Cronaca tutte le notizie Tutti i fatti e gli avvenimenti di Cronaca sempre costantemente aggiornati monitorati approfonditi dettagliati ed affidabili! LEGGI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 37 minuti

Ultimo aggiornamento 4 Maggio, 2021, 00:44:03 di Maurizio Barra

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 09:28 DI DOMENICA 02 MAGGIO 2021

ALLE 00:44 DI MARTEDì 04 MAGGIO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Travolto mentre attraversa la strada, muore 16enne a Udine
E’ successo nella tarda serata di ieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
UDINE
02 maggio 2021
09:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un ragazzo, di 16 anni, di Pagnacco (Udine), è morto per le ferite riportate in un investimento stradale accaduto ieri attorno alle 22 in via delle Ferriere, a Udine.
Il giovane stava attraversando la strada quando è stato investito da un’auto di piccola cilindrata, che lo ha scaraventato ad alcuni metri di distanza.
Il ragazzo è morto all’istante. Sul posto sono accorsi immediatamente il personale sanitario del 118 e i Carabinieri che hanno avviato un’indagine.
Al momento dell’incidente stava piovendo a dirotto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cinema, torna l’obbligo in sala prima di streaming, ma è polemica
Franceschini firma decreto finestre. Anec, inaccettabile
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 maggio 2021
20:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Film si cambia, con l’Italia che riapre torna la regola del “prima in sala poi in streaming”. Lo annuncia il ministro della cultura, Franceschini, che ha firmato il nuovo ‘decreto finestre’, un provvedimento che reintroduce l’obbligo di uscita in sala per i film che ricevono contributi dallo Stato.
Ora i film potranno approdare sulle piattaforme streaming e in televisione dopo trenta giorni dalla prima proiezione al cinema. “In questa fase di ripartenza è fondamentale sostenere le sale cinematografiche e allo stesso tempo riequilibrare le regole per evitare che il cinema italiano sia penalizzato rispetto a quello internazionale”, dice il ministro. Ma il decreto non va giù agli esercenti, che lo bocciano. “Inaccettabile” lo definisce anzi Mario Lorini, presidente dell’associazione che li rappresenta, l’Anec. Nello specifico, spiegano dal ministero della cultura, sino al 31 dicembre 2021 i film potranno essere distribuiti in piattaforma dopo 30 giorni dall’uscita in sala. Per un’ordinata riprogrammazione delle attività, aggiungono, il decreto prevede anche la validità degli accordi che gli operatori hanno siglato con le piattaforme prima del 2 maggio 2021 ossia nel periodo in cui a causa della chiusura delle sale è stato temporaneamente sospeso l’obbligo di uscita in sala come precondizione per la distribuzione in piattaforma. L’Anec non ci sta: “Si tratta di un provvedimento che intende porre un equilibrio fra i film italiani e quelli internazionali, dimenticando però che in sala sono pianificati, per i primi mesi e salvo occasionali eccezioni, solo film di produzione straniera- denunciano gli esercenti – mentre i titoli nazionali, sostenuti con ingenti investimenti del Ministero, si concentrano con l’uscita in sala in pochi mesi l’anno. Se di riequilibrio si deve parlare, allora da giugno che il Ministro proceda con provvedimenti per portare in sala i film italiani, così come pianificato con quelli internazionali”. E ancora, gli esercenti, sottolinea l’associazione, “stanno riaprendo le sale nonostante le difficoltà e i risultati arrivano, il pubblico risponde così come lo ha fatto a fine agosto e settembre con i film di richiamo che sono stati messi a disposizione”. Il cinema italiano però “è il grande assente per la ripartenza, nonostante i continui proclami di numerose produzioni, attori e registi con prodotti pronti, ma l’urgenza, a quanto pare, è garantirne la tutela per i prossimi 8 mesi, consapevoli che probabilmente per i prossimi 3-4 mesi il numero di titoli italiani che approderà nelle sale sarà solo marginale”. Proprio nei giorni scorsi, ricordano, “abbiamo assistito al film di Verdone proposto in tre sale di Roma, nei giorni della riapertura, senza concedere l’opportunità a nessun altro esercente di programmarlo, salvo poi richiamare l’esclusiva della piattaforma cui è stato venduto. Per non parlare del film di Massimiliano Bruno Ritorno al crimine, di cui non si parla più; titolo che poteva essere portato in sala a settembre quando l’80% degli schermi era aperto”. Il 2021 fa notare il presidente Lorini, “registra perdite dell’esercizio che a fine aprile superano i 400 milioni di euro, nessuno stanziamento ancora definito dal fondo emergenza cinema, una campagna promozionale di rilancio del settore che non ha riscontri, condizioni di mercato che non tengono conto delle difficoltà degli esercenti che riaprono, richiamando gli addetti a lavoro, dando impulso all’economia che ruota intorno alla sala cinematografica. Con queste criticità, che minano la riapertura strutturata dei cinema, si ritiene che l’aiuto alle sale passi dalla urgenza di definire la finestra di 30 giorni al cinema italiano per i prossimi otto mesi?”. POLITICA   CINEMA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

High tech e green, ecco come sarà l’arena del Colosseo
Vince Milan ingegneria. Franceschini, passo avanti per tutela
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 maggio 2021
11:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Milan Ingegneria si è aggiudicato il bando di gara lanciato da Invitalia per la ricostruzione dell’arena del Colosseo. Lo annuncia il ministro della cultura Franceschini, che assicura: “è un progetto ambizioso che aiuterà la conservazione e la tutela delle strutture archeologiche recuperando l’immagine originale del Colosseo e restituendogli anche la sua natura di complessa macchina scenica”.
La struttura, sottolineano i progettisti, sarà “estremamente leggera, hig tech e sostenibile”, oltreché “completamente reversibile”. Il progetto vincitore è stato scelto da una commissione aggiudicatrice sorteggiata da Invitalia e composta da Salvatore Acampora, Alessandro Viscogliosi, Stefano Pampanin, Michel Gras e Giuseppe Scarpelli ed è stato redatto in base alle indicazioni degli esperti del Parco Archeologico del Colosseo guidato da Alfonsina Russo. Milan Ingegneria è una società specializzata che ha all’attivo oltre mille progetti in tutto il mondo, a partire dal restauro conservativo della basilica palladiana di Vicenza, e collaborazioni con grandi nomi dell’architettura, da Renzo Piano a Mario Cucinella, da Michele De Lucchi a Rem Koolhas, Arata Isozaki. La nuova arena , sottolineanoi progettisti, sarà impostata alla quota del piano Flavio . Le travi saranno poggiate sulle strutture murarie senza ancoraggi meccanici. Sarà realizzata con una serie pannelli mobili dall’alto contenuto tecnologico in fibra di carbonio rivestita in legno di Accoya. Sarà anche sostenibile perchè per realizzarla “non saranno abbattute essenze pregiate”. Il movimento dei pannelli permetterà l’apertura delle strutture ipogee, garantendone la ventilazione e l’illuminazione. 24 unità di ventilazione controlleranno l’umidità e la temperatura dei sotterranei e in 30 minuti si potrà garantire il ricambio completo dell’aria. Il piano proteggerà le strutture sottostanti dagli agenti atmosferici, riducendo il carico idrico con un sistema di raccolta e recupero dell’acqua piovana che alimenterà i bagni del monumento.
Ora il progetto esecutivo e la gara per individuare l’impresa costruttrice. La nuova arena potrebbe vedere la luce entro il 2022.   SPETTACOLI MUSICA E CULTURA   TECNOLOGIA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Fedez: Chiara Ferragni, sono super fiera
Storia su Instagram dell’imprenditrice digitale e moglie del rapper
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 maggio 2021
11:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
”Devo dire che sono super fiera di Fedez, non potrei essere più fiera di così”. A dirlo in una storia su Instagram è Chiara Ferragni, imprenditrice digitale e moglie di Fedez.
”Avere il coraggio di andare contro tutto e contro tutti per dire quello che si pensa non è cosa da poco”, dice ancora Ferragni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Figliuolo: ‘Dopo gli over 65 si può aprire a tutte le categorie’
Dobbiamo premere sulle classi over 60, media ancora bassa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 maggio 2021
16:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Dobbiamo premere sulle classi over 60 – per le quali la media di somministrazioni è ancora bassa – e il piano va seguito in maniera ordinata e coerente. Quando avremo messo in sicurezza gli over 65 si può aprire a tutte le classi di età.
Si vada a vaccinare poi classi produttive, penso al settore alberghiero”. Cosi il commissario per l’emergenza, Francesco Figliuolo, alla sua visita nell’hub di Porta di Roma.
“Fare la vaccinazioni nelle scuole ai ragazzi? Ci stiamo pensando, come si faceva una volta negli anni ’70”, ha aggiunto Figliuolo
“Concentriamoci nel mantenere la quota dell’utilizzo del 90% di dosi a disposizione. Non c’è una dose che venga sprecata”, afferma il capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio, durante la visita all’hub. Concetto che è stato ribadito anche dal Commissario per l’Emergenza Covid.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Saluti romani per commemorazione Mussolini al lago di Como
Cerimonie a Dongo e a Giulino di Mezzegra, Anpi protesta
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
COMO
02 maggio 2021
13:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da una parte della piazza una settantina di nostalgici fascisti in abbigliamento nero, dall’altra alcune centinaia di manifestanti dell’Anpi e dei sindacati. Si è svolta così, tra saluti romani da una parte, “Bella ciao” e slogan dall’altra questa mattina in piazza Paracchini a Dongo, la commemorazione dei gerarchi fascisti fucilati il 28 aprile del 1945, una cerimonia organizzata dall’associazione Mario Nicollini di Como, autorizzata da Questura e Prefettura e contro la quale si sono alzate molte voci da parte dell’Anpi, dei sindacati e di politici di sinistra.

