Politica tutte le notizie in tempo reale. Tutte, complete, approfondite. LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE: TUTTA L’INFORMAZIONE POLITICA NAZIONALE ED INTERNAZIONALE APPROFONDITA ED AGGIORNATA: LEGGI E RESTA INFORMATO!

Tempo di lettura: 273 minuti

Ultimo aggiornamento 23 Novembre, 2021, 00:08:14 di Maurizio Barra

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 23:28 DI DOMENICA 14 NOVEMBRE 2021

ALLE 00:08 DI MARTEDÌ 23 NOVEMBRE 2021

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Truffe alla Regione Lazio, arresti e sequestri Gdf Catania
In 3 regioni e 4 Paesi Ue, faro su 16 tra società e fondazioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CATANIA
14 novembre 2021
23:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Guardia di finanza di Catania sta eseguendo, in tre regioni italiane e in altri quattro Paesi europei, un’ordinanza cautelare nei confronti di quattro persone nell’ambito di un’inchiesta della Procura etnea su truffe alla Regione Lazio.
Sono accusate, con altri 11 indagati, di associazione a delinquere, truffa allo Stato, truffa, riciclaggio e autoriciclaggio.
In corso di esecuzione un sequestro nei confronti di 16 tra società e fondazioni con sede a Catania, Roma, Milano e Agrigento e a disponibilità finanziarie per oltre 500 mila euro. L’operazione ‘Moneyback’ interessa anche Germania, Malta, Svizzera e Regno Unito.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Perquisizioni ai No vax, nel mirino della chat negazionista anche Draghi
Provvedimenti nei confronti dei più radicali affiliati al canale Telegram ‘Basta dittatura’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
17:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Polizia ha eseguito una serie di perquisizioni in sedici città italiane nei confronti di No Vax e No Green Pass. Si tratta di 17 provvedimenti nei confronti dei più radicali affiliati al canale Telegram “Basta Dittatura”. Nei loro confronti sono ipotizzati, a vario titolo, i reati di istigazione a delinquere con l’aggravante del ricorso a strumenti telematici e di istigazione a disobbedire le leggi.
Gli indagati istigavano sistematicamente all’utilizzo delle armi e a compiere gravi atti illeciti contro le più alte cariche istituzionali, tra cui il presidente del Consiglio Mario Draghi.
Il canale social “Basta Dittatura” è uno degli spazi web di maggiore riferimento nella galassia dei negazionisti del Covid 19.
Il canale era già stato oggetto di un provvedimento giudiziario di sequestro nonché della decisione di chiusura da parte della stessa società, in considerazione della gravità dei contenuti pubblicati.
L’operazione è stata realizzata a seguito delle indagini svolte sotto la direzione dei magistrati specializzati della Procura della Repubblica di Torino, gruppo terrorismo ed eversione. Le complesse attività che ne sono conseguite, svolte congiuntamente dalla Polizia Postale e dalla Digos di Torino, sono state condotte per diverse settimane monitorando h 24 il canale divenuto- sottolinea una nota della Polizia- polo principale nell’organizzazione di proteste violente su tutto il territorio nazionale.
C’erano anche le forze dell’ordine, i medici, gli scienziati, i giornalisti e altri personaggi pubblici accusati di “asservimento” e di “collaborazionismo” con la “dittatura” in atto tra gli obiettivi di ‘Basta Dittatura’, la chat di riferimento della galassia dei negazionisti del Covid-19. Frequenti erano i riferimenti espliciti a “impiccagioni”, “fucilazioni”, “gambizzazioni”. Nei messaggi si alludeva anche a una nuova “marcia su Roma”. Presa costantemente di mira con pesanti insulti anche tutta quella parte di popolazione che, vaccinandosi e osservando le regole di protezione personale, ha accettato di rendersi “schiava” dello Stato. Tra gli indagati ci sono persone già note alle forze dell’ordine; alcune hanno precedenti per resistenza a pubblico ufficiale, rapina, estorsione e in materia di stupefacenti. Non mancano però anche gli incensurati, che online si sono avvicinati alle posizione No Vax. Tra gli identificati anche persone che in passato avevano promosso blocchi autostradali e ferroviari e partecipato a disordini di piazza.
“Ci stanno dando la caccia. Stiamo attenti. La verità fa male a questo governo”. È uno dei commenti apparsi su alcune chat Telegram No Vax e No Green Pass dopo la notizia delle perquisizioni a carico degli attivisti della chat ‘Basta dittatura’. C’è anche chi propone nuove proteste. “Potremmo organizzare gruppi di centinaia di persone – si legge – ed entrare senza mascherine in un centro commerciale.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ci rivolgiamo alle forze dell’ordine: state difendendo un governo che non è giusto, che sta facendo male. Il popolo si sta ribellando non perché è cattivo. Il nostro è un modo di dire no alle ingiustizie”.
Minacce ai magistrati della procura di Torino e alla polizia che indagano a carico degli attivisti della chat ‘Basta dittatura’. “Sapete cosa fare” si legge sui canali Telegram No Vax e No Green pass che hanno diffuso la notizia delle perquisizioni di questa mattina. “Bisognerebbe andare tutti sotto il palazzo a lanciare bombe, così la smettono con questa dittatura”, è uno dei tanti messaggi ora al vaglio della Digos della Questura di Torino.
Le 16 città coinvolte nell’operazione sono: Ancona, Brescia, Cremona, Imperia, Milano, Pesaro Urbino, Pescara, Palermo, Pordenone, Roma, Salerno, Siena, Treviso, Trieste, Torino, Varese. E’ stata eseguita dalla polizia di Torino con i Compartimenti Polizia Postale e delle Digos territoriali, con il coordinamento del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni e dalla Direzione Centrale della Polizia di Prevenzione.
Una tanica di acido è stata sequestrata nell’abitazione palermitana di un No Vax indagato dalla procura di Torino per istigazione a delinquere con l’aggravante del ricorso a strumenti telematici e istigazione a disobbedire le leggi. E proprio sulla chat il palermitano invitata a lanciare contro le forze dell’ordine bottiglie piene di acido. A Siena, invece, la polizia ha sequestrato un passaporto nazifascista dell’epoca, mentre a Brescia e Cremona sono stati rinvenuto coltelli e una balestra. A Torino gli indagati sono tre, fra cui una donna di 43 anni, parrucchiera destinataria, insieme a un altro uomo che non è coinvolto nell’indagine, di un foglio di via. Secondo gli inquirenti i due erano quelli più “oltranzisti” anche durante le manifestazioni con l’intento di radicalizzare la protesta.
La polizia postale di Torino nelle prossime ore chiederà alla Procura del capoluogo piemontese di avviare le procedure per l’oscuramento dei nuovi canali nati su Telegram dopo la chiusura di ‘Basta dittatura’. Si tratta di spazi su cui ancora oggi si leggono minacce rivolti a investigatori e magistrati, tra cui ‘Basta dittatura italiana’ e ‘Basta dittatura-proteste’.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cop26: Cingolani,194 stati a parlare,democrazia non bla bla
Atttenzione a non semplificare
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 novembre 2021
09:57
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ci troviamo di fronte a problemi di portata storica.
Le soluzioni non sono semplici,sono cose complicatissime”, “attenzione a non semplificare troppo e attenzione a non avere troppe aspettative”.
Lo ha dichiarato il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, a Radio24 commentando le critiche di Greta Thumberg su Cop 26.
“Capisco che gli attivisti giovani debbano tenere l’attenzione molto alta e contestare”, “Ma 194 Stati che per 2 settimane si chiudono in una stanza, per trovare una soluzione, è democrazia, non è ‘bla bla bla’. Non mi pare che andare in giro per le strade a urlare e suonare sia efficace”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bankitalia: debito inverte marcia, a settembre a 2.706 mld
Bankitalia: entrate tributarie, a settembre 35,6 mld, +19,7%
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 novembre 2021
11:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il debito pubblico italiano inverte la marcia.
Secondo il rapporto di Bankitalia, a settembre il debito delle Amministrazioni pubbliche è diminuito di 27,9 miliardi rispetto al mese precedente, risultando pari a 2.706,4 miliardi.
Il fabbisogno delle Amministrazioni pubbliche (15,6 miliardi) è stato più che compensato dalla riduzione delle disponibilità liquide del Tesoro (43,3 miliardi, a 96,3).
L’effetto degli scarti e dei premi all’emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione dei tassi di cambio hanno complessivamente ridotto il debito di 0,1 miliardi.
Con riferimento alla ripartizione per sottosettori, il debito delle Amministrazioni centrali è diminuito di 28,3 miliardi, mentre quello delle Amministrazioni locali è aumentato di 0,3.
Il debito degli Enti di previdenza è rimasto invece stabile.
Alla fine di settembre la quota del debito detenuta dalla Banca d’Italia era pari al 24,1 per cento (0,6 punti percentuali in più rispetto al mese precedente); la vita media residua del debito è rimasta stabile, a 7,6 anni.
A settembre le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari a 35,6 miliardi, in aumento del 19,7 per cento (5,9 miliardi) rispetto al medesimo mese del 2020. Nei primi nove mesi del 2021 le entrate tributarie sono state pari a 323,8 miliardi, in aumento del 12,4 per cento (35,7 miliardi) rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente. Oltre al più favorevole quadro macroeconomico, tale incremento riflette l’effetto di alcuni fattori straordinari tra i quali gli slittamenti di alcune imposte di competenza del 2020. E’ quanto si legge nel Rapporto di Banca d’Italia sulla Finanza Pubblica.   ECONOMIA

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Cop26: Cingolani, risultato importante, partito da G20
194 Stati riuniti per soluzione è democrazia non “bla bla bla”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 novembre 2021
11:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Abbiamo ottenuto un risultato importante, sviluppato dall’Italia: tutti i Paesi, compresi Cina e India, hanno accettato di non arrivare a 2 gradi di riscaldamento globale a metà secolo, ma a 1,5.
Questo è un risultato partito dal G20.
Per firmare l’accordo loro hanno chiesto di stabilire la tempistica di abbattimento del carbone.
Se avessimo fatto i duri e puri non avrebbero firmato e avrebbero liberalizzato completamente le loro attività”. Così il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, ospite di Radio24, commentando il risultato di Cop26. Il ministro si è tuttavia detto “molto insoddisfatto” della parte finanziaria.
“Non sono convinto – ha sottolineato – che tutti abbiano capito l’importanza della solidarietà”, perché per i Paesi più in difficoltà “dal 2015 erano stati promessi 100 mld l’anno, ma non ci siamo ancora arrivati, forse quest’anno li sfioreremo”.
Quanto al contributo dell’Italia “da mezzo miliardo – ha detto – quest’anno abbiamo triplicato le nostre cifre”. Riguardo le critiche degli attivisti Cingolani ha spiegato che “ci troviamo di fronte a problemi di portata storica. Le soluzioni non sono semplici, sono cose complicatissime”, “194 Stati che per 2 settimane si chiudono in una stanza, per trovare una soluzione, è democrazia, non è ‘bla bla bla'”. In ultimo il ministro ha ribadito l’importanza di una transizione equilibrata, perché “se si fa troppo in fretta si fanno ‘vittime’ in senso sociale”, ma se non si fa, ha avvertito, “le vittime le facciamo sul serio, perché ci sono catastrofi climatiche incombenti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Quirinale: Patuanelli, vedrei bene una donna
Draghi ha carte in regola per ambire a fare il Capo dello Stato
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
15 novembre 2021
11:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non mi dispiacerebbe una donna al Quirinale”.
Così il ministro delle politiche agricole Stefano Patuanelli rispondendo ai giornalisti all’arrivo al Consiglio Ue Agricoltura.
“Il presidente Draghi – ha detto Patuanelli – ha le carte in regola anche per ambire a fare il presidente della Repubblica. Io l’ho già detto una volta, a me non mi dispiacerebbe una donna al Quirinale”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Manovra: Letta, positiva disponibilità leader a mia proposta
Lavorare insieme per approvarla nel migliore dei modi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 novembre 2021
11:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Credo sia stato importante e positivo che ci sia stata una reazione generale di disponibilità a lavorare insieme per far sì che la legge di bilancio venga approvata nel modo più rapido e migliore possibile, e che non ci sia i Parlamento una situazione di tensione e difficoltà, perché questa sarebbe la cosa peggiore.
Il Paese deve essere aiutato nella ripartenza, quindi sono contento di quello che sta maturando in questi giorni”.
Lo ha detto il segretario del Pd Enrico Letta a margine di una iniziativa a Siena alla Camera di commercio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lagarde, netto calo prezzi energia in primo semestre 2022
Carenza materiali industria durerà diversi mesi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
15 novembre 2021
11:45
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La carenza di materie prime, attrezzature e manodopera pesa sulla produzione manifatturiera, indebolendo le prospettive a breve termine.
Sebbene la durata dei vincoli all’offerta sia incerta, è probabile che persistano per diversi mesi e si attenuino gradualmente solo nel corso del 2022″.
Lo ha detto la presidente della Bce, Christine Lagarde, in audizione al Parlamento europeo. Lagare ha inoltre sottolineato che gli attuali prezzi dei futures indicano un notevole allentamento dei prezzi dell’energia nella prima metà del 2022”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Green pass: Camera esamina dl, verso fiducia domani
Testo già approvato al Senato, scade a breve
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 novembre 2021
11:47
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Al via nell’Aula della Camera la discussione generale sul decreto legge relativo all’estensione del Green pass.
In base a quanto si è appreso da fonti parlamentari di maggioranza, il governo domani dovrebbe porre la fiducia sul testo, che è stato già approvato dal Senato e la cui scadenza è imminente.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Difesa:Lega, aziende strategiche restino italiane
Attraverso l’acquisizione da parte di Fincantieri
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 novembre 2021
11:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La Lega ritiene che il governo si debba impegnare ad assicurare che aziende strategiche del settore Difesa come ex Oto Melara ed ex Wass, poste in vendita da Leonardo, restino italiane e sotto controllo pubblico, attraverso l’acquisizione da parte di Fincantieri”.
E’ quanto riferiscono fonti del partito.

“La tutela degli interessi nazionali, specie in un settore delicato come la difesa, impone di escludere la cessione a gruppi industriali stranieri anche per tutelare innovazione, capacità produttive e posti di lavoro estremamente qualificati. Fincantieri, sotto l’abile guida di Giuseppe Bono, ha conseguito grandi successi sui mercati internazionali, e queste acquisizioni ne rafforzerebbero ulteriormente le capacità anche nei programmi di difesa europea, dove l’Italia può avere un ruolo da protagonista solo mantenendo e potenziando l’apparato industriale, non certo cedendolo a rivali e competitor”, concludono le medesime fonti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Madre si incatena a Perugia per figlio morto sul lavoro
Protesta su cancellata Fontana Maggiore, voglio giustizia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
15 novembre 2021
11:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Si è incatenata alla cancellata della Fontana Maggiore, nel centro storico di Perugia, esponendo accanto uno striscione anche le foto del cadavere del figlio morto in un incidente sul lavoro Lena Dodaj, la madre di Maringleno Dodaj, deceduto all’età di 25 anni, il 18 novembre del 2011, dopo essere precipitato dal tetto di una ditta di Narni Scalo.
“Voglio giustizia per mio figlio e resterò qui finché avrò forza” ha detto la donna ai giornalisti.

Sul posto è intervenuta anche la Digos della questura che sta tenendo sotto controllo la situazione.
“Mi appello a tutta la stampa nazionale perché voi siete la voce dei cittadini. Siamo vittime della magistratura” c’è scritto sullo striscione. “Mio figlio è stato seppellito a mia insaputa” un’altra delle frasi.
La donna è già stata protagonista di iniziative analoghe davanti al tribunale di Terni. “Manca la cosa principale, l’autopsia. L’unica cosa che può stabilire la causa della morte ma il magistrato non ha mai accettato. Non posso più vivere così” ha detto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lagarde, molto improbabile rialzo tassi interesse nel 2022
Presidente Bce, calo inflazione richiederà più del previsto
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
15 novembre 2021
11:49
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Riguardo ai tassi di interesse ufficiali, nella nostra guida prospettica abbiamo spiegato chiaramente le tre condizioni che devono essere soddisfatte prima che i tassi inizino a salire.
Nonostante l’attuale balzo dell’inflazione, le prospettive a medio termine rimangono contenute e quindi è molto improbabile che il prossimo anno vengano soddisfatte queste tre condizioni”.
Lo dice la presidente della Bce, Christine Lagarde, in audizione al Parlamento europeo.
“Vediamo ancora che l’inflazione si modererà il prossimo anno, ha detto ancora, ma ci vorrà più tempo di quanto inizialmente previsto” e “continuiamo a prevedere che a medio termine rimanga al di sotto del nostro nuovo obiettivo simmetrico del 2%”.
Anche dopo la fine dell’emergenza pandemica, ha spiegato, sarà comunque importante che la politica monetaria, compresa l’opportuna calibrazione degli acquisti di obbligazioni, sostenga la ripresa in tutta l’area euro e un ritorno sostenibile dell’inflazione al nostro target del 2%”. . “La sfida non è ancora finita, le decisioni che vengono prese dai decisori politici continueranno a determinare la forza della ripresa”, ha aggiunto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lagarde: ‘Per calo dell’inflazione più tempo del previsto’
‘Prevediamo che a medio termine resti sotto target 2%’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
16 novembre 2021
08:31
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Vediamo ancora che l’inflazione si modererà il prossimo anno, ma ci vorrà più tempo di quanto inizialmente previsto” e “continuiamo a prevedere che a medio termine rimanga al di sotto del nostro nuovo obiettivo simmetrico del 2%”.
Lo afferma la presidente della Bce, Christine Lagarde, parlando in audizione alla commissione per gli Affari economici del Parlamento europeo.

“La carenza di materie prime, attrezzature e manodopera pesa sulla produzione manifatturiera, indebolendo le prospettive a breve termine.
Sebbene la durata dei vincoli all’offerta sia incerta, è probabile che persistano per diversi mesi e si attenuino gradualmente solo nel corso del 2022”.

“Gli attuali prezzi dei futures indicano un notevole allentamento dei prezzi dell’energia nella prima metà del 2022”, afferma Lagarde.

“Riguarda ai tassi di interesse ufficiali, nella nostra guida prospettica abbiamo spiegato chiaramente le tre condizioni che devono essere soddisfatte prima che i tassi inizino a salire. Nonostante l’attuale balzo dell’inflazione, le prospettive a medio termine rimangono contenute e quindi è molto improbabile che il prossimo anno vengano soddisfatte queste tre condizioni”.

“Anche dopo la fine dell’emergenza pandemica, sarà comunque importante che la politica monetaria, compresa l’opportuna calibrazione degli acquisti di obbligazioni, sostenga la ripresa in tutta l’area euro e un ritorno sostenibile dell’inflazione al nostro target del 2%”. Così la presidente della Bce in audizione al Parlamento europeo, ricordando che a dicembre Francoforte annuncerà le sue intenzioni sul futuro del programma di acquisto di titoli di Stato. “La sfida non è ancora finita, le decisioni che vengono prese dai decisori politici continueranno a determinare la forza della ripresa”, ha aggiunto.

“L’implementazione rapida del Next Generation Eu dovrebbe contribuire a ridurre ulteriormente il divario” sulle diverse tempistiche di ripresa tra i Paesi dell’Eurozona. “E’ accurato dire che alcuni Paesi ritorneranno al livello pre-pandemico prima di altri e alcuni dovranno aspettare qualche mese e trimestre in più, questo ha a che fare con la gravità della crisi, le misure di contenimento adottate e le differenze della struttura economica”, ha spiegato Lagarde, evidenziando tuttavia che “la direzione della ripresa è migliore” di quanto previsto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Aperto e subito rinviato processo Palamara a Perugia
Accusato di corruzione per rapporti con imprenditore Centofanti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
15 novembre 2021
11:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Aperto e subito rinviato al 15 marzo prossimo il processo che vede imputato davanti al tribunale di Perugia l’ex consigliere del Csm Luca Palamara accusato di corruzione, insieme ad Adele Attisani, per i suoi rapporti con l’imprenditore Fabrizio Centofanti (che ha già patteggiato).

Nell’udienza di oggi è stata formalizzata la richiesta di costituzione di parte civile, tra gli altri, del Consiglio superiore della magistratura, dell’Associazione nazionale magistrati e del Ministero della Giustizia.

Palamara oggi non era in aula mentre per l’accusa erano presenti il procuratore Raffaele Cantone e i sostituti Gemma Miliani e Mario Formisano.
La presidente del tribunale Carla Giangamboni ha autorizzato le riprese audio-video del processo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Fedriga, Fvg andrà in giallo,non far pagare vaccinati
‘Numero ricoveri in area medica vicino al 15%’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
UDINE
15 novembre 2021
12:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non possiamo fare pagare il prezzo di eventuali nuove chiusure ai vaccinati, che hanno difeso se stessi e gli altri, partecipando alla campagna vaccinale”.
Lo ha detto oggi a Udine il presidente del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, commentando la situazione della pandemia in regione.

“Siamo a un passo dalla zona gialla – ha ricordato – e questo è dato dal numero dei ricoveri anche in area medica, molto vicino al 15%. Il Fvg andrà in zona gialla, ma per fortuna questo prevede misure ancora molto contenute. Tuttavia, il passaggio alla zona arancione sarebbe drammatico per l’economia, è una cosa che non possiamo e non dobbiamo permettere. Dunque è chiaro che l’invito che continuo a fare è vaccinarsi, se ancora non lo si è fatto, e a fare la terza dose dopo i sei mesi”.
Il governatore ha poi ribadito che “chi ha seguito le regole è ben diverso da chi, invece, porta in giro fake news, non vuole partecipare alla campagna vaccinale, racconta fandonie sul vaccino”. Secondo Fedriga, “ormai i dati scientifici ne dimostrano l’efficacia, in quanto proteggono noi e le strutture ospedaliere che, altrimenti, rischiano di diventare sovraffollate”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Direzione nazionale antimafia, Gratteri tra i candidati
In tutto sono 8, in corsa anche procuratori di Palermo e Napoli
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 novembre 2021
12:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri è tra gli otto magistrati che si sono candidati a succedere a Federico Cafiero De Raho al vertice della Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo.
In corsa ci sono anche i procuratori di Napoli, Giovanni Melillo, e di Palermo, Francesco Lo Voi.
Lo Voi è in ballo anche per la nomina a procuratore di Roma, così come il Pg di Firenze Marcello Viola, che come lui è contemporaneamente candidato alla guida della Procura nazionale antimafia.
Tra i magistrati che hanno presentato domanda al Csm (i termini sono scaduti l’11 novembre scorso) ci sono anche i procuratori di Catania, Carmelo Zuccaro, di Messina, Maurizio De Lucia, e di Lecce, Leonardo Leone De Castris. Non manca una candidatura interna alla Dna: è quella di Giovanni Russo, attualmente procuratore aggiunto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Galeazzi, passioni e ricordi per l’ultimo omaggio
Alla camera ardente in Campidoglio Lotito, colleghi e tanti cittadini
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
17:21
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La camera ardente di Giampiero Galeazzi è aperta in Campidoglio presso la Sala della Protomoteca, fino alle ore 18.
Due grandi foto, una degli anni in Rai e una del periodo da campione di canottaggio.
Sono fra le immagini che restano della camera ardente in Campidoglio per Giampiero Galeazzi, scomparso a 75 anni il 12 novembre a Roma.
Gente comune e volti noti (fra gli altri, Clemente Mimun, Enrico Mentana, l’ad Rai Carlo Fuortes e tanti colleghi del racconto sportivo Rai, da Ivana Vaccari a Amedeo Goria) dalle 11.30 stanno rendendo omaggio al grande giornalista nella sala della Protomoteca. In fondo, sono vicini due gonfaloni simbolo di profonde passioni e parti della vita del telecronista, quello della squadra del cuore, la Lazio, e del Circolo Canottieri Roma. Sul feretro, circondato dalle corone, c’è un grande cuscino di rose bianche e rosa pallido, sul quale è adagiata una maglia della squadra biancazzurra, con il nome di Galeazzi e il numero 9.
Il sindaco di Roma Roberto Gualtieri, arriva passando da un ingresso interno e si ferma con i figli di Galeazzi, Gianluca e Susanna. Le dichiarazioni per i giornalisti le fa l’assessore del Turismo, grandi eventi e sport Alessandro Onorato: “Giampiero Galeazzi amava Roma e Roma l’ha amato. È stato dimostrato in questi giorni quanto profondamente fosse entrato nelle case dei romani e di tutti gli italiani – spiega -. Nei prossimi giorni studieremo insieme alla famiglia, al mondo dello sport, il modo più giusto per ricordarlo e trasmettere la sua memoria ancora viva in tutti noi”. Il presidente della Lazio Claudio Lotito si sofferma sul grande rapporto di amicizia e stima che li legava: “Era un laziale autentico. E’ sempre stato presente in modo discreto, con grande competenza” sottolinea, annunciando che gli sarà dedicato un omaggio in occasione della prossima partita.” Era un grande cronista, con uno stile icastico, rendeva le sensazioni e le emozioni che viveva, Gli va tutto il nostro riconoscimento, per un tipo di giornalismo autentico è vero, un grande esempio di correttezza anche per le nuove generazioni”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mattarella: ‘Sconcertante quanto avviene a confini dell’Europa’
Il presidente della Repubblica a Siena sul dramma dei migranti tra Bielorussia e Polonia: ‘C’è un divario con i principi proclamati’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
11:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“E’ sconcertante quanto avviene ai confini dell’Ue, c’è un divario con i principi proclamati”.
Lo afferma il capo dello Stato Sergio Mattarella parlando del dramma dei migranti all’inaugurazione dell’anno accademico a Siena. Sorprendente il divario tra i grandi principi proclamati e non tenere conto della fame e del freddo a cui esposti esser umani a confini Unione”, ha aggiunto il presidente della Repubblica.
Il capo dello Stato rilancia l’appello all’accoglienza e cita l’esempio dell’Ateneo di Siena nell’accoglienza agli afgani. Scelta importante e “significativa” quella dell’Ateneo di Siena di accogliere alcuni studenti afghani, “di fronte a un fenomeno che si è visto in diverse parti nell’ambito europeo, di strano disallineamento, di incoerenza, di contradditorietà tra i principi dell’Ue, tra le solenni affermazioni di solidarietà” verso gli afghani “e il rifiuto di accoglierli. Singolare atteggiamento pensando all’atteggiamento e ai propositi dei fondatori dell’Ue che individuarono e indicarono orizzonti vasti, importanti, pur consapevoli della difficoltà per raggiungerli ma da affrontare con coraggio”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fedez: scendo in campo con Disumano, politica è cosa seria
‘Per realizzare insieme un’Italia ingiusta’. E promuove album
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 novembre 2021
13:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Scendo in campo perché la politica italiana è una cosa seria: Vota Disumano”: vestito elegante in giacca e cravatta, con sul grembo un cane volpino beige e sullo sfondo uno studio classico, Fedez torna a lanciare, da twitter, il suo manifesto politico (o il guerriglia marketing del nuovo album, intitolato Disumano).
Il video è una burla all’incontrario: “Ll’Italia è il paese che amo, qui ho le mie radici, le mie speranze, i miei orizzonti, qui – dice accarezzando il cane – ho imparato da mio padre e dalla vita il mio mestiere di truffatore, qui ho appreso la passione per i preti che fanno i tiktoker.
Ho scelto di scendere in campo e frodare la cosa pubblica, perché non voglio vivere in un paese civile, governato da forze mature e da uomini legati a doppio filo ad un passato di conquiste sindacali e diritti per tutti.
Il movimento si chiama Disumano ed è possibile realizzare insieme un grande incubo: quello di un’Italia sempre più ingiusta, menefreghista verso chi ha bisogno e che nelle recite di fine anno della comunità europea ha il ruolo del cespuglio.
Vi dico che possiamo, dobbiamo, costruire insieme per noi e per i nostri figli un nuovo miracolo italiano”, conclude alzando il pollice, mentre il logo del movimento ricorda quello di Forza Italia con la bandiera tricolore.
Gli hashtag di Fedez, con il ‘marchio’ delle unghie laccate sono #ioscelgodisumano #26novembre #fedezelezioni2023. Perché il 26 novembre? E’ la data di uscita del suo nuovo album. Il titolo? Disumano, appunto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio,Sahel priorità Italia, aumentata presenza in area
Ministro a Ue, ‘situazione securitaria resta allarmante’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
15 novembre 2021
14:20
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il Sahel è una priorità per l’Italia, data la sua posizione geografica che collega l’Africa Sub-Sahariana al bacino del Mediterraneo.
Per questo motivo in questi ultimi anni abbiamo aumentato considerevolmente la nostra presenza nell’area”.
Lo ha detto, a quanto si apprende, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio alla riunione del Consiglio Affari Esteri.
“Come confermato dai più recenti attacchi in Niger e dalla crescente destabilizzazione nel sud del Mali, la situazione securitaria resta molto allarmante”, ha sottolineato Di Maio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Palù: ‘L’Ema prenderà una decisione il 29 novembre sulla vaccinazione ai bambini’
“Terza dose normale percorso vaccinale”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
15 novembre 2021
14:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’Ema prenderà una decisione il 29 novembre sulla vaccinazione ai bambini.
Noi seguiremo quanto deciderà l’Ema”. Lo ha detto Giorgio Palù presidente dell’Aifa, intervenendo con il governatore Luca Zaia al punto stampa sulla situazione del virus in Veneto. Palù ha sottolineato che non si deve parlare “di terza dose come di uno spauracchio, è un normale passaggio del percorso vaccinale e vale per tutti i virus.
Le prime due dosi sono ‘prime’, la terza è detta ‘booster, ed è determinante anche nei confronti delle mutazioni”.
Il presidente dell’Aifa ha quindi aggiunto: “Poi non esiste una risposta unica, non esiste il vaccino che protegge al 100% perchè ogni persona ha un profilo genetico diverso: questo è dimostrato dall’effetto positivo sulla popolazione più giovane, mentre l’effetto diventa minore per gli over 60: la terza dose è per contrastare la mutazione del vaccino”. Sul Green pass Palù ha osservato che “è stato uno stimolo alla vaccinazione. Grazie a questo l’economia ha retto e quindi commutare la carta verde in certificato vaccinale è un passaggio normale”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Due operai morti in poche ore per incidenti sul lavoro
Uno è caduto dal mezzo schiacciasassi che guidava e l’altro è precipitato mentre ispezionava una canna fumaria
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
15 novembre 2021
14:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Incidente mortale sul lavoro alle 12 di oggi a Cerreto Guidi, nel Fiorentino in un cantiere per la realizzazione di un collettore fognario nei pressi del depuratore.
La vittima è un operaio di 51 anni: ha perso la vita ribaltandosi con lo schiacciasassi che stava guidando, finendo in un fossato.
Sul posto ispettori della Asl Toscana Centro e i carabinieri territoriali e del nucleo ispettorato del lavoro di Firenze.
Sempre oggi un altro operaio di 57 anni ha perso la vita in un incidente sul lavoro avvenuto questa mattina in un’abitazione di Bellizzi (Salerno). L’uomo, secondo una prima ricostruzione, stava ispezionando la canna fumaria di una stufa a pellet in un appartamento di via Olmo quando, per cause ancora ignote, ha perso l’equilibrio ed è caduto nel vuoto battendo la testa. L’impatto non gli ha lasciato scampo. Sono in corso accertamenti da parte dei carabinieri della compagnia di Battipaglia e da parte del servizio di prevenzione ed infortuni dell’Asl di Salerno. Il magistrato ha disposto il sequestro della salma che nelle prossime ore sarà sottoposta ad autopsia.   CRONACA

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Medico di base: ‘Chi è no vax cambi ambulatorio’
‘Vi guarisco, ma poi vi ricuso. Basta accuse stupide e offensive’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
15 novembre 2021
14:45
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Caro paziente, il Covid ha devastato la vita umana e professionale.
Fino a oggi, il vaccino è l’unica arma per non ammalarsi.
Se ha qualche dubbio o timore, sono a disposizione. Se invece crede che il vaccino sia una pericolosa arma in mano alle multinazionali del farmaco con la connivenza di noi medici di famiglia, è pregato di cambiare ambulatorio perché non tollero queste accuse stupide e offensive”. E’ il cartello apposto dal dott. Amedeo Giorgetti, medico di base a Recanati, nel suo studio, secondo quanto anticipa oggi il Corriere della Sera. Un cartello messo “in un momento di grande rabbia”. Giorgetti intende spiegare alla Asl i motivi della sua decisione e comunque ricusare i pazienti no vax dopo averli curati e portati a guarigione. Tra i casi che lo hanno portato all’esasperazione, “un paziente 55enne obeso, iperteso e diabetico, col quale da sei mesi sto discutendo per cercare di convincerlo a fare il vaccino e lui: ‘No, per carità, chissà che mi mettete dentro’. È risultato positivo al tampone”.
Giorgetti ha inviato l’equipe medica dell’Usca che lo ha seguito per le cure domiciliari. “Gli ho detto che una volta guarito avrebbe dovuto cambiare medico – prosegue -. Così ha fatto, per fortuna sua e mia”. E ancora “una coppia di 70enni che abitano in campagna al mio invito a vaccinarsi mi hanno preso a pernacchie. Sabato mattina la moglie mi chiama spaventata, gridando che il marito non respirava più. Li ho seguiti, ho subito disposto l’intervento dell’Usca. Ora stanno bene”. Non c’è solo il rifiuto del vaccino, ma anche “le accuse di essere venduto a Big Pharma. Basta avere a che fare con gente che mi tratta a pesci in faccia e quando prende il Covid non solo pretende di ricevere immediatamente assistenza, ma usa arroganza. Voglio dare un segnale forte ai no vax: se continuate così il vostro medico vi lascia. Chissà che il muro finalmente non si sgretoli…”. Il medico ha ricevuto “molto sostegno quando ho lanciato l’iniziativa sulla chat Renaissance Teams vs Covid, amministrata dal farmacologo Carlo Centemeri, che raccoglie nomi autorevoli delle medicina”. E oggi ha postato su Fb l’articolo del Corriere della sera, in un post che è stato condiviso da tanti e che ha ottenuto una mare di comenti positivi, ma anche, inevitabilmente, reazioni negative dai no vax.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sanità: talidomide, equiparati diritti vittime per arretrati
Cassazione accoglie ricorso. Presentata richiesta Fondo speciale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
15 novembre 2021
14:49
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono stati equiparati per tutte le vittime gli arretrati dei risarcimenti alle persone che hanno subito malformazioni causate dall’assunzione del farmaco talidomide.
Lo aveva stabilito di recente la Corte Costituzionale, le cui direttive sono ora applicate anche dalla Corte di Cassazione.
Il 20 ottobre scorso, infatti, quest’ultima ha accolto il ricorso di una delle vittime, Argentina Romanelli, che chiedeva proprio un uguale trattamento per le vittime da talidomide. La Cassazione ha rinviato gli atti alla Corte di Appello competente – quella di Salerno – ma in nuova composizione, che ora non dovrà riaprire il caso ma soltanto prendere atto della mutata legislazione in materia dovuta alla sentenza della Corte Costituzionale.
E, intanto, la stessa Romanelli ha promosso un emendamento che tutte le forze politiche hanno condiviso nella presentazione in Senato perché venga costituito un Fondo speciale per garantire il risarcimento alle vittime. Un Fondo che preveda una somma di circa 20 milioni di euro.
“Dopo 12 anni di calvario sono soddisfatta sotto il profilo amministrativo e ringrazio il ministro della Sanità Roberto Speranza e l’Onorevole Massimo Paolucci dello stesso ministero, per l’impegno in questa vicenda. Ho vinto perché la magistratura è dalla mia parte”, commenta oggi Argentina Romanelli.
Quest’ultima sarà in Senato proprio nei prossimi giorni per sostenere l’emendamento. “La sua approvazione consentirebbe – ha spiegato ancora la Romanelli – una copertura finanziaria e risparmierebbe al Ministero i vari contenziosi che verranno sollevati”.
La vicenda è complessa e risale agli anni ’50 e ’60 quando il talidomide era venduto come sedativo, anti-nausea e ipnotico. Il farmaco, poi ritirato dal mercato, assunto da donne in gravidanza avrebbe provocato gravissimi danni agli arti ai nascituri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dl fisco: Guerra,serve intervento per ‘sistemare’ patent box
Ci sono alcuni inconvenienti tecnici
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 novembre 2021
14:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Potrebbero arrivare correttivi al patent box, dopo la revisione del meccanismo incentivante inserita nel decreto fiscale.
Lo ha detto la sottosegretaria all’Economia, Maria Cecilia Guerra, parlando al videoforum di ItaliaOggi ‘Il cantiere delle riforme del Governo Draghi’.
“Per quanto riguarda il patent box – ha affermato – c’è sicuramente una necessità di intervento per sistemare meglio la formulazione della norma sulla quale sono stati rilevati alcuni inconvenienti tecnici”.
La norma del dl, con cui la detassazione sul reddito è stata trasformata in una deduzione dei costi, incompatibile con il credito di imposta per ricerca e sviluppo è stata aspramente criticata dal mondo delle imprese, in particolare dal presidente di Confindustria, Carlo Bonomi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Eutanasia: caso tetraplegico Marche, “ancora ritardi”
Ass. Coscioni, nuova diffida a Asur dopo verifiche equipe sanità
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
15 novembre 2021
15:39
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ancora un risposta interlocutoria dall’Asur Marche (Azienda sanitaria unica regionale) che informa di non aver ricevuto ancora il parere del Comitato Etico Regione Marche (Cerm) per il caso di Mario (nome di fantasia) 43enne tetraplegico marchigiano e immobilizzato da oltre dieci anni a seguito di un incidente stradale, che ha chiesto di accedere al suicidio assistito.
Lo denuncia l’Associazione Luca Coscioni in riferimento al “primo potenziale caso italiano: l’Asur “continua a procrastinare, senza alcuna indicazione temporale precisa, una procedura urgente la cui richiesta iniziale risale a agosto 2020”.

Il 43enne ha scelto di non andare in Svizzera per accedere al suicidio assistito (ha contattato Marco Cappato per ricevere aiuto, ottenendo poi il semaforo verde dalla Svizzera), e ha invece chiesto all’Asl di competenza di verificare le proprie condizioni per accertare i requisiti individuati dalla Corte Costituzionale (sentenza 242/19; caso Cappato\Dj Fabo) al fine di procedere legalmente in Italia. Dopo il diniego dell’Asur, il ricorso presentato dal collegio di difesa di Mario – avvocati Filomena Gallo, Massimo Clara, Angioletto Calandrini, Cinzia Ammirati, Francesca Re, Rocco Berardo, Giordano Gagliardini – è stato in un primo tempo respinto dal Tribunale di Ancona che in sede di reclamo ha invece imposto nel giugno scorso all’Asur di procedere con le verifiche.
A seguito di varie diffide dei legali, a settembre Mario è stato contattato dall’Asur per gli appuntamenti volti a verificarne le condizioni (colloquio con psicologi, medici palliativisti e neurologo) per accertamenti propedeutici al parere del Cerm, che sono stati eseguiti “scrupolosamente”. Il 14 ottobre è stato notificato a Mario l’avvenuto invio al Cerm della Relazione collegiale e i legali sono tornati alla carica con l’Asur per dare corso alla procedura. L’Asur il 12 novembre ha comunicato di essere ancora in attesa del parere del Cerm e dunque che “questo sarà depositato non appena trasmesso”. “In difetto di immediato e documentato adempimento dell’ordine del Giudice, – informa l’Associazione Luca Coscioni – saranno assunte tutte le tutele giudiziali ed istituzionali del caso”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Palù, su dosi a bambini Ema decide 29 novembre
“Terza dose normale percorso vaccinale”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
15 novembre 2021
16:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’Ema prenderà una decisione il 29 novembre sulla vaccinazione ai bambini.
Noi seguiremo quanto deciderà l’Ema”.
Lo ha detto Giorgio Palù presidente dell’Aifa, intervenendo con il governatore Luca Zaia al punto stampa sulla situazione del virus in Veneto.
Palù ha sottolineato che non si deve parlare “di terza dose come di uno spauracchio, è un normale passaggio del percorso vaccinale e vale per tutti i virus. Le prime due dosi sono ‘prime’, la terza è detta ‘booster, ed è determinante anche nei confronti delle mutazioni”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bonus casa: riattivato canale Agenzia delle Entrate
Flusso interrotto dopo dl anti-frodi. Richieste ripartono
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 novembre 2021
16:21
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato riattivato il canale dell’Agenzia delle Entrate per le comunicazioni relative ai bonus edilizi sulla casa.
Il flusso era stato temporaneamente interrotto dopo le modifiche apportate dal decreto antifrodi varato dal governo giovedì.
La piattaforma è stata aggiornata e le richieste possono ripartire.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In una nota l’Agenzia comunica che “è stato riaperto il canale per la trasmissione delle comunicazioni delle opzioni di cessione o sconto in fattura relative ai bonus edilizi.
La temporanea chiusura si è resa necessaria per adeguare la piattaforma informatica alle modifiche introdotte dal decreto legge n.
157/2021 (pubblicato nella G.U. n. 269 dell’11 novembre 2021)”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fincantieri costruirà multiruolo green per Guardia Costiera
Ordine da 80 milioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
15 novembre 2021
16:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
È stato firmato oggi a Roma, al Comando Generale delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, il contratto per la progettazione e la costruzione di un’unità d’altura multiruolo (UAM).
La firma è avvenuta tra il Comandante generale, l’Ammiraglio Ispettore Capo Nicola Carlone, e l’a,d, di Fincantieri, Giuseppe Bono, in rappresentanza di Fincantieri e Cantiere Navale Vittoria, che opereranno attraverso raggruppamento temporaneo di imprese (RTI).
L’ordine, di 80 milioni di euro, prevede la costruzione di una unità d’altura multiruolo e il servizio di temporary support per 5 anni, oltre all’opzione per altre 2 unità; esso prosegue l’esperienza maturata con le navi “Dattilo” e “Diciotti”, consegnate da Fincantieri nel 2013 e 2014.
La nuova nave potrà operare nel soccorso in mare, sicurezza della navigazione, tutela dell’ambiente marino e delle risorse ittiche, fino all’ impiego nell’ambito dei dispositivi di protezione civile. Potrà essere impiegata in missioni a lungo raggio, con autonomia logistica di almeno 20 giorni, superiore a 4.800 miglia, nelle quali potrà assumere anche il comando per coordinare mezzi aeronavali in aree di operazione. Lunga 85 metri, avrà un ampio ponte di lavoro con gru off-shore e rampa di imbarco per veicoli ruotati, con ponte di volo per appontaggio e decollo di elicotteri.
“La Guardia costiera cresce al passo con lo sviluppo della cantieristica italiana” ha detto l’Ammiraglio Carlone, Comandante Generale Guardia Costiera, “uno sviluppo necessario per un’organizzazione con un forte carattere tecnologico, professionale e operativo arrivata ad affermarsi come un’eccellenza del nostro Paese, riconosciuta a livello internazionale”.
Per Giuseppe Bono, A.d. di Fincantieri, “questo ordine conferma la grande versatilità del Gruppo, che oggi è in grado di offrire prodotti che rispondono con più alto grado tecnologico sul mercato alle esigenze specifiche di clienti diversi, in ciascun settore in cui operiamo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bonus casa: riattivato canale Agenzia delle Entrate
Flusso interrotto dopo dl anti-frodi. Richieste ripartono
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
10:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato riattivato il canale dell’Agenzia delle Entrate per le comunicazioni relative ai bonus edilizi sulla casa.
Il flusso era stato temporaneamente interrotto dopo le modifiche apportate dal decreto antifrodi varato dal governo giovedì.
La piattaforma è stata aggiornata e le richieste possono ripartire.
In una nota l’Agenzia comunica che “è stato riaperto il canale per la trasmissione delle comunicazioni delle opzioni di cessione o sconto in fattura relative ai bonus edilizi. La temporanea chiusura si è resa necessaria per adeguare la piattaforma informatica alle modifiche introdotte dal decreto legge n. 157/2021 (pubblicato nella G.U. n. 269 dell’11 novembre 2021)”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In taxi massimo in 2, controllo green pass in stazione
Oridanza Salute-Mims, stop treni se passeggeri con sintomi covid
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 novembre 2021
17:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sui taxi e sugli Ncc è “opportuno evitare che il passeggero occupi il posto disponibile vicino al conducente”.
Inoltre, sui sedili posteriori, “al fine di rispettare le distanze di sicurezza, non potranno essere trasportati, distanziati il più possibile, più di due passeggeri, se non componenti dello stesso nucleo familiare”.
E’ quanto prevede la nuova ordinanza del ministero della Salute e del Mims per il contenimento del Covid nei trasporti e della logistica in cui si precisa che il conducente ha l’obbligo di indossare una mascherina chirurgica o di livello superiore e deve avere il Green Pass. L’ordinanza prevede anche che nelle grandi stazioni ferroviarie provviste di barriere elettroniche per l’accesso ai treni il controllo del green pass debba essere fatto preferibilmente a terra mentre se sul treno ci sono passeggeri con sintomi riconducibili al covid le autorità sanitarie o di polizia possono decidere di fermare il treno stesso.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mattarella,su accoglienza afghani incoerenza ambito Ue
‘Fondatori indicarono orizzonti ampi pur consapevoli difficoltà’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
SIENA
15 novembre 2021
17:03
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scelta importante e “significativa” quella dell’Ateneo di Siena di accogliere alcuni studenti afghani, “di fronte a un fenomeno che si è visto in diverse parti nell’ambito europeo, di strano disallineamento, di incoerenza, di contradditorietà tra i principi dell’Ue, tra le solenni affermazioni di solidarietà” verso gli afghani “e il rifiuto di accoglierli.
Singolare atteggiamento pensando all’atteggiamento e ai propositi dei fondatori dell’Ue che individuarono e indicarono orizzonti vasti, importanti, pur consapevoli della difficoltà per raggiungerli ma da affrontare con coraggio”.
Lo ha detto il presidente Mattarella a Siena.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In taxi massimo in 2, controllo green pass in stazione
Oridanza Salute-Mims, stop treni se passeggeri con sintomi covid
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 novembre 2021
17:05
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sui taxi e sugli Ncc è “opportuno evitare che il passeggero occupi il posto disponibile vicino al conducente”.
Inoltre, sui sedili posteriori, “al fine di rispettare le distanze di sicurezza, non potranno essere trasportati, distanziati il più possibile, più di due passeggeri, se non componenti dello stesso nucleo familiare”.
E’ quanto prevede la nuova ordinanza del ministero della Salute e del Mims per il contenimento del Covid nei trasporti e della logistica in cui si precisa che il conducente ha l’obbligo di indossare una mascherina chirurgica o di livello superiore e deve avere il Green Pass. L’ordinanza prevede anche che nelle grandi stazioni ferroviarie provviste di barriere elettroniche per l’accesso ai treni il controllo del green pass debba essere fatto preferibilmente a terra mentre se sul treno ci sono passeggeri con sintomi riconducibili al covid le autorità sanitarie o di polizia possono decidere di fermare il treno stesso.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Botte perché rifiuta velo: Meloni, vicenda indegna
Non c’è spazio per chi non rispetta la nostra cultura e civiltà
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 novembre 2021
17:05
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Una vicenda indegna quella che vede coinvolta una ragazzina bengalese, picchiata ed umiliata dai familiari perché contraria ad indossare il burqa.
E questo è solo uno dei tantissimi casi che, quotidianamente, riguarda giovani maltrattati dai genitori in virtù dei dettami fondamentalisti.
È inaccettabile: nel nostro Paese non c’è spazio per chi non è in grado di rispettare la nostra cultura e civiltà. La mia solidarietà alla giovane, ora fortunatamente ospite di una struttura protetta”. Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Arriva la prima stretta anti-contagi: bus, treni e stazioni
Via a ordinanza Salute-Mims contro rischi covid nei trasporti. In taxi solo in 2, stop treni se sintomi covid
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
10:08
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ scattata la nuova stretta sui trasporti: è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale ed entra subito in vigore l’ordinanza contenente il «Protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del COVID-19 nel settore del trasporto» adottata dai ministri della Salute e delle Infrastrutture.
Prevede tra le disposizioni principali la possibilità per taxi e ncc di portare solo due passeggeri a bordo (se non sono dello stesso nucleo familiare), il controllo del green pass ai varchi elettronici nelle grandi stazioni e la possibilità di fermare i treni se a bordo ci sono persone con sintomi Covid.
Solo due passeggeri a bordo di taxi e Ncc, controllo del green pass direttamente ai varchi elettronici nelle grandi stazioni e possibilità di fermare i treni se a bordo ci sono persone con sintomi che fanno pensare al Covid.
Sono queste alcune delle principali disposizioni previste dall’Ordinanza approvata dal ministero della Salute e dal Mims per aggiornare le norme introdotte a marzo scorso contro rischi covid nei trasporti italiani.
Di seguito le principali misure per i vari settori:
– TRASPORTO FERROVIARIO: nei grandi hub ferroviari (Milano Centrale, Roma Termini, Firenze Santa Maria Novella), e dove possibile anche nelle altre stazioni, il controllo del green pass deve essere effettuato preferibilmente prima della salita sul mezzo. In caso contrario, il controllo può essere effettuato dal personale di bordo insieme alla verifica del biglietto. In caso di passeggeri con sintomi riconducibili al Covid, le autorità sanitarie e la polizia ferroviaria possono decidere, valutate le condizioni, di fermare il treno per procedere a interventi d’urgenza o di prevedere appositi spazi dedicati. Il convoglio dovrà poi essere sanificato prima di tornare operativo.
– TRASPORTO PUBBLICO LOCALE: nei bus e nei tram è previsto il riavvio graduale della vendita dei biglietti e delle attività di controllo a bordo e c’è la possibilità per i passeggeri di usare anche la porta anteriore, sarà installato un separatore protettivo dell’area di guida. I mezzi dovranno essere sanificati almeno una volta al giorno.
– TAXI E NCC: i sedili posteriori non devono essere occupati da più di due passeggeri se non sono componenti dello stesso nucleo familiare e all’interno del veicolo è possibile installare paratie divisorie tra conducente e passeggero.
– TRASPORTO MARITTIMO E PORTUALE: è necessario evitare quanto più possibile i contatti tra il personale di terra e il personale di bordo e comunque è raccomandata la distanza di almeno un metro. Per il personale e i passeggeri è previsto l’obbligo della mascherina.
– TRASPORTO MERCI: se sprovvisti di mascherine gli autisti devono rimanere a bordo, mentre se scendono ed entrano in contatto con altri operatori dovranno indossare la mascherina. Le attività di carico/scarico delle merci devono avvenire in condizioni di sicurezza, con modalità che non prevedano contatti diretti tra operatori e autisti. L’accesso agli uffici in aziende diverse dalla propria è consentito secondo modalità previste dalla stessa che prevedrà servizi igienici dedicati. E’ raccomandato l’utilizzo di modalità di pagamento online o no contact.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cittadini a Mattarella, ‘Presidente rimanga al suo posto’
Donato a Capo Stato camice firmato da ricercatori
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
SIENA
15 novembre 2021
17:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Rimanga al suo posto Presidente”.

Così un gruppo di cittadini si è rivolto al Capo dello Stato Sergio Mattarella quando ha lasciato la sede della Fondazione Toscana life sciences, al termine della sua visita a Siena.
Mattarella, in occasione della visita alla Fondazione, ha ricevuto in dono un camice con le firme dei ricercatori di Tls.
L’omaggio è stato consegnato al Capo dello Stato dal presidente di Tls Fabrizio Landi. Nella sede della Fondazione, Mattarella, accompagnato dal presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, dal sindaco di Siena Luigi De Mossi e dal presidente della Provincia di Siena Silvio Franceschelli, ha incontrato dodici giovani ricercatori e, dopo essersi intrattenuto con loro, ha ascoltato una breve presentazione delle attività che vengono svolte nel centro di ricerca, tra cui quella sugli anticorpi monoclonali per la cura del Covid-19. All’incontro, era presente anche lo scienziato Rino Rappuoli a capo del gruppo di ricerca.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pnrr: Colao,eseguire progetti in maniera ordinata e veloce
Ottimismo, ci sono fondi e programmi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
15 novembre 2021
17:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Dobbiamo essere ottimisti perché i fondi ci sono, i progetti anche.
Dobbiamo essere molto veloci e ordinati nel portali a esecuzione, però non sarei pessimista”.

Lo ha detto il ministro per l’Innovazione tecnologica la Transizione digitale, Vittorio Colao, parlando con i giornalisti a margine della prima tappa del tour nazionale per presentare il Pnrr al Paese. Al ministro è stato chiesto se saranno rispettati i tempi per la realizzazione dei progetti, cioè entro il 2026.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pnrr: Decaro, semplificazioni ottenute atto rivoluzionario
Ora assegnare risorse nel più breve tempo possibile
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
15 novembre 2021
17:17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Abbiamo ora la necessità di assegnare le risorse nel più breve tempo possibile.
Abbiamo avuto semplificazioni, ad esempio sulle gare e sul post gara.

Non sono tutte quelle che avevamo chiesto ma che credo siano un atto rivoluzionario”. Lo ha detto il sindaco di Bari e presidente Anci, Antonio Decaro, intervenendo a Bari alla presentazione del Pnrr.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pnrr: Garofoli, per alcune risorse si concorrerà con bando
Come asili nido, scuole innovative,ricerca, alloggi universitari
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
15 novembre 2021
17:24
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Molte” risorse del Pnrr “sono già state ripartite, come quelle per le infrastrutture.
Altre lo saranno nei prossimi mesi, come quelle per la sanità.
Per altre risorse gli enti territoriali, anche gli atenei e i centri di ricerca e le imprese, dovranno concorrere perché saranno indetti dei bandi ministeriali. Sono a disposizione di chi riuscirà a superare queste selezioni pubbliche”. Lo ha detto il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Roberto Garofoli, a Bari. Tra i bandi Garofoli ha citato quelli “per gli asili nido, per le scuole innovative, per la ricerca, per gli alloggi universitari”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 5.144 positivi e 44 vittime nelle ultime 24 ore
Tasso positività sale al 2%, +17 ricoverati in terapia intensiva
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 novembre 2021
17:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 5.144 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute, ieri erano stati 7.569.
Sono invece 44 le vittime in un giorno.
Ieri erano state 36. Sono 248.825 i tamponi per il coronavirus effettuati, ieri erano stati 445.593. Il tasso di positività è al 2% (ieri era all’1,7%). Sono invece 475 i pazienti in terapia intensiva in Italia, 17 in più rispetto a ieri. Gli ingressi giornalieri sono 41 (ieri 29). I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 3.808, ovvero 161 in più rispetto a ieri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pd: domani segreteria su legge di bilancio
Nella sede del Nazareno
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 novembre 2021
17:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Domani alle 9, nella sede del Nazareno, si riunirà in presenza la segreteria del Partito Democratico.
All’ordine del giorno la legge di bilancio.
Lo rende noto il Partito Democratico.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lazio apre in settimana prenotazioni terza dose a over 40
In una settimana 64% vaccini sono i nuovi richiami
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
15 novembre 2021
17:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“E’ importante prenotare subito il proprio richiamo che andra’ in automatico dopo 180 giorni da ultima dose.
In questa settimana partiranno le prenotazioni rivolte a over 40 (nati nel 1981 in poi)”.
Lo annuncia l’assessore alla sanità del Lazio Alessio D’Amato. “Le somministrazioni del vaccino Covid sono aumentate del 10% rispetto al dato di una settimana fa, in prevalenza terze dosi che sono il 64%, il 24% sono seconde dosi e prime dosi al 12%. I richiami sono oltre 325 mila”, aggiunge D’Amato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Assolto per missile a Salvini, condannato per traffico armi
Condanna a 15 anni in provincia di Varese
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BUSTO ARSIZIO (VARESE)
15 novembre 2021
17:38
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
È stato condannato oggi in abbreviato dal Tribunale di Busto Arsizio (Varese) a 15 anni per traffico di armi Fabio Del Bergiolo, il 62enne di Gallarate (Varese) che si era visto archiviare lo scorso mese le accuse per il possesso di un missile aria aria con cui avrebbe voluto uccidere Matteo Salvini dal Gup di Milano.
L’accusa ne aveva chiesti 16.
Secondo le indagini della Questura di Varese concluse nell’ottobre del 2020, a gestire il presunto traffico di mitragliatori, kalashnikov, Uzi, granate e revolver diretti in teatri di guerra (tra cui Afghanistan, Iraq e Georgia) era proprio il 62enne. Del Bergiolo, come per le precedenti accuse, si è sempre dichiarato innocente e mero collezionista.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Presidi, criticità rilevazioni casi, Dad riprende posizioni
Manca collaborazione più efficace con servizi prevenzioni Asl
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 novembre 2021
18:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Nonostante i nostri auspici di una collaborazione più efficace ed efficiente tra istituzioni scolastiche e dipartimenti di prevenzione dobbiamo purtroppo rilevare la sussistenza di forti criticità”.
Lo afferma il presidente nazionale dell’Associazione presidi, Antonello Giannelli, ricordando che sono trascorsi quasi quindici giorni dalla pubblicazione della nota tecnica concernente le indicazioni per l’individuazione e la gestione dei contatti di casi di infezione da SARS-CoV-2 in ambito scolastico.
“Ci attendiamo, quindi, che anche i dipartimenti di prevenzione garantiscano il loro servizio senza soluzione di continuità. Nel frattempo, la tanto demonizzata Dad sta riacquistando le posizioni perdute, nonostante le tassative disposizioni di legge sulle attività in presenza e le finalità dichiarate dalla nota tecnica”.
La nota ministeriale del 6 novembre scorso, n. 1218, ricorda che “le azioni di sanità pubblica ricadono nell’ambito delle competenze dei Dipartimenti di Prevenzione (DdP) che risultano incaricati della disposizione delle misure sanitarie da intraprendere, inclusi l’isolamento dei casi, la quarantena dei contatti e le tempistiche per il rientro a scuola degli alunni/studenti/operatori scolastici”. Detta nota aggiunge che “fino all’intervento dell’autorità sanitaria, nell’immediatezza della conoscenza del caso positivo, l’Istituto scolastico attiva la seguente procedura già definita e standardizzata, che non comporta alcuna valutazione discrezionale di carattere sanitario”. Continua il Presidente dell’Anp: “In forza di tale procedura i dirigenti delle scuole, ancora una volta, non stanno venendo meno a gravose responsabilità – determinate unicamente dall’eccezionalità del contesto emergenziale – pur di garantire il servizio scolastico e la tutela della sicurezza collettiva. Sappiamo bene quanto il sistema sanitario si sia speso finora – e continui a farlo – per difendere il Paese dalla pandemia e gliene siamo grati”. “In alcune realtà rileviamo con amarezza che quel “caso in cui le autorità sanitarie siano impossibilitate ad intervenire tempestivamente” rischia di tradursi in un “quasi sempre”. In diversi territori, infatti, i dipartimenti di prevenzione non riescono a garantire la tempistica del testing o, addirittura, non applicano le nuove procedure di tracciamento. Ma l’aspetto più critico è che alcuni di essi spariscono dai radar delle scuole già dal tardo pomeriggio del venerdì per ricomparire solo il lunedì mattina mentre le segnalazioni di casi positivi, infatti, arrivano alle scuole anche di domenica. Il grande senso di responsabilità dei dirigenti non consente loro di ignorarle in attesa della ripresa lavorativa del lunedì e, pertanto, provvedono, nell’ assordante silenzio dei dipartimenti, a quanto previsto dalla nota ministeriale del 6 novembre nella consapevolezza che questo è necessario per combattere la diffusione del contagio”, aggiunge Giannelli. “Ci attendiamo, quindi, che anche i dipartimenti di prevenzione garantiscano il loro servizio senza soluzione di continuità, attrezzandosi al meglio per gestire la quarta ondata e facendo tesoro delle esperienze negative del passato. Nel frattempo, la tanto demonizzata Dad sta riacquistando le posizioni perdute, nonostante le tassative disposizioni di legge sulle attività in presenza e le finalità dichiarate dalla nota tecnica. E nonostante lo strenuo impegno di chi la scuola la dirige e del personale tutto, docente e ATA, che vi opera quotidianamente”, concludono i Presidi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: assessore Marche positivo, giunta in isolamento
Annullata anche seduta Consiglio regionale prevista per domani
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
15 novembre 2021
18:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo la riunione di giunta regionale Marche di oggi, è emersa la positività di un assessore al coronavirus: per questo motivo il presidente della Regione Francesco Acquaroli, gli assessori, il capo di gabinetto e il segretario generale della Regione Marche hanno “ritenuto opportuno, a partire da oggi, porsi in isolamento volontario in un regime di sorveglianza sanitaria, come previsto dalla normativa vigente”.
Lo fa sapere la Regione.

Inoltre il presidente dell’Assemblea legislativa Dino Latini ha deciso di annullare la seduta del Consiglio regionale delle Marche già programmata per domani ad Ancona alle 10.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo la riunione di giunta regionale Marche di oggi, è emersa la positività di un assessore al coronavirus: per questo motivo il presidente della Regione Francesco Acquaroli, gli assessori, il capo di gabinetto e il segretario generale della Regione Marche hanno “ritenuto opportuno, a partire da oggi, porsi in isolamento volontario in un regime di sorveglianza sanitaria, come previsto dalla normativa vigente”.
Lo fa sapere la Regione.

