Mondo tutte le notizie in tempo reale, in costante ed accurato aggiornamento, leggi e condividi!
Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 41 minuti

Ultimo aggiornamento 19 Gennaio, 2021, 12:47:17 di Maurizio Barra

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 20:33 DI DOMENICA 17 GENNAIO 2021

ALLE 12:47 DI MARTEDì 19 GENNAIO 2021

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Biden chiede la liberazione di Navalny
Attraverso il suo consigliere per la sicurezza Sullivan
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
17 gennaio 2021
20:33
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Joe Biden, per bocca del suo consigliere per la sicurezza nazionale, chiede la scarcerazione immediata di Aleksey Navalny.
“Navalny deve essere immediatamente liberato – afferma Jake Sullivan – e i responsabili del vergognoso attacco alla sua vita devono essere perseguiti”.
Sullivan aggiunge che “gli attacchi del Cremlino a Navalny non sono solo una violazione dei diritti umani ma anche un affronto al popolo russo che vuole che la propria voce sia ascoltata”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Borsa: Tokyo, apertura in calo (-1,02%)
Attesa dati Pil cinese quarto trimestre
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
18 gennaio 2021
01:23
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Borsa di Tokyo avvia la prima seduta della settimana in ribasso in attesa dei dati sul prodotto interno lordo in Cina nel quarto trimestre, mentre rimangono presenti i timori sulla recente crescita dei contagi del coronavirus in Giappone.
In apertura l’indice di riferimento Nikkei segna una flessione dell’1,02% a quota 28.229,07, e una perdita di 290 punti.
Sul mercato dei cambi lo yen è stabile sul dollaro a 103,80 mentre guadagna terreno sull’euro, trattando a 125,20.   ECONOMIA   VAI ALLA POLITICA   VAI ALLA TECNOLOGIA   VAI ALLE NOTIZIE DEL PIEMONTE   VAI ALLA CRONACA   VAI AL CALCIO   VAI ALLO SPORT

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Cina: +6,5% Pil nel quarto trimestre, +2,3% nel 2020
Supera crisi Covid, +2,6% congiunturale e batte stime analisti
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PECHINO
18 gennaio 2021
03:21
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il Pil della Cina balza nel quarto trimestre 2020 del 6,5% annuo, a fronte del 6,1% atteso dagli analisti e del 4,9% registrato dei tre mesi precedenti, mentre la crescita congiunturale è del 2,6% (2,7% nel terzo trimestre e 3,2% le stime). Il recupero dalla pandemia del Covid-19 è confermato dalla crescita dell’intero 2020, quantificato dall’Ufficio nazionale di statistica nel 2,3%, contro il 2,1% atteso in media alla vigilia, ma che rappresenta il passo più lento in più di 40 anni.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Trump pronto a graziare 100 persone il 19 gennaio
Nella lista dei beneficiari non dovrebbe comparire il suo nome
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
18 gennaio 2021
03:54
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Donald Trump è pronto a concedere la grazia e a commutare la pena a circa 100 persone alla vigilia del suo addio alla Casa Bianca ma nella raffica di provvedimenti che il tycoon è pronto a firmare alla vigilia del suo addio alla Casa Bianca non dovrebbe comparire il suo nome, contrariamente alle voci diffuse nei giorni scorsi. Lo riporta la Cnn.
Nella lista delle persone a cui verrà concesso il perdono presidenziale ci sono colletti bianchi condannati per reati penali, rapper di alto profilo e vecchi amici e alleati come Steve Bannon o Rudolph Giuliani. Tra le voci delle scorse settimane anche la possibilità della grazia preventiva ai membri della famiglia.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Pronto decreto Biden per stop a oleodotto Keystone
Era stato autorizzato da Trump dopo il no di Obama
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
18 gennaio 2021
06:23
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Uno dei primi atti di Joe Biden appena insediato alla Casa Bianca sarà quello di cancellare il permesso per la realizzazione dell’oleodotto Keystone XL. L’autorizzazione per la controversa opera, che attraversa alcuni territori considerati sacri dai nativi americani, era stata concessa da Donald Trump nel 2017 dopo che il predecessore Barack Obama l’aveva bloccata nel 2015.
Il Keystone XL è un’opera lunga quasi duemila chilometri che dovrebbe trasportare a regime circa 830 mila barili di petrolio al giorno, trasportandolo dalla regione di Alberta in Canada negli Stati Uniti attraverso il Montana, il South Dakota e il Nebraska. Chi da sempre si oppone al Keystone XL la ritiene una infrastruttura dannosa sia dal punto di vista ambientale che culturale.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Prima donna alla guida della Borsa di Parigi
L’annuncio di Euronext. Delphine d’Amarzit viene da Orange bank
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PARIGI
18 gennaio 2021
10:19
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Delphine d’Amarzit, numero due della banca online Orange Bank, assumerà la guida della Borsa di Parigi da metà marzo. Lo ha annunciato Euronext, sottolineando che sarà la prima donna a dirigere il mercato finanziario francese.

“Delphine d’Amarzit è stata nominata Presidente e Amministratore Delegato di Euronext Parigi e membro del consiglio di amministrazione di Euronext” dal 15 marzo 2021, annuncia in una nota il gruppo che possiede sei borse europee (Parigi, Amsterdam, Bruxelles, Dublino, Lisbona, Oslo).
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Germania, Mosca liberi subito Navalny
Ministro Esteri: ‘Arresto totalmente incomprensibile’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
18 gennaio 2021
08:20
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Germania chiede a Mosca “il rilascio immediato” di Alexei Navalny, arrestato ieri al suo rientro in Russia. Il suo arresto, ha detto il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas, “è totalmente incomprensibile”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Gaza: aviazione Israele colpisce dopo il lancio di due razzi
Portavoce militare: la responsabilità ricade su Hamas
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
18 gennaio 2021
08:24
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TEL AVIV, 18 GEN – Due razzi sparati la scorsa notte da Gaza in direzione della città israeliana di Ashdod sono caduti in mare. Lo ha riferito il portavoce militare.

