Politica tutte le notizie tutti i fatti e gli avvenimenti Politici nazionali ed Internazionali sempre aggiornati! LEGGI!
Aggiornamenti, Cinema, Medicina, Salute e Benessere, Notizie, Politica, Spettacoli Musica e Cultura, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE: TUTTI GLI ULTIMISSIMI AGGIORNAMENTI ED APPROFONDIMENTI DAL MONDO POLITICO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE, IN TEMPO REALE. TUTTE LE NOTIZIE DI POLITICA: LEGGI! DALLE 17:50 DI LUNEDÌ 09 MAGGIO 2022, ALLE 16:41 DI GIOVEDÌ 26 MAGGIO 2022. LA PROSSIMA EDIZIONE LA COMPLETERÀ FINO AL MOMENTO ATTUALE

Tempo di lettura: 657 minuti

Ultimo aggiornamento 7 Giugno, 2022, 09:05:25 di Maurizio Barra

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 17:50 DI LUNEDÌ 09 MAGGIO 2022

ALLE 16:41 DI GIOVEDÌ 26 MAGGIO 2022

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Riordino dello Spazio, il coordinamento alla Presidenza Consiglio
In Gazzetta Ufficiale, poteri di indirizzo su Asi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
03 maggio 202209:43
AGGIORNATO IL
09 maggio 2022
17:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono assegnati alla Presidenza del Consiglio dei ministri i poteri di indirizzo, coordinamento, programmazione e vigilanza dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi): è questa la misura principale di riordino dell’intero settore spaziale italiano, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 30 aprile.
L’obiettivo, si legge, è “garantire semplificazione, maggiore efficienza e celerità d’azione nella realizzazione degli obiettivi di transizione digitale fissati dal Piano nazionale di ripresa e resilienza”.
Il provvedimento modifica il decreto legislativo del 4 giugno 2003, n. 128, nel quale si definivano finalità, attività, organi, principi e criteri di organizzazione e funzionamento dell’Asi.
Una riforma attesa da tempo e che viene ora definita nei dettagli. Elemento centrale è l’affidamento alla Presidenza del Consiglio dei “poteri di indirizzo, coordinamento, programmazione e vigilanza”. Al Ministero dell’Università e della Ricerca (Mur) sono invece garantiti i poteri di indirizzo strategico limitatamente all’attività di ricerca scientifica, mentre i criteri di valutazione dei risultati dei programmi di ricerca dell’Asi saranno realizzati sulla base di criteri di valutazione definiti dall’Agenzia Nazionale di valutazione del sistema Universitario e della ricerca (Anvur) e non più dal Mur.
Un’altra importante modifica riguarda i criteri di definizione del presidente, che dovrà ora essere nominato e individuato dal Presidente del Consiglio, di intesa con il Ministro dell’Università e Ricerca (secondo le procedure di cui ai commi 1, 2 e 2-bis dell’articolo 11 del  decreto  legislativo  31 dicembre 2009, n. 213), e non più “tra persone di alta qualificazione scientifica e manageriale, con una profonda conoscenza del sistema della ricerca in Italia e all’estero e con pluriennale esperienza nella gestione di enti o organismi pubblici o privati, operanti nel settore della ricerca”.
Le misure pubblicate prevedono infine l’istituzione di un Fondo di finanziamento per l’Asi di 499 milioni di euro, sotto il controllo della Presidenza del Consiglio, a decorrere dal 2022. Il fondo è  destinato alla copertura delle spese di funzionamento e gestione, che comprendono anche i programmi di collaborazione con l’Agenzia Spaziale Europea (Esa). Si specifica inoltre che le azioni del Centro Italiano Ricerche Aerospaziali (Cira) possedute dall’Asi sono trasferite, a titolo gratuito, al Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: scoperte in Italia cause genetiche casi asintomatici
Ricerca del Ceinge, i dati liberamente accessibili online
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
11:30
AGGIORNATO ALLE
17:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Almeno tre mutazioni genetiche rare sono all’origine dei casi asintomatici di Covid-19.
Agiscono indebolendo i geni coinvolti nei processi di attivazione del sistema immunitario e la loro scoperta, avvenuta in Italia, potrebbe aprire la strada a nuove tecniche di diagnosi e a nuove terapie.
Pubblicato sulla rivista Genetics in Medicine, il risultato e si deve al gruppo del Ceinge-Biotecnologie di Napoli diretto da Mario Capasso e Achille Iolascon, entrambi docenti di Genetica medica dell’Università Federico II di Napoli. I dati sono ora disponibili online a tutti i ricercatori del mondo.
La ricerca, cui hanno collaborato Pellegrino Cerino, dell’Istituto Zooprofilattico di Portici, e Massimo Zollo, coordinatore della task-force Covid del Ceinge e docente di Genetica della Federico II, si è basata sull’analisi dei campioni di Dna di circa 800 individui rimasti asintomatici dopo l’infezione da SarsCoV2, pur avendo fattori di rischio come l’età avanzata. “Sono stati analizzati tutti i geni finora conosciuti utilizzando sequenziatori di ultima generazione e ottenendo così un enorme mole di dati genetici”, rileva Capasso.
“Strategie di analisi bioinformatiche avanzate, messe a punto grazie al contributo del giovane ricercatore Giuseppe D’Alterio e del team di esperti bioinformatici del Ceinge – prosegue – hanno poi permesso di identificare mutazioni patogenetiche rare che erano significativamente più frequenti nei soggetti infetti e asintomatici e non in una grande casistica di circa 57.000 soggetti sani”.
I geni coinvolti nelle infezioni asintomatiche sono tre, si chiamano Masp1, Colec10 e Colec11 e appartengono alla famiglia delle proteine della lectina, la proteina coinvolta nel processo di riconoscimento cellulare. “Oggi è ampiamente dimostrato che l’eccessiva risposta immunitaria all’infezione da SarsCoV2 e la successiva iper-attivazione dei processi pro-infiammatori e pro-coagulativi sono la causa principale del danno agli organi come polmoni, cuore, rene”, osserva Capasso, e “la nostra ricerca dimostra che le mutazioni del genoma umano che attenuano questa eccessiva reazione immunitaria possono predisporre a un’infezione senza sintomi gravi”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Giro: ‘scortato’ da Polstrada con 40 motociclisti e 20 auto
Gli agenti parteciperanno anche al progetto Biciscuola, con Rcs
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
18:06
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con 40 motociclisti e 20 operatori in auto la Polizia stradale, come ogni anno, accompagnerà il Giro d’Italia, che partirà domani da Avola (Sr) e si concluderà il 29 maggio a Verona.
Per la competizione la Polizia schiererà in campo anche altre 17 unità, per curare i rapporti con le autorità di tutte le province e con i mass media.
I poliziotti della Stradale saranno presenti anche con ‘Biciscuola’, l’iniziativa in collaborazione con Rcs rivolta agli studenti delle elementari, per far conoscere ai giovani i valori del Giro d’Italia ed avvicinarli all’uso della bicicletta. Gli agenti incontreranno le classi vincitrici delle scuole che hanno partecipato al concorso.
Durante alcune tappe verranno poi premiati gli operatori della Specialità nell’ambito della 11/a edizione degli ‘Eroi della Sicurezza’, riconoscimento di Autostrade per l’Italia dedicato ai poliziotti che si sono distinti per dedizione e professionalità nelle attività di soccorso e nei compiti istituzionali. I premi saranno consegnati nelle tappe di Napoli (14 maggio), Isernia (15 maggio), Pescara (17 maggio), S.Arcangelo di Romagna (Rn) (18 maggio), Parma (19 maggio), Belluno (28 maggio).       SPORT

Strage Viareggio:appello bis, Comune rinuncia a parte civile
Avvocato parte civile,’Imputati Fs persero scommessa sciagurata’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VIAREGGIO (LUCCA)
09 maggio 2022
18:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Comune di Viareggio (Lucca) rinuncia alla costituzione di parte civile nel processo di appello bis sulla strage ferroviaria del 29 giugno 2009 che si sta svolgendo a Firenze.
La corte ha chiesto all’avvocato Graziano Maffei, che assiste il Comune, se l’ente volesse rinunciare a comparire nel processo come parte e il legale ha risposto in modo affermativo.
Per il Comune di Viareggio nel marzo scorso c’è stata quietanza di un risarcimento residuale da 200.000 euro per danno morale per il tramite della compagnia assicurativa Generali, mentre già a suo tempo, con transazione nel 2011, era stato liquidato al municipio 2,8 mln di euro per danno patrimoniale. La rinuncia a proseguire come parte civile è spiegata col fatto che il Comune non vanterebbe altre pretese di risarcimento.
Poi l’avvocato Maffei ha continuato la discussione come legale della famiglia Piagentini. Con la strage di Viareggio, che causò 32 morti, le Fs, Mauro Moretti e gli altri dirigenti del gruppo Fs imputati persero una “scommessa che”, ha detto, per anni “venne ripetutamente vinta, e la vinsero tutti questi perché tutti partecipavano al gioco”, “una sciagurata scommessa fatta in un gioco di imprenditoria avventata e destinata alla rovina, soprattutto di coloro che ne subirono conseguenze”. Per l’avvocato Maffei la velocità dei treni merci e la mancata vigilanza sulla manutenzione dei carri fatta da società straniere costituiscono una “‘culpa in vigilando’ di grandissimo livello causale per tutti quanti ne sono implicati, perché i treni continuavano ad andare trasportando merci pericolose sulle stesse linee ferroviarie. E andavano tutti alla stessa velocità”. La velocità, ancora Maffei, “era aspetto nel totale dominio” degli imputati e “gli studi dicono che a 60 kmh si sarebbe salvata” la situazione “e che tra 30 e 60 kmh ci sono valori capaci di interrompere e rendere inefficace la causa dell’evento, o che non si realizzi l’evento”.   CRONACA   ECONOMIA

Salvini, viaggio Draghi in Usa porti pace, non armi
I due contendenti vogliono tavolo pace, non vorrei altri no
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
18:47
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Spero che il viaggio di Draghi in America porti pace e non altre armi: i due contendenti vogliono sedersi al tavolo della pace, non vorrei che altri non lo volessero…”.
Lo afferma il leader della Lega, Matteo Salvini, partecipando alla presentazione del libro “Il fatto non sussiste” nella sede del Partito Radicale.   MONDO

L’Ue ‘abbraccia’ l’ambasciata ucraina
Iniziativa a Roma per la Festa del Europa, 24 delegazioni di paesi Ue
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
10 maggio 2022
08:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il blu della bandiera dell’Unione Europea con le 12 stelle dorate ha avvolto simbolicamente, dalla scorsa notte, la sede dell’ambasciata ucraina a Roma.
Sono 150 le bandiere cucite insieme come ad abbracciare il popolo ucraino in lotta con i russi per la riaffermazione della propria indipendenza e, a suggellare il sostegno e la solidarietà dell’Europa per questa causa, 24 delegazioni Ue sono andate all’ambasciata oggi nel giorno della Festa d’Europa, 72 anni dopo la dichiarazione Shuman, data simbolica della creazione del primo embrione dell’Europa.

“Stamane siamo qui tutti insieme per continuare a sostenere il popolo ucraino in tutti modi: con sanzioni, con l’accoglienza dei profughi e l’invio di armi alla resistenza ucraina per difendersi”, ha spiegato Eric Jozsef presidente di europaNow e organizzatore dell’iniziativa. “L’evento di oggi è per continuare a rimarcare il nostro sostegno al popolo ucraino che sta difendendo i valori dell’Unione Europea come la pace e la democrazia”, ha concluso. A fargli eco l’ambasciatore della Francia a Roma Christian Masset: “qui per mostrare la nostra unità e determinazione per fermare la guerra, per fermare il fuoco delle truppe russe”, ha infatti spiegato il diplomatico.
“Sostegno e unità al popolo ucraino: con sanzioni o armi per permettere loro di difendersi. Da parte della Francia c’è la ferma volontà e determinazione per un’Europa più forte”, ha sottolineato Masset spiegando anche l’importanza del processo di validazione della richiesta ucraina di entrare a fare parte dell’Unione. “L’impegno della Francia come presidente di turno dell’Ue è quello che la candidatura per l’ingresso dell’Ucraina sia trattata e esaminata con un ampio dibattito, con tutte le procedure che abbiamo, perché la Francia vuole un’Europa più forte che protegga i cittadini europei da un punto di vista della sicurezza, del rilancio dell’economia e della giustizia sociale e dell’ambiente”, ha proseguito. “L’Europa è una famiglia dai valori condivisi: di libertà, di democrazia, di rispetto della dignità umana e di rispetto dello stato di diritto”, ha concluso. Ha ringraziato l’Italia e l’Europa l’ambasciatore ucraino a Roma Yaroslav Melnyk. “La bandiera dell’Ue abbraccia tutto il popolo ucraino. Apprezziamo tantissimo il ruolo dell’Unione Europea che ci sta sostenendo per aiutarci e difendere non solo il nostro territorio, ma difendere tutta l’Europa. Dobbiamo essere uniti come mai per dare una risposta più dura possibile all’aggressione russa”, ha terminato Melnyk ribadendo che “siamo tutti d’accordo e concordi nel voler vedere l’Ucraina tra i membri dell’Ue”. Il senso di solidarietà alla causa arriva anche in Campidoglio dove si ricorda David Sassoli e si esibiranno i violinisti Oleksandr Semchuk e Ksenia Milas, lui ucraino, lei russa, marito e moglie nella vita e artisti.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Morto De Benedetto, simbolo battaglia per cannabis terapeutica
Suo ultimo appello a politica, ‘Ci sentiamo scoraggiati’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
AREZZO
09 maggio 2022
18:57
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ morto a 50 anni Walter De Benedetto: l’uomo, che viveva a Olmo, nel comune di Arezzo, era uno dei malati simbolo della battaglia per la liberalizzazione della cannabis a scopo terapeutico.
Malato da anni di grave forma di artrite reumatoide, nell’aprile di un anno fa era stato assolto, perché il fatto non sussiste, dall’accusa di aver coltivato a casa marijuana: per il gup di Arezzo la produceva e utilizzava a scopo terapeutico per la sua malattia.

Nel suo ultimo appello al Parlamento, lo scorso 17 marzo, ricorda l’associazione Meglio legale, De Benedetto aveva scritto: ‘Ci sentiamo scoraggiati perché sembra che il nostro Stato preferisca lasciare 6 milioni di consumatori nelle mani della criminalità organizzata anziché permettergli di coltivarsi in casa le proprie piantine’ e concludeva, come sempre, ricordando a tutti che ‘Il dolore non aspetta'”. De Benedetto, si ricorda, era affetto da artrite reumatoide da giovanissimo, da oltre 35 anni, e avrebbe compiuto 51 anni quest’anno. Aveva deciso di coltivare cannabis “per supplire alle mancanze del Sistema sanitario che non gli garantiva la terapia, nonostante la regolare prescrizione. Costretto ad affrontare un processo, con la sentenza dello scorso aprile 2021, si è sancita la sua non colpevolezza: l’utilizzo della cannabis è stato dichiarato strettamente legato ai fini terapeutici”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sciopero della scuola il 30 maggio
Sindacati non escludono lo sciopero degli scrutini
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
19:05
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sarà il prossimo 30 maggio lo sciopero della scuola: a indirlo le maggiori sigle sindacali: Cgil, Cisl Uil, Snals e Gilda, a cui si è unito anche il sindacato Anief.
Il decreto del governo sul reclutamento dei docenti è il principale motivo che ha scatenato la proclamazione dello sciopero.
I sindacati non escludono neppure lo sciopero degli scrutini. “La rigidità del ministero rispetto alle questioni sollevate non ha lasciato margini – sottolineano Francesco Sinopoli, Ivana Barbacci, Pino Turi, Elvira Serafini, Rino Di Meglio – per questo abbiamo deciso di avviare un percorso di forte protesta, con diverse forme di mobilitazione”.
“Rispetto le decisioni sindacali. Voglio ribadire però che questo governo ha sempre investito sulla scuola fin dal suo insediamento e sta continuando a farlo”, ha replicato il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ue: Letta, abolire diritto veto e creare Comunità politica
“Accogliere Ucraina e altri candidati in famiglia europea”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
19:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Abolire il diritto di veto e creare una Comunità politica attorno all’UE per accogliere l’Ucraina e altri candidati nella famiglia europea.
Due passi coraggiosi che da tempo considero cruciali per una Europa capace di proteggere i cittadini ed essere influente nel mondo”.
Lo scrive su Twitter il segretario del Pd, Enrico Letta.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ex Ilva: Salvini, Pd ed M5s non votano, Draghi intervenga
“E’ seconda volta che maggioranza si spacca”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
19:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“E’ la seconda volta che la maggioranza si spacca e alla fine non si vota a favore dell’ Ilva: una cosa fondamentale.
Ora mi aspetto da Draghi intervenga al suo rientro dall’America”.
Lo afferma il leader della Lega, Matteo Salvini, a margine della presentazione del libro “Il fatto non sussiste” nella sede del Partito Radicale.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dl Ucraina bis:si va verso fiducia,domani al via esame al Senato
Decreto deve andare alla Camera ed essere convertito per il 20
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
19:12
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il governo sta valutando l’ipotesi di ‘blindare’ con la fiducia il cosiddetto decreto Ucraina bis, da domani all’esame dell’aula del Senato.

E’ quanto si apprende da fonti parlamentari riguardo al provvedimento che prevede, tra l’altro, il taglio delle accise su benzina e gasolio e ulteriori poteri a disposizione del Garante per la sorveglianza dei prezzi, e che nelle commissioni Industria e Finanze ha messo alla prova la maggioranza con un emendamento sulle bonifiche all’ex Ilva di Taranto.
Il decreto, che dovrà poi passare alla Camera, va convertito in legge entro il 20 maggio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Senato: Petrocelli, mia decadenza sarebbe punizione politica
“E’ ‘vendetta’ per aver votato contro invio armi in Ucraina”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
19:14
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Domani la Giunta per il Regolamento potrebbe consentire una cosa mai fatta prima: la dissoluzione di una Commissione permanente del Parlamento e la mia decadenza, punendomi politicamente per aver votato contro l’invio di armi all’Ucraina”.
Lo scrive in un tweet, con l’hashtag #Vendettapolitica, il senatore M5s e presidente della Commissione Esteri Vito Petrocelli
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ex Ilva: Collina (Pd), dem per no, ma poi forzatura 5S
“Credevo venisse bocciato emendamento, mia responsabilità”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
19:16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La scelta di votare a favore dell’emendamento proposto dai 5s sull’Ilva nasce solo dalla volontà di non rompere un’alleanza politica che sul territorio tarantino sostiene un candidato a sindaco.
Ero consapevole che l’input che avevo dalla capogruppo e dal partito era di votare contro l’emendamento”.
Lo dice Stefano Collina, capogruppo Pd in commissione Industria. “Di fronte alla forzatura del m5s, che ha voluto mettere ai voti un emendamento” che “avevamo bloccato in tutte le riunioni di maggioranza, ho scelto di votare a favore, convinto che l’emendamento sarebbe stato bocciato. Mi assumo la responsabilità della scelta”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Revenge porn e violenza sessuale, arrestati due fratelli
Entrato in possesso video esplicito, tormenta ragazza per 2 anni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
09 maggio 2022
20:38
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Revenge porn, violenza sessuale, detenzione di materiale pedopornografico, diffusione di immagini e filmati a contenuto sessualmente esplicito e violenza privata sono le ipotesi di reato per le quali due fratelli, di 19 e 25 anni, sono stati arrestati dai carabinieri di Ancona, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip.
Le indagini, condotte dai militari con il coordinamento della Procura della Repubblica di Ancona hanno riguardato una serie di vessazioni subite da una ragazza, cominciate nel 2020, quando uno dei fratelli, originari del Bangladesh, titolare di un negozio di telefonia, è entrato in possesso del cellulare della giovane, dove ha trovato, per la sua attività lavorativa, un video intimo con l’ex fidanzato.
Da lì sono cominciati ricatti, minacce e violenze sessuali: l’uomo ha anche realizzato altri video espliciti e quando ha tentato di opporsi, li ha diffusi tra conoscenti e anche mostrati ai genitori della ragazza. Durante le indagini i militari hanno rinvenuto anche del materiale pedopornografico e individuato altre situazioni da approfondire. I due fratelli sono entrambi rinchiusi nel carcere di Montacuto e sono sottoposti all’ulteriore divieto di incontrarsi e comunicare.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Eurovision, Pausini, Mika, Cattelan: ‘La musica è pace’
I conduttori, ci divertiamo ma qui anche per messaggi di unità
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
10 maggio 2022
10:19
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fucsia acceso per Laura Pausini, verde smeraldo per Mika, total black per Alessandro Cattelan.
Diversi, ma complementari.
“Siamo un gruppo di persone ben bilanciato, ognuno con le sue peculiarità, ma anche con i suoi spazi.
Insieme ci divertiamo”, spiega per tutti e tre Cattelan, forse il più intimorito davanti alla parlantina inesauribile dei due colleghi. A loro spetta la conduzione dell’Eurovision Song Contest, al martedì 10 maggio a Torino, con la prima delle due semifinali (la seconda il 12 maggio, la finale sabato 14), in diretta su Rai1.
Una manifestazione canora, è vero, ma che in un momento delicato per la geopolitica europea si fa portavoce di messaggi importanti. “Una manifestazione come questa pur non essendo politica è di grande impatto e valore, e quindi diventa politica in ogni caso. Eventi come questi possono educare”, sottolinea ancora Cattelan. “La musica è pace, è un messaggio di unità – gli fa eco Laura Pausini, la più internazionale delle nostre cantanti -. Siamo qui mano nella mano, per dire qualcosa di semplice: pace”. E Mika rilancia: “La musica è uno strumento per unire. Tutte queste differenti culture e lingue sullo stesso palco esprimono il concetto di universalità. La diversità è fonte di ispirazione. E se a Sanremo è importante quando parli a 14-15 milioni di persone, qui lo è ancora di più con una platea di 200 milioni”.
Essere su quel palco è “un grande onore”, lo definiscono tutti. Anche se Mika ha dovuto fare ammenda. In passato rifiutò di rappresentare l’Inghilterra perché non ritenne la manifestazione adatta a lui. “Ho detto di no, è vero. Ma ho sempre guardato e apprezzato l’Eurovision, fin da quando ragazzino costringevo la mia famiglia a spostare il televisore dal salotto alla cucina per poterlo vedere. Ho fatto commenti negativi, ma si può sempre cambiare idea, soprattutto perché negli ultimi 5-6 anni Ebu ha fatto investimenti notevoli per portare lo show a livelli rilevanti a livello di artisti, ma anche di conduttori, fotografi, tecnici. Ora sono qui e sono felice di esserci”.
L’Eurovision è uno show musicale, ma ci sarà qualche spazio anche per i conduttori. Mika e Laura Pausini si esibiranno in un duetto (“Un piccolo viaggio nel viaggio dell’Eurovision, spiega Laura che avrà modo anche di ricordare Raffaella Carrà, “the one and the only, non potevano non omaggiarla”), Cattelan per un intervento ironico su come gli italiani preparano un evento del genere.

“E’ qualcosa di molto nuovo per me, di eccitante – aggiunge ancora la Pausini -. E’ un momento per venire in contatto di nuovo con la musica europea. Per guardare, scoprire, essere curiosi: questa è vita per me. E dopo due anni di covid è anche il modo per rilassarmi e di fare un sorriso”.
E poi per i tre, domanda di rito su che cosa è per loro il Sound of Beauty, claim di questo Eurovision. “La prima volta che ho sentito la parola mamma, quando dico ‘Italia’ e arte: dentro questa piccola parola c’è il mio mondo e il suono della bellezza”, dice senza esitazione Laura Pausini. Per Cattelan, in maniera più goliardica, è il suono dopo la prima birra al pub, mentre per Mika è “un’idea diversa per ciascuno di noi”.   PIEMONTE
SPETTACOLI MUSICA E CULTURA     CINEMA

Marinella: ‘Putin con la cravatta regalo del Cav’
Fa parte di una spedizione di 3/400 capi. Molte sono dono di Berlusconi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
10 maggio 2022
08:42
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La cravatta indossata da Vladimir Putin? “Penso proprio fosse una delle nostre, mi sembra proprio sia una delle mie.
Si tratta di un modello punta a spillo blu e bianco, forse regalatagli da Silvio Berlusconi o forse facente parte di uno stock mandato al presidente Putin.
Si tratta di un modello classico, elegante, che di solito si mette nelle occasioni importanti”. A rivendicare la paternità del capo indossato oggi dal presidente russo – a Rai Radio1, ospite di Un Giorno da Pecora – è Maurizio Marinella, a capo dell’omonimo marchio noto per le cravatte sartoriali, intervistato da Giorgio Lauro e Francesca Fagnani.
Secondo lei è probabile che il capo in questione sia stato acquistato da Putin o che glielo abbia regalato il Cavaliere? gli hanno chiesto i conduttori. “L’ultima fornitura fatta a Putin risale a circa un anno fa – ha detto a Rai Radio1 l’imprenditore partenopeo – tra cui questo modello che gli era stata spedita in grandi numeri. Diciamo che negli ultimi anni ne avremo mandate a Putin circa 3/400, di cui una grande parte ‘regalate’ da Berlusconi, che è stato il ‘creatore’ e ‘divulgatore’ del modello”. Quanto costa la cravatta in questione? “Centotrenta euro”. A suo avviso anche le cravatte inviate al Cremlino vengono controllate a fondo per verificare siano ‘sicure’? “Sicuramente sì – ha spiegato Marinella a Un Giorno da Pecora -, perché viene fatto un controllo, vengono aperti i pacchi, controllati per vedere che nelle cravatte non ci siano microspie ed altro, anche col metal detector”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Maggioranza fibrilla su ex Ilva, governo “salvato” da FdI
Su bonifiche voto contrario M5s e Pd. Ira Salvini, Draghi agisca
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
21:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un gigante di acciaio difficile da gestire, difficilissimo da ‘riconvertire’ e che divide ancora la politica.
Il futuro dell’ex Ilva di Taranto si ferma di nuovo in Parlamento e spacca la maggioranza sul voto per la bonifica.
Al Senato M5s, Pd e Leu votano un emendamento dei 5 Stelle che si oppone alla proposta del governo di spostare i 150 milioni previsti per le bonifiche verso la produzione delle Acciaierie italiane, gli eredi di ArcelorMittal. Forza Italia e Lega invece si allineano all’esecutivo. Finisce in parità – 14 sì e altrettanti no – e maggioranza salva per 3 voti. Sono quelli del renziano Mauro Marino e di due senatori di Fratelli d’Italia che si astengono. Un voto che manda in fibrillazione la coalizione a poche ore dal voto sul decreto Ucraina bis in Aula, a cui è collegato l’emendamento della discordia. Tant’è che per non avere sorprese il governo sta pensando di chiedere la fiducia per blindarlo.
Per gli impianti del quartiere Tamburi non c’è pace né futuro, al momento. Per la politica è un forte malumore che travolge di nuovo i partiti. “E’ la seconda volta che la maggioranza si spacca e alla fine non si vota a favore dell’Ilva: una cosa fondamentale”, tuona Matteo Salvini ricordando il caos vissuto a febbraio a Montecitorio sul decreto Milleproroghe, anche allora sull’Ilva. Il leghista non ci sta e chiama in causa il premier: “Ora mi aspetto da Draghi che intervenga al suo rientro dall’America”. Chiarimento urge anche fra i dem che ammettono di aver sbagliato a cedere alla “forzatura” voluta dall’alleato di centrosinistra e in dissenso con l’input dato dei vertici del Pd. E’ il senatore Stefano Collina a fare il mea culpa, assumendosene la responsabilità pubblicamente: “La scelta nasce solo dalla volontà di non rompere un’alleanza politica che sul territorio tarantino sostiene un candidato sindaco”, si giustifica. All’attacco va invece il Movimento. “Lo stop all’emendamento è uno schiaffo a Taranto e un segnale molto negativo per il Paese. Perciò lo ripresenteremo nel prossimo decreto Aiuti”, annuncia Mario Turco, vicepresidente del M5s e primo firmatario dell’emendamento.
Come a febbraio, anche il second round dell’ex Ilva si gioca in notturna. Cambia solo il ring: stavolta sono le commissioni Industria e Finanze di Palazzo Madama, messe al lavoro ‘eccezionalmente’ di domenica sera, per il decreto Ucraina bis. E’ l’ennesimo provvedimento varato dal governo per arginare gli effetti della guerra, partendo dal taglio delle accise sui carburanti fino al controllo dei prezzi, concedendo più poteri al Garante, il cosiddetto mister prezzi. I tempi stretti – il decreto va convertito entro il 20 maggio, e prima deve passare alla Camera – costringono alla seduta ‘straordinaria’. Ma è sull’Ilva che gli animi si agitano. I 5 Stelle tentano il blitz chiedendo di votare un loro emendamento (nonostante il parere contrario del governo) che prevede di cancellare la proposta del ministero dello Sviluppo economico di destinare a progetti di decarbonizzazione i fondi per le bonifiche. I 5S puntano i piedi: “Il progetto di decarbonizzazione, così com’è, è indefinito. Vogliamo chiarezza sull’entità dei fondi, sul reale fabbisogno economico e l’impatto preventivo su ambiente e salute”, è il loro mantra.
Alla fine convincono a seguirli, Dem e Leu. Il pareggio – insieme al ‘paracadute’ degli astenuti – fa fallire la mossa ma certifica l’ennesima frattura nella coalizione di governo. La evidenzia Andrea de Bertoldi di FdI: “Abbiamo scelto l’astensione anche per dimostrare plasticamente le spaccature che ci sono nella maggioranza su temi fondamentali”. E per Marino di Iv è il segno che “la smania elettorale è troppa e punta a far fibrillare un governo autorevole come quello di Draghi pur di risalire nei sondaggi”. Per i pentastellati è un boccone amaro da mandar giù.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nuove accuse a Palamara, anche “affare molto vantaggioso”
Avviso di conclusione indagini per corruzione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
09 maggio 2022
22:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nuove accuse di corruzione, per l’esercizio della funzione e in atti giudiziari, per l’ex consigliere del Csm Luca Palamara da parte della Procura di Perugia.
L’ex consigliere del Csm e sostituto procuratore a Roma è infatti accusato di avere messo a disposizione di due imprenditori “le sue funzioni e i suoi poteri” in cambio, tra l’altro, della partecipazione a “un affare molto vantaggioso”, dell’uso gratuito di uno scooter, del pagamento di alcune multe e di soggiorni a Capri e a Roma.
Reati per i quali i pm del capoluogo umbro hanno depositato l’avviso di conclusione delle indagini nei confronti dell’ex magistrato, di Leonardo Manfredi Ceglia e a Federico Aureli.
In particolare Aureli è accusato – in base alle indagini della guardia di finanza – di aere fatto partecipare Palamara “ad un affare molto vantaggioso” concedendogli la possibilità di essere “socio occulto” della Kando beach con sede ad Olbia, in Costa Smeralda. La quota dell’ex consigliere del Csm sarebbe stata intestata a un commercialista “amico di lunga data” di Palamara.
La Kando beach – sempre secondo la ricostruzione accusatoria – aveva quindi rilevato un bar-caffè presso la spiaggia di Porto Istana.
Dall’avviso di conclusione delle indagini emerge che l’ex magistrato “senza avere corrisposto alcun importo” partecipava alla gestione percependo gli utili. Palamara, attraverso le sue funzioni, si era quindi interessato alle procedure amministrative relative all’attività del bar. E’ accusato poi di avere “favorito il buon esito” di un procedimento penale al tribunale di Roma a carico di due congiunti di Aureli. Fatti collocati tra l’ottobre 2016 e il maggio 2019.
Ceglia, come legale rappresentante di una società, deve invece rispondere di avere offerto a Palamara quattro soggiorni in strutture ricettive a Capri e “diversi” a Roma. Questo per “favorire il buon esito” di un procedimento penale nei confronti di Ceglia e di alcuni congiunti, nonché di una causa di separazione.
Le indagini sono state coordinate dai sostituti Gemma Miliani e Mario Formisano.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: nuove forti esplosioni ad Odessa. Draghi e Biden parleranno di sanzioni alla Russia
Zelensky: ‘Putin è come Hitler’. Macron: ‘Non siamo in guerra contro la Russia’.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
10 maggio 2022
08:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le autorità ucraine hanno reso noto che c’è stato un attacco missilistico nella serata di lunedì su Odessa.
Lo riporta la Bbc precisando che dal centro della città si sono sentite tre forti esplosioni.
La prima è stata abbastanza forte da scuotere i finestrini e far scattare gli allarmi delle auto vicine. La Russia ha colpito la città ucraina di Odessa con tre missili Kinzhal lanciati da un aereo russo Tu-22. Lo scrive l’agenzia ucraina Ukrinform, precisando che i missili hanno ferito due persone e distrutto cinque edifici di infrastrutture turistiche. Lo ha reso noto il servizio stampa del consiglio comunale di Odessa su Telegram. In giornata le truppe russe avevano lanciato un raid missilistico nella città durante la visita in città del presidente del Consiglio europeo Charles Michel e del primo ministro ucraino Denys Shmyhal.
Il presidente americano Joe Biden e il premier Mario Draghi “parleranno di come continuare a imporre sanzioni su Putin e la Russia e di come continuare ad aiutare gli ucraini”. Lo ha detto la portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki, in un briefing con la stampa a proposito dell’arrivo domani del premier italiano. I due leader “parleranno anche della cooperazione bilaterale in vari ambiti”, ha ribadito.
Con l’attacco all’Ucraina, Mosca ha risposto ad “una minaccia diretta vicino ai confini russi”, perché “un attacco era stato preparato, anche alla Crimea”. Lo dice Putin durante la parata per il Giorno della vittoria sui nazisti spiegando che “l’orrore di una guerra globale non si deve ripetere”. Ai soldati dice che stanno combattendo “per la nostra gente nel Donbass e per la sicurezza della patria”. La Russia ha sempre voluto “un sistema indivisibile per la sicurezza, ma la Nato non ci ha ascoltato”. “L’aggressione” della Crimea “è stata una minaccia ai confini, inammissibile per noi. Il pericolo è cresciuto ogni giorno, il nostro è stato un atto preventivo, una decisione necessaria e giusta”. Putin non ha “alcun dubbio” sul fatto che quella che chiama “l’operazione militare speciale” in Ucraina “produrrà risultati”. “Se ci fosse stata anche una possibilità di risolvere la questione ucraina pacificamente, la Russia l’avrebbe usata”, ha aggiunto. La parte aerea della parata a Mosca è stata cancellata, ufficialmente “per le condizioni meteo”, sebbene i cieli su Mosca siano sereni. La lettera Z, famigerato simbolo dell’aggressione e onnipresente al fronte, rimane praticamente assente dalla sfilata. Zelensky: ‘Lui è come Hitler, è maledetto dai suoi avi’. Macron: ‘Aiutiamo Kiev ma non siamo in guerra contro la Russia. Da Putin nessuna escalation verbale, ora tregua’. Von der Leyen: ‘Puntiamo a un parere sull’adesione di Kiev a giugno’. Xi a Scholz: ‘Evitare l’espansione del conflitto’. Raid a Odessa, Michel costretto a rifugiarsi. “Le dichiarazioni di Putin che in Ucraina ci sono i nazisti sono ridicole. In Ucraina ci sono gli ucraini”: lo ha detto il portavoce del Pentagono, John Kirby, in un briefing con la stampa. “Abbiamo indicazioni che gli ucraini sono stati portati dall’Ucraina alla Russia contro la loro volontà”, ha aggiunto Kirby sottolineando che le forze russe stanno commettendo “crimini di guerra”. Il dipartimento della Difesa non ha tuttavia precisato il numero di ucraini che ritiene siano stati deportati in Russia.

Putin: ‘L’orrore di una guerra globale non deve ripetersi’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

AIR SHOW CANCELLATI
Il governo russo non ha cancellato oggi solo l’esibizione aerea prevista sui cieli di Mosca per le celebrazioni della Giornata della Vittoria, ma anche quelle che erano state programmate nelle principali città in tutto il Paese, incluse San Pietroburgo e Rostov-on-Don: una decisione attribuita al maltempo che ha sorpreso gli analisti militari stranieri. “Sembra incredibile – ha detto alla Cnn Peter Layton, un esperto del Griffith Asia Institute in Australia ed ex ufficiale dell’aeronautica australiana -. Sembrava soleggiato per quello che ho visto. L’unica scusa sarebbero forti venti trasversali nelle basi aeree da cui sarebbero dovuti decollare gli aerei”. A Mosca la parata avrebbe dovuto includere 77 caccia che sfrecciavano sulla Piazza Rossa, inclusi otto MiG-29 in una formazione ‘Z’ a sostegno delle truppe impegnate in Ucraina. Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha detto che l’esibizione di Mosca è stata cancellata “per le condizioni meteo”. L’agenzia Tass ha precisato da parte sua che gli spettacoli sono stati annullati anche a Samara, Kaliningrad e Murmansk.
LA PARATA PER IL ‘GIORNO DELLA VITTORIA’:

‘CONTRO DI NOI UN PIANO D’ATTACCO’
Il presidente russo Vladimir Putin ha aperto con un discorso la celebrazione:  “Compagni ufficiali, sottoufficiali, compagni, generali e ammiragli, mi congratulo con voi per il 77esimo anniversario della grande vittoria. Anche ora in questi giorni voi combattete per la nostra gente nel Donbass, per la sicurezza della nostra patria. La Russia è sempre stata favorevole alla creazione di un sistema indivisibile per la sicurezza, ma la Nato non ha voluto ascoltarci. L’aggressione nelle nostre terre storiche della Crimea è stata una minaccia ai nostri confini, inammissibile per noi. Il pericolo è cresciuto ogni giorno, il nostro è stato un atto preventivo, una decisione necessaria e assolutamente giusta”. Una delegazione di veterani americani della Seconda guerra mondiale “avrebbe voluto venire a Mosca per partecipare alle celebrazioni per la sconfitta del nazismo, ma è stato loro vietato” di farlo”. “L’orrore di una guerra globale non si deve ripetere” ha detto Putin, sottolineando che con l’attacco all’Ucraina Mosca ha risposto ad “una minaccia diretta vicino ai confini russi”, perché “una attacco era stato preparato, anche alla Crimea”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
RAID A ODESSA, PAURA PER MICHEL
Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel è stato costretto a ripararsi in un rifugio antiaereo a seguito di un allarme per un raid missilistico russo durante la sua visita a sorpresa di oggi a Odessa. La fuga d’emergenza ha interrotto il suo incontro con in premier ucraino Denys Shmygal. Lo riferiscono fonti Ue.

ZELENSKY: ‘PUTIN COME HITLER’
“Solo un pazzo può sperare di ripetere 2194 giorni di guerra” della Seconda guerra mondiale: “colui che sta ripetendo oggi gli orribili crimini del regime di Hitler, seguendo la filosofia dei nazisti e replicando tutto quello che hanno fatto. E’ condannato. Perché è stato maledetto da milioni di antenati quando ha cominciato ad imitare il loro assassino. E allora perderà tutto”. Lo dice il presidente ucraino Volodymyr Zelensky nel video di oltre 5 minuti, girato in occasione del Giorno della Vittoria sul nazismo mentre cammina nel centro di Kiev, senza mai nominare direttamente il presidente russo Vladimir Putin.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le forze russe si preparano per un’offensiva nell’est
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
‘NON SIAMO IN GUERRA CONTRO RUSSIA’
“Affinché questa guerra possa concludersi abbiamo adottato sanzioni senza precedenti e abbiamo mobilitato mezzi umanitari, finanziari e militari come mai prima d’ora. Non siamo in guerra contro la Russia, lavoriamo per la preservazione dell’integrità dell’Ucraina, per la pace nel nostro continente. Ma sta solo all’Ucraina definire i termini dei negoziati con la Russia”. Lo ha detto il presidente francese Emmanuel Macron parlando a Strasburgo alla chiusura della Conferenza sul futuro dell’Europa.

L’ADESIONE DI KIEV
Colloquio telefonico tra la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. “Nella giornata dell’Europa abbiamo parlato del supporto dell’Ue al percorso europeo dell’Ucraina. Non vediamo l’ora di ricevere le risposte al questionario per la candidatura a membro dell’Ue. La Commissione punta a dare il suo parere a giugno”, scrive von der Leyen in un tweet.
RISCHI PER L’ECONOMIA
L’invasione dell’Ucraina ha “aumentato ulteriormente l’incertezza economica”. Lo afferma il segretario al Tesoro americano, Janet Yellen, sottolineando che c’è il “potenziale per una continua volatilità e irregolarità per la crescita globale”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
‘Ndrangheta: cosche radicate a Roma, misure cautelari
Operazione Dia coordinata da Dda. Arrestato sindaco in Calabria
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
REGGIO CALABRIA
10 maggio 2022
09:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Operazione della Direzione Investigativa Antimafia a Roma e provincia, in Lazio, e a Reggio Calabria e in Calabria per l’esecuzione di un’ordinanza cautelare del gip di Roma su richiesta della Dda romana nei confronti di 43 persone.
Alcuni sono accusati di far parte di una locale di ‘ndrangheta, radicata nella capitale e finalizzata ad acquisire la gestione e il controllo di attività economiche in svariati settori, ittico, panificazione, pasticceria, del ritiro delle pelli e degli olii esausti.
in corso anche perquisizioni e sequestri e l’esecuzione di misure cautelari disposte dal Gip su richiesta della Dda reggina.
L’organizzazione, secondo quanto riferito dagli inquirenti, faceva poi sistematicamente ricorso ad intestazioni fittizie al fine di schermare la reale titolarità delle attività. Inoltre, secondo quanto emerso l’organizzazione si proponeva anche il fine di commettere delitti contro il patrimonio, contro la vita e l’incolumità individuale e in materia di armi, affermando il controllo egemonico delle attività economiche sul territorio, realizzato anche attraverso accordi con organizzazioni criminose omologhe. A Reggio Calabria le misure sono state emesse all’esito del coordinamento investigativo con la Dda di Roma.
Nell’ambito dell’inchiesta, denominata “Propaggine”, è stato arrestato il sindaco di Cosoleto, Antonino Gioffré. Il suo nome compare nell’elenco dei 34 soggetti raggiunti da un’ordinanza di custodia emessa dal gip su richiesta della Dda reggina contro la cosca Alvaro-Penna di Sinopoli. Nel filone calabrese, 29 persone sono finite in carcere e 5 ai domiciliari. Gioffré è accusato di scambio elettorale politico-mafioso. In sostanza avrebbe favorito l’assunzione di un altro soggetto indagato. Gli altri reati contestati dai pm sono l’associazione mafiosa, il favoreggiamento commesso al fine di agevolare l’attività del sodalizio mafioso e la detenzione e vendita di armi comuni da sparo ed armi da guerra aggravate.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina, la cronaca della giornata in diretta
Usa, ‘Putin porterà la guerra fino in Transnistria. Non si fermerà al Donbass’, avverte l’intelligence. Macron-Xi: ‘D’accordo su integrità territoriale dell’Ucraina’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
10 maggio 2022
20:08
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19.52 – Un gruppo di 63 orfani ospitati negli istituti ucraini giunti oggi in Polonia sarà evacuato domani in Italia.
Il volo di evacuazione, che partirà da Cracovia alla volta di Trapani, è stato organizzato grazie al lavoro della Comunità Papa Giovanni XXIII, con l’assistenza del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e della rete diplomatica italiana in Ucraina e Polonia.
Lo fa sapere la Farnesina. “Questa evacuazione umanitaria conferma l’impegno dell’Italia nell’assistenza ai civili colpiti dal conflitto in Ucraina”, ha dichiarato il ministro Luigi Di Maio.
17.23 – “Questo pomeriggio ospiterò il premier italiano Mario Draghi alla Casa Bianca. Non vedo l’ora di riaffermare l’amicizia e la forte collaborazione tra le nostre due nazioni e di discutere del nostro continuo sostegno all’Ucraina”. Lo scrive su Twitter il presidente americano Joe Biden.
16.32 – La Commissione europea sta valutando di emettere nuovo debito comune per sostenere il finanziamento della ricostruzione dell’Ucraina nei prossimi mesi. Il fondo di solidarietà, che dovrebbe essere svelato mercoledì 18 maggio, avrebbe un valore stimato in 15 miliardi di euro. E’ quanto si apprende a Bruxelles. “Stiamo lavorando sulle proposte e valutiamo tutte le opzioni”, ha spiegato il commissario Ue per l’Allargamento, Oliver Varhelyi, confermando l’ipotesi. Le discussioni con i governi Ue sono in corso. Alcuni Paesi, tra cui la Germania e l’Austria, chiedono a Bruxelles di mettere sul tavolo opzioni alternative.
16.02 – Le forze di Vladimir Putin non hanno intenzione di fermarsi nel Donbass ma porteranno la guerra in Transnistria. Lo ha detto la direttrice dell’Intelligence nazionale americana, Avril Haines, in un’audizione alla Commissione della Difesa del Senato.
15.27 – Colloquio telefonico oggi tra il presidente francese, Emmanuel Macron e il presidente della Cina, XI Jinping. “I due capi dello Stato – si precisa in una nota diffusa dall’Eliseo – hanno ricordato il loro legame al rispetto dell’integrità territoriale e della sovranità dell’Ucraina e hanno condiviso l’urgenza di giungere ad un cessate il fuoco”. Macron ha poi evocato la “drammatica situazione in cui sono confrontati i civili ucraini a causa dell’aggressione russa.
14.44 – L’ambasciata tedesca a Kiev, chiusa a metà febbraio a causa della guerra, riaprirà. Lo ha annunciato la ministra degli Esteri tedesca Annalena Baerbock, sul posto, secondo quanto riportano alcuni media tedeschi. Per ora ci sarà solo una delegazione minima, ha spiegato, in grado di garantire un servizio limitato.
14.24 – “Mentre la Russia sfila sulla Piazza Rossa, migliaia di suoi soldati morti sono ammucchiati in sacchi su treni frigorifero”. Lo scrive su Twitter Anton Gerashchenko, consigliere del ministro degli Interni ucraino, citando il servizio di Al Jazeera English. “I russi si rifiutano di prenderli, così l’Ucraina potrebbe anche doverli seppellire a spese proprie”, aggiunge.
13.01 – Gli attacchi russi all’acciaieria Azovstal di Mariupol sono proseguiti “per tutta la notte. Vi sono feriti, molti anche in maniera grave che non possono raggiungere l’ospedale da campo nel mirino dell’aviazione” di Mosca. Lo ha detto il comandate del reggimento Svyatoslav Palamar alla Ukrainska Pravda
12.28 – Decine di cadaveri di soldati russi sono stati abbandonati sul campo di battaglia e nelle case dei villaggi liberati dai soldati ucraini nella regione di Kharkiv. Lo ha affermato su Telegram il capo dell’amministrazione militare regionale Oleg Sinegubov, riportato da Ukrinform. “Troviamo i loro corpi per le strade, nelle case, non sono stati nemmeno sepolti, li hanno lasciati nelle discariche. Quando si ritirano, non prendono i corpi dei loro soldati. Ciò testimonia ancora una volta la loro etica, i principi e le regole di guerra”, ha detto Sinegubov.
11.35 – Nelle ultime 24 ore l’esercito russo ha effettuato 34 attacchi aerei sul territorio dello stabilimento Azovstal di Mariupol, inclusi 8 con bombardieri strategici. Lo afferma un messaggio del battaglione Azov sul Telegram ripreso da Unian. Le unità russe stanno usando “l’artiglieria navale, razzi Mlrs, Ur-77, carri armati. Non smettono di cercare di catturare l’acciaieria e continuano a effettuare assalti quotidiani con il supporto della fanteria”, scrive il reggimento accerchiato nell’impianto siderurgico.
10.57 – “Nella centrale nucleare di Zaporizhzhia, in Ucraina, ci sono oltre 30 mila chilogrammi di uranio e plutonio arricchito e la Aiea non ha accesso all’impianto per verificare lo status di questo materiale. Siamo in contatto con gli esperti russi e il governo russo, che ha il controllo della centrale, e ho detto che devono garantire l’accesso ai nostri ispettori. Ho parlato poi con il presidente Volodymyr Zelensky e ho chiesto alle parti di poter organizzare una missione per verificare che sia tutto in ordine”. Lo ha detto Rafael Mariano Grossi, direttore della Aiea (agenzia atomica internazionale).
10.47 – “I tentativi russi di assalto da terra dell’acciaieria Azovstal di Mariupol non stanno avendo successo: la bandiera ucraina sventola in cima a un edificio dell’impianto siderurgico”. Lo scrive il consigliere del sindaco Petro Andriushchenko su Telegram, citato da Ukrinform. Andriushchenko ha anche postato un video dove si vedono numerose esplosioni all’interno dell’acciaieria. Le immagini mostrano la bandiera ucraina ancora sull’acciaieria.
10.46 – La Francia si mostra ottimista per il raggiungimento di un accordo tra gli Stati membri dell’Unione europea sul progetto di embargo sul petrolio russo, attualmente bloccato dall’Ungheria di Viktor Orban. Un’intesa è possibile “in settimana”, ha detto il segretario di Stato francese agli Affari europei, Clément Beaune, ai microfoni di LCI. “Penso che ci possa essere un accordo in settimana, ci lavoriamo senza sosta. E’ senza dubbio una questione di giorni”, ha aggiunto il rappresentante della presidenza di turno francese dell’Ue.
9.38 – Nella Azovstal di Mariupol “oltre ai militari nei rifugi rimangono almeno 100 civili”. Lo scrive su Telegram il consigliere del sindaco Petro Andryushchenko. “Tuttavia, ciò non riduce la densità degli attacchi da parte degli occupanti. L’artiglieria pesante e gli aerei hanno continuato a bombardare l’impianto per tutto il giorno. I tentativi di prendere d’assalto il terreno continuano a fallire”.
9.34 –  I corpi di 44 civili sono stati trovati sotto le macerie di un palazzo a Izyum, nella regione di Kharkiv, nell’ovest dell’Ucraina. Lo fa sapere il capo dell’amministrazione militare regionale di Kharkiv, Oleg Sinegubov, su Telegram, secondo quanto riporta l’agenzia ucraina Unian. “Nella città di Izyum temporaneamente occupata, dalle macerie di un edificio di cinque piani distrutto dagli occupanti nella prima decade di marzo, sono stati trovati i corpi di 44 civili. Questo è un altro orribile crimine di guerra degli occupanti russi contro i civili”, ha detto.
7.51 – Tre missili Kinzhal – i nuovi missili ipersonici della Russia – sono stati sparati ieri sera da un aereo su un hotel nella zona di Odessa, colpito anche un centro commerciale con altri sette missili. Lo ha reso noto Sergey Bratchuk, portavoce dell’amministrazione militare regionale di Odessa citato dalla Cnn che ha geolocalizzato e verificato l’autenticità di due video che circolano sui social e mostrano danni significativi alla struttura turistica di Zatoka. Le unità russe hanno attaccato ieri la città usando sottomarini, navi e aerei. La Cnn afferma che non è chiaro perché sia stato colpito l’albergo e chi o cosa potesse ospitare.
7.28 – Le forze russe stanno conducendo “operazioni di assalto” all’acciaieria Azovstal di Mariupol, dove centinaia di combattenti ucraini continuano a resistere sotto gli attacchi. Lo ha detto il Ministero della difesa di Kiev, secondo quanto riporta la Bbc . Un consigliere del sindaco di Mariupol, Petro Andriushchenko, ha detto che l’esercito russo ha iniziato ad assediare la fabbrica dopo che un convoglio Onu ha lasciato la regione di Donetsk. I russi hanno cercato di far saltare un ponte usato per le evacuazioni, ha spiegato, per bloccare gli ultimi combattenti rimasti all’interno.
2.07 – Si contano almeno un morto e 5 feriti a Odessa a seguito di una serie di attacchi russi sferrati nelle ultime ore. In tutto sono stati lanciati 7 razzi di vecchio modello – secondo il Comando operativo Sud ucraino citato dalla Ukrainska Pravda – che hanno causato una serie di incendi, tra cui uno in un centro commerciale, al momento tutti spenti. Testimoni oculari riferiscono di almeno quattro esplosioni in città. Più tardi, un portavoce dell’Ova di Odessa, Serhiy Bratchuk, ha detto a Hromadske che un incendio era scoppiato in uno dei centri commerciali e di intrattenimento di Odessa a seguito di un attacco missilistico ieri sera. Ieri mattina i russi hanno lanciato un attacco missilistico su Odessa, costringendo anche il primo ministro Denis Shmygal e il presidente del Consiglio europeo Charles Michel a cercare riparo nei rifugi.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina, Draghi alla Casa Bianca, con Biden impegno per la pace
‘Dobbiamo utilizzare ogni canale per la pace, per un cessate il fuoco e l’avvio di negoziati credibili’, ha detto il premier italiano
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
11 maggio 2022
11:41
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Nel loro incontro nello studio Ovale Joe Biden e il premier Mario Draghi hanno sottolineato il loro impegno a perseguire la pace sostenendo l’Ucraina e imponendo costi alla Russia”: lo afferma la Casa Bianca in una sintesi del colloquio.
Draghi ha detto che si deve “utilizzare ogni canale per la pace, per un cessate il fuoco e l’avvio di negoziati credibili”.
I due statisti hanno discusso anche di misure sicurezza alimentare ed energia e si sono impegnati a lavorare insieme sulle crisi globali. “Putin pensava di dividerci e ha fallito”, ha detto Draghi.
Tra i due leader circa un’ora e mezzo di colloquio.

“La pace sarà quello che vorranno gli ucraini, non quello che vorranno altri”. Lo ha detto, secondo quanto si apprende da fonti italiane, il presidente del Consiglio Mario Draghi nel corso del colloquio alla Casa Bianca con il presidente americano Joe Biden. Biden, secondo quanto riferiscono le stesse fonti, si sarebbe detto “d’accordo”

Quella in Ucraina “sarà una guerra lunga e dobbiamo prepararci”. Lo ha detto la portavoce della Casa Bianca confermando la valutazione dei servizi di intelligence americani. “Crediamo che Putin abbia ancora ambizioni”, ha detto.
“Putin pensava di dividerci, ha fallito”: così Draghi a colloquio con Joe Biden. La guerra in Ucraina porterà dei cambiamenti massicci in Europa. “C’è una cosa che appezzo di te, il tuo sforzo sin dall’inizio di aver unito la Nato e l’Ue e ci sei riuscito. Era difficile credere che andassero di pari passo, era più probabile che si dividessero ma tu sei riuscito a farle andare all’unisono”: lo ha detto Joe Biden al premier Mario Draghi nello studio Ovale.
“Siamo uniti nel condannare l’invasione dell’Ucraina, uniti nelle sanzioni e nell’aiutare l’Ucraina come ci ha chiesto il presidente Zelensky”, ha detto Draghi a colloquio con Biden. “Le nostre nazioni sono unite in modo forte e la guerra in Ucraina le ha ulteriormente rafforzato l’unione”. “In Italia e in Europa le persone vogliono la fine di questi massacri, di questa violenza, di questa macelleria. Le persone pensano che cosa possiamo fare per portare la pace”, ha aggiunto Draghi.
All’incontro tra il presidente americano Joe Biden e il premier Mario Draghi erano presenti, tra gli altri, per parte italiana l’ambasciatrice a Washington Mariangela Zappia, il consigliere diplomatico Luigi Mattiolo, quello militare il generale Luigi De Leverano e quello economico Francesco Giavazzi. Lo riferisce la Casa Bianca in una nota. Per parte americana la segretaria al Tesoro Janet Yellen, la vice segretaria del dipartimento di Stato Wendy Sherman e la consigliera della Casa Bianca per gli affari europei Amanda Sloat. Yellen e Draghi si conoscono e stimano da oltre dieci anni e domani sarà proprio la segretaria al Tesoro Usa a consegnare il premio di ‘politico dell’anno’ al presidente del Consiglio all’Atlantic Council.
La cooperazione dell’Italia è fondamentale: ha detto Biden. “Un’unione europea forte e’ nell’interesse degli Usa”, ha spiegato. L’Italia e gli Stati Uniti “hanno una lunga storia di legami condivisi”, ha aggiunto il presidente americano sottolineando che negli Usa ci sono “tanti italo-americani fieri delle loro origini”.”Dobbiamo utilizzare ogni canale per la pace, per un cessate il fuoco e l’avvio di negoziati credibili”, ha aggiunto il presidente del Consiglio.
“Continuiamo ad essere aperti ad una soluzione diplomatica in Ucraina ma non vediamo nessun segnale da parte della Russia che voglia impegnarsi in questo percorso”. Lo ha detto la portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki, rispondendo ad una domanda sugli sforzi di pace rilanciati dal premier italiano Mario Draghi nei suoi colloqui oggi a Washington con il presidente americano Joe Biden.
L’ARRIVO DI DRAGHI:

Botte per i voti, genitori risarciranno
La decisione del Tribunale di Pavia: 10.000 euro a ciascuno
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PAVIA
10 maggio 2022
10:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Li punivano per i brutti voti a scuola, picchiandoli con una scopa e frustandoli con il cavo della corrente elettrica.
Un comportamento che è costato al padre e alla madre, una coppia di origini indiane che vive a Pavia, la condanna a 4 mesi per abuso di mezzi di correzione (la pena è stata sospesa).
Il Tribunale ha inoltre stabilito che i due figli (un ragazzo di 16 anni e una ragazza di 12) vengano risarciti per le violenze subite con 10mila euro a testa. A darne notizia è oggi il quotidiano ‘La Provincia pavese’.
I fatti risalgono a tre anni fa. Erano stati gli stessi figli a denunciare i soprusi subiti dai genitori, inizialmente accusati di maltrattamenti in famiglia prima che il reato venisse derubricato in abuso di mezzi di correzione. La vicenda è stata seguita anche dal Tribunale per i minorenni di Milano, che ha disposto l’allontanamento dei due ragazzi dalla famiglia.
In realtà, come hanno spiegato durante l’udienza le legali che rappresentavano i figli, i voti scolastici erano sopra la sufficienza, ma evidentemente non a un livello tale da soddisfare il padre e la madre. Il difensore dei genitori ha sostenuto che nel frattempo sarebbe stato ricostruito un rapporto tra i due minori e la famiglia, ed ha annunciato ricorso in appello.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Via da lavoro per fare shopping, arrestato comandante Vigili
Nel Foggiano, indagati anche sei agenti Polizia locale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
LUCERA (FOGGIA)
10 maggio 2022
10:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il comandante della Polizia locale di Lucera (Foggia), Beniamino Amorico, è stato posto agli arresti domiciliari con le accuse di peculato, falso in atto pubblico, truffa e rivelazione del segreto d’ufficio.

Stessi reati per i quali sono indagati altri sei agenti del suo Comando.
Le indagini sono state condotte dalla Guardia di finanza da febbraio 2020 a settembre 2021. I militari hanno accertato che il comandante utilizzava l’auto del Comune per svolgere servizi privati, per andare a trovare la compagna o altri conoscenti anche fuori regione. Con frequenza quotidiana il comandante, dopo aver attestato la propria presenza in servizio, si sarebbe allontanato dal luogo di lavoro utilizzando l’auto del Comune per fare acquisti, raggiungere la propria compagna con cui si sarebbe intrattenuto a lungo, incontrare in altri comuni persone che non hanno alcun legame con il suo lavoro. Amorico nei mesi di indagine ha totalizzato 53 ore di assenza dall’ufficio e ha percorso circa 3.000 chilometri con l’auto in uso alla Polizia locale. I militari hanno anche accertato che il pubblico ufficiale avrebbe redatto atti falsi inerenti alle proprie attestazioni di servizio e all’uso dell’auto, e avrebbe favorito conoscenti con pratiche e istruttorie amministrative del proprio Comando. Ad esempio per porre rimedio a sei sanzioni per violazioni del codice della strada avrebbe rilasciato permessi retrodatati per la zona a traffico limitato, annullando così gli effetti delle contravvenzioni. Infine, il comandante avrebbe rivelato ad amici e conoscenti dati sensibili e riservati del suo ufficio, tra cui i report della Regione Puglia ad esclusivo uso degli organi di Polizia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Alpini: Guerini; comportamenti gravissimi, non sottovalutare
‘Nessuna tolleranza, mai giustificazione a molestie’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 maggio 2022
14:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“I comportamenti raccontati da alcune donne sono gravissimi.
Episodi che certamente andranno accertati dagli organi competenti, ma che non possono e non devono essere sottovalutati.
Episodi, voglio ribadirlo con forza, che sarebbero all’opposto dei valori degli Alpini e di una manifestazione che è celebrazione di solidarietà, principi e bellissime tradizioni”. Così il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, sui casi di violenza denunciati in occasione del raduno di Rimini. “È sbagliato – aggiunge – fare generalizzazioni, ma allo stesso tempo non ci deve essere nessuna tolleranza: le molestie e le violenze non devono mai e in nessun caso trovare alcuna giustificazione e vanno condannate senza esitazioni”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Minori autori di reati on line cresciuti del 250% in 5 anni
Pedofilia a +130%, si abbassa l’età delle vittime e dei consumatori di pornografia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
10 maggio 2022
11:32
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Aumentati del 250% negli ultimi 5 anni i minori che commettono reati on line, anche di particolare gravità, come la pedopornografia.
Un fenomeno a cui ha contribuito la pandemia, che ha fatto crescere a dismisura il tempo di connessione alla Rete di ragazzi e bambini, spesso senza controllo da parte dei genitori.
Nello stesso arco temporale sono saliti del 130% i casi di pedofilia e si è abbassata l’età dell’adescamento e dei consumatori di pornografia on line. I dati allarmanti sono contenuti nella relazione finale del gruppo di lavoro sui Social e minori, presieduto dalla sottosegretaria alla Giustizia Anna Macina.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nuova vita sulle montagne piemontesi, finanziate 302 domande
Approvata graduatoria bando, contributi da 10mila a 40mila euro
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
10 maggio 2022
11:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono in prevalenza giovani e provengono soprattutto dal Piemonte, ma anche da Lombardia e Liguria, le persone che hanno deciso di trasferirsi sulle montagne piemontesi.
Su 571 domande, sono 302 quelle ammesse dalla Regione a ricevere un contributo tra i 10mila e i 40mila euro nell’ambito del bando ‘La montagna del Piemonte ti offre una nuova vita’.
“Un grande successo”, per il governatore Alberto Cirio e l’assessore alla Montagna, Fabio Carosso.
Il bando era stato lanciato per contrastare lo spopolamento delle vallate alpine e per agevolare le persone o le famiglie alla ricerca di una vita dai ritmi più lenti, a contatto con la natura, in cui magari iniziare una nuova attività o continuare il proprio lavoro in smart. Richieste sono arrivate anche da Lazio, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Sardegna, Puglia, Calabria, Sicilia ed Abruzzo. Per quanto riguarda le province di destinazione, 116 domande sono relative a Comuni in provincia di Torino, 79 Cuneo, 42 Biella, 25 Alessandria, 21 Vco, 11 Vercelli, 5 Novara, 3 Asti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
P.A: Università Torino in aiuto dei Comuni per bilancio Pop
Dipartimento di Management semplifica il dialogo con i cittadini
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
10 maggio 2022
11:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Coinvolgere i cittadini nelle decisioni pubbliche e nella distribuzione delle risorse: è l’obiettivo del Bilancio Pop (Popular Financial Reporting), documento, cartaceo e online, in grado di raccontare le attività dell’amministrazione pubblica con immagini e grafiche.
Il team del Dipartimento di Management dell’Università di Torino, coordinato da Paolo Biancone e Silvana Secinaro, ne promuove l’adozione per legge e si mette a disposizione delle amministrazioni pubbliche per realizzarlo con loro.

Dopo il Bilancio Pop di Bari, il Dipartimento si prepara a presentare il Bilancio Pop come strumento di dialogo con il cittadino al Festival dell’Economia Aziendale dell’Università di Torino l’1 giugno. “Il Bilancio Pop – spiega Biancone – è la traduzione di informazioni complesse in notizie semplici: uno strumento prezioso per favorire la conoscenza reciproca della pubblica amministrazione e dei cittadini-elettori, ma anche per migliorare la comunicazione negli enti perché cambia l’approccio partecipativo, facilitando il feedback fra la governance delle risorse pubbliche e gli abitanti di un Comune o di una amministrazione regionale”.
Diffuso nei Paesi anglosassoni come Usa, Canada e Australia, il Bilancio Pop è poco presente in Europa, ma l’Italia è un esempio virtuoso: Torino è alla quinta edizione dopo essere stata la prima città in Europa a sperimentarlo nel 2016. Il Dipartimento ha collaborato alla realizzazione del Pop anche di Regione Piemonte, Nichelino, Moncalieri, Settimo Torinese (Torino), Acqui Terme (Alessandria), Basiglio (Milano), Castel Maggiore e Ozzano (Bologna). Tutte amministrazioni che hanno presentato i bilanci Pop tra ottobre 2021 e gennaio 2022.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La portaerei Truman giunta nel golfo di Napoli
Visibile dal lungomare è stata fotografata da decine di persone
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
10 maggio 2022
11:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ arrivata all’alba nel golfo di Napoli la portaerei statunitense classe Nimitz USS Harry S.

Truman (CVN 75).
L’unità della Marina Usa ha fatto una tappa lo scorso 23 aprile nel porto di Trieste. A Napoli, nonostante una leggera foschia, la nave è ben visibile: sono in tanti che sul lungomare – all’altezza del Castel dell’Ovo – si sono fermati per fotografarla.
Un gruppo di marinai della Truman, del Carrier Air Wing (CVW) 1, del Destroyer Squadron (DESRON) 28, e del Carrier Strike Group (CSG) parteciperanno ad un’attività di pulizia e manutenzione dell’Anfiteatro Campano di Santa Maria Capua Vetere, il secondo in ordine di grandezza dell’Impero Romano, che fu anche teatro delle gesta di Spartaco.
Una portaerei della Marina statunitense mancava da Napoli da sei anni.
L’Harry S. Truman Carrier Strike Group (HSTCSG) è attualmente in dispiegamento programmato nell’area di operazioni della Sesta Flotta in supporto alla sicurezza e alla stabilità marittima, anche allo scopo di rassicurare Alleati e partner in Europa e Africa.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Papa, serve conversione che smilitarizzi cuori
Il pontefice: ‘Come fossero nipoti, custodiamo i piccoli dell’Ucraina’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CITTÀ DEL VATICANO
10 maggio 2022
11:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il mondo vive un tempo di dura prova, segnato prima dalla tempesta inaspettata e furiosa della pandemia, poi da una guerra che ferisce la pace e lo sviluppo su scala mondiale”.
Lo scrive il Papa nel Messaggio per la Giornata dei nonni (24 luglio).
“Non è casuale -sottolinea- che la guerra sia tornata in Europa nel momento in cui la generazione che l’ha vissuta nel secolo scorso sta scomparendo”. Francesco sottolinea che ci sono anche “altre forme diffuse di violenza” e per questo “abbiamo bisogno di un cambiamento profondo, di una conversione, che smilitarizzi i cuori, permettendo a ciascuno di riconoscere nell’altro un fratello”.
Il Papa, nel Messaggio per la Giornata dei nonni, che si celebrerà il 24 luglio, si rivolge agli anziani: “Noi, nonni e anziani, abbiamo una grande responsabilità: insegnare alle donne e gli uomini del nostro tempo a vedere gli altri con lo stesso sguardo comprensivo e tenero che rivolgiamo ai nostri nipoti. Abbiamo affinato la nostra umanità nel prenderci cura del prossimo e oggi possiamo essere maestri di un modo di vivere pacifico e attento ai più deboli. La nostra, forse, potrà essere scambiata per debolezza o remissività, ma saranno i miti, non gli aggressivi e i prevaricatori, a ereditare la terra”.
“Uno dei frutti che siamo chiamati a portare – dice il Pontefice parlando agli anziani – è quello di custodire il mondo. Siamo passati tutti dalle ginocchia dei nonni, che ci hanno tenuti in braccio; ma oggi è il tempo di tenere sulle nostre ginocchia, con l’aiuto concreto o anche solo con la preghiera, insieme ai nostri, quei tanti nipoti impauriti che non abbiamo ancora conosciuto e che magari fuggono dalla guerra o soffrono per essa. Custodiamo nel nostro cuore, come faceva San Giuseppe, padre tenero e premuroso, i piccoli dell’Ucraina, dell’Afghanistan, del Sud Sudan…”.
“Non ci si salva da soli, la felicità è un pane che si mangia insieme. Testimoniamolo a coloro che si illudono di trovare realizzazione personale e successo nella contrapposizione. Tutti, anche i più deboli, possono farlo: il nostro stesso lasciarci accudire, spesso da persone che provengono da altri Paesi, è un modo per dire che vivere insieme non solo è possibile, ma necessario”, conclude il Papa.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fonsai: a Giulia Ligresti 16mila euro per ingiusta detenzione
Rigettata richiesta di 1.3 mln per errore giudiziario
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
10 maggio 2022
12:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mille euro al giorno.
E’ questo il risarcimento per ingiusta detenzione disposto dalla quinta corte d’appello di Milano nei confronti di Giulia Ligresti per 16 giorni trascorsi in carcere, quelli dal 17 luglio al 2 agosto 2013, e non per quelli successivi e per il periodo passato ai domiciliari, nell’ambito dell’inchiesta di Torino sul caso Fonsai.
Inchiesta per cui la figlia del costruttore Salvatore Ligresti aveva patteggiato una pena definitiva a 2 anni e mezzo di reclusione poco dopo l’arresto poi annullata sei anni dopo.
I giudici milanesi hanno rigettato una richiesta di indennizzo per errore giudiziario di un milione e 300 mila euro.
Il collegio ha infatti negato il ristoro milionario in quanto ha ritenuto che Giulia Ligresti avesse diritto a un risarcimento solo per i 16 giorni in cella precedenti alla istanza di patteggiamento avanzata il 2 agosto di quell’anno. E questo in quanto la richiesta di patteggiare è una “inequivocabile manifestazione di volontà dell’imputato” e “presuppone il suo implicito riconoscimento di responsabilità”.
I mille euro al giorno sono una cifra più alta della media standard ma calibrata sul “clamore mediatico” dell’arresto e sulla “particolare afflittività” della detenzione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Fico,garantire diritto difesa e lavorare per pace
‘Evitare altre morti di civili’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TRENTOLA DUCENTA
10 maggio 2022
12:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Giusto garantire il diritto di difesa del popolo ucraino e delle istituzioni che hanno subito un’aggressione scellerata, violenta, da parte della Federazione russa, ma è chiaro che la strada e il nostro obiettivo devono essere quello della pace e nient’altro”.
Così il presidente della Camera Roberto Fico, all’inaugurazione della mostra “Informare con l’arte” al Centro commerciale Jumbo, bene sequestrato alla camorra, a Trentola Ducenta (Caserta) “Dobbiamo evitare altri morti di civili – ha aggiunto Fico – e per fare questo bisogna avere un’idea di pace, costruire la pace e cercare di lavorare per un tavolo che possa mettere al centro i diritti del popolo ucraino ma anche una condivisione per uscire dalla guerra il prima possibile” .
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi in volo verso Washington, oggi alla Casa Bianca
Alle 14 (ora locale) incontra Biden
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
10 maggio 2022
12:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il premier Mario Draghi è in volo verso Washington.
Il presidente del Consiglio, a quanto si apprende, è partito in mattinata da Roma.
Alle 14 (ora locale) il capo del governo incontrerà il presidente degli Stati Uniti Joe Biden alla Casa Bianca.
Il viaggio a Washington per Draghi sarà l’occasione per una visita domani al Congresso Usa con un incontro bipartisan con i parlamentari e un saluto alla speaker della Camera Nancy Pelosi, che aveva già incontrato lo scorso ottobre a Roma. Sempre domani il presidente del Consiglio avrà un incontro con la stampa presso l’ambasciata italiana, mentre in serata, prima di rientrare in Italia, il premier sarà all’Atlantic Council dove riceverà il Distinguished Leadership Award.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Salvini,sul tavolo di Biden arrivi richiesta di pace
Non possiamo più permetterci altri mesi di guerra
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
10 maggio 2022
12:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Conto che sul tavolo del presidente Biden arrivi una richiesta di pace e non di armi.
Nel giorno in cui Draghi parte per gli Usa, visto il contesto difficile, visto il costo delle bollette di luce e gas, non possiamo più permetterci altri mesi di guerra.
Arrivare alla pace subito è vitale, è sopravvivenza. Draghi e Biden parlino di pace e preparino la pace, noi non siamo in guerra contro nessuno. Se c’è qualcuno che ama parlare di armi invece che di pace è fuoriluogo”. Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini nel corso della presentazione del libro “manuale teorico e pratico al bilancio Ue. Finanziamenti comunitari e Pnrr”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: D’Incà, vedo confronto, non rischi di tenuta
‘Ci deve essere escalation democratica e non di armi’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PISA
10 maggio 2022
12:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“E’ normale che vi sia un forte confronto sui temi al centro dell’opinione pubblica e dei fatti mondiali, come gli effetti della guerra in Ucraina.
Dentro le aule vedo grande confronto sulle principali riforme legate al Pnrr come appalti, fisco, Csm, concorrenza, Ita, le riforme fondamentali, insomma, senza le quali ci troveremmo in difficoltà.
Su questi argomenti vedo un confronto continuo e non vedo problemi di tenuta per il Governo, anzi una maggioranza così larga permette di affrontare temi così divisivi cercando una soluzione condivisa per il Paese”. Lo ha detto il ministro dei Rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà, a margine di un incontro promosso dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.
Intervenuto per presentare il libro bianco del Governo sull’astensionismo, il ministro ha sottolineato che sul conflitto ucraino “ci sono opinioni diverse: il M5s ha messo al centro il tema della pace perché crediamo debba esserci un’escalation democratica e non di armi, rispettando l’articolo 51 della carta dell’Onu sulla legittima difesa, ecco perché lavoriamo per un confronto diplomatico che porti alla pace come punto di arrivo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L. elettorale: Fico, ci sono margini per cambiarla
È tema che il Parlamento può porre
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TRENTOLA DUCENTA
10 maggio 2022
12:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Per il presidente della Camera, Roberto Fico, “ci sono ancora margini per cambiare la legge elettorale” prima delle prossine politiche.
Lo ha detto rispondendo alla domanda di un giornalista a Trentola Ducenta, nel Casertano.

“E’ un tema che il Parlamento può porre – ha aggiunto Fico – e vedremo il percorso che può fare una nuova legge elettorale”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: 22.788 studenti accolti nelle scuole italiane
Lombardia, Emilia e Campania hanno i numeri più alti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
10 maggio 2022
16:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dal 24 febbraio a oggi, le studentesse e gli studenti ucraini accolti sono 22.788, di cui 5.060 nella scuola dell’infanzia, 10.399 nella elementare, 5.226 nella media e 2.103 nella superiore.
Il report contiene anche informazioni sulla distribuzione territoriale: il 21% è concentrato in Lombardia, il 12% in Emilia-Romagna e l’11% in Campania.
Lo rende noto il ministero dell’Istruzione.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tassi sui mutui tornano sopra 2%, massimo da 2 anni e mezzo
Dati Bankitalia su marzo, erano così alti ad agosto 2019
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
10 maggio 2022
12:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I tassi sui mutui tornano sopra il 2% portandosi sui massimi da più di due anni e mezzo.
Secondo i dati della Banca d’Italia, nel mese di marzo i tassi di interesse sui prestiti erogati alle famiglie per l’acquisto di abitazioni comprensivi delle spese accessorie (Tasso Annuale Effettivo Globale, TAEG) si sono collocati al 2,01 per cento contro l’1,85 di febbraio.
Non erano così alti da agosto 2019, quando si sono attestati al 2,08 per cento.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Disinnesco bomba di aereo a Taggia, mappa interattiva sgomberi
Circa 12 mila le persone che dovranno lasciare casa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TAGGIA
10 maggio 2022
13:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Comune di Taggia ha realizzato una mappa interattiva della zona rossa, che domenica prossima, dalle 9 alle 12 circa, dovrà essere completamente sgombra, per consentire il disinnesco della bomba di aereo dissotterrata nel torrente Argentina.
La mappa è raggiungibile al seguente link https://goo.gl/maps/TeSAUTFWYzgvK49F7.
Le persone che saranno interessate allo sgombero sono circa 12 mila nei comuni di Taggia e Riva Ligure oltre a una piccola parte di Sanremo.
“Una volta entrati nella mappa – spiega il sindaco di Taggia Mario Conio – in alto nella barra di ricerca sarà possibile inserire il proprio indirizzo e verificare immediatamente se la propria abitazione o attività si trovano all’interno della zona rossa”. Per il 15 maggio, non solo la zona rossa dovrà essere totalmente sgomberata ma sarà anche vietato transitare nell’area da inizio a fine operazioni. Per ulteriori informazioni rimangono, comunque, a disposizione l’indirizzo email emergenza.ordigno@comune.taggia.im.it e il numero 0184/462607 attivo fino a sabato 14 maggio (ore 9-12) e domenica 15 maggio (ore 7-21).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Puglia 7 morti e 4.114 casi, il 19% dei test
Dei 92.802 attualmente positivi 30 sono in terapia intensiva
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
10 maggio 2022
13:03
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Oggi in Puglia si registrano 4.114 nuovi casi su 21.754 test (incidenza del 19%) e 7 morti.
I nuovi casi sono così distribuiti: 1.445 in provincia di Bari, 239 nella provincia Bat, 368 in quella di Brindisi, 482 in quella di Foggia, 846 nel Leccese, e 691 nel Tarantino.
Sono residenti fuori regione altre 33 persone risultate positive.
Delle 92.802 persone attualmente positive 517 sono ricoverate in area non critica (ieri 526) e 30 in terapia intensiva (ieri 25).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: Fond.Moressa, nel 2021 dall’Italia 7,7 mld rimesse
Aumento +12,3% rispetto al 2020, Bangladesh prima destinazione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
10 maggio 2022
13:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ammontano a 7,7 miliardi di euro le rimesse inviate lo scorso anno dagli immigrati residenti in Italia a sostegno delle famiglie nei Paesi d’origine, un volume complessivo che si avvicina al picco massimo registrato nel 2011 (8 miliardi).
Il dato emerge da uno studio della Fondazione Moressa di Mestre su dati della Banca d’Italia Nel 2021 si è registrato un aumento del 12,2% rispetto all’anno precedente e un +46,3% rispetto al 2016.
Anche l’incidenza sul Pil torna a crescere, attestandosi allo 0,44%. Il primo Paese di destinazione è il Bangladesh, con 873 milioni (11,3% del totale), seguono Pakistan e Filippine. Calano invece i flussi verso l’Est Europa, in particolare Romania (-8,5%), Ucraina (-8%) e Moldavia (-7,3%).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’appello social, ‘restituite la mamma ad Alice’
Evacuata da Azovstal ma bloccata dai russi. Bimba a Zaporizhzhia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
10 maggio 2022
13:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Separata dalla figlia di 4 anni, Alice, il giorno della Festa della mamma durante l’evacuazione dall’acciaieria Azovstal di Mariupol.
E’ la storia di Victoria Obidina, medico militare che ha curato i combattenti asserragliati nell’impianto siderurgico fino a due giorni fa, quando è stata evacuata dall’impianto siderurgico diventato la roccaforte della resistenza ucraina a Mariupol.
La vicenda di Victoria e della sua bambina è rimbalzata sui social ucraini dove i follower chiedono a gran voce il rilascio della donna con l’hashtag ‘returnAlissimama’.
La cattura da parte di unità militari è stata segnalata dal reggimento Azov: “Victoria è rimasta in un campo di filtrazione nel territorio dell’autoproclamata repubblica di Donetsk, mentre la figlia è arrivata a destinazione a Zaporizhzhia ieri ed è stata affidata ad una famiglia ucraina. Al momento non si sa dove si trovi la madre”, ha scritto Azov. Probabilmente il medico si trova ora in un campo di filtrazione a Mangush.
Alice e Victoria non sono due volti sconosciuti, erano comparse in un video che mostrava i rifugiati dentro i tunnel di Azovstal nei giorni scorsi, quando ancora nessun accordo era stato raggiunto tra Mosca, Kiev e le istituzioni internazionali per evacuare i circa mille civili dai rifugi antiatomici dell’impianto siderurgico. Nelle immagini la bambina teneva il suo libretto in mano, un scoiattolo sul maglioncino a righe e rispondeva alle domande tenendo gli occhi bassi: “Che cosa vuoi dire a chi ti vede? Voglio essere evacuata. Dove sei adesso? In un rifugio per le bombe. Ti piace qui? Voglio tornare a casa mia. Chi vuoi salutare? Mia nonna Sveta”. Poi finalmente alzava lo sguardo timida e si copriva il viso con le manine.
Il comune di Mariupol era intervenuto sui social pubblicando il video e un commento: “Il mondo russo vuole uccidere Alice, di quattro anni. Lei è a Mariupol. Per un mese e mezzo la sua casa è stata un rifugio antiaereo nello stabilimento di Azovstal. La madre è un medico militare. Lei salva i feriti. Se lei e sua figlia vengono fatti prigionieri, non c’è possibilità di trattamento umano. E cosa vuole Alice? Casa! Tutti i bambini sono uguali. Chiediamo alla comunità mondiale di fermare il genocidio e salvare le persone”.
Ora Alice è salva, ma in una casa e con una famiglia che non sono le sue.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Milano: in Centrale nuova torre Michelangelo muterà skyline
Fu il primo Covid-hotel: 90 mln investimenti e lavori entro 2026
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
10 maggio 2022
13:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sarà alta 93 metri, poco meno della Madonnina del Duomo, la nuova torre Michelangelo che sorgerà a Milano a pochi passi dalla stazione Centrale, in piazza Luigi di Savoia.
L’edificio prenderà il posto dell’hotel Michelangelo, costruito tra gli anni ’50 e ’60, alto 67 metri per oltre 300 stanze, che fu il primo Covid hotel in Europa nei primi mesi della pandemia.

Alla base dei 22 nuovi piani di uffici, più quattro livelli interrati, l’intera piazza verrà riqualificata con 900 metri quadri di nuove aree verdi, spazi di sosta e di relax, una riorganizzazione della viabilità, un’ampia pedonalizzazione, velostazioni intorno allo scalo ferroviario e nuove piste ciclabili che collegheranno l’area con corso Buenos Aires e piazzale Loreto. L’intervento dovrebbe concludersi entro il 2026, anno dei giochi olimpici invernali di Milano-Cortina. Si tratta di un “progetto coraggioso” di “interscambio trasversale tra passato, presente e futuro” spiega l’architetto responsabile del progetto, Michele Rossi, co-fondatore dello studio Park Associati. La torre che “si specchierà nel grattacielo Pirelli guarda alla storia della città che fu, reinterpretandone il carattere e trasportandola verso ciò che verrà: una nuova Milano”.
L’edificio ultra-moderno avrà una “facciata dinamica tridimensionale”, racconta l’architetto, che darà una “diversa percezione dell’edificio a seconda del punto da cui si guarderà”. L’intervento “modificherà lo skyline della città” nota il project manager di Finleonardo, Diego Imperiale, con “un edificio green, in linea con gli obiettivi di economia circolare” e una nuova piazza che sarà “moderna, sostenibile e funzionale”. L’investimento previsto è di 90 milioni di euro, mentre saranno pari a 4,2 milioni gli oneri di urbanizzazione. A breve cominceranno i lavori di demolizione “secondo i più alti standard tecnologici, per ridurre al minimo l’impatto sull’intorno” ha assicurato l’architetto Rossi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Addio Caterina, l’emigrata italiana più anziana. Aveva 112 anni
La donna si è spenta a New York, città che l’aveva accolta
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
10 maggio 2022
14:06
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Era nata sotto il Regno d’Italia.
Era sopravvissuta alla prima e alla seconda guerra mondiale.
Ma anche all’influenza spagnola del 1918 e a tanto altro. Alla fine Caterina Abate si è spenta a 112 anni a New York, città che l’aveva accolta. Nata a Stigliano (Basilicata) il 15 maggio 1909, la signora Abate non si è mai sposata e non ha avuto figli. Era l’emigrata italiana più anziana al mondo.
Qualche mese fa, la signora Abate aveva conferito all’Associazione giustitalia l’incarico per ottenere assistenza legale nel tentativo di farsi rimborsare buoni postali emessi nel 1986, che avevano un valore complessivo di 100 milioni di lire.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
‘Catcalling’, 2 militari a processo a Milano per molestie
Dopo chiusura inchiesta su frasi oscene contro ragazza in strada
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
10 maggio 2022
14:25
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Si aprirà venerdì prossimo 13 maggio il processo milanese su un caso di ‘catcalling’, ossia di molestie verbali rivolte per strada o in luogo pubblico, a carico di due militari dell’esercito, trasferiti dalla caserma in cui prestavano servizio e sospesi, accusati di aver preso di mira una 20enne lo scorso anno, per almeno tre volte con espressioni pesanti e insulti nello stesso pomeriggio.

Nel luglio dello scorso anno il dipartimento ‘fasce deboli’ della Procura di Milano, guidato dall’aggiunto Letizia Mannella, aveva chiuso l’inchiesta e ora si è arrivati al processo che si aprirà davanti a un giudice monocratico.
I due militari, tra i 30 e i 35 anni e che erano addetti all’operazione ‘Strade Sicure’, sono stati anche interrogati nei mesi scorsi, su loro richiesta, dagli agenti del commissariato Lorenteggio.
Secondo gli accertamenti, quel pomeriggio nella primavera del 2021 la giovane, studentessa universitaria e che per rincasare era obbligata a passare di fianco a un bar vicino al portone del palazzo, per tre volte è stata ‘bersagliata’ da frasi sgradevoli e insulti. Anche quando l’ultima volta è uscita e rientrata con il suo cagnolino, nonostante si fosse cambiata gli abiti per cercare di rendersi irriconoscibile, i due militari non in servizio, in compagnia di alcuni commilitoni, tutti in borghese e clienti del locale, sono andati giù pesanti senza risparmiare brutte battute a sfondo sessista.
La ragazza, turbata e risentita, ha chiesto soccorso prima al fratello e poi al padre, intervenuti in sua difesa. Poi è arrivata la denuncia e l’indagine della magistratura milanese (entrambi sono imputati per molestie e uno dei due anche per minacce), la prima nel capoluogo lombardo, stando a quanto riferito, sul fenomeno del ‘catcalling’, emerso in particolare dopo lo sfogo sui social di Aurora Ramazzotti, che aveva raccontato di essere stata vittima di odiose molestie di questo genere.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
‘Ndrangheta: indagati, ‘noi a Roma propaggine di là sotto’
Boss, ‘siamo una carovana per fare guerra’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
10 maggio 2022
14:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Noi a Roma siamo una propaggine di là sotto”.
E’ quanto affermano in una intercettazione i soggetti indagati dalla Dda e Dia nel procedimento della Procura di Roma che ha portato oggi all’arresto di 43 persone.
L’attività degli inquirenti ha fatto emergere l’esistenza nella Capitale della prima ‘ndrina riconosciuta ufficialmente dalla “casa madre ” in Calabria. ‘Siamo una carovana per fare la guerra’, afferma il boss Vincenzo Alvaro, ritenuto dagli inquirenti uno dei due capi della ‘ndrina operante a Roma, in una intercettazione agli atti dell’indagine.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: 22.788 studenti accolti nelle scuole italiane
Lombardia, Emilia e Campania hanno i numeri più alti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
10 maggio 2022
15:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dal 24 febbraio a oggi, le studentesse e gli studenti ucraini accolti sono 22.788, di cui 5.060 nella scuola dell’infanzia, 10.399 nella elementare, 5.226 nella media e 2.103 nella superiore.
Il report contiene anche informazioni sulla distribuzione territoriale: il 21% è concentrato in Lombardia, il 12% in Emilia-Romagna e l’11% in Campania.
Lo rende noto il ministero dell’Istruzione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Calabria, 2.009 casi e 3 vittime, positività al 21,1%
Continua decrescita casi attivi,2 ricoveri in più in area medica
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
10 maggio 2022
16:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 2.009, con un tasso di positività del 21,10% (ieri 18,41), i nuovi casi Covid in Calabria.
Tre le vittime (2.542).
I nuovi guariti sono 3.093 con i casi attivi che scendono ancora, 73.417 (-1.087). Gli isolati a domicilio sono 73.177 (-1.088). Nel saldo tra ingressi e uscite, crescono di due i ricoverati in area medica (232), mentre calano di uno in terapia intensiva (8). I dati sono comunicati dai Dipartimenti di Prevenzione delle Asp della Regione Calabria. Ad oggi il totale dei tamponi eseguiti è di 3.015.637 con 372.126 positivi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ita: Franco, obiettivo concludere dismissione a giugno
23 maggio le offerte vincolanti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
10 maggio 2022
16:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Mef “con l’assistenza degli advisor selezionati in marzo ha immediatamente avviato il processo di dismissione: si è optato per la trattativa privata, definito il calendario della vendita.
L’obiettivo è concludere a giugno.
3 le manifestazioni di interesse” che sono Msc/Lufthansa, Indigo Partners (Wizz Air) e Certares (Air France/Delta. Entro il 23 maggio sono attese le offerte vincolanti.
Lo ha detto il ministro dell’Economia, Daniele Franco, in audizione alla Commissione Trasporti della Camera. “L’esito della vendita di Ita non è scontato, vedremo. Qualcuno ha formulato delle preferenze ma la vendita la fa il Mef, vedremo i 3 soggetti che spero presentino tutti delle proposte, vedremo chi presenterà nei termini ampi e non solo finanziari delle offerte più valide per il paese”. Franco ha precisato che a quanto ammonterà la quota di minoranza che lo stato manterrà in Ita e il tempo in cui resterà nell’azionariato “lo vedremo”. “Non è che lo Stato esce e chi s’è visto s’è visto, è un processo che va seguito per un periodo che può essere anche lungo”.
Infine l’aumento di capitale di Ita “verrrà comunque erogato quest’anno, non ora perchè ora non c’è un problema di cassa.
L’azienda aveva 4-500 milioni in cassa prima delle perdite di quest’anno. Quando ci sarà bisogno procederemo rapidamente ad erogare la cassa”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Renzi, bene incontro Draghi-Biden, ma serve ruolo Ue
Partita complessa, non si risolve con un i tweet
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
10 maggio 2022
16:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Questa partita così drammaticamente complessa non la risolvi né con l’incontro Draghi-Biden, né col tweet del politico di turno.
Occorre che ci sia una soluzione politica e che l’Ue giochi un ruolo che per ora non ha giocato.

L’incontro Biden-Draghi è importante, ma è uno dei mille incontri importanti”. Lo ha detto il leader di Iv, Matteo Renzi, a L’Aria che Tira, su La 7.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L.elettorale: Tajani, non credo ci siano tempi per riforma
E ci sono cose più importanti da fare
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
10 maggio 2022
16:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non mi appassionano molto le battaglie sulla legge elettorale, anche perché in questo momento abbiamo altro a cui pensare, soprattutto alle difficoltà per famiglie e imprese dovute a caro energia e pandemia ancora non scomparsa.
Ci sono quindi cose più importanti da fare”.
Così il coordinatore nazionale di Forza Italia, Antonio Tajani, ospite su Rai Radio1 a ‘Forrest’. “Non credo ci siano i tempi tecnici per fare una riforma della legge elettorale – conclude -, ci sono altre questioni da affrontare”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gallerie d’Italia, countdown all’apertura della sede torinese
Il 17 maggio l’apertura. Ingresso gratis la prima settimana
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
10 maggio 2022
16:42
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Conto alla rovescia per l’apertura della nuova sede espositiva, a Torino, delle Gallerie d’Italia, lo spazio espositivo realizzato nella centrale piazza San Carlo da Intesa Sanpaolo per rendere disponibile il proprio patrimonio artistico e architettonico.
L’inaugurazione è in programma lunedì 16 maggio.
Dal giorno dopo, e per tutta la prima settimana di apertura, l’accesso ai diecimila metri quadri del suo percorso espositivo sarà gratuito, previa prenotazione sul sito http://www.gallerieditalia.com.
Il Museo sarà aperto da martedì a domenica dalle 9.30 alle 19.30, il mercoledì fino alle 22.30. Incontro d’eccezione mercoledì 18 maggio, alle 18.30, tra lo scrittore e giornalista Mario Calabresi e il fotografo Paolo Pellegrin. Un dialogo sul “più grande conflitto del nostro tempo: il cambiamento climatico” attraverso gli scatti del grande fotografo in viaggio negli angoli più estremi del Pianeta per raccontare il mistero di una natura in trasformazione. L’appuntamento porterà nel dietro le quinte della mostra ‘La fragile meraviglia, un viaggio nella natura che cambia’.
Si tratta di un reportage fotografico d’autore dedicato al tema del cambiamento climatico con la curatela di Walter Guadagnini e il contributo di Mario Calabresi. Il lavoro rappresenta una committenza originale che ha visto impegnato il fotografo in Paesi come Namibia, Islanda, Costa Rica, Italia per fornire una personale lettura per immagini del rapporto tra l’uomo e il suo ambiente naturale, tema cruciale della contemporaneità. In mostra a Palazzo Turinetti anche la mostra “Dalla guerra alla luna. 1945-1969. Sguardi dall’Archivio Publifoto Intesa Sanpaolo”, con una selezione di immagini storiche dell’Archivio curata da Giovanna Calvenzi e Aldo Grasso. Al piano nobile del Palazzo, invece, il percorso museale curato da Fernando Mazzocca, Alessandro Morandotti e Gelsomina Spione: nove grandi tele di proprietà della Banca realizzate nella seconda metà del Seicento per decorare l’antico Oratorio della Compagnia di San Paolo, oggi distrutto, oltre a dipinti, sculture, arazzi, arredi dal XIV al XVIII secolo.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 56.015 nuovi casi, 158 vittime. Tasso al 15%, giù i ricoveri
Agenas, risale al 14% l’occupazione dei reparti, intensive ferme al 4%
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
11 maggio 2022
14:12
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 56.015 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute.
Ieri erano stati 17.155.
Le vittime sono invece 158, rispetto a ieri 74 in più. Sono 371.221 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 126.559. Il tasso di positività è al 15%, in aumento rispetto al 13,5% di ieri. Sono 358 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 5 in meno rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 35. I ricoverati nei reparti ordinari sono 8.579, ovvero 156 in meno rispetto a ieri.
Risale di un punto in 24 ore, tornando al 14%, la percentuale di posti letto nei reparti di ‘area non critica’ occupati da pazienti con Covid-19 in Italia. Restano 4 le regioni che superano la soglia del 20%: Umbria (31%), Basilicata (26%), Calabria (23%), Abruzzo (23%).
E’ ferma, invece, al 4%, nelle ultime 24 ore in Italia, l’occupazione delle terapie intensive (un anno fa era 24%) da parte di pazienti con virus. Questi i dati dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) del 9 maggio 2022, pubblicati oggi.
Per quanto riguarda l’occupazione dei posti nelle terapie intensive, a livello giornaliero cresce in 5 regioni: Friuli Venezia Giulia (5%), Liguria (7%), Pa Bolzano (4%), Piemonte (4%), Veneto (3%) mentre cala in Campania (6%), Sicilia (4%). La percentuale e’ stabile in 14 regioni e province autonome: Abruzzo (al 5%), Calabria (5%), Basilicata (3%), Emilia Romagna (4%), Lazio (6%), Lombardia (2%), Marche (2%), Molise (5%), Pa Trento (2%), Puglia (5%), Sardegna (4%), Toscana (4%), Umbria (5%). La variazione non è disponibile in Valle d’Aosta (3%) e nessuna regione supera la soglia del 10%.
Sempre a livello giornaliero, l’occupazione dei posti nei reparti ospedalieri di area medica o ‘non critica’ da parte di pazienti con Covid-19 cala in Lombardia (10%) e cresce, invece, in 7 regioni e province autonome: Abruzzo (23%), Calabria (23%), Molise (14%), Pa Bolzano (9%), Pa Trento (13%), Sicilia (20%), Umbria (31%). E’ stabile in 10: Basilicata (26%), Campania (16%), Emilia Romagna (14%), Friuli Venezia Giulia (12%), Lazio (15%), Liguria (16%), Marche (14%), Piemonte (10%), Puglia (18%), Sardegna (17%), Toscana (10%) Valle d’Aosta (17%) e Veneto (8%).

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Incontro Letta-Conte, avanti dialogo nonostante tensioni
Occasione per un aggiornamento sui temi dell’agenda politica
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
10 maggio 2022
17:08
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Incontro oggi tra il segretario del Pd Enrico Letta e il presidente M5s Giuseppe Conte, un”occasione per un aggiornamento sui vari temi dell’agenda politica.

L’incontro è stato definito da fonti del M5s e del Pd “cordiale, come sempre dati i rapporti personali e politici tra i due leader, in cui sono state trattate le varie questioni anche quelle che hanno visto le rispettive forze politiche su posizioni non pienamente convergente”.
I due leader non si sono però nascosti le tensioni di queste ultime settimane ma hanno ribadito “l’intenzione e determinazione a continuare il percorso di dialogo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gas, nessun rallentamento forniture all’Italia. Prezzo oscilla sotto i 100 euro
Chiuso punto di ingresso di Sokhranivka
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
11 maggio 2022
12:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’Ucraina non è più responsabile del trasporto del gas russo attraverso i territori ucraini sotto occupazione militare russa: si tratta di un terzo del volume totale del transito di gas verso l’Europa”.
Lo fa sapere Naftogaz, la compagnia ucraina che gestisce i gasdotti d’interconnessione tra la Russia e l’Europa.
Naftogaz ha inviato una lettera a Gazprom nella quale ha informato delle circostanze di “forza maggiore che rendono impossibile continuare il trasporto di gas attraverso il valico di Sokhranivka e la stazione di compressione Novopskov, che si trovano nel territorio occupato dai militari russi”.

Dopo un avvio in rialzo, il prezzo del gas sul mercato europeo si muove per ora piuttosto calmo oscillando poco sotto quota 100 euro al Megawattora, non lontano dalle quotazioni della chiusura di ieri. Dopo che il gestore del sistema di trasporto in Ucraina ha annunciato che fermerà il transito dal punto di ingresso di Sokhranivka a causa delle azioni delle forze di occupazione russe, sulla piazza di Amsterdam di riferimento per l’Europa il metano, sempre molto volatile, scambia attorno ai 98 euro al Mwh, restando per ora al di sotto della soglia psicologica dei 100 euro superata in avvio di seduta.

Nessun rallentamento nel sistema italiano sul fronte delle forniture di gas. E’ quanto si evince dati pubblicati sul sito di Snam. Al momento i flussi a Tarvisio sono in diminuzione rispetto a ieri ma sono compensati da maggior afflusso a Passo Gries (da Nord), grazie all’interconnessione delle reti e alle varie fonti di importazione. Il sistema è bilanciato, la domanda è soddisfatta; proseguono anche le iniezioni di gas in stoccaggio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Draghi al Senato il 19 maggio, niente comunicazioni
La formula è quella del ‘premier time’ con domande e risposte ma niente discussione tra i parlamentari
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
11 maggio 2022
07:57
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il premier Mario Draghi riferirà al Senato con un’informativa giovedì 19 maggio alle 15.
A dirlo in Aula è stata la vicepresidente del Senato, Anna Rossomando, riferendo quanto emerso dalla conferenza dei capigruppo riunita a Palazzo Madama. Il premier Mario Draghi interverrà al Senato il 19 maggio nella formula del ‘question time’, declinata spesso in gergo come ‘premier time’.
E’ quanto chiariscono fonti parlamentari rispetto alla richiesta, avanzata dalla conferenza dei capigruppo, di un intervento del presidente sulle questioni legate alla crisi in Ucraina e alla luce del viaggio del premier negli Stati Uniti.
In attesa che il question time sia confermato, con la disponibilità di Palazzo Chigi, in aula quindi dovrebbero esserci domande e risposte ma non una discussione fra parlamentari né la presentazione di documenti e mozioni che può esserci solo con le “comunicazioni”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Camera boccia pdl su presidenzialismo di FdI
Ok soppressivo ai primi quattro articoli, Iv si astiene
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
10 maggio 2022
17:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Camera affossa la proposta di legge costituzionale sul presidenzialismo presentata a Montecitorio da Fdi.
E’ infatti stato approvato l’emendamento M5S al testo che sopprime i primi quattro articoli con 236 sì, 19 astenuti (Iv) e 204 no.

A favore ha votato il centrodestra, contro il resto del centrosinistra. Successivamente all’approvazione di tutti gli altri emendamenti al testo il vicepresidente Ettore Rosato ha dichiarato “interamente respinta” la proposta.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Biden, ‘Draghi a Casa Bianca, forte amicizia con Italia’
‘Parleremo del sostegno all’Ucraina’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
10 maggio 2022
17:39
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Questo pomeriggio ospiterò il premier italiano Mario Draghi alla Casa Bianca.
Non vedo l’ora di riaffermare l’amicizia e la forte collaborazione tra le nostre due nazioni e di discutere del nostro continuo sostegno all’Ucraina”.
Lo scrive su Twitter il presidente americano Joe Biden.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Marche, +1.731 casi, incidenza a 612, nessun decesso
-11 ricoveri. Occupazione intensive 1,7% e area media 13%
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
10 maggio 2022
17:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 1.731 i nuovi casi covid rilevati nelle ultime 24 ore nelle Marche, dove l’incidenza torna scendere e arriva a 612,30 (ieri 632,74) su 100mila abitanti.
In calo anche i ricoveri, 133, mentre non sono stati segnalati decessi e il totale resta quindi fermo a 3.868.
I nuovi positivi rappresentano il 33,5% dei 5.160 tampono diagnostici analizzati, su 5.938 tamponi complessivi. Secondo i dati dell’Osservatorio Epidemiologico Regionale, il contagio circola maggiormente nelle fasce di età 45-59 anni con 446 casi e 25-44 con 397, a seguire 60-69 con 223 e 70-79 con 209. La provincia con il maggior numero di casi resta quella di Ancona con 486, poi Pesaro Urbino con 352, Macerata con 345, Ascoli Piceno con 275, Fermo con 204, oltre a 69 di fuori regione.
Nell’aggiornamento della Regione Marche, nell’ultima giornata i ricoveri ospedalieri legati al covid sono scesi a 133, -11 su ieri: i pazienti in terapia intensiva sono 4 (-1), quelli in semi intensiva 27 (-4), quelli in reparti non intensivi 102 (-6). In diminuzione l’occupazione delle intensive da parte di malati covid all’1,7% e in area media al 13%. Ci sono 16 persone in osservazione nei pronto soccorso, 82 ospiti di strutture territoriali. I positivi alla data di oggi sono 6.235 tra ricoverati e isolamenti, le persone in quarantena o isolamento domiciliare 15.431 di cui 282 con sintomi. I dimessi/guariti dall’inizio della pandemia salgono a 447.486.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Riforme, la Camera respinge la proposta sul presidenzialismo
Dopo approvazione di tutti gli emendamenti soppressivi. Compatto il centrodestra, astenuti i 109 deputati di IV
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
10 maggio 2022
18:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La proposta di legge sul presidenzialismo “si intende interamente respinta”: lo ha annunciato nell’Aula della Camera il vicepresidente Ettore Rosato con l’approvazione di tutti gli emendamenti al testo a seguito della quale non si è passati al voto finale.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Al voto sono state confermate le posizioni di partenza: il centrodestra ha votato compatto contro gli emendamenti soppressivi (incassando da 204 a 206 voti nelle varie votazioni), mentre il centrosinistra ha votato a favore.
Sempre 109 gli astenuti: tutti i deputati di Iv.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Per Giornata dell’Europa la Toscana illuminata di blu
Oltre 100 Comuni, le foto più belle in una pubblicazione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
10 maggio 2022
17:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Toscana si è illuminata di blu.

In occasione della Giornata dell’Europa e raccogliendo l’invito del presidente del Consiglio regionale, del presidente e dei membri della commissione politiche europee, oltre 100 Comuni, fra cui tutti i capoluogo di provincia, hanno acceso palazzi, monumenti storici e giardini.

L’appello lanciato ai fotoamatori a taggare le immagini nei profili instagram e facebook del Consiglio regionale (@crtoscana) e del presidente (@antonio_mazzeo1977), ha avuto altrettanto successo. Moltissimi gli scatti già condivisi e rilanciati, quelli più belli sono stati raccolti in una pubblicazione per celebrare i valori di pace e libertà, diffusa sui canali social del Consiglio regionale e del presidente dell’Assemblea legislativa. Si può continuare ad inviare gli scatti per aggiornare la galleria anche all’indirizzo mail presidenza@consiglio.regione.toscana.it La galleria delle immagini è in costante aggiornamento e disponibile sul sito inconsiglio.it
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Anziana uccisa in casa: gip dispone carcere per l’indagato
Convalidato fermo per omicidio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
UDINE
10 maggio 2022
17:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Gip del Tribunale di Udine ha convalidato oggi il fermo disponendo la custodia cautelare in carcere per il reato di omicidio a carico di Vincenzo Paglialonga, l’uomo accusato di essere l’omicida della anziana vicina di casa uccisa nella notte tra venerdì e sabato scorsi, nel condominio di Udine dove entrambi abitavano.

Il magistrato ha anche convalidato l’arresto per l’evasione dagli arresti domiciliari, dove si trovava per motivi di salute dopo essere stato scarcerato (poco prima) dal penitenziario di Pordenone.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5s: ok Giunta Regolamento a sciogliere commissione Esteri
20 componenti su 22 hanno presentato le dimissioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
10 maggio 2022
18:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Giunta del regolamento di palazzo Madama ha dato parere favorevole allo scioglimento della commissione Esteri presieduta da Vito Petrocelli.
Nei giorni scorsi 20 componenti della commissione su 22 (sono rimasti in carica lo stesso Petrocelli e Emanuele Dessì di Cal) hanno presentato le dimissioni e non sono stati sostituiti.
Per questo motivo si è deciso, nella conferenza dei capigruppo, di chiedere un parere alla Giunta. Spetta ora al presidente del Senato valutare come procedere.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Giunta del regolamento di palazzo Madama ha dato parere favorevole allo scioglimento della commissione Esteri presieduta da Vito Petrocelli.
Nei giorni scorsi 20 componenti della commissione su 22 (sono rimasti in carica lo stesso Petrocelli e Emanuele Dessì di Cal) hanno presentato le dimissioni e non sono stati sostituiti.
Per questo motivo si è deciso, nella conferenza dei capigruppo, di chiedere un parere alla Giunta. Spetta ora al presidente del Senato valutare come procedere. “ll presidente del Senato è tenuto, al fine di garantire il regolare svolgimento dei lavori parlamentari, a provvedere agli adempimenti necessari al rinnovo dell’organismo in analogia all’articolo 21, comma 7 del regolamento”. E’ quanto si legge nel parere dato all’unanimità dalla Giunta per il regolamento del Senato sul caso Petrocelli. Il parere prende atto – viene specificato nel documento della Giunta – “delle dimissioni di 20 componenti della commissione Esteri e della contestuale indisponibilità da parte dei gruppi a designarne i sostituti”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Intervento Draghi al Senato il 19, niente comunicazioni
Sarà solo”premier time”, con risposte secche a domande scritte
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
10 maggio 2022
18:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il premier Mario Draghi interverrà al Senato il 19 maggio nella formula del ‘question time’, declinata spesso in gergo come ‘premier time’.
E’ quanto chiariscono fonti parlamentari rispetto alla richiesta, avanzata dalla conferenza dei capigruppo, di un intervento del presidente sulle questioni legate alla crisi in Ucraina e alla luce del viaggio del premier negli Stati Uniti.

