Economia tutte le notizie in tempo reale. Sempre aggiornate e complete. Leggile e condividile!
Aggiornamenti, ECONOMIA, Notizie, Ultim'ora

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 43 minuti

Ultimo aggiornamento 26 Gennaio, 2021, 18:39:14 di Maurizio Barra

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 18:36 DI DOMENICA 24 GENNAIO 2021

ALLE 18:39 DI MARTEDì 26 GENNAIO 2021

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Effetto covid sui prezzi: giù a Venezia, schizzano a Bolzano
UNC: Nel 2020 Italia in deflazione per la terza volta dal 1959
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
23 gennaio 2021
11:21
AGGIORNATO ALLE
18:36
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Effetto Covid sui prezzi nel 2020 in Italia con un ristretto numero di città dove si è registrato un aumento della spesa media, in testa Bolzano (+254 euro a famiglia), Grosseto (+208) e Cosenza (+138) ed un numero molto più ampio dove si è registrato un netto calo, con Venezia al primo posto ed un risparmio di 187 euro a famiglia. E’ quanto risulta da uno studio dell’Unione Nazionale Consumatori realizzato elaborando i dati Istat che sottolinea come nel suo complesso l’Italia nel 2020 sia per la terza volta in deflazione dal 1959.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nell’anno appena concluso al quarto posto per aumenti Napoli che, con la terza inflazione più elevata, +0,6%,ha un aumento per una famiglia media, pari a 131 euro su base annua. Al quinto posto, Perugia, dove il +0,5% determina una crescita di 119 euro. Seguono Trento (+0,5%, +117 euro), Trapani (+0,5%, +98), all’ottava posizione Benevento (+0,3%, +61), poi Arezzo (+0,2%, +52), chiude la top ten Novara (+0,2%, +49 euro).
Se 19 città registrano una crescita dei prezzi, ben 47 sono in deflazione.
In testa alla classifica delle città più risparmiose Venezia, dove il crollo record dei prezzi dello 0,7 ha consentito nel 2020 un risparmio, per una famiglia media veneziana, di 187 euro. Al secondo Aosta, dove il calo dello 0,7% equivale a una minor spesa annua di 178 euro, sul gradino più basso del podio Verona, -0,7% pari a -177 euro. Seguono Siena, -0,6% pari a -156 euro, e al quinto Milano, dove la riduzione dei prezzi dello 0,5% equivale a -145 euro.
“Il calo dei prezzi dello 0,2% ha consentito ad una famiglia italiana di risparmiare mediamente 47 euro, contenendo la caduta del potere d’acquisto dovuta alla flessione del reddito disponibile delle famiglie” afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori.
A livello regionale sono in deflazione tutte le città della Liguria (record a la Spezia: -0,5%, -114 euro), della Lombardia (Milano: -0,5%, -145 euro), Emilia Romagna (record a Bologna: -0,5%, -141 euro), Marche (Macerata: -0,4%, -86 euro) e Lazio (primato a Roma, -0,4%, -104 euro). In Toscana le disparità più elevate. Si passa, infatti, dal +0,8% di Grosseto, pari a +208 euro, a Siena, dove il -0,6% si traduce in una spesa inferiore di 156 euro rispetto al 2019, una divario di ben 364 euro. Nessuna città in deflazione in Campania (i rialzi più ampi a Napoli, +0,6%, +131 euro) o in Umbria (Perugia: +0,5%, +119 euro). In Calabria si passa dal +0,7% di Cosenza (+138 euro) al -0,1% di Reggio Calabria (-20 euro), in Sicilia dal +0,5% di Trapani (+98 euro) al -0,1% di Catania (-21 euro), in Veneto dalla variazione nulla di Belluno al -0,7% di Venezia, in Friuli Venezia Giulia dal +0,1% di Trieste (+24 euro) al -0,2% di Udine (-47 euro), in Sardegna dai prezzi invariati di Cagliari al -0,3% di Sassari (-60 euro). Ma la frenata dei prezzi, sottolinea, l’Unione Consumatori, non sempre è una buona notizia: “Il fatto che il Nord sia tutto in deflazione è la dimostrazione di come il motore economico dell’Italia si sia fermato. Venezia è il caso più eclatante e simbolico, essendo la città italiana con la contrazione dei prezzi più elevata. Il crollo del turismo ha fatto precipitare la domanda di alcuni servizi. Non per niente Venezia ha il record per la riduzione dei listini dei servizi di alloggio (-10,4%, contro una media italiana di -1,6%) e dei servizi ricettivi e di ristorazione (-2,4%, contro il +0,5% dell’Italia)”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Asia chiude in rialzo, si guarda a trimestrali
Tokyo (+0,67%), Hong Kong (+2%).Lo yen in lieve calo sul dollaro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
08:12
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse asiatiche chiudono in rialzo con gli investitori che guardano all’avvio della stagione delle trimestrali, questa settimana. Resta alta l’attenzione sull’andamento dei contagi da coronavirus in attesa delle indicazioni che arriveranno dal forum economico mondiale di Davos, in Svizzera.

Avanza Tokyo che chiude la prima seduta della settimana con un rialzo dello 0,67%. Sul fronte valutario lo yen tratta a 103,80 sul dollaro, e sull’euro a 126,30. A contrattazioni ancora in corso sono in positivo anche Hong Kong (+2%), Shanghai (+0,2%), Shenzhen (+0,1%) e Seul (+2,2%).
Sul versante macroeconomico in attivo la fiducia delle imprese tedesche. Previsto anche l’indice Chicago Fed (attività nazionale) e quello di Dallas Fed (manifatturiero).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro poco mosso in avvio a 1,2176 dollari
La moneta unica è scambiata a 126,26
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
08:16
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Euro poco mosso in avvio di giornata.
La moneta unica viene scambiata a 1,2176 dollari in rialzo frazionale dello 0,04%.
Sullo yen la moneta unica segna 126,26 (-0,06%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: prezzo spot in lieve calo a 1.851 dollari l’oncia
Su mercati asiatici segna -0,22%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
08:19
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Quotazioni dell’oro in lieve calo sui mercati asiatici. Il lingotto con consegna immediata passa di mano a 1.851,44 dollari l’oncia, con una perdita dello 0,22%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: Wti in rialzo a 52,5 dollari al barile
Guadagna anche il Brent, sale a 55,6 dollari
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
08:22
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il petrolio è in rialzo questa mattina sui mercati internazionali. Il Wti americano segna 52,55 dollari al barile, con un guadagno dello 0,54%, mentre il Brent quotato sul mercato di Londra è a 55,68 dollari, in rialzo dello 0,49%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund apre in calo a 124 punti base
Il rendimento del decennale italiano è allo 0,73%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
08:31
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread tra il Btp e il Bund apre in calo questa mattina a 124 punti base, dai 126 della chiusura di venerdì. Il rendimento del titolo a 10 anni del Tesoro si attesta allo 0,73%.

Il tasso sul decennale greco è allo 0,68%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano apre in rialzo (+0,67%)
Indice Ftse Mib a 22.237 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
25 gennaio 2021
09:09
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano apre in rialzo.
Il primo indice Ftse Mib avanza dello 0,67% a 22.237 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa apre in rialzo, fari puntati su Davos
Francoforte (+0,5%), Parigi (+0,36%), Londra (+0,21%)
e
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
09:17
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee aprono in rialzo con le prese di profitto dopo la frenata di venerdì scorso.
Resta la preoccupazione degli investitori sul rallentamento della campagna di vaccinazioni mentre si guarda alle prossime mosse sulle politiche monetarie e fiscali.
Fari puntati sul forum economico mondiale, con l’intervento di capi di Stato e del presidente della Bce Christine Lagarde.
In rialzo Francoforte (+0,5%), Parigi (+0,36%), Londra (+0,21%) e Madrid (+0,31%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano riduce il rialzo (+0,2%) con le banche
In calo Autogrill, spread Btp-Bund scende a 123 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
09:34
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano (+0,2%) riduce il rialzo iniziale. Piazza Affari si mostra nervosa con le banche che appesantiscono il listino principale.
Andamento negativo per Autogrill (-3%) in vista dell’assemblea degli azionisti del 25 febbraio per l’aumento di capitale. Lo spread tra Btp e Bund scende a 123 punti base, con il rendimento del decennale italiano allo 0,72%.
In rosso Leonardo (-1%), Eni (-0,4%) Sipem (-0,3%). Tra gli istituti di credito in calo Mediobanca e Intesa (-0,5%), Unicredit (-0,4%), Banco Bpm (-0,1%). In controtendenza Mps e Bper (+0,4%).
Andamento positivo per Stm (+3%), Diasorin (+2,1%) e Unipol (+1%). In rialzo anche Tim (+1,3%) mentre Mediaset (-0,1%) si mostra debole.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa galleggia, pesano energia e banche
Bene la farmaceutica, poco mosso euro su dollaro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
09:58
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le Borse europee riducono il rialzo inziale e proseguono le contrattazioni sulla parità. Sui listini del Vecchio continente pesa il comparto dell’energia (-0,9%).

