Cronaca tutte le notizie I fatti gli avvenimenti di Cronaca! Tutti e sempre completi approfonditi ed aggiornati! NON PERDERLI! LEGGI INFORMATI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 93 minuti

Ultimo aggiornamento 3 Marzo, 2021, 19:12:27 di Maurizio Barra

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 10:48 DI LUNEDì 01 MARZO 2021

ALLE 19:12 DI MERCOLEDì 03 MARZO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Partita sperimentazione vaccino italiano Takis
Fase 1 su 80 volontari a Monza, Napoli e Roma
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
01 marzo 2021
10:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ partita la sperimentazione del vaccino tutto italiano anti Covid-19 ideato dalla Takis di Castel Romano (Roma) e sviluppato in collaborazione con la Rottapharm Biotech di Monza. Il primo volontario sano degli 80 previsti per la fase 1 è stato vaccinato oggi nell’ospedale San Gerardo di Monza, uno dei tre centri italiani che, in collaborazione con l’Università di Milano-Bicocca.
E’ coinvolto nella sperimentazione clinica con l’Istituto Nazionale Tumori Fondazione Pascale di Napoli e l’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma e l’Ospedale San Gerardo di Monza.    MEDICINA, SALUTE E BENESSERE    SCIENZA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

I Big sul palco per la prima serata
Tredici cantanti da Aiello a Max Gazzè
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
01 marzo 2021
13:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Questi i tredici Big che si esibiranno domani, 2 marzo per la prima serata del festival di Sanremo sul palco dell’Ariston in ordine alfabetico: Aiello, Arisa, Annalisa, Colapesce Dimartino, Coma_Cose, Fasma, Francesca Michielin e Fedez, Francesco Renga, Ghemon, Irama, Madame, Maneskin, Max Gazzè.
Mercoledì sarà la volta di: Bugo, Gaia, Ermal Meta, Extraliscio, Gio Evan, Fulminacci, La Rappresentante di Lista, Lo Stato Sociale, Malika Ayane, Noemi, Orietta Berti, Random, Willie Peyote.    SPETTACOLI, MUSICA E CULTURA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Riapre Mausoleo di Augusto, “restituiamo un gioiello”
Raggi, traguardo dopo anni chiusura. Sold-out fino a 21 aprile
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
01 marzo 2021
13:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da oggi 1 marzo riapre al pubblico il Mausoleo di Augusto, il più grande sepolcro circolare del mondo antico, emblema della magnificenza architettonica della romanità. Lo annuncia il Campidoglio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La riapertura avviene dopo 14 anni. “Un gioiello del patrimonio storico dell’ umanità che restituiamo al mondo intero dopo tanti anni di chiusura. Abbiamo lavorato a questo traguardo con impegno e tenacia, sostenuti dal mecenatismo della Fondazione Tim”, dice la sindaca Virginia Raggi. Visite gratuite per tutti fino al 21 aprile con prenotazioni, già sold out. Da oggi saranno nuovamente possibili per il periodo dal 22 aprile al 30 giugno.
Il Mausoleo era chiuso dal 2007 per la partenza delle indagini archeologiche preliminari alla realizzazione del grande progetto di recupero e restauro. Oggi erano presenti all’apertura delle visite al pubblico anche il presidente della Fondazione Tim Salvatore Rossi, gli assessori competenti e la Sovrintendenza. Contestualmente ai lavori di completamento del percorso museale e di riqualificazione della piazza, l’area di piazza Augusto imperatore è stata resa più vivibile dallo spostamento dei capolinea dei bus e dall’eliminazione dei parcheggi, con un conseguente guadagno di spazi. Grazie agli interventi di restauro del Mausoleo realizzati finora, con la sistemazione di numerose concamerazioni interne e l’avvio dell’allestimento del percorso museale, è stato possibile anticipare a marzo 2021 la fruizione del monumento rispetto ai termini previsti per il completamento delle opere di musealizzazione. Anche con il cantiere in corso, il pubblico potrà quindi effettuare una visita dell’area centrale e accedere agli spazi in sicurezza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo: Amadeus, ecco le donne con me sul palco
Da Matilda De Angelis a Palombelli il cast delle presentatrici
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SANREMO
01 marzo 2021
13:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Matilda De Angelis sarà con me sul palco martedì, Elodie mercoledì, giovedì Vittoria Ceretti, venerdì Barbara Palombelli che sarà la signora di tutta la serata, ma ci sarà anche Beatrice Venezi, che presenterà con me la semifinale dei Giovani e poi proclamerà il vincitore”. Lo annuncia Amadeus in conferenza stampa a Sanremo.
“Sabato, oltre a Ornella Vanoni, ci saranno varie ‘punteggiature’: Simona Ventura, che torna all’Ariston dopo qualche anno, Serena Rossi, Tecla Insolia, Giovanna Botteri”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo: Fiorello e Santamaria nei ‘quadri’ di Achille Lauro
Nelle performance, anche primo ballerino Opera Roma, Castellana
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SANREMO
01 marzo 2021
13:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In un festival ricco di “sinergie”, i ‘quadri’, cioè le performance di Achille Lauro, nel cast fisso di Sanremo 2021, coinvolgeranno diversi ‘ospiti’: “il primo ballerino dell’Opera di Roma, Giacomo Castellana, Emma Marrone e Monica Guerritore, Rosario Fiorello, Claudio Santamaria e Francesca Barra”. Lo annuncia Amadeus in conferenza stampa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uccise vicino:12 anni a attore Riva
Corte Milano, omicidio preterintenzionale e concesse attenuanti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
01 marzo 2021
13:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato condannato a 12 anni di reclusione Tommaso Libero Riva, 46enne che il 30 giugno scorso, nel capoluogo lombardo, uccise con una coltellata il vicino di casa, Giuseppe Alfredo Villa, pensionato di 68 anni, con il quale aveva frequenti liti. La Corte d’Assise di Milano ha riqualificato il reato da omicidio volontario in preterintenzionale, come chiesto dalla difesa, e gli ha concesso le attenuanti generiche equivalente all’aggravante dei futili motivi.
Riva, transessuale, in arte ‘Bianca Dolce Miele’ aveva interpretato se stesso nel film documentario ‘La Casa dell’Amore’. Aveva sempre sostenuto che non voleva uccidere.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Sardegna bianca, Fipe “fermezza e rigidità controlli”
Frongia, “non è un liberi tutti, stagione estiva dipende da noi”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
01 marzo 2021
10:33
AGGIORNATO ALLE
10:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

“Siamo contenti per la zona bianca ma questo non è un liberi tutti ma è un inizio per lavorare in sicurezza. Continuiamo ad applicare i nostri protocolli però attenzione: per poter ripartire e tornare al nostro lavoro dobbiamo accompagnare questa ripartenza ad una fermezza e una rigidità nei controlli”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ l’appello che lancia il presidente della Fipe-Confcommercio Sud Sardegna, Emanuele Frongia, ai suoi colleghi ristoratori e baristi che da oggi in Sardegna potranno tenere aperti i locali rispettivamente sino alle 23 e sino alle 21.
“Siamo noi che decidiamo con queste nostre azioni se poter passare un’estate lavorativa e finalmente convivere con questa situazione Covid – aggiunge – Poi sicuramente la vaccinazione e gli screening ci aiuteranno a essere più tranquilli però vi prego di mantenete i protocolli sicurezza: so che in certe situazioni è difficile ma la riuscita di questa stagione estiva e ovviamente del turismo in Sardegna passa attraverso la nostra responsabilità passa attraverso la nostra fermezza”.
Frongia è anche consapevole che gli esercenti dei locali pubblici “non possono essere gli unici a controllare questa situazione”. Ecco quindi l’invito alle istituzioni e alle forze politiche “per esserci vicini in questa frase e per ritornare finalmente a vivere in serenità”.
Covid: 28 badanti fanno pic-nic al parco a Bologna, multate
Intervento dei Carabinieri domenica alla Montagnola
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
01 marzo 2021
10:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un pranzo domenicale di gruppo all’aperto, sulle panchine del parco della Montagnola di Bologna. Lo avevano organizzato, in palese violazione delle prescrizioni anti Covid della zona ‘arancione rinforzato’, 28 donne originarie dell’Est Europa che lavorano in città come badanti, dunque a contatto con persone anziane.
La loro presenza è stata notata nella tarda mattinata di ieri dai Carabinieri, che per tutto il fine settimana hanno svolto controlli in città per verificare il rispetto delle misure di contenimento della pandemia. Il pic-nic è stato interrotto e per le 28 badanti è scattata la sanzione di 400 euro a testa. Complessivamente ieri i militari hanno identificato 572 persone e controllato una sessantina di esercizi pubblici.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sparatoria Questura: iniziata udienza su perizia Meran
Ritenuto responsabile della morte dei 2 agenti Demenego e Rotta
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
01 marzo 2021
10:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ iniziata nella Corte di Assise del Tribunale di Trieste, davanti al giudice Massimo Tomassini, l’udienza preliminare per discutere gli esiti della perizia psichiatrica su Alejandro Augusto Stephan Meran, il cittadino dominicano ritenuto responsabile della morte dei due agenti, Matteo Demenego e Pierluigi Rotta, nella sparatoria avvenuta in Questura a Trieste il 4 ottobre 2019. L’uomo è accusato anche di sette tentati omicidi di altrettanti poliziotti contro cui aveva sparato quel pomeriggio mentre cercava di uscire dall’edificio.

L’udienza si tiene ovviamente a porte chiuse.
Dalla perizia psichiatrica, affidata a un pool di quattro esperti, è emerso che al momento della sparatoria Meran era capace di intendere e di volere, anche se si trattava di una capacità fortemente ridotta a causa di un disturbo da stress post traumatico da ricondurre a un grave episodio di abuso che risale all’infanzia. Meran non è in aula. All’esterno è in attesa la madre Betania.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nipoti di soldato inglese cercano ‘bimba’ conosciuta nel ’44
Da Londra l’appello sui social, dopo la storia di Martin Adler
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
01 marzo 2021
10:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo il 96enne soldato americano Martin Adler, che grazie ai social ha ritrovato e conosciuto virtualmente a 76 anni di distanza i tre bambini incontrati durante la Seconda guerra mondiale, quando spuntarono da una cesta mentre lui combatteva sulla Linea Gotica, da Londra parte un nuovo appello. A lanciarlo è Neda Totoonchii, fiorentina da 20 anni trasferita in Inghilterra, che ha raccolto la storia del nonno di suo marito Paul O’ Neil, attore di teatro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il nonno si chiamava Harry Rodney ed è morto nel 2012 a 94 anni.
Nel settembre del 1944 il soldato Harry stava combattendo con i Royal Scots nella zona di Borgo San Lorenzo (Firenze) quando lui e altri militari trovarono una bambina sola, nascosta in una casa e affamata. La riportarono dalla sua famiglia. Harry e gli altri soldati rubarono del cibo dal Naafy (The Navy, Army and Air Force Institutes) e lo portarono alla famiglia che cucinò per tutti.
“Il nonno di Paul ha sempre raccontato questa storia e abbiamo appena ritrovato una foto della bambina con la famiglia. Ci piacerebbe rintracciarla e sapere se si ricorda di questo soldato e farci raccontare la storia come se la ricorda lei”, è il messaggio di Neda Totoonchii, rilanciato su Facebook da Matteo Incerti, il giornalista e scrittore reggiano che aveva fatto partire le ricerche per i bambini del soldato Adler, ormai ottantenni e rintracciati in provincia di Bologna.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Migranti: 371 arrivati a Lampedusa
Nell’hotspot ci sono, al momento, 485 persone
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AGRIGENTO
01 marzo 2021
11:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 371 i migranti giunti a partire da stanotte a Lampedusa (Ag). Un gruppo di 99, durante la notte, sono stati intercettati dai carabinieri sulla strada di Cala Francese.
All’alba, la motovedetta Cp 319 della Guardia costiera ha intercettato un barcone con a bordo 84 persone, poco dopo la Guardia di finanza ha agganciato un altro barcone con 83 nordafricani. Scortati da un’altra motovedetta delle Fiamme gialle, una lancia di legno – con a bordo 105 migranti, fra cui 6 donne e 5 bambini – è giunta a molo Favarolo. Tutti i migranti sono stati portati all’hotspot di contrada Imbriacola dove vengono sottoposti a tampone rapido anti-Covid. Nella struttura ci sono, al momento, 485 persone a fronte di una capienza per poco meno di 200.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Università: a Genova ritorno in aula per 2000 studenti
Rettore: “Proviamo a andare verso la normalità, ma con prudenza”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
01 marzo 2021
11:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Qualche coda agli ingressi, ma nessun assembramento, e una partecipazione degli studenti che, secondo una prima stima, sarebbe intorno alle 1800/2000 presenze. La ripresa delle lezioni in presenza all’Università di Genova è andata secondo le aspettative con una buona partecipazione degli studenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 8 le sedi che hanno riaperto i battenti, Nei giorni scorsi l’Ateneo genovese ha fatto un grande sforzo per adeguare gli 8 poli scelti per le lezioni: Darsena, Albergo dei Poveri, Valletta Puggia, Opera Pia, Sant’Agostino, San Salvatore, Balbi ed Ex Eridania. Nelle aule che sono state messe a disposizione la capienza è stata ridotta al 20%, con i posti a sedere evidenziati attraverso bollini oltre a tutte le altre misure di sicurezza previste, dai dispenser ai termoscanner. Ogni dipartimento si è organizzato in maniera autonoma per scegliere le modalità con cui gli studenti possono ‘prenotare’ la presenza a lezione, ad esempio con app o telefonando in segreteria. “Con il parziale rientro in presenza di oggi – spiega il rettore, Federico Delfino – l’Università di Genova ha inteso dare un segnale di ritorno alla normalità improntato comunque alla prudenza e alla tutela della salute degli studenti e del personale. Anche per questo l’Università garantisce a tutti coloro che per qualunque motivo non possano frequentare le aule universitarie la possibilità di seguire le lezioni a distanza. Speriamo che il quadro epidemiologico e l’accelerazione del piano vaccinale ci permettano di intensificare in futuro queste iniziative, non solo per il valore intrinseco della didattica in presenza ma anche come segnale di speranza e fiducia nel futuro”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Salvini a Cagliari per udienza, attivisti davanti tribunale
Processo a indipendentista per un post su Fb
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
01 marzo 2021
11:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il segretario della Lega Matteo Salvini è atterrato a Cagliari dove tra 40 minuti parteciperà all’udienza del processo nei confronti di Mauro Aresu, l’attivista che nel 2017 in un post su Facebook richiamò i fatti di piazzale Loreto in occasione di una visita dell’ex ministro dell’Interno. Fuori dal tribunale attendono Salvini una trentina di attivisti in sit-in per manifestare solidarietà ad Aresu.

“Siamo in libertà d’opinione e possono essere anche espressi esempi figurativi quali sono quelli storici”, ha commentato il leader di Sardigna Natzione davanti a Palazzo di Giustizia.
Salvini dovrebbe entrare dall’ingresso principale.   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid:variante Gb,primi test confortanti paesi sardi “rossi”
Bene screening a Bono e La Maddalena, oggi tocca a San Teodoro
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SASSARI
01 marzo 2021
11:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Bono, La Maddalena e San Teodoro, i tre Comuni del Nord Sardegna in cui la scorsa settimana è stata istituita la zona rossa in seguito all’emergere di altrettanti casi di contagio da variante inglese del Covid-19, la situazione sembra sotto controllo. A Bono lo screening fatto giovedì e venerdì ha messo in evidenza una bassa circolazione del virus: su 1.620 persone sottoposte a tampone naso-faringeo e all’esame molecolare/antigenico, sono emersi solo 6 positivi al coronavirus.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“I risultati indicano chiaramente che è stata evitata la diffusione del virus”, sottolinea la direzione del Dipartimento di Prevenzione Zona Nord dell’Ats. “La situazione epidemiologica è in via di risoluzione, ma resta valido l’appello a non abbassare la guardia”, chiedono i vertici della sanità locale e gli amministratori comunale.
Prosegue lo screening anche a La Maddalena, dove ieri sono stati eseguiti 3.348 tamponi. “Ai pochi positivi riscontrati è stato già effettuato il secondo tampone molecolare, esteso in via precauzionale alle loro famiglie”, riferisce il sindaco Fabio Lai. “In questo momento si trovano già in quarantena e sono tutti asintomatici”, aggiunge il sindaco, che in vista della nuova giornata di tamponi, prevista per oggi, spera nella collaborazione della popolazione. “Se confermeremo o miglioreremo l’affluenza, diremo finalmente basta alle teorie basate su ipotesi”, afferma.
Tra oggi e domani è previsto lo screening di massa anche a San Teodoro, dove sono state individuate quattro aree parcheggio a disposizione degli utenti che aderiranno alla campagna di monitoraggio ospitata nella palestra scolastica di Via Molise.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Procura Sassari, nuova inchiesta su recenti contagi
Al vaglio focolai in Clinica medica e Medicina interna dell’Aou
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SASSARI
01 marzo 2021
12:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si allarga l’inchiesta della Procura di Sassari sulla diffusione del Covid-19 negli ospedali e si arricchisce di un nuovo filone. Nei giorni scorsi gli inquirenti hanno convocato una quindicina fra infermieri e medici della Clinica medica e di Medicina interna dell’Azienda ospedaliera universitaria di Sassari, dove lo scorso gennaio erano scoppiati nuovi focolai di contagio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una parte degli operatori convocati sono stati sentiti la settimana scorsa in Procura come persone informate dei fatti, l’altra parte sarà ascoltata nei prossimi giorni. Dalla scorsa primavera l’inchiesta coordinata dal procuratore Gianni Caria e affidata al sostituto Paolo Piras punta a stabilire eventuali responsabilità per quanto accaduto a Sassari nelle fasi critiche dell’emergenza, in particolare in ambito sanitario: ospedali ma anche case di riposo, residenze sanitarie assistite e centri residenziali per anziani. La lente è sull’organizzazione del sistema di emergenza, che nella prima fase critica non avrebbe funzionato e non avrebbe impedito al virus di diffondersi tra medici, operatori, pazienti e ospiti.
Altre inchieste sono aperte in altre Procure sarde: a Oristano sulla gestione dell’emergenza, a Tempio Pausania e Cagliari sulla riapertura delle discoteche la scorsa estate e a Lanusei (Ogliastra) sui protocolli per la vaccinazionazione e la sanificazione dei locali ospedalieri.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Debate, terminato primo round campionato giovanile
Risultati girone unico evento promosso da Coop Lombardia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
01 marzo 2021
12:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Entra nel vivo il Campionato Italiano Giovanile Debate. Dal 16 al 19 febbraio, informa una nota di Coop Lombardia, si è svolto il primo round del girone unico composto da 23 incontri nei quali si sono sfidate squadre provenienti da Abruzzo, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Piemonte, Puglia, Sicilia e Umbria su temi che hanno spaziato dalla riforma dei sistemi di rappresentanza nelle democrazie occidentali alla settimana lavorativa di quattro giorni, dall’istituzione di un’authority per il fact-checking ai modelli di genitorialità, dal paradigma dell’efficientismo a quello della self-partnership come istanza dei movimenti femministi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Guidano la classifica a squadre con 5 gare su 5 vinte a punteggio pieno di 15 ballot (i ballot sono le preferenze date dai tre giudici) Pandoro, proveniente dal Liceo Scientifico “G.
Ferraris” di Varese, e Ulivi1 del Liceo scientifico “G. Ulivi” di Parma, seguite a un’incollatura da Zazie, dei Licei “L. Da Vinci” e “G. Pascoli” di Gallarate (VA) e dai Leoncini dell’Istituto “P. Sette” di Santeramo in Colle (BA), entrambe con 5 vittorie e 13 ballot, e da Galilei Blu del Liceo Scientifico “G. Galilei” di Pescara, con 5 vittorie e 12 ballot.
I debate sono visibili sul sito del Campionato e in sintesi sui social.
Mentre le 46 squadre sono impegnate nella preparazione dei dibattiti impromptu (incontri su mozioni comunicate pochi minuti prima dell’inizio) che caratterizzeranno il secondo round in programma dal 9 all’11 marzo, si allunga la lista dei riconoscimenti istituzionali ottenuti dal Campionato: dopo il patrocinio della Commissione Europea e il riconoscimento della Rappresentanza Italiana del Parlamento Europeo, l’iniziativa ha ottenuto anche l’Alto Patrocinio del Parlamento Europeo, conferito direttamente dal Presidente David Sassoli. Tutte le informazioni sul sito dedicato al debate.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Migranti: 363 su Sea Watch 3,’Italia o Malta ci diano porto’
‘Persone soccorse sono esauste’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
01 marzo 2021
12:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Le 363 persone a bordo di Sea Watch 3 sono esauste e hanno bisogno di sbarcare al più presto.
Abbiamo chiesto a Italia e Malta l’assegnazione di un porto sicuro ma non abbiamo ancora ricevuto risposta”.
Così la ong tedesca su twitter dopo gli interventi di soccorso operati al largo della Libia. Attualmente la nave si trova a nord-est di Lampedusa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Spara a salve durante assembramento
Attimi di paura ieri pomeriggio nel Quartiere Adriano a Milano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
01 marzo 2021
13:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Attimi di paura, ieri pomeriggio, per il gesto di alcuni minorenni che si sono assembrati senza mascherina in un giardino nel quartiere Adriano, nella periferia nord di Milano, fino a quando uno di loro ha sparato in aria con una pistola, che si è appurato poi essere una scacciacani.
Il giovane, alla fine, è stato denunciato ma tra la tanta gente a passeggio a quell’ora, nella domenica precedente al passaggio da zona gialla ad arancione, avvenuto oggi, c’è stato “sconcerto e preoccupazione”, come ha raccontato Giovanni Cafaro, candidato sindaco al Comune di Milano con la lista civica ‘Movimentiamoci Insieme’.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il giovane, un 16enne con precedenti, è stato poi identificato e denunciato per procurato allarme ed esplosioni pericolose, mentre gli altri ragazzi si sono dileguati.
“Un gruppo di ragazzi e persone più adulte – racconta Cafaro – una trentina circa, si sono adunate in Largo Bigatti, erano tutti senza mascherine ed alcuni con passamontagna e all’improvviso uno di loro ha estratto una pistola e ha sparato in aria 4 colpi di pistola. Nelle vicinanze vi erano molte famiglie con bambini e residenti che in quel momento passeggiavano nel quartiere, molti dei quali si sono spaventati”.
Secondo Cafaro una guardia giurata dell’istituto Civis, in quel momento libero dal servizio, li ha seguiti dando indicazioni alla polizia che poi ha bloccato il 16enne.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Prov.Brescia,concentriamoli qui
Appello a Guido Bertolaso: “Vanno tutti dirottati nel bresciano”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BRESCIA
01 marzo 2021
13:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“In questo momento di particolare criticità dove tutti i numeri ci pongono al primo posto per indice di contagiosità, dove si registra un’alta saturazione delle terapie intensive, ora non è più necessario, ma è diventato urgente concentrare su tutto il territorio bresciano, e non solo in qualche comune limitrofo, tutte le vaccinazioni”. Lo scrive il presidente della Provincia di Brescia, Samuele Alghisi, in una lettera a Guido Bertolaso, attuale consulente per il piano vaccinale della Lombardia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Se i dati sono realistici – prosegue Alghisi – tutta la provincia è una situazione critica e non possiamo permettere che Brescia riviva quei drammatici momenti che lo scorso anno l’hanno resa la più colpita dalla pandemia a livello nazionale.
Bisogna partire immediatamente con un piano di vaccinazione a tappeto. Solo questo potrà consentirci di tornare a livelli accettabili”.
Alghisi ricorda di aver scritto qualche giorno fa, insieme al sindaco di Brescia Emilio Del Bono, una lettera ad Ats e ASST, “chiedendo alle autorità sanitarie di fornire il prima possibile dati precisi riguardo alla campagna vaccinale e al numero di contagi. Ora il mio appello va dritto a Bertolaso. Abbiamo superato il muro dei 1000 contagi. Abbiamo bisogno che tutti i vaccini siano dirottati sul bresciano. Il prima possibile, come avevo già chiesto a Governo e Regione. Brescia è di nuovo in affanno. Che diventi la priorità di tutte le Istituzioni coinvolte”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pedopornografia: condivideva 10mila file
In carcere 33enne nel Milanese,’centinaia collegati a suo cloud’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
01 marzo 2021
13:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un 33enne, residente nel Milanese, è stato arrestato per aver “partecipato ad un ‘gruppo telematico’ finalizzato alla condivisione di immagini e filmati pedopornografici” e per aver “posto una ingente quantità di materiale” a “disposizione di un numero indeterminato di persone, tramite la condivisione” di un link ad una cartella presente su un suo ‘cloud’.
Dall’ordinanza di custodia in carcere, firmata dal gip Guido Salvini nelle indagini del pm di Milano Giovanni Tarzia e della Polizia postale, dopo segnalazioni arrivate dalle forze dell’ordine di Nuova Zelanda, Usa e Canada, è emerso che l’uomo deteneva oltre 10mila file con immagini e video di orrori su neonati e bambini e che il collegamento al suo cloud veniva “utilizzato da più di mille persone di cui seicento residenti in Italia”.

