Cronaca tutte le notizie in tempo reale. Costantemente aggiornate! LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 25 minuti

Ultimo aggiornamento 22 Febbraio, 2021, 18:32:19 di Maurizio Barra

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 09:24 ALLE 18:32 DI LUNEDì 22 FEBBRAIO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Incidente ex giocatore Cagliari, migliorano condizioni Cossu
Da Rianimazione a Chirurgia Toracica, prognosi resta riservata
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
22 febbraio 2021
09:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migliorano le condizioni di Andrea Cossu, l’ex giocatore del Cagliari e della Nazionale rimasto ferito sabato sera in un incidente stradale avvenuto lungo la statale 554 nel Cagliaritano. Il calciatore, dopo la seconda tac a cui è stato sottoposto, è stato trasferito dal reparto di Rianimazione dell’ospedale Brotzu a quello di Chirurgia Toracica del Businco.
Tra le varie ferite riportate nello schianto c’è infatti anche un forte trauma toracico. Le sue condizioni sono in lento miglioramento, per il momento i medici mantengono riservata la prognosi, ma potrebbero scioglierla già in giornata. Intanto proseguono gli accertamenti condotti dalla polizia municipale di Selargius per ricostruire la dinamica dell’incidente, per capire perché la Porsche condotta dall’ex calciatore sia finita fuori strada. La vettura è stata sequestrata.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lolita Lobosco, record, 7 mln 535mila e 31.8 share
Fiction Rai1 con Luisa Ranieri vola negli ascolti su Rai1
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
10:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una partenza incredibile per la prima puntata delle Indagini di Lolita Lobosco andata in onda su Rai 1 in prima serata ieri: 7.5 milioni 535mila spettatori con il 31.8% di share. Numeri che fanno della serie tv con Luisa Ranieri, nel ruolo del vicequestore della nuova serie giallo-comedy firmata dal regista Luca Miniero e liberamente tratta dai romanzi di Gabriella Genisi (editi da Sonzogno e Marsilio Editori) una rivelazione nel panorama della fiction Rai.
Una produzione Bibi Film Tv e Zocotoco in collaborazione con Rai Fiction. Nel cast ci sono anche Lunetta Savino nel ruolo della madre di Lolita Nunzia e Filippo Scicchitano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fazio si opera, domenica 28 sospeso Che tempo che fa
“Piccolo intervento, non potrò parlare per qualche giorno”
_
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
12:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Noi non ci vediamo la settimana prossima, devo fare un piccolo intervento che non mi consentirà di parlare per qualche giorno. Appena sarà possibile saremo di nuovo qua”.
Fabio Fazio ha annunciato così – nel corso della puntata di domenica 21 febbraio – la sospensione dell’appuntamento con Che tempo che fa di domenica 28 febbraio su Rai3.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
David Leavitt, l’esordio, la vita
Nuova edizione di ”Ballo di famiglia” per Sem
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
10:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
DAVID LEAVITT, BALLO DI FAMIGLIA (Sem, pag. 231, euro 17.00 Nuova traduzione di Fabio Cremonesi).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stupefacente. Si non trovo altre parole per raccontare l’emozione che mi ha dato rileggere dopo tanti anni ”Ballo di famiglia”, il più fulminante esordio letterario di una generazione che ha portato nuova luce nella letteratura americana. David Leavitt è capace di riportare quella rivoluzione che fu la sua prosa asciutta e insieme intensa fino allo struggimento nelle due cose nuove che arricchiscono questo prezioso volume che torna nella bella traduzione di Fabio Cremonesi, l’introduzione e il meraviglioso brevissimo racconto inedito che le dà un rinnovato finale.
Ecco ”il pensiero le era venuto nello stesso modo in cui il portatore di un epidemia arriva in una cittadina ignara”, scrive in ”Contando i mesi”, racconto in cui la protagonista si rende improvvisamente conto di essere capitata nel giorno in cui le era stata annunciato che sarebbe avvenuta la sua morte.
E’ con la stessa potenza che Leavitt torna a rileggere questi suoi racconti scritti quando aveva poco più di vent’anni, era il 1984 quando uscirono e cambiarono per sempre la sua esistenza.
Rileggerli per lui è in qualche modo rileggere la sua vita, quando pubblicò sul New Yorker ad esempio ”Territorio”, considerato il primo racconto gay mai apparso su quel magazine.
”Parla di un giovane gay che invita a casa il suo ragazzo per presentargli la madre, e io fino a quel momento non avevo mai ammesso di essere gay con me stesso figuriamoci con mia madre; non avevo mai avuto un ragazzo e tantomeno mi ero sognato di portarlo a casa”. Racconti legati a pensieri nemmeno ancora formulati nella sua mente, racconti legati a luoghi, che per lo scrittore sono soprattutto quelli in cui li ha scritti poi divenuti altrettanto centrali nella sua vita. Come ”Danny in transito” scritto sul polveroso pavimento di una camera d’albergo a Roma, quando l’Italia sarebbe diventata la sua seconda patria. E poi la scelta dell’agente che gli avrebbe fatto capire che la cosa più importante era fare quello che sentiva di fare, come gli avevano insegnato i suoi maestri Raimond Carver e Grace Paley. E Paley, ricorda Leavitt, a chi le chiedeva perchè scriveva racconti rispose: ”Perchè l’arte è breve e la vita è lunga”. Si la vita, quella che oggi a 59 anni Leavitt dice che fa sempre più fatica a far entrare nella pagina di un libro ed invece allora ci cadeva così con la stordita naturalezza che gli era propria, senza quasi che se ne accorgesse.