In attesa che il question time sia confermato, con la disponibilità di Palazzo Chigi, in aula quindi dovrebbero esserci domande e risposte ma non una discussione fra parlamentari né la presentazione di documenti e mozioni che può esserci solo con le “comunicazioni”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Verso sentenza processo d’appello per vicenda Shalabayeva
Il 25 maggio repliche delle parti e forse camera di consiglio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
10 maggio 2022
19:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Si avvia verso la sentenza il processo di secondo grado davanti alla Corte d’appello di Perugia per le presunte irregolarità legate al rimpatrio di Alma Shalabayeva, la moglie del dissidente kazako Mukhtar Ablyazov, espulsa verso il Kazakhstan nel 2013 insieme alla figlia Alua e poi entrambe tornate in Italia.

Oggi sono infatti terminate le arringhe dei difensori dei sette imputati, tutti condannati in primo grado.
Tra loro gli ex capi della squadra mobile e dell’ufficio immigrazione della questura di Roma, Renato Cortese e Maurizio Improta. Tutti i legali hanno chiesto l’assoluzione dei loro assistiti.
L’udienza è stata quindi rinviata al 25 maggio prossimo per le eventuali repliche. Se queste dovessero terminare in tempi brevi, la Corte entrerà in camera di consiglio per la sentenza.
Se invece gli interventi si protrarranno, per la decisione dei giudici sarà scelta un’altra data.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: ass. Giovanni XXIII, in arrivo 63 orfani in Italia
Da Mariupol e Kramatorsk verso la Sicilia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
10 maggio 2022
19:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un gruppo di 63 bambini orfani ucraini è stato evacuato oggi in Polonia e domani arriverà in Italia.
I bambini, dai quattro ai sedici anni, provengono da orfanotrofi di Mariupol e Kramatorsk, nell’Oblast di Doneck.
I bimbi saranno accompagnati da altre 21 persone, tra cui i tutori dei minori ed alcuni educatori con i loro figli, per un totale di 84 ucraini.
Il gruppo era stato evacuato nelle settimane scorse dai territori martoriati dalla guerra e temporaneamente ospitato nel distretto di Leopoli. Si tratta del più numeroso gruppo di orfani evacuato dall’Ucraina dall’inizio del conflitto. Gli orfani partiranno domani con un volo charter da Cracovia; l’arrivo è previsto nel pomeriggio all’aeroporto di Trapani. In Sicilia saranno accolti in quattro strutture a Trapani, Modica, Catania e Alcamo.
L’operazione umanitaria è stata coordinata dalla Comunità Papa Giovanni XXIII e dalla rete di associazioni Stop the war now, con la collaborazione della Cgil che ha curato la logistica in Italia, del sindacato polacco Solidarnosc, che si è occupato dei trasferimenti in Polonia, del Movimento 5 stelle che ha finanziato il volo charter.
L’evacuazione è stata possibile grazie all’assistenza del ministero degli Affari Esteri e della rete diplomatica italiana in Ucraina e Polonia che ha interloquito con i Ministeri ucraini per la messa in sicurezza dei bambini senza famiglia, che finora non avevano potuto lasciare il Donbass a causa della loro fragilità.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Anziana sfrattata da abusivi: liberata casa,scatta sequestro
Napoli, il provvedimento per evitare nuove occupazioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
10 maggio 2022
21:12
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Polizia Municipale di Napoli, alla luce delle verifiche svolte nell’immobile di proprietà comunale di via Egiziaca a Pizzofalcone, ha provveduto a murare l’appartamento – nel frattempo liberato da chi lo aveva occupato abusivamente – per evitare il rischio di occupazioni abusive, impedendone così l’accesso, ed ha sottoposto a sequestro l’abitazione.
Il provvedimento giunge dopo che ieri era venuta alla luce la storia della donna, Carlotta T., un’ex professoressa di 90 anni, sfrattata di casa da una famiglia di abusivi dopo aver lasciato l’appartamento per sottoporsi a degli accertamenti clinici.
Al rientro a casa, il 25 novembre scorso, l’anziana trovò i suoi mobili abbandonati in strada, e le serrature della porta cambiate. Da allora – nonostante impegni e promesse di ripristino della legalità da parte delle autorità locali e nazionali – non ha potuto tornare nella propria abitazione e vive da una nipote in provincia di Avellino. Quando gli agenti della Polizia Municipale hanno fatto irruzione nell’appartamento di via Egiziaca 35 lo hanno trovato libero.
Gli occupanti abusivi infatti, verosimilmente a causa del clamore mediatico suscitato dalla vicenda, se ne erano già andati. I vigili hanno potuto verificare come all’interno fossero stati effettuati lavori di ristrutturazione abusivi da parte degli stessi occupanti, mentre tutte le suppellettili di proprietà della donna erano state devastate o buttate. Pressoché distrutto il precedente appartamento. Con l’intervento di oggi la Polizia municipale ha eseguito un provvedimento di sequestro disposto ai sensi dell’articolo 321 del codice di procedura penale, in modo da preservare la proprietà dell’immobile da nuove intrusioni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tentato femminicidio a Padova,grave donna accoltellata da ex
L’uomo, fermato, aveva già ucciso la precedente compagna
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PADOVA
11 maggio 2022
00:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Una donna di 52 anni è stata accoltellata nella sua casa a Padova dall’ex convivente che, dopo averla colpita alla schiena l’ha lasciata a terra, gravemente ferita, fuggendo.
L’uomo, che non aveva mai accettato la fine del rapporto e nutriva verso di lei una forma d”odio, è stato poi fermato dai Carabinieri, e in serata si trovava ancora sotto interrogatorio, come principale indiziato del tentato omicidio.

Il fatto è avvenuto in un appartamento del quartiere Arcella, dove pare che i due avessero convissuto per qualche mese. Portata all’ospedale e sottoposta ad un’operazione d’urgenza, la 52enne è stata dichiarata in fuori pericolo.
Secondo le prime informazioni, nel passato dell”aggressore, un 50enne veronese, vi sarebbero già una condanna per omicidio, nel 1999, quello di un”altra donna con la quale aveva precedentemente convissuto, ed una per stalking nei confronti di una terza donna, che tormentava, anche in questo caso non accettando la fine della loro relazione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina, attacco russo all’acciaieria Azovstal anche con i carri armati
Kherson chiede a Putin l’annessione. Kiev: ‘Un blitz causerebbe molti morti’. Mosca: ‘Evitare la guerra in Europa ma basta dominio Usa’. Si torna a parlare di negoziati, ma la svolta non arriva
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
08:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I carri armati russi stringono l’assedio sulla martoriata acciaieria Azovstal di Mariupol mentre Vladimir Putin è già pronto a prendersi Kherson.
Potenti esplosioni sono state segnalate stasera a Mykolaiv.
Lo riporta Ukraina 24. Intanto il presidente Volodymyr Zelensky ha avvertito che Kiev sta esaurendo la pazienza per tenere negoziati con la Russia, date le crescenti prove di forza e atrocità commesse dalle forze russe. “Siamo pronti a condurre questi negoziati, questi colloqui, purché non sia troppo tardi”, ha affermato, riporta il Guardian, in un collegamento video con gli studenti di Sciences-Po a Parigi, ma ha aggiunto: “Con ogni nuova Bucha, con ogni nuova Mariupol e nuove atrocità scompare il desiderio e la possibilità di negoziare, così come la possibilità di risolvere questo problema in modo diplomatico”. E il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov fa sapere che Mosca non vuole una guerra in Europa ma l’Occidente sostiene che la Russia debba essere sconfitta.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Londra, intanto, sosterrà la Svezia e la Finlandia in caso di attacco, secondo Boris Johnson intervenuto nel dibattito sull’opportunità che le due nazioni scandinave aderiscano alla Nato.
Johnson: ‘Sosterremo la Svezia in caso di attacco’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Il presidente russo Vladimir Putin si è congratulato con il capo della Repubblica Popolare (autoproclamata, ndr) di Donetsk Denis Pushilin per la festa nazionale della Repubblica di oggi, dicendo in un telegramma pubblicato sul sito del Cremlino di essere fiducioso in una vittoria.
Due mogli dei soldati del Battaglione Azov hanno incontrato il Papa, è stato “un momento storico. Speriamo tutti insieme che questo possa aiutare a salvare i nostri mariti, i soldati che sono nella Azovstal a Mariupol. Noi speriamo che questo incontro ci dia una chance per salvare le loro vite”. Papa Francesco “ha detto che pregherà per noi e che farà il possibile”, hanno riferito Katarina e Yulia.
Ucraina, i soldati dentro l’Azovstal cantano: fuori si sentono le esplosioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

KHERSON
Il governo della regione meridionale di Kherson chiederà al presidente russo Vladimir Putin di renderla parte della Federazione russa. Lo ha affermato il vice capo dell’amministrazione Kirill Stremousov citato dalla Tass. “Il referendum che si è svolto in Crimea in modo assolutamente legale non è stato riconosciuto dalla comunità mondiale, che ha fatto di tutto per non riconoscere la Russia come membro a pieno titolo della comunità globale”, ha dichiarato. “Pertanto, questo sarà un unico decreto basato sull’appello della leadership della regione di Kherson al Presidente russo Vladimir Putin. Ci sarà la richiesta di rendere la regione di Kherson un membro a pieno titolo della Federazione Russa”, ha aggiunto. La replica di Kiev: le autorità di Kherson, occupata dai russi, “possono anche chiedere che la città sia annessa a Marte o Giove, ma l’esercito ucraino la libererà, a dispetto di qualsiasi cosa dicano”, ha affermato Mikhailo Podolyak, consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky e capo negoziatore di Kiev, secondo l’agenzia Interfax Ucraina.
L’OFFENSIVA RUSSA
Un video pubblicato da Ukrinform mostra una colonna di denso fumo nero levarsi dall’acciaieria Azovstal. Sempre Ukrinform, citando il consigliere del sindaco di Mariupol, Petro Andryushchenko, aveva parlato di un attacco non solo dal cielo e con l’artiglieria ma anche con i carri armati russi all’acciaieria e sul fatto che era divampato un incendio nel sito.
Bombe russe sulle regioni di Chernihiv a Nord e Sumy a Nord-Est quotidianamente e ripetutamente per tutto il giorno, secondo il portavoce del Servizio delle guardie di frontiera ucraine Andriy Demchenko citato da Interfax Ukraine. Adesso “non c’è la solita protezione delle frontiere con il pattugliamento lungo la linea di confine, poiché c’è il pericolo delle mine nella zona, delle operazioni di gruppi di sabotaggio e soprattutto i bombardamenti effettuati dalla Russia dal suo territorio sull’Ucraina. E questo avviene ogni giorno, soprattutto nelle regioni di Chernihiv e Sumy, e ripetutamente durante il giorno”, ha detto Demchenko in un briefing.
“Il Servizio di frontiera di Stato all’interno degli oblast di Kiev, Chernihiv e Sumy ha il controllo di frontiera su quasi 1.200 chilometri, due terzi dei quali al confine con la Russia”, ha annunciato durante un briefing il direttore del Dipartimento di Stato per la protezione delle frontiere, Leonid Baran, secondo quanto riportato dall’agenzia Unian.
Kiev accusa i russi di aver sparato su un istituto per bambini con disabilità nella regione di Lugansk.

‘UCCISI 10 GENERALI’
Tra gli otto e i dieci generali russi sono stati uccisi in Ucraina dalle forze di Kiev. Lo ha detto il capo dei servizi di intelligence militare Usa, il generale Scott Berrier, spiegando che il pesante bilancio è dovuto al “ruolo insolito” che i vertici militari di Mosca hanno svolto nella guerra contro l’Ucraina. “Invece di guidare le operazioni a distanza”, ha spiegato Berrier, “i generali russi sono dovuti andare al fronte per assicurarsi che i loro ordini fossero eseguiti”.

NUOVI AIUTI USA
La Camera Usa ha approvato a stragrande maggioranza il nuovo pacchetto di aiuti – militari, economici e umanitari – all’Ucraina da 40 miliardi di dollari proposto dal presidente americano Joe Biden. I nuovi finanziamenti sono passati con 368 voti contro 57 e probabilmente sarà approvato dal Senato entro la fine della settimana.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Putin a leader Dpr, fiducia nella vittoria con sforzi comuni

BIDEN E DRAGHI: ‘IMPEGNO PER LA PACE’
“Abbiamo concordato che occorre continuare a sostenere l’Ucraina e a fare pressione su Mosca ma anche cominciare a chiedersi come si costruisce la pace. Il percorso negoziale e’ molto difficile ma il primo punto punto e’ come costruire questo percorso negoziale, deve essere una pace che che vuole l’Ucraina, non una pace imposta”: così il premier Mario Draghi in una conferenza stampa all’ambasciata italiana a Washington dopo l’incontro di martedì con Joe Biden alla Casa Bianca.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina, Kiev: ‘Nei vagoni frigo migliaia di corpi dei soldati russi’ –
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Kiev: ‘Orrore nei treni, corpi abbandonati durante la ritirata. A Kharkiv i cadaveri nelle strade. Li lasciano nelle discariche, senza sepoltura’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lagarde, rialzo dei tassi poche settimane dopo lo stop degli acquisti
La presidente della Bce: ‘La normalizzazione politica monetaria sarà graduale’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
11 maggio 2022
16:31
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Bce dovrebbe concludere gli acquisti netti di titoli “all’inizio del terzo trimestre” e il primo rialzo dei tassi avverrà qualche tempo dopo: “questo può significare un periodo di poche settimane”.
Lo ha detto la presidente della Bce Christine Lagarde a Lubiana.
Dopo il primo rialzo dei tassi, “il processo di normalizzazione sarà graduale”, ha aggiunto.
Le prospettive d’inflazione stanno cambiando nel medio termine – fa sapere la presidente – di fronte a fattori strutturali come le strozzature all’offerta che la guerra ha esasperato, ma che rimarranno. E di fronte a questo scenario “è giusto che la politica monetaria torni a un assetto più normale”. Christine Lagarde ha spiegato che le misure dell’inflazione di fondo “sono quasi tutte sopra il 2%” e l’economia globale sembra destinata ad affrontare “ulteriori shock negativi d’offerta e pressioni sul lato dei costi”, anche di fronte alla necessità di “accelerare la transizione green come mezzo per ridurre la dipendenza da attori ostili”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Peste suina, l’esperto: “Urgente educare i cittadini”
Non filmare i cinghiali, non nutrirli, non gettare i rifiuti fuori dai cassonetti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
11 maggio 2022
12:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Non avvicinarsi ai cinghiali per filmarli, non dargli da mangiare, tenere i cani al guinzaglio e tenere puliti i cassonetti, perché “se non ci fosse da mangiare per strada, il problema si risolverebbe da solo”.
A fronte di un aumento di casi di peste suina, a indicare la necessità di “un bisogno urgente di educazione dei cittadini che convivono con il problema dei cinghiali in città”, è Enrico Alleva, esperto di comportamento animale, accademico dei Lincei, intervenuto ad Agorà, su Rai3.

“A partire da una vita sobria che non buttava niente, siamo passati a riempire di ottimo cibo i cassonetti, – spiega Alleva, per decenni dirigente di ricerca all’Istituto Superiore di Sanità – e i cinghiali, quando se ne accorgono, entrano in città a frotte. Partono prima gli individui che hanno una personalità più esplorativa, poi, quando si rendono conto che non c’è un particolare pericolo, arriva il resto del gruppo. E le strade diventano una mangiatoia”. Questi animali “spesso sono madri che allattano e che sono alla ricerca di cibi ricchi di nutrienti, quindi per loro il cassonetto è particolarmente attrattivo”. Quindi “un’accortezza è non rendere facilmente accessibile il cibo, inserendolo all’interno del cassonetto.
Perché il cinghiale non vola”.
Questi animali “non avrebbero nessuna voglia di attaccare l’uomo, perché non sono carnivori” ma attenzione poi a “non scatenare l’archetipo del predatore”. Ad esempio, “avvicinarsi con il telefonino, tenendo fissa la rotta, dà il segnale che un potenziale predatore di dimensioni più grandi li sta puntando”.
Quindi “non bisognerebbe filmarli, vanno guardati da una certa distanza”. Ma “il pericolo massimo è nutrirli perché, se capiscono che la specie umana li nutre, poi non bisogna stupirsi se un cinghiale, magari di grosse dimensioni, va incontro alla signora che esce con la spesa dal supermercato”. Quanto al rischio per gli animali domestici: “in natura un predatore del cinghiale è il lupo. Il cane è un lupo addomesticato, quindi nelle zone in cui sono segnalati cinghiali bisogna che i cani siano al guinzaglio e controllati”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Manovra: ok Camera a mini riforma calendario, va al Senato
Nadef entro il 25 settembre, legge bilancio entro il 10 ottobre
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
11 maggio 2022
11:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Via libera dell’Aula della Camera alla proposta di legge che prevede l’anticipazione della presentazione della Nota di aggiornamento del Def (dal 27 al 25 settembre di ciascun anno) e del disegno di legge di bilancio (dal 20 al 15 ottobre).

Il testo, approvato a Montecitorio con 373 voti a favore, cinque contrari e due astenuti, passa al Senato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: informativa Draghi il 19 al Senato e alla Camera
Non sarà più un question time
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
11 maggio 2022
11:41
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Trasformato da question time a informativa l’intervento del presidente Mario Draghi alle Camere giovedì 19 maggio.
Lo si apprende da fonti parlamentari.
Giovedì dunque il presidente sarà alle ore 9 al Senato e alle 11.30 alla Camera per un’informativa sulla questione ucraina.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina, mogli dei soldati Azov dal Papa, speriamo di salvare loro le vite
Incontro del Pontefice con Katarina e Yulia: ‘Ha detto farà il possibile’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
08:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’incontro con il Papa è stato “un momento storico.
Speriamo tutti insieme che questo possa aiutare a salvare i nostri mariti, i soldati che sono nella Azovstal a Mariupol.
Noi speriamo che questo incontro ci dia una chance per salvare le loro vite”. Così Katarina e Yulia, due mogli dei soldati del battaglione Azov che hanno incontrato Papa Francesco e che sperano che sia data ai loro soldati la possibilità di evacuare dall’acciaieria. Papa Francesco “ha detto che pregherà per noi e che farà il possibile”. “Gli abbiamo chiesto di venire in Ucraina e di parlare con Putin perché se ne vada”, su questo “non ha risposto. Ha detto che pregherà per noi”, riferiscono Katarina e Yulia. “Spero che tutti possano sopravvivere e noi faremo ogni cosa possibile per salvare le loro vite”, dice Katarina. Nell’acciaieria “molti di loro sono morti e non abbiamo potuto seppellirli secondo la tradizione cristiana. Abbiamo chiesto al Papa di aiutarci affinché ci siano per loro ‘corridoi verdi'” per uscire dalla Azovstal di Mariupol, aggiunge Yulia.
Ucraina, le mogli dei soldati del Battaglione Azov: ‘Il Papa ci aiuti’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

“Pensiamo ci siano ancora civili dentro” l’acciaieria di Azovstal a Mariupol “perché ci sono le famiglie dei militari. Hanno paura ad essere evacuati perché hanno paura che i militari russi non li lasciano andare nei territori ucraini perché le persone che vengono evacuate da Azovstal vanno prima nei campi russi e la Federazione russa poi non lascia andare via da lì. Hanno paura di essere torturati e uccisi”, affermano le due mogli di due soldati del battaglione Azov.
“Non hanno cibo, acqua, medicine e cure sanitarie. E’ una situazione terribile. Anche l’acqua dei tubi dell’acciaieria sta finendo. Non possiamo stare seduti a guardare queste terribili notizie. Ogni giorno uno o due soldati feriti stanno morendo”. Questa la situazione nella Azovstal di Mariupol secondo il racconto di Katarina e Yulia, mogli di due soldati del battaglione Azov che hanno incontrato il Papa. “Ci sono sei-settecento soldati feriti che devono essere evacuati immediatamente per essere curati” riferiscono le due donne.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gli italiani sugli Alpini a Rimini
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
11 maggio 2022
14:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il raduno degli alpini a Rimini pare essere stato macchiato da comportamenti vergognosi.
Crescono ancora le segnalazioni, ed è arrivata ai carabinieri la prima denuncia per quanto avvenuto all’adunata dei 105 anni.”I comportamenti raccontati da alcune donne sono gravissimi.
Episodi che certamente andranno accertati dagli organi competenti – ha affermato il Ministro della Difesa, Lorenzo Guerini -, ma che non possono e non devono essere sottovalutati. Episodi, voglio ribadirlo con forza, che sarebbero all’opposto dei valori degli Alpini e di una manifestazione che è celebrazione di solidarietà, principi e bellissime tradizioni”. “È sbagliato – aggiunge – fare generalizzazioni, ma allo stesso tempo non ci deve essere nessuna tolleranza: le molestie e le violenze non devono mai e in nessun caso trovare alcuna giustificazione e vanno condannate senza esitazioni”.
In attesa degli opportuni approfondimenti e accertamenti da parte degli organi competenti, DataMediaHub ha analizzato le conversazioni online al riguardo per comprendere cosa ne pensino gli italiani al riguardo. Nell’ultima settimana online (social, news online, blog e forum), da parte di oltre 5mila autori unici, sono state circa 30mila le citazioni relative agli alpini, e hanno coinvolto (like, reaction, commenti e condivisioni) più di 200mila persone.
Ampissima l’eco mediatica al riguardo naturalmente, e infatti sono state 131,7 le impression potenziali (la cosiddetta “opportunity to be seen”) al riguardo. Un numero di esposizioni a contenuti relativi ai fatti di Rimini che stimiamo ragionevolmente essere effettivamente pari a 6,5 miliardi. Come mostra l’infografica di sintesi dei risultati della nostra analisi, a partire da lunedì 9 maggio scorso crescono in maniera esponenziale le citazioni online relative agli alpini, e il sentiment, le emozioni correlate alle verbalizzazioni sul tema, muta drasticamente da positivo a negativo, mantenendo questa negatività sino alle prime ore di oggi.
Non a caso dalla word cloud dei 120 termini utilizzati con maggior frequenza al riguardo emergono affermazioni sulla gravità dei fatti e sul fatto che questi non trovino alcuna giustificazione. Anche la “emoji cloud” con le “faccine” maggiormente utilizzate conferma lo sgomento, il disappunto e la rabbia sui comportamenti che alcuni alpini avrebbero tenuto durante il raduno.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Papa incontra mogli dei combattenti del Battaglione Azov
Kateryna e Yulya, ‘Speriamo di riuscire a salvare le loro vite’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CITTÀ DEL VATICANO
11 maggio 2022
12:16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Papa Francesco ha incontrato, al termine dell’udienza generale, le mogli di due ufficiali del Battaglione Azov, l’unità militare ucraina i cui combattenti sono attualmente asserragliati nei cuniculi dell’acciaieria Azovstal di Mariupol.
Le giovani mogli dei militari di Azov hanno scritto nei giorni scorsi al Pontefice e a sorpresa è arrivato loro ieri l’invito per l’odierno incontro in udienza.

L’incontro con il Papa è stato “un momento storico. Speriamo tutti insieme che questo possa aiutare a salvare i nostri mariti, i soldati che sono nella Azovstal a Mariupol. Noi speriamo che questo incontro ci dia una chance per salvare le loro vite”, dicono Kateryna Prokopenko, moglie del comandante di Azov, Denis Prokopenko, e Yulya Fedosiuk, moglie di Arseniy Fedosiuk. Papa Francesco “ha detto che pregherà per noi e che farà il possibile”. “Gli abbiamo chiesto di venire in Ucraina e di parlare con Putin perché se ne vada”, su questo “non ha risposto. Ha detto che pregherà per noi”, riferiscono le due giovani donne.
Nell’acciaieria “molti di loro sono morti e non abbiamo potuto seppellirli secondo la tradizione cristiana. Abbiamo chiesto al Papa di aiutarci affinché ci siano per loro ‘corridoi verdi'” per uscire dalla Azovstal di Mariupol, aggiunge Yulya.
Secondo le due donne ogni giorno muoiono uno-due soldati feriti nell’acciaieria, dove ancora ci sarebbero dei civili.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Via libera definitivo del Parlamento alla legge Salvamare
Ok definitivo del Senato con 198 voti favorevoli
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
11 maggio 2022
12:21
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’Aula al Senato ha approvato con 198 voti favorevoli, nessun contrario e 17 astenuti, il ddl che detta disposizioni per il recupero dei rifiuti in mare e nelle acque interne e per la promozione dell’economia circolare, la cosiddetta legge Salvamare.
Il provvedimento, è approvato in via definitiva.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mediobanca: crescono utile e ricavi 9 mesi, conferma payout
Non esposta a rischio Russia e Ucraina
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
11 maggio 2022
12:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mediobanca archivia i nove mesi con un utile di 716 milioni in crescita del 19% e ricavi in aumento del 9% a 2.147 milioni grazie al margine di interesse e alle commissioni.
Queste ultime crescono per sviluppo wealth management e apporto dell’investment banking.
Nel trimetre l’utile netto è stabile a 190 milioni e i ricavi di circa 700 milioni.
La banca non ha alcuna esposizione materiale al rischio Russia e Ucraina. E’ in corso il buyback fino al 3% del capitale dopo che è già stato riacquistato il 2% e viene confermato un cash payout del 70% che, sommato al payout del buyback, assicura un remunerazione del 100%.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il futuro del Sud si ‘disegna’ da venerdì a Sorrento
Al Forum con Mattarella, il premier Draghi e diversi ministri
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
SORRENTO (NAPOLI)
11 maggio 2022
13:03
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’obiettivo è quello di elaborare una nuova agenda strategica per il Sud.
Così da venerdì, per due giorni, ministri, business leader e opinione maker si confronteranno a tutto campo, a Sorrento nel corso dei lavori del meeting “Verso Sud”, voluto dal ministro per la Coesione territoriale, Mara Carfagna e realizzato da The European House-Ambrosetti.

Durante il forum verrà fatto anche un focus sulle enormi potenzialità del Mezzogiorno e sulle aree che sono strategiche per la crescita dell’intera area del Mediterraneo. Il Sud, inoltre, può avere un ruolo da protagonista nella green transition mentre i porti del Mezzogiorno potranno segnare anche per il futuro, primati nella movimentazione delle merci e nel crocierismo. Senza trascurare che proprio il Pnrr prevede un grande impulso per settori strategici.
Saranno presenti il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella e il presidente della Camera dei Deputati, Roberto Fico. E nutrita è la rappresentanza del Governo: dal premier Mario Draghi al ministro Mara Carfagna, da Renato Brunetta a Roberto Cingolani, da Vittorio Colao a Luigi Di Maio. E ancora i ministri Giancarlo Giorgetti, Enrico Giovannini, Daniele Franco e Mariastella Gelmini.
Tra i relatori ad oggi confermati ci sono Abdel Aziz Abu Hamad Aluwaisheg (Vice Segretario Generale, Consiglio di Cooperazione del Golfo, Arabia Saudita), Figen Ayan (Presidente, MedCruise), Manuel Besteiro Galindo (President of the General Assembly, Mediterranean Rail Freigh Corridor), António Costa Silva (Ministro dell’Economia e del Mare, Portogallo), Marouane El Abassi (Governatore, Banca Centrale della Tunisia), Arancha Gonzalez (Dean, Paris School of international Affairs), Kyriakos Pierrakakis (ministro della Governance Digitale, Grecia), Adnan Shihab-Eldin (Senior Visiting Research Fellow, Oxford Institute for Energy Studies; ex Segretario Generale, OPEC).
A Sorrento, sin da oggi, sono state rafforzate le misure di sicurezza in vista dell’arrivo dei numerosi relatori.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Eni: ok a bilancio, cedola 2021 Tesoro da 940,4 milioni
Quella per il 2022, in 4 tranches, ammonterà a poco più di 962
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
11 maggio 2022
13:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’assemblea degli azionisti di Eni ha approvato il bilancio 2021 chiuso con l’utile di 7,674 miliardi.

Lo rende noto la società al termine della riunione che ha anche approvato il pagamento del saldo del dividendo di 0,43 euro per azione che risulteranno in circolazione alla data di stacco cedola, escluse le azioni proprie in portafoglio a quella data.

Il pagamento sarà effettuato il 25 maggio 2022, con data di stacco il 23 maggio 2022 e “record date” il 24 maggio 2022. Con il dividendo 2021 di 0,86 euro per azione, all’azionista pubblico che ha il 30,33%, vanno in totale 940, 6 milioni di euro. Inoltre l’assemblea dei soci di Eni, “tenuto conto della Politica di Remunerazione degli Azionisti approvata dal Cda il 17 marzo 2022, approva la distribuzione, a titolo e in luogo del pagamento del dividendo relativo all’esercizio 2022, di una somma di 0,88 euro per azione da operarsi, in tranches di pari importo, nei mesi di settembre 2022, novembre 2022, marzo 2023 e maggio 2023”. La quota totale che spetterà al Tesoro sarà intorno a 962,5 milioni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5s, Casaleggio: ‘crolla nei sondaggi, imboccata la via del declino’
‘E’ schizofrenico il suo comportamento, alleanza con Pd sta tramontando’ precisa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
08:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Penso che sia un po’ schizofrenico quello che si sta facendo oggi nel M5s.
Si dice una cosa e si fa il contrario spesso.
Questa schizofrenia in politica non credo paghi. Infatti i sondaggi stanno crollando di giorno in giorno”.
Così Davide Casaleggio a margine di un evento a Milano.
“Il Movimento ha imboccato una via di declino che sta continuano a scendere” ha aggiunto. E anche l’alleanza con il centrosinistra “penso stia tramontando, infatti al governo c’è un campo larghissimo di presenze. Mi dispiace – ha concluso – che non si voglia più partecipare alle comunali. È la fase di declino di un progetto”.
“Il fatto di mettere all’angolo un senatore che vota contro l’invio delle armi quando pubblicamente si dice di non volerle inviare è un esempio di schizofrenia”. Così Davide Casaleggio ha commentatola decisione della Giunta del regolamento di palazzo Madama di sciogliere la commissione Esteri presieduta da Vito Petrocelli. “È stata bizzarra come gestione e tra l’altro non è stato espulso dal Movimento 5 stelle, ma solo dalla commissione”, ha concluso.
Per un nuovo soggetto politico “c’è tantissimo spazio perché penso che tutte queste persone disilluse, su cui il Movimento 5 Stelle aveva pescato elettoralmente nel 2013, oggi stanno tornando, e lo vediamo alle elezioni comunali e regionali, all’astensionismo”. Lo ha spiegato Davide Casaleggio parlando con i giornalisti a margine di un evento a Milano. “Intercettare le istanze di queste persone è importante, è stato fatto un tentativo tramite le iniziative del referendum e mi spiace che siano state bocciate e rimandate al mittente in modo così brusco – ha proseguito -, perché una partecipazione dei cittadini è essenziale per costruire uno stato forte. Penso che il tema sia quello della partecipazione, ho sempre lavorato per questo in modo innovativo, tramite Rousseau, e la costruzione di nuove idee. La platform society, la costruzione di strumenti per la partecipazione dei cittadini, penso sia la via del futuro e oggi il concetto di Movimento che era innovativo dieci anni fa è già qualcosa di passato”. Con la crisi da affrontare come quelle della guerra e dell’inflazione “dobbiamo pensare a quali possono essere le soluzioni e dobbiamo coinvolgere i cittadini sulle soluzioni – ha concluso -, non possiamo pensare di trovarle in una stanza chiusa e pensare che valgano per tutti”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Penso che sia un po’ schizofrenico quello che si sta facendo oggi nel M5s.
Si dice una cosa e si fa il contrario spesso.
Questa schizofrenia in politica non credo paghi. Infatti i sondaggi stanno crollando di giorno in giorno”.
Così Davide Casaleggio a margine di un evento a Milano.
“Il Movimento ha imboccato una via di declino che sta continuano a scendere” ha aggiunto. E anche l’alleanza con il centrosinistra “penso stia tramontando, infatti al governo c’è un campo larghissimo di presenze. Mi dispiace – ha concluso – che non si voglia più partecipare alle comunali. È la fase di declino di un progetto”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Portaerei Usa a Napoli. “Mar Nero? Non annunciamo rotte”
Comandante nave Truman: sempre in esercitazione in attesa ordini
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
11 maggio 2022
14:17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Se la prossima rotta è verso l’est e il Mar Nero? Non annunciamo le nostre rotte.
In questi giorni siamo qui a Napoli”.
Così l’ammiraglio Gavin Duff, comandante della portaerei americana Truman in rada nel Golfo di Napoli, risponde ad alcuni giornalisti a bordo della grande nave Usa, in servizio da 24 anni. La portaerei, che imbarca 50 aerei, è sempre pronta a entrare in azione, come spiega il comandante: “a bordo – dice – siamo sempre in attività, facciamo esercitazioni molto impegnative, perché sappiamo di dover essere sempre pronti a rispondere al meglio alle chiamate dei vertici della Marina”.
La nave Truman sarà nel Golfo di Napoli fino a sabato mattina, quando è prevista la sua partenza.
“Siamo nel Mediterraneo dove abbiamo lavorato e lavoriamo nell’ambito della nostra alleanza con i Paesi europei”, un’alleanza “che è di grande importanza, come ha dimostrato anche l’ottima cooperazione in mare con la portaerei della Marina militare italiana Cavour”, ha aggiunto l’ammiraglio Duff.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mattarella, da magistrati uccisi venuta lezione di comportamento
Importante destinare immobile sequestrato a scuola toghe
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
11 maggio 2022
14:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha evidenziato “l’alto significato” della scelta di destinare un immobile confiscato alla criminalità organizzata per ospitare la nuova sede romana della Scuola Superiore della Magistratura.
Un attico trasformato da “ostentazione dell’illegalità a sede dell’organismo che cura la formazione e l’aggiornamento dei magistrati”, ha detto nel suo intervento conclusivo durante l’inaugurazione.
“Anche per questo – ha continuato – non poteva esserci scelta più felice di intitolare questa sede a Mario Amato. Il suo impegno, come quello di tanti magistrati assassinati, costituisce una lezione di comportamento e interpretazione del ruolo del magistrato che la Scuola fa proprio e trasmette anche con questa scelta”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ecdc-Aesa, stop mascherina obbligatoria su voli dal 16/5
‘Ma resta una delle difese migliori contro diffusione Covid’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
11 maggio 2022
14:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Stop all’obbligo di indossare la mascherina sui voli nell’Unione Europea.
E’ quanto prevedono le nuove linee guida sulla sicurezza dei viaggi pubblicati dall’Ecdc (Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie) e dall’Aesa (Agenzia europea per la sicurezza aerea).
La mascherina resta comunque fortemente raccomandata per chi tossiste o starnutisce e, si legge nelle linee guida, “resta una delle difese migliori contro la trasmissione di Covid-19”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio, a Mosca messaggi chiari, serve pace
‘Riavviare negoziati per cessate il fuoco’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
11 maggio 2022
14:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ necessario “passare chiari messaggi a Mosca a favore della pace”.
Lo ha sottolineato il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, a Rabat dove ha visto il collega marocchino Nasser Bourita, ribadendo anche la necessità di “riavviare tavoli negoziali fra Russia e Ucraina per raggiungere innanzitutto un cessate il fuoco”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Arrestato il cardinal Zen a Hong Kong, ira del Vaticano
Fermato a 90 anni per ‘sovversione’. Poi il rilascio su cauzione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PECHINO
11 maggio 2022
21:14
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il cardinale Joseph Zen, 90 anni, è stato arrestato dalla polizia di Hong Kong con la pesante accusa di “collusione con forze straniere”, una delle quattro tipologie di reati contemplate dalla contestatissima legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino all’ex colonia a giugno 2020 che prevede anche l’ergastolo.
Solo in tarda serata è arrivato il rilascio su cauzione.
L’assalto finale all’ultima figura carismatica pro-democrazia, la principale per influenza e rigore morale, ha avuto inizio nei mesi scorsi quando il Ta Kung Pao, un quotidiano in lingua cinese sponsorizzato dal Partito comunista cinese, ha pubblicato ben quattro articoli prendendo di mira Zen e tutta la Chiesa di Hong Kong. Le accuse erano di aver abusato a lungo del suo status di alto prelato per allearsi “con elementi indipendentisti” come Jimmy Lai, il tycoon fondatore del tabloid Apple Daily, e Martin Lee, “per impegnarsi in attività anti-cinesi”. Il magnate dei media, 73 anni, e Lee, 84 anni, un ex deputato di Hong Kong, entrambi cattolici, sono stati arrestati e incarcerati lo scorso anno per aver partecipato a manifestazioni non autorizzate relative alle proteste di massa del 2019, oltre che per la violazione della legge sulla sicurezza nazionale. Zen, salesiano, è stato vescovo di Hong Kong dal 2002 al 2009, con la nomina a cardinale nel 2006. Ampiamente noto per il suo attivismo sociale e la sua difesa dei movimenti sociali, ha pubblicamente sostenuto i valori democratici fino all’introduzione della legge sulla sicurezza. È stato a lungo un bersaglio del Pcc per la sua strenua opposizione alle politiche del partito e alla repressione dei diritti umani e della libertà religiosa in Cina, sfociata nella demolizione forzata di chiese e croci in varie parti del Paese dal 2014 al 2016. Il porporato ha anche tenuto messe in memoria delle vittime del massacro di piazza Tienanmen del 1989, quando l’Esercito popolare di liberazione fu spedito a reprimere nel sangue le proteste studentesche a favore di riforme e democrazia. L’alto prelato aveva aspramente criticato le politiche del Vaticano e le trattative con la leadership comunista sull’accordo provvisorio di nomina congiunta dei vescovi in Cina perché “irriguardoso”, spiegò tra le polemiche, verso i milioni di fedeli che a costo della loro vita continuavano a coltivare la fede, sfidando la repressione e le vessazioni delle autorità. “La Santa Sede ha appreso con preoccupazione la notizia dell’arresto del cardinale Zen e segue con estrema attenzione l’evolversi della situazione”, ha commentato il direttore della sala stampa vaticana Matteo Bruni. Mentre anche la Casa Bianca è scesa in campo per chiedere il rilascio immediato dell’alto prelato. Zen è stato arrestato insieme all’ex parlamentare dell’opposizione Margaret Ng e alla cantante-attivista Denise Ho, anche loro rilasciate su cauzione. I tre, in base a quanto riportato dal South China Morning Post, erano amministratori del ‘612 Humanitarian Relief Fund’, fondo che ha aiutato i manifestanti arrestati a pagare le spese legali e mediche durante le proteste del 2019: è stato sciolto a ottobre 2021 dopo che la polizia di sicurezza nazionale chiese la consegna dei dettagli operativi, comprese le informazioni sui suoi donatori e beneficiari. Un quarto fiduciario, l’ex professore Hui Po Keung, è stato arrestato martedì mentre stava per prendere un volo diretto in Germania per assumere un importante incarico accademico. Un quinto, Cyd Ho Sau-lan, è in carcere per il ruolo avuto nelle manifestazioni “illegali” del 2019. La repressione delle ultime sacche di resistenza democratica a Hong Kong procede inarrestabile e l’insediamento dal primo luglio di John Lee – il poliziotto responsabile delle repressione del 2019 – alla carica di governatore è il chiaro segnale della volontà di Pechino. Anche colpendo lì dove mai nessuno aveva osato finora: la Chiesa di Roma.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio, intesa con Rabat per rilancio cooperazione Mediterraneo
Politica, economia e migrazioni nei colloqui con omologo Bourita
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
11 maggio 2022
15:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MARRAKESH, 11 MAG – Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha incontrato l’omologo del Marocco, Nasser Bourita, poco prima della sessione di lavoro, al Meeting della coalizione globale contro l’Isis, in corso oggi a Marrakech.

È stata l’occasione per fare il punto sulle relazioni tra i due Paesi.
Di Maio si è detto “convinto che il Business Forum porterà grandi benefici ai rispettivi sistemi economici produttivi, anche in prospettiva di un rilancio della cooperazione nel Mediterraneo”.
È stato ribadito l’impegno “al mantenimento e al rafforzamento del quadro giuridico che lega il Marocco all’Unione europea”, oltre che “garantito il sostegno italiano agli sforzi del Segretario generale Onu per raggiungere una soluzione politica giusta, realista, pragmatica, sostenibile e mutualmente accettabile alla questione del Sahara occidentale”.
Infine, sugli sviluppi in Libia e in Sahel, Di Maio ha detto che “c’è la volontà di rafforzare il coordinamento bilaterale con la firma del Piano d’azione per la messa in opera del partenariato strategico multidimensionale”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cultura: ok unanime Senato a ddl su Teatro Regio Parma,218 sì
Il provvedimento lo riconosce monumento nazionale;passa a Camera
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
11 maggio 2022
15:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Via libera all’unanimità, con 218 voti favorevoli, dall’Aula di palazzo Madama al ddl per il riconoscimento del Teatro Regio di Parma monumento nazionale con voti favorevoli, contrari, astenuti.
Il provvedimento, in prima lettura in Senato, passerà ora alla Camera.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Rifiuti: Salvini, vogliamo Roma pulita, basta con i no
Trasformazione rifiuti in energia è il futuro
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
11 maggio 2022
15:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Noi vogliamo Roma pulita, moderna, sicura, innovativa, con una tassa rifiuti meno cara.
Dire ‘no’ alla trasformazione dei rifiuti in energia, calore e ricchezza significa dire no al futuro, e la Lega sta chiaramente con Roma e con i SÌ”.
Così il leader della Lega, Matteo Salvini su twitter.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi, piano Marshall per l’Ucraina. Italia pronta a fare la sua parte
Premiato ad Atlantic Council. Standing ovation per il messaggio di Zelensky
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 maggio 2022
08:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un “piano Marshall” per l’Ucraina.
Al termine della due giorni negli Stati Uniti Mario Draghi sceglie il palco dell’Atlantic Council, che gli consegna il premio per la “leadership”, per lanciare la proposta di un piano per la ricostruzione dei territori oggi ancora teatro “dell’invasione russa dell’Ucraina”.
Bisogna fare “di tutto per la pace” ribadisce il premier dal palco dell’Anthem Theatre di Washington, assicurando che l’Italia è pronta a fare la sua parte. Dopo Draghi sale sul palco Jamala, cantante ucraina che ha vinto l’Eurovision song festival nel 2016. Standing ovation della platea – un migliaio di persone del gotha della capitale degli States – per l’Ucraina e per il suo presidente. Gli ucraini, dice Zelensky in un videmessaggio “sono i migliori difensori”. E hanno al loro fianco anche gli Usa, assicura la speaker della Camera Nancy Pelosi, perché “la lotta per la libertà in Ucraina è una lotta per la libertà nel mondo”. Draghi riceve il premio dal segretario al Tesoro Usa Janet Yellen, che lo definisce “economista di talento e instancabile funzionario pubblico” e sottolinea che gli Usa sono “fortunati” ad avere come partner l’uomo del “whatever it takes”. La guerra, osserva il premier nel suo discorso – dopo saluti e pure qualche selfie con la comunità italiana di Washington – ha avvicinato le due sponde dell’Atlantico e ha “isolato la Russia”. Gli strascichi di questi stravolgimenti geopolitici dureranno “a lungo”. Per questo bisogna attrezzarsi e nel frattempo continuare a “sostenere il coraggio degli ucraini, che combattono per la libertà e per la sicurezza di tutti noi”. Bisogna iniziare anche a pensare alla ricostruzione, un tema affrontato anche nel bilaterale alla Casa Bianca con Joe Biden, perché “la distruzione delle sue città, dei suoi impianti industriali, dei suoi campi richiederà un enorme sostegno finanziario”. Un “piano Marshall” insomma. “Come quello che ha contribuito alle relazioni speciali tra Europa e Stati Uniti”. E in cui l’Europa deve fare la sua parte perché questa “è l’ora dell’Europa e dobbiamo coglierla”. Con Draghi e’ stato premiato anche il Ceo di Eni Claudio Descalzi per la sua leadership imprenditoriale.
E’ tempo di mettere tutti attorno a un tavolo, tutti compresi Russia e Stati Uniti, con l’Ucraina “protagonista”. Per costruire una soluzione “sostenibile” e non una pace “imposta” da altri, che si trasformerebbe in un “disastro”, perché nessuno la rispetterebbe. Mario Draghi sta per chiudere la sua prima missione a Washington da presidente del Consiglio e illustra la sua ricetta per cercare di avvicinare le parti e arrivare a quella fine della “macelleria” e dei “massacri” che i cittadini italiani ed europei, come ha detto a Joe Biden, ora invocano con forza. La guerra è cambiata, si sta vedendo che la Russia “non è Golia, non è invincibile”, osserva Draghi. La riposta ricevuta da Vladimir Putin nell’ultima telefonata, “i tempi non sono maturi”, non vale più oggi, perché era l’atteggiamento di chi pensava di “avere un vantaggio” che è poi mancato sul campo. Per questo ora bisogna fare ogni sforzo per “portare le parti al tavolo”. Di pace, per la prima volta, parla anche la Casa Bianca, nella sintesi del colloquio tra i due nello studio Ovale. Non ci sono “contrasti” tra le due sponde dell’Atlantico, assicura il premier in conferenza stampa in ambasciata prima di andare a Capitol Hill per un incontro con la leadership del Congresso e con la speaker della Camera Nancy Pelosi. Ma la “visione” del Vecchio continente sta “cambiando” e si fa necessaria una “riflessione preventiva”. Non c’è una questione di “toni”, l’incontro non è servito a “giudicarci a vicenda” ma per capire “come andare avanti”. Il negoziato, ammette Draghi, resta ancora “molto difficile”, ma un “primo passo E un primo passo verso l’apertura di un dialogo potrebbe essere lo sblocco dei porti sul mar Nero per consentire l’approvvigionamento di grano: potrebbe essere “un primo esempio di dialogo che si costruisce tra le due parti per salvare decine di milioni di persone”.
Ucraina, Draghi: ‘Dobbiamo iniziare a chiederci come costruire la pace’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Il presidente del Consiglio non dice esplicitamente che serva un contatto diretto tra Biden e Putin – che pure potrebbe imprimere una svolta in direzione di una de-escalation – ma si limita a sottolineare che “i contatti devono essere riavviati, intensificati a tutti i livelli”. E’ il momento “di guardare al futuro”, insomma. E anche alla “ricostruzione” post bellica su cui l’Europa deve agire “collettivamente”, su questa come sulle altre sfide imposte dalla guerra, perché nessun Paese ha risorse sufficienti. L’Italia, assicura, “farà la sua parte ma con tutti gli altri”. L’Europa dovrebbe cercare una risposta comune anche sull’energia, ma i “pareri non sono unanimi”. Sul fronte del gas Draghi incassa il sostegno di Biden all’idea del price cap, che stenta a farsi strada a Bruxelles. Ma i paesi europei, insiste il premier, hanno un potere sul mercato ed è l’ora di “esercitarlo”, mentre sul petrolio, questione cara all’alleato americano, l’idea è quella di “creare un cartello di compratori o di persuadere, forse la strada preferibile, l’Opec ad aumentare la produzione”. Obiettivo di entrambi i continenti resta quello di frenare la corsa dei prezzi per contrastare l’impatto sociale del conflitto. Nonostante la “grande incertezza” comunque Draghi non vede al momento segnali di “recessione” quest’anno. Ma l’attenzione rimane elevata, anche perché la crisi energetica non accenna a chiudersi e potrebbe inasprirsi se si dovessero fermare le forniture gas russo, da cui l’Italia si sta cercando di rendere indipendente nel più breve tempo possibile. Nel frattempo i pagamenti continueranno (una nuova scadenza è prevista attorno alla metà del mese) perché “non c’è nessuna dichiarazione ufficiale che i pagamenti in rubli violino le sanzioni, quindi è una zona grigia”, dice il premier, ricordando che “il più grande importatore, la Germania, ha già pagato in rubli e la maggior parte degli importatori di gas hanno già aperto conti in rubli”.
IL VIDEO

“E’ un onore ricevere il premier italiano Mario Draghi essendo la prima speaker della camera italoamericana”: lo ha detto la speaker della Camera Nancy Pelosi accogliendo il capo del governo italiano a Capitol Hill. “Grazie all’Italia per l’ospitalità che da alle truppe americane ma anche per essere un partner di pace”, ha aggiunto. “E’ un grande onore essere nel centro della democrazia e in un grande giorno per i rapporti tra Italia e Usa, i nostri rapporti stretti si sono rafforzati con la guerra in Ucraina”, ha detto Draghi. “Per me essere qui significa che un pezzo dell’Ue è qui, sono felice di essere qui non solo come italiano ma anche come europeo”, ha aggiunto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Amministrative: D’Incà, astensionismo reale inferiore 5%-10%
Il ministro per il rapporti con il parlamento in audizione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
11 maggio 2022
16:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’astensionismo reale nelle elezioni Comunali e Regionali è inferiore a quello ufficiale rispettivamente del 5% e del 10%, e questo dipende dal fatto che nelle liste elettorali risultano iscritti gli italiani residenti all’estero iscritti all’Aire, che sono nel 2020 5,5 milioni, cioè il 9% del corpo elettorale nazionale.
Lo ha sottolineato il ministro per i Rapporti con il Parlamento e le Riforme, Federico D’Incà in una audizione nella Giunta per le elezioni della Camera nell’ambito di una indagine conoscitivi sul voto degli italiani all’estero.

Questa “distorsione”, ha osservato, se non comunicata correttamente, potrebbe avere l’effetto di incentivare l’astensionismo stesso.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Garante della privacy sanziona il ministero dell’Interno
Due questure hanno violato la dignità di persone arrestate o detenute diffondendo immagini eccedenti l’informazione alla stampa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
11 maggio 2022
18:20
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Due sanzioni, per complessivi 110mila euro, sono state comminate dal Garante Privacy al ministero dell’Interno per la diffusione da parte di due questure, nel corso di conferenze stampa, di immagini e video di persone arrestate o detenute, lesivi della loro dignità, senza che la divulgazione fosse giustificata da necessità di giustizia o di polizia.
Nel primo episodio, il video, pubblicato su alcuni siti internet e testate giornalistiche, mostrava i volti in primo piano e i nominativi di otto persone arrestate e le immagini dei momenti in cui venivano condotte (in questo caso, con il volto coperto) dagli agenti di polizia nelle auto di servizio.
Il video, liberamente visibile per oltre 5 anni sul profilo Facebook di una questura, era stato rimosso dopo l’intervento dell’Autorità.
Nell’irrogare la sanzione di 60mila euro per questo episodio il Garante ha ritenuto che – alla luce della normativa nazionale ed europea, e della giurisprudenza della Corte di Cassazione e della Cedu – le immagini, per le caratteristiche dell’inquadratura e la presenza del logo della Polizia di Stato, fossero nella sostanza assimilabili alle foto segnaletiche, pur non avendo i numeri in sovrimpressione.
La diffusione delle foto segnaletiche – sottolinea l’Autorità – è consentita solo se ricorrono fini di giustizia e di polizia o motivi di interesse pubblico. Nel corso dell’istruttoria invece non è emersa alcuna necessità di divulgare le immagini in questione, in aggiunta alle altre informazioni fornite alla stampa. La questura è così incorsa in un trattamento non necessario, eccedente e lesivo della dignità della persona, che deve essere tutelata in ogni situazione, specialmente, come sottolineato dalla Suprema Corte, quando si trovi in una situazione di momentanea inferiorità e, ad esempio, sia ripresa in uno stato di soggezione (posizione forzata del soggetto, ritratto in primo piano senza il suo consenso, situazione obiettivamente umiliante).
Nel secondo caso, un’altra questura ha divulgato alla stampa, sempre senza che ve ne fosse alcuna necessità, le generalità e l’immagine in primo piano di una persona già in carcere per dare la notizia di un ulteriore provvedimento restrittivo emesso nei suoi confronti. Il Garante ha ritenuto illecita anche questa divulgazione di dati personali e ha applicato al ministero una sanzione pecuniaria di 50 mila euro.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ergastolo ostativo: Mirabelli, prima dell’estate possibile legge
“Bene Consulta che ha concesso altri sei mesi al Parlamento”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
11 maggio 2022
16:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ha fatto bene la Consulta a concedere altri 6 mesi al Parlamento per legiferare sull’ergastolo ostativo, ma questo non deve rallentare l’iter avviato che nelle prossime settimane saremo in grado di completare, è stato già fissato il termine per gli emendamenti, in Commissione c’è un buon clima, si può arrivare a una legge prima dell’estate”.
Lo ha detto al Tg Parlamento il senatore Franco Mirabelli, capogruppo del Pd nella Commissione Giustizia.

“Alla Camera – ha proseguito Mirabelli – c’è stato un lavoro unitario importante della maggioranza che ha coinvolto l’opposizione. E’ un provvedimento equilibrato che dà una risposta giusta al quesito posto dalla Consulta, credo che faremo in fretta”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Rinnovato contratto trasporto locale, revocato sciopero 30/5
Si chiude una lunga vertenza, aumento medio di 110 euro
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
11 maggio 2022
12:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Siglata l’intesa per il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro Autoferrotranvieri (mobilità Tpl) scaduto il 31 dicembre 2017 e che interessa circa 120 mila lavoratori e lavoratrici del trasporto pubblico locale.

Bene, l’accordo commentano Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Faisa-Cisal e Ugl-Fna annunciando che lo sciopero di 24 ore senza fasce di garanzia del prossimo 30 maggio “verrà revocato, avendo chiuso positivamente una lunga vertenza per un contratto scaduto da più di 4 anni”.
Il contratto 2021-2023 prevede un aumento medio di 110 euro e una tantum di 500 euro per la vacanza contrattuale.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Alpini: D’Elia (Pd), fatti gravi, punire i responsabili
Portavoce conferenza donne dem chiede “rivolta culturale”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
11 maggio 2022
16:32
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ciò che sta emergendo dal racconto di alcune donne, riguardo a quanto successo a Rimini durante il raduno degli alpini, è molto grave e non deve essere in alcun modo sottovalutato.
Lo stesso ministro Guerini è intervenuto per sottolinearlo e per chiedere che sia fatta chiarezza, senza giustificazione o tolleranza alcuna verso atti che sarebbero stati compiuti da appartenenti a un corpo militare.
Un gesto importante, di attenzione verso i racconti delle donne, un riguardo che dovremmo avere tutte e tutti, sempre. I fatti andranno accertati, ma purtroppo sappiamo che spesso, in occasione di raduni o assembramenti, si consumano episodi di molestie. Per sconfiggere la violenza, in tutte le sue forme, c’è bisogno di una grande rivolta culturale, di prendere sul serio la parola delle donne e di punire i responsabili”. Così Cecilia D’Elia, responsabile Parità nella segreteria Pd e portavoce della Conferenza delle donne democratiche.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Comunali: a Parma si consuma la spaccatura Lega-Fdi
Il centrodestra diviso al voto, fallito tentativo ricomposizione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PARMA
11 maggio 2022
16:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I tentativi di ricucitura, a meno di clamorose sorprese dell’ultimo minuto, sono falliti: a Parma il centrodestra si presenterà diviso alle prossime elezioni comunali.

Lega e Forza Italia, insieme ad altre realtà del centrodestra, sostengono Pietro Vignali, ex sindaco che fu arrestato durante il suo mandato.
La spaccatura, certo non lenita dalle divisioni a livello nazionale, si è consumata soprattutto sul suo nome. Fratelli d’Italia ha deciso così di puntare su Priamo Bocchi: “non si può andare avanti con lo specchietto retrovisore”, ha detto. L’obiettivo è superare Vignali e puntare al ballottaggio con Michele Guerra candidato del centrosinistra, delfino dell’uscente Federico Pizzarotti.
A complicare ulteriormente le cose c’è la ‘terza via’ di Civiltà Parmigiana, il movimento civico che, in alleanza con il centrodestra, portò all’elezione prima di Ubaldi, poi dello stesso Vignali. Sarà ai nastri di partenza a sostegno di Dario Costi, insieme ad Azione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo al lavoro su riforma giustizia tributaria,presto cdm
Tra questioni aperte l’età pensionabile dei magistrati tributari
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
11 maggio 2022
16:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il governo è al lavoro sulla riforma della giustizia tributaria, richiesta entro fine anno dal Pnrr.

E’ previsto, a quanto si apprende, per oggi pomeriggio un preconsiglio sul ddl che potrebbe andare già in settimana nel consiglio dei ministri al rientro del premier Mario Draghi da Washington.

Della riforma si è occupata una commissione tecnica Mef-Giustizia e i contenuti saranno tradotti in un ddl governativo. Tra le questioni aperte ci sarebbe anche l’età pensionabile dei magistrati tributari che potrebbe essere uniformata a quelli ordinari.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Appalti: Pd, ok obbligo clausola sociale a tutela lavoratori
“Via libera in commissione a emendamento”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
11 maggio 2022
16:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Questo pomeriggio è stato approvato in Commissione alla Camera l’emendamento che reintroduce nella legge delega in materia di appalti pubblici l’obbligatorietà della clausola sociale a tutela dei lavoratori e delle lavoratrici.
Siamo molti soddisfatti di questo risultato; era un obiettivo che il Partito Democratico aveva assunto come impegno prioritario, raccogliendo l’appello unitario delle organizzazioni sindacali.
Il ripristino dell’obbligo di clausola sociale è fondamentale, perché sappiamo che questo è lo strumento più efficace per proteggere nei cambi di appalto i lavoratori e le lavoratrici, in modo particolare nel settore dei servizi ad alta intensità di manodopera. Siamo convinti che la ripresa degli investimenti pubblici e la gestione di servizi pubblici essenziali non può avvenire in nessun modo a scapito della tutela del lavoro; grazie all’emendamento approvato oggi in Parlamento è stata rimossa ogni ambiguità su questo punto e garantito che non si farà nessun passo indietro sulla validità delle clausole sociali rispetto alle norme oggi vigenti.” Lo dichiarano Chiara Braga, responsabile Transizione ecologica e infrastrutture del Pd e relatrice alla Camera del ddl delega appalti e Nicola Pellicani, capogruppo Pd in Commissione Ambiente e Infrastrutture.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nasce Museo emigrazione, nonno Bergoglio accoglie visitatori
Realizzato a Genova. Franceschini: l’Ellis Island italiana
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
11 maggio 2022
16:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Una videoproiezione 3D del nonno materno di Papa Francesco, Francesco Sivori, accoglierà i visitatori del nuovo Museo Nazionale dell’Emigrazione Italiana (Mei) inaugurato a Genova alla Commenda di San Giovanni di Prè.

“La scelta su dove collocare il Museo nazionale dell’emigrazione Italiana (Mei) non poteva che ricadere su Genova per quello che ha rappresentato nella storia dell’emigrazione italiana”.
Lo afferma il ministro della Cultura Dario Franceschini in occasione dell’inaugurazione del Mei. “La prima volta che sono andato a Ellis Island molti anni fa ho potuto incontrare le storie straordinarie degli emigrati italiani, ho pensato subito come mai in Italia non c’era un luogo come quello – ricorda Franceschini -. E mi sono messo ad approfondire la storia un po’ sfortunata e accidentata della realizzazione del museo dell’emigrazione al Vittoriano che non è mai veramente decollato, quindi abbiamo pensato che lo Stato italiano dovesse creare un luogo importante all’altezza delle storie straordinarie dei nostri emigrati, e la scelta non poteva che ricadere su Genova”.
Per la vicepresidente del Parlamento europeo, Pina Picierno, il nuovo museo “è un tassello per la memoria collettiva del Paese”.
La struttura si sviluppa su 2.800 metri quadrati su tre piani ed è suddivisa in 16 aree tematiche. Sono oltre 200 le storie di emigrazione raccolte all’interno del Mei, 1.300 le immagini d’archivio. I visitatori possono interagire con spazi e oggetti vivendo esperienze virtuali a 360 gradi, consultabili oltre 5 milioni di documenti di viaggio di emigrati italiani.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ita: Altavilla, totale fiducia su successo vendita
Nasce piattaforma ‘True Italian Experience’ per rilancio turismo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
11 maggio 2022
17:14
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La fiducia del successo del processo di vendita di Ita è totale”.
Lo ha detto il presidente di Ita, Alfredo Altavilla, a margine della presentazione della piattaforma ‘True Italian Experience’.
“Siamo tutti estremamente fiduciosi, il ministro Franco e tutta la struttura del Mef per primi”, ha sottolineato.
Nel frattempo Ita è diventata il partner principale della stessa piattaforma ‘True Italian Experience’, un hub digitale ed innovativo per lo sviluppo del turismo verso l’Italia, che aggregando i principali stakeholder della filiera turistica crea “sistema” per promuovere nel mondo “tutte le esperienze” che si possono vivere in Italia, attraverso “un sito dedicato”. Si tratta di un “progetto perfetto” per il rilancio del turismo, ha sottolineato il ministro del Turismo, Massimo Garavaglia, spiegando che “l’obiettivo è raggiungere i numeri del 2019, che è stato un anno record per il turismo in Italia”. E in quest’ottica Ita “è in prima fila per il rilancio del turismo, è un punto di riferimento della filiera turistica, è l’unico player globale dell’Italia, l’ambasciatore di questa ospitalità italiana”, ha fatto presente l’amministratore delegato di Ita, Fabio Lazzerini.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi, cominciare a chiedersi come costruire pace
Lo ha detto durante una conferenza a Washington
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
11 maggio 2022
17:17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Abbiamo concordato che occorre continuare a sostenere l’Ucraina e a fare pressione su Mosca ma anche cominciare a chiedersi come si costruisce la pace.
Il percorso negoziale e’ molto difficile ma il primo punto punto e’ come costruire questo percorso negoziale, deve essere una pace che che vuole l’Ucraina, non una pace imposta”.
Lo ha detto il premier Mario Draghi in una conferenza stampa all’ambasciata italiana a Washington dopo l’incontro ieri con Joe Biden alla Casa Bianca.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Draghi, tutti devono fare sforzo dialogo, pure Usa
Il premier parla a Washington in una conferenza stampa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
11 maggio 2022
17:20
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Tutte le parti devono fare uno sforzo per arrivare sedersi intorno ad un tavolo, anche gli Usa”.
Lo ha detto il premier Mario Draghi nel corso di una conferenza stampa a Washington.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Draghi, Russia non è più Golia, non è invincibile
“La guerra ha cambiato fisionomia”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
11 maggio 2022
17:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La guerra ha cambiato fisionomia, inizialmente era una guerra in cui si pensava ci fosse un Golia e un Davide, essenzialmente di difesa disperata che sembrava anche non riuscire, oggi il panorama si è completamente capovolto, certamente non c’è più un Golia, certamente quella che sembrava una potenza invincibile sul campo e con armi convenzionale si è dimostrata non invincibile”.
Così il premier Mario Draghi in conferenza stampa dopo l’incontro con Biden alla Casa Bianca.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi, Biden riconosce Italia alleato forte e affidabile
Presidente Usa ci ha ringraziato come alleato affidabile
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
11 maggio 2022
17:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’incontro è andato molto bene, Biden ha ringraziato l’Italia come partner forte, alleato affidabile, interlocutore, credibile e io l’ho ringraziato per il ruolo di leadership in questa crisi e la grande collaborazione che c’è stata con tutti gli alleati”.
Così il premier Mario Draghi in conferenza stampa a Washington dopo la visita alla Casa Bianca.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 42.249 positivi, 115 le vittime
Tasso al 14,3%, ancora in calo i ricoveri
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
11 maggio 2022
17:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In calo contagi e vittime per Covid.

Secondo i dati del ministero della Salute nelle ultime 24 ore i nuovi contagi sono 42.249, quasi 14mila meno di ieri, mentre le vittime sono 115, 43 in meno.
Si abbassa anche il tasso di positività, che passa dal 15% al 14,3% su 294.611 tamponi, e il numero dei ricoverati in terapia intensiva e nei reparti ordinari, rispettivamente 338 pazienti – 20 in meno rispetto a ieri, e 8.412, ovvero 167 nelle ultime 24 ore.
Al momento ci sono 1.041.196 di persone attualmente positive al Covid, 41.776 in meno rispetto a ieri. In totale sono 16.915.301 gli italiani contagiati dall’inizio della pandemia, mentre i morti salgono a 164.846. I dimessi e i guariti sono 15.709.259, con un incremento di 84.344 rispetto a ieri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Attacco hacker russi a siti Italia, rientrato quello al Senato
Rivendicato dal gruppo Killnet
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
08:14
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il sito del Senato e quello della Difesa irraggiungibili, un’altra serie di pagine web di istituzioni e aziende presi di mira, una minaccia per le prossime ore: “forse questo è l’inizio della fine”.
Gli hacker russi lanciano un attacco all’Italia e stavolta l’azione non è opera di gruppi criminali che hanno come obiettivo un riscatto ma proviene da ‘Killnet’, un collettivo filorusso militante che secondo diversi esperti è legato alle forze armate della Federazione.
E’ lo stesso collettivo a rivendicare “l’attacco all’Italia” sui suoi canali Telegram, pubblicando l’elenco dei siti hackerati.
Sette in tutto: oltre a quello del Senato – che in serata è tornato in funzione – e della Difesa, ci sono l’Istituto di studi avanzati di Lucca, che si occupa di tecnologia digitale, l’Istituto superiore di Sanità, il portale Kompass, un database che raccoglie informazioni societarie, Infomedix (una società di servizi alle aziende sanitarie) e l’Automobile Club italiano. “Nessun danno – scrive in serata la presidente del Senato Elisabetta Alberti Casellati su twitter – dall’attacco hacker che ha coinvolto la rete esterna del Senato. Un grazie ai tecnici per l’immediato intervento. Si tratta di episodi gravi, che non vanno sottovalutati. Continueremo a tenere alta la guardia”.
L’attacco, secondo quanto ricostruito, è un DDos (Distribuited Denial of service): il sito viene preso di mira da migliaia di richieste di accesso che lo mandano in tilt e lo rendono irraggiungibile. In sostanza, vengono inviati ai server una grande quantità di dati tutti nello stesso momento, utilizzando più fonti, in modo che il sito venga inondato di false richieste che ne rallentano o bloccano il funzionamento. Si tratta di azioni che non producono danni ma disservizi e che, dunque, non compromettono l’infrastruttura informatica. Ed infatti, ribadiscono fonti qualificate, al momento nessuna delle strutture prese di mira sarebbe stata compromessa. L’attacco, confermano dal Senato, non ha comportato danni ai sistemi e nessuna perdita di dati. In ogni caso, l’attacco “è un fatto gravissimo – scrive su Twitter il membro del Copasir di Italia Viva Ernesto Magorno – È necessario reagire subito perché, purtroppo, l’andamento della guerra tra Russia e Ucraina rischia di andare avanti ancora per molto e un attacco cyber dovrebbe essere riconosciuto come un atto di terrorismo”. Al lavoro c’è già l’Agenzia per la Cybersicurezza nazionale, che è in “stretto contatto con le amministrazioni colpite per ripristinare” i siti, “analizzare il fenomeno” e “suggerire nel contempo le prime idonee contromisure tecniche”. Anche la Polizia Postale, con gli esperti del Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche (Cnaipic) ha avviato una serie di indagini per tentare di risalire ai server da cui è partito l’attacco.
Secondo lo Stato maggiore della Difesa, invece, l’impossibilità di raggiungere il sito è dovuto “ad attività di manutenzione da tempo pianificata”. Più fonti investigative confermano invece l’attacco che, anzi, viene ribadito, è ancora in corso e non è limitato solo all’Italia: ci sarebbero riscontri in Germania, dove sarebbero stati presi di mira gli aeroporti di Norimberga e Monaco, e in Polonia, con obiettivi banche, università e parlamento. Inoltre, gli stessi hacker di Killnet hanno pubblicato su Telegram un elenco di altri target che saranno colpiti nelle prossime ore in quei paesi. Quanto all’Italia, due sono i messaggi che chiamano in causa il nostro paese. Il primo è, appunto, quello contenente l’elenco dei siti attaccati; il secondo, invece, è una minaccia diretta che coinvolte anche la Spagna: “Mirai sta arrivando da te. Forse questo è l’inizio della tua fine” scrivono gli hacker. Mirai, spiegano fonti qualificate, è una ‘botnet’, una rete di computer compromessi che potrebbe essere utilizzata per ulteriori attacchi. E che l’azione non sia conclusa lo conferma anche un messaggio postato alle 3 della scorsa notte dagli hacker. Riguarda l’Eurovision in corso a Torino e si sostiene di aver bloccato il portale per le votazioni. “Non puoi votare on line. Forse è tutta colpa del nostro attacco Ddos”. In realtà, sarebbe stato accertato da chi sta cercando di capire le mosse degli hacker, quello messo in atto era solo un attacco di lieve entità, un modo per testare i sistemi con cui colpire successivamente. Anche la Rai conferma che la piattaforma è stata presa di mira ma, aggiunge il vicedirettore di Rai1 Claudio Fasulo, “non abbiamo riscontrato nessuna criticità, tutto funziona regolarmente”.   QUI TUTTE LE ULTIMISSIME DAL MONDO DELLA TECNOLOGIA: LEGGI!

Stadio di Roma, Zingaretti: ‘Forse è la volta buona’
‘Impianti sono diritto per le società’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
11 maggio 2022
18:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Lo stadio della Roma e gli stadi in generale credo siano un diritto delle società assolutamente legittimo, e mi sembra che questa volta il sindaco di Roma Gualtieri e la Roma abbiano messo la vicenda della realizzazione dello stadio sui giusti binari”.
Lo ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, in un’intervista alla web tv de Il Messaggero.
Per Zingaretti, ad essere fondamentale sarà il confronto: “Anche il confronto riservato, perché si tratta di fare valutazioni rispetto alla questione urbanistica e alla quantità degli investimenti, per poi annunciare unipotesi quando sarà credibile e, forse, questa fossela volta buona`.
Questo – ha spiegato – potrebbe aprire la stessa prospettiva anche per la Lazio. Non entro nella vita dei club, ma seguendo questa linea anche la Lazio potrebbe aspirare ad avere una risposta. Tutto questo rientra in una stagione, mi auguro, positiva”.  CALCIO
Ucraina: Conte, pace fatta con Draghi? Assolutamente no
Conte aggiunge che ‘non vuole far cadere il governo ma che sia rispettato il contributo della maggioranza relativa in Parlamento?
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
08:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Pace fatta con Draghi? Assolutamente no .
Io ho posto questioni politiche con cui mi interrogo con il partito di maggioranza relativa in Parlamento e la popolazione italiana.
Chiedere che Draghi venga in Parlamento dopo un’emergenza del genere non è irrituale, è un dovere”.
Lo ha detto il leader del M5s, Giuseppe Conte a Porta e Porta.  La questione del riarmo, la domanda se gli interessi italiani siano sovrapponibili con quelli di Usa e Gb e l’obiettivo che si vuole raggiungere nei confronti con la Russia: sono questi, secondo il leader M5s Giuseppe Conte, le questioni che il premier deve venire a riferire al Parlamento. “Questo conflitto bellico ci sfida, ci sono varie questioni che vanno chiarite e risolte. Sicuramente un confronto parlamentare può aiutarci a farlo” anzi “in questo momento è più necessario che mai ” ha detto il leader del M5s, Giuseppe Conte a Porta e Porta. “Conte non vuole far cadere il governo come sento dire, ma vuole che sia rispettato il contributo del partito che è maggioranza relativa in Parlamento” aggiunge l’ex premier.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi, Ucraina ha bisogno di piano Marshall
Lo ha detto in Usa ricevendo il premio dell’ Atlantic Council
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
12 maggio 2022
03:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’Ucraina ha bisogno di un piano Marshall per la ricostruzione”: lo ha proposto il premier Mario Draghi ritirando il premio di politico dell’anno all’Atlantic Council a Washington.

“Dobbiamo continuare – ha sottolineato Draghi – a sostenere il coraggio degli ucraini, che combattono per la loro libertà e per la sicurezza di tutti noi.
Dobbiamo continuare a infliggere costi alla Russia, muovendoci rapidamente con il nostro ultimo pacchetto di sanzioni. Ma dobbiamo anche fare tutto il possibile per raggiungere un cessate il fuoco e una pace duratura.
Spetterà agli ucraini decidere i termini di questa pace – e nessun altro. Nel frattempo, dobbiamo prepararci per il mondo in cui vivremo domani. Dobbiamo essere pronti a continuare a stare con l’Ucraina molto tempo dopo la fine della guerra. La distruzione delle sue città, dei suoi impianti industriali, dei suoi campi richiederà un enorme sostegno finanziario. L’Ucraina avrà bisogno di un Piano Marshall, proprio come quello che ha contribuito alle relazioni speciali tra Europa e Stati Uniti. E dovremo garantire che le sue istituzioni democratiche rimangano forti, stabili, vivaci. L’Ucraina è nostra amica. L’Ucraina rimarrà nostra amica”.
“Voglio condividere questo premio con il governo, con l’Italia e con gli italiani – ha poi affermato il premier -. L’Italia ha vissuto momenti molto difficili con la pandemia di Covid eppure si è rialzata”.
“Questa è l’ora dell’Europa e dobbiamo coglierla”, ha detto ancora. “Le scelte che la Ue ha di fronte – ha spiegato – sono brutalmente semplici. Possiamo essere artefici del nostro destino o schiavi delle decisioni altrui. Quello che mi rende ottimista è che non siamo soli. In un momento di profondo cambiamento, alcune cose restano uguali: la stretta relazione tra la Ue e gli Usa, il legame senza tempo che rafforza entrambi”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Narcotraffico e riciclaggio con opere d’arte, 31 arresti
Operazione in vari Stati, sequestrata galleria arte ad Amsterdam
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
12 maggio 2022
06:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Polizia di Stato sta eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 31 persone accusate a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di droga e con forti legami con trafficanti sudamericani, latitanti ed esponenti di spicco della criminalità organizzata.
L’operazione, coordinata dalla Dda di Milano sta interessando varie regioni e stati tra cui Olanda, Spagna e Lituania.
Inoltre è in corso il sequestro di una galleria d’arte moderna ad Amsterdam nella quale, con false fatturazioni, venivano riciclati i proventi del narcotraffico anche nell’acquisto di quadri e altre opere.
L’operazione condotta dai poliziotti della Unità Specializzata Antidroga della Squadra Mobile della Questura di Milano è iniziata a settembre 2019 con l’individuazione di una cellula locale di trafficanti milanesi, riconducibile a due imprenditori nel campo della ristorazione. Da lì si è risaliti a un importante broker internazionale della droga con collegamenti diretti con referenti sul territorio nazionale della criminalità organizzata campana, pugliese e albanese.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Poste: Del Fante, primo trimestre caposaldo per 2022 di successo
+10,6% l’utile netto a 495 milioni, ricavi salgono a 3 miliardi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
07:32
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“A meno di due mesi di distanza dall’aggiornamento del piano strategico del gruppo questi risultati rappresentano il primo caposaldo di un 2022 di successo”, dice l’a.d.
di Poste Italiane, Matteo Del Fante, commentando i risultati del primo trimestre.
“Dal 2020 – rileva – abbiamo conseguito una performance costante e in miglioramento: dopo una forte ripresa nel 2021, nel primo trimestre dell’anno continuiamo a crescere in maniera solida, aprendo la strada ad un 2022 di successo. Ciò è stato possibile grazie al duro lavoro di tutte le nostre persone dall’inizio della pandemia, che ha determinato uno spostamento strutturale verso l’alto della nostra traiettoria di crescita”.
Poste Italiane chiude il primo trimestre 2022 con un utile netto in crescita del 10,6% a 495 milioni nel primo trimestre del 2022. Il risultato operativo è “in forte crescita”, rileva l’azienda, pari all’11,8%, attestandosi a 694 milioni, “con contributi positivi da servizi assicurativi, servizi finanziari, pagamenti e mobile e una performance resiliente della divisione corrispondenza, pacchi e distribuzione”. Ricavi “in continua crescita”, pari all’1,4% nel trimestre, raggiungendo 3 miliardi.
“Confermiamo il nostro ruolo di pilastro strategico per l’Italia, attraverso la nostra piattaforma di distribuzione omnicanale. Continuiamo a soddisfare le esigenze in continua evoluzione dei clienti e confermiamo la nostra ambizione di sostenere lo sviluppo del nostro Paese, d’ora in avanti”, dice ancora Matteo Del Fante: “Quest’anno – ricorda – celebriamo i 160 anni di Poste Italiane, un appuntamento storico che testimonia come il nostro patrimonio unico ci abbia sempre permesso di affrontare le sfide e accompagnare il futuro delle nostre comunità”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Assalto a Confindustria Torino, 11 misure cautelari
Nei confronti di militanti Askatasuna e altri collettivi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
12 maggio 2022
08:19
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Digos di Torino sta dando esecuzione a undici misure cautelari, nei confronti di militanti del centro sociale Askatasuna e di altri collettivi, per l’assalto all’Unione Industriali del capoluogo piemontese dello scorso 18 febbraio in occasione di una manifestazione studentesca.
Tre le misure cautelari in carcere, quattro ai domiciliari e altrettanti gli obblighi di firma.
Lesioni aggravate, resistenza e violenza le accuse contestate.
Secondo gli investigatori della Digos di Torino, guidata dal dirigente Carlo Ambra, gli undici antagonisti colpiti da misure cautelari tentarono con bastoni, petardi e lancio di oggetti di fare irruzione nella sede dell’Unione industriali, in via Vela.
Dopo aver lanciato uova di vernice contro il palazzo, i manifestanti forzarono la porta d’ingresso per entrare negli uffici, ma le forze dell’ordine riuscirono a bloccare il tentativo. Nell’assalto, durante un corteo contro l’alternanza scuola-lavoro in seguito alla morte di Lorenzo Parelli e Giuseppe Lenoci, rimasero feriti sei carabinieri e un funzionario della polizia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Poste: nel trimestre +10,6% utile netto,ricavi a 3 miliardi
“Solida performance finanziaria apre strada a 2022 di successo”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
09:12
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Poste Italiane chiude i risultati del primo trimestre 2022 con un utile netto in crescita del 10,6% a 495 milioni nel primo trimestre del 2022.
Il risultato operativo è “in forte crescita”, rileva l’azienda, pari all’11,8%, attestandosi a 694 milioni, “con contributi positivi da servizi assicurativi, servizi finanziari, pagamenti e mobile e una performance resiliente della divisione corrispondenza, pacchi e distribuzione”.
Ricavi “in continua crescita”, pari all’1,4% nel trimestre, raggiungendo 3 miliardi. Poste sottolinea la “solida performance finanziaria nel primo trimestre del 2022 che apre la strada ad un 2022 di successo”.
“Confermiamo il nostro ruolo di pilastro strategico per l’Italia, attraverso la nostra piattaforma di distribuzione omnicanale. Continuiamo a soddisfare le esigenze in continua evoluzione dei clienti e confermiamo la nostra ambizione di sostenere lo sviluppo del nostro Paese, d’ora in avanti”.
L’amministratore delegato di Poste Italiane, Matteo Del Fante, lo sottolinea presentando i risultati del primo trimestre.
“Quest’anno – ricorda – celebriamo i 160 anni di Poste Italiane, un appuntamento storico che testimonia come il nostro patrimonio unico ci abbia sempre permesso di affrontare le sfide e accompagnare il futuro delle nostre comunità”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Disinnesco bomba aereo: sconto spiaggia per sfollati a Diano
Potranno affittare sdraio e lettini nello stabilimento comunale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
DIANO MARINA
12 maggio 2022
09:41
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In occasione del disinnesco della bomba di aereo, dissotterrata nel torrente Argentina, tra i Comuni di Arma di Taggia e Riva Ligure (Imperia), che domenica prossima comporterà lo sgombero, dalle 9 alle 21, di circa diecimila persone, in piccola parte anche del Comune di Sanremo, l’amministrazione di Diano Marina ha deciso di applicare uno sconto di 2 euro agli sfollati che vorranno trascorrere una giornata in spiaggia ai Bagni Delfino, gestiti da Gestioni Municipali, la spa al cento per cento con capitale comunale.

Su indicazione del sindaco Cristiano Za Garibaldi, dunque, lettino prendisole e ombrellone costeranno 3 euro anziché 5.
“È solo un piccolo gesto – spiega il primo cittadino – per dimostrare amicizia e vicinanza a chi vivrà questa giornata di disagio, offrendo la possibilità di una domenica diversa a Diano Marina, in spiaggia o a passeggio per le vie della nostra città.
È anche un modo per dare una pacca sulla spalla, di incoraggiamento, ai miei colleghi Mario Conio (sindaco di Arma di Taggia) e Giorgio Giuffra (sindaco di Riva Ligure), che sono ovviamente molto impegnati nella gestione di questa complessa operazione”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Stati Generali della natalità, appelli di Papa e Mattarella per la famiglia
Il presidente: ‘Lo prescrive anche la Costituzione’. Allarme dell’Istat,nel 2050 rischio 5 milioni di italiani in meno
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
10:49
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il tema della natalità rappresenta una vera e propria emergenza sociale.
Non è immediatamente percepibile, come altri problemi che occupano la cronaca, ma è molto urgente: nascono sempre meno bambini e questo significa impoverire il futuro di tutti; l’Italia, l’Europa e l’Occidente si stanno impoverendo di avvenire”.
Lo afferma papa Francesco nel saluto inviato ai partecipanti alla seconda edizione degli Stati Generali della Natalità, che hanno luogo oggi e domani presso l’Auditorium della Conciliazione a Roma, di cui viene data lettura all’apertura dei lavori. “C’è una periferia esistenziale in Occidente, poco vistosa, che non si nota immediatamente. È quella delle donne e degli uomini che hanno il desiderio di un figlio, ma non riescono a realizzarlo”, afferma papa Francesco. “Molti giovani faticano a concretizzare il loro sogno familiare – sottolinea il Pontefice -. E allora si abbassa l’asticella del desiderio e ci si accontenta di surrogati mediocri, come gli affari, la macchina, i viaggi, la custodia gelosa del tempo libero… La bellezza di una famiglia ricca di figli rischia di diventare un’utopia, un sogno difficile da realizzare”. “Questa è una nuova povertà che mi spaventa – osserva Francesco -. È la povertà generativa di chi fa lo sconto al desiderio di felicità che ha nel cuore, di chi si rassegna ad annacquare le aspirazioni più grandi, di chi si accontenta di poco e smette di sperare in grande”. “Sì, è una povertà tragica – aggiunge -, perché colpisce gli esseri umani nella loro ricchezza più grande: mettere al mondo vite per prendersene cura, trasmettere ad altri con amore l’esistenza ricevuta”. “Non vedere il problema della denatalità è un atteggiamento miope; è rinunciare a vedere lontano, a guardare avanti. È girarsi dall’altra parte, pensando che i problemi siano sempre troppo complessi e che non si possa fare nulla. È, in una parola, arrendersi. Per questo – prosegue il Pontefice – mi piace il titolo del vostro evento, organizzato dalla Fondazione per la Natalità e promosso dal Forum delle Famiglie: ‘Si può fare’. È il titolo di chi non si rassegna. È il titolo di chi spera contro ogni speranza, contro numeri che inesorabilmente peggiorano di anno in anno”. Secondo Francesco, “si può fare vuol dire non accettare passivamente che le cose non possano cambiare”, e “le cose possono cambiare se senza paura, andando oltre gli interessi di parte e gli steccati ideologici, ci si impegna insieme”.
“La accentuata diminuzione della natalità rappresenta uno degli aspetti più preoccupanti delle dinamiche sociali contemporanee e segnala una difficoltà” e dunque occorre “assumere con determinazione l’obiettivo di affrontare la crisi della struttura demografica del Paese”, favorendo la “famiglia e l’adempimento dei relativi compiti” come “prescrive l’art.31 della Costituzione, che ci richiama, conseguentemente, alla tutela della maternità, dell’infanzia e della gioventù”. Così Sergio Mattarella in un messaggio inviato al Presidente della Fondazione per la Natalita’ e del Forum delle Associazioni Familiari, Gianluigi De Palo.

“La struttura demografica del Paese soffre di gravi squilibri che incidono in modo significativo sullo sviluppo della nostra società”, scrive il presidente della Repubblica.
“Un fenomeno – evidenzia Mattarella – accentuatosi con la pandemia e che ha generato nuove disuguaglianze e una diffusa precarietà che scoraggia i giovani nella costruzione di una famiglia. Le azioni previste nell’ambito della legge delega 32/2022, recentemente approvata dal Parlamento, meritano di essere rapidamente rese esecutive, per contribuire alla ripartenza del Paese”.
Per il Capo dello Stato “occorre insistere nel perseguire condizioni che consentano alle giovani generazioni di costruire il proprio futuro e, in questo senso, va garantita piena dignità ai giovani, alle donne, alle famiglie”. Le “istituzioni a tutti i livelli” hanno la “responsabilità”, ricorda, di tutelare “la maternità, l’infanzia e la gioventù favorendo gli istituti necessari a tale scopo”. Le donne “devono affrontare ancora oggi troppi impedimenti e difficoltà per raggiungere una piena parità e un apporto essenziale può venire dalla conciliazione dei tempi di cura della famiglia e dei tempi di lavoro. È questione che interpella anche le imprese e la loro funzione sociale. Non può esservi opposizione tra impegno professionale, attività lavorativa e scelta di maternità. Le politiche per la famiglia sono un contributo essenziale allo sviluppo” del Paese.

Se non verrà invertita la rotta della natalità con misure strutturali nel 2050 l’Italia avrà 5 milioni di abitanti in meno: solo poco più di una persona su due sarebbe in età da lavoro, con un 52% di persone tra i 20-66 anni che dovrebbero provvedere sia alla cura e alla formazione delle persone sotto i venti anni (16%), sia alla produzione di adeguate risorse per il mantenimento e l’assistenza ai pensionati (32%). In questo quadro le nascite annue potrebbero scendere nel 2050 a 298 mila unità. Sono alcuni dei dati Istat illustrati dal presidente Gian Carlo Blandiardo agli Stati Generali della Natalità.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nigeria: sacerdote sequestrato morto in mano ai rapitori
Padre Bako, 48 anni, era stato preso da uomini armati che avevano assalito la canonica nella notte dell’8 marzo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CITTÀ DEL VATICANO
12 maggio 2022
12:05
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“E’ con cuore affranto, ma con totale sottomissione alla volontà di Dio che annunciamo la morte di padre Joseph Aketeh Bako, avvenuta nelle mani dei suoi rapitori tra il 18 e il 20 aprile 2022”.
Così – riferisce l’agenzia vaticana Fides – il cancelliere dell’Arcidiocesi nigeriana di Kaduna padre Christian Okewu Emmanuel ha annunciato la morte del parroco della chiesa cattolica di San Giovanni, a Kudenda nell’area del governo locale di Kaduna South, nello stato di Kaduna, rapito l’8 marzo scorso.
Padre Bako, 48 anni, era stato sequestrato da uomini armati che avevano assalito la canonica alle 1,30 della notte dell’8 marzo.
Insieme a lui era stato rapito anche suo fratello che era andato a trovarlo. “Suo fratello è stato ucciso in sua presenza e a seguito di ciò, le sue condizioni (era malato da tempo) sono peggiorate ed è morto” afferma il cancelliere dell’Arcidiocesi di Kaduna. “Non abbiamo recuperato il corpo ma abbiamo conferma della morte. Le persone che sono state rapite insieme a lui lo hanno visto morire”, viene riferito. Nelle settimane successive al rapimento si erano diffuse voci della morte di padre Bako a seguito di asserite sevizie inferte dai sequestratori. Il cancelliere dell’Arcidiocesi di Kaduna ha precisato che “le circostanze che hanno portato alla morte di padre Bako e la data del decesso sono state attentamente verificate, ed è per questo che possiamo ora comunicarle”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:Gimbe, meno casi e decessi ma netta riduzione tamponi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
10:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scendono i casi di Covid in Italia cosi’ come i ricoveri e i decessi ma è netta la riduzione dei tamponi (-23,6%).
Il monitoraggio indipendente della Fondazione GIMBE rileva nella settimana 4-10 maggio 2022, rispetto alla precedente, una diminuzione di nuovi casi (286.350 contro 394.945) e dei decessi (842 contro 962).
In calo anche i casi attualmente positivi (1.082.972 rispetto a 1.199.960), le persone in isolamento domiciliare (1.074.035 mentre prima erano 1.189.899), i ricoveri con sintomi (da 9.695 a 8.579) e le terapie intensive (da 366 a 358).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dl Ucraina bis, il governo pone la fiducia in Aula al Senato
Si tratta della cosiddetta legge taglia prezzi varata per contrastare gli effetti economici e umanitari della crisi ucraina
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
10:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà, ha posto la questione di fiducia in Aula al Senato sul maxi emendamento al decreto Ucraina bis, la cosiddetta legge taglia prezzi varata per contrastare gli effetti economici e umanitari della crisi ucraina.
Il provvedimento, all’esame del Senato in prima lettura, deve essere convertito in legge entro il 20 maggio.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Kyrylo, Andrej e gli altri, una classe ucraina nel centro di Roma
Ospitati dalla scuola Cadlolo 20 bambini fuggiti dal loro Paese studiano insieme proseguendo il loro percorso didattico. Le mamme: ‘Dobbiamo essere forti per loro’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
23 maggio 202219:14
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
All’uscita di scuola Irina guarda i suoi due figli e sorride: “Di fronte a loro dobbiamo essere forti, dobbiamo farlo per loro”.
Irina, insieme a Julia, Anna, Oksana è una delle venti mamme i cui bimbi, tra i 6 e gli 8 anni frequentano una classe elementare interamente formata da ucraini rifugiati e ospitata dal 28 marzo dalla scuola Alberto Cadlolo che fa parte dell’istituto comprensivo Virgilio, nel centro di Roma.
Il progetto, promosso dalla scuola e dal comitato dei genitori insieme all’associazione scuola ucraina  ‘Prestigio’, è nato in collaborazione con l’ambasciata ucraina e ha l’obiettivo di far proseguire il percorso didattico dei bimbi in conformità con il programma scolastico del ministero dell’Istruzione ucraino.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Elvira, insegnante ucraina: ‘E’ difficile vedere la sofferenza dei bimbi’ – Cronaca
Mediatrice culturale, insegna a una classe di bimbi ucraini ospitata da una scuola romana
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
”Come comunità educante – sottolinea il preside dell’istituto Alessio Santagati – abbiamo risposto sia alla richiesta di accogliere alcuni alunni nelle nostre classi sia quella di ospitare una intera classe ucraina rispettando il naturale desiderio di continuare il loro percorso di studi. Lo abbiamo fatto con concordia di intenti certi che questa esperienza oltre ad aiutare i nostri “ ospiti” sarà fondamentale per lo sviluppo personale dei nostri bambini che stanno già mostrando una capacità di integrazione che purtroppo noi adulti non sempre possediamo“.
“Apprezziamo molto quello che stanno facendo per noi, sono tutti molto gentili”, racconta Irina. Faceva la pasticcera vicino a Kiev, ha due bimbi gemelli Yhor e Kyrylo e con l’altra figlia e il marito è arrivata in Italia appena scoppiata la guerra. “E’ stato mio marito – racconta – a dire che dovevamo venire via. Anche lui è potuto venire con noi perché la legge ucraina lo consente ai padri che hanno tre figli”.
La mattina i piccoli fanno la dad con i loro insegnanti in Ucraina, poi, dall’una fino alle quattro, proseguono il percorso nelle aule della scuola romana con la loro maestra ucraina Elvira. Ovviamente la didattica a distanza con il loro Paese non è semplice e a volte neppure possibile. “Julia è di Kherson – racconta Irina parlando di un’altra mamma – ed è una zona che è stata presa dai russi che stanno dicendo ai maestri di lì di insegnare in russo, il programma scolastico russo”. I bimbi ospitati dalla scuola vengono da varie zone dell’Ucraina, da Kiev a Kherson a Leopoli. “Vengono da tante regioni diverse”, racconta Tetyana Tarasenko, la presidente dell’associazione ‘Prestigio’ che da 15 anni si occupa di promuovere la cultura ucraina in Italia e che sta sostenendo centinaia di ragazzi con progetti come questo. “Solo nelle prime tre settimane di guerra – racconta Tetyana – sono arrivati più di 200 bambini. Nelle ultime 2-3 settimane il flusso si sta intensificanto, specie da zone come Mariupol o Zaporizhia. C’è tanto dolore, nostalgia e rabbia che si sente in loro e solo alcuni riescono ad aprirsi”. Molti dei loro familiari e amici hanno scelto di restare nel loro Paese. “Non tutti hanno voluto andare via”, dice Irina che ha i genitori ancora in Ucraina. E lì, queste mamme che si fanno forza e riescono ancora a sorridere all’uscita di scuola, hanno lasciato tutto. Ora sono qui coi loro bimbi: Andrej, Victoria, lllya. “Davanti a loro non piango, ma poi – ammette Irina – a casa con mio marito lo faccio: ho lasciato tutto, ho solo i miei bimbi, mio marito e due valigie. Il futuro? Non so nulla del futuro”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pnrr: Decaro, “con aumenti servono più risorse per opere”
Anci, “Governo aumenti fondi o rischio attuazione non compiuta”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
12 maggio 2022
10:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Pnrr da rivedere alla luce dei rincari e della ‘crisi energetica’? In realtà vanno aggiunte delle risorse perché ad oggi, con gli aumenti dei costi delle materie prime, dell’energia, le opere pubbliche che ci sono state finanziate non possono essere realizzate: i costi perché sono aumentati e rischiamo di non dare attuazione compiuta a quelle opere”.
Così ad Ancona il presidente Anci e sindaco di Bari, Antonio Decaro, rispondendo a margine dell’Assemblea annuale di Anci Marche, guidata dalla sindaca di Ancona Valeria Mancinelli, su “Comuni oggi: problematiche, prospettive e azioni comuni per il presente e il futuro degli enti locali” alla quale partecipa, tra gli altri, Fabrizio Curcio, Capo Dipartimento Protezione Civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

“E’ un tema l’attenzione del governo – ha aggiunto Decaro a proposito dell’eventuale aumento di risorse – Abbiamo già ottenuto una norma che ci permette di fare le modifiche in corso d’opera rispetto ai contratti già stipulati per le cosiddette ‘variazioni prezzi’, contemporaneamente chiediamo al governo di mettere altre risorse per farci il completare quelle opere che ci sono già state finanziate e che ci aiuteranno, come dire, a cambiare la vita in meglio delle comunità che noi sindaci abbiamo l’onore di amministrare”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Corte Ue condanna Italia, violati limiti qualità dell’aria
‘Roma non ha sistematicamente rispettato valori biossido azoto’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
12 maggio 2022
10:47
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Corte di Giustizia Ue ha accolto il ricorso della Commissione Ue e ha dichiarato l’inadempimento (infrazione) dell’Italia sia per il mancato rispetto, “sistematico e continuativo”, del valore limite annuale fissato per il biossido d’azoto in varie zone concernente la qualità dell’aria, sia per la mancata adozione, a partire dall’11 giugno 2011, di misure atte a garantire il rispetto nelle stesse zone dei valori limite di NO2.
L’Italia, recita la sentenza della Corte, ha violato gli obblighi.
tra le zone citate, negli agglomerati di Torino, Brescia, Milano, Bergamo, Genova, Roma e Firenze.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Raduno degli alpini: Non una di meno, oltre 500 segnalazioni di molestie
“Sappiamo che sono accadute, molte più di quelle che sono arrivate a noi”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
14 maggio 2022
14:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sui giorni della 93/a Adunata Nazionale degli Alpini a Rimini ci sono “oltre 160 racconti dei fatti delle molestie subite.
Oltre 500 segnalazioni di molestie.
Non consideriamo necessario che ci siano delle denunce per credere alla verità delle molestie, sappiamo che sono accadute, molte più di quelle che sono arrivate a noi. In questo caso però le denunce possono essere uno strumento in più perché le molestie che si ripetono a ogni adunata non possano essere ignorate come in passato”. E’ quanto dice Non Una di Meno, dopo l’incontro di ieri con le vittime e gli avvocati.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Rigettata richiesta Palamara di ricusare giudici Perugia
Per iscrizione Anm di due membri collegio in processo corruzione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
12 maggio 2022
10:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Corte d’appello di Perugia ha rigettato l’istanza di ricusazione avanzata da Luca Palamara dei giudici del tribunale del capoluogo umbro che lo stanno giudicando per corruzione.
L’udienza per la trattazione dell’istanza si era svolta il 9 maggio scorso e i giudici si erano riservati di decidere.

La difesa di Palamara aveva avanzato la richiesta di ricusazione sostenendo che “il tema sulla terzietà del giudice” è stato “creato” dall’Anm “che ha chiesto di costituirsi parte civile in un processo dove due membri del collegio sono iscritti alla medesima associazione”.
La Procura generale di Perugia, guidata da Sergio Sottani, aveva chiesto invece il rigetto della domanda affermando che “non sussistono ragioni per ritenere un interesse dei giudici nel processo, in quanto le condotte addebitate all’imputato, in relazione alle quali l’Anm ha inteso presentare la propria domanda di costituzione di parte civile, sulla base della prospettazione accusatoria, si pongono in assoluto contrasto con i principi che governano l’agire del magistrato e che danneggiano il prestigio e l’indipendenza della magistratura”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mattarella,non può esserci opposizione tra lavoro e maternità
Servono politiche per famiglia,questione interpella pure imprese
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
11:05
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le donne “devono affrontare ancora oggi troppi impedimenti e difficoltà per raggiungere una piena parità e un apporto essenziale può venire dalla conciliazione dei tempi di cura della famiglia e dei tempi di lavoro.
È questione che interpella anche le imprese e la loro funzione sociale.
Non può esservi opposizione tra impegno professionale, attività lavorativa e scelta di maternità. Le politiche per la famiglia sono un contributo essenziale allo sviluppo” del Paese.
Così Sergio Mattarella in un messaggio inviato al Presidente della Fondazione per la Natalità e del Forum delle Associazioni Familiari, Gianluigi De Palo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mattarella, calo natalità preoccupa, tutelare la famiglia
Lo prescrive anche la Costituzione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
11:08
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La accentuata diminuzione della natalità rappresenta uno degli aspetti più preoccupanti delle dinamiche sociali contemporanee e segnala una difficoltà” e dunque occorre “assumere con determinazione l’obiettivo di affrontare la crisi della struttura demografica del Paese”, favorendo la “famiglia e l’adempimento dei relativi compiti” come “prescrive l’art.31 della Costituzione, che ci richiama, conseguentemente, alla tutela della maternità, dell’infanzia e della gioventù”.
Così Sergio Mattarella in un messaggio inviato al Presidente della Fondazione per la Natalità e del Forum delle Associazioni Familiari, Gianluigi De Palo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Bolzano e Trento, basta mascherine a scuola
Lettera congiunta ai ministri Bianchi e Speranza
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
12 maggio 2022
11:08
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bolzano e Trento dicono “basta mascherine nelle aule scolastiche” e per questo motivo i due assessori all’istruzione Philipp Achammer e Mirko Bisesti hanno scritto ai ministri Patrizio Bianchi e Roberto Speranza.

“In qualità di assessori delle Province autonome di Trento e Bolzano, con deleghe in materia di istruzione, vista la nostra storia di autonomia, di sguardo rivolto all’Europa dove è venuto meno da tempo l’obbligo di indossare le mascherine nelle aule scolastiche e sottolineando, in virtù della nostra autonomia, la ferma volontà di dare un segnale chiaro e positivo alle comunità scolastiche e in particolare ai più piccoli chiediamo, come già avvenuto in precedenza, a meno di un mese dalla fine delle lezioni, che i nostri studenti, di ogni ordine e grado, siano esonerati dall’uso dei dispositivi di protezione all’interno degli ambienti scolastici, nelle modalità ritenute più consone dai vostri ministeri”, scrivono i due assessori.
“Questo grazie anche al lavoro svolto in questi due anni di pandemia dove tanto si è investito nel mondo della scuola per garantire più organici e più classi con il fine del valore per noi fondamentale della scuola in presenza”, conclude la lettera.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dl Ucraina bis: governo pone fiducia in Aula al Senato
Lavori riprendono alle 12 dopo parere commissione Bilancio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
11:12
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà, ha posto la questione di fiducia in Aula al Senato sul maxi emendamento al decreto Ucraina bis, la cosiddetta legge taglia prezzi varata per contrastare gli effetti economici e umanitari della crisi ucraina.
Il provvedimento, all’esame del Senato in prima lettura, deve essere convertito in legge entro il 20 maggio.

L’Aula del Senato è stata poi sospesa e riprenderà alle 12: il presidente della commissione Bilancio, Daniele Pesco, ha infatti chiesto del tempo per definire il parere della sua commissione sul testo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Alpini: raccolte 500 segnalazioni e 160 racconti di molestie
Non Una di Meno fa un vademecum per presentare le denunce
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
12 maggio 2022
11:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sui giorni della 93/a Adunata Nazionale degli Alpini a Rimini ci sono “oltre 160 racconti dei fatti delle molestie subite.
Oltre 500 segnalazioni di molestie.

Non consideriamo necessario che ci siano delle denunce per credere alla verità delle molestie, sappiamo che sono accadute, molte più di quelle che sono arrivate a noi. In questo caso però le denunce possono essere uno strumento in più perché le molestie che si ripetono a ogni adunata non possano essere ignorate come in passato”. E’ quanto dice Non Una di Meno, dopo l’incontro di ieri con le vittime e gli avvocati.
Il gruppo riminese ha anche preparato una specie di vademecum: oltre a mettere a disposizione un supporto legale, ha anche realizzato una serie di linee guida per aiutare chi vuole a farlo in autonomia.
“Stiamo raccogliendo tutte le segnalazioni, i video e le foto di questi giorni – si legge nel post siglato anche dal centro sociale ‘Casa Madiba’ – per valutare la procedura legale più opportuna da adottare collettivamente. Chiediamo a tutt* di aiutarci con la raccolta di questi materiali” inviandoli all’indirizzo di posta elettronica dell’associazione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Curcio, a giorni pagamento sostegno profughi
P. Civile, ora “situazione stabilizzata, oltre 100mila profughi”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
12 maggio 2022
11:20
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Per quanto riguarda le misure di sostegno per i profughi dall’Ucraina in Italia, “penso che nell’arco di qualche giorno possiamo procedere al pagamento perché la piattaforma è online ormai da qualche giorno e stiamo facendo le verifiche”.
Lo ha detto ad Ancona Fabrizio Curcio, capo dipartimento Protezione Civili della Presidenza del Consiglio dei ministri, a margine dell’Assemblea annuale Anci Marche, in merito a una delle misure attuate dal governo e cioè il “sostegno alle famiglie che provengono da quei territori con i 300 euro a profugo e 150 euro per i bambini”.
“C’è qualche verifica da fare perché, – ha rimarcato -, immaginate è un database di persone che non esisteva in Italia, una serie di controlli importanti per evitare di fare errori macroscopici”.
“La situazione in Italia, per quanto riguarda il flusso di profughi dall’Ucraina, – ha riferito – è abbastanza stabilizzata, siamo ampiamente sopra 100mila persone, con un grande maggioranza in percentuale di donne e bambini”. Il “tema – ha sottolineato Curcio – è la stabilizzazione delle misure.
Quelle che il governo ha predisposto sono di tre tipi: potenziamento della rete Cas e Sai del Ministero dell’Interno, la cosiddetta accoglienza diffusa e il sostegno alle famiglie che provengono da quei territori con i 300 euro a profugo e 150 per i bambini. Queste misure sono tutte operative”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Anm, sciopero atto coraggio,doveroso essere uniti
Riforma mette in discussione spirito Costituzione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
12:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sì allo sciopero come gesto di solidarietà collettiva, come atto di coraggio in nome degli ideali in cui crediamo” contro la riforma del Csm che “mette in discussione lo spirito del titolo IV della Costituzione”.
Lo afferma la giunta dell’Anm in un documento pubblicato sul suo sito in risposta a chi ha definito la protesta delle toghe e ha parlato di un boomerang per il loro sindacato per il rischio di un’adesione limitata. Per la giunta c’è ” un dovere di unità” dei magistrati sullo sciopero.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Corte Ue condanna l’Italia, violati limiti di qualità dell’aria
“Roma non ha sistematicamente rispettato valori di biossido d’azoto”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
12 maggio 2022
12:08
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Corte di Giustizia Ue ha accolto il ricorso della Commissione Ue e ha dichiarato l’inadempimento (infrazione) dell’Italia sia per il mancato rispetto, “sistematico e continuativo”, del valore limite annuale fissato per il biossido d’azoto in varie zone concernente la qualità dell’aria, sia per la mancata adozione, a partire dall’11 giugno 2011, di misure atte a garantire il rispetto nelle stesse zone dei valori limite di NO2.
L’Italia, recita la sentenza della Corte, ha violato gli obblighi.
tra le zone citate, negli agglomerati di Torino, Brescia, Milano, Bergamo, Genova, Roma e Firenze.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fico, per ora informativa Draghi in Parlamento, poi vedremo
Sarà alla Camera giovedì alle 11.30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
12 maggio 2022
12:17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il premier Draghi verrà in aula per un’informativa sul viaggio negli Usa giovedì alle 11.30”.
Lo ha detto il presidente della Camera Roberto Fico parlando con i giornalisti all’assemblea di Confindustria Napoli.