Per il giudice, come si legge nell’ordinanza di custodia in carcere, “il consumo di materiale pedopornografico”, che poi metteva a disposizione di centinaia di altre persone, era diventato per il 33enne di Sesto San Giovanni (Milano) “una allarmante dipendenza”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: variante inglese, 21 casi scoperti nel sud Sardegna
Analisi nel laboratorio Aou Cagliari, 7 sono nel capoluogo sardo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
01 marzo 2021
13:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 21 i nuovi casi di variante inglese nel sud Sardegna scoperti dal laboratorio del policlinico di Monserrato dell’Aou di Cagliari. Secondo i dati dell’azienda mista sette contagi di questa mutazione del virus sono stati riscontrati a Cagliari, quattro a Quartu Sant’Elena, due a Capoterra, uno a Monastir, uno a Dolianova, due a Sanluri, due a Carloforte e altri due dei quali non è stata ancora accertata la provenienza esatta.

Il laboratorio dell’Aou è tra quelli dell’Isola in grado di rilevare la variante del Covid attraverso il sequenziamento del virus.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Salvini in Tribunale: “io diffamato, non sono Mussolini”
Parte lesa a Cagliari dopo volantino su piazzale Loreto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
01 marzo 2021
13:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Non sono Mussolini e l’accostamento della mia persona a Mussolini è diffamatorio.
L’accostamento a piazzale Loreto e ai gerarchi fascisti io l’ho percepito come una minaccia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Non sono un gerarca fascista ed essere trattato alla stregua è una lesione della mia immagine”.
Così il leader della Lega, Matteo Salvini, ha testimoniato al processo che lo vede parte offesa per un volantino diffuso a Cagliari in occasione di una manifestazione del Carroccio, il 26 settembre 2017, che inneggiava a piazzale Loreto. L’accostamento tra Lega è fascismo è a suo avviso diffamatorio. “Qualsiasi ideologia politica si presta ad una critica ma – ha chiarito – ricordare piazzale Loreto, citarlo da esempio, per me va oltre la critica politica”.
Davanti alla giudice Cristina Ornano, c’è il militante Marco Aresu, 37 anni, accusato di diffamazione, istigazione a delinquere e minacce: è difeso dall’avvocata Marcella Cabras e all’esterno del Tribunale si è tenuto un sit-in di solidarietà a sostegno dell’imputato. Sul banco dei testimoni questa mattina si è così seduto il numero uno della Lega che ha ricostruito le ragioni della denuncia. “Non ho mai risposto alle offese – ha detto – nella mia attività politica sono abituato alla critica e anche all’insulto. Ma quando a mio avviso si travalica l’insulto e si arriva a quella che io percepisco come minaccia, allora segnalo a chi di competenza se quello è un diritto di critica o se è qualcosa di più grave. L’ho fatto cinque volte”.
Rispondendo all’avvocata di parte civile Claudia Eccher, l’ex ministro dell’Interno ha ricordato che quella volta a Cagliari la manifestazione venne svolta al chiuso in Fiera, proprio per questioni legate al rischio di contestazioni. “Come avvenuto anche in altre occasioni – ha poi concluso Salvini – sono disponibile a chiudere questa vicenda con le scuse pubbliche e una donazione ad un ente benefico di Cagliari”. Il processo è stato aggiornato al 26 aprile, quel giorno sarà sentito il parlamentare leghista Eugenio Zoffili.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uccise il vicino:12 anni all’attore Riva
Corte Milano, omicidio preterintenzionale e concesse attenuanti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
01 marzo 2021
14:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato condannato a 12 anni di reclusione Tommaso Libero Riva, 46enne che il 30 giugno scorso, nel capoluogo lombardo, uccise con una coltellata il vicino di casa, Giuseppe Alfredo Villa, pensionato di 68 anni, con il quale aveva frequenti liti. La Corte d’Assise di Milano ha riqualificato il reato da omicidio volontario in preterintenzionale, come chiesto dalla difesa, e gli ha concesso le attenuanti generiche equivalente all’aggravante dei futili motivi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Riva, transessuale, in arte ‘Bianca Dolce Miele’ aveva interpretato se stesso nel film documentario ‘La Casa dell’Amore’. Aveva sempre sostenuto che non voleva uccidere.
La Corte, presieduta da Ilio Mannucci Pacini, ha anche disposto che Riva sia sottoposto alla misura di sicurezza della libertà vigilata per 3 anni, a pena espiata. E ha stabilito una provvisionale di risarcimento di 100mila euro a favore della moglie del pensionato, parte civile. Il pm Maurizio Ascione e il legale di parte civile avevano chiesto che l’attore venisse condannato per omicidio volontario, mentre la difesa, col legale Ursula Lionetti, ha insistito per la tesi del “preterintenzionale” oggi accolta dalla Corte. La Procura aveva chiesto 14 anni con le attenuanti. Nella pena di 12 anni, tra l’altro, è previsto anche lo sconto di un terzo per il rito abbreviato a cui Riva non aveva potuto accedere, stando alla recente riforma, perché gli veniva contestato dalla Procura l’omicidio volontario aggravato, reato da ergastolo. Quella notte, aveva raccontato Riva, sentì dei rumori provenire dall’appartamento sopra al suo, in via Trilussa nel quartiere Quarto Oggiaro. Probabilmente, come ricostruito nelle indagini, era il vicino che si lamentava, perché Riva lo teneva sveglio facendo chiasso nel cuore della notte, come accaduto altre volte. “Ho portato il coltello, ma non volevo ucciderlo, è stato un incidente, non l’ho fatto apposta”, ha sempre sostenuto l’imputato. Lo colpì con una coltellata al braccio sinistro che ne causò la morte. Riva, come spiegato dalla difesa, cercò anche di “aiutare” e soccorrere il pensionato dopo averlo colpito. La difesa aveva anche chiesto le attenuanti per le “sue difficili condizioni di vita”. Per la difesa “ci fu un alterco, una colluttazione e Riva non aveva intenzione di ferire a morte”, come sostenuto, invece, dal pm e anche dal legale di parte civile. Le motivazioni del verdetto tra 60 giorni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini:avvio lento personale scuola Marche, solo 6 a Ancona
Prenotazioni sovrapposte.Dosi AstraZeneca, ma Pfizer per fragili
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
01 marzo 2021
14:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Avvio lento oggi nelle Marche, e in particolare nella città di Ancona, per le vaccinazioni anti-Covid di docenti e personale Ata delle scuole: ne sono previste 300 nella regione e solo sei nel capoluogo anche a causa di una ‘sovrapposizione’ nelle prenotazioni con gli over 80 ‘ritardatari’ che, nella piattaforma di Poste Italiane, hanno occupato in sostanza molti degli slot che avrebbero dovuto essere dedicati al personale scolastico. Ad esempio, ad Ancona erano attesi nella prima giornata 70 tra insegnanti e Ata – che dovevano aggiungersi alle 480 vaccinazioni giornaliere agli ultraottantenni già in corso nell’impianto sportivo ‘Paolinelli’ alla Baraccola – ma ne arriveranno solo sei: il totale giornaliero delle vaccinazioni però sarà di circa 550 oggi, con un aumento dovuto soprattutto ad altri over 80 che si vaccineranno.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un inizio ‘sottotono’ dovuto a una serie di fattori, spiega la direttrice Asur Marche Nadia Storti, compreso l’iniziale inserimento negli elenchi con suddivisione per fasce d’età per AstraZeneca (under 55) poi superata con la previsione fino a 65 anni. A cui è aggiunta la necessità di valutare quale vaccino somministrare a soggetti fragili tra il personale della scuola (AstraZeneca come previsto o Pfizer-BioNTech per soggetti fragili). Insomma una “giornata test – osserva Storti – che non poteva essere fatta con grandi numeri, anche per valutare la fattibilità dell’opzione di un altro vaccino nei soggetti fragili tra il personale della scuola. E servirà per organizzarsi per il numero di dosi da tenere a disposizione”.
“Pochi insegnanti oggi rispetto a quelli previsti? Aspettavamo quelli che si sono prenotati per la giornata – spiega Storti -.
Una volta aperta la piattaforma c’è stato anche il fatto che, sulla stessa piattaforma, hanno continuato a prenotarsi anche gli anziani che hanno occupato dei posti; ma comunque quando si fanno test, si fanno con numeri piccoli: se c’è qualcosa da modificare non possiamo farlo con migliaia di persone”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Roma un murale con bacio tra due donne, “primo in Italia”
Opera di Krayon per Gay Help Line, collaborazione municipio III
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
01 marzo 2021
14:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un murale in pixel art che rappresenta il bacio alla luce del sole tra due ragazze. E’ l’opera dello street artist Krayon, con la collaborazione dell’agenzia Zon Productions e del Municipio III di Roma Capitale, che verrà inaugurata oggi pomeriggio presso la Metro B Jonio di Roma.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Prima di oggi nessuna istituzione pubblica in Italia aveva mai autorizzato murales con un bacio fra due donne o due uomini”, sottolinea l’attore Paolo Turano per Gay Help Line. Sull’opera è riportato il numero verde 800.713.713, contact center contro l’omotransfobia che ogni anno, come riporta il comunicato, riceve circa 20.000 contatti, offrendo ascolto e supporto alle vittime. Insieme a Croce Rossa Italiana, inoltre, il Gay Center gestisce l’accoglienza di giovani vittime di violenza con la casa-famiglia Refuge Lgbt.
Turano sottolinea gli “otto anni” trascorsi dalla “prima richiesta di autorizzazione per un murale che rappresentasse la comunità Lgbt+ (lesbiche, gay , bisex e trans) , per la quale ringrazio il fondatore di Gay Help line Fabrizio Marrazzo insieme al municipio III, che hanno consentito la realizzazione di questa opera d’arte per la cittadinanza, un gesto d’amore fra due ragazze. Iniziative come questa sono fondamentali per la promozione di una cultura inclusiva, ma è importante che le istituzioni e le amministrazioni si impegnino concretamente ogni giorno nel supporto di progetti di contrasto alle discriminazioni, perché le associazioni non restino sole in questa battaglia faticosissima. Il muro si trova a pochi passi dalla targa in memoria di Paolo Seganti a cui il numero verde è dedicato (primo monumento romano in commemorazione di una vittima d’omofobia)”, conclude l’attore.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Catturato in Spagna boss banda della ‘Marranella’ Refrigeri
Deve scontare quasi 7 anni, da Malaga gestiva narcotraffico
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
01 marzo 2021
14:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Catturato in Spagna boss banda della ‘Marranella’ E’ stato catturato un latitante di spicco della cosiddetta banda della Marranella di Roma, il boss Giuseppe Refrigeri, che ormai da anni si rifugiava in Spagna dove gestiva traffici di ingenti quantità droga verso l’Italia. L’operazione grazie alla collaborazione tra i carabinieri del Nucleo Investigativo di Ostia, il servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia – Divisione Sirene, la Dcsa (Direzione centrale per i servizi antidroga), e il coordinamento dalla Procura di Roma.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“L’indagine denominata “Hispania”, avviata a luglio 2018, ha consentito di accertare l’esistenza e l’operatività di una complessa organizzazione criminale, composta da diversi livelli gerarchici ed articolazioni territoriali, con basi logistiche stabili in Spagna con la centrale a Malaga – si legge in un comunicato -, dedita al traffico di cocaina, hashish e marijuana sull’asse Spagna-Italia. Già dal maggio dello scorso anno, le indagini condotte dai Carabinieri di Ostia hanno stretto il cerchio attorno al pericoloso latitante, già destinatario di un ordine di carcerazione emesso nel 2015 dal Tribunale di Roma – Ufficio Esecuzioni, che lo avrebbe portato all’espiazione della pena pari ad anni 6 e mesi 11 di reclusione”. “La successiva fase investigativa ha portato all’emissione di ulteriori misure cautelari emesse dal Gip presso il Tribunale di Roma e al relativo Mandato di Arresto Europeo per traffico internazionale di sostanze stupefacenti e possesso di documenti falsi – conclude la nota -. Nel caso specifico al soggetto è stato contestato il tentativo di importazione in Italia di Kg. 325 di hashish, non andato a buon fine perché i corrieri erano stati arrestati in Francia”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Malati psichiatrici diventano mugnai per un ‘pane etico’
Coltivano grani antichi e panificano. E’ agricoltura sociale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SARZANA
01 marzo 2021
14:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un pane, a marchio etico, prodotto dagli ospiti della struttura psichiatrica Campo del Vescovo di Rocchetta Vara (La Spezia), fatto con farine di antichi grani locali. Un percorso di inserimento lavorativo e di realizzazione personale, verso un recupero dell’ autonomia, che prevede anche la coltivazione del grano, la macinatura al mulino e poi la produzione dei pani.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il progetto è denominato “Le radici della solidarietà” è fa parte di tre percorsi che sono stati premiati dal bando di agricoltura sociale della Regione Liguria: gli altri sono “Sentieri di inclusione” e “Il banco dell’agricoltura sociale” che rappresentano il primo esperimento coordinato sul territorio spezzino di agricoltura sociale. I tre progetti hanno ricevuto complessivamente un finanziamento di oltre 400 mila euro.
L’iniziativa è stata presentata a Sarzana e coinvolge i tre distretti sociosanitari della Asl5 spezzina ciascuno con un progetto che viene portato avanti con associazioni di categoria e i Comuni capofila di La Spezia, Sarzana e Bolano. Coinvolte anche aziende agricole, enti di formazione e soggetti del terzo settore. L’obiettivo è aumentare il benessere delle persone fragili attraverso attività nelle aziende agricole. I tre progetti dureranno 2 anni e coinvolgeranno in tutto oltre 70 tra pazienti in carico alla salute mentale, in condizioni di disabilità o di marginalità sociale. I progetti prevedono, oltre alla panificazione, l’inserimento in agricoltura e le manutenzione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Durante inseguimento pattuglia travolge auto, muore 17enne
Incidente alla periferia di Roma. Giovane era in macchina
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
01 marzo 2021
15:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ finito in tragedia un inseguimento alla periferia di Roma. Una ragazza di 17 anni è morta dopo essere stata travolta da una pattuglia della polizia stradale che stava inseguendo una macchina.
L’incidente è avvenuto a via di Salone, alla periferia est della Capitale. Secondo quanto si è appreso la ragazza era in auto con altre persone. Nell’impatto c’è un ferito grave, che era in auto con lei. Feriti anche due poliziotti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Furti di rotaie nei depositi Rfi del Casertano, 5 arresti
Ai domiciliari tre dipendenti Rete Ferroviaria e due della Sirti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
01 marzo 2021
15:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Avrebbero sottratto almeno 40 tonnellate di materiale ferroviario, del valore di centinaia di migliaia di euro, dai depositi di Rfi situati nel Casertano. E’ l’accusa a carico di cinque persone – tra cui tre dipendenti di Rete Ferroviaria Italiana e due di Sirti Spa, importante società che lavora per Rfi – finite agli arresti domiciliari nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Santa Maria Capua Vetere, che ha scoperto l’esistenza di un’associazione criminale, formata appunto da dipendenti di Rfi infedeli, titolari di imprese di raccolta metalli o che lavorano per Rete Ferroviaria Italiana, “specializzati” in furti di rotaie, bobine di rame, scambi, casse induttive, e tutti quegli oggetti presenti nei depositi ferroviari che potessero essere rivenduti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per altri dieci indagati, quasi tutti piccoli imprenditori, il Gip di Santa Maria Capua Vetere ha emesso la misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.
Le indagini sono state realizzate, tramite intercettazioni telefoniche e ambientali e immagini dei sistemi di videosorveglianza dei depositi, dagli investigatori della Polizia Ferroviaria della Campania, che hanno anche eseguito le misure cautelari. I poliziotti hanno iniziato a capire che c’era qualcosa di più ampio dietro i tanti furti avvenuti in depositi del Casertano: ben dodici quelli accertati nel corso delle indagini, denunciati a Caserta, Santa Maria Capua Vetere, Aversa, Villa Literno, con danni alla società che gestisce la rete ferroviaria per centinaia di migliaia di euro. Determinante anche la collaborazione della Protezione Aziendale di Rfi.
Dall’inchiesta è emerso che la “testa” del sodalizio era proprio all’interno di Rfi; quattro gli operai coinvolti, addetti alla manutenzione ferroviaria. Erano loro – è emerso – ad entrare con badge e telecomandi nei depositi; poi, con l’aiuto dei mezzi messi a disposizione dagli imprenditori complici, asportavano il materiale che veniva rivenduto grazie ai titolari di imprese di raccolta metalli.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si vaccina a 105 anni, arriva in ambulatorio cantando
Accompagnata dal sindaco di Taggia, ha detto di essere felice
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TAGGIA
01 marzo 2021
16:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Anna Domenica Febbo, 105 anni, la donna più anziana del Ponente Ligure si è vaccinata, ieri alle 15, nell’ambulatorio allestito presso la stazione ferroviaria di Arma di Taggia. L’anziana è arrivata all’ambulatorio accompagnata per l’occasione da Giorgio Giuffra, sindaco della piccola località balneare imperiese.
Nonna Domenica si è presentata cantando, felicissima di ricevere il vaccino. Non ha detto nulla si particolare, ma il suo approccio è stato molto eloquente. L’anziana, che gode di ottima salute, va ancora in campagna e conduce una vita semplice.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 007, impennata disinformazione e fake news
‘Campagna lanciate da attori ostili di matrice statuale’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
01 marzo 2021
16:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La pandemia da Covid ha fatto registrare “un’impennata di campagne disinformative e fake news” e si sono dilatati i “margini di intervento per attori ostili propensi all’uso combinato di più strumenti a fini manipolatori e d’influenza”. Lo evidenzia la Relazione annuale dell’Intelligence pubblicata oggi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli 007 segnalano il “ricorso all’utilizzo combinato, da parte dei principali attori ostili di matrice statuale, di campagne disinformative e attacchi cibernetici, volti a sfruttare l’onda emotiva provocata dalla crisi sanitaria, nel tentativo di trasformare la pandemia in un vantaggio strategico di lungo termine”.
Nell’anno del Covid sono aumenti del 20% gli attacchi cibernetici contro assetti rilevanti per la sicurezza nazionale. In particolare “è emerso come attori statuali abbiano tentato di sfruttare le debolezze connesse all’ondata pandemica per porre in atto attacchi sofisticati miranti ad esfiltrare informazioni sensibili su terapie e stato della ricerca”. Lo evidenzia la Relazione annuale dell’Intelligence pubblicata oggi.
La congiuntura economica determinata dall’emergenza Covid ha “reso più concreto il pericolo che attori esteri, favoriti anche dall’accesso a forme di finanziamento confinalità extraeconomiche, si ponessero quali acquirenti di asset pregiati in Italia, con prospettive di spostamento dei centri decisionali e produttivi al di fuori dei nostri confini e/o di perdita di know how, a detrimento della competitività del tessuto economico nazionale”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nell’anno del Covid sono aumenti del 20% gli attacchi cibernetici contro assetti rilevanti per la sicurezza nazionale. In particolare “è emerso come attori statuali abbiano tentato di sfruttare le debolezze connesse all’ondata pandemica per porre in atto attacchi sofisticati miranti ad esfiltrare informazioni sensibili su terapie e stato della ricerca”. Lo evidenzia la Relazione annuale dell’Intelligence pubblicata oggi.
La pandemia da Covid ha fatto registrare “un’impennata di campagne disinformative e fake news” e si sono dilatati i “margini di intervento per attori ostili propensi all’uso combinato di più strumenti a fini manipolatori e d’influenza”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo evidenzia la Relazione annuale dell’Intelligence pubblicata oggi. Gli 007 segnalano il “ricorso all’utilizzo combinato, da parte dei principali attori ostili di matrice statuale, di campagne disinformative e attacchi cibernetici, volti a sfruttare l’onda emotiva provocata dalla crisi sanitaria, nel tentativo di trasformare la pandemia in un vantaggio strategico di lungo termine”
La congiuntura economica determinata dall’emergenza Covid ha “reso più concreto il pericolo che attori esteri, favoriti anche dall’accesso a forme di finanziamento confinalità extraeconomiche, si ponessero quali acquirenti di asset pregiati in Italia, con prospettive di spostamento dei centri decisionali e produttivi al di fuori dei nostri confini e/o di perdita di know how, a detrimento della competitività del tessuto economico nazionale”.
Gli arrivi di migranti attraverso la frontiera terrestre, così come gli sbarchi fantasma dal Nordafrica o dalle sponde turco-elleniche, “restano, sul piano della sicurezza, le modalità d’ingresso più critiche, rispetto alle quali i rischi sanitari connessi alla possibile dispersione sul territorio nazionale di soggetti positivi al virus sono andati ad aggiungersi al pericolo di infiltrazioni terroristiche”. Lo evidenzia la Relazione annuale dell’Intelligence pubblicata oggi. “Su quest’ultimo versante – si lege nel documento – le risultanze della serrata attività d’intelligence, condotta in raccordo con le Forze di polizia e in collaborazione con i Servizi collegati esteri, fanno ancora escludere un ricorso sistematico ai canali dell’immigrazione clandestina per la movimentazione di jihadisti, ribadendo peraltro la sussistenza di rischi connessi all’eventualità che nei centri di confluenza/accoglienza dei migranti possano maturare processi di radicalizzazione islamista”. Inoltre, aggiungono i servizi, “mirata attenzione informativa è stata riservata al settore del falso documentale, che vede spesso l’interazione tra circuiti criminali e terroristici”.
“In Italia ha continuato a registrarsi una certa adesione al jihadismo attraverso il web, dove vengono diffusi articoli, infografiche, video di propaganda in lingua italiana, condiviso materiale teso a veicolare istanze anti-occidentali e diramate immagini minatorie di monumenti simbolo del nostro Paese e del Cristianesimo”. Lo rileva la Relazione annuale dell’Intelligence pubblicata oggi. “All’attenzione, in questo contesto – osservano in servizi – il rischio legato all’effetto istigatorio che tale messaggistica potrebbe esercitare su soggetti particolarmente influenzabili, siano essi residenti (homegrown/di recente immigrazione) o in transito, orientandoli verso estemporanei gesti dimostrativi/provocatori, anche con esiti violenti, se non motivandoli a veri e propri atti premeditati e organizzati di jihad individuale”. “Anche nel corso del 2020 – informa la Relazione – sebbene non sia stata rilevata una produzione originale di propaganda jihadista in italiano, materiale tradotto o sottotitolato nella nostra lingua a uso di utenti italofoni è stato condiviso online, utilizzando soprattutto social network e piattaforme di messaggistica protette da crittografia end-to-end”. “Contesto sensibile – proseguono gli 007 – resta quello carcerario, come testimoniato dalle espulsioni a ne pena di estremisti o altri soggetti ristretti per reati comuni che, durante la detenzione, hanno confermato o manifestato per la prima volta la propria adesione all’ideologia jihadista, rendendosi responsabili di manifestazioni apologetiche, atteggiamenti rivoltosi e reazioni violente contro il personale penitenziario e correligionari ritenuti non ‘in linea’. In prospettiva, le principali incognite riguardano coloro che, pur avendo scontato la propria pena, conservano un forte risentimento e propositi ritorsivi nei confronti dell’Italia e quanti, una volta tornati in libertà, tendono a recuperare contatti con ambienti criminali/radicali”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Anziano ucciso in casa per rapina, 30 anni all’imputato
Cagliari, era accusato anche di un secondo tentato omicidio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
01 marzo 2021
16:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Trent’anni di reclusione perché i giudici hanno riconosciuto all’imputato, Eugenio Corona, 42 anni, le attenunati generiche che hanno compensato le aggravanti che avrebbero aperto le porte dell’ergastolo. Si è chiuso così davanti alla Corte d’Assise di Cagliari il processo per l’omicidio di Adolfo Musini, il pensionato di 88 anni ucciso il 2 giugno 2019 durante una rapina nella sua abitazione, nel quartiere cagliaritano di San Michele La Corte presieduta dal giudice Giovanni Massidda (a latere Giampaolo Casula) ha così accolto per intero la richiesta del pubblico ministero Guido Pani che aveva sollecitato trent’anni per omicidio e per il tentato omicidio di Ivaldo Marci, un anziano dello stesso quartiere rimasto gravamente ferito in un tentativo di rapina avvenuto poche ore dopo l’uccisione di Musini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vittima e presunto assassino – difeso dall’avvocata Teresa Camoglio – si conoscevano.
Dopo circa tre ore e mezza di camera di consiglio, la Corte d’Assise è uscita con la sentenza che ha invece assolto un’amica della vittima, Pamela Locci: era accusata di favoreggiamento per aver ospitato e dato dei vestiti puliti all’imputato prima che i carabinieri lo arrestassero. Il pubblico ministero, in ogni caso, ha ribadito nella sua requisitoria la pericolosità sociale di Corona, capace di uccidere a coltellate e di tentare un secondo omicidio sempre a scopo di rapina che non gli è riuscito per un soffio. Scontati i trent’anni di carcere la Corte ha disposto che l’imputato faccia altri tre anni in libertà vigilata. I familiari della vittima si sono costitutiti parte civile con gli avvocati Mauro Massa e Barbara Maganuco, mentre Ivaldo Marci è assistto dall’avvocato Ivo Loi. La Corte ha stabilito una provvisionale complessiva alle parti civili che supera i centomila euro, come anticipio al risarcimento.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incidente stradale Cossu: è stato dimesso dall’ospedale
Ex calciatore dopo intervento dovrà rimanere a riposo 45 giorni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
01 marzo 2021
18:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È stato dimesso oggi pomeriggio Andrea Cossu, l’ex giocatore del Cagliari e della Nazionale rimasto ferito in un incidente stradale dieci giorni fa sulla statale 554 a Selargius, nell’hinterland di Cagliari.
L’attuale dirigente rossoblù, 40 anni, era ricoverato nel reparto di Chirurgia Toracica dell’ospedale Businco di Cagliari dove era arrivato la sera dopo l’incidente, dopo aver trascorso una notte nel reparto di Rianimazione del Brotzu.

