Sport tutte le notizie. Tutte le notizie sportive costantemente aggiornate in tempo reale. SEGUI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Notizie, Sport, Ultim'ora

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 13 minuti

Ultimo aggiornamento 17 Ottobre, 2020, 13:48:10 di Maurizio Barra

SPORT TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

SPORT TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 14:15 DI VENERDì 16 OTTOBRE 2020

ALLE 13:48 DI SABATO 17 OTTOBRE 2020

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Sci: Cdm; gli slalomisti azzurri in Val Senales
Condizioni ghiacciaio consentono alto livello di allenamenti
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
16 ottobre 2020
14:15
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Gli slalomisti azzurri stanno per trasferirsi in Val Senales, dove le condizioni del ghiacciaio consentono un alto livello di allenamento. Dal 19 ottobre, agli ordini di Jacques Theolier, ci saranno Stefano Gross, Simon Maurberger, Alex Vinatzer, Giuliano Razzoli, Hannes Zingerle, Tommaso Sala e Manfred Moelgg. Tommaso Sala e Manfred Moelgg, reduci dal gigante di apertura a Soeldendel 18 ottobre , si uniranno ai compagni solo il 21.
Per i primi due giorni, gli slalomisti si ritroveranno anche con alcuni velocisti di Coppa del mondo: Emanuele Buzzi, Mattia Casse, Christof Innerhofer e Alexander Prast. In più ci saranno tre atleti del Gruppo della Coppa Europa: Guglielmo Bosca, Davide Cazzaniga e Florian Schieder.
Allenamento programmato in val Senales dal 19 al 23 ottobre anche per azzurre polivalenti guidate da Giovanni Feltrin: Elena Curtoni, Francesca Marsaglia, Nicol Delago, Nadia Delago e Verena Gasslitter.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Covid: più di 3 giocatrici positive, Cuneo Volley non gioca
Presidente ‘ci sentiamo inermi’. Rinviato match contro Novara
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2020
15:07
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
La partita del campionato di Serie A femminile di pallavolo tra Novara e Cuneo è stata rinviata a data da destinarsi. Motivo della decisione è che nella Bosca S.Bernardo Cuneo, “a seguito dei tamponi urgenti e straordinari effettuati nel pomeriggio di mercoledì 14 ottobre dopo il primo caso di Covid-19 rilevato nel gruppo squadra, più di tre giocatrici sono risultate positive al virus”.
“Abbiamo attivato il protocollo con scrupolo, ma evidentemente non è stato sufficiente – dice il presidente di Cuneo, Diego Borgna -. Sono molto rammaricato ma non preoccupato: non tutte le persone sono asintomatiche, ma nemmeno mostrano gravi sintomi. Tutto il gruppo è in isolamento volontario da mercoledì, nella tutela del resto della popolazione. Da luglio a oggi abbiamo fatto oltre trecento tamponi, siamo monitorati più volte a settimana, anche attraverso la misurazione della temperatura prima di ogni allenamento. Ci sentiamo inermi, ma non demotivati. Prima di tutto viene la salute, dopo tornerà anche lo sport”.   PIEMONTE

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Pugilato: Turchi torna sul ring, combatte per titolo Ibf
Venerdì 23 massimo leggero fiorentino affronta lettone Grisunins
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2020
15:32
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Torna sul ring il peso massimo leggero fiorentino Fabio Turchi, che venerdì 23 all’Allianz Cloud di Milano affronterà il il lettone Nikolajs Grisunins per il titolo Internazionale Ibf della categoria, attualmente vacante. Sarà il match clou della manifestazione organizzata, a porte chiuse, da Opi Since 82, Matchroom Boxing Italy e da Dazn, che trasmetterà in diretta l’incontro.
Turchi attende da mesi di riprendere la sua carriera, dopo la sconfitta ai punti per decisione non unanime contro Tommy McCarthy dell’11 ottobre 2019 a Trento. In quell’occasione il pugile fiorentino aveva perso il titolo internazionale Wbc.
“Quando facevo parte della nazionale italiana, Grisunins faceva parte della squadra Milano Thunder che partecipava alle World Series – racconta Turchi – e ho avuto l’occasione di vederlo combattere, di conoscerlo personalmente e di allenarmi con lui.
