Cronaca tutte le notizie in tempo reale, tutti, ma proprio tutti i fatti di Cronaca sempre aggiornati. LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 21 minuti

Ultimo aggiornamento 24 Febbraio, 2021, 11:42:05 di Maurizio Barra

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 14:27 DI MARTEDì 23 FEBBRAIO 2021

ALLE 11:42 DI MERCOLEDì 24 FEBBRAIO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Appello madre a Zingaretti, “vaccini a genitori caregiver”
Figlio affetto da fibrosi cistica.”Ha 15 anni, devo proteggerlo”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
14:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da anni è accanto ogni giorno al suo bambino che convive con la fibrosi cistica, affrontandola con il sorriso sulle labbra, oggi Lorena Iglesias lancia un appello al presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti per tutti quei genitori che, come lei, vogliono proteggere i loro figli in tempi di Covid. In una lettera aperta chiede di riconoscere tra le priorità da vaccinare i caregiver dei bambini fibrosicistici.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Scrivo in qualità di madre caregiver di Andrea, un ragazzo di 15 anni affetto da fibrosi cistica e in cura presso il Policlinico Umberto I di Roma e in qualità di Presidente dell’associazione La Magia di un Respiro nata per supportare le famiglie e i pazienti che convivono con questa gravissima patologia – inizia la lettera – Nessuno pretende di passare davanti a nessuno! Ci si chiede piuttosto se la Regione Lazio all’interno del quadro definito dalle disposizioni ministeriali, abbia la possibilità e la volontà di dare loro attuazione in modo da colmarne alcune evidenti discrepanze”. “I caregiver dei fibrosicistici non rientrano nelle categorie da vaccinare – spiega Lorena Iglesias – Quindi un bambino che ha meno di 16 anni non può essere vaccinato per questo deve essere protetto in altro modo, in primis con il riconoscimento della priorità vaccinale per i genitori. Riconoscimento incomprensibilmente non contemplato nel caso della fibrosi cistica ma espressamente previsto per i pazienti onco-ematologici, altra categoria di ‘persone estremamente vulnerabili’, con conseguente disparità di trattamento e violazione del principio costituzionale di uguaglianza”.   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: caso di variante brasiliana, chiusa scuola a Roma
E’ una media, materna già chiusa per variante inglese
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
23 febbraio 2021
16:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un caso di variante ‘brasiliana’ del Covid è stato scoperto in una scuola a Roma che nei giorni scorsi, per l’emergere di un caso di quella ‘inglese’ aveva già disposto la chiusura delle sezioni della materna e della elementare. Il provvedimento è stato ora esteso dall’Asl Roma 1 anche alla scuola media dell’istituto Sinopoli-Ferrini, nel quartiere Africano della Capitale.
La scuola chiude da domani, e fino a data da destinarsi, a causa dell’elevato numero di tamponi molecolari da effettuare ad alunni, docenti e lavoratori. Sarebbe il primo caso di variante brasiliana che si registra a Roma e nel Lazio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Spettacolo protesta: lavoratori occupano strada a Napoli
Davanti al molo Beverello Striscione: “il lavoro non è favore”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
23 febbraio 2021
16:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Alcune centinaia di attivisti e lavoratori del mondo dello spettacolo a Napoli hanno occupato via Cristoforo Colombo davanti al Molo Beverello, a due passi dal teatro Mercadante dove si stava svolgendo la manifestazione del settore a un anno dalla chiusura dei teatri. I lavoratori hanno fermato tutto il traffico veicolare proveniente da via Acton occupando la strada con un grande striscione con la scritta “Il lavoro non è un favore”.
Alcuni di loro hanno acceso dei fumogeni rossi.   SPETTACOLI, MUSICA E CULTURA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: zona rossa per paese Ciociaria,c’è variante inglese
A Torrice, nel Lazio restrizioni già in altri tre Comuni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
23 febbraio 2021
16:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha firmato oggi l’ordinanza per istituire la zona rossa nel Comune di Torrice in provincia di Frosinone a causa della forte incidenza e presenza della variante inglese.
“Per il Comune – spiega una nota della Regione Lazio – si applicano le misure più restrittive di cui all’art.
3 del Dpcm 14 gennaio 2021. Le disposizioni dell’ordinanza entrano in vigore dalle ore 1:00 del 24 febbraio 2021 e per i 14 giorni successivi”.