Nell’incidente Cossu aveva riportato un forte trauma toracico, tanto che martedì scorso era stato sottoposto a un intervento chirurgico non invasivo. Giovedì i medici hanno sciolto la prognosi. Oggi la dimissione dall’ospedale e il ritorno a casa.
L’ex calciatore dovrà comunque rimanere a riposo per almeno un mese e mezzo e dovrà sottoporsi a periodiche visite ortopediche.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Sardegna risveglio bianco, stasera al ristorante
Ma nel sud dell’Isola scoperti 21 casi di variante inglese
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
01 marzo 2021
19:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un altro mondo, da un giorno all’altro. Ieri, ore 18.30, strade e piazze semideserte e silenziose.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E gestori e personale che rimettevano le cose in ordine dietro le serrande abbassate. Oggi un tripudio di voci, risate, spritz, cocktail. “Stasera – spiegano due ragazze sedute al tavolino, Ilaria e Maria Luisa – c’è un’energia speciale. È un segnale di speranza”.
In Piazza Yenne e primo tratto del Corso in centro, a Cagliari si fa fatica a trovare un tavolino libero. In alcuni locali c’è anche la fila.
Secondo i dati di Coldiretti sono diecimila in Sardegna i locali che possono tirare sino a “tardi” (alle 21 i bar e alle 23 i ristoranti, coprifuoco dalle 23.30) in Sardegna.
Ma sulla celebrazione del primo giorno (quasi) senza limiti incombono i 21 nuovi casi di variante inglese nel sud Sardegna scoperti dal laboratorio del policlinico di Monserrato dell’Aou di Cagliari. Secondo i dati dell’azienda mista sette contagi di questa mutazione del virus sono stati riscontrati a Cagliari, quattro a Quartu, due a Capoterra, uno a Monastir, uno a Dolianova, due a Sanluri, due a Carloforte e altri due dei quali non è stata ancora accertata la provenienza esatta. E bisogna fare sempre i conti con i tre comuni in zona rossa: Bono, La Maddalena e San Teodoro. Gli ultimi dati sulla circolazione della variante inglese sono abbastanza rassicuranti. A Bono ad esempio su 1.620 persone sottoposte a tampone naso-faringeo e all’esame molecolare/antigenico, sono emersi solo 6 positivi al coronavirus. Il dato complessivo di oggi racconta di 45 nuovi casi in tutta l’isola con un tasso di positività dello 0,7%.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: sindaca Ancona chiude tutte scuole fino a 14 marzo
Dati ieri e oggi peggiorati, oltre linee guida Cts nazionale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
01 marzo 2021
19:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Da domani martedi 2 marzo, fino a domenica 14, sono sospese le attività didattiche in tutte le scuole di ogni ordine e grado nel Comune di Ancona (scuole d’infanzia e nidi compresi, pubbliche e private)”. Lo annuncia la sindaca Valeria Mancinelli su facebook.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il provvedimento è urgente e necessario – spiega -, i dati di ieri e quelli di oggi sono peggiorati e siamo ben oltre il limite che il Comitato Tecnico Scientifico nazionale indica nelle nuove linee guida e nei diversi criteri resi noti ieri sera, per la chiusura totale delle scuole”. Le Marche sono da oggi in zona arancione e da qualche giorno con dad al 100% alle superiori, mentre ad Ancona lo sono anche le seconde e terze medie. “Tutti gli indici ci dicono che il virus nella città corre velocemente, che ancora più velocemente corre nelle fasce d’età giovani, che la variante inglese è ampiamente diffusa – seguita Mancinelli, che nei giorni scorsi aveva invitato i concittadini ad evitare i contatti stretti non necessari -. La situazione è difficile in tutta la provincia ma, in assenza di provvedimenti per tutto il territorio, mi assumo la responsabilità di agire per la tutela della salute pubblica nella mia città”. “Sono consapevole – sottolinea – dei disagi che si creano per le famiglie, ma guadagnare tempo, in questo caso, significa salvaguardare la salute e, a volte, la vita di tutti”. I ragazzi diversamente abili che hanno l’insegnante di sostegno “possono frequentare la scuola, che si organizza per garantire il servizio”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Como e Cremona in zona arancione rafforzata
Arancioni anche dieci comuni del Milanese
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
01 marzo 2021
20:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana ha appena firmato tre nuove ordinanze con l’obiettivo di rafforzare le misure di prevenzione a contrasto del Covid su diverse aree del territorio, che entreranno in vigore da mercoledì 3 marzo.
Diventerà zona arancione rafforzata, con la chiusura quindi di tutte le scuole, tranne gli asili nido, l’intera provincia di Como, ma anche diversi comuni della provincia di Mantova, della provincia di Cremona (incluso il capoluogo), di quella di Pavia e di dieci comuni della Città Metropolitana di Milano, tra cui Melzo e Binasco.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Abusa di minore disabile, caccia all’uomo nel savonese
Sconosciuto entrato in casa e ha commesso l’abuso, poi è fuggito
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SAVONA
01 marzo 2021
20:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Caccia all’uomo da venerdì sera nel Savonese per individuare la persona che ha abusato di una minorenne con disabilità psichica. Il caso è avvenuto nell’abitazione dove la minore viva, in un comune della provincia di Savona.
La notizia è stata anticipata dall’edizione online del Secolo XIX e confermata dal magistrato che sta coordinando le indagini. Sul caso c’è massimo riserbo.
L’uomo, approfittando dell’assenza della madre, è entrato nell’appartamento ed ha approfittato della minore per poi fuggire a bordo di un’auto il cui modello non è stato ancora identificato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bergamini:concluse indagini morte calciatore,indagata l’ex
Legale famiglia:ci auguriamo visionare presto atti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CASTROVILLARI
01 marzo 2021
21:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Castrovillari ha notificato la conclusione delle indagini per la morte del calciatore del Cosenza Donato “Denis” Bergamini, a Isabella Internò, ex fidanzata del centrocampista del Cosenza, che resta unica indagata per l’omicidio del calciatore del Cosenza. La notizia è stata resa nota con un comunicato del Procuratore facente funzioni, Simona Manera.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Archiviate le posizioni dell’autista del Tir sotto le cui ruote il centrocampista del Cosenza venne trovato cadavere la sera del 18 novembre 1989 e quella del marito della donna, che inizialmente risultava indagato per favoreggiamento in relazione alle dichiarazioni fornite dalla moglie in fase di escussione come teste.
“Abbiamo appreso della notizia della chiusura delle indagini – ha spiegato in un video pubblicato su facebook – l’avvocato della famiglia Bergamini, Fabio Anselmo, parlando anche a nome della sorella di Denis, Donata – da un comunicato stampa della Procura di Castrovillari. Non sappiamo che fine abbiano fatto gli altri indagati, sappiamo, comunque, che Isabella Internò rimane accusata di omicidio pluriaggravato e quindi, come tale, strettamente punibile con l’ergastolo (non soggetto a prescrizione)”.
“Ci auguriamo – aggiunge il legale della famiglia – di poter visionare presto gli atti di indagine e del fascicolo. Per questo abbiamo già inoltrato una richiesta via pec in tal senso.
Auspichiamo davvero che la procura ci rilasci copia dei documenti perché credo che la famiglia Bergamini ne abbia pieno diritto così come forse avrebbe avuto diritto di conoscere gli esiti in altro modo”.
L’inchiesta era stata riaperta sei anni fa dall’ex procuratore di Castrovillari Eugenio Facciolla e poi proseguita e chiusa dal pm Luca Primicerio. Nell’inchiesta si ipotizza che Bergamini possa essere ucciso e poi coricato sull’asfalto perché fosse investito. Alla base del fatto ci sarebbe stata la fine, per decisione del calciatore, del legame con la donna.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo Dpcm, le regole fino a Pasqua
Ci sono aperture ma niente cene fuori e barbieri in zona rossa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 marzo 2021
13:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il nuovo Dpcm, che scatterà il 6 marzo, potrebbe essere valido per un mese: secondo una bozza del testo i divieti e le restrizioni resteranno in vigore anche per Pasqua e Pasquetta, le seconde dell’era Covid, scadendo il 6 aprile. Sono anche previste riaperture, seppure non da subito: dal 27 marzo riapriranno – nel rispetto di specifici protocolli – cinema e teatri mentre sarà possibile andare al museo anche nei week end.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Queste dovrebbero essere le misure contenute nel nuovo provvedimento.

  • BARBIERI E PARRUCCHIERI CHIUSI (ZONA ROSSA): in questa fascia sono sospese le attività inerenti servizi alla persona, diverse da quelle individuate nell’allegato 24, dove – a differenza del precedente provvedimento – non vengono menzionati i servizi dei saloni di barbiere e di parrucchiere.

  • IN CASA POSSONO ENTRARE ANCHE I NON CONVIVENTI (ZONA GIALLA), MA FESTE VIETATE: In questa fascia viene cancellata dal bozza del nuovo Dpcm la misura – citata nel precedente documento, secondo cui – “con riguardo alle abitazioni private, è fortemente raccomandato di non ricevere persone diverse dai conviventi, salvo che per esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza”. Nella bozza del nuovo provvedimento restano comunque “vietate le feste nei luoghi al chiuso e all’aperto, ivi comprese quelle conseguenti alle cerimonie civili e religiose”.

  • CINEMA E TEATRI APRONO DAL 27/3, MUSEI ANCHE NEL WEEK END (ZONA GIALLA): A decorrere dal 27 marzo 2021 in zona gialla spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all’aperto sono svolti con posti a sedere preassegnati e distanziati e a condizione che sia comunque assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per il personale, sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi, spiega la bozza del Dpcm. Il ministro Franceschini ha annunciato l’accesso ai musei su prenotazione anche nel weekend (questi ultimi per ora aperti in questa stessa fascia solo nei giorni infrasettimanali).
    CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

  • VIAGGI VIETATI, STOP SPOSTAMENTI TRA LE REGIONI: Il divieto di spostamento tra le Regioni è valido fino al 27 marzo ma assieme al prossimo Dpcm, che disciplinerà le misure fino al 6 aprile, Pasqua compresa, potrebbe essere nuovamente prorogato con un decreto. Come sempre è consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione così come gli spostamenti motivati da esigenze lavorative, ragioni di salute o situazioni di necessità. Permessa in zona gialla in ambito regionale la visita in una sola abitazione privata, una volta al giorno, fra le 5 del mattino e le 22. Possono spostarsi due persone più i figli minori di 14 anni.

  • SECONDE CASE: E’ consentito recarsi nelle seconde in zona gialla o arancione (anche se si trovano fuori regione) solo al nucleo familiare e soltanto se la casa è disabitata. Non si può andare nella seconda casa con amici e parenti. Non è possibile invece – a meno di urgenti e necessari motivi – se le abitazioni sono in zone rosse o arancione scuro. Sono vietati i viaggi per turismo.

  • SHOPPING: Negozi chiusi solo in zona rossa dove sono garantiti esclusivamente gli esercizi commerciali di prodotti essenziali: farmacie, alimentari, ferramenta. In zona gialla e arancione tutti i negozi sono aperti. Nei week end continuano ad essere chiusi i centri commerciali. Negli esercizi sono valide le solite misure di sicurezza: distanziamento, mascherina, ingressi contingentati.

  • CONTINUA LA SERRATA DI PISCINE E PALESTRE: Ancora lontana la possibilità di andare in palestra o in piscina. Vietati gli sport di contatto e di squadra. Consentita invece l’attività motoria individuale all’aperto come la camminata, la bici e la corsa. Al momento il Cts visto l’andamento dei contagi non ritiene opportuno allentare le restrizioni in questo settore. Se le cose dovessero migliorare si potrebbe pensare almeno a lezioni individuali o su prenotazioni. Agli agonisti è permesso di allenarsi.

  • LA SERA NIENTE RISTORANTE Niente cene al ristorante. Nonostante l’asse Salvini-Bonaccini al ristorante e bar in zona gialla si potrà andare solo di giorno. Si temono gli assembramenti fuori dai locali, che puntualmente avvengono anche a locali chiusi nel fine settimana. Dunque le regole per i ristoranti restano quelle in vigore: in zona gialla aperti fino alle 18 e fino alle 22 consentito l’asporto. A domicilio è consentito ad ogni ora. Asporto e domicilio sono consentiti nelle zone arancio e rosse. Eccezione fanno gli autogrill, oltre le 18 in zona gialla, le mense e i ristoranti negli alberghi.

  • SCUOLA: Nelle zone rosse tutte le scuole – stando alle indicazioni del Cts – dovrebbero essere chiuse. Gli esperti hanno anche valutato che gli studenti dovranno essere in Dad nel caso l’incidenza sia superiore a 250 casi ogni 100mila abitanti. In tutte le altre situazioni, la scuola resta in presenza come già stabilito dai provvedimenti in vigore: in presenza per gli alunni dell’infanzia, delle elementari e delle medie mentre per quelli delle superiori è pervista la didattica è in presenza almeno al 50% e fino ad un massimo del 75%. Nel testo della bozza del Dpcm si introduce un ulteriore misura: “al fine di mantenere il distanziamento sociale, è da escludersi qualsiasi altra forma di aggregazione alternativa”. In alcuni casi i governatori hanno già applicato misure più restrittive come ad esempio in Puglia, Campania e Marche.   POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Vaccini: Padova, doppie prenotazioni tra personale scuole
Con codice fiscale fatte anche a nome di parenti o amici
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PADOVA
02 marzo 2021
10:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Prenotazioni anche a nome di parenti o amici, utilizzando il proprio codice fiscale, sono state scoperte dall’Azienda Ulss di Padova tra quelle destinate alla vaccinazione del personale scolastico. I casi, una cinquantina, hanno comportato lo stop alla piattaforma informatica per le prenotazioni e l’avvio di un’indagine.