In reazione a questo attacco, ha aggiunto, la aviazione israeliana ha colpito all’interno della Striscia di Gaza alcuni obiettivi militari di Hamas, fra cui luoghi dove vengono scavati tunnel per fini offensivi. “Israele considera la organizzazione terroristica di Hamas responsabile di tutti gli attacchi che provengono dalla Striscia”, ha precisato il portavoce.
Non si ha notizia di vittime, né in Israele né a Gaza.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Cina: vivi 12 minatori su 22 intrappolati da una settimana
Sono riusciti a fare arrivare messaggio a soccorritori
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PECHINO
18 gennaio 2021
10:22
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
I media statali cinesi hanno riferito che 12 lavoratori su 22, intrappolati da una settimana a causa di un’esplosione in una miniera d’oro nella provincia di Shandong, sono ancora vivi, rimarcando gli sforzi dei soccorritori contro il tempo per liberarli. L’agenzia Xinhua ha spiegato che i minatori sono riusciti a inviare la notte scorsa un messaggio attraverso un pozzo di soccorso.
Incerta, invece, la sorte degli altri 10 lavoratori. La nota scritta a mano diceva che quattro dei lavoratori erano feriti e che le condizioni degli altri si stavano deteriorando a causa della mancanza di aria fresca e di un afflusso di acqua.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: focolaio a St. Moritz, due hotel in quarantena
Dodici le persone contagiata da una variante del Covid
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
18 gennaio 2021
13:29
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Le autorità sanitarie svizzere hanno messo in quarantena due hotel e chiuso tutte le scuole di sci a St. Moritz dopo la scoperta di un focolaio di una variante del coronavirus.
P
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Lo riporta il Guardian. Sono dodici i casi di Covid individuati finora nella cittadina, non è stato precisato se la variante che li ha contagiati sia quella britannica o quella sudafricana. Da domani inizieranno i test di massa sui 5.200 abitanti della popolare località sciistica, mentre ospiti e personale dei due alberghi saranno testati in giornata.
Intanto l’Oms invita alla solidarità tra paese avvertendo che sui vaccini si rischia un fallimento morale. Un accesso non equo ai vaccini anti-Covid tra paesi ricchi e poveri pone il mondo “sull’orlo di un catastrofico fallimento morale e il prezzo di questo fallimento sarà pagato con la perdita vite e di mezzi di sussistenza nei paesi più poveri del mondo”, ha ammonito il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) Tedros Adhanom Ghebreyesus. “Più di 39 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate in almeno 49 paesi a più alto reddito, ma solo 25 dosi sono state somministrate in un paese a basso reddito. Non 25 milioni, non 25mila, ma 25”, ha denunciato Tedros aprendo i lavori del Consiglio esecutivo dell’Oms a Ginevra. Per il direttore generale dell’Oms, la promessa di un accesso equo è a “serio rischio”. “Nelle ultime settimane ho sentito da diversi Stati membri che si sono chiesti se COVAX (un’iniziativa globale di approvvigionamento del vaccino Covid-19 e di distribuzione equa) otterrà i vaccini di cui ha bisogno”. Infatti, “anche se parlano la lingua dell’accesso equo, alcuni paesi e aziende continuano a dare la priorità agli accordi bilaterali, aggirando il COVAX” ha aggiunto precisando che 44 accordi bilaterali sono stati firmati lo scorso anno, e almeno 12 sono già stati firmati quest’anno. “Ciò potrebbe ritardare le consegne nell’ambito del COVAX”. Per il direttore generale non è troppo tardi : “Invito tutti i paesi a collaborare in modo solidale per garantire che entro i primi 100 giorni di quest’anno, in tutti i paesi sia in corso la vaccinazione del personale sanitario e degli anziani. Insieme – ha aggiunto – dobbiamo cambiare le regole del gioco”. La recente comparsa di varianti a rapida diffusione rende la posta in gioco ancora più importante.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Tunisia: terza notte di disordini in varie citta del Paese
Violenze, saccheggi e sassaiole
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TUNISI
18 gennaio 2021
09:37
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ancora scontri e disordini nella notte appena trascorsa tra giovani manifestanti e forze di sicurezza in varie località della Tunisia. Per la terza notte consecutiva sono state registrate a Cité Ettadhamen, Mnihla e al Intilaka, sobborghi popolari della capitale, ma anche a Sbeitla, Nabeul, Beja, Kasserine, Jelma, Menzel Bouzalfa, Sousse, Gafsa, Biserta, Sidi Bouzid, Korba, Tebourba, le stesse scene di violenza, saccheggi, incendi di pneumatici, sassaiole e attacchi alle forze dell’ordine.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Navalny: Londra, ‘profondamente preoccupati’ per l’arresto
Ministro degli Esteri chiede ‘rilascio immediato’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
18 gennaio 2021
09:47
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il ministro degli Esteri britannico, Dominic Raab, ha espresso “profonda preoccupazione” per l’arresto di Alexei Navalny.
“È spaventoso che Alexey Navalny, vittima di un crimine atroce, sia stato arrestato dalle autorità russe”, ha scritto Raab su Twitter invitando la Russia a rilasciare “subito” l’oppositore.
“Invece di perseguire Navalny – ha proseguito il ministro degli Esteri – la Russia dovrebbe spiegare come mai un’arma chimica sia stata utilizzata sul suo territorio’.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Cina annuncia sanzioni a funzionari Usa per Taiwan
Ministero Esteri: ‘Hanno avuto comportamento scorretto’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PECHINO
18 gennaio 2021
11:22
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Cina ha annunciato l’imposizione di sanzioni a carico di funzionari Usa per il “comportamento scorretto” tenuto sulle vicende legate a Taiwan.
Lo ha riferito la portavoce del ministero degli Esteri Hua Chunying, rispondendo in conferenza stampa a una domanda sul recente allentamento dell'”auto-limitazione” agli scambi tra Washington e Taipei, annunciato dal dipartimento di Stato americano.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Navalny: ‘portato a Khimki,non hanno fatto entrare avvocato’
Sostenitori su Telegram: ‘Promettono che lo vedrà stamattina’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA
18 gennaio 2021
10:22
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Dopo l’arresto Alexei Navalny è stato portato al secondo dipartimento del ministero dell’Interno nella città di Khimki, vicino Mosca: lo riferiscono i sostenitori dell’oppositore, ripresi dalla testata online Meduza.
Navalny avrebbe trascorso lì la notte e il suo avvocato non sarebbe stato fatto entrare dalla polizia.
“Navalny si trova nel secondo dipartimento del ministero dell’Interno a Khimki.
Indirizzo: Khimki, Prospekt Mira 23a. L’avvocato non è stato ammesso ma promettono di farlo passare stamattina”, ha scritto su Telegram Leonid Volkov, uno dei più stretti alleati di Navalny, stando a Meduza.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Mosca, Occidente s’interessa a Navalny per celare crisi
Lo ha detto il ministro degli Esteri Serghei Lavrov
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA
18 gennaio 2021
10:26
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La reazione “entusiasta” dei Paesi occidentali al ritorno di Alexey Navalny in Russia è dovuta alla volontà di distogliere l’attenzione della “profonda crisi” in cui versa “il modello di sviluppo liberale”. Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov nel corso della sua conferenza stampa d’inizio anno.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Portavoce Navalny, non lo fanno parlare con l’avvocato
Il legale è a Khimki ma non è ancora riuscito a vederlo
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA
18 gennaio 2021
10:29
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“L’avvocato di Alexey, Olga Mikhailova, è stata davanti al dipartimento di polizia di Khimki per un’ora, ha presentato alla polizia il suo mandato e le sue credenziali. Nonostante questo, si sono rifiutati di farla entrare senza dare nessuna spiegazione”.
Lo ha scritto su Twitter Kira Yarmush, portavoce di Navalny. Yarmush ha poi aggiunto poco fa che “Mikhailova e Vadim Kobzev sono stati ammessi all’interno del dipartimento ma non hanno comunque potuto vedere Aleksey”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Navalny: von der Leyen, autorità Russia lo rilascino subito
‘Indagine approfondita e indipendente’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
18 gennaio 2021
10:42
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha condannato l’arresto di Alexei Navalny avvenuto ieri da parte delle autorità russe, al suo ritorno a Mosca. “Le autorità russe devono rilasciarlo immediatamente e garantire la sua sicurezza – ha scritto von der Leyen su Twitter -.
La detenzione di oppositori politici è contraria agli impegni internazionali della Russia”. La presidente dell’esecutivo comunitario ha poi auspicato “un’indagine approfondita e indipendente sull’attacco alla vita di Alexei Navalny”, precisando che l’Ue monitorerà da vicino la situazione”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Corea sud: erede Samsung condannato per corruzione
A due anni e mezzo di prigione. Colosso tecnologico senza guida
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
SEUL
18 gennaio 2021
10:51
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Lee Jae-yong, alla guida del gruppo Samsung dalla morte del padre e fondatore avvenuta nell’ottobre scorso, è stato riconosciuto colpevole di corruzione e appropriazione indebita, condannato a due anni e mezzo di prigione ed è stato immediatamente arrestato. Lo scrive l’agenzia sudcoreana Yonhap.
Con l’arresto di Jae-Yong, l’impero tecnologico della Samsung, principale produttore di smartphone e chip di memoria al mondo, resta senza guida.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Spahn, vaccini non riducano limitazioni imposte
Ieri ministro Esteri aveva chiesto meno restrizioni
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BERLINO
18 gennaio 2021
11:18
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Finchè non sappiamo se il vaccino evita non solo la malattia ma anche la contagiosità e la possibilità di contagiare un’altra persona, allora non possiamo parlare di un vaccino che porti ad eccezioni rispetto alle limitazioni”: lo ha detto il ministro della Salute Jens Spahn commentando, in conferenza stampa a Berlino, le dichiarazioni di ieri del ministro degli Esteri Heiko Maas.
Il titolare degli Esteri aveva chiesto allentamenti delle restrizioni per chi è già stato vaccinato.

Al momento in Germania ci sono oltre 2 milioni di persone che hanno avuto il covid e più di un milione di vaccinati.
“Il dibattito è sicuramente necessario, la domanda è se adesso è il momento giusto di porla” ha concluso Spahn.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Navalny, ‘nonno-Putin ha paura, beffa sistema processuale’
Il dissidente commenta in un video il processo per direttissima
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA
18 gennaio 2021
11:47
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Ho visto che molte volte si sono fatti beffe del sistema giudiziario ma presumo che il nonno che se ne sta nel bunker (Vladimir Putin, ndr) ha così paura di tutto che hanno disintegrato il sistema processuale russo”. Lo ha detto Alexey Navalny in un video diffuso su internet commentando il processo per direttissima che, secondo lui, sta avvenendo all’interno della stazione di polizia dove è detenuto.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Usa: Parler riappare online con un messaggio di Matze
‘Torneremo presto. La dialettica civile non morirà’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
18 gennaio 2021
12:14
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il sito web Parler è improvvisamente riapparso online ieri pomeriggio con un messaggio del suo CEO, John Matze: “Ciao mondo, siamo online?”.
Il messaggio, datato 16 gennaio, fa pensare che il social network popolare tra l’estrema destra Usa abbia trovato una nuova piattaforma dopo essere stato bandito da Amazon Web in seguito all’assalto al Campidoglio.
1
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Secondo una ricerca della Cnn, Parler è ora registrato con Epik, una società che ospita già Gab, un altro social network spesso utilizzato dai membri dell’estrema destra. Ma un portavoce di Epik, Robert Davis, ha smentito che la compagnia stia fornendo l’hosting a Parler.
Robert Davis, un portavoce di Epik, ha detto che la società non fornisce l’hosting web di Parler denunciando “qualsiasi attività utilizzata per creare disagio agli altri in base al colore della pelle, all’etnia, all’origine o alle idee”.
Sotto al messaggio di Matze è anche comparso un aggiornamento sullo status nel quale si sottolinea che “ora è il momento giusto per ricordare a tutti voi, seguaci e hater, perché abbiamo avviato questa piattaforma. Riteniamo che la privacy sia fondamentale e la libertà di parola essenziale, soprattutto sui social media. Il nostro obiettivo è sempre stato quello di fornire una piazza pubblica apartitica in cui le persone possano esercitare i propri diritti. Risolveremo qualsiasi sfida ci troveremo davanti e vi riaccoglieremo tutti presto. La dialettica civile non morirà!”
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ha paura del Covid, resta tre mesi nell’aeroporto di Chicago
Un 36enne californiano si ‘nasconde’ grazie ad un badge smarrito
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
18 gennaio 2021
12:30
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Come Tom Hanks nel film ‘Terminal’: un uomo californiano è rimasto per tre mesi ‘nascosto’ nell’aeroporto di Chicago, dove era approdato tre mesi fa in arrivo da Los Angeles e da cui non è voluto uscire per paura del covid-19.
Aditya Singh, di 36 anni, è stato arrestato nelle scorse ore, dopo che è stato trovato in possesso di un badge appartenente ad un dipendente dello scalo che lo aveva smarrito, riferisce il Chicago Tribune.

