Politica tutte le notizie sempre aggiornate! RESTA INFORMATO!!
Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 34 minuti

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 07:06 DI MERCOLEDì 29 APRILE 2020

ALLE 02:48 DI GIOVEDì 30 APRILE 2020

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Il Papa invoca l’unità dell’Europa: ‘Andare avanti come fratelli’
Francesco celebra la messa del mattino a Casa Santa Marta
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA’ DEL VATICANO
29 aprile 2020
07:06
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Oggi, Santa Caterina da Siena, dottore della Chiesa, patrona d’Europa, preghiamo per l’Europa, per l’unità dell’Europa, per l’unità dell’Unione Europea, perché tutti insieme possiamo andare avanti come fratelli”. Lo ha detto papa Francesco all’inizio della messa del mattino a Casa Santa Marta.
“Se diciamo di essere senza peccato inganniamo noi stessi e la verità non è con noi, perché tutti abbiamo peccato, tutti siamo peccatori: e qui c’è una cosa che ci può ingannare, dire: ‘tutti siamo peccatori’ come se si dicesse ‘buongiorno, buona giornata’, una cosa abituale, anche una cosa sociale. E così non abbiamo una vera coscienza del peccato”, ha detto poi il Papa nell’omelia, commentando le letture del giorno. “No, io sono peccatore per questo, questo, questo: la concretezza, la concretezza della verità – ha proseguito -. La verità è sempre concreta, le bugie sono eteree, sono come l’aria, tu non puoi prenderla. La verità è concreta, e tu non puoi andare a confessare i tuoi peccati in modo astratto”. “La concretezza – ha insistito Francesco -. Io ho fatto questo, io ho pensato questo, io ho detto questo. La concretezza è quello che mi fa sentire peccatore sul serio, e non peccatore nell’aria”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ue: Meloni, dissento da cav
Anche su Mes non sono d’accordo, chiedono soldi con interessi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 aprile 2020
09:32
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non sono d’accordo con Berlusconi: non si può dire che sono i sovranisti ad aver fatto ritardare l’Europa, a meno che non si dica che i veri sovranisti sono i tedeschi e i francesi, chi nazionalizza, non chi chiede il rispetto delle regole”. Così la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, a Rtl 102,5. “Anche sul Mes non sono d’accordo perchè ci prestano soldi nostri e ci chiedono gli interessi. Sarebbe più serio riprenderci i nostri soldi. Inoltre – aggiunge – non è vero che non ci sono le condizioni: la fine dell’emergenza è tra un anno, poi glieli devi dare quei soldi”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fase 2: Prodi, necessario scuole chiuse?
Scuola è unico ascensore sociale che abbiamo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 aprile 2020
10:10
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Perché non si è provata nemmeno qualche piccola sperimentazione? La scuola dell’obbligo è l’unico ascensore sociale che abbiamo per il nostro futuro.
Soprattutto al Sud e nelle zone dove non ci sono contagi e dove non solo gli studenti, ma anche maestri e professori sono radicati nel territorio, è proprio così necessario tenerle chiuse?”. Lo dice Romano Prodi commentando la decisione di non riaprire le scuole fino a settembre in una intervista a Fanpage.
Sulla ripartenza dell’Italia a fronte di un debito che oggi è al 130% del Pil, Prodi sostiene: “E’ ovvio che da soli il nostro debito non è sostenibile: qualsiasi previsione che leggo va oltre il 150%, e arriva anche al 160% nel rapporto debito Pil. A quei livelli, da soli, è molto difficile. Invece in un gioco più ampio, coi tassi d’interesse bassi, lo sarebbe eccome” e sulle misure europee che sono in fase di negoziazione commenta “L’Europa ha fatto passi nella direzione giusta, ma non sono ancora sufficienti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Allarme a Camera per caso positivo
Deputato leghista positivo a virus, decisione nella capigruppo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 aprile 2020
10:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La presenza di un deputato della Lega positivo al Coronavirus venerdì scorso in Aula, ha suscitato preoccupazione in apertura di seduta alla Camera, con Alessandro Fusacchia (+Europa) e Emanuele Fiano (Pd) che hanno chiesto alla presidenza di adottare il voto telematico o l’utilizzo anche di altre aule di Montecitorio per garantire il distanziamento. Il vicepresidente Fabio Rampelli, che guida i lavori ha detto che “una risposta alle domande poste” arriverà dalla riunione della Conferenza dei capigruppo in programma oggi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ue: E.Letta, senza Bce oggi affonderemmo
Difendo leader Ue
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 aprile 2020
11:16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Stanotte l’agenzia di rating Fitch ha dato un downgrade all’Italia, se non ci fosse l’Europa che agisce ogni giorno con la Banca centrale europea e compra per miliardi titoli del nostro debito oggi saremmo colpiti e affondati”. Lo ha detto Enrico Letta, ex Presidente del Consiglio, direttore della Scuola di affari internazionali dell’Istituto di studi politici di Parigi a 24Mattino su Radio 24.
“Il coronavirus – sostiene – ha messo a dura prova la capacità della politica di pensare lungo e strategico. Difendo i leader europei e a chi pensa che hanno gestito male le cose suggerisco di guardare a come si sono comportati Trump, Bolsonaro e Jhonson. I leader europei hanno dimostrato saggezza e vorrei che discutessero di come dare mandato a livello europeo ad un organismo emergenziale che sia in grado di coordinare gli sforzi e fare un pensiero strategico. Purtroppo in Europa c’è sempre la stessa contraddizione si chiede di fare e non si danno sufficienti poteri per agire perché ogni paese vuole tenerli”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cononavirus, Trump ordina agli 007 indagini su operato Cina e Oms
Roma, al via installazione marker su bus-metro. In Svizzera i bambini potranno abbracciare i nonni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
29 aprile 2020
18:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18:18 – In Italia l’80% positivi è in isolamento a casa  – In Italia l’80% delle persone attualmente positive al coronavirus, nello specifico 83.652 malati, sono in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi. Inoltre, su 100 tamponi solo 3,2 persone risultano positive: è il dato più basso dall’inizio dell’emergenza.
18:02 – In Italia 104.657 i malati, 548 meno di ieri – Si conferma il calo dei malati per coronavirus. Sono complessivamente 104.657, 548 meno di ieri. La diminuzione ieri era stata di 608 mentre lunedì c’era stato un decremento di 290 malati. Il dato è stato fornito dalla Protezione civile. Sono salite a 27.682 le vittime per coronavirus in Italia, con un incremento di 323 in un giorno. Ieri l’aumento era stato di 382. Sono 71.252 i guariti dal coronavirus in Italia, con un incremento rispetto a ieri di 2.311. L’aumento ieri era stato di 2.317. In Italia i contagiati totali, vale a dire gli attualmente positivi al coronavirus, le vittime e i guariti, sono 203.591, con un incremento rispetto a ieri di 2.086. L’aumento ieri era stato di 2.091.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17:25 – Rsa: nel Bergamasco da gennaio + 1322 morti – Dal primo di gennaio ad oggi gli anziani morti nelle 65 Rsa della Bergamasca sono stati 1998, e cioè 1322 in più rispetto allo stesso periodo del 2019 in cui i decessi registrati sono stati 676. Lo ha reso noto il procuratore della Repubblica facente funzione di Bergamo, Maria Cristina Rota. Il dato è emerso dall’indagine aperta in seguito a 13 esposti e che riguarda altrettante strutture. Dall’ inchiesta per epidemia colposa e omicidio colposo, ancora a carico di ignoti, risulta anche che solo 8 di tutte le Rsa della Bergamasca hanno accolto malati Covid dimessi dagli ospedali.