Le verifiche – rirportano i quotidiani veneti – sono state avviate per capire quanti siano effettivamente i “furbetti” e come risolvere il disagio che rallenta la campagna vaccinale.
La scoperta sarebbe stata fatta dal Dipartimento di Prevenzione dell’Ulss nella piattaforma “Zerocoda”, che presentava prenotazioni doppie collegate a uno stesso codice fiscale. Questa prenotazioni sono state annullate e si sta valutando di presentare una denuncia alla magistratura
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Schiaffi ai bimbi: ok ricorso del pm, maestra sospesa 6 mesi
Disposta la misura cautelare interdittiva a Bologna
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
02 marzo 2021
10:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il tribunale del Riesame ha accolto il ricorso della Procura di Bologna sul caso della maestra di un asilo comunale arrestata a inizio febbraio per maltrattamenti nei confronti dei bambini e poi rimessa in libertà. I giudici hanno per lei disposto la misura cautelare interdittiva della sospensione dal servizio per sei mesi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sarà esecutiva dopo un eventuale ricorso in Cassazione della difesa.
Nel liberare la maestra, il Gip Letizio Magliaro aveva scritto tra l’altro che in circa 15 giorni di osservazione l’indagata aveva sferrato “soltanto” tre schiaffi punitivi nei confronti di tre diversi alunni e che non si era, per questo, in presenza della condotta tipica del reato di maltrattamenti. Ma la Procura, con il pm Michele Martorelli, aveva impugnato l’ordinanza, sottolineando che con una simile affermazione significava fare un’analisi che fonda le proprie conclusioni su “una media statistica inaccettabile”. Venerdì c’è stata l’udienza e il collegio di giudici (Margiocco, Oggioni, Monari) ha accolto il ricorso del pm dove si evidenziava il principio di giurisprudenza che “l’uso della violenza per fini correttivi o educativi non è mai consentito”. Ancora non sono note le motivazioni del Riesame.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: a livello mondiale sono stati persi 112 mld di giorni
Save The Children: 74 giorni in meno per ciascun alunno, più di un terzo dell’anno scolastico medio globale di 190 giorni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 marzo 2021
10:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A un anno dall’inizio della pandemia di Covid, bambini e adolescenti di tutto il mondo hanno perso in media 74 giorni di istruzione ciascuno, più di un terzo dell’anno scolastico medio globale di 190 giorni. È quanto emerge dai dati diffusi oggi da Save the Children, in occasione dell’anniversario della pandemia di Covid 19.
A livello globale, si stima che 112 miliardi di giorni di istruzione siano stati persi complessivamente e che siano stati i bambini più poveri del mondo a essere colpiti in modo sproporzionato. Il dato è calcolato tra il 16 febbraio 2020 e il 2 febbraio 2021.
Gli studenti italiani si sono trovati a frequentare i loro istituti anche per molto meno della metà dei giorni teoricamente previsti. E’ quanto emerge dal Rapporto Save The Children nel quale sono stati presi in considerazione 8 capoluoghi. Da settembre 2020 a fine febbraio 2021, i bambini delle scuole dell’infanzia a Bari, per esempio, hanno potuto frequentare di persona 48 giorni sui 107 previsti, contro i loro coetanei di Milano che sono stati in aula tutti i 112 giorni. Gli studenti delle scuole medie a Napoli sono andati a scuola 42 giorni su 97 mentre quelli di Roma sono stati in presenza per tutti i 108 giorni previsti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uccisa nel Ferrarese, compagno ricoverato per autolesionismo
In cella ha sbattuto violentemente la testa contro le sbarre
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FERRARA
02 marzo 2021
11:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Doriano Saveri, arrestato con l’accusa di aver ucciso la sua compagna Rossella Placati una settimana fa nella casa che dividevano a Bondeno (Ferrara), è ricoverato in ospedale da domenica sera dopo atti di autolesionismo in cella. Lui si professa innocente.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli agenti di Polizia penitenziaria hanno sentito rumori dalla sua cella – come riporta La Nuova Ferrara – e solo il loro intervento ha scongiurato il peggio visto che lo hanno trovato ferito gravemente alla testa e in una pozza di sangue, dopo aver sbattuto volontariamente il capo contro la finestra. Così, domenica sera poco dopo le 19, è stato ricoverato nella cella nel reparto di medicina del Sant’Anna, guardato a vista: massima sorveglianza per lui, in carcere da martedì scorso con l’accusa dell’omicidio volontario aggravato della donna, che avrebbe ucciso.
Il suo ricovero è stato deciso anche perché – da quanto si apprende – i suoi parametri sanitari vitali erano allarmanti. E non potrebbe che essere così, dopo una settimana con la pressione, psicofisica, esterna e interna, alle stelle, continuando a negare di essere lui l’autore dell’omicidio. Ma le accuse sono tutte contro di lui, come già confermato negli atti dei magistrati che si sono susseguiti: il pm Stefano Longhi che sta conducendo le indagini e coordinando i riscontri dei carabinieri, e il giudice Vartan Giacomelli che ha confermato la misura cautelare in carcere. E come gli stessi magistrati hanno riferito negli atti, sarà fondamentale l’esame medico-legale per stabilire le cause della morte. L’autopsia era fissata per ieri mattina, ma è stata rinviata per procedere con un incidente probatorio e potrebbe essere eseguita nel fine settimana.
L’autopsia dovrà circoscrivere il range sull’orario della morte, dopo il ritrovamento del corpo, che fissa il decesso tra le 10 e le 15 ore prima, fra le 22.30 di domenica e le 3.30 di lunedì scorsi: una morte causata da colpi alla testa e tre fendenti alla parte sinistra superiore del petto. L’autopsia dovrà confermare quali siano stati letali o no. L’arma o le armi non sono state trovate.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, 415 positivi nelle Marche nelle ultime 24ore
Testati complessivamente 7.094 tamponi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
02 marzo 2021
11:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 415 i positivi al covid rilevati nelle Marche nelle ultime 24 ore tra le nuove diagnosi, di cui 194 nella provincia di Ancona. Il Servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che “nelle ultime 24 ore sono stati testati 7.094 tamponi: 5.040 nel percorso nuove diagnosi (di cui 2.985 nello screening con percorso Antigenico) e 2.054 nel percorso guariti (con un rapporto positivi/testati pari all’8,2%)”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dei 414 positivi, oltre ai 184 della provincia di Ancona, ce ne sono 76 in provincia di Macerata, 67 in provincia di Pesaro Urbino, 43 in quella di Ascoli Piceno, 14 in quella di Fermo e 21 fuori regione. Questi casi comprendono soggetti sintomatici (58), contatti in setting domestico (73), contatti stretti di casi positivi (173)), contatti in setting lavorativo (6), contatti in ambienti di vita/socialità (3), contatti in setting assistenziale (5), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (7), screening percorso sanitario (2) e 1 caso proveniente da fuori regione. Per altri 87 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche. Sui 2.985 test del Percorso Screening Antigenico “sono stati riscontrati 230 casi positivi (da sottoporre al tampone molecolare). Il rapporto positivi/testati è pari all’8%”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Venezia:riapre campanile S.Marco,segnale ripresa vita piazza
Un centinaio di visitatori il primo giorno
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
02 marzo 2021
11:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ha riaperto a Venezia il campanile di San Marco, il “paron de casa” dopo mesi di chiusura a causa dell’emergenza Coronavirus. Un centinaio i visitatori, tutti veneti e alcuni veneziani, che sono saliti sul punto più alto della città per avere il miglior colpo d’occhio sulla laguna.

La riapertura del campanile è il primo segnale di ripresa in Piazza San Marco, la prima attrazione turistica che riprende, con le dovute restrizioni e precauzioni, dopo mesi di fermo. In Piazza, in questi mesi, solo la basilica di San Marco è sempre rimasta aperta per le celebrazioni della messa, mentre Palazzo Ducale e Museo Correr per ora restano chiusi.
Una quarantina al massimo i visitatori che possono accedere, contemporaneamente, sul campanile, per rispettare il distanziamento sociale. E prima di salire sull’ascensore è necessario misurarsi la temperatura e tenere indossata nel modo corretto la mascherina, come prevedono le misure anti-covid.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Truffa a società mutuo soccorso, indagato Gianluigi Torzi
Sei ai domiciliari,l’uomo affari già coinvolto nel caso Vaticano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
02 marzo 2021
11:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per una presunta truffa con operazioni finanziarie legate all’acquisto di bond ad alto rischio lussemburghesi ai danni della storica Società di Mutuo Soccorso Cesare Pozzo, il Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Gdf di Milano ha eseguito 6 misure di arresti domiciliari e una interdittiva del divieto temporaneo di esercitare l’attività di impresa.
Nell’ inchiesta della Procura, con al centro reati di associazione per delinquere finalizzata alla truffa aggravata, false comunicazioni sociali e appropriazione indebita, è indagato l’uomo d’affari Gianluigi Torzi, già coinvolto nell’inchiesta vaticana su un palazzo a Londra.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Traffico illecito rifiuti, 11 misure cautelari in Piemonte
Operazione carabinieri forestali. Sequestrati 40 ettari di campi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CUNEO
02 marzo 2021
12:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fanghi di impianti civili e industriali e altri rifiuti, anche con plastica e mercurio, sparsi illegalmente come se fossero “compost di qualità” su oltre 40 ettari di campi – che sono stati sequestrati – nelle province di Cuneo, Asti e Torino. Parla di questo l’indagine dei carabinieri forestali di Cuneo che nelle scorse ore hanno eseguito undici misure cautelari tra Piemonte e Liguria.
Al centro la Olmo Bruno di Magliano Alfieri, azienda del Gruppo Egea, che non avrebbe trattato in modo adeguato i rifiuti, traendo secondo le accuse non profitto illecito di 1,5 milioni di euro.
Due dirigenti dell’azienda sono ai domiciliari, obbligo di firma per altre nove persone tra addetti e agricoltori.
L’operazione, denominata ‘Plastic Fertil’, è coordinata dalla Direzione antimafia di Torino, competente sui reati ambientali.
L’accusa è di traffico illecito di rifiuti; i terreni sono stati sequestrati: sono pioppeti, frutteti, orti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Serra di marijuana, per Sartor condanna a un anno e due mesi
Coltivazione nel Parmense, arrestato in flagranza di reato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PARMA
02 marzo 2021
12:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È stato condannato a un anno, due mesi e venti giorni Gigi Sartor, l’ex calciatore di serie A di 46 anni arrestato in flagranza di reato nei giorni scorsi mentre stava coltivando una serra di marijuana in un casolare isolato nella prima montagna parmense. Insieme a un amico 46enne, anche lui condannato ma essendo incensurato ha avuto la sospensione della pena, era stato sorpreso dagli agenti della Guardia di finanza qualche giorno fa in una casa di Lesignano Palmia (Parma) in mezzo a centinaia di piantine pronte a produrre oltre due chili di sostanza stupefacente.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sartor, ex difensore di Juventus, Roma, Parma, Inter e Verona, è stato condannato con rito abbreviato. Il giudice, riporta la Gazzetta di Parma, ha concesso al 46enne le attenuanti generiche e ha escluso la recidiva (l’ex calciatore ha precedenti per violazione degli obblighi di assistenza familiare e maltrattamenti) ma ha revocato la sospensione delle pena relativa alla precedente condanna.
Se l’attuale condanna per droga dovesse passare in giudicato Sartor dovrà scontare anche i nove mesi della sentenza precedente. Luigi Sartor per ora resterà ai domiciliari anche se il suo legale ha chiesto ed ottenuto di fare volontariato in una comunità di recupero per tossicodipendenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Etna: ripresa attività stromboliana da cratere di Sud-Est
Ingv-Oe, lieve incremento tremore vulcanico e fase infrasonica
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
02 marzo 2021
12:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una debole attività stromboliana è ripresa al cratere di Sud-Est dell’Etna e dalla 11:45 si osserva un lieve incremento dell’ampiezza media del tremore vulcanico.
Anche l’attività infrasonica mostra un incremento nel numero degli eventi.
Lo segnala un report dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia-Osservatorio etneo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Veneto, 1.228 contagiati nelle ultime 24 ore
Decessi +22, crsscono pazienti nelle terapie intensive
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
02 marzo 2021
12:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 1.228 i nuovi casi di Coronavirus registrati in Veneto nelle ultime 24 ore, che portano a 335.478 il totale dei malati dall’inizio della pandemia. Lo riferisce il Bollettino reigonale, che segnala da ieri anche 22 decessi, con il totale a 9.874.

L’incidenza dei positivi sui tamponi effettuati nelle ultime 24 ore è del 2,87%; gli attuali positivi sono 25.224.
Negli ospedali si registra un calo (-23) dei ricoveri nelle aree non critiche, con 1.172 pazienti; cresce invece (+6) il numero di ricoverati nelle terapie intensive, con totale a 145.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Pavoletti testimonial campagna screening a Cagliari
Il 6 e 7 “Sardi e sicuri” approda nel capoluogo, test gratuiti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
02 marzo 2021
12:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Andiamo tutti a fare il tampone”. E’ l’invito dell’attaccante del Cagliari, Leonardo Pavoletti, che attraverso un breve video ha voluto sensibilizzare tutti i cagliaritani affinché aderiscano alla campagna di screening “Sardi e sicuri”, organizzata dalla Regione Sardegna in collaborazione con il microbiologo dell’Università di Padova, Andreas Crisanti.

Nelle giornate di sabato 6 e domenica 7 marzo la campagna arriva a Cagliari: tutti i residenti in città avranno l’occasione di effettuare gratuitamente il tampone nelle 17 postazioni allestite dal Comune di Cagliari.
Saranno gli operatori dell’ATS Sardegna ad occuparsi dello screening e a comunicare un primo esito già dopo appena quindici minuti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: 5.306 sbarcati quest’anno, 4.029 respinti in Libia
Mediterranea, ‘serve un patto tra le istituzioni e le ong’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 marzo 2021
12:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Imponente flusso migratorio verso l’Italia in questi primi due mesi dell’anno: ad oggi sono 5.306 le persone sbarcate dall’1 gennaio, secondo i dati del Viminale; più del doppio rispetto alle 2.553 registrate nello stesso periodo dello scorso anno. Il grosso degli arrivi (3.896) a febbraio.

Mediterranea saving humans dà conto anche di un “allarmante aumento dei respingimenti operati in Libia dalla cosiddetta Guardia Costiera. Dall’inizio dell’anno all’1 marzo sono 4.029 le persone intercettate e ricondotte in arbitraria detenzione, 222 minori: almeno 142 i dispersi e 28 corpi restituiti dal mare”. La ong invoca “un patto fra le istituzioni e la società civile (sino ad oggi criminalizzata per atti di solidarietà) affinché, in linea con gli obblighi internazionali, venga regolamentato il diritto/dovere di salvare queste donne, uomini e bambini alla deriva, indipendentemente dalla loro nazionalità e dello status giuridico ad essi conferito”.
Tunisini i più numerosi tra gli sbarcati del 2020 (745), seguiti da ivoriani (597) e guineiani (461). I minori non accompagnati sono stati finora 493.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini:Sardegna,scatta con sms piano immunizzazione over 80
Giovedì incontro Ats-medici famiglia per il loro coinvolgimento
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
02 marzo 2021
13:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ll piano per la vaccinazione degli over 80 è scattato ufficialmente in Sardegna con l’invio dei primi sms da parte dell’Ats ai nati sino al 1937. Lo ha confermato l’assessore della Sanità Mario Nieddu.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dal 15 marzo, invece, come previsto nel “Piano operativo di vaccinazione Anti-Covid 19” predisposto dall’assessorato dieci giorni fa, si attuerà la stessa procedura ma sugli anziani nati dal 1941.
Funziona in questo modo: il messaggio trasmesso all’ultraottantenne conterrà un link per l’adesione (libera e volontaria) ai vaccini attraverso il portale “Sardegnasalute”. Saranno poi contattati dall’Ats per la comunicazione della data, dell’ora e del luogo in cui sarà effettuata la somministrazione, a seguire riceveranno tutte le info dovute sulle caratteristiche del farmaco ai fini della sottoscrizione del consenso informato necessario prima dell’inoculazione. Per aderire bisognerà essere muniti di tessera sanitaria e di un numero di cellulare. Al momento, l’adesione è riservata solo agli ultraottantenni e possono accedere al link web solo quelli che hanno ricevuto l’sms. Un dettaglio, quest’ultimo, che finora ha causato qualche problema.
“Alcuni anziani si sono scambiati il messaggio con il link che però è personalizzato – spiega Nieddu – e che in certi casi è finito nei cellulari di persone non destinate ad essere vaccinate in questa fase, questo ha mandato in alcuni momenti in tilt un sistema preparato a leggere solo le tessere sanitarie di coloro a cui deve essere effettivamente somministrato il vaccino”. Giovedì prossimo, nel frattempo, l’Ats incontrerà i medici di famiglia per concordare il loro impiego sul fronte somministrazione in tutta l’Isola.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: quattro comuni del vibonese in zona rossa
Ordinanza Spirlì, misure in vigore dalle 22 di oggi al 17 marzo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
02 marzo 2021
13:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I Comuni di Briatico, Dasà, Gerocarne e Sorianello, tutti in provincia di Vibo Valentia, entrano in zona rossa. La misura sarà in vigore dalle 22 di oggi, 2 marzo, a tutto il 17 marzo 2021.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È quanto stabilito dall’ordinanza firmata oggi dal presidente ff della Regione Calabria, che dispone ulteriori misure per la gestione dell’emergenza da Covid-19.
Il provvedimento tiene conto della nota del dipartimento di Prevenzione dell’Azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia, la quale ha comunicato che “nei Comuni di Briatico, Dasà, Gerocarne e Sorianello, si osserva un andamento epidemiologico in rapida evoluzione, con una elevata incidenza di nuovi casi rispetto alla popolazione residente, negli ultimi giorni”; e che “la situazione osservata potrebbe subire bruschi peggioramenti, a causa dell’elevato numero di contatti sociali avvenuti con soggetti poi risultati positivi, emersi nel corso delle indagini epidemiologiche”.
L’ordinanza vieta “gli spostamenti, in entrata e in uscita, dai territori interessati, nonché all’interno dei medesimi territori, salvi gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute”. Rimane comunque la possibilità “di transito, in ingresso e in uscita, dai territori individuati, per gli operatori sanitari e socio-sanitari, per il personale impegnato nei controlli e nell’assistenza e nelle attività riguardanti l’emergenza, per tutte le forze dell’ordine e per i vigili del fuoco, impiegati per le esigenze connesse al contenimento della diffusione del Covid-19 o in altri servizi d’istituto, dei servizi pubblici essenziali, per gli spostamenti connessi alle relative attività”. È inoltre consentito “ai non residenti l’attraversamento dei Comuni interessati dall’ordinanza, senza possibilità di sosta, e il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza”.
Il provvedimento, infine, dispone che “il dipartimento di prevenzione dell’Azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia proceda al costante monitoraggio della situazione epidemiologica locale, segnalando tempestivamente all’Unità di crisi regionale ogni variazione significativa intervenuta”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Etna: fontana di lava e cenere lavica da cratere di Sud-Est
Ottavo parossismo da 16 febbraio,rapido aumento ampiezza tremore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
02 marzo 2021
13:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ottavo evento parossistico sull’Etna dal 16 febbraio scorso: l’attività dal cratere di Sud-Est, dalle 13:24, è passata da stromboliana a fontana di lava. In concomitanza del fenomeno è stato registrato dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia-Osservatorio etneo di Catania un aumento rapido dell’ampiezza del tremore vulcanico, la cui sorgente è localizzata in corrispondenza del cratere di Sud-Est a circa 3.000 metri.
Anche l’attività infrasonica risulta sostenuta sia nel tasso di accadimento che nell’energia degli eventi. La localizzazione degli eventi infrasonici permane allo stesso cratere. La presenza di nuvole non rende possibile un’osservazione diretta dell’attività.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: isolata a Brescia variante nigeriana
Scoperta nei laboratori degli Spedali Civili
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BRESCIA
02 marzo 2021
13:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È stata isolata a Brescia la variante nigeriana del Covid. “Per la prima volta in Italia abbiamo isolato il virus portatore di queste mutazioni che preoccupano perché potrebbero conferire resistenza ai vaccini anti Covid oggi disponibili” ha spiegato Arnaldo Caruso, presidente della Società italiana di virologia e direttore del Laboratorio di Microbiologia dell’Asst Spedali Civili della città lombarda che da una settimana è in zona arancione rafforzato e lo resterà per un’altra settimana.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: E-R, a febbraio +70% contagi scuola in un mese
Oltre 6mila, incidenza tra studenti 350 casi su 100mila persone
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
02 marzo 2021
13:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mai così tanti casi di coronavirus nelle scuole di ogni ordine e grado dell’Emilia-Romagna come nel mese di febbraio: dagli asili nido alle superiori sono stati in totale 6.080 tra bambini, ragazzi, insegnanti e personale gli emiliano-romagnoli ad aver contratto il Sars-Cov2. Lo comunica la Regione.
Un aumento del 70% rispetto alle quattro settimane piene di gennaio. Nelle ultime due settimane – dal 15 al 21 e dal 22 al 28 febbraio – c’è un’incidenza superiore ai 350 casi ogni 100mila persone per tutte le fasce d’età dai 6 ai 18 anni, mentre tra i bambini fino ai 5 anni l’incidenza è vicina ai 250 casi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Maria Del Zompo lascia, rettrice-pioniera in Italia
“Orgogliosa dei successi di questi anni, ora torno alla ricerca”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
02 marzo 2021
14:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una rettrice che passerà alla storia: Maria Del Zompo è la prima donna al comando dell’Universitá di Cagliari. E sará sempre lei, giovedì prossimo, a presiedere la cerimonia dei quattrocento anni di vita dell’ateneo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per poi salutare perché il suo mandato si avvia alla conclusione. Lascerà il posto a Francesco Mola, eletto a dicembre. Il suo futuro? “Tornerò a fare ricerca”, annuncia. Ma nel mirino c’è subito un altro dei traguardi prefissati: l’apertura del primo asilo nido dell’Universitá di Cagliari.
“Abbiamo puntato molto – spiega – sull’obiettivo di diventare un ateneo che, nel valorizzare l’identità propria e del territorio, fosse al centro dello sviluppo culturale, sociale ed economico della Sardegna, attraverso l’innovazione, la disseminazione della conoscenza, la diffusione della cultura dello sviluppo sostenibile. Perció anche con riguardo alla promozione delle pari opportunità, dell’inclusione e dell’integrazione”. Del Zompo ha ripercorso i successi dell’ateneo. “In questi sei anni abbiamo superato brillantemente tante valutazioni. Ne siamo orgogliosi: siamo tra i primi dieci atenei italiani. Nel 2017 abbiamo ottenuto – primi in Sardegna – l’accreditamento periodico con un giudizio pienamente soddisfacente che lo colloca al di sopra della media degli atenei con giudizio B e nel primo quartile degli atenei con valutazione nota. Il rapporto stilato dall’Agenzia di valutazione (ANVUR) assegna all’Università di Cagliari anche una menzione di ‘prassi meritori’ per la sede e una per un corso di laurea”.
La rettrice si è detta orgogliosa anche delle politiche di genere sostenute dall’Università: “Siamo stati tra i primi atenei italiani a dotarsi di un Piano per l’uguaglianza di genere (Gender Equality Plan – GEP), strumento chiave per superare i divari di genere nel mondo della ricerca, rimuovendo gli ostacoli che impediscono ai talenti di esprimere il loro potenziale e contribuendo a diffondere una cultura delle pari opportunità. Dall’anno accademico 2017/2018 l’Ateneo porta avanti una campagna costante e continua di sensibilizzazione nei confronti di studenti, studentesse e di tutto il personale e dei cittadini contro la violenza di genere”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Muore travolta a Roma: si indaga per omicidio stradale
Pm dispone l’autopsia,presto consulenza per ricostruire dinamica
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
02 marzo 2021
14:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Roma procede per omicidio stradale in relazione all’incidente avvenuto ieri in via di Salone costato la vita ad una ragazzina di 14 anni e il ferimento dei genitori. I tre sono stati travolti mentre si trovavo in auto da un mezzo della polizia stradale che stava inseguendo una vettura con due presunti rapinatori.
Il procedimento è coordinato dal pm Alberto Clemente che ha disposto l’autopsia ed è pronto ad affidare una consulenza per la ricostruzione della dinamica di quanto avvenuto. Non è escluso che a breve possano arrivare le prime iscrizioni nel registro degli indagati come atto dovuti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Partita la sperimentazione nei drive trough della Difesa per la somministrazione dei vaccini ai civili
Presto anche al Trenno a Milano, il più grande d’Italia e alla Cecchignola a Roma
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 marzo 2021
15:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ partita la sperimentazione per la somministrazione del vaccino ai civili nei drive through della Difesa. Al centro vaccinale dell’ospedale Baggio di Milano, è stato allestita dall’esercito la prima struttura di questo tipo per le inoculazioni delle dosi a persone con difficoltà motorie, che aspettano a bordo delle auto il proprio turno.
L’iniziativa, la prima in Italia, sarà replicata – in accordo con le Asl che ne fanno richiesta – in altri drive through già allestiti dalle Forze Armate per i tamponi. Tra gli altri disponibili, quello del Trenno a Milano – il più grande in Italia – e quello della Cecchignola a Roma.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Papa: in Iraq probabile uso auto blindata
Con papamobile scoperta solo allo stadio di Erbil per la Messa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
02 marzo 2021
14:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un’auto blindata è sempre “a disposizione nei viaggi del Papa. In questo viaggio è molto probabile venga utilizzata”.
Lo ha detto il direttore della sala stampa vaticana Matteo Bruni nel briefing con i giornalisti sul viaggio in Iraq (5-8 marzo). Il Papa si sposterà nelle città sempre con un’auto chiusa; un’auto aperta, la classica ‘papamobile’, dovrebbe essere utilizzata solo allo stadio di Erbil dove domenica 7 marzo, il pomeriggio, celebrerà la Messa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Campobasso, street art per strisce pedonali per bambini
Innovativi attraversamenti in scuole della città
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAMPOBASSO
02 marzo 2021
14:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La street-art intesa come strumento visivo, decorativo e comunicativo per la sicurezza dei bambini. Con il sostegno del Comune di Campobasso, tre artiste dell’Associazione Malatesta hanno sviluppato un’idea dell’assessore Simone Cretella realizzando innovativi attraversamenti pedonali in prossimità di alcune scuole della città.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’intento, rendere più attrattivi i passaggi pedonali ai bambini con l’obiettivo di evidenziare la segnaletica orizzontale, sensibilizzando gli automobilisti sul tema della sicurezza stradale. Un simbolo per la città, realizzato nel rispetto delle leggi vigenti, che ha visto le artiste accettare la sfida e cimentarsi su superfici orizzontali, con l’utilizzo di vernici ‘spartitraffico’.
Contraddistinte da stili pittorici diversi, le quattro opere comunicano tra loro creando una continuità e un’unione concettuale. I macro-temi: accoglienza, armonia, leggerezza, vivacità. L’attenzione dell’Associazione Malatesta verso i temi di ripristino ed estetica urbana, assieme a quelli di sicurezza e mobilità, cerca di essere costante seppur con le difficoltà attuali che hanno comportato la necessità di fare una scelta fra gli attraversamenti in attesa di rinnovo. “L’esperimento – è spiegato in una nota trasmessa dal Comune – mira ad ampliarsi, se le possibilità cresceranno, nella prospettiva di un’ottica cittadina sempre più attenta al ripristino urbano in tutte le sue forme, come fondamento della qualità della vita quotidiana”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Turismo ligure, calo 2 mln lombardi e piemontesi
Dati del 2020, dall’estero frenata tedeschi e francesi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
02 marzo 2021
15:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel 2020 quasi 1milione 200mila presenze in meno di turisti lombardi in Liguria rispetto al 2019 : passando da 3,5 a 2,3 milioni. E’ uno dei dati che emerge dall’analisi dell’Osservatorio Turistico Regionale che presenta nel dettaglio anche le provenienze di chi visita la Liguria.