Singh era arrivato all’O’Hare International Airport da Los Angeles lo scorso 19 ottobre, da allora ha vissuto in un’area riservata dello scalo, in cui è riuscito a rimanere grazie proprio al badge di un dipendente il cui smarrimento era stato segnalato lo scorso 26 ottobre. Per il cibo poi, in un aeroporto non è difficile trovarne, sebbene le attività siano in questo periodo ridotte a causa della pandemia.
Lo scorso sabato però due dipendenti della United Airlines, evidentemente insospettiti, hanno chiesto a Singh di produrre una prova di identificazione e a quel punto è risultato evidente che il badge non era il suo ed è scattata immediata la segnalazione alle autorità, quindi l’arresto.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Norvegia allenterà le restrizioni
Premier, ‘abbiamo ancora il controllo sulle infezioni’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
18 gennaio 2021
13:09
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Norvegia alleggerirà alcune delle restrizioni anti Covid dopo che le misure aggiuntive imposte due settimane fa hanno ottenuto gli effetti previsti. Lo ha comunicato la premier Erna Solberg parlando al parlamento, citata dal Guardian.

“Abbiamo ancora il controllo sulle infezioni, ma la situazione può cambiare rapidamente”, ha precisato.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Uganda: termina blocco di Internet ma non dei social media
Rete interrotta alla vigilia delle elezioni la scorsa settimana
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
18 gennaio 2021
15:03
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’interruzione di Internet in Uganda è terminata oggi. Lo riporta la Bbc, specificando che i social media sono tuttavia ancora bloccati e accessibili solo tramite rete virtuale privata (Vpn).

Internet è stato chiuso mercoledì scorso, a poche ore dall’apertura dei seggi elettorali il giorno seguente. La decisione dell’ente regolatore delle comunicazioni ugandese è arrivata dopo che Facebook ha sospeso numerosi profili dichiarati “falsi” e riconducibili a personalità del governo.
Il presidente Yoweri Museveni, riconfermato alla guida dell’Uganda per il sesto mandato consecutivo, ha allora accusato Facebook di arroganza e parzialità, dicendo che nessuno avrebbe potuto decidere cosa fosse buono o cattivo nel Paese. Il primo ministro ugandese, Ruhakana Rugunda, ha detto all’emittente televisiva Nbs che il governo stava esaminando la situazione della sicurezza prima di ripristinare Internet.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Melania lascia Casa Bianca col record negativo di consensi
Cnn: ‘Il 47% non vede in maniera favorevole il suo operato’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
18 gennaio 2021
13:26
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Melania Trump lascerà la Casa Bianca proprio mentre il livello di consenso nei suoi confronti registra un calo senza precedenti nel suo periodo da first lady, stando alla Cnn. Secondo un sondaggio condotto dal network, infatti, il 47% non vede in maniera favorevole il suo operato, la percentuale più alta mai registrata.

Il picco di popolarità registrato da Melania risale al maggio 2018, con il 57% dei pareri a lei favorevoli, ma già a dicembre dello stesso anno i consensi erano calati a picco, in particolare dopo il viaggio della first lady in Africa, quando a giudicare il suo operato con favore era il 43% degli interpellati contro il 36% convinto del contrario.
Al momento comunque la popolarità di Melania è maggiore di quella del presidente Donald Trump che è al 33%.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Russia: valanga su pista sci,’da 4 a 12 persone sotto neve’
Sul monte Mussa-Achitara, nel Caucaso russo
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA
18 gennaio 2021
13:51
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Una valanga di neve si è abbattuta su una pista di sci sul monte Mussa-Achitara, nel Caucaso russo, e secondo il ministero delle Emergenze da quattro a 12 persone potrebbero trovarsi sotto la neve in seguito alla slavina. Lo riporta l’agenzia di stampa Interfax.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Zaki: legale, domani l’annuncio sull’esito dell’udienza
Per ora incerto se la carcerazione verrà prolungata di 45 giorni
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
IL CAIRO
18 gennaio 2021
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Sarà reso noto solo domani l’esito dell’udienza sul rinnovo della custodia cautelare per Patrick Zaki, lo studente dell’università d Bologna in carcere da quasi un anno in Egitto con l’accusa di propaganda sovversiva su internet e che rischia altri 45 giorni di prigione al Cairo. Lo ha detto una sua legale, Hoda Nasrallah.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Migliaia di migranti bloccati dalla polizia in Guatemala
Alcune centinaia hanno deciso di tornare in Honduras
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
CITTA’ DEL GUATEMALA
18 gennaio 2021
14:59
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Migliaia di migranti partiti la settimana scorsa da San Pedro Sula in Honduras, e decisi a raggiungere il confine con gli Stati Uniti, sono bloccati da 48 ore in Guatemala nel dipartimento di Chiquimula. Un loro tentativo di superare un folto sbarramento di forze di sicurezza guatemalteche è infatti stato vanificato da queste con l’uso di sfollagente, gas lacrimogeni e granate assordanti, in un incidente che ha causato numerosi feriti.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
I coordinatori della carovana studiano ora una nuova strategia per poter superare l’ostacolo e proseguire nell’impresa, mentre il governo del Guatemala cerca con ogni mezzo di scoraggiare i migranti “ad insistere in un progetto destinato quasi certamente al fallimento”. Da parte sua l’Istituto guatemalteco della migrazione (Img) ha reso noto che dal 14 gennaio a ieri “909 cittadini honduregni hanno deciso volontariamente di tornare in Patria”. Di questi, 815 erano adulti e 94 minori non accompagnati. Inoltre le autorità locali hanno intercettato 474 honduregni che non fanno parte della carovana bloccata a Chiquimula (376 adulti e 98 minori non accompagnati) consegnandoli all’Igm. Infine, il ministero della Salute del Guatemala ha riferito di avere localizzato 21 migranti dell’Honduras positivi al Covid-19, trasferendoli in centri sanitari dove resteranno in quarantena prima di fare ritorno al loro Paese.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Giappone, cancellati eventi compleanno imperatore
Per secondo anno di fila non si terranno celebrazioni pubbliche
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
TOKYO
18 gennaio 2021
15:04
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Per contenere il rischio di un’espansione dei contagi di coronavirus in Giappone per il secondo anno consecutivo verranno cancellati gli eventi pubblici di celebrazione del compleanno dell’Imperatore Naruhito, in programma il prossimo 23 febbraio. Lo ha annunciato l’Agenzia imperiale durante una conferenza stampa, ricordando che al pari dell’anno scorso anche il prossimo mese si cercherà di evitare la formazione di eccessivi assembramenti di persone nei pressi del palazzo reale a Tokyo.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Naruhito compirà 61 anni.
Prima della pandemia l’ultima cancellazione degli eventi per festeggiare il compleanno di un monarca era avvenuta nel 1996 durante il regno di Akihito, padre di Naruhito, per via della crisi degli ostaggi giapponesi all’Ambasciata nipponica in Perù.
In occasione dell’ultimo compleanno dell’Imperatore emerito Akihito, prima della sua rinuncia al trono, si radunarono circa 82mila persone attorno al perimetro della residenza reale, al centro della capitale.
Anche il tradizionale messaggio di inizio anno dell’attuale sovrano è dovuto saltare per via dell’emergenza sanitaria. Al suo posto Naruhito e la consorte Masako hanno registrato e diffuso un video di buon augurio.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Scia in fuori pista ma precipita da roccia, morto
Svedese era con i figli, portato in ospedale non ce l’ha fatta
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
AOSTA
18 gennaio 2021
15:39
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Uno sciatore svedese di 46 anni è morto in ospedale a Sion (Svizzera) dopo essere precipitato da una roccia mentre percorreva un tratto in fuori pista nel comprensorio elvetico di Verbier. A dare l’allarme sono stati i figli, con cui l’uomo, residente del cantone di Vaud, stava trascorrendo la giornata di domenica 17 gennaio sulle piste da sci.

Verso le 10.30 – ha ricostruito la polizia cantonale del Vallese – si è avventurato in un tratto di neve non battuta, mentre i figli sono scesi lungo la vicina pista. Arrivati in fondo, non vedendolo arrivare, hanno chiamato i servizi di emergenza. Le squadre di soccorso hanno trovato l’uomo a circa 80 metri dalla zona in cui aveva lasciato la neve battuta: era caduto da un masso alto sei metri in un momento di scarsa visibilità a causa delle neve e della nebbia. Portato in elicottero all’ospedale, è morto durante la serata a causa delle ferite riportate.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Minaccia per la sicurezza, Capitol Hill in lockdown
L’allarme sarebbe legato ad un incendio nelle vicinanze
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
18 gennaio 2021
16:54
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Tutta l’area di Capitol Hill, dove ha sede il Congresso americano, è stata messa in lockdown in seguito all’allarme per la sicurezza. Secondo le prime ricostruzioni, l’allarme sarebbe stato provocato da un incendio nelle vicinanze.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Zaki: Amnesty, su Patrick una crudeltà dietro l’altra
Ieri tenuto 10 ore senza mangiare, bere e poter andare al bagno
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
18 gennaio 2021
17:20
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Sulla vicenda di Patrick Zaki si stanno stratificando crudeltà una dietro l’altra”. Non solo “undici mesi di detenzione illegale e arbitraria senza processo, senza poter contestare le prove” ma anche ieri, giorno dell’udienza, “dieci ore bloccato in aula anche quando il suo caso era stato trattato, perché bisognava trattare tutti gli altri”.
Patrick è stato quindi “dieci ore senza bere, senza mangiare e senza andare in bagno”. Così Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia.
“Oggi – aggiunge Noury – quando si presupponeva avrebbero comunicato l’esito dell’udienza, niente, perché non si trova nessun impiegato che sappia dare all’avvocata l’informazione.
Davvero è la crudeltà al cubo nei confronti di Patrick”.
Sulla pagina Facebook gli attivisti di “Patrick Libero” sottolineano di non conoscere ancora la decisione del tribunale sulla detenzione di Patrick. “Dopo aver aspettato più di dieci ore in tribunale ieri, e oggi da mezzogiorno a sera, gli avvocati ancora non conoscono la decisione”. Una “attesa infinita – aggiungono gli attivisti – che condiziona le nostre vite e il destino di Patrick”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Turchia: Facebook cede ad Ankara, nominerà rappresentante
A vigilia stop a pubblicità per ‘legge bavaglio ai social’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
ISTANBUL
18 gennaio 2021
17:27
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Facebook ha annunciato la nomina di un rappresentante legale in Turchia, alla vigilia di nuove pesanti sanzioni per il mancato adeguamento alla controversa normativa di Ankara sui giganti del web.
Il social network statunitense, insieme alle altre maggiori compagnie digitali, da Twitter a YouTube, aveva subito multe milionarie per il mancato rispetto della legge, in vigore da ottobre e ritenuta da opposizioni e ong un “bavaglio” alla libertà di internet.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La nomina vale anche per la controllata Instagram. In caso di ulteriori resistenze, Facebook avrebbe rischiato lo stop alla pubblicità e una riduzione entro giugno della larghezza di banda fino al 90%, equivalente a un sostanziale oscuramento.
La compagnia sottolinea che la sua piattaforma intende restare uno spazio di “libertà d’espressione”. Oltre alla nomina di un rappresentante, responsabile dei contenuti e della loro rimozione entro 48 ore su richiesta dell’autorità giudiziaria, la normativa turca prevede per le piattaforme con oltre un milione di visitatori unici al giorno la catalogazione dei dati degli utenti in server locali, sollevando timori sulla privacy.
La riforma è stata fortemente voluta dal presidente Recep Tayyip Erdogan, che, malgrado la sua grande popolarità su queste piattaforme, non ha mai risparmiato critiche ai social sin dal loro impiego nelle proteste antigovernative di Gezi Park del 2013. Nei giorni scorsi, il leader di Ankara si è anche fatto promotore di un boicottaggio di WhatsApp per le nuove regole sulla privacy, passando a Telegram e all’app di messaggistica locale Bip.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Svizzera: valanga travolge dieci sciatori, un morto e un ferito
Vicino a Verbier, polizia cerca testimoni
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
AOSTA
18 gennaio 2021
17:45
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Una valanga ha travolto dieci persone stamane fuori dalle piste da sci di Verbier (Svizzera) uccidendo uno sciatore inglese di 38 anni e ferendo gravemente un’altra persona, trasportata in elicottero all’ospedale di Sion. Gli altri otto sono incolumi.