La provincia di Frosinone era già attenzionata da alcuni giorni dalla Regione Lazio a causa del forte aumento dei casi di Covid. Altre zone rosse nel Lazio sono state istituite nei giorni scorsi a Carpineto e Colleferro in provincia di Roma e a Roccagorga in provincia di Latina.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini, Marche, prenotazioni con portalettere e postamat
A disposizione 889 postini e 13 Atm
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
23 febbraio 2021
17:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I cittadini delle Marche potranno prenotare l’appuntamento per la vaccinazione anti Covid-19 rivolgendosi al proprio portalettere o attraverso i 13 Atm Postamat regionali. Poste Italiane ha potenziato la propria infrastruttura tecnologica garantendo ulteriore supporto alla Regione Marche.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo il via alle prenotazioni del 12 febbraio scorso attraverso il sito ufficiale del Governo Italiano per la prenotazione dei Vaccini anti-Covid 19 il numero verde 800.009.966, in questa fase i cittadini over 80 (o loro delegati) avranno a disposizione anche la task force di 889 postini per la prenotazione del vaccino. Tessera sanitaria in corso di validità e numero di cellulare alla mano, i nati fino al 1941 potranno richiedere di verificare in tempo reale la disponibilità di appuntamenti presso i centri vaccinali limitrofi e di prossimità.
Il portalettere, attraverso la funzione “prenotazione vaccini” sviluppata per il dispositivo palmare, già in dotazione per il servizio di recapito, verificherà le disponibilità in base al Cap. Il sistema informatico si interfaccerà direttamente con i centri vaccinali e selezionerà gli slot ancora disponibili. Questa modalità resterà attiva anche per le successive fasi di vaccinazione. Per gli Atm Postamat sarà sufficiente inserire la tessera sanitaria, digitare i dati richiesti e ritirare il promemoria con i dettagli della prenotazione. Poste Italiane ha messo a disposizione la più grande flotta aziendale nell’emergenza Covid-19: oltre a gestire la piattaforma di prenotazione dei vaccini, ci sono la consegna in tutto il territorio nazionale dei dispositivi di protezione, attrezzature sanitarie e il trasporto delle dosi di vaccino Moderna e AstraZeneca ai presidi ospedalieri.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid:Lazio, oltre 360mila vaccinazioni,da domani hub Nuvola
Dal 1 marzo al via vaccinazioni dai medici di base per i 65enni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
23 febbraio 2021
17:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Superata la quota delle 360 mila dosi somministrate nel Lazio e le 120 mila persone che hanno ricevuto i richiami”. Così l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato in merito alla vaccinazione anti-Covid.

Proseguono le somministrazioni rivolte ai docenti e al personale scolastico. Sono oltre 53 mila le prenotazioni finora ed è partita oggi la procedura per le prenotazioni nella fascia fino ai 65 anni. Domani aprirà il centro alla “Nuvola” dell’Eur.
Dal primo marzo partono nel Lazio le vaccinazioni dai medici di medicina generale. Si inizierà dai nati nell’anno 1956 (65 anni) con il vaccino Astrazeneca. Al momento le dosi disponibili per i 4 mila medici sono 80 mila.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: Tar sospende ordinanza Puglia su dad per tutti
Emiliano aveva disposto fino al 5/3 didattica a distanza al 100%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
23 febbraio 2021
17:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Tar Puglia ha sospeso l’ordinanza regionale con la quale il presidente Michele Emiliano ha disposto fino al 5 marzo la didattica digitale integrata al 100% per tutti gli alunni e gli studenti pugliesi. Il decreto a firma del presidente Orazio Ciliberti accoglie l’istanza cautelare del ricorso presentato dal Codacons Lecce e da un gruppo di genitori di alunni, a per effetto sospende l’efficacia del provvedimento regionale, fissando l’udienza collegiale al 17 marzo 2021.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 13.314 nuovi casi, 356 vittime
Oltre 300 mila tamponi, tasso positività scende al 4,4%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
18:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 13.314 i nuovi casi di coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore. Sono 356, invece, le vittime.
Sono 303.850 i tamponi effettuati con il tasso di positività sui nuovi casi che scende al 4,4% rispetto al 5,6% di ieri. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 2.146, 28 in più rispetto a ieri. I ricoverati con sintomi sono, invece, 18.295 (+140). Gli attualmente positivi in Italia tornano a salire raggiungendo quota 387.948 (+45 rispetto a ieri). Il totale dei dimessi o guariti è 2.347.866 (+12.898), mentre quello delle vittime è di 96.348.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: da inizio pandemia emanati 522 atti, oltre 37 al mese
Analisi Openpolis, nel 2021 già pubblicati 56 provvedimenti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
18:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da quando è stato dichiarato lo stato d’emergenza, il 31 gennaio 2020, sono stati adottati 522 provvedimenti, solo a livello nazionale per una media di oltre 37 atti al mese. Lo rende noto Openpolis, sottolineando che i primi mesi del 2020 sono stati i più intensi dal punto di vista della produzione normativa: a febbraio sono stati pubblicati 67 atti Covid, a marzo 103, ad aprile 65.