Inoltre il presidente dell’Assemblea legislativa Dino Latini ha deciso di annullare la seduta del Consiglio regionale delle Marche già programmata per domani ad Ancona alle 10.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Caso tesi Azzolina: gip, Salvini non insultò ma criticò
Archiviata indagine per diffamazione a Milano
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 novembre 2021
19:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La critica è stata certamente aspra ma non ha trasceso nell’insulto personale ed è basata su un fatto che non è stato radicalmente smentito da chi ha sporto querela.
E’ questo il senso del decreto con cui il gip di Milano Roberto Crepaldi ha disposto l’archiviazione dell’indagine nella quale il leader della Lega Matteo Salvini era accusato di diffamazione in seguito alla denuncia presentata dall’ex ministro dell’istruzione Lucia Azzolina dopo le polemiche sorte per la vicenda della tesi ‘copiata’.
Polemiche nate dopo un articolo pubblicato nel gennaio dell’anno scorso da Repubblica in cui si sosteneva che l’allora titolare del dicastero dell’Istruzione nell’elaborato, realizzato in conclusione degli studi presso la Scuola di specializzazione per l’insegnamento secondario della Toscana, avesse attinto informazioni da numerosi manuali, senza citarli, neanche nella bibliografia.
Il caso aveva provocato una levata di scudi contro l’allora neoministro da parte di esponenti del Carroccio. Matteo Salvini aveva pubblicato sui social un post, poi rimosso, in cui affermava: “Fare peggio del ministro Fioramonti sembrava impossibile. E invece Azzolina ci stupisce: si vergogni e vada a casa”.
Frasi che ora per il giudice, che ha archiviato l’indagine accogliendo la richiesta della Procura milanese, rispettano i requisiti della continenza della critica politica e della veridicità, anche perché, oltre al fatto che il segretario della Lega aveva tratto spunto per le sue critiche da un articolo di stampa il cui contenuto riteneva veritiero, lo stesso ex ministro Azzolina, nel replicare, ha spiegato che quella non era una tesi di laurea bensì una “relazione conclusiva del tirocinio fatto durante il corso”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Confesercenti, italiani più poveri, ripresa consumi sarà più lenta di quella del Pil
Messaggio di Mattarella: ‘Economia in recupero ma ancora criticità lavoro’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
12:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Oggi a Roma l’assemblea 2021 di Confesercenti che quest’anno celebra il cinquantesimo anniversario della fondazione.
Il futuro delle imprese di vicinato, del turismo, del commercio e dei servizi, tra emergenza sanitaria, economica e ripartenza: questo il tema al centro dell’assemblea, il culmine dell’attività associativa della confederazione delle piccole e medie imprese.
“La maggiore inflazione potrebbe sottrarre, in 2 anni, 9,5 miliardi di euro di consumi: circa 4 miliardi quest’anno e 5,5 miliardi del 2022”, avverte la presidente di Confesercenti, Patrizia De Luise, all’assemblea annuale: “La ripresa dei consumi sarà più lenta di quella del Pil.
A fine 2022 il volume dei consumi potrebbe rimanere al di sotto del livello pre-pandemico, con uno scarto residuo di circa 20 miliardi”. “La pandemia ha impoverito gli italiani. A fine 2021 il reddito medio delle famiglie sarà ancora 512 euro inferiore ai livelli pre-crisi”, e la prudenza ha portato ad una perdita di consumi “fra 35 e 40 miliardi annui”.
“Bene la riforma fiscale. C’è molto da fare”, avverte Confesercenti. “Gli 8 miliardi destinati dalla legge di bilancio ad alleggerire la pressione fiscale costituiscono una base di partenza molto ridotta. E non è ancora chiara la fase due: non è ancora definito come saranno ripartiti”, sottolinea De Luise. “Si tratta di una questione fondamentale. La riforma fiscale è una delle riforme abilitanti per innescare la trasformazione e il rilancio del Paese”, dice: “Va alleggerito il peso del fisco su famiglie ed imprese. Ma dobbiamo correggere anche un federalismo fiscale che è stato attuato in modo distorto. La gestione dei tributi locali, ad esempio, deve essere completamente rivista”. Ed anche perchè, calcola Confesercenti, “l’inasprimento della tassazione locale ed il ritorno alle tariffe 2019 sarebbero esiziali per tantissime attività del terziario e del turismo, con un maggiore onere per le imprese di circa tre miliardi di euro”.
Sul calo dei consumi “incide la crisi del lavoro”, avverte Confesercenti: “Dall’inizio dell’anno, sono stati recuperati solo 340.000 posti di lavoro dei 720.000 persi nel 2020: meno della metà. Per i lavoratori indipendenti, poi, è stata una vera e propria strage: sono 356.000 in meno rispetto al pre-covid”, sottolinea la presidente, Patrizia De Luise, nella sua relazione all’assemblea annuale. “E c’è un paradosso – rileva – : nel turismo e nei servizi non si trovano professionalità disponibili. Una domanda di 100.000 lavoratori da parte delle imprese non trova risposte”. Sono 100mila “posti vacanti per assenza di personale”, sottolinea Confesercenti, perché l’incertezza creata dall’emergenza Covid in alcuni settori “ha ridotto anche il personale specializzato disponibile”. In questo quadro del mercato del lavoro, avverte Patrizia De Luise, andrebbe “creata una strategia che consenta, da un lato di ridurre il costo del lavoro, dall’altro di proteggere chi lavora” ma. sottolinea, “la riforma degli ammortizzatori sociali proposta dal Governo è invece contradditoria rispetto alle previsioni di politica economica. Stimiamo che, per il solo settore del terziario, porterebbe ad un aumento di quasi 600milioni di euro delle contribuzioni, con aliquote triplicate”: un aumento medio complessivo per dipendente che Confesercenti calcola di 90 euro.
IL MESSAGGIO DI MATTARELLA – “La nostra economia appare in forte recupero dopo la crisi, anche grazie all’espansione dei consumi delle famiglie. La ripartenza vede protagoniste le imprese, grandi e piccole, che hanno resistito a momenti durissimi. Hanno saputo rilanciare la propria attività e l’occupazione, che tuttavia presenta ancora criticità, incluso l’ambito del lavoro autonomo, particolarmente colpito”. Così il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio inviato alla presidente della Confesercenti, Patrizia De Luise.
“Rivolgo – afferma Mattarella – le più sentite congratulazioni ai rappresentanti di Confesercenti, che celebra quest’anno i 50 anni dell’Associazione; un’occasione per ribadire il ruolo dei corpi intermedi nel progresso della nostra società, nel cooperare per il benessere della collettività”. “La nostra economia – sostiene il Capo dello Stato – appare in forte recupero dopo la crisi, anche grazie all’espansione dei consumi delle famiglie. La ripartenza vede protagoniste le imprese, grandi e piccole, che hanno resistito a momenti durissimi. Hanno saputo rilanciare la propria attività e l’occupazione, che tuttavia presenta ancora criticità, incluso l’ambito del lavoro autonomo, particolarmente colpito. Durante la pandemia, prezioso è stato il contributo del presidio sociale offerto, anche nelle aree più remote del Paese, dal sistema dei negozi di prossimità che, con coraggio, hanno fatto sì, con la loro presenza e attività, che il tessuto sociale, la vita quotidiana delle nostre comunità, non vivessero ulteriori difficoltà, evitando di gravare sui servizi di emergenza pubblici, già messi a dura prova. Il Piano nazionale di Ripresa e Resilienza può ora orientare il nostro modello di sviluppo verso un percorso più equo e sostenibile. Gli investimenti per trasformare la nostra economia, dall’innovazione tecnologica, alla digitalizzazione, alla formazione, ai progetti di rigenerazione urbana possono avere un impatto rivitalizzante anche per le piccole imprese e gli esercizi di vicinato – dal commercio al turismo – e ci consentono di guardare al futuro con maggior fiducia”. “Con questo spirito invio a tutti i partecipanti i più cordiali auguri di buon lavoro”, conclude.
“Il Piano nazionale di Ripresa e Resilienza può ora orientare il nostro modello di sviluppo verso un percorso più equo e sostenibile”, è il messaggio di Mattarella alla presidente della Confesercenti. “Gli investimenti per trasformare la nostra economia, dall’innovazione tecnologica- dice il Capo dello Stato – alla digitalizzazione, alla formazione, ai progetti di rigenerazione urbana possono avere un impatto rivitalizzante anche per le piccole imprese e gli esercizi di vicinato, dal commercio al turismo, e consentono di guardare al futuro con maggior fiducia”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Quasi tutti i leader dei partiti in prima fila i lavori dell’assemblea di Confesercenti. Da un lato, uno accanto all’altro, quelli di maggioranza, Enrico Letta, Giuseppe Conte e Matteo Salvini. Sul lato opposto, distanziata da un piccolo corridoio centrale, la Presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni.
“Confesercenti nella fase della pandemia ha dato un grande contribuito: se davanti all’Europa possiamo andare a testa è anche grazie a Confesercenti e alle altre organizzazioni”. Così il leader del M5S, Giuseppe Conte, all’assemblea di Confesercenti. “Sono per la semplificazione: abolire l’Irap e creare un’imposta unica per le imprese. Quindi modulare gli scaglioni Irpef, alleggerendo il carico delle fasce di reddito medie e basse”.
“Serve ridurre la tasse sul lavoro per aiutare la domanda interna”. Così il leader del Pd, Enrico Letta, intervistato all’assemblea di Confesercenti. “E’ giusto che ci sia un’estensione delle misure di protezione sociale e dell’uso della Cassa Integrazione, anche con un contributo a chi la usa”. “Ognuno di voi ha bisogno di leader politici che si assumano le responsabilità. La politica si assume le sue responsabilità: abbiamo voglia di aiutare in modo che la situazione migliori”, ha detto Letta tornando sull’ipotesi di un accordo generale tra forze politiche in vista della manovra.
“Fosse per me metterei tutti gli 8 miliardi su partite Iva, commercianti e professionisti”, ha detto l leader della Lega, Matteo Salvini. “Pronto a confrontarmi con Confesercenti sulla concorrenza sleale, penso a Amazon. Perché litigare sugli spiccioli quando c’è chi non paga le tasse in Italia”.
“Sugli 8 miliardi previsti in manovra per i tagli fiscali “c’è un questione di metodo: vanno concentrati su una cosa sola. E di merito: bisogna metterli sul cuneo fiscale”. La leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, lo sottolinea all’assemblea di Confesercenti. “La questione di metodo: 8 miliardi sono uno stanziamento significativo ma unicamente se concentrato su un solo grande obietto. Per il fatto che non è stato chiarito dal Governo dove operare quel taglio” si rischia, nel confronto parlamentare, che “si faccia il solito gioco del mettere un po’ qui e un po’ lì, e sarebbe un errore”. Nel merito, aggiunge, le risorse vanno concentrate “su una cosa sola sola: bisogna metterli sul cuneo fiscale”, per un taglio “dal lato dei lavoratori e dal lato imprese”, che darebbe una spinta “anche sui consumi. Allo sviluppo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cartabia in Usa rinnova richiesta trasferimento Chico Forti
L’imprenditore trentino è in carcere in Florida da 20 anni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
16 novembre 2021
00:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Ministra della giustizia Marta Cartabia ha rinnovato nel suo incontro odierno a Washington con l’attorney general Merrick Garland “la richiesta di trasferimento in Italia del connazionale Chico Forti, perché possa continuare a scontare nel suo Paese la pena dell’ergastolo cui è stato condannato per omicidio e per cui è recluso in un carcere della Florida”.
Lo afferma il ministero in una nota.

La Guardasigilli, spiega il ministero, “ha fornito all’Attorney General, autorità cui spetta la decisione finale sul caso previo assenso della Florida, i chiarimenti richiesti sul rispetto da parte italiana della convenzione di Strasburgo del 1983” sul trasferimento delle persone condannate.
L’imprenditore trentino Forti è detenuto da 20 anni in Florida per un omicidio di cui si è sempre protestato innocente.   MONDO

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Greta su Cop26, contenuti ancora più vaghi del bla bla bla
‘Sono riusciti persino ad annacquarlo, è un bel successo’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
08:21
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I risultati della Cop26 sono “ancora più vaghi del solito.
Sono riusciti ad annacquare il bla bla bla.
Questa è una conquista”. Lo ha detto Greta Thunberg in un’intervista alla Bbc a pochi giorni dalla conclusione del summit di Glasgow sul clima. “Purtroppo è finita come mi aspettavo. Ci sono tanti piccoli passi in avanti ma il documento può essere interpretato in tanti modi. E’ molto, molto vago”, ha sottolineato l’attivista svedese.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Blitz Polizia contro la ‘Ndrangheta, oltre cento misure
Indagine di 3 procure sulla cosca Molè, gruppi in Lombardia e Toscana
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
19:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Blitz della Polizia in diverse regioni italiane contro presunti appartenenti alla cosca Molè, una delle storiche famiglie di ‘Ndrangheta: sono oltre cento le misure cautelari chieste e ottenute da tre procure distrettuali antimafia, quelle di Milano, Firenze e Reggio Calabria. Al centro dell’indagine, nel corso della quale è stata sequestrata anche una tonnellata di cocaina proveniente dal Sudamerica, la cosca della Piana di Gioia Tauro, le sue ramificazioni in Lombardia e Toscana e le proiezioni all’estero.
Gruppi che, seppur dotati di una certa autonoma, operavano in stretta sinergia.
I reati contestati agli indagati sono, a vario titolo, associazione mafiosa, concorso esterno in associazione mafiosa, estorsione, detenzione e porto illegale di armi, autoriciclaggio, associazione per delinquere finalizzata al traffico di droga, produzione, traffico e cessione di sostanze stupefacenti, usura, bancarotta fraudolenta, frode fiscale e corruzione. A condurre le indagini sono state le squadre mobili di Reggio Calabria, Milano, Firenze e Livorno, coordinate dal Servizio centrale operativo della Polizia.
Al filone milanese dell’inchiesta ha lavorato anche il Nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di finanza di Como. I dettagli dell’operazione illustrati in tre distinte conferenze stampa in procura a Milano e Firenze e in questura a Reggio Calabria.
“Noi siamo come le raccomandate, arriviamo direttamente a casa”: così ha detto intercettata una delle persone finite in carcere oggi nel blitz contro la ‘Ndrangheta, coordinato dalla Procura di Milano, Firenze e Reggio Calabria. La frase che mostra “minaccia e autorevolezza” è stata citata durante la conferenza stampa indetta a Milano per spiegare il carattere di “arcaicità e modernità della ‘Ndrangheta”, con imprenditori, come ha spiegato il procuratore facente funzioni Riccardo Targetti, costretti a diventare “complici e a fornirei l loro know-how” sia con la permanenza degli aspetti della “tradizione” violenta delle cosche.
Si parla di una “locale europea” (la locale è una sorta di coordinamento delle ‘ndrine), in alcune intercettazioni ambientali agli atti del filone di indagine coordinato dalla Dda di Milano che oggi ha portato a 54 fermi tra la Lombardia e la Svizzera e che fa parte di una operazione più vasta che ha visto eseguire un centinaio di misure cautelari in tutta Italia contro la ‘ndrangheta, disarticolando le cosche Molè e Piromalli, ha detto in conferenza stampa il pm milanese Pasquale Addesso che insieme alla collega Sara Ombra e all’aggiunto Alessandra Dolci hanno coordinato le indagini condotte da Polizia e Gdf di Como.
“La criminalità organizzata non è un fenomeno incentrato solo in certe regioni, qua ha più difficoltà a prendere il controllo, anche politico, ma rischia di arrivare a prenderlo, se non si alza la soglia di allerta”. E’ l’appello alla “società civile” lanciato da Targetti nel corso della conferenza stampa per illustrare il maxi blitz contro la ‘ndrangheta che sta “inquinando” il tessuto economico lombardo. Per Targetti “chi si avvicina a questo mondo, per difficoltà o per timore nell’illusione di guadagnare migliori condizioni, deve sapere che sta giocando col fuoco”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, ha manifestato la propria “soddisfazione per le vaste e articolate indagini condotte dalla Polizia di Stato, con il coordinamento delle Direzioni Distrettuali Antimafia di Reggio Calabria, Milano e Firenze e con il supporto del Servizio Centrale Operativo della Direzione Centrale Anticrimine, che hanno portato all’arresto su tutto il territorio nazionale e all’estero di più di 100 persone ritenute appartenenti alla ‘ndrangheta”. “Le complesse operazioni, che hanno, tra l’altro, consentito di intercettare un importante traffico internazionale di sostanze stupefacenti e di sequestrare un ingente quantitativo di cocaina, testimoniano ancora una volta l’elevata capacità investigativa e la professionalità delle nostre forze di polizia nel contrasto alle organizzazioni criminali i cui interessi illeciti assumono sempre più un carattere transnazionale”, ha concluso la titolare del Viminale.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cartabia, la riforma della giustizia è una grande sfida ma ce la faremo
‘I tempi lunghi la principale preoccupazione degli investitori stranieri’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
16 novembre 2021
08:47
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sappiamo bene che la sfida e’ formidabile ma crediamo di potercela fare”: la guardasigilli Marta Cartabia, in visita negli Usa, ha rassicurato gli investitori americani sulla riforma della giustizia, che ha definito “la madre di tutte le riforme”.
Cartabia ha ricordato che, secondo una indagine del ministero degli affari esteri, la principale preoccupazione della business community “e’ arrivare in Italia e restare bloccati per qualsiasi ragione in procedimenti che durano troppi anni”, con effetti sulla reputazione degli investitori.  “La questione tempo e’ importante anche per le vittime dei crimini le cui denunce meritano interventi rapidi in tempi ragionevoli”, ha aggiunto.
L’obiettivo e’ snellire processi che durano in media 7 anni e mezzo nel civile e oltre 5 nel penale. “Troppo”, ha detto, parlando di una “palla al piede” che “rallenta l’intero Paese a detrimento della nostra vita socio-economica presente e delle generazioni future”.
“E’ tempo di cambiamenti, di non avere paura di prendere decisioni impopolari o di disturbare abitudini consolidate. Per questo il governo Draghi sta intraprendendo il programma di riforme coraggiosamente, risolutamente, pragmaticamente e collettivamente”: ha detto inoltre la ministra, illustrando le riforme della giustizia nella residenza dell’ ambasciatrice a Washington Mariangela Zappia davanti ad una platea della business community Usa, presenti giornalisti italiani e americani.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Blitz Polizia contro ‘Ndrangheta, oltre cento misure
Indagine 3 procure su cosca Molè, gruppi in Lombardia e Toscana
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
REGGIO CALABRIA
16 novembre 2021
09:10
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un blitz della Polizia è stato condotto in diverse regioni italiane contro presunti appartenenti alla cosca Molè, una delle storiche famiglie di ‘Ndrangheta: sono oltre cento le misure cautelari chieste e ottenute da tre procure distrettuali antimafia, quelle di Milano, Firenze e Reggio Calabria.

Al centro dell’indagine, nel corso della quale è stata sequestrata anche una tonnellata di cocaina proveniente dal Sudamerica, la cosca della Piana di Gioia Tauro, le sue ramificazioni in Lombardia e Toscana e le proiezioni all’estero.

Gruppi che, seppur dotati di una certa autonoma, operavano in stretta sinergia. I reati contestati agli indagati sono, a vario titolo, associazione mafiosa, concorso esterno in associazione mafiosa, estorsione, detenzione e porto illegale di armi, autoriciclaggio, associazione per delinquere finalizzata al traffico di droga, produzione, traffico e cessione di sostanze stupefacenti, usura, bancarotta fraudolenta, frode fiscale e corruzione.
A condurre le indagini sono state le squadre mobili di Reggio Calabria, Milano, Firenze e Livorno, coordinate dal Servizio centrale operativo della Polizia. Al filone milanese dell’inchiesta ha lavorato anche il Nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di finanza di Como.
In Calabria sono 36 le misure cautelari, 31 delle quali in carcere, eseguite dalla Squadra mobile di Reggio in esecuzione di un’ordinanza del gip su richiesta della Dda reggina.
Nell’ambito della maxi-operazione sono in corso anche sequestri preventivi di aziende, beni immobili, terreni e rapporti finanziari. Investigatori della squadra mobile e del Servizio centrale operativo stanno eseguendo il provvedimento cautelare emesso dal gip Tommasina Cotroneo in diverse regioni d’Italia e all’estero.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Prezzi: Istat, inflazione mai così alta dal 2012
Trainata da beni energetici. Inflazione acquisita all’1,8%
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
10:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’inflazione, aumentata a ottobre per il quarto mese consecutivo, si è portata da una variazione negativa registrata a dicembre 2020 “a una crescita di un’ampiezza che non si registrava da settembre 2012 (quando fu pari a +3,2%)”.
E’ quanto sottolinea l’Istat precisando che “i Beni energetici continuano a essere protagonisti, contribuendo per più di due punti percentuali all’inflazione e spiegando buona parte dell’accelerazione rispetto a settembre”.
L’inflazione acquisita per il 2021 è pari a +1,8% per l’indice generale e a +0,8% per la componente di fondo.
L’Istat rivede al rialzo le stime di inflazione. Nel mese di ottobre, comunica l’Istituto di statistica, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registri un aumento dello 0,7% su base mensile e del 3,0% su base annua (da +2,5% del mese precedente); la stima preliminare era +2,9%. L’ulteriore accelerazione dell’inflazione è in larga parte dovuta, anche in ottobre, ai prezzi dei beni energetici. Accelerano rispetto al mese di settembre, ma in misura minore, anche i prezzi dei servizi relativi ai trasporti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Regioni, stretta solo a no vax. Governo, non siamo Austria
Gelmini: ‘Per ora niente nuove restrizioni’. Renzi: ‘L’Italia faccia come l’Austria’. I governatori compatti nel chiedere restrizioni solo per i No vax
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
09:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ad oggi non sono necessarie ulteriori restrizioni: è sufficiente far rispettare le regole esistenti.
Tuttavia se la situazione della diffusione del virus in alcune regioni dovesse aggravarsi, fino ad arrivare alla zona arancione, è evidente che il prezzo delle eventuali chiusure non lo possano e non lo debbano pagare i vaccinati”.
È quanto scrive sui social il sottosegretario all’Interno Carlo Sibilia.
Il giallo e ancor di più l’arancione fanno paura ed i governatori scatenano l’offensiva sul modello austriaco: le restrizioni legate all’eventuale passaggio di colore di una Regione valgano solo per i non vaccinati, sul modello del lockdown duro deciso da Vienna per chi è senza immunizzazione. Ma arriva l’alt del Governo: “non è allo studio nessuna stretta sul modello austriaco”, spiegano fonti di Palazzo Chigi, sottolineando che i dati del contagio in Italia non sono paragonabili a quelli dell’Austria, che la situazione nelle terapie intensive ad oggi è sotto controllo e che continua il monitoraggio dei dati, con una valutazione prevista a dicembre, ma non si vuole fare alcun tipo di allarmismo. Condivide Matteo Salvini, che prende le distanze dai presidenti di Regione, anche da quelli leghisti: “Basta terrorizzare gli italiani. Stiamo lavorando per non chiudere, non proibire, niente a nessuno”.
Proprio dal presidente leghista della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga, con il suo Friuli candidato a passare in giallo, era partita la proposta: .”La mia idea – osserva – è che le restrizioni della zona gialla non valgono per i vaccinati. Chi si è protetto, ha partecipato alla campagna vaccinale, limita le ospedalizzazioni, salvaguarda il sistema di sanità pubblica non può pagare un prezzo di cui non ha nessuna colpa, perché ha creduto nella scienza e nello Stato”. Della stessa idea il compagno di partito e governatore della Lombardia, Attilio Fontana: “non possiamo pensare a restrizioni per questi cittadini che hanno dimostrato fiducia, consapevolezza e senso del bene comune”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Concorda il governatore della Liguria, Giovanni Toti. “Chiederemo al Governo – fa sapere – che le misure restrittive legate alle fasce di colore valgano per le persone che non hanno fatto il vaccino, non per le persone che lo hanno correttamente fatto”.
Anche per il presidente della Calabria, Roberto Occhiuto, “se si dovessero rendere necessarie nuove restrizioni – e il vero gradone è rappresentato a mio avviso dalla cosiddetta zona arancione – queste dovrebbero coinvolgere esclusivamente coloro che non si sono vaccinati”. Analoga la posizione di Alberto Cirio (Piemonte): “chi si è vaccinato ha dato prova di fiducia nelle istituzioni e io credo che questa fiducia debba essere ripagata”. Le Regioni si riuniranno giovedì per un confronto sul tema, mentre dubbi sulla praticabilità della proposta arrivano dai costituzionalisti. Sono due le sostanziali differenze tra zona bianca e gialla: obbligo di mascherina anche all’aperto, limite di 4 persone al tavolo al ristorante. Più pesanti le limitazioni in caso di passaggio ad arancione, con coprifuoco, chiusura di locali e stop a spostamenti. Salvini non vuol sentir parlare di nuove chiusure e condivide – dicono fonti della Lega – la linea del Governo; l’Italia non ha i numeri (ben più preoccupanti) dell’Austria, il sistema sanitario regge, la durata del Green Pass non cambia. L’obiettivo è evitare nuove restrizioni, ferma restando la massima attenzione per la tutela della salute.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La ministra Mariastella Gelmini ribadisce che le decisioni assunte “consentono al nostro paese di restare aperto. Abbiamo l’84% di cittadini vaccinati con due dosi, il governo monitora con grande attenzione l’andamento dei contagi, sollecita la terza dose, ha varato indicazioni sui mezzi di trasporto, per il momento ci fermiamo qui”. E anche la validità del green pass, aggiunge, “al momento resta di 12 mesi. Valuteremo poi in base all’andamento dei contagi”. Il punto sarà fatto all’inizio di dicembre, con in mano i dati aggiornati su curva dei contagi, tasso di occupazione di terapie intensive e posti letto ordinari e vaccini: ad oggi hanno completato il ciclo 45, 5 milioni di italiani (il 76,8% della popolazione), mentre la terza dose è stata inoculata a 3,2 milioni. Chiaro che si dovrà spingere sul ‘booster’. Ed ecco che, dopo il coinvolgimento della fascia 40-59 anni a partire dall’1 dicembre, ci potrebbe in seguito essere un ulteriore abbassamento dell’età: “è evidente che poi la terza dose sarà per tutti”, rileva la Gelmini. “Negli ultimi giorni abbiamo fatto circa 130 mila richiami al giorno – sottolinea il ministro della Salute, Roberto Speranza – dobbiamo insistere”.
Tra le altre ipotesi, il taglio a 9 mesi della validità del pass, mentre c’è chi chiede una sforbiciata anche alla scadenza del tampone antigenico: da 72 a 48 ore. Se ne parlerà tra un paio di settimane per una valutazione, con il coinvolgimento anche dal Cts. In appoggio alla posizione dei governatori si schiera il microbiologo Guido Rasi, consulente del commissario all’emergenza Francesco Figliuolo: “dobbiamo creare ambienti con il minor rischio possibile di circolazione. Quindi se i no vax, oltre a creare problemi intrinseci, hanno anche comportamenti che facilitino questa circolazione virale, questo deve essere oggetto di una riflessione importante”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Traffico strade ai livelli pre-Covid, ancora deboli aerei e treni
Il rapporto Mims sul terzo trimestre, indietro anche il Tpl
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
10:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il trasporto stradale di merci e passeggeri è, nel terzo trimestre, tornato ai livelli pre-Covid, mentre il trasporto ferroviario, quello aereo per passeggeri e il trasporto pubblico locale ancora non recuperano i flussi pre-lockdown.
E’ quanto emerge dal Rapporto dell’Osservatorio sulle tendenze di mobilità, elaborato dalla Struttura Tecnica di Missione del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (Mims) .
Nel trasporto stradale resta una lieve contrazione (-2%) del traffico rispetto allo stesso periodo del 2019 per i veicoli leggeri sulla rete Anas, mentre sulle autostrade si è registrato un aumento del 3%.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Prezzi: Istat, rivede inflazione a rialzo, +3% a ottobre
Aumento prezzi su mese +0,7%
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
10:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’Istat rivede al rialzo le stime di inflazione.
Nel mese di ottobre, comunica l’Istituto di statistica, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registri un aumento dello 0,7% su base mensile e del 3,0% su base annua (da +2,5% del mese precedente); la stima preliminare era +2,9%.
L’ulteriore accelerazione dell’inflazione è in larga parte dovuta, anche in ottobre, ai prezzi dei beni energetici.
Accelerano rispetto al mese di settembre, ma in misura minore, anche i prezzi dei servizi relativi ai trasporti.
L’inflazione, aumentata a ottobre per il quarto mese consecutivo, ha toccato una crescita di un’ampiezza che non si registrava da settembre 2012 (quando fu pari a +3,2%).
L’inflazione acquisita per il 2021 è pari a +1,8% per l’indice generale e a +0,8% per la componente di fondo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: sindaco Cagliari positivo, “sono a casa e sto bene”
Truzzu, “non abbassiamo la guardia anche se siamo vaccinati”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
16 novembre 2021
11:12
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu, è risultato positivo al Covid-19.
Lo ha annunciato lo stesso primo cittadino su Facebook.

“Quella che sembrava solo un po’ di stanchezza dopo un’intensa settimana di lavoro si è invece rivelata essere il virus – scrive Truzzu -. A parte qualche sintomo sto bene. Sono attualmente in isolamento e da casa continuerò a lavorare per la nostra città. Non abbassiamo la guardia, anche se siamo vaccinati. Prudenza e attenzione, sempre. A maggior ragione adesso che i contagi stanno risalendo”, conclude il sindaco di Cagliari.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gualtieri da Draghi, sostegno per il rilancio di Roma
Al centro dell’incontro Pnrr e Giubileo, ‘al via collaborazione’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
16 novembre 2021
11:31
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il sindaco di Roma Roberto Gualtieri ha incontrato questa mattina il premier Mario Draghi.
“È stato un incontro molto positivo, abbiamo affrontato tutti i temi principali che riguardano il futuro e il rilancio di Roma, a partire dal Pnrr.
Abbiamo discusso di infrastrutture, mobilità e delle grandi sfide del Giubileo e dell’Expo. Abbiamo trovato una grande attenzione ed un grande disponibilità da parte del presidente Draghi a sostenere il rilancio di Roma. È l’avvio dei una collaborazione molto positiva”, ha detto Gualtieri.
Per affrontare l’annoso problema della gestione dei rifiuti di Roma il sindaco intende fare leva anche sul Pnrr e sulla realizzazione di nuovi impianti come i biodigestori. “La situazione attuale è quella di un deficit di impianti e di sbocchi – ha detto Gualtieri al termine dell’incontro con Draghi – Alla fine di ottobre c’è stato un guasto di un impianto a Frosinone, che sta rallentando la raccolta. Stiamo lavorando intensamente per uscire da questa situazione di difficoltà che riguarda la raccolta ordinaria”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Indagine su concorsi Università Stranieri Perugia
Ipotesi irregolarità assunzione ricercatori e professori
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
16 novembre 2021
11:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Elementi che “consentono di ipotizzare” l’esistenza di irregolarità nello svolgimento di alcuni concorsi per l’assunzione di ricercatori e professori universitari all’Università per Stranieri di Perugia sono emersi da un’indagine del Nucleo di polizia economico-finanziaria della guardia di finanza di Perugia.
Corruzione per atto contrario ai doveri d’ufficio, induzione indebita a dare o promettere utilità, abuso d’ufficio, rivelazione ed utilizzazione di segreti d’ufficio e turbata libertà degli incanti i reati ipotizzati.

L’indagine non coinvolge l’attuale vertice della Stranieri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Green pass: Camera, governo pone fiducia sul decreto
Lo annuncia il ministro D’Incà
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
11:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il governo pone la questione di fiducia nell’Aula della Camera sul decreto legge sull’obbligo del green pass.
Lo ha annunciato all’Assemblea di Montecitorio il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà.

La seduta viene sospesa ed è convocata la conferenza dei capigruppo, che dovrà stabilire il prosieguo dei lavori dell’Aula.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
C.Destra: Meloni, bene con Salvini, ci vedremo anche con Cav
L’ incontro andato bene, abbiamo parlato di tutto
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
11:47
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ieri è andata molto bene, abbiamo parlato di tutto, in un lungo confronto come è normale che sia tra alleati.
Sicuramente ci vedremo anche con Berlusconi”,dice la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, rispondendo ad una domanda sull’incontro di ieri con Matteo Salvini.
“E’ giusto che in una fase così concitata, così particolare, si serri il fronte e si lavori quotidianamente insieme”, dice arrivando all’assemblea di Confesercenti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Confesercenti, italiani più poveri, persi 35/40mld consumi
De Luise, ripresa consumi sarà più lenta di quella del Pil
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
11:47
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La maggiore inflazione potrebbe sottrarre, in 2 anni, 9,5 miliardi di euro di consumi: circa 4 miliardi quest’anno e 5,5 miliardi del 2022”, avverte la presidente di Confesercenti, Patrizia De Luise, all’assemblea annuale: “La ripresa dei consumi sarà più lenta di quella del Pil.
A fine 2022 il volume dei consumi potrebbe rimanere al di sotto del livello pre-pandemico, con uno scarto residuo di circa 20 miliardi”; “La pandemia ha impoverito gli italiani.
A fine 2021 il reddito medio delle famiglie sarà ancora 512 euro inferiore ai livelli pre-crisi”, e la prudenza ha portato ad una perdita di consumi “fra 35 e 40 miliardi annui”.
Sul calo dei consumi “incide la crisi del lavoro”, avverte Confesercenti: “Dall’inizio dell’anno, sono stati recuperati solo 340.000 posti di lavoro dei 720.000 persi nel 2020: meno della metà. Per i lavoratori indipendenti, poi, è stata una vera e propria strage: sono 356.000 in meno rispetto al pre-covid”, sottolinea la presidente, Patrizia De Luise, nella sua relazione all’assemblea annuale.
“E c’è un paradosso – rileva – : nel turismo e nei servizi non si trovano professionalità disponibili. Una domanda di 100.000 lavoratori da parte delle imprese non trova risposte”. Sono 100mila “posti vacanti per assenza di personale”, sottolinea Confesercenti, perché l’incertezza creata dall’emergenza Covid in alcuni settori “ha ridotto anche il personale specializzato disponibile”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: nuovo boom contagi in Veneto (+1.278) e 4 vittime
Indicatori in crescita anche per ricoveri (+9)
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
16 novembre 2021
11:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo boom dei contagi da Coronavirus in Veneto, dove in 24 ore si sono registrati 1.278 nuovi casi, con il totale che arriva a 493.291.
Il bollettino regionale segnala anche 5 vittime, con il totale a 11.881.

In crescita sono tutti gli indicatori: 16.945 (+564) sono gli attuali positivi, mentre negli ospedali vi sono 325 ricoveri in area non critica (+8) e 65 (+1) nelle terapie intensive.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Toti, in Liguria nessuna emergenza
“Nostri ospedali ancora significativamente vuoti”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
16 novembre 2021
11:57
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’incidenza è alta in “molte parti del Paese, ma i nostri ospedali sono ancora significativamente vuoti, quindi non vi è alcuna emergenza nella nostra regione e non sono preoccupato, sono attento e prudente”.
Lo ha detto il governatore della Liguria Giovanni Toti a proposito dell’impennata di contagi in Liguria che ha fatto segnare un più 88% rispetto alla settimana precedente, particolare che secondo alcune fonti potrebbe portare, se continuerà a salire l’incidenza ogni 100 mila abitanti, la regione al colore giallo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: altri tre decessi in Alto Adige, incidenza a 400
143 i nuovi casi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
16 novembre 2021
12:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’Alto Adige registra altri tre decessi di pazienti covid.
Il numero complessivo delle vittime della pandemia sale così a 1.220.
L’incidenza settimanale oggi è di 400. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 143 tamponi pcr positivi su 1.289. In aumento i pazienti ospedalizzati nelle cliniche private che in un giorno salgono da 32 a 47. Stabili (9) i letti occupati in terapia intensiva, mentre cala a 70 (-4) il numero di pazienti nei normali reparti. In quarantena si trovano 6.722 altoatesini, mentre 71 sono stati dichiarati guariti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mattarella a Madrid: ‘Italia e Spagna sempre più vicine, l’Europa il nostro destino’
Incontri con il Re Felipe e con il premier Sanchez. Asse tra i due paesi sulla nuova agenda Med
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
22:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella è a Madrid per una visita di Stato, l’ultima missione all’estero del suo settennato.
Il Capo dello Stato è stato scortato nei cieli di Spagna da una aereo militare, come gesto di cortesia.
Al suo arrivo ha trovato, per il trasporto a palazzo reale dove l’attendeva re Felipe, una roll royce d’epoca.
Sempre più vicine per dare la spinta che serve all’attuazione del Recovery plan, per guidare il processo e – perchè no? – per convincere i Paesi rigoristi che la solidarietà di Bilancio può essere un fattore di crescita permanente. Questo è il senso della missione di Sergio Mattarella in Spagna, l’ultima visita di Stato del suo settennato, dove ha potuto toccare con mano la ritrovata profonda sintonia tra Roma e Madrid. Se non è un asse Mediterraneo poco ci manca: stesse preoccupazioni e stesso linguaggio sul problema dei flussi di migranti, analoghe ricette e tanta, tanta attenzione alla sponda sud del Mediterraneo ed ai rapporti da costruire in fretta con l’Africa. Il Recovery plan ci fornisce l’opportunità di costruire società più eque e inclusive, e ci deve proiettare nel futuro. Per far sì che sia davvero un successo serve la propulsione di Spagna e Italia e, come ha detto il premier Sanchez, bisogna sfruttare “le ottime relazioni che i due Paesi condividono e la nostra sintonia anche a livello europeo”: Per il presidente Mattarella bisogna quindi usare bene la “comune sensibilità”, ha ripetuto anche a re Felipe a palazzo Reale. Concetti analoghi aveva espresso in patria, prima della partenza, in un messaggio a Confesercenti: “il Piano nazionale di Ripresa e Resilienza può ora orientare il nostro modello di sviluppo verso un percorso più equo e sostenibile”, ha detto con lo sguardo rivolto alle imprese il cui settore presenta “ancora delle criticità”. Da giorni il capo dello Stato invita all’ottimismo avendo sempre cura di legare gli ottimi dati economici alla prosecuzione di comportamenti virtuosi. Più in particolare Mattarella oggi ha segnalato la necessità di non sprecare l’occasione unica del Pnrr.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La nostra economia appare in forte recupero dopo la crisi, anche grazie all’espansione dei consumi delle famiglie. La ripartenza vede protagoniste le imprese, grandi e piccole, che hanno resistito a momenti durissimi”. Mai come oggi a Madrid nei colloqui si è ricordato come Italia e Spagna abbiano delle responsabilità speciali in questa fase: sono infatti, lo ha ricordato anche Sanchez, i due principali “percettori” del Recovery plan. Dal buon uso che Roma e Madrid ne faranno dipende anche il futuro dell’Unione europea.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’ARRIVO DI MATTARELLA A MADRID VIDEO:

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Roma: Gualtieri da Draghi, sostegno per rilancio città
Da Pnrr a Giubileo,”al via collaborazione”. Oltre 2mld per città
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
16 novembre 2021
12:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il sindaco di Roma Roberto Gualtieri ha incontrato questa mattina il premier Mario Draghi.
“È stato un incontro molto positivo, abbiamo affrontato tutti i temi principali che riguardano il futuro e il rilancio di Roma, a partire dal Pnrr.
Abbiamo discusso di infrastrutture, mobilità e delle grandi sfide del Giubileo e dell’Expo. Abbiamo trovato una grande attenzione ed un grande disponibilità da parte del presidente Draghi a sostenere il rilancio di Roma. È l’avvio dei una collaborazione molto positiva”, ha detto Gualtieri.
“Ai circa 1,5 miliardi per il Giubileo in manovra, vanno aggiunte le risorse europee e quelle nuove stanziate in legge di bilancio per il trasporto pubblico di massa. Per Roma ci sono più di 2 miliardi. Sono soddisfatto e ringrazio il presidente Draghi”. Lo ha detto il sindaco di Roma Roberto Gualtieri parlando al termine dell’incontro con il premier. “Stiamo lavorando per assicurare nel medio periodo fondi soprattutto per la dotazione di metropolitane, Roma deve avere una rete adeguata”, ha aggiunto il primo cittadino sottolineando anche la collaborazione sul Pnrr.
Per affrontare l’annoso problema della gestione dei rifiuti di Roma Gualtieri intende fare leva anche sul Pnrr e sulla realizzazione di nuovi impianti come i biodigestori. “La situazione attuale è quella di un deficit di impianti e di sbocchi – ha detto Gualtieri al termine dell’incontro con il premier Mario Draghi – Alla fine di ottobre c’è stato un guasto di un impianto a Frosinone, che sta rallentando la raccolta.
Stiamo lavorando intensamente per uscire da questa situazione di difficoltà che riguarda la raccolta ordinaria”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
‘Ndrangheta: boss ‘arriviamo a casa come le raccomandate’
Procuratore di Milano, imprenditori costretti a esser complici
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 novembre 2021
12:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Noi siamo come le raccomandate, arriviamo direttamente a casa”: così ha detto intercettata una delle persone finite in carcere oggi nel blitz contro la ‘Ndrangheta, coordinato dalla Procura di Milano Firenze e Reggio Calabria.

La frase che mostra “minaccia e autorevolezza” è stata citata durante la conferenza stampa indetta a Milano per spiegare il doppio aspetto della ‘ndrangheta, da un lato quella ‘2.0 società per affari’ con imprenditori, come ha spiegato il procuratore facente funzioni Riccardo Targetti, costretti a diventare “complici e a fornirei l loro know-how” dall’altra la permanenza degli aspetti della “tradizione” violenta delle cosche.

Nel filone lombardo della maxi inchiesta, contro la cosca Molè risultano indagati anche l’ex sindaco di Lomazzo (Como) Marino Carugati e anche un ex assessore della giunta che era guidata dal primo cittadino, entrambi, tra l’altro, già condannati per bancarotta. Lo ha precisato il procuratore aggiunto della Dda milanese Alessandra Dolci nella conferenza stampa in Procura a Milano. Dolci ha messo in luce i “rapporti” tra il clan, attivo in Lombardia soprattutto tra le province di Varese e Como, e “ex pubblici amministratori”, ossia i due indagati. Gli affari della criminalità organizzata, comunque, spaziavano in vari settori: da quello delle pulizie a quello dei trasporti, senza dimenticare la ristorazione, e in tutti i campi l’evasione fiscale. Nel caso della ristorazione, c’è l’esempio di un ristorante milanese in un punto panoramico, gestito da una società riconducibile agli indagati, dichiarato fallito “per aver sistematicamente omesso il versamento delle imposte”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
‘ndrangheta: pm Milano agli imprenditori,non scherzate col fuoco
Il procuratore Targetti, ‘i clan possono prendere controllo’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 novembre 2021
12:46
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La criminalità organizzata non è un fenomeno incentrato solo in certe regioni, qua ha più difficoltà a prendere il controllo, anche politico, ma rischia di arrivare a prenderlo, se non si alza la soglia di allerta”.

E’ l’appello alla “società civile” lanciato dal procuratore facente funzione della Procura di Milano Riccardo Targetti nel corso della conferenza stampa per illustrare il maxi blitz contro la ‘ndrangheta che sta “inquinando” il tessuto economico lombardo.
Per Targetti “chi si avvicina a questo mondo, per difficoltà o per timore nell’illusione di guadagnare migliori condizioni, deve sapere che sta giocando col fuoco”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Quirinale: Renzi, non legarlo a patto su Manovra
Draghi? Tranne che centravanti Fiorentina gli farei fare tutto
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
12:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non trovo giusto legare il Quirinale al patto sulla manovra”.
Lo ha detto il leader di Iv, Matteo Renzi, all’Aria che Tira, su La 7.
“Draghi sarebbe un ottimo presidente della Repubblica, un ottimo presidente del consiglio europeo, della commissione europea. Tranne che il centravanti della Fiorentina gli farei fare tutto”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Manovra: Letta, leader politici si assumano responsabilità
Abbiamo voglia di aiutare in modo che la situazione migliori
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
12:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ognuno di voi ha bisogno di leader politici che si assumano le responsabilità.
La politica si assume le sue responsabilità: abbiamo voglia di aiutare in modo che la situazione migliori”.
Così il leader del Pd, Enrico Letta, intervistato all’assemblea di Confesercenti, tornando sull’ipotesi di un accordo generale tra forze politiche in vista della manovra.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Renzi, il lockdown sia solo per chi non ha vaccino
Mi piacerebbe che adottassimo stesso modello dell’Austria.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
12:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Mi piacerebbe che l’Italia adottasse lo stesso modello dell’Austria.
In lockdown, in zona gialla o arancione, ci vanno solo quelli che non hanno fatto il vaccino”.

Lo ha detto il leader di Iv, Matteo Renzi, all’Aria che Tira, su La 7.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Open: Renzi, non chiederò immunità
Se si arrivasse in Aula voterò per acquisizione materiale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
12:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Io non chiederò l’immunità, anzi, quando mai, semmai arriveremo in aula per votare per l’acquisizione del materiale, secondo me una cosa illegale e incostituzionale, ma quando arriverò alla discussione dirò che per me li possono prendere, purché seguano le regole.
Io voterò a favore della presa del materiale , ma andrò in tutte le sedi a vedere se hanno violato le leggi.
Per me è uno scandalo”. Lo ha detto il leader di Iv, Matteo Renzi, all’Aria che Tira, su La 7.
“Se qualcuno non ha fatto le cose per bene deve pagare”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Manovra: Conte, abolire Irap e intervenire su Irpef
Io sono per la semplificazione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
12:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono per la semplificazione: abolire l’Irap e creare un’imposta unica per le imprese.
Quindi modulare gli scaglioni Irpef, alleggerendo il carico delle fasce di reddito medie e basse”.
Così il leader del M5S, Giuseppe Conte, all’assemblea di Confesercenti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Bolzano, 4/a ondata non si ferma al Brennero
“Servono rispetto regole, controlli e booster”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
16 novembre 2021
13:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La quarta ondata arriva da nord e di certo non si ferma al Brennero.
Siamo ad un passo dal deragliamento, anche perché in Alto Adige abbiamo una bassa percentuale di vaccinati”.
Lo ha detto l’assessore alla sanità Thomas Widmann. In Alto Adige – ha detto – la quota degli immunizzati è del 10% inferiore al resto dell’Italia. “In due settimane il numero di nuovi casi è aumentato di 15 volte, l’incidenza di 10 e il numero di ricoveri è triplicato”, ha detto Widmann ribadendo che “serve il rispetto delle regole in vigore, più controlli e la terza dose che da domani sarà accessibile a tutti dopo sei mesi”.
Come ha aggiunto il governatore Arno Kompatscher, gli ospedali rischiano il sovraccarico. L’incidenza – ha fatto presente – è più alta nelle regioni del nord, come l’Alto Adige e il Friuli, “ma non solo per questioni climatiche, ma anche per il basso tasso di immunizzati”. Il presidente altoatesino ha lamentato anche la poca disciplina. “Non serve escludere i non vaccinati dal Green pass se questo non viene controllato”, ha sottolineato, invitando aziende, associazioni ed organizzazioni a far rispettare le regole ed evitare eventi che possono essere rinviati. “Tutti noi non vogliamo un altro lockdown”, così Kompatscher. L’assessore Widmann ha informato che in terapia intensiva si trovano “quasi esclusivamente non vaccinati e i pochi vaccinati hanno gravi malattie pregresse”. “Muoiono anche persone senza patologie importanti più giovani di me”, ha detto Widmann. “Le prenotazioni per la stagione invernale sono molte, ma siamo praticamente in zona gialla e il passo verso l’arancione è breve”, così l’assessore che ha annunciato contatti con Roma per poter intervenire in modo mirato almeno in alcuni comuni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ecomafie: Legambiente, nel 2020 34.867 reati, 4 ogni ora
Rapporto Legambiente. 46% illeciti in Sicilia, Campania, Puglia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
13:19
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’Ecomafia non conosce lockdown: nel 2020, anno della pandemia di Covid-19, in Italia sono stati 34.867 i reati ambientali accertati (+0,6% rispetto al 2019), con una media di oltre 95 reati al giorno, 4 ogni ora.
Lo denuncia il nuovo rapporto Ecomafia 2021, realizzato da Legambiente.
In aumento le persone denunciate (33.620, +12%), le ordinanze di custodia cautelare eseguite (329, +14,2%), i sequestri effettuati (11.427, +25,4%). Scende il numero complessivo dei controlli, da 1.694.093 a 1.415.907 (-17% rispetto al 2019). Con 5.457 reati accertati di illegalità ambientale nel 2020, al ritmo di 15 reati al giorno, seppure con una leggerissima flessione degli illeciti (92 in meno rispetto al 2019), ma un incremento delle persone denunciate (ben 654, pari al 15,5% in più), degli arresti, più che raddoppiati (50 contro i 24 del 2019) e dei sequestri (131 in più nel corso del 2020), la Campania, si conferma la regione dell”ecomafia a livello nazionale. L’emergenza sanitaria non ha bloccato gli incendi boschivi: 4.233, +8,1% rispetto al 2019. Poco meno di uno ogni ora i reati contro gli animali – 8.193, il 23,5% del totale di quelli ambientali – con 6.792 persone denunciate, oltre 18 al giorno, 5.327 sequestri e 33 arresti. Numeri comunque in difetto rispetto alla realtà.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Poste: pacchi consegnati in 90 minuti con servizio online
Su Roma e Milano consegne “Instant” anche di sera e festivi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
13:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Poste lancia Instant, il nuovo servizio di consegna veloce su Roma, Milano e presto nei principali centri urbani, per privati e professionisti che hanno l’esigenza di spedire documenti urgenti e pacchi fino a 20kg di peso con dimensioni non eccedenti le misure di 120 x 80 x 60 cm.

Il servizio, si legge in una nota, “è attivo tutti i giorni fino alle 23.00, con consegne anche di sabato e domenica ed è effettuato tramite il partner di servizi pony express PonyU”.
Il servizio, spiega Poste, è accessibile tramite il portale on line Poste Delivery Web all’indirizzo https://postedeliveryweb-retail.poste.it/postedeliveryweb/retail, dove è possibile visualizzare tre opzioni di consegna: in città, in Italia o all’estero.
Selezionando l’opzione “in città” si può verificare la disponibilità del servizio Instant, inserendo il Cap del mittente e quello del destinatario. Se la tratta è coperta si procede con l’acquisto scegliendo tra le soluzioni di consegna veloci disponibili: la consegna Instant, che prevede ritiro e consegna in città entro 90 minuti, oppure Today o Tomorrow che prevedono il ritiro e la consegna in giornata o il giorno dopo, in mattinata, il pomeriggio o la sera. Inoltre, conclude la nota, per effettuare questo invio non è necessario stampare alcuna etichetta, in modo veloce e totalmente green.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: Fvg, meno contagi (313) ma quattro decessi
In terapia intensiva sono 25, in altri reparti 168
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
16 novembre 2021
13:39
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Oggi in Friuli Venezia Giulia su 6.278 tamponi molecolari sono stati rilevati 249 nuovi contagi con una percentuale di positività del 3,97%.
Sono inoltre 25.196 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 64 casi (0,25%).
Nella giornata odierna si registrano quattro decessi: una donna (80 anni) e tre uomini (90, 89 e 64 anni) tutti di Trieste, di cui tre morti in ospedale e uno in una Rsa. Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 25, mentre i pazienti in altri reparti risultano essere 168. Lo comunica il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute Riccardo Riccardi.
I decessi complessivamente ammontano a 3.905, con la seguente suddivisione territoriale: 871 a Trieste, 2.034 a Udine, 691 a Pordenone e 309 a Gorizia. I totalmente guariti sono 114.060, i clinicamente guariti 169, mentre le persone in isolamento risultano essere 4.736.
Dall’inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 123.063 persone (il totale dei positivi è stato ridotto di due unità a seguito della revisione di altrettanti test rapidi) con la seguente suddivisione territoriale: 27.678 a Trieste, 54.755 a Udine, 24.045 a Pordenone, 14.880 a Gorizia e 1.705 da fuori regione.
Relativamente ai casi registrati all’interno del Servizio sanitario regionale: nell’Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina sono risultati positivi un infermiere, un medico, un operatore socio sanitario e un tecnico; nell’Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale due infermieri e due operatori socio sanitari; nell’azienda sanitaria Friuli Occidentale un terapista, un operatore socio sanitario e un infermiere.
Per quanto riguarda invece le residenze per anziani sono stati rilevati 5 casi tra gli operatori (Trieste, Grado e San Quirino) e 5 tra gli ospiti (Muggia e Ampezzo).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’Inferno di Dante diventa realtà virtuale, progetto didattico
Presentato salone OrientaMenti di Genova
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
16 novembre 2021
13:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Incontrare dal vivo i protagonisti della Divina Commedia seguendo la discesa agli inferi di Dante: sarà possibile alla 26^ edizione del salone nazionale dell’educazione OrientaMenti in programma da oggi al 18 novembre a Genova, dove l’azienda digitale Ett e la società no profit Parole O_Stili hanno allestito uno stand per presentare un nuovo progetto didattico.

Si tratta del cortometraggio ‘Dante VR 3D’ che attraverso un visore oculus restituisce la Divina Commedia in realtà virtuale.

La presentazione ufficiale del progetto 4.0 avverrà il 18 novembre nello stand Ett. Nel corso dell’incontro, la tematizzazione del canto XXXI dell’Inferno, quando Dante e Virgilio incontrano il gigante, verrà portata come modello di attività didattica, caricata sulla piattaforma http://www.ancheioinsegno.it, quest’ultima dedicata al mondo della scuola e realizzata da Parole O_Stili in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione. “Siamo dell’idea che la collaborazione tra un’azienda digitale e Parole O_Stili – ha dichiarato Giovanni Verreschi, amministratore delegato di Ett – sia una conferma che non esiste un confine definito e rigido tra cultura scientifica (Stem) e cultura umanistica”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

No vax perquisiti:Questore Pordenone,foglio via per indagato
Odorisio, provvedimento valido un anno
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PORDENONE
16 novembre 2021
14:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gli agenti della Digos e dell’Ufficio Polizia Anticrimine della Questura di Pordenone hanno notificato stamani la misura di prevenzione del “Foglio di Via Obbligatorio” dalla città di Pordenone, per 1 anno, disposto dal Questore Marco Odorisio nei confronti di un attivista “no Green pass”, di 51 anni, residente in provincia, facente parte dei 17 indagati dalla Procura della Repubblica di Torino.

“I presupposti – spiega la Questura -, si sono evidenziati a seguito degli elementi investigativi emersi a carico dell’uomo coinvolto, attivisti “no vax – no Green pass”, più radicali affiliati al noto canale Telegram “Basta Dittatura”, uno degli spazi web di maggiore riferimento nella galassia dei negazionisti del Covid 19″.

Il canale era già stato oggetto di un provvedimento giudiziario di sequestro nonché della decisione di chiusura da parte della stessa società in considerazione della gravità dei contenuti pubblicati.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Acquaroli, escludo passaggio Marche in zona gialla
Governatore in isolamento.Regole igieniche,vaccini, tracciamento
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
16 novembre 2021
16:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“È vero che nessuno di noi può sapere con certezza quale sarà l’andamento della pandemia nelle prossime settimane ma tuttavia, come detto in altre occasioni, in questo momento il passaggio in zona gialla è da escludere in quanto i ricoveri in area medica sono abbondantemente sotto al limite consentito”.
Lo dice in un post su facebook il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli, “da ieri pomeriggio in isolamento, come ormai noto, dopo la riunione di giunta a seguito della quale un assessore ha scoperto di essere positivo.

Nel frattempo oggi ho letto sulla stampa alcune ipotesi che vorrebbero ancora la nostra regione a rischio zona gialla”.
Ipotesi che il governatore smentisce, ricordando appunto i ricoveri in area medica. Ma proprio “per questo raccomando a tutti di prestare, in questa fase delicata, la massima attenzione e concentrarci nel rispetto delle regole che ormai tutti noi conosciamo. E cioè di indossare la mascherina nei luoghi chiusi e in caso di assembramento, di mantenere un distanziamento interpersonale e di curare l’igiene delle mani.
Questi, che sembrano ormai accorgimenti superati, sono invece sempre molto importanti – sottolinea – per rallentare la corsa della curva pandemica e, insieme alla vaccinazione e al tracciamento, sono strumenti indispensabili per tenere sotto controllo il contagio e i ricoveri ospedalieri”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scritta contro ebrei su cartello lungo sentiero Linea Gotica
In Lunigiana. Per Anpi ‘pericoloso atteggiamento nostalgico’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MONTIGNOSO (MASSA CARRARA)
16 novembre 2021
16:31
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Gli Ebrei sono il vero virus”: è la scritta comparsa su un cartello dedicato ai sentieri e alle trincee della Linea Gotica, recentemente ripristinati da volontari del Cai e dell’Anpi, al Pasquilio, località montana nel comune di Montignoso (Massa Carrara), in Lunigiana.
Secondo il Cai la scritta è recente, mentre l’Anpi di Massa Carrara denuncia, in una nota, “la gravità dell’episodio che evidenzia il riemergere nel nostro paese, di un pericoloso atteggiamento nostalgico, ma concreto e reale, che ha avuto il suo apice negli attacchi alla senatrice Segre, che ha dovuto essere messa sotto scorta da parte dello Stato”.

“Denunciamo insieme anche l’assenza di rispetto della storia della nostra comunità – aggiunge l’Anpi – e del lavoro svolto da uomini e donne per lasciarci un simbolo della memoria che riguarda tutti e invitiamo la cittadinanza a fare attenzione e a condannare con noi simili episodi”. I sentieri della linea Gotica sono tornati percorribili grazie ad un progetto di Regione Toscana e Provincia di Massa Carrara e grazie ai volontari del Cai che vi organizzano escursioni accompagnate.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fontana: ‘Niente restrizioni per chi si è vaccinato’
‘In Lombardia sono 8 milioni, l’atteggiamento va valorizzato’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 novembre 2021
16:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non possiamo pensare a restrizioni per questi cittadini che hanno dimostrato fiducia, consapevolezza e senso del bene comune”.
Così scrive su Fb il presidente della Lombardia Attilio Fontana, riferendosi agli “oltre 8 milioni di lombardi che hanno con convinzione e senso di responsabilità aderito alla vaccinazione” contro il Covid.

“In Lombardia, come tutti sanno, la campagna vaccinale ha ottenuto eccellenti risultati, trainando, con un sesto della popolazione, anche il dato nazionale. Certo non dobbiamo fermarci, dobbiamo insistere e convincere i cittadini a completare il ciclo vaccinale con la terza dose” ha scritto Fontana, convinto che “allo stesso tempo non va disperso lo straordinario risultato raggiunto, e anzi, va valorizzato l’atteggiamento” di chi ha scelto di vaccinarsi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: radiato medico-sindaco no vax del trevigiano
Szumski venetista al quarto mandato, una storia di provocazioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TREVISO
16 novembre 2021
16:45
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ solo l’ultimo episodio di una vita di provocazioni, proteste e ribellioni contro il centralismo, sanitario e politico, la radiazione dall’Ordine dei medici di Treviso di Riccardo Szumski, 69 anni, sindaco-medico di Santa Lucia di Piave (Treviso), decisa per le sue posizioni negazioniste sul Coronavirus, i vaccini e il Green Pass.

Esponente venetista, al quarto mandato come primo cittadino – fu eletto la prima volta nel lontano 1994, con una ‘pausa’ dal 2002 al 2012 – più volte Szumski si è fatto notare per le sue iniziative eccentriche e le sue esternazioni critiche, arrivate a toccare negli ultimi giorni anche il Capo dello Stato.

Politicamente Szumski venne alla “ribalta” verso la fine degli anni ’90, mettendosi a fianco della Life e dei Cobas del latte dello storico presidio di Vancimuglio; invitò il Governatore della Carinzia Joerg Haider alla storica fiera paesana nel 2001. Nel 2014 pagò con le casse del Comune la ‘Mini-Imu’ dovuta dai propri cittadini.
Tra le altre ‘gesta’ figura il diniego della piazza di Santa Lucia per celebrazioni del 2 giugno; il rifuto di sottoscrivere il protocollo Anci per l’accoglienza dei migranti, la distribuzione delle bandiere di S.Marco ai neonati, i certificati di nascita e matrimonio scritti in dialetto.
Da medico, oltre a compilare le prescrizioni per farmaci ed esami in dialetto, ha confessato di aver “aiutato” un amico a morire, poi con la pandemia ha subito espresso diffidenza per il Covid-19 e poi verso i vacciuni, arringando i cittadini in adunate negazioniste al parco. Infine, ha fatto issare un gazebo all’aria aperta a lato del municipio, per non sottoporsi – lui non vaccinato – al tampone ogni due giorni per entrare negli uffici comunali.
Szumski potrà comunque continuare a esercitare la sua professione, presentando ricorso alla Commissione centrale del ministero della Salute, che sospende il provvedimento dell’Ordine. La sua posizione resta comunque al vaglio dell’azienda Ulss 2 della Marca trevigiana, poiché non si è vaccinato contro il Covid, e per questo potrebbe venire immediatamente sospeso dal servizio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Sebastiani (Cnr), Provincia di Bolzano e Friuli Venezia Giulia vicini al giallo
‘A causa dei flussi di persone dall’Est. Più lontane le Marche’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
11:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Provincia di Bolzano e Friuli Venezia Giulia hanno i valori più vicini a quelli che fanno scattare l’ingresso in zona gialla.
Primo responsabile è il flusso di persone dai Paesi dell’Est.
Lo indica l’analisi del matematico Giovanni Sebastiani, dell’Istituto per le Applicazioni del Calcolo ‘Picone’, del Cnr.
“Seppure per la provincia autonoma di Bolzano la curva delle occupazioni nei reparti ordinari mostra un trend di frenata della crescita, il valore misurato il 15 novembre – osserva – sale al 15%, mentre la curva delle terapie intensive mostra un trend di forte crescita lineare ed è al 9%”. Più lontane da questi valori le Marche.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: quattro le Regioni a rischio giallo. Ecco quali sono IL REPORT
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
16:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono quattro le Regioni a rischio giallo, secondo quanto emerge dal report del Gruppo di Lavoro MADE dell’Associazione Italiana di Epidemiologia.
Si tratta di Friuli Venezia Giulia, Liguria, Valle d’Aosta e Veneto.
A rischio anche la provincia autonoma di Bolzano.

LEGGI IL RAPPORTO.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Pensioni, tavolo fino a marzo. ‘Draghi ha detto ci sarà’
Lo ha affermato Bombardieri lasciando Palazzo Chigi dopo l’incontro tra governo e sindacati
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
20:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ terminato, dopo oltre due ore, l’incontro tra il governo con il premier Mario Draghi ed i sindacati sulle pensioni e il fisco a Palazzo Chigi.

Il governo è disponibile ad aprire una discussione sulle pensioni con incontri che verranno fissati “a breve, già a partire da dicembre”.
Lo affermano fonti di governo al termine del tavolo a Palazzo Chigi con i sindacati. Nella legge di bilancio, affermano le stesse fonti, “non ci sono le risorse per affrontare una riforma strutturale delle pensioni”.
Scambio di battute sull’orizzonte del governo al tavolo sulle pensioni tra il premier Mario Draghi e il segretario della Uil Pierpaolo Bombardieri. Il sindacalista, come ha riferito lui stesso al termine dell’incontro, ha chiesto al premier garanzie sulla riforma delle pensioni: “Visto che il confronto sulle pensioni parte a dicembre ho domandato a Draghi se terminerà in tempi brevi o se l’orizzone è il Def” atteso tra fine marzo e inizio aprile “e lui ha confermato che quello è il tempo previsto. Poi gli ho chiesto – ha raccontato Bombardieri – se lo faremo ancora con lui e ha risposto: sì, lo farete come me”.
C”è stato “un confronto articolato su due temi principali. Su fisco hanno ascoltato le nostre tesi, ci siamo confrontati e si apre un confronto anche con simulazioni tecniche. E abbiamo preso l’impegno ad aprire i primi giorni dicembre un confronto su riforma legge Fornero. Intanto si avvierà un confronto con i ministri Franco e Orlando per capire se e dove ci sono spazi per intervenire nella manovra in corso”. Un confronto “per capire se ci sono disponibilità economica e volontà politica”, aggiunge.
Sull’insieme dei temi relativi a pensioni e fisco “abbiamo registrato una disponibilità ad un confronto” da parte del governo. “C’è la certezza dei risultati? No. Ad oggi abbiamo la possibilità di un confronto che non era scontata”. Così il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, al termine dell’incontro a Palazzo Chigi. “Dobbiamo vedere quali saranno le risposte”, intanto gli “approfondimenti” partiranno a breve, sottolinea.
Dal governo “c’è l’impegno”, e questo “nei prossimi giorni verrà discusso anche in Consiglio dei ministri”, “ad avviare il confronto dai primi di dicembre per una verifica e una riforma più complessiva della legge Fornero. Questo per noi vuol dire flessibilità in uscita, pensione di garanzia per i giovani, ragionare sui sistemi di calcolo in base alla gravosità dei lavori”, afferma Landini. Ci sarà “un approfondimento con i ministri Franco, Orlando e Brunetta. Dovremo fissare già la prossima settimana incontri che riguardano sia le modifiche che possono essere inserite in legge di Bilancio, su donne, giovani, lavoratori precoci”, e poi “avviare il confronto dai primi di dicembre” sulla riforma complessiva.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il governo si è impegnato ad aprire un tavolo di confronto sulla revisione della legge Fornero. Un confronto che partirà a breve”. Così il segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra, al termine dell’incontro a Palazzo Chigi. “Nei prossimi giorni partirà un tavolo al ministero dell’Economia per definire le modalità di ripartizione degli 8 miliardi contenuti in legge di Bilancio sul fisco. Per noi queste risorse vanno destinate interamente a ridurre il peso della tassazione sui lavoratori e i pensionati”, ha aggiunto Sbarra.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Open: Castellone, da partiti nessuna solidarietà a M5s
Stupisce questo silenzio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
17:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La magistratura farà il suo corso ma stupisce il silenzio delle altre forze politiche su questo tema” del dossieraggio contro il M5s emerso nel corso dell’inchiesta sulla fondazione Open.
Lo ha detto la capogruppo M5s al Senato Mariolina Castellone intervenendo ad inizio seduta in Aula.
“Non una parola di biasimo, non una richiesta di chiarimento o un cenno di soldarietà nei nostri confronti e di colleghi oggetti di dosieraggio. Un silenzio che sta diventando imbarazzante” ha aggiunto la senatrice.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Fonti Lega, Salvini condivide linea governo
Obiettivo è evitare nuove restrizioni tutelando salute
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
17:39
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Matteo Salvini condivide la linea e la posizione del governo: l’Italia non ha i numeri (ben più preoccupanti) dell’Austria, il sistema sanitario regge, la durata del Green Pass non cambia.
L’obiettivo è evitare nuove restrizioni, fermo restando la massima attenzione per la tutela della salute.

