimenti da parte del segretario di stato Usa Antony Blinken. “La struttura – ha specificato – era usata da Hamas per la ricerca e lo sviluppo dell’intelligence, per effettuare segnali elettronici di intelligence e operazioni di guerra elettronica, con obiettivo sia le attività dell’esercito sia i sistemi civili in Israele”. In particolare, una delle principali attività – ha aggiunto – era “quella di sviluppare un sistema che avrebbe messo fuori uso il sistema di difesa aerea Iron Dome”. Scopo dell’attacco israeliano è stato quello – ha continuato – di “eliminare queste capacità nemiche, inclusa la distruzione di attrezzature speciali impedendone l’uso durante il conflitto”. Il portavoce ha sottolineato che “le attrezzatture erano nell’edificio al momento dell’attacco, congegnato in modo da far collassare la struttura per assicurare la distruzione dei dispositivi speciali” “L’obiettivo – ha continuato – era di alto valore per Hamas ed è stato controllato minuziosamente in base a rigorose procedure interne all’esercito e in accordo con la legge interazionale”. Prima dell’attacco, l’esercito – ha ricordato il portavoce – “ha fornito in anticipo avvisi ai civili presenti nell’edificio e sono stati effettuati significativi sforzi per consentire agli stessi civili di evacuare la struttura. Cosa avvenuta in maniera scrupolosa tant’è che nessun civile è stato colpito”. “Tutto questo – ha concluso il portavoce militare – deve essere inserito nel fatto che Hamas intenzionalmente opera in mezzo alla popolazione civile di Gaza e lo fa in modo da ostacolare le attività operative dell’esercito”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: un positivo su nave Msc, Malta rifiuta ingresso
Crociera Seaside era cominciata il primo giugno da Siracusa
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LA VALLETTA
08 giugno 2021
17:19
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Le autorità maltesi ieri hanno vietato l’ingresso in porto alla nave da crociera ‘Msc Seaside’ perché un passeggero è risultato positivo al Covid-19 durante la navigazione, cominciata il primo giugno scorso da Siracusa. Lo riportano i media maltesi, tra cui il sito del canale pubblico TVM.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Una portavoce del ministero della salute ha confermato che la nave avrebbe dovuto fare tappa a Malta, quando il passeggero si è ammalato e, seguendo i protocolli della compagnia di navigazione Msc ed approvati dalle autorità sanitarie, è stato sottoposto a bordo ad un test risultato positivo. Secondo i protocolli della compagnia, tutti i passeggeri devono sottoporsi a test o essere completamente vaccinati per poter essere ammessi all’imbarco.
Dopo aver ricevuto il divieto all’attracco in porto dalle autorità maltesi, la nave da crociera Msc Seaside ha fatto regolarmente scalo a Siracusa secondo l’itinerario settimanale. Sono sbarcati due passeggeri risultati positivi al tampone effettuato durante un controllo di routine, attività prevista dal protocollo di salute e sicurezza della Compagnia. “I due passeggeri, insieme ai loro familiari, hanno già lasciato Siracusa con dei transfer protetti – spiega Msc – organizzati dalla Compagnia secondo quanto previsto dal protocollo e d’accordo con le autorità sanitarie locali. La nave oggi proseguirà regolarmente il suo itinerario”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Precipita dal quarto piano, morto operaio italiano a Malta
In un cantiere per la costruzione di una fabbrica. Aveva 40 anni
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LA VALLETTA
08 giugno 2021
17:56
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Un operaio italiano di 40 anni è morto precipitando dal quarto piano di una fabbrica in costruzione nell’area industriale di Hal Far, a Malta. Lo ha reso noto la polizia locale con un comunicato in cui è precisato che l’incidente è avvenuto attorno alle 11.30, quando l’uomo è caduto dal tetto della fabbrica su cui stava lavorando.
Soccorso dai medici, il lavoratore è morto sul posto.
La magistrata Monica Vella è stata incaricata dell’indagine sulle circostanze che hanno portato alla morte dell’uomo, di cui non sono state rese note le generalità. Secondo la polizia, si tratterebbe di un lavoratore stagionale di origine siciliana.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Biden plaude a sentenza storica nel processo d’appello di Mladic
‘Coloro che commettono crimini orribili saranno responsabili’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
08 giugno 2021
17:59
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Questa storica sentenza mostra che coloro che commettono crimini orribili saranno considerati responsabili e rafforza la nostra comune risolutezza nel prevenire che future atrocita’ accadano in qualsiasi parte del mondo”: cosi’ Joe Biden ha commentato in una nota la conferma in appello da parte del Tribunale dell’Aja della condanna all’ergastolo per Ratko Mladic, il boia di Srebrenica.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio, l’Italia con il G20 protagonista sulla Global tax
‘Accordo raggiunto al G7 è una buona notizia’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
08 giugno 2021
18:38
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Sulla Global tax, “dopo l’accordo raggiunto al G7, che è una buona notizia, il prossimo passaggio vede protagonista l’Italia con il G20”. Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, intervistato dal direttore del Sole 24 Ore Fabio Tamburini per l’evento Pre-Summit Think Tank di ‘Made in Italy: Setting a New Course’.
Il titolare della Farnesina ha ricordato che “l’Italia aveva provato a fare la digital tax ed aveva ricevuto in risposta la minaccia dei dazi da oltreoceano, ora gli Usa e tutto il mondo hanno raggiunto un accordo”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Gb, 90% di contagi in più in una settimana
Preoccupa la variante Delta, ma vaccini frenano morti e ricoveri
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
08 giugno 2021
18:43
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ha toccato il 90% in più il rimbalzo dei contagi Covid nel Regno Unito alimentato dalla variante Delta (ex indiana): una tendenza che conferma l’allerta – in particolare in alcune zone, come l’area di Manchester – sebbene partendo da un numero limitato in cifra assoluta. I dati di oggi indicano altri 6.048 casi su quasi un milione di tamponi.
Ma l’effetto dei vaccini, arrivati a 69 milioni di dosi somministrate, continua per ora a frenare l’impatto sul numero di morti giornalieri (13 nelle ultime 24 ore) e sul totale delle persone ricoverate al momento negli ospedali britannici (tuttora ai minimi europei a quota 954).
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Studio, Paperoni americani pagano poche o zero tasse sul reddito
Analisi ProPublica basata sui dati del fisco Usa
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
08 giugno 2021
19:13
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
I Paperoni americani – compresi Jeff Bezos, Michael Bloomberg, Warren Buffett ed Elon Musk – tra il 2014 e il 2018 hanno pagato somme esigue se non addirittura zero tasse per quel che riguarda le imposte sul reddito. E’ quanto emerge da uno studio realizzato da ProPublica, organizzazione non a scopo di lucro che promuove il giornalismo investigativo.