E poi rileggere questo bellissimo libro che ci aveva saputo descrivere il mondo in cui tutti noi saremmo caduti sognando una libertà che ci lasciava desolati, varrebbe la pena oggi anche solo per scoprire nella nuova introduzione l’omaggio che l’autore fa alla sua traduttrice di allora, la grande Delfina Vezzoli a cui regala una pagina a dir poco commovente.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Addio al nubilato, una commedia tutta al femminile
Chiatti, Francini e Liskova nel film di Apolloni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
10:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’universo femminile davanti a uno degli appuntamenti più importanti della vita: il matrimonio. E così L’ADDIO AL NUBILATO, film di Francesco Apolloni dal 24 febbraio su Amazon Prime Video, diventa un’occasione di confronto tra quattro amiche che si rincontrano dopo circa vent’anni in un grande albergo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il film – girato interamente durante il Covid e prodotto da Santo Versace e Gianluca Curti, per Minerva Pictures, con Rai Cinema in collaborazione con Amazon Prime Video che lo distribuirà il 24 febbraio – racconta appunto questo incontro in cui emergono ricordi comuni, uomini condivisi, antiche invidie e, soprattutto, vecchie ferite seppellite dal tempo.
“Definirei questo film con una sola frase: è una parabola sul tempo. La vita è troppo breve per non vivere le proprie passioni” dice il regista. E poi aggiunge, parlando del mondo femminile: “Le donne sono migliori degli uomini, più coraggiose. E lo posso dire io che ho avuto una madre che ha deciso di mettermi al mondo a 17 anni nell’Italia degli anni Settanta, quando fare una cosa del genere era mettersi sullo stesso piano di una prostituta”.
Queste le protagoniste del film: Linda (Laura Chiatti), pittrice che vive nella suite dell’albergo di suo padre; Vanessa (Chiara Francini), attrice frustrata con una separazione alle spalle e una figlia problematica; Eleonora (Antonia Liskova), ‘life coach’ che ha come priorità assoluta il sesso; Akiko (June Ichikawa), amante delle discipline orientali e, infine, Cristiana, diciottenne compagna di Linda.
La mancanza di una tradizione italiana per film dedicati agli addii al nubilato o comunque, di sole donne, spiega Apolloni – che si è ispirato a una sua piece teatrale omonima – “è qualcosa che nasce da lontano. Una volta non si pensava mai alle donne come uniche protagoniste. In genere facevano da spalla, ora siamo sicuramente più liberi”.
Dice Laura Chiatti: “Linda, il mio personaggio, è un’artista, una fotografa che ha un suo segreto che rivela alle amiche l’unica notte in cui si svolge tutto il film”.
Sul ruolo della donna oggi, dice l’attrice, “è sicuramente più integra, più forte. Il solo fatto di avere la possibilità di diventare madre ti fa sentire di avere superpoteri, come è capitato a me quando ho partorito e poi mi sono immediatamente presa cura di mia figlia senza provare alcuna stanchezza”.
Le fa eco la Francini: “Non ho figli, ma se avessi una bambina le direi: se vuoi ottenere 18 devi arrivare a 25, insomma per le donne la strada è sempre in salita”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Modena City Ramblers festeggiano trent’anni carriera
Concerto live streaming il 17 marzo all’Estragon di Bologna
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
22 febbraio 2021
15:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I Modena City Ramblers festeggeranno il 30/o anniversario dalla loro formazione con un concerto in live streaming – ’30 MCR 1991-2021 Trent’anni di combat folk’ – in programma mercoledì 17 marzo, festa di San Patrizio, all’Estragon di Bologna, un luogo dove la band è ‘di casa’.
Prevista una serie di opzioni di acquisto e opportunità per condividere ogni momenti di questa giornata, dalle prove del pomeriggio ai collegamenti video dal backstage, fino alla possibilità di interagire da casa con una speciale live chat.

Oltre al concerto, in diretta, il pubblico avrà la possibilità di riguardare la registrazione dell’evento per le 24 ore successive.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dal massacro di Kindu a Goma, 60 anni di sangue
Dal 1949 un centinaio i militari italiani morti all’estero
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
16:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’attentato avvenuto a Goma, nel quale sono rimasti vittime l’ambasciatore italiano in Congo Luca Attanasio e un carabiniere, riporta alla mente il massacro di Kindu del 1961, quando furono brutalmente assassinati 13 aviatori italiani della 46esima Brigata aerea dell’Aeronautica militare. Anche in quel caso i militari facevano parte di un contingente Onu inviato per la grave crisi che il Paese africano stava affrontando dopo l’indipendenza dal Belgio.
Ma la lunga scia dei militari italiani morti all’estero dopo la Seconda Guerra Mondiale parte dal 1949, quando il finanziere Antonio Di Stasi perse la vita ucciso da copi di scimitarra in un’imboscata a Senafé, in Eritrea.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’anno successivo, nel 1950, sempre in Eritrea, il maresciallo dei carabinieri Pio Semproni fu ucciso in un conflitto a fuoco. Nel 1952 due carabinieri, Luciano Fosci e Flavio Salacone, trovarono la morte nel tentativo di bloccare i manifestanti durante una violenta rivolta in Somalia. Nel 1973 il capitano Carlo Olivieri fu colpito mortalmente da un razzo nelle prime ore della guerra del Kippur, in Egitto. Nel 1983 a Beirut, in Libano, il marinaio della Marina Militare Filippo Montesi, del contingente di pace, fu ucciso a colpi di mitra durante un pattugliamento notturno.
Nel 1992, in Croazia, quattro militari italiani perdono la vita nell'”eccidio di Podrute” in seguito all’abbattimento dell’elicottero sul quale viaggiavano. Mesi dopo sul Monte Zec, in Bosnia-Erzegovina, quattro aviatori italiani vengono abbattuti sul loro aereo che trasportava aiuti umanitari. Il 1993 è uno degli anni più tristi per l’Italia impegnata nelle missioni “Restore Hope” e “Ibis II”, in Somalia.
Nella cosiddetta “battaglia del checkpoint Pasta”, a Mogadiscio, tre soldati restano vittime di un’imboscata di miliziani armati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nello stesso anno, sempre a Mogadiscio, cadono i paracadutisti Gionata Mancinelli, Giorgio Righetti e Rossano Visioli e il maresciallo capo Vincenzo Li Causi. L’anno successivo, in un’imboscata sulla strada Balad-Mogadiscio, muore il tenente Giulio Ruzzi, ultimo caduto della missione italiana in Somalia.