Lo fanno sapere fonti della Lega.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Lombardia 1.409 nuovi casi e 5 decessi
Sono 64 i ricoveri nei reparti, quasi 200 contagi a Milano città
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 novembre 2021
18:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con 149.006 tamponi effettuati è di 1.409 il numero di nuovi casi di Covid registrati in Lombardia, con un tasso di positività in calo allo 0,9% (ieri 1,3%).
Cresce il numero di ricoverati in terapia intensiva (+1, 51) e nei reparti (+64, 524).
Sono 5 i decessi, che portano il totale a 34.248 morti da inizio pandemia.
Per quanto riguarda le province, sono 488 i positivi segnalati a Milano (di cui 199 a Milano città), 82 a Bergamo, 173 a Brescia, 65 a Como, 62 a Cremona, 28 a Lecco, 41 a Lodi, 65 a Mantova, 172 a Monza, 54 a Pavia, 14 a Sondrio e 121 a Varese.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 7.698 i positivi e 74 le vittime in 24 ore
Tasso di positività all’1,1%, +6 terapie intensive
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
18:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 7.698 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute, ieri erano stati 5.144.
Sono invece 74 le vittime in un giorno.
Ieri erano state 44. Nuovo boom con 684.710 tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24. Ieri erano stati 248.825. Il tasso di positività è all’1,1%, in calo rispetto al 2% registrato ieri.
Sono invece 481 i pazienti in terapia intensiva in Italia, 6 in più rispetto a ieri. Gli ingressi giornalieri sono 41. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 3.970, ovvero 162 in più rispetto a ieri. Sono 123.396 gli attualmente positivi al Covid in Italia, 2.521 in più nelle ultime 24 ore.
Dall’inizio della pandemia i casi totali sono 4.873.075, i morti 132.893. I dimessi e i guariti sono invece 4.616.786, con un incremento di 5.220 rispetto a ieri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ue apre a più aiuti di Stato per le aziende di chip
Domani la proposta di Bruxelles per nuovo approccio concorrenza
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
16 novembre 2021
18:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Commissione europea presenterà domani una proposta per rendere più flessibili le regole sugli aiuti di Stato per l’industria dei semiconduttori, consentendo più margini di finanziamento da parte dei governi a sostegno delle aziende europee produttrici di microchip.
Lo si apprende da fonti vicine al dossier.

L’intenzione di Bruxelles è anche quella di autorizzare più alleanze nel settore e aumentare la resilienza della catena di approvvigionamento.
La proposta sarà contenuta in un’apposita sezione della comunicazione sulla revisione della politica di concorrenza Ue che il collegio dei commissari adotterà in mattinata.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pensioni: incontri per la riforma da dicembre
Fonti Governo, in manovra non ci sono risorse strutturali
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 novembre 2021
19:21
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il governo è disponibile ad aprire una discussione sulle pensioni con incontri che verranno fissati “a breve, già a partire da dicembre”.
Lo affermano fonti di governo al termine del tavolo a Palazzo Chigi con i sindacati.

Nella legge di bilancio, affermano le stesse fonti, “non ci sono le risorse per affrontare una riforma strutturale delle pensioni”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Macron giovedì 25 a Roma per il Trattato del Quirinale
L’intesa tra Italia e Francia era attesa entro la fine dell’anno
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
00:05
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente francese Emmanuel Macron sarà a Roma giovedì 25 novembre per firmare il Trattato del Quirinale con il premier Mario Draghi.
Lo si apprende a Roma da fonti informate.
L’intesa tra Italia e Francia era attesa entro la fine dell’anno ma finora mancava una data.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Amitav Ghosh, la nostra crisi in leggenda in versi
Nel nuovo ‘Jungle nama’ pubblicato da Neri Pozza
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
09:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
AMITAV GHOSH, JUNGLE NAMA-IL RACCONTO DELLA GIUNGLA (NERI POZZA, PP 112, EURO 18.00).
TRADUZIONE DALL’INGLESE DI ANNA NADOTTI E NORMAN GOBETTI.
Amitav Ghosh ha cercato una nuova forma letteraria per dar voce all’incredibile crisi esistenziale che stiamo vivendo. Ha recuperato e riadattato una leggenda antichissima in un libro in versi e illustrato, nato nei giorni della pandemia e del lockdown: ‘Jungle nama. Il racconto della giungla’, appena uscito per Neri Pozza, nella traduzione dall’inglese di Anna Nadotti e Norman Gobetti.
Un racconto molto popolare nei villaggi delle Sundarbans, la più grande foresta di mangrovie del mondo, “illuminato” dai disegni del giovane artista di origine pakistana Salman Toor, è diventato così un modo per parlarci di quello che stiamo vivendo e per liberarci della nostra cecità.
Un libro per tutti, che si rivolge in particolare ai ragazzi, ma ha molto da insegnare agli adulti, nel quale uno dei maggiori scrittori indiani, l’autore de ‘Il palazzo degli specchi’, ‘Il fiume dell’oppio’ e de ‘La grande cecità, Il cambiamento climatico e l’impensabile’, ci parla in poesia di uno dei temi che gli stanno più a cuore, il cambiamento climatico, la crisi ecologica del pianeta, dove il punto centrale è la necessità di trovare un equilibrio tra le esigenze e bisogni degli esseri umani e non umani. Un’antichissima leggenda del Bengala ancora viva e comune in tante culture native indigene mostra il suo valore nel nuovo mondo occidentale. E quello che ci insegna è esattamente l’opposto del devi avere di più, devi fare di più.
“La cultura dell’avidità è sotto i nostri occhi ed è ormai difficile lasciarci alle spalle questo atteggiamento” spiega Gosh che è nato nel 1956 a Calcutta. “Se serve aiuto amorevoli orecchie van cercate” e bisogna anche chiedere con le giuste parole dice uno dei versi di ‘Jungle nama’ che Ghosh è venuto a presentare in Italia in un tour di incontri partito da Roma, con una serata al Teatro Piccolo Eliseo in cui tra l’altro Giuseppe Cederna ha letto alcuni brani portandoci in modo coinvolgente dentro la storia e che si concluderà il 20 novembre al Castello Sforzesco di Milano.
‘Jungle nama’ adattamento di un episodio della leggenda di Bon Bibi, è il viaggio di due fratelli, uno avaro, Dhona, e l’altro morigerato, Dukhey e di sua madre. Ed è anche la storia di Dokkhin Rai, un potente spirito che appare agli umani come una tigre, di Bon Bibi, la benigna dea della foresta, e di suo fratello, il guerriero Shah Jongoli. La versione originale di questa leggenda, che risale al diciannovesimo secolo, è composta in un metro di versi bengalesi noto come dwipodi poyar, “verso a due piedi”, pensati per essere cantati, salmodiati e letti ad alta voce. E proprio la lettura ad alta voce è una delle cose che sta più a cuore a Ghosh. La storia è anche in audiolibro con versi in musica che in Italia uscirà sempre da Neri Pozza. “E’ un racconto che guarda le persone nel loro rapporto con l’ambiente. Parlerei di ecologia folclorica” dice Ghosh. E spiega: “cercare il metro dei versi mi ha fatto usare una parte del cervello mai utilizzata prima. Contare le sillabe è un modo di imporsi dei limiti e non è quello di cui abbiamo bisogno oggi? Questa è la metafora che mi ha guidato nella creazione” spiega Ghosh. La speranza viene dai giovani: “il fatto che in tanti siano scesi in molte piazze del mondo mi da fiducia. Si sono trovati un problema enorme che noi gli stiamo lasciando in eredità e la modalità della loro reazione mi piace. Penso a quelle culture orami vecchie, stantie, che ci hanno insegnato a trattare questo tipo di leggende e fiabe come cose infantili.
Sono quelle strutture borghesi di una certa seriosità che sono state sconfessate, tra l’altro anche da questi giovani. Storie come Jungle nama, pensate e realizzate in questo modo, spero che alimenteranno e nutriranno i sogni dei nostri giovani di adesso e di domani” si augura lo scrittore indiano.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Maltempo, tromba d’aria nel ragusano, un morto
Chiusa la strada provinciale che da Comiso porta a Chiaramonte Gulfi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
17 novembre 2021
16:32
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Una tromba d’aria ha provocato la morte di un uomo di 53 anni a Modica (Ragusa).
L’uomo uscito da casa sarebbe stato colpito in pieno dal violento vortice.
La tromba d’aria ha interessato anche la zona del mercato ortofrutticolo di Comiso, vicino il rifornimento Lukoil. E’ stata chiusa la strada provinciale, 7 che da Comiso porta a Chiaramonte Gulfi dopo che il materiale di copertura è volato dai tetti di alcune botteghe ed è finito sulla strada. Stanno lavorando vigili del fuoco, polizia e tecnici dei comuni.
Una coppia di coniugi sessantenni è rimasta ferita stamane causa della tromba d’aria nella contrada di Frigintini a Modica (Ragusa).L’uomo è stato colpito da una porta che a causa del vento si è staccata. E’ ricoverato all’Ospedale “Maggiore” di Modica con un trauma cranico. La moglie è stata trasportata al Giovanni Paolo II di Ragusa con varie contusioni.
“Un’ondata violentissima di maltempo sta interessando il nostro territorio già da diverse ore. Dalle prime notizie che mi giungono, purtroppo, c’è stata anche una vittima. Numerosissimi i danni ad abitazioni, aziende agricole e infrastrutture. Alberi caduti sulle stradi, muretti di contenimento crollati, case scoperchiate. Invito tutti a non uscire da casa se non strettamente necessario”. Lo dice il sindaco di Modica (Ragusa) dove c’è stata una vittima colpita da una tromba d’aria. “Al momento tutte le nostre squadre di protezione civile – aggiunge – sono fuori, impegnate a rispondere alle decine di richieste di soccorso che ci arrivano in particolar modo dalle zone di Serrameta, Trebalate, Bosco, S.Elena e Frigintini. La tempistica non ci ha consentito di chiudere le scuole e ormai sarebbe controproducente chiuderle ora perché si creerebbe solo il caos per le strade cittadine che al momento servono libere per consentire il passaggio rapido dei mezzi di soccorso”. La protezione civile ha reso noto che a Ragusa vi è pioggia intensa e grandine a Vittoria (Ragusa) vi sono precipitazioni intense e continue ed è stato attivato il presidio operativo territoriale e Coc. E’ stata emanata l’ordinanza di chiusura scuole. A Monterosso Almo c’è un forte temporale con scariche elettriche. A Comiso chiusi scuole e uffici comunali tranne quelli di pronto intervento ed anagrafe.
“Ancora una volta, nel giro di pochi giorni, registriamo una vittima e diversi feriti, oltre a danni enormi, a causa di ben due trombe d’aria che si sono abbattute sul versante sudorientale dell’Isola. Il mio cordoglio, e quello della giunta regionale, ai familiari dell’uomo investito in pieno dalla furia del tornado a Modica, e all’intera comunità del Ragusano, dove più violenta è stata la furia del vento, assieme al territorio di Comiso”. Così il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci. “Il maltempo, che sin da ieri ha interessato tutta la Sicilia, ha avuto pesantissime ricadute sulle coltivazioni, su edifici e strade di quasi tutte le province. Come più volte abbiamo ribadito, gli effetti del cambiamento climatico sono sempre più evidenti e vanno affrontati su un duplice piano: con interventi di contrasto al dissesto idrogeologico – azioni che attuiamo con l’impegno di tutte le risorse finanziarie disponibili sin dal 2018 – e con provvedimenti del governo nazionale che, da straordinari, devono diventare ordinari, al pari della non più eccezionale cadenza di questi eventi”, conclude Musumeci.
Nella notte a Ponte Sasso di Fano (Pesaro Urbino), sono esondati alcuni torrenti che hanno allagato delle abitazioni e fatto evacuare alcune famiglie. Sulla SS16 Adariatica l’acqua ha raggiunto i 70 cm che hanno bloccato o rallentato fortemente la circolazione stradale. Alcune auto sono state trascinate fuori strada. Sul posto almeno 20 vigili del fuoco, con rinforzi provenienti dalla Romagna. L’acqua ha cominciato a defluire lentamente. Attesa per oggi la conta dei danni.
Resteranno chiuse, per oggi, tutte le scuole di ogni ordine e grado di Cerchiara di Calabria, comune della zona del Pollino in provincia di Cosenza. A disporlo è un’ordinanza del sindaco, Antonio Carlomagno, in seguito alle conseguenze del violento nubifragio abbattutosi nella serata di ieri sulla cittadina. I funzionari tecnici della struttura comunale stanno effettuando dei sopralluoghi su tutto il territorio, soprattutto nel centro storico, per verificare i danni subiti dalle infrastrutture e dalle aziende e fare una prima stima. “Fortunatamente non si registrano danni alle persone – ha scritto in un post il primo cittadino di Cerchiara, Antonio Carlomagno – e siamo certi che le istituzioni sovracomunali e la Protezione Civile, con.la quale siamo in costante contatto da ieri pomeriggio, ci aiuteranno a superare questa grave criticità. Ringrazio tutti coloro che sono stati e saranno vicini alla comunità di Cerchiara”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Animali morti, orticoli ed in particolare carciofi distrutti, erbai a mollo, serre allagate, strade rurali e recinzioni divelte. E’ il bilancio nelle campagne sarde dell’ondata di maltempo di questi giorni, denunciato dalla Coldiretti che chiede subito lo stato di calamità. “Oltre ai centri abitati – si legge in una nota – a pagare il prezzo più alto è ancora una volta l’agricoltura a causa di un clima sempre più tropicale. Nel giro di pochi giorni si è passati da un prolungato periodo di siccità, a una serie di bombe d’acqua che hanno fatto registrare in alcune zone del sud Sardegna un quarto delle medie annuali di pioggia. Sale il conto dei danni provocati all’agricoltura da un 2021 che fa segnare in Italia il record di eventi estremi da quando sono iniziate le rilevazioni. Ieri a pagare il prezzo più alto è stato il centro Sardegna nel comprensorio di Siniscola e in particolare a Lodè dove la furia dell’acqua ha travolto e ammazzato anche delle pecore, oltre a erbai, strade rurali e recinzioni. Danni anche nel Nord Sardegna, con la bomba d’acqua che ha colpito Monti, che ha coinvolto anche qualche strada rurale. Ma danni se ne sono registrati anche nel Sarrabus, nell’Oristanese e a macchia di leopardo anche in altri territori. Perdite che si sommano a quelle già pesanti di domenica scorsa che avevano interessato diverse serre e campi di carciofi della parte sud Orientale dell’Isola da Capoterra e Sarroch fino ai diversi Comuni del Sulcis”. “La Regione Sardegna deve dichiarare lo stato di calamità naturale garantendo immediati ristori alle aziende agricole che hanno effettivamente subito danni – afferma il presidente regionale di Coldiretti, Battista Cualbu -. Interventi che per essere tali devono essere mirati e celeri, altrimenti si tratta di intenti e ulteriori perdite di tempo ed illusioni per le aziende agricole già martoriate dalle numerose calamità che si manifestano nel corso dell’anno”.
Terreni pronti per la semina ma completamente allagati, interi agrumeti sommersi di acqua, stalle e capannoni scoperchiati e strade per raggiungere le aziende totalmente impraticabili. E’ quanto emerge dal monitoraggio in Sicilia dalla Coldiretti che denuncia “danni incalcolabili nell’Isola dove in un solo giorno si sono abbattuti ben 7 eventi meteo estremi tra grandinate, nubifragi e trombe d’aria che hanno provocata purtroppo anche una vittima”. “Molte aziende non possono essere raggiunte per le grandi difficoltà della viabilità per cui è ancora impossibile fare una verifica dello stato delle produzioni agricole”, sottolinea la Coldiretti, che è “impegnata a sostenere le imprese in difficoltà”. “Dopo l’emergenza serve avviare immediatamente la ricognizione dei danni per delimitare le zone colpite e dichiarare lo stato di calamità naturale” chiede la Coldiretti nel sottolineare che bisogna però soprattutto ripensare a una tutela strutturale del territorio che garantisca una manutenzione continua di tutti i torrenti e corsi d’acqua.
Sono ripresi alle prime ore del mattino gli interventi di Vigili del fuoco, Protezione civile e volontari in Baronia, nella Sardegna centrale, per rimuovere i detriti e prosciugare dall’acqua abitazioni e attività commerciali dopo la bomba d’acqua che ieri sera si è abbattuata nel territorio di Siniscola, in particolare nella frazione di La Caletta. Oltre a Siniscola, oggi scuole chiuse anche a Posada, Torpè e Lodè. Tutti e quattro i Comuni hanno riunito i Coc e procedono nella gestione dell’emergenza in stretto raccordo con la Prefettura di Nuoro. La situazione questa mattina sta lentamente migliorando: sono state riaperte le strade che da Posada portano a La Caletta e a Siniscola, mentre sono ancora chiuse le due strade che da Siniscola vanno a La Caletta. “Tuttavia – spiega il sindaco di Siniscola, Gian Luigi Farris – nessuno ha passato la notte fuori casa. Stiamo lavorando per tornare alla normalità e stiamo monitorando la situazione minuto per minuto pronti a intervenire in qualunque momento”. Scongiurato anche il pericolo esondazione della diga Maccheronis, in un territorio già devastato dal Ciclone Cleopatra di otto anni fa, con una vittima a Torpè. “L’altezza dell’invaso è di 37 metri equivalenti a 11 milioni di mq d’acqua – spiega il presidente del Consorzio di Bonifica della Sardegna Centrale, Ambrogio Guiso – lontani dal livello massimo di 24 milioni quando l’invaso è pieno. Desidero tranquillizzare la popolazione a valle, per ora non esiste criticità. Monitoriamo 24 ore su 24 e siamo pronti nell intervenire in caso di necessità”.
Anas, strade chiuse e disagi in Sicilia L’ondata di maltempo che ha investito la Sicilia continua a creare disagi alla circolazione lungo le strade statali maggiormente colpite dagli eventi meteo. L’ Anas fa il punto della situazione spiegando che sul versante orientale dell’isola, per allagamenti del piano viabile sono chiuse le statali 114 “Orientale Sicula”, dal km 137 al km 147, tra Melilli e Floridia, nel siracusano, la statale 124 “Siracusana” a Buscemi (SR), la statale 192 “Della Valle del Dittaino”, dal km 19 al km 43, tra Catenanuova e Dittaino, nell’ennese. Chiuse inoltre le strade statali 193 “Di Augusta” al km 4,500 in direzione Augusta per allagamento e 115 “Sud Occidentale Sicula” a Noto (SR), per esondazione del torrente Tellaro. Sulla 114 è stata inoltre chiusa la passerella provvisoria sul fiume Agrò tra Sant’Alessio Siculo e Santa Teresa di Riva, nel messinese, mentre sulla statale 288 “Di Aidone” il traffico risulta rallentato al km 6 a Ramacca (Catania), in corrispondenza del torrente Sbardalasino, le cui acque minacciano la sede stradale. Sul versante occidentale, permangono le chiusure sulle statali 191 “Di Pietraperzia”, a Mazzarino (CL), sulle statali 119 “Di Gibellina” e 188 “Centro Occidentale Sicula” nel trapanese, sulla statale 643 “Di Polizzi” tra Scillato e Polizzi Generosa, nel palermitano. È stato invece ripristinato il transito sulla statale 121 “Catanese” a Villaba (CL), chiusa questa mattina dal km 159 al km 164. Sulla rete autostradale Anas non segnala particolari criticità, ad eccezione della chiusura dello svincolo di Agira, sull’A19 “Palermo-Catania”, chiuso in immissione in autostrada verso Catania.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Orlando: ‘Il taglio delle tasse soprattutto ai lavoratori’
‘Ripreso confronto positivo con i sindacati. Tavolo da dicembre su flessibilità, giovani e differenze lavori’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
09:49
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il taglio delle tasse, con gli 8 miliardi stanziati e che i sindacati chiedono sia indirizzato ai lavoratori, “credo debba essere prevalentemente destinato in questa direzione.
Le imprese devono essere aiutate, ma credo che in questo momento ci sia un tema di perdita del potere d’acquisto dei lavoratori.
Se resta un po’ spazio, credo l’attenzione debba essere rivolta alle piccole imprese che hanno sofferto di più durante la pandemia”. Così il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, a Radio 24, indicando in queste “le priorità principali di questo ragionamento”.
“Il dialogo che avevamo auspicato ha preso la strada giusta. E’ stato un confronto molto positivo. Ancora possiamo e dobbiamo lavorare. Mi pare che la giornata di ieri abbia migliorato il quadro della situazione”, ha detto ancora Orlando, a Radio 24, all’indomani dell’incontro tra governo e sindacati, a Palazzo Chigi, su pensioni e fisco. In particolare sul tema delle pensioni, il ministro rimarca che sono stati “individuati i punti principali” del tavolo che partirà a dicembre e che “la volontà emersa è quella di affrontare le questioni di carattere strutturale” del sistema cercando “di superare le distorsioni”. I punti principali, sottolinea, “sono sostanzialmente tre: come si introduce un elemento di flessibilità, come si introduce una garanzia per i giovani e come si tiene conto della differenza e della gravosità dei lavori”.
Sul salario minimo “ci sono idee diverse” ma “sicuramente c’è un problema di perdita verticale del potere d’acquisto e di difficoltà della contrattazione a farvi fronte. Spero che si sblocchi un confronto che su questo tema è fermo da troppo tempo, perché se non si vuole il salario minimo bisogna adeguare in qualche modo le regole della contrattazione. Se la contrattazione resta ferma, il salario minimo diventa una opzione”. “Non possiamo accettare lo stato dell’arte – aggiunge -, negli ultimi tre anni i lavoratori italiani sono quelli che hanno perso di più in termini di potere d’acquisto. E’ un problema per loro e di caduta della domanda interna”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Al card. Menichelli il premio ‘Giovanni Paolo II’
Per il suo ‘amore per la vita e la famiglia’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
17 novembre 2021
09:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il card.
Edoardo Menichelli, originario di San Severino Marche, e membro della assemblea generale straordinaria del sinodo dei vescovi, e il segretario generale dell’Anci Marche e coordinatore nazionale dei direttori e segretari delle Anci regionali italiane Marcello Bedeschi sono tra i destinatari del premio internazionale ‘Giovanni Paolo II’.

La cerimonia di consegna, organizzata dall’associazione socioculturale ad indirizzo artistico Aglaia di Scafati, con il patrocinio dell’Unci di Treviso e Udine, è stata ospitata nella cattedrale di San Ciriaco, ad Ancona. Il conferimento del premio è stato preceduto da una celebrazione eucaristica, presieduta da Menichelli e concelebrata da mons. Angelo Spina, arcivescovo metropolita di Ancona-Osimo, da monsignor Giancarlo Vecerrica, vescovo emerito di Fabriano-Matelica, e da altri sacerdoti della diocesi. Dal 2005, l’associazione Aglaia riconosce l’operato di personaggi del mondo della Chiesa, delle istituzioni, della politica, della cultura, delle professioni, dell’arte, che si sono distinti per aver tutelato e promosso la sacralità della vita in armonia con i principi cristiani della Chiesa cattolica.
Tra gli insigniti più prestigiosi delle passate edizioni, papa Benedetto XVI e papa Francesco ma anche tanti, volontari, operatori sanitari, sacerdoti, missionari, imprenditori e rappresentanti istituzionali. Le motivazioni del premio a Menichelli fanno riferimento al suo “amore per la vita e la famiglia e il suo impegno per cercare di risolvere il problema dei matrimoni falliti e ridare la pace alle persone che hanno sperimentato un fallimento e una famiglia disgregata”, oltre all’attenzione “per le persone più fragili”.
Nella sua omelia Menichelli ha ricordato che Wojtyla “aveva a cuore la difesa della vita e la centralità della famiglia nella società e nella Chiesa. La vita è intoccabile ed è importante oggi annunciarlo, in un momento in cui ognuno pensa di farne ciò che vuole. Dobbiamo difendere la duplice sacralità della vita e della famiglia ed educare i giovani”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bce: Paesi ad alto debito sensibili ad evoluzione tassi
Se anche crescita rallenta rischio su spread
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
10:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La situazione debitoria dei Paesi dell’Eurozona ha beneficiato della ripresa e delle condizioni di finanziamento favorevoli.
Tuttavia “se i costi di finanziamento dovessero salire e la crescita economica risultasse inferiore alle aspettative, ciò potrebbe mettere la dinamica del debito sovrano in una traiettoria sfavorevole, specie nei Paesi a più alto debito, e contribuire a una certa rivalutazione del rischio sovrano da parte dei mercati”.

E’ uno dei rischi evidenziati dalla Financial Stability Review della Bce. Secondo il documento, “anche se questi eventi, in particolare il ritorno del differenziale interesse-crescita alla media storica, non hanno un’alta probabilità, è bene continui il monitoraggio dei rischi”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bce: Paesi ad alto debito sensibili ad evoluzione tassi
Se anche crescita rallenta rischio su spread
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
10:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La situazione debitoria dei Paesi dell’Eurozona ha beneficiato della ripresa e delle condizioni di finanziamento favorevoli.
Tuttavia “se i costi di finanziamento dovessero salire e la crescita economica risultasse inferiore alle aspettative, ciò potrebbe mettere la dinamica del debito sovrano in una traiettoria sfavorevole, specie nei Paesi a più alto debito, e contribuire a una certa rivalutazione del rischio sovrano da parte dei mercati”.

E’ uno dei rischi evidenziati dalla Financial Stability Review della Bce. Secondo il documento, “anche se questi eventi, in particolare il ritorno del differenziale interesse-crescita alla media storica, non hanno un’alta probabilità, è bene continui il monitoraggio dei rischi”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Da Intesa Sanpaolo un miliardo per il turismo sostenibile
L’iniziativa rientra nell’ambito del programma Motore Italia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
10:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Intesa Sanpaolo mette a disposizione un miliardo di euro per il rilancio delle imprese del settore turistico colpito dalla pandemia e favorire gli investimenti lungo la direzione del turismo sostenibile, in linea con il percorso del Pnrr.

Il gruppo bancario guidato da Carlo Messina affiancherà le aziende del comparto per cogliere le sfide e le opportunità del cambiamento.
L’iniziativa, che si avvale anche della sinergia con Sace, rientra nell’ambito di Motore Italia, il programma con un plafond da 50 miliardi. Il turismo è stato inevitabilmente uno dei settori più “esposti alla pandemia. Sin da subito abbiamo offerto il nostro sostegno mettendo a disposizione 2 miliardi di euro per far fronte alle immediate esigenze di liquidità delle imprese”, afferma Stefano Barrese, responsabile della Divisione Banca dei Territori.
Questo accordo con “Intesa Sanpaolo aggiunge un ulteriore tassello all’impegno di Sace a supporto dell’attuazione del Green New Deal”, sostiene Pierfrancesco Latini, amministratore delegato di Sace.
Il nuovo intervento annunciato da Intesa Sanpaolo consentirà di accompagnare le piccole e medie imprese del settore turismo nella transizione. “Apprezziamo la disponibilità di Intesa Sanpaolo nel sostenere la ristrutturazione degli alberghi italiani”, evidenzia il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca.
Il pacchetto degli interventi individuati è “calibrato molto bene per il settore”, dichiara Maria Carmela Colaiacovo, presidente di Associazione Italiana Confindustria Alberghi. Da Intesa Sanpaolo arriva un “supporto al settore termale”, sostiene Massimo Caputi, presidente Federterme Confindustria.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Green pass: Camera conferma la fiducia, 453 sì
L’Assemblea di Montecitorio ora passa all’esame degli ordini del giorno al testo, che dovrebbe essere definitivamente approvato entro oggi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
13:14
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Camera conferma la fiducia al governo sul decreto legge green pass con 453 voti a favore e 42 contrari.
L’Assemblea di Montecitorio ora passa all’esame degli ordini del giorno al testo, che dovrebbe essere definitivamente approvato entro oggi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Burioni, serve cambiamento radicale no vax in A.Adige
“Se vogliono provare a salvare la stagione turistica”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
17 novembre 2021
10:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Se in provincia di Bolzano (luogo dove storicamente non si vaccinano, che amo molto perché all’alpe di Siusi ho imparato a sciare da piccolo) vogliono provare a salvare la stagione turistica consiglierei un cambiamento radicale di atteggiamento verso il vaccino”.
Lo scrive su Twitter il professore ordinario di Microbiologia e Virologia all’Università Vita-Salute San Raffaele Roberto Burioni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Alitalia: pubblicato bando per cessione società MilleMiglia
Scade alla mezzanotte dl 10 dicembre. Prezzo base 50,563milioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
10:32
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato pubblicato il bando per la cessione del 100% della società Alitalia Loyalty spa che gestisce il programma MilleMiglia di Alitalia.
La cessione nell’ambito della procedura di amministrazione straordinaria della compagnia.
Le richieste di ammissione dovranno arrivare entro il 10 dicembre. Il prezzo base a base di gara è di 50,563 milioni. Il prezzo di gara -si legge nel bando-“ricomprende il valore della posizione finanziaria netta della Società calcolata secondo i criteri indicati in Data Room che negli ultimi 12 mesi antecedenti alla pubblicazione del presente Invito è stata mediamente positiva per Euro 30,7 milioni”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Maltempo: Coldiretti, tanti animali morti in campagne sarde
“Dichiarare subito lo stato di calamità naturale”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
17 novembre 2021
10:39
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Animali morti, orticoli ed in particolare carciofi distrutti, erbai a mollo, serre allagate, strade rurali e recinzioni divelte.
E’ il bilancio nelle campagne sarde dell’ondata di maltempo di questi giorni, dencunioato dalla Coldiretti che chiede subito lo stato di calamità.

“Oltre ai centri abitati – si legge in una nota – a pagare il prezzo più alto è ancora una volta l’agricoltura a causa di un clima sempre più tropicale. Nel giro di pochi giorni si è passati da un prolungato periodo di siccità, a una serie di bombe d’acqua che hanno fatto registrare in alcune zone del sud Sardegna un quarto delle medie annuali di pioggia.
Sale il conto dei danni provocati all’agricoltura da un 2021 che fa segnare in Italia il record di eventi estremi da quando sono iniziate le rilevazioni. Ieri a pagare il prezzo più alto è stato il centro Sardegna nel comprensorio di Siniscola e in particolare a Lodè dove la furia dell’acqua ha travolto e ammazzato anche delle pecore, oltre a erbai, strade rurali e recinzioni. Danni anche nel Nord Sardegna, con la bomba d’acqua che ha colpito Monti, che ha coinvolto anche qualche strada rurale. Ma danni se ne sono registrati anche nel Sarrabus, nell’Oristanese e a macchia di leopardo anche in altri territori. Perdite che si sommano a quelle già pesanti di domenica scorsa che avevano interessato diverse serre e campi di carciofi della parte sud Orientale dell’Isola da Capoterra e Sarroch fino ai diversi Comuni del Sulcis”.
“La Regione Sardegna deve dichiarare lo stato di calamità naturale garantendo immediati ristori alle aziende agricole che hanno effettivamente subito danni – afferma il presidente regionale di Coldiretti, Battista Cualbu -. Interventi che per essere tali devono essere mirati e celeri, altrimenti si tratta di intenti e ulteriori perdite di tempo ed illusioni per le aziende agricole già martoriate dalle numerose calamità che si manifestano nel corso dell’anno”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mattarella, Parlamento tempio democrazia,sintesi bene comune
Lungo applauso al suo ingresso nell’aula del Congresso spagnolo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MADRID
17 novembre 2021
10:42
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ogni Parlamento è tempio della democrazia.
Il confronto fra diverse visioni vi trova posto, in vista di una sintesi orientata al bene comune.
Un confronto che è essenza della democrazia e affermazione dello Stato di diritto, perché iscritto entro i limiti e le garanzie della Costituzione. Punto di incontro di tutti i cittadini e – al tempo stesso – punto di partenza per garantire pace sociale, benessere e sviluppo”. Lo ha detto il presidente Sergio Mattarella parlando al Congresso spagnolo dove è stato accolto da un lungo applauso.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Commercio: Istat, settembre export +10,3% import +22,5 annui
Congiunturale -1,3% export -1,7% import. Saldo scende, +2,45 mld
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
13:21
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A settembre la bilancia commerciale italiana segna, su base annua, un incremento tendenziale delle esportazioni del 10,3% e delle importazioni del 22,5%.
Lo stima Istat.
La variazione congiunturale, rispetto al mese precedente, registra una flessione dopo tre mesi di crescita, più intensa per le importazioni (-1,7%) che per le esportazioni (-1,3%).
La stima del saldo commerciale a settembre 2021 è pari a +2.454 milioni di euro (era +6.039 a settembre 2020). Al netto dei prodotti energetici il saldo è pari a +5.956 milioni (era +7.707 a settembre dello scorso anno).A settembre 2021 i prezzi all’importazione crescono dello 0,8% su base mensile e del 12,3% su base annua.
Nel terzo trimestre 2021, rispetto al precedente, l’export cresce del 2,8%, l’import del 5,5%.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mattarella,compito Camere fare sintesi tra Carta e attualità
Compito arduo e appassionante
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MADRID
17 novembre 2021
10:47
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Tocca ai Parlamenti colmare il divario tra la traiettoria segnata dalle aspirazioni racchiuse nei testi costituzionali e le condizioni reali, attraverso il confronto politico.
Si tratta di un compito arduo e appassionante”.
Lo ha detto il presidente Sergio Mattarella parlando al Congresso spagnolo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Veneto sfiora 1.500 nuovi casi in 24 ore
Incidenza sui tamponi dell’1,68%, si registrano 7 vittime
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
17 novembre 2021
10:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Veneto sfiora 1.500 nuovi casi di Covid-19 in 24 ore, con 1.435 contagi che portano il totale a 494.726.
Lo riferisce il bollettino regionale.
L’incidenza su 85.207 tamponi (21.472 molecolari e 63.735 rapidi) è dell’1,68%.
Vi sono 7 vittime, che portano il totale dei decessi a 11.888. In forte crescita (+708) gli attuali positivi, che sono 17.648, e i ricoveri nei reparti ordinari (+24), che sono 349.
Scendono (-3) le terapie intensive, con 62 pazienti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Veneto sfiora 1.500 nuovi casi in 24 ore
Incidenza sui tamponi dell’1,68%, si registrano 7 vittime
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
17 novembre 2021
10:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Veneto sfiora 1.500 nuovi casi di Covid-19 in 24 ore, con 1.435 contagi che portano il totale a 494.726.
Lo riferisce il bollettino regionale.
L’incidenza su 85.207 tamponi (21.472 molecolari e 63.735 rapidi) è dell’1,68%.
Vi sono 7 vittime, che portano il totale dei decessi a 11.888. In forte crescita (+708) gli attuali positivi, che sono 17.648, e i ricoveri nei reparti ordinari (+24), che sono 349.
Scendono (-3) le terapie intensive, con 62 pazienti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Strage Bologna: appello Cavallini rinviato ad aprile 2023
Difensore ex Nar: ‘Decisione incomprensibile e inaccettabile
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
17 novembre 2021
10:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con una decisione a sorpresa la Corte di assise di appello di Bologna rinvia di oltre un anno il processo di secondo grado all’ex Nar Gilberto Cavallini, condannato all’ergastolo per concorso nella strage di Bologna.

Il presidente della prima sezione dell’assise ha notificato alle parti che l’appello non si terrà più, come previsto, a partire dal 12 gennaio 2022, ma la prima udienza viene fissata il 19 aprile 2023.
Cavallini, difeso dagli avvocati Gabriele Bordoni e Alessandro Pellegrini, ha concluso il processo di primo grado il 9 gennaio 2020 e le motivazioni della condanna, oltre duemila pagine, sono state depositate un anno dopo. E’ accusato di essere il quarto uomo dell’attentato del 2 agosto 1980 alla stazione di Bologna, in concorso con gli altri Nar già condannati in via definitiva, Giuseppe Valerio Fioravanti, Francesca Mambro, Luigi Ciavardini, ma l’indagine su di lui in relazione alla strage è stata riaperta solo negli ultimi anni.
“Ci hanno fatto aspettare 40 anni per processarci, adesso un altro anno e mezzo per fare il processo di appello. E’ una decisione allo stato incomprensibile e inaccettabile”, commenta l’avvocato Pellegrini.
Attualmente è in corso il processo in primo grado a Paolo Bellini, ex Avanguardia Nazionale, anche lui accusato di essere un esecutore della Strage, dibattimento che dovrebbe concludersi tra fine 2021 e inizio 2022. La comunicazione del rinvio dell’appello Cavallini è stata data anche nell’udienza di oggi.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Mattarella: ‘Parlamento tempio della democrazia, sintesi bene comune’
Lungo applauso al suo ingresso nell’aula del Congresso spagnolo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
12:57
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un lungo applauso ha accolto il presidente Sergio Mattarella al suo arrivo nell’aula del Congresso spagnolo.
“Siamo felici di accogliere il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella”, ha detto la presidente del Congresso dei deputati Meritxell Batet prima di introdurre il discorso del capo dello Stato.
“Ogni Parlamento è tempio della democrazia. Il confronto fra diverse visioni vi trova posto, in vista di una sintesi orientata al bene comune.
Un confronto che è essenza della democrazia e affermazione dello Stato di diritto, perché iscritto entro i limiti e le garanzie della Costituzione. Punto di incontro di tutti i cittadini e – al tempo stesso – punto di partenza per garantire pace sociale, benessere e sviluppo”, ha detto Mattarella parlando al Congresso spagnolo.
“Tocca ai Parlamenti colmare il divario tra la traiettoria segnata dalle aspirazioni racchiuse nei testi costituzionali e le condizioni reali, attraverso il confronto politico. Si tratta di un compito arduo e appassionante”.
“La lunga esperienza di membro del Parlamento ha consolidato le mie convinzioni sulla insostituibile centralità della funzione parlamentare – ha aggiunto Mattarella – nello sviluppo di una società nazionale e nella capacità di trasmettere una dimensione di partecipazione democratica negli organismi multilaterali in cui sempre più la comunità internazionale è destinata a organizzarsi. In questa sede – nel Parlamento – Onorevoli rappresentanti, risiede la libertà di un popolo”.
“Italia e Spagna sono Paesi fra i quali esiste una naturale, fraterna condivisione. I nostri legami discendono dalla storia, dalla comune radice latina delle nostre lingue, dalla appartenenza a un orizzonte geografico e culturale che è al contempo europeo e mediterraneo. Questi vincoli hanno forgiato una relazione straordinaria tra le nostre popolazioni, con aspirazioni e visioni che si sono reciprocamente arricchite. Entrambi i nostri Paesi sono al centro di un’area, il Mediterraneo, in bilico tra possibile marginalità negli assi di sviluppo globali e incisiva integrazione tra due continenti, Africa ed Europa. Appare allora naturale lavorare insieme, affinché le nostre istanze possano ricevere adeguata considerazione, irrobustendo e fortificando così l’intero edificio dell’Unione Europea”.
“I Parlamenti – insieme alle nostre società civili – rappresentano una forza “propulsiva” della nostra relazione. La fucina ove idee e sensibilità si trasformano in linee politiche”, ha spiegato il presidente della Repubblica.
“Stiamo attraversando un periodo di grandi trasformazioni, di imperiosa crescita della tecnologia, di rinnovate tensioni al livello planetario e di crisi ai nostri confini. Un periodo nel quale sarà decisivo mantenere costante l’attenzione sulla salvaguardia dei diritti, delle libertà e delle tutele, faticosamente conquistate a partire dal secolo scorso. Sono temi che i Parlamenti nazionali, unitamente all’Assemblea di Strasburgo, dovranno considerare al centro della propria agenda”.
“La pandemia ha messo in luce quanto la nostra società sia dipendente da infrastrutture critiche, il cui controllo assume un’importanza centrale. Ha evidenziato quanto incidano carenze e ritardi nei processi di digitalizzazione. Da esse dipendono non soltanto le nostre relazioni, la nostra competitività, ma anche la capacità di garantire ai nostri cittadini una cornice di sicurezza, premessa di uno sviluppo in linea con i nostri valori. La sovranità, la sovranità europea – una “nostra” sovranità – in campo tecnologico e digitale è in proposito determinante” ha detto Mattarella parlando al Cotec di Malaga.
Questa di una sovranità europea digitale è ormai, ha aggiunto il presidente Sergio Mattarella, “un’esigenza che diventa ogni giorno più pressante. Pensiamo, ad esempio, a quanto incida sulla libertà del cittadino la tutela della privacy rispetto a tecniche sempre più invasive di “profilazione”. Al valore che ha la certezza della salvaguardia della dignità della persona di fronte a sistemi pubblici e privati di conservazione e impiego dei dati, a partire da quelli in materia sanitaria. In un’economia nella quale una buona fetta di valore aggiunto è fornita dalla quantità di dati che si riescono ad accumulare e scambiare, la modalità di gestione degli stessi diventa espressione diretta di un preciso impianto valoriale e di una nuova stagione di tutela dei diritti umani”.
“Accanto al ruolo di “potenza normativa” – ha detto il Presidente – , l’Europa deve dotarsi di una efficace strategia digitale anche sul piano industriale, per poter essere davvero garante della applicazione dei principi elaborati e introdotti nella normativa comunitaria, perché venga offerta una pluralità di scelte di qualità ai propri cittadini e per restare al passo con le altre grandi piattaforme globali, al momento in grandissima parte non europee. In effetti oggi proviene dall’Unione Europea meno del 4% delle principali piattaforme online. In questo, le politiche per l’innovazione svolgono un ruolo centrale e con Next Generation EU, abbiamo compiuto un passo nella giusta direzione. La direzione è quella di fornire a tutti i cittadini europei un orizzonte comune nel quale operare attraverso le “transizioni gemelle”, verde e digitale, trasformazioni profondissime e non più rinviabili, che ci consentano di sviluppare le nostre società nel segno della sostenibilità, senza venire meno ai nostri valori fondanti”.
“Abbiamo bisogno di investire nel nostro futuro. E possiamo farlo, solo se lo faremo assieme, oltre NextGen, oltre il 2030. Davanti alle sfide del prossimo decennio, Spagna, Portogallo e Italia, uniti da una duratura e fiorente collaborazione, possono farsi promotori di una visione condivisa che ambisca a una maggiore incisività dell’azione europea nel campo dell’innovazione, facendo ricorso a strumenti comuni, a beneficio di tutti i cittadini europei”.
“Consentitemi, infine, di rivolgervi un invito che è anche un auspicio. L’invito a non cedere mai alla tentazione di restringere la nostra azione nell’ambito di recinti. Di continuare sempre nella ricerca di nuove prospettive, di nuovi spazi, di nuovi orizzonti che ci facciano avanzare nel segno dell’integrazione, dell’inclusione e quindi di un progresso autentico”, ha aggiunto Mattarella.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lavoro: Papa, quando non si guadagna pane si perde dignità
Il Pontefice esprime vicinanza ai lavoratori della Valbelluna
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
17 novembre 2021
11:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Papa fa appello affinché si affrontino le crisi aziendali senza ricorrere sempre alla “logica del profitto”.
“Al centro di ogni questione lavorativa va sempre posta la persona e la sua dignità.
Quando non si guadagna il pane si perde la dignità. Dobbiamo pregare, tanto, per questa gente”, ha detto al termine dell’udienza generale riferendosi a coloro che stanno perdendo il lavoro.
“Il mio pensiero va ai lavoratori di Borgo Valbelluna preoccupati per il loro futuro lavorativo. Di fronte ai loro assillanti problemi mi unisco ai vescovi e ai parroci del territorio esprimendo la mia vicinanza. Rivolgo un accorato appello – ha detto il Papa – affinché In questa situazione cosi come in altre simili che mettono in difficoltà tante famiglie non prevalga la logica del profitto ma quella della condivisione equa e solidale”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sulle Alpi torna l’incubo dell’inverno senza sci
“La quarta ondata non si ferma al Brennero, dubbi sui Mercatini”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
18 novembre 2021
09:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Coronavirus: stop stagione sciistica in Alto Adige” il 9 marzo 2020.
Da quel giorno gli impianti sono rimasti fermi anche per tutto l’inverno seguente, con poche eccezioni.
A 20 mesi di distanza sulle Alpi torna l’incubo per gli appassionati dello sci. In Italia tutte le speranze sono puntate sul Green pass, mentre a nord del Brennero potranno sciare solo vaccinati e guariti. Bolzano è praticamente in zona gialla e “il passo verso l’arancione (e la chiusura degli impianti, ndr.) è breve”, ha fatto presente l’assessore alla sanità Thomas Widmann. “La quarta ondata – ha detto – arriva da nord e di certo non si ferma al Brennero. Siamo ad un passo dal deragliamento, anche perché in Alto Adige abbiamo una bassa percentuale di vaccinati”. La quota degli immunizzati è infatti del 10% inferiore al resto dell’Italia. In due settimane il numero di nuovi casi è aumentato di 15 volte e il numero di ricoveri è triplicato. Secondo Widmann, “servono il rispetto delle regole in vigore, più controlli e la terza dose che da oggi sarà accessibile a tutti dopo sei mesi”.
Come ha aggiunto il governatore Arno Kompatscher, l’incidenza è più alta nelle regioni del nord, come l’Alto Adige e il Friuli, “ma non solo per questioni climatiche, ma anche per il basso tasso di immunizzati”. “Non serve – ha aggiunto – escludere i non vaccinati dal Green pass, se questo non viene controllato”. Anche i mercatini di Natale dell’Alto Adige sono osservati speciali e la situazione viene valutata di giorno in giorno. In vista della stagione invernale e dei numerosi incidenti sciistici, Widmann si è detto preoccupato per la pressione già alta sugli ospedali a causa della pandemia e dei 700 sanitari sospesi perché non vaccinati.
I dati confermano che la quarta ondata arriva da nord. In Alta Austria l’incidenza settimanale è a 1.422 e a Salisburgo addirittura a 1.519, mentre l’Italia è saldamente sotto 100. In Alta Austria negli ultimi quattro giorni sono deceduti 59 pazienti. “Abbiamo spazio in terapia intensiva solo perché ci sono pazienti che muoiono”, ha detto al quotidiano Der Standard Jutta Oberweger, portavoce dell’Azienda sanitaria del land austriaco. Simile la situazione a Salisburgo, dove è stato istituito un gruppo triage, composto da cinque medici e un giurista. Berlino sconsiglia viaggi in Austria e chi torna da lì deve stare dieci giorni in quarantena. Difficile immaginarsi una stagione invernale senza tedeschi.
Anche in Valle d’Aosta il contagio ha ricominciato a correre, soprattutto tra i giovani. La situazione per il momento resta sotto controllo, le soglie di occupazione dei posti letto ospedalieri e di quelli in terapia intensiva non destano preoccupazioni. Con tali condizioni di pressione sull’ospedale Parini si spera di poter avviare al meglio la stagione dello sci, la cui apertura – ad eccezione di Cervinia dove si scia già da alcune settimane – è prevista tra la fine di novembre e l’inizio di dicembre.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ruby ter: difesa Berlusconi, la sua salute è in miglioramento
Avvocato Cecconi, non è escluso renda dichiarazioni spontanee
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
17 novembre 2021
11:47
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La salute di Silvio Berlusconi è in progressivo miglioramento, speriamo prosegua”.
Lo ha spiegato l’avvocato Federico Cecconi, legale dell’ex premier, al termine dell’udienza del processo milanese sul caso Ruby ter.

Cecconi ha anche spiegato che per l’udienza del 24 novembre la difesa provvederà ad un “significativo sfoltimento” della lista dei testimoni e non ha escluso anche che l’ex presidente del Consiglio nel proseguimento del processo possa decidere di rendere “dichiarazioni spontanee”.
L’ordinanza del Tribunale di Milano che il 3 novembre ha dichiarato inutilizzabili le testimonianze di 18 ‘ex olgettine’ rese nel Ruby e nel Ruby bis e che potrebbe aver azzoppato parte delle accuse a carico dei 29 imputati del ‘ter’, tra cui Silvio Berlusconi, è “estremamente significativa per tutte le imputazioni, non solo per la falsa testimonianza”, ossia anche per la corruzione in atti giudiziari, ha spiegato Cecconi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Umbria,1.794 terze dosi e 286 prime ultimo giorno
Supera l’84 per cento popolazione con il ciclo completato
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
17 novembre 2021
11:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono stati 1.794 i vaccinati Covid con le terze dosi in Umbria nell’ultimo giorno, 8,27 per cento del totale, a fronte di 286 di prime, 85,57 per cento dei vaccinabili.
Emerge dai dati sul portale della Regione.
In 445 hanno invece concluso il ciclo vaccinale, 84,03 per cento.
In base ai numeri sul portale governativo sono state somministrate 1.394.247 dosi di vaccino sul milione 469.397 finora fornite, il 94.9 del totale.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bankitalia: migliorano attese famiglie e propensione spesa
Più cautela fra nuclei meno abbienti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
11:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Migliorano le attese delle famiglie sull’economia italiana.
E’ quanto scrive la Banca d’Italia nelle sue note Covid.
“In ripresa la propensione a spendere nei comparti più colpiti tra cui alberghi, bar e ristoranti” e “cautela nelle prospettive di spesa soprattutto tra i meno abbienti”. Per l’istituto centrale “Il saldo tra attese di miglioramento e peggioramento della situazione economica e del lavoro è positivo per la prima volta da primavera 2020; le famiglie che prefigurano un peggioramento sono calate di oltre il 10%”. Circa un terzo delle famiglie afferma di essere riuscito ad accantonare qualche risparmio a partire dall’inizio della pandemia; la quota è più ampia per i nuclei il cui capofamiglia è laureato La percentuale di famiglie che ritiene di riuscire a risparmiare nei prossimi dodici mesi è rimasta sostanzialmente stabile, al 44 per cento.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Lombardia, entro fine anno un milione di terze dosi
Fontana, 600mila somministrazioni effettuate sono buon numero
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
17 novembre 2021
12:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Entro la fine dell’anno dovremmo arrivare tranquillamente a superare il milione di dosi booster”.

Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, a margine della presentazione dei dati congiunturali sull’andamento delle imprese manifatturiere lombarde, commentando l’andamento della vaccinazione della terza dose anti Covid.

“Sono più di 600mila le dosi già inoculate e sono un buon numero – ha aggiunto -, ma soprattutto è importante vedere che c’è una prenotazione, anche quella importante, che supera le 450 mila dosi. È chiaro che adesso bisognerà attendere ulteriori prenotazioni, ma bisogna aspettare i sei mesi dall’ultima dose, quindi è chiaro che molti potranno iniziare a prenotare la propria dose tra qualche mese”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: volano contagi in Alto Adige, +365
Stabile situazione negli ospedali, oltre 7 mila in quarantena
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
17 novembre 2021
12:19
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Volano i contagi in Alto Adige che oggi con 365 nuovi casi raggiungono un nuovo record di questo autunno.
Sono stati analizzati 2.228 tamponi pcr.
L’incidenza settimanale sale a 405 (+5). Piuttosto stabile la situazione dei pazienti ospedalizzati con 70 nei normali reparti e 9 in terapia intensiva, mentre sale di 3 pazienti a 50 il numero dei ricoveri nelle cliniche private. Supera soglia 7 mila il numero degli altoatesini in quarantena (7.082), mentre sono 257 i nuovi guariti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Difesa: Ok Senato a ddl sindacati militari, 139 sì
Il provvedimento torna alla Camera
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
12:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’Assemblea del Senato con 139 sì, 13 no e 69 astenuti, ha approvato il ddl sull’esercizio della libertà sindacale del personale delle Forze armate e delle Forze di polizia a ordinamento militare.
Il provvedimento già approvato dalla Camera deve tornarci perché sono state apportate alcune modifiche.
(segue)
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fisco:Salvini, avanti su rottamazione delle cartelle 2018-19
Aiuti a chi per il Covid non ha pagato rate vecchie rottamazioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
12:24
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Rottamazione cartelle esattoriali 2018 e 2019: siamo a buon punto ma chiediamo anche la possibilità di aiutare chi – per colpa del Covid – non è riuscito o non riuscirà a pagare le rate delle vecchie rottamazioni”.
Lo dice, in una nota, il leader della Lega Matteo Salvini, che ha dedicato la mattinata ai dossier economici.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Italia-Albania: Draghi riceve Rama a Palazzo Chigi
Picchetto d’onore in cortile Presidenza
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
17 novembre 2021
12:25
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha ricevuto a Palazzo Chigi il primo ministro della Repubblica d’Albania, Edi Rama.

Nel cortile della presidenza del Consiglio il picchetto d’onore ha eseguito gli inni nazionali di Albania e Italia.
Dopo il colloquio i due premier rilasceranno dichiarazioni alla stampa.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scontro in Aula Camera tra Leu-Alternativa su green pass
Fornaro sbotta contro Cabras contrario a certificato
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
12:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Duro scontro nell’Aula della Camera tra Federico Fornaro di Leu e Pino Cabras di Alternativa C’è durante il dibattito sulla fiducia sul dl green pass.
Cabras critica duramente il ministero della Salute e l’obbligo di green pass, che sostiene essere “un prodotto del Draghistan che non ha uguali”.

Fornaro si infuria: “Qui siamo in Parlamento, non al bar.
State esercitando nel peggiore dei modi un ruolo fondamentale come quello della opposizione buttando nel ventilatore qualsiasi cosa”, dice, interrotto da Cabras, il quale a sua volta viene richiamato con cortese fermezza dal vicepresidente di turno Andrea Mandelli.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mobilità: dopo Covid boom di e-bike ma auto torna sul podio
Rapporto Audimob (Isfort), ancora 12 mln di vetture ‘vecchie’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
12:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gli italiani tornano a muoversi e nei loro spostamenti post-emergenza Covid sono più attenti alla svolta green.
Ma la fotografia che ne viene fuori è contrastante: i cittadini amano le e-bike ma snobbano il tpl.
E l’auto, ancora troppo vecchia, rimane la prediletta tornando a intasare le città.
È quanto emerge dal 18° Rapporto Audimob sulla mobilità degli italiani, curato da Isfort in collaborazione con il CNEL e con i contributi scientifici della Struttura Tecnica di Missione del Mims, di Agens e di Asstra.
L’indagine, che prende in considerazione tutte le limitazioni alla mobilità intervenute per decreto e le nuove tendenze determinate dallo smart working, evidenzia che il parco dei mezzi elettrici è senza dubbio in forte crescita: a fine giugno 2021 si registrano oltre 83.463 auto (+57% rispetto a fine 2020, +267,2% rispetto al 2019), 18.635 ciclomotori (+12,3% rispetto a fine 2020), 12.471 scooter e moto (+32,7%), 8.352 quadricicli (+18,2%). L’immatricolazione delle auto ibride, da febbraio 2021, è superiore a quella diesel. Dato che fa conquistare all’Italia il podio in Europa, ma resta ancora in ritardo nella vendita di auto ibride plug-in (PHEV) ed elettriche pure (BEV).
Si tratta di uno slancio buono ma non buonissimo, considerato che ci sono ancora oltre 12 milioni di auto vecchie che non superano lo standard emissivo Euro 3 (quasi un terzo del totale).
Una parte degli italiani poi, all’auto e ai mezzi pubblici, ha preferito un mezzo più ecologico, complici anche i bonus, e ha acquistato una e-bike, il cui mercato ha di fatto registrato un boom. Secondo i dati dell’Ancma, nel 2020 sono state vendute in Italia oltre 2 milioni di biciclette, di cui 280mila e-bike (pari al 14% del totale, erano appena il 3,5% nel 2015), ovvero il 17% in più rispetto al 2019 (+14% le bici tradizionali, +44% le bici elettriche). E nei primi sei mesi del 2021, di e-bike ne sono state già vendute 157.000 (+12% rispetto allo stesso periodo del 2020). Un mercato quello delle biciclette che è quindi in forte espansione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Rai: Fuortes propone Maggioni al Tg1, Sangiuliano al Tg2 e Sala al Tg3
Sono le proposte di nomina presentate dall’ad ai consiglieri in vista del cda in programma domani
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
18:31
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Monica Maggioni al Tg1, Gennaro Sangiuliano al Tg2 e Simona Sala al Tg3 con Mario Orfeo verso la direzione Approfondimento.
Sono queste – secondo quanto si apprende – le proposte di nomina presentate dall’ad Carlo Fuortes ai consiglieri in vista del cda in programma domani.
Alla direzione del Gr Radio Andrea Vianello che lascerebbe il posto a Rainews a Paolo Petrecca.
Alla Tgr confermato Alessandro Casarin, mentre a Raisport l’indicazione dell’ad è Alessandra De Stefano al posto di Auro Bulbarelli.
La lite tra i partiti sarebbe andata avanti fino alle ultime ore prima dell’invio dei curricula con insistenti voci di rinvio. Il Movimento Cinque Stelle, in particolare, ha contestato la scelta di destinare Monica Maggioni al Tg1 al posto di Carboni, che al momento resterebbe senza incarico. Fibrillazioni questa mattina anche a Viale Mazzini, dove i consiglieri avrebbero rifiutato un incontro con l’ad Carlo Fuortes contestando il fatto di non essere stati coinvolti nelle scelte. Ora la partita si sposta alla riunione del cda di domani a Napoli. Le proposte dell’ad devono essere sottoposte al parere del cda, che è vincolante in caso di maggioranza dei due terzi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bankitalia: migliorano le attese delle famiglie e propensione spesa
Più cautela fra nuclei meno abbienti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
15:25
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Migliorano le attese delle famiglie sull’economia italiana.
E’ quanto scrive la Banca d’Italia nelle sue note Covid.
“In ripresa la propensione a spendere nei comparti più colpiti tra cui alberghi, bar e ristoranti” e “cautela nelle prospettive di spesa soprattutto tra i meno abbienti”. Per l’istituto centrale “Il saldo tra attese di miglioramento e peggioramento della situazione economica e del lavoro è positivo per la prima volta da primavera 2020; le famiglie che prefigurano un peggioramento sono calate di oltre il 10%”. Circa un terzo delle famiglie afferma di essere riuscito ad accantonare qualche risparmio a partire dall’inizio della pandemia; la quota è più ampia per i nuclei il cui capofamiglia è laureato. La percentuale di famiglie che ritiene di riuscire a risparmiare nei prossimi dodici mesi è rimasta sostanzialmente stabile, al 44 per cento.
Dall’indagine, compiuta fra fine agosto e inizio settembre su 2000 nuclei familiari, si rileva come “i comportamenti di consumo restino condizionati dall’emergenza sanitaria, ma appaiono in progressivo miglioramento. Rispetto alla rilevazione di aprile la percentuale di famiglie che dichiarano di avere ridotto le spese per alberghi, bar e ristoranti nel confronto con il periodo prepandemia è diminuita di 15 punti percentuali, pur restando elevata (al 71 per cento; aveva toccato quasi il 90 per cento nelle fasi più acute della pandemia). Tra le motivazioni che hanno frenato la spesa, “è rimasta invariata l’importanza attribuita alla paura del contagio; è sensibilmente diminuita quella associata alle misure di contenimento, in connessione con il venire meno delle restrizioni a partire dalla primavera. Permane tuttavia una certa cautela nelle attese di spesa a tre mesi, in particolare tra le famiglie con maggiori difficoltà economiche e tra quelle che nel mese precedente l’intervista hanno percepito un reddito più basso rispetto a prima della pandemia” rileva l’indagine”.
Si rafforzano “i segnali di pressioni al rialzo sui prezzi di vendita” delle abitazioni e “per la prima volta dall’inizio della rilevazione nel 2009, la quota di operatori che ravvisa un aumento delle quotazioni nel terzo trimestre rispetto al precedente è superiore, seppur lievemente, a quella di chi ne indica un calo”. E quanto emerge dal sondaggio congiunturale della Banca d’Italia condotta presso gli agenti immobiliari dal 27 settembre al 22 ottobre 2021. Anche le attese di crescita delle quotazioni nel trimestre in corso sono divenute prevalenti rispetto alle aspettative di un calo dei listini.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Green pass: Cei, proteste irresponsabili e contro il Vangelo
‘Malintesa affermazione della libertà e dei diritti’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
12:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Cei condanna le manifestazioni no-vax e no-green pass.
A fronte di tanta gente che si è dedicata al bene degli altri, in questa pandemia del Covid, “non sono mancate, tuttavia, manifestazioni di egoismo, indifferenza e irresponsabilità, caratterizzate spesso da una malintesa affermazione di libertà e da una distorta concezione dei diritti”.
In molti casi “tali comportamenti e discorsi hanno espresso una visione della persona umana e dei rapporti sociali assai lontana dal Vangelo e dallo spirito della Costituzione”, affermano i vescovi italiani nel Messaggio per la Giornata della Vita.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Nucleare: direttore Agenzia atomica Grossi lunedì in Iran
La visita a pochi giorni dai colloqui di Vienna del 29 novembre
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TEHERAN
17 novembre 2021
12:46
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) Rafael Grossi sarà a Teheran lunedì prossimo.

Lo annuncia il portavoce dell’Organizzazione iraniana per l’energia atomica Behrouz Kamalvandi all’agenzia Fars aggiungendo che sono in programma incontri col ministro degli Esteri Hossein Amirabdollahian e il direttore dell’Organizzazione iraniana per l’energia atomica Mohammad Eslami “per discutere la cooperazione tra Iran e Aiea”.
La visita, su invito dell’Iran, precede i colloqui di Vienna del 29 novembre per rilanciare l’accordo nucleare.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nato: Draghi incontra Stoltenberg nel pomeriggio a P.Chigi
Incontro alle 16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
12:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente del Consiglio Mario Draghi incontrerà oggi a Palazzo Chigi, a quanto si apprende, il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg.
Il colloquio dovrebbe svolgersi intorno alle 17.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Abi: Patuelli confermato presidente per biennio 2022-2024
Via libera Comitato esecutivo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
12:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il comitato esecutivo dell’Abi “ha indicato Antonio Patuelli per la conferma a presidente nel biennio 2022-2024”.
È quanto si legge in una nota diffusa al termine della riunione dell’esecutivo che ha approvato un pacchetto di modifiche statutarie.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Italia-Albania: Draghi,rapporto forte e antico,va rafforzato
Collaborazione di successo ora anche sulla transizione ecologica
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
13:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La relazione” tra Italia e Albania “è antica, forte, di successo, non necessita di discussione ma solo di rafforzamento.
La comunità albanese in Italia è vasta, ben integrata, gli studenti albanesi sono molti e frequentano con profitto le nostre università”.
Lo dice il premier Mario Draghi al termine dell’incontro a Palazzo Chigi con il primo ministro albanese Edi Rama. Draghi sottolinea anche la collaborazione tra le aziende italiane e albanesi. E’ una collaborazione in campi che vanno dall’agricoltura, al turismo “e ora anche sulla transizione ecologica”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Casa: Bankitalia, prima volta da 2009 atteso rialzo prezzi
Sondaggio fra agenti immobiliari, anche per trimestre in corso
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
13:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Si rafforzano “i segnali di pressioni al rialzo sui prezzi di vendita” delle abitazioni e “per la prima volta dall’inizio della rilevazione nel 2009, la quota di operatori che ravvisa un aumento delle quotazioni nel terzo trimestre rispetto al precedente è superiore, seppur lievemente, a quella di chi ne indica un calo”.
E quanto emerge dal sondaggio congiunturale della Banca d’Italia condotta presso gli agenti immobiliari dal 27 settembre al 22 ottobre 2021.
Anche le attese di crescita delle quotazioni nel trimestre in corso sono divenute prevalenti rispetto alle aspettative di un calo dei listini.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bielorussia: Draghi, migranti usati per politica estera
Non ho avuto notizie di vertice Ue straordinario sul tema
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
13:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’uso dei migranti è diventato uno strumento, diciamo gentilmente, di politica estera”.
Lo dice il premier Mario Draghi al termine dell’incontro a Palazzo Chigi con il primo ministro albanese Edi Rama.
“Non ho avuto notizie di un vertice straordinario” dell’Ue sul tema, risponde a chi gli chiede di questa ipotesi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Green pass: Camera conferma fiducia, 453 sì
42 i voti contrari al decreto
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
13:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Camera conferma la fiducia al governo sul decreto legge green pass con 453 voti a favore e 42 contrari .