Tra gli investitori restano i timori per i ritardi della campagna di vaccinazione contro il coronavirus dopo le riduzioni annunciate dalle aziende farmaceutiche. Sul fronte valutario poco mosso l’euro sul dollaro a 1,2175 a Londra.
Piatte Londra e Parigi (-0,05%), Madrid (-0,3%) mentre è in rialzo Francoforte (+0,1%). In calo le banche (-0,4%) con Hsbc (-1,2%), Societe Generale (-0,8%), Bnp Paribas (-0,7%) e Credit Agricole (-0,4%). Nel comparto dell’energia si mostrano deboli Shell (-0,7%), Bp (-0,6%) e Total (-0,5%).
Andamento positivo per il comparto della farmaceutica (+0,7%) con Novartis (+1%), Roche (+0,9%), Bayer (+0,8%) e Astrazeneca (+0,7%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Eni Gas e Luce entra mercato iberico, acquista Aldro Energia
Nell’intesa anche acquisizione 100% Instalaciones Martinez Diaz
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
12:03
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Eni gas e luce, società controllata al 100% da Eni, entra nel mercato iberico dell’energia attraverso l’acquisizione di Aldro Energía. L’operazione – si legge in una nota – è stata perfezionata oggi con la firma di un accordo tra Eni gas e luce e Grupo Pitma per l’acquisizione del 100% di Aldro Energía Y Soluciones, attiva nel mercato della vendita di energia elettrica, gas e servizi a clienti residenziali, piccole e medie imprese e grandi aziende.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’accordo prevede inoltre l’acquisizione del 100% della società di servizi Instalaciones Martìnez Dìaz. “Quest’operazione permette a Eni gas e luce di ampliare la sua presenza nel mercato europeo, che sarà centrale nella strategia di sviluppo delle proprie attività. La società ha infatti l’obiettivo di accrescere il proprio portafoglio, raggiungendo gli 11 milioni di clienti al 2023 a cui offrire non solo gas ed energia elettrica, ma tutta la propria gamma di servizi legati alla casa e all’energia”, spiega Alberto Chiarini, a.d. di Eni gas e luce. Aldro Energía, con sede a Torrelavega nella regione spagnola settentrionale della Cantabria, al momento conta circa 250.000 clienti principalmente in Spagna e Portogallo con un’importante focalizzazione sul segmento delle piccole e medie imprese.
L’operazione sarà perfezionata al ricevimento delle autorizzazioni da parte delle autorità competenti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa in calo con ritardo vaccini, Milano +0,1%
A Piazza Affari scivola Leonardo, euro in calo sul dollaro
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
12:02
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borse europee in calo con i ritardi delle case farmaceutiche ed il rallentamento della campagna di vaccinazione contro il coronavirus. Fari puntati sull’intervento della presidente della Bce Christine Largarde a Davos.
Attesa anche per la riunione della Fed fissata per mercoledì. Sul fronte valutario l’euro sul dollaro rallenta a 1,2151 a Londra.
Piatto l’indice d’area stoxx 600. In rosso Madrid (-0,7%), Parigi (-0,5%), Francoforte (-0,2%) e Londra (-0,3%). In controtendenza Milano (+0,1%), in attesa degli sviluppi sulla crisi di Governo e con lo spread tra Btp e Bund che scende a 122 punti base con il tasso sul decennale italiano allo 0,68%.
A Piazza Affari in calo Leonardo (-2%), Autogrill (-1,3%) alle prese con l’aumento di capitale, Cattolica (-1,1%) e Stellantis (-0,9%). Seduta all’insegna dell’ottimismo per Diasorin (+3,4%), Stm (+2,4%), Tim (+1,6%) e Unipol (+1,4%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Recovery: Panetta, è occasione unica, farne uso accorto
Covid aumenta rischi di divario ricchi-poveri
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
12:01
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“I Piani di ripresa e resilienza che i paesi europei sono chiamati a predisporre per accedere alle risorse del programma Next Generation EU offrono un’occasione unica per rilanciare la crescita, orientandola verso percorsi sostenibili”. Lo sottolinea Fabio Panetta, membro del comitato esecutivo della Bce, intervenendo al 50° anniversario dell’Aiaf secondo cui “lo shock provocato dal COVID-19 ha fatto riemergere, accentuandole, fragilità economiche, sociali e ambientali a livello globale, acuendo i rischi di un incremento delle iniquità e dei divari tra ricchi e poveri”.
“È divenuta evidente l’urgenza di affrontare i problemi in grado di condizionare il benessere dell’umanità. L’attività economica è al tempo stesso causa e vittima dei cambiamenti climatici”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa:Europa debole attende Wall Street,male compagnie aeree
In calo il turismo, A Piazza Affari male Leonardo e Stellantis
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
12:58
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borse europee deboli in vista dell’arrivo di Wall Street dove i future sono contrastati. Gli investitori guardano all’andamento dei contagi da coronavirus ed ai ritardi delle case farmaceutiche sulla distribuzione dei vaccini.
Nel Vecchio continente scivolano le compagnie aeree per i timori di nuovi lockdowun e i maggiori controlli sui movimenti internazionali.
In calo Madrid (-0,6%), Londra (-0,4%), Parigi (-0,3%), Francoforte (-0,2%). Piatta Milano (-0,05%). Nel Vecchio continente sono in rosso Ryanair (-5,5%) e Lufthansa (-3,6%). In calo anche il settore del turismo e servizi (-1,3%). A Piazza Affari proseguono in calo Leonardo e Stellantis (-1,9%), Moncler e Cattolica (-1,1%) e Cnh (-1%). In forte rialzo Diasorin (+3,8%), Stm (+2%), Tim e Unipol (+1,7%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tim si rafforza nel cloud. Nasce Noovle, D’Asaro come ad
Obiettivo 1 mld fatturato nel 2024 e 400 mln ebitda
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
15:23
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tim annuncia la nascita di Noovle, una nuova società interamente controllata, che si propone sul mercato come centro di eccellenza italiano per il Cloud e l’edge computing, con l’obiettivo di potenziare l’offerta di servizi cloud alle imprese e alla Pubblica Amministrazione.
Vi confluiranno i 17 data center del gruppo e Noovle Srl (società acquisita da Tim a maggio e tra i principali partner di Google Cloud nel mercato italiano).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Noovle, spiega una nota, avrà il compito di realizzare 6 nuovi Data Center specializzati nell’offerta public e hybrid cloud, con certificazione TIER IV; gestirà 7 data center Core e 4 centri servizi: una infrastruttura che nel 2022 raggiungerà oltre 50.000 mq di superficie totale su scala nazionale per una capacità che toccherà fino a 100 MW di potenza IT. La società parte oggi con circa 1.000 professionisti e stima di raggiungere 1 miliardo di euro di fatturato nel 2024 con una crescita media annua di circa il 20% e un EBITDA atteso di circa 400 milioni di euro.
A guidarla come amministratore delegato sarà Carlo D’Asaro Biondo, entrato in Tim lo scorso aprile con l’obiettivo di implementare le attività Cloud del gruppo e le partnership strategiche, tra cui quella con Google. Mariarosaria Taddeo sarà il presidente non esecutivo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano gira in calo, giù Stellantis e Leonardo
Corrono Diasorin e Tim, spread Btp-Bund a 122 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
13:30
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano (-0,7%) gira in calo e si allinea agli altri listini europei. Lo spread tra Btp e Bund scende prosegue a 122 punti base, con il rendimento del decennale italiano allo 0,7%.

A Piazza Affari soffrono Leonardo (-2,8%) e Stellantis (-2,7%) e Cattolica (-2%). Male anche le banche con Unicredit (-1,7%), Intesa (-1,6%), Bper (-1,3%), Mps (-1%) e Banco Bpm (-0,4%).
Andamento positivo per Diasorin (+3,5%), Tim (+2,1%), Stm (+1,7%) e Unipol (+1,1%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Recovery: Confindustria al Governo, coinvolgere le parti sociali
Serve stima impatto su Pil-occupazione. Seguire linee guida Ue
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
19:59
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Confindustria, “prima ancora di entrare nel merito” del piano di ripresa e resilienza al primo incontro con il Governo “ha posto quattro questioni prioritarie” dalla “mancata conformità con le linee guida indicate dalla Ue” alla governance “necessaria per una puntuale ed efficiente realizzazione del Piano, ad oggi non ancora delineata” e che per via dell’Astronomia “dovrebbe prevedere modalità di confronto strutturato e continuativo con le parti sociali e un loro coinvolgimento lungo tutto il processo di esecuzione dei progetti”.
“Le note vicende politiche non hanno aiutato ma l’obiettivo del governo è quello di colmare questa lacuna rapidamente”, ha assicurato il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, spiegando che è in corso un confronto costante e costruttivo con la Commissione Ue, fondamentale per la buoa riuscita del piano”.
Tra le richieste degli industriali al Governo, quella “di procedere ad un affinamento del Piano per comprenderne gli effettivi impatti sul Pil”. Per gli industriali serve anche “una stima chiara degli obiettivi sull’aumento dei tassi di occupazione” perchè senza “non è possibile esprimere un parere sull’allocazione complessiva di risorse destinate agli obiettivi di sostenibilità sociale e di crescita della produttività”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: in calo a Ny, a 52,11 dollari
Ribasso dello 0,31%
event type=click&id=7403b974-4…
Ecobonus Citroën
Approfitta delle offerte esclusive Citroën: fino a 9.000€ di ecobonus rottamazione.
Citroën Italia

