Sport tutte le notizie in tempo reale, sempre complete ed aggiornate. Tutte le discipline sportive. LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Notizie, Sport, Ultim'ora

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 88 minuti

Ultimo aggiornamento 11 Novembre, 2021, 10:20:02 di Maurizio Barra

SPORT TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

SPORT TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 07:05 DI GIOVEDÌ 04 NOVEMBRE 2021

ALLE 10:20 DI GIOVEDÌ 11 NOVEMBRE 2021

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Europei: nuoto; Quadarella e Caramignoli in finale 1.500 sl
Azzurri staccano anche 12 pass per le semifinali
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
04 novembre 2021
07:05
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Agli Europei in vasca corta in corso all’Acquatics Palace di Kazan Simona Quadarella e Martina Caramignoli hanno raggiunto la finale dei 1.500 stile libero, in programma venerdì pomeriggio, con il secondo e il terzo riscontro cronometrico.
La regina del mezzofondo iridato e continentale ha nuotato in 15’49″39; la 30enne reatina in 15’50″79.

Davanti a tutte ha chiuso la padrona di casa Anastasia Kirpichnikova, che in 15’26″08 ha lanciato un chiaro messaggio nei confronti delle avversarie battute negli 800.
Gli azzurri nel complesso hanno staccato anche 12 pass per le semifinali. La ceca Barbora Seemanova (52″45) è stata la più veloce nei 100 stile libero che hanno aperto il programma della mattina. Accedono alla semifinale anche Silvia Di Pietro e Costanza Cocconcelli, rispettivamente con il quarto e l’ottavo tempo. Thomas Ceccon, settimo, e Alberto Razzetti, ottavo, si qualificano per la semifinale dei 200 misti. Azzurre protagoniste nei 200 rana. Accedono alle semifinali Francesca Fangio e la medaglia d’oro dei 100 Martina Carraro.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
#MeToo, in Cina censurate e oscurate sui social le accuse della star del tennis
Peng Shuai aveva denunciato gli abusi l’ex vicepremier Zhang Gaoli, è il caso più vicino al potere a Pechino
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
04 novembre 2021
20:12
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Un nuovo scandalo #MeToo è scoppiato in Cina, arrivando a toccare i vertici del potere a Pechino.
La star del tennis nazionale Peng Shuai ha accusato di molestie sessuali in un post sui social l’ex vicepremier Zhang Gaoli, la figura di maggior rilievo nel Partito comunista a essere tirata in ballo finora da denunce di questo tipo.

Nel messaggio l’atleta 35enne – ex numero uno del mondo nel doppio femminile – affermava di aver avuto per diversi anni una relazione extraconiugale con l’alto dirigente del Partito comunista cinese, accusandolo però di aver abusato di lei in diverse occasioni.
Tra gli episodi riferiti dalla tennista c’è quello di un presunto stupro avvenuto quando l’ex vicepremier di Pechino, oggi 75enne, l’aveva invitata a casa sua circa tre anni fa per una partita di tennis insieme alla moglie. “Quel pomeriggio non ero consenziente, ho pianto per tutto il tempo”, ha scritto Peng.

La Cina ha oscurato ogni riferimento a un messaggio attribuito alla star del tennis Peng Shuai, ex numero uno del mondo nel doppio, che ha accusato sui social network un ex leader comunista di averla costretta a una relazione sessuale, per poi farne la sua amante.

L’accusa era stata formulata in un post pubblicato martedì sull’account Weibo ufficiale della 35enne cinese, vincitrice del torneo Roland Garros in doppio nel 2014, oscurato poco dopo. In un lungo testo Peng Shuai raccontava tre anni di sesso forzato con l’ex vicepremier Zhang Gaoli, che dal 2013 al 2018 è stato uno dei politici più potenti della Cina.

Ma mentre la censura cancellava il messaggio dall’internet cinese, le condivisioni oltrepassavano il confine diffondendosi a macchia d’olio. L’autenticità del post non si è potuta verificare e l’entourage dell’atleta ha rifiutato di commentare. Zhang Gaoli, da parte sua, non ha commentato pubblicamente l’accusa. Secondo i dati di Weibo, un post sull’account ufficiale della giocatrice è stato visualizzato più di 100.000 volte ma il contenuto non è specificato. Le imbarazzanti rivelazioni arrivano a pochi giorni da un importante conclave del Partito Comunista Cinese (PCC) convocato a Pechino per i prossimi giorni con i massimi leader del Paese.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Ad oggi i due account di Peng Shuai e Zhang Gaoli risultano inaccessibili. Zhang Gaoli, oggi 75 anni, è stato fino all’inizio del 2018 un membro permanente dell’ufficio politico del PCC e come tale uno dei sette uomini più potenti della Cina. E’ considerato vicino al premier Li Keqiang.   MONDO   POLITICA   TECNOLOGIA

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Nba: Bulls fermati dai Sixers, i Nets superano gli Hawks
Gallinari dalla panchina, sette punti in 16 minuti
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
04 novembre 2021
13:08
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Non è bastato ai Chicago Bulls un DeMar DeRozan – che ha uguagliato il suo record di punti (37) in questo avvio di stagione – per fermare i Philadelphia 76ers, che hanno avuto la meglio per 103-98.
Per Philadelphia si sono messi in mostra Seth Curry (22 punti) e Joel Embiid (18).

Brooklyn centra la terza vittoria consecutiva e a farne le spese è Atlanta (117-108). Nei suoi 16 minuti in campo Danilo Gallinari ha segnato sette punti, secondo giocatore in uscita dalla panchina tra gli Hawks per contributo dietro a Kevin Huerter (16 punti). Tra i Nets gran partita di Kevin Durant (32 punti).
Gli Indiana Pacers hanno superato i New York Knicks per 111-98, grazie anche a un Myles Turner da 25 punti e autore di sette triple. Caris LeVert ne ha aggiunti 21 mentre a New York non sono stati sufficienti i 23 di RJ Barrett.
Prosegue il gran momento dei Golden State Warriors, che contro i Charlotte Hornets (114-92) hanno centrato la sesta vittoria su sette partite anche grazie a Jordan Poole, con 31 punti e sette triple realizzate.
Brutta serata al tiro per gli Orlando Magic, piegati da Boston per 92-72. I Celtics sono tornati a vincere dopo la sconfitta in rimonta subita da Chicago.
I Cleveland Cavaliers continuano a stupire: quella per 107-104 contro i Portland Trail Blazers è la quarta vittoria in sei partite. Merito anche di un Jarrett Allen da 24 punti e 17 rimbalzi.
I Minnesota Timberwolves hanno subito la quarta sconfitta nelle ultime cinque partite, questa volta per mano dei Los Angeles Clippers (126-115). Non sono bastati infatti un Anthony Edwards da 29 punti e un Karl-Anthony Towns da 18.
I Grizzlies hanno battuto per 108-106 i Nuggets, conquistando il quinto successo stagionale. I 34 punti di Jokic avevano riportato in partita Denver ma Memphis ha vinto la sfida punto a punto nel finale.
Sesta sconfitta nelle ultime sette gare per San Antonio Spurs, questa volta per mano dei Dallas Mavericks (109-108).
Vincono la loro quinta partita di fila i Toronto Raptors, che hanno superato per 109-100 i Washington Wizards: Fred VanVleet ha contribuito con 33 punti. I Sacramento Kings hanno battuto per 112-99 i New Orleans Pelicans, alla loro quinta sconfitta consecutiva.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Tennis: Parigi; Monfils si ritira, Djokovic già nei quarti
Il francese fermato da un infortunio muscolare
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
04 novembre 2021
13:45
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Gael Monfils si è ritirato prima dell’ottavo di finale che avrebbe dovuto giocare nel pomeriggio contro Novak Djokovic, al Masters 1000 di Parigi.
A causa il forfait del tennista francese un “infortunio muscolare” agli adduttori.
“Avevamo rilevato una lesione muscolare (mercoledì sera), abbiamo fatto di nuovo un’ecografia poche ore fa e abbiamo deciso con i medici e la mia squadra di ritirarci dal torneo” ha spiegato Monfils, infortunatosi nel match del secondo turno contro il connazionale Adrian Mannarino.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Parigi: Hurkacz ai quarti, allunga su Sinner per le Finals
Vantaggio del polacco su altoatesino sale a 120 punti
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
04 novembre 2021
13:55
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Hubert Hurkacz si qualifica ai quarti di finale del torneo Atp 1000 di Parigi-Bercy, conquistando così altri punti nella speciale classifica per le Atp Finals di Torino e aumentando il vantaggio su Jannik Sinner.
Ora il polacco (3.135 punti) è ottavo, con 120 punti di vantaggio sull’altoatesino (3.015), che resta nono, quindi al momento fuori dai ‘magnifici otto’ che si sfideranno al Palasport olimpico dal 14 al 21 novembre prossimi.

Hurkacz (n.24 al mondo) ha battuto in tre set (4-5, 7-5, 6-2) il tedesco Dominik Koepfer (n.58 nel ranking) e sfiderà ai quarti l’australiano James Duckworth (n.55 Atp).
Sinner ieri è stato eliminato al torneo parigino dal 18enne spagnolo Alcaraz. La prossima settimana si assegneranno gli ultimi 250 punti della stagione, con il 20enne di Sesto Pusteria che dovrà sperare in un’eliminazione precoce dei suoi diretti rivali per giocarsi il tutto per tutto nel torneo Atp di Stoccolma.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Rugby: i 15 azzurri convocati per la sfida agli All Blacks
Coach Crowley, ‘lavorato molto, focus su nostra prestazione’
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
04 novembre 2021
15:17
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Il commissario tecnico della Nazionale italiana rugby, Kieran Crowley, ha ufficializzato la formazione che sabato 6 novembre alle 14 allo Stadio Olimpico di Roma affronterà la Nuova Zelanda nel primo incontro delle Autumn nations series.

Italia e All Blacks tornano ad affrontarsi sul campo a tre anni esatti di distanza, quando sempre all’Olimpico i tuttineri, all’epoca campioni del mondo in carica, superarono gli azzurri per 3-66.
Un anno più tardi, alla Rugby world cup giapponese, l’ultimo incontro in calendario per la pool iridata non si è disputato a causa del tifone Hagibis. “In questi giorni – ha dichiarato Crowley – abbiamo lavorato molto su vari aspetti del gioco curando nel dettaglio ogni aspetto. I ragazzi hanno mostrato un grande atteggiamento durante gli allenamenti mostrando tanta voglia di creare qualcosa di importante con questa maglia. Sabato il focus sarà incentrato sulla nostra prestazione proseguendo nel percorso volto alla creazione di una identità di squadra ben precisa”.
Scenderanno in campo: 15 Matteo Minozzi (Wasps Rugby, 22 caps), 14 Federico Mori (Bordeaux, 9 caps), 13 Juan Ignacio Brex (Benetton Rugby, 5 caps), 12 Marco Zanon (Benetton Rugby, 6 caps) 11 Montanna Ioane (Benetton Rugby, 6 caps), 10 Paolo Garbisi (Montpellier, 10 caps), 9 Stephen Varney (Gloucester Rugby 7 caps), 8 Renato Giammarioli (Zebre Parma, 4 caps), 7 Michele Lamaro (Benetton Rugby, 7 caps) – capitano, 6 Sebastian Negri (Benetton Rugby, 33 caps), 5 David Sisi (Zebre Parma, 15 caps), 4 Marco Fuser (Newcastle Falcons, 33 caps), 3 Marco Riccioni (Saracens, 15 caps), 2 Gianmarco Lucchesi (Benetton Rugby, 6 caps), 1 Danilo Fischetti (Zebre Parma, 12 caps).
Saranno a disposizione: 16 Luca Bigi (Zebre Parma 37 caps), 17 Ivan Nemer (Benetton Ruby, esordiente), 18 Pietro Ceccarelli (Brive, 14 caps), 19 Niccolò Cannone (Benetton Rugby, 13 caps), 20 Federico Ruzza (Benetton Rugby, 22 caps), 21 Abraham Steyn (Benetton Rugby, 44 caps), 22 Callum Braley (Benetton Rugby, 10 caps), 23 Carlo Canna (Zebre Parma, 52 caps).
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Rugby: ufficializzati i 15 All Blacks contro gli azzurri
Coach Foster, ‘Italia giocherà con passione in casa’
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
04 novembre 2021
18:02
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Gli All Blacks hanno reso nota la formazione con cui scenderanno in campo sabato 6 novembre contro la nazionale italiana all’Olimpico di Roma nel primo incontro delle Autumn nations series.

I 15 da subito in partita saranno: 1 George Bower (9), 2 Dane Coles (77), 3 Tyrel Lomax (12), 4 Tupou Vaa’i (9), 5 Josh Lord (1), 6 Luke Jacobson (11), 7 Sam Cane – capitano (75), 8 Hoskins Sotutu (9), 9 Brad Weber (15), 10 Richie Mo’unga (29), 11 George Bridge (17), 12 Quinn Tupaea (5), 13 Braydon Ennor (3), 14 Sevu Reece (15), 15 Damian McKenzie (38).
Ian Foster, head coach, avrà anche a disposizione: 16 Asafo Aumua (5), 17 Ethan de Groot (3), 18 Ofa Tuungafasi (42), 19 Samuel Whitelock (129), 20 Shannon Frizell (15), 21 Finlay Christie (4), 22 David Havili (12), 23 Jordie Barrett (32).
“Abbiamo trascorso – ha detto Foster – una settimana fantastica qui a Roma. È molto stimolante essere in questa città e, anche se non possiamo uscire quanto vogliamo, è fantastico che i giocatori sperimentino una nuova cultura”. Riguardo alla partita, “siamo pronti e preparati per questo fine settimana”.
In merito ai giovani nella formazione ai blocchi di partenza, Foster, ha dichiarato: “Tupou è un giocatore di qualità e lo abbiamo visto nelle ultime due settimane, mentre Josh ha imparato rapidamente, e ha brillato nell’allenamento, abbiamo molta fiducia in lui”.
Riguardo agli azzurri, ha commentato: “Hanno un nuovo allenatore (Kieran Crowley) quindi avranno una filosofia diversa, significa che entreremo in partita con un po’ di vantaggio”. Inoltre “l’Italia potrebbe non essere stata soddisfatta dei risultati del Sei Nazioni” e “ci aspettiamo che giochi con molta passione davanti al pubblico di casa”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Vela: a ‘L’Uomo e il Mare’ mission Fiv verso Parigi 2024
Su rubrica RaiSport anche Mondiale classe Moth sul lago di Garda
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
04 novembre 2021
16:52
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Guardare al futuro allargando la base, consapevoli che la vela può essere uno sport per tutti.

Voler consolidare quella struttura che ha funzionato bene a Tokyo regalandoci insieme all’oro olimpico ottime prestazioni dell’ intera squadra azzurra.
La mission della Fiv, federazione italiana della vela che punta a Parigi 2024 con la voce del presidente Francesco Ettorre e di tutto lo staff tecnico. Questo è molto altro nella puntata della Rubrica “L’Uomo e il mare”, curata e condotta da Giulio Guazzini, che andrà in onda questa sera alle 22.50 circa su Raisport +HD.
Oltre alla presentazione del quadriennio olimpico tenuta a Roma, presso il salone d’ onore del CONI, la seconda parte della Rubrica sarà dedicata al campionato Mondiale classe Moth disputato sul lago di Garda, a Malcesine, dove si sono ritrovati i migliori velisti del mondo. Un partner di valore assoluto con ben 7 medaglie d’oro. Le interviste esclusive con Paul Goodison, Francesco Bruni e naturalmente Ruggero Tita la medaglia d’oro azzurra in classe Nacra 17, a Tokyo, insieme a Caterina Banti. A dominare ancora una volta l’australiano Tom Slingsby che si è riconfermato leader mondiale della specialità.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Credito sportivo: siglato accordo con Centro sportivo italiano
Prima intesa con un ente di promozione
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
04 novembre 2021
17:25
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
L’Istituto per il Credito Sportivo, banca sociale per lo sviluppo sostenibile dello sport e della cultura, sigla il primo protocollo con un ente di promozione sportiva, il Centro sportivo italiano.
Un’azione – nell’ottica dell’Ics – per una componente che rappresenta decine di migliaia di realtà che garantiscono la diffusione dell’attività sportiva su tutto il territorio nazionale, all’interno di scuole e oratori, come momento di educazione, di crescita e di aggregazione sociale.

L’accordo triennale vuole favorire la collaborazione tra Ics e Csi e la più ampia diffusione a tutte le società affiliate di prodotti e servizi dedicati, come il mutuo light 2.0 per finanziamenti da 10 mila fino a 60 mila euro, garantiti dal solo Fondo di garanzia, affidato in gestione separata all’Ics, e da una lettera di referenza del Csi. Altra misura rilevante è ‘valore Sport per tutti’, dedicata all’ente e alle articolazioni territoriali del Csi per investimenti fino a 3 milioni di euro, relativi alla realizzazione, riqualificazione, messa a norma, abbattimento di barriere architettoniche e sensoriali ed efficientamento energetico di impianti sportivi, compreso l’acquisto delle relative aree a tassi d’interesse completamente abbattuti. “Questo accordo – commenta la sottosegretaria allo Sport, Valentina Vezzali – rende concreta l’idea di sport e di sistema sportivo che sto portando avanti. L’Ics si conferma infatti al servizio dello sport, allargando l’orizzonte anche agli enti di promozione sportiva”.
“Siamo davvero soddisfatti di questo traguardo raggiunto, frutto dell’impegno e del confronto con il presidente Andrea Abodi e tutto lo staff di Ics”, ha dichiarato il presidente del Centro sportivo italiano, Vittorio Bosio”.
“La firma della Convenzione, la prima con un Ente di Promozione Sportiva, rappresenta qualcosa di storico – ha dichiarato il presidente dell’Istituto per il credito sportivo, Andrea Abodi – riconoscendo lo straordinario lavoro del Csi nei suoi 77 anni di vita dedicati al terzo settore sportivo. Un patrimonio di esperienze e umanità che ha contribuito alla crescita di tantissimi giovani di varie generazioni: un impegno profondo e costante nel tempo dall’enorme impatto sociale”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Parigi: passa Fritz, per Norrie Finals più lontane
Americano affronterà Djokovic ai quarti di finale
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
04 novembre 2021
18:07
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Taylor Fritz (n.26 al mondo) ha eliminato Cameron Norrie (n.13 nel ranking) agli ottavi di finale dell’Atp 1000 di Parigi-Bercy, rallentando la corsa del britannico alle Finals di Torino.
Con 2.945 punti Norrie infatti resta 11/o nella speciale classifica ‘Atp race to Turin’ che qualifica i primi otto, dietro a Jannik Sinner (nono con 3.015 punti) e Rafael Nadal (2.985) che è però fuori dai giochi per infortunio.

Casper Ruud (3.185), al settimo posto, potrà assicurarsi il suo posto a Torino vincendo contro Marcos Giron questa sera, mentre Hubert Hurkacz (3.135) all’ottavo posto, potrebbe timbrare il suo biglietto per le Finals venerdì, con una vittoria su James Duckworth.
Lo statunintense Fritz ha battuto Norrie per 6-3, 7-6(3) in un’ora e 33 minuti e ai quarti di finale affronterà Novak Djokovic.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Nuoto, Europei vasca corta: Paltrinieri argento nei 1.500
L’atleta azzurro è stato battuto dal tedesco Wellbrock
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
04 novembre 2021
18:25
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Gregorio Paltrinieri è argento nei 1.500 stile libero agli Europei in vasca corta che si disputano a Kazan.
Il 27enne emiliano ha chiuso in 14’13″07, arrendendosi al tedesco Florian Wellbrock, che ha gareggiano in 14’09″88.
La medaglia di bronzo è andata a un altro tedesco, Sven Schwarz, in 14’26″24.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Pentathlon: via l’equitazione, Uipm cerca un’altra disciplina
Stop da Los Angeles 2028, probabile ingresso ciclismo
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
04 novembre 2021
18:28
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Il pentathlon moderno rinuncia alle sue radici storiche.
Ora e’ ufficiale l’estromissione dell’equitazione – disciplina voluta da De Coubertin 109 anni fa, all’atto di fondazione di questo sport – si cerca una disciplina sostitutiva, che dovrebbe essere il ciclismo.
La conferma alle indiscrezioni emerse nei giorni scorsi arriva dall’Unione internazionale del pentathlon moderno. In una nota, l’Uipm fa sapere che il cambiamento prenderà forma in tempo per i Giochi olimpici di Los Angeles 2028.
L’organo di governo internazionale del pentathlon moderno ha aperto “un processo di consultazione per identificare” la disciplina che prenderà il posto dell’equitazione. Lo sport designato, secondo quanto riferito nei giorni scorsi dal The Guardian, sarebbe il ciclismo. Una necessità nata anche dopo le scene riprese dalle telecamere alle Olimpiadi di Tokyo 2020, quando l’allenatrice tedesca Kim Raisner (poi squalificata) aveva colpito con dei pugni il cavallo che stava disobbedendo agli ordini di Annika Schleu, una delle favorite, impuntandosi e facendo sfumare il sogno di una medaglia.
Il direttivo dell’Uipm si è riunito virtualmente il 31 ottobre e oggi ha comunicato la decisione alle federazioni nazionali, agli atleti, agli allenatori e agli atleti. L’obiettivo del cambiamento “è aumentare la popolarità e la credibilità del pentathlon moderno, preservando il suo status di massima sfida sportiva fisica e mentale, come previsto dal barone Pierre de Coubertin, il fondatore dei Giochi olimpici moderni”.
La nuova disciplina, emerge dai requisiti annunciati, non dovrà rientrare “nella governance di un’altra federazione internazionale riconosciuta dal Cio” e dovrà “garantire l’uguaglianza e l’equità di genere”.
Per il presidente dell’Uipm, Klaus Schormann, “le raccomandazioni avanzate dalla commissione per l’innovazione dell’Uipm sono in continuità con la tradizione di innovazione che l’Uipm ha nel suo Dna”. Per questo “a nome del comitato esecutivo Uipm chiedo alla nostra comunità globale di abbracciare il cambiamento e cogliere l’importante opportunità che abbiamo di fronte. Una nuova disciplina darà nuovo impulso al nostro sport”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
F1: Verstappen-Hamilton, nuovo duello in Messico
A Città del Messico si rinnova sfida tra olandese e britannico
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
04 novembre 2021
18:40
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Messico, Brasile, Qatar: tre gare in tre settimane che possono decidere il mondiale di formula uno.

