Cronaca tutte le notizie in tempo reale in continuo e costante e dettagliato aggiornamento! SEGUILE E CONDIVIDILE!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 138 minuti

Ultimo aggiornamento 16 Giugno, 2021, 16:00:16 di Maurizio Barra

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 07:06 DI LUNEDÌ 14 GIUGNO 2021

ALLE 16:00 DI MERCOLEDÌ 16 GIUGNO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Al via da mercoledì gli esami di maturità per 540mila
Si parte dalla discussione dell’elaborato, esami in presenza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 giugno 2021
07:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ultime giornate di studio per gli oltre 540 mila maturandi alle prese, da mercoledì 16 giugno alle 8,30, con gli esami di Stato che saranno in presenza. Anche quest’anno, come lo scorso anno, le Commissioni sono presiedute da un presidente esterno all’istituzione scolastica e sono composte da sei commissari interni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In particolare, le commissioni saranno 13.349, per un totale di 26.547 classi coinvolte. L’esame prevede un colloquio orale, che partirà dalla discussione di un elaborato il cui argomento è stato assegnato a ciascuna studentessa e a ciascuno studente dai Consigli di classe.
Dopo la discussione dell’elaborato, il colloquio proseguirà con la discussione di un testo già oggetto di studio nell’ambito dell’insegnamento di Lingua e letteratura italiana, con l’analisi di materiali (un testo, un documento, un’esperienza, un problema, un progetto) predisposti dalla commissione con trattazione di nodi concettuali caratterizzanti le diverse discipline. Ci sarà spazio per l’esposizione dell’esperienza svolta nei Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento. Il candidato dovrà dimostrare, nel corso del colloquio, di aver maturato le competenze e le conoscenze previste nell’ambito dell’Educazione civica. La durata indicativa del colloquio sarà di 60 minuti.
Il credito scolastico sarà attribuito fino a un massimo di 60 punti, di cui fino a 18 per la classe terza, fino a 20 per la classe quarta e fino a 22 per la classe quinta. Con l’orale verranno assegnati fino a 40 punti. La valutazione finale sarà espressa in centesimi, sarà possibile ottenere la lode.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Madame Walberg, i profumi e il suo autista
Emmanuelle Devos e Gregory Montel nella commedia in sala da 10/6
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 giugno 2021
09:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lei, Madame Walberg (Emmanuelle Devos) e’ davvero antipatica, ma ha dalla sua un ‘naso’ perfetto per ogni tipo di aroma, e lui, Guillaume Favre (Gre’ gory Montel) conducente Ncc, e’ invece buffo, popolare, impacciato, ma di buon cuore e concreto. I due, come spesso capita, per un periodo abbastanza lungo si odorano e solo alla fine si scoprono compatibili.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Questa l’anima principale de I PROFUMI DI MADAME WALBERG di Gregory Magne, commedia francese delicata e fresca in sala dal 10 giugno con Satine Film, che ripropone l’incontro-scontro, anche ovviamente un po’ di classe, tra autista e passeggero. Intanto Guillaume. È un uomo che ha appena divorziato, in trattativa per l’affido della figlia che richiede uno stipendio sicuro e una casa piu’ grande che l’uomo non possiede. Ora, nonostante l’algidita’ di Madame Walberg, capace di decrittare ogni profumo nelle sue piu’ piccole sfumature come anche di pretendere l’impossibile da Guillame, quest’ultimo diventa il suo chauffeur personale e anche qualcosa di piu’ . E questo quando, poco a poco, le fragilita’ dell’uno e dell’altro li uniranno nonostante le differenze. I due sono davvero diversi, considerando che Madame Walberg, creatrice di profumi dal raffinato talento olfattivo, spesso ha toni da diva anche per aver ideato leggendari profumi per Dior, insomma resta una maestra profumiera anche se si e’ come ritirata, chiusa in se stessa, senza piu’ fiducia nelle sue capacita’ . “Les Parfums (questo il titolo originale del film) – spiega il regista – nasce da una situazione che tutti abbiamo vissuto: ero circondato da una folla di persone e un profumo familiare ha catturato la mia attenzione. Il mio primo istinto e’ stato cercare la persona che lo indossava, guardandomi intorno con questo particolare filtro. Mi sono chiesto come potesse essere la vita di una persona con il senso dell’olfatto sviluppato e come questa abilita’ potesse influenzare le sue relazioni sociali, le sue emozioni o il suo carattere”. E ancora Gre’ gory Magne: “Tutto questo mi ha portato alla creazione di un personaggio e di una sfida per la scrittura e per la regia: catturare gli odori sullo schermo. È cosi’ che e’ nata Anne Walberg. Les Parfums narra l’incontro tra due solitudini: quella di ‘un naso’, Anne Walberg, e quella del suo autista, Guillaume”. Una curiosita’ . Ci sono solo poche centinaia di ‘nasi’ nel mondo e molti di questi si sono formati e lavorano in Francia.
Anche se le cose stanno cambiando, sono in realta’ poche le donne che svolgono questo mestiere. “Una di loro in particolare, Christine Nagel, ‘naso’ della casa di Herme’ s – rivela il regista, al secondo lungometraggio -, ha consigliato Emmanuelle Devos per il film. Lei e’ molto piu’ socievole di Anna Walberg, nonostante ritrovi se stessa in alcuni tratti del personaggio. Christine ha accolto Emmanuelle all’interno del suo laboratorio di profumi e le ha proposto di creare la sua fragranza personale per familiarizzare con i trucchi del mestiere”.   CINEMA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ambiente, gli attivisti Ocean Rebellion emergono dalle onde a St.Ives
Protestano per chiedere ai leader del G7 di intervenire per la tutela ambientale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 giugno 2021
16:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vestiti con tutte le gradazioni del blu, come i riflessi intensi del mare che va protetto contro le catastrofi ambientali. Così sono emersi dalle onde, invadendo la spiaggia di St.
Ives, in Cornovaglia, gli attivisti di Ocean Rebellion, per sensibilizzare su queste tematiche i leader del G7, nel giorno di chiusura del vertice che li ha visti impegnati.

L’Ocean Rebellion chiede ai governi del G7 di porre delle tasse più forti sul carburante utilizzato per il trasporto aereo e marittimo a causa del forte impatto ambientale che provocano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Femminicidio Ventimiglia, foto Fb omicida in posa con mitra
Gli strani messaggi recenti,’non c’è posto che puoi nasconderti’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENTIMIGLIA
14 giugno 2021
10:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ciao figlio mio, spero di rivederti al più presto t.v.b. kri” (6 maggio); “Bene abbiamo preso una strada senza via di uscita” (31 maggio); “Pensa bene, che anche quando dormi io sono lì vicino, figurati quando sei con l’amante, non c’è posto che puoi nasconderti” (2 giugno).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono soltanto alcuni dei messaggi che ha scritto sul proprio profilo Facebook nelle ultime settimane Antonio Vicari, l’uomo di 64 anni che ieri ha ucciso a Ventimiglia a colpi di arma da fuoco l’ex compagna Sharon Micheletti di 30 anni. Sul social in passato aveva postato anche due foto che lo ritraggono in una in posa mente imbraccia un fucile mitragliatore e nell’altra mentre prende la mira con una pistola in pugno. Da tempo l’uomo perseguitava la donna, che nel marzo scorso aveva presentato una denuncia per minacce nei suoi confronti. Vicari, tra l’altro, era anche finito in carcere per una serie di molestie nei confronti della ex moglie e poco dopo essere uscito dal carcere aveva iniziato a molestare anche Sharon.
Il primo messaggio, che sembra quasi essere un annuncio, è riferito al figlio Cristian, morto a 17 anni, nel 2001, dopo essere caduto da un dirupo ad Airole, mentre si trovava con degli amici.
Ieri l’epilogo. Antonio è seduto in un bar in via Tenda, quando una Citroen condotta da un amico di Sharon e con la trentenne seduta sul lato passeggero, si accosta al marciapiede.
L’uomo scende dall’auto ed entra nel bar Azzurro per acquistare un pacchetto di sigarette. A quel punto Antonio si avvicina all’auto e dal finestrino del lato guida esplode più colpi, parrebbe tre, contro la donna, che viene ferita mortalmente alla testa. Si reca poi nel vicino bar, dov’era entrato l’uomo in compagnia di Sharon, ma trovando la porta chiusa dalla titolare, desiste, si allontana e nel vicino greto del fiume si uccide.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Impigliata in una pompa agricola, una ragazza è in gravi condizioni
L’infortunio nel Piacentino, la 26enne è in prognosi riservata
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PIACENZA
14 giugno 2021
19:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una ragazza di 26 anni è rimasta gravemente ferita in un’azienda agricola nel comune di Calendasco, in località Boscone Cusani, in provincia di Piacenza. Era al lavoro in un campo e pare stesse attingendo acqua da irrigazione da un pozzo attraverso una pompa quando, rimasta impigliata per i capelli nel meccanismo, ha battuto violentemente la testa.
Soccorsa dal 118, è stata trasportata d’urgenza con l’eliambulanza all’ospedale di Parma. La prognosi è riservata.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Papa: con pandemia più poveri, dare risposte a disoccupati
‘Combattere il virus senza mirare ad interessi di parte’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
14 giugno 2021
11:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con la pandemia “si è aggiunta un’altra piaga che ha moltiplicato ulteriormente i poveri”. “Uno sguardo attento richiede che si trovino le soluzioni più idonee per combattere il virus a livello mondiale, senza mirare a interessi di parte.
In particolare, è urgente dare risposte concrete a quanti patiscono la disoccupazione, che colpisce in maniera drammatica tanti padri di famiglia, donne e giovani”. Lo dice il Papa nel Messaggio per la Giornata Mondiale dei Poveri che sarà celebrata il 14 novembre.
La povertà è frutto di un sistema “senza scrupoli”, rileva ancora il Papa nel Messaggio. Francesco condanna chi considera i poveri “un peso intollerabile per un sistema economico che pone al centro l’interesse di alcune categorie privilegiate. Un mercato che ignora o seleziona i principi etici crea condizioni disumane che si abbattono su persone che vivono già in condizioni precarie. Si assiste così alla creazione di sempre nuove trappole dell’indigenza e dell’esclusione, prodotte da attori economici e finanziari senza scrupoli, privi di senso umanitario e responsabilità sociale”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incassi resta in vetta The Conjuring: Per Ordine Del Diavolo
Seguono Crudelia e new entry Run. -32% su precedente weekend
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 giugno 2021
11:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per la seconda settimana di seguito, The Conjuring: Per Ordine Del Diavolo, il film di Michael Chaves su un terrificante caso di omicidio e una misteriosa presenza malvagia che scuotono persino gli esperti investigatori del paranormale Ed e Lorraine Warren, seppur con un incasso di 319.837 euro, in linea con l’epoca post pandemica e la recente riapertura delle sale cinematografiche, resta in testa alla classifica del box office italiano. Totale 1.407.991 euro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rimane stabile sul secondo gradino della top ten Cinetel il film Disney Crudelia, con Emma Stone, con 233.019 euro, e un totale di 1.631.812 euro. Segue al terzo posto la new entry, Run, altro thriller orrorifico che guadagna in quattro giorni di programmazione 100.426 euro. Perde una posizione si ferma sul quarto gradino The father Nulla è come sembra che ottiene 92.536 euro, 797.275 euro in tre settimane. Quinta posizione per un altro nuovo ingresso, Comedians che segna 73.538 euro. Altre new entry della top ten Cinetel, Lassie torna a casa (46.661 euro) in sesta posizione e Old Boy (29.424 euro, 38.212 in 5 giorni) in nona.
Totale incassi del weekend dal 10 al 13 giugno, secondo i dati Cinetel, 1.131.763 euro, -32% rispetto alla settimana precedente che ha registrato 1.662.763 euro.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Morto di trombosi dopo il vaccino,pm indaga per omicidio colposo
Decesso del 54enne 12 giorni dopo somministrazione Astrazeneca
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BRESCIA
14 giugno 2021
11:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Brescia indaga per omicidio colposo sulla morte del 54enne Gianluca Masserdotti, morto 12 giorni dopo aver ricevuto la prima dose di vaccino AstraZeneca. Il fascicolo è stato trasmesso al dipartimento che si occupa di vicende legate al covid.
I magistrati attendono l’esito delle analisi effettuate quando Masserdotti era ancora in vita e la valutazione dei medici che è stata fatta durante le operazioni di prelievo degli organi per la donazione. E’ stato accertato che a parte fegato e reni gli altri organi erano compromessi dai trombi. Già il giorno dopo il ricovero, avvenuto il 6 giugno dopo che il vaccino era stato fatto il 29 maggio, l’ospedale Poliambulanza aveva trasmesso all’ Aifa una nota per segnalare il caso di avversa reazione al vaccino.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Istat, 1 italiano su 2 ha intenzione di andare in vacanza
Belpaese meta preferita. Limitata l’influenza del Covid
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 giugno 2021
12:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un italiano su 2 ha intenzione di andare in vacanza tra giugno e settembre: il nostro Paese resta la meta preferita e la scelte sono poco condizionate dall’emergenza sanitaria. E’ il quadro che emerge da un’indagine ad hoc realizzata dall’Istat in collaborazione con il ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili.
La maggioranza prevede di trascorrere un periodo di ferie in una località diversa da quella di residenza: con certezza il 22,3% e probabilmente il 27,8%, in totale il 50,1%. Il Covid non condiziona la scelta del tipo di vacanza (63,9%), del mezzo di trasporto (68,1%), del tipo di sistemazione (73,1%).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cade dal monopattino e finisce in coma, ladro ruba il mezzo
Ripreso dalle telecamere, indaga la Questura di Monza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MONZA
14 giugno 2021
13:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un uomo di 33 anni, originario dello Sri Lanka, è finito in coma dopo essere caduto dal monopattino, ieri sera a Monza. Mentre era a terra esanime per un forte trauma cranico, un uomo si è avvicinato e gli ha rubato il mezzo di trasporto elettrico.
Sul luogo dell’incidente sono poi intervenuti i soccorritori e gli agenti della Questura di Monza, per il sospetto investimento di un pedone.
Il 33 enne è stato ricoverato al San Gerardo dove ora è nel reparto di Neurochirurgia. Visionate le immagini delle telecamere di sorveglianza della zona, è emersa la reale dinamica dei fatti, ovvero una caduta accidentale e il furto. La Questura sta indagando per risalire all’identità del ladro, che sarebbe ben visibile e quindi facilmente riconoscibile, nelle immagini catturate dalle telecamere.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Suarez, revocata sospensione per docente Stranieri Perugia
E’ la professoressa Spina, già direttrice Centro certificazioni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
14 giugno 2021
13:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Revocata dal gip di Perugia la sospensione dall’esercizio di un pubblico ufficio disposta per la professoressa Stefania Spina coinvolta nell’indagine sull’esame per certificazione della conoscenza dell’italiano sostenuta da Luis Suarez all’Università per Stranieri di Perugia. Il giudice ha così accolto un’istanza del suo difensore, l’avvocato David Brunelli, al quale ha dato parere favorevole il pubblico ministero.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Spina è stata indagata quale già direttrice del Centro di valutazione e certificazioni linguistiche della Stranieri, dove è professore ordinario. Fu la docente del corso online sostenuto da Suarez in vista della prova.
Nella richiesta al gip, l’avvocato Brunelli ha ricordato che le indagini preliminari sono ormai concluse e gli interrogatori ai quali ha risposto la docente. Un quadro che per il suo difensore rende “del tutto inverosimile che la professoressa Spina una volta ripresa l’attività professionale svolta con estrema dedizione da tanti anni a questa parte, commetta reati della stessa specie di quelli per cui si procede”. Il legale ha quindi definito la sua assistita “profondamente provata in conseguenza della vicenda che l’ha travolta”.
Il gip ha quindi ritenuto cessate le esigenze cautelari “in ragione del tempo trascorso e dell’avanzato stato del procedimento”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Snaitech aderisce a ‘Valore D’, superare i divari di genere
L’azienda dà anche concreti sostegni alle neo mamme
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 giugno 2021
13:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Snaitech ha annunciato il suo ingresso in ‘Valore D’, l’associazione di imprese in Italia impegnata a costruire un mondo professionale senza discriminazioni né divari di genere. Grazie alla nuova partnership, Snaitech compie “un ulteriore passo in avanti nei confronti della creazione e diffusione di una cultura dell’inclusione, in questo caso con un focus specifico sull’equilibrio di genere”, sottolineano dall’azienda.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Siamo molto contenti di unirci ad un network internazionale composto da oltre 200 aziende, che, ormai da più di dieci anni, lavorano per costruire un futuro in cui la diversità venga finalmente riconosciuta come driver di crescita e di progresso”, dichiara Fabio Schiavolin, ad di Snaitech. “Quello dell’equilibrio di genere è un tema che ci sta particolarmente a cuore, come dimostra la stessa composizione della nostra popolazione aziendale: per questa ragione siamo entusiasti e curiosi di intraprendere con Valore D un percorso di ulteriore crescita e consapevolezza, soprattutto perché in questo tipo di tematiche, sono convinto ci sia sempre margine di miglioramento”.
Per l’azienda un ambiente di lavoro inclusivo è “l’ingrediente fondamentale per gestire sfide e cambiamenti”.
Questa consapevolezza ha portato Snaitech a lavorare, negli ultimi 5 anni, per incrementare la percentuale di occupazione femminile, oggi quasi al 50%, mentre è di circa il 30% la presenza femminile in posizioni dirigenziali e nel Cda. Sono poi state adottate soluzioni concrete per sostenere le donne in azienda, dal contributo al pagamento della retta dell’asilo nido al sostegno del rientro full‐time delle lavoratrici madri. L’ingresso nel network di Valore D consente alle aziende di beneficiare di diverse iniziative, tra cui incontri formativi, tavoli di lavoro interaziendali, webinar finalizzati al confronto e al dialogo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Denise: legale e mamma bimba, cautela nel diffondere notizie
Dopo dichiarazioni ex Pm Angioni, ‘è viva e ha una figlia’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
14 giugno 2021
13:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Invitiamo tutti – giornalisti, magistrati o avvocati – alla massima cautela nel momento in cui si diffondono notizie che possono essere infondate o contenenti elementi non riscontrati o non riscontrabili e che possono costituire un ostacolo al lavoro della Procura di Marsala”. Così l’avvocato Giacomo Frazzitta, legale della mamma di Denise Pipitone, la bimba scomparsa il primo settembre del 2004 a Mazara del Vallo, commenta le dichiarazioni dell’ex Pm Maria Angioni, che coordinò all’inizio l’inchiesta, secondo la quale l’allora bambina, oggi ventenne, sarebbe viva e avrebbe addirittura una figlia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il magistrato ha riferito l’indiscrezione nel corso della trasmissione di Rai1 Storie Italiane.
Il legale, che dice anche di parlare a nome di Piera Maggio, ha escluso di avere ricevuto segnalazioni in proposito. “Non vediamo tuttavia la necessità – aggiunge – di fornire informazioni particolarmente dettagliate, frutto o meno delle indicazioni di un mitomane o che dovessero anche risultare fondate, perchè ancora al vaglio della magistratura”.
Il legale stigmatizza infine le dichiarazioni dell’ex Pm Angioni “anche perchè provenienti da un magistrato che nella sua funzione potrebbe avere un canale privilegiato con i suoi colleghi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Parroco seda rissa su sagrato e viene picchiato, due arresti
A Taranto in carcere due uomini che aggrediscono anche polizia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TARANTO
14 giugno 2021
14:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Stavano picchiando un uomo sul sagrato della chiesa Sacro Cuore a Taranto e il parroco, intento a celebrare la messa, ha abbandonato l’altare per cercare di aiutare la vittima dell’aggressione, ma è stato spintonato e schiaffeggiato. Stessa sorte per un addetto alla sicurezza che non è riuscito a sedare la rissa.
I fedeli, increduli, sono fuggiti in preda al panico e hanno raccontato alle forze dell’ordine di aver visto gli aggressori impugnare due pistole.
E’ stato grazie alle testimonianze di questi ultimi, e alle immagini delle telecamere di videosorveglianza della chiesa, che la polizia è riuscita ad arrestare i due aggressori, di 42 e 38 anni, con precedenti penali. Quando gli agenti li hanno rintracciati in un bar nei pressi della chiesa, i due si sono scagliati anche contro i poliziotti che infine sono riusciti a bloccarli e a portarli in carcere con le accuse di resistenza e violenza a pubblico ufficiale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Umbria limita “per precauzione” anche vaccino J
Stessa limitazione AstraZeneca, già a 800 seconda dose ‘diversa’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
14 giugno 2021
14:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’Umbria ha deciso “per precauzione” di limitare non solo la somministrazione di AstraZeneca, destinato solo agli ultrasessantenni, “ma anche di Johnson & Johnson che ha le stesse caratteristiche”. Lo ha annunciato il commissario regionale per l’emergenza Covid Massimo D’Angelo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono intanto 800 i residenti in Umbria con meno di 60 anni che hanno ricevuto Pfizer come seconda dose di vaccino contro il Covid, tra sabato e domenica, dopo che per la prima gli era somministrato AstraZeneca. Complessivamente 3.900 quelli per i quali è previsto il cambio di prodotto in seguito alle indicazioni governative.
“La Regione Umbria subito dopo il recepimento della circolare ministeriale del 7 aprile che raccomandava la somministrazione preferenziale del vaccino Astrazeneca ai soggetti di età pari o superiore ai 60 anni, ha utilizzato per le prime dosi degli under 60 vaccini m-RNA, ovvero Pfizer e Moderna” ha ricordato D’Angelo. In via cautelativa la Regione – si legge in un suo comunicato – ha deciso per gli under 60 la sospensione delle seconde dosi con vaccino a vettore virale, già da venerdì 11 giugno. Gli appuntamenti spostati verranno riprogrammati nelle stesse sedi vaccinali entro la settimana con n sms a tutti i soggetti interessati con l’informazione che riceveranno la seconda dose con nuovo vaccino. Gli appuntamenti del 12 giugno che residuano, saranno gestiti come quelli dell’11.
Gli appuntamenti dei giorni successivi saranno mantenuti nella stessa sede e con lo stesso orario. Anche in questo caso, ai cittadini verrà inviato sms del mantenimento dell’appuntamento con sostituzione del vaccino.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Arrestato per armi, ‘è un adescatore di bambine’
Indagini partite in Sicilia, in carcere 60enne varesino
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VARESE
14 giugno 2021
14:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Aveva un piccolo arsenale di armi in casa. Per questo un sessantenne di Varese è stato arrestato dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni di Varese, dopo una perquisizione delegata dalla Procura di Palermo, con l’accusa di detenzione di armi da guerra.
Le indagini sono iniziate circa sei mesi fa, a seguito di alcune denunce di genitori di ragazzine di età compresa tra i 10 e i 12 anni per adescamento minorile, presentate presso gli uffici giudiziari siciliani.
Dagli accertamenti della Postale è emerso che l’uomo fosse attivo online da alcuni anni, con l’obiettivo di adescare minorenni. A casa sua sono stati rinvenuti un coltello a serramanico e uno a scatto con una lama lunga circa 40 centimetri, centinaia di cartucce tra cui alcune riconducibili a quelle da guerra.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Eni:pm Brescia chiedono acquisire motivazioni caso Nigeria
Richiesta a Tribunale. Pm Milano non avrebbero depositato prove
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
14 giugno 2021
14:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Brescia ha chiesto al Tribunale di Milano di aver copia delle motivazioni, depositate mercoledì scorso, della sentenza del processo sul caso Eni-Shell/Nigeria finito con 15 assoluzioni, per acquisirle nell’inchiesta che vede indagati l’aggiunto milanese Fabio De Pasquale e il pm Sergio Spadaro per rifiuto di atti d’ufficio. I due pm, secondo l’ipotesi degli inquirenti scaturita dalle dichiarazioni del pm di Milano Paolo Storari (indagato per rivelazione di segreto d’ufficio per il caso dei verbali di Amara) avrebbero omesso di depositare nel processo materiale probatorio che riguardava l’ex manager Vincenzo Armanna.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scontri a presidio: in 150 protestano di nuovo nel Lodigiano
Legale Si Cobas, faremo esposto Procura
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
LODI
14 giugno 2021
14:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Davanti ai cancelli della logistica Zampieri, a Tavazzano con Villavesco, nel Lodigiano, sono arrivati circa 150 lavoratori da Piacenza per protestare di nuovo contro i licenziamenti dalla Fedex ma anche per i feriti negli scontri di giovedì scorso.
Sul posto tanti lavoratori spiegano di non aver avuto avviso del licenziamento, di aver lavorato fino alla sera prima per arrivare, il giorno dopo, a fine marzo, trovando i cancelli della Fedex di Piacenza sbarrati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ribadiscono, inoltre, che responsabili degli scontri di giovedì notte sarebbero persone appartenenti a un servizio di vigilanza interno e non altri lavoratori.
“Faremo un esposto in Procura sulle aggressioni ai lavoratori di Piacenza lo scorso giovedì notte” ha spiegato Eugenio Losco, legale dei Si Cobas, stamattina a Tavazzano con Villavesco, nel Lodigiano, sul finire del presidio del lavoratori davanti alla logistica Zampieri. Si rifiuta, l’avvocato di definire “scontri” quanto accaduto. Per il sindacato Sì Cobas, che lui rappresenta in sede penale, quella è stata un’aggressione. Gli stessi partecipanti al presidio, stamattina, hanno ripetuto quanto detto in questi giorni: sarebbero stati “caricati” da guardie private armate mentre loro erano andati a manifestare con volontà pacifiche dopo la chiusura di Fedex Tnt – Piacenza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mottarone: Eitan migliora. Incidente probatorio anche per la scatola nera
L’avvocato della famiglia del piccolo: ‘Abbiamo l’esigenza di accertare quanto prima ciò che è accaduto’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VERBANIA
14 giugno 2021
20:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Eitan migliora ed è con la sua famiglia. Ed è giusto che la sua famiglia si occupi di lui mentre noi ci occupiamo degli aspetti tecnici di questa vicenda. Abbiamo l’esigenza di accertare quanto prima e nel miglior modo possibile quanto è accaduto”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Così Armando Simbari, legale di Eitan, il bimbo unico sopravvissuto alla tragedia del Mottarone che giovedì scorso è stato dimesso dall’ospedale. Prima di entrare in Procura a Verbania il legale ha aggiunto che “è necessario scandagliare tutti i profili, dalla dinamica dell’incidente, alla gestione e manutenzione della funivia”.

“Speriamo che con oggi ci sia un impulso veloce alle indagini. Voglio evitare altre sofferenze ai parenti, ma la giustizia non è una vendetta”. Precisa l’avvocato Franz Sarno, legale dei familiari di Eitan dalla parte della madre, tra le parti offese nell’indagine sulla tragedia del Mottarone. Il legale ha parlato con i giornalisti all’ingresso della procura di Verbania, prima del conferimento dell’incarico da parte dei pm a un consulente per l’analisi di computer, cellulari, hard disk e altri supporti informatici tra cui la cosiddetta scatola nera della cabina precipitata domenica 23 maggio.
Incidente probatorio anche per scatola nera – La difesa di uno degli indagati per l’incidente del Mottarone, Enrico Perocchio, si è riservato di chiedere l’incidente probatorio anche per l’analisi della cosiddetta scatola nera, che avrebbe registrato l’attività dell’impianto della funivia e gli ultimi attimi prima che la cabina n.3 precipitasse causando la morte di quattordici persone. Ad annunciarlo è stato lo stesso legale di Perocchio nel corso del conferimento dell’incarico da parte della procura di Verbania al consulente tecnico chiamato a estrarre e fare copia forense dei dati dei telefoni, dei pc e degli altri supporti informatici sequestrati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rifiuti: traffico internazionale, un arresto e 22 denunce
Sequestrate tonnellate pneumatici Polstrada Udine in 2 depositi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
UDINE
14 giugno 2021
15:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Due depositi abusivi di rifiuti, in cui erano state depositate diverse tonnellate di pneumatici da smaltire e centinaia di batterie esauste, sono stati chiusi a Udine e Pradamano dalla Polizia stradale di Udine al termine di un’indagine per traffico internazionale di rifiuti coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Trieste. L’indagine ha portato all’arresto di un uomo di 47 anni, un camerunense residente a Majano (Udine), e alla denuncia di altre 22 persone, 14 ghanesi, 3 camerunensi, 2 ivoriani, 2 nigeriano e un italiano, la maggior parte residenti in provincia di Udine, uno a Gorizia e uno a Firenze.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’indagine, partita a seguito del numero anomalo di piccoli e medi furgoni che trasportavano vecchi pneumatici notato dalla sottosezione autostradale della polizia giudiziaria di Amaro, ha portato al sequestro di oltre 1.100 metri cubi di pneumatici fuori uso da smaltire, nella maggior parte dei casi incastrati uno dentro l’altro, verosimilmente consistenti in un numero compreso tra le 20.000 e le 25.000 gomme aventi un peso approssimativo compreso tra le 100 e le 120 tonnellate, nonché oltre 200 batterie esauste per veicoli.
Nell’indagine, coordinata dal pm Federico Frezza della Dda di Trieste, sono state coinvolte anche la squadra di polizia giudiziaria delle sottosezioni di Amaro e Palmanova. Secondo quanto ricostruito, gli pneumatici venivano recuperati per lo più in modalità illecita, con furti e appropriazioni indebite, stoccati nei depositi in modo da ridurne l’ingombro e infine caricati su container per raggiungere i porti di Genova, Gioia Tauro e Trieste ed essere infine spediti su navi cargo dirette principalmente verso i porti di Camerun e Ghana.
Nel corso delle indagini la polizia giudiziaria della Polizia stradale di Udine ha fermato e sequestrato nei porti di partenza numerosi container con altre decine di tonnellate di pneumatici fuori uso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Femminicidio Sarzana: domani autopsia corpo Alessandra Piga
In serata manifestazione in ricordo della ragazza a Castelnuovo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
14 giugno 2021
15:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si svolgerà domani l’autopsia sul corpo di Alessandra Piga, la mamma di 25 anni ammazzata a coltellate due giorni fa in una villetta nella periferia di Castelnuovo Magna (Spezia). Yassine Eroum, 29 anni, ex compagno, si trova tuttora piantonato in ospedale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’uomo sarebbe accusato, tra l’altro, di omicidio volontario aggravato. Secondo quanto appreso la ragazza è stata massacrata con almeno dieci coltellate inferte con un coltello di grandi dimensioni. La ferita mortale è stata inferta alla gola. Alessandra avrebbe tentato di difendersi come testimoniano le ferite alle braccia e scappare: le tracce di sangue infatti sono state trovate sparse in alcune stanze della villetta. Ma non ha avuto scampo.
Domani sera alle 21 a Castelnuovo Magra si terrà una fiaccolata in memoria di Alessandra promossa dall’Associazione Vittoria: “Questa tragedia, la terza sul nostro territorio ci ha profondamente scosso – scrivono i responsabili dell’associazione annunciando l’iniziativa -. La rabbia, la tristezza e lo sconforto sono le emozioni che si alternano e convivono in noi.
Non l’incredulità perché sappiamo benissimo quanto troppo spesso il maggior pericolo lo si abbia tra le mura domestiche.
Chiediamo a tutti di unirsi a noi perché questa simbolica fiaccolata sia un momento per stringersi attorno alla famiglia e agli amici di Alessandra e un segnale per dire “basta!” a questa mattanza”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ucciso in auto: pm, è stato omicidio premeditato
Chiesta la convalida dell’arresto e la misura in carcere al gip
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
14 giugno 2021
15:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ha contestato l’aggravante della premeditazione la pm di Milano Francesca Gentilini che oggi ha chiesto alla gip Sara Cipolla la convalida dell’arresto e la misura cautelare in carcere per omicidio volontario aggravato a carico di Lucia Finetti, la donna che sabato pomeriggio ha ucciso con otto coltellate il marito, Roberto Iannello, 55 anni, dopo una lite in auto nella zona di Baggio, a Milano.
La 52enne, che era stata bloccata dai carabinieri ad alcune centinaia di metri da dove è stata ritrovata l’auto, ieri si è avvalsa della facoltà di non rispondere davanti alla pm.
Nelle prossime ore l’interrogatorio di garanzia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: scorte finite, chiudono centri Asl Napoli 2 Nord
Fino a mercoledì, anche per riorganizzare la campagna
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
14 giugno 2021
15:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I centri vaccinali della Asl Napoli 2 Nord, il cui territorio comprende metà della provincia partenopea, resteranno chiusi da oggi fino a mercoledì 16 giugno per mancanza di scorte di vaccino. “A fronte di una grande adesione della popolazione residente sul territorio dell’Asl Napoli 2 Nord alla campagna vaccinale, infatti, le dosi di vaccino non sono sufficienti a soddisfare la grande richiesta”, si legge in una nota.