legal privacy-policy

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
25 gennaio 2021
15:05
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il petrolio in calo a New York, dove le quotazioni perdono lo 0,31% a 52,11 dollari al barile.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: apertura Wall Street, Dj -0,20%, Nasdaq +1,07%
S 500 sale dello 0,32%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
25 gennaio 2021
15:33
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Wall Street apre contrastata. Il Dow Jones perde lo 0,20% a 30.933,43 punti, il Nasdaq sale dell’1,07% a 13.685,73 punti mentre lo S&P 500 avanza dello 0,32% a 3.853,40 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa in calo con avvio contrastato di Wall Street
Male petroliferi, banche e compagnie aeree, pesa Covid
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
15:59
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sono in calo le principali Borse europee con l’avvio contrastato di Wall Street, dove perde il Dj, ma guadagnano il Nasdaq e lo S&P 500, mentre la nuova politica della Casa Bianca sembra andare verso uno stop ai dazi Ue-Usa, nel giorno in cui però il nuovo presidente, Joe Biden, annuncia la firma di un decreto per favorire il Made in Usa.
Mercati sempre attenti, come evidenziano alcuni analisti, alle restrizioni causate dal Covid 19 in molti Paesi, con i ritardi delle consegne dei vaccini e i timori per le nuove varianti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
In Europa la peggiore è Madrid (-1,7%), seguita da Parigi, Francoforte e Milano (-1,3% tutte e tre), e Londra (-1%). Spread Btp-Bund salito oltre 124 punti, in ore in cui si apprende che il premier Conte potrebbe salire al Quirinale. Non si smuove l’oro (+0,05%) a 1.836 dollari l’oncia.
L’indice d’area del Vecchio continente, Stoxx 600, perde lo 0,7%, sotto il peso soprattutto di energia e finanza. Tra i petroliferi ad avere la peggio sono Polski Koncern (-3,1%) e Lundin (-2,7%), col greggio in discesa (wti -0,2%) a 52,1 dollari al barile. Tutte in rosso le banche, con perdite più vistose per Bankinter (-4,6%), Commerzbank (-4,2%), Credit Agricole (-3,7%) e SocGen (-3,6%). Nell’industria soffrono le compagnie aeree, con un tonfo di International Airlines (-7,2%), ma anche di Ryhanair (-4,4%) e Lufthansa (-3,2%). Male componenti e auto, tra cui soprattutto Stellantis (-3,8%) e Renault (-3,6%). A più velocità i semiconduttori, con guadagni per alcuni, come Stm (+1,2%) e perdite per altri, come ams (-3,4%). Molti i farmaceutici in positivo, tra cui AstraZeneca (+1,4%) e Glaxo (+0,9%), al contrario di altri cme Bayer (-2%) e Recordati (-1,5%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Paperoni recuperano in 9 mesi, poveri in 10 anni
Oxfam dieci superricchi con +540 mld a fine 2020
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
16:08
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Covid aumenta le disuguaglianze.
Le 1.000 persone più ricche del mondo hanno recuperato in appena nove mesi tutte le perdite che avevano accumulato per l’emergenza Covid-19, mentre i più poveri per riprendersi dalle catastrofiche conseguenze economiche della pandemia potrebbero impiegare più di 10 anni.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
A calcolarlo è la organizzazione non governativa Oxfam nel rapporto “Il virus della disuguaglianza”, che parla di Covid, diffuso in occasione dell’apertura del Forum di Davos dal quale emerge che per la prima volta in un secolo si potrebbe registrare un aumento della disuguaglianza economica in quasi tutti i paesi contemporaneamente.
Il rapporto evidenzia che le donne sono più colpite dalla povertà provocata dal Covid e, tra l’altro, calcola che nel mondo i 10 uomini più ricchi hanno visto la loro ricchezza aumentare di 540 miliardi di dollari dall’inizio della pandemia: si tratta di una somma che sarebbe più che sufficiente a pagare il vaccino per tutti gli abitanti del pianeta.
Il rapporto elabora i dati aggiornati sui patrimoni e sui redditi in arrivo da molte fonti confrontandoli tra loro.
Quest’anno ha realizzato anche un sondaggio globale su 295 economisti in 79 paesi che rafforza le previsioni di un maggiore divario tra ricchi e poveri: l’87% degli intervistati si aspetta “un aumento” o “un significativo aumento” della disuguaglianza di reddito nel proprio Paese, a causa della pandemia. In assenza di un’azione adeguata e coerente da parte dei Governi, la Banca Mondiale prevede inoltre che entro il 2030 oltre mezzo miliardo di persone vivranno in povertà, con un reddito inferiore a 5,50 dollari al giorno.
Il virus della disuguaglianza mostra come la pandemia abbia acuito le disuguaglianze economiche e sociali, razziali e di genere preesistenti.
Con la ripresa dei mercati azionari – riporta Oxfam – le fortune dei miliardari hanno raggiunto i massimi storici: a dicembre la loro ricchezza totale aveva raggiunto gli 11.950 miliardi di dollari, l’equivalente delle risorse stanziate da tutti i Paesi del G20 per rispondere agli effetti della pandemia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lagarde, speriamo ancora nella ripresa nel 2021
IV trimestre negativo. La Bce comprerà bond ancora a lungo. Borsa: Milano chiude in rosso (-1,6%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
18:05
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“La ripresa è in qualche modo rallentata, ma non è deragliata” e “la speranza è ancora che il 2021 sia l’anno della ripresa”. Lo ha detto la presidente della Bce, Christine Lagarde, alla Davos Agenda 2021 dopo aver anticipato che “la crescita nel quarto trimestre, per l’Eurozona, è negativa”.
Lagarde ha ribadito che la Bce “sarà (compratore, ndr) su mercato ancora a lungo, per assicurare condizioni finanziarie favorevoli” per tutto il tempo necessario: la potenza di fuoco effettivamente utilizzata dal programma di acquisti pandemici Pepp, fissato a 1.850 miliardi di euro, “può essere inferiore” se le condizioni finanziarie migliorassero prima del previsto, “ma anche superiore” se necessario.
Borsa: Milano chiude in rosso (-1,6%) – Chiusura in rosso per Piazza Affari. Il Ftse Mib ha perso l’1,6% a 21.735 punti.
Lo spread tra il Btp e il Bund chiude in calo a 123 punti base dai 126 punti della chiusura venerdì. Il rendimento del titolo a 10 anni del Tesoro si attesta allo 0,67%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Istat, il fisco pesa soprattutto su singoli e famiglie
Sulle imprese si ferma a 4,6% ed è fra i più bassi in Europa
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
17:55
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il sistema fiscale italiano è “fortemente sbilanciato” su individui e famiglie, mentre nei confronti delle imprese l’Italia è “il terzo paese per imposizione fiscale più bassa dopo Lettonia ed Estonia”. Così Gian Paolo Oneto dell’Istat nel corso di un’audizione in commissione Finanze alla Camera.
“Le imposte sui redditi di individui e famiglie pesano per il 27,5% delle entrate totali, mentre quelle sui redditi delle imprese si fermano al 4,6%” ha detto. “Questo sbilanciamento è condiviso con la totalità dei paesi europei (eccetto Cipro),ma un gap superiore a 20 punti si registra, oltre che in Italia, solo in Danimarca, Finlandia, Svezia e Lettonia”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Inps: nessun allarme su pagamento pensioni e Cig
Coperto anche il pagamento del 98,3% della Cig. ‘Restano solo 41.000 pagamenti precedenti gennaio’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
16:44
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Non esiste alcun allarme per il pagamento delle pensioni e delle altre prestazioni dell’Inps che possono essere finanziati attingendo, sulla base di vari strumenti che le legge mette a disposizione, a risorse dello Stato. Lo fa sapere l’Istituto.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel corso del 2020,si legge, il legislatore ha previsto che Inps finanziasse con proprie risorse finanziarie alcune delle misure economiche finalizzate al contrasto degli effetti economici della pandemia. Al contempo si sono registrate minori entrate contributive. La stima di questi effetti è riportata nell’assestamento del bilancio preventivo 2020 e nel bilancio preventivo 2021.
Nello stesso tempo, l’Istituto fa sapere che ha coperto ad oggi il 98,3% delle richieste di cassa integrazione pervenute, ovvero 16,9 milioni di domande su 17,2 milioni.”Sono in lavorazione i pagamenti per 293 mila prestazioni di cui 252 mila giunte a gennaio”. Resterebbero quindi solo 41.000 pagamenti precedenti gennaio. Non hanno nessun fondamento -scrive l’Inps- i numeri pubblicati oggi da un quotidiano. Ad oggi l’Inps ha gestito circa 3,56 milioni di domande di cig per emergenza Covid da parte delle aziende, e ne ha accettate oltre 3,29 milioni mentre quelle in lavorazione sono 88mila (60mila presentate tra dicembre e gennaio).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano peggiora con le banche, Covid fa ancora paura
Male anche Leonardo e Stellantis
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
15:21
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Milano peggiora ancora con il Ftse Mib in calo dell’1,4% a 21.840 punti. Sospesa in asta di volatilità Leonardo con un calo teorico del 3,9%.
Male anche Stellantis (-3,5%) e Cnh (-2,6%). In negativo le banche tra cui Unicredit (-2,8%), Intesa e Bper (-2,6%), Mps e Banco Bpm (-1,2%).
Sono in rosso anche le principali Borse europee, con gli investitori guardano all’andamento dei contagi da coronavirus ed ai ritardi delle case farmaceutiche sulla distribuzione dei vaccini. Nel Vecchio continente scivolano le compagnie aeree per i timori di nuovi lockdown e i maggiori controlli sui movimenti internazionali.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fitch, con governo debole crescita a rischio
Voto improbabile ma senza strategia efficace debito/pil non cala
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
15:33
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Secondo l’agenzia di rating Fitch la crisi politica che sta vivendo l’Italia “inasprisce i rischi di politica economica”. “Le conseguenze della crisi politica non sono chiare”, afferma Fitch, che ritiene “improbabili le elezioni anticipate”.
Tuttavia “l’avvento di un governo sostanzialmente più debole o una persistente incertezza politica potrebbe danneggiare le prospettive di crescita dopo la pandemia attraverso una strategia economica coerente”. Il fallimento nell’implementare “una credibile strategia di crescita post-pandemica”, compreso “l’efficiente uso dei fondi Next generation Ue, ridurrebbe la probabilità di una stabilizzazione e riduzione del rapporto debito/pil”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: meglio Milano, ma resta in rosso (-0,8%)
Male le banche. Giù Stellantis, corre Diasorin
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
16:41
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Migliora ma resta in rosso (-0,7%) Piazza Affari, mentre il Paese, come il resto d’Europa, prosegue con le misure di contrasto al Covid 19 e con la rincorsa ai vaccini in ritardo con le consegne. A proposito della crisi di governo, si apprende intanto che il premier Conte potrebbe andare a colloquio oggi stesso col presidente Mattarella.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Si riassesta intanto su 122 punti lo spread, che aveva ripreso quota verso 125 punti nel primo pomeriggio. Non se ne avvantaggiano le banche, da Unicredit (-3%) con gli analisti che stimano 2,3 miliardi di perdita nel 2020, a Intesa (-2,4%), Bper (-2,2%), Banco Bpm (-1,8%), insieme alla Paytech Nexi (-2,3%).
Male come il comparto Stellantis (-3,5%) e non molto meglio Cnh (-2,7%). Non particolarmente in forma i petroliferi, a partire da Eni (-,1%) e Tenaris (-0,7%), piatta Saipem (-0,09%), col greggio in ripesa (wti +0,2%) a 52,3 dollari al barile.
In cima al listino principale Diasorin (+3,9%) per i farmaceutici, mentre soffre Recordati (-0,8%). Bene Stm (+,8%) come gli altri titoli del settore semiconduttori in Europa. In forma Terna (+1,6%) e Italgas (+1,5%), tra le assicurazioni Unipol (+1,2%). Guadagnano Tim (+0,6%) e Enel (+0,7%).   VAI ALLA POLITICA   VAI ALLA TECNOLOGIA   ECONOMIA IN TEMPO REALE

 

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: Inps, pagamenti cig a 98,3% lavoratori interessati
Mancano solo 41,000 pagamenti prima di gennaio
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
16:42
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’Inps ha coperto ad oggi il 98,3% delle richieste di cassa integrazione pervenute, ovvero 16,9 milioni di domande su 17,2 milioni. Lo fa sapere l’Inps spiegando che “sono in lavorazione i pagamenti per 293 mila prestazioni di cui 252 mila giunte a gennaio”.
Resterebbero quindi solo 41.000 pagamenti precedenti gennaio. Ad oggi l’Inps ha gestito circa 3,56 milioni di domande di cig per emergenza Covid da parte delle aziende, e ne ha accettate oltre 3,29 milioni mentre quelle in lavorazione sono 88mila (60mila presentate tra dicembre e gennaio).
Nel complesso – scrive l’Inps – per quanto riguarda i pagamenti ai lavoratori, l’Istituto ha gestito ad oggi oltre 17 milioni di operazioni di pagamenti diretti, rivolti a 3,6 mln di lavoratori, e oltre 10 milioni di pagamenti a conguaglio dopo anticipo alle aziende per 3,4 milioni di lavoratori, con un esborso complessivo, ad oggi, di quasi 20 miliardi di euro per cig Covid.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Inps: nessun allarme su pagamento pensioni
· I conti dell’Inps sono garantiti dallo Stato
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
16:49
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Non esiste alcun allarme per il pagamento delle pensioni e delle altre prestazioni dell’Inps che possono essere finanziati attingendo, sulla base di vari strumenti che le legge mette a disposizione, a risorse dello Stato. Lo fa sapere l’Istituto di previdenza.