Il rapporto – riporta il New York Times – si basa sui dati dell’Irs, l’agenzia del fisco federale statunitense, e mostra come i 25 americani più ricchi abbiano pagato le tasse solo su una parte del loro patrimonio: complessivamente 13,6 miliardi di dollari su una ricchezza pari a 401 miliardi di dollari.
Lo studio arriva nel momento in cui il presidente americano Joe Biden spinge per aumentare le tasse sui più ricchi per reperire le risorse del suo piano di ricostruzione dell’America, portando l’aliquota sui redditi più alti dal 37% al 39,6%.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Spagna, ‘passi decisi’ per nuova pagina in Catalogna
Messaggio di Madrid sul conflitto politico con indipendentisti
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MADRID
08 giugno 2021
19:30
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Sul conflitto politico e territoriale con la Catalogna è ora di “voltare pagina” e per farlo il governo spagnolo è pronto a compiere “passi decisi”. Lo ha detto in conferenza stampa María Jesús Montero, portavoce dell’esecutivo iberico, in risposta a domande sulle prospettive di rinnovare il dialogo con la nuova amministrazione regionale catalana, guidata dall’indipendentista moderato Pere Aragonès.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Al centro del dibattito c’è la possibile concessione dell’indulto ai leader indipendentisti condannati per il tentativo di indipendenza del 2017, un’eventualità che indiscrezioni dei media danno per imminente. “Abbiamo il diritto di vivere una nuova storia”, ha affermato Montero. “Capiamo perfettamente che ci siano persone che sono restie a perdonare”, ha anche detto, “ma il governo ha l’obbligo di assumersi le responsabilità di ogni momento politico e crediamo che la cosa migliore che ci può succedere come Paese è lasciarci definitivamente alle spalle questo episodio”.
Riguardo alla lettera pubblicata ieri da due media dell’ex vicepresidente della regione catalana Oriol Junqueras — ora in carcere — nella quale si è detto contrario a un nuovo referendum unilaterale sull’indipendenza come quello del 2017, Montero ha detto che si tratta di “un gesto importante” e di “un passo per andare avanti nella giusta direzione”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Usa abbassano l’allerta viaggi in Italia
Scende a livello 3 da 4, anche per Germania e Francia
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
08 giugno 2021
19:39
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Gli Stati Uniti allentano la stretta sui viaggi in Italia. Il Dipartimento di Stato abbassa infatti l’allerta a ‘livello 3-‘Reconsider travel’, che sconsiglia di partire, ma è comunque più lieve del precedente livello 4 ‘do not travel’ che è il massimo.
Lo stesso è stato deciso per Germania e Francia.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ue-Usa verso fine battaglie commerciali, via dazi metalli
Bloomberg cita bozza documento, stop guerra Airbus-Boeing
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
08 giugno 2021
19:47
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Gli Stati Uniti e l’Unione Europea si impegneranno a mettere fine alle loro battaglie commerciali in corso e eliminare i dazi sull’acciaio e l’alluminio entro la fine dell’anno nel corso della visita del presidente Joe Biden. Lo riporta l’agenzia Bloomberg citando una bozza del documento conclusivo dell’atteso vertice Ue-Usa in programma a Bruxelles il 15 giugno.
Verso una soluzione anche la disputa fra Airbus e Boeing.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ue, lettera Med5 per sbloccare stallo su Agenzia asilo
Fronte sud oltre principio ‘approccio a pacchetto’ su migrazione
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
08 giugno 2021
20:04
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
I Paesi Ue del Mediterrano, i cosiddetti Med5 – Italia, Grecia, Spagna, Cipro e Malta – hanno scritto alla presidenza di turno portoghese per sbloccare lo stallo sulle trattative sul regolamento dell’Agenzia europea per l’asilo (Easo), andando oltre – per la prima volta – sull’approccio a pacchetto” riguardo al nuovo Patto sulla migrazione del niente è concordato fino a quando tutto è concordato. Una mossa che il ministro dell’Interno portoghese, Eduardo Cabrita, saluta come “un grande successo”, spiegando che a questo punto c’è un “accordo politico di principio” sull’Easo.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Spagna, ciclo completato per un over50 su due
Ora si accelera con la fascia 49-40, Sánchez ‘non vede l’ora’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MADRID
08 giugno 2021
20:10
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
In Spagna la metà delle persone di età superiore ai 50 anni ha completato il ciclo di vaccinazione contro il covid, mentre all’89,5% è stata somministrata almeno una dose: lo si apprende dall’ultimo aggiornamento del Ministero della Sanità. Il processo è particolarmente avanzato tra gli over 70, mentre nella fascia tra i 50 e i 69 anni ha completato il ciclo circa una persona su quattro.

Adesso si spinge sull’acceleratore per la fascia 49-40 anni: quasi il 20% ha già avuto una dose. In questo gruppo c’è anche il premier Pedro Sánchez, nato nel 1972. A Madrid, dove risiede il presidente, le vaccinazioni in questa categoria sono iniziate oggi. “Non vede l’ora di vaccinarsi”, ha detto in conferenza stampa la portavoce del governo María Jesús Montero, che invece è già stata chiamata per l’iniezione alcuni giorni fa. Il turno del premier potrebbe arrivare al termine di un viaggio in America Latina che inizia oggi, ha aggiunto Montero.
Intanto, l’incidenza dei contagi di covid nel Paese si è abbassata ancora: oggi è data a 113 casi notificati negli ultimi 14 giorni ogni 100.000 abitanti, circa due punti in meno rispetto a ieri.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Europei: Erdogan non andrà a Roma per Italia-Turchia
Federcalcio Ankara: ‘Ma sarà a Baku per la sfida al Galles’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
ISTANBUL
08 giugno 2021
20:16
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan non si recherà a Roma per il match inaugurale dell’Europeo venerdì tra Italia e Turchia. Lo ha annunciato il presidente della Federcalcio di Ankara (Tff), Nihat Ozdemir.
Il leader turco intende invece recarsi alla seconda partita del girone tra Turchia e Galles, in programma mercoledì 16 giugno a Baku, in Azerbaigian, ha aggiunto Ozdemir, parlando al canale tv A Spor.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ue: Orban contro Maas, stop a veti? Europa è tigre di carta
‘Smettere di fare politica estera a base di comunicati’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BUDAPEST
08 giugno 2021
20:22
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“L’Ue sembra una tigre di carta patetica. Bisogna smetterla di fare una politica estera che consiste nel fabbricare comunicati che non ci fanno andare da nessuna parte”.