Nel 2021 gli atti pubblicati sono già 56. Lo stato di emergenza è stato prorogato, con un’ordinanza firmata il 13 gennaio scorso, fino al prossimo 30 aprile. La maggior parte dei provvedimenti pubblicati sono stati emanati dal ministero della Salute, poi dalla Protezione Civile e dal ministero dell’Interno. Sono invece 7 gli atti adottati sotto la nuova presidenza di Mario Draghi: 5 del ministero della Salute, uno del governo e uno della Protezione Civile.   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Scuola: Emiliano, a breve nuova ordinanza, Dad a scelta
Dopo decisione Tar Puglia che ha bocciato precedente misura
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
23 febbraio 2021
19:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Adotterò immediatamente un’altra ordinanza che, tenendo conto dei rilievi” del Tar Puglia “tuteli comunque la vita del personale scolastico agganciando la durata della campagna vaccinale per le scuole al periodo di vigenza della ordinanza, rimuovendo il limite del 50% alla presenza contemporanea nelle classi”. Lo annuncia il governatore Michele Emiliano dopo che il Tar ha sospeso l’ordinanza con la quale era stata resa obbligatoria la Dad in tutte le scuole.
“Verrà reintrodotto – annuncia Emiliano – il diritto alla scelta della didattica integrata a distanza da parte delle famiglie che ne faranno richiesta”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Appello madre, “vaccini a genitori caregiver”. Ok Zingaretti
Figlio è fibrosicistico.Governatore,”sue parole non inascoltate”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
20:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccinare i genitori caregiver per proteggere dal Covid i propri figli. E’ l’appello di una mamma che da anni è accanto ogni giorno al suo bambino che convive con la fibrosi cistica, affrontandola con il sorriso sulle labbra.

Una patologia grave che in Italia riguarda oltre 5.500 pazienti, di cui quasi la metà ha meno di 18 anni, registrando un’età media al decesso di 34,7 anni. In una lettera aperta al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, Lorena Iglesias lancia un appello per tutti quei genitori che, come lei, si trovano ad affrontare la malattia accanto ai loro figli.
Parole che non sono cadute nel vuoto. In serata il presidente Zingaretti, ha assicurato che il “suo appello, che in realtà è una richiesta di aiuto che riguarda tanti genitori nella sua stessa situazione, non rimarrà inascoltato”. Il governatore ha spiegato di aver già dato indicazioni agli uffici competenti in materia “per mettere in moto la macchina amministrativa e dare in tempi ragionevolmente rapidi una risposta efficace in grado di colmare eventuali lacune normative sulla vaccinazione dei genitori caregiver dei fibrosicistici”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Urtato dal treno nel milanese, grave 13enne
Il ragazzo era sulla banchina, trauma cranico e facciale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 febbraio 2021
21:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un ragazzino di 13 anni è stato urtato da un treno alla stazione di Melzo, in provincia di Milano, ed è stato trasportato in condizioni serie all’ospedale Giovanni XXIII di Bergamo, non intubato ma con trauma cranico, facciale, all’addome e agli arti.
Secondo quanto riferito dal 118, il 13enne si trovava sulla banchina, quando è passato il treno.
Sulla dinamica dell’incidente sta investigando la Polfer di Treviglio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Zingaretti, Montalbano pazzo d’amore, scardina tutto
Su Rai1 Il metodo Catalanotti l’8 marzo dopo Sanremo. E sul futuro non si sbilancia
23 febbraio 2021
13:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Salvo Montalbano “isciuto completamente pazzo” per amore di una collega Antonia della scientifica, in mezzo un’indagine che si consuma in un contesto a lui estraneo il teatro. Il commissario di Vigàta, cittadina fantastica e metaforica della Sicilia è pronto a tornare sul piccolo schermo, su Rai1 l’8 marzo dopo Sanremo e lo farà con un nuovo, attesissimo episodio che saprà conquistare affezionati della serie e non solo e che vede nel cast oltre a Luca Zingaretti anche Cesare Bocci, Peppino Mazzotta, Antonia Truppo, Angelo Russo, Marina Rocco, con Greta Scarano e con la partecipazione di Sonia Bergamasco.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ma preparate i fazzoletti questa volta, rompe tutti gli schemi: “Il metodo Catalanotti” nato come sempre dalla penna del compianto Andrea Camilleri pubblicato da Sellerio nel 2018 (lo scrittore si è spento a Roma il 17 luglio 2019) come spiega l’attore che da oltre vent’anni presta volto, voce, e anima, al commissario più amato e conosciuto dagli italiani e che dopo la morte di Alberto Sironi, lo ha visto anche dietro la macchina da presa, vivrà un vero “stravolgimento” si perché avverte Luca Zingaretti “il nostro è pronto a cambiare e mettere in discussione la sua vita per amore, non per la sua eterna fidanzata Livia (Sonia Bergamasco) ma di una giovane collega Antonia, (Greta Scarano) che lo fa impazzire d’amore e mettere in dubbio anche “la sua carriera tanto da essere disposto a mollare tutto”. Ma perché parla di stravolgimento in questo episodio? ” E’ vero la più grande delle novità – prosegue l’attore e regista romano – è la perdita di controllo del Commissario travolto dalla passione. Il suo è un mondo legata alla sua terra, ma anche ai riti che sono quasi sempre gli stessi. Non è la prima volta che