La scorsa settimana da questa Asl sono state somministrate 82.359 dosi di vaccino cui circa il 15% erano Astrazeneca o Johnson & Johnson. “Il divieto di utilizzo di questa tipologia di vaccini determinerà certi rallentamenti alla campagna vaccinale, a meno di sostituzione con altrettante dosi di Pfizer o Moderna. La chiusura fino a mercoledì permetterà anche di riorganizzare la campagna vaccinale alla luce delle nuove indicazioni normative”.
Quattro centri vaccinali rimarranno aperti fino a mercoledì per garantire i richiami, a Bacoli, Mugnano, Casavatore e Casalnuovo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dylan Dog omaggia Vasco
Collaborazione d’eccezione con storie Sally, Albachiara e Jenny
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 giugno 2021
15:42
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dylan Dog omaggia Vasco Rossi dedicandogli le copertine e le storie di tre numeri, ispirati a “Sally”, “Albachiara” e “Jenny”. Grazie all’inedita collaborazione tra uno degli artisti italiani più amati di sempre e Sergio Bonelli Editore, per la prima volta nella sua storia l’Indagatore dell’Incubo sarà protagonista di un ciclo di tre episodi ispirati a tre celebri canzoni del rocker di Zocca.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vasco Rossi ha spiegato: “Ho sempre amato la sintesi e i fumetti in questo son perfetti: il racconto si dipana per immagini e poche parole ma quelle che bastano a farti capire un mondo intero di cose. Il mio percorso direi che va da Nembo Kid a Tex Willer per arrivare fino a Dylan Dog, il più colto, raffinato e impegnato, il suo mondo visionario mi ha affascinato. Ancora oggi è per me un mito e sono strafelice di incontrarlo. A proposito, da Dylan Dog sono passato direttamente ai libri di filosofia”. L’appuntamento andrà a scandire l’estate 2021: un evento che permetterà ai fan del cantante di ingannare l’attesa delle nuove date del tour di Vasco (riprogrammato per il 2022) e che si inserirà per Sergio Bonelli Editore nell’ambito delle celebrazioni degli 80 anni della Casa editrice, che festeggia così anche il celebre personaggio creato da Tiziano Sclavi. Al centro dei tre episodi che terranno banco sulla serie regolare di Dylan Dog per le uscite di giugno, luglio e agosto vi saranno l’ineffabile mondo interiore dell’Indagatore dell’Incubo, quella sensibilità, quei sentimenti, quegli smarrimenti che hanno contribuito a renderlo tanto amato dai lettori. Ogni albo si ispirerà a una canzone di Vasco Rossi e a una delle sue muse e avrà una duplice copertina: una regolare da un lato e, sull’altro lato, una speciale cover da collezione che vedrà l’atteso incontro tra Vasco Rossi e Dylan Dog. A inaugurare il progetto editoriale sarà proprio SALLY, in uscita il 30 giugno.
Tutti e tre gli albi, curati da Roberto Recchioni, saranno disponibili in edicola, in fumetteria e sul sito di Sergio Bonelli Editore.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini:Calabria,subito seconde dosi con sieri diversi da AZ
Protezione civile, un po’ di rallentamento, persone disorientate
B
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
14 giugno 2021
16:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Calabria ha dato immediata attuazione alle nuove disposizioni sulla somministrazione del vaccino Astrazeneca. Già da ieri, per le seconde dosi per coloro che hanno meno di 60 anni e che erano stata vaccinati con Astrazeneca sono stati utilizzati i sieri a mRna.

“Abbiamo iniziato sin da subito – ha spiegato Fortunato Varone, dirigente generale della Protezione civile regionale – con le seconde dosi seguendo le indicazioni del Cts stabilite venerdì. E per questo valgono gli appuntamenti già presi. Nella giornata di domenica c’è stato un rallentamento che ci aspettavamo. C’è un po’ di disorientamento da parte delle persone. Comunque per quanto ci riguarda noi sappiamo che la seconda dose di Astrazeneca deve essere effettuata categoricamente con Pfizer o Moderna”.
Al momento non ci sono problemi per le dosi Pfizer. “Le dosi al momento ci sono e siamo tranquilli. Continuiamo ad operare in serenità per trasmettere serenità” ha detto Varone.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in E-R 137 contagi, nessuno a Piacenza
Calano ancora i casi attivi, un morto nel Modenese
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
14 giugno 2021
16:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 137, 63 asintomatici, i nuovi casi di Coronavirus accertati in Emilia-Romagna nelle ultime 24 ore con 8.111 tamponi, numero basso come sempre nei week-end. E’ stabile il conto dei ricoverati, mentre continuano a calare i malati attivi e si registra un morto, un 68enne a Modena.

A Piacenza non è stato rilevato nessun nuovo contagio, mentre tra la province si segnalano 35 casi a Parma, 28 a Forlì-Cesena, 23 a Bologna più circondario imolese.
I guariti sono 463 in più del giorno prima, i casi attivi 327 in meno (8.018), il 95,6% in isolamento con sintomi lievi o senza sintomi. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono sempre 62, 291 quelli negli altri reparti Covid (+3).
Alle 15 sono state somministrate complessivamente 3.190.468 dosi di vaccino; sul totale, 1.113.967 sono le persone che hanno completato il ciclo vaccinale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:Calabria, 18 casi ma pochi tamponi,tasso positività 2%
Quattro vittime, prosegue il calo dei ricoverati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
14 giugno 2021
16:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Solo sono 18 i nuovi contagi in Calabria, anche se a fronte di un numero ridotto di tamponi per effetto del fine settimana, 899. Il rapporto tamponi-positivi è al 2%.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quattro le vittime con il totale che sale a 1.212.
Prosegue il calo dei ricoverati: -3 in area medica (146) e -1 in terapia intensiva (8). Si riducono anche gli isolati a domicilio (-192, 7.745) e i casi attivi (-196, 7.899). I nuovi guariti sono 210.
Ad oggi, il totale sono stati eseguiti 898766 tamponi con 68.250 positivi I dati sono dei dipartimenti di Prevenzione delle Asp della Regione Calabria.
Territorialmente, da inizio pandemia, i casi positivi sono distribuiti a: Catanzaro: casi attivi 676 (26 in reparto, 2 in terapia intensiva, 648 in isolamento domiciliare); casi chiusi 9.496 (9.356 guariti, 140 deceduti). Cosenza: casi attivi 6.160 (50 in reparto, 3 in terapia intensiva, 6107 in isolamento domiciliare); casi chiusi 16.607 (16.057 guariti, 550 deceduti).
Crotone: casi attivi 111 (12 in reparto, 0 in terapia intensiva, 99 in isolamento domiciliare); casi chiusi 6392 (6.293 guariti, 99 deceduti). Reggio Calabria: casi attivi 709 (51 in reparto, 3 in terapia intensiva, 655 in isolamento domiciliare); casi chiusi 22.192 (21.860 guariti, 332 deceduti). Vibo Valentia: casi attivi 179 (7 in reparto, 0 in terapia intensiva, 172 in isolamento domiciliare); casi chiusi 5.322 (5.231 guariti, 91 deceduti).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:Fvg; Riccardi 3 positivi da molecolare,una antigenico
Nessun decesso, in intensive 4, in altri reparti 9
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
14 giugno 2021
16:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oggi in Friuli Venezia Giulia su 1.147 tamponi molecolari sono stati rilevati 3 nuovi contagi, con una percentuale di positività dello 0,26%. Sono inoltre 382 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali è stato rilevato un caso di contagio (0,26%).
Nella giornata odierna non si registrano decessi, i ricoveri nelle terapie intensive sono 4, mentre 9 sono quelli negli altri reparti. Lo comunica il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi.
I decessi complessivamente ammontano a 3.794, con la seguente suddivisione territoriale: 818 a Trieste, 2.008 a Udine, 675 a Pordenone e 293 a Gorizia. I totalmente guariti sono 93.358, i clinicamente guariti 5.639, mentre quelli in isolamento scendono a 4.569. Dall’inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 107.373 persone con la seguente suddivisione territoriale: 21.333 a Trieste, 50.712 a Udine, 21.028 a Pordenone, 13.090 a Gorizia e 1.210 da fuori regione. Infine, non si registrano positività tra il personale del Sistema sanitario regionale né tra gli ospiti e gli operatori delle strutture residenziali per anziani.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sequestrato, stuprato e ricattato da connazionali,2 arresti
Nel Maceratese 20enne fugge e allerta Ps, entrambi in carcere
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CIVITANOVA MARCHE
14 giugno 2021
16:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un 20enne pakistano è stato sequestrato e violentato da due connazionali che hanno anche tentato di ricattarlo per mezzo di un video girato con un telefonino durante la violenza avvenuta in un casolare di campagna abbandonato a Morrovalle (Macerata). Gli agenti del Commissariato di Civitanova Marche e della Squadra Mobile di Macerata hanno arrestato due 30enni pakistani su ordine di custodia in carcere emesso dal gip per le accuse concorso in sequestro di persona aggravato, violenza sessuale di gruppo, rapina impropria e lesioni personali aggravate.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I due pakistani, entrambi regolari in Italia e con permesso di soggiorno, sono stati bloccati il 10 giugno ma della vicenda si è saputo solo oggi: sono stati trasferiti nel carcere di Montacuto (Ancona). A chiedere aiuto in inglese alla polizia a Civitanova Marche, era stato il giovane richiedente asilo, che non parla italiano, riuscito a scappare di notte durante un momento di distrazione dei sequestratori: aveva riferito di essere stato prelevato dai connazionali, portato in un casolare, picchiato e stuprato. Gli aguzzini avevano filmato la violenza per ricattarlo: avrebbe dovuto pagare 3mila euro se non voleva che il filmato fosse divulgato in Pakistan e – è la minaccia rivoltagli – che venisse “rovinata la sua reputazione e quella della sua famiglia”. Gli erano stati sottratti il cellulare, il passaporto e 300 euro. Gli agenti hanno rintracciato il luogo della violenza e gli aggressori, sorpresi mentre tentavano di disfarsi del portafoglio e del telefono della vittima.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Strage Ardea:killer fu sottoposto a’consulenza psichiatrica’
11 maggio scorso dopo lite con madre, ma non era in cura
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 giugno 2021
16:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Andrea Pignani fu sottoposto a “consulenza psichiatrica” per uno “stato di agitazione psicomotoria” l’11 maggio scorso presso il Pronto Soccorso del Nuovo Ospedale dei Castelli di Ariccia (RM).
E’ quanto è emerso dagli accertamenti dei carabinieri e della Procura di Velletri.
In ospedale Pignani fu accompagnato “volontariamente” da un’ambulanza dopo una lite con la madre.
Pignani non era comunque in cura “per patologie di carattere psichiatrico”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Strage Ardea:con guanti e pistola,killer puntava vittime
Bimbi e anziano i primi che ha incontrato, poi si è barricato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 giugno 2021
16:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Andrea Pignani è uscito di casa ieri mattina intorno alle 11 con felpa, zainetto e guanti e avrebbe percorso con la pistola in pugno alcune strade del comprensorio di Colle Romito ad Ardea. Poi ha puntato la pistola contro le prime persone che ha incontrato, i due bambini e l’anziano.
E’ quanto accertato finora dagli investigatori che stanno ricostruendo i terribili attimi della strage di Ardea.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Strage Ardea: familiari killer, non trovavamo pistola
La madre ora rischia una denuncia per detenzione abusiva di arma
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 giugno 2021
16:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Non la trovavamo”. Si sarebbero giustificati così i familiari di Andrea Pignani, l’ingegnere informatico che ieri ad Ardea ha ucciso due fratellini e un anziano, per non aver denunciato la pistola in casa alla morte del padre dell’omicida.

A quanto ricostruito dagli investigatori, l’arma era regolarmente detenuta dal padre di Pignani, morto diversi mesi fa. L’uomo fino al 1986 era stato una guardia giurata poi aveva continuato a detenere regolarmente la pistola. La famiglia si era trasferita nel comprensorio di Colle Romito nel 2019. Del caso si occupano i carabinieri. La madre di Pignani ora però rischia una denuncia perchè aveva l’obbligo di denunciare l’esistenza della pistola.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Strage Ardea: 118, soccorsi dopo 11 minuti
‘Dopo allerta subito ambulanza con medico a bordo’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 giugno 2021
17:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Nessun ritardo, i soccorsi sono arrivati dopo 11 minuti”. Lo precisa in una nota l’Ares 118 riguardo all’arrivo della prima ambulanza dopo la strage di Ardea.
“La prima telefonata di soccorso al 112 è delle ore 10:57,32, immediatamente è stata trasferita ai Carabinieri perché erano segnalati spari, e al 118 -spiega Ares 118- Ci siamo allertati inviando subito la prima ambulanza con medico a bordo, che è giunta sul posto esattamente dopo 11 minuti dalla telefonata. Successivamente, sono giunti anche gli altri mezzi di soccorso”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Béart, la mia Margaux 50enne bella addormentata
‘L’Etreinte’ di Ludovic Bergery a Rendez-Vous
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 giugno 2021
17:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si capisce subito che Margaux (Emmanuelle Béart) non è una donna qualsiasi, ha cultura e sensibilità e questo peggiora la sua solitudine di cinquantenne da poco vedova. Da qui la ricerca di un ritorno alla vita attraverso i sentimenti o il solo sesso per uscire dall’inverno in cui si trova relegata.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Questo, in sintesi, L’ETREINTE, opera prima di Ludovic Bergery, già al 12° Festival di Les Arcs e ora a Rendez-Vous, tradizionale incontro romano tra produzioni francesi e pubblico italiano.
“Margaux è una donna che si ritrova libera, senza famiglia, senza figli, in piena solitudine. Ma lei è una donna coraggiosa, non diventa vittima di questa solitudine, è come una bella addormentata che ha il coraggio di ritrovare le energie vitali per tornare a vivere” dice a Roma la Béart. Che fa la Margaux di L’ETREINTE? Riprende gli studi di tedesco in un’università di provincia, dove si è trasferita la sorellastra, e fa amicizia, nonostante l’età, con un gruppo di studenti tra cui Karl (Nelson Delapalme), Lise (Marie Zabukovec), Harold (Sandor Funtek), Wilfried (Arthur Verret) e soprattutto Aurélien (Vincent Dedienne), l’unico a raccogliere le sue più intime confidenze.
Margaux proverà poi, tra mille goffaggini e vergogna per un corpo non più giovane, a risorgere avendo prima un’avventura con un insegnante (Tibo Vandenborre), poi attraverso una app di appuntamenti per gli amanti del solo sesso dove incontra Yannick Choirat a cui si lega anche affettivamente.
L’innamoramento? “A dieci anni o cinquanta l’amore è sempre lo stesso – spiega l’attrice classe 1963 – . Certo una donna a cinquant’anni viene guardata in un altro modo rispetto a un uomo. Ma nel caso di Margaux è più facile amare che essere amata, come si vede puntualmente nel film”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Verona, da scavo ex cinema i resti di una piccola Pompei
Un complesso affrescato con le tracce di un incendio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 giugno 2021
17:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il sottosuolo della Verona romana di epoca imperiale regala una emozionante sorpresa: la scoperta, durante gli scavi un ex cinema, di un complesso del II secolo, di funzione ancora sconosciuta, con pareti affrescate in magnifici colori, sopravvissuti alla distruzione di un incendio. Elementi che richiamano la suggestione di una piccola Pompei.
Ne dà notizia la Soprintendenza archeologica.
L’incendio, secondo gli archeologi, sembra aver messo fine alla frequentazione del complesso, che presenta resti crollati dei soffitti, un mobile di legno carbonizzato e pareti affrescate.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Afghanistan: in Italia primi interpreti afghani e famiglie
Guerini, ‘non dimentichiamo chi ha collaborato con noi’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 giugno 2021
17:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“L’Italia non dimentica chi in questi anni in Afghanistan ha collaborato con i nostri militari”.
Questo il commento del ministro della Difesa Lorenzo Guerini all’arrivo in Italia del primo aereo con a bordo 82 tra collaboratori civili afgani e relative famiglie, atterrato questa mattina presso l’aeroporto di Fiumicino.
Con il ritiro dei militari della missione Nato Resolute Support, infatti, i collaboratori potrebbero essere esposti al rischio di ritorsioni da parte dei Talebani.
L’operazione denominata Aquila, pianificata e diretta dal Comando Operativo di Vertice Interforze, ha lo scopo di trasferire in Italia circa 270 tra collaboratori e familiari per i quali si ha evidenza del rapporto lavorativo in essere o a suo tempo prestato a favore del contingente italiano. Inoltre, per circa 400 afgani è in corso l’accertamento per l’effettivo rapporto di collaborazione prestato al contingente italiano.
Queste persone verranno progressivamente trasferite in Italia dove, dopo il previsto periodo di quarantena, saranno prese in carico dal ministero dell’Interno per il successivo inserimento nella rete di accoglienza e integrazione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quattro nuovi positivi Covid in Umbria ultimo giorno
Ancora nessuna vittima, tornano a scendere ricoverati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
14 giugno 2021
17:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono quattro i nuovi casi Covid accertati tra domenica e lunedì in Umbria dove si registra 28 guariti e un altro giorno senza morti. Lo riporta il sito della Regione.

Gli attualmente positivi sono ora 1.013, 24 in meno del giorno precedente.
Sono stati analizzati 679 tamponi e 249 test antigenici, con un tasso positività sul totale dello 0,43 per cento (era 0,7 lunedì della scorsa settimana).
Tornano a scendere i ricoverati totali, 46, due in meno di domenica, cinque dei quali, uno in più, nelle terapie intensive.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il giorno e la notte, il Decamerone del lockdown
Vicari, il mio un atto di resistenza contro la pandemia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 giugno 2021
17:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
IL GIORNO E LA NOTTE di Daniele Vicari è non solo l’unico film italiano girato durante il lockdown, ma anche l’unico ambientato nelle rispettive ‘case prigione’ degli attori protagonisti divenute set. Ovvero il primo esempio di smart filming per il quale il regista, da casa sua, ha coordinato il lavoro degli attori rimasti nelle rispettive abitazioni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E questo in una sorta di Decamerone del lockdown. Quattro le storie raccontate nel film, disponibile in esclusiva su RaiPlay dal 17 giugno con la distribuzione italiana e internazionale Fandango. Siamo a Roma dove a causa di un attentato terroristico viene imposto alla popolazione di non uscire di casa: cosa accade alle coppie costrette dentro le pareti domestiche, senza possibilità di fuga? È il momento del confronto e della verità. Ecco le storie. Tutto parte con il raglio di Diego, l’asino di Luca (Matteo Martari) ricercatore universitario in un agriturismo del Veneto che chatta e telefona compulsivamente a Ida (Isabella Ragonese), una donna solare con cui ha avuto una relazione di una sola notte. Ci sono poi Andrea (Francesco Acquaroli) e Beatrice (Barbara Esposito), coppia in lutto dopo la morte del figlio. Lei ha avuto una storia con un altro uomo, non ancora del tutto chiusa; lui è invece entrato in una spirale che l’ha condotto a chiudersi in se stesso e a perdere il lavoro, senza mai confessarlo alla moglie. Anna (Elena Gigliotti) è invece una giovane attrice raggiunta in casa dal fidanzato, Manfredi (Dario Aita), che fa il suo stesso mestiere ma con più successo e trascurando totalmente il loro rapporto. E tutto questo diventa esplosivo. La notizia del possibile attentato sorprende poi il corniciaio Marco (Vinicio Marchioni) nel suo laboratorio, dove bussa alla porta Marcella (Milena Mancini), la donna molto attraente di Sergio (Giordano De Plano) suo miglior amico. Riuscirà Marco, da sempre innamorato di lei, a non farsi prendere dalla tentazione ora che se la ritrova per tutta la notte nel suo laboratorio? “Il principio con il quale nasce questo film è stato quello di buttare il cuore oltre l’ostacolo. È stato in tutto e per tutto un atto vitalistico contro ciò che ci circondava”, dice il regista.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Campania, 80 nuovi positivi e cinque vittime
Intensive -5, degenze -31. Meno tamponi, sale l’incidenza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
14 giugno 2021
17:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 80 i nuovi positivi al Covid in Campania, su 2.240 test molecolari esaminati ieri. Il numero dei tamponi, come sempre fortemente ridotto nei festivi, fa salire il tasso di incidenza al 3,57, contro il 2,07 del giorno prima.
Nel bollettino dell’Unità di crisi, aggiornato alla mezzanotte scorsa, si segnalano cinque nuove vittime (solo una deceduta nelle ultime 48 ore) e 324 guariti. Non si interrompe il trend positivo dei ricoveri ospedalieri: i posti letto occupati in terapia intensiva scendono a 24 (-5 rispetto al giorno prima), quelli nei reparti di degenza a 379 (-31).

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

COVID: frenata vaccini in Sardegna
Nessuna vittima e 31 nuovi contagi in 24 ore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
14 giugno 2021
18:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Contagi da Covid in lieve risalita in Sardegna, ma comunque contenuti, e nessuna vittima nelle ultime 24 ore. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale si registrano 31 nuovi casi (11 ieri), a fronte di 1.160 tamponi eseguiti, per un tasso di positività del 2,6%.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Continua il calo dei ricoveri in ospedale. Sono 83 (-4) i pazienti attualmente in area medica, 6 (+1) invece quelli in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 11.883, i guariti 43.583 (+110).
Per quanto riguarda la campagna vaccinale, si registra una lieve frenata: nelle ultime 24 ore – come riporta il sito del Governo – le dosi somministrate nei vari hub dell’Isola sono state 9.517, per un totale di 1.089.382 sulle 1.276.140 dosi a disposizione (l’85,4%). Un calo dovuto non solo alla giornata festiva di domenica ma anche alla decisione di posticipare i richiami del siero AstraZeneca e la prima e unica dose di Janssen alle persone prenotate di età inferiore ai 60 anni.
Per la somministrazione delle seconde dosi dei vaccini a insegnanti e forze dell’ordine, oggi alla Fiera di Cagliari, sono stati 280 i docenti che hanno effettuato il richiamo con il vaccino Pfizer. Dopo lo stop imposto venerdì sera dal Governo per la seconda dose con Astrazeneca agli under 60, sono stati confermati in automatico tutti gli appuntamenti già presi per i richiami con il vaccino Pfizer. Nessun problema quindi per tutti coloro che nei prossimi giorni hanno già l’appuntamento per la seconda dose: senza alcun bisogno di richiamare o riprenotare, potranno presentarsi all’hub nel giorno e nell’orario già prestabilito per ricevere il vaccino.
Sul fronte approvvigionamenti, invece, in arrivo per oggi 9700 dosi Moderna, mentre 70mila dosi del vaccino Pfizer sono attese per mercoledì. Intanto anche l’Inail scende in campo per avviare la somministrazione delle dosi di vaccino ai lavoratori delle aziende. In coerenza con il Piano strategico nazionale dei vaccini, la Direzione regionale grazie alla sinergia realizzata con l’Ats Sardegna, da domani potrà dare concreto avvio alle vaccinazioni dei lavoratori che ne hanno fatto richiesta.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: figlia Che Guevara visita hub Palermo
In città per ricevere cittadinanza onoraria
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
14 giugno 2021
18:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Aleida Guevara all’hub vaccinale della Fiera del Mediterraneo. La figlia di Ernesto Che Guevara ha espresso il desiderio di visitare l’hub provinciale di Palermo, alla Fiera del Mediterraneo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Italia per un ciclo di conferenze, organizzate dall’Associazione nazionale di amicizia Italia-Cuba (Anaic), Aleida Guevara, pediatra all’ospedale dell’Avana, ha fatto tappa a Palermo.
Oggi pomeriggio, nel giorno del compleanno di suo padre, nonché del conferimento della cittadinanza onoraria da parte del Comune di Palermo, Aleida Guevara ha visitato l’hub della Fiera insieme alla figlia Celia, anche lei medico. Ad accompagnarle, il commissario all’emergenza Covid della Città metropolitana di Palermo e il direttore generale dell’assessorato della Salute della Regione Siciliana Mario La Rocca. Sono stati loro mostrati il padiglione 20 (centro vaccinale), e il padiglione 16 (quartier generale amministrativo).
Aleida Guevara si è anche fermata a parlare con i giovani medici della struttura, raccontando le sue esperienze in Nicaragua e in Angola. “Un centro bellissimo ma soprattutto ben organizzato. E dove c’è organizzazione c’è senz’altro efficienza”, ha detto lasciando la Fiera del Mediterraneo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incendi in Salento, fiamme lambiscono lido, bagnanti in fuga
In azione i vigili del fuoco, anche con i canadair
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
LECCE
14 giugno 2021
18:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da questa mattina i i vigili del fuoco del comando provinciale di Lecce sono impegnati senza sosta per spegnere alcuni incendi che da giorni stringono il Salento in una morsa.
Oggi i vigili del fuoco sono intervenuti prima per un rogo sulla strada provinciale Lecce-Torre Chianca, rimasta a lungo chiusa al traffico a causa del fumo che aveva invaso la strada.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In queste ore, invece, sono due i vasti roghi dove si stanno concentrando le operazioni alle quali partecipano anche i volontari della protezione civile. Un incendio è a sud della costa adriatica, lungo la litoranea che collega Porto Badisco e Santa Cesarea Terme dove stanno bruciando ettari di vegetazione e macchia mediterranea. Sul posto stanno operando anche due canadair. Le operazioni sono rese difficili dal forte vento di tramontana.
In fumo anche il versante sud della costa jonica, nel tratto che da Torre Vado conduce a Pescoluse, marina di Salve. Qui, in contrada Fani, il fronte del fuoco è arrivato a ridosso di alcune strutture balneari dove ha distrutto soprattutto vaste zone di canneto. Le fiamme hanno provocato la fuga dei bagnanti dai litorali e dalle case. Non si registrano feriti.
Per Coldiretti Puglia, a favorire gli incendi è anche il “contesto di abbandono in Salento colpito dalla Xylella: è rilevante il problema sicurezza – evidenzia l’associazione – considerato il numero di richieste di intervento ai Vigili del Fuoco di Lecce, oltre alle chiamate alla protezione civile per spegnere gli incendi divampati nei campi abbandonati con gli alberi ormai secchi per il batterio”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Riccardi, +71% accessi Sesamo in 2021
Rilevati 3 nuovi contagi, nessun decesso, positivi 0,26%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
14 giugno 2021
18:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gli accessi alla piattaforma informatica Sesamo in questi primi 5 mesi del 2021 hanno registrato un aumento del 71 per cento rispetto a quelli dell’anno precedente. Lo ha comunicato oggi il vicegovernatore con delega alla Salute del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, in sede di III Commissione del Consiglio regionale.

Secondo Riccardi, ciò dimostra “l’efficacia di uno strumento che con la pandemia sta offrendo un servizio informativo e documentale importante ai cittadini e agli stessi operatori del Sistema sanitario regionale”.
In prospettiva, Riccardi ha poi espresso la necessità che il flusso dei dati funzioni in un regime di complementarità che superi i confini regionali, nell’ottica di una rete nazionale ma che comprenda anche Slovenia e Austria.
Oggi in Friuli Venezia Giulia su 1.147 tamponi molecolari sono stati rilevati 3 nuovi contagi, con una percentuale di positività dello 0,26%. Sono inoltre 382 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali è stato rilevato un caso di contagio (0,26%). Nella giornata odierna non si registrano decessi, mentre i ricoveri nelle terapie intensive sono 4 e quelli negli altri reparti 9.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Milano:blackout a Palazzo Marino, Consiglio comunale sospeso
Saltato collegamento con consiglieri che seguivano da casa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
14 giugno 2021
18:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Seduta del Consiglio comunale sospesa a causa di un blackout della rete elettrica nella zona di Palazzo Marino, sede del Comune. I consiglieri, che sono metà in presenza nell’aula e metà collegati da casa, non sono riusciti a proseguire la seduta perché è saltata la connessione internet.
Visto che la situazione non si è ripresa velocemente la seduta è stata sospesa.
“Mentre A2A fa 262 milioni di utili l’anno il suo azionista di maggioranza Comune di Milano si è dimenticato di chiedere investimenti sulla rete elettrica di Milano. – ha commentato il capogruppo di Forza Italia, Fabrizio De Pasquale – Quando fa caldo e vi sono tutti i condizionatori accesi , oppure quando vi sono temporali, salta il funzionamento di cabine elettriche in vari quartieri, lasciando per ore Milano in blackout. Oggi è successo in Via Marino, impedendo lo svolgimento del Consiglio Comunale. Sala parla di smart city ma la sua incuria verso le reti ci costringe a situazioni da terzo mondo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Lopalco, un milione di pugliesi ha completato ciclo
‘Più di un quarto della popolazione ha immunizzazione completa’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
14 giugno 2021
19:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Oltre un milione di persone, e quindi più di un quarto della popolazione pugliese, ha ricevuto una immunizzazione completa nei confronti del coronavirus.
Somministrare presto e nei tempi stabiliti è il nostro impegno prioritario perché rappresenta il modo migliore per arginare l’eventuale diffusione di nuove varianti”: lo dichiara l’assessore alla Sanità della Regione Puglia, Pier Luigi Lopalco.
Sono per la precisione 1.005.932 i pugliesi che hanno ricevuto una immunizzazione completa, dato aggiornato alle 18 di oggi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: focolaio in palestra di Milano, altri due casi
Complessivamente sono 12, uno solo ricoverato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
14 giugno 2021
19:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ci sono due nuovi positivi collegati al focolaio Covid della palestra di Milano scoperti nei giorni scorsi. Il totale, quindi, sale a 12 casi: sono tutti in isolamento.

ATS Città Metropolitana di Milano ha fatto richiesta di sequenziamento per tutti i positivi: per un caso, già comunicato, si tratta di variante Delta (ex indiana), mentre per gli altri 11 si è in attesa dei risultati di laboratorio.
Solo un caso su 12 è stato ricoverato mentre gli altri sono seguiti al domicilio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Michele Merlo: il 16 giugno camera ardente, il 18 funerali
Prima a Certosa di Bologna, poi esequie in Veneto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 giugno 2021
19:27
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sarà allestita mercoledì 16 giugno al Pantheon della Certosa di Bologna, dalle 9 alle 16, la camera ardente per Michele Merlo, il cantante scomparso a seguito di un’emorragia cerebrale scatenata da una leucemia fulminante.
I funerali si svolgeranno venerdì 18 giugno alle 17 a Rosà (Vicenza), suo paese di origine, presso Villa Marchiorello, Località Ca’ Minotto.

Eventuali iniziative benefiche in memoria di Michele Merlo saranno comunicate dalla famiglia stessa e devolute all’AIL, Associazione italiana contro le leucemie.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: in Lombardia dal 17/6 richiami con mix per under 60
Per vaccinati con AZ, posticipate 7 giorni seconde dosi Moderna
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
14 giugno 2021
19:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“I richiami di AstraZeneca interessati dalla vaccinazione eterologa e sospesi nel periodo 12-16 giugno, verranno effettuati a partire dal 17 giugno e si andranno a sommare ai richiami già previsti in quel periodo”. Lo comunica in una nota la direzione generale Welfare di Regione Lombardia, alla luce delle decisioni prese dagli organi competenti negli ultimi giorni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In questo modo sarà possibile effettuare i richiami nei tempi previsti.
“Allo stesso tempo – prosegue la nota – i richiami con il vaccino Moderna previsti dal 21 giugno al 30 giugno (circa 80.000) vengono spostati in avanti di una settimana. Il richiamo sarà fatto cioè 42 giorni dopo la somministrazione invece degli attuali 35. Il criterio adottato è stato quello di non penalizzare in alcun modo i cittadini lombardi che si erano già prenotati per ricevere la prima dose”.
Queste decisioni, al momento, sono valide per il mese di giugno.
“Nulla cambia invece – conclude la nota – per i richiami delle persone over 60 vaccinate in prima dose con Astrazeneca. Come da indicazioni del Ministero della Salute e di Aifa, infatti, il richiamo sarà effettuato con lo stesso vaccino. Tutte le persone interessate da queste modifiche saranno avvisate con sms”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti:in 127 arrivati a Crotone,presi 2 presunti scafisti
In barca a vela, c’erano anche 21 donne e 37 minori
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CROTONE
14 giugno 2021
20:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un’imbarcazione a vela con a bordo 127 migranti tra cui 69 maschi adulti, 21 donne e 37 minori di cui quattro non accompagnati, è stata scortata dalla Guardia costiera nel porto di Crotone. Assieme agli extracomunitari provenienti da Iran, Iraq, Siria e Palestina sono stati individuati e arrestati due presunti scafisti, un moldavo C.D., di 29 anni, e un russo(38).