Fico ne ha ricevuto comunicazione dal ministro per i Rapporti con il Parlamento, D’ Inca’. “Draghi sarà prima al Senato e poi alla Camera “, ha aggiunto Fico Alla domanda di un giornalista se ci sarà un voto finale il presidente della Camera ha replicato: “per ora si prevede una informativa, poi vedremo “.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Salvini, mozione contro armi? Draghi ha parlato di pace
Sono ottimista e fiducioso per natura
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
12:17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono ottimista e fiducioso per natura.
Non commento i se.
Draghi ha parlato di pace, non so se con Joe Biden hanno parlato di armi”. Così il leader della Lega, Matteo Salvini, rispondendo alla domanda circa la sua posizione su un’eventuale mozione parlamentare contro la fornitura delle armi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Kyriakides, accordo in vista per i vaccini adattati
Aiuti di Stato Ue, a giugno stop al regime speciale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
12 maggio 2022
12:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Abbiamo raggiunto un accordo di principio con Pfizer-BioNtech per ricalendarizzare le consegne di dosi dei vaccini verso il secondo semestre dell’anno, quando è molto probabile che ne avremo più bisogno, e che queste consegne siano di vaccini adattati alle varianti”.
Lo ha detto la Commissaria alla salute Stella Kyriakides parlando alla commissione speciale sul Covid dell’Europarlamento.
La possibilità per i Paesi membri di concedere aiuti di Stato straordinari per fare fronte all’emergenza Covid sostenendo tutti i settori economici e sociali colpiti dagli effetti della pandemia terminerà il 30 giugno prossimo.
Lo ha reso noto oggi la Commissione europea. La misura adottata a marzo 2020 ha consentito ai governi nazionali di ottenere da Bruxelles, in deroga alle norme sulla concorrenza, il via libera alla concessione di aiuti per complessivi 3000 miliardi, di cui solo 730 sono stati effettivamente spesi finora.
Nell’annunciare la fine del regime speciale sugli aiuti di Stato, la Commissione ha specificato che, come già previsto, resteranno comunque in vigore le norme transitorie che prevedono la possibilità di sostenere investimenti specifici e misure di sostegno alle liquidazioni di aziende fino a rispettivamente la fine di quest’anno e la fine del 2023.
“Il miglioramento della situazione economica legato all’allantamento delle restrizioni” anti-Covid, ha detto la commissaria Ue alla concorrenza Margrethe Vestager, “è la principale ragione che ci ha portato a decidere per il non prolungamento” del del regime temporaneo speciale. Dal marzo 2020 a oggi, ha ricordato la commissaria, Bruxelles “ha adottato 1300 decisioni” legate agli effetti della pandemia approvando 950 interventi nazionali”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I sindacati della scuola confermano lo sciopero del 30 maggio: “Pochi soldi stanziati”
Cgil, Cisl, Uil, Snals e Gilda sull’atto di indirizzo: ‘No al decreto’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
15:03
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Per Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal e Gilda “rimangono confermate tutte le ragioni che hanno portato alla proclamazione dello sciopero del 30 maggio”.
“Quei soldi sono vecchi, stanziati da ben tre leggi di bilancio, riguardano un contratto scaduto da tre anni e cinque mesi; un docente senza anzianità avrà circa 60 euro lordi (50 netti).
Inoltre l’atto di indirizzo arriva fuori tempo massimo. Quel che ora si richiede è che si sgombri il campo da questo intervento a gamba tesa del Governo, stralciando dal DL 36/2022 le materie sull’istruzione, che sono e devono rimanere di prerogativa contrattuale”, affermano.
“Cerchiamo di fare chiarezza sulla vertenza in corso fra sindacati della Scuola e Governo – scrivono Cgil, Cisl, Uil, Snals e Gilda – per il 30 maggio è stato indetto lo sciopero della scuola perché il Governo ha presentato il Decreto Legge 36/2022 che interviene in maniera pesante e scorretta in materie (salario e carriera) che sono, per ordinamento (D.L.vo 165/2001), esclusiva competenza del contratto. E l’Esecutivo fa ciò ricavando risorse attraverso il taglio dell’organico (circa diecimila unità di personale in tre anni) e il taglio della card docenti. Ora, su taluni organi di informazione, nel dare notizia dell’avvenuto invio all’Aran dell’Atto di indirizzo per l’avvio delle trattative nel Comparto Istruzione e Ricerca per il triennio 2019-21, si legge di una sorta di saggio intervento del Governo che avrebbe stanziato più di due miliardi che renderebbero ricchi i docenti e il personale Ata. Il sottinteso sarebbe che lo sciopero non avrebbe senso visto il ricco piatto stanziato dal Governo e visto che l’atto di indirizzo è stato finalmente inviato”. “Si sappia, dunque, che quei soldi sono vecchi, stanziati da ben tre leggi di bilancio (2019, 2020, 2021), riguardano un contratto scaduto da tre anni e cinque mesi, che un docente senza anzianità avrà circa 60 euro lordi (50 netti) e che l’atto di indirizzo arriva fuori tempo massimo. La legge di bilancio 2022 ha stanziato qualche limitata risorsa aggiuntiva, ma non certo sufficiente a garantire aumenti adeguati per tutto il personale anche a fronte dell’aumento dell’inflazione che rischia di erodere completamente gli aumenti previsti”, proseguono le sigle sindacali. “L’invio all’Aran dell’Atto di indirizzo è un atto che era dovuto da tre anni. E certamente nelle rivendicazioni sindacali non poteva mancare la richiesta dell’emanazione immediata dell’Atto di indirizzo medesimo. Quel che ora si richiede è che si sgombri il campo da questo intervento a gamba tesa del Governo, stralciando dal DL 36/2022 le materie sull’istruzione, che sono e devono rimanere di prerogativa contrattuale”, concludono Francesco Sinopoli (Flc Cgil, Ivana Barbacci Cisl Scuola, Pino Turi Uil Scuola, Elvira Serafini Snals e Rino Di Meglio, Gilda).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Polemica Sgarbi contro mascherine, a museo mette quella Zorro
A Brescia per prestare quadro a Brescia Musei
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRESCIA
12 maggio 2022
13:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il critico d’arte e parlamentare Vittorio Sgarbi si è presentato alla Pinacoteca Tosio Martinengo di Brescia per prestare un quadro di sua proprietà, con una mascherina sugli occhi alla Zorro, in polemica con le mascherine anticovid.
Il direttore di Brescia Musei Stefano Karadjov lo ha presentato come “Diego Garcia Sgarbi”.

Vittorio Sgarbi ha portato il ritratto di Carlo Emanuele Massa di Giacomo Ceruti, di sua proprietà. L’opera resterà in prestito fino a settembre, in cambio del prestito al Mart di Rovereto, di cui Sgarbi è presidente, di due dipinti del museo bresciano.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Speranza “fiducia e sostegno a lavoro di Sport e Salute”
Il ministro della Salute, dalla ‘e’ congiunzione alla ‘é’ verbo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
14:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono contento di essere qui per esprimere fiducia, sostegno e apprezzamento al lavoro di Sport e Salute e al suo vertice istituzionale, Vito Cozzoli a cui mi lega anche un rapporto antico”.
Il ministro della Salute Roberto Speranza così è intervenuto mercoledì al quarto incontro di ‘Vita da Campioni’, la serie di talk al vertice tra istituzioni e campioni dello sport voluta da Sport e Salute e Fit, nell’ambito degli Internazionali BNL d’Italia.

“Il presidente Cozzoli – ha continuato il ministro – sta svolgendo un lavoro importante ed utile nella direzione giusta”.
“Per arrivare qui a Wesportup, al Foro Italico, ho passeggiato, anche se per pochi metri, e ho avuto modo di vedere una straordinaria voglia di partecipare all’importante torneo sportivo che sono gli Internazionali BNl d’Italia – ha proseguito Speranza – Qui voglio aggiungere un concetto che mi sta a cuore, ‘Sport e Salute’ è un binomio ma io oserei dire che è qualcosa di più, perché un binomio è la relazione tra due cose diverse. Noi forse possiamo provare a dire di più, quella ‘e’ congiunzione possiamo trasformarla in ‘è’ verbo, creando le reali condizioni perché lo sport possa essere pienamente vissuto da tutti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il 17 tavolo rinnovo contratto scuola, sindacati scettici
“Aumenti di sole100 euro in media. Mossa per bloccare sciopero”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
14:19
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Si aprirà martedì prossimo il primo tavolo di trattativa per il nuovo contratto di lavoro del comparto Istruzione.
È stato infatti firmato l’atto di indirizzo dell’esecutivo all’Aran.
Ma i sindacati sono scettici.
“I soldi – dice Ivana Barbacci numero uno della Cisl Scuola – sono quelli che conosciamo, portano ad un aumento lordo di 104 euro medio: c’è chi ne prenderà 50 chi 130”. “Ci sembra una mossa propedeutica al fatto che abbiamo dichiarato sciopero – rincara Elvira Serafini (Snals) – andremo e ascolteremo ma saremo molto attenti, anche un bambino avrebbe capito, è una mossa, quella del governo, troppo legata allo sciopero”.
Per Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal e Gilda “rimangono confermate tutte le ragioni che hanno portato alla proclamazione dello sciopero del 30 maggio”. “Quei soldi sono vecchi, stanziati da ben tre leggi di bilancio, riguardano un contratto scaduto da tre anni e cinque mesi; un docente senza anzianità avrà circa 60 euro lordi (50 netti). Inoltre l’atto di indirizzo arriva fuori tempo massimo. Quel che ora si richiede è che si sgombri il campo da questo intervento a gamba tesa del Governo, stralciando dal DL 36/2022 le materie sull’istruzione, che sono e devono rimanere di prerogativa contrattuale”, concludono.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Operaio muore incastrato in un macchinario in provincia di Brescia
Deceduto anche il lavoratore precipitato per 12 metri a Napoli
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRESCIA
12 maggio 2022
16:49
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un operaio è morto in un’azienda agricola di Bedizzole, in provincia di Brescia.
Secondo le prime ricostruzioni, l’uomo è rimasto incastrato in un macchinario e quando i soccorritori sono riusciti ad estrarlo, era già morto.
Deceduto anche l’operaio caduto ieri, a Napoli, durante un sopralluogo presso la piscina comunale di Secondigliano. Walter Carbone, nato a Volla, 48 anni, lascia una moglie e due figli. L’uomo si trovava sul tetto in legno lamellare per un sopralluogo quando è precipitato per 12 metri; le sue condizioni sono apparse subito gravi. Indagano i carabinieri della compagnia Napoli Stella.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: contagi in calo ma ancora 7 morti in Sardegna
Nuovi casi sono 1272, i calo ricoveri e persone in isolamento
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
12 maggio 2022
14:47
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Contagi da Covid ancora in calo in Sardegna, dove però nelle ultime 24 ore si registrano altri 7 decessi.
I nuovi casi accertati sono 1.272 (- 308), di cui 1110 diagnosticati da antigenico.

Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 7.041 tamponi per un tasso di positività del 18% rispetto al 19,2% della precedente rilevazione.
I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 11 (+ 1), quelli ricoverati in area medica 251 (- 9). In calo i casi di isolamento domiciliare, 23.696 (- 609).
Le vittime sono due uomini di 87 e 91 anni, residenti nella provincia del Sud Sardegna; una donna di 92 anni e tre uomini di 71, 79 e 88 anni, residenti in provincia di Oristano; uomo di 91 anni, residente in provincia di Nuoro.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Copasir sente Fuortes, preservare autonomia Rai
Audizione ad. Urso, tutelare pluralismo da condizionamenti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
15:16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il confronto si è rivelato proficuo, fornendo utili indicazioni al fine di preservare la libertà, l’autonomia editoriale e informativa e il pluralismo da qualsiasi forma di condizionamento e di accrescere il livello di resilienza dell’intero sistema Paese”.
Lo rende noto il presidente del Copasir, senatore Adolfo Urso, dopo l’audizione dell’ad Rai, Carlo Fuortes.
L’audizione, osserva, “come quelle già svolte nei giorni scorsi con i direttori dell’Aise e dell’Aisi, si inquadra all’interno dell’approfondimento che il Comitato sta conducendo sulla ingerenza e sulla attività di disinformazione messe in campo da attori statuali, alla luce di un fenomeno reso ancor più preoccupante dopo l’invasione della Russia in Ucraina”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dl Ucraina bis: Senato conferma fiducia con 178 sì e 31 no
Testo ora passa all’esame della Camera
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
15:24
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con 178 voti favorevoli, 31 contrari e un’astensione, l’Aula del Senato ha confermato la fiducia sul maxi emendamento al decreto Ucraina bis, la cosiddetta legge taglia prezzi per contrastare gli effetti economici e umanitari della crisi ucraina.
Il provvedimento, che deve essere convertito in legge entro il 20 maggio, passa ora all’esame della Camera.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ddl Zan: Cirinnà(Pd), lavoriamo per trovare voti a partire da Iv
Tre Agorà democratiche per riaffermare la forza dei diritti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
15:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Tre Agorà democratiche per riaffermare la forza dei diritti e l’importanza di arrivare all’approvazione del ddl Zan contro i crimini d’odio.
Al Senato, a partire dal presidente Ostellari, si costruisca un dialogo serio e non ideologico”.
Lo ha affermato la senatrice del Pd Monica Cirinnà, responsabile Diritti del Pd, intervistata a Radio Immagina ricordando gli appuntamenti del 14 maggio a Milano, del 21 a Palermo e del 28 a Padova.
“Dobbiamo partire da un semplice assunto: stiamo discutendo di una legge contro i crimini d’odio – ha aggiunto – Se dovessimo escludere alcune categorie di persone da queste tutele, come avverrebbe se si dovesse togliere la dicitura identità di genere, allora avremmo fallito l’obiettivo principale di questo testo che è quello di proteggere tutte le categorie dei discriminati, cioè combattere l’omotransfobia, la misoginia e l’abilismo che colpisce i diversamente abili. In commissione Giustizia c’è il presidente Ostellari che è della Lega ed ha tutto l’interesse ad affossare il testo, ma noi faremo un grande lavoro per trovare i voti per giungere all’approvazione. A partire da quelli di Italia viva, visto che alcuni degli emendamenti approvati alla Camera e riportati nel testo erano stati proposti proprio dal loro gruppo. Mi auguro prevalga la coerenza”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Notte dei Musei, l’Europa si prepara
Dopo due anni di stop a causa del Covid, torna l’appuntamento serale con la cultura
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
16:19
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il 14 maggio l’Europa risponde presente a la Notte dei musei. L’iniziativa, messa in pausa per due anni dalla pandemia da Covid-19, è stata promossa nel 2005 e prevede l’apertura dei musei nelle ore serali.
Un’opportunità per entrare nei principali musei, complessi monumentali, parchi e siti archeologici statali e ammirare i capolavori in un orario insolito quale quello notturno, e al prezzo simbolico di un solo euro.
L’evento nell’evento
In piena presidenza di turno francese dell’Unione europea, verrà inaugurato, sempre il 14 maggio, nel cuore di Parigi ‘Europa Expérience’, un nuovo spazio interattivo dedicato all’Unione europea e ai suoi valori di pace, libertà e democrazia.
Promosso dall’Europarlamento e dalla Commissione Ue, ‘Europa Expérience’ sorge in Place de la Madeleine, la piazza del centro di Parigi nota per l’omonima chiesa costruita sul modello di un tempio dell’antica Grecia. Allestito negli spazi della ex Pinacothèque de Paris, il centro di 1.500 metri quadri verrà aperto al pubblico da sabato pomeriggio, in occasione della ‘Notte dei Musei’.
Lungo il percorso su tre piani il visitatore potrà immergersi in una sorta di ‘viaggio’ interattivo intorno al processo di integrazione comunitaria, tra tecnologie all’ultimo grido, realtà aumentata e un cinema a 360 gradi. Obiettivo? Scoprire le realizzazioni conseguite da quello che Antonio Megalizzi, giovane giornalista ucciso nell’attentato del dicembre 2018 al mercatino di Natale di Strasburgo, definì “il più grande progetto politico della storia dell’umanità” e riaccendere il sogno europeo tra i cittadini dell’Unione e non solo.
Antonio Megalizzi, giornalista ucciso nell’attentato del 2018 al mercatino di Natale di Strasburgo
Durante la visita in libero accesso, i visitatori potranno ‘viaggiare’ attraverso la Ue, scoprendone le varie dimensioni politica, economica, culturale, ma anche coglierne le sfide future e condividere la vita degli abitanti di altri Stati membri. Per i gruppi organizzati, Europa Expérience propone, su prenotazione, un gioco di ruolo in cui i partecipanti sono chiamati a vestire i panni di eurodeputati, negoziando, adottando o respingendo le norme comunitarie come avviene nella realtà tra Strasburgo e Bruxelles. I contenuti sono disponibili nelle 24 lingue dell’Unione, accessibili ai visitatori diversamente abili. L’ambizione è averne uno per ogni capitale europea. A Roma dovrebbe aprire i battenti tra fine 2022 e inizio 2023 in Piazza Venezia.
A Parigi Europa Experience per riaccendere il sogno europeo
Chi partecipa in Italia
La Marina militare parteciperà alla manifestazione “Notte dei Musei” organizzata da Roma Capitale. Per l’occasione, ci sarà un’apertura straordinaria di Palazzo Marina in notturna, dalle 20 alle 2. I visitatori saranno accompagnati alla scoperta delle meraviglie ospitate nella sede dello Stato Maggiore della Marina che, per tutti i romani, è soprannominato il “Palazzo delle Ancore”. “Una suggestiva visita notturna – informa la Forza armata – che si snoderà tra il cortile interno, il monumentale Scalone d’onore che porta al Salone dei Marmi, i lunghi corridoi screziati dai marmi e l’elegante Biblioteca, con i suoi rivestimenti in legno e ricca di sistemi ingegnosi per prelevare dagli scaffali gli oltre 40 mila volumi preziosi, di cui molti manoscritti rari”. Per l’occasione, la Banda della Marina Militare si esibirà in un concerto all’aperto, dalle 20.30 alle 21.10, eseguendo un repertorio di inni e marce. ; Le visite, così come il concerto, sono gratuite ed accessibili su prenotazione.
Roma offre anche l’occasione di visitare le Terme di Caracalla e gratuitamente di scoprire Villa di Livia e l’Arco di Malborghetto sulla Via Flaminia, partecipare alle visite guidate nel complesso archeologico di Santa Croce in Gerusalemme, al Museo diffuso di Testaccio, o immergersi nell’atmosfera magica e misteriosa del Mitreo Barberini.
La Reggia di Caserta aderisce alla Notte europea dei musei: gli appartamenti reali saranno infatti aperti dalle 19.30 alle 22.15, con ultimo ingresso alle 21.45. L’apertura straordinaria serale sarà dedicata al grande ideatore della Reggia, l’architetto Luigi Vanvitelli, cui Re Carlo di Borbone commissionò la sua residenza. Per ricordare Vanvitelli il Servizio Valorizzazione, Educazione e Mediazione del Museo attenderà i visitatori ai piedi dello Scalone Reale per svelare dettagli, aneddoti e curiosità del grande genio. Dopo aver attraversato le anticamere, all’interno delle quali è possibile ammirare due delle opere della collezione Terrae Motus, ovvero “Terremoto in palazzo” di Joseph Beuys e “Terrae Motus” di Augusto Perez, i visitatori si ritroveranno nella Sala di Alessandro dove, con il naso all’insù, potranno ammirare l’affresco “Matrimonio di Alessandro Magno e Roxane” di Mariano Rossi. Quindi, proseguendo lungo il percorso museale, le sale di Marte e di Astrea introdurranno alla meraviglia della Sala del Trono, al cospetto dei simboli del Regno. Si passerà, quindi, agli ambienti più discreti del quarto del principe ereditario: le Sale delle stagioni e l’Appartamento della regina Maria Carolina. Lungo il lato orientale del Palazzo, poi, si percorreranno la Biblioteca Palatina e la Sala del Presepe di Corte, con il suo allestimento multimediale. Prima di concludere la visita, si attraverseranno gli ambienti della Pinacoteca che ospitano, tra gli altri dipinti, le “Vedute dei porti del Regno” di Jacob Philipp Hackert.
Apertura straordinaria degli Uffizi e del museo del Bargello a Firenze, ma anche del museo Fattori a Livorno e della rete Pratomusei, per la ‘Notte Europea dei musei’ 2022. Per l’occasione la Galleria delle statue e delle pitture degli Uffizi sarà aperta dalle ore 19 alle 22, così come il museo nazionale del Bargello che, in aggiunta al consueto orario di apertura dalle 8.45 alle 19, sarà accessibile fino alle 22. La notte dei musei, dopo due anni di pandemia, torna anche a Livorno dove dalle 20 alle 22 sarà possibile l’ingresso alla mostra temporanea ‘Vittore Grubicy De Dragon. Un intellettuale-artista e la sua eredità. Aperture internazionali tra divisionismo e simbolismo’ in corso al museo della Città a tariffa ridotta, mentre il museo Fattori resterà aperto fino alle 22 per mostrare la collezione permanente dedicata all’arte del territorio livornese e toscano, dalle transizioni dalla pittura macchiaiola alle differenti tendenze successive, fino al primo trentennio del Novecento. A Prato, invece, alcuni musei saranno aperti fino a mezzanotte: il centro Pecci, il museo del Tessuto, i musei Diocesani Prato e Palazzo Pretorio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Renzi, i M5s voltagabbana ambulanti abbarbicati a poltrona
Non hanno nessun obbiettivo se non quello di arrivare al 2023
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
15:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“I 5 stelle sono dei voltagabbana ambulanti, non hanno nessun obbiettivo se non quello di arrivare al 2023.
Sono abbarbicati alla poltrona, la crisi di governo la fanno solo quando che è finita la legislatura, perché prima hanno talmente tanta paura di andare a casa che prima di farla si convertono come hanno fatto su tutto”.
Lo afferma Matteo Renzi, leader di Italia Viva, a margine evento dell’evento la “Geopolitica del cibo”, a Roma.
“Erano contro Tap, Tav, olimpiadi, Europa. Lasciamoli fare, non ci credono nemmeno loro alle cose che dicono. Quando Conte dice, basta armi, bisognerebbe chiedergli ‘ma era un tuo omonimo quello che ha fatto il presidente del Consiglio, aumentando l’export di armi, o eri tu’?”, prosegue Renzi.
“Sono soddisfatto del governo Draghi, tutti vorremo avere di più, ma se penso che fino a un anno fa potevamo essere nelle mani di Conte e Ciampolillo mi alzo la mattina tirando un bel sospiro di sollievo, e dico ‘l’Italia è salva'”, conclude.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Tajani, Europa vari un Recovery ad hoc
Stabilire tetto a prezzo gas, anche acquistato da Usa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
15:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un recovery plan ad hoc “per raggiungere l’autosufficienza energetica ed agroalimentare, per il sostegno ad una difesa comune, un’azione di appoggio ai rifugiati e per la ricostruzione dell’Ucraina”: lo propone il vicepresidente di Fi Antonio Tajani che chiede alla Ue di “emettere bond per progetti concreti”.

Tajani chiede inoltre “un tetto al prezzo del gas, anche a quello acquistato dagli Usa”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Attacco hacker, indagano i pm dell’antiterrorismo di Roma
Inviata in Procura una prima informativa della Postale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
12 maggio 2022
15:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I pm dell’Antiterrorismo di Roma, coordinati dall’aggiunto Michele Prestipino indagano sull’attacco hacker che ha interessato ieri alcuni siti istituzionali tra cui quello del Senato ma anche quelli dell’Istituto Superiore di Sanità e l’Aci.
L’azione è stata rivendicata su Telegram dal collettivo filorusso “Killnet”.
In Procura è stata trasmessa una prima informativa della Polizia Postale. Gli inquirenti, che procedono per accesso abusivo a sistema informatico, nelle prossime ore analizzeranno l’incartamento giunto dagli specialisti della Postale.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pri: morto Francesco Nucara, segretario dal 2001 al 2017
Fu viceministro dell’Ambiente con Berlusconi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
16:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Addio a Francesco Nucara, per 16 anni segretario del partito Repubblicano (dal 2001 a 2017).

Nucara, nato nel 1940, è stato deputato per cinque legislature, dal 1983 al 1994 e dal 2006 al 2013, sottosegretario al Ministero dei Lavori Pubblici dal 1989 al 1991 e viceministro dell’Ambiente dal 2005 al 2006, in uno dei governi Berlusconi.

Laureato in scienze statistiche e attuariali e in architettura, iscritto all’albo dei giornalisti, ha sempre posto al centro della sua azione politica lo sviluppo economico ed il riscatto del Mezzogiorno. È stato vicepresidente della Commissione Bicamerale per il Mezzogiorno.
Pur non ricoprendo più cariche ufficiali, aveva mantenuto un forte impegno politico, raccontato anche nei suoi due ultimi saggi “Storia di una passione politica” e “Incontri con la politica”, editi da Rubbettino nel 2017 e nel 2021.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Musei: MiC, sabato tornano aperture serali straordinarie 1 euro
Per “Notte Europea dei Musei” già superate le 100 adesioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
16:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Oltre 100 adesioni a due giorni dal ritorno in Italia della “Notte Europea dei Musei” e il numero è destinato a crescere nelle prossime ore: risposta significativa dei luoghi della cultura statali all’iniziativa che sabato 14 maggio si terrà in contemporanea in tutta Europa, con l’apertura serale straordinaria dei principali musei, complessi monumentali, parchi e siti archeologici statali al costo simbolico di un euro.

Per accedere ai luoghi culturali statali non è più richiesto il possesso del green pass rafforzato, né di quello base, mentre l’utilizzo di mascherine chirurgiche è fortemente raccomandato.

Il ministero della Cultura, guidato dal ministro Dario Franceschini, consiglia inoltre di consultare i siti dei musei e dei parchi archeologici prima di programmare la visita. L’elenco dei musei, in continuo aggiornamento, con orari e informazioni, che hanno aderito all’iniziativa sono disponibili su: https://cultura.gov.it/evento/notteeuropeadeimusei-2022 e sui canali social del MiC e dei singoli musei.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 39.317 positivi e130 vittime nelle ultime 24 ore

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
16:46
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 39.317 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute.
Ieri erano stati 42.249.
Le vittime sono invece 130, con un aumento di 15 rispetto a ieri. Sono 268.654 i tamponi effettuati ed l tasso di positività è al 14,6%, in lieve rialzo rispetto al 14,3% di ieri. Gli attualmente positivi scendo a quota un milione (1.018.683 per l’esattezza). Sono 334 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 4 in meno rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 33. I ricoverati nei reparti ordinari sono 8.158, ovvero 254 in meno rispetto a ieri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Swg, calo gradimento governatori tranne Lombardia, Fvg, Lazio
Fontana recupera di 10 punti, Zaia-Bonacciini ai primi due posti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
16:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Peggiora il giudizio dei cittadini nei confronti di gran parte dei governatori tranne che per tre presidenti di regione che registrano un dato in controtendenza: crescono nel consenso rispetto al 2021 Fedriga, Zingaretti e soprattutto Fontana, che recupera 10 punti rispetto allo scorso anno.
E’ quanto evidenzia SWG che anche quest’anno ha rilevato il gradimento dei cittadini verso i rispettivi Presidenti di Regione.

Zaia e Bonaccini si confermano ai primi due posti, con il Presidente emiliano-romagnolo vicinissimo al vertice. Positivo il debutto per Occhiuto, soprattutto in considerazione del fatto che nella sua regione, la Calabria, in passato i dati dei presidenti erano quasi sempre piuttosto bassi. In calo di gradimento Acquaroli (Marche), Tesei (Umbria) ed Emiliano (Puglia).
Dal sondaggio Swg emerge non solo un peggioramento generalizzato nei giudizi ma che il calo è dovuto al fatto che, nei due anni segnati dalla pandemia, le opinioni dei cittadini su quasi tutti i rappresentanti delle istituzioni erano migliorate sensibilmente in quanto concentrate sugli aspetti legati all’emergenza. In questo periodo la questione Covid è diventata meno rilevante e quindi le valutazioni tornano a basarsi su una molteplicità di fattori.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Peggiora il giudizio dei cittadini nei confronti di gran parte dei governatori tranne che per tre presidenti di regione che registrano un dato in controtendenza: crescono nel consenso rispetto al 2021 Fedriga, Zingaretti e soprattutto Fontana, che recupera 10 punti rispetto allo scorso anno.
E’ quanto evidenzia SWG che anche quest’anno ha rilevato il gradimento dei cittadini verso i rispettivi presidenti di regione.
Attilio Fontana, governatore della Lombardia
Zaia e Bonaccini si confermano ai primi due posti, con il presidente emiliano-romagnolo vicinissimo al vertice.
Positivo il debutto per Occhiuto, soprattutto in considerazione del fatto che nella sua regione, la Calabria, in passato i dati dei presidenti erano quasi sempre piuttosto bassi. In calo di gradimento Acquaroli (Marche), Tesei (Umbria) ed Emiliano (Puglia).
Luca Zaia, governatore del Veneto
Dal sondaggio Swg emerge non solo un peggioramento generalizzato nei giudizi ma che il calo è dovuto al fatto che, nei due anni segnati dalla pandemia, le opinioni dei cittadini su quasi tutti i rappresentanti delle istituzioni erano migliorate sensibilmente in quanto concentrate sugli aspetti legati all’emergenza. In questo periodo la questione Covid è diventata meno rilevante e quindi le valutazioni tornano a basarsi su una molteplicità di fattori.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, Draghi: ‘Svolta dai vaccini, ma la pandemia non è finita’
Messaggio al Global Covid Summit. ‘L’Italia donerà altri 31 milioni di dosi di vaccini’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
19:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Vorrei ringraziare il presidente Biden e tutti gli organizzatori per aver ospitato questo importante incontro. Lo sviluppo di vaccini efficaci e l’organizzazione di campagne di vaccinazione di successo hanno segnato una svolta nella lotta contro la pandemia.
In molti dei nostri Paesi abbiamo eliminato le restrizioni, riaperto le scuole, rilanciato l’economia.
Abbiamo salvato vite – e siamo tornati a una vita normale. Ma – come ben sappiamo – la pandemia non è finita”. Lo ha detto il premier Mario Draghi nel videomessaggio in occasione del secondo Global Covid Summit. Lo riporta l’account twitter di Palazzo Chigi:

“Siamo ancora indietro rispetto al nostro obiettivo comune di vaccinare il 70% della popolazione in ogni Paese entro la metà del 2022. Si sta riducendo il divario nelle vaccinazioni, ma il tasso di copertura in alcuni Paesi rimane al di sotto del 10%”. Così il premier Mario Draghi al Global Covid Summit. “L’Italia ha già contribuito alla risposta multilaterale alla pandemia con 445 milioni di euro e si è già impegnata a donare 69,7 milioni di dosi tramite Covax. Oggi posso annunciare che l’Italia donerà ulteriori 31 milioni di dosi attraverso Covax e ci impegniamo inoltre a donare 200 milioni di euro tramite l’ACT-Accelerator”.
“La Presidenza italiana del G20 ha lanciato una task force congiunta Finanze-Salute, volta ad esplorare un nuovo strumento per finanziare la prevenzione, la preparazione e la risposta in materia di pandemie. È indispensabile raggiungere un ampio consenso su uno strumento inclusivo, con al centro l’OMS, per garantire la sua effettiva attuazione e un ampio finanziamento. L’Italia è fortemente impegnata a porre fine a questa pandemia e a prevenire quelle future. Siamo pronti a continuare a lavorare insieme – con urgenza e determinazione”. Così il premier Mario Draghi al Global Covid Summit

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: telefonata Mattarella e Macron, ‘più sostegno europeo’
I due presidenti: ‘Mantenere unità e coordinamento tra i partner Ue’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PARIGI
13 maggio 2022
08:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sergio Mattarella ed Emmanuel Macron si sono detti d’accordo “a continuare ad accrescere il sostegno europeo all’Ucraina”: lo si è appreso da fonti dell’Eliseo dopo una telefonata oggi pomeriggio fra i due capi di Stato in cui – informa la presidenza francese – “è stato affrontato il tema della guerra in Ucraina sottolineando l’importanza di mantenere l’unità e lo stretto coordinamento che prevalgono fra partner europei dall’inizio del conflitto”.
Nel colloquio – hanno aggiunto le fonti della presidenza francese – Mattarella e Macron hanno “discusso delle conseguenze del conflitto in termini di sicurezza alimentare” e Mattarella “è tornato sulla volontà congiunta di Italia e Turchia di garantire un sostegno ai Paesi della riva sud del Mediterraneo”, esprimendo “interesse per l’iniziativa FARM proposta dalla Francia”.
I due presidenti hanno “auspicato di lavorare sulle possibili sinergie fra i due progetti”, ha aggiunto l’Eliseo.
Quanto alle “conseguenze che l’Unione europea deve trarre da questo ritorno della guerra sul continente”, precisa la presidenza francese, Mattarella e Macron “convengono sulla necessità di applicare l’agenda di Versailles per l’indipendenza dell’Unione in materia di energia, di difesa, di alimentazione e per portare avanti le transizioni climatica e informatica”.
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella si è detto oggi “in pieno accordo” con il capo dello Stato francese Emmanuel Macron sulla sua proposta di una “comunità politica europea”: lo si apprende da fonti dell’Eliseo dopo una telefonata fra i due presidenti oggi pomeriggio, durante la quale Mattarella “si è congratulato” con Macron per la sua rielezione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Orlando, con mia stagione orgoglio di sentirsi palermitani
E’ la città culturalmente più cambiata in Europa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
12 maggio 2022
19:10
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La mia stagione di sindaco è finita.
Ma non è finita né la mia stagione né quella dei sindaci”.
Leoluca Orlando conclude il suo lungo mandato, cominciato nel 1985 con le prime giunte “anomale” che hanno dato vita alla “primavera” di Palermo, ma annuncia che ci sarà un futuro. “Ne parlerò – dice in una conferenza a Casa Professa – quando non sarò più sindaco”. E intanto sostiene che oggi si può essere orgogliosi di presentarsi come palermitani.
Il bilancio che Orlando presenta è nei numeri delle tabelle che segnalano una tendenza positiva delle attività culturali, dei servizi alla persona, della progettazione di un sistema tranviario, dell’innovazione digitale, del forte aumento delle presenze turistiche.
Ma c’è anche altro nel resoconto del sindaco: “Palermo è la città culturalmente più cambiata in Europa. Per descrivere gli effetti economici di questo cambiamento e allo stesso tempo per indicare le opere già finanziate e progettate, e pronte per essere realizzate, formulo l’auspicio e l’augurio che il nuovo sindaco sappia prestare coerenza a quella visione. È una visione che ha fatto del diritto e dei diritti la discriminante non soltanto con l’applicazione della legge ma con l’attuazione dei diritti di tutti: dai condannati a morte agli Lgbt, ai migranti.
Oggi Palermo, grazie a questi cambiamenti, è diventata una città turistica. È chiaro a tutti cosa significhi tutto questo per l’economia. Il mio augurio da palermitano è che quella visione a cui tanti abbiamo creduto non venga tradita dalle future amministrazioni”.
Il congedo di Orlando si riflette nel titolo dell’incontro: “Missione compiuta, da completare”. C’è quindi tanto da fare ma intanto il sindaco uscente può dire: “Il più importante obiettivo raggiunto è quello di potere di dire nel mondo che essere palermitani non è motivo di vergogna. Scusate se è poco”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dl Ucraina bis: Senato conferma fiducia con 178. Draghi aggiorna ministri su missione Usa
Testo ora passa all’esame della Camera. Il Cdm proroga lo stato di emergenza per i soccorsi. Conte: ‘Dopo tre decreti basta armi a Kiev
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 maggio 2022
09:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con 178 voti favorevoli, 31 contrari e un’astensione, l’Aula del Senato ha confermato la fiducia sul maxi emendamento al decreto Ucraina bis, la cosiddetta legge taglia prezzi per contrastare gli effetti economici e umanitari della crisi ucraina.
Il provvedimento, che deve essere convertito in legge entro il 20 maggio, passa ora all’esame della Camera.
Come risulta dai tabulati di Palazzo Madama, 211 senatori hanno partecipato al voto per la fiducia sul decreto Ucraina bis. Unico astenuto il senatore del gruppo Misto, Gregorio De Falco, mentre 41 sono gli assenti non giustificati (tra cui Vito Petrocelli del M5s). I gruppi con più assenze ingiustificate sono Forza Italia e Misto, ciascuno con 11 parlamentari. Dei 31 voti contrari, 14 sono di Fratelli d’Italia, 11 del gruppo Cal (Costituzione, ambiente, lavoro) e 6 del Misto. A favore si sono espressi Pd, M5s, Lega, Forza Italia, Italia viva e Autonomie e 16 senatori del Misto.
Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Mario Draghi, ha deliberato la proroga dello stato di emergenza per intervento all’estero già deliberato in conseguenza degli accadimenti in atto nel territorio dell’Ucraina. Lo riferisce Palazzo Chigi che spiega: “La proroga è volta a continuare a garantire le attività di soccorso e assistenza alla popolazione, nell’ambito del meccanismo di protezione civile dell’Unione europea, sul territorio dell’Ucraina e dei Paesi limitrofi interessati dall’emergenza”. In apertura del Cdm, parlando ai ministri dell’obiettivo della pace, secondo quanto riferiscono i presenti, il premier Mario Draghi ha ribadito che lo sforzo iniziale è che tutti gli alleati, ma in particolare ovviamente la Russia e gli Stati Uniti, si trovino seduti a un tavolo. Un tavolo in cui, ovviamente, l’Ucraina sia l’attore principale. In questo contesto, ha riferito il premier, Biden deve chiamare Putin. I contatti – ha spiegato il premier – devono essere riavviati, intensificati a tutti i livelli, con la capacità non di dimenticare, perché “impossibile”, ma di “guardare al futuro”. In apertura del Cdm, parlando ai ministri dell’obiettivo della pace, secondo quanto riferiscono i presenti, il premier Mario Draghi ha ribadito che lo sforzo iniziale è che tutti gli alleati, ma in particolare la Russia e gli Stati Uniti, si trovino seduti a un tavolo. Perchè la guerra ha preso una fisionomia nuova. E il vero obiettivo è chiedersi in che modo si costruisce il futuro. Un tavolo in cui, ovviamente, l’Ucraina sia l’attore principale. In questo contesto, ha riferito il premier, Biden deve chiamare Putin. I contatti – ha spiegato – devono essere riavviati, intensificati a tutti i livelli”.
“Io credo che dopo un terzo decreto” di invio di armi all’Ucraina “avremo già dato come Italia un contributo” sufficiente avendo “fatto la nostra parte: ora dobbiamo caratterizzarci per essere in prima linea su un altro fronte, quello di spingere fortemente per un negoziato ed una soluzione politica”. Così il leader M5s Giuseppe Conte alla registrazione di Piazza Pulita dove aggiunge: “Lo ripeto, credo che ci sia una concentrazione di armamenti in Ucraina sufficiente”. Occorre “dare atto al M5s” che sul conflitto in Ucraina e sulle armi “non stiamo fissando bandierine ma stiamo facendo un discorso chiaro e trasparente: stiamo vivendo uno scenario di emergenza assolutamente imprevisto. Il governo era nato per affrontare l’emergenza pandemica e il Pnrr, ma di fronte ad uno scenario imprevisto non possiamo pensare che il governo vada avanti da sé, decidendo di volta in volta cosa fare e come posizionarsi perché non ha un mandato politico”. Così Giuseppe Conte a Piazza Pulita dove torna a chiedere di sentire il premier in Parlamento: “è giusto ci sia un aggiornamento sullo stato della guerra”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Atlantia: utile gruppo a 344 mln in primo trimestre
Ricavi a 1,5 mld, Ebitda a 900 milioni, in ripresa il traffico
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
12 maggio 2022
19:45
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Atlantia chiude il primo trimestre dell’anno con un utile pari a 446 milioni di euro (primo trimestre 2021 perdita pari a 158 milioni di euro), di cui di pertinenza del gruppo per 344 milioni di euro (perdita di 97 milioni di euro del primo trimestre 2021) e di pertinenza di terzi per 102 milioni di euro (perdita di 61milioni di euro nel primo trimestre 2021).
Lo rende noto il Gruppo, aggiungendo che ricavi ed EBITDA sono pari a 1,5 miliardi e 0,9 miliardi di euro, in crescita rispettivamente del 13% e del 16 % rispetto al primo trimestre 2021, “beneficiando della ripresa del traffico autostradale e aeroportuale”.
E’ confermato l’outlook 2022 con ricavi ed EBITDA attesi a 6,6 miliardi di euro e 4,1 miliardi di euro. Per quanto riguarda il traffico, quello autostradale è in crescita del 16,2%, con recupero in tutti i paesi (+2,3% rispetto al 2019) mentre quello aeroportuale è in “miglioramento” sebbene ancora inferiore ai livelli pre-pandemia (-51,9% rispetto al 2019).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Peste suina, Costa insiste: fondamentali gli abbattimenti di cinghiali
Commissario: la prima ordinanza non li prevede, studiare la situazione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 maggio 2022
12:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sull’emergenza peste suina a Roma il ministero della Salute insiste: ridurre il numero di cinghiali è “fondamentale”.
Ma, per ora, gli abbattimenti non sono ancora in programma.

Lo ha fatto sapere il Commissario straordinario alla peste suina Angelo Ferrari: “Ci sarà un’ordinanza di appoggio e di puntualizzazione, ma non sarà questa l’ordinanza di abbattimento”. “Mi sono preso 24 ore per analizzare la situazione e verificare gli aspetti epidemiologici”, ha detto Ferrari, sottolineando che “probabilmente dovremo rivedere la zona infetta”. Per ora dunque niente abbattimenti anche se, si apprende, una seconda ordinanza con la possibilità della selezione dovrebbe arrivare la prossima settimana.
Il sottosegretario alla Salute con delega all’emergenza, Andrea Costa, su Twitter, è tornato nuovamente a chiedere abbattimenti, scrivendo che è “fondamentale ridurre eccessiva presenza #cinghiali sul territorio”, valutando un “prolungamento dell’attività venatoria”.
Un lavoro di “depopolamento, nelle forme che il commissario deciderà” era stato anche preannunciata dal presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, mercoledì al Messaggero. “E’ evidente che quanto è successo è figlio dell’eccessiva promiscuità e presenza di cinghiali e del rapporto non sano con i rifiuti”, aveva inoltre detto Zingaretti.
Anche le associazioni animaliste, contrarie a un’ordinanza di abbattimento puntano il dito contro la gestione dei rifiuti: “A Roma il problema sono i rifiuti, non i cinghiali”, ha dichiarato il presidente dell’Organizzazione internazionale protezione animali, Massimo Comparotto. A queste accuse ha risposto Ama, l’azienda capitolina che si occupa della spazzatura, dicendo che la presenza dei cinghiali non ha nulla a che vedere “con lo svuotamento dei cassonetti e ai servizi di raccolta dei rifiuti” Ad aprile, ha dichiarato Ama, nelle zone dove è più frequente la presenza degli ungulati ci sono stati 5000 servizi di igiene urbana.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Senato Usa conferma Jerome Powell alla guida della Fed
E’ il secondo mandato
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
12 maggio 2022
20:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il senato americano conferma Jerome Powell alla presidenza della Fed.
Si tratta del secondo mandato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio arrivato in Germania, partecipa a G7 e vertice Nato
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
OLDENBURG IN HOLSTEIN
12 maggio 2022
19:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio è appena arrivato al resort di Weissenhaus, dove fino a sabato si terrà la Ministeriale Esteri G7.
Sempre nella giornata di sabato, il titolare della Farnesina si sposterà a Berlino fino a domenica.
Nella capitale tedesca avrà luogo la riunione informale dei Ministri degli Esteri della Nato. Nel corso della missione in Germania previsti anche vari incontri bilaterali.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio, ingresso nella Nato? Decisioni sovrane dei Paesi
‘Mosca eviti dichiarazioni non pertinenti, dia segnale dialogo’ ha detto il ministro italiano
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
OLDENBURG IN HOLSTEIN
12 maggio 2022
20:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ingresso nella Nato? Sono decisioni sovrane dei singoli Paesi, la Nato è un’alleanza difensiva. Ognuno è libero di decidere le proprie alleanze.
E questo i russi lo sanno bene.
È il caso di evitare dichiarazioni non pertinenti che alimentano ulteriore tensione, piuttosto da Putin ci aspettiamo un segnale che mostri la sua reale volontà di iniziare un negoziato per ritrovare la pace”: così il ministro Luigi Di Maio arrivando Weissenhaus per la ministeriale Esteri del G7.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Rdc: truffa da 4 milioni, 140 denunciati a Cagliari
Operazione Polizia, al vaglio altre 478 posizioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
13 maggio 2022
09:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Polizia di Stato di Cagliari ha denunciato 140 persone, tutti stranieri, per aver percepito indebitamente il reddito di cittadinanza per un importo complessivo riscosso senza diritto di oltre 4 milioni di euro.

Gli indagati sono accusati di aver ottenuto il sussidio dal 2019 utilizzando dichiarazioni false.

Sono al vaglio degli investigatori le posizioni di altri 478 stranieri, percettori del reddito di cittadinanza dal 2019 che rischiano la denuncia e la revoca del beneficio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Piano Unipol, 2,3 miliardi di utili e 750 milioni di cedole
Cimbri, sviluppo con innovazione e digitale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 maggio 2022
09:10
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il nuovo piano industriale di Unipol al 2024 ”Opening new ways” prevede la generazione di utili per 2,3 miliardi di euro e il pagamento di dividendi complessivi per 750 milioni.
Sul fronte della raccolta l’obiettivo è aumentare di 1,1 miliardi i premi nel danni rispetto al 2021, portandoli a 8,9 miliardi (di cui un miliardo nel comparto salute), e di far crescere la raccolta vita di 400 milioni, a 5,8 miliardi, con un combined ratio atteso al 92,6%.

Per quanto riguarda UnipolSai, il piano preveda dividendi cumulati nel triennio per 1,4 miliardi.
I target del nuovo piano sono superiori a quelli del precedente piano ‘Mission evolve’ 2019-2021 che prevedeva per Unipol 2 miliardi di utili cumulati e la distribuzione di 600 milioni di dividendi nel triennio (1,3 miliardi per UnipolSai).
“L’innovazione e l’evoluzione digitale guideranno il percorso di sviluppo nei prossimi anni del Gruppo, aprendo nuove strade nel core business assicurativo, in linea con la nostra visione strategica”, ha dichiarato il presidente di Unipol, Carlo Cimbri.
“Abbiamo un forte posizionamento di mercato e asset distintivi che intendiamo valorizzare, in un contesto economico e di mercato complesso, per rafforzare la nostra leadership nell’assicurazione e ampliare la nostra presenza negli ecosistemi Mobility, Welfare e Property. Con Opening New Ways ci poniamo target, finanziari e industriali, importanti, uniti a una forte attenzione alla remunerazione degli azionisti e a un solido livello di capitale”, il commento del dg Matteo Laterza.
Cinque le direttrici strategiche del piano: la prima consiste nel “consolidare l’eccellenza tecnica e distributiva” attraverso “un uso sempre più intensivo di Data e Analitycs”, la seconda nel “rafforzare la leadership in ambito Salute”, la terza nel “potenziare il modello di business bancassicurativo”, la quarta nell’ “accelerare l’evoluzione dell’offerta” negli ecosistemi della mobilità, del welfare e della proprietà, la quinta nel far “evolvere” il modello operativo con l’utilizzo intensivo di nuove tecnologie, dati e automatizzazione”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il premier Draghi interviene al Forum Ambrosetti: ‘Vogliamo Sud protagonista, stop a pigri pregiudizi’
L’appuntamento dal titolo ‘Verso Sud: la strategia europea per una nuova stagione geopolitica, economica e socio-culturale del Mediterraneo’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 maggio 2022
12:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono iniziati a Sorrento, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, i lavori del forum ‘Verso Sud – Strategia europea per una nuova stagione geopolitica, economica e socio-culturale del Mediterraneo’, appuntamento di carattere internazionale promosso dal ministro per il Sud e la Coesione territoriale Mara Carfagna, in collaborazione con The European House – Ambrosetti, che si protrarrà fino a domani, sabato 14 maggio.
Dopo i saluti del presidente della Camera Roberto Fico ora l’intervento del presidente del Consiglio Mario Draghi.
Al forum partecipano anche numerosi ministri del governo italiano.
“Il quadro geopolitico che ci muta davanti – ha detto Draghi – presenta rischi, ma anche opportunità, in particolare per i Paesi del Mediterraneo. La giornata di oggi è un segno della nostra volontà di immaginare e costruire un Sud diverso. Un Mezzogiorno protagonista delle grandi sfide dei nostri tempi”. “L’evoluzione delle politiche pubbliche per il Meridione è spesso rappresentata come una successione di inevitabili sprechi, fallimenti.La storia economica del Sud nel Secondo Dopoguerra è però più complessa di come raccontano questi pigri pregiudizi”.
“La guerra in Ucraina ha fatto emergere la pericolosità della nostra dipendenza dal gas russo. L’Italia si è mossa con la massima celerità per diversificare le forniture di gas – e intende continuare a farlo. Il Sud è centrale. Allo stesso tempo, acceleriamo lo sviluppo dell’energia rinnovabile, per migliorare la sostenibilità del nostro modello produttivo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La struttura del PNRR – ha evidenziato Draghi – prevede che lo stanziamento di finanziamenti sia vincolato al rispetto delle scadenze, al raggiungimento di precisi obiettivi. Dobbiamo procedere rapidamente con l’agenda di riforme concordata con l’Unione Europea, per non perdere accesso ai finanziamenti e superare le fragilità strutturali che hanno rallentato la crescita dell’Italia e del Sud”.
“Oggi si apre una nuova stagione, siamo qui per marcare l’inizio di una nuova stagione, iniziata nel 2021 con le risorse dell’Ue. Ci siamo ispirati a una visione meridionalista fattiva e orgogliosa, distante dal disfattismo e dalla rassegnazione che abbiamo conosciuto finora. Per la prima volta abbiamo vincolato al Sud una quota percentuale una quota superiore, il 40%, cioè circa 80 miliardi di euro per i progetti per il Sud”. Lo ha detto il ministro per il Sud e la Coesione territoriale Mara Carfagna intervenendo alla prima giornata dei lavori del forum ‘Verso Sud’ iniziato oggi a Sorrento alla presenza del Capo dello Stato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Open Arms: performance artistica Our Voice per contestare Salvini
Un telo avvolge i migranti come a volerli soffocare
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
13 maggio 2022
09:57
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Signor Salvini, il suo dovere è bloccare in mare le persone?” E’ la scritta su un cartello mostrato davanti al carcere Ucciardone – dove è in corso l’udienza del processo Open Arms col senatore della Lega imputato – da alcuni ragazzi del movimento artistico-culturale Our Voice.
Nella performance artistica viene rappresentato l’ex ministro dell’Interno seduto su una sedia, davanti tre ragazzi seminudi, avvolti in un telo trasparente che simboleggia il mar Mediterraneo i cui lembi sono stretti nelle mani di Salvini.

“Con questa performance – spiega Thierno Mbengue, originario del Senegal – vogliamo rappresentare simbolicamente quello che fece Salvini nel 2019. Il telo avvolge i migranti come a volerli soffocare e intrappolare tra le onde”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Borrell: ‘Sull’embargo al petrolio arriveremo all’accordo’
Così l’Alto commissario per la politica estera Ue Josep Borrell al G7
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
OLDENBURG IN HOLSTEIN
13 maggio 2022
13:20
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono certo che raggiungeremo un accordo sull’embargo al petrolio russo”.
Lo ha detto l’Alto commissario per la politica estera Ue Josep Borrell al G7.
“Dobbiamo rinunciare al dipendenza dal greggio di Mosca, se non ci sarà accordo al livello degli ambasciatori i ministri degli Esteri, lunedì prossimo, dovranno dare un nuovo impeto politico e io farò la mia parte”, ha precisato.
“L’Ue darà un contributo ulteriore di 500 milioni di euro all’Ucraina per finanziare l’acquisto di armi”. Lo ha detto l’Alto commissario per la politica estera Ue Josep Borrell al G7. “In tutto l’Ue contribuirà così con 2 miliardi di euro”, ha aggiunto precisando che il denaro servirà per comprare “tank, munizioni, blindati, artiglieria pesante, tutto quello che serve per combattere questa guerra”. “Sono certo che da questo G7, il settimo dall’inizio della guerra, arriverà un forte messaggio. Che poi è sempre lo stesso: più sostegno all’Ucraina, incluso quello militare”.
“Noi non siamo in guerra con la Russia, è la Russia ad aver dichiarato guerra all’Ucraina: c’è chiaramente un aggressore e un aggredito”. Lo ha detto il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian in apertura della seconda giornata del G7. “C’è una forte unità fra di noi, che io personalmente non ho mai visto prima, per continuare con la linea della fermezza e sostenere l’eroica difesa dell’integrità territoriale dell’Ucraina”, ha aggiunto.
Kiev intanto chiede al G7 di sequestrare gli asset russi e di utilizzarli per la ricostruzione dell’Ucraina. Lo ha detto il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba. “Oggi ho chiesto che il G7 approvi la legislazione necessaria per sequestrare gli asset sovrani della Russia e consegnarli all’Ucraina per la ricostruzione, parliamo di centinaia di miliardi di dollari”, ha affermato Kuleba a margine del G7. “Il Canada lo ha già fatto e credo che altri Paesi lo faranno, più prima che poi. La Russia deve pagare: politicamente, economicamente e finanziariamente. Posso dire che i partner del G7 hanno reagito bene”.
“Se non possiamo esportare i prodotti agricoli – ha detto ancora Kuleba – che sono nei magazzini non avremo spazio per accogliere i nuovi raccolti e la crisi diventerà sistemica, un blocco totale della filiera ucraina. Non ce lo possiamo permettere e chiedo ai Paesi africani e asiatici di fare pressioni sulla Russia perché fermi la guerra e rimuova il blocco ai nostri porti”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi riceve il premio di politico dell’anno all’Atlantic Council a Washington
“Condivido questo premio con l’Italia e gli italiani”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 maggio 2022
12:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Voglio condividere questo premio con il governo, con l’Italia e con gli italiani.
L’Italia ha vissuto momenti molto difficili con la pandemia di Covid eppue si è rialzata”.
Lo ha detto il premier italiano Mario Draghi ricevendo il premio di politico dell’anno all’Atlantic Council a Washington.
Al termine della due giorni negli Stati Uniti. il premier ha scelto questo palco per lanciare la proposta di un piano per la ricostruzione dei territori oggi ancora teatro “dell’invasione russa dell’Ucraina”. Bisogna fare “di tutto per la pace” ribadisce il presidente del consiglio, assicurando che l’Italia è pronta a fare la sua parte.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Achille Serra ricorda il commissario Luigi Calabresi ucciso 50 anni fa
“Il governo invece di salvargli la vita, lo lasciò da solo”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 maggio 2022
12:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono stati due anni e mezzo di omicidio permanente e il governo di allora non ha fatto niente per lui: lo ha lasciato da solo, invece avrebbe potuto salvarlo.
E’ stato ucciso per due anni e mezzo ogni giorno, con le scritte sui muri, con le lettere firmate da intellettuali e nei cortei in cui si gridava ‘assassino, assassino'”.
Non finirà mai di ripeterlo Achille Serra, l’alto dirigente di polizia diventato anche senatore, ricordando Luigi Calabresi, l’amico commissario assassinato il 17 maggio 1972 in via Cherubini a Milano, mentre stava andando al lavoro.
A distanza di 50 anni da quella tragica mattina, a pochi giorni dalla commemorazione nella chiesa di San Marco, la stessa dove si celebrarono i funerali dell’allora vice capo dell’ufficio politico ucciso per mano di Lotta Continua, Serra ricorda ancora nei minimi dettagli quegli attimi. Prima di riavvolgere la moviola e tornare indietro, però racconta: “Era il 1969, ero appena arrivato a Milano ed essendo fresco di università e alle prime armi, fui ‘affidato’ per qualche giorno a Calabresi. Aveva qualche anno più di me”. Fu una sorta di ‘tirocinio’ in cui “ebbi subito occasione di imparare”. Nacque un’amicizia, complice anche il fatto che entrambi erano di Roma.
I ricordi poi si susseguono quasi come un film in bianco e nero: “era un uomo bellissimo, molto religioso e un padre e marito perfetto” da cui ereditò molto. Soprattutto la lezione che accompagnò tutta la carriera di Serra. Erano gli anni delle proteste, la tensione era alta, le molotov e gli scontri erano all’ordine del giorno. Una volta, mentre era stato organizzato un corteo studentesco davanti al consolato statunitense “Calabresi mi portò con sé in macchina. Mentre io mi nascondevo, lui scese e andò a parlare con i dimostranti e le forze dell’ordine. Questo per me fu un ‘faro’. Io sono cresciuto con quell’episodio: il dialogo e non la violenza. La forza della parola è stato l’elemento predominante della mia professione”.
Indelebile è, ovviamente, la scena della mattina dell’omicidio. Quando venne dato l’allarme in Questura si pensò a un fatto di sangue qualsiasi. “Dissero che avevano sparato a una persona e mandarono me, che ero uno tra i più giovani. Ho ancora vivo negli occhi il momento del mio arrivo in via Cherubini”. In strada c’era tanta gente, molti lo conoscevano. “Seppi da loro che si trattava del commissario Calabresi. Io non lo vidi perché era appena stato portato via dall’ambulanza sulla quale, durante il tragitto verso l’ospedale, morì. Mi attaccai alla radio e poco dopo arrivarono tutti: il prefetto, il questore, il capo della mobile e dei vari uffici di via Fatebenefratelli. Tutti con le lacrime agli occhi”.
Impossibile anche cancellare il ricordo di quando venne avvertita la moglie, Gemma, in attesa del terzo figlio: “Ricordo la sua fierezza e la sua frase: ‘ho capito tutto’. Era consapevole dei rischi che ogni giorno correva suo marito”. E infine il funerale, con i giovani funzionari della Questura che si ribellarono alla dirigenza che aveva imposto una cerimonia modesta per non creare problemi di ordine pubblico.”Protestammo, dicendo che era una vergogna” non dare l’ultimo addio “in modo degno a un grande uomo. Riuscimmo a portare la bara a braccio, facendo il giro dell’isolato, fino in chiesa a San Marco”. La stessa dove martedì prossimo ci sarà una funzione religiosa con le autorità alla quale farà seguito una commemorazione ‘laica’ nel cortile di quel palazzo che Calabresi non si sognò mai di lasciare. “Gli consigliavo di andarsene da Milano – racconta ancora Serra – e lui mi rispondeva ‘perchè? Non ho fatto nulla. Se tu fossi al posto mio te ne andresti?’ Dentro di me era ‘no’ ma non avevo, come lui, moglie e figli. Ma quel che è inaccettabile è che non solo non gli diedero la scorta, ma nemmeno gli imposero il trasferimento d’ufficio. Il governo, invece di salvargli la vita, lo lasciò da solo”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi, vogliamo Sud protagonista, stop a pigri pregiudizi
Vogliamo mezzogiorno protagonista
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 maggio 2022
10:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il quadro geopolitico che ci muta davanti presenta rischi, ma anche opportunità, in particolare per i Paesi del Mediterraneo.
La giornata di oggi è un segno della nostra volontà di immaginare e costruire un Sud diverso.

Un Mezzogiorno protagonista delle grandi sfide dei nostri tempi”. Lo ha detto il premier Mario Draghi a ‘Verso sud’, il forum promosso dal ministro Carfagna. “L’evoluzione delle politiche pubbliche per il Meridione è spesso rappresentata come una successione di inevitabili sprechi, fallimenti.La storia economica del Sud nel Secondo Dopoguerra è però più complessa di come raccontano questi pigri pregiudizi”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pnrr: Draghi,avanti rapidi con riforme per non perdere fondi
Finanziamenti vincolati a rispetto scadenze
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 maggio 2022
10:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La struttura del PNRR prevede che lo stanziamento di finanziamenti sia vincolato al rispetto delle scadenze, al raggiungimento di precisi obiettivi.
Dobbiamo procedere rapidamente con l’agenda di riforme concordata con l’Unione Europea, per non perdere accesso ai finanziamenti e superare le fragilità strutturali che hanno rallentato la crescita dell’Italia e del Sud”.
Lo ha detto il premier Mario Draghi a ‘Verso sud’, il forum promosso dal ministro Carfagna.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Meloni,maternità?Mi chiedo perché ho fatto tardi figlia
Maternità fatto assoluto che cambia vita
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 maggio 2022
11:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Più che ‘chi me l’ha fatto fare’, mi chiedo ‘chi me l’ha fatto fare così tardi’ e questo è un tema perché in una società che ci considera giovani all’infinito, dopo un certo tempo si fa più fatica, oltre che ci sono fatti naturali che impediscono la maternità”.
Così la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni durante gli Stati Generali della natalità in corso a Roma.

“Avrei voluto fare altri figli, io ci sono arrivata tardi ma di sicuro la maternità è un fatto assoluto che cambia completamente la proiezione della tua vita”, ha aggiunto.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Intesa Sanpaolo completa sistema Gallerie d’Italia
Bazoli si conferma punto riferimento del Progetto Cultura
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
13 maggio 2022
11:05
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con l’apertura, la prossima settimana, delle due sedi di Torino e Napoli – alla presenza del presidente Gian Maria Gros-Pietro e del consigliere delegato e ceo Carlo Messina – si completa la realizzazione del sistema museale delle Gallerie d’Italia di Intesa Sanpaolo.
Parteciperà Giovanni Bazoli, che continuerà a svolgere le funzioni di presidente emerito su invito del consiglio di amministrazione.

Bazoli continuerà a poter essere consultato dal presidente e dal consigliere delegato sui temi della governance e sui temi strategici e istituzionali della Banca e proseguirà, in collaborazione con Gros-Pietro, a progettare e realizzare il Progetto Cultura.
Il Progetto Cultura, che si articola su orizzonti di programmazione pluriennale ed è guidato da un comitato scientifico di esperti, indirizza e propone i progetti e gli interventi nel campo dell’arte, della cultura e del patrimonio storico della Banca, realizzati dalla Direzione Arte e Cultura e Beni Storici guidata da Michele Coppola. Il patrimonio architettonico, artistico, biblioteconomico e archivistico di Intesa Sanpaolo è costituito da oltre 20 edifici di pregio, 20 chilometri di documentazione gestita e valorizzata dall’Archivio Storico del gruppo, 7 milioni di positivi e negativi fotografici e da oltre 35.000 opere d’arte, che coprono un arco temporale che spazia dal V secolo a.C. al XXI secolo: un’ampia selezione è esposta permanentemente nelle sedi di Gallerie d’Italia e tra queste figurano capolavori di Caravaggio, Tiepolo, Canaletto, Boccioni, Fontana, Manzoni e Burri. A oggi le oltre 3.500 opere classificate quali beni artistici di pregio riportano un valore di circa 311,5 milioni di euro secondo il bilancio del 2021.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Fvg 612 nuovi casi, 3 decessi
Ricoverati in terapia intensiva 9, in altri reparti 144
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
13 maggio 2022
11:41
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Oggi in Friuli Venezia Giulia su 3.500 tamponi molecolari sono stati rilevati 155 nuovi contagi.

Sono inoltre 2.840 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 457 casi.
Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 9; i pazienti ospedalizzati in altri reparti sono 144. Lo rende noto la Direzione centrale salute della Regione Fvg nel bollettino quotidiano.
Oggi si registrano i decessi di 3 persone, secondo la seguente suddivisione territoriale: 2 a Udine e 1 a Gorizia.
Il numero complessivo delle persone decedute dall’inizio della pandemia è 5.060, con la seguente suddivisione territoriale: 1.263 a Trieste, 2.382 a Udine, 957 a Pordenone e 458 a Gorizia.
Dall’inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 372.328 persone.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza Loggia: Tramonte, ‘non ero lì, sono innocente’
Parole durante l’udienza per chiedere la revisione del processo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRESCIA
13 maggio 2022
13:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lo aveva detto nel corso del processo che si era concluso con la sua condanna all’ergastolo e Maurizio Tramonte lo ha ripetuto nell’udienza nella quale chiede la revisione del processo: “La mattina del 28 maggio 1974 non ero in piazza della Loggia a Brescia.
Sono stato condannato innocentemente per la strage di piazza Loggia, un reato criminale e vigliacco.
E io non sono né criminale, né vigliacco”. Tramonte, 70 anni, condannato all’ergastolo per la strage di piazza Loggia, è intervenuto in collegamento dal carcere di Fossombrone, durante l’udienza davanti alla Corte d’appello di Brescia e ha attaccato due testimoni del processo, Vincenzo Arrigo e Domenico Gherardini.
Il primo disse di aver ricevuto da Tramonte la sua confessione circa la sua presenza in piazza della Loggia. Il secondo che Tramonte gli riferì di essere stato in moto, con una Ducati Scrambler effettivamente posseduta in quel periodo dal condannato, alla riunione di Abano Terme nella quale fu deciso l’attentato. “Con loro non ho mai parlato di piazza della Loggia – ha dichiarato Tramonte -. Sono due persone ignoranti e invidiose. Non è colpa loro, è la loro natura”. “Hanno voluto costruire su di me un personaggio che non esiste – ha poi concluso riferendosi ai pm dell’inchiesta bresciana -. Anzi che esiste solo nelle loro teste”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Da Ance decalogo per nuova governance della politica urbana
Da interesse pubblico interventi al contributo di costruzione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PARMA
13 maggio 2022
11:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Serve “una legge di principi statale” che superi la legge urbanistica del 1942 e il decreto sugli standard urbanistici del 1968.
L’Associazione nazionale costruttori edili (Ance), chiede “una nuova governance per la politica urbana nazionale” e propone un decalogo di azioni da intraprendere.
La proposta è stata discussa durante il convegno ‘Com’è bella la città’ organizzato dall’Ance al Teatro Regio di Parma.
Tra le richieste annunciate dall’associazione nel decalogo si va dalla definizione di rigenerazione urbana e dichiarazione di interesse pubblico degli interventi al contributo di costruzioni. Inoltre, tra le altre cose, si chiede il contenimento del consumo di suolo, una nuova perequazione per la città e la semplificazione per gli interventi di riqualificazione energetica e il miglioramento sismico degli edifici esistenti. Secondo l’Ance, il Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) – che destina circa 47,6 miliardi di euro a investimenti per le città e i territori, di cui nove per la rigenerazione urbana – rappresenta “l’occasione giusta” per realizzare queste proposte.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Costa,densità cinghiali 5 volte più alta, prolungare caccia
Da 3 a 5 mesi.Modifica norma e a Regioni rideterminazione quote
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 maggio 2022
12:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Dobbiamo ridurre i cinghiali per tutelare l’agricoltura ed evitare rischi per l’incolumità dei cittadini”. Così il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, sottolineando che “oggi la densità dei cinghiali in alcune zone d’Italia è almeno 5 volte superiore rispetto alla sopportabilità dell’ ecosistema e, al di là del fattore contingente della peste suina, resto convinto e lo voglio ribadire con forza, pur rispettando le sensibilità degli animalisti, che questa è un’emergenza dinanzi alla quale occorre prevedere il prolungamento dell’attività venatoria da 3 a 5 mesi e la possibilità alle Regioni di rideterminare le quote”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Dobbiamo ridurre i cinghiali per tutelare l’agricoltura ed evitare rischi per l’incolumità dei cittadini”. Così il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, con delega alla peste suina, sottolineando che “oggi la densità dei cinghiali in alcune zone d’Italia è almeno 5 volte superiore rispetto alla sopportabilità dell’ ecosistema e, al di là del fattore contingente della peste suina, resto convinto e lo voglio ribadire con forza, pur rispettando le sensibilità degli animalisti, che questa è un’emergenza dinanzi alla quale occorre prevedere il prolungamento dell’attività venatoria da 3 a 5 mesi e la possibilità alle regioni di rideterminare le quote”.
Il piano di eradicazione del virus della peste suina ministero della Salute-Ispra e regioni interessate, che prevede anche “abbattimenti selettivi di cinghiali è in dirittura di arrivo.
Lunedì sarò in Piemonte e proviamo a chiudere il cerchio”, aggiunge Andrea Costa, specificando che il provvedimento “contiene disposizioni atte ad eradicare il virus.
Le misure previste e le attività messe già in campo nelle regioni inizialmente coinvolte, Liguria e Piemonte, divengono strutturali”. Per il Lazio in queste ore ci sarà invece un’ordinanza che regola le attività.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5s indica nomi commissione Esteri, anche Castellone e Licheri
Erano gli unici mancanti per il rinnovo dell’organismo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 maggio 2022
12:39
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono i senatori Gianluca Ferrara, Simona Nocerino, Paola Taverna, Ettore Licheri e Mariolina Castellone i nomi indicati dal Movimento 5 stelle per la commissione Esteri del Senato, ‘azzerata’ per effetto del pressing per le dimissioni del presidente pentastellato Vito Petrocelli.
Il M5s quindi conferma 3 dei suoi 5 ex componenti (esclusi quindi Petrocelli e Alberto Airola) e aggiunge la capogruppo al Senato e il suo predecessore nello stesso ruolo, Licheri.
Sono i nominativi arrivati alla presidenza del Senato e gli unici mancanti per il rinnovo della commissione. La deadline indicata è oggi alle 13.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Regeni: 15 luglio la Cassazione decide sulla sospensione del processo
Dopo ricorso presentato dalla Procura di Roma
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
13 maggio 2022
14:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stata fissata per il prossimo 15 luglio in Cassazione, davanti alla prima sezione, l’udienza sul ricorso presentato dalla Procura di Roma che ha impugnato la decisione dell’11 aprile scorso del gup con cui ha sospeso il processo a carico di quattro 007 egiziani accusati di avere sequestrato, torturato ed ucciso Giulio Regeni nel 2016 al Cairo.
Con il ricorso il procuratore aggiunto Sergio Colaiocco chiede di annullare il provvedimento del giudice che si rifaceva a quanto deciso dalla Corte d’Assise, nell’ottobre scorso, secondo cui il processo non poteva andare avanti perché gli atti non erano stati notificati agli imputati.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scontro tra scooter e camion, muore il figlio di Danilo Dolci
Il padre fu soprannominato il Gandhi della Sicilia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PARTINICO
13 maggio 2022
13:25
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cielo Dolci, 52 anni, figlio di Danilo Dolci, è morto è morto nello scontro tra lo scooter elettrico che guidava e un camion a Partinico nel palermitano.

Il padre fu soprannominato il Gandhi della Sicilia, nato a Trieste nel 1952 scelse di trasferirsi nella Sicilia occidentale (Trappeto, Partinico) dove promosse lotte nonviolente contro la mafia, la disoccupazione, l’analfabetismo e la fame endemica sospinti dall’assenza dello stato e dalle disparità sociali, per l’affermazione dei diritti umani e civili fondamentali.
Morì il 30 dicembre 1997. La sua famiglia rimase in Sicilia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Post contro Salvini, attivista sardo condannato per minacce
Aresu assolto da diffamazione e istigazione a delinquere
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
13 maggio 2022
13:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La condanna a 500 euro di multa e una provvisionale di 1.500 euro per le minacce, ma l’assoluzione dall’accusa di istigazione a delinquere (per non aver commesso il fatto) e da quella di diffamazione (per l’esercizio di un diritto di critica politica).
Così la giudice del Tribunale di Cagliari, Cristina Ornano, ha chiuso il processo contro l’attivista sardo Mauro Aresu, 37 anni, accusato di questi tre reati a seguito di una denuncia di Matteo Salvini per un post su Facebook contro di lui nel quale si evocava piazzale Loreto a Milano pochi giorni prima di una visita a Cagliari nel 2017 del leader della Lega per partecipare al congresso regionale del Carroccio.

“Non va bene”, ha commentato l’imputato, difeso dall’avvocata Marcella Cabras che aveva chiesto l’assoluzione completa da tutte le contestazioni per non aver commesso il fatto o, in subordine, per l’esercizio di un diritto di critica politica. A chiedere la condanna ad un anno per tutte e tre le imputazioni era stato il pm Andrea Massidda.
“Attenderò con curiosità le motivazioni del dispositivo – ha detto Claudia Eccher, avvocata di parte civile per Salvini che nell’arringa aveva quantificato il danno in 100 mila euro – posso dire che non sono assolutamente soddisfatta”.
Nel dibattimento, durato vari mesi, era stata riaperta l’istruttoria perchè la giudice Ornano aveva chiesto alla Polizia postale di chiarire in maniera chiara e inquivocabule che a pubblicare il post incriminato fosse stato proprio Aresu.
Alla fine oggi è arrivata la sentenza, dopo due ore di camera di consiglio. Tra novanta giorni ci sarà il deposito delle motivazioni, ma sta di fatto che la giudice ha ritenuto sussistere solo il reato di minacce (il riferimento a Piazzale Loreto, luogo dove era stato appeso a testa in giù Mussolini dopo l’esecuzione da parte dei partigiani), mentre ha ritenuto che non ci fosse diffamazione né l’istigazione a delinquere, reati indubbiamente più pesanti contestati dalla Procura.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Letta,è tempo rivedere Isee su assegno unico,oggi squilibrio
Dobbiamo farlo, ci mette alla parti degli altri Paesi Ue
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 maggio 2022
13:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Io penso che sia maturo il tempo, e mi rivolgo a Laura Castelli, viceministro dell’Economia, per andare a rivedere l’Isee per il tema dell’assegno unico”.
L’ha detto il leader del Pd Enrico Letta agli Stati generali della natalità.
“Credo che se facciamo questo intervento, se ci mettiamo di impegno, lo facciamo per bene. E’ un’operazione che oggi ha uno squilibrio. Se ci proviamo, dobbiamo farlo soprattutto affinché questa legislatura, che è stata così importante per la famiglia e i figli, non finisca con l’idea che è solo un’idea piccola. Invece no, è una cosa importante che ci mette alla pari degli altri Paesi europei”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Alpini: coordinatrice donne Pd Rimini, faccio passo indietro
‘Mi scuso se ho offeso coloro che si sono sentite molestate’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
13 maggio 2022
13:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bufera nel Pd di Rimini dopo il caso sollevato dalle dichiarazioni della Conferenza delle donne del Pd locale, nei giorni scorsi, sulle segnalazioni di molestie dell’adunata Alpini, che invitava a evitare “toni accusatori e qualunquistici” e chiedeva alle donne di sporgere formali denunce.
La coordinatrice, Sonia Alvisi, si è dimessa.
“Visto che le argomentazioni da me espresse a commento degli accadimenti avvenuti a Rimini durante l’adunata degli Alpini hanno destato un forte dibattito che può mettere in dubbio la serietà del mio impegno – spiega in una nota – ma soprattutto la forza dell’impegno quotidiano delle donne democratiche a servizio della libertà delle donne, faccio un passo indietro per consentire le riflessioni necessarie”.
Alvisi, che è anche consigliera per la Parità di genere in Regione su nomina del Ministero del Lavoro, sottolinea il suo lavoro per “diffondere i principi fondamentali delle politiche di genere e di parità, per consolidare le competenze in diritto antidiscriminatorio, per difendere la soggettività femminile da stereotipi, vessazioni e violenze”. Insomma le affermazioni dei giorni scorsi sarebbero state strumentalizzate, come lei stessa ha scritto in un post su Facebook.
“Nessuna donna deve avere paura in quanto donna di attraversare luoghi e vivere spazi pubblici in piena libertà, soprattutto nella nostra Rimini che tanto amiamo. Mi scuso – conclude – se con le mie parole ho offeso la sensibilità di coloro che si sono sentite molestate e aggredite. Ho sempre lavorato per difenderle e continuerò a farlo con tutto il mio cuore”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Puglia 9 morti e 2.599 casi, il 15% dei test
Sono ricoverate 483 persone in area non critica, 23 in intensiva
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
13 maggio 2022
13:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Oggi in Puglia si registrano 2.599 nuovi casi di contagio da Coronavirus su 17.542 test (incidenza del 15%) e 9 morti.
I nuovi casi sono così distribuiti: In provincia di Bari 873, nella provincia Bat 142, in provincia di Brindisi 246, in quella di Foggia 308, nel Leccese 572, in provincia di Taranto 423.
Sono residenti fuori regione altre 27 persone risultate positive nelle ultime 24 ore. Delle 90.905 persone attualmente positive in Puglia, 483 sono ricoverate in area non critica (ieri 498) e 23 in terapia intensiva (ieri 26).

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Letta,è tempo rivedere Isee su assegno unico,oggi squilibrio
Leader Pd: ‘Dobbiamo farlo, ci mette alla parti degli altri Paesi Ue’. Castelli: ‘Penso si debba fare, lavoriamoci’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 maggio 2022
16:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Io penso che sia maturo il tempo, e mi rivolgo a Laura Castelli, viceministro dell’Economia, per andare a rivedere l’Isee per il tema dell’assegno unico”.
L’ha detto il leader del Pd Enrico Letta agli Stati generali della natalità.
“Credo che se facciamo questo intervento, se ci mettiamo di impegno, lo facciamo per bene. E’ un’operazione che oggi ha uno squilibrio. Se ci proviamo, dobbiamo farlo soprattutto affinché questa legislatura, che è stata così importante per la famiglia e i figli, non finisca con l’idea che è solo un’idea piccola. Invece no, è una cosa importante che ci mette alla pari degli altri Paesi europei”.
“Penso si debba fare. L’Isee, così com’è strutturato, non è più attuale. E’ uno strumento che va rivisto in alcuni aspetti, soprattutto se pensiamo all’assegno unico. Con il passare degli anni lo stiamo utilizzando sempre più per far accedere i cittadini a moltissimi servizi. Lavoriamoci per migliorarlo”. Lo riferisce Laura Castelli, viceministro dell’Economia rispondendo al segretario del Pd, Enrico Letta che ne ha parlato durante gli Stati generali della natalità a cui entrambi hanno partecipato a Roma.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio vede Kuleba, sosteniamo l’ingresso di Kiev in Ue
Ministro esteri incontra omologo ucraino a ministeriale del G7
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 maggio 2022
14:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Alla ministeriale del G7 in Germania ho incontrato il collega ucraino Dmytro Kuleba”.
Lo ha reso noto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio su Twitter, sottolineando che “l’Italia supporta l’Ucraina e continua a impegnarsi per dare linfa a un percorso diplomatico per raggiungere una pace duratura.
L’Italia – ha ribadito – sostiene l’ingresso dell’Ucraina in Ue”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lavoro: Italia da record per disoccupati che non cercano
Eurostat, 11,8% in 2021 a top Ue. 2/a per domanda insoddisfatta
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 maggio 2022
14:42
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’Italia nel 2021 ha visto un tasso dell’11,8% di persone disponibili a lavorare ma non alla ricerca, contro al 4,1% dell’eurozona, al 3,7% dell’intera Ue e ai livelli più alti tra 34 Paesi europei considerati da Eurostat, l’ufficio di statistica dell’Unione europea.
Il dato emerge consultando l’aggiornamento Eurostat sulla domanda insoddisfatta di occupazione nel 2021 al 14% nell’Ue (14,9% nel 2020).
Qui l’Italia è al secondo posto nell’Ue, con una quota del 22,8% di domanda insoddisfatta di occupazione, alle spalle della Spagna (24,1%) e seguita a stretto giro dalla Grecia.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Agenzia cyber, recrudescenza attacchi, 71 vulnerabilità
Operatori più esposti le risolvano con urgenza
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 maggio 2022
14:47
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Considerando la “recrudescenza delle campagne di attacco degli ultimi giorni sui siti nazionali rivendicati da attori di matrice russa e il possibile passaggio a campagne di attacchi più complesse”, il Csirt (il team di risposta dell’Agenzia per la cybersicurezza nazionale) ha individuato 71 vulnerabilità che “dovrebbero essere risolte con urgenza e in via prioritaria all’interno di un processo di gestione del rischio da parte degli operatori più esposti (inclusi i gestori di infrastrutture critiche)”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:in Calabria 1.194 contagi e 3 decessi, tasso al 20,09%
Calano ricoveri in reparti cura,-10 e in terapia intensiva (-1)
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
13 maggio 2022
15:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 1.194 i contagi riscontrati in Calabria nelle ultime 24 ore a fronte di 5.942 tamponi eseguiti e un tasso di positività del 20,09%.
Tre i decessi che portano il totale delle vittime a 2.548 dall’inizio della pandemia.
Calano i ricoveri sia nei reparti ordinari, -10 (205) sia in terapia intensiva,-1 (10). I guariti sono 304.442 (+2.656), gli attualmente positivi 68.851 (-1.465) e gli isolati a domicilio 68.636 (-1.454).
In Calabria, ad oggi – stando ai dati giornalieri relativi all’epidemia da Covid-19 comunicati dai Dipartimenti di Prevenzione delle Aziende sanitarie provinciali della Regione Calabria – il totale dei tamponi eseguiti è pari a 3.034.853. Le persone risultate positive al Coronavirus, invece, sono 375.841.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
‘Ndrangheta: appello conferma assoluzione funzionari Ps
Analoga decisione anche per avvocato della Corte di Catanzaro
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
13 maggio 2022
15:41
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Una assoluzione confermata e riforma della sentenza di primo grado con l’assoluzione anche degli altri due imputati.
Questa la sentenza emessa oggi dalla Corte d’appello di Catanzaro nei confronti dell’ex capo della Squadra mobile di Vibo Valentia Maurizio Lento, dell’ex vice Emanuele Rodonò (difesi dagli avv.
Veneto e Nucci) e dell’avvocato Antonio Galati del Foro di Vibo Valentia dall’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. Il fatto non sussiste è la formula utilizzata dai giudici.
I due funzionari di Polizia erano stati assolti in primo grado dall’accusa di concorso esterno e solo Rodonò era stato condannato a un anno per rivelazione di segreti d’ufficio. I giudici d’appello hanno confermato la sentenza di primo grado per Lento ed hanno assolto Rodonò. Stessa decisione per l’avv.
Galati (difeso dagli avvocati Francesco Gambardella e Sergio Rotondo) che era stato condannato a 4 anni e 6 mesi per concorso esterno in associazione mafiosa. Il pm della Dda di Catanzaro, Annamaria Frustaci, aveva chiesto per Galati la condanna a 7 anni ed 8 mesi, e a 6 anni per i due funzionari di polizia.
Erano tutti accusati di aver favorito il clan Mancuso di Limbadi ma tali contestazioni sono cadute, per Lento già in primo grado, e per gli altri due in appello. Il processo era scaturito dall’operazione condotta nel febbraio del 2014 dai carabinieri del Ros e dalla Squadra mobile di Catanzaro con il coordinamento della Dda di Catanzaro.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Campania contagi stabili, 5 morti in 48 ore
Lieve aumento ricoveri in intensiva, calo in degenza
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
13 maggio 2022
15:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Resta stabile, in Campania, l’indice di contagio.
Secondo i dati del Bollettino ordinario della Regione Campania, sono 3.653 i neo positivi al Covid su 21.152 test esaminati.
Ieri l’indice di contagio era pari al 17,52%, oggi 17,27%.
Cinque i deceduti nelle ultime 48 ore; 1 deceduto in precedenza ma registrato ieri. Negli ospedali lieve aumento di ricoveri in terapia intensiva con 37 posti letto occupati (+2 rispetto a ieri); continua il calo, invece, in degenza con 615 posti letto occupati (-18 rispetto a ieri).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mascherine in aereo, sui voli dall’Italia resta l’obbligo
Dal momento che l’ordinanza in vigore prevede il dispositivo di protezione individuale su mezzi di trasporto fino al 15/6
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 maggio 2022
11:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dal 16 maggio, partendo con voli aerei dall’Italia bisognerà indossare la mascherina.
Le nuove linee guida Ecdc-Aesa (Agenzia europea sicurezza aerea) prevedono infatti che “se gli Stati di partenza o destinazione richiedono l’uso di mascherine nei trasporti pubblici, gli operatori aerei dovrebbe richiedere ai passeggeri e equipaggio di indossare una mascherina oltre il 16/5.
Negli altri casi, dal 16/5, gli operatori aeronautici e aeroportuali dovrebbero continuare a incoraggiare” l’uso della mascherina.
Negli altri casi, ovvero negli Stati dove l’uso della mascherina sui mezzi di trasporto non è richiesta, dal 16 maggio gli operatori aeronautici e aeroportuali, si legge nelle nuove linee guida, “dovrebbero continuare a incoraggiare passeggeri e membri dell’equipaggio, nell’ambito delle loro comunicazioni prima del volo e durante il viaggio e attraverso segnaletica e annunci, ad indossare una maschera durante il volo così come in aeroporto come modo per proteggere se stessi e gli altri e che dovrebbero rispettare la decisione degli altri di indossare o non indossare una maschera”.

Nella loro comunicazione, si sottolinea, gli operatori dovrebbero evidenziare che si consiglia di indossare una maschera respiratoria FFP2 alle persone ad alto rischio di COVID-19 grave durante il volo per la propria protezione. Si raccomanda inoltre alle persone con sintomi respiratori (tosse o starnuti) di indossare una mascherina indipendentemente dai requisiti di quel particolare volo. Laddove viene mantenuto l’obbligo di indossare una mascherina, le mascherine chirurgiche, si rileva nelle linee guida Ecdc-Aesa, “dovrebbero essere considerate lo standard minimo da utilizzare, a meno che non vengano ancora imposti requisiti più severi dalle autorità sanitarie pubbliche”.

I bambini di età pari o inferiore a cinque anni e persone che non possono indossare una mascherina a causa di motivi medici, si legge nel documento, “dovrebbero essere esentati”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dl Aiuti, Sala: ‘Sbagliato che Roma abbia più fondi’
Sindaco Milano: ‘Sentirò Gualtieri, Milano ha molto bisogno’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
13 maggio 2022
15:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Considero una cosa sbagliata” che al Comune di Roma siano destinati più fondi di quelli spettanti a Milano, come prevede la bozza del decreto Aiuti.
Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, a margine dell’inaugurazione del festival ‘In&Aut- Inclusione&Autismo’.

“Ci sto lavorando – ha continuato il sindaco – volevo sentire anche il sindaco Gualtieri. Nulla in contrario che Roma sia sostenuta, ma anche la grande Milano in questo momento ha bisogno e ha molto bisogno anche la Città metropolitana”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La maglia del Sorrento in dono a Draghi
Elicottero del premier atterra sul campo da gioco
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
13 maggio 2022
16:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il premier Draghi atterra in elicottero a Sorrento, per il Forum “Verso Sud” e riceve in dono una maglia rossonera con il numero 1 ed il suo nome.
Non è quella del Milan, ma quella Sorrento calcio, che ha gli stessi colori e gioca in serie D.
A consegnargliela è il segretario del club, Benito Starace.
L’ elicottero del premier è atterrato sul campo di gioco della squadra di calcio della cittadina costiera.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Caso camici: gup Milano, Fontana prosciolto con altri 4
Per il caso della fornitura nel 2020 trasformata in donazione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
13 maggio 2022
16:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente della Lombardia Attilio Fontana è stato prosciolto “perché il fatto non sussiste” con altre 4 persone dall’accusa di frode in pubbliche forniture per il caso dell’affidamento nell’aprile 2020 da parte della Regione di una fornitura, poi trasformata in donazione, da circa mezzo milione di euro di 75 mila camici e altri dpi a Dama, società del cognato Andrea Dini.
Lo ha deciso il gup di Milano Chiara Valori.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Conte, Finlandia nella Nato? Implicazioni ma non posso dire no
È comprensibile che voglia sentirsi rassicurata dall’adesione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 maggio 2022
16:05
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Bisogna essere molto comprensivi ragionando di Finlandia.
La loro richiesta va compresa e valutata con attenzione: credo sia comprensibile che voglia sentirsi rassicurata dall’adesione alla Nato”.
Lo ha detto il presidente del M5s, Giuseppe Conte, alla Stampa Estera.
“È chiaro – ha aggiunto a proposito dei rischi dell’adesione – che può avere delle implicazioni ma non mi sento di offrire una risposta negativa di fronte ad un interesse così vitale espresso dalla Finlandia”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Genova primo capoluogo italiano con carta europea disabilità
Ministro Stefani, modo per sensibilizzare su handicap
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
13 maggio 2022
16:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ un progetto europeo quello che oggi ha portato il Comune di Genova ha aderire, prima città metropolitana in Italia e primo capoluogo di regione, all’iter per l’adozione della Disability Card, la carta europea della disabilità.
L’intesa è stata sottoscritta tra il ministro per le Disabilità Erika Stefani, il sindaco di Genova Marco Bucci, il presidente della Regione Giovanni Toti e le associazioni per i diritti dei disabili.
La card consentirà di dare accesso rapido a servizi culturali, tariffe agevolate, sconti e convenzioni con enti pubblici e privati. Sostituirà i verbali e gli altri documenti cartacei di certificazione di disabilità attraverso un Qr code. “Il progetto rappresenta una sfida che è stata raccolta anche dal Comune di Genova, che è il primo capoluogo di regione a sottoscrivere il protocollo – afferma la ministro Erika Stefani -. La disability card non ha in sé una portata di semplificazione ma è un progetto aperto che può essere arricchito di contenuti e che crea un focus di sensibilizzazione di cui il mondo della disabilità ha veramente bisogno”.
I tempi per l’attivazione della card sono stretti, presto sarà possibile richiederla direttamente dal sito dell’Inps.
Marco Bucci, sindaco di Genova, spiega: “Noi a Genova inseriremo l’ingresso ai musei e poi i servizi di trasporto disabili, non solo per la scuola e il lavoro, ma anche per lo sport e le attività culturali. Sappiamo che si può fare di più ma adesso con il Peba, il piano urbanistico per l’accessibilità che abbiamo messo a punto insieme alla consulta dei disabili, potremo migliorare la qualità della vita di queste persone, anche in una città difficile come Genova”. Alla firma dell’intesa anche la Regione. “La card semplifica la vita dei portatori di disabilità, importante tanto più dopo due anni di covid per quelle persone che magari avevano dovuto sospendere la frequentazione di centri diurni o di riabilitazione o che hanno vissuto restrizioni – aggiunge il presidente della Regione Giovanni Toti -. Negli ultimi mesi la Regione Liguria ha investito 2 milioni e 1,7 milioni saranno investiti nelle prossime ore per la parte di riabilitazione erogata dagli operatori privati convenzionati”.   ACCESSIBILITÀ

Mulè, pronto il decreto sulle armi, non ci sono carri armati
Spero sia l’ultimo ma penso che dovremo ancora aiutare l’Ucraina
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 maggio 2022
16:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il terzo decreto” interministeriale per l’invio di armi all’Ucraina “oramai è pronto, sarà in Gazzetta Ufficiale a breve, penso tra oggi e domani”.
Lo ha detto Giorgio Mulè, sottosegretario alla Difesa e deputato di Forza Italia, ospite di Un giorno da pecora, su Rai Radio 1.

Sono armi nuove o diverse dai precedenti decreti? “C’è qualcosa di diverso, però nulla che vada nelle direzioni di armi tremende, tipo carri armati. Non ci sono carri armati”, ha chiarito Mulè, senza sbilanciarsi sulla quantità: “Rispondono a quello che ci è stato chiesto rispetto a quello che l’Italia può fare. Il ministro Guerini già lunedì, a inizio della prossima settimana, andrà al Copasir: lì per la terza volta dirà ai componenti del Copasir esattamente quali tipo di armi sono previste. Mitragliatrici della Seconda guerra mondiale? Non mandiamo materiale obsoleto – ha risposto -, ciofeche o roba da buttare via”.
Se quello in arrivo fosse l’ultimo decreto sull’invio di armi a Kiev, “significherebbe che siamo vicini al negoziato di pace – ha aggiunto Mulè -. Io spero che sia l’ultimo, ma tutto lascia pensare che ci sarà ancora bisogno di sostenere il governo ucraino”. Comunque, ha chiarito, “non stiamo preparando il quarto decreto”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Premier della Finlandia a Palazzo Chigi da Draghi mercoledì
L’incontro con Sanna Marin è atteso nella tarda mattinata
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 maggio 2022
16:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il primo ministro della Finlandia, Sanna Marin, mercoledì 18 maggio sarà a Palazzo Chigi per incontrare il premier Mario Draghi.
Lo si apprende da fonti di Palazzo Chigi.
L’incontro dovrebbe tenersi in tarda mattinata.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Università: a Genova primo master su sicurezza nei trasporti
Giovani ingegneri studieranno la gestione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
13 maggio 2022
16:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’Università di Genova da settembre 2022 attiverà un master di secondo livello sulla ‘Gestione della sicurezza delle reti e dei sistemi di trasporto’ organizzato in collaborazione con l’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie e delle infrastrutture stradali e autostradali (Ansfisa) e l’Istituto italiano di saldatura (Iis).
Si tratta del primo master del genere a livello nazionale ed è stato presentato nell’aula magna dell’Ateneo genovese dove è intervenuto in video anche il ministro Enrico Giovannini, presente il direttore di Ansfisa Domenico De Bartolomeo.

“Abbiamo deciso di supportare l’iniziativa del master e la scelta di Genova non è stata casuale: vogliamo dare a questa città, dove a breve nascerà una delle nostre tre sedi centrali, una forte specializzazione nell’ambito della sicurezza delle infrastrutture”, ha detto De Bartolomeo.
“L’Università di Genova convintamente promuove questo master sia per il tema trattato, in un momento in cui gli investimenti sulla sicurezza delle infrastrutture saranno particolarmente sostenuti dal Pnrr, sia per l’importanza delle aziende e degli enti coinvolti – interviene il professore e delegato del rettore all’apprendimento permanente Luca Gandullia – In questo contesto, l’alta formazione diviene sempre più un fattore chiave per gestire, specie in questa fase storica, la complessità del settore”.
Il master è stato ideato per fornire a giovani ingegneri neolaureati e a tecnici già inquadrati lavorativamente, in organizzazioni sia pubbliche che private, le competenze e le conoscenze specialistiche, attraverso una multidisciplinarietà che affronta il problema della sicurezza nella gestione di reti di trasporto dalle diverse prospettive: giuridico-economica, finanziaria, gestionale, tecnologica, tecnico-ingegneristica.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in E-R 3.528 casi, calo dei ricoveri nei reparti
Invariati pazienti in intensive, altri 14 decessi in regione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
13 maggio 2022
16:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In Emilia-Romagna sono 3.528 i nuovi casi di coronavirus rilevati su 17.640 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore.
Invariati i ricoveri nelle terapie intensive (31), mentre calano i pazienti nei reparti Covid: 1.172, 21 in meno da ieri.
Altre 14 le vittime registrate dal bollettino quotidiano della Regione. Complessivamente, i casi attivi sono 40.195 (-1.265), il 97% in isolamento a casa, perché non necessita di cure particolari.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Premier della Finlandia a Palazzo Chigi da Draghi mercoledì
Conte: ‘Ci saranno implicazioni ma non posso dire di no’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 maggio 2022
08:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La prima  ministro della Finlandia, Sanna Marin, mercoledì 18 maggio sarà a Palazzo Chigi per incontrare il premier Mario Draghi.
Lo si apprende da fonti di Palazzo Chigi.
L’incontro dovrebbe tenersi in tarda mattinata.
“Bisogna essere molto comprensivi ragionando di Finlandia. La loro richiesta va compresa e valutata con attenzione: credo sia comprensibile che voglia sentirsi rassicurata dall’adesione alla Nato”. Lo ha detto il Presidente del M5s, Giuseppe Conte, alla Stampa Estera dove a proposito dei rischi dell’adesione dice: “È chiaro che può avere delle implicazioni ma non mi sento di offrire una risposta negativa di fronte ad un interesse così vitale espresso dalla Finlandia”

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: nel Lazio -398 casi, -41 ricoverati
3.431 i nuovi positivi, i decessi rimangono stabili
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
13 maggio 2022
16:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Oggi nel Lazio su 6.571 tamponi molecolari e 19.859 tamponi antigenici per un totale di 26.430 tamponi, si registrano 3.431 nuovi casi positivi (-398), sono 7 i decessi ( = ), 820 i ricoverati (-41), 51 le terapie intensive (+1) e +4.118 i guariti.
Il rapporto tra positivi e tamponi è al 12,9%.
I casi a Roma città sono a quota 1.713.
Lo rende noto l’assessore regionale del Lazio alla Sanità, Alessio D’Amato.
Per quanto riguarda la quarta dose le prenotazioni si fanno sul portale regionale

https://prenotavaccino-covid.regione.lazio.it/main/home

secondo le consuete modalità oppure presso il proprio medico di medicina generale o in farmacia. La Regione ricorda che la vaccinazione con 4 dose è rivolta a over 80 e over 60 che rientrino nelle categorie di fragilità individuate dal Ministero. Chi è stato positivo dopo la terza dose (booster) è esentato dal nuovo richiamo.
Sul fronte dell’emergenza Ucraina sono attivi a Roma gli hub di Ostiense, Termini e di via Lamaro dedicati ai cittadini provenienti dall’Ucraina. Fino ad oggi sono state rilasciate circa 18.200 tessere STP (straniero temporaneamente presente).
Tutti hanno effettuato un colloquio di orientamento sanitario, il tampone e chi non lo avesse già eseguito, anche il vaccino.
L’assistenza sanitaria agli stranieri privi di un permesso di soggiorno viene erogata attraverso il rilascio di un tesserino con un codice regionale individuale STP/ENI (Straniero Temporaneamente Presente/ Europeo Non Iscritto) che identifica l’assistito per tutte le prestazioni erogabili. Tutte le info su SaluteLazio.it oppure chiamando il Numero Verde 800.118.800.
E’ stata superata infine nel Lazio la quota di 13 milioni e 500 mila vaccini complessivi, superate le 3,98 milioni di dosi booster effettuate, oltre l’82% di copertura con dosi booster della popolazione adulta. Nella fascia pediatrica 5-11 anni sono oltre 148 mila i bambini con prima dose.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio,Italia sostiene con forza Finlandia-Svezia in Nato
E’ ‘un’Alleanza che ha garantito la pace per decenni’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
OLDENBURG IN HOLSTEIN
13 maggio 2022
17:03
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’Italia sostiene con forza l’ingresso di Svezia e Finlandia nella Nato.
Lo dice il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.
“Siamo ben lieti di accoglierli nell’Alleanza, un’Alleanza che ha garantito la pace per decenni”, ha aggiunto il titolare della Farnesina parlando a margine del G7 in Germania.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio, rischiamo una guerra mondiale del pane
‘Iniziativa Italia con Fao per crisi alimentare in Mediterraneo’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
OLDENBURG IN HOLSTEIN
13 maggio 2022
17:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’aumento dei prezzi a cui stiamo assistendo è inquietante, rischiamo una guerra mondiale del pane.
Il prossimo mese l’Italia, in collaborazione con la Fao, sosterrà un’iniziativa per affrontare la crisi alimentare nell’area del Mediterraneo”.
Lo dice il ministro degli Esteri Luigi Di Maio parlando a margine del G7 in Germania delle conseguenze della guerra in Ucraina.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Caso camici, Fontana: ‘Sempre avuto fiducia nella giustizia’
Governatore: ‘Sono felice per la mia famiglia e per i lombardi’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
13 maggio 2022
17:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono felice.
Felice innanzitutto per aver tolto un peso enorme ai miei figli e a mia moglie.
E poi i lombardi, tutti quei lombardi, e sono moltissimi, che mi hanno sempre sostenuto”: lo dice il governatore lombardo Attilio Fontana dopo il proscioglimento nel ‘Caso camici’. “Condivido con loro la soddisfazione di vedere riconosciuta la mia onestà e la mia volontà di agire sempre, solo e comunque per il bene dei miei cittadini. E infine un ringraziamento enorme ai miei legali, gli avvocati Jacopo Pensa e Federico Papa, per il grande lavoro che ci ha consentito di avere giustizia. Giustizia nella quale ho sempre avuto fiducia”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ornella, il tumore della figlia e la lettera ai medici del Santobono: “Siete supereroi”
La mamma della 12enne: “Fate curare i vostri figli qui al Sud, mancano infrastrutture ma dottori unici”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 maggio 2022
17:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ornella Auzino, mamma di Federica, a soli 12 anni malata di tumore e attualmente in percorso chemio: “Tutto è iniziato da forti dolori alle gambe, credete ai vostri figli quando vi dicono di stare male anche se vi sembra impossibile possano accadere certe cose”.
Scrive una lettera di ringraziamenti ai medici dell’Ospedale Santobono e fa il giro del web: “Ho deciso di ringraziarli pubblicamente perché mia figlia così ha voluto, quando vede i commenti delle persone è felice; medici supereroi perché non ti fanno pesare le carenze infrastrutturali che abbiamo al sud; agli altri genitori dico di far curare i loro figli qui”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Lombardia 5.347 nuovi casi e 20 decessi
Tasso di positività al 14%, ricoveri in calo nei reparti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
13 maggio 2022
17:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con 37.994 tamponi effettuati è di 5.347 il numero di nuovi positivi al Covid registrati in Lombardia, con un tasso di positività in salita al 14% (ieri era al 13,6%).
Il numero dei ricoverati aumenta di una unità nelle terapie intensive (+1, 36) e cala nei reparti (-35, 953).
Sono 20 i decessi che portano il totale da inizio pandemia a 40.242.
Per quanto riguarda le province, a Milano sono stati segnalati 1.663 casi (di cui 689 in città), a Bergamo 519, a Brescia 643, a Como 376, a Cremona 160, a Lecco 220, a Lodi 117, a Mantova 181, a Monza e Brianza 520, a Pavia 307, a Sondrio 83 e a Varese 386.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Peste suina: Regione, a Roma casi positivi saliti a sei
D’Amato, ‘bene Costa su piano riduzione’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
13 maggio 2022
17:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Accolgo con favore le dichiarazioni del sottosegretario Costa, avevamo chiesto tempestività nell’ordinanza e misure idonee a ridurre la pressione dei cinghiali.
Dall’Istituto Zooprofilattico confermano che i casi positivi sono sei tutti riferiti alla stessa area”.
Lo dichiara l’Assessore alla sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Italiano trovato morto in Inghilterra, si indaga per omicidio
Il 34enne lavorava in un ristorante di Sheffield
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
13 maggio 2022
18:24
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Carlo Giannini, un 34enne originario di Mesagne (Brindisi), è stato trovato morto ieri mattina in un parco di Sheffield in Inghilterra.
La polizia inglese, in una nota pubblicata sul proprio sito, comunica che ha aperto un’indagine per omicidio e lancia un appello a chi abbia visto qualcosa.
La morte di Giannini risalirebbe alla notte tra l’11 ed il 12 maggio. A quanto si apprende da fonti investigative italiane, i parenti di Giannini sono in contatto con il consolato italiano e non è escluso che nelle prossime ore possano recarsi a Sheffield.
Giannini da tempo non viveva più con la sua famiglia a Mesagne. Dopo alcune esperienze lavorative in Germania, da diversi mesi si era trasferito in Inghilterra, trovando impiego in un ristorante.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: relitto barca diventerà monumento ricordo vittime
A Crotone, è stato consegnato da Agenzia dogane al Comune
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CROTONE
13 maggio 2022
18:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’Agenzia delle accise, dogane e monopoli ha consegnato al Comune di Crotone il relitto di una imbarcazione utilizzata dai migranti per approdare sulle coste italiane al fine di realizzare un monumento dedicato alle persone morte durante le traversate e a testimoniare il valore dell’accoglienza.

La cerimonia di consegna si è svolta, alla presenza delle massime autorità istituzionali, nella stazione marittima del porto di Crotone.
A firmare il verbale di consegna sono stati il direttore generale dell’Adm, Marcello Minenna (che guida ad interim la direzione regionale dell’Agenzia) ed il sindaco di Crotone Vincenzo Voce accompagnato dagli assessori Gianni Pitingolo e Filly Pollinzi.
Il relitto consegnato è un peschereccio di dieci metri denominato San Nikolaos dal quale, il 22 marzo 2020, sono sbarcati a Crotone 14 migranti di nazionalità curdo-irachena e curdo-iraniana. L’imbarcazione fu sequestrata dalla Guardia di finanza e successivamente affidata all’Agenzia delle Dogane.
Grazie ad una idea dell’associazione #Ioresto, sarà l’artista Massimo Sirelli a trasformare il relitto in un’opera d’arte che sarà poi successivamente posizionata all’ingresso della zona portuale su una delle due rotatorie tra via Porto nuovo e via Miscello da Ripe.
“Restituiamo alla società civile qualcosa che era stato sottratto ed utilizzato in modo incivile” ha detto Minenna che ha poi specificato il ruolo dell’Agenzia nella gestione dei relitti delle imbarcazioni utilizzate dai migranti: “Grazie ad una cabina di regia istituita due anni fa al Ministero sono stati chiariti ruoli e competenza. I relitti una volta dissequestrati vanno all’Adm che deve provvedere alla ricerca, recupero e smaltimento di questi natanti. Attività che l’Agenzia, con i suoi ingegneri e chimici, porterà avanti con metodo per garantire che coste di questa terra vengano tutelate e valorizzate”.
“Crotone è spesso ultima in tutte le classifiche ma è certamente prima per l’accoglienza – ha detto Voce – questo relitto che verrà restituito alla bellezza ha un significato particolare per chi arriva nella nostra terra scappando da posti terribili”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio, rischiamo una guerra mondiale del pane
‘Iniziativa Italia con Fao per crisi alimentare in Mediterraneo’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
OLDENBURG IN HOLSTEIN
14 maggio 2022
08:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’aumento dei prezzi a cui stiamo assistendo è inquietante, rischiamo una guerra mondiale del pane.
Il prossimo mese l’Italia, in collaborazione con la Fao, sosterrà un’iniziativa per affrontare la crisi alimentare nell’area del Mediterraneo”.
Lo dice il ministro degli Esteri Luigi Di Maio parlando a margine del G7 in Germania delle conseguenze della guerra in Ucraina.
“Per l’Italia è essenziale costruire un percorso negoziale per arrivare alla pace che sia il più possibile collegiale. Bisogna aprire un tavolo con la presenza degli attori internazionali più rilevanti”. Lo dice il ministro degli Esteri Luigi Di Maio parlando a margine del G7 in Germania del conflitto in Ucraina. “Per quanto riguarda le armi all’Ucraina, come ho detto anche al ministro degli esteri Kuleba, il nostro principio è sempre lo stesso, la nostra linea direttrice è il principio di legittima difesa di un popolo e di uno Stato come l’Ucraina, e il nostro lavoro fatto fin qui si è sempre ispirato a questo principio” ha detto Luigi Di Maio a margine del G7, rispondendo ad una domanda sulle richieste di Kiev agli alleati occidentali di un maggiore invio di armi.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Da concorrenza a Csm, martedì riunione di maggioranza in Senato
Sul tavolo anche il ddl sul fine vita e la commissione Esteri
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 maggio 2022
18:10
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Una riunione di maggioranza fra i capigruppo del Senato è prevista martedì con l’obiettivo, si apprende da fonti parlamentari, di fare il “punto politico” sui fronti più caldi in agenda a Palazzo Madama: il ddl concorrenza, il ddl sul fine vita, la calendarizzazione della riforma del Csm e la nuova composizione della commissione Esteri.
L’obiettivo è trovare intese politiche sui temi più controversi dei vari provvedimenti anche alla luce dei tempi ristretti dei loro iter.