“Nel corso del 2020, si legge, il legislatore ha previsto che Inps finanziasse con proprie risorse finanziarie alcune delle misure economiche finalizzate al contrasto degli effetti economici della pandemia. Al contempo, inevitabilmente si sono registrate minori entrate contributive per effetto della contrazione delle attività produttive e del rinvio dei termini di pagamento dei contributi introdotto allo scopo di venire incontro alle esigenze finanziarie delle aziende e dei lavoratori autonomi. La stima di questi effetti – si legge – è ampiamente riportata nell’assestamento del bilancio preventivo 2020 e nel bilancio preventivo 2021, approvati dal Consiglio di Indirizzo e Vigilanza dell’Istituto”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Accordo Cattolica-Generali, faro Consob su insider trading
Authority chiede dati su persone informate e iter intesa
A
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
16:56
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
La Consob ha avviato accertamenti in merito all’intesa tra Cattolica e Generali allo scopo di verificare se sia stato commesso un abuso di informazioni privilegiate. Con una lettera inviata la scorsa settimana, a quanto si apprende, l’authority di Borsa ha chiesto a Cattolica di ricostruire “dettagliatamente” l’iter che ha portato alla partnership, chiedendo i dati di tutte le persone che a vario titolo hanno lavorato all’operazione e la cronologia delle attività e degli incontri che hanno portato all’intesa.

Una lettera simile sarebbe stata inviata anche a Generali che, al pari di Cattolica, non commenta le indiscrezioni.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano riscende (-1,6%) con impasse su governo
Pesanti le banche, giù Cnh e Stellantis, ottimista Diasorin
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
17:09
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Torna in deciso calo Piazza Affari (-1,5%), dopo l’annuncio di una possibile salita oggi stesso al Colle del premier Conte al Quirinale e una fitta serie di dichiarazioni politiche sull’impasse del governo. Si rialza leggermente lo spread, a 123 punti.

Pesanti le banche, da Unicredit (-3,9%) a Intesa (-3,1%). In fondo al listino principale Cnh (-4,8%) e Stellantis (-4,7%), in linea col comparto in Europa, dove le Piazze sono tutte negative, mentre prosegue contrastata Wall Street. Ottimista tra i farmaceutici Diasorin (+3,2%), bene Italgas e Terna (+1,4%) tra le utility. Tra i petroliferi soffre soprattutto Eni (-2,4%), col greggio piatto (wti +0,06%) a 52,3 dollari al barile.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Interporti: a Pordenone investimenti per 13,5 mln
Per realizzare un piazzale di 40 mila metri
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
PORDENONE
25 gennaio 2021
17:16
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ammonta a “13,5 milioni di euro l’investimento per realizzare un piazzale di 40 mila metri, 4 fasci binari per il parcheggio dei treni in sosta e l’asta di manovra di 750 metri, che significa introdurre un treno in interporto e non dividerlo, con una riduzione dei costi per le imprese”. Lo ha annunciato l’ad di Interporto Centro Ingrosso di Pordenone, Giuseppe Bortolussi, incontrando la stampa.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Con i primi di febbraio il comparto ferroviario pordenonese vedrà un aumento considerevole di treni alla settimana, da 30 a 50, rispetto ai 15 attuali, perché importanti compagnie marittime hanno deciso di investire su Pordenone, rendendolo un hub principale.
“Riguardo ai treni – ha rilevato Bortolussi – raggiungiamo Inghilterra, Germania, Olanda, Polonia e a breve la Romania. Di recente abbiamo inaugurato il treno per Trieste, che ha un importante significato perché unisce la nostra regione in una forma di piattaforma logistica al servizio dell’industria e degli scambi commerciali. Oggi, Interporto Pordenone è aumentato fino a 1300 occupati, tra diretti e indiretti, con una settantina di imprese insediate e con un volume d’affari di oltre 500 milioni di fatturato”. Serviranno “ancora dai 10 ai 15 milioni di euro per portare a compimento il progetto”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa peggiora, giù banche e petroliferi
Pesa Covid. Male auto e compagnie aeree, tengono i farmaceutici
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
17:33
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Peggiorano verso fine seduta le principali Borse europee, con timori crescenti per la pandemia da Covid 19 e l’Ue che parla di zone “rosso scuro”, dove i contagi sono più diffusi, e preoccupano i ritardi nelle consegne dei vaccini. La peggiore è Francoforte e Madrid(-1,9%), seguite da Parigi (-1,8%), Milano (-1,7%), con lo spread fermo però a 123 punti, e Londra (-1,2%).
Non si agita l’oro (-0,6%) a 1.852 dollari l’oncia.
L’indice d’area del Vecchio continente, Stoxx 600, cede l’1%, schiacciato soprattutto da energia e finanza. Tra i petroliferi forti perdite per Bp e Omv (-3,8%), Lundin (-3,7%), col greggio tornato in calo (wti -0,5%) a 51,9 dollari al barile. Tra le banche sofferenti soprattutto Barclays (-4,4%), Bnp Paribas, SocGen (-4,6%) e Commerzbank (-5,5%). Auto in rosso, con cali decisi per Stellantis (-5%) e Renault (-4,2%). Le restrizioni sui viaggi contano molto sulle compagnie aeree, tra cui International Airlines (-7,2%). Si salvano i farmaceutici, con guadagni soprattutto per Glaxo (+2%) e Astra Zeneca (+1,3%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano chiude in rosso (-1,6%)
Il Ftse Mib a 21.735 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
17:43
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Chiusura in rosso per Piazza Affari. Il Ftse Mib ha perso l’1,6% a 21.735 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa chiude negativa
Francoforte (-1,6%), Parigi (-1,5%) e Londra (-0,8%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
17:57
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Chiusura negativa per le principali Borse europee. La peggiore è stata Madrid (-1,85%) a 7.887 punti, seguita da Francoforte (-1,66%) a 13.643 punti, da Parigi (-1,57%) a 5.472 punti, Londra (-0,84%) a 6.638 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund chiude in calo a 123 punti
Rendimento del decennale allo 0,67%
e
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
18:00
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread tra il Btp e il Bund chiude in calo a 123 punti base dai 126 punti della chiusura venerdì. Il rendimento del titolo a 10 anni del Tesoro si attesta allo 0,67%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Ilo,perso l’equivalente di 255 milioni posti lavoro
Calo 8,8% delle ore lavorate, 4 volte più della crisi 2009
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
GINEVRA
25 gennaio 2021
18:08
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’impatto del COVID-19 sul mercato del lavoro è stato devastante: nel 2020 circa l’8,8 % delle ore lavorate a livello mondiale è andato perso pari a una perdita di 255 milioni di posti di lavoro a tempo pieno, afferma l’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo).
La stima di 255 milioni di posti di lavoro persi è circa quattro volte superiore al numero di ore lavorate perso durante la crisi finanziaria del 2009, afferma l’Ilo commentando nel suo ultimo rapporto sull’impatto del COVID sul mondo del lavoro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano in calo (-1,6%) tra Covid e crisi politica
Male banche e petroliferi. Giù Cnh e Stellantis, sale Diasorin
event type=click&id=24a89e48-a…
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
19:51
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Seduta d’inizio settimana in netto calo a Piazza Affari (-1,6%) tra la crisi politica e i timori per il Covid 19, con ritardi nelle consegne dei vaccini da parte dei produttori e restrizioni per contenere la pandemia, che coinvolgono molti Paesi europei.
A Milano, pur con lo spread chiuso in calo a 123 punti, hanno sofferto le banche, da Unicredit (-4,2%) a Intesa (-3,2%), insieme alla paytech Nexi (-4%). Pesanti come il comparto nel Vecchio continente Cnh (-4,8%) e Stellantis (-4,6%), così come Pirelli (-2,2%) tra i componenti.
Non sono andati bene i petroliferi, in particolare Eni (-2,2%), col greggio in leggero rialzo (wti +0,2%) a sera, a 52,3 dollari al barile.
Consistenti guadagni per Diasorin (+2,6%) tra i farmaceutici, al contrario di Recordati (-1,1%), tra le eccezioni nel settore.
Bene Terna (+1,6%) e tra le utility anche Italgas (+1,3%) Hera (+0,9%). Tra i titoli in rosso nell’industria Leonardo (-2,9%) e nel lusso Moncler (-2,7%). Perdite per Poste (-0,7%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Recovery: Gualtieri, colmeremo presto lacuna governance
Il ministro a Confindustria: vicende politiche non hanno aiutato
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
18:25
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Sulla messa a punto della governance dell’attuazione del Piano Recovery “le note vicende politiche non hanno aiutato ma l’obiettivo del governo è quello di colmare questa lacuna rapidamente”. E’, secondo quanto si apprende, l’indicazione fornita dal ministro dell’Economia Roberto Gualtieri durante l’incontro con Confindustria stamattina a Palazzo Chigi.