17:13 – Pechino abbassa il livello d’allerta sanitaria  – Pechino ha deciso di allentare il livello di allerta sanitaria, che da domani passerà da massimo a quello più basso: lo ha annunciato Chen Bei, vice segretaria generale del governo municipale, secondo cui la mossa è stata adottata dopo che per 13 giorni di fila la città non ha avuto nuovi casi di Covid-19, trasmessi a livello locale o importati. Il 24 gennaio, Pechino aveva innalzato la massima protezione per contenere l’epidemia di coronavirus. La mossa adesso comporta che le persone provenienti da regioni cinesi a basso rischio epidemico non dovranno essere sottoposte alla quarantena di 14 giorni al loro arrivo nella capitale. Una misura che tiene conto anche della sessione parlamentare che si aprirà il 22 maggio e che vedrà arrivare a Pechino circa 3.000 delegati da ogni provincia. Le autorità manterranno uno stretto controllo sugli arrivi da aree a rischio medio e alto, e dall’Hubei, la provincia epicentro della pandemia. In meno di mezz’ora dall’annuncio, c’è stato un boom delle prenotazioni di biglietti aerei, ha riportato l’agenzia Xinhua.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16:45 Trump ordina a 007 indagini su operato Cina, Oms  – La Casa Bianca ha ordinato alle agenzie di intelligence americane di cercare prove per stabilire se la Cina e l’Oms abbiano nascosto ciò che sapevano all’inizio della pandemia di coronavirus. Lo rivelano funzionari Usa – ex ed ancora in servizio – a Nbc News. Secondo le fonti, la settimana scorsa sono state inviate specifiche istruzioni a National Security Agency, Defense Intelligence Agency e Cia per cercare informazioni sui primi giorni dell’epidemia e per capire se c’e’ stato un insabbiamento da parte di Pechino e dell’agenzia Onu. In particolare, agli 007 è stato chiesto di determinare ciò che l’Oms sapeva di due laboratori di ricerca che studiavano i coronavirus nella provincia cinese di Wuhan.
16:37 – Anche Vissani consegna chiavi ristorante – Anche Gianfranco Vissani ha consegnato, in modo simbolico, le chiavi del proprio ristorante di Baschi al sindaco del comune umbro, Damiano Bernardini, nell’ambito della mobilitazione nazionale ‘Risorgiamo Italia’. Insieme a lui, davanti al municipio, era presente una delegazione di altri sette operatori locali del comparto che hanno aderito all’iniziativa.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16:26 – Azzolina, la maturità al via il 17 giugno  – Il giorno della data dell’esame di maturità sarà il 17 giugno “e l’esame orale partirà da un argomento che non sarà una tesina ma un argomento da cui partiranno scelto con i loro prof. Si parte da un argomento di indirizzo”. Lo ha detto la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina a Skuola. net. “L’esame i stato non è un interrogatorio ma l’apice di un percorso non può riguardare quanto no è stato fatto”.
16:09 – Boccia a Regioni, ordinanze coerenti al Dpcm o diffida  – “Propongo un metodo: ordinanze regionali coerenti con il Dpcm”: così il ministro Francesco Boccia in videoconferenza alle Regioni, secondo quanto si apprende. “Se ci sono ordinanze non coerenti invio una diffida, una lettera con la scheda indicando le parti incoerenti e la richiesta di rimuoverle (solo in caso di allentamento delle misure) – afferma -. Se non avviene sono costretto a ricorrere all’impugnativa al Tar o alla Consulta”.
16:04 – Germania, in cig almeno 3mln  – Almeno tre milioni di persone, a marzo e ad aprile, sono andate in cassa integrazione in Germania, a causa dell’impatto del Coronavirus. Lo ha detto il ministro dell’Economia Peter Altmaier, oggi a Berlino in conferenza stampa. L’aumento del tasso di disoccupazione, che su base annua potrebbe arrivare al 5,8%, stando alle stime di primavera del governo, è molto contenuto proprio dal grande sostegno messo in campo dallo Stato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15:48 – L’Onu vuole 90 giorni di ‘pausa umanitaria’ – Il Consiglio di Sicurezza dell’Onu vuole chiedere una “pausa umanitaria” di 90 giorni nelle guerre in tutto il mondo come parte della lotta contro il coronavirus. E’ quanto si afferma in una bozza di risoluzione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il documento “invita tutte le parti nei conflitti armati a impegnarsi immediatamente per una pausa umanitaria di almeno 90 giorni consecutivi”, che servirebbe per “consentire la consegna sicura, senza ostacoli e prolungata dell’assistenza umanitaria, e la fornitura di servizi da parte di attori umanitari imparziali”. Il testo e’ frutto di negoziati che durano da settimane tra i Quindici, ma ancora non e’ stata fissata una data per il voto poiché rimane da risolvere la spinosa questione di come affrontare il ruolo dell’Oms, agenzia fortemente criticata dagli Stati Uniti. Il segretario generale Antonio Guterres il mese scorso ha chiesto un cessate il fuoco globale immediato alla luce dell’emergenza per il Covid-19, ma la bozza di risoluzione riguarderebbe solo i paesi i cui conflitti sono già al vaglio del Consiglio di Sicurezza, tra cui Siria, Yemen, Afghanistan, Mali, Centrafrica, Libia, Colombia e Sudan.
15:32 – Wall Street apre in rialzo, Dj +1,82%, Nasdaq +2,30%  – Wall Street apre in rialzo nonostante il crollo del pil americano. Il Dow Jones sale dell’1,82% a 24.551,40 punti, il Nasdaq avanza del 2,30% a 8.802,70 punti mentre lo S&P 500 mette a segno un progresso del 2,02% a 2.920,22 punti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15:13 – Bonafede, falso che governo sta scarcerando mafiosi – “Diciamolo senza giri di parole: il messaggio per cui il governo starebbe scarcerando i mafiosi non è semplicemente fuorviante: è totalmente e inequivocabilmente falso!”. Lo ha detto il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede al question time alla Camera. Bonafede ha definito “gravemente irresponsabile” la “violenta polemica politica” che sulle scarcerazioni che “mira a strumentalizzare fatti gravi per attaccare il governo”, ancora più grave “in questo momento di emergenza”.
15:01 – Pisano, si studia ‘elimina code’ al supermercato  – “Stiamo pensando, ma ancora non abbiamo iniziato nulla, all’ipotesi di utilizzare un elimina code al supermercato”. Così la ministra dell’Innovazione, Paola Pisano, in audizione in commissione Lavori pubblici al Senato, rispondendo ai parlamentari su eventuali applicazioni per contingentare gli ingressi quando si va a fare la spesa. E, aggiunge, “stiamo anche immaginando, insieme alla ministra De Micheli, un’app che possa aiutare a rispettare le distanze all’interno dei mezzi pubblici”
14:35 – Affonda il pil Usa, in primo trimestre -4,8%  – L’economia americana nel primo trimestre si è contratta del 4,8%. Il dato riflette i primi effetti del coronavirus, che si è iniziato a far sentire con tutta la sua forza in marzo. Le previsioni sono per un secondo trimestre nero, con un calo del pil fino al 30%. Negli ultimi tre mesi del 2019 il pil era salito del 2,1%.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14:16 – Altmaier, Pil tedesco 2020 crolla del 6,3%  – A causa della pandemia, il Pil della Germania subirà un crollo del 6,3% nel 2020 e del 5,2% nel 2021. Lo ha affermato il ministro dell’Economia Peter Altmaier, in conferenza stampa a Berlino, presentando le stime di primavera. I livelli pre-pandemia si potranno raggiungere nel 2022.
14:01 – Coronavirus: dati app cancellati entro 31 dicembre 2020  – L’utilizzo dell’app per il tracciamento del coronavirus e i relativi dati cesseranno entro il 31 dicembre 2020, così come la piattaforma istituita presso il Ministero della Salute in coordinamento con la Protezione Civile, l’Iss e le strutture sanitarie pubbliche e private “per gli ulteriori adempimenti necessari al tracciamento dei contatti e per l’adozione di correlate misure di sanità pubblica e di cura”. Lo prevede la bozza di un decreto legge sulla giustizia atteso in Cdm nelle prossime ore.
13:53 – Fase 2: Roma, al via installazione marker su bus-metro – Inizia oggi l’installazione della segnaletica per il distanziamento sociale su metro e bus di Roma. I marker verranno posizionati sulle sedute dei treni e degli autobus della capitale che saranno off limits per garantire il distanziamento tra passeggeri. Previsti anche cartelli e avvisi alle stazioni, sulle banchine e sui mezzi di superficie. Le operazioni di installazione termineranno entro domenica in tempo per la Fase 2.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13:42 – In arrivo regole privacy per tracciamento con la app  – In arrivo le regole per il tracciamento dei contatti in funzione anti-Contagio da Coronavirus tramite app. Secondo quanto si apprende le norme sono contenute nella bozza di un decreto legge sulla giustizia atteso in Cdm nelle prossime ore. Il sistema sarebbe finalizzato a rilevare i contatti “stretti” tra coloro che hanno installato la app “su base volontaria” posto che i dati dovranno essere resi “anonimi” o se non è possibile “pseudonomizzati”. E’ esclusa la geolocalizzazione.
13:39 –  Msc Crociere proroga lo stop al 10 luglio – Msc crociere proroga il fermo operativo della flotta fino al 10 luglio. Niente crociere fino a quella data. In precedenza la sospensione delle attività era fino al 29 maggio, ma oggi la compagnia ha annunciato la proroga.