Alle operazioni di sbarco ha partecipato personale dell’Ufficio Immigrazione, della Squadra mobile, della Polizia scientifica della Questura di Crotone, della Guardia di Finanza e della Croce Rossa, tutti muniti di sistemi di protezione individuale.
Dopo un primo screening sanitario e l’identificazione i migranti sono stati condotti nel Regional Hub “S. Anna” di Isola Capo Rizzuto.
I due presunti scafisti, arrestati in flagranza di reato dagli agenti della Questura di Crotone, sono accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e condotti in carcere.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lettrici delle riviste colte e aperte, indagine di Mondadori Media
Con Istituto More e BVA Doxa. Lettura su carta distende per 76%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14 giugno 2021
20:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Colte, aperte, curiose: sono alcune caratteristiche delle lettrici di riviste su carta. E’ il ritratto che emerge dalla nuova ricerca di Mondadori Media ‘Il valore della carta’, realizzata in collaborazione con Istituto More e BVA Doxa, su un campione di donne tra i 25 e i 55 anni che acquistano e leggono abitualmente magazine femminili e di lifestyle in Italia.
Secondo l’indagine che prende in esame gli stili di vita, le abitudini ed esperienze di lettura, le lettrici di riviste hanno consumi culturali più variegati rispetto alle non lettrici: vanno a teatro (45%), visitano mostre (58%), leggono almeno 5 libri all’anno (64%) e i quotidiani cartacei (81%).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È più alta anche la capacità di spesa e la propensione al consumo: più della metà delle lettrici di riviste (56%) ha dichiarato una maggiore disponibilità economica e di spendere molto in viaggi, in particolare in Europa (61%), cibi e bevande (38%), ristoranti (27%), abbigliamento e accessori (24%), casa (18%) e tecnologia (18%). Il 39% adora fare shopping e più della metà (51%) indossa capi di brand prestigiosi.
Negli acquisti, il 41% del campione generale si definisce esigente e selettivo, percentuale che aumenta al 49% per le lettrici dei magazine del Gruppo Mondadori, che si fidano maggiormente anche dei prodotti di marca (56%). Complessivamente, il 39% delle intervistate è disposta a pagare di più per un prodotto che le soddisfi e grande rilevanza viene data alla lista degli ingredienti (41%) nel food e nel wellness. Emerge anche una particolare attenzione al body care: le lettrici frequentano regolarmente un centro estetico (34%), palestra (28%), terme o spa (11%), o acquistano cosmetici (27%). Considerando solo le lettrici Mondadori, l’incidenza degli acquisti sale al 35%. L’interazione con il giornale è una vera e propria esperienza, che consente una fruizione distensiva (76%) e concentrata, con possibilità di soffermarsi sui dettagli (69%).
È una lettura più lenta, cui si dedicano tempi più lunghi, meno dispersiva (67%), permette di imprimere nella memoria quello che si legge (57%) e viene vissuta non solo come accesso ai contenuti ma anche come un momento per sé (71%). È forte infatti anche l’aspetto polisensoriale offerto dalla rivista, che concorre a stimolare la fantasia attraverso l’attivazione di più sensi: piace il contatto tattile con il magazine e la carta (67%), le immagini che permettono di immergersi in ambienti e situazioni (57%) e l’odore (47%).
Vengono apprezzate anche le pubblicità (77%), ritenute non invasive se di qualità (61%), ma anzi di valore suggestivo e ispirativo, con un’accentuazione nelle lettrici delle testate del Gruppo Mondadori, che guardano volentieri le pubblicità delle riviste (85%), soprattutto dei brand di lusso e della cosmetica (74%). La cura dell’immagine e dei dettagli favorisce il piacere di guardarle, in un flusso continuo con i servizi veri e propri. L’osservazione più attenta e partecipata mentre si sfogliano le pagine di un magazine stimola anche il ricordo, tanto che il 94% delle lettrici ha dichiarato di aver acquistato prodotti visti nelle riviste.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Assalto ad un portavalori sull’A1, chiodi e spari
Tra Modena e Bologna, Polstrada sul posto.C’è un mezzo in fiamme
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
14 giugno 2021
21:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Assalto a un mezzo portavalori sull’autostrada A1 tra Modena e Bologna, in particolare all’altezza del km 178 direzione Sud, in territorio Modenese nei pressi di Castelfranco. A quanto si apprende i banditi avrebbero messo dei chiodi sull’asfalto e sbarrato la strada.
Sarebbero stati sparati colpi d’arma da fuoco e c’è un mezzo in fiamme. La Polizia Stradale e i mezzi di soccorso sono sul posto. Non è chiaro se ci siano feriti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Marò: la Corte indiana chiude il caso. La moglie di Latorre: ‘Carne da macello per la politica’
Stop a tutti i procedimenti giudiziari nel Paese a carico di Salvatore Girone e Massimiliano Latorre. Lo riporta il quotidiano The Hindu
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 giugno 2021
09:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Corte Suprema indiana ha ordinato la chiusura di tutti i procedimenti giudiziari nel Paese a carico di Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, i due Marò coinvolti nella morte di due pescatori indiani nel 2012. Lo riporta il giornale indiano in lingua inglese The Hindu.
“Chiusi tutti i procedimenti giudiziari in India nei confronti dei nostri due marò, Salvatore Girone e Massimiliano Latorre.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Grazie a chi ha lavorato con costanza al caso, grazie al nostro infaticabile corpo diplomatico. Si mette definitivamente un punto a questa lunga vicenda”, ha scritto su twitter il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio.
“Da 9 anni sono costretta a parlare a nome di mio marito. A lui è stato fatto esplicito divieto di parlare pena pesanti sanzioni. Non può nemmeno partecipare a qualsiasi manifestazione pubblica. È vincolato al segreto. È ora di chiedersi perché le autorità militari vogliono mantenere il segreto su ciò che sa e vuol dire. Quello che so è che per la politica italiana siamo stati carne da macello. Presto Massimiliano si presenterà alla procura di Roma”. Così Paola Moschetti, moglie di Massimiliano Latorre.
“Interessante leggere i ringraziamenti del Ministro Di Maio nei confronti di chi ha lavorato sodo, ma prima di tutti è importante ringraziare i due soldati che si sono sacrificati alla sottomissione indiana per tanti anni che mai più gli saranno restituiti”, dice Vania Ardito, moglie del fuciliere di Marina Salvatore Girone. “Adesso – aggiunge – auspichiamo in una rapida risoluzione per la conclusione definitiva del caso in Italia”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Abbiamo appreso ufficiosamente la notizia – prosegue la moglie del fuciliere – finalmente si è concluso un caso che si sarebbe dovuto concludere in nove giorni ma ci sono voluti più di nove anni”. “Aspettiamo di ricevere notizie ufficiali – conclude – per conoscere nei dettagli gli esiti della sentenza ancora oscuri”.
La Corte Suprema indiana aveva rinviato la chiusura del caso lo scorso 19 aprile perche’ l’indennizzo di cento milioni di rupie (circa 1,1 milioni di euro) che l’Italia doveva versare alle famiglie delle vittime non era stato ancora depositato. Nel corso dell’udienza del 19 aprile, che era stata presieduta dallo stesso presidente della Corte – Sharad Arvind Bobde – il procuratore generale dello Stato, Tushar Mehta, aveva dichiarato che “l’Italia ha avviato il trasferimento di denaro”, aggiungendo però che la somma non era ancora disponibile. Il nove aprile scorso la Corte aveva deciso che il caso sarebbe stato chiuso solo dopo il deposito del risarcimento pattuito. I due militari erano accusati di aver ucciso nel 2012 due pescatori indiani, al largo delle coste del Kerala: i fucilieri, che erano impegnati in una missione antipirateria a bordo della nave commerciale italiana Enrica Lexie, videro avvicinarsi il peschereccio Saint Antony e, temendo un attacco di pirati, spararono alcuni colpi di avvertimento in acqua. A bordo della piccola imbarcazione, però , morirono i due pescatori Ajeesh Pink e Valentine Jelastine, e rimase ferito l’armatore del peschereccio, Freddy Bosco. Dopo un lungo contenzioso, nel luglio del 2020 il tribunale internazionale dell’Aja, che aveva riconosciuto “l’immunità funzionale” ai fucilieri, aveva stabilito che la giurisdizione sul caso spettava all’Italia e aveva disposto il risarcimento alle famiglie delle vittime.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Verranno ascoltati nelle prossime settimane in Procura, a Roma, i due marò italiani. Per questa vicenda a piazzale Clodio è aperto un procedimento da nove anni. Il procedimento è affidato al sostituto procuratore Erminio Amelio, che in questi mesi ha analizzato gli atti inviati dal Tribunale internazionale dell’Aja – che nel luglio del 2020 ha deciso in favore dell’Italia la competenza giurisdizionale – per poi procedere alla conclusione delle indagini che potrebbe arrivare in estate.
“A Massimiliano è stata sempre negata la possibilità di dire la sua verità e la sua versione dei fatti, ma a breve Massimiliano potrà essere sentito dai pm della Procura di Roma, nei confronti della quale abbiamo la massima fiducia, e lì non ci sarà nessun segreto militare che tenga”, ha spiegato l’avvocato Fabio Anselmo, legale del fuciliere Latorre.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 12 casi sul set della Sirenetta Disney in Sardegna
Un operatore ricoverato in ospedale a Sassari, ma non è grave
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SASSARI
15 giugno 2021
10:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un focolaio di covid19 sblocca il set del film della Walt Disney “La Sirenetta”, che si sta girando in questi giorni sulle coste del nord Sardegna, fra Castelsardo e Golfo Aranci.
Dai dati diffusi dall’Ats Sardegna e dal Comune di Trinità d’Agultu, dove alloggia la troupe della Disney, il virus ha contagiato 15 persone, di cui 12 lavorano appunto sul set del film.

Per uno di loro, un operatore tecnico – come riportano oggi i quotidiani sardi – è stato necessario il ricovero nel reparto Malattie infettive dell’Aou di Sassari. Le sue condizioni sono stabili e non preoccupanti, ma il paziente va tenuto sotto osservazione.
La situazione è monitorata dalle autorità sanitarie, e a Trinità sono stati effettuati una settantina di tamponi fra i contatti dei contagiati, senza ulteriori casi positivi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Run, un horror thriller che si nutre di paure
In sala, il film di Chaganty con Sarah Paulson
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Run, un horror thriller che si nutre di paure
In sala, il film di Chaganty con Sarah Paulson
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 giugno 2021
10:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nessuna casa isolata nella nebbia, ne’ zombi o demoni nei dintorni, RUN di Aneesh Chaganty e’ un horror che si nutre di altre paure ancora piu’ terribili, perche’ normali, umane. Siamo insomma in pieno horror psicologico, o, se si preferisce, in un thriller hitchcockiano per questo film con Sarah Paulson e l’esordiente Kiera Allen distribuito dal 10 giugno da Universal Pictures e Lucky Red in associazione con 3 Marys.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Due solo le protagoniste principali una madre, Diane (Paulson, icona dell’horror psicologico contemporaneo grazie alla serie tv, American Horror Story,), e’ una figlia adolescente, Chloe (Allen). Fin qui niente di strano se non il fatto che la ragazza e’ fin troppo malata – aritmia, diabete, paralisi agli arti inferiori e asma – e la madre troppo apprensiva. Insomma Chloe non sta affatto bene, ha bisogno di cure e medicine tutti i giorni, e’ poi tanto brava ad aggiustare le cose ed da mesi e’ in fremente attesa che una delle tante universita’ a cui si e’ iscritta accolga la sua domanda. Ma un giorno nella borsa della spesa della madre scopre un flacone di medicinale sospetto, cerca subito di saperne qualcosa di piu’ ed entra in un tunnel di inaspettate verita’ che portano ad un unico risultato. Ovvero che a volte l’amore della madre ti paralizza come una malattie e che dunque la tua unica mission e’ appunto fuggire alla maggiore velocita’ possibile anche se sei su una sedia a rotelle. “RUN e’ una lettera d’amore all’eta’ d’oro di Hollywood. È un thriller puro, su una madre e una figlia che scoprono alcune cose l’una dell’altra. Parte tutto da questo” dice nelle sue note di regia il regista di origini indiane Chaganty. La Paulson, che non e’ estranea al genere thriller, spiega che Run e’ diverso da qualsiasi altro film abbia mai interpretato: “È spaventoso, inquietante e agghiacciante. Di base e’ una vicenda nella quale tutti possiamo identificarci, perche’ e’ una storia sul legame con la persona piu’ importante nella vita di tutti noi”. E ancora l’attrice sottolinea “Naturalmente, la maggior parte delle madri non arriverebbe mai a fare cio’ che fa Diane per proteggere sua figlia, ma il pubblico comprendera’ il suo desiderio di farlo. Si crea una bellissima simmetria nel momento in cui Chloe inizia a rendersi conto di cosa le sta accadendo, e parallelamente anche il pubblico lo scopre insieme a lei”. Per quanto riguarda il legame familiare, la Paulson osserva poi che: “Diane e Chloe vivono sulla Costa Nord-Ovest del Pacifico, dove sono completamente isolate, tra loro si crea un legame che e’ parte integrante della loro sopravvivenza emotiva, spirituale e fisica. Sono rimasta affascinata dall’intimita’ del loro rapporto e dall’opportunita’ di fare un film che e’ essenzialmente un film con due protagoniste”. La Allen, infine, descrive il film come: “Estremamente intenso.Inizia in un luogo tranquillo, in una casa apparentemente normale e piena di amore.
Poi le cose cambiano all’improvviso, la situazione inizia a degenerare. Ci sono continue sorprese, colpi di scena e scoperte”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Antonio Manzini, Schiavone scioglie nodi del passato
Esce ‘Vecchie conoscenze’, arrivano nuovi episodi tv
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 giugno 2021
10:29
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANTONIO MANZINI, VECCHIE CONOSCENZE (SELLERIO, PP 407, EURO 15). Si svelano segreti, si sciolgono nodi arrivati al pettine e Rocco Schiavone è sempre più solo e depresso nel nuovo romanzo di Antonio Manzini, ‘Vecchie conoscenze’, il decimo dedicato al vicequestore, appena arrivato in libreria per Sellerio, come tutti gli altri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Rocco ha bisogno di mettere un bel punto a tutte le situazioni aperte della sua vita passata. Questo libro chiude tutta una serie di problematiche che si erano aperte nei libri precedenti e dal prossimo devo ricominciare da zero. E’ un pericolo mostruoso, non ho più le spalle coperte però era arrivato il momento” dice Manzini. Ma quali sono le problematiche rimaste in sospeso? “Al di là di quelle psicologiche, di vita, Rocco ha un sospeso mostruoso con un cadavere che non si trova più. Le cose sospese riguardano anche un suo amico, Baiocchi, che è un cattivo e non si sa che fine abbia fatto. I due si inseguono e in questa storia finalmente si conclude anche questa vicenda che va avanti dal terzo libro. E arriva a conclusione anche la questione poliziotta che lo aveva tradito. Tutti nodi che si dovevano sciogliere” dice Manzini. E aggiunge “Rocco è più provato del solito. E’ un personaggio assillato dall’amore ma che l’amore non lo può vivere. E’ una ennesima maledizione che ha. Comunque la giri la risposta è sbagliata però mi diverte troppo”. In ‘Vecchie conoscenze’ il vicequestore è alle prese con la morte di una storica dell’arte, specialista di Leonardo da Vinci, colpita con un oggetto pesante alla testa nella sua abitazione piena di libri preziosi, ma deve fare i conti anche con il fatto che “perde pezzi importanti sia fisici che di amicizia. Il distacco fa parte della sua vita, è una specie di spada di Damocle che fa sì che ogni volta che si affeziona a qualcuno questo si allontani in qualche modo. Come il trapano che batte sul nervo scoperto” racconta Manzini. Rispunta anche Sebastiano, l’amico d’infanzia e di imprese al limite della legalità. “Sebastiano è uno dei fulcri del passato di Rocco, custodisce due segreti che in questo libro vengono finalmente svelati. Anche gli altri amici romani, Furio e Brizzio, partecipano ai suoi drammi ma loro sembra che facciano finta di non averne. Come se non volessero appesantirgli la vita, ma invece credo che dovremmo essere più sinceri in amicizia. Ti può far male, ma da un amico devi accettare soprattutto gli schiaffi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quello che fa male in questo romanzo è il tradimento dell’amicizia che Rocco ritiene peggiore del tradimento dell’amore” racconta lo scrittore. Da ‘Vecchie conoscenze’ saranno tratte anche tre nuove puntate della amatissima serie tv di Rai2 con Marco Giallini. “Facciamo quattro nuove puntate: tre da questo libro e una quarta da un vecchio racconto in cui Rocco deve risolvere un caso su un treno, un Freccia Rossa. Si dovrebbero girare a febbraio prossimo per almeno 4 mesi per andare in onda nell’autunno 2022. Questa volta sarà più complicato. Dobbiamo azzardare un’altra narrazione. Di solito in ogni puntata c’è un cadavere, qui dobbiamo parlare d’altro. La serie si dovrebbe aprire con il racconto del treno e chiudersi con il caso di Baiocchi, il cattivone. Le altre due puntate riguardano il mondo dell’arte” anticipa Manzini. Perchè il mondo dell’arte? “Perchè c’è una cosa che mi da fastidio da tempo e cioè l’intellighenzia vera di questo Paese si è ritirata in buon ordine lasciando spazio a cialtroni e parvenu e questa è una grave perdita di qualità per l’Italia” racconta Manzini. Così nel romanzo la storica dell’arte, Sofia Martinet, sui settant’anni, famosa nel suo campo a livello internazionale, muore dimenticata, abbandonata perchè nessuno la conosce. “Tutti dicono ‘è morto un luminare’, non vi rendete conto. racconto il suo mondo accademico, dell’Università, delle lotte e piccole invidie che ci sono all’interno di queste comunità che mi piacerebbe non fossero più comunità ma diventassero voce del popolo nel bene e nel male” sottolinea Manzini. E la pandemia entrerà mai nelle storie di Rocco Schiavone? “No, mai, non è interessante. Per ora sono indietro, siamo nel 2014, ma quando arriverà il 2019 Rocco dormirà per due anni. Farà un incidente e andrà in coma due anni. Si sveglierà e gli diranno sai che c’è stata una pandemia” dice scherzando Manzini. E aggiunge: “Nessuno, io per primo, si vuole ricordare la pandemia. Non lo farei mai come non ho mai affrontato il problema di Totti che ha lasciato il calcio. Sono cose di cui non si parla. Sono lutti che uno tiene dentro di se, nel dolore del suo nido”. Il futuro? “Siamo già peggiori, basta guardare le intenzioni di voto degli italiani” dice Manzini che è autore anche di romanzi senza Rocco Schiavone a cui tiene molto, l’ultimo è ‘Gli ultimi giorni di quiete’ del 2020. Ma ora sta pensando a un libro per ragazzi. “Mi piacerebbe tanto scriverlo. La storia mi frulla in capo da sei-sette anni ma i libri per ragazzi sono difficili per me. Ti devi reinventare una voce perchè stai parlando con i ragazzi dai 10 ai 15 anni. Mi faccio una overdose di Pinocchio, lo leggo sei sette volte e poi magari viene” racconta tra le risate.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Marò: moglie Latorre, carne da macello per politica italiana
‘A lui imposto silenzio da autorità militari,presto andrà da pm’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
15 giugno 2021
10:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Da 9 anni sono costretta a parlare a nome di mio marito. A lui è stato fatto esplicito divieto di parlare pena pesanti sanzioni.
Non può nemmeno partecipare a qualsiasi manifestazione pubblica. È vincolato al segreto. È ora di chiedersi perché le autorità militari vogliono mantenere il segreto su ciò che sa e vuol dire. Quello che so è che per la politica italiana siamo stati carne da macello. Presto Massimiliano si presenterà alla procura di Roma”. Così Paola Moschetti, moglie di Massimiliano Latorre, sulla Corte Suprema indiana che ha ordinato la chiusura dei procedimenti a carico del marito e di Salvatore Girone.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Estate, presenze degli stranieri in crescita del 15,3%
Demoskopika, 12 mln arrivi da Francia, Germania, GB, Spagna, Usa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 giugno 2021
10:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oltre 25 milioni i pernottamenti (+15,3% sul 2020) e 12,3 milioni gli arrivi in Italia tra giugno-settembre provenienti da Francia, Germania, Gran Bretagna, Spagna e Usa. Oltre la metà degli stranieri di questi 5 Paesi, infatti, avrebbe già deciso di andare in vacanza, il 5% optando per l’Italia.
Mare, montagna e città d’arte le mete preferite. Le stime emergono dall’indagine di Demoskopika per conto del Comune di Siena sui consumi turistici degli stranieri
Il presidente di Demoskopika Raffaele Rio chiede al ministro Garavaglia “Stati generali del turismo a ottobre per programmare il 2022-2023”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
808mila euro mai versati a Comune e Regione, sequestro GdF
Indagati nel Casertano tre dirigenti società di riscossione
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CASERTA
15 giugno 2021
10:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un decreto di sequestro per oltre 800mila euro è stato notificato dai finanzieri di Capua (Caserta) a tre persone che, tra il 2010 e il 2016, si sono susseguite alla guida della Conocchia Multiservizi srl, società di riscossione nel Comune di Cutri (Caserta).
I responsabili della società, secondo quanto emerso dalle indagini coordinate dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere, non avrebbero trasferito al Comune e alla Regione Campania le rispettive quote delle somme pagate dai residenti per i servizi di depurazione e fognatura provocando, così un ammanco di oltre 808mila euro.

I tre indagati sono ora accusati di peculato: le fiamme gialle hanno sequestrato così 444.503 euro a S.N.; 149.948 euro a M.P.M. e 213.728 euro a P.D.G.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Maturità: ecco la lista dei cibi ‘promossi’ e ‘bocciati’
Sì a latte e frutta, sconsigliati caffè e snack salati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 giugno 2021
11:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dall’abuso di caffè alle abbuffate di salatini e noccioline, dall’overdose di cioccolato ai pasti super speziati, sono alcuni degli errori a tavola che aumentano ansia e insonnia e fanno perdere concentrazione e serenità agli studenti sotto stress in vista dell’esame di diploma. È quanto afferma la Coldiretti, che ha stilato la lista degli alimenti “promossi e bocciati” nella dieta per la maturità 2021 ancora sotto la minaccia del Covid.
P
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Meglio puntare, quindi, su frutta e verdura, pasti leggeri e cibi che contengono sostanze rilassanti che aiutano a restare lucidi in questi giorni, come anche cercare i giusti intervalli di riposo con piccoli pasti leggeri che scongiurano i crolli di sonno.
Per affrontare il rush finale è sconsigliato sia il digiuno che gli eccessi, in particolare con cibi pesanti o con sostanze eccitanti, curry, pepe, paprika, dado da cucina o troppo sale.
Via libera ai cibi che aiutano a rilassarsi per la presenza di un aminoacido, il triptofano, che favorisce la sintesi della serotonina, il neuromediatore del benessere e il neurotrasmettitore cerebrale che stimola il rilassamento. Bene quindi il consumo di alimenti con zuccheri semplici come la frutta dolce di stagione, ma anche legumi, uova bollite, carne, pesce, formaggi freschi, pane, pasta o riso. Consigliato anche un bicchiere di latte caldo prima di andare a letto che, oltre a diminuire l’acidità gastrica che può interrompere il sonno, fa entrare in circolo elementi che favoriscono una buona dormita per via di sostanze in grado di attenuare insonnia e nervosismo. Infine mai rinunciare a un buon dolcetto di incoraggiamento ricco di carboidrati semplici che ha una positiva azione antistress, così come infusi e tisane dolcificati con miele che creano un’atmosfera di relax e di piacere.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: calano i ricoveri in Alto Adige, 12 nuovi positivi
I pazienti nei reparti ordinari diminuiti da 15 a 9 in un giorno
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
15 giugno 2021
11:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dodici nuovi casi positivi, un altro giorno senza decessi e deciso calo dei ricoveri nei normali reparti ospedalieri: sono i dati che emergono dal bollettino quotidiano dell’emergenza Covid-19 diffuso dall’Azienda sanitaria dell’Alto Adige.
Nelle ultime 24 ore, sono stati effettuati 838 tamponi pcr (245 dei quali nuovi test) e 9 di essi sono risultati positivi.

Altri tre contagi sono stati accertati sulla base di 3.340 test antigenici.
Diminuiscono da 15 a 9 i pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri, mentre sono sempre 2 quelli assistiti in terapia intensiva. Altri 18 pazienti Covid-19 sono in isolamento nelle strutture di Colle Isarco e Sarnes.
Le persone in quarantena o in isolamento domiciliare sono 643, mentre i guariti totali sono 73.227 (30 in più rispetto ad ieri).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Ndrangheta: sequestrati 30 mln di beni a imprenditori
Uno è un ex sindaco. Operazione della Polizia di Reggio Calabria
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VILLA SAN GIOVANNI
15 giugno 2021
11:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Beni per 13 milioni di euro sono stati sequestrati all’ex sindaco di Villa San Giovanni Rocco La Valle e a Francesco Barreca, coinvolti, nel 2017, nell’inchiesta “Metauros” coordinata dalla Dda di Reggio Calabria che ha svelato l’interesse della ‘ndrangheta nel business del ciclo dei rifiuti. Il provvedimento, eseguito dalla Divisione polizia anticrimine della Questura, è stato disposto dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Reggio su richiesta del procuratore Giovanni Bombardieri, dell’aggiunto Gaetano Paci e dal pm Giulia Pantano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Dda, infatti, ha svelato come la costruzione e la gestione dell’unico termovalorizzatore presente in Calabria, a Gioia Tauro, fosse sottoposto al condizionamento delle cosche.
Arrestato per concorso esterno con la ‘ndrangheta e estorsione, La Valle, titolare di una società e di altra riconducibile al ciclo dei rifiuti, riferiscono gli investigatori, è stato riconosciuto dalla Corte di Cassazione, come “il collettore delle mazzette da destinare alle cosche egemoni sul territorio di Gioia Tauro e Siderno”. Il riferimento è alle famiglie Piromalli e Commisso i cui appetiti sarebbero stati soddisfatti “attraverso il meccanismo della sovrafatturazione delle prestazioni al fine di creare il ‘nero’ per il versamento del pizzo, ottenendo in cambio il riconoscimento di una posizione di monopolio nel comparto del trasporto dei rifiuti dagli stabilimenti industriali esistenti in Calabria”. Barreca, invece, è stato assolto “perché il fatto non sussiste” dall’accusa di concorso in estorsione. Nonostante l’assoluzione, il Tribunale ha rivalutato il quadro indiziario anche alla luce di ulteriori indagini che avrebbero evidenziato un suo coinvolgimento, mediante due società a lui riconducibili, in un sistema di triangolazione di rapporti con il gruppo La Valle per il riciclaggio di proventi illeciti. Per l’accusa, La Valle e Barreca sono riusciti ad accumulare ingenti risorse finanziarie, sproporzionate rispetto ai redditi dichiarati. Oltre alle società dei due, il sequestro ha riguardato 9 immobili, 4 appezzamenti di terreno, 2 veicoli, conti correnti e rapporti finanziari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Lombardia 81 casi variante Delta
Scende anche la percentuale sul totale delle genotipizzazioni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 giugno 2021
11:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 81 i casi di variante delta finora rilevate in Lombardia, due sono stati identificati ad aprile, 70 nel mese di maggio e 9 al 14 giugno. È quanto emerge da fonti interne a Regione Lombardia.

In questo mese di giugno si registra quindi una tendenza in calo rispetto a maggio, ma ancor più significativa è la scarsa percentuale della cosiddetta variante Delta sul totale delle genotipizzazione, che è stata dell’1,20% in maggio e finora dell’1,15% a giugno.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Insegnante morta a Gela: protesta davanti al tribunale
Per pm “non ci sono correlazioni di rilievo penale con vaccino”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GELA
15 giugno 2021
11:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sui vaccini non ci possono essere morti di serie A e serie B. Siamo sempre stati favorevoli alle vaccinazioni, tant’è che c’ eravamo subito prenotati e Zelia si è fidata dalle istituzioni ed è stata tradita.
Nelle perizie c’è il nesso di causalità tra la somministrazione del vaccino e la morte di mia moglie”. Così Andrea Nicosia, il marito di Zelia Guzzo, l’insegnante morta a seguito di una trombosi dopo essersi sottoposta a vaccino, ha commentato la scelta di manifestare questa mattina davanti al Tribunale di Gela. Nei giorni scorsi la Procura di Gela ha chiuso l’indagine a carico dei medici e degli infermieri che hanno avuto in carico la donna. Per i pm “non ci sono correlazioni di rilievo penale” tra la somministrazione del vaccino AstraZeneca e la morte dell’insegnante “imputabili a medici o sanitari che hanno avuto in cura la donna”. L’inchiesta nei confronti di ignoti era per omicidio colposo. Lo scorso primo marzo la donna si era sottoposta al vaccino con Astrazeneca insieme al marito. Undici giorni dopo i primi sintomi, poi il ricovero per una grave trombosi in Rianimazione, dove è morta qualche giorno dopo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Chiesa: vescovo di Mazara,stop a padrini cresime e battesimi
Mons. Mogavero, ‘per sacramenti offerta sia libera non imposta’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MAZARA DEL VALLO
15 giugno 2021
11:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Abolizione ad experimentum per la durata di tre anni, a partire dal primo gennaio 2022, dei padrini per battesimi e cresime: la loro funzione come testimoni della fede nei due sacramenti è oramai svuotata di senso”. Lo ha detto il vescovo di Mazara del Vallo, mons. Domenico Mogavero, illustrando le nuove linee guida del piano pastorale. Per quanto riguarda la “questione delle offerte per i sacramenti” ha chiarito che “si tratta di un’offerta libera, non un prezzo da pagare o una tassa da esigere, come se si trattasse di una sorta di imposta sui sacramenti”. Mogavero ha ribadito: “Questo indirizzo vincolante della Santa Sede diventerà esecutivo in Diocesi con apposito decreto”.
Il Vescovo ha puntato poi l’attenzione sul percorso catechistico: “quello attuale ha mostrato tutta la sua inefficacia per un vero cammino di crescita nella fede e verso la maturità della vita in Cristo”. Da qui l’avvio di una nuova struttura e metodologia: catechismo ridotto da 5 a 4 anni, che si concluderà con la contestuale celebrazione della prima comunione e cresima. Mogavero ha poi ribadito che “le comunità parrocchiali sono chiamate a rivolgere uno sguardo attento e discreto alle fragilità del territorio che abitano, iniziato dalle famiglie ferite per farsi carico delle loro esigenze e per condividere il peso delle loro criticità, dedicando particolare attenzione ai figli che subiscono i contraccolpi delle crisi coniugali”. Per il vescovo “la testimonianza della carità significa uscire da tanti luoghi comuni riconducibili alla logica dell’assistenzialismo: la logica della progettualità deve ispirare le nostre scelte pastorali”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Femminicidi: Consiglio Liguria ricorda due vittime in 24 ore
Medusei, weekend drammatico
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
15 giugno 2021
11:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un minuto di silenzio ha aperto i lavori del Consiglio regionale della Liguria in ricordo dei femminicidi avvenuti durante l’ultimo fine settimana a Ventimiglia e Sarzana. “E’ stato un weekend drammatico per la Liguria, due donne hanno perso la vita per mano del marito la prima e dell’ex compagno la seconda, – interviene il presidente dell’assemblea Gianmarco Medusei – Castelnuovo Magra e Ventimiglia sono state teatro dell’ennesima esplosione di cieca violenza che ha protagonista uomini per un patologico senso del possesso scambiato per amore”.