Il 12 novembre del 2003 a Nassiriya, in Iraq, uno degli attentati più cruenti: un camion bomba esplose davanti all’ingresso della base italiana dei carabinieri. Nella deflagrazione rimasero uccise 28 persone, 19 italiani di cui 2 civili, e 9 iracheni. Sempre nella missione Antica Babilonia, in Iraq, morì il primo caporale maggiore Matteo Vanzan, vittima di un attacco dei miliziani di Moqtada Al Sadr. Nel 2005, durante la liberazione della giornalista Giuliana Sgrena, viene ucciso da fuoco amico il capo dipartimento del Sismi, Nicola Calipari. Nel 2006, ancora Iraq, in seguito ad un attentato muoiono tre marescialli capo dei carabinieri e un capitano della Folgore.
In Afghanistan trovano la morte, invece, quattro alpini, uccisi – in due episodi differenti – dallo scoppio di una mina al passaggio del loro convoglio. Nel 2007, in seguito all’attentato suicida nel giorno dell’inaugurazione del ponte sul fiume a Paghman (vicino Kabul) muore il maresciallo capo del genio pontieri Daniele Paladini. In un attentato a Kabul nel 2009 muoiono quattro caporal maggiore, un sergente maggiore e un tenente in seguito ad un attentato suicida. Numerosi sono i caduti in Afghanistan tra il 2010 e il 2013: in totale durante l’intera missione italiana sono stati 54. Il ministero della Difesa ha dedicato una pagina web a tutti i militari caduti all’estero, con biografie e riconoscimenti ricevuti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, Fondazione Hume: immunità di gregge nel 2023
Indice DQP (Di Questo Passo) è di 148 settimane, in miglioramento rispetto a lunedì scorso quando veniva indicato maggio 2024
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
16:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ecco il rapporto settimanale della Fondazione Hume, pubblicato anche sul sito, che calcola il nuovo indice DQP
Le autorità politiche e sanitarie, in particolare il ministro Roberto Speranza e la sottosegretaria Sandra Zampa, hanno ripetutamente dichiarato che la campagna di vaccinazione serve a raggiungere la cosiddetta immunità di gregge:
5 dicembre: “Il nostro obiettivo è l’immunità di gregge grazie al vaccino” (Roberto Speranza).
17 dicembre: “Immunità di gregge a settembre-ottobre prossimi” (Sandra Zampa).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
28 dicembre: “Oggi il ministro Speranza ha precisato che entro marzo raggiungeremo la quota di 13 milioni di italiani vaccinati contro Covid-19, e quindi in estate potremo già essere molto avanti nel perseguimento dell’obiettivo immunità di gregge data dal 70%” (Sandra Zampa).
9 gennaio 2021: “Per arrivare all’immunità di gregge dobbiamo vaccinare l’80% di 60 milioni di italiani” (Sandra Zampa).
Per ‘immunità di gregge’ si intende una situazione nella quale ci sono abbastanza persone vaccinate (e non in grado di trasmettere il virus) da portare la velocità di trasmissione del virus (Rt) al di sotto di 1, con conseguente progressiva estinzione dell’epidemia.
Ma quante settimane occorreranno per vaccinare un numero di italiani sufficiente a raggiungere l’immunità di gregge?
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A rispondere a questa domanda provvede l’indice DQP (acronimo di: Di Questo Passo), che stima il numero di settimane che sarebbero ancora necessarie se – in futuro– le vaccinazioni dovessero procedere “di questo passo”.
All’inizio dell’ottava settimana del 2021 (lunedì mattina, 22 febbraio) il valore di DQP è pari a 148 settimane, il che corrisponde al raggiungimento dell’immunità di gregge non prima del mese di dicembre del 2023.
Il valore del DQP è migliorato rispetto a quello della settimana scorsa (immunità di gregge a maggio 2024).
Per raggiungere gli obiettivi enunciati dalle autorità sanitarie (immunità di gregge entro settembre-ottobre 2021), il numero di vaccinazioni settimanale dovrebbe essere circa il quadruplo di quello attuale (2 milioni la settimana, anziché 500 mila).
Le stime fornite ogni lunedì si riferiscono alla settimana appena terminata e si basano sui dati ufficiali disponibili il lunedì mattina (quindi possono subire degli aggiornamenti).
Va precisato che la nostra stima è basata sulle ipotesi più ottimistiche che si possono formulare, e quindi va interpretata come il numero minimo di settimane necessarie.
Più esattamente l’interpretazione dell’indice è la seguente:
DQP = numero di settimane necessario per raggiungere almeno il 70% degli italiani con almeno 1 vaccinazione.
A partire dalla prima settimana completa dell’anno (da lunedì 4 a domenica 10 gennaio) la Fondazione Hume calcola settimanalmente il valore dell’indice DQP (acronimo per: Di Questo Passo).
L’indice si propone di fornire, ogni lunedì, un’idea vivida della velocità con cui procede la vaccinazione, indicando l’anno e il mese in cui si potrà raggiungere l’immunità di gregge procedendo “di questo passo”.
Il calcolo dell’indice si basa su 4 parametri:
1. una stima del numero di italiani vaccinati necessario per garantire l’immunità di gregge;
2. quante vaccinazioni sono state effettuate nell’ultima settimana (da lunedì a domenica);
3. quante vaccinazioni erano state effettuate dall’inizio della campagna (1° gennaio 2021) fino alla settimana anteriore a quella su cui si effettua il calcolo;
4. che tipo di vaccini verranno presumibilmente usati (a 2 dosi o a dose singola).
Nella versione attuale l’indice si basa sulle ipotesi più ottimistiche possibili sul funzionamento del vaccino e sull’andamento della campagna vaccinale. Più precisamente:
• i vaccini somministrati non solo proteggono i vaccinati dall’insorgenza della malattia, ma impediscono la trasmissione dell’infezione ad altri (immunità sterile);
• l’obiettivo è vaccinare il 70% della popolazione (anziché l’80 o il 90%, come potrebbe risultare necessario);
• sul mercato vengono introdotti vaccini per tutte le fasce d’età, compresi gli under 16 (i vaccini attuali sono testati solo su specifiche fasce d’età);
• ci si accontenta di vaccinare ogni italiano una sola volta, trascurando il fatto che, ove la campagna di vaccinazione dovesse prolungarsi per oltre un anno, bisognerebbe procedere a un numero crescente di rivaccinazioni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Asl di Caserta nella bufera per abusi, corruzione e assenteismo
Il 118 affidato in base a regali e assunzioni, spariti i soldi dei progetti per le ‘fasce deboli’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CASERTA
22 febbraio 2021
09:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dodici arresti, 6 misure interdittive, 79 indagati (tra funzionari e dipendenti) e un sequestro di oltre 1,5 milioni di euro: sono i numeri della maxi-indagine “Penelope” della Procura di Napoli Nord sull’Asl di Caserta che ha consentito di fare luce su numerosi episodi di assenteismo, corruzione e gare d’appalto truccate. La stessa indagine, nel novembre scorso, ha portato alla sospensione di 22 “furbetti del cartellino”, tra cui importanti funzionari in servizio al distretto ASL di Aversa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Secondo l’indagine, l’affidamento dei servizi di trasporto in emergenza (118) avveniva in cambio di regali e assunzioni.