13:00 – Zaia, non tutto è finito, si può anche richiudere – “Lo dico subito e in maniera trasparente: stiamo lavorando per fissare in maniera plastica un numero di ricoverati e delle terapie intensive, perché se lo raggiungiamo si torna a chiudere”. Lo ha annunciato ai giornalisti il presidente del Veneto Luca Zaia. “Non ci sono alternative – ha aggiunto Zaia – non vorrei che qualcuno si faccia l’idea che è tutto finito”.
12: 41 – In Svizzera i bambini potranno abbracciare i nonni  – In Svizzera le autorità sanitarie hanno affermato che i bambini sotto i 10 anni possono riabbracciare i nonni, perché “non trasmettono il virus”. Lo rende noto la Bbc. Il capo del dipartimento malattie infettive del ministero della salute, Daniel Koch, ha spiegato che le linee guida su questo tema sono state riviste dopo un consulto con esperti delle università di Zurigo, Berna e Ginevra. “I bambini piccoli non sono infetti e non trasmettono il virus”, ha detto Koch. “Semplicemente non hanno i recettori per prendere la malattia”. La nuova raccomandazione riguarda solo i bambini piccoli che non mostrano segni di malattia. In ogni caso, il dottor Koch ha consigliato solo “un breve contatto con i nipoti”, non riunioni di famiglia, né trascorrere tempo fuori casa insieme. Non tutti gli esperti però condividono tali conclusioni. Secondo il principale virologo tedesco, Christian Drosten, non ci sono dati sufficienti per concludere che i bambini piccoli non possano trasmettere il coronavirus.
12:22 – Moto: cancellati tre Gp, Olanda Germania e Finlandia  – La Federazione Motociclistica Internazionale, l’IRTA e la Dorna hanno deciso di cancellare definitivamente dal calendario 2020 del Mondiale della MotoGp tre Gran premi: si tratta delle gare programmate in Germania, Olanda e Finlandia tra giugno e luglio. Da calendario, al momento, la prima data possibile per partire con la stagione del Motomondiale, dunque, sarebbe quella del 9 agosto, a Brno,, con il Gp della Repubblica Ceca.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
11:20 – Coronavirus: riunito al Viminale Comitato sicurezza – Lo stato della sicurezza pubblica, i rischi di infiltrazioni della criminalità organizzata nel tessuto economico, un primo bilancio dei controlli disposti per l’emergenza Covid. Sono tra i punti in discussione alla riunione del Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica che si sta svolgendo al Viminale, presieduta dalla ministra Luciana Lamorgese. Al tavolo siedono i vertici delle forze dell’ordine e dell’intelligence.
11:13 – Arcuri,pronti a picco anche superiore,non a apocalisse – Con i ventilatori e le terapie intensive “siamo attrezzati a reggere picchi anche superiori a quelli della prima fase dell’emergenza; l’apocalisse non la regge nessuno, ma siamo tutti convinti che non ci sarà”. Così il commissario Domenico Arcuri. “Abbiamo ora circa 1.980 posti occupati in terapia intensiva su una disponibilità di 9 mila, abbiamo distribuito 4.200 ventilatori e potremmo raddoppiare il numero in pochi giorni – aggiunge -, ma non solo per ora non servono, ma non sappiamo dove saranno gli eventuali maggiori focolai” nella Fase 2.
10:57 – Coronavirus: oltre 40 contagiati in una Rsa Abruzzo  – Oltre 40 persone, tra anziani e operatori sanitari, sono risultati positivi al Covid-19 in una casa di riposo abruzzese dell’Asl Lanciano-Vasto-Chieti. Lo hanno rilevato i carabinieri Nas che, in questi giorni, stanno effettuando una serie di sopralluoghi nelle strutture per anziani in tutta Italia. I Nas di Pescara stanno collaborando con l’ASL Lanciano-Vasto-Chieti in un’indagine epidemiologica finalizzata proprio a verificare e circoscrivere la presenza del virus.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
10:35 – Nas nelle Rsa in tutta Italia, gravi irregolarità  – Case di riposo e strutture per anziani al vaglio dei carabinieri dei Nas in tutto il Paese. Da Catanzaro a Pescara a Cagliari, i militari hanno effettuato sopralluoghi in numerose strutture riscontrando irregolarità e, in vari casi, “gravi non conformità” relative alle misure necessarie per la prevenzione del COVID-19.
10:08 –  Coronavirus: scoperte 35 molecole per combatterlo – Scoperte 35 molecole per combattere il virus SarsCoV2, grazie a una potenza di calcolo analoga a quella che l’Italia ha utilizzato per scoprire il bosone di Higgs; una appartiene alla famiglia  dell’isrossiclorochina. Descritte sul sito ArXiv, ora potranno affrontare i test per capire se potranno diventare farmaci. Sono state selezionate fra le 9.000 analizzate dal progetto guidato dall’azienda Sybilla Biotech e dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
10:05 – Dl aprile: Catalfo, 13 miliardi e altre 9 settimane cig – Nel prossimo decreto di aprile “confermeremo molte misure” già previste nel decreto Cura Italia e stanzieremo “13 miliardi sugli ammortizzatori sociali, per ulteriori 9 settimane di copertura”. Così la ministra del Lavoro e delle Politiche sociali, Nunzia Catalfo, sul sito del Corriere della Sera, intervistata dal direttore Luciano Fontana. La cig sarà “utilizzabile fino a fine dicembre 2020”, ha spiegato Catalfo, parlando di “misure importanti”.
10:04 -Arcuri, imprevedibile durata crisi economica e sociale – “La situazione economico finanziaria è conosciuta, la crisi (da coronavirus) ha anzitutto caratteristiche, dimensione e durata del tutto imprevedibile, comuni a quelle di altre vissute nei decenni scorsi. La sua specificità è la ‘disordinata durata’: non riusciamo a prevedere per quanto tempo le attività economiche e sociali saranno condizionate e dovranno essere limitate”. Così il commissario Domenico Arcuri – che è anche Ad di Invitalia – in video audizione alle Commissioni Finanze e Attività produttive della Camera.
8:58 – Gruppo Crai ritira vendita mascherine, pochi 50 cent – Il Gruppo Crai al quale fanno capo le insegne Crai, Pellicano, Caddy’s, IperSoap, Pilato, Proshop, Risparmio Casa, Saponi e Profumi, Shuki e Smoll, ha annunciato che “si vede costretto a ritirare dalla vendita, dai negozi del Gruppo, le mascherine chirurgiche” a causa del prezzo imposto massimo di 50 centesimi. “Siamo nell’impossibilità -si afferma- di vendere le mascherine ad un prezzo inferiore al loro costo di acquisto. Confidiamo che il governo voglia risolvere al più presto tale situazione in modo da consentirci di riprendere la vendita delle mascherine in questione”.
8:40 – Mef:quasi 39.000 domande a Fondo,3,6 mld finanziamento – Dal 17 marzo al 27 aprile sono arrivate al Fondo per le Pmi 38.921 domande di garanzia ai finanziamenti in favore di imprese, artigiani, autonomi e professionisti. Lo ha annunciato Stefano Cappiello Dirigente Generale Sistema Bancario e Finanziario – Affari legali del Mef in audizione alla commissione Banche precisando che le domande “hanno generato un importo di 3,6 miliardi di euro di finanziamenti, di cui circa 450 milioni di euro per le 20.835 operazioni riferite a finanziamenti fino a 25.000 mila euro, accessibili da meno di una settimana alla data della rilevazione”.
7:36 – Colao, un’apertura a ondate per testare il sistema – Un’apertura ad ondate permette di testare il sistema, ma andranno sempre monitorati andamento dell’epidemia, tenuta del sistema ospedaliero, disponibilità dei dispositivi protettivi. Lo sottolinea Vittorio Colao, capo della task force per la Fase 2, intervistato dal Corriere in vista dell’appuntamento chiave del 4 maggio. Quanto all’app di tracciamento, è importante lanciarla entro fine maggio e averla quanti più possibile, altrimenti servirà a poco. La crisi? E’ l’occasione per rilanciare tutto il sistema Italia. E nessuna intenzione da parte sua di fare politica.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
7:06 – Papa: invoca unità Europa, andare avanti come fratelli – “Oggi, Santa Caterina da Siena, dottore della Chiesa, patrona d’Europa, preghiamo per l’Europa, per l’unità dell’Europa, per l’unità dell’Unione Europea, perché tutti insieme possiamo andare avanti come fratelli”. Lo ha detto papa Francesco all’inizio della messa del mattino a Casa Santa Marta.