È questa la risposta del premier ungherese Viktor Orban al ministro degli esteri tedesco Heiko Maas che ieri ha auspicato la fine del principio dell’unanimità sulle decisioni di politica estera. Secondo Maas il veto deve cadere, e il ministro lo ha detto dopo l’ennesimo veto dell’Ungheria sulle dichiarazioni di condanna alla Cina e alla Russia.
Orban, in una dichiarazione sul suo sito internet, ha confermato di non essere disposto a condannare la Cina per Hong Kong, né per altro, invece sarebbe tempo, ha sostenuto, che i capi di Stato e Governo dell’Ue prendessero in mano la politica estera per decidere sulle grandi questioni strategiche, come appunto i rapporti con la Cina. “Bisogna prevenire una nuova ondata di guerra fredda nel mondo, non è nell’interesse dell’Europa e dell’Ungheria. Ci vogliono cooperazione, investimenti, rapporti culturali e scientifici, e non boicottaggi, sanzioni, di dare lezioni per altri”, secondo il premier populista di Fidesz.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Numismatica e filatelia: tre tesori venduti in asta New York
Moneta battuta a 18,3 mln di dollari, francobollo pagato 8,3 mln
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
08 giugno 2021
20:28
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Tre pezzi rarissimi (una moneta e due francobolli), sogno di ogni collezionista, sono stati battuti oggi all’asta a New York da Sotheby’s.
Il risultato migliore lo ha spuntato una rara moneta d’oro da 20 dollari che reca la data del 1933: e’ stata venduta – secondo quanto riferisce l’agenzia Reuters – a 18.9 milioni di dollari ed e’ l’unica con questa data che e’ possibile detenere legalmente per collezione.

Meno bene e’ andato un francobollo conosciuto in un unico esemplare, il mitico ”one cent magenta” della Guyana del 1857, venduto a ”soli” 8,3 milioni di dollari contro i 9,5 milioni pagati per acquistare il raro pezzo nel 2014.
E’ stato infine battuto un blocco dell’ ”inverted jenny”, il francobollo americano di posta aerea emesso nel 1918 con l’aereo (che campeggia al centro della vignetta). stampato erroneamente capovolto: in asta ha realizzato 4,9 milioni di dollari.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Alla Quinzaine è riscatto Italia con poker di film
‘A Chiara’, ‘Futura’, ‘Europa’ e ‘Re Granchio’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
08 giugno 2021
21:01
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Alla Quinzaine des Realisateurs è riscatto Italia dopo TRE PIANI di Nanni Moretti, unico film in corsa per il nostro Paese, e PICCOLO CORPO di Laura Samani nella Semaine de la critique: approdano infatti alla sezione parallela del Festival di Cannes (6-17 luglio) e non competitiva (“che si distingue per libertà e carattere”) ben quattro film italiani molto diversi tra loro. Si tratta di A CHIARA di Jonas Carpignano, un ritorno per il regista che era già stato sulla Croisette quattro anni fa con A CIAMBRA; EUROPA di Haider Rashid, iracheno nato e cresciuto a Firenze che racconta il viaggio sulla cosiddetta ‘rotta balcanica’; FUTURA, documentario realizzato da Alice Rohrwacher (Lazzaro felice), Pietro Marcello (Martin Eden) e Francesco Munzi (Anime Nere), su come gli adolescenti italiani guardano al futuro e, infine, RE GRANCHIO, secondo lungometraggio, e il primo di finzione, di Alessio Rigo de Righi e Matteo Zoppis che affonda le radici nella tradizione popolare italiana.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Nel corso dell’incontro stampa poi il delegato generale della Quinzaine, l’italiano Paolo Moretti, ha annunciato anche l’assegnazione della Carrosse d’Or, il premio alla carriera, al documentarista americano Frederick Wiseman, autore di capolavori come EX LIBRIS e BOXING GYM. Film d’apertura OUISTREHAM di Emmanuel Carrère con Juliette Binoche, distribuito in Italia da Teodora. Tornando agli italiani, A CHIARA, co-produzione Italia, Francia e Svezia, terzo capitolo del regista della ‘trilogia gioiese’ dopo MEDITERRANEA e A CIAMBRA (2017), ha ancora come protagonista Chiara che inizia questa volta ad indagare sui motivi che hanno spinto il padre Claudio a lasciare Gioia Tauro.
“Più si avvicinerà alla verità, più sarà costretta a riflettere su che tipo di futuro vuole per sé stessa”, si legge nella sinossi.
Tutt’altra storia per FUTURA di Marcello, Munzi e Rohrwacher prodotto da Avventurosa con Rai Cinema. Si tratta infatti di un’inchiesta dei tre registi per esplorare l’idea di futuro di ragazze e ragazzi tra i quindici e i venti anni, incontrati in un lungo viaggio attraverso l’Italia. “Dal nostro primo incontro – dicono i tre registi -, la nostra idea è stata quella di realizzare un’opera autenticamente collettiva. Così nasce Futura, un lavoro condiviso che ha lo scopo di raccontare i giovani italiani e tratteggiare, attraverso i loro occhi e le loro voci, un affresco del Paese”.
Per l’Italia alla Quinzaine ci sarà anche EUROPA di Haider Rashid che uscirà in sala con I Wonder Pictures. Il regista racconta il difficile viaggio di un giovane iracheno, Kamal, attraverso la frontiera tra Turchia e Bulgaria, ovvero la cosiddetta ‘rotta balcanica’. Kamal viene catturato dalla polizia di frontiera bulgara, ma riesce a scappare, cercando una via di fuga in una foresta popolata da un sottomondo dove le leggi non esistono.
RE GRANCHIO di Alessio Rigo de Righi e Matteo Zoppis, due registi Italo-americani amanti delle leggende popolari, racconta la storia, evocata da alcuni cacciatori, di Luciano, un ubriacone che vive in un borgo della Tuscia a fine Ottocento. La sua ribellione al dispotico principe locale lo ha reso un reietto della sua comunità. Per difendere poi la donna che ama dal principe, Luciano commette un atto scellerato che lo costringe a fuggire in esilio nella Terra del Fuoco.   CINEMA

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Siria: attivata la difesa antiaerea per ‘aggressione Israele’
Lo riferiscono i media di Stato di Damasco.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
08 giugno 2021
23:21
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Siria ha attivato questa sera le sue difese antiaeree per rispondere ad una “aggressione israeliana”. Lo riferiscono i media di Stato di Damasco. Secondo l’agenzia di Stato Sana, aerei israeliani sono entrati nello spazio aereo siriano dopo avere sorvolato il Libano.