prende una sbandata lo sappiamo, ma si innamora davvero. Ora per raccontare questo terremoto interiore, abbiamo deciso di cambiare anche il suo tipo di parlare e di conseguenza la recitazione ovvero la mia, per renderlo più realistico, tormentato”. Insomma Montalbano “scende sulla terra”. Per raccontare tutto questo occorreva un salto, bisognava marcare la differenza, trovare un dolore nuovo, un coraggio disperato. Penso di poter dire che ci siamo riusciti e di aver fatto, tutti quanti insieme, un gran bel lavoro”. Qui si sovverte tutto, “come se Cappuccetto Rosso andasse a fare una rapina in banca. Così, i duetti con i vari personaggi, sono uno stilema di recitazione che se adottati in un altro film, sarebbero assurdi. Invece qui, c’è una tale unità di intenti che nessuno stona in questo contesto. Questo episodio resterà nella memoria di tutti, forse perché Camilleri presagendo la sua fine ha fatto sì che questo racconto sia una sorta di testamento”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Greta Scarano che presta il volto ad Antonia Nicoletti dice: “dovevo trovare un compromesso tra la loro recitazione sopra le righe e il mio essere un’aliena che doveva portare una sorta di realismo. La possibilità di incarnare un elemento che porta una crisi enorme in una struttura stabile, rappresentare un terremoto, per un attore è bellissimo”. In questo racconto aggiunge Zingaretti “ci sono tutti i temi cari a Camilleri. L’amore, che muove il mondo, il sesso, le corna, ma anche il teatro con l’eterno dilemma pirandelliano dello sdoppiamento dell’io e se sia più vera la realtà o la fantasia, la vecchiaia e il suo eterno tentativo di ghermire la giovinezza, la tragedia”.
– Sarà questo il capitolo finale della serie? Zingaretti non scioglie al momento la riserva: “Non c’è stanchezza su questo personaggio. Io però dico che i morti da due sono diventati tre, oltre a Camilleri e Sironi anche lo scenografo Riccieri, ed erano compagni di squadra. Non è una cosa da poco non trovare più i punti di riferimento. Da una parte c’e’ la tentazione del voler tornare al timone della barca, per rispetto a queste persone. Dall’altra mi chiedo se Camilleri ci domandasse tutto questo. Quest’anno è stato segnato da tante cose, ma soprattutto il tempo si è fermato con il covid”. E ancora: “Non c’è stato tempo di elaborare il lutto, perché il tempo non è scorso. Io sto in questa sorta di limbo, vorrei che ci aiutaste a informare il pubblico che Il metodo Catalanotti è l’ultimo inedito”. Il produttore Carlo Degli Esposti è sibillino: “Cosa ne sarà di Montalbano? È passato un anno dalla tempesta perfetta ora è presto. Il covid ci impedisce di tornare sul set con la tranquillità che ci ha contraddistinto in questi anni: ci sarà un momento, passata la pandemia in cui prenderemo una decisione. Per me e per altri Montalbano resta eterno”. Zingaretti sarà il protagonista di nuova produzione Sky Original, “Il re”, un prison drama. la serie, in otto episodi diretti da Giuseppe Gagliardi: “Si il primo ciak a marzo – risponde , le riprese si svolgeranno fra Roma, Torino e Trieste.  Montalbano è invece da sempre prodotta dalla Palomar di Carlo Degli Esposti con Rai Fiction – che ha festeggiato i vent’uno anni ed è ormai un classico. Oltre un miliardo di spettatori calcolando anche le repliche, numeri da record. “Montalbano è il testimonial principe non solo della fiction della Rai, ma anche della Rai come tale e dell’italianità”, dice Maria Pia Ammirati direttrice di Rai Fiction.
Fatto sta che Montalbano è un personaggi che negli anni ha saputo imporsi nell’immaginario collettivo nazionale e internazionale. Carmelo Catalanotti (Carlo Cartier) è stato assassinato, una pugnalata nel petto, ma quest’ammazzatina, presenta subito qualcosa di strano. Presto Montalbano scopre che la vittima era uno strozzino, benché a suo modo ‘equo’. Ma Catalanotti era anzitutto artista di teatro, fondatore della Trinacriarte, compagnia di teatro amatoriale di Vigata. Ma buona parte dei suoi soci sono letteralmente posseduti, quando non addirittura invasati, dalla passione del teatro; e Catalanotti era il guru di cotali adepti, “un guru che sapeva essere geniale, ma anche crudele e sadico”. A complicare questo non facile caso ci si mette l’incorreggibile Mimì Augello (Cesare Bocci), che nel tentativo di sfuggire al marito cornuto della sua ennesima amante, si imbatte con grande sorpresa in un cadavere. Cadavere che, però, con sorpresa ancora maggiore, non riuscirà più a ritrovare.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le amazzoni di Manuela Piemonte
L’intensa storia di tre piccole donne negli anni del Fascismo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
10:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MANUELA PIEMONTE, LE AMAZZONI (Rizzoli, pp.400, 18 euro). Sarebbero dovuti andare incontro alla “promessa di un’estate di bellezza”, invece vissero un incubo durato anni, ancora bambini, separati dalle proprie famiglie, lasciati soli, con le teste rasate, ammassati gli uni addosso agli altri, sempre puniti se disobbedienti, in una colonia da cui era bandita ogni tenerezza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ai circa 13000 figli dei coloni libici mandati in Italia dal regime di Mussolini a conoscere la patria e a diventare bravi fascisti, poi rimasti bloccati sul suolo italico in seguito alla dichiarazione di guerra a Francia e Regno Unito nel 1940, Manuela Piemonte dedica il suo romanzo d’esordio “Le amazzoni”, in libreria con Rizzoli dal 16 febbraio.