5:07 – Coronavirus: Cina convoca il parlamento dal 22 maggio – La Cina ha annunciato che aprirà la sua sessione parlamentare a partire dal 21 e dal 22 maggio dando l’avvio, rispettivamente alla Conferenza consultiva politica del popolo cinese (Cppcc) e al Congresso nazionale del popolo (Npc), il ramo più importante e legislativo. Previsto inizialmente agli inizi di marzo, a febbraio fu deciso il rinvio dell’evento politico ed economico più importante dell’anno in Cina, noto come “le due assemblee” (lianghui), a causa dei rischi connessi alla pandemia del Covid-19.
2:49 – In Usa altri 2.200 morti in 24 ore – I morti per coronavirus negli Stati Uniti nelle ultime 24 ore sono stati 2.200. I casi sono 1,01 milioni. E’ quanto emerge dai dati della John Hopkins University. VAI ALLA CRONACA VAI ALLE NOTIZIE DAL MONDO VAI ALL’ECONOMIA

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Mes: Tajani, perchè non usarlo?
Linea credito con tassi quasi a zero e tempi riconsegna lunghi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 aprile 2020
12:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“C’è bisogno di liquidità per combattere il coronavirus. Perché non utilizzare dunque i 37-38 miliardi di euro che può mettere a disposizione il MES con una linea di credito tutta particolare, senza condizionalità, tasso di interesse quasi a zero, e in tempi molto lunghi per la restituzione? Sarebbero fondi che potremmo utilizzare in Italia in tempi rapidi per combattere il coronavirus, per assumere medici, per assumere infermieri, per formare nuovi esperti nel settore della sanità, per avviare studi nella ricerca contro questa malattia, per finanziare chi vuole realizzare un vaccino, per sistemare anche ospedali obsoleti nel sud del nostro Paese.
Non capisco una pregiudiziale ostilità nei confronti di uno strumento che può veramente essere utilizzato in maniera positiva nel nostro Paese”. Lo dichiara su Twitter Antonio Tajani, Presidente della Commissione Affari costituzionali Parlamento europeo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nas nelle Rsa in tutta Italia riscontrate ‘gravi irregolarità’
Ispezioni da Pescara a Cagliari e in una struttura abruzzese trovate 40 persone tra pazienti e sanitari positive al COVID-19
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 aprile 2020
15:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Case di riposo e strutture per anziani al vaglio dei carabinieri dei Nas in tutto il Paese. Da Catanzaro a Pescara a Cagliari, i militari hanno effettuato sopralluoghi in numerose strutture riscontrando irregolarità e, in vari casi, “gravi non conformità” relative alle misure necessarie per la prevenzione del COVID-19.
Tra le ispezioni, si rende noto sul sito del ministero della Salute, il Nas di Catanzaro ha eseguito un sopralluogo presso una casa di riposo nela Provincia di Vibo Valentia, rilevando gravi non conformità relative alle misure necessarie per la prevenzione del COVID-19. Sanzionato il rappresentante legale.
Il Nas di Catania, invece, in un’attività di verifica presso una casa di riposo del messinese ha scoperto che la stessa, già oggetto di una precedente ordinanza di sospensione con trasferimento degli ospiti in altre strutture, aveva disatteso i provvedimenti imposti. Inoltre i militari hanno accertato che la struttura non si era adeguata alle misure preventive del potenziale rischio di diffusione del COVID-19. I responsabili sono stati deferiti all’Autorità giudiziaria ed è stata informata anche l’Autorità Sanitaria.
Il Nas di Palermo, nella Provincia di Trapani, ha accertato che una comunità alloggio per anziani era priva di idonei requisiti igienico-strutturali. Il sindaco ha immediatamente emesso il provvedimento di chiusura e gli ospiti presenti sono stati accompagnati presso i propri familiari. Il valore della struttura ammonta a circa 250mila euro.
A Pescara, invece, i Nas hanno scoperto due strutture per anziani sprovviste di autorizzazione e prive dei requisiti strutturali minimi. Ed ancora: in provincia di Cagliari è stata chiusa una comunità per anziani perchè i Nas hanno accertato la reiterata mancanza di requisiti organizzativi e strutturali tra i quali, per esempio, l’uso di acqua proveniente da un pozzo non potabile. Un comune lucano, poi, a seguito di una segnalazione effettuata da parte del Nas di Potenza, ha disposto la chiusura di una casa di riposo in quanto priva dei requisiti organizzativi e delle figure professionali previste dalla legge.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ispezioni anche a Ragusa, dove i carabinieri hanno deferito una persona in stato di libertà all’Autorità giudiziaria. L’indagata è la titolare di una casa albergo, accusata di aver disatteso alle prescrizioni sul distanziamento sociale impartite nell’ambito dell’emergenza epidemiologica.
Oltre 40 persone, tra anziani e operatori sanitari, sono risultati positivi al Covid-19 in una casa di riposo abruzzese dell’Asl Lanciano-Vasto-Chieti. Lo hanno rilevato i carabinieri Nas che, in questi giorni, stanno effettuando una serie di sopralluoghi nelle strutture per anziani in tutta Italia. I Nas di Pescara stanno collaborando con l’ASL Lanciano-Vasto-Chieti in un’indagine epidemiologica finalizzata proprio a verificare e circoscrivere la presenza del virus.
Mancanza di autorizzazioni, sovraffollamento e problemi strutturali, come l’assenza dell’allaccio alla rete idrica. Sono solo alcune delle irregolarità riscontrate dai carabinieri del Nas durante i controlli in tre Rsa del Cagliaritano. Sotto i riflettori sono finite “Villa Lavinia” di Quartu Sant’Elena, “Villa Giovanna” di Sinnai e “Residenza Vittoria” di Assemini, tutte non toccate da contagi Covid-19. A “Villa Lavinia” gli specialisti del Nas hanno accertato la mancanza di autorizzazioni: il sindaco di Quartu ha quindi firmato un’ordinanza di allontamento per anziani e dipendenti i cui termini scadono tra pochi giorni. È risultata senza autorizzazioni anche la “Residenza Vittoria” di Assemini ed è stata chiesto lo sgombero immediato. Oltre a non avere i permessi, i Nas hanno anche riscontrato l’assenza di requisiti organizzativi e strutturali: spicca il mancato all’allaccio alla rete idrica con il conseguente uso di acqua proveniente da un pozzo non potabile. Numerose le irregolarità accertate all’interno di “Villa Giovanna”, a Sinnai. La principale, il sovraffollamento: 65 gli anziani ospitati a fronte di una capienza consentita sino a un massimo di 24.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Arcuri: ‘A breve accordo per le mascherine alle farmacie’
In arrivo anche protezioni per i farmacisti. Dal 4 maggio ne arriveranno 12 milioni. Il commissario alla Camera. ‘Pensiamo a forme di ristoro per le aziende’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 aprile 2020
19:42
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sarà siglato, nel giro di pochi giorni, un accordo per garantire la fornitura a farmacie e parafarmacie delle mascherine chirurgiche necessarie alla tutela della popolazione. Il Commissario Domenico Arcuri ha anche assunto l’impegno di distribuire dispositivi di protezione destinati ai farmacisti operanti nelle farmacie e nelle parafarmacie. E’ quanto emerso dall’incontro di ieri tra Arcuri ed i presidenti di FOFI, Andrea Mandelli, Federfarma, Marco Cossolo, e Assofarm, Venanzio Gizzi. L’incontro ha avuto l’obiettivo di approfondire gli aspetti relativi alla questione delle mascherine alla luce dell’Ordinanza n.11 e dei successivi impegni assunti dal Commissario straordinario. A seguito del confronto, affermano le associazioni dei farmacisti, “si è delineata la possibilità di siglare, nel giro di pochi giorni, un accordo per garantire la fornitura a farmacie e parafarmacie della mascherine chirurgiche necessarie per la popolazione”.
Questa mattina il commissario per l’emergenza Domenico Arcuri ha analizzato, in video audizione alle Commissioni Finanze e Attività produttive della Camera, la crisi economico finanziaria derivante dall’emeregnza coronavirus.
“La situazione economico finanziaria è conosciuta, la crisi (da coronavirus) ha anzitutto caratteristiche, dimensione e durata del tutto imprevedibile, comuni a quelle di altre vissute nei decenni scorsi – ha detto – . La sua specificità è la ‘disordinata durata’: non riusciamo a prevedere per quanto tempo le attività economiche e sociali saranno condizionate e dovranno essere limitate”.
