CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 40 minuti

Ultimo aggiornamento 7 Aprile, 2021, 20:11:04 di Maurizio Barra

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 21:06 DI MARTEDì 06 APRILE 2021

ALLE 20:11 DI MERCOLEDì 07 APRILE 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Scuola: mobilitazioni chiedono riaprire anche le superiori
Oggi iniziative in alcune città italiane
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
06 aprile 2021
21:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Domani, primo giorno di scuola dopo le vacanze pasquali, riprendono le mobilitazioni di protesta davanti alle scuole per chiedere la riapertura di tutti gli istituti scolastici, in presenza, sicurezza e continuità, in diverse città, tra cui Milano, Firenze, Pisa, Faenza.
Il Comitato Priorità alla scuola organizza queste iniziative: MERCOLEDì 07 APRILE 2021
Milano Ore 11, Piccolo Teatro Aperto, via Rovello, gli studenti in DAD Bologna Dalle 8 alle 9, piazza Maggiore 6, palazzo d’Accursio, presidio Faenza Dalle 8 alle 13, liceo Torricelli-Ballardini, via Santa Maria dell’Angelo 48, lezioni in DAD in presenza Bagno a Ripoli (FI) Dalle 8.30 alle 13.30, via Belmonte 40, Istituto Redi Caponnetto, lezioni in DAD in presenza Sabato 10 aprile Priorità alla Scuola aderisce alla giornata di mobilitazioni organizzata dalla Società della Cura.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Poche dosi e caso AstraZeneca, oggi 1,5 milioni di vaccini Pfizer alle Regioni. Superati i 3 milioni di guariti
“Cominciamo dai guariti”, iniziava i suoi briefing l’anno scorso l’allora capo della Protezione cive Angelo Borrelli. Tra le poche notizie positive nell’emergenza Covid in Italia c’è il superamento della soglia dei 3 milioni di guariti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
08:43
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Cominciamo dai guariti”, iniziava i suoi briefing l’anno scorso l’allora capo della Protezione civile Angelo Borrelli. E oggi tra le poche notizie positive nell’emergenza Covid in Italia c’è il superamento della soglia dei 3 milioni di guariti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oltre 3,5 milioni sono invece i vaccinati con due dosi, quasi 8 milioni quelli che hanno ricevuto almeno una dose. Ma sulla campagna vaccinale pesano l’incertezza del caso AstraZeneca – che rinvia un’altra consegna e vede aumentare le disdette degli appuntamenti – e la scarsità delle dosi di aprile, nonostante 1,5 milioni di Pfizer oggi alle Regioni, il carico maggiore finora.
Numeri della pandemia e della campagna vaccinale si intrecciano nel weekend di Pasqua in un calo drastico, con il minimo di tamponi fatti da gennaio (quando si iniziarono a contare anche gli antigenici), 216 mila circa in due giorni, e appena 255 mila somministrazioni tra domenica e Pasquetta. Di alto resta il numero dei decessi, ancora 421 nelle ultime 24 ore, mentre i meno di 8 mila positivi sono dovuti in gran parte ai pochi test. La flessione dei casi è ancora lenta.
Tamponi e vaccini non sono slegati, perché anche quando si raggiungerà un numero sufficiente di italiani immunizzati tale da cambiare la storia dell’epidemia, bisognerà comunque testare quante più persone possibile e mantenere alcune misure minime.
La Gran Bretagna ha abbattuto casi e decessi negli ultimi due mesi e vaccinato il 47% della popolazione con almeno una dose, ma continua a fare 1,5 milioni di tamponi al giorno, mentre in Italia quando va bene sono 250 mila. Il caso dell’Ungheria nell’Ue è un monito: ha vaccinato il 34% degli abitanti usando addirittura 8 vaccini (4 approvati in solitaria), ma il 31 marzo ha avuto 302 morti, il massimo in un giorno da inizio crisi, per aver riaperto tutto senza screening.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Italia è stato somministrato ad oggi il 54% delle dosi di AstraZeneca (2.218.038 su 4.098.800 consegnate), secondo il database del ministero della Salute, mentre per Moderna la percentuale scende al 50% (658.403 su 1.328.200). Pfizer ha invece una percentuale di somministrazione del 96%, (8.375.625 su 8.709.480). In totale in Italia su 14.136.480 dosi dei tre vaccini arrivate ne sono state somministrate 11.252.066, circa l’80%.
Si fa più consistente il sospetto che per AstraZeneca pesi la diffidenza popolare. A Napoli centinaia di persone hanno chiesto direttamente al centro vaccinale di cambiare con Pfizer, ritardando le somministrazioni. lnoltre il 20-30% dei prenotati con AstraZeneca non si presentano all’hub di Cagliari, soprattutto docenti scolastici, in una regione tra le peggiori per performance, che a Pasqua ha vaccinato appena 39 persone.
Per AstraZeneca c’è stato anche un giallo Lazio, che ha contestato di aver ricevuto 98 mila dosi come invece indicato nel contatore nazionale. Il Commissariato all’emergenza Francesco Figliuolo ha risposto che sono state destinate a forze dell’ordine, forze armate e Protezione civile nel Lazio. Sempre il Lazio denuncia poi un taglio del 50% nella consegna del vaccino anglo-svedese prevista per il 14 aprile, ma in questo caso si tratta di un rinvio al 16 e al 23, con gli altri arrivi, precisa la struttura governativa guidata dal generale. Di certo c’è che gli 8 milioni di dosi previste in Italia in questo mese non saranno sufficienti a vaccinare 500 mila persone al giorno come previsto nel piano nazionale. Bisognerà puntare forte sugli over 70, fascia d’età molto trascurata e molto colpita dai decessi (6 milioni aspettano ancora la prima dose, 1,5 milioni la seconda), e tenere la riserva di seconde dosi, la gran parte dei 2,8 milioni in frigo. Sei milioni su 8 delle dosi di aprile saranno Pfizer e questa è la buona notizia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Buddisti: Dalai Lama, riscaldamento globale grave problema
Dialogo con l’Unione Buddhista Italiana
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
09:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“É difficile dire come saranno lo sviluppo e la direzione del buddhismo nella società mondana dei prossimi cinquanta anni. Tanto per cominciare il riscaldamento globale continua ad aumentare e questo è un grave problema.

Conosco scienziati che mi hanno detto che in una decina di anni il riscaldamento globale diventerà insostenibile e tanti corsi d’acqua saranno prosciugati. Se questo accadrà anche gli esseri viventi dove sta avvenendo il riscaldamento globale scompariranno”. Lo ha detto il Dalai Lama in occasione del collegamento con l’Unione Buddhista Italiana.
“Le sofferenze del mondo – ha aggiunto il Dalai Lama – nascono dal pensare se stessi come i più importanti. Occorre imparare a considerare tutti gli aspetti negativi dell’egoismo e quelli positivi dell’altruismo”. “L’altruismo diventa sempre più potente fino a quando una persona è pronta a dare la propria vita per essere di beneficio agli altri. Questa compassione ha in sé un coraggio fortissimo”, ha concluso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Medicine cinesi ‘anti-Covid’, sequestrate 6mila confezioni
L’operazione è stata coadiuvata dai militari del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Firenze e dalle Compagnie territoriali di Prato e Signa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
07 aprile 2021
09:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Oltre seimila medicinali di origine cinese, tra cui farmaci venduti come anti Covid, sono stati sequestrati dai carabinieri del Nas di Torino. Erano privi delle necessarie autorizzazioni di Aifa ed Ema.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le indagini erano partite lo scorso gennaio a seguito della scoperta, nel centro del capoluogo piemontese, di alcune decine di confezioni di medicinali cinesi all’interno di una rivendita al dettaglio di generi alimentari. I medicinali erano stoccati in una rivendita all’ingrosso con sedi tra Prato e la provincia di Firenze, di proprietà di un 50enne cinese che è stato denunciato.
L’operazione è stata coadiuvata dai militari del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Firenze e dalle Compagnie territoriali di Prato e Signa (Firenze). I medicinali, principalmente confezionati in bustine e destinati quasi esclusivamente al mercato etnico, sono stati rinvenuti in seguito di alcune perquisizioni delegate dalla Procura della Repubblica di Firenze nell’ambito di un’attività di contrasto al commercio illecito di farmaci.
Le indagini dei carabinieri del Nas di Torino sono scattate lo scorso gennaio, con il ritrovamento nel centro del capoluogo piemontese di alcune decine di confezioni di medicinali cinesi all’interno di una rivendita al dettaglio di generi alimentari.
Gli accertamenti hanno condotto i militari a una società di rivendita all’ingrosso con più sedi, tra Prato e la provincia di Firenze, di proprietà di un 50enne cinese.
Le quasi 6.200 confezioni sequestrate avrebbero fruttato profitti indebiti stimati in oltre 60 mila euro, oltre al potenziale rischio per la salute dovuti all’assunzione di prodotti senza la doverosa valutazione delle Autorità e delle corrette modalità di produzione e conservazione.   PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Scuola: in Fvg ‘rosso’ rientrati in classe 90 mila alunni
Lezioni in presenza per studenti fino alla prima media
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
07 aprile 2021
10:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Zainetti in spalla, mascherine a coprire naso e bocca, ingressi scaglionati e compagni di classe e insegnanti pronti a riabbracciarsi anche se “a distanza”. Sono circa 90 mila gli alunni rientrati in classe oggi in Friuli Venezia Giulia, dopo un periodo di didattica a distanza per le scuole di ogni ordine e grado cominciato lo scorso 15 marzo con l’ingresso della regione in zona rossa.