L’emergenza Covid ha ridotto anche la fetta del turismo targato Piemonte: sono stati oltre 600mila in meno, da 2,6 a 2 milioni.
Un calo del 30% anche per i turisti dell’Emilia Romagna: le presenze nel 2020 sono state 300mila circa, con una perdita rispetto al 2019 di 133mila unità. Per quanto riguarda gli stranieri in testa c’è la Germania (-672mila presenze): nel 2019 erano state invece 1milione 179mila. Poi la Francia (–467.817) e Stati Uniti (-404.948). Dal 2019 al 2020 praticamente azzerato (-91%) la presenza di turisti russi che sono passati da 229.789 a 20.652.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In fiamme a Torino l’ex centro direzionale Fiat
Bruciano ultimi piani edificio, fumo visibile a distanza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
02 marzo 2021
15:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un incendio si è sviluppato agli ultimi piani dell’ex centro direzionale Fiat di Torino, all’angolo tra corso Ferrucci e corso Peschiera. Sul posto stanno intervenendo i vigili del fuoco e i carabinieri.
Non ci sarebbero feriti. Dall’edificio si sta alzando una colonna di fumo nero ben visibile anche a distanza. L’edificio, caratteristico per la facciata di vetro e metallo, è stato trasformato da alcuni anni in un centro polifunzionale che ospita diversi uffici.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Scuola non si chiude”,parte protesta sui social
Campagna social per i congedi.Napoli, giornata di disconnessione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 marzo 2021
15:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La scuola non si chiude con nessun colore”, “Vergognatevi se chiudete la scuola”, “No alla dad”, “Che sia arancione, giallo o rosso la scuola deve essere al primo posto!”: mamme, nonne, zii, papà, si mostrano in foto su fb muniti di cartelli per contrastare le chiusure in atto e quelle che si profilano per le prossime settimane.
“Ci troviamo nell’imminenza di provvedimenti che minacciano di far tornare la scuola al febbraio-marzo 2020 (laddove questo non è già accaduto).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Consapevoli della necessità di misure per contenere l’epidemia e ridurre i contagi , sosteniamo che sia essenziale, per il presente e il futuro del Paese, adottare provvedimenti in grado di tutelare il diritto alla salute insieme al diritto all’istruzione. Richiamiamo le istituzioni italiane al senso di responsabilità verso una materia così importante come la scuola, che non può essere liquidata come «settore improduttivo», e verso i minorenni che risiedono in Italia”, scrive il Comitato Priorità alla Scuola.
Intanto è partita anche la campagna social sui congedi “Mamma ho perso il congedo” raccogliendo centinaia di testimonianze di donne “sull’orlo di una crisi di nervi” costrette ad utilizzare le ferie, i permessi non retribuiti, ad inventarsi soluzioni funamboliche perchè non tutte le categorie dispongono di questi istituti . I congedi straordinari Covid, infatti, dal 31 dicembre non sono stati rinnovati, e le famiglie con figli minorenni in isolamento fiduciario – soprattutto le mamme – hanno dovuto consumare le proprie ferie per stare accanto ai bambini, perché il Governo non ha reiterato il decreto relativo ai congedi parentali. Con la chiusura delle scuole, poi, la situazione è peggiorata in modo significativo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Etna: intensa nube , ‘piove’ cenere lavica a Catania
Parossismo da Sud-est, cadono lapilli su pendici meridionali
A
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
02 marzo 2021
15:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Piovono’ lapilli e cenere lavica a Catania e sui paesi del versante meridionale dell’Etna. E’ uno degli effetti dell’ottavo parossismo registrato dal 16 febbraio scorso dal cratere di Sud-Est dell’Etna con la presenza di una fontana di lava e l’emissione di una alta nube di cenere lavica che il vento sposta verso sud.
I paesi maggiormente interessati dal fenomeno, segnala l’Ingv-Oe, oltre Catania, sono Nicolosi, Trecastagni, Pedara, Aci Sant’Antonio e San Gregorio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incidenti montagna: cade in arrampicata e muore nel Pesarese
Vigili del fuoco impegnati da terra in operazioni recupero
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PESARO
02 marzo 2021
15:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cade durante un’arrampica e muore dopo un volo di 15 metri. E’ successo a Fosso dell’Eremo, nel territorio di Piobbico (Pesaro Urbino).
La vittima era un 68enne, a dare l’allarme una persona che era con lui. Sul luogo un elicottero dal quale è sceso con un verricello del personale medico, che non ha potuto fare altro con constatare il decesso.
Nelle operazioni di recupero, che si svolgono da terra, sono impegnati i vigili del fuoco con un quad.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Assenteismo in poliambulatorio del Sassarese, 6 a processo
Archiviazione per altri 4, via al processo il 16 settembre
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SASSARI
02 marzo 2021
16:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il gup di Sassari Antonello Spanu ha rinviato a giudizio Rita Maria Sini, Maria Rita Cossu, Maria Antonietta Marongiu, Fabio Mario Fara, Gian Franco Pilo e Maria Rosa Pulino nell’ambito della vicenda giudiziaria scaturita dall’inchiesta della Procura sui casi di assenteismo nel poliambulatorio di Sorso.
Accogliendo la richiesta di non luogo a procedere avanzata dallo stesso pm Mario Leo, secondo cui sono venute meno le accuse, oggi il giudice per le udienze preliminari ha decretato la definitiva uscita di scena di altre quattro indagati: Marco Antonio Guido, Stefano Giuseppe Giorgio Palla, Vittorio Conti e Maria Rossella Obino, difesi dagli avvocati Fabio Fois, Mario Pittalis, Giacomo Baralla, Valerio Cuccuru ed Elena Viglietti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Originariamente le persone coinvolte erano undici, ma Franca Gavino, difesa dall’avvocato Salvatore Carboni, nel corso della precedente udienza aveva chiesto di essere processata con il rito abbreviato e la sua posizione era stata stralciata. Agli imputati, tutti medici e infermieri in servizio nella struttura di via Sennori, venivano contestati a vario titolo i reati di truffa aggravata e peculato. L’Asl aveva avviato un’inchiesta interna e adottato nei loro confronti esemplari provvedimenti disciplinari, arrivando a disporre alcuni licenziamenti per poi reintegrare i sanitari su disposizione del giudice del lavoro.
Per i sei rinviati a giudizio, difesi dagli avvocati Nino Cuccureddu, Paolo Spano, Bruno Conti, Elias Vacca, Mario Spanu e Vittorio Campus, il processo inizierà il 16 settembre prossimo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Spara al proprio cane malato, anziano denunciato
Nel Bolognese, 90enne ha voluto sopprimere animale con tumore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
02 marzo 2021
16:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I carabinieri di Anzola Emilia, nel Bolognese, hanno denunciato un 90enne della zona per uccisione di animali ed esplosioni pericolose. La denuncia è scattata dopo una breve indagine avviata dopo aver appreso che l’anziano aveva sparato a un cane.

