Politica tutte le notizie in tempo reale! TUTTA LA POLITICA SEMPRE IN DETTAGLIO SEMPRE AGGIORNATA! DA NON PERDERE! LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento 15 Settembre, 2020, 22:13:04 di Maurizio Barra

Tempo di lettura: 18 minuti

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 02:02 ALLE 22:13 DI MARTEDì 15 SETTEMBRE 2020

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Il ritorno in classe, Mattarella a Vo’: ‘Scuola sfida decisiva per la ripartenza del Paese”
La prima campanella dopo 6 mesi. Il ritorno a scuola a Codogno, Alzano e Nembro, i sindaci: ‘apertura è segno di ripartenza’. Azzolina: ‘Andrà tutto bene’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 settembre 2020
02:02
AGGIORNATO ALLE
12:03
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Riparte la scuola per 5,6 milioni di alunni con entusiasmo e qualche criticità. Il presidente Mattarella a Vo’ Euganeo con la ministra Azzolina che si commuove: ‘E’ una sfida decisiva per la ripartenza del paese, non ci si può dividere sulla scuola’. E ricorda Willy’. Conte: ‘abbiamo fiducia’. Secondo dati delle associazioni di categoria mancano quasi 100mila cattedre. In serata riunione a Palazzo Chigi: ‘C’è soddisfazione, affrontati i nodi’. Primi casi di positività e di chiusura con quarantena, da Trieste alla Toscana alla provincia di Bari. In Liguria il governatore Toti posta su Facebook il caso di bambini costretti a scrivere in ginocchio perché mancano i banchi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nella riunione del premier Conte e dei ministri sulla scuola “si è preso atto, con soddisfazione, che la scuola è ripartita e che le attività scolastiche sono riprese in modo ordinato, nel rispetto delle regole sanitarie. Sono stati affrontati tutti i vari nodi relativi all’organizzazione e alla ripartenza della scuola, dai trasporti alle modalità di ingresso e uscita dagli istituti scolastici, dalla fornitura di banchi e mascherine fino alle questioni più strutturali che riguardano il mondo scolastico”. Lo si legge in una nota di Palazzo Chigi.
“Sono stati aggiornati i numeri del materiale sin qui distribuito: ad oggi sono state fornite gratuitamente 136 milioni di mascherine chirurgiche nelle scuole di tutta Italia e, inoltre, 445mila litri di gel igienizzante. Ogni giorno verrà assicurata la distribuzione gratuita di una mascherina chirurgica ad ogni studente. La distribuzione proseguirà con cadenza settimanale. Lo sforzo compiuto è imponente e assicurerà le condizioni di sicurezza per tutti gli studenti”, si legge nella nota.
“Anche la fornitura dei banchi monoposto e delle sedute innovative procede senza sosta. In dieci giorni sono stati messi a disposizione 200 mila banchi, pari alla stessa quantità che ordinariamente viene prodotta in Italia in un anno intero. Entro fine ottobre saranno distribuiti agli istituti scolastici 2 milioni di banchi monoposto e 400mila sedute innovative. In questo modo verranno soddisfatte le richieste pervenute, anche di quelle Regioni che hanno richiesto sino al 70% del ricambio degli arredi scolastici”. Lo si legge in una nota di Palazzo Chigi, al termine del vertice del premier Giuseppe Conte con i ministri sul primo giorno di scuola.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Vo’ capitale d’Italia della scuola”: l’investitura viene dal capo dello Stato Sergio Mattarella, giunto oggi nella cittadina euganea che fu una delle prime zone rosse e contò la prima vittima italiana del Covid-19, oggi simbolo della ripartenza del Paese con la cerimonia per il nuovo anno scolastico. Scelta simbolica per la ventesima edizione dell’incontro, che ha visto la presenza delle più alte cariche dello Stato, oltre a Mattarella anche la presidente del Senato Elisabetta Casellati, la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, il ministro Federico D’Incà, il sottosegretario Andrea Martella, autorità locali, personaggi dello spettacolo e dello sport. Una cerimonia – trasmessa su Raiuno – che non poteva non essere incentrata sulla ‘ripartenza’ nelle aule dopo la sofferenza del lockdown, ma che ha toccato anche i temi di più stretta attualità, con un forte richiamo all’omicidio di Willy Duarte.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sul prato dell’istituto “Guido Negri” molti bambini e ragazzi delle scuole del comprensorio, testimoni in prima persona della forzata clausura. “L’inaugurazione dell’anno scolastico, mai come in questa occasione – ha sottolineato Mattarella – ha il valore e il significato di una ripartenza per l’intera società. Lo avvertono i ragazzi, lo comprendono gli adulti e le istituzioni. Ci troviamo di fronte a una sfida decisiva”.