Grazie a intercettazioni telefoniche e ambientali sono emersi, secondo gli inquirenti, numerosi gravi violazioni penali, come l’affidamento a poche ditte compiacenti, di lavori di adeguamento e ristrutturazione di locali aziendali gestiti direttamente dal Dipartimento di Salute Mentale (Dsm), in cambio di somme di danaro e regali vari, una serie di falsi ed abusi, in ordine alla gestione di pazienti con patologie psichiatriche, che venivano affidati a strutture esterne convenzionate senza alcuna valutazione del piano terapeutico riabilitativo da parte del competente organo specialistico (U.V.I.), assoggettando l’onere di degenza, dalla somma di diverse migliaia di euro per ciascun paziente, a carico dell’Asl di Caserta. Gli inquirenti hanno accertato l’affidamento dei servizi di trasporto in emergenza (118) ad un’associazione di volontariato i cui vertici, in cambio, avrebbero corrisposto ad uno dei componenti della commissione aggiudicatrice ed ad altri dipendenti compiacenti dell’Asl, regali e altri vantaggi, come l’assunzione di propri familiari.
Sono stati poi riscontrati episodi di corruzione dei gestori delle strutture di riabilitazione convenzionate che, in cambio dell’affidamento diretto dei pazienti e dell’omessa attività di controllo sui piani riabilitativi, corrispondevano periodicamente somme di danaro e altre utilità ai funzionari pubblici che erano preposti alla tutela e corretta attività di recupero dei pazienti psichiatrici. È emerso inoltre la gestione occulta da parte di alcuni funzionari dell’Asl, con intestazione fittizia a persone compiacenti, di strutture private convenzionate presso le quali venivano indirizzati i pazienti, affidati con onere a carico dell’Asl (diaria di circa 88 euro), direttamente dai medesimi funzionari.
Nel corso dell’attività investigativa del Nas di Caserta, coordinata dalla Procura di Napoli Nord, è anche emersa la sparizione dei fondi dei progetti finalizzati alla cura dei pazienti delle cosiddette “fasce deboli”, mai attuati, che, secondo gli investigatori, sarebbero finiti nelle tasche dei dipendenti del Dipartimento di Salute Mentale. Il Nas ha anche scoperto un giro di affidamenti pilotato degli incarichi legali. Il mantenimento degli incarichi di vertice all’Asl avveniva mediante traffici di influenze illecite. Ed ancora: Procura di Napoli Nord e Nas di Caserta hanno accertato l’acquisto di beni strumentali ad uso privato con i fondi pubblici dell’Asl, e il solita condotta di illecito allontanamento dal servizio, da parte di alcuni dipendenti Asl, che dovevano svolgere faccende personali e familiari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Impiegati ‘assenteisti’ Soprintendenza Fvg, tutti assolti
Da falso,truffa, fatto non sussiste.Altre posizioni già definite
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
22 febbraio 2021
10:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono stati tutti assolti perché “il fatto non sussiste” i dipendenti della Soprintendenza dei Beni culturali del Friuli Venezia Giulia accusati di truffa aggravata ai danni dello Stato e di falso materiale in atto pubblico. Lo ha deciso oggi il giudice monocratico Massimo Tomassini del Tribunale di Trieste, al termine di un processo che coinvolgeva 34 imputati, impiegati presunti assenteisti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Non sono giunte a processo alcune posizioni avendo scelto il patteggiamento o il rito abbreviato. Altri impiegati erano stati assolti.
Il pm Massimo De Bortoli aveva chiesto l’assoluzione dall’accusa di falso e la prescrizione per la truffa aggravata.
Il processo era iniziato a seguito di un’indagine della Guardia di Finanza risalente al 2010-2011 e che aveva coinvolto circa 40 dipendenti della Direzione e della Soprintendenza per i Beni culturali del Friuli Venezia Giulia presunti assenteisti.
Allora, in circa cento giorni di accertamenti, anche con l’ausilio di videoregistrazioni, dall’attività delle Fiamme Gialle era emerso che gli impiegati uscivano dagli uffici senza timbrare il cartellino elettronico: alcuni di loro andavano a far spese al supermercato o a svolgere commissioni private.
Secondo gli investigatori, le ore di assenza nel periodo variavano per ciascun indagato da un massimo di 110 a un minimo di alcune ore, concentrate in poche giornate lavorative. “Il giudice ha assolto tutti gli imputati con la formula del ‘vecchio dubbio’, ma c’è un’assoluzione piena perché il fatto non sussiste, non sono emerse prove convincenti per dire che il reato è stato commesso”, ha affermato l’avvocato Paolo Pacileo, legale difensore di sei imputati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incidente sul lavoro nel Nuorese, testa incastrata in pressa
Operaio 30enne in gravi condizioni, con elisoccorso in ospedale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MACOMER
22 febbraio 2021
11:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incidente sul lavoro stamattina nell’area industriale di Tossilo a Macomer, nel Nuorese. Intorno alle 8.30 un operaio è rimasto incastrato con la testa in una pressa mentre lavorava.
Le sue condizioni sono molto gravi. È stato trasportato con l’elisoccorso del 118 all’ ospedale Brotzu di Cagliari.