Max Verstappen e Lewis Hamilton sono divisi da appena 12 punti.

Un testa a testa pronto a ripetersi anche domenica sera nel gran Premio del Messico, 18/a prova della stagione che torna dopo due anni di assenza. Il circuito Hermanos Rodriguez si prepara ad una nuova sfida tra il giovane olandese e il britannico campione del mondo. “Nuova settimana, nuove possibilità” è stato il post di Hamilton sul suo profilo Instagram.
L’appuntamento di Città del Messico si corre in altura, con il tracciato messicano posto a 2238 metri sul livello del mare.
Un dato non trascurabile che comporta tutta una serie di problematiche che altrove non si tengono mai in conto. La Red Bull sulla carta parte favorita, almeno stando ai precedenti gp messicani: vittoria nel 2017 e nel 2018. Occhi puntati non solo su Verstappen e Hamilton, ma anche su Sergio Perez (che cerca gloria in casa), e Valtteri Bottas, chiamati a fare gioco di squadra.
Per la prima volta al volante di una vettura che gli permette di “sognare la vittoria in casa”, Perez punta a “un grande risultato” questo fine settimana, dopo due terzi posti in Turchia e negli Stati Uniti. Un altro podio (il primo per un messicano in patria) è a portata di mano, sapendo che la Red Bull ha a priori l’auto più efficiente in quota. Difficile però immaginare di preoccupare il compagno di squadra Max Verstappen, in lotta per il titolo.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Nuoto: Martinenghi è d’oro, Paltrinieri d’argento
Agli Europei di Kazan altre soddisfazioni per i colori azzurri
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
05 novembre 2021
09:19
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Nicolò Martinenghi ha vinto la medaglia d’oro nei 100 rana agli Europei in vasca corta in corso a Kazan.
L’azzurro, nella circostanza, ha anche stabilito il nuovo record italiano, infrangendo il muro dei 56″ e chiudendo la gara con il tempo di 55″263.
Al secondo posto si è piazzato il bielorusso Ilya Shymanovich, che ha chiuso in 55″73; bronzo all’olandese Arno Kamminga in 55″79. Quinto l’altro azzurro Fabio Scozzoli in 56″34. Il precedente primato italiano apparteneva allo stesso Scozzoli, con il tempo di 56″15.

Gregorio Paltrinieri è argento nei 1.500 stile libero agli Europei in vasca corta che si disputano a Kazan. Il 27enne emiliano ha chiuso in 14’13″07, arrendendosi al tedesco Florian Wellbrock, che ha gareggiano in 14’09″88. La medaglia di bronzo è andata a un altro tedesco, Sven Schwarz, in 14’26″24.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Parigi: Ruud batte Giron e vola alle Atp Finals
Il norvegese è il settimo qualificato per Torino
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
05 novembre 2021
13:18
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Il norvegese Casper Ruud è il settimo qualificato per le Nitto ATP Finals a Torino.
Decisivo il 6-2 6-1 negli ottavi del Masters 1000 di Parigi-Bercy sullo statunitense Marcos Giron.
Hanno contato i punti ottenuti dal norvegese, primatista per trofei conquistati nel circuito ATP nel 2021, nei tre piccoli tornei sulla terra battuta dopo Wimbledon. L’en plein tra Bastad, Gstaad e Kitzbuhel, oltre a una serie costante di piazzamenti nei grandi tornei, ha fatto la differenza. E gli hanno permesso di diventare il primo norvegese a qualificarsi nella storia del torneo.
Hubert Hurkacz può diventare l’ottavo. Al polacco manca infatti una sola vittoria, dopo la rimonta sul tedesco Dominik Koepfer.
Con questa vittoria, rinforza il suo ottavo posto nella Race to Turin a 3.135 punti, 120 in più di Jannik Sinner. Hurkacz sfiderà James Duckworth che ha vinto 7-6(6) 6-4 il derby australiano contro Alexei Popyrin e raggiunto il suo primo quarto di finale in carriera in un Masters 1000.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
F1: Messico; Leclerc ottimista “saremo competitivi”
“Dobbiamo tenere la testa bassa e continuare a lavorare”
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
04 novembre 2021
22:33
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
E’ ottimista Charles Leclerc per il gran premio del Messico di domenica.
In conferenza stampa il pilota della Ferrari non ha nascosto le sue ambizioni: Penso che saremo competitivi”, ha detto.

“Sulla carta è una buona pista, ma siamo troppo lontani da Mercedes e Red Bull – ha detto il monegasco – il pacchetto ad alto carico aerodinamico ha funzionato bene e lo abbiamo portato anche qui. Per questo penso che saremo competitivi”.
Leclerc ha parlato del buon momento della Ferrari: “abbiamo disputato alcune belle gare, ed in particolare quella di Austin è stata una corsa molto buona soprattutto perché arrivata su una pista sulla quale non ci aspettavamo di essere più competitivi della McLaren, che alla fine sono i nostri principali avversari in questa stagione. Il risultato dell’ultima gara credo sia una conferma che stiamo lavorando nella giusta direzione, e se proseguiremo su questa via sarà positivo soprattutto in ottica futura. Ma dobbiamo tenere la testa bassa e continuare a lavorare”.
“Quest’anno cercheremo di concentrarci per mettere la squadra al terzo posto – ha aggiunto – L’obiettivo di ogni pilota è sempre quello di battere il suo compagno di squadra e io non sono un’eccezione, quindi sarò più felice se terminerò la stagione davanti a Carlos piuttosto che alle spalle, questo è sicuro”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Basket: Eurolega, Ax Milano-Barcellona 75-70
Olimpia vince ed è prima da sola, Datome decisivo
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
04 novembre 2021
22:34
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
E’ la notte dei sogni dell’Ax Milano.
Primo sold out stagionale e primo posto solitario in Eurolega (7-1) dopo aver battuto il Barcellona (75-70) nello scontro diretto tra le squadre di vertice, remake della semifinale al cardiopalma di Colonial.
Una gara condotta per larghi tratti e in cui l’Olimpia ha mandato un messaggio a tutti quanti, grazie ad una difesa di lusso che tiene lo spauracchio Mirotic (il giocatore più pagato d’Europa, 5 milioni netti) a soli 10 – inifluenti – punti. L’attacco di Milano, invece, va ancora registrato perché manca per due volte il colpo del ko e, non segnando per 6 minuti consecutivi ad inizio del quarto periodo, finisce per rimettere il Barcellona in gara con un parziale di 0-14 che regala il primo vantaggio agli avversari a 5’10” dal fine (63-61). Ma è Datome con 5 punti in un minuto – compresa una tripla con fallo – a suonare la carica e chiudere i conti, certificando la sua prova da mvp (17 punti con +18 di plus/minus). “Siamo una grande squadra – spiega il sardo -, siamo calati ma alla fine ho messo un paio di tiri importanti”.
“Il nostro errore – evidenzia coach Messina – è stato smettere di far circolare la palla. Siamo primi, vuole dire che stiamo dando il massimo”. Il Forum esplode, Giorgio Armani esulta: Milano, alla decima vittoria consecutiva in Eurolega al Forum, guarda tutti dall’alto.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Pugilato: Mouhiidine porta l’Italia nella finale dei massimi
Ai Mondiali di Belgrado. Sabato combatterà per la medaglia d’oro
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
04 novembre 2021
23:42
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Aziz Abbes Mouhiidine porta l’Italia in finale nei pesi massimi ai Mondiali di pugilato di Belgrado.

Lo fa sconfiggendo in maniera chiara e netta per tutti, tranne che per il giudice egiziano, Emmanuel Reyes Pla: cubano che boxa per la Spagna.
Uno che sul ring è sembrato un’ombra. Non perché fosse imprendibile e incutesse timore, ma perché è stato impalpabile, vuoto, senza consistenza. Non è mai stato un pericolo per l’azzurro che lo ha spiazzato con la sua mobilità, controllato e intimorito con la velocità dei colpi, demolito con quel sinistro che è stato il protagonista assoluto del match.
Aziz ha boxato con determinazione. E ha vinto.
È in finale, sabato si batterà per l’oro. L’avversario che troverà sul ring sarà il peggiore che in quest’epoca potesse capitargli. Juan La Cruz Peraza che nei mediomassimi ha vinto tre mondiali e un oro olimpico a Rio 2016. Poi è passato di categoria e ha conquistato l’oro nei massimi a Tokyo 2020.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Afghanistan: ‘stop divieto donne’,Cricket Australia rinvia match
‘Non vediamo l’ora di poter accogliere squadra femminile’
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
SIDNEY
05 novembre 2021
09:53
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
La federazione australiana di cricket ha rinviato il primo confronto amichevole tra la propria nazionale e quella dell’Afghanistan, dopo che il regime talebano al potere ha vietato alle donne di praticare la disciplina.

Le autorità australiane del cricket hanno affermato che, dopo essersi consultate con “stakeholder rilevanti”, hanno deciso che il test maschile, che era previsto a Hobart il 27 novembre prossimo, non si sarebbe tenuto.
La decisione, si legge in una nota di Cricket Australia, è stata “concordata” con la federazione afghana (l’Afghanistan cricket board).
I giocatori di cricket australiani avevano indicato che avrebbero voluto annullare la partita se fosse rimasto in vigore il divieto per le donne .
Cricket Australia spiega che “non vede l’ora di ospitare in questa stagione i giocatori dell’Afghanistan, grandi ambasciatori di questo sport, e di accogliere sia la squadra femminile che quella maschile in un futuro non troppo lontano”.
La nazionale maschile afghana è attualmente impegnata nella coppa del mondo T20 e ha ottenuto vittorie contro la Namibia e la Scozia.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Atp Finals: Binaghi, già 120 mila biglietti venduti
Presidente della Fit: “Sono stati incassati oltre 15 milioni”
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
05 novembre 2021
12:00
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“A oggi abbiamo superato i 120 mila biglietti venduti per un totale di oltre 15 milioni, quanto una buona squadra di calcio fa in due anni.
E all’indotto sul territorio aggiungiamo almeno altre 10 mila presenze, di cui più di 200 giornalisti.
Abbiamo l’ambizione di dire che già da quest’anno questa sarà la migliore edizione di sempre”. A dirlo il presidente della Fit Angelo Binaghi alla conferenza stampa delle Nitto Atp Finals, in programma a Torino dal 14 al 21 novembre.   PIEMONTE

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Atp Finals, Binaghi: ‘Allestito il più grande evento indoor’
Presidente Fit: ‘Tre anni molto intensi, ma ce l’abbiamo fatta’
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
05 novembre 2021
13:23
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“Sono stati 3 anni molto intensi che abbiamo vissuto a perdifiato, ora le nostre fatiche sono terminate possiamo passare il testimone ai veri protagonisti di questo evento”.
Il presidente della Federazione Italiana Tennis, Angelo Binaghi, presenta così le Atp Finals, di cui Torino ospita la prima edizione italiana dal 14 al 21 novembre.

“Abbiamo allestito la più grande manifestazione tennistiche indoor con la pandemia, con tutte le difficoltà e incertezze che può comportare, ci siamo riusciti perché abbiamo trovato un sistema che funziona, che ci ha fatto integrare e ci ha condotto al risultato finale, il sistema di Torino e del Piemonte nel quale non contano i colori, le appartenenze o gli interessi privati, conta solo l’obiettivo finale comune a tutti – aggiunge Binaghi – Sarà un grande spettacolo di cui potremo andare fieri, anche se sappiamo che il giorno dopo che terminerà dovremo subito rimetterci a lavorare. Quindi continueremo a migliorare di anno in anno, le difficoltà hanno fatto capire a noi della Fit che dobbiamo avere una struttura più forte, una dimensione professionale più ampia per sfruttare al meglio le prossime occasioni e per cercare di gestire questi due movimenti, il tennis e il paddle, sempre più vasti e effervescenti”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Nuoto, Europei 25m: tutti promossi gli atleti azzurri
Record italiano di Rivolta nella prova dei 50 metri farfalla
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
05 novembre 2021
12:49
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Il record italiano di Matteo Rivolta nei 50 farfalla, il primo tempo di Elena Di Liddo nei 100 farfalla, otto primati personali e gli azzurri che occupano tutte le posizioni possibili nelle semifinali.
Arrivano ottimi riscontri dall’Italia che nuota nella piscina dell’Acquatics Palace di Kazan, dove fino a domenica si disputeranno i 21/i Europei di nuoto in vasca corta.

Matteo Rivolta ha chiuso i 50 farfalla in 22″47 per il secondo tempo di ingresso in semifinale, cancellando il 22″50 di Marco Orsi dello scorso 3 settembre a Napoli. Davanti a lui solo l’unghese Szebasztian Szabo, in 22″22. Passa il turno anche Thomas Ceccon, abbassando il personale da 22″63 a 22″53 che vale il quarto riscontro cronometrico. Apertura con Silvia Scalia e Margherita Panziera che si qualificano alle semifinali dei 100 dorso. che chiudono in 57″15 (primato personale) e 57″97.
Contesa azzurra per i due posti nelle semifinali dei 200 stile libero: il pass lo prendono l’argento e il bronzo dei 400, Matteo Ciampi e Marco De Tullio che registrano il terzo e il nono crono in 1’43″14 e 1’43′”81. Azzurre assolute protagoniste nei 100 farfalla, con Elena Di Liddo che ottiene il miglior tempo e Ilaria Bianchi con il 12/o: entrambe accedono alle semifinali. Infine, Costanza Cocconcelli e Sara Franceschi centrano il passaggio del turno nei 200 misti.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Atp Finals: i campioni si alleneranno con Technogym
L’azienda italiana allestirà un centro di preparazione tecnica
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
05 novembre 2021
12:52
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
In campo a Torino per laurearsi maestro dell’anno, e in palestra allenamentop con Technogym.

L’azienda italiana, leader nel settore del fitness e del wellness, è fornitore ufficiale delle Nitto Atp Finals di Torino, alla loro 51esima edizione, che assegneranno il titolo di maestri dell’anno a uno degli otto migliori singolaristi e a una delle otto migliori coppie di doppio della stagione.

Technogym, già fornitore ufficiale di 8 edizioni delle Olimpiadi, ha infatto allestito all’interno del Pala Alpitour un centro per la preparazione atletica dei tennisti che disputeranno il torneo, dotato dei più innovativi prodotti e tecnologie digitali.
La palestra sarà dotata di attrezzature in grado di coprire ogni necessità di preparazione atletica: dalla linea excite, la più ampia gamma di prodotti per l’esercizio cardiovascolare al mondo, dotata della innovativa console digitale technogym live, con contenuti di allenamento on-demand per ogni tipo di utente, a skillrun, il tapis roulant progettato per la preparazione atletica dei campioni dello sport, a technogym bench, panca per un allenamento completo in uno spazio ridotto. Il Technogym-tennis è ormai consolidato dalla collaborazione con star come Rafa Nadal, Novak Djokovic, Roger Federer e Jannik Sinner e dall’Accademia Nadal in Spagna, oltre che dagli accordi con la federazione americana e quella francese e con la Coppa Davis.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Portogallo: libere 1, Quartararo vola e batte Bagnaia
Sesto Luca Marini, Valentino Rossi è stato il più lento
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
05 novembre 2021
13:19
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Il titolo mondiale appena conquistato non gli basta: Fabio Quartararo ha fatto registrare il giro più veloce al termine delle prime prove libere del Gran Premio dell’Algarve (Portogallo), penultima prova della stagione di MotoGp.
Il francese su Yamaha, ha girato in 1’40”192, appena davanti alle Ducati di Francesco Bagnaia (+0.045), che ora punta al secondo posto nel mondiale, e di Jack Miller (+0.131).
In quarta e quinta posizione le Suzuki di Alex Rins e Joan Mir.
Sesto Luca Marini (Ducati) e a seguire Pol Espargaro (Honda), Maverick Vinales (Aprilia), Franco Morbidelli (Yamaha) e Alex Espargaro (Aprilia). Valentino Rossi (Yamaha), al suo ultimo mondiale di MotoGp, è stato il più lento, a +1.888 da Quartararo.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Tour of The Alps: 5 tappe e che dislivello nel 2022
Presentato a Milano l’ex Giro del Trentino che sarà lungo 719 km
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
05 novembre 2021
13:22
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
A poco più di sei mesi dal successo di Simon Yates è già pronta la 45/a edizione del Tour of The Alps di ciclismo che, nel 2022, si disputerà dal 18 al 22 aprile.
La corsa è stata presentata a Milano.
Cinque tappe, 719 km e 13.750 metri di dislivello: le cifre illustrate dagli organizzatori del Gs Alto Garda. Tante salite, nessuna sopra i 2 mila metri, ma su chilometraggi ridotti (159 km la frazione più lunga). La prima tappa collegherà Cles con Primiero/San Martino di Castrozza (159 km). Passo Brocon e Passo Gobbera faranno da anteprima a un finale caratterizzato dallo strappo di via Molaren. Martedì 19 aprile si ripartirà in salita nella 2/a tappa, da Primiero/San Martino di Castrozza a Lana (153 km). Ad attendere gli atleti c’è subito il Passo Rolle, tetto del Tour of the Alps 2022, seguito nella seconda metà di tappa dalla Mendola e dal Palade, prima del finale verso Lana.
Interamente altoatesina la 3/a frazione di mercoledì 20 aprile: 149 Km da Lana a Villabassa, caratterizzata dalle arcigne salite che costeggiano la Val Pusteria, Terento e soprattutto il Passo Furcia, affrontata dal versante più impegnativo prima del finale in falsopiano a Villabassa. Con la quarta tappa di giovedì 21 aprile, Villabassa-Kals am Grossglockner, di 142 lm, il Tour of the Alps fa il proprio ingresso in Tirolo attraverso la Val Pusteria. Le ascese di Kartitscher Sattel e Gailberg Sattel, con un breve sconfinamento in Carinzia, introducono a un finale tutto da interpretare, con l’ascesa conclusiva di 12,5 Km caratterizzata da numerosi cambi di pendenza, all’ombra della montagna più alta dell’Austria, il Grossglockner.
Sarà l’Osttirol a ospitare venerdì 22 aprile il finale con una frazione breve, 116 Km, ma ricca di sorprese con partenza e arrivo a Lienz. Gli atleti dovranno affrontare in due occasioni la conosciutissima salita del Bannberg, da due diversi versanti, e nel finale l’inedito strappo di Stronach (3 km con pendenze sempre in doppia cifra). Dallo scollinamento mancheranno 10 km al traguardo: i primi 5 in discesa, gli ultimi pianeggianti.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Atp Finals: Vezzali, ‘L’Italia ha saputo fare squadra’
Sottosegretaria Sport: entro oggi decisione Cts su capienza
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
05 novembre 2021
13:33
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“I prossimi cinque anni rappresenteranno una vetrina straordinaria per Torino, l’Italia, il tennis e lo sport azzurro.
Se oggi siamo qui è perché Italia è stata capace di fare squadra, si è creata una sinergia istituzionale ed è anche merito della credibilità internazionale che il tennis italiano si è conquistato in questi anni”.
A dirlo la sottosegretaria allo Sport, Valentina Vezzali, alla conferenza stampa delle Atp Finals di Torino. “Per un evento come questo – aggiunge – non poteva esserci scenario migliore di Torino e del Piemonte. È grazie al lascito olimpico del Pala Alpitour che Torino può oggi ospitare sia le Atp che la Coppa Davis”, ha aggiunto l’esponente del Governo sottolineando che “investire sullo sport significa investire sui valori che esso riesce a veicolare”.
A margine della presentazione, Vezzali ha aggiunto: “Ho mandato proprio l’altro giorno la richiesta al Cts di valutare l’opportunità di aumentare la capienza sia per le Atp Finals, in modo da portarle all’80%, e per consentire il 100% per la partita Italia Svizzera. Il Cts si riunirà oggi” e “ieri sera mi sono interfacciata con Locatelli che però mi ha esposto una criticità, che la condizione epidemiologica nel nostro Paese sta peggiorando. Ma io sono fiduciosa e mi auguro che l’esito del Cts possa essere a favore”. Quindi “entro oggi conosceremo la valutazione del Cts – ha ribadito – sulla base delle mie richieste alle quali ho allegato anche i protocolli che abbiamo condiviso sia con la Fit che con la Figc”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Atp finals: Cozzoli, ‘segno ripresa e successo made in Italy’
‘Il segreto è fare squadra, come avvenuto per questo evento’
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
05 novembre 2021
13:37
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“Che un evento di questa rilevanza sia a Torino è motivo di orgoglio, segno di ripresa, un successo del made in Italy.
Il segreto è sempre fare squadra come è accaduto per questo evento”.
Così il presidente e amministratore delegato di Sport e Salute, Vito Cozzoli, intervenuto alla conferenza stampa delle Nitto Atp Finals.
“Lo sport è uno – aggiunge -, i campioni vengono dalla base che a sua volta si alimenta delle gesta ed emozioni che ci regaleranno gli 8 master che vedremo in questa manifestazione”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Basket: All Star Game in Sala Borsa Bologna per 100 anni Fip
Evento a dicembre. Tornerà a splendere il campo in piastrelle
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
05 novembre 2021
14:51
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Il campo in piastrelle della Sala Borsa di Bologna, uno dei ‘templi’ del Basket tricolore, tornerà a splendere – a dicembre – per celebrare i cento anni della nascita della Fip, la Federazione Italiana Pallacanestro.
Sul rettangolo di gioco si sfideranno vecchie glorie, giocatrici e giocatori di oggi, influencer, arbitri: le convocazioni all’All Star Game per il centenario della palla a spicchi italiana saranno rese note nelle prossime settimane.