Grazia, sensibilità, una storia potente declinata al femminile con diversi personaggi ben delineati e un registro narrativo avvolgente caratterizzano un libro in cui Piemonte fa luce su una delle tante pagine buie, e poco conosciute, degli anni del Fascismo e della Seconda Guerra Mondiale. Lo sguardo dell’autrice, che mescola efficacemente la finzione alla realtà storica, si posa su tre sorelle, protagoniste del romanzo: Sara, la maggiore di 9 anni, Angela, 7 anni, e Margherita, la più piccola di 5 anni. Le bambine, mano nella mano, si imbarcano dalla Libia, la cosiddetta “Quarta sponda” verso l’Italia e lasciano lì la mamma e il papà: la loro destinazione sarà una colonia in Toscana, a Marina di Massa, allestita nell’ex Torre Fiat, un luogo spartano reso ancora più inospitale e freddo dalle “vigilatrici” chiamate a “educare” le piccole ospiti. Sara e Angela custodiscono però un segreto che le rende forse più forti delle compagne che incontrano: poche ore prima di lasciare la Libia, avevano avuto l’occasione di vedere nell’oscurità notturna una donna berbera a cavallo, libera e coraggiosa, dall’incedere fiero, lanciata come una vera e propria “amazzone” in fuga verso l’orizzonte. Contro quella “guerriera” era stato spiccato un mandato di cattura, ma Sara e Angela non avevano rivelato a nessuno di averla vista quella notte. A quell’immagine esaltante e rivelatrice, custodita nel cuore e nella mente, al pensiero di quella donna divenuta un modello di forza, le due bambine si aggrapperanno quando la colonia in Toscana si rivelerà più di una brutta vacanza, ma una infinita prigionia che le terrà lontane dai genitori per lunghi anni, pieni di difficoltà.
Come una presenza nascosta ma partecipe, l’autrice racconta con una prospettiva a misura di bambino una vicenda che tocca nel profondo: senza retorica, sulle pagine si snoda il destino sospeso e terribile toccato in sorte alle tre sorelle e a tanti altri piccoli sfortunati come loro che, lacrime contro lacrime, sogni contro sogni, tra urla soffocate e scatti di ribellione, e anche con qualche guizzo di ingegno per sopravvivere, hanno vissuto da “organizzati” (così venivano chiamati) in quei luoghi di indottrinamento cieco e violento. Piemonte si sofferma sull’infanzia interrotta, la frustrazione, la solitudine, il senso di abbandono: accompagna le sue protagoniste, le vede crescere e trasformarsi, e rivela la forza della loro “sorellanza”. Accanto alla disperazione, l’autrice racconta però anche la speranza, incarnata non solo dalla forza e dalla capacità di resistere delle tre giovani protagoniste, ma anche di quelle donne, coraggiose, guerriere a loro modo e in qualche modo salvifiche, che le bambine incontrano lungo il loro difficile cammino.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Dia, le mani delle mafie su ‘green’ e sanità
‘Seri rischi infiltrazione, crescono riciclaggio e corruzione’, l’allarme nella relazione semestrale della direzione investigativa Antimafia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
06:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La pandemia di Covid-19 rappresenta una “grande opportunità” per le mafie e lo snellimento delle procedure d’affidamento degli appalti e dei servizi pubblici comporterà “seri rischi di infiltrazione mafiosa dell’economia legale, specie nel settore sanitario”. E’ poi “oltremodo probabile” che i clan tentino di intercettare i finanziamenti per le grandi opere e la riconversione alla green economy. L’allarme è contenuto nell’ultima Relazione semestrale della Direzione investigativa antimafia (Dia), che evidenzia seri rischi di infiltrazione e la crescita di riciclaggio e corruzione.