Quanto all’evoluzione della malattia, Arcuri fa sapere che con i ventilatori e le terapie intensive “siamo attrezzati a reggere picchi anche superiori a quelli della prima fase dell’emergenza; l’apocalisse non la regge nessuno, ma siamo tutti convinti che non ci sarà”. “Abbiamo ora circa 1.980 posti occupati in terapia intensiva su una disponibilità di 9 mila, abbiamo distribuito 4.200 ventilatori e potremmo raddoppiare il numero in pochi giorni – aggiunge -, ma non solo per ora non servono, ma non sappiamo dove saranno gli eventuali maggiori focolai” nella Fase 2. “La previsione di distribuzione dei ventilatori è già nei nostri magazzini e attendiamo per darli alle regioni una non auspicata ripresa dei contagi che sarà possibile dopo l’allentamento delle misure – ha spiegato Arcuri -. La quantità di ventilatori ci rassicura per una eventuale ripresa non clamorosa del virus”. “I posti in terapia intensiva – ha aggiunto – erano circa 5.200 a inizio crisi, ora sono oltre 9 mila; i posti nei reparti di malattie infettive e pneumologiche da circa 30 mila che erano si sono moltiplicati per 6. Tutto ciò è compatibile con un andamento dell’epidemia che resta nei picchi che ha avuto all’inizio della tragedia – conclude il commissario -, se assumesse, come nessuno pensa, dimensioni apocalittiche, nessun sistema sanitario al mondo potrebbe reggere”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il commissario ha poi spiegato che “l’Italia sta gestendo l’emergenza in paragone ad altri Paesi con modalità e strumenti largamente sufficienti a fronteggiarla, purtroppo non c’è alcuno strumento in grado di sconfiggerla”. Arcuri ritiene che “la seconda caratteristica della crisi è la sua natura, perché limita ma non azzera le attività economiche quando va bene, impedisce le stesse attività quando va male, impedisce la mobilità delle merci e delle persone”. “La terza caratteristica è che la crisi è globale, ha un impatto sulle relazioni economiche tra i Paesi. L’Italia ha approcciato alla crisi con i pregi ma anche i difetti strutturali che ha, con la sua dimensione del debito ma anche del risparmio – ancora il commissario -. La crisi è assolutamente eccezionale quanto a durata e caratteristiche globali. Lo strumento messo in campo dal governo è di grande significato quanto a dimensioni, valutare se sufficiente o necessiti di altri interventi ha a che fare con una valutazione impossibile, ossia sapere quanto durerà ancora l’epidemia.
Rispetto alle forniture dei dispositivi di protezione individuale Arcuri sottolinea che “alla fine dell’estate potremo liberarci di questo fardello (gli acquisti all’estero, ndr) e dire che abbiamo il 100 per cento di dispositivi di protezione individuale (dpi) prodotti in Italia, al momento è un quarto. Penso che in 40 giorni non io, ma gli italiani abbiamo fatto un buon lavoro”.
“Da lunedì (4 maggio, inizio fase 2, ndr) se serviranno possiamo distribuire 12 milioni di mascherine al giorno, da giugno 18 milioni, da agosto 24 milioni al giorno. Le distribuiamo gratis a sanità, Pubblica amministrazione, forze dell’ordine e servizi essenziali, da lunedì anche ai trasporti pubblici locali e alle Rsa pubbliche e private. Ma il commissario non distribuisce mascherine ai cittadini, deve metterli in condizione di comprarle a un prezzo più conveniente possibile, di qui il prezzo calmierato a 0,50 centesimi. La gente dice che non ha mascherine? Io più che darle alle categorie indicate e alle farmacie non posso fare” ha sottolineato Arcuri. “L’obiettivo del prezzo calmierato delle mascherine è annientare una speculazione vergognosa, con il prezzo a 0,50 un genitore va in farmacia e con un euro compra due mascherine. Ho chiesto sanzioni per chi nonostante la norma tenta di vendere a un prezzo più alto. Io vorrei leggere una norma in cui queste speculazioni vengono non solo annullate, ma sanzionate. Io ho potere di confiscare e lo sto facendo”.
“Durante i primi giorni della crisi il prezzo delle mascherine, di 8 centesimi prima dell’emergenza, era arrivato almeno a 5 euro. Non esisteva una produzione nazionale di beni considerati marginali e diventati di consumo primario” ha detto Arcuri alle Commissioni Finanze e Attività produttive della Camera. “Il prezzo calmierato a 0,50 centesimi? Ci sono gli strepiti dei pochi danneggiati e il silenzio dei tanti cittadini avvantaggiati, ma che non hanno voce mediatica al contrario dei primi – ha aggiunto -.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il costo di produzione della mascherina è di 5 centesimi secondo le nostre analisi, capite qual era lo spazio di profitto, bisognava limitarlo, tanto più che le aziende non erano tutte italiane. Le aziende ora ce le danno a 38 centesimi”.
“Questa azienda, che ricavo dalla sua domanda che abbia un’altra ragione sociale, non ha fatto un contratto con il commissario straordinario, non deve rivolgere a me la domanda”. Così il commissario Domenico Arcuri alludendo al Gruppo Crai che ha annunciato di ritirare dalla vendita le mascherine chirurgiche perché il prezzo calmierato di 0,50 centesimi è inferiore a quello di acquisto da parte dell’azienda.
“Per le mascherine abbiamo fissato un prezzo massimo di vendita, non di acquisto. Rassicuro che l’obiettivo di calmierare il prezzo non è ostile all’obiettivo di attrezzare una filiera italiana e sostituire con essa prodotti che siamo costretti a importare. Così il commissario Domenico Arcuri. “Stiamo ragionando che per le mascherine in magazzino le aziende non abbiano a rimetterci, pensando a forme di ristoro se hanno comprato a un prezzo più alto (prima del prezzo calmierato, ndr). Da domani però non potranno comprare a un prezzo più alto, altrimenti avranno a rimetterci”.
Sui test sierologici Arcuri ha detto che “nel mondo nessun test garantisce una assoluta sicurezza del risultato. Per il requisito della specificità (capacità di identificare i soggetti sani, quindi la probabilità che un soggetto sano risulti negativo al test, ndr) il test della Abbott garantisce al 99%”. “La possibilità di farne 300 mila (prima 150 mila, poi altrettanti) riguarda la necessità di sapere andamento e mobilità del contagio. “I poteri straordinari mi consentivano di acquisire test a trattativa privata, ma non ho inteso usare questa facoltà. Ho ritenuto più civile fare una gara, seppure accelerata – ha detto Arcuri -. Il prezzo dell’offerta era l’ultima variabile, subordinata ad 8 criteri qualitativi. L’azienda che ha vinto ha deciso di offrire i test a titolo gratuito ai cittadini, ma il prezzo non è stata la nona variabile considerata”.
“Il settore più sofferente dell’economia è il commercio, non l’industria, che in gran parte non ha mai chiuso – ha proseguito Arcuri – ma dobbiamo contemperare le esigenze di riapertura con la salute dei cittadini. Lì (nel commercio, ndr) si concentra il maggiore problema, ma ho inteso che la progressiva riapertura anche di questi settori inizia il 18 maggio”.
Inoltre Arcuri ha fatto sapere che “interpretando una norma nel decreto Liquidità che non era linearmente prevista per Invitalia, abbiamo sospeso il rimborso dei mutui da parte delle imprese che hanno ottenuto agevolazioni. Abbiamo interpretato estensivamente una norma prevista per banche e intermediari finanziari, pensando che fosse una cosa giusta dare un sostegno e un po’ di fiato alle imprese non chiedendogli in questo momento di restituire le rate”. “E’ possibile immaginare di anticipare le erogazioni per gli stati avanzamento lavori, ma allo stato dell’arte delle norme noi non possiamo farlo – ha affermato -. Il mio favore rispetto a questa norma, che sarebbe complementare all’altra, è assoluto. Ci sarebbe bisogno che venisse prevista una norma che ce lo consente”.