Abbiamo anche fatto sparring. E’ il classico pugile dell’est, molto bravo tecnicamente”. “Ricordo che i suoi pugni non erano molto potenti – dice ancora -, ma si muoveva bene ed era rapido.
Insomma, è un bel pugile. E’ mancino, ma questo per me non sarà un problema perché mi sono allenato con diversi pugili mancini.
So come battere Grisunins”. Sul proprio stato di forma Turchi dice che “mi avevano detto che sarei dovuto tornare sul ring a luglio e quindi ero in già in forma in quel periodo. Poi ho continuato ad allenarmi con passione e costanza e ora sono al massimo”.
Nella riunione di venerdì 23 Venerdì si svolgerà anche la prima fase di un torneo riservato ai pesi welters: il campione internazionale Ibf Maxim Prodan affronterà Nicola Cristofori, mentre Dario Morello se la vedrà con Andrea Scarpa. I due match saranno sulla distanza delle dieci riprese. Il montepremi del torneo è di 50mila euro.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Giro: stop a corsa? richiesta EF vergognosa e inopportuna
Manager Androni attacca team americano che aveva scritto a Uci
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2020
15:42
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Il Giro continua a svolgersi, intanto nella carovana fa molto discutere la richiesta della EF Pro Cycling, team statunitense che ha scritto all’Uci chiedendo che venisse interrotta la ‘Corsa Rosa’ perché la bolla sanitaria non sarebbe più sicura.
La cosa ha fatto infuriare alcune altre squadre, e dlla vicenda ha parlato Gianni Savio, team manager della Androni Giocattoli Sidermec, ai microfoni della Rai. “Quella fatta ieri dalla EF è una cosa assolutamente inopportuna, inqualificabile, totalmente vergognosa. Ritengo che sia una mancanza totale di rispetto verso l’organizzazione e anche nei nostri confronti.
Come minimo avrebbero dovuto interpellare tutte le altre squadre – ha detto ancora Savio -, noi sicuramente non avremmo mai condiviso la loro posizione. Rivolgersi direttamente all’Uci per avanzare una richiesta simile è assolutamente vergognoso”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Il manager dell’Androni ha poi sottolineato di non essere “assolutamente d’accordo con chi sostiene che non ci siano le condizioni adeguate per correre. A mio avviso è una polemica assolutamente inutile e sterile e soprattutto controproducente.
In questo momento tutte le parti dovrebbero essere unite perché solo attraverso l’unità di intenti si può tenere testa a questo virus. Certo, occorrerà il vaccino per sconfiggerlo del tutto, ma dobbiamo coesistere con questo nemico invisibile restando uniti”. E l’organizzazione del Giro, secondo Savio, ha fatto la sua parte: “l’organizzazione ha preso tutte le misure per cercare di proteggerci. Certo, ci sono stati dei casi di positività, ma guardiamoci intorno, anche i più grandi dello sport come Federica Pellegrini, Valentino Rossi e Cristiano Ronaldo sono stati colpiti, e questo dimostra che nessuno è immune”. “Noi vogliamo arrivare a Milano, siamo qui per questo, per lottare ogni giorno e per farci valere, nonostante sia un anno molto difficile”, ha concluso Savio.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Giro: Ulissi vince 13/a tappa, Almeida rimane leader
Per azzurro è l’ottava vittoria in carriera alla corsa rosa
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2020
18:57
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“Ci stiamo attenendo alle regole e cerchiamo di fare le cose nel modo più giusto possibile. Non mi è mai stato detto che si sarebbe fermata la corsa. Dipende comunque tantissimo da cosa deciderà il Governo, è lui che deciderà prima di noi se correre o no. Il Giro è un patrimonio internazionale e prima di fermarlo ci penserei due volte”. Le parole, dette ai microfoni Rai, da Vincenzo Nibali rendono bene l’idea di quale sia l’atmosfera che si respira al Giro d’Italia. Più che della vittoria dell’ottimo Diego Ulissi, la seconda personale del toscano in questa edizione del 2020, si parla del futuro, ovvero se la Corsa Rosa arriverà fino in fondo, a Milano, il 25 ottobre. La richiesta del team americano EF di sospendere la corsa perché sarebbero venute meno le condizioni di sicurezza anti-Covid è stata respinta dall’Uci e ha indignato la carovana. La posizione un po’ di tutti è stata esplicitata da Gianni Savio, team manager dell’Androni Giocattoli: “quella fatta dalla EF è una cosa assolutamente inopportuna, inqualificabile, totalmente vergognosa. Ritengo che sia una mancanza totale di rispetto verso l’organizzazione e anche nei nostri confronti. Come minimo avrebbero dovuto interpellare tutte le altre squadre”. Tutto giusto, però se sia il caso di andare avanti è qualcosa di cui si parla.