Al di là del clima piuttosto, teso, tuttavia, non ci sono stati incidenti. Più tardi, a Giulino di Mezzegra, più di cento nostalgici hanno invece ricordato Benito Mussolini e Claretta Petacci nel luogo in cui la storiografia ufficiale colloca la loro fucilazione: il cancello di Villa Belmonte.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, un centinaio di no mask violano coprifuoco a Pesaro
Una denuncia, in 50 identificati da Ps e Cc riceveranno multa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PESARO
02 maggio 2021
13:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oltre cento persone no mask hanno violato ieri sera il coprifuoco anti covid dalle 22 nella zona mare di Pesaro. Si sono ritrovati per dire no al rientro in casa a causa del coprifuoco, affermando il diritto a rimanere fuori.

Sul posto sono intervenuti polizia e carabinieri che hanno seguito la ‘manifestazione’ filmando i presenti e prendendo il nominativo di una cinquantina di loro. Il gruppo si è anche incamminato in alcune vie vicine a piazzale della Libertà, dove c’è la Palla di Pomodoro per poi riconcentrarsi nel piazzale.
Molti provenivano da fuori provincia. La Digos ha annunciato che invierà a tutti la sanzione di 400 euro. Un 25enne è stato denunciato a piede libero per resistenza a pubblico ufficiale.
Non c’erano sigle politiche o gruppi organizzati tra le fila dei contestatori. Li univa soprattutto la mancanza di mascherina e di distanziamento. Intorno a mezzanotte la manifestazione si è sciolta.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: controlli 1 maggio, 2mila sanzioni, 177 denunce
Bilancio di ieri, anche 43 multe a titolari attività commerciali
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 maggio 2021
13:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono state 93.096 le persone controllate il primo maggio dalle forze dell’ordine: 1.965 sono state sanzionate, quasi il doppio del giorno prima e 177 denunciate (il 30 aprile erano state 30). E’ quanto rende noto il Viminale.

Le verifiche anti covid hanno riguardato anche 12.960 attività ed esercizi commerciali: 90 titolari sono stati sanzionati, 39 le chiusure.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Fvg, 24 positivi su 2.979 tamponi e test; 3 decessi
Ricoveri terapie intensive 34, in altri reparti 217
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
02 maggio 2021
15:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oggi in Fvg su 2.280 tamponi molecolari sono stati rilevati 23 nuovi contagi con una percentuale di positività dell’1,01%. Sono inoltre 699 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali è stato rilevato un caso (0,14%).
I decessi registrati sono 3, i ricoveri nelle terapie intensive sono 34 mentre quelli in altri reparti risultano essere 217. Lo comunica il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi.
I decessi complessivamente ammontano a 3.714, con la seguente suddivisione territoriale: 792 a Trieste, 1.972 a Udine, 663 a Pordenone e 287 a Gorizia. I totalmente guariti sono 88.961, i clinicamente guariti 5.455, mentre quelli in isolamento oggi scendono a 7.022.
Dall’inizio della pandemia in Fvg sono risultate positive complessivamente 105.403 persone con la seguente suddivisione territoriale: 20.691 a Trieste, 50.220 a Udine, 20.528 a Pordenone, 12.789 a Gorizia e 1.175 da fuori regione.
Nel dettaglio dei dati odierni sul Covid-19 in Fvg, nel settore delle residenze per anziani non sono stati rilevati casi di positività né tra le persone ospitate nelle strutture regionali né tra gli operatori chi vi lavorano. Sul fronte del Sistema sanitario regionale, nell’Azienda sanitaria Friuli Occidentale si registra la positività al virus di un medico.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Giornata della libertà di stampa: il Movimento Mezzopieno la celebra con l’informazione costruttiva
Approfondimenti e confronti attorno ai modelli e agli strumenti costruttivi messi in campo dal mondo dalle redazioni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 maggio 2021
18:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il 3 maggio si celebra in tutto il mondo la Giornata Internazionale della Libertà di Stampa, un’occasione per riflettere sull’importanza dei principi in difesa della libertà di parola e di informazione, del pluralismo e dell’indipendenza dei media.
Questi diritti sanciti dalla Costituzione Italiana e dalle principali democrazie di tutto il mondo, assumono un significato di particolare valore sociale e attribuiscono ai media un ruolo estremamente importante nella formazione dell’opinione pubblica, nella creazione della percezione della realtà e sulla qualità della vita dei lettori e della società intera.
In occasione della giornata mondiale per la libertà di stampa, il Movimento Mezzopieno, insieme a oltre 60 enti promotori, aderenti e patrocini, lancia la Giornata nazionale dell’informazione costruttiva per coinvolgere giornalisti di tutta Italia, redazioni e i media nazionali a diversi livelli in un momento di azione e sensibilizzazione sul giornalismo e sull’informazione a servizio della società. Il 3 maggio, i professionisti dell’informazione sono invitati a pubblicare e dare risalto a notizie, approfondimenti, reportage e storie costruttive, cioè che, come prevede la stessa deontologia della professione, siano scritte in modo incondizionato da sensazionalismi, polemiche, fake news e che sappiano aiutare il lettore a comprendere la realtà e portare consapevolezza e fiducia nel mondo e negli esseri umani.
La Giornata è realizzata a livello nazionale e locale su quotidiani, periodici, radio, televisioni e social network, sulla carta stampata e on-line ed è aperta a tutti i giornalisti e ai professionisti dell’informazione e della comunicazione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ideata dal movimento Mezzopieno e da un gruppo di media promotori, la Giornata proporrà approfondimenti e confronti attorno ai modelli e agli strumenti costruttivi messi in campo dal mondo dell’informazione e vedrà coinvolti 40 partecipanti in un evento pubblico online, lunedì 3 maggio, dalle 10 alle 16, sulla pagina Facebook del Movimento Mezzopieno.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 9.148 nuovi casi e 144 morti in 24 ore
Dato giornaliero vittime è il più basso da 7 mesi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 maggio 2021
18:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 9.148 i positivi al test del coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 12.965.
Sono invece 144 le vittime in un giorno (ieri 226). E’ il dato più basso di decessi per Covid negli ultimi 7 mesi: l’ultimo dato analogo era stato registrato il 26 ottobre 2020, quando il bollettino ufficiale indicava la cifra di 141 morti a causa della pandemia.
In totale i casi dall’inizio dell’epidemia sono 4.044.762, i morti 121.177. Gli attualmente positivi sono invece 430.906 (364 in più rispetto a ieri, aumento che non si verificava dal 5 aprile), i guariti e dimessi 3.492.679 (+8.637).
Sono 156.872 i tamponi molecolari e antigenici. Ieri i test erano stati 378.202. Il tasso di positività sale al 5,8% (ieri era al 3,4%).
Infine, risalgono, anche se di pochissimo, i pazienti ricoverati terapia intensiva per il Covid in Italia: sono 2.524, in aumento di due unità rispetto a ieri nel saldo quotidiano tra entrate e uscite, mentre gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono stati 109 (ieri 143). Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 18.345 persone, in calo di 36 rispetto a ieri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nuova bufera sul Csm, Palamara ‘per ora sono solo spettatore’
Vicenda dimostra che sul suo caso c’è “mistificazione dei fatti”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
02 maggio 2021
18:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“In questo momento preferisco essere spettatore, almeno in questi primi giorni”: così l’ex pm romano Luca Palamara, intervenendo a Radio Radicale alla trasmissione dibattito sulla giustizia in occasione dei 91 anni di Marco Pannnella – il leader radicale scomparso nel 2016 – ha risposto a una domanda sulla nuova bufera che agita il Csm.
Per Palamara, comunque, la vicenda dimostra come la stampa sul suo caso “più che un racconto” ha compiuto “una mistificazione dei fatti”.
L’ex pm ha detto di aver accolto l’invito dei radicali “a partecipare” alla loro Commissione giustizia per raccontare “i meccanismi delle nomine” del Csm.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cantieri autostrade: 14 km di coda tra Chiavari e Genova
Incolonnamento di 13 km tra Varazze e Genova
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
02 maggio 2021
19:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pomeriggio di grande disagio per gli automobilisti, incolonnati sulle autostrade liguri a causa dei cantieri. In A10, la Genova – Ventimiglia, ci sono 13 km di coda tra Varazze e il capoluogo.
E la situazione peggiora in A12, la Genova – Rosignano, dove l’incolonnamento verso il capoluogo ha raggiunto i 14 km.
E’ l’effetto dei due giorni di festa coincisi con le riaperture dopo le limitazioni anticovid. In molti, nonostante il meteo incerto, hanno deciso di spostarsi nelle riviere di Ponente e di Levante della regione creando al momento del rientro lunghe file, causate dai lavori in corso. A segnalare lo stato del traffico è il sito di Autostrade. Secondo la polizia stradale serviranno diverse ore per il ritorno alla normalità del traffico.
Ieri il presidente della Liguria Giovanni Toti, a fronte di un’altra giornata difficile per le autostrade, aveva fatto sapere di aver detto ai concessionari di togliere i cantieri nel week end, a partire dalla prossima settima, là dove è possibile.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Donna trovata morta in un cassonetto a Bologna
Il corpo del fidanzato impiccato in casa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
02 maggio 2021
20:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il corpo di una donna di 31 anni è stato trovato in un cassonetto di viale Togliatti, alla prima periferia di Bologna. Quello del suo fidanzato, poco dopo, impiccato nel suo appartamento.