Verso le 10.20 uno sciatore è entrato in un canale fuori pista. Una placca a vento si è staccata in cima allo stesso ‘couloir’, travolgendolo insieme a un secondo sciatore che si trovava più in basso. La massa di neve ha poi sepolto altre otto persone più a valle.
Tutti erano dotati di sistemi per esseri rilevati sotto le valanghe e sono stati estratti dai soccorritori, arrivati sul posto con elicotteri e cani da ricerca.
La slavina si è staccata tra le stazioni sciistiche di Verbier e Le Attelas. Il ministero pubblico ha aperto un’inchiesta e la polizia del Canton Vallese rivolge un appello a eventuali testimoni della valanga per poter ricostruire l’accaduto.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Perù: Keiko Fujimori, indulto al padre se eletta presidente
Alberto Fujimori condannato per crimini contro l’umanità
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
18 gennaio 2021
17:57
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La leader dell’opposizione del Perù Keiko Fujimori e candidata alla presidenza nelle elezioni generali in programma il prossimo 11 aprile, ha annunciato che in caso di vittoria, concederà l’indulto al padre ed ex presidente Alberto Fujimori, condannato a 25 anni di carcere per corruzione e crimini contro l’umanità durante il suo governo (1990-2000). Lo riporta il sito del quotidiano El Comercio.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La candidata alla presidenza ha assicurato in un’intervista al programma televisivo ‘Cuarto Poder’ che in passato si è mostrata contraria a un provvedimento di questo tipo a favore del padre, ma ora è “apertamente favorevole” a un indulto presidenziale nei suoi confronti.
“Credo che quello che ha passato mio padre sia sufficiente, e questo mi ha fatto cambiare idea”, ha detto Keiko Fujimori.
“Dopo quello che abbiamo dovuto vivere, sono favorevole all’indulto per mio padre e preferisco dirlo apertamente, come mi esprimevo apertamente quando ero contraria”, ha aggiunto la leader di opposizione, specificando che in caso di sconfitta elettorale, si appellerà al nuovo presidente affinché possa decidere a favore di un indulto per il padre.
Alberto Fujimori, 82 anni, ha ricevuto un indulto umanitario il 24 dicembre 2017 emesso dall’allora presidente Pedro Pablo Kuczynski. Tuttavia, il 3 ottobre 2018, tale indulto è stato annullato dalla Corte suprema di giustizia, in quanto incompatibile con gli obblighi internazionali che vincolano lo Stato peruviano, compresa la Convenzione americana sui diritti umani.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Francia: Le Pen a 92 anni risposa religiosamente la moglie
Non invitate Marine e le due sorelle, e neppure gli 8 nipoti
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PARIGI
18 gennaio 2021
18:11
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Jean-Marie Le Pen (92 anni) e la moglie Jany (88), sposati civilmente da 20 anni, si sono risposati in segreto e senza invitare familiari secondo il rito cattolico. Lo riferisce il settimanale L’Obs.

L’anziano ex leader dell’estrema destra, fondatore del Front National, ha detto sì per la seconda volta a Jany nella sua casa di Rueil-Malmaison, alle porte di Parigi. Ad officiare l’inattesa cerimonia, don Philippe Laguérie, esponente del mondo cattolico tradizionalista.
Presenti pochissime persone, fra cui i consiglieri dell’anziano leader Lorrain de Saint-Affrique e Gérald Guérin.
Non invitate le tre figlie di Jean-Marie Le Pen, né gli 8 nipoti, che affermano di aver scoperto la notizia dal settimanale. Secondo i media francesi, Marine Le Pen e le due sorelle sono rimaste “scioccate” dalla notizia.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Gallup, Trump lascia col 34% di consenso, livello più basso
Anche la media del 41% del suo mandato è la peggiore dal 1938
e
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
18 gennaio 2021
23:23
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Donald Trump lascia la Casa Bianca con il 34% di consenso, la sua percentuale più bassa, secondo un sondaggio Gallup. Anche la sua media del 41% di approvazione nei quattro anni di mandato è la più bassa di sempre da quando Gallup ha cominciato a misurare la popolarità dei presidenti nel 1938.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Cnn, Trump vuole revocare bando viaggi da Europa per Covid
E da Brasile. Dal 26 gennaio
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
19 gennaio 2021
00:35
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Donald Trump intende revocare le restrizioni di viaggio da gran parte dell’Europa e dal Brasile a partire dal 26 gennaio, una settimana dopo la fine del suo mandato. Lo riporta la Cnn citando una fonte della Casa Bianca.
Non è chiaro se Joe Biden, una volta insediatosi, manterrà o revocherà la possibile mossa.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Trump revoca bando viaggi da area Schengen e Gb per Covid
Idem per Irlanda e Brasile, da 26 gennaio. Esclusi Cina e Iran
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
19 gennaio 2021
01:52
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Donald Trump ha revocato le restrizioni di viaggio dall’area Schengen, dalla Gran Bretagna, dalla repubblica irlandese e dal Brasile a partire dal 26 gennaio, una settimana dopo la fine del suo mandato. Lo rende noto la Casa Bianca.
Restano invece le limitazioni per Cina e Iran. La decisione è stata presa alla luce della direttiva emessa il 12 gennaio scorso dai Centers for Disease Control and Prevention (Cdc), secondo cui dal 26 gennaio tutti i passeggeri che arrivano in Usa da Paesi stranieri devono avere la prova di un test negativo al Covid-19 o la documentazione attestante la guarigione. Trump ha escluso la Cina e l’Iran per la loro carenza di trasparenza e cooperazione con gli Usa nella lotta alla pandemia.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Portavoce Biden, non toglieremo bando viaggi per Covid
Lo aveva annunciato il presidente uscente Donald Trump
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
19 gennaio 2021
02:09
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’amministrazione Biden non toglierà le restrizioni Covid esistenti per i viaggiatori provenienti dall’estero. Lo ha twittato Jen Psaky, futura portavoce della Casa Bianca.
“Con il peggioramento della pandemia e l’emergere nel mondo di varianti più contagiose, questo non è il momento di revocare le restrizioni sui viaggi internazionali”, ha spiegato. “Su consiglio del nostro team medico, l’amministrazione (Biden, ndr) non intende togliere queste restrizioni il 26 gennaio. Infatti intendiamo rafforzare le misure di salute pubblica sui viaggi internazionali per mitigare ulteriormente la diffusione del Covid 19”, ha aggiunto.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Pakistan: ritrovato corpo alpinista disperso sul Karakorum
Alex Goldfarb era scomparso quattro giorni fa sul Pastore Peak
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
ISLAMABAD
19 gennaio 2021
06:58
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Una squadra di soccorso dell’esercito pakistano ha ritrovato il corpo dell’alpinista russo-americano Alex Goldfarb, scomparso quattro giorni fa sul Pastore Peak, nelle montagne del Karakorum, nel nord del Pakistan. Lo ha detto Karrar Haidri, segretario del Club alpino del Pakistan (ACP).

Goldfarb e l’ungherese Zoltan Szlanko avevano programmato di acclimatarsi sul Pastore Peak, situato vicino al K2, prima di lanciarsi in una rapida scalata del Broad Peak 8047-M. Poco dopo la partenza l’ungherese Zoltan aveva proposto di tornare indietro per le cattive condizioni meteo, ma non è riuscito a convincere Alex che ha deciso di continuare.
Due giorni fa l’alpinista spagnolo Sergi Mingote Moreno, è morto sul K2 per le ferite riportate precipitando in un crepaccio durante il ritorno dal Campo 1 al Campo Base della seconda vetta del mondo, conquistata nella prima invernale da un team di sherpa nepalesi.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Usa superano 24 milioni casi
Quasi 400 mila vittime
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
19 gennaio 2021
07:24
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Gli Usa hanno superato i 24 milioni di casi e si stanno avvicinando alle 400 mila vittime (398.981 per l’esattezza) per Covid. Lo indicano i dati della Johns Hopkins University.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Usa, California primo Stato a superare 3 mln di casi
I morti sono 33.623
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
19 gennaio 2021
08:35
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La California è diventato il primo Stato Usa a superare la soglia dei tre milioni di casi di coronavirus: lo riporta la Cnn, che cita i dati della Johns Hopkins University.
Il numero dei contagi nello Stato americano più popoloso è triplicato nell’arco di appena due mesi e attualmete è a quota 3.005.830, inclusi 33.623 morti.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid, negli Usa 137.885 casi e 1.381 morti in 24 ore
La California è il primo Stato a superare 3 milioni di contagi
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
19 gennaio 2021
10:51
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Gli Stati Uniti hanno registrato 137.885 casi di coronavirus e 1.381 decessi legati alla malattia nelle ultime 24 ore: è quanto emerge dai conteggi della Johns Hopkins University, riporta la Cnn.  I nuovi dati portano il totale dei contagi a quota 24.074.657, inclusi 398.981 decessi. Finora sono state somministrate 12.279.180 dosi di vaccini su un totale di almeno 31.161.075 dosi distribuite. La California è diventato il primo Stato Usa a superare la soglia dei tre milioni di casi. Il numero dei contagi nello Stato americano più popoloso è triplicato nell’arco di appena due mesi e attualmente è a quota 3.005.830, inclusi 33.623 morti.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 118 nuovi casi in Cina, 106 a trasmissione locale
I contagi importati sono saliti a quota 4.530
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PECHINO
19 gennaio 2021
09:19
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Cina ha registrato lunedì 118 nuovi casi di Covid-19, di cui 106 trasmessi localmente e 12 importati: secondo i dati diffusi dalla Commissione sanitaria nazionale, 43 infezioni sono state rilevate nella provincia di Jilin (altro fronte caldo tra i recenti focolai), 35 in quella di Hebei, 27 nello Heilongjiang e una a Pechino.
I contagi importati sono saliti a quota 4.530, di cui 4.256 risoltisi con la guarigione e 274 ancora in cura ospedaliera.

Il totale delle infezioni si è portato a 88.454 unità a fine luendì, con 61 classificate in gravi condizioni. I decessi si sono mantenuti a quota 4.635.
I nuovi asintomatici individuati sono 91, di cui 11 importati: nel complesso, si tratta di 811 casi, di cui 259 provenienti dall’estero.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Francia, -16% contagi con anticipo coprifuoco alle 18
Véran, ‘decisione difficile ma stabilizzerà circolazione virus’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PARIGI
19 gennaio 2021
10:01
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Gli effetti positivi del coprifuoco anticipato alle 18 sui contagi in Francia cominciano a farsi sentire, ha detto questa mattina il ministro della Salute, Olivier Véran.
Nei 15 dipartimenti in cui l’anticipo dalle 20 alle 18 è operativo dal 2 gennaio – ha detto Véran ai microfoni di France Inter – il numero dei nuovi contagi quotidiani è diminuito del 16%.

“E’ stata una scelta difficile – ha aggiunto – ma necessaria poiché gli effetti tendono a farsi sentire”. Per il ministro, il calo “non farà arretrare l’epidemia in tempi brevi ma consentirà di stabilizzarla”. A livello nazionale, invece, ha ammesso Véran, bisogna aspettare ancora un po’ perché si manifesti l’effetto del coprifuoco, decretato la settimana scorsa e operativo da sabato sera. In ogni caso, “la circolazione del virus resta preoccupante”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Russia 21.734 casi, dato più basso dal 18 novembre
Il bilancio dei contagi sale a 3.612.800, oltre 66mila morti
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA
19 gennaio 2021
10:17
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Russia ha registrato 21.734 casi di coronavirus nelle ultime 24 ore, il numero più basso dal 18 novembre. Lo ha detto il centro di crisi federale anti-coronavirus.

Il conteggio dei casi in Russia ha raggiunto quota 3.612.800.
Secondo i dati del centro di crisi, il tasso di crescita del coronavirus è dello 0,6%. I morti sono stati 586, per un totale di oltre 66mila vittime. Lo riporta la Tass.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Turchia: ‘legami golpisti’, 238 mandati arresto per militari
Accusati di sostegno a rete Gulen, blitz anche a Cipro nord
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
ISTANBUL
19 gennaio 2021
10:29
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Nuova ondata di arresti in Turchia contro sospetti affiliati alla rete di Fethullah Gulen, che Ankara accusa di aver orchestrato il fallito colpo di stato del 15 luglio 2016.
La procura di Smirne, sulla costa egea, ha emesso 238 mandati di cattura nell’ambito di un’inchiesta su presunte infiltrazioni all’interno delle forze armate di Ankara.
Tra questi militari, 218 risultano tuttora in servizio attivo. Almeno 160 dei ricercati sono già finiti in manette stamani in blitz di polizia in 60 province del Paese e nella parte settentrionale di Cipro, controllata da Ankara.
Dal tentativo di putsch, decine di migliaia di persone sono state arrestate e oltre centomila epurate dalle pubbliche amministrazioni in Turchia per presunti legami con i gulenisti.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Morto l’attore francese Jean-Pierre Bacri
Protagonista di ‘Aria di famiglia’ e ‘Il gusto degli altri’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
PARIGI
18 gennaio 2021
18:54
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
E’ morto il 18 gennaio a Parigi, all’età di 69 anni per un cancro, l’attore francese Jean-Pierre Bacri, molto popolare, protagonista fra l’altro di “Aria di famiglia” e “Il gusto degli altri”. Lo ha annunciato il suo agente.

Attore di teatro, poi di cinema, incarnava nell’immaginario collettivo dei francesi l’antipersonaggio spesso brontolone e annoiato, ma in fondo di grande umanità. Era anche autore e sceneggiatore, suoi molti testi per il teatro oltre che per il cinema, spesso portati al successo insieme ad Agnès Jaoui, che era stata sua compagna.
In carriera, Bacri ha vinto per 5 volte un Cesar (gli Oscar francesi), ricevendo fra l’altro premi per la miglior sceneggiatura con Agnès Jaoui per “Smoking/No Smoking”, “Aria di famiglia”, “Parole, parole, parole…” e “Il gusto degli altri”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Kim Kardashian da record, 200 milioni seguaci su Instagram
Reality star ringrazia fan. In posa con generosa scollatura
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
18 gennaio 2021
16:31
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Kim Kardashian raggiunge quota 200 milioni di seguaci su Instagram. Lo ha annunciato la stessa reality star e imprenditrice in un post con il quale ringrazia anche tutti i suoi fan.

“200 milioni – scrive pubblicando anche tre foto in cui è in posa con una generosa scollatura – grazie infinite per l’affetto”. Prima di lei, il primo utente a raggiungere 200 milioni di follower è stato il calciatore Cristiano Ronaldo.
Attualmente è a quota 255 milioni.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Educazione finanza: Ocse,serve approccio duraturo,coordinato
Raccomandazione a tutti i Paesi
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
18 gennaio 2021
16:23
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Una strategia nazionale per un approccio duraturo e coordinato in materia di alfabetizzazione finanziaria”. E ‘ quanto scrive l’Ocse in una raccomandazione sul tema rivolta a tutti i Paesi aderenti.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il documento definisce l’alfabetizzazione finanziaria “l’insieme di consapevolezza, conoscenze, competenze, atteggiamenti e comportamenti in materia finanziaria, necessari alla realizzazione di decisioni finanziarie valide al raggiungimento del benessere finanziario individuale”, ed indica strada e passaggi da seguire. I Paesi dovranno così adottare un approccio che riconosca l’importanza dell’alfabetizzazione finanziaria, eventualmente anche attraverso normative, ne definisca la portata e sia coerente con altre strategie che promuovono la prosperità economica e sociale, tra cui quelle per l’inclusione finanziaria e la tutela finanziaria dei consumatori. Sarà poi necessario prevedere’ la collaborazione con i soggetti competenti e la nomina di un leader o di un entità/comitato di coordinamento a livello nazionale (che nel caso dell’Italia esiste già con il Comitato presieduto da Anna Maria Lusardi) e definire una tabella di marcia per il raggiungimento di obiettivi che preveda anche fasi di monitoraggio e di valutazione per determinare i progressi compiuti.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
David Lynch, 75 anni di un guru dell’arte visiva
Da Velluto Blu a Twin Peaks e Cuore selvaggio,cinema fantastico
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
18 gennaio 2021
13:06
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Lo hanno definito l’ultimo uomo del Rinascimento, l’autentico surrealista americano, il regista più misterioso di Hollywood. In realtà nessuna definizione si adatta fino in fondo al carattere e al talento di David Keith Lynch, nato a Missoula nel Montana il 20 gennaio 1946, che mercoledì compie 75 anni.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Tutta la sua arte è un continuo travaso di esperienze visuali, meditazione, viaggi nell’inconscio e nelle ossessioni giovanili, come a voler ricreare il tessuto emotivo di una generazione e dell’America profonda.
La svolta nella carriera da cineasta di David Lynch viene col secondo film, “Elephant Man” (1980). Dino De Laurentiis gli consegna il progetto della vita: l’adattamento di una saga visionaria come “Dune” di Frank Herbert. Alle prese con un budget da blockbuster (45 milioni di dollari del 1984) e la pressione del tamtam mediatico, il regista si smarrisce.
Sull’orlo di una profonda depressione David Lynch porta a De Laurentiis un nuovo copione, quasi a risarcimento del flop precedente. In una cornice nostalgica da noir classico, ha messo in “Velluto blu” (1986) tutte le sue ossessioni, i fantasmi dei paesini di montagna in cui è cresciuto, i suoni dell’America anni ’50, la fascinazione del male e delle misteriose dark ladies. Sceglie attori poco costosi come il dimenticato Dennis Hopper, la sua icona Isabella Rossellini, il giovane Kyle McLachlan scoperto in “Dune”; incontra il musicista Angelo Badalamenti che farà la sua fortuna, ripaga la fiducia del produttore con un vero trionfo critico e la seconda (di tre) nomination all’Oscar come miglior regista. Tre anni dopo il produttore Mark Frost che gli apre le porte della tv con la serie per l’ABC “I segreti di Twin Peaks”: gli americani non avevano mai visto nulla di simile e la serie diventerà il punto di riferimento di tutta la fiction di fine secolo. Nel frattempo ha vinto la Palma d’oro a Cannes con “Cuore selvaggio”, realizzato i più misteriosi noir degli anni ’90 (“Strade perdute” e “Mulholland Drive”), dato sfogo alla sua fantasia surreale con “Inland Empire”, vinto un Leone d’oro a Venezia nel 2006. L’Oscar alla carriera del 2019 mette un punto fermo al suo talento.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Gb: pupazzo-beffa di Trump entra in collezione museo Londra
Fra memorabilia storia manifestazioni di piazza nella capitale
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
18 gennaio 2021
13:05
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Donald Trump si è guadagnato il suo angolo di storia, almeno in un museo britannico; ma non si tratta esattamente di un omaggio al leader uscente della Casa Bianca che ha spaccato a metà l’America. Il Museum of London si appresta infatti ad esporre il gigantesco pupazzo gonfiabile, che lo raffigura nei panni di un bebè viziato, iracondo e capriccioso e che fu innalzato nei cieli della capitale del Regno in occasione delle manifestazioni promosse per protestare contro il “tappeto rosso” steso ai piedi del presidente-tycoon americano durante la sua visita ufficiale organizzata dal governo Tory guidato allora da Theresa May.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Al beffardo pupazzo, un pallone aerostatico alto 6 metri, è stato riservato uno spazio nel settore che raccoglie oggetti e ricordi di alcune dei grandi raduni di piazza svoltisi nei decenni a Londra. Sharon Ament, direttrice del museo cittadino, ha detto di considerare il ‘baby-Trump’ gonfiabile un simbolo “dell’ondata di sentimenti che alimentarono un momento di resistenza” e ha aggiunto di sperare che metterlo in mostra possa contribuire a “far riflettere sui motivi che indussero tanti londinesi a a opporsi alle istigazioni di Trump” e “sui modi per continuare la battaglia contro la politica dell’odio”.
In nome di una mezza par condicio di rito, la direzione del Museum of London ha fatto peraltro sapere di essere ora “in contatto” anche con i titolari dei diritti su un’altra effige sarcastica di segno opposto: quella ideata da un drappello di sostenitori britannici di Trump per prendere in giro l’attuale sindaco laburista di Londra, Sadiq Khan, protagonista di polemiche ripetute con The Donald, in risposa proprio alle manifestazioni contro la visita del 2019 cui Khan diede il proprio esplicito sostegno.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Usa: rubò laptop a Pelosi, ‘voleva venderlo ai russi’
Fbi indaga donna che 6/1 prese pc da ufficio speaker Camera
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
18 gennaio 2021
21:24
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Gli uomini dell’Fbi indagano su una donna che il 6 gennaio è stata immortalata dalle immagini tra i rivoltosi entrati in Congresso e che avrebbe rubato un laptop dall’ufficio della speaker della Camera Nancy Pelosi.
Secondo la segnalazione di un conoscente la donna, residente in Pennsylvania, avrebbe quindi tentato di spedire il personal computer a un amico in Russia, con l’intento di venderlo poi all’intelligence di Mosca.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Usa: a Washington scatta l’allarme Covid per la Guardia Nazionale
Timore contagi, almeno 43 soldati nella capitale già positivi
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
18 gennaio 2021
19:01
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Negli ultimi giorni migliaia di truppe della Guardia Nazionale si sono riversate a Washington da tutto il paese per garantire che l’insediamento di Joe Biden avvenga senza scontri o violenze. Il problema tuttavia non è solo quello della sicurezza, ma anche del coronavirus: almeno 43 soldati dispiegati a Washington hanno contratto il covid, secondo quanto riportato dal Military Times.
Anche se nessuno di loro si è contagiato mentre era in servizio in città, come ha spiegato il capitano dell’aeronautica militare Tinashe T. Machona.
Un portavoce della D.C. National Guard, il maggiore Matt Murphy, ha affermato che le truppe con sintomi sono state sottoposte al tampone, ma visto l’enorme numero di soldati in arrivo nella capitale Usa non è possibile testare tutti. “Tutti i 50 stati, tre territori e il District of Columbia sono coinvolti in questa operazione”, ha spiegato il maggiore Murphy.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Trump rompe l’ultima tradizione, nessuna lettera per Biden
Il presidente uscente lascerà la Casa Bianca la mattina presto di mercoledì
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
18 gennaio 2021
18:22
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Nessuna lettera per il successore lasciata sul Resolute Desk, la scrivania dello Studio Ovale. Potrebbe essere l’ultima tradizione rottamata da Donald Trump che, secondo quanto riportano alcuni media, starebbe ancora valutando se prendere carta e penna e lasciare a Joe Biden almeno un saluto, come fece Barack Obama con lui nel 2017 e come da sempre hanno fatto i presidenti uscenti degli Stati Uniti.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Ma The Donald, che non ha concesso la vittoria e non ha mai incontrato Biden dopo le elezioni, sarebbe restio a qualunque atto che possa apparire come un passaggio di consegne.
Trump mercoledì 20 gennaio dovrebbe lasciare la Casa Bianca molto presto, ore prima della cerimonia di insediamento di Joe Biden. Il presidente uscente ha infatti diramato inviti per un evento che si terrà alle 8 del mattino alla base di Andrews, in Maryland, dove arriverà con il Marine One, l’elicottero presidenziale, e si imbarcherà per l’ultima volta sull’Air Force One diretto a West Palm Beach, in Florida, nella sua residenza di Mar-a-Lago. Ai partecipanti all’evento, riportano i media Usa, è stato chiesto di arrivare non più tardi delle 7.15, pronti ad assistere a una piccola cerimonia di addio con tanto di banda militare e 21 salve di cannone. Trump avrebbe quindi confidato di voler partire presto perché odia l’idea di andare via da Washington da ex presidente e quella di dover chiedere in prestito a Biden l’Air Force One.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Usa: Capitol Hill in lockdown per un incendio
In un accampamento di senzatetto nelle vicinanze
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
18 gennaio 2021
19:05
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Tutta l’area di Capitol Hill, dove ha sede il Congresso americano, è stata messa in lockdown in seguito all’allarme per la sicurezza. Secondo le prime ricostruzioni, l’allarme sarebbe stato provocato da un incendio nelle vicinanze.
I partecipanti alle prove generali per la cerimonia di insediamento di Joe Biden, sui gradini del Campidoglio sono stati evacuati per motivi di sicurezza.
Lo riportano i media Usa.
“Nessuna minaccia per il pubblico”. Lo afferma il Secret Service dopo il lockdown di Capitol Hill, l’area dove ha sede il Congresso americano, e l’evacuazione dei partecipanti alle prove generali per la cerimonia di insediamento di Joe Biden, sui gradini del Campidoglio.
Un portavoce dei vigili del fuoco di Washington ha spiegato che fiamme e fumo intenso si sono sviluppati nelle vicinanze di Capitol Hill, in un accampamento sotto un ponte dove vivono dei senzatetto e dove avrebbe preso fuoco una tenda, facendo scattare l’allarme sicurezza. La risposta all’incidente, si spiega, è stata “minima”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Usa, ‘Biden fermerà le esecuzioni federali nel suo primo giorno alla Casa Bianca’
Politico: ‘E’ tra i primi ordini esecutivi da firmare mercoledì’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
WASHINGTON
18 gennaio 2021
16:17
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Nel suo primo giorno alla Casa Bianca, Joe Biden intende firmare anche un ordine esecutivo per fermare le esecuzioni federali, ripristinate da Donald Trump dopo una pausa di 17 anni. Lo scrive Politico.
Nei giorni scorsi intanto i dem hanno presentato una proposta di legge per abolire la pena di morte per reati federali.
Uno dei primi atti di Biden appena insediato alla Casa Bianca sarà quello di cancellare il permesso per la realizzazione dell’oleodotto Keystone XL. L’autorizzazione per la controversa opera, che attraversa alcuni territori considerati sacri dai nativi americani, era stata concessa da Donald Trump nel 2017 dopo che il predecessore Barack Obama l’aveva bloccata nel 2015.
Il Keystone XL è un’opera lunga quasi duemila chilometri che dovrebbe trasportare a regime circa 830 mila barili di petrolio al giorno, trasportandolo dalla regione di Alberta in Canada negli Stati Uniti attraverso il Montana, il South Dakota e il Nebraska. Chi da sempre si oppone al Keystone XL la ritiene una infrastruttura dannosa sia dal punto di vista ambientale che culturale.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Faida fra medici dietro l’agguato a luminare a Nottingham
Collega arrestato per accoltellamento celebre chirurgo
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
18 gennaio 2021
13:02
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Prende corpo la pista di una faida fra camici bianchi a Nottingham, in Inghilterra centrale, nelle indagini sul feroce agguato compiuto la settimana scorsa contro uno dei più noti chirurghi del Regno Unito, Greame Perks, 65 anni, accoltellato ripetutamente nella sua abitazione. La polizia locale ha infatti arrestato nelle ultime ore un altro medico, il 56enne Jonathan Peter Brooks, sospettato dell’aggressione, mentre Perks resta ricoverato in gravi condizioni: stabilizzato ma non ancora fuori pericolo, secondo l’ultimo bollettino noto.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Brooks è accusato, oltre che di tentato omicidio, di aver cercato di dare fuoco all’abitazione della vittima, e quindi minacciato di ucciderne anche la moglie. Al momento la Bbc non precisa se gli investigatori privilegino il movente di un rancore professionale o personale. Si sa comunque che l’arrestato aveva lavorato in passato con Perks nel prestigioso Nottingham University Hospital.
L’attacco era avvenuto giovedì prima dell’alba nella casa della vittima, in un sobborgo residenziale del Nottighamshire, e ha suscitato grande scalpore per la notorietà di Graeme Perks, che ha un curriculum da autentico luminare: già presidente della Società britannica dei chirurghi plastici, ha lavorato e operato durante la carriera in ospedali e centri accademici di Londra, Sheffield, Newcastle e di Melbourne, in Australia, prima di diventare direttore del dipartimento di Chirurgia Plastica, Ricostruttiva e Grandi Ustionati presso il Nottingham University Hospital.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il giudice dispone 30 giorni di arresto per Navalny
Il rivale numero uno di Putin: ‘Mi processano in questura, è inaudito’. Ue e Usa: ‘Liberatelo’. Il dissidente era rientrato ieri a Mosca dopo cinque mesi in Germania in seguito all’avvelenamento
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA
19 gennaio 2021
11:04
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il giudice del Tribunale del municipio di Khimki ha condannato l’oppositore Alexey Navalny a 30 giorni di arresto. Lo riporta Kira Yarmish su Twitter.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’udienza è avvenuta all’interno della stazione numero 2 del dipartimento del ministero dell’Interno russo a Khimki. La richiesta è stata avanzata dalla sezione moscovita del Servizio Penitenziario Federale (FSIN).
Il tribunale distrettuale Simonovsky di Mosca ha intanto rimandato dal 29 gennaio al 2 febbraio il processo sull’appello avanzato dal sistema penitenziario russo per revocare a Navalny la condizionale concessagli per una condanna a tre anni e mezzo inflittagli nel 2014 in un processo ritenuto di matrice politica. Lo riferisce l’avvocata di Navalny, Olga Mikhailova, ripresa dall’agenzia Interfax. Se la corte accoglierà la richiesta del sistema penitenziario, Navalny rischierà di finire in galera.
“Scendete in piazza, non per me ma per voi stessi, per il vostro futuro. Non abbiate paura”. È l’appello lanciato dall’oppositore attraverso il suo canale NavalnyLive dopo l’arresto per 30 giorni. “Di che cosa ha più paura quest’orco che sta sul gasdotto (ovvero Vladimir Putin, ndr), quei ladri che stanno nel bunker? Che la gente scenda in piazza. Perché è il fattore che non può essere ignorato, è l’essenza della politica”, aggiunge nel suo video-appello.
L’arresto di 30 giorni inflitto all’oppositore Alexey Navalny sarà impugnato davanti al tribunale regionale di Mosca: lo ha dichiarato l’avvocato di Navalny, Vadim Kobzev, all’agenzia Interfax. “Certamente questa decisione sarà impugnata, la riteniamo completamente illegale”, ha detto Kobzev.
“Le sedi di Navalny in tutto il Paese cominciano immediatamente la preparazione di grandi comizi il 23 gennaio senza aspettare un nuovo processo”: lo ha dichiarato su Twitter Leonid Volkov, uno dei più stretti collaboratori dell’oppositore russo Alexey Navalny.
“Non capisco quello che sta succedendo, un minuto fa mi hanno portato fuori dalla mia cella, per incontrarmi con i miei avvocati, sono venuto qui e qui sta avendo luogo un processo del tribunale di Khimki. Perché sta avendo luogo all’interno di una stazione di polizia non lo capisco. Quello che succede qui è inaudito, la più alta forma di illegalità, non posso definirla in altro modo”, aveva detto Navalny, in un video diffuso su internet.
“Non accettano di accreditare giornalisti, il che evidenzia uno strano pregiudizio, ovviamente io sono per la trasparenza totale del processo, affinché tutti i media possano osservare questa stupefacente assurdità, che sta avendo luogo qui, e voglio che lascino passare tutti, non solo Lifenews e il servizio stampa della polizia, ma anche i giornalisti veri che al momento se ne stanno al freddo presso il cancello e non vengono fatti entrare”, aveva aggiunto Navalny nel video. “Scusatemi, ma non potete fare finta che questo non stia avvenendo, come se… ah beh, sì, loro stanno lì ma io non so che loro stanno lì, per questo dichiaro che loro stanno lì e richiedono l’accreditamento, che è un loro diritto, e io richiedo la stessa cosa insieme a loro”.
La polizia aveva fatto sapere che l’udienza sulla convalida dell’arresto si era svolta nella stazione di polizia perché Navalny, che è tornato dalla Germania, non ha i risultati aggiornati del test del coronavirus. I giornalisti non sono stati ammessi nella sala per motivi di sicurezza sanitaria. Lo riporta la testata Mediazona.
Per Mosca, la reazione “entusiasta” dei Paesi occidentali al ritorno di Alexey Navalny in Russia è dovuta alla volontà di distogliere l’attenzione della “profonda crisi” in cui versa “il modello di sviluppo liberale”. Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov nel corso della sua conferenza stampa d’inizio anno.
L’Alto commissariato Onu per i diritti umani ha chiesto il rilascio immediato dell’oppositore. “Siamo profondamente turbati dall’arresto di Navalny e chiediamo il suo rilascio immediato e il rispetto dei suoi diritti in linea con lo stato di diritto. Ribadiamo la nostra richiesta di un’indagine approfondita e imparziale sul suo avvelenamento”, afferma un tweet dell’Ufficio dell’Alto commissariato Onu per i diritti umani.
Appelli per la sua liberazione anche dall’Unione europea e dagli Stati Uniti. La Germania chiede a Mosca “il rilascio immediato” dell’oppositore. Il suo arresto, ha detto il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas, “è totalmente incomprensibile”.
Il presidente del Consiglio dell’ Unione europea, Charles Michel, ha definito “inaccettabile” l’arresto chiedendone l’immediato rilasciato., mentre la Lituania ha già avanzato la proposta di nuove sanzioni europee contro Mosca. “L’arresto di Navalny al suo arrivo in Russia è un fatto molto grave, che ci preoccupa. Ne chiediamo l’immediato rilascio. E ci aspettiamo che siano rispettati i suoi diritti”. Lo scrive su Twitter il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. “Inaccettabile l’arresto di Navalny al suo rientro in Russia. I diritti fondamentali non sono negoziabili, il loro rispetto precede qualsiasi forma di cooperazione e va preteso dall’Italia e dall’Europa tutta: davanti a episodi come questo si misura il senso della nostra Unione”. Lo scrive su twitter il presidente della Camera Roberto Fico.
Anche gli Usa condannano con fermezza l’arresto di Navalny. Lo afferma il segretario di stato americano Mike Pompeo, esprimendo “grande preoccupazione” per l’ennesimo tentativo di far tacere una voce dell’opposizione e indipendente. Il presidente eletto Joe Biden, per bocca del suo consigliere per la sicurezza nazionale, chiede la scarcerazione immediata del dissidente.
La discussione sulla risposta europea all’arresto di Alexei Navalny è in corso. Lo ha detto il portavoce del Servizio europeo per l’azione esterna (Seae), Peter Stano, a chi chiede se siano in preparazione nuove sanzioni contro Mosca. Il portavoce ha ricordato la “forte condanna europea”, e la “richiesta di rilascio immediato” dell’oppositore, oltre che di “giornalisti e persone arrivate all’aeroporto per mostrare sostegno”.
Alexey Navalny è rientrato ieri in Russia. Come aveva promesso. E gli agenti del nucleo operativo del Servizio Penitenziario Federale lo avevano preso in consegna al varco passaporti dello scalo di Sheremetyevo, come da programma. Dunque nessuna sorpresa, tranne il dirottamento del volo all’ultimo miglio (sarebbe dovuto atterrare a Vnukovo). “Questa è casa mia, sono felice di essere qui”, aveva detto a internet unificata poco prima del fermo. “Io non ho paura e non dovete averne nemmeno voi”.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Migranti: timori per repressione carovana in Guatemala
Respinti con la forza migliaia di honduregni in marcia verso Usa
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
CITTA’ DEL GUATEMALA
18 gennaio 2021
10:58
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
La Procura dei diritti umani (Pdh) del Guatemala ha manifestato preoccupazione per “l’uso della forza da parte dell’esercito e della polizia nazionale” al chilometro 177 del cammino all’Atlantico, “causando il ferimento di vari migranti”. Molte migliaia di migranti partiti venerdì da San Pedro Sula, in Honduras, ed entrati con la forza in Guatemala attraverso la frontiera di El Corinto, si sono scontrati ieri con agenti di polizia e soldati guatemaltechi che sono riusciti per il momento a fermarne i propositi di avanzare verso la frontiera con il Messico, e raggiungere poi gli Stati Uniti.
Le associazioni per la difesa dei diritti umani hanno postato nelle reti sociali video in cui si vede la marea umana di migranti – fra 6.000 e 9.000 secondo le fonti – cercare di forzare un folto sbarramento di membri delle forze di sicurezza a Chiquimula, riuscendovi all’inizio, ma battendo poi in ritirata. A differenza della strategia applicata sabato quando avevano cercato di impedire senza armi ai migranti di attraversare il confine, ieri gli agenti hanno fatto ampio uso di sfollagente, gas lacrimogeni e granate assordanti.
Dal 2018 almeno 12 carovane hanno cercato, quasi sempre senza fortuna, di raggiungere il confine fra Messico e Usa. La prima iniziativa di questo genere del 2021 è forse la più numerosa, ed stata organizzata sulla base di storiche motivazioni che fanno dell’Honduras uno dei Paesi più poveri d’America latina.
Intervistati dai media, i migranti hanno giustificato la loro intenzione di partire per la grave disoccupazione esistente, l’azione violenta delle ‘maras’ (bande malavitose giovanili), la distruzione dei raccolti lo scorso anno causata dagli uragani Eta e Iota, e infine anche per la pandemia da coronavirus che ha ulteriormente paralizzato l’economia honduregna.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Michel, favorevole al passaporto vaccinale in Ue
Per tornare a viaggiare. ‘Affronteremo tema coi leader giovedì’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
18 gennaio 2021
13:23
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente del Consiglio Ue Charles Michel è favorevole all’introduzione di una sorta di ‘passaporto vaccinale’ per tornare a viaggiare liberamente. “E’ un dibattito molto pertinente e lo inizieremo la prossima settimana”, al Consiglio europeo del 21 gennaio.
“E’ un tema delicato in molti Paesi ma va affrontato”, ha aggiunto. “Penso che anche fuori dall’Ue ci stiano pensando”, ha aggiunto.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Armin il figlio del minatore: ‘Fidatevi di me’
La forza gentile dell’uomo che ora qualcuno paragona a Kohl
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
BERLINO
17 gennaio 2021
20:34
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Fino a ieri era a un passo dal fallimento, oggi c’è chi lo paragona a Helmut Kohl.
All’improvviso, Armin Laschet piace molto più delle attese: ai delegati della Cdu, che lo hanno eletto presidente, e alla stampa tedesca.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Lui, il governatore del Nordreno-Vestfalia dal profilo un po’ sbiadito, che promette solo il “weiter so” (avanti così), ci ha messo del suo, indovinando il tenore del discorso al primo Parteitag digitale che abbia deciso le sorti di un partito. Non lo ha riempito di contenuti politici e geopolitici, per la verità: cosa che fece nel 2018 ad Amburgo Annegrett Kramp-Karrenbauer, impegnata nell’impresa di uscire dal ruolo di ‘piccola Merkel’ per raggiungere quella originale.
Il suo successore è parso meno pretenzioso, ma ha saputo far vibrare le corde giuste. “Non sono perfetto nella rappresentazione, ma sono Armin Laschet e potete fidarvi di me”, ha detto in uno dei passaggi più convincenti, lanciando il filo conduttore di un intervento centrato sul punto forte della candidatura: chi vota per lui, può averne fiducia.
Nato ad Aquisgrana, dove vive con la moglie e i tre figli, ai confini col Belgio e i Paesi Bassi, Laschet a 59 anni arriva a un passo dal coronamento della sua carriera. E anche se con la vittoria di oggi resta aperta la sfida per la cancelleria, non è affatto escluso che ce la possa fare. “Armin Kohl”, ha scritto Spiegel dedicandogli un commento e trovando una cosa in comune con il cancelliere dell’unità: “Kohl era in grado di lasciare che i problemi si risolvessero da soli, Laschet è in grado di farlo con gli avversari”. “Spesso nella sua carriera politica lo ha aiutato il fatto di essere sottovalutato”, ha osservato la Faz, il giornale dei conservatori. Studi di diritto e scienze politiche a Monaco, ex giornalista in Baviera, dove è stato anche editore di un giornale cattolico, Laschet ha una lunga esperienza politica e amministrativa. Nel Bundestag è entrato nel 1994, cinque anni dopo fu eletto al parlamento europeo, nel 2012 è diventato presidente del suo partito nel Nordreno-Vestfalia, che guida come governatore dal 2017.
Il padre era un minatore, ha raccontato al congresso. E uno degli insegnamenti rimasti impressi nella mente era che “quando si è laggiù nella miniera, non conta da dove venga il tuo collega, di che Paese o religione sia. La cosa importante è che tu ti possa fidare di lui”. Un messaggio chiaro anche sulla direzione che darà al partito, restando al centro, nel solco tracciato dalla Merkel. Poi ha mostrato una monetina, facendosi avanti, nello spazio vuoto del congresso digitale. E al gesto inatteso, forse un po’ goffo, è succeduta un’altra suggestione azzeccata: “Mio padre mi ha dato il suo marco portafortuna per oggi, e mi ha detto ‘dici alla gente che può fidarsi di te’ “.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Afghanistan: decine di morti in scontri esercito-Talebani
In provincia di Kunduz. Uccisi 22 militari e 25 insorti
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
KABUL
19 gennaio 2021
12:06
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Non si ferma la violenza in Afghanistan, nonostante i colloqui di pace in corso in Qatar.
Altri 22 membri delle forze di sicurezza e 25 miliziani Talebani sono stati uccisi in scontri avvenuti nella provincia settentrionale di Kunduz, secondo quanto riferito da autorità locali.

Yousuf Ayubi, capo del Consiglio provinciale, ha precisato che 15 militari sono stati uccisi in un attacco dei Talebani nella località di Dasht-e Archi, mentre altri 7 hanno perso la vita in un attacco ad una base dell’esercito nella città di Kunduz.
Il ministero della Difesa di Kabul ha affermato che negli scontri, durati ore, sono stati uccisi anche 25 Talebani.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Navalny: Cremlino,non badiamo ad appelli sulla liberazione
Il portavoce di Putin: ‘E’ un affare interno della Russia’
w
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
MOSCA
19 gennaio 2021
12:00
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Mosca non prenderà in considerazione le sollecitazioni giunte da vari Paesi stranieri per il rilascio di Alexey Navalny dato che si tratta di “un affare interno della Russia”. Lo ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, citato dalla Tass.

Una fonte vicina all’amministrazione comunale di Mosca ha inoltre fatto sapere che le richieste dei sostenitori dell’oppositore, arrestato domenica al suo ritorno in Russia, per lo svolgimento di eventi pubblici a Mosca saranno negate a causa delle restrizioni legate al coronavirus. “Gli eventi pubblici a Mosca sono limitati per il periodo della pandemia in conformità con l’ordine del sindaco del 10 novembre 2020. Il divieto può essere revocato con un ordine separato”, ha detto la fonte in risposta alla domanda di Interfax se le richieste di organizzazione di raduni presentate dai sostenitori di Navalny potrebbero essere approvate.
Il Partito Libertario (non registrato) ha detto in precedenza di aver presentato all’amministrazione comunale una richiesta di organizzare un raduno a sostegno di Navalny il 31 gennaio. I sostenitori di Navalny hanno anche in programma di organizzare altri eventi a suo sostegno.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Messico: presidente, Usa riformino politica immigrazione
Migliaia migranti diretti a nord sono bloccati in Guatemala
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
19 gennaio 2021
12:23
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador ha esortato il governo americano a intervenire con profonde riforme sulla politica di immigrazione del Paese mentre migliaia di migranti che avevano iniziato la loro marcia verso gli Usa sono stati bloccati dalla polizia nel vicino Guatemala.
Secondo quanto riporta la Bbc, Lopez Obrador si è augurato ieri che il presidente eletto Joe Biden sia disposto a lavorare con il Messico e altri Paesi sudamericani su questa difficile questione.
Come è noto, circa 7mila migranti – provenienti soprattutto dall’Honduras – si trovano attualmente in Guatemala.
“Durante la sua campagna, Joe Biden aveva offerto di mettere a punto una riforma dell’immigrazione e io spero che sarà in grado di farlo, Questo è ciò che spero”, ha detto il presidente messicano. “Penso che sia giunto il momento di mantenere l’impegno”, per la riforma dell’immigrazione, ha aggiunto.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Filippine: Amal Clooney, caso reporter Ressa ‘farsa legale’
Contro di lei una ‘campagna sempre più trasparente per zittirla’
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
19 gennaio 2021
12:24
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
L’avvocata per i diritti umani Amal Clooney ha accusato il governo filippino di aver montato una “farsa legale” e una “campagna sempre più trasparente” per mettere a tacere la giornalista Maria Ressa, accusata di diffamazione informatica per la terza volta.
Clooney, legale libanese-britannica che guida un team di avvocati internazionali che rappresentano Ressa, ha affermato, riferisce il Guardian online, che siamo ora di fronte al “decimo mandato d’arresto emesso contro la signora Ressa e la terza accusa per diffamazione per una storia di interesse pubblico” e questo, ha aggiunto, “è l’ultimo passo nella campagna sempre più trasparente del governo filippino per zittirla e chiudere il suo sito di notizie, proprio come hanno chiuso la principale emittente televisiva del paese”.

Ressa, tra i giornalisti più influenti delle Filippine, deve già affrontare una serie di accuse legali per le quali rischia fino a 100 anni di carcere.
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Davos: Wef, ignorato il nostro allarme pandemia per 15 anni
Rischi geopolitici ed economici, i giovani prime vittime
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
19 gennaio 2021
12:26
MONDO TUTTE LE NOTIZIE
“Per 15 anni il World Forum ha avvertito il mondo sui pericoli delle pandemie. Nel 2020, abbiamo visto che cosa significa farsi cogliere impreparati e ignorare i rischi di lungo termine.
La pandemia di Covid-19 non solo si è presa milioni di vite, ma ha anche ampliato disparità già esistenti da molto tempo in termini di accesso alla sanità, economiche e digitali”.
Lo scrive il Forum economico mondiale nel suo Global Risk Report, che verrà presentato oggi in vista del summit Davos Agenda in videoconferenza la prossima settimana.
“I nostri dati più recenti indicano che l’impatto immediato del Covid-19 sulla disparità e frammentazione sociale nei prossimi 3-5 anni minaccerà l’economia, e nei prossimi 5-10 anni la stabilità geopolitica” – si legge nel rapporto – le giovani generazioni “sono le più colpite da questi sviluppi” e globalmente nell’immediato preoccupano gli effetti in termini di “peggioramento della salute mentale e disponibilità di mezzi di sussistenza”.

La Tua opinione è importante! Vota questo articolo, grazie!
No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.