Ancora frammentarie le notizie sull’accaduto: secondo quanto appreso l’operaio ha circa 30 anni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mafia: omicidio a Latina nel 2010 per guerra clan, 4 arresti
Faida tra famiglia Ciarelli-Di Silvio e altro gruppo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
22 febbraio 2021
11:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quattro arresti oggi a Latina per l’omicidio di Massimiliano Moro, avvenuto il 25 gennaio del 2010, nell’ambito della guerra tra clan locali, anche di etnia Rom. Gli uomini della Squadra Mobile di Latina, in collaborazione con il personale del Servizio Centrale Operativo, ha dato esecuzione ad una ordinanza emessa dal Gip di Roma, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di Ferdinando Ciarelli, 58 anni, Ferdinando Ciarelli, 39 anni, Andrea Pradissitto, 30 anni e Simone Grenga, 35 anni.

L’indagine si è avvalsa anche delle dichiarazioni di due collaboratori di giustizia. Il delitto si inquadrava nella faida scoppiata nel 2010 tra le famiglie rom Ciarelli-Di Silvio da un lato, e gruppi non rom facenti capo a Mario Nardone e Massimiliano Moro per il controllo delle attività criminali del territorio pontino.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
D’Amato, 8 marzo aprirà hub vaccini stazione Termini Roma
Ad Fs, inviteremo anche il premier Draghi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
11:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Per il personale scolastico dopodomani apriremo anche la Nuvola’ all’Eur ed è questo un altro punto importante. L’8 marzo partirà anche l’hub della stazione Termini che è anch’esso per noi un altro punto importante”.
Lo ha annunciato l’assessore alla Salute della Regione Lazio, Alessio D’Amato, sul piano vaccinale nella regione al termine del sopralluogo effettuato nell’hub di Fiumicino. “Sarà la prima stazione in Italia in cui si potranno fare le vaccinazioni – ha commentato l’ad di Ferrovie dello Stato, Gianfranco Battisti -. Probabilmente inviteremo anche Draghi a presenziare. Sarà il primo grande hub ferroviario a fare una cosa del genere. In quell’occasione presenteremo il treno sanitario che abbiamo messo a disposizione della Protezione Civile e della Croce Rossa per trasportare malati Covid o gravi”.   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Casa di riposo abusiva sequestrata, ospiti malnutriti
Una arrivata a pesare 35 kg. Tre indagati a Reggio Calabria
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
22 febbraio 2021
11:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una casa alloggio trasformata abusivamente in una casa di riposo per anziani è stata sequestrata dai carabinieri dei Nas su disposizione della Procura di Reggio Calabria che ha anche notificato tre avvisi di garanzia nei confronti del legale rappresentante della cooperativa sociale che gestiva la struttura e di due operatori socio sanitari, indagati, a vario titolo, per abbandono di persone incapaci, maltrattamenti ed esercizio abusivo della professione sanitaria.
Coordinata dal procuratore Giovanni Bombardieri, dall’aggiunto Gerardo Dominijanni e dal pm Marika Mastropasqua, l’inchiesta del Nas è partita a marzo 2020, quando, in piena pandemia e nella fase più critica, un ospite della struttura, situata nel quartiere reggino di Ciccarello, era risultato positivo al Covid-19 e ricoverato, in gravi condizioni, al Grande ospedale metropolitano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel giro di un mese lui e due donne, ospiti nella stessa casa di riposo, erano poi deceduti a causa del virus, ed altri cinque degenti risultarono contagiati.
Da qui è partita un’ispezione per verificare le condizione della struttura e le misure in atto per il contenimento del contagio. Dagli accertamenti è emerso che la casa alloggio, autorizzata solo per sei unità ed “a bassa intensità assistenziale”, in realtà era stata trasformata in casa di riposo con oltre dieci ospiti, di cui molti non autosufficienti e allettati, bisognevoli di cure e terapie farmaceutiche continue e, quindi, di una assistenza altamente professionale. È stato inoltre accertato che non vi era alcuna autorizzazione né, tantomeno, erano mai state fatte le previste comunicazioni alle autorità di pubblica sicurezza, e che l’assistenza agli anziani veniva assicurata solo dalla cuoca e da due operatori sanitari.
Erano loro, secondo gli inquirenti, che somministravano abusivamente anche i farmaci.
Per l’accusa, inoltre, la rappresentante legale non riforniva adeguatamente di derrate alimentari la struttura. Per effetto di ciò molti anziani, soprattutto quelli allettati, erano malnutriti o lasciati privi di cibo tanto che una degente arrivò a pesare addirittura 35 chili. Gli anziani venivano sedati somministrando loro massicce dosi di medicinali con effetto psicotropo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Accoltella la ex in strada, arrestato per tentato omicidio
L’aggressione ieri sera a Torino, ventenne in prognosi riservata
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
22 febbraio 2021
12:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una studentessa ventenne di origini greche è ricoverata in prognosi riservata all’ospedale Molinette di Torino, dove è stata ricoverata per le coltellate al torace, all’addome e al collo inferte dall’ex fidanzato.
L’uomo, un 27enne di origini albanesi, è stato arrestato dai carabinieri per tentato omicidio.
L’aggressione ieri sera in strada nel quartiere San Salvario a Torino. Sono stati alcuni passanti, che hanno assistito all’aggressione, a dare l’allarme e a consentire ai carabinieri di bloccare l’uomo nelle vicinanze. Recuperato il coltello.
L’aggressione, secondo quanto si apprende, è avvenuta in largo Marconi, non lontano dall’abitazione della ventenne.
Ricoverata in Rianimazione, la giovane è stata sottoposta a un intervento di sei ore per le lesioni polmonari.   PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Sequestrato “Albergo delle Fate”,icona della Sila a rischio
Sindaco Taverna, “salviamo bene monumentale, ora in abbandono”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TAVERNA
22 febbraio 2021
12:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato sequestrato il “Grande albergo Parco delle Fate di Villaggio Mancuso”, località turistica della Sila Catanzarese da anni in disarmo. Il provvedimento cautelare preventivo è stato eseguito dai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale di Cosenza si disposizione del gip del Tribunale di Catanzaro, Alfredo Ferraro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La struttura, realizzata in legno nei primi decenni del secolo scorso è conosciuto come uno dei luoghi iconici più celebrati del turismo montano calabrese del secondo dopoguerra.