Il dato, emerso durante un incontro propedeutico alla riapertura a cui avevano partecipato tra gli altri l’Ufficio scolastico del Fvg e la Regione, comprende gli alunni delle scuole dell’infanzia, delle primarie, gli iscritti al primo anno della scuola secondaria di primo grado e i piccoli (0-3 anni) che usufruiscono dei servizi della prima infanzia.
Il dl 44 ha aggiornato le misure previste per il contenimento del virus nelle zone rosse, stabilendo il rientro in classe per gli alunni fino alla prima media; per gli studenti più grandi prosegue invece la didattica a distanza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bradisismo: sciame sismico in corso in area flegrea
Dieci scosse tra Pozzuoli e la zona occidentale di Napoli
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
POZZUOLI
07 aprile 2021
10:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Uno sciame sismico è in corso nell’area flegrea dalla serata di ieri. Registrate dieci scosse nell’arco della notte con l’evento di maggiore intensità alle 4.08 di magnitudo 1.9 con epicentro nell’area di Agnano Pisciarelli, nelle immediate vicinanze del vulcano Solfatara, a profondità di 2mila e 100 metri.
I movimenti tellurici sono stati accompagnati da boati e sono stati avvertiti dalla popolazione soprattutto dell’area epicentrale e del litorale tra via Pozzuoli ed i quartieri occidentali di Napoli.
Al momento non sono stati rilevati danni a persone e cose.
L’ultimo evento di maggiore rilievo era stato registrato il 31 marzo scorso con una scossa di magnitudo 2.2. Tutti gli eventi sono legati al fenomeno del bradisismo flegreo che viene monitorato costantemente dai tecnici dell’Osservatorio Vesuviano e dalla Protezione Civile Nazionale. Secondo i dati diffusi dall’INGV dallo scorso settembre il suolo a Pozzuoli e nell’area flegrea si sta sollevando con un ritmo di 13 mm al mese.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: protestano ambulanti mercati Torino, bloccata via
Assessore Sacco a Santa Rita, trasmesso richieste al prefetto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
07 aprile 2021
11:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mattinata di protesta degli ambulanti di generi non alimentari nei mercati torinesi contro la prolungata chiusura per le norme anti Covid. Tra le manifestazioni quella organizzata a Santa Rita ha visto la partecipazione anche di numerosi negozianti, compresi quelli di attività aperte.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Siamo tutti necessari”, la scritta sullo striscione sventolano dai manifestanti, una sessantina in tutto; “Vogliamo lavorare “, lo slogan ripetuto. “Non possiamo più aspettare”.
I manifestanti sono stati incontrati, sul posto, dall’assessore comunale al Commercio, Alberto Sacco. “Ero già qui alle 8 del mattino – ha detto – spero possiate riaprire al più presto possibile. La vostra situazione ci e ben chiara, capisco e spero vivamente che si possa tornare arancione.
Abbiamo trasmesso tutti i vostri problemi e le vostre richieste al prefetto affinché venga interessato il Governo”.
Sacco è stato brevemente interrotto da qualche ambulante che ha urlato “al 28 non ci arriviamo, moriamo prima”, poi ha potuto concludere il suo intervento. “I nostri poteri sono limitati, decide Roma”, ha aggiunto l’assessore. La protesta, sotto il controllo delle forze dell’ordine, ha parzialmente bloccato corso Orbassano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rissa a Miss Sri Lanka, vincitrice ferita da una rivale
Ex reginetta le strappa la corona di testa, ‘è divorziata’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
11:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La neo vincitrice di Mrs Sri Lanka è stata aggredita e ferita alla testa da un ‘ex reginetta che l’accusava di non essere “degna del titolo perchè divorziata”.
L’incidente, riporta la Bbc, è avvenuto poco dopo l’incoronazione di Pushpika De Silvamsul palco del concorso in diretta tv.
Caroline Jurie, miss nel 2019, si è avventata sulla vincitrice e le ha strappato la corona che era stata fissata sui capelli con dei pettinini affilati.
“C’è una regola che esclude le divorziate, quindi sto prendendo l’iniziativa consegnando il premio alla seconda arrivata”, ha urlato la Jurie al pubblico in sala, tra cui la moglie del premier, piazzando la corona sulla testa dell’altra miss che ha iniziato a esultare, mentre De Silva abbandonava il palco in lacrime. Più tardi ha scritto in un post su Facebook di essere andata in ospedali per farsi medicare alcune ferite.
Nel frattempo gli organizzatori del concorso hanno verificato che non fosse divorziata “ma solo separata” e le hanno restituito l’ambita corona.   MONDO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Disagi al rientro a scuola, hackerato registro elettronico
Disponibile solo da domani, fa sapere l’azienda
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
12:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Disagi informatici nel giorno del rientro a scuola con le lezioni presenza per circa 5,6 milioni di alunni. Il registro elettronico, andato fuori uso a causa di un attacco hacker, sarà ripristinato e sarà disponibile con tutti i suoi servizi entro la mattina di domani.
A comunicarlo è la società Axios, che rifornisce il servizio in Italia nel 40% delle scuole italiane. “A seguito dell’attacco subito dalla nostra piattaforma inviamo di seguito le istruzioni per gestire il registro di emergenza del protocollo”, scrive sul sito Axios.
Da alcuni giorni non si ottiene nessuna risposta dalla piattaforma. MAGGIORI INFO IN TECNOLOGIA.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: protesta ‘gentile’ dei ristoratori, fateci riaprire
Iniziativa nell’Alessandrino, basta essere capro espiatorio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GARBAGNA
07 aprile 2021
12:04
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Fateci aprire”: lo scrivono sulle t-shirt bianche i dipendenti di uno dei locali che si affacciano sulla piazza di Garbagnana, uno dei Borghi più belli d’Italia, che hanno ideato questa ‘protesta gentile’ contro la prolungata chiusura per le norme anti Covid dei ristoranti.
“La ristorazione – dice il titolare del ristorante, Paolo Nicolini – non può continuare a essere il capro espiatorio della diffusione del contagio.
Un ristorante che segue le corrette norme di prevenzione è più sicuro, controllato e controllabile di quanto contrariamente accade sia in molti altri luoghi lasciati aperti sia per i comportamenti largamente diffusi e contrari alle regole imposte. Occorre una nuova formula di dialogo con le sorde istituzioni affinché la situazione cambi. E al più presto”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da oggi di nuovo in classe 5,6 milioni di studenti
Attacco hacker al registro elettronico, sarà ripristinato e sarà disponibile con tutti i suoi servizi entro domani
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
15:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono tornati in classe 5,6 milioni di alunni: quasi il 66% degli 8,5 milioni iscritti a scuola, cioè 2 su 3. Tra loro, 2,7 milioni sono della scuola d’infanzia e primo ciclo, provenienti anche da zone rosse. Mentre sono 2,9 milioni quelli che restano con la didattica a distanza.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Proprio nel giorno del rientro, il registro elettronico nazionale è andato in tilt a causa di un “attacco hacker” e sarà ripristinato con tutti i suoi servizi entro domani mattina. A comunicarlo è la società Axios, che rifornisce il servizio in Italia nel 40% delle scuole italiane. “A seguito dell’attacco subito dalla nostra piattaforma inviamo di seguito le istruzioni per gestire il registro di emergenza del protocollo”, scrive sul sito Axios. Da alcuni giorni non si ottiene nessuna risposta dalla piattaforma.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Per molti studenti dunque un addio alla didattica a distanza: il nuovo decreto varato dal governo infatti prevede la scuola in presenza nelle zone arancioni fino alla prima media e dalla seconda media e per tutto il ciclo scolastico delle superiori la presenza almeno al 50%.
Mentre nelle zone rosse frequenteranno tutti gli alunni fino alla prima media, dad dalla seconda media in poi.

Questa decisione, si legge in una circolare del Viminale ai prefetti, “non ammette alcun intervento in deroga da parte dei presidenti di Regione o delle province autonome e dei sindaci, tranne che in casi di natura eccezionale legati alla presenza di focolai o ad un grado estremamente elevato di rischio di diffusione del virus e delle relative varianti”. Eventuali deroghe, dunque, dovranno essere “adeguatamente motivate”, adottate dopo un “confronto con le competenti autorità sanitarie” e “in conformità ai principi di adeguatezza e proporzionalità”.

Per far ripartire la scuola in sicurezza è tuttavia necessario garantire un trasporto pubblico privo di rischi per i ragazzi che ne fanno uso: controlli dei Nas, d’intesa con il ministero della Salute, per verificare il rispetto delle norme anti-Covid, hanno portato a contestare la regolarità per 65 mezzi su 693 ispezionati. Tra i tamponi di superficie raccolti sono emersi 32 casi di positività per la presenza di materiale genetico riconducibile al virus trovato in autobus, vagoni metro e treni a Roma, Viterbo, Rieti, Latina, Frosinone, Varese e Grosseto.