La Sala Borsa è stata il cuore della pallacanestro felsinea dal Dopoguerra fino al 1955: su quel campo giocarono la Virtus, che vinse due scudetti, ma anche altre quattro squadre che militavano nella massima serie nazionale: la Oare, la Moto Morini, la Sant’Agostino, poi divenuta Fortitudo e il Gira, una squadra nata nel 1945 nel bar del Teatro Comunale di via Zamboni e approdata in due anni alla Serie A. “Dopo il museo del basket e il ritorno dello scudetto in casa Virtus – ha osservato in una nota il sindaco, Matteo Lepore -: Bologna non poteva non celebrare l’evoluzione di uno sport che rimane nel Dna di questo Paese e che in questa città continua a regalare emozione e inclusività”.
L’idea è nata da Mattia Santori, uno dei fondatori delle Sardine e neoconsigliere con delega a Turismo e Grandi eventi sportivi, che si sta occupando dell’iniziativa insieme alla Federazione Italia Pallacanestro e a Bologna Welcome. “I cento anni della Federbasket rappresentano un traguardo importante e prestigioso – ha puntualizzato il presidente della Fip, Giovanni Petrucci – e siamo onorati di celebrarli in una delle culle che ne hanno dato i natali e che ne hanno curato la crescita”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Portogallo, libere 2: Quartararo davanti, Bagnaia insegue
Ancora 3/o Miller con l’altra Ducati ufficiale, Rossi penultimo
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
05 novembre 2021
16:43
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Nelle seconde prove libere del Gran Premio dell’Algarve (Portogallo) di MotoGp si è confermato il terzetto che in mattinata ha dominato la Fp1.
Il neocampione mondiale Fabio Quartararo (Yamaha) ha fatto segnare il giro più veloce (1’39.390), davanti alle Ducati di Francesco Bagnaia (+0.132) e Jack Miller (+0.221).
Quarto Joan Mir (Suzuki) e quinto Pol Espargaro (Honda).
Completano la top 10 Johann Zarco (Ducati-Pramac), Alex Marquez (Honda), Aleix Espargaro (Aprilia), Takaaki Nakagami (Honda) e Alex Rins (Suzuki). Maverick Vinales, con l’altra Aprilia, è 14/o, Valentino Rossi (+1.784) penultimo.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Parigi: Hurkacz in semifinale, Sinner fuori dalle Finals
Altoatesino riparte da Stoccolma per essere prima riserva
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
06 novembre 2021
09:19
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Sfuma per il momento il sogno di vedere Jannik Sinner accanto a Matteo Berrettini tra i magnifici otto che si sfideranno alle Atp Finals di Torino.
Hubert Hurkacz ha infatti conquistato l’ottavo e ultimo posto utile per qualificarsi grazie ai punti ottenuti vincendo i quarti – per 6-2, 6-7, 7-5 – del torneo Atp 1000 di Parigi-Bercy contro James Duckworth.

Ora l’altoatesino, che si è iscritto all’Atp 250 di Stoccolma della settimana prossima, punta ad arrivare al Palasport olimpico come prima riserva, davanti a Cameron Norrie.
Tsitsipas, n.4, mercoledì scorso si è ritirato dal Masters parigino per un’infiammazione al braccio.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Europei nuoto: Ceccon argento e Razzetti bronzo nei 200 misti
Nuovo record italiano stabilito dal vicentino
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
05 novembre 2021
17:11
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Thomas Ceccon ha conquistato la medaglia d’argento nella finale dei 200 metri misti all’Europeo di nuoto in vasca corta di Kazan, con il tempo di 1’52”49, abbassando il record italiano che lui stesso aveva fissato tre anni fa (1’53”26).
Medaglia di bronzo per Alberto Razzetti, con il tempo di 1’52”87.
L’oro è andato al greco Andreas Vazaios (1’51”70).
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Rugby: domani Italia-All Blacks, Lamaro “emozione incredibile”
Azzurro all’esordio da capitano, pronti ad affrontare i migliori
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
05 novembre 2021
17:16
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“Sarà un’emozione incredibile.
La prima partita da capitano dell’Italia contro gli All Blacks e con il pubblico che ritorna allo stadio per le partite della Nazionale.
Sono fattori che mi danno tanta fiducia ma sarà importante gestire le emozioni. Ci siamo preparati molto bene nelle ultime due settimane, sono molto contento del lavoro del gruppo”. Così il terza linea dell’Italrugby, Michele Lamaro, nella conferenza stampa alla vigilia del match Italia-Nuova Zelanda all’Olimpico, primo impegno per gli azzurri nelle Autumn Nations Series.
“Il nostro obiettivo è focalizzato sulla prestazione – ha proseguito l’atleta romano dopo il tradizionale Captain’s run presso il Centro di preparazione olimpica Giulio Onesti -.
Vogliamo disputare una partita in cui mostrare il nostro gioco e prendere confidenza in difesa, provando ad essere competitivi contro la migliore squadra al mondo. Proveremo a metterli in difficoltà puntando sui nostri punti di forza, questa settimana il nostro lavoro è stato improntato sulla partita di domani.
Siamo pronti per scendere in campo e tutta la squadra non vede l’ora di farlo”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Europei vasca corta: Razzetti oro nei 200 farfalla
Record italiano per l’azzurro, Bronzo Fangio nei 200 rana donne
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
05 novembre 2021
18:05
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Medaglia d’oro per Alberto Razzetti nella gara dei 200 farfalla agli Europei di nuoto in vasca corta in corso a Kazan.
L’azzurro, che poco prima aveva conquistato il bronzo nei 200 misti, ha anche stabilito il nuovo primato italiano con 1’50”24.
Alle spalle di Razzetti si sono classificati l’ungherese Milak e il russo Pavlov.
Nei 200 rana femminili, Francesca Fangio è salita sul terzo gradino del podio, conquistando la sua prima medaglia internazionale. L’oro è andato alla russa Chikunova, l’argento alla connazionale Temnikova. Quinto posto per Martina Carraro, che aveva preso il bronzo a Glasgow 2019.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Auto: 50 anni pista tra record e successi, Tarquini lascia corse
Da F1 a WTCR, pilota nella storia con più gare in campionati Fia
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
05 novembre 2021
18:14
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Dopo 50 anni di corse, di successi e di record, Gabriele Tarquini con le ultime gare del Mondiale Turismo WTCR (due sul circuito di Adria in questo weekend e due sul circuito di Sochi a fine novembre) chiuderà la sua carriera agonistica durata 50 anni.
Una lunga e straordinaria avventura nel mondo delle corse, quella del pilota abruzzese nato a Giulianova Lido il 2 Marzo 1962, che lo ha visto vincere 3 Titoli Mondiali (Kart Formula C; WTCC; WTCR;), due Titoli Europei (Kart Classe C; SuperTurismo ETCC), un Titolo Britannico (BTCC), disputare Gran Premi di F1 distribuiti in 7 stagioni, correre la 24 Ore di Le Mans, la 24 Ore di Spa e segnare diversi record: è il pilota che nella storia dell’automobilismo ha corso il maggior numero di gare valide per campionati FIA (801, a cui bisogna aggiungerne altre 600 disputate nei campionati Kart); che ha vinto un Titolo Mondiale Fia in età più avanzata (Campionato WTCR, a 56 anni); che ha segnato il maggior arco temporale fra la vittoria del primo Mondiale (Kart Classe C, 1984) e l’ultimo (WTCR, 2018): 34 anni; che ha ottenuto una vittoria in una gara FIA in età più avanzata (Aragon 2021, Campionato WTCR, a 59 anni); che ha preso parte al maggior numero di Campionati FIA (56); che ha disputato il maggior numero di gare in Campionati Turismo (672).
(Nb. mancano le ultime 4 gare del WTCR2021).
In Formula 1, in particolare, nell’arco di 7 stagioni Tarquini prende parte a 78 Gran Premi di Formula 1. Con lui in pista in quegli anni c’erano fra gli altri campioni come Senna, Prost, Piquet, Mansell e Michael Schumacher. In quegli anni ha gareggiato con piccole squadre dagli obiettivi limitati. Il miglior risultato è stato un punto Mondiale (all’epoca i punti andavano assegnati solo ai primi 6 classificati), al Gran Premio del Messico: 6° posto al volante della AGS.
Nel 2021 la sua ultima vittoria in una gara del mondiale turismo, nella tappa di Aragon, a 59 anni: un altro record nella storia dei campionati FIA. Poi la decisione di abbandonare l’attività agonistica, sulla soglia dei 60 anni.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Europei nuoto: Quadarella argento e Caramignoli bronzo nei 1500
Domina la russa Kirpichnikova, oro anche negli 800
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
05 novembre 2021
19:37
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Medaglia d’argento per Simona Quadarella e bronzo per Martina Caramignoli nei 1500 sl femminili all’Europeo di nuoto in vasca corta di Kazan.
La prova sulla lunga distanza è stata vinta con ampio distacco dalla russa Anastasia Kirpichnikova, che ha tolto il titolo continentale in vasca corta all’azzurra Quadarella dopo aver vinto l’oro anche negli 800.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Gp Messico: Verstappen vola in libere 2, poi le Mercedes
Bottas davanti a Hamilton, quinta Ferrari Saniz, settimo Leclerc
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
06 novembre 2021
09:20
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
E’ targata Max Verstappen la seconda sessione di prove libere del Gran Premio del Messico di Formula 1.
L’olandese in 1’17”301 ha preceduto le due Mercedes di Valtteri Bottas (+0”424) e Lewis Hamilton (+0”509).
Quinta la Ferrari di Carlos Sainz (+1”017) e settima l’altra Rossa di Charles Leclerc (+1”304). Tredicesimo tempo per l’Alfa Romeo di Antonio Giovinzzi (+1”926).
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Da Cts no a 100% capienza Italia-Svizzera, 75% per Finals
Parere negativo vista curva contagi, parziale aumento per tennis
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
06 novembre 2021
09:16
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
No all’aumento della capienza del pubblico dello stadio Olimpico fino al 100% per la partita di qualificazione ai Mondiali di calcio, Italia-Svizzera, in programma il 12 novembre; aumento solo parziale, dal 60% attualmente previsto al 75%, di quella delle Atp Finals di tennis in programma a Torino del 14 novembre.
E’ questo il parere del Cts alla richiesta di deroga per i due eventi avanzata dal sottosegretario allo sport, Valentina Vezzali.
Lo si apprende da fonti governative. Il parere negativo per l’Olimpico è legato alla crescita dei contagi Covid, per il quale tra l’altro il Lazio rappresenta una delle Regioni più esposte.   CALCIO TUTTE LE NOTIZIE: TUTTI GLI APPROFONDIMENTI SUL MONDO DEL CALCIO, DA NON PERDERE! LEGGI!

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Golf: al via Futy Open 2021 all’Argentario
Dal 5 al 7 novembre 40 ragazzi e 40 ragazze saranno accoppiati in team insieme con formula quattro palle la migliore nelle prime due giornate e Canada Cup nel giro conclusivo
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
05 novembre 2021
21:49
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
E’ tutto pronto all’Argentario Golf Resort & Spa PGA National Course, nello splendido scenario della laguna di Orbetello, per il Futy Open 2021.
Un torneo dalla formula innovativa: dal 5 al 7 novembre 40 ragazzi e 40 ragazze saranno accoppiati in team insieme con formula quattro palle la migliore nelle prime due giornate e Canada Cup (somma degli score) nel giro conclusivo.
A scendere in campo tra i ragazzi ci saranno, tra gli altri, Giovanni Binaghi, Pietro Guido Fenoglio, Giovanni Manassero, Luca Memeo e Alessandro Nardini.
Tra le protagoniste nel field femminile Marta Spiazzi, Lorena Rossettin e Giulia Foresta. Lungo i fairway a seguire le giovani promesse del golf italiano ci saranno tanti ragazzi e studenti provenienti da diverse scuole che potranno così entrare in contatto con questo mondo e con i suoi protagonisti. Ed e’ proprio questo lo spirito di Futy – from us to you- created to give and help – una Fondazione nata dalla intraprendenza di due sorelle Ottavia e Giulia Lombardo per aiutare le nuove generazioni nelle varie discipline sportive e accademiche. Tre giorni di golf e di solidarietà. un evento unico e senza precedenti destinato a diventare un appuntamento fisso per il golf italiano.   https://www.instagram.com/futy_foundation/

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

F1: Messico; Verstappen vola in libere 2, poi le Mercedes
Bottas davanti a Hamilton, quinta Ferrari Saniz, settimo Leclerc
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
05 novembre 2021
23:03
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
E’ targata Max Verstappen la seconda sessione di prove libere del Gran Premio del Messico di Formula 1.
L’olandese in 1’17”301 ha preceduto le due Mercedes di Valtteri Bottas (+0”424) e Lewis Hamilton (+0”509).
Quinta la Ferrari di Carlos Sainz (+1”017) e settima l’altra Rossa di Charles Leclerc (+1”304). Tredicesimo tempo per l’Alfa Romeo di Antonio Giovinzzi (+1”926).
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Pugilato: Signani conserva titolo europeo pesi medi
Il romagnolo batte ai punti spagnolo Diaz, senza entusiasmare
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
05 novembre 2021
23:37
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Matteo ‘Il Giaguaro’ Signani, guardia costiera romagnola in servizio a Rimini, ha conservato il titolo europeo dei pesi medi battendo ai punti in 12 riprese (con verdetto unanime: 115-113, 116-112, 117-111) lo sfidante spagnolo Ruben Diaz.
E’ stato un match, disputato al Palaeur davanti a qualche centinaio di spettatori, non entusiasmante, con molte fasi di studio e poche iniziative da parte dei due contendenti, ma Diaz ha fatto troppo poco per togliere l’iniziativa a Signani che ha quasi sempre controllato il match, pur senza ‘pungere’.
Ora Diaz, come ha annunciato nei giorni scorsi, dovrebbe ritirarsi dall’attività agonistica.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Ciclismo: Pozzato ricoverato per Covid ‘non è uno scherzo’
‘Ho cominciato a star male tre giorni prima che mi vaccinassi’
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
06 novembre 2021
00:02
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Non ha fatto in tempo a gustarsi i meritati applausi per aver organizzato le sue tre corse per professionisti e una Gran Fondo, tre eventi su strada e uno gravel che sono andare in scena dal 13 al 17 ottobre e ora Filippo Pozzato si trova da tre giorni ricoverato all’ospedale San Bortolo di Vicenza, reparto di pneumologia per Covid.

“Ho cominciato a star male venerdì 22 ottobre, tre giorni prima che mi vaccinassi – racconta l’ex campione veneto a tuttobiciweb con non poco affanno – Avevo già fissato il vaccino per lunedì 25, ma al venerdì ho cominciato a star poco bene.
Brividi, febbre, poi la difficoltà di respiro, sempre più forte e insistente: non è uno scherzo. Tre giorni fa il ricovero, qui a Vicenza, dove mi hanno preso in cura come non si potrebbe. Spero di rimettermi quanto prima, e poi tornare al lavoro. Ho tante idee, ho molte cose in testa alle quali mi piacerebbe dare forma, ma ora la priorità e guarire. Vi garantisco che sto scalando una gran bella montagna, ma non è per nulla piacevole.
Dovevo fare il vaccino prima? Certo che sì, ma ero davvero a tutta per dare forma a quel progetto di corse che ho poi messo in piedi e tutti avete visto e apprezzato, però ora mi tocca pensare un po’ a me stesso”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Accordo rinnovato con il Gran premio della Cina fino al 2025
Circuito Shangai già escluso da calendario 2022 causa pandemia
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
06 novembre 2021
09:34
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
La Formula 1 ha esteso il suo contratto con il Gran Premio della Cina fino al 2025.
Nonostante la tappa sia assente nel calendario record di 23 gare del prossimo anno a causa dei problemi legati alla pandemia, il Circus punta a tornare a Shangai “il prima possibile”.

L’ultimo Gp della Cina è stato disputato nel 2019, quando la F1 ha celebrato la sua millesima gara. Il debutto era stato nel 2004, con la vittoria di Rubens Barrichello su Ferrari.
“Anche se siamo tutti delusi di non aver potuto includere la Cina nel calendario 2022 a causa della pandemia in corso”, Shangai “rientrerà nel calendario non appena le condizioni lo consentiranno e non vediamo l’ora di tornare il prima possibile con i tifosi”, dichiara l’amministratore delegato della Formula 1, Stefano Domenicali.
Per il 2022 era già stata confermata la presenza, per il terzo anno consecutivo, del Gran Premio dell’Emilia Romagna e del Made in Italy a Imola il 24 aprile, come quarto atto del campionato in sostituzione del Gran Premio della Cina.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Nba: Warriors stravincono, rimonta Knicks sui Bucks
Quarto successo consecutivo per i Nets
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
06 novembre 2021
10:48
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
I Golden State Warriors hanno travolto i Pelicans (126-85): New Orleans ha provato a resistere fino al secondo quarto, per poi arrendersi di fronte alla migliore versione dei Warriors, nonostante un Steph Curry da appena 19 punti.
Ci ha pensato Jordan Poole (26 punti) a contribuire all’ennesima disfatta della franchigia ultima in Nba.

Gran rimonta di New York, che ha superato Milwaukee (113-98) nonostante verso la fine primo quarto i Knicks fossero dietro di ben 21 lunghezze. I Bucks soffrono le tante assenze e hanno potuto comunque contare sui 25 punti di Giannis Antetokounmpo e i 22 di Grayson Allen. Julius Randle (32 punti e 12 rimbalzi) e Derrick Rose (23 punti) protagonisti per New York.
Ad appena 4,8 secondi dalla fine (grazie a due tiri liberi) i Cavaliers hanno superato i Raptors (102-101), interrompendo la serie di cinque successi consecutivi di Toronto. Darius Garland non è stato solo l’autore di 21 punti e 8 assist, ma anche dei due tiri del sorpasso finale per Cleveland.
Kevin Durant ci ha messo del suo nel momento più difficile della partita per andare a punti tre volte di fila (29 quelli totali) e consegnare ai Brooklyn Nets la quarta vittoria consecutiva, questa volta contro i Pistons (96-90).
I Washington Wizards hanno spazzato i Memphis Grizzlies (115-87) grazie a una prova corale, con sette giocatori da almeno 10 punti (Harrel in uscita dalla panchina ne ha segnati 18).
Cj McCollum (27 punti) ha guidato la vittoria dei Portland Trail Blazers contro gli Indiana Pacers (110-106) nonostante un Damian Lillard da appena sei punti.
I Los Angeles Clippers hanno trovato il terzo successo di fila contro i Timberwolves (104-84) dopo essere andati sotto di 20 punti nel primo tempo, grazie a una rimonta realizzata da Paul George (21 punti) e Reggie Jackson (20).
Agli Orlando Magic non sono bastati i 21 punti e nove rimbalzi di Cole Anthony contro i San Antonio Spurs, che hanno avuto la meglio per 102-89 guidati da Dejounte Murray (20 punti e 11 rimbalzi).
I Charlotte Hornets sono stati travolti dai Sacramento Kings (140-110) che hanno dominato sin dall’inizio anche grazie a 22 triple realizzate su 44 tentativi.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Federazione cronometristi celebra al Coni i suoi 100 anni
Da Malagò a Pancalli e Vezzali, ‘Ficr a servizio sport italiano’
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
06 novembre 2021
14:09
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Velocità e tempo, ma anche storia dello sport italiano: la Federazione italiana cronometristi (Ficr) festeggia al Salone d’onore del Coni i suoi 100 anni dalla fondazione, avvenuta a Milano il 6 novembre 1921.
Il presidente, Antonio Rondinone, ha sottolineato che “abbiamo sempre fatto parte della famiglia del Coni, abbiamo sempre cercato di essere al servizio dello sport in questi cento anni.