La giovane, camerunense, non era rientrata a casa dopo una serata passata fuori. Le coinquiline hanno dato l’allarme, poi c’è stato il ritrovamento. I poliziotti sono andati a casa del fidanzato, anch’egli del Camerun, 43 anni, trovandolo impiccato.
Sono in corso le indagini della squadra mobile per ricostruire i fatti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: da oggi almeno 7,7 milioni di alunni in classe, il 90%
Stime di Tuttoscuola. Inizia l’ultimo mese di scuola
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 maggio 2021
07:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con la sola Valle d’Aosta in zona rossa e con gli istituti superiori che hanno la responsabilità di organizzare in autonomia le attività in presenza dal 70% al 100% dei loro studenti, inizia da oggi l’ultimo mese di scuola. In base alla capienza delle scuole e al “colore” della regione, il numero di alunni in presenza per tutti gli ordini sarà compreso in una “forbice” tra 7,7 e 8,5 milioni.
In particolare, da oggi, il numero degli alunni in classe potrebbe oscillare complessivamente – secondo le stime di Tuttoscuola – tra 7.667.374 e 8.505.440, cioè tra il 90% e quasi il 100% dell’intera popolazione scolastica delle scuole statali e paritarie. La variabilità riguarda solamente le superiori e dipenderà dalle capienze delle aule e dall’eventuale utilizzo anche di spazi esterni favorito dalla stagione primaverile di questo scorcio conclusivo dell’anno scolastico.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini anche nelle scuole. Dopo over65 campagna di massa
Altre classi età a fine maggio. Decessi mai così bassi da 7 mesi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 maggio 2021
11:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Entro fine maggio si potrebbero fare le vaccinazioni a tutte le classi di età sotto i 65 anni, ovvero la campagna di massa e quella nelle aziende. L’obiettivo del commissario per l’emergenza, Francesco Figliuolo – fermo restando l’arrivo delle dosi previste – è quello di arrivare “al prossimo step, che sarà sulle classi produttive, perché questo sarà un mese di transizione.
Dopo pensiamo all’estate”. E nel frattempo si lavora al piano di immunizzazione degli studenti, con allo studio l’ipotesi del vaccino anti-Covid a scuola come tanti anni fa, quando però allora si somministravano dosi contro il vaiolo.
In queste ore, invece, l’effetto delle inoculazioni contro il coronavirus comincia ad emergere visibilmente sul bollettino: per il quarto giorno consecutivo il numero delle vittime giornaliere è sotto il dato delle 300 e nelle ultime 24 ore è stata registrata la cifra più bassa di decessi per Covid degli ultimi sette mesi, 144 vittime.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’ultimo dato simile era stato registrato il 26 ottobre 2020, quando la cifra era di 141 morti a causa della pandemia.
E’ per questo che il generale, nella visita all’hub di Porta di Roma – insiste nei confronti del Lazio (un po’ sotto il target dei 50mila giornalieri negli ultimi giorni) e come regola per tutto il Paese: “dobbiamo premere sulle classi over 60, per le quali la media di somministrazioni è ancora bassa, e il piano va seguito in maniera ordinata e coerente. Quando avremo messo in sicurezza gli over 65 si può aprire a tutte le classi di età.
Si vada a vaccinare poi classi produttive, penso ad esempio al settore alberghiero”. Ma l’assessore alla Salute, Alessio D’Amato, anticipa che “in settimana nella regione si scenderà a ritroso sul target anagrafico, arrivando ai 57/56 e così via”.
In attesa dell’arrivo di oltre due milioni e 100mila dosi di Pfizer tra il 5 e il 7 maggio, in tutta Italia è stato raggiunto – e superato – per il secondo giorno consecutivo l’obiettivo delle 500mila inoculazioni quotidiane. L’importante è anche “concentrarsi nel mantenere la quota dell’utilizzo del 90% di dosi a disposizione”, spiega il capo della Protezione Civile, Fabrizio Curcio. Il valore della media delle somministrazioni – riflette in un’analisi il matematico Giovanni Sebastiani – comunque al momento è di 395mila dosi: questo significa che “per raggiungere l’obiettivo di almeno 15 milioni di dosi nel mese di maggio è necessario accelerare ancora”.
Ad aumentare la media, ma solo nei prossimi mesi e probabilmente in seguito all’approvazione di Pfizer o altri sieri per gli under 16, potrebbero essere anche le vaccinazioni nelle scuole ai ragazzi. “Ci stiamo pensando – ammette Figliuolo – funzionerebbe così come si faceva una volta negli anni Settanta”.
Prima, però, ci sono le vacanze e i turisti: Procida, in Campania, si dice pronta ad accoglierli. Nell’isola, ormai (quasi) Covid-free, è stata terminata la vaccinazione dei suoi circa 10mila abitanti, per i quali l’adesione ha raggiunto quasi il 90% della popolazione. Prova a correre anche Napoli, dove è stato inaugurato un centro vaccinale a Capodichino, vicino all’aeroporto, in un hangar messo a disposizione dall’azienda degli aerotrasporti Atitech, dove per la prima giornata c’erano 2mila convocati della categoria 50-59 anni, ma il centro – spiegano – è pensato anche per arrivare fino ad 8mila shot al giorno.
Nuovi numeri anche per le tabelle dei contagi delle ultime 24 ore, in parte condizionati anche dal flusso più lento di informazioni dovuto al week end del primo maggio: sono 9.148 i malati in un giorno, ma il tasso sale dal 3,4% al 5,8%. Gli attualmente positivi sono invece 430.906 (364 in più, aumento che non si verificava dal 5 aprile), il numero totale dei guariti è invece quasi a tre milioni e mezzo. A fronte di queste cifre, gran parte dell’Italia è in zona gialla. L’unica regione che entra in zona rossa in queste ore è la Valle d’Aosta mentre la Sardegna, che diventa arancione, si aggiunge allo stesso colore di Basilicata, Calabria, Puglia e Sicilia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Ndrangheta:estorsione, corruzione e voto scambio,17 arresti
Operazione dei carabinieri coordinata dalla Dda nel Lametino
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
03 maggio 2021
08:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ in corso dalla prime ore di oggi un’operazione dei carabinieri nei comuni di Lamezia Terme, Nocera Terinese, Falerna e Conflenti, in provincia di Catanzaro, e nelle città di Aosta, Arezzo e Cosenza, per l’esecuzione a un’ordinanza di misura cautelare emessa dal gip del Tribunale di Catanzaro, su richiesta della Dda du Catanzaro, nei confronti di 19 soggetti, ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione di tipo mafioso, concorso esterno in associazione mafiosa, scambio elettorale politico-mafioso, corruzione, estorsione, intestazione fittizia di beni, rivelazione di segreti d’ufficio e turbativa d’asta. Sette le persone finite in carcere, dieci ai domiciliari e due raggiunte da misure interdittive del divieto di contrattare con la pubblica amministrazione e di rivestire uffici direttivi delle persone giuridiche.