La stessa fonte non fornisce notizie di possibili vittime o danni. Dall’inizio della guerra civile, nel 2011, Israele ha compiuto centinaia di attacchi aerei o missilistici in Siria, prendendo di mira in particolare basi e depositi di armi di milizie filo-iraniane in risposta all’espansione militare di Teheran nel Paese.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Corea Nord: Kim molto dimagrito, timori per la sua salute
Nelle foto diffuse sabato il leader sembra aver perso peso
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
09 giugno 2021
07:37
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Nuove speculazioni sulla salute del leader nordcoreano Kim Jong-un dopo la pubblicazione da parte dell’agenzia di Stato di alcune foto nelle quali il leader appare molto dimagrito rispetto ad un anno fa. Lo riporta il Guardian.

Kim era ricomparso in pubblico la settimana scorsa alla riunione del politburo dopo quasi un mese che non si faceva vedere. La sua salute è sempre oggetto di grande attenzione. Nel 2014 era sparito quasi sei settimane prima di riapparire con un bastone da passeggio conseguenza, secondo le agenzie di intelligence sudcoreane, di un intervento chirurgico per rimuovere una ciste dalla caviglia. La scorsa primavera era sparito per tre settimane e subito si erano diffuse voci che fosse gravemente malato o addirittura morto.
Il sito NK, che ha sede a Seul, ha pubblicato in ingrandimento della foto in questione sottolineando come sia evidente che Kim abbia stretto il cinturino dell’orologio. Il polso sinistro è considerevolmente più sottile rispetto a immagini simili scattate a novembre 2020 e a marzo di quest’anno. Secondo i servizi sudcoreani il leader, che dovrebbe avere circa 37 anni, pesa attorno ai 140 chili.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Afghanistan: attacco talebano contro sminatori, 10 morti
L’attentato avvenuto nella notte, all’interno di un edificio
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
KABUL
09 giugno 2021
07:40
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
I talebani hanno ucciso almeno dieci sminatori nella provincia di Baghlan, nel nord dell’Afghanistan, ha detto oggi il Ministero degli Interni. “I talebani sono entrati nel complesso di un organismo responsabile delle operazioni di sminamento e hanno iniziato a sparare a tutti”, ha detto ai giornalisti il portavoce ministeriale Tareq Arian.
Il portavoce del governatore della provincia di Baghlan, Jawed Basharat, ha detto che l’attacco dei talebani è avvenuto questa notte in un’area controllata dalle forze governative. Gli aggressori avevano il volto coperto da maschere, ha detto.
L’Afghanistan è uno dei paesi più minati al mondo, conseguenza di decenni di guerra. Negli ultimi mesi la provincia di Baghlan è stata teatro di violenti scontri, a volte quotidiani in alcuni distretti, tra le forze governative e i talebani. La violenza è aumentata dal 1 maggio, quando le forze statunitensi hanno iniziato la fase finale del loro ritiro che sarà completato entro l’11 settembre.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Usa: l’attrice Alyssa Milano valuta candidatura al Congresso
Nel 2024. ‘Sto raccogliendo informazioni’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
09 giugno 2021
07:42
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’attrice e attivista Alyssa Milano valuta una sua discesa in politica: potrebbe candidarsi al Congresso nel 2024. L’obiettivo è quello di conquistare il seggio della California al momento occupato dal deputato repubblicano Tom McClintock.
“Sto valutando: ho iniziato a raccogliere informazioni, a parlare con diversi consulenti e con la comunità”, dice Milano.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
‘Harry non ha chiesto alla regina permesso di usare Lilibet’
Fonte di Palazzo alla Bbc: ‘Non hanno mai parlato del nome’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
09 giugno 2021
07:46
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il principe Harry e Meghan Markle non hanno mai chiesto alla regina Elisabetta il permesso di usare il suo soprannome, Lilibet, per il nome della loro secondogenita, nata qualche giorno fa a Los Angeles. Lo rivela una fonte di Buckingham Palace alla Bbc smentendo le speculazioni di alcuni media.

Harry e la regina hanno parlato al telefono poco prima della nascita ma “il nome” della piccola “non è mai stato menzionato”.
Il soprannome Lilibet è molto caro alla sovrana: coniato quando era solo una bambina e non riusciva a pronunciare Elizabeth, era il modo in cui la chiamavano il nonno George V e Filippo.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Caruana: Ue, l’indagine sia indipendente dalla politica
Reynders risponde alla lettera dell’avvocato dei presunti killer
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LA VALLETTA
09 giugno 2021
08:24
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Commissione europea “non può fare commenti sull’inchiesta nazionale in corso ma ha già costantemente sottolineato la necessità di un’indagine indipendente ed approfondita che deve essere libera da ogni interferenza politica”. E’ un passaggio della risposta del Commissario europeo per la giustizia, Didier Reynders, alla lettera inviata il 24 maggio scorso dall’avvocato dei fratelli Degiorgio, presunti killer di Daphne Caruana Galizia.
Nella lettera il legale chiedeva l’intervento della Ue sostenendo che il governo maltese rifiutava di concedere il perdono giudiziale chiesto dai suoi assistiti in cambio delle prove che avrebbero inchiodato l’ex ministro dell’economia Chris Cardona come mandante dell’omicidio e l’attuale ministro Carmelo Abela come complice in una rapina del 2010.
Nella sua risposta Reynders ha ricordato che la Commissione europea non può interferire sulla richiesta di grazia rifiutata dal governo e dal presidente di Malta hma ha osservato che “Europol, che attualmente supporta le autorità maltesi nelle indagini, sarà probabilmente felice di condividere con voi ogni informazione rilevante” sull’omicidio della giornalista.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
El Salvador legalizza bitcoin, è il primo paese al mondo
Parlamento approva disegno legge presidente
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
09 giugno 2021
08:32
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il parlamento del Salvador ha approvato il disegno di legge del presidente Nayid Bukele, per legalizzare i bitcoin, diventando così il primo Paese al mondo che utilizzerà la criptovaluta come moneta reale.