L’importanza dell’innovazione, introdotta nella versione del piano approvata dal Consiglio dei Ministri ed apprezzata dal Presidente Bonomi, relativa all’uso di strumenti finanziari a leva per realizzare partnership pubblico private e favorire la mobilitazione degli investimenti privati è stata sottolineata dal ministro dell’Economia. Sul punto il ministro ha auspicato un dialogo con le forze sociali sulla concreta finalizzazione di questi strumenti nei diversi ambiti di applicazione come filiere produttive strategiche e made in Italy ammodernamento delle strutture turistico-ricettive, dell’economia circolare e in altri ambiti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Antitrust: 3 mln multa a myWorld e Lyconet
Sistema vendita ingannevole e poco trasparente
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
18:43
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrigato una sanzione complessiva di 3 milioni di euro a myWorld Italia e Lyconet Italia. Secondo quanto accertato dall’Antitrust, si legge in una nota il sistema di vendita delle due società, multinazionale del sistema cashback, “è promosso in modo ingannevole e poco trasparente e presenta elementi costitutivi delle vendite a carattere piramidale”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bonomi: ‘Difficile che il Governo abbia la forza per le riforme’
‘Sono molto preoccupato. Abbiamo perso molto tempo, dobbiamo fare presto e bene’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
25 gennaio 2021
21:48
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Anche l’Ue si aspetta da questo Paese quelle grandi riforme strutturali che non sono state fatte. Non dobbiamo perdere tempo di fronte all’occasione storica di rendere questo Paese piu’ moderno”, dice il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, che – ospite di Tg2Post – del momento politico attraversato dal Governo dice: “Siamo in un momento in cui avremo grosse difficoltà a fare le riforme ma in una situazione politica come quella che stiamo vivendo è difficile pensare che ci sia un Governo che abbia la forza per fare riforme incisive”.
Ora, “in pochi giorni decideremo il destino dell’Italia per i prossimi anni.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
E’ una grande responsabilità, lo dicevamo già a marzo, poi a giugno e a settembre…”, sottolinea Bonomi. E sulla attuale fase politica il leader degli industriali aggiunge: “Io mi auguro, come richiamato anche dal commissario Gentiloni, che ci sia un Governo capace, che abbia a cuore il destino del Paese e il futuro del Paese. E’ quello che mi auguro. Io ho dato tutta la disponibilità del mondo imprenditoriale”; “E’ un momento di grande responsabilità: dobbiamo lavorare tutti insieme”. E sugli spazi di confronto con il Governo dice: “Ho dato la mia disponibilità a settembre all’assemblea di Confindustria e sono stato sentito oggi sul Recovery: abbiamo perso mesi”.
Sono “molto preoccupato” dice ancora il presidente di Confindustria – delle difficoltà politiche del Governo. “Sono contento delle parole di Gentiloni, sono quelle che diciamo da mesi. Se lo diciamo noi dicono che attacchiamo il Governo, dette da Gentiloni suonano diversamente”. Il leader degli industriali quindi ribadisce: “Sono molto preoccupato. Abbiamo perso molto tempo. E’ un Paese che ha perso tempo nell’affrontare le riforme. Abbiamo perso tempo: dobbiamo fare presto e bene”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: in calo, Wti a 52,40 dollari al barile
Brent, scende a 55,48 dollari
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
08:15
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Quotazioni del petrolio in calo sul mercato after hour di New York dove il greggio Wti cede lo 0,7% a 52,40 dollari al barile. Scende anche il Brent dello 0,7% a 55,48 dollari al barile.
Ad incidere i persistenti timori di rallentamento dell’economia mondiale provocati dalla pandemia.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Oro: in lieve calo a 1.855 dollari l’oncia
Su mercati asiatici segna -0,05%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
08:18
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Quotazioni dell’oro in lieve calo sui mercati asiatici. Il lingotto con consegna immediata passa di mano a 1.855 dollari l’oncia, con una perdita dello 0,05% con gli investitori in attesa in vista della riunione della Fed di domani
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp Bund piatto in avvio a 123 punti base
Rendimento del decennale allo 0,67%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
08:36
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio di giornata senza variazioni per lo spread tra il Btp e il Bund a 123 punti base come ieri in chiusura di giornata. Il rendimento del titolo a 10 anni del Tesoro resta allo 0,67%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Cambi: euro in lieve calo a 1,2120 dollari
La moneta unica è scambiata a 125,7 yen
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
08:38
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Euro in lieve calo in avvio di giornata. La moneta unica viene scambiata a 1,2120 dollari a fronte della quotazione di 1,2140 di ieri sera dopo la chiusura di Wall street.
Sullo yen la moneta unica segna quota 125,7.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano apre incerta, Ftse Mib -0,13%
In marginale rialzo l’indice Ftse All share, +0,03%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
26 gennaio 2021
09:04
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio senza una direzione precisa per Piazza Affari: il primo indice Ftse Mib segna un calo dello 0,13%, l’Ftse All share un rialzo dello 0,03%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa apre in rialzo, Francoforte +0,32%
Bene Madrid (+0,5%), caute Parigi (+0,02%) e Londra (+0,09%)
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
09:11
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio di seduta positivo per le principali borse europee. Francoforte guadagna lo 0,32% a 13.687 punti e Madrid lo 0,5% a 7.940 punti.
Più caute Parigi (+0,02% a 5.473 punti) e Londra (+0,09% a 6.645 punti).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano ondeggia su parità, male Prysmian
Positiva Cattolica dopo faro Consob su intesa con Generali
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
09:20
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza Affari incerta, sostanzialmente in linea con le altre Borse europee, nei primi scambi della giornata: l’indice Ftse Mib (+0,1%) oscilla anche abbastanza vistosamente attorno alla parità, con Prysmian che scende del 3% dopo l’emissione del bond e il possibile aumento di capitale destinato alla riconversione di obbligazioni.
Debole anche Diasorin (-2,3%), piatte in genere le banche, qualche acquisto su Tim che sale di circa un punto percentuale a 0,36 euro.
Fuori dal paniere principale di Piazza Affari, Cattolica cresce del 2% a 3,9 euro dopo che la Consob ha avviato accertamenti sull’intesa tra la società e Generali.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Asia debole con Cina, male Hong Kong e Seul
Analisti, pesa Covid e possibili esercitazioni militari Pechino
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
09:26
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Seduta pesante per le Borse dell’area cinese: Hong Kong ha perso il 2,4%, Shanghai l’1,5% e il listino ‘tecnologico’ di Shenzhen l’1,8%, trascinando al ribasso anche Seul, che ha chiuso in calo del 2,1%.
Secondo gli analisti le vendite seguono il riaccendersi delle tensioni nel Mar cinese meridionale, dove Pechino potrebbe avviare nuove esercitazioni militari, e ancora il ritorno della diffusione del Covid 19 nella stessa Cina.

A parte Giacarta che sta chiudendo in ribasso di circa due punti percentuali, meno pessimisti gli altri mercati asiatici, con Tokyo che ha concluso con un calo dello 0,9% e Sidney in aumento dello 0,3%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp Bund in calo a 120 punti base
Rendimento del decennale allo 0,66%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
10:24
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
E’ in calo a metà mattinata lo spread tra il Btp e il Bund che segna a 120 punti base dai 123 dell’avvio di giornata. Il rendimento del titolo a 10 anni del Tesoro scende allo 0,66%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Ubs: utile netto 2020 sale a 6,6 miliardi di dollari
Incremento di oltre il 50%, tutti obiettivi raggiunti o superati
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
10:29
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il gruppo bancario elvetico Ubs ha chiuso l’esercizio 2020 con un utile netto in crescita del 54% a 6,62 miliardi di dollari (5,44 miliardi di euro). Il rendimento del capitale Cet1 è salito al 17,6%, oltre l’obiettivo prefissato tra il 12 e il 15%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’utile ante imposte è aumentato del 47% a 8,22 miliardi di dollari (6,78 miliardi di euro), comprese perdite nette su crediti per 694 milioni di dollari (537,2 miliardi di euro).
Secondo il Gruppo “tutti gli obiettivi sono stati raggiunti o superati” e il rapporto costi/ricavi, pari al 73% contro un obiettivo tra il 75 e il 78%, è stato “il più basso dal 2006”.
Inoltre “ogni regione e divisione – spiega il Gruppo – ha dato un contributo all’utile di oltre 1 miliardo di dollari (0,82 miliardi di euro), grazie ai benefici derivanti dalla diversificazione operativa e geografica” di Ubs.
Il coefficiente patrimoniale Cet1 a fine anno si è attestato al 13,8%, a fronte di un obiettivo intorno al 13%, e l’indice di leva finanziaria Cet1 al 3,85%, sopra all’obiettivo di “almeno il 3,7%”. Il Cda propone agli azionisti in dividendo di 0,37 dollari per azione (0,31 euro), a fronte dei precedenti 0,365 dollari.
“I robusti risultati che abbiamo conseguito nel 2020 – ha dichiarato l’amministratore delegato di Ubs Ralph Hamers – dimostrano chiaramente la vera forza della nostra rete globale e l’impegno dei nostri collaboratori”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: salta incontro con Abi, inviato documento su misure
Patuelli: esecutivo cambi norme Eba su crediti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
10:54
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Le dimissioni del Governo hanno impedito lo svolgimento dell’incontro fra Abi e il Governo. E’ quanto si legge in una ntoa dell’associazione bancaria che “rende comunque noto ciò che avrebbe illustrato al Governo”: “il Presidente dell’ABI Antonio Patuelli, si legge nel comunicato “ha affermato che le banche sostengono ogni settore economico e apprezzano innanzitutto l’utilizzazione dei fondi europei per investimenti, dopo una fase di prevalenti necessari sostegni alle emergenze sociali”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
In proposito l’ABI ha inviato al governo un documento sulle forme degli strumenti finanziari utili per meglio sostenere le imprese nell’attuazione dei progetti di investimento finanziati con fondi europei.
“Il Presidente Patuelli e il Direttore Generale dell’ABI Giovanni Sabatini apprezzano la proroga delle moratorie ex lege disposta dalla legge di Bilancio, ma essa rischia di essere vanificata se l’Eba, l’Autorità bancaria europea, che comprende anche i paesi europei non Euro (da non confondersi con la BCE), non corregge o almeno non interpreta con flessibilità le linee guida dell’EBA stessa che pongono il limite di nove mesi alla durata complessiva delle sospensioni dei pagamenti”. E’quanto si legge in una nota dopo che, a causa della crisi di governo, è saltato l’incontro di oggi fra l’associazione bancaria e l’esecutivo. “Vi è il rischio – spiegano i vertici Abi – di dover classificare come deteriorate le esposizioni in moratoria che superino i nove mesi, hanno segnalato Patuelli e Sabatini che hanno chiesto al Governo ogni urgente sforzo per far sospendere o, almeno, far interpretare estensivamente questa disposizione dell’EBA che è anacronistica in presenza della così grave e prolungata pandemia”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Tesoro: asta Btp indicizzati, cedola -0,62%
Assegnati anche Ctz a -0,277%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
11:34
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Tesoro ha collocato in asta un miliardo di euro di Btp indicizzati a 5 anni, con scadenza maggio 2026, a un rendimento lordo di -0,62% contro -0,15% del collocamento di ottobre. La domanda ha raggiunto 1,653 miliardi di euro.
Assegnati anche Ctz, scadenza settembre 2022, con un rendimento di -0,277% (da -0,369% dell’asta di novembre) per 3 miliardi di euro. Le richieste sono state pari a 4,39 miliardi.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano sale (+0,7%) con Europa dopo asta titoli Stato
Mercato guarda marginalmente a politica, spread stabile
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
12:20
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza Affari si avvicina alla boa di metà giornata muovendosi sempre in territorio leggermente positivo, sostanzialmente in linea con l’Europa e guardando poco alla politica interna: l’indice Ftse Mib sale dello 0,7% a 21.890 punti dopo aver toccato un massimo di seduta a quota 21.964.
Con l’indice Euro stoxx 600 dei principali titoli quotati nel Vecchio continente che cresce dello 0,6%, la Borsa di Londra sale dello 0,5%, Parigi e Madrid di circa un punto percentuale mentre Francoforte è il listino più convinto con un aumento dell’1,3%.