Le indagini sono state avviate a seguito della presentazione, da parte di imprenditori lametini di denunce relative a estorsioni poste in essere da appartenenti alla cosca “Bagalà”, operante sulla zona costiera compresa tra i comuni di Nocera Terinese e Falerna. Gli accertamenti hanno consentito di delineare gli assetti della cosca capeggiata da Carmelo Bagalà, già attiva fin dagli anni ’80, evidenziando la presenza egemone sul territorio del predetto sodalizio, manifestata attraverso la commissione di delitti, aggravati dal metodo mafioso, finalizzati alla gestione diretta o indiretta delle attività economiche, con particolare riferimento alle imprese attive nel settore turistico-alberghiero. Emersi rapporti illeciti tra la cosca ed alcuni esponenti delle amministrazioni comunali di Falerna e Nocera Terinese, con capacità di influenza su processi decisionali, amministrativi ed elettivi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Cagliari regala maglia a bimba che fa la Dad fra le capre
La storia in un alpeggio della val di Sole
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRENTO
03 maggio 2021
09:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Cagliari Calcio ha regalato la maglia personalizzata della squadra alla bambina che fa la Dad fra le capre in un alpeggio della val di Sole.
Della storia di Fiammetta, la bambina che ha seguito le lezioni a distanza dai monti della val di Sole mentre il suo papà portava al pascolo il gregge, hanno parlato numerosi media in tutto il mondo.

Il Cagliari Calcio, che nella valle trentina è stato diverse volte in ritiro estivo, ha voluto che la ragazzina diventasse, da dodicesima in campo, “simbolo di resistenza e resilienza: un esempio per quanti, nel periodo così difficile della pandemia, sanno adattarsi alle circostanze e guardare con positività il futuro. Proprio come il Cagliari Calcio, che nella sua lunga storia ha attraversato alterne vicende, sempre però mantenendo saldo il piacere del gioco e lo spirito di squadra”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lite in affittacamere a Roma, 60enne uccide coinquilino
Uomo ha colpito connazionale con sedia e altri oggetti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
03 maggio 2021
10:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ sfociata in omicidio una lite fra due uomini che condividevano una stanza in un affittacamere alla periferia di Roma.
E’ accaduto ieri sera in via dei Frassini, in zona Cinecittà.
Al loro arrivo, i carabinieri del nucleo Radiomobile, allertati da alcuni cittadini, hanno trovato un 60enne romeno esanime a terra. I militari hanno subito bloccato il coinquilino, un connazionale coetaneo. La vittima è deceduta qualche ora dopo in ospedale. A quanto ricostruito, durante una lite nata per motivi banali forse anche a causa del consumo di alcolici, l’arrestato avrebbe colpito il coinquilino con una sedia e altrioggetti. Sul posto per i rilievi i carabinieri della VII Sezione del Nucleo investigativo che hanno posto sotto sequestro la stanza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Ndrangheta:beni per 20 mln confiscati a imprenditore
Ritenuto da Dda in rapporto stretta vicinanza con cosche reggine
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
REGGIO CALABRIA
03 maggio 2021
10:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Beni mobili e immobili per oltre 20 milioni di euro sono stati confiscati all’imprenditore reggino Emilio Angelo Frascati ritenuto in rapporti di stretta vicinanza con la ‘ndrangheta dalla Dda guidata dal procuratore Giovanni Bombardieri. La Direzione investigativa antimafia ha eseguito il provvedimento di confisca di beni emesso dal Tribunale di Reggio Calabria nei confronti dell’imprenditore sessantaquattrenne molto noto nel settore della grande distribuzione alimentare e del commercio di autovetture.