La custodia giudiziale dell’immobile è stata affidata al responsabile dell’ufficio tecnico del Comune di Taverna, Marco Borello. “Sulla scia della decisione del giudice – ha dichiarato il sindaco di Taverna Sebastiano Tarantino – riteniamo sia opportuno lanciare adesso un appello alle istituzioni e agli enti che possono concorrere a garantire la salvaguardia di un bene monumentale di così grande importanza storica e culturale.
Alla Regione Calabria, alla Provincia di Catanzaro e alla Soprintendenza chiediamo di avviare un percorso di recupero dell’immobile che allo stato si rischia di perdere. E’ stato accertato, infatti, che allo stato attuale la struttura è una fonte di pericolo sia per l’edificio in quanto tale, sia per l’incolumità pubblica. E’ arrivato il momento – ha aggiunto Tarantino – di ragionare seriamente sul futuro di quest’opera e sulla sua valenza storica e culturale”.
I timori su possibili eventi negativi di natura non solo accidentale, non mancano. Esattamente un anno fa, infatti, il tetto dell’edificio venne interessato da un principio d’incendio poi domato grazie all’intervento tempestivo di alcuni cittadini e dei vigili del fuoco.
Il Grande Albergo delle Fate pensato e realizzato negli anni Trenta del secolo scorso dall’imprenditore catanzarese, Eugenio Mancuso, prima di finire nella triste condizione in cui si trova da qualche anno, conobbe stagioni di grande interesse anche con la presenza di star del cinema e dello spettacolo del calibro di Sophia Loren, Silvana Mangano, Amedeo Nazzari, Vittorio Gassman, Giovanna Ralli, Gigi Proietti e Oreste Lionello.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: variante inglese, sei i casi confermati in Sardegna
Al via tamponi su contatti e analisi per intercettare mutazione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NUORO
22 febbraio 2021
12:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Al momento sono cinque le conferme a Bono (Sassari) e una a Nuoro per la variante inglese del Covid 19, comparsa in Sardegna dopo il rientro dal Libano di un militare. Lo dice il commissario Ats Sardegna Massimo Temussi a Nuoro per un incontro sui servizi sanitari nel territorio.

A Bono secondo giorno di lockdown, che durerà sino al 6 marzo: sono stati eseguiti i primi 300 tamponi molecolari che hanno già dato 29 positivi. Ora le analisi sono all’esame dei laboratori per intercettare eventuali casi di variante inglese.
“Complessivamente si arriverà a un migliaio di tamponi per tracciare tutti i contatti dei cinque positivi nei quali è stata riscontrata la variante inglese”, ha spiegato il Commissario.
A Nuoro, invece, dove in queste ore vengono fatti circa 400 tamponi, sono in corso i tracciamenti sui contatti di una donna risultata positiva alla variante inglese.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Latte: quattro pastori a processo a Nuoro il 16 giugno
Rinviati a giudizio per proteste 2019, sit-in indipendentisti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NUORO
22 febbraio 2021
13:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si dovranno presentare a processo il prossimo 16 giugno i quattro pastori che oggi sono stati rinviati a giudizio dal giudice per l’udienza preliminare Giorgio Cannas per una manifestazione di protesta sulla statale 131 dcn che si è svolta il 13 febbraio 2019, quando in tutta la Sardegna gli allevatori ovini protestavano sollecitando che si stabilisse un equo prezzo del latte. Questa mattina in tribunale, gli avvocati Giulia, Adriano Sollai, Marcella Cabras e Michele Zuddas, hanno invece chiesto il non luogo a procedere ricordando che al blocco temporaneo della circolazione sulla Statale 131, al bivio per Lula (Nuoro), parteciparono circa 2000 persone tra cui alcuni rappresentanti delle istituzioni.

Nel frattempo, all’esterno del Tribunale, si è tenuto un presidio da parte degli esponenti dell’associazione Libertade che sta seguendo da vicino le vicende giudiziarie legale alle proteste dei pastori.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: festa abusiva con rissa, 29 sanzionati
In un locale di Milano, un uomo in ospedale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
22 febbraio 2021
13:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Non solo hanno organizzato una festa abusiva, ma alcuni di loro si sono anche resi protagonisti di una rissa fuori da un locale di via Fioravanti a Milano. I carabinieri del Nucleo Radiomobile, ieri sera, sono intervenuti per la segnalazione di un’aggressione in strada e hanno effettivamente trovato tre cinesi, tra i 29 ed i 40 anni, tutti ubriachi, dei quali uno con il volto insanguinato e varie contusioni alla testa.

Dal locale hanno sentito i rumori di una festa con musica ad alto volume. I militari hanno cercato di entrare dall’ingresso principale ma solo con l’aiuto dei vigili del fuoco sono riusciti a entrare dal retro.
Nei vari privé hanno trovato 29 persone: tutte sono state sanzionati per inottemperanza alle disposizioni anti assembramento e il locale è stato chiuso per cinque giorni.
Il ferito, soccorso dal 118, è stato portato all’ospedale Niguarda ma non è in pericolo di vita.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Genovese: pm, no a perizia su audio ‘Terrazza Sentimento
Da Procura parere negativo a richiesta avanzata da difesa a gip
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
22 febbraio 2021
13:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Milano ha dato parere negativo alla richiesta avanzata al gip Tommaso Perna dalla difesa di Alberto Genovese, l’imprenditore in carcere da novembre per aver stordito con droghe e poi stuprato una 18enne ospite a una festa nel suo appartamento, di disporre una perizia sugli audio relativi alla telecamere interne dell’attico di lusso ‘Terrazza Sentimento’. Audio che riguardano l’intera serata e di cui si chiede un’analisi da parte di esperti per verificare se la ragazza possa aver manifestato il suo consenso a ciò che è avvenuto successivamente.