Lo spread tra i titoli di Stato italiani a dieci anni e quelli tedeschi continua a ondeggiare attorno a quota 120 punti base e in Piazza Affari le grandi banche sono generalmente positive (Unicredit +1,2%, Intesa +0,5%). Nel settore finanziario si conferma comunque la corsa di Nexi e di Cattolica, che salgono del 3%, con Mediobanca in aumento superiore al punto percentuale.
Bene anche Leonardo (+1,8%), Stellantis (+1,6%) e Tim (+1,5%), in calo invece sensibile Diasorin (-1,3%) e di nuovo Prysmian, che scende del 2% dopo il collocamento di un nuovo bond e un possibile aumento di capitale per la riconversione di obbligazioni.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: a Milano una scuola per imparare a programmare
Powercode raddoppia, sostegno Unchr,Reale,Accenture e Lenovo
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
11:44
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo l’esperienza torinese arriva a Milano Powercoders, l’accademia di programmazione informatica per rifugiati che, dal 2017 promuove l’inclusione e l’inserimento lavorativo.
Nel mese di febbraio, prenderà il via a Milano il secondo corso in Italia destinato ad una classe di 20 studenti rifugiati, in modalità remota grazie all’utilizzo della piattaforma digitale ideatre60, di Fondazione Italiana Accenture.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Un progetto, spiega una nota, reso possibile dal sostegno di Reale Foundation in partnership con Fondazione Italiana Accenture e Lenovo, in collaborazione con UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati in Italia, Le Wagon e il Comune di Milano.
“Dopo che l’80% dei coders formati a Torino hanno trovato lavoro, fare in modo che Powercoders si replicasse anche su Milano è diventata per Reale Group una missione e crediamo così tanto in questo progetto che stiamo già lavorando per farlo decollare anche in Spagna, dove siamo presenti con Reale Seguros Generales” commenta Virginia Antonini, Direttore Comunicazione Istituzionale e Sostenibilità Reale Group. “Il mondo lavorativo delle Information Technologies è un settore in forte crescita e alla ricerca di nuove professionalità – ricorda Stella Gianfreda, Social Lead Powercoders Italia – Ogni giorno incontriamo persone provenienti da tantissimi paesi differenti, con un background di studi importante e alla ricerca di una reale opportunità di dare una svolta al proprio futuro personale e professionale; attraverso il progetto Powercoders contribuiamo a ribaltare la narrazione dominante sull’immigrazione, promuovendo così il concetto che la diversità fa bene a tutti”.
“Investire sulla formazione e sull’implementazione delle skills tecnologiche di questi ragazzi significa renderli autonomi e artefici del proprio futuro, capaci di essere vere e proprie risorse per la società in cui vivono e le imprese in cui lavoreranno” ha sottolineato Cristina Tajani, Assessora alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive e Commercio del Comune di Milano.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Recovery: Abi, evitare proliferazione delle agevolazioni
Strumenti finanziari devono essere omogenei
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
11:45
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’Abi chiede che per “sviluppare al meglio il potenziale” dei nuovi investimenti pubblici e privati previsti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) “è necessario che i diversi strumenti finanziari funzionino in maniera omogenea per tipologia di obiettivo, evitando la proliferazione di misure agevolative con la conseguente polverizzazione delle risorse disponibili”. E’ quanto si legge nel documento inviato al governo dopo che è saltato l’incontro a causa della crisi dell’esecutivo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Davos:von der Leyen, contenere potere social media
Piattaforme responsabili dei contenuti, gli Usa collaborino
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
11:59
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“Dobbiamo contenere il potere immenso delle grandi compagnie digitali. Significa che ciò che è illegale offline dev’esserlo anche online.
Vogliamo che le piattaforme digitali siano trasparenti sugli algoritmi e sia definita chiaramente la loro responsabilità su come selezionano e diffondono contenuti”: Lo ha detto la presidente della Commissione europea, Ursula von deer Leyen, nel suo ‘special address’ alla Davos Agenda 2021.
Von der Leyen, parlando del digital services act europeo, ha citato i fatti di Capitol Hill innescati dai social media, “uno shock”. “L’Europa è pronta” e “voglio invitare i nostri amici negli Usa a partecipare a questa iniziativa”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Davos:von der Leyen,produttori vaccini rispettino patti
Ue lancerà programma bio-difesa contro pandemie
e
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
12:09
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’Unione europea “ha investito miliardi per contribuire allo sviluppo dei primi vaccini contro il Covid-19. Per creare un vero bene comune globale.
E ora, le compagnie devono fare la loro parte. Devono onorare i loro impegni”.
Lo ha detto la presidente della Commissione europea, Ursula von deer Leyen, nel suo ‘special address’ alla Davos Agenda 2021. “E’ per questo che creeremo un meccanismo di trasparenza sulle esportazioni dei vaccini. L’Europa è determinata a contribuire, ma fa sul serio”.
L’Unione europea intende lanciare un “programma di bio-difesa” per affrontare le pandemie: “dobbiamo essere pronti, non possiamo aspettare la prossima pandemia”. Lo ha annunciato la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, nel suo ‘special address’ alla Davos Agenda 2021, spiegando ceh il programma finanzierà la ricerca e la preparazione dei vaccini, assicurerà finanziamenti e coinvolgerà il settore privato.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Da Federalberghi petizione al Governo, “Salvate il turismo”
Il presidente Bocca: “Urgente intervenire subito”
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
12:11
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
L’assemblea generale di Federalberghi, riunita in seduta straordinaria, ha approvato una petizione rivolta alle forze politiche, “per invitare il Governo a intervenire con urgenza a tutela delle imprese e dei lavoratori del turismo prima che sia troppo tardi”. Anche singoli imprenditori, lavoratori e cittadini possono aggiungere la propria firma, sottoscrivendo la petizione online, sulla piattaforma change.org.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi, dopo aver sottolineato “l’importanza che il turismo riveste per l’economia italiana, rammenta i danni devastanti subiti dalle strutture ricettive a causa della pandemia, con una perdita di flussi turistici e di fatturato superiore al 50%”, elenca gli interventi principali richiesti dagli albergatori: – riconoscimento di ristori efficaci, che ristabiliscano equità per l’anno 2020 ed accompagnino le imprese anche nei mesi a venire; – interventi sulla liquidità (proroga delle rate dei mutui e concessione di prestiti ventennali); – esonero per il 2021 dal pagamento delle imposte (in primis, Imu, Tari e canone Rai); – sostegno alle imprese in affitto per il pagamento del canone di locazione; – riduzione dell’aliquota Iva al 5% in analogia con quanto avvenuto in altri Paesi europei; – riconoscimento di sgravi contributivi per le imprese che richiamano in servizio il personale; – sostegno al reddito per i lavoratori che rimangono disoccupati o sospesi”.
Bocca evidenzia anche “la necessità di far pressione sulla Commissione Europea, per chiedere l’aggiornamento le disposizioni comunitarie che disciplinano gli aiuti di stato a sostegno dell’economia durante la pandemia (cosiddetto “temporary framework”), al fine di aumentare l’intensità degli aiuti che è possibile erogare a ciascuna impresa e di ampliare il periodo di applicabilità, che in assenza di una proroga si concluderà il 30 giugno prossimo”.
“Il documento – conclude Bocca – richiede anche “incentivi per la riqualificazione delle strutture ricettive, che al termine della crisi dovranno confrontarsi con un’agguerrita concorrenza internazionale. Su questo punto, ci soffermeremo anche in occasione dell’audizione sul Recovery Plan, che si svolgerà oggi pomeriggio alla Camera dei deputati”.
I primi firmatari della petizione sono lo stesso Bocca e i presidenti delle organizzazioni aderenti alla federazione presenti oggi in assemblea, in rappresentanza di 27.000 imprese turistico ricettive e termali.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa Italiana arricchisce iniziative su finanza sostenibile
Avviata Sustainable Finance Partnership, primo gruppo 16 partner
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
12:57
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa Italiana avvia la Sustainable Finance Partnership, con l’obiettivo di creare una cultura e un ecosistema integrato per lo sviluppo di soluzioni innovative di Corporate Sustainable Finance per il mercato dei capitali italiano.
L’avvio del progetto vede un primo gruppo di 16 Sustainable Finance Partner: Banor sim, Bdo, Carbonsink, Cerved Rating Agency, Credit Agricole Corporate & Investment Bank, Equita, Erm, Fidelity International, Hogan Lovells, IMPact sim, Intermonte SIM, Intesa Sanpaolo – Imi Corporate & Investment Banking Division, Nn Investment Partners, SIrcle, UniCredit Group, V-Finance.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza Affari è stata la prima Borsa al mondo a favorire il dialogo tra imprese, investitori e intermediari dedicato alle tematiche Esg (Environment, Social, Governance) con l’Italian Sustainability Day giunto alla sua quarta edizione nel 2020.
Inoltre, a partire dal lancio del segmento dedicato ai Green&Social bond nel marzo 2017, i mercati obbligazionari di Borsa Italiana hanno rafforzato costantemente il loro impegno nella promozione e nello sviluppo di mercati caratterizzati da una sempre maggiore attenzione alle tematiche Esg. Il segmento ha dato il benvenuto a 161 strumenti green, social e sustainable, emessi da 38 emittenti di natura corporate, bancaria, governativa e sovranazionale.
L’avvio della Sustainable Finance Partnership rafforza il “programma di iniziative di Borsa Italiana volte a diffondere la cultura della finanza sostenibile e a sensibilizzare le imprese italiane nella scelta di percorsi di crescita sempre più circolari”, afferma Raffaele Jerusalmi, amministratore delegato di Borsa Italiana.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano forte con Europa snobba politica, bene spread
Piazza Affari sale dell’1,2%, accelerano le banche
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
26 gennaio 2021
14:01
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza Affari sembra non guardare alla crisi di governo e prosegue nel suo percorso positivo, sostenuta dall’allentamento delle tensioni sui titoli di Stato, anch’essi apparentemente poco sensibili agli sviluppi della politica interna: l’indice Ftse Mib sale dell’1,2% in linea con l’Europa e sostenuto anche dalle banche, che osservano lo spread con la Germania restare attorno a quota 120 punti.
Con i futures sull’avvio di Wall street che oscillano attorno alla parità, Francoforte resta la Borsa più in salute nel Vecchio continente e sale dell’1,8%, seguita da Parigi e Madrid in rialzo dell’1,2% e Londra più cauta a quota +0,8%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
I rendimenti sui Btp italiani a dieci anni scendono di due punti base, in lieve controtendenza con i titoli di Stato di Germania, Francia e Gran Bretagna che si apprezzano marginalmente.
In Borsa a Milano sono Saipem, anche fermata in asta di volatilità, e Cattolica, fuori dal paniere principale, a tirare il listino, con un un aumento del 4%, seguite da Nexi e Leonardo in crescita del 3,5%, con Unicredit che accelera (+3%), seguita da Tim e Mediobanca in aumento di due punti percentuali e mezzo.
Sempre debole Prysmian, in calo del 2,7% dopo il possibile aumento di capitale per la conversione di obbligazioni.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Fmi taglia stima Pil Italia 2021, cresce del 3%
Nel 2020 contrazione 9,2%, inferiore alle attese. Per 2022 +3,6%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
26 gennaio 2021
14:07
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Fmi rivede al ribasso la stime di crescita per l’Italia nel 2021. Dopo una contrazione inferiore alle attese nel 2020, quando il Pil si stima sia calato del 9,2% rispetto al -10,6% previsto in ottobre, l’economia quest’anno crescerà del 3%, ovvero 2,2 punti percentuali in meno delle previsioni precedenti.
Nel 2022 il Pil è stimato crescere del 3,6%, l’1,0% in più alle stime di ottobre.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Allarme Fmi, 90 mln di poveri in più, vaccini siano per tutti
Correggere disuguaglianze accesso, così aumentano redditi
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
26 gennaio 2021
14:25
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Rispetto alle previsioni pre-pandemia, le perdite complessive per la produzione mondiale a causa del coronavirus ammontano, secondo le stime, a 22.000 miliardi di dollari nel periodo 2020-2025. Lo afferma il capo economista del Fmi, Gita Gopinath, sottolineando che la contrazione economica mondiale del 2020 seppur inferiore alle attese (-3,5% invece del -4,4% previsto in precedenza) resta la peggiore dalla Grande Recessione.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“150 paesi nel 2021 avranno redditi pro capite inferiori ai livelli del 2019”, aggiunge Gopinath, stimando che nel 2020-2021 circa 90 milioni di persone scivoleranno nella povertà estrema.
Il Fondo lancia quindi un appello per le vaccinazioni. “E’ necessario agire rapidamente per un ampio accesso ai vaccini e medicinali” contro il Covid per “correggere le profonde disuguaglianze che esistono al momento”, afferma ancora Gopinath, sottolineando come le nuove varianti del virus “ricordano come la pandemia non è finita fino a quando non è finita ovunque”. Il Fondo stima che la fine della crisi sanitaria aumenterà i redditi globali di 9.000 miliardi con benefici per tutti i paesi, inclusi 4.000 miliardi per le economia avanzate.
Per quanto riguarda l’economia italiana, il Fondo monetario ha tagliato le stime di crescita per quest’anno al 3%, 2,2 punti in meno di quanto stimato in autunno. Riviste invece al rialzo le previsioni per il 2020, da -10,6% a -9,2%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il Fmi rivede al ribasso la stime di crescita per l’Italia nel 2021. Dopo una contrazione inferiore alle attese nel 2020, quando il Pil è calato del 9,2% rispetto al -10,6% previsto in ottobre, l’economia quest’anno crescerà del 3,0%, ovvero 2,2 punti percentuali in meno delle previsioni precedenti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel 2022 il Pil è stimato crescere del 3,6%, l’1,0% in più alle stime di ottobre.
Il Fmi rivede al ribasso le stime di crescita per il 2021 di Germania, Francia e Spagna. La locomotiva tedesca è attesa crescere del 3,5% quest’anno (-0,7 punti percentuali rispetto alle stime di ottobre) e del 3,1% nel 2022 (invariata). Il pil francese è previsto crescere del 5,5% nel 2021 (-0,5 punti), per segnare un +4,1% nel 2022 (+1,2 punti). Per la Spagna il Fmi stima un Pil in crescita quest’anno del 5,9% (-1,3 punti) e del 4,7% nel 2022 (+0,2).
Georgieva, stime migliorate, ma scenario pone sfide  – Lo scenario delineato dalle previsioni di crescita del Fondo monetario internazionale a livello globale “è migliorato, nel 2021 la crescita è migliore di quanto stimato in precedenza e per il 2020, anche se l’economia è in contrazione ma un po’ meno”. Lo ha deto Kristalina Georgieva, direttore generale del Fmi, durante un panel della Davos Agenda 2021. “Quello che vorremmo vedere, nel 2021, sono tre cose: una corsa ai vaccini, una maggiore cooperazione globale e la continuazione delle misure di sostegno da parte delle autorità, specie per le parti dell’economia più vulnerabili, e cioè giovani, donne e lavoratori con competenze limitate”, ha detto Georgieva. “E’ un grosso sforzo verso un capitalismo che funzioni per tutti – ha detto Georgieva – ma se non lavoriamo insieme non raggiugeremo l’altra sponda di questa crisi”.
Il Pil di Eurolandia crescerà nel 2021 meno delle attese, segnando un +4,2%, ovvero 1 punto percentuale in meno rispetto alle previsioni di ottobre. Per il 2022 la crescita è stata invece rivista al rialzo di 0,5 punti al 3,6%. Lo afferma il Fmi, prevedendo per gli Stati Uniti un pil in aumento quest’anno del 5,1%, ovvero 2 punti percentuali in più rispetto alle stime di ottobre. Nel 2022 la crescita americana è stata invece rivista al ribasso di 0,4 punti rispetto alle attese al 2,5%.
L’economia mondiale viaggia a una velocità superiore alle attese dopo essersi contratta nel 2020 del 3,5%, meno del 4,4% previsto in ottobre. Il Pil crescerà nel 2021 del 5,5%, 0,3 punti percentuali in più rispetto alle stime precedenti. Per il 2022 il Fondo conferma una crescita del 4,2% (invariata rispetto alle stime precedenti). La ripresa, avverte comunque il Fmi, è “incompleta” con l’attività economia che “resta ben al di sotto dei livelli pre-pandemia” e soggetta a una forte “incertezza”.
Le perdite complessive per la produzione mondiale a causa del coronavirus, rispetto alle previsioni pre-pandemia, ammontano a 22.000 miliardi di dollari nel periodo 2020-2025. Lo afferma il capo economista del Fmi, Gita Gopinath, sottolineando che la contrazione economica mondiale del 2020 seppur inferiore alle attese (-3,5% invece del -4,4% previsto in precedenza) resta la peggiore dalla Grande Recessione. “150 paesi nel 2021 avranno redditi pro capite inferiori ai livelli del 2019”, aggiunge Gopinath, stimando che nel 2020-2021 circa 90 milioni di persone scivoleranno nella povertà estrema.
“E’ necessario agire rapidamente per un ampio accesso ai vaccini e medicinali” contro il Covid per “correggere le profonde disuguaglianze che esistono al momento”. Lo afferma il capo economista del Fmi, Gita Gopinath, sottolineando come le nuove varianti del virus “ricordano come la pandemia non è finita fino a quando non è finita ovunque”. Il Fondo, mette in evidenza, stima che la fine della crisi sanitaria aumenterà i redditi globali di 9.000 miliardi con benefici per tutti i paesi, inclusi 4.000 miliardi per le economia avanzate.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Petrolio: in rialzo a Ny, +0,55%
A 53,08 dollari al barile
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
26 gennaio 2021
15:15
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Il petrolio è in rialzo a New York, dove le quotazioni salgono dello 0,55% a 53,08 dollari al barile.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Wall Street apre positiva, Dj +0,42%, Nasdaq +0,46%
S 500 sale dello 0,33%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
26 gennaio 2021
15:34
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Wall Street apre positiva. Il Dow Jones sale dello 0,42% a 31.088,90 punti, il Nasdaq avanza dello 0,46% a 13.698,39 punti mentre lo S&P 500 mette a un progresso dello 0,33% a 3.869,16 punti.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Blackrock,con pandemia più determinati in lotta clima
Serve standard unico globale, aziende si adeguino a Tfcd
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
16:05
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“La pandemia ci ha messo di fronte a una tale crisi esistenziale – richiamo così forte alla nostra fragilità – da indurci ad affrontare con maggiore determinazione la minaccia globale del cambiamento climatico, destinato, come la pandemia, a cambiare le nostre vite”. Così Larry Fink confondatore e presidente di Blackrock nella lettera 2021 ai Ceo nella quale sottolinea come il Covid abbia innescato “la più grave contrazione globale dalla Grande depressione e il crollo più veloce dei mercati azionari dal 1987″ ma con conseguenze diverse tra i diversi settori, con alcuni che hanno sofferto ed altri che hanno prosperato”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
A gennaio dello scorso anno scrivevo che il rischio climatico è il rischio di investimento, e che non appena i mercati avessero iniziato a scontare il rischio climatico nel valore dei titoli avremmo assistito a una riallocazione fondamentale dei capitali”scrive Fink. “Poi è arrivata la pandemia, e a marzo l’opinione più diffusa era che la crisi avrebbe distolto l’attenzione dal clima. Invece è successo esattamente il contrario e la riallocazione dei capitali ha subito un’accelerazione ancora più rapida di quanto avessi previsto”.
“Da gennaio a novembre 2020, gli investitori in fondi comuni ed ETF hanno investito globalmente 288 miliardi di dollari in asset sostenibili, con un incremento del 96% rispetto a tutto il 2019.
Siamo all’inizio di una transizione lunga ma in rapida accelerazione, che si dispiegherà per molti anni e trasformerà i prezzi delle attività finanziarie di ogni tipo”. “Adesso -dice Fink-sappiamo che il rischio climatico è il rischio di investimento. Ma siamo anche convinti che la transizione climatica rappresenti un’opportunità di investimento storica
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Unicredit: Andrea Orcel prossimo ceo al posto di Mustier
Cda in programma prima del weekend
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
17:01
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Si scioglie il nodo sul nuovo ceo di Unicredit e si va verso la nomina di Andrea Orcel al posto lasciato da Jean Pierre Mustier. Secondo quanto si apprende da fonti finanziarie il Cda per la scelta del banchiere, sul cui nome i soci di Unicredit hanno trovato la quadra, si terrà prima del weekend.