L’assemblea regionale ha ricordato anche Camilla Canepa, 18 enne di Sestri Levante morta dopo il vaccino anti covid.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Lombardia 81 casi variante delta, in calo a giugno
Scende anche la percentuale sul totale delle genotipizzazioni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 giugno 2021
15:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 81 i casi di variante delta finora rilevate in Lombardia, due sono stati identificati ad aprile, 70 nel mese di maggio e 9 al 14 giugno. È quanto emerge da fonti interne a Regione Lombardia. In questo mese di giugno si registra quindi una tendenza in calo rispetto a maggio, ma ancor più significativa è la scarsa percentuale della cosiddetta variante Delta sul totale delle genotipizzazione, che è stata dell’1,20% in maggio e finora dell’1,15% a giugno. Oltre a quella indiana, i contagi legati ad altre varianti finora identificate in Lombardia sono 11.373 per quanto riguarda quella inglese, 383 per la brasiliana e 79 per la sudafricana.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ce ne sono poi 786 relativi a varianti ‘non Voc (Variants of concern)’, cioè non significative dato che non mostrano aumento della trasmissibilità.
“Non c’è dubbio che sulla variante indiana è necessario avere la giusta attenzione e precauzioni”, ha detto il presidente della Conferenza delle Regioni e del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, su Rai News 24. Fedriga ha spiegato che i primi studi dalla Gran Bretagna “dimostrano che i vaccini sulle ospedalizzazioni e quindi sull’aggravamento della malattia sono molto efficaci per ridurla e quasi annullarla”, con “percentuali di efficacia che superano il 90%”. Allo stesso tempo, però, “è vero che i vaccini sono un poco meno efficaci per quanto riguarda la possibilità di contagiare altre persone”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Turista cade dal quinto piano di un hotel a Venezia e muore
E’ accaduto al Bauer,albergo lussuoso del centro. Polizia indaga
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
15 giugno 2021
12:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un turista è caduto dal quinto piano dell’Hotel Bauer a Venezia ed è morto. Il fatto è avvenuto pochi minuti fa in pieno centro storico, in uno degli alberghi più lussuosi della città.
Non è chiaro, al momento, se si sia trattato di una disgrazia o di un suicidio. Sul posto la Polizia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Marò: moglie Girone, sacrificati a sottomissione all’India
‘Per tanti anni che non saranno loro restituiti mai più’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
15 giugno 2021
12:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Interessante leggere i ringraziamenti del Ministro Di Maio nei confronti di chi ha lavorato sodo, ma prima di tutti è importante ringraziare i due soldati che si sono sacrificati alla sottomissione indiana per tanti anni che mai più gli saranno restituiti”. Lo dice Vania Ardito, moglie del fuciliere di Marina Salvatore Girone.

“Adesso – aggiunge – auspichiamo in una rapida risoluzione per la conclusione definitiva del caso in Italia”.
“Abbiamo appreso ufficiosamente la notizia – prosegue la moglie del fuciliere – finalmente si è concluso un caso che si sarebbe dovuto concludere in nove giorni ma ci sono voluti più di nove anni”. “Aspettiamo di ricevere notizie ufficiali – conclude – per conoscere nei dettagli gli esiti della sentenza ancora oscuri”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Marche, “slot prenotazioni turisti in settimana”
Assessore, ‘scambio con Regioni già considerato da commissario’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
15 giugno 2021
12:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Potrebbe partire in settimana sul sito della Regione Marche, forse “giovedì o venerdì”, un slot di prenotazione dei vaccini per i turisti che trascorreranno vacanze nelle Marche. Ad annunciarlo l’assessore regionale alla Sanità Filippo Saltamartini rispondendo a una domanda dei cronisti a margine della seduta del Consiglio regionale ad Ancona.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Apriremo sul sito della Regione uno slot – spiega l’assessore -: chi viene dalle altre regioni si potrà prenotare e poi questo sistema elettronico, che viene concordato con tutte le altre Regioni, consentirà lo scambio dei vaccini in numero pari ai vaccini somministrati perché in questo momento le consegne dei vaccini avvengono sulla base del numero dei residenti non dei domiciliati o dimoranti”. La collocazione del centro vaccinale per turisti “sarà individuata sulla base della prossimità del luogo alla villeggiatura”. “Il commissario si sta già adeguando, – afferma Saltamartini – perché questo è un accordo tra tutte le regioni che è già stato considerato all’interno dell’organizzazione del commissario come possibilità di garantire la vaccinazione ai turisti”. Quindi nelle Marche, riepiloga l’assessore, “garantiamo la vaccinazione alle persone che pur non essendo residenti, sono domiciliate nelle Marche per assistenza a familiari o altro, agli italiani residenti all’estero iscritti all’Aire, e a tutte le persone che vengono nella nostra regione per motivi di turismo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: card. Bassetti, “una storia da cambiare”
Contributo può arrivare dai vescovi dei Paesi del Mediterraneo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
15 giugno 2021
12:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“‘Il Mediterraneo è diventato il cimitero più grande d’Europa’: le parole pronunciate dal Papa all’Angelus (di domenica scorsa, ndr), con le quali ha ricordato una delle più silenziose e drammatiche realtà del nostro tempo, ci interrogano profondamente. Nel mondo d’oggi, infatti, quasi più nulla sembra scalfire l’animo umano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Persino la morte di uomini, donne e bambini al largo delle nostre coste non sembrano turbare più di tanto la quotidianità del vivere”. Lo evidenzia il cardinale Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, nell’editoriale del quotidiano Avvenire del 15 giugno, dal titolo “Una storia da cambiare”.
Un contributo a questo cambiamento auspicato dal presidente della Cei può arrivare dai vescovi dei Paesi del Mediterraneo incontratisi una prima volta a Bari, nel febbraio 2020 e che si rincontreranno, all’inizio del 2022, a Firenze.
Le parole del Papa sul Mare Nostrum – ricorda Bassetti, secondo quanto sintetizza una nota dell’archidiocesi- “portano alla luce alcune grandi questioni. In particolar modo, la centralità del Mediterraneo” che “è segnata da una pervasiva globalizzazione economica che si tramuta però in una dolorosa indifferenza quando il focus si sposta sui poveri e sui migranti. Questo strabismo concettuale non solo non è evangelicamente accettabile, ma è estremamente carico di incognite e di rischi per il futuro. Chiudere gli occhi davanti ai ‘popoli della fame’ significa, prima di tutto, chiudere gli occhi a Cristo e a quell’umanità sofferente di cui da sempre si prende cura lo sguardo del Samaritano. In secondo luogo, voltare lo sguardo oggi alle migrazioni internazionali significa non affrontare concretamente una delle più grandi questioni sociali di domani: come si governa la mobilità umana? Come combattere lo sfruttamento della tratta? Come integrare queste persone nelle società d’accoglienza? Sono queste alcune delle domande che le migrazioni nel Mediterraneo impongono all’ agenda pubblica dell’ Europa, dell’ Africa e dell’ Asia. Non solo ai governi, ma anche alla Chiesa”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sorveglianza speciale per capo ultrà
Vittorio Boiocchi, 68 anni, 26 di carcere, arrestato a marzo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 giugno 2021
12:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sorveglianza speciale per 2 anni e 6 mesi con prescrizioni tra cui il divieto di “accedere” allo stadio di San Siro, da cui dovrà tenersi a distanza di 2 km, per “spezzare quel legame pericoloso” con la “tifoseria interista” e per tutelare gli ultrà non “criminali”. E’ la misura, disposta dalla Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Milano e richiesta dalla Questura, per lo storico capo ultrà Vittorio Boiocchi, 68 anni, arrestato l’ultima volta a marzo e incapace, come scrivono i giudici Roia-Tallarida Pontani, “di imbastire un progetto di vita alternativo rispetto ad una carriera deviata che lo ha visto detenuto” dal 1992 al 2018.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incendi: al via campagna estiva 2021 con 30 mezzi aerei
Raccomandazioni Draghi, ‘predisporre azioni necessarie’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 giugno 2021
12:56
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si apre oggi la campagna estiva antincendio boschivo che potrà contare su 30 mezzi aerei, di cui 23 dei Vigili del Fuoco (15 Canadair, 5 elicotteri Erickson S64F e altri 3 AB-412) e 7 della Difesa (5 elicotteri delle Forze Armate e 2 elicotteri dei Carabinieri). Lo comunica la Protezione civile.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le annuali raccomandazioni del presidente del Consiglio, rileva il Dipartimento, sottolineano che “gli incendi boschivi continueranno a caratterizzare il nostro Paese indipendentemente dalla concomitante emergenza pandemica. È pertanto opportuno predisporre per tempo tutte le azioni necessarie per non vanificare gli sforzi fatti dal sistema antincendio boschivo nel nostro Paese negli ultimi anni”.
Nell’ambito del progetto europeo ‘RescEU-IT’, due Canadair dislocati sul territorio italiano, se non impiegati per le necessità nazionali, saranno attivati, su richiesta di Bruxelles, in uno degli altri Paesi dell’Unione che dovessero trovarsi in situazioni di criticità. Il progetto assicura risorse aggiuntive a sostegno dei Paesi impegnati a rispondere a catastrofi di particolare entità, anche al di fuori dell’Unione Europea.
L’impiego della flotta nazionale sarà come sempre coordinato dal Centro operativo aereo unificato (Coau) del Dipartimento della Protezione Civile.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Studenti cratere Maceratese, maturità dopo anni difficili
Terremoto ci ha buttati fuori casa, covid ci ha rinchiuso
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAMERINO
15 giugno 2021
13:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono stati 5 anni duri e incredibili, ma arriviamo alla maturità pronti e consapevoli di noi stessi. Di sicuro fortificati dalle avversità vissute, dato che siamo stati chiamati ad affrontare prima il terremoto e poi la pandemia”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A raccontarlo, alla vigilia dell’avvio degli esami di Stato, sono Elena Capeccia, 19 anni di Pieve Torina; Gianluca Aureli, 18 anni di Camerino; e Giordano Smarchi, 19 anni di Ussita. L’avvio del percorso scolastico nei rispettivi licei, per i tre studenti della provincia di Macerata, coincise con gli eventi sismici del 2016, “tanto che inizialmente molti di noi furono costretti a trasferirsi, assieme alle famiglie, sulla costa e ogni giorno tornavamo a Camerino per seguire le lezioni. Si rese necessario anche un cambio di sede”, ricorda Gianluca, che allo Scientifico è anche rappresentante di istituto. “Io, invece, non mi sono fatto mancare proprio nulla, oltre al terremoto, alla didattica a distanza e alle varie restrizioni, ho sperimentato anche cosa significhi contrarre il covid, anche se fortunatamente in maniera lieve”, dice Giordano, che aggiunge: “Il virus di fatto mi ha costretto a stare chiuso in casa un mese in più degli altri”. “Il terremoto ci aveva buttato fuori dalle nostre abitazioni, mentre la pandemia ci ha rinchiuso dentro, è stata una contraddizione assoluta che ci ha davvero messo a dura prova”, spiega Elena, che sintetizza così il periodo vissuto: “Sono stati 5 anni combattuti, ancora di più per chi come me vive anche nelle casette Sae”. La prova orale a cui sono chiamati ce l’avranno, tutti e tre, la prossima settimana: “Avere qualche giorno in più per ripassare non è male, ma comunque siamo convinti di poter fare bene, anche se con la Dad forse qualcosa si è perso per strada, ma quello che abbiamo vissuto ci ha resi sicuramente più forti e responsabilizzati.
Insomma, più maturi, al di là dell’esame”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fontana, variante Delta molto monitorata
Governatore, è sensibile a vaccino ma ha maggiore diffusibilità
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 giugno 2021
13:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Tutti i casi sono attentamente monitorati e seguiti, mi sembra di poter dire, a oggi, che la situazione sia sotto controllo. Dovremo monitorarla costantemente, controllare che non si verifichino nuovi focolai di questa variante, comunque da quello che risulta dalle valutazioni scientifiche, è una variante sensibile al vaccino ma ha, sembra, una maggior diffusibilità.
Cercheremo di essere particolarmente attenti”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, a margine della presentazione dei nuovi incentivi per la sostituzione delle auto inquinanti, a proposito della cosiddetta variante indiana.
“Gli 81 casi di variante Delta si riferiscono praticamente dall’inizio dell’anno ad oggi – ha aggiunto -. I casi verificatisi in aprile sono stati 2, a maggio c’è stato un incremento e a giugno una piccola, ma significativa riduzione”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Veneto, da tre giorni nessun decesso
Sono 74 i nuovi contagi nelle ultime 24 ore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
15 giugno 2021
13:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per il terzo giorno consecutivo il Veneto non registra nuove vittime per il Covid. Nel report della Regione diffuso stamane il numero complessivo dei morti è fermo a 11.600, lo stesso numero che compariva nel bollettino di domenica mattina (relativo alle 24 ore precedenti) I nuovi contagi da ieri sono 74, per un totale dall’inizio dell’epidemia di 424.708.
Prosegue il calo negli ospedali: i ricoverati totali sono oggi 417 (-27), dei quali 368 ( -24), nelle aree mediche e 49 (-3) in terapia intensiva.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Milano Pride, edizione 2021 torna in piazza per i diritti
Dal 18 al 27 luglio ‘sosterremo a gran voce il ddl Zan’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 giugno 2021
13:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo lo stop dello scorso anno dovuto al Covid, il Milano Pride nell’edizione 2021 dal 18 al 27 luglio torna in piazza, in presenza, con le misure di sicurezza del caso come distanziamento e mascherine, con il tema ‘Ripartiamo dai diritti’ per sostenere l’approvazione del ddl Zan, contro l’omotransfobia.
“Questa sarà l’edizione in cui sosterremo a gran voce il ddl Zan e ci impegneremo alla divulgazione onesta e puntuale di quanto questa legge sia necessaria”, ha sottolineato Tiziana Fisichella, coordinatrice del Milano Pride, nel corso della conferenza stampa di presentazione.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Durante la settimana del Milano Pride ci saranno eventi, spettacoli di teatro, installazioni luminose, talk e spazi dedicati alle famiglie e, sabato 26 ci sarà, al posto della tradizionale parata, un evento finale all’Arco della Pace con ospiti e performance. Dal palco si leveranno le voci delle associazioni del Coordinamento Arcobaleno, il coordinamento delle associazioni LGBTQIA+ di Milano e Città metropolitana. Ci saranno anche rappresentanti delle istituzioni e momenti di intrattenimento, con i presentatori Annie Mazzola, Dario Spada e Daniele Gattano e la presenza di numerosi ospiti fra cui Alessandro Zan.
Con la Rainbow Ride tutti potranno supportare invece l’approvazione del ddl Zan, in bicicletta, correndo, a piedi o sulla sedia a rotelle.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bimba contesa tra genitori: ancora un compleanno senza mamma
Appello associazioner al padre, “portala in Sardegna”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ORISTANO
15 giugno 2021
13:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ancora un compleanno, il quarto da quando è stata assegnata al padre, senza la presenza della mamma e dei nonni sardi. Per la piccola, che il prossimo 13 luglio compirà 6 anni, si profila ancora una festa a metà”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Così Maria Grazia Caligaris dell’associazione Socialismo Diritti Riforme, rilancia il caso della bambina contesta tra i due genitori, il papà che vive nel Lazio e la mamma residente in Sardegna. Una vicenda finita nelle aule del Tribunale di Oristano: la donna è accusata di sottrazione di minore per aver portato la piccola nell’Isola evitando il ricongiungimento con il padre, a sua volta accusato di lesioni. Il 9 luglio prossimo si terrà una nuova udienza in cui saranno sentiti i testimoni del pm e 4 giorni dopo la bimba compirà i sei anni senza poter abbracciare la mamma.
“Da circa 6 mesi, complici le condizioni di salute della donna, la quarantena anti Covid della piccola, Lazio e Sardegna in zona rossa, i contatti si sono limitati a telefonate nelle quali la bimba chiede continuamente alla mamma di poterla incontrare – racconta Caligaris – Così la bambina sta perdendo l’aspetto più importante della sua realtà affettiva e finisce col pensare che la mamma è solo una voce”.
Da qui l’appello. “C’è un generoso gesto che il papà potrebbe fare alla piccola: portarla in Sardegna e farla incontrare con la mamma. L’occasione potrebbe essere quella dell’udienza in Tribunale il 9 luglio. Un gesto di questo tenore farebbe bene alla piccola, ma farebbe bene anche ad entrambi i genitori che potrebbero finalmente guardarsi negli occhi e rivedere insieme le scelte utili a costruire un futuro meno traumatico per una figlia”.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Chiede atti sicurezza lavoro, indagato sindacalista Siulp
Stamani protesta davanti a Questura Crotone
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CROTONE
15 giugno 2021
13:53
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Indagato per calunnia dalla Procura perché, in qualità di sindacalista, ha chiesto al suo datore di lavoro i documenti che certificassero la sicurezza del luogo di lavoro. E’ accaduto al segretario provinciale di Crotone del sindacato di Polizia Siulp Claudio Giammarino, che nei mesi scorsi ha chiesto al Questore di avere il certificato prevenzione incendi ed il documento di valutazione dei rischi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Non ricevendo risposta Giammarino, con il supporto del Siulp regionale e nazionale, si era rivolto alla Procura per chiedere di verificare l’esistenza dei documenti, ma è stato indagato.
Per questo stamani, davanti la Questura, si è svolto un sit-in del Siulp al quale ha preso parte anche il segretario nazionale Felice Romano: “La questura – ha detto Romano – sorge su un sito dove ci sono rifiuti tossici come recita il cartello all’ingresso. Facendo nostro l’appello del presidente Mattarella a lavorare insieme contro le morti bianche abbiamo chiesto al datore di lavoro se esistevano i presupposti di sicurezza.
Dobbiamo ascoltare il Capo dello Stato o qualcuno vuole che per i poliziotti non ci sia la sicurezza e i responsabili lavoro e sicurezza non debbano esercitare la potestà. Fermo restando che a Firenze è accaduto il contrario e ci siamo ritrovati indagati per non aver chiesto se c’erano le condizioni di sicurezza.
Ribadiamo la fiducia nella giustizia, ma qui si gioca la credibilità per porre le basi del rilancio della Calabria e se chi è la prima sentinella contro la criminalità oggi è costretto a tutelare se stesso è evidente che la strada sarà complicata.
Come sindacato e Cisl faremo barriere per non far morire la legalità ma farla fiorire proprio da Crotone”.
In 150 hanno preso parte al sit-in al quale erano presenti anche il segretario regionale Siulp Giuseppe Lupia, il segretario della Cisl Calabria Tonino Russo e tutti i segretari provinciali del Siulp. “La presenza di colleghi da tutta la regione – ha detto Gammarino – significa solidarietà, significa che il Siulp nazionale è attento ai temi della sicurezza sul lavoro e che abbiamo una regione coesa che fa gruppo rispetto alle esigenze dei poliziotti e della sicurezza sui luoghi sul lavoro”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rifiuti:Zingaretti,stop schifo,Roma intervenga o lo farà Regione
Serve sito per scarti,non sarà mai più discarica come Malagrotta
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
15 giugno 2021
14:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Lo dico per chiarezza: un sito come era Malagrotta non ci sarà mai più perché è reato portare in discarica il rifiuto come preso dal cassonetto. Io capisco la paura e la reticenza che ci può essere dietro l’idea di una discarica, ma quella roba lì per legge non ci sarà più ma c’è bisogno di un sito che raccoglie i residui di materiale trattato”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo dice il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, a margine di incontro con i cittadini a Tor Sapienza. “La follia di Roma è che brucia milioni di euro dei romani in questo ciclo che sparge rifiuti in tutto il Paese.
Quindi ci auguriamo e restiamo convinti che Roma debba dotarsi di impianti proprio, di abbassare le tasse ai romani, pulire la città. Dunque serve un piano di impianti: o lo fa il Comune di Roma oppure la Regione Lazio farà valere i poteri sostitutivi perché questo schifo deve finire”. Lo dice il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, a margine di incontro con i cittadini a Tor Sapienza. “Aiuteremo sempre la città come abbiamo fatto in queste ore collaborando con Ama affinché in estate la città non venga sommersa ma ora fino a dicembre la soluzione ovviamente è provvisoria e costa un botto di euro -prosegue Zingaretti – dobbiamo utilizzare questo tempo per risolvere i problemi della città che non può non avere impianti di trattamento dei rifiuti e un sito dove conferirli” “Lo dico per chiarezza: un sito come era Malagrotta non ci sarà mai più perché è reato portare in discarica il rifiuto come preso dal cassonetto. Io capisco la paura e la reticenza che ci può essere dietro l’idea di una discarica, ma quella roba lì per legge non ci sarà più ma c’è bisogno di un sito che raccoglie i residui di materiale trattato”, ha aggiunto Zingaretti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Morta 18enne: pm sentono genitori Camilla, poi i medici
Affidato incarico per autopsia, familiari nominano medico legale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
15 giugno 2021
14:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I pubblici ministeri di Genova Francesca Rombolà e Stefano Puppo stanno sentendo i genitori di Camilla Canepa, la studentessa di 18 anni morta nove giorni dopo avere ricevuto il vaccino AstraZeneca a un open day. I pm, coordinati dall’aggiunto Francesco Pinto, vogliono ricostruire la storia clinica della ragazza, verificare se fosse in cura, se avesse una malattia autoimmune e se lo sapesse, ma anche se avesse detto di essere stata vaccinata al ginecologo che le ha prescritto le cure ormonali.

In seguito verrà sentito il personale medico che ha avuto a che fare con la giovane. Intanto questa mattina i pm hanno incaricato i medici legali Luca Tatjana e Franco Piovella per l’autopsia che verrà eseguita nelle prossime ore. I familiari hanno nominato il medico legale Enzo Profumo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fiera ragazzi: 77% i lettori under 14, superano adulti
Dati Aie, digitale utilizzato da 31%.Crescono Youtube e social
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 giugno 2021
14:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono il 77% i lettori nella fascia d’età 0-14 anni contro il 61% della popolazione adulta. Sono i dati 2020 della ricerca ‘Bambini e ragazzi tra libri, app e podcast nell’anno del Covid-19’ realizzata dall’ufficio studi dell’Associazione Italiana Editori, in collaborazione con Pepe Research e Bologna Children’s Book Fair, presentata in occasione della Fiera del libro per ragazzi in programma fino al 17 giugno sulla piattaforma online dedicata.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Se si considerano solo i libri a stampa, esclusi quindi audiolibri, ebook e app editoriali, sono lettori il 72% contro il 55% degli adulti.
I lettori più assidui si trovano nella fascia 4-6 anni dove sono il 93%, valore che scende all’84% tra 7-9 anni e al 65% tra 10-14 anni. Nella fascia 0-3 anni, sono lettori il 77%, considerando i bambini che manipolano libri tattili, utilizzano libri da colorare o sfogliano fiabe e brevi racconti accompagnati da un adulto.
Il libro fisico, nonostante lo sviluppo del digitale, rimane centrale: il 69% di chi legge lo fa solo con libri a stampa o tattili. Il 29% utilizza sia supporti analogici che digitali, il 2% solo digitali.
Soprattutto nella fascia 7-14 anni sono sempre più popolari contenuti editoriali legati a personaggi di serie tv, youtuber, tiktoker.
Youtube è utilizzato dall’82% nella fascia 4-14 anni per guardare cartoni animati, film e video, il 64% utilizza social network e sistemi di messaggistica. “La lettura si inserisce sempre più in una rete di altre attività e di consumi culturali legate alla rete, ai social, alle immagini e per questo assume forti elementi di occasionalità” spiega Gianni Peresson, responsabile dell’ufficio studi di Aie.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Trivella di 10 metri cade su palazzo a Milano, nessun ferito
Distrutte auto in sosta e danneggiati due piani di un edificio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 giugno 2021
14:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una trivella alta oltre 10 metri è precipitata questa mattina dall’interno di un cantiere a Milano, abbattendosi sulla strada e danneggiando il palazzo antistante.
L’incidente, che non ha provocato feriti ma ingenti danni, è avvenuto poco dopo le 10.40 in via Serio, in zona Ripamonti.