I beni erano stati sequestrati nel febbraio 2019. Oggi il Tribunale ha riconosciuto nei confronti di Frascati una pericolosità sociale fondata principalmente sulle risultanze dell’operazione “Fata Morgana”, poi confluita nel processo “Gotha”. L’inchiesta, coordinata dal pm Stefano Musolino, aveva portato nel 2016 all’arresto dell’imprenditore accusato di avere fatto parte della cosca Libri ponendosi, all’esito della guerra di mafia, quale espressione della ‘ndrangheta nel settore della grande distribuzione alimentare e, più in generale, dell’imprenditoria di settore.
Frascati è stato condannato, in primo grado a 13 anni e 4 mesi di reclusione per associazione di tipo mafioso e turbata libertà degli incanti, aggravata dal metodo mafioso. In appello, nel gennaio scorso, la condanna è stata ridotta a 8 anni di carcere.
Numerosi collaboratori di giustizia lo hanno indicato quale imprenditore espressione della ‘ndrangheta reggina, nella sua componente più alta e rappresentativa, costituita dalla famiglia De Stefano oltre che di quella dei Libri.
Tra i beni confiscati ci sono 8 aziende nei settori della grande distribuzione alimentare, del commercio automezzi, delle costruzioni ed immobiliare. Per quattro imprese è stata disposta la confisca dell’intero capitale sociale e del patrimonio aziendale, per le altre quattro la confisca delle quote riconducibili al Frascati. Sono stati confiscati anche 20 immobili e rapporti finanziari. Il tribunale ha disposto nei confronti di Frascati la sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno per la durata di 3 anni e 6 mesi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ruba offerte da chiese, parroco lo aiuta a trovare lavoro
Aiutato da cc Caorle, doveva sostenere la famiglia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
03 maggio 2021
10:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ruba in chiesa per mancanza di lavoro e una famiglia da mantenere, ma lo stesso parroco e i Carabinieri, che lo avevano arrestato, lo hanno aiutato a trovare un lavoro. E’ successo a Caorle, località del litorale veneziano.
Lo riportano oggi i quotidiani locali.
Il giovane padre di famiglia, 23 anni, si era reso responsabile di 14 furti di denaro dalle cassettine delle offerte nello storico santuario della Madonna dell’Angelo, nel Duomo e nella chiesetta di Santo Stefano, per un totale di circa un migliaio di euro. I carabinieri visionando i filmati del sistema di sorveglianza dei tre luoghi di culto, hanno scoperto che a rubare era sempre la stessa persona, quindi sono risaliti alla sua identità. L’uomo è stato infine bloccato all’uscita di una chiesa con circa 100 euro e l’attrezzatura per il furto, un nastro biadesivo che era stato inserito nelle fessure delle cassettine per sfilare le banconote.
Arrestato per furto aggravato, il 23enne ha addotto come motivo dei furti la necessità di mantenere la famiglia. Con l’aiuto del parroco di Caorle, don Danilo Barlese, che aveva sporto denuncia per i furti, è stato aiutato a trovare un impiego attraverso il Comune, in uno dei ristoranti del centro turistico.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Zingaretti, nessun caso di variante indiana tra Sikh
“Anche a Sabaudia sistema tracciamento ha funzionato”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
03 maggio 2021
11:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ad oggi non ci sono casi di variante indiana” nella comunità Sikh del Lazio e, in ogni caso, “sta andando avanti la campagna di tracciamento perché andiamo avanti nella ricerca di questa variante”. Lo ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ospite della trasmissione “Uno Mattina” di Rai 1.
“Anche Latina conferma che c’è un ottimo sistema tracciamento – ha aggiunto Zingaretti – Siamo la regione che ha avuto la zona gialla più lunga d’Italia anche per un sistema tracciamento che ha funzionato. L’allarme in una frazione di Sabaudia conferma che mentre si fanno i vaccini continua il tracciamento territoriale. E appena ci si accorge di un problema scattano le misure. Nel caso di questa comunità, quello che sta funzionando molto è la collaborazione con prefettura, forze dell’ordine, il sistema sanitario ma anche con la comunità indiana”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Zingaretti, seconda dose al 90% degli over ottanta
“In settimana confidiamo di aprire a 57-56enni”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 maggio 2021
11:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il dato più importante sono i due milioni di vaccinazioni. Siamo praticamente alla chiusura degli over 80 sia per la prima dose e sopra il 90% con la seconda dose.
Molto alta anche la percentuale degli over 70”. Così il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, intervenendo alla trasmissione “Uno Mattina”. “E questo è a mio giudizio il raggiungimento del primo grande obiettivo: mettere al più presto in sicurezza chi aveva molto più di altri il rischio di morire – ha aggiunto -. Confido in questa settimana di poter aprire la vaccinazione ai nati nel 1964/65 perché la massa di coloro che è sopra ha avuto esito positivo. E questo salva le vite, che è la cosa più importante”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Processo morte Astori, ultima udienza a Firenze
Presente in tribunale Francesca Fioretti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
03 maggio 2021
11:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ultima udienza oggi a Firenze del processo per la morte di Davide Astori, il capitano della Fiorentina trovato senza vita la mattina del 4 marzo 2018 nella sua camera di albergo a Udine, dove era in ritiro con la squadra. Unico imputato, per il reato di omicidio colposo, il professor Giorgio Galanti.
Stamani, dopo le eventuali repliche da parte dell’accusa e delle parti, il gup Angelo Antonio Pezzuti si ritirerà in camera di consiglio per le sentenza.
Presente al processo Francesca Fioretti, compagna del calciatore.
Galanti è finito a processo per due certificati di idoneità rilasciati al giocatore quando era direttore sanitario di medicina dello sport dell’Azienda ospedaliero universitaria di Careggi (Firenze). Astori morì per un’aritmia ventricolare maligna, provocata da una grave patologia cardiaca mai diagnosticata. In base alle perizia disposta dal gup, il decesso non avrebbe potuto essere evitato: secondo i periti la notte in cui il capitano viola si sentì male, mentre dormiva, l’unica possibilità per salvarlo sarebbe stata quella che gli fosse stato installato in precedenza un defibrillatore. Eventualità quest’ultima impensabile in assenza di una diagnosi. Diverse le conclusioni delle relazioni dei consulenti della procura e della parti civili. Secondo l’accusa, che ha chiesto per il medico una condanna a 1 anno e 6 mesi, se Astori fosse stato sottoposto a esami più approfonditi, come avrebbero suggerito aritmie rilevate in controlli di routine, sarebbe stato possibile salvargli la vita.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Istat, 746 mila decessi nel 2020, +18% rispetto al 2019
Residenti -384 mila, nascite ancora in calo, -30% in 12 anni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 maggio 2021
11:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel 2020 i decessi totali in Italia sono stati 746 mila, il 18% in più di quelli rilevati nel 2019.
Lo rivela l’Istat nel suo report sugli indicatori demografici.
A influire, ovviamente, anche il Covid che ha avuto effetti su tutte le componenti del ricambio demografico, facendo registrare una “dinamica naturale (nascite-decessi)” negativa nella misura di 342mila unità. Al 1° gennaio 2021 i residenti in Italia ammontano a 59 milioni e 259 mila, -384 mila rispetto all’anno precedente. Con l’eccezione del Trentino-Alto Adige, dove la popolazione è aumentata dello 0,4 per mille, tutte le regioni sono interessate da un decremento demografico. La speranza di vita alla nascita, senza distinzione di genere, scende a 82 anni, 1,2 anni sotto il livello del 2019. Per osservare un valore analogo occorre risalire al 2012. Gli uomini sono più penalizzati: la loro speranza di vita alla nascita scende a 79,7 anni, ossia 1,4 anni in meno dell’anno precedente, mentre per le donne si attesta a 84,4 anni, un anno di sopravvivenza in meno. A 65 anni la speranza di vita scende a 19,9 anni (18,2 per gli uomini, 21,6 per le donne). Ancora in calo anche la natalità. Negli ultimi 12 anni si è passati da un picco relativo di 577 mila nati agli attuali 404 mila, il 30% in meno.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Zingaretti, nessun caso di variante indiana tra Sikh
A Sabaudia.”Sistema tracciamento ha funzionato”
(2)
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 maggio 2021
11:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ad oggi non ci sono casi di variante indiana” nella comunità Sikh del Lazio e, in ogni caso, “sta andando avanti la campagna di tracciamento perché andiamo avanti nella ricerca di questa variante”. Lo ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ospite della trasmissione “Uno Mattina” di Rai 1.
“Anche Latina conferma che c’è un ottimo sistema tracciamento – ha aggiunto Zingaretti – Siamo la regione che ha avuto la zona gialla più lunga d’Italia anche per un sistema tracciamento che ha funzionato.
L’allarme in una frazione di Sabaudia conferma che mentre si fanno i vaccini continua il tracciamento territoriale. E appena ci si accorge di un problema scattano le misure. Nel caso di questa comunità, quello che sta funzionando molto è la collaborazione con prefettura, forze dell’ordine, il sistema sanitario ma anche con la comunità indiana”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Davide Astori: condannato il medico sportivo
A Galanti un anno per omicidio colposo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
03 maggio 2021
12:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il professor Giorgio Galanti è stato condannato a un anno di reclusione, pena sospesa, nel processo con rito abbreviato per la morte del calciatore della Fiorentina Davide Astori, trovato senza vita la mattina del 4 marzo 2018 nella sua camera di albergo a Udine mentre era con la squadra. Galanti, unico imputato, era accusato di omicidio colposo per due certificati di idoneità rilasciati al giocatore quando era direttore sanitario di Medicina dello sport dell’Azienda ospedaliero universitaria di Careggi.
Il professor Galanti è stato anche condannato al pagamento di una provvisionale per il risarcimento danni per un ammontare complessivo di un milione e novantamila euro di cui 250.000 a favore della compagna del calciatore Francesca Fioretti, 240.000 per la figlia vittoria, i restanti 600.000 per i genitori del capitano viola, Renato e Giovanna, e per i fratelli Marco e Bruno. La motivazione della sentenza entro 90 giorni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
DIfesa medico:sono stupito, da carte nessuna responsabilita’ – ‘Sono stupito, aspettiamo le motivazioni e poi impugneremo la sentenza’.
Cosi’ il difensore del professor Giorgio Galanti, avvocato Sigfrido Fenyes, commentando la sentenza di condanna a un anno di reclusione inflitta al medico sportivo per la morte del calciatore Davide Astori. ‘Dalle carte processuali – ha proseguito Fenyes – secondo me la responsabilita’ di Galanti non emergeva, e neppure dagli esiti della perizia’.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La compagna, spero sentenza serva a salvare vite – “Sono molto felice e orgogliosa che finalmente sia stata fatta giustizia a Davide, anche se sono molto dispiaciuta perchè a oggi lui poteva essere qui con noi. Spero vivamente che questa sentenza possa servire in futuro a salvare anche una sola vita umana”. Lo ha detto Francesca Fioretti, compagna di Davide Astori, presente in tribunale a Firenze per il processo conclusosi con la condanna del professor Giorgio Galanti, accusato di omicidio colposo del capitano viola.
Legale fratello, fatta giustizia ma resta dolore – “E’ stata ristabilita la giustizia, ma il dolore è tanto perché se non ci fossero stati quegli errori Davide avrebbe potuto essere ancora qua”. Così l’avvocato Alessandro Zonca, legale di Marco Astori, fratello di Davide, commentando la sentenza con la quale il gup di Firenze ha condannato il professor Giorgio Galanti a un anno di reclusione con l’accusa di omicidio colposo per la morte del capitano della Fiorentina. “Si tratta – ha aggiunto Zonca – di una sentenza importante, perché il giudice ha disatteso le conclusioni dei suoi periti”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:positivo tenta di imbarcarsi su volo,denunciato medico
Quarantacinquenne bloccato da Polaria a Lamezia Terme
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
LAMEZIA TERME
03 maggio 2021
12:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Risultato positivo al Covid 19 ha tentato di imbarcarsi su un volo diretto a Milano. Un medico di 45 anni, A.S., originario della provincia di Reggio Calabria ma residente a Milano, è stato denunciato dagli agenti della Polizia di Frontiera Aerea dell’Aeroporto di Lamezia Terme per aver violato le norme sanitarie in materia di pandemia e per aver fornito false dichiarazioni alle pubbliche autorità.