La circolare del Viminale prevede che i prefetti debbano valutare l’impatto della domanda di mobilità sul sistema del trasporto pubblico. Riguardo alla capienza dei mezzi, si legge, i valori di riferimento sono quelli del Dpcm del 2 marzo scorso che prevedono “un coefficiente di riempimento di quelli adibiti al trasporto pubblico locale non superiore al 50% dei posti consentiti dalla carta di circolazione ed un coefficiente di riempimento dell’80% per i mezzo di trasporto scolastico dedicato, incrementato nella misura massima del 100% nel caso in cui la permanenza degli alunni sul mezzo non sia superiore ai 15 minuti”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Focolaio in casa albergo anziani a Napoli: donna, serve aiuto
Figlia di uno degli ospiti,mio padre positivo,personale stremato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NAPOLI
07 aprile 2021
12:11
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Servono medici, infermieri e operatori socio sanitari che possano dare una mano agli assistenti, ormai stremati dalla fatica e alcuni anche dal covid: nonostante le richieste all’Asl, finora solo alcuni medici volontari stanno visitando mio padre, positivo a 84 anni, affetto da patologie invalidanti che lo costringono su una sedia a rotelle”. E’ il grido d’aiuto che lancia Francesca, figlia di uno dei 14 anziani residenti nella Casa Albergo di Napoli dove è scoppiato nei giorni scorsi un focolaio Sars-Cov-2.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Erano in attesa del vaccino ma è arrivato prima il covid, – dice affranta Francesca – e malgrado gli sforzi della direzione – aggiunge – finora non si è visto nessuno. Sono molto preoccupata, malgrado mio padre sia quasi asintomatico”.
Sabato scorso, fa sapere la donna, i referenti della casa albergo hanno informato l’Asl del focolaio, in corso dopo avere ricevuto l’esito, purtroppo positivo, dei tamponi effettuati sugli anziani della struttura.
“E’ stato chiamato il 118 – continua Francesca – ma è stato riferito che al momento non era necessario il loro intervento in quanto i sintomi non erano al momento gravi. Neppure l’Usca si è attivata – sottolinea la donna – almeno per capire a quali rischi sono esposti quei vecchietti, che hanno una età compresa tra 74 e 94 anni e purtroppo molte patologie”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Film Commission, parte civile su danni
Per avere ‘eventuale ristoro’ nei due processi, uno a contabili
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
12:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Fondazione Lombardia Film Commission ha deciso di costituirsi parte civile, rappresentata dall’avvocato Andrea Puccio, “al fine di ottenere l’eventuale ristoro dei danni patiti” nei due processi, uno in abbreviato a carico dei due revisori contabili della Lega Alberto Di Rubba e Andrea Manzoni, e l’altro in ordinario all’imprenditore Francesco Barachetti, per la vicenda della compravendita del capannone di Cormano (Milano) con la quale sarebbero stati drenati, per l’accusa, 800mila euro di fondi pubblici.
La Fondazione spiega, infatti, di aver “avviato ogni più opportuna iniziativa volta alla tutela dei propri interessi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Andrea Bocelli in concerto nel sito Unesco di Hegra ad AlUla
Tra le tombe nabatee, l’8/4 anche in diretta streaming
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
11:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La voce di Andrea Bocelli, il tenore italiano più amato al mondo. E la meraviglia secolare di Hegra, primo sito Unesco in Arabia Saudita, che presto accoglierà per la prima volta visitatori da tutto il mondo.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È il concerto evento in prima mondiale che porterà Bocelli l’8 aprile ad AlUla, cui potranno assistere dal vivo solo 300 persone, ma che sarà trasmesso gratuitamente in diretta live streaming sul canale YouTube del maestro per milioni di appassionati in tutto il mondo (alle ore 21 per l’Italia).
Per Bocelli è il terzo anno consecutivo ad AlUla, dopo essersi già esibito in due edizioni del festival Winter at Tantora. Il nuovo appuntamento si preannuncia ora come un’imperdibile celebrazione del patrimonio culturale, della musica e dell’ottimismo data la pandemia mondiale.
A regalare una scenografie spettacolare al concerto saranno le tombe nabatee dell’antica città di Hegra, prima volta che il sito viene utilizzato per un evento musicale di questo livello.
Con un programma ancora da annunciare, ad accompagnare Andrea Bocelli sono i musicisti della Arabian Philharmonic con la partecipazione di Loren Allred, Matteo Bocelli e la soprano Francesca Maionchi con Eugene Kohn al piano. Atteso anche un ospite a sorpresa, che sarà rivelato domani stesso.
Hegra, costruita dai Nabatei nel I secolo a.C., è un’antica città nel deserto che ospita migliaia di tombe scavate nella roccia arenaria, di cui almeno cento mostrano facciate scolpite, finemente elaborate, firma degli abili artigiani nabatei (Info: experiencealula.com).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
San Patrignano, i figli di Vincenzo Muccioli querelano Netflix
‘Ricostruzione distorta di storia comunità e fondatore’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
RIMINI
07 aprile 2021
09:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Andrea e Giacomo Muccioli, figli di Vincenzo il fondatore della Comunità di San Patrignano, querelano per diffamazione aggravata Netflix, che ha realizzato il documentario sulla comunità e sulla figura del padre. Lo riporta il Corriere Romagna.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘SanPa. Luci e tenebre a San Patrignano’, la docuserie di Netflix che riporta anche lunghi stralci di intervista ad Andrea Muccioli, avrebbe offeso la memoria del padre Vincenzo. Secondo i figli di Muccioli, assistiti dall’avvocato Alessandro Catrani, la serie fa una ricostruzione distorta della storia della comunità e del fondatore. Sempre secondo la querela vi sarebbero delle allusioni e bugie come la presunta morte per Aids di Vincenzo Muccioli da ricondurre a una altrettanto presunta omosessualità. La querela è stata presentata nei giorni scorsi ai carabinieri.
‘SanPa’ è la prima docu-serie originale italiana di Netflix, di Produzione 42, approdata il 30 dicembre 2020 sulla piattaforma streaming per una platea di 190 Paesi. Scritta da Carlo Gabardini, Gianluca Neri, Paolo Bernardelli e diretta da Cosima Spender, è stata realizzata con 25 testimonianze, 180 ore di interviste e immagini tratte da 51 differenti archivi.
Dalla docuserie, a pochi giorni dalla disponibilità sulla piattaforma, la Comunità di San Patrignano si era già formalmente e “completamente” dissociata, definendo il racconto fatto “unilaterale”, “sommario e parziale”, con una narrazione focalizzata “in prevalenza” su “testimonianze di detrattori”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
14enne morto: archiviato caso ‘YouTube’
Gip Milano, nessun reato da chi caricò filmato sfida ‘blackout’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
07 aprile 2021
13:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nella “vicenda”, che “pure può rappresentare momento di riflessione e confronto”, non ci sono state “violazioni di norme di cautela, da parte degli indagati”, tra cui il giovane che caricò il video, “direttamente riconducibili al tragico epilogo” e non è nemmeno “possibile ascrivere” alla società YouTube “alcun illecito amministrativo”.
Lo scrive il gip Sofia Fioretta nel decreto con cui, accogliendo la richiesta del pm Cristian Barilli, ha archiviato l’inchiesta per istigazione al suicidio sul filmato, che fece quasi un milione di visualizzazioni sulla piattaforma, su “cinque sfide pericolosissime”, tra cui l’auto-soffocamento (cosiddetto ‘blackout’), guardato poco prima di morire da Igor Maj, 14enne trovato impiccato in camera il 6 settembre 2018, a Milano.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il reato era stato contestato a due giovani e in particolare ad un 26enne che aveva prodotto e caricato il video su YouTube.
Non solo, scrive il gip, non c’era in lui “dolo di far sorgere, rafforzare o agevolare il proposito suicidiario nella indistinta platea degli utenti della rete internet”. Ma non si può configurare nemmeno l’omicidio colposo, perché “non è possibile affermare che chi ha consentito la pubblicazione e la mancata rimozione di quel video, usando l’ordinaria diligenza avrebbe potuto prevedere, dopo due anni dalla realizzazione e dalla divulgazione del video” la “tragica morte”.
Con un decreto di sequestro dei pm, dopo la morte, il filmato era stato oscurato. Gli inquirenti avevano chiesto degli atti a YouTube, società di Google e mai indagata, per ottenere chiarimenti. Il giudice precisa che non si possono comunque contestare illeciti alla società.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Da Torino a Napoli, manifestazioni e proteste per le riaperture
Cortei contro la prolungata chiusura per le norme anti-virus
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
07 aprile 2021
13:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Proseguono da Nord a Sud le proteste di ristoratori, commercianti e ambulanti dopo i tafferugli ieri a Roma davanti al Parlamento. A Torino dietro lo striscione “Siamo tutti necessari” protestano a Santa Rita gli ambulanti di generi non alimentari mentre a Pistoia è stato allestito in piazza Duomo un finto mercato ma senza merce esposta.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A Napoli i commercianti sfilano con le croci contro le restrizioni imposte dal governo. A Taranto sit in e gilet gialli per chiedere le riaperture. “Aperture ci saranno, soprattutto da maggio, forse qualcosa già dal 20 di aprile si potrà riaprire”, ha detto Gelmini, ministra per gli Affari regionali e le autonomie agli Stati generali del settore Matrimoni ed eventi privati organizzato da Unanime, confederazione che raccoglie le associazioni della filiera.
Sono 1.280 i furgoncini dei commercianti ambulanti che oggi hanno raggiunto Firenze per la manifestazione organizzata dall’associazione Assidea per chiedere le riaperture dei mercati, causando disagi alla circolazione nelle vie intorno al centro cittadino. La manifestazione è partita stamani da Pistoia, e il corteo di furgoncini, provenienti da tutta la Toscana, ha raggiunto il capoluogo in tarda mattinata: dalle 16 circa 200 persone hanno partecipato a un comizio in via Cavour, davanti alla Prefettura e al Consiglio regionale. L’associazione chiede l’immediata apertura di un tavolo di crisi del settore; l’inserimento dei codici Ateso per la distribuzione di vendita al dettaglio su area pubblica di tutti i prodotti non alimentari in tutte le fasce di rischio; l’abolizione dei canoni di occupazione del suolo pubblico (Cosap e Tosap) e di tutti i contributi previdenziali per il 2021; l’abolizione della richiesta del documento di regolarità contributiva (Durc) al rinnovo delle licenze che si dovrà completare entro il 30 giugno 2021. Fra i partecipanti al comizio, i parlamentari Vittorio Sgarbi e Gianluigi Paragone, i consiglieri regionali Francesco Torselli, Diego Petrucci (FdI) e Marco Landi (Lega), il consigliere comunale Andrea Asciuti (Lega).