La scena era stata vista da una signora che passeggiava con il proprio cane e che ha avvisato il 112. Si è poi ricostruito che il 90enne aveva voluto sopprimere il suo amato cane, un meticcio di 12 anni, perché si era ammalato di tumore. Il veterinario gli aveva proposto di farlo al costo di 80 euro, cifra che il 90enne avrebbe spiegato di non aver voluto spendere. Così ha accompagnato il cane in un terreno nei pressi della sua abitazione e gli ha sparato due fucilate. I militari hanno sequestrato il fucile, esumato il cane e denunciato l’anziano all’Autorità giudiziaria.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: presidio statico Pas e Studenti Uniti ad Ancona
‘Aprite le scuole’ in 50 davanti a Regione Marche
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
02 marzo 2021
17:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“No dad, aprite le scuole”. Una cinquantina di persone, tra insegnanti, studenti e genitori, hanno manifestato oggi pomeriggio davanti a Palazzo Leopardi, una delle sedi della Regione Marche.
Un presidio statico indetto dal comitato Priorità alla scuola e da Studenti Uniti per contrastare l’ordinanza del presidente Francesco Acquaroli che la settimana scorsa ha chiuso tutte le scuole superiori delle Marche e anche le seconde e terze medie delle provincie di Ancona e Macerata, e contro l’ordinanza della sindaca di Ancona Valeria Mancinelli che ha chiuso da oggi, solo per suo capoluogo, tutte le scuole di ogni ordine e grado, compresi i nidi. Striscioni per ribadire l’importanza della didattica in presenza (“la scuola è una orchestra suona bene se suona insieme”), e cori “Acquaroli buffone”, si sono susseguiti durante il presidio ancora in atto alle 16:30. Una mamma ha preso il microfono per dire che la figlia, a causa della Dad, si sta lasciando andare ed è diventata anoressica. Entro domani il Tar si dovrebbe pronunciare sulla sospensiva dell’ordinanza del governatore Acquaroli, dopo il ricorso presentato ieri da alcuni genitori.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Femminicidio durante lockdown, uomo a processo in Assise
Omicidio nel Milanese ad aprile. Lui disse, ‘voleva lasciarmi’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
02 marzo 2021
17:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato mandato a processo davanti alla Corte d’Assise di Milano Antonio Vena, 47enne operaio ed ex guardia venatoria accusato di avere ucciso con un fucile a pompa, nel cuore della notte tra il 18 e il 19 aprile 2020 nel periodo del lockdown, mentre dormiva, la sua compagna Alessandra Cità, sua coetanea e tranviera dell’Atm (azienda trasporti milanesi), a Truccazzano, nel Milanese. Lo ha deciso il gup di Milano Alessandra Simion accogliendo la richiesta del pm Giovanni Tarzia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Voleva lasciarmi, l’ho ammazzata”, aveva detto l’uomo ai carabinieri di Cassano D’Adda, poche ore dopo il delitto. Stando all’indagine, i due, coetanei, si conoscevano da molto tempo e avevano iniziato una relazione sentimentale circa 9 anni prima dell’omicidio. Nell’ultimo periodo vivevano a distanza: lui a Bressanone, in provincia di Bolzano, e lei nel comune dell’hinterland del capoluogo lombardo. A causa dell’emergenza coronavirus, però, Vena era in ferie forzate e da un paio di settimane viveva nell’appartamento insieme alla donna, che lo aveva ospitato in casa sua e che, però, aveva manifestato l’intenzione di interrompere la relazione. Oggi la difesa ha provato a chiedere al gup che cadessero le aggravanti della premeditazione e della relazioni sentimentale, perché con l’omicidio volontario aggravato e la pena massima dell’ergastolo prevista non si può più concedere l’abbreviato. Il giudice non ha accolto l’istanza e ha rinviato a giudizio l’imputato davanti all’Assise.
In passato Vena era stato già denunciato due volte per violenza dalla donna con cui all’epoca era sposato: fatti che risalgono al 2009 e al 2012 a Chiusa, in Alto Adige, dove i due vivevano. Nel 2012, secondo la denuncia, Vena aveva inseguito la donna in macchina e l’aveva tamponata fino a farla uscire di strada.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Lombardia 3.762 positivi, crescono i ricoveri
Prima per nuovi casi Brescia, quasi 500 a Monza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
02 marzo 2021
18:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A fronte di 42.052 tamponi effettuati, sono 3.762 i nuovi positivi al Covid registrati in Lombardia (8,9%) dove crescono i ricoverati.
In terapia intensiva si trovano 476 pazienti, 35 più di ieri e negli altri reparti 4.408, con un aumento di 184.
Sono invece 55 i decessi, il che porta il totale da inizio epidemia a 28.458.
Fra le province, prima per contagi è Brescia con 884 casi, seguita da Milano con 767 (di cui 303 in città), 564 a Varese, 486 a Monza, 324 a Como, 148 a Pavia, 146 a Bergamo, 114 a Mantova, 100 a Cremona, 91 a Lecco, 54 a Lodi e 34 a Sondrio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: balzo terapie intensive, +222 ricoverati in 24 ore
Mai così tanti dal 10/12. Aumentano anche ricoveri ordinari +458
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 marzo 2021
18:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Risalgono i positivi al coronavirus in Italia con il quasi raddoppio dei tamponi nelle ultime 24 ore, mentre ci sono ancora 343 vittime, 458 ricoveri in più e soprattutto gli ingressi giornalieri in terapia intensiva son ben 222, con quasi due settimane di risalita dei ricoveri in rianimazione. Il tasso di positività, come spesso accade il martedì, scende.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono quindi 17.083 i test positivi, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 13.114. Le vittime giornaliere ieri erano state 246.
Sono stati effettuati 335.983 tamponi (molecolari e antigenici); ieri i test erano stati appena 170.633. Il tasso di positività odierno è di quasi il 5,1%, con un calo del 2,6 rispetto al 7,6% di ieri.
Sono 2.327 i pazienti in terapia intensiva, in aumento di 38 unità nel saldo quotidiano tra ingressi e uscite. Gli ingressi giornalieri sono stati però 222, un dato preoccupante da verificare nei prossimi giorni per escludere un semplice accumulo di notifiche oggi. Non erano così tanti dal 10 dicembre, quando furono 251 (il dato viene reso noto a partire dal 3 dicembre scorso). I pazienti ricoverati nei reparti ordinari sono invece 19.570 , in aumento di 458 unità rispetto a ieri.
I casi totali da inizio epidemia sono 2.955.434, i morti 98.288. Gli attualmente positivi sono 430.996 (+6.663 rispetto a ieri), i guariti e dimessi 2.426.150 (+10.057). In isolamento domiciliare ci sono ora 409.099 persone (+6.167).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 3 sacerdoti positivi,mini focolaio nel Duomo di Monza
Uno ricoverato al San Raffaele di Milano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MONZA
02 marzo 2021
18:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tre sacerdoti positivi e altri due più il personale laico negativi ma in quarantena, è il bilancio di un piccolo focolaio Covid all’interno del Duomo di Monza. Uno dei sacerdoti è stato ricoverato al San Raffaele di Milano per una patologia pregressa e la concomitanza con la prima dose di vaccino ricevuta.
Lo ha confermato monsignor Silvano Provasi, arciprete del Duomo di Monza. “Siamo asintomatici ma ovviamente in quarantena – ha spiegato il Decano – così come gli altri sacerdoti risultati negativi e il personale negativo”. Il Duomo, ha precisato, “è rimasto chiuso solo per la sanificazione, purtroppo è capitato come in molte zone, ma fortunatamente stiamo bene”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Genovese: tentarono di vendere video attico a tv, indagati
Filmati presunte violenze. 2 denunciati da difesa imprenditore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
02 marzo 2021
18:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono indagati per appropriazione indebita qualificata i due collaboratori di una società che ha effettuato una consulenza sui filmati delle telecamere a circuito chiuso dell’attico ‘Terrazza Sentimento’ per conto della difesa dell’imprenditore del web Alberto Genovese, in carcere per due presunte violenze sessuali ai danni di una 18enne e di una modella di 23 anni. I due tecnici, denunciati dagli stessi difensori dell’ex ‘mago’ delle start up, avrebbero tentato nelle scorse settimane di vendere i video dell’appartamento milanese a diversi media, chiedendo ad esempio 30mila euro ad una programma tv, che ha rifiutato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il fascicolo sulla tentata vendita delle immagini era stata aperto nei giorni scorsi dall’aggiunto Letizia Mannella e dal pm Rosaria Stagnaro, già titolari dell’inchiesta sui presunti abusi contestati all’imprenditore. Indagine nella quale, appunto, erano stati acquisiti i filmati delle telecamere interne dell’attico, compresi quelli delle presunta violenza ai danni della 18enne tra il 10 e l’11 ottobre scorso.
Intanto, la Procura prosegue nelle indagini anche alla ricerca di ulteriori elementi su sei presunti casi di abusi ai danni di altre due giovani, casi che non sono stati ritenuti provati dal gip Tommaso Perna nella seconda ordinanza a carico dell’imprenditore.
Su questi episodi gli inquirenti non dovrebbero fare ricorso al Riesame per insistere con la richiesta d’arresto, ma porteranno avanti approfondimenti investigativi. Indagini che sono in corso anche sul fronte del giro delle droghe presenti ai festini di Genovese, anche perché lo stesso ex fondatore di Facile.it nell’ultimo interrogatorio ha fatto i nomi di tali ‘Sam’ e ‘Leo’ che erano, come ha messo a verbale, i suoi “rifornitori”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Marche, provincia di Ancona in zona rossa da domani
Ordinanza Acquaroli, dal 3 al 5/3,altra misura con nuovo Dpcm
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
02 marzo 2021
19:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Provincia di Ancona in zona rossa dalle 8 di domani, 3 marzo, alle 24 del 5 marzo. Il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli ha firmato l’ordinanza n.7 dopo un incontro con parti sociali e amministrazioni locali.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Vi comunico che ho firmato l’ordinanza per cui da domani mattina, 3 marzo, dalle ore 8, la provincia di Ancona passerà in zona rossa. – scrive su Fb Acquaroli – Il provvedimento sarà valido fino alla scadenza del Dpcm in vigore, cioè venerdì 5 marzo. Per il periodo successivo emaneremo un nuovo provvedimento, non appena sarà noto il testo definitivo del nuovo Dpcm che entrerà in vigore da sabato 6 marzo”.
“La situazione è in continuo divenire ed è monitorata costantemente – spiega il presidente – e l’analisi settimanale dei dati, effettuata ieri, ha evidenziato la necessità di intervenire con un ulteriore provvedimento sulla provincia di Ancona”. “Restano sempre attenzionati tutti gli altri territori – aggiunge – con particolare riguardo all’andamento epidemiologico in crescita sulla provincia di Macerata”. “A tutti raccomando il massimo rispetto delle disposizioni contenute nei provvedimenti regionali e nei Dpcm. – conclude Acquaroli – È fondamentale frenare quanto prima la diffusione del virus. È il momento della massima responsabilità di ciascuno di noi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: anche la provincia di Modena sarà zona rossa
Sindaco,misura dal 4/3,scelta necessaria per frenare il contagio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
02 marzo 2021
19:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo Bologna, anche Modena da giovedì 4 marzo diventerà zona rossa. “Una scelta necessaria e indispensabile per poter arrestare la diffusione del contagio”, dice il sindaco Gian Carlo Muzzarelli, annunciando il provvedimento deciso dalla Regione Emilia-Romagna in condivisione con i sindaci della provincia modenese.
“Ci aspettiamo aiuti alle famiglie e ristori”, prosegue. I dettagli dell’ordinanza, valida per due settimane, saranno definiti domani dalla Regione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo Dpcm, dove chiuderanno le scuole? L’analisi di YouTrend
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 marzo 2021
19:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La cabina di regia, riunita a Palazzo Chigi, ha approvato il parametro proposto dal Comitato tecnico-scientifico che regola la chiusura delle scuole: queste ultime potranno essere chiuse nelle regioni gialle e arancioni che registrano oltre 250 casi Covid ogni 100 mila abitanti per almeno 7 giorni consecutivi, mentre nelle zone rosse (al momento Basilicata e Molise) – in base al nuovo Dpcm – gli istituti scolastici dovrebbero chiudere a prescindere.
Se la chiusura degli istituti scolastici sarà a livello provinciale come sembra al momento probabile, secondo le stime YouTrend,  sono al momento 24 le Province in cui si supera la soglia settimanale di contagi che impone la chiusura: Ancona, Bari, Bologna, Bolzano, Brescia, Chieti, Como, Forlì, Frosinone, Imperia, Macerata, Mantova, Modena, Monza e Brianza, Pescara, Pistoia, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini, Salerno, Siena, Trento, Udine, Verbano-Cusio-Ossola.
Ci sono poi altre 21 Province che hanno tra i 200 e i 250 casi ogni 100.000 abitanti e sono quindi vicine al rischio chiusura: Arezzo, Ascoli Piceno, Caserta, Cremona, Cuneo, Ferrara, Gorizia, Isernia, Lecco, Lucca, Massa-Carrara, Milano, Napoli, Parma, Pavia, Perugia, Prato, Taranto, Torino, Varese, Vercelli. Una precisazione importante: questi sono i dati della Protezione Civile, ma le decisioni saranno poi prese su quelli dell’Iss.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mascherine turche non conformi, sequestrati 480 mila pezzi
Destinati a Ps e sanità. Inchiesta Procura Trieste, Gdf e Dogane
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
02 marzo 2021
20:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I militari della Compagnia di Trieste della Guardia di Finanza e gli uomini dell’Agenzia delle Dogane della stessa città hanno sequestrato 480 mila mascherine anti-Covid perché non conformi alle norme di sicurezza. Il sequestro è avvenuto nell’ambito di una inchiesta aperta dalla Procura di Trieste su una fornitura turca.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo rende noto il giornale radio della Rai Tgr Fvg precisando che i dispositivi erano destinati alla Polizia di Stato e a personale sanitario e che il sequestro è avvenuto nel Porto di Trieste.
Il materiale era destinato, tra l’altro, a realtà sanitarie piemontesi, probabilmente di Torino. E proprio in Piemonte sarebbero avvenuti altri sequestri analoghi di recente.
Secondo quanto si è appreso, l’inchiesta è cominciata mesi fa e anche il sequestro è avvenuto tempo fa ma la notizia si è diffusa soltanto oggi. Per la Rai non si tratterebbe del primo sequestro di dispositivi anti-Covid non conformi nello scalo giuliano, in particolare di mascherine, anzi, nel tempo sarebbero più di un milione i dpi posti sotto sequestro.
I dispositivi sarebbero giunti a Trieste dalla Turchia, destinati a un fornitore milanese che si sarebbe dichiarato parte lesa nella vicenda.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: restrizioni a Sanremo, sindaco ‘E’ un dietrofront’
Perché cambio rotta in 4 giorni? Venerdì i contagi preoccupavano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SANREMO
02 marzo 2021
21:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Così è un’agonia”. Lo dice il sindaco di Sanremo Alberto Biancheri dopo l’annuncio del governatore Giovanni Toti, di estendere le restrizioni da zona arancione rafforzata a Sanremo, come a Ventimiglia, mentre la regione è in giallo.
“Quando Governo e Regione venerdì hanno dato la zona gialla con solo scuole e parchi chiusi – dice – ho raccomandato massima prudenza: i bollettini evidenziavano una situazione ancora delicata. Ma se Governo e Regione, che possiedono strumenti, hanno deciso così, suppongo che i parametri fossero conformi. Ora è un dietrofront: perché questo dopo 4 giorni. Così è difficile da accettare per tutti”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Omicidio di Ilenia Fabbri, arrestati l’ex marito e un conoscente
Ritenuti mandante ed esecutore materiale del delitto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
RAVENNA
03 marzo 2021
07:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Due persone sono state arrestate nella notte per l’omicidio di Ilenia Fabbri, la 46enne sgozzata il 6 febbraio nel suo appartamento di Faenza (Ravenna). Si tratta dell’ex marito e di un suo conoscente, ritenuti rispettivamente mandante ed esecutore materiale del delitto e raggiunti da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del tribunale di Ravenna su richiesta dei pm Daniele Barberini e Angela Scorza sulla base delle indagini della squadra mobile di Ravenna e dello Sco.
Il movente è riconducibile, per gli inquirenti al “profondo astio” che l’ex marito provava nei confronti della donna “a causa delle sue pretese economiche” conseguenti alla separazione del 2018 e ancora pendenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’inchiesta di Procura e polizia, che ha portato a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, ha permesso di acquisire “gravi elementi indiziari” nei confronti dell’uomo e di un conoscente, nato nel Ravennate e residente in Emilia. I due sono indagati in concorso.
Le ordinanze di custodia cautelare, a firma del Gip Corrado Schiaretti, sono state notificate tra le 3 e le 4 di notte a Faenza, dove abita l’ex marito Claudio Nanni, meccanico 53enne e a Reggio Emilia, dove abita il secondo sospettato. Quest’ultimo, di corporatura robusta, corrisponde peraltro alle descrizioni sia fornite dall’unica testimone oculare del delitto, un’amica della figlia della vittima, che dedotte da un video immortalato da una telecamera privata di un’abitazione della zona dell’omicidio. Al nome del presunto esecutore materiale gli inquirenti sono giunti nell’ultima parte dell’inchiesta.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Minacce a Segre, perquisizioni e sequestri a 2 persone
Per odio razziale via social in occasione vaccinazione senatrice
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
03 marzo 2021
10:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Perquisizioni e sequestri nei confronti di due persone, un pensionato della provincia di Cagliari e 40enne del Viterbese, sono state effettuate questa mattina dalla polizia polizia postale e dagli uomini della Digos su disposizione del’ responsabile dell’antirerrorismo di Milano, Alberto Nobili, che indaga per le minacce aggravate dall’odio razziale rivolte on line alla senatrice Liliana Segre, il giorno in cui si sottopose al vaccino.
Le minacce e gli insulti erano contenuti in commenti sotto un post pubblicato dalla stessa senatrice il 18 febbraio scorso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Terremoto: Legnini, 4.000 cantieri portati a termine
Quelli in corso sono 3.248 di privati e 253 pubblici e chiese
A
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
11:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La ricostruzione ha registrato importanti progressi nel 2020: a fine anno erano 3.248 i cantieri privati attivi e 253 quelli pubblici e delle chiese.
Nel corso dell’anno passato, poi, sono stati conclusi 1.700 cantieri, portando il totale a circa 4.000, con altrettante famiglie che hanno fatto rientro nelle proprie case”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ quanto scrive il commissario straordinario, Giovanni Legnini, nell’introduzione del rapporto “La ricostruzione dell’Italia Centrale nel 2020”.
“Tutti i dati segnalano avanzamenti rilevanti o comunque significativi, a partire dal numero delle domande di contributo, arrivate a circa 20.000, con un aumento del 62% rispetto al totale del triennio precedente. Lo stesso incremento percentuale si è verificato per i decreti di concessione dei contributi”, aggiunge Legnini. Che ricorda anche l’incremento di personale sia negli Uffici speciali che nei Comuni e nella struttura commissariale: “Sono state disposte 200 nuove assunzioni nel 2020, in attuazione di una norma di legge risalente al 2018, e di ulteriori 138 unità di personale nel 2021 utilizzando le economie registrate negli anni precedenti”, spiega Legnini.
“La struttura commissariale, a sua volta – aggiunge – è stata oggetto di una profonda riorganizzazione, con la copertura degli organici già previsti e incrementi di professionalità adibite a nuove articolazioni organizzative e all’attività dei sub commissari di recente nominati”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Terremoto: boom ricostruzione privata, + 62% domande
Nel 2020, rispetto all’anno precedente. Sono quasi ventimila
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
11:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le domande di contributo per la riparazione o la ricostruzione degli edifici danneggiati dal sisma sono cresciute nel 2020 del 62% rispetto all’anno precedente, passando da 12.063 a fine 2019 alle 19.568 di fine dicembre. E’ quanto si apprende dal report “La ricostruzione dell’Italia Centrale nel 2020” del commissario straordinario Giovanni Legnini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Subito dopo il sisma – si legge nel documento – sono stati censiti circa 80 mila immobili inagibili, 30 mila con danni lievi e 50 mila con danni gravi, ma “in base alle esperienze passate non tutti saranno oggetto di ricostruzione: realisticamente le domande pervenute fin qui rappresentano circa un terzo di quelle potenzialmente attese”, spiega il commissario.
I contributi richiesti dai cittadini per riparare o ricostruire le case colpite dal sisma ammontano a 5,6 miliardi di euro. Le istanze accolte sono state 6.946, con il riconoscimento di un contributo di circa 1,6 miliardi di euro, mentre le somme erogate effettivamente sulla base dello stato di avanzamento dei lavori sono pari a oltre 700 milioni di euro.
Nel solo 2020 le somme erogate sono state pari a 406 milioni, più di quanto erogato nei tre anni precedenti.
Lo scorso anno gli interventi portati a termine sono stati circa 1.700. Dall’avvio della ricostruzione gli edifici riparati o ricostruiti con i contributi, e dunque le famiglie che hanno già fatto rientro a casa, sono oltre 4 mila. Di questi, gli interventi per i quali sono stati effettuati gli ultimi pagamenti alle imprese costruttrici sono 3.694, mentre i cantieri aperti per la ricostruzione privata a fine anno erano 3.248: circa 2 mila nelle Marche, la regione che ha subito la maggior percentuale dei danni, quasi 600 in Umbria, oltre 300 nel Lazio e in Abruzzo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Terremoto: nel 2021 al via 624 cantieri per opere pubbliche
Legnini,provvedimenti varati hanno migliorato quadro riferimento
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
11:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Entro il 2021 saranno avviati 624 cantieri per il recupero delle opere pubbliche, il 54% di quelle contenute nel nuovo elenco stilato dalla struttura commissariale per la ricostruzione che individua nel “cratere sismico” dell’Italia Centrale 1.288 edifici pubblici, oltre che 928 chiese. E’ quanto scritto nel rapporto redatto dal commissario straordinario, Giovanni Legnini, che fotografa lo stato della ricostruzione al 31 dicembre 2020 e, al tempo stesso, propone un nuovo cronoprogramma in base alle nuove norme introdotte negli ultimi 12 mesi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“I provvedimenti normativi varati nel corso del 2020, dalle semplificazioni ai poteri in deroga concessi al commissario, hanno migliorato il quadro di riferimento”, spiega Legnini. “I molteplici interventi finanziati dalle ordinanze – per 2,2 miliardi di euro – sono stati verificati, in alcuni casi riprogrammati e inseriti in un elenco unico”. “La spesa effettiva per le opere pubbliche, a fine anno – fa sapere il commissario – era pari a 266 milioni di euro, con una crescita del 30% rispetto a fine 2019”. Nel secondo semestre del 2020 – si legge nel report – i cantieri della ricostruzione pubblica ultimati sono stati 67, portando il totale delle opere concluse a fine anno a 253 censiti. Sulla base dei cronoprogrammi ricevuti dalle stazioni appaltanti per le opere inserite nel nuovo elenco unico, rispetto alla situazione di giugno 2020, “si registra a fine anno un discreto progresso delle fasi di aggiudicazione della progettazione e dei lavori – si legge nel documento -. I cronoprogrammi prevedono entro il 2021 l’avvio dei cantieri, a seguito delle procedure di gara per la progettazione e l’esecuzione dei lavori, per 624 opere pubbliche”. Il programma di riparazione e ricostruzione delle chiese registra già oltre 100 interventi conclusi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Terremoto: erogati finora contributi ai privati per 1,6 mld
A fronte dei 5,5 richiesti con 20 mila istanze
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
11:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I contributi concessi per il recupero degli edifici privati, nei 4 anni successivi agli eventi sismici 2016, ammontano a oltre un miliardo e 625 milioni di euro, a fronte dei 5 miliardi e 590 milioni richiesti. Quelli erogati dalla Cassa depositi e prestiti alle banche convenzionate sono pari a 709 milioni (406 nel 2020), ai quali si aggiungono i 21,2 milioni concessi dal commissario per finanziare la ricostruzione privata nelle aree di sovrapposizione con i precedenti terremoti in Abruzzo (18,8 milioni spesi nel 2020 nei comuni del cosiddetto “doppio cratere” abruzzese) e in Umbria (2,4 milioni di euro).
E’ quanto emerge dal rapporto sulla ricostruzione redatto dalla struttura diretta dal commissario straordinario Giovanni Legnini, in cui si sottolinea il “cambio di passo della ricostruzione privata” evidenziato dai dati relativi all’importo dei contributi richiesti, con le “quasi 20 mila istanze presentate fino a tutto il 2020, pari a 5,5 miliardi di euro: 2,3 per i danni lievi e 3,2 per i danni gravi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Terremoto: Legnini, Recovery Plan volano per ripresa
Servono interventi mirati e coordinati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
11:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
aree dell’Appennino centrale interessate dagli eventi sismici vivono una situazione di particolare difficoltà: la crisi sanitaria dovuta al Covid è infatti intervenuta su territori pesantemente colpiti dai terremoti e che non sono ancora stati in grado di rialzarsi, fiaccando ulteriormente la struttura sociale e produttiva”. E’ quanto viene scritto nel rapporto “La ricostruzione dell’Italia Centrale nel 2020”, nel quale il commissario straordinario Giovanni Legnini sottolinea che “la capacità di resilienza di queste aree è stata in questi anni fortemente indebolita e per realizzare le condizioni di una ripresa è necessaria un’azione che preveda interventi coordinati, mirati e rafforzati, anche in riferimento a quanto indicato dagli obiettivi del Recovery Plan”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“L’intervento relativo alle aree del terremoto nel Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) approvato dal Consiglio dei ministri il 14 gennaio scorso prevede una dotazione finanziaria specifica di un miliardo e 780 milioni di euro a carico del Recovery Fund-Pnrr”, si legge nel report. E si aggiunge: “Le misure specifiche collocate sul Recovery Fund trovano riferimento nei progetti presentati dall’Ufficio del commissario straordinario e dal Dipartimento Casa Italia e che prevedono interventi complementari alla ricostruzione pubblica e privata, quali la rigenerazione urbana, il sostegno al sistema delle imprese, la promozione di centri di ricerca universitaria, il sostegno all’economia circolare ed alla valorizzazione delle risorse ambientali, la promozione delle imprese creative, sociali e collegate alla valorizzazione del patrimonio ambientale e turistico”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uber: amministratori giudiziari, eliminato caporalato
Relazione dopo commissariamento, ‘ora tutelati i rider’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
11:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uber Eats Italy si è dimostrata “sensibile ed efficiente” nell’eliminare ogni forma di sfruttamento e caporalato e c’è stato un “progresso culturale da parte della società sia per il miglioramento della sua organizzazione sia nell’ambito dei rapporti coi rider per la loro tutela e sicurezza”. Lo hanno spiegato gli amministratori giudiziari illustrando la loro relazione davanti alla Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Milano, che a fine maggio 2020 ha disposto il commissariamento per caporalato.
Dalla relazione è emerso che le “tariffe” applicate rispettano il contratto nazionale e sono anche migliorative.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vertici Treofan accusati per indebito ricorso cassa Covid
Gdf e procura Terni contestano truffa a dirigenti azienda Terni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
03 marzo 2021
11:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Truffa aggravata ai danni dello Stato per indebito ricorso alla cassa integrazione da Covid nel periodo tra il 10 agosto e il 10 ottobre scorsi: è quanto la guardia di finanza di Terni contesta alla dirigenza aziendale pro-tempore della Treofan Italy srl, la società specializzata nella produzione di film in polipropilene, con stabilimento nel polo chimico ternano, nel frattempo messa in liquidazione dalla proprietà Jindal. Su delega del gip – spiegano le fiamme gialle – è stata quindi data esecuzione di un decreto di sequestro preventivo per equivalente pari a circa 15 mila 400 euro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’indagine – coordinata dal procuratore della Repubblica di Terni, Alberto Liguori, e condotta dal Nucleo di polizia economico finanziaria – ha disvelato quelli che gli investigatori considerano “criticità sulla gestione della crisi aziendale” che ha poi portato alla chiusura del sito. In particolare la compagine societaria – secondo la ricostruzione accusatoria – avrebbe fatto ricorso al contributo attraverso una “falsa rappresentazione della realtà aziendale” la cui lamentata condizione di crisi economica sarebbe da ricondurre alla “espressa volontà del gruppo indiano di chiudere lo stabilimento ternano già a far data dalla sua acquisizione, avvenuta nel 2018”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: nel Bresciano troppi alunni presenti, arrivano CC
Dieci studenti in aula perché con la Dad non seguivano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BRESCIA
03 marzo 2021
12:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Arrivano i carabinieri nella scuola media che dovrebbe essere chiusa perché in zona arancione rafforzato. È accaduto a Casto, piccolo paese in provincia di Brescia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quando i militari hanno chiesto al preside quale fosse la situazione, a scuola erano presenti una quindicina di studenti alcuni affetti da disabilità, come permettono le norme, ma una decina solo perché con la dad non partecipavano attivamente. I dieci studenti sono stati quindi fatti tornare a casa con i genitori, segnalati al tribunale dei minori, perché avrebbero dovuto sorvegliare i figli. Non tutti gli alunni presenti avevano disabilità riconosciute, ma “alcuni venivano fatti affluire semplicemente perché da casa non partecipavano attivamente e quindi si era optato per farli presenziare al fine di tenerli maggiormente sotto controllo”, è stato scritto sul verbale dalle forze dell’ordine.
Di fatto una decina di studenti erano stati fatti entrare a scuola perché da casa non seguivano le lezioni online ma facevano altro. La legge però prevede che in zona arancione rafforzato, come è ora tutta la provincia di Brescia, e in zona rossa possano essere fatte lezioni in presenza solo per alunni disabili e per chi non ha connessione internet.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Torino: chiusa inchiesta su Teatro Regio, 5 indagati
Tra accuse corruzione, concussione e turbativa d’asta
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
03 marzo 2021
15:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La procura di Torino ha chiuso un inchiesta sulla gestione del Teatro Regio all’epoca in cui il sovraintendente William Graziosi. Oltre Graziosi nell’avviso di conclusione delle indagini è stato notificato a quattro persone.