Le indagini raccontano di una criminalità organizzata che durante il lockdown ha continuato ad agire sottotraccia, con un calo delle “attività criminali di primo livello” (traffico di droga, estorsioni, ricettazione, rapine), ma un aumento al Nord ed al Centro dei casi di riciclaggio e, al Sud, i casi di scambio elettorale politico-mafioso e di corruzione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Stabile l’usura, fattore sintomatico di una pressione “indiretta” comunque esercitata sul territorio. Si tratta, segnala la Dia, “di segnali embrionali che, però, impongono alle Istituzioni di tenere alta l’attenzione soprattutto sulle possibili infiltrazioni negli Enti locali e sulle ingenti risorse destinate al rilancio dell’economia del Paese”. Sono cresciute anche le segnalazioni di operazioni sospette (Sos) pervenute alla Direzione rispetto allo stesso periodo del 2019. Un dato, viene sottolineato, “indicativo se si considera il blocco delle attività commerciali e produttive determinato dall’emergenza Covid della scorsa primavera”. La disponibilità di liquidità delle cosche punta ad incrementare il consenso sociale anche attraverso forme di assistenzialismo a privati e imprese in difficoltà, con il rischio che le attività imprenditoriali medio-piccole “possano essere fagocitate nel medio tempo dalla criminalità, diventando strumento per riciclare e reimpiegare capitali illeciti”. Diventa pertanto fondamentale, si legge nella Relazione, “intercettare i segnali con i quali le organizzazioni mafiose punteranno, da un lato, a ‘rilevare’ le imprese in difficoltà finanziaria, esercitando il welfare criminale ed avvalendosi dei capitali illecitamente conseguiti mediante i classici traffici illegali; dall’altro, a drenare le risorse che verranno stanziate per il rilancio del Paese”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da Nord a Sud, infatti, il comune denominatore delle strategie mafiose, in questo periodo più di altri, pare collegato alla capacità di operare in forma imprenditoriale per rapportarsi sia con la Pubblica Amministrazione, sia con i privati. Nel primo caso per acquisire appalti e commesse pubbliche, nel secondo per rafforzare la propria presenza in determinati settori economici scardinando o rilevando imprese concorrenti o in difficoltà finanziaria. La Dia parla di “propensione per gli affari che passa attraverso una mimetizzazione attuata mediante il “volto pulito” di imprenditori e liberi professionisti attraverso i quali la mafia si presenta alla pubblica amministrazione adottando una modalità d’azione silente che non desta allarme sociale”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sequestro persona, rapina ed estorsione: sgominata baby gang
Operazione dei carabinieri nel Catanese, arrestato anche un maggiorenne
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
RIPOSTO
24 febbraio 2021
08:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una baby gang composta da ragazzi imparentati con esponenti della criminalità locale di Riposto è stata sgominata da carabinieri della compagnia di Giarre che ha arrestato quattro minorenni e un maggiorenne, all’epoca dei fatti minorenne. I reati ipotizzati nei confronti degli indagati sono sequestro di persona, rapina ed estorsione aggravate.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I provvedimenti che dispongono il loro collocamento in comunità sono stati emessi dai gip dei Tribunali per i minorenni e distrettuale di Catania su richiesta delle rispettive Procure.
Ad un sesto maggiorenne è stato notificato un avviso di conclusione indagini. Secondo l’accusa avrebbero condotto un commerciante e i suoi due figli a seguirli in un luogo appartato per schiaffeggiarli e per chiedere loro scusa per una presunta ‘offesa’. Agli indagati è contestata anche “l’intimidazione, derivante anche dall’appartenenza a già noti ambienti criminali” di Riposto. I quattro minori ed il maggiorenne sono stati affidati ad altrettante comunità nelle province di Agrigento, Caltanissetta, Messina, Ragusa e Siracusa. Al maggiorenne, che ha 19 anni, è stata applicata anche la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria due volte al giorno, nonché di tenersi a non meno di 500 metri dall’abitazione delle vittime e dal luogo delle attività criminose contestate. Le indagini dei carabinieri sono state avviate dopo la denuncia e la collaborazione delle vittime.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: Emiliano firma nuova ordinanza, Ddi sino al 14 marzo
In presenza solo laboratori o alunni con esigenze speciali
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
24 febbraio 2021
09:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dal 24 febbraio e sino al 14 marzo tutte le scuole pugliesi,di ogni ordine e grado, dovranno adottare la didattica digitale integrata (Ddi) al 100%,”riservando l’attività didattica in presenza agli alunni per l’uso di laboratori qualora sia previsto dall’ordinamento,o per mantenere una relazione educativa che realizzi l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali”: è la nuova ordinanza firmata dal governatore Michele Emiliano. Ieri il Tar Puglia aveva accolto il ricorso del Codacons sospendendo la precedente ordinanza che prevedeva dal 22 febbraio al 5 marzo la Dad per tutte le scuole.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: testata a carabiniere per evitare sanzione, arrestato
Controlli nel Barese, multe e bar chiusi durante coprifuoco
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
24 febbraio 2021
10:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Avrebbe colpito con una testata al volto, ferendolo, un carabiniere che con un collega era entrato in un bar a Valenzano (Bari) per contestare la violazione delle norme anti-Covid, in quanto il locale era aperto alle 23, dopo il coprifuoco. Un 35enne con piccoli precedenti, cliente del locale, è stato rintracciato e arrestato per resistenza e violenza a pubblico ufficiale, oltre alla sanzione Covid, contestata anche ad altri due clienti che erano all’esterno a consumare bevande e ai titolari del bar, per il quale è stata disposta la chiusura per cinque giorni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Binetto una coppia è stata fermata dai militari per un controllo alle 2 del mattino e, non avendo valide giustificazioni, gli è stata contestata l’inosservanza delle misure sul contenimento della pandemia. Dopo le invettive e le minacce nei confronti dei carabinieri, ricevuta copia del verbale i due lo hanno accartocciato gettandolo per terra. Oltre alla sanzione amministrativa per violazione delle normative anti-covid, dovranno rispondere anche di resistenza a pubblico ufficiale.