Ad esempio, sulla riforma del Csm incombe la data del rinnovo dell’organo di autogoverno della magistratura, atteso per luglio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza della Loggia, nuovo processo per Maurizio Tramonte
Accolta l’istanza di revisione del procedimento che lo ha condannato all’ergastolo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 maggio 2022
18:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La corte di appello di Brescia ha accolto l’istanza di revisione del processo presentata da Maurizio Tramonte condannato all’ergastolo per la strage di Piazza Loggia.
Ci sarà un nuovo processo, il sesto.
L’8 luglio i giudici sentiranno la sorella e la moglie del 70enne sulla circostanza che Tramonte, a differenza di quanto riportato dalla consulenza antropometrica che lo dava in piazza Loggia quella mattina, portava la barba e che quindi, come sostenuto dalla difesa, non era in piazza il giorno dello scoppio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A Siemens Healthineers Future Summit le sfide sanità futuro
‘Tecnologia e digitalizzazione per rimettere al centro paziente’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 maggio 2022
18:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Affrontare e supportare la trasformazione in atto nella sanità con tecnologie di ultima generazione per migliorare la qualità delle prestazioni e rispondere alla costante crescita di domanda di salute.
E questo al fine di rispondere alle criticità dei sistemi ospedalieri, dalla mancanza di personale, al progressivo invecchiamento del capitale tecnologico, dalla difficoltà di reperimento dei materiali entro le scadenze, fino alla necessità di rispondere a sempre più stringenti standard qualitativi.
E’ uno degli obiettivi indicati nel ‘Siemens Healthineers Future Summit – Le nuove frontiere dell’healthcare’, un viaggio in cinque tappe su tutto il territorio nazionale, partito questo pomeriggio da Milano. Nel convegno è stato affrontato il tema del sostegno della rivoluzione digitale in sanità con investimenti per la creazione di piattaforme tecnologiche e competenze che estendano la cura al di fuori delle strutture sanitarie. Un percorso che, come è stato spiegato nel convegno, va attivato attraverso un utilizzo oculato delle risorse messe a disposizione dal Pnrr. “Per costruire una sanità sostenibile è necessario definire nuovi modelli di assistenza e di erogazione dei servizi che pongano il paziente al centro e con un ruolo attivo nella gestione della propria salute”, ha affermato Roberta Busticchi Presidente e ceo Siemens Healthineers. “L’altra variabile dell’equazione sono gli investimenti nelle tecnologie del futuro e nella digitalizzazione che possano permettere una gestione olistica, efficiente e sostenibile del paziente”.
All’interno del convegno, una delle risposte indicate per ridisegnare la sanità territoriale sono i servizi di telemedicina, che contribuirebbero a ridurre gli attuali divari geografici, migliorare l’esperienza di cura per i pazienti, efficientare i sistemi sanitari regionali.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mario Calabresi: ‘Ho trovato l’unico ricordo di mio padre’
La scoperta delle foto dell’ultima domenica passata insieme. Il commissario Luigi Calabresi fu ucciso 50 anni fa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
13 maggio 2022
18:38
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Era l’unico ricordo che aveva di suo padre, lo ha ritrovato in una foto d’archivio.
A pochi giorni dal cinquantesimo anniversario della morte del commissario Luigi Calabresi, il figlio Mario ha raccontato nella sua newsletter Altre Storie di come ha trovato le foto della parata a cui era stato con il padre la domenica prima che fosse ucciso, il 17 maggio 1972.
L’unico frammento di memoria che Calabresi ha del genitore, assassinato quando il giornalista aveva due anni, è quello di aver visto sfilare la banda degli alpini in centro a Milano mentre gli stava seduto in spalla e di aver toccato il trombone dorato da cui era rimasto impressionato.

Un episodio di cui Calabresi aveva già parlato, nel suo libro “Spingendo la notte più in là”: “Ero felice, mi sentivo grande, forte, orgoglioso di stare sulle sue spalle, mi sembrava avessimo fatto una cosa coraggiosissima. Era solo una banda degli alpini, ma me la porto dentro da quando avevo due anni”.
Era stata la madre Gemma ad aiutarlo a ricostruire il contesto di quel ricordo (“Per giorni non avevi fatto altro che raccontare del trombone e bisognava sempre ascoltarti da capo”) e grazie a una vecchia agenda, erano riusciti a risalire alla data della parata, il 14 maggio 1972.
In quel trombone che gli era rimasto impresso nella memoria per quasi cinquant’anni, Calabresi si è imbattuto di nuovo nell’ottobre 2019 durante una visita all’Archivio Publifoto, oggi acquisito da Intesa Sanpaolo e in corso di trasferimento a Torino. Il giornalista ha notato che in archivio erano conservate le immagini della parata a Milano e ha chiesto di vedere i negativi: “Quasi subito mi sono trovato tra le mani la fotografia che avevo nella testa fin da bambino: quella del trombone. Non ci potevo credere, avevo sotto gli occhi proprio una meravigliosa campana dorata, sullo sfondo le guglie del Duomo di Milano”.
Nel continuare a passare in rassegna le immagini della folla, Calabresi ha scritto di essersi reso conto di cercare la foto di un bambino sulle spalle del padre: “Ne ho trovato uno con una testa e delle orecchie simili alle mie, del padre si intuivano solo le spalle e una giacca grigia”, racconta. Impossibile stabilire se si trattasse proprio di lui, anche se pure la madre Gemma ha trovato una somiglianza: “Mi ha chiesto ‘È importante sapere se eri proprio quello?’. No, va bene così”, conclude il giornalista.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Comunali: Oristano, centrodestra si ricompatta su Sanna
Leader sardo Udc Oppi, fondamentale mediazione governatore
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ORISTANO
13 maggio 2022
18:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Adesso è davvero ufficiale: il candidato sindaco del centrodestra per le Comunali a Oristano, unico capoluogo di provincia sardo al voto il 12 giugno, è il vicesindaco uscente Massimiliano Sanna (Riformatori).

Per la verità, il tavolo cittadino della coalizione era arrivato a questo risultato già martedì scorso, poi però il nome di Sanna era stato rimesso in discussione soprattutto a livello di tavolo regionale della coalizione.
Alla fine, ha spiegato il leader dell’Udc Giorgio Oppi che oggi si trovava a Oristano proprio per favorire al meglio la gestione del tavolo, “la mediazione del presidente della Regione ha portato all’unità della coalizione su Sanna”.
Per l’election day del 12 giugno, quando si voterà anche per i referendum sulla giustizia, andranno alle urne circa 200 mila sardi residenti in 65 Comuni che rinnovano i consigli e i sindaci. Le liste possono essere presentate sino a domani alle 12.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Membro Its stava preparando attentato a Torino
Su anarchico ambientalista indagano pm Scafi e Bucarelli
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
13 maggio 2022
18:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Federico Buono, il 45enne anarchico ambientalista, arrestato dalla Digos di Milano il 30 marzo in via Frejus a Torino, stava preparando un attentato nel capoluogo piemontese.
È la tesi dei pm Paolo Scafi ed Enzo Bucarelli, che indagano sull’uomo accusato di terrorismo e considerato vicino al gruppo eversivo sudamericano Its (Individualistas tendiendo a lo Salvaje).

Gli obiettivi di Buono sarebbero state essere alcune fermate della metropolitana e alcuni palazzi e parchi, come il Valentino, Palazzo di Giustizia. La polizia, come ha anticipato il quotidiano torinese ‘Cronaca Qui’, ha infatti sequestrato nell’alloggio di via Frejus, oltre a un ordigno artigianale in fase di costruzione, sette fogli manoscritti con il piano e lo schema della rivendicazione: documenti presentati dalla Procura al tribunale del Riesame nei giorni scorsi, su cui c’erano i nomi delle fermate, orari e considerazioni sul flusso dei passeggeri. Il Riesame ha rigettato l’istanza di scarcerazione presentata dall’avvocato dell’anarchico, Gianluca Vitale. “Si tratta – scrivono i giudici – di una clamorosa conferma della sua attività, che ha superato tutti i possibili dubbi che si ponevano precedentemente rispetto alla sua pericolosità”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lavoro: Dadone, giovani non abbiano timore di sbagliare
La ministra, “Troppo timore di andare verso un fallimento”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
13 maggio 2022
18:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“I giovani non devono aver paura di investire su stessi.
C’è troppo timore di andare verso un fallimento”.
Questo l’invito rivolto dal ministro delle Politiche giovanili Fabiana Dadone a Brindisi durante il “Neet woorking tour”, la campagna informativa itinerante dedicata ai giovani di età compresa tra i 14 ed i 35 anni che attualmente non studiano. “Oggi – ha spiegato – ci sono anche le risorse a fondo perduto. Penso ai fondi di ‘Io Resto al Sud’ che sono stanziati dal Mise. Ci sono molti bandi da tutti i ministeri che comunichiamo sul sito Giovani 2030”. “E’ chiaro – ha concluso – l’idea deve essere un’idea praticabile e funzionale. Non bisogna aver timore di sbagliare perché le possibilità ci sono. Bisogna avere coraggio e provare”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Premio Exodus a De Paolis, magistrato ‘cacciatore di nazisti’
Ha indagato sulle stragi nazifasciste, da Marzabotto a Cefalonia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
LA SPEZIA
13 maggio 2022
18:32
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La città della Spezia ha conferito il Premio Exodus 2022 al magistrato Marco De Paolis, procuratore generale militare presso la corte militare di appello di Roma e uno dei maggiori esperti di crimini nazifascisti perpetrati durante la Seconda Guerra Mondiale.

Nella sua carriera è stato gip e poi procuratore generale del Tribunale Militare della Spezia dal 1988 al 2008 e procuratore capo della Procura militare di Roma dal 2010 al 2018.
In questo lasso di tempo ha istruito circa 450 procedimenti per crimini di guerra, con 57 condanne all’ergastolo in primo grado, e indagato alcuni degli eccidi più efferati di tutto il conflitto, da Marzabotto a Cefalonia passando per Sant’Anna di Stazzema, anche sulla base della scoperta dei cosiddetti ‘armadi della vergogna’.
“I processi sulle stragi nazifasciste, la doverosa attività di giustizia che è stata portata avanti, è una sorta di porta della verità – ha detto il magistrato -. Quella che si fa dopo 70 anni è forse solo un frammento di giustizia, ma è il minimo che lo Stato doveva fare”. Il Premio Exodus prende le mosse dall’accoglienza che la popolazione locale offrì, all’indomani della fine della guerra, agli ex internati ebrei dei lager nazisti che affluivano in città per imbarcarsi e lasciare l’Europa. Motivo per il quale la Spezia è tuttora conosciuta in Israele con la dicitura di “Schàar Zion”, la Porta di Sion. “De Paolis è un grande magistrato militare, che ha avuto il coraggio di aprire gli armadi della vergogna, recuperare tante storie e chiedere giustizia per le vittime e per la democrazia. Deve essere oggi premiato questo coraggio” ha detto il sindaco Pierluigi Peracchini.
Nelle precedenti edizioni erano stati premiati Noemi Di Segni (2020), Lia Levi (2019), Liliana Segre (2018), Maurizio Molinari (2017) e Giorgio Napolitano (2016).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: nelle Marche +1.255 casi, incidenza scende, 6 decessi
Ricoveri 120 (-1), occupazione intensive 1,3%, area medica 11,7%
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
13 maggio 2022
18:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 1.255 i nuovi casi covid rilevati nelle ultime 24 ore nelle Marche, dove prosegue il calo dell’incidenza, a 573,90 su 100mila abitanti (ieri 597,57).
Solo un ricovero in meno negli ospedali marchigiani (dopo il calo di 16 delle 24 ore precedenti), che si assestano a 120, mentre l’aggiornamento della Regione indica che ci sono stati 6 decessi nell’ultima giornata.
I positivi rappresentano il 35,8% dei 3.501 tamponi diagnostici. La provincia di Ancona registra 331 casi, seguita da Macerata con 272, Pesaro Urbino con 244, Ascoli Piceno con 213, Fermo con 140, oltre a 55 positivi di fuori regione. Le fasce di età più colpite restano 45-59 anni con 301 casi e 25-44 anni con 255, seguite da 60‐69 anni con 182. Quanto ai ricoveri, 120, restano invariati i pazienti in terapia intensiva, 3, e quelli in reparti non intensivi, 95, mentre quelli in semi intensiva scendono a 22 (-1); i dimessi sono 16.
Secondo la regione, l’occupazione dei posti letti nelle intensive da parte di malati covid resta invariato a 1,3%, in diminuzione a 1,7% quello dell’area medica. I sei decessi dell’ultima giornata fanno salire il totale a 3.879: sono morti 4 uomini e 2 donne, di età compresa tra 62 e 86 anni, tutti con patologie pregresse. Sono 10 le persone in osservazione nei pronto soccorso, 75 gli ospiti di strutture territoriali. I positivi alla data di oggi sono 5.773 (tra ricoverati e isolamenti), le persone in quarantena o isolamento domiciliare sono 14.680, i dimessi/guariti dall’inizio della pandemia salgono a 451.788.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Piazza Loggia: nuovo processo per Maurizio Tramonte
La corte di appello di Brescia ha accolto l’istanza di revisione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRESCIA
13 maggio 2022
18:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La corte di appello di Brescia ha accolto l’istanza di revisione del processo presentata da Maurizio Tramonte condannato all’ergastolo per la strage di Piazza Loggia.
Ci sarà un nuovo processo, il sesto.
L’8 luglio i giudici sentiranno la sorella e la moglie del 70enne sulla circostanza che Tramonte, a differenza di quanto riportato dalla consulenza antropometrica che lo dava in piazza Loggia quella mattina, portava la barba e che quindi, come sostenuto dalla difesa, non era in piazza il giorno dello scoppio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Classico, moderno, contemporaneo. Treviso celebra Canova
Al Museo Bailo il fascino dello scultore che conquistò il mondo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TREVISO
13 maggio 2022
19:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un genio moderno, contemporaneo, che guardava all’antico per reinventarlo.
L’ultimo grande artista del Settecento e il primo dell’Ottocento.
Un veneto che si fece da solo, l’imprenditore di se stesso partito da un paesino di campagna alla conquista del mondo. Così Treviso vuole celebrare Antonio Canova. A raccontare il maestro irraggiungibile di capolavori immortali della scultura è il Museo Bailo con la mostra ‘Canova, gloria trevigiana. Dalla bellezza classica all’annuncio romantico’ che fino al 25 settembre affianca oltre 150 opere, tra gessi, marmi, incisioni e pitture per comporre il mosaico di un personaggio poliedrico, attentissimo anche alla cura della propria immagine.
“All’epoca fu una novità assoluta, una vera operazione di marketing per farsi conoscere. Oggi sarebbe considerato il re del selfie”, dice scherzando Fabrizio Malachin, direttore del museo e ideatore del tributo allo scultore di Possagno, riferendosi allo spazio che l’artista volle riservare ai suoi ritratti. “Nel secondo dopoguerra – fa notare – di lui si parlava molto male. Il neoclassicismo era visto come il punto di partenza dell’arte che durante il fascismo aveva avuto il suo splendore. Un critico di prestigio come Roberto Longhi lo definì ‘uno scultore nato morto'”. L’ omaggio che Treviso gli rende rimanda alla prima monografica assoluta organizzata nel 1957 dal direttore del museo della città Luigi Coletti che segnò appunto l’inizio della rivalutazione e della riscoperta di Canova, mostrando come seppe allontanarsi dal classicismo “ispirandosi ai modelli dell’antichità senza copiare, reinterpretandoli in un confronto costante tra antico e moderno, e diventando nell’Ottocento un annunciatore del Romanticismo”. Del resto, il mito del bambino prodigio che accompagnò Canova e che lui stesso smentì, nacque nel 1803 proprio nel capoluogo della Marca con la leggenda che lo racconta bambino autore di un leone modellato nel burro per un dolce rimasto senza decorazione destinato a un banchetto nobiliare. “Canova era assolutamente moderno – spiega Malachin – non si limitava a seguire le mode e le regole del momento che si rifacevano a Winckelmann. Partì dalla campagna veneta e conquistò Venezia, poi Roma, le grandi corti europee e addirittura l’America con il ritratto di Washington. Capì che per affermarsi doveva allontanarsi dagli schemi precedenti”. Per alimentare il culto della propria immagine si dotò di una propria calcografia, creando una vera e propria industria del genere. Con l’abilità diplomatica di confrontarsi con nobili e re anche grazie alla conoscenza dell’inglese e del francese riuscì a far tornare in Italia capolavori come il Laocoonte e i Cavalli di San Marco portati in Francia da Napoleone. La mostra, allestita nell’ala fresca di restauro del Museo Bailo, che inaugura con l’occasione la galleria dell’Ottocento, si apre con un colpo d’occhio straordinario, le quattro enormi statue su basamenti originali, provenienti da un palazzo nobiliare padovano, in cui Canova si misura con l’antico e dimostra la sua originalità: l’Apollo del Belvedere a confronto con il Perseo trionfante e il Gladiatore Borghese con il suo Creugante. Vera chicca è il gesso preparatorio del cavallo morente, esposto per la prima volta, al quale si rifece per il famoso gruppo di Teseo in lotta con il centauro, oggi a Vienna.
Di forte suggestione la sala con la Venere che dialoga con la dea dal carnale lato b dipinta da Francesco Hayez nel 1830 e la più pudica e tradizionale Diana cacciatrice, nella tela dello stesso anno di Pelagio Pelagi. In una teca, anche questa una primizia, ecco la maschera funeraria e il calco della mano destra dell’artista. Alle meraviglie delle incisioni e dei lavori più conosciuti, si alternano i due bassorilievi del patrimonio del Gruppo Generali appena restaurati – “vera pittura scolpita” -, l’enorme volume con 86 incisioni canoviane donate dal fratello Giambattista Sartori a Treviso nel 1837, il prezioso bozzetto delle Tre Grazie, le foto dall’effetto tridimensionale dei ‘must’ canoviani riletti da Fabio Zonta, il primo cartone multimediale per i bambini mai realizzato in un museo. “L’opera che più lo rappresenta – commenta Malachin – è il calco originale di Amore e Psiche, che uscì dalla bottega di Canova e che il fratello dopo la sua morte riportò a Possagno. E’ l’immagine dell’amore platonico che venne usata per la mostra di 65 anni fa che abbiamo ripreso anche noi come una ideale chiusura del cerchio”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: Bianchi a Napoli,più istituti aperti tutto il giorno
In campo 40 mln, intesa con Lamorgese e arcivescovo Battaglia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
13 maggio 2022
19:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un ‘patto’ tra le istituzioni, la Chiesa e il territorio per offrire più opportunità educative ai giovani, prevenendo l’abbandono scolastico e la devianza.
E’ il senso dell’intesa sottoscritta oggi a Napoli, nell’istituto minorile di Nisida, tra il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, la responsabile del Viminale Luciana Lamorgese e l’arcivescovo Domenico Battaglia, che aveva sollecitato un’iniziativa.

“Noi come ministero mettiamo a disposizione 40 milioni per il Patto”, ricorda Bianchi. Primo obiettivo, grazie alla sinergia tra enti locali, Regione, Chiesa e terzo settore, aumentare il numero degli istituti scolastici aperti tutto il giorno. Poi mettere in campo “attività speciali per i ragazzi più a rischio” e migliorare i percorsi integrazione per chi arriva da immigrato”.
I fondi del Patto, precisa Bianchi, sono “una misura concreta, precisa con risorse che diamo direttamente alle scuole, alle quali si aggiungono quelle delle altre istituzioni”. Il Pnrr per il comparto istruzione prevede 800 milioni per la Campania, ulteriori risorse “da investire per evitare che i ragazzi si disperdano”, ha proseguito il ministro.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Torna provvisoriamente a Tavullia striscione di Valentino Rossi
Era stato tolto da Soprintendenza, resterà sino a fine mese
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TAVULLIA (PESARO URBINO)
13 maggio 2022
19:17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Torna, anche se per ora solo in forma provvisoria, lo striscione di Valentino Rossi che dalle mura del borgo di Tavullia (Pesaro Urbino) dà il benvenuto a cittadini e turisti.
Striscione che era stato tolto a seguito di una segnalazione alla Soprintendenza Archeologia, Belle arti e Paesaggio delle province di Ancona e Pesaro Urbino e ad un confronto con i tecnici della Soprintendenza stessa.

Questa mattina i tecnici del Comune hanno riappeso lo storico striscione ‘Welcome to Tavullia’ (con la foto del ’46’ in sella alla Yamaha su sfondo giallo) alle mura medievali.
“Per il momento – spiega la sindaca di Tavullia Francesca Paolucci – abbiamo richiesto ed ottenuto un’autorizzazione provvisoria per esporre lo striscione in occasione di un evento turistico-sportivo molto importante, che attraverserà il nostro territorio, come la Gran fondo degli Squali che si terrà questo weekend e che porterà migliaia di presenze. Resterà fino alla fine del mese di maggio”. L’auspicio è di ottenere un permesso permanente.
“Stiamo lavorando ad una soluzione che permetta di riappendere lo striscione alle mura in via definitiva, anche con l’adozione di tutti gli accorgimenti tecnici del caso, con l’obiettivo, da una parte, di tutelare e salvaguardare ulteriormente il bene storico e, dall’altra, di permettere ai nostri concittadini e ai visitatori che arrivano a Tavullia di riabbracciare ‘idealmente’ Valentino venendo accolti dal suo striscione”, conclude la sindaca Paolucci.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Indebito rilascio pass: annullata sospensione avvocato indagato
Consiglio Nazionale Forense accoglie ricorso difesa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
13 maggio 2022
19:25
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Annullata la sospensione di 5 mesi per l’esercizio della professione forense per l’avvocato Gabriele Galeazzi.
Per ora può tornare a lavorare.
Il legale è indagato per la vicenda delle false vaccinazioni all’hub Paolinelli della Baraccola di Ancona e secondo la Procura sarebbe uno degli intermediari dell’infermiere Emanuele Luchetti, colui che avrebbe buttato via le dosi invece di inocularle ai cittadini(decine gli indagati) che si rivolgevano a lui per aggirare la vaccinazione contro il Covid-19 e e ottenere comunque il rilascio di Green pass. La decisione è stata emessa oggi dal Consiglio Nazionale Forense sul ricorso proposto con una istanza dell’avvocato Riccardo Leonardi che difende Galeazzi. Un ricorso al provvedimento di sospensione cautelare di cinque mesi dciso a marzo dal Consiglio di disciplina dopo lo scoppio della vicenda. Galeazzi, che appartiene al foro di Ancona, è ancora indagato per corruzione, falso e peculato nell’inchiesta dei finti vaccini emersa il 10 gennaio scorso con le prime misure cautelari emesse dal gip Carlo Masini. Per Galeazzi furono disposti inizialmente gli arresti domiciliari, ma dopo tre mesi, con istanza al gip e venute meno le esigenze che portarono il giudice a richiedere la misura cautelare, sono stati modificati con obbligo firma, poi revocato a fine aprile. L’avvocato attualmente è libero. Proprio questo fattore ha portato il consiglio ad annullare la sospensione, ma la sua posizione agli organi di disciplina è ancora pendente e dipenderà dagli esiti finali dell’indagine e dell’eventuale processo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
‘L’azienda di Elisabetta Franchi è antisindacale’
Lo ha deciso il giudice. ‘Contestazioni a chi sciopera, ma legittima su straordinari’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
14 maggio 2022
18:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Inviare contestazioni disciplinari a chi non ha lavorato perché ha aderito a uno sciopero indetto contro gli straordinari è una condotta illegittima e antisindacale.
Lo ha stabilito il giudice del Lavoro di Bologna accogliendo parzialmente un ricorso della Filcams-Cgil contro l’azienda Betty Blue, della stilista Elisabetta Franchi, finita nei giorni scorsi al centro delle polemiche per le sue dichiarazioni sulle lavoratrici.
La decisione riguarda lettere inviate il 23 e 25 novembre 2021 e l’8 aprile 2022. Non è invece antisindacale, per il giudice, la richiesta di fare straordinari, senza consenso, nei limiti delle 250 ore annue.

In particolare il giudice del Lavoro di Bologna Chiara Zompi ritiene che non c’è alcun obbligo, diversamente da quanto chiesto dalla Filcams, di informazione o consultazione con il sindacato sul tema dello straordinario. Inoltre, dalle norme del contratto collettivo nazionale emerge anche come il datore di lavoro possa, nei limiti delle 250 ore annue, richiedere il lavoro straordinario senza che tale richiesta sia subordinata al consenso del singolo dipendente né alla necessità di ulteriori accordi sindacali. In questa parte, dunque, il ricorso del sindacato viene rigettato, segnalando che non è stata fatta alcuna violazione di legge o contratto, anche perché la società ha indicato le ragioni eccezionali per cui era necessario il ricorso allo straordinario, connesse ai picchi di lavoro legati all’uscita dei campionari.

Analizzando invece le contestazioni disciplinari alle lavoratrici che si sono rifiutate di fare lo straordinario, per il giudice bisogna distinguere tra quelle arrivate prima della proclamazione dello sciopero, comunicata il 12 novembre 2021, che appaiono legittime.
Non è così, invece, per quelle successive, fine novembre 2021 e aprile 2022. In questo caso, per il giudice, “la reiterata elevazione di contestazioni disciplinari a carico di un gruppo di lavoratrici che già avevano manifestato la loro volontà di aderire allo stato di agitazione promosso dal sindacato ricorrente” costituisce “di per sé comportamento intimidatorio ed evidentemente finalizzato a scoraggiare l’adesione dei dipendenti allo sciopero dello straordinario, legittimamente proclamato”. La condotta della Betty Blue “comprova un utilizzo sistematico dello strumento disciplinare a fini intimidatori, con effetti che appaiono perduranti nel tempo”. Dunque, oltre a dichiarare l’antisindacalità della condotta, ordina di cessarla, di non dare seguito alle contestazioni e di astenersi per il futuro dall’utilizzare il potere disciplinare per limitare l’esercizio della libertà sindacale”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Marine Le Pen non si ricandiderà: “Tre presidenziali bastano”
La candidata sconfitta precisa, ‘salvo eventi eccezionali’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PARIGI
13 maggio 2022
21:12
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Marine Le Pen non si ripresenterà alle presidenziali “salvo eventi eccezionali”: lo ha confermato lei stessa in un’intervista a Le Figaro, che sarà pubblicata domani sul quotidiano.
“A priori – spiega la candidata del Rassemblement National – penso che tre presidenziali rappresentino già un percorso.
Che mi ha consentito di far crescere le nostre idee dal 18% al 42%. In 10 anni non è male.
So che per le nostre idee questa dinamica non è conclusa. La questione è, chi le porterà avanti fra cinque anni. E’ troppo presto per parlarne. Ma mi piacerebbe veder emergere una nuova elite”.

Marine Le Pen sottolinea che, nonostante la sconfitta e le “menzogne” del suo avversario Emmanuel Macron, i francesi l’hanno scelta “come prima oppositrice” del vincitore. Per le legislative che a giugno rinnoveranno il Parlamento francese, la Le Pen si è posta obiettivi precisi: “Vorrei – spiega ancora a Le Figaro – che la democrazia ci potesse dare le capacità, i poteri, che sono quelli dell’opposizione. Non si tratta soltanto di avere un gruppo. Ma di avere tutti i mezzi messi a disposizione dell’opposizione in una democrazia viva. Come, ad esempio, il potere di investire il Consiglio costituzionale. Il che significherebbe avere almeno 60 deputati. Potremo avere bellissime sorprese”. Il presidente, secondo Marine Le Pen, “non può spiegarci che tutto cambia e continuare a trovare normale che la prima forza d’opposizione si ritrovi, come negli ultimi 5 anni, con soli 6 deputati. Bisogna ritrovare un funzionamento democratico normale, esigente e maturo”.
Quanto alla leadership nel Rassemblement National, Marine Le Pen afferma che “se ne parlerà dopo le legislative”: “Il nostro movimento ha avuto una forte evoluzione – afferma – come la società e il paese. E’ il momento delle grandi transizioni: demografica, economica, ecologica e tecnologica. I movimenti devono adattarsi a questi nuovi temi, sfide, anche pericoli. Il ruolo del nostro movimento nei prossimi anni è, da una parte, concepire il progetto nazionale del XXI secolo, dall’altra far emergere una nuova elite. Jordan Bardella (che guida il partito da quando la Le Pen ha cominciato la campagna elettorale, ndr) mi sembra posizionato benissimo per farlo. E d’altra parte proprio questa mi sembra uno dei grandi fallimenti di Emmanuel Macron. Non è riuscito a far emergere nessuno di nuovo. Per convincersene bastava seguire le immagini della sua investitura: è la vecchia elite”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Morto Valerio Onida, ex presidente della Corte Costituzionale
Il figlio Francesco ha postato una foto del padre su Facebook con la scritta “Ciao papà, grazie di tutto”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
14 maggio 2022
17:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
È morto l’ex presidente della Corte Costituzionale Valerio Onida.
Il figlio Francesco ha postato una foto del padre su Facebook con la scritta “Ciao papà, grazie di tutto”.
Nato a Milano nel 1936 aveva compiuto 86 anni lo scorso 30 marzo. Professore di diritto costituzionale alla Statale di Milano, è stato giudice costituzionale dal 1996 e presidente della Consulta dal settembre 2004 al gennaio 2005.
Valerio Onida è stato, tra l’altro, presidente dell’Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia e “si è sempre battuto per la difesa della Carta Costituzionale”, ricorda Roberto Cenati, presidente dell’Anpi provinciale di Milano. “Nel 2016 – afferma – si è schierato, partecipando a numerosi dibattiti, per il no al progetto di revisione costituzionale. La sua intensa attività era rivolta soprattutto alla diffusione della conoscenza della Costituzione repubblicana. Nel suo libro ‘La Costituzione’ del 2004 scriveva ‘un popolo che non riconosce i diritti universali dell’uomo e non attua la divisione dei poteri non ha Costituzione’. Onida era fortemente impegnato a far conoscere i principi della Carta Costituzionale alle giovani generazioni. Ricordo – prosegue Cenati – di aver partecipato con lui a diverse iniziative, come quella organizzata qualche anno fa all’Istituto Verri di Milano, nel corso della quale Onida ha spiegato con passione ai ragazzi e alle ragazze la genesi della Costituzione, l’importanza dei valori e dei principi in essa contenuti”.
Il Presidente della Repubblica, fanno sapere dal Quirinale, ha inviato un messaggio di cordoglio ai familiari di Valerio Onida, ricordandone la figura di maestro di diritto pubblico, di autorevole Giudice e Presidente della Corte Costituzionale, di Presidente della Scuola superiore della Magistratura, costantemente animato da forte spirito civico e da prezioso impegno per le istituzioni della Repubblica.
“Ho perso un fratello. Era un uomo buono e un vero maestro”. Così il presidente della Corte costituzionale Giuliano Amato.
“Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, esprime il più sentito cordoglio per la scomparsa del Prof. Valerio Onida. Presidente della Corte Costituzionale, il Prof. Onida è stato garante di libertà e difensore dei diritti, soprattutto dei più deboli. Alla sua attività di giudice e accademico, ha affiancato per anni quella di volontario nelle carceri, segno della sua umanità e delle sue convinzioni. Ai suoi cari, le condoglianze di tutto il Governo”. Lo si legge in un comunicato di Palazzo Chigi.
“Grandissima perdita per il nostro Paese con la scomparsa di Valerio Onida. Un punto di riferimento insostituibile, una persona dalle rare qualità umane. Un enorme dispiacere”, scrive su Twitter il segretario del Pd Enrico Letta. Anche il sindaco di Milano Giuseppe Sala lo ha ricordato in un tweet: “Milano saluta commossa Valerio Onida. Per tutti un esempio di profonda passione civile. Non lo dimenticheremo”.
“Oggi non perdiamo solo un giurista di grande statura ma anche una persona di straordinaria umanità. Lucido spirito critico ha formato generazioni di giuristi con la sua dottrina e i suoi insegnamenti sui diritti fondamentali”, afferma il Presidente del Consiglio di Stato Franco Frattini.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Morto Onida, ex presidente Consulta
Aveva 86 anni, scomparsa annunciata da figlio su Fb
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
14 maggio 2022
09:45
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
È morto l’ex presidente della Corte Costituzionale Valerio Onida.
Il figlio Francesco ha postato una foto del padre su Facebook con la scritta “Ciao papa, grazie di tutto”.
Nato a Milano nel 1936 aveva compiuto 86 anni lo scorso 30 marzo. Professore di diritto costituzionale alla Statale di Milano, è stato giudice costituzionale dal 1996 e presidente della Consulta dal settembre 2004 al gennaio 2005.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Protesta pacifisti a Napoli, ‘no al maggio degli armamenti’
Striscioni contro presenza della portaerei Usa Truman
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
14 maggio 2022
11:41
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“No al silenzio complice delle istruzioni cittadine dinanzi alla presenza della portaerei nucleare americana Truman nel nostro golfo, in piena guerra in Ucraina”: con questo obiettivo un gruppo di attivisti contro la guerra ha esposto stamane a Napoli degli striscioni (“Truman scio'”, ironizzando sul titolo del film con Jim Carrey) nell’area di piazza Municipio dedicata al ‘Maggio dei monumenti’, che non deve diventare – chiedono i manifestanti – un ‘maggio degli armamenti’.

“Considerare carta straccia la delibera comunale che dal 2015 impedisce alle navi militari a propulsione nucleare di avvicinarsi alla nostra costa e tacere anche ieri durante l’incontro con il Presidente del Consiglio su questo tema, significa avallare l’idea che la nostra città sia una colonia della NATO, che può venire come e quando le pare ad occupare le nostre acque, le nostre terre, il nostro cielo.
Chiediamo quindi alle istituzioni locali di rompere il silenzio e di dire chiaramente alla città se ritengono che questa presenza tracotante ed immotivata sia normale”, affermano gli attivisti di ‘Mezzocannone occupato’ e ‘Insurgencia’.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Biodiversità: Pievani, Italia Paese più ricco d’Europa
Grande novità è il Centro che sta per sorgere
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
14 maggio 2022
12:21
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La grande novità che ci aspetta nei prossimi mesi perché in Italia nasce questo grande Centro sulla biodiversità, tanto atteso, con i finanziamenti del Pnrr: una grande occasione per fare il punto sull’Italia, il Paese che in Europa ha la più grande biodiversità.
Ci sono 60mila specie animali, 10mila specie diverse di piante vascolari”.
Ne parlerà oggi il filosofo Telmo Pievani, all’incontro (Bio) Diversità con Paolo Giordano e Jonathan Bazzi alla rassegna Scienza e virgola della Sissa. Pievani si domanda “quali sono le ragioni per cui l’Italia è un laboratorio a cielo aperto di diversità?”. “La ragione – dice – è duplice, legata alla irregolarità del nostro territorio, le realtà montuose perpendicolari nel Mediterraneo, una situazione unica, considerando che lo stesso Mediterraneo è un hotspot di biodiversità, associato al fatto che l’Italia è sempre stato un luogo di passaggio di popolazioni biologiche, oltre che umane, da Sud a Nord e da Est a Ovest. Questa è un po’ la ricetta dell’unicità del nostro Paese”. “L’Italia – prosegue – non solo è un laboratorio di diversità biologica ma anche di diversità culturale. Probabilmente, ragioni simili a quelle che hanno prodotto la diversità biologica, possono essere associate all’altissima diversità culturale italiana, che si riscontra nel numero dei dialetti, nelle minoranze linguistiche, tradizioni gastronomiche. Insomma vari modi per misurarle e l’Italia spicca come particolarmente ricca”. Il Centro sulla biodiversità “nascerà a luglio, avrà come centro il Cnr come coordinamento generale, e come sede tipica, come hub, forse Palermo, poi coinvolgerà 23 università, tre centri di ricerca, più altri soggetti privati: è un grosso network che include un po’ tutto il sistema della ricerca italiana”. Si rischia l’ennesimo carrozzone? “Ci sto lavorando volentieri perché ci sono vincoli europei molto stringenti: i fondi vanno spesi entro tre anni e devono comportare impatti concreti, documentati. Rendicontazione ogni quattro mesi, quindi i fondi non possono essere spesi a pioggia o a casaccio”. “Mi occuperò della comunicazione. Il Cnr mi ha chiesto di occuparmi dell’ impatto sulla società di questo centro”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio, l’8 giugno in Italia focus Med sulla sicurezza alimentare
‘Con Fao, per comprendere esigenze e delineare misure’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 maggio 2022
08:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Le gravi ripercussioni della guerra sulla sicurezza alimentare nel Mediterraneo e Africa sono un primo campanello d’allarme che richiede un intervento tempestivo della comunità internazionale”.
Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio al Forum ‘Verso Sud’ annunciando che “nel quadro dell’iniziativa della Presidenza tedesca del G7 sulla crisi alimentare, l’Italia organizza l’ 8 giugno un ‘Dialogo Ministeriale con i Paesi del Mediterraneo’ in collaborazione con la Fao, per comprendere esigenze e delineare misure d’intervento, anche sulla scorta della Dichiarazione di Matera sotto la Presidenza italiana del G20 nel 2021”.
Di Maio ha poi annunciato via Twitter di “avere sentito il Segretario Generale della Nato Jens Stoltenberg in vista della riunione dei ministri degli Esteri Nato di oggi e domani a Berlino”.
Di Maio ha precisato di avere “ribadito il solido legame dell’Italia con i Paesi dell’Alleanza in vista delle nuove sfide”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Incendio Milano: da Boeri e Femia 2 progetti per Torre dei Moro
Eseguiti a titolo gratuito, scelta spetta a inquilini
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
14 maggio 2022
14:10
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Per la rinascita della Torre dei Moro di Milano, andata in fiamme lo scorso 29 agosto, ci sono già due progetti presentati dagli architetti Stefano Boeri e Alfonso Femia.

I due prospetti – eseguiti a titolo gratuito – sono stati presentati durante un evento con gli inquilini della Torre in Regione Lombardia: “Io come altri architetti ho donato un’idea, un progetto per pensare a una nuova vita per la torre di via Antonini”, ha commentato Boeri sottolineando che “qualsiasi cosa gli abitanti di questa torre sfortunata decideranno, per noi sarà un segno di attenzione e disponibilità”.

Ad ogni modo “abbiamo pensato a un edificio verde che dia il segno della rinascita”, immaginando “che le due vele, che poi sono state parte dell’origine dell’incendio, siano invece coperte da alberi e foglie – ha aggiunto Boeri – conservando però quella fisionomia dell’edificio e aumentando la superficie dei balconi”.
Secondo Femia, “la prima cosa che bisogna capire è che qualsiasi progetto sarà un progetto pubblico, che appartiene alla città”. E comunque “mi piacerebbe che questa possa essere un’occasione civile straordinaria”. L’edificio di via Antonini “entra in un contesto di rigenerazione tra i più importanti d’Europa. E quindi è importante che questo edificio – ha rimarcato Femia – assuma anche questo tipo di ruolo”.
Presente al Belvedere di Palazzo Lombardia anche Ivan Scalfarotto, sottosegretario all’Interno, che ha seguito da vicino la vicenda nei mesi: “Abbiamo dato un’ottima prova di coesione tra istituzioni, governo, Prefettura, Comune e Regione – ha commentato – anche con le famiglie dei condomini che sono state sempre presenti ai nostri lavori”. Insomma, “abbiamo cercato di fare in modo che i vari livelli di governo operassero ciascuno con le proprie competenze – ha concluso Scalfarotto – con ordine e dandoci scadenze precise”.
Durante l’evento di oggi, grazie al contributo di Mondadori, Rcs, De Agostini e Scf Società Consortile Fonografici, sono stati consegnati centinaia di libri e cd musicali alle famiglie che vivevano nello stabile. Gli inquilini, inoltre, hanno assistito a un’esibizione delle musiciste dei ‘Pomeriggi Musicali’.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Alpini: sindaco Trieste, ma quale violenze solo apprezzamenti
Dipiazza in tv, “NonUnaDiMeno? Gentaglia”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 maggio 2022
18:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ma stiamo scherzando? Una ha detto: ‘mi hanno detto che ho un bel paio di gambe’ e mi sono sentita violentata’.
Quando vediamo passare una bella ragazza, cosa pensiamo? Siamo maschi.
Ma stiamo scherzando? Se le avessero detto ‘hai un bel c…’, cosa avrebbe fatto allora? Viva gli alpini! Viva gli alpini! Vorrei dire a questa persona: Signora guardi che la violenza è un’altra cosa”. Così il sindaco di Trieste Roberto Dipiazza è intervenuto su TeleQuattro sulla polemica a seguito del raduno degli alpini a Rimini attaccando anche l’associazione NonUnaDiMeno che ha denunciato gli episodi, definendola “gentaglia”.
Alla trasmissione Ring,  Dipiazza ha aggiunto: “Si fanno degli apprezzamenti, è normale. E’ grave se se si dice ‘guarda che bella quella ragazza … guarda che bel paio di … che ha quella ragazza … oppure guarda che bel fondoschiena che ha quella ragazza?”. Ricordando che a Rimini c’erano “500mila alpini”, il sindaco ha concluso: “Fare queste polemiche significa fare male a tutto”.
‘NON UNA DI MENO’, CULTURA SESSISTA E PATRIARCALE
Nessun commento diretto alle parole del sindaco di Trieste,  ma la consapevolezza che “la cultura e la società in cui viviamo sono profondamente sessiste e patriarcali, il machismo si respira in ogni ambito della vita fin dalla nascita, è parte dell’educazione che le persone ricevono in questo Paese”.
A esprimersi in questo modo è la sezione riminese dell’associazione ‘Non Una di Meno’, che sceglie di non replicare esplicitamente al primo cittadino giuliano e affida il suo pensiero, comunque attinente, ad una nota scritta in occasione dell’arresto, nei giorni scorsi, di un cittadino somalo per tentato stupro.
“Il modello di società è organizzato in base a questi dispositivi – viene osservato dall’associazione – Che sia un welfare familistico tutto appoggiato sulla figura femminile, il supporto non pervenuto alle madri, il gender pay gap, la discriminazione di genere nelle assunzioni e potremmo andare avanti all’infinito. È forse per questo – scrive ‘Non Una di Meno’ – che la denuncia dell’innegabile violenza di genere avvenuta durante l’Adunata degli Alpini e sostenuta da tantissime testimonianze, relative anche a precedenti adunate, crea così tanta divisione e viene percepita come una minaccia”. E questo, viene sottolineato ancora, “anche perché non andiamo a cercare un singolo colpevole ma stiamo facendo un discorso sistemico. A questo, infatti, si stanno aggiungendo tantissime altre testimonianze di violenze sessuali che numerose donne in Italia – conclude l’associazione – in contesti di grandi eventi e non solo, stanno subendo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Alpini: sindaco Trieste, ma quale violenza solo apprezzamenti (2)
Dipiazza in tv, ‘viva le penne nere’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
14 maggio 2022
14:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Alla trasmissione Ring dell’emittente televisiva locale TeleQuattro Dipiazza ha aggiunto: “Si fanno degli apprezzamenti, è normale.
E’ grave se se si dice ‘guarda che bella quella ragazza …
guarda che bel paio di … che ha quella ragazza … oppure guarda che bel fondoschiena che ha quella ragazza?”.
Ricordando che a Rimini c’erano “500mila alpini”, il sindaco ha concluso: “Fare queste polemiche significa fare male a tutto”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Calabria 5 vittime e 1.084 casi, positività 17,21%
In calo i ricoveri in area medica, +1 in rianimazione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
14 maggio 2022
15:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono cinque le vittime da Covid registrate in Calabria nelle ultime 24 ore.
Da inizio pandemia sono 2.553 i decessi.
I nuovi casi, nello stesso arco temporale, sono 1.084 (ieri 1.194), con 6.299 tamponi fatti e un tasso di positività del 17,21% contro il 20,09% di ieri. I nuovi guariti sono 2.227, i casi attivi sono 67.703 (-1.148) e gli isolati a domicilio 67.492 (-1.144). Calanto di 5 unità i degenti nei reparti di area medica (200) mentre crescono di 1 quelli in terapia intensiva (11). I dati sono comunicati dai Dipartimenti di Prevenzione delle Asp della Regione Calabria. Ad oggi, il totale dei tamponi eseguiti è di 3.041.152 con 376.925.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Campania; netto calo ricoveri in degenza (-42)
Intensive -1, incidenza stabile intorno al 17%
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
14 maggio 2022
15:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 4.430 i nuovi positivi al Covid in Campania, su 26.082 test esaminati.
Il tasso di incidenza è del 16,98%, sostanzialmente stabile rispetto al 17,27 di ieri.
Due le nuove vittime, di cui una nelle ultime 48 ore e l’altra risalente ai giorni scorsi. Migliora la situazione sul versante ospedaliero: i posti letto occupati in terapia intensiva sono 36 (-1) mentre quelli in degenza registrano un netto calo (-42) e scendono a quota 573.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: contagi e ricoveri di nuovo giù in Sardegna
Altri due decessi, ma aumentano i casi in isolamento domiciliare
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
14 maggio 2022
15:20
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Altri due decessi per Covid in Sardegna dove si registrano 1.134 ulteriori casi confermati di positività (circa 300 in meno rispetto all’ultima rilevazione) di cui 961 diagnosticati da antigenico.
Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 6073 tamponi con un tasso di positività che scende da oltre il 22% al 18,6%.

Tornano a diminuire anche i pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva (-1 su un totale di 10) e quelli in area medica (-15) che ora sono 241.
Crescono invece di 188 sono i casi di isolamento domiciliare ( 24113).
I due morti sono una donna di 94 anni e un uomo di 88, entrambi residenti in provincia di Oristano.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in E-R 3.179 casi, prosegue trend calo dei ricoveri
Altri nove decessi in regione di età tra 71 e 92 anni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
14 maggio 2022
15:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In Emilia-Romagna sono 3.179 i nuovi casi di coronavirus rilevati su oltre 16mila tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore, età media 46 anni.
Continua un trend di calo nei ricoveri di pazienti con Covid-19: nelle terapie intensive ci sono 29 degenti, due in meno da ieri, mentre negli altri reparti ci sono 1.152 persone, 20 in meno.

Calano complessivamente i casi attivi in regione, che scendono sotto quota 40mila (oltre 500 in meno da ieri). Del totale (39.656) il 97% è in isolamento domiciliare. Si registrano ancora decessi, nove persone, di età compresa tra 71 e 92 anni.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Comunali: L’Aquila; 4 candidati sindaco e 16 liste in campo
Sfida tra uscente Biondi,Pezzopane,Di Benedetto e Valle
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’AQUILA
14 maggio 2022
15:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Saranno quattro i candidati sindaci e 16 le liste per circa 500 candidati che concorreranno alle elezioni amministrative del prossimo 12 giugno, all’Aquila, la città più grande tra i 48 comuni al voto in questa tornata elettorale in Abruzzo: il sindaco uscente e ricandidato della coalizione di centrodestra, Pierluigi Biondi, 47 anni, il candidato del centrosinistra, Stefania Pezzopane, 62enne deputato del Pd, e il candidato civico dell’area di centrosinistra, Americo Di Benedetto, 54enne consigliere regionale abruzzese della civica Legnini Presidente, e Simona Valle, candidatura uscita all’ultimo momento.

Il dato emerge dalle comunicazioni degli Uffici comunali del capoluogo abruzzese alla scadenza del termine fissato per le ore 12 di oggi.
Ora la commissione elettorale presso la Corte di Appello dell’Aquila entro le 48 ore comunicherà la ammissione definitiva.
Nel capoluogo regionale il centrodestra corre unito, mentre si spacca il centrosinistra. Il sindaco ricandidato Biondi è appoggiato da Fdi, Lega, Fi, L’Aquila Futura, Civici Indipendenti per Biondi e L’Aquila al Centro. Il deputato del Pd Pezzopane è sostenuta da Pd, L’Aquila Coraggiosa, L’Aquila Nuova, 99 L’Aquila, Demons e Movimento cinque stelle. Il consigliere regionale di centrosinistra Di Benedetto è appoggiato da “Il Passo Possibile”, L’Aquila Viva, formazione di riferimento ad Azione, e L’Aquila e Frazioni. Simona Valle ha dalla sua la lista civica “LIber L’Aquila”.
Nella consultazione del 2022 il numero di candidati sindaci e delle liste è sceso rispetto al 2017, nonostante il fatto che per via della normativa Covid per presentare una lista siano necessarie 67 sottoscrizioni e non più 200. Nel 2017 erano stati sette i candidati sindaci, 23 le liste e circa 700 i candidati a partecipare alle amministrative. Al primo turno aveva prevalso Di Benedetto, candidato sindaco del centrosinistra unito, con il 47,07% su Biondi, a capo di un centrodestra unito, che era andato al ballottaggio con il 35,84% per poi vincere, clamorosamente, sul rivale e diventare a sorpresa sindaco dell’Aquila.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Effetto Eurovision, tutto esaurito a Torino
Imprese soddisfatte, +30% presenze rispetto Pasqua
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
14 maggio 2022
15:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le imprese promuovono l’Eurovision.
In attesa della finale di questa sera, e del bilancio conclusivo della manifestazione, oltre l’80% delle imprese intervistate in un sondaggio di Ascom Confcommercio Torino è soddisfatto della riuscita e dell’organizzazione dell’evento.
Il turismo registra il tutto esaurito, con il 30% in più di presenze rispetto al weekend di Pasqua.
Buoni affari per l’enogastronomia, con un vero e proprio exploit delle gelaterie (+22%) soprattutto dove si vende il gusto Euroskin. Anche il comparto del no food registra un aumento del 10%. Permane fra gli imprenditori l’incertezza circa la conoscenza degli eventi futuri: il 60% chiede maggiore pubblicizzazione degli eventi a livello cittadino e nazionale e la necessità di una seria programmazione; il 40% ricorda fra gli eventi futuri il Salone del Libro, ormai imminente, e le Atp Finals di novembre.
“La riuscita di Eurovision fa da apripista a una primavera che confermerà l’atmosfera positiva che si respira in questi giorni a Torino – commenta la presidente Ascom Confcommercio Torino e provincia, Maria Luisa Coppa -. Chiediamo alla città uno sforzo in più per pubblicizzare i grandi eventi che seguiranno: serve coinvolgimento a tutti i livelli, Istituzioni Associazioni per un lavoro congiunto, affinché siano sempre più numerose le ricadute positive sulle imprese e sull’economia della Città”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

COVID: 36.042 POSITIVI, 91 LE VITTIME
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 maggio 2022
16:29
Sono 36.042 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute.
Ieri erano stati 38.507.
Le vittime sono invece 91, con un calo di 24 rispetto a ieri.
I tamponi effettuati sono stati 263.747 ed il tasso di positività è al 13,7%, in calo rispetto al 14,5% di ieri. Sono 340 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, uno in meno rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 40. I ricoverati nei reparti ordinari sono 7.650, ovvero 257 in meno rispetto a ieri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ue verso taglio stime crescita, Italia perde circa 1,5% Pil
Lunedì le nuove previsioni, su Eurozona pesa impatto guerra
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
14 maggio 2022
16:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Commissione europea si appresta a rivedere le stime di crescita dell’Eurozona per il 2022, con un drastico taglio generalizzato rispetto alla sua ultima previsione sul Pil di febbraio, che si attestava al 4%.
A quanto si apprende, nelle nuove previsioni economiche di primavera che Bruxelles presenterà lunedì l’Italia dovrebbe perdere circa un punto e mezzo di Pil rispetto al 4,1% prospettato a febbraio.

A pesare sulla crescita dell’intera zona euro è principalmente l’impatto economico della guerra in Ucraina.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Inaugurato il ponte sospeso più lungo al mondo nel Bergamasco
Apertura nelle prossime settimane
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BERGAMO
14 maggio 2022
16:45
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il ponte tibetano più lungo al mondo è stato inaugurato oggi a Dossena, nel Bergamasco: con i suoi 505 metri e con un’altezza massima di 120 metri è la struttura esistente del genere più lunga a pedata discontinua, dunque con passaggi intervallati dal vuoto, e senza tiranti laterali quindi a campata unica.
Si chiama ‘Ponte del sole’.

Inaugurato anche il un percorso ad anello di un chilometro con cento metri sotto terra per un momento ludico e culturale.
Le due attività cosi come le visite guidate alle miniere di Dossena verranno aperte al pubblico nelle prossime settimane. Il ponte collega il centro di Dossena con il roccolo della Corna Bianca, sorvolando la cava di gesso e garantendo una vista mozzafiato. La struttura è stata ideata dall’ingegner Francesco Belmondo, della Bbe, che ne ha seguito i lavori di progettazione, ed è stata realizzata con sette funi d’acciaio.
Presenti all’inaugurazione il sindaco di Dossena Fabio Bonzi, l’assessore regionale al Turismo Lara Magoni, il presidente della Provincia di Bergamo Pasquale Gandolfi, quelli della Comunità montana Valle Brembana Johnatan Lobati e del Consorzio Bim Carlo Personeni, la deputata Graziella Leyla Ciagà, il senatore Antonio Misani, i consiglieri regionali Roberto Anelli, Paolo Franco e Dario Violi, oltre al presidente della Comunità montana Valle Seriana Gianpiero Calegari.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Lombardia 4.982 nuovi casi e 21 decessi
Tasso di positività al 12,7%, ricoveri in calo nei reparti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
14 maggio 2022
16:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con 39.106 tamponi effettuati è di 4.982 il numero di nuovi positivi al Covid registrati in Lombardia, con un tasso di positività in discesa al 12,7% (ieri era al 14%).
Il numero dei ricoverati aumenta nelle terapie intensive (+3, 39) e cala nei reparti (-23, 930).
Sono 21 i decessi che portano il totale da inizio pandemia a 40.263.
Per quanto riguarda le province, a Milano sono stati segnalati 1.559 casi, a Bergamo 483, a Brescia 631, a Como 305, a Cremona 136, a Lecco 173, a Lodi 90, a Mantova 197, a Monza e Brianza 472, a Pavia 294, a Sondrio 101 e a Varese 413.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Comunali: Catanzaro, in corsa 6 candidati e 23 liste
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
14 maggio 2022
17:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sei candidati a sindaco e 23 liste in corsa, per un totale di oltre 700 aspiranti consiglieri.
Hanno preso forma, alla scadenza del termine per la presentazione delle compagini, all’interno di Palazzo de Nobili, sede del Municipio, i contorni del confronto elettorale in programma il 12 giugno a Catanzaro dove quasi 74 mila elettori torneranno alle urne per eleggere il nuovo sindaco e rinnovare l’assemblea civica del capoluogo calabrese.

La coalizione di centrodestra si presenta divisa malgrado estenuanti settimane di tavoli e vertici. Da una parte infatti ci sono Fi e Lega (presente con due liste che fanno riferimento al presidente del Consiglio regionale Filippo Mancuso), che si ritrovano – senza nome e simbolo – sulle posizioni di un candidato civico ex Pd, Valerio Donato, sostenuto anche da esponenti del centrosinistra e da Italia Viva, e dall’altra Fratelli d’Italia che si muoverà in solitaria schierando la vicecapogruppo alla Camera, Wanda Ferro con l’endorsement del sindaco uscente Sergio Abramo in carica per 20 degli ultimi 25 anni.
A contendersi la carica di primo cittadino ci saranno Nino Campo, imprenditore, sostenuto da Catanzaro Oltre; Francesco Di Lieto, avvocato e vicepresidente nazionale del Codacons, espressione della sinistra antagonista, sostenuto dalla lista “Osiamo Insieme”; Donato, docente dell’Università Magna Graecia, ex Pd, che potrà contare sul sostegno di dieci liste: Alleanza per Catanzaro e Prima L’Italia (RPT Prima l’Italia) (di ispirazione della Lega), Riformisti Avanti, Catanzaro Azzurra (di ispirazione Fi), Italia al centro, Fare per Catanzaro, Catanzaro prima di tutto (RPT Catanzaro Prima di tutto), Progetto Catanzaro, Rinascita, Volare Alto. E ancora: Nicola Fiorita, docente all’Università della Calabria, candidato sindaco di centrosinistra, con cinque liste: Pd, M5s, Cambiavento, Mò – Fiorita Sindaco, Catanzaro Fiorita; Wanda Ferro, deputata e coordinatrice regionale di FdI, sostenuta da un’unica Lista “Giorgia Meloni- FdI, e Antonello Talerico, avvocato e presidente del Consiglio provinciale dell’ordine sostenuto da cinque liste: Io scelgo Catanzaro, Catanzaro al Centro, Noi con l’Italia, Officine del Sud, Azione popolare.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Comunali: in Sicilia termine presentazione liste scade dopo
Entro il 18 maggio liste e candidati, nell’isola norme diverse
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
14 maggio 2022
17:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A differenza delle altre regioni italiane, dove il termine è scaduto oggi, in Sicilia si è aperta ieri, venerdì 13 maggio, la finestra per la presentazione delle liste con i candidati alla carica di sindaco ed alla carica di consigliere comunale nei comuni chiamati al voto in occasione delle prossime amministrative che nell’isola, come nel resto d’Italia, si terranno domenica 12 giugno.
L’ultimo giorno utile per la presentazione delle liste nei comuni siciliani è il 18 maggio.

In Sicilia i comuni chiamati al voto per eleggere il sindaco ed i componenti del consiglio comunale sono 120, Palermo e Messina, gli unici due capoluoghi di questa tornata. L’eventuale ballottaggio, che interessa solo i comuni superiori a 15 mila abitanti nei quali è previsto il doppio turno (se nessuno dei candidati alla carica di sindaco dovesse raggiungere il 40%) si terrà il 26 giugno.
In Sicilia ogni elettore potrà dare fino a due preferenze per i candidati al consiglio comunale, purché si rispetti la “preferenza di genere”: in pratica se si vogliono votare due consiglieri dovranno essere un uomo ed una donna. È prevista la possibilità del “voto disgiunto”: si potrà votare il candidato o i candidati al consiglio comunale di una lista, ed il candidato sindaco di un’altra lista. Se non si esprime alcuna preferenza per il candidato sindaco, il voto andrà automaticamente anche al candidato sindaco della lista nella quale si vota il candidato o i candidati al consiglio comunale. Le urne saranno aperte nella sola giornata di domenica 12 giugno dalle ore 7 alle ore 23, nell’isola come nel resto d’Italia si voterà anche per i cinque referendum abrogativi in materia di giustizia.
Nei giorni scorsi l’assessorato regionale alle Autonomie locali ha reso noto che le operazioni di scrutinio si svolgeranno in due fasi: domenica sera dopo la chiusura delle urne, alle ore 23, si procederà con lo spoglio delle schede sui referendum mentre lo spoglio per le amministrative inizierà il giorno dopo, lunedì 13 giugno, a partire dalle ore 14.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: oltre 250 arrivati nelle ultime ore a Lampedusa
Diverse imbarcazioni soccorse ma c’è anche chi approda in porto
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
LAMPEDUSA
14 maggio 2022
17:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Proseguono gli sbarchi a Lampedusa, dove si sono registrati diversi approdi, con l’arrivo di circa 250 migranti solo nelle ultime ore.
Diverse le carrette del mare intercettate o soccorse dalle motovedette della Guardia di finanza e della Capitaneria di Porto.
Qualche imbarcazione è riuscita ad attraccare direttamente nel porto sull’isola. Le condizioni del mare sono buone e questo ha portato ad un aumento degli sbarchi. Tutti i migranti arrivati dopo i primi controlli sanitari al molo Favaloro, sono stati trasferiti nell’hotspot di contrada Imbriacola.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mafia: Miceli, chi minimizza questione ha dei motivi
Candidato sindaco, rifiutare sostegno di chi è stato condannato
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
14 maggio 2022
17:46
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La mafia ha cambiato forma per sopravvivere, si è così adattata alle richieste della società oggi consapevole e pronta a combatterla, a denunciarne la presenza, a schierarsi.
La mafia non è stata abbattuta, né dimenticata.
La mafia si è solo inabissata per muoversi su livelli forse meno espliciti ma pur sempre condizionanti.
Rappresenta ancora una minaccia per la vita di tutte e tutti, per la crescita economica, sociale e culturale dei territori”.
Lo afferma Franco Miceli, candidato sindaco di Palermo del fronte progressista, in una nota di risposta all’appello lanciato da Maria Falcone e alla lettera aperta che il Centro Pio La Torre ha inviato a tutti i candidati a sindaco di Palermo.
“L’appuntamento elettorale del 12 giugno – ricorda Miceli – coincide con l’arrivo di enormi risorse finanziarie dall’Europa.
E sappiamo anche che Cosa nostra vede tali risorse come una preziosa occasione di rilancio per le sue attività criminali e per incrementare il suo potere e che cerca per questo di rientrare in gioco, di riallacciare quelle alleanze politiche e di interessi che sono sempre state alla base dell’incidenza mafiosa sulla cosa pubblica e sul quotidiano di ciascuno. Anche per questo motivo, da subito, ho posto l’accento su un diverso modo di governare la città puntando sul decentramento e sulla partecipazione, che significano anche controllo sociale. Due strumenti che metterò a garanzia di trasparenza nelle decisioni amministrative, due antidoti fondamentali alla formazione di gruppi di potere che facilmente diventano brodo di coltura degli interessi mafiosi”.
“Io rifiuto il voto e gli appoggi di chi ha o ha avuto a che fare con la mafia – sottolinea Miceli -. Su questo non possono esserci zone grigie o si è contro o si è complici. Chi sottovaluta o minimizza insofferente questa questione lo fa o perché impreparato o perché non vuole rinunciare a qualche manciata di voti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
‘Sud polo innovazione’. Carfagna, sfida passa per il Pnrr
Franco, divario con Nord enorme. Investire in formazione .
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
SORRENTO
14 maggio 2022
17:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“I leader politici che si confrontano direttamente sul Sud sono il segnale di un cambio di passo importante.” Il ministro per la Coesione Territoriale Mara Carfagna sottolinea questo dato a conclusione del Forum “Verso il Sud” organizzato a Sorrento.
L’appuntamento – che dovrebbe diventare “un luogo di confronto annuale tra imprese e business community” – ha visto gli interventi di 10 ministri oltre a politici ed economisti dell’ area del Mediterraneo.
“Ne è emerso – ha aggiunto Carfagna – un Sud non più come Cenerentola d’Italia da aiutare con sussidi e bonus, ma come area che può crescere di più, con le proprie gambe, per competere con il resto d’ Europa e con il mondo”. Un Sud hub tecnologico, polo dell’innovazione: obiettivi che però, avverte Carfagna, passano anzitutto “per la piena attuazione del Pnrr” La fotografia di quanta strada resta da fare è nei numeri del ministro per l’ Economia Daniele Franco che ha definito “enorme” il divario tra il Pil del Mezzogiorno e quello del Nord del Paese: “Dopo una fase di grande recupero nel dopoguerra, dagli anni ’80 non sono stati fatti sostanziali progressi. Il Pil pro capite è al Sud il 55% di quello del Nord. Se si vogliono ottenere tassi di crescita più robusti – ha avvertito Franco – è cruciale riavviare la convergenza tra le due aree del Paese”. Certo, c’ è Il Pnrr, “un’ opportunità nuova,” che “da solo, però, non basta”- avverte il ministro dell’ Economia – .”bisogna utilizzare tutti i fondi a disposizione e saper spendere le risorse”.
Il ministro per gli Affari regionali Maria Stella Gelmini prepara una legge quadro sulle autonomie destinata a “sfatare il luogo comune di un Nord contrapposto al Sud”. La prospettiva del Mezzogiorno – per Gelmini – è quella di diventare “un hub tecnologico proiettato verso Africa e Medioriente”. Sfida per la quale – sottolinea il ministro della PA Renato Brunetta – “la formazione è” cruciale”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Marche, +1.009 casi, prosegue calo incidenza, 4 decessi
+4 ricoveri. Occupazione intensive 1,7%, area medica a 12%
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
14 maggio 2022
18:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Contagi covid e incidenza in calo nelle Marche dove sono stati rilevati nell’ultima giornata 1.009 nuovi casi, il tasso di incidenza cumulativo prosegue la sua discesa e arriva a scende a 551,46 su 100mila abitanti (ieri 573,90).
In aumento i ricoveri, che sono 124 (+4), quattro i decessi, secondo l’aggiornamento della Regione.
I positivi sono il 33,8% dei 2.981 test diagnostici (su 3.470 tamponi totali).
Sono 326 i casi registratati ad Ancona e provincia, seguita da Pesaro Urbino con 194, Macerata con 193, Ascoli Piceno con 139, Fermo con 115, oltre a 42 casi di fuori regione. Le fasce di età dove il virus circola maggiormente sono 45-59 anni con 243 casi e 25-44 con 233, seguite da 60-69 anni con 148 casi. Dei 124 ricoveri ospedalieri legati al covid, 4 sono in terapia intensiva (+1), 25 in semi intensiva (+3), mentre nei reparti intensivi restano invariati a 95. Con 14 dimessi, secondo i dati della Regione, l’occupazione dei posti letto delle intensive da parte di malati covid aumenta a 1,7%, e quella per l’area medica a 12%. I quattro decessi delle ultime 24 ore fanno salire il totale a 3.883: sono morti 2 uomini e 2 donne, di età compresa tra 81 e 97 anni. Ci sono 8 persone in osservazione nei pronto soccorso, 69 ospiti di strutture territoriali. I positivi alla data di oggi, tra ricoverati e isolamenti, sono 5.587, le persone in quarantena o in isolamento domiciliare sono 14.208, di cui 253 con sintomi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mafia: Lagalla, lotta a cosa nostra impegno ineludibile
Candidato sindaco centrodestra, apprezzo appello Maria Falcone
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
14 maggio 2022
18:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Comprendo e apprezzo lo spirito che anima la dichiarazione della professoressa Maria Falcone.

Con me i mafiosi e i loro complici rimarranno fuori dal governo della città.
Difenderò sempre il percorso etico e morale di redenzione e riscatto che la nostra città ha attraversato negli ultimi trent’anni. Ma più che le parole e le abiure, vale la mia storia personale e il progetto per il futuro di Palermo.
L’impegno antimafia è un presupposto ineludibile non un quid pluris, da dover rivendicare, sfoggiandolo alla bisogna o a richiesta. Lo onorerò con i comportamenti e le idee. In memoria dei nostri martiri, ma ancor prima per il futuro dei nostri figli”. Lo dichiara in una nota Roberto Lagalla, candidato Sindaco del centro destra al Comune di Palermo sottolineando di essere “immune da qualsivoglia ingerenza o influenza estranea alla legalità”.
“La lotta alla mafia – aggiunge – ha bisogno di un salto di qualità. Grazie alle intuizioni del giudice Giovanni Falcone, magistratura e forze di polizia hanno sviluppato un’attività repressiva intensa e stabile che ha decimato l’ala militare di Cosa nostra. Ma se la mafia non spara, non significa che è sconfitta. Anzi, dobbiamo evitare il rischio che ritorni alla sua tradizione secolare. La mafia si combatte e sconfigge soprattutto con i fatti e non con strampalate teorie complottiste”. Lagalla ricorda poi che “il sistema politico prodotto dal professionismo dell’antimafia, come quello del governo Crocetta, è attualmente alla sbarra. Ci ispiriamo alle parole pronunciate da Fiammetta Borsellino, quando ha avuto modo di affermare che “l’antimafia non può non essere disinteressata, non può mirare al potere e non può diventare essa stessa potere.
Quando l’antimafia diventa potere il suo campo di azione viene fortemente vincolato e circoscritto e questo non deve assolutamente accadere”.
“Sfidiamoci su questi contenuti, allora, – conclude Lagalla .
per spiegare ai cittadini chi tra noi candidati ha la ricetta migliore. Io sono pronto”,
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
#AccadeOggi
I principali avvenimenti previsti per la giornata
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
04 giugno 2022
18:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO – Giardini della Guastalla ore 11.00 “Agire per il clima” intervista al ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani, e conversazione con assessore milanese Elena Grandi
TRENTO – Dipartimento di sociologia, aula Kessler via Giuseppe Verdi 26  ore 9.30 XVII Edizione Festival dell’Economia Trento 2022 – L’economia digitale e le conseguenze sul mercato del
lavoro, organizzato da, Trentino e Gruppo 24 Ore, con  Poloni, presidente Casl Abi

MILANO – Anteo Palazzo del Cinema ore 17.00 “La Milanesiana” diretta da Elisabetta Sgarbi, la “Maratona Truffaut’ serata dedicata al regista francese Truffaut

BARCELLONA – Circuito di Catalogna dalle ore 14.00 Motomondiale, G.P.
di Catalogna, gara
PARIGI – Roland Garros ore 15.00 Finale del singolo maschile e finale doppio femminile
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Salvini, oggi chi divide fa male al Paese
“Io voglio unire”, afferma il leader della Lega nel suo intervento conclusivo della conferenza programmatica “E’ l’Italia che vogliamo”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 maggio 2022
13:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Io voglio unire.
Oggi non ci si divide, chi divide fa il male del Paese, lo dico ai politici e ai giornalisti”.
Lo afferma il leader della Lega, Matteo Salvini, nel suo intervento conclusivo della conferenza programmatica “E’ L”Italia che vogliamo”.
“Il centrodestra vince se unito: le divisioni aiutano il campo avverso. E’ vero ovunque. Penso che la Lega ha l’onore e l’onere di offrire questo percorso a tutti gli alleati”, afferma il leader leghista.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Governo: Letta e Conte blindano Draghi ma l’Ucraina divide la maggioranza
Depositate le liste: il 12 giugno 978 Comuni italiani, fra i quali quattro capoluoghi di regione e 22 di province andranno al voto
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 maggio 2022
19:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Malgrado l’appello all’unità del leader del Pd, che si sente sicuro che la maggioranza arriverà alla fine della legislatura, nella compagine di governo persistono i disaccordi sulle armi all’Ucraina.
“”Non ho nessun dubbio, il Governo arriverà a fine legislatura”, ha detto il segretario del Pd Enrico Letta, parlando con i giornalisti al Forum “Verso Sud” a Sorrento.
“Aggiungo che questo è l’ ultimo Governo della legislatura, dovesse cadere, si andrebbe al voto.
Quindi, crisi di Governo ed elezioni non sono nei radar. Sono straconvinto che andremo alla fine della legislatura. Abbiamo “mesi davanti nei quali c’è bisogno di fare tanto”.
Il governo deve durare fino a fine legislatura come dice Enrico Letta? “Sottoscrivo e prendo atto che sulle questioni concrete, Enrico Letta è stato chiaro: sì alla fiscalità di vantaggio” per il sud. Lo ha detto il presidente del M5s, Giuseppe Conte, intervenendo al Forum “Verso Sud”, in corso a Sorrento.
Letta e Conte – dunque – assicurano l’appoggio a Draghi, che giovedì presenterà la sua informativa. Incognita ancora sulla mozione dei M5s.
Alla prima occasione possibile nel calendario parlamentare, il M5s chiederà un voto che possa definire una chiara strategia dell’Italia non solo per quel che riguarda l’invio delle armi all’Ucraina ma anche per quel che riguarda la posizione da portare nei consessi internazionali, sulla guerra e sugli sforzi diplomatici per arrivare a un negoziato. È quanto spiegano fonti del Movimento, chiarendo che si sta ancora vagliando quale strumento dovrà essere utilizzato.
Il regolamento parlamentare non prevede votazioni in occasione dell’informativa del premier Mario Draghi, giovedì alla Camera e al Senato. Il Movimento, che il 3 maggio aveva chiesto lo svolgimento “con urgenza” di comunicazioni del presidente del Consiglio, ha comunque accolto con favore la trasformazione del “premier-time” di giovedì in informativa sugli ulteriori sviluppi del conflitto tra Russia e Ucraina, procedura che quantomeno consente un dibattito in Aula e la possibilità di comprendere i vari posizionamenti delle forze politiche.
Depositate le liste: il 12 giugno 978 Comuni italiani, fra i quali quattro capoluoghi di regione e 22 di province andranno al voto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: in arrivo a Pozzallo nave Sea Eye con 58 profughi
Sindaco Ammatuna, salvare vite umane è un dovere di tutti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
14 maggio 2022
22:49
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ previsto per domattina alle 8,30 l’arrivo nel porto di Pozzallo e lo sbarco di 58 migranti soccorsi nei giorni scorsi nel Mediterraneo dalla nave Sea Eye 4.
Lo rende noto il sindaco di Pozzallo Roberto Ammatun aggiungendo che la situazione sanitaria a bordo della nave della ong “è tranquilla” e che la macchina dell’accoglienza “è pronta”.

“Salvare vite umane – sottolionea Ammatuna – è un dovere di tutti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le sanzioni mettono a nudo la vita privata di Putin
‘Amanti, conti e segreti’, la radiografia del Nyt sullo zar
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
15 maggio 2022
09:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il riservatissimo Vladimir Putin a nudo di fronte al mondo intero.
Dopo aver nascosto gelosamente per anni la sua vita privata, il presidente russo si trova a fare i conti con i suoi segreti almeno in parte svelati: le sanzioni dell’occidente per la guerra in Ucraina hanno infatti portato alla ribalta la famiglia dello ‘zar’, quella ufficiale e quelle ufficiose.

Fra lussuose ville in Europa, matrimoni sfarzosi e vite segrete lontano dai riflettori, l’entourage più stretto di Putin, quello che il presidente russo ritiene di dover proteggere per motivi di sicurezza nazionale, emerge dal velo di segretezza che lo circonda da anni. Si va dalle due figlie riconosciute – Maria e Katya avute dall’ex moglie Lyumila Ocheretnaya -, ai presunti quattro figli illegittimi e alle amanti, inclusa la ginnasta Alina Kabaeva con la quale il rapporto continuerebbe anche ora. Anche se restano ombre sulle figure e sull’ampiezza della famiglia dello zar quello che è certo è che i “membri sono beneficiari di un sistema cleptocratico in cui Putin comanda come un padrino mafioso, con gli oligarchi luogotenenti che pagano tributo sotto forma di ricchezza e ville a tutti coloro nella sfera affettiva di Putin”, commenta il New York Times in una radiografia della famiglia di Putin che parte dalla visita nel 2008 a Villa Certosa di Maria a Katya. Ospiti di Silvio Berlusconi in Sardegna le due si sono lanciate in shopping lussuoso ed escursioni in barca a patto di mantenere l’anonimato.

Katya, ora ultraquarantenne, è la figlia ‘più disciplinata’ di Putin. E’ sposata con Kirill Shamalov, il figlio di Nikolai Shamalov, stretto alleato del presidente russo e maggiore azionista di Bank Rossiya, la banca dello zar. I due sono convolati a nozze in uno dei resort sciistici preferiti da Putin, Igora, in una cerimonia fastosa fra piste di pattinaggio e giochi di luce. Al matrimonio ha partecipato anche la sorella Maria, arrivata dall’Olanda con il marito Jorrit Faassen. Per decenni Maria ha vissuto in Olanda ma dal 2014, quando i separatisti russi hanno abbattuto un aereo della Malaysia Airlines partito da Amsterdam, è divenuta oggetto di molte critiche fra i vicini e non solo. Di recente su un lotto di terra vicino Amsterdam, acquistato in passato da Faasen, è stata piantata una bandiera ucraina con la scritta ‘Ave Maria Putin’.

Ma l’entourage affettivo del presidente russo include diverse altre donne non ufficiali. C’è Svetlana Krivonogikh, ex donna delle pulizie di San Pietroburgo che avrebbe avuto una relazione con Putin. La donna è ora una regina del real estate, un membro del consiglio di amministrazione di Bank Rossiya e una azionista del resort sciistico Igora dove Kathya si è spostata.

Dalla relazione con Putin è nata Elizaveta Vladimirovna Krivonogikh. Le due hanno vissuto in una lussuosa proprietà a Montecarlo.
La donna del momento è però Kabaeva, l’ex campionessa di ginnastica russa che, secondo alcune indiscrezioni, è moglie di Putin. Alina Kabaeva abita in Svizzera con i suoi figli avuti dalla zar in una prestigiosa clinica di Lugano. E’ lei che è finita nel mirino delle sanzioni britanniche e contro la quale è stata avviata in Svizzera una petizione per cacciarla. Kabaeva sarebbe stata vista di recente a Mosca ma, come per tutti i membri della famiglia di Putin, si è trattato di un’apparizione di secondi. Poi su di lei, come su tutto il resto della famiglia, è sceso di nuovo un velo, anche se questa volta – grazie alle sanzioni – ben più leggero e trasparente.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il generale che porta in Ucraina gli orrori di Aleppo
Zhuravlyov, stratega delle bombe a grappolo sui civili
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 maggio 2022
09:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’Ucraina come la Siria, Kharkiv come Aleppo.
Con gli ordigni impazziti delle bombe a grappolo che uccidono, mutilano, distruggono a caso senza distinguere civili da militari, bambini da adulti, case da caserme e impongono, infine, la resa.
Un orrore comune, una regia unica. Quella del generale Alexander Zhuravlyov, a capo delle truppe russe nella Siria di Bashar al Assad e poi figura di riferimento della 79a brigata di artiglieria missilistica russa con sede a Belgorod che solo tra il 27 e 28 febbraio ha martellato la seconda città dell’Ucraina con 11 attacchi missilistici Smerch da 300 mm, ognuno dei quali in grado di spargere 72 ordigni esplosivi su un’area delle dimensioni di un campo da calcio.
Aleppo est, distrutta, cadde sotto i suoi colpi. E per questo Zhuravlyov, 57 anni, è stato insignito del titolo di ‘Eroe della Federazione russa”, la più alta onorificenza del Paese. Promosso ripetutamente, è diventato nel 2022 comandante del distretto militare occidentale, divisione incaricata, tra l’altro, di “ripulire” Kharkiv.

Con una inchiesta sul campo puntuale e accurata, la Cnn ha ricostruito gli attacchi di quegli ultimi giorni di febbraio, quando all’improvviso la città fu investita da una pioggia di quelle bombe vietate dalla Convenzione sulle munizioni a grappolo del 2010. Grazie alle immagini dal satellite è stata ricostruita la traiettoria degli Smerch partiti dalla linea di confine su cui si trova Belgorod. Armi per l’uso delle quali è necessaria un’autorizzazione molto in alto. Quella di Zhuravlyov, appunto. “E sulla base dello standard di responsabilità del comando della Convenzione di Ginevra, il generale (Zhuravlyov) è colpevole così come chiunque altro nella sua catena di comando” di crimini di guerra, ha valutato Philip Wasielewski, del Foreign Policy Research Institute.

Funzionari ucraini hanno raccolto grandi quantità di ordigni esplosi e inesplosi in un sito visitato dalla Cnn. “Ci sono molte munizioni a grappolo usate in una scala probabilmente superiore a quella che abbiamo visto nel Libano meridionale nel 2006”, ha commentato Mark Hiznay, direttore associato del settore armi per Human Rights Watch, riferendosi alla guerra del 2006 tra Libano e Israele, durante la quale l’esercito israeliano ha lanciato circa 4 milioni di munizioni di questo tipo. Per il suo ruolo in Siria e per i metodi con i quali ha operato Zhuravlyov è stato premiato da Vladimir Putin e ha incassato il silenzio indifferente della comunità internazionale. Aleppo cadde. Ma a Kharkiv, conquistata dai russi e ripresa dagli ucraini, il generale non ha ottenuto lo stesso successo. Putin non gli darà un’altra onorificenza.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Papa proclama 10 nuovi santi: “Ispirino nei politici soluzioni di pace”. Mattarella alla messa
I nuovi canonizzati, sei uomini e quattro donne, sono cinque italiani, tre francesi, un indiano e un olandese
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CITTÀ DEL VATICANO
15 maggio 2022
12:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un grande applauso, una vera e propria ovazione si è levata dalle decine di migliaia di fedeli presenti in Piazza San Pietro dopo che papa Francesco ha pronunciato la formula di canonizzazione dei dieci nuovi santi.
I nuovi canonizzati, sei uomini e quattro donne, sono cinque italiani, tre francesi, un indiano e un olandese.
Ecco chi sono i cinque italiani: sono tutti religiosi fondatori di ordini ecclesiastici, il bergamasco Luigi Maria Palazzolo, il napoletano Giustino Maria Russolillo (1891-1955), la piemontese Maria Francesca di Gesù Rubatto (1844-1904), la palermitana Maria di Gesù Santocanale (1852-1923) e la veneta Maria Domenica Mantovani (1862-1934).
Gli altri sono tre francesi, un olandese e un indiano.
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in Piazza San Pietro guida la delegazione ufficiale italiana per la canonizzazione di dieci nuovi santi. Sono 45 mila i fedeli presenti, riferisce la Sala stampa vaticana.
“Mentre tristemente nel mondo crescono le distanze e aumentano le tensioni e le guerre, i nuovi santi ispirino soluzioni di dialogo specialmente nel cuore e nella mente di quanti ricoprono incarichi di grande responsabilità e sono chiamati ad essere protagonisti di pace e non di guerra”, ha detto papa Francesco alla recita del Regina Caeli, al termine della messa in Piazza San Pietro con la canonizzazione di dieci nuovi santi.
“A me piace domandare alle persone che mi chiedono consiglio: ‘dimmi, tu dai l’elemosina?’ ‘Sì padre, io do l’elemosina ai poveri’. ‘E quando tu dai l’elemosina, tu tocchi la mano della persona o butti l’elemosina e fai così per pulirti?’. E diventano rossi: ‘no, io non tocco’. ‘Quando tu dai l’elemosina, tu guardi negli occhi della persona che tu aiuti o guardi da un’altra parte?’ ‘No, io non guardo’. Toccare e guardare, toccare e guardare la carne di Cristo che soffre nei nostri fratelli e nelle nostre sorelle. E’ molto importante questo”, ha detto papa Francesco in un passo ‘a braccio’ della sua omelia.
Mentre il presidente Mattarella guida la delegazione ufficiale italiana, quella dalla Francia è guidata ministro dell’Interno Gerald Darmanin, accompagnato dalla consorte, quella dai Paesi Bassi dal ministro degli Esteri Wopke Hoekstra, quella dall’India dal ministro delle Minoranze Gingee K. S. Mathan, quella dall’Algeria – Paese dov’è vissuto a lungo e morto il francese Charles de Foucauld – da Bouabdellah Ghoulamallah, presidente dell’Alto Consiglio Islamico.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Montecitorio a porte aperte di notte, fra arte e musica
Ieri visite alla Camera, con l’esibizione di un pianista biologo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 maggio 2022
13:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Una visita in notturna alla Camera dei Deputati.
Se la sono goduta circa trecento persone aderendo all’iniziativa Montecitorio a porte aperte, che ieri si è svolta nell’ambito della Notte dei musei a Roma.

Le prenotazioni, gratuite, lunedì scorso sono andate esaurite rapidamente. E ieri dalle 20 alle 2 di notte, divisi in gruppi e guidati dai commessi parlamentari, i circa 420 visitatori, fra cui non pochi turisti e famiglie con bambini, hanno seguito un itinerario storico-artistico, attraverso le sale più prestigiose del palazzo, come la Sala della Lupa, quella della Regina, quella del Cavaliere e quella dedicata ad Aldo Moro, con il nuovo allestimento dopo il restauro delle Nozze di Cana, fino all’ingresso in Aula.
A fine visita, epilogo musicale in Transatlantico, con una esibizione del pianista Emiliano Toso, biologo cellulare e musicista.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: contagi dimezzati in Sardegna ma mille test in meno
Un solo decesso e numero ricoverati pressoché stabile
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
15 maggio 2022
15:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un solo decesso, un uomo di 89 anni del Sud Sardegna, nelle ultime 24 ore in Sardegna dove si registrano altri 601 casi confermati di positività al Covid (di cui 518 diagnosticati da antigenico), quasi la metà in meno rispetto all’ultima rilevazione.
Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 5163 tamponi (circa mille in meno) con un tasso di positività che cala dal 18,6% all’11,6% I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva restano 10, mentre sale di uno il numero di quelli in area medica, che diventano 242.
Continuano a crescere, però, i casi di isolamento domiciliare, che diventano 24493 (+380).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Calabria 4 vittime e 691 casi ma con meno tamponi
Positività 16,14%, in calo ricoveri in reparto, +2 in intensiva
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
15 maggio 2022
15:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Quatto vittime e 691 casi: è il bilancio delle ultime 24 ore della pandemia da Covid in Calabria.
I decessi totali salgono a 2.557.
Il tasso di positività, con una netta riduzione dei tamponi fatti (4.281) scende al 16,14% dal 17,21% di ieri. I ricoverati – nel saldo tra ingressi e uscite – scendono di 4 in area medica (196) e crescono di 2 in terapia intensiva (13). I nuovi guariti sono 1.113, i casi attivi sono 67.277 (-426) e gli isolati a domicilio 67.068 (-424). I dati sono comunicati dai Dipartimenti di Prevenzione delle Asp della Regione Calabria. Ad oggi, il totale dei tamponi eseguiti è di 3.045.433 con 377.616 positivi.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Molesta 18enne per strada, il padre della ragazza lo picchia
Comune di Arconate sospende appalto con la ditta dell’aggressore
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 maggio 2022
15:46
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ha picchiato un operaio, ubriaco, che aveva molestato sua figlia in due occasioni, prima nel bar in cui lavora la ragazza, poi per strada.
L’uomo aveva già bevuto durante una pausa dal lavoro e aveva molestato la figlia diciottenne del titolare del bar il quale, una prima volta, l’aveva allontanato.

La vicenda, accaduta nel centro di Arconate, sembrava fosse finita ma l’operaio di 47 anni nel pomeriggio è ritornato nei pressi del bar e ha cominciato a pedinare la ragazza che stava tornando a casa. L’ha raggiunta e l’ha palpeggiata, cercando anche di baciarla. La ragazza ha subito chiamato il padre che è arrivato in macchina e ha picchiato duramente l’aggressore, fino a quando non è stato fermato da alcuni passanti. L’operaio è stato denunciato dai carabinieri.
Sulla vicenda è intervenuto il Comune di Arconate, che sulla propria pagina Facebook parla di “comportamenti pesantemente inappropriati da parte di un operaio di una ditta appaltatrice del Comune di Arconate. Tali condotte, esposte in una denuncia-querela dalla parte offesa, potrebbero configurare gravi ipotesi di reato”.
“In attesa che la vicenda venga vagliata dalla competente autorità Giudiziaria – aggiunge il Comune -, l’Amministrazione non può che prendere le distanze e censurare una simile condotta, che allo stato risulta del tutto incompatibile con i principi ed i valori del codice di comportamento dei dipendenti pubblici, ai quali si devono conformare anche i dipendenti delle ditte appaltatrici del Comune”.
“Per tali ragione il Comune, anche a tutela della sua immagine, provvederà alla sospensione dell’appalto dei servizi con l’azienda sopracitata, in attesa di ulteriori valutazioni e determinazioni”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In 5.500 stamane a Venezia per la ‘Su e zo per i ponti’
Dopo due anni si ripete passeggiata non competitiva in città
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
15 maggio 2022
15:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Erano in 5.500 questa mattina al via della quarantaduesima edizione della “Su e Zo per i ponti di Venezia”, la tradizionale passeggiata non competitiva di solidarietà alla scoperta della città, organizzata dall’associazione di promozione sociale Tgs Eurogroup con il patrocinio del Comune di Venezia, tornata a disputarsi dopo i due anni di stop a causa della pandemia.

L’edizione 2022, per la quale è stato scelto lo slogan “Apri nuove strade”, si è snodata come di consueto su due percorsi: quello completo, lungo 11 chilometri, con partenza e arrivo a Piazza San Marco, ha attraversato 39 ponti cittadini.
Il percorso breve, di 5 chilometri e con 18 ponti, riservato soprattutto alle scuole dell’infanzia e primarie, ha preso invece il via dal Porto di Venezia, per concludersi ugualmente in Piazza San Marco.
Una giornata di festa, aperta dalla Santa Messa celebrata nella Basilica di San Marco da don Igino Biffi, responsabile dell’Ispettoria Salesiana “San Marco” Italia Nord-Est, ente promotore di TGS Eurogroup, e conclusa poi con le premiazioni, sempre in Piazza San Marco, alla presenza, per l’Amministrazione comunale, dell’assessore alla Promozione del territorio.
“Siamo molto soddisfatti – ha commentato il direttore generale di Tgs Eurogroup Igino Zanandrea – Abbiamo avuto il massimo dei partecipanti previsti, e il sistema di partenze scaglionate ha permesso di gestire le presenze nel modo migliore”. Al termine dell’evento sono stati assegnati riconoscimenti a ciascun partecipante, che ha ricevuto una medaglia da collezione, e ai gruppi con oltre 50 iscritti, ai quali è stata donata una targa in ceramica artigianale. Medaglie e targhe avevano raffigurata la chiesa di San Francesco della Vigna, nel sestiere di Castello.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Campania; cala l’incidenza, nessuna nuova vittima
Stabile l’occupazione dei posti letto
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
15 maggio 2022
16:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cala il tasso di incidenza del Covid in Campania, in un giorno nel quale il bollettino della Regione non registra vittime.
I nuovi positivi sono 3.330su 21.202 test esaminati: il rapporto è del15,70%, contro il 16,98 di ieri.
Resta sostanzialmente stabile l’occupazione dei posti letto, che sono 35 nelle intensive (-1) e 575 in degenza (+2).

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: 3 sbarchi in porto Roccella Ionica, arrivati in 243
Soccorsi da Guardia costiera. Tanti i minori non accompagnati
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROCCELLA IONICA
15 maggio 2022
16:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tre sbarchi si sono verificati nel porto di Roccella Ionica in meno di 10 ore.
In seguito a tre distinte operazioni di soccorso al largo della costa calabrese da parte dei militari della Guardia costiera di Roccella, sono giunti 243 profughi di varie nazionalità ma in prevalenza provenienti da Afghanistan, Iran e Bangladesh.
Tra i profughi pure un nutrito gruppo di donne e bambini alcuni dei quali con meno di 4 anni. Tanti i minori non accompagnati, con un’età tra 14 e 17 anni.
I migranti si trovavano a bordo di tre distinte barche a vela localizzate a diverse miglia di distanza dalla costa calabrese dalla Guardia costiera. A coordinare le operazioni di soccorso in mare è stata la sala operativa della Capitaneria di Porto di Reggio Calabria. Dopo gli sbarchi, tutti i profughi sono stati sottoposti al test del tampone molecolare da parte del personale specializzato dell’Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria. Successivamente, su disposizione della Prefettura di Reggio, sono stati momentaneamente sistemati in un’apposita area del Porto dove è presente una tensostruttura realizzata nei mesi scorsi e gestita dai volontari della Croce Rossa e della Protezione Civile che al suo interno non può accogliere più di 80-90 persone.
Con i tre sbarchi di oggi, è salito a 17 il numero di arrivi di migranti nel solo tratto di costa della Locride nei primi 4 mesi e mezzo del 2022: 16 a Roccella e uno (con due scafisti di nazionalità russa morti per annegamento) a Siderno.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Kiev, ‘russi scrivono frasi della band Kalush sulle bombe destinate alla Azovstal’
Media, foto postate dal consigliere del sindaco di Mariupol
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 maggio 2022
16:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gli ucraini accusano i russi di avere scritto su alcune bombe, presumibilmente destinate alla Azovstal, le parole pronunciate dalla band ucraina Kalush dopo la vittoria all’Eurovision proprio per salvare l’acciaieria di Mariupol sotto l’assedio dei russi.
La denuncia arriva dal consigliere del sindaco di Mariupol Petro Andriushenko che pubblica su Telegram alcune immagini, subito rilanciate dai media ucraini.
“Questa è la reazione dell’esercito russo alla nostra vittoria all’Eurovision 2022”, scrive Andryushchenko, nel testo che accompagna le tre fotografie, in cui denuncia la propria “rabbia”.
Nelle foto, di cui è impossibile verificare l’autenticità né come sarebbero entrate in possesso degli ucraini, si vedono le bombe, non ancora sganciate, con delle scritte in inglese e in russo con un pennarello nero.
“Aiutate Mariupol, aiutate l’Azovstal, ora”, è scritto in inglese su un ordigno, ovvero le parole pronunciate dal frontman dei Kalush, Oleh Psjuk, alla fine dell’esibizione. Su tutte le bombe è riportata la data di ieri, ‘14.05’. Su un’altra bomba, secondo quanto riporta Ukrinform, appare la scritta in russo “Kalush, come hai chiesto. Su Azovstal”. Su altro ordigno, sempre in russo, si leggono la parola Eurovision 2022 e ‘Azov’.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: meno di un milione di positivi, prima volta da marzo
Tasso al 14%, 27.162 nuovi contagiati, 62 vittime
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 maggio 2022
17:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Per la prima volta da marzo tornano sotto il milione gli attualmente positivi per il Covid in Italia: sono 998.118, in calo di 2.670 nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute.
Sono 27.162 i nuovi contagi, 62 le vittime, con un calo di 29 rispetto a ieri.
I tamponi molecolari sono 194.577, con un tasso di positività attestato al 14%, in lieve calo rispetto al 14,5% di ieri. Sono 347 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 7 in più rispetto a ieri. I ricoverati nei reparti ordinari sono 7.532, ovvero 118 in meno rispetto a ieri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio, impegnati all’Onu per abbassare prezzo grano
Ne discuteremo martedì e mercoledì a New York
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 maggio 2022
17:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Martedì e mercoledì sarò a New York con Blinken ed i principali Paesi della comunità internazionale che si stanno coordinando sul tema della crisi alimentare, perché a livello di Nazioni Unite faremo una serie di iniziative per cercare di abbassare i prezzi del grano e del pane, che stanno colpendo anche le famiglie italiane, ma anche nel Mediterraneo e nel Nord Africa”.
Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio a ‘Mezz’ora in più’.
Ricordando che l’8 giugno l’Italia ospiterà un dialogo mediterraneo alla Fao “per nuove politiche Onu per aiutare ad abbassare il prezzo delle materie prime alimentari”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio, in Europa serve una controffensiva diplomatica
Non possiamo affidarci ai singoli Paesi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 maggio 2022
17:03
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il tema adesso e che siamo in una fase della guerra in cui serve a livello europeo una controffensiva diplomatica”.
Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio a ‘Mezz’ora in più’ su Rai 3, sottolineando che “l’Europa è la forza gentile a capo della diplomazia del mondo e deve essere quell’istituzione pronta ad allargare gli sforzi diplomatici.
Non possiamo più pensare che per arrivare alla pace dobbiamo affidarci a singoli Paesi”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Media, Nato potrebbe definire Russia ‘minaccia diretta’
Bloomberg, in documento strategico a giugno ‘non più partner’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 maggio 2022
17:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Nato potrebbe definire la Russia non più ‘partner’ ma ‘minaccia diretta’ nel documento Strategico che sarà approvato dagli Alleati nel vertice di Madrid, a giugno.
Lo riporta Bloomberg citando un fonte dell’Alleanza.
Gli alleati probabilmente manterranno comunque aperta la possibilità di rilanciare le relazioni se il comportamento di Mosca cambiasse, ha detto la fonte. Il documento Strategico delinea le priorità per i prossimi anni e dovrebbe essere finalizzato a Madrid a fine giugno. La versione precedente, del 2010, si riferiva a Mosca “come partner, una formulazione che – sottolinea Bloomberg – dovrebbe essere eliminata”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio, in Europa serve una controffensiva diplomatica
Non possiamo affidarci ai singoli Paesi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 maggio 2022
17:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il tema adesso e che siamo in una fase della guerra in cui serve a livello europeo una controffensiva diplomatica”.
Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio a ‘Mezz’ora in più’ su Rai 3, sottolineando che “l’Europa è la forza gentile a capo della diplomazia del mondo e deve essere quell’istituzione pronta ad allargare gli sforzi diplomatici.
Non possiamo più pensare che per arrivare alla pace dobbiamo affidarci a singoli Paesi”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Austria: ambasciatore Beltrame a commemorazione a Mauthausen
Presente una delegazione composta da circa 500 italiani
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
15 maggio 2022
18:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’ambasciatore italiano a Vienna, Stefano Beltrame, ha partecipato alle commemorazioni ufficiali dell’ex campo di concentramento di Mauthausen insieme ad delegazione composta da circa 500 italiani, guidati dal presidente dell’Aned Dario Venegoni.
Presente l’Anpi e numerosi gonfaloni tra i quali figurano anche quelli di Marzabotto, Firenze, Verona.
Toccante la cerimonia al monumento dedicato alle vittime ucraine dove l’ambasciatore francese (in quanto la Francia ricopre il semestre di Presidenza della Ue) ha deposto una corona di fiori a nome della Ue e alla presenza degli ambasciatori dei paesi membri.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Frecce Tricolori a Genova: in 20 mila con gli occhi al cielo
Un evento per omaggiare l’aviatore Giorgio Parodi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
15 maggio 2022
19:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In 20 mila, secondo il Comune, hanno assistito a Genova alle evoluzioni delle Frecce Tricolori, che si sono esibite sulla città.
Un modo anche per omaggiare l’aviatore Giorgio Parodi, fondatore della Moto Guzzi, a 100 anni dalla nascita del marchio automobilistico.
La Pattuglia acrobatica dell’Aeronautica militare mancava nella città da 13 anni, anche se in occasione dell’inaugurazione di Ponte San Giorgio compirono un sorvolo sul viadotto Arizona, Bomba e, per la prima volta la Scintilla sono state alcune delle evoluzioni delle Frecce, ammirate in modo particolare da corso Italia.
L’esibizione, che è durata 25 minuti, è iniziata con l’esecuzione dell’Inno di Mameli ed è terminata con le note di “Nessun dorma” della Turandot di Puccini con la voce di Luciano Pavarotti. I dieci “Pony” della pattuglia hanno incantato il pubblico compiendo manovre assai complesse e spettacolari.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Scimmie calabresi”, bufera su tifoso vicentino
Occhiuto, Daspo e codice penale. Sindaco veneto si scusa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
15 maggio 2022
19:32
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Scimmie calabresi”.
E’ l’offesa che è stata lanciata da un tifoso vicentino ai supporter del Cosenza Calcio in un video registrato allo stadio Menti durante la gara di andata dei play out per rimanere in serie B tra Lanerossi e Cosenza, i cui spezzoni sono stati poi postati sui social.
Video rimosso ben presto ma che non ha mancato di provocare polemiche.
“Mi sembra palese – ha scritto su twitter il governatore calabrese Roberto Occhiuto – che si tratti di un cretino. Ma questo non rende meno gravi le sue deliranti affermazioni. Che venga identificato e punito con strumenti adeguati: Daspo e codice penale”. E che il giovane sia “punito penalmente” lo ha chiesto anche la capogruppo della Lega alla Regione Calabria Simona Loizzo. La quale commentando una foto sul profilo del tifoso che lo ritrae con il leader della Lega Matteo Salvini ha affermato: “Il fatto che abbia postato una foto con Salvini non c’entra nulla perché i politici fanno centinaia di migliaia di selfie l’anno e perché gente come questa non fa parte della Lega”. Il sindaco di Vicenza Francesco Rucco, venuto a conoscenza del video, ha preso le distanze dal tifoso biancorosso. “Va condannata ogni forma di razzismo, quindi condanno il gesto” ha detto. “Chiedo a tutti di abbassare i toni – ha aggiunto – una partita non può diventare una battaglia dentro e fuori dal campo, con interferenze da parte del mondo della politica”. Al riguardo ha sottolineato che “bene ha fatto l’on. Pierantonio Zanettin a presentare un’interrogazione al ministro Lamorgese, per fare in modo che a Cosenza sia garantito l’ordine pubblico e la sicurezza dei tifosi, ovviamente di entrambe le squadre”. Ma proprio l’intervento di Zanettin, non è piaciuto al sindaco di Cosenza Franz Caruso. “Fatte salve le prerogative del deputato vicentino – ha detto – quel che stupisce maggiormente è che Zanettin chiami in causa il Presidente del Cosenza Calcio, Guarascio, ‘reo’, a suo dire, di aver interpellato telefonicamente il Presidente della Lega di serie B. Credo che il Presidente di una società possa e debba, a sua volta, esercitare le prerogative di dirigente per tutelare la sua squadra”. Ed ha rimarcato “il grado di civiltà di Cosenza”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Camorra: blitz di Carabinieri e Dda nel Napoletano, 17 arresti
Spaccio, estorsioni e tentati omicidi: in uno ferito innocente
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
16 maggio 2022
06:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Associazione di tipo mafioso finalizzata alla ricettazione, detenzione e porto illegale di armi ed esplosivi, tentato omicidio e associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti: sono i reati che, a vario titolo, la Dda di Napoli contesta a 17 indagati ai quali, nel corso della notte, i Carabinieri della Compagnia di Castello di Cisterna hanno notificato (tra Napoli, Agrigento, Biella, Terni e Santa Maria Capua Vetere in provincia di Caserta), altrettanti arresti emessi dal gip di Napoli.

Le indagini dei militari di Castello di Cisterna e dalle stazioni di Brusciano e Marigliano si sono protratte tra dicembre 2017 e dicembre 2020 e hanno riguardato i clan rivali Rega ed Esposito-Palermo, entrambi di Brusciano, e le loro attività illecite, tra le quali spiccano lo spaccio di sostanze stupefacenti e le estorsioni.

Complessivamente sono state notificate misure cautelari a quattro indagati che erano in libertà, a 11 già detenuti in carcere e a due già agli arresti domiciliari per altra causa.
Tra i destinatari dei provvedimenti figurano anche Francesco Palermo e Tommaso Rega, alias “O’ chirichiello”, capi degli omonimi clan dediti a estorsioni, attentati dinamitardi, reati contro la persona, in materia di armi, e al traffico di ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti di varia natura, commercializzati nelle loro “piazze di spaccio”.
Tra gli episodi su cui si è concentrata l’attenzione degli investigatori figurano anche due tentati omicidi: il primo avvenuto il 3 dicembre 2017, il secondo 17 giorni dopo, il 20 dicembre, nel quale rimaste ferito il padre di un militare dell’Arma in forza alla Sezione Operativa della Compagnia di Castello di Cisterna, che si è trovato accidentalmente sul luogo dell’agguato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Estate: per vacanze spesa media 1.080 euro e si va più lontano
Confturismo Confcommercio, ora le imprese siano sostenute
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 maggio 2022
10:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La voglia di vacanza vince su tutto: l’indice di propensione al viaggio torna agli stesso livelli del periodo pre-pandemia a 67 punti (su scala da 0 a 100) e 23 milioni di italiani tra i 18 e i 74 sono intenzionati a partire nel periodo estivo.
Emerge dall’Osservatorio Confturismo-Confcommercio nella rilevazione di fine aprile.

“Dopo due anni di profonda crisi, il turismo sta tornando ai livelli pre-Covid. Le prospettive per l’estate sono positive anche se guerra, inflazione e caro energia preoccupano ancora fortemente. Per questo, le nuove misure di sostegno sono fondamentali anche per le imprese del turismo che è il settore da cui davvero può ripartire tutto il nostro sistema economico” dice il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli.
Lo scenario resta però caratterizzato da una certa “volatilità”.
Infatti, di questi 23 milioni solo 4 su 10 hanno già prenotato un viaggio, mentre per i restanti rimane per ora solo l’intenzione che probabilmente si tradurrà in prenotazione tardiva, se non addirittura “last minute”. Da un lato, quindi, si assiste ad un vero e proprio nuovo stile di vacanza all’insegna della libertà di scelta e di cambiare idea, dall’altro, si avverte un segnale di forte cautela da parte della domanda, anche perché ben 6 italiani su 10 si dichiarano preoccupati per le conseguenze dell’inflazione e del caro energia.
Il mare, seguito dalla montagna e dall’esperienza culturale, in città e luoghi d’arte che includono i piccoli borghi saranno le mete più gettonate.
In aumento anche il “raggio degli spostamenti”, che di norma è indice di una maggiore propensione alla spesa: l’85% degli italiani sceglierà mete nazionali, in 6 casi su 10 al di fuori della propria regione, mentre il restante 15% programma un viaggio all’estero che, per più di due terzi, sarà in Europa.
Per la vacanza principale, quella di 7 giorni o più a destinazione, gli intervistati dichiarano che spenderanno in media 1.080 euro, che si riducono a poco più di 600 euro per i break di durata inferiore, da 3 a 7 giorni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ue taglia stime Pil Italia per guerra Ucraina, +2,4% in 2022
‘Pronunciati rischi al ribasso’. Gravi effetti da stop gas russo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 maggio 2022
11:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Commissione europea taglia le stime di crescita dell’Italia: il Pil dovrebbe scendere al 2,4% nel 2022 e rallentare all’1,9% nel 2023, rispetto al 4,1% e al 2,3% previsti a febbraio, a causa dell’impatto della guerra della Russia contro l’Ucraina che pesa su catene di approvvigionamento e prezzi.
Nelle previsioni di primavera Bruxelles segnala che “la maggior parte della crescita dell’Italia” per il 2022 è “attribuibile a un effetto di trascinamento” legato alla “rapida ripresa” registrata nel 2021.

A causa dell’attuale contesto geopolitico “le prospettive restano soggette a pronunciati rischi al ribasso”. Inoltre, secondo la Commissione Ue, L’Italia, in quanto “uno dei maggiori importatori di gas naturale russo tra i paesi dell’Ue”, “sarebbe gravemente colpita da brusche interruzioni dell’approvvigionamento”.
Tuttavia – si legge ancora nelle previsioni economiche di primavera della Commissione Ue – nonostante la guerra in Ucraina, il deficit e il debito “continueranno a calare ma restano alti”. Il deficit italiano, dal 7,2% dell’anno scorso, nel 2022 si attesterà al 5,5% per scendere al 4,3% l’anno successivo. Il debito pubblico, dal 150,8% del 2021, secondo le previsioni europee, calerà al 147,9% quest’anno e al 146,8% nel 2023. “La spesa corrente – si legge – è calata in maniera significativa anche in seguito al graduale abbandono delle misure fiscali legate alla pandemia”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fs: Ferraris, piano investimenti da 190 mld in 2022-2031
Si guarda a sostenibilità e multimodalità; 40mila assunzioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 maggio 2022
11:42
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ammontano a oltre 190 miliardi gli investimenti di Fs in Italia nel periodo 2022-2031.
Lo ha detto l’amministratore delegato di Fs, Luigi Ferraris, durante la presentazione del piano industriale del Gruppo oggi.
Sono previste circa 40mila assunzioni nell’arco di piano.
Il Piano Industriale 2022-2031 intende imprimere un’accelerazione agli investimenti e dare maggiore certezza all’esecuzione delle opere nei tempi previsti. Lavoriamo per rendere le nostre infrastrutture sempre più moderne, interconnesse e resilienti e i servizi di mobilità calibrati sulle esigenze dei nostri clienti”. Lo ha detto l’amministratore delegato di Fs, Luigi Ferraris. “Intendiamo promuovere un trasporto collettivo multimodale raddoppiare la quota di trasporto merci su ferrovia, contribuire alla transizione ecologica anche autoproducendo da fonti rinnovabili almeno il 40% del nostro fabbisogno energetico”, ha spiegato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Elezioni: Calenda, terzo polo con +E e civiche
Non ci interessa essere di destra o sinistra ma fare le cose
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 maggio 2022
11:45
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Noi possiamo costruire un terzo polo alternativo con più Europa e liste civiche che dica non ce ne frega niente di essere di destra o di sinistra ma di come si fanno le cose, come abbiamo fatto a Roma dove abbiamo preso il 20%”.
Così il leader di Azione, Carlo Calenda, a Coffee Break su la La7 parlando delle prossime sfide elettorali.