Abbiamo operato con la presunzione di essere fondamentali per lo sport italiano, ma anche con l’umiltà, la passione e il cuore.
Siamo un patrimonio di risorse umane e di apparecchiature che ci auguriamo non vada disperso”. Concetti rimarcati anche dal numero uno del Coni, Giovanni Malagò: “La Ficr è una di quelle federazioni che rendono il Coni più importante a livello internazionale. E’ a servizio dello sport italiano e in linea con i nostri ideali e la nostra mission”.
“Siete abituati a calcolare i record degli altri ma questa volta il record lo avete fatto voi – ha fatto notare il presidente e ad di Sport e Salute, Vito Cozzoli”. In un messaggio, la sottosegretaria allo Sport, Valentina Vezzali, ha rilevato che “la precisione di un cronometrista è pari al gesto di un campione. Auspico che la Ficr non perda mai il suo spirito”.
“Ringrazio la Ficr per tutto quello che ha svolto anche nei confronti del mondo paralimpico”, le parole del presidente del Cip, Luca Pancalli.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Pentathlon: via l’equitazione, protesta atleti da tutto il mondo
‘Siamo scioccati, ora dimissioni vertici federazione mondiale’
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
06 novembre 2021
13:35
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Oltre 650 atleti di pentathlon moderno hanno chiesto le dimissioni del consiglio direttivo dell’organo di governo internazionale dello sport (Uipm), dichiarandosi “scioccati” dalla decisione di estromettere a partire dalle Olimpiadi di Los Angeles 2028 l’equitazione, disciplina voluta da De Coubertin nel 1912, quando fondò questa specialità “per mostrare l’atleta totale”.
Lo riporta il sito ‘insidethegames’, elencando anche i nomi dei 667 firmatari della lettera di protesta, tra cui i campioni di Tokyo 2020, i britannici Joseph Choong e Kate French, la medaglia d’oro della Repubblica Ceca a Londra 2012 David Svoboda, la medaglia di bronzo a Sydney 2000 Kate Allenby della Gran Bretagna e il campione del mondo nel 1990 a Lahti (Finlandia), l’azzurro Gianluca Tiberti.

“Senza consultare i suoi atleti e le federazioni affiliate”, il presidente dell’Uipm, Klaus Schormann, e il comitato esecutivo – si legge nella lettera diffusa online – hanno “minato 109 anni di pentathlon moderno”, disciplina che comprende anche corsa, tiro, nuoto e scherma. “Il Consiglio afferma di rispondere alle pressioni del Comitato olimpico internazionale. Siamo tutti consapevoli delle sfide che il pentathlon moderno deve affrontare” ma “dobbiamo guardare sempre al futuro e far andare avanti il nostro sport”. Per questo “le azioni dell’attuale presidente e del comitato esecutivo mostrano che abbiamo bisogno di un nuovo consiglio in grado di pianificare gli interessi a lungo termine dello sport, difendere i suoi atleti e proteggere il suo posto nei Giochi olimpici”.
L’Uipm ha annunciato giovedì scorso di aver aperto una consultazione per trovare una disciplina sostituiva dell’equitazione, che potrebbe essere il ciclismo. La decisione è maturata anche dopo le scene riprese dalle telecamere alle Olimpiadi di Tokyo 2020, quando l’allenatrice tedesca Kim Raisner (poi squalificata) aveva colpito con dei pugni il cavallo che stava disobbedendo agli ordini di Annika Schleu, una delle favorite, impuntandosi e facendo sfumare il sogno di una medaglia. Il cavallo è sconosciuto e viene assegnato agli atleti appena venti minuti prima della gara, a volte troppo poco per familiarizzare.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Gp Portogallo: Bagnaia precede Quartararo nelle libere 3
Un millesimo divide i due piloti ma tutti molto vicini nei tempi
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
06 novembre 2021
12:05
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Un millesimo di secondo permette a Francesco Bagnaia e alla sua Ducati di precedere il neocampione della MotoGp, Fabio Quartararo, nella terza sessione di prove libere del Gran Premio del Portogallo.
Il torinese ha chiuso il suo miglior giro in 1’39”202, con il francese, dominatore delle libere di ieri, che all’ultimo tentativo non è riuscito per un soffio a superarlo.
Terzo tempo per Joan Mir con la Suzuki, staccato solo di 25 millesimi da Bagnaia, e quarto per Jack Miller su Ducati.
Completano la top 10 Alex Marquez (Honda), Franco Morbidelli (Yamaha), Alex Rins (Suzuki), Pol Espargaro (Honda), Luca Marini (Ducati) e Jorge Martin (Ducati). Dei 22 piloti in pista, ben venti sono racchiusi nell’arco di poco più di un secondo, con Valentino Rossi 17/o. Fanno eccezione Aleix Espargaro e Maverick Vinales, i portacolori della Aprilia, che accusano un ritardo di oltre un secondo e mezzo.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
‘Bara’ su vaccino e si contagia, bufera su star Nfl Rodgers
Quaterback da 26 mln l’anno, ‘ho fatto trattamento alternativo’
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
LOS ANGELES
06 novembre 2021
15:21
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Ai giornalisti ad agosto aveva dichiarato di essersi ‘vaccinato’ contro il Covid.
Ma ora, risultato positivo al coronavirus all’inizio della settimana, ha dovuto ammettere di aver ricevuto un “trattamento alternativo” e non uno dei vaccini riconosciuti dalle autorità internazionali.

E’ bufera su Aaron Rodgers, star dei Green Bay Packers da 1,8 milioni di follower su Instagram e 30 milioni di dollari (26 mln di euro) guadagnati nel 2020 secondo Forbes, che per questo l’anno scorso lo ha inserito tra i 50 atleti più pagati al mondo.
Il suo caso è al centro di un’indagine della Nfl e domani salterà la sfida con i Kansas City Chiefs. Durante il talk show sportivo The Pat McAfee show su Sirius xm, il quaterback 37enne si è difeso: “Prima di tutto, non ho mentito. In quel periodo c’era davvero una caccia alle streghe in tutto il campionato, i media erano così preoccupati di capire chi fosse stato vaccinato e chi no. All’epoca il mio piano era di dire che ero stato immunizzato. Non era uno stratagemma o bugia: era la verità”.
Rodgers ha affermato che se fosse stato incalzato sull’argomento, avrebbe spiegato di aver cercato un “trattamento alternativo” ai vaccini distribuiti agli americani, un “protocollo a lungo termine” non identificato e “progettato per garantire l’immunizzazione”.
“Ho parlato con medici e ho scoperto che c’era un protocollo di immunizzazione che potevo seguire per proteggere me stesso e i miei compagni di squadra, ed era un protocollo a lungo termine che durava molti mesi”, ha detto. “Sono molto orgoglioso della ricerca che ha portato a questo”. Rodgers ha affermato di aver informato la Nfl della sua decisione di cercare un trattamento alternativo, ma ha comunque provato a essere classificato come giocatore vaccinato. La richiesta è stata respinta dalla Lega.
La Nfl non ha obbligato i giocatori al vaccino in questa stagione, attuando però restrizioni per i non immunizzati. I giocatori vaccinati che risultano positivi al Covid-19 possono tornare in servizio dopo due test negativi a distanza di 24 ore, mentre i giocatori non vaccinati devono isolarsi per 10 giorni prima di poter rientrare.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
MotoGp, Bagnaia trionfa in Portogallo. Ducati vince il titolo costruttori
Sul podio Mir e Miller, stop gara a due giri fine per incidente
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
07 novembre 2021
16:31
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Francesco Bagnaia su Ducati ha vinto il Gran Premio del Portogallo classe MotoGp chiuso con bandiera rossa a due giri dalla fine per l’incidente tra le Ktm di Oliveira e Lecuona.
Il pilota torinese ha preceduto la Suzuki di Joan Mir e la Ducati del compagno di team jack Miller.
Cade, quando era al settimo posto e a cinque giri dal termine, anche il campione del mondo Fabio Quartararo su Yamaha, mentre Valentino Rossi chiude la sua penultima corsa della carriera al tredicesimo posto.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Ducati vince costruttori  – Pole position, vittoria e giro più veloce in gara. Francesco Bagnaia e la sua Ducati dominano il Gran Premio del Portogallo dall’inizio alla fine cancellando in parte la grande amarezza per quella maledetta caduta a Misano.2 che ha impedito al pilota torinese di giocarsi il Mondiale fino alla fine. Un successo da incorniciare che regala al pilota nato nella ‘cantera’ di Valentino Rossi la certezza matematica di essere il vice-campione 2021 come l’anno scorso Franco Morbidelli, altro ‘prodotto’ della VR46 Accademy. A completare la festa Ducati a Portimao, dove la rossa delle due ruote conquista il Mondiale costruttori, è il terzo posto del pilota australiano Jack Miller dietro alla Suzuki di Joan Mir. Male le Yamaha con il campione del mondo Fabio Quartararo a terra mentre era settimo a pochi giri dalla bandiera a scacchi e Valentino Rossi solo tredicesimo e mai protagonista nella penultima corsa della sua lunga e felice carriera. Un Gp quello dell’Algarve classe MotoGp che si è chiuso con due giri di anticipo a causa della bandiera rossa sventolata per uno spettacolare incidente tra le Ktm dell’idolo di casa Miguel Oliveira e Iker Lecuona: per fortuna i due piloti non hanno riportato gravi conseguenze. “Sono molto felice – ha detto al termine del suo super Gp Bagnaia – lavoro enorme questo weekend. Mi sono goduto tutte le sessioni e penso sia il miglior fine settimana della mia carriera. Ero spaventato dalla bandiera rossa, temevo ci fosse stato incidente grave e fortunatamente non è stato così. Sarebbe stato bello chiudere con la bandiera a scacchi, ma sono felice che tutti stiano bene. Ho spinto il più possibile per allontanarmi dal gruppo, anche a Misano l’avevo fatto ma poi sono caduto”. Bagnaia, che si è laureato ufficialmente vicecampione del mondo, si è detto poi pronto per la nuova stagione: “Quest’anno – ha aggiunto il pilota del team di Borgo Panigale – ho preso consapevolezza della mia e nostra forza, non era naturale capirlo dopo quello che ho passato nelle ultime stagioni. Abbiamo vinto il campionato costruttori, ottimo risultato per la squadra. Sono secondo in campionato e questo è un altro risultato importantissimo”.
Nella Moto 3 sfuma il sogno di Denis Foggia che cade all’ultimo giro quando era in lotta per la vittoria, centrato in pieno da Binder. Una scivolata che libera la gioia del 17enne spagnolo Pedro Acosta che vince la gara e si laurea campione del mondo: per due giorni non strappa il record di gioventu’ a Loris Capirossi. Sul podio anche Migno e Antonelli.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Sport e salute: 23 neodiplomati al corso in management sportivo
Cerimonia consegna a Scuola dello Sport,ospite dt Fidal La Torre
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
06 novembre 2021
16:44
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Ventitrè diplomati, la festa di fine corso, il lancio del tocco.
Alla Scuola dello Sport di Sport e Salute, diretta da Rossana Ciuffetti, c’è stata la consegna dei diplomi agli studenti del Corso di alta specializzazione in management dello sport.
Oltre alla direttrice, nell’aula magna della Scuola erano presenti il direttore generale di Sport e Salute Spa, Diego Nepi, e il direttore tecnico della Fidal, Antonio La Torre. “Lo sport ha sempre più bisogno di studio e formazione. E della vostra passione – ha detto Nepi ai corsisti -. La strada del mondo del lavoro è fatta di vittorie e sconfitte da cui rialzarsi. Proprio come lo sport”.
La Torre ha raccontato alcuni segreti delle straordinarie cinque medaglie d’oro dell’atletica leggera a Tokyo 2020: “Ci ha aiutato anche l’anno in più che abbiamo avuto – ha spiegato -.
Con la distanza imposta dal Covid, l’allenatore guru ha perso un po’ del suo potere. Mentre noi abbiamo sempre scelto di mettere l’atleta al centro. Una scelta che si è rivelata vincente”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Rugby: Italia resiste 30 minuti, poi All Blacks dilagano
Soddisfatto ct Crowley: ‘Ok prestazione, risultato è conseguenza’
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
07 November 2021
20:44
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Trenta minuti di resistenza, a tratti anche qualcosa in più, e già questa potrebbe essere la prima nota lieta della nuova Italia marcata Kieran Crowley.
Che all’esordio contro i leggendari All Blacks all’Olimpico tiene per 30 minuti ma alla fine è costretta ad arrendersi alla forza mostruosa dei numeri uno del rugby internazionale, che saranno avversari dell’Italia anche nel girone dei Mondiali di Francia 2023.
All’Olimpico di Roma, il primo dei test match degli azzurri termina con il punteggio di 9-47. Ben 38 punti di distanza che però non raccontano in pieno i passi avanti che le nuove leve dell’Italrugby hanno fatto per quanto dimostrato soprattutto nel primo tempo. Con il romano Lamaro e compagni capaci di tenere la Nuova Zelanda sullo 0-0 fino al 29′ con la prima meta del match firmata da Christie (entrato in avvio al posto dell’infortunato Weber) sfruttando la grande pressione degli avanti neri su mischia nei 5 metri azzurri. Primo vero errore degli azzurri, che prima erano stati capaci in ben tre occasioni di insidiare i 22 metri dei fallosi e mai così imprecisi neozelandesi preferendo poi andare in touche e giocarsela anziché puntare su un calcio piazzato: “E’ una scelta che ho preso io con Garbisi, volevamo giocarla così e me ne assumo le responsabilità”, ha ammesso il capitano Michele Lamaro. Ma approva anche il ct azzurro Kieran Crowley (“Sono state buone decisioni per me”) nell’ottica di sfruttare i test match per acquisire quella mentalità che in passato all’Italia è sempre mancata. Si ripartirà già dal prossimo impegno a Treviso contro l’Argentina, sabato 13, archiviando quanto poi accaduto nella seconda parte di match, in cui salvo alcune perle di audacia (come quella dell’ottimo Ioane che al 21′ della ripresa manda Steyn nei 22 neozelandesi prima di essere sospinto in out), è deflagrata sotto i colpi dell’implacabile Dane Coles (man of the match), autore di due mete nella prima frazione e poi del treno di mete Reece-Aumua-Sotutu-Aumua che hanno fissato il punteggio sul definitivo 9-47. “Loro sono saliti in cattedra – ha ammesso Lamaro – si sono resi conto che eravamo stanchi e hanno iniziato a calciare lungo in mezzo al campo. Tre mete sono arrivate così, dobbiamo imparare a conservare più energia perché un po’ di fisicità l’abbiamo persa nel finale di partita”. A rispondere colpo su colpo alla precisione sui calci piazzati di Mo’unga, ha pensato un buon Garbisi, prima di lasciare il campo per crampi al 22′ della ripresa (al suo posto Canna), autore di tutti i tre calci piazzati che hanno consentito all’Italia di restare al di sotto del -40 punti di differenza. Finisce con gli applausi di un Olimpico soddisfatto per aver visto finalmente un’Italia che non molla, anche se alla lunga gli azzurri sono calati in ogni reparto: “Ho visto un buono spirito – ha spiegato Crowley a fine match -: noi 190 placcaggi, la Nuova Zelanda solo 78. Per me questa è una cosa molto buona. Abbiamo mostrato un buono spirito, nel secondo tempo ci hanno messo sotto pressione, con 15-16 fasi in difesa. Se è importante il risultato? Sono molto interessato alla performance e, se ci sarà, il risultato sarà il prodotto finale”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Nuoto: 1000 medaglie Italia, argento Rivolta e 4x50mista
Doppietta nei 50 farfalla, bronzo per Ceccon
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
06 novembre 2021
19:50
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Non arriva l’oro per l’Italia nella penultima giornata degli Europei di nuoto in vasca corta di Kazan, in Russia, ma l’Italia sorride comunque grazie agli argenti di Rivolta e della staffetta 4×50 stile mista (che conquista la medaglia numero 1000 del nuoto azzurro) ed il bronzo di Thomas Ceccon nei 50 farfalla, una serie di nuovi primati italiani (Rivolta nei 50 farfalla, Nicolò Martinenghi nei 50 rana, Lorenzo Mora nei 200 dorso, Silvia Di Pietro nei 50 farfalla e Alessandro Miressi nei 100 stile libero e tanti segnali positivi.
Emblematico e suggestivo che la medaglia n.
1000 ai campionati europei della federnuoto in tutte le discipline arrivi con la staffetta mixed stile libero.
Un simbolo d’insieme, di tutte le atlete e gli atleti che si sono susseguiti dai primi titoli conquistati agli europei di Bologna 1927 con l’argento di Giuseppe Perentin nei 1500 (vinti dallo svedese Arne Borg che nuotò per la prima volta sotto i 20 minuti in 19’07″2) e i bronzi di Luciano Cozzi nel trampolino ed Ezio Selva dalla piattaforma. La medaglia numero 1000 (333 ori, 306 argenti e 361 bronzi) porta la firma di Alessandro Miressi (21″33), Lorenzo Zazzeri (20″59), Silvia Di Pietro (23″48) e Costanza Cocconcelli (24″00) per l’ 1’29″40 che vale il secondo posto in ex aequo con la Russia. L’Italia non aveva mai conquistato una medaglia nei 50 farfalla; se ne prende due tutte insieme. Matteo Rivolta conquista l’argento col record italiano di 22″14; Thomas Ceccon il bronzo in 22″24, restituendo al 30enne milanese il primato che gli aveva sottratto in semifinale dopo il turno delle batterie.
Gli italiani sono preceduti solo dall’ungherese Szebasztian Szabo (campione d’Europa in lunga e argento in corta), oro nei 50 stile libero e nel 100 farfalla, che in 21″75 stabilisce il record del mondo nonché europeo. Strafelice Rivolta per una medaglia che sa di rinascita: “Non è stata una gara impeccabile. Pensare che da giovane i 50 proprio non riuscivo a farli. Invece adesso mi ritrovo vice campione europeo e primatista italiano”. Sorriso pieno anche per Ceccon: “Sono felicissimo di dividere il podio con Matteo. Ho sbagliato qualche cosa anche io, ma i 50 sono una gara pazza e i dettagli fanno la differenza – racconta il gigante veneto – E’ la mia seconda medaglia individuale e adesso devo guardare avanti per crescere, maturare e vincere ulteriormente”. Podio ancora rimandato nei 200 stile libero. Matteo Ciampi ci va vicino, portando il personale sull’ 1’42″82 pp e pagando 31 centesimi dall’olandese Stan Pijnenburg che conquista il bronzo. Marco De Tullio in finale si pianta sull’1’44″04 per l’ottavo posto. Quarta anche Elena Di Liddo che chiude i 100 farfalla in 56″61. In controprestazione anche Ilaria Bianchi, ottava in 57″98. Quarta pure Costanza Cocconcelli nei 200 misti in 2’08″59, ma lontana dal bronzo della turca Viktoria Zeynep Gunes in 2’07″67. La vittoria va all’israeliana Anastasia Gorbenko, che precede in 2’05″17 la svizzera Maria Ugolkova, 2’06″41.
Non riesce l’impresa a Margherita Panziera. La 26enne primatista italiana si piazza settima nei 100 dorso in 57″53, molto lontana dal podio che ripropone Kira Toussaint d’oro in 55″76 per il percorso netto della specialità dopo i successi nei 50 e nei 200 (nel 2019 fu autore della doppietta 50-100). Cambiano posto sul podio, rispetto ai 100, l’altra olandese Maaike De Waards (Ned), argento in 56″40, e la francese Analia Pigree, bronzo in 56″40. Nicolò Martinenghi si esalta e si prende la finale dei 50 rana in vasca con lui ci sarà anche Fabio Scozzoli. Finale centrata anche per Benedetta Pilato e Arianna Castiglioni nei 50 rana donne, Mora e Lamberti nei 200 dorso uomini, Miressi e Zazzeri nei 100 stile, Orsi nei 100 misti, Di Liddo e Di Pietro nei 50 farfalla donne.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
F1, Messico: Perez profeta in patria, sue le terze libere
Il pilota di casa precede Verstappen. Quinto Sainz, nono Leclerc
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
06 novembre 2021
21:15
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Sergio Perez si esalta davanti al pubblico di casa e chiude al comando le terze libere del Gp del Messico, fermando il cronometro sul tempo di 1’17″024.
Il pilota della Red Bull ha preceduto il compagno di scuderia, l’olandese Max Verstappen, che punta al titolo mondiale della F1; il campione iridato in carica, Lewis Hamilton, su Mercedes, ottiene il terzo tempo in 1’17″675.
Al quarto posto l’altra Mercedes del finlandese Valtteri Bottas (1’17″708), e al quinto la Ferrari dello spagnolo Carlos Sainz Junior (1’18″029). L’altra ‘rossa’ di Maranello, quella del monegasco Charles Leclerc, ha il nono crono (1’18″213). Dalle ore 20 le qualifiche.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Mondiali Pugilato: Mouhiidine perde in finale, oro La Cruz
Fuoriclasse cubano batte l’azzurro ai punti, per 4-1
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
06 November 2021
21:14
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Il pugile azzurro Aziz Abes Mouhiidine, 23 enne irpino, non ce l’ha fatta a vincere la finale dei pesi massimi dei Mondiali Elite di Belgrado.
E’ stato infatti sconfitto ai punti per 4-1 (29-28, 28-29, 29-28, 29-28, 29-28) dal fuoriclasse, e campione olimpico, cubano Julio La Cruz Peraza.
A Mouhiidine vanno comunque 50mila dollari di premio per aver conquistato l’argento.
Mouhiidine sconfitto, ma fa ben sperare – Aziz Abbes Mouhiidine è d’argento. “La montagna che doveva scalare”, come aveva detto lui stesso, per arrivare in cima al mondo nel torneo iridato di boxe Elite, si è rivelata troppo alta per il 23enne pugile campano. Contro un fuoriclasse, il cubano Julio La Cruz Peraza, di nove anni più anziano, e molto più esperto, di lui ha dato tutto, perdendo per split decision (4-1) e anche a causa di una bella dose di sfortuna. Come dire che il tempo è dalla sua parte, e Aziz può guardare con fiducia al traguardo dei Giochi di Parigi 2024. Intanto gli rimane un po’ di amaro in bocca per questa finale persa contro uno che è al quinto titolo mondiale (quattro fra i mediomassimi e ora questo dei 92 kg), ma l’azzurro si può consolare con i 50mila dollari del premio al secondo classificato (se avesse vinto ne avrebbe guadagnati 100mila). Così allo sport italiano che vissuto un 2021 indimenticabile è mancata quest’ultima impresa, perché tale sarebbe stata quella di Mouhiidine contro un boxeur, il cubano, che ha vinto anche due ori olimpici, l’ultimo a Tokyo. Però il campano figlio di un ingegnere esce dal ring a testa alta, perché è stato all’altezza del rivale. Contro il quale, va detto, aveva vinto la prima ripresa (ma solo tre giudici hanno visto bene), prima che a 22″ dalla fine del round, una testata involontaria di La Cruz aprisse uno squarcio sul suo sopracciglio sinistro, che ha preso a sanguinare copiosamente, L’azzurro ha dato l’impressione di rimanerne condizionato, e il cubano, perennemente con la guardia bassa, un po’ perché questo è il suo modo di boxare, un po’ per provocare l’avversario, ne ha approfittato vincendo la seconda ripresa dopo che a 1’22” l’azzurro aveva dovuto farsi di nuovo medicare. A quel punto Mouhiidine ha capito che per vincere avrebbe dovuto cercare il colpo risolutivo per chiudere il match prima del limite, si è buttato in avanti con grande coraggio e ha piazzato un bel gancio al volto accusato da La Cruz, che poi ha fatto ricorso a tutta la propria abilità nello schivare e ha vinto pur terminando l’incontro in apnea. ed evitando di fare il saluto militare sul ring come fece in occasione della vittoria olimpica di Tokyo. Questa volta il compagno Julio ha preferito abbracciare a lungo Mouhiidine, quasi a voler dire che questo di Belgrado potrebbe essere stato, oltre che una finale, un passaggio delle consegne, e il pugilato italiano ovviamente ci spera: Parigi non è lontana.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Parigi: Hurkacz ko, per Djokovic finale e nuovo record
Sarà n.1 per il 7/o anno di fila. Domani sfida con Medvedev
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
06 novembre 2021
21:15
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Novak Djokovic aggiunge un altro record alla sua impressionante lista di primati.
Con la finale raggiunta a Parigi-Bercy grazie alla vittoria in semifinale sul polacco Hubert Hurkacz ( 3-6, 6-0, 7-6) si è assicurato la matematica certezza di chiudere il settimo anno da numero 1 del mondo.
In finale il serbo affronterà Daniil Medvedev in una sorta di rivincita della finale degli Us Open (il russo ha battuto il tedesco Alexander Zverev 6-2, 6-2). Da quando esiste il ranking computerizzato, nessuno ha completato così tante stagioni con lo scettro di migliore del mondo. Il serbo ha staccato Pete Sampras che mantiene il record di stagioni consecutive da numero 1, sei dal 1993 al 1998.
“Sono fiero di questo risultato, cercare di terminare la stagione da numero 1 del ranking ATP è sempre uno dei più grandi obiettivi all’inizio di ogni anno” ha detto Djokovic. “Farlo per sette anni e superare il mio idolo Pete Sampras è incredibile”.
A 34 anni, Djokovic è il più anziano a chiudere un anno da numero 1. Migliora se stesso, in questo caso, battendo il primato da lui stesso stabilito un anno fa. Questo risultato certifica il dominio dei Fab Four. Nelle ultime 18 stagioni, infatti, solo loro sono riusciti a terminare una stagione in vetta al ranking: sette volte Djokovic, cinque Rafa Nadal e Roger Federer, una Andy Murray.
Djokovic vanta anche il record di settimane da numero 1 nel ranking. Al 22 novembre, il lunedì successivo alla finale delle Nitto ATP Finals, avrà raggiunto quota 348.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
F1: pole a Bottas, ma sarà ancora Lewis Hamilton contro Max Verstappen
In Messico sorpresa Mercedes, in qualifica davanti a Red Bull
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
07 novembre 2021
13:40
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Valtteri Bottas su Mercedes con 1.15.875, ha ottenuto la pole position del Gp del Messico, 18/a prova del mondiale di Formula uno, in programma domani all’autodromo Hermanos Rodriguez di Città de Messico.
Secondo miglior tempo per Lewis Hamilton che partirà al fianco del finlandese.
In seconda fila le Red Bull di Max Verstappen e del messicano Sergio Perez. Sesto tempo per la Ferrari di Carlos Sainz, ottavo Charles Leclerc.
L’impresa che non ti aspetti. La Mercedes, che nelle prove libere del Gp del Messico di F1 aveva faticato, ribalta la situazione nelle qualifiche e, con l’uomo che non ti aspetti, ovvero Valtteri Bottas, conquista la 19/a pole position della sua carriera. Ma in prima fila ci sarà anche Lewis Hamilton, che quindi partirà in una posizione che potrebbe rivelarsi decisiva per provare a recuperare lo svantaggio da Max Verstappen. L’olandese ha ottenuto il terzo tempo, davanti al compagno, e idolo di casa, Sergio Perez, che domani avrà tutto il tifo dalla sua ma chissà se gli basterà per vincere: il dubbio è lecito, anche se il messicano guida una Red Bull, ovvero la vettura che, Mercedes permettendo, va per la maggiore. In ogni caso il gran premio del Messico si annuncia come una gara tutta da gustare, nel segno di un Mondiale, quello del 2021, finalmente incerto e non monopolizzato dal pilota che guida la monoposto che va più forte. Intanto gode la Mercedes, che non vuole fallire: Bottas ferma il cronometro a 1’15″875 nella Q3 e ha la meglio per 145 millesimi sul compagno Hamilton. Il leader del campionato e grande favorito della vigilia, Max Verstappen, deve accontentarsi della terza piazza a 350 millesimi. “Sono scioccato, e credo non solo io, per ciò che ha fatto oggi Valtteri – il commento di Hamilton -, le Red Bull sembravano essere avanti e invece c’è stato il ribaltamento della situazione. Sì, il mio compagno è stato speciale”. “Oggi la vettura non aveva un buon bilanciamento – dice invece Verstappen – ma credo che avrei potuto ottenere ugualmente la pole, ma quando stavo per farlo ho visto due ragazzi davanti a me andare fuori e poi la bandiera gialla. Ma andiamo avanti, conta la gara”. E gli altri? In terza fila ci sarà il francese Pierre Gasly con l’AlphaTauri motorizzata Honda, davanti alla Ferrari di un Carlos Sainz che piazza la zampata nel finale dopo una qualifica in cui è sempre stato dietro al compagno Charles Leclerc, che invece alla fine delle qualifiche è ottavo. “Per il feeling che avevo – commenta Sainz – la sesta posizione è buona, ma visto come andavo forte in Q2 e Q3 mi aspettavo di più. Ma poi è successo di tutto”. “Posso solo arrabbiarmi con me stesso – dice invece Charles Leclerc -: non sono stato bravo abbastanza, eravamo lì ma dopo ho fatto degli errori che non ci stavano. Mi dispiace per il team che ha fatto un grande lavoro, ero competitivo in qualifica fino a quegli errori”. Le prove ufficiali erano cominciate in Q1 con Stroll che era andato su un muro in uscita dall’ultima curva provocando così una bandiera rossa dopo meno di 8 minuti. Alla ripartenza avevano girato tutti con gomme soft e già in quella circostanza Bottas aveva ottenuto il miglior tempo davanti a Leclerc e Verstappen. Ma tutto ciò era solo il prologo di ciò che sarebbe successo dopo.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
F1: Messico; Binotto, ci aspettavamo di più
‘Sainz ha fatto il suo, Leclerc ha commesso qualche errore in Q3
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
07 novembre 2021
00:00
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“Ci aspettavamo di più.
Pensavamo che questa pista potesse esserci più favorevole, ma l’evoluzione del tracciato non ci ha aiutato.
Un asfalto molto scivoloso e difficile da interpretare e abbiamo faticato a trovare il giusto set-up della macchina”. Lo ha detto, intervistato da Sky Sport, il Team Principal della Ferrari Mattia Binotto analizzando le prestazioni della Rosse nelle qualifiche del Gp del Messico.
“Su Sainz (sesto ndr) c’è poco da dire, ha fatto il suo con il pacchetto a disposizione – dice ancora Binotto -. Per quanto riguarda Leclerc, ha commesso qualche errore nella Q3 che non gli ha permesso di esprimere tutto il suo potenziale. Nessuno vuole chiaramente buttargli la croce, ma chiaramente avrebbe potuto fare di più come tempo sul giro”.
In conclusione una valutazione sulla lotta iridata tra Mercedes e Red Bull: “Sottovalutare Hamilton e la Mercedes è un errore – sottolinea il dirigente ferrarista -. La pista è evoluta ed evidentemente loro hanno fatto un lavoro migliore, visto che le prestazioni delle due W12 sono quelle che abbiamo visto. Sarà una battaglia serrata fino alla fine”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Auto: Rovera vince titolo GTE AM nel Mondiale Endurance
Con Ferrari quarto trionfo su sei gare in finale 8 Ore Bahrain
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
07 novembre 2021
11:15
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Con il trionfo alla 8 Ore del Bahrain, Alessio Rovera ha centrato l’obiettivo iridato e ha vinto il titolo della classe GTE AM nel Mondiale Endurance al volante della Ferrari 488 GTE di AF Corse insieme ai compagni di squadra François Perrodo e Nicklas Nielsen.
Un 2021 straordinario quello del pilota varesino classe 1995, che conquista il traguardo più importante al primo tentativo nel FIA World Endurance Championship, affiancandolo alla vittoria alla 24 Ore di Le Mans dello scorso agosto.