Complessivamente dell’inizio dell’anno nell’area metropolitana di Bari sono state controllate 47.891 persone, 714 delle quali sanzionate, e 2.051 attività, 27 delle quali sanzionate.
Nell’ambito dei controlli anti-contagio alla movida del Norb Barese, i carabinieri hanno scoperto a Trani un circolo ricreativo con all’interno 8 persone che giocavano a carte, dopo le 22, tutti sanzionati, altre sette persone sono state multate perché erano in strada senza mascherine, e due locali sono stati chiusi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo spettacolo protesta nelle piazze d’Italia
Manifestazioni in tutte le città per la riapertura
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
24 febbraio 2021
08:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Manifestazioni dei lavoratori dello spettacolo in molte piazze d’Italia per chiedere la riapertura di cinema, teatri e luoghi di intrattenimento.
L’Inno d’Italia per chiedere di tornare a lavorare. Cosi’ i lavoratori dello spettacolo aderenti a Fistel Cisl e Uilcom Uil sotto la prefettura di Genova hanno chiesto la riapertura di teatri e sale da concerto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I musicisti presenti, tutti del Teatro Carlo Felice, alcuni dei quali precari, hanno eseguito l’Inno di Mameli. Una delegazione è stata ricevuta in prefettura.
“E’ la seconda volta che manifestiamo e non abbiamo ottenuto nulla. Non ce ne sarà una terza: la prossima occuperemo l’autostrada con i nostri camion”. E’ la provocazione di katiuscia Medina, famosa artista del Circo Medina, alla manifestazione del mondo dello spettacolo davanti alla Regione Piemonte, nel centro di Torino. “La gente, chiusa in casa da un anno, vuole tornare al circo e nei teatri, adesso basta – aggiunge -. Se la Regione e il governo non ci ascoltano, dovremo fare loro capire che così non si può proseguire”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Alcune centinaia di attivisti e lavoratori del mondo dello spettacolo a Napoli hanno occupato via Cristoforo Colombo davanti al Molo Beverello, a due passi dal teatro Mercadante dove si stava svolgendo la manifestazione del settore a un anno dalla chiusura dei teatri. I lavoratori hanno brevemente fermato tutto il traffico veicolare proveniente da via Acton occupando la strada con un grande striscione con la scritta “Il lavoro non è un favore”. Alcuni di loro hanno acceso dei fumogeni rossi.
I lavoratori dello spettacolo, con Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil, sono scesi in piazza a Firenze per denunciare lo stato di crisi del settore, a causa della perdurante emergenza sanitaria, e la loro difficile condizione lavorativa e personale, chiedendo di organizzare le riaperture. Il presidio in via Cavour sotto la prefettura ha anche visto l’esibizione dal vivo di Emanuele Urso, primo corno del Maggio Musicale Fiorentino, e della cantautrice Chiara Riondino. Alcuni sindacalisti, al termine dell’iniziativa, sono stati ricevuti in prefettura dove hanno portato le richieste al Governo per salvare il settore e i lavoratori. “Contemporaneamente all’azione di sostegno e al rafforzamento delle tutele – affermano i sindacati – crediamo sia esigenza non più rinviabile quella di organizzare le modalità di riapertura delle sale”. Inoltre secondo Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, “la pandemia ha messo drammaticamente a nudo i limiti del sistema che ordina l’offerta e la fruizione dello spettacolo dal vivo. Non è più rinviabile una riforma organica del settore, anche cogliendo l’occasione offerta dal Next generation, che preveda, oltre ad ammortizzatori sociali adeguati, il giusto riconoscimento per le competenze e un ripensamento del sistema previdenziale, un potenziamento degli investimenti strutturali sulle professionalità, sulla formazione, sui luoghi e le modalità dell’offerta culturale che, senza essere snaturata, colga le adeguate opportunità delle nuove tecnologie”.