La chiusura forzata della scuole, ha precisato “è stata dolorosa. Necessaria e dolorosa. La scuola ha nel suo dna il carattere di apertura, di socialità, di dialogo tra persone, fianco a fianco”, e in particolare per gli allievi con disabilità: “Per tanti di loro le rinunce hanno avuto un costo altissimo, a volte non sopportabile”, ha detto, indicando il peso per le famiglie, e soprattutto sottolineando che “l’attenzione a questi studenti dovrà essere inderogabile, a cominciare dall’assegnazione degli insegnanti di sostegno”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente ha anche parlato della brutale uccisione di Colleferro. “Siamo sconvolti – le parole di Mattarella – per la morte di Willy, pestato a morte per aver difeso un amico contro la violenza. Il suo volto sorridente resterà come un’icona di amicizia e di solidarietà, che richiama i compiti educativi e formativi della scuola e dell’intera nostra comunità. La scuola, la cultura, il confronto continuo – ha concluso – sono anche antidoti al virus della violenza e dell’intolleranza, che può infettare anch’esso la comunità se viene ridotta l’attenzione”.
L’INAUGURAZIONE DELL’ANNO SCOLASTICO A VO’ EUGANEO  Oggi in dodici regioni più la provincia di Trento 5,6 milioni di studenti (su 8,3 totali) hanno sentito il suono della prima campanella che segna l’inizio dell’anno scolastico più difficile perché banco di prova per l’emergenza coronavirus. ‘Gli studenti hanno tanta voglia di tornare in classe e riappropriarsi della socialità. Questo sarà un anno complesso, lo sappiamo, ma abbiamo lavorato tanto e costruito una strategia di prevenzione che funzionerà se ognuno farà responsabilmente la propria parte. Essere a Vò è un segnale importante per un territorio che ha sofferto ma che non ha mai abbandonato gli studenti. Sarà una bellissima giornata”. Così Azzolina augurando buon anno scolastico a studenti e studentesse.
“Oggi è una giornata importante per la comunità nazionale, a cui guardiamo con fiducia e entusiasmo: certo, non lo nascondiamo ci sono criticità ma il monitoraggio è costante e stasera faremo già un primo bilancio. Voglio però dire che mai come quest’anno stiamo investendo molto nella scuola”. Così il premier Giuseppe Conte al termine del convegno a cui ha preso parte presso l’ambasciata italiana presso la santa sede.
“La mancanza della scuola reale, per questi lunghi sei mesi, ci ha evidenziato ancora di più la sua importanza per la società. Ed è per questo che oggi voglio dire con forza: basta con le incertezze. Tenere aperte le scuole tutti i giorni e senza criticità deve essere una priorità per tutti, perché stare in classe significa condivisione, crescita psicologica e sociale. Da qui riparte il Paese ed insieme le speranze dell’Italia. Buona scuola a tutti!”. Lo dice la presidente del Senato Elisabetta Alberti Casellati in un videomessaggio che ha pubblicato sui suoi canali social con una riflessione sulla riapertura della scuola. “Oggi è una giornata importante e a lungo attesa.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gli istituti scolastici ricominciano ad accogliere i loro studenti che dall’inizio dell’emergenza sanitaria non avevano più potuto farvi rientro”. Lo afferma il Presidente della Camera dei deputati, Roberto Fico, in occasione dell’inizio del nuovo anno scolastico. “Ripartire dalla scuola significa far ripartire tutto il nostro Paese”, aggiunge. “La scuola deve essere al centro dell’agenda politica. È dalla sua vitalità, dalla sua qualità che dipende il futuro del Paese. Solo in questo modo potremmo restituire all’istruzione scolastica il suo valore: quello di strumento indispensabile per la costruzione di una società migliore e più coesa”, sottolinea il presidente della Camera.
Primo giorno di scuola anche per il figlio del premier Giuseppe Conte, Niccolò, arrivato alla scuola media Belli -Col di Lana, nel quartiere Prati, dove frequenta la classe terza. I ragazzi sono stati accolti dalla dirigente scolastica. Il presidente del Consiglio, atteso da telecamere e giornalisti all’entrata dell’istituto, non si è visto. Uno striscione con la scritta “Voce agli studenti” in nero e rosso è comparso stamane, prima dell’inizio delle lezioni, anche davanti ad uno degli ingressi laterali della scuola media Belli-Col Di Lana, frequentata dal figlio del premier Giuseppe Conte, dove oggi sono riprese le lezioni per le classi terze. Pochissimi i ragazzi dietro allo striscione, che si sono lasciati riprendere dai fotografi e poco dopo hanno tolto l’insegna.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CODOGNO -Alle otto di questa mattina i circa 4000 studenti di Codogno, da quelli che frequentano la scuola primaria a quelli delle superiori, come l’Istituto Tecnico Agrario Tosi, sono ritornati sui banchi. Le scuole del comune dove è stato accertato il primo caso di Coronavirus in Italia sono state chiuse chiuse a partire dal 22 febbraio scorso, il giorno dopo l’accertamento del primo caso di Coronavirus in Italia. E lo stesso è accaduto per gli altri nove comuni poi isolati in zona rossa. Al suono della campanella che dà il via alle lezioni il sindaco Francesco Passerini accompagnato dagli assessori all’Istruzione e ai Lavori Pubblici che in questi mesi, assieme al dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo (scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado), hanno organizzato la riapertura nel rispetto delle norme anti-Covid, girerà per alcune scuole per l’ augurio di “buon inizio” agli allievi perchè “sarà un anno delicato e complicato”. Per l’occasione il sindaco donerà alla scuola media Ognissanti 5 mila mascherine chirurgiche. E proprio a proposito di mascherine tra non molto dovrebbero arrivare quelle biodegradabili, “in modo da preservare l’ambiente. E’ già stata contattata un’azienda lombarda che le produce e siamo in attesa del preventivo”.
NEMBRO – “Oggi viviamo una grande emozione, che ho letto, oltre le mascherine, negli sguardi dei ragazzi che entravano nei cancelli. La riapertura delle scuole è il segno più evidente della ripartenza in questo nostro territorio così martoriato”. E’ il commento di Claudio Cancelli, sindaco di Nembro, che stamattina sta seguendo la riapertura della scuola. “Tutta la comunità – aggiunge il primo cittadino – ha contribuito a questa ripartenza, che è il segno più evidente del ritorno alla normalità. Le scuole, ma anche i genitori e tanti volontari hanno aiutato, nei giorni scorsi, per questo riavvio. Perché tutti ne siamo entusiasti ed emozionati”.
ROMA – Per il primo giorno di scuola, i rgagazzi della Rete degli studenti medi del Lazio si è mobilitata organizzando flash mob in alcune scuole a Roma e in tutto il Lazio. “Ormai da diversi mesi – spiegano – viviamo in una situazione di assoluta incertezza e precarietà: indicazioni poco chiare, banchi e organico non sufficienti e trasporti pubblici che non garantiranno la sicurezza”. I flash mob chiedono di ascoltare le proposte lanciate dalla Rete degli Studenti del Lazio con un appello nelle scorse settimane. Alla mobilitazione hanno partecipato anche studentesse e studenti il cui rientro è stato posticipato da ordinanze comunali o dei Consigli di Istituto: “non basta rimandare la data di riapertura delle scuole, serve un investimento strutturale nella scuola per garantire a tutte e tutti il diritto allo studio in sicurezza”, dicono i ragazzi.  Qualche assembramento e un po’ di traffico per il primo giorno di scuola della ‘Giacomo Leopardi’ di Roma. L’istituto comprensivo pubblico ‘Parco della Vittoria’, che si trova all’interno del parco naturale di Monte Mario, lungo la via Trionfale, comprende sia una materna comunale che una scuola primaria: per le due scuole gli ingressi sono stati scaglionati e divisi; la scuola dell’infanzia, in particolare, deve sfruttare un cancello posteriore. Secondo le norme della scuola, i bambini devono essere accompagnati da un genitore fino alla porta della classe, ma senza poter entrare in aula; prima dell’ingresso viene misurata la temperatura a bimbi e ad adulti, e il dato viene registrato su un foglio che poi deve essere firmato. Questo, spiega la madre di un bambino della materna, unito ai dubbi del personale sulle corrette procedure da mettere in atto, ha creato assembramenti di genitori all’ingresso.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il problema sollevato dalle maestre invece è più di ordine didattico: l’obbligo di distanziamento e di mascherina toglie alle docenti la possibilità di abbracciare e toccare fisicamente i bambini, oltre che di mostrare loro le espressioni del volto, il che, specie con i più piccoli, può creare delle difficoltà. Infine, disagi al traffico: la stretta via asfaltata che dalla Trionfale sale al complesso della scuola nel parco è stata interdetta al traffico dai vigili urbani dalle 8 alle 8,30 per evitare intasamenti tra chi sale e chi scende, e così sarà anche nei prossimi giorni. Questo ha creato congestioni nelle vie limitrofe, dove i genitori hanno dovuto lasciare le auto per accompagnare i figli a piedi lungo la salita.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO- ‘Bentornati/e! (..ma come?’). “Siamo tornati (…ma come?)”. È quanto si legge sugli striscioni appesi davanti a numerosi licei di Milano, dall’Agnesi al Manzoni, dal Berchet al Tito Livio, dal Vittorio Veneto al Vittorini, firmati dai collettivi delle scuole o da Rsm, la Rete degli studenti di Milano.Gli studenti protestano contro le regole decise dal governo per la riapertura delle scuole che vietano momenti di socialità come l’intervallo e, per questo, hanno indetto anche una manifestazione che si terrà il 25 settembre.
TORINO- “Febbre misurata, autocertificazione firmata”. Anche a casa del governatore del Piemonte, Alberto Cirio, ci si prepara all’inizio dell’anno scolastico rispettando l’ordinanza regionale che impone alle famiglie di certificare la temperatura dei figli e alle scuole di verificarla. “In casa Cirio ci si prepara per andare a scuola”, scrive sul suo profilo Facebook il presidente della Regione, commentando la foto in cui misura la temperatura alla figlia. L’ordinanza regionale ha suscitato nei giorni scorsi numerose polemiche, ma le scuole si sono adattate alle disposizioni. Al momento, viene segnalata qualche coda di studenti all’ingresso di alcuni istituti, ma in generale non risultano esserci state particolari criticità.Molte le scuole che si sono attrezzate con termoscanner, differenziando gli ingressi per evitare gli assembramenti.
GENOVA – “Tutto è scuola: tutto fa diventare grandi. La didattica non si è fermata nei mesi scorsi, il resto purtroppo sì. Riprendetevi quel tempo e osservate con attenzione tutte le regole sanitarie che sono previste: non vogliamo più vedere banchi vuoti!”. Così il sindaco di Genova Marco Bucci augura, dalle sue pagine social. un buon inizio di scuola agli studenti, agli insegnanti e al personale scolastico genovese. “Cari ragazzi – scrive Bucci -, l’emozione che state per provare rientrando a scuola dopo tanti mesi sarà unica! Un momento particolare delle vostre vite nel quale ritroverete amici, compagni e insegnanti. Godetevi questo giorno importante, tornate a vivere la scuola apprezzandone ogni momento: dal viaggio da casa alla mattina, al momento in cui tornerete per raccontare ai vostri genitori quelli che è successo”. IL sindaco conclude con un ringraziamento “per l’impegno e la dedizione” a “maestri e professori e al personale delle scuole di Genova”
NORCIA – Il nuovo anno scolastico in tempi di Covid a Norcia è iniziato con una doppia inaugurazione: quella dell’istituto superiore temporaneo “De Gasperi-Battaglia” e della definitiva scuola materna. Due nuovi plessi che permettono a tutti gli alunni di frequentare le lezioni in presenza. La struttura delle Superiori dà anche, dopo il sisma del 2026, di dare una collocazione certa agli studenti, molto dei quali costretti in questi anni a fare lezione prima nelle tende e poi nei container.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Manfredi, mascherina in atenei, nessun calo iscritti
Il ministro, in alcune università del Sud aumento iscrizioni
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 settembre 2020
16:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Bisogna misurare la temperatura a casa, in tutti gli Atenei ci sarà una turnazione nelle aule e nella maggior parte c’è un’app per prenotarsi per seguire le lezioni in presenza. E c’è l’obbligo di indossare sempre la mascherina, anche da seduti”. Il ministro dell’Università e Ricerca Gaetano Manfredi rassicurai sul ritorno negli Atenei in un’intervista a Iene.it. “Dai dati che abbiamo ad oggi, parziali, non c’è un calo delle iscrizioni: le misure prese hanno funzionato e gli studenti hanno ancora fiducia nell’Università. “Il dato preciso non lo abbiamo ancora. Al Nord non c’è un calo degli iscritti, ma c’è stata una maggiore persistenza nelle regioni d’origine: a Catania per esempio l’incremento delle iscrizioni è del 5%. Dobbiamo analizzare questi numeri”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Conte a Norcia per visita scuola
Premier incontrerà studenti su piazzale antistante istituto
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NORCIA (PERUGIA)
15 settembre 2020
16:40
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a Norcia in visita privata alla nuova scuola superiore temporanea “De Gasperi- Battaglia”. Il premier ha visitato le aule e ha incontrato sul piazzale antistante il plesso alcuni studenti. Il presidente si era occupato in prima persona del progetto dopo che a inizio anno, prima del lockdown, la preside Rosella Tonti, insieme a una delegazione di alunni e docenti era andata Palazzo Chigi per protestare sulla lentezza dei lavori. In quell’occasione Conte si era impegnato per portare a termine il cantiere in pochi mesi. La nuova scuola è stata inaugurata ieri in occasione dell’avvio del nuovo anno scolastico.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Debito pubblico record. Gualtieri, scenderà nel 2021
Bankitalia, a 2.560,5 miliardi a luglio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 settembre 2020
13:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo record del debito pubblico, che a luglio ha raggiunto i 2.560,5 miliardi, in aumento di 29,9 miliardi rispetto al mese precedente a fronte di un fabbisogno del mese di 7,9 miliardi.
Lo si legge nella pubblicazione ‘finanza pubblica’ di Bankitalia. Iil ministro dell’Economia Roberto Gualtieri ,in audizione alla Camera sul Recovery Fund, ha confermato “l’intendimento di conseguire una significativa discesa del rapporto debito/Pil non solo nel primo anno di recupero dell’economia che auspichiamo sia il ’21: questa discesa vogliamo che continui anche negli anni successivi onde rientrare guradualmente sui livelli prepandemici e nel lungo termine conseguire una ulteriore riduzione”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Poste, inaccettabili accuse Antitrust, ‘esterrefatti’
Raccomandate, sconcertante il riferimento a danni alla Giustizia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 settembre 2020
14:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono “inaccettabili i contenuti del comunicato” dell’Autorità Antitrust”, ed è “sconcertante il riferimento ai gravi danni al sistema Giustizia del Paese” legato alla sanzione resa nota da oggi dall’Autorità per la Concorrenza sulla consegna delle raccomandate. Poste italiane replica con durezza all’Antitrust preannunciando che “tutelerà, con fiducia nel sistema giudiziario italiano, la propria immagine e reputazione, i propri diritti e la correttezza delle proprie condotte” con un ricorso al Tar Per l’azienda lascia “esterrefatti” il riferimento ai danni alla Giustizia, ed anche perché – sottolinea – per le notifiche di atti giudiziari “come dovrebbe essere noto, trattasi di un servizio del tutto differente dalle raccomandate,”, tema dell’istruttoria.
Per Poste “è priva di qualsiasi fondamento l’ipotesi secondo la quale l’azienda avrebbe posto in essere azioni che ingannino i clienti in merito alle caratteristiche del prodotto raccomandata”. L’azienda sottolinea di aver consegnato nel 2019 oltre 120 milioni raccomandate “ricevendo, nel medesimo periodo, meno di 1000 reclami relativi agli avvisi di giacenza, pari allo 0,00008% del totale delle raccomandate regolarmente gestite”.
L’azienda respinge poi con fermezza il riferimento dell’Antitrust al servizio di consegne ducente l’emergenza lockdown: “Poste Italiane “rivendica con orgoglio, l’attività svolta nel pieno dell’emergenza sanitaria dai propri dipendenti, che hanno prestato servizio in ogni zona del Paese e in ogni condizione senza mai interrompere un’attività essenziale per la vita dei cittadini, delle imprese e della pubblica amministrazione, seguendo scupolosamente l’evoluzione della normativa emergenziale adottata dal legislatore”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Recovery plan:Bonafede,Conte ha ragione,cambiamo vita Paese
Conquistata chance per ripartenza, ora realizziamo risultati
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
15 settembre 2020
14:58
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il presidente Conte ha perfettamente ragione, abbiamo vissuto un momento difficile, il popolo italiano ha reagito diventando un modello per tutto il mondo ora dobbiamo cogliere l’occasione del recovery plan”. Lo ha detto il ministro della giustizia Alfonso Bonafede commentando, a Napoli, le dichiarazioni del presidente del Consiglio che ha detto “se perdiamo la sfida del recovery plan mandateci a casa”.
“In questa fase di ripartenza – ha detto Bonafede – che abbiamo conquistato con il recovery plan, dobbiamo realizzare investimenti che possano cambiare in meglio la vita del Paese.
Conte ha fatto tanto per poter ottenere questa chance per il Paese, ora dobbiamo lavorare per realizzare risultati concreti”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Referendum: Di Maio, è una riforma per i cittadini
E’ stata votata da tutte le forze politiche, rilancia il Paese
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 settembre 2020
14:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Questa è una riforma per i cittadini. È una riforma votata da tutte le forze politiche. È una riforma che rilancia il Paese, lo modernizza, lo rende competitivo, lo riallinea agli standard europei e ci farà risparmiare 300 mila euro al giorno”. Lo sottolinea, in un post su Fb, il ministro degli esteri Luigi Di Maio ricordando che da oggi fino a venerdì sarà “in Campania, tra la gente, in piazza, per spiegare a tutti, in maniera trasparente, le ragioni del SÌ al taglio di 345 parlamentari”.
“Stanno circolando diverse fake news, messe in giro ad arte dai fautori del No. Le stiamo smascherando una ad una, perché noi abbiamo motivazioni che vanno oltre le solite logiche opportunistiche di chi sta rinchiuso nei palazzi”, aggiunge Di Maio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Abi, ad agosto accelerano prestiti banche, +3,9%
Allungare termini moratorie. Visco a esecutivo mercoledì
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 settembre 2020
15:17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Accelerano, ad agosto, i prestiti bancari a famiglie e imprese. Effetto anche delle misure anti Covid varate dal governo che sostengono i finanziamenti bancari.
Secondo il rapporto mensile Abi sono saliti del 3,9% contro il +3,2% del mese precedente. lI totale dei prestiti a residenti in Italia (settore privato più Amministrazioni pubbliche) ad agosto è salito a 1.704 miliardi di euro (+2,7%). E l’Abi ribadisce la sua richiesta di aumentare i termini delle moratorie in modo che le imprese possano agganciare la ripresa prima di dover tornare a pagare i finanziamenti, evitando così rischi di un ritorno dell’aumento degli Npl. Commentando il rapporto mensile Abi, dove gli Npl sono tornati ai livelli del 2009 a 24,6 miliardi di euro, il vice dg Giafranco Torriero ha spiegato “come attendiamo quanto dirà domani il governatore Ignazio Visco” atteso all’esecutivo Abi, “c’è attenzione da parte tutto il settore a che le condizioni di ripresa vengano agganciate”.  VAI ALLE NOTIZIE DAL MONDO  VAI ALLA CRONACA  VAI ALL’ECONOMIA  VAI ALLA TECNOLOGIA  VAI ALLE PREVISIONI METEO INTERATTIVE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Misurazione febbre a scuola, governo impugna ordinanza Cirio
Azzolina e Speranza contro provvedimento Regione Piemonte
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
15 settembre 2020
16:14
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il ministero dell’Istruzione ha impugnato l’ordinanza della Regione Piemonte, al centro delle polemiche nei giorni scorsi, che obbliga le scuole a verificare la temperatura degli studenti e alle famiglie di certificarla.
Lo si apprende da ambienti della Regione Piemonte. Nei giorni scorsi il ministro Azzolina aveva definito l’ordinanza “intempestiva e inopportuna”, preannunciando l’intenzione di impugnare il provvedimento.
OItre che dal ministro Azzolina, secondo quanto si apprende, l’impugnativa è firmata anche dal ministro della Salute, Roberto Speranza. “Se l’ordinanza del Piemonte sarà impugnata ci difenderemo nelle sedi opportune”, aveva detto il governatore Alberto Cirio di fronte all’ipotesi dell’impugnativa. “Crediamo di essere nel giusto – aveva aggiunto -. Io penso di avere dalla mia la ragione, perché si tratta della tutela della salute dei piemontesi. Questa non è una scelta mia personale, è una decisione condivisa dal mondo medico e scientifico”.  PIEMONTE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Recovery:Gualtieri, non tanti microprogetti ma pochi grandi
Saranno anche collegati da una logica a missione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 settembre 2020
17:16
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non faremo centinaia di microprogetti ma pochi grandi progetti, a loro volta questi saranno anche collegati da una logica a missione, quello che conta non è la logica burocratica del singolo progetto ma l’obiettvo complessivo che si vuole ragiungere che richiede poi un intreccio di investimenti, riforme, policy”. Così il ministro dell’Econmia Roberto Gualtieri in audizione alla Camera sul Recovery Fund, rispondendo alle domande dei deputati delle commissioni Bilancio e Finanze della Camera sulle indiscrezioni su centinaia di proposte avanzate da parte dei ministeri. “Sono uscite – ha precisato – parti di documentazione molto datata totalmente preliminare, che appartiene a una fase totalmente superata che hanno interesse relativo”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Test obbligatori Sardegna, Governo impugna ordinanza
Avvocato dello Stato deposita ricorso al Tar Sardegna
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
15 settembre 2020
19:32
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’Avvocatura dello Stato ha depositato l’atto di impugnazione dell’ordinanza della Regione Sardegna, in vigore da ieri, che prevede test obbligatori per i passeggeri in entrata nell’isola che non si siano presentati all’imbarco con una certificazione di negatività al Covid-19. La notizia proviene da fonti del Pd.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il mancato rispetto dell’articolo 16 sulla libera circolazione delle persone è la ragione fondamentale del ricorso depositato al Tar della Sardegna.
L’istruttoria sull’ordinanza era stata aperta subito dopo la pubblicazione dal ministro degli Affari regionali Francesco Boccia che ha lavorato sull’approfondimento giuridico con il ministro della Salute Roberto Speranza e l’Avvocatura dello Stato. Presumibilmente, nel ricorso depositato al Tar c’è anche una richiesta di sospensiva. Ora il presidente del Tribunale amministrativo deciderà se discuterla nella prossima camera di consiglio o se procedere subito, dunque entro poche ore.
L’impugnazione era attesa già ieri, nel primo giorno di efficacia dell’ordinanza che ha provocato il caos negli scali sardi con passeggeri disorientati e società di gestione alle prese con una norma definita “un enigma”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Libia:Di Maio, vertice di governo su pescherecci sequestrati
‘L’azione per il rilascio deve essere corale’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 settembre 2020
12:50
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha sentito le famiglie dell’equipaggio dei pescherecci sequestrati in Libia, il sindaco di Mazara del Vallo e gli armatori, ai quali ha assicurato il massimo impegno del governo per una risoluzione positiva della vicenda. Lo si apprende da fonti diplomatiche. Il pressing della Farnesina, sempre secondo quanto si apprende, è senza sosta: ieri Di Maio ha sentito prima il suo omologo emiratino ed oggi sentirà il ministro russo Lavrov. Sia gli Emirati che Mosca sono due attori molto influenti nei confronti di Bengasi. Sulla questione sarà convocato un vertice di governo, perché “l’azione deve essere corale”, ha spiegato il titolare della Farnesina. Il ministero degli Esteri da anni sconsiglia le marinerie italiane di pescare nelle acque dove si è verificato il sequestro dei pescherecci.
“Ministro, la ringrazio per la sua presenza e disponibilità, apprezziamo molto lo sforzo che sta compiendo la Farnesina per il rilascio dei pescherecci” sequestrati in Libia. Lo ha detto, il sindaco di Mazara del Vallo al ministro Luigi Di Maio durante il collegamento di stamattina in video conferenza.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Arrivati i banchi in scuola Mazzini a Genova
La ministra Azzolina: ‘La foto di ieri con i bimbi in ginocchio è stata strumentalizzata’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
15 settembre 2020
20:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il dirigente scolastico ha già spiegato. Credo che ci sia stata molta strumentalizzazione di quella foto!” Lo ha detto la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina a margine di un incontro a Ravenna su Dante. “Si parla di bambini, quindi penso che tutto si dovrebbe fare tranne che strumentalizzare foto con bambini, tantomeno per tornaconto elettorali”, ha aggiunto la ministra.
Tantissimi giornalisti questa mattina davanti alla Scuola elementare Maria Mazzini nel quartiere di Castelletto a Genova dove ieri era stata scattata in una classe la foto dei bambini che avevano scritto utilizzando le sedie come banchi. “La maestra ha inviato la foto nella chat della classe soltanto per dimostrare che i nostri figli erano tranquilli e sereni – spiega all’ingresso un genitore che preferisce mantenere l’anonimato – c’è stata una leggerezza da parte di chi ha diffuso quella foto ‘pubblicamente’ ed è stata strumentalizzata. Massima fiducia e sostegno alle insegnanti, non è giusto che venga punita per quello che era semplicemente un gesto di cortesia nei confronti dei genitori”.
E poco dopo le 13.30 sono arrivati i banchi attesi alla scuola elementare Maria Mazzini. La dotazione è di circa 250 banchi, le operazioni di scarico sono durate circa un’ora. ‘I banchi sono arrivati nel primo pomeriggio e il personale li sta collocando nelle aule. Tutto questo segue esattamente la tempistica comunicata dalla ditta, e non avviene in seguito alla polemica mediatica’. Lo sottolinea Renzo Ronconi, presidente della scuola, dopo le polemiche seguite alla foto.
‘E’ stata una giornata molto concitata – commenta – e adesso, forse, mi rimane spazio per il mio lavoro ordinario’.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Conte a studenti,’a casa se perdiamo sfida Recovery’
Gualtieri, ‘pochi grandi progetti. Debito record scenderà’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
NORCIA (PERUGIA)
15 settembre 2020
22:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha trasmesso ai presidenti di Senato e Camera, si apprende in ambienti parlamentari, le linee guida per la definizione del piano italiano di ripresa e resilienza per accedere ai fondi previsti dal Recovery Fund. Il documento, a quanto si apprende, è composto da una trentina di pagine. Nella lettera che accompagna il documento Conte manifesta la sua disponibiltà a riferire in Parlamento.

“Se perderemo questa sfida avrete il diritto di mandarci a casa”. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, a Norcia in visita privata, lo scandisce agli studenti e promette: “Siamo consapevoli delle criticità e abbiamo lavorato tanto e continueremo a farlo per superarle mano a mano che si presenteranno”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Conte ha visitato stamane la nuova scuola superiore temporanea “De Gasperi- Battaglia”: si era occupato in prima persona del progetto dopo che a inizio anno, prima del lockdown, la preside Rosella Tonti, insieme a una delegazione di alunni e docenti, era andata Palazzo Chigi per protestare sulla lentezza dei lavori. In quell’occasione Conte si era impegnato per portare a termine il cantiere in pochi mesi; la nuova scuola è stata inaugurata ieri. “Ho apprezzato le parole del presidente Mattarella ieri quando ha detto che la scuola non deve essere un luogo di polemiche”, ha detto ancora Conte.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Confermo l’intendimento di conseguire una significativa discesa del rapporto debtio/Pil non solo nel primo anno di recupero dell’economia che auspichiamo sia il ’21: questa discesa vogliamo che continui anche negli anni successivi onde rientrare guradualmente sui livelli prepandemici e nel lungo termine conseguire una ulteriore riduzione”. Così il ministro dell’Econmia Roberto Gualtieri in audizione alla Camera sul Recovery Fund.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non faremo centinaia di microprogetti ma pochi grandi progetti, a loro volta questi saranno anche collegati da una logica a missione, quello che conta non è la logica burocratica del singolo progetto ma l’obiettvo complessivo che si vuole ragiungere che richiede poi un intreccio di investimenti, riforme, policy”. Così il ministro dell’Econmia Roberto Gualtieri in audizione alla Camera sul Recovery Fund, rispondendo alle domande dei deputati delle commissioni Bilancio e Finanze della Camera sulle indiscrezioni su centinaia di proposte avanzate da parte dei ministeri. “Sono uscite – ha precisato – parti di documentazione molto datata totalmente preliminare, che appartiene a una fase totalmente superata che hanno interesse relativo”.

No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.