“Per quanto riguarda il gruppo Invitalia – ha proseguito – segnalo per ora l’ampliamento dell’operatività del Fondo centrale di garanzia per le Pmi, che gestisce il Mediocredito centrale. Anche l’ampliamento della semplificazione dell’accesso: l’importo massimo della possibilità di ottenere garanzie è stato esteso fino a 5 milioni, il target delle aziende che possono accedervi è stato portato fino a 499 dipendenti. La percentuale di copertura diretta è stata incrementata fino al 90 per cento e la tempistica della garanzia fino a 6 anni, con la possibilità di estenderla fino al 100 per cento a certe condizioni. La dimensione economica dello strumento è di offrire garanzie per oltre 100 miliardi, una cifra importante”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Viminale, 4.700 denunciati
Controllate 256mila persone, 5 sanzionati per violata quarantena
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 aprile 2020
12:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono state poco più di 4.700 le persone denunciate ieri per il mancato rispetto delle prescrizioni contro la diffusione del Coronavirus: 4.691 per spostamenti non legittimi, 48 per false dichiarazioni e 5 per violata quarantena. Lo comunica il Viminale.
Sono state 256.354 le persone controllate, mentre gli esercizi commerciali monitorati sono stati 105.790: 134 i titolari denunciati, 28 le attività chiuse.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Rsa: pool di medici supporta i pm per indagine sul Trivulzio
Dato un pre incarico a tre medici medicina legale, un medico del lavoro e un epidemiologo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
29 aprile 2020
12:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un pool di medici per analizzare la mole di carte raccolte dalla Procura di Milano nell’ambito dell’indagine sul Pio Albergo Trivulzio, una delle Rsa finite nel mirino della magistratura, e nella quale è indagato il direttore generale Giuseppe Calicchio e lo stesso ente.
Da quanto si è appreso i pm Mauro Clerici e Francesco De Tommasi, titolari dell’inchiesta. hanno dato un pre incarico a tre medici di medicina legale dell’Università di Verona, a un epidemiologo milanese e a un medico di medicina del lavoro della Lombardia.
Il team di esperti, il cui compito probabilmente verrà esteso ad altre residenze per anziani, dovrà verificare se al Pio Albergo Trivulzio le condotte tenute nei confronti degli ospiti e pazienti e degli operatori sono state adeguate e se sussistano i profili di epidemia colposa, omicidio colposo e violazione delle norme di sicurezza.
Un lavoro questo che si baserà in particolare sull’esame della documentazione acquisita e sequestrata dai militari del Nucleo di Polizia economico finanziaria della Guardia di Finanza come le cartelle cliniche, documenti sui tamponi e su ingressi e uscite e direttive ricevute dalla struttura e inviate dalla Regione Lombardia.
Documentazione che in buona parte è cartacea e che è conservata in una stanza in attesa di essere scannerizzata. Intanto, da quanto si è saputo, si va avanti a sentire le persone che hanno sporto denuncia in particolare i parenti degli anziani morti per sospetto Covid.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mozione minoranza, ripristinare libertà
Bisogna ristabilire lo stato di diritto
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 aprile 2020
12:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con la Fase 2 il governo ripristini “tutte le libertà costituzionalmente garantite”, “nel rispetto delle misure di sicurezza e delle norme sul distanziamento sociale” e ristabilisca “lo stato di diritto al fine di correggere tutte le storture normative emerse”, “in modo da riavviare la normale dialettica con il Parlamento” assegnando “a norme di rango primario eventuali interventi limitativi delle libertà”. Lo chiede una mozione unitaria della minoranza firmata dai capigruppo di Fi, Fdi, Lega e Noi con l’Italia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Salvini, Conte si vede solo in tv
Non abbiamo qualcuno che ci dia risposte
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
29 aprile 2020
12:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Conte viene domani alle 12.30 a fare un’informativa, ma viene a raccontare quello che ha già detto in tv , nel resto del mondo non funziona così”. Lo ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, in collegamento a Italia 7 Gold.
“Noi vorremmo rappresentare i cittadini – ha aggiunto -. Oggi pomeriggio sarò in Senato e si parlerà del Def: scommettiamo che in Aula non ci sarà un ministro?”. “Noi non abbiamo qualcuno che ci dia risposte, Conte lo vediamo in tv”. “Vedremo di essere più incisivi per far ascoltare la voce dei cittadini” e “a fare tutte le pressioni possibili”, ha concluso.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Salvini,bufale su manovre cambio governo
Famiglie non arrivano a fine mese, siamo seri
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
29 aprile 2020
13:10
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Manovre per cambiare il governo? “Sono bufale, secondo lei con l’emergenza della disoccupazione, della cassa integrazione e della famiglie che non arrivano a fine mese facciamo manovre politiche? Siamo seri”. Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini a Italia 7 Gold.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo chiede ritiro emendamento Pd
Ceccanti chiede che i dpcm vengano parlamentarizzati
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 aprile 2020
14:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il governo ha chiesto il ritiro dell’emendamento al decreto 19, il cosiddetto decreto Covid, presentato dal costituzionalista del Pd Stefano Ceccanti, che parlamentarizza i Dpcm. Lo ha confermato lo stesso parlamentare Dem. Sono stati annunciato diversi altri emendamenti della maggioranza su questo tema, e Pd, Iv e Leu sono in pressing. Dunque – si apprende da fonti del governo – l’esecutivo oggi alla Capigruppo alla Camera chiederà lo slittamento del voto del decreto da domani alla prossima settimana.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Salvini, non condivido scelte Berlusconi
Non condivido chi lega destino paese a chi non ama l’Italia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 aprile 2020
15:39
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Con Berlusconi ci sentiamo, ma non condivido alcune sue posizioni anche se ricordo che il primo governo Conte lo facemmo con il suo via libera. Ovviamente non condivido chi vuole legare il destino del nostro paese e dei suoi figli a chi, evidentemente, non ama l’Italia e l’economia italiana”. Così Matteo Salvini a Canale 21.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Salvini, c’è rischio tensioni sociali
Con boss fuori galera, poi, il mix è micidiale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 aprile 2020
15:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il rischio di tensioni sociali c’è, anche legato alla Camorra: se non arrivano i soldi dallo Stato a fungere da banca sarà la criminalità organizzata. E se a questo aggiungiamo l’esempio diseducativo dei 41 boss usciti di galera è chiaro ed evidente che si rischia un mix micidiale”. Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini intervistato dall’emittente campana Canale 21.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus, App Immuni in arrivo regole per la privacy per il tracciamento dei dati
Convocato Cdm stasera alle 21.30.L’installazione è su base volontaria. I dati saranno cancellati entro il 31 dicembre 2020
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 aprile 2020
15:42
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono in arrivo le regole per il tracciamento dei contatti in funzione anti-Contagio da Coronavirus tramite app. Le norme sono contenute nella bozza di un decreto sulle intercettazioni all’ordine del giorno ad un Consiglio dei ministri convocato alle 21:30.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il decreto conterrà misure in materia di ordinamento penitenziario e a tutela dei dati personali in relazione alla app Immuni. Il sistema sarebbe finalizzato a rilevare i contatti “stretti” tra coloro che hanno installato la app “su base volontaria” posto che i dati dovranno essere resi “anonimi” o se non è possibile “pseudonomizzati”. E’ esclusa la geolocalizzazione.
L’utilizzo dell’app per il tracciamento del coronavirus e i relativi dati cesseranno entro il 31 dicembre 2020, così come la piattaforma istituita presso il Ministero della Salute in coordinamento con la Protezione Civile, l’Iss e le strutture sanitarie pubbliche e private “per gli ulteriori adempimenti necessari al tracciamento dei contatti e per l’adozione di correlate misure di sanità pubblica e di cura”.
Si specifica, inoltre, che i dati raccolti attraverso l’applicazione non possono essere utilizzati per finalità diverse da quella del tracciamento “salva la possibilità di utilizzo in forma aggregata o comunque anonima, per soli fini statistici o di ricerca scientifica”. Il Ministero, inoltre, adotta “misure tecniche e organizzative idonee a garantire un livello di sicurezza adeguato ai rischi elevati per i diritti e le libertà degli interessati, sentito il Garante per la protezione dei dati” e che “diritti degli interessati possono essere esercitati anche con modalità semplificate”. La piattaforma del Ministero della Salute, infine, è “realizzata esclusivamente con infrastrutture localizzate sul territorio nazionale e gestite da amministrazioni o enti pubblici o in controllo pubblico”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il sistema di tracciamento “dovrà tenere in considerazione l’evoluzione di sistemi internazionali oggi ancora non completamente definiti, in particolare i modelli annunciati da Apple e Google, su cui la soluzione italiana si baserà”. Così la ministra dell’Innovazione, Paola Pisano spiega che si lavora ad un’app “unica a livello nazionale e interoperabile anche a livello europeo”.