“Per esempio, vedo molti team che hanno anche i camion ristorante -dice ancora al riguardo Nibali -, tanti si sono lamentati che sono entrate persone insieme negli alberghi. Noi eravamo isolati da un’altra parte e con camere isolate, da noi la bolla regge. Ci sta comunque che un caso possa venire fuori. Oggi, con la coda dell’occhio, ho notato persone senza mascherine sulla salite e quindi chiedo a tutti di indossare la mascherina, per noi e per voi”. Intanto si va avanti e la maglia rosa Joao Almeida guadagna qualche secondo sui più diretti inseguitori, in quanto si piazza al secondo posto, dietro al solo Ulissi, nello sprint che assegna la vitroria in qusta tappa, che prevedva tanta pianura ma con due Gpm come il Roccolo e il Calaone nel finale, autentici muri con pendenze che toccano il 17-18%. Proprio in quei frangenti, spinti dagli allunghi di Ulissi e del britannico Geoghegan, sono rimasti davanti in venti, fra i quali Almeida che già in precedenza aveva messo al lavoro i suoi per guadagnare terreno su Sagan, rimasto staccato. In salita ha pedalato bene anche Nibali, che nella volata finale ha tirato per Ulissi, uscito bene e bravo a resistere al ritorno di Almeida e dell’austriaco Konrad.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Spadafora “su bonus di giugno ho sollecitato Sport e Salute”
Ministro su facebook: “Ho chiesto di individuare soluzioni”
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2020
16:46
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“Continuo a ricevere migliaia di email e messaggi sui social di lavoratori sportivi che ancora non hanno ricevuto il bonus di giugno e soprattutto che non ricevono ancora alcun riscontro alle loro segnalazioni dalla società Sport e Salute. Mi dispiace davvero molto; ho chiesto alla società di gestire le problematicità emerse con maggiore rapidità ed efficienza. Ho sollecitato nuovamente il Presidente Cozzoli ad individuare tutte le soluzioni possibili e a darmi un riscontro quanto prima”. Lo scrive il ministro per le politiche giovanili e lo sport, Vincenzo Spadafora sul suo profilo facebook.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Il Covid non ferma il Rally Italia Talent, ecco i campioni 2020
Sfida finale su Suzuki Swift,edizione record nonostante pandemia
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2020
17:45
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Talento, passione e tanta voglia di mettersi alla prova e tutto nonostante le tante problematiche dovute all’emergenza Covid 19. Si è chiusa così l’edizione 2020, la settima, dell’Aci Rally Italia Talent che con la finale andata in scena all’ Adria International Raceway ha decretato i suoi vincitori nelle sue diverse categorie dalla Ability ai licenziati passando per la femminile e la young. All’insegna dello slogan #rallypertutti sono stati 35 gli aspiranti piloti e 35 i navigatori provenienti da tutte le regioni italiane: tra questi 16 le presenze in rosa e 13 i minorenni che si sono sfidati a bordo delle Suzuki Swift Sport Hybrid, gommate Toyo, scelte da Aci Rally Italia Talent 2020 come auto ufficiali per vincere gli importanti premi nelle categorie previste dal regolamento. La vittoria darà l’opportunità di correre come piloti e navigatori ufficiali nei Campionati o nei Trofei titolati Aci Sport sempre con vetture Suzuki. Per la prima volta, hanno partecipato alla Finale, grazie all’iniziativa Rally Italia Talent Ability, anche 6 disabili scelti tra gli oltre 100 che hanno partecipato gratuitamente alle selezioni regionali ed alla semifinale per permettere loro di affrontare le prove di destrezza e di sfidare gli altri concorrenti ad armi pari grazie a una Suzuki Swift speciale messa a loro disposizione, con un allestimento studiato con la collaborazione dell’azienda Handytech di Moncalvo d’Asti e del Gruppo Hap. La sfida si è svolta con tutte le misure di sicurezza e prevenzione Covid, finalisti e staff hanno dovuto presentare la negatività del tampone effettuato entro 72 ore prima dell’evento. “Un grazie particolare – affermano gli organizzatori – al presidente Aci, Sticchi Damiani, al direttore per lo Sport in ACI, Ferrari, al direttore Generale di Aci Sport, Rogano e al presidente della Commissione Rally, Settimo”. Nonostante l’emergenza Covid 19 quella del 2020 è stata l’edizione record con oltre 10.500 iscritti, grazie al patrocinio di ACI e della FIA, in collaborazione con Suzuki Italia, Generali Italia, Toyo Italia e Stilo. E la sfida continua: sono già aperte le iscrizioni online per la 8^ edizione sul sito Rallyitaliatalent.