“Sarà la sfida tra due coalizione con dentro atlantisti e filorussi in entrambi gli schieramenti. Due coalizioni che non governeranno mai niente: come fa il M5s a governare con il Pd se non la pensano allo stesso modo su questioni come ad esempio i rigassificatori?”, aggiunge.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Csm: Renzi, Ermini annuncia querela, non mi impaurisce
Confermo tutto e aggiungerò altre carte in tribunale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 maggio 2022
11:46
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“David Ermini ha annunciato di querelarmi per ciò che ho scritto.
Non solo confermo tutto, ma rilancio e aggiungerò altre carte e documenti in Tribunale.
Se il vicepresidente del Csm pensa di impaurirmi, ha sbagliato persona. Ma, credetemi, la vicenda di Ermini è nulla rispetto a ciò che c’è scritto ne “Il Mostro”. Noi andiamo avanti belli gagliardi, a testa alta”. Così Matteo Renzi nella sua e-news.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Prodi, coalizione con opposti porta a crisi o a paralisi
Campo largo? Va concimato allo stesso modo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 maggio 2022
11:47
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non venga a chiedere a me se non sarebbe utile una coalizione di centrosinistra.
Come viene fatta non lo so ma qui se si ritorna a mettere insieme quelli che hanno gli obiettivi base del riformismo e quelli con prospettiva conservatrice l’Italia non si salva mai.
Se mettiamo assieme cose che non possono stare assieme si arriva alla crisi o alla paralisi”. Lo afferma Romano Prodi a Radio 1 Rai.
E il ‘campo largo’? “Deve essere concimato allo stesso modo.
Bisogna discutere a fondo su quello che si vuol fare davvero. Un Paese può vivere mille anni in attesa? No…”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: Sasso, togliere obbligo mascherine in classe
Il sottosegretario, al sud oltre 30 gradi, faticoso indossarle
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 maggio 2022
12:24
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Rimuovere l’obbligo di indossare la mascherina nelle aule scolastiche.
Lo chiede il sottosegretario all’Istruzione Rossano Sasso.
“Una richiesta che mi è arrivata anche da tante famiglie, che ci sollecitano ad adottare una misura di buon senso per l’ultima parte dell’anno scolastico – afferma -. Come Lega lo stiamo chiedendo da diverse settimane, in considerazione sia del miglioramento dei dati epidemiologici sia della brusca impennata delle temperature, che soprattutto nel Mezzogiorno rende davvero difficile seguire le lezioni: oggi, in diversi centri, siamo abbondantemente oltre i 30 gradi”. “Tra l’altro, è ormai dimostrato che a scuola il rischio di contagio riguarda soprattutto le fasi di entrata e di uscita, non certo quando gli studenti sono seduti ognuno al proprio posto. Si potrebbe lasciare l’obbligo di indossare la mascherina solo quando ci si alza dal banco o si circola nei corridoi. Ci appelliamo ancora una volta alle autorità sanitarie affinché i protocolli siano rivisti al più presto: la decisione finale spetta al ministro Speranza, che mi auguro si dimostri più in sintonia con il Paese reale rispetto a quanto fatto finora”, conclude il sottosegretario della Lega.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Venezia, vernice rossa e scritte su facciata Redentore
Vandalismo nella notte, scritte apparantemente senza senso
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
16 maggio 2022
12:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La basilica del Santissimo Redentore a Venezia, chiesa palladiana che si staglia sul canale della Giudecca, è stata imbrattata nella notte da ignoti vandali che hanno dipinto una porzione della facciata di rosso.

Sopra la facciata sono state tracciate alcune scritte apparentemente senza senso, somiglianti a equazioni matematiche.

Il gesto è stato riportato sui social e ha fatto in breve il ‘giro’ della città, creando disappunto e sconcerto.
In Campo del Redentore è posizionata una telecamera, che potrebbe aiutare le forze dell’ordine nel rintracciare i responsabili del gesto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ecco le Gallerie d’Italia, a Torino museo Intesa Sanpaolo
Diecimila metri quadri dedicati alla fotografia e al Barocco
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
16 maggio 2022
12:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Apre a Torino, in piazza San Carlo, nella sede storica di Intesa Sanpaolo, il quarto museo delle Gallerie d’Italia, dopo Milano, Napoli e Vicenza.
Un hub culturale, aperto alla città, con un percorso espositivo di 10mila metri quadrati su cinque piani, di cui tre ipogei, dedicato alla fotografia e al Barocco.
Qui si terranno mostre temporanee originali, commissionate a fotografi di fama internazionale – la prima è “La fragile meraviglia. Un viaggio nella natura che cambia” di Paolo Pellegrin, curata da Walter Guadagnini – e saranno organizzate attività come la didattica per le scuole e la ricerca scientifica.
“L’apertura della sede di Torino completa un progetto di dimensione nazionale e rappresenta una delle tappe più importanti nella storia dell’impegno profuso dalla nostra banca in ambito culturale. In uno scenario di drammatica incertezza come quello che stiamo vivendo, è un segnale di speranza e di fiducia nel futuro” spiega Giovanni Bazoli, presidente emerito di Intesa Sanpaolo. Presenti all’inaugurazione il presidente Gian Maria Gros-Pietro e Carlo Messina, consigliere delegato e ceo, il sindaco Stefano Lo Russo, il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio.
Le Gallerie d’Italia di Torino, negli spazi ristrutturati dall’architetto Michele De Lucchi, sono anche la nuova sede dell’Archivio Publifoto Intesa Sanpaolo – con 7 milioni di scatti realizzati dagli anni Trenta agli anni Novanta – ed espongono opere dalle collezioni del Gruppo tra le quali il ciclo pittorico dell’antico Oratorio della Compagnia di San Paolo. L’apertura del museo torinese e la nuova sede di Napoli, che inaugurerà al pubblico il 21 maggio con spazi triplicati, rientrano nel Piano d’Impresa e consolidano la posizione di Intesa Sanpaolo tra i primi operatori culturali privati a livello internazionale.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sciopero delle toghe. Anm: adesione importante
Santalucia, riforma poco conforme a Costituzione. Presidente Anm a Milano per assemblea in giornata di sciopero
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 maggio 2022
19:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“In un contesto generale non facile, c’è stato un livello di adesione all’astensione intorno al 50%, comunque importante.
Il che dimostra come l’ANM si sia fatta interprete autorevole del disagio e della preoccupazione reale di tanti magistrati.
Ci sono ancora i tempi e gli spazi per modifiche migliorative del testo e spero ci sia anche la volontà delle forze politiche di confrontarsi per apportare i dovuti correttivi”. Lo afferma il segretario dell’Anm Salvatore Casciaro.
Lo sciopero dei magistrati contro la riforma Cartabia indetto dall’Anm “io non l’avrei fatto: nel momento in cui è stato fatto speriamo porti dei frutti, però la riforma bisogna chiuderla in qualche modo”. Così David Ermini, vicepresidente del Csm, a margine della presentazione di un libro a Bagno a Ripoli (Firenze). “Ho sempre detto che preferisco il dialogo – ha aggiunto – e quindi anche in questo caso: lo sciopero è stato indetto, è legittimo farlo, però io preferisco sempre il dialogo, e spero che quelle discussioni che ci sono state possano essere in qualche modo ricondotte a far sì che la riforma venga approvata”.
“Questa legge sarà pure compatibile, ma è poco conforme allo spirito della Costituzione”. Lo ha detto il presidente dell’Anm Giuseppe Santalucia intervenendo al Palazzo di Giustizia di Milano per l’assemblea aperta delle toghe nel giorno dello sciopero dei magistrati contro la riforma dell’ordinamento giudiziario.
“Io ho parlato – ha spiegato Santalucia ai cronisti prima di partecipare all’assemblea aperta indetta dall’Anm milanese – più che di incostituzionalità diretta, perché poi questo semmai lo diranno, se ci saranno questioni, gli organi deputati a farlo, di un abbassamento del tono costituzionale. Gli studiosi – ha chiarito – dicono che la legge sull’ordinamento giudiziario non solo deve essere compatibile con la Costituzione e quindi non violarla, ma deve essere conforme, deve recepirne ed attuarne fino in fondo il messaggio politico che l’architettura costituzionale detta”. E ha concluso: “Questa legge sarà pure compatibile ma è poco conforme allo spirito della Costituzione”.
“Gli obiettivi indicati dal Pnrr – ha detto Santalucia – come l’abbattimento dell’arretrato civile e penale, non si possono raggiungere se non si coinvolge la magistratura come soggetto protagonista di questa grande rivoluzione, non come soggetti che devono essere sospettati di essere i primi responsabili di guasti e quindi controllati disciplinarmente”.
“Continuiamo a sperare che ci possano essere miglioramenti – ha spiegato Santalucia, intervenendo all’assemblea aperta – anche se il realismo politico di molti ci dice che se apriranno a modifiche queste saranno peggiorative”. Tuttavia, l’Associazione nazionali magistrati “deve coltivare la fiducia in un Parlamento che sappia vedere gli aspetti che non vanno e sappia consegnarci una legge sull’ordinamento giudiziario conforme alla Costituzione”. E ha concluso: “Bisogna fare lo sforzo di accantonare sentimenti che ci sono e serpeggiano in alcuni settori della classe politica-parlamentare di rivalsa sulla magistratura. Non è questo il momento”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In Italia mascherine sui voli, ma a scuola si chiede lo stop
Sasso: “In classe al sud oltre 30 gradi, è faticoso indossarle”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
18:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Rimuovere l’obbligo di indossare la mascherina nelle aule scolastiche.
Lo chiede il sottosegretario all’Istruzione Rossano Sasso.
“Una richiesta che mi è arrivata anche da tante famiglie, che ci sollecitano ad adottare una misura di buon senso per l’ultima parte dell’anno scolastico – afferma -. Come Lega lo stiamo chiedendo da diverse settimane, in considerazione sia del miglioramento dei dati epidemiologici sia della brusca impennata delle temperature, che soprattutto nel Mezzogiorno rende davvero difficile seguire le lezioni: oggi, in diversi centri, siamo abbondantemente oltre i 30 gradi”.
Secondo il sottosegratario della Lega, “è ormai dimostrato che a scuola il rischio di contagio riguarda soprattutto le fasi di entrata e di uscita, non certo quando gli studenti sono seduti ognuno al proprio posto”. Sasso lascia aperta l’ipotesi di questa misura sono in alcuni casi: “Si potrebbe lasciare l’obbligo di indossare la mascherina solo quando ci si alza dal banco o si circola nei corridoi. Ci appelliamo ancora una volta alle autorità sanitarie affinché i protocolli siano rivisti al più presto: la decisione finale spetta al ministro Speranza – conclude il sottosegretario – , che mi auguro si dimostri più in sintonia con il Paese reale rispetto a quanto fatto finora”.
Sui voli in partenza dall’Italia, da oggi, si continua ad indossare la mascherina sui voli. L’ordinanza in vigore prevede che l’obbligo di mascherina sui mezzi di trasporto ed aerei permanga infatti fino al prossimo 15 giugno. Pertanto, nel rispetto della regolamentazione Enac (Ente nazionale dell’aviazione civile), ai passeggeri in partenza dall’aeroporto di Fiumicino con voli Lufthansa, Air France, Swiss e Austrian Airlines, Singapore Airlines e di altre compagnie, viene chiesto di continuare ad indossare il dispositivo di protezione di naso e bocca, del tipo FFP2, quando si sale a bordo dell’aereo.

Personale delle compagnie invitano i passeggeri ad indossarle prima dell’imbarco. E’ la linea delle compagnie aeree battenti bandiera estera operanti in Italia sulle linee giuda emanate dall’Ecdc-Aesa (Agenzia europea sicurezza aerea) rispetto all’uso delle mascherine. Se gli Stati di partenza o destinazione richiedono l’uso di mascherine nei trasporti pubblici gli operatori aerei dovrebbero richiedere ai viaggiatori ed equipaggi di indossare una mascherina oltre la data di oggi; negli Stati dove non è richiesto tale utilizzo, da oggi operatori aeronautici ed aeroportuali “dovrebbero continuare ad incoraggiare passeggeri ed equipaggi ad indossare la mascherina sul volo come nello scalo aereo”. “Visto che si parte dall’Italia ed onde evitare possibili multe – viene spiegato dai rappresentanti dei vettori europei nello scalo romano – anche se il Paese di destinazione non prevede l’uso di mascherina sui mezzi di trasporto, come ad esempio la Svizzera, continueremo a chiedere ai passeggeri di indossare il dispositivo FFP2 sull’aereo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Urso, decreto armi in linea con indicazioni Camere
Il ministro Guerini ha riferito al Copasir sul dossier
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 maggio 2022
16:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nel corso della sua audizione oggi al Copasir il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, “ha aggiornato il Comitato in merito al conflitto in corso tra Russia e Ucraina.
Si sono inoltre condivisi i contenuti del terzo Decreto interministeriale che autorizza la cessione di mezzi, materiali ed equipaggiamenti militari alle Autorità governative dell’Ucraina, riscontrando l’aderenza del decreto medesimo alle indicazioni e agli indirizzi dettati dal Parlamento”.
Lo rende noto il presidente del Copasir, Adolfo Urso.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Letta, parole Draghi in Usa hanno avvicinato posizioni
Ci ha reso tutti consapevoli del fatto che dobbiamo essere uniti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PIACENZA
16 maggio 2022
13:10
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Giovedì il presidente del consiglio verrà in aula, parlerà e ci sarà un dibattito, ma io credo che quello che Draghi ha detto e fatto a Washington parlando a nome dell’Italia e dell’Europa, abbia avvicinato molto le posizioni e reso tutti consapevoli del fatto che in questo momento dobbiamo essere uniti e dobbiamo condividere le scelte con il resto dell’Europa”.
Così il segretario del Pd Enrico Letta, a Piacenza, per sostenere la candidata sindaca del Pd Katia Tarasconi.

“Perchè quello che facciamo con i nostri partner europei – ha proseguito Letta – ha una sua efficacia, mentre se ci mettiamo a fare scelte da soli, alla Orban, sbagliamo. L’Italia non è l’Ungheria di Orban è un Paese che agisce assieme ai suoi alleati”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
FI: Ronzulli, discutiamo ma poi c’è sintesi,noi determinanti
Chi ci racconta divisi ci vuole male
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 maggio 2022
13:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Stiamo dando prova di forza e di unità.
Chi ci racconta divisi vuole male alla nostra forza politica e al nostro Presidente.
Abbiamo avuto mesi difficilissimi, confortati soltanto dall’inesauribile ottimismo e voglia di fare del presidente Silvio Berlusconi, ma ormai da un anno siamo in crescita costante e assolutamente centrali.
‘Determinati e determinanti’, come ha detto Berlusconi a Roma.
Per questo mi sono stupita di leggere ricostruzioni diverse. Sul piano politico dobbiamo occuparci, e non preoccuparci, di rappresentare al meglio chi ci ha votato e chi ci vota, dobbiamo fare sempre di più”. Lo ha detto Licia Ronzulli, vicepresidente del gruppo Forza Italia al Senato, in un’intervista a La Stampa.
“Sono ormai settimane – ha aggiunto – che giro l’Italia, dobbiamo lavorare per essere centrali e dettare l’agenda del governo, per dare forza e attenzione a chi ha governato bene in questi anni. E magari a portare a casa riforme importanti come l’autonomia regionale, concentrerei le energie su queste cose, per questo siamo entrati al governo. Esistono ruoli diversi e questo, in qualche circostanza, crea differenti punti di vista.
E’ normale e sano, siamo una forza politica in cui si discute per poi dare sintesi. Ci sono alcuni temi sui quali Forza Italia ha le idee chiarissime. Guardi la questione del catasto.
Comprendo la difficoltà di chi è un importante dirigente di Forza Italia e, allo stesso tempo, ministro di un governo di coalizione, di una coalizione all’interno della quale ci sono Cinque stelle e sinistra radicale, a farsi portavoce di una posizione che è minoritaria dentro al governo. Ma siamo in questo governo per fare cose giuste, senza derogare dai nostri principi, come quello che ‘la casa non si tocca’. Questo, però, non lo chiamerei conflitto, ma normale dialettica”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il mistero dei miasmi, Campania recluta ‘esaminatori di odori’
Sessioni a pagamento di tre ore per annusare aria maleodorante
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
16 maggio 2022
14:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
‘Nasi’ a pagamento, detectives olfattivi per scoprire le cause dei miasmi che da anni avvelenano l’aria di alcune zone della Campania, soprattutto nella cosiddetta Terra dei Fuochi.
Li recluterà l’Agenzia ambientale della Campania, che intende costituire un elenco di “esaminatori di odori” a supporto di un laboratorio di Olfattometria istituito a Caserta per l’analisi scientifica dei fenomeni che esasperano i residenti.

La scorsa estate la situazione si è aggravata, tanto da suscitare proteste di piazza da parte dei cittadini che, specie nell’area giuglianese, lamentavano di non poter tenere le finestre aperte malgrado il caldo torrido. Ora si cercano “nasi” da impiegare come strumento di supporto alle indagini sui miasmi. Gli esaminatori di odori saranno impegnati in sessioni di tre ore, e retribuiti in proporzione alle ore in cui svolgeranno servizio in laboratorio. A tale scopo, spiega l’Agenzia, viene utilizzato un olfattometro: lo strumento diluisce i campioni di aria prelevati sul campo e li distribuisce al panel di analizzatori, che dovrà esprimere la sua “valutazione olfattiva”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Peste suina: Ue, stop suini da area infetta ad altri Stati
“Istituire una zona infetta in varie aree del Comune di Roma”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
10:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’Italia “provvede affinché non siano autorizzati i movimenti di partite di suini detenuti nelle aree elencate come zona infetta e dei relativi prodotti verso altri Stati membri e paesi terzi”.
Lo prevede la Decisione di esecuzione 2022/746 della Commissione europea relativa ad alcune misure di emergenza contro la peste suina africana in Italia.
La Decisione è pubblicata sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea di oggi. Il provvedimento, si legge, “si applica fino al 31 agosto 2022”, e prevede l’istituzione di una zona infetta nell’area del comune di Roma che “comprenda almeno le aree elencate” nella Decisione stessa.
L’Italia deve provvedere ad istituire “immediatamente una zona infetta in relazione alla peste suina africana” che comprenda varie aree del comune di Roma. E’ quanto si legge nella Decisione di esecuzione 2022/746 della Commissione europea relativa ad alcune misure di emergenza contro la peste suina africana in Italia. La Decisione è pubblicata sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea di oggi ed indica nel dettaglio le zone dell’area di Roma interessate.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Allarme Fonografici Italiani: ‘Facebook usa i contenuti e non paga i diritti’
Il presidente Cerruti: ‘Chiediamo alle istituzioni di tutelarci’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 maggio 2022
14:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non solo la tutela dei dati personali, oggi a pagare il prezzo della posizione dominante di Facebook è anche l’industria musicale” questo l’allarme di Sergio Cerruti, presidente di AFI, l’Associazione dei Fonografici Italiani che cura gli interessi economici di 760 produttori e rappresenta quasi il 10% del panorama musicale italiano indipendente.
“Da ormai troppo tempo chiediamo alle politica tutela proprio nei confronti di quelle piattaforme, come Facebook, che godono di attenta considerazione da parte delle nostre istituzioni, sebbene le stesse siano consapevoli dei danni economici che provocano a parte dell’industria musicale italiana” dice Sergio Cerruti, presidente di AFI.
“Affrontiamo quotidianamente un conclamato caso di pirateria legale: da anni Facebook, colosso dei social network, usufruisce con successo dei nostri contenuti musicali senza avere tutte le necessarie autorizzazioni da parte delle imprese dei produttori discografici indipendenti, i quali continuano a combattere con le lunghe e dispendiose procedure di reclamo online, che raramente hanno successo non producendo quindi alcun effetto economico” commenta Cerruti.
Una pericolosa abitudine, spiegano da AFI, che crea gravi squilibri concorrenziali in un mercato già duramente colpito dalla pandemia.
“Siamo di fronte alla creazione volontaria di un sistema non concorrenziale che rende il nostro mercato disfunzionale e che favorisce le big company del settore che sottoscrivono con Meta degli accordi a livello internazionale, evadendo ogni responsabilità di natura economica e normativa a livello locale, a discapito delle buone maniere italiane dimostrate ancora una volta da quest’ultimo incontro” continua Cerruti. Nell’anno in cui Facebook cambia nome, dunque, non si può dire che cambi atteggiamento. “Abbiamo più volte cercato di sottoporre all’attenzione di Facebook i danni economici che sta arrecando alle piccole e medie imprese dei discografici italiani, chiedendo e proponendo strumenti risolutori. Nulla è cambiato, se non la consapevolezza che la sede italiana della società è considerabile alla stregua di una azienda di pubbliche relazioni e che nulla può fare per proteggere l’economia del Paese che la ospita” aggiunge Cerruti.
“Da sempre i colossi digitali sono in riserva di etica comportamentale, non solo nei confronti delle aziende ma anche e soprattutto delle persone (propri utenti). Quello che ci aspettiamo è che le nostre istituzioni, comprese le autorità preposte alla vigilanza del settore, sciolgano questa riserva indirizzando l’attenzione al ritrovamento dei valori persi perché non c’è futuro senza un miglioramento del presente”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina, hacker russi attaccano sito Polizia e annunciano ‘guerra globale’
In azione ‘Killnet’. In corso le operazioni di ripristino
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
10:21
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gli hacker russi di Killnet hanno annunciato il lancio di un attacco informatico globale contro Usa, Germania, Regno Unito, Italia, Lettonia, Romania,Lituania, Estonia, Polonia, Ucraina.
Lo riferisce in un tweet il sito di notizie indipendente bielorusso Nexta Tv.
Intanto, in Italia il sito della Polizia ha subito un attacco da parte degli hacker filorussi del collettivo ‘Killnet’, gli stessi che nei giorni scorsi hanno colpito alcuni siti istituzionali tra i quali quelli del Senato e della Difesa e che hanno provato a bloccare Eurovision.
L’azione, iniziata la scorsa notte, è stata fronteggiata dai tecnici della Polizia supportati dagli specialisti del Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche (Cnaipc) della Polizia Postale, per il progressivo ripristino delle piene funzionalità del sito.
A rivendicare l’attacco è stato lo stesso collettivo Killnet sui suoi canali Telegram: “secondo i media stranieri – si legge – Killnet ha attaccato Eurovision ed è stato bloccato dalla polizia italiana. Ma Killnet non ha attaccato Eurovision. Oggi, invece, dichiariamo ufficialmente guerra a 10 paesi, inclusa l’ingannevole polizia italiana. A proposito – concludono gli hacker – il tuo sito ha smesso di funzionare: perché non è stato fronteggiato l’attacco come per l’Eurovision?”. L’attacco non ha provocato danni alle infrastrutture ma si è limitato a saturare le connessioni e ha comportato un rallentamento.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Green pass: 30 denunciati per blocco Porto di Trieste
Manifestazioni risalenti a ottobre. Indagini della Polizia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
16 maggio 2022
14:38
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 30 le persone denunciate dalla Polizia per le manifestazioni contro l’obbligo di Green pass sul posto di lavoro, tenutesi lo scorso ottobre davanti al varco IV del Porto di Trieste.
Dovranno rispondere a vario titolo dei reati di resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, blocco stradale, getto pericoloso di cose all’indirizzo delle forze di polizia e dei reati di grida e manifestazioni sediziose e di adunata sediziosa, nonché di manifestazione non autorizzata.

Il 18 ottobre le forze di polizia avevano sgomberato l’area antistante l’accesso allo scalo, dopo un presidio di 4 giorni consecutivi durante il quale, in una circostanza, erano state raggiunte, secondo la Questura di Trieste, circa 8 mila presenze. Il presidio era stato promosso dalla sigla sindacale Coordinamento Lavoratori Portuali di Trieste, anche con l’allestimento di gazebo e zone ristoro, causando un significativo calo del traffico commerciale del Porto.
Il protrarsi di tale situazione aveva comportato l’intervento delle forze di polizia per ripristinare la zona di transito.
Dopo essersi rifiutati di lasciare il sito, come richiesto più volte dalle forze dell’ordine, dal momento che alcune frange di manifestanti – come ricostruisce la Polizia – iniziavano a frapporsi in maniera violenta contro i reparti inquadrati, con l’ausilio degli idranti si era proceduto allo sgombero.
Successivamente si erano verificati scontri con le forze di polizia, mentre parte dei manifestanti avevano iniziato un corteo per le vie cittadine, bloccando il traffico.
Gli altri partecipanti, rimasti nei pressi del Varco IV, avevano proseguito in azioni violente fino a tarda sera scontrandosi più volte con le forze di polizia. Durante le indagini sono stati visionati diversi filmati e sono stati identificati alcuni soggetti più facinorosi, tra cui anche i leader dei movimenti negazionisti, i quali, conclude la Questura, hanno istigato i presenti a commettere reati.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ex Ilva: Procura contraria a dissequestro area a caldo
Istanza è stata avanzata da commissari Siderurgico il 30 marzo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TARANTO
16 maggio 2022
14:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Taranto ha espresso parere negativo in merito all’istanza di dissequestro degli impianti dell’area a caldo dello stabilimento siderurgico presentata il 30 marzo scorso dai legali dei commissari di Ilva in As alla Corte d’Assise che ha emesso la sentenza di primo grado del processo Ambiente Svenduto.
Il dissequestro degli impianti è una delle condizioni sospensive dell’accordo di investimento siglato il 10 dicembre 2020 tra Arcelor Mittal Holding Srl, Arcelor Mittal Sa e Invitalia.
Gli impianti furono sequestrati nel 2012 e fu poi concessa la facoltà d’uso.
Secondo i commissari straordinari di Ilva in As – tutt’ora proprietaria degli impianti – è cambiato lo scenario delle emissioni rispetto a dieci anni fa grazie ai lavori ambientali e ci sono i presupposti per revocare il sequestro. Di diverso avviso è la Procura. La decisione finale spetta alla Corte d’Assise.
Gli impianti furono sequestrati il 26 luglio 2012 in base a un’ordinanza che firmata dal gip Todisco nell’ambito dell’inchiesta per associazione per delinquere finalizzata al disastro ambientale, all’avvelenamento di sostanze alimentari e alla omissione dolosa di cautele sui luoghi di lavoro.
All’azienda fu poi concessa la facoltà d’uso. La Corte d’Assise di Taranto che ha ricevuto l’istanza è la stessa che l’1 giugno 2021 ha pronunciato la sentenza (ma le motivazioni non sono state ancora depositate) del processo ”Ambiente Svenduto” infliggendo 26 condanne (tra dirigenti della fabbrica, manager e politici) per 270 anni di carcere e disponendo la confisca degli impianti dell’area a caldo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dl Ucraina bis: slitta il voto in Aula alla Camera. Salvini da Draghi: ‘Altre armi non sono la soluzione’
Il voto è sulla questione pregiudiziale di Fdi al decreto Ucraina bis.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
08:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La votazione sulla pregiudiziale di Fdi al dl Ucraina bis si terrà domani alle 10: lo ha annunciato all’Assemblea di Montecitorio, “apprezzate le circostanze” il vicepresidente Andrea Mandelli.
La decisione è stata assunta sulla base del fatto che il numero legale sarebbe mancato per la terza volta a causa delle assenze dei deputati.
“Dalla discussione di oggi è emerso, sia nelle forze di maggioranza che in quelle di opposizione un senso di forte rammarico per il fatto che il testo sia arrivato ‘blindato’ e che verrà posta la questione di fiducia.
Il rammarico nasce dalla consapevolezza che i deputati non abbiano potuto esprimersi ed esercitare al meglio il loro ruolo”. Lo dichiara Nunzio Angiola, deputato di Azione e relatore al provvedimento all’esame della Camera. “Motivi di ulteriore recriminazione derivano anche dal fatto che la scadenza del decreto è fissata per il 20 maggio e che in commissione sia stata data appena un’ora per il deposito degli emendamenti e soltanto due per l’analisi e la votazione degli stessi. Un vero peccato perché la discussione tra i deputati, che in Senato ha portato a miglioramenti del testo, sarebbe stata un momento di confronto politico importante, pur in un momento molto delicato. Ci auguriamo perciò che questa anomalia non diventi la prassi e che nel frattempo, pur vivendo tempi difficili, continui a prevalere il senso di responsabilità da parte di tutte le forze politiche”, aggiunge Angiola.
“La maggioranza di Governo si è dimostrata estremamente superficiale su un provvedimento delicato come il decreto Ucraina. Le forze di Governo, nonostante possano contare sulla maggioranza più numerosa della storia della Repubblica Italiana, riescono a non permettere il raggiungimento del numero legale in Aula. Fratelli d’Italia è presente per rispettare il proprio ruolo d’opposizione costruttiva e per ricordare, alla maggioranza dei “migliori assenti”, che il lunedì è un giorno lavorativo…” Lo dichiara Maria Teresa Bellucci, deputato e capogruppo di Fratelli d’Italia in commissione Affari sociali della Camera.
“Mandare aiuti economici e militari all’Ucraina” inizialmente era “giusto e lo abbiamo votato con convinzione”. Ora “ulteriori invii di armi non penso siano la soluzione giusta. Il dialogo non si prepara con l’invio di altre armi”. Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini al termine dell’incontro con il premier Mario Draghi. Non comment. “Se la guerra va avanti” Salvini ha sottolineato anche un altro dato: “Anche in Italia ci sarà una “strage di posto di lavoro”.
Il colloquio – si legge in una nota – si è incentrato sulla recente visita negli Stati Uniti, nel corso della quale è stato riaffermato l’impegno dell’Italia per la pace attraverso il sostegno all’Ucraina, l’imposizione di sanzioni alla Russia, la rinnovata richiesta di un cessate il fuoco e dell’avvio di negoziati credibili.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Torino: caso Ream, Appendino assolta in appello
Ex sindaca piange in aula, lacrime liberatorie e di gioia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
16 maggio 2022
15:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Corte di Appello di Torino ha assolto l’ex sindaca Chiara Appendino dalle accuse mosse nell’ambito del processo Ream.
La pronuncia del giudice riguarda anche il suo capo di gabinetto Paolo Giordana e l’assessore al Bilancio Sergio Rolando.
In primo grado la Appendino era stata condannata a 6 mesi di reclusione per una ipotesi di falso.
Le accuse erano legate al mancato inserimento nel bilancio comunale di un debito di cinque milioni di euro maturato dalla città nei confronti della società Ream per la conversione dell’ex area Westinghouse. L’ex sindaca Appendino, in aula, ha accolto la sentenza in lacrime.
“Sono state lacrime liberatorie. Ma anche lacrime di gioia. È stata confermata la mia buona fede”, ha detto la prima cittadina. “E’ stata una pagina dolorosa – ha aggiunto – ma ora sono contenta e non vedo l’ora di riabbracciare la mia famiglia”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Giustizia: Tribunale Milano, adesione allo sciopero al 39%
Dati su giudici civili, penali e gip. Non su Procura e Appello
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 maggio 2022
16:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Al Tribunale di Milano, che comprende i giudici dell’area civile e penale e l’Ufficio gip, hanno aderito allo sciopero di oggi contro la riforma dell’ordinamento giudiziario, indetto dall’Anm, meno della metà dei magistrati e in particolare circa il 39% di loro.
E’ il dato fornito dalla stessa presidenza del Tribunale milanese, diretto dal reggente Fabio Roia.
I dati non si riferiscono alla Corte d’Appello e alla Procura milanese.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Editoria: Francesco de Core nuovo direttore de Il Mattino
Lo comunica Caltagirone Editore. Dal 2 giugno in carica.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 maggio 2022
16:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Caltagirone Editore comunica – in una nota – che, a decorrere dal prossimo 2 giugno, il Dott.

Francesco de Core sarà il direttore del quotidiano Il Mattino.

Il Dott. de Core ha ricoperto il ruolo di vice direttore del Corriere dello Sport-Stadio e in precedenza è stato caporedattore centrale a Il Mattino per oltre 10 anni. L’editore esprime un augurio di buon lavoro al Dott. de Core e ringrazia il direttore uscente Federico Monga per il lavoro svolto con forte impegno e professionalità.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Frattini a studenti, siate maestri di legalità
Denunciate bullismo,mettete al bando anche violenza parole
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 maggio 2022
16:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Siate maestri di legalità”.E’ l’invito e l’incoraggiamento che il presidente del Consiglio di Stato Franco Frattini ha rivolto agli studenti che hanno partecipato al concorso dedicato a questo tema che ha coinvolto le scuole di tutta Italia, nell’ambito di un progetto , promosso con il Ministero dell’Istruzione, nel ricordo di Falcone e Borsellino e dei tanti eroi civili della storia del nostro Paese.
Un discorso che vale tanto per la “legalità dell’antimafia, che questo nostro concorso vi ha spronato a conoscere, soprattutto nei suoi eroi”, ha detto Frattini, quanto per la “legalità che attraversa la nostra vita di ogni giorno “.

L’invito a essere “bravi maestri di legalità”, è a partire dalla vita quotidiana, “dalle relazioni che avete con amici e compagni di classe e di studio: mettendo al bando qualsiasi tipo di violenza, a cominciare da quella delle parole che ferisce l’integrità del nostro io ed allontana ed esclude gli altri anziché unirli a noi”. Non solo: “dovete diventare campioni di legalità contro il bullismo: per sradicare l’odio che si annida nelle parole, parole che hanno portato giovani e giovanissimi al suicidio. Denunciate: vi rende migliore dentro e fuori. I migliori siete voi se riuscite ad essere forti e irreprensibili contro queste forme di violenza verbale”, ha aggiunto il presidente del Consiglio di Stato. Tre le scuole premiate nel corso della cerimonia , che ha visto tra le altre la partecipazione dell’attrice Serena Autieri e di Pif, regista, attore e conduttore:si tratta dell’Istituto Don Milani di Randazzo (CT), del Liceo Umberto I di Palermo e dell’Istituto De Filippis – Galdi di Cava de’ Tirreni (SA).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Lombardia 1.440 nuovi casi e 19 decessi
Tasso di positività all’11,3%, ricoveri in calo nei reparti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 maggio 2022
16:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con 12.706 tamponi effettuati è di 1.440 il numero di nuovi positivi al Covid registrati in Lombardia, con un tasso di positività in discesa all’11,3% (ieri era al 12,2%).
Il numero dei ricoverati aumenta nelle terapie intensive (+2, 40) e cala nei reparti (-14, 876).
Sono 19 i decessi che portano il totale da inizio pandemia a 40.305.
Per quanto riguarda le province, a Milano sono stati segnalati 502 casi (di cui 264 in città), a Bergamo 119, a Brescia 233, a Como 80, a Cremona 18, a Lecco 27, a Lodi 18, a Mantova 52, a Monza e Brianza 143, a Pavia 79, a Sondrio 33 e a Varese 72.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Salvini da Draghi, riaffermato impegno pace
Sostegno Ucraina, sanzioni alla Russia, richiesta cessate fuoco
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 maggio 2022
17:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha incontrato oggi pomeriggio, a Palazzo Chigi, il segretario della Lega, Matteo Salvini.

Il colloquio – si legge in una nota – si è incentrato sulla recente visita negli Stati Uniti, nel corso della quale è stato riaffermato l’impegno dell’Italia per la pace attraverso il sostegno all’Ucraina, l’imposizione di sanzioni alla Russia, la rinnovata richiesta di un cessate il fuoco e dell’avvio di negoziati credibili.(segue)
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Santalucia (Anm), adesione a sciopero sopra il 60%
“Dati ancora parziali”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 maggio 2022
17:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Dai dati che ho io, e stanno ancora arrivando, l’adesione allo sciopero e’ di poco piu’ del 60%, 63-65%, a livello nazionale”.
Lo ha dichiarato il presidente dell’Associazione nazionale magistrati Giuseppe Santalucia, a ‘Timeline’ su Skytg24.
spiegando che si tratta di dati ancora parziali.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Salvini, ulteriori invii armi non sono soluzione
“Se guerra prosegue” anche in Italia “strage posti di lavoro”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 maggio 2022
17:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Mandare aiuti economici e militari all’Ucraina” inizialmente era “giusto e lo abbiamo votato con convinzione”.
Ora “ulteriori invii di armi non penso siano la soluzione giusta.
Il dialogo non si prepara con l’invio di altre armi”. Lo ha detto il leader della Lega Matteo Salvini al termine dell’incontro con il premier Mario Draghi. Non comment.
“Se la guerra va avanti” Salvini ha sottolineato anche un altro dato: “Anche in Italia ci sarà una “strage di posto di lavoro”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dl Ucraina bis: voto pregiudiziale slitta a domani alle 10
Decisione assunta per troppi deputati assenti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 maggio 2022
17:39
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La votazione sulla pregiudiziale di Fdi al dl Ucraina bis si terrà domani alle 10: lo ha annunciato all’Assemblea di Montecitorio, “apprezzate le circostanze” il vicepresidente Andrea Mandelli.
La decisione è stata assunta sulla base del fatto che il numero legale sarebbe mancato per la terza volta a causa delle assenze dei deputati.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Radicali lanciano referendum su inceneritore, ok da M5s
Timmermans con Gualtieri, a Pomezia Pd vota contro l’impianto
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
16 maggio 2022
18:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un referendum consultivo per coinvolgere i cittadini romani sulla scelta del termovalorizzatore.
Questa la proposta lanciata dai Radicali italiani al sindaco della Capitale che incassa l’ok di M5S.
“A Gualtieri chiediamo di consultare la città sul termovalorizzatore da 600mila tonnellate annue attraverso un referendum consultivo perchè la storia ci insegna che senza consenso popolare nessun impianto può essere costruito. Con una legittimazione popolare tutto sarebbe più semplice”, spiega Massimiliano Iervolino segretario dei Radicali italiani. “Non possiamo permetterci altri 5 anni di immobilismo” per questo “chiediamo di convocare referendum consultivo per aprire un dibattito in città. Se dovesse vincere gli eviterebbe critiche, perchè avrebbe legittimazione popolare”, ha aggiunto Iervolino.
La proposta dei radicali non si è rivolta solo a Gualtieri, il partito oggi ha infatti lanciato lo stesso appello “a Letta e a Conte, ma anche alle forze ambientaliste”. A rispondere alla chiamata referendaria anche i 5 stelle. “Condivido l’idea di coinvolgere la cittadinanza non solo per testare l’effettivo consenso sull’ipotesi di un inceneritore a Roma”, ha detto Roberta Lombardi, assessora M5S alla Transizione Ecologica e Trasformazione Digitale della Regione Lazio. L’assessora pentastellata, inizialmente a capo del fronte del no e ora la più aperta al dialogo con il sindaco, oggi ha sottolineato che il referendum non si deve tradurre “in un mero ‘aut aut’, nella forma assolutistica ‘inceneritore si’-inceneritore no'” ma deve avere “una funzione consultiva che dia la possibilità alle persone di esprimersi anche su una molteplicità di aspetti, come ad esempio il tipo di tecnologie disponibili e più idonee al raggiungimento degli obiettivi Ue di raccolta differenziata e di standard competitivi in fatto di economia circolare”.
Gualtieri intanto, a livello europeo incassa il benestare di Frans Timmermans: “Siamo in contatto con Gualtieri, dobbiamo trovare una soluzione” al problema dei rifiuti a Roma, “metterli in terra è una pessima soluzione”, ha detto il commissario al Green deal europeo sottolineando che una soluzione si può trovare anche “con un termovalorizzatore se fatto in modo sostenibile”.
Ma il fronte dem locale, almeno quello a ridosso di Roma e dunque più interessato all’impianto, mostra le prime crepe. Oggi il Pd di Pomezia, comune confinante con la zona di Santa Palomba dove dovrebbe sorgere il termovalorizzatore, in consiglio comunale ha votato un ordine del giorno, promosso da M5S, che di fatto si oppone all’impianto. Nei 19 voti a favore dell’Odg e contrari al termovalorizzatore compaiono anche i consiglieri di Fdi e Lega.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Venezia, vernice rossa e scritte sulla facciata del Redentore
Vandalismo nella notte, scritte apparentemente senza senso
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
16 maggio 2022
18:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La basilica del Santissimo Redentore a Venezia, chiesa palladiana che si staglia sul canale della Giudecca, è stata imbrattata nella notte da ignoti vandali che hanno dipinto una porzione della facciata di rosso.
Sopra la facciata sono state tracciate alcune scritte apparentemente senza senso, somiglianti a equazioni matematiche.
Il gesto è stato riportato sui social e ha fatto in breve il ‘giro’ della città, creando disappunto e sconcerto. In Campo del Redentore è posizionata una telecamera, che potrebbe aiutare le forze dell’ordine nel rintracciare i responsabili del gesto.
L’imbrattamento della facciata è capitato nella fascia tra le 22.00 e le 6.00 di questa mattina.Lo ha riferito Fra Gianfranco Tinello, superiore del convento e custode del tempio.”L’ultimo frate, che non ha notato nulla – ha proseguito il sacerdote – è passato ieri sera, mentre il primo che se n’è accorto è stato questa mattina, quando già c’era chi commentava il fatto. Poi sono state contattate le forze dell’ordine per le indagini”.
Il frate non si capacita dei motivi che hanno portato alla decisione: «Non ci sono motivi precedenti, ripicche o altre cose che possano esser capitate nei giorni scorsi. Il messaggio ha simboli matematici pare senza senso. Le risorse da destinare al ripristino della parete dovranno esser tolte alla promozione culturale e alla solidarietà delle famiglie, che con il Covid si sono trovate in difficoltà. Un fatto che spiace, perché sarebbe stato meglio non accadesse”. Allo stato attuale la vernice non è ancora stata rimossa, in attesa dell’inizio delle procedure di concerto con la Sovrintendenza.
“Qualunque sia il movente di un simile gesto, si tratta di una vera dimostrazione di ignoranza”. Così il Presidente del Veneto Luca Zaia commenta la notizia dell’imbrattamento dell’antico edificio di culto sull’isola veneziana della Giudecca. “Ignoranza – prosegue Zaia in una nota – del valore artistico della chiesa del Redentore, edificio palladiano, e dell’importanza identitaria che ha per Venezia e il Veneto; la festa che la vede da secoli protagonista a luglio è uno degli appuntamenti più importanti per la nostra terra. Gli inquirenti faranno luce su quanto è accaduto – conclude -. Intanto esprimiamo la più ferma condanna per un simile gesto oltraggioso e incivile”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Inchiesta rider: gip archivia, società si sono messe in regola
Pm Milano,hanno investito in salute e sicurezza circa 10 milioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
16 maggio 2022
18:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Si chiude con un’archiviazione, dopo che le società hanno adempiuto a tutte le prescrizioni per mettersi in regola e hanno versato ammende per un totale di 90mila euro, la maxi inchiesta ‘pilota’ della Procura di Milano, condotta dai carabinieri del Nucleo ispettorato lavoro, su quattro colossi del food delivery, Foodinho-Glovo, Uber Eats, Deliveroo e Just Eat, per presunte violazioni su aspetti di sicurezza e salute dei fattorini che fanno le consegne di cibo a domicilio.

Già a inizio dicembre si era saputo che i pm avevano chiesto l’archiviazione del fascicolo a carico di manager di Deliveroo (avvocati Nerio e Massimiliano Diodà), Just Eat (avvocato Andrea Puccio), Foodinho-Glovo (avvocati Severino-Pelanda) e Uber Eats (legali Francesco Sbisà e Vittorio Moresco).
Ora il gip Angela Laura Minerva ha accolto la richiesta avanzata dal pool guidato dall’aggiunto Tiziana Siciliano, che aveva fatto sapere che “il totale delle somme investite dalle società per la tutela della salute e la sicurezza dei rider interessati dalle prescrizioni impartite” è quantificabile “in una somma ragionevolmente pari a circa 10 milioni di euro complessivi”. Hanno rispettato, tra l’altro, le prescrizioni in materia di visite mediche, fornitura di Dpi, formazione e informazione sulla sicurezza.
Nel decreto il gip scrive di aver condiviso le “argomentazioni” dei pm e dà atto che le società hanno eliminato le violazioni e pagato le sanzioni per “un quarto del massimo dell’ammenda prevista”, con “l’effetto di estinguere il reato”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Auto: scattano gli incentivi, decreto in Gazzetta
Subito operativi, ‘aiuto’ per l’acquisto fino a 5.000 euro
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 maggio 2022
19:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scattano gli incentivi per l’acquisto di auto e moto ecologiche.
E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di oggi il decreto del Presidente del Consiglio contenente le norme per il “Riconoscimento degli incentivi per l’acquisto di veicoli non inquinanti”.
Il provvedimento, che è immediatamente operativo e quindi valido sugli acquisti effettuati oggi, prevede incentivi fino a 5.000 euro in caso di rottamazione per il quale sono previsti complessivamente quasi 2 miliardi di euro in tre anni: 650 milioni per ciascuno degli anni 2022, 2023 e 2024.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con il Covid anche l’esorcismo via Skype
‘La pandemia ha peggiorato le condizioni degli afflitti dal demonio’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CITTÀ DEL VATICANO
16 maggio 2022
19:03
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Covid ha creato problemi anche al lavoro degli esorcisti che hanno dovuto trovare nuovi metodi per seguire i loro ‘pazienti’ ma che hanno dovuto anche assistere ad un peggioramento delle condizioni delle persone che chiedevano di essere liberate da possessioni demoniache.
E’ quanto è emerso dalla ricerca presentata in apertura del corso sull’esorcismo e sulla preghiera di liberazione che si è aperto all’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum.

Si è assistito in questi due anni di pandemia alla nascita della preghiera a distanza “con indicazioni attraverso Whatsapp e Telegram, benedizioni ed esorcismi attraverso Skype e quarantene violate per curare comunque gli individui con i problemi gravi”, è stato spiegato dai ricercatori. In tutto questo è stato evidenziato “un peggioramento delle condizioni delle persone afflitte da possessioni, vessazioni, infestazioni” anche perché è stata impossibile tutta l’opera propedeutica che viene svolta dalla Chiesa prima di arrivare all’esorcismo vero e proprio. E’ infatti necessario verificare se si tratta di vera e propria possessione demoniaca o di problemi psicologici o psichiatrici che devono essere affrontati in modo diverso.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Antitrust: multe a mercato libero energia per oltre 4 mln
Sanzionate Ajò Energia, Bluenergy, Ubroker e Visitel
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
16 maggio 2022
20:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Maxi multa per un totale di oltre 4 milioni di euro da parte dell’Antitrust a quattro società che operano nel mercato libero dell’energia.
Secondo quanto pubblicato sul bollettino settimanale sono state sanzionate Ajò Energia (148.000 euro), Bluenergy (2 milioni di euro), Ubroker (1.880.000 euro) e Visitel (100.000 euro) per condotte ingannevoli, omissive e mancanza di trasparenza in merito all’indicazione dei costi di fornitura dell’energia elettrica e/o del gas nella prospettazione delle condizioni economiche di fornitura di energia elettrica e gas.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’omicidio di Luigi Calabresi 50 anni fa, il figlio Mario, non ha senso l’estradizione di Pietrostefani
Il capo dello Stato: “Calabresi servitore dello Stato fino al sacrificio”. Il figlio Mario: ‘Non ho più rabbia’. La moglie Gemma:’l’ho portato con me e riabilitato’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
10:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono stati 50 anni proficui, in cui l’ho portato con me e riabilitato”: le parole di Gemma Capra appaiono come il suggello a una giornata paradossalmente serena, seppur nel terribile ricordo dell’omicidio del marito, il commissario Luigi Calabresi, freddato da esponenti di Lotta Continua il 17 maggio 1972 a Milano, dove oggi si sono svolte le celebrazioni in occasione del 50/o anniversario dell’omicidio, alla presenza delle autorità e del Capo della Polizia, Lamberto Giannini.
“L’ho fatto vivere con me – ha detto la vedova al termine della messa di suffragio – con le sue passioni e oggi finalmente tutto il Paese guarda a lui come a un uomo onesto, le cose sono davvero cambiate'”.
“Io non ho fatto il lavoro che ha fatto mia madre, che è un percorso di perdono – ha detto il figlio Mario, presente insieme ai fratelli Paolo e Luigi – ho fatto un percorso di pacificazione e ho imparato a non coltivare la rabbia”. Lo ha detto commentando l’udienza che ci sarà domani a Parigi per decidere se dare l’estradizione a Giorgio Pietrostefani, uno degli organizzatori dell’agguato. “Ci siamo molto interrogati su questo – ha concluso – Oggi a noi che un uomo di 78 anni malato vada in carcere non restituisce niente, è un fatto simbolico ma non ha quasi più senso”.
Le celebrazioni sono cominciate alle 8.30 con la deposizione di una corona del Comune al cippo commemorativo che ricorda l’omicidio, in via Cherubini, sono proseguite alle 10 con una messa di suffragio presieduta dall’arcivescovo di Milano, Mario Delpini, nella chiesa di San Marco, dove si celebrarono i funerali nel 1972, alle 11 in Questura, alla presenza del Capo della Polizia e delle altre autorità e infine, alle 18.30, al teatro Gerolamo, alla presenza del ministro della Giustizia Marta Cartabia. “Sono trascorsi cinquant’anni dal criminale agguato terroristico che stroncò la vita del Commissario Luigi Calabresi, servitore dello Stato democratico fino al sacrificio. La Repubblica non dimentica i suoi caduti”, ha detto oggi il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.
IL RICORDO – la diretta dalle 18.30:

Un anno fa, in occasione del 49mo anniversario della morte, il figlio del commissario, il giornalista Mario Calabresi pubblicò una lunga intervista alla mamma Gemma Capra.
“Ogni 17 maggio alle nove e un quarto, io guardo l’ora e dico ‘ecco, adesso'”. “Adesso esce di casa, adesso lo uccidono – continua -. Credo di non aver saltato mai neanche un anno, di stare li’  ad aspettare quell’attimo. E per il resto, si’ , ho preso le distanze perche’  io sono convinta che la memoria sia molto importante ma la memoria non è  statica. La memoria ha le gambe, deve camminare e quindi dobbiamo farlo vivere nel presente ricordando il suo humor, i suoi scherzi. Perché era proprio un romano pieno di vita. E i suoi esempi, le sue testimonianze, le sue passioni. Ecco, questa é  la memoria portata nella vita di ogni giorno. Ma senza stare fermo a quel giorno, o a quello che ci hanno fatto perché  altrimenti non ne esci più “.
“Sono stati 50 anni proficui, in cui l’ho portato con me e riabilitato”. Lo ha detto Gemma Capra, la vedova di Luigi Calabresi, al termine della messa di suffragio che si è tenuta a Milano nel 50mo anniversario dell’omicidio del commissario di Polizia. “L’ho fatto vivere con me – ha proseguito – con le sue passioni e oggi finalmente tutto il Paese guarda a lui come a un uomo onesto, le cose sono davvero cambiate. Avevo detto ai mei figli all’inizio del processo – ha concluso – noi lo riabilitiamo. E lo abbiamo fatto”.
“Domani a Parigi ci sarà un’udienza del tribunale per decidere se dare l’estradizione a Giorgio Pietrostefani, uno degli organizzatori dell’omicidio di mio padre. Ci siamo molto interrogati su questo. Oggi a noi che un uomo di 78 anni malato vada in carcere non restituisce più niente. È importante dal punto di vista simbolico ma per noi non ha quasi più senso”: lo ha detto il giornalista Mario Calabresi a margine della cerimonia in memoria del padre Luigi. “Devo dire la verità – ha aggiunto – è importante che ci siano questi segni ma che succeda dopo 50 anni fa anche una certa impressione”. E comunque, ha proseguito Calabresi rispondendo ai cronisti, “io non ho fatto il lavoro che ha fatto mia madre che è un percorso di perdono – ha concluso – ho fatto un percorso di pacificazione e ho imparato a non coltivare la rabbia”.
“Proprio due giorni fa ho incontrato una persona per strada, un ragazzo che mi ha detto che era del Movimento studentesco e che incontrava mio padre quando andava fuori dall’università a parlare con gli studenti quando c’erano le occupazioni. Mi ha fatto piacere perché mi ha detto che era un uomo di dialogo, ecco così lo voglio ricordare”, ha aggiunto. “Ho due tipi di ricordi – ha aggiunto – quelli personali e di famiglia e poi i ricordi di tutto quello che c’è stato raccontato”. Questi anni “non sono passati invano, 50 anni sono tanti e questa deve diventare una cosa della storia, non più della cronaca – ha concluso – però il dato importante di questi 50 anni è che la figura di mio padre è ripulita e intorno a lui c’è serenità”.
IL MESSAGGIO DI MATTARELLA – “Sono trascorsi cinquant’anni dal criminale agguato terroristico che stroncò la vita del Commissario Luigi Calabresi, servitore dello Stato democratico fino al sacrificio. La Repubblica non dimentica i suoi caduti. La memoria è parte delle nostre radici ed è ragione e forza per le sfide dell’oggi. In figure come il Commissario Calabresi sono testimoniati valori che consentono all’intera comunità di progredire, di trovare l’unità necessaria nei momenti più difficili, di sentirsi responsabile verso le nuove generazioni”. Lo afferma il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le parole di Mattarella nella Giornata contro l’omofobia: “Rispetto ed uguaglianza non derogabili”
Per il Capo dello Stato “Educare ad una cultura della non discriminazione”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
10:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Questa Giornata internazionale chiede l’attenzione sulle violazioni alla dignità della persona motivate con orientamenti sessuali diversi dal proprio.
Occorre educare a una cultura della non discriminazione, per costruire una comunità che metta al bando ogni forma di prevaricazione radicata nel rifiuto delle differenze.
Il rispetto dei diritti di ogni persona, l’uguaglianza fra tutti i cittadini, sancita dalla nostra Costituzione e dagli ordinamenti internazionali che abbiamo fatto nostri, non sono derogabili”. Lo afferma il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione della giornata internazionale contro l’omofobia.
“Solidarietà e responsabilità – prosegue il Capo dello Stato – sono alla base della nostra comune convivenza. Solo la comprensione reciproca può portare alla piena accettazione di tutto ciò che è “altro” da sé e al riconoscimento di ciascuna individualità. Il messaggio di questa giornata è l’invito a rinnovare l’impegno al rispetto dell’altro e delle sue scelte: elementi alla base del vivere collettivo”.
“L’Europa è inclusività contro discriminazione. Libertà contro odio. Uguaglianza contro pregiudizio. Nella nostra Europa noi possiamo vivere come vogliamo e amare chi vogliamo.In questa giornata come ogni giorno l’Europarlamento è orgoglioso di difendere i diritti Lgbtqi+”. Lo scrive in un tweet la presidente dell’Europarlamento Roberta Metsola
“Credo in un’Europa di libertà e uguali diritti, dove la diversità viene celebrata come una ricchezza. In Italia non esiste ancora una Legge contro omofobia, bifobia e transfobia. Fermiamo l’odio e i pregiudizi. Approviamo il ddl Zan”. Lo scrive in un tweet la vice presidente del Parlamento europeo Pina Picierno.
“Nella giornata mondiale contro l’omofobia la biofobia e la transfobia il nostro impegno ancora più determinato ad approvare il Ddl Zan”. Lo scrive su Twitter il segretario del Pd, Enrico Letta
“Discriminare per orientamento sessuale o identità di genere non è giusto né normale. Educare al rispetto del prossimo, contrastare l’odio verso la comunità LBGTQIA+, affermare stessi diritti e doveri, questo è normale. È vivere in libertà e democrazia. Lo scrive sui social Laura Boldrini, deputata Pd e Presidente del Comitato della Camera sui diritti umani nel mondo.
“In Italia è ancora altissimo il numero di episodi di discriminazione e violenza ai danni delle persone LGBTQI+. Potrei ricordare che, anche quest’anno, l’Italia si è collocata ai gradini più bassi della Rainbow Map di Ilga Europe. O potrei parlare di tutto il lavoro che ancora c’è da fare, delle difficoltà della politica di dare risposte efficaci alla domanda di riconoscimento e giustizia che proviene dalle persone LGBTQI+ del nostro Paese. Ma voglio dedicare la giornata di oggi, invece, a chi non si arrende”. Lo scrive in un post su Facebook la senatrice Monica Cirinnà, responsabile Diritti del Pd.
“Sono passati 32 anni dal 17 maggio 1990, giorno in cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità rimuoveva l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali nella classificazione internazionale delle malattie. Da allora sono stati fatti passi importanti per la lotta all’omotransfobia ma sappiamo che ancora molto c’è da fare, che gli stereotipi di genere, i diritti negati, l’odio e le violenze sono fenomeni purtroppo ancora molto diffusi anche in Italia. Le manifestazioni di omotransfobia violano la dignità umana e comprimono la libertà e gli affetti delle persone: non solo oggi, ma tutti i giorni bisogna lavorare per una società aperta e inclusiva, contro ogni forma di violenza e discriminazione”. Così in una nota le parlamentari e i parlamentari del Gruppo Pari Opportunità del MoVimento 5 stelle.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Istat: export +22,9% anno,import +38,8%, giù vendite a Russia
Si allarga deficit energetico
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
10:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A marzo 2022 si stima una crescitacongiunturale per entrambi i flussi commerciali con l’estero, più intensa per le esportazioni (+1,7%) che per le importazioni (+1,3%).
Lo rileva l’Istat sottolineando che l’export cresce su base annua del 22,9% mentre l’import registra un incremento tendenziale del 38,8% A marzo 2022 il disavanzo commerciale è pari a 84 milioni di euro, a fronte di un avanzo di 5.190 milioni dello stesso mese del 2021.
Il deficit energetico (-8.065 milioni) è molto più ampio rispetto a un anno prima (-2.794 milioni) . E l’export verso la Russia a marzo su base annua diminuisce del 50,9%. Su base annua, i paesi che forniscono i contributi maggiori all’incremento dell’export nazionale sono Stati Uniti (con un aumento del 40,0%), Francia (+21,0%), Germania (+14,8%) e Svizzera (+32,2%).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dl Ucraina bis: Camera, il governo pone la fiducia
Lo ha annunciato nell’Aula della Camera il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
18:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il governo pone la fiducia a Montecitorio sul decreto legge Ucraina bis.
Lo ha annunciato nell’Aula della Camera il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà.
Si riunisce ora la conferenza dei capigruppo: dovrà esprimersi sul prosieguo dei lavori.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Giustizia: Renzi, sciopero è stato fallimento totale
“Dimostrazione ulteriore che nella magistratura qualcosa non va”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
10:47
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lo sciopero dei magistrati è stato “un fallimento totale, ma è solo l’inizio di un percorso.
E’ inutile: Bonafede era dannoso, la riforma Cartabia è inutile e il fatto che lo sciopero non abbia funzionato è la dimostrazione ulteriore che nella magistratura qualcosa non va”.
Lo ha detto il leader di Iv, Matteo Renzi, a Radio Leopolda.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: Salvini, sbarchi fuori controllo intervenga Draghi
Ministro Lamorgese cosa sta (o non sta) facendo?
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
10:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ma il ministro Lamorgese cosa sta (o non sta) facendo, mentre gli sbarchi sono fuori controllo e io sono a processo per averli quasi azzerati? Intendo chiedere a Draghi un impegno diretto, gli italiani non si meritano un’altra estate di caos e problemi”.
Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Omofobia: Mattarella, rispetto ed uguaglianza non derogabili
Educare ad una cultura della non discriminazione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
10:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Questa Giornata internazionale chiede l’attenzione sulle violazioni alla dignità della persona motivate con orientamenti sessuali diversi dal proprio.
Occorre educare a una cultura della non discriminazione, per costruire una comunità che metta al bando ogni forma di prevaricazione radicata nel rifiuto delle differenze.
Il rispetto dei diritti di ogni persona, l’uguaglianza fra tutti i cittadini, sancita dalla nostra Costituzione e dagli ordinamenti internazionali che abbiamo fatto nostri, non sono derogabili”. Lo afferma il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione della giornata internazionale contro l’omofobia.
Ucraina: Tajani, Cav uomo di pace nessun cambio di posizione
Per sedersi al tavolo della pace non bisogna inasprire i toni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
10:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Berlusconi è uomo di pace, ha detto in sostanza che per sedersi al tavolo della pace non bisogna inasprire i toni della polemica ma non c’è nessun cambio di posizionamento.
Forza Italia è dalla parte dell’Occidente, della Nato; però Berlusconi, che vorrebbe che si concludesse in tempi rapidi il conflitto in Ucraina, dice abbassiamo i toni che poi rischiando di isolare Putin e di porlo in una posizione di totale contrasto, si rischia di non arrivare ad un faccia a faccia, di sedersi intorno ad un tavolo per il cessate il fuoco.

Questa è la preoccupazione di Berlusconi, il messaggio era chiaro”. Lo afferma il coordinatore di Fi Antonio Tajani a radio 24.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Giornata contro omofobia, in un liceo di Ravenna il registro degli alias
La scuola apripista, iniziativa per “favorire il benessere psicologico”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
RAVENNA
17 maggio 2022
10:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A scuola con il nome d’elezione sul registro di classe.
È quanto potrebbe accadere presto al liceo artistico di Ravenna Nervi Severini, dopo l’annuncio fatto dalla scuola alla vigilia della Giornata contro l’omotransfobia.Come riporta la stampa locale, nella prossima riunione del Consiglio d’istituto sarà presentata la proposta per un nuovo regolamento che prevede il ‘carriera alias’.
L’istituto, cioè, indicherà in tutti i documenti interni a valore non ufficiale, a partire dal registro elettronico, il nome (e il genere) scelto dallo studente anche se diverso da quello riportato sulla carta d’identità.
Un’iniziativa che ha lo scopo di “favorire il benessere psicologico della persona”, spiega la scuola.
“La nostra azione parte da un paio di richieste ricevute e che ci sembra assolutamente corretto accogliere”, spiega il preside Gianluca Dradi che nel 2019 si era fatto conoscere perché non aveva voluto cancellare la scritta ‘il preside è gay’ apparsa su una parete per lanciare il messaggio che la falsa attribuzione non è offensiva.
La scuola è frequentata da una giovane conosciuta in zona per aver ottenuto il nome dell’elezione sull’abbonamento dell’autobus. “Ho ricevuto due richieste esplicite nel corso di studenti che vogliono essere chiamati col nome d’elezione”, racconta il dirigente scolastico. “Già ora i docenti chiamavano i ragazzi col nome d’elezione, ma vogliamo che questa non sia una concessione ma un diritto”. Nella scuola c’è anche uno studente che non si riconosce né nel maschile né nel femminile.
“Ci ha chiesto di chiamarlo per cognome e noi così facciamo”, afferma Dradi, il quale dice che il liceo si sta anche “attrezzando per l’individuazione di servizi igienici e spogliatoi dedicati in modo che tutti si possano trovare a loro agio”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Omofobia: Letta, impegno determinato per approvare ddl Zan
Lo sottolinea nella giornata mondiale contro omofobia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
10:57
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Nella giornata mondiale contro l’omofobia la biofobia e la transfobia il nostro impegno ancora più determinato ad approvare il Ddl Zan”.
Lo scrive su Twitter il segretario del Pd, Enrico Letta
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mattarella,Calabresi servitore dello Stato fino a sacrificio
Repubblica non dimentica i suoi caduti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
10:57
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono trascorsi cinquant’anni dal criminale agguato terroristico che stroncò la vita del Commissario Luigi Calabresi, servitore dello Stato democratico fino al sacrificio.
La Repubblica non dimentica i suoi caduti.

La memoria è parte delle nostre radici ed è ragione e forza per le sfide dell’oggi. In figure come il Commissario Calabresi sono testimoniati valori che consentono all’intera comunità di progredire, di trovare l’unità necessaria nei momenti più difficili, di sentirsi responsabile verso le nuove generazioni”.
Lo afferma il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.
“In questo giorno- prosegue Mattarella – si rinnova la solidarietà e la vicinanza del popolo italiano alla moglie e ai figli, costretti a pagare il prezzo più alto alla barbarie di un tempo drammatico, in cui il furore ideologico giunse all’estremo della ferocia e del disprezzo di ciò che è più umano. Il coraggio, la compostezza della moglie Gemma Calabresi Milite, dei tanti familiari delle vittime dei terrorismi, sono diventati negli anni pietre miliari di una ricomposizione della comunità attorno ai principi del rispetto, di una ricostruzione paziente del tessuto civile lacerato dalle morti di tanti uomini e donne dello Stato, di dirigenti, lavoratori e dall’odio che le bande del terrore seminavano con le loro azioni e le loro parole. La difesa di quelle libere istituzioni che i nostri padri ci avevano consegnato è avvenuta senza rinunciare in alcun modo ai diritti fissati nella Costituzione, nostra carta di identità nazionale. Un insegnamento che non va dimenticato, prezioso per i giovani, per aiutarli a costruire il futuro di cui saranno artefici e protagonisti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Traffico di droga e armi, 30 arresti in Lombardia
Ordinanza gip Monza anche per rapina, estorsione e riciclaggio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
SESTO SAN GIOVANNI (MILANO)
17 maggio 2022
11:10
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Trenta persone sono state arrestate dai carabinieri in varie province della Lombardia, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Monza, con accuse a vario titolo per traffico e illecita detenzione di armi da guerra e comuni, detenzione e traffico di stupefacenti, rapina, estorsione, furto, ricettazione e riciclaggio, a seguito di un’indagine dei carabinieri di Sesto San Giovanni (Milano).
Si tratta di un vasto gruppo criminale italiano che ha costituito una rete di spaccio di droga e di traffico di armi, destinate a criminali residenti in provincia di Milano e nel resto della regione.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Istat rivede al ribasso stima prezzi aprile, +6% anno
Bonus frena aumento prezzi energia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
11:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nel mese di aprile 2022, si stima chel’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registri una diminuzione dello 0,1% su base mensile e un aumento del 6,0% su base annua (da +6,5% di marzo) a fronte di una stima preliminare che era del +6,2%.
Lo rileva l’Istat.
Il rallentamento dell’inflazione su base tendenziale si deve prevalentemente ai prezzi degli Energetici (la cui crescita passa da +50,9% di marzo a +39,5%). Tale dinamica è dovuta per lo più all’inclusione del bonus energia (elettricità e gas) nel calcolo degli indici dei prezzi al consumo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Giornata contro l’omofobia: per under30 il 60% delle violenze è in famiglia
Gay help line, più del 50% delle segnalazioni proviene da under35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
11:42
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Passano dal 35% del 2021 al 42% le segnalazioni alla Gay help line per maltrattamenti e violenze in famiglia.
Più del 50% delle segnalazioni proviene da under35.
Nella fascia 13-29 anni il 60% dei maltrattamenti a sfondo omofobico avvengono in ambito familiare. Questi i numeri forniti dalla Gay help line che sottolinea come il 20% degli utenti fra 18 e 26 anni ha richiesto accoglienza presso Refuge Lgbt, la prima casa famiglia in Italia per giovani lgbt+ discriminati in famiglia. Anche in questo caso si evidenzia un rilevante incremento.
Dall’inizio del servizio sono stati accolti oltre 60 ragazzi e ragazze maggiorenni vittime di violenza familiare e segnalato molti minori ai servizi sociali. Il 35% segnala difficoltà di accesso o minori opportunità nel mondo del lavoro dopo il coming out.
Il 18% denuncia atti d’odio nei confronti di adulti nel contesto lavorativo o formativo. Il 15% riguarda mobbing, stalking e revenge porn sul posto di lavoro, che raddoppiano per le donne trans. Il 19% denuncia aggressioni e minacce e il 15% denuncia bullismo e atti discriminatori.
La quasi totalità – spiega Gay help line- sceglie di accedere ai servizi di Gay Help Line ma non denuncia formalmente alle autorità, perché dichiara di avere paura e non sentirsi abbastanza protetto. Nei casi di denuncia è risultata fondamentale la collaborazione con OSCAD soprattutto nel contrasto della violenza in famiglia a seguito del coming out. Rispetto al periodo pandemico, sono aumentate del 150% le richieste di supporto da parte di richiedenti asilo per orientamento sessuale e identità di genere, tornando ai numeri precedenti alla pandemia.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Amministrative: Letta, primo test vero di campo largo
La legislatura deve arrivare alla fine
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
11:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Queste elezioni amministrative sono il primo test vero e, in molti casi, nei comuni ci sono alleanze di campo largo” per il Pd.
Lo ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta, alla direzione del Pd, in corso al Nazareno.

“Le elezioni – ha poi aggiunto – devono svolgersi alla fine naturale della legislatura, per dare modo al governo, del quale convintamente facciamo parte, di svolgere fino in fondo la sua missione”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Centrodestra: oggi vertice Berlusconi-Salvini-Meloni
I leader attesi ad Arcore
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
11:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Si terrà oggi un vertice tra i leader del centrodestra.
Ad Arcore sono attesi per un pranzo di lavoro con Silvio Berlusconi, il presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni ed il leader della Lega Matteo Salvini.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Gelmini, spero Berlusconi sia stato frainteso
Se linea cambia si dica. Ambiguità di filoputinismo ci danneggia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
11:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non posso credere che il presidente Berlusconi abbia detto quelle parole.
Immagino sia stato frainteso.
Siamo un movimento politico filo atlantista, europeista e ci siamo chiamati in passato ‘Popolo della libertà’. Ma la libertà non può valere solo per noi: è un bene indivisibile, come ci ha insegnato proprio Berlusconi, e oggi è la libertà per la quale lottano gli ucraini. Se è cambiata la linea qualcuno dovrebbe dircelo”. Risponde così il ministro per gli Affari Regionali Mariastella Gelmini a chi le chiede un commento alle dichiarazioni di ieri sera di Berlusconi.
“Il tempo di Pratica di Mare – prosegue Gelmini – purtroppo è finito, e oggi ogni ambiguità di filoputinismo ci reca danno e incrina la necessaria unità del Paese: non possiamo mostrare esitazioni su questo perché così facendo agevoliamo la falsa narrazione russa e ci allontaniamo dal Partito popolare europeo e dai nostri alleati.
Io sto dalla parte dell’Ucraina, dei quaranta Paesi democratici che la stanno sostenendo, dell’Ue e della Nato e sono certa che Forza Italia ribadirà questa linea”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Iv: Renzi, non so se M5s ci sarà nel ’23. Noi al 10%
La leadership di Conte messa in discussione, non hanno una linea
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
11:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non so se il Movimento Cinque Stelle arriverà alle prossime elezioni del 2023.
Vediamo che fa il Pd.

La leadership di Conte, che è già una antinomia, credo sia messa in discussione, ma non dai giudici, ma dal fatto che non hanno una linea”. Lo afferma il leader di Italia Viva, Matteo Salvini, alla presentazione del suo libro ” Il Mostro “, edito da Piemme.
“Quanto a noi, tutto si muove velocemente. Prevedo che si voterà a maggio del 2023 e noi – aggiunge l’ex premier – abbiamo un ampio spazio politico. Penso che possiamo arrivare a un 10%: abbiamo dato le carte con il 4, figuriamoci con il 5% e molto di più”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Istat, rallenta l’inflazione: rivista al ribasso la stima dei prezzi di aprile
Il bonus frena l’aumento dei prezzi dell’energia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
16:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nel mese di aprile 2022, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo  per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registri una diminuzione dello 0,1% su base mensile e un aumento del 6,0% su base annua (da +6,5% di marzo) a fronte di una stima preliminare che era del +6,2%.
Lo ha rilevato l’Istituto nazionale di statistica.
Il rallentamento dell’inflazione su base tendenziale si deve prevalentemente ai prezzi degli Energetici (la cui crescita passa da +50,9% di marzo a +39,5%). Tale dinamica è dovuta per lo più all’inclusione del bonus energia (elettricità e gas) nel calcolo degli indici dei prezzi al consumo.
L’inflazione acquisita per il 2022 è pari a +5,2% per l’indice generale e a +2,0% per la componente di fondo. Su base annua rallentano i prezzi dei beni (da +9,8% a +8,7%), mentre accelerano quelli dei servizi (da +1,8% a +2,1%); si riduce quindi il differenziale inflazionistico negativo tra questi ultimi e i prezzi dei beni (da -8,0 punti percentuali di marzo a -6,6). I prezzi dei Beni alimentari, per la cura della casa e della persona accelerano (da +5,0% a +5,7%), mentre quelli dei prodotti ad alta frequenza d’acquisto rallentano (da +6,5% a +5,8%). Il lieve calo congiunturale dell’indice generale è dovuto ai prezzi degli Energetici regolamentati (-12,5%) e, in misura minore, di quelli non regolamentati (-3,9%), la cui diminuzione è in parte compensata dalla crescita dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (+2,8%), degli Alimentari lavorati (+1,6%), degli Alimentari non lavorati (+0,8%) e dei Beni non durevoli (+0,6%). L’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) registra un aumento su base mensile dello 0,4% e del 6,3% su base annua (da +6,8% nel mese precedente); la stima preliminare era +6,6%. L’aumento congiunturale dell’IPCA, a differenza del lieve calo registrato dal NIC, è spiegato dalla fine dei saldi stagionali prolungatisi in parte anche a marzo e di cui il NIC non tiene conto. L’indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI), al netto dei tabacchi, registra una diminuzione dello 0,2% su base mensile e un aumento del 5,8% su base annua.
“La stima definitiva di aprile – commenta l’Istat – accentua il rallentamento dell’inflazione registrato dai dati preliminari. Tale dinamica è imputabile per lo più all’inclusione del bonus energia (elettricità e gas) nel calcolo degli indici dei prezzi al consumo, resa possibile dalla disponibilità di stime sulla platea dei beneficiari (estesa dal primo aprile fino a comprendere circa 5 milioni di famiglie, 3 per il bonus elettricità e 2 per il bonus gas, con valenza retroattiva dal primo gennaio 2022). Le tensioni inflazionistiche continuano tuttavia a diffondersi ad altri comparti merceologici, quali i Beni durevoli e non durevoli, i Servizi relativi ai trasporti e gli Alimentari lavorati, con la crescita dei prezzi del cosiddetto “carrello della spesa” che si porta a +5,7%”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mafia: Fondazione Falcone, nessun candidato sarà invitato
“Chiunque potrà partecipare, presenza sarà scelta di campo”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
17 maggio 2022
12:24
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“In questi giorni da numerosi candidati alle prossime elezioni amministrative sono arrivate alla Fondazione Falcone richieste di invito a partecipare all’evento di ricordo delle vittime delle stragi di Capaci e Via D’Amelio del 23 maggio.
Si comunica che le celebrazioni, che si svolgeranno dalle 10 di mattina al Foro Italico, saranno aperte a tutta la cittadinanza che saremo lieti di accogliere numerosa.

La Fondazione, dunque, non inviterà nessun candidato, ma accoglierà chiunque vorrà partecipare affermando così con la sua presenza una precisa scelta di campo”. Lo scrive in una nota la Fondazione Falcone.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“In questi giorni da numerosi candidati alle prossime elezioni amministrative sono arrivate alla Fondazione Falcone richieste di invito a partecipare all’evento di ricordo delle vittime delle stragi di Capaci e Via D’Amelio del 23 maggio.
Si comunica che le celebrazioni, che si svolgeranno dalle 10 di mattina al Foro Italico, saranno aperte a tutta la cittadinanza che saremo lieti di accogliere numerosa.

La Fondazione, dunque, non inviterà nessun candidato, ma accoglierà chiunque vorrà partecipare affermando così con la sua presenza una precisa scelta di campo”. Lo scrive in una nota la Fondazione Falcone.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fi: Carfagna, partito sta bene ma no a parole in più e polemiche
“Bisogna lavorare per trovare un equilibrio interno migliore”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
17 maggio 2022
12:32
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Io penso che in questo momento FI abbia rilanciato e stia rilanciando molto bene la sua iniziativa all’esterno e ne sono prova le iniziative a Roma e quella di questo prossimo fine settimana a Napoli.
Probabilmente bisogna lavorare per trovare un equilibrio interno migliore, ogni parola in più non aiuterebbe la ricerca di soluzioni e alimenterebbe polemiche che in questo momento danneggiano l’immagine del partito”.
Così il ministro per il Sud Mara Carfagna a margine di Techagriculture, conferenza su nuove tecnologie e agricoltura in corso a Napoli, rispondendo ai cronisti sullo stato di salute del partito.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L.elettorale: Letta, cambiarla è fondamentale
Ma dobbiamo essere pronti ad andare al voto con questa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
12:32
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Io penso che, se ci riesce, dovrebbe essere tentato tutto il possibile per cambiare la legge elettorale, ma non perché intendiamo cambiare le alleanze, che si cambiano per convincimenti politici.
Un cambio della legge elettorale è fondamentale.
Ma dobbiamo essere pronti ad andare al voto con questa legge elettorale”. Lo ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta, alla direzione del Pd, in corso al Nazareno.
“Dobbiamo costruire una nostra capacità di continuare questo dialogo e costruire alleanze – ha quindi aggiunto – e questo va fatto qualunque sia la legge elettorale con la quale voteremo.
Il nostro partito è largamente consensuale, e io stesso lo sono, nei confronti di un cambiamento della legge elettorale”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Yellen a Ue, ‘unitevi a noi per sostenere economia Ucraina’
‘Fate stop totale a energia russa. Mettere Putin in difficoltà’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
17 maggio 2022
13:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Chiedo a tutti i nostri partner di unirsi a noi per aumentare il loro sostegno finanziario all’Ucraina.
I nostri sforzi congiunti sono fondamentali per garantire che la democrazia ucraina prevalga sull’aggressione di Putin”.
Lo dice la segretaria al Tesoro degli Stati Uniti, Janet Yellen, al Brussels Economic Forum, sottolineando che “il fabbisogno di finanziamento immediato dell’Ucraina è significativo”. Alla fine della guerra, aggiunge, “l’Ucraina avrà bisogno di un sostegno massiccio e di investimenti privati per la ricostruzione e il recupero”, come è stato per l’Europa dopo il 1945. Quanto a Mosca, secondo Yellen, “se Putin continua la sua atroce guerra, l’amministrazione Biden lavorerà” con l’Unione europea e gli altri partner “per spingere ulteriormente la Russia verso l’isolamento economico, finanziario e strategico” e “il Cremlino sarà sempre più costretto a scegliere tra sostenere la propria economia e finanziare la brutale guerra di Putin”.
“So che l’Europa sta affrontando una situazione particolarmente difficile” sul fronte dell’energia e “lodo i leader europei per la loro proposta di eliminare gradualmente tutte le forniture energetiche russe entro sei mesi”, ha poi detto la ministra Usa. “La Russia sta usando l’energia come arma contro coloro che si oppongono alla sua aggressione”, evidenzia Yellen, assicurando che “gli Stati Uniti si impegnano a collaborare con l’Europa” per soddisfare le sue esigenze energetiche “rompendo la dipendenza dall’energia russa”. E ciò include “l’aumento dell’export di Gnl in Europa”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Infiltrazioni ‘ndrangheta, commissariato colosso logistica
Amministrazione giudiziaria per filiale italiana DB Schenker
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
17 maggio 2022
12:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Finisce in amministrazione giudiziaria per presunte infiltrazioni della ‘ndrangheta la filiale italiana del colosso tedesco della logistica e dei trasporti DB Schenker, che conta in Italia 1.400 dipendenti, 37 filiali e centinaia di milioni di euro di fatturato all’anno.
A disporre il controllo giudiziario, in base all’art.
34 del codice antimafia, è stata la Sezione autonoma misure di prevenzione del Tribunale di Milano, che ha accolto le richieste dei pm della Dda Silvia Bonardi e Paolo Storari dopo gli accertamenti della GdF e dei carabinieri. Lo stesso provvedimento è stato applicato anche ad un’altra azienda, la Aldieri spa.
A quanto si è saputo, un uomo condannato per reati di ‘ndrangheta sarebbe riuscito a piazzare la moglie all’interno della filiale italiana del gruppo tedesco e così sarebbe riuscito ad infiltrarsi in lavori della società.
Da qui la misura di prevenzione dell’amministrazione giudiziaria decisa dalla Sezione misure di prevenzione presieduta da Fabio Roia, su richiesta della Dda milanese, guidata da Alessandra Dolci, e dopo le indagini del Gico (Gruppo investigazione criminalità organizzata) della GdF di Milano e dei carabinieri di Como. Anche la Aldieri spa si occupa di trasporti e logistica.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Salvini,mandare armi crea disoccupazione da noi
Rischio autunno e inverno di tensione sociale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
12:39
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Le armi rinviano la pace e creano morte oltreconfine e disoccupazione in Italia.
C’è il rischio di avere un autunno e un inverno di tensione sociale, licenziamenti e chiusure di massa, quindi prima finisce la guerra e meglio è”.

Così il leader della Lega Matteo Salvini dopo l’incontro con i sindacati.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tajani, FI non ha due linee politiche, unità con Berlusconi
‘Gelmini capodelegazione, non credo sia sottodimensionata’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
17 maggio 2022
12:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non vedo differenze di linea politica all’interno di FI.
Ci possono essere visioni differenti come in tutti i partiti.
L’unità si crea attorno a Silvio Berlusconi come è sempre stato, non vedo problemi così gravi”.
Lo ha sottolineato il coordinatore nazionale di FI Antonio Tajani rispondendo ad una domanda sulle tensioni tra gli azzurri in un punto stampa al Parlamento europeo.
“”Se tutto riguarda la sostituzione di un coordinatore bravo (Salini, ndr)…ma Berlusconi ha sempre scelto lui i coordinatori, è previsto dallo statuto e si è sempre dimostrato saggio. Il ministro Gelmini ricopre l’incarico più importante dopo Berlusconi, essendo capo delegazione al governo e non credo che ci sia un sottodimensionamento della sua persona”, ha aggiunto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Crac Fse: chiesto giudizio per vertici Bnl, Mit parte civile
Vertici banca accusati di avere aggravato situazione debitoria
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
17 maggio 2022
12:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con la costituzione di parte civile del Ministero dei Trasporti, Regione Puglia, Ferrovie del Sud Est e Ferrovie dello Stato, è cominciata davanti alla gup del Tribunale di Bari Valeria Isabella Valenzi l’udienza preliminare nei confronti di 20 imputati per il crac delle ferrovie Sud Est per i quali la Procura di Bari ha chiesto il rinvio a giudizio: l’ex amministratore delegato di Bnl Fabio Gallia, altri 18 tra ex e attuali dirigenti e funzionari dell’istituto di credito, e l’ex commissario governativo, legale rappresentante e amministratore unico di Fse, Luigi Fiorillo.
Gli imputati rispondono, a vario titolo, di bancarotta fraudolenta impropria per effetto di operazioni dolose ai danni di Fse e bancarotta fraudolenta preferenziale in favore di Bnl, con riferimento al crac della società di trasporti pugliese, commissariata dopo la gestione Fiorillo e poi acquistata da Ferrovie dello Stato.

I fatti contestati risalgono agli anni 2009-2016, ma i reati di bancarotta ipotizzati sono datati 16 gennaio 2017, data di ammissione di Fse al concordato. Nell’inchiesta della Guardia di Finanza si ipotizza che le condotte dei funzionari dell’istituto di credito abbiano aggravato la situazione debitoria di Fse attraverso la concessione di finanziamenti, il mantenimento di linee di credito in favore della società in dissesto e l’assenza di controlli sulla destinazione delle somme erogate. In udienza il procuratore Roberto Rossi ha formalizzato la richiesta di rinvio a giudizio per 19 imputati (la decisione della gup è prevista per il 21 giugno), mentre il 27 settembre discuterà la posizione dell’unico imputato che ha chiesto il rito abbreviato, Silvestro Demurtas, all’epoca funzionario responsabile Finanziamenti Corporate della Divisione Corporate Banking di Bnl.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: in Molise 95% over 80 senza quarta dose
Allarme per le adesioni a rilento, fanalino di coda in Italia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAMPOBASSO
17 maggio 2022
12:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In Molise la stragrande maggioranza degli over 80 resta senza la quarta dose ed è allarme per come le adesioni stiano andando a rilento.
Complice il fatto che gli anziani non vengono convocati, ma devono spontaneamente prenotarsi, ad oggi in regione sono appena 1.636 gli over 80 che hanno ricevuto la quarta dose.
Oltre il 95 per cento di loro ha scelto al momento di soprassedere e così il Molise è in Italia fanalino di coda con circa il 5 per cento mentre in testa c’è il Piemonte con l’87 per cento.
Così la situazione è variata tra la prima è la quarta dose proprio nei più anziani: più di 25mila over 80 hanno avuto la prima somministrazione, per la seconda il dato è sceso poco al di sopra di 24mila e per la terza si è scesi a sotto quota 22mila. Poi il tracollo con la quarta dose a quota 1.636.
Nell’ultimo mese in Molise in media ci sono state appena 70 somministrazioni al giorno. Complessivamente le quarte dosi, includendo anche i fragili, sono ad oggi 2.637.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mario Calabresi, ho imparato a non coltivare la rabbia
‘Estradizione Pietrostefani? Per noi non ha quasi più senso’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
17 maggio 2022
13:08
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Io non ho fatto il lavoro che ha fatto mia madre che è un percorso di perdono – ha concluso – ho fatto un percorso di pacificazione e ho imparato a non coltivare la rabbia”.
Così Mario Calabresi a margine della cerimonia in memoria del padre Luigi, ucciso a Milano 50 anni fa.
Lo ha detto commentando l’udienza che si sarà domani a Parigi “per decidere se dare l’estradizione a Giorgio Pietrostefani, uno degli organizzatori dell’omicidio di mio padre. Ci siamo molto interrogati su questo. Oggi a noi che un uomo di 78 anni malato vada in carcere non restituisce più niente”. È un fatto simbolico “ma per noi non ha quasi più senso”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Banche: Abi, tassi in salita ma non frena domanda per mutui
Torriero, impatto limitato su mercato in ripresa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
15:05
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I tassi di interesse sui nuovi mutui bancari salgono ad aprile a quota 1,82% (escluse oneri e spese) ma restano “su livelli molto bassi” e la domanda per l’acquisto di abitazioni prosegue .
E’ quanto afferma l’Abi nel suo rapporto mensile sottolineando come a marzo i prestiti alle famiglie per i mutui casa sono cresciuti del 5,2%.
Come ha spiegato il vice dg Gianfranco Torriero nella presentazione dei dati, “l’aumento è di pochi decimi di punto e impatta sulla rata” in maniera llimitata ma non frena “la volontà di richieste dei mutui che invece beneficiano di un mercato immobiliare in ripresa” anche “sotto forma di investimento”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: mille casi in più e 5 decessi in Sardegna
Tasso positività 18,8%, in calo i ricoveri in intensive, 10 (-2)
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
17 maggio 2022
15:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nuova impennata di contagi da Covid in Sardegna, dove nelle ultime 24 ore si registrano 1.714 casi confermati (un migliaio in più dell’ultima rilevazione), di cui 1.553 diagnosticati da antigenico.

Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 9.074 tamponi con un tasso di positività che scende però dal 30,4% al 18,8%.

In calo i ricoveri nei reparti di terapia intensiva, 10 (-2), mentre i pazienti ricoverati in area medica sono 236 (+ 2). Le persone in isolamento domiciliare sono 23.815 (- 350).
Si registrano cinque decessi: una donna di 83 anni e un uomo 90, residenti in provincia di Nuoro; una donna di 70 anni e due uomini di 76 e 84 anni, residenti nella provincia del Sud Sardegna.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Conte e Letta domani a pranzo con premier Finlandia
Primo ministro finlandese a Roma per incontrare Draghi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
15:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il segretario del Pd, Enrico Letta, e il presidente del M5s, Giuseppe Conte, domani parteciperanno a un pranzo con il primo ministro finlandese, Sanna Marin, che sarà a Roma per incontrare il presidente del Consiglio, Mario Draghi.
E’ quanto viene confermato da fonti Pd e del M5s.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Crolla pezzo intonaco da soffitto aula, nessun bimbo ferito
Consigliere comunale,tetto sistemato 6 mesi fa. Borrelli, è grave
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
17 maggio 2022
16:03
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un pezzo di intonaco di circa 40 centimetri si è staccato stamattina dal soffitto di un’aula del plesso Rodari di Caivano, in provincia di Napoli: i bambini erano appena usciti per andare in sala mensa, nessuno è rimasto quindi coinvolto dal crollo.
Se fossero stati presenti si sarebbero rischiate conseguenze visto che il pezzo di intonaco ha colpito tre-quattro banchetti.
Sul posto è intervenuto anche l’ufficio manutenzione della Polizia locale.
“. Parliamo di un tetto che è stato sistemato appena sei mesi, come è possibile che sia successo tutto questo?”, dice Gaetano Ponticelli presidente del Consiglio d’Istituto e consigliere Comunale di Caivano (Napoli). “Per fortuna i nostri figli non erano in classe perché in sala mensa altrimenti ci saremmo potuti trovare davanti a una tragedia”, hanno riferito, al consigliere regionale di Europa verde, Francesco Emilio Borrelli, i genitori dei bimbi del Plesso Rodari di Caivano. “E’ una vicenda gravissima -spiega Borrelli – per la quale abbiamo chiesto spiegazioni all’amministrazione della scuola per capire come sia stata possibile una cosa del genere.”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Esercitazione Nato in Sardegna: spiagge non interdette
Off limits solo tratti di mare al largo della costa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
17 maggio 2022
16:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’esercitazione della Marina militare Mare Aperto 2022, che vede coinvolti oltre 4.000 tra donne e uomini di sette nazioni della Nato e 65 tra navi, sommergibili, elicotteri e velivoli che cittadini e turisti vedono transitare davanti alle coste del sud Sardegna, non sta frenando i preparativi per la stagione estiva e nemmeno chi ha già trascorso giornate sotto l’ombrellone.
La simulazione, che si svolge da decenni nell’Isola due volte l’anno, avviene in mare aperto ma non troppo distante da rinomate località turistiche come Porto Corallo, nel comune di Villaputzu, Villasimius, Porto Pino, nel territorio di Sant’Anna Arresi, Santa Margherita di Pula.
Le spiagge non sono off limits e sono già popolate di residenti e turisti. Stop alla navigazione, alla pesca e alla balneazione invece 17 specchi d’acqua a diverse miglia dalle coste, come previsto dall’ordinanza numero 76 della Capitaneria di porto del 5 maggio scorso e poi modificata il 16.
“Le nostre spiagge non sono interdette – conferma il sindaco di Villasimius Luca Dessì – si sta facendo solo cattiva pubblicità”. Dello stesso avviso Sandro Porcu, primo cittadino di Villaputzu. “I litorali della nostra costa sono aperti – ribadisce – già questo fine settimana erano pieni di gente.
L’interdizione avviene al largo, lontana dalla costa e non crea alcun problema alla balneazione”. Per quanto riguarda la spiaggia di Murtas, chiusa in inverno, “sarà riaperta l’1 giugno”, precisa Porcu. Spiagge aperte e già affollate anche sul litorale di Muravera.
La Sardegna ha la più alta percentuale in Italia di servitù militari. il 61% con circa 35 mila gli ettari di territorio vincolati dalle stellette. E ha anche i tre poligoni più grandi d’Europa, Teulada, Quirra e Capo Frasca. Durante le esercitazioni viene interdetto alla pesca uno specchio di mare di oltre 20 mila chilometri quadrati. Da anni contro le servitù e i ‘giochi di guerra’ nel mare di Sardegna si battono gli antimilitaristi: domenica 22 maggio la prossima protesta con una manifestazione contro le basi a Sant’Anna Arresi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dal Cdm via libera alla riforma della giustizia tributaria
E al contratto di servizio con la Rai
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
19:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Consiglio dei ministri, a quanto si apprende da fonti ministeriali, ha dato il via libera all’unanimità sia all’atto di indirizzo per la definizione delle linee guida sul contenuto del contratto di servizio Rai 2023-2028, sia al disegno di legge con le disposizioni in materia di giustizia tributaria.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Lazio, 4.111 nuovi positivi e 8 morti
I casi a Roma città sono a quota 2.085
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
17 maggio 2022
16:16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Oggi nel Lazio su 7.362 tamponi molecolari e 27.473 tamponi antigenici per un totale di 34.835 tamponi, si registrano 4.111 nuovi casi positivi (+2.366), sono 8 i decessi (-5), 800 i ricoverati (-18), 53 le terapie intensive (+2) e +5.421 i guariti.
il rapporto tra positivi e tamponi è al 11,8%.
I casi a Roma città sono a quota 2.085”. Lo comunica in una nota l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Premi: i vincitori del Premiolino di giornalismo
Si sono contraddistinti per libertà e indipendenza
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
16:19
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In occasione della 62ª edizione, la Giuria de ‘Il Premiolino’ di giornalismo si è riunita a Milano nei giorni scorsi, ha discusso le candidature e proceduto alla votazione.
Questi dunque i vincitori dell’edizione 2022 assegnati a un gruppo selezionato di giornalisti della carta stampata, radio, e televisione e dei nuovi media che si sono distinti per l’impegno professionale e per la difesa della libertà di stampa.

Gabriele Micalizzi, fotoreporter indipendente da anni in prima linea per i reportage da Mariupol sulla distruzione del teatro e dal sottosuolo delle acciaierie Azovstal trasmessi da Piazza Pulita – La 7;
Domenico Iannacone per il programma a puntate di Rai 3 “Che ci faccio qui” ;
Luigi Garlando in occasione del trentesimo anniversario della strage di Capaci per il libro “Per questo mi chiamo Giovanni” e per la pubblicazione dell’intervista al collaboratore di giustizia, Gaspare Mutolo, sul settimanale Oggi;
Francesco Costa, vicedirettore de Il Post per “Morning”, la rassegna stampa in formato podcast;
Marta Serafini entrata al ‘Corriere della Sera’ nel 2007 e dal 2015 alla redazione Esteri per il diario di guerra da Odessa;
Silvia Sciorilli Borrelli corrispondente per l’Italia del Financial Times per il suo impegno nel giornalismo d’inchiesta e come opinionista sui temi economici;
Luca Steinmann per i servizi sulla guerra nel Donbass dal fronte russo per lo Speciale TgLa7 e per La Repubblica e per Limes.

Il Premio BMW SpecialMente per l’inclusione sociale, giunto alla sua quarta edizione, è stato assegnato a Fiamma Satta per il programma ‘A spasso con te’ in onda su Rai 3.

La Giuria del ‘Premiolino’ di giornalismo è composta da: Chiara Beria di Argentine (presidente), Piero Colaprico (vicepresidente), Giulio Anselmi, Ferruccio de Bortoli, Milena Gabanelli, Massimo Gramellini, Enrico Gramigna, Enrico Mentana, Donata Righetti, Valeria Sacchi, Beppe Severgnini, Gian Antonio Stella, Carlo Verdelli e Roberto Olivi per BMW Italia.

La cerimonia di premiazione dell’edizione 2022 si svolgerà lunedì 12 settembre presso il Giardino della Triennale di Milano.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gas: Eni, pagherà in euro; apre 2 conti in Russia
Senza accettazione modifiche unilaterali dei contratti in essere
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
16:25
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Eni continuerà a pagare il gas russo in euro ma ha avviato la procedura per l’apertura di due conti, uno in euro e uno in rubli, presso Gazprom Bank “senza accettazione di modifiche unilaterali dei contratti in essere”.

Lo rende noto Eni spiegando che “l’apertura dei conti avviene su base temporanea e senza pregiudizio alcuno dei diritti contrattuali della società, che prevedono il soddisfacimento dell’obbligo di pagare a fronte del versamento in euro.
Tale espressa riserva accompagnerà anche l’esecuzione dei relativi pagamenti”.
I due conti correnti denominati K, sono stati aperti in accordo con le le istituzioni italiane e nel rispetto del quadro sanzionatorio internazionale, nel contesto di un confronto in corso con Gazprom Export” a carico della quale sarà, precisa Eni, “ogni eventuale costo o rischio connesso alla diversa modalità esecutiva dei pagamenti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Alta tensione sul gas russo, l’Eni apre un conto in rubli
L’Ue minaccia sanzioni. Putin, l’Occidente sta attuando un suicidio energetico
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
09:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Due conti presso Gazprombank.
Il primo in euro, il secondo in rubli, come richiesto da Mosca.
Dopo giorni di consultazioni e di tensioni sottotraccia con Bruxelles, l’Eni annuncia l’avvio di quella procedura per pagare il gas russo che anche altre aziende europee – forse con maggior discrezione – stanno parallelamente adottando. La mossa del cane a sei zampe, tuttavia, rende plastico lo scontro con l’Ue. Da un lato c’è la Commissione, secondo la quale pagare in rubli e aprire un conto in moneta russa è una violazione delle sanzioni. Dall’altra ci sono le (tante) società europee che, come Eni, affermano di agire nel rispetto del regolamento comunitario visto che, pur aprendo il secondo conto in rubli, pagheranno il gas di Mosca comunque in euro. Poche ore prima dell’annuncio di Eni, interpellato ancora una volta sulla complicata questione di come pagare il gas russo senza violare le sanzioni, il portavoce della Commissione Eric Mamer sottolineava che versare rubli a Mosca o aprire un secondo conto in rubli – come richiesto dal decreto emanato dal Cremlino il 31 marzo scorso – va “oltre le indicazioni date agli Stati membri”.

Certo, non spetta all’esecutivo europeo ma a ciascuna capitale vigilare sull’applicazione delle sanzioni. Ma “le sanzioni hanno un obbligo legale e in caso contrario la Commissione può aprire la procedura d’infrazione”, precisava Mamer. Per molte aziende europee il dado però è già tratto. Eni, con la scadenza della fattura di maggio in arrivo il 20, ha annunciato l’apertura dei due conti ‘K’ chiarendo “che l’adempimento degli obblighi contrattuali” con Gazprom “si intende completato con il trasferimento in euro” presso la banca del colosso russo. E la sua non è stata certo una mossa improvvisa. “La decisione – ha sottolineato il gruppo – è stata condivisa con le istituzioni italiane”. Del resto, il cane a sei zampe non ha fatto altro che muoversi in quella “zona grigia” che, da Washington, lo stesso premier Mario Draghi aveva rilevato sul tema. Tanto che le linee guide emanate dall’Ue per le aziende a fine aprile sono state considerate, da Roma e altri capitali, insufficienti. La Commissione, tuttavia, ha deciso di non elaborare un nuovo vademecum ma di aggiornare, con una nota interpretativa, quello esistente.

E secondo le indicazioni di Bruxelles il gas russo va pagato nella divisa indicata dai contratti con Gazprom, ovvero euro o dollari. A questo proposito le aziende sono chiamate a fare una dichiarazione pubblica in cui affermano che gli oneri contrattuali sono rispettati con il pagamento in euro o dollari. Nella nota interpretativa, inoltre, non è specificato nero su bianco se aprire un secondo conto in rubli presso Gazprombank violi le sanzioni. E ciò, a diverse aziende e cancellerie europee, non è sfuggito. C’è da dire che lo scorso 2 maggio, in una lettera ai clienti, Gazprom aveva corretto il tiro del Cremlino assicurando che nella conversione dagli euro ai rubli richiesta dal decreto, la Banca Centrale russa, soggetta alle sanzioni Ue, non ci sarebbe neanche entrata. In tanti hanno colto al volo l’offerta di compromesso. “La nostra decisione rispetta il quadro sanzionatorio internazionale”, ha precisato Eni. Alla querelle ci sono diverse appendici. La prima è che, per l’apertura di una procedura d’infrazione, ammesso che sia possibile giuridicamente, ci vogliono mesi o anni. La seconda sta nelle parole del ministro delle Finanze tedesco Christian Lindner: senza gas l’industria di Paesi come la Germania si ferma. E’ un rischio che a Parigi, Roma, Vienna o Budapest hanno ben presente e hanno fatto più volte presente a Bruxelles, innescando l’ira dei falchi anti-russi, Polonia su tutti. Lo scontro rischia di allungare l’impasse sull’embargo al petrolio che l’Ungheria vuole portare al tavolo del vertice del 30 e 31 maggio. Sarà un summit in salita per i leader Ue chiamati a salvaguardare quell’unità che, di fronte alla carestia energetica, rischia di squagliarsi. Con un’idea, che, da qualche giorno, circola tra i corridoi di Bruxelles: “Con la Russia in difficoltà militare, forse, l’urgenza delle sanzioni non è neanche più così necessaria”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Infanzia: in Emilia-Romagna inglese dal nido per 13.900 bimbi
Bonaccini, dovrebbe diventare una politica nazionale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
17 maggio 2022
16:38
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dal prossimo anno scolastico, in 262 nidi e in 38 scuole dell’infanzia dell’Emilia-Romagna i bambini e le bambine cominceranno a imparare l’inglese, 13.900 quelli coinvolti.
La Regione ha deciso di stanziare risorse per triplicare il progetto sperimentale avviato già quest’anno “Sentire l’inglese”, che ha già visto partecipare 75 nidi, 3500 bimbi e 525 operatori, un’esperienza unica in Italia per estensione territoriale e numeri.

L’obiettivo è avvicinare i più piccoli a un’altra lingua, riconoscendone prima il suono, poi imparando a collegare le parole agli oggetti più comuni, in un contesto di gioco.
“I bambini di oggi quando entreranno un domani nel mercato del lavoro o della ricerca saranno più forti se una lingua straniera la conosceranno al pari o quasi della lingua madre- ha commentato il presidente dell’Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, facendo il punto sul progetto-pilota, al nido Mazzoni di Bologn a- credo che dovrebbe essere una politica nazionale, non lasciata alla buona volontà di una singola regione”.
Volontà che è quella di portare nei prossimi anni l’inglese in tutti i nidi e in tutte le scuole dell’infanzia del territorio. Il progetto è stato realizzato in collaborazione con il Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Università di Bologna, che si è occupato della formazione degli educatori: saranno oltre 1800 quelli coinvolti nel prossimo anno scolastico.
Per la vice-presidente della Regione con delega al Welfare, Elly Schlein “l’esperienza sta funzionando bene, è utile anche per l’inclusione sociale. Se ci si abitua da subito a un ambiente plurilingue, si rendono più solide le capacità di apprendimento future dei bambini”. Bonaccini ha colto l’occasione per ribadire l’impegno della Regione sull’azzeramento delle liste d’attesa ai nidi: “E’ vero che siamo una delle regioni in Europa con più posti nei nidi, ma c’è una percentuale di famiglie che è rimasta fuori, bisogna sempre migliorare”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Lombardia tasso di positività in crescita al 12,5%
Sono 6.963 i nuovi casi, 26 i decessi, aumentano ricoveri
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
17 maggio 2022
16:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con 55.669 tamponi effettuati, sono 6.963 i nuovi casi positivi in Lombardia con il tasso di positività in salita al 12,5% (ieri 11,2%).
Sono in calo i ricoverati in terapia intensiva (-3, 37), mentre aumentano i ricoverati nei reparti ordinari (+36, 912).
I decessi sono 26 per un totale complessivo di 40.331 morti in regione dall’inizio della pandemia.
Per quanto riguarda le province, sono 2.213 i nuovi positivi nella Città metorpolitana di Milano, di cui 872 a Milano città, 939 a Brescia, 639 a Bergamo, 604 a Monza e Brianza, 548 a Varese, 417 a Mantova, 403 a Como, 361 a Pavia, 234 a Lecco, 158 a Cremona, 151 a Lodi e 95 a Sondrio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Spagna: ok del Cdm a congedi mestruali coperti dallo Stato
Ministra: ‘Non si andrà più a lavoro imbottite di pillole’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MADRID
17 maggio 2022
16:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Primo via libera dal Consiglio dei ministri in Spagna al progetto di legge sui diritti “sessuali e riproduttivi” delle donne che include congedi per mestruazioni “dolorose” e “invalidanti” coperti dallo Stato.
Dopo giorni di dibattito, la conferma ufficiale è arrivata in conferenza stampa dalla ministra delle Pari Opportunità, Irene Montero.
“È finito il tempo di andare a lavoro imbottite di pillole e dover nascondere che nei giorni del ciclo patiamo un dolore che ci impedisce di lavorare”, ha detto. “Siamo il primo Paese d’Europa a regolamentare permessi speciali temporanei per mestruazioni dolorose pagati interamente dallo Stato”, ha aggiunto., “la condizione (per accedervi) è che, legato questo ciclo doloroso, esista un dolore invalidante, che in molti casi è associato ad altre patologie”.  Montero ha spiegato inoltre che per accedere a questi permessi non sarà necessario aver versato in precedenza contributi alla previdenza sociale. “Avanziamo in femminismo. Le donne devono poter decidere liberamente sulle loro vite”, ha scritto su Twitter il premier, Pedro Sánchez.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gb: visti speciali per laureati top, atenei italiani snobbati
L’elenco delle 37 migliori università mondiali, nessuna italiana, nemmeno tra le prime 100
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
17 maggio 2022
16:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Atenei italiani snobbati nella partita per i visti privilegiati che il governo Tory britannico di Boris Johnson si appresta a garantire ai neo-laureati stranieri intenzionati a lavorare in futuro in ruoli di elevata specializzazione nel Regno Unito del dopo Brexit.
Lo confermano i media dopo l’annuncio fatto la settimana scorsa dal ministero dell’Istruzione in vista di uno schema destinato a entrare in vigore dal 30 maggio.