Il successo nel leggendario evento francese è stata la perla in questa sua prima stagione nel FIA WEC, interamente condivisa con il pilota francese e quello danese e con il team di Amato Ferrari. Al volante della grigio-cromata numero 83 del Cavallino Rampante, con la squadra Rovera ha centrato anche altri due successi prestigiosi nella scalata al trofeo mondiale vincendo la 6 Ore di Spa il 1° maggio e la 6 Ore di Monza in luglio.
Sabato (6 novembre), quindi, il quarto trionfo alla 8 Ore del Bahrain, ultimo round disputato in parte anche in notturna sui 5412 metri del circuito del Sahkir, dove Alessio e compagni hanno chiuso i conti per l’iride. “Che lotta anche in questa 8 Ore- ha detto Rovera al termine del Mondiale vinto – Avevamo il potenziale per provare a lottare per il podio e insieme al team abbiamo completato un perfetto lavoro di squadra che ci ha addirittura permesso di vincere. Abbiamo coronato nel modo più emozionante la vittoria in campionato. Dopo il sogno di Le Mans sapevamo di avere nel mirino un altro massimo traguardo da raggiungere insieme. Siamo sempre stati ai vertici, abbiamo mantenuto la concentrazione nei round finali e combattuto lungo ogni metro di questo FIA WEC a fronte di tanti rivali competitivi. E’ il mio primo titolo al di fuori dell’Italia e vincere un Mondiale nella stagione d’esordio è qualcosa di incredibile. Sono estremamente contento per il campionato e di condividere l’abitacolo con questi compagni di squadra. Grazie ai ragazzi di AF Corse, speciali per l’intera stagione, così come la macchina, sempre veloce. Che cosa posso aggiungere? Abbiamo vinto!”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Nuoto: Europei 25m;Razzetti, Matteazzi, Quadarella in finale
Si qualifica anche la 4×50 mixed mista
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
07 novembre 2021
12:13
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Sarà un pomeriggio pieno d’azzurro per l’ultimo battito della 21esima edizione dei campionati europei di nuoto in vasca corta, in svolgimento all’Aquatics Palace di Kazan.
Si ricomincia alle 16.30 (ora italiana), in diretta su Rai Sport +HD, per un altro show dell’Italnuoto, di cui faranno parte anche Alberto Razzetti e Pier Andrea Matteazzi nei 400 misti, Simona Quadarella nei 400 stile libero e la staffetta 4×50 mista mixed.
Erano già qualificati da sabato Marco Orsi nei 100 misti, Nicolò Martinenghi e Fabio Scozzoli nei 50 rana, Lorenzo Mora e il figlio d’arte Michele Lamberti nei 200 dorso, Benedetta Pilato e Arianna Castiglioni nei 50 rana, Alessandro Miressi e Lorenzo Zazzeri nei 100 stile libero, Silvia Di Pietro ed Elena Di Liddo nei 50 rana e Gregorio Paltrinieri negli 800 stile libero. L’Italia chiuderà gli europei con 63 presenze gara nelle finali! Nell’ultima sessione di batterie il primatista italiano (4’01”57) Alberto Razzetti e Pier Andrea Matteazzi, apparentemente senza faticare troppo, si qualificano alla finale dei 400 misti. Il 22enne di Genova – tesserato per Fiamme Gialle e Genova Nuoto My Sport, oro 200 farfalla con record italiano (1’50”24), bronzo nei 200 misti e in vasca lunga argento europeo a Budapest – nuota un controllato 4’08”80 che vale il terzo tempo d’ingresso; il 23enne di Vicenza – tesserato per Esercito e In Sport Rane Rosse – è sesto in 4’10”17. Il migliore è Ilya Borodin, nuovo fenomeno del nuoto russo e oro continentale in lunga, in 4’04”91.
La campionessa in carica Simona Quadarella, argento nei 800 e nei 1500, strappa il pass anche per la finale dei 400 stile libero. La regina del mezzofondo iridato e continentale – tesserata per CC Aniene, allenata da Christian Minotti – nuota il terzo tempo in 4’03”37. Davanti a lei due russe: la vincitrice degli 800 e dei 1500 Anastasia Kirpchnikova che mette nel mirino la tripletta e chiude in 4’00”71; e Anna Egorova in 4’02”42.
Passa il turno infine la 4×50 mista mixed con il sesto crono.
Matteo Rivolta (23”39), Alessandro Pinzuti (26”03), Costanza Cocconcelli (25”94), Chiara Tarantino (24”29) chiudono in 1’39”65. Davanti a tutti c’è la Russia in 1’38”87.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Nuoto: chiudono gli Europei 25 m, è nuova onda azzurra
Tante medaglie e tanti volti nuovi per l’Italia a Kazan
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
07 novembre 2021
20:39
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Tre ori, cinque argenti e tre bronzi sono il bottino dell’Italnuoto nella giornata conclusiva degli Europei in vasca corta di Kazan, per totale che ne conta ben 35 (sette ori, 18 argenti, 10 bronzi) unito al successo nella Coppa delle Nazioni.
La Russia ha chiuso al primo posto il medagliere, con 11 ori pur con meno podi (24) rispetto all’Italia, superata anche dall’Olanda (otto ori, 18 podi) ma sono numeri che contano poco rispetto alla grande prova di forza dimostrata dalla spedizione azzurra, maschile e femminile, che ha visto confermarsi tanti campioni affermati ed emergere volti giovani e nuovi.
Le parole del fuoriclasse Gregorio Paltrinieri, oro negli 800 sl con record europeo, fotografano bene la situazione: “In questo momento credo che siamo la nazionale più forte d’Europa, sicuramente la più completa. Non abbiamo punti deboli e i giovani sono competitivi e danno del filo da torcere ai più esperti. Sono contento di far parte di un gruppo del genere”.
E’ stato proprio lui a mettere l’ultimo accento d’oro sulla memorabile prestazione dell’Italia, prendendosi la rivincita sul tedesco Florian Wellbrock che si era imposto nei 1500. Il campione emiliano ha vinto gli 800 con tanto di record europeo riuscendo a battere per pochi centesimi il rivale col quale ha duellato fin dalla prima bracciata. Paltrinieri ha toccato in 7’27”94, migliorando un primato (7’29”17) che durava dal 2012. “Mi sono fatto proprio un bel regalo e chi se l’aspettava di vincere l’oro con il record europeo, di tenere testa a Wellbrock e per giunta di batterlo in volata. Il tedesco le ultime volte mi aveva bastonato: mi sono preso una piccola rivincita”, ha commentato il campione carpigiano. Il primo oro di giornata era arrivato subito, grazie a Orsi che ha stravinto in 50″95, record italiano, la gara di apertura dell’ultima giornata, i 100 misti. Primo dall’inizio alla fine, il 31enne è tornato sul gradino più alto del podio dopo il successo di Copenhagen nel 2017., precedendo il greco Vazaios e l’austriaco Zhilkin. “Non pensavo di scendere sotto i 51 secondi. Sono andato fortissimo subito; in acqua mi sentivo alla grande, sciolto e potente – le parole di Orsi – So che non sono più giovane ma ho dimostrato di poter dire ancora la mia. Per me è una medaglia che vale tantissimo che si somma alle altre conquistate con le staffette (oro 4×50 mista e argento con 4×50 sl, ndr)”. Da incorniciare anche la doppietta nei 50 rana donne, vinti da Arianna Castiglioni davanti alla campionessa uscente e primatista europea Benedetta Pilato. I loro tempi non sono stati da ricordare, ma sono bastati a tenere dietro la russa Godun.
La 24enne Castiglioni ha conquistato la prima vittoria internazionale in carriera: “Ho ritrovato un po’ la velocità che mi è mancata in tutta la settimana e questo oro mi gasa – ha detto la lombarda – È un oro che mi gasa molto, perché in questi giorni ero un po’ giù di morale. Gianni (Leoni ndr) mi ha aiutato molto, soprattutto psicologicamente e oggi sono salita sul blocco più convinta”. Quasi tutte le gare odierne hanno visto salire un azzurro sul podio con gli argenti di Benedetta Pilato nei 50 rana, di Alberto Razzetti nei 400 misti, di Alessandro Miressi nei 100 stile e di Lorenzo Mora nei 200 dorso, oltre a quello nella gara di chiusura, la 4ž50 mista mista composta da Michele Lamberti, Niccolò Martinenghi, Elena Di Liddo e Silvia Di Pietro. Quest’ultima ha anche portato a casa un bronzo nei 50 farfalla, così come Martinenghi nei 50 rana e Lamberti nei 200 dorso.

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

New York torna a correre e l’Italia ritrova il podio
L’azzurro Faniel terzo. La maratona per dimenticare la pandemia
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
07 novembre 2021
19:20
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
‘Welcome back, Let’s run the city’: New York è finalmente tornata a correre, cercando di lasciarsi alle spalle i mesi bui della pandemia, di cui all’inizio è stata uno degli epicentri.
Così la 50ma edizione della maratona più prestigiosa al mondo, dopo la pausa dell’anno scorso, si è trasformata in una grande festa per celebrare il ritorno alla vita e alla normalità della Grande Mela, colpita duramente dal virus e dalla crisi che ne è scaturita.

E il ritorno della corsa più attesa coincide col ritorno sul podio di un italiano, come a prolungare la lunga e incredibile annata di grandi successi per i colori azzurri. A far sventolare il tricolore nel cuore del Central Park è Eyob Faniel, eritreo naturalizzato italiano delle Fiamme Oro di Padova, arrivato terzo in una gara maschile che ha visto la vittoria del keniano Albert Korir, mentre la connazionale Jepchirchir ha trionfato nella competizione femminile.
Ma a fare notizia come sempre sono stati i mille colori, i sorrisi, le smorfie di stanchezza delle migliaia di partecipanti, con le ali di folla a sostenerli lungo tutto il percorso con cartelli, bandiere, applausi, urla di incoraggiamento, trombette e campanacci, da Staten Island a Brooklyn, dal Bronx al cuore di Manhattan, passando per il Queens. Finita la competizione tra professionisti la gara si trasforma in una grande festa, un evento folkloristico. Non importa il tempo che si impiega per compiere i 42 chilometri della corsa, ma per tutti, giovani e meno giovani, l’importante è arrivare fino in fiondo, anche camminando.
Certo, la maratona di quest’anno è andata in scena in versione ridotta: solo poco più di 33 mila i partecipanti, nella stragrande maggioranza americani, visto che gli Stati Uniti riapriranno i propri confini al resto del mondo solo nelle prossime ore, ponendo fine per i vaccinati alle restrizioni sui viaggi legate all’emergenza Covid. Circa 200 gli italiani che hanno corso: come sempre una delle delegazioni straniere più numerose, anche se niente a che vedere con le circa tremila presenze delle ultime edizioni.
Ma pazienza, l’importarne era ripartire. E la maratona, dopo la riapertura a New York dei cinema, dei teatri di Broadway, delle arene e degli stadi, era l’ultimo tassello mancante, come sottolineano con orgoglio gli organizzatori e le autorità cittadine, il neo sindaco Eric Adams in prima fila. E c’è stato spazio anche per la storia, visto che a tagliare il traguardo è arrivato un veterano della corsa: Larry Trachtenberg, newyorkese di 77 anni, che a soli 16 anni partecipò alla prima mitica maratona della Grande Mela, quella del 13 settembre 1970.
Per lui tra gli applausi più calorosi. L’appuntamento ora è al prossimo anno, si spera in un mondo e in una New York in cui la pandemia sia diventata solo un ricordo.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Europei 25m: oro Castiglioni e argento Pilato nei 50 rana
Doppietta azzurre a Kazan, argento Razzetti nei 400 misti
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
07 novembre 2021
17:49
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Doppietta italiana nella gara dei 50 rana femminili agli Europei in vasca corta a Kazan.
Arianna Castiglioni ha vinto la medaglia d’oro davanti a Benedetta Pilato, mentre il bronzo è andato alla russa Godun.