Il medico, nel pomeriggio del 27 aprile scorso, era risultato positivo al tampone molecolare a cui si era sottoposto a Reggio Calabria, ma all’Unità di crisi, che lo aveva contattato per informarlo e raccomandargli di sottoporsi a quarantena obbligatoria, aveva dichiarato di trovarsi già a Milano dove sarebbe giunto con un volo Ryanair preso in giornata. Preso contatto con la compagnia aerea e la #Polaria dell’aeroporto di Lamezia Terme, il personale dell’ufficio della #Polaria ha accertato, invece, non solo che il medico non era partito nella giornata, per come aveva invece riferito, ma anche che lo stesso era in procinto di imbarcarsi sul volo Ryanair delle ore 21:30 per Milano Malpensa.
A questo punti i poliziotti hanno individuato e controllato il quarantacinquenne nelle sala delle partenze nazionali, impedendogli di imbarcarsi sul volo e diffidandolo a recarsi presso il proprio domicilio, in provincia di Reggio Calabria per osservare la quarantena sanitaria obbligatoria.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Polo acquatico Ostia diventa hub vaccinale,mille dosi/giorno
All’inaugurazione Zingaretti, Barelli, Figliuolo e Curcio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
03 maggio 2021
13:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Polo Acquatico Frecciarossa di Ostia – dove vivono, si formano e si allenano i campioni di nuoto – diventa hub vaccinale, con un potenziale di mille somministrazioni al giorno. La struttura straordinaria inaugurata oggi in presenza del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, del commissario straordinario all’emergenza, Francesco Figliuolo, del capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio, del presidente della Fin, Paolo Barelli, e altre autorità.
In accordo con Regione Lazio, Asl Roma3 e Federazione Italiana Nuoto – concessionaria del Polo Natatorio da parte di Roma Capitale – è stata individuata l’area operativa del centro federale, allestita nella zona ovest dell’impianto, con un grande ambiente coperto per accoglienza, triage, vaccinazione e osservazione, uffici per medici, paramedici e operatori e parcheggio scoperto. I locali riservati alle vaccinazioni sono del tutto separati da quelli funzionali a raduni e allenamenti degli atleti di interesse nazionale con l’accesso a piscine, palestra, foresteria, punti ristoro e riunioni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Libia: Marina italiana soccorre 7 pescherecci
Pucciarelli, ‘minacciati da arrivo gommone da costa Cirenaica’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 maggio 2021
13:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La fregata ‘Alpino’ della nostra Marina militare è intervenuta questa mattina in soccorso di 7 pescherecci italiani minacciati dall’arrivo ad alta velocità di un gommone proveniente dalla costa Cirenaica. Le imbarcazioni italiane, che svolgevano attività di pesca in acque internazionali, sono state messe in sicurezza e si dirigono verso nord, nel Mediterraneo centrale.” Lo rende noto il sottosegretario alla Difesa, Stefania Pucciarelli.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Lazio, oltre 2 milioni di somministrazioni
Zingaretti, avanti per riaprire alla vita e al lavoro
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
03 maggio 2021
14:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Alle ore 12 abbiamo superato il tetto delle 2 milioni di somministrazioni di vaccini, nel Lazio una persona su tre ha già ricevuto almeno una dose di vaccino.
Voglio ringraziare tutti i nostri operatori che stanno portando avanti con impegno e dedizione la campagna vaccinale”.
Lo dichiara l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato. “Da questa sera alla mezzanotte inoltre attiva la prenotazione online sul portale SaluteLazio per la fascia di età 57 e 56 anni (ovvero i nati nel 1964 e 1965), il Lazio corre!” aggiunge.
“Nel Lazio abbiamo superato il traguardo dei due milioni di somministrazioni di vaccino, il 90% degli over 80 prenotati ha completato anche la seconda dose, così come è molto alta la percentuale degli over 70 vaccinati”, afferma il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, su Facebook. “Abbiamo messo in sicurezza chi rischiava molto di più di morire a causa del Covid – prosegue-. Andiamo avanti per riaprire alla vita e al lavoro”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: ‘Diritto Cura’,appello a Wto e Draghi stop brevetti
‘Tragedia India riguarda tutti, punto non ritorno’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 maggio 2021
14:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oltre 390.000 casi di infezione e 3.700 morti in India nelle ultime 24 ore, 69.000 infetti in Brasile nello stesso arco di tempo. Partendo da questi drammatici dati il Comitato italiano ‘Diritto alla Cura’ chiede di sospendere temporaneamente i brevetti dei vaccini in tutto il mondo al Wto, l’Organizzazione mondiale del commercio, e per quanto riguarda il nostro Paese un intervento in tal senso del premier Mario Draghi.

“Al Wto potrebbe essere l’ultima chiamata per i popoli della Terra, un punto di non ritorno: il 5-6 maggio Draghi sostenga la proposta di moratoria dei brevetti di India e Sud Africa, che riguarda tutti, così come gli abbiamo chiesto nella lettera del 19 aprile scorso””, afferma il Comitato.
La campagna, con la petizione Ice (Iniziativa cittadini europei), si propone la raccolta di un milione di firme per “obbligare i governi europei a modificare la loro posizione sui brevetti, Nessun profitto sulla pandemia, tutti hanno diritto alla protezione da Covid-19“.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

“La sospensione temporanea dei brevetti sui vaccini è l’unica scelta da fare con urgenza- sottolinea Vittorio Agnoletto, portavoce della Campagna europea -Right2Cure #NoprofitOnPandemic – perchè solo così si può consentirne la produzione a livello mondiale in tutte le aziende che ne abbiano le tecnologie: l’aumento dei decessi in tutto il pianeta è in stretta correlazione con la mancata disponibilità dei vaccini, che le aziende titolari dei brevetti non sono in grado di assicurare, per cui bisogna urgentemente coprire il fabbisogno mondiale”. Il Comitato denuncia che “solo lo 0,2% delle dosi di vaccini è stato somministrato nei Paesi a basso reddito”.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Migranti: superati 10mila arrivi in Italia nel 2021
Il triplo rispetto al 2020. Tunisini e ivoriani i più numerosi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 maggio 2021
14:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Superata quota 10mila arrivi di migranti nel 2021 in Italia. L’aggiornamento del Viminale indica 10.107 sbarcati dall’1 gennaio fino a questa mattina; a questi vanno poi aggiunti i 455 a bordo della Sea Watch 4 diretta verso Trapani.
Il dato è il triplo di quello registrato nello stesso periodo dello scorso anno.
Lo scorso 1 maggio si sono avute ben 997 persone giunte via mare sulle coste italiane. Tunisini (1.412), ivoriani (1.237) e bengalesi (1.014) le nazionalità più rappresentate. I minori soli sbarcati sono 1.232.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Madre muore, figlio lascia corpo per 3 mesi in camera
‘Chiuso in me stesso’, ma Cc vagliano ipotesi truffa pensione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
03 maggio 2021
14:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I carabinieri hanno trovato a Falconara Marittima (Ancona) il corpo di una 78enne morta da circa tre mesi, in avanzato stato di decomposizione e ancora adagiato sul letto della propria camera. Viveva un’abitazione in via Flaminia con il figlio di 47 anni, che non avrebbe denunciato la morte dell’anziana – ma la circostanza è ancora al vaglio degli investigatori – per percepirne la pensione.
La scoperta è stata fatta il primo maggio ma la notizia è trapelata oggi. È stata la figlia della donna a dare l’allarme perché insospettita dei comportamenti del fratello. Gli chiedeva notizie sulle condizioni di salute della madre e il 47enne le rispondeva sempre che stava bene, senza però darle la possibilità di vederla. L’uomo è stato denunciato per occultamento di cadavere, ma si sta valutando anche l’ulteriore ipotesi di truffa. Agli inquirenti avrebbe detto di essersi chiuso in se stesso dopo il decesso della madre avvenuto tre mesi fa. Il pm Rosario Lioniello ha disposto l’autopsia. Un primo riscontro del medico legale sul corpo avrebbe confermato un decesso avvenuto circa 90 giorni fa, probabilmente per cause naturali e nel sonno.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un caso variante indiana tra i 23 positivi del volo da India
Spallanzani, altri 12 casi riconducibili ad altri ceppi indiani
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
03 maggio 2021
15:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dei 23 positivi al test molecolare riscontrati fra passeggeri e membri dell’equipaggio del volo proveniente dall’India, atterrato a Fiumicino il 28 aprile, una sola persona presenta tutte le mutazioni tipiche della variante “indiana”. Lo si apprende dallo Spallanzani di Roma.
“Altre 12 sono riconducibili a ceppi indiani mancanti di questa specifica mutazione” aggiunge l’istituto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Festa Inter: Sala a Salvini, gli stadi sono chiusi
E poi, come entrano ed escono 20.000 tifosi senza assembrarsi?
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
03 maggio 2021
16:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“L’ex Ministro dell’Interno, Matteo Salvini chiede: ‘Sala non poteva far entrare 20.00 tifosi in uno stadio che ne contiene 80.000?’. La risposta è no.
Innanzitutto perché gli stadi sono chiusi. E poi, come entrano ed escono 20.000 tifosi senza assembrarsi? “. Così il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha replicato al leader della Lega, Matteo Salvini, che ha polemizzato sugli assembramenti che si sono verificati ieri sera in città per i festeggiamenti dei tifosi dell’Inter dopo la vittoria dello scudetto.
Sala ha poi aggiunto al suo post sui social l’hashtag #ministropercaso, riferito a Salvini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: AstraZeneca per Fontana all’ospedale in Fiera
Governatore, somministrazione fatta in luogo simbolo pandemia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
03 maggio 2021
16:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha ricevuto oggi pomeriggio la prima dose di vaccino AstraZeneca, come previsto per gli over 60.
Alle 14.40 si è messo in fila presso il centro vaccinale allestito presso l’ospedale in Fiera a Milano, pochi minuti dopo è stato chiamato per l’accettazione e quindi via con la fase anamnestica e la somministrazione.
Dopo i canonici 15 minuti in sala osservazione, alle 15.15 il presidente ha lasciato la struttura gestita dal Policlinico. “Ho ricevuto una dose di Astrazeneca – ha detto – e non ho sentito nessun fastidio. Sono contento di essere stato vaccinato proprio qua, uno dei luoghi simbolo della lotta al Covid. Tanto è stato fatto in questo posto e quindi mi ha fatto piacere essere chiamato qui. A fine luglio avrò il richiamo. Auspico che tutti i lombardi aderiscano alla campagna vaccinale che è l’unico modo per sconfiggere il virus”.
“La Lombardia ogni giorno – ha concluso Fontana – fa oltre il 23% del totale nazionale delle somministrazioni. Abbiamo bisogno di più vaccini e auspico che l’Europa aumenti le forniture così da immunizzare il prima possibile la popolazione”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Genovese: pm Milano, vada a processo con rito immediato
‘Per violenze su 2 ragazze’. Imprenditore chiede scarcerazione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
03 maggio 2021
17:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Milano ha chiesto il processo con rito immediato per l’imprenditore del web Alberto Genovese per le presunte violenze sessuali, con cessione di droga, nei confronti di una 18enne lo scorso ottobre a Milano e di una 23enne lo scorso luglio a Ibiza. La richiesta riguarda le imputazioni per le quali l’ex mago delle start up è in carcere dal 6 novembre e per le quali ha anche ricevuto una seconda ordinanza a febbraio.
Sull’istanza dell’aggiunto Letizia Mannella e dei pm Rosaria Stagnaro e Paolo Filippini dovrà decidere il gip Tommaso Perna. Intanto, la difesa di Genovese ha presentato oggi istanza di scarcerazione al gip.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: casi al minimo da ottobre, 3,5 milioni di guariti
Meno di 6 mila positivi, ma pochissimi test e risalgono ricoveri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 maggio 2021
18:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono ancora in calo i positivi al test del coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, 5.948, secondo i dati del ministero della Salute. Dal 13 ottobre non se ne registravano così pochi: quel giorno furono 5.898.
Ieri erano stati 9.148. Sono invece le 256 vittime in un giorno (ieri 144).
Sono però solo 121.829 i tamponi molecolari e antigenici effettuati; ieri i test erano stati 156.872. Il tasso di positività è del 4,9% (ieri era al 5,8%).
I pazienti ricoverati terapia intensiva sono 2.490, in calo di 34 unità rispetto a ieri nel saldo quotidiano tra entrate e uscite, mentre gli ingressi giornalieri sono stati 121 (ieri 109). Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 18.395 persone, in aumento di 50 unità rispetto a ieri.
Con i 13.038 registrati ufficialmente nelle ultime 24 ore i guariti dal Covid-19 e dimessi in Italia superano i 3 milioni e mezzo. Sono esattamente 3.505.717.
In totale i casi dall’inizio dell’epidemia sono 4.050.708, i morti 121.433. Gli attualmente positivi sono invece 423.558 (-7.348 rispetto a ieri). In isolamento domiciliare ci sono 402.673 persone (-7.364).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
COVID: Sardegna, netto calo dei contagi (61)
Il dato più basso degli ultimi due mesi, ma ci sono 4 morti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
03 maggio 2021
18:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Primo giorno di zona arancione per la Sardegna, dopo tre settimane in rosso. E si registra un netto calo dei contagi, tornati sotto quota 100 dopo diverse settimane: nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale sono stati rilevati, infatti, solo 61 casi (per trovare un dato inferiore bisogna tornare all’1 marzo con 45) su 1.436 tamponi eseguiti, con un tasso di positività del 4,2%.