Il gruppo incaricato di valutare le offerte per l’app di tracciamento nella conclusione del suo lavoro ha identificato “due soluzioni, ‘Immuni’ e ‘Covid App’, come maggiormente idonee per essere testate in parallelo al fine del contrasto all’emergenza Coronavirus. La task force ha poi evidenziato che l’applicazione ‘Immuni’ dal punto di vista tecnico fosse quella più avanzata e più vicina alla visione Ue che stava nascendo in quel momento”. Così la ministra dell’Innovazione, Paola Pisano, in audizione in commissione Lavori pubblici al Senato.
Sempre con una app si sta studiando un modo per eliminare le code al supermercato. “Stiamo pensando, ma ancora non abbiamo iniziato nulla, all’ipotesi di utilizzare un elimina code al supermercato” dice la ministra dell’Innovazione. E, aggiunge, “stiamo anche immaginando, insieme alla ministra De Micheli, un’app che possa aiutare a rispettare le distanze all’interno dei mezzi pubblici”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Villa Borghese apre il 4 maggio, droni per controlli
A Roma aperture graduali per parchi, rafforzate verifiche
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
29 aprile 2020
19:19
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I parchi di Roma riapriranno gradualmente e saranno controllati anche dai droni. La Fase 2 del verde nella capitale sarà inaugurata il 4 maggio con la riapertura di Villa Borghese e Villa Doria Pamphilij ma anche di altre aree compresa la periferia. Questa, a quanto si apprende, è la decisione della sindaca Virginia Raggi che quindi opterebbe per una riapertura a step degli spazi verdi cittadini anche per permettere maggiori e puntuali verifiche contro eventuali assembramenti.
L’obiettivo del Campidoglio è quello di consentire, in una prima fase, aperture di spazi verdi in tutte le zone della città e, allo stesso tempo, garantire la sicurezza dei cittadini con una concentrazione dei controlli su un numero limitato di parchi aperti.
Per scongiurare il rischio di assembramenti si farà ricorso anche all’utilizzo di droni, che sorvoleranno le aree interessate e segnaleranno eventuali problemi alla Polizia Locale, che rafforzerà i presidi con i propri agenti. Alle verifica del rispetto delle disposizioni di sicurezza contribuiranno anche le guardie zoofile e gli uomini della Guardia nazionale ambientale. Un costante monitoraggio dell’andamento dei flussi consentirà di decidere per la successiva apertura di altri parchi, secondo una programmazione già definita.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I governatori del centrodestra a Mattarella: ‘Nella Fase 2 più poteri alle regioni’. La Calabria riapre i bar
I presidenti chiedono il rispetto del riparto delle competenze tra lo Stato e le Amministrazioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
29 aprile 2020
22:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I governatori di centrodestra  di Lombardia, Piemonte, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Sardegna, Sicilia, Calabria, Basilicata, Abruzzo, Molise, Abruzzo, e il presidente della provincia autonoma di Trento. scrivono al presidente della Repubblica Mattarella e al premier Giuseppe Conte “La fase 2 è una fase nuova, che si giustifica per una progressiva diminuzione dell’emergenza. E’ essenziale che si ritorni progressivamente ad un più pieno rispetto dell’assetto costituzionale e del riparto di competenze tra lo Stato e le Regioni, sempre in applicazione dei principi di sussidiarietà e leale collaborazione. È necessario giungere a una “normalizzazione dell’emergenza”, che consenta un ritorno agli equilibri democratici previsti dalla Costituzione“.  “Pare assolutamente necessario che l’attuale struttura del Dpcm 26 aprile 2020, imperniato su regole previste rigidamente in funzione della sola tipologia di attività economica svolta e con la possibilità di adottare, nelle singole regioni, solamente misure più restrittive, venga riformata in quanto non dotata della necessaria flessibilità capace di riconoscere alle Regioni, laddove la situazione epidemiologica risulti migliorata e i modelli previsionali di contagio in sostenuta decrescita, la possibilità di applicare nei loro territori regole meno stringenti di quelle previste a livello nazionale, con una compressione delle libertà costituzionali strettamente proporzionata all’esigenza di tutela della salute collettiva”. E  da domani in Calabria sarà “consentita la ripresa delle attività di bar, pasticcerie, ristoranti, pizzerie, agriturismo con somministrazione esclusiva attraverso il servizio con tavoli all’aperto”. E’ quanto previsto da un’ordinanza per la fase 2 firmata dalla governatrice della Calabria, Jole Santelli.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Secondo l’ordinanza, queste stesse attività “possono essere riattivate presso gli esercizi che rispettano le misure minime ‘anti-contagio’ e ferma restando la normativa di settore”.
Il ministro degli affari Regionali Boccia oggi in videoconferenza con le Regioni ha dettato un altolà.”Propongo un metodo: ordinanze regionali coerenti con il Dpcm”. “Se ci sono ordinanze non coerenti invio una diffida, una lettera con la scheda indicando le parti incoerenti e la richiesta di rimuoverle (solo in caso di allentamento delle misure) – afferma -. Se non avviene sono costretto a ricorrere all’impugnativa al Tar o alla Consulta”.  “Non impugno subito ma con grande collaborazione vi scrivo e prima ancora sollecito un confronto preventivo”. “In base al monitoraggio delle prossime settimane ci potranno essere dal 18 maggio scelte differenziate” tra le Regioni sulle riaperture di attività: così il ministro Francesco Boccia. Il principio è “contagi giù uguale più aperture e viceversa – aggiunge -. Discuterete del monitoraggio con il ministro della Salute Speranza (a seguire in videoconferenza con le Regioni, ndr). Definito il monitoraggio si potrà procedere a differenziazioni”. “E’ molto importante dare un segnale di unità. Se non siamo uniti noi non possiamo chiederlo ai cittadini. Ci vogliono unità, serietà e responsabilità” avrebbe detto il ministro ai presidenti delle Regioni.
In mattinata Luca Zaia era stato molto chiaro: “Lo dico subito e in maniera trasparente: stiamo lavorando per fissare in maniera plastica un numero di ricoverati e delle terapie intensive, perché se lo raggiungiamo si torna a chiudere”. Lo ha annunciato ai giornalisti il presidente del Veneto Luca Zaia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non ci sono alternative – ha aggiunto Zaia – non vorrei che qualcuno si faccia l’idea che è tutto finito”. “E’ possibile affrontare la riapertura, ma investiamo sulla messa in sicurezza dei cittadini, e soprattutto la mascherina è imprescindibile – ha aggiunto il governatore –  perché metti in sicurezza la tua salute, metti in sicurezza la salute degli altri, e se non te la metti avremo ricadute e dovremo riprendere in mano le chiusure”. “Intanto – ha precisato – c’è l’obbligo di mascherina a tutti gli ingressi. Prego i cittadini di valutare fino in fondo il fatto che l’ospedale è il luogo nel quale i virus e i batteri sono più presenti, e così si va da soli a trovare parenti. Il luogo di cura è sacro, dobbiamo mettere in sicurezza la salute dei pazienti che sono i più esposti al virus”.
“Abbiamo un piano di rafforzamento che per la fine dell’estate ci porterà a fare 30 mila tamponi al giorno” ha detto Zaia. “Se ci riusciamo – ha aggiunto – andiamo anche oltre i 30 mila, avremo alcune sorprese”. Il governatore  ha puntualizzato che “è previsto che nel giro di 15-20 giorni vi sia un ripasso per tutti gli ospedali e le case di risposo, in alcune purtroppo la raccolta di positivi non è cessata. Il tampone ‘becca’ la positività già al sesto-settimo giorno, il test rapido dall’11/o giorno”, ha concluso.
LA FASE 2 NELLE REGIONI – Nella capitale inizia oggi l’installazione della segnaletica per il distanziamento sociale su metro e bus di Roma. I marker verranno posizionati sulle sedute dei treni e degli autobus della capitale che saranno off limits per garantire il distanziamento tra passeggeri. Previsti anche cartelli e avvisi alle stazioni, sulle banchine e sui mezzi di superficie. Le operazioni di installazione termineranno entro domenica in tempo per la Fase 2.