Il macchinario serve per lavori di scavo nell’area e, per motivi ancora da chiarire, è crollato contro il palazzo dell’Ifom (Istituto Firc di Oncologia Molecolare), danneggiando il piano terra e il primo piano. Non si registrano feriti, neppure tra i lavoratori presenti sul posto e, secondo quanto riferito dai tecnici dei vigili del fuoco, non ci sarebbero rischi di fughe di gas.
La trivella ha travolto alcune auto in sosta in via Adamello, la strada che divide il cantiere dall’Ifom. La circolazione è interrotta per consentire la rimozione della struttura, operazione che richiederà diverse ore.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Ndrangheta: preso boss latitante, in casa piccola palestra
Ricercato in Rinascita, catturato dalla Polizia nel catanzarese
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
15 giugno 2021
14:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Non era armato ma ben organizzato e in buona forma fisica Agostino Papaianni, di 70 anni, uno dei latitanti sfuggiti alla cattura nel corso del maxi blitz Rinascita-Scott del dicembre 2019 contro le cosche vibonesi. Gli agenti della Squadra mobile di Catanzaro che lo hanno catturato stamani.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’uomo, considerato a capo della ‘ndrina che controlla i territori da Capo Vaticano, a Coccorino, Joppolo, fino a Tropea, nel vibonese, si nascondeva in località Janò di Catanzaro almeno da aprile. Papaianni è stato anche coinvolto nel procedimento “Black Money” per associazione mafiosa. “L’abitazione in cui dimorava il latitante, attigua a un B&B – ha detto il capo della Squadra mobile Alfonso Iadevaia – si trova in luogo impervio, circondato da vicoletti pedonali, un’area verde e un dirupo. Non ha opposto resistenza e ha ammesso le proprie generalità. Questo è il secondo latitante vibonese sfuggito all’operazione Rinascita-Scott che si nasconde nel Catanzarese. Già a gennaio era stato catturato Domenico Cracolici a Maida. Per un investigatore questa è la conferma di un collegamento tra territori ed è il simbolo di storiche alleanze tra la ‘ndrangheta di Vibo e quella di Crotone” che controlla il catanzarese.
Il vice questore aggiunto Salvatore Costantino Belvedere ha spiegato che nel corso della cattura è stata eseguita una perquisizione a casa e nei luoghi limitrofi e sono stati trovati, nella disponibilità del latitante, giornali, cruciverba e libri. Inoltre la casa era dotata di una piccola palestra domestica con panche e bilanciere per aiutare il ricercato a fare movimento nonostante la reclusione forzata.
Il questore di Catanzaro Mario Finocchiaro e Iadevaia hanno sottolineato la sinergia nel lavoro svolto in coordinamento con la Procura guidata da Nicola Gratteri e il lavoro degli agenti che sono riusciti a scovare una traccia della latitanza del capocosca da acquisizioni relative ad altri procedimenti. Adesso le indagini proseguono per scoprire chi ha favorito la latitanza dell’uomo. Da quanto si è appreso, Papaianni aveva stipulato ad aprile un contratto di affitto non registrato dal proprietario che ha affermato che Papaianni si sarebbe registrato con un falso documento.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Strage Ardea: al via autopsie,esame tossicologico per killer
Prima esame autoptico su 3 vittime sparatoria,giovedì su omicida
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 giugno 2021
14:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Iniziano oggi presso l’istituto di medicina legale di Tor Vergata le autopsie per le tre persone, tra cui due bambini, uccise domenica ad Ardea per mano di Andrea Pignani. La procura di Velletri, che sulla vicenda ha avviato una indagine al momento contro ignoti, ha affidato questa mattina l’incarico per procedere con l’esame autoptico.
I medici legali analizzeranno prima le tre persone morte nella sparatoria e poi giovedì sarà effettuata l’autopsia del killer per il quale varranno svolti anche gli accertamenti tossicologici.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Marò: pm Roma interrogheranno Girone e Latorre
Dal 2012 a piazzale Clodio fascicolo per omicidio volontario
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
15 giugno 2021
14:28
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Verranno ascoltati nelle prossime settimane in Procura, a Roma, i due marò italiani Massimiliano Latorre e Salvatore Girone accusati di omicidio volontario per la morte due pescatori in India nel 2012. Per questa vicenda a piazzale Clodio è aperto un procedimento da nove anni.
Il procedimento è affidato al sostituto procuratore Erminio Amelio, che in questi mesi ha analizzato gli atti inviati dal Tribunale internazionale dell’Aja – che nel luglio del 2020 ha deciso in favore dell’Italia la competenza giurisdizionale – per poi procedere alla conclusione delle indagini che potrebbe arrivare in estate.
I due fucilieri della Marina furono ascoltati dai pm capitolini una prima volta 3 gennaio del 2013 quando fecero ritorno in Italia per alcuni giorni. Sempre nel 2013 su incarico della Procura fu effettuata anche una perizia sul computer e su una macchina fotografica che si trovavano a bordo della Enrica Lexie, la nave dove erano in servizio i due militari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Assalto su A1: in azione 15 persone, un commando esperto
Si tratterebbe di un gruppo di ‘professionisti’ italiani
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MODENA
15 giugno 2021
14:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le indagini in corso sull’assalto armato ad un portavalori avvenuto ieri sera nel Modenese lungo la A1, all’altezza di San Cesario, porterebbero ad un commando di quindici persone, probabilmente italiane. Secondo una prima ricostruzione da parte delle forze dell’ordine, infatti, a seminare il panico con colpi di arma da fuoco, minacce agli automobilisti, vetture incendiate e tir messi di traverso per bloccare il traffico sull’Autosole, sarebbe stata una ‘formazione’ di persone esperte, forse già responsabili in passato di azioni del genere, che si sarebbe divisa in due gruppi differenti il cui compito era seguire un copione studiato nel dettaglio, come l’evoluzione dei fatti ha poi in larga parte confermato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Questo fa pensare che sia stato un solo un contrattempo a far saltare i piani, ovvero a non permettere al commando stesso di aprire la cassaforte del portavalori che era l’obiettivo della rapina lungo l’autostrada. Una volta fallito il colpo, il commando potrebbe essersi allontanato passando attraverso un’apertura precedentemente creata lungo le barriere fonoassorbenti dell’Autosole, per poi raggiungere altri componenti che erano in attesa su auto con targhe che non dessero nell’occhio. Una volta raggiunte le vetture, quindi, i responsabili dell’azione si sarebbero dileguati perdendosi nel traffico al di fuori dell’autostrada. Questa una delle ipotesi sull’allontanamento, ma gli accertamenti del caso sono ancora in corso, mentre proseguono le ricerche per individuare tutti i responsabili principalmente tra le province di Modena e Bologna.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Giannini, movida segno ripartenza ma serve rispetto regole
Per capo polizia necessari “controlli ma anche senso civico”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
15 giugno 2021
14:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Io non penso che la movida sia un fenomeno da sconfiggere. Ritengo invece che sia un segno di ripartenza che va fatta però con i dovuti criteri e modi, nel rispetto delle regole”: ad affermarlo oggi a Perugia il capo della polizia, Lamberto Giannini, rispondendo alla domanda di un giornalista a margine della sua partecipazione alla cerimonia di inaugurazione della via dedicata a Emanuele Petri.
Per Giannini “servono si controlli ma anche educazione e senso civico”. “Il fatto di essere fuori – ha concluso – è una ripartenza per tutti, l’importante è che vengano poi tenute sotto controllo e si agisca sulle intemperanze e sul mancato rispetto delle regole”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Zingaretti, auguri indimenticabile Sordi, ci resta nel cuore
Attore morto nel 2003 era nato il 15 giugno del 1920
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
15 giugno 2021
14:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Buon compleanno al grandissimo e indimenticabile Alberto Sordi che resta nel cuore di tutti”. Lo scrive, su Facebook, il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti.
L’attore nacque il 15 giugno 1920 e morì nel 2003.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Eni: pm Storari a procura Brescia, non dovevo toccare Amara
La denuncia in interrogatori, lui e Armanna testi da preservare
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 giugno 2021
15:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Non doveva ‘toccare’ con le indagini Piero Amara perché doveva essere convocato al processo Eni-Nigeria e gli accertamenti sui profili di calunnia per le sue dichiarazioni sulla loggia Ungheria dovevano rimanere fermi per non comprometterlo come teste. E’ in sintesi quanto avrebbe denunciato il pm di Milano Paolo Storari alla Procura di Brescia che lo ha indagato per rivelazione del segreto di ufficio per aver consegnato al Csm i verbali dell’avvocato per tutelarsi dall”inerzia” dei vertici del suo ufficio.
Storari avrebbe detto che per gli stessi motivi sarebbe stato preservato anche Vincenzo Armanna, grande accusatore al processo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tir in fiamme in A1, gravi ustioni per conducente
Tra Calenzano e Barberino. Tratto chiuso in entrambe direzioni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
15 giugno 2021
15:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un 60enne è rimasto gravemente ustionato nel corso di un incidente stradale tra due mezzi pesanti e nel quale uno dei tir è andato in fiamme. E’ accaduto sull’ autostrada A1, tra Calenzano e Barberino, in direzione nord.
Il tratto è chiuso in entrambe le direzioni e si registrano code sia in entrata che in uscita. Il 60enne è stato trasportato con l’elisoccorso Pegaso al Centro grandi ustioni di Cisanello. Ferito anche un 50enne che era alla guida dell’altro mezzo coinvolto e che è stato invece trasferito a Careggi. Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118 e i vigili del fuoco del comando di Firenze e dei distaccamenti di Ovest, Calenzano e Borgo San Lorenzo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Addio a Robert Hollander, decano dantisti in Usa
Amico di Benigni e pioniere delle digital humanities
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
15 giugno 2021
16:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel settimo centenario della morte di Dante, il mondo della letteratura dice addio a Richard Hollander, il decano dei dantisti americani che condusse i lettori del suo paese nei gironi dell'”Inferno”.
Hollander, che aveva 87 anni e con la moglie Joan, una poetessa, firmo’ una delle piu’ accreditate traduzioni della Divina Commedia in inglese, e’ morto nella casa del figlio alle isole Hawaii.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Professore a Princeton per 42 anni, Hollander ha pubblicato una quarantina di opere su Dante e su Boccaccio. Premiato nel 2008 con il Fiorino d’Oro dalla citta’ di Firenze, e’ stato anche un pioniere delle digital humanities: negli anni Ottanta, quando pochi studiosi avevano mai applicato le nuove tecnologie allo studio della letteratura, comincio’ a digitalizzare i commentari del poema dantesco grazie a fondi ottenuti da Apple e AT and T. Per inserire i testi nel suo “Dartmouth Dante Project” gli studenti usarono scanner delle dimensioni di frigoriferi: oggi, 33 anni dopo l’uscita della prima versione,il progetto “rappresenta lo strumento fondamentale” per gli studi su Dante, ha detto al “New York Times” Jeffrey Schnapp, studioso di letteratura italiana medievale e il fondatore del metaLab per le digital humanities di Harvard.
Hollander era spesso in Italia e per anni era rimasto in contatto con Roberto Benigni: “E’ un accademico per natura – aveva detto al New York Times il professore in occasione della presentazione della tournee TuttoDante dell’attore, regista e sceneggiatore di “La Vita e’ Bella” nel 2009 – a volte mi telefona solo per il piacere di discutere la possibile interpretazione di un brano della Divina Commedia”. Fu poi proprio Benigni a tenere a battesimo a Palazzo Vecchio “La Commedia di Dante Alighieri”: il primo commento di uno studioso americano a uscire in Italia e in italiano per i 150 anni dell’Unita’ d’Italia.   MONDO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Pregliasco,1-2%reinfezioni dopo ciclo vaccinale ma non gravi
‘Vaccinazione fondamentale per evitare ospedalizzazioni’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 giugno 2021
16:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Anche in Italia sono segnalati casi di reinfezione da SarsCov2 nonostante la vaccinazione. A segnalarlo, pur in mancanza al momento di dati ufficiali e statisticamente rilevanti, è il virologo Fabrizio Pregliasco dell’Università di Milano: “Secondo stime nel nostro centro vaccinale all’Istituto Galeazzi di Milano – afferma – abbiamo rilevato una percentuale pari all’1-2% di reinfezioni dopo la seconda dose di vaccino anti-Covid Pfizer.
P
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si tratta però di forme non gravi”.
In questi casi, spiega l’esperto, “abbiamo osservato che si tratta di una reinfezione molto più debole e senza complicanze, e nella maggior parte dei casi dovuta alla variante Alfa, precedentemente denominata variante inglese. La reinfezione si è rilevata a distanza di 1-2 mesi dal completamento del ciclo vaccinale”. Nei giorni scorsi, inoltre, “è stato rilevato anche un caso di reinfezione post vaccino da variante Delta (indiana) in Lombardia. Il dato positivo – sottolinea – è che comunque le reinfezioni sono lievi, quindi ciò indica una efficacia del vaccino nel mitigare l’impatto della reinfezione stessa”. Questo dato, secondo Pregliasco, dimostra dunque che “nonostante il possibile margine di reinfezioni, l’efficacia del vaccino c’è e l’obiettivo è comunque quello di evitare la malattia grave.
Anche rispetto alla variante Delta – rileva – studi ci dicono che nell’80% di casi si evitano ospedalizzazioni e casi gravi dopo la singola dose e nel 95% dei casi dopo le due dosi, secondo i dati inglesi. La conclusione, commenta il virologo, è che il “vaccino serve, pur considerando questa parziale inefficacia rispetto ad alcune reinfezioni, e ciò per ridurre quello che può essere il colpo di coda futuro alla luce della eventuale insorgenza e diffusione in Italia, molto probabile, della variante Delta. E questo perchè il vaccino è l’unica possibilità per impedire un impatto pesante dal punto di vista clinico sulle strutture ospedaliere. L’importante, da un punto di vista di sanità pubblica, è, infatti, innanzitutto evitare i casi gravi”. Rispetto alle varianti, conclude, “si rende comunque ora fondamentale una terza vaccinazione con vaccini aggiornati contro le mutazioni, da effettuarsi entro il 2022”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I marò dai pm a Roma, ‘via il segreto militare’
Sono accusati di omicidio volontario, entro l’estate si chiuderà l’inchiesta
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
15 giugno 2021
17:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Interrogatorio degli indagati e definizione del procedimento entro l’estate. E’ la road map della Procura di Roma nel procedimento avviato nove anni fa e che vede indagati per omicidio volontario i due marò italiani Massimiliano Latorre e Salvatore Girone per la morte di due pescatori in India nel 2012.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’indagine, condotta dal sostituto Erminio Amelio, è giunta ad una fase conclusiva e il magistrato convocherà nelle prossime settimane i due fucilieri per sentirli a otto anni distanza dal primo confronto con in pm che avvenne il 3 gennaio del 2013 davanti all’allora procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo.
L’interrogatorio sarà l’occasione per i due militari di raccontare la loro verità su quanto avvenuto il 15 febbraio 2012 al largo della costa del Kerala, stato dell’India sud occidentale. “A Massimiliano è stata sempre negata la possibilità di dire la sua verità – afferma l’avvocato Fabio Anselmo, difensore Latorre – e la sua versione dei fatti, ma a breve sarà sentito dai pm, nei confronti della quale abbiamo la massima fiducia, e lì non ci sarà nessun segreto militare che tenga”. “Se non si vuole che Massimiliano parli pubblicamente – prosegue Anselmo – evidentemente non si vuole che dica quello che sa, e bisognerebbe chiedersi il perché: io me lo chiedo. Di sicuro una cosa adesso è cambiata, abbiamo un procedimento a Roma e potete stare certi che con i pm romani parlerà”. Anselmo aggiunge che la richiesta di consentire a Latorre di parlare pubblicamente fu fatta “ai vertici militari” che la “negarono nonostante l’allora ministro della Difesa Guerini sostenne che non vi erano motivi di mantenere il segreto militare”.
L’indagine della procura ordinaria ha vissuto una accelerazione nel luglio dello scorso anno dopo che il Tribunale internazionale dell’Aja ha deciso in favore dell’Italia la competenza giurisdizionale. Negli ultimi mesi il titolare del fascicolo ha proceduto alla lettura e analisi dell’incartamento, oltre cento pagine di atti, giunto dall’Olanda.
Nel fascicolo del procedimento romano sono presenti i verbali del primo interrogatorio svolto. “Abbiamo sparato 7-8 colpi in mare per scoraggiare l’avvicinamento di un’imbarcazione diversa da quella mostrata dalle autorita’ indiane”, raccontarono all’epoca i due militari. Un faccia a faccia che durò circa 5 ore e al quale i due militari si recarono per rendere dichiarazioni spontanee.
Tra le carte del fascicolo anche l’audizione degli altri quattro fucilieri del Nucleo militare di protezione, che hanno detto di non essere stati testimoni diretti dell’accaduto. In pratica, di non aver visto niente.
Sempre al 2013 risale la perizia che la Procura dispose sul computer e su una macchina fotografica che si trovavano a bordo della Enrica Lexie, la nave dove erano in servizio i due militari. Un lavoro che puntava a chiarire quanto avvenuto nel febbraio di otto anni quando furono uccisi Valentine Jelastine e Ajeesh Pink, due pescatori imbarcati su un peschereccio indiano, a largo di Kochi. Sul pc di bordo sono registrate le conversazioni tra il comandante dell’equipaggio e l’armatore, nonche’ le comunicazioni fatte dagli organismi italiani mentre la macchina fotografica sarebbero state memorizzate le immagini del presunto attacco di pirati.
Sui due fucilieri anche la Procura Militare aveva avviato un procedimento per i reati di ”violata consegna aggravata” e ”dispersione di oggetti di armamento militare” per poi spogliarsi del caso, lasciando tutta l’inchiesta in mano alla magistratura ordinaria.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Autenticò quadri falsi”, Sgarbi rischia il processo
Su opere riconducibili a Gino De Dominicis
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 giugno 2021
17:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ha certificato come autentici alcuni lavori riconducibili all’artista Gino de Dominicis, ritenuti falsi dal nucleo di Tutela del patrimonio artistico dei carabinieri. Accuse per le quali la Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per Vittorio Sgarbi.
P
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un eventuale processo su cui domani è chiamato a decidere il giudice per le udienze preliminari di piazzale Clodio e che arriva nel bel mezzo della campagna elettorale per il Campidoglio nella quale il critico d’arte compare ora come candidato all’assessorato alla Cultura per il ticket di centrodestra Michetti-Matone. Si tratta dell’indagine che nel novembre del 2018 portò all’arresto di due persone, poste ai domiciliari.
Nel procedimento erano finite sul registro degli indagati venti persone tra cui anche il noto critico d’arte a cui i magistrati contestano, nel suo ruolo di presidente della Fondazione Archivio Gino De Dominicis di Roma, la violazione dell’articolo 178 lettera C del codice dei beni culturali e del paesaggio. Nel novembre di due anni fa, su disposizione del gip, furono sequestrate oltre 250 opere considerate contraffatte per un valore di oltre 30 milioni di euro e venne individuato il locale adibito a laboratorio dove sono state trovate opere con tutto il materiale idoneo alla produzione di falsi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Anniversario nascita Alberto Sordi, a Roma un murale per lui
Alla Garbatella. Assessore Lazio, così valorizziamo le periferie
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
15 giugno 2021
17:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Dopo i murales di Gigi Proietti al Tufello e di Anna Magnani al Tiburtino III, questo pomeriggio abbiamo inaugurato il ritratto di Alberto Sordi a Garbatella: un bellissimo progetto della Fondazione Roma Cares della AS Roma, in collaborazione con la Regione Lazio, per promuovere l’arte e il decoro nelle periferie della città. Attraverso i ‘volti della romanità’ vogliamo omaggiare personaggi illustri di Roma e valorizzare il tessuto sociale e culturale dei vari quartieri”.

È quanto ha dichiarato Massimiliano Valeriani, assessore regionale all’Urbanistica e alle Politiche abitative, durante l’inaugurazione del murale di Alberto Sordi, realizzato dalla Fondazione Roma Cares della As Roma in occasione dell’anniversario della nascita del grande attore.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Regione Fvg, da 16/6 apertura fascia 12-15 anni
Verranno utilizzate le dosi di vaccino Pfizier
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PORDENONE
15 giugno 2021
18:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Dalle 12 di domani, mercoledì 16 giugno, si aprono le agende per prenotare le vaccinazioni anti Covid-19 utilizzando le dosi Pfizier a favore dei cittadini ricompresi nella fascia di età tra i 12 anni compiuti e i 15 anni, come da autorizzazione Aifa”.A darne notizia è il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute Riccardo Riccardi.
“Le prenotazioni potranno essere effettuate attraverso il Call center regionale (0434 223522), gli sportelli Cup, le farmacie abilitate e la web app – spiega Riccardi -.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Al momento della vaccinazione i minorenni dovranno avere con sé il consenso informato, firmato da entrambi i genitori; se uno dei due fosse impossibilitato a firmare il consenso per lontananza o impedimento, l’altro genitore dovrà dichiararlo compilando e sottoscrivendo l’apposito modulo (disponibile nella sezione modulistica) che va allegato al consenso. Il minore dovrà essere accompagnato alla vaccinazione da uno o entrambi i genitori: non è possibile delegare terze persone, nemmeno se queste fossero dei familiari”.
“Infine, nel caso in cui a sottoporsi al vaccino fosse un minore non accompagnato affidato ai servizi, il tutore o il responsabile della struttura affidataria dovrà compilare e sottoscrivere l’apposito modulo (disponibile nella sezione modulistica) che va allegato al consenso. Il minore dovrà essere accompagnato alla vaccinazione dal tutore o dal responsabile della struttura affidataria nel caso in cui il tutore non fosse stato ancora nominato. Non è possibile delegare terze persone ad accompagnare il minore. In questo caso è importante attivare il mediatore”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Genovese: resta in carcere, ‘salute mentale non è critica’
Gip rigetta istanza scarcerazione dopo perizia tossicodipendenza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 giugno 2021
18:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Deve restare in carcere Alberto Genovese, l’imprenditore del web rinchiuso a San Vittore dal 6 novembre scorso con l’accusa di aver drogato e violentato due ragazze tra Milano e Ibiza, anche perché le sue condizioni di salute mentale, legate alla dipendenza dalla cocaina, non sono incompatibili con la detenzione. Lo ha stabilito il gip di Milano Tommaso Perna, sulla base della perizia depositata da Enrico Zanalda, direttore del Dipartimento salute mentale della Asl di Torino.

L’accertamento era stato disposto dal gip accogliendo la richiesta dei difensori Luigi Isolabella e Davide Ferrari, la cui istanza era finalizzata a ottenere una diagnosi che portasse alla scarcerazione dell’ex ‘mago’ delle start up digitali. Richiesta di scarcerazione respinta, però, perché il perito, pur segnalando disturbi legati alla tossicodipendenza, di cui soffre Genovese, non ha evidenziato condizioni critiche di incompatibilità col carcere.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: nelle ultime 24 ore 1.255 positivi e 63 vittime
Il tasso di positività è dello 0,6%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 giugno 2021
18:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 1.255 i positivi al test del coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 907.
Sono invece 63 le vittime in un giorno, contro le 36 di ieri. Ammontano poi a 212.112 i tamponi molecolari e antigenici (ieri 79.524). Il tasso di positività è dello 0,6%, in calo rispetto all’1,1% del giorno prima.
I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 504, con un calo di 32 rispetto alle 24 ore precedenti nel saldo quotidiano tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono stati 26 (ieri 11). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 3.333, in calo di 132 unità.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
COVID: casi di variante indiana in Sardegna
Ma calano i contagi, tasso di positività dello 0,8%
A
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
15 giugno 2021
18:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo il sud Sardegna, con 12 casi accertati, la variante Delta del Covid, nota come indiana, è arrivata anche nel nord dell’isola.
Il laboratorio di virologia dell’Aou di Sassari ha trovato dei casi sospetti ed è stato avviato il sequenziamento del virus per avere la certezza del tipo di variante.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I risultati saranno disponibili entro una settimana, dieci giorni al massimo.
I fari sono puntati sul focolaio accertato a Trinità d’Agultu e scoppiato sul set del film “La Sirenetta”, che si sta girando in questi giorni fra Castelsardo e Golfo Aranci. I positivi al virus sono ufficialmente 15, di cui dodici fanno parte della troupe Disney. Uno di loro è ricoverato nel reparto Malattie infettive dell’Aou di Sassari.
Intanto nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale sono stati rilevati 22 nuovi contagi (ieri 31) attraverso 2.749 tamponi. Il tasso di positività cala allo 0,8%. Complessivamente sono 57.061 i contagi e 1.484 le vittime accertate nell’Isola dall’inizio dell’emergenza. Sempre meno i posti letto Covid occupati. Sono 73 (-10) i pazienti attualmente ricoverati in area medica, mentre resta invariato il numero (6) di quelli in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 11.788, i guariti 43.710 (+127).
Capitolo vaccini. Sale a 1.100.236 – su 1.273.209 consegnate (l’86,4%) – il numero di dosi somministrate in Sardegna dall’inizio della campagna. Nelle ultime 24 ore le dosi inoculate nei vari hub dell’Isola sono state 13.580.
Sale al 22,09% la percentuale della popolazione sarda che ha completato il ciclo vaccinale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Fvg, domani aprono agende 12-15 anni
Percentuale positivi allo 0,27%, registrato un decesso
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
15 giugno 2021
18:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Dalle 12 di domani, mercoledì 16 giugno, si aprono le agende per prenotare le vaccinazioni anti Covid-19 utilizzando le dosi Pfizier a favore dei cittadini ricompresi nella fascia di età tra i 12 anni compiuti e i 15 anni, come da autorizzazione Aifa”. Lo ha annunciato oggi il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Al momento della vaccinazione i minorenni dovranno avere con sé il consenso informato firmato da entrambi i genitori, mentre nel caso dei minori non accompagnati affidati ai servizi sarà il tutore o il responsabile della struttura affidataria a dover compilare e sottoscrivere l’apposito modulo.
Sempre in merito ai vaccini, oggi il presidente della Regione, Massimiliano Fedriga, ha spiegato che rispetto alla variante Delta “sono molto efficaci” per ridurre la possibilità di un aggravamento della malattia, ma allo stesso tempo “sono un poco meno efficaci per quanto riguarda la possibilità di contagiare altre persone”.
Questa mattina è inoltre iniziata anche a Gorizia ‘Ancora più sicuri in fabbrica, vaccinati al lavoro’, la campagna promossa da Confindustria Alto Adriatico assieme alle organizzazioni sindacali e alla Croce Rossa Italiana che consentirà di vaccinare progressivamente i dipendenti delle aziende. L’hub vaccinale ha trovato spazio nella concessionaria De Bona di via Marassi ed è attrezzato con 2 linee, ciascuna capace di circa 100 inoculazioni al giorno. Pierluigi Zamò, vicepresidente di Confindustria Venezia Giulia, ha ricordato che «vaccinarsi è l’unica strada da percorrere al di là dei tanti pareri discordanti di cui si sente parlare; siamo davvero lieti di essere partiti anche qui a Gorizia dopo l’avvio nel Pordenonese.
La campagna – ha aggiunto- presto si attiverà anche negli altri siti individuati in queste settimane».
Oggi in Friuli Venezia Giulia su 3.715 tamponi molecolari sono stati rilevati 10 nuovi contagi, con una percentuale di positività dello 0,27%. Sono inoltre 1.813 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 2 casi (0,11%). Nella giornata odierna si è registrato un decesso, mentre i ricoveri nelle terapie intensive sono 3 e quelli in altri reparti risultano essere 10.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tir in fiamme in A1, riaperta autostrada, grave conducente
Ustioni terzo grado su 60% del corpo
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
15 giugno 2021
19:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato riaperto intorno alle 16,30 il tratto della A1 compreso tra Barberino e Calenzano in direzione Bologna, precedentemente chiuso a causa di un incidente avvenuto tra due mezzi pesanti al chilometro 276.
Secondo quanto spiegato da Autostrade per l’Italia, attualmente, in direzione Firenze, il traffico transita su due corsie e si registrano 8 km di coda, con ripercussioni sull’A1 Variante di Valico di 10 km da Badia in direzione Firenze.
In direzione Bologna, nel tratto compreso tra Calenzano e il bivio con la Variante di Valico, si registrano 17 km di coda con ripercussioni sull’A11 Firenze-Pisa Nord di 1 km di coda da Prato Est in direzione Firenze. Nell’incidente tra i due tir, uno dei quali ha preso fuoco, è rimasto gravemente ferito il conducente del mezzo, un 55enne originario di Gela. L’uomo ha riportato ustioni di terzo grado sul 60% del corpo e si trova ricoverato in prognosi riservata al centro grandi ustionati dell’ospedale di Cisanello a Pisa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Parapendii si scontrano in volo, giovane ferita
A Gemona del Friuli
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
15 giugno 2021
19:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Gemona del Friuli poco prima delle 14, due parapendii si sono scontrati nella zona nei pressi del decollo del Monte Cuarnan. Uno dei due piloti, una giovane di nazionalità romena, è stata soccorsa e recuperata dall’equipe tecnico sanitaria dell’elisoccorso calata sul pendio con il verricello.