Alberto Razzetti ha conquistato la medaglia d’argento nei 400 misti uomini, segnando anche il nuovo primato italiano con 4’00”34. Quinto posto per l’altro azzurro in gara, Pier Andrea Matteazzi. La medaglia d’oro è stata vinta dal russo Borodin, il bronzo dall’ungherese Kos.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Europei 25m: argento Miressi nei 100 sl
Bronzo per Silvia Di Pietro nei 50 rana
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
07 novembre 2021
18:00
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Alessandro Miressi ha conquistato la medaglia d’argento nella finale dei 100m sl agli europei in vasca corta in corso a Kazan.
Appena giù dal podio l’altro azzurro in gara, Lorenzo Zazzeri.
L’oro è stato vinto dal russo Kolesnikov, con il tempo di 45″58 (Miressi 45″84), bronzo per il russo Grinev in 46″06.
Nei 50 farfalla donne, Silvia Di Pietro ha conquistato la medaglia di bronzo a pari merito con la greca Ntountounaki, con il tempo di 25”09. Elena Di Liddo ha chiuso al sesto posto. La medaglia d’oro è andata alla svedese Sarah Sjoestroem (24”50), quella d’argento alla olandese De Waard.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Europei 25m: Paltrinieri oro e record negli 800sl
Primato continentale per l’azzurro che batte Wellbrock
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
07 novembre 2021
18:40
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Medaglia d’oro e primato europeo per Gregorio Paltrinieri nella gara degli 800 stile libero agli europei di nuoto in vasca corta in corso a Kazan.
L’olimpionico azzurro ha nuotato in 7’27”94, battendo di un soffio il tedesco Wellbrock (7’27”99) con il quale ha duellato per l’intera gara.

La medaglia di bronzo è andata ad un altro tedesco, Schwarz.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Europei 25m: Italia argento nella 4×50 mista mista
Primato italiano per la staffetta azzurra, oro all’Olanda
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
07 novembre 2021
18:44
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Medaglia d’argento e primato italiano per l’Italia nella staffetta 4×50 mista mista, ultima gara degli europei di nuoto in vasca corta di Kazan.
Gli azzurri (Michele Lamberti, Niccolò Martinenghi, Elena Di Liddo e Silvia Di Pietro) hanno chiuso in 1’36”39, battuti in rimonta dall’Olanda che ha siglato anche il record del mondo (1’36”18).
La medaglia di bronzo è andata alla staffetta della Russia.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Portugal Masters: vince Pieters, Bertasio chiude quinto
Titolo al belga. Tra gli azzurri bene anche Laporta, 7/o
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
07 novembre 2021
18:47
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Il Portugal Masters va a Thomas Pieters che a Vilamoura s’è imposto con uno score di 265 (68 64 65 68, -19) festeggiando il terzo titolo in carriera sull’European Tour.
Ventisette mesi dopo l’ultima volta il belga ha ritrovato il successo superando di due colpi i danesi Nicolai Hojgaard (vincitore quest’anno dell’Open d’Italia) e Lucas Bjerregaard, oltre al francese Matthieu Pavon, tutti secondi con 267 (-17).

Due gli italiani nella Top 10: il bresciano Nino Bertasio (in testa dopo il primo e secondo round), 5/o con 271 (-13) al pari dell’inglese Matthew Jordan, e il pugliese Francesco Laporta, 7/o con 272 (-12). Mentre s’è classificato 22/o con 276 (-8) il torinese Edoardo Molinari. Risultato importante per Laporta che passa così dalla 51/a alla 46/a posizione della Race to Dubai, l’ordine di merito dell’European Tour. E ora il 31enne di Castellana Grotte (Bari) è sempre più vicino dallo staccare il pass per il Dp World Tour Championship (18-21 novembre) di Dubai, ultimo atto della stagione che vedrà protagonisti i migliori 50 giocatori dell’ordine di merito del circuito. Prima però è in programma il Dubai Championship (11-14 novembre).
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Djokovic batte Medvedev e vince Masters di Parigi
Successo in tre set sul russo per il n.1 al mondo
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
07 novembre 2021
20:47
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Novak Djokovic ha vinto il torneo Masters 1000 di Parigi Bercy, battendo in tre set il russo Daniil Medvedev col punteggio di 4-6, 6-3, 6-3.
Per il n.1 uno al mondo è la sesta vittoria nel torneo e la 37/a in un Masters, un successo che dimostra il suo ottimo stato di forma in vista delle Atp Finals che cominciano domenica prossima a Torino.

Il serbo si è preso anche una parziale rivincita su Medvedev, che battendolo nella finale dell’Us Open aveva infranto il suo sogno di completare il Grande Slam. Djokovic ha comunque dovuto impegnarsi dopo aver perso il primo set ma nei seguenti due ha trovato le giuste misure e sfruttato anche la scarsa vena odierna del russo al servizio. Anche Medvedev sarà a Torino e avrà magari l’occasione di rifarsi nel tornao che chiude la stagione.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Vela: ad Alinghi l’ultima tappa del GC32 Trophy a Mar Menor
Team di Bertarelli si è aggiudicato il Campionato 2021 di Classe
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
07 novembre 2021
20:03
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Alinghi, il team svizzero di Ernesto Bertarelli, si è aggiudicato l’ultima tappa del GC32 Racing Tour di vela a Mar Menor Cup (Spagna), organizzato dal Club náutico Lo Pagán, che si è concluso dopo 4 giorni e 10 prove.
Alinghi ha chiuso terminando con 20 punti, precedendo gli altri svizzeri di Black Star Sailing Team (27 punti), secondi, e il Red Bull Sailing Team di Roman Hagara (28 punti), terzo.
Quello di Alinghi è stato un successo netto, ottenuto con una 9 podi parziali, tra i quali 4 primi posti, un secondo e tre terzi, con un quarto come peggior risultato. Nello stesso tempo, Alinghi ha conquistato anche il titolo di campione 2021 del GC32 Racing Tour. “Complimenti a tutto il team! Sono felice di questo nuovo successo nel GC32 Racing Tour, che conferma il titolo conquistato nel 2019 e mostra il livello dell’impegno profuso da Alinghi – ha commentato il patron Ernesto Bertarelli -.
Complimenti a tutti gli altri team che ci hanno sempre impegnato a fondo. Merita una menzione personale Erik Maris, l’unico timoniere armatore ad aver partecipato a tutte le regate di quest’anno, vincendone alcune! La nostra stagione sportiva è ora arrivata al termine. Il 2021 ha segnato anche il lancio ufficiale del TF35 Trophy, con le cui barche siamo stati presenti in sette eventi sul Lago di Ginevra e nel mare italiano a Marina di Scarlino. Non vedo l’ora che arrivi la stagione 2022”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Gp Messico: vince Verstappen, quinto Leclerc
Hamilton secondo precede Perez. sesto posto Sainz
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
07 novembre 2021
21:43
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
L’olandese Max Verstappen, su Red Bull, ha vinto il Gp del Messico di Formula 1, 18/a prova del mondiale.
Secondo posto per il suo rivale per il titolo, Lewsi Hamilton, su Mercedes, e terzo per il messicano Sergio Perez, anche lui con la Red Bull.
Quinta e sesta le Ferrari di Charles Leclerc e Carlos Sainz.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Gp Messico: Verstappen ‘Mondiale? E’ lunga ma si è messa bene’
‘Al via ho costruito la vittoria’. Hamilton, buon secondo posto
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
07 novembre 2021
21:59
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“La strada è ancora lunga si è messa bene anche se so che le cose possono cambiare rapidamente.
Ora andiamo in Brasile e sono ottimista”.
Così il pilota della Red Bull Max Verstappen, vincitore del Gp del Messico e leader dell classifica piloti di Formula 1. “In partenza ho cercato di frenare il più tardi possibile e così sono passato dal terzo al primo posto, e su questo ha costruito la mia gara anche perchè il passo della macchina è stato incredibile”, ha aggiunto l’olandese. “Loro erano molto superiori su questa pista e per questo io sono contento del secondo posto – ha affermato invece Lewis Hamilton – Perez nel finale mi ha fatto molta pressione e continuava a spingere, dimostrando la bontà della Red Bull. Io comunque mi sono molto divertito”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Gp Messico: vince Verstappen, quinto Leclerc
Hamilton secondo precede Perez. Sesto posto Sainz
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
08 novembre 2021
08:23
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
L’olandese Max Verstappen, su Red Bull, ha vinto il Gp del Messico di Formula 1, 18/a prova del mondiale.
Secondo posto per il suo rivale per il titolo, Lewsi Hamilton, su Mercedes, e terzo per il messicano Sergio Perez, anche lui con la Red Bull.
Quinta e sesta le Ferrari di Charles Leclerc e Carlos Sainz. Con la sua terza vittoria in Messico Verstappen porta a 19 punti il suo vantaggio nel Mondiale su Hamilton. Sul circuito della capitale sono andati a punti anche Pierre Gasly, quarto con l’Alpha Tauri davanti alle Rosse, quindi Sebastian Vettel (Aston Martin), settimo, Kimi Raikkonen ottavo con l’Alfa Romeo, Fernando Alonso (Alpine) e Lando Norris (McLaren).
Verstappen ‘Mondiale? E’ lunga ma si è messa bene’- “La strada è ancora lunga si è messa bene anche se so che le cose possono cambiare rapidamente. Ora andiamo in Brasile e sono ottimista”. Così il pilota della Red Bull Max Verstappen, vincitore del Gp del Messico e leader dell classifica piloti di Formula 1. “In partenza ho cercato di frenare il più tardi possibile e così sono passato dal terzo al primo posto, e su questo ha costruito la mia gara anche perchè il passo della macchina è stato incredibile”, ha aggiunto l’olandese. “Loro erano molto superiori su questa pista e per questo io sono contento del secondo posto – ha affermato invece Lewis Hamilton – Perez nel finale mi ha fatto molta pressione e continuava a spingere, dimostrando la bontà della Red Bull. Io comunque mi sono molto divertito”.
La gara – Subito bandiera gialla alla partenza del Gp del Messico di Formula 1, 18/a prova del mondiale che si disputa sul circuito Hermanos Rodriguez di Città de Messico. Max Verstappen, partito dalla terza piazza, è riuscito a superare le Mercedes che occupavano la prima fila ed è andato in testa, mentre Valtteri Bottas, che era in pole, è rimasto sorpreso dalla mossa dell’olandese della Red Bull e dopo la prima curva è stato toccato da un’altra monoposto, finendo in testa coda. Nella bagarre, si è deciso di esporre bandiera gialla. Dopo l’uscita della safety car, al quinto giro, sono ripartiti nell’ordine Verstappen, Lewis Hamilton con la Mercedes e Sergio Perez con la Red Bull. Quinto posto per Charles Leclerc e sesto per Carlos Sainz con le Ferrari. La Red Bull di Sergio Perez è in testa al Gp del Messico a metà gara, precedendo il compagno di squadra Max Verstappen e il suo rivale per il titolo, Lewis Hamilton. Il messicano, osannato dal pubblico di casa, deve però ancora effettuare il pit stop, al contrario degli altri due piloti. Quarto posto per la Ferrari di Carslos Sainz, anche lui con le gomme che aveva in partenza, e sesto Charles Leclerc, ha invece passato per i box.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Ranking Atp: Zverev scavalca Tsitsipas, Sinner è 10/o
Djokovic si assicura settima stagione in testa
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
08 novembre 2021
17:04
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Il tedesco Alexander Zverev torna dopo oltre due anni al terzo posto del ranking mondiale Atp, ancora dominato da Novak Djokovic, che ieri ha vinto per la sesta volta il Masters 1000 di Parigi-Bercy.
Il serbo si è così assicurato di terminare la stagione in cima alla classifica per la settima volta nella sua carriera, un record che gli consente di superare l’americano Pete Sampras.

Daniil Medvedev, sconfitto ieri in finale da Djokovic, resta in seconda posizione mentre Stefanos Tsitsipas scende al quarto posto, seguito dal russo Andrey Rublev che ha scavalcato Rafael Nadal, ora sesto, fuori gioco per infortunio. Matteo Berrettini rimane al settimo posto, subito davanti a Casper Ruud.
Jannik Sinner, già fuori dai magnifici otto qualificati per le Atp Finals di Torino, perde una posizione. Il 20enne di Sesto Pusteria, entrato lunedì scorso per la prima volta nella top 10, al 9/o posto, da oggi è infatti decimo. Lo ha superato Hubert Hurkacz, semifinalista all’Atp 1000 Parigi-Bercy, torneo dove l’allievo di Piatti è invece stato eliminato al secondo turno dal baby fenomeno spagnolo Carlos Alcaraz.
Lorenzo Musetti guadagna nove posizioni, ora è 58/o, mentre Gianluca Mager avanza di due (64/o). Ranking invariato per Lorenzo Sonego (27/o) e Fabio Fognini (37/o).
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Ranking Wta: Raducanu entra in top 20, Barty resta prima
Giorgi guadagna due posizioni, è 34/a
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
08 novembre 2021
17:12
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
La britannica Emma Raducanu è entrata per la prima volta nella top 20 mondiale della classifica Wta, ancora dominata da Ashleigh Barty.
Sono poche variazioni in classifica: il circuito femminile si è fermato una settimana per far posto alla Billie Jean King Cup (ex Fed Cup), vinta dalla Russia, che non fa guadagnare punti Wta.

Ashleigh Barty rimane la numero 1 del mondo, seguita dalla bielorussa Aryna Sabalenka e dalla ceka Barbora Krejcikova.
Unici cambi nella top 10 sono la polacca Iga Swiatek, che ha guadagnato un posto (9/o), seguita dalla spagnola Paula Badosa che ha fatto il suo primo ingresso nella top 10.
Tra le azzurre Camila Giorgi è salita di due posizioni (è 34/a) mentre Jasmine Paolini resta stabile 51/a.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Giro: Da Visegra’d a Treviso
In Italia via con la Catania-Messina, 7 tappe da uomini-jet
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
10 novembre 2021
23:04
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Il Giro d’Italia di ciclismo edizione numero 105, che partirà dall’Ungheria venerdì 6 maggio 2022 (l’epilogo a Verona il 29 dello stesso mese), prevede sette tappe adatte velocisti.
Sette tappe per uomini veloci, sette appuntamenti che i velocisti cercheranno di non fallire al 105/o Giro d’Italia di ciclismo.
La corsa rosa comincia a prendere corpo e a mostrarsi con le frazioni per gli uomini-jet che sono state presentate nel primo di quattro pacchetti, secondo una formula nuova.
L’edizione 2022 del Giro scattera’ con una tappa in linea, da Budapest a Visegrad, di 195 km: si tratta di una frazione con continui saliscendi e un arrivo con sorpresa finale in vetta al Gpm di Visegrad, che non sara’ una montagna da quote alpine, ma mettera’ in fila il gruppo.
La 2/a frazione (sabato 7) si disputera’ a Budapest e sara’ una cronometro di 9,2 km, con finale anche in questo caso in salita, con punte addirittura al 14% di pendenza, in parte anche in pave’ fino ad arrivare al cuore della citta’ .
Domenica 8 ecco le ruote veloci, con la 3/a e ultima frazione ungherese, da Kaposvar a Balatonfured (201 km): la corsa costeggera’ il lago Balaton.
“E’ un Giro ricco di ottime occasioni per i velocisti – commenta Elia Viviani -. Forse l’arrivo della prima tappa e’ piu’ favorevole per un ‘finisseur’ o un velocista che tiene bene in salita. Mi piacerebbe poter lottare per conquistare nuovamente la maglia ciclamino e provare a vincere qualche tappa come quella di Treviso, vicino ai miei tifosi, o quella di Reggio Emilia. Sicuramente c’e’ terreno per ripetere un Giro come quello del 2018: sarebbe un sogno!”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
L’approdo in Italia del Giro avverra’ dalla Sicilia, con la frazione che collega Catania e Messina, toccando localita’ come Villafranca Tirrena e Ganzirri. Poi tocchera’ alla Calabria, con la Palmi Calabro-Scalea (192 km): dopo una prima parte leggermente accidentata, fra Mileto, Vibo Valentia e Pizzo, la corsa seguira’ la costa tirrenica della Calabria con brevi saliscendi. La Sant’Arcangelo di Romagna-Reggio Emilia (201 km) sara’ completamente pianeggiante e, assieme alla 3/a, sara’ la piu’ lunga del Giro.
Dalla Partenza fino a Bologna si percorrera’ la via consolare Emilia praticamente sempre diritta attraverso la pianura emiliana. Dopo Bologna la tappa tocca alcune delle localita’ del cratere del terremoto del 2012: San Giovanni in Persiceto, Crevalcore, Camposanto, Carpi e Correggio le localita’ interessate. Da Sanremo a Cuneo (157 km) la carovana percorrera’ in senso inverso la ‘Sanremo’ estiva del 2020, toccando Imperia per salire al Colle di Nava e, giunti a Ceva, virare verso Cuneo. Si toccheranno alcuni luoghi-simbolo del Giro, come il Santuario di Vicoforte e Mondovi’ . L’ultima volata di gruppo compatto del Giro 2022 si disputera’ nella Borgo Valsugana-Treviso (146 km), dopo che la corsa avra’ attraversato le strade del prosecco.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Pistorius, si valuta la concessione della libertà vigilata
Il campione paralimpico uccise la fidanzata nel 2013 e fu condannato a 13 anni di carcere
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
08 novembre 2021
16:53
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Le autorità carcerarie sudafricane hanno avviato le prime tappe procedurali per valutare la concessione della libertà vigilata al campione paralimpico Oscar Pistorius, in carcere per l’omicidio della sua fidanzata.
Lo si è appreso da un funzionario e da un avvocato.
L’atleta uccise la fidanzata, la modella Reeva Steenkamp, la mattina di San Valentino 2013 sparando quattro volte attraverso la porta del bagno.
È stato condannato a 13 anni di carcere per l’omicidio che ha sempre negato, dicendo di essere convinto che un ladro fosse entrato nella sua casa ultra sicura a Pretoria.
A luglio Pistorius, ora 34enne, ha scontato metà della sua pena, il minimo richiesto per considerare la libertà vigilata, ha confermato Tania Koen, avvocato della famiglia Steenkamp. Il che “non significa che abbia automaticamente il diritto di essere rilasciato”, ha sottolineato.
I servizi penitenziari hanno programmato colloqui preliminari con i genitori di Reeva Steenkamp, come prevede la procedura, che sono stati rinviati a data da destinarsi per la mancanza di alcuni requisiti. Prima di ogni libertà vigilata, sono tenuti a dialogare con la vittima o i suoi familiari, ma anche con il detenuto. Si è anche in attesa delle “relazioni necessarie” dallo psicologo e dagli assistenti sociali a contatto con il detenuto.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Rugby: convocati Lovotti, 4 azzurri aggregati all’Italia A
Sostituisce l’infortunato Nocera per match con l’Argentina
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
08 novembre 2021
17:26
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Lo staff tecnico della Nazionale italiana di rugby, guidato da Kieran Crowley, ha convocato Andrea Lovotti, che inizialmente era stato inserito nella lista dell’Italia A, in sostituzione dell’infortunato Matteo Nocera, per il raduno a Verona in preparazione del secondo impegno delle Nations Series contro l’Argentina.
Il match è in programma a Treviso sabato 13 novembre.

Oggi, inoltre, scatta il raduno dell’Italia A che domenica 14 novembre, alle 14,30, scenderà in campo per la seconda volta in stagione per affrontare l’Uruguay allo stadio Plebiscito di Padova. Rispetto alla convocazione iniziale saranno assenti Mbandà, Pasquali e Capuzzo, indisponibili. In sinergia con lo staff tecnico dell’Italrugby, sempre oggi si aggregheranno alla rosa dell’Italia A i vari Traoré, Steyn, Marin e Bruno.
Convocati anche Bianchi, Meggiato e Pani.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Basket: con Petrucci e Meneghin ‘La comunicazione fa canestro’
Università del Sacro Cuore e Fip celebrano un secolo di vita
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
08 novembre 2021
21:12
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Cento anni per due istituzioni come l’Università Cattolica del Sacro Cuore e la Federpallacanestro.

L’ateneo milanese e il Comitato regionale lombardo Federbasket hanno celebrato la ricorrenza con il convegno ‘La comunicazione fa canestro, un tiro da 100 punti’, nell’Aula Magna del complesso di Largo Gemelli.
Tre relatori d’eccezione: il presidente Fip, Gianni Petrucci; il campionissimo Dino Meneghin; Marco Vittorelli, presidente dell’Openjobmetis e della Pallacanestro Varese, hanno inaugurato il Master ‘Comunicare lo sport’ dell’Università Cattolica con una lezione. L’iniziativa è stata introdotta da Paola Abbiezzi – direttore didattico del Master – e dal presidente della Fip lombarda, Giorgio Maggi.
Tanti gli argomenti: dall’importanza della comunicazione al doppio ruolo atleti-studenti: “Il titolo del convegno è azzeccato: oggi se sei mediocre, ma sai comunicare, diventi bravo; se sei bravo, ma non comunichi, passi per normale – dice Petrucci -. Vittorie e sconfitte ce ne sono state tante: nel Preolimpico 2016 contro la Croazia dovevamo vincere e abbiamo perso, nel 2021 abbiamo sovvertito il pronostico, conquistando i Giochi ed espugnando il campo della Serbia. Gli atleti? Apprezzo quelli che studiano e hanno interessi nella vita”. L’esempio in chiave cestistica è quello di Giulia Rulli, che in estate ha vestito i colori azzurri alle Olimpiadi di Tokyo del 3 contro 3, e frequenta un Master alla Cattolica dopo la laurea. Dello sport come metafora di vita ha parlato Dino Meneghin, l’italiano più vittorioso di sempre (32 successi in Italia e in Europa a Varese e Milano): “Lo sport prepara alla vita e al lavoro, sotto questo profilo le sconfitte insegnano più delle vittorie. Al di là dei professionisti, c’è un vero e proprio esercito di praticanti: solo nel basket i tesserati sono 540 mila, ma in totale sono circa 20 milioni coinvolti. Se ci fosse un Partito dello Sport andremmo al Governo!”. L’intervento di Marco Vittorelli ha invece analizzato proprio il diverso rapporto che si crea tra sponsor e partner: “Openjobmetis agisce da tempo nel mondo dello sport, siamo stati sponsor anche di Marco Simoncelli, poi ci siamo concentrati sul basket”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Domani a Genova festa per i 75 anni dell’Ussi
A bordo di Msc grandi firme e sportivi per Racconto dello sport
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
08 novembre 2021
21:50
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
L’Unione Stampa Sportiva Italiana festeggia 75 anni di vita e, come accadde in occasione della cerimonia della fondazione nel 1946, lo farà a Genova a bordo di una nave.
Allora sulla Philippa, domani 9 novembre si replica sulla Msc Overview.