Per gli inquirenti gli audio sono disturbati e, quindi, una perizia potrebbe lasciare spazio alle interpretazioni più disparate e non oggettive. La parola spetta al giudice.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per Palamara anche accusa corruzione atti giudiziari
Contestata da pm Perugia in udienza preliminare
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
22 febbraio 2021
14:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuove accuse per l’ex consigliere del Csm Luca Palamara nel corso dell’udienza preliminare in corso a Perugia. La procura ha infatti modificato il capo d’imputazione contestandogli i reati di corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficio e corruzione in atti giudiziari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Stessi addebiti contestati all’imprenditore Fabrizio Centofanti e ad Adele Attisani.
I magistrati del capoluogo umbro hanno depositato nuovi atti nell’udienza che si è svolta oggi. Tra questi una corposa informativa della guardia di finanza, verbali di diversi testimoni e riscontri acquisiti nel corso delle indagini.
In particolare Palamara – al quale era stato contestato inizialmente il reato di concorso in corruzione per un atto d’ufficio – è accusato di avere acquisito informazioni riservate da pubblici ministeri di Roma e di Messina rendendole note a Centofanti. Da questi sarebbero poi passate – sempre in base alla ricostruzione accusatoria – all’avvocato Piero Amara.
Palamara avrebbe quindi ricevuto da Centofanti viaggi, soggiorni e lavori eseguiti da varie ditte presso l’abitazione di Adele Attisani, amica di Palamara e considerata “istigatrice” delle presunte condotte illecite.
La procura perugina è stata rappresentata dal capo dell’Ufficio Raffaele Cantone e dai sostituti Gemma Miliani e Mario Formisano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: Ordine Malta organizza un corso per autorità Libia
Gran Cancelliere, ‘Il Paese sta affrontando una sfida globale’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
14:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Prende il via oggi il Corso sulla Protezione dei migranti e dei rifugiati per le autorità libiche organizzato dal Sovrano Ordine di Malta in collaborazione con il think tank britannico Forward Thinking. I partecipanti al corso – organizzato online a causa delle limitazioni di viaggio imposte dalla pandemia – sono rappresentanti del governo libico, dei ministeri di Difesa, Interni, Giustizia e Lavoro e formazione, e altre importanti istituzioni nazionali.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il corso – spiega l’Ordine di Malta – nasce dalla continua instabilità politica e sociale che il Paese sta vivendo con le molte sfide poste dalla crisi migratoria e dei rifugiati”. “La Libia sta affrontando una sfida globale, con implicazioni regionali, guidata da fattori che superano le sue frontiere”, ha dichiarato il Gran Cancelliere dell’Ordine di Malta, Albrecht Boeaselager, nel suo discorso di apertura. “In molti incontri avuti a partire dal 2015 con un gruppo di politici libici, rappresentanti del governo e delle istituzioni, così come stakeholder internazionali, quello che è emerso è che l’unica via da seguire è impegnarsi con i molti attori coinvolti nella regione in un processo di capacity building che consenta al Paese di affrontare le tante questioni urgenti”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: sindaco Brescia, valutazioni Cts a breve
Del Bono, consapevole aumento contagi, preoccupa provincia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BRESCIA
22 febbraio 2021
15:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Usciremo da questa situazione solo con una massiva campagna vaccinale. I dati di Brescia sono all’attenzione del Cts nazionale che farà valutazioni a breve.

Sono pienamente cosciente che c’è un aumento dei casi”. Lo ha detto il sindaco di Brescia Emilio Del Bono che ha riferito di aver già parlato con il presidente della Regione Lombardia Fontana sulla situazione della sua città, da giorni tra quelle italiane con più contagi. “Per quanto riguarda la città – ha aggiunto Del Bono – non c’è una situazione particolarmente grave, ma l’andamento del contagio preoccupa soprattutto in provincia”.
Non spetta a noi dire se siamo da zona rossa, gialla, arancione. Esistono i comitati tecnici scientifici, nazionale e regionale, che ci devono dire quale è la situazione. Non so dire quindi se oggi siamo da zona rossa perchè non ho tutti i dati che ha invece il Cts”, ha spiegato Del Bono ha aggiunto: “Sarei per arginare il flusso di gente il sabato pomeriggio in centro città. Se resterà la zona gialla valuterò di limitare la vendita di alcolici nel centro città dopo quanto visto negli ultimi fine settimana, sabato soprattutto”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ristoratori in piazza a Genova con tassisti e mondo sport
Anche rappresentanza Teatro Carlo Felice
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
22 febbraio 2021
16:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Circa 500 persone, la maggior parte delle quali ristoratori ‘autonomi’, manifestano in centro a Genova con i rappresentanti dei tassisti, del mondo dello spettacolo e dei gestori degli impianti sportivi per protestare contro le restrizioni covid e per chiedere ristori. La protesta segue di una settimana quella di #ristoratoriuniti, movimento dal quale gli ‘autonomi’ si sono sganciati ed è il terzo lunedì che la categoria, più o meno organizzata, scende in piazza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tra i manifestanti, che hanno acceso fumogeni, anche i delegati dei lavoratori del Teatro Carlo Felice, in rappresentanza del mondo dello spettacolo tra i più penalizzati dal covid.
I lavoratori del Carlo Felice hanno esposto uno striscione con la scritta ‘Fatti, non promesse’. In piazza anche gestori di palestre, centri fitness e piscine. Molti gli striscioni tra cui ‘Ristori spariti, merci buttate, tasse da pagare. Governo, vergogna’ e ‘Dpcm demenziali = aiuti per le Multinazionali’.
“Noi ci siamo messi in sicurezza gli untori non siamo noi. Non si combatte la pandemia con i supermercati pieni e i ristoranti vuoti, con i treni pieni e i teatri vuoti. Non si combatte la pandemia combattendo la cultura”, ha detto uno degli organizzatori. La manifestazione è auto-organizzata grazie al tam tam sui social.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Calcio: Digos al lavoro su assembramento tifosi Milan-Inter
Sanzioni per chi sarà identificato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
22 febbraio 2021
17:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli agenti della Digos di Milano sono al lavoro, soprattutto con l’analisi delle immagini riprese dalle telecamere, per identificare i tifosi di Inter e Milan che ieri, nei pressi dello stadio Meazza, hanno creato assembramenti e che solo per l’intervento delle forze dell’ordine non sono venuti a contatto.
Un lavoro – è stato spiegato – che non si prevede semplice anche perché gran parte di tifosi era a volto coperto con mascherine protettive, sciarpe o altro.