La giovane ha riportato pesanti fratture ed è stato dunque necessario stabilizzarla e ‘imbarellarla’, successivamente è stata imbarcata e portata all’ospedale di Udine. Il secondo pilota è riuscito a riprendere il volo dopo lo scontro.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaticano ai vescovi Usa, ‘non negate comunione a Biden’
L’episcopato americano sulla questione rischia una frattura
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
15 giugno 2021
19:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I vescovi degli Stati Uniti rischiano di spaccarsi. Nonostante la lettera ricevuta qualche settimana fa dalla Congregazione per la Dottrina della Fede, nella quale sostanzialmente il Vaticano li metteva in guardia dal negare la Comunione ai politici favorevoli al diritto di aborto, la Conferenza episcopale tira dritto e si appresta ad affrontare, e forse anche votare, la questione nella riunione di questa settimana.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Al centro della questione c’è Joe Biden, il secondo presidente cattolico (praticante) degli Stati Uniti d’America.
A rilanciare il tema che scuote la Chiesa americana è il ‘New York Times’. La fronda contro il Presidente ‘pro-choice’ è guidata da alcuni vescovi conservatori e tra loro c’è l’arcivescovo José Gomez di Los Angeles, presidente della conferenza episcopale Usa. Il cardinale Luis Ladaria, prefetto della Congregazione per la Dottrina della fede, nella lettera che aveva scritto ai vescovi americani, aveva rilevato che un voto su tale questione potrebbe “diventare una fonte di discordia piuttosto che unire l’episcopato e allargare la Chiesa negli Stati Uniti”.
Una parte dei vescovi americani vorrebbe evitare questa discussione e 67 di loro, circa un terzo, ha scritto all’arcivescovo-presidente Gomez per chiedere di rimuovere dall’agenda della Conferenza questo punto. Tra loro spicca la firma di Wilton Gregory, arcivescovo di Washington, al quale dunque spetterebbe la decisione ultima se far negare la comunione a Biden nelle chiese della sua diocesi. “Ma ha già fatto ampiamente sapere che non lo farà”, commenta il New York Times.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaticano: Riesame, da Torzi un disegno ricattatorio
Per giudici Roma il broker si è avvalso di ‘complicità interne’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 giugno 2021
19:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il tribunale del Riesame di Roma, che ad aprile aveva confermato la misura cautelare per il broker Gianluigi Torzi, al centro della vicenda vaticana legata alla compravendita del palazzo di Londra a Sloane Avenue, nelle motivazioni sottolinea l’esistenza del ‘fumus boni iuris’ della realizzazione da parte di Torzi delle “condotte criminose contestategli dal Promotore vaticano”. Per i giudici inoltre l’operato “deve ritenersi integri la condotta ricattatoria”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ quanto si legge nell’ordinanza in cui si parla anche di “innegabile malafede” e “‘evidente carattere fraudolento della condotta”, e di “disegno fraudolento e ricattatorio”.
I giudici parlano poi di “altre complicità”, per la realizzazione dei reati, facendo riferimento a personale vaticano oltre gli “iniziali complici interni alla Santa Sede”.
Il riferimento è per l’inserimento di una modifica statutaria alla società veicolo e del memorandum con cui l’avvocato Nicola Squillace descrive alla Segreteria di Stato la quale aveva chiesto un parere “Ia modifica statutaria, in modo chiaramente ingannevole”. Questo portò il Segretario di Stato, card. Pietro Parolin, “non certo esperto di meccanismi societari”, a mettere la sua firma.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Strage di Ardea, l’autopsia: i bambini uccisi da un colpo ciascuno
E’ quanto emerso dai primi risultati delle autopsie svolte presso l’istituto di medicina legale di Tor Vergata. Per il killer verranno svolti anche gli esami tossicologici
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 giugno 2021
09:31
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono stati raggiunti da un solo colpo di pistola ciascuno Daniel e David, i due bambini uccisi domenica mattina ad Ardea, in provincia di Roma. E’ quanto emerge dai primi risultati delle autopsie svolte presso l’istituto di medicina legale di Tor Vergata.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’esame autoptico ha confermato che il più grande dei due bambini, di dieci anni, è stato colpito al petto, il più piccolo, di appena cinque anni, alla gola. Giovedi verrà svolta l’autopsia sul corpo del killer Andrea Pignani, per il quale verranno svolti anche gli accertamenti tossicologici.
I funerali dovrebbero esserci tra giovedì e venerdì, quello dei bimbi ad Ostia.
Intanto le indagini dei carabinieri vanno avanti per chiarire ogni aspetto. Sequestrati computer e cellulare di Pignani, l’ingegnere informatico che domenica mattina ha premuto il grilletto più volte nel comprensorio in riva al mare. Verranno effettuate verifiche per stabilire se ci siano all’interno elementi utili, se ad esempio l’uomo abbia avuto qualche contatto pregresso da cui si potesse intuire qualcosa.
A quanto ricostruito finora, il mondo del 35enne era praticamente limitato alle mura della sua stanza in cui trascorreva intere giornate. Una camera che sarebbe stata quasi inaccessibile agli altri. Poco più di un anno, a maggio 2020, dopo una lite con la madre in cui l’avrebbe minacciata con un coltello Pignani fu portato all’ospedale dei Castelli di Ariccia e sottoposto a «consulenza psichiatrica» per uno «stato di agitazione psicomotoria». A quanto emerso dagli accertamenti degli investigatori fu dimesso la mattina successiva con una diagnosi di “stato di agitazione – paziente urgente differibile che necessita di trattamento non immediato” e fu affidato al padre.
Rimane al vaglio la posizione della madre dell’ingegnere per quanto riguarda la mancata denuncia della pistola di proprietà del marito che non fu denunciata alla sua morte, avvenuta nei mesi scorsi. La donna rischia l’accusa di detenzione abusiva di armi. La pistola, una Beretta modello 81 calibro 7,65 utilizzata dall’omicida, era detenuta regolarmente dal padre di Pignani, ex guardia giurata, ma alla sua morte non fu denunciata. “Non la trovavamo” si sarebbero giustificati i familiari. Ma la donna, essendo l’erede convivente del marito, avrebbe dovuto segnalare l’esistenza dell’arma anche se questa non era stata da lei ritrovata.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Premio Calvino, Francesca Valente è la vincitrice
Con il romanzo ‘Altro nulla da segnalare. Storie di uccelli’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
15 giugno 2021
19:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Altro nulla da segnalare. Storie di uccelli di Francesca Valente (Torino) è l’opera vincitrice della XXXIV edizione del Premio Italo Calvino.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tre menzioni speciali della Giuria, a pari merito, vengono assegnate a: L’età delle madri di Vittorio Punzo (Vairano Scalo, Caserta), Noi non siamo la risposta di Stefano Mussari (Prato) e Rattatata di Alfredo Speranza (Roma). Il romanzo vincitore e le menzioni speciali sono stati proclamati dai giurati Mario Baudino, Isabella Camera d’Afflitto, Valeria Della Valle, Giorgio Falco e Alessio Torino durante la Cerimonia di Premiazione che si è svolta in diretta dal Teatro Cap 10100 di Torino.
Il direttivo del Premio – composto da Franca Cavagnoli, Anna Chiarloni, Mario Marchetti, Laura Mollea, Carla Sacchi Ferrero – ha poi insignito l’opera non finalista La pace sotto gli ulivi di Antonio Galetta di una menzione speciale del Direttivo.
“La Giuria – si legge nella motivazione della scelta – decide di assegnare all’unanimità il Premio a Altro nulla da segnalare. Storie di uccelli di Francesca Valente, un testo letterario dalla struttura originale, che mescola documentazione e invenzione in un progetto di notevole consapevolezza. L’opera delinea, con scrittura limpida e elegante e delicata empatia umana i ritratti di chi ha avuto a che fare – matti e non solo ‒-nei primi anni Ottanta col repartino aperto dell’Ospedale Mauriziano di Torino. A quarant’anni dalla Legge Basaglia una riflessione narrativamente coinvolgente sull’istituzione psichiatrica”.   PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Montagna, rischio crollo maxi seracco su Aiguille du Midi
Su lato francese Monte Bianco, via sconsigliata ad alpinisti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AOSTA
15 giugno 2021
19:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Chamoniarde, società che si occupa di sicurezza in montagna sul versante francese del Monte Bianco, ha diramato un’allerta per una possibile “imminente valanga di ghiaccio di dimensioni potenzialmente importanti (nell’ordine dei 10 mila-20 mila metri cubi) dal fronte del principale ghiacciaio sospeso del versante Nord dell’Aiguille du Midi”, a oltre 3.000 metri di quota.
A causa del rischio di caduta del grande seracco la Chamoniarde sconsiglia agli alpinisti la via Mallory: l’accesso allo sperone Frendo è esposto.
Per accedere al rifugio dei Grands Mulets la società invita a privilegiare il sentiero a valle del ghiacciaio des Pèlerins, evitando così di passare ai piedi del pendio dell’AiguIlle du Midi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Prix Italia: storie locali e identitarie per la sfida alle piattaforme
Del Brocco (Rai), non c’è contrapposizione, missione è diversa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 giugno 2021
20:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Storie locali, vere, identitarie della cultura europea o dei singoli paesi, per rispondere alle offerte delle piattaforme che puntano a un pubblico di centinaia di milioni di persone ma proprio per questo devono mantenersi su livelli standardizzati. Con il moltiplicarsi dei servizi offerti con sistemi alternativi, i broadcaster tradizionali europei si sono trovati di fronte alla sfida di come tenere e attirare verso il piccolo e il grande schermo un pubblico sempre più selettivo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Non ci può essere nessuna contrapposizione, le piattaforme sono sicuramente importanti perché consentono di far vedere il cinema ad un pubblico molto ampio – ha detto Paolo Del Brocco, Ad Rai Cinema in uno degli eventi organizzati a Milano nell’ambito di Prix Italia, il concorso internazionale della Rai – Ma queste piattaforme devono andare alla ricerca di prodotti nella media molto standardizzati per accontentare i gusti di 100, 200 milioni di spettatori, noi invece abbiamo una missione diversa, dobbiamo continuare una produzione culturale che abbia caratteristiche locali perché il prodotto europeo è molto identitario, veniamo da culture diverse rispetto a quella anglosassone, americana e asiatica”. “Noi dobbiamo mettere al centro le nostre storie e i riscontri ci sono – ha aggiunto – come vediamo per le fiction, i prodotti della Rai che hanno sempre ascolti enormi”.
La sfida investe soprattutto il cinema: “Si, lo si può vedere pure su piattaforma, ma i film per il cinema nascono per essere visti in una sala cinematografica” ha aggiunto Del Brocco.
“Guardiamo la televisione ma sosteniamo anche il cinema – è stato l’appello di Malgorzata Szumowska, regista sceneggiatrice e produttrice cinematografica – Prima della pandemia mi dedicavo allo stesso modo a fiction e cinema, ora penso darò la prevalenza al cinema”.
Con i Panel di oggi il Prix Italia, inaugurato ieri alla Scala, è entrato nel pieno dei lavori che si chiudono il 17 con l’assegnazione dei premi. Molta l’attenzione del mondo dei media, ma anche dei tanti giovani coinvolti nei progetti che hanno riempito le sale del Palazzo delle Stelline. Tra gli altri appuntamenti di oggi la tavola rotonda ‘I media di servizio pubblico e la coesione sociale’, con il presidente del Prix Italia Graham Ellis. Un incontro su come attuare una strategia condivisa per la coesione sociale ‘che sappia dare voce a tutte le diversità presenti nella società’, come emerge anche dalla ricerca dell’Ufficio Studi della Rai che ha curato la tavola rotonda.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Al via gli esami di maturità per oltre 500 mila studenti
E’ stato ammesso il 96,2% degli studenti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 giugno 2021
13:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Al via oggi dalle ore 8,30 gli esami di maturità per oltre 500 mila studenti dell’ultimo anno delle superiori: si tratta di un maxi colloquio orale, in presenza, che parte dalla discussione di un elaborato il cui argomento è stato assegnato a ciascuno studente dal Consiglio di classe. Le Commissioni sono 13.349, per un totale di 26.547 classi coinvolte.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Come lo scorso anno, le Commissioni sono presiedute da un presidente esterno e sono composte da sei commissari interni. ll credito scolastico sarà attribuito fino a un massimo di 60 punti, di cui fino a 18 per la classe terza, fino a 20 per la classe quarta e fino a 22 per la classe quinta. Con l’orale verranno assegnati fino a 40 punti. La valutazione finale sarà espressa in centesimi e sarà possibile ottenere la lode. Agli esami di maturità è stato ammesso il 96,2% degli studenti.
“Buongiorno ai ragazzi è un momento importante per la vostra vita, è un passaggio – così il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi a Unomattina -. E’ l’esame di Stato, non è un esamino e non c’è una prova unica. I ragazzi discuteranno, parleranno con la commissione e discuteranno la loro tesi. Cosa succederà in futuro lo vedremo senza pregiudizi. Non verrete bollati come quelli del Covid, misurate voi stessi”. “Ragazzi credo che mai come in questo momento tutto il Paese sia con voi, tutto l’affetto è per voi che state superando questa prova. Avanti!”, ha detto poi Bianchi a Rainews 24 sottolineando che “il loro è un esame a pienissimo titolo, non è formula light e non è di serie B, è il loro esame” Ai ragazzi “dico di andare avanti con grande orgoglio” aggiunge il ministro che poi, a chi gli chiedeva cosa salverebbe di questo biennio difficile a causa della pandemia, risponde: “salvo tutto, salvo le difficoltà, salvo il fatto di utilizzare strumenti che prima non c’erano, salvo soprattutto la fatica dei ragazzi e degli insegnanti. L’esame è stata una cosa faticosa, conquistata, difficile e i ragazzi devono portare dentro di loro il risultato”.
“Se la situazione migliorerà da qui a settembre e permetterà a tutti di sentirsi sicuri, andremo oltre le mascherine”, ha detto il ministro dell’Istruzione. “Ce la faremo – ha aggiunto – se abbiamo il senso profondo di che cos’è la mascherina: non è una tassa da pagare, è uno strumento di protezione reciproca, quindi non è un’imposizione, è la nostra misura di come tutelare anche tutti gli altri”. “Se continueremo ad avere ognuno di noi rispetto dell’altro – ha concluso – è una misura che deve essere utilizzata con il buon senso di tutti” e quindi se la situazione migliorerà “andremo anche oltre”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rifiuti: Gdf scopre traffico e frode fiscale da 300 mln
Inchiesta a Pordenone, trasferimento occulto in Cina 150 mln
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
16 giugno 2021
07:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Guardia di Finanza di Pordenone sta eseguendo, in varie regioni italiane, arresti, perquisizioni e sequestri su delega della Procura – Direzione Distrettuale Antimafia di Trieste, nell’ambito di un traffico illecito di rifiuti. Nell’operazione, denominata ‘Via della Seta’, sono indagate 58 persone, alcune delle quali sarebbero state arrestate.
Le Fiamme gialle hanno scoperto una frode fiscale di 300 milioni euro e il trasferimento occulto in Cina di 150 milioni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Zaki compie oggi 30 anni, è il secondo compleanno in carcere
Bologna non dimentica lo studente egiziano in cella al Cairo dal 7 febbraio 2020. Una mostra e un libro tra le iniziative dedicate a Patrick
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
16 giugno 2021
11:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Patrick Zaki compie oggi 30 anni, un compleanno che però sarà costretto a passarlo in cella. Il 2 giugno, infatti, il Tribunale egiziano ha prolungato la sua detenzione di altri 45 giorni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ il secondo compleanno dietro le sbarre. Bologna, che lo scorso 11 gennaio ha conferito la cittadinanza onoraria allo studente egiziano del master europeo in studi di genere ‘Gemma’ dell’Università, continua a chiederne la liberazione.
L’Unibo, che il 9 febbraio del 2020, due giorni dopo l’arresto del ragazzo, aveva costituito un’unità di crisi per risolvere il caso, partecipa a due iniziative: entrambe dedicate all’arte, alla creatività e all’impegno per la difesa della libertà di parola e di espressione. Nel pomeriggio, a porta Saragozza verrà inaugurata la mostra ‘Patrick patrimonio dell’umanità’. Una sfilata lunga 1.500 metri, fino all’arco del Meloncello, dove verranno affissi 50 striscioni, realizzati dal fumettista e attivista Gianluca Costantini, dedicati alle storie di prigionieri di coscienza privati della libertà in 13 paesi diversi.
Parteciperanno il sindaco Virginio Merola, l’assessore alla Cultura Matteo Lepore, la coordinatrice del master ‘Gemma’, Rita Monticelli, il prorettore dell’Unibo, Mirko Degli Esposti, il portavoce di Amnesty International Italia, Riccado Noury e Mattia Santori del movimento 6000 sardine. Il 30 giugno, invece, verrà pubblicato il libro ‘A carte scoperte’: un lavoro dedicato a Patrick realizzato dagli studenti del master in Editoria cartacea e digitale dell’Unibo. L’opera, che sarà acquistabile sul sito della casa editrice Bononia University Press, raccoglie ventidue interviste ad altrettanti scrittori e scrittrici italiani. Da Giuseppe Culicchia a Helena Janeczek, da Antonio Scurati a Simona Vinci. Un viaggio letterario che, come ricorda l’Università di Bologna, vuole “contribuire a mantenere alta l’attenzione su caso dello studente egiziano, ribadendo la forza della libertà di opinione”.
La città ha sostenuto con forza, sin dai primi giorni dopo l’arresto, la richiesta di liberazione dello studente. Al corteo del 17 febbraio del 2020, infatti, cinquemila persone erano scese in piazza per manifestare solidarietà e chiederne la scarcerazione. La petizione su change.org, lanciata l’8 febbraio 2020, che chiede al Governo di concedere la cittadinanza italiana a Zaki ‘per meriti speciali’, ha raggiunto le 269mila firme. Una delle petizioni più firmate della piattaforma. Ieri, inoltre, la rete di attivisti ‘Patrick libero’ ha condiviso un post su Facebook in cui si riportano le parole in arabo dello studente. E’ un audio registrato prima della detenzione, nel quale lo studente riflette sulla violenza di genere che pervade la società. Una voce che arriva da lontano, ma che ricorda la sua volontà di restare aggrappato alla vita e di continuare a immaginare un futuro diverso. Libertà di espressione significa anche questo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oggi i funerali di Camilla, lutto cittadino a Sestri Levante
L’autopsia conferma il decesso per emorragia cerebrale, ora altri test
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
16 giugno 2021
10:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sarà lutto cittadino oggi a Sestri Levante per i funerali di Camilla Canepa, la studentessa di 18 anni morta nove giorni dopo avere ricevuto il vaccino AstraZeneca durante un open day. Intanto l’inchiesta prosegue: ieri i pubblici ministeri di Genova Francesca Rombolà e Stefano Puppo sono andati a Sestri Levante a sentire i genitori della giovane e ricostruire insieme a loro la storia clinica della giovanissima.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’autopsia eseguita dai medici Luca Tajana e Franco Piovella non ha ancora chiarito cosa abbia provocato la morte della ragazza, e ha solo confermato il decesso per emorragia cerebrale. I consulenti procederanno dunque con gli esami istologici per chiarirne le cause. I pm hanno chiesto loro anche di capire se soffrisse o meno di una malattia autoimmune.
Secondo le prime informazioni Camilla non avrebbe segnato nella scheda anamnestica pre-vaccinale di soffrire di piastrinopenia autoimmune. Malattia che invece è stata riportata nella scheda del primo ricovero avvenuto il 3 giugno all’ospedale di Lavagna. La giovane potrebbe aver riferito ai medici che in famiglia qualcuno aveva in passato sofferto di quel problema. Ed è per questo che gli investigatori, coordinati dall’aggiunto Francesco Pinto, sentiranno tutti i medici che hanno avuto a che fare con la studentessa. Da quelli dell’hub vaccinale fino ai sanitari dell’ospedale San Martino dove la ragazza è morta nonostante due interventi chirurgici.
Oltre a loro verranno sentiti anche il medico curante e il ginecologo che, un paio di giorni dopo il vaccino, le ha prescritto Progynova e il Dufaston per curare un problema di cisti ovariche. Le attenzioni dei Nas, a cui i pm hanno affidato le indagini, si concentrano anche sul primo ricovero e su quanto successo il tre. Camilla era arrivata con un forte mal di testa e fotosensibilità. Aveva anche una piastrinopenia. Ma le venne fatta solo una tac senza contrasto, dalle prime informazioni, e venne dimessa il giorno dopo. Il 5 notte, la situazione peggiora e la studentessa ritorna al pronto soccorso di Lavagna dove però la mandano subito al San Martino. La famiglia ha sempre detto che la ragazza stava bene e ieri ha depositato le analisi del sangue del 2014. “Abbiamo piena fiducia nella procura e nei consulenti nominati. Il nostro consulente li affiancherà solo per fornire un contribuito all’accertamento dei fatti”, ha spiegato il legale Angelo Paone.
Il funerale di Camilla verrà celebrato oggi pomeriggio alle ore 16 nella chiesa di S.Antonio a Sestri Levante (Genova). La famiglia, che ha mantenuto in questi giorni il massimo riserbo chiedendo rispetto per il proprio dolore, ha fatto sapere di sperare che la cerimonia funebre possa essere un momento privato senza la partecipazione di inviati di tv e giornali.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Maturità:studente, dopo mesi in dad emozione tornare in aula
Nel Barese, notte prima degli esami sui libri ascoltando canzone
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
16 giugno 2021
10:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nicola Floro è il primo maturando del Tommaso Fiore di Modugno (Bari), istituto tecnico economico e liceo scientifico, ad aver completato prova del suo esame di Stato. È tornato a scuola dopo mesi di didattica a distanza, rimettendo piede in classe nel suo ultimo giorno da liceale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Oggi ho provato un’emozione strana tornando a scuola dopo così tanto tempo – ha raccontato all’uscita – , mi è sembrato di rivivere cinque anni tutti insieme, sofferenze, dolori, brutti e buoni voti le risate. Prima di entrare avevo il terrore dell’esame ma poi, una volta che ti siedi e inizi a parlare, il tempo vola e ti rendi conto che quella è la tua occasione”. La sua notte prima degli esami l’ha trascorsa “studiando fino a tardi con la canzone di Venditti in sottofondo, come una specie di rito”. Ora lo aspetta un’estate come animatore in un villaggio turistico del Salento e poi, in autunno, l’università di Informatica. “E 100 giorni dopo il diploma – dice – , visto che non abbiamo potuto festeggiare quelli prima, con i compagni di classe faremo una grande festa”.
In totale in Puglia sono 39.484 in maturandi che da oggi affrontano l’esame. Nel liceo di Modugno sono circa cento. Dalle 8.30 sono convocati uno alla volta per classe un quarto d’ora prima dell’orario previsto per la prova che consiste in un colloquio di un’ora. All’ingresso i ragazzi sono sottoposti a misurazione della temperatura e devono indossare la mascherina nel rispetto delle norme Covid. “Nelle nostre quinte nessuno studente ha frequentato in presenza, quindi tutti questi ragazzi, in dad da ottobre, tornano oggi a scuola dopo troppo tempo immersi in una realtà virtuale, per affrontare un banco di prova enorme” dice la vicepreside Maria Iaquinta, docente di diritto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Maturità in Toscana per 32mila, se ne sono vaccinati 22mila
La Regione aveva aperto su portale finestra a loro dedicata
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
16 giugno 2021
10:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 32.000 gli studenti toscani delle medie superiori che da oggi affrontano gli esami di maturità, che si svolgono con la modalità della prova unica. Sul totale di 32mila studenti impegnati negli esami di Stato in Toscana sono stati circa 22mila quelli che si sono vaccinati con Pfizer la scorsa settimana dal 7 al 13 giugno.
La Regione, infatti, aveva aperto sul portale regionale una finestra a loro dedicata affinché gli interessati potesero prenotare la somministrazione del vaccino prima dell’inizio degli esami.
Questa mattina alle 8.30 sono iniziati i colloqui che, per l’emergenza sanitaria, sostituiscono il tradizionale scritto. Un elaborato è stato assegnato ai maturandi in base al percorso svolto e alle discipline caratterizzanti l’indirizzo di studi e hanno avuto un mese di tempo per scriverlo e poi lo discuteranno in sede di colloquio di esame.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Norcia maturità chiude superiori tra sisma e pandemia
“Anni difficili ma ragazzi preparati” sottolinea la dirigente
c
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NORCIA (PERUGIA)
16 giugno 2021
10:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Norcia sono iniziarti gli esami di maturità dei ‘figli’ del terremoto e del coronavirus. A sostenere l’unica prova orale sono gli studenti che avviarono il percorso di studi delle superiori nel 2016, proprio nell’anno del sisma, per poi ritrovarsi a fronteggiare anche la pandemia.

“Sono stati anni molto difficili per gli studenti e in generale per il mondo della scuola, ma i nostri ragazzi sono arrivati a questo appuntamento preparati e maturi, sotto ogni punto di vista, soprattutto umano”, dice la dirigente scolastica dell’istituto ‘De Gasperi-Battaglia’, Rosella Tonti.
Sono una quarantina gli studenti che nella città di San Benedetto chiamati a sostenere l’esame di Stato. La prova dura circa sessanta minuti, prima di entrare in aula, ai maturandi viene misurata la temperatura.
La prima, stamani, ad aver sostenuto l’esame è stata Chiara.
“È andato tutto bene e sono felicissima” ha sottolineato al termine. “Come sono stati questi 5 anni? Complicati, ci siamo goduti molto poco i momenti importanti che le superiori dovevano riservarci” ha aggiunto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Arte: beni archeologici confiscati e donati a Museo Altamura
Trovati in una casa di Gravina in Puglia, detentore denunciato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
16 giugno 2021
10:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Diciannove manufatti in terracotta risalenti alla fine del V secolo e l’inizio del IV secolo a.C.
sono stati sequestrati dalla guardia di Finanza n casa di un cittadino di Gravina in Puglia, denunciato per violazione delle disposizioni contenute nel Codice dei beni culturali e paesaggio, e – dopo la confisca – assegnati al Museo nazionale di Altamura.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il detentore dei reperti archeologici, che non è stato in grado di dimostrare la legittimità dell’acquisto, li custodiva in una vetrinetta, in casa, senza averne fatto denuncia al Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo. I finanzieri hanno scoperto i beni durante controlli nei confronti di un’associazione culturale. Gli accertamenti tecnici hanno consentito di verificare che si tratta di “materiale autentico, di interesse culturale e archeologico rinveniente da contesti tombali”. In particolare sono stati sequestrati: 2 kothon a fascia monoansata, ciotola rotolo convessa monoansata, coppetta ad alto piede a fascia, piatto ad alto piede a motivi fitomorfi di composto, 2 pentolini rituali, stabnoss a decorazione lineare con coperchio, olpetta a vernice bruna, 2 brocchette monoansate a decorazione lineare, piatto su piede ad anello a decorazione lineare, kylix ad alto piede a vernice rossa, brocca a fascia monoansata, piatto su piede a fascia bicroma rossonera, piatto monocromo con vernice caduta, calice a fasce ad alto piede, frammento di labbro con ansa riferibile a brocca, frammento di base di calice.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Saman: sms trappola della madre per farla tornare a casa
‘Stiamo morendo’ le avrebbe scritto quando era in comunità
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
REGGIO EMILIA
16 giugno 2021
14:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ti prego fatti sentire, torna a casa. Stiamo morendo.
Torna, faremo come ci dirai tu”. Sarebbe il testo di un sms trappola che Nazia Shaheen avrebbe scritto alla figlia Saman Abbas quando quest’ultima era in comunità protetta per indurla a tornare a casa. Lo riporta oggi la Gazzetta di Reggio.
Il messaggio, secondo il quotidiano locale, risale al periodo in cui la ragazza si trovava nella comunità protetta dopo aver denunciato i genitori che volevano obbligarla a un matrimonio combinato. L’sms avrebbe tratto in inganno la diciottenne, scomparsa da oltre un mese da Novellara (Reggio Emilia) e che si presume sia stata uccisa dalla famiglia, tornata a casa dalla comunità protetta il 22 aprile.
La madre della ragazza è indagata assieme al padre Shabbar – entrambi latitanti, si troverebbero in Pakistan – per omicidio premeditato in concorso insieme allo zio Danish Hasnain, ritenuto l’esecutore materiale del delitto, e ai cugini Nomanulhaq (latitante, si presume in Europa, con lo zio) e Ikram Ijaz, ora in carcere a Reggio Emilia, unico arrestato dopo essere stato fermato in Francia il 28 maggio scorso mentre tentava di raggiungere la Spagna.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Femminicidio Sarzana: maglie rosse e candele per Alessandra
Doppia fiaccolata in Sardegna e Liguria in ricordo della vittima
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
16 giugno 2021
11:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“L’amore non uccide”. È la frase scritta sullo striscione che campeggiava sugli scalini della chiesa di Maracalagonis (Cagliari) dove centinaia di cittadini si sono riuniti per partecipare alla fiaccolata per ricordare Alessandra Piga, la 25enne del paese uccisa a coltellate sabato scorso dall’ex compagno, Yassine Eroum, 29 anni, magrebino, durante una lite in casa a Castelnuovo Magra (La Spezia).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Moltissimi indossavano magliette rosse, come voluto dalla sindaca di Maracalagonis, Francesca Fadda e dal primo cittadino di Castelnuovo Magra, Daniele Montebello che, contemporaneamente partecipava a una manifestazione analoga nel paese ligure.
Due fiaccolate per urlare ancora una volta “No alla violenza”, come ha ribadito la stessa sindaca sarda ieri sera.
“Dobbiamo dire basta alla violenza sulle donne – ha evidenziato Francesca Fadda – si verificano troppe tragedie di questo genere in Italia, questa volta è toccato al nostro paese e non deve più succedere”.
Alla fiaccolata, partita dal sagrato della chiesa per poi raggiungere l’abitazione dei genitori di Alessandra, c’erano i sindaci di Sinnai, Tarcisio Anedda, di Burcei, Simone Monni e di Settimo San Pietro, Gigi Puddu, accanto a loro assessori, consiglieri e tantissimi amici, parenti e cittadini, anche arrivati da altri Comuni, per stare vicino ai familiari della 25enne uccisa. I genitori di Alessandra non c’erano: sono ancora a Castelnuovo Magra, dove si sono subito recati dopo il delitto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mafia: ‘lupara bianca’ a Catania per contrasti droga, fermi
Due ‘pentiti’ del clan Nizza ricostruiscono omicidio Timonieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
16 giugno 2021
11:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I carabinieri di Catania hanno fermato i due presunti mandanti di un caso di ‘lupara bianca’ avvenuto il 12 febbraio 2021 nell’ambito di una guerra interna nello spaccio di droga tra esponenti legati al clan Nizza della ‘famiglia’ Santapaola-Ercolano. Sono Natale Nizza, di 25 anni, e Salvatore Sam Privitera, di 24, accusati di omicidio aggravato dall’avere favorito l’associazione mafiosa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Privitera è stato bloccato nel porto di Venezia mentre era a bordo di una nave da crociera proveniente da Grecia e Croazia. La vittima è Vincenzo Timonieri, di 25 anni, assassinato con tre colpi di pistola alla nuca e al capo da Michael Agatino Sanfilippo, 22 anni, spalleggiato dal fratello Antonino Marco, di 24 anni. I due hanno poi sotterrato il corpo nella sabbia di una zona marinara isolata di contrada Vaccarizzo. A ricostruire dinamica e movente alla Dda di Catania sono stati i due fratelli, che erano passati dal clan dei ‘Cursoti milanesi’ a quello dei ‘Nizza’, che stanno collaborando con la giustizia, facendo ritrovare il corpo della vittima. Secondo le loro dichiarazioni, riscontrate da indagini dei carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Catania, Timonieri collaborava con il gruppo ‘Nizza’, che gestisce una grossa e fiorente fetta del mercato dello spaccio di droga nel capoluogo etneo, ma aveva un proprio canale di rifornimento privilegiato a Napoli. Il clan lo guardava con sospetto, temendo che potesse togliere loro ‘zone’ di mercato, e voleva impadronirsi del suo canale di approvvigionamento. La cosca avrebbe inoltre coinvolto Timonieri in una ‘truffa’ a cosche calabresi con il pagamento di soldi falsi di una partita di droga. Dopo l’omicidio il clan ‘Nizza’ avrebbe simulato vicinanza ai familiari della vittima, che avevano presentato denuncia di scomparsa, tentando di fare ricadere l’accaduto su altri gruppi criminali rivali. In casa di Nizza i carabinieri hanno sequestrato 1,3 kg di marijuana, 140 gr di hashish, 22 cartucce e 29.000 euro in contanti. Il Gip di Catania ha convalidato i fermi della Dda ed emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per gli indagati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Terrorismo: Sorveglianza, Bergamin delinquente abituale
Giudici confermano decisione con applicazione misura sicurezza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 giugno 2021
12:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Tribunale di Sorveglianza di Milano ha confermato, respingendo il ricorso della difesa, la dichiarazione di “delinquenza abituale” con applicazione di misura di sicurezza per Luigi Bergamin, 73enne ex militante dei Proletari armati per il comunismo, condannato per concorso morale negli omicidi del maresciallo Antonio Santoro e dell’agente Andrea Campagna, avvenuti nel ’78 e ’79. E che si è costituito in Francia dopo il blitz del 28 aprile che ha portato all’arresto di 9 ex terroristi.
Il collegio, presieduto da Anna Maria Oddone, ha confermato la decisione del giudice Gloria Gambitta, presa su richiesta del pm Adriana Blasco.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: variante Delta in Sicilia, contagiati 10 migranti
Sono arrivati a Lampedusa dal Bangladesh
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
16 giugno 2021
12:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La variante Delta, l’incrocio tra quella indiana e quella inglese, è arrivata anche in Sicilia: sono infatti risultati contagiati 10 migranti, arrivati a Lampedusa dal Bangladesh seguendo la rotta libica. Sono tutti asintomatici e ora in isolamento in una nave-quarantena ancorata al largo delle coste della più grande delle Pelagie.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo scrive oggi ‘Il Giornale di Sicilia’. I casi si riferiscono a fine maggio e ne è stata già data comunicazione al Ministero della Salute, all’Istituto Superiore di Sanità e alla Regione.
Il sequenziamento, che ha permesso di stabilire con quale tipo di variante si fossero infettati, è stato compiuto dal dottor Fabio Tramuto del laboratorio di riferimento regionale del Policlinico di Palermo, diretto dal professor Francesco Vitale, ma l’indagine è partita grazie all’attività del Dipartimento di diagnostica dell’Asp di Palermo, guidato dalla dottoressa Teresa Barone, che ha effettuato i tamponi a Lampedusa inviando nel capoluogo quelli sospetti. In Italia, finora, la Delta è poco presente, in Sicilia è la prima volta che viene riconosciuta. “I tamponi hanno rivelato che i migranti erano positivi – spiega il dottor Fabio Tramuto e, come da protocollo, sono stati separati dal gruppo e messi in isolamento. A questo punto, così come accade ogni volta che ci troviamo di fronte a soggetti contagiati, i test vengono inviati nel nostro laboratorio al Policlinico per l’analisi. In seguito a complesse procedure, abbiamo individuato la variante Delta”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Papa: a fine udienza saluta Bernal, vincitore Giro d’Italia
Il ciclista colombiano dona al Pontefice la Maglia Rosa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
16 giugno 2021
12:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Papa Francesco, al termine dell’udienza generale nel Cortile di San Damaso, ha salutato Egan Bernal, vincitore del Giro d’Italia. “Un incontro speciale per portargli un regalo da parte di tutti i colombiani”, la Maglia Rosa e la bicicletta, ha detto lo stesso ciclista.
Il Papa ha scherzato chiedendogli quanti caffè prendesse prima di fare una gara e poi ha benedetto lui e la sua fidanzata Maria Fernanda Motas.
“Sono cattolico e prima delle tappe più difficili, prego”, ha confidato il campione colombiano ai giornalisti. Interpellato in merito al doping, ha sottolineato che il ciclismo oggi è “uno degli sport più controllati e per me è uno degli sport più puliti”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Veneto, +84 contagi nelle ultime 24 ore
Solo un nuovo decesso dopo 3 giorni con segno zero
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
16 giugno 2021
12:46
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 84 i nuovi contagi Covid registrati in Veneto nelle ultime 24 ore. Sul fronte dei decessi si segnala una sola vittima, dopo tre giorni consecutivi con segno zero.
Lo riferisce il bollettino della Regione. Il totale degli infetti dall’inizio dell’epidemia sale a 424.792, quello dei morti a 11.601.
Gli attuali positivi, in isolamento domiciliare, scendono a 5.609. Prosegue la discesa dei numeri negli ospedali. Sono 372 (-45), i posti letto occupati da malati Covid, dei quali 326 (-42) in area medica, e 46 (-3) in terapia intensiva. La prevalenza dei positivi sui tamponi effettuati ieri 25.510) è dello 0,33%.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pestaggi in carcere: pm, processare 10 agenti e 2 medici
Anche tortura. Firenze, chiesto giudizio in indagini Sollicciano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
16 giugno 2021
13:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il pm Christine Von Borries ha chiesto il rinvio a giudizio per 12 persone, tra cui 10 agenti di polizia penitenziaria e due medici, nell’ambito delle indagini sui presunti pestaggi che sarebbero avvenuti nei confronti di detenuti del carcere di Sollicciano a Firenze. Le accuse contestate, a vario titolo, sono quelle di tortura e falso in atto pubblico.
In particolare, i due medici, in servizio presso la casa circondariale e le cui posizioni nell’inchiesta emergono adesso, sono accusati di aver redatto falsi certificati in relazione alle condizioni dei detenuti vittime delle stesse presunte violenze risalenti al 2018 e al 2019.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Povertà: in Toscana oltre 121mila sono finiti sotto soglia
Al centro del dibattito Oxfam-Rai su effetti economici Covid
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
16 giugno 2021
13:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oltre 121mila persone nel 2020 in Toscana sono sotto la soglia di povertà, con un tasso di abbandono scolastico che ha colpito oltre uno studente su 10.
Sono i dati al centro dell’evento online ‘I care, mi sta a cuore’, organizzato a Firenze, al Community center ‘Metropolis’ delLe Piagge, da Oxfam Italia e Rai per il Sociale e dedicato alla povertà educativa, all’aumento delle disuguaglianze e alle possibili soluzioni, dopo oltre un anno di pandemia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con l’emergenza Covid tra il 7% e l’8% dei ragazzi vivono in povertà assoluta o relativa. Sono invece quasi 5.000 le persone a rischio esclusione sostenute da Oxfam, dall’inizio dell’emergenza.
“La pandemia ha colpito tutti ma in modo disuguale – ha detto Roberto Barbieri, direttore generale di Oxfam Italia – Chi era già in difficoltà ha subito le peggiori conseguenze, rimanendo indietro, senza mezzi per reagire a uno shock tanto grave”. “Il progetto ‘I Care’ – ha affermato Giovanni Parapini, direttore di Rai per il Sociale – è una concreta testimonianza di come la Rai vuol dare rilievo, in modalità multipiattaforma, a tutte quelle iniziative che mettono al centro una reale lotta alle diseguaglianze fondata su più fatti e meno parole, su più concretezza e meno apparenza”.
L’assessore regionale all’istruzione Alessandra Nardini ha sottolineato che “la Regione ha fatto una scelta coraggiosa a gennaio scegliendo di riaprire le scuole, perché i ragazzi non restassero a indietro, allo stesso tempo investendo risorse importanti per dare gli strumenti ai ragazzi per seguire le lezioni a distanza”. L’assessore al welfare del Comune di Firenze Sara Funaro ha evidenziato che “la pandemia ha tirato fuori in maniera molto violenta quella che è la fragilità della nostra comunità” e ha sottolineato tra i problemi quello “dell’abbandono scolastico, duplicato nel Comune di Firenze nell’anno della pandemia”, ma anche “le bocciature a scuola da parte di ragazzi provenienti da contesti culturali stranieri e il disagio emotivo e psicologico dei nostri ragazzi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fontana, occupati meno di cento letti in terapia intensiva
Governatore, ‘dobbiamo insistere a fare le vaccinazioni’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 giugno 2021
13:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Oggi siamo scesi sotto i 100 letti occupati in terapia intensiva, siamo scesi a 92 letti. C’è stata anche oggi una riduzione dei letti occupati negli ospedali, la situazione sta andando nella direzione giusta”.
Lo ha detto il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, a margine della presentazione del Master Plan della Villa Reale di Monza. “Noi stiamo andando per la strada che ci è stata proposta dal governo e che abbiamo deciso di seguire. La situazione sta migliorando, quindi dobbiamo insistere nel fare queste vaccinazioni” ha aggiunto Fontana. A proposito, invece, di eventuali nuove forniture di vaccini il presidente lombardo ha commentato: “più ne arrivano e prima arriviamo. Quindi se ci arrivano vaccini in più noi a quello diciamo grazie e siamo prontissimi a consumarli entro breve tempo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Milano-Cortina: Zaia, domani con Comitato da Mattarella
‘Olimpiadi sono uno dei ‘gol’ più importanti per il Paese’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
16 giugno 2021
14:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I componenti del Comitato olimpico dei Giochi invernali Milano-Cortina 2026 saranno ricevuti domani a Roma dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al quale illustreranno lo stato di avanzamento dell’organizzazione del grande evento sportivo. “Saremo al Quirinale per la prima volta in delegazione ufficiale – ha aggiunto – parleremo con il Presidente, è un appuntamento molto importante per noi”.