La celebrazione è organizzata dall’Ussi nazionale, presieduta da Gianfranco Coppola, con il Gruppo Ligure Giornalisti Sportivi guidato da Michele Corti. Un evento nell’evento. Durante il “Racconto dello Sport” interverranno prestigiose firme del giornalismo sportivo e grandi campioni dello sport italiano, testimoni e protagonisti degli avvenimenti di tre/quarti di secolo.
Tra questi, Roberto Beccantini, Gianni Merlo (oggi presidente dell’Associazione internazionale della stampa sportiva), Filippo Grassia (past president Ussi dal 1991 al 2002), Xavier Jacobelli, Lucia Blini, Piero Sessarego, Vito Romaniello, Guido Zucchi, Marcello Lippi, Fefé De Giorgi, Charlie Caglieris, Mauro Nespoli, Eraldo Pizzo, i fratelli Fulvio e Sabina Valbusa, Gabriele Gori e Andrea Liverani.
Una festa in due atti: dopo Genova, anche Napoli ospiterà un analogo evento il prossimo 7 dicembre.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
F1: Hamilton cambia idea su Bottas “Lottiamo fratello”
Post del britannico su twitter dopo le critiche di ieri
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
08 novembre 2021
22:36
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“Potete essere capaci di batterci, ma non di spaccarci: alla prossima Valtteri, continuiamo a spingere fratello”.
si conclude così il post di Lewis Hamilton pubblicato sul profilo twitter della Mercedes all’indomani del gran premio del Messico vinto dall’olandese Max Verstappen.

“Abbiamo avuto una brutta giornata – scrive il britannico – ieri ho detto che VB (Valtteri Bottas, ndr) ha lasciato la porta aperta e tutti sono saltati a criticare. Noi siamo una squadra e vinciamo e perdiamo come una squadra, non c’è una sola persona responsabile nel vincere o perdere: bene o male facciamo tutto insieme. Potete essere capaci di batterci, ma non di spaccarci: alla prossima Valtteri, continuiamo a spingere fratello”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Nba: Embiid positivo al Covid-19
La stella dei Philadelphia 76ers sarà assente diverse partite
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
09 novembre 2021
10:29
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Il camerunense Joel Embiid, stella dei Philadelphia 76ers, è risultato positivo al Covid-19 e si prevede che salterà diverse partite NBA, secondo diversi media statunitensi.
L’Athletic ed ESPN, i due media di riferimento per il basket americano, riferiscono che il pivot 27enne sta attualmente seguendo il protocollo previsto dalla NBA per i giocatori che hanno contratto il Covid-19.
Embiid dovrebbe essere fuori per “diverse partite” secondo ESPN, a cominciare dall’incontro contro i New York Knicks di Evan Fournier e Julius Randle. Un’altra assenza per l’allenatore dei Sixers Doc Rivers, già privato di Tobias Harris e Danny Green.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Moto: Marquez al buio, stagione finita e dubbi su futuro
Torna l’incubo dei problemi di vista dopo la caduta e la commozione cerebrale
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
10 novembre 2021
19:37
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“Sono tempi duri, sembra che piova sul bagnato”.
Marc Marquez non usa giri di parole, ha un nome il problema che si trascina dopo la caduta di dieci giorni fa in allenamento: diplopia, visione doppia, la stessa da cui pensava di essersi liberato ormai da nove anni.
Proprio mentre si stava riprendendo dai tre interventi subiti al braccio destro dopo la frattura dell’omero a Jerez nel luglio 2020, per il pilota Honda è arrivata la diagnosi che non avrebbe mai voluto più sentire. Stagione finita, quindi. Dopo aver saltato il Gran Premio del Portogallo, l’otto volte campione del mondo non correrà neppure nell’ultima gara, a Valencia, e nei test nell’autodromo vicino a Cadice. Con grandi interrogativi che ora pesano sul futuro della sua carriera. Girava forte, molto forte il pilota catalano prima di cadere in fuoristrada. Il 28enne aveva infilato due primi posti di fila in MotoGp, al Gran Premio delle Americhe, il 3 ottobre, e a Misano, il 24. Appena sei giorni dopo ecco l’incidente con commozione cerebrale e lo stop imposto prima del Gran Premio del Portogallo. Una pausa che ora si prolunga, inevitabilmente. Sette giorni fa Marquez si era sottoposto a una visita medica presso la clinica Dexeus di Barcellona. Da allora ha riposato tutta la settimana nella sua casa di Cervera ma ha continuato a sentirsi male, soffrendo di problemi alla vista. Ieri quindi è stato visitato da un oculista, il dr. Sanchez Dalmau, presso l’Hospital Clinic de Barcelona. Dal controllo, fa sapere Honda, è stato “rilevato un nuovo episodio di diplopia”, la percezione di due immagini di un singolo oggetto, mettendo a tacere le voci che dalla Spagna davano il pilota nuovamente infortunato al braccio. “L’esame effettuato, spiega il dottor Dalmau, ha confermato che Marquez “è affetto da diplopia e ha evidenziato una paralisi del quarto nervo destro con interessamento del muscolo obliquo superiore destro”, lo stesso “già ferito nel 2011”. Per il momento è stato scelto “un trattamento conservativo con aggiornamenti periodici da seguire con l’evoluzione clinica”. Nessuna operazione in vista per il momento, dopo quella a cui Dalmau lo aveva sottoposto nel gennaio 2012. Allora erano bastati poco più di due mesi affinché tornasse in pista e potesse dimenticarsi di quel problema, almeno fino a oggi.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Ma “pazienza, se ho imparato una cosa è affrontare le avversità con positività”. Parola di Marc Marquez, sette volte campione del mondo dopo quella prima diagnosi di diplopia.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Giorgetti convoca Dazn il 16: ‘Fare chiarezza’
Dal canale, che raccoglie l’invito, stop alla doppia utenza per ogni abbonamento
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
10 novembre 2021
17:23
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Il ministro Giancarlo Giorgetti ha convocato al Mise i vertici di Dazn per fare chiarezza, a tutela dei consumatori, anche sulle ultime decisioni dell’azienda che detiene i diritti tv del calcio di serie A.
Giorgetti, insieme con la sottosegretaria Anna Ascani che ha la delega sulla materia – si legge in una nota -, ha invitato i rappresentanti Dazn martedì prossimo 16 novembre alle ore 15.Dazn si appresta a mettere fine alla possibilità di concedere a due utenze collegate allo stesso abbonamento di accedere ai contenuti contemporaneamente da due device che si trovano a distanza l’uno dall’altro.
Lo anticipa il Sole 24 ore.
“Come di consueto siamo disponibili alla collaborazione e al confronto con le autorità e le istituzioni: a questo riguardo, abbiamo prontamente accolto l’invito da parte del ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, e del sottosegretario Anna Ascani, ad un confronto da svolgersi all’inizio della prossima settimana”. Lo dichiara Dazn, che detiene i diritti tv per la serie A di calcio, rispondendo alla convocazione al Mise per martedì prossimo.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Nba: super Curry contro Atlanta, vincono i Lakers
Gallinari da appena 4 punti. Chicago supera Brooklyn
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
09 novembre 2021
11:32
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Con uno Steph Curry davvero in serata (50 punti per lui, record per qualsiasi giocatore in questo avvio di stagione) i Golden State Warriors hanno superato gli Atlanta Hawks per 127-113.
Agli Hawks non sono bastati i 28 punti con nove assist di Trae Young e neppure gli appena 4 di Danilo Gallinari, con 1/7 al tiro.

DeRozan (28 punti) è stato tra i protagonisti della vittoria di Chicago su Brooklyn per 118-95, dopo che i Bulls in avvio dell’ultimo quarto erano andati anche sotto di 4 lunghezze.
Inutili per i Nets i 38 punti e 10 rimbalzi di Kevin Durant.
Pesa l’assenza dell’infortunato LeBron James, ma non abbastanza per impedire ai Lakers di avere la meglio sugli Hornets (126-123) dopo un supplementare. Los Angeles è stata portata alla vittoria da Carmelo Anthony, Russell Westbrook e Anthony Davis, autore di 32 punti, 12 rimbalzi e 4 assist in meno di 45 minuti di gioco. A Charlotte non sono bastati i 25 punti di Lonzo Ball.
Sconfitta in casa per Philadelphia contro New York (96-103).
Tra i Sixers si è fatta sentire l’assenza di Tobias Harris e Joel Embiid (Covid positivi), con il miglior marcatore, Korkmaz, che si ferma a 19 punti. I Knicks, che hanno rischiato di subire la rimonta nel quarto quarto, ringraziano Julius Randle e i suoi 31 punti e 12 rimbalzi.
A Denver non è pesata l’assenza per infortunio di Michael Porter Jr e così supera Miami per 113-96, dominando la partita fin dall’inizio. Tra i Nuggets il migliore è il solito Nikola Jokic (25 punti e 10 rimbalzi) che però si è fatto espellere a 3 minuti dalla fine, dopo aver reagito con una spallata a un contatto con Markieff Morris, finito a terra.
Minnesota si è fatta superare all’overtime da Memphis (118-125), riuscita a dominare nel supplementare anche grazie ai 20 punti di Brandon Clarke in uscita dalla panchina. Tra i Grizzlies ha brillato anche Ja Morant (33 punti e 8 assist), tra i Timberwolves D’Angelo Russel (30 punti).
I Phoenix Suns hanno trovato il loro quinto successo consecutivo, superando i Sacramento Kings per 109-104 anche grazie a un Payne da 24 punti in uscita dalla panchina. I Dallas Mavericks hanno battuto senza troppo problemi i New Orleans Pelicans (108-92), alla settima sconfitta consecutiva.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Corso in Università Perugia per manager nello sport
Presentato a Giurisprudenza da rettore e presidente Coni
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
09 novembre 2021
16:51
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Un corso per formare una nuova figura manageriale nel mondo dello sport con competenze giuridiche, di comunicazione e marketing.
È l’obiettivo del corso di alta formazione in Diritto, management e comunicazione nello sport, presentato al dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Perugia, alla presenza del rettore, Maurizio Oliviero, e del presidente nazionale del Coni, Giovanni Malagò.

Proprio da Oliviero, nell’occasione, è partito un appello al Coni. “Dobbiamo riportare in maniera forte lo sport nelle Università, che secondo me sono pronte”. Un primo spunto arriva proprio con il nuovo corso, patrocinato dal Coni.
“Sono anni che ne ho fatto una specie di patologia, insisto su questo tema, la necessità di preparare e di formare la nuova generazione”, ha detto Malagò. “Molto si è fatto e si sta facendo, ne ha ancora di più bisogno il nostro mondo proprio perché le competenze oggi sono diventate veramente indispensabili”. Così il presidente del Coni che guarda con grande interesse al movimento sportivo della regione. “L’Umbria è la regione più centrale, ma al tempo stesso ha problemi di logistica e di trasporto. Si sta facendo molto, ma si potrebbe fare ancora di più perché oggi una delle condizioni indispensabili è la facilità di raggiungere un posto. Però una volta arrivati, devo dire la verità, è quasi imbattibile”.
Una lode all’Umbria fatta a margine della presentazione del corso che prevede lezioni in presenza e online e, attraverso la collaborazione con il Coni, società e associazioni sportive, l’attivazione di un percorso di stage per ogni studente iscritto che permetterà sia l’esperienza pratica che lo sviluppo del network necessario ad operare nel settore.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Tennis: Next Gen Finals; Alcaraz parte subito forte
Lo spagnolo batte il danese Rune in tre set
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
09 novembre 2021
18:33
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Ha dato spettacolo Carlos Alacaraz nell’incontro che lo ha vito protagonista alle Next Gen Finals, contro il danese Holger Rune.
Al Palalido di Milano il 18enne spagnolo si è sbarazzato del coetaneo con un perentorio 3-0: 4-3, 4-2, 4-0.
E’ stato spettacolo solo nel primo set, i successivi hanno ribadito la sua superiorità rispetto ai ragazzi della sua età, sia per solidità dei colpi che per schemi di gioco. “Arrivare qui era un obiettivo di inizio stagione. Sono felice di essere a Milano e di giocare questo torneo” ha detto Alcaraz commentando il proprio successo.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Malagò, sarebbe stato bello stadio pieno per Italia
Presidente del Coni,limitazioni di pubblico problema finanziario
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
09 novembre 2021
18:58
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“Al di là della partita Italia-Svizzera, e sarebbe stato bellissimo avere lo stadio pieno, c’è un serissimo problema di carattere finanziario.

Questo è poco ma sicuro”.
Il presidente del Coni Giovanni Malagò, a margine di un evento che si è svolto al dipartimento di Giurisprudenza di Perugia, ha parlato anche della situazione relativa alla capienza degli impianti sportivi e sulle ricadute delle limitazioni anti Covid-19 in vigore. Un tema che “non deve guardare in particolare il mondo del calcio, ma anche tutte le altre competizioni, a cominciare da pallacanestro e volley, gli sport che maggiormente soffrono in questo senso”.
Riguardo alla partita Italia-Svizzera, che si giocherà venerdì sera all’Olimpico con la presenza di pubblico fissata al 75%, Malagò ha detto che “il sottosegretario Vezzali ce l’ha messa tutta”. Dopo il no del Cts allo stadio pieno “c’è rammarico”, ha commentato.
“Serve anche vedere di zona in zona, ovviamente alcune regioni oggi hanno indici migliori rispetto ad altri. Ho letto anche che il presidente della Lega Serie A Dal Pino si e’ chiesto come sia possibile che nei cinema c’è il 100 per cento e in un impianto outdoor non si riesce ad ottenere”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Pugilato: per Henchiri c’è l’Europeo dei pesi superpiuma
31enne pisano se la vedrà con belga Kourbanov l’11 dicembre
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
09 novembre 2021
19:12
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Il 31enne pugile pisano Nicola Henchiri (10-5-2) combatterà il prossimo 11 dicembre a Herstal in Belgio contro il kirghiso naturalizzato belga Faroukh Kourbanov (18-3) per il titolo europeo dei pesi superpiuma, attualmente vacante.
Lo hanno annunciato gli organizzatori.
Il fighter belga nel 2018 venne battuto sul ring del teatro Principe di Milano da Devis Boschiero nell’incontro in cui era in palio la cintura dell’Unione Europea.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Giro: tappa a Jesi, città ricorda Scarponi
Sindaco Bacci, dopo 37 anni accogliamo ancora la carovana rosa
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
JESI
10 novembre 2021
22:55
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“E’ ufficiale, il Giro d’Italia torna a Jesi!”.
Lo conferma il sindaco Massimo Bacci via facebook.
“Ci è appena stata confermata una bellissima notizia: il prossimo Giro d’Italia di ciclismo farà tappa a Jesi – si legge nel post -. Dopo 37 anni la nostra città tornerà di nuovo ad accogliere la carovana rosa nella tappa che partirà da Pescara e raggiungerà Jesi dopo 194 chilometri. Un grande evento popolare per uno sport che unisce il nostro paese, con un ritorno di immagine straordinario. Grazie a tutti coloro che hanno contribuito a questo eccezionale risultato ed un primo pensiero all’indimenticabile Michele Scarponi che queste strade le ha percorse in lungo ed in largo. Ora subito al lavoro per la migliore organizzazione possibile”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Giro: tappa a Jesi, città ricorda Scarponi
Sindaco Bacci, dopo 37 anni accogliamo ancora la carovana rosa
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
JESI
09 novembre 2021
19:46
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“E’ ufficiale, il Giro d’Italia torna a Jesi!”.
Lo conferma il sindaco Massimo Bacci via facebook.
“Ci è appena stata confermata una bellissima notizia: il prossimo Giro d’Italia di ciclismo farà tappa a Jesi – si legge nel post -. Dopo 37 anni la nostra città tornerà di nuovo ad accogliere la carovana rosa nella tappa che partirà da Pescara e raggiungerà Jesi dopo 194 chilometri. Un grande evento popolare per uno sport che unisce il nostro paese, con un ritorno di immagine straordinario. Grazie a tutti coloro che hanno contribuito a questo eccezionale risultato ed un primo pensiero all’indimenticabile Michele Scarponi che queste strade le ha percorse in lungo ed in largo. Ora subito al lavoro per la migliore organizzazione possibile”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Atp Finals: Rublev a Torino, domani arriva Berrettini
Campioni tennis sotto la Mole, domenica il via alle gare
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
09 novembre 2021
21:46
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Un video panoramico di Torino dall’alto, ripreso dall’hotel Principi di Piemonte dove è arrivato oggi, con il sottofondo musicale di ‘Beautiful James’ dei Placebo e tre piccole bandiere italiane con l’hashtag Torino.
E la prima story torinese su Instagram di Andrey Rublev, uno degli 8 campioni che da domenica si sfideranno a Torino alle Nitto Atp Finals.

Il giovane tennista russo è stato il primo dei big ad arrivare in città, dove oggi è già stato impegnato in due sessioni di allenamento con il suo coach su uno dei campi del Training Center del Circolo della Stampa Sporting. Per domani è atteso l’arrivo degli altri finalisti, compreso l’italiano Matteo Berrettini.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Next Gen Finals: Korda rimonta Gaston e vince
Sotto 2 set a zero l’americano ha reagito e piegato il francese
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
09 novembre 2021
21:59
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Vittoria in rimonta per Sebastian Korda contro Hugo Gaston, al termine del match fin qui più lungo e combattuto della prima giornata alle Next Gen Finals in corso a Milano.
Persi i primi due set, entrambi al tie break, lo statunitense figlio d’arte si è scosso nel terzo, vinto 4-0.

Anche il quarto set è arrivato al tie break e questa volta Korda lo ha fatto suo, completando l’aggancio al francese. Che nel quinto ha subito psicologicamente il ritorno dell’avversario, perdendo 4-0. Ora è la volta di Lorenzo Musetti che chiude il programma odierno affrontando l’argentino Sebastian Baez.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Tennis: Next Gen Finals; Musetti va sotto, reagisce ma perde
Sconfitto in quattro set dall’argentino Baez
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
09 novembre 2021
23:53
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Il pubblico accorso al Palalido di Milano ha assistito ad una partita dai due volti in occasione dell’esordio di Lorenzo Musetti nelle Next Generation ATP Finals, che il tennista di Carrara ha comunque finito per perdere.
Musetti, n.58 del mondo, ha infatti ceduto malamente i primi due set, entrambi per 4-1, all’argentino Sebastian Baez (n.111).
Dopo aver chiesto l’intervento del medico per un problema muscolare all’addome, ha reagito nel terzo, vinto 4-3 al tie break dopo essersi fatto rimontare da 4-1 a 4-4, per poi procurarsi un set point e chiudere con un rovescio lungolinea.
Anche il quarto set si è deciso al tie break, che questa volta è stato favorevole a Baez.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Tennis: a Stoccoma Sinner sfida ex n.1 Murray
Altoatesino direttamente al 2° turno affrontando lo scozzese
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
10 novembre 2021
09:18
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Due gli azzurri in campo oggi nel secondo turno degli “Stockholm Open”, torneo ATP 250 dotato di un montepremi di 635.750 euro che si sta disputando sul veloce indoor della “Kungliga Tennishallen” nella capitale della Svezia.