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Tennis: Musetti e Cecchinato in semifinale al Sardegna Open
Torneo Atp250 alle battute conclusive, nel doppio fuori Bolelli
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
SANTA MARGHERITA DI PULA
16 ottobre 2020
18:06
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Lorenzo Musetti e Marco Cecchinato in semifinale al Sardegna Open di Santa Marghierita di Pula. Il toscano ha battuto ai quarti il tedesco Hanfmann. Un match che sembrava facile facile: il 18enne di Carrara ha stravinto il primo set (6-2). Nel secondo però è entrato un pò in crisi e ha subito un iniziale 0-4 dall’avversario. Bravo Musetti a non considerare il set già perso: ha strappato due break riavvicinandosi sul 3-4. Poi Hanfmann, che ha accusato anche dei problemi all’adduttore, è crollato definitivamente: 6-4. Ora Musetti incontrerà in semifinale Djere: il serbo ha conquistato il passaggio di turno sconfiggendo 6-4, 6-4 il ceco Veselj.
Impresa di Cecchinato nel pomeriggio contro il numero 45 al mondo Ramos-Vinolas, quarto favorito del torneo. L’incontro è iniziato male: il siciliano non è entrato bene in partita e ha chiuso il primo set 4-6. Poi è cresciuto punto dopo punto. E per l’iberico non c’è stato scampo: 6-1 al secondo e 6-1 al terzo set. In semifinale troverà Petrovic (il “ripescato” che ha sostituito Fognini) che ha battuto l’argentino Delbonis 7-6, 6-1. Fuori nel doppio Simone Bolelli, sconfitto in coppia con Gonzalez da Cabal e Farah 6-2, 6-4. E domani è già tempo di verdetti: finale di doppio tra Cabal-Farah e Daniell-Oswald.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Bonus giugno:Sport e Salute,già pagati 122mila collaboratori
“Stiamo verificando le altre domande una per una”
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2020
18:54
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“Sport e Salute sta esaminando una per una le pratiche per il bonus di giugno ai collaboratori sportivi sulla base del decreto che ha stanziato le risorse per questa indennità”. Così sul sito e sui social la società fa il punto sui pagamenti per il mese di giugno. “Qui ricapitoliamo il lavoro già fatto, quello in corso, le criticità e i contatti per ottenere un supporto – si legge – I fondi sono stati accreditati sul conto della Società lunedì mattina. Alle 8,30 dello stesso giorno sono partiti i bonifici per 112 mila persone. In totale sono stati subito erogati circa 68 milioni di euro. Nel caso di problemi rispetto al possesso dei requisiti necessari in base al nuovo testo di legge, Sport e Salute ha inviato una mail individuale per consentire a ogni singolo collaboratore di verificare la sussistenza dei requisiti stessi per accedere al bonus” “In questi pochi giorni sono state esaminate circa 25 mila mail ed è stata verificata, per il momento, la sussistenza del diritto al bonus per circa 5000 persone. Questi casi verranno sbloccati nelle prossime ore; A tutti coloro che hanno contattato la Società senza produrre la documentazione idonea all’immediato pagamento dell’indennità, verrà nuovamente offerta singolarmente la possibilità di produrre le integrazioni necessarie ed è sempre a disposizione la mail ultimosoccorso@sportesalute.eu. Nei casi di incompatibilità del bonus con altre indennità Inps o di criticità segnalate dall’Agenzia delle Entrate, Sport e Salute, consapevole che la storia di ciascuno è diversa dalle altre, sta svolgendo gli opportuni approfondimenti, su cui verrete puntualmente aggiornati”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Pesi:Urso si dimette dal Consiglio Iwf ‘folle e distruttivo’
“E’ unico modo per sensibilizzare il Cio. Bisogna fare qualcosa”
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2020
19:25
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Arriva in tarda serata di ieri la drastica decisione di Antonio Urso, presidente Italiano ed Europeo di Pesistica, che si dimette ‘con effetto immediato e irrevocabile’ dal Consiglio Mondiale della Federazione Internazionale di Weightlifting. La scelta arriva in seguito alle “scellerate” scelte dell’Executive Board dell’IWF, ancora allo sbando dopo l’esclusione dell’ex Presidente Tamas Ajan, dimessosi dopo la messa in onda del documentario ‘Secret Doping.