“La #BitcoinLaw è stata appena approvata a maggioranza qualificata dall’Assemblea”, ha scritto su Twitter il presidente subito dopo il voto.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Cina attacca gli Usa, sono “paranoici” e vogliono “l’egemonia”
Dopo approvazione legge a senato americano. ‘Volete interferire’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
09 giugno 2021
10:45
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Cina accusa gli Usa di “illusione paranoica” e di “egemonia” dopo che il Senato americano ha approvato un ampio disegno di legge sulla politica industriale per contrastare la crescente minaccia economica di Pechino. La commissione per gli Affari esteri del Congresso nazionale del popolo, il parlamento cinese, ha definito la mossa un tentativo di interferire negli affari interni del Paese, privandolo del suo “diritto legittimo allo sviluppo attraverso la tecnologia e il disaccoppiamento economico”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Lo Us Innovation and Competition Act of 2021 (USICA) ” è fatto di pregiudizi ideologici”, recita una nota diffusa dai media ufficiali.
Il provvedimento, che ora passerà all’esame della Camera dei rappresentanti, ha superato le divisioni nel Senato, ottenendo il sostegno bipartisan a favore, tra l’altro, di oltre 170 miliardi di dollari in ricerca e sviluppo, quando sono in crescita i timori sulla concorrenza della seconda economia del mondo.
Il disegno di legge è “pieno di mentalità da Guerra Fredda e pregiudizi ideologici”, ha denunciato la Commissione, secondo cui la mossa “mostra che l’illusione paranoica dell’ egoismo che ha distorto l’intenzione originaria di innovazione e competizione”. Il Congresso nazionale del popolo “esprime la sua più forte insoddisfazione e la sua risoluta opposizione” di fronte a un disegno di legge che tenta di “esagerare la cosiddetta ‘minaccia cinese’ per mantenere l’egemonia globale degli Stati Uniti, interferire negli affari interni della Cina con il pretesto della religione e dei diritti umani”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La pratica di trattare Pechino come “nemico immaginario è contro la tendenza generale del mondo, impopolare e destinata al fallimento”. La questione di Taiwan riguarda “la sovranità nazionale e l’integrità territoriale della Cina, nonché i suoi interessi fondamentali”. Le disposizioni del disegno di legge su Taiwan “violano gravemente il principio della ‘Unica Cina’ e i tre comunicati congiunti sino-americani. Ci opponiamo a qualsiasi forma di scambio ufficiale tra Usa e Taiwan”. Xinjiang, Tibet e Hong Kong “sono puramente questioni interne e non sono consentite interferenze straniere”. La Cina è sempre stata impegnata a costruire una relazione sino-americana “non conflittuale, di rispetto reciproco e di cooperazione vantaggiosa per tutti. Esortiamo la parte americana ad abbandonare il disegno di legge e a trattare lo sviluppo della Cina e le relazioni sino-americane in modo obiettivo e razionale”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Via libera definitivo del Parlamento Ue al Green pass
Testo dovrà ora essere formalmente adottato dal Consiglio
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
09 giugno 2021
09:21
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Via libera definitivo del Parlamento europeo al al certificato digitale Covid dell’Ue. Gli eurodeputati hanno completato il lavoro legislativo sul documento per facilitare gli spostamenti all’interno dell’Unione e contribuire alla ripresa economica.

Il testo dovrà ora essere formalmente adottato dal Consiglio e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, per l’entrata in vigore e l’applicazione immediata dal primo luglio 2021.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Nicaragua: arrestato quarto candidato alla presidenza
Offensiva contro l’opposizione prima del voto di novembre
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MANAGUA
09 giugno 2021
09:30
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La polizia del Nicaragua ha arrestato il candidato presidenziale Juan Sebastián Chamorro, intensificando così le misure restrittive che hanno riguardato nei giorni scorsi altri già imposte ad altri tre candidati dell’opposizione per le elezioni del 7 novembre prossimo.
L’arresto, riferisce il quotidiano La Prensa, è stato confermato in un comunicato ufficiale nel quale si precisa che Chamorro “è indagato, ai sensi della legge per la difesa dei diritti del popolo a indipendenza, sovranità e autodeterminazione per la pace”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’articolo 1 citato per l’arresto del leader oppositore contempla atti lesivi riguardanti “l’incitazione all’ingerenza straniera negli affari interni, la richiesta di interventi militari, l’organizzazione con finanziamenti stranieri atti di atti di terrorismo e destabilizzazione, l’incoraggiamento di blocchi economici e sanzioni contro lo Stato”.
Da parte sua il servizio stampa di Chamorro ha riferito che sua moglie, Victoria Cárdenas, è stata posta agli arresti domiciliari.
Dal 3 giugno scorso la Procura e la polizia del governo del presidente Daniel Ortega hanno avviato una offensiva contro l’opposizione nicaraguense, arrestato vari suoi leader e precandidati presidenziali, fra cui Cristiana Chamorro, Arturo Cruz, Felix Maradiaga e, l’ultimo Juan Sebastián Chamorro.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Von der Leyen, legame transatlantico rinnovato è forte
Ed è un bene per tutti Usa ed Europa
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
09 giugno 2021
09:31
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Il legame transatlantico rinnovato è forte ed è un bene per tutti Usa ed Europa”. Lo ha detto la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen parlando al parlamento europeo.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Francia, oggi 2/a fase riaperture,coprifuoco dalle 23
Bar e ristoranti anche all’interno, riaprono palestre e piscine
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PARIGI
09 giugno 2021
09:39
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Seconda fase delle riaperture oggi in Francia, con caffè e ristoranti che possono da questa sera accogliere nuovamente i clienti all’interno e non solo nei dehors, con il coprifuoco che slitta dalle 21 alle 23.
Attesissime le altre riaperture, in particolare quelle di piscine e palestre, chiuse ormai dal 29 ottobre dell’anno scorso causa misure sanitarie per la pandemia: sette mesi ininterrotti di lockdown, ininterrottamente dalla seconda alla terza ondata del Covid-19.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ristoranti e caffè, che da 3 settimane hanno potuto riaprire ma soltanto con i tavoli all’esterno – che si sono moltiplicati a Parigi allargando l’area disponibile sui marciapiedi spesso anche ai parcheggi per le auto – possono da oggi servire i clienti all’interno al 50% della capacità.
Attesa anche per la ripresa del lavoro in presenza e dell’accesso alle mense scolastiche e aziendali, mentre c’è la conferma che il 21 giugno si terrà la Festa della Musica, anche se saranno vietati i miniconcerti nei bar e nei caffè oltre agli assembramenti nelle strade.
Sul fronte della pandemia, la campagna di vaccinazioni raggiungerà con ogni probabilità il suo obiettivo di 30 milioni di persone con una dose somministrata al 15 giugno, una percentuale pari al 57% della popolazione francese adulta. I ricoveri in ospedale per Covid-19 sono scesi sotto quota 14.000, la metà rispetto al mese di aprile.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Libano: crisi, le stazioni di benzina verso la chiusura
L’allarme lanciato dall’associazione dei benzinai
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
09 giugno 2021
09:49
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BEIRUT, 09 GIU – A causa della penuria di carburante la maggior parte delle pompe di benzina in Libano potranno chiudere nei prossimi giorni. Lo ha annunciato nelle ultime ore il presidente dell’Associazione dei benzinai libanesi, Fadi Abu Shakra, citato stamani dai media di Beirut.