Mattinata di protesta degli ambulanti di generi non alimentari nei mercati torinesi contro la prolungata chiusura per le norme anti Covid. Tra le manifestazioni quella organizzata a Santa Rita ha visto la partecipazione anche di numerosi negozianti, compresi quelli di attività aperte. “Siamo tutti necessari”, la scritta sullo striscione sventolano dai manifestanti, una sessantina in tutto; “Vogliamo lavorare “, lo slogan ripetuto. “Non possiamo più aspettare”. I manifestanti hanno incontrato, sul posto, l’assessore comunale al Commercio, Alberto Sacco. “Ero già qui alle 8 del mattino – ha detto – spero possiate riaprire al più presto possibile. La vostra situazione ci e ben chiara, capisco e spero vivamente che si possa tornare arancione. Abbiamo trasmesso tutti i vostri problemi e le vostre richieste al prefetto affinché venga interessato il Governo”. Sacco è stato brevemente interrotto da qualche ambulante che ha urlato “al 28 non ci arriviamo, moriamo prima”, poi ha potuto concludere il suo intervento. “I nostri poteri sono limitati, decide Roma”, ha aggiunto l’assessore. La protesta, sotto il controllo delle forze dell’ordine, ha parzialmente bloccato corso Orbassano.  La manifestazione è proseguita tutta la mattinata con un corteo nelle vie e piazze del quartiere. Molti i cartelli di solidarietà appesi sulle vetrine dei negozi con il permesso di tenere aperto, dove invece le serrande sono state abbassate. “Dietro ogni negozio chiuso – ha detto uno speaker – c’è una famiglia che non ha più soldi per dare da mangiare ai loro figli. La nostra attività garantisce strade sicure e pulite, noi paghiamo tasse per la scuola, per i trasporti, per le pensioni”.
“Siete un esempio, una categoria responsabile che chiede solo di esercitare un diritto: poter lavorare”. Così il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, incontrando in piazza Galimberti, nel centro di Cuneo, gli ambulanti di generi non alimentari dei mercati. “E’ giusto chiedere prospettive e tempi certi – aggiunge il governatore piemontese -. Piuttosto di moratorie e ristori, sarebbe meglio cancellare un anno di tasse. Incontrerò il premier Mario Draghi e presenterò le vostre istanze”.
Protesta degli ambulanti anche in piazza Duomo a Pistoia, dove hanno allestito un finto mercato con i loro furgoni, ma senza merce esposta, per manifestare contro la mancata riapertura dei mercati in zona rossa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“La nostra richiesta è di poter lavorare – ha spiegato Antonio Gualtieri, portavoce degli ambulanti del mercato di Pistoia -, perché i ristori non sono sufficienti e a non tutti arrivano, quindi abbiamo assoluto bisogno di lavorare. Noi oltretutto lavoriamo in sicurezza, perché siamo all’aperto, quindi non si capisce perché dobbiamo rimanere chiusi”. Per Gualtieri, “il problema, per quanto riguarda i ristori, è che chi ha cambiato la società o chi è stato fermo in precedenza per altri motivi, non ha ricevuto niente. Io, per esempio, sono uno di quelli: nel 2019 avevo affittato la licenza a mia moglie, nel 2020 me la sono ripresa, quindi ai fini dei ristori sembra che io non abbia avuto redditi nel 2019 e nel 2020 e perciò non ho ottenuto niente”. Altro fronte quello delle tasse che non sono state congelate. “Io, come molti altri – conclude Gualtieri -, ho pagato 8mila euro di Inps e poi tutte le altre tasse, che purtroppo non sono state sospese. Soltanto la tassa suolo pubblico qualche comune l’ha sospesa o ha fatto pagare solo uno o due mesi, ma tutto il resto arriva da pagare come prima della pandemia”.
Protesta commercianti Taranto, sit-in e gilet gialli – “Il futuro non (si) chiude”: è la frase riportata su uno dei manifesti esposti dai titolari delle imprese del terziario aderenti a Confcommercio di Taranto, che questa mattina hanno tenuto un sit-in in sulla Rotonda del Lungomare per protestare contro il protrarsi delle chiusure disposte dai decreti governativi per l’emergenza epidemiologica. I manifestanti hanno testimoniato l’urgenza, condivisa da tutte le categorie associate, di consentire – è stato spiegato – la ripartenza delle attività nel rispetto delle regole e dei protocolli di sicurezza e di prevedere indennizzi e sostegni adeguati alle perdite. Al centro della Rotonda del Lungomare sono stati posizionate buste nere della spazzatura con la scritta “un sacco di debiti” perchè, ha detto uno dei commercianti intervenuti, “in questo anno il governo ci ha dato solo tanta immondizia piuttosto che ristori, assistenza e certezza sulle vaccinazioni. Noi continuiamo ad andare avanti con una protesta civile, tutti con la mascherina, rispettando le distanze di sicurezza. C’è una esasperazione dilagante – ha aggiunto – che speriamo non sfoci in manifestazioni ben più dure. Ce lo auguriamo perchè vorrà dire che il governo sarà intervenuto finalmente con provvedimenti seri per il commercio e per tutte le categorie che sono state dimenticate da Dio”. Per questo pomeriggio, dalle 17, è stata annunciata una nuova iniziativa. I commercianti appenderanno simbolicamente un gilet giallo davanti ai propri negozi e faranno sentire, hanno precisato, il loro “grido di dolore”.
Quindici croci di legno in piazza a testimoniare il calvario di altrettante categorie commerciali. La rappresentazione è andata in scena a Napoli, ma non c’entrano i riti pasquali. A protestare sono gli aderenti alla Confesercenti di quindici categorie merceologiche (benzinai, ambulanti, orafi e gioiellieri, moda, esercenti pubblici, imprese balneari, guide turistiche e interpreti, case vacanza e ostelli, parrucchieri ed estetiste, federazione turismo, sindacato delle discoteche tra le altre) riunitisi in centinaia in piazza del Plebiscito, sede della Prefettura, per chiedere la riapertura immediata dei loro esercizi. Tra i più arrabbiati gli ambulanti: “Non capiamo la differenza tra chi vende alimenti e chi no – spiega uno di loro mentre gli altri scandiscono lo slogan “lIbertà, libertà” – . Apriamo tutti da domani, senza distinzioni, non ce la facciamo più. Oppure presentiamoci in massa alla Mostra d’Oltremare per fare i vaccini. E se non ci sono non è certo colpa nostra”.
Baristi, ristoratori, titolari di negozi di abbigliamento e scarpe, di salumerie, agenti di viaggio, fioristi, panificatori e venditori ambulanti: tutte le categorie del commercio aderenti a Confesercenti sono scese in piazza della Prefettura a Caserta, tramite i loro rappresentanti, per chiedere al Governo “di riaprire subito e tutti” e di avere “ristori più cospicui e veloci”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Eurostat, in Italia aspettativa di vita giù di 1,2 anni
E’ passata da 83,6 anni nel 2019 a 82,4 nel 2020
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BRUXELLES
07 aprile 2021
13:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’aspettativa di vita degli italiani è diminuita di 1,2 anni nel 2020, passando da 83,6 anni del 2019 a 82,4 anni. Si tratta di uno dei cali più significativi tra gli Stati membri.
E’ quanto rileva Eurostat, ricordando come, dagli anni Sessanta in poi, l’aspettativa di vita nell’Ue sia aumentata in media di oltre due anni per ogni decennio.
A subire il calo maggiore nella speranza di vita sono stati i cittadini spagnoli (-1,6 anni) e bulgari (-1,5 anni), seguiti da lituani, polacchi e rumeni (-1,4 anni). In Francia e Germania si è registrato un calo rispettivamente di 0,7 e 0,2 anni. Soltanto in Danimarca e Finlandia, invece, si è assistita a un’inversione di tendenza, con l’aspettativa di vita aumentata di 0,1 anni.
Invariati i dati tra il 2019 e il 2020 per Cipro e Lettonia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Unicef, con noi Angelique Kidjo e altri artisti
Per promuovere fiducia in occasione Giornata Mondiale Salute
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
14:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Artisti africani di fama mondiale come Angelique Kidjo, Calema, Cobhams Asuqo, Magic System e Safiath si uniscono all’Unicef, In occasione della Giornata Mondiale della Salute, per promuovere “la fiducia nei vaccini contro il Covid-19”.
Un mese dopo l’inizio dello storico lancio dei vaccini contro il covid-19 in diversi paesi dell’Africa occidentale e centrale e in altre parti del mondo e livelli record di disinformazione sui vaccini – spiega in una nota l’Unicef, è “più importante che mai amplificare il messaggio che i vaccini sono sicuri ed efficaci.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I vaccini salvano vite”.
“Abbiamo un’opportunità fondamentale per sensibilizzare sull’importanza degli sforzi di vaccinazione contro il COVID-19, per combattere la disinformazione e affrontare le esitazioni nei confronti dei vaccini – afferma il Direttore regionale dell’Unicef per l’Africa occidentale e centrale, Marie-Pierre Poirier – .Le voci e la disinformazione costano letteralmente vite umane, scoraggiando le persone a sottoporsi alla vaccinazione, il miglior strumento disponibile per evitare di contrarre e diffondere malattie mortali prevenibili con il vaccino, compreso il Covid-19. Plaudo all’impegno dei governi nazionali, e di questi artisti di talento e membri influenti della comunità, che chiedono a tutti di sostenere gli sforzi di vaccinazione contro il Covid-19”.