Fra i reati contestati figurano il traffico di influenze, la corruzione, la concussione e la turbativa d’asta.
Gli altri indagati sono Roberto Guenno, corista poi diventato responsabile innovazione e sviluppo del Teatro Regio, gli imprenditori Andrea Maulini e Priscilla Alessandrini e, infine, Ariosi Alessandro, manager di artisti e cantanti. Numerosi sono gli episodi entrati al vaglio del pm Elisa Buffa, dalle pressioni indebite all’affidamento irregolare di appalti e di incarichi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: messa Sabato Santo in diretta tv davanti Sindone
Arcivescovo Nosiglia, segno speranza in questi tempi tormentati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
03 marzo 2021
13:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia, celebrerà la Messa del Sabato Santo davanti alla Sindone. “In questi tempi tormentati abbiamo bisogno di alimentare e comunicare la nostra speranza.
E per noi credenti il modo più efficace di accrescere la speranza è la preghiera comune”, ha detto Nosiglia, che del telo è anche il custode pontificio, annunciando la celebrazione nella cattedrale di Torino, sabato 3 aprile alle 17, in diretta su TV2000 e sui social.
Alla preghiera in Duomo del Sabato Santo parteciperanno i giovani torinesi coinvolti nel cammino di preparazione a questo appuntamento e i rappresentanti delle istituzioni di Torino e del Piemonte. “Il Telo – sottolinea Nosiglia – è una realtà che parla a tutti, al di là delle differenti convinzioni di cultura e al di là delle diversità di fede, testimonia dolore e morte ma anche, e con quanta maggiore forza, risurrezione e vita eterna che apre alla carità, alla fratellanza di ogni persona”.    PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Grande Fratello Vip, stasera la finale
Il reality di Canale 5 si avvia alla sua conclusione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
01 marzo 2021
12:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In prima serata su Canale 5 la finale di “Grande Fratello Vip”, il reality show prodotto da Endemol Shine Italy e condotto da Alfonso Signorini, questa sera. Ad affiancarlo i due opinionisti Antonella Elia e Pupo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Era il 14 settembre scorso quando la Porta Rossa della Casa di Cinecittà si apriva per dare il benvenuto ai “vipponi”. Dopo 5 mesi e mezzo di risate, lacrime, alleanze e strategie è tempo di incoronare il vincitore.
La finale è già iniziata: i primi due Vip in sfida sono Andrea Zelletta e Tommaso Zorzi; il vincitore si confronterà con Dayane Mello, Pierpaolo e Stefania Orlando per aggiudicarsi il montepremi finale di 100.000 euro.
Una serata che inizia da una sigla spettacolare che porterà i protagonisti e il pubblico a spasso nel tempo, proprio come ha fatto questa quinta edizione da record di “Grande Fratello Vip”.
La modella brasiliana Dayane Mello, eletta finalista del Grande Fratello Vip 2021 ormai più di un mese fa, è stata tra le principali protagoniste dell’edizione per via degli scontri che ha avuto con gli altri concorrenti (da Francesco Oppini a Stefania Orlando) e per il suo intenso rapporto di amore/amicizia con Rosalinda Cannavò, che si è fortemente incrinato nel corso delle ultime settimane (per motivi mai chiariti del tutto). Sul suo conto il pubblico è diviso in due fazioni – c’è chi la ama e chi la odia – ma tutti si sono stretti a lei in occasione della drammatica scomparsa di suo fratello Lucas in Brasile. Zorzi, a detta dei suoi fan (che gli hanno persino dedicato su Twitter l’hashtag #tzvip), è il vincitore morale di questa edizione del Grande Fratello Vip: ne esce personaggio televisivo a tutto tondo. È stato più volte tentato di abbandonare la Casa.
Legnini, vicinissimi a ricostruzione centro storico Amatrice
Spero primi cantieri partano entro questo mese
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
14:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sul centro storico di Amatrice siamo ancora in una situazione di fermo ma, a seguito degli strumenti nuovi varati in questi mesi, siamo vicinissimi all’adozione del Programma straordinario del progetto di ricostruzione: sarà varata un’ordinanza speciale per Amatrice, per consentire di far partire i cantieri privati. Saranno individuati i comparti e in particolare coloro che possono partire subito, spero entro questo mese”.
Lo ha detto il Commissario straordinario di Governo alla ricostruzione per il terremoto in centro Italia, Giovanni Legnini
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Terremoto:Legnini,ci sono strumenti per ricostruzione veloce
Ma progettisti e imprese facciano il proprio dovere
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
14:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ci sono adesso tutti gli strumenti per poter far diventare questa ricostruzione veloce. Affinché ciò si verifichi, le norme di legge sono importanti e le abbiamo ottenute, ma poi occorre che i progettisti e le imprese, e anche i cittadini, facciano il proprio dovere”.
Lo ha detto il Commissario straordinario di Governo alla ricostruzione, Giovanni Legnini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Terremoto:Legnini,venerdì a Camerino parte badge di cantiere
Avremo tutti i dati degli accessi ai cantieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
14:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Venerdì comincerà la sperimentazione del badge di cantiere a Camerino: chiederemo gradualmente a tutti i lavoratori, fornitori e soggetti che accederanno ai cantieri di essere registrati su un registro elettornico. Avremo tutti i dati degli accessi ai cantieri della ricostruzione, che confluiranno in una piattaforma.
Questo sarà, insieme al lavoro di una white list delle imprese e dell’Anac, uno strumento affidabile di presidio della legalità”. Lo ha detto il Commissario straordinario di Governo alla ricostruzione post terremoto, Giovanni Legnini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Terremoto: Legnini, su turismo valorizzare casette di legno
Spero primi cantieri partano entro questo mese
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
14:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Riguardo al turismo, uno dei contributi che possiamo dare nel processo di ricostruzione è quello sulla possibilità di estendere alle attività produttive i superbonus edilizi e di fare un lavoro straordinario sulle strutture provvisorie, proprio perché su queste è stata dislocata una parte importante delle strutture della ristorazione e della ricettività. Sarà importante capire ciò che bisognerà salvaguardare anche in questo senso, penso alle strutture di legno e su come valorizzare il grande patrimonio derivante dalle casette: questo è un tema, anche per sostenere il turismo”.
Lo ha detto il Commissario straordinario di Governo alla ricostruzione, Giovanni Legnini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Solinas, da lunedì test rapidi all’ingresso in Sardegna
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
03 marzo 2021
14:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Dalla prossima settimana iniziamo a testare chi entra in Sardegna”. Lo ha annunciato il presidente della Regione Christian Solinas a “Un Giorno da pecora” su Rai Radio Uno, intervenendo sul passaggio dell’Isola in zona bianca.
“Da lunedì a chi sbarca chiediamo qualche minuto del suo tempo per sottoporsi a un test rapido: se il risultato è di negatività si accede tranquillamente, in caso di positività scattano i protocolli previsti”. Solinas ha spiegato di voler agire in questo modo “per difendere la salute pubblica”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Priorità’, mobilitazione il 26 marzo contro scuole chiuse
In concomitanza con sciopero indetto dai Cobas
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
16:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Comitato Priorità alla scuola lancia una giornata di mobilitazione per il 26 marzo – in concomitanza con lo sciopero indetto dai Cobas, a cui ha dato la propria adesione – contro la chiusura degli istituti scolastici e per chiedere di convogliare un numero congruo di risorse del Recovery Plan sulla scuola pubblica. Sono state inoltre previste diverse mobilitazioni a livello locale nei prossimi giorni, in vista del 26 marzo: con presìdi, lezioni in piazza, striscioni sui portoni delle scuole e alle finestre delle case.
Priorità sarà presente anche agli appuntamenti dell’8 marzo e il 19 marzo per lo sciopero per il clima.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cassa Covid per chiudere azienda, indagati dirigenti Treofan
Per procuratore Terni “nessun calo produttività ma aumento
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TERNI
03 marzo 2021
16:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Avrebbero chiesto e ottenuto indebitamente il ricorso alla cassa integrazione Covid, previsto a sostegno delle imprese colpite dalla pandemia, non per reali difficoltà dello stabilimento, ma per “una preordinata politica aziendale”, tesa a dirottare gli ordinativi dal sito di Terni ad altri di proprietà dello stesso gruppo, e quindi a chiudere il sito, come poi effettivamente avvenuto nei giorni scorsi: è l’accusa per la quale tre manager della Treofan sono stati denunciati dal Nucleo di polizia economica e finanziaria della guardia di finanza per truffa aggravata ai danni dello Stato.
Si tratta del ceo e del direttore finanziario di Treofan Germany, considerati dagli inquirenti gli amministratori di fatto della società di proprietà del gruppo Jindal, e del rappresentante legale della Treofan Italy nel periodo dei fatti contestati, che risalgono al periodo agosto-ottobre 2020.

“Il paradosso della vicenda – ha spiegato nel corso di una conferenza stampa il procuratore di Terni Alberto Liguori, che ha coordinato le indagini – è che in questo frangente, a nostro giudizio, non si è assistito ad un calo della produttività dello stabilimento, ma anzi ad un aumento”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 20.884 i positivi, 347 le vittime
+84 le terapie intensive, +193 i ricoveri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
17:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 20.884 i test positivi al coronavirus nelle ultime 24 ore in Italia, che portano il totale dei contagiati a 2.976.274. Ieri i positivi erano stati 17.083.

L’incremento delle vittime in un giorno, secondo i dati del ministero della Salute, è di 347. Dall’inizio della pandemia sono morte 98.635 persone. Ad oggi in Italia ci sono 437.421 attualmente positivi, in aumento di 6.425 rispetto alla giornata di martedì. I guariti e i dimessi dall’inizio dell’emergenza sono invece 2.440.218 con un incremento di 14.068 nelle ultime 24 ore.
Sono stati effettuati 358.884 tamponi (molecolari e antigenici) nelle ultime 24 ore. Ieri i test erano stati 335.983. Il tasso di positività è al 5,8%, in aumento rispetto al 5,1% di ieri.
Infine, sono 2.411 i pazienti in terapia intensiva per il Covid-19 in Italia, in aumento di 84 unità nel saldo quotidiano tra ingressi e uscite. Gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono 222, lo stesso numero di ieri.
I pazienti ricoverati nei reparti ordinari sono invece 19.763, in aumento di 193 unità rispetto a ieri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lavori porto Brindisi, 6 indagati, anche presidente Autorità
Pm chiede proroga indagini, in corso consulenza tecnica
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BRINDISI
03 marzo 2021
17:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una richiesta di proroga delle indagini preliminari della Procura di Brindisi è stata notificata al presidente dell’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico meridionale, Ugo Patroni Griffi, e ad altre cinque persone, tra cui l’ex commissario Mario Valente, che è anche un ufficiale della Capitaneria di porto; tecnici ed esecutori di lavori, indagati per presunte violazioni edilizie nella riqualificazione dell’area portuale di Costa Morena, a Brindisi.
Sono indagati il dirigente dell’Autorità portuale di Brindisi, Francesco Di Leverano, il direttore dei lavori Cristian Casilli, e gli imprenditori Devis Rizzo e Francesco Caroli.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le indagini sono coordinate dal pm Raffaele Casto. Le accuse contestate a vario titolo sono esecuzione di interventi di trasformazione urbanistica ed edilizia in assenza di accertamento di conformità, in assenza di autorizzazione, lottizzazione abusiva. A quanto emerge dagli addebiti, le indagini si sono concentrate sulla realizzazione del terminal passeggeri del porto di Brindisi. Nel corso dell’attività investigativa è stato ascoltato come persona informata dei fatti anche il sindaco Riccardo Rossi. E’ in corso di esecuzione una consulenza tecnica di parte disposta dal pm.
“A Brindisi – scrive su Facebook il presidente dell’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico meridionale (Adsp Mam), Ugo Patroni Griffi – non si vuole che il porto si infrastrutturi. Mi contestano un abuso edilizio per una opera, il terminal ‘Le Vele’, non solo i cui lavori erano ripresi prima del mio insediamento, ma sulla cui legittimità si sono stratificate due sentenze del Tribunale di Brindisi, di cui una passata in giudicato, e il parere di numerose commissioni tecniche e finanche provvedimenti del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AstroSam pronta a volo 2022, ‘mix di gioia e nuove sfide’
Su Stazione Spaziale con veicolo privato, non ancora selezionato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
12:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Samantha Cristoforetti è pronta ad affrontare nel 2022 la sua seconda volta nello spazio in un “mix di gioia e nuove sfide professionali”. Lo ha detto la stessa astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa) presentando la missione con il nuovo direttore generale dell’Esa Josef Aschbacher, il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) Giorgio Saccoccia, e il direttore dell’Esa per l’Esplorazione Umana e Robotica David Parker.
“E’ una gioia grandissima poter finalmente tornare sulla Stazione Spaziale”, ha detto AstroSam, che viaggerà su un veicolo commerciale, “ad ora – ha detto Parker – non ancora selezionato”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Achille Lauro su Vanity Fair come icona religiosa
Assumo sembianze di donne perché sono estremo simbolo di libertà
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
10:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Cari lettori, care lettrici, per questa copertina, so che mi accuseranno di blasfemia, ma i santi e le Madonne sono immagini che fanno parte della mia storia, della mia gallery esistenziale. Anche grazie a loro, ho imparato a generare me stesso, senza aiuti, trattando la creatività come uno Spirito Santo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Comincia così la lettera che Achille Lauro scrive in esclusiva per Vanity Fair, che gli dedica la copertina del numero in edicola, in cui appare nelle sembianze di un’icona religiosa.
Nella lunga lettera in cui spiega di fare “tutto questo per non venir banalizzato dentro uno stereotipo”, Achille Lauro spiega anche perché spesso assume sembianze femminili: “La mia risposta è semplice: perché la donna è l’estremo simbolo di libertà”.
Per la prima volta, la cover di Vanity Fair è animata: inquadrando il QR code si viene trasportati nell’esibizione che Achille Lauro ha creato in esclusiva per i lettori del giornale.
È idealmente la sua sesta performance sanremese, che si aggiunge ai cinque quadri che l’artista propone durante le cinque serate del Festival di Sanremo. Per la prima volta ha anche una colonna sonora, grazie alla collaborazione con Spotify, la prima del servizio di streaming con un giornale. A corredo delle interviste ai cantanti in gara a Sanremo, il lettore potrà trovare un codice Spotify da inquadrare, con il proprio smartphone, per ascoltare una playlist con le canzoni suggerite dai Big. Il numero, infatti, contiene interviste ai cantanti in gara al Festival di quest’anno.
Vanity Fair racconta il Festival di Sanremo anche su tutte le sue piattaforme social. Dal 2 al 6 marzo su Clubhouse sono in programma 5 appuntamenti serali per commentare in diretta la kermesse.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo, prima parte del festival debutta con 11,2 mln e 46.4%
4,2 milioni con il 48% per la seconda parte
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SANREMO
03 marzo 2021
10:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono stati 11 milioni 176 mila, pari al 46.4%, i telespettatori che hanno seguito su Rai1 la prima serata di Sanremo 2021. La seconda parte ha avuto 4 milioni 212 mila con il 47.8%.

Nel 2020 la prima parte del festival aveva avuto 12 milioni 480 mila spettatori con il 51.2%, la seconda 5 milioni 697 mila con il 56.2%.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mani di Cosa nostra su scommesse online, 336 indagati
Blitz Gdf Catania e Scico. Ordinanza per 23, sequestrati 80 mln
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
03 marzo 2021
06:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una maxi operazione della GdF è in corso contro l’infiltrazione di Cosa nostra nelle scommesse illegali online. I militari, con il supporto dello Scico di Roma, stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 23 indagati in Sicilia, Emilia Romagna, Puglia, Germania, Polonia e Malta.
I reati ipotizzati dalla Dda sono esercizio abusivo di gioco e scommesse, evasione fiscale, truffa aggravata e autoriciclaggio con l’aggravante di avere favorito l’associazione mafiosa Santapaola-Ercolano. Nell’operazione ‘Doppio Gioco’ sono indagate 336 persone. Il Gip ha disposto il sequestro di beni e società per 80 mln di euro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: restrizioni a Sanremo, sindaco ‘E’ un dietrofront’
Perché cambio rotta in 4 giorni? Venerdì i contagi preoccupavano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SANREMO
02 marzo 2021
21:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Così è un’agonia”. Lo dice il sindaco di Sanremo Alberto Biancheri dopo l’annuncio del governatore Giovanni Toti, di estendere le restrizioni da zona arancione rafforzata a Sanremo, come a Ventimiglia, mentre la regione è in giallo.
“Quando Governo e Regione venerdì hanno dato la zona gialla con solo scuole e parchi chiusi – dice – ho raccomandato massima prudenza: i bollettini evidenziavano una situazione ancora delicata. Ma se Governo e Regione, che possiedono strumenti, hanno deciso così, suppongo che i parametri fossero conformi. Ora è un dietrofront: perché questo dopo 4 giorni. Così è difficile da accettare per tutti”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo: Ibrahimovic, sport unisce, politica divide
“Sono qui per tutto quello che mi ha dato l’Italia”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SANREMO
02 marzo 2021
19:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La promessa di Amadeus è di far scoprire lo Zlatan uomo, oltre all’Ibrahimovic grande campione.
E se le premesse sono quelle viste questa mattina in sala stampa, ci sarà da divertirsi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ibra è arrivato a Sanremo ed è pronto a debuttare come ospite fisso al festival. “Certo, per me è più facile fare goal che essere qui – ammette serafico -.
Questo non è il mio mondo, ma non sono preoccupato. Se sbaglio nessuno mi potrà giudicare, se faccio bene, ancora meglio: ho un altro lavoro quando smetto. Sono carico, di sicuro ci divertiamo”.
Il campione del Milan sa già che dovrà stare al gioco dei due padroni di casa Amadeus e Fiorello, interisti sfegatati. “Lo so, non fanno che ripetermi che loro sono primi in campionato”. Sta allo scherzo Ibra, ma non si tira indietro quando si torna a parlare delle polemiche che lo hanno visto protagonista nelle settimane scorse. Come quella con la stella dei Los Angeles Lakers LeBron James, al quale aveva chiesto di interrompere il suo attivismo politico, contro le ingiustizie e le disuguaglianze sociali. “Noi atleti uniamo il mondo, la politica lo divide. Noi facciamo il nostro, e siamo bravi in quello, i politici facciano i politici – ha argomentato -: questo voleva essere il mio messaggio. Nessuno puntava a razzismo”. Non sa bene cosa lo aspetta “non so niente del programma, ma sono presente”, dice accennando un sorriso dietro la mascherina nera.
Di certo è che la lesione rimediata in campo qualche giorno fa non cambia i programmi sul palco dell’Ariston: “posso fare tutto, dipende da Amadeus”. Piccola tassa da pagare al festival è anche parlare dei suoi gusti musicali, che raccontano di ascolti variegati. “Nella mia playlist c’è house, reggae, hip hop, musica svedese e anche italiana. Quale? E’ un segreto”, risponde sornione. Sul cachet, di cui molto si è parlato, minimizza: “I soldi non sono importanti. Nel mio mondo non mi serve niente. Faccio Sanremo con il cuore per dimostrare che sono molto grato all’Italia per quello che ha fatto per me. E i soldi che prenderò andranno in beneficenza”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Collaboratore positivo, Irama stasera non canta
Dopo test rapido, molecolare per tutto lo staff. Su palco Noemi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SANREMO
02 marzo 2021
16:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In seguito al tampone antigenico, risultato positivo, di uno dei componenti dello staff di Irama, l’artista è stato sottoposto a tampone molecolare di verifica.
In attesa del risultato, la sua esibizione – prevista questa sera – è stata rimandata alla seconda serata del Festival.

Al suo posto – tra i 13 Campioni in gara questa sera – si esibirà Noemi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Muore travolta a Roma: si indaga per omicidio stradale
Pm dispone l’autopsia,presto consulenza per ricostruire dinamica
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
02 marzo 2021
14:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Roma procede per omicidio stradale in relazione all’incidente avvenuto ieri in via di Salone costato la vita ad una ragazzina di 14 anni e il ferimento dei genitori. I tre sono stati travolti mentre si trovavo in auto da un mezzo della polizia stradale che stava inseguendo una vettura con due presunti rapinatori.
Il procedimento è coordinato dal pm Alberto Clemente che ha disposto l’autopsia ed è pronto ad affidare una consulenza per la ricostruzione della dinamica di quanto avvenuto. Non è escluso che a breve possano arrivare le prime iscrizioni nel registro degli indagati come atto dovuti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo: De Angelis, avevo la sindrome dell’impostore
“Grazie ai miei affetti resto con i piedi per terra”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SANREMO
02 marzo 2021
14:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ho iniziato a recitare a 18 anni dal niente, facevo la maturità quando ho debuttato da protagonista con Accorsi. Le insicurezza dell’età sono state accentuate da questa situazione.
Ma ho una famiglia stupenda, una madre meravigliosa, affetti incredibili che mi tengono radicata e mi ricordano chi sono, la mia forza dipende da quello”, dice Matilda De Angelis, co-conduttrice della prima serata di Sanremo. “Per tre anni ho vissuto con la sindrome dell’impostore, mi chiedevo perché avessero scelto me e non qualcun altro. Poi sono stata chiamata all’estero e ho pensato che lo meritavo”, aggiunge l’attrice, che arriva all’Ariston dopo il successo con la serie Hbo The Undoing.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Grande fratello vip, vince Tommaso Zorzi
Si collude il reality di Canale 5 con incoronazione influncer
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
2 marzo 2021
10:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’influencer milanese è il trionfatore della quinta edizione del Grande Fratello Vip durato ben cinque mesi e mezzo.
Il reality show di Canale 5 condotto da Alfonso Signorin con Pupo e Antonella Elia nelle vesti di opinionisti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo una serie di scontri al televoto che hanno visto le eliminazioni di Andrea Zelletta, Dayane Mello e Stefania Orlando, Zorzi è arrivato allo scontro finale con Pierpaolo Pretelli- Zorzi L’influencer ha sconfitto al televoto l’ex velino Pierpaolo Pretelli, che era arrivato con lui alle ultimissime fasi del programma, aggiudicandosi il montepremi finale di 100mila euro.
La modella, infatti, favorita alla vigilia, non va oltre la quarta posizione. La finale di ieri sera si è aperta con Signorini che ironizzando sulla lunghezza record di questa edizione, a bordo della Delorean fa un viaggio nel passato e nel futuro trovando i concorrenti che sono stati eliminati fino a oggi. Dopodiché lo studio si è illuminato e tutti, opinionisti e concorrenti, sono entrati vestiti da gran sera, seguiti da Signorini. Nato a Milano nel 1995 Zorzi, che ha studiato Economia e Business Management a Londra, si è fatto conoscere nel 2016 quando ha debuttato nel docu-reality di MTV Italia «Riccanza» (ha preso parte alla prima edizione, la stessa che ha presentato al grande pubblico anche Elettra Lamborghini). Due anni dopo ha partecipato a «Pechino Express», in coppia con Paola Caruso (ex Bonas di Avanti un Altro), e nel 2020 — pochi mesi prima di entrare nella Casa del Grande Fratello Vip — ha pubblicato il libro «Siamo tutti bravi con i fidanzati degli altri» (Mondadori).
Accompagnati da mille fuochi d’artificio Pierpaolo e Tommaso arrivano in Studio, accolti dagli applausi dei presenti e sopratutto degli ex concorrenti.
I due entrambi in smoking sono visibilmente emozionati, come annota Alfonso, che li accoglie a braccia aperte.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: record contagi a Brescia 1325 casi
Quasi il 30% dei 4590 contagi registrati in Lombardia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
03 marzo 2021
17:46
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 1325 i nuovi positivi al Coronavirus registrati a Brescia, la provincia ora in ‘arancione spinto’ dove continuano ad aumentare i casi. Si tratta di quasi il 30% dei 4590 contagi da Coronavirus registrati in Lombardia.