Il nuovo schema, denominato High Potential Individual Visa, sarà infatti riservato a chi abbia conseguito il titolo di studio in uno dei primi 37 atenei al mondo riconosciuti come tali dalle istituzioni che certificano i primati globali di qualità. E nella classifica stilata dalle autorità d’Oltremanica – compilata mettendo a confronto i dati delle 3 graduatorie universalmente prese a modello (il Times Higher Education World University Rankings, il Quacquarelli Symonds World University Rankings, The Academic Ranking of World Universities) – nessun ateneo generalista italiano compare neppure fra i primi 100.
L’elenco, dominato dagli Usa e con alcune presenze asiatiche, include del resto solo 5 università europee: due svizzere (i Politecnici di Losanna e Zurigo), una francese (l’Ecole Normale di Parigi), una svedese (il Karolinska Institutet di Stoccolma) e una tedesca (l’università di Monaco di Baviera, LMU).
L’obiettivo dichiarato del High Potential Individual Visa è attrarre sull’isola nuovi cervelli e talenti stranieri qualificati, al di là della manodopera a basso costo. Chi vorrà far domanda, dovrà però dimostrare di avere almeno 1.500 euro su un conto corrente, oltre a poter pagare 750 euro all’anno per i contributi sanitari. Ma non avrà bisogno di sottostare ad altre formalità burocratiche, purché laureato nei 5 anni precedenti in uno degli atenei top. Ovviamente gli studenti italiani non sono esclusi ipso facto per passaporto: anche per loro varrà infatti il riferimento all’alma mater di provenienza, non il Paese di nascita.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
17:20
Referendum giustizia: sondaggio Demopolis, 30% deciso per voto.
Referendum Giustizia: le critiche dei radicali, l’ok di Salvini
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
17:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Maurizio Turco e Irene Testa, segretario e tesoriere del Partito Radicale criticano la decisione del Governo e la tv pubblica che negherebbe la possibilita’  ai cittadini “di
conoscere e ai promotori di essere conosciuti.
Una tornata elettorale e referendaria tra il 12 e il 26 giugno equivale a boicottare la partecipazione popolare, a delegittimare
ulteriormente la politica, a boicottare i referendum.
Se questo e’  l’obiettivo lo si puo’  considerare sin d’ora raggiunto. Noi non ci stiamo – aggiungono – ad avallare questo scempio mentre si poteva legittimamente rimandare il voto amministrativo e referendario a meta’  ottobre”.
Salvini si dice invece soddisfatto “perche’  hanno ascoltato la richiesta della Lega. L’election day  comporta un risparmio di tempo e soldi, almeno 200 milioni di euro che chiederemo vengano usati per tagliare ancora i costi di bollette e benzina”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Battiato, un anno senza il Maestro: il Comune di Catania gli dedica il Lungomare
Alle 11 una breve cerimonia, poi il Coro Lirico Siciliano si esibirà in un repertorio di canti e musiche dell’artista
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
17:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Domenica prossima il Lungomare Ognina di Catania sarà intitolato a Franco Battiato, scomparso il 18 maggio dello scorso anno.
Una breve cerimonia è in programma a partire delle 11 in piazza Consiglio d’Europa (ex piazza Nettuno), dove sarà svelata una targa.
Si svolgerà alla presenza della giunta comunale guidata dal sindaco facente funzioni Roberto Bonaccorsi, che ha promosso l’iniziativa, e di Michele Battiato, fratello dello scomparso artista. Seguirà un concerto del Coro Lirico Siciliano, che si esibirà in un repertorio di canti e musiche di Battiato. L’intitolazione sarà l’evento clou del secondo appuntamento cittadino con Lungomare Fest, ovvero la pedonalizzazione del lungomare con iniziative promozionali di sport, spettacolo, solidarietà e tutela dell’ambiente. L’idea di intitolare il Lungomare a Franco Battiato, senza modificare la toponomastica dei viali, ricorda una nota del Comune di Catania, fu lanciata dall’allora sindaco Salvo Pogliese, il 18 maggio dello scorso anno, nelle ore successive alla scomparsa dell’artista.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Battiato, un anno senza il Maestro: Amara e Cristicchi lo omaggiano con un concerto mistico
”Torneremo ancora”, al via dal 15 giugno a Salsomaggiore
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
17:57
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un viaggio musicale alla ricerca dell’essenza nella confusione della modernità, un rapimento – mistico e sensuale – tanto necessario in questo tempo in cui viviamo.
È “Torneremo ancora” – concerto mistico per Battiato, il nuovo e straordinario progetto di Simone Cristicchi e Amara, organizzato da International Music and Arts.
Ispirato al repertorio mistico del grande Maestro, i due artisti, per la prima volta insieme sul palco, si rendono con grazia e rispetto interpreti dei messaggi spirituali che ne hanno reso immortale l’opera.
Un’occasione per riscoprire un’eredità preziosa, in una nuovissima veste arrangiata dal Maestro Valter Sivilotti. Anticipato dalla data zero il 15 giugno a Salsomaggiore (Arena Estiva), il tour – a cui si aggiungeranno nuove date – si presenta in prima nazionale il 19 giugno a Verona (al teatro romano per il Festival della Bellezza), per proseguire il 5 luglio a Roma (Casa del Jazz, per I Concerti nel Parco); il 16 luglio ad Azzano Decimo (Fiera della Musica); l’11 agosto a Sirolo (Arena Parco Repubblica) e il 28 agosto a Torre Del Lago (Gran Teatro all’aperto Giacomo Puccini).
”È la libertà che ho sempre ammirato in Battiato – rivela Simone Cristicchi – Gli devo molto, devo molto alla sua infinita grazia, al suo modo di concepire l’arte come “missione” per aiutare la crescita e l’evoluzione spirituale dei propri contemporanei. Battiato è un punto di non ritorno: c’è un prima e un dopo di lui, nessun altro. È stato l’unico cantore di un divino che non ha mai saputo di incensi e sagrestie. Con questo progetto sento l’emozione e il privilegio di interpretare insieme ad Amara il suo repertorio mistico, e immergermi ancora più profondamente in quei messaggi che valicano i confini del tempo”.
”Viaggiare nella consapevolezza della coscienza lucida di Battiato è stato come spingermi oltre confine, un elevarsi a nuove frequenze, altri codici, altre certezze, alte visioni del Sé e della realtà circostante”, sottolinea Amara. ”Una trasmutazione radicale, direi – aggiunge – per chi come me cerca verità e orizzonti nuovi da valicare. Grazie a Franco ho capito che è solo oltrepassando sé stessi che si può raggiungere quel “Centro di gravità permanente” che tanto cerchiamo. Sul palco, accompagnano i due artisti il Maestro Valter Sivilotti al piano e i solisti della Accademia Naonis di Pordenone (Lucia Clonfero, Igor Dario, Alan Dario, U.T. Gandhi, Franca Drioli). Alternano l’esecuzione dei pezzi alcune letture tratte dai maestri che hanno influenzato il pensiero di Battiato: Rumi, Gurdjieff, Ramana Maharshi, Willigis Jager e il teologo Guidalberto Bormolini.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Giustizia: Letta, riforma non si fa coi referendum
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
11:38
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non è coi referendum che si fa una riforma complessiva”.
Lo ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta, alla direzione del Pd, in corso al Nazareno.
I referendum vengono da “proposte di sette consigli regionali del centrodestra”, ha ricordato. Per Letta “la riforma Severino è da cambiare, il nostro impegno va in questa direzione, ma alcune fattispecie sono molto gravi e verrebbero travolte dall’approvazione dei referendum”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Toscana supera 50mila somministrazioni quarta dose vaccino
Bezzini: ‘Importante proseguire in questa direzione’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
17 maggio 2022
17:31
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Superate oggi in Toscana le 50mila somministrazioni di quarte dosi di vaccino anti Covid, riservate a persone over 80, a over 60 con elevata fragilità e a persone con marcata compromissione della risposta immunitaria.
Lo rileva il portale regionale https://vaccinazioni.sanita.toscana.it, che monitora in tempo reale l’andamento della campagna di vaccinazione anti-Covid.

“La somministrazione delle quarte dosi sta crescendo. Oggi abbiamo superato quota 50mila ed è importante proseguire in questa direzione – commenta l’assessore regionale al diritto alla salute Simone Bezzini -. Condivido l’appello del ministro Speranza, che raccomanda la somministrazione della quarta dose in particolare in alcune fasce della popolazione più fragili per età o per patologie concomitanti e preesistenti, perché venga irrobustita la protezione anti-Covid. Anche se siamo in una fase decrescente dei contagi, il virus continua a circolare ed è nostro dovere offrire alle persone più a rischio tutti gli strumenti possibili, per proteggersi dalle conseguenze gravi della malattia. Ringrazio chi ha scelto di vaccinarsi e il personale sanitario e del volontariato tuttora impegnato, sempre in prima linea, nella campagna di vaccinazione”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fontana, referendum dà credibilità al popolo
‘Nelle difficoltà dare voce a persone è la cosa più democratica’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
17 maggio 2022
17:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Io sono convinto che aver scelto la strada referendaria sia una dimostrazione di credibilità che il popolo ha diritto di avere”: lo ha detto il presidente lombardo Attilio Fontana parlando su Isoradio dei referendum sulla giustizia in programma per il 12 giugno.
“Quando la politica ha difficoltà a prendere certi decisioni, con veti e controveti su certe scelte – ha aggiunto Fontana – dare voce al popolo è cosa più democratica che esiste”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Letta, vittoria Sì a referendum aprirebbe problemi
Il segretario del Pd: “Gli interventi sono da fare in Parlamento”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
17:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Io proporrò un orientamento di fondo, il Pd non è una caserma, c’è la libertà dei singoli che resta in una materia come questa”.
Lo ha detto il segretario del Pd, Enrico Letta, alla direzione del Pd, in corso al Nazareno.
“Io penso che una vittoria dei sì aprirebbe più problemi di quanti ne risolverebbe. Gli interventi sono da fare in parlamento”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
17:40
Bocciati referendum su responsabilità toghe, eutanasia e cannabis.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Omofobia: preside scuola, carriera alias è questione di civiltà
Da noi attiva da 8 mesi, benessere studenti è nostro dovere
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
17 maggio 2022
17:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Aderire al progetto ‘Carriera alias’, per favorire la transizione di genere di studenti e studentesse che ne sentano la necessità, è una questione di civiltà”: a dirlo, nella Giornata Internazionale contro l’Omofobia, è Francesco Maria Orsolini, dirigente scolastico del liceo artistico “Edgardo Mannucci” di Ancona, Jesi e Fabriano che da quest’anno ha introdotto, appunto, il “registro” dei nomi elettivi, quelli cioè con cui i ragazzi vogliono essere identificati per vedere riconosciuta la propria identità di genere, che non corrisponde a quella indicata all’anagrafe.
“Ce lo hanno chiesto alcuni studenti e studentesse con le loro rispettive famiglie – racconta il dirigente -.
Nell’ottobre scorso, dopo essermi confrontato anche con altri colleghi che lo avevano già adottato, il collegio dei docenti e il consiglio di istituto hanno deliberato all’unanimità che il nostro liceo dovesse andare in questa direzione”. “Dopo otto mesi – aggiunge Orsolini – possiamo dire che il progetto ha già avuto positivi riscontri. In un caso abbiamo avuto il riscontro diretto di uno studente che, dopo aver avviato il percorso che lo ha portato al cambio di nome in aula, racconta assieme ai suoi genitori di aver trovato una nuova serenità”. Il nome elettivo che lo studente o la studentessa scelgono viene utilizzato solo per le comunicazioni interne all’istituto, tutti gli atti amministrativi, compreso il diploma, continuano a riportare le generalità registrate all’anagrafe. “Favorire il benessere degli studenti credo che sia un dovere di ogni scuola” aggiunge Orsolini. I problemi più intimi di questi studenti non svaniscono con il cambio di nome in classe, ma “la scuola può essere di aiuto al processo di cambiamento, favorendo rapporti interpersonali improntati alla correttezza ed al reciproco rispetto delle libertà e dell’inviolabilità della persona”.
“Neun caso di discriminazione o bullismo è stato registrato nei tre istituti, le ragazze e i ragazzi hanno dato prova di grande maturità”, conclude Orsolini.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Esercitazione Nato in Sardegna, 4mila unità per ‘Mare Aperto’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
18:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Si è svolta nelle ultime ore un’operazione di sbarco anfibio nel poligono sardo di Capo Teulada, nell’ambito dell’esercitazione Mare Aperto 2022, cominciata il 3 maggio scorso e alla quale in generale prendono parte più di 4.000 tra donne e uomini di sette nazioni della Nato e oltre 65 tra navi, sommergibili, velivoli ed elicotteri, impegnati tra l’Adriatico, lo Ionio, il Tirreno e il Canale di Sicilia.
All’esercitazione prendono parte anche diversi velivoli dell’Aeronautica Militare.

Le forze in campo simulano scenari ad alta intensità e in veloce mutamento attraverso cui verificare le capacità di intervento in svariate aree. Ad essere esplorate sono nuove combinazioni di impiego delle forze assegnate: tra queste, l’Expeditionary Advanced Base Operations, in studio nella Us Navy, per estendere il raggio di azione delle forze marittime e controllare così zone di mare strategiche. L’intera esercitazione terminerà il prossimo 27 maggio e ha, tra i suoi principali obiettivi, anche il proseguimento della campagna di sviluppo delle capacità del nuovo velivolo di quinta generazione F-35 B, propedeutica al raggiungimento della ‘Initial Operational Capability’ nel 2024, e del processo di integrazione con le altre Forze Armate e con le Marine estere. L’attività coinvolge lo staff della Brigata Marina San Marco e quelli delle diverse divisioni navali in cui si articola l’organizzazione operativa della Marina.

L’esercitazione della Marina militare Mare Aperto 2022, che vede coinvolti oltre 4.000 tra donne e uomini di sette nazioni della Nato e 65 tra navi, sommergibili, elicotteri e velivoli che cittadini e turisti vedono transitare davanti alle coste del sud Sardegna, non sta frenando i preparativi per la stagione estiva e nemmeno chi ha già trascorso giornate sotto l’ombrellone. La simulazione, che si svolge da decenni nell’Isola due volte l’anno, avviene in mare aperto ma non troppo distante da rinomate località turistiche come Porto Corallo, nel comune di Villaputzu, Villasimius, Porto Pino, nel territorio di Sant’Anna Arresi, Santa Margherita di Pula. Le spiagge non sono off limits e sono già popolate di residenti e turisti. Interdetti alla navigazione, come previsto dall’ordinanza numero 76 della Capitaneria di porto del 5 maggio scorso e poi modificata il 16, gli specchi d’acqua a diverse miglia dalle coste. “Le nostre spiagge non sono interdette – conferma il sindaco di Villasimius Luca Dessì – si sta facendo solo cattiva pubblicità”. Dello stesso avviso Sandro Porcu, primo cittadino di Villaputzu. “I litorali della nostra costa sono aperti – ribadisce – già questo fine settimana erano pieni di gente. L’interdizione avviene al largo, lontana dalla costa e non crea alcun problema alla balneazione”. Per quanto riguarda la spiaggia di Murtas, chiusa in inverno, “sarà riaperta l’1 giugno”, precisa Porcu. Spiagge aperte e già affollate anche sul litorale di Muravera. “L’esercitazione era prevista e annunciata, le nostre spiagge sono totalmente accessibili a tutti”, chiarisce il sindaco Salvatore Piu.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mascherina Ffp2 obbligatoria su tutti i voli in Italia
Indipendentemente dal paese di rilascio del vettore aereo. Così le linee guida dell’Enac
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
18:10
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La mascherina Ffp2 resta obbligatoria “per i passeggeri e gli equipaggi dei voli operanti su territorio nazionale (la cui tratta preveda pertanto origine e destinazione in Italia), indipendentemente dal Paese di rilascio della licenza del vettore aereo”.
E’ quanto si legge sulle linee guida dell’Enac.
“Per l’accesso e l’utilizzo di aeromobili gestiti da vettori aerei con licenza italiana – si legge inoltre- è sempre obbligatorio indossare una mascherina FFP2, sia per i passeggeri che per il personale della compagnia aerea”.
Per quanto riguarda invece i voli che operano su tratte internazionali si ritengono applicabili le norme in vigore nel Paese che ha rilasciato la licenza al vettore aereo. Nelle linee guida l’Enac raccomanda agli operatori aerei di informare “in modo efficace i passeggeri circa le misure richieste a bordo degli aeromobili in modo tempestivo, nonché circa le regole e le misure sanitarie vigenti negli Stati di partenza e destinazione”. L’Enac inoltre precisa che è comunque sempre raccomandato “l’utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie negli spazi al chiuso pubblici ed aperti al pubblico”. E per questo “è raccomandato ai gestori di apporre idonea segnaletica, includendo informazioni relative al corretto utilizzo delle mascherine e di disporre, laddove possibile, distributori automatici di mascherine e altri dispositivi di protezione individuale in prossimità degli accessi al Terminal. È infine raccomandato l’utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie da parte dei passeggeri vulnerabili (cd. “fragili”)”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Enac, mascherina Ffp2 obbligatoria su tutti voli Italia
Indipendentemente da Paese di rilascio della licenza del vettore
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
18:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La mascherina Ffp2 resta obbligatoria “per i passeggeri e gli equipaggi dei voli operanti su territorio nazionale (la cui tratta preveda pertanto origine e destinazione in Italia), indipendentemente dal Paese di rilascio della licenza del vettore aereo”.
E’ quanto si legge sulle linee guida dell’Enac.
“Per l’accesso e l’utilizzo di aeromobili gestiti da vettori aerei con licenza italiana – si legge inoltre- è sempre obbligatorio indossare una mascherina FFP2, sia per i passeggeri che per il personale della compagnia aerea”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Caos nel centrodestra dopo il vertice di Arcore, Fdi all’attacco
I nodi sono le alleanze e la candidatura di Musumeci in Sicilia. Gelo Salvini-Meloni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
09:20
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nel centrodestra è caos totale: a meno di un mese dalle amministrative la coalizione è spaccata verticalmente su tutto, con Fratelli d’Italia all’attacco su tanti fronti, dalla richiesta sinora inevasa di un patto “anti-inciucio” che escluda ogni futura alleanza con Pd e M5s, al nodo cruciale della ricandidatura di Nello Musumeci alla Regione Sicilia.
Il vertice dei leader, organizzato ad Arcore, avrebbe dovuto segnare un primo passo verso il disgelo dopo le scorie accumulate nei mesi passati.
E’ arrivato a sorpresa, ben 145 giorni dall’ultima riunione di Villa Grande, alla vigilia di Natale, quando l’obiettiivo comune era strappare il Quirinale al centrosinistra.
Poi, com’è noto, quel flop ha portato con sè altre spaccature, incomunicabilità e polemiche continue. Un clima politicamente e umanamente irrespirabile, che neanche l’ospitalità del Cavaliere è riuscito a mitigare. Per cercare di addolcire l’atmosfera, Silvio Berlusconi ha accolto i due alleati regalando ad ognuno di loro un quadro di una Madonna. Ma le due Vergini non hanno fatto il miracolo. Che le cose non siano andate lisce si capisce subito, quando la delegazione leghista formata da Matteo Salvini e Roberto Calderoli lascia solitaria villa San Martino, dopo il caffè. La Lega fa sapere laconicamente che il segretario “è molto soddisfatto” dell’incontro. Passa un’altra ora, sono le 17, quando esce Silvio Berlusconi per assicurare i giornalisti che il centrodestra è unito: “E’ evidente che se si disunisse perderemmo le elezioni, solo un pazzo potrebbe pensare di mandare all’aria questa coalizione. Aggiorneremo il programma, ne avremo uno unico, la coalizione va avanti spedita”, conclude. Nessun cenno all’usuale comunicato congiunto, con cui spesso la coalizione ha cercato in passato di attenuare i dissensi interni. Arriva invece una nota al fulmicotone di Fratelli d’Italia in cui si elencano, uno dopo l’altro, in modo impietoso, i punti di frattura con gli alleati.
“È sicuramente positivo essersi incontrati ma l’unità della coalizione non basta declamarla. Occorre costruirla nei fatti”, esordisce il partito di Meloni che pone l’accento sui 5 capoluoghi in cui la colazione va divisa. Poi l’affondo sulla “non ancora ufficializzata ricandidatura del presidente uscente Nello Musumeci in Sicilia, su cui la personale dichiarata disponibilità di Berlusconi si è fermata di fronte alla richiesta di Salvini di ritardare l’annuncio del candidato”. Quindi la denuncia di “regole ancora fumose” su alleanze e programmi comuni. C’è chi dice che ci fosse un accordo per non rinfocolare la polemica a evitare note singole e che Fdi avrebbe violato quest’ipotesi. Non a caso a Meloni, per la Lega, non replica Salvini ma il leghista palermitano Nino Minardo: “I dubbi su Musumeci – contrattacca – non sono di Salvini o della Lega, ma semmai della netta maggioranza dei siciliani stando all’ultimo sondaggio”. Infine, come ciliegina su una torta sempre più immangiabile, da Arcore trapela la dura reazione del Cavaliere che si dice “sopreso e irritato” per la nota di Fratelli d’Italia. A Berlusconi non è andata giù la scelta di avergli attribuito pubblicamente quell’apertura, seppure personale, sulla ricandidatura di Musumeci. Da via della Scrofa replicano sorpresi: è stato proprio Berlusconi – raccontano – a farci vedere una sua nota in cui era confermata la sua apertura a Musumeci.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Omofobia: a Napoli lapide del 1924 testimonia amore gay
Cremona (I Ken), amore e dignità anche in epoca diritti negati
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
17 maggio 2022
18:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Michele Guadagnolo al suo diletto consorte Angelo Sannino anno 1924”.
Nel giorno dedicato alla lotta contro l’omofobia spunta, in uno dei cimiteri della città di Napoli, questa lapide, testimonianza di un legame gay in piena era fascista, tra leggi razziali e diritti negati.
A diffondere la notizia è Carlo Cremona, presidente dell’associazione I Ken, che ora si augura di poter ricostruire, un secolo dopo, la vicenda di questa coppia.
“Una lapide – commenta – che gronda dell’amore di due uomini che si definiscono coniugi, una parola significativa e simbolica. Impossibile non pensare alla libertà negate di questi conterranei, alla loro dignità nell’immaginare un mondo che prima o poi capirà e considererà di pari dignità questo amore e questa relazione sentimentale. Questa dedica ci racconta ancora oggi un amore vivo e forte nonostante il tempo trascorso”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Camera: Fico, finalmente riaperte tribune pubblico in Aula
‘Il mio benvenuto a tutti i visitatori che stanno tornando a Palazzo Montecitorio’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
19:27
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“I cittadini tornano ad assistere ai lavori dell’Aula di Montecitorio dalle tribune.
Per affrontare la pandemia la Camera aveva infatti dovuto modificare profondamente la propria organizzazione, e fra le rinunce più dolorose c’è stata quella di sospendere l’accesso dei visitatori per permettere ai deputati di prendere posto nelle tribune e garantire così il distanziamento.
È stato un passaggio necessario per assicurare la continuità dell’attività parlamentare. Adesso la bella notizia: si potranno nuovamente seguire le sedute dell’assemblea non solo attraverso le dirette sulla webtv della Camera e sul canale satellitare, ma anche dall’interno dell’Aula”. Lo afferma il presidente della Camera Roberto Fico. “Dopo la ripresa delle visite per gli studenti, delle giornate di formazione e di Montecitorio a Porte aperte, aggiungiamo un altro tassello di normalità. Il mio benvenuto a tutti i visitatori che stanno tornando a Palazzo Montecitorio”, conclude.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Peste suina: a Roma altri 3 casi, in arrivo nuove ordinanze
Il sottosegretario alla Salute Costa: ‘Entro 30 giorni modalità abbattimenti’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
17 maggio 2022
19:45
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Altri tre casi di peste suina a Roma e altre ordinanze per rimodulare al zona infetta e prendere nuovi provvedimenti.
“Nella giornata di oggi è attesa l’ordinanza che rimodula i confini della zona infetta a seguito della conferma di tre ulteriori casi di positività dei cinghiali a ridosso della zona infetta -spiega l’assessore all’ambiente del Comune Sabrina Alfonsi- Nelle stesse ore è attesa l’ordinanza del commissario straordinario.
Oggi pomeriggio alle 17:30 è prevista una riunione in prefettura”.
Una cabina di regia Inter-istituzionale che entro entro 30 giorni definirà le modalità per gli abbattimenti selettivi. Lo ha annunciato il sottosegretario alla Salute Andrea Costa alla fine della riunione in prefettura a Roma per studiare le misure contro la peste suina. “Oggi verrà firmata l’ordinanza per i confini nella zona infetta. Con un successivo atto istituiremo una cabina di regia per la gestione della peste suina nel Lazio e a Roma coordinata dal prefetto. Il depopolamento inizierà non appena verrà istituita la cabina di regia”, ha aggiunto Costa. Il piano per gli abbattimenti, è stato precisato, “arriverà in 30 giorni”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Eni, i due conti per garantire forniture gas
‘Chiesta modifica unilaterale contratto ma rispetta le sanzioni’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
17 maggio 2022
20:16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’Eni continuerà a pagare il gas russo in euro, come da contratto.
Nell’imminenza della scadenza della fattura di maggio, intorno al 20, e dopo che Gazprom bank ha chiuso i conti correnti su cui gli acquirenti hanno finora pagato le forniture, Eni ha avviato in via cautelativa la procedura di apertura temporanea di due conti – denominati K – uno in euro e uno in rubli, come indicato da Gazprom Export, sulla base di “una pretesa unilaterale di modifica dei contratti in essere”, ricorda il gruppo italiano, e secondo la procedura disposta dalla federazione russa.
Il versamento avverrà sul conto in euro, modalità che “non riscontra al momento nessun provvedimento normativo europeo che preveda divieti”. E per il colosso energetico italiano il contratto è quindi rispettato.
Entro 48 ore dall’accredito e senza il coinvolgimento della Banca centrale russa, un apposito “clearing agent operativo presso la Borsa di Mosca” provvederà alla conversione in rubli e in caso di ritardi o impossibilità tecniche nel completare l’operazione “non ci saranno impatti sulle forniture”, spiega l’Eni. La decisione di Eni, condivisa con le istituzioni italiane, è stata presa “nel rispetto dell’attuale quadro sanzionatorio internazionale e nel contesto di un confronto in corso con Gazprom Export” su cui ricadrà “ogni eventuale costo o rischio connesso alla diversa modalità esecutiva dei pagamenti”. In assenza di risposte chiare e fondate da parte di Gazprom Export per dirimere i dubbi rispetto alle modifiche contrattuali richieste dalla nuova procedura di pagamento, Eni avvierà un arbitrato internazionale sulla base della legge svedese (come previsto dai contratti in essere).

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ok di Draghi alla Strategia di cybersicurezza 2022-2026
Rafforzare resilienza, contrasto a disinformazione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
08:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nei giorni in cui è più alto l’allarme per i cyber-attacchi, il Governo vara la Strategia nazionale di cybersicurezza 2022-2026: un’ottantina di azioni per rafforzare la resilienza nella transizione digitale del sistema Paese; conseguire l’autonomia strategica in questa dimensione; anticipare l’evoluzione della minaccia; gestire le crisi e contrastare la disinformazione online.
L’approvazione – insieme all’annesso Piano di implementazione – è avvenuta nel corso della riunione di oggi del Comitato interministeriale per la cybersicurezza presieduto dal presidente del Consiglio, Mario Draghi.
Sarà l’Agenzia per la cybersicurezza nazionale a garantire l’implementazione della Strategia.
Le cose da fare sono tante, anche perchè l’Italia si è mossa in ritardo in questo campo rispetto ad altri Paesi come Francia e Germania. Ed è una sfida che parte con un conflitto in corso, quello tra Russia e Ucraina, che ha determinato un’intensificazione degli attacchi hacker che nei giorni scorsi hanno colpito, tra gli altri, istituzioni come Senato, ministero della Difesa e Polizia. E che ha fatto scattare l’alert dell’Agenzia, che ha invitato gli operatori italiani delle infrastrutture critiche, quelli che gestiscono funzioni essenziali per lo Stato, a risolvere “con urgenza” le loro vulnerabilità cyber: e sono ben 71 quelle individuate.
Rafforzare la resilienza significa anche puntare sulla formazione di personale specializzato, la cui mancanza è una delle debolezze dell’Italia, come ha più volte ricordato il direttore dell’Agenzia, Roberto Baldoni. Anche il raggiungimento dell’autonomia strategica è un obiettivo ambizioso: già un paio di mesi fa l’Agenzia aveva invitato, ad esempio, le aziende italiane a dismettere l’uso di tecnologie russe nei sistemi di sicurezza informatica.
Nel corso della riunione, inoltre, il Comitato ha anche approvato lo schema di Dpcm in materia di Perimetro di sicurezza nazionale cibernetica, che comprende le aziende, sia pubbliche che private, che esercitano funzioni essenziali per il mantenimento di attivita’ fondamentali per gli interessi dello Stato: dalle telecomunicazioni alla sanita’ , dal settore energetico a quello finanziario, dai trasporti alla difesa, dallo spazio ai servizi digitali. Il provvedimento è volto a stabilire i criteri per l’accreditamento dei laboratori di prova di cui il Centro di valutazione e certificazione nazionale (Cvcn) può avvalersi per la verifica delle condizioni di sicurezza e dell’assenza di vulnerabilità note. Con l’adozione del decreto si completa l’attuazione normativa, dopo l’approvazione degli altri quattro decreti previsti, del Perimetro di sicurezza nazionale cibernetica.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mafia: infiltrazioni in due Comuni messinesi, 7 ordinanze
Operazione Gdf. Coinvolti un sindaco, la vice ed un ex assessore
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MESSINA
18 maggio 2022
08:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I Finanzieri del Comando Provinciale di Messina hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti sette persone indagate associazione mafiosa e per reati contro la Pubblica amministrazione.
Tra i destinatari del provvedimento cautelare, emesso dal Gip di Messina su richiesta della Dda della Procura della Città dello Stretto, ci sono il sindaco e la vice sindaca di Moio Alcantara e l’ex assessore ai Lavori pubblici di Malvagna.
Le indagini della Guardia di Finanza hanno riguardato l’infiltrazione mafiosa ed il condizionamento di Cosa nostra nelle amministrazioni comunali dei due paesi della fascia ionica del Messinese.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I Finanzieri del Comando Provinciale di Messina hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti sette persone indagate associazione mafiosa e per reati contro la Pubblica amministrazione.
Tra i destinatari del provvedimento cautelare, emesso dal Gip di Messina su richiesta della Dda della Procura della Città dello Stretto, ci sono il sindaco e la vice sindaca di Moio Alcantara e l’ex assessore ai Lavori pubblici di Malvagna.
Le indagini della Guardia di Finanza hanno riguardato l’infiltrazione mafiosa ed il condizionamento di Cosa nostra nelle amministrazioni comunali dei due paesi della fascia ionica del Messinese.
Le indagini, eseguite su delega della Dda dal Gico delle Fiamme Gialle di Messina, spiega la Procura, “hanno consentito di far luce sull’operatività criminale di una cellula decisionale e operativa mafiosa del tutto autonoma rispetto alle articolazioni di Cosa Nostra catanese che, in passato, gestivano gli affari mafiosi anche nel territorio della valle dell’Alcantara” e che, secondo l’accusa, è “risultata in grado di ingerirsi, condizionandole, nelle dinamiche elettorali e politiche dei due Comuni, oltre che nella relativa gestione dell’attività amministrativa, attraverso l’infiltrazione di soggetti direttamente o indirettamente riconducibili alla stessa struttura criminale”. E cambia il ‘modus operandi’ della mafia perché, scrive il giudice, “sfrutta la fama criminale ormai consolidata e non abbisogna di manifestazioni esteriori di violenza per intessere relazioni con la politica, le istituzioni, le attività economiche, al fine di imporre il proprio silente condizionamento”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Uno dei principali indagati, anche da detenuto, ricostruisce la Procura di Messina, dava disposizioni ai suoi sodali per prendere contatti con ditte appaltatrici di lavori assegnati dai due enti locali di Moio e Malvagna, anche garantendo sostegno ai candidati in occasione del rinnovo dei rispettivi consigli comunali. Le sue disposizioni sarebbero poi state tradotte in azione operativa dal padre e, soprattutto, dalla sorella, quest’ultima vicesindaco in carica del Comune di Moio Alcantara, entrambi destinatari della custodia cautelare in carcere. Il gruppo indagato faceva pervenire al sindaco di Moio quelle che per l’accusa erano “inequivoche sollecitazioni, cui aderiva, affinché interessasse gli amministratori comunali di altri distinti enti locali a bloccare, o sbloccare, indebitamente, procedure esecutive: comportamenti ritenuti sintomatici di una ‘patente subordinazione del sindaco'”. Dello stesso tenore, è ritenuta “la disponibilità offerta alla cellula indagata dall’ex assessore ai Lavori pubblici del Comune di Malvagna” che, contesta la Procura, “si adoperava per l’assegnazione di appalti di lavori a ditte vicine, anche mediante il compimento di reati di corruzione e contro la pubblica amministrazione”. “La corruzione, secondo ipotesi d’indagine e fermo restando il generale principio di non colpevolezza sino a sentenza passata in giudicato – sottolinea la Procura di Messina – è risultata il collante dell’operatività generale dell’indagine”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Imbrattato Redentore: individuati presunti responsabili
Da videosorveglianza scoperto gruppo di tre giovani
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
18 maggio 2022
09:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sarebbero stati individuati i presunti responsabili dell’imbrattamento della facciata della Basilica del Redentore di Venezia.
si tratterebbe – riportano i quotidiani locali – di un gruppetto di tre giovani, che sono stati ripresi da una telecamera di sorveglianza.

Il danneggiamento sarebbe avvenuto tra le ore 3.15 e le 3.45 di lunedì, e in particolare ad agire sarebbero stati due individui.
Nei loro confronti verrà presentata denuncia per danneggiamento aggravato, assieme alle sanzioni previste dal regolamento di polizia urbana comunale.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Senato: Stefania Craxi presidente Commissione Esteri
Eletta con 12 voti a favore. Nove voti a Licheri (M5s)
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
09:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Stefania Craxi è il presidente della commissione esteri di palazzo Madama.
I voti a suo favore sono stati 12, 9 voti sono andati a Ettore Licheri (M5s) e un astenuto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
C.destra: Salvini,lavoro per unire, ieri nulla di irrecuperabile
Musumeci? Si deciderà dopo il voto del 12 giugno
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
09:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Io lavoro per unire.
In quasi tutti i comuni, con un’eccezione per 5 o 6 città, siamo uniti.
Ieri ci sono stati toni un po’ diversi, ma niente di irrecuperabile”. Lo ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini a Radio Anch’io su Rai Radio1 parlando del vertice di centrodestra di ieri.
Sulla questione siciliana Salvini ha ribadito che “l’importante è che in Sicilia decidano i siciliani”. E la questione Musumeci? “Il 12 giugno – ha spiegato – si vota a Palermo e Messina con l’obiettivo di vincere. Il giorno dopo si può risolvere la questione Sicilia come sempre abbiamo fatto nel passato”.

Stefania Craxi presidente della Commissione Esteri del Senato. Ira M5s: ‘Vogliono farci fuori, emarginarci’. Faraone (IV): ‘La maggioranza avrebbe dovuto convergere su un nome condiviso’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
11:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Stefania Craxi è la nuova presidente della commissione Esteri di palazzo Madama.
I voti a suo favore sono stati 12, mentre 9 voti sono andati a Ettore Licheri (M5s) e una persona si è astenuta.
Stefania Craxi: ‘Nessuna crisi di governo, i mal di pancia passeranno’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
n

L’elezione arriva dopo che tutti i membri si della commissione si erano dimessi in polemica con l’ex presidente, Vito Petrocelli, in quota M5s.
Per questo, a seguito dell’elezione di Craxi, il M5s ha convocato un consiglio nazionale straordinario, indetto da Giuseppe Conte. “Registriamo che di fatto si è formata una nuova maggioranza da FdI a Iv”, ha detto, al termine del consiglio, il leader del Movimento. “Draghi – ha aggiunto – era stato avvertito già ieri. Spetta a lui la responsabilità tenere in piedi questa maggioranza. Oggi M5s, Pd e Leu sono stati responsabili, altri no”.
“L’attuale maggioranza esiste solo sulla carta non nella realtà del confronto quotidiano. Registriamo come ormai sia venuto meno anche il più elementare principio di leale collaborazione. E’ quanto scritto nel comunicato del consiglio. “Nei giorni scorsi avevamo ventilato il sospetto che qualcuno ci volesse fuori dalla maggioranza. Oggi ne abbiamo la conferma. Nel Palazzo vogliono emarginare le nostre posizioni, ma non si può silenziare la voce della maggioranza degli italiani”. E’ quanto scritto nella nota diffusa dai 5 stelle dopo il Consiglio straordinario.
Con l’elezione di Stefania Craxi alla guida della commissione Esteri del Senato, Forza Italia guadagna una presidenza di commissione. È l’unica del gruppo a Palazzo Madama in questa legislatura, che finora è stata la ‘fotografia’ degli equilibri politici emersi dalle elezioni politiche del 2018 che portarono alla nascita del primo governo Conte. A quota una presidenza, anche il gruppo Misto che guida la commissione Ambiente con Vilma Moronese. Le altre presidenze sono 4 del M5s, dopo aver perso quella degli Esteri in mano a Vito Petrocelli; 4 del Pd; 2 della Lega e altrettante di Italia viva. Craxi è stata eletta con 12 voti su 22 e con scrutinio segreto. Ex deputata e approdata al Senato nel 2018, è stata vicepresidente della commissione Esteri fino alla precedente composizione. Sotto il quarto governo Berlusconi è stata nominata sottosegretario agli Esteri, incarico che ha ricoperto dal 2008 al 2011.
“Non ho mai fatto una questione di incarichi. Sono onorata di questa scelta della commissione Esteri”, ha detto Craxi. “La prima cosa che mi sento di dire è che la politica estera di un grande paese non deve essere un argomento che divide maggioranza e opposizione soprattutto in un momento così delicato della storia del mondo, quindi lavoreremo insieme – ha continuato la nuova presidente della commissione Esteri -. Bisogna immediatamente dare dei segnali chiari: c’è una guerra in corso, bisogna usare la durezza necessaria per condurre a un dialogo, la commissione darà segnali in questo senso”.
“La politica estera di un grande Paese come l’Italia, per ragioni valoriali e culturali, ancor prima che storiche e geopolitiche – ha proseguito -, non può non avere chiari connotati atlantici, un atlantismo della ragione che non ammette deroghe ma non accetta subalternità. È in questo contesto che dobbiamo avere l’ambizione di essere protagonisti di pace, ricoprendo un ruolo guida sul fronte Sud e nelle acque inquiete del Mediterraneo allargato. La politica estera di un grande Paese non può poi conoscere divisioni e, soprattutto, non dovrebbe essere mai oggetto di scontro. Per questo, pur ringraziando tutti i senatori che hanno espresso fiducia nella mia persona, anche oltre i confini del centrodestra tradizionale, posso assicurare che lo spirito di unità e condivisione caratterizzerà la guida della Commissione esteri”. “Infine – conclude -, voglio rivolgere un ringraziamento particolare al mio Presidente, Anna Maria Berini, a cui ascrivo il merito di questa mia elezione, a Forza Italia, da sempre baluardo dei valori atlantici, nelle persone di Antonio Tajani e di Silvio Berlusconi ed a tutte le forze di centrodestra che ancora una volta dimostrano che sulle grandi questioni di fondo trovano sempre le ragioni della loro unità”.

Subito sono arrivati i complimenti dell’ex presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, che su Twitter ha specificato che si tratta di “un ruolo molto importante e delicato, soprattutto in questa fase storica”, ma anche che Craxi è “persona autorevole e competente saprà svolgere al meglio il suo lavoro”. Da Forza Italia, ha fatto eco a Tajani il senatore Renato Schifani, già presidente del Senato: “Congratulazioni e auguri di buon lavoro a Stefania Craxi, che saprà guidare la Commissione esteri del Senato con la competenza e l’autorevolezza necessarie ad affrontare la complessità del momento internazionale che stiamo vivendo”.
“Complimenti a Stefania Craxi” arrivano anche dalla vicepresidente del gruppo Forza Italia al Senato, Licia Ronzulli: “Un incarico prestigioso e, al contempo, molto delicato, tanto più in questo periodo in cui venti di guerra soffiano sulla pace in Europa”.
Dalla coalizione di centrodestra, sempre su Twitter arrivano anche gli auguri del leader della Lega Matteo Salvini, eletta “nel nome dell’equilibrio, del buonsenso e della Pace”:

Lapidario, invece, il commento di Pier Ferdinando Casini su Twitter: “La sintesi della riunione della Commissione Esteri di questa mattina è: Stefania Craxi promossa a pieni voti, maggioranza bocciata a pieni voti. Come volevasi dimostrare”. Dello stesso avviso, per il centrosinistra, il senatore del Pd Andrea Marcucci, perché “la sua elezione rimette la commissione Esteri nelle condizioni di tornare a lavorare” anche se “dispiace, come dice il senatore Casini, che la maggioranza non sia stata in grado di trovare un candidato unitario”.
Da Italia Viva, il presidente dei senatori Davide Faraone è più critico: “La maggioranza avrebbe dovuto convergere su un nome condiviso, si trattava di un passaggio fondamentale per la compattezza delle forze politiche in una situazione internazionale delicatissima e dopo la vicenda Petrocelli. Si è voluto invece procedere alla conta in modo del tutto irresponsabile, come avevamo paventato nei giorni scorsi. Facciamo gli auguri a Stefania Craxi, figura autorevole, confidando nelle sue prime dichiarazioni riguardo alla ricerca di una maggiore unità in commissione e sul profilo del nostro Paese in politica estera”:

Commenti alla nomina di Craxi arrivano anche dall’opposizione. Secondo il presidente del gruppo di Fratelli d’Italia al Senato, Luca Ciriani, “l’elezione della senatrice Stefania Craxi alla presidenza della Commissione Esteri è l’ennesima conferma dell’implosione di questa maggioranza di governo, rafforzando così le ragioni che oltre un anno fa ci avevano convinto a rimanere all’opposizione. Una maggioranza sempre più dilaniata che va avanti soltanto per la paura del voto e per garantirsi posizioni di potere. Fratelli d’Italia –  ha continuato Ciriani -, fedele alla linea politica che dall’inizio di questa Legislatura ha indicato Giorgia Meloni, ha votato da opposizione responsabile la senatrice Stefania Craxi considerata l’unica, alla luce delle altre candidature in campo, capace di guidare con competenza, terzietà e senza imbarazzi la Commissione Esteri. Questa elezione, peraltro, conferma che quando il centrodestra è unito è vincente. Obiettivo che per FdI rimane prioritario, come dimostra la scelta fatta oggi nella votazione della Commissione Esteri”.
Sempre dall’opposizione, il presidente del gruppo Cal-Alt-Pc-IdV, il senatore Mattia Crucioli ha dichiarato: “Dopo aver tolto la presidenza della commissione esteri a Petrocelli con un pericoloso strappo istituzionale, oggi la maggioranza di governo mette a nudo di essere tenuta insieme solo dalla brama di poltrone. Forza Italia e M5S, dopo aver insieme obbedito agli ordini del Governo di far fuori Petrocelli perché “dissidente”, hanno litigato fino all’ultimo per chi dovesse ottenere il premio del tradimento all’autonomia del Parlamento e ricoprire la presidenza che avevano decapitato e che ora è ulteriormente delegittimata”.
“E’ accaduta una cosa scontata, che nulla ha a che fare con una nuova maggioranza. Conte giudica gli altri con il metodo di chi pensa che gli altri abbiano il proprio, ma non c’è una nuova maggioranza”. Lo afferma la leader di FdI, Giorgia Meloni alla presentazione del libro di Giovanni Orsina “Una democrazia eccentrica”.
“Noi leali, è evidente che c’è stata una forzatura della destra interna alla maggioranza”. E’ quanto rispondono dal Nazareno a commento di quanto avvenuto in Senato riguardo l’elezione del nuovo presidente della commissione Esteri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Salvini, a tre mesi da guerra conto su stop invio armi
Se andiamo avanti così tra sei mesi conteremo milioni di morti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
09:47
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Abbiamo dato mandato al governo di mandare armi se lo ritenesse necessario, penso che sia arrivata la fine dell’invio di armi”.
Lo ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini a Radio Anch’io su Rai Radio1 intervenendo sulla guerra in Ucraina.
“Conto – ha aggiunto – che non ci sia bisogno del voto” del Parlamento sullo stop all’invio di armi anche perchè “se andiamo avanti così tra sei mesi conteremo milioni di morti”.
“La voglia di pace – ha sottolineato – non è di Salvini ma di tanti. Penso che generali, ambasciatori, il Santo Padre, uomini di Stato e uomini di impresa contino che l’invio di armi cessi e che i tempi siano maturi per il dialogo. Certezze non ne abbiamo” ma “credo” che “la voglia di pace anche a Mosca e Kiev sia molto più forte”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
‘Un secolo di futuro: l’università tra le generazioni’
Intervengono il cardinale Pietro Parolin e il presidente della Corte Costituzionale, Giuliano Amato
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
18:25
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Appuntamento conclusivo del ciclo di conferenze “Un secolo di futuro: l’università tra le generazioni”.
Sono intervenuti il cardinal Pietro Parolin, e il Presidente della Corte costituzionale, Giuliano Amato.
Con il ciclo di conferenze, l’Università Cattolica “ha posto al cuore delle celebrazioni del suo primo secolo di vita la necessità di promuovere e avviare una riflessione sul cambio d’epoca in corso, alla luce non soltanto delle nuove scoperte scientifiche e tecnologiche, ma anche delle contraddizioni e delle attese nel campo dell’eguaglianza, della giustizia, dell’ambiente e di un’economia a misura della persona”.

Fabio chiede suicidio assistito, Stato mi aiuti a morire
Terzo italiano a chiederlo, immobilizzato da 18 anni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
18 maggio 2022
10:02
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Gentile Stato italiano, da 18 anni sono ridotto così.
Ogni giorno la mia condizione diventa sempre più insostenibile.
Aiutami a morire”. È l’appello di Fabio Ridolfi, 46enne di Fermignano (Pesaro Urbino), da 18 anni immobilizzato a causa di una tetraparesi da rottura dell’arteria basilare. Può muovere solo gli occhi e comunica attraverso un puntatore oculare. Assistito dall’Associazione Coscioni, si è rivolto all’Asur (Azienda Sanitaria Unica Regionale) Marche, che in seguito alla giurisprudenza creata dai casi di ‘Mario’ e Antonio’ ha attivato le verifiche previste dalla sentenza della Corte Costituzionale Cappato/dj Fabo. Fabio è stato sottoposto a tutte le visite mediche del caso, ma dal 15 marzo, quando la relazione medica è stata inviata al Comitato Etico Regione Marche, fa sapere l’Associazione Luca Coscioni, “ancora non è arrivato nessun parere, né sulle sue condizioni né sulle modalità per poter procedere con suicidio medicalmente assistito”. E’ il terzo italiano a farne richiesta, dopo Mario e Antonio, nomi di fantasia di due tetraplegici, anche loro marchigiani. Prima di fare questo passo, aveva valutato anche la possibilità di andare in Svizzera. A differenza degli altri due, che hanno preferito l’anonimato, Fabio ha reso noto il suo nome e il suo volto, diffondendo un video in cui lo si vede comporre il suo appello con il puntatore oculare. E nel suo caso, a differenza di Mario e Antonio, che avevano ingaggiato battaglie legali a suon di diffide, non è stato necessario l’ordine di un giudice perché l’Asur si attivasse.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi, Italia appoggia adesione Finlandia-Svezia
Il premier italiano incontra l’omologa finlandese: ‘La Finlandia è una compagna di strada’ – LA DIRETTA
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
20:31
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ “un momento storico per l’Europa e per la Finlandia.
La richiesta di adesione alla Nato è una chiara risposta all’invasione russa dell’Ucraina e alla minaccia che rappresenta per la pace in Europa, per la nostra sicurezza collettiva.
L’Italia appoggia con convinzione la decisione della Finlandia, così come quella della Svezia”. Lo dice il premier Mario Draghi in conferenza stampa con la premier della Finlandia Sanna Marin.
“Dalla fine della seconda guerra mondiale siamo compagni di strada. La Finlandia è stata ammessa nell’Onu nel 1955. I rapporti sono eccellenti e negli ultimi anni abbiamo avuto un progressivo rafforzamento dei rapporti. Nel 1995 la Finlandia è entrata nell’Unione europea. Nelle scorse settimane abbiamo mostrato una grande unità rispetto all’Ucraina anche nel cercare una soluzione negoziale e continueremo a farlo”.
LA CONFERENZA:

“Finlandia e Svezia daranno un gran contributo alla sicurezza. Abbiamo un esercito forte e moderno e già collaboriamo con la Nato. Sono molto grato al premier Draghi al sostegno dell’Italia. La Finlandia sarà un partner affidabile della Nato e contribuirà alla sicurezza globale”.
La premier vedrà a pranzo Enrico Letta e Giuseppe Conte, schierati su fronti opposti rispetto all’invio di armi a Kiev ma entrambi favorevoli alla richiesta dei due Paesi baltici che si sentono minacciati da Mosca.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ruby ter, pm: “Se la sentenza arriva dopo 8 anni, il sistema ha fallito”
Iniziata a Milano la requisitoria nel processo a Berlusconi e altri 28 imputati.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
18 maggio 2022
14:42
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Se un processo può arrivare ad una pronuncia di primo grado dopo 8 anni vuol dire che il sistema ha fallito”.
Lo ha affermato il procuratore aggiunto di Milano Tiziana Siciliano nella parte iniziale della requisitoria nel processo sul caso Ruby ter a carico di Silvio Berlusconi e altri 28 imputati, tra cui una ventina di ex ospiti delle serate di Arcore e la stessa Karima El Mahroug che sarebbero state ‘stipendiate’ con versamenti e regalie per portare nei processi sul caso Ruby la versione delle “cene eleganti”.
Le indagini si chiusero nel 2015. “I fatti sono stati già consegnati alla Storia, indipendentemente dalle nostre valutazioni e da quella delle difese, questo fatto non è già più nostro ma consegnato alla Storia: il presidente del Consiglio in carica usava sistematicamente allietare le proprie serate ospitando a casa propria gruppi di odalische, schiave sessuali a pagamento”.
Lo ha spiegato il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano nella requisitoria del processo milanese sul caso Ruby ter iniziando anche a parlare del “pagamento delle testimoni”, ossia delle cosiddette ‘olgettine’, al centro dell’accusa di corruzione in atti giudiziari.

Imane Fadil, una delle testimoni chiave dell’accusa nei processi sul caso Ruby morta nel 2019 per una rara malattia, “aveva paura, una paura che l’ha accompagnata fino alla morte, un timore che il giro che l’ha accompagnata fino alla morte fosse davvero pericoloso e potente”. Lo ha detto il procuratore aggiunto di Milano Tiziano Siciliano nella requisitoria del processo Ruby ter. Sulla morte di Fadil all’inizio si indagò anche per omicidio. Fadil ha “alimentato in noi un profondo desiderio di giustizia”, perché questi “reati di gravità straordinaria feriscono” non solo l’amministrazione della giustizia ma anche “le persone”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Clima: Wmo, record nel 2021 per gas serra e livello oceani
Rapporto, anche per riscaldamento e acidificazione mari
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
10:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Quattro indicatori chiave del clima (concentrazione di gas serra, aumento del livello del mare, riscaldamento e acidificazione degli oceani) hanno raggiunto nuovi record nel 2021.
Questo è un altro chiaro segno che le attività umane stanno causando cambiamenti su scala planetaria sulla terra, sui mari e nell’atmosfera, con conseguenza dannose e di lunga durata per lo sviluppo sostenibile e gli ecosistemi.

Lo sostiene l’Organizzazione meteorologica mondiale (Wmo) nel suo rapporto “Stato del clima globale nel 2021”, diffuso stamani.
Il rapporto conferma che i 7 anni trascorsi sono stati i più caldi mai registrati. Il 2021 è stato solo uno dei 7 più caldi a causa del fenomeno “La Nina” all’inizio dell’anno. Questa ha avuto un effetto di temporaneo raffreddamento, ma non ha invertito il trend complessivo dell’aumento delle temperature.
La media nel 2021 è stata di circa 1,11 gradi Celsius sopra i livelli pre-industriali.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ruby ter: pm, Berlusconi aveva schiave sessuali, questa è storia
‘Poteva avere il mondo ai suoi piedi, oggi è un uomo malato’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
18 maggio 2022
10:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“I fatti sono stati già consegnati alla Storia, indipendentemente dalle nostre valutazioni e da quella delle difese, questo fatto non è già più nostro ma consegnato alla Storia: il presidente del Consiglio (Berlusconi, ndr) in carica usava sistematicamente allietare le proprie serate ospitando a casa propria gruppi di odalische, schiave sessuali a pagamento”.
Lo ha spiegato il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano nella requisitoria del processo milanese sul caso Ruby ter iniziando anche a parlare del “pagamento delle testimoni”, ossia delle cosiddette ‘olgettine’, al centro dell’accusa di corruzione in atti giudiziari.

Ragazze che, ha aggiunto Siciliano, “lo divertivano, trascorrevano alcune la notte con lui e questi fatti, chiusi con sentenza passata in giudicato, sono stati cristallizzati come fatto storico: l’attività di un consolidato sistema prostitutivo”. E il “dato inoppugnabile è che le due sentenze passate in giudicato entrano a far parte del processo di cui trattiamo”.
Berlusconi, ha proseguito, era un uomo “che poteva avere il mondo ai suoi piedi, che si accompagnava con amicizie come quella con Putin, colui che ora sta mettendo in ginocchio il mondo” e oggi “quello che processiamo è un grande anziano, un uomo malato”.
Prima Siciliano aveva affermato che nel caso Ruby ter si sta processando un uomo che è stato “alla Presidenza del Consiglio”, tra le persone “più ricche del mondo”, che “aveva il potere di modificare lo Stato” e che oggi invece “è un grande anziano malato”, di cui “conosciamo la vita privata perché di interesse giornalistico e guardiamo a questo con tenerezza e compassione”.
E dall’altra parte “processiamo un gruppo di donne la cui caratteristica principale, causativa dei guai, è la bellezza, ormai passata, all’epoca erano molto giovani”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5s: consiglio straordinario dopo elezioni comm. Esteri
Sibilia, “confido che perdita presidenza sia riequilibrata”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
10:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Convocato un consiglio nazionale straordinario del M5s dopo l’elezione di Stefania Craxi a presidente della Commissione Esteri del Senato.
A quanto si apprende lo avrebbe convocato lo stesso Giuseppe Conte per capire le dinamiche che hanno portato il Movimento a perdere la presidenza della commissione.

Poco prima il sottosegretario all’Interno ed esponente pentastellato, Carlo Sibilia, aveva chiesto che la perdita della commissione da parte dei 5 stelle fosse “riequilibrata”: “È un bene – aveva detto ai microfoni de La7 – che Petrocelli non sia più Presidente della Commissione Esteri ma confido che questa perdita di una presidenza da parte del M5S sia ri-equilibrata in qualche modo. Diversamente sarebbe una vera scorrettezza, essendo il M5S il partito di maggioranza relativa”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
11:30
LA RUSSIA CONVOCA L’AMBASCIATORE ITALIANO A MOSCA.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: ok Ue ad aiuti Italia a agricoltura per 1,2 mld
A sostegno anche di silvicoltura, pesca e acquacoltura
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
18 maggio 2022
11:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Commissione europea ha approvato il regime italiano da 1,2 miliardi di euro a sostegno dei settori dell’agricoltura, della silvicoltura, della pesca e dell’acquacoltura nel contesto dell’invasione russa dell’Ucraina.

“Il regime da 1,2 miliardi di euro consentirà all’Italia di sostenere i settori dell’agricoltura, della silvicoltura, della pesca e dell’acquacoltura colpiti dall’aumento dei costi dei fattori di produzione causato dall’invasione russa dell’Ucraina e dalle relative sanzioni – sottolinea in una nota Margrethe Vestager, vicepresidente della Commissione e responsabile per la Concorrenza -.
Continuiamo a restare al fianco dell’Ucraina e del suo popolo. Allo stesso tempo proseguiamo la stretta collaborazione con gli Stati membri per garantire che le misure nazionali di sostegno possano essere attuate in modo tempestivo, coordinato ed efficace, tutelando nel contempo la parità di condizioni nel mercato unico”.
Gli aiuti saranno in sovvenzioni dirette; agevolazioni fiscali o di pagamento; anticipi rimborsabili; o in riduzione; o infine in esenzione dal pagamento dei contributi previdenziali e assistenziali. Saranno accessibili alle imprese di tutte le dimensioni attive nei settori dell’agricoltura, della silvicoltura, della pesca e dell’acquacoltura colpite dall’aumento dei prezzi dell’elettricità, dei mangimi e dei carburanti causato dall’attuale crisi geopolitica e dalle relative sanzioni. Non supereranno i 35 000 euro per o beneficiari attivi nella produzione primaria nei settori dell’agricoltura, della silvicoltura, della pesca e dell’acquacoltura e i 400.000 euro per imprese operanti in tutti gli altri settori.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Progetto formazione gratuita a donne madri per impiego migliore
Al via mentorship di Chicco per ricollocare mamme maleoccupate
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
11:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Una rete al femminile: donne che formeranno altre donne, mamme disoccupate o maleoccupate, per aiutarle a realizzarsi professionalmente.
È questa l’iniziativa promossa da Chicco per favorire l’empowerment femminile.
Il proposito è già nel titolo ‘Together we can’: ‘Insieme possiamo’ far sì che le aspirazioni di una donna non siano incompatibili con la scelta di maternità.
Si tratta di un percorso di riprogettazione professionale gratuito, sostenuto da Chicco, per donne con figli fino a dieci anni, che desiderano o necessitano di ricollocarsi in ambito lavorativo. L’iniziativa si inserisce nella campagna #mammaE promossa dall’azienda a sostegno della libertà di scelta delle donne.
“Vogliamo dare alle donne gli strumenti per riconoscere le proprie capacità e valorizzarle al massimo nel mondo del lavoro e nella società” spiega Federica Padoa, Brands & Portfolio director di Artsana. Con il progetto, racconta, “donne formatrici supporteranno altre donne nella costruzione della propria identità professionale, in linea con i loro talenti”.
Il percorso di mentorship è in collaborazione con l’associazione Piano C, impegnata nella riprogettazione professionale e nell’empowerment femminile. “In questo momento storico collaborare con Chicco per la realizzazione di un percorso di supporto concreto alle madri, è un indicatore di quanto le alleanze virtuose possano porre le basi per un cambiamento reale” osserva la presidente di Piano C Factory, Sofia Borri.
Fino al 18 giugno sarà possibile inviare la propria candidatura. il 7 luglio sarà annunciata la prima selezione di 40 donne che parteciperanno a due webinar di formazione online.
A quel punto, le formatrici selezioneranno tra queste quindici finaliste che, a partire da settembre, prenderanno parte al percorso completo di riprogettazione per tre mesi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: 1,2 milioni di multe ai non vaccinati over 50, presto altre
Anche contestazioni ‘sanzionati vaccinati’, ma serve certificato
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
17:46
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
È in arrivo la seconda tranche di multe indirizzate agli over 50 non vaccinati con il siero anti-Covid.
Altre 600mila multe, che si aggiungono alle prime 600 mila del mese scorso, sarebbero state comminate (o in corso di invio in questi giorni): si tratta in tutto di 1 milione e 200mila sanzioni finora.
Nelle prossime settimane sarebbe in arrivo una terza tranche.
E’ quanto si apprende da fonti del ministero della Salute. Diverse sarebbero state le contestazioni di persone che avrebbero precisato di essersi vaccinati nonostante l’arrivo della multa: in questi casi si hanno 10 giorni per mostrare la documentazione della vaccinazione.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mascherine con logo Presidenza del Consiglio tra i rifiuti
Nel Casertano erano regolarmente imbustate, saranno donate
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CASERTA
18 maggio 2022
11:49
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Oltre 500 mascherine con il marchio della Presidenza del Consiglio dei Ministri sono state rinvenute tra i rifiuti dalla Polizia Municipale a Mondragone, nel Casertano.

Gli agenti del Reparto Ambiente guidati dal Comandante David Bonuglia insieme alle guardie ambientali hanno trovato i dispositivi di protezione, che erano regolarmente imbustati, durante un servizio di controllo congiunto del territorio finalizzato al contrasto dei reati ambientali.
Sono in corso le attività per identificare i responsabili dello smaltimento illecito; la polizia municipale sta visionando anche telecamere di videosorveglianza. Le mascherine saranno invece donate a chi ne farà richiesta.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:Fiaso,raddoppia calo ricoveri,-14,9% in sette giorni
Nella settimana precedente la flessione era stata del 7,5%
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
11:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La curva dei ricoveri Covid accelera la discesa.
Nella settimana, 10-17 maggio, il numero totale dei pazienti ricoverati, sia nei reparti ordinari sia nelle terapie intensive, si è ridotto del 14,9%: una diminuzione doppia rispetto a quella del periodo 3-10 maggio quando il calo era stato del 7,5%.
È quanto emerge dalla rilevazione degli ospedali sentinella della Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere (Fiaso), che evidenzia come si siano ridotti del 15% i casi nei reparti ordinari e del 14,8% nelle rianimazioni. Nelle terapie intensive è del 24% la percentuale di pazienti no vax che hanno contratto il Covid grave.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Russia convoca l’ambasciatore italiano a Mosca
Convocato anche l’ambasciatore francese
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
12:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’ambasciatore italiano a Mosca Giorgio Starace è stato convocato dal ministero degli Esteri russo.
Lo si apprende da fonti informate.
Anche l’ambasciatore francese a Mosca Pierre Levy è stato convocato al ministero degli Esteri russo. Lo riferisce Ria Novosti.
L’ambasciatore, afferma l’agenzia di stampa russa, è stato convocato in relazione all’annuncio di misure di ritorsione per l’espulsione di diplomatici russi. Il diplomatico è arrivato all’edificio verso le 11, vi è rimasto per circa 40 minuti e poi se ne è andato senza rispondere alle domande dei giornalisti.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Segre invita Chiara Ferragni al Memoriale della Shoah, porterebbe giovani
‘Mi piacerebbe conoscerla, vedo che si impegna sul sociale’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
19 maggio 2022
08:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Mi piacerebbe molto incontrare Chiara Ferragni e invitarla a visitare con me il Memoriale dello Shoah”: lo ha detto la senatrice a vita Liliana Segre a Repubblica.
Secondo la senatrice, sopravvissuta alla deportazione ad Auschwitz, “sono ancora troppo pochi” i visitatori al Memoriale di piazza Srafra che ricorda le vittime dell’olocausto in Italia.

“Ho visto che con suo marito Fedez si impegna sul sociale, mi piacerebbe conoscerla – dice – il suo esempio potrebbe portare qui tanti ragazzi”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In Spagna individuati 8 possibili casi di vaiolo delle scimmie
Le autorità sanitarie attivano un’allerta
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MADRID
18 maggio 2022
13:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le autorità sanitarie spagnole hanno attivato un’allerta relativa al vaiolo delle scimmie (monkeypox) dopo che sono stati individuati otto casi sospetti a Madrid, attualmente in fase di analisi.
Lo riportano i principali media iberici.

Secondo quanto precisa El País, le autorità spagnole hanno attivato la fase di allerta dopo che sono stati segnalati alcuni casi in Portogallo e in Regno Unito. Tutti i casi sinora diagnosticati o sospetti, aggiunge il quotidiano, sarebbero stati riscontrati tra uomini che hanno avuto rapporti sessuali con altri uomini.
Simile alla malattia che colpisce gli esseri umani, il vaiolo delle scimmie non è grave e viene generalmente curato entro poche settimane. I sintomi con cui si manifesta sono soprattutto febbre, mal di testa e dolori muscolari e alla schiena. È possibile che in alcuni casi si presenti anche un’eruzione cutanea.
Le autorità sanitarie spagnole stanno analizzando i casi sospetti per confermarli o scartarli e individuare le possibili catene di trasmissione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nato: Draghi, Italia appoggia adesione Finlandia-Svezia
Richiesta è chiara risposta a invasione russa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
13:10
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ “un momento storico per l’Europa e per la Finlandia.
La richiesta di adesione alla Nato è una chiara risposta all’invasione russa dell’Ucraina e alla minaccia che rappresenta per la pace in Europa, per la nostra sicurezza collettiva.
L’Italia appoggia con convinzione la decisione della Finlandia, così come quella della Svezia”. Lo dice il premier Mario Draghi in conferenza stampa con la premier della Finlandia Sanna Marin.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi, continueremo a cercare soluzione negoziale
La Finlandia è una compagna di strada
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
13:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Dalla fine della seconda guerra mondiale siamo compagni di strada.
La Finlandia è stata ammessa nell’Onu nel 1955.
I rapporti sono eccellenti e negli ultimi anni abbiamo avuto un progressivo rafforzamento dei rapporti.
Nel 1955 la Finlandia è entrata nell’Unione europea. Nelle scorse settimane abbiamo mostrato una grande unità rispetto all’Ucraina anche nel cercare una soluzione negoziale e continueremo a farlo”. Lo ha detto il premier Mario Draghi in una conferenza stampa.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Senato: tensione nel M5S, ‘quarta elezione che Conte perde’
Contestata anche Castellone, “si assumerà la responsabilità”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
13:14
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tensioni fra i parlamentari M5s questa mattina dopo la perdita della presidenza della Commissione Esteri del Senato.
Un epilogo ampiamente previsto, si lamentano, nell’assemblea del gruppo a palazzo Madama che si è tenuta nella sera di ieri dove era stato chiesto alla capogruppo Mariolina Castellone di andare al voto con un nome alternativo a quello del “contiano” Licheri.
O per lo meno di tentare al secondo scrutinio il nome di Simona Nocerino nel caso in cui nella prima delle due votazioni a maggioranza assoluta il M5s non avesse spuntato la nomina. “Castellone si assumerà la responsabilità della perdita della Commissione” aveva protestato già ieri sera una frangia di senatori prevedendo il risultato della votazione di oggi. “E’ la quarta elezione importante persa da Giuseppe Conte, che ha già perso la sfida sui capigruppo Castellone e Crippa e quella sulla presidenza della Repubblica”, è il commento che circola tra i senatori che ironizzano: “in pratica Conte vince solo se gareggia da solo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mattarella, anni pandemia non sono stati di paralisi
Nuova area imbarchi Fiumicino lo dimostra, segno di ripresa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
13:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono lieto di essere presente all’apertura di questa nuova area d’imbarco all’aeroporto Leonardo Da Vinci.
E’ importante sottolineare che questi due anni di pandemia non sono stati anni di paralisi ma anni operosi, come dimostra questa importante infrastruttura: è un segno di ripresa e di fiducia nel paese”.
Lo ha detto in un intervento a braccio all’inaugurazione della nuova area imbarchi di Fiumicino il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, esprimendo “riconoscenza” per la realizzazione dell’opera. “Gli aeroporti sono ormai ben più che delle semplici aerostazioni perché rappresentano delle piattaforme di innovazione e sperimentazione, di applicazione di risultati e della ricerca, sono luoghi in cui si accolgono e si presentano opera d’arte, sono luoghi in cui si offrono prospettive e orizzonti più ampi di semplici imbarchi e arrivi”, ha spiegato il Presidente della Repubblica. E per Roma “si tratta di uno strumento essenziale per le sfide che la città ha davanti: il Giubileo e l’auspicato expo 2030”, ha concluso Mattarella, ringraziando tutti i lavoratori che hanno contribuito alla realizzazione dell’opera.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Senato: Petrocelli lascia il M5s e aderisce a Cal
Crucioli, “credo che abbia inviato la lettera alla Casellati”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
13:16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il senatore ed ex presidente della commissione Esteri, Vito Petrocelli, ha lasciato il Movimento 5 stelle e ha chiesto di aderire al gruppo di Cal, Costituzione Ambiente e Lavoro.
A confermarlo è il capogruppo Mattia Crucioli.
“Credo che stamani abbia inviato la lettera alla presidente Casellati – ha aggiunto – e prima ovviamente ci aveva avvertito della sua intenzione. Noi siamo ben contenti essendo noi l’unico gruppo parlamentare che non si piega alla volontà guerrafondaia del Paese”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Kiev, segnalati 60 stupri su bimbi
Denisova oggi a Roma, ‘almeno 200 violenze sessuali’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
13:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Riceviamo circa 700 chiamate al giorno e abbiamo già raccolto la segnalazione di circa 43mila crimini di guerra.
Sono almeno 200 le violenze sessuali sui cittadini e in 60 casi si tratta di bambini”.
Queste alcune delle cifre che descrivono le atrocità subite dal popolo ucraino fornite dal difensore civico ucraino Lyudmila Denisova oggi accolta alla Regione Lazio dal presidente del consiglio regionale Marco Vincenzi.
Denisova ha precisato che nelle chiamate vengono segnalati “crimini atroci, come aver assistito a uccisioni di propri familiari. Ciò spinge alla disperazione, e per questo – ha spiegato – è a disposizione una linea telefonica anche per il supporto psicologico: abbiamo già ricevuto 1.100 chiamate. In almeno 104 casi su 400 segnalazioni di assassinii di familiari ci è arrivata la conferma della presenza di bambini”. “Tante segnalazioni di crimini di guerra – ha aggiunto Denisova – ci stanno arrivando nelle ultime ore da Kharkiv: in un’ora, due giorni fa, ne sono arrivate 10. Per 8 di queste si tratta di violenze su minori e in due casi su bambini di 10 anni”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi,espulsioni atto ostile,non chiudere canali diplomazia
Il premier commenta decisione Mosca contro nostri 24 diplomatici
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
13:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“E’ un atto ostile ma non bisogna assolutamente interrompere i rapporti diplomatici.
Non deve portare all’interruzione dei canali diplomatici perchè se si arriverà alla pace ci si arriverà attraverso quei canali diplomatici”.
Lo ha detto il premier Mario Draghi in una conferenza stampa commentando l’espulsione di 24 diplomatici italiani dalla Russia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Draghi, altre armi? Se necessario, decisione Ue
In difesa Kiev europei sono uniti, membri leali dell’Unione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
13:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Vogliamo aiutare l’Ucraina a difendersi.
Lo abbiamo fatto in passato e lo faremo quando necessario.
Nella difesa dell’Ucraina gli europei sono tutti insieme, siamo membri leali dell’Unione”. Lo ha affermato Mario Draghi nel corso della conferenza stampa a Palazzo Chigi con la premier finlandese Marin, rispondendo a chi gli ha chiesto se sia previsto l’invio di altre armi a Kiev e un voto in Parlamento.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Arriva RePowerEu, spinta sulle rinnovabili e no a price cap
L’obiettivo è tutto nel nome: darsi nuova carica energetica. Gli Stati Uniti: pronti ad aiutare
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
13:20
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Prestiti ai governi, rinnovabili e interventi temporanei sui mercati dell’energia nazionali.
A giochi ancora da chiudere sull’embargo al petrolio russo e sul pagamento in rubli del gas, l’Europa ingrana la marcia per liberarsi dalla dipendenza da Mosca e si appresta a presentare il suo RePowerEu. L’obiettivo è tutto nel nome: darsi nuova carica energetica. Prima di tutto spingendo le fonti rinnovabili con procedure burocratiche meno pesanti e autorizzazioni più veloci.
E poi dando fondo a tutte le risorse e le misure necessarie per aiutare i Ventisette a finanziare nuovi investimenti verdi e riforme e a fare fronte al caro energia. Con una sola avvertenza: il mercato unico deve restare solido e – a meno che Vladimir Putin non decida di chiudere i rubinetti – non è ancora tempo per un tetto europeo al prezzo del gas. Nel maxi-piano che sarà svelato domani l’esecutivo comunitario vuole tagliare i ponti con la “dipendenza strategica” dalla Russia “il prima possibile”. E per farlo punta forte sulla diversificazione. Di fonti e di fornitori. Con gli Stati Uniti che, ha assicurato il segretario al Tesoro Janet Yellen in missione a Bruxelles, sono pronti ad aiutare e aumentare le forniture di Gnl. Ma, dopo settimane di dibattiti e analisi, la Ue mette nero su bianco anche cosa è possibile fare sul mercato per difendersi dal caro energia. Che non sembra poter rientrare a breve. Anzi: i prezzi rimarranno elevati per il resto del 2022 e, anche se in misura minore, fino al 2024-2025. Una situazione che richiede interventi perlomeno nazionali. A cui Bruxelles è pronta a dare il suo via libera: i governi europei potranno continuare ad applicare prezzi del gas e dell’elettricità regolamentati sul mercato al dettaglio nazionale e introdurre un prezzo di riferimento, sempre interno, per il gas utilizzato per la produzione di energia elettrica. Per il ‘price cap’ europeo, invece, è ancora troppo presto e, per evitare che si trasformi in un boomerang per il mercato unico, sarà possibile introdurlo solo nel caso di “un’interruzione improvvisa su larga scala o totale delle forniture di gas russo”. Lo sforzo finanziario a cui sono chiamati i governi comunque sarà imponente e la Commissione lo sa. Per sostenerli la proposta è di aggiungere un addendum in calce ai piani nazionali di recupero e Resilienza (Pnrr) dedicato al RePowerEu. Per finanziare riforme e investimenti dedicati all’energia i governi potranno usare i prestiti non ancora utilizzati del Next Generation Eu (220 miliardi di euro), una parte dei ricavi Ets e una parte dei fondi della Pac e della politica di coesione. Fondi che, per chi come l’Italia ha già richiesto i prestiti dal Recovery, potrebbero però non bastare.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dl riaperture: Senato conferma fiducia con 201 sì e 38 no
Alla Camera sì alla fiducia su dl Ucraina bis, in 391 votano a favore
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
13:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con 201 voti favorevoli, 38 contrari e nessun astenuto l’aula del Senato ha confermato la fiducia posta sul decreto Riaperture, nel testo approvato dalla Camera il 5 maggio scorso.
Dunque via libera definitivo alla conversione in legge, in scadenza il 23 maggio.
Presenti in aula 240 senatori, 239 i votanti.
Sono 16 i senatori del M5s risultati assenti al voto di fiducia posto dal governo sul decreto Riaperture, appena approvato in via definitiva dal Senato. E’ quanto emerso dai primi calcoli dalle due ‘chiame’ dei senatori. Tra gli assenti ci sono la capogruppo Mariolina Castellone, la vicepresidente del Senato, Paola Taverna, e l’ex presidente della commissione Esteri, Vito Petrocelli. Assenze dovute probabilmente al fatto che molti stanno partecipando al consiglio nazionale straordinario, voluto dal presidente Giuseppe Conte dopo la ‘perdita’ della presidenza della commissione Esteri, passata da Vito Petrocelli dei 5S a Stefania Craxi di Forza Italia, eletta oggi con 12 voti a favore.
Dl Ucraina bis – La Camera conferma la fiducia al governo sul decreto legge Ucraina bis con 391 voti a favore, 45 contrari e due astenuti. L’Assemblea ora passa all’esame dei circa 90 ordini del giorno al testo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A Genova B&b con lavoratori disabili, ‘è inno alla lentezza’
Ideatore, progetto imprenditoriale con supporto Regione Liguria
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
18 maggio 2022
13:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La mia speranza è che domani arrivi un ospite che nel suo commento dica bellissimo posto, ottima colazione a due passi dal centro, senza nessun riferimento al fatto che lavorino persone disabili, e questo sarà il risultato più grande”.
Enrico Pedemonte, presidente della Compagnia della Tartaruga, riassume così gli obiettivi del progetto che ha portato alla nascita della “sosta della tartaruga”, struttura ricettiva aperta in un palazzo storico di Via Caffaro, nel cuore di Genova, all’insegna dell’inclusione lavorativa e del turismo lento.

Il B&b impiegherà, con un contratto di lavoro a tempo indeterminato, 4 giovani con disabilità intellettiva, selezionati e affiancati da Fondazione Cepim e formati con un corso e un tirocinio di 6 mesi. “Il nostro è un progetto imprenditoriale sotto tutti gli aspetti – spiega – con l’obiettivo della totale sostenibilità economica. Vogliamo dimostrare che si può fare profitto facendo lavorare sei persone delle quali quattro sono disabili”.
La struttura già aperta per la formazione pratica dal 1 aprile, aprirà le prenotazioni al pubblico dal 1 giugno. “La sfida è sviluppare un contesto lavorativo che al tempo stesso stia sul mercato in modo competitivo e valorizzi le caratteristiche positive dei nostri ragazzi – spiega – in particolare la capacità di incontro, minimizzando gli aspetti più problematici, come la lentezza, perché è proprio nella lentezza, infatti, che questi giovani speciali riescono a esprimere al meglio il proprio potenziale e valore aggiunto, andando incontro alle nuove tendenze del turismo e degli stili di vita slow”.
Un progetto che ha visto il supporto di Regione Liguria che ha finanziato la formazione attraverso il Fondo Sociale Europeo.
“La formula con cui Regione Liguria ha sostenuto questo progetto di formazione, grazie ad un ente di formazione in associazione con un’impresa che si è impegnata ad assumere almeno il 60% dei ragazzi – ha detto Ilaria Cavo, assessore alla formazione e al sociale di Regione Liguria – ha portato a essere qui oggi con giovani che già lavorano con un contratto e spero che questa esperienza sia contagiosa”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Conte, posizione del M5s non piace, prendiamo atto
“C’è nuova maggioranza che va da FdI a Iv”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
13:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La nostra pozione sull’Ucraina non piace, ne prendiamo atto”.
Lo ha dichiarato il leader del M5s Giuseppe Conte, al termine del consiglio nazionale straordinario del Movimento convocato dopo l’elezione di Stefania Craxi a presidente della commissione Esteri del Senato dove, ha detto l’ex premier, abbiamo registrato “che di fatto si è formata una nuova maggioranza da FdI a Iv”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Energia: Draghi, contro rincari adottare strumenti aggiuntivi
Occorre investire nella transizione energetica
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
13:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sappiamo bene che il percorso di integrazione europea, che Italia e Finlandia sostengono, non è completo.
La guerra in Ucraina ci mette davanti a sfide strategiche enormi, che non possiamo affrontare da soli, con i singoli bilanci nazionali”.
Lo afferma il premier Mario Draghi.
“Dobbiamo – prosegue – adottare strumenti aggiuntivi, per contenere l’impatto dei costi dell’energia e investire nella transizione energetica e nella ricostruzione dell’Ucraina”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5s, maggioranza esiste solo sulla carta
Conte: “Movimento, Pd e Leu mantengono i patti, gli altri no”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
13:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’attuale maggioranza esiste solo sulla carta non nella realtà del confronto quotidiano.

Registriamo come ormai sia venuto meno anche il più elementare principio di leale collaborazione”.
E’ quanto scritto nel comunicato del consiglio nazionale dei 5 stelle riunitosi d’urgenza stamane dopo il voto sulla commissione esteri del senato.
Poco prima della diffusione del comunicato, il leader dei 5 stelle, Giuseppe Conte aveva rimarcato come, “nei giorni scorsi avevo detto che c’è qualcuno che lavora per tenerci fuori dalla maggioranza: oggi prendo atto che M5s, Pd e Leu hanno un atteggiamento responsabile con i cittadini, mantengono i patti, gli altri no”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ingiuste detenzioni, risarcimenti per 24 mln euro
Nel 2021, 43mila euro l’importo medio dei provvedimenti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
14:46
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Poco più di 24 milioni: a tanto ammonta il totale delle somme riconosciute a titolo di riparazione per ingiusta detenzione nel 2021 dallo Stato.
La cifra esatta è 24.506.190 ed è inferiore di 12 milioni a quella erogata nel 2020.
In tutto sono state 565 le ordinanze di risarcimento di chi è finito ingiustamente in carcere prima dello svolgimento del processo, con un importo medio per provvedimento di 43.374 euro (nel 2020 49.278 euro). I dati sono contenuti nella Relazione annuale sulle “Misure cautelari personali e riparazione per ingiusta detenzione – 2021” che il ministero della Giustizia ha presentato al Parlamento.

Nel triennio 2019 – 2021 sono state promosse azioni disciplinari per scarcerazioni intervenute oltre i termini di legge nei confronti di 50 giudici. Ma nessuno di questi procedimenti si e’ per ora concluso con una condanna, anche se non tutti sono gia’ stati definiti: 27 sono ancora in corso. In nove casi la Sezione disciplinare del Csm ha emesso una sentenza di assoluzione. Altri 14 sono stati chiusi con la formula di ‘non doversi procedere’. E’ quanto si evince dalla Relazione annuale sulle ‘Misure cautelari personali e riparazione per ingiusta detenzione – 2021’ che il ministero della Giustizia ha presentato al Parlamento.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Difesa, da intercettazioni innocenza ex rettrice su esame Suarez
Per i legali emerge anche per Spina, entrambe interrogate
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
18 maggio 2022
14:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La ex rettrice dell’Università per Stranieri di Perugia, Giuliana Grego Bolli, e la professoressa Stefania Spina, sono state sentite oggi in aula nell’ambito dell’udienza preliminare relativa alle presunte irregolarità legate all’esame per la conoscenza dell’italiano sostenuto dal calciatore Luis Suarez presso lo stesso Ateneo.
Hanno risposto alle domande dei difensori delle parti e dei pubblici ministeri, anche alla luce del deposito, da parte del perito nominato dal giudice, delle trascrizioni delle intercettazioni.

Secondo lo studio Brunelli, che difende Grego Bolli e Spina, nel corso dell’udienza “sono emerse conversazioni, in precedenza trascurate dagli inquirenti, ma ora trascritte su richiesta” degli stessi legali, “dalle quali si ricavano nuovi elementi utili a dimostrare l’innocenza della ex rettrice e della professoressa Spina”. “In particolare, quanto all’operato della professoressa Grego Bolli – sottolinea lo studio Brunelli in una nota -, è emerso che ha subito avuto a cuore il rispetto delle procedure, come dimostra il fatto che, quando non era ancora chiaro se l’esame al calciatore si sarebbe svolto in Italia o all’estero, diceva al direttore Olivieri: ‘lo scritto gli si manda e lui se lo fa ovunque sia nel mondo e… va beh, insomma, ci fidiamo. Adesso al Consolato non lo faranno copiare…’. Grego Bolli ha dichiarato inoltre di non aver avuto alcun ruolo nell’organizzazione del corso di preparazione all’esame che, peraltro, aveva suggerito di affidare a un’altra docente, e all’esame di certificazione. Si tratta, infatti, di mansioni che non rientrano tra quelle del rettore e che sono state svolte in autonomia dagli organi amministrativi competenti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Campagna di Russia, morto ultimo reduce Selenyj Jar
L’alpino Di Franco avrebbe compiuto 100 anni il 23 novembre
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PESCARA
18 maggio 2022
14:49
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Addio all’alpino Valentino Di Franco, ultimo reduce di Selenyj Jar della campagna di Russia appartenente alla 108/a Compagnia del Battaglione ‘L’Aquila’: Di Franco si è spento oggi nella sua abitazione di Monterotondo; abruzzese di nascita di Isola del Gran Sasso (Teramo) avrebbe compiuto 100 anni il prossimo 23 novembre.

La sua saggezza ispirata dalla consapevolezza delle drammatiche conseguenze della guerra combattutta non solo contro il nemico, ma anche contro la fame e il freddo, gli dettò il seguente messaggio di speranza e di coraggio da lasciare alle nuove generazioni: “Mi chiamo Valentino, a 20 anni ero sul Don, sotto un freddo di 40 gradi.
Ho perso le gambe, ho subito vere amputazioni. Ho perso, nel tempo, la mia famiglia…oggi mi trovo a 97 anni e ricordo il passato. Per questo oggi vi dico: Fatevi coraggio, nei momenti brutti pensate a me. Viva l’Italia!”.
I funerali si terranno domani, alle 15, nella Chiesa di S.
Martino di Monterontondo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Campania aumentano decessi, 10 in 48 ore
Cala tasso contagi, lieve aumento ricoveri nelle intensive
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
18 maggio 2022
15:14
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 3.253, in Campania, i neo positivi al Covid su 22.946 test esaminati.
Secondo i dati del Bollettino ordinario della Regione Campania cala al 14,17% il tasso di contagio che ieri era pari al 17,28%.
Aumenta il numero dei decessi, 10 nelle ultime 48 ore; 3 deceduti in precedenza ma registrati ieri.
Negli ospedali lieve aumento dei ricoveri nelle terapie intensive con 37 posti letto occupati (+ 2 rispetto a ieri); mentre calano a 531 (-31 rispetto a ieri) i posti letto occupati in degenza.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: contagi in calo ma ancora sopra mille in Sardegna
Altri 5 decessi tra cui una donna di 59 anni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
18 maggio 2022
15:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Viaggiano ancora sopra mille i contagi da Covid in Sardegna, dove nelle ultime 24 si registrano anche altri 5 decessi, tra cui una donna di 59 anni.
I nuovi casi accertati sono 1.099 (- 615), di cui 909 diagnosticati da antigenico.
Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 6.779 tamponi per un tasso di positività che scende dal 18,8 al 16,2 per cento.
I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 11 (+ 1), quelli in area medica 225 (- 11). In calo 22852 sono i casi di isolamento domiciliare, in tutto 22.852 (- 963).
I 5 decessi: una donna di 59 anni residente nella Città Metropolitana di Cagliari, due donne di 94 e 95 più due uomini di 91 e 92 residenti nella provincia di Oristano.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nave Marina trova bomba 2/a Guerra mondiale davanti Cagliari
Durante esercitazione ‘Mare aperto’, a 19 metri profondità
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
15:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Domenica scorsa, la nave Alghero, impegnata nell’esercitazione ‘Mare Aperto 22 – Italian Minex 22’, ha localizzato ed identificato un ordigno bellico risalente alla Seconda Guerra Mondiale nelle acque prospicenti il litorale di Cagliari ad una profondità di circa 19 metri.
Lo fa sapere la Marina Militare, aggiungendo che sono state informate tutte le autorità interessate e che l’area è stata interdetta con ordinanza della Capitaneria di Porto di Cagliari, mentre per le successive azioni si dovranno attendere le determinazioni della Prefettura del capoluogo sardo.

Le attività del gruppo cacciamine continueranno nell’area sud della Sardegna fino al prossimo 27 maggio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fedez, Segre partecipi a nostro podcast Muschio Selvaggio
La senatrice aveva invitato Chiara Ferragni a Memoriale Shoah
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
18 maggio 2022
15:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sarei felice di invitare la Senatrice Liliana Segre al nostro podcast Muschio Selvaggio, spero possa accogliere il nostro invito”.

A scriverlo è il rapper Fedez sui social.
In precedenza, la senatrice a vita Liliana Segre aveva detto che “mi piacerebbe molto incontrare Chiara Ferragni e invitarla a visitare con me il Memoriale dello Shoah”. Secondo la senatrice, sopravvissuta alla deportazione ad Auschwitz, “sono ancora troppo pochi” i visitatori al Memoriale di piazza Safra che ricorda le vittime dell’olocausto in Italia.
“Ho visto che con suo marito Fedez si impegna sul sociale, mi piacerebbe conoscerla – aveva detto – il suo esempio potrebbe portare qui tanti ragazzi”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Assessore Liguria a Google, verifichi recensioni ristoranti
Berrino, aziende liguri penalizzate da falsi profili
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
18 maggio 2022
15:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Regione Liguria vuole tutelare l’immagine delle aziende della ristorazione presenti sul territorio ligure danneggiate da falsi profili da cui sarebbero partite recensioni negative e per questo scrive a Google Italia affinché verifichi la veridicità delle recensioni.
Lo scrive in una lettera l’assessore regionale al Turismo Gianni Berrino dopo essere venuto a conoscenza delle recensioni negative ai danni di importanti e rinomati ristoranti della Liguria.

“Ritengo doveroso – dice Berrino – tutelare l’immagine di importanti aziende di una categoria che molto ha patito a causa del Covid e che si vede danneggiata da azioni che appaiono scorrette e fraudolente. Ferma restando la piena liberta di scrivere i pareri e le recensioni che ognuno vuole, mi pare che in questo caso si tratti di parere ‘falsi’ e quindi di un’azione con finalità oscure che penso sia nell’interesse di tutti condannare”. L’assessore ribadisce che “è fondamentale che Google ponga rimedio, verificando per quanto possibile la veridicità delle recensioni, nell’interesse delle singole attività, ma anche per l’immagine generale della Regione, per quale Istituzioni e imprenditori stanno lavorando”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: una panchina viola per insegnare la gentilezza
Inaugurata in una scuola primaria di Marghera
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
18 maggio 2022
15:49
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Una panchina viola per invitare i più piccini alle buone maniere ma anche a sviluppare il senso civico: il progetto ‘La panchina della gentilezza’, realizzato dalla scuola primaria ‘Cesco Baseggio’ inserita nell’omonimo Istituto comprensivo di Marghera con la collaborazione del Comune, punta ad educare i giovani allievi ai valori di solidarietà, inclusione, rispetto reciproco e per le cose altrui.

Una panchina di scarto, messa a disposizione degli studenti dal Comune, è stata oggi posizionata nel giardino della scuola.

Gli alunni delle classi prime, coordinati dalla maestra Nicoletta Mancuso, hanno provveduto a ripulirla e decorarla: dopo averla pitturata di viola, colore simbolo della gentilezza, i ragazzi hanno apposta la dicitura “Sii gentile, sarai civile”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: altri 2.835 casi in E-R, crescono ricoveri intensiva
Ancora dodici morti, fra questi un uomo di 69 anni del Modenese
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
18 maggio 2022
16:14
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Aumentano, in Emilia-Romagna, i contagi al Coronavirus, come pure i ricoveri in terapia intensiva.
Nelle ultime 24 ore, infatti, sono stati individuati 2.835 nuovi casi sulla base di poco meno di 18mila tamponi eseguiti.
Nelle terapie intensive degli ospedali della Regione ci sono 34 pazienti, tre in più di ieri, con un’età media di 67,4 anni. Negli altri reparti Covid, invece, i positivi sono 1.106, 33 in meno di ieri. I casi attivi, ovvero le persone attualmente positive, sono poco meno di 37mila, il 97% dei quali in isolamento a casa. Si contano ancora dodici morti, il più giovane dei quali era un uomo di 69 anni della provincia di Modena.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Premio Ischia a Lucio Caracciolo e alla carriera a Cremonesi
Riconoscimenti anche a De Stefano, Zafesova e Testi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
16:31
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lucio Caracciolo, fondatore e direttore della rivista Limes, è il vincitore del Premio Ischia Internazionale di giornalismo.
Ad Anna Zafesova, giornalista de La Stampa, va il riconoscimento per la carta stampata, a Elena Testi, giornalista de La 7, per il giornalismo televisivo, a Lorenzo Cremonesi del Corriere della Sera il Premio alla carriera, mentre la direttrice di Rai Sport, Alessandra De Stefano, vince il premio per il giornalismo sportivo.

Lo ha deciso la giuria presieduta da Giulio Anselmi e composta da Andrea Abodi, Lucia Annunziata , Luigi Contu, Alessandro Barbano, Enzo D’Errico, Giuseppe De Bellis, Giovanni Grasso, Lucio Fontana, Carlo Gambalonga, Federico Monga, Mario Orfeo, Agnese Pini, Fabio Tamburini e Alessandra Galloni. La cerimonia si terrà il 1 e 2 luglio a Casamicciola.
Lucio Caracciolo è stato premiato per essersi distinto per l’equilibrio dimostrato nel dibattito politico, spesso polarizzato, che da due mesi accompagna le varie fasi del conflitto in Ucraina. Anna Zafesova ha seguito la vicenda ucraina con numerosi articoli, svolgendo un prezioso ruolo di coordinamento per il quotidiano torinese con le fonti a Mosca, Kiev ed in Italia. Elena Testi si è distinta come esempio della intera schiera di free lance che hanno vissuto in prima persona, con coraggio e trasparenza, le varie storie della complicata fase bellica. Alessandra De Stefano, prima donna alla direzione della testata giornalistica Rai Sport, è stata premiata per il suo lavoro di inviata al seguito del ciclismo nazionale ed internazionale e per la conduzione della fortunata trasmissione Il circolo degli anelli durante le Olimpiadi.
Il premio alla carriera è stato assegnato a Lorenzo Cremonesi, che come inviato di guerra per il Corriere della Sera dalla fine degli anni Ottanta ha raccontato in prima persona, con coraggio e professionalità, i momenti più delicati in molti punti caldi del mondo, Iraq e Afghanistan, Libano e Pakistan, ed in queste settimane in Ucraina.
Un riconoscimento, infine, verrà dato dalla Fondazione Premio Ischia per i 30 anni del Tg5, per il mensile di cinema Ciak e per il 130/o anniversario de Il Mattino.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Inaugurato ascensore che era stato negato a disabile
L’anziano: ‘Per me rappresenta le gambe’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
18 maggio 2022
16:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Per me questo ascensore rappresenta le gambe”: sono le prime parole pronunciate da Emo Gruppioni dopo il suo primo ‘viaggio’ con l’elevatore che gli era stato a lungo negato e che oggi è stato finalmente inaugurato.
L’anziano disabile bolognese, costretto su una carrozzella dopo un ictus, era impossibilitato a uscire da solo dal suo appartamento a Bologna, al terzo piano di un condominio.

“Lo aspettavo da 15 anni – ha detto ancora Emo – e tra le prime cose che vorrei fare è andare a messa”.
Per l’occasione, nel condominio a Borgo Panigale è stata organizzata una piccola festa, con il brindisi che lo stesso Emo aveva promesso quando la realizzazione dell’ascensore sembrava molto difficile. Lo scorso anno la vicenda era diventata un caso nazionale, che aveva visto l’interessamento del rapper J-Ax per smuovere le acque dopo che, tra opposizioni di alcuni condomini e problemi burocratici legati ai contributi 110% , il progetto sembrava naufragato.
La figlia di Emo, Elisa Gruppioni, ha ringraziato Confabitare, che ha seguito l’anziano in questa vicenda, J-Ax, le istituzioni a partire dai due sindaci di Bologna che nell’ultimo anno si sono avvicendati e l’hanno chiamato personalmente per informarlo sulla fattibilità, e gli architetti che hanno seguito i lavori.
“Sono particolarmente orgoglioso di questo risultato perché era un caso difficile sotto tanti aspetti, dunque le possibilità di fallimento esistevano – ha detto Alberto Zanni, presidente nazionale di Confabitare – ma abbiamo affrontato ogni singolo passaggio, pretendendo chiarezza, fino ad arrivare al risultato di oggi”. Per Confabitare, il caso di Emo ha anche creato un precedente giuridico, in quanto finora non si sapeva che anche gli ascensori in deroga, ovvero con dimensioni ridotte rispetto alla legge 13 del 1989, potessero rientrare nell’abbattimento delle barriere architettoniche.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Terremoto: Legnini, codice nazionale unico ricostruzioni
Sette in corso, con regole e governance diverse
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
18 maggio 2022
16:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Un unico Codice nazionale per le ricostruzioni, che ne stabilisca modalità di gestione e procedure, con una regia centrale”.
E’ tornato a chiederlo il commissario alla ricostruzione post sisma 2016 Giovanni Legnini, intervenendo oggi al webinar ‘Ricostruire in sicurezza’ organizzato nell’ambito dell’Earth Technology Expo di Firenze.

“Il nostro è un Paese molto fragile, con una lunga storia di violenti terremoti, e proprio in questi giorni il sisma è tornato a farsi sentire in Toscana, in Molise, a Lampedusa – ha spiegato -. Oggi in Italia abbiamo sette ricostruzioni in corso, il Centro Italia, l’Abruzzo, Ischia, Catania, il Molise, il Mugello, e l’Emilia, ciascuna con la sua governance, regole e procedure differenti, che creano un’evidente disparità di trattamento tra cittadini colpiti dalla stessa calamità”.
“Non possiamo sapere quando arriverà un altro forte terremoto, ma è certo che accadrà – ha sottolineato -. E non possiamo farci trovare impreparati”. Legnini ha ricordato che a gennaio il Governo ha varato una legge delega per l’adozione di questo Codice, con la creazione di un apposito Dipartimento delle ricostruzioni a Palazzo Chigi. Ma dopo 4 mesi la legge delega non è ancora stata incardinata in Parlamento, e si restringe sempre di più il tempo utile per varare i provvedimenti attuativi entro la fine della legislatura”, ha insistito Legnini, lanciando “un forte appello al Governo, al Parlamento, a tutti i soggetti istituzionali, così come alla società civile, perché questo provvedimento trovi attuazione subito, senza ulteriori ritardi”. “Una struttura centrale per la gestione operativa delle ricostruzioni, dotata di un contingente di personale professionalmente molto qualificato, che si è formato nella gestione di queste operazioni in questi anni drammatici, è essenziale per fornire risposte omogenee, valide ed efficaci, anche a tutela spesa pubblica”, ha detto ancora Legnini.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ue, price cap da solo non serve,stock comuni per calo prezzi
Timmermans, ‘per stop energia russa ‘adattabilità e solidalietà’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
18 maggio 2022
13:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il modo migliore per ridurre i prezzi dell’energia è acquistare collettivamente da fonti alternative.
Il price cap è una misura di emergenza ma non è che una misura sola basta a far decrescere i prezzi, bisogna trovare le alternative” Lo ha detto il vice presidente della Commissione Ue Frans Timmermans presentando il RePowerEu.

“Se abbiamo un grosso intralcio nelle forniture riusciremo ad intervenire. Non avremo nessuno al freddo in Europa ma ciò richiede adattabilità e solidarietà. Talvolta servirà portare il gas ad altri Paesi membri se necessario”, ha aggiunto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fabio chiede suicidio assistito: sindaco, “farei come lui”
46enne Fermignano immobilizzato da 18 anni per una tetraparesi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
18 maggio 2022
17:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Comprendo Fabio, probabilmente se fossi nella stessa situazione chiederei la stessa cosa.
E’ una condizione nella quale umanamente è difficile non comprenderlo”.

Così il sindaco di Fermignano Emanuele Feduzi in merito alla vicenda di Fabio Ridolfi, 46enne di Fermignano (Pesaro Urbino) che, tramite il fratello Andrea e l’Associazione Luca Coscioni, è tornato a chiedere il suicidio medicalmente assistito. Da 18 anni è immobilizzato a letto a causa di una tetraparesi, dovuta alla rottura di un’arteria basilare nel 2004, quando aveva 28 anni. Allora il centro marchigiano, più di 8mila abitanti, a 10 km da Urbino si strinse attorno alla famiglia Ridolfi e ora sta con Fabio. Sui social, molti amici e conoscenti rilanciano il suo appello disperato. Si moltiplicano messaggi di solidarietà ‘sottoscritti’ anche dal sindaco Emanuele Feduzi che esprime per Fabio anche la sua “stima per la capacità di portare avanti una battaglia dal punto di vista etico e morale. Abbiamo cercato di sostenere la possibilità di fare il Referendum, con la raccolta di firme, e lui ‘ci mette la faccia'”.
Fabio vive con i genitori Rodolfo e Cecilia in una frazione a pochi chilometri dal centro di Fermignano, protetto da un ‘cordone familiare’, padre, madre e fratello, nella più assoluta discrezione anche rispetto alla comunità che lo sostiene ‘virtualmente’. Una condizione che diventa ogni giorno più insostenibile, scandita dal ritmo del respiratore a cui è attaccato.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Lombardia, scende tasso positività, undici vittime
I positivi nelle ultime 24 ore sono 4.325
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
18 maggio 2022
17:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 4.325 i positivi nelle ultime 24 ore in Lombardia a fronte di 41.588 tamponi effettuati.

Scende il tasso di positività, al 10,3% (ieri al 12,5%).

Scendono di due i ricoverati in terapia intensiva, che sono 35, mentre quelli nei reparti ordinari sono 914 (+2). Le vittime sono undici per un totale di 40.342 dall’inizio della pandemia.
I nuovi casi per provincia: a Milano sono 1.419 di cui 592 a Milano città, a Bergamo 369, Brescia 550, Como 275, Cremona 154, Lecco 145, Lodi 96, Mantova 187, Monza e Brianza 392, Pavia 229, Sondrio 51, a Varese, infine, 313.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 30.408 positivi e 136 vittime nelle ultime 24 ore
Tasso scende all’11,5%, terapie intensive calano di 19
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
17:31
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 30.408 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute.
Ieri erano stati 44.489.
Le vittime sono invece 136, con un calo di 12 rispetto a ieri. I tamponi effettuati sono 264.273, il tasso di positività è all’11,5, in calo rispetto al 13,2% di ieri. Sono 318 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 19 in meno rispetto a ieri. I ricoverati nei reparti ordinari sono 7.276, ovvero 189 in meno rispetto a ieri
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Carceri: da Bollate appello alle imprese, ‘investite qui dentro’
‘Chiuso contratto con WindTre, offriamo servizi di qualità’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
18 maggio 2022
17:46
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Era nato nel 2007 come un progetto innovativo per offrire numerose occasioni di inserimento lavorativo e qualificazione professionale dei detenuti, non più trattati come ‘lavoranti’ bensì come ‘lavoratori’ a tutti gli effetti: dopo un periodo di formazione, un contratto con lo stipendio in linea con il mercato e tutte le garanzie previste dalla legge.

Alla fine di giugno questo progetto che per 15 anni ha visto legati il carcere di Bollate e l’operatore telefonico H3G prima e WindTRE si concluderà.
Per questo dall’interno dell’istituto è partito un appello alle imprese di Milano e Provincia affinché si facciano avanti per investire nei servizi “di qualità” offerti “a condizioni economiche competitive” dall’istituto noto a livello nazionale per la qualità dei percorsi educativi promossi tanto al suo interno quanto all’esterno.
La società di telefonia non ha cambiato idea ed è andata avanti sulla strada annunciata lo scorso dicembre che ha portato a ridurre il servizio offerto dai carcerati impiegati nel call center, come informazioni agli utenti in caso di sospetto phishing o letture delle bollette, fino a chiuderlo. E questo nonostante i tentativi messi in atto dalla direzione di Bollate e la ‘Cooperativa sociale bee.4 altre menti’ per ‘salvare’ la commessa che aveva dato lavoro a 30 ospiti dell’istituito milanese e 4 esterni.
“La conclusione del progetto è un duro colpo – ha spiegato Marco Girardello, socio della cooperativa bee.4 – in quanto è stata azzerata una delle principali fonti di lavoro presenti all’interno del carcere. A meno di 2 mesi dalla fine di questa commessa – ha aggiunto – dobbiamo ancora sistemare 13 lavoratori. Stiamo trattando con importanti società ma al momento non possiamo dire ancora di aver raggiunto il nostro obiettivo”.
Pertanto “lanciamo un appello alle imprese presenti sul territorio di Milano – ha concluso Girardello -, affinché vengano a visitare i nostri spazi all’interno di Bollate, e decidano di investire qui dentro non rinunciando a servizi di qualità e senso”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Violinista russa denuncia, esclusa da concorso a Gorizia
Su social pubblica lettera premio Lipizer. Sindaco,inaccettabile
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
GORIZIA
18 maggio 2022
18:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Esclusa da un concorso musicale internazionale in quanto russa.
E’ accaduto alla violinista Lidia Kocharyan, la cui richiesta di partecipazione alla 41/a edizione del Premio internazionale Lipizer di Gorizia è stata respinta.
A riferire l’accaduto è la stessa musicista attraverso i suoi profili social, sui quali pubblica anche copia della comunicazione ricevuta.
“Seguendo le disposizioni europee conseguenti alla guerra russo-ucraina, e seguendo l’esempio di altri concorsi Internazionali di varie discipline, siamo spiacenti di informarla della sua esclusione dalla 41esima edizione del Concorso Internazionale di Violino 2022 – si legge nella lettera del presidente dell’organizzazione, Lorenzo Qualli -. Vogliamo rassicurarla sul fatto che non vi sono discriminazioni contro la singola persona. Confidiamo che le controversie di guerra vengano risolte positivamente il prima possibile e la pace sia ristabilita. Quando succederà, saremo felici di averla nuovamente tra i concorrenti”.
Sulla vicenda è intervenuto il sindaco di Gorizia, Rodolfo Ziberna, definendola “una scelta incomprensibile quanto inaccettabile che va contro lo stesso spirito stesso dell’evento che, da sempre, interpreta la musica come strumento di vicinanza fra le genti, di superamento dei confini e di libertà umana e culturale”. La richiesta è quindi di un ripensamento da parte degli organizzatori. Secondo la senatrice dem Tatjana Rojc, “stupisce e addolora profondamente che proprio a Gorizia si sia scelto di distinguere gli artisti tra degni e indegni solo sulla base del luogo di nascita o dell’appartenenza nazionale”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Portavoce Sisi nominato Ambasciatore egiziano a Roma
E’ Bassam Radi, dal 2017 voce e volto della Presidenza
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
IL CAIRO
18 maggio 2022
18:31
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bassam Radi, il portavoce della Presidenza egiziana, è stato nominato ambasciatore in Italia.
Lo riferisce il sito del quotidiano governativo egiziano Al Ahram e viene confermato da fonti informate al Cairo.

Il curriculum di Bassam Essam Rady, dal 2017 voce di Sisi a livello nazionale e internazionale, ricorda fra l’altro che il diplomatico parla anche italiano e ha già lavorato presso l’ambasciata d’Italia. Al ministero degli Affari Esteri dal novembre 1991, in passato è stato fra l’altro vice ambasciatore in Giappone e Console Generale a Istanbul, direttore degli Affari delle Nazioni Unite e membro del Comitato Supremo di Sicurezza per l’Antiterrorismo nel 2015. E’ sposato e ha un figlio. Radi ha 54 anni ed è stato primo segretario dell’ambasciata egiziana a Roma fra il 2000 e il 2004. Il padre, Essam Radi, era stato ministro dell’Irrigazione egiziano negli anni Ottanta. Prende il posto di Alaa Rushdy, deceduto a metà gennaio dopo appena due mesi di incarico. Il diplomatico aveva rimpiazzato Hisham Badr, il quale aveva lasciato Roma il 15 ottobre dell’anno scorso, alla fine di un mandato iniziato nel 2016.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lavoro: sciopero generale sindacati base, cortei in tutta Italia
Montagnoli, con politica guerra tagliati diritti e salari
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
18:38
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Venerdì si svolgerà lo sciopero generale dei sindacati di base sul tema ‘Se non ora quando’ contro “una politica e un’economia di guerra” che “taglia salari e diritti” con manifestazioni a Milano, Roma, Messina, Palermo, Catania, Cagliari, Torino, Bologna, Venezia, Firenze, Pisa, Torino, Genova, La Spezia, Reggio Emilia, Trieste, Bergamo, e Taranto oltre a diverse altre città.

I principali concentramenti si terranno nella Capitale (piazza della Repubblica, dalle 10.30) e nel capoluogo lombardo (largo Cairoli, 9.30).

Fra i promotori della protesta, a vari livelli, Cub, Sgb, Usi Cit, Cobas, Unicobas, Adl, Usi, Si Cobas e Slai Cobas.
“La guerra va fermata – sottolinea il segretario nazionale della Cub, Walter Montagnoli -. E’ una vergogna per il suo carico di morti e feriti, di devastazione, di rifugiati, di disperazione, di crisi alimentare e di altre catastrofi. Allo stesso tempo spalanca le porte a una pesante crisi economica che sarà sostenuto da lavoratori, pensionati, studenti, giovani, disoccupati, malati”.
“A causa dell’aumento dei prezzi dei prodotti energetici e di molte materie prime, la produzione industriale sta rallentando, accelerando le contrazioni già registrate a inizio anno – continua Montagnoli -. Con forte riduzione del potere di acquisto. Il Governo Draghi aumenta le spese militari fino al 2% del Pil: la spesa della Difesa passerà da 25 a 38 miliardi di euro tagliando sanità, scuola, trasporti pubblici, edilizia popolare e ovviamente pensione e salari”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Pnrr: intesa Città metropolitana Bari-Gdf contro frodi risorse
Decaro, ‘massima attenzione su progetti per 40 milioni di euro’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
18 maggio 2022
18:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Garantire la legalità nei progetti che saranno realizzati in provincia di Bari con le risorse del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza è l’obiettivo del protocollo d’intesa sottoscritto oggi tra la Città metropolitana di Bari e il Comando provinciale della Guardia di Finanza.
A firmare l’accordo il sindaco metropolitano, Antonio Decaro, e il comandante provinciale della Gdf di Bari, il generale Roberto Pennoni.
L’intesa prevede l’adozione di iniziative congiunte per prevenire e contrastare i casi di frode, corruzione, conflitto di interesse e doppi finanziamenti, attraverso la “condivisione di dati utili all’individuazione di potenziali violazioni relative all’utilizzo delle ingenti risorse pubbliche, nel quadro delle rispettive competenze”.
“Siamo consapevoli di essere destinatari di una quantità di fondi ingenti che derivano dal Pnrr ma che rinvengono anche da programmi nazionali e comunitari – ha spiegato il sindaco Decaro -. Ad oggi abbiamo stimato che, nei prossimi mesi, solo la Città metropolitana di Bari dovrà appaltare opere per oltre 40 milioni di euro. Grazie al supporto della Guardia di Finanza avremo una sicurezza maggiore nell’evitare possibili infiltrazioni nella gestione dei fondi o un presidio maggiore per impedire comportamenti errati o possibili illeciti”.
“La Guardia di Finanza vuol essere di supporto alle amministrazioni locali alle prese con un’attività importante e impegnativa nei prossimi mesi – ha dichiarato il comandante provinciale Roberto Pennoni -. Allo stesso tempo nella sua autonomia di servizio crediamo sia giusto avere una collaborazione diretta per eventualmente riuscire ad estirpare comportamenti illeciti che rischiano di vanificare la missione dei fondi del Pnrr per il territorio”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Intesa in Commissione Ue su stop Patto stabilità nel 2023
Sì a proroga sospensione, lunedì la proposta all’Eurogruppo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
18 maggio 2022
18:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Commissione europea si appresta a sospendere per un altro anno il Patto di stabilità e crescita.
E’ quanto si apprende da più fonti vicine al dossier.
I commissari europei riuniti oggi hanno trovato un’intesa di massima per prorogare la clausola di salvaguardia per tutto il 2023. La decisione, legata alla nuova crisi scatenata dalla guerra in Ucraina, sarà presentata ai ministri delle Finanze dell’Eurozona lunedì all’Eurogruppo. Sempre lunedì, in mattinata, la Commissione presenterà il pacchetto di primavera per il semestre europeo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A 34 anni dalla morte di Tortora otto ore di maratona
L’evento ‘In ricordo di Enzo’ organizzato davanti a Montecitorio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2022
20:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Otto ore di maratona per ricordare Enzo Tortora: l’evento organizzato davanti a Montecitorio e trasmesso in diretta da Radio Leopolda in occasione del 34esimo anniversario della morte del conduttore e politico.