Salgono così a 54.876 i casi positivi al Covid complessivamente accertati in Sardegna dall’inizio dell’emergenza. In totale sono stati eseguiti 1.195.227 tamponi.
Si registrano anche quattro nuovi decessi (1.393 in tutto).
Sono, invece, 358 (-4) le persone attualmente ricoverate in ospedale in reparti non intensivi, 51 (+2) i pazienti in terapia intensiva.
Per quanto riguarda la campagna vaccinale, ora la Sardegna ha scorte a sufficienza per dare un’accelerata grazie agli ultimi arrivi, 62.500 dosi, consegnate dalla struttura commissariale.
Nelle ultime 24 il numero di somministrazioni è salito lievemente, toccando quota 11mila e facendo arrivare il totale della vaccinazioni a 522.067, cioè il 77,9% delle 654.090 arrivate.
Sale anche il numero dei soggetti fragili e caregiver vaccinati, 77.911, anche se non si placano le polemiche dei soggetti che rientrano in questa categoria e che non sono riusciti per vari motivi a registrarsi al portale di adesione ai vaccini o a ricevere un nuovo appuntamento dopo essere stati chiamati per l’AstraZeneca, mentre per loro è previsto il siero Pfizer o Moderna, secondo le nuove indicazioni date dalla Regione.
Nel frattempo l’Ats ha attivato una procedura semplificata per gli over 80: tutti i cittadini nati fino al 1941 potranno infatti aderire alla campagna di vaccinazione della Regione, oltre che inviando una mail a prenotazionevaccini.over80@atssardegna.it anche recandosi spontaneamente, senza prenotazione, in tutti i punti di vaccinazione territoriali della Sardegna per ricevere il vaccino.
E In Gallura, che ha visto la somministrazione complessiva di oltre 50.000 dosi, da oggi e sino a nuova comunicazione, nell’hub vaccinale di Olbia si proseguirà con la vaccinazione degli over 80 non ancora vaccinati per motivi personali o di salute.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Omicidio Vannini, la Cassazione conferma le condanne dei Ciontoli. La mamma di Marco: ‘Giustizia è fatta’
Quattordici anni per il padre Antonio, 9 anni e 4 mesi per la mogli Maria Pezzillo e i figli Martina e Federico. L’applauso della famiglia. I Ciontoli si costituiranno stasera in carcere
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 maggio 2021
19:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono definitive le condanne a 14 anni per Antonio Ciontoli, e a 9 anni e 4 mesi per la moglie Maria Pezzillo e i figli Martina e Federico, per l’omicidio di Marco Vannini, morto nella loro casa di Ladispoli nella notte tra il 17 e il 18 maggio 2015. La quinta sezione penale della Cassazione ha confermato la sentenza d’appello bis, del 30 settembre scorso, che aveva condannato Ciontoli per omicidio con dolo eventuale e il resto della famiglia per concorso anomalo.
Alla lettura della sentenze della quinta sezione della Cassazione, che ha confermato le condanne per la famiglia Ciontoli per la morte di Marco Vannini, la piccola folla di parenti e conoscenti assiepata fuori dall’aula è scoppiata in un applauso.
Il rigetto dei ricorsi degli imputati è stato accolto da urla di gioia.
“Ci siamo battuti per 6 anni, la paura c’è sempre ma ci abbiamo creduto fino alla fine. Ora giustizia è fatta”. È la prima reazione della mamma di Marco Vannini, Marina, visibilmente commossa dopo la sentenza della Cassazione.
“Sono contento che finalmente è stata fatta giustizia per Marco. Gli avevamo promesso un mazzo di fiori se fosse stata fatta giustizia e domani è la prima cosa che farò”. È il primo commento del papà di Marco Vannini, Valerio, dopo la conferma delle condanne dei Ciontoli in Cassazione.
Amici e conoscenti di Marco Vannini hanno atteso in piazza Cavour, davanti alla sede della Cassazione, la lettura della sentenza. I cartelli che hanno esposto stamattina, e che chiedevano “Giustizia per Marco” sono stati corretti in “Giustizia è fatta”. I genitori di Marco, Valerio e Marina, sono stati accolti dagli applausi.
Stasera la famiglia Ciontoli si costituirà in carcere. Lo riferisce l’avvocato Gian Domenico Caiazza, uno dei difensori, dopo le condanne definitive stabilite dalla Cassazione per l’omicidio di Marco Vannini.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
COVID: Opposizioni Fvg chiedono Commissione
Oggi 51 casi su 2.238 test, 3 decessi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
03 maggio 2021
19:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Reparti di rianimazione pieni”, “ospedali in sofferenza”, “gravi difficoltà operative denunciate dai professionisti” della sanità e “riduzione” di altre prestazioni “durante il periodo di emergenza”. Sono alcuni temi su cui le opposizioni in Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia chiedono un “approfondimento” alla maggioranza e all’Amministrazione attraverso l’istituzione di una Commissione speciale sulla gestione sanitaria dell’emergenza causata dal Covid 19.
La proposta, contenuta in una mozione, è stata presentata oggi durante un incontro online. “Con la Commissione – ha spiegato il capogruppo del Pd, Diego Moretti – chiediamo di approfondire tutta una serie di questioni su cui a oggi non abbiamo avuto risposta, audendo anche i professionisti. Non è un’iniziativa strumentale o ideologica, è l’esercizio del nostro ruolo di consiglieri. Vogliamo capirne di più e saperne di più, la maggioranza da questo punto di vista è mancata in maniera forte”.
Sul fronte sanitario, oggi in Friuli Venezia Giulia su un totale di 2.238 test sono state riscontrate 51 positività al Covid 19, pari al 2,27%. Nel dettaglio, da 1.784 tamponi molecolari sono stati rilevati 46 nuovi contagi con una percentuale di positività del 2,58%; da 454 i test rapidi antigenici invece 5 casi (1,10%). I decessi registrati sono 3; i ricoveri nelle terapie intensive scendono a 32 (-2) mentre quelli in altri reparti calano a 211 (-6). Lo comunica in una nota il vicegovernatore del Fvg con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. I decessi complessivamente ammontano a 3.717, con la seguente suddivisione territoriale: 792 a Trieste, 1.975 a Udine, 663 a Pordenone e 287 a Gorizia. I totalmente guariti sono 88.996, i clinicamente guariti 5.454, mentre le persone in isolamento sono 7.044. Dall’inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 105.454 persone con la seguente suddivisione territoriale: 20.699 a Trieste, 50.231 a Udine, 20.532 a Pordenone, 12.816 a Gorizia e 1.176 da fuori regione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da Gerini a Fiorello, gli attori si prendono la regia
Trinca, Ivone, Fogliati, Cescon e tanti altri all’esordio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 maggio 2021
17:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il numero è inconsueto, come un’onda che si propaga, un tam tam, in realtà non organizzato perché ognuno ha la sua storia, il suo percorso. Ad unire i tantissimi attori e attrici che stanno realizzando il primo film o il bis da dietro la macchina da presa è la determinazione a misurarsi con altro, a mettere a frutto le conoscenze acquisite e pensare che quella certa storia viva nel pieno della responsabilità da regia.