Il titolo, spinto dalle indiscrezioni, si è messo a correre in Borsa ed è finito in asta di volatilità con un balzo del 5 per cento
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Milano snobba crisi con Europa, Unicredit +5%
Acquisti su banche e auto. Spread in calo a 116 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
17:04
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza Affari resta ben intonata, assieme alle altre Borse europee, dopo l’avvio sottotono di Wall Street, cauta in attesa che entri nel vivo la stagione delle trimestrali. Il Ftse Mib avanza dell’1,3% e lo spread Btp-Bund scende di 6 punti base, a quota 116, con gli analisti che continuano a considerare improbabile lo scenario delle elezioni anticipate, ritenuto di ostacolo ad un rapido utilizzo dei fondi europei.
Francoforte avanza del 2%, Parigi dell’1,5% e Londra dello 0,5% mentre New York si muove poco sopra la parità.
Ad animare i listini europei è anche l’attività di M&A con l’offerta Ifm di acquistare una quota nell’utility spagnola Naturgy Energy e il take over del private equity Eqt sul Exeter property. Gli acquisti premiano banche (+1,9%), energia (+1,7%) e auto (+2,4). A Milano svetta Unicredit (+5%), che ha scelto in Andrea Orcel il successore di Mustier, davanti a Nexi (+3,7%), Pirelli (+3%), Leonardo e Tim (entrambe +2,9%) e a una sfilza di bancari, con in testa Bper (+3,1%) e Mediobanca (+2,7%).
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza Affari non crede al voto e chiude in rialzo (+1,1%)
L’indice Ftse Mib sale a 21.987 punti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
26 gennaio 2021
17:48
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Chiusura in rialzo per Piazza Affari. Nel giorno delle dimissioni del premier Giuseppe Conte l’indice Ftse Mib ha terminato le contrattazioni in progresso dell’1,15% a 21.987 punti, con gli investitori che continuano a considerare improbabile il voto anticipato e confidano nella rapida formazione di un nuovo governo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Alitalia: domani l’invio delle richieste di ristori all’ Ue
Vestager, manca notifica. Decisione su aiuti quasi presa
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
18:22
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
“In accordo con l’amministrazione straordinaria di Alitalia, le richieste di indennizzi Covid verranno trasmesse domani alla Commissione Europea”. Lo fanno sapere fonti del Ministero dello sviluppo economico, spiegando che “il complesso iter procedurale è stato completato per il mese di novembre dal commissario, non appena perverrà al Mise verrà dunque trasmesso.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
A seguire è previsto l’invio per il mese di dicembre come da prassi”.
Prima del chiarimento italiano, da Bruxelles era arrivata una presa di posizione sulla questione. “Alitalia ha avuto quel tipo di risarcimento due volte, ho anche letto sui giornali che si aspettano una terza” tranche di ristori “ma non abbiamo alcuna notifica in sospeso su questo”, ha detto la vicepresidente della Commissione Ue, Margrethe Vestager, rispondendo ai giornalisti sulle accuse di lentezza rivolte a Bruxelles dal commissario straordinario di Alitalia, Giuseppe Leogrande.
“Siamo in contatto” con le autorità italiane sull’operazione che dovrebbe portare alla newco Ita “e siamo quasi pronti per le decisioni sui diversi prestiti” concessi dallo Stato ad Alitalia, ha detto ancora Vestager, ricordando che deve esserci discontinuità tra la vecchia e la nuova compagnia, altrimenti il recupero degli eventuali aiuti di Stato dichiarati illegali da Bruxelles passa in capo alla nuova società. “L’importante è che tutti i soggetti coinvolti si rendano conto che” si parla di qualcosa di “reale”.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Europa chiude in rialzo, Francoforte +1,7%
Parigi +0,9% e Londra +0,2%
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
17:55
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Chiusura in deciso rialzo per le Borse europee. Francoforte ha terminato le contrattazioni in progresso dell’1,66%, Parigi dello 0,93% mentre Londra, più staccata, ha limitato i guadagni allo 0,23%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund chiude in calo a 118 punti
Rendimento scende allo 0,645%, fiducia in nuovo governo
e
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
18:17
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spread Btp-Bund chiude in calo nonostante le dimissioni del premier Giuseppe Conte, sostenuto dall’aspettativa degli investitori che la formazione di un nuovo governo scongiuri il ritorno alla urne. Il differenziale di rendimento tra i titoli di Stato italiani e quelli tedeschi si è ridotto di 4,7 punti base, attestandosi a quota 118 punti.
Il rendimento del Btp decennale è calato di 3 punti base allo 0,645%.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Unicredit: Andrea Orcel prossimo ceo
Sciolto il nodo per il posto lasciato da Mustier
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
18:20
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
E’ in programma mercoledìi 27 gennaio il Cda di Unicredit per indicare Andrea Orcel alla carica di ceo.
Unicredit festeggia in Borsa l’arrivo di Orcel, banchiere d’affari molto stimato sul mercato, al posto di Jean Pierre Mustier. Il titolo ha chiuso la seduta in rialzo del 4,45% a 7,75 euro.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
P.a.: 3,4 milioni i dipendenti, 1,3 in enti locali
180 unità amministrazioni centrali occupano 1.984.476 dipendenti
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
12:34
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Nel 2018 le istituzioni pubbliche attive in Italia erano 13.496 con 3.457.498 dipendenti (dato medio annuo), di cui 1,37 milioni nelle amministrazioni locali; più della metà (54,4%) si concentrano nelle amministrazioni dello Stato (incluse nel settore S13) e quasi la metà (il 47,5%) ha meno di 10 dipendenti.