“Come sta procedendo l’iter in Veneto ? Da parte nostra molto bene – ha detto Zaia, rispondendo ai cronisti – da parte delle infrastrutture bisogna accelerare un po’ di più. Il passaggio delle Olimpiadi lascerà opere importanti ,come la variante di Cortina, di cui si discute da decenni, la variante di Longarone, il villaggio olimpico; bisogna capire se le vogliamo lasciare complete, o in fase di completamento. Le olimpiadi Milano-Cortina sono uno dei ‘gol’ più importanti per questo Paese”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mottarone: video dell’incidente, cabina si impenna e torna indietro
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
16 giugno 2021
14:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La cabina N.3 si avvicina lentamente alla stazione di arrivo Mottarone, a bordo quindici persone tra cui il piccolo Eitan, il bambino unico sopravvissuto, il padre e due donne. Le altre facce non si distinguono.
All’improvviso la cabina si impenna, mostrando la pancia: nessuno riesce a rimanere in piedi mentre scivola all’indietro, sempre più veloce. Fino al salto nel vuoto con l’impatto a terra che non si vede perché avviene dietro al rilievo. Sono immagini esclusive, quelle diffuse dal Tg3. Riprendono l’incidente alla funivia del 23 maggio, in cui sono morte quattordici persone.
Il video, registrato dai carabinieri riprendendo un monitor, è agli atti dell’inchiesta. Immagini choccanti. Nella inquadratura interna alla stazione si vede l’addetto che attende l’arrivo della cabina alzare per un attimo la testa, come a guardare qualcosa che non va. Poi la fune si spezza, la cabina precipita e l’uomo corre a chiamare i soccorsi. Ma ormai è troppo tardi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Finto militare e ‘007’ arrestato dopo truffe in serie
Avrebbe ingannato anche politico. Come film ‘Prova a prendermi’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 giugno 2021
14:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un presunto truffatore seriale, che con “divise” e documenti falsi, riusciva a spacciarsi per appartenente “alla Marina militare”, all’Aise e ai “servizi di sicurezza del Vaticano”, è stato arrestato dai carabinieri su ordine del gip di Milano Fioretta, nell’inchiesta dell’aggiunto Pedio e del pm Stagnaro.
Guido Umberto Farinelli, accusato di truffa e altro, avrebbe ingannato forze dell’ordine e un politico per un caso di “sostituzione di persona”.
Simile al personaggio di ‘Prova a prendermi’ interpretato da Di Caprio, ha fatto comparire sul web il suo nome legato falsamente ai casi Abu Omar e alla liberazione di Giuliana Sgrena.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Al Circo Massimo il fascino di fuoco del Trovatore
Il presidente Mattarella all’apertura stagione estiva Opera di Roma
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 giugno 2021
13:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un cielo livido di nubi in bianco e nero scorre inesorabile e indifferente sull’ intreccio di passioni e vendette che lega i personaggi. Il rosso delle fiamme invade lo sfondo cupo accompagnando gli snodi della vicenda verso il finale tragico.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nella scenografia scarna i candelieri mossi dai protagonisti gettano una luce flebile sui loro tormenti. Un ”Trovatore” di fuoco onirico e potente ha illuminato la notte che martedì 15 giugno ha aperto con grande successo al Circo Massimo la stagione estiva dell’ Opera di Roma, alla quale ha partecipato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.
Il maestro Daniele Gatti, chiudendo la trilogia popolare verdiana che lo ha visto un anno fa sullo stesso podio per Rigoletto e lo scorso aprile con ‘La Traviata’ al Teatro Costanzi senza pubblico, ha guidato l’ orchestra in una esecuzione formidabile. Il cast ha risposto ottimamente con Fabio Sartori nel ruolo di Manrico, Roberta Mantegna e la sua intensa Leonora, Clémentine Mangaine grande nella zingara Azucena e Christopher Maltman, potente Duca di Luna, innamorato non corrisposto, unico personaggio ‘condannato’ a vivere al termine del dramma. Grande prova anche del coro guidato da Roberto Gabbiani. Musica e canto hanno quindi conquistato i mille spettatori consentiti dalle norme antiCovid grazie anche alla regia di Lorenzo Mariani che ha sfrondato la scena da ogni elemento di distrazione per concentrare l’ attenzione sulla storia contorta di amore e morte, di rivali che non sapendo di essere fratelli si contendono la stessa donna, di fiamme che accendono sì i cuori (‘l’ amore ond’ ardo”) ma anche roghi fatali (‘Stride la vampa’, ‘Di quella pira l’ orrendo foco”) , raccontata in musica dal compositore di Busseto, che debuttò proprio a Roma nel 1853.
Lo spettacolo si replica il 19, 24, 27 giugno, e il 4 e 6 luglio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da Krusciov-Kennedy a Putin-Trump, scintille e intese
I vertici tra America e Russia che hanno segnato la storia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 giugno 2021
14:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’incontro di Ginevra tra Vladimir Putin e Joe Biden si svolge in un momento di grande tensione tra Russia e Usa, dopo decenni di relazioni scandite da fasi di scontro e altre di maggiore comprensione. Così come i vertici tra i leader della Casa Bianca e quelli del Cremlino che hanno inevitabilmente seguito questo andamento, segnando a volte intese storiche.
Sul finire della Seconda guerra mondiale, i leader di Urss, Usa e Gran Bretagna si vedono a Yalta e a Potsdam.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Inizia così la spartizione del mondo in due blocchi dopo la sconfitta del nazismo. Una cortina di ferro cala sull’Europa e per 14 anni i leader di Mosca e Washington non si incontrano. Bisogna aspettare il 1959 perché Krusciov diventi il primo segretario del Pcus a recarsi in Usa. A giugno 1961, Krusciov incontra Kennedy a Vienna. A dominare i colloqui è la situazione a Berlino, dove la Germania Est non è in grado di fermare l’esodo verso Ovest. Da lì a poco sarà eretto il Muro e inizierà la crisi dei missili di Cuba, che farà temere un conflitto armato tra le due superpotenze. I rapporti Urss-Usa restano difficili anche negli anni successivi ma tra il 1970 e il 1974 Nixon e Brezhnev si vedono due volte a Mosca e una a Washington e concordano due intese per limitare le testate nucleari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con l’ascesa al potere del padre della perestrojka, Gorbaciov, comincia un periodo di distensione e si mette gradualmente fine alla Guerra Fredda. Gorbaciov e Reagan rompono il ghiaccio nel 1985 proprio a Ginevra, dove oggi si incontreranno Putin e Biden. Storico è il summit di Reykjavik del 1986, che pone alcune basi per futuri accordi sul disarmo nucleare. L’Urss però crolla pochi anni dopo e negli anni ’90 Eltsin è il presidente di una neonata Federazione Russa economicamente instabile. Nel loro primo incontro, nel 1993 a Vancouver, Eltsin e Bill Clinton rilasciano una dichiarazione congiunta sulla promozione della democrazia. Ma il 31 dicembre del 1999 Eltsin consegna le chiavi del Cremlino a Putin, il cui potere presto diventa quasi illimitato e di certo poco democratico.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
George W. Bush parla con l’ex ufficiale del Kgb in Slovenia nel 2001: “L’ho guardato negli occhi e ho visto la sua anima”, dice, definendo Putin “un uomo diretto, che ispira fiducia”. I rapporti tra Russia e Usa si fanno però sempre più freddi. Obama inizialmente cerca di instaurare un dialogo con l’allora presidente Medvedev e nel 2009 la segretaria di Stato Usa Hillary Clinton incontra il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov portando con sé un pulsante rosso con la scritta ‘Reset’.
Non cambia però molto e nel 2014 l’annessione russa della Crimea e la guerra in Ucraina fanno sprofondare ancora di più le relazioni tra Mosca e Occidente. La Russia viene anche accusata d’interferenze per favorire Trump alle presidenziali del 2016.
In un summit a Helsinki con Putin nel 2018 è però lo stesso Trump a difendere di fatto il Cremlino contraddicendo la propria intelligence, salvo poi dire di essere stato frainteso. Con Biden presidente, Putin pare aver trovato un interlocutore più tosto alla Casa Bianca.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dalla casa all’universo, Balla superstar con il Maxxi
Una mostra e dopo 30 anni apre la casa-opera d’arte a Roma
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 giugno 2021
15:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È un’etichetta-firma sulla porta di legno ad annunciare la meraviglia che si sta per spalancare, lì, al quarto piano di un palazzo piccolo borghese a Roma. Un trionfo di colori, forme, geometrie che investono pareti, lampade, soffitti, mobili, piastrelle, abiti appesi e ogni utensile e particolare immaginabile.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È FuturBalla, come recita l’etichetta, ovvero la casa-opera d’arte di Giacomo Balla (1871-1958), l’artista mondiale che nel 1915 con Fortunato Depero siglò il Manifesto per la ricostruzione futurista e che qui visse dagli anni Trenta fino alla morte con le figlie Luce ed Elica. Per i 150 anni della nascita, il Maxxi lo festeggia con Casa Balla. Dalla casa all’universo e ritorno, progetto a cura di Bartolomeo Pietromarchi e Domitilla Dardi, che dal 17 giugno porta nelle sale disegnate da Zaha Hadid una selezione di opere di Balla come la porta del celebre Studiolo rosso in dialogo con quelle di 8 artisti contemporanei (Ila Bêka e Louise Lemoine, Carlo Benvenuto, Alex Cecchetti, Jim Lambie, Emiliano Maggi, Leonardo Sonnoli, Space Popular, Cassina con Patricia Urquiola). E, soprattutto, dal 25 giugno, compie il piccolo “miracolo”, in collaborazione con la Soprintendenza Speciale di Roma e il contributo di Banca d’Italia, di aprire al pubblico quella casa dove tutto è arte (fino al 21 novembre; la casa solo su prenotazione nel week end.).
“Entrando lì – racconta la presidente della Fondazione Maxxi, Giovanna Melandri – si capisce davvero chi era Balla”. In un allestimento, aggiunge Pietromarchi, “che restituisce la dimensione della famiglia e racconta un genio italiano che sapeva creare cose dal nulla”. Al via il 17 giugno anche la mostra “Io, Villa Adriana” con tele e provini fotografici di Luca Vitone, tra gli spazi del museo e la residenza dell’imperatore a Tivoli (fino al 12 settembre). E “L’Inferno di Dante”, omaggio di Valentina Vannicola ai 700 anni della scomparsa del Sommo Poeta (fino al 2 settembre).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lino Banfi, io né copertinabile, né premiabile
‘Le molte vite’ dell’attore in un libro di Alfredo Baldi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 giugno 2021
14:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono sempre stato uno che non sono mai stato né copertinabile, né scopertinabile e né tantomeno premiabile. Si premiano poco i film che incassano soldi.
Ci sono ancora giornalisti chi mi incontrano e mi dicono: ‘andavo a vedere i tuoi film di nascosto, altrimenti al Corsera e a Repubblica mi licenziavano'”. Così stamani alla Casa del Cinema di Roma un Lino Banfi, ironico ma non troppo, ha presentato il libro di Alfredo Baldi LE MOLTE VITE DI LINO BANFI (Edizioni Sabinae) insieme all’autore e Milena Vukotic (tra l’altro moglie di Baldi).
Una carrellata sulla vita dell’attore pugliese destinato, a undici anni, alla carriera sacerdotale quando si chiamava ancora Pasquale Zagaria, per poi lasciare il seminario e dedicarsi alla sua vera passione, far divertire il pubblico da un palco. Prima l’avanspettacolo, poi il più redditizio cabaret, il cinema, fino al Lino dalla televisione che lo consacra attore a tutto tondo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cesare Cremonini scrive e dirige film su Lucio Dalla
Tenderstories e Papaya Records produttori del film
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 giugno 2021
13:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tenderstories, società attiva nella creazione di contenuti originali e nella produzione audiovisiva e la società di produzione cinematografica Papaya Records, saranno i produttori del film dedicato alla figura artistica di Lucio Dalla, nato da un soggetto scritto da Cesare Cremonini, che sarà anche il regista del film. Il cantautore bolognese, impegnato nella scrittura del nuovo album e alla vigilia del grande ritorno negli stadi italiani che lo vedrà protagonista nel 2022, sta da tempo lavorando all’opera che affronterà alcuni momenti della carriera artistica di Dalla.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il film è coprodotto da Tenderstories di Moreno Zani, il cui amministratore delegato è Malcom Pagani, e da Papaya Records di Filippo Valsecchi. “È un progetto in cui abbiamo creduto molto fin da subito – dichiarano Moreno Zani, Malcom Pagani e Filippo Valsecchi -.
Ringraziamo Cesare da cui è nata l’idea e siamo certi che da questa collaborazione sarà possibile far rivivere, attraverso un film, una figura fondamentale come Lucio Dalla: un’icona della musica italiana e, al tempo stesso, uno dei cantautori più celebri del nostro Paese. Abbiamo quindi deciso di omaggiare la sua grandezza artistica con questo contributo. Occorre puntare sulla cultura nella sua accezione più ampia e il settore cinematografico italiano rappresenta un’eccellenza da valorizzare, soprattutto in questa fase di ripartenza per l’Italia”. Il film è ambientato principalmente a Bologna e sarà supportato dalla Emilia-Romagna Film Commission.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Montagna, rischio crollo maxi seracco su Aiguille du Midi
Su lato francese Monte Bianco, via sconsigliata ad alpinisti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AOSTA
15 giugno 2021
19:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Chamoniarde, società che si occupa di sicurezza in montagna sul versante francese del Monte Bianco, ha diramato un’allerta per una possibile “imminente valanga di ghiaccio di dimensioni potenzialmente importanti (nell’ordine dei 10 mila-20 mila metri cubi) dal fronte del principale ghiacciaio sospeso del versante Nord dell’Aiguille du Midi”, a oltre 3.000 metri di quota.
A causa del rischio di caduta del grande seracco la Chamoniarde sconsiglia agli alpinisti la via Mallory: l’accesso allo sperone Frendo è esposto.
Per accedere al rifugio dei Grands Mulets la società invita a privilegiare il sentiero a valle del ghiacciaio des Pèlerins, evitando così di passare ai piedi del pendio dell’AiguIlle du Midi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Prix Italia: storie locali e identitarie per la sfida alle piattaforme
Del Brocco (Rai), non c’è contrapposizione, missione è diversa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
15 giugno 2021
20:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Storie locali, vere, identitarie della cultura europea o dei singoli paesi, per rispondere alle offerte delle piattaforme che puntano a un pubblico di centinaia di milioni di persone ma proprio per questo devono mantenersi su livelli standardizzati. Con il moltiplicarsi dei servizi offerti con sistemi alternativi, i broadcaster tradizionali europei si sono trovati di fronte alla sfida di come tenere e attirare verso il piccolo e il grande schermo un pubblico sempre più selettivo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Non ci può essere nessuna contrapposizione, le piattaforme sono sicuramente importanti perché consentono di far vedere il cinema ad un pubblico molto ampio – ha detto Paolo Del Brocco, Ad Rai Cinema in uno degli eventi organizzati a Milano nell’ambito di Prix Italia, il concorso internazionale della Rai – Ma queste piattaforme devono andare alla ricerca di prodotti nella media molto standardizzati per accontentare i gusti di 100, 200 milioni di spettatori, noi invece abbiamo una missione diversa, dobbiamo continuare una produzione culturale che abbia caratteristiche locali perché il prodotto europeo è molto identitario, veniamo da culture diverse rispetto a quella anglosassone, americana e asiatica”. “Noi dobbiamo mettere al centro le nostre storie e i riscontri ci sono – ha aggiunto – come vediamo per le fiction, i prodotti della Rai che hanno sempre ascolti enormi”.
La sfida investe soprattutto il cinema: “Si, lo si può vedere pure su piattaforma, ma i film per il cinema nascono per essere visti in una sala cinematografica” ha aggiunto Del Brocco.
“Guardiamo la televisione ma sosteniamo anche il cinema – è stato l’appello di Malgorzata Szumowska, regista sceneggiatrice e produttrice cinematografica – Prima della pandemia mi dedicavo allo stesso modo a fiction e cinema, ora penso darò la prevalenza al cinema”.
Con i Panel di oggi il Prix Italia, inaugurato ieri alla Scala, è entrato nel pieno dei lavori che si chiudono il 17 con l’assegnazione dei premi. Molta l’attenzione del mondo dei media, ma anche dei tanti giovani coinvolti nei progetti che hanno riempito le sale del Palazzo delle Stelline. Tra gli altri appuntamenti di oggi la tavola rotonda ‘I media di servizio pubblico e la coesione sociale’, con il presidente del Prix Italia Graham Ellis. Un incontro su come attuare una strategia condivisa per la coesione sociale ‘che sappia dare voce a tutte le diversità presenti nella società’, come emerge anche dalla ricerca dell’Ufficio Studi della Rai che ha curato la tavola rotonda.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Al via gli esami di maturità per oltre 500 mila studenti
E’ stato ammesso il 96,2% degli studenti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 giugno 2021
13:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Al via oggi dalle ore 8,30 gli esami di maturità per oltre 500 mila studenti dell’ultimo anno delle superiori: si tratta di un maxi colloquio orale, in presenza, che parte dalla discussione di un elaborato il cui argomento è stato assegnato a ciascuno studente dal Consiglio di classe. Le Commissioni sono 13.349, per un totale di 26.547 classi coinvolte.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Come lo scorso anno, le Commissioni sono presiedute da un presidente esterno e sono composte da sei commissari interni. ll credito scolastico sarà attribuito fino a un massimo di 60 punti, di cui fino a 18 per la classe terza, fino a 20 per la classe quarta e fino a 22 per la classe quinta. Con l’orale verranno assegnati fino a 40 punti. La valutazione finale sarà espressa in centesimi e sarà possibile ottenere la lode. Agli esami di maturità è stato ammesso il 96,2% degli studenti.
“Buongiorno ai ragazzi è un momento importante per la vostra vita, è un passaggio – così il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi a Unomattina -. E’ l’esame di Stato, non è un esamino e non c’è una prova unica. I ragazzi discuteranno, parleranno con la commissione e discuteranno la loro tesi. Cosa succederà in futuro lo vedremo senza pregiudizi. Non verrete bollati come quelli del Covid, misurate voi stessi”. “Ragazzi credo che mai come in questo momento tutto il Paese sia con voi, tutto l’affetto è per voi che state superando questa prova. Avanti!”, ha detto poi Bianchi a Rainews 24 sottolineando che “il loro è un esame a pienissimo titolo, non è formula light e non è di serie B, è il loro esame” Ai ragazzi “dico di andare avanti con grande orgoglio” aggiunge il ministro che poi, a chi gli chiedeva cosa salverebbe di questo biennio difficile a causa della pandemia, risponde: “salvo tutto, salvo le difficoltà, salvo il fatto di utilizzare strumenti che prima non c’erano, salvo soprattutto la fatica dei ragazzi e degli insegnanti. L’esame è stata una cosa faticosa, conquistata, difficile e i ragazzi devono portare dentro di loro il risultato”.
“Se la situazione migliorerà da qui a settembre e permetterà a tutti di sentirsi sicuri, andremo oltre le mascherine”, ha detto il ministro dell’Istruzione. “Ce la faremo – ha aggiunto – se abbiamo il senso profondo di che cos’è la mascherina: non è una tassa da pagare, è uno strumento di protezione reciproca, quindi non è un’imposizione, è la nostra misura di come tutelare anche tutti gli altri”. “Se continueremo ad avere ognuno di noi rispetto dell’altro – ha concluso – è una misura che deve essere utilizzata con il buon senso di tutti” e quindi se la situazione migliorerà “andremo anche oltre”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rifiuti: Gdf scopre traffico e frode fiscale da 300 mln
Inchiesta a Pordenone, trasferimento occulto in Cina 150 mln
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
16 giugno 2021
07:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Guardia di Finanza di Pordenone sta eseguendo, in varie regioni italiane, arresti, perquisizioni e sequestri su delega della Procura – Direzione Distrettuale Antimafia di Trieste, nell’ambito di un traffico illecito di rifiuti. Nell’operazione, denominata ‘Via della Seta’, sono indagate 58 persone, alcune delle quali sarebbero state arrestate.
Le Fiamme gialle hanno scoperto una frode fiscale di 300 milioni euro e il trasferimento occulto in Cina di 150 milioni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Zaki compie oggi 30 anni, è il secondo compleanno in carcere
Bologna non dimentica lo studente egiziano in cella al Cairo dal 7 febbraio 2020. Una mostra e un libro tra le iniziative dedicate a Patrick
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
16 giugno 2021
11:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Patrick Zaki compie oggi 30 anni, un compleanno che però sarà costretto a passarlo in cella. Il 2 giugno, infatti, il Tribunale egiziano ha prolungato la sua detenzione di altri 45 giorni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ il secondo compleanno dietro le sbarre. Bologna, che lo scorso 11 gennaio ha conferito la cittadinanza onoraria allo studente egiziano del master europeo in studi di genere ‘Gemma’ dell’Università, continua a chiederne la liberazione.
L’Unibo, che il 9 febbraio del 2020, due giorni dopo l’arresto del ragazzo, aveva costituito un’unità di crisi per risolvere il caso, partecipa a due iniziative: entrambe dedicate all’arte, alla creatività e all’impegno per la difesa della libertà di parola e di espressione. Nel pomeriggio, a porta Saragozza verrà inaugurata la mostra ‘Patrick patrimonio dell’umanità’. Una sfilata lunga 1.500 metri, fino all’arco del Meloncello, dove verranno affissi 50 striscioni, realizzati dal fumettista e attivista Gianluca Costantini, dedicati alle storie di prigionieri di coscienza privati della libertà in 13 paesi diversi.
Parteciperanno il sindaco Virginio Merola, l’assessore alla Cultura Matteo Lepore, la coordinatrice del master ‘Gemma’, Rita Monticelli, il prorettore dell’Unibo, Mirko Degli Esposti, il portavoce di Amnesty International Italia, Riccado Noury e Mattia Santori del movimento 6000 sardine. Il 30 giugno, invece, verrà pubblicato il libro ‘A carte scoperte’: un lavoro dedicato a Patrick realizzato dagli studenti del master in Editoria cartacea e digitale dell’Unibo. L’opera, che sarà acquistabile sul sito della casa editrice Bononia University Press, raccoglie ventidue interviste ad altrettanti scrittori e scrittrici italiani. Da Giuseppe Culicchia a Helena Janeczek, da Antonio Scurati a Simona Vinci. Un viaggio letterario che, come ricorda l’Università di Bologna, vuole “contribuire a mantenere alta l’attenzione su caso dello studente egiziano, ribadendo la forza della libertà di opinione”.
La città ha sostenuto con forza, sin dai primi giorni dopo l’arresto, la richiesta di liberazione dello studente. Al corteo del 17 febbraio del 2020, infatti, cinquemila persone erano scese in piazza per manifestare solidarietà e chiederne la scarcerazione. La petizione su change.org, lanciata l’8 febbraio 2020, che chiede al Governo di concedere la cittadinanza italiana a Zaki ‘per meriti speciali’, ha raggiunto le 269mila firme. Una delle petizioni più firmate della piattaforma. Ieri, inoltre, la rete di attivisti ‘Patrick libero’ ha condiviso un post su Facebook in cui si riportano le parole in arabo dello studente. E’ un audio registrato prima della detenzione, nel quale lo studente riflette sulla violenza di genere che pervade la società. Una voce che arriva da lontano, ma che ricorda la sua volontà di restare aggrappato alla vita e di continuare a immaginare un futuro diverso. Libertà di espressione significa anche questo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oggi i funerali di Camilla, lutto cittadino a Sestri Levante
L’autopsia conferma il decesso per emorragia cerebrale, ora altri test
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
16 giugno 2021
10:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sarà lutto cittadino oggi a Sestri Levante per i funerali di Camilla Canepa, la studentessa di 18 anni morta nove giorni dopo avere ricevuto il vaccino AstraZeneca durante un open day. Intanto l’inchiesta prosegue: ieri i pubblici ministeri di Genova Francesca Rombolà e Stefano Puppo sono andati a Sestri Levante a sentire i genitori della giovane e ricostruire insieme a loro la storia clinica della giovanissima.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’autopsia eseguita dai medici Luca Tajana e Franco Piovella non ha ancora chiarito cosa abbia provocato la morte della ragazza, e ha solo confermato il decesso per emorragia cerebrale. I consulenti procederanno dunque con gli esami istologici per chiarirne le cause. I pm hanno chiesto loro anche di capire se soffrisse o meno di una malattia autoimmune.
Secondo le prime informazioni Camilla non avrebbe segnato nella scheda anamnestica pre-vaccinale di soffrire di piastrinopenia autoimmune. Malattia che invece è stata riportata nella scheda del primo ricovero avvenuto il 3 giugno all’ospedale di Lavagna. La giovane potrebbe aver riferito ai medici che in famiglia qualcuno aveva in passato sofferto di quel problema. Ed è per questo che gli investigatori, coordinati dall’aggiunto Francesco Pinto, sentiranno tutti i medici che hanno avuto a che fare con la studentessa. Da quelli dell’hub vaccinale fino ai sanitari dell’ospedale San Martino dove la ragazza è morta nonostante due interventi chirurgici.
Oltre a loro verranno sentiti anche il medico curante e il ginecologo che, un paio di giorni dopo il vaccino, le ha prescritto Progynova e il Dufaston per curare un problema di cisti ovariche. Le attenzioni dei Nas, a cui i pm hanno affidato le indagini, si concentrano anche sul primo ricovero e su quanto successo il tre. Camilla era arrivata con un forte mal di testa e fotosensibilità. Aveva anche una piastrinopenia. Ma le venne fatta solo una tac senza contrasto, dalle prime informazioni, e venne dimessa il giorno dopo. Il 5 notte, la situazione peggiora e la studentessa ritorna al pronto soccorso di Lavagna dove però la mandano subito al San Martino. La famiglia ha sempre detto che la ragazza stava bene e ieri ha depositato le analisi del sangue del 2014. “Abbiamo piena fiducia nella procura e nei consulenti nominati. Il nostro consulente li affiancherà solo per fornire un contribuito all’accertamento dei fatti”, ha spiegato il legale Angelo Paone.
Il funerale di Camilla verrà celebrato oggi pomeriggio alle ore 16 nella chiesa di S.Antonio a Sestri Levante (Genova). La famiglia, che ha mantenuto in questi giorni il massimo riserbo chiedendo rispetto per il proprio dolore, ha fatto sapere di sperare che la cerimonia funebre possa essere un momento privato senza la partecipazione di inviati di tv e giornali.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Maturità:studente, dopo mesi in dad emozione tornare in aula
Nel Barese, notte prima degli esami sui libri ascoltando canzone
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
16 giugno 2021
10:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nicola Floro è il primo maturando del Tommaso Fiore di Modugno (Bari), istituto tecnico economico e liceo scientifico, ad aver completato prova del suo esame di Stato. È tornato a scuola dopo mesi di didattica a distanza, rimettendo piede in classe nel suo ultimo giorno da liceale.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Oggi ho provato un’emozione strana tornando a scuola dopo così tanto tempo – ha raccontato all’uscita – , mi è sembrato di rivivere cinque anni tutti insieme, sofferenze, dolori, brutti e buoni voti le risate. Prima di entrare avevo il terrore dell’esame ma poi, una volta che ti siedi e inizi a parlare, il tempo vola e ti rendi conto che quella è la tua occasione”. La sua notte prima degli esami l’ha trascorsa “studiando fino a tardi con la canzone di Venditti in sottofondo, come una specie di rito”. Ora lo aspetta un’estate come animatore in un villaggio turistico del Salento e poi, in autunno, l’università di Informatica. “E 100 giorni dopo il diploma – dice – , visto che non abbiamo potuto festeggiare quelli prima, con i compagni di classe faremo una grande festa”.
In totale in Puglia sono 39.484 in maturandi che da oggi affrontano l’esame. Nel liceo di Modugno sono circa cento. Dalle 8.30 sono convocati uno alla volta per classe un quarto d’ora prima dell’orario previsto per la prova che consiste in un colloquio di un’ora. All’ingresso i ragazzi sono sottoposti a misurazione della temperatura e devono indossare la mascherina nel rispetto delle norme Covid. “Nelle nostre quinte nessuno studente ha frequentato in presenza, quindi tutti questi ragazzi, in dad da ottobre, tornano oggi a scuola dopo troppo tempo immersi in una realtà virtuale, per affrontare un banco di prova enorme” dice la vicepreside Maria Iaquinta, docente di diritto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Maturità in Toscana per 32mila, se ne sono vaccinati 22mila
La Regione aveva aperto su portale finestra a loro dedicata
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
16 giugno 2021
10:41
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 32.000 gli studenti toscani delle medie superiori che da oggi affrontano gli esami di maturità, che si svolgono con la modalità della prova unica. Sul totale di 32mila studenti impegnati negli esami di Stato in Toscana sono stati circa 22mila quelli che si sono vaccinati con Pfizer la scorsa settimana dal 7 al 13 giugno.
La Regione, infatti, aveva aperto sul portale regionale una finestra a loro dedicata affinché gli interessati potesero prenotare la somministrazione del vaccino prima dell’inizio degli esami.
Questa mattina alle 8.30 sono iniziati i colloqui che, per l’emergenza sanitaria, sostituiscono il tradizionale scritto. Un elaborato è stato assegnato ai maturandi in base al percorso svolto e alle discipline caratterizzanti l’indirizzo di studi e hanno avuto un mese di tempo per scriverlo e poi lo discuteranno in sede di colloquio di esame.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Norcia maturità chiude superiori tra sisma e pandemia
“Anni difficili ma ragazzi preparati” sottolinea la dirigente
c
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NORCIA (PERUGIA)
16 giugno 2021
10:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Norcia sono iniziarti gli esami di maturità dei ‘figli’ del terremoto e del coronavirus. A sostenere l’unica prova orale sono gli studenti che avviarono il percorso di studi delle superiori nel 2016, proprio nell’anno del sisma, per poi ritrovarsi a fronteggiare anche la pandemia.