“Continua il nostro impegno per ripartire in sicurezza. Questa mattina abbiamo deciso di stanziare altri 51,3 milioni per costruire e ammodernare le nostre scuole e per la manutenzione delle nostre strade, saranno ripartiti tra Province e Città Metropolitana. La Lombardia parla coi fatti”. Lo scrive il presidente della regione Lombardia Attilio Fontana su Facebook. Le risorse fanno parte – spiega una nota della Regione – del ‘Piano Marshall’ messo in campo dalla Lombardia, in grado di mobilitare complessivamente 3 miliardi di euro e, tra questi, 400 milioni destinati a Comuni e Province per opere cantierabili entro il 31 ottobre 2020. “Con la Fase 2 si metteranno in movimento circa 3 milioni di persone sull’intero territorio nazionale, molte delle quali utilizzeranno mezzi pubblici”. Lo ha detto la ministra delle infrastrutture e trasporti Paola De Micheli rispondendo in question time. “Occorre quindi che sia le aziende dei trasporti che l’utenza – ha aggiunto – si attengano all’osservanza di misure necessarie a garantire un regolare svolgimento di questa seconda fase, al fine di ulteriormente contenere il diffondersi del contagio”.
Ore decisive per il ministero della Salute che sta mettendo a punto i criteri soglia di sicurezza per affrontare la fase 2 che inizierà il 4 maggio, prevista dall’ultimo Dpcm. L’obbiettivo e’ fissare i limiti di sicurezza in mancanza dei quali potrebbe scattare il ritorno alla fase 1 di lockdown. Il ministero è al lavorp per mettere a punto i criteri di monitoraggio dell’epidemia. Tra questi il tasso di occupazione delle terapie intensive e le percentuali di positivi sui tamponi fatti. Per accompagnare la fase della riapertura sono necessari criteri di ‘soglie di allarme’ che il ministero sta mettendo a punto. Sulla base di questi criteri – si apprende – i presidenti di regione avranno potere di iniziativa. Il provvedimento è atteso entro la settimana.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Azzolina: la maturità al via il 17 giugno
L’esame parte da un argomento scelto insieme ai docenti. La ministra dell’Istruzione ospite a Scuola.net, risponde agli studenti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 aprile 2020
17:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina risponde alle domande degli studenti su esami di Stato, ritorno a scuola e altri temi caldi del mondo dell’istruzione oggi in diretta Live, ospite di Skuola.net.
L’emergenza Covid-19 ha messo in difficoltà tutti, ma il mondo della scuola non ha esitato a rialzarsi: nuove modalità didattiche e l’uso della tecnologia hanno permesso agli studenti e ai docenti di non fermarsi. L’anno scolastico è salvo e si è arrivati a poche settimane dalla sua conclusione. Anche l’esame finale per le scuole superiori, la maturità 2020, pietra miliare per generazioni di studenti, è stato preservato e attende i maturandi il prossimo giugno. Certo, avrà una veste totalmente nuova rispetto al passato, data la situazione fuori dal comune. La formula sarà quella, ormai confermata, del maxi orale, che la ministra dell’Istruzione vorrebbe si facesse in presenza, a scuola, davanti alla commissione interna ad eccezione del presidente esterno.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VIDEO:Il giorno della data dell’esame di maturità sarà il 17 giugno “e l’esame orale partirà da un argomento che non sarà una tesina ma un argomento da cui partiranno scelto con i loro prof. Si parte da un argomento di indirizzo”. Lo ha detto la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina a Skuola. net. “L’esame di stato non è un interrogatorio ma l’apice di un percorso non può riguardare quanto no è stato fatto”.
“L’esame rappresenta la conclusione di un percorso. Per questo i crediti prima della pandemia erano 40, poi c’erano gli altri 60 legati alle prove. Ora deve essere valorizzato il percorso di studi di più: quel 60 saranno i crediti dai quali gli studenti potranno partire e 40 la prova orale. Questo sarà un giusto riconoscimento all’impegno. Poi ci sarà la possibilità di far sì che l’esame orale partirà da un argomento che non sarà una tesina ma un argomento da cui partiranno scelto con i loro prof”. Lo ha detto la ministra Azzolina a Skuola.net.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Def, via libera della Camera. Conte atteso al Senato sull’emergenza
Mozione delle minoranze chiede stop ai dpcm. Nuovo confronto con le Regioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 aprile 2020
22:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con 295 voti favorevoli e 191 contrari la Camera ha approvato la risoluzione di maggioranza sul def, accettata dal governo.
La Camera ha approvato la risoluzione della maggioranza favorevole allo scostamento di Bilancio: 512 i sì, un no e nessun astenuto.  Nel corso delle dichiarazioni di voto, solo il deputato Vittorio Sgarbi, del gruppo Usei, aveva annunciato voto contrario allo scostamento di Bilancio.
Ed è in programma per giovedì 30 maggio l’informativa del premier Conte al Senato sulla situazione dell’emergenza coronavirus. Lo hanno deciso i capigruppo di Palazzo Madama.
Le minoranze intanto vanno all’attacco, e una mozione unitaria firmata da Fi, Fdi, Lega e Noi con l’Italia chiede di “correggere tutte le storture normative emerse” con uno stop ai Dpcm, ripristinando “tutte le libertà costituzionalmente garantite” nel rispetto delle misure di sicurezza. Prosegue il confronto con le Regioni in vista dell’avvio della Fase 2.
Il ministro Boccia: ‘Le regole di Parlamento e governo per tutelare la salute vanno rispettate, ognuno deve sapere quali sono le proprie responsabilità.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Solinas, la Sardegna può aprire prima
“Prudenza ma nuova normalità per imprese e cittadini”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
29 aprile 2020
20:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“In Sardegna, alla luce dei dati sulla diffusione del Covid-19, è possibile avviare finalmente una ripresa ordinata, prudente ma più rapida, del nostro sistema economico e produttivo, e consentire un graduale ritorno a quella nuova normalità della vita sociale tanto attesa da tutti”. Lo dichiara il presidente della Regione Christian Solinas, che con altri dieci governatori e i due presidenti delle Province autonome ha scritto al presidente della Repubblica Mattarella, al premier Conte e al ministro Boccia per poter allentare i vincoli dell’isolamento sociale.
“Nelle richieste avanzate – sottolinea il presidente – è possibile ritrovare i punti fondamentali per la ripartenza già illustrati nei giorni scorsi, che hanno trovato ampia condivisione tra tutti i colleghi, nel segno del rispetto delle Autonomie e delle peculiarità territoriali, e dell’esigenza di diversificare le misure in atto”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Alla Camera i deputati andranno in tribuna
In Aula sedute su 5 giorni la settimana
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
29 aprile 2020
21:45
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Da domani parte dei deputati andrà in tribuna per assistere alla seduta e votare usando i pc portatili allestiti per garantire il distanziamento. E’ stato stabilito nella Conferenza dei capigruppo di Montecitorio i cui lavori sono ancora un corso. In totale saranno disponibili 504 posti tra Aula e tribune; ove i presenti dovessero essere di più si voterà con appello nominale.(
L’Aula della Camera terrà sedute su 5 giorni la settimana: è stato stabilito nella Conferenza dei capigruppo di Montecitorio i cui lavori sono ancora un corso. Il lunedì sarà dedicato alle discussioni generali, il martedì l’Aula si riunirà dalle 16 alle 19 e il mercoledì per l’intera giornata tranne che per la pausa dedicata alle commissioni. Votazioni anche nell’intera giornata del giovedì e il venerdì mattina; le interpellanze si terranno il venerdì pomeriggio.

Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

RAGGI RISPONDE A SALVINI

Tempo di lettura: < 1 minuto

RAGGI RISPONDE A SALVINI

AGGIORNAMENTO IN “POLITICA”

DELLE 00:11 DI LUNEDì 15 APRILE 2019

RAGGI RISPONDE A SALVINI

“A Salvini voglio dire che ho le spalle larghe e non mi spavento facilmente. Io le villette dei clan mafiosi le ho abbattute, dopo decenni di silenzio delle precedenti giunte: otto case del clan Casamonica buttate giù dalla ruspa. Infine, per togliere la spazzatura non serve assolutamente uno scienziato ma sono necessari duro lavoro e costanza. Di certo non bastano due tweet e qualche battuta ad effetto. Ma io non voglio inutili polemiche elettorali.
Lavoriamo!”. Lo scrive su fb la sindaca di Roma Virginia Raggi- “Chiariamolo ancora una volta – aggiunge -. Non facciamo sborsare un euro in più allo Stato e alle altre amministrazioni per il vecchio debito di Roma. Anzi facciamo risparmiare agli italiani e ai romani 2,5 miliardi di euro, tagliando i folli tassi di interesse delle banche su quei 13 mld di debito che hanno fatto le precedenti amministrazioni. Da quando ci siamo noi, il debito è addirittura sceso perché noi teniamo i conti in ordine e non ne facciamo altro”.          [print-me title=”STAMPA”]