Il primo a scendere in campo è Andrea Vavassori: il 26enne torinese, n.289 del ranking, dopo aver superato le qualificazioni (dove ha annullato 3 match-point al serbo Milojevic, n.137 ATP e terza testa di serie, e poi ha rimontato il croato Serdarusic, n.234 ATP e quinta testa di serie), ed aver vinto il suo primo match in un main draw ATP grazie al successo sul russo Pavel Kotov, n.271 del ranking, anche lui qualificato, deve vedersela con il canadese Denis Shapovalov, n.18 del ranking e 3 del seeding nonché campione in carica.
Tra i due non ci sono precedenti.
Nel tardo pomeriggio tocca invece a Jannik Sinner, prima testa di serie del torneo: il 20enne di Sesto Pusteria, n.10 del ranking e oramai certo della nona posizione nella “Race to Turin” (sarà riserva alle ATP Finals) dopo il forfait di Norrie nel torneo svedese, debutta direttamente al secondo turno contro il britannico Andy Murray, n.143 del ranking, in tabellone grazie ad una wild card. Anche in questo caso si tratta di una sfida inedita.
L’altoatesino precede nel seeding i canadesi Felix Auger Aliassime, n.11 ATP, e Denis Shapovalov, n.18 ATP, che nel 2019 a Stoccolma ha conquistato il suo primo – e finora unico – trofeo ATP (lo scorso anno il torneo è stato cancellato a causa della pandemia), ed il britannico Daniel Evans, n.26 ATP: per tutti e quattro ingresso in gara direttamente al secondo turno.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Libri: ‘Dopo il traguardo’, Alex Schwazer si racconta
In uscita domani. “Resoconto sincero di ciò che mi è capitato”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
10 novembre 2021
11:19
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“Questo libro è un resoconto sincero, schietto, fedele di ciò che mi è capitato.
Non è la confessione di un diavolo e neppure l’apologia di un angelo.
Chi vuole leggere la biografia di un uomo senza peccati ne deve scegliere un’altra, non la mia”. Alex Schwazer si racconta così in ‘Dopo il traguardo’, il libro edito dalla Feltrinelli in uscita domani. Dopo l’archiviazione del secondo procedimento penale per doping “per non aver commesso il fatto”, Schwazer vuole tornare a gareggiare. La sua è una storia di cadute e di redenzioni, di rinunce e di rinascite.
Il 36enne marciatore di Vipiteno diventa un campione da giovane, forse troppo giovane: “Il mio vocabolario comprendeva solo due parole, allenamento e riposo. Non avevo un colore preferito o un piatto preferito. Non avevo un passatempo, una passione o un obiettivo che non fossero la marcia”.
Alle Olimpiadi di Pechino del 2008 sale sul podio più alto nella 50 km di marcia. È il coronamento di un sogno. Ha solo ventitré anni. Ma quel trionfo complica tutto. È come la kryptonite, per lui. Si logora. Sempre più solo, e in preda alla depressione, va in Turchia e acquista l’eritropoietina, un ormone proibito. A poche settimane dalle Olimpiadi del 2012 arriva il controllo, e risulta positivo. Niente Londra. Niente più sport, forse. Una punizione esemplare. Ma è proprio allora che torna la febbre che sta prima e dopo ogni traguardo, il futuro che si tende nell’aria: “Quando ho toccato il fondo, mi sono chiesto come mi fossi cacciato in quella situazione – le parole di Schwazer – Quel giorno ha segnato la rinascita dell’uomo che avevo dentro e che da tanto tempo non trovava spazio per uscire. Quel giorno ho capito di essere in un labirinto immenso e apparentemente senza via d’uscita, nel quale brancolavo da anni.
Un labirinto nel quale avevo perso tutto. La persona che ero, la mia fidanzata, la credibilità, la dignità. Solo ora ne sono uscito”. “Sono sopravvissuto a un’imboscata, una macchinazione subdola e crudele che in altri momenti mi avrebbe annientato – sottolinea l’altoatesino – Ancora oggi, a distanza di cinque anni, non so come ho fatto a mantenere l’equilibrio. Questa è la storia che voglio raccontare”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Tennis: Alcaraz senza rivali alle Next Gen ATP Finals
Musetti prova a imitare Sinner
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
10 novembre 2021
12:24
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Il danese Holger Rune ha retto per due set.
Poi la potenza e la classe di Carlos Alcaraz hanno demolito il tennista di Copenhagen nel match di esordio delle Next Gen ATP Finals dove l’allievo di Mosquito Ferrero parte favoritissimo.
Lo spagnolo, secondo gli esperti di Sisal Matchpoint, è infatti destinato a entrare nell’albo d’oro della manifestazione visto che il suo successo è in quota a 2,10. La scalata di Alcaraz in questo 2021 è stata impressionante: a inizio anno era il numero141 della classifica mondiale, oggi è al 32° posto dell’ATP dopo aver vinto il suo primo torneo tra i grandi, a Umago lo scorso luglio.
Il rivale più accreditato del fenomeno di Murcia, appare Sebastian Korda, figlio d’arte visto che suo papà, nonché suo allenatore, Petr Korda, ha vinto gli Australian Open nel 1998.
Lo statunitense ha esordito nel torneo rimontando due set al francese Gaston e, dopo aver conquistato l’Open dell’Emilia Romagna quest’anno, punta dritto al secondo successo in carriera. Korda, che attualmente è numero 39 del mondo quindi leggermente più indietro rispetto ad Alcaraz, si gioca vincente a 3,50. Il terzo incomodo potrebbe essere l’altro americano Brandon Nakashima, inserito nello stesso girone di Alcaraz.
Sconfitto Cerundolo nel primo match, lo statunitense prova a inserirsi tra i due favoriti tanto che la sua vittoria è offerta a 5,00.
Non è stato felice invece l’esordio di Lorenzo Musetti, unico italiano presente alle Next Gen ATP Finals, che conferma un momento non felice. Battuto da Baez, l’azzurro cerca un immediato riscatto contro il francese Gaston, il quale però parte nettamente favorito. Musetti proverà l’impresa di succedere a Jannik Sinner nell’albo d’oro del torneo: impresa non facile visto che il suo successo pagherebbe 25 volte la posta.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Motonautica:tutto esaurito per raid internazionale Pavia-Venezia
A quota 133 gli equipaggi in gara per la 70/a edizione
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
10 novembre 2021
12:55
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Primo grande successo per il Raid Motonautico Internazionale Pavia-Venezia 2022, che a distanza di più di 6 mesi dal suo svolgimento ha già raggiunto il numero massimo di partecipanti, chiudendo le iscrizioni in appena 60 ore per l’esaurimento dei 133 posti disponibili.
Un evento mai successo nella quasi secolare storia del raid più lungo (413 km) e antico del mondo, che ha visto la sua prima edizione nel 1929.

La 70ª edizione del Raid Pavia-Venezia si terrà il 5 giugno 2022 sotto l’egida della Fim (Federazione Italiana Motonautica) e per la sua storia sarà l’evento finale del Salone Nautico di Venezia 2022. La mitica competizione nasce, quindi, sotto le più rosee aspettative, come confermato dagli organizzatori Giampaolo Montavoci (presidente dell’Associazione Motonautica Venezia) e Angelo Poma dell’Associazione Motonautica Pavia.
Proprio per la straordinaria partecipazione si conferma, anche quest’anno, il richiamo internazionale del raid, con iscrizioni già pervenute da ben 13 nazioni diverse (con ancora 50 tra moto e barche in waiting list): Italia, Inghilterra (con 9 equipaggi), Francia (7 equipaggi), Belgio, Olanda, Spagna, Malta, Svizzera, Austria, USA, Repubblica Dominicana, Svezia ed Emirati Arabi.
Tra i partecipanti spicca il nome del 10 volte campione del mondo di motonautica Guido Cappellini, che tenterà di vincere l’unica gara che manca al suo palmares. In gara anche l’emiratino di Abu Dhabi Rashed Al-Qemzi, campione mondiale in carica di Formula 2, Drew Langdon, l’ex campione di sci Kristian Ghedina (in coppia con Giampaolo Montavoci), il Presidente di Assonautica Venezia Marino Masiero, Tullio Abbate Jr e tanti altri fuoriclasse.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
BASKET AZZURRI: Italia; 24 nomi nella pre-lista per Russia e Olanda
Prime sfide per qualificazioni al Mondiale 2023
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
10 novembre 2021
15:54
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
L’Italia comincia il proprio percorso verso il Mondiale 2023 – la competizione attraverso cui sperare di accedere ai Giochi di Parigi 2024 -, che prevede le sfide con la Russia (venerdì 26 novembre a San Pietroburgo) e i Paesi Bassi (lunedì 29 novembre, al Forum di Assago).
Il ct, Romeo Sacchetti, ha diramato una lista di 24 nomia da cui sceglierà i 16 giocatori che si ritroveranno lunedì prossimo al Centro di preparazione olimpica dell’Acqua Acetosa di Roma.

Ecco la lista dei pre convocati: long list del CT Sacchetti Nicola Akele, Davide Alviti, Tommaso Baldasso, Giordano Bortolani, Leonardo Candi, Davide Casarin, Mouhamet Rassoul Diouf, Diego Flaccadori, Raphael Gaspardo, Alessandro Lever, Niccolò Mannion, Bruno Mascolo, Alessandro Pajola, Andrea Pecchia, Gabriele Procida, Michele Ruzzier, Matteo Spagnolo, Amedeo Vittorio Tessitori, Stefano Tonut, Leonardo Totè, Mattia Udom, Riccardo Visconti, Michele Vitali, Alessandro Zanelli.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Basket: azzurre domani in Slovacchia per qualificazioni Euro 2023
Lardo, trasferta insidiosa ma avverto energia ed entusiasmo
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
10 novembre 2021
19:19
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Le azzurre del basket cominciano domani il cammino verso l’Europeo 2023, che si giocherà in Slovenia e Israele, andando ad affrontare la Slovacchia a Piestany nel primo impegno del girone H che include anche Lussemburgo e Svizzera.
Faranno il loro esordio nel gruppo della nazionale maggiore Costanza Verona, Beatrice Barberis e Sara Crudo, mentre in Italia sono rimaste Matilde Villa e Mariella Santucci, che si riaggregheranno al gruppo da venerdì.

“La Slovacchia è avversario ostico, ha talento e qualità distribuite su molte giocatrici ed è una squadra atipica, con lunghe prestanti fisicamente ma pericolose anche dal perimetro – ha spiegato il ct, Lino Lardo -. Noi siamo positivi e motivati, ci sono tante facce nuove e quindi tanta voglia di mettersi in mostra. Non possiamo prescindere dalla difesa, che per noi equivale a pressione a tutto campo. Non sarà affatto facile ma al tempo stesso siamo desiderosi di imporre il nostro ritmo”.
Dopo la sfida in Slovacchia, la nazionale si trasferirà a Faenza dove domenica affronterà il Lussemburgo.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Next Gen Finals: Alcaraz vince ancora
Battuto Nakashima, questa sera Musetti cerca il primo successo
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
10 novembre 2021
19:18
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Carlos Alcaraz ha vinto anche il secondo incontro delle Next Gen ATP Final e si è confermato il principale pretendente al successo finale.
Lo spagnolo ha battuto in tre set (4-3, 4-1, 4-3) lo statunitense Brandon Nakashima, che a sua volta ieri aveva sconfitto l’argentino Juan Manuel Cerundolo.

Quest’ultimo ha perso ancora, nell’incontro che ha aperto la giornata all’Allianz Cloud di Milano – una sconfitta in quattro set di fronte al danese Holger Rune – ed è stato quindi matematicamente eliminato.
Questa sera Lorenzo Musetti ha già l’occasione per rifarsi della sconfitta di ieri contro l’argentino Sebastian Baez. Il carrarino chiude il programma della seconda giornata incrociando la racchetta con il francese Hugo Gaston, a suo volta sconfitto all’esordio dall’americano Sebastian Korda.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
India:minaccia stupro figlia neonata capitano cricket, arrestato
Per vendetta dopo la sconfitta della nazionale guidata da Kholi
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
NEW DELHI
10 novembre 2021
17:46
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Un ingegnere elettronico è stato arrestato a Mumbai per avere minacciato di stupro la figlia neonata di Virat Kholi, il capitano della squadra nazionale indiana di cricket.
Le minacce di Akubathini Ramnagesh, 23 anni, sono arrivate dopo la clamorosa sconfitta del team indiano da parte della nazionale pachistana nel campionato mondiale T20, lo scorso 24 ottobre.
L’esito della partita ha scatenato sui social una ridda di insulti e di post di violenza inaudita verso i giocatori indiani sconfitti dallo storico nemico.
Ramnagesh ha scritto su Twitter che si sarebbe vendicato sulla bambina, figlia di Kholi e della star di Bollywood Anuska Sharma, nata lo scorso gennaio.
La polizia lo ha incriminato per minacce sessuali, intimidazione, diffamazione e pubblicazione di contenuti osceni.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Pugilato: domani esordio Magnesi in Usa, per lui c’è ‘Rambo’
Fighter di Cave sfida filippino Lagos, ‘farò vedere chi sono’
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
10 novembre 2021
18:20
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Il momento è arrivato: Michael ‘Lonewolf’ Magnesi, imbattuto detentore del titolo Ibo dei pesi superpiuma domani a New York, sul ring del Paramount Theatre, farà il suo esordio in terra americana.
Questo incontro sarà il primo di una lunga serie che vedrà Magnesi impegnato contro alcuni dei migliori boxeur del panorama pugilistico internazionale.
Intanto il pugile laziale, originario di Cave, sfiderà il filippino Eugene ‘Rambo’ Lagos, imbattuto dal 2018 e che ha nel proprio record 11 successi prima del limite. Ha anche combattuto, nel 2016, per la corona Silver del Wbc.
Il Team Magnesi, guidato dal promoter Davide Buccioni, dal coach Mario Massai e dalla manager e moglie di ‘Lonewolf’ Alessandra Branco, è da quasi una settimana nella “Grande Mela” per assistere Magnesi nella preparazione in vista del match contro il ‘Rambo’ delle Filippine, che sarà trasmesso in diretta ‘pay per view’ su Fite.Tv, emittente apecializzata nella trasmissione di wrestling professionale, arti marziali miste e, appunto, eventi di boxe.
Per Magnesi è un momento fondamentale della carriera: Buccioni, infatti, ha siglato un accordo di collaborazione con il promoter interazionale Louis John “Lou” DiBella,Jr. per far disputare al campione di Cave altri due o tre match negli Usa che saranno il prologo di una sfida mondiale per la riunificazione di qualche sigla.
“Sono orgoglioso – le parole del promoter romano – di questa collaborazione con DiBella al centro della quale c’è un progetto imperniato su uno dei migliori talenti che io abbia mai visto e gestito: Michael Magnesi. Michael è arrivato in America non da sconosciuto pugile in cerca di fortuna, ma da campione con la voglia di confermarsi, affermarsi sui palcoscenici degli States e per collezionare cinture iridate”.
“Sono pronto – assicura Magnesi – per questa nuova sfida che rappresenta un passo fondamentale per la mia carriera. Farò vedere al pubblico americano chi è Il Lupo Solitario Italiano del ring. Intanto grazie al grande lavoro che ha svolto Alessandra Branco, mia moglie, riesco a dedicarmi esclusivamente al pugilato: abbiamo un main sponsor che mi garantisce la serenità economica necessaria a farmi vivere di pugilato”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Tokyo: Malagò, “bandiera sarda in pista, temevo squalifica”
Presidente Coni a Cagliari celebra eroi staffetta olimpica
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
10 novembre 2021
18:52
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“Quando ho visto in pista la bandiera sarda dei Quattro mori per un attimo ho avuto paura che ci squalificassero, perché non era previsto dal protocollo”.
Lo ha detto, con un sorriso, il presidente del Coni Giovanni Malagò, questo pomeriggio a Cagliari per partecipare alla cerimonia di premiazione dei campioni dell’Isola che hanno partecipato alle Olimpiadi e Paralimpiadi di Tokyo, ma anche del neo campione mondiale di ginnastica artistica Nicola Bartolini e Luna Rossa, che ha ‘casa’ a Cagliari.

Poco prima Filippo Tortu aveva svelato un ‘segreto’: “Quella bandiera l’abbiamo introdotta di nascosto – ha detto lo sprinter azzurro in collegamento da casa – con l’aiuto del fisioterapista. Io non sono nato e non sono cresciuto in Sardegna, ma ho sempre corso con la Sardegna nel cuore e lo farò sempre nel futuro. Dopo Tokyo sono voluto subito ad andare in Sardegna, nella casa della mia famiglia”.
Passaggio di testimone a Lorenzo Patta, altro protagonista della staffetta d’oro: “Prima della gara – ha detto il velocista di Oristano – sono andato da lui. Pensavo di tranquillizzarlo. E invece mi sono reso conto che era dieci volte più tranquillo di me, gli ho detto solo: corriamo e vinciamo. Sono stati i cento metri più belli della mia vita – ha detto Patta – non me li scorderò mai”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Pugilato: Irma Testa ambasciatrice ‘Un Sorriso per lo Sport’
Amazon e SSF insieme per inclusione minori disagiati
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
10 novembre 2021
18:59
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Amazon e Sport Senza Frontiere (SSF) si uniscono nella battaglia per garantire l’inclusione sociale di minori in situazioni di disagio.
Nasce così “Un Sorriso per lo Sport”, il progetto solidale ed educativo promosso da Sport Senza Frontiere, scelto e sostenuto da Amazon, che ha donato 200 mila euro, e rivolto a 150 bambini di Roma (60), Milano (40), Napoli (30), Torino (10), Bergamo (10), che vivono in condizioni di grave disagio socio-economico, di età compresa tra i 6 ed i 14 anni e alle loro famiglie.

Sport Senza Frontiere è la Onlus che dal 2011 organizza in Italia percorsi educativo-sportivi gratuiti per bambini in condizioni di difficoltà socio-economiche o psicologiche in varie aree a rischio ed inserisce i ragazzi in programmi sportivi, integrati, personalizzati e svolti più volte a settimana, seguendoli anche dal punto di vista psico-sanitario con visite mediche periodiche. Un monitoraggio che vedrà impegnata l’equipe di SSF anche in questa iniziativa, che permetterà ai bambini di praticare sport gratuitamente e di seguire l’esempio degli Ambassador del progetto, il campione del mondo Filippo Magnini e le medaglie olimpiche di Tokyo 2020 Vanessa Ferrari e Irma Testa, oltre alla ginnasta Carlotta Ferlito. “Il contrasto alla povertà educativa e all’emarginazione sociale – dichiara Alessandro Tappa, presidente di SSF – passa anche attraverso la necessità di garantire l’accesso allo sport come diritto fondamentale del minore a prescindere dalla condizione sociale dalla quale proviene. Il progetto si configura anche come intervento riabilitativo in risposta ai ‘danni collaterali’ causati dall’emergenza Covid-19. Siamo molto soddisfatti di aprire una stagione di collaborazione con Amazon che ci permetterà di raggiungere un numero maggiore di bambini e di utilizzare al meglio lo sport quale potente strumento di inclusione e recupero dalle difficoltà”. Alla campagna solidale si potrà contribuire donando uno dei prodotti della wish-list creata da Sport Senza Frontiere su Amazon.it, che comprende materiali sportivi che serviranno ai bambini per le loro attività.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Giro, Bernal sicuro: ‘Sarà una corsa molto dura già dall’Etna’
Il vincitore colombiano di quest’anno: ‘Ma anche bellissima’
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
10 novembre 2021
19:16
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
“Con queste tappe di alta montagna è chiaro che, anche il Giro d’Italia 2022 di ciclismo, sarà duro.

Già il primo arrivo in salita, quello sull’Etna, sarà importante e potrebbe tagliare fuori dalla lotta per la maglia rosa chi non si farà trovare al 100%.
Poi, ci saranno salite mitiche, come il Mortirolo, dove grandi campioni hanno scritto pagine importanti, mi riferisco a Pantani e a tanti altri”. Così Egan Bernal, vincitore del Giro d’Italia 2021, commenta le tappe di alta montagna, che sono state svelate oggi dagli organizzatori di Rcs Sport-La Gazzetta dello Sport.
“Sarà un Giro bellissimo – ha aggiunto il corridore colombiano – da vedere e affrontare: le sei tappe di montagna risulteranno decisive per la classifica generale”.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Sci: stagione finita per l’austriaco Leitinger
Anche Pinturault e Odermatt disertano il parallelo Lech
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
LECH (AUSTRIA)
10 novembre 2021
19:18
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Stagione già finita per l’austriaco Roland Leitinger che si era piazzato al secondo nel gigante d’esordio a Soelden: in un allenamento in vista del gigante parallelo del prossimo fine settimana a Lech si è procurato la rottura dei legamenti del ginocchio destro.
Per Leitinger, 30 anni, c’era stato un analogo incidente nel 2018 e anche allora aveva dovuto chiudere anticipatamente una stagione olimpica.
Oltre a Mikaela Shiffrin e Petra Vhlova, anche due altri campioni diserteranno poi il prossimo gigante parallelo di Lech: sono il francese Alexis Pinturault e lo svizzero Marco Odermatt.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Tennis, Stoccolma: Sinner ko con Murray, esce dalla Top 10
L’altoatesino, testa di serie n.1, è stato battuto in due set
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
10 novembre 2021
22:47
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Finisce presto l’avventura di Jannik Sinner nel torneo Atp di Stoccolma.
L’altoatesino, che era testa di serie n.1, è stato sconfitto in due set da Andy Murray con il punteggio di 7-6, 6-3, al termine di un match durato 2h15′.
La sconfitta in terra svedese è costata a Sinner la Top 10 nel ranking mondiale. All’azzurro, per restare ancora fra i primi 10 tennisti del mondo, sarebbe servita una vittoria sul cemento svedese. Sinner è stato superato dal canadese Felix Auger-Aliassime.
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Tennis, Next Gen Finals: Musetti oltre il tempo, Gaston ko
Toscano s’impone in cinque set al termine di una lunga maratona
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
10 novembre 2021
23:50
SPORT TUTTE LE NOTIZIE
Lorenzo Musetti ha battuto il francese Hugo Gaston in cinque set al termine di un incontro valido per il Gruppo B delle Next Gen Atp Final di tennis che sono in corso nell’Allianz Cloud di Milano.
Interminabile il match fra i due che ha visto prevalere alla fine l’azzurro con il punteggio di 4-3 (7-4), 4-3 (8-6), 2-4, 3-4 (7-9) e 4-2.
Per Musetti era fondamentale vincere, altrimenti avrebbe rischiato l’eliminazione dal torneo.

La Tua opinione è importante! Vota questo articolo, grazie!
No votes yet.
Please wait...

1 pensiero su “SPORT TUTTE LE NOTIZIE”

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.