“Sono stati anni molto difficili per gli studenti e in generale per il mondo della scuola, ma i nostri ragazzi sono arrivati a questo appuntamento preparati e maturi, sotto ogni punto di vista, soprattutto umano”, dice la dirigente scolastica dell’istituto ‘De Gasperi-Battaglia’, Rosella Tonti.
Sono una quarantina gli studenti che nella città di San Benedetto chiamati a sostenere l’esame di Stato. La prova dura circa sessanta minuti, prima di entrare in aula, ai maturandi viene misurata la temperatura.
La prima, stamani, ad aver sostenuto l’esame è stata Chiara.
“È andato tutto bene e sono felicissima” ha sottolineato al termine. “Come sono stati questi 5 anni? Complicati, ci siamo goduti molto poco i momenti importanti che le superiori dovevano riservarci” ha aggiunto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Arte: beni archeologici confiscati e donati a Museo Altamura
Trovati in una casa di Gravina in Puglia, detentore denunciato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
16 giugno 2021
10:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Diciannove manufatti in terracotta risalenti alla fine del V secolo e l’inizio del IV secolo a.C.
sono stati sequestrati dalla guardia di Finanza n casa di un cittadino di Gravina in Puglia, denunciato per violazione delle disposizioni contenute nel Codice dei beni culturali e paesaggio, e – dopo la confisca – assegnati al Museo nazionale di Altamura.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il detentore dei reperti archeologici, che non è stato in grado di dimostrare la legittimità dell’acquisto, li custodiva in una vetrinetta, in casa, senza averne fatto denuncia al Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo. I finanzieri hanno scoperto i beni durante controlli nei confronti di un’associazione culturale. Gli accertamenti tecnici hanno consentito di verificare che si tratta di “materiale autentico, di interesse culturale e archeologico rinveniente da contesti tombali”. In particolare sono stati sequestrati: 2 kothon a fascia monoansata, ciotola rotolo convessa monoansata, coppetta ad alto piede a fascia, piatto ad alto piede a motivi fitomorfi di composto, 2 pentolini rituali, stabnoss a decorazione lineare con coperchio, olpetta a vernice bruna, 2 brocchette monoansate a decorazione lineare, piatto su piede ad anello a decorazione lineare, kylix ad alto piede a vernice rossa, brocca a fascia monoansata, piatto su piede a fascia bicroma rossonera, piatto monocromo con vernice caduta, calice a fasce ad alto piede, frammento di labbro con ansa riferibile a brocca, frammento di base di calice.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Saman: sms trappola della madre per farla tornare a casa
‘Stiamo morendo’ le avrebbe scritto quando era in comunità
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
REGGIO EMILIA
16 giugno 2021
14:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ti prego fatti sentire, torna a casa. Stiamo morendo.
Torna, faremo come ci dirai tu”. Sarebbe il testo di un sms trappola che Nazia Shaheen avrebbe scritto alla figlia Saman Abbas quando quest’ultima era in comunità protetta per indurla a tornare a casa. Lo riporta oggi la Gazzetta di Reggio.
Il messaggio, secondo il quotidiano locale, risale al periodo in cui la ragazza si trovava nella comunità protetta dopo aver denunciato i genitori che volevano obbligarla a un matrimonio combinato. L’sms avrebbe tratto in inganno la diciottenne, scomparsa da oltre un mese da Novellara (Reggio Emilia) e che si presume sia stata uccisa dalla famiglia, tornata a casa dalla comunità protetta il 22 aprile.
La madre della ragazza è indagata assieme al padre Shabbar – entrambi latitanti, si troverebbero in Pakistan – per omicidio premeditato in concorso insieme allo zio Danish Hasnain, ritenuto l’esecutore materiale del delitto, e ai cugini Nomanulhaq (latitante, si presume in Europa, con lo zio) e Ikram Ijaz, ora in carcere a Reggio Emilia, unico arrestato dopo essere stato fermato in Francia il 28 maggio scorso mentre tentava di raggiungere la Spagna.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Femminicidio Sarzana: maglie rosse e candele per Alessandra
Doppia fiaccolata in Sardegna e Liguria in ricordo della vittima
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
16 giugno 2021
11:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“L’amore non uccide”. È la frase scritta sullo striscione che campeggiava sugli scalini della chiesa di Maracalagonis (Cagliari) dove centinaia di cittadini si sono riuniti per partecipare alla fiaccolata per ricordare Alessandra Piga, la 25enne del paese uccisa a coltellate sabato scorso dall’ex compagno, Yassine Eroum, 29 anni, magrebino, durante una lite in casa a Castelnuovo Magra (La Spezia).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Moltissimi indossavano magliette rosse, come voluto dalla sindaca di Maracalagonis, Francesca Fadda e dal primo cittadino di Castelnuovo Magra, Daniele Montebello che, contemporaneamente partecipava a una manifestazione analoga nel paese ligure.
Due fiaccolate per urlare ancora una volta “No alla violenza”, come ha ribadito la stessa sindaca sarda ieri sera.
“Dobbiamo dire basta alla violenza sulle donne – ha evidenziato Francesca Fadda – si verificano troppe tragedie di questo genere in Italia, questa volta è toccato al nostro paese e non deve più succedere”.
Alla fiaccolata, partita dal sagrato della chiesa per poi raggiungere l’abitazione dei genitori di Alessandra, c’erano i sindaci di Sinnai, Tarcisio Anedda, di Burcei, Simone Monni e di Settimo San Pietro, Gigi Puddu, accanto a loro assessori, consiglieri e tantissimi amici, parenti e cittadini, anche arrivati da altri Comuni, per stare vicino ai familiari della 25enne uccisa. I genitori di Alessandra non c’erano: sono ancora a Castelnuovo Magra, dove si sono subito recati dopo il delitto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mafia: ‘lupara bianca’ a Catania per contrasti droga, fermi
Due ‘pentiti’ del clan Nizza ricostruiscono omicidio Timonieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
16 giugno 2021
11:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I carabinieri di Catania hanno fermato i due presunti mandanti di un caso di ‘lupara bianca’ avvenuto il 12 febbraio 2021 nell’ambito di una guerra interna nello spaccio di droga tra esponenti legati al clan Nizza della ‘famiglia’ Santapaola-Ercolano. Sono Natale Nizza, di 25 anni, e Salvatore Sam Privitera, di 24, accusati di omicidio aggravato dall’avere favorito l’associazione mafiosa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Privitera è stato bloccato nel porto di Venezia mentre era a bordo di una nave da crociera proveniente da Grecia e Croazia. La vittima è Vincenzo Timonieri, di 25 anni, assassinato con tre colpi di pistola alla nuca e al capo da Michael Agatino Sanfilippo, 22 anni, spalleggiato dal fratello Antonino Marco, di 24 anni. I due hanno poi sotterrato il corpo nella sabbia di una zona marinara isolata di contrada Vaccarizzo. A ricostruire dinamica e movente alla Dda di Catania sono stati i due fratelli, che erano passati dal clan dei ‘Cursoti milanesi’ a quello dei ‘Nizza’, che stanno collaborando con la giustizia, facendo ritrovare il corpo della vittima. Secondo le loro dichiarazioni, riscontrate da indagini dei carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Catania, Timonieri collaborava con il gruppo ‘Nizza’, che gestisce una grossa e fiorente fetta del mercato dello spaccio di droga nel capoluogo etneo, ma aveva un proprio canale di rifornimento privilegiato a Napoli. Il clan lo guardava con sospetto, temendo che potesse togliere loro ‘zone’ di mercato, e voleva impadronirsi del suo canale di approvvigionamento. La cosca avrebbe inoltre coinvolto Timonieri in una ‘truffa’ a cosche calabresi con il pagamento di soldi falsi di una partita di droga. Dopo l’omicidio il clan ‘Nizza’ avrebbe simulato vicinanza ai familiari della vittima, che avevano presentato denuncia di scomparsa, tentando di fare ricadere l’accaduto su altri gruppi criminali rivali. In casa di Nizza i carabinieri hanno sequestrato 1,3 kg di marijuana, 140 gr di hashish, 22 cartucce e 29.000 euro in contanti. Il Gip di Catania ha convalidato i fermi della Dda ed emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per gli indagati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Terrorismo: Sorveglianza, Bergamin delinquente abituale
Giudici confermano decisione con applicazione misura sicurezza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 giugno 2021
12:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Tribunale di Sorveglianza di Milano ha confermato, respingendo il ricorso della difesa, la dichiarazione di “delinquenza abituale” con applicazione di misura di sicurezza per Luigi Bergamin, 73enne ex militante dei Proletari armati per il comunismo, condannato per concorso morale negli omicidi del maresciallo Antonio Santoro e dell’agente Andrea Campagna, avvenuti nel ’78 e ’79. E che si è costituito in Francia dopo il blitz del 28 aprile che ha portato all’arresto di 9 ex terroristi.
Il collegio, presieduto da Anna Maria Oddone, ha confermato la decisione del giudice Gloria Gambitta, presa su richiesta del pm Adriana Blasco.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: variante Delta in Sicilia, contagiati 10 migranti
Sono arrivati a Lampedusa dal Bangladesh
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
16 giugno 2021
12:30
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La variante Delta, l’incrocio tra quella indiana e quella inglese, è arrivata anche in Sicilia: sono infatti risultati contagiati 10 migranti, arrivati a Lampedusa dal Bangladesh seguendo la rotta libica. Sono tutti asintomatici e ora in isolamento in una nave-quarantena ancorata al largo delle coste della più grande delle Pelagie.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo scrive oggi ‘Il Giornale di Sicilia’. I casi si riferiscono a fine maggio e ne è stata già data comunicazione al Ministero della Salute, all’Istituto Superiore di Sanità e alla Regione.
Il sequenziamento, che ha permesso di stabilire con quale tipo di variante si fossero infettati, è stato compiuto dal dottor Fabio Tramuto del laboratorio di riferimento regionale del Policlinico di Palermo, diretto dal professor Francesco Vitale, ma l’indagine è partita grazie all’attività del Dipartimento di diagnostica dell’Asp di Palermo, guidato dalla dottoressa Teresa Barone, che ha effettuato i tamponi a Lampedusa inviando nel capoluogo quelli sospetti. In Italia, finora, la Delta è poco presente, in Sicilia è la prima volta che viene riconosciuta. “I tamponi hanno rivelato che i migranti erano positivi – spiega il dottor Fabio Tramuto e, come da protocollo, sono stati separati dal gruppo e messi in isolamento. A questo punto, così come accade ogni volta che ci troviamo di fronte a soggetti contagiati, i test vengono inviati nel nostro laboratorio al Policlinico per l’analisi. In seguito a complesse procedure, abbiamo individuato la variante Delta”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Papa: a fine udienza saluta Bernal, vincitore Giro d’Italia
Il ciclista colombiano dona al Pontefice la Maglia Rosa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
16 giugno 2021
12:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Papa Francesco, al termine dell’udienza generale nel Cortile di San Damaso, ha salutato Egan Bernal, vincitore del Giro d’Italia. “Un incontro speciale per portargli un regalo da parte di tutti i colombiani”, la Maglia Rosa e la bicicletta, ha detto lo stesso ciclista.
Il Papa ha scherzato chiedendogli quanti caffè prendesse prima di fare una gara e poi ha benedetto lui e la sua fidanzata Maria Fernanda Motas.
“Sono cattolico e prima delle tappe più difficili, prego”, ha confidato il campione colombiano ai giornalisti. Interpellato in merito al doping, ha sottolineato che il ciclismo oggi è “uno degli sport più controllati e per me è uno degli sport più puliti”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Veneto, +84 contagi nelle ultime 24 ore
Solo un nuovo decesso dopo 3 giorni con segno zero
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
16 giugno 2021
12:46
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 84 i nuovi contagi Covid registrati in Veneto nelle ultime 24 ore. Sul fronte dei decessi si segnala una sola vittima, dopo tre giorni consecutivi con segno zero.
Lo riferisce il bollettino della Regione. Il totale degli infetti dall’inizio dell’epidemia sale a 424.792, quello dei morti a 11.601.
Gli attuali positivi, in isolamento domiciliare, scendono a 5.609. Prosegue la discesa dei numeri negli ospedali. Sono 372 (-45), i posti letto occupati da malati Covid, dei quali 326 (-42) in area medica, e 46 (-3) in terapia intensiva. La prevalenza dei positivi sui tamponi effettuati ieri 25.510) è dello 0,33%.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pestaggi in carcere: pm, processare 10 agenti e 2 medici
Anche tortura. Firenze, chiesto giudizio in indagini Sollicciano
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
16 giugno 2021
13:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il pm Christine Von Borries ha chiesto il rinvio a giudizio per 12 persone, tra cui 10 agenti di polizia penitenziaria e due medici, nell’ambito delle indagini sui presunti pestaggi che sarebbero avvenuti nei confronti di detenuti del carcere di Sollicciano a Firenze. Le accuse contestate, a vario titolo, sono quelle di tortura e falso in atto pubblico.
In particolare, i due medici, in servizio presso la casa circondariale e le cui posizioni nell’inchiesta emergono adesso, sono accusati di aver redatto falsi certificati in relazione alle condizioni dei detenuti vittime delle stesse presunte violenze risalenti al 2018 e al 2019.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Povertà: in Toscana oltre 121mila sono finiti sotto soglia
Al centro del dibattito Oxfam-Rai su effetti economici Covid
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
16 giugno 2021
13:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oltre 121mila persone nel 2020 in Toscana sono sotto la soglia di povertà, con un tasso di abbandono scolastico che ha colpito oltre uno studente su 10.
Sono i dati al centro dell’evento online ‘I care, mi sta a cuore’, organizzato a Firenze, al Community center ‘Metropolis’ delLe Piagge, da Oxfam Italia e Rai per il Sociale e dedicato alla povertà educativa, all’aumento delle disuguaglianze e alle possibili soluzioni, dopo oltre un anno di pandemia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con l’emergenza Covid tra il 7% e l’8% dei ragazzi vivono in povertà assoluta o relativa. Sono invece quasi 5.000 le persone a rischio esclusione sostenute da Oxfam, dall’inizio dell’emergenza.
“La pandemia ha colpito tutti ma in modo disuguale – ha detto Roberto Barbieri, direttore generale di Oxfam Italia – Chi era già in difficoltà ha subito le peggiori conseguenze, rimanendo indietro, senza mezzi per reagire a uno shock tanto grave”. “Il progetto ‘I Care’ – ha affermato Giovanni Parapini, direttore di Rai per il Sociale – è una concreta testimonianza di come la Rai vuol dare rilievo, in modalità multipiattaforma, a tutte quelle iniziative che mettono al centro una reale lotta alle diseguaglianze fondata su più fatti e meno parole, su più concretezza e meno apparenza”.
L’assessore regionale all’istruzione Alessandra Nardini ha sottolineato che “la Regione ha fatto una scelta coraggiosa a gennaio scegliendo di riaprire le scuole, perché i ragazzi non restassero a indietro, allo stesso tempo investendo risorse importanti per dare gli strumenti ai ragazzi per seguire le lezioni a distanza”. L’assessore al welfare del Comune di Firenze Sara Funaro ha evidenziato che “la pandemia ha tirato fuori in maniera molto violenta quella che è la fragilità della nostra comunità” e ha sottolineato tra i problemi quello “dell’abbandono scolastico, duplicato nel Comune di Firenze nell’anno della pandemia”, ma anche “le bocciature a scuola da parte di ragazzi provenienti da contesti culturali stranieri e il disagio emotivo e psicologico dei nostri ragazzi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fontana, occupati meno di cento letti in terapia intensiva
Governatore, ‘dobbiamo insistere a fare le vaccinazioni’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 giugno 2021
13:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Oggi siamo scesi sotto i 100 letti occupati in terapia intensiva, siamo scesi a 92 letti. C’è stata anche oggi una riduzione dei letti occupati negli ospedali, la situazione sta andando nella direzione giusta”.
Lo ha detto il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, a margine della presentazione del Master Plan della Villa Reale di Monza. “Noi stiamo andando per la strada che ci è stata proposta dal governo e che abbiamo deciso di seguire. La situazione sta migliorando, quindi dobbiamo insistere nel fare queste vaccinazioni” ha aggiunto Fontana. A proposito, invece, di eventuali nuove forniture di vaccini il presidente lombardo ha commentato: “più ne arrivano e prima arriviamo. Quindi se ci arrivano vaccini in più noi a quello diciamo grazie e siamo prontissimi a consumarli entro breve tempo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Milano-Cortina: Zaia, domani con Comitato da Mattarella
‘Olimpiadi sono uno dei ‘gol’ più importanti per il Paese’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
16 giugno 2021
14:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I componenti del Comitato olimpico dei Giochi invernali Milano-Cortina 2026 saranno ricevuti domani a Roma dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al quale illustreranno lo stato di avanzamento dell’organizzazione del grande evento sportivo. “Saremo al Quirinale per la prima volta in delegazione ufficiale – ha aggiunto – parleremo con il Presidente, è un appuntamento molto importante per noi”.

“Come sta procedendo l’iter in Veneto ? Da parte nostra molto bene – ha detto Zaia, rispondendo ai cronisti – da parte delle infrastrutture bisogna accelerare un po’ di più. Il passaggio delle Olimpiadi lascerà opere importanti ,come la variante di Cortina, di cui si discute da decenni, la variante di Longarone, il villaggio olimpico; bisogna capire se le vogliamo lasciare complete, o in fase di completamento. Le olimpiadi Milano-Cortina sono uno dei ‘gol’ più importanti per questo Paese”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mottarone: video dell’incidente, cabina si impenna e torna indietro
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
16 giugno 2021
14:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La cabina N.3 si avvicina lentamente alla stazione di arrivo Mottarone, a bordo quindici persone tra cui il piccolo Eitan, il bambino unico sopravvissuto, il padre e due donne. Le altre facce non si distinguono.
All’improvviso la cabina si impenna, mostrando la pancia: nessuno riesce a rimanere in piedi mentre scivola all’indietro, sempre più veloce. Fino al salto nel vuoto con l’impatto a terra che non si vede perché avviene dietro al rilievo. Sono immagini esclusive, quelle diffuse dal Tg3. Riprendono l’incidente alla funivia del 23 maggio, in cui sono morte quattordici persone.
Il video, registrato dai carabinieri riprendendo un monitor, è agli atti dell’inchiesta. Immagini choccanti. Nella inquadratura interna alla stazione si vede l’addetto che attende l’arrivo della cabina alzare per un attimo la testa, come a guardare qualcosa che non va. Poi la fune si spezza, la cabina precipita e l’uomo corre a chiamare i soccorsi. Ma ormai è troppo tardi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Finto militare e ‘007’ arrestato dopo truffe in serie
Avrebbe ingannato anche politico. Come film ‘Prova a prendermi’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 giugno 2021
14:36
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un presunto truffatore seriale, che con “divise” e documenti falsi, riusciva a spacciarsi per appartenente “alla Marina militare”, all’Aise e ai “servizi di sicurezza del Vaticano”, è stato arrestato dai carabinieri su ordine del gip di Milano Fioretta, nell’inchiesta dell’aggiunto Pedio e del pm Stagnaro.
Guido Umberto Farinelli, accusato di truffa e altro, avrebbe ingannato forze dell’ordine e un politico per un caso di “sostituzione di persona”.
Simile al personaggio di ‘Prova a prendermi’ interpretato da Di Caprio, ha fatto comparire sul web il suo nome legato falsamente ai casi Abu Omar e alla liberazione di Giuliana Sgrena.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Al Circo Massimo il fascino di fuoco del Trovatore
Il presidente Mattarella all’apertura stagione estiva Opera di Roma
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 giugno 2021
13:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un cielo livido di nubi in bianco e nero scorre inesorabile e indifferente sull’ intreccio di passioni e vendette che lega i personaggi. Il rosso delle fiamme invade lo sfondo cupo accompagnando gli snodi della vicenda verso il finale tragico.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nella scenografia scarna i candelieri mossi dai protagonisti gettano una luce flebile sui loro tormenti. Un ”Trovatore” di fuoco onirico e potente ha illuminato la notte che martedì 15 giugno ha aperto con grande successo al Circo Massimo la stagione estiva dell’ Opera di Roma, alla quale ha partecipato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.
Il maestro Daniele Gatti, chiudendo la trilogia popolare verdiana che lo ha visto un anno fa sullo stesso podio per Rigoletto e lo scorso aprile con ‘La Traviata’ al Teatro Costanzi senza pubblico, ha guidato l’ orchestra in una esecuzione formidabile. Il cast ha risposto ottimamente con Fabio Sartori nel ruolo di Manrico, Roberta Mantegna e la sua intensa Leonora, Clémentine Mangaine grande nella zingara Azucena e Christopher Maltman, potente Duca di Luna, innamorato non corrisposto, unico personaggio ‘condannato’ a vivere al termine del dramma. Grande prova anche del coro guidato da Roberto Gabbiani. Musica e canto hanno quindi conquistato i mille spettatori consentiti dalle norme antiCovid grazie anche alla regia di Lorenzo Mariani che ha sfrondato la scena da ogni elemento di distrazione per concentrare l’ attenzione sulla storia contorta di amore e morte, di rivali che non sapendo di essere fratelli si contendono la stessa donna, di fiamme che accendono sì i cuori (‘l’ amore ond’ ardo”) ma anche roghi fatali (‘Stride la vampa’, ‘Di quella pira l’ orrendo foco”) , raccontata in musica dal compositore di Busseto, che debuttò proprio a Roma nel 1853.
Lo spettacolo si replica il 19, 24, 27 giugno, e il 4 e 6 luglio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da Krusciov-Kennedy a Putin-Trump, scintille e intese
I vertici tra America e Russia che hanno segnato la storia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 giugno 2021
14:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’incontro di Ginevra tra Vladimir Putin e Joe Biden si svolge in un momento di grande tensione tra Russia e Usa, dopo decenni di relazioni scandite da fasi di scontro e altre di maggiore comprensione. Così come i vertici tra i leader della Casa Bianca e quelli del Cremlino che hanno inevitabilmente seguito questo andamento, segnando a volte intese storiche.
Sul finire della Seconda guerra mondiale, i leader di Urss, Usa e Gran Bretagna si vedono a Yalta e a Potsdam.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Inizia così la spartizione del mondo in due blocchi dopo la sconfitta del nazismo. Una cortina di ferro cala sull’Europa e per 14 anni i leader di Mosca e Washington non si incontrano. Bisogna aspettare il 1959 perché Krusciov diventi il primo segretario del Pcus a recarsi in Usa. A giugno 1961, Krusciov incontra Kennedy a Vienna. A dominare i colloqui è la situazione a Berlino, dove la Germania Est non è in grado di fermare l’esodo verso Ovest. Da lì a poco sarà eretto il Muro e inizierà la crisi dei missili di Cuba, che farà temere un conflitto armato tra le due superpotenze. I rapporti Urss-Usa restano difficili anche negli anni successivi ma tra il 1970 e il 1974 Nixon e Brezhnev si vedono due volte a Mosca e una a Washington e concordano due intese per limitare le testate nucleari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con l’ascesa al potere del padre della perestrojka, Gorbaciov, comincia un periodo di distensione e si mette gradualmente fine alla Guerra Fredda. Gorbaciov e Reagan rompono il ghiaccio nel 1985 proprio a Ginevra, dove oggi si incontreranno Putin e Biden. Storico è il summit di Reykjavik del 1986, che pone alcune basi per futuri accordi sul disarmo nucleare. L’Urss però crolla pochi anni dopo e negli anni ’90 Eltsin è il presidente di una neonata Federazione Russa economicamente instabile. Nel loro primo incontro, nel 1993 a Vancouver, Eltsin e Bill Clinton rilasciano una dichiarazione congiunta sulla promozione della democrazia. Ma il 31 dicembre del 1999 Eltsin consegna le chiavi del Cremlino a Putin, il cui potere presto diventa quasi illimitato e di certo poco democratico.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
George W. Bush parla con l’ex ufficiale del Kgb in Slovenia nel 2001: “L’ho guardato negli occhi e ho visto la sua anima”, dice, definendo Putin “un uomo diretto, che ispira fiducia”. I rapporti tra Russia e Usa si fanno però sempre più freddi. Obama inizialmente cerca di instaurare un dialogo con l’allora presidente Medvedev e nel 2009 la segretaria di Stato Usa Hillary Clinton incontra il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov portando con sé un pulsante rosso con la scritta ‘Reset’.
Non cambia però molto e nel 2014 l’annessione russa della Crimea e la guerra in Ucraina fanno sprofondare ancora di più le relazioni tra Mosca e Occidente. La Russia viene anche accusata d’interferenze per favorire Trump alle presidenziali del 2016.
In un summit a Helsinki con Putin nel 2018 è però lo stesso Trump a difendere di fatto il Cremlino contraddicendo la propria intelligence, salvo poi dire di essere stato frainteso. Con Biden presidente, Putin pare aver trovato un interlocutore più tosto alla Casa Bianca.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dalla casa all’universo, Balla superstar con il Maxxi
Una mostra e dopo 30 anni apre la casa-opera d’arte a Roma
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 giugno 2021
15:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È un’etichetta-firma sulla porta di legno ad annunciare la meraviglia che si sta per spalancare, lì, al quarto piano di un palazzo piccolo borghese a Roma. Un trionfo di colori, forme, geometrie che investono pareti, lampade, soffitti, mobili, piastrelle, abiti appesi e ogni utensile e particolare immaginabile.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È FuturBalla, come recita l’etichetta, ovvero la casa-opera d’arte di Giacomo Balla (1871-1958), l’artista mondiale che nel 1915 con Fortunato Depero siglò il Manifesto per la ricostruzione futurista e che qui visse dagli anni Trenta fino alla morte con le figlie Luce ed Elica. Per i 150 anni della nascita, il Maxxi lo festeggia con Casa Balla. Dalla casa all’universo e ritorno, progetto a cura di Bartolomeo Pietromarchi e Domitilla Dardi, che dal 17 giugno porta nelle sale disegnate da Zaha Hadid una selezione di opere di Balla come la porta del celebre Studiolo rosso in dialogo con quelle di 8 artisti contemporanei (Ila Bêka e Louise Lemoine, Carlo Benvenuto, Alex Cecchetti, Jim Lambie, Emiliano Maggi, Leonardo Sonnoli, Space Popular, Cassina con Patricia Urquiola). E, soprattutto, dal 25 giugno, compie il piccolo “miracolo”, in collaborazione con la Soprintendenza Speciale di Roma e il contributo di Banca d’Italia, di aprire al pubblico quella casa dove tutto è arte (fino al 21 novembre; la casa solo su prenotazione nel week end.).
“Entrando lì – racconta la presidente della Fondazione Maxxi, Giovanna Melandri – si capisce davvero chi era Balla”. In un allestimento, aggiunge Pietromarchi, “che restituisce la dimensione della famiglia e racconta un genio italiano che sapeva creare cose dal nulla”. Al via il 17 giugno anche la mostra “Io, Villa Adriana” con tele e provini fotografici di Luca Vitone, tra gli spazi del museo e la residenza dell’imperatore a Tivoli (fino al 12 settembre). E “L’Inferno di Dante”, omaggio di Valentina Vannicola ai 700 anni della scomparsa del Sommo Poeta (fino al 2 settembre).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lino Banfi, io né copertinabile, né premiabile
‘Le molte vite’ dell’attore in un libro di Alfredo Baldi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 giugno 2021
14:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono sempre stato uno che non sono mai stato né copertinabile, né scopertinabile e né tantomeno premiabile. Si premiano poco i film che incassano soldi.
Ci sono ancora giornalisti chi mi incontrano e mi dicono: ‘andavo a vedere i tuoi film di nascosto, altrimenti al Corsera e a Repubblica mi licenziavano'”. Così stamani alla Casa del Cinema di Roma un Lino Banfi, ironico ma non troppo, ha presentato il libro di Alfredo Baldi LE MOLTE VITE DI LINO BANFI (Edizioni Sabinae) insieme all’autore e Milena Vukotic (tra l’altro moglie di Baldi).
Una carrellata sulla vita dell’attore pugliese destinato, a undici anni, alla carriera sacerdotale quando si chiamava ancora Pasquale Zagaria, per poi lasciare il seminario e dedicarsi alla sua vera passione, far divertire il pubblico da un palco. Prima l’avanspettacolo, poi il più redditizio cabaret, il cinema, fino al Lino dalla televisione che lo consacra attore a tutto tondo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cesare Cremonini scrive e dirige film su Lucio Dalla
Tenderstories e Papaya Records produttori del film
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 giugno 2021
13:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tenderstories, società attiva nella creazione di contenuti originali e nella produzione audiovisiva e la società di produzione cinematografica Papaya Records, saranno i produttori del film dedicato alla figura artistica di Lucio Dalla, nato da un soggetto scritto da Cesare Cremonini, che sarà anche il regista del film. Il cantautore bolognese, impegnato nella scrittura del nuovo album e alla vigilia del grande ritorno negli stadi italiani che lo vedrà protagonista nel 2022, sta da tempo lavorando all’opera che affronterà alcuni momenti della carriera artistica di Dalla.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il film è coprodotto da Tenderstories di Moreno Zani, il cui amministratore delegato è Malcom Pagani, e da Papaya Records di Filippo Valsecchi. “È un progetto in cui abbiamo creduto molto fin da subito – dichiarano Moreno Zani, Malcom Pagani e Filippo Valsecchi -.
Ringraziamo Cesare da cui è nata l’idea e siamo certi che da questa collaborazione sarà possibile far rivivere, attraverso un film, una figura fondamentale come Lucio Dalla: un’icona della musica italiana e, al tempo stesso, uno dei cantautori più celebri del nostro Paese. Abbiamo quindi deciso di omaggiare la sua grandezza artistica con questo contributo. Occorre puntare sulla cultura nella sua accezione più ampia e il settore cinematografico italiano rappresenta un’eccellenza da valorizzare, soprattutto in questa fase di ripartenza per l’Italia”. Il film è ambientato principalmente a Bologna e sarà supportato dalla Emilia-Romagna Film Commission.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Al via gli esami di maturità per oltre 500 mila studenti
Dalle ore 8,30. Ammesso il 96,2%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 giugno 2021
06:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Al via oggi dalle ore 8,30 gli esami di maturità per oltre mila studenti dell’ultimo anno delle superiori: si tratterà di un maxi colloquio orale, in presenza, che partirà dalla discussione di un elaborato il cui argomento è stato assegnato a ciascuno studente dal Consiglio di classe. Le Commissioni saranno 13.349, per un totale di 26.547 classi coinvolte.
Come lo scorso anno, le Commissioni sono presiedute da un presidente esterno e sono composte da sei commissari interni. ll credito scolastico sarà attribuito fino a un massimo di 60 punti, di cui fino a 18 per la classe terza, fino a 20 per la classe quarta e fino a 22 per la classe quinta. Con l’orale verranno assegnati fino a 40 punti. La valutazione finale sarà espressa in centesimi e sarà possibile ottenere la lode. Agli esami di maturità è stato ammesso il 96,2% degli studenti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gdf scopre traffico di rifiuti e frode fiscale da 300 mln
Inchiesta a Pordenone, trasferiti in Cina 150 milioni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
16 giugno 2021
14:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Guardia di Finanza di Pordenone sta eseguendo, in varie regioni italiane, arresti, perquisizioni e sequestri su delega della Procura – Direzione Distrettuale Antimafia di Trieste, nell’ambito di un traffico illecito di rifiuti. Nell’operazione, denominata ‘Via della Seta’, sono indagate 58 persone, alcune delle quali sarebbero state arrestate.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le Fiamme gialle hanno scoperto una frode fiscale di 300 milioni euro e il trasferimento occulto in Cina di 150 milioni.
L’operazione – è in corso una conferenza stampa alla DDA di Trieste – ha scoperto un patto tra criminalità italiana e cinese e riguarda una maxi frode fiscale internazionale, riciclaggio e traffico illecito di rifiuti per 300 milioni di euro e si è conclusa con 5 arresti e 53 indagati. La Gdf ha inoltre eseguito sequestri per 66 milioni di euro. La Guardia di finanza di Pordenone ha inoltre individuato il trasferimento, con modalità occulte, di 150 milioni di euro in Cina. L’organizzazione, a carattere transazionale, commercializzava, con modalità fiscalmente fraudolente, materiali ferrosi e rame, ottone, alluminio, inquadrabili nella categoria “rifiuti metallici non pericolosi”. Le investigazioni sono state avviate nel 2018 in seguito ad anomale movimentazioni finanziarie intercorse tra una impresa con sede nella Repubblica Ceca e una neocostituita azienda in provincia di Pordenone.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Virgin chiude palestra Milano per una settimana
Dopo focolaio con 12 positivi, in attesa tracciamento Ats
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 giugno 2021
15:19
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Verrà chiusa per una settimana la palestra della Virgin in zona Città studi a Milano dove sono stati trovati 12 casi positivi, di cui uno contagiato con la variante Delta. E’ quanto ha deciso Virgin Active “in via precauzionale” a partire da domani con “l’obiettivo primario di tutelare la salute di clienti e staff”.

“Tale decisione – si legge in una nota della Virgin – è stata assunta in attesa che l’ATS completi l’attività di contact tracing dei frequentatori del club, resa possibile dalla puntuale registrazione degli accessi che Virgin Active svolge presso le proprie strutture. L’azienda ha preso la decisione di chiudere il club nonostante gli esiti del sopralluogo effettuato dalla stessa ATS nella giornata di ieri abbiano confermato il pieno rispetto dei protocolli anti-contagio da parte di Virgin Active”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Anziani maltrattati e legati a letti in Rsa, 17 indagati
A Civitavecchia, coinvolti infermieri e operatori sociosanitari
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
16 giugno 2021
15:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Avrebbero lasciato gli anziani in stato di abbandono, senza pulirli per diverse ore, li avrebbero immobilizzi ai letti con le lenzuola, offesi, in alcuni casi addirittura malmenati, e gli avrebbero dato anche psicofarmaci senza prescrizioni mediche. E’ quanto accertato dai carabinieri di Civitavecchia.
Per questo 17 persone, tra infermieri e operatori sociosanitari presso una Rsa di Civitavecchia, sono ora indagate per maltrattamenti, sequestro di persona e falsità ideologica.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quando non c’erano i vaccini, il dramma a Bolzano nel 1909
Una famiglie perse sei figli nel giro di undici giorni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
16 giugno 2021
15:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Al cimitero di Gries a Bolzano una vecchia lapide ricorda la triste storia della famiglia Peer che nel 1909, nel giro di undici giorni, perse sei figli tra i 3 e i 8 anni d’età, presumibilmente di difterite. Si tratta di una malattia che oggi è praticamente scomparsa, grazie ai vaccini.

La storia è stata riscoperta dalla guida turistica Oswald Stimpfl. La lapide riporta i nomi dei bambini – Anna, Lorenz, Elisabeth, Valentin, Johann e Josef – che avevano tra i sei e gli otto anni, ed è stata posta dai genitori Valentin e Anna Peer, “profondamente addolorati”.
Stimpfl ha provato a scavare un po’. “Sono andato a vedere nei registri della chiesa – prosegue il suo racconto – nei quali è riportata anche la causa della morte. Viene indicato un po’ il morbillo e un po’ la rosolia. Comunque, si presume, e me lo confermano anche alcuni pediatri, che probabilmente i bambini avevano la difterite, una malattia contro la quale oggi siamo tutti vaccinati, per cui una catastrofe del genere non si verificherebbe”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Puglia 3 morti e 112 positivi, l’1,5% dei test
Sono 11.029 i casi attualmente infetti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
16 giugno 2021
15:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Su 7650 test per l’infezione da Covid-19 oggi in Puglia sono stati registrati 112 casi positivi (con un tasso di positività dell’1,5%): 17 in provincia di Bari, 1 in provincia di Brindisi, 4 nella provincia BAT, 27 in provincia di Foggia, 16 in provincia di Lecce, 42 in provincia di Taranto, 2 casi di residenti fuori regione, 3 casi di provincia di residenza non nota. Tre i decessi: 2 in provincia di Bari, 1 in provincia di Taranto.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 2.590.229 test. 234.937 sono i pazienti guariti. 11.029 sono i casi attualmente positivi.

La Tua opinione è importante! Vota questo articolo, grazie!
No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.