Si tratta in prevalenza di piccoli Comuni e di unità come ordini e collegi professionali provinciali, Automobile Club provinciali, ecc.
E’ quanto risulta dal nuovo Report dell’Istat sulla base dei dati sulle unità istituzionali del settore pubblico derivanti dal Registro Asia-Istituzioni Pubbliche.

In particolare 180 unità amministrazioni centrali occupano 1.984.476 dipendenti in media annua. Le amministrazioni territoriali o locali dislocate sul territorio nazionale sono invece 10.301 per un totale di 1.369.246 dipendenti. Infine 22 enti previdenziali occupano un numero complessivo di 39.788 dipendenti in media annua.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Borsa sale non crede a voto. Spread giù. Monito Fitch
L’agenzia di rating avverte: ‘Con un governo debole crescita a rischio’
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
26 gennaio 2021
18:29
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Chiusura in rialzo per Piazza Affari. Nel giorno delle dimissioni del premier Giuseppe Conte l’indice Ftse Mib ha terminato le contrattazioni in progresso dell’1,15% a 21.987 punti, con gli investitori che continuano a considerare improbabile il voto anticipato e confidano nella rapida formazione di un nuovo governo.
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Spread Btp-Bund chiude in calo a 118 punti – Lo spread Btp-Bund chiude in calo nonostante le dimissioni del premier Giuseppe Conte, sostenuto dall’aspettativa degli investitori che la formazione di un nuovo governo scongiuri il ritorno alla urne. Il differenziale di rendimento tra i titoli di Stato italiani e quelli tedeschi si è ridotto di 4,7 punti base, attestandosi a quota 118 punti. Il rendimento del Btp decennale è calato di 3 punti base allo 0,645%.
“Aperta formalmente la crisi di governo, nei prossimi giorni si chiariranno i nuovi scenari politici. Lo scenario più probabile – su cui secondo gli analisti di Equita scommette la Borsa – rimane quello di un reincarico a Conte e un nuovo governo con una maggioranza allargata a gruppi di centro e con il rientro di Italia Viva”. “In questo caso – commentano gli analisti -, i tempi della crisi potrebbero essere piuttosto brevi. Se questo scenario dovesse essere difficile da percorrere, pensiamo che rimanga comunque possibile la formazione di un nuovo governo senza Conte ma con una maggioranza simile a quella attuale. Lo scenario di nuove elezioni rimane quindi a nostro avviso ancora il meno probabile rispetto ai due scenari precedenti”.
Tuttavia, secondo l’agenzia di rating Fitch, la crisi politica che sta vivendo l’Italia “inasprisce i rischi di politica economica”. “Le conseguenze della crisi politica non sono chiare”, afferma Fitch, che ritiene “improbabili le elezioni anticipate”. Tuttavia “l’avvento di un governo sostanzialmente più debole o una persistente incertezza politica potrebbe danneggiare le prospettive di crescita dopo la pandemia attraverso una strategia economica coerente”. Il fallimento nell’implementare “una credibile strategia di crescita post-pandemica”, compreso “l’efficiente uso dei fondi Next generation Ue, ridurrebbe la probabilità di una stabilizzazione e riduzione del rapporto debito/pil”.
Inoltre, prosegue Fitch, “se l’Italia dovesse fallire ad usare i fondi di Next Generation Ue per spingere le prospettive del pil a medio termine, questo potrebbe esercitare pressioni al ribasso sul rating sovrano dell’Italia”.

La Tua opinione è importante! Vota questo articolo, grazie!
No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.