Alla maratona hanno partecipato anche diversi altri esponenti politici e deputati, fra cui il presidente di Italia viva Ettore Rosato, il sottosegretario al ministero degli Esteri, Benedetto Della Vedova (Più Europa) e il sottosegretario al ministero dell’Interno, Ivan Scalfarotto (Italia Viva).
Presenti anche esponenti dei Radicali, come la tesoriera Irene Testa, e l’attore Massimo Wertmuller.
“Il 18 maggio 1988 se ne andava Enzo Tortora. Ricordarlo, ricordare la terribile vicenda giudiziaria e umana che lo ha visto travolto, trasformandolo in un mostro da sbattere in prima pagina, colpevole prima ancora di essere giudicato, è un dovere di tutti noi. Italia Viva con Radio Leopolda lo ha voluto fare con una maratona in piazza Montecitorio. Un modo non solo per rendere omaggio ad una persona perbene, ma anche per tenere viva la sua battaglia, quella per una giustizia più giusta, che dopo 30 anni è ancora lontana dall’essere vinta”. Lo scrive sui social il Presidente di Italia Viva Ettore Rosato in occasione della maratona “In ricordo di Enzo” in diretta su Radio Leopolda da Piazza di Montecitorio”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Guterres: ‘Milioni a rischio insicurezza alimentare’
‘I livelli di fame nel mondo hanno raggiunto un nuovo massimo’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
19 maggio 2022
08:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“I livelli di fame nel mondo hanno raggiunto un nuovo massimo.
In soli due anni, il numero di persone con insicurezza alimentare grave sono raddoppiate, dai 135 milioni pre-pandemia ai 276 milioni di oggi.
Più di mezzo milione di vive in condizioni di carestia, un aumento di oltre il 500% dal 2016”. Lo ha detto il segretario generale dell’Onu Antonio Guterres alla ministeriale sulla crisi alimentare organizzata dagli Usa al Palazzo di Vetro. “La guerra in Ucraina sta amplificando e accelerando gli altri fattori, cambiamento climatico, covid e disuguaglianza – ha continuato – Minaccia di portare decine di milioni di persone oltre il limite dell’insicurezza alimentare, seguita da malnutrizione, fame di massa e carestia, in una crisi che potrebbe durare per anni”.
“Mosca deve consentire l’esportazione sicura del grano immagazzinato nei porti ucraini. Il cibo e i fertilizzanti russi devono avere pieno e illimitato accesso ai mercati mondiali”, ha detto Guterres. “Sono stato in stretto contatto su questo tema con Russia, Ucraina, Turchia, Usa, Ue e altri paesi chiave – ha aggiunto – Sono fiducioso, ma c’è ancora molta strada da fare. Le complesse implicazioni di sicurezza e finanziarie richiedono buona volontà da tutte le parti”. “Siamo chiari, non esiste una soluzione efficace alla crisi alimentare senza reintegrare la produzione ucraina, così come il cibo e i fertilizzanti prodotti da Russia e Bielorussia, nei mercati mondiali, nonostante la guerra”, ha sottolineato ancora il segretario generale dell’Onu.
“La sicurezza alimentare è una priorità di lunga data della politica estera italiana. La comunità internazionale deve lavorare in modo coordinato per centrare la sicurezza alimentare per tutti”, ha affermato il ministro degli Esteri Luigi di Maio all’Onu, ringraziando il segretario generale Antonio Guterres e il segretario di stato americano Antony Blinken per forte sostegno all’azione decisa della comunità internazionale di fronte alla crisi alimentare attuale. “Potete stare sicuri: l’Italia è pronta a fare la sua parte, in coordinazione e in sinergia con l’Onu e tutti i partner” per la sicurezza alimentare, ha poi detto il ministro degli Esteri intervenendo alla ‘Global Food Security Call to Action’ all’Onu.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sisma: morti nel crollo Haemotronic, risarcimento da 1,5 mln
Modena, ai parenti di due operai morti il 29 maggio 2012
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MODENA
19 maggio 2022
08:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il tribunale civile di Modena ha quantificato in un milione e mezzo di euro il risarcimento a favore dei parenti di due giovani operai morti nel crollo del capannone della Haemotronic di Medolla (Modena), il 29 maggio del 2012 durante il sisma in Emilia, a cui la stessa azienda dovrà provvedere (in larga parte la somma sarà coperta dall’assicurazione).
A riportare la notizia è la stampa locale.

La sentenza arriva proprio nei giorni del decennale del terremoto e riguarda i parenti del 24enne Biagio Santucci (alla madre, ai fratelli ed altri familiari andrà all’incirca un milione di euro) e del 33enne Giordano Visconti (alla madre e al fratello mezzo milione di euro). Mentre il procedimento penale per il crollo dell’azienda biomedicale, che complessivamente provocò la morte di quattro operai, è stato archiviato nel 2016, quando il gip sottolineò che la Haemotronic rispettò le norme, mentre le stesse norme erano inadeguate di fronte ad un evento del genere, il tribunale civile ha riconosciuto responsabilità di Haemotronic rispetto ai due decessi sulla base dell’articolo 2087 del codice civile. La materia è quella relativa alla tutela del lavoro.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Auto in giardino asilo: preghiere, dolore e attività ferme
Il parroco di Pile organizza funzione religiosa collettiva
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’AQUILA
19 maggio 2022
08:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
All’indomani della tragedia nel cortile della scuola primaria “Pile – Primo maggio”, dove una macchina ha travolto 6 bambini, uccidendone uno e ferendo gli altri cinque, la città si risveglia in un clima surreale.

Ansia, smarrimento, dolore collettivo e preghiere che vanno a toccare quelle ferite del sisma che ogni aquilano porta ancora addosso anche dopo tredici anni dalla scossa del sei aprile 2009.
Quell’episodio ha risvegliato un senso inedito di comunità che si stringe e prova ad affrontare insieme qualsiasi ostacolo.
Sviluppando quegli “anticorpi” che hanno permesso di affrontare anche i due anni di pandemia con uno spirito di collettività.
Sui social, in queste ore si moltiplicano in queste ore le condivisioni di immagini di cuori spezzati, col fiocco nero e la scritta “lutto cittadino”. Altri hanno postato la riproduzione dell’immagine iconica dello street artist Banksy che raffigura una bambina con un palloncino rosso che si allontana nel vento, nata come murales a Londra nel 2002 e poi rimasta celebre per la sua “auto-distruzione” dopo esser battuto all’asta per oltre un milione di sterline.
Sono in molti i negozi a rimanere chiusi in città per buona parte della mattinata. Fanno eccezione le attività che servono beni e servizi essenziali o obbligatori. Decine gli eventi pubblici cancellati nell’arco del week-end. Intanto, questa sera la parrocchia di San Giovanni Battista a Pile, nel quartiere della città colpito dalla tragedia, organizza un rosario alle 20.30, seguito da una funzione religiosa per i bambini e le famiglie coinvolte. Un’iniziativa a cura del parroco don Ramon Mangili.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Informativa di Draghi alle Camere: “L’Italia è per il cessate il fuoco e negoziati”
‘La guerra in Ucraina sta innescando una crisi alimentare’. Cdm alle 18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
23:39
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il premier Mario Draghi ha tenuto al Senato e alla Camera l’informativa sulla guerra in Ucraina.
“La guerra è giunta all’85mo giorno: la speranza di conquistare vaste aree del paese in tempi brevi da parte dei russi s’è scontrata con la resistenza del popolo ucraino”, ha detto il premier Mario Draghi in apertura della sua informativa sulla guerra in Ucraina.
(L’INTERVENTO INTEGRALE)
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
10:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Signor Presidente,
Onorevoli Senatrici e Senatori,
L’informativa di oggi intende approfondire i principali aspetti legati alla guerra in Ucraina.

In particolare, mi soffermerò sulla situazione militare sul terreno;
sulle conseguenze del conflitto dal punto di vista umanitario, alimentare, energetico;
sullo sforzo italiano di sostegno all’Ucraina;
sulle sanzioni nei confronti della Federazione Russa;
sulle iniziative negoziali in corso;
sull’azione del governo in tema di diversificazione delle forniture energetiche e di aiuto alimentare ai Paesi più esposti.
La guerra in Ucraina è giunta al suo 85esimo giorno.

La speranza da parte dell’esercito russo di conquistare vaste aree del Paese in tempi brevi si è scontrata con la convinta resistenza da parte del popolo ucraino.
La Federazione Russa si è ritirata da ampie porzioni del territorio ucraino, per concentrare le sue forze nell’area orientale del Paese.
Anche qui, l’avanzata russa procede molto più lentamente del previsto.
Nell’ultima settimana, le forze ucraine hanno ripreso il controllo di Kharkiv nell’Est del Paese, la seconda città per popolazione in Ucraina.
L’esercito ucraino ha finora respinto i tentativi da parte russa di attraversare il fiume Severskij Donec’, e quindi di accerchiare Severodonetsk – a circa 100 chilometri a nord-ovest di Lugansk.
Nel sud-est dell’Ucraina, l’offensiva russa si è trasformata in un’occupazione militare.
A Kherson, le forze russe hanno lasciato alla Guardia Nazionale Russa il presidio dell’area.
Il 1° maggio la città ha adottato il rublo russo ed è stata agganciata alla rete di telecomunicazioni russa Rostelecom – un segnale di un progressivo radicamento della Russia nell’area.
L’attività dell’aviazione e i lanci missilistici russi continuano su Mariupol e nell’area del Donbass.
Secondo lo Stato Maggiore ucraino le Forze russe stanno cercando di annettere nuovi territori negli oblast di Donetsk e Lugansk.
Il costo dell’invasione russa in termini di vite umane è terribile.
Le ricostruzioni con immagini satellitari hanno individuato 9.000 corpi in quattro fosse comuni nei dintorni della città di Mariupol.
La scorsa settimana sono state ritrovate fosse comuni a Kiev dopo quelle scoperte in altri luoghi liberati dall’occupazione russa, ad esempio Bucha e Borodyanka.
L’Italia ha offerto il suo sostegno al governo ucraino per indagare su possibili crimini di guerra.
In questo contesto, la nostra Ambasciata ha comunque ripreso le sue attività a Kiev.
Ringrazio ancora una volta l’Ambasciatore Zazo e tutto il personale dell’Ambasciata per lo spirito di servizio, la professionalità e il grande coraggio dimostrati.
Al 3 maggio, il numero di sfollati interni è arrivato a 7,7 milioni di persone.
Secondo l’Alto Commissariato per i Rifugiati delle Nazioni Unite, circa 6 milioni di persone – soprattutto donne e minori – dall’inizio delle ostilità hanno lasciato l’Ucraina per i Paesi vicini.
Se si sommano queste due cifre, sono quasi 14 milioni i residenti in Ucraina che hanno dovuto lasciare le proprie case – quasi un cittadino su tre.
Oltre 116 mila ucraini sono arrivati in Italia – di cui 4mila minori non accompagnati.
Sinora abbiamo inserito circa 22.792 studenti ucraini nelle scuole italiane.
La maggior parte – quasi 11 mila – sono bambine e bambini delle scuole primarie.
Desidero ringraziare il ministro Bianchi, il personale della scuola e tutte le bambine e i bambini italiani per questa meravigliosa manifestazione di amore e di efficienza collettiva.
Voglio ringraziare anche la Protezione civile, gli enti del terzo settore e tutti i cittadini italiani che sono impegnati nell’accoglienza dei rifugiati.
L’Italia è orgogliosa di voi – della vostra accoglienza, della vostra solidarietà, della vostra umanità.
Alla crisi umanitaria dovuta all’invasione russa rischia di aggiungersi una crisi alimentare.
Russia e Ucraina sono tra i principali fornitori di cereali a livello globale.
Da soli, sono responsabili di più del 25% delle esportazioni globali di grano.
26 Paesi dipendono da loro per più di metà del proprio fabbisogno.
Le devastazioni belliche hanno colpito la capacità produttiva di vaste aree dell’Ucraina.
A ciò si aggiunge il blocco da parte dell’esercito russo di milioni di tonnellate di cereali nei porti ucraini del Mar Nero e del Mar d’Azov.
La guerra in Ucraina minaccia la sicurezza alimentare di milioni di persone, anche perché si aggiunge alle criticità già emerse durante la pandemia.
L’indice dei prezzi dei prodotti alimentari è salito nel corso del 2021 e ha toccato a marzo i massimi storici.
La riduzione delle forniture di cereali e il conseguente aumento dei prezzi rischia di avere effetti disastrosi in particolare per alcuni Paesi dell’Africa e del Medio Oriente, dove cresce il pericolo di crisi umanitarie, politiche, sociali.
La guerra ha avuto anche degli effetti significativi sul mercato energetico, aumentando l’incertezza.
I prezzi erano già molto alti anche prima della guerra, ma l’incertezza certamente è aumentata.
A causa delle difficoltà tecniche legate al conflitto, è stato interrotto il flusso di gas russo verso l’Europa attraverso il gasdotto Sokhranivka, da cui passa circa un terzo del totale.
I prezzi restano comunque a livelli molto alti rispetto ai valori storici e sono soggetti a forte volatilità.
Fin dall’inizio dell’invasione, il Governo si è mosso con convinzione per sostenere l’Ucraina.
Abbiamo stanziato oltre 800 milioni di euro in assistenza per i profughi.
Circa 300 milioni fanno parte dell’ultimo Decreto Aiuti.
Rafforziamo la capacità di accoglienza dei rifugiati e forniamo ai profughi l’accesso all’assistenza sanitaria pubblica.
Siamo un Paese ospitale: lo stiamo dimostrando e intendiamo continuare a farlo.
L’ Italia ha inoltre stanziato 110 milioni di euro in sovvenzioni al bilancio generale del governo ucraino per la gestione dell’emergenza – a cui si aggiungono fino a 200 milioni in prestiti.
Finanziamo con 26 milioni di euro le attività di varie organizzazioni internazionali attive in Ucraina e nei Paesi limitrofi.
Nel quadro del meccanismo europeo di protezione civile, è stato organizzato un trasporto umanitario di circa 20 tonnellate di materiali umanitari della Cooperazione italiana.
Il servizio nazionale di protezione civile ha donato beni come letti da campo, tende, medicinali e apparecchiature mediche all’Ucraina, e ha offerto assistenza anche a Slovacchia e Moldova.
Per impedire che la crisi umanitaria continui ad aggravarsi, dobbiamo raggiungere il prima possibile un cessate il fuoco e far ripartire con forza i negoziati.
È la posizione dell’Italia ed è un’aspirazione europea che ho condiviso con il Presidente Biden e i leader politici del Congresso durante la mia recente visita a Washington.
In questi incontri ho riscontrato un apprezzamento universale per la solidità della posizione italiana, fermamente ancorata nel campo transatlantico e dell’Unione Europea.
Questa posizione ci permette di essere in prima linea, con credibilità e senza ambiguità, nella ricerca della pace.
Da questo punto di vista, il colloquio del Capo del Pentagono Austin con il ministro della Difesa russo Shoigu, avvenuto il 13 maggio, rappresenta un segnale incoraggiante.
Si tratta della prima telefonata dall’inizio della guerra.
Nella giornata di ieri, la Federazione Russa ha comunicato al nostro Ambasciatore a Mosca l’espulsione di 24 diplomatici italiani.
È un atto ostile, che ricalca decisioni simili prese nei confronti di altri Paesi europei e che risponde a espulsioni di diplomatici russi da parte dell’Italia e di altri Stati membri dell’Unione Europea.
È essenziale comunque mantenere canali di dialogo con la Federazione Russa.
È soltanto da questi canali che potrà emergere una soluzione negoziale.
L’Italia si muoverà a livello bilaterale e insieme ai partner europei e agli alleati per cercare ogni possibile opportunità di mediazione.
Ma dovrà essere l’Ucraina, e nessun altro, a decidere che pace accettare. Anche perché una pace che non fosse accettabile da parte dell’Ucraina non sarebbe neanche sostenibile.
A fine giugno si terrà il Consiglio Europeo, nel quale affronteremo anche la questione dell’adesione dell’Ucraina all’Unione Europea.
Come ho già detto in Parlamento, l’Italia è favorevole all’ingresso dell’Ucraina nell’Unione Europea.
A inizio luglio, sarò ad Ankara per il vertice bilaterale con la Turchia – il primo di questo tipo da 10 anni.
In questo incontro discuteremo delle prospettive negoziali e diplomatiche del conflitto, e del rafforzamento dei rapporti tra Italia e Turchia.
Se oggi possiamo parlare di un tentativo di dialogo è grazie al fatto che l’Ucraina è riuscita a difendersi in questi mesi di guerra.
L’Italia continuerà a sostenere il Governo ucraino nei suoi sforzi per respingere l’invasione russa.
Lo faremo in stretto coordinamento con i nostri partner europei.
Ne va non solo della solidità del legame transatlantico, ma anche della lealtà all’Unione Europea.
Il Governo ha riferito più volte sul tema al Comitato Parlamentare per la Sicurezza della Repubblica, che ha sempre riscontrato la coerenza del sostegno offerto rispetto alle indicazioni e agli indirizzi del Parlamento.
Al tempo stesso, dobbiamo continuare a mantenere alta la pressione sulla Russia attraverso le sanzioni, perché dobbiamo portare Mosca al tavolo dei negoziati.
Le misure restrittive fin qui approvate dall’Unione Europea e dal G7 hanno già avuto un impatto significativo sull’economia russa, che sarà ancora più forte nei prossimi mesi.
Secondo le previsioni del Fondo Monetario Internazionale, il prodotto interno lordo russo calerà dell’8,5% quest’anno, e il tasso d’inflazione raggiungerà il 21,3%.
L’indice MOEX della Borsa di Mosca ha perso un terzo del valore rispetto a metà febbraio, prima dell’invasione.
Per frenare la fuga di capitali, la Banca Centrale Russa ha alzato i tassi di interesse, che oggi sono al 14%, e ha introdotto controlli sui movimenti di capitali.
L’Unione Europea è al lavoro su un sesto pacchetto di sanzioni, che l’Italia sostiene con convinzione.
La lista di interventi prevede misure legate al petrolio, restrizioni per alcuni istituti finanziari, l’ampliamento della lista di individui sanzionati.
L’attività di deterrenza nei confronti della Russia comprende anche l’intensificarsi delle operazioni dell’Alleanza Atlantica.
Il Comandante Supremo Alleato ha rafforzato il livello di risposta lungo il fianco orientale – uno sforzo a cui l’Italia contribuisce con 2.500 unità.
Nel medio periodo, siamo pronti a rafforzare ulteriormente il nostro contributo in Ungheria e Bulgaria, rispettivamente con 250 e 750 unità, in linea con l’azione dei nostri alleati.
Valutiamo infine la possibilità di sostenere la Romania nelle attività di sminamento marittimo del Mar Nero e la Slovacchia nella difesa anti aerea.
Il crescere della minaccia russa ha spinto la Svezia e la Finlandia a fare domanda per aderire alla NATO.
L’Italia appoggia con convinzione questa richiesta, come ho avuto modo di dire ieri alla Premier finlandese Sanna Marin durante il nostro incontro bilaterale.
È necessario affiancare alla NATO una vera e propria difesa comune europea, complementare all’Alleanza Atlantica.
Il primo passo deve essere la razionalizzazione della spesa militare in Europa, la cui distribuzione è inefficiente.
Nel mio recente intervento al Parlamento Europeo di Strasburgo, ho lanciato la proposta di una conferenza europea che abbia l’obiettivo di iniziare un coordinamento per i nostri investimenti in sicurezza.
Migliorare le nostre capacità di difesa non basta per costruire una pace duratura, una coesistenza pacifica.
Come ha detto il Presidente Mattarella, nel lungo termine servirà anche uno “sforzo creativo” per arrivare a una conferenza internazionale sul modello degli accordi di Helsinki del 1975.
Una volta ottenuto il cessate il fuoco e conclusi i negoziati tra Kiev e Mosca, occorrerà costruire un “quadro internazionale rispettoso e condiviso”, per usare le sue parole.
Questa conferenza dovrà avere l’obiettivo, come fu per Helsinki, di avvicinare Paesi che oggi sono distanti e rendere duraturo il processo di distensione.
Tra i principi di Helsinki c’erano il rispetto del diritto all’autodeterminazione dei popoli, il non ricorso alla minaccia o all’uso della forza contro l’integrità territoriale e l’indipendenza politica di qualunque Stato.
Sono valori con cui l’Italia si identifica pienamente e che vogliamo vedere al centro della vita del continente europeo e del mondo.
Il Governo ha intenzione di continuare a impegnarsi per far fronte anche alle altre crisi che derivano o sono aggravate dalla guerra in Ucraina.
Il conflitto ha messo in luce le fragilità della politica energetica degli ultimi anni e reso ancora più evidente la necessità di diversificare i nostri fornitori.
Ci siamo mossi rapidamente per ridurre la quota di gas naturale che importiamo dalla Russia, che nel 2021 è stato circa il 40% del totale.
Il nostro obiettivo è non soltanto incrementare le forniture di gas naturale di cui abbiamo bisogno come combustibile di transizione, e insisto su transizione, ma anche investire in questi stessi Paesi per aumentare la produzione di energie rinnovabili.
L’intesa che abbiamo firmato ad aprile con l’Algeria, ad esempio, prevede un sostegno allo sviluppo di energia rinnovabile e di tecnologie innovative a basse emissioni di carbonio;
prevede inoltre lo sviluppo di progetti di reti di trasmissione dell’energia elettrica in Algeria e di interconnessione elettrica tra l’Algeria e l’Italia.
Il Governo si è poi mosso con la massima determinazione per eliminare i vincoli burocratici che limitano l’espansione delle rinnovabili in Italia.
L’energia rinnovabile resta infatti l’unica strada per affrancarci dalle importazioni di combustibili fossili, e per raggiungere un modello di crescita davvero, davvero sostenibile.
Il Governo continuerà in ogni sforzo per rendere questi investimenti più rapidi, per smontare, per distruggere le barriere burocratiche che impediscono gli investimenti. Oggi sono solo quelle.
Le stime del Governo indicano che potremo renderci indipendenti dal gas russo nel secondo semestre del 2024.
I primi effetti di questo processo si vedranno già a fine 2022.
Durante la mia visita a Washington ho condiviso con il Presidente Biden la strategia energetica italiana.
Ci siamo detti d’accordo sull’importanza di preservare gli obiettivi sul clima – un impegno che l’Italia intende mantenere.

Il Governo ha adottato misure molto sostanziose per tutelare le imprese e le famiglie dai rincari energetici.
I provvedimenti ammontano a circa 30 miliardi di euro solo per quest’anno, per mitigare gli aumenti dei prezzi dei carburanti e ridurre le bollette.
Abbiamo destinato i nostri aiuti soprattutto alle fasce più vulnerabili della popolazione, in particolare le famiglie a basso reddito;
e abbiamo aiutato i settori produttivi più in difficoltà, come le imprese ad alta intensità energetica.
È ora importante che si trovino a livello europeo soluzioni strutturali, che superino le distorsioni presenti nei mercati dell’energia.
La Commissione europea ha presentato ieri il piano RepowerEU, che sarà al centro del prossimo Consiglio europeo straordinario.
C’è bisogno di risposte immediate e coraggiose, per alleviare l’impatto della crisi sulle nostre economie.
Dobbiamo poi agire con la massima urgenza per evitare che il conflitto in Ucraina provochi crisi alimentari.
Durante la mia recente visita negli Stati Uniti, ho discusso con il Presidente Biden dell’urgenza di un’azione coordinata – un tema sollevato anche dalla presidenza tedesca del G7.
Al Presidente ho chiesto sostegno per una iniziativa condivisa tra tutte le parti che sblocchi immediatamente i milioni di tonnellate di grano bloccati nei porti del sud dell’Ucraina.
In altre parole, occorre che le navi che portano questo grano siano lasciate passare e se i porti sono stati – come si dice – minati dall’esercito ucraino siano sminati a questo proposito.
Tutte le parti in causa dovrebbero aprire in questo momento una parentesi di collaborazione per evitare una crisi umanitaria che farebbe morire milioni e milioni di persone nella parte più povera del mondo.
L’Italia ha promosso un Dialogo Ministeriale con i Paesi del Mediterraneo in collaborazione con la FAO, per delineare le misure d’intervento per la regione.
Analoghe iniziative sono state prese dalla Francia, dalla Germania, dagli Stati Uniti. Ma forse la cosa più urgente è fare quello che dicevo prima.
Voglio infine ringraziare il Parlamento – la maggioranza e anche la principale forza di opposizione – per il sostegno che avete dato al Governo nell’affrontare questa crisi.
La risoluzione, approvata a larghissima maggioranza, che ha impegnato il Governo, tra l’altro, a:
sostenere dal punto di vista umanitario, finanziario e militare l’Ucraina;
a tenere alta la pressione sulla Russia, anche attraverso sanzioni;
a ricercare una soluzione negoziale;
ha guidato in modo molto chiaro l’azione di Governo e ha rafforzato la nostra posizione a livello internazionale.
Il Governo intende continuare a muoversi nel solco di questa risoluzione.
Grazie.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ALTRE 1000 UNITA’ NEL CONTINGENTE NATO – “La Nato ha intensificato le azioni sul fianco orientale e il contributo italiano è pari a 2500 unità e nel medio periodo siamo pronti a rafforzare in Ungheria e Bulgaria il nostro impegno con rispettivamente 250 e 750 unità in linea con l’azione dei nostri alleati e valutiamo il sostegno alla Romania per lo sminamento marittimo del Mar Nero e anche alla Slovacchia nella difesa antiaerea”, dice Draghi.
LA PACE E LE RELAZIONI DIPLOMATICHE – “Per impedire che la crisi umanitaria si aggravi dobbiamo raggiungere prima possibile un cessate il fuoco e far ripartire i negoziati: è la posizione dell’Italia, dell’Ue e che ho condiviso con Biden”, afferma il premier.
“L’Italia si muoverà con i partner europei e gli alleati per ogni possibilità di mediazione, ma sarà l’Ucraina e non altri decidere quale pace accettare, una pace senza Ucraina non sarebbe accettabile”, afferma Draghi.
Draghi: ‘Solo Kiev decidera’ quale pace accettare’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Serve la razionalizzazione della spesa militare in Ue – prosegue – la cui distribuzione è inefficiente: serve una coordinamento degli investimenti in sicurezza.
Come detto da Mattarella, nel lungo termine servirà uno sforzo creativo su un modello di conferenza di Helsinki”.
Negli “incontri” avuti negli Usa “ho riscontrato un apprezzamento universale per la solidità della posizione italiana. Questa posizone ci permette di essere in prima linea senza ambiguità nella ricerca della pace”. I contatti tra “il capo del Pentagono e il minstro della difesa rappresenta un segnale incoraggiante dall’inizio della guerra”.
Draghi annuncia il vertice Italia-Turchia per i primi giorni di luglio ad Ankara.
Draghi: ‘Primo contatto tra Pentagono e Russia e’ un segnale incoraggiante’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
IL TEMA ENERGETICO – “Le stime del governo indicano che potremmo renderci indipendenti dal gas russo nel secondo semestre del 2024: i primi effetti di questo processo si vedranno già alla fine di quest’anno. Durante la mia visita a Washington ho condiviso con il presidente Biden la strategia energetica italiana e siamo d’accordo sull’importanza di preservare gli impegni sul clima che l’Italia intende mantenere”, dice Draghi. Per “diversificare i nostri fornitori ci siamo mossi rapidamente” con “l’obiettivo di incrementare le fornuiture di gas naturale di cui abbiamo bisogno come combustibile di transizione”, ma anche per “aumentare la produzione di rinnovabili”. C’è la “massima determinazione per “eliminare i limiti burocratici” alle rinnovabili, per “distruggere le barriere agli investimenti”, ha detto Draghi.
L’ESPULSIONE DEI DIPLOMATICI ITALIANI – Draghi ha parlato anche dell’espulsione dei 24 diplomatici italiani dalla Russia: un “atto ostile che ricalca decisioni simili prese verso altri Paesi europei e risponde a espulsioni di diplomatici da parte italiana. E’ essenziale mantenere canali di dialogo con la Federazione russa e solo da questi canali che potrà emergere una soluzione negoziale”.
I CRIMINI DI GUERRA – “Il costo dell’invasione russa in termini di vite umane è terribile. La scorsa settimana sono state ritrovate fosse comuni” anche a “Kiev”. “L’Italia ha offerto sostegno per indagare sui crimini di guerra”, ha detto Draghi.
LA CRISI ALIMENTARE – Il rischio della guerra è anche una “crisi alimentare”, ha sottolineato il premier. “L’indice dei prezzi dei prodotti alimentari è salito e ha toccato a marzo massimi storici”. Si rischiano “effetti disastrosi in particolare per alcuni paesi di Africa e Medio Oriente dove aumenta rischio crisi alimentari”.
LE REAZIONI – “Qualcuno in quest’aula parla di inviare altre armi, io non ci sto. Noi siamo assolutamente e orgogliosamente ancorati ai valori, ai diritti conquistati in Occidente, stiamo con la democrazia, mai con la guerra ma con i popoli e mai con gli aggressori”. Così il senatore Matteo Salvini intervenendo in Aula sull’informativa del premier Draghi. E rivolgendosi a lui ha aggiunto: “Grazie per le parole di pace, sia a Washington che oggi in aula condivise da tutti spero”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ong: 60 milioni di sfollati interni nel mondo, record storico
Nel 2021, a causa di conflitti e disastri naturali
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
18:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Conflitti e disastri naturali hanno costretto decine di milioni di persone ad abbandonare le loro case l’anno scorso, rimanendo comunque nei rispettivi Paesi, con un conseguente forte aumento del numero di sfollati interni che a livello mondiale ha sfiorato la soglia dei 60 milioni: è quanto emerge da un rapporto congiunto delle ong Internal Displacement Monitoring Centre (Idmc) e Norwegian Refugee Council (Nrc) pubblicato oggi.
Secondo le due ong, nel 2021 gli sfollati interni erano circa 59,1 milioni, un record storico che dovrebbe essere battuto di nuovo quest’anno a causa dell’invasione russa dell’Ucraina.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
09:10
UCRAINA: DRAGHI,RESISTENZA HA FERMATO SPERANZE DI CONQUISTA RUSSA.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Palazzo Giustizia Genova evacuato per allarme bomba
Poco dopo le 7
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
19 maggio 2022
09:14
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Palazzo di giustizia evacuato questa mattina a Genova dopo una telefonata anonima che annunciava la presenza di un ordigno.
La chiamata è stata fatta da una voce maschile poco dopo le 7 al centralino della polizia locale che ha allertato la polizia di Stato.
Le poche persone presenti in tribunale a quell’ora sono state fatte evacuare. Al momento l’accesso a Palazzo di giustizia resta chiuso con le volanti della polizia e un cane anti-esplosivo sul posto per la bonifica.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Adm recupera 2,6 milioni su accise carburanti a Savona
Funzionari al lavoro anche per misure restrittive per guerra
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
19 maggio 2022
09:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con una complessa operazione di monitoraggio e controllo contabile sulla regolarità dei pagamenti previsti dalla normativa vigente, i funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli di Savona hanno messo in mora alcuni titolari di distributori di benzina e altri operatori del settore del commercio di carburanti, recuperando 2,6 milioni di euro.
È l’ultimo risultato conseguito dall’Ufficio impegnato anche sul fronte del contrasto alle irregolarità amministrative che interessano l’immissione in consumo di gasolio e benzina.

Tale attività si aggiunge all’accertamento di oltre 500.000 euro, recupero dell’accisa gravante sul gas e l’energia elettrica, sulla tassa sulle emissioni di anidride solforosa e ossido di azoto e all’applicazione di sanzioni amministrative per oltre 700.000 euro.
ADM controlla la regolarità dei pagamenti delle accise, come previsto dalla normativa, verificando e monitorando, tra l’altro, l’attivazione di sistemi più precisi per la misurazione dei quantitativi di carburanti che vengono immessi in consumo spiega una nota.
L’attività garantisce la parità di trattamento tra gli operatori commerciali e minimizza soprattutto il rischio di frodi ai danni dei cittadini.
I controlli operati sull’intero settore si sono intensificati a seguito delle misure restrittive, previste dai Regolamenti UE che hanno interessato le movimentazioni di prodotti energetici dalla Russia, in relazione all’attuale situazione di destabilizzazione dell’Ucraina.
19 maggio 2022
09:16
UCRAINA: DRAGHI, SOSTEGNO DELL’ITALIA PER INDAGARE SU CRIMINI GUERRA.

Ucraina: Draghi, Italia per cessate il fuoco e negoziati
Posizione che ho condiviso con Biden
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
09:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Per impedire che la crisi umanitaria si aggravi dobbiamo raggiungere prima possibile un cessate il fuoco e far ripartire i negoziati: è la posizione dell’Italia, dell’Ue e che ho condiviso con Biden”.
Lo afferma il premier Mario Draghi in una informativa al Senato sulla guerra in Ucraina.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi cita Mattarella, serve nuova Conferenza di Helsinki
‘Quadro internazionale condiviso’, per usare le sue parole
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
09:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Serve la razionalizzazione della spesa militare in Ue la cui distribuzione è inefficiente: serve una coordinamento degli investimenti in sicurezza.
Come detto da Mattarella, nel lungo termine servirà uno sforzo creativo su un modello di conferenza di Helsinki.
Occorrerà costruire un quadro internazionale condiviso, per usare le sue parole”. Lo afferma il premier Mario Draghi in una informativa al Senato sulla guerra in Ucraina.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi,espellere diplomatici atto ostile ma dialogo continui
Solo così potrà emergere una soluzione negoziale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
09:39
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Nella giornata di ieri la Federazione russa ha comunicato l’espulsione di 24 diplomatici italiani: e’ un atto ostile che ricalca decisioni simili prese verso altri Paesi europei e risponde a espulsioni di diplomatici da parte italiana.
E’ essenziale mantenere canali di dialogo con la Federazione russa e solo da questi canali che potrà emergere una soluzione negoziale”.
Lo dice Mario Draghi nel corso dell’informativa al Senato sull’Ucraina.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ritrovato ritratto di Tiziano che si credeva perduto
Operazione carabinieri Nucleo Tutela Patrimonio Culturale Torino
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
19 maggio 2022
09:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un ritratto opera del pittore Tiziano, ritenuto perduto, è stato recuperato dai carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Torino.
A quanto si apprende da fonti investigative, si tratta di uno straordinario ritrovamento.
Il capolavoro, dopo il provvedimento di confisca emesso dalla Procura del capoluogo piemontese, verrà restituito allo Stato italiano. I dettagli dell’operazione che hanno portato al recupero del quadro verranno illustrati nel corso della cerimonia di restituzione, oggi pomeriggio alle 17 a Palazzo Chiablese, a Torino, alla presenza del generale Roberto Riccardi e dalla soprintendente Luisa Papotti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mattarella, leggere rende liberi e apre al dialogo
E cita Pasolini “puoi leggere, leggere, leggere”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
09:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Nell’occasione dell’inaugurazione del Salone Internazionale del Libro di Torino, desidero far giungere a lei, ai suoi collaboratori, agli editori, agli autori, ai librai e ai visitatori i miei più calorosi auguri.
La 34a edizione di questa tradizionale iniziativa culturale ed editoriale torna a svolgersi in presenza del pubblico che, ne sono certo, risponderà con entusiasmo e ritrovato interesse, facendo nutrire la speranza di confermare e, anzi, di incrementare lo straordinario aumento del numero dei lettori verificatosi durante il lockdown.

Scriveva Pier Paolo Pasolini, di cui abbiamo recentemente celebrato i cento anni dalla nascita: “Puoi leggere, leggere, leggere, che è la cosa più bella che si possa fare in gioventù: e piano piano ti sentirai arricchire dentro, sentirai formarsi dentro di te quell’esperienza speciale che è la cultura”. I libri, la lettura – anche con i nuovi strumenti che la tecnologia ci offre e che vanno considerati come un arricchimento – restano la base imprescindibile della formazione intellettuale, scientifica e culturale. Leggere è una risorsa per la società. Leggere rende liberi. Lo scambio di conoscenza e cultura crea ponti. I libri aprono alla comprensione reciproca e al dialogo. Un ringraziamento va rivolto a tutti gli operatori economici del libro che devono continuamente misurarsi con nuove sfide: dal prezzo della carta e dei trasporti, alla concorrenza dei nuovi media e dei grandi gruppi multinazionali di vendita e distribuzione. Sostenere la lettura significa pertanto sostenere l’intera filiera: stampatori, editori, distributori e librerie, con una particolare attenzione alle librerie indipendenti che rappresentano una risorsa preziosa per tanti nostri concittadini”.
Lo scrive il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio inviato a Silvio Viale, Presidente dell’Associazione Culturale Torino, la Città del Libro.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi,anche aiuti militari Kiev in solco risoluzione Camere
Ringrazio Parlamento, maggioranza e Fdi per sostegno a governo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
09:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Voglio ringraziare il Parlamento, la maggioranza e la principale forza di opposizione per il sostegno al governo per affrontare la crisi.
La risoluzione ha impegnato il governo a sostenere dal punto di vista militare” e anche “umanitario” Kiev e “tenere alta la pressione sulla Russia anche attraverso sanzioni e ha guidato in modo chiaro l’azione di governo e rafforzato la nostra posizione a livello internazione.

Il governo intende a muoversi nel solco di questa risoluzione”.
Lo dice Mario Draghi nel corso dell’informativa al Senato.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi,Italia indipendente da gas russo entro fine 2024
Con Biden condiviso importanza di mantenere impegni su clima
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
09:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Le stime del governo indicano che potremmo renderci indipendenti dal gas russo nel secondo semestre del 2024: i primi effetti di questo processo si vedranno già alla fine di quest’anno.
Durante la mia visita a Washington ho condiviso con il presidente Biden la strategia energetica italiana e siamo d’accordo sull’importanza di preservare gli impegni sul clima che l’Italia intende mantenere”.
Lo dice Mario Draghi nel corso dell’informativa al Senato sull’Ucraina.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:Gimbe,discesa casi rallenta. Giù intensive e ricoveri
In 7 giorni -14,8% contagi su -27,5% precedente. Decessi -9,4%
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
10:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Negli ultimi sette giorni rallenta la discesa dei contagi (-14,8% contro il dato del -27,5% della settimana precedente); giù le terapie intensive (-5,9%), ricoveri ordinari (-13%) e decessi (-9,4%).

Questo quanto emerge dal nuovo monitoraggio della Fondazione Gimbe per il periodo 11-17 maggio in base al quale i nuovi casi settimanali si attestano a quota 244 mila con una media mobile a 7 giorni che sfiora i 35 mila casi giornalieri.
In tutte le regioni inoltre si registra una riduzione percentuale dei nuovi casi: dal -0,1% della Sardegna al -22,7% della Calabria.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: 6 sbarchi con 223 persone a Lampedusa
Hotspot sempre pieno
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
LAMPEDUSA
19 maggio 2022
10:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sei sbarchi, con un totale di 223 migranti e un cane, si sono registrati durante la notte a Lampedusa (Ag).
I diversi gruppi sono stati portati all’hotspot di contrada Imbriacola dove ci sono 793 ospiti, nonostante i trasferimenti e dunque il tentativo di alleggerire il numero.
I primi due gruppi di 18 e 51 persone sono stati intercettati dalla Guardia di finanza. Una motovedetta della Capitaneria, nel frattempo, soccorreva 73 persone, tra cui 4 donne e 3 minori. Ad 8 miglia dalla costa sono stati invece rintracciati 5 tunisini, tra cui una donna, e un cane. Poi è stato il turno di 59 persone, tra cui 19 minori, bloccati a circa 40 miglia da Lampedusa e infine di 17 migranti intercettati a 4 miglia.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Band si ispira a Br, tolta da cartellone festival milanese
Sul palco stelle a cinque punte e riferimenti all’omicidio Moro
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
19 maggio 2022
10:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Avevano già suscitato scandalo, il Primo Maggio al circolo Arci Tunnel di Reggio Emilia, portando sul palco la stella a cinque punte delle Brigate Rosse, con volti coperti da passamontagna e brani che parlano degli anni di piombo: “Zitto zitto pagami il riscatto, zitto zitto sei su una R4”, l’auto a bordo della quale fu trovato il cadavere di Aldo Moro.

I P38, come riportano alcuni quotidiani milanesi, stavano per rifarlo, tra otto giorni a Segrate (Milano).
Erano in cartellone venerdì 27, nel corso della prima delle tre giornate del Mi Ami, rassegna di musica indipendente e d’autore che in un weekend mette assieme una cinquantina di cantanti.
Sull’onda delle polemiche gli organizzatori, il sito rockit, li ha tolti dalla programmazione.
I P38 sono quattro persone di cui si conoscono solo i soprannomi, Astore, Papà Dimitri, Yung Stalin e Jimmy Penthotal.
Le esibizioni del gruppo avevano causato non poche polemiche: la figlia di Moro Maria Fida aveva sporto denuncia, così come Bruno D’Alfonso, figlio di un carabiniere ucciso dalle Br.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi, a luglio vertice con Turchia ad Ankara
Primo vertice da 10 anni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
10:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mario Draghi annuncia il vertice Italia-Turchia per i primi giorni di luglio ad Ankara per fare il punto sulle prospettive negoziali e sui rapporti bilateriali tra i due paesi.
Il premier, parlando al Senato, ha ricordato che si tratta del primo vertice da 10 anni a questa parte.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mattarella e big istituzioni a Padova per 800 anni Ateneo
Vi insegnò Galilei, oggi centro eccellenza in tante discipline
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PADOVA
19 maggio 2022
10:24
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Padova celebra stamane gli 800 anni di storia della sua Università con una cerimonia solenne alla quale interverranno il capo dello Stato, Sergio Mattarella, la presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati, e Roberta Metsola, Presidente del Parlamento europeoa Presente anche il ministro dell’istruzione, Maria Cristina Messa.
Con l’apertura dell’800/O Ano Accademico prende il via un anno di manifestazioni che, oltre a celebrare gli 8 secoli di storia di un’istituzione che ha avuto, tra gli altri, docenti come Galileo Galilei, e ha segnato con i suoi studenti e gli insegnanti momenti importanti del Rsorgimento e della Resistenza al nazifascismo.

Oggi l’Ateneo del Bo è un’Università che guarda al futuro, con le eccellenze nel campo della medicina, della ricerca, che si segnala come centro prestigioso e di divulgazione scientifica, e che conta quasi 70mila iscritti tra Padova e le altre sedi diffuse nella Regione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Veneto, + 2.567 contagi e 7 vittime in 24 ore
Scendono i ricoveri in area medica (-45)
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
19 maggio 2022
10:46
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Veneto registra 2.567 contagi Covid nelle ultime 24 ore, un dato sostanzialmente in linea con quello di ieri (2.613), e 7 vittime.
Lo riferisce il bollettino della Regione.
Il totale delle infezioni in regione da inizio epidemia si aggiorna a 1.735.803, quello dei decessi a 14.626.
E’ in progressivo calo il numero degli attuali positivi ufficiali, 44.471 (-939). Numeri in discesa anche per quanto riguarda le aree mediche degli ospedali: i ricoveri scendono a 696 (-45), mentre salgono di poco, 40 (+3) quelli in terapia intensiva.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Brindisi ricorda Melissa Bassi a 10 anni dall’attentato
Sottosegretaria Macina, ‘lo Stato non dimentica’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRINDISI
19 maggio 2022
10:47
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La presenza dello Stato sta a testimoniare che lo Stato non dimentica”.
Così il sottosegretario alla giustizia Anna Macina al suo arrivo a Brindisi per partecipare alle manifestazioni per il decimo anniversario dell’ l’attentato in cui perse la vita Melissa Bassi, studentessa 16enne di Mesagne (Brindisi) avvenuto il 19 maggio del 2012 nei pressi del tribunale, a poche decine di metri dalla scuola “Morvillo-Falcone”, frequentata dalla giovane.
“Io non dimentico le magliette delle sue amiche nelle settimane successive, con la foto di Melissa a la richieste di giustizia. In questa vicenda la giustizia ha fatto il suo corso, però, occorre continuare a tener vivo il ricordo. Per questo -ha concluso il sottosegretario- siamo qui oggi”.
Anche i genitori di Melissa Bassi hanno partecipato alla manifestazione. “Ringraziamo tutti coloro i quali si sono prodigati per le iniziative. Melissa vive con noi, e la ricorderemo sempre, ogni giorno. Viviamo – afferma il papà Massimo Bassi – con il suo sorriso in ogni istante della nostra vita”. Presenti anche le autorità locali questa mattina. “Sono trascorsi 10 anni da una ferita così profonda per la famiglia Bassi, ma anche per le due comunità di Brindisi e Mesagne. La violenza – ha dichiarato il sindaco di Brindisi Riccardo Rossi – non potrà mai essere giustificata. Nella giornata di oggi ci sono tanti valori che vanno sempre rinnovati, come il diritto alla scuola, ma anche quello dei giovani a vivere la loro vita in sicurezza, e poi – conclude Rossi – quelli della pace e della legalità”. Ad accogliere il corteo giunto dalla città di origine di Melissa, Mesagne (Brindisi), la dirigente scolastico della Morvillo-Falcone Irene Esposito. “Oggi da Brindisi parte un messaggio di pace, di legalità e non violenza, nel ricordo di Melissa. Lei rivive insieme a noi, nel sorriso dei suoi compagni e nelle iniziative che la scuola organizza”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Calabresi: giudice Salvini, Pietrostefani ha dovere di parlare
‘Torni in Italia e dica cosa successe prima dell’omicidio’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
19 maggio 2022
11:10
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Giorgio Pietrostefani “che ha snobbato per 30 anni la giustizia italiana e di cui l’Italia ha chiesto l’estradizione dalla Francia, ha il dovere civile e morale di raccontare, anche senza fare nomi, quanto successo prima di quella mattina del 17 maggio in via Cherubini” a Milano, dove fu ucciso il commissario Luigi Calabresi nel 1972.

Lo scrive, in un testo, il giudice milanese Guido Salvini che da giudice istruttore riaprì le indagini sulla strage di piazza Fontana e che condusse inchieste come quelle sulle cosiddette ‘Trame nere’.

A 50 anni dall’omicidio, mentre la Francia deve ancora decidere sull’estradizione di Pietrostefani che, come ha detto due giorni fa Mario Calabresi, figlio di Luigi, “non ha quasi più senso”, Salvini chiarisce che “il caso Calabresi è forse l’unico dei cosiddetti misteri d’Italia in cui un esecutore materiale abbia confessato, eppure non è chiuso”. Ce lo dicono, aggiunge, “i giornali di questi giorni, sembra eternamente sospeso nel presente, come piazza Fontana. Ha segnato il cuore e la vita di troppe persone non solo dei familiari ma dalla parte degli uomini con le divise e dalla parte dei giovani con l’eskimo. Deve succedere qualcosa prima che tutti i suoi protagonisti spariscano lasciando bianca la pagina più importante”.
“Si sa come l’omicidio venne eseguito – scrive – .Solo un ex-militante in malafede o un complottista può pensare che quella mattina Leonardo Marino non fosse alla guida di quella Fiat 125 che attendeva lo sparatore. Ma non si sa come l’esecuzione fu discussa e decisa, magari quali scontri ci furono, credo, nell’intellighenzia di Lotta Continua”. E allora “l’Italia ha il diritto di chiedere che un suo cittadino” come Pietrostefani “condannato per omicidio non viva indisturbato all’estero. Ha il dovere, se sarà in Italia di collocarlo, senza vendette, dove possa essere curato, certo non in carcere”.
Pietrostefani ha il dovere di “raccontare” e “forse solo lui può chiudere questa pagina”. Se non lo fa, conclude il giudice, “lui e i suoi sostenitori perdono il diritto morale di chiedere la verità su Pinelli, su piazza Fontana e sul resto. E la verità può anche avere un effetto a catena. Molti la aspettano. Non li deluda”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Inps, in primi 2 mesi saldo positivo 264mila posti
+125mila a tempo indeterminato
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
11:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nei primi due mesi del 2022 sonostati attivati 1.208.219 nuovi contratti di lavoro mentre ne sono cessati 943.329 con un saldo positivo di 264.890 contratti.

Lo rileva l’Inps nell’Osservatorio sul precariato sottolineando che la variazione netta è positiva per oltre 125mila unità nei contratti a tempo indeterminato (assunzioni più trasformazioni, meno cessazioni di contratti stabili), in aumento rispetto agli 86.762 dell’anno precedente quando era in vigore il blocco dei licenziamenti.
Il saldo dei contratti a tempo indeterminato è stato positivo soprattutto a gennaio (+105.416) mentre a febbraio è stato di +19.804.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il 51% dei 15enni in Italia incapace di capire un testo
Save the Children: ‘E’ un dramma per la tenuta del Paese’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
13:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La dispersione scolastica implicita, cioè l’incapacità di un ragazzo/a di 15 anni di comprendere il significato di un testo scritto, è al 51%.
Un dramma, non solo per il sistema di istruzione e per lo sviluppo economico, ma per la tenuta democratica di un paese.
I più colpiti sono gli studenti delle famiglie più povere, quelle che vivono al sud e quelle con background migratorio”. Lo ha detto Claudio Tesauro, Presidente di Save the Children Italia aprendo i lavori di “Impossibile” la quattro giorni di riflessioni e proposte sull’ Infanzia e l’Adolescenza.

Per Tesauro in Italia esiste “una crudele ‘ingiustizia generazionale’ perché la crisi ha colpito proprio i bambini. Non solo 1,384mila bambini in povertà assoluta (l dato più alto degli ultimi 15 anni) ma un bambino in Italia oggi ha il doppio delle probabilità di vivere in povertà assoluta rispetto ad un adulto, il triplo delle probabilità rispetto a chi ha più di 65 anni”.

Il presidente di Save The Children ha ricordato inoltre, che ·”più di due milioni di giovani, ovvero 1 giovane su cinque fra i 15 e i 29 anni, è fuori da ogni percorso di scuola, formazione e lavoro. In sei regioni, il numero dei ragazzi e delle ragazze Neet ha già superato il numero dei ragazzi, della stessa fascia di età, inseriti nel mondo del lavoro. In Sicilia, Campania, Calabria per 2 giovani occupati ce ne sono altri 3 che sono fuori dal lavoro, dalla formazione e dallo studio. Dati che – ha sottolineato – fanno a pugni con la richiesta del mondo produttivo”.
“Nel nostro Paese, in 6 regioni, i neet, giovani senza formazione e impiego, hanno superato i coetanei con un lavoro, sono 2 milioni in totale in Italia”. Lo ha detto Daniela Fatarella, Direttrice Generale di Save the Children Italia durante “Impossibile 2022”.
“Gli investimenti sull’infanzia – ha aggiunto Fatarella – vanno blindati. Per sviluppare strategie efficaci serve conoscere i dati e costruire indicatori per misurare l’impatto. Territori e innovazione sociale siano al centro delle governance”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Falcone: sorella, mi disse che bisognava salvare democrazia
Maria Falcone inaugura Arena Bookstock Salone Libro Torino
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
19 maggio 2022
11:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non ricordate soltanto l’uccisione e la morte ma approfondite lo studio su chi era Giovanni Falcone.
Non era soltanto un magistrato antimafia, era un uomo che amava le istituzioni democratiche del nostro Paese”.
È l’appello di Maria Falcone, sorella del magistrato assassinato dalla mafia 30 anni fa, agli studenti presenti all’Arena Bookstock del Salone del Libro.
“L’ultima volta che ho visto Giovanni, mi disse che bisognava fare presto per salvare la democrazia nel nostro Paese – ricorda – In questo anniversario dalla strage di Capaci ho avuto la percezione che, dopo tanti anni di progetti nelle scuole, si ha la conoscenza del fenomeno mafia anche fuori dal Meridione. Sud più estremo e Nord più estremo si sono uniti nella lotta alla mafia e questo è per me il regalo più grande nel 30esimo anniversario dalla morte di Giovanni”.
“Giovanni non voleva essere un eroe, voleva essere soltanto un bravo magistrato”, dice ancora Maria Falcone, auspicando “qualche aggiustamento” alla legge sui beni confiscati alla criminalità organizzata, perché la burocrazia “a volte non va per il verso il giusto”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Incendio distrugge 5 mezzi nel cosentino, probabile dolo
Di proprietà di una ditta impegnati nei lavori sulla statale 106
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ALBIDONA
19 maggio 2022
11:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cinque mezzi, quattro autocarri e un escavatore cingolato, sono stati distrutti, nella notte tra martedì e mercoledì, da un incendio di probabile origine dolosa.

I mezzi, di proprietà di una società impegnata nei lavori di movimento terra sul terzo macrolotto della Strada statale 106, Roseto-Sibari, erano parcheggiati in un capannone in località “Piano della Torre”, nel comune di Albidona, nel cosentino.

Ingenti i danni che sono in corso di quantificazione e che sembra non siano coperti da assicurazione. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Trebisacce e di Castrovillari e i carabinieri della compagnia di Cassano che conducono le indagini sull’accaduto e che, al momento, non escludono alcuna pista, soprattutto quella dolosa.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cosa sappiamo della diffusione del vaiolo delle scimmie in Italia e in Europa
‘Alta l’attenzione ma nessun allarme’, dicono gli esperti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
20 maggio 2022
14:31
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Salgono a tre i casi confermati in Italia di vaiolo delle scimmie e sono tutti in carico all’Istituto di malattie infettive Spallanzani di Roma.
Al caso di ieri se me aggiungono oggi altri, confermati dalle analisi, e sono correlati al caso zero.
Lo si apprende dall’assessorato alla sanità della Regione Lazio.
Ieri all’ospedale Spallanzani di Roma è stato identificato il primo caso in Italia di vaiolo delle scimmie. Si tratta di un uomo rientrato dopo un soggiorno alle Isole Canarie che si è presentato al pronto soccorso dell’Umberto I.
“L’Iss ha costituito una task force composta da esperti del settore ed ha contattato le reti sentinella dei centri per le infezioni sessualmente trasmesse al fine di monitorare continuamente la situazione nazionale”. E’ quanto si legge in una nota dell’istituto Superiore di Sanità.
“Il ministero della Salute sta monitorando attentamente i casi di vaiolo delle scimmie segnalati in Italia e ha allertato le Regioni per un tracciamento degli eventuali casi. Anche l’Istituto superiore di sanità (Iss) ha attivato una task force per seguire al meglio l’evoluzione della situazione. Al momento nel nostro Paese non si registra una situazione di allarme ed il quadro è sotto controllo”. Così Anna Teresa Palamara, che dirige il dipartimento di Malattie Infettive dell’Iss. ”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaiolo delle scimmie, Palamara: ‘Nessun allarme ma cautela nei contatti’ –
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
‘Prudenza nei rapporti stretti’, monitoraggio attento ma nessuna situazione di allarme
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Teniamo alto il livello di attenzione grazie alla nostra rete di sorveglianza europea e nazionale”. E’ quanto ha dichiarato il ministro della Salute Roberto Speranza. “Massima attenzione, ma nessun allarme eccessivo” fa sapere il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri. “La raccomandazione – rileva – è quella di rivolgersi al medico di fiducia nel caso in cui si avvertano i sintomi specifici di questa malattia, ed in particolare la comparsa sulla pelle di vescicole tondeggianti, specie se accompagnate da dolori muscolari, febbre o cefalea”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
LA TRASMISSIONE DEL VIRUS – La trasmissione, fa sapere lo Spallanzani, “può avvenire attraverso le goccioline di saliva e il contatto con le lesioni o i liquidi biologici infetti”. “Attualmente la situazione è sotto controllo e in questo momento in Italia non abbiamo una situazione di allerta in relazione ai casi segnalati di vaiolo delle scimmie. Raccomandiamo però prudenza nei contatti stretti o sessuali che presuppongano uno scambio di fluidi corporei, soprattutto se sono presenti lesioni cutanee o sintomi febbrili”. Lo afferma Anna Teresa Palamara, che dirige il dipartimento di Malattie Infettive dell’Istituto superiore di sanità (Iss). L’Istituto, sottolinea, “ha messo in allerta le reti sentinella dei centri per le infezioni sessualmente trasmesse al fine di monitorare la situazione nazionale”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I CASI IN EUROPA –  Salgono a 20 i casi di contagio da vaiolo delle scimmie censiti nel Regno Unito dalle autorità sanitarie dello UK Health Security Agency (UKHSA). Lo ha reso noto oggi Sajid Javid, ministro della Salute del governo di Boris Johnson, riferendo di 11 nuove infezioni in aggiunta alle 9 già confermate fino a ieri. Javid ha confermato che il primo contagio di questa ondata ha riguardato un viaggiatore di ritorno dalla Nigeria e ha precisato che nella maggior parte si tratta di casi “lievi”. Ha inoltre ribadito che il governo britannico ha reperito dosi extra di vaccini anti vaiolo, “efficaci anche contro il vaiolo delle scimmie”.
Un primo caso di vaiolo delle scimmie è stato confermato in Francia, nella regione di Parigi, l’Ile-de-France: lo hanno annunciato le autorità sanitarie. Il paziente colpito è un uomo di 29 anni che non ha viaggiato in paesi in cui circola il virus. Fin dal primo sospetto di infezione, il paziente è stato visitato ed è ora in isolamento a casa in assenza di sintomi gravi. E’ stata aperta un’inchiesta sanitaria e le autorità stanno rintracciando tutti i contatti recenti del paziente.
Anche in Germania è stato registrato il primo caso ufficiale di vaiolo delle scimmie. Lo ha confermato l’istituto di microbiologia della Bundeswehr di Monaco di Baviera, secondo quanto scrive la Bild. Il paziente avrebbe manifestato delle eruzioni cutanee. Questa patologia è stata riscontrata già in diversi Paesi europei, anche in Italia.
Sono 30 i casi di vaiolo delle scimmie confermati o sospetti riportati in Spagna: lo si apprende da un documento diffuso dal Ministero della Sanità. Di questi, 7 casi sono già stati accertati attraverso tecniche approfondite, mentre 23 sono considerati possibili in quanto le prove PCR hanno individuato una tipologia di vaiolo non umano e ora sono in corso ulteriori verifiche. “Nel contesto attuale, non si può escludere il rilevamento di ulteriori casi”, aggiunge il documento.
In genere, aggiunge il comunicato, “la sua trasmissione avviene per via respiratoria”, ma, per le caratteristiche dei 23 casi in fase di analisi, il sospetto è che il possibile contagio potrebbe essere avvenuto attraverso il “contatto con le mucose durante rapporti sessuali”.
Sul vaiolo delle scimmie “stiamo ovviamente monitorando questa situazione molto da vicino, rimaniamo in stretto contatto con gli Stati membri e i Paesi partecipanti nel comitato di sicurezza sanitaria che si è riunito all’inizio di questa settimana e che si riunirà di nuovo martedì prossimo e avrà incontri regolari per monitorare questo focolaio e assicurarsi che tra la Commissione, l’Ecdc e gli Stati membri queste riunioni si svolgano in stretta collaborazione con l’Ecdc o il centro europeo per il controllo della prevenzione delle malattie”. Lo ha detto un portavoce della Commissione europea interpellato nel briefing quotidiano con la stampa sull’allarme legato al vaiolo delle scimmie.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaiolo delle scimmie: l’origine della malattia, come ci si contagia e quanto dura il periodo di incubazione
Vari i sintomi, si trasmette da goccioline e lesioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 maggio 202213:06
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il vaiolo delle scimmie è una zoonosi silvestre – ovvero una malattia riguardante gli animali selvatici – con infezioni umane accidentali, che di solito si verificano nelle parti boscose dell’Africa centrale e occidentale.
COME CI SI CONTAGIA
La malattia spesso si esaurisce con sintomi che di solito si risolvono spontaneamente entro 14-21 giorni, non è molto contagiosa tra gli uomini e si trasmette attraverso l’esposizione alle goccioline esalate e dal contatto con lesioni cutanee infette o materiali contaminati.
I sintomi (tra cui febbre, mal di testa, dolori muscolari e eruzioni cutanee) possono essere lievi o gravi e le lesioni possono essere molto pruriginose o dolorose.
A spiegarlo è l’Oms, a fronte di vari casi segnalati in Europa, Stati Uniti e un primo caso segnalato oggi anche in Italia.

QUANTO DURA IL PERIODO DI INCUBAZIONE
Il periodo di incubazione del vaiolo delle scimmie è generalmente compreso tra 6 e 13 giorni, ma può variare da 5 a 21 giorni. Il serbatoio dell’animale rimane sconosciuto, anche se è probabile che sia tra i roditori. Il contatto con animali vivi e morti attraverso la caccia e il consumo di selvaggina o carne di arbusti sono noti fattori di rischio.
Esistono due famiglie di virus del vaiolo delle scimmie: quella dell’Africa occidentale e quella del bacino del Congo (Africa centrale). Sebbene l’infezione da virus del vaiolo delle scimmie dell’Africa occidentale a volte porti a malattie gravi in ;;alcuni individui, la malattia è solitamente autolimitante.
IL TASSO DI MORTALITA’
È stato documentato che il tasso di mortalità per la famiglia dell’Africa occidentale è di circa l’1%, mentre per quella del bacino del Congo può arrivare fino al 10%.
Anche i bambini sono a rischio e il vaiolo delle scimmie durante la gravidanza può portare a complicazioni, vaiolo delle scimmie congenito o mortalità alla nascita. I casi più lievi di vaiolo delle scimmie possono passare inosservati e rappresentare un rischio di trasmissione da persona a persona.
È probabile che ci sia poca immunità all’infezione in coloro che viaggiano o sono altrimenti esposti, poiché la malattia endemica è normalmente geograficamente limitata a parti dell’Africa occidentale e centrale. Storicamente, la vaccinazione contro il vaiolo ha dimostrato di essere protettiva contro il vaiolo delle scimmie.
IL VACCINO
Sebbene un vaccino (MVA-BN) e un trattamento specifico (tecovirimat) siano stati approvati per il vaiolo delle scimmie, rispettivamente nel 2019 e nel 2022, queste contromisure, avverte l’Oms, non sono ancora ampiamente disponibili e le popolazioni di tutto il mondo di età inferiore ai 40 o 50 anni non beneficiano più della protezione offerta da precedenti programmi di vaccinazione contro il vaiolo.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: nuovi sbarchi in Sardegna, 22 uomini e 3 donne
Sono stati bloccati dalla Capitaneria a Carloforte
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
19 maggio 2022
11:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Non si fermano gli sbarchi di migranti nel sud Sardegna.
Questa mattina la Capitaneria di porto di Carloforte ha rintracciato 25 algerini, 22 uomini e tre donne, mentre si allontanavano percorrendo il lungomare Cristoforo Colombo.
I 25, tutti in buone condizioni di salute, erano sbarcati poco tempo prima. Sono stati affidati ai carabinieri che li hanno trasferiti nel centro di prima accoglienza di Monastir. Il barchino non è stato recuperato.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Castellone,Draghi torni in Aula per mandato Parlamento
Costruiamo insieme un percorso di pace
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
11:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Le chiediamo di costruire insieme questo percorso di pace.
La prossima occasione sarà il Consiglio europeo straordinario che si terrà il 30 e 31 maggio.
Quali sono le proposte e la strategia che il governo italiano intende portare? Non è previsto un passaggio in Parlamento, ma riteniamo importante che lei torni qui per costruire insieme questo passaggio e per avere un mandato forte e trasversale da parte di tutte le forze politiche”. Lo ha detto la capogruppo M5S in Senato Mariolina Castellone intervenendo in Aula dopo l’informativa del Presidente del Consiglio sugli sviluppi del conflitto in Ucraina.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ue lancia RepowerUkraine, ‘sostegno energetico per Kiev’
‘Rischio stop forniture da Russia tangibile, bisogna prepararsi’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
19 maggio 2022
11:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Per coinvolgere l’Ucraina nella strategia energetica europea “la Commissione Ue lancerà un progetto RePowerUkraine'” di sostegno energetico e di rilancio delle infrastrutture dell’Ucraina.
Così la commissaria Ue all’energia, Kadri Simson, durante il suo intervento all’assemblea plenaria del Parlamento europeo sul RepowerEu.

“Il pericolo di interruzione totale di forniture energetiche dalla Russa è tangibile e occorre essere preparati. Come con RepowerEu intendiamo sostituire i combustibili fossili russi con energia pulita, aumentando la partecipazione delle rinnovabili al mix energetico al 45% entro 2030”, ha spiegato Simson.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Salvini, non ci sto a inviare altre armi
Grazie a Draghi per sue parole di pace
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
11:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Qualcuno in quest’aula parla di inviare altre armi, io non ci sto.
Noi siamo assolutamente e orgogliosamente ancorati ai valori, ai diritti conquistati in Occidente, stiamo con la democrazia, mai con la guerra ma con i popoli e mai con gli aggressori”.
Così il senatore Matteo Salvini intervenendo in Aula sull’informativa del premier Draghi.
E rivolgendosi a lui ha aggiunto: “Grazie per le parole di pace, sia a Washington che oggi in aula condivise da tutti spero”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mattarella e i big delle istituzioni a Padova per gli 800 anni dell’Ateneo
Vi insegnò Galilei, oggi centro eccellenza in tante discipline
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
13:12
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Padova celebra gli 800 anni di storia della sua Università con una cerimonia solenne alla quale interverranno il capo dello Stato, Sergio Mattarella, la presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati, e Roberta Metsola, Presidente del Parlamento europeoa Presente anche il ministro dell’istruzione, Maria Cristina Messa.
Con l’apertura dell’800/O Ano Accademico prende il via un anno di manifestazioni che, oltre a celebrare gli 8 secoli di storia di un’istituzione che ha avuto, tra gli altri, docenti come Galileo Galilei, e ha segnato con i suoi studenti e gli insegnanti momenti importanti del Rsorgimento e della Resistenza al nazifascismo.
Oggi l’Ateneo del Bo è un’Università che guarda al futuro, con le eccellenze nel campo della medicina, della ricerca, che si segnala come centro prestigioso e di divulgazione scientifica, e che conta quasi 70mila iscritti tra Padova e le altre sedi diffuse nella Regione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dobbiamo rimanere “uniti nella difesa della libertà e della democrazia.
Questo è il patrimonio da difendere che ci spinge a non chiudere gli occhi. E’ importante garantire la libertà a tutti e la si ottiene pienamente soltanto se la ottengono anche gli altri. Tutto ciò spinge a non chiudere gli occhi, a impegnarsi a riaffermare il diritto internazionale. Sono questi i valori che vanno difesi attivamente”, ha detto il presidente della Repubblica
I valori europei di pace e libertà oggi “stridono con l’aggressione di un Paese confinante, più grande e più forte. Ciò ci pone di fronte a degli interrogativi: risulta inatteso e sorprendente il tentativo di far retrocedere la storia da chi pretende con la violenza delle armi di imporre le sue scelte a un Paese meno grande e meno forte”. Questi valori non possono essere “sacrificati lacerandosi” rispetto alle risposte da dare.
“La libertà non è divisibile e si ottiene pienamente soltanto se ne godono anche gli altri, si realizza insieme a quella degli altri. Non c’è libertà piena se gli altri ne sono privi. Questo vale all’interno di un Paese, vale nella comunità internazionale. Questo spinge a non chiudere gli occhi, a impegnarsi perché venga ripristinato il diritto internazionale”, Ci sono “valori che vanno coltivati, difesi attivamente”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Fvg 567 nuovi casi e 2 decessi, intensive vuote
In altri reparti degenti sono 132
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
19 maggio 2022
12:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Oggi in Friuli Venezia Giulia su un totale di 7.439 test e tamponi sono state riscontrate 567 positività al Covid 19.
Nel dettaglio, su 4.681 tamponi molecolari sono stati rilevati 178 nuovi contagi.
Sono inoltre 2.758 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati registrati 389 casi. Non ci sono persone ricoverate in terapia intensiva mentre i pazienti ospedalizzati in altri reparti sono 132 (-9). Lo rende noto la Direzione centrale salute della Regione Fvg nel bollettino quotidiano.
Oggi si registrano i decessi di 2 persone, entrambi a Trieste. Il numero complessivo delle persone decedute dall’inizio della pandemia è 5.078, con la seguente suddivisione territoriale: 1.270 a Trieste, 2.386 a Udine, 963 a Pordenone e 459 a Gorizia. Dall’inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 375.450 persone.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: 56 siriani e afgani sbarcati a Reggio Calabria
Erano a bordo di una barca a vela intercettata dalla Finanza
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
REGGIO CALABRIA
19 maggio 2022
12:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cinquantasei migranti sono sbarcati la notte scorsa a Reggio Calabria.
Si trovavano a bordo di una barca a vela di circa 14 metri che, poche ore prima, è stata intercettata da una motovedetta e da un pattugliatore della Guardia di finanza a 12 miglia a sud-est di Capo Spartivento.
Quando l’imbarcazione, di colore bianco, è stata individuata nel pomeriggio di ieri si stava dirigendo verso le coste calabresi.
Tra i migranti a bordo, prevalentemente di nazionalità siriana e afgana, ci sono anche donne e bambini. Dopo lo sbarco, avvenuto con il coordinamento della prefettura di Reggio Calabria, sono stati accompagnati nella struttura “Palloncino”, vicino allo stadio, dove sono in corso gli accertamenti sanitari e dove l’ufficio immigrazione della Polizia sta eseguendo le operazioni di identificazione. Gli investigatori stanno interrogando anche alcuni migranti. È stata avviata, infatti, un’indagine coordinata dalla Procura per ricostruire il viaggio della barca a vela e individuare gli scafisti che potrebbero essersi confusi tra i migranti sbarcati.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Auto nel giardino dell’asilo, stabili le condizioni delle due bimbe ferite
Il dolore dei genitori di Tommaso, la piccola vittima. La donna alla guida della vettura è indagata per omicidio stradale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
17:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dolore e sgomento all’Aquila, il giorno dopo la tragedia che ha sconvolto l’asilo Primo Maggio quando, verso le 14.30, una mamma ha parcheggiato in discesa la sua auto nel giardino del plesso per prendere il figlio, mentre all’interno della vettura era rimasto l’altro figlio di dodici anni.
L’auto poi si è messa in movimento travolgendo alcuni bambini.
Uno di loro Tommaso, 4 anni, è morto poche ore dopo in ospedale, altri cinque piccoli sono rimasti feriti. La donna è indagata per omicidio stradale, è di nazionalità bulgara e ha 38 anni.
I bimbi feriti – Sono stabili le condizioni delle due bambine di circa 4 anni, tra i bimbi feriti nell’incidente nell’asilo dell’Aquila, ricoverate da ieri pomeriggio presso la terapia intensiva pediatrica del policlinico Gemelli, di Roma, dove proseguono le cure.
“Stiamo lavorando la sinergia con la dirigente della scuola Monia Lai e l’Ordine degli Psicologi per una serie di azioni tra i bambini del due scuole coinvolte a contenere il trauma che hanno subito a seguito dell’incidente”. Così il sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi all’indomani della tragedia nell’asilo della scuola Primo maggio; il primo cittadino che è tornato davanti ai cancelli ora chiusi della scuola, si è detto lui stesso “Ancora scosso dal viavai di ambulanze, mezzi di soccorso, barelle. Una scena – ha ribadito- che mai avrei pensato di vivere una prima persona”. Il sindaco ha anche informato che la sua squadra è in contatto con il Gemelli di Roma per attendere notizie sui tre bambini: per quanto riguarda invece i due gemellini ricoverati all’Aquila afferma che la prognosi è piuttosto lunga.
Fiori, piccoli giocattoli in peluche e nastri della recinzione messi per sicurezza sono oggi davanti al cancello della scuola che ha registrato tragico incidente in cui ha perso la vita un bambino e sono rimaste ferite 5 persone. Tutti travolti da un’auto nel cortile della scuola dell’infanzia di Pile e dell’asilo Primo Maggio. E’ l’omaggio anonimo e doloroso degli aquilani l’indomani della tragedia. I dipendenti sono stati informati che il plesso resterà chiuso almeno fino a lunedì 23 per consentire agli inquirenti di proseguire le indagini.
Il dolore dei genitori della piccola vittima – “Dove è Tommaso?”: è l’interrogativo posto dal padre, Patrizio D’Agostino, tra i primi ad arrivare sul posto, visto che la famiglia abita di fronte alla scuola d’infanzia ‘1 maggio’ all’Aquila, luogo della tragedia. A riportarlo è il quotidiano regionale ‘Il Centro’. “Era il mio piccolo Amore – racconta dall’ospedale la zia Giusi Fonzi – Una personcina particolare speciale. Forse troppo delicato per questo mondo. Un bambino sensibile, empatico. Un puro, non perchè tutti i bambini non lo siano, ma perchè lui lo era per davvero”. La vita di Patrizio D’Agostino, dipendente di una catena di prodotti per la casa, e della moglie Alessia Angelone, operatrice di una struttura per l’infanzia, si ferma di botto: dalla speranza nell’affidare Tommaso alle cure dei medici – riporta il giornale locale – al crollo di quella notizia arrivata alle 16,45 che mai nessuno avrebbe voluto sentire. Davanti alle scalette dell’asilo c’è un’altra famiglia nel dolore, quella della macchina impazzita – prosegue ‘Il Centro’ -: padre, madre e figlio, un ragazzo di corporatura robusta che non smette un attimo di piangere. Il padre gli regge la testa, gli mettono l’acqua sul capo, ma lui non si dà pace: era rimasto sopra quell’auto, incustodita, prima del disastro.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sisma Emilia-Romagna: i lampadari donati da Italo Balbo illuminano di nuovo S.Agostino
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
13:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sembrava che dovessero cadere da un momento all’altro, invece sono rimasti su e sono stati salvati, protetti, restaurati e poi riportati “a casa”.
I lampadari in vetro appesi nel salone di rappresentanza del municipio di Sant’Agostino, in provincia di Ferrara sono stati rimossi dai vigili del fuoco la mattina del 4 giugno 2012, a due settimane dal sisma che cambiò per sempre il volto di quel territorio.
Oggetti preziosi, donati da Italo Balbo, sono diventati tra i simboli di quelle giornate. Alle 4.04 del 20 maggio di dieci anni fa il terremoto squarciò la parte laterale del municipio di Sant’Agostino. Dalla voragine si vedevano i lampadari rimasti chissà come appesi mentre finestre, mattoni, calcinacci e pavimenti cadevano giù. I danni all’edificio erano troppi e dopo una lunga analisi della situazione si decise per l’abbattimento.
Prima della demolizione, avvenuta con microcariche di dinamite nel corso dell’estate, i vigili del fuoco recuperarono tutto ciò che era recuperabile. Non fu facile. Nei giorni immediatamente successivi al terremoto vennero recuperati documenti, faldoni e materiali d’archivio poi, quando ormai non si poteva più aspettare, i pompieri si concentrarono sui lampadari. Le opere, tutte in vetro di Murano, prima di essere donate a Sant’Agostino da Balbo illuminavano le sale del Castello Estense. Una volta messi in salvo, i lampadari vennero portati nella Reggia Ducale di Sassuolo insieme ad altre opere salvate dal terremoto. Anni dopo vennero affidati dal Consorzio vetrai di Murano e da gennaio 2021 sono tornati a dare luce al Comune. Il nuovo municipio non è stato costruito sulle macerie del precedente, bensì all’interno dell’edificio razionalista che fino a dieci anni fa ospitava le scuole medie.
La struttura, anch’essa danneggiata gravemente dalle scosse, è stata completamente ristrutturata e ripensata per essere trasformata in palazzo municipale. Una volta finiti i lavori di rifacimento i lampadari sono stati trasportati nuovamente in paese e installati in quella che oggi è la sala consiliare del Comune di Terre del Reno. “Riportare a Sant’Agostino quei lampadari per noi – ha commentato il sindaco Roberto Lodi – è stato un po’ come chiudere un cerchio. Sono un simbolo del nostro territorio e siamo felici di riaverli qui”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Biglietti da visita anonimi per aiutare le donne maltrattate
Progetto dei liceali del Cardarelli della Spezia in sei lingue
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
LA SPEZIA
19 maggio 2022
13:16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Biglietti da visita anonimi che portano semplicemente nomi di donna – Annabella, Delfina, Irene, Arianna, Marzia, Vittoria e Itala – ma ad ognuno di essi è associato il numero di telefono di un centro antiviolenza, a cui le donne maltrattate possono rivolgersi per chiedere aiuto.

E’ l’idea di un gruppo di studenti del liceo artistico “Vincenzo Cardarelli” della Spezia, che ha curato una campagna comunicativa per sensibilizzare la popolazione sul fenomeno della violenza di genere.
Vincitori del progetto sono risultati Marco Livolsi e Angelica Pisculli della 5B, che hanno creato una serie di locandine, che saranno affisse all’interno degli studi medici e delle farmacie della città, ma anche volantini e biglietti da visita.
Questi ultimi non riportano il nome delle associazioni ma, genericamente, nomi propri femminili in modo da non poter essere intercettati dagli uomini maltrattanti. Il materiale è in sei lingue: italiano, spagnolo, francese, inglese, bengalese ed arabo. “Questo progetto ha fatto maturare in noi il senso di appartenenza alla comunità e di vicinanza alle fasce più deboli.
Non volevamo mortificare ulteriormente la figura della donna, quindi abbiamo scelto immagini che fossero di impatto, ma suggerissero anche l’idea di una rivalsa nei confronti della violenza stessa” hanno detto i due liceali.
Oggi il progetto HELP è stato premiato oggi dalla prefetta Maria Luisa Inversini. “Si parla spesso di fare educazione civica nella scuola – ha detto la dirigente scolastica Sara Cecchini-. Ecco, questa è educazione civica”. La classe 5D dello stesso istituto artistico ha invece creato un documentario intervistando uomini, condannati per maltrattamenti e reclusi presso la casa circondariale della Spezia, e donne che vengono da una storia di maltrattamento e riscatto. Il film “L’iter della violenza”, della durata di 40 minuti, sarà proiettato in occasioni pubbliche nei prossimi mesi. “Questo lavoro ha garantito loro un’educazione che non dimenticheranno mai”, ha detto la magistrata Maria Cristina Failla che ha seguito gli studenti durante il loro percorso.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sisma Emilia-Romagna: morirono nel crollo di Haemotronic, risarcimento da 1,5 milioni
Andranno ai parenti dei due operai deceduti nel cedimento del capannone dell’azienda di Medolla, nel modenese
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
13:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il tribunale civile di Modena ha quantificato in un milione e mezzo di euro il risarcimento a favore dei parenti di due giovani operai morti nel crollo del capannone della Haemotronic di Medolla (Modena), il 29 maggio del 2012 durante il sisma in Emilia-Romagna, a cui la stessa azienda dovrà provvedere (in larga parte la somma sarà coperta dall’assicurazione).
A riportare la notizia è la stampa locale.
La sentenza arriva proprio nei giorni del decennale del terremoto e riguarda i parenti del 24enne Biagio Santucci (alla madre, ai fratelli ed altri familiari andrà all’incirca un milione di euro) e del 33enne Giordano Visconti (alla madre e al fratello mezzo milione di euro). Mentre il procedimento penale per il crollo dell’azienda biomedicale, che complessivamente provocò la morte di quattro operai, è stato archiviato nel 2016, quando il gip sottolineò che la Haemotronic rispettò le norme, mentre le stesse norme erano inadeguate di fronte ad un evento del genere, il tribunale civile ha riconosciuto responsabilità di Haemotronic rispetto ai due decessi sulla base dell’articolo 2087 del codice civile. La materia è quella relativa alla tutela del lavoro.
In sostanza, sottolinea il tribunale modenese, il solo sopralluogo da parte di un ingegnere per la verifica dell’agibilità del capannone non poteva bastare per garantire una rivalutazione del rischio da parte dell’azienda a fronte della già avvenuta scossa del 20 maggio 2012 e di quelle che continuavano ad avvertirsi nel territorio modenese. “Il fatto che – scrive il giudice – pochi giorni prima si sia verificato in zona prossima un terremoto con morti e feriti, costituisce, rispetto al rischio sismico, proprio quel fatto cui il legislatore riconnette l’obbligo di rivalutazione del rischio”. Il giudizio di agibilità, aggiunge il giudice Michele Cifarelli, “non rappresenta una analisi di sicurezza né la sostituisce (…) non è di carattere definitivo, ma temporaneo; non ha, infine, un obiettivo preciso in termini di rischi”. Haemotronic, in sostanza, “è inadempiente all’obbligo di prevenzione, per aver consentito la ripresa dell’attività dei dipendenti all’interno del capannone”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sisma Emilia-Romagna: nessuna responsabilità per chi progettò i capannoni
Era stata la ‘strage sotto i capannoni’: quattro operai morti nel Ferrarese il 20 maggio 2012, 17 nel Modenese una decina di giorni dopo, il 29. Nel Ferrarese, il terremoto fece crollare i capannoni delle aziende Ursa di Stellata di Bondeno, Tecopress a Dosso e Ceramica S. Agostino: durante il turno al lavoro notturno, la ‘sciabolata’ del sisma arrivò alle 4.04, intensità 6.1 scala Richter, accelerazione di 0.3 G, ad indicare la velocità di spostamento del terreno: accelerazione del 30 per cento della forza gravità – diranno i tecnici – mentre fino ad allora al massimo si registrò un 12%. Fu un terremoto violentissimo, causato dall’incrocio di eventi anomali, mai avvenuti prima, per cui nessuna normativa prevedeva questa concomitanza per la stabilità e la sicurezza delle strutture dei capannoni: quella sciabolata che sommava un sisma sussultorio (su e giù) e ondulatorio (di lato) senza precedenti fece crollare travi e pilastri addosso agli operai. Ma inchieste e processi celebrati dal 2012 ad oggi hanno escluso – sia nel Modenese che nel Ferrarese – colpe e responsabilità tecniche e giudiziarie di progettisti e tecnici per i capannoni, e tutti sono stati archiviati e assolti nei vari procedimenti aperti. E’ rimasta aperta la questione sulla sicurezza sul lavoro: nel Ferrarese i giudici hanno individuato rilevi di natura penale per la violazione di misure di sicurezza all’interno delle aziende: per la morte alla Tecopress di Gerardo Cesaro, 51 anni, ex carabiniere prestato ai turni di notte e per andare in pensione il prima possibile, vi è stata l’unica condanna, del titolare e del responsabile sicurezza: sentenza definitiva che ha sancito (giudice Vartan Giacomelli) palese violazione di norme di sicurezza e la mancanza di piano di fuga e di formazione e informazione al personale in caso di terremoto, sentenza che oggi è, di fatto, un precedente giudiziario. E che è stata la risposta all’impegno della Procura che ha poi seguito questa traccia negli altri due processi ferraresi: arrivando al patteggiamento dei vertici dell’azienda Ursa mentre per la Ceramica Sant’Agostino è pendente il processo in appello, sempre per violazioni di sicurezza.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Licenziamenti economici,per tutela basta insussistenza fatto
Non dev’essere più ‘manifesta’, Consulta interviene su art. 18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
14:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ai fini della tutela dell’articolo18, nel testo modificato dalla riforma Fornero, il giudice non è tenuto ad accertare che l’insussistenza del fatto posto a base del licenziamento economico sia “manifesta” (settimo comma, secondo periodo).
Lo ha affermato la Corte costituzionale con la sentenza n.
125, intervenendo su un altro tassello della legge Fornero, in materia di disciplina dei licenziamenti. L’incostituzionalità ha colpito la sola parola “manifesta”, che precede l’espressione “insussistenza del fatto”, posta alla base del licenziamento per ragioni economiche, produttive e organizzative.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bce: prospettive Pil ancora positive nel terzo trimestre
Inflazione molto alta, rischi aumentano
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
14:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le prospettive di crescita dell’area euro per il terzo trimestre “sono ancora relativamente positive” grazie alla spinta del turismo e nonostante l’incertezza creata dalla guerra, il peggioramento della fiducia, i rialzi dei prezzi energetici e i contraccolpi al commercio globale dai lockdown in Cina.
E’ quanto hanno concluso i governatori della Bce nel meeting di aprile.
In base alle minute della riunione, “anche la valutazione per il quarto trimestre resta positiva” e “finora la valutazione è che la guerra porterà a un temporaneo rallentamento della crescita, ma non a un ridimensionamento persistente”.
Sempre nello stesso Consiglio direttivo di aprile la Bce rileva che gli sviluppi economici più recenti “suggeriscono che i tassi d’inflazione rimarranno molto alti nel breve termine” fra le incertezze dei prezzi energetici, con gli stessi indicatori dell’inflazione di fonti “saliti oltre il 2% nei mesi recenti”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fmi, su Italia venti contrari su economia da guerra e prezzi
“Come Ue si trova ad affrontare formidabili sfide economiche”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
19 maggio 2022
14:28
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’economia italiana si trova ad affrontare venti contrari dalla guerra e dall’aumento dell’inflazione.
Nonostante i segnali di resilienza, la crescita è attesa rallentare e presenta rischi al ribasso.
Lo afferma nel Fmi nel comunicato finale della missione in Italia dei suoi funzionari per l’Article IV 2022. “Come i suoi partener europei, l’Italia si trova ad affrontare formidabili nuove sfide economiche”, osserva il Fmi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Immobiliare: nel 2021 vendite +34% su anno, in testa Genova
Rapporto Entrate-Abi, 366mila acquisti realizzati con mutuo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
13:31
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il mercato immobiliare residenziale nel 2021 si è chiuso con quasi 750mila transazioni, delle quali 366mila acquisizioni sono state effettuate con mutuo ipotecario.

Si registra quindi un incremento delle cessioni di abitazioni pari al +34% rispetto all’anno precedente.
Tra le grandi città, i maggiori rialzi del numero di compravendite rispetto al 2020 si osservano a Genova e Roma (rispettivamente +32,2% e +31,4%).
E’ quanto riporta il Rapporto immobiliare residenziale realizzato dall’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate in collaborazione con Abi. Nei 12 mesi presi in esame, gli istituti di credito hanno erogato complessivamente quasi 50 miliardi di euro, in media circa 136mila euro per ogni compravendita assistita da mutui.
L’incremento delle compravendite – rileva il Rapporto – si è verificato in una misura molto simile in ogni area territoriale del Paese, superando ovunque il 30% rispetto al 2020 e il 20% rispetto al 2019. La Lombardia è la regione con il maggior numero di compravendite registrate nel corso dell’anno (oltre 159mila), ma è il Molise la regione con il maggior incremento del numero di compravendite di abitazioni, con poco più di 3mila scambi e una crescita del 42,3%.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Torna Sky Tg24 – Live in, a Venezia il 3 e 4 giugno
Eventi in diretta per portare il dibattito sul territorio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
15:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Due giorni di incontri, dibattiti, panel, interviste, con ospiti italiani ed internazionali dal mondo della politica, dell’economia, della cultura, dell’industria, della scienza, dello spettacolo.
Torna a Venezia, dopo gli eventi di Courmayeur, Firenze e Bari, Sky TG24 – LIVE IN, il format del canale di news che porta l’informazione nelle piazze e nelle città italiane per creare confronto e dibattito sul territorio.
L’evento, realizzato in collaborazione con il Comune di Venezia, fa tappa nella città lagunare venerdì 3 e sabato 4 giugno per una due giorni piena di appuntamenti nel cuore della città, e sarà trasmesso in diretta su tutti i canali tv e digital di Sky TG24. Il tema al centro della nuova edizione è “Il racconto del presente – Relazioni”, ovvero il sistema di rapporti che definisce la nostra società e sottende a tutti gli avvenimenti che stanno scandendo l’agenda di tutti i grandi Paesi, dalla guerra alla politica, dall’economia alla sostenibilità, alla cultura.

“Live In è diventato ormai parte integrante della proposta editoriale di Sky TG24 – spiega il Direttore Giuseppe De Bellis -. Un appuntamento per incontrare il nostro pubblico e per portare la nostra informazione sul territorio: perché, oggi più che mai, il locale è la lente d’ingrandimento per leggere il globale”. Fra i molti nomi che saranno presenti, i primi annunciati sono: Vincenzo Amendola, Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio con delega agli Affari Europei; il regista Roberto Andò; Elena Bonetti, Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia; Luigi Brugnaro, Sindaco di Venezia; Renato Brunetta, Ministro per la pubblica amministrazione; Carlo Calenda, Segretario di Azione; Valerio Catoia, Atleta paralimpico e testimonial per la campagna nazionale contro il cyberbullismo; il Commissario Capo Marco Valerio Cervellini, Responsabile delle relazioni esterne, comunicazione e campagne educative della Polizia di Stato; l’intellettuale e linguista Noam Chomsky; Francesco Marcello Falcieri, Oceanografo ISMAR; Oscar Farinetti, Imprenditore e Fondatore di Eataly e Green Pea; il generale Claudio Graziano, Presidente del Comitato militare dell’Unione Europea; l’avvocatessa e scrittrice Simonetta Agnello Hornby; Luciana Lamorgese, Ministra dell’Interno; Carlo Alberto Carnevale Maffè, Docente di Strategia e innovazione presso SDA Bocconi School of Management; la scrittrice Dacia Maraini; Dario Nardella, Sindaco di Firenze; l’ambasciatore Stefano Pontecorvo; Olga Rudenko, Direttrice del Kyiv Indipendent; l’economista Jeffrey Sachs; Matteo Salvini, Segretario della Lega; la sociologa Chiara Saraceno; lo skipper Giovanni Soldini; Ana Luiza Thompson-Flores, Direttrice dell’UNESCO Regional Bureau for Science and Culture in Europe; Peter Thomson, Inviato speciale delle Nazioni Unite per l’Oceano. Il venerdì, inoltre, sarà possibile assistere a due incontri fra parole e musica con Carmen Consoli e Mannarino. Dopo Venezia, Sky TG24 Live In farà tappa in altre tre città, tornando a Firenze e poi Bergamo – Brescia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ass.Coscioni, per Fabio via libera Cerm a suicidio assistito
E’ secondo italiano. Parere dell’8 aprile, arrivato dopo appello
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
19 maggio 2022
15:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fabio Ridolfi, il 46enne di Fermignano (Pesaro Urbino) da 18 anni immobilizzato a letto per una patologia irreversibile, che ieri ha lanciato un appello per il suicidio medicalmente assistito “rientra nei parametri stabiliti dalla Consulta nella sentenza Cappato-Dj Fabo per potere accedere all’aiuto medico alla morte”, secondo il parere del Comitato Etico Regione Marche.
Lo rende noto l’associazione Luca Coscioni, sottolineando che “è il secondo italiano dopo ‘Mario’ (un 43ennne paraplegico) ad avere ottenuto il via libera per l’aiuto al suicidio”.
Il parere risale all’8 aprile, ma è stato recapitato a Fabio solo dopo l’appello di ieri, corredato da un video in cui lo si vede usare un puntatore oculare, unico mezzo con cui può comunicare. Secondo l’associazione Luca Coscioni, “nonostante ripetuti solleciti, qualcuno in Asur Marche aveva ‘dimenticato’, per 40 giorni, di comunicarlo a Fabio Ridolfi” che lo attendeva da due mesi, dopo essersi sottoposto alle visite mediche previste. “E’ inaccettabile che lo Stato italiano, e nello specifico la Regione Marche, abbia tenuto nel cassetto per 40 giorni un documento di tale rilevanza ed urgenza” il commento di Filomena Gallo, avvocato e segretario dell’Associazione Luca Coscioni, sottolineando che il documento comunque è “incompleto, perché nulla dice sulle modalità di attuazione e sul farmaco da usare affinché la volontà di Fabio possa finalmente essere rispettata”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Rimorchiatore: bilancio finale di 5 morti, salvo comandante
Ritrovati in mare tutti i dispersi, salme in serata a Bari
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
19 maggio 2022
15:31
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ di cinque morti e un superstite il bilancio definitivo dell’affondamento di un rimorchiatore avvenuto ieri sera a cinquanta miglia dalla costa di Bari, in acque internazionali.
La conferma arriva da fonti inquirenti.
Il comandante, 63enne siciliano, è l’unico sopravvissuto ed è attualmente ricoverato nell’ospedale Di Venere di Bari. Gli altri cinque componenti dell’equipaggio che erano a bordo, due pugliesi di Bari e Molfetta, due marchigiani e un tunisino, sono stati individuati in mare dopo ore di ricerche e quattro già recuperati. I loro corpi nelle prossime ore saranno trasportati da una motovedetta della Guardia Costiera nel porto di Bari. In serata arriverà a Bari anche il pontone che era agganciato al rimorchiatore. Il mezzo affondato, partito da Ancona e diretto in Albania, stava trainando il pontone che nel porto di Durazzo doveva essere impiegato per lavori marittimi. Dopo l’affondamento, un altro rimorchiatore che era in zona ha recuperato il pontone alla deriva ed è ora in viaggio verso le coste pugliesi. Gli 11 a bordo sono in buone condizioni e sono, oltre al comandante superstite, gli unici testimoni oculari del naufragio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Viabilità: Anas, viadotto Sente non riaprirà, manca sicurezza
Chiuso dal 2018 per criticità pilone dopo verifiche post sisma
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
AGNONE
19 maggio 2022
16:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il viadotto ‘Sente’, che collega Molise e Abruzzo, non riaprirà.
Impietosa la relazione dei tecnici Anas: senza un intervento sulla struttura mancano i requisiti di sicurezza.
La notizia è stata resa nota in una conferenza stampa nella sede della Provincia di Isernia. L’opera fu realizzata negli anni ’70 e, in seguito a verifiche post sisma nel 2018, mostrò criticità per la rotazione del pilone più alto e per questo da quattro anni è interdetto al transito. Il finanziamento complessivo, per i lavori, è di 40 mln di euro che dovrà essere sostenuto dalla Provincia, poiché il viadotto rientra nella viabilità di competenza dell’ente.
“I problemi maggiori – ha spiegato il presidente della Provincia, Alfredo Ricci – riguardano il tratto con maggiore altezza, circa 180 metri, esso non consente alcun tipo di transito parziale, per esempio con monitoraggi continui, o un intervento tampone”. Ma il problema di quel tratto – si evince dalla relazione dell’Anas – non è solo il pilone perché anche fenomeni atmosferici eccezionali potrebbero portare a un crollo senza possibilità di previsione.
Ricci ha ricordato che la Provincia aveva ceduto all’Anas un finanziamento di 2 mln di euro, che ha consentito gli studi geologici, le analisi, la progettazione e che ha attivato tutte le procedure affinché quell’arteria stradale passi di competenza all’Anas “perché così è più facile – ha precisato – reperire i finanziamenti. Tutti i passaggi, anche da parte della Regione, sono stati fatti e ora la questione è nelle mani del Governo”.
“Inoltre – ha concluso Ricci – abbiamo dato indicazione ad Anas, che sta facendo la progettazione, di dividere in lotti in modo da dare priorità al lavoro che non ammette alternative, così da poter riaprire tenendo monitorata la restante parte del viadotto”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 30.310 positivi e 108 vittime nelle ultime 24 ore
Tasso al 12,2%, terapie intensive calano di 10
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
16:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 30.310 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute.
Ieri erano stati 30.408.
Le vittime sono invece 108, in calo rispetto alle 136 di ieri. Sono 247.471 i tamponi effettuati ed il tasso di positività è all’12,2%, in lieve aumento rispetto all’11,5% di ieri. Sono 308 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 10 in meno rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 28. I ricoverati nei reparti ordinari sono 7.020, ovvero 256 in meno rispetto a ieri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fonsai: tutti assolti a Milano per dissesto Imco
Anche figlio ex ministro Cancellieri. fatto non sussite
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
19 maggio 2022
16:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tutti assolti a Milano le 12 persone, tra cui Piergiorgio Peluso, figlio dell’ex ministro Annamaria Cancellieri, imputate per concorso in bancarotta in relazione al fallimento di Imco, una delle holding della famiglia Ligresti, socia di Fonsai.
A deciderlo è stata la seconda sezione del Tribunale di Milano, presieduta da Nicola Clivio, con la formula ‘perchè il fatto non sussiste.
La procura aveva chiesto tre condanne dai 5 ai tre anni e mezzo di carcere e 9 assoluzioni.
“Dopo 12 anni di graticola, è stata ristabilita la verità, hanno detto alcuni difensori.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Duetto tra Bono e il Papa sul ‘superpotere delle donne’
Francesco: ‘Diciamo madre terra, non padre terra…’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
17:35
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Duetto tra Bono Vox e Papa Francesco all’Urbaniana nel corso dell’incontro con Scholas Occurrentes.
“L’educazione delle ragazze è un superpotere per combattere l’estrema povertà e vorrei chiedere a Sua Santità – ha detto il leader degli U2 – sei lei pensa che le donne e le ragazze abbiano lo stesso ruolo potente per cambiare il mondo e il cambiamento climatico”.
Il Papa ha risposto di sì: “parliamo della madre-terra, non del padre-terra”, ha detto con un sorriso ricevendo un lungo applauso. I giovani hanno accolto il Papa con uno spettacolo di canti e recite ispirati alla tutela dell’ambiente. “Serve poesia e coraggio” per la cura della casa comune, bisogna “difendere l’armonia della creazione e le donne sanno di armonia più di quanto sappiamo noi uomini”, ha detto il Papa.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ragazzo aggredito da zio perché gay, ‘adesso muori a casa’
La denuncia su Facebook del presidente di Arci Cosenza
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
COSENZA
19 maggio 2022
18:14
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Prima la frase “Non vogliamo….

nella nostra famiglia” e poi le botte.
Ad aggredire un 16enne perché gay è stato lo zio che avrebbe chiamato altri tre uomini per farsi aiutare. A raccontare l’episodio, avvenuto nel cosentino il 17 maggio, giornata internazionale contro l’omofobia, è Silvio Cilento, presidente di Arci Cosenza, con un post su Facebook. Dopo l’aggressione, riferisce Cilento, lo zio ha accompagnato a casa il nipote e gli avrebbe detto “ora muori a casa”. Il ragazzo ha avuto 4 costole rotte, il setto nasale deviato e varie lesioni. L’episodio è stato denunciato alle forze dell’ordine.
“Non voglio andare via da casa perché con mamma sto bene, è solo papà il violento. Mamma mi dice sempre: fatti forza e sii coraggioso” è la frase, riferita da Cilento, del ragazzo che, secondo quanto si è appreso, sarebbe stato tutelato. Il 16enne, “il 17 maggio – racconta il presidente dell’Arci di Cosenza nel suo post – ha deciso di legare una bandana rainbow sul suo zaino e uscire con le sue amiche. Durante il tragitto viene fermato dallo zio paterno (avvisato dal papà). Lo zio parcheggia, si avvicina e gli sferra un primo schiaffo, che diventa poi un pugno e subito dopo un calcio, una serie di calci. Non contento lo zio chiama altri tre uomini (maschi) per aiutarlo. Siamo in provincia di Cosenza.
Sono state fatte le giuste e necessarie denunce. Fisicamente il ragazzo sta meglio, si riprenderà. Moralmente e psicologicamente non oso immaginare come stia, forse non lo voglio immaginare. In ospedale sono stati super accoglienti e gentili (c’è una parte di sanità in Calabria che manifesta inclusione). Le forze dell’ordine hanno svolto il loro lavoro. Gli assistenti sociali (stendiamo un velo pietoso)”. “Condivido con voi tutte e tutti questo episodio – scrive ancora Cilento – solo per ricordarvi quanto è necessario e importante parlare di violenza di genere, di questioni Lgbti, di identità di genere e di orientamenti sessuali. Per farvi capire quanto è necessario parlare del 17 maggio, di omofobia, transfobia e lesbofobia. Per darvi un buon motivo per scendere in piazza e partecipare, partecipare e partecipare alle iniziative di contrasto all’odio e alla violenza. Per darvi un motivo in più”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi in Cdm sollecita lo sblocco delle riforme per attivare il Pnrr
Tra queste Concorrenza. Per i ministri non è escluso il ricorso alla fiducia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 maggio 2022
16:57
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cdm lampo convocato dal premier Mario Draghi Il premier Mario Draghi, secondo quanto riferito, per mettere i partiti e tutto il governo di fronte alla responsabilità di procedere con rapidità all’approvazione delle riforme che rappresentano il passaggio fondamentale per attuare il Pnrr.
Durante il CdM il premier Mario Draghi ha segnalato la necessità “nel pieno rispetto delle prerogative parlamentari”, di porre in essere tutte le iniziative per richiedere un’iscrizione in Aula del ddl concorrenza entro la fine di maggio, in modo da pervenire a una rapida approvazione e procedere alla trasmissione alla Camera.
“Il mancato rispetto di questa tempistica – ha aggiunto Draghi – metterebbe a rischio, insostenibilmente, il raggiungimento di un obiettivo fondamentale del Pnrr, punto principale del programma di Governo”.
In particolare, sempre secondo fonti ministeriali, l’attenzione è rivolta alla riforma della Concorrenza e alla necessità di sbloccare le concessioni per i balneari. Il premier Mario Draghi ha chiesto di velocizzare l’iter di approvazione del ddl concorrenza, per evitare di non rispettare le scadenze del Pnrr. Il premier avrebbe anche chiesto al Cdm di apporre la fiducia qualora fosse necessario sul testo condiviso.
Il premier “nella comunicazione ha dato l’indicazione di poter chiudere la legge delega sulla concorrenza entro maggio, anche con la fiducia se necessario”, ha riferito il ministro per il Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà, lasciando palazzo Chigi. ” C’è un grande lavoro fatto fino ad ora da parte dei senatori e di tutte le forze politiche. Credo che in questo momento ci sia bisogno di un ultimo passaggio. Vedremo se dovremo mettere la fiducia o arriveremo con un chiarimento dell’ultimo miglio: sono fiducioso”.
“Bene aver ascoltato le categorie, bene aver accolto diverse proposte dei balneari, ma ora bisogna correre per rispettare gli impegni del Pnrr”. Cos’ la ministra e capo della delegazione azzurra al governo, Mariastella Gelmini, al termine del Consiglio dei ministri.
“Come sulla riforma fiscale, la Lega, Forza Italia e il resto del centrodestra di governo hanno evitato che aumentassero le tasse su casa e risparmi, anche sul decreto concorrenza l’obiettivo è tutelare 30.000 piccole aziende italiane e 100.000 lavoratori del mare. Siamo ottimisti che si possa trovare un accordo positivo su un tema che, peraltro, non rientra negli accordi economici del Pnrr”. Così i capigruppo di Lega e Forza Italia, Massimiliano Romeo e Annamaria Bernini.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A Ibiza hotel offre 200 euro a dipendenti che reclutano un amico
L’isola è alle prese con una carenza di personale per l’estate
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
18:47
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La carenza di forza lavoro ad Ibiza incoraggia l’inventiva.
Così l”hotel Hard Rock, che fa parte del Gruppo Palladium, promette ai suoi dipendenti 200 euro di premio per ogni nuovo impiegato reclutato, magari tra amici e familiari.
A riportare la notizia è il quotidiano spagnolo El País, che fa riferimento ad un annuncio pubblicato nella bacheca della struttura alberghiera, il quale invita a reclutare “un amico per la band”. L’albergo infatti è a tema rock e “band” è un modo colloquiale con cui la direzione dell’hotel si riferisce al suo staff.
Il settore turistico delle Baleari, in questa stagione, è in una forte crisi di personale e quest’annuncio ne è un ulteriore prova. El País ricorda che a Ibiza il problema della mancanza di forza lavoro è tale per cui la Confederazione spagnola di alberghi e alloggi turistici ha aperto al ritorno al sesto giorno lavorativo, una misura che al momento non è prevista dal contratto collettivo dei lavoratori alberghieri delle Baleari, fatto da 40 ore di lavoro per cinque giorni di lavoro e due giorni di riposo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaiolo delle scimmie, Palamara: ‘Nessun allarme ma cautela nei contatti’
‘Prudenza nei rapporti stretti’, monitoraggio attento ma nessuna situazione di allarme
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
19:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Monitoraggio attento e Regioni allertate, ma nessuna situazione di allarme al momento. Anna Palamara, direttrice del dipartimento di Malattie Infettive dell’Istituto superiore di sanità (Iss), invita alla calma e sottolinea come i casi di vaiolo delle scimmie segnalati in Italia siano al momento un numero ridotto e la situazione sia sotto controllo.
Al contempo, però, invita alla prudenza soprattutto nei contatti stretti o sessuali, poichè questo virus si trasmette nell’uomo attraverso il contatto con i fluidi corporei.