Nella provincia di Perugia, in fascia rossa per le norme contro la diffusione del Covid, la giornata di mobilitazione nazionale del comparto indetta da Slc Cgil dal titolo “Torniamo a fare spettacolo”, si è svolta online, con i lavoratori del settore che dalle ore 12, vista l’impossibilità di scendere fisicamente in piazza, hanno iniziato a postare cartelli, immagini e dichiarazioni per fare luce anche in Umbria su questa difficile situazione. Ristori, protocolli per una riapertura in sicurezza, rinnovo di contratti collettivi nazionali scaduti da anni e riforma organica del settore: rappresentanti di Slc Cgil Umbria e Adu (Attrici attori danzatrici danzatori uniti) Umbria attraverso un incontro on-line con la stampa hanno illustrato le loro proposte oltre a fare il punto sulla situazione regionale e rinnovare la richiesta di attivazione in tempi rapidi del tavolo promesso dalla Regione Umbria. Sono i temi messi sotto i riflettori da Enrico Bruschi, segretario generale Slc Cgil Umbria: “C’è necessità di riaprire i luoghi della cultura e di sostenere con delle risorse il settore”. Un settore che, come ha ricordato ancora Bruschi, è pure “molto diversificato”. Quello della riapertura è comunque “il primo passo da fare” pure per Emanuela Faraglia, attrice e responsabile produzione culturale Slc Umbria. In Umbria, ha poi evidenziato per Adu Umbria l’attore Alessandro Sesti, c’è un terreno fertile con tante realtà teatrali anche di ricerca, “un bene prezioso da tutelare”, ha affermato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Serena Rossi e Simona Ventura all’Ariston
Tornano l’attrice e la conduttrice che guidò il festival 2004
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
16:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Serena Rossi e Simona Ventura a Sanremo: l’attrice, reduce dal successo della fiction di Rai1 Mina Settembre, e la conduttrice, che è stata al timone del festival nel 2004, saranno sul palco con ogni probabilità nella serata finale di sabato 6 marzo, affiancando Amadeus in diversi momenti di conduzione e di spettacolo.
Già a Sanremo nel 2018 per il duetto con Renzo Rubino sulle note del brano ‘Custodire’, Serena Rossi è tornata poi all’Ariston l’anno sopo, regalando un brivido al pubblico con l’interpretazione di Almeno tu nell’universo di Mia Martini, alla quale ha dato poi il volto nella fiction Io sono Mia.
La Ventura è attesa in primavera su Rai2 con un nuovo game.
Si va così completando – dopo il forfait di Naomi Campbell, legato alla nuove restrizioni anti-Covid volute dall’amministrazione Biden – il cast dei volti femminili di Sanremo 2021: martedì 2 toccherà a Matilda De Angelis il ruolo da co-conduttrice, mercoledì 3 a Elodie, giovedì 4 alla top model Vittoria Ceretti e venerdì 5 marzo a Barbara Palombelli.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Extraliscio, in missione per conto del liscio
“A Sanremo consci di essere fuori gara, ma esserci è vittoria”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
23 febbraio 2021
20:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Siamo consci di essere fuori moda, in qualche modo fuori gara, ma abbiamo già vinto per essere su quel palco. Noi, parafrasando i Blues Brothers, siamo in missione per conto del liscio”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mirco Mariani, Moreno Il Biondo e Mauro Ferrara (voce di Romagna mia nel mondo), ovvero gli Extraliscio, accompagnati da Davide Toffolo, l’uomo in maschera dei Tre Allegri Ragazzi Morti e fumettista rinomato che ha reso per immagini la canzone, con “Bianca Luce Nera”, scritta da Mirco Mariani e Pacifico, trasporteranno l’Ariston sulla riviera romagnola con il loro punk da balera.
“La balera è come il cinema o il teatro, profuma di posto dove si sogna – spiegano, orgogliosi di essere tra i 26 Big scelti da Amadeus -. Il progetto Extraliscio ci ha insegnato a sognare e i sogni non hanno limiti. Nessuna ansia, porteremo la leggerezza che il liscio sa dare”.
Certo è che il loro pre-festival non è stato dei più tranquilli con Moreno che dopo la positività al tampone rapido ha lasciato tutti con il fiato sospeso per 24 ore prima che arrivasse la smentita del test molecolare. “Il festival è vittima di un protocollo non chiarissimo. Viviamo un momento di estrema incertezza e difficoltà”, ha commentato Elisabetta Sgarbi, produttrice del gruppo con la sua Betty Wrong Edizioni Musicali (nonché fondatrice e direttrice della casa editrice La Nave di Teseo e regista del documentario presentato a Venezia “Si ballerà finché entra la luce dell’alba. Extraliscio – Punk da Balera”, prossimamente in uscita in sala). “Siamo caduti nel panico, con una tensione psicologica fortissima. A fronte di un festival che deve dare il segnale di fare tutto nella norma, è necessario che questi controlli abbiano i tempi corretti. E’ stata una botta molto forte e ne siamo usciti mortificati”.
Durante la settimana del festival, il 5 marzo, esce “È bello perdersi”, l’album di inediti degli Extraliscio, un doppio disco diviso in due parti: “È bello perdersi”, dove il liscio incontra la musica elettronica dei Kraftwerk e la malinconia della morna di Capo Verde, e “Si ballerà finché entra la luce dell’alba”, tra voglia di ballare e momenti più riflessivi per un omaggio alla tradizione del nostro Paese, andando verso la contemporaneità.

La Tua opinione è importante! Vota questo articolo, grazie!
No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.