L’Assemblea di Montecitorio ora passa all’esame degli ordini del giorno al testo, che dovrebbe essere definitivamente approvato entro oggi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Abi: Patuelli confermato presidente per biennio 2022-2024
Via libera Comitato esecutivo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
13:20
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il comitato esecutivo dell’Abi “ha indicato Antonio Patuelli per la conferma a presidente nel biennio 2022-2024”.
È quanto si legge in una nota diffusa al termine della riunione dell’esecutivo che ha approvato un pacchetto di modifiche statutarie.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In Umbria crescono nuovi casi Covid ma ricoveri stabili
Sale quasi a uno per cento tasso giornaliero positività test
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
17 novembre 2021
13:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Crescono del 30 per cento i nuovi casi Covid giornalieri in Umbria, 96 nell’ultimo giorno rispetto ai 74 di martedì.
Resta però invariato il numero dei ricoverati in ospedale 45, ma salgono a sei, da cinque, i posti occupati nelle terapie intensive.
Emerge dai dati sul portale della Regione.
Sempre nell’ultimo giorno non sono stati registrati nuovi morti per il virus. I guariti sono stati invece 84, con gli attualmente positivi ora 1.565, 12 in più.
Sono stati analizzati 2.547 tamponi e 7.083 test antigenici, con un tasso di positività sul totale pari allo 0,99 per cento (0,5 martedì).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bielorussia, Merkel-Lukashenko: ‘Intesa per colloqui Ue-Minsk’
Draghi: ‘Migranti usati per politica estera. Non ho avuto notizie di vertice Ue straordinario sul tema’.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
10:20
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko e la cancelliera tedesca Angela Merkel hanno concordato nella loro conversazione telefonica di oggi di avviare dei colloqui tra Minsk e l’Ue sulla crisi dei migranti.
Lo riferisce l’agenzia di stato bielorussa.
“L’uso dei migranti è diventato uno strumento, diciamo gentilmente, di politica estera”.
Lo dice il premier Mario Draghi al termine dell’incontro a Palazzo Chigi con il primo ministro albanese Edi Rama. “Non ho avuto notizie di un vertice straordinario” dell’Ue sul tema, risponde a chi gli chiede di questa ipotesi.
“L’Europa è al fianco delle persone intrappolate alla frontiera con la Bielorussia”. Lo scrive la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, su Twitter, ricordando che l’Ue ha mobilitato 700mila euro per l’assistenza umanitaria con cibo, coperte, e kit di primo soccorso. “Siamo pronti a fare di più – afferma la leader -. Ma il regime bielorusso deve mettere di adescare le persone mettendo a rischio le loro vite”.
“Ho parlato con il primo ministro dell’Estonia Kaja Kallas degli sforzi per fermare questo attacco ibrido. La commissione Ue svolge un ruolo chiave nella crisi, anche nel raggiungere i paesi d’origine e le compagnie aree. L’unità di azione è fondamentale. Entrambe abbiamo convenuto che le sanzioni dovrebbero entrare in vigore ora”. Lo scrive in un tweet la presidente della commissione Ue Ursula von der Leyen.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Presidi,’tante classi in Dad perchè ignorate nuove regole
A Roma tutti a casa con un solo contagio,protocollo ingestibile
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
13:47
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I presidi di Roma e del Lazio denunciano “grandi difficoltà” nell’applicazione dei protocolli elaborati dopo le nuove linee guida sulle quarantene, definiti “ingestibili” per le scuole.
“Ad oggi – dice il presidente dell’Anp della Capitale Mario Rusconi – non tutte le Asl seguono ancora le nuove linee guida che limitano le quarantene a tre positivi per classe, così ci risultano diverse decine di classi a Roma in quarantena anche con un solo caso, con il ritorno della Dad”.
Per la presidente dell’Anp Lazio Cristina Costarelli “alcune Asl stanno ancora modificando i protocolli. Il problema è che risultano ingestibili”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I presidi di Roma e del Lazio denunciano “grandi difficoltà” nell’applicazione dei protocolli elaborati dopo le nuove linee guida sulle quarantene, definiti “ingestibili” per le scuole.
“Ad oggi – dice il presidente dell’Anp della Capitale Mario Rusconi – non tutte le Asl seguono ancora le nuove linee guida che limitano le quarantene a tre positivi per classe, così ci risultano diverse decine di classi a Roma in quarantena anche con un solo caso, con il ritorno della Dad”.
Per la presidente dell’Anp Lazio Cristina Costarelli “alcune Asl stanno ancora modificando i protocolli. Il problema è che risultano ingestibili”.
Secondo Costarelli i protocolli sono “ingestibili da parte di scuole e famiglie” perché “sono stati immaginati in un momento inopportuno, con un calo di contagi, mentre oggi ci troviamo ad affrontare una nuova impennata – spiega la rappresentante dell’Anp, anche dirigente scolastica del liceo romano Newton -. Faccio un esempio: quando c’è anche un solo positivo in classe, tutti i compagni devono fare due tamponi, uno subito e uno al quinto giorno. E le scuole devono raccogliere tutti questi dati, tra chi manda subito l’esito del test, chi il giorno dopo, chi non lo fa proprio….Fino a quanto l’iter non termina, non si può tornare alla normalità”. Secondo Rusconi, preside dell’Istituto Pio IX a Roma, “a complicare la situazione c’è il fatto che molti genitori, che prima erano in smart working e ora sono tornati in ufficio, hanno difficoltà a seguire i bambini che devono stare a casa e ci chiedono spiegazioni. Abbiamo sottoposto la questione all’assessore alla scuola del Lazio”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tv: Dazn da Giorgetti: ‘Ribadito il massimo impegno’
‘Non saranno posti in essere cambi nell’utilizzo del servizio nel corso di questa stagione’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
16:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il “massimo impegno” e un “incremento degli investimenti” è stato assicurato da Dazn, dopo l’incontro con il ministro per lo sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, e con la sottosegretaria, Anna Ascani.
Dazn sottolinea in una nota come dall’assegnazione dei diritti tv della serie A questo impegno “si è concretizzato in una serie di importanti investimenti già realizzati e che saranno ulteriorimente incrementati”.
E’ stato inoltre ribadito “che non saranno posti in essere cambi nell’utilizzo del servizio nel corso di questa stagione e che ogni tipo di modifica sarà comunicata in maniera chiara e trasparente e nei tempi congrui”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ergastolo ostativo: sì Commissione Camera testo base riforma
ha votato il testo base della riforma dell’articolo 4 bis dell’Ordinamento penitenziario
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
14:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La commissione Giustizia della Camera ha votato il testo base della riforma dell’articolo 4 bis dell’Ordinamento penitenziario, il cosiddetto ergastolo ostativo.
Ne dà notizia il presidente della commissione Giustizia e relatore del provvedimento Mario Perantoni, deputato del Movimento Cinque Stelle.

La riforma è stata sollecitata dalla Corte costituzionale, che ha dichiarato illegittima l’attuale normativa.
“Il testo – spiega Perantoni – interviene con il fine di recepire l’orientamento della Corte costituzionale che chiede una revisione della norma attuale. Abbiamo trovato una mediazione tra i valori espressi dalla Consulta e la necessità di mantenere il rigore nei confronti della detenzione dei boss mafiosi, un obiettivo per noi irrinunciabile. Renderò presto noto il termine per la presentazione degli emendamenti”. In commissione hanno votato in favore dell’adozione del testo base tutti i gruppi tranne Fdi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Medici in piazza a Roma, ‘salvare medicina urgenza’
‘Esausti da pandemia,viviamo crisi strutturale mai vissuta primà
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
17 novembre 2021
18:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Medici e infermieri di pronto soccorso in piazza al centro di Roma.
La manifestazione, organizzata dalla Simeu (Società italiana medicina di emergenza-urgenza), in piazza Santi Apostoli.
Al sit-in, regolarmente preavvisato, sono attese cento persone.
“Salvare la medicina d’emergenza-urgenza significa salvare l’intero Ssn” scrive la Simeu sul suo sito lanciando l’iniziativa. “Sono passati due anni dall’inizio della pandemia e quel che è accaduto ha dimostrato al Paese quanto fossero sacrosante le nostre affermazioni e fondati i nostri allarmi – aggiunge – .Oggi, ancora impegnati nella gestione della pandemia, ci ritroviamo prostrati ed esausti a continuare a combattere su due fronti mentre affrontiamo una crisi strutturale mai vissuta prima. Le problematiche che ci affliggono sono numerose e non hanno ancora ricevuto costruttive attenzioni. È arrivato il momento di provare a far sentire la nostre ragioni in maniera diversa, di mostrare il volto dei professionisti dell’Emergenza Urgenza”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dl fisco: cashback contro cash, sfida fra emendamenti
FdI, rinviare limite contante 1.000 euro. M5S punta su digitale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
15:32
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pagamenti digitali contro contante.
È uno dei temi che si profila nel dibattito sugli emendamenti al decreto fiscale.
Domani la Commissione finanze del Senato dovrebbe definire la lista dei ‘segnalati’, e fra i 913 presentati in origine dai partiti ce ne sono due in particolare che insistono sulla questione. Il M5s spinge per rilanciare il cashback, il sistema di rimborso per gli acquisti con moneta digitale, con alcune modifiche, fra cui l’abrogazione dei rimborsi speciali. In altra direzione va un emendamento di FdI che punta a far slittare di un anno, al primo gennaio 2023, il divieto di pagamenti in contante sopra i mille euro. In queste ore sono in corso le valutazioni dei partiti per definire quali emendamenti verranno portati avanti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lombardia, ipotesi terza dose in metro e supermercati
Bertolaso,’pronti 60-70 mila vaccini al giorno’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
17 novembre 2021
15:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Per le terza fase della campagna vaccinale anti Covid “abbiamo immaginato di organizzare dei centri vaccinali nella grande distribuzione organizzata della Lombardia e in due stazioni della metro” a Milano.
Lo ha spiegato il coordinatore della Regione Guido Bertolaso, durante una conferenza a Palazzo Pirelli, spiegando che nei prossimi giorni sarà aperta una manifestazione di interesse rivolta alle grandi catene e ai centri commerciali.

Con l’inizio della fase massiva delle terze dosi, a partire dal primo dicembre, “ci prepariamo agli scenari più diversi, anche a quelli che potrebbero essere di vaccinare 60-70 mila persone al giorno”, ha detto Bertolaso. I centri vaccinali già attivi, dunque, resteranno aperti anche durante le festività natalizie, mentre a Milano “l’hub delle Scintille, che è un nostro gioiello e adesso lavora a un terzo della sua capacità, sarà pienamente operativo per gennaio”.
E anche a Gallarate aprirà un nuovo centro, che andrà a sostituire quello di Malpensa Fiere. “Stiamo prendendo contatti con la Gdo, è un modo per andare incontro a cittadini” ha aggiunto il vicepresidente e assessore al Welfare Letizia Moratti, ricordando che “abbiamo già 365 farmacie che vaccinano con le terze dosi, sono in crescita e su tutto il territorio”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ambiente: 1400 nuove piante per Parco nazionale Alta Murgia
In Puglia il progetto Nespresso ‘Le città che respirano’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
15:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La messa a dimora di 1400 nuove piante e la riforestazione di un’area di 10 mila metri quadrati con l’obiettivo di favorire la rigenerazione urbana, incrementare la biodiversità, mitigare le emissioni di CO2 e i danni causati dagli incendi.
In occasione della Giornata nazionale degli alberi del 21 novembre, arriva in Puglia il progetto di Nespresso ‘Le città che respirano’.

A Bitonto, in provincia di Bari, è stato inaugurato l’intervento che ha consentito la messa a dimora di 1400 piante e la riforestazione di un’area di oltre 10 mila metri quadrati in uno dei tredici comuni del Parco Nazionale dell’Alta Murgia, che è tra i più estesi d’Italia. “La tutela del territorio e dell’ambiente è un valore in cui da sempre crediamo e che ci guida nello sviluppo delle nostre attività – ha spiegato Chiara Murano, Sustainability & SHE Manager di Nespresso Italiana -.
Per questo abbiamo deciso di affiancare Legambiente e AzzeroCO2 per supportare e valorizzare il patrimonio ambientale e paesaggistico del nostro Paese”.
L’intervento di forestazione ha interessato un’area che è stata colpita tra giugno e settembre da dodici incendi ed è considerata tra le zone più critiche a causa del suo ambiente mediterraneo che aumenta la suscettibilità dei boschi alle fiamme. Obiettivo dell’attività è di mitigare i danni causati dagli incendi dell’estate 2021. ‘Le città che respirano’, lanciato nel 2020 da Nespresso, rientra in ‘Mosaico Verde’, una campagna nazionale di forestazione ideata e promossa da AzzeroCO2 e Legambiente.
Alla cerimonia di inaugurazione a Bitonto è intervenuto anche il sindaco, Michele Abbaticchio, che ha annunciato l’intenzione di dedicare una parte degli alberi piantati a ricordo delle vittime del Covid registrate in città, consentendo alle famiglie di poterli intitolare ai propri cari deceduti. Per garantire la biodiversità del progetto e il suo rapido attecchimento sono state utilizzate diverse specie autoctone, tra cui la Fillirea, il Mirto, il Ligustro, il Melo domestico, il Ciliegio Canino e il Corbezzolo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Thoeni, restrizioni al massimo piuttosto che chiudere
L’albergatore ed ex campione di sci si dice preoccupato
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
17 novembre 2021
16:05
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’aumento dei contagi nella provincia di Bolzano e Trento? “Sono preoccupato, siamo vicini alla stagione invernale, e dopo quello che abbiamo passato l’anno scorso, diventerebbe tutto molto più complicato”.
A parlare, ospite di Rai Radio1 a Un Giorno da Pecora, Gustav Thoeni, albergatore ed ex campione di sci.

“Infatti siamo preoccupati, se non possiamo aprire o la gente non può venire sarebbe un bel problema, speriamo di poter tenere aperto. Meglio restrizioni al massimo piuttosto che le chiusure”. Thoeni, vaccinato e in attesa della terza dose, non si sa spiegare il basso tasso di vaccinati in Alto Adige. “Non ne ho idea, sono meravigliato anche io”. Il lockdown solo per i non vaccinati in Austria non convince Thoeni. “Mi sembra strano – ha detto Thoeni a Rai Radio1 – ma anche loro sono preoccupati di perdere la stagione invernale. Meglio comunque le restrizioni che eventuali chiusure”. “Sugli impianti non c’è un grande rischio contagio, giusto alla risalita, il problema semmai è più nei locali chiusi”, afferma.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Energia: Giorgetti, è urgente sterilizzare gli aumenti
Sono molto preoccupato. Dirottare parte risorse manovra
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
16:45
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Serve una riflessione seria sul prezzo dell’energia.
È urgente è prioritario sterilizzare questi aumenti che rischiano di mettere in ginocchio famiglie e imprese già nelle prossime settimane.
Sono molto preoccupato e per questo credo che tutti dovremmo pensare di dirottare una parte delle risorse della manovra alla riduzione delle bollette energetiche”. Così il ministro dello sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cartabia,Quirinale?Lavoro nel presente,per riforme ambiziose
Lo dice il Guardasigilli a New York
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
17 novembre 2021
17:14
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Lavoro nel presente, per dare il massimo per portare avanti il progetto di riforme molto importante e ambizioso”.
Lo afferma la ministra della Giustizia Marta Cartabia rispondendo a chi le chiedeva della prossima elezione del presidente della Repubblica.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Manovra: da venerdì tavolo Franco-partiti su taglio tasse
Al via confronto maggioranza su destinazione 8 mld
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
17:16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
EMBED START Image {id: “editor_0”} epa09572172 Italian Minister of Economy and Finance Daniele Franco (front) attends an Ecofin, European Finance Ministers meeting enlarged to EFTA countries in Brussels, Belgium, 09 November 2021.
EPA/OLIVIER HOSLET EMBED END Image {id: “editor_0”} A partire dalla fine di questa settimana, probabilmente da venerdì, il ministro dell’Economia Daniele Franco avvierà le riunioni con i partiti della maggioranza per trovare una sintesi su come utilizzare gli 8 miliardi previsti in manovra per il taglio delle tasse.
Al tavolo, secondo quanto si apprende, ci saranno Laura Castelli per il M5S e Maria Cecilia Guerra per Leu, rispettivamente viceministro e sottosegretaria al Mef, per Italia Viva ci sarà il presidente della commissione Finanze della Camera Luigi Marattin, Alberto Bagnai per la Lega, Antonio Misiani per il Pd, Gilberto Pichetto, sottosegretario al Mise, per Forza Italia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A partire dalla fine di questa settimana, probabilmente da venerdì, il ministro dell’Economia Daniele Franco avvierà le riunioni con i partiti della maggioranza per trovare una sintesi su come utilizzare gli 8 miliardi previsti in manovra per il taglio delle tasse.
Al tavolo, secondo quanto si apprende, ci saranno Laura Castelli per il M5S e Maria Cecilia Guerra per Leu, rispettivamente viceministro e sottosegretaria al Mef, per Italia Viva ci sarà il presidente della commissione Finanze della Camera Luigi Marattin, Alberto Bagnai per la Lega, Antonio Misiani per il Pd, Gilberto Pichetto, sottosegretario al Mise, per Forza Italia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L.elettorale: Meloni, senza il Pd proporzionale non passa
E confido che Letta assuma questo impegno
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
17:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Confido che Letta, piuttosto che scommetere, si assuma l’impegno di dire che il proporzionale non passa”.
Così la leader di FdI, Giorgia Meloni, alla presentazione del libro di Bruno Vespa “Perché Mussolini rovinò l’Italia (e come Draghi la sta risanando)”.

“Se non ci sta il Pd il proporzionale non si fa”, aggiunge.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Assegno Unico, ecco come funziona
Da 50 a 175 euro, aiuti fino a 21 anni. A famiglie numerose oltre 1000 euro, 2 anni residenza stranieri
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
13:31
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dal 2022 lo Stato sosterrà tutte le famiglie con figli, dagli incapienti ai più benestanti.
E accompagnerà i figli dal settimo mese di gravidanza oltre la maggiore età, fino a 21 anni, a patto che i ragazzi studino, facciano tirocini con redditi minimi o anche il servizio civile universale.
Arriva, con l’ultimo decreto attuativo che sarà sul tavolo del Consiglio dei ministri, la definizione a regime dell’Assegno Unico universale per i figli, che interesserà sia i lavoratori dipendenti sia gli autonomi e che sarà sempre erogato dall’Inps, su domanda dei nuclei interessati. Il nuovo assegno terrà conto delle famiglie numerose che arriveranno a ricevere, combinando più requisiti, fino a oltre 1000 euro al mese. Il passaggio in Consiglio dei ministri è in realtà il penultimo step, perché il provvedimento dovrà ancora passare il vaglio delle commissioni parlamentari ed essere pronto per andare in Gazzetta prima della fine dell’anno. La nuova misura sarà infatti operativa a decorrere da marzo 2022 ma le domande si potranno presentare dal primo gennaio, per un periodo che andrà da marzo al febbraio dell’anno successivo, mentre ora gli assegni familiari vanno da luglio a giugno dell’anno dopo. Arriva anche una proroga fino a fine febbraio per allineare l’assegno temporaneo per gli autonomi a queste nuove scadenze. Insieme alla domanda, a differenza dei vecchi assegni parametrati al reddito, andrà presentata anche la dichiarazione Isee ma chi non la presenta riceverà comunque l’assegno al minimo. Potranno richiederlo tutti i residenti da almeno due anni, compresi i cittadini extracomunitari.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gli importi saranno parametrati all’Isee: due in linea generale i limiti individuati, sotto i 15mila euro di Isee per avere il massimo dei benefici, oltre i 40mila per avere comunque almeno il minimo. Nessuna famiglia, se vorrà, resterà quindi fuori dal contributo che andrà dai 50 ai 175 euro al mese che diventano da 25 a 85 per i figli tra i 18 e i 21 anni. Saranno previste una serie di maggiorazioni in base al numero di figli e alla presenza di disabili, ma si terrà conto anche del fatto che entrambi i genitori lavorano, mentre una maggiorazione ad hoc, 20 euro al mese indipendentemente dall’Isee, andranno alle mamme under 21. A partire dal terzo figlio è prevista una maggiorazione tra i 15 e gli 85 euro a figlio in base all’Isee, mentre i nuclei con “quattro figli o più” riceveranno un’ulteriore “maggiorazione forfettaria” da 100 euro al mese. Se entrambi i genitori lavorano e l’Isee è basso, si avranno altri 30 euro in più, che si azzerano oltre i 40mila euro. In sostanza un nucleo con Isee fino a 15mila euro riceverà 175 euro al mese con 1 figlio, 350 con due, 610 con tre e 970 con 4 che diventano 1090 euro al mese se entrambi i genitori lavorano (30 euro per 4 figli, 120 euro in più). A questa cifra vanno aggiunti i 20 euro al mese a figlio in caso di mamma giovanissima. I nuclei che superano i 40mila euro di Isee invece riceveranno 50 euro al mese con un figlio, 100 euro con due figli, 165 euro con tre figli, 330 euro con 4 figli.
Anche in questo caso vanno aggiunti i 20 euro a figlio se la mamma ha meno di 21 anni mentre non opera la maggiorazione per entrambi i genitori lavoratori. Attenzione anche alle famiglie con figli disabili che riceveranno l’assegno unico “senza limiti di età” dei figli. Per i minorenni si riceveranno 105 euro al mese in più “in caso di non autosufficienza”, 95 euro “in caso di disabilità grave” e 85 euro “in caso di disabilità media”. In presenza di maggiorenni disabili e fino a 21 anni si riceveranno 50 euro al mese in piu’ (che si sommano all’assegno previsto tra i 18 e i 21 anni) mentre oltre i 21 anni si continuerà a ricevere un assegno in base all’Isee che andrà da 85 a 25 euro al mese. Per la nuova misura, che assorbe i vecchi aiuti alla famiglia dal bonus bebé agli assegni familiari, ci saranno circa 15 miliardi nel 2022 che saliranno progressivamente fino a 19 miliardi e mezzo a decorrere dal 2029.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pd: Letta, Renzi e Calenda? Campo largo aperto, possono entrare
Idee,basi e confini costruiti da cittadini in Agorà democratiche
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
17:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nel campo largo possono entrare i centristi, Calenda e Renzi? “Assolutamente sì”, è stata la risposta del segretario del Pd, Enrico Letta, che nel corso della presentazione del libro di Bruno Vespa, spiegando che nel processo delle Agorà democratiche “partecipano personalità che stanno dentro: il campo è aperto, si deve sottoscrivere una carta dei valori e versare un euro”.

Raccontando l’esperienza delle Agorà, Letta ha ricordato due esperienze del passato del centrosinistra.

“L’Ulivo del ’95-’96 fu un’operazione soprattutto di cittadini, con i comitati per Prodi, una grande operazione sul territorio.
L’Unione del 2006 fu un’operazione di gruppi dirigenti – ha osservato -. Io lavoro perché il Pd si presenti con una coalizione le cui basi, idee e confini, sono costruiti in un dibattito dai cittadini, non dai gruppi dirigenti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
COVID: 10.172 POSITIVI, 72 LE VITTIME
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
17:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Stellantis: a Melfi contratto di solidarietà al 60%
Dall’1 dicembre al 31 marzo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
POTENZA
17 novembre 2021
17:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nello stabilimento Stellantis di Melfi (Potenza) dal 1 dicembre al 31 marzo 2022 sarà riattivato un contratto di solidarietà “difensivo”, al 60 per cento.
Lo prevede un accordo firmato oggi dall’azienda e e dai sindacati.

In un comunicato congiunto di Fim, Fiom, Uilm, Fismic, Ugl e Aqcf è sottolineato che il contratto di solidarietà “utilizzato dall’1agosto, a seguito dell’accordo siglato il 25 giugno” era stato “purtroppo sospeso nei mesi di settembre ed ottobre, per effetto della crisi globale di semiconduttori”.
Oggi l’azienda – secondo quanto reso noto dalle organizzazioni sindacali – ha comunicato che “la crisi dei semiconduttori persiste, sebbene in quantità minore” e “ha palesato la possibilità di poter programmare diversamente le produzioni e nel contempo di poter riattivare il contratto di solidarietà, come da ripetute richieste sindacali, con una percentuale del 60 per cento”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, ordinanza anti-assembramento per città di Aosta
In vista delle manifestazioni natalizie
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
AOSTA
17 novembre 2021
18:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nell’ambito degli interventi per arginare la diffusione del Covid-19 il presidente della Regione Valle d’Aosta, Erik Lavevaz, ha firmato una ordinanza riguardante lo svolgimento di manifestazioni sul territorio comunale di Aosta, con particolare riferimento al centro storico e ad altre aree sensibili della città di Aosta.
“Il provvedimento – si legge in una nota – è stato assunto tenuto conto che l’approssimarsi del periodo delle Festività e l’avvio della stagione turistica invernale, con la contestuale organizzazione di importanti iniziative in programma, tra le quali il mercatino di Natale “Marché Vert Noël”, comporteranno prevedibili notevoli flussi di visitatori e residenti destinati a convergere sul centro storico della città.
L’obiettivo è di contenere il rischio di assembramento e possibili conseguenze per l’ordine e la sicurezza pubblica nelle aree pedonali, nel rispetto delle disposizioni e delle misure anti covid-19″.
L’ordinanza resterà in vigore dal 19 novembre 2021 al 6 gennaio 2022.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Rai: Conte, M5s non andrà più in tv
Fuortes ha scelto di esautorare partito di maggioranza relativa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
18:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Fuortes non libera la Rai dalla politica ma ha scelto di esautorare una forza politica come il M5s: siamo alla degenerazione del sistema e per questo il M5s non farà più sentire la sua voce sui canali del servizio pubblico”.
Lo ha detto il Presidente M5s Giuseppe Conte in una dichiarazione alla stampa.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Garante privacy, stop a foto bimbo ucciso
Rispettare le regole deontologiche
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
18:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
”Molti quotidiani, anche on line, hanno diffuso oggi, con grande rilievo, insieme ad altri dati personali, le immagini in chiaro del bambino ucciso in provincia di Viterbo.
Di fronte al perdurare della prassi di pubblicare foto in chiaro di minori coinvolti in fatti di cronaca, il Garante per la privacy ritiene doveroso richiamare gli organi di stampa, i siti di informazione e i social media, al rispetto delle regole deontologiche nell’esercizio dell’attività giornalistica e della Carta di Treviso, peraltro proprio di recente aggiornata, che prevedono tutele e garanzie rafforzate per i più piccoli”.
”Tali tutele impongono che – pur in presenza di fatti di interesse pubblico, com’è sicuramente la tragica vicenda del bimbo ucciso e nella salvaguardia del diritto/dovere di informare la collettività – i giornalisti si astengano dal diffondere dati personali e dettagli eccedenti che rendano il minore identificabile, in particolare foto e immagini”, aggiunge il Garante per la privacy.
”L’Autorità invita dunque i media e i social network a non diffondere ulteriormente la foto del bimbo o ha premurarsi di oscurarla, riservandosi eventuali interventi di sua competenza nei confronti delle testate che hanno violato le regole deontologiche”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Rai, le reazioni. Renzi: non serve piano per distruggere M5s, basta Conte
Marcucci(Pd), Conte non interferisca
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
19:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La posizione grillina sulla Rai dimostra che non c’è bisogno di piani segreti per distruggere i Cinque Stelle: basta lasciar fare a Giuseppe Conte.
Fa tutto da solo.
Un anno fa mandava veline e immagini al Tg1, oggi annuncia che non andranno più in TV. È stato bello, grazie di tutto. In momenti come questi, un pensiero ritorna alla mente: sì, ne valeva la pena”. Lo scrive su Facebook il leader di Italia viva Matteo Renzi.

“Resta una buona norma per la politica non commentare le nomine dei direttori dei Tg Rai. Vale anche per GiuseppConte. Monica Maggioni e Simona Sala sono delle grandi professioniste, questo dovrebbe garantire tutti”. Lo scrive su Twitter il senatore Pd Andrea Marcucci commentando la polemica innescata dal leader del M5S.

“Nostalgici delle nomine lottizzatorie, quelle sì, che avevano fatto quando Conte immeritatamente stava a Palazzo Chigi i Grillini strepitano sulle vicende della Rai. Quello che dicono Conte e company è ridicolo e patetico al tempo stesso. Hanno imposto, quando hanno avuto maggiore potere, scelte sbagliate sia nel campo del servizio pubblico radiotelevisivo che in altri settori. Dovranno rendere conto e ragione di tante loro malefatte e adesso si mettono a piagnucolare. Le parole di Conte sono irricevibili. Se poi non andranno più davvero in TV, ma vedremo se manterranno questo impegno, l’audience non potrà che trarne effetti benefici. Conte ha perso una ulteriore occasione per tacere”. Lo dichiara il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri componente della Commissione di vigilanza Rai.

“Mi chiedono spesso perché considero i 5S un male per la politica. Anche per questa roba qui. Hanno iniziato dando dei ladri a tutti e appena toccato il potere sono diventati dei lottizzatori seriali. Non esistono più. Basta rendersene conto e non continuare a dargli corda”. Lo scrive su Twitter il leader di Azione, Carlo Calenda.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ho sempre pensato e detto che l’unico modo per escludere i partiti dalla Rai sia di privatizzare l’azienda (prima che faccia la fine di Alitalia). Ma l’attacco sulle nomine e la minaccia di Conte di ‘boicottare’ l’informazione Rai lamentando una presunta esclusione del M5S in questa tornata di nomine, a differenza del passato pare di capire, è lunare: la più vecchia logica partitocratica, con i partiti che considerano la Rai loro proprietà”. Lo scrive il segretario di Più Europa e Sottosegretario agli Esteri, Benedetto Della Vedova.

“Non andremo più in tv”. Lo avevano già detto i 5 Stelle, ve lo ricordate? Poi si sono scelti canali, direttori e conduttori imponendo le dirette one-man-show da Palazzo Chigi. Conte era abituato così, non deve aver digerito bene il nuovo corso di Fuortes. Ma vedrete che anche stavolta durerà poco. Non hanno mai mantenuto una promessa: torneranno”. Lo ha detto in un post su facebook il presidente di Italia Viva Ettore Rosato.

“Monica Maggioni, Gennaro Sangiuliano e Simona Sala sono nomi autorevoli, professionisti ben preparati che meritano il plauso di tutti. Trovo inusuale e bizzarro che ci sia chi interferisca sulla questione delle nomine dei direttori dei tg Rai”. Così il senatore UDC e presidente nazionale del partito, Antonio De Poli.

“Giuseppe Conte ha detto una cosa sacrosanta: le logiche che guidano il servizio pubblico non ci piacciono e non ci sono mai piaciute. Per questo ho presentato un disegno di legge che ha l’obiettivo di spezzare il legame della politica con la Rai. Un provvedimento incardinato in commissione Lavori Pubblici e Comunicazioni che fatica ad andare avanti. Il Movimento 5 stelle continuerà sempre a battersi per garantire il pluralismo dell’informazione, ma serve la volontà di tutte le forze politiche altrimenti si andrà avanti sempre per logiche spartitorie”. Così, in una nota, il vicepresidente della Commissione di Vigilanza Rai Primo Di Nicola, del Movimento 5 Stelle.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ morto Jimmie Durham, scultore, saggista e attivista
Aveva 81 anni. Nel 2019 Leone d’oro alla carriera
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
19:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ morto a Berlino Jimmie Durham, 81 anni, artista, performer, saggista, poeta e attivista considerato tra i nomi più influenti dell’arte contemporanea.

Maestro rivoluzionario della scultura e attivista per i diritti civili, Durham era nato in Arkansas nel 1940, ma da molti anni viveva a Napoli.
Negli anni ’60 e ’70 del Novecento si era impegnato per i diritti civili degli afroamericani e dei nativi americani. E’ stato insignito nel 2017 del Premio Robert Rauschenberg. Nel 2019 il Leone d’Oro alla Carriera alla Biennale d’Arte di Venezia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Conte attacca sulla Rai: ‘M5s non andrà più in tv’
Fuortes ha scelto di esautorare partito di maggioranza relativa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
14:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Fuortes non libera la Rai dalla politica ma ha scelto di esautorare una forza politica come il M5s: siamo alla degenerazione del sistema e per questo il M5s non farà più sentire la sua voce sui canali del servizio pubblico”.
Lo ha detto il Presidente M5s Giuseppe Conte in una dichiarazione alla stampa.
“Vorrà dire che a partire da oggi continueremo le nostre battaglie facendo appello diretto a tutti i cittadini italiani” ha aggiunto Conte che ha accusato i vertici Rai di aver eliminato “qualsiasi parvenza di pluralismo” decretando “la definitiva degenerazione del sistema”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’amministratore delegato Fuortes aveva il potere di scegliere e ha scelto di sottrarsi al confronto istituzionale. Nel merito poi aveva varie possibilità ed ha scelto invece la vecchia logica delle istanze dei partiti politici, scegliendo però di escludere il partito di maggioranza relativa, quello che rappresenta 11 milioni di elettori”. Così il leader M5s in una dichiarazione alla stampa dove aggiunge: “come M5s ci chiediamo che ruolo ha avuto il governo in tutto questo”. Questa, ha aggiunto, “si chiama lottizzazione”.
L’ad “ha rinviato l’incontro richiesto nei giorni scorsi dai consiglieri di amministrazione Rai e ha rinviato la convocazione già programmata davanti alla Commissione di Vigilanza Rai” ha detto Conte parlando del “metodo” scelto da Fuortes per la nomina dei nuovi direttori di testata . Quanto “al merito delle scelte, Fuortes poteva affidarsi a vari criteri: ha scelto di continuare ad applicare la vecchia logica che prevede di tenere conto delle istanze delle varie forze politiche. Nell’applicare questo criterio ha però scelto di escludere, fra tutte le forze dell’arco parlamentare, unicamente il Movimento 5 Stelle”. Quanto alla lottizzazione, “le logiche che da tempo guidano il servizio pubblico non ci piacciono e non ci sono mai piaciute. Anche noi ci siamo ritrovati prigionieri di questo sistema che abbiamo denunciato molte volte, ma non abbiamo numeri sufficienti per modificarlo come abbiamo già proposto. Un nostro disegno di legge, però, è stato incardinato in Commissione in Senato, per intervenire sulla governance della Rai e liberarla finalmente dall’influenza della politica”.

“L’amministratore delegato della Rai Carlo Fuortes, dopo essersi negato in commissione di Vigilanza, ha scelto di effettuare delle nomine che rispondono alla solita, vecchia logica della lottizzazione. Una logica che non abbiamo mai condiviso e che, anzi, vogliamo finalmente eliminare”. Ad affermarlo, in una nota, i membri del Movimento 5 Stelle in commissione di Vigilanza Rai. “Abbiamo infatti presentato un disegno di legge – spiegano – che è stato incardinato in Senato, proprio per intervenire sulla riforma della governance e liberare il servizio pubblico dall’influenza della politica. La scelta di non partecipare ai programmi Rai è il nostro segno di dissenso nei confronti di chi reputa il servizio pubblico un affare privato con cui curare i propri interessi. Il Movimento 5 Stelle con Conte ha fatto la sua mossa perché la Rai possa cambiare. Adesso è il momento per le altre forze politiche di dirci e dire pubblicamente ai cittadini cosa vogliono fare”.

“Senza entrare nel merito delle ragioni della scelta, mi dispiacerebbe perdere un elemento di sicuro arricchimento come i Cinque Stelle in trasmissione”. Così Bruno Vespa commenta la scelta del M5S, annunciata da Giuseppe Conte, di non far più sentire la sua voce sui canali del servizio pubblico.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Green pass rafforzato, il pressing delle Regioni
‘Premiare chi è vaccinato’. Gelmini, ‘consideriamo loro istanze’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
18 novembre 2021
09:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Via libera definitivo dell’Aula della Camera al decreto legge green pass.
Il testo è stato approvato a Montecitorio con 300 voti a favore e 33 contrari.

Il provvedimento, varato dall’esecutivo il 21 settembre scorso, disciplina le modalità per estendere l’obbligo della certificazione vaccinale nei luoghi di lavoro del settore pubblico e privato. Sia al Senato che alla Camera è stato approvato dal governo con la questione di fiducia.

“La situazione in Italia, grazie all’andamento della campagna vaccinale, non è neanche lontanamente paragonabile a quella di altri Paesi europei – come l’Austria – che hanno introdotto misure rigide per i non vaccinati. Il governo sta monitorando in modo rigoroso i numeri e al momento non ci sono nuove restrizioni in vista. Se la situazione dovesse peggiorare nelle prossime settimane o nei prossimi mesi, credo che dovremmo tenere in seria considerazione – come abbiamo sempre fatto – le istanze delle Regioni”. Così il ministro per gli Affari Regionali Mariastella Gelmini. “Il fatto che quasi l’85% della popolazione abbia scelto responsabilmente il vaccino – ha aggiunto – non potrà non incidere sulle eventuali decisioni da prendere”.

Un green pass ‘rafforzato’, solo per i vaccinati e per le attività ricreative nelle regioni che cambieranno colore. In modo che le restrizioni previste – ancora tenui in giallo, ma pesanti già in arancione – non gravino su chi ha fatto l’iniezione. Tutto come prima, invece, per il mondo del lavoro, con il certificato verde rilasciato a vaccinati, guariti e chi ha un tampone negativo. E’ la proposta cui cercano di aggregare consenso i governatori che oggi si vedranno e porteranno la loro posizione all’attenzione del Governo alla Conferenza Stato-regioni convocata dal ministro Mariastella Gelmini. Un appoggio alla posizione dei presidenti è arrivato oggi al segretario del Pd Enrico Letta. Palazzo Chigi continua invece a frenare sull’ ipotesi di stretta, forte di dati ancora rassicuranti su terapie intensive e ricoveri ordinari, anche se i contagi hanno superato oggi quota diecimila, portandosi ai livelli di maggio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Oggi si riunirà il Consiglio dei ministri, ma per ora non sarebbe in programma l’ok al provvedimento – scritto dal ministero della Salute – sull’obbligo di terza dose per sanitari e personale delle Rsa. E ieri i medici e infermieri di pronto soccorso sono scesi in piazza a Roma chiedendo soluzioni a “carenze strutturali” nelle quali si trovano mentre combattono ancora la pandemia. Per frenare l’ondata si confida nella campagna vaccinale. Ieri si è registrato il record delle terze dosi, 150mila. “Ogni persona in più che si vaccina è uno scudo più forte che abbiamo”, ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza. Mentre la Cei attacca i no vax, protagonisti di “proteste irresponsabili e contro il Vangelo per una malintesa affermazione della libertà e dei diritti”. Il fronte dei governatori che vuole evitare strette a chi è immunizzato si allarga: il presidente della Conferenza delle Regioni, Massimilano Fedriga (Friuli Venezia Giulia), Giovanni Toti (Liguria), Luca Zaia (Veneto), Attilio Fontana (Lombardia), Giuseppe Occhiuto (Calabria), Vincenzo de Luca (Campania), Donato Toma (Molise), Nicola Zingaretti (Lazio). La soluzione più drastica per penalizzare i non vaccinati l’avanza De Luca: “ci rimane solo il napalm o il lanciafiamme”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ma, battute a parte, si cerca un punto di caduta che possa mettere d’accordo tutti, in modo da arrivare nel pomeriggio al confronto col Governo con una posizione condivisa. Si lavora nella direzione di premiare chi è vaccinato, evitando di porre l’accento su penalizzazioni ai non immunizzati. Un’ipotesi – tutta da verificare nella sua fattibilità – potrebbe essere quella di consentire attività ricreative a chi è vaccinato se si verifica un cambio di colore della regione. Ad esempio se scatta il giallo c’è il limite di quattro persone a tavola. Misura che creerebbe problemi ai ristoratori con le feste vicine. Ecco quindi che un documento potrebbe consentire a chi è vaccinato di sforare il limite. Analogo discorso varrebbe per la zona arancione dove le restrizioni sono severe, con coprifuoco, ristoranti aperti solo per l’asporto e chiusura degli impianti sciistici. Si vedrà il documento delle Regioni. Il Governo al momento rimane freddo e stoppa gli allarmismi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Green pass: Puzzer a presidio per assessore no vax rimosso
Manifestazione a Casalmaggiore, nel Cremonese
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CREMONA
17 novembre 2021
20:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Anche Stefano Puzzer, leader dei portuali di Trieste, era presente alla manifestazione organizzata dai no Green pass in solidarietà con l’ex assessore di Casalmaggiore Gianfranco Salvatore, rimosso dal suo incarico dal sindaco del paese in provincia di Cremona, Filippo Bongiovanni, per la sua decisione di non vaccinarsi e di non effettuare tamponi.

A Casalmaggiore sono stati distribuiti nastrini tricolore listati a lutto da indossare al braccio e Salvatore è salito sul palco: “Sono emozionato e anche preoccupato.
Quello che è successo e sta succedendo oggi credo sia sintomatico di come questa resistenza che si sta muovendo in Italia stia funzionando”.
Puzzer, applauditissimo da una piazza blindata dalle forze dell’ordine, si è schierato con l’ex assessore: “Quello che gli è accaduto è una cosa che uno Stato normale non avrebbe fatto.
Siamo a una deriva costituzionale a tutti gli effetti, ma è grazie a persone come Gianfranco se sta crescendo la speranza nelle persone che vogliono ribellarsi”. Puzzer ha poi annunciato che è in corso la costituzione di un coordinamento portuali a Genova, La Spezia, Venezia e che si stanno coinvolgendo Marsiglia e Capo d’Istria.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Alle Gallerie d’Italia di Milano in mostra il ‘Grand Tour’
Presentazione della mostra in streaming sul sito gruppo.intesasanpaolo.com
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
12:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le Gallerie d’Italia-Piazza Scala, museo di Intesa Sanpaolo a Milano, dedicano una mostra al ‘Grand Tour.
Sogno d’Italia da Venezia a Pompei’, che sarà aperta al pubblico dal 19 novembre al 27 marzo 2022.
L’esposizione, curata da Fernando Mazzocca, con Stefano Grandesso e Francesco Leone, è realizzata in partnership con il Museo Archeologico Nazionale di Napoli e il Museo Ermitage di San Pietroburgo.
Sono circa 130 opere le opere in mostra provenienti dalla collezione Intesa Sanpaolo, da collezioni private e numerose istituzioni culturali italiane e internazionali che porteranno il visitatore alla scoperta dell’Italia meta privilegiata del Grand Tour nel Settecento per letterati, intellettuali e giovani aristocratici che si stavano formando.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fondi S.Sede: legale, abbiamo chiesto sia sentito il Papa
Durante la quarta udienza del processo in Vaticano
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 novembre 2021
20:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Due avvocati difensori nel processo per la gestione dei fondi della Santa Sede, Cataldo Intrieri e Massimo Bassi, legali del funzionario vaticano Fabrizio Tirabassi, hanno chiesto al Tribunale di valutare l’opportunità di sentire papa Francesco su cosa lui conoscesse della trattativa col broker Gianluigi Torzi sull’acquisto del palazzo di Sloane Avenue a Londra.
Questo alla luce di quanto avvenuto oggi in aula nella quarta udienza, in cui l’altro legale Carlo Panella, facendo ascoltare un passo di un interrogatorio di mons.
Alberto Perlasca, ha rilevato che i magistrati hanno contestato al testimone dichiarazioni rese loro dal Papa.
Dedicata ancora alle richieste dei legali, che hanno eccepito di nuovo la nullità della citazione a giudizio per incompletezza degli atti depositati, la 4/a udienza del processo in Vaticano per la gestione dei fondi della Segreteria di Stato. Il Tribunale si è riservato la decisione all’udienza fissata al 1/o dicembre. Ma in aula l’avv. Carlo Panella, facendo ascoltare un passo di un interrogatorio di mons. Alberto Perlasca, ha riferito che i magistrati hanno contestato al testimone dichiarazioni rese loro dal Papa. “Di cui non esiste verbale” ha aggiunto. Ma il pg Alessandro Diddi ha smentito che sia mai stato sentito il Pontefice.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
‘Comuni sicuri’, 27 milioni per incrementare la videosorveglianza
Viminale, serve un rapporto sulla criminalità diffusa nell’area urbana. Entro il 10 dicembre le richieste
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
11:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I Comuni hanno tempo fino al prossimo 10 dicembre per presentare le richieste di ammissione ai finanziamenti statali per il 2021, finalizzati alla realizzazione dei sistemi di videosorveglianza urbana e destinati alla prevenzione e al contrasto dei fenomeni di criminalità diffusa e predatoria.
Le risorse ammontano a 27 milioni.
Lo fa sapere il Viminale.
L’installazione dei sistemi di videosorveglianza deve essere prevista nell’ambito dei patti per la sicurezza urbana sottoscritti tra il prefetto e il sindaco. I relativi progetti dovranno essere approvati in sede di Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica.
Saranno ammesse esclusivamente le richieste accompagnate da progetti di impianto non sovrapponibili a quelli realizzati in precedenza attraverso finanziamenti comunitari, statali, regionali o provinciali, concessi o erogati negli ultimi 5 anni.
La relazione prefettizia sulla richiesta di finanziamento oltre a certificare i requisiti di ammissibilità, dovrà contenere un rapporto sui fenomeni di criminalità diffusa dell’area urbana dove è prevista l’installazione del sistema di videosorveglianza e attestare l’indice di delittuosità registrato nel comune nell’anno precedente a quello di presentazione della richiesta.
Presso la prefettura è istituita una cabina di regia, composta dai rappresentanti delle forze di polizia e della polizia locale, con il compito di monitorare lo stato di attuazione del patto, anche ai fini di informare, da parte del prefetto, l’ufficio per il coordinamento e pianificazione delle Forze di polizia del dipartimento della pubblica sicurezza, individuato quale punto di riferimento per le iniziative in materia di sicurezza urbana.
Tutte le informazioni operative sono consultabili sul sito web della Polizia di Stato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Operazione Polizia postale, perquisiti 29 no vax
‘Molto attivi su Telegram, ipotesi associazione a delinquere’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
08:47
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Polizia di Stato sta eseguendo 29 perquisizioni, su tutto il territorio nazionale, a carico di appartenenti a sodalizi No Vax – No Green Pass molto attivi su canali Telegram, nei cui confronti vengono ipotizzati reati che vanno, a seconda delle diverse singole posizioni, dalla costituzione e partecipazione ad associazione segreta, all’istigazione, all’interruzione di pubblico servizio e all’associazione per delinquere finalizzata a compiere danneggiamenti.
La Dda della procura di Genova ha disposto 24 perquisizioni; le altre 5 le sta eseguendo la Digos di Firenze coordinata dalla procura del capoluogo toscano.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

M5s: Fico, Conte ha giusta direzione, lavorare tutti insieme
Ex premier sta dando un’impronta forte al Movimento
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
09:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il lavoro di Conte va nella giusta direzione, sta dando una impronta forte al Movimento, ci sono tanti temi sul tavolo, è una strada lunga, ma il progetto è solido e lo condivido.
Bisogna riuscire a lavorare tutti nella stesa direzione.
Le discussioni sono importanti, ma poi si va tutti nella stessa direzione. Penso che stia avvenendo, siamo all’inizio di un percorso”. Lo ha detto il presidente della Camera, Roberto Fico, a 24Mattino, su Radio24.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Operazione della Polizia postale, perquisiti 29 no vax
‘Molto attivi su Telegram, ipotesi associazione a delinquere’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
15:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Polizia di Stato sta eseguendo 29 perquisizioni, su tutto il territorio nazionale, a carico di appartenenti a sodalizi No Vax – No Green Pass molto attivi su canali Telegram, nei cui confronti vengono ipotizzati reati che vanno, a seconda delle diverse singole posizioni, dalla costituzione e partecipazione ad associazione segreta, all’istigazione, all’interruzione di pubblico servizio e all’associazione per delinquere finalizzata a compiere danneggiamenti.
La Dda della procura di Genova ha disposto 24 perquisizioni; le altre 5 le sta eseguendo la Digos di Firenze coordinata dalla procura del capoluogo toscano.
Il Compartimento Polizia postale e delle comunicazioni della Liguria, con il coordinamento del Servizio di Polizia Postale ed in collaborazione con altri Compartimenti regionali e con le Digos delle questure territorialmente competenti, su input della Direzione centrale della Polizia di prevenzione, sta eseguendo 24 perquisizioni disposte dalla Dda della Procura della Repubblica di Genova.
L’indagine è stata avviata nel più ampio contesto degli accertamenti volti a identificare gli autori di minacce rivolte a esponenti delle istituzioni regionali e a un medico infettivologo. Sempre dalle prime ore di questa mattina, la Digos della questura di Firenze, coordinata dalla Procura della Repubblica di quel capoluogo e dalla Direzione centrale della Polizia di prevenzione, sta eseguendo altre 5 perquisizioni a carico di altrettante persone attive in rete e ricollegabili al movimento “V_V”, ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata a compiere danneggiamenti ed altri reati.
Per entrare nell’associazione gli affiliati venivano sottoposti a specifici programmi di reclutamento e addestramento. Gli organizzatori agganciavano prima su Facebook gli utenti no vax e poi li invitavano su canali Telegram dove venivano mandati video su come organizzare azioni di sabotaggio o danneggiamenti senza essere scoperti. E’ quanto emerge dall’indagine della Polizia postale che ha portato alla perquisizione di 29 persone appartenenti a gruppi No Vax – No Green pass. I proseliti, chiamati ‘guerrieri’, dovevano compiere azioni di vandalismo contro i centri vaccinali, sabotare la campagna vaccinale e pubblicare, in maniera coordinata e ad orari prestabiliti, tramite account falsi, post denigratori che prendevano di mira in particolare politici, infettivologi e giornalisti. Specifici programmi di reclutamento erano stati previsti per i no vax appartenenti alle categorie dei sanitari, degli insegnanti e degli appartenenti alle forze dell’ordine. L’inchiesta era partita la scorsa estate e tra le persone finite nel mirino dei gruppi c’erano anche il presidente della Regione Giovanni Toti e l’infettivologo Matteo Bassetti.
L’organizzazione No vax scoperta dalla polizia postale della Liguria ha un simbolo formato da una doppia V racchiusa da un cerchio di colore rosso, con ogni probabilità ispirato al film V per vendetta. I proseliti prendevano il nome di Guerrieri ViVi e ricevevano un numero di matricola. Il coordinamento delle azioni di sabotaggio e disturbo si svolgeva attraverso canali Telegram segreti secondo quanto è emerso dalle indagini. Una volta entrati nelle chat di reclutamento, gli aspiranti guerrieri dovevano ascoltare una serie di audio, registrati da una voce contraffatta. Le registrazioni parlavano dell’instaurazione di un nuovo ordine mondiale, governato da intelligenze artificiali e si ipotizzavano parallelismi tra il regime nazista e l’attuale situazione di emergenza. Finito il percorso di formazione, l’aspirante guerriero doveva superare un esame e veniva guidato da un tutor per la realizzazione delle prime operazioni.
“Muoversi sempre nei punti ciechi… l’importante è trovare una zona sicura senza telecamere… il problema delle telecamere non è tanto che ti riprendono in un determinato momento… ma che ti possono seguire se passano da un punto all’altro…”. Era una delle indicazioni fornite dagli organizzatori del gruppo V.V che su canali segreti Telegram organizzava azioni di sabotaggio e disturbo alla campagna vaccinale. “Quindi l’unica cosa che è veramente importante è avere un punto “isola”, e ancora: “Compio la mia azione con berretto, occhiali da sole, mascherina, vestito di nero, trovo zona lontana dalle telecamere dove levo berretto, occhiali, mascherina”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Aspi: Atlantia, ok ministero a vendita a consorzio Cdp
Subordinata al rispetto degli obblighi della Convenzione Unica
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
09:24
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo il via libera dell’Antitrust Ue, è arrivato l’ok anche del ministero delle Infrastrutture e delle Mobilità Sostenibili per la cessione della quota di Atlantia in Autostrade per l’Italia al consorzio costituito da Cdp Equity, The Blackstone Group International Partners e Macquarie European Infrastructure Fund 6 SCSp.

Lo rende noto un comunicato di Atlantia, nel quale si precisa che “ieri il Ministero delle Infrastrutture e delle Mobilità Sostenibili ha approvato il trasferimento della partecipazione di ASPI in favore del Consorzio ai sensi della Convenzione Unica”.
“L’autorizzazione del MIMS è subordinata alla conferma dell’impegno da parte del Consorzio del rispetto degli obblighi di cui alla Convenzione Unica di ASPI nonché al completamento dell’iter di approvazione dell’Atto Aggiuntivo alla Convenzione e alla contestuale efficacia dell’Atto Transattivo e del Piano Economico Finanziario”, aggiunge la nota.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Auto: ottobre da profondo rosso per il mercato in Europa
Stellantis leader vendite,ma -31,6% rispetto a mese analogo 2020
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
18 novembre 2021
09:25
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nel mese di ottobre in Europa più Efta e Regno Unito sono state immatricolate 798.693 auto il 29,3% in meno dello stesso mese del 2020.
Nei dieci mesi le immatricolazioni – secondo i dati dell’Acea, l’associazione dei costruttori europei dell’auto – sono state complessivamente 9.960.706, in crescita del 2,7% sull’analogo periodo dell’anno scorso.

Il gruppo Stellantis a ottobre è il costruttore che ha venduto di più in Europa. A ottobre le immatricolazioni sono state 165.866 (quelle del gruppo Volkswagen sono 165.309), il 31,6% in meno dello stesso mese del 2020 con una quota del 20,8% a fronte del 21,5%. Il totale dei dieci mesi è di 2.029.330 auto vendute, in crescita del 3,2% sullo stesso periodo dell’anno scorso pari a una quota del 20,4% (era 20,3%).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Aeroporti: Sea, traffico in ripresa; calo si riduce a -38%
Brunini, ritorno a livelli pre-Covid tra 2024-2025
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
09:38
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il traffico aereo è in ripresa negli scali di Milano Linate e Malpensa.
A dirlo è l’amministratore delegato di Sea, Armando Brunini.
“La ripresa si sente anche da noi – afferma Brunini -. Oggi il sistema milanese viaggia a circa -38%, rispetto a -85% dell’inverno scorso, con notevoli differenze tra segmenti di traffico e aeroporti. Linate, che è più vocato alle destinazioni domestiche ed europee, recupera più velocemente di Malpensa, che ha una quota importante di traffico intercontinentale. Questa parte soffre ancora e tarda a riprendersi, sebbene anche lì stiamo vedendo i primi segnali di ripresa”. Ad ogni modo “il 2021 resta ancora negativo”, precisa Brunini. “L’anno prossimo ci aspettiamo che il rimbalzo si consolidi, però un ritorno ai numeri pre-covid ce lo aspettiamo tra il 2024-2025”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mercoledì 24 sciopero generale dei tassisti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
09:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tutte le sigle sindacali dei tassisti hanno indetto uno sciopero generale per mercoledì 24 novembre.
La protesta culminerà con un corteo a Roma al quale parteciperanno i tassisti provenienti da tutta Italia.
E’ il primo sciopero 2.0: arrivando alla stazione Termini sarà affisso un grande striscione al posteggio taxi con su un QRcode che, una volta inquadrato, spiegherà le ragioni dello sciopero. In primis, la lotta contro il Ddl concorrenza che secondo i tassisti andrà a deregolamentare ulteriormemte il settore a favore delle multinazionali.
Un volantino sarà affisso in tutti i taxi, lo stesso che si leggerà inquadrando il Qr code, nel quale c’è scritto: “Sciopero perché difendo il mio lavoro da chi vorrebbe distruggere il servizio pubblico , 40.000 imprese e 40.000 famiglie; sciopero perché voglio continuare a garantirti una tariffa certa, visibile, amministrata; sciopero perché tu non cada preda di un freddo moltiplicatore di prezzo che lo raddoppia, triplica, a seconda della richiesta di corse; sciopero perché come te, sono stufo di pagare le tasse che evadono le multinazionali; sciopero perché voglio regole certe per tutti e non una giungla in cui vince il più furbo, o il più ladro; sciopero perché come te, sacrifico ogni mio attimo per dare dei sogni ed un futuro dignitoso alla mia famiglia. Contro la politica collusa con le multinazionali”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fico, serve una riforma di sistema per la Rai
“Dobbiamo affrontare una legge sulla governance, una riforma di sistema sul rapporto fra Parlamento, governo e Rai” dice il presidente della Camera
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
12:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non entro nel merito delle nomine, ma quello che dico da anni è che dobbiamo affrontare una legge sulla governance, una riforma di sistema sul rapporto fra Parlamento, governo e Rai.
È una legge che ho presentato durante il governo Renzi, ci ho lavorato tanto come presidente della commissione di vigilanza, la legge di oggi non la condivido, invece di parlare di nomine parlerei di legge strutturale”.
Lo ha detto il presidente della Camera, Roberto Fico, su Radio24.
“Serve una cultura dell’indipendenza molto più alta, dobbiamo definire una nuova missione per la Rai”.
Lei andrà in Rai? “Io non entro nel merito di queste dichiarazioni, proprio da presidente della Camera, è chiaro che io credo che il Movimento debba lavorare compatto anche con le linee che insieme ai capigruppo vengono date”, risponde il presidente della Camera, a proposito della protesta del M5S per nomine in Rai.
“Il lavoro di Conte – aggiunge – va nella giusta direzione, sta dando una impronta forte al Movimento, ci sono tanti temi sul tavolo, è una strada lunga, ma il progetto è solido e lo condivido. Bisogna riuscire a lavorare tutti nella stesa direzione. Le discussioni sono importanti, ma poi si va tutti nella stessa direzione. Penso che stia avvenendo, siamo all’inizio di un percorso”.
Per le riforme costituzionali, sottolinea Fico, “i tempi sono stretti ma ci si può fare, il punto è un grande accordo fra i partiti, mentre per le leggi costituzionali che già hanno fatto una prima lettura si può fare la seconda lettura. Su questo discuteranno le forze politiche, i tempi ci sono. Per fare una riforma completa sono stretti ma se le forze politiche si mettono a un tavolo per farle il tempo c’è”.  “Le riforme costituzionali sono sempre state complesse. Sui punti in cui tutti sono d’accordo si può lavorare insieme e accelerare il processo di riforma”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, Regioni in pressing, vogliono un nuovo Green pass
Governo apre a incontro. Di Maio: ‘Lockdown no vax non è sul tavolo’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
09:45
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Rivedere le regole a partire da quelle sul green pass, con misure più severe per i non vaccinati, e spingere sulla terza dose il più rapidamente possibile: le Regioni insistono sulla necessità di un cambio di passo nella lotta al Covid e chiedono una “riflessione urgentissima” con il governo alla luce dell’aumento dei casi, per salvare il Natale ed evitare le restrizioni e chiusure previste per le zone gialle o arancioni.
Una richiesta che il governo si dice disponibile ad accogliere “a breve”, forse già lunedì, anche se la linea di palazzo Chigi al momento non cambia: le uniche misure sul tavolo sono l’estensione dell’obbligo della terza dose al personale sanitario e la riduzione della durata del certificato verde, provvedimenti che il Consiglio dei ministri dovrebbe discutere nella riunione di giovedì prossimo.
“Non utilizzare delle strategie di rafforzamento del Green Pass” significa “aprire il forno e far implodere il soufflé”, secondo il ministro della Pubblica Amministrazione Renato Brunetta. “Ma un green pass rafforzato deve colpire soprattutto i non vaccinati, gli irriducibili che devono essere reclusi ed esclusi dalla vita collettiva e dall’economia” ha aggiunto: “Mi impegno ha sostenere questo in Cdm.
Lo farò anche pensando alla mia vigna e al mio vino”. Il soufflé evocato è il Pil che potrebbe, secondo Brunetta, archiviare un 2021 con un “+6, +6,2,+ 6,3, +6,4, +6,5%”, pandemia permettendo.
Matteo Salvini è contrario alle misure contro i non vaccinati previste in Germania perché “bisogna evitare le chiusure per tutti. Dobbiamo unire, pacificare, non dividere, isolare, discriminare”. Così il leader della Lega nella registrazione di ‘Porta a porta’, in onda stasera su Rai uno. “Il tampone è il mezzo più sicuro, perciò è piu’ sicuro un non vaccinato che ha il tampone negativo, che un iper vaccinato senza tampone”, ha aggiunto e concluso: “Ha ragione Draghi: la questione non è all’ordine del giorno, non siamo nella situazione di Austria e Germania perché abbiamo quasi il 90% di copertura di prime dosi”.
Il lockdown per i no vax “oggi non è oggetto di decisione, ci sono governatori che l’hanno proposto, ma lo schema di lavoro è che deve essere la comunità scientifica a dirci cosa fare. Bisogna andare avanti con le vaccinazioni. Il tema non è neanche l’obbligo di vaccini, il tema è la terza dose”, ha detto Luigi Di Maio ricordando che in Austria c’è il 65% dei vaccinati, in Italia l’86%.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nessuna zona che rischia il giallo dalla prossima settimana. “Dai dati al momento la situazione è sotto controllo, non ci dovrebbero esser cambiamenti. Quelle più a rischio? Ci sono alcune regioni, come il Friuli, il Veneto, le Marche vanno un po’ attenzionate”, ha detto a Rai Radio1, ospite di Un Giorno da Pecora, il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, intervenuto alla trasmissione condotta da Geppi Cucciari e Giorgio Lauro. “La zona gialla, a livello di restrizioni, ha solo l’uso della mascherina all’aperto”.
“Attualmente c’è una situazione allarmante per l’occupazione delle terapie intensive in FVG, oltre la soglia del 10%, e la Provincia autonoma di Bolzano. La situazione è preoccupante anche in Veneto. In generale, se non verrà applicata in modo stringente la norma sul green pass e non si incentiveranno le terze dosi, potremmo raggiungere una situazione drammatica nel giro di un mese e mezzo circa in tutto il Paese”. Così il presidente dell’Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri, Alessandro Vergallo. “Chiediamo che la durata del green pass sia 6 mesi, dato il calo di efficacia del vaccino dopo tale periodo”.
I governatori sono comunque in pressing sul governo. “In un momento in cui i contagi stanno crescendo è importante avviare in tempi rapidi, entro 72 ore, un confronto con il Governo. In Conferenza delle Regioni ho chiesto che la divisione del Paese in zona gialla, arancione o rossa, valga soltanto per i non vaccinati”, afferma il presidente della Liguria Giovanni Toti a proposito della possibilità di una nuova attuazione del Green Pass. “Il 90% degli italiani non può essere tenuto in scacco da un 10% che non comprende l’importanza del vaccino. I vaccinati invece potranno continuare ad organizzare la propria vita, il lavoro, la socialità”.
“In questo momento non è possibile mantenere un atteggiamento attendista, bisogna anzi dettare norme chiare per affrontare questa fase della pandemia, tutelando la salute dei cittadini e consentendo all’economia di continuare la sua fase di crescita dopo aver attraversato una grave crisi”, afferma Toti. “Questo è il momento in cui si programmano le vacanze di Natale e tutta la macchina economica che vi gira intorno, soprattutto dobbiamo dare la certezza ai lavoratori di tutti questi settori che il paese non richiuderà”, aggiunge il governatore ligure. Intervenendo alla Conferenza delle Regione il presidente della Liguria ha anche detto: “I numeri ci dicono che il 90% delle terapie intensive sono occupate da non vaccinati. È quindi, in primis, una questione di protezione delle persone, oltre che della ripartenza dell’economia e di una pressione ospedaliera”.
E’ “urgentissima” una riflessione tra Governo e Regioni “sulla tenuta delle regole attualmente vigenti che furono adottate in assenza dell’attuale percentuale di vaccinati e dello strumento della certificazione verde”, ha detto il presidente della Conferenza delle Regioni Massimiliano Fedriga che ha chiesto al governo un incontro urgente. Obiettivo, aggiunge, è mettere in sicurezza il sistema sanitario da un lato e le attività economiche dall’altro.
“Il governo è ovviamente disponibile a mettere in agenda a breve un tavolo di confronto”, ha spiegato il ministro per gli Affari Regionali Mariastella Gelmini durante la conferenza Stato-Regioni dopo la richiesta dei presidenti di un incontro urgente sulle regole in vigore e sul green pass. Della richiesta sono stati informati sia il presidente del Consiglio Mario Draghi sia il ministro della Salute Roberto Speranza.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Intanto, il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ipotizza in caso di aggravamento della situazione lockdown per i non vaccinati in zona arancione. “Lockdown per non vaccinati? Non è la strategia da attuare con i numeri odierni, può essere valutata  – ha detto a Radio Cusano Campus – in caso di passaggio in zona arancione”. “Non è la strategia da attuare con i numeri odierni – ha affermato Sileri -. C’è qualche area del Paese che rischia di finire in zona gialla, ma questa non prevede grosse restrizioni, quindi al momento non vi è motivo di fare restrizioni per i non vaccinati. Va tenuta sul tavolo, come tante altre opzioni, ma la situazione, e’ sotto controllo”.
Il presidente della Regione Marche Francesco Aqauroli ritiene che non siano “utili” ulteriori restrizioni per i non vaccinati o un Green pass rinforzato, “perché anche se il contagio ha ripreso a correre siamo in una fase diversa dallo scorso anno” e anche perché “nonostante il primo e il secondo Green pass, non stiamo vedendo un aumento sconvolgente delle vaccinazioni”. Acquaroli lo ha detto a Sky Tg 24, poco prima dell’incontro delle Regioni che dovrebbe decidere sulla ulteriori misure. Misure che, secondo il governatore marchigiano, rischierebbero di creare “altre tensioni e divisioni tra chi è vaccinato e chi non lo è”.
Sull’obbligo vaccinale per il personale sanitario deve pronunciarsi il giudice ordinario e non il tribunale amministrativo. E’ quanto stabilito dai giudici del Tar della Liguria che hanno respinto, per difetto di giurisdizione, il ricorso presentato da oltre 400 sanitari tramite l’avvocato Daniele Granara. Erano tre i principi alla base dei ricorsi: l’incertezza “sui rischi derivanti dall’assunzione del siero”, le “sperimentazioni con tempi troppo brevi per considerarle affidabili” e la “percentuale di fallimenti nel produrre immunità dovuti alle nuove varianti”, “l’illegittimità dell’imposizione ai lavoratori della sanità”.
In Sicilia è stato introdotto l’obbligo di portare la mascherina sempre con sé e di indossarla anche in tutti i luoghi aperti al pubblico particolarmente affollati. E’ quanto prevede una nuova ordinanza del presidente della Regione Nello Musumeci. I provvedimenti sono in vigore da oggi fino al 31 dicembre. Dovranno sottoporsi al tampone, nei porti e aeroporti siciliani, anche i viaggiatori che arrivano dalla Germania e dal Regno Unito. Attualmente il controllo è già previsto per chi proviene, o vi abbia transitato nei 14 giorni precedenti, dagli Usa, Malta, Portogallo, Spagna, Francia, Grecia e Olanda.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Letta, serve riflessione nuova sulle politiche industriali
Per segretario Pd “fermi a molte definizioni del passato”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TERNI
18 novembre 2021
10:19
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il tema delle politiche industriali “vede il nostro Paese decisamente bisognoso di una riflessione nuova”, perché “siamo ancora fermi a molte definizioni ed elaborazioni che vengono dal passato”: a dirlo è stato oggi il segretario del Pd, Enrico Letta, aprendo a Terni, in collegamento video, l’Agorà “Strategie per la siderurgia italiana”, organizzata dal Partito democratico.
“Ciò che è capitato negli ultimi anni – ha continuato -, da una parte tutta la dinamica legata al green e alla sostenibilità, dall’altra i cambiamenti intervenuti per via della pandemia e tutta la rivoluzione in corso nel campo della logistica a livello internazionale, per le catene del valore e lo spostamento delle merci e del cambiamento dell’impatto delle materie prime e dei prezzi, sta oggettivamente modificando i punti cardine della bussola delle politiche industriali”.