E’ sempre accaduto, gli esempi sono infiniti (Sergio Castellitto, Valeria Golino, Giorgio Pasotti, George Clooney, Jodie Foster, Sean Penn, Roberto Benigni, Woody Allen, Angelina Jolie e tanti altri). Ora sembra di assistere ad una nuova ondata. L’elenco dei talenti della recitazione impegnati con il film da regista è lungo: Jasmine Trinca con Marcel! con Alba Rohrwacher, Beppe Fiorello con Stranizza d’amuri, Ginevra Elkann all’opera seconda con Te l’avevo detto, Claudio Amendola con I Cassamortari (ormai navigato, è la sua terza regia), Kim Rossi Stuart con Brado (anche qui terza regia), la pluripremiata Michela Cescon con Occhi Blu con Valeria Golino, Elisabetta Pellini che firma uno degli episodi del collettivo Selfiemania con Milena Vukotic, Pilar Fogliati che prodotta da Giovanni Veronesi prepara con lui la storia di quattro trentenni. E poi ancora Eleonora Ivone con Ostaggi e infine Claudia Gerini che tra tanti progetti da interprete e produttrice prepara il debutto con Tapis Roulant. “Non so se sarà il mio futuro, so che questo film lo volevo fare a tutti i costi, credevo così tanto a questa storia da non poterla delegare ad altri”, dice Eleonora Ivone, in rampa di lancio con Ostaggi: arriva su Sky Cinema Prima Fila Premiere dal 15 maggio, dall’omonima pièce teatrale di Angelo Longoni, tra i protagonisti Gianmarco Tognazzi, Vanessa Incontrada. Anche per Claudia Gerini la molla è stata la storia: “Non sono mai stata tentata dalla regia ma sono cresciuta sui set, lavoro da quando avevo 15 anni, ho accumulato davvero tantissima esperienza, penso di essere matura per questo film molto particolare cui sto lavorando, un progetto in cui la protagonista, che sarò io stessa, vede gli altri attraverso un tablet. Così ho deciso: stavolta il salto lo faccio io”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cinema: incassi, Nomadland al top nel primo weekend in sala
Al 2/o posto Minari. Molte sale e multiplex ancora chiusi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 maggio 2021
14:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ Nomadland di Chloé Zhao a conquistare la vetta nella classifica dei film più visti in Italia, secondo i primi dati Cinetel del weekend dalla riapertura delle sale, ancora molto parziale, visto che molte sale e i principali multiplex non sono ancora ripartiti (prevedono in gran parte di riaprire da metà maggio). Il film vincitore di tre Oscar, presente nel fine settimana in 137 sale, ha incassato 429.047 euro, ottenendo anche la media più alta per sala (3122 euro).
Al secondo posto, molto distanziato, c’è Minari di Lee Isaac Chung, vincitore dell’Academy Aaward per la migliore attrice non protagonista a Yuh-Jung Youn: ha incassato con 79.385 euro (in 74 sale) Ottimo terzo posto per il ritorno in sala a 20 anni dall’uscita, del cult di Wong Kar-Wai In the mood for love (31.149 euro di incasso).
E’ quarta la dramedy Est – Dittatura Last Minute di Antonio Pisu, con Lodo Guenzi, che ha registrato 15.022 euro, mentre in quinta posizione debutta l’Orso d’oro a Berlino Sesso Sfortunato O Follie Porno di Radu Jude (10.263 in totale). Segue I predatori, opera prima di Pietro Castellitto, premiata a Venezia nella sezione Orizzonti per la migliore sceneggiatura, al sesto posto sesto con 4.631 euro incassati in 19 sale.
Settima la commedia Un divano a Tunisi (3.939 euro). E’ ottavo il film d’animazione italiano che parla di difesa dell’ambiente, Trash di Francesco Dafano e Luca Della (3.509). Al nono posto il racconto famigliare Lei mi parla ancora di Pupi Avati (2.891 euro in 15 sale) con Renato Pozzetto, tratto dal romanzo di Giuseppe Sgarbi e Lezioni di persiano di Vadim Perelman, ambientato durante l’occupazione nazista in Francia (2500 euro).
Nel complesso gli incassi, grazie principalmente a Nomadland, registrano un totale di 608.277 euro per circa 450 sale conteggiate nel weekend.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fedez, la bufera delle dichiarazioni vista dai social
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
03 maggio 2021
16:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le dichiarazioni di Fedez durante il concertone del primo maggio sono andate a toccare un tema che era risultato particolarmente controverso già nei giorni precedenti, e aveva innescato un acceso dibattito politico sul cosiddetto “ddl Zan”.
Le sue parole e le dichiarazioni di censura preventiva da parte della RAI non potevano dunque che sollevare un gran polverone.
E così è stato.
Leader politici e sindacali, media, e associazioni hanno fatto dichiarazioni sulla questione. Con la maggior parte di questi schierati a favore della posizione del cantante, e influencer, ed altri, una minoranza, invece apertamente contrari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Se questa è l’estrema sintesi di quanto avvenuto al riguardo negli ultimi due giorni, più in generale quale è stata la posizione degli italiani al riguardo?
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Complessivamente in una trentina di ore le citazioni online relative a Fedez sono state più di 487mila, da parte di oltre 37mila autori unici, i cui contenuti hanno coinvolto (like + condivisioni + commenti) 4.1 milioni di persone.
Il picco massimo di tali conversazioni si è avuto tre le 23:15 e le 23:30 del giorno della festa dei lavoratori. In un quarto d’ora più di 22mila citazioni 1.466 al minuto.
Ampissima l’amplificazione mediatica e infatti la portata potenziale di tale volume di conversazioni si attesta a 845 miliardi di impression. Portate potenziale che stimiamo ragionevolmente essere stata effettivamente, al lordo delle duplicazioni, di 42,5 miliardi di impression, di esposizioni a contenuti relativi a Fedez ed alle sue dichiarazioni.
Se si escludono le diversa testate d’informazione online, il post che ha generato maggior coinvolgimento è quello dell’ex Premier, Giuseppe Conte, che ha twittato la sua posizione al riguardo dicendo che «Io sto con #Fedez. Nessuna censura».
Tweet della mattinata di ieri che ha ottenuto il coinvolgimento, nei termini succiati, di oltre 60mila persone. Di questi più di 8 mila i soli retweet.
Se questa è già una prima indicazione del sentiment degli italiani sul tema, dalla nostra analisi emerge con chiarezza che il sostegno alle posizioni di Fedez è pressoché unanime, e oltre al favore nei confronti di una legge che regolamenti, e sanzioni, più di oggi l’omotransfobia, le accuse nei confronti della RAI, della nota lottizzazione politica dell’emittente di Stato, e della relativa censura preventiva, giudicata “scandalosa”, si sono levate a gran voce, come mostra la word cloud all’interno della nostra infografica di sintesi dei risultati.
Infine, per una volta, contrariamente a quanto avviene solitamente per tematiche politiche e sociali, è stata la voce delle donne ad alzarsi più di quella degli uomini. Tra 18 e 34 anni invece l’età di chi più di altri ha partecipato alle conversazioni online sulla questione.
Anche questo un segnale evidente di quanto il tema della discriminazione nei confronti dell’universo GLBT sia sentito dai più giovani.

La Tua opinione è importante! Vota questo articolo, grazie!
No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.