“Sono qui per dirvi che i vaccini salvano vite. Da bambina, sono stata vaccinata e mi vaccinerò contro il covid-19 quando il vaccino sarà disponibile per me” commenta Angelique Kidjo, cantante nata in Benin e Goodwill Ambassador dell’Unicef, in un video che sarà pubblicato e promosso sui social media oggi.
Nel maggio dello scorso anno, Angelique Kidjo ha reinciso la hit di Miriam Makeba del 1967 ‘Pata Pata’, per diffondere informazioni sul covid-19, e ha raggiunto centinaia di milioni di persone, anche in comunità remote in tutto il mondo. La versione di Kidjo è stata ascoltata da più di 100 stazioni radio in tutta l’Africa, oltre che negli Stati Uniti e in Europa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ingaggia sicario su dark web,10mila euro per sfregiare la ex
Arrestato manager milanese.Indagine pm Roma,pagamenti in Bitcoin
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
14:26
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Aveva ingaggiato un sicario sul dark web, affinché la ex fosse “sfregiata con l’acido e costretta su una sedia a rotelle”. Un manager milanese di 40 anni è finito agli arresti domiciliari con l’accusa di atti persecutori aggravati.
Secondo le indagini della polizia postale e della squadra mobile di Roma, l’uomo – esperto informatico, funzionario di una grande azienda – aveva contattato un sito sul dark web, chiedendo a soggetti denominati ‘Assassins’ di provocare lesioni gravissime alla ex fidanzata e offrendosi di pagare una grossa somma in bitcoin, una parte della quale era stata già versata ad un intermediario. Quattro pagamenti per un valore complessivo di quasi 10 mila euro per “cagionare alla sua ex lesioni gravissime”. E’ quanto aveva pattuito il 40enne arrestato oggi su richiesta della Procura di Roma per stalking e tentate lesioni personali, con un “sicario” contattato sul Dark Web. In base a quanto emerge dall’ordinanza di custodia cautelare l’uomo avrebbe dovuto saldare il pagamento attraverso Bitcoin. L’indagine è stata svolta dal sostituto procuratore Daniela Cento coordinata dal procuratore Michele Prestipino.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lazio: si dimette presidente Consiglio, mio operato corretto
Ombre su assunzioni in Regione, “ora commissione trasparenza”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
07 aprile 2021
14:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ho sempre lavorato nel pieno rispetto della legge, delle istituzioni e nella massima trasparenza. Negli ultimi giorni il Consiglio e la mia persona sono state vittime di attacchi e speculazioni politiche”.
Così Mauro Buschini, presidente del consiglio regionale del Lazio, annuncia le sue dimissioni, facendo riferimento alla vicenda di assunzioni alla Regione Lazio. “Ribadisco che la procedura è stata non solo regolare ma pienamente trasparente e ha permesso di integrare le risorse umane con personale esperto e preparato – aggiunge Buschini – Ho deciso di rassegnare le mie dimissioni da Presidente per garantire al mio successore di nominare in piena autonomia i membri della Commissione trasparenza che ho fortemente voluto e che, sono sicuro, farà luce sulla vicenda”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Lazio, 40enni potrebbero vaccinarsi in farmacia
Assessore, ci sono le condizioni, dipende dalle dosi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
07 aprile 2021
14:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sicuramente le prenotazioni per chi è nato nel 1966 potranno avvenire dai primi giorni del prossimo mese, mentre per la classe successiva ci vorrà un po’ di più e probabilmente è una classe quella che si rivolgerà alle farmacie. Sì, i quarantenni potrebbero fare il vaccino in farmacia, dosi e tempi permettendo.
Ci sono tutte le condizioni”. Lo ha detto l’assessore regionale alla Sanità del Lazio, Alessio D’Amato, intervenuto a Rai Radio2 nel programma di Tommaso Labate e Massimo Cervelli ‘Non è un paese per giovani’. “Johnson & Johnson, monodose , potrebbe essere adatto alla somministrazione in farmacia”, ha sottolineato D’Amato.
“Quindi siamo in trepidante attesa per capire quante dosi arriveranno”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Stefani, monitoriamo applicazione priorità disabili
Da parte delle Regioni.Valutiamo possibili alternative procedure
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
16:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Sono consapevole che non è sufficiente l’inserimento delle persone con disabilità grave fra le categorie prioritarie, ma è necessario che, in collaborazione con le Regioni, si dia effettività ad un diritto ormai garantito a salvaguardia dei più deboli. Proprio per questa ragione stiamo monitorando l’effettiva applicazione di tale priorità da parte delle regioni, e contemporaneamente, valutando le possibili alternative per poter facilitare e omologare le procedure di iscrizione alla vaccinazione”.Lo ha annunciato il ministro per le Disabilità Erika Stefani in audizione in Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: rinviata causa di 500 famiglie
Sono parenti di vittime di Brescia e bergamasche
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BRESCIA
07 aprile 2021
16:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
È stata rinviata al prossimo 8 luglio l’udienza civile davanti al tribunale di Roma per la causa intentata da 500 familiari – bresciano e bergamaschi – delle vittime di coronavirus. L’udienza era prevista per il 14 aprile ed è stata rinviata.

In forza della normativa anticovid, l’udienza sarà a trattazione scritta, cioè non si terrà alla presenza delle parti, che dovranno depositare le proprie richieste e le proprie domande su cui il Giudice deciderà entro i 5 giorni successivi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: risalgono i contagi in Sardegna ma frenano i ricoveri
Sono 263 i casi, tasso di positività al 3,9% e cinque i decessi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
07 aprile 2021
16:46
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 47.630 i casi di positività al Covid-19 complessivamente accertati in Sardegna dall’inizio dell’emergenza. Nell’ultimo aggiornamento dell’Unità di crisi regionale sono stati rilevati 263 nuovi casi.
In totale sono stati eseguiti 1.042.899 tamponi, per un incremento complessivo di 6.599 test rispetto al dato precedente. Il rapporto casi positivi-tamponi eseguiti segna per l’Isola un tasso di positività del 3,9%.
Si registrano cinque nuovi decessi (1.250 in tutto). Sono invece 294 i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (-3), mentre restano 47 i pazienti in terapia intensiva. Le persone in isolamento domiciliare sono 15.649. I guariti sono complessivamente 30.378 (+105), mentre le persone dichiarate guarite clinicamente nell’Isola sono attualmente 12.
Sul territorio, dei 47.630 casi positivi complessivamente accertati, 12.121 (+76) sono stati rilevati nella Città Metropolitana di Cagliari, 7.309 (+30) nel Sud Sardegna, 4.081 (+38) a Oristano, 9.375 (+48) a Nuoro, 14.744 (+71) a Sassari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Eataly: chiusura definitiva per i negozi di Bari e Forlì
Azienda: ‘piani sviluppo confermati. In tutto 80 i dipendenti’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
07 aprile 2021
17:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Eataly chiude definitivamente gli store di Bari e Forlì. I due negozi, che hanno complessivamente 80 dipendenti, non riapriranno neppure quando l’emergenza sanitaria sarà finita.

“La decisione è maturata su fattori di contingenza locale aggravati dalla pandemia. I piani di sviluppo di Eataly restano confermati.

Bari e Forlì sono gli unici negozi che non verranno riaperti, e la priorità oggi riguarda la situazione del personale e lavorare con le organizzazioni sindacali in modo fattivo e collaborativo per ridurre gli impatti di stabilità reddituale sul personale dei due negozi”, spiega l’azienda in una breve nota.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 627 morti, mai così tanti dal 5/1. Positivi risalgono
Tamponi triplicati. In calo terapie intensive-ricoveri, tasso 4%
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
17:47
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 13.708 i positivi al test del coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 7.767.
I tamponi sono notevolmente risaliti dopo il forte calo del weekend, fino a quota 339.939. Sono invece 627 le vittime in un giorno (ieri 421). Un numero simile di morti non si verificava dal 5 gennaio, quando furono 649. Ieri i test molecolari e antigenici erano stati 112.962, un terzo circa di quelli di oggi. Il tasso di positività è del 4%, ieri era al 6,9%, quindi in calo del 2,9% in 24 ore.
Sono 3.683 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, in calo di 60 unità rispetto a ieri nel saldo giornaliero tra entrate e uscite, mentre gli ingressi giornalieri in rianimazione sono stati 276 (ieri 221). Nei reparti ordinari sono invece ricoverate 29.316 persone, in calo di 21 unità rispetto a ieri.
In totale i casi da inizio epidemia sono 3.700.393, i morti 112.374. Gli attualmente positivi sono 547.837 (-7.868 rispetto a ieri), i guariti e dimessi 3.040.182 (+20.927), in isolamento domiciliare ci sono 514.838 persone (-7.787).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Novantenne morto in casa a Torino, si sospetta omicidio
Sarebbe stato colpito da coltello da cucina,indagano carabinieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
07 aprile 2021
18:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il corpo senza vita di un uomo di 90 anni è stato rinvenuto nella sua abitazione in via Tripoli, nel quartiere torinese di Santa Rita a Torino. Da una prima ricostruzione dei carabinieri, che indagano sull’accaduto, l’anziano sarebbe stato colpito con un coltello da cucina.