Anche Milano è oltre i mille casi, esattamente 1026, mentre sono 356 a Monza, 296 a Varese, 295 a Como, 278 a Pavia, 249 a Bergamo, 217 a Mantova, 165 a Cremona, 139 a Lecco, 83 a Sondrio e 63 a Lodi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: Ragusa, Catania e Trapani, inchieste sulle Ong
Maersk scagiona Mediterranea, chiuse altre due indagini su Ong
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
03 marzo 2021
18:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da Copenaghen la società armatrice Maersk Tankers “scagiona la Ong Mediterranea, mentre a Trapani e a Catania sono state chiuse due inchieste che coinvolgono altre Ong.
Maersk fa chiarezza sulla vicenda che vede indagati a Ragusa quattro componenti di Mediterranea, accusati di aver trasbordato dal cargo danese alla mave Mare Jonio 27 migranti, portati poi a Pozzallo, in cambio di denaro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La società spiega che soltanto “mesi dopo l’operazione di salvataggio ha incontrato i rappresentanti di Mediterranea per ringraziarli della loro assistenza umanitaria” e ha deciso “di dare un contributo di 125 mila euro a Mediterranea per coprire alcuni dei costi sostenuti in seguito all’operazione. Ad ora non siamo stati contattati dalle autorità”.
Intanto, la Procura di Trapani ha notificato l’avviso di chiusura indagine a 21 persone coinvolte in un’inchiesta del 2017 che portò al sequestro della motonave “Iuventa”, della Ong “Jugend Rettet”. L’indagine, che ipotizza il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, si è estesa anche ad altre due ong: Save the Children e Medici Senza Frontiere con le navi Prudence e Vox Hestia. I 21 indagati sono accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina; mentre alle ong sarebbe contestato il reato di falso. “Dopo anni di indagini, nella sola giornata di ieri, abbiamo ricevuto dalla Procura di Trapani l’avviso di chiusura indagini per favoreggiamento, insieme ad altre navi umanitarie, e dal Gup di Catania la decisione di rinvio a giudizio per traffico illecito di rifiuti”, dice Medici senza frontiere. “Le decisioni della magistratura, a poche ore di distanza – aggiunge Msf – allungano l’elenco dei numerosi tentativi di criminalizzare il soccorso in mare, che a oggi non hanno confermato alcuna accusa, ma che hanno pericolosamente indebolito la capacità di soccorso”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Campania verso zona rossa, venerdì la decisione
Contagi oltre 2.000 da una settimana, aumento sintomatici
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
03 marzo 2021
18:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Campania si avvicina sempre di più alla zona rossa, che potrebbe essere decretata dalla riunione della cabina di regia del governo dopo l’analisi dei dati da parte del Cts. I 2.635 positivi emersi nei 26.533 tamponi di oggi confermano il trend regionale che va avanti da ormai da molti giorni: dal 24 febbraio a oggi la Regione è sempre stata sopra i duemila positivi al giorno, tranne che in una giornata, il marzo con poco più di 1.800 positivi ma su soli 14.600 tamponi.

Tra i dati in peggioramento in Campania anche l’occupazione dei posti letto negli ospedali, in particolare l’aumento delle terapie intensive, saliti oggi a 137. Aumenta anche il numero dei sintomatici. Cambiamenti che già avevano portato nei giorni scorsi il governatore Vincenzo De Luca a chiudere nuovamente tutte le scuole in presenza e che ora potrebbe portare la Regione in zona rossa, con una escalation molto rapida visto che due settimane fa la Regione era zona gialla.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le Conversazioni Online Relative a #Sanremo2021
Al via la manifestazione canora più popolare d’Italia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
09:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le Conversazioni Online Relative a #Sanremo2021
Al via la manifestazione canora più popolare d’Italia. L’anno scorso la prima serata di Sanremo aveva avuto mediamente oltre dieci milioni di telespettatori, per uno share medio del 52.2%, il più alto dell’ultimo decennio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vedremo se Amadeus e Fiorello avranno bissato tale successo. In attesa di conoscere i dati Auditel abbiamo analizzato le conversazioni online relative a #Sanremo2021, l’hashtag ufficiale del Festival.
Complessivamente le citazioni online sono state più di 728 mila, da parte di poco meno di 32 mila autori unici, i cui contenuti hanno coinvolto (like + commenti + condivisioni) circa tre milioni di persone. Un volume molto elevato di citazioni che ha generato una portata potenziale (“opportunity to be seen”) di 2.42 miliardi di impression, di esposizioni ai contenuti relativi a Sanremo. Volume che stimiamo ragionevolmente in 121.27 milioni di impression effettive, al lordo delle duplicazioni.
I tre termini maggiormente associati alle conversazioni relative a Sanremo 2021 sono stati: “canzone” (6% del totale delle citazioni), “Fiorello” (4.9%), e l’altro conduttore “Amadeus” (3.9%).
Se la popolarità di canzone e dei due presentatori era pressoché scontata, il coinvolgimento delle persone però si è concentrato su altro. Il tweet che ha generato maggior engagement è di Fedez che nel backstage si prepara, assieme a Francesca Michielin, ad andare in scena. Su Instagram invece è la rapper Madam a tenere banco in termini di coinvolgimento delle persone. Le sue tre foto, anche in questo caso mentre si prepara ad andare in scena, ottengono circa 113 mila “mi piace” e quasi 4 mila commenti.
Su Facebook invece sono The Jackal a generare il maggior numero di interazioni. Tre e tutti loro i post che sul social più popolato d’Italia, e del mondo, generano il maggior coinvolgimento. I loro post, in cui ironizzano sapientemente sulla non partecipazione a questa edizione del Festival di Sanremo, ottengono decine di migliaia di interazioni, e proprio il video al riguardo ottiene circa 333 mila visualizzazioni.
La social TV sulla prima serata della manifestazione canora è donna e relativamente giovane. Infatti le donne pesano il 60.8% del totale di coloro che attivamente, postando o interagendo con un contenuto relativo a #Sanremo2021, hanno partecipato al festival, anche, via social. Coloro di età compresa tra 18 e 24 anni pesano il 40.6% del totale, mentre chi ha tra 25 e 34 anni pesa il 49.3%. Dunque coloro tra 18 e 34 anni rappresentano 89.9%. Al riguardo numerose le citazioni, in particolare su Twitter relative ai “boomer” condannati ad ascoltare canzoni che i più giovani giudicano inadatte a loro. Infine, come d’abitudine, anche sui social sono forti le polemiche sulla classifica stilata dalla giuria demoscopica.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo: classifica provvisoria della prima serata
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SANREMO
03 marzo 2021
01:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Questa la classifica, sulla base del voto della giuria demoscopica chiamata a esprimersi stasera, per i 13 Big che si sono esibiti.
1) ANNALISA – Dieci
2) NOEMI – Glicine
3) FASMA – Parlami
4) FRANCESCA MICHIELIN e FEDEZ – Chiamami per nome
5) FRANCESCO RENGA – Quando trovo te
6) ARISA – Potevi fare di più
7) MANESKIN – Zitti e buoni
8) MAX GAZZE’ – Il farmacista
9) COLAPESCE DIMARTINO – Musica leggerissima
10) COMA_COSE – Fiamme negli occhi
11) MADAME – Voce
12) GHEMON – Momento perfetto
13) AIELLO – Ora
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sanremo: le pagelle della prima serata
Promossi e bocciati tra cantanti, ospiti e conduttori
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 marzo 2021
01:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Queste le pagelle della prima serata:
AMADEUS Padrone di casa misurato e a suo agio. Si cimenta anche con il canto, senza sfigurare.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel festival della rinascita, è una conferma. VOTO: 7,5
FIORELLO L’assenza di pubblico (e di risate e di applausi) non lo aiuta.
Fatica un po’ a ingranare. Dà il meglio quando improvvisa e quando lo fa con il fido Ama. Fase di riscaldamento in vista del torneo lungo 5 serate. VOTO: 6.5
MATILDA DE ANGELIS Parte lenta, poi si scioglie un po’. Per lei, gli autori fanno scelte che sembrano non calzarle perfettamente. VOTO: 6,5 ZLATAN IBRAHIMOVIC I santi sono il suo genere: dopo San Siro, ecco Sanremo. Un po’ Celentano, un po’ boss malavitoso. Detta le sue regole, ma si mette al servizio del festival e di Ama. Va a rete senza calciare. VOTO: 7
ARISA – Potevi fare di più Look rosso fuoco, capelli corvini, unghie lunghissime.
L’ennesimo cambio di pelle, ma non di qualità di una delle voci più belle e cristalline del panorama italiano che in questa occasione canta un toccante brano di Gigi D’Alessio nella linea della ballad più classica. VOTO: 7,5
COLAPESCE DIMARTINO – Musica leggerissima Pagano un po’ di timore reverenziale nei confronti del festival, sembrano tesi e impauriti, ma la canzone, vagamente vintage con tanto di pattinatrice anni Ottanta in body fluo, tra Alan Sorrenti, Battisti e Battiato, funziona e il ritornello si pianta nella mente. VOTO: 8
AIELLO – Ora Il giovane cantautore si candida a urlatore del festival. Esagera con la rabbia che mette nell’esecuzione di un brano che dovrebbe essere una ballata romantica e diventa invece un pugno nello stomaco. Troppo carico e troppa retorica. VOTO: 6
FRANCESCA MICHIELIN e FEDEZ – Chiamami per nome Tra i favoriti della vigilia, sicura lei, emozionatissimo lui che cede alla commozione sul finale, con tanto di abbraccio vietato dai protocolli. Nessun colpo di genio, ma la fan base della coppia può fare la differenza. VOTO: 6,5
MAX GAZZE’ – Il farmacista Dopo un periodo di sperimentazioni torna alle filastrocche in stile Gazzè e si diverte a mettere in scena il suo show, nei panni di Leonardo Da Vinci e con tanto di citazione in apertura di Frankstein Jr. Aria di leggerezza, necessaria. VOTO: 7,5
NOEMI – Glicine La nuova Noemi, tra grinta e delicatezza. Il palco la esalta e il brano dal vivo, con le acrobazie della sua voce, ne guadagna. VOTO: 8
MADAME – Voce La giovanissima tra i Big, e lo mette subito in chiaro scendendo le scale a piedi nudi. Giovane, ma per niente intimidita.Concentrata su se stessa, forse un po’ troppo. VOTO: 6,5
MANESKIN – Zitti e buoni Botta di rock, energia e gender fluid. Damiano è animale da palcoscenico, sensuale e maledetto allo stesso tempo. Fuori dagli schemi classici del festival, ma riescono a trovare il loro spazio. E che spazio. VOTO: 8
GHEMON – Momento perfetto Il suo momento perfetto il rapper lo ha trovato in questa canzone raffinata, tra jazz e urban, swing e soul. Scanzonato al punto giusto. VOTO: 7
COMA_COSE – Fiamme negli occhi Il mondo è tutto nel loro sguardo occhi negli occhi che non stacca praticamente mai. Tutto il resto rimane fuori. Vestiti di rosso come le fiamme che ardono (però la stessa stoffa per entrambi anche no). Debuttanti di lusso, Possono far bene. VOTO: 7,5 ANNALISA – Dieci Lei ci prova, e anche bene, ma il brano non arriva. La sua voce sì. VOTO: 6
FRANCESCO RENGA – Quando trovo te Uno dei veterani del festival, che ha anche vinto, ma stavolta è fuori fuoco. VOTO: 5,5
FASMA – Parlami In un anno di stop, lui passa dalle Nuove Proposte ai Big. Forse poteva osare di più, ma la sua trap è un martello pneumatico.
VOTO: 6,5
ACHILLE LAURO Piume rossa e lacrime di sangue per il glam rock criptico del primo quadro dell’artista trasformista. Primo capitolo di una storia più lunga da raccontare? VOTO: 6,5
LOREDANA BERTE’ Nell’Ariston orfano del pubblico, in tempi normali avrebbe meritato una standing ovation (con la regia che ha rimediato con immagini di repertorio) per la sua grinta, per la sua voce che continua a graffiare. Un tuffo nei suoi successi. Peccato che quando è stata la volta del nuovo singolo, si sia affidata al playback. Ma a Loredana si può perdonare anche questo. VOTO: 7
DIODATO Torna sul palco che lo ha visto vincitore un anno dopo. Il brano non è invecchiato e continua a far rumore. Emozione anche per lui, che stona. VOTO: 7
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ciak per Non sono quello che sono, di e con Edoardo Leo
Storia senza tempo in cui il bene e il male si incrociano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 marzo 2021
14:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ambientata nei primi anni 2000, una storia senza tempo in cui il bene e il male si mescolano in un vortice di inganni, tradimenti e folle gelosia.
Alla sua sesta regia, Edoardo Leo torna sul set con Non sono quello che sono, film drammatico di cui è anche autore e protagonista.

Nel cast Antonia Truppo, Javad Moraqib, Ambrosia Caldarelli, Matteo Olivetti, Michael Schermi.
La fotografia del film è di Marco Bassano, la scenografia di Veronica Rosafio, i costumi di Elena Minesso e il montaggio di Consuelo Catucci.
Le riprese dureranno sei settimane e si svolgeranno tra Roma e il litorale laziale.
Prodotto da Fulvio e Federica Lucisano per Italian International Film, Matteo Rovere e Sydney Sibilia per Groenlandia e Vision Distribution, Non sono quello che sono sarà distribuito da Vision Distribution.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:controlli Nas in bar ospedali, irregolari uno su 3
Dieci persone sono state denunciate, 128 le sanzioni amministrative, per complessivi 125mila euro
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 marzo 2021
11:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In un bar su 3 all’interno degli ospedali italiani sono state riscontrate irregolarità. E’ quanto hanno accertato i Carabinieri del Nas in una serie di ispezioni nelle strutture sia pubbliche sia private per verificare la sicurezza di cibi e bevande in vendita e il rispetto delle normative anti Covid.
I controlli hanno riguardato 382 tra bar e servizi di ristoro e in 132 casi sono state individuate irregolarità. Dieci persone sono state denunciate per detenzione di alimenti in cattivo stato di conservazione e per violazioni della sicurezza dei luoghi di lavoro. 128 invece le sanzioni amministrative, per complessivi 125mila euro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Addio Claudio Coccoluto, il re dei dj
Una vita alla ricerca di sonorità nuove per far divertire tutti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 marzo 2021
13:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Appena diffusa la notizia della sua morte, i social sono letteralmente esplosi, perché tanti, tantissimi, hanno ballato con la sua musica. Ed oggi che la pandemia ha spento da un anno le luci dei locali notturni, la nostalgia per le serate magiche che sapeva regalare si è fatta ancora più forte.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si è spento a 59 anni, nella sua casa di Cassino, Claudio Coccoluto, uno dei più noti dj italiani. Il più grande, secondo molti, capace di portare i suoi ritmi e le sue sonorità innovative da una parte all’altra del mondo.
Come ricorda il sito de Il Corriere della Sera, che ha dato la notizia della scomparsa, l’artista lottava da un anno contro una grave malattia. Lascia la moglie Paola e ai figli Gianmaria e Gaia. Aveva cominciato a giocare con i dischi da ragazzo nel negozio di elettrodomestici del padre a Gaeta, città di cui era originario. Le prime performance su Radio Andromeda, l’emettente locale, poi in altre radio pirata, e nelle discoteche, dove lo chiamano semplicemente C.O.C.C.O. o Cocodance. Da lì un’escalation che lo ha portato ad esibirsi in alcuni dei locali più noti al mondo della scena europea, a partire da Londra, e americana. Fu, ad esempio, il primo artista europeo ad esibirsi nel Sound Factory Bar di New York.
Una produzione mai scontata, sperimentando sonorità nuove della musica elettronica, che lui stesso definiva underground, per segnare uno stile tutto suo che miscelava i generi più disparati, dalla house di Chicago e Detroit fino ai ritmi latini, sempre con l’obiettivo di creare un feeling con il pubblico nei grandi party che lui guidava. Era ricercatissimo per i compleanni di personaggi noti, per serate organizzate da grandi aziende, ma anche per eventi musicali come gli Mtv Awards. Nel 2003 Pippo Baudo lo chiamò anche, primo dj italiano, nella giuria di qualità di Sanremo, dove poi tornerà per altre due volte per portare una voce diversa in un mondo apparentemente lontano dal suo. Ora sono in molti sui social a chiedere che il Festival, che partirà stasera, gli renda omaggio, ricordando anche il rapporto tra Fiorello e il dj, che suonò al suo compleanno, mentre la sorella dello showman Catena raccontò la sua storia le libro ‘Nati senza camicia’.
Il suo nome era indissolubilmente legato alle serate romane. Soprattutto al Goa, locale da lui fondato insieme a Giancarlino, che ora lo ricorda come “il maestro più grande e l’amico di sempre. Un artista fuori dal coro, sempre pronto a metterci la faccia con i media sia per gli aspetti gioiosi sia per i problemi del nostro settore”. E’, infatti, durante la pandemia, Coccoluto non ha mai mancato di ricordare i mille problemi del mondo dello spettacolo, fermo al palo.
In carriera anche collaborazioni con riviste, come L’Espresso, per raccontare la vita notturna in Italia, apparizioni nel mondo del cinema e, soprattutto, della tv. Con la ‘Iena’ Andrea Pellizzari realizzò nel 2001 il programma ‘Ibiza’, sulla vita notturna nell’isola. Fu ospite del “Maurizio Costanzo Show”, di “Lucignolo” su Italia 1, di “Fa la cosa giusta” su La7 e di “Matrix” su Canale 5, spesso per parlare del tema degli stupefacenti. Con l’amico Pierluigi Diaco, si spinse anche nel mondo della scrittura come, ad esempio, con ‘Io, Dj’ del 2007.
Tante attività, a dimostrazione della poliedricità dell’artista, che nel cuore aveva prima di tutto la musica, la sua collezione di oltre 70 mila vinili, quei vinili che mixava nel suo show cult “C.O.C.C.O.”, in onda su radio Deejay dal 2003 al 2009. Dal ’90 in poi produsse anche album come ‘Do It Whitout Thinkin’, ‘Afromarslight’, ‘Mind Melody 3.0’, ‘Imusicselection5 – Vynil Heart’, una sequenza unica di effetti mixati a mano libera. Collaborò anche con Jovanotti e con i Subsonica per il fortunato album “Microchip Emozionale”. E saranno sicuramente molti oggi, alla notizia della sua scomparsa, ad aver voluto riascoltare la sua hit ‘Belo Horizonti’, per riassaporare per un attimo la magia e il divertimento che seppe dare a tutti nell’estate del ’97.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Teatro, un corto per chiedere aiuto, nel primo anno era covid
“Lo chiamavano Teatro”, scritto ed interpretato da Luca Basile
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
01 marzo 2021
12:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ad un anno esatto dalla comparsa del virus e dal blocco totale delle attività in tutti i teatri italiani, è stato realizzato un corto dal titolo emblematico “Lo chiamavano Teatro”, scritto ed interpretato da Luca Basile, con la regia di Riccardo Giacomini, girato nel Teatro Trastevere di Roma, produzione Clan sui Generis.
Uno short movie che parte dall’anno 1 d.c.
LO CHIAMAVANO TEATRO
(dopo Covid), per richiamare l’attenzione proprio sugli effetti devastanti che un solo anno senza teatro è riuscito a creare in un settore sempre più impoverito, al quale questa pandemia sembra aver dato il colpo finale.
Al corto hanno partecipato Fabrizio Colica, Ludovica Di Donato (la giovane attrice divenuta virale per i suoi video su Tik Tok), Luca Basile, Elena Perrone, Matteo Cirillo, Viviana Colais, Fortunato Marco Iannaccone, Silvia La Monaca, Christian Laiontini e la piccola Nina Del Buono d’Ondes:

A distanza di un anno dalla chiusura dei teatri a livello nazionale, un gruppo di curiosi muniti di mascherina si dedica ad una passeggiata archeologica condotti da Fabrizio Colica nei panni di una guida d’eccezione. E’ l’1 d.C. (primo anno dopo Covid) e lentamente, sebbene con molte cautele, le persone cominciano a partecipare alle visite guidate. Si tratta in questo caso di un gruppo eterogeneo: una coppia di ipocondriaci (Luca Basile ed Elena Perrone), di entusiasti sempre alla ricerca di nuove chicche da raccontare (Matteo Cirillo e Viviana Colais) ed una coppia improbabile poco aperta alle novità (Fortunato Marco Iannaccone e Silvia La Monaca). Segue il gruppo Ludovica Di Donato, nei panni di una spassosa maestra che porta la propria allieva (Nina Del Buono d’Ondes) nelle sue passeggiate archeologiche.
Il corto nasce per voler dar voce alla condizione di tutti i teatri nazionali, un “occhio di bue” sulla situazione emergenziale di un’arte che in Italia rischia di scomparire.
Una realtà fatta di entrate contingentate, prenotazioni obbligatorie, plexyglass, amuchina e chi più ne ha più ne metta.
Quando mi è stato proposto questo ruolo all’interno del cortometraggio, dichiara Fabrizio Colica, non ci ho pensato due volte. L’idea di lanciare un grido sul web con ironia in difesa del teatro, mi elettrizzava. Sono più di quattro anni che faccio video sul web e devo dire che ho avuto la fortuna di non aver mai smesso di lavorare, anche nei momenti di chiusura più stringenti. Ma il teatro mi manca parecchio. A mancarmi non è tanto il ruolo che ogni tanto mi capitava di coprire sul palco, ma è la poltrona in platea. Mi manca l’emozione del silenzio e delle luci spente prima che lo spettacolo abbia inizio.
Sono abbastanza fiducioso che tutto prima o poi (spero più prima che poi) avrà di nuovo inizio. Perché non esiste una società senza il teatro. Non esiste una società senza cultura.
Il corto sarà online dal 1 marzo alle ore 15.00 e sarà trasmesso sulle pagine di tutti i teatri romani, nazionali ed associazioni, che hanno aderito all’iniziativa di sensibilizzazione.

La Tua opinione è importante! Vota questo articolo, grazie!
No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.