Lord of the Lifters’ del canale tv pubblico tedesco Ard, che aveva svelato le corruzioni, le sottrazioni economiche, le complicità e i controlli sul doping, dell’ex padre-padrone della pesistica mondiale. A questo era seguito il Rapporto McLaren, in gran parte basato sulle testimonianze e i dati riportati da Urso, che aveva svelato ufficialmente i misfatti di Ajan, della sua leadership autoritaria nell’IWF, dove è stato segretario generale e poi presidente per 44 anni.
Solo negli ultimi tre giorni l’IWF ha avuto tre diversi leader (Ursula Papandrea, Intarat Yodbangtoey – durato solo 48 ore – e ora il britannico Mike Irani), e ha affrontato severe critiche da parte del Comitato Olimpico Internazionale, il cui Presidente Back una settimana fa ha messo in forse la presenza della Pesistica ai Giochi già a partire da Parigi 2024. Non solo: il Consiglio IWF è stato etichettato come “corrotto” dal presidente della sua stessa Commissione Atleti e ora ha perso uno dei suoi membri più rispettati, Antonio Urso.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“Il motivo di questa scelta – scrive Urso nella mail inviata a tutti i membri dell’Executive Board – deriva dal fatto che non condivido più la linea politica di questo Consiglio, che mi sembra folle e distruttiva verso il futuro della Pesistica mondiale”. Una scelta sicuramente forte quella di Urso che in questo modo intende dare un segnale al CIO, dal quale da tempo invoca una decisione forte per far sopravvivere la disciplina.
“Ci ho riflettuto a lungo – afferma Urso – e questa era l’unica carta che avevo a disposizione per sensibilizzare il Comitato Olimpico Internazionale. Si sono raggiunti livelli ignobili”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Covid: positiva tutta la Nazionale di short track
Una quindicina di atleti, interrotto il raduno a Bormio
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
BORMIO (SONDRIO)
16 ottobre 2020
21:47
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
La Nazionale azzurra di short track, in ritiro a Bormio (Sondrio), ha dovuto interrompere la preparazione stagionale sul ghiaccio nella località turistica della Valtellina. Prima un atleta è risultato positivo al Covid 19, dopo sintomi influenzali manifestati da parte di un compagno. A fini preventivi tutto il gruppo azzurro è stato posto in quarantena e poi l’Ats della Montagna ha sottoposto a tampone l’intera squadra. Oggi i risultati. Quasi tutti gli atleti sono risultati positivi, ad esclusione dei tecnici.
Gli atleti coinvolti sono una quindicina in tutto. Al momento non è chiara l’origine del contagio perché le attenzioni assunte erano state molto rigorose. Si è deciso di interrompere il raduno a Bormio. E i tecnici assicurano che i sintomi degli azzurri non sono gravi.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Basket: Eurolega, Ax Milano-Real Madrid 78-70
Notte da favola ma per Delaney brutto infortunio a caviglia
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 ottobre 2020
23:02
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
L’Ax Milano si incorona regina di Eurolega per una notte: l’Olimpia riscatta la brutta sconfitta di Atene di due sere fa e batte il Real Madrid (78-70) con una ripresa da favola e rimonta furiosa (dal -14). Il tutto senza i lungodegenti Micov e Punter e con Delaney fuori dai giochi in fretta per una distorsione alla caviglia dopo essere atterrato sul piede di un avversario.