“Il ministero della Salute – spiega – sta monitorando attentamente i casi di vaiolo delle scimmie segnalati in Italia e che sarebbero attualmente pochi e ha allertato le Regioni per un tracciamento degli eventuali casi. Anche l’Istituto superiore di sanità ha attivato una task force per seguire al meglio l’evoluzione della situazione. Al momento nel nostro Paese non si registra una situazione di allarme ed il quadro è sotto controllo”.
Nessun pericolo imminente dunque, anche se l’attenzione è ovviamente alta dopo che i casi di infezione segnalati in vari paesi europei e in Usa sono aumentati negli ultimi giorni, a partire dall’inizio di maggio. La cautela nei comportamenti è quindi d’obbligo: “Raccomandiamo prudenza nei contatti stretti o sessuali che presuppongano uno scambio di fluidi corporei, soprattutto se sono presenti lesioni cutanee o sintomi febbrili”, spiega Palamara, aggiungendo che l’Iss ha messo in allerta su tutto il territorio le reti sentinella dei centri per le infezioni sessualmente trasmesse al fine di monitorare la situazione nazionale. Le autorità sanitaria “stanno tenendo sotto controllo la situazione e successivamente – afferma Palamara – si valuterà l’eventuale necessità di misure specifiche”.
Quanto al tipo di infezione, il vaiolo delle scimmie “è causato – chiarisce – da un virus che è della stessa famiglia del vaiolo ma che si differenzia dal virus del vaiolo sia per la minore diffusività sia per la minore gravità”. L’infezione “si può trasmettere attraverso la saliva ed i fluidi corporei e mediante soprattutto un contatto stretto”. Il serbatoio originario del virus “attualmente non è ancora stato identificato, ma sembra risiedere nei piccoli roditori. La malattia ora – evidenzia Palamara – si sta però trasmettendo da uomo a uomo”.
Non si tratta tuttavia, almeno nei casi finora rilevati in Europa e Usa, di una patologia con effetti gravi: “I sintomi sono vari ma in genere lievi, come febbre, dolori muscolari, cefalea, rigonfiamento dei linfonodi, stanchezza. Una caratteristica sono anche le manifestazioni cutanee, come vescicole o piccole pustole anche sugli organi sessuali”.
Il decorso “di solito è benigno e si risolve in poche settimane e anche in assenza di terapie specifiche. La malattia – conclude l’esperta – evolve in genere spontaneamente e senza l’esigenza di farmaci”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: Molteni, presto nuovo decreto flussi
‘Per corrispondere a richieste mondo produttivo’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
19 maggio 2022
20:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dopo il primo varato lo scorso dicembre che ha stabilito una quota di 69.700 ingressi di lavoratori extracomunitari in Italia, è in arrivo in tempi brevi un secondo decreto flussi 2022.
Lo ha annunciato il sottosegretario all’Interno, Nicola Molteni, rispondendo ad un’interpellanza alla commissione Affari costituzionali della Camera.
L’emanazione del provvedimento, ha spiegato Molteni, si rende necessaria “per corrispondere prontamente alle richieste che arrivano dal mondo produttivo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Jovanotti, il Salone del Libro è il Sanremo della letteratura
‘Poesie da spiaggia’ subito in top ten. “Ne faremo un altro”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
19 maggio 2022
20:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il Salone del Libro è il Sanremo della letteratura”.
Jovanotti, superstar alla fiera di Torino nel giorno di apertura è salito sul Palco della Sala Oro con Nicola Crocetti tra applausi e grida del fan che lo hanno atteso per più di un’ora in un serpentone lunghissimo per ascoltare le ‘Poesie da spiaggia’ che ha pubblicato e scelto con il mitico editore di poesia.
“La poesia circola, si muove, mi piacerebbe che ci fosse uno spazio nelle librerie curato senza ammiccamenti. Un bell’angolo dedicato alla poesia che ha un bel vantaggio perché è rapida” ha detto Jova dell’antologia che a una settimana dall’uscita è subito entrata nella top ten dei più venduti, una cosa miracolosa.
“Sono molto felice di questo libro, mi piace abbia successo.
Noi qui siamo dj, ci stracciamo in consolle mentre gli altri ballano e mi sento a mio agio. Mi arrivano reazioni nei social molto belle”. “Sono contento perché funziona, la poesia arriva in mani imprevedibili che sono anche le mie. Sono uno che è sempre un po’ inciampato nelle cose” sottolinea. Ma come le avete scelte? chiede Valeria Parrella che conduce l’incontro.
“Cinquanta poesie ciascuno e coincidevano, se non proprio le poesie gli autori. E poi le abbiamo mixate” spiega Crocetti che considera Jovanotti “il cavallo di Troia della poesia”.
Tripudio del pubblico quando Lorenzo Cherubini legge ‘Brano dal mio Testamento’ del greco Kriton Athanasulis “che mi ha fatto scoprire Crocetti e questo vale tutta questa operazione”.
Crocetti invece propone Itaca di Kavafis, di cui c’è una lettura di Sean Connery e la Parrella ‘Il porto’ di Antonia Pozzi “La rima mi piace, è una grande alleata, mi guida. Per me è imprescindibile. Inoltre da autorevolezza a quello che dici, lo fa sembrare più vero” spiega. “Le Copertine Crocetti sono iconiche e mi piaceva, è un’idea pop, che nel delirio nostri concerti con panini e pizze potesse trovare posto anche la poesia. E oggi siamo in top ten” aggiunge. E ci sarebbero altre poesie da inserire: “quindi vuol dire che ne faremo un altro” dice Jova preso d’assalto dai fan che chiedo o autografi e selfie.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il card. Bassetti ha rimesso mandato di presidente della Cei
E di arcivecovo di Perugia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
19 maggio 2022
20:46
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Ho rimesso nelle mani del Santo Padre il mio mandato di vescovo e di presidente della Cei, che doveva proprio concludersi con la prossima Assemblea generale dei vescovi italiani (Roma, 23-27 maggio, ndr)”: Lo ha annunciato il cardinale Gualtiero Bassetti nel corso del suo intervento al convegno “Giorgio La Pira: un ponte di speranza”, tenutosi a Perugia nel pomeriggio di oggi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Antitrust: Aspi,via libera a rimborsi per ritardi da cantiere
Sì a Cashback pedaggi. Visti impegni sanzione minima a società
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 maggio 2022
08:41
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Via libera ai rimborsi del pedaggio autostradale per i consumatori colpiti dai disagi di cantieri e lavori sulla rete di Autostrade per l’Italia.

L’Antitrust ha così concluso il procedimento sulla società dando via libera, dopo alcune modifiche, al sistema di Cashback che consentirà ” il diritto di ottenere rimborsi tra il 25% e il 100% del pedaggio a seconda della fascia chilometrica percorsa e del tempo di ritardo accumulato a causa dei disservizi generati dai cantieri di lavoro”.
Considerato lo sforzo della societ l’Antitrust ha ritenuto di applicare ad ASPI una sanzione nella misura mimima (10.000 euro).
In particolare, già entro il mese di maggio, sono previsti rimborsi per ritardi a partire da 10 minuti per viaggi fino a 99 km e ad almeno 15 minuti per tutte le altre fasce (fino oltre i 500 km), calcolati prendendo a riferimento la velocità media storica che per i veicoli leggeri è pari a 100 Km/h, mentre per i veicoli pesanti è pari a 70 km/h.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Attacco hacker russi a siti istituzionali Italia
Lanciato dal collettivo Killnet, 50 gli obiettivi indicati
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 maggio 2022
08:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un attacco hacker a vari portali istituzionali italiani è in corso fin dalle 22 di ieri sera.
La notizia è confermata dalla stessa Polizia postale, che sta lavorando per proteggere i siti.
A lanciare l’offensiva informatica il collettivo russo Killnet, che ha indicato sui propri canali Telegram un lungo elenco di obiettivi, una cinquantina in tutto tra ministeri, aziende, autorità di garanzia, media, organi giudiziari. “Fuoco a tutti” hanno scritto gli hacker che in un messaggio precedente avevano dato le istruzioni “per liquidare la struttura informativa italiana”, chiedendo un attacco per 48 ore e di non colpire il sistema sanitario.Tra gli altri sono stati presi di mira i siti del Consiglio Superiore della Magistratura, dell’Agenzia delle Dogane e dei ministeri di Esteri, dell’Istruzione e dei Beni Culturali.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Confartigianato: ‘Difficile trovare 635mila giovani da assumere’
1,1 milioni di Neet ma manca il 52% di competenze digitali-green
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 maggio 2022
10:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Le aziende (dati 2021) hanno difficoltà a trovare 295mila under 30 con competenze digitali e 341mila under 30 con competenze green”.
La convention dei Giovani Imprenditori di Confartigianato rilancia “l’allarme gap scuola-lavoro” con un rapporto sui paradossi del mercato del lavoro: “Le imprese italiane faticano a trovare il 52% della necessaria manodopera qualificata.
Nel frattempo (dati 2020) 1,1 milione di giovani under 35 non studia e non cerca occupazione e 40mila giovani tra 25 e 34 anni sono espatriati”.
“Il nostro rapporto – avverte Davide Peli, il presidente dei Giovani Imprenditori di Confartigianato – mette in luce l’urgenza di cambiare passo nelle politiche giovanili. Il futuro è già oggi. Quindi servono interventi immediati per ridurre il gap tra scuola, sistema della formazione e mondo del lavoro, investimenti per favorire il passaggio generazionale nelle imprese, sostegni per i giovani che si mettono in proprio soprattutto sul fronte dell’innovazione, della ricerca e dell’internazionalizzazione”.
“Vogliamo – dice il presidente di Confartigianato, Marco Granelli – un’Italia a misura di giovani e di piccola impresa con riforme che liberino energie e talenti, accrescano le competenze, migliorino l’efficienza dei servizi pubblici, eliminino ostacoli e oneri fiscali e burocratici. Solo investendo sulle nuove generazioni e sulla loro formazione possiamo garantire futuro al made in Italy”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina, Draghi: ‘Un dramma, da Putin spaventoso errore’
Premier a Sommacampagna in visita scuola media
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 maggio 2022
15:05
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Un saluto ed un abbraccio grande ai veneti.
In fondo anch’io sono mezzo veneto”.
Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha salutato i giornalisti al suo arrivo alla scuola media Dante Alighieri di Sommacampagna (Verona).
In particolare Draghi ha incontrato una classe, la 2D, che nelle scorse settimane aveva inviato una serie di lettere a palazzo Chigi a lui indirizzate, per chiedere spiegazioni sulla guerra. Draghi nella scuola è stato accolto dalla dirigente scolastica Emanuela Antolini, dal sindaco Fabrizio Bertolaso, e dal presidente del Veneto Luca Zaia assieme ad autorità locali.
“Spero che l’anno prossimo non ci sia più bisogno di mascherine e che la pandemia non ritorni. So quanto avete sofferto, alla vostra età è importante stare insieme”, ha detto il premier Mario Draghi incontrando gli studenti. “Gli insegnanti vi aiutano ad avere consapevolezza, assieme ai genitori, ma anche i vostri amici. Stare insieme aiuta a capire chi siete, con amore, con bontà, con allegria. Vi dovete divertire”.
“Quel che si deve fare è cercare la pace, far in modo che i due smettano di sparare e comincino a parlare. Questo è quello che noi dobbiamo cercar di fare”, ha poi spiegato Draghi. “A Putin ho detto – ha aggiunto – ‘la chiamo per parlare di pace’, e lui mi ha detto ‘non è il momento’. ‘La chiamo perché vorrei un cessate il fuoco’, ‘non è il momento’. ‘Forse i problemi li potete risolvere voi due, perché non vi parlate?’, ‘Non è il momento’. Ho avuto più fortuna a Washington parlando con il presidente Biden; solo da lui Putin vuol sentire una parola e gli ho detto che telefonasse. Il suggerimento ha avuto più fortuna perché i loro ministri si sono sentiti”, ha concluso. “Chi attacca ha sempre torto. C’è differenza tra chi è attaccato e chi attacca, bisogna tenerlo in mente. Come quando uno per strada è grosso grosso e dà uno schiaffone a uno piccolo”. “Quello che è successo – ha aggiunto Draghi – è che il piccolino adesso è più grande e si ‘ripara’ dagli schiaffi, prima di tutto perché è stato aiutato dagli amici, ma anche perché combatte e si difende per un motivo, la libertà”, ha concluso.
“La responsabilità la sento molto. E questo è parte della serietà. Guidare un Paese in un momento difficile è responsabilità. Ma la responsabilità è anche agire, fare le cose”, ha detto il premier Draghi. “Lo sapevo, ne ero sicuro ma non ci volevo credere. Non si portano 200.000 truppe in assetto di guerra sul confine di un paese se non per attaccare. Io ero sicuro sarebbe successo perché purtroppo è successo anche in passato con l’Unione Sovietica. Allo stesso tempo non volevo crederci. Ho parlato con Putin fino all’ultimo – ha aggiunto – e ci siamo dati appuntamento per risentirci, ma lui ha lanciato invasione. È un dramma terribile, un errore spaventoso fatto da Putin”.
Il presidente del Consiglio Mario Draghi si è recato poi in visita all’Ossario di Custoza deponendo una corona d’alloro al Mausoleo, che ricorda le vittime della prima e della terza guerra di indipendenza Italiana (1848 e 1866) . L’Ossario custodisce le spoglie dei soldati che facevano parte delle truppe del regno d’Italia e quelle dell’Impero Austriaco, quest’ultimo composto anche da soldati veneti, morti nelle due battaglie di Custoza. Il premier Draghi era accompagnato dal presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, e dalle autorità locali. In occasione del 150/O anniversario dell’Unità d’Italia, il monumento aveva subito un importante intervento di restauro, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Giovanni Falcone, 30 anni fa la strage di Capaci
La mafia chiuse i conti con il grande nemico e cambiò la storia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO 20 maggio 2022
10:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Antonino Gioé mi dice: via via via.
Me lo dice tre volte.
Alla terza io aziono il telecomando”. È Giovanni Brusca, piazzato sulla collinetta che domina Capaci, a scatenare l’inferno sull’autostrada. La carica di esplosivo preparata dall’artificiere Pietro Rampulla e piazzata sotto un tunnel fa volare l’auto di Giovanni Falcone. Il giudice viene stritolato con tre agenti di scorta: Antonio Montinaro, Rocco Di Cillo e Vito Schifani. La moglie Francesca Morvillo, anche lei magistrato, morirà poco dopo in ospedale. L’autista Giuseppe Costanza sta sul sedile posteriore e si salva per questo.

Trent’anni fa quello che uno degli esecutori, Gioacchino La Barbera, chiamerà “l’attentatuni” chiude i conti con l’uomo che impersona il simbolo della lotta a Cosa nostra. Le sue inchieste sulla mafia e sui boss hanno cambiato la storia. E non soltanto la storia giudiziaria. Falcone è l’uomo che, con l’apporto di decine di collaboratori a partire da Tommaso Buscetta, ha ricostruito la struttura militare e verticistica della mafia, ha individuato esecutori e mandanti della grande mattanza di Palermo, ha allargato le maglie delle relazioni tra Cosa nostra e il potere. Con Paolo Borsellino e gli altri componenti del pool di Antonino Caponnetto ha istruito il maxiprocesso e mandato a giudizio un esercito di 474 imputati.

In quegli anni il pool mette a fuoco un nuovo metodo investigativo che fa leva sulla ricerca dei soldi e dei patrimoni della mafia, il terreno nel quale si formano gerarchie e si saldano alleanze e nuovi interessi. Il potere di Cosa nostra si insinua nel tessuto produttivo e nei gangli vitali dell’economia mentre si fa strada un attacco allo Stato che spesso assume una dimensione terroristica. “Bisogna fare la guerra per fare poi la pace” è la strategia di Totò Riina che delinea i presupposti di una trattativa destinata a sancire un principio di impunità. La mafia così uccide magistrati, giornalisti, investigatori, il presidente della Regione, Piersanti Mattarella, il prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa, il segretario regionale del Pci Pio La Torre promotore della legge che solo dopo la sua morte verrà approvata: codificherà il reato di associazione mafiosa e introdurrà il sequestro e la confisca dei beni.

Il maxi processo è la risposta più forte e più emblematica che lo Stato possa mettere in campo. L’impianto accusatorio, irrobustito dalle rivelazioni di Buscetta e di una folla di collaboratori, regge fino in Cassazione. La sentenza che decreta la sconfitta della linea sanguinaria e spietata dei vertici di Cosa nostra apre la strada alla stagione stragista. Il primo segnale terrificante è l’assassinio dell’on. Salvo Lima: il proconsole andreottiano in Sicilia, l’uomo che, secondo la magistratura, era uno dei referenti politici della mafia viene eliminato perché non sarebbe stato in grado di condizionare l’esito del maxiprocesso. Con la sua morte viene anche messa fuori gioco la candidatura forte di Giulio Andreotti a capo dello Stato.

Quando viene ideato e organizzato l’attentato dell’autostrada Falcone è direttore degli affari penali del ministero della Giustizia: un posto-chiave dal quale vengono promosse le linee dei più importanti provvedimenti antimafia. Falcone è anche l’ideatore della Dna, la Procura antimafia nella quale non arriverà mai. È fermato dal clima ostile che lo circonda sin da quando ha cominciato a occuparsi di mafia (“Rovina l’economia”, si dice in procura generale) dopo un breve passaggio alla sezione fallimentare del tribunale. Il suo itinerario è contrassegnato da grandi risultati giudiziari e da clamorose sconfitte personali. Prima che il Csm gli preferisca l’anziano Antonino Meli a capo dell’ufficio istruzione Falcone viene infangato dalle lettere del “corvo”, che lo accusa di avere protetto le sanguinose vendette di Totuccio Contorno, e nel giugno 1989 sfugge a un attentato dai contorni ancora oscuri: una potente carica di esplosivo viene piazzata e per fortuna scoperta sulla scogliera della villa dell’Addaura dove trascorre l’estate. Erano “menti raffinatissime” – così le chiamerà – quelle che avevano preparato il botto. In giro si dice che sia stato proprio lui a organizzare una messa in scena funzionale alla sua carriera.

Maldicenze e ostilità prendono corpo nel “palazzo dei veleni” e lo accompagneranno durante l’esperienza in Procura (la divide con Paolo Borsellino) che nel febbraio 1991 terminerà con il passaggio al ministero. “Ora viene il peggio”, dice dopo la sentenza della Cassazione sul maxiprocesso. Ed è un facile profeta: 57 giorni dopo Falcone toccherà a Borsellino: il copione era già noto.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Camorra: Riesame conferma il carcere per Angelo e Luigi Moccia
Arrestati scorso aprile nell’ambito del maxi blitz di Ros e GdF
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
20 maggio 2022
10:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Restano in carcere Angelo e Luigi Moccia, ritenuti ai vertici dell’omonimo clan, ai quali i carabinieri del Ros di Napoli, all’alba dello scorso 20 aprile, hanno notificato due delle 59 misure cautelari emesse dal gip Maria Luisa Miranda su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia.
Lo ha deciso il Tribunale del Riesame al quale i legali dei fratelli Moccia hanno presentato appello, pochi giorni dopo le notifiche.
Gli avvocati dell’altro fratello di Angelo e Luigi, Antonio, hanno invece presentato un’istanza alla Corte di Cassazione.
Il Riesame aveva già confermato le misure cautelari emesse nei confronti di Filippo Iazzetta, cognato dei Moccia, nei confronti di Gennaro Moccia, figlio di Angelo, e di Benito Zanfardino genero di Iazzetta. All’inizio della prossima settimana sono attese le decisioni del Riesame in merito alle istanze di appello presentata da altre dieci persone che figurano tra i destinatari delle misure cautelari notificate lo scorso aprile insieme con un sequestro, operato anche dalla Guardia di Finanza, di beni per 150 milioni di euro.
Gli inquirenti della DDA, a vario titolo, contestano agli indagati i reati di associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsione, impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita, auto riciclaggio, fittizia intestazione di beni, corruzione, porto e detenzione illegale di armi da fuoco, ricettazione, favoreggiamento, aggravati dalla finalità di agevolare il clan Moccia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scioperi: a Milano corteo in centro e metropolitane regolari
Atm, possibili disagi dopo le 18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
20 maggio 2022
10:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
È cominciato all’alba anche a Milano lo sciopero generale dei sindacati di base.
Al momento la Polizia locale non segnala particolari problemi a parte i disagi per il corteo che è partito da largo Caroli, nel centro della città.
L’Atm, l’Azienda Trasporti, segnala che le linee della metropolitana sono regolari e che disagi e rallentamenti potranno verificarsi dopo le 18.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Maria Falcone, da 30 anni a parlare di Giovanni ai ragazzi
La sorella del magistrato racconta il suo impegno con la Fondazione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
20 maggio 2022
10:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La sua vita è cambiata all’improvviso un 23 maggio di 30 anni fa.
La telefonata di una amica che cerca di capire se ha già saputo, lo sguardo stravolto del marito che ha avuto la notizia, le immagini dei tg che le raccontano che il fratello, Giovanni Falcone, è stato ucciso.
Comincia da un tragico lutto la nuova esistenza di Maria Falcone, professoressa di diritto alle scuole superiori, madre di quattro figli, diventata per una tragica fatalità ambasciatrice di legalità.

I giorni che seguono l’esplosione di Capaci costata la vita al magistrato, alla moglie Francesca Morvillo e ai tre agenti di scorta, sono convulsi. Il via vai delle visite di cordoglio, alcune “eccellenti” come quella dell’ex Capo dello Stato Cossiga, i funerali di Stato e la rivolta dei palermitani, la città tappezzata dei lenzuoli bianchi diventati simboli di ribellione alla mafia, il pellegrinaggio sotto l’albero che si trova davanti casa di Falcone. Ed è un biglietto lasciato da un palermitano di Ballarò, uno dei quartieri popolari di Palermo, a spingere Maria Falcone a raccogliere l’eredità del fratello e perpetuarne la memoria. “C’era scritto che la mafia aveva pensato di uccidere Giovanni, ma che invece aveva solo svegliato le coscienze”, racconta Maria Falcone. “Per me fu uno stimolo a non chiudermi nel mio dolore e reagire. Decisi pochi giorni dopo – spiega – di lavorare alla creazione di una fondazione che avesse come scopo custodire la memoria del lavoro di mio fratello”.

Nasce così la fondazione Falcone costituita con il contributo morale e ideale di tanti amici e colleghi del giudice come Giuseppe Ayala, ex pm, Leonardo Guarnotta e Giuseppe Di Lello, membri del pool antimafia, l’ex giudice a latere del maxiprocesso Piero Grasso.
Da allora Maria Falcone non si è mai fermata e ha girato l’Italia in lungo e in largo. “Ho cominciato dalle scuole – racconta – Perchè tantissime insegnanti mi hanno invitato a parlare di mio fratello: prima in Sicilia, poi in tutto il Paese”. Poi è stata la volta della assemblee cittadine, delle visite nelle carceri. “Ricordo un anno in Calabria: i detenuti organizzarono un’asta di quadri dipinti da loro, fu molto toccante”.

L’impegno della Falcone diventa più istituzionale e organizzato con l’inizio della collaborazione con il ministero dell’Istruzione. “Sapevamo che la scuola era l’ambito più importante su cui lavorare per sconfiggere la mafia- spiega -. Come diceva Bufalino, Cosa nostra si vince con un esercito di maestre”. Nasce così la nave della legalità che ogni 23 maggio, fino alla pandemia, ha portato a Palermo migliaia di ragazzi. “La città in cui per anni Cosa nostra ha spadroneggiato si è riempita di ragazzi che hanno fatto di un giorno di lutto una festa” spiega Maria Falcone che ha condensato questi trent’anni di attività nel libro, “L’eredità di un giudice”, scritto con Lara Sirignano, che sarà presentato giovedì 19 maggio al Salone del libro di Torino.
Dall’esplosione di Capaci sono trascorsi 30 anni, il tempo di una generazione, il momento giusto per un bilancio.

“Ovviamente la mafia non è sconfitta – ne è certa Maria Falcone – ma tanto è stato fatto: culturalmente, giudiziariamente con gli arresti e le condanne di tantissimi mafiosi, legislativamente con le norme antimafia che ci rendono un modello nel mondo”. “Non dobbiamo mai distrarci perchè la mafia ha la capacità di riprendersi quel che le abbiamo tolto – conclude la sorella di Falcone -. Ma sono convinta che non abbia vinto e che il lavoro di Giovanni non sia stato vano”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Istat, produzione costruzioni marzo a livello top da 2011
Aumenta del 2% su mese, +19,4% sull’anno
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 maggio 2022
10:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
A marzo 2022 l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni aumenta del 2,0% rispetto a febbraio 2022 e del 19,4% rispetto a marzo 2021.

Lo rileva l’Istat sottolineando che nella media del primo trimestre 2022, al netto della stagionalità, la produzione nelle costruzioni aumenta del 7% nel confronto con il trimestre precedente.
A marzo l’indice destagionalizzato della produzione nelle costruzioni cresce per l’ottavo mese consecutivo, registrando il livello più alto da maggio 2011.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mattarella in Emilia per i 10 anni dal terremoto: “Istituzioni coordinate e si raggiungono obiettivi”
Il presidente della Repubblica a Medolla e Finale Emilia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
21 maggio 2022
16:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Se le istituzioni che sono in prima linea operano in maniera coordinata e concorde, le decisioni risultano più efficaci e i cittadini possono far sentire meglio la loro voce.
Ai Sindaci e al loro impegno quotidiano, insieme al lavoro di tutti i rappresentanti dei cittadini, in maggioranza come all’opposizione, va il riconoscimento per quanto è stato realizzato.
È intervenuta poi la pandemia. Un freno nella ricostruzione e un carico ulteriore – e grave – di preoccupazione”. Lo ha detto il presidente Sergio Mattarella parlando a Medolla in Emilia in occasione del decimo anniversario del terremoto che il 20 maggio 2012 sconvolse l’Emilia.
Mattarella al teatro Facchini di Medolla è stato salutato da centinaia di bambini delle scuole che sventolavano bandiere tricolori.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il terremoto – ha detto Mattarella – ha colpito una delle aree più produttive del Paese e ha rischiato di spezzare filiere, oltre che reti logistiche, essenziali per la competitività del nostro sistema. Le istituzioni hanno fatto la loro parte. Così il governo nazionale. Così la Ue ha anticipato quella svolta di segno espansivo e solidale, poi espressa in modo ampio e più compiuto con le politiche di rilancio seguite alla pandemia. Tutto ciò che si è sviluppato ha un nome: cooperazione istituzionale. Che vuol dire confronto aperto, partecipazione, impegno, convergenza, e infine unità d’azione”.
“Dal terremoto e dalla pandemia – ha proseguito il presidente – sono giunti degli ammaestramenti, delle esperienze. La forza di una comunità risiede nella partecipazione, nel rendersi conto che ciascuno di noi – nessuno escluso – ha bisogno degli altri. Nella consapevolezza che le istituzioni sono più forti se i cittadini si riconoscono in esse e vi trovano un ancoraggio sicuro, specialmente nei momenti di maggiore difficoltà. E’ insieme che possiamo edificare l’avvenire. Per costruire una realtà migliore, più funzionale, più giusta, non per tornare semplicemente al tempo di prima”.
Quindi un collegamento alla situazione attuale con la guerra e l’accoglienza al popolo ucraino. “L’accoglienza che è stata offerta alle famiglie, alle donne, ai ragazzi ucraini in fuga da questa guerra scellerata di aggressione – ha detto Mattarella – sono una prova di come la solidarietà resti sempre un filo robusto che tesse le vite e le storie. Di questa accoglienza dobbiamo essere orgogliosi. Perché è una prova di umanità che fa comprendere al mondo, e anche agli aggressori, che il nostro obiettivo non è continuare la guerra ma sconfiggere la prepotenza di chi la muove, facendo vincere la pace e la convivenza, nella libertà e nel rispetto del diritto”.
Le scuole ricostruite dopo il terremoto “sono diventate un riferimento, un catalogo a cielo aperto di cosa sono le scuole che stiamo costruendo sul territorio nazionale”. Così il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi a Medolla.
“Certo siamo partiti che non c’era quasi nulla di impostato, abbiamo costruito una strada che è certamente stata utile e sarà utile per il Paese”. Lo ha detto Vasco Errani, ex presidente della Regione Emilia-Romagna e in carica quando ci fu il terremoto del maggio 2012. “Quando arriva un terremoto arriva in un territorio che ha la sua cultura, la sua popolazione, le sue caratteristiche economiche, sociali. Non esiste un modello, non esiste uno schemino da applicare”, ha detto Errani. “Occorre avere la flessibilità e la capacità di interpretare quel territorio. Se no è difficile ricostruire”. “Quello che mi ha sempre mosso è stata la reazione delle persone. Dal primo giorno, dalla prima scossa, una reazione forte che mi ha fatto capire che ce la potevamo fare e non c’era tempo di fare riflessioni negative. Bisognava uscire al più presto dall’emergenza, come abbiamo fatto e poi impostare il progetto della ricostruzione. Possiamo dire che è un’esperienza riuscita”.
“Il senso è che gli emiliani si sono tirati su le maniche. Anche la presenza del presidente dimostra questo. Ricordiamo chi ha perso la vita, chi ha dovuto organizzarsi perché la casa si è distrutta, chi ha dovuto fare i conti con un cambio completo di esistenza”. Lo ha detto Nek, cantante di Sassuolo scelto per intonare l’inno nazionale in apertura delle celebrazioni di Medolla per il decennale del sisma. “Ma siamo qui a gioire perché siamo insieme a portare avanti un’Emilia che non si piange addosso”, ha detto Nek, prima di entrare in teatro, e ricordando anche il concerto organizzato per solidarietà dopo il terremoto. “Fu bellissimo stringerci con amici e colleghi per farci forza, ricordo che c’era l’amico Fabrizio Frizzi che presentò quell’evento. Ci sono ricordi molto forti”, ha detto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cartelli ironici “Forza Mafia” a Palermo, indagini Digos
Affissi in diversi punti città prendono di mira Dc e Fi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
20 maggio 2022
10:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono in corso indagini della Digos di Palermo sui manifesti ironici che sono spuntati questa mattina nel centro storico a Palermo con le scritte “Make mafia great again” con i loghi e i colori che riportano ai simboli della Democrazia Cristiana che diventa “Democrazia collusa” e di Forza Italia trasformata in “Forza mafia”.
I manifesti – che vari post su Fb attribuiscono al collettivo artistico “Offline corporation” – prendono di mira il partito di Totò Cuffaro, la Dc Nuova, e Forza Italia dopo le polemiche che hanno riguardato l’ex presidente della Regione e l’ex senatore di Fi Marcello Dell’Utri, entrambi condannati per reati che riportano alla mafia, per la loro attività politica nell’ambito delle comunali a Palermo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fisco, online dal 23 maggio la precompilata 2022
1,2 miliardi di dati già caricati, si può inviare dal 31 maggio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 maggio 2022
11:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Precompilata 2022 al via da lunedì 23 maggio, quando saranno disponibili i modelli predisposti dal Fisco che, in base alle informazioni in suo possesso, ha già inserito 1 miliardo e 200 milioni di dati.
Da martedì 31 maggio sarà possibile inviare la dichiarazione, accettandola così com’è oppure procedendo alle opportune modifiche e integrazioni” Lo comunica l’Agenzia delle Entrate evidenziando che sono 1,2 miliardi i dati già caricati dal Fisco, che da quest’anno può essere inviata anche da un familiare o da una persona di fiducia, e che nel 2021 sono state 4,2 milioni le dichiarazioni trasmesse dai cittadini in autonomia.

“La dichiarazione precompilata – commenta il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini – si arricchisce ogni anno di ulteriori dati a conoscenza dell’Agenzia delle Entrate e si conferma un’utile semplificazione: infatti non solo facilita gli adempimenti, ma rappresenta anche una garanzia per il contribuente. Ad esempio, la raccolta automatizzata delle spese detraibili permette di avere consapevolezza delle agevolazioni spettanti, evitando così che alcune opportunità offerte dalla normativa non vengano colte. I numeri dimostrano la crescente familiarità dei cittadini con questo strumento, che fino a pochi anni fa appariva impensabile”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi a studenti, spero anno prossimo stop a mascherina
So che avete sofferto,alla vostra età importante e stare insieme
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
SOMMACAMPAGNA
20 maggio 2022
11:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Spero che l’anno prossimo non ci sia più bisogno di mascherine e che la pandemia non ritorni.
So quanto avete sofferto, alla vostra età è importante stare insieme”.
Lo afferma il premier Mario Draghi incontrando gli studenti in una scuola a Sommacampagna, in provincia di Verona. “So quanto avete sofferto – ha aggiunto Draghi – perché alla vostra età la cosa più importante è stare insieme. Gli insegnanti vi aiutano ad avere consapevolezza, assieme ai genitori, ma anche i vostri amici. Stare insieme aiuta a capire chi siete, con amore, con bontà, con allegria. Vi dovete divertire”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Rimorchiatore affondato: Tortolì piange marinaio morto
Sindaco Cannas, Andrea Loi era uomo di mare benvoluto da tutti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORTOLI
20 maggio 2022
11:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cordoglio a Tortolì, in Ogliastra, per la morte di Andrea Massimo Loi, il marinaio di 58 anni originario della cittadina ogliastrina e una delle cinque vittime del naufragio avvenuto due giorni fa a 50 miglia dalla costa di Bari.

L’uomo si era trasferito sin da giovane nella Penisola, prima ad Ancona e poi a Bari, dove lascia una compagna.
Ultimamente non tornava tanto spesso a Tortolì in cui vivono i suoi fratelli e i suoi vecchi amici.
“Ho appreso stamattina la tragica notizia e stiamo provando a rintracciare la famiglia di Andrea per manifestare la nostra vicinanza e quella della nostra comunità – ha detto il sindaco Massimo Cannas – Andrea fa parte di una famiglia conosciuta ad Arbatax e a Tortolì, dove ha appreso la tradizione marinaresca che aveva messo a frutto con la sua attività lavorativa partendo per il Continente circa 30 anni fa. Qui ha almeno tre fratelli che sono partiti ieri per Bari. Ce lo ricordiamo come un uomo di mare e come un atleta, stimato e benvoluto da tutti. La sua scomparsa ha scosso tutta la comunità”.
Andrea Loi e altri cinque componenti dell’equipaggio erano partiti da Ancona per Durazzo per trainare un motopontone. A metà strada, però, il rimorchiatore ha iniziato a imbarcare acqua e in pochi minuti è affondato. Le onde alte fino a due metri e mezzo non hanno lasciato scampo a tre marinai, mentre altri due sono dispersi. Unico superstite, al momento, è il comandante del rimorchiatore, ricoverato in ospedale a Bari.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Veneto, lenta discesa dei contagi, +2.191 in 24 ore
Pressochè stabili i ricoveri ospedalieri
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
20 maggio 2022
12:09
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Prosegue la lenta discesa dei contagi Covid in Veneto, che registra 2.191 nuovi positivi nelle ultime 24 ore (ieri erano 2.567), e 6 vittime.
Lo riferisce il bollettino della Regione.
Il totale delle infezioni in regione da inizio epidemia si aggiorna a 1.737.994, quello dei decessi a 14.632. In calo il numero degli attuali positivi, 42.323 (- 2.148). Sono pressochè stabili invece i dati ospedalieri. I malati Covid ricoverati nei reparti di area medica sono 699 (+3), quelli in terapia intensiva 37 (-3).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaiolo delle scimmie: altri due casi confermati in Italia, in tutto sono tre
Vaia (Spallanzani): “Situazione da tenere sotto controllo ma nessun allarme”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
21 maggio 2022
14:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ad oggi sono almeno 8 i Paesi europei che hanno registrato casi di vaiolo delle scimmie negli ultimi giorni.
Lo riferisce l’Oms precisando che si tratta di Belgio, Francia, Germania, Italia, Portogallo, Spagna, Svezia e Regno Unito.
Al di là dei Paesi dove il virus è endemico, casi recenti sono stati riportati anche in Australia, Canada e Stati Uniti. I recenti casi di vaiolo delle scimmie in Europa sono “atipici per diverse ragioni”, rende noto Hans Kluge, direttore dell’Oms per l’Europa. “In primo luogo – spiega – perché tutti tranne uno di questi casi non hanno relazioni con viaggi in aree dove il vaiolo delle scimmie è endemico, cioè in Africa Occidentale e Centrale. Secondo, perché molti dei casi iniziali sono stati individuati attraverso i servizi di salute sessuale e riguardano uomini che fanno sesso tra uomini. E terzo, per la natura geograficamente dispersiva dei casi in Europa e fuori, questo suggerisce che la trasmissione potrebbe essere in corso da tempo”.
Salgono intanto a tre i casi confermati in Italia di vaiolo delle scimmie e sono tutti in carico all’Istituto di malattie infettive Spallanzani di Roma. Al caso di ieri se ne aggiungono oggi altri, confermati dalle analisi, e sono correlati al caso zero. Le tre persone contagiate “sono trattate con una terapia sintomatica allo stato sufficiente”, comunica lo Spallanzani spiegando che “presso l’Istituto sono disponibili, comunque, farmaci antivirali che potrebbero essere impiegati in via sperimentale qualora si rendesse necessaria una terapia specifica”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Primo messaggio da dare: nessun allarme. Situazione da tenere sotto controllo ma non desta allarme”. Lo afferma Il Direttore generale dello Spallanzani, Francesco Vaia in merito ai casi di vaiolo delle scimmie. “La trasmissione uomo-uomo caratterizza buona parte dei casi riscontrati. Non si può definire come una malattia a trasmissione sessuale e che riguarda in particolare gli omosessuali. Al momento sappiamo che riguarda i contatti stretti”. Lo affermano gli esperti dello Spallanzani nel corso di una conferenza stampa sui casi di vaiolo delle scimmie.
“Questa non è una nuova malattia e non deve destare allarme. È un vaiolo minore. Ha una sintomatologia più lieve del vaiolo tradizionale.  La buona notizia è che lo abbiamo preso, credo in tempo”, ha detto Francesco Vaia su Rai Radio1.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il direttore generale dello Spallanzani ha spiegato che per “la prossima settimana il nostro laboratorio di virologia prevede di isolare il virus che ha colpito queste persone”. La disponibilità di “un isolato virale renderà possibile eseguire una serie di indagini sperimentali: si potrà studiare se nel sangue di persone che sono state vaccinate contro il vaiolo, persone che oggi hanno più di 50 anni, sono presenti anticorpi che neutralizzano questo virus e cellule immunitarie in grado di attaccarlo -ha detto Vaia- L’isolamento virale permetterà di eseguire test per la diagnosi sierologica di questa infezione”.

Su chi è già stato vaccinato contro il vaiolo ha aggiunto: “Non dovrebbe correre nessun rischio. Da qui a dire: vacciniamoci tutti in questo momento, ce ne corre: piano. Se ci saranno le evidenze e se ci saranno le esigenze saremo i primi a dirlo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Parlando dei sintomi del vaiolo delle scimmie ha sottolineato la necessità di osservarsi. “Osserviamo la pelle – ha detto -, se ci dice qualche cosa. Se c’è qualche macchia. Ovviamente c’è febbre, spossatezza. Questi i sintomi più comuni ma non c’è una sintomatologia grave. Sono sereno rispetto al futuro”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Caporalato su rider Uber: teste,condizioni lavoro degradanti
Investigatore Gdf sentito in processo Milano a manager sospesa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
20 maggio 2022
12:25
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Si faceva leva sulle condizioni dei rider, che provenivano da situazioni disagiate, erano richiedenti asilo per motivi politici e dovevano sottoscrivere queste condizioni degradanti di lavoro, erano sottopagati e ricevevano dalle società intermediarie 3 euro netti a consegna”.

Così un investigatore della Gdf di Milano ha ricostruito le modalità di lavoro dei fattorini che facevano le consegne di cibo a domicilio, sentito come primo testimone dell’accusa nel processo milanese a carico della manager di Uber Italy (sospesa) Gloria Bresciani accusata di caporalato.

Procedimento nato dall’inchiesta del pm Paolo Storari che il 29 maggio 2020 ha portato la filiale italiana del colosso americano in amministrazione giudiziaria, poi revocata nel marzo 2021 dai giudici della Sezione misure di prevenzione dopo il riconoscimento del percorso “virtuoso” intrapreso dalla società.
I rider, ha spiegato l’investigatore che ha condotto le indagini, “sottoscrivevano una scheda in cui c’era scritto che gli importi che comparivano sull’applicazione” del servizio Uber Eats per le loro consegne “erano errati”. Sulla app, infatti, “venivano visualizzati anche i rimborsi forfettari chilometrici e i bonus applicabili per le condizioni climatiche”, ma i responsabili delle società intermediarie, Frc e Flash Road City, “dicevano ai rider che loro avrebbero percepito sempre e comunque tre euro a consegna”.
Tramite un accordo tra accusa e difesa, davanti al giudice della nona penale Mariolina Panasiti, i verbali coi racconti dei fattorini sulle condizioni lavorative sono stati acquisiti nel processo. Nel dibattimento nelle prossime udienze ne verrà ascoltato solo uno, come richiesto dalla Cgil, parte civile nel processo così come la Camera del Lavoro di Milano.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaiolo scimmie: altri due casi confermati,in tutto sono tre
Nuovi casi correlati al contagio zero, in carico a Spallanzani
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
20 maggio 2022
12:32
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Salgono a tre i casi confermati in Italia di vaiolo delle scimmie e sono tutti in carico all’Istituto di malattie infettive Spallanzani di Roma.
Al caso di ieri se me aggiungono oggi altri, confermati dalle analisi, e sono correlati al caso zero.
Lo si apprende dall’assessorato alla sanità della Regione Lazio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Netflix fa pace con Fisco e versa 55,8 milioni
Si chiude fronte tributario dopo inchiesta Procura e Gdf Milano
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 maggio 2022
12:42
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Netflix, il colosso californiano che distribuisce in streaming film e serie tv a pagamento, fa pace col Fisco italiano e chiude il contenzioso con l’Agenzia delle Entrate versando 55 milioni e 850 mila euro circa in un’unica soluzione.

Si definisce così il fronte tributario in seguito all’inchiesta della Procura di Milano e del Nucleo di polizia economico finanziaria della Gdf milanese per omessa dichiarazione dei redditi, ossia per tasse non versate in Italia.
Il Gruppo, nel frattempo, dal primo gennaio 2022 ha aperto una sede operativa in Italia.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sicurezza: Zafarana (Gdf), nuova flotta contro traffici illeciti
A Bari per cerimonia consegna di due vedette e pattugliatore
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
20 maggio 2022
12:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il Corpo ha in corso un processo di ammodernamento della propria flotta aeronavale, finalizzato a far sì che si possa operare con la massima efficienza possibile nel contrasto ai traffici illeciti, dal traffico di immigrati clandestini per arrestare gli scafisti e salvare le vite umane in mare ai traffici illeciti più tradizionali, soprattutto il narcotraffico e il contrabbando di tle”.
Lo ha detto il generale Giuseppe Zafarana, comandante generale della Guardia di Finanza, partecipando nella stazione navale di Bari alla cerimonia di consegna di due vedette velocissime, la “V.8000” e la “V.1301”, e della bandiera navale al Pattugliatore veloce P.V.
10 “Tenente Petrucci”.
“La Puglia – ha detto il generale Zafarana rispondendo a margine alle domande dei giornalisti – era, è e continuerà a essere un’area territoriale sulla quale sarà necessario sempre mantenere altissimo il livello di attenzione, con tutte le altre forze di polizia, per lo sforzo che lo Stato sta facendo per poter sradicare i fenomeni criminali, con il tratto di costa sull’Adriaco con di fronte l’Albania, il Montenegro, realtà che offrono l’opportunità per i sodalizi criminali di poter introdurre nel nostro territorio stupefacenti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Al via domani a Tokyo il festival ‘Italia amore mio!’
Attesa per l’evento italiano più conosciuto in Giappone
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
20 maggio 2022
13:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Al via “Italia, amore mio!”, il più grande evento italiano del Paese del Sol Levante, organizzato dalla Camera di Commercio Italiana in Giappone, il 21 e 22 maggio 2022 nel quartiere di Shibuya, considerato il centro nevralgico e commerciale di Tokyo.

Il tema di quest’anno, si legge in un comunicato della Camera di Commercio italiana, è “Go To…
Italy!” dedicato ai giapponesi che da oltre due anni non viaggiano all’estero e che, in attesa della graduale riapertura delle frontiere, si preparano ad andare in Italia. Ben quattro piani dell’iconico grattacielo di Shibuya Stream, ospitano le “meraviglie” italiane: a cominciare dai virtual tour immersivi per presentare al pubblico oltre le località italiane più famose, come Venezia, Roma, le Cinque Terre o Alberobello, anche nuove destinazioni come San Gemini in Umbria e Pitigliano in Toscana.
Appuntamenti importanti di questa edizione, si legge nel comunicato, sono le tre mostre d’arte inedite in Giappone, il Labirinto di Arnaldo Pomodoro, una raccolta delle opere più significative dell’artista Pino Pinelli, infine una mostra che ripercorre la storia della Pirelli per celebrare “i 150 anni di passione e innovazione” dell’azienda. Una storia essenziale raccontata attraverso le creazioni di artisti, designer, maestri della comunicazione e della pubblicità.
La cucina italiana viene celebrata con una selezione di 20 ricette da tutte le regioni, un’occasione unica per far degustare e conoscere al pubblico giapponese i piatti italiani più rappresentativi, dalla Val d’Aosta alla Sicilia. A questo riguardo dieci pasticceri si sfideranno davanti a una giuria internazionale per le semifinali del Gran Concorso di Tiramisù Il viaggio in Italia, si conclude con gli aperitivi, allestiti nella lounge di IAM e nella piazza principale di Shibuya Stream che per l’occasione diventa “True Italian Garden” un giardino italiano dove scoprire nuovi prodotti italiani da gustare accompagnati dal sound dei dj di IRMA Records e il concerto della Ryu Matsuyama band, conclude la nota.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tonno adulterato, indagine e perquisizioni Nas a Bisceglie
Inchiesta aperta dopo intossicazione di 27 persone
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
20 maggio 2022
13:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Avrebbero trattato e adulterato del tonno a pinna gialla pescato nell’oceano Atlantico con sostanze non consentite per esaltarne l’aspetto e il colore ma rendendolo nocivo per la salute dei consumatori e provocando effettivamente l’intossicazione di una trentina di persone che lo avevano mangiato in Puglia, Toscana e Liguria.
Per questa ragione tre imprenditori ( padre e due figli) e un dipendente di due aziende ittiche di Bisceglie, sono indagati a vario titolo per contraffazione di sostanze alimentari, frode nell’esercizio del commercio, vendita di sostanze alimentari non genuine, distribuzione di alimenti nocivi e lesioni personali.
I carabinieri del Nas, Nucleo anti sofisticazione, insieme a personale della Asl sta eseguendo nove decreti di perquisizione disposti dalla Procura di trani presso le due aziende coinvolte e le abitazioni degli indagati e in due laboratori di analisi campani, ad Avellino. Questi ultimi, laboratori privati e accreditati, fornivano le certificazioni necessarie alla commercializzazione del tonno.
Le indagini sono state avviate dopo una intossicazione alimentare che un anno fa ha colpito 27 persone in Puglia, Toscana e Liguria. Una intera famiglia di Pezze di Greco di Fasano, in provincia di Brindisi, ha dovuto ricorrere alle cure ospedaliere.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scioperi: a Cagliari corteo contro guerra ed esercitazioni
Bandiere e striscioni dal Comando militare fino al porto
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
20 maggio 2022
13:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dal Comando militare di via Torino al porto di Cagliari in corteo con bandiere e striscioni per dire no alla guerra.
È la protesta-sciopero di sindacati di base, movimenti antimilitaristi, pensionati e scuola contro l’utilizzo delle armi e le esercitazioni.

“Mentre cresce l’allerta per la guerra esplosa in Ucraina, la Sardegna – denunciano i Conas – è stata utilizzata militarmente con l’esercitazione Mare Aperto, che quest’anno ha imposto modalità molto più debordanti rispetto al passato. I confini già vergognosamente vasti dei poligoni a fuoco situati sulla terra sarda vengono travalicati dalle operazioni militari sino a sacrificare per tutto il mese di maggio ben 17 località sulla nostra costa meridionale: un’esercitazione che non solo priva la popolazione della fruizione del proprio territorio, non solo sacrifica l’economia dell’isola e aggrava l’inquinamento militare, ma espone la Sardegna a un ruolo di prima importanza come base Nato in esercitazioni collegate alla guerra in Ucraina”.
Anche l’Usb protesta “contro l’occupazione militare della Sardegna da parte della Nato, l’economia di guerra e il governo della guerra, l’invio delle armi in Ucraina, l’aumento delle spese militari”. Il corteo ha attraversato viale Regina Margherita, via Roma e poi ha concluso il suo percorso davanti al porto di Cagliari. Lo sciopero è stato indetto a livello nazionale e coinvolge tutti i lavoratori dipendenti privati e pubblici con manifestazioni anche a Milano, Torino, Bologna, Genova, Firenze, Roma, Napoli, Palermo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ucraina: Meloni, se cade non vince la Russia ma la Cina
E io cinese non ci voglio morire…
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CUNEO
20 maggio 2022
13:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Gli ucraini sono stati attaccati e hanno il diritto di difendersi.
L’Ucraina è la punta dell’iceberg di un conflitto che vuole rivedere gli equilibri globali.
Se cade l’Ucraina non vince la Russia di Putin, ma la Cina: e io cinese non ci voglio morire”. Così Giorgia Meloni, oggi a Cuneo per un tour di campagna elettorale in vista del voto del 12 giugno. Sul tema dei profughi in generale, in fuga da paesi interessati da guerre, “non ci raccontate cretinate – ha detto – : sono donne e bambini, perché gli uomini combattono.
E le nostre quote, in Italia, sono coperte da persone che c’entrano nulla con la guerra e vanno rimpatriate, subito”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Save the Children: Fico, rapporto preoccupa, più risorse a scuola
L’appello: “Approfittare dei fondi Pnrr per dare una sterzata”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
AFRAGOLA
20 maggio 2022
13:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono molto preoccupato per la scuola e per i ragazzi alla luce dell’ultimo rapporto di Save the Children che documenta che il 51% degli studenti oggi ha difficoltà a comprendere un testo scritto.
Questa è davvero una cosa problematica e preoccupante, e quindi quello che dobbiamo fare è un maggiore investimento sui ragazzi e sulla scuola e dobbiamo andare avanti anche con i fondi del Pnrr per dare una sterzata enorme ai progetti scolastici, alla formazione e alle strutture”.
Lo ha detto il Presidente della Camera Roberto Fico, a chiusura del suo intervento al liceo Brunelleschi di Afragola (Napoli) dove è intervenuto a un convegno promosso dall’Anpi di Napoli Nord. Un intervento tutto incentrato sul valore della scuola pubblica “essenza stessa della Costituzione da cui deriva”. Da Fico anche un plauso ai ragazzi presenti, oltre duecento, che hanno tappezzato la scuola di cartelli sulle tematiche ambientali: “Ho visto i vostri bellissimi cartelli plastic free – ha detto Fico – la vostra generazione ha avuto una educazione ambientale di cui la nostra non ha goduto e sono certo che un giorno potrete godere di città pulite, dove fare sport in sicurezza, sfruttando energie rinnovabili”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Fvg 435 nuovi contagi, 3 decessi
In terapia intensiva 1 degente, in area medica 128
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
20 maggio 2022
14:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Oggi in Friuli Venezia Giulia su un totale di 5.985 test e tamponi sono state riscontrate 435 positività al Covid 19.
Nel dettaglio, su 3.664 tamponi molecolari sono stati rilevati 136 nuovi contagi.
Sono inoltre 2.321 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati registrati 299 casi. In terapia intensiva è ricoverata una persona (+1), mentre i pazienti ospedalizzati in altri reparti sono 128 (-4). Lo rende noto la Direzione centrale salute della Regione Fvg nel bollettino quotidiano.
Oggi si registrano i decessi di 3 persone, di cui 2 a Udine e 1 a Pordenone. Il numero complessivo delle persone decedute dall’inizio della pandemia è 5.081, con la seguente suddivisione territoriale: 1.270 a Trieste, 2.388 a Udine, 964 a Pordenone e 459 a Gorizia. Dall’inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 375.885 persone.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
G7: Visco, ok a rialzo tassi quest’estate, ma graduale
Incertezza per crisi Ucraina
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
KOENIGSWINTER
20 maggio 2022
14:16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il rischio di deflazione è alle nostre spalle.
Abbiamo mantenuto i tassi di interesse ufficiali a lungo negativi, per far fronte a questi rischi, e rispondere agli effetti della pandemia sulla domanda, sui consumi e sugli investimenti.
Con le aspettative a medio termine di un’inflazione al 2%, possiamo alzare i tassi già nel corso dell’estate. È importante che si faccia gradualmente, anche alla luce dei molti punti di incertezza dovuti alla crisi gravissima dell’Ucraina”. Lo ha detto il governatore della Banca D’Italia, Ignazio Visco, in un’intervista al Tg3 a margine del G7 Finanze a Koenigswinter, alle porte di Bonni n Germania.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Visco: preoccupa invasione, mantenere porta aperta dialogo
G7, impegno per Ucraina, Uniti contro aggressione Russia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BERLINO
20 maggio 2022
17:16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La cooperazione internazionale è essenziale per la convivenza pacifica e per mantenere un progresso, che è stato molto importante negli ultimi 30 anni a livello globale”.
Lo ha detto il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco, in un’intervista al Tg3 a margine del G7 a Koenigswinter, alle porte di Bonn.
Visco ha detto di “condividere le forti preoccupazioni per gli effetti di questa vicenda drammatica dell’invasione russa in Ucraina, che ha effetti sull’economia e anche sull’ordine monetario finanziario, che si era andato stabilendo dopo la guerra fredda”. E ha sottolineato che “bisogna mantenere una porta aperta al dialogo”.

Se ci fosse un blocco totale delle importazioni dalla Russia “quello che dovremmo attenderci è un momento di moderata recessione, che potrebbe essere peggiore a seconda delle circostanze”, ha detto Visco al G7 delle finanze a Koenigswinter.

Per il 2022 i paesi del G7 hanno messo a disposizione 19,8 miliardi di dollari per l’Ucraina. Lo si legge nel comunicato finale del summit finaziario. La cifra include 7,5 miliardi di dollari annunciati dali Usa.
“Noi concordiamo su azioni concrete per approfondire la cooperazione multilaterale e sottolineiamo il nostro impegno per rispondere uniti alla aggressione della Russia all’Ucraina e nel nostro sostegno all’Ucraina. Siamo stati onorati di esser raggiunti virtualmente dal primo ministro ucraino e dal ministro delle finanze”: si legge nello Statement del G7 finanze in corso a Koenigsberg, alle porte di Bon in Germania.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: contagi in calo e una vittima in Sardegna
Diminuiscono anche i ricoveri nelle intensive, 8 (- 2)
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
20 maggio 2022
14:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In Sardegna nelle ultime 24 ore si registrano una vittima – una donna di 78 anni della provincia di Oristano – e 1.079 casi confermati di positività al Covid (- 110), di cui 935 diagnosticati da antigenico.

Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 6.357 tamponi per un tasso di positività del 16,9% rispetto al 18% dell’ultima rilevazione.

In calo i pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva, 8 in tutto (- 2), mentre i ricoverati in area medica sono 198 (- 15).
Le persone in isolamento domiciliare sono 21. 948 (- 580).

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MALI: RAPITI TRE ITALIANI E UN TOGOLESE
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 maggio 2022
15:10
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tre italiani e un cittadino del Togo sono stati sequestrati in Mali da “uomini armati”.
Lo riferiscono fonti locali citate dalla France Presse.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Rapita in Mali una famiglia di italiani
Una coppia col figlio, Testimoni di Geova originari di Potenza
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 maggio 2022
20:23
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Una famiglia di italiani, una coppia di Testimoni di Geova originari di Potenza e il loro figlio, è stata rapita in Mali, il pericolosissimo Paese del Sahel dove imperversano gruppi jihadisti e dove la Farnesina sta cercando di acquisire informazioni vagliando le poche disponibili.
I tre rapiti, a quanto si è appreso nel capoluogo lucano, sono Rocco Langone, la moglie Donatella e il figlio Giovanni.
Insieme a loro è stato sequestrato anche un cittadino del Togo. Il sequestro è stato compiuto nella tarda serata di giovedì da “uomini armati”, ha riferito una fonte della sicurezza maliana senza fornire dettagli su chi potrebbero essere i rapitori che hanno agito in località Sincina, nel sud-est del Paese. La fonte ha rivelato che sono in corso “contatti diplomatici”, facendo intuire l’esistenza di trattative. La località del rapimento si trova “a una decina di chilometri da Koutiala”, ha precisato un politico locale riferendosi a una cittadina situata a circa 100 km dal confine con il Burkina Faso e a 300 dalla capitale maliana, Bamako. I sequestratori erano “a bordo di un veicolo”, ha riferito il politico parlando di “italiani” appartenenti ai Testimoni di Geova così come il togolese.
La coppia non era in Mali per conto del movimento religioso cristiano e millenarista, ha precisato l’Associazione dei Testimoni di Geova del Senegal, responsabile per l’area: “Da quasi un anno – ha ricordato un suo portavoce – non abbiamo alcun missionario” né “alcun religioso” sul posto sebbene, come è ovvio, ci sono “Testimoni di Geova in Mali come in molte altre parti del mondo” che professano la propria fede. “L’Unità di Crisi del Ministero degli Esteri sta compiendo le dovute verifiche e accertamenti”, ha comunicato la Farnesina aggiungendo che “il Ministro Di Maio sta seguendo in prima persona l’evolversi della vicenda”. Il Mali però è una sorta di buco nero del terrorismo islamico che sta entrando nell’orbita della Russia. Dal 2012 il desertico Paese è teatro di attacchi compiuti da gruppi jihadisti legati ad Al-Qaeda e all’Isis, oltre che da milizie e banditi, causando migliaia di morti tra civili e militari e centinaia di migliaia di sfollati nonostante il dispiegamento di forze Onu, francesi e africane.
Un giornalista freelance francese di 47 anni, Olivier Dubois, era è stato rapito nell’aprile dell’anno scorso a Gao, nel nord, dal qaedista Gruppo di supporto per l’Islam e i musulmani (Gsim o Jnim), la principale alleanza jihadista del Sahel. Il Mali, teatro di due colpi di stato guidati dallo stesso gruppo di colonnelli nell’agosto 2020 e nel maggio del 2021, è governato da una giunta militare che si è allontanata dalla Francia e dai suoi partner preferendo la Russia e i mercenari “Wagner” per frenare l’avanzata jihadista che ha raggiunto il centro del Paese e i confinanti Burkina Faso e Niger. Sottoposta a sanzioni della Comunità degli Stati dell’Africa occidentale (Ecowas), la giunta guidata del colonnello Assimi Goïta ha accantonato un suo impegno iniziale di restituire il potere ai civili dopo le elezioni che si sarebbero dovute tenere nel febbraio scorso. L’Alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza dell’Ue, Josep Borrell, ha annunciato nelle ultime ore che sarà “presentato un piano per ridimensionare la nostra missione in Mali” dato che “non vedo più una prospettiva” per l’addestramento delle truppe locali.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tar riammette Lady Demonique, candidata nel comasco
Partito Gay la propone sindaco di San Bartolomeo Val Carvagna
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
20 maggio 2022
18:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Doha Zaghi , performer fetish con il nome di Lady Demonique, potrà correre come candidato sindaco per il partito Gay – LGBT+ Solidale, Ambientalista e Liberale a San Bartolomeo Val Carvagna nel Comasco.
Dopo che la sua candidatura era stata “ingiustamente bocciata dalla Commissione Elettorale” è infatti stata riammessa dal Tar della Lombardia.
Lo rende noto Fabrizio Marrazzo portavoce del partito Gay secondo cui “i giudici riconoscono “gli errori presenti sul manuale elettorale del Ministero degli Interni, che fissa erroneamente la definizione del censimento dei cittadini al censimento del 2011 e non a quello dell’ultimo anno disponibile (ossia 2020)”.
Lady Demonique aveva fatto parlare di sé quando, a causa del suo lavoro, Carlo Calenda aveva stoppato la sua candidatura a consigliera comunale di Como per la lista appoggiata da Azione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi, responsabilità è serietà e agire
Il premier, serve per guidare il Paese in momento difficile
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 maggio 2022
15:25
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La responsabilità la sento molto.
E questo è parte della serietà.
Guidare un Paese in un momento difficile è responsabilità. Ma la responsabilità è anche agire, fare le cose”. Lo ha detto il premier Mario Draghi parlando agli studenti della Dante Alighieri Sommacampagnia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Marche; ricoveri invariati, un decesso e incidenza cala
Attualmente 114 degenti. 810 positivi, 415 casi ogni 100mila ab
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
20 maggio 2022
15:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ rimasto invariato nelle Marche nell’ultima giornata il numero di ricoveri per Covid-19: sono 114 i degenti di cui 4 in Terapia intensiva (+1), 23 in Semintensiva (-1) e 87 in reparti non intensivi (+1) e 12 le persone dimesse in un giorno; la percentuale di occupazione di pazienti Covid delle intensive è dell’1,7% mentre in Area Medica è dell11,%.
Un decesso correlato al Covid (un 96enne di Apiro nel Maceratese) e il totale sle a 3.893.
Intanto sono 810 i positivi rilevati in 24ore e l’incidenza ogni 100mila abitanti resta in discesa (da 445,21 a 415,63). Lo comunica la Regione.
Il totale di positivi scende a 4.426 (-87) e gli isolamenti domiciliari a 11.649 (-480) di cui 254 con sintomi mentre i guariti/dimessi si attestano a 459.372 (+896). Il quadro dei contagi dà conto di 237 casi in provincia di Ancona; seguono Macerata (164), Pesaro Urbino (160), Ascoli Piceno (114) e Fermo (110); 25 positivi provenienti da fuori regione. Eseguiti in 24ore 3.252 tamponi tra i quali 2.774 nel percorso diagnostico (29,5% di positivi) e 508 nel percorso guariti. Il numero più alto di positivi nella fascia d’età 45-59 anni (226) e 25-44 (193 casi).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Concorrenza: Draghi scrive a Casellati, vararla entro maggio
Presidente Senato gira lettera premier a commissione-capigruppo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 maggio 2022
15:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente del Consiglio Mario Draghi ha scritto una lettera al presidente del Senato in cui chiede tra l’altro che il ddl concorrenza venga approvato entro maggio.
Elisabetta Casellati appena ricevuta la lettera l’ha letta e poi girata al presidente dela decima commissione di palazzo Madama e a tutti i capigruppo.
I contenuti della missima saranno oggetto di discussione alla prossima conferenza dei capigruppo che si terrà martedì prossimo alle 15.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Berlusconi,ora responsabilità di tornare in campo
Per dare all’Italia un futuro di benessere e libertà
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 maggio 2022
15:38
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Adesso sento la responsabilità di essere ancora in campo per dare all’Italia un futuro di benessere e soprattutto di libertà”.
Così il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi a Napoli dove è a pranzo in una pizzeria, prima di chiudere la convention del suo partito, prevista domani alla Mostra d’Oltremare Alla domanda se il rilancio di FI cominci da Napoli il Cavaliere ha risposto: “Il rilancio e’ già partito da Roma con il mio intervento.
Nove anni fa sono stato escluso e buttato fuori dal Senato. Ora ritorno in campo per la prima volta dopo tanto tempo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Attacco hacker: pm antiterrorismo Roma aprono inchiesta
Il reato è accesso abusivo al sistema informatico
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
20 maggio 2022
16:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un fascicolo di indagine è stato aperto dalla Procura di Roma in relazione al massiccio attacco hacker, che ha riguardato alcuni siti istituzionali, ed è stato rivendicato dal collettivo filo russo Killnet.
Anche in questo caso, così come per il blitz dei giorni scorsi, il procedimento sarà affidato ai pm dell’Antiterrorismo.
Non è escluso che il nuovo incartamento possa confluire in quello già aperto.
Il reato ipotizzato è accesso abusivo al sistema informatico. Le indagini sono state delegate agli specialisti della Postale.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ue, preso nota piano pace Italia ma serve ritiro Russia
Borrell. ‘Mantenere unità diplomatica e militare’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
20 maggio 2022
16:08
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Abbiamo preso nota del piano di pace dell’Italia” per l’Ucraina” e “come Ue sosteniamo qualsiasi sforzo volto a concludere il conflitto.
Ma dal punto di vista europeo questo deve passare dall’immediata cessazione dell’aggressione e dal ritiro senza condizioni dell’esercito russo”.
Lo ha detto l’Alto rappresentante Ue, Josep Borrell, in conferenza stampa.
“Le condizioni per questo cessate il fuoco le dovrà decidere l’Ucraina”, ha aggiunto il capo della diplomazia Ue, esortando i Paesi europei a “mantenere l’unità su tutti i fronti, diplomatici e militari”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio, piano Italia per agevolare dialogo parti e pace
Kiev: bene, ma garantire l’integrità territoriale. Ue, serve però ritiro della Russia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 maggio 2022
16:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non esiste una pace imposta, si parte dalla disponibilità dell’Ucraina perché il loro popolo è stato invaso e il nostro obiettivo è agevolare il dialogo per step per arrivare al cessate il fuoco e poi alla pace”.
Lo dice il ministro degli Esteri Luigi Di Maio alla conferenza stampa finale della presidenza italiana al Consiglio d’Europa rispondendo ad una domanda sul piano italiano.
“L’Italia promuove il piano e lo fa in base alla credibilità che ha perché abbiamo sostenuto con tutti i nostri mezzi quel popolo e questo ci dà credibilità di parlare di dialogo perché non ci siamo tirati indietro per aiutare gli ucraini aggrediti”.

Kiev accoglie con favore la proposta italiana di un piano per la pace in Ucraina, ma ribadisce che qualunque soluzione dovrà “rispettare la sovranità e l’integrità territoriale” del Paese. Lo ha detto il portavoce del ministero degli Esteri Oleh Nikolenko a European Truth, secondo quanto riporta l’agenzia Unian. “La parte italiana ha condiviso la sua visione dei modi per porre fine alla guerra della Russia contro l’Ucraina. Attualmente sono allo studio proposte pertinenti. Accogliamo con favore qualsiasi sforzo internazionale per ristabilire la pace sul suolo ucraino e in Europa. Allo stesso tempo, qualsiasi decisione politica deve essere basata sul rispetto della sovranità e dell’integrità territoriale dell’Ucraina all’interno dei suoi confini internazionalmente riconosciuti”, ha affermato Nikolaenko.

“Abbiamo preso nota del piano di pace dell’Italia” per l’Ucraina” e “come Ue sosteniamo qualsiasi sforzo volto a concludere il conflitto. Ma dal punto di vista europeo questo deve passare dall’immediata cessazione dell’aggressione e dal ritiro senza condizioni dell’esercito russo”. Lo ha detto l’Alto rappresentante Ue, Josep Borrell, in conferenza stampa. “Le condizioni per questo cessate il fuoco le dovrà decidere l’Ucraina”, ha aggiunto il capo della diplomazia Ue, esortando i Paesi europei a “mantenere l’unità su tutti i fronti, diplomatici e militari”.

“Come Unione europea cerchiamo di appoggiare l’Ucraina e facciamo tutti gli sforzi diplomatici necessari per arrivare ad un cessate il fuoco, ma vogliamo anche che, quando i negoziati avranno luogo, l’Ucraina ci arrivi in una posizione di forza”, ha aggiunto Borrell.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Di Maio, piano Italia per agevolare dialogo parti e pace
‘Noi credibili per aver sostenuto l’Ucraina in ogni modo’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 maggio 2022
16:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non esiste una pace imposta, si parte dalla disponibilità dell’Ucraina perché il loro popolo è stato invaso e il nostro obiettivo è agevolare il dialogo per step per arrivare al cessate il fuoco e poi alla pace”.
Lo dice il ministro degli Esteri Luigi Di Maio alla conferenza stampa finale della presidenza italiana al Consiglio d’Europa rispondendo ad una domanda sul piano italiano.

“L’Italia promuove il piano e lo fa in base alla credibilità che ha perché abbiamo sostenuto con tutti i nostri mezzi quel popolo e questo ci dà credibilità di parlare di dialogo perché non ci siamo tirati indietro per aiutare gli ucraini aggrediti”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
G7: nel 2022 19,8 miliardi di dollari per Ucraina
Inclusi i 7,5 miliardi di dollari dagli Usa
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BERLINO
20 maggio 2022
16:32
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Per il 2022 i paesi del G7 hanno messo a disposizione 19,8 miliardi di dollari per l’Ucraina.
Lo si legge nel comunicato finale del summit finanziario.
La cifra include 7,5 miliardi di dollari annunciati dali Usa.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Franco, intenzione è di continuare la riduzione debito-Pil
Statement Fmi su Italia largamente positivo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
KOENIGSWINTER
20 maggio 2022
16:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Quest’anno vorremmo continuare su questa strada di riduzione significativa del rapporto debito pil”.
Lo ha detto il ministro delle finanze Daniele Franco, a margine del G7 in conferenza stampa.
“Lo statement del Fmi è in larga misura molto positivo sulla politica economica italiana, e sulle priorità che stiamo cercando di perseguire”. “Ci sono alcune catele sul debito”, ha aggiunto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mali: Farnesina verifica notizie sul sequestro 3 italiani
‘Di Maio sta seguendo in prima persona la vicenda’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 maggio 2022
16:46
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In relazione alla notizia apparsa su taluni organi di stampa relativa al sequestro in Mali di 3 cittadini italiani, la Farnesina “rende noto che l’Unità di Crisi del Ministero degli Esteri sta compiendo le dovute verifiche e accertamenti”.

“Il Ministro Di Maio sta seguendo in prima persona l’evolversi della vicenda”, aggiunge la Farnesina in una nota.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Draghi: ‘I miei idoli? I genitori, gli insegnanti e mia moglie’
Dai ragazzi una rosa per la consorte, ‘è una storia che si regge su di lei’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
21 maggio 2022
12:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“In classe mi hanno chiesto qual è il mio idolo.
Io sempre più spesso penso se devo qualcosa a qualcuno, e mi vengono in mentre tre gruppi, i genitori, gli insegnanti e mia moglie”.
Così il premier Mario Draghi ai ragazzi della scuola media di Sommacampagna (Verona). “I miei genitori – ha spiegato Draghi – mi hanno aiutato non tanto dal lato materiale ma dal punto di vista spirituale, psicologico, formativo. L’amore per il lavoro, parte della nostra esistenza, il rispetto delle regole, ma anche una coscienza, sapere chi sei, cos’è che combini, vengono dai miei genitori. Poi ho avuto degli insegnanti straordinari a scuola, all’università e anche dopo negli studi successivi in America e in Italia. Quanti bravi insegnanti ci siano la gente lo ignora, ma sono tanti e bravissimi e li avete davanti, sono quelle persone che non solo si sacrificano; si divertono a stare con voi e vi danno primi messaggi della vita, che vi aiutano a trovare la consapevolezza di voi stessi. E gran parte lo fanno col sorriso”. Infine, “la terza persona più importante degli ultimi 40-50 anni è mia moglie. Ogni tanto mi viene in mente la quantità di fesserie che avrei fatto senza di lei. La capacità di capire il momento psicologico che passavo, e la famiglia che si è formata. È una storia bella che si regge su di lei”, ha concluso. A Draghi i ragazzi hanno donato una rosa, destinata alla sua consorte.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tensione sulla Concorrenza, la Lega non vuole la fiducia
Draghi: ‘Io non sono stato eletto, ma nominato per fare’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 maggio 2022
17:12
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tensione sulla Concorrenza, dopo che ieri il premier, Mario Draghi, ha convocato il consiglio dei ministri, durato in tutto dieci minuti, per chiedere di velocizzare l’iter di approvazione del ddl ed evitare di non rispettare le scadenze del Pnrr.
Il presidente dl consiglio ha chiesto di porre la fiducia qualora fosse necessario sul testo condiviso e l’esecutivo l’ha autorizzata qualora le circostanze lo rendessero necessario.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Sulla concorrenza troveremo un accordo come abbiamo fatto per il catasto”, ha affermato oggi  il leader della Lega, Matteo Salvini, parlando a Radio 24.
Salvini non ha dubbi sul fatto che il provvedimento sarà votato senza fare ricorso alla fiducia. Il leader della Lega ha fatto riferimento alla necessità di garantire il diritto di prelazione alle piccole imprese.
“Non penso che il governo rischi né per le spiagge né per il termovalorizzatore di Roma. Certamente mi ha stupito il Consiglio dei ministri convocato all’improvviso perché penso che per me, per tutti gli italiani e per mezzo mondo la priorità sia la pace”, ha detto successivamente Salvini in visita a Garbagnate Milanese per sostenere la ricandidatura a sindaco di Davide Barletta.
“Ritengo allucinante – ha continuato – che i Cinque stelle dicano che il governo può saltare se i rifiuti di Roma diventano energia e ricchezza”. Per il leader leghista, “la priorità assoluta è pace, lavoro, il cessate il fuoco tra Ucraina e Russia, e tornare a nutrire, con il grano bloccato nei porti, il continente africano altrimenti sarà una strage. Devo dire che sentire il presidente Draghi parlare di pace e non più solo di armi e guerra rincuora. Lavoriamoci”.
Sul decreto concorrenza, ha aggiunto: “Noi lavoriamo per risolvere i problemi”, e “lo faremo sulle spiagge garantendo che 30mila famiglie possano continuare a lavorare e offrire servizi a chi andrà in vacanza al mare in Italia, senza che le spiagge italiane vengano svendute all’estero. Credo che tutelare questo sia interesse mio, di Draghi e di tutti gli altri”.
Draghi, parlando a Sommacampagna agli studenti della scuola Dante Alighieri, ha affermato di non essere stato “eletto ma nominato. Il Presidente Mattarella mi ha chiamato e mi ha chiesto se me la sentivo. Io ho detto si. Mi sono venute in mente le cose che dovevo fare. Era un momento molto difficile: il virus circolava dappertutto, c’era molta gente che moriva, l’economia andava male. Ho pensato a come affrontarle”.
Il presidente del Consiglio ha scritto una lettera alla presidente del Senato in cui chiede, tra l’altro, che il ddl concorrenza venga approvato entro maggio. Elisabetta Casellati appena ricevuta la lettera l’ha letta e poi girata al presidente della decima commissione di palazzo Madama e a tutti i capigruppo. I contenuti della missiva saranno oggetto di discussione alla prossima conferenza dei capigruppo che si terrà martedì prossimo alle 15.
Dopo aver ricordato che il ddl è stato presentato al Senato il 3 dicembre scorso, il presidente del Consiglio – fanno sapere le stesse fonti – ha segnalato che la commissione competente ha fissato il termine per gli emendamenti e i sub emendamenti fra il 14 e 17 marzo scorso e “ad oggi, malgrado numerose riunioni con le forze parlamentari, le operazioni di voto non risultano effettivamente iniziate. “Coerentemente con gli impegni assunti con il Pnrr, entro il mese di dicembre 2022 – ha aggiunto Draghi – risulta necessario approvare non solo il disegno di legge annuale sulla concorrenza e il mercato, ma anche i relativi strumenti attuativi”.

Ucraina: Frammenti urbani per l’integrazione
Nella periferia romana l’opera dell’architetto Giuseppe Vultaggio. Sabato 22 sarà visitabile e con una donazione per il progetto “Emergenza Ucraina” di Save The Children saranno assegnate le foto del progetto
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 maggio 2022
17:47
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sul tetto assolato di una periferia Romana un tappeto cangiante riflette i contorni aspri dei palazzi circostanti più alti e li confonde con i colori del cielo e delle nuvole e li muove ad ogni soffio del vento come fa la brezza del mare sulle onde.
E’ l’opera di design allegorico, “Frammenti urbani”, un’istallazione site-specific realizzata sul tetto dell’edificio dell’agenzia A.Gogò.
Ogni frammento è composto da una coperta termica piegata e sagomata per perdere la sua funzione originaria e assumere l’immagine di una placca tettonica che si muove liberamente sul piano orizzontale e si modella nel rapporto con i tasselli confinanti.
L’autore ricerca una geometria dell’integrazione che cancella i confini delle case e della vite delle singole persone nel tentativo di disegnare un paesaggio inclusivo. L’uso simbolico delle coperte termiche solitamente utilizzate nel primo soccorso, vuole riportare lo spettatore in una dimensione lontana rievocando le immagini dei rifugiati che vengono accolti. In un unico colpo d’occhio due mondi così distanti si abbracciano e interagiscono in un equilibrio poetico di luci e di spazi.
Sabato 22 maggio, in occasione di Open House Roma, sarà possibile visitare all’interno dello studio di A. Gogò Communication Agency, la mostra video – fotografica dedicata all’installazione “Frammenti Urbani” realizzata dall’architetto Giuseppe Vultaggio.
In questo particolare periodo storico, attraverso questa opera si è voluto focalizzare l’attenzione sul significato di accoglienza con il desiderio di omaggiare tutti coloro che hanno contribuito, in qualsiasi forma, ad aiutare le popolazioni in difficoltà. Per questo motivo, in cambio di una donazione a favore del progetto “Emergenza Ucraina” di Save The Children Italia saranno assegnate saranno assegnate le foto originali del progetto fotografico dell’installazione “Frammenti Urbani”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mali: Farnesina conferma il sequestro di tre italiani
E chiede massimo riserbo, d’intesa con i famigliari
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
20 maggio 2022
23:49
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Farnesina conferma in una nota il sequestro di tre connazionali in Mali.
L’Unità di Crisi sta profondendo ogni sforzo – in coordinamento con le competenti articolazioni dello Stato – per una soluzione positiva del caso.

A tal fine, il Ministero degli Esteri ribadisce, d’intesa con i famigliari, l’esigenza di mantenere il massimo riserbo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Studente si ustiona in officina a Merano durante alternanza scuola-lavoro
Gravi le condizioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
21 maggio 2022
14:12
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un ragazzo di 17 anni, durante un percorso di alternanza scuola-lavoro in una carrozzeria a Merano, è rimasto gravemente ferito ieri pomeriggio a causa di un ritorno di fiamma.
Ferito anche un operaio di 36 anni.
“Non staremo a guardare, ci saranno scioperi e mobilitazioni studentesche in tutto il paese”, annuncia l’Unione degli studenti. E’ Il terzo incidente grave, quest’anno, in alternanza scuola lavoro.
“Il lavoro sugli Its è fondamentale perché è la scuola che serve a ricucire e alzare tutto il sistema delle competenze del nostro Paese. L’Italia è tutta da mettere in formazione, non si deve parlare solo di formazione dei ragazzi: riprendiamo intanto a pensare la scuola come una parte strutturata del Paese e non come un mondo a parte”. Lo ha detto il ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi, intervenendo all’evento Didacta, in corso alla Fortezza da Basso di Firenze. “Voglio rivolgere un pensiero al ragazzo di Merano – ha affermato -. I morti sul lavoro in questo paese sono troppi, il numero tollerabile è zero, non di più”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: ancora sbarchi nella Locride, arrivati in 119
Erano su barca a vela soccorsa da Gdf. Anche donne e bambini
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROCCELLA IONICA
21 maggio 2022
09:49
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ancora sbarchi nel porto di Roccella Ionica, in Calabria.
Poco prima dell’alba si è verificato l’ennesimo “arrivo” di migranti, 119, a seguito di una operazione di soccorso in mare effettuata dalla Guardia di Finanza.
Tra i profughi, di varie nazionalità ma in prevalenza provenienti dall’Afghanistan e dalla Siria, anche un nutrito gruppo di donne e di bambini alcuni dei quali di età inferiore ai tre anni.
Tutti i i migranti prima di sbarcare a Roccella Ionica erano a bordo di una barca a vela localizzata a diverse miglia di distanza dalla costa calabrese. Dopo l’arrivo in porto sono stati sottoposti al test del tampone molecolare da parte del personale specializzato dell’Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria e successivamente, su disposizione della Prefettura reggina, sono stati momentaneamente sistemati in un’apposita area del Porto dove è presente una tensostruttura realizzata nei mesi scorsi e gestita dai volontari della Croce Rossa e della Protezione civile.
Con lo sbarco della notte è salito a 19 il numero di “arrivi” di migranti nel solo tratto di costa della Locride in questi primi 4 mesi e mezzo del 2022: 18 a Roccella e uno a Siderno.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Agenzia cyber, attacchi hacker di ieri non intaccano sistemi
Linee guida a P.a. ed aziende per mitigarli
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
21 maggio 2022
09:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gli attacchi di tipo Ddos che dalla tarda serata dell’altro ieri interessano siti web di Pubbliche Amministrazioni e soggetti privati, “benchè possano rendere indisponibili i siti per un certo periodo di tempo ad utenti legittimi creando alcuni disagi, non intaccano la integrità e la confidenzialità delle informazioni e dei sistemi colpiti a differenza, ad esempio, di un attacco di tipo ransomware”.
Lo afferma l’Agenzia per la cybersicurezza nazionale, che sul portale del Csirt Italia (il team di risposta dell’Agenzia) ha pubblicato le linee guida aggiuntive per la mitigazione delle diverse tipologie di attacchi Ddos.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Molotov contro Comando Esercito Cagliari,Digos visiona video
Raid ad opera di 20 persone, riflettori su anarchici-antagonisti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
21 maggio 2022
10:05
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gli agenti della Digos della Questura di Cagliari stanno lavorando per il gruppo di persone che ieri notte ha lanciato una molotov contro l’ingresso del Comando Militare Esercito Sardegna in via Torino a Cagliari, imbrattando le pareti con la vernice rossa e poi lanciando due fumogeni accesi.

Gli specialisti della questura hanno acquisito i filmati delle telecamere della zona e quella dell’Esercito che, sicuramente, hanno ripreso tutte le fasi del raid.
Una ventina di persone poco prima delle 22 si è avvicinata al portone d’ingresso del Comando e ha prima lanciato la vernice, poi la bottiglia incendiaria contro la parete laterale e acceso i fumogeni.
L’azione è durata solo alcuni minuti, poi il gruppetto è fuggito di corsa dalla zona. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco del distaccamento porto e gli agenti della squadra volante. I pompieri hanno messo in sicurezza l’area, fortunatamente le fiamme non hanno provocato grossi danni, annerendo solo la parete. In via Torino sono poi arrivati gli esperti della Scientifica per i rilievi e gli uomini della Digos. Al momento le indagini si stanno indirizzando su gruppi appartenenti agli anarchici-antagonisti. Nelle prossime ore i filmati acquisti saranno analizzati della Sezione antiterrorismo della Digos.
Questa mattina personale dell’Esercito sta lavorando per ripulire l’ingresso del Comando.
Il raid di ieri è avvenuto proprio davanti al luogo da cui ieri è partita la manifestazione contro la guerra, le basi e le esercitazioni militari in Sardegna. Domani a Sant’Anna Arresi – che con il litorale di Porto Pino, è uno dei Comuni più vicini al poligono di Teulada dove si sta svolgendo l’esercitazione della Marina Mare Aperto 2022 – ci sarà un’altra manifestazione contro la presenza militare in Sardegna.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Veneto, 2.010 nuovi casi e 9 morti in 24 ore
Forte discesa dei ricoveri in area medica
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
21 maggio 2022
10:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 2.010 i nuovi casi di Covid-19 registrati nelle ultime 24 ore in Veneto, che portano il totale da inizio pandemia a 1.740.004.
Il bollettino regionale segna altre 9 vittime, con il totale a 14.641.

Prosegue la discesa dei dati relativi agli attuali positivi, che sono 40.367, quasi duemila in meno (-1.956) rispetto alle 24 ore precedenti. Forte discesa anche nei reparti ordinari, con 658 ricoverati (-41), mentre aumentano di un paziente (38) le terapie intensive.
La campagna vaccinale segna nella giornata di ieri 1.803 somministrazioni, in prevalenza (1.586) terze dosi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Estorsioni: Maria Falcone, è necessaria una repressione forte
“Per una società in grado di ribellarsi alla criminalità”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
21 maggio 2022
11:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Contro il fenomeno del pizzo è necessaria una repressione forte e costante, degna di uno Stato di diritto”.
Lo ha detto Maria Falcone nel corso del suo intervento al convegno di Confcommercio su racket e imprese che si sta svolgendo a villa Igiea, a Palermo.

“I soldi che arriveranno dall’Europa possono essere fondamentale per la rinascita economica del territorio. Vi prego – ha aggiunto rivolgendosi agli imprenditori e alle istituzioni presenti in platea – riscrivete la storia economica di Palermo e della Sicilia, create una scuola diversa, per far si che nasca una società in grado di ribellarsi alla criminalità. Solo attraverso lo sviluppo si può vincere la mafia”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mafia: custodia popolare per ex sede squadra catturandi
Associazioni vogliono gestire l’immobile in abbandono a Palermo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
21 maggio 2022
11:25
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il comitato cittadino Sos Ballarò, insieme a altre associazioni e realtà dell’Albergheria, a Palermo, hanno preso in custodia l’ex commissariato Duomo, in via Guido delle Colonne, sede della squadra “Catturandi”, un gruppo di poliziotti che tra il ’90 e il 2010 riuscì a trovare e arrestare i latitanti mafiosi come Giovanni Brusca, Bernardo Provenzano, Salvatore Lo Piccolo, Andrea Adamo e Gaspare Pulizzi, Domenico Raccuglia, Gianni Nicchi.

La polizia di Stato ha lasciato quegli spazi da oltre un decennio e subito dopo i locali furono occupati per uso abitativo da alcuni cittadini senza casa fino a un anno fa.

Adesso i locali si trovano in stato di abbandono.
Cinque mesi fa diverse associazioni che operano nel quartiere Albergheria hanno scritto una lettera al Prefetto chiedendo la convocazione di un tavolo per un nuovo utilizzo dello spazio.
Il bene è su un terreno di proprietà del Fec, Fondi enti di culto, e quindi di proprietà del Ministero dell’Interno.
“Ad oggi – dicono le associazioni – non abbiamo ricevuto alcuna risposta e il Prefetto non ha mai reso alcuna notizia sul futuro dell’immobile. Riteniamo intollerabile che quello che è stato un importante presidio di legalità possa consumarsi nell’incuria o cadere in mano della microcriminalità. Vogliamo perciò, in occasione delle celebrazioni per il trentennale delle stragi del 92, ricordare simbolicamente che la mafia si nutre del degrado e dell’abbandono dei territori e che si può sconfiggere solo se si danno risposte vere e concrete che riempiano i quartieri di infrastrutture sociali. Luoghi aggregativi, accesso ai diritti, associazionismo dal basso, sono per noi la migliore risposta per ricordare e praticare la lotta alla mafia. Per questa ragione da oggi questo spazio è sottoposto a custodia popolare in attesa che le istituzioni preposte se ne prendano cura e sviluppino un uso sociale della struttura”.
Dopo la pulizia dei locali saranno stesi dalle finestre dei lenzuoli bianchi, per rendere omaggio alla memoria di Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro, Vito Schifani, Paolo Borsellino, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina, Emanuela Loi e Claudio Traina.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Mali: il fratello di Rocco, intervenga lo Stato
‘Sappiamo che chi ha rapito nostri familiari è molto pericoloso’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CARATE BRIANZA (MONZA)
21 maggio 2022
11:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Abbiamo paura perché sappiamo che chi ha preso i nostri familiari è molto pericoloso”: Vito Langone ha espresso così tutta la sua preoccupazione per il fratello Rocco, la moglie Donata e il loro figlio Giovanni rapiti in Mali.

“Chiedo allo Stato italiano che li faccia tornare a casa al più presto” ha aggiunto spiegando che l’altro figlio di Rocco, Daniele, “dovrebbe essere partito stamattina per la Farnesina”.

Siamo in attesa. Fino ad ora non ci hanno fatto sapere ancora niente” ha proseguito Vito Langone raccontando che Rocco, operaio, si è trasferito in Mali dopo essere andato in pensione.
La casa di famiglia di Rocco e Donata a Triuggio, paese di circa 9mila abitanti in Brianza, non è abitata da tempo e ha finestre sbarrate, erba alta e ragnatele.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Puglia in due settimane nuovi casi quasi dimezzati
Dato regionale è sotto la media nazionale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
21 maggio 2022
12:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Negli ultimi 14 giorni in Puglia i nuovi contagi Covid sono quasi dimezzati e inizia a calare anche l’occupazione dei posti letto nei reparti di Medicina.
E’ quanto emerge dall’ultimo rapporto dell’Istituto superiore della Sanità, secondo il quale nella settimana dal 13 al 19 maggio i nuovi casi sono stati 370,3 ogni 100mila abitanti contro i 640, 8 rilevati dal 29 aprile al 5 maggio.
La Puglia è anche sotto la media nazionale, pari a 375 casi ogni 100mila abitanti. In area medica l’occupazione dei posti letto da parte di pazienti positivi al virus è scesa al 13,6% mentre in terapia intensiva è pari al 4,2%.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Da Bologna a Capo Nord in bici per un messaggio di pace
In sella 32 componenti del gruppo amatoriale ‘Ciclozenith’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
21 maggio 2022
12:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono partiti questa mattina in 32, in sella a una bicicletta, da Piazza Maggiore per un lungo viaggio che li porterà da Bologna a Capo Nord, con un messaggio di pace e di unione sulla base dei comuni valori europei.
A pedalare attraverso sei Stati – lungo 6.000 chilometri da affrontare il 61 tappe per raggiungere l’estremo capo dell’Europa il 21 luglio – prossimo – sono i componenti del gruppo ciclistico amatoriale bolognese Ciclozenith nato trenta anni fa in seno alla parrocchia di San Bartolomeo della Beverara nel quartiere Navile e parte della Consulta della Bicicletta del Comune di Bologna.

Il gruppo non è nuovo a sfide di questo genere e a carattere socioculturale vissute un po’ in tutte le regioni italiane ed anche all’estero: i ciclisti hanno viaggiato in sella da Bologna a Istanbul in un ideale legame tra San Luca e Santa Sofia; nelle aree terremotate dell’Umbria poco dopo il sisma per dare uno stimolo alla ripresa turistica; sul Monte Grappa e i territori della Grande Guerra nell’anno del centenario, fino a Roma in occasione dei giubilei e a Santiago de Compostela. Ora – dopo alcuni rinvii dovuti alla pandemia – il viaggio sino a Capo Nord che, anche a seguito degli eventi bellici in corso, si è voluto caratterizzare con un messaggio di pace e a favore dell’integrazione europea, toccando diverse tappe di interesse storico culturale, tra cui i campi di concentramento a Mauthausen e Terezin, il monumento a Jan Palach a Praga, la Frauenkirche a Dresda, il memoriale della Shoah e i resti del muro a Berlino.
Il viaggio ha il patrocinio del Comune di Bologna, della Città Metropolitana, della Regione Emilia-Romagna e dell’Arcivescovado di Bologna ed è supportato da Cibò. So good!, il progetto di valorizzazione del patrimonio naturalistico, storico e artistico, unito alla tradizione eno-gastronomica italiana.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La benedizione di Francesco per riapertura della porta della spoliazione
Assicura “vicinanza spirituale” e invoca protezione Maria
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ASSISI (PERUGIA)
21 maggio 2022
12:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“In occasione della riapertura, dopo 800 anni, della porta del Santuario della Spogliazione, dove San Francesco d’Assisi rinunciò ai suoi beni e si spogliò delle sue vesti, assicuro la mia vicinanza spirituale e, invocando la protezione della Beata Vergine Maria, di cuore imparto la mia benedizione a quanti prenderanno parte al sacro rito”: è la lettera che Papa Francesco ha scritto al vescovo di Assisi, mons.
Domenico a Sorrentino, in occasione della riapertura della porta nell’antico Vescovado.
Lettera che è stata letta in occasione della cerimonia di riapertura dell’antica porta nei sotterranei del Vescovado di Assisi.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tornano meno di 9 mila attuali positivi Covid in Umbria
Nessun morto e un ricoverato in meno ultimo giorno
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
21 maggio 2022
13:13
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tornano a essere meno di 9 mila in Umbria gli attualmente positivi al Covid.
Sono infatti 8.948 al 21 maggio, 229 in meno di venerdì in base ai dati aggiornati dalla Regione.

Sostanzialmente stabili i ricoverati negli ospedali, 149, uno in meno, con due posti occupati nelle terapie intensive, dato stabile.
Nell’ultimo giorno non sono stati registrati nuovi morti per il virus mentre sono emersi altri 520 casi e 749 guariti.
Analizzati 3.133 tra tamponi e test antigenici, con un tasso di positività del 16,59 per cento (era 16,89 venerdì e 15,39 lo stesso giorno della scorsa settimana).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Puglia 3 morti e 1.632 casi, il 12,4% dei test
Calano positivi e ricoverati, uno in più in terapia intensiva
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
21 maggio 2022
13:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 1.632 i nuovi casi di coronavirus rilevati oggi in Puglia su 13.121 test giornalieri registrati, (con una incidenza del 12,4%) .Tre persone sono morte mentre delle 43.853 (ieri erano 44.868) persone attualmente positive, 359 (ieri 381) sono ricoverate in area non critica e 21 in terapia intensiva, una in più di ieri.
Questa la distribuzione dei nuovi casi per provincia: Bari: 604; Bat: 114; Brindisi: 132; Foggia: 196; Lecce: 328; Taranto: 229.
I residenti fuori regione sono 19 e quelli di provincia in definizione 10.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Elezioni: Berlusconi ai militanti, sarò di nuovo in campo
Appello del Cav per un voto al referendum,’potrebbe riguardare tutti’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
22 maggio 2022
10:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Dopo l’espulsione forzata dal Senato di nove anni fa, sarò di nuovo in campo con voi”.
Questo l’annuncio dato da Silvio Berlusconi alla platea di Forza Italia riunita a Napoli su un suo rinnovato impegno in prima persona alle prossima elezioni Politiche.
“Dobbiamo lavorare per le elezioni 2023 – ha detto Berlusconi tra gli applausi dei militanti – che sono decisive per costruire il futuro che vogliamo”.
“Questo centro-destra è la casa comune di tutti, ma per vincere deve tornare ad avere una forte connotazione liberale, cristiana, garantista europeista ed atlantista. La nostra connotazione, quindi”. E’ quanto invoca Silvio Berlusconi, leader di orza Italia, intervenendo dal palco di Napoli. “Con la sinistra al governo – ha aggiunto – avremmo meno libertà”.
Berlusconi: ‘Gravi conseguenze dalla guerra in Ucraina, no ad aumenti di tasse’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Nella “nostra politica fiscale abbiamo rispettato l’impegno di non permettere mai, in nessun caso, di aumentare le tasse. Anche con l’attuale governo i nostri parlamentari si sono battuti con successo, in seno alla maggioranza, per evitare ogni ipotesi di maggiore tassazione sulla casa scongiurando la tassazione delle unità immobiliari sulla base del loro ‘valore patrimoniale’. E’ stata una battaglia vinta, nonostante le forti opposizioni che abbiamo trovato”. Così il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi dal palco della convention di Forza Italia a Napoli.
“Io rivolgo un appello accorato a tutti gli italiani perché vadano a votare e diano il loro voto su un argomento che, prima o poi, potrebbe riguardarli tutti personalmente”. Così il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, sui referendum sulla giustizia al voto su il 12 giugno, dal palco della convention azzurra a Napoli. E ha aggiunto sono “referendum che potrebbero contribuire a cambiare davvero il rapporto Stato-cittadino e fare dell’Italia un Paese più garantista e quindi più libero. Incredibilmente, di questi referendum si parla poco o nulla”, sottolineando che “incredibilmente si è deciso di votarli in un giorno solo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fi: alla convention c’è Ridge di Beautiful, ‘Voterei Berlusconi. E il Cav lo ringrazia – Politica
Accolto dagli appalusi della platea, ha fatto il suo ingresso nella sala dove è in corso la convention di Forza Italia a Napoli, Ronn Moss, la star della soap ‘Beautiful’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’ultimo giorno dei soldati nel ventre di Azovstal in un video
Scorrono immagini potenti, di distruzione e solitudine
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 maggio 2022
08:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
‘Last day in Azovstal’: è il titolo del video sull’ultimo giorno dei combattenti ucraini nel ventre dell’acciaieria di Mariupol, rilanciato da Ukraine 24.
Scorrono immagini potenti, di distruzione e solitudine, che lasciano immaginare un futuro incerto nelle mani del nemico per quei soldati che fino a poche ore prima hanno lottato fino all’ultima goccia di sangue.    Il video è basato su materiali girati da Dmytro Kozatsky, detto Orest, il soldato-fotografo che prima di lasciare l’impianto siderurgico ha condiviso tutte le foto scattate in due mesi di resistenza dentro l’ultima roccaforte ucraina nella città occupata dai russi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Il girato dura quattro minuti ed è stato montato e pubblicato da Babylon’13 Film Association.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in E-R contagi sotto 2mila, altri quattro morti
Ricoveri stabili in terapie intensive, in calo nei reparti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
21 maggio 2022
15:38
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scendono sotto quota duemila (1.941) i nuovi casi di coronavirus in Emilia-Romagna, rilevati su poco più di 13.600 tamponi nelle ultime 24 ore, età media 46 anni.
Negli ospedali i ricoveri con Covid-19 sono stabili nelle terapie intensive (36, invariati da ieri) mentre sono in calo nei reparti Covid: i pazienti attualmente sono 1.003, 44 in meno da ieri.
Il bollettino quotidiano della Regione registra altri quattro decessi, pazienti ultraottantenni.
Complessivamente sul territorio i casi attivi sono 32.302 (-1.453), dei quali il 97% in isolamento a casa perché con sintomi che non richiedono terapie ospedaliere.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: sbarco a Crotone, in cento trovati su una spiaggia
Veliero non è stato intercettato.Individuati presunti scafisti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CROTONE
21 maggio 2022
15:47
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cento migranti, provenienti prevalentemente da Afghanistan e Iran, sono stati trovati sulla spiaggia di Gabella, località a nord di Crotone.
I profughi erano approdati sulle coste della Calabria al termine di una traversata a bordo di un un veliero proveniente dalla Turchia.

Lo sbarco è avvenuto in modo autonomo e l’imbarcazione non è stata intercettata dalle forze dell’ordine. La medesima circostanza si era verificata sullo stesso tratto di litorale lo scorso 18 maggio.
I migranti che in parte si erano allontanati dalla spiaggia sono stati rintracciati nelle campagne dalla Polizia avvertita dai residenti della presenza di persone arrivate sulla battigia.
Tra profughi ci sono 18 donne e dodici minori. Due turchi sono stati individuati e vengono ritenuti i presunti scafisti dell’imbarcazione. Le operazioni previste in questi casi, coordinate dalla Prefettura di Crotone, sono state svolte dall’Ufficio immigrazione della Questura e dalla Polizia scientifica.
I migranti sono stati condotti nel Centro di accoglienza di Isola Capo Rizzuto dove rimarranno per trascorrere i 5 giorni di quarantena previsti dal protocollo anti covid. Quello di oggi è l’ottavo sbarco in una settimana che avviene nel crotonese.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Australia: Albanese sarà il primo premier di origini italiane
Il padre era di Barletta, ma lo conobbe solo nel 2006
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
21 maggio 2022
17:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Anthony Albanese, leader del partito laburista e neo vincitore delle elezioni in Australia, sarà il primo premier di origini italiane a guidare il Paese.
Il padre, Carlo Albanese, era infatti di Barletta.
Anthony tuttavia lo ha conosciuto soltanto anni dopo, poco prima della sua morte in Italia nel 2014, perché l’uomo ha abbandonato lui e la madre, Maryanne Ellery, poco dopo la sua nascita. Per evitare ‘lo scandalo’ nell’Australia degli anni ’60 e all’interno di una famiglia molto cattolica, fu messa in giro la notizia che Carlo era morto in un incidente d’auto poco dopo il matrimonio in Europa.
Soltanto quando aveva 14 anni Anthony, che gli amici chiamano ‘Albo’, seppe la verità dalla madre: Carlo faceva lo steward su una nave da crociera quando conobbe Maryanne nel 1962 durante l’unico viaggio oltreoceano della sua vita in Asia ed Europa.
Tornata a Sidney era single e incinta di quattro mesi come racconta la biografia del 2016, ‘Albanese: Telling it Straight’.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Giorgio Napolitano, operato a Roma il presidente emerito
Spallanzani: “E’ sveglio e con quadro clinico stazionario’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
21 maggio 2022
20:24
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente emerito della Repubblica Giorgio Napolitano, 96 anni, è stato operato all’addome all’ospedale Spallanzani di Roma.
L’intervento è stato eseguito dall’equipe del professor Giuseppe Maria Ettorre, ne ha dato notizia lo stesso nosocomio.
“L’intervento, condotto con tecnica mininvasiva, è riuscito – si legge nel comunicato – Attualmente il paziente è ricoverato presso la terapia intensiva dell’Inmi Spallanzani. Il presidente è sveglio con quadro clinico stazionario. La prognosi resta riservata”. Il professor Ettorre è uno dei massimi esperti nel campo della chirurgia oncologica, di quella epatobiliare e dei trapianti di fegato. Napolitano, ha detto il chirurgo, “sta bene ed ha superato l’operazione. Le sue condizioni sono compatibili con quelle di un paziente della sua età”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
È il secondo intervento per Napolitano da quando ha lasciato la presidenza della Repubblica, all’inizio del 2015, dopo due anni del secondo mandato. Il 24 aprile del 2018, infatti, nove giorni dopo aver parlato con il presidente Mattarella al Quirinale per le consultazioni dopo le elezioni, il senatore a vita è stato ricoverato all’ospedale San Camillo di Roma per un improvviso malore ed ha subito un complesso intervento all’aorta, eseguito dal professor Francesco Musumeci. Fu dimesso il 22 maggio. Da allora l’ex inquilino del Colle ha diradato la sua presenza fisica a Palazzo Madama, pur continuando a seguire la vita politica. Il 16 ottobre successivo era in Aula ad ascoltare il premier Giuseppe Conte per le comunicazioni in vista del Consiglio Europeo e la presidente Casellati lo salutò affettuosamente sottolineando la sua “passione istituzionale”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Anche nelle consultazioni condotte dal capo dello Stato per la nascita dei governi Conte II, nel 2019, e Draghi, nel 2021, seppure telefonicamente, Mattarella ha sentito il consiglio del suo predecessore. E al momento di entrambi i voti di fiducia Napolitano – pur assente in aula “per motivi di salute”, come egli stesso disse – volle far conoscere pubblicamente il suo appoggio ai due esecutivi. Sempre da casa, il 3 febbraio scorso seguì “con partecipazione” la cerimonia di insediamento per il secondo mandato alla presidenza della Repubblica di Mattarella, con il quale si era congratulato quattro giorni prima, subito dopo la rielezione. A Napolitano sono arrivati, direttamente e attraverso i social, gli auguri di esponenti politici e di semplici cittadini.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 23.976 positivi, 91 le vittime
Tasso al 10,3%, in calo terapie intensive
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
21 maggio 2022
17:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 23.976 i nuovi contagi da Covid registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute.
Ieri erano stati 26.561.
Le vittime sono invece 91 rispetto alle 89 di ieri. I tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati sono stati 231.931. Il tasso di positività è al 10,3%, in calo rispetto al 11,4% di ieri. Sono 301 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, sei in meno rispetto a ieri nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri sono 20. I ricoverati nei reparti ordinari sono 6.570 (ieri 6.812), ovvero 242 in meno in rispetto a ieri.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fi: alla convention c’è Ridge di Beautiful, ‘Voterei Berlusconi’. E il Cav lo ringrazia
A Napoli il popolare attore americano Ronn Moss che ha investito in Puglia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
21 maggio 2022
18:25
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Accolto dagli applausi della platea, ha fatto il suo ingresso nella sala dove è in corso la convention di Forza Italia a Napoli, Ronn Moss, la star della soap ‘Beautiful’ in cui interpreta il personaggio di Ridge.
“Sono molto felice di essere qui – ha detto salendo sul palco – e ringrazio Silvio Berlusconi.
Se fossi residente in Italia non avrei dubbi, voterei per lui”.
Nel suo intervento Moss ha testimoniato il suo amore per la Puglia che lo ha portato di recente a investire in una masseria del XVIII secolo tra Fasano e Monopoli.
“Grazie a Ronn Moss per le sue parole e per aver voluto partecipare alla convention di Forza Italia a Napoli. Beautiful!”. Così su Instagram il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi ha ringraziato l’attore protagonista della serie tv ‘Beautiful per la fiducia espressa nei suoi confronti dal palco della manifestazione azzurra. Quindi ha postato una foto insieme a lui alla fiera d’Oltremare.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Giorgio Napolitano, una vita in politica
Dalla dirigenza del PCI al bis al Quirinale
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
21 maggio 2022
20:03
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Una vita lunga e intensa percorsa da Napoli, dove è nato il 29 giugno 1925, a Roma sempre in compagnia della moglie Clio, conosciuta negli anni ’50.
Il primo presidente nella storia repubblicana ad essere stato eletto due volte al Quirinale.
Un bis storico per un esponente politico che viene dal partito comunista e che con il tempo ha saputo convincere tutti con il suo pragmatismo, l’ammirazione per gli Stati Uniti (dove era considerato un saldo punto di riferimento atlantico) e la sua eleganza “british”.
Ben 96 anni per un presidente in realta’ poco ‘napoletano’ nel senso popolare del termine: uomo riservato, ne’ ciarliero ne’ estroverso, ‘Giorgio il migliorista’ quasi volava nei corridoi del Quirinale dove – in verita’ – di rado appariva. E quando appariva molti lo temevano, per la scrupolosita’ a tratti sconfinante in una pignoleria incapace di delegare. Un presidente mai sopra le righe, attentissimo sul lavoro, garbato nei modi ma inflessibile nelle sue decisioni. Un uomo tutto d’un pezzo del Novecento, merce sempre piu’ rara in questo nuovo millennio.
La storia di “Giorgio l’inglese” – un comunista d’esportazione, volto ideale per sdoganare all’estero il vecchio Pci – nasce da lontano e va ben oltre i nove anni passati al Colle: primo dirigente comunista ad ottenere il visto per gli Stati Uniti, ammiratore della cultura anglosassone, ottima padronanza dell’inglese, Napolitano ha sempre amato la politica estera conquistando il rispetto delle Cancellerie. Uno “standing” internazionale guadagnato nel tempo, partendo da lontano e da ruoli politicamente connotati in quegli anni di forti contrapposizioni. Partendo dalla sua Napoli, dove avvenne l’entrata nel Pci attraverso il viatico del ”servizio d’ordine” al congresso regionale. E da li’ a breve attraverso una lunghissima attivita’ parlamentare che lo ha portato al vertice delle istituzioni repubblicane.
Ma il passaggio che lo consegnera’ alla storia come ‘re Giorgio” (cosi’ lo incorono’ il New York Times accostandolo a Giorgio VI, il sovrano divenuto simbolo della resistenza britannica ai nazisti) e’ quello che nel novembre 2011 porta Mario Monti a palazzo Chigi. I critici parlarono di Repubblica presidenziale, di eccessivo ‘interventismo’ e di interpretazione estensiva delle sue prerogative. I sostenitori la giudicarono una mossa determinante per evitare che il Paese, spinto sull’orlo del baratro sull’onda della crisi del debito sovrano, precipitasse.
Fu lui poi a rompere il tabu’ di un doppio mandato alla presidenza della Repubblica, quasi costretto – gia’ in eta’ avanzata – dalla crisi della politica che si dimostro’ incapace di esprimere un nome condiviso nel voto delle Camere. Era il 20 Aprile del 2013 e al sesto scrutinio avvenne la sua rielezione con l’ampia maggioranza di 738 voti favorevoli su 997 votanti. Alla scadenza di ogni settennato, l’idea di lasciare sul Colle piu’ alto l’inquilino di turno si e’ sempre manifestata; eppure il ‘bis’ al Quirinale fino ad allora non era riuscito mai a nessuno.
Fin qui l’attivita’ politica. Ma il Napolitano privato e’ strettamente connesso con Napoli, seppur da decenni viva a Roma nel rione Monti. La Napoli degli studi giovanili, quella del liceo Umberto, e quella degli amici di sempre, quella dei musei, ma anche quella delle tradizioni, come la tazzina di caffe’ al Gambrinus. Cosi’ come Giorgio Napolitano non ha mai rinunciato alle sue visite ad uno dei marchi storici della napoletanita’ , Marinella, dove ama comprarsi le cravatte. Al punto da essersi piu’ volte definito ‘un vero testimonial’ dell’azienda con sede alla Riviera di Chiaia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Saviano, ho raccontato l’uomo ‘normale’ che era Falcone
Folla per la presentazione di ‘Solo è il coraggio’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
22 maggio 2022
01:01
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La storia di Giovanni Falcone la conoscono in tanti, forse tutti, ma io con questo libro ho cercato di raccontarla in modo diverso, parlandone come un uomo ‘normale’, che amava la vita, il teatro, la lirica, il mare, gli amici.
Ho scritto questo libro pensando a chi lo legge, per arrivare al suo cuore, perché si possa identificare con quella fame di vita, di felicità, di cambiamento per rendere più bella la vita di tutti, attraverso la legalità e il senso civico”.
Lo ha detto Roberto Saviano, accolto dalla solita folla al Salone del Libro di Torino. Il pubblico si è messo in coda due ore prima senza spaventarsi della temperatura caldissima di oggi per un incontro iniziato con 50 minuti di ritardo a causa della bonifica dell Sala.
Saviano ha presentato il suo ultimo libro ‘Solo è il coraggio’ (Bompiani), uscito il 27 aprile e subito finito al primo posto tra i libri venduti in Italia, oggi slittato al secondo dietro la new entry, ‘Gotouge’ di Star Comics.
Saviano ha spiegato di aver deciso