La casa non sembra essere a soqquadro e nell’abitazione non c’era alcuna altra persona.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: caos vaccini Sardegna, file e ritardi
Risalgono i contagi ma calano lievemente i ricoveri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
07 aprile 2021
19:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Crescono nuovamente i contagi in Sardegna, che arrivano a quota 263 con un tasso di positività del 3,9%, ma rallenta la corsa dei ricoveri: -3 nei reparti non intensivi mentre resta invariato il numero dei posti letto occupati da pazienti positivi nelle intensive. Nell’Isola, però, frena anche la campagna di vaccinazione, anche se nei vari hub e centri vaccinali si ritocca quota 6mila dosi somministrate dopo il brusco stop a Pasqua con sole 39 inoculazioni nella domenica di festa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In 24 ore sono stati fatti 6.691 vaccini (4.718 primo ciclo e 1.973 richiami), un numero che è ancora basso rispetto al target di 17mila somministrazioni al giorno fissato per fine mese dal commissario nazionale per l’emergenza, il generale Francesco Paolo Figliuolo, nella sua recente visita a Cagliari. Ad oggi nell’Isola è stato somministrato il 74,9% delle dosi, cioè 270.990 (prima dose 197.748 e seconda dose 73.242) su 361.870 fiale consegnate. In pratica almeno una dose è stata inoculata al 12,1% della popolazione sarda, mentre ha completato l’intero ciclo solo il 4,5%.
E a Sassari, dove la campagna vaccinale si estende agli under 80 non fragili, l’hub allestito nell’area fieristica di Promocamera registra ritardi, disagi e proteste. File anche alla Fiera di Cagliari, dove si è anche formata una lunga coda di auto, e a Nuoro. Un maxi assembramento di anziani acciaccati e infreddoliti è stato segnalato in via Kandinskij, davanti al cancello dell’Istituto superiore Francesco Ciusa dove sono in corso i richiami della prima dose. Una situazione che ha fatto gridare allo scandalo sui sociale e nel capoluogo barbaricino.
Intanto dopo la proroga del lockdown a Bono e Bultei, rispettivamente all’11 e 14 aprile, entra in zona rossa anche Siurgus Donigala. Salgono così a 16 su 377 i territori comunali che hanno scelto di autoisolarsi per l’impennata dei contagi nelle ultime due settimane. Il paese della Trexenta rimarrà in lockdown sino al 17 aprile.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Crudelia dal 28 maggio in sala e su Disney+
Il live action di Gillespie con Emma Stone ed Emma Thompson
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
18:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Crudelia, l’atteso nuovo film live action Disney, interpretato dai premi Oscar© Emma Stone ed Emma Thompson e diretto da Craig Gillespie, arriverà il 28 maggio in contemporanea nelle sale cinematografiche italiane (salvo disponibilità del cinema) e su Disney+ con accesso vip (cioè sborsando una tariffa supplementare una tantum in aggiunta al costo dell’abbonamento standard).
Crudelia racconta gli esordi di una delle antagoniste più celebri del mondo del cinema: la leggendaria Cruella de Vil (Crudelia De Mon).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il film è diretto da Craig Gillespie (Tonya), da una sceneggiatura di Dana Fox e Tony McNamara e da un soggetto di Aline Brosh McKenna e Kelly Marcel & Steve Zissis, ed è prodotto da Andrew Gunn (Quel pazzo venerdì), Marc Platt (Il ritorno di Mary Poppins) e Kristin Burr (Ritorno al Bosco dei 100 Acri), mentre Emma Stone, Michelle Wright, Jared LeBoff e Glenn Close sono i produttori esecutivi. La costumista due volte vincitrice del premio Oscar© Jenny Beavan (Mad Max: Fury Road, Camera con vista) ha creato gli affascinanti e fantasiosi costumi.
Il nuovo trailer, appena diffuso, porta direttamente gli spettatori nelle atmosfere punk rock della Londra degli anni ’70. Protagonista è giovane truffatrice di nome Estella (Emma Stone) è determinata a farsi un nome con le sue creazioni. Fa amicizia con una coppia di giovani ladri che apprezzano la sua inclinazione alla cattiveria e insieme riescono a costruirsi una vita per le strade di Londra. Un giorno il talento di Estella per la moda cattura l’attenzione della Baronessa von Hellman, una leggenda della moda incredibilmente chic e terribilmente raffinata, interpretata da Emma Thompson (Casa Howard, Ragione e sentimento). Ma la loro relazione mette in moto una serie di eventi e rivelazioni che portano Estella ad abbracciare il suo lato malvagio e a diventare la prorompente e vendicativa Cruella.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Zucchero, rinviati i concerti all’Arena di Verona
I 14 show in cartellone riprogrammati ad aprile e maggio 2022
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
16:55
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Col mal di denti nel cuore, vi devo dare questa notizia. Abbiate pazienza, vi aspetto tutti 140.000.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A buon rendere”. Zucchero annuncia così il rinvio di un anno dei 14 show previsti a partire dal 23 aprile 2021 all’Arena di Verona. La nuova ripartenza è prevista per il 25 aprile 2022.
La decisione è stata presa in seguito al persistere dell’incertezza sanitaria internazionale e in considerazione dell’alto numero di spettatori previsti per i concerti (140.000), in arrivo anche dall’estero, e della complessità organizzativa di un tour mondiale che toccherà Europa, Canada e Stati Uniti, Sud America, Australia, Nuova Zelanda e Asia.
Queste le nuove date: 25 aprile 2022 (recupero del 24 settembre 2020 e del 25 aprile 2021), 26 aprile 2022 (recupero del 25 settembre 2020 e 27 aprile 2021), 27 aprile 2022 (recupero del 26 settembre 2020 e 28 aprile 2021), 29 aprile 2022 (recupero del 22 settembre 2020 e 23 aprile 2021), 30 aprile 2022 (recupero del 23 settembre 2020 e 24 aprile 2021), 1 maggio 2022 (recupero del 1 ottobre 2020 e 2 maggio 2021), 2 maggio 2022 (recupero del 2 ottobre 2020 e 4 maggio 2021), 4 maggio 2022 (recupero del 3 ottobre 2020 e 5 maggio 2021), 5 maggio 2022 (recupero del 4 ottobre 2020 e 6 maggio 2021), 6 maggio 2022 (recupero del 6 ottobre 2020 e 7 maggio 2021), 7 maggio 2022 (recupero del 7 ottobre 2020 e 8 maggio 2021), 8 maggio 2022 (recupero del 30 settembre 2020 e 1 maggio 2021), 10 maggio 2022 (recupero del 27 settembre 2020 e 29 aprile 2021), 11 maggio 2022 (recupero del 29 settembre 2020 e 30 aprile 2021).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Martone, Traviata come un film nel vuoto di teatro di oggi
9/4 su Rai3, ‘lasciarsi andare a fluire storia d’amore di Verdi’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
16:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Una ‘Traviata’ di Giuseppe Verdi, un’opera lirica ”che nasce in un teatro vuoto, come lo sono oggi drammaticamente tutti i teatri per colpa della pandemia, non realizzata e poi filmata, ma già costruita pensando alle riprese per farne un vero film, tanto da aver abolito la divisione in tre atti dell’originale, che pure seguiamo fedelmente”, spiega il regista Mario Martone, chiamato da Carlo Fuortes, sovrintendente dell’Opera di Roma, a questa seconda impresa che Rai3 ha programmato venerdì 9 aprile in prima serata, dopo il successo a dicembre di un analogo, cinematografico ‘Barbiere di Siviglia’. Del resto questa storia d’amore è stata costruita dal librettista Piave, sul dramma e il romanzo ‘La signora delle camelie’ di Dumas figlio, con l’intento di farne grande spettacolo, puntando su due scene centrali, ”le due grandi feste, due momenti dionisiaci, di sfrenatezza sociale che, alternandosi con la dimensione intima dei protagonisti, dà rilievo alla denuncia dura di Verdi di una società ipocrita e patriarcale, come accade anche nel ‘Rigoletto”’.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scene di festa e ballo (coreografie di Michela Lucenti), quindi, imprescindibili, a loro modo trascinanti, ma che ancor più evidenziano come il tutto stia avvenendo in un teatro vuoto.
”La sensazione di vuoto è stata una mia precisa volontà per far partecipi gli spettatori del dolore di questo momento di particolare difficoltà per il mondo dello spettacolo, che non deve comunque far morire l’immaginazione, coinvolgendovi lo spettatore, anche quello lontano, televisivo”, spiega Martone, aggiungendo che ”tutto è stato allestito seguendo i protocolli anti Covid cine-teatrali, eseguendo più tamponi e congegnando l’azione per mantenere certi distanziamenti, anche tra i coristi”. I due protagonisti sono impersonati da Lisette Oropesa (Violetta Valéry) e Saimir Pirgu (Alfredo Germont), mentre Giorgio Germont sarà interpretato da Roberto Frontali; Flora da Anastasia Boldyreva e il barone Douphol da Roberto Accurso, accanto ai quali saranno anche vari cantanti usciti da Fabbrica Young Artist Program dell’Opera di Roma. I costumi, che rimandano all’epoca, sono una creazione di Anna Biagiotti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gianni Morandi dimesso dall’ospedale, ‘buone condizioni’
Era ricoverato dall’11 marzo per le ustioni a mani e gambe
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
07 aprile 2021
16:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Torna a casa Gianni Morandi, dimesso nella tarda mattinata del 7 aprile dal Centro grandi ustionati dell’ospedale Bufalini di Cesena, dove era ricoverato dall’11 marzo a seguito delle ustioni riportate alle mani e alle gambe dopo un incidente domestico nel suo giardino. Le sue condizioni di salute, informa l’Ausl Romagna, sono buone.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Pelé in esclusiva a “Che Tempo Che Fa” su Rai3
Fabio Fazio intervista la leggenda del calcio mondiale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
16:07
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La leggenda del calcio mondiale Pelé sarà ospite in esclusiva a “Che Tempo Che Fa” di Fabio Fazio, in onda domenica 11 aprile dalle 20 su Rai3. Edson Arantes do Nascimento, detto “O Rei”, è considerato il più grande calciatore di tutti i tempi e detiene il “Guinness World Record” per il maggior numero di gol segnati in una carriera nella storia del calcio, contando anche le amichevoli.