Dopo un primo tempo troppo morbido, la squadra di Messina esce dagli spogliatoi all’intervallo con occhi diversi e una voglia matta di difendere, togliendo tutte le linee di passaggio semplici agli spagnoli. E’ Rodriguez – grande ex – a suonare la carica (25 punti e 7 assist), Datome (9 ma 5 in fila in un momento cruciale) dà una prima spallata nel terzo periodo, Shields (19 e 7 rimbalzi) chiude la pratica con un finale chirurgico. La tripla di Moraschini a 90” dalla sirena è il suggello del tabù spezzato: era dall’8 gennaio 2009 che Milano non riusciva a battere il Real Madrid, una striscia eterna di 14 sconfitte consecutive.
“Siamo molto felici – le prima parole di Rodriguez – e vorrei dedicare questa prestazione a mia moglie che presto mi renderà nuovamente padre”. “E’ stato un finale perfetto – dice Messina – dopo uno sforzo incredibile. So no molto contento di tutto, temo però che l’infortunio di Delaney sia piuttosto serio”. L’unica nota stonata di una notte da favola.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Moto: ad Aragon ancora Yamaha su tutti, Vinales si migliora
Anche in FP2 marchio giapponese vola con Quartararo e Morbidelli
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
16 ottobre 2020
16:41
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Maverick Vinales ha abbassato di oltre due secondi il tempo che gli era valso il primo posto al termine della FP1, sulla pista spagnola di Aragon, dove domenica si corre la decima gara del mondiale MotoGp.
Nelle seconde libere, grazie al supporto delle gomme morbide montate nel finale da tutti i piloti, lo spagnolo ha fermato il cronometro sull’1’47″771, precedendo ancora altre due Yamaha: quelle di Fabio Quartararo (+0.249) e Franco Morbidelli (+0.447). A seguire Mir (Suzuki, +0.730), Crutchlow (Honda, +0.827) e Aleix Espargaro (Aprilia, +0.899), seguito dal feratello Pol (KTM, +0.975). Le Honda di Alex Marquez e Nakagami, con la Suzuki di Rins, completano la top-ten. In ritardo le Ducati: la locomotiva del ‘trenino rosso’ è quella guidata da Zarco, 11/o. Seguono Rabat, Dovizioso, Miller e Petrucci, con il ternano 15/o.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Covid: pallavolo; tre positività, rinviata partita A/2 donne
Rischio focolaio per Montale-Cus Torino, quindi non si gioca
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
17 ottobre 2020
12:35
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
La partita della Serie A/2 donne di pallavolo fra Exacer Montale e Barricalla Cus Torino, in programma domani, è stata rinviata a data da destinarsi a causa dell’esistenza, nel team torinese, di “tre casi di positività al Covid-19 all’interno del gruppo squadra”, come riporta un comunicato della lega volley femminile. Tutto ciò “in attesa dei risultati dei tamponi eseguiti su altre atlete che registrano sintomi riconducibili al contagio”. Così, sentito il parere del medico di Lega, è stato disposto il rinvio del match “al fine di evitare il propagarsi di un possibile focolaio”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Mondiali Mezza Maratona; Jepchirchir record corsa solo donne
Oro a keniana,davanti a tedesca Yisak Kejeta e a etiope Yehualaw
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
GDYNIA
17 ottobre 2020
13:00
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
La keniana Peres Jepchirchir ha vinto per la seconda volta in carriera la gara femminile dei Mondiali di mezza maratona correndo in 1 h 05’16”. Questo tempo è il record in una gara a cui hanno preso parte esclusivamente donne, mentre il primato mondiale di mezza maratona rimane quello dell’etiope Ababel Yeshaneh, che ha corso in 1 h 04’31” in una prova mista in cui uomini e donne correvano insieme.
Al secondo posto nel Mondiale di oggi si è piazzata la tedesca Melat Yisak Kejeta, terza l’etiope Yalemzerf Yehualaw. La gara è stata caratterizzata dalle cadute di due delle favorite, che stavamo lottando nelle posizioni di testa, le etiopi Netsanet Kebede Gudeta, campionessa uscente andata a terra durante un tratto in discesa a metà gara, e Ababel Yeshaneh.    VAI AL CALCIO

No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.