Chi sarà identificato sarà sanzionato per violazione delle normative anticovid che proibiscono gli assembramenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lite in famiglia, giovane uccide il padre a martellate
Omicidio nel rodigino, indagini dei carabinieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROVIGO
22 febbraio 2021
17:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un ragazzo di 20 anni ha ucciso a martellate il padre, Giovanni Finotello, 57 anni. Il fatto è accaduto a Porto Viro, nel rodigino.
L’omicidio è avvenuto nel corso di una lite in famiglia. La vittima è stata colpita più volte alla testa e al busto con un martello. L’uomo, inizialmente ricoverato, è morto in ospedale. L’indagine è condotta dai carabinieri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:positivi sotto 10 mila,ma -80 mila test. Su i ricoveri
Ancora 274 morti, +24 in rianimazione. Tasso positività al 5,6%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
17:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con quasi 80 mila test in meno – tipico della domenica – scendono sotto i 10 mila i positivi al coronavirus nelle 24 ore in Italia, ma le vittime tornano a salire, così come i ricoverati in terapia intensiva e nei reparti ordinari.
Sono 9.630 i test positivi, secondo i dati del ministero della Salute (ieri erano stati 13.452).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I morti sono invece 274 (ieri 232).
Sono stati 170.672 i molecolari e antigenici effettuati nelle ultime 24 ore (ieri erano stati 250.986). Il tasso di positività è del 5,6%, ieri era stato del 5,4% (quindi c’è un aumento dello 0,2% in 24 ore).
Sono 2.118 le persone ricoverate in terapia intensive per il Covid-19, con un aumento di 24 unità nel saldo quotidiano tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri in rianimazione sono stati 162. Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 18.155 persone, in aumento di 351 unità rispetto a ieri.
Gli attualmente positivi tornano a scendere dopo due giorni di rialzo e sono ora 387.903 (-992 rispetto a ieri), i guariti e dimessi 2.334.968 (+10.335), in isolamento domiciliare ci sono ora 367.630 persone (-21.265).
I casi totali da inizio epidemia in Italia sono 2.818.863, i morti 95.992.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Volontari Oipa salvano cervo caduto Naviglio nel Milanese
L’animale è ora nell’oasi Wwf di Vanzago
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
22 febbraio 2021
17:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un cervo di grosse dimensioni è stato salvato stamani dai volontari dell’Oipa (Organizzazione internazionale protezione animali) dopo essere caduto nelle acque del Naviglio Martesana a Cernusco sul Naviglio (Milano) “Stamattina nella sede Oipa di Milano arriva una chiamata: un cervo è caduto nei Navigli”, raccontano i volontari. Sono quindi stati chiamati i carabinieri che hanno coordinato le operazioni di salvataggio.
Il coordinatore delle guardie zoofile Oipa di Milano, Fabio D’Aquila, anch’egli sul posto, racconta: “Si tratta di un grande cervo caduto nel Naviglio Martesana all’altezza di Cernusco. Due veterinari lo hanno addormentato sparandogli l’anestetico a distanza. Il povero animale era molto stressato e presentava qualche ferita, ma per lui c’è un lieto fine: sarà ospitato nella Riserva naturale Bosco Wwf di Vanzago nel Milanese”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, 20 Comuni provincia Ancona in zona arancione
Acquaroli firma ordinanza, aumento contagi e casi variante Gb
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
22 febbraio 2021
18:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dalla mezzanotte di oggi e fino alle 24.00 di sabato 27 febbraio passano in zona arancione 20 Comuni della provincia di Ancona, compreso il capoluogo di regione, dove si è registrato il maggior tasso di contagi da Covid-19 e la presenza di alcuni casi di variante inglese. Lo prevede un’ordinanza annunciata ieri e firmata oggi dal presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli, sentito il Ministero della Salute, il prefetto e acquisita l’intesa con Anci Marche.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli altri Comuni restano in zona gialla, con limitazioni agli spostamenti. Già in vigore anche un’ordinanza che limita gli spostamenti da e per la provincia di Ancona. Si tratta dei Comuni di Ancona, Camerata Picena, Castelfidardo, Castelplanio, Chiaravalle, Cupramontana, Falconara Marittima, Filottrano, Jesi, Loreto, Maiolati Spontini, Monte San Vito, Osimo, Ostra, Polverigi, Sassoferrato, Senigallia, Serra De’ Conti, Sirolo, Staffolo, caratterizzati “da uno scenario di elevata gravità, da un livello di rischio alto e dalla presenza di alcuni casi di variante inglese”. Da molti giorni la provincia di Ancona registra circa la metà dei nuovi casi di positività al covid e gli ospedali delle città interessate sono in sofferenza. Le restrizioni sono le stesse del Dpcm nazionale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo, Vittoria Ceretti co-conduttrice per una sera
L’annuncio di Amadeus, ‘la supermodella con me sul palco’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
22 febbraio 2021
17:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La supermodella Vittoria Ceretti sarà co-conduttrice di una delle serate del Festival di Sanremo. Lo annuncia Amadeus.

“La kermesse – spiega il direttore artistico e conduttore – si arricchisce di una nuova presenza femminile: è la giovane Vittoria Ceretti, super top model italiana che a poco più di vent’anni ha sfilato sulle passerelle di tutto il mondo per le più importanti griffe. È apparsa sulle copertine delle più prestigiose riviste di moda ed è la musa ispiratrice dei grandi maestri della fotografia contemporanea. Vittoria sarà la mia partner in una delle cinque serate di Sanremo 2021”.
Nata a Brescia nel 1998, Vittoria Ceretti ha iniziato la sua carriera da supermodella partecipando al concorso Elite Model Look nel 2012. Poi l’esordio in passerella con Dolce & Gabbana e centinaia di di sfilate tra New York, Londra, Milano e Parigi per maison come Chanel, Michael Kors, Tommy Hilfiger, Tom Ford, Marc Jacobs, Burberry, Versace, Etro, Salvatore Ferragamo, Roberto Cavalli, Dior, Valentino, Louis Vuitton e Givenchy.

La Tua opinione è importante! Vota questo articolo, grazie!
No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.