Unico calciatore ad avere vinto 3 Mondiali (1958, 1962 e 1970, con la nazionale brasiliana), nominato “Atleta del secolo” nel 1999 dal Comitato olimpico internazionale, “Calciatore del secolo” nel 2000 dalla Fifa (insieme a Diego Armando Maradona), nel 2014 ha vinto il Pallone d’oro onorario Fifa. Dal 1961 è “Patrimonio nazionale” del Brasile, dal 2011 “Patrimonio storico-sportivo dell’umanità per il Brasile” ed è stato inserito dal Time nel “TIME 100 Heroes & Icons” del XX secolo.
Dopo il suo ritiro nel 1977, l’Onu gli ha conferito il titolo di “Cittadino del mondo” ed è diventato ambasciatore Unesco e Unicef. Dal 2018 la sua Pelé Foundation aiuta i bambini in tutto il mondo, con l’obiettivo di diffondere l’istruzione e combattere la povertà.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Vita da Carlo, Verdone racconta la sua tragicommedia
Ciak a maggio per comedy Amazon Original, 10 puntate
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
13:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Non una commedia ma una tragicommedia: Carlo Verdone ne è perfettamente consapevole, da sempre ci scherza sopra. L’affetto invadente dei suoi fan, il suo sguardo ironico, quella capacità di distaccarsi dalle cose che capitano sotto i suoi occhi con sarcasmo e un secondo dopo bonariamente ricomprenderle, sono alcuni aspetti della sua esistenza pubblica mentre prova da sempre a difendere con riservatezza quella privata.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ce n’è per dieci puntate, tante sono quelle di Vita da Carlo, il progetto annunciato nel gennaio 2020 e che a breve sarà sul set. Una serie Amazon Original (prodotta da Aurelio e Luigi De Laurentiis, Filmauro), versione romanzata della sua vita, dunque un documentario in cui Verdone interpreterà se stesso ma fino ad un certo punto e ci saranno anche camei dei suoi ‘amici’ di cui però al momento non sono resi noti i nomi. La comedy Vita da Carlo approderà in streaming su Prime Video (dove attualmente altre produzioni italiane sono Lol: chi ride è fuori, Celebrity Hunted, Tutta colpa di Freud e Made in Italia) nell’ultima parte del 2021, in autunno.
“Ora. Sopralluogo a Fregene per la serie Vita da Carlo. Primo ciak metà maggio. Sono sulla spiaggia di fronte alla villa di Alberto Moravia che la abitò fino al 1974. Un piacere indescrivibile potersi per un attimo togliere la mascherina all’aria aperta. Un abbraccio a tutti da un litorale pieno di sole e leggero vento”: così lo stesso Verdone cinque giorni fa ha annunciato le riprese imminenti. Ciak dunque a metà maggio e sopralluoghi in corso in questi giorni non solo a Fregene ma in tante altre località.
Da un’idea di Nicola Guaglianone e Menotti (Roberto Marchionni) – il duo che fa firmato Lo chiamavano Jeeg Robot – , Vita da Carlo è sceneggiato da loro, con Verdone ovviamente e il fedele Pasquale Plastino ed è anche il debutto del regista di Bianco, Rosso e Verdone in una serie tv in un anno che ha visto l’uscita in libreria dell’autobiografico La carezza della memoria (Bompiani), mentre il nuovo film, pronto e inedito, Si vive una volta sola, è diventato il simbolo del cinema in sala silenziato dal Covid.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A marzo ascolti in calo sul 2020, ma è boom smart tv
Studio Frasi, -2,5 mln. Ma +5,2 mln con tv connesse a Internet
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
13:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cala l’ascolto televisivo nel mese di marzo a fronte dei risultati record di un anno fa: sono 11,4 milioni gli spettatori nelle 24 ore, due milioni e mezzo in meno rispetto all’inizio della pandemia (13,9 milioni, il 23,8% della popolazione), quando l’ansia per la diffusione del virus ci tenne incollati alla tv in media oltre sette ore al giorno (429 minuti, scesi oggi a 369 minuti, esattamente un’ora in meno). E in prima serata sono 27,5 milioni (pari al 47% della popolazione) le italiane e gli italiani con un televisore acceso, rispetto ai 30 milioni di un anno fa (51,2% della popolazione).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ la fotografia scattata dall’Osservatorio dello Studio Frasi, che segnala però anche il boom del consumo da smart tv, salito di 5,2 milioni marzo su marzo: le tv connesse a Internet hanno allargato a dismisura l’orizzonte dell’offerta grazie agli over the top come Netflix, Prime Video, Timvision, rendendoci sempre più partecipi, selettivi, critici ed esigenti.
Per quanto riguarda i pubblici, lo Studio Frasi rileva che a marzo è diminuito di un’ora e un quarto il tempo dedicato ogni giorno alla programmazione televisiva da bambine e bambini, evidente effetto del ritorno a scuola. Meno rilevante il calo degli altri segmenti di popolazione: si va dal -10% degli over 65, al -15% dei laureati, per salire al -25% di chi ha età compresa tra i 35 e i 44 anni, soggetti in parte richiamati al lavoro.
Quanto ai programmi, in testa alla classifica dei più visti a marzo 2020 c’erano quattro interventi del premier Giuseppe Conte, la Preghiera di Papa Francesco, due puntate del Commissario Montalbano e diverse edizioni del Tg1. Quest’anno troviamo le cinque serate del Festival di Sanremo (che l’anno scorso si tenne a febbraio), ancora Montalbano e le fiction Leonardo e Lolita Lobosco, tutti targati Rai1.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bene Pasqua Auditorium in streaming, 30 mila visualizzazioni
Circa 90 mila persone per spettacoli Bennato, Piovani, Celestini
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
13:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ha raggiunto oltre 30.000 visualizzazioni e 90.000 persone in tutto il mondo il ricco programma di spettacoli, concerti e produzioni originali in streaming che la Fondazione Musica per Roma ha regalato al suo pubblico per tutto il weekend di Pasqua. Dal 3 al 5 aprile sono stati protagonisti online Nicola Piovani, Eugenio Bennato, Francesco Bianconi e per la Pasquetta una maratona di 6 spettacoli di Ascanio Celestini ha totalizzato tra Facebook e Youtube moltissimi accessi in particolar modo nella fascia d’età che va dai 35 ai 44 anni e con nuovi utenti oltreoceano da Perù e Australia che si aggiungono a quelli in netta crescita dei paesi europei.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il ‘Potere delle donne’, la Lezione di Storia in diretta con Eva Cantarella, Alessandra Sardoni, Jennifer Guerra e Paolo di Paolo, realizzata il giorno di Pasqua da Fondazione Musica per Roma e Editori Laterza, sulla scia del nuovo ciclo in streaming disponibile sulla piattaforma http://www.auditoriumplus.com, ha ottenuto circa 6000 visualizzazioni. “Lo streaming e l’attività online sui nostri canali social sono diventati a tutti gli effetti una seconda casa per tutti i nostri spettatori – dichiara l’Ad della Fondazione Musica per Roma Daniele Pitteri – In attesa della riapertura di tutte le nostre sale e spazi, dei concerti e spettacoli dal vivo, la diffusione dei nostri contenuti è, come i dati dimostrano, atteso e richiesto”. Per questi motivi la Fondazione Musica per Roma ha pianificato per tutto il 2021 gran parte delle proprie attività dal vivo, appena sarà possibile, prevedendone la contemporanea diffusione in streaming in vendita sulla piattaforma Auditorium Plus.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lezioni di letteratura, il mondo attraverso i libri
Da 28/4 scrittori e intellettuali in streaming su AuditoriumPlus
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
13:13
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rileggere il mondo attraverso le parole degli autori e delle autrici più grandi, per riconoscere noi stessi e provare a decifrare i tempi complessi che stiamo vivendo, ma anche per trovare rifugio, conforto e passione nella bellezza della lettura: inizia il 28 aprile la prima edizione di Lezioni di Letteratura, il ciclo di 12 lezioni in streaming dedicato a classici e testi celeberrimi, ideato dalla Fondazione De Sanctis e dalla Fondazione Musica per Roma e disponibile in esclusiva sulla piattaforma AuditoriumPlus.