Per il segretario del Pd “un Paese che si vanta giustamente di essere la seconda potenza industriale d’Europa e tra le principali nel mondo ha necessità di essere all’avanguardia sulla riflessione su come le politiche industriali debbano essere rielaborate con un occhio al futuro e alle trasformazione”. In particolare “il tema delle materie prime, del prezzo dell’energia e della logistica – ha detto ancora Letta – sono questioni che stanno vedendo delle modifiche di dimensioni e aspetti qualitativi di impatto tale che non si era visto da molto tempo. Tutto questo ha un impatto sui conti delle aziende, pubblici e dei cittadini”. “Per questi motivi – ha concluso – affrontare una riflessione sul tema della politiche industriali e in particolare sulla siderurgia rappresenta un punto di riferimento importante e uno degli elementi sui quali abbiamo intenzione di lavorare”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Cuba, volontari italiani sperimentano Soberana Plus
Come rinforzo dopo l’immunizzazione con i vaccini autorizzati in Europa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’AVANA
18 novembre 2021
10:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un gruppo di 35 cittadini italiani si trova in questi giorni a Cuba per partecipare ad un test clinico denominato ‘Soberana Plus Turin’ che comporta uno studio esplorativo con l’utilizzazione di un candidato vaccino cubano.

Il Centro per il controllo statale dei farmaci, materiali e dispositivi medici (Cecmed) di Cuba ha indicato che questo studio è stato delineato per valutare reattogenicità e immunogenicità di Soberana Plus su volontari italiani convalescenti dal Covid-19 in forma lieve o moderata, e su altri sani che hanno completato uno schema di immunizzazione con vaccini stranieri autorizzati in Europa, come Johnson & Johnson, Moderna, Pfizer o AstraZeneca.

I test, ha precisato il Cecmed, sono già in corso, in collaborazione con l’Instituto Finlay de vacunas cubano nella clinica internazionale La Pradera a L’Avana e continueranno nell’ospedale Amedeo di Savoia di Torino.
I volontari riceveranno una terza dose di vaccino cubano, e in un comunicato il Cecmed ha indicato che “fra gli obiettivi dello studio c’è quello di dimostrare che Soberana Plus è capace di accompagnare qualsiasi vaccino sviluppato fino ad ora”.
Una volta ricevuta la dose di rinforzo di Soberana Plus i volontari, dopo un periodo di osservazione rientreranno in Italia per seguire la seconda parte dello studio nell’ospedale torinese.
“In una prospettiva sempre più post-emergenziale, il completamento dello sviluppo dei vaccini proteici come il SoberanaPlus – commenta Giovanni Di Perri, direttore della Clinica Universitaria Malattie Infettive dell’Ospedale Amedeo di Savoia – amplierà le opzioni a disposizione delle strategie di controllo a lungo termine del Covid-19, mirate a creare e mantenere uno stabile schermo protettivo nei riguardi delle conseguenze cliniche più gravi dell’infezione”.
Secondo Di Perri “un elemento di particolare interesse di questa iniziativa è rappresentato dalla strutturazione convenzionale del vaccino, ovvero dall’assenza di materiale genetico, sia esso mRNA o DNA provirale. Per coloro la cui refrattarietà ai vaccini di corrente distribuzione è appunto rappresentata dal loro contenuto in acidi nucleici, lo sviluppo di vaccini come il Soberana plus può costituire una soluzione più gradita, contribuendo quindi in ultima analisi ad ampliare la percentuale di popolazione protetta dalla vaccinazione. I risultati preliminari sembrano oltremodo promettenti in termini di produzione anticorpale neutralizzante e si augura che le tappe ancora da percorrere, grazie al sodalizio italocubano, possano procedere speditamente”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Festival Futuro: Montan, trasformazione ci ha resi più forti
L’ad di Athesis, vogliamo creare valore per il lombardo-veneto
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VERONA
18 novembre 2021
11:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il Festival del Futuro è una grande occasione di raccogliere spunti e idee per la vita di tutti noi, e devo dire che è stato un passaggio fondamentale anche per noi stessi del Gruppo Athesis, facendo tesoro delle cose che abbiamo appreso per la trasformazione di questo mondo”.

Così Matteo Montan, amministratore delegato del Gruppo Athesis, in apertura della terza edizione del Festival del Futuro, in programma da oggi fino a sabato 20 novembre nell’auditorium di Veronafiere.

“E’ un’enorme soddisfazione essere di nuovo qua, in presenza” ha aggiunto Montan, sottolineando che “un progetto che arriva al terzo anno è sempre gratificante. Siamo passati attraverso tutto. In tre anni credo che siamo riusciti a mantenere, anzi, ad elevare il livello di questa iniziativa”. “E’ stata importante anche per noi – ha proseguito – la trasformazione che vissuta in questi tre anni, passando attraverso la pandemia e ritrovandoci più forti, non solo un editore di testate giornalistiche, ma una media company di un territorio straordinario, che ogni giorno cerca di creare valore per il nostri territorio, quello lombardo-veneto”.
Dopo i saluti istituzionali e gli interventi di apertura dell’ad di Athesis, del presidente di Gea Luigi Consiglio e di Enrico Sassoon, Direttore responsabile, Harvard Business Review Italia, la terza edizione del Festival del Futuro si è aperta con un dibattito su “La sfida tecnologica: come fare fronte al ritmo esponenziale dell’innovazione”, in collaborazione con il Politecnico di Milano.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cunial alla Camera senza il green pass, accettata sospensiva
Ok sospensiva in suo favore contro delibera Questori su obbligo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
11:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La deputata del gruppo Misto Sara Cunial potrà entrare alla Camera per partecipare ai lavori parlamentari senza esibire il green pass.
A quanto si apprende da fonti parlamentari, il presidente del collegio di appello della Camera dei deputati Andrea Colletti (Alternativa) ha accolto,, con un decreto cautelare monocratico, la richiesta di sospensiva presentata dalla deputata no vax della delibera con cui il collegio dei questori ha introdotto l’obbligo del green pass per accedere a tutte le sedi della Camera.
Il ricorso di Cunial sarà esaminato dal Consiglio di giurisdizione della Camera l’1 dicembre.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Inchiesta Pivetti: sequestrati 4mln a ex presidente della Camera
E a un suo consulente. Importo coincide con profitto ipotizzato
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
18 novembre 2021
11:31
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Nucleo di polizia economico finanziaria della Gdf di Milano sta eseguendo un sequestro preventivo di 4 milioni di euro a carico dell’ex presidente della Camera Irene Pivetti e di un suo consulente, tra gli indagati per riciclaggio e frode fiscale in un’indagine del pm Giovanni Tarzia su una serie di operazioni commerciali, in particolare la compravendita di 3 Ferrari Gran Turismo, che sarebbero servite per riciclare proventi di un’evasione fiscale.

Le stesse accuse sono contestate, tra gli altri, anche al pilota Leonardo Leo Isolani, alla moglie e alla figlia.
La somma sequestrata coincide con il profitto dei reati ipotizzati.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Deputata No Vax Cunial può entrare alla Camera senza il Green pass
Accolta la sua richiesta di sospendere la delibera che le impediva l’ingresso a Montecitorio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
08:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Collegio dei Questori della Camera ha approvato all’unanimità una nuova delibera sul Green pass, in cui si prevede che Sara Cunial potrà sì partecipare ai lavori della Camera, ma solo dalle postazioni poste nelle tribune, a cui potrà accedere attraverso un percorso predefinito.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La nuova delibera dei Questori trae appiglio dalla stessa sentenza presa in sede monocratica dal presidente del Consiglio di appello, Andrea Colletti.
Questi aveva accolto la richiesta di sospensiva cautelare affermando che esiste il “periculum” di un danno ai diritti di Cunial, quelli di esercitare il suo mandato parlamentare. La delibera, quindi, consente a Cunial di svolgere la sua attività parlamentare, ma da una delle postazioni installate nelle tribune da quando è esplosa la pandemia, e per accedervi dovrà seguire un percorso prestabilito. A Cunial rimangono pertanto inibite sia la possibilità di accedere all’emiciclo, sia quella di usufruire dei vari servizi della Camera dei vari ambienti di Montecitorio e degli edifici adiacenti che fanno capo all’amministrazione della Camera.
La deputata del gruppo Misto Sara Cunial potrà entrare alla Camera per partecipare ai lavori parlamentari senza esibire il Green pass. A quanto si apprende da fonti parlamentari, il presidente del Collegio d’appello della Camera dei deputati Andrea Colletti (Alternativa) ha accolto, con un decreto cautelare monocratico, la richiesta di sospensiva, presentata dalla deputata no vax, della delibera con cui il Collegio dei questori ha introdotto l’obbligo del green pass per accedere a tutte le sedi della Camera.
Il ricorso di Cunial sarà esaminato dal Consiglio di giurisdizione della Camera l’1 dicembre. Cunial aveva presentato il ricorso contro la delibera dei questori, e come lei anche altri deputati e dipendenti di Montecitorio, al Consiglio di giurisdizione, il tribunale interno di primo grado di Montecitorio presieduto da Alberto Losacco (Pd), chiedendone una sospensiva immediata motivandola con la sua necessità di entrare alla Camera per votare. Il ricorso era stato respinto, e l’udienza del Consiglio era stato fissato per l’1 dicembre. Ma Cunial ha fatto appello al presidente del collegio di appello della Camera dei deputati Andrea Colletti, che ha invece accolto il ricorso, in considerazione del dovere di consentire alla deputata di esercitare il mandato di rappresentanza popolare.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Iv: Renzi, Conte a Leopolda? No, è per gente che fa politica
Ex premier canta “ragazzo fortunato” di Jovanotti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
12:25
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Invitare Giuseppe Conte alla Leopolda? “No, è per gente che fa politica”.
Così il leader di Iv, Matteo Renzi, ha risposto ai microfoni di RadioRock.
Durante la trasmissione, che si chiama Karaoke Reporter, Renzi ha cantato “Ragazzo Fortunato” di Jovanotti. “E’ dedicata alla Leopolda – ha detto Renzi a fine brano – ‘Sei bella come il sole e a me mi fai impazzire’. Io sono un ragazzo fortunato e anche un po’ stonato”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pensioni: Fico, rispettare equità intergenerazionale
Non scaricare oneri,scelte e mancate scelte su nuove generazioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
12:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non è meno importante attivare canali di ascolto su questioni cruciali di politica interna.

Poichè le decisioni di oggi, come ad esempio quelle sulle pensioni, incideranno profondamente sul presente e soprattutto sul futuro dei giovani, dobbiamo sempre tenere presente l’attuale principio fondamentale di solidarietà e di equità intergenerazionale.
Non possiamo scaricare gli oneri e le scelte, e le mancate scelte attuali sulle nuove generazioni. Di cui invece dobbiamo ascoltare la voce con attenzione dando risposte che siano assolutamente adeguate” Lo ha detto il presidente della Camera Roberto Fico.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sequestrati 4 milioni all’ex presidente della Camera Irene Pivetti
E a un suo consulente. Importo coincide con profitto ipotizzato. Lei e altri 6 verso richiesta processo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
12:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Nucleo di polizia economico finanziaria della Gdf di Milano ha eseguito un sequestro preventivo di 4 milioni di euro a carico dell’ex presidente della Camera Irene Pivetti e di un suo consulente, tra gli indagati per riciclaggio e frode fiscale in un’indagine del pm Giovanni Tarzia su una serie di operazioni commerciali, in particolare la compravendita di 3 Ferrari Gran Turismo, che sarebbero servite per riciclare proventi di un’evasione fiscale.

Le stesse accuse sono contestate, tra gli altri, anche al pilota Leonardo Leo Isolani, alla moglie e alla figlia.
La somma sequestrata coincide con il profitto dei reati ipotizzati.
L’indagine, in cui è contestato anche l’autoriciclaggio, ipotizza il ruolo di intermediazione del gruppo Only Italia, presieduto da Irene Pivetti, in operazioni delle società di Isolani per nascondere al fisco alcuni beni, tra cui le tre Ferrari, una delle quali è stata sequestrata dalle Fiamme Gialle tempo fa. Secondo la ricostruzione emersa dagli accertamenti i fatti risalgono al 2016. Isolani, che ha un suo ‘team racing’, avrebbe venduto tutti i beni (attrezzature, marchio e sito web) di una sua società indebitata con l’erario per diversi milioni di euro al fine di svuotarla. Beni che sarebbero andati ad un’altra sua società con base a San Marino, la quale avrebbe venduto di nuovo tutti i beni, e in più le tre Ferrari, ad una società di Hong Kong riferibile a Pivetti. Società quest’ultima che, poi, avrebbe rivenduto ancora gli asset al Gruppo Daohe, del magnate cinese Zhou Xi Jian. La cessione è stata festeggiata con un evento a Palazzo Brancaccio a Roma organizzato proprio dall’ex esponente leghista. Nelle varie fasi dell’operazione di riciclaggio sono coinvolti anche un notaio e due imprenditori (di cui uno cinese). Gli indagati sono in tutto sette. Il 9 giugno dell’anno scorso c’erano state perquisizioni e nell’ottobre successivo un sequestro da 1,2 milioni a carico del pilota. Il sequestro di oggi è stato emesso in via d’urgenza dal pm Tarzia e riguarda 3,5 milioni di euro quale profitto della frode fiscale e 500.000 euro circa quale profitto delle condotte di riciclaggio dei proventi delittuosi dell’evasione fiscale
Oltre al sequestro preventivo da 4 milioni di euro il Nucleo di polizia economico finanziaria della Gdf milanese ha notificato gli avvisi di conclusione dell’indagine, coordinata dal Pm Giovanni Tarzia e in vista della richiesta di rinvio a giudizio, a carico dell’ex presidente della Camera Irene Pivetti, del pilota di rally Leonardo Leo Isolani e di altre 5 persone. L’inchiesta vede al centro una serie di operazioni commerciali, in particolare, la compravendita di tre Ferrari Gran Turismo, che sarebbero servite per ‘ripulire’ incassi di un’evasione fiscale. Vengono contestati reati tributari, il riciclaggio e l’autoriciclaggio.
Il sequestro preventivo è stato emesso in via d’urgenza per reati tributari, riciclaggio e autoriciclaggio: 3,5 milioni di euro come “profitto della frode fiscale” e 500mila euro “quale profitto delle condotte di riciclaggio dei proventi” dell’evasione. Dagli accertamenti sono emersi ricavi per “circa 8 milioni di euro” realizzati attraverso la compravendita in particolare delle Ferrari e “sottratti a tassazione in Italia attraverso la fittizia interposizione di veicoli societari esteri”. Oltre a dirottare a Hong Kong “proventi imponibili” in Italia, spiegano gli investigatori, il patrimonio di una società attiva nel settore automobilistico, che faceva capo a Isolani, ex campione di Gran Turismo, sarebbe stato sottratto alle “procedure di riscossione coattiva per debiti tributari insoluti, pari ad oltre 5 milioni di euro”. Il compendio aziendale della società debitrice dell’Erario era composto principalmente dalle tre Ferrari da corsa “del valore complessivo di oltre 1 milione di euro”, per cui c’è stato già anche un sequestro preventivo nell’ottobre 2020. Le indagini sono state estese, negli ultimi mesi, a “decine di giurisdizioni estere” attraverso rogatorie (verso Hong Kong, Cina, Macao, Svizzera, San Marino, Malta, Monaco, Gran Bretagna, Polonia e Spagna), ed è emerso che “parte del profitto della frode fiscale” era stato movimentato “sempre estero su estero”. Nell’inchiesta sono indagati anche la moglie di Isolani, Emanuela Mascoli e la figlia di lei Giorgia Giovannelli.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Green pass: Acquaroli, altre restrizioni non utili
Presidente Marche, contagio riprende ma fase diversa da 2020
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
12:38
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli ritiene che non siano “utili” ulteriori restrizioni per i non vaccinati o un Green pass rinforzato, “perché anche se il contagio ha ripreso a correre siamo in una fase diversa dallo scorso anno” e anche perché “nonostante il primo e il secondo Green pass, non stiamo vedendo un aumento sconvolgente delle vaccinazioni”.
Acquaroli lo ha detto a Sky Tg 24, poco prima dell’incontro delle Regioni che dovrebbe decidere sulla ulteriori misure.
Misure che, secondo il governatore marchigiano, rischierebbero di creare “altre tensioni e divisioni tra chi è vaccinato e chi non lo è”.
“Dovremmo anche dire che – ha aggiunto – tra chi non è vaccinato c’è chi no lo è per scelta e chi non lo è perché non può vaccinarsi. Andremmo ad innescare un meccanismo pericolosissimo che in questo momento non credo sia utile, lo ritengo sin dall’inizio della discussione sul Green pass. La fase che stiamo vivendo – ha ribadito – è completamente diversa da quello dello scorso anno, anche se c’è una recrudescenza del virus, questa ondata che sta tornando. Lo scorso anno avevamo bar e ristoranti chiusi, la Dad, teatri, cinema e strutture sportive chiuse, era impossibile avere qualunque tipo di socialità e nonostante tutto avevamo nelle Marche 400-500 contagi giornalieri, le terapie intensive stracolme e così l’area medica”.
Sul Green pass, “non c’è stato l’aumento delle vaccinazioni che si poteva aspettare: a fine luglio il 70% dei marchigiani aveva ricevuto la prima dose, ora l’85%, ma tante di queste persone lo avrebbero fatto comunque”. “Invece di ulteriori restrizioni – ha proseguito Acquaroli -, vedo troppa gente senza mascherina, troppa gente che sta abbassando la guardia. Prima di fare ulteriori restrizioni – ha insistito -, bisogna intervenire sul trasporto pubblico locale, efficientare il sistema di ventilazione meccanica che abbiamo adottato per le scuole, una serie di accortezze che non creino discriminazioni e che facciano sì che questa pandemia la superiamo uniti e compatti e non divisi”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fisco, ok Camera a compensazione dei crediti maturati dalle imprese
Il testo passa all’unanimità e ora va al Senato
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
18:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Primo via libera unanime dell’Aula della Camera alla proposta di legge che innova il sistema di compensazione dei crediti maturati dalle imprese nei confronti della pubblica amministrazione.
Il provvedimento, approvato a Montecitorio 393 con voti a favore e nessun contrario, passa al Senato.

Il testo abroga la disciplina della cosiddetta compensazione provvisoria. Estende la possibilità di compensare i debiti fiscali iscritti a ruolo anche con i crediti certificati, vantati nei confronti della Pubblica Amministrazione, derivanti da prestazioni professionali.
Con riferimento alla tempistica si specifica che le disposizioni in materia di crediti compensabili si applicano anche alle somme contenute nei carichi affidati all’agente della riscossione successivamente al 30 settembre 2013 e, in ogni caso, entro il 31 dicembre del secondo anno antecedente a quello in cui e’ richiesta la compensazione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio, puntiamo a 500 miliardi di export
‘Siamo sulla strada giusta’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
12:46
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“A partire dallo scorso anno, con l’adozione del Patto per l’Export, sono stati stanziati ben 5,4 miliardi di euro per rilanciare la competitività internazionale delle nostre imprese.
Siamo sulla strada giusta.
Con circa 332 miliardi di euro, il valore delle nostre esportazioni nei primi otto mesi di quest’anno ha segnato un nuovo record dopo quello registrato nello stesso periodo del 2019, 316 miliardi. Ora possiamo puntare con fiducia al traguardo dei 500 miliardi”. Lo ha detto il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, alla presentazione della VI edizione della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo, assegno unico, ok Cdm a decreto attuativo
Decreto attuativo del nuovo strumento universale per il sostegno delle famiglie. Ora parere alle Camere prima del via libera definitivo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
10:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto legislativo attuativo dell’assegno unico che entrerà a regime dal 2022.
Il provvedimento ora dovrà passare al vaglio delle commissioni competenti delle Camere per il parere, prima del via libera definitivo. “Sono molto soddisfatta ed emozionata, è un provvedimento storico a cui ho lavorato.
“E’ un provvedimento che, finalmente, risponde alle richieste delle famiglie italiane, che dal 1° gennaio possono fare richiesta sul sito dell’Inps, presentando un Isee. Se non si presenta un Isee o lo si ha superiore a 40mila euro si avrà l’assegno più basso, che parte da 50 euro per un figlio. E’ obbligatorio presentare domanda per ricevere l’assegno”. Lo dice la ministra alle Pari Opportunità e la Famiglia Elena Bonetti a Rai Radio1, ospite della trasmissione ‘Un Giorno da Pecora’.
L’assegno unico riguarderà, secondo le stime, “oltre 7 milioni di famiglie” e poiché “i dati certificano che metà delle famiglie ha meno di 15mila euro di Isee, circa la metà della platea potrà prendere la cifra massima”, ha spiegato la ministra Bonetti. Per l’intervento sono stanziati “circa 20 miliardi” che garantiranno il carattere universalistico della misura, spiega la ministra, dando l’assegno unico “anche alle famiglie che oggi non ne hanno diritto”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Da 50 a 175 euro, assegno unico a 7 milioni di famiglie
L’accredito sul conto corrente
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
19:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un assegno per 7 milioni di famiglie con figli, da quelle incapienti alle più benestanti, dai lavoratori dipendenti agli autonomi.
E’ pronto lo schema di attuazione dell’assegno universale che accompagnerà i figli dal settimo mese di gravidanza fino a 21 anni, a patto che i ragazzi studino, facciano tirocini con redditi minimi o anche il servizio civile universale.
Andrà anche alle famiglie di stranieri extracomunitari residenti da almeno due anni, criterio che fa infuriare la Lega. E anche “a Fedez se lo chiedesse”, scherza il ministro della Famiglia Elena Bonetti, sottolineando la natura universale della misura che sostituisce gli altri sostegni alla natalità.
La ministra incassa anche il via libera della Camera al Family Act, che ora passa al Senato.
DOMANDE ONLINE ALL’INPS, IBAN PER ACCREDITO: il nuovo assegno sarà operativo da marzo 2022 ma le domande si potranno presentare da gennaio, per un periodo che andrà da marzo al febbraio dell’anno successivo. Le istanze andranno inoltrate all’Inps per via telematica e l’istituto avrà 60 giorni per riconoscere l’assegno, che scatterà dal mese successivo alla domanda. Per quelle inviate entro il 30 giugno la decorrenza sarà sempre marzo. Dalla domanda sono esentati i percettori del Reddito di cittadinanza, cui l’assegno sarà corrisposto d’ufficio dall’Inps. Per tutti gli altri, l’importo arriverà direttamente con accredito sul conto corrente, “su Iban ovvero mediante bonifico domiciliato”.
SERVE L’ISEE, CHI NON LA PRESENTA AVRA’ IL MINIMO: A differenza dei vecchi assegni familiari, il nuovo aiuto sarà graduato in base all’Isee. Due in linea generale i limiti individuati, sotto i 15mila euro di Isee per avere il massimo dei benefici, oltre i 40mila per avere comunque almeno il minimo. Chi non presenta la dichiarazione ma solo la domanda di assegno riceverà a sua volta il minimo.
ASSEGNO DA 50 A 175 EURO AL MESE, 25-85 EURO A MAGGIORENNI: Il contributo andrà dai 50 ai 175 euro al mese (2100 euro l’anno) e da 25 a 85 euro al mese per i figli tra i 18 e i 21 anni, in base all’Isee. Saranno previste una serie di maggiorazioni, compresi 20 euro in più al mese indipendentemente dall’Isee per le mamme under 21.
MAGGIORAZIONI DAL TERZO FIGLIO, CON 4100 EURO IN PIU’ FORFAIT: A partire dal terzo figlio si avranno tra i 15 e gli 85 euro in più a figlio, mentre i nuclei con “quattro figli o più” riceveranno un’ulteriore “maggiorazione forfettaria” da 100 euro al mese. Se entrambi i genitori lavorano e l’Isee è basso, si avranno altri 30 euro in più a figlio, che si azzerano oltre i 40mila euro.
A META’ FAMIGLIE IL MASSIMO, FINO A 1090 EURO AL MESE: Circa metà delle famiglie interessate, dice Bonetti, si colloca sotto i 15mila euro di Isee e potrà ottenere il massimo del beneficio, cioè 175 euro al mese con 1 figlio, 350 con due, 610 con tre (qui scatta la prima maggiorazione) e 970 (qui si aggiungono i 100 euro forfait) con 4 che diventano 1090 euro al mese se entrambi i genitori lavorano. A questa cifra vanno aggiunti i 20 euro al mese a figlio in caso di mamma giovanissima. I nuclei che superano i 40mila euro di Isee invece avranno 50 euro al mese con un figlio, 100 euro con due figli, 165 euro con tre figli, 330 euro con 4 figli. Anche in questo caso va aggiunta la maggiorazione mamma under 21 mentre non opera quella per i genitori lavoratori.
ATTENZIONE AI DISABILI, AIUTI SENZA LIMITI ETA’: Le famiglie con figli disabili riceveranno l’assegno unico “senza limiti di età” dei figli e avranno specifiche maggiorazioni. Per i minorenni si riceveranno 105 euro al mese in più “in caso di non autosufficienza”, 95 euro “in caso di disabilità grave” e 85 euro “in caso di disabilità media”. In presenza di maggiorenni disabili e fino a 21 anni si riceveranno 50 euro al mese in più mentre oltre i 21 anni si continuerà a ricevere un assegno tra 85 a 25 euro.
SALVAGUARDIA ENTRO 25MILA EURO ISEE, NESSUNO PRENDERA’ MENO: Per evitare che qualcuno ci rimetta, nel passaggio dal requisito del reddito a quello dell’Isee, è prevista una norma transitoria per tre anni per chi ha un’Isee entro i 25mila euro e già prendeva nel 2021 gli assegni familiari, che compensa le eventuali differenze. La maggiorazione sarà piena il primo anno, spetterà per due terzi nel 2023 e calerà a un terzo nel 2024 prima di esaurirsi a partire dal 2025.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il nuovo assegno terrà conto delle famiglie numerose che arriveranno a ricevere, combinando più requisiti, fino a oltre 1000 euro al mese.
Il passaggio in Consiglio dei ministri è in realtà il penultimo step, perché il provvedimento dovrà ancora passare il vaglio delle commissioni parlamentari ed essere pronto per andare in Gazzetta prima della fine dell’anno. La nuova misura sarà infatti operativa a decorrere da marzo 2022 ma le domande si potranno presentare dal primo gennaio, per un periodo che andrà da marzo al febbraio dell’anno successivo, mentre ora gli assegni familiari vanno da luglio a giugno dell’anno dopo.
Arriva anche una proroga fino a fine febbraio per allineare l’assegno temporaneo per gli autonomi a queste nuove scadenze. Insieme alla domanda, a differenza dei vecchi assegni parametrati al reddito, andrà presentata anche la dichiarazione Isee ma chi non la presenta riceverà comunque l’assegno al minimo. Potranno richiederlo tutti i residenti da almeno due anni, compresi i cittadini extracomunitari. Gli importi saranno parametrati all’Isee: due in linea generale i limiti individuati, sotto i 15mila euro di Isee per avere il massimo dei benefici, oltre i 40mila per avere comunque almeno il minimo. Nessuna famiglia, se vorrà, resterà quindi fuori dal contributo che andrà dai 50 ai 175 euro al mese che diventano da 25 a 85 per i figli tra i 18 e i 21 anni.
Saranno previste una serie di maggiorazioni in base al numero di figli e alla presenza di disabili, ma si terrà conto anche del fatto che entrambi i genitori lavorano, mentre una maggiorazione ad hoc, 20 euro al mese indipendentemente dall’Isee, andranno alle mamme under 21. A partire dal terzo figlio è prevista una maggiorazione tra i 15 e gli 85 euro a figlio in base all’Isee, mentre i nuclei con “quattro figli o più” riceveranno un’ulteriore “maggiorazione forfettaria” da 100 euro al mese. Se entrambi i genitori lavorano e l’Isee è basso, si avranno altri 30 euro in più, che si azzerano oltre i 40mila euro. In sostanza un nucleo con Isee fino a 15mila euro riceverà 175 euro al mese con 1 figlio, 350 con due, 610 con tre e 970 con 4 che diventano 1090 euro al mese se entrambi i genitori lavorano (30 euro per 4 figli, 120 euro in più). A questa cifra vanno aggiunti i 20 euro al mese a figlio in caso di mamma giovanissima.
I nuclei che superano i 40mila euro di Isee invece riceveranno 50 euro al mese con un figlio, 100 euro con due figli, 165 euro con tre figli, 330 euro con 4 figli. Anche in questo caso vanno aggiunti i 20 euro a figlio se la mamma ha meno di 21 anni mentre non opera la maggiorazione per entrambi i genitori lavoratori. Attenzione anche alle famiglie con figli disabili che riceveranno l’assegno unico “senza limiti di età” dei figli. Per i minorenni si riceveranno 105 euro al mese in più “in caso di non autosufficienza”, 95 euro “in caso di disabilità grave” e 85 euro “in caso di disabilità media”. In presenza di maggiorenni disabili e fino a 21 anni si riceveranno 50 euro al mese in piu’ (che si sommano all’assegno previsto tra i 18 e i 21 anni) mentre oltre i 21 anni si continuerà a ricevere un assegno in base all’Isee che andrà da 85 a 25 euro al mese. Per la nuova misura, che assorbe i vecchi aiuti alla famiglia dal bonus bebé agli assegni familiari, ci saranno circa 15 miliardi nel 2022 che saliranno progressivamente fino a 19 miliardi e mezzo a decorrere dal 2029.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Decreto fisco, alt a cashback e al fondo per genitori separati
La Commissione Finanze del Senato boccia due emendamenti di M5s e Lega, inammissibili
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
13:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sfuma il piano del M5s di rilanciare il cashback attraverso il decreto fiscale e anche quello della Lega di un fondo per genitori lavoratori separati o divorziati.
I due emendamenti al decreto fisco, uno del senatore 5s Gianmauro Dell’Olio e l’altro, con il leader leghista Matteo Salvini primo firmatario, sono stati dichiarati inammissibili dalla Commissione Finanze del Senato.
Il M5s proponeva il sistema di rimborsi per gli acquisti digitali, senza indicare gli oneri.
La Lega prevedeva 10 milioni per il 2021 per garantire un assegno fino a 800 euro mensili se l’altro genitore cessa o riduce il mantenimento per l’emergenza Covid.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I fratelli Bianchi,non siamo mostri,non abbiamo ucciso Willy
In aula accusano il complice Bellegia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
13:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non ho colpito Willy al petto, con un calcio l’ho colpito al fianco sinistro e l’ho spinto.
Lui è caduto ma si è subito rialzato.
Io poi sono andato via dai giardinetti”. E’ quanto ha raccontato, davanti alla Corte di Assise del Tribunale di Frosinone, Marco Bianchi, accusato assieme al fratello Gabriele ed altri della morte di Willy Monteiro Duarte, il 21enne ucciso a Colleferro la notte tra il 5 e 6 settembre dello scorso anno durante un pestaggio. Bianchi ha aggiunto: “io non avevo capito che era successo qualcosa di grave perché non sarei mai partito con l’auto. Mentre eravamo in macchina un mio amico si è rivolto a Belleggia (altro imputato ndr) dicendo sei un pezzo di m…perché hai colpito quel ragazzo…”. L’imputato nel corso dell’esame si è definito un “ragazzo semplice diviso tra sport e amici”. “Siamo stati fatti passare per mostri, si parlava solo dei fratelli Bianchi.
Qualsiasi cosa dicevamo venivamo attaccati”, ha aggiunto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pensioni:Draghi annuncia in Cdm apertura tavolo su riforma
Per introdurre più flessibilità in uscita
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
13:38
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il premier Mario Draghi, a quanto si apprende, ha annunciato in Consiglio dei ministri che il governo aprirà un tavolo di confronto con i sindacati sulle pensioni, per introdurre più flessibilità in uscita dal 2023.
Il ministro del Lavoro Andrea Orlando stamane in un’intervista tv ha spiegato che il confronto sulla riforma si chiuderà “nei primi mesi del prossimo anno”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Willy: Bianchi, ho detto la verità ma non sono stato creduto
‘Siamo stati fatti passare per mostri, vittime dell’odio mediatico’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
08:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non ho colpito Willy al petto, con un calcio l’ho colpito al fianco sinistro e l’ho spinto.
Lui è caduto ma si è subito rialzato.
Io poi sono andato via dai giardinetti”. E’ quanto ha raccontato, davanti alla Corte di Assise del Tribunale di Frosinone, Marco Bianchi, accusato assieme al fratello Gabriele ed altri della morte di Willy Monteiro Duarte, il 21enne ucciso a Colleferro la notte tra il 5 e 6 settembre dello scorso anno durante un pestaggio. Bianchi ha aggiunto: “io non avevo capito che era successo qualcosa di grave perché non sarei mai partito con l’auto. Mentre eravamo in macchina un mio amico si è rivolto a Belleggia (altro imputato ndr) dicendo sei un pezzo di m…perché hai colpito quel ragazzo…”. L’imputato nel corso dell’esame si è definito un “ragazzo semplice diviso tra sport e amici”. “Ho detto la verità ma non sono stato creduto. A Willy ho dato solo una spinta e un calcio al fianco. Belleggia (altro imputato ndr) non dice la verità è dovrebbe assumersi le sue responsabilità”.
“Siamo stati fatti passare per mostri, si parlava solo dei fratelli Bianchi. Qualsiasi cosa dicevamo venivamo attaccati”. E’ quanto affermato davanti alla Corte di Assise del Tribunale di Frosinone, da Marco Bianchi accusato assieme al fratello Gabriele ed altri della morte di Willy Monteiro Duarte, il 21enne ucciso a Colleferro la notte tra il 5 e 6 settembre dello scorso anno durante un pestaggio. In questa vicenda “è morto un ragazzo – ha aggiunto – ma se lo avessi colpito in modo grave non me ne sarei mai andato, lasciandolo lì. Se avessi sbagliato non avrei problemi ad ammetterlo”.
“Anche io ho un figlio, la notizia della morte di Willy ha distrutto le nostre vite, come quella della sua famiglia”. E’ quanto ha affermato, rivolto ai familiari del 21enne massacrato di botte a Colleferro nel settembre del 2020, Gabriele Bianchi, nel corso del suo esame nel processo che lo vede imputato di omicidio assieme al fratello Marco ed altri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Eutanasia, nuovo rinvio del ddl in Aula, Lega e CI di traverso
Il testo è in attuazione della sentenza della Corte Costituzionale del 2019.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
17:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo slittamento dell’approdo in Aula del disegno di legge sul suicidio assistito, in attuazione della sentenza della Corte Costituzionale del 2019.
L’ufficio di presidenza delle Commissioni Giustizia e Affari sociali della Camera hanno deciso di chiedere al presidente della Camera Roberto Fico, uno slittamento della calendarizzazione del testo dal 22 al 29 novembre.
Un primo rinvio aveva portato allo slittamento dal 25 ottobre al 22 novembre. Ma la data del 29 novembre, su cui hanno insistito i presidenti delle Commissioni, Mario Perantoni e Marialucia Lorefice, viene contestata da Lega e Coraggio Italia.
Oggi le due Commissioni avrebbero dovuto tenere una seduta decisiva, perché i relatori Alfredo Bazoli (Pd) e Nicola Provenza (M5s), avrebbero dovuto presentare delle riformulazioni di emendamenti su alcuni nodi, che avrebbero dovuto rappresentare delle proposte di sintesi e di intesa. Ma l’ufficio di presidenza ha preso atto dell’impossibilità di rispettare la data del 22 novembre dato il persistente ostruzionismo del centrodestra, soprattutto di Lega e FdI. Di qui la decisione di chiedere al presidente Fico lo slittamento di una sola settimana, quindi dal 22 al 29 novembre, dell’approdo in Aula, con la prospettiva di andare avanti a marce forzate la prossima settimana. Un percorso messo in dubbio dal capogruppo della Lega Roberto Turri e da Fabiola Bologna di Coraggio Italia. “Rispettare la data del 29 novembre – ha detto Turri – è oggettivamente impossibile. Dobbiamo ancora votare 380 emendamenti”. Analoghe le parole di Bologna: “La nostra era una richiesta razionale; se finora abbiamo votato 10 emendamenti su 400 vedo difficile concludere la settimana prossima. Noi chiedevamo una data piu coerente con il lavoro da fare. I relatori hanno dato la massima disponibilità al confronto, se si vuole arrivare a una soluzione condivisa occorre lavorare con attenzione”.
I due relatori hanno accantonato un centinaio dei 398 emendamenti sui punti più delicati, cioè l’obiezione di coscienza e i criteri di accesso al suicidio assistito, per proporre delle formulazioni che favoriscano un’intesa, momento che tuttavia è slittato vista la sconvocazione della seduta di oggi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Assegno unico: Bonetti, obbligatorio presentare domanda
Soddisfatta e emozionata, provvedimento storico
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
14:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono molto soddisfatta ed emozionata, è un provvedimento storico a cui ho lavorato.
E’ un provvedimento che, finalmente, risponde alle richieste delle famiglie italiane, che dal 1° gennaio possono fare richiesta sul sito dell’Inps, presentando un Isee.
Se non si presenta un Isee o lo si ha superiore a 40mila euro si avrà l’assegno più basso, che parte da 50 euro per un figlio. E’ obbligatorio presentare domanda per ricevere l’assegno”. Lo dice la ministra alle Pari Opportunità e la Famiglia Elena Bonetti a Rai Radio1, ospite della trasmissione ‘Un Giorno da Pecora’-.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pensioni: Draghi annuncia in Cdm apertura tavolo su riforma
Per introdurre più flessibilità in uscita
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
14:19
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il premier Mario Draghi, a quanto si apprende, ha annunciato in Consiglio dei ministri che il governo aprirà un tavolo di confronto con i sindacati sulle pensioni, per introdurre più flessibilità in uscita dal 2023.
Il ministro del Lavoro Andrea Orlando stamane in un’intervista tv ha spiegato che il confronto sulla riforma si chiuderà “nei primi mesi del prossimo anno”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vestager, in stretto contatto con Roma su impegni di Mps
Da vedere che cosa significa lungo termine
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
18 novembre 2021
14:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Siamo in stretto contatto con le autorità italiane sulle diverse questioni che riguardano Mps e i loro impegni”.
Lo ha detto la vice presidente della Commissione europea, Margrethe Vestager, rispondendo alle domande dei giornalisti in conferenza stampa.
“Resta da vedere che cosa significa ‘lungo termine'” nella situazione del Monte dei Paschi, “torneremo sul caso più avanti”, ha aggiunto Vestager.
Dopo il fallimento delle trattative con Unicredit, il governo italiano sta trattando con la Ue una proroga del termine per l’uscita dal capitale di Mps, fissato per fine anno, a fronte della quale l’istituto senese dovrà presentare una serie di misure compensative che dovranno confluire nel nuovo piano industriale.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Euro: Passera, moneta digitale serve subito, non tra 5 anni
A.d. Illimity a dibattito promosso da Reply con la Repubblica
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
14:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La creazione dell’euro digitale è tra le urgenze alle quali dobbiamo dare la massima priorità: se avremo l’euro digitale tra cinque anni, come sento dire, sarà troppo tardi”.
Lo afferma Corrado Passera, fondatore e amministratore delegato di Illimity.
“Dobbiamo accelerare nella creazione di uno strumento competitivo e alternativo al Dollaro Digitale o al Renminbi Digitale, che peraltro la Cina è già pronta a diffondere su larga scala nei prossimi mesi. C’è in gioco non solo una perdita di competitività, ma la nostra sovranità”, aggiunge Passera intervenendo al dibattito promosso da Reply con la Repubblica ‘Le nuove filiere della finanza digitale’ per indagare lo stato delle nuove filiere finanziarie e i benefici potenziali per i cittadini e le imprese del settore.
“Stiamo da anni lavorando sui temi tecnologici e di business connessi all’avvento delle nuove tecnologie basate su Blockchain DLT” aggiunge Claudio Bombonato, Senior Partner Reply, durante l’iniziativa alla quale hanno partecipato anche Banca Generali, Nexi e CeTIF. “I tempi sono oramai maturi perché a livello italiano ed europeo gli attori del mercato prendano coscienza dei grandi rischi e opportunità e si sviluppino le prime iniziative concrete sul campo”, conclude Bombonato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ok del Cda alle nomine Rai. Maggioni al Tg1
Il via libera a maggioranza. Simona Sala al Tg3. Gennaro Sangiuliano resta al Tg2
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
14:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Via libera del Cda della Rai, a maggioranza, alle nomine alle testate giornalistiche.
Secondo quanto si apprende, è stato dato parere favorevole alla nomina di Monica Maggioni al Tg1, Gennaro Sangiuliano al Tg2 e Simona Sala al Tg3 con Mario Orfeo alla direzione Approfondimento.
Al Gr Radio e Radio Uno al posto di Sala va Andrea Vianello. Alla Tgr confermato Alessandro Casarin, mentre a Raisport va Alessandra De Stefano al posto di Auro Bulbarelli.
Il consigliere indicato dal Movimento 5 Stelle Alessandro Di Majo ha votato contro tutte le nomine, mentre quello indicato dai dipendenti Riccardo Laganà si è astenuto in alcune votazioni. In particolare – si apprende ancora – Monica Maggioni al Tg1, Gennaro Sangiuliano al Tg2, Andrea Vianello al Gr, Alessandro Casarin alla Tgr, Antonio Preziosi a Rai Parlamento, Mario Orfeo all’Approfondimento e Alessandra De Stefano allo Sport hanno ottenuto 5 voti favorevoli e 1 contrario. Simona Sala al Tg3 e Paolo Petrecca a Rainews hanno ottenuto 4 voti favorevoli, 1 contrario e 1 astenuto.
“Il Consiglio di Amministrazione della Rai, riunito oggi a Napoli sotto la presidenza di Marinella Soldi, ha dato parere favorevole alle nomine proposte dall’Amministratore Delegato Carlo Fuortes per le direzioni delle testate giornalistiche, tutte coperte da risorse interne all’azienda”. E’ quanto si legge in una nota di Viale Mazzini. “Monica Maggioni – si legge ancora – è la nuova direttrice del Tg1, la cui guida per la prima volta è affidata a una donna. Gennaro Sangiuliano viene confermato alla direzione del Tg2, mentre Simona Sala assume la direzione del Tg3. Andrea Vianello le subentra alla guida del Giornale Radio e di Radio1, e a Paolo Petrecca viene affidata la direzione di RaiNews24 e di Rainews.it. Alessandro Casarin e Antonio Preziosi sono confermati direttori rispettivamente della Tgr e di Rai Parlamento, mentre Alessandra De Stefano è la nuova direttrice di Rai Sport. Il Cda ha inoltre dato parere favorevole alla nomina di Mario Orfeo alla direzione del nuovo genere Approfondimento”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Inps: nei primi otto mesi 2021 saldo 1mln contratti lavoro
Grazie soprattutto a contratti stagionali e a termine
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
14:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nei primi otto mesi del 2021 sono stati attivati 4,5 milioni di rapporti di lavoro nel settore privato (escluso il lavoro agricolo e domestico) mentre ne sono cessati 3,5 milioni.
La variazione netta supera quota un milione.
Emerge dall’Osservatorio Inps sul precariato secondo il quale la variazione netta per i contratti a tempo indeterminato (assunzioni, più trasformazioni meno cessazioni) è stata positiva per 103,519 posti. La variazione netta in otto mesi è stata positiva soprattutto per il lavoro a termine e stagionale.
Ad agosto la variazione netta totale è stata negativa per 143.086 contratti (-114.959 ad agosto 2020).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Inps: a ottobre ore cig autorizzate sotto 100 mln
Osservatorio su cassa integrazione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
15:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A ottobre 2021 l’Inps ha autorizzato 99,4 milioni di ore di cassa integrazione e fondi di solidarietà con un calo del 18,4% su settembre e una riduzione del 73,6% su ottobre 2020 all’inizio della seconda ondata.
Lo rileva l’Inps nel suo Osservatorio sulla cassa integrazione.
Le ore tornano sotto quota 100 milioni in un mese per la prima volta dall’inizio della pandemia.
Le ore autorizzate per emergenza sanitaria da aprile 2020 a ottobre 2021 sono state 6.445,2 milioni. Su 99,4 milioni di ore di integrazione salariale e fondi di solidarietà autorizzate ad ottobre. Il 76% sono state autorizzate con causale “emergenza sanitaria COVID-19”. Il tiraggio, ovvero l’uso effettivo delle ore autorizzate, nei primi 8 mesi del 2021 è sceso sotto il 40%, a livelli 2019. Tra gennaio ed agosto 2019 il tiraggio era del 38,10% ovvero 68,6 milioni di ore usate su 181,1 autorizzate.
Nei primi otto mesi del 2020 era stato del 47,97% con 1,4 miliardi di ore utilizzate su tre miliardi di autorizzate mentre nei primi otto mesi del 2021 sono state effettivamente utilizzate dalle aziende 923 milioni di ore di cassa su quasi 2,39 miliardi con un tiraggio del 38,66%.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Figliuolo acquisirà 50mila cicli antivirali per il Covid
Mandato ricevuto dal ministero della Salute
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
15:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Struttura Commissariale Covid-19, diretta dal generale Francesco Paolo Figliuolo, ha avuto mandato dal ministero della Salute, di acquisire un quantitativo pari 50.000 cicli trattamento di farmaci antivirali orali per Covid-19 per ciascuna tipologia di Molnupiravir e Paxlovid.
Per questi farmaci, informa la struttura, si avvieranno le procedure per la stipula dei contratti e/o acquisto al fine di consentirne l’effettiva disponibilità non appena le aziende saranno in grado di fornirli.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pmi: da Cdp-Mcc-Sella piano 100mln per sostegno crescita
Al via programma triennale di basket bond
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
15:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Finanziare i progetti di crescita delle PMI e Mid Cap italiane e aiutarle a essere più competitive a livello internazionale.
Questo, come spiega una nota, l’obiettivo del programma triennale di basket bond da 100 milioni di euro lanciato da Cassa Depositi e Prestiti (CDP), Mediocredito Centrale (MCC) e Sella.

A inaugurare il programma sono state due imprese italiane – Star7 (leader mondiale nei servizi linguistici) e Ciemme Alimentari (leader in Italia nella produzione di gnocchi e chicche di patate) – che hanno appena emesso minibond per un valore complessivo pari a 24,5 milioni di euro con l’obiettivo di raccogliere risorse per finanziare i rispettivi piani di investimento e sviluppo sul mercato nazionale e internazionale.
CDP e MCC hanno agito come anchor investor, ciascuna sostenendo il progetto attraverso la sottoscrizione del 40% delle emissioni, mentre Banca Sella ha sottoscritto il restante 20%.
Il piano, che proseguirà con altre emissioni di minibond da parte di aziende italiane fino al raggiungimento dei 100 milioni di euro di risorse previste, è stato promosso da Banca Sella in qualità di arranger tramite la divisione Corporate & Investment Banking. Gardant è intervenuta come servicer e corporate servicer, monitoring agent e altri ruoli ancillari, mentre lo studio legale Chiomenti ha agito come deal counsel.
Le emissioni obbligazionarie sono state quotate sull’ExtraMOT PRO3, il segmento di Borsa Italiana dedicato ai minibond, che garantisce visibilità sui mercati alle PMI e Mid-Cap che aderiranno all’iniziativa.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ema, contagi in rialzo in Ue, vaccinarsi e fare terze dosi
Incoraggiamo anche a farsi somministrare anti-influenzale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
18 novembre 2021
15:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“I contagi da Covid sono in rialzo in quasi tutti Paesi dell’Unione europea e la maggioranza” dei malati “sono i non vaccinati.
Per questo raccomandiamo di vaccinarsi e per quanti sono candidabili, di prendere la terza dose”.
E’ l’appello di Marco Cavaleri dell’Agenzia europea per i medicinali (Ema), in una conferenza stampa. “Incoraggiamo anche a farsi somministrare i vaccini antinfluenzali”, ha aggiunto Cavaleri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Putin, Occidente usa crisi migranti per pressioni su Minsk
Presidente russo a riunione consiglio del ministero degli Esteri
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA
18 novembre 2021
15:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’Occidente sta usando la crisi migratoria al confine tra Bielorussia e Polonia per fare pressione su Minsk.
Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin.
“Non si può fare a meno di vedere che i paesi occidentali stanno usando la crisi migratoria al confine tra Bielorussia e Polonia come un nuovo motivo di tensione in una regione vicina a noi, per fare pressione su Minsk”, ha detto in una riunione del consiglio del ministero degli Esteri russo. Lo riporta Interfax.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
‘Casa dolce casa’? Il lavoro domestico ai tempi dello smart working
Il convegno della Società italiana delle storiche alla casa internazionale delle donne a Roma
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
16:03
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Per chiunque lavori da remoto la “neodomesticizzazione” legata allo smart working in pandemia pare implicare alcuni vantaggi e molti rischi: la casa resta un ambito precluso agli ispettorati del lavoro, le postazioni sfuggono in gran parte alle norme che mirano agarantire la sicurezza e la salubrità dei luoghi di lavoro, la libertà di organizzare i propri tempi si traduce facilmente in lavoro senza orari, l’isolamento può rendere chi è dipendente più debole nella contrattazione con la parte datoriale; molti costi–elettricità, telefono, riscaldamento, pulizia, usura della strumentazione e dall’ambiente domestico –ricadono su lavoratori e lavoratrici.
E’ uno dei punti sui quali si sofferma la Società italiana delle storiche in un convegno, dal titolo ‘Casa dolce casa?’ alla Casa internazionale delle donne a Roma.
Molti gli spunti di riflessione per un ragionamento che vuole passare in rassegna tutti gli ambiti toccati da questo tema: non solo la prospettiva storica ma anche l’impatto sull’economia e su tutti gli ambiti della vita familiare.
D’altra parte, anche il risparmio di tempo negli spostamenti, il minor inquinamento che ne deriva, il minor affollamento dei centri urbani etc., se da un lato sono certamente aspetti positivi, dall’altro hanno comunque un profondo impatto sugli attuali assetti socio-economici, con conseguenze negative per molti esercizi commerciali e servizi legati al lavoro “in presenza”.
Senza dubbio – si sottolinea nella presentazione – stiamo assistendo a trasformazioni che difficilmente saranno completamente reversibili, anche se lentamente, grazie alla campagna vaccinale, molte attività tornano in presenza.
Verosimilmente, tali trasformazioni avranno effetti di lungo periodo sull’intera dimensione del quotidiano, sull’organizzazione della vita familiare e relazionale, nonché sul lavoro, i trasporti, l’architettura e l’urbanistica, la sostenibilità etc. Le modalità di lavoro misto, in presenza a distanza, verosimilmente saranno eredità di lungo periodo della pandemia. Se da un lato paiono essere la quadratura del cerchio, dall’altropossono comportare, almeno in certi casi, un aumento della difficoltà organizzativa.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lavoro: sindacati, Verti assicurazione annuncia 325 esuberi
Sindacati e dipendenti dicono no a piano
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
16:47
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Verti, la compagnia assicurativa online del gruppo Mapfre, ha annunciato 325 esuberi di dipendenti con un’età media sotto i 45 anni nella sede di Cologno Monzese (Milano).
Lo rendono noto i sindacati che hanno spiegato di essere stati convocati dall’azienda per l’apertura delle procedure contrattuali per rilevante ristrutturazione aziendale e dichiarazione di esuberi.

I sindacati di categoria di Cgil, Cisl, Uil, Snfia e Fna spiegano che la società vuole esternalizzare l’intera struttura Contact Center-Back Office. La decisione è stata motivata “da fattori di contesto che impongono di rivedere i modelli organizzativi/operativi e di intervenire sui costi fissi a partire dal costo del lavoro”. Dipendenti e rappresentanti sindacali di Verti, oltre a quelli territoriali e nazionali, esprimono “la propria contrarietà al progetto aziendale perché in contrasto con lo spirito e le previsioni dell’Area Contrattuale del contratto di lavoro Ania (proprio in queste settimane è stata definita la piattaforma unitaria per il rinnovo del contratto, che tra i vari temi mette al centro proprio il tema del rafforzamento dell’Area Contrattuale) e perché in contrasto con le logiche del sistema assicurativo italiano”.
“Non è accettabile che una Compagnia Diretta come Verti, che fa parte di Ania e di uno dei gruppi assicurativi più importanti in Europa, scelga di mettere in campo, come unica soluzione per essere più competitiva e primeggiare nel settore, gli esuberi e le esternalizzazioni, facendo pagare ai dipendenti le proprie criticità nel raggiungimento degli obiettivi che si pone – sottolineano -. L’annuncio di Verti è inaccettabile ancor più in un momento storico e sociale straordinario, come quello che stiamo vivendo, che richiede anche alle Imprese un fattivo contributo alla ripresa e al rafforzamento dell’economia reale del Paese”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
COVID: 10.638 POSITIVI, 69 LE VITTIME
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
17:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Giubileo: Gualtieri dal Papa, ‘insieme per gli ultimi’
Primo incontro tra il sindaco e il ‘vescovo’ di Roma
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
18 novembre 2021
17:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un incontro molto cordiale e lungo, circa un’ora, nel quale si è parlato del Giubileo del 2025 ma anche degli “ultimi”.
Questa mattina il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, ha incontrato Papa Francesco in Vaticano per la prima volta in veste di primo cittadino.
Un appuntamento, quello con il sindaco della Capitale, che è sempre stato caro al Pontefice che è il “vescovo di Roma”.
Il sindaco si è detto “molto felice ed emozionato” e ha definito Papa Francesco “una personalità straordinaria in grado di mettere a proprio agio chiunque e allo stesso tempo di offrire sempre profonde riflessioni. Il suo magistero nel segno della speranza, della pace, della fratellanza è un punto di riferimento fondamentale per tutti gli uomini – sottolinea Gualtieri – di fronte alle grandi sfide del nostro tempo”. Al centro del colloquio la città di Roma e “la sua unicità”, ha riferito ancora Gualtieri annunciando che “saranno anni di grande collaborazione con la Santa Sede, per il Giubileo del 2025 e nel comune impegno a sostegno degli ultimi e dei più deboli”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 10.638 positivi, 69 le vittime in 24 ore
Tasso all’1,7%. Aumentano ancora le terapie intensive, +17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
17:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 10.638 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute, ieri erano stati 10.172.
Sono invece 69 le vittime in un giorno.
Ieri erano state 72. Sono 625.774 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia. Ieri erano stati 537.765. Il tasso di positività è all’1,7%, in leggero calo rispetto all’1,9% registrato ieri. Sono invece 503 (ieri 486) i pazienti in terapia intensiva in Italia, 17 in più rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 55. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 4.088 (ieri 4.060), ovvero 28 in più rispetto a ieri. Sono 132.513 gli attualmente positivi al Covid in Italia, 5.428 in più nelle ultime 24 ore. Dall’inizio della pandemia i casi totali sono 4.893.887, i morti 133.034. I dimessi e i guariti sono invece 4.628.340, con un incremento di 5.148 rispetto a ieri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fipe: Stoppani; consumi ancora deboli,ora politiche sostegno
In 2021 spesa alimentare sale ma -20% rispetto pre-covid
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 novembre 2021
19:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nel 2021 la spesa degli italiani per consumi alimentari fuoricasa tornerà ad oltre 63 miliardi di euro, con un incremento del 17,2% rispetto al 2020, ma ancora sotto i livelli pre-covid per oltre 20 miliardi di euro.
Più contenuto l’aumento della spesa alimentare domestica: +0,8% rispetto allo scorso anno.
E’ quanto è emerso all’ assemblea della Federazione dei Pubblici Esercizi dove è stata presentata la “Carta dei Valori” della ristorazione italiana alla presenza del ministro Garavaglia e del presidente di Confcommercio Sangalli. “Sono necessarie politiche lungimiranti di sostegno e di sviluppo alla ristorazione, elementi qualificanti della nostra offerta turistica e strumenti formidabili di promozione del nostro patrimonio agroalimentare”. ha detto il presidente della Fipe Lino Enrico Stoppani L’impatto della pandemia sulla ristorazione è stato devastante anche a livello internazionale. In tutti i Paesi del vecchio continente la flessione dei consumi è stata superiore al 30%, con punte di oltre il 40% in Spagna sottolinea la federazione.
Prima della pandemia, la sola spesa turistica destinata alla ristorazione valeva 18,5 miliardi di euro, con 8,4 miliardi di euro garantiti dal turismo straniero, con un valore aggiunto pari a circa 7 miliardi. I rappresentanti di Fipe, Confagricoltura, Coldiretti, Unione Italiana Food, oltre a Siae per il ruolo della musica nei Pubblici Esercizi, hanno firmato la “Carta dei Valori” della ristorazione italiana, con i principi cardine per la valorizzazione condivisa del settore. Le nostre imprese – ha spiegato Stoppani – segnalano forti tensioni sui prezzi di acquisto delle materie prime e in taluni casi difficoltà di approvvigionamento ed è pertanto necessario un attento presidio da parte del Governo proprio per contrastare eventuali fenomeni speculativi”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Provenzano, da Giorgetti serve chiarezza su piano siderurgia
Vicesegretario Pd, se c’è lo tiri fuori altrimenti discutiamone
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TERNI
18 novembre 2021
17:49
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sul piano nazionale sulla siderurgia chiediamo un atto di chiarezza al ministro Giorgetti.

Se c’è lo tiri fuori da questo cassetto, se è solo una bozza discutiamone con i produttori, il sindacato e le comunità locali.
Se non c’è questo piano, vogliamo contribuire a scriverlo”: a dirlo è stato il vicesegretario nazionale del Pd, Giuseppe Provenzano, concludendo oggi a Terni i lavori dell’Agorà democratica “Strategie per la siderurgia italiana”, organizzata dal Partito democratico.
Oltre ad un tavolo sulla siderurgia, in cui convocare “anche il sindacato”, Provenzano ha chiesto che “si riorganizzi anche il lavoro del Mise”. “O riorganizziamo dei tavoli di filiera e settore – ha sottolineato – o mai come in questo momento rischiamo di perdere le sfide. In questi tavoli devono inoltre essere coinvolti anche il ministero del Lavoro, e poi quello della Transizione ecologica e quello della Mobilità sostenibile, che devono essere protagonisti nell’accompagnare questi processi delle nuove politiche industriali e mettere in campo tutti gli strumenti”.
Pnrr, evoluzione del mercato, costi energetici, ambientali e di riqualificazione del territorio e riduzione delle emissioni di carbonio sono, sempre a detta del vicesegretario Pd, “gli ingredienti che non possono mancare in questo tavolo”. Sul tema della vendita di Acciai Speciali Terni, Provenzano ha evidenziato di aver salutato “con grandissimo favore la scelta di Arvedi”. “Speriamo – ha aggiunto – che porti presto un piano industriale di cui possiamo discutere. Noi vigileremo sul tema dell’integrità del gruppo, della tutela occupazionale, degli investimenti. Vogliamo farlo – ha concluso – perché qui non si sta giocando una battaglia in difesa, ma un’opportunità per l’intero Paese”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A Roma Open day booster per over60, il 21 e il 28 novembre
A 180 giorni da ultima dose.’Recarsi a hub con tessera sanitari’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
18 novembre 2021
18:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A Roma domenica open day per dosi booster per gli over 60.
Lo annuncia l’assessore regionale alla Sanità del Lazio, Alessio D’Amato.
“Si terrà domenica 21 novembre e domenica 28 novembre (orario 8-13) all’ospedale San Giovanni Addolorata di Roma l’open day per le somministrazioni delle dosi booster rivolte agli over 60 anni che abbiano i 180 giorni da ultima dose – spiega D’Amato -. Basta recarsi all’hub muniti di tessera sanitaria”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sicilia mascherina all’aperto con folla, test da arrivi Germania
Tampone anche per i viaggiatori dalla Gran Bretagna
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
18 novembre 2021
18:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In Sicilia è stato introdotto l’obbligo di portare la mascherina sempre con sé e di indossarla anche in tutti i luoghi aperti al pubblico particolarmente affollati.
E’ quanto prevede una nuova ordinanza del presidente della Regione Nello Musumeci.
I provvedimenti sono in vigore da oggi fino al 31 dicembre. Dovranno sottoporsi al tampone, nei porti e aeroporti siciliani, anche i viaggiatori che arrivano dalla Germania e dal Regno Unito. Attualmente il controllo è già previsto per chi proviene, o vi abbia transitato nei 14 giorni precedenti, dagli Usa, Malta, Portogallo, Spagna, Francia, Grecia e Olanda.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Segre, ci sono negazionisti come per la Shoah
‘Per certi discorsi le orecchie non si sono aperte mai’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
18 novembre 2021
19:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Negli anni, io sono così vecchia adesso, non ho la sensazione di avere sbagliato a stare zitta tanto tempo perché le orecchie non erano aperte per certi discorsi e non si sono aperte mai.
Altrimenti come ti spiegheresti che tuttora ci sono i negazionisti della Shoah, con i campi da visitare, le testimonianze e gli storici”.
Lo ha detto la senatrice a vita Liliana Segre nel corso della presentazione del libro della giornalista Myrta Merlino, ‘Donne che sfidano la tempesta’. “Non mi piacciono i paragoni, ma oggi ci sono quelli che negano che ci sia un nemico invisibile. Chi non vuole ascoltare non ascolta”, ha concluso.
“A quei no vax che si sono travestiti da prigionieri del lager dico che si risponde silenzio” ha detto la senatrice a vita. Durante la pandemia “ho sofferto molto come tutti e ho avuto la sensazione fortissima di una cosa che conoscevo e che non portava a niente di bello, contro un nemico invisibile questa volta” ha aggiunto Segre.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Francia: presidenziali, nasce la ‘casa’ dei macroniani
Si chiamerà ‘Ensemble, Citoyens!’,ci sarà anche Edouard Philippe
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PARIGI
18 novembre 2021
15:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ nata ieri sera, durante una cena dei principali leader di centro e centrodestra, la “casa” dei macroniani, l’insieme di partiti e movimenti che appoggeranno la ricandidatura all’Eliseo del presidente uscente, Emmanuel Macron.

Secondo quanto trapelato, la nuova entità politica prenderà la forma di un’associazione e si chiamerà “Ensemble, Citoyens!”.

Vi entra a far parte anche il popolare ex primo ministro, e attualmente sindaco di Le Havre, Edouard Philippe, con la sua formazione “Horizons”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’incognita dei viaggi di Natale, vademecum per le feste
Ue pronta rivedere raccomandazione. Regole per ristoranti e sci
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
12:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le mascherine e il green pass per fare lo shopping nei mercatini.
Chi va in montagna deve partire con le regole anti covid.
Per il ristorante non ci sono limiti, ma se dovesse scattare la zona gialla non ci si potrà sedere a tavola in più di 4 e addio al cenone. Chi pensa di andare all’estero, tenga d’occhio fino all’ultimo le notizie e consideri che alcuni Paesi, come l’Austria, stanno riducendo i margini per i no vax, imponendo un tampone molecolare per entrare nel Paese. Anche l’Ue è pronta a rivedere la proprio raccomandazione sui viaggi, e potrebbe suggerire una maggiore “sorveglianza”, ad esempio riducendo da 48 a 24 ore la validità dei tamponi. Per Natale gran parte del Paese sarà in zona bianca, con le restrizioni al minimo, ma alcune regioni rischiano di cambiare colore. Ecco un vademecum per prepararsi al secondo Natale dell’era Covid.
– VIAGGI – In zona bianca ci si sposta liberamente all’interno del Paese, serve il Green pass per prendere l’aereo o i treni a lunga percorrenza. Se una regione dovesse passare in zona rossa o arancione, sarà necessario il Green pass anche per spostarsi in entrata e in uscita. Chi arriva in Italia – come pure che gli italiani che tornano a casa – da un Paese Ue deve avere il certificato verde, mentre dagli altri Paesi è necessario anche un test molecolare o antigenico negativo nelle 72 ore precedenti (da 48 ore per gli ingressi dal Regno Unito). Il governatore siciliano Nello Musumueci ha appena varato una ulteriore stretta, che resterà in vigore fino al 31 dicembre: dovranno sottoporsi al tampone nei porti e aeroporti siciliani anche i viaggiatori che arrivano dalla Germania e dal Regno Unito. Per chi medita un Natale in spiaggia, tenga presente che per Aruba, Maldive, Mauritius, Seychelles, Repubblica Dominicana, come pure per Sharm El Sheikh e Marsa Alam, sono aperti, fino a gennaio, “corridoi turistici Covid-free” che prevedono un attento screening alla partenza e al rientro.
– FESTE E CENONI – Per le feste e i cenoni in casa non ci sono limitazioni sia che ci trovi in zona bianca che in zona gialla.
I medici consigliano di indossare la mascherina negli ambienti con molte persone, specie se ci sono soggetti fragili o anziani.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In zona gialla nei ristoranti al chiuso non si potrà stare al tavolo in più di quattro (salvo che si sia conviventi), scende inoltre al 50% la capienza di teatri e cinema, e chiudono le discoteche. In zona arancione poi bar e ristorante possono fare solo asporto. E con la risalita dei contagi alcuni sindaci pensano di cancellare la feste di piazza. Anche se è prematuro – secondo il sottosegretario alla Salute Andrea Costa – fare previsioni su divieti a Capodanno, come stanno già pensare a Trieste.
– NATALE IN MONTAGNA – Alla vigilia della stagione invernale c’è preoccupazione in Alto Adige. Se dovesse scivolare verso la zona gialla, o peggio l’arancione (che prevede anche la chiusura degli impianti di risalita), potrebbe essere nuovamente un disastro per il turismo invernale. Ecco perché si preme per considerare lo sci uno sport individuale ed evitare un nuovo black out. Intanto, in montagna alcuni impianti hanno già riaperto. Il 6 novembre, ad esempio sono entrati in funzione quelli di Cervinia. E’ obbligatorio presentare il Green pass, salvo che per i minori di 12 anni, e indossare la mascherina chirurgica o ffp2. Il limite della capienza per le cabinovie è fissato all’80%, sulle seggiovie è al 100%.
– SHOPPING E MERCATINI – In ogni caso, i negozi chiusi sono un triste ricordo del lockdown: le attività commerciali rimarranno sempre aperte, con obbligo di mascherina e la precauzione del distanziamento. Per garantire spese natalizie in sicurezza, alcuni sindaci stanno rafforzando le precauzioni: il sindaco di Verona, ad esempio ha annunciato l’obbligo della mascherina anche all’aperto e del Green pass per accedere ai mercatini di Natale.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Afghanistan: Mattarella, quanto fatto non andrà perduto
Capo dello Stato ricorda giornalista Maria Grazia Cutuli
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
09:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Le recenti, dolorose vicende dell’Afghanistan ci hanno riportato alla mente e nel cuore il sacrificio di Maria Grazia Cutuli, il suo senso di giustizia, il suo credo nella libertà e nell’indipendenza dell’informazione.

Il nostro Paese ha dato tanto per aiutare la crescita e per stabilizzare l’Afghanistan: quanto è stato fatto e testimoniato non andrà perso ma resterà come punto di ripartenza per un impegno di civiltà”.
Lo afferma il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in un passaggio della sua dichiarazione in ricordo della giornalista Maria Grazia Cutuli uccisa in Afghanistan 20 anni fa.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Zaia: ‘Lockdown per i no vax non è possibile in Italia’
Fedriga: ‘L’obbligo vaccinale è come licenziare i no vax’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
19 novembre 2021
16:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Nella riunione di ieri della conferenza delle Regioni non si è parlato di modello Austria.
A mio avviso, però, stante oggi la Costituzione e il Paese che siamo, pensare di fare un lockdown per i non vaccinati non ci si riesce.
Per me non è praticabile dal punto di vista giuridico”. Così il governatore Luca Zaia sulle ipotesi di chiusure e restrizioni differenziate per le persone che rifiutano la vaccinazione Covid. “Al di là di questo, – ha aggiunto – se c’è qualcuno convinto e vuol tentare di farlo in autonomia lo può fare. Immagino, per un fatto pratico, che sia un’avventura che poi non si concretizza”.
“La conseguenza dell’obbligo vaccinale è che dovremmo licenziare gli italiani che non si vaccinano?. Se lo è chiesto Massimiliano Fedriga, presidente della Conferenza delle Regioni, rispondendo alle domande di “Un giorno da pecora” sull’introduzione di un obbligo in Italia analogo a quello in Austria. “Cerchiamo piuttosto di accompagnare il Paese magari con un’informazione più puntuale. Il grande nemico da sconfiggere non sono i no vax incalliti, ma la paura, da sconfessare attraverso appunto l’informazione”, ha concluso Fedriga
“Noi siamo stati i primi a introdurre l’obbligo vaccinale per i sanitari. Bisogna riflettere se farlo con altre categorie, quella che sono a contatto con il pubblico, tipo le forze dell’ordine o chi lavora nella grande distribuzione. Saranno valutazione che dovremmo fare attenzionando i dati, ma dobbiamo guardare al futuro con fiducia e dobbiamo continuare a rispettare le regole”. Lo ha detto il sottosegretario alla Salute Andrea Costa a Rai Radio 1 aggiungendo: “Il tema dell’obbligatorietà vaccinale non l’abbiamo scelta perché abbiamo scelto un rapporto di fiducia con i cittadini”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Purtroppo abbiamo una recrudescenza dei numeri che non ci fa stare tranquilli. Credo che il Green pass fosse lo strumento che potevamo utilizzare, però l’unica cosa che ci può mettere al sicuro è l’obbligo vaccinale, quindi quello è un percorso su cui dobbiamo avere il coraggio di fare una riflessione seria”. Così il presidente di Confindustria Carlo Bonomi a Firenze. “Purtroppo i dati che arrivano dal nord ed Est Europa sono preoccupanti non ci possiamo permettere di bloccarci, la nostra è un’economia basata sulla trasformazione, e quindi sull’export: quest’anno forse faremo il record di 500 miliardi e non ci possiamo fermare”.
“Credo che il Governo stia evitando di acuire la tensione sociale, ma sono certo che ha ben chiaro che non possiamo richiudere il Paese quando il 90% delle persone corre una porzione di rischio molto inferiore all’anno scorso.
Tra i vaccinati in ospedale la percentuale è minima”. Così il governatore ligure Giovanni Toti stamani a Radio 1 sollecita l’Esecutivo a introdurre un green pass rafforzato per i vaccinati in caso di passaggio delle Regioni in zona arancione o rossa.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
C.destra:Gelmini,vorrei FI più coraggiosa, basta populismi
Bene Berlusconi su posizionamento partito in Ue e non solo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
10:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Se ho fatto pace con Berlusconi? Non ho mai litigato…
Diciamo che internamente al partito ci sono sensibilità differenti.
Io vorrei una FI più coraggiosa nel marcare le differenze rispetto alla destra e credo che in questo c’è la nostra forza: un centrodestra plurale con una FI protagonista è quello che serve al paese. Mi sono piaciute le interviste del presidente Berlusconi che più volte ha ribadito con forza il posizionamento di FI in Ue e non solo. Ci sono amplissimi margini per rendere ancora più forte il nostro posizionamento. Il Paese dopo la pandemia è cambiato, non ha più voglia di slogan e populismi, serve cultura di governo, competenza e moderazione”. Lo dice la ministra agli Affari Regionali Mariastella Gelmini a Radio24.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lagarde: ‘La stretta dei tassi ora sarebbe dannosa’
La presidente della Bce: ‘Colpirebbe i redditi disponibili delle famiglie, ponendo un freno alla ripresa’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
16:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un rialzo dei tassi d’interesse adesso non avrebbe effetto sullo shock inflazionistico che sta colpendo l’economia europea ma colpirebbe i redditi disponibili delle famiglie, ponendo un freno alla ripresa. Lo ha detto la presidente della Bce Christine Lagarde al Congresso bancario di Francoforte.
Lagarde ha detto che alzare i tassi ora non influenzerebbe né i prezzi energetici e che “le strozzature all’offerta globale non possono essere risolte dalla politica monetaria”.

La Bce deve esercitare “pazienza e persistenza” per l’obiettivo di un’inflazione sostenibile intorno al 2%, e l’attuale fiammata dei prezzi oltre il 4%, essendo destinata ad esaurirsi, non realizza ancora le condizioni desiderate per poter cambiare orientamento di politica monetaria.
Lo ha detto la presidente della Bce Christine Lagarde al Congresso bancario di Francoforte. “Anche dopo l’attesa fine dell’emergenza pandemica – ha detto Lagarde – sarà ancora importante che la politica monetaria, e con essa un’adeguata calibrazione degli acquisti di bond, sorregga la ripresa e un ritorno all’inflazione sostenibile al 2%. Annunceremo le nostre intenzioni su questo a dicembre.
“Adesso bisogna evitare la tentazione di ritiri prematuri delle politiche espansive. Questa idea può venire dai ritmi di crescita e dall’inflazione ma dobbiamo continuare questo gioco di spinta della politica monetaria Bce e delle politiche di bilancio della commissione Ue. Ho visto le parole della presidente Lagarde che non ritiene che questo sia un momento di stretta per Bce e per le nostre politiche non è il momento di abbandonare il rilancio ma di renderle più selettive e mirate”. Così il commissario Ue agli Affari economici Paolo Gentiloni intervenendo all’assemblea di Confindustria Firenze.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Verso il nuovo Green pass, fa discutere il modello Austria
Restrizioni per 20 giorni, poi prosegue per non vaccinati. L’Austria è il primo paese europeo ad introdurre l’obbligo vaccinale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
20 novembre 2021
13:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La quarta ondata fa paura e si moltiplicano le pressioni in Italia per un rafforzamento del Green pass sul modello dell’Austria, che nel frattempo ha deciso il lockdown generale per 20 giorni ed ha annunciato l’obbligo vaccinale dal primo febbraio.
Una soluzione auspicata dal presidente di Confindustria Bonomi, mentre il sottosegretario Costa apre ad estenderlo ‘alle categorie a contatto col pubblico’.
Un’ipotesi che chiede di considerare anche il presidente dell’Iss Locatelli per forze di polizia, impiegati pubblici e professori. Inoltre, avanza l’idea di ridurre a 5 mesi l’intervallo per la terza dose.
“La strada è un super Green pass responsabile e condiviso, per non far pagare a tutti l’egoismo di alcuni”. A sottolinearlo, in un’intervista al Corriere della Sera, il ministro per la Pubblica Amministrazione Renato Brunetta. “Se ci saranno cambi di colore perché devono pagare tutti gli italiani vaccinati, per colpa dello zoccolo duro dei no vax, estrema minoranza, sempre più invisa? – prosegue Brunetta – Se gli indicatori ospedalieri dovessero peggiorare, penso sia il caso di rafforzare il Green pass escludendo i non vaccinati da alcune attività sociali”.
L’Europa ripiomba nell’incubo del lockdown  – Da lunedì, l’Austria sarà il primo Paese a reintrodurre il confinamento per tutti, una settimana dopo averlo imposto ai non vaccinati. E dal primo febbraio, Vienna farà da apripista anche per l’obbligo generalizzato di immunizzazione contro il Covid-19, previsto finora solo in Indonesia – dove per i trasgressori sono previste multe e si rischia di non essere curati in caso di contagio -, nelle isole della Micronesia e in Tagikistan e Turkmenistan, oltre che in Vaticano. “Solo così usciremo dal circolo vizioso”, ha spiegato il governatore del Land Tirolo, Gunther Platter.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La nuova stretta è spinta dal dilagare del virus. Ieri l’Austria ha fatto segnare un nuovo record di contagi giornalieri di oltre 15mila. “Nonostante mesi di impegno, non siamo riusciti a convincere abbastanza gente a farsi vaccinare”, si è rammaricato il cancelliere Alexander Schallenberg. “Ci sono troppe forze politiche che remano contro”, ha aggiunto, parlando di un “attentato al sistema sanitario”. Nel Paese con il più basso tasso di vaccinazione nell’Europa occidentale, il ritorno al lockdown dovrebbe durare fino al 12 dicembre, anche se dopo 10 giorni verrà rivalutata la situazione. Si potrà uscire di casa solo per lavoro, motivi di necessità e per svolgere attività fisica. Viene inoltre incentivato lo smart working, mentre resteranno aperte le scuole, con obbligo di mascherina per gli studenti. In caso di miglioramento della situazione epidemiologica, le restrizioni resterebbero solo per gli irriducibili no vax.
Sulla scia dell’Austria, anche i Lander più colpiti della Germania si preparano a tornare in lockdown. A partire dalla Baviera, che ieri ha annunciato anche la cancellazione di tutti i celebri mercatini di Natale e la chiusura di bar, discoteche e locali notturni fino a metà dicembre, insieme a un confinamento nelle aree più a rischio, cioè quelle con un’incidenza di oltre mille casi per 100mila abitanti. Più severe anche le regole per ottenere il Green pass, che verrà concesso adesso secondo la formula del 2G (‘geimpft’ e ‘genesen’, cioè immunizzati e guariti). Ma anche a queste categorie sarà richiesto il tampone per partecipare agli eventi di massa (il cosiddetto 2G plus). Anche la Sassonia va verso le stesse restrizioni. Deciso pure l’obbligo vaccinale per il personale sanitario. “Siamo in una fase in cui non dovremmo escludere nulla”, ha commentato il ministro della Salute tedesco Jans Spahn. Più rigide pure le regole per i turisti: chi arriva da Paesi ritenuti a rischio dovrà osservare una quarantena di 10 giorni, ridotta a 5 con un tampone negativo.
Il virus comunque rialza la testa in tutta l’Europa, con Irlanda, Belgio, Olanda e Lussemburgo e Paesi baltici in rosso scuro nella mappa del rischio Covid tracciata da Bruxelles. La Slovacchia seguirà la vicina Repubblica ceca sul lockdown per i non vaccinati. Ancora più drammatica è la situazione nei Balcani e nell’Europa dell’est, dove i tassi di vaccinazione sono significativamente più bassi. L’Ungheria ha fatto segnare oggi il record di contagi quotidiani da inizio pandemia (11.289), mentre in Russia si è toccato un nuovo picco di vittime giornaliere (1.254).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Istat: fatturato industria a settembre +0,1%,+15,2% su anno
In terzo trimestre +2,4%
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
10:42
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A settembre si stima che il fatturato dell’industria, al netto dei fattori stagionali, sia aumentato dello 0,1% rispetto ad agosto.E’ quanto risulta dai dati dell’Istat.
Corretto per gli effetti di calendario, il fatturato totale cresce in termini tendenziali del 15,2% (+17,0% sul mercato interno e +11,6% su quello estero).
Nel terzo trimestre l’indice complessivo evidenzia un incremento del 2,4% rispetto ai tre mesi precedenti (+3,0% sul mercato interno e +1,5% su quello estero).
Rispetto a settembre 2020 si registrano incrementi tendenziali molto marcati per l’energia (+48,2%) e i beni intermedi (+28,6%), più contenuti per i beni di consumo (+7,1%) e quelli strumentali (+2,4%). Con riferimento al comparto manifatturiero, si evidenziano aumenti tendenziali per tutti i settori di attività economica, ad eccezione del comparto dei mezzi di traporto e di quello farmaceutico.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cirio, se qualcuno deve fermarsi non siano i vaccinati
Governatore Piemonte, fiducia cittadini deve essere ripagata
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
19 novembre 2021
10:46
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Se qualcuno deve fermarsi non sono i vaccinati, altrimenti questo vorrebbe dire far venire meno la fiducia nella campagna e non rispettare la scelta dell’85% degli italiani che hanno deciso di vaccinarsi perché credono nella scienza e nelle istituzioni del Paese.
Chi si è vaccinato, chi ha fatto la sua parte, non potrà essere colui il quale verrà fermato dalle eventuali restrizioni”.
Lo afferma ai microfoni di Sky Tg24 il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio.
“Non ci si fermi tutti – è l’appello del governatore piemontese -: non sarebbe corretto fermare chi ha messo in sicurezza se stesso e gli altri. La fiducia dei cittadini deve essere ripagata consentendo a chi ha messo la corazza di continuare a fare quello che la vita permettere. Porre restrizioni non fa bene a nessuno, ma se queste devono essere per salvare la vita, allora lo si faccia nel rispetto di chi verso il Paese ha dato nu segnale di fiducia vaccinandosi”.    PIEMONTE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Casellati,bimbi grandi invisibili pandemia,siano priorità
Messaggio della presidente a iniziativa commissione Infanzia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
11:46
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Bambini e adolescenti” sono stati “i grandi invisibili della pandemia.
Metterli al centro del nostro progetto per il futuro è una delle priorità di oggi.
È un percorso da realizzare insieme, dando voce alle loro idee, alle loro proposte e alle loro richieste”. Lo afferma la presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati in occasione di un’iniziativa promossa dalla Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza.
“L’ascolto dei più piccoli va coltivato ovunque. Nelle sedi dove possono esprimere i loro diritti in maniera formale. Ma anche nella vita di tutti i giorni, in famiglia, nelle scuole, nei luoghi di sport e svago. Perché – prosegue Casellati – solo dando fiducia ai nostri bambini e adolescenti possiamo consentire loro di valorizzare al massimo le loro capacità e di realizzare appieno la loro inesauribile creatività. Non sottovalutiamoli mai. Ascoltiamo quello che hanno da dirci per costruire insieme un domani ancora più ricco di opportunità per i loro e per i nostri sogni. Da loro abbiamo tanto da imparare, perché sono i veri protagonisti dell’Italia e del mondo che verrà. La nostra principale risorsa. La nostra inesauribile energia”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MATTARELLA: COVID ALLARMA, DOVERE DI RESPONSABILITÀ NON E’ FINITO
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
12:06.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Regione Fvg, ok terza dose over40 ma problema adesioni
Assessore, scontiamo un ritardo, c’è timidezza su nuovi richiami
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
19 novembre 2021
12:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Questa mattina sono già partite le disposizioni per le aziende sanitarie e da lunedì 22 sarà possibile prenotarsi nella fascia over 40 condividendo ieri tra il Governo e le Regioni queste anticipazioni”.
Lo ha detto l’assessore alla Sanità del Fvg, Riccardo Riccardi, precisando che “la macchina sarà a regime nei termini stabiliti”.
Il problema “adesso sono le adesioni. Scontiamo un ritardo e speriamo ci sia una accelerazione”. Riccardi ha specificato che “c’è un po’ di timidezza nelle adesioni per la terza dose: tutti quanti dobbiamo fare comprendere quanto la somministrazione della terza dose sia un aspetto molto importante”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mattarella: vincere la battaglia contro l’antiscienza
Il presidente della Repubblica in occasione de “I Giorni della Ricerca”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
13:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il virus continua a provocare allarme.
Non si è esaurito il nostro dovere è di responsabilità, soprattutto verso i più deboli.
Siamo riusciti a realizzare una ripresa economica e i vaccini sono stati la nostra difesa, hanno consentito le riaperture. La ricerca è stata un grande esempio di collaborazione mondiale. Abbiamo visto una larga adesione alla campagna vaccinale che ha visto la quasi totalità degli italiani vaccinarsi per proteggere sè stessi e gli altri”. Lo ha detto il presidente Sergio Mattarella in occasione de “I Giorni della Ricerca”, iniziativa promossa dall’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro. “Il Pnrr prevede investimenti importanti nella ricerca e nello sviluppo del Sistema sanitario nazionale: dobbiamo saperlo realizzare, ne va del nostro futuro e anche di quello dell’Europa visti gli investimenti che sono stati stanziati”. Lo ha detto il presidente Sergio Mattarella in occasione de “I Giorni della Ricerca”, iniziativa promossa dall’Associazione Italiana.

“I vaccini sono stati la nostra maggior difesa, salvate vite e consentito le riaperture ed è merito della ricerca”. “La scienza è chiamata ancora ad intervenire, La pandemia ha prodotto pesanti conseguenze nella lotta contro il cancro”. Anche per questo bisogna condurre la battaglia “contro l’antiscienza” perchè ci sono “nuclei che propagano l’antiscienza: è una sfida nei luoghi della modernità, occorre affrontarla e vincerla, ne va della prosecuzione di un percorso virtuoso”, ha detto Mattarella.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio, sostegno al modello alimentare dell’Italia
‘Expo Dubai si sta rivelando una vetrina straordinaria’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
12:20
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Come emerge dal Rapporto Coldiretti-Censis sulle abitudini alimentari degli italiani, presentato al Forum, il modello alimentare italiano è adattivo, forte e resiliente, anche grazie a territorialità e tracciabilità dei prodotti.
L’Italia sostiene e difende questi tratti distintivi su un duplice piano: a livello multilaterale, in ogni foro, mettendone in luce la coerenza con gli standard delineati dall’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile dell’Onu; e a livello nazionale, accompagnando internazionalizzazione delle nostre imprese e export del Made in Italy agroalimentare, con un’intensa e diversificata diplomazia economica”.
Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, intervenendo al Forum internazionale dell’agricoltura e dell’alimentazione, organizzato da Coldiretti.
“A Expo Dubai, inaugurata lo scorso 1 ottobre, il padiglione italiano, dedicato al tema ‘La Bellezza unisce le Persone’, si sta già rivelando una vetrina straordinaria per il nostro Paese, di cui restituisce un’immagine innovativa, creativa e al contempo ancorata a tradizioni e territori. Nel solco di questi valori – ha aggiunto Di Maio – il governo ha deciso di presentare la candidatura di Roma a organizzare l’Expo nel 2030”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Rai: Fico, ha bisogno di riforma con una nuova legge
Legge attuale non funziona
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
19 novembre 2021
13:03
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La Rai ha bisogno di un riforma, di una nuova legge”.
Lo ha detto il presidente della Camera dei deputati, Roberto Fico, rispondendo alla domanda di un giornalista a margine della visita di villa La Gloriette, bene confiscato alla criminalità organizzata e che ora ospita una cooperativa sociale che opera a favore di ragazzi con disagio.

‘Secondo me la legge attuale non funziona- ha proseguito Fico – ed il Parlamento potrebbe metterla nell’agenda politica”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mattarella, vincere battaglia contro antiscienza
Vaccini sono stati nostra migliore difesa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
13:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“I vaccini sono stati la nostra maggior difesa, salvate vite e consentito le riaperture ed è merito della ricerca”.
“La scienza è chiamata ancora ad intervenire, La pandemia ha prodotto pesanti conseguenze nella lotta contro il cancro”.
Anche per questo bisogna condurre la battaglia “contro l’antiscienza” perchè ci sono “nuclei che propagano l’antiscienza: è una sfida nei luoghi della modernità, occorre affrontarla e vincerla. ne va della prosecuzione di un percorso virtuoso”. Lo ha detto il presidente Sergio Mattarella in occasione de “I Giorni della Ricerca”, iniziativa promossa dall’Airc.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Roma:premi a lavoratori Ama più presenti durante festività
Aumentare operatività tra 22 novembre-9 gennaio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
19 novembre 2021
13:05
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Premialità per chi decide di rinviare le proprie ferie e le proprie ore di permesso al termine del piano di pulizia straordinaria, garantendo un tasso di presenza elevato in un periodo, quello delle feste natalizie in cui, per altro, la produzione di rifiuti aumenta”.
Così l’assessore all’ambiente del Comune di Roma, Sabina Alfonsi, annuncia incentivi ai lavoratori Ama, che si occupano della pulizia delle strade di Roma, che saranno più operativi tra il 22 novembre e il 9 gennaio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fisco: Lega, azzeramento Irap e Iva su beni prima necessità
Azzeramento Iva su beni prima necessità
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
13:05
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Al tavolo di maggioranza sul fisco la Lega ha chiesto l’azzeramento dell’Irap per le partite Iva, persone fisiche e società di persone.
Sarebbe un aiuto importante a milioni di autonomi che hanno particolarmente sofferto l’emergenza Covid.
La Lega ha chiesto anche l’azzeramento dell’Iva sui beni di prima necessità come pane, latte, verdure: è un aiuto da circa 3 miliardi per le famiglie”.
E’ quanto riferiscono fonti della Lega.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cartello sui prezzi, maxi multa da 20 milioni a Conserve Italia
Per oltre 13 anni fissati i prezzi e le quote di mercato in tutta Europa su conserve e verdure in scatola
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
19 novembre 2021
13:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Commissione Europea ha sanzionato con una multa da 20 milioni di euro Conserve Italia Soc.
cooperativa agricola e la sua controllata Conserves France S.A.
per violazione delle norme antitrust dell’Ue. Bruxelles ha rilevato che, per più di 13 anni, Conserve Italia ha partecipato con altri operatori di mercato a un cartello per la fornitura di alcuni tipi di verdure in scatola a rivenditori e società di servizi di ristorazione nello Spazio economico europeo. “La sanzione che infliggiamo oggi a Conserve Italia riflette la gravità del loro comportamento”, ha commentato la vicepresidente della Commissione Margrethe Vestager.
Nel settembre 2019 la Commissione aveva già adottato una decisione di transazione nei confronti di Bonduelle, Coroos e Groupe CECAB per aver partecipato allo stesso cartello. Al contrario delle altre tre aziende, Conserve Italia aveva deciso di non patteggiare. Di conseguenza, l’indagine dell’Antitrust nei confronti del gruppo italiano è proseguita secondo la normale procedura, arrivando alla sanzione odierna. Conserve Italia ha beneficiato di una riduzione del 50% dell’ammenda per la sua cooperazione con l’indagine.
“Con la nostra decisione, possiamo mettere un coperchio alla vicenda del cartello delle verdure in scatola. Conserve Italia è stato l’unico produttore ad aver rifiutato la transazione, si è accordata con gli altri partecipanti all’intesa per spartirsi il mercato e fissare i prezzi di alcune conserve vegetali in tutta Europa. Per oltre 13 anni, quindi, i consumatori hanno subito le conseguenze di una minore concorrenza e di prezzi più elevati”, sottolinea Vestager.
L’Antitrust evidenzia come per oltre 13 anni (dal 15 marzo 2000 al primo ottobre 2013) Conserve Italia e gli altri partecipanti al cartello abbiano fissato i prezzi, concordato le quote di mercato e i volumi di vendita, ripartito clienti e mercati, scambiato informazioni commercialmente sensibili e coordinato le risposte alle gare d’appalto. Con il loro comportamento miravano a mantenere o rafforzare la rispettiva posizione sul mercato, mantenere o aumentare i prezzi di vendita praticati, ridurre l’incertezza circa la rispettiva condotta commerciale futura e controllare le condizioni di commercializzazione e di compravendita, così da sfruttare a loro vantaggio la situazione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: Tajani, nessuna maggioranza alternativa
‘Ma portiamo avanti anche nostre idee come via Irap in manovra’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
19 novembre 2021
14:24
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Una maggioranza alternativa centrodestra-Iv? “Ma no, al Senato c’è stato un voto su una questione particolare che riguardava la capienza dei bus.
Ci può essere una divergenza di opinioni su cose particolari ma non è affatto messa in discussione la tenuta del governo.
FI sostiene convintamente questo governo, non ci sono maggioranze alternative ma siamo del centrodestra e vogliamo portare avanti le nostre idee, ci stiamo battendo ad esempio per utilizzare gli 8 miliardi per cancellare nella manovra l’Irap per le persone fisiche e per le piccole imprese. Sarebbe un primo passo per l’abolizione di un’imposta-rapina”. Lo ha detto il coordinatore unico di FI Antonio Tajani rispondendo ai cronisti in merito al voto di ieri al Senato.
“Abbiamo sempre detto che questo governo è un governo di unità nazionale, non c’è una maggioranza politica che lo sostiene, è una maggioranza di emergenza. Ma noi siamo nel centrodestra, finita la stagione del governo Draghi ci sarà una coalizione del centrodestra che siamo sicuri andrà a governare”, ha concluso.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Franceschini, nasce il gruppo di lavoro per la Buchmesse 2024
Ministro propone Levi commissario Padiglione Italia del Libro
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
14:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ho appena firmato il decreto che istituisce il gruppo di lavoro che opererà per la Buchmesse di Francoforte del 2024, quando l’Italia sarà Paese ospite, destinando risorse per 9 milioni di euro per preparare al meglio la nostra partecipazione.
L’obiettivo è fare dei due anni che ci separano da questo appuntamento un percorso che leghi ancora di più, attorno al libro, l’amicizia tra Italia e Germania.
Ho altresì scritto al presidente del Consiglio, Mario Draghi, per proporre la nomina di Ricardo Franco Levi, a commissario del Padiglione Italia per questo importante appuntamento per il mondo del libro”. Così il ministro della Cultura, Dario Franceschini, nel corso del suo intervento al Teatro Franco Parenti all’incontro sul futuro dell’editoria nell’ambito di BookCity Milano. Il comitato di coordinamento per la realizzazione del progetto di partecipazione dell’Italia, quale Paese ospite d’onore, alla Fiera internazionale del libro di Francoforte è così composto: Ricardo Franco Levi, presidente dell’Associazione Italiana Editori, in qualità di coordinatore; Ettore Sequi, segretario generale del ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale; Armando Varricchio, ambasciatore d’Italia a Berlino;; Salvatore Nastasi, segretario generale del ministero della Cultura; Paola Passarelli, direttore generale biblioteche e diritto d’autore; Marino Sinibaldi, presidente del Centro per il libro e la lettura; Roberto Luongo, direttore dell’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane.
“Durante la pandemia – ha aggiunto- abbiamo preso delle misure che hanno aiutato molto, come il sostegno alle piccole librerie attraverso un fondo di 30 milioni di euro per gli acquisti dei libri per le biblioteche, confermato anche per il 2022 e 2023.
C’è stata la scelta consapevole di tenere aperte le librerie tra i servizi pubblici essenziali nelle zone rosse. Non è un dato solo simbolico, ma importante anche per la gerarchia dei valori.
Le librerie prendono un’importanza nuova. Ma il nostro lavoro non si ferma qui. C’è un tavolo di lavoro in Italia per portare a compimento una legge sulla lettura entro la legislatura, una misura analoga a quella del cinema per sostenere l’intera filiera dell’editoria. Questo percorso, fortemente condiviso, si conclude idealmente nel 2024 alla Buchmnesse di Francoforte del 2024”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Zaia, lockdown per no-vax non è possibile in Italia
Stante nostra Costituzione mi pare un’avventura non praticabile
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
19 novembre 2021
14:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Nella riunione di ieri della conferenza delle Regioni non si è parlato di modello Austria.
A mio avviso, però, stante oggi la Costituzione e il Paese che siamo, pensare di fare un lockdown per i non vaccinati non ci si riesce.
Per me non è praticabile dal punto di vista giuridico”.
Così il governatore Luca Zaia sulle ipotesi di chiusure e restrizioni differenziate per le persone che rifiutano la vaccinazione Covid. “Al di là di questo, – ha aggiunto – se c’è qualcuno convinto e vuol tentare di farlo in autonomia lo può fare. Immagino, per un fatto pratico, che sia un’avventura che poi non si concretizza”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Meloni,su Trattato Quirinale silenzio,solo per noi scandalo?
Sarà firmato tra pochi giorni da Mattarella e Macron
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
14:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Tra pochi giorni, il 25 o 26 novembre, sarà firmato dal presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella e dal presidente francese Macron il “Trattato del Quirinale”, cioè il “Trattato bilaterale di cooperazione rafforzata tra Italia e Francia”.
Un accordo importante.
Peccato che nessuno abbia ufficialmente visto il testo che impegna l’Italia: non certo il Parlamento che non ne sa nulla. Certo spetterà poi al Parlamento ratificare o meno il trattato, ma solo a noi di Fratelli d’Italia appare scandaloso che un accordo di questa portata sia firmato di soppiatto senza una discussione parlamentare, senza un dibattito politico e nel totale silenzio dei grandi media?”. Lo dichiara il presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni.
“Non siamo tranquilli – prosegue – visto che questo trattato è nato nel 2017 sotto il governo PD, lo stesso del “trattato di Caen” con il quale l’Italia avrebbe ceduto, se Fratelli d’Italia non avesse sollevato lo scandalo, pregiate parti delle sue acque nazionali alla Francia. Una sinistra italiana che ormai senza alcuna remora è diventata la portavoce degli interessi francesi in Italia, dalle telecomunicazioni, alla Borsa, dai confini, alla geopolitica”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Fico, finora Governo ha fatto scelte giuste
Presidente della Camera parla a Napoli
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
19 novembre 2021
14:31
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Fino ad ora il Governo ha fatto sempre le operazioni giuste, ha lavorato.
Un passo alla volta e si continuerà nel senso che indicheranno Governo e autorità sanitarie insieme al parlamento”.
Lo ha detto il presidente della Camera dei deputati, Roberto Fico, parlando con i giornalisti, a Napoli, a margine della visita a villa ‘La Gloriette ” di via Petrarca che oggi ospita una cooperativa sociale in merito alle misure di contenimento della quarta ondata di Covid.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Agroalimentare più forte, al via domande per ‘Ismea Investe’
Da 2 a 20 milioni, c’è tempo fino al 14 gennaio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
14:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Si è aperto oggi lo sportello telematico per richiedere l’intervento finanziario “Ismea Investe” dedicato alle società di capitali attive nel settore agroalimentare.
Lo fa sapere l’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare, nel ricordare che si tratta di uno strumento che prevede interventi di equity, quasi equity, prestiti obbligazionari e strumenti finanziari partecipativi di importo compreso tra 2 e 20 milioni di euro per sostenere progetti di sviluppo nei settori della produzione primaria, trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli e agroalimentari, distribuzione e logistica.
Le domande potranno essere presentate fino al 14 gennaio 2022 e nel corso di questi due mesi lo sportello telematico sarà aperto nei giorni feriali dalle ore 9,00 alle ore 18,00.
Per la ricevibilità e l’ammissione alla successiva fase istruttoria, fa sapere Ismea, le domande di partecipazione saranno esaminate secondo l’ordine cronologico di presentazione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Zaia, lockdown per no-vax non è possibile in Italia
Stante nostra Costituzione mi pare un’avventura non praticabile
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
19 novembre 2021
14:47
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Nella riunione di ieri della conferenza delle Regioni non si è parlato di modello Austria.
A mio avviso, però, stante oggi la Costituzione e il Paese che siamo, pensare di fare un lockdown per i non vaccinati non ci si riesce.
Per me non è praticabile dal punto di vista giuridico”.
Così il governatore Luca Zaia sulle ipotesi di chiusure e restrizioni differenziate per le persone che rifiutano la vaccinazione Covid. “Al di là di questo, – ha aggiunto – se c’è qualcuno convinto e vuol tentare di farlo in autonomia lo può fare. Immagino, per un fatto pratico, che sia un’avventura che poi non si concretizza”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Renzulli (Fi), ragioniamo seriamente su obbligo
Stratagemmi come ‘corona party’ mostrano tale esigenza
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
14:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Stratagemmi malsani come questi ‘corona party’ dimostrano l’esigenza di dare una nuova e più incisiva centralità al vaccino, escludendo gli immunizzati da eventuali nuove limitazioni, ma anche iniziando a ragionare seriamente sull’obbligo vaccinale.
La lotta al Covid non può arrestarsi davanti a escamotage o trovate drammaticamente pericolose come questa”.
Così, in una nota, la vicepresidente del gruppo Forza Italia al Senato e responsabile del movimento azzurro per i rapporti con gli alleati, Licia Ronzulli.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Parte da Lignano il Jova Beach Party 2022
Esce oggi singolo “il boom”, poi altre nuove canzoni “random”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
19 novembre 2021
15:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Partirà il 2 luglio da Lignano Sabbiadoro (Udine) il Jova Beach Party 2022, che Lorenzo Jovanotti ha presentato oggi a Milano con una conferenza fiume di due ore in cui ha lanciato anche il singolo ‘Il boom’ che esce oggi, preludio a un lavoro, ‘ Il disco del sole’, che uscirà “random”.

Per quanto riguarda il covid, ha spiegato che l’evento estivo non può che farsi “al 100% di capienza e senza obbligo di mascherina”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dl Capienze:Renzi, voto Iv tutto tranne che segnale politico
Mai vista crisi politica su capienza bus turistici
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
15:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il voto di ieri in Senato sugli emendamenti al Dl Capienze “è tutto tranne un segnale politico, è un voto tecnico.
Gli amici di Italia viva al Senato hanno votato leggendo le carte, gli altri hanno commentato pensando alla politica.
Non ho mai visto una crisi politica aperta sulla capienza dei bus turistici!”. Lo dice il leader di Iv, Matteo Renzi, in una intervista a Huffington Post.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gualtieri incontra Parolin, ‘collaborazione per il Giubileo’
Sindaco Roma, ‘oggi in Vaticano incontro molto cordiale”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
19 novembre 2021
15:31
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Oggi in Vaticano ho avuto un incontro molto cordiale con il cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato della Santa Sede.
Ci siamo confrontati su diversi temi, in particolare sulla preziosa collaborazione che instaureremo tra Campidoglio e Vaticano per il Giubileo del 2025”.
Lo annuncia il sindaco di Roma Roberto Gualtieri su Facebook.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Roma: Gualtieri, da lunedì piena ripresa raccolta rifiuti
Problema è guasto tmb Frosinone ma trovati sbocchi alternativi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
19 novembre 2021
15:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Se gli interventi del piano straordinario di pulizia stanno procedendo secondo le previsioni,” un “guasto al Tmb di Frosinone” ha “costretto Ama a rallentare la raccolta ordinaria producendo un accumulo di rifiuti nei e intorno ai cassonetti”.
Lo dice in Aula il sindaco di Roma Roberto Gualtieri.
“Il problema è che Roma non dispone di alcun margine per far fronte a incidenti di questo tipo.
Abbiamo trovato sbocchi alternativi che già da lunedì consentiranno una piena ripresa della raccolta ordinaria”, annuncia il sindaco. Il quale sottolinea, al contempo, come sia necessario “realizzare nuovi impianti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola, studenti in sciopero in 80 piazze
Mobilitazione contro la Legge di Bilancio organizzata da Rete della Conoscenza, Uds e Link: ‘Siamo il futuro che si ribella’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 novembre 2021
08:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In oltre 80 piazze in diverse città italiane si sono tenute le manifestazioni organizzate da Unione Degli Studenti, Rete della Conoscenza e LInk – Coordinamento Universitario, mobilitati contro la legge di bilancio e per richiedere maggiori investimenti sul diritto allo studio e un cambiamento strutturale del sistema di istruzione pubblica: “Oggi siamo in piazza perché vogliamo portare al centro i nostri bisogni e le nostre proposte, la politica ci deve ascoltare” affermano, in una nota, gli studenti.

In alcune città le questure hanno vietato all’ultimo le manifestazioni o imposto variazioni di percorso e modalità.
“La mobilitazione di oggi – spiegano – è anche una risposta al tentativo di stretta repressiva operato dal ministero dell’Interno con la direttiva del 10 novembre: non siamo disposti a lasciare che la nostra protesta venga invisibilizzata” continua Manuel Masucci, della Rete della Conoscenza Milano, Torino, Roma e Napoli sono solo alcune delle grandi città in cui si sono svolte le mobilitazioni; cortei, presidi, azioni di protesta e assemblee saranno le forme di mobilitazione messe in atto dagli studenti, tutte con un unico obiettivo: “È necessario cambiare l’istruzione per cambiare il sistema e non c’è più tempo: siamo il futuro che si ribella”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ morta ‘nonna Peppina’, simbolo dei terremotati
E della resilienza.99 anni,Mattarella l’ha nominata commendatore
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
19 novembre 2021
16:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ morta ‘nonna Peppina’, al secolo Giuseppa Fattori, l’anziana diventata il simbolo della resilienza dei terremotati.
Avrebbe compiuto 99 anni il 26 novembre.
Aveva rifiutato di lasciare una casetta di legno realizzata nei pressi della sua abitazione, ridotta ad un cumulo di macerie a San Martino di Fiastra (Macerata) dal sisma del 2016. Una casetta dichiarata abusiva, ma poi ‘sanata’ dalla legge ‘Salva Peppina’. L’anziana, nominata Commendatore della repubblica dal presidente Mattarella lo scorso febbraio, aveva comunque fatto in tempo a vedere l’inizio dei lavori per la ricostruzione della sua vera casa nel dicembre 2020. “Spero di poterci andare a vivere almeno per un giorno” aveva detto il giorno dell’avvio dei lavori cominciati dopo “4 anni molto difficili” aveva ammesso. Nonna Peppina è morta stamattina nella casetta di legno che non aveva più lasciato da mesi.
“Era molto fragile” dice il sindaco di Fiastra Sauro Scaficchia, ricordando che “ormai era un simbolo per tutti”. La sua battaglia, sostenuta dalla figlie Agata e Gabriella, era approdata nelle aule parlamentari, fino alla famosa legge che aveva regolarizzato la casetta abusiva. Ma il suo caso aveva fatto da apripista ad altre norme a favore dei terremotati. I funerali saranno celebrato domani alle 15.00 nel santuario del Beato Ugolino di Fiegni di Fiastra.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Aerei:Tar boccia ricorso Ita,voli Sardegna restano a Volotea
I giudici, “interesse pubblico preminente”. Decisione a febbraio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
19 novembre 2021
16:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Rigettata l’istanza cautelare presentata da Ita nei confronti della Regione Sardegna contro l’assegnazione a Volotea dei collegamenti di continuità territoriale fra i tre aeroporti sardi di Cagliari, Alghero e Olbia e gli scali di Roma Fiumicino e Milano Linate.
L’hanno deciso i giudici della Prima sezione del Tar Sardegna che hanno respinto la richiesta di sospensione e poi annullamento della gara.

L’ordinanza è stata firmata dal collegio presieduto da Dante D’Alessio – a latere Raffaello Scarpato e Tito Aru, che ha materialmente redatto il decreto. A presentare il ricorso era stata lta con gli avvocati Filippo Modulo, Giulio Napolitano, Emanuela Devoto Ticca, Alfredo Vitale e Luca Masotto, mentre la Regione si era costituita con Mattia Pani e Alessandra Putzu.
Presenti all’udienza cautelare in camera di consiglio anche l’Avvocatura di Stato per il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e i legali di Volotea, Laura Pierallini, Ilaria Gobbato e Michele Carpagnano.
Ita (erede di Alitalia) chiedeva di sospendere la determina del 13 ottobre scorso con cui si completava la procedura negoziata di emergenza per l’affidamento delle rotte in continuità a Volotea. Il Tar chiarisce che alcuni aspetti saranno affrontati nel merito nell’udienza già fissata per il 2 febbraio prossimo per la decisione in ordine alla prima gara.
“La richiesta di una misura cautelare di sospensione sollecitata da Ita – si legge nell’ordinanza – si pone, nella comparazione degli interessi coinvolti, in termini senz’altro recessivi rispetto al preminente interesse pubblico di non incorrere in interruzioni nel regolare svolgimento del servizio di trasporto aereo tra l’isola e il continente che Volotea ha già avviato”. Insomma, nell’attesa del giudizio di merito di febbraio, l’interesse più importante ora è preservare il servizio di continuità territoriale che, se sospeso, potrebbe causare enormi disagi ai cittadini sardi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Manovra: tavolo su taglio tasse aggiornato a lunedì
Fi, Franco farà simulazione tagli Irap-Irpef. Lega, via Irap-Iva
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
16:45
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il tavolo di maggioranza convocato al Mef sul taglio delle tasse si è aggiornato a lunedì.

“È stata una riunione interlocutoria, ognuno ha presentato le proprie proposte, da parte di Forza Italia ho posto la questione di imprese e Irap, e poi di intervenire sull’Irpef del ceto medio.
Questo è l’anello di congiunzione di tutte le forze politiche della maggioranza al tavolo, e su questo il ministro si è impegnato di portarci una serie di simulazioni lunedì prossimo”, ha riferito il viceministro del Mise Gilberto Pichetto al termine dell’incontro.
“Al tavolo di maggioranza sul fisco la Lega ha chiesto l’azzeramento dell’Irap per le partite Iva, persone fisiche e società di persone. Sarebbe un aiuto importante a milioni di autonomi che hanno particolarmente sofferto l’emergenza Covid.
La Lega ha chiesto anche l’azzeramento dell’Iva sui beni di prima necessità come pane, latte, verdure: è un aiuto da circa 3 miliardi per le famiglie”, riferiscono fonti della Lega.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bussi, fascicolo anche a Roma, indagati vertici Mite
Al centro revoca bando bonifica discariche
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PESCARA
19 novembre 2021
17:32
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Quattro indagati tra i vertici dirigenziali e amministrativi del ministero della Transizione ecologica, nell’ambito di uno dei filoni d’inchiesta relativi alla cosiddetta maxi discarica dei veleni di Bussi sul Tirino (Pescara).
Omessa bonifica, falso e omissioni: queste le ipotesi di reato contestate ai quattro funzionari ministeriali, dopo le indagini dei Carabinieri Forestali di Pescara.

Il fascicolo in questione, come riferito nell’edizione odierna del TgR Abruzzo, è stato trasferito alla Procura di Roma per competenza, dato che i presunti reati sarebbero stati commessi negli uffici del ministero. Al centro l’intricata vicenda del bando ministeriale per la bonifica delle discariche ‘2a’ e ‘2b’.
Risale al 2015 la relativa gara da 45 milioni di euro, vinta tre anni dopo dal raggruppamento di imprese guidato dal colosso belga Dec Deme. Nel 2020, però, ci fu un colpo di scena, quando il ministero ha revocato la procedura. L’atto di revoca è stato poi bocciato dal Tribunale amministrativo, che ha accolto il ricorso presentato, tra gli altri, dalla Regione Abruzzo e dal Comune di Bussi. L’illegittimità della revoca è stata successivamente confermata, a giugno scorso, anche dal Consiglio di Stato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in inchiesta pm Torino anche report ‘fantasma’ Oms
Documenti in richiesta archiviazione per decessi in Rsa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
19 novembre 2021
17:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il report ‘fantasma’ dell’Oms sull’andamento dell’epidemia di Covid in Italia, pubblicato nell’aprile del 2020 e cancellato poche ore dopo, è entrato negli atti delle inchieste della procura di Torino.

Stralci del documento, che come annotano i pm fu “ritirato per motivi non chiari”, compaiono in una delle richieste di archiviazione delle indagini sui decessi avvenuti nelle Rsa del capoluogo piemontese.
Il report, intitolato ‘An unprecedented challenghe – Italy’s first response to Covid-19″, è considerato “di grande interesse” nella parte in cui analizza la gestione della pandemia nelle strutture di lungo degenza. Vi si legge, per esempio, che “il pericolo per i residenti, staff e familiari non fu riconosciuto immediatamente in tutta la sua grandezza; protezioni e procedure giunsero tardi e a casaccio”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 10.544 nuovi positivi, 48 le vittime in 24 ore
534.690 i tamponi, tasso al 2%. +9 le terapie intensive
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
17:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 10.544 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute, ieri erano stati 10.638.
Sono invece 48 le vittime in un giorno.
Ieri erano state 69. Sono 534.690 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, ieri erano stati 625.774. Il tasso di positività è al 2%, in aumento rispetto all’1,7% registrato ieri. Sono invece 512 i pazienti in terapia intensiva in Italia, 9 in più rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 39. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 4.145, ovvero 57 in più rispetto a ieri.
Sono 137.130 gli attualmente positivi al Covid in Italia, 4.617 in più nelle ultime 24 ore. Dall’inizio della pandemia i casi totali sono 4.904.441, i morti 133.082. I dimessi e i guariti sono invece 4.634.229, con un incremento di 5.889 rispetto a ieri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Appello Asl Latina a cittadini est Europa, ‘vaccinatevi’
‘Solo 44% romeni immunizzato,collaborazione autorità religiose’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
17:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Asl di Latina ha fatto un appello alla vaccinazione a tutti i cittadini con area di provenienza dall’Europa dell’Est, soprattutto nel distretto di Aprilia c’è l’obbligo di mascherine all’aperto per alcuni focolai.
La copertura vaccinale, secondo quanto riferito dall’assessorato regionale alla Sanità, soprattutto dei cittadini provenienti dalla Romania e’ molto bassa, appena il 44% su una platea di oltre 17 mila residenti.
La Asl ha chiesto chiesto la collaborazione anche alle autorita’ religiose che si sono rese disponibili.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bankitalia:con aumento prezzi non a rischio debiti famiglie
Rapporto, impatto ma situazione complessiva non preoccupa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
18:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’aumento dei prezzi di queste settimane, che le banche centrali insistono sia ‘temporaneo’ non metterà a rischio, nel suo complesso, la capacità di rimborsare i debiti delle famiglie italiane che mostrano una “buona capacità” nei pagamenti di mutui e credito grazie anche ai bassi tassi di interesse.
E’ quanto emerge dal rapporto sulla stabilità finanziaria della Banca d’Italia secondo cui la situazione delle famiglie beneficia del miglioramento dell’economia e delle misure di sostegno con una crescita di risparmio e ricchezza, anche se non per tutti.
Anche per i nuclei più fragili la quota di debito “è contenuta”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A.Adige,appello per vaccinazione da tutte le forze politiche
Kompatscher, ‘uniti perché solo così l’inverno sarà più sereno’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
19 novembre 2021
18:10
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un appello unitario a tutti coloro che ancora non si sono fatti vaccinare è stato rivolto oggi da tutte le forze politiche dell’Alto Adige, i cui rappresentanti si sono ritrovati a Bolzano dinnanzi al Consiglio provinciale.

“Ero presente ieri in Austria – ha detto il Governatore altoatesino Arno Kompatscher – alla riunione durante la quale è stato deciso il prossimo lockdown, oltre all’obbligo vaccinale, e ho sentito il cancelliere Schallenberg esprimere grande rammarico per il fatto che gli austriaci, ora travolti dalla quarta ondata, non hanno colto l’importanza del messaggio a favore del vaccino, anche perché in passato in Austria non tutti i partiti erano uniti nel dare questo messaggio.
Penso che per questo motivo questa inziativa sia molto importante. Siamo qui tutti uniti per dire che questo è l’unico modo per avere un inverno più sereno e uscire defintivamente da questa situazione”, ha detto Kompatscher.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Green pass: Porto Trieste disconosce Clpt come sindacato
Autorità, violato contratto nazionale e intesa con scalo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
19 novembre 2021
18:14
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’Autorità portuale di Trieste ha annullato il protocollo d’intesa con cui il Clpt (Comitato lavoratori portuali di Trieste) dal luglio 2020 era entrato a far parte delle organizzazioni sindacali.
Lo ha deciso il presidente Zeno D’Agostino in seguito all’astensione dal lavoro proclamata dal 15 ottobre dal Clpt, per protestare contro l’introduzione dell’obbligo del Green pass sul posto di lavoro, azione che avrebbe violato il contratto nazionale dei porti.

In particolare, non soltanto lo sciopero avrebbe violato il contratto nazionale ma anche le modalità con cui questo è stato comunicato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Edith Bruck, troppi fascisti, stiamo attenti
In sogno strozzata da croce uncinata.Manifestazioni No Vax gravi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
19 novembre 2021
18:19
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La sottovalutazione è totale, ci sono troppe manifestazioni, anche fasciste.
E queste sono vietate dalla Costituzione.
Le manifestazioni di Forza Nuova non mi hanno fatto dormire, ho visto loro esponenti con la croce uncinata. E ho avuto incubi: ho sognato che la croce uncinata mi strozzava”. Lo ha detto Edith Bruck, scrittrice, poetessa e testimone della Shoah a Firenze.
“Le manifestazioni ‘No vax’ non mi hanno fatto dormire – ha aggiunto -. Si deve intervenire e la colpa è anche dei politici di oggi. Chi non ha vissuto la tragedia della Shoah non può comprendere, ma è grave che le manifestazioni passino nell’indifferenza”. “Stiamo attenti, anche negli anni ’30 i problemi sono iniziati così, dopo la crisi economica. Qui, oltre alla crisi, c’è la disoccupazione, c’è il Covid e una scontentezza generale. Tutto questo è molto molto pericoloso”, ha aggiunto la Bruck, in occasione dell’avvio della quinta edizione del Festival delle religioni a Firenze, in cui è stata intervistata.
Bruck riceve anche le Chiavi della Città di Firenze dal sindaco Dario Nardella: “Sono onorata, felice e contenta”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Manovra: M5S,siamo prima forza, accuse su relatore infondate
Presidente Pesco potrà esercitare prerogative nella scelta
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
18:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Registriamo in queste ore alcune accuse del tutto infondate e fuori luogo al M5S a proposito della gestione della Legge di bilancio in Senato, con particolare riferimento alla non ancora intervenuta individuazione del relatore.
Si tratta di accuse strumentali.Vorrei rammentare che il MoVimento 5 Stelle è il gruppo di maggioranza relativa in Parlamento e avrebbe tutto il diritto, nel caso, di avere un relatore alla Legge di bilancio”.

Lo comunica in una nota Marco Pellegrini, vicepresidente gruppo M5S al Senato.
“Nessuno ha mai garantito che l’incarico di relatore sarebbe stato assegnato a Vasco Errani, pur nel rispetto e nella considerazione per la persona. Il presidente M5S della commissione Bilancio, Daniele Pesco, ha avanzato agli altri gruppi una proposta di nomina di tre relatori: uno per il M5S, uno per le forze di centrodestra e uno per quelle di centrosinistra. Proposta che non è stata accolta. A questo punto lo stesso presidente della commissione Bilancio può esercitare tutte le prerogative che gli competono nell’individuare il relatore della legge di Bilancio, prerogative che vengono normalmente esercitate dai presidenti di commissione del Pd e delle altre forze politiche”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Green pass: Colletti,mie dimissioni? Vietate da Costituzione
Replica a deputato Pd De Maria su vicenda Cunial
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
18:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non intendo replicare su politici che vogliono dimissioni di giudici terzi.
La rimozione di giudici sgraditi ai partiti al potere è vietata dalla Costituzione”.
Così risponde Andrea Colletti, presidente del Consiglio di appello della Camera, richiesto di un commento alle affermazioni di Andrea De Maria (Pd) che ha sollecitato le sue dimissioni per la vicenda Cunial.
“Il collega Colletti è evidentemente venuto meno alla responsabilità – aveva in precedenza affermato Andrea De Maria, dell’Ufficio di Presidenza del gruppo PD della Camera – legata alla funzione di garanzia che è chiamato a svolgere nell’ ambito degli organismi della Camera dei Deputati. Come gruppo del Partito Democratico crediamo debba immediatamente rassegnare le sue dimissioni da Presidente del Collegio d’ Appello, ripristinando così un corretto funzionamento di questo importante organo parlamentare”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: Meloni, governo reintroduca prove scritte alla maturità
Inaccettabile cancellare tema di italiano
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
18:25
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Fratelli d’Italia chiede al Governo Draghi di far tornare la scuola alla normalità e di reintrodurre le prove scritte alla maturità, a partire dal tema di italiano.

Inaccettabile l’ipotesi allo studio del ministro Bianchi di cancellarlo perché parliamo di una prova fondamentale nel percorso didattico e formativo dei nostri ragazzi, che dopo mesi e mesi di Dad faticano sempre di più ad esprimersi nella scrittura.
Solo così si potrà dare risalto al merito ed alla valutazione, due pilastri del sistema di istruzione umiliati in questi anni dall’ideologia sessantottina che sta alla base delle scelte disastrose dei Ministri Pd e Cinquestelle”. Lo dichiara il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Ronzulli (Fi), ragioniamo seriamente su obbligo
La lotta al Covid non può arrestarsi davanti a escamotage
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
18:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Stratagemmi malsani come questi ‘corona party’ dimostrano l’esigenza di dare una nuova e più incisiva centralità al vaccino, escludendo gli immunizzati da eventuali nuove limitazioni, ma anche iniziando a ragionare seriamente sull’obbligo vaccinale.
La lotta al Covid non può arrestarsi davanti a escamotage o trovate drammaticamente pericolose come questa”.
Così, in una nota, la vicepresidente del gruppo Forza Italia al Senato e responsabile del movimento azzurro per i rapporti con gli alleati, Licia Ronzulli.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Asta record da Sotheby’s per rara copia Costituzione americana
Con 43 milioni dollari un privato batte gruppo criptoinvestitori
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
19 novembre 2021
18:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un collezionista privato si aggiudica da Sotheby’s per una cifra record un rarissimo primo esemplare della Costituzione americana e scoppia un caso: l’anonimo cliente che ha messo le mani sul documento, uno dei 13 arrivati fino a noi di “We the People”, ha battuto sul filo di lana ConstitutionDAO, un vasto gruppo di investitori in criptovalute che avevano raccolto 46 milioni di dollari per impadronirsene e rimetterlo “nelle mani del popolo”.
Alla fine, dopo otto minuti di puntate al rialzo, la somma pagata è stata di 43,2 milioni di dollari compresi i diritti d’asta, il doppio della stima di partenza.
Alla domanda perché ConstitutionDAO si sia fermato a 40 milioni, un portavoce ha spiegato che il gruppo aveva calcolato il suo tetto sulla base di costi aggiuntivi come assicurazione, conservazione e trasporto. Le sei pagine della Costituzione datate 1787 sono diventate così il documento più costoso passato di mano a un’asta, più del Codice Leicester di Leonardo che 27 anni fa il co-fondatore di Microsoft Bill Gates pagò 30,8 milioni di dollari e più della Magna Carta per la quale il co-fondatore del Carlyle Group David Rubenstein sborsò nel 2007 21,3 milioni. La Costituzione passata di mano da Sotheby’s è una delle due ancora in mano privata: fu stampata per i delegati alla Costituente e per il Congresso Continentale oltre 230 anni fa.
Solo 27 prime edizioni della Dichiarazione di Indipendenza sopravvivono, ma solo 13 copie originali della Costituzione sono ancora in circolazione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Si lavora a taglio tasse,ipotesi 6 mld a Irpef, 2 a imprese
Su tavolo detrazioni e riduzione aliquota 38%,esenzione Irap Pmi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
19:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sei miliardi ai lavoratori e due alle imprese: nessuna decisione è ancora presa ma governo e maggioranza lavorano su questa ipotesi di suddivisione degli 8 miliardi per il taglio delle tasse stanziati in manovra.
Sul tavolo diverse ipotesi per intervenire sull’Irpef con un focus sul ceto medio, dalla riduzione dell’aliquota del 38% (che però aiuta anche i redditi alti) alla revisione delle detrazioni.
Per l’Irap l’idea è quella di fissare una soglia per esonerare le Pmi dall’imposta. Lunedì pomeriggio ci sarà un nuovo round tecnico al Mef tra Franco e i partiti ma l’intesa, viene spiegato, andrà poi confermata a livello politico.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Inchiesta Pivetti: finora sequestrati 1,5 milioni di euro
All’ex presidente della Camera e al suo consulente
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 novembre 2021
19:24
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Al momento sono stati rintracciati e sequestrati un milione e mezzo di euro all’ex presidente della Camera Irene Pivetti e al suo consulente Pier Domenico Peirone, tra gli indagati nell’inchiesta coordinata dal pm di Milano Giovanni Tarzia e condotta dai militari del Nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di Finanza per riciclaggio, autoriciclaggio e frode fiscale, con al centro la compravendita di tre Ferrari Gran Turismo, che sarebbero servite per riciclare proventi di un’evasione fiscale.

Ieri il pubblico ministero ha disposto un sequestro preventivo d’urgenza, che dovrà essere convalidato dal gip Giusy Barbara, per quasi 3,5 milioni di euro nei confronti dell’ex parlamentare leghista e un altro nei confronti del professionista per quasi 500mila euro.

Sempre ieri è stato notificato l’avviso di conclusione dell’indagine nei confronti di Pivetti, Peirone e altre persone tra cui il pilota Leonardo Leo Isolani.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Medicina:Università Trieste,simulatore avanguardia in Europa
Rettore Di Lenarda, aumenta attrattività livello internazionale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
19 novembre 2021
19:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ costituito da 4 sale di simulazione collegate da 3 sale-regia, è dotato di quattro manichini a grandezza naturale (due modelli adulti e due per l’età pediatrica) che mimano perfettamente il funzionamento e le reazioni del corpo umano a interventi medici, chirurgici e farmacologici, un tavolo anatomico digitale per autopsie virtuali, un dispositivo avanzato di simulazione per ecografie e altri due per l’auscultazione cardio polmonare.
E’ l’avanguardistico Centro di simulazione medica e addestramento avanzato (CSMAA) dell’Università di Trieste, che si candida a diventare riferimento del settore per il centro – sud Europa.
Il Centro, inaugurato oggi, è allestito in una palazzina di 400 mq, progettata e costruita nel comprensorio dell’Ospedale Cattinara di Trieste, con un finanziamento di oltre 1.500.000 Euro del MUR, conferito nel 2016 per l’Eccellenza del Dipartimento di Scienze Mediche e alla convenzione siglata con ASUGI (Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina). Il centro è dotato di un sistema di ultima generazione Learning Space CAE che permette di registrare le sessioni di simulazione e di rivederle in streaming o in debriefing, oltre alla possibilità di salvare le performance degli studenti e monitorare i loro progressi nel tempo. E’ inoltre possibile creare la cosiddetta “Voice of God”, ovvero la diffusione nei diversi laboratori della voce degli istruttori che, dalle sale regia, potranno guidare gli allievi.
“Il fine del centro, con una formazione di eccellenza, è migliorare ancora la qualità delle cure, ridurre il rischio clinico e aumentare la sicurezza di pazienti e professionisti – ha detto il rettore dell’Università Trieste Roberto Di Lenarda – il CSMAA ci pone al livello dei maggiori centri di formazione medica e rende la ricerca regionale, e di Trieste, ancora più attrattiva a livello internazionale”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
‘Ndrangheta: archiviato procedimento a carico Lorenzo Cesa
Accolta dal Gip la richiesta della Dda di Catanzaro
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
19 novembre 2021
23:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il gip del Tribunale di Catanzaro, Valeria Isabella Valenzi, ha accolto la richiesta di archiviazione che era stata presentata dalla Dda nei confronti dell’ex segretario dell’Udc Lorenzo Cesa, indagato nell’ambito dell’inchiesta “Basso Profilo” incentrata su presunti illeciti rapporti tra alcune cosche di ‘ndrangheta del crotonese con imprenditori ed esponenti della pubblica amministrazione .
Cesa era accusato di associazione per delinquere aggravata dal metodo mafioso.
All’epoca dei fatti, risalenti al 2017, Cesa era anche europarlamentare.
L’ex segretario dell’Udc si dimise il giorno stesso in cui si apprese del suo coinvolgimento nell’indagine, nell’ambito della quale era accusato, in particolare, di avere aiutato due imprenditori ad ottenere appalti nel settore della fornitura di materiali per l’antinfortunistica.
Secondo la Dda, non sussistono elementi per provare l’appartenenza di Lorenzo Cesa all’associazione sgominata con l’operazione “Basso profilo”.
Nello stesso procedimento é rimasto coinvolto anche l’ex segretario regionale dell’Udc della Calabria, Franco Talarico, che fu arrestato nell’operazione “Basso profilo, eseguita nel gennaio scorso, con l’accusa di scambio elettorale politico-mafioso. Talarico, ex assessore regionale al Bilancio, é stato processato col rito abbreviato e condannato il 28 ottobre scorso a cinque anni di reclusione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: insegnanti e genitori, fare di più per promozione salute
Indagine ‘Fondazione The Bridge’, da emergenza a programmazione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 novembre 2021
10:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il 97% degli insegnanti pensa che la scuola sia un contesto che può mettere in pratica un’efficiente promozione della salute a beneficio della comunità, ma non sempre esistono gli strumenti adeguati, e solo il 4% dei genitori non ritiene che la scuola abbia questo obiettivo.
Sono dati che emergono da un’indagine “La medicina scolastica tra passato e futuro”, condotta da Fondazione The Bridge, che ha coinvolto circa 600 intervistati tra genitori, docenti e sindaci, con l’obiettivo di sondare quanto sia percepita, in termini di bisogni e risorse, la relazione tra scuola, salute e città insita nel nuovo concetto di medicina scolastica.

“Il Covid-19 da un lato ha inaspettatamente risvegliato l’interesse per la medicina scolastica, dall’altro ha messo in rilievo le straordinarie capacità del sistema scolastico italiano di assumere un ruolo, cruciale per la società – spiega Rosaria Iardino, presidente Fondazione The Bridge -, che inizialmente gli era stato assegnato in via emergenziale ma che oggi può essere rivalutato in chiave di programmazione. La lettura del dato testimonia quanto la scuola rappresenti un possibile snodo all’interno di una più ampia rete di servizi e figure professionali per la presa in carico e la tutela del benessere degli studenti, a garanzia di equità, prossimità e universalismo nell’acceso ai servizi sociosanitari”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Libia: due bimbi malati di leucemia portati a Roma per cure
Da Bengasi al Bambin Gesù grazie alla Cooperazione italiana
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
IL CAIRO
20 novembre 2021
10:45
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Due bambini libici malati di “rare forme di leucemia” sono stati portati da Bengasi a Roma per essere curati e “lottare per un futuro migliore” presso l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù con un’iniziativa promossa dalla Cooperazione italiana (Aics).
Lo segnala un tweet dell’Ambasciata d’Italia in Libia, pubblicando la foto dei due piccoli accompagnati da genitori e personale diplomatico.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Barbara dà alla luce Ettore Quinto, quattordicesimo nipote di Berlusconi
La figlia dell’ex premier ha partorito il suo quinto maschio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 novembre 2021
11:03
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ancora un fiocco azzurro per Barbara Berlusconi: questa notte ha dato alla luce il suo quinto figlio maschio, Ettore Quinto, che è il quattordicesimo nipote per Silvio Berlusconi.
La primogenita di Veronica Lario e del leader di Forza Italia, 37 anni, attuale amministratore delegato della holding 14 che controlla il 21,42% di Fininvest, ha partorito in una clinica svizzera il terzo bimbo nato dalla relazione con il compagno Lorenzo Guerrieri, imprenditore nel settore immobiliare.
Barbara Berlusconi, già madre di Alessandro (nato nel 2007), Edoardo (2009), Leone (2016), Francesco (2018), solo qualche mesa fa, alla notizia della gravidanza, aveva scherzato sui social dicendo che se fosse arrivato un altro maschio lo avrebbe chiamato Quinto. E così è stato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sindacati in piazza, 8 miliardi a lavoratori dipendenti e pensionati
Lo chiedono al governo i segretari Cgil e Cisl
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
20 novembre 2021
16:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Bisogna decidere che gli 8 miliardi destinati al Fisco debbano andare ai lavoratori dipendenti e ai pensionati.
E’ il momento di fare questa scelta vista la crescita dei prezzi, visto l’abbassamento delle pensioni e dei salari in questi anni”.
Così il segretario generale della Cgil Maurizio Landini rispondendo ai cronisti a margine della manifestazione regionale ad Ancona promossa da Cgil, Cisl e Uil su “Pensioni, Fisco, Lavoro, Sviluppo.

Analoga richiesta arriva anche dal leader della Cisl. “Noi chiediamo che gli otto miliardi della legge di stabilità vadano interamente a ridurre la tassazione fiscale che grava sui redditi da lavoro dipendente e da pensione”, ha detto Luigi Sbarra, a margine della manifestazione unitaria sulla manovra, a Mestre (Venezia). “Bisogna alzare – ha aggiunto – l’azione di contrasto contro l’evasione fiscale e prepararci ad affrontare poi la fase di riforma organica e strutturale del fisco nel nostro paese. Questa mobilitazione che abbiamo messo in campo è costruttiva, è responsabile, serve a migliorare l’impostazione politica economica del Governo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Renzi manovra al centro e lancia sfida sul Colle
Il leader di Iv: ‘Serve un profilo europeista e antisovranista al Quirinale’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 novembre 2021
21:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il nucleo del grande centro a cui punta Matteo Renzi sfila sul palco della Leopolda, nel secondo giorno della kermesse fiorentina di Iv.
Arrivano esponenti di Coraggio Italia, di Azione e di più Europa.
“Non riesco a capire come alle prossime elezioni politiche potremo andare divisi, mi sembra impossibile”, si sbilancia Renzi salutando Enrico Costa, che sta con Calenda. Si parte da lì per giocare la partita del Quirinale. Per Renzi serve “un profilo riformista, europeista, che sia contro il sovranismo”. Lui vorrebbe ritagliarsi un ruolo da ago della bilancia, anche se Romano Prodi lo affonda: “Finché c’è questa legge elettorale, un partito piccolo può essere ago della bilancia, ma questa legge è sbagliata”. I temi comuni del ‘grande centro’ vanno ancora affinati. Cade nel vuoto la richiesta di lumi, da parte di Benedetto Della Vedova, in merito all’atteggiamento di Iv sui referendum cannabis ed eutanasia. Mentre, con Ivan Scalfarotto, il padrone di casa sfida gli alleati di governo sul Ddl Zan: “Presenteremo un emendamento con scritto che si estende la tutela della legge Mancino ai reati motivati da omofobia, transfobia e abilismo. Chi ci sta la vota chi non ci sta è profeta del bla bla”:

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Dalla formazione in costruendo si sfila Giuseppe Sala, che pure Renzi accoglie come “leader nazionale”. Ma il sindaco di Milano chiarisce: “Non credo molto al tema del partito di centro”. Sul palco non si parla di Quirinale, per quello è riservato il gran finale. Ma nei corridoi della Leopolda il Risiko va alla grande. L’idea dei renziani è che si debba partire da un nome che possa andare bene a tutte le forze di una maggioranza che va da Leu alla Lega. Per questo non si possono proporre nomi troppo marchiati da un partito. Per esempio, in queste ore qualcuno parla di Paolo Gentiloni, ma per i renziani sarà difficile che possa trovare davvero spazio. “I candidati che escono troppo presto di solito vengono bruciati. E poi, è un Pd, che è stato presidente del consiglio con la Lega all’opposizione. Salvini lo voterebbe?”, si chiede un big del partito. Il nome buono – dicono i renziani – arriverà all’ultimo momento, e sarà il frutto di un lavoro silenzioso e faticoso, fatto da chi sa fare politica. La descrizione sta addosso perfettamente a quello che vorrebbe fare Renzi. Insomma, per i renziani sarebbe meglio pescare nel coté politico, ma senza timbri troppo evidenti. Un nome che si fa nei corridoi della Leopolda per far capire il ragionamento è quello di Marta Cartabia, per esempio. Mentre viene bocciata la carta ‘Silvio Berlusconi’. Troppo divisivo e a Iv non piace l’idea. Viene ormai invece dato per accantonata l’ipotesi che Sergio Mattarella possa concedere il bis. E Mario Draghi? Spetta a lui decidere, dicono i renziani. Certo è che a loro non dispiacerebbe che rimanesse a Palazzo Chigi fino al 2023, anche per scongiurare il voto l’anno prossimo. Sarebbe troppo presto per costruire la nuova formazione di centro. Che nel 2023 – è il ragionamento – potrebbe fare la differenza. Meglio se ci sarà una legge proporzionale, ma anche con questa, come si è visto nel 2018, quando dal voto non è uscita una maggioranza certa. Sembrano invece in un momento di tregua i maldipancia fra le truppe. “Parlano sempre di parlamentari di Italia Viva in uscita e invece siamo sempre tutti qui”, sottolinea Maria Elena Boschi. Uno dei motivi di critica alla linea è lo spostamento considerato troppo verso destra di Iv, culminato con il voto in Senato con Lega e FdI. Anche perché fra i renziani c’è chi fa notare che ora ci saranno i voti sugli emendamenti della Manovra, e chissà che non si possano replicare situazioni del genere. I limiti dell’alleanza tracciati da Renzi, “né con i populisti grillini, né con i sovranisti di Lega e FdI” hanno comunque calmato qualche animo. Ma Ettore Rosato taglia corto: “Non so perché mettere etichette, centrodestra, centrosinistra: noi siamo dei riformisti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Consigliere Lega no vax contro Segre, ‘mancava lei…75190’
In Brianza post su Fb; Pd, inorriditi ora pubbliche scuse
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
20 novembre 2021
11:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Mancava lei…
75190”, dove lei è la senatrice a vita Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz dove è stata marchiata con quel numero: ha scatenato molte polemiche questo post su Facebook di Fabio Meroni, capogruppo della Lega a Lissone, in Brianza, consigliere provinciale ed ex deputato, dichiaratamente no vax.

Dopo la pubblicazione, il gruppo del Pd di Lissone e le liste civiche del centrosinistra si sono dette “inorridite” e hanno chiesto le sue scuse.
“Le considerazioni volgari di chi come il consigliere Fabio Meroni equipara le vaccinazioni al nazifascismo – hanno scritto – offendono tutte le persone dotate di consapevolezza storica e di un senso di umanità”. Da qui la richiesta di “pubbliche scuse come unica via per presentarsi con un residuo di dignità di fronte al Consiglio comunale e alla cittadinanza”.
“Non mi è piaciuta l’uscita della senatrice Segre sui vaccini come unica via di uscita dalla pandemia – ha spiegato Meroni al Giorno -. Rispetto la sua storia e non ho mai avuto intenzione di offenderla, ma non condivido quello che ha detto su questo argomento. Non è un medico. Anche nel mondo scientifico c’è disaccordo. Ho usato quel numero perché se avessi scritto il nome della senatrice mi avrebbero bannato da Facebook, ho voluto evitarlo”.
“Non sono vaccinato e sto facendo i tamponi per accedere a consiglio e commissioni, ma è una questione di libertà.
Mettessero l’obbligo vaccinale farei l’iniezione come l’ho fatta al militare” ha aggiunto l’esponente della Lega che sulla sua pagina social sta ricevendo messaggi di insulti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fisco: Cgia, dalle tredicesime erario strappa 11,8mld euro
Interessati 33,8 mln italiani, numero più alto in Lombardia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
20 novembre 2021
11:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dalle tredicesime l’erario ‘strappa’ 11,8 miliardi di euro.
L’operazione scatterà giovedì prossimo per i pensionati, mentre per tutte le persone in quiescenza il pagamento è previsto l’1 dicembre.
I lavoratori dipendenti e quelli privati, infine, riceveranno l’importo entro Natale. Ma a far festa, per la Cgia, sarà, in particolar modo, l’erario. La Regione con il più alto numero di beneficiari è la Lombardia: tra lavoratori dipendenti e pensionati, le persone interessate saranno poco più di 6 milioni. Seguono il Lazio ( 3,25 milioni) e il Veneto (2,95 milioni).Le tredicesime quest’anno interesseranno 33,8 mln di italiani: 16 mln di pensionati e 17,8 milioni di lavoratori dipendenti per un ammontare lordo pari a 45,7 miliardi di euro. Se a questo importo si levano 11,8 miliardi di ritenute Irpef, in tasca rimarranno 33,9 miliardi netti. Buona parte di questa mensilità sarà spesa per pagare la rata del mutuo, le bollette, il saldo dell’Imu/Tasi della seconda abitazione e la Tari, ma è auspicabile che la rimanente parte venga usata per rilanciare i consumi natalizi. Molto dipenderà dall’andamento dell’ epidemia e delle eventuali chiusure che il Governo potrebbe introdurre nelle prossime settimane. La Cgia stima che la spesa per i regali natalizi quest’anno dovrebbe tornare alla stessa soglia del 2019, quando sfiorò i 9 miliardi, ben lontano dai 20 miliardi registrati prima della crisi 2008-2009. La contrazione in questi ultimi anni in parte è anche ascrivibile al fatto che molti anticipano a novembre l’acquisto dei regali, approfittando del “black friday” che ha penalizzato soprattutto i negozi di vicinato, mentre gli outlet la grande distribuzione organizzata sono riusciti ad ammortizzare il colpo. In vista della decisione che dovrà prendere il Parlamento in merito a quale imposta destinare il taglio da 8 miliardi di euro, per la Cgia la riduzione deve interessare l’Irpef e non l’Irap.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Landini,super Green pass? Proposto discutere obbligo vaccini
Su ipotesi rafforzamento, “qualcuno si sta svegliano in ritardo”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
20 novembre 2021
11:45
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Un ‘super Green pass’? Ricordo che il sindacato sei mesi fa ha posto il problema di andare verso un obbligo vaccinale che fosse discusso, vedo che qualcuno si sta svegliando con un po’ di ritardo e penso che da questo punto di vista che l’obiettivo deve rimanere lo stesso in Italia e nel mondo”.
Così, rispondendo ai cronisti ad Ancona a margine di una manifestazione promossa da Cgil Cisl e Uil, il segretario generale Cgil Maurizio Landini a proposito dell’ipotesi di rafforzamento della certificazione verde ‘anti-Covid’.

“Tra l’altro – ha aggiunto il leader della Cgil – ci stiamo battendo perché si sospendano determinate logiche, perché il vaccino deve essere gratuito in tutto il mondo. Se noi vogliamo combattere il virus – ha detto ancora Landini – non c’è una semplice dimensione nazionale che affronta questo tema, c’è una dimensione internazionale. C’è bisogno che si faccia questa operazione con un respiro che abbia questo elemento e serve fare una campagna informativa che sia corretta e faccia superare anche quelle diffidenze e paure che tra le persone ancora esistono”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Giornale d’Italia compie 120 anni e si rinnova in digitale
Fondato nel 1901 da Sidney Sonnino e Antonio Salandra
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 novembre 2021
11:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Giornale d’Italia, quotidiano nazionale indipendente, liberale e moderato di informazione, approfondimento, retroscena e commento, festeggia 120 anni e guarda al futuro.
Si rinnova presentandosi al grande pubblico in versione digitale con un’informazione ampia, completa e integralmente free, facendosi spazio con autorevolezza per affrontare e raccontare le sfide dell’oggi e del domani.(www.ilgiornaleditalia.it).

Fondato nel 1901 da Sidney Sonnino e Antonio Salandra, con la direzione di Alberto Bergamini che veniva dal Corriere della Sera, nato 25 anni prima (1876), il Giornale d’Italia ha raccontato il nostro Paese per oltre un secolo, due guerre mondiali e relativi dopoguerra, periodi bui e di crisi e fasi di rinascita, crescita, fiducia, energia e passione, sempre proteso verso il futuro. La storica testata vantava editorialisti come Benedetto Croce, Luigi Pirandello, Giovanni Pascoli, Antonio Fogazzaro, Vilfredo Pareto e Gabriele D’Annunzio. Ed è proprio con Gabriele D’Annunzio che Il Giornale d’Italia l’11 dicembre 1901 inventò la ‘terza pagina’, posizionata dopo quelle della politica e della cronaca. Pagina che Alberto Bergamini dedicò alla prima teatrale della Francesca da Rimini di D’Annunzio, interpretata da Eleonora Duse. Da allora ha caratterizzato la tradizione del giornalismo culturale italiano e ha raggiunto oltre 3 milioni di lettori.
Il suo primo direttore espresse chiaramente la linea da seguire nel primo numero, uscito il 16 novembre del 1901: “Lavoreremo alla conciliazione degli animi, a ravvivare i sentimenti di solidarietà fra tutti gli ordini cittadini, a rialzare le condizioni morali ed economiche delle classi più disagiate, da cui dipende per tanta parte l’avvenire d’Italia”.
“Siamo consapevoli che Il Giornale d’Italia rappresenta un inestimabile patrimonio storico e culturale, un rilevante testimone della storia del nostro Paese e con un ruolo fondamentale per il suo futuro. La sfida è quella di tracciare una rotta chiara seguendo i valori di un tempo per farli conciliare con le profonde trasformazioni in atto” sottolinea Gabriella Greco, amministratore dell’azienda.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Veneto, quasi 2.000 nuovi contagi e 13 morti
Regione a un passo dal mezzo milione casi da febbraio 2020
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
20 novembre 2021
12:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Forte balzo dei nuovi positivi al Covid al Veneto.
Nelle ultime 24 sono 1.928 i contagi scoperti con i tamponi, un dato che non si registrava dai giorni caldi della terza ondata del virus.
Il Veneto è ad un passo dal raggiungere la quota psicologica del mezzo milione di casi totali dall’inizio dell’epidemia: 499.540. Un bollettino drammatico quello della Regione, perchè da’ conto anche di 13 vittime in più rispetto a ieri. Il totale dei morti sale a 11.905. Regge il sistema ospedaliero; i pazienti Covid ricoverati nelle aree mediche sono 356 (-1), 69 (+5) quelli nelle terapie intensive.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sindaco Lissone,mia città non si rispecchia in post contro Segre
Scritto da Fabio Meroni, consigliere comunale no vax della Lega
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
20 novembre 2021
12:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La mia città non si rispecchia in: “mancava lei…
75190″”: è quanto scrive su Facebook il sindaco di Lissone Concettina Monguzzi, commentando il post scritto da Fabio Meroni, consigliere comunale no vax della Lega, contro Liliana Segre.

Meroni è stato sindaco della città brianzola dal 1994 al 2002 e, dopo esser stato eletto in parlamento, è tornato a candidarsi come primo cittadino nella sua città nelle ultime elezioni comunali del 2017 dove è stato sconfitto appunto da Concettina Monguzzi, sindaco uscente ricandidata dal centrosinistra.
“Chiamare una persona con un numero – scrive il sindaco di Lissone, tatuare questo numero su un corpo, ha l’obiettivo di cancellare la sua identità, di annullare la persona, la storia, la intelligenza e toglierle un futuro. Non è un numero qualunque. E’ quello di una deportata, vittima della più grande tragedia mondiale, ora senatrice della Repubblica”.
Per il sindaco, “richiamare questo numero vuol dire cercare di annullare ancora la sen. Segre, testimone della storia, simbolo vivente di nefandezze. La storia non va strumentalizzata e non si può assolutamente equiparare la situazione di Aushwitz con il vaccino”.
“Le istituzioni italiane sono antifasciste, chi non lo è non può stare nelle istituzioni”, conclude Monguzzi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Berlusconi fa la terza dose
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 novembre 2021
18:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Anche Silvio Berlusconi ha effettuato la terza dose (il cosiddetto booster) del vaccino contro il Covid-19.
Il leader di Forza Italia ed ex premier ha anche diffuso un video della sua vaccinazione che lo vede tranquillo mentre, con la manica della camicia tirata su, si fa iniettare la terza dose e fare prima il gesto del pollice alzato e, alla fine dell’iniezione, il segno di vittoria con le dita.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo picco di casi, ‘il super green pass a dicembre’
11.555, come il 6 maggio. 49 morti. Annuncio del ministro Brunetta
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
21 novembre 2021
08:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con il Natale alle porte, l’attuale aumento dei casi e la previsione di un’impennata in inverno, il governo spinge sull’acceleratore e si appresta a varare il cosiddetto “super Green pass” che arriverà “molto probabilmente a dicembre”, dice il ministro della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo picco di casi di Covid in Italia.
Sono stati 11.555 nelle ultime 24 ore, il dato peggiore dal 6 maggio.

Una misura pensata per tutelare maggiormente – o ‘premiare’ – i soggetti vaccinati, ma che inevitabilmente è destinata a creare polemiche e malumori. L’argomento sarà comunque in cima all’ordine del giorno della riunione che il premier, Mario Draghi, farà all’inizio della prossima settimana, probabilmente martedì, con le Regioni che, per la maggior parte, si sono dette a favore della stretta per evitare nuove chiusure. “Prendiamo le decisioni che servono per garantire la libertà di chi ha fatto il suo dovere di cittadino vaccinandosi”, ripete anche oggi il governatore della Liguria, Giovanni Toti, che chiede al governo di “fare in fretta”. “Se l’alternativa diventa chiudere un teatro o una piscina per tutti o solo per chi non è vaccinato, io non ho dubbi”, ribadisce il presidente dell’Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini. Palazzo Chigi, però, è al lavoro anche su altri fronti caldi, tra cui l’obbligatorietà del vaccino per alcune categorie – in primis medici, docenti e forze dell’ordine – e la riduzione della durata di tamponi e Green pass. Da lunedì, poi, si partirà con la somministrazione delle terze dosi per gli over 40, anticipando di dieci giorni la data inizialmente prevista e tornare a garantire la copertura vaccinale ad una corposa fetta della popolazione. La misura più vicina resta comunque quella del Green pass con restrizioni per i no-vax “per non far pagare a tutti l’egoismo di alcuni”, come ha detto Brunetta. L’idea del governo – che dovrà poi affrontare la questione dei controlli e degli eventuali risvolti riguardo alla privacy – è quella di limitare la validità del certificato ottenuto con i tamponi solo per l’accesso al lavoro o ai servizi essenziali, esclusi dunque i luoghi di ritrovo, aggregazione e socialità, come cinema, ristoranti o stadi. Le restrizioni avrebbero comunque effetto solo in caso di cambio dei colori delle regioni, che al momento però non sono all’orizzonte. “Chi non ha il vaccino ma ha solo il Green pass legato al tampone – chiosa Brunetta – subisce i vincoli del cromatismo”.
Sull’obbligo vaccinale o un eventuale super green pass “siamo ancora nel dibattito. Adesso io credo che dobbiamo seguire quello che ci sta dicendo la comunità scientifica e cioè accelerare la terza dose. E noi lo stiamo facendo” per poter “affrontare la fine dell’anno e l’inizio dell’anno prossimo con più serenità”. Lo ha detto il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, al Festival delle Religioni a Firenze, rispondendo a una domanda sulle proposte del ministro Renato Brunetta. “Tutte le accelerazioni che vedrete su terze dosi e misure che possono cautelare dal Covid le faremo tutte in vista del Natale. Ce la metteremo tutta per costruire un Paese che in quel periodo possa rimanere aperto. L’alternativa ai vaccini e Green pass è chiudere e noi non vogliamo arrivare a quel punto. Dobbiamo portare le persone che non lo hanno fatto a vaccinarsi”. Così il ministro degli Esteri Luigi Di Maio intervenendo a Firenze a Festival delle Religioni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Green pass falsi online, il Garante della Privacy avvia un’indagine
Migliaia di certificati disponibili a serio rischio manipolazione. Indagano le procure di Roma e Milano. In corso indagini per risalire agli indirizzi Ip di chi ha caricato i certificati in rete
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 novembre 2021
19:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Migliaia di Green pass, apparentemente autentici, disponibili on line in una nota piattaforma di file sharing e scaricabili da chiunque, con il serio rischio che possano essere manipolati o commercializzati.  Considerata la gravità e la pericolosità di questa illecita diffusione di dati personali particolarmente delicati, il Garante per la protezione dei dati personali ha avviato d’urgenza un’indagine per accertare le modalità con le quali questi dati siano finiti in rete e ha dato mandato al Nucleo Speciale Tutela Privacy e Frodi tecnologiche della Guardia di Finanza di acquisire gli archivi on line e accertarne la provenienza.
Due fascicoli sulla diffusione di Green pass online, a quanto si apprende, sono stati aperti dalle Procure di Roma e Milano. Il primo è inerente all’indagine avviata anche dal Garante della Privacy sui certificati disponibili all’interno di una nota piattaforma di file sharing, l’altro sui pass reperibili online.
Sono in corso indagini per risalire agli indirizzi ip di chi ha caricato in rete i certificati e individuare chi li ha acquisiti.
Lunedì si terrà un incontro tra il Garante della Privacy e il Nucleo Speciale Tutela Privacy e Frodi tecnologiche della Guardia di Finanza.
Un video in cui una voce fuori campo spiega di aver scaricato “tutto l’archivio italiano” dei certificati fino al 15-16 ottobre, trovato su un comune programma di file sharing, circola sulle chat dei no Green pass, creando dibattito. “Lo Stato non è in grado di tutelare i dati sensibili”, è la protesta di chi ha postato il video. C’è chi si informa su quale piattaforma di condivisione utilizzare per ottenere il certificato, ma anche qualche irriducibile che prende le distanze, sostenendo che se si è contrari all’obbligo di Green pass sarebbe ipocrita utilizzarne uno falso. Un utente dello stesso gruppo sminuisce la portata della “fuga” di certificati perché si tratterebbe di pass che non servono a nulla, se non ai fini di studio. Su un altro gruppo, circolano notizie di Green pass in vendita a 250 euro, o due al prezzo di 450 euro.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pupi siciliani a Expo Dubai per un messaggio di fratellanza
Spettacolo su Ruggiero e Bradamante per Giornata dell’Infanzia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
DUBAI
20 novembre 2021
14:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I pupi siciliani approdano a Dubai per trasmettere al mondo un messaggio di fratellanza universale, rispetto e giustizia, valori essenziali della vita.
In occasione della Giornata internazionale dell’infanzia, la compagnia Figli D’arte Cuticchio con le sue marionette siciliane presenta oggi e domani all’Expo 2020 uno spettacolo dedicato all’amore tra Ruggiero e Bradamante, i due amanti raccontati da Ludovico Ariosto nell’Orlando Furioso.

“I pupi non hanno passaporto e viaggiano ovunque da sempre, Dubai però mancava all’appello. Siamo molto contenti perché essere all’Expo è un po’ come essere in tutto il mondo contemporaneamente”, ha raccontato Giacomo Cuticchio della compagnia. Quella di Ruggiero e Bradamante “è la storia di due giovani che si innamorano, lei cristiana e lui pagano che poi abbraccerà la fede di Cristo per amore. I due si inseguono continuamente, si perdono e si ritrovano” e “rappresentarlo anche per i più piccoli è una soddisfazione grande. Non c’è età o distanza che possa dividere l’emozione diretta trasmessa da un pupo siciliano”.
La compagnia porta in scena all’Expo quattro spettacoli tra oggi e domani, in un progetto realizzato con il contributo ed il sostegno del ministero della Cultura. “Trasmettere una tradizione è sempre una questione di identità. Sapere da dove proveniamo e dove vogliamo andare ci aiuta a capire chi siamo, e questo il teatro dei pupi lo ha sempre insegnato. Si gioca di emozioni genuine, l’amore, il coraggio, l’epicità tipica di questo teatro antico che rappresenta oggi ancora i valori essenziali della vita: il rispetto, il castigo per i deboli, la giustizia. Sono storie di cavalieri che ancora oggi ci suggeriscono un modo migliore di vivere”, sottolinea Cuticchio.
“Bradamante e Ruggiero potrebbero essere due giovani del terzo millennio, magari lei palestinese e lui israeliano che si incontrano e si uniscono per amore prr dire basta alle guerre e alla violenza”.
A Dubai, i pupi vogliono portare un messaggio di fratellanza universale: “Siamo tutti uguali, senza distinzione di colore della pelle, lingua o religione. Siamo tutti una grande famiglia, è il messaggio più importante da trasmettere alle nuove generazioni per costruire un mondo migliore”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: proposta per farli a Palermo da barbieri e coiffeur
Idea Confesercenti, opportunità per nostri clienti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
20 novembre 2021
15:39
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Shampoo, taglio e…vaccino.
A lanciare l’idea è Nunzio Reina, parrucchiere palermitano, responsabile area produzione e benessere di Confesercenti Sicilia, che ha già incassato la disponibilità del commissario per l’emergenza Covid della provincia di Palermo, Renato Costa, e che nei prossimi giorni cercherà di spiegare l’iniziativa all’interno della sua categoria.

“Il nostro lavoro funziona con le prenotazioni – dice Reina – metteremo al corrente in nostri clienti di questa importante opportunità, per fare prime, seconde o terze dosi”.
Al momento, per un taglio di capelli o per una seduta dall’estetista, non c’è l’obbligo di esibire il green pass.
Mentre i lavoratori di coiffeur e centri benessere sono obbligati ad avere il certificato verde.
“Da noi arrivano tante persone. Capiamo subito chi non è vaccinato, senza fare domande. Crediamo che in molti aderiranno all’iniziativa, che si svolgerà in determinate date concordate con la struttura sanitaria – conclude Reina – Il numero delle adesioni lo comunicheremo al commissario Costa, che organizzerà la squadra di medici. Tutto si svolgerà nei nostri locali”.
“E’ la nostra missione: fare più vaccini per abbassare i contagi e battere il Covid – fa sapere il commissario – Abbiamo iniettato dosi ai palermitani che popolano i mercati storici, in pizzerie e ristoranti. Accogliamo con piacere l’iniziativa di parrucchieri e barbieri, noi siamo pronti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: bandiere italiane al corteo anti-lockdown a Vienna
Presente anche uno striscione con lo slogan dei no vax
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 novembre 2021
15:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Alcune bandiere italiane sono comparse al corteo in corso a Vienna contro il ritorno del lockdown e le altre misure anti-Covid decise in Austria.
Tra le migliaia di manifestanti, anche uno striscione ‘Noi siamo il popolo italiano’, slogan che richiama quelli già impiegati dai dimostranti no vax nelle proteste tenutesi nel nostro Paese.

I manifestanti sono in gran parte senza mascherine, nonostante l’obbligo previsto per gli eventi di massa in Austria.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Green pass: in tremila a sit-in Roma, senza mascherine
Al via su note Inno Mameli. Tra slogan “giù le mani dai bambini”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
20 novembre 2021
16:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono circa tremila al momento i manifestanti che stanno partecipando al sit-in a Circo Massimo.

I partecipanti sono quasi tutti senza mascherina.
Dalla piazza si sollevano cori “Liberta, libertà”. La manifestazione è cominciata sulle note dell’inno nazionale. Sventolano decine di bandiere tricolore. Dalla piazza si sollevano cori “Giù le mani dai bambini” e “la gente come noi non molla mai”.
Tra le bandiere tricolore spicca anche una del Regno delle due Sicilie e uno striscione per Trump. Uno dei manifestanti espone uno stendardo che raffigura la madonna che accarezza un neonato che dorme sul mondo. “L’ho portata per proteggere tutti – dice – sono l’unico non vaccinato in famiglia”.
In piazza erano attese circa mille persone al sit-in nazionale “Liberiamo l’Italia”. Secondo le stime della questura, al momento i partecipanti a Circo Massimo sarebbero circa 3mila.
Sul fronte dell’ordine pubblico non si registrano finora criticità.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Venezia: cento barche in Bacino San Marco contro moto ondoso
Manifestazione organizzata dalle associazioni remiere cittadine
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
20 novembre 2021
16:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Associazioni di voga e vela si sono riunite stamani a Venezia per manifestare contro il moto ondoso.
I partecipanti, a bordo di un centinaio di imbarcazioni tipiche veneziane – sàndoli, caorline e sanpierote – si sono disposti nello specchio d’acqua del Bacino di San Marco, protestando in maniera ordinata per circa un’ora, muniti di fischietti e striscioni, e intonando cori.

“Sosteniamo la candidatura di Venezia a Capitale mondiale della sostenibilità, – hanno spiegato gli organizzatori – ma serve una legge ‘ad hoc’ per regolamentare il traffico acqueo lagunare e ridurre le emissioni in atmosfera”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sindacati a Giorgetti, in Tim si rischiano migliaia esuberi
Chiesto a Mise incontro urgente, accuse a governo su rete unica
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
20 novembre 2021
17:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Le notizie stampa di oggi su Tim non lasciano più spazio a qualsiasi ulteriore dilazione.
Si va profilando l’ennesimo affossamento dell’ex monopolista.

Un’azienda che aveva basato il proprio piano di rilancio industriale su un progetto infrastrutturale condiviso dal Governo vede ora rimesso tutto in discussione per il repentino e ad oggi tutt’altro che chiaro cambio di impostazione dell’Esecutivo. C’è in gioco la tenuta occupazionale di Tim con il rischio di migliaia di esuberi e la tenuta di tutto il settore Tlc”. Lo scrivono i sindacati al ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, chiedendo un incontro urgente.
Per le segreterie nazionali di Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil “è semplicemente inammissibile che Ella abbia ignorato ad oggi le nostre richieste di riconvocazione del tavolo che aprimmo al Mise lo scorso maggio. Di fronte all’oggettivo precipitare della situazione – si legge nella richiesta di convocazione – Le richiediamo per l’ennesima volta un incontro “ad horas””.
In caso di “ulteriore incomprensibile silenzio metteremo in campo in tempi brevissimi le mobilitazioni che riterremo più opportune. Ora il tempo è veramente scaduto”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: a Carbonia mascherine anche all’aperto di sera
Ordinanza del sindaco dopo caso di variante Delta plus in città
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CARBONIA
20 novembre 2021
17:14
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Casi di Covid in aumento a Carbonia, dove è stato rilevato anche un caso di variante Delta plus – il primo in Sardegna – e così il neo sindaco Pietro Morittu ha firmato un’ ordinanza, con decorrenza immediata, che rende obbligatori l’utilizzo della mascherina anche all’aperto, dalle ore 18 alle 5, fino all’8 dicembre.

Secondo i dati aggiornati dalla Assl, i positivi al Covid a Carbonia risultano attualmente 75, mentre 123 sono in quarantena preventiva.

Inoltre si estende fino al 31 dicembre l’utilizzo della mascherina e il possesso di Green pass dei clienti (sono esentati i bambini sotto i 12 anni) di palestre in tutti i casi in cui non si stia facendo attività fisica, bar, ristoranti e di tutti i luoghi in cui si svolgano funzioni di ristoro e socio-ricreative, oltre che attività relative al servizio alla persona come centri estetici e parrucchieri.
Per quanto concerne le scuole – spiega il sindaco di Carbonia – “si chiede di fare ricorso, ogni qualvolta se ne presenti la necessità, alla sanificazione degli ambienti e si ribadisce l’urgenza di rispettare tutte le misure previste dal protocollo anti Covid negli edifici scolastici e nelle mense ad essi annesse”.
“Le ulteriori norme di prevenzione richieste in questo momento e in osservanza alle direttive recepite – afferma Morittu – sono introdotte al fine di tutelare la salute pubblica nella situazione delicata in cui si trova. Chiedo la massima collaborazione da parte dei cittadini e delle cittadine di Carbonia nel seguire tali indicazioni anche per ciò che riguarda coloro che sono in isolamento e quarantena, secondo le disposizioni di Ats Sardegna. Con il contributo di ciascuno, si possono agevolare le attività di tracciamento che possono risultare fondamentali e preziose per il contenimento del Covid-19 e per il monitoraggio delle sue varianti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
‘Ndrangheta: archiviata inchiesta su 5 agenti penitenziaria
Erano indagati con ex direttrice carcere di Reggio Calabria
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
REGGIO CALABRIA
20 novembre 2021
17:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’attività investigativa non ha fornito la prova di condotte di rilievo penale, ma solo eventualmente disciplinare.
Né sono sviluppabili ulteriori approfondimenti”.
Con questa motivazione il sostituto procuratore della Dda di Reggio Calabria Sabrina Fornaro ha chiesto l’archiviazione nei confronti degli agenti della polizia penitenziaria Mario Ripepi, Fabio Musarella, Massimo Musarella, Giuseppe Laganà e Giuseppe Pavone. Archiviazione che è stata accolta dal gip Antonino Foti.
I poliziotti, in servizio a Reggio Calabria nel carcere di San Pietro e di Arghillà, erano stati indagati dalla Direzione distrettuale antimafia nell’ambito dell’inchiesta che nell’estate 2020 aveva portato all’arresto dell’ex direttrice della casa circondariale Maria Carmela Longo accusata di aver favorito decine di detenuti, alcuni dei quali esponenti di spicco delle cosche di ‘ndrangheta reggine. Il giorno in cui è stata notificata la misura cautelare dei domiciliari alla direttrice Longo, alcuni agenti della penitenziaria erano stati perquisiti perché, stando all’indagine del Nucleo investigativo centrale del Dap, erano sospettati di aver favorito i detenuti rinchiusi nel circuito Alta sicurezza. Mentre per la direttrice Longo, per un medico dell’Asp incaricato nel carcere reggino e per una detenuta, nelle scorse settimane è stato chiesto il rinvio a giudizio. L’udienza davanti al gup che dovrà decidere su queste posizioni è stata già fissata per il 15 dicembre. Per i cinque agenti, invece, non sono emerse “condotte di rilievo penale” e quindi l’inchiesta si è chiusa.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 11.555 positivi, 49 le vittime
Eseguiti 574.812 tamponi, tasso di positività stabile al 2%
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 novembre 2021
17:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 11.555 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute, ieri erano stati 10.544.
Sono invece 49 le vittime in un giorno.
Ieri erano state 48. I tamponi effettuati sono stati 574.812 con un tasso di positività stabile al 2%. Sono invece 512 i pazienti in terapia intensiva in Italia, stabili rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 50. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 4.250, ovvero 105 in più rispetto a ieri. Sono 143.401 gli attualmente positivi al Covid in Italia, secondo i dati del ministero della Salute, 6.271 in più nelle ultime 24 ore. Dall’inizio della pandemia i casi totali sono 4.915.981, i morti 133.131. I dimessi e i guariti sono invece 4.639.449, con un incremento di 5.220 rispetto a ieri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Quirinale: Prodi, Draghi o meno serve continuità
Se con Draghi al Colle o a Chigi lo deciderà lui e Parlamento
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 novembre 2021
17:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La modalità di elezione al Colle scompare il giorno dopo, l’importante è il nome, che rappresenti il Paese”.Lo afferma Romano Prodi intervistato da SkyTg24.
“Il Paese ha bisogno di una continuità: se questa è garantito da Draghi a Palazzo Chigi o al Quirinale per 7 anni lo decideranno il Parlamento e Draghi”.
“Il Parlamento deve tendere a vivere sino alla fine”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ddl Zan: Renzi, emendamento per tutele Mancino a omofobia
Lo presentiamo in Senato, vediamo chi ci sta
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 novembre 2021
17:39
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Possiamo presentare un emendamento con scritto che si estende la tutela della legge Mancino ai reati motivati da omofobia, transfobia e abilismo.
Noi dalla Leopolda lanciamo questa sfida: la norma è semplice, chi ci sta la vota chi non ci sta è profeta del bla bla.
Presento un emendamento al Senato e vediamo chi ci sta”. Lo ha detto Matteo Renzi alla Leopolda, a Firenze. La proposta, ha aggiunto Ivan Scalfarotto, verrà presentata “prima della fine della legislatura”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
‘Ndrangheta:tanti in piazza a Siderno per dire no a violenza
Sindaco Fragomeni: adesione di massa è davvero bel segnale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
SIDERNO
20 novembre 2021
17:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Tanti giovani hanno fortemente voluto che questa manifestazione si svolgesse tant’è che sono riusciti anche a coinvolgere tutte le associazioni sidernesi.

Davvero un bel segnale questa adesione di massa.
Ciò sta ad indicare che uniti ce la possiamo fare, che uniti non torneremo indietro e che uniti difenderemo tutti la nostra democrazia”. E’ quanto ha dichiarato la neo sindaca di Siderno, Mariateresa Fragomeni durante la manifestazione cittadina organizzata oggi dal movimento “In piedi per Siderno” a seguito dell’escalation di episodi intimidatori, verificatisi dopo le recenti elezioni amministrative che hanno posto fine al commissariamento dell’ente per infiltrazioni mafiose, ultimo dei quali l’attentato incendiario contro alcuni mezzi del Comune perpetrato da ignoti. Alla manifestazione pubblica hanno preso parte gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado, esponenti della società civile, responsabili di varie associazioni, politici della zona e diversi sindaci dei Comuni della Locride.
Il corteo è partito dalla piazza Portosalvo per poi, dopo aver attraversato tutto il Corso principale della città, fermarsi e urlare il proprio “no alla violenza e all’ignoranza” davanti al Municipio.
“Il silenzio avrebbe rappresentato consenso, ecco perché – hanno sostenuto alcuni rappresentanti del movimento “In piedi Siderno” che hanno voluto la mobilitazione – come società civile, abbiamo ritenuto necessario e opportuno scendere in piazza. La cittadina di Siderno è strapiena di gente perbene, di gente che lavora e che fa sacrifici. Ecco perché ci è sembrato giusto dare un segnale”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Iv:Renzi a Costa (Azione),non potremo andare divisi a voto
Così il leader di Iv dal palco della Leopolda
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 novembre 2021
17:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non riesco a capire come alle prossime elezioni politiche potremo andare divisi, mi sembra impossibile”.
Lo ha detto Matteo Renzi, salutando il deputato di Azione Enrico Costa, che è salito sul palco della Leopolda con un intervento sulla giustizia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Terremoto: addio a nonna Peppina in santuario a Fiastra
Simbolo resilienza. Figlia, “torneremo per tenere viva memoria”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
FIASTRA
20 novembre 2021
20:17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Torneremo a San Martino per tenere viva la sua memoria”.
La promessa della figlia Gabriella Turchetti durante i funerali di ‘nonna Peppina’, al secolo Giuseppa Fattori divenuta simbolo di resilienza delle popolazioni terremotate del Maceratese.
L’anziana, che rifiutò di lasciare una casetta di legno (dichiarata abusiva e poi ‘sanata’ dalla legge ‘Salva Peppina’) realizzata nei pressi della propria abitazione distrutta dal sisma del 2016 a Borgo Moreggini di San Martino di Fiastra (Macerata): è morta ieri, pochi giorni prima di compiere 99 anni. Il piccolo santuario del Beato Ugolino a Fiegni di Fiastra non è bastato contenere nel pomeriggio tutte le persone giunte per stringersi intorno alla famiglia di nonna Peppina: in molti sono rimasti fuori ad ascoltare la funzione celebrata da don Oreste Campagna e don Giancarlo Pesciotti.
“Di grandi donne come lei non ne nasceranno più”, le parole della figlia Gabriella che ha ricordato come la madre, anziana ma piena di vita, era voluta fortemente tornare nel borgo e ricordava sempre le persone che non avevano avuto la possibilità di farlo. In chiesa, in prima fila i nipoti di Peppina, le figlie Agata e Gabriella, il genero Maurizio Borghetti. Tra gli altri c’erano il deputato Tullio Patassini, il sindaco di Fiastra Sauro Scaficchia e Venanzo Rocchetti, ex sindaco di Serravalle.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Green pass: Milano; 2 denunce e 257 identificati
Comminate 49 sanzioni amministrative per occupazione aree urbane
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
20 novembre 2021
20:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A Milano per le proteste contro il green pass la Polizia di Stato ha identificato 257 persone e indagato in stato di libertà due milanesi: un 57enne per la resistenza a pubblico ufficiale e un 62enne per resistenza e per aver rifiutato di fornire le proprie generalità.

Sono state, inoltre, comminate 49 sanzioni amministrative per occupazione di aree urbane, emessi 31 ordini di allontanamento e avviato il procedimento per l’emissione di due Daspo urbani da parte del questore.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Giovannini, nuovo piano sicurezza strade, per zero vittime
Letto bozza, vogliamo procedere con rapidità
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
21 novembre 2021
11:31
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
C’è un “impegno straordinario che ho chiesto alle nostre strutture, che era già previsto, ma sul quale stiamo riflettendo con alcuni approfondimento aggiuntivi, che è il nuovo Piano per la sicurezza stradale.
La scorsa settimana ho avuto modo di leggere parola per parola la bozza e di fare una serie di osservazioni.
Il tema è quello dell’obiettivo zero, che non è un obiettivo impossibile”. Lo ha detto il ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili Enrico Giovannini in occasione della ‘Giornata nazionale in memoria delle vittime della strada’, spiegando che sul piano “vogliamo procedere con rapidità”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Giovannini: nuovo piano sulla sicurezza stradale, per zero vittime
Il ministro: “Vogliamo procedere con rapidità”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
10:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
C’è un “impegno straordinario che ho chiesto alle nostre strutture, che era già previsto, ma sul quale stiamo riflettendo con alcuni approfondimento aggiuntivi, che è il nuovo Piano per la sicurezza stradale.
La scorsa settimana ho avuto modo di leggere parola per parola la bozza e di fare una serie di osservazioni.
Il tema è quello dell’obiettivo zero, che non è un obiettivo impossibile”. Lo ha detto il ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibili Enrico Giovannini in occasione della ‘Giornata nazionale in memoria delle vittime della strada’, spiegando che sul piano “vogliamo procedere con rapidità”.
La “Giornata mondiale in memoria delle vittime della strada” che si celebra oggi è un momento di ricordo e riflessione che viene dedicato ogni anno, la terza domenica di novembre, alle vittime di incidenti stradali ed ai loro familiari, proclamato per la prima volta dall’Onu (Organizzazione delle Nazioni Unite) nel 2005. Lo stesso giorno ricorrerà anche la “Giornata nazionale in memoria delle vittime della strada”, istituita nel 2017.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La sicurezza stradale è una delle maggiori criticità che i Paesi Europei devono affrontare, e l’impegno di tutti è quello di azzerare il numero delle vittime della strada entro il 2050, nonché nel 2030 di ridurre del 50% il numero sia delle vittime che deli feriti gravi. Il raggiungimento di questi obiettivi non può e non deve essere utopico, non solo perché ce lo chiede l’Europa, ma soprattutto per dare dignità a quelle tante famiglie che piangono i loro congiunti, vittime di condotte di guida imprudenti. Lo sforzo della Polizia di Stato, attraverso la Polizia Stradale, per contenere il numero dei sinistri mortali si esprime nelle oltre 397.000 pattuglie schierate sul territorio dall’inizio dell’anno, che hanno permesso di accertare più di 1.500.000 di infrazioni, di ritirare 21.255 patenti di guida, con 2.477.333 punti decurtati.
Ma gli incidenti stradali sono causati nella maggior parte dei casi dai comportamenti sbagliati dei conducenti e dal mancato rispetto del codice della strada. L’obiettivo della Polizia di Stato è quello di sensibilizzare gli automobilisti sui rischi derivanti da comportamenti errati alla guida, anche attraverso campagne di prevenzione ed informazione sulla sicurezza stradale. Le iniziative dedicate all’educazione stradale sono indirizzate non solo agli automobilisti, ma anche ai giovani, futuri conducenti del domani, attraverso la diffusione nelle scuole della cultura della legalità, della prevenzione e la promozione dei corretti stili di vita.
“La cultura della guida sicura – sottolinea la Polizia in una nota – è un valore comune ed un impegno corale perché la strada è di tutti e tutti dobbiamo fare la nostra parte per sentirci coinvolti, adottando e pretendendo dagli altri condotte di guida corrette”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Terremoto: sentiero europeo passerà per Arquata del Tronto
E1 da Capo Nord a Sicilia. Sentieri recuperati da Arquata Potest
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ARQUATA DEL TRONTO
21 novembre 2021
11:41
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il sentiero europeo “E1” passerà anche per Arquata del Tronto (Ascoli Piceno), paese praticamente distrutto dal sisma del 2016.
Ne ha dato notizia l’associazione Arquata Potest che dopo il sisma del 2016 ha recuperato i sentieri che entrano a far parte ora del sentiero europeo, un itinerario a lunga percorrenza che da Capo Nord (Norvegia) attraversa Svezia, Danimarca, Germania Svizzera e Italia per terminare, dopo circa 7mila km, a Capo Passero, in Sicilia.
Il tragitto attraversa Forca di Presta, Pretare, Piedilama, Borgo, Camartina, Pescara del Tronto, Tufo, Capodacqua e Accumoli. L’itinerario che attraversa Arquata del Tronto coincide in buona parte con quello del “Cammino nelle Terre Mutate”, una scelta legata sia alla conformazione del territorio che alla volontà di favorirne la manutenzione e di concentrarne la frequentazione.
In questi ultimi anni Arquata Potest ha preso contatto con i responsabili della Fie (Federazione Italiana Escursionismo), ente impegnato nella realizzazione e gestione del sentiero, al fine di farlo transitare anche nel territorio dei Sibillini, che da sempre ha una vocazione naturale per il trekking e il turismo lento. “Il contrasto tra la crudità della distruzione nelle terre colpite dal terremoto, – spiegano dall’associazione – i paesaggi naturali mozzafiato che le circondano e l’impegno quotidiano delle sue popolazioni per restituire a questi territori la dignità che meritano è un’esperienza che lascia il segno e apre ad un mondo di riflessione che ben si inserisce all’interno della solidarietà tra i popoli”. Sono serviti anni di lavoro ad Arquata Potest per riportare in vita singoli sentieri con “costanza e dedizioni per la nostra terra”: ora si riesce a “metterli a sistema”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Agenzia Moody’s promuove il Lazio, migliorata gestione conti
Zingaretti, frutto 9 anni riformismo,rinascita con fondi Ue-Pnrr
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
21 novembre 2021
12:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’agenzia di rating Moody’s promuove il Lazio, aggiornando, con un comunicato dello scorso 19 novembre, i rating long-term issuer e senior unsecured della Regione Lazio e portandoli a Ba1 da Ba2 con outlook stabile.
La decisione riflette – si legge nella nota di Moody’s – un cambiamento positivo a lungo termine nelle procedure di controllo e gestione del rischio e una gestione proattiva del debito pregresso, per ridurre al minimo l’onere del debito, che sempre secondo Moody’s, proseguirà anche nei prossimi anni.
La Regione Lazio inoltre – spiega ancora l’agenzia – ha compiuto progressi significativi verso il consolidamento del bilancio, l’equilibrio del settore sanitario e la stabilizzazione del debito. Inoltre ha migliorato la gestione dei propri conti attraverso politiche credibili, budget prudenti e un adeguato livello di trasparenza dei dati combinati con una maggiore reattività, migliorando la credibilità complessiva e l’efficacia della sua politica. L’outlook stabile riflette infine il fatto che le caratteristiche di buona governance sono adeguate al nuovo livello di rating a lungo termine (Ba1).” Così in una nota la Regione Lazio.
“L’agenzia di rating Moody’s riconosce alla Regione Lazio i risultati di 9 anni di politiche riformiste che hanno cambiato tutto. Se penso da dove siamo partiti davvero si può parlare di un risultato immenso. Abbiamo ereditato nel 2013 una Regione sull’orlo del default e attraverso un lungo percorso virtuoso, prudente e attento abbiamo restituito stabilità ed equilibrio ai conti pubblici”, è il commento del Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, che aggiunge: “Ora, anche grazie ai fondi che sono in arrivo dall’Europa e del Pnrr, siamo certi di poter mettere il piede sull’acceleratore per rilanciare l’economia, innovare le imprese e creare lavoro”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Libia: si candida anche l’ex ambasciatore in Italia Hafed Gaddur
Per le elezioni presidenziali fissate per il 24 dicembre
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
21 novembre 2021
13:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
C’è anche l’ex ambasciatore libico in Italia Hafed Gaddur tra i candidati alle elezioni presidenziali in Libia fissate per il prossimo 24 dicembre.
Gaddur si è sospeso di recente dal ruolo di rappresentante libico presso l’Unione europea a Bruxelles, come previsto dalla legge elettorale per potersi candidare, e ha depositato oggi il suo fascicolo alla commissione nazionale per le elezioni di Tripoli.

Il suo nome si aggiunge ad una lunga lista di candidati che comprende, tra gli altri, Khalifa Haftar, l’uomo forte della Cirenaica, il presidente del Parlamento Aguila Saleh, l’ex ministro dell’Interno Fathi Bashagha e Saif al-Islam Gheddafi, figlio del colonnello Muammar ucciso esattamente dieci anni fa.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Renzi: ‘Al voto né con il centrodestra, né con Pd-M5s: il centro sarà uno spazio politico decisivo’
Intervento conclusivo del leader di Iv alla Leopolda a Firenze. “Chi vuole lasciare Iv per allearsi con Conte o Taverna vada, avrà il nostro rispetto ma non il nostro consenso”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
22 novembre 2021
13:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Giornata conclusiva della Leopolda a Firenze.
Intervento finale di Matteo Renzi
“Ho l’impressione che i principali leader delle forze politiche italiane, i leader di M5s, Pd, Lega e FdI, abbiano l’interesse ad andare a votare: interesse che è politico, e in alcuni casi personale, perché qualcuno vuole portare in parlamento prima possibile il suo gruppo di riferimento, è un dato di fatto oggettivo”.
Lo ha detto Matteo Renzi, leader di Italia Viva, nell’intervento finale di Leopolda 11. “La democrazia italiana è più forte, di tutto anche del mojito di Salvini o della pochette di Conte”. Lo ha detto Matteo Renzi, leader di Italia Viva, nell’intervento finale di Leopolda 11. “Noi abbiamo fatto – ha aggiunto – contro l’opinione dell’allora gruppo dirigente del Pd l’operazione contro il Papeete nell’agosto del 2019, prendendo una scatola di Maalox e accettando di stare al governo con i 5 Stelle in quella stagione, perché sapevamo che se avessimo detto il contrario, cioè se avessimo portato il paese a votare, il paese sarebbe finito nelle mani di Salvini e meloni per 5 anni, e tra due mesi avrebbero eletto un presidente sovranista. Non le prendo lezioni da chi in quella stagione politica ci spiegava che bisognava affrontare a viso aperto il populismo e sovranismo: non è così, ci vuole flessibilità in politica”. Renzi ha citato un discorso del 1978 di Aldo Moro: “La nostra flessibilità ha salvato fino a qui più che il nostro potere la democrazia italiana, diceva, e la nostra flessibilità nel 2019 prima e nel 2021 poi forse non ha salvato la democrazia italiana, ma salvato la stabilità economica europea mandando a casa prima Salvini e poi Conte”.
“Se Salvinie la Meloni faranno l’asse di destra e il Pd rinnegando le battaglie che abbiamo fatto insieme sceglie di allearsi con Il M5s è naturale che alle elezioni di giugno dovremmo occupare quello spazio politico della Leopolda, noi siamo quelli che sono sempre rimasti là”. Lo ha detto il leader di Iv, Matteo Renzi, chiudendo la Leopolda, a Firenze. Il centro è “uno spazio politico di vittoria o di sconfitta che in questo momento segna i governi in Germania, Francia, Usa, che può essere e probabilmente sarà decisivo alle elezioni, specie se ci saranno nel 2022” dice leader di Italia Viva. “A Palermo non stiamo con Miccichè, stiamo con Davide Faraone che è una cosa diversa; poi Micciché faccia lui, Provenzano faccia lui, ma noi a Palermo ci candidiamo per guidare una città che negli ultimi anni non è riuscita neanche a seppellire i propri morti”. Lo ha detto Matteo Renzi, leader di Italia Viva, nell’intervento finale di Leopolda 11. “Caro Davide, Palermo ha bisogno di te, e noi siamo convinti che la tua candidatura a sindaco di Palermo non sarà figlia di un accordicchio con qualche forza politica, ma sarà una candidatura che parla alla città di Palermo”, ha aggiunto Renzi.
LA DIRETTA:

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Selvaggia Lucarelli: “Aggredita alla manifestazione no vax a Roma”
Denuncia giornalista con un milione di follower. Municipio, Basta cortei
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
12:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ieri sono andata al Circo Massimo per la manifestazione no vax con cappello, occhiali, mascherina.
Nessuno sapeva chi fossi.
Per il solo fatto di chiedere ‘perché è qui oggi?’ sono stata aggredita in ogni modo possibile”: sul suo profilo Twitter da un milione di follower, Selvaggia Lucarelli denuncia un’aggressione subita alla manifestazione no-Green pass di Roma.
Pubblica una breve clip video in cui si vede un uomo senza mascherina inveirle contro. Le urla “allora te ne vai”, poi aggiunge una serie di improperi, infine arriva la testata, mentre altre persone cercano di fermarlo. La giornalista stava filmando la manifestazione di sabato a Roma, dove 4mila persone sono nuovamente scese in piazza contro il Green Pass. Nel video integrale, pubblicato poi sul sito del quotidiano Domani, anche altre minacce, manate sul cellulare, gesti osceni, e persone che la irridono per la mascherina.
“Ecco chi sono davvero i no-vax: insulti, minacce e testate”, scrive il direttore di Domani, Stefano Feltri. La notizia dell’aggressione diventa di tendenza su Twitter e la giornalista e volto noto della tv riceve migliaia di messaggi di solidarietà. Tra gli altri da Matteo Salvini, che sempre su Twitter scrive: “La violenza si condanna, sempre, e non si giustifica, mai”. E dal ministro del lavoro, Andrea Orlando, che ringrazia “gli operatori dei media che in queste settimane continuano a svolgere il loro lavoro per informare i cittadini”. “Serve a ben poco urlare ‘libertà libertà’ e poi calpestare in questo modo la libertà di informazione”, aggiunge il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni.
Tra i commenti dei follower al tweet di Lucarelli c’è chi è basito dalla violenza contro una donna, chi chiede di lasciare queste proteste nell’oblio e chi riflette sulla “gigantesca questione salute mentale” aperta dal Covid. Ma c’è anche chi accusa di provocare persone esasperate. E’ il refrain di chi prova a “comprendere” le violenze: “La rabbia e l’esasperazione del popolo oppresso può portare a brutte conseguenze”, scrive una donna.
E’ stufa delle continue tensioni, invece, la presidente del municipio di Roma centro, Lorenza Bonaccorsi. La manifestazione di sabato è sfociata anche in un altro episodio violento, con le intimidazioni a una barista della zona. Per cui la minisindaca si appella al prefetto: “basta” ai “cortei nel centro di Roma. Soprattutto se a farli sono persone che non rispettano le regole a partire dal distanziamento sociale e senza l’utilizzo della mascherina. Non è più possibile tollerare situazioni come quella vista ieri al Circo Massimo”. Troppa folla, con persone spesso senza mascherina, si è vista ieri a Roma in diverse piazze del centro storico e nelle zone della movida, e nella notte, specie a Trastevere, si è reso necessario chiudere alcune piazze.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Green pass: Mims, nessuna ipotesi per mezzi pubblici
Sindacati in allarme, controlli sarebbero impossibili
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
21 novembre 2021
15:08
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nessuna conferma da parte del Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili dell’ipotesi di estensione del Green pass anche per il trasporto pubblico locale.

L’ipotesi trova contrari i sindacati dei trasporti.
Al momento, senza personale ad hoc, non ci sono le condizioni per l’introduzione del green pass su bus e metro, spiegano le sigle romane dei trasporti, sull’ipotesi dell’allargamento del disco verde. “Pur considerando il green pass uno strumento di garanzia per tutti i cittadini, ad oggi non ci sono le condizioni né tecniche, né organizzative per controllare il green pass sui mezzi pubblici – dice senza mezzi termini il segretario della Filt Cgil Roma e Lazio Eugenio Stanziale -. I tempi del servizio pubblico verrebbero ampliati in maniera enorme, ma soprattutto mancano gli strumenti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Manifestanti bruciano i Green pass a Perugia
Protesta promossa dal Fronte del Dissenso Umbria
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
21 novembre 2021
15:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Hanno dato fuoco ai Green pass alcune decine di persone che hanno manifestato sabato sera a Perugia.
I partecipanti alla manifestazione, organizzata dal Fronte del Dissenso Umbria, hanno sfilato in corteo nel centro della città, mostrando cartelli di protesta.
Alcuni giovani mostravano uno striscione con la scritta “Studenti contro il Green pass”.
In un altro striscione si evidenziava che in due anni di pandemia “i morti per Covid sono stati 3.783 e i morti per incidenti domestici 16.000”.
Il corteo si è fermato in piazza Italia dove i presenti hanno buttato i pass cartacei in un bidone, bruciandoli, come mostrano i video pubblicati da Umbriajournal.com e dallo stesso Fronte del Dissenso Umbria nella sua pagina Facebook. “Tutti bruciano i Green pass – hanno detto i manifestanti – i cittadini vaccinati in primis perchè qui tutti hanno capito che la cosa più importante è la difesa della Costituzione e della libertà”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Sala, pronto a contingentare gli ingressi in Galleria
Sindaco, sono pronto ad ascoltare gli esperti se ce lo chiedono
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
21 novembre 2021
15:21
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Se la situazione dei contagi da Covid dovesse peggiorare, potrebbe esserci un contingentamento degli ingressi di persone in Galleria Vittorio Emanuele, il salotto buono di Milano.

Rispondendo a una domanda sulle preoccupazione dei virologi in vista di eventi come i mercatini di Natale, il sindaco ha detto di essere “pronto ad ascoltare gli esperti perché alcune cose si possono fare”.

“Ad esempio – ha spiegato a margine della presentazione del libro di Laura Boldrini “Questo non è normale” a Book city – una l’abbiamo già fatta in settimana: ho detto che non si fa il concerto di Capodanno” in piazza.
“Se dovessero chiederci di contingentare il numero di persone in galleria – ha concluso – sono disponibilissimo e pronto”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Green pass sui mezzi pubblici, sindacati: ‘Controlli impossibili’
“Non ci sono condizioni, non pensare di incaricare gli autisti, serve personale ad hoc”. Dal ministero dei trasporti nessuna ipotesi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
21 novembre 2021
16:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Al momento, senza personale ad hoc, non ci sono le condizioni per l’introduzione del green pass su bus e metro.
Lo sostengono i sindacati romani dei trasporti, sull’ipotesi dell’allargamento del disco verde.
“Pur considerando il green pass uno strumento di garanzia per tutti i cittadini, ad oggi non ci sono le condizioni né tecniche, né organizzative per controllare il green pass sui mezzi pubblici – dice senza mezzi termini il segretario della Filt Cgil Roma e Lazio Eugenio Stanziale -. I tempi del servizio pubblico verrebbero ampliati in maniera enorme, ma soprattutto mancano gli strumenti”.  “Nell’immediato bisogna puntare su distanziamento e mascherine”, aggiunge. Su una linea analoga il collega della Fit Cisl del Lazio, Marino Masucci: “All’inizio del lockdown avevamo proposto di introdurre dei facilitatori sui mezzi pubblici, personale ad hoc per controllare distanziamento e mascherine, ma la nostra idea è caduta nel vuoto. Se si pensa di incaricare gli autisti di controllare i green pass si è completamente fuori strada. Servirebbe assumere personale addetto”
Nessuna conferma da parte del Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili dell’ipotesi di estensione del Green pass anche per il trasporto pubblico locale.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 9.709 positivi, 46 le vittime
Eseguiti 487.109 tamponi, tasso positività stabile al 2%
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
21 novembre 2021
18:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 9.709 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute, ieri erano stati 11.555.
Sono invece 46 le vittime in un giorno.
Ieri erano state 49. Eseguiti 487.109 tamponi, con il tasso di positività stabile al 2%. Sono invece 520 i pazienti in terapia intensiva in Italia, 8 in più rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 35. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 4.345, ovvero 95 in più rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono 148.760, 5.359 in più nelle ultime 24 ore. Dall’inizio della pandemia i casi totali sono 4.925.688, i morti 133.177. I dimessi e i guariti sono invece 4.643.751, con un incremento di 4.302 rispetto a ieri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Alto Adige: morto ex leader separatisti Sepp Mitterhofer
Per decenni guidò l’Heimatbund, condannato per attentati anni 60
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
21 novembre 2021
18:31
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ morto all’età di 89 anni Sepp Mitterhofer, per decenni fu alla guida dell’Heimatbund, la lega patria sudtirolese, che in Alto Adige riunisce i circoli del separatismo.
Durante il cosiddetto processo di Milano per gli attentati sudtirolesi degli anni 60 fu condannato a 12 anni, dei quali scontò 8 anni in carcere.
L’Heimatbund lo ricorda come “instancabile combattente”. La Sued-Tiroler Freiheit, il partito fondato da Eva Klotz, afferma che Mitterhofer “si è battuto per la libertà del Sudtirolo e dell’autodeterminazione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Salvini, chiedo incontro a Draghi su bollette, servono 3 mld
Urge trovare risorse per bloccare gli aumenti di luce e gas
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
21 novembre 2021
19:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Chiederò un incontro a Draghi in settimana, perché è necessario trovare subito altri soldi per bloccare gli aumenti delle bollette.
È la cosa più urgente: milioni di famiglie e di imprese rischiano di vedersi staccare luce e gas.
Servono almeno 3 miliardi, si taglino agli sprechi e ai furbetti del Reddito di Cittadinanza”. Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Renzi, centro sarà spazio decisivo,specie se elezioni 2022
Al momento segna i governi in Germania, Francia, Usa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
21 novembre 2021
19:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il centro è “uno spazio politico di vittoria o di sconfitta che in questo momento segna i governi in Germania, Francia, Usa, che può essere e probabilmente sarà decisivo alle elezioni, specie se ci saranno nel 2022”.
Lo ha detto Matteo Renzi, leader di Italia Viva, nell’intervento finale di Leopolda 11.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: Crippa (M5s), Draghi continui il suo lavoro
Bisogna garantire l’attuazione del Pnrr
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
21 novembre 2021
19:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Noi siamo entrati nel governo Draghi attraverso anche delle dolorose lacerazioni interne.
Ma proprio per questo riteniamo che quel percorso debba continuare per proseguire con l’attuazione del Pnrr, spendendo bene i miliardi che il governo Conte ha portato a casa dall’Europa”.
Così il capogruppo alla Camera del Movimento 5 Stelle Davide Crippa a Skytg24 Agenda.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Green pass: Meloni,stretta Lamorgese solo su cortei anti-governo
Tweet contro il ministro dell’Interno
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
21 novembre 2021
19:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Stretta della Lamorgese sulle manifestazioni, ma – a quanto sembra – solo per quelle che contestano il governo”.
Lo scrive su twitter la leader di FdI, Giorgia Meloni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tim: Kkr prepara offerta per 100%, a 50 cent per azione
Proposta non vincolante, soggetta a due diligence e golden power
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
21 novembre 2021
19:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Kkr ha presentato a Tim una manifestazione d’interesse “non vincolante e indicativa” per un’offerta pubblica di acquisto sul 100% delle azioni “volta al delisting”.
E’ stata qualificata da Kkr “amichevole”.
Il prezzo indicato da pagare interamente per cassa “sarebbe pari a 0,505 euro”. Lo si legge in una nota diffusa al termine del Cda, durato quasi 4 ore.
Kkr, prima di lanciare l’opa, vuole “svolgere una due diligence confirmatoria di durata stimata in quattro settimane”. La manifestazione di interesse è vincolata a questo e anche “al gradimento da parte dei soggetti istituzionali rilevanti”, ovvero al parere del Governo che ha sulla società la possibilità di esercitare il Golden Power.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tutto esaurito al S.Carlo per apertura con Mattarella
Inaugurazione stagione lirica con la regia di Martone per Otello
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
21 novembre 2021
19:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In un Teatro di San Carlo sold out da giorni al via l’ inaugurazione della stagione lirica con l’Otello di Giuseppe Verdi, regia di Mario Martone (che ha trasferito l’azione in Medio Oriente ai giorni nostri) protagonista il divo tedesco Jonas Kaufmann con Maria Agresta nel ruolo di Desdemona, moglie soldatessa.

Con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nel palco reale il presidente della Camera Roberto Fico.
Tra i presenti il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi,, il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, il Sindaco di Napoli, e presidente della Fondazione San Carlo , Gaetano Manfredi, il prefetto di Napoli Claudio Palomba. Ad accoglierli il sovrintendente Stéphane Lissner (alla sua seconda ‘prima’ di stagione al termine delle restrizioni Covid, dopo La Bohème di Emma Dante) e la direttrice generale Emmanuela Spedaliere.
Per il nuovo allestimento del lirico partenopeo in coproduzione con il Teatro Massimo di Palermo, sul podio c’è Michele Mariotti che dirige l’Orchestra sancarliana e il Coro preparato da José Luis Basso. Kaufmann sarà Otello anche nelle recite del 24, 28 novembre, 1 e 4 dicembre, Yusif Eyvazov si esibirà il 7, 10 e 14 dicembre. Igor Golovatenko è Jago. Completano il cast: Alessandro Liberatore (Cassio), Matteo Mezzaro (Rodrigo), Emanuele Cordaro (Ludovico, l’ambasciatore) Biagio Pizzuti (Montano), Manuela Custer (Emilia la moglie di Jago), Francesco Esposito (Un araldo).
Le scene sono di Margherita Palli, i costumi di Ortensia De Francesco, le luci sono di Pasquale Mari.
Cento studenti universitari e dei Conservatori campani sono stati invitati assieme ai rettori e ai direttori alla prima grazie al contributo di Concerto d’imprese.
Al San Carlo l’opera di Verdi con libretto di Arrigo Boito tratto dalla tragedia di Shakespeare, giunse come terza tappa nello stesso anno 1887 della prima alla Scala, tanti grandi tenori che hanno impersonato il protagonista del titolo al Massimo napoletano, da Tamagno a Del Monaco. Per Jonas Kaufmann è la prima opera ‘in scena’ a lirico partenopeo dopo le esibizioni in forma di concerto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tim: Mef,Governo prende atto, interesse positivo per Paese
Governo valuterà su rete e crescita occupazione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
21 novembre 2021
20:49
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il Governo prende atto dell’interesse per Tim manifestato da investitori istituzionali qualificati”.
Lo afferma il Ministero dell’economia e delle finanze in una nota, in cui aggiunge: “L’interesse di questi investitori a fare investimenti in importanti aziende italiane è una notizia positiva per il Paese.
Se questo dovesse concretizzarsi, sarà in primo luogo il mercato a valutare la solidità del progetto”.
“Tim è il maggiore operatore di telefonia del Paese. E’ anche la società che detiene la parte più rilevante dell’infrastruttura di telecomunicazione. Il Governo seguirà con attenzione gli sviluppi della manifestazione di interesse e valuterà attentamente, anche riguardo all’esercizio delle proprie prerogative, i progetti che interessino l’infrastruttura”, prosegue il Mef, che chiarisce: “L’obiettivo del Governo è assicurare che questi progetti siano compatibili con il rapido completamento della connessione con banda ultralarga, secondo quanto prefigurato nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, con gli investimenti necessari nello sviluppo dell’infrastruttura, e con la salvaguardia e la crescita dell’occupazione”.
A seguire i diversi aspetti della vicenda, fa sapere ancora il Tesoro, si è ritenuto che “sia un Gruppo di lavoro composto dagli esponenti di Governo titolari delle competenze istituzionali principalmente coinvolte, oltre che dalle Amministrazioni e da esperti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il Governo prende atto dell’interesse per Tim manifestato da investitori istituzionali qualificati”.
Lo afferma il Ministero dell’economia e delle finanze in una nota, in cui aggiunge: “L’interesse di questi investitori a fare investimenti in importanti aziende italiane è una notizia positiva per il Paese.
Se questo dovesse concretizzarsi, sarà in primo luogo il mercato a valutare la solidità del progetto”.
“Tim è il maggiore operatore di telefonia del Paese. E’ anche la società che detiene la parte più rilevante dell’infrastruttura di telecomunicazione. Il Governo seguirà con attenzione gli sviluppi della manifestazione di interesse e valuterà attentamente, anche riguardo all’esercizio delle proprie prerogative, i progetti che interessino l’infrastruttura”, prosegue il Mef, che chiarisce: “L’obiettivo del Governo è assicurare che questi progetti siano compatibili con il rapido completamento della connessione con banda ultralarga, secondo quanto prefigurato nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, con gli investimenti necessari nello sviluppo dell’infrastruttura, e con la salvaguardia e la crescita dell’occupazione”.
A seguire i diversi aspetti della vicenda, fa sapere ancora il Tesoro, si è ritenuto che “sia un Gruppo di lavoro composto dagli esponenti di Governo titolari delle competenze istituzionali principalmente coinvolte, oltre che dalle Amministrazioni e da esperti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Iv: alla Leopolda lungo applauso a Boschi, lei si commuove
‘Basta fango su di noi. Non ci fate paura, siamo ancora qui’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
08:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un lungo applauso ha accompagnato la chiusura dell’intervento alla Leopolda di Maria Elena Boschi, che ha ricordato la vicenda Banca Etruria.
“C’è un momento in cui si raggiunge un limite, basta – ha detto – la macchina del fango l’hanno fatta loro e noi l’abbiamo subita.
Ma non ci avete fatto niente. Continueremo a combattere”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: Musumeci, obbligo vaccinale è una necessità
Governatore Sicilia, quanti morti devono ancora esserci?
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
22 novembre 2021
09:31
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’obbligo vaccinale è una necessità, non è più una opzione.
Quanti morti ancora devono esserci perché qualcuno si convinca che al vaccino non c’è alternativa, quanti”.
E’ la posizione del governatore della Sicilia, Nello Musumeci, che si è espresso così durante la convention del suo movimento DiventeràBellissima, a Catania.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Uno Bianca: legale Savi, rimuovere Ben Massen dalle vittime
Indicato erroneamente tra uccisi da banda. ‘Equivoco spiacevole’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
22 novembre 2021
09:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il nome di Fathi Ben Massen va rimosso dagli elenchi sui monumenti per le vittime della banda della Uno Bianca.
Lo dice l’avvocata Donatella De Girolamo, difensore di Roberto Savi, uno dei capi della banda, parlando della presenza sulle targhe del tunisino ucciso nel 1990 a Rimini davanti al bar Blue Line, omicidio non attribuito al gruppo.
Il nome è anche sulla mappa interattiva del Comune di Bologna. “Se la presidente Zecchi rimuoverà il nome non adotterò alcuna iniziativa. Mi aspetto che così agisca anche Rimini. Un equivoco davvero poco piacevole. Prima di tutto per il ragazzo deceduto”, dice De Girolamo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Auto: uno su 3 senza cintura, metà dei bambini senza seggiolino
Studio Anas: italiani imprudenti, 2 giovani su 10 al telefono
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
10:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Italiani imprudenti alla guida: uno su tre non utilizza la cintura di sicurezza mentre è al volante, senza dispositivi di ritenuta la metà dei bambini a bordo e due giovani su dieci maneggiano impropriamente il telefono mentre l’auto è in marcia.
E’ l’impietosa fotografia scattata dalla Ricerca Osservatorio Stili di Guida Utenti, commissionata da ANAS e condotta dallo Studio Righetti e Monte Ingegneri e Architetti Associati presentata oggi nell’ambito del convegno “Sicurezza stradale: obiettivo zero vittime” organizzato in occasione della giornata mondiale in ricordo delle vittime della strada.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pubblicata circolare, dose booster a 5 mesi da ciclo primario
Musumeci: “L’obbligo vaccinale una necessità”. Bonaccini: “Favorevole ad una stretta sui luoghi di socialità”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
21:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’intervallo minimo previsto per la somministrazione della dose ‘booster’ (di richiamo) con vaccino a m-RNA, alle categorie per cui è già raccomandata (inclusi tutti i soggetti vaccinati con unica dose di vaccino Janssen) e nei dosaggi autorizzati, è aggiornato a cinque mesi (150 giorni) dal completamento del ciclo primario di vaccinazione, indipendentemente dal vaccino precedentemente utilizzato”.
Così la circolare del ministero della Salute ‘Aggiornamento indicazioni su intervallo temporale tra somministrazione della dose booster e completamento del ciclo primario’.
Il provvedimento in gazzetta domani è in vigore da mercoledì. La circolare dopo il via libera dall’Aifa all’anticipazione della terza dose (booster) in una “ottica di massima precauzione”, considerando che la circolazione virale è aumentata. In Italia si avvia verso la somministrazione della terza dose cinque mesi dopo l’ultima inoculazione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Quanto a ulteriori restrizioni, il Governo valuterà le posizioni delle Regioni, che chiedono minori restrizioni per i vaccinati per una sorta di ‘super-Green pass’. E’ quanto emerso dall’incontro dei governatori con l’Esecutivo. Il prossimo Cdm, sarebbe stato riferito, è previsto giovedì prossimo. Le Regioni hanno chiesto al Governo di essere nuovamente convocate prima del prossimo Cdm, previsto giovedì, per un ultimo passaggio di condivisione con i territori su quanto verrà deciso in un eventuale decreto.
Restrizioni da subito per i non vaccinati, a prescindere dal colore delle Regioni. Questa volta abbiamo un vantaggio rispetto al virus, e non possiamo sciupare quanto sinora fatto. Le nuove misure non sarebbero una punizione nei confronti dei no vax, sarebbero la conseguenza di una loro libera, e per me irresponsabile, scelta. Questo, in sintesi, l’intervento e le richieste del governatore calabrese, Roberto Occhiuto, durante l’incontro delle Regioni con il Governo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Abbiamo ribadito al Governo la necessità di tutelare la stagione turistica invernale che si sta aprendo, dando certezze a chi guarda a quest’inverno come un passaggio fondamentale per la ripartenza. La campagna vaccinale ci ha permesso di contenere l’impatto di questa ondata pandemica sulle strutture sanitarie”, dichiara il presidente della Regione Valle d’Aosta, Erik Lavevaz, aggiungendo: “La maggioranza delle Regioni condivide un’impostazione che porti a limitazioni minori per chi ha aderito alla campagna vaccinale”.
Il ministro Roberto Speranza ribadisce che sono “ore molto delicate, in cui stiamo valutando ulteriori scelte da compiersi nell’interesse del Paese dentro questa battaglia ancora aperta contro il virus. Nei prossimi giorni la priorità sarà tenere la curva sotto controllo ed evitare l’esplosione del contagio che stiamo vedendo in tanti altri Paesi europei. Dobbiamo provare a tenere insieme questo sforzo, essenziale e fondamentale, che ci vede impegnati nella campagna di vaccinazione, oggi superiamo l’87% di italiani oltre i 12 anni che hanno fatto la prima dose”. A dirlo è il ministro della Salute, in un videomessaggio al workshop dell’Aiop.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il governatore della Lombardia Attilio Fontana chiede provvedimenti rapidi, limitati a una determinata fascia di persone. Un Green pass che consenta attività solo a chi vaccinato o guarito. Non deve esserci inerzia: l’importante è tutelare la sicurezza delle aperture, la continuità delle attività commerciali e imprenditoriali e tutelare chi ha fatto proprio dovere, rispettando richieste dello Stato. “L’obbligo vaccinale è una necessità, non è più una opzione. Quanti morti ancora devono esserci perché qualcuno si convinca che al vaccino non c’è alternativa, quanti”. E’ la posizione del governatore della Sicilia, Nello Musumeci. Il governatore della Liguria Giovanni Toti chiede “Bene quindi che, come pare, il Governo abbia già deciso di anticipare a cinque mesi dall’ultima vaccinazione la terza dose. Occorre anche renderla obbligarla per sanitari e Rsa e aumentare i controlli alle frontiere con i Paesi a maggiore circolazione. Mi auguro che il Governo adotti entro le prossime ore tutte queste misure”.
Incontro cordiale tra Matteo Salvini e i governatori della Lombardia e del Veneto, Attilio Fontana e Luca Zaia: tra le altre cose hanno parlato di un obiettivo comune, evitare ulteriori chiusure e paure, lavorando a soluzioni di buonsenso.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANESTESISTI, RISCHIO INTASAMENTO INTENSIVE ENTRO UN MESE
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
10:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mattarella: ‘In Italia vince 9-1 referendum su scienza’
Applausi dagli studenti all’arrivo del presidente della Repubblica
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
20:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“A poche settimane dalla conclusione del mio ruolo, delle mie funzioni, di Presidente della Repubblica, torno qui nell’ Università dove ho studiato”.
Così il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, alla cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico dell’Università La Sapienza.
“Le vaccinazioni non sono solo lo strumento che ci ha salvato e ci sta consentendo di contenere l’ offensiva e i pericoli virus, ma una sorta di referendum sulla scienza.
Sino a ieri sera s’è vaccinato 86% cittadini sopra i 12 anni, se aggiungiamo chi non può farlo e guariti siamo al 90%. Questo referendum è stato vinto 9 a 1 a favore della scienza. Dobbiamo essere riconoscenti ai nostri cittadini che ha messo l’Italia all’avanguardia nella considerazione all’esterno”, ha detto ancora Mattarella:

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

“Siamo in un’epoca di grandi cambiamenti: la società è permeata dai risultati della scienza. Ci sono sfide nuove e ignote ma anche prevedibili. E ci deve sempre accompagnare il valore della responsabilità delle istituzioni e di tutti i cittadini”, ha detto ancora Mattarella, aggiungendo: “Responsabilità di tenere insieme fiducia e sapere”
“La spiegazione e la dichiarazione dei propri limiti sono valori fondamentali non solo per gli scienziati ma anche per le istituzioni”, afferma ancora Mattarella. “Il periodo di sottovalutazione del valore della scienza è chiuso tra parentesi, nel nostro Paese”.
Mattarella ha anche sottolineato  l’orgoglio del Paese “per avere la prima donna rettrice dell’ateneo più grande d’Europa”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Pd: Guerini, fase attuale ci chiede confronto con M5S
Ministro, tra noi differenze ma abbiamo fatto passi avanti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
12:21
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il M5S è un movimento molto diverso dal Pd, con una cultura politica molto differente.
Il confronto con il Movimento ha avuto momenti di difficoltà ma è riuscito anche a fare passi in avanti nel dialogo durante i mesi che stanno alle nostre spalle, soprattutto nella comune partecipazione al governo Conte 2.
Consapevole di queste differenze, credo che la fase politica attuale chieda la capacità di confrontarsi e noi ci confronteremo”. Lo ha detto il ministro della Difesa del Pd Lorenzo Guerini, a margine della inaugurazione delle manifestazioni ‘Sicurezza’ e ‘Smart Building Expo’ a Fiera Milano.
“Il Partito democratico – ha aggiunto – deve definire la propria identità sulla base della proposta per il Paese e non delle alleanze, le alleanze sono uno strumento per realizzare una politica”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Green pass: Selvaggia Lucarelli, ecco chi mi ha aggredito a Roma
La giornalista posta su Twitter la foto dell’uomo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
20:45
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’uomo che mi ha aggredita alla manifestazione no pass a Roma è un insegnante di pugilato in una palestra di Anzio, denunciato a marzo 2020 perché aveva violato la quarantena (era andato a fare la spesa col Covid)”.
Lo scrive in un post su Twitter Selvaggia Lucarelli, che posta anche una foto dell’uomo di cui fa il nome.
La giornalista aveva denunciato ieri, sul suo profilo Twitter da un milione di follower, un’aggressione subita alla manifestazione no Green pass di Roma.
E aveva pubblicato una breve clip in cui si vedeva un uomo senza mascherina inveirle contro. Le urlava “allora te ne vai”, poi aggiungeva una serie di improperi, infine arrivava la testata, mentre altre persone cercavano di fermarlo. La giornalista stava filmando la manifestazione di Roma, dove 4mila persone erano  nuovamente scese in piazza contro il certificato vaccinale.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Giustizia: Camera,verso fiducia su riforma processo civile
Votazioni dopo via libera al dl bollette
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
12:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il governo si accinge a porre la questione di fiducia alla Camera sulla delega per la riforma del processo civile, su cui è in corso la discussione generale nell’Aula di Montecitorio.
Lo si apprende da fonti parlamentari di maggioranza.

Le votazioni sul testo, che è stato approvato dal Senato, avranno inizio dopo il via libera al dl bollette.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Violenza donne: Fico, ormai in casa è fenomeno strutturale
“Dobbiamo chiederci oggi che cosa dobbiamo e possiamo fare”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
12:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“E’ soprattutto tra le mura domestiche che le donne rischiano di subire violenza, come peraltro è successo più di frequente durante il periodo di confinamento imposto dalla pandemia.

Purtroppo siamo di fronte ad un fenomeno di carattere strutturale e non emergenziale: le donne uccise in ambito familiare/affettivo sono state 111 nel 2018, 94 nel 2019 e 99 nel 2020.
Quasi una vittima ogni 3 giorni e mezzo. Dobbiamo pertanto chiederci oggi che cosa dobbiamo e possiamo fare per contrastare questa piaga grave ed inaccettabile”. Lo afferma il presidente della Camera Roberto Fico aprendo una conferenza a Montecitorio in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne sul decennale della Convenzione di Istanbul.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cina: Meloni, Draghi rimetta in discussione Via della Seta
Politica condivisa per contrastare propaganda cinese in Italia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
12:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’attivista di Honk Kong Josha Wong già “ha evidenziato gli errori del nostro governo sulla Via della Seta: credo sia giunto il momento per il premier Draghi di rimettere in discussione quegli accordi”.
Così la leader di FdI, Giorgia Meloni, nel corso della presentazione di “Countering China’s influence in Europe and Italy.
Il partenariato con Iri” promosso da Adolfo Urso.
“Credo che in questo campo il presidente Draghi abbia maggiore consapevolezza, avendo ben chiarito sin dal suo intervento sulla fiducia, che la nostra politica estera doveva essere europeista e atlantista: però servono atti conseguenti, anche su quegli accordi, e una politica condivisa per contrastare la propaganda cinese in Italia” ha detto Meloni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Violenza donne: Bonetti, Paese intende combatterla
In legge Bilancio 30 milioni, spero Camere li aumentino
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
12:57
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“E’ possibile oggi liberarci dalla violenza sulle donne perchè c’è un Paese intero che vuole promuovere la vita possibile fuori dalla violenza”.
Lo ha detto il ministro della Famiglia Elena Bonetti intervenendo ad una conferenza a Montecitorio in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne sul decennale della Convenzione di Istanbul.

Bonetti ha ricordato che “il governo ha varato il nuovo piano di contrasto alla violenza contro le donne” e “nella legge di bilancio propone il fatto che l’Italia si debba dotare di una strategia nazionale per il contrasto alla violenza sulle donne che abbia una governance, una cabina di regia ed un osservatorio che coinvolga il mondo protagonista di questa battaglia, quello dei centri antiviolenza e delle case rifugio”.
Infine, le risorse economiche: “non possono essere rinnovate anno per anno ma devono essere strutturali: le abbiamo previste nella legge di Bilancio per azioni sistemiche di carattere informativo e di sostegno. Si tratta di 30 milioni che speriamo il Parlamento possa ulteriormente arricchire”, ha concluso Bonetti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mattarella, vaccini ci consentono contenere offensiva virus
Sono una sorta di referendum sulla scienza vinto 9 a 1
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
12:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Le vaccinazioni non sono solo lo strumento che ci a salvato e ci sta consentendo di contenere l’ offensiva e i pericoli virus, ma una sorta di referendum sulla scienza.
Sino a ieri sera s’è vaccinato 86% cittadini sopra i 12 anni, se aggiungiamo chi non può farlo e guariti siamo al 90%.

Questo referendum è stato vinto 9 a 1 a favore della scienza.
Dobbiamo essere riconoscenti ai nostri cittadini che ha messo l’Italia all’avanguardia nella considerazione all’esterno”. Così il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, alla cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico dell’Università La Sapienza.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Generali, De Agostini avvia la vendita della quota
Manterrà i diritti di voto in assemblea e sosterrà Donnet
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
13:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Gruppo De Agostini comunica di aver avviato un progetto di dismissione progressiva della propria partecipazione dell’1,44% in Generali.
In tale contesto, si legge in una nota, è stata data esecuzione ad una prima operazione consistente in uno strumento derivato su 2,25 milioni di azioni, pari allo 0,14% del capitale del Leone.

Le caratteristiche dell’operazione consentiranno a De Agostini di esercitare i diritti di voto all’assemblea delle Generali della prossima primavera, quando dovrà essere anche rinnovato il consiglio di amministrazione.
A tal riguardo De Agostini “esprime il proprio apprezzamento per l’operato del management della compagnia assicurativa, del quale ha condiviso obiettivi e valori, nonché la stima e sintonia nei confronti del ceo Philippe Donnet, che nel corso degli ultimi due mandati ha saputo distinguersi per la visione strategica, la competenza tecnica e la completezza manageriale. Qualità – conclude la nota – che si sono tradotte in eccellenti risultati industriali e finanziari”.
I proventi della vendita verranno utilizzati da De Agostini per perseguire nel prossimo futuro nuove opportunità di investimento.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MATTARELLA, MANCANO POCHE SETTIMANE ALLA FINE DEL MIO RUOLO
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
13:16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Appello nella Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole: “Oltre al Covid, evitare i crolli”
Giannelli: “Permangono problemi strutturali, verificare anche i solai”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
14:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“In epoca Covid tendiamo ad associare la gestione della sicurezza a scuola alle mascherine, al distanziamento e alle misure igieniche.
Ma i vecchi problemi di sicurezza degli edifici permangono, come dimostrato dai recenti crolli di solai in Sicilia”.
Lo sottolinea Antonello Giannelli, presidente nazionale Anp nella Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole. “Il 17 novembre, durante i lavori del nostro convegno annuale – ricorda il presidente dell’associazione dei presidi -, abbiamo nuovamente posto il problema al ministro Bianchi e gli abbiamo chiesto di istituire una cabina di regia, mettendoci a disposizione”. Nei giorni scorsi, l’Anp con Cittadinanzattiva e il Dipartimento della Protezione Civile, ha attivato un questionario per chiedere ai dirigenti scolastici come sia cambiata negli ultimi due anni la percezione della questione sicurezza e raccontare le buone pratiche, “perché, non dobbiamo dimenticarlo, abbiamo fatto quasi l’impossibile per riportare gli alunni a scuola e farceli rimanere”, aggiunge Giannelli, che in conclusione rivolge un appello alla comunità scolastica: “Oggi, oltre a ricordare le vittime degli incidenti accaduti nelle scuole e a ripetere ‘mai più’, dobbiamo iniziare a far sì che vengano controllati tutti i solai e messe finalmente in sicurezza tutte le aule scolastiche”:

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Vaccini:Mattarella,in Italia vince 9-1 referendum su scienza
Vaccino ci sta salvando dalla violenza della 4/a ondata
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
13:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Le vaccinazioni non sono state solo lo strumento che ci ha difeso, salvato letteralmente, e che ci sta consentendo di contenere questa violenta quarta ondata che ha messo in difficoltà Paesi tradizionalmente ben organizzati, ma è anche una sorta di referendum sulla scienza.
E sino a ieri siamo a quasi al 90% dei cittadini vaccinati sopra il 12 anni.

Insomma, questo referendum vede 9 a 1 a vantaggio della scienza”. Così il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, alla cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico dell’Università La Sapienza.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ecdc, l’Italia tra i Paesi con trend in aumento
Tendenza sale in una ventina di Stati per contagi-ricoveri-morti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
22 novembre 2021
14:06
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nelle previsioni Covid pubblicate dall’Agenzia europea per il controllo e la prevenzione delle malattie (Ecdc), l’Italia rientra tra i Paesi con trend in crescita per ricoveri ospedalieri, ammissioni nelle terapie intensive, e decessi.
Si legge in un rapporto dell’Ecdc, e relativo alla settimana 45 (terminata con domenica 14 novembre), per i 30 Paesi Ue/See, in cui figura un livello di allerta complessivo per i contagi “molto alto” (8,3 su 10), con stime in crescita per una ventina di Paesi, tra cui l’Italia.

Per l’Italia (tra il 21-27 novembre) sono stimati 69.434 nuovi casi, 2.224 nuove ospedalizzazioni, e 500 nuovi morti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi sente Putin, colloquio su migranti e Bielorussia
Al centro anche aumento prezzi energia e situazione Ucraina
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
14:24
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha avuto oggi una conversazione telefonica con il Presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin.
Lo comunica Palazzo Chigi.
Al centro dei colloqui vi sono state la crisi dei migranti al confine tra la Polonia e la Bielorussia, le dinamiche dei prezzi dell’energia e la situazione in Ucraina.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Eitan: Riesame conferma ordinanza arresto nonno
Respinto ricorso difesa Shmuel Peleg accusato sequestro nipote
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
14:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Tribunale del Riesame di Milano ha respinto il ricorso della difesa di Shmuel Peleg, nonno materno di Eitan, il bimbo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone, contro l’ordinanza d’arresto emessa dal gip di Pavia a carico del 58enne accusato del sequestro, l’11 settembre scorso, del nipote portato a Tel Aviv.
Ordinanza che ha dato origine a un mandato d’arresto internazionale, allo stato non eseguito.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sassoli torna a Strasburgo a plenaria Pe dopo la polmonite
Ha incontrato alcuni parlamentari e riunito il suo staff
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
STRASBURGO
22 novembre 2021
14:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente del Parlamento europeo David Sassoli è tornato a lavorare in presenza dopo la polmonite ed è attualmente a Strasburgo in occasione della plenaria dell’Eurocamera.

Sassoli, come di consueto aprirà nel pomeriggio i lavori dell’assemblea.
In mattinata – secondo quanto si apprende a Strasburgo – ha incontrato alcuni parlamentari e ha riunito il suo staff ristretto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Eni lancia Plenitude. Descalzi, sarà una pietra miliare
Società retail e rinnovabili farà 1,8 mld di investimenti annui
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
15:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Si chiamerà Plenitude la società in cui confluiranno le attività retail e delle rinnovabili di Eni.

“La quotazione della nostra società R&R è una pietra miliare per lo sviluppo della nostra società”, ha detto l’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, nel corso del Capital markets day della società, a PIazza Affari.

Plenitude “avrà un modello di business unico, combina produzione da rinnovabili, vendita di energia e servizi energetici a clienti retail, e una rete capillare di punti di ricarica per veicoli elettrici”, spiega Eni, che prevede un margine operativo lordo (Ebitda) in aumento dagli 0,6 miliardi nel 2021 a 1,3 miliardi nel 2025.
“L’Ipo consente di attrarre nuovi flussi di capitale, rivelare valore incrementale e accelerare la crescita di Plenitude, che punta a fornire il 100% di energia decarbonizzata a tutti i propri clienti entro il 2040, supportando gli obiettivi di Eni di azzeramento delle emissioni nette di CO2 Scope 3”, ha dichiarato l’ad di Plenitude Stefano Goberti.
La nuova società che sbarcherà in Borsa avrà debito netto prossimo a zero dal primo gennaio 2022 e un programma annuale di investimento da circa 1,8 miliardi finanziati con la cassa generata dalla propria attività e il proprio debito. “Nel medio termine” la leva finanziaria si attesterà a 3-4 volte l’ebitda consentendo alla società di mantenere l’investment grade.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Basta ‘manel’, memorandum per parità genere nella comunicazione
Presentato da Radio Uno. Bonetti, serve un cambiamento culturale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
16:25
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Basta con i “manel”: convegni, commissioni, comitati, dibattiti, trasmissioni radio-televisive dove solo uomini sono invitati a parlare, dove solo un genere è rappresentato.
E’ il messaggio lanciato nel corso di dibattito, organizzato in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, nel quale Rai Radio1, con la Rappresentanza in Italia della Commissione europea, ha presentato il Memorandum d’Intesa “No Women No Panel – Senza Donne Non Se Ne Parla” per una rappresentazione paritaria ed equilibrata nelle attività di comunicazione.

Molte le istituzioni coinvolte, che hanno aderito contribuendo anche alla stesura del documento, un lavoro di elaborazione che è durato un anno. Fra queste, la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento Pari Opportunità.
“Serve un cambiamento culturale – ha detto nel corso della conferenza stampa la ministra delle Pari Opportunità Elena Bonetti -. La unidirezionalità di un messaggio comunicativo che non tenga in conto il necessario dialogo tra la diversità di genere è del tutto inadeguata ad affrontare le sfide della complessità, che si affrontano in un approccio capace di tenere conto della doppia esperienza dell’umanità, che è quella maschile e femminile. Donne e uomini – ha proseguito – hanno competenze che hanno il diritto di essere espresse, lo dico da donna di scienza”.
La direttrice di Radio Uno e Gr Simona Sala ha ricordato le battaglie sul tema portate avanti nel corso del suo mandato.
“Andiamo avanti – ha sottolineato – perché questa idea di apertura venga applicata sempre più, in modo tale che ogni volta che si organizza un evento, un convengo, una task force si tenga conto della rappresentanza di genere”.
L’iniziativa ha ricevuto l’adesione del Capo dello Stato Sergio Mattarella, che ha inviato per l’occasione una medaglia di grande formato della Presidenza della Repubblica quale premio di rappresentanza.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Manovra: Confindustria, manca svolta,13 mld per taglio cuneo
Cgil, Cisl e Uil, imprese hanno avuto, tocca a lavoratori
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
17:49
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La manovra di bilancio, “nonostante alcuni interventi positivi, non fa segnare un passo avanti significativo verso la modernizzazione del Paese.
Infatti, la sua impostazione risponde certamente all’esigenza di accompagnarlo lungo il sentiero di uscita dalla crisi, ma non sembra in grado di sostenere quelle istanze trasformative, dell’economia e della società italiane, che sono alla base anche di Next Generation Eu”.
E’ il giudizio di Confindustria, espresso in audizione sulla legge di Bilancio, alle commissioni Bilancio di Senato e Camera e ribadito anche dal presidente Carlo Bonomi che ha chiesto di aumentare le risorse a disposizione per il taglio delle tasse.
“Riteniamo che gli otto miliardi siano pochi, riteniamo che ne debbano essere messi almeno 13 su un taglio forte contributivo del cuneo fiscale”, ha detto il leader degli industriali. Secondo Bonomi, “è vero che l’export sta andando molto bene, quest’anno faremo forse 550 miliardi e quindi il record, ma dobbiamo stimolare anche la domanda interna, che è ferma da decenni. In secondo, visto che stanno aumentando le materie prime, stanno aumentando i costi energetici, l’unico fattore di competitività su cui possiamo lavorare – ha concluso – è abbassare il costo del lavoro”.
Non sono dello stesso avviso i sindacati, ascoltati anche loro in Parlamento sulla manovra. Cgil, Cisl e Uil chiedono di concentrare il taglio delle tasse solo su lavoratori e pensionati, perché le imprese, come denuncia il sindacato guidato da Maurizio Landini, hanno già avuto nella legge di bilancio ben 10 miliardi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 6.404 positivi, 70 le vittime
Terapia intensive +29, uno dei dati più alti degli ultimi tempi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
17:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 6.404 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute, ieri erano stati 9.709.
Sono invece 70 le vittime in un giorno.
Ieri erano state 46. Eseguiti 267.570 con un tasso di positività che sale al 2,3% rispetto al 2% di ieri. Sono invece 549 i pazienti in terapia intensiva in Italia, 29 in più rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 54. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 4.507, ovvero 162 in più rispetto a ieri. Sono 151.514 gli attualmente positivi al Covid, 2.754 in più nelle ultime 24 ore. Dall’inizio della pandemia i casi totali sono 4.932.091, i morti 133.247. I dimessi e i guariti sono invece 4.647.330, con un incremento di 3.579 rispetto a ieri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In Comuni ‘rossi’ in Alto Adige torna il coprifuoco
In tutta la Provincia obbligo mascherina all’aperto e sui bus
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
22 novembre 2021
18:19
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In Alto Adige tornano le mascherine all’aperto, sui mezzi pubblici va indossata la Ffp2, mentre nei Comuni ‘rossi’ i bar e ristoranti devono chiudere alle 18 e scatta il coprifuoco dalle 20 alle 5.
E’ quanto prevede un’ordinanza, che il governatore Arno Kompatscher firmerà nelle prossime ore.
In Alto Adige l’incidenza attualmente è di 407, ma preoccupa la situazioni in alcuni Comuni’, come per esempio Rodegno, dove attualmente l’8,16% della popolazione risulta positiva. “Dobbiamo evitare un nuovo sovraccarico degli ospedali. Serve la solidarietà di tutti”, ha affermato il segretario Svp Philipp Achammer.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Putin, ‘garantiamo gas all’Ue, soprattutto col Nord Stream 2’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA
22 novembre 2021
17:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In una conversazione telefonica con Mario Draghi il presidente Vladimir Putin ha confermato la disponibilità della Russia a garantire forniture ininterrotte di gas naturale all’Europa a lungo termine, in particolare attraverso il gasdotto Nord Stream 2.
Lo ha riferito il servizio stampa del Cremlino.
“Su iniziativa di Mario Draghi, è stato sollevato il tema della cooperazione nel settore energetico.
Vladimir Putin ha confermato la disponibilità della Russia a garantire forniture ininterrotte di gas naturale all’Europa a lungo termine, in particolare utilizzando le capacità del gasdotto Nord Stream 2”. Lo riporta la Tass.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gb: Rowling, ‘ricevute minacce di morte per polemica trans’
Solidarietà di Johnson, ‘nessun deve essere preso di mira così’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
22 novembre 2021
18:14
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
J.K.
Rowling ha rivelato di aver ricevuto numerose minacce di morte mentre criticava tre attivisti per i diritti dei transgender che avevano pubblicato una loro foto su Twitter davanti all’indirizzo di casa dell’autrice, rendendolo così facilmente riconoscibile.

La scrittrice finisce così nuovamente al centro di una accesa polemica dai toni spesso violenti per aver difeso posizioni femministe tradizionali riguardo la questione della difesa di identità di genere biologica delle donne. La creatrice di Harry Potter ha ringraziato la polizia della Scozia, dove risiede, per averla assistita. I manifestanti si erano fatti fotografare davanti all’abitazione della scrittrice con alcuni cartelli, di cui uno riportava la scritta “Trans Liberation Now”. Rowling aveva risposto in questo modo, ribadendo la sua volontà di espressione: “Dovrebbero riflettere sul fatto che ho ricevuto così tante minacce di morte che potrei tappezzare la casa ma non ho smesso di parlare”.
Solidarietà alla scrittrice è stata espressa dal premier britannico Boris Johnson tramite un suo portavoce: “Nessun individuo dovrebbe essere preso di mira in quel modo. Tutti hanno il diritto di essere trattati con dignità e rispetto e le persone devono essere in grado di condividere le proprie opinioni allo stesso modo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi: ‘Violenza odiosa, tutela donne priorità assoluta’
Stanziate nuove risorse per favorire percorsi di uscita
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
20:41
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La tutela delle donne è una priorità assoluta per il Governo, che intende affrontare l’odioso problema della violenza di genere in tutti i suoi aspetti, dalla prevenzione al sostegno alle vittime”.
Lo dichiara il premier Mario Draghi esprimendo pieno sostegno alle misure di contrasto alla violenza di genere presentate in vista della giornata mondiale del 25 novembre.
“Il Governo stanzia nuove risorse per aiutare le donne, per accompagnarle nel percorso di uscita dalla violenza, per favorirne l’indipendenza economica” per rafforzare l’assistenza alle donne e ai minori “a difesa dei loro diritti e della nostra società”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sassoli al Pe,sono stato assente per polmonite molto cattiva
Però le attività del parlamento sono proseguite, grazie a tutti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
STRASBURGO
22 novembre 2021
18:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Volevo ringraziare in apertura di questa plenaria i vicepresidenti, i presidenti dei gruppi, i gruppi politici, l’amministrazione.
Io purtroppo sono stato assente per malattia e ho avuto una polmonite molto cattiva, però le attività del parlamento hanno proseguito e di questo volevo ringraziare tutti”.
Così il presidente del Parlamento europeo David Sassoli aprendo la sessione plenaria a Strasburgo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tim: Meloni, il governo riferisca al Parlamento
Nessuna parola su tutela dei lavoratori, silenzio preoccupante
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
18:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Al momento – spiega Meloni – non risulta che il ministro per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale, Vittorio Colao, si sia mosso per capire quali siano le reali intenzioni del fondo statunitense KKR e a cosa sia finalizzata la loro proposta d’acquisto: se al rilancio dell’azienda o allo smembramento e alla successiva vendita degli asset.
Nessuna parola dall’Esecutivo Draghi è arrivata neanche sul tema della tutela dei lavoratori e delle loro competenze.
Il silenzio è preoccupante e Fratelli d’Italia chiede chiarezza”, conclude.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Evase domiciliari, condannata pasionaria No Tav Nicoletta Dosio
Un anno e un mese di carcere a storica attivista 75enne
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
22 novembre 2021
13:08
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un anno e un mese di carcere è la condanna che il Tribunale di Torino ha inflitto alla 75nne Nicoletta Dosio, storica attivista del Movimento No TAV della valle di Susa, processata per il reato di evasione.
Fra il novembre e il dicembre del 2016, la donna, come forma di protesta, non rispettò una misura cautelare degli arresti domiciliari nella sua abitazione di Bussoleno e partecipò a numerose iniziative ed eventi pubblici in diverse località del Piemonte e del resto d’Italia.

La procura di Torino inizialmente le aveva contestato 130 evasioni avvenute dal 4 novembre al 20 dicembre ma, al termine del processo, lo stesso rappresentante della pubblica accusa ha ridotto i casi a due. “Il numero 130 – hanno sottolineato i difensori della Dosio, gli avvocati Valentina Colletta ed Emanuele D’Amico – va riferito, in realtà, ai controlli delle forze dell’ordine. La condotta, semmai, è unica. Nicoletta peraltro non è mai scappata e non si è mai sottratta alla giustizia: ha sempre reso pubblici i suoi spostamenti. Lo stesso procuratore capo dell’epoca, Armando Spataro, nel corso del procedimento prese atto del carattere politico della presa di posizione della nostra assistita e parlò di ‘innocuità della condotta'”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Violenza donne: numero 1522 su scontrini e sacchetti del pane
Campagna sensibilizzazione di Coop Lombardia per il 25 Novembre
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
22 novembre 2021
13:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il contrasto alla violenza sulle donne passa anche dalla spesa.
Su tutti gli scontrini emessi dal 20 al 28 novembre nei punti vendita Coop Lombardia sarà stampato il numero nazionale antiviolenza e stalking 1522.
Numero che sarà riportato anche sui sacchetti del pane e sulle ‘woman bag’, borse in cotone biologico il cui acquisto andrà a finanziare i centri antiviolenza del territorio. L’iniziativa si inserisce nella campagna “Insieme contro la violenza” organizzata da Coop Lombardia nella settimana del 25 Novembre. Tra queste il tradizionale ‘Posto Occupato’, con la chiusura di una cassa simbolicamente allestita di rosso, per ricordare le donne rimaste vittime di femminicidio. Nel centro commerciale di Piazza Lodi, inoltre, il 25 novembre torneranno i poliziotti della Questura di Milano per distribuire la brochure ‘Questo non è amore’.
“La violenza di genere è un fenomeno culturale che riguarda tutta la comunità. Agire a valle e a monte del fenomeno è fondamentale, per questa ragione Coop Lombardia quest’anno ha scelto di dare ancor più visibilità al numero nazionale antiviolenza e stalking 1522” ha spiegato il vicepresidente di Coop Lombardia Alfredo De Bellis.
“Ognuno di noi può fare la differenza per contrastare le situazioni di maltrattamento, a partire dai piccoli segnali. La sensibilizzazione va fatta tutti i giorni. Per questo l’impegno di Coop Lombardia è importante”, ha evidenziato il presidente della Commissione Pari Opportunità del Comune di Milano, Diana De Marchi. Per ogni woman bag e ogni marmellata ‘Frutti di Pace’ acquistate dal 22 al 28 novembre, Coop Lombardia devolverà 50 centesimi a quattro centri antiviolenza lombardi: Fondazione Somaschi, LiberaMente percorsi di donne contro la violenza, Centro aiuto donne maltrattate e Eos Varese. Realtà che saranno supportate anche grazie alla devoluzione dell’1% di tutte le vendite sui prodotti Coop di sabato 20 novembre.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: proseguono accertamenti Nas sui coronaparty
I militari hanno anche sentito il vice responsabile unità Covid
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
22 novembre 2021
16:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I carabinieri stanno proseguendo con gli accertamenti, con l’ipotesi di reato di epidemia colposa, sui cosiddetti coronaparty in Alto Adige, degli incontri ad hoc con persone positive al virus per favorire i contagi ed ottenere così il Green pass una volta guariti.

I Nas hanno anche sentito Patrick Franzoni, il vice responsabile dell’unità Covid di Bolzano, che nei giorni scorsi aveva denunciato il fenomeno, una pratica (ereditata da Germania e Austria) bollata come “pericolosa” dallo stesso medico.

Franzoni agli inquirenti avrebbe confermato di essere venuto a conoscenza dei coronaparty nel corso di incontri con medici di altri ospedali altoatesini. A termine degli accertamenti la procura deciderà se aprire formalmente un fascicolo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In Comuni ‘rossi’ in Alto Adige torna il coprifuoco
In tutta la Provincia obbligo mascherina all’aperto e sui bus
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
22 novembre 2021
18:19
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In Alto Adige tornano le mascherine all’aperto, sui mezzi pubblici va indossata la Ffp2, mentre nei Comuni ‘rossi’ i bar e ristoranti devono chiudere alle 18 e scatta il coprifuoco dalle 20 alle 5.
E’ quanto prevede un’ordinanza, che il governatore Arno Kompatscher firmerà nelle prossime ore.
In Alto Adige l’incidenza attualmente è di 407, ma preoccupa la situazioni in alcuni Comuni’, come per esempio Rodegno, dove attualmente l’8,16% della popolazione risulta positiva. “Dobbiamo evitare un nuovo sovraccarico degli ospedali. Serve la solidarietà di tutti”, ha affermato il segretario Svp Philipp Achammer.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo Covid tornano le occupazioni, presidi ‘inaccettabile’
A Roma oggi occupati cinque licei, “vogliamo una scuola vera”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
22 novembre 2021
19:19
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dall’Archimede al Colonna la settimana si apre con una ‘ondata’ di occupazioni nei licei della Capitale.
Cinque le scuole occupate stamattina da oltre duemila ragazzi che chiedono una “scuola a misura di studente, aperta, sicura, accessibile ed inclusiva”.
Si tratta di quattro istituti del III municipio e del liceo Colonna in centro. E a un mese dal Natale entra nel vivo a Roma la stagione delle occupazioni, dopo lo stop delle lezioni in presenza per il Covid. Una decina gli istituti coinvolti in un mese e e mezzo.
“Noi studenti e studentesse del liceo Aristofane, del liceo Nomentano, del liceo Orazio e dell’I.I.S. Pacinotti-Archimede abbiamo deciso di occupare le nostre scuole per contestare la gestione dell’istruzione pubblica italiana degli ultimi anni e per proporre una scuola a misura di studente, aperta, sicura, accessibile ed inclusiva, che sappia ascoltarci, formarci e supportarci”, hanno sottolineato in un comunicato.
L’associazione nazionale dei presidi giudica l’iniziativa “inaccettabile” proprio alla luce del Covid perché si perdono ancora giorni di lezione. Le occupazioni delle scuole sono “una prassi fuori dal tempo: una perdita di giorni di lezione – soprattutto alla luce del Covid – inaccettabile” ha affermato il presidente dell’Anp, Antonello Giannelli. “Abbiamo avuto movimenti di famiglie e studenti che chiedevano di tornare in presenza e non perdere altri giorni di lezioni, e ora facciamo, con le occupazioni, quello che il Covid non ha fatto, oltretutto senza Dad”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Jacobs e Bebe Vio testimonial calendario Polizia, ‘grande anno’
Gli atleti delle Fiamme Oro campeggiano nel mese di gennaio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
21:39
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono di Marcell Jacobs e Bebe Vio – atleti delle Fiamme Oro – le foto che campeggiano nel mese di gennaio del Calendario 2022 della Polizia, presentato al Maxxi di Roma alla presenza, tra gli altri, del ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese e del capo della Polizia, Lamberto Giannini.

I due campioni olimpici erano entrambi al Maxxi.
“E’ stata un’estate molto bella per tutta l’Italia sportiva, abbiamo fatto grandi cose, ho dato tutto me stesso per portare la bandiera tricolore il più alto possibile”, ha detto la medaglia d’oro dei cento metri di Tokyo. Bebe Vio, da parte sua, ha espresso soddisfazione per la norma che consentirà agli atleti paralimpici delle Fiamme Oro di accedere ai ruoli tecnici della polizia una volta conclusa la carriera agonistica. “E’ una svolta che cambierà la vita a molte persone come me e migliorerà tutto il movimento paralimpico”, ha sottolineato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Calendario della Polizia 2022, i fotografi sono gli agenti
Il ricavato della vendita al progetto Unicef per i paesi Covax
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
22:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dallo sport alla legalità, dalla mafia alle violenze sulle donne, a realizzare l’edizione 2022 del Calendario della Polizia sono gli uomini e le donne del Corpo, poliziotti che hanno tolto la divisa abituale e indossato gli abiti del fotografo, immortalando alcuni momenti della vita operativa.

Il calendario è stato presentato all’Auditorium del Maxxi a Roma dal ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e dal capo della Polizia Lamberto Giannini.
Per selezionare le foto scattate dai poliziotti è stato indetto un concorso interno e i partecipanti sono stati giudicati da una giuria di esperti composta dal presidente Roberto Koch e da Rino Barillari e Tiziana Faraoni. La giuria ha selezionato le 11 immagini vincitrici, con l’unica eccezione del mese di gennaio.
Tra i temi che caratterizzano l’edizione 2022, il mese di gennaio è dedicato alla premiazione degli alfieri delle Olimpiadi e Paralimpiadi Tokyo 2020, Marcel Jacobs e Bebe Vio. Lo sport è infatti uno degli strumenti con cui la Polizia diffonde i valori della legalità e dell’inclusione attraverso le molteplici attività del Gruppo Sportivo Fiamme Oro. La loro presenza sul territorio nazionale con 28 centri sportivi dislocati in particolare nelle aree urbane più difficili e disagiate consente ai giovani di allenarsi con gli atleti-maestri imparando attraverso lo sport l’importanza del rispetto delle regole.
Il mese di febbraio è invece dedicato al ruolo svolto dagli agenti durante l’emergenza sanitaria dovuta al Covid mentre il mese di maggio ricorda il trentesimo anniversario delle stragi di Capaci e via d’Amelio, un modo per rendere omaggio a tutte le vittime di mafia che con il loro sacrificio hanno posto le basi per la diffusione di una nuova cultura della legalità e giustizia. Alla violenza di genere è invece dedicato il mese di novembre, quello in cui ricorre la giornata mondiale contro la violenza sulle donne: è stata scelta un’immagine che coglie la sensibilità con la quale viene affrontato quotidianamente questo tema dalle donne e dagli uomini della Polizia.
Il ricavato della vendita del calendario andrà al progetto del comitato dell’Unicef “Covax per un accesso equo e globale ai vaccini” che consentirà di estendere la campagna vaccinale ai bambini dei Paesi più poveri del mondo. Una quota del ricavato sarà inoltre devoluta al Piano Assistenza “Marco Valerio” riservato ai figli minori dei dipendenti della Polizia di Stato affetti da gravi patologie croniche.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Esce ‘Caregiving’, il manuale per chi assiste l’anziano
Fondazione Danone in occasione del suo trentesimo anniversario
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 novembre 2021
15:45
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono circa 3,8 milioni gli anziani italiani con grave riduzione dell’autonomia nella vita quotidiana e un milione quelli che necessitano di assistenza perché non completamente autonomi nella cura della propria persona.
Partendo da questi numeri, in occasione del suo trentesimo anniversario, la Fondazione Istituto Danone presenta il volume “Caregiving – Manuale pratico per chi assiste l’anziano” che racchiude preziosi consigli su come prendersi cura e ridare dignità agli anziani.

“Questo volume parte dalla scienza per radicarsi nella quotidianità e diventare uno strumento utile per affrontare il tema dell’assistenza e tutto ciò che essa comporta. Attraverso indicazioni pratiche, fornisce le corrette informazioni, non solo per prendersi cura al meglio dell’anziano, ma anche per restituirgli dignità” afferma Lorenzo Morelli, presidente del Comitato Scientifico di Fondazione Istituto Danone.
Il manuale, la cui prefazione è a cura di Elena Bonetti, ministro per le Pari Opportunità e la Famiglia, e che ha visto l’apprezzamento da parte della Società Italiana di Gerontologia e Geriatria, è dedicato alle persone che svolgono un ruolo nell’assistenza dell’anziano, siano esse interne o esterne alla famiglia. Grazie alla semplicità del linguaggio e all’ausilio delle immagini, questo manuale (che comprende anche un libro di ricette specifiche e un fascicolo di esercizi fisici ‘a misura di anziano’) vuole essere uno strumento snello ed accessibile a tutti i caregiver per supportarne il prezioso lavoro di cura. Al tempo stesso garantisce il rigore scientifico e l’autorevolezza necessari a spiegare come accompagnare e assistere l’anziano, con indicazioni che vanno dall’adozione di uno stile di vita sano che unisca una corretta alimentazione ad attività motoria regolare, alla cura della sfera psicologica, fino all’attenzione verso le fragilità fisiche.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sul gas Putin rassicura Draghi, forniture ininterrotte all’Europa
Ma Gazprom minaccia di chiudere i rubinetti alla Moldavia se non paga entro 48 ore
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA
22 novembre 2021
18:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In una conversazione telefonica con il presidente del Consiglio Mario Draghi il presidente russo Vladimir Putin ha confermato la disponibilità della Russia a garantire forniture ininterrotte di gas naturale all’Europa a lungo termine, in particolare attraverso il gasdotto Nord Stream 2.
Lo ha riferito il servizio stampa del Cremlino.

“Su iniziativa di Mario Draghi, è stato sollevato il tema della cooperazione nel settore energetico. Vladimir Putin ha confermato la disponibilità della Russia a garantire forniture ininterrotte di gas naturale all’Europa a lungo termine, in particolare utilizzando le capacità del gasdotto Nord Stream 2”, si legge in un comunicato riportato dalla Tass.
Palazzo Chigi ha reso noto che nel corso della conversazione sono stati affrontati anche altri temi, quali la crisi dei migranti al confine fra Bielorussia e Polonia e le  tensioni fra Russia e Ucraina.     Allo stesso tempo il gigante russo dell’energia Gazprom ha notificato alla Moldavia la possibile cessazione delle forniture di gas in 48 ore a causa della mancanza di pagamento nell’ambito del contratto attuale. Lo ha detto il portavoce della società Sergey Kupriyanov in un’intervista con il canale NTV. Kupriyanov ha anche aggiunto che Gazprom “è fortemente delusa dal fallimento della Moldavia nell’adempimento dei suoi obblighi contrattuali”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Procida Capitale Cultura, 150 eventi in 330 giorni
Cerimonia apertura ‘visionaria’ e 2 grandi eventi mondiali
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
22 novembre 2021
19:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’isola di Procida è pronta ad essere Capitale italiana della Cultura 2022.
Un anno che prenderà il via il 22 gennaio con una cerimonia d’apertura che si annuncia ”spettacolare e visionaria” con un evento di circa 8 ore che, ispirandosi alla suggestione dei miti del mare, partirà dalla terraferma, attraverserà il Golfo di Napoli per giungere sull’isola.
Numeri importanti quelli di Procida Capitale italiana della Cultura: 44 progetti culturali (di cui 34 originali), 150 eventi distribuiti in un cartellone di 330 giorni di programmazione, 350 artisti provenienti da 45 Paesi del mondo, il coinvolgimento diretto di oltre 2000 cittadini, con la rigenerazione di 7 luoghi simbolo dell’isola tra cui l’antico Palazzo D’Avalos.
Un programma ricco – presentato oggi alla regione Campania – a cui ci aggiungeranno due grandi eventi ”di valore mondiale” all’inizio e alla fine. Il fitto calendario di appuntamenti si suddivide in 5 sezioni declinate con cinque verbi: Procida inventa, Procida ispira, Procida include, Procida impara, Procida innova ma sotto un unico tema che è ‘La cultura non isola’ che pone l’isola come luogo di esplorazione, sperimentazione e conoscenza, modello delle culture e metafora dell’uomo contemporaneo. Tre le categorie di progetti: Progetti Faro che favoriscono processi di trasformazione, rigenerazione e rivitalizzazione urbana; Progetti Ancora che approfondiscono le eredità culturali con un forte impulso dalla dimensione locale alla visibilità nazionale ed internazionale; Progetti Comunità volti a promuovere, facilitare e costruire comunità solidali, capitale sociale e beni relazionali. Procida ha il primato di essere la prima isola ad essere stata scelta dal ministero della Cultura in virtù del suo progetto, nato con un percorso di co-creazione che ha coinvolto la cittadinanza e che è stato ritenuto capace di rappresentare ”un modello per i processi sostenibili di sviluppo a base culturale delle realtà isolane e costiere del Paese”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Per Procida Capitale della Cultura il ministero della Cultura ha stanziato 1 milione di euro mentre la Regione Campania ha programmato uno stanziamento di 8,7 milioni per sviluppo del programma culturale, realizzazione interventi integrativi e complementari per la valorizzazione del patrimonio culturale campano e di opere infrastrutturali di rilievo. Un programma che ha dimensione internazionale grazie a progetti come la Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterrraneo (BJCEM) con i progetti ‘The Tending of the Otherwise’ (aprile – settembre) che coinvolge 25 giovani artisti dell’area euromediterranea, e ‘Is.Land’, programma di residenze diffuse per cinque giovani artisti internazionali (settembre). E’ il tema dell’insularità a ispirare il progetto ‘Echi delle distanze’ (maggio – settembre) che coinvolge musicisti provenienti da isole di tutto il mondo dal Madagascar a Taiwan, da Creta a Papua Nuova Guinea, e il progetto ‘Amìh’ (ottobre e novembre) in cui 15 musicisti provenienti da diversi Paesi si riuniscono a Procida per sviluppare un linguaggio comune attraverso la musica, dando vita a uno spettacolo musicale per orchestra e teatro ispirato all’isola e ai suoi silenzi, da portare in tournée nelle più importanti città italiane.
Protagonista anche la fotografia con il progetto ‘Abitare metafisico’ di Mimmo Jodice le cui opere raccontano l’identità di Procida. Spazio anche ai temi dell’ecosostenibilità: tutti gli eventi saranno plastic-free e il tema del riutilizzo ispira una serie di progetti. Teatro, cinema, letteratura e musica si declinano attraverso una serie di eventi, alcuni dei quali dal format consolidato come MarEtica (8-11 settembre) con l’imprimatur di Alessandro Baricco, il Premio Isola di Procida – Elsa Morante e Il Vento del Cinema (2-5 giugno) con nomi di primo piano, da Gabriele Mainetti a Mario Martone, da Alice Rohrwacher a Carlo Verdone, da Paolo Virzì a Marco Bellocchio.
Spazio anche alla lirica nei porticcioli di Marina Corricella e Chiaiolella con Oper(A)mare (3 e 25 giugno) con la rappresentazione di due opere in forma di concerto con il Coro della Fondazione Teatro San Carlo, diretto da Josè Luis Basso.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Usa: Casa Bianca, Biden prevede di candidarsi nel 2024
Da giorni si susseguono rumors sulla possibilità che il presidente non si ripresenti per un secondo mandato
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
22 novembre 2021
23:57
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Joe Biden intende correre nel 2024 per un secondo mandato.
Lo afferma, riportano i media americani, la portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki, riferendo che il presidente prevede di candidarsi ancora alle prossime presidenziali.
Da giorni si susseguono rumors sulla possibilità che Biden non si ripresenti alle elezioni del 2024, in parte per motivi di età. Il presidente ha infatti compiuto il 20 novembre 79 anni, e nel 2024 ne avrà 82.

La Tua opinione è importante! Vota questo articolo, grazie!
No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.