Nel Libano al collasso economico e da quasi due anni stretto nella morsa della sua peggiore crisi finanziaria degli ultimi 30 anni, da settimane scarseggia il combustibile per i veicoli e per alimentare i generatori elettrici, nel contesto di una penuria di elettricità e di altri servizi essenziali.
Nelle ultime ore, la direzione di Aytam, una delle principali società di stazioni di benzina, ha annunciato che chiuderà a breve quasi tutte le sue stazioni nell’area di Beirut, nel sud e nella valle orientale della Bekaa.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Bozza Ue-Usa,avanti con indagine ‘libera’ su origini Covid
Forte supporto dei 27 a Washington. Fonti,discussione anche a G7
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
09 giugno 2021
10:52
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Chiediamo progressi su una fase due di uno studio dell’Oms sulle origini del Covid-19” che sia “libero da interferenze”. Si legge nell’ultima bozza della dichiarazione del vertice Ue-Usa, circolata dopo le osservazioni di Washington.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Si tratta di un sostegno importante alla richiesta Usa, che potrebbe irritare la Cina, recalcitrante di fronte a nuove indagini, e decisa a respingere ipotesi di una fuga del virus dai suoi laboratori.
La questione sarà discussa anche al G7 in Cornovaglia, secondo quanto spiegano fonti Ue.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Turchia: emergenza mucillagine, trovata anche nel mar Nero
Si aggrava crisi ambientale scoppiata in mar Marmara a Istanbul
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
ISTANBUL
09 giugno 2021
10:54
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Continua ad aggravarsi in Turchia l’emergenza ambientale legata alla massiccia diffusione della mucillagine marina, una materia organica potenzialmente molto dannosa per l’ecosistema. Questo fitto strato di fitoplancton, noto anche come muco o saliva di mare, ricopre ormai da mesi in maniera sempre più evidente le acque del mar di Marmara, a sud di Istanbul, minacciando la sopravvivenza di diverse specie e la pesca, oltre a danneggiare l’immagine turistica della regione.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Nelle ultime ore, riferisce Hurriyet, l’invasione di mucillagine si è estesa ad alcune zone del mar Nero, in particolare nell’area del porto di Yalikoy della provincia di Ordu, come segnalato da alcuni pescatori della zona.
Il peggioramento della crisi avviene mentre le autorità hanno avviato questa settimana un piano straordinario di pulizia delle acque e delle zone costiere, calando tra l’altro in mare alcune barriere per favorire l’accumulo delle sostanze in determinati punti, per essere poi raccolte e scaricate in depositi di stoccaggio. Per completare i lavori, ha affermato il ministro dell’Ambiente Murat Kurum, occorreranno almeno tre anni.
Secondo gli esperti, il fenomeno è legato principalmente al cambiamento climatico e all’inquinamento dovuto a uno scorretto smaltimento delle acque reflue nell’area, intorno alla quale vivono circa 25 milioni di persone.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Concluso a Tunisi primo ‘Forum economico per la Libia’
Ilbda: “al lavoro per ripetere l’iniziativa a Tripoli e Bengasi
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TUNISI
09 giugno 2021
11:18
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Si è chiuso all’Hotel Laico di Tunisi il primo ‘Forum Economico per la Libia’. Organizzato dall’Associazione Italo Libica di Sviluppo Commerciale (Italian Libyan Business Development Association, Ilbda), l’evento ha riunito per due giorni istituzioni, municipalità, enti, aziende ed imprenditori provenienti da Italia, Libia e Tunisia alla ricerca di alleanze strategiche commerciali, finanziarie e tecnologiche.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
I numeri sono importanti, 30 tra sponsors ed endorsers, 28 espositori, 150 aziende partecipanti di cui circa 80 nuovi soci, 12 sindaci e 15 municipalità libiche hanno aderito all’iniziativa. “Il Forum è stato estremamente positivo per creare contatti e rafforzare le relazioni tra i nostri tre Paesi”, hanno detto gli organizzatori evidenziando come durante i lavori si sia ‘discusso di progetti importanti che vedranno la collaborazione tra settore pubblico e privato. “Le prossime ore e i prossimi giorni saranno cruciali per dare concretezza al Forum. Ci sono partnership che stanno nascendo grazie ad Ilbda e questo ci rende molto orgogliosi”, ha dichiarato Sandro Fratini, presidente dell’associazione. L’evento, presentato e coordinato dalla giornalista Vanessa Tomassini, è stato anche l’occasione per l’annuncio di notizie importanti, come quello della prossima apertura di un desk promozionale presso l’ambasciata italiana a Tripoli dell’Ice, secondo quanto dichiarato dalla direttrice dell’Ice di Tunisi, Donatella Iaricci. Il vicepresidente di Ilbda, Ashraf Tulty, ha già anticipato i prossimi step: ripetere il forum economico in Libia, a Tripoli e a Bengasi, partecipare nell’organizzazione di una due giorni dedicati all’Italia alla Misurata International Fair ad ottobre; rendere operativa già da subito una sede di rappresentanza di Ilbda a Bengasi. I sindaci libici di Ghadames, Ghat, Souq al-Jumaa, Tawergha, Tripoli, Zawiya e Zliten, hanno partecipato al panel di dialogo dedicato alle opportunità, presentando personalmente la reale situazione dei loro territori.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: risalgono i casi in Russia, mai così alti da marzo
A Mosca livelli di gennaio.In 24 ore 399 morti in tutto il Paese
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA
09 giugno 2021
11:19
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Russia ha documentato 10.407 casi di Covid-19 nelle ultime 24 ore, la cifra giornaliera più alta dal 7 marzo 2021, portando il conteggio totale dei casi a 5.156.250. Lo fa sapere il centro di crisi federale anti-coronavirus, citato da Interfax.
La situazione è ancor più grave a Mosca, dove con 4.124 nelle 24 ore si è tornati ai livelli visti il 16 di gennaio. Il bollettino indica poi 399 morti nelle ultime 24 ore, rispetto ai 379 del giorno precedente. Il totale ufficiale delle vittime ha raggiunto quota 124.895, benché i dati sulla mortalità in eccesso suggeriscano un costo, in termine di vite umane, ben più alto.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ue, sui dazi gli Usa passino dalle parole ai fatti
Dombrovskis, risolvere nodi compagnie aeree, alluminio, acciaio
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
09 giugno 2021
11:29
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Per quanto riguarda il vertice Ue-Usa accogliamo con favore l’impegno di Biden a rilanciare i rapporti storici, il vertice sarà l’opportunità per dimostrare che vogliamo affrontare le sfide insieme”. Lo ha detto il vicepresidente della commissione europea Valdis Dombrovskis intervenendo al Parlamento europeo al dibattito sulla preparazione del vertice del G7 e sul vertice Ue-Usa.

“Vogliamo risolvere le controversie ancora in corso tra l’Ue e gli Usa, risolvere le dispute sulle compagnie aeree e anche le questioni su alluminio e acciaio”, ha aggiunto. “Ora la palla è nelle mani degli Usa, passino dalle parole ai fatti”, ha detto.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Bozza Ue-Usa, stretta collaborazione sulla Cina
Preoccupazioni Hong Kong-Taiwan, e violazioni diritti umani
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
09 giugno 2021
11:54
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Riguardo alla Cina, Ue e Usa puntano a “consultazioni e collaborazione stretta” nel quadro dei rispettivi approcci, “che includono elementi di cooperazione, concorrenza e rivalità sistemica”. Così l’ultima bozza della dichiarazione del vertice Ue-Usa circolata.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ue e Usa “continueranno ad affrontare le preoccupazioni comuni comprese le violazioni dei diritti umani in Tibet e nello Xinjiang; l’erosione di autonomia e processi democratici a Hong Kong; la coercizione economica; le campagne di disinformazione; e le questioni di sicurezza regionale”. Si evidenzia la necessità di “stabilità” a Taiwan.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il figlio di Mladic non esclude una richiesta di revisione
‘Esiste una gran quantità di altri documenti da esaminare’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BELGRADO
09 giugno 2021
12:02
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il figlio di Ratko Mladic, Darko, non ha escluso la richiesta di revisione del processo a carico del padre, condannato definitivamente all’ergastolo ieri dal Tribunale dell’Aja. Citato oggi dai media a Belgrado, Darko Mladic – che ieri ha assistito nella città olandese al pronunciamento della sentenza d’appello – ha ammesso che non sarà facile arrivare ad una eventuale revisione del procedimento, ma che è possibile trovare e disporre di una gran quantità di nuova documentazione custodita a suo avviso in numerosi archivi.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La sentenza d’appello di ieri che ha condannato al carcere a vita Ratko Mladic per genocidio, crimini di guerra e contro l’umanità è definitiva e non è possibile presentare ulteriori ricorsi. L’ex generale serbo-bosniaco, ritenuto responsabile in primo luogo del genocidio di Srebrenica e dell’assedio di Sarajevo nella guerra di Bosnia del 1992-1995, resta detenuto nel penitenziario di Scheveningen, alle porte dell’Aja, in attesa di un suo possibile trasferimento in un altro carcere europeo, sulla base alla disponibilità accordata da vari Paesi.
Nelle scorse settimane Radovan Karadzic, l’ex capo politico dei serbi di Bosnia e stretto collaboratore di Mladic, anch’egli condannato all’ergastolo all’Aja, è stato trasferito in un carcere del sud della Gran Bretagna.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
El Salvador legalizza bitcoin, è il primo paese al mondo
Il parlamento approva il disegno legge del presidente
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
09 giugno 2021
11:34
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il parlamento del Salvador ha approvato il disegno di legge del presidente Nayib Bukele, per legalizzare i bitcoin, diventando così il primo Paese al mondo che utilizzerà la criptovaluta come moneta reale. “La #BitcoinLaw è stata appena approvata a maggioranza qualificata dall’Assemblea”, ha scritto su Twitter il presidente subito dopo il voto.
L’intenzione di rendere legale la circolazione del bitcoin in El Salvador era stata anticipata giorni fa dal presidente Nayib Bukele in un videomessaggio alla conferenza Bitcoin 2021 di Miami, in Florida. In tempi brevissimi il disegno di legge è stato trasmesso e discusso alla Commissione Finanze dell’Assemblea nazionale, e poi approvato senza dibattito dal Parlamento ampiamente controllato dai partiti che sostengono Bukele.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Secondo la nuova legge l’uso del bitcoin sarà “libero con potere liberatorio, illimitato in qualsiasi transazione e a qualsiasi titolo richiesto dalle persone fisiche o giuridiche pubbliche o private”. Nella discussione avvenuta nella Commissione Finanze è stato chiarito che il bitcoin non sostituirà il dollaro. Si tratta, ha sottolineato il vicepresidente del partito governativo ‘Nuevas Ideas’, “solo di un valore aggiuntivo”.
E’ previsto che il tasso di cambio fra bitcoin e dollaro sia fissato liberamente dal mercato, che i prezzi possano essere espressi in bitcoin, e che anche tutte le tasse ed imposte possano essere pagate con la criptomoneta. Particolare importante, gli scambi realizzati in bitcoin non saranno soggetti all’imposta sulle plusvalenze come avviene per qualsiasi altra moneta a corso legale.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Distributori di benzina verso la chiusura in Libano a causa della crisi
Hassan Nasrallah, leader di Hezbollah, “compriamola dall’Iran”
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
09 giugno 2021
11:03
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
A causa della penuria di carburante la maggior parte delle pompe di benzina in Libano potranno chiudere nei prossimi giorni. Lo ha annunciato nelle ultime ore il presidente dell’Associazione dei benzinai libanesi, Fadi Abu Shakra, citato stamani dai media di Beirut.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Nel Libano al collasso economico e da quasi due anni stretto nella morsa della sua peggiore crisi finanziaria degli ultimi 30 anni, da settimane scarseggia il combustibile per i veicoli e per alimentare i generatori elettrici, nel contesto di una penuria di elettricità e di altri servizi essenziali.
Nelle ultime ore, la direzione di Aytam, una delle principali società di stazioni di benzina, ha annunciato che chiuderà a breve quasi tutte le sue stazioni nell’area di Beirut, nel sud e nella valle orientale della Bekaa.
In un discorso televisivo trasmesso nelle ultime ore, Hassan Nasrallah, il leader del movimento sciita filo-iraniano Hezbollah, ha accusato lo Stato libanese, di cui gli stessi Hezbollah fanno parte integrante con ministri, rappresentanti istituzionali sia a livello centrale che locale, di “non essere capace di assumersi le sue responsabilità” e di partecipare alla “umiliazione” a cui sono sottoposti i libanesi. “Noi di Hezbollah siamo pronti ad andare dall’Iran e a negoziare col governo iraniano… compreremo delle navi cariche di benzina e combustibile domestico (mazot) e li porteremo al porto di Beirut”, ha detto Nasrallah. Il leader sciita filo-iraniano ha detto che le autorità libanesi devono “liberarsi dalla paura” delle sanzioni imposte dagli Stati Uniti all’Iran, che impediscono che la Repubblica islamica esporti petrolio e i suoi derivati.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Afghanistan: attacco talebano contro sminatori, 10 morti
L’attentato avvenuto nella notte, all’interno di un edificio
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
KABUL
09 giugno 2021
07:40
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
I talebani hanno ucciso almeno dieci sminatori nella provincia di Baghlan, nel nord dell’Afghanistan, ha detto oggi il Ministero degli Interni. “I talebani sono entrati nel complesso di un organismo responsabile delle operazioni di sminamento e hanno iniziato a sparare a tutti”, ha detto ai giornalisti il portavoce ministeriale Tareq Arian.
Il portavoce del governatore della provincia di Baghlan, Jawed Basharat, ha detto che l’attacco dei talebani è avvenuto questa notte in un’area controllata dalle forze governative. Gli aggressori avevano il volto coperto da maschere, ha detto.
L’Afghanistan è uno dei paesi più minati al mondo, conseguenza di decenni di guerra. Negli ultimi mesi la provincia di Baghlan è stata teatro di violenti scontri, a volte quotidiani in alcuni distretti, tra le forze governative e i talebani. La violenza è aumentata dal 1 maggio, quando le forze statunitensi hanno iniziato la fase finale del loro ritiro che sarà completato entro l’11 settembre.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il portavoce del governatore della provincia di Baghlan, Jawed Basharat, ha detto all’Afp che l’attacco dei talebani è avvenuto questa notte in un’area controllata dalle forze governative. Gli aggressori avevano il volto coperto da maschere, ha detto.

L’Afghanistan è uno dei paesi più minati al mondo, conseguenza di decenni di guerra. Negli ultimi mesi la provincia di Baghlan è stata teatro di violenti scontri, a volte quotidiani in alcuni distretti, tra le forze governative e i talebani. La violenza è aumentata dal 1 maggio, quando le forze statunitensi hanno iniziato la fase finale del loro ritiro che sarà completato entro l’11 settembre.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Siria: media, militari iraniani uccisi da Isis nell’est
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
09 giugno 2021
10:55
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BEIRUT, 09 GIU – Due ufficiali iraniani, descritti come “consiglieri militari”, sono stati uccisi in un agguato teso da miliziani dell’Isis nella Siria orientale in una zona controllata da milizie irachene filo-iraniane. Lo riferiscono media siriani e regionali secondo cui l’attacco è avvenuto nei giorni scorsi nella regione di Palmyra, a est di Homs.

I due militari iraniani facevano parte del contingente dei Pasdaran da anni dispiegato in Siria a protezione degli interessi strategici della Repubblica islamica in Medio Oriente.
L’Isis era stato dichiarato sconfitto militarmente nella primavera del 2019 ma cellule di uomini armati continuano a operare in tutta la valle dell’Eufrate siriana.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Siria: ong, almeno 8 morti in raid notturni israeliani
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
09 giugno 2021
06:56
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BEIRUT, 09 GIU – Almeno otto combattenti del regime siriano sono morti negli attacchi israeliani notturni nella provincia di Homs, secondo quanto riferito dall’Osservatorio siriano per i diritti umani.
“Almeno cinque soldati dell’esercito e tre combattenti alleati sono stati uccisi” negli attacchi effettuati ieri poco prima della mezzanotte in diverse regioni incluso il sobborgo di Homs, ha specificato il direttore della ong Rami Abdel.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Bozza Ue-Usa,avanti con indagine ‘libera’ su origini Covid
Forte supporto dei 27 a Washington. Fonti,discussione anche a G7
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
09 giugno 2021
10:52
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Chiediamo progressi su una fase due di uno studio dell’Oms sulle origini del Covid-19” che sia “libero da interferenze”. Si legge nell’ultima bozza della dichiarazione del vertice Ue-Usa, circolata dopo le osservazioni di Washington.

Si tratta di un sostegno importante alla richiesta Usa, che potrebbe irritare la Cina, recalcitrante di fronte a nuove indagini, e decisa a respingere ipotesi di una fuga del virus dai suoi laboratori.
La questione sarà discussa anche al G7 in Cornovaglia, secondo quanto spiegano fonti Ue.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Von der Leyen, legame transatlantico rinnovato è forte
Ed è un bene per tutti Usa ed Europa
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
09 giugno 2021
09:31
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Il legame transatlantico rinnovato è forte ed è un bene per tutti Usa ed Europa”. Lo ha detto la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen parlando al parlamento europeo.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Bozza Ue-Usa, stretta collaborazione sulla Cina
Preoccupazioni Hong Kong-Taiwan, e violazioni diritti umani
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
09 giugno 2021
11:54
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Riguardo alla Cina, Ue e Usa puntano a “consultazioni e collaborazione stretta” nel quadro dei rispettivi approcci, “che includono elementi di cooperazione, concorrenza e rivalità sistemica”. Così l’ultima bozza della dichiarazione del vertice Ue-Usa circolata.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ue e Usa “continueranno ad affrontare le preoccupazioni comuni comprese le violazioni dei diritti umani in Tibet e nello Xinjiang; l’erosione di autonomia e processi democratici a Hong Kong; la coercizione economica; le campagne di disinformazione; e le questioni di sicurezza regionale”. Si evidenzia la necessità di “stabilità” a Taiwan.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ue, sui dazi gli Usa passino dalle parole ai fatti
Dombrovskis, risolvere nodi compagnie aeree, alluminio, acciaio
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
09 giugno 2021
11:29
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Per quanto riguarda il vertice Ue-Usa accogliamo con favore l’impegno di Biden a rilanciare i rapporti storici, il vertice sarà l’opportunità per dimostrare che vogliamo affrontare le sfide insieme”. Lo ha detto il vicepresidente della commissione europea Valdis Dombrovskis intervenendo al Parlamento europeo al dibattito sulla preparazione del vertice del G7 e sul vertice Ue-Usa.

“Vogliamo risolvere le controversie ancora in corso tra l’Ue e gli Usa, risolvere le dispute sulle compagnie aeree e anche le questioni su alluminio e acciaio”, ha aggiunto. “Ora la palla è nelle mani degli Usa, passino dalle parole ai fatti”, ha detto.

La Tua opinione è importante! Vota questo articolo, grazie!
No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.