Le lezioni, trasmesse con cadenza settimanale fino al 14 di luglio e tutte introdotte dall’attore Neri Marcorè, vedono protagonisti scrittori, scrittrici e intellettuali contemporanei chiamati a raccontare le opere letterarie a cui sono più legati: da Corrado Augias con “I Promessi Sposi” di Alessandro Manzoni a Massimo Cacciari con “Il Principe” di Niccolò Machiavelli, da Nicola Lagioia con “A sangue freddo” di Truman Capote a Sandro Veronesi con “Le avventure di Pinocchio” di Carlo Collodi, da Nadia Fusini con “La Tempesta” di William Shakespeare ad Antonella Lattanzi con “Madame Bovary” di Gustave Flaubert, e poi Chiara Valerio ed Elena Stancanelli che parleranno rispettivamente di “Gita al faro” di Virginia Woolf e “L’isola di Arturo” di Elsa Morante, Emanuele Trevi e Valeria Parrella che racconteranno “Il giro di vite” di Henry James e “Il mare non bagna Napoli” di Anna Maria Ortese.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Infine, ci saranno Dacia Maraini che affronterà “L’altra verità. Diario di una diversa” di Alda Merini, la cui lezione verrà la partecipazione di Matilde De Angelis impegnata nella lettura di alcune poesie, e Gustavo Zagrebelsky che terrà una lezione-dialogo con Paolo Di Paolo su “I fratelli Karamazov” e Fëdor Dostoevskij nella ricorrenza dei duecento anni dalla nascita. Le lezioni saranno in vendita a partire dal 15 aprile.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Film Commission, parte civile su danni
Per avere ‘eventuale ristoro’ nei due processi, uno a contabili
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
12:18
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Fondazione Lombardia Film Commission ha deciso di costituirsi parte civile, rappresentata dall’avvocato Andrea Puccio, “al fine di ottenere l’eventuale ristoro dei danni patiti” nei due processi, uno in abbreviato a carico dei due revisori contabili della Lega Alberto Di Rubba e Andrea Manzoni, e l’altro in ordinario all’imprenditore Francesco Barachetti, per la vicenda della compravendita del capannone di Cormano (Milano) con la quale sarebbero stati drenati, per l’accusa, 800mila euro di fondi pubblici.
La Fondazione spiega, infatti, di aver “avviato ogni più opportuna iniziativa volta alla tutela dei propri interessi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scuola: da oggi in classe 5,6 mln studenti
Il 66% degli 8,5 milioni di alunni. Sono 2,9 milioni quelli che rimangono con la didattica a distanza
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
11:50
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Suona la campanella stamattina per circa 5,6 milioni di alunni che ritornano a seguire le lezioni in presenza: quasi il 66% degli 8,5 milioni di alunni iscritti nelle scuole statali e paritarie, due su tre. Tra loro sono 2,7 milioni gli alunni più piccoli della scuola dell’infanzia e del primo ciclo, ammessi a scuola dal DL 44, anche se si trovano in regioni classificate in zona rossa. Per le stesse ragioni nelle regioni in zona rossa potranno accedere ai servizi per la prima infanzia (asili nido, 0-3 anni) anche 212 mila bambini.
Sono 2,9 milioni gli studenti che rimangono con la didattica a distanza. Con riferimento ai diversi settori scolastici, seguiranno le attività didattiche a scuola complessivamente 1.393.010 bambini delle scuole dell’infanzia (il 100%), 2.605.865 alunni della primaria (il 100%), 1.019.904 alunni della scuola secondaria di I grado (il 59,5%) e parzialmente in alternanza al 50% 549.929 studenti delle superiori (il 19,7%).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cristicchi, riparto dalla felicità
Arriva HappyNext, poi uno spettacolo su Dante
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
15:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SIMONE CRISTICCHI, HAPPYNEXT (LA NAVE DI TESEO +, PP 188, EURO 16.00). Un viaggio alla ricerca della felicità e del valore delle parole con i loro significati veri, perduti, dimenticati che possono essere “un’ancora di salvataggio”. Simone Cristicchi costruisce un nuovo vocabolario in ‘HappyNext’, un libro che è anche un documentario di Andrea Cocchi e uno spettacolo teatrale, in libreria per La nave di Teseo+.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Ho cominciato questa ricerca perché avevo in mente un progetto più ampio sulle parole che in qualche modo nascondono tanti significati, sono come degli oceani. Felicità potrebbe essere la prima parola di un nuovo vocabolario che sarebbe bello riscrivere. Mi piacerebbe affrontare poi la parola amore, bellezza, fede. Credo che oggi le parole siano in sofferenza, siano anche maltrattate a volte, equivocate, e quindi sarebbe bello tornare a sapere anche il loro significato etimologico. La parola felicità viene da felix che ha la stessa radice di fecondo. Però quanti sanno che è una parola che si utilizzava in agricoltura nell’antica Roma e significava dare tanto frutto quando un albero era particolarmente generoso.
Anche andando semplicemente sull’etimologia troviamo dei significati che ci stupiscono. Un nuovo vocabolario di parole che possono avere diverse interpretazioni a seconda di chi se le trova davanti” dice Cristicchi, vincitore nel 2007 del Festival di Sanremo con ‘Ti regalerò una rosa’.
Ed è quello che accade in HappyNext’ che, ispirandosi ai ‘Comizi d’amore’ di Pier Paolo Pasolini, sviluppa un percorso in sette parole chiave – attenzione, lentezza, umiltà, cambiamento, memoria, talento, noi. Attraverso una serie di interviste Cristicchi ci mostra anche quanto siano diverse le idee di felicità. “Mi auguro che possa diventare un piccolo vademecum da consultare nei momenti di difficoltà. E’ un libro pieno di storie di vita. Dietro ogni parola c’è sempre un’esperienza. E spero che possa emozionare perché si tratta di un viaggio vero e proprio. Lo metterei nella letteratura di viaggio questo libro, un viaggio più spirituale che fisico” sottolinea Cristicchi.
Molte delle persone che ha intervistato – tra le quali ci sono Don Luigi Verdi, Guidalberto Bormolini, Marco Guzzi, Giulio Mogol, Antonio Calenda, Pino Doden Palumbo,Chandra Livia Candiani, Gianluca Nicoletti, Nicola Brunialti, Nadiamaria, Vincenzo Costantino alias Cinaski e uno scritto di Franco Arminio – con la loro visione di felicità hanno aperto nuove visioni. “Ho scelto persone che sono in cammino, che non hanno la schiavitù del dogma o di certezze preconfezionate, che hanno trovato una propria idea di felicità ma continuano a cercare, a camminare e questo è in linea con il mio percorso”, spiega.
‘HappyNext’ indica proprio questo: “è come se fosse un cartello stradale. Si presta a diverse interpretazioni: potrebbe essere la prossima felicità o la felicità del prossimo”. Tra le risposte che hanno lasciato più sbalordito Cristicchi, quella di un bambino dell’asilo che quando gli ha chiesto ‘Cos’è per te la felicità?’ ha detto “quando dormo”. “Oggi gli adulti tendono a riempire le giornate dei propri figli con mille impegni e lui si sentiva felice quando si poteva riposare. Mi ha fatto pensare a quanto sia utile a volte annoiarsi, davvero nella noia nasce la creatività, lo diceva anche Cesare Pavese. I bambini sono i primi folli creatori”. Smuovere le idee e far dialogare diverse forme artistiche fra loro è sempre stata la caratteristica di Cristicchi. In questo caso è “partito dal documentario, poi ho trasferito la ricerca in uno spettacolo teatrale in cui tendo a smascherare le false felicità. Ha preso una forma sarcastica, quasi di denuncia. Il libro è più simile al documentario anche se la parte delle sette parole è presente anche nello spettacolo. Insomma, sono tutte e tre collegati fra loro” dice Cristicchi. Il prossimo appuntamento è con il Paradiso di Dante: “Non recito i versi danteschi. Sarà uno spettacolo di monologhi e canzoni, anche inedite, che parla della ricerca dell’Eden che è il mito universale e assoluto dell’intera umanità. A partire dal Paradiso di Dante faccio un viaggio tra canzoni e musica con l’Orchestra sinfonica che mi accompagnerà in questa ricerca del Paradiso perduto che è molto legato alla felicità. Il coautore è Manfredi Rutelli. Debuttiamo il 21 luglio a San Miniato , in provincia di Pisa”, spiega lo scrittore che ha vissuto la pandemia come “un momento di grande creatività. Ho ripreso in mano gli strumenti, la chitarra, il pianoforte, ho ricominciato a scrivere canzoni, non lo facevo da tanto tempo. Ho pensato e scritto questo libro. Un momento molto positivo anche se a livello economico ho subito una perdita veramente pesante. Non ho ricevuto nessun sussidio da parte dello Stato e ci tengo a dirlo, perché tanti come me versano nelle stese condizioni.
Tutti ci siamo accorti di quanto abbiamo bisogno di respirare, di condividere. Ecco, il teatro forse è l’unico luogo dove ancora la comunità si può incontrare per interrogarsi” dice Cristicchi che dal 2017 è il direttore del Teatro Stabile d’Abruzzo. E il prossimo libro sarà “su ‘Amore’, anche se è una parola abusata in mille modi, con lo stesso format di HappyNext.
In fase di montaggio ci siamo resi conto che c’era un arcipelago di risposte differenti che hanno messo in luce che siamo identità uniche e irripetibili”.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Amoroso, streaming con nuovi brani davanti a sue maestranze
Mini drive-in davanti al Palazzo dello Sport di Roma
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
07 aprile 2021
20:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A due anni dal suo ultimo progetto discografico, Alessandra Amoroso torna con due brani inediti: Piuma (già disponibile) e Sorriso Grande (da venerdì in radio).
E lo ha fatto stasera con un evento streaming su A-Live, esibendosi con la sua band su un palco costruito per l’occasione davanti al Palazzo dello sport di Roma che tante volte ha ospitato i suoi concerti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Mi esplodeva il cuore di gioia appena arrivata, perché credo in quello che faccio, credo in quello che dico – ha detto la cantante rivolgendosi alla manciata di automobili autorizzate ad assistere all’esibizione, una sorta di mini drive-in per ospitare le maestranze che hanno reso possibile l’evento e che da anni collaborano con l’artista nella produzione dei suoi show -. E’ ed è stato un momento molto particolare per tutti, ma io continuo a sperare, a credere e a crederci”. Oltre ai due nuovi singoli, Alessandra ha cantato alcuni brani del suo repertorio per circa un’ora di live.
“Ho sempre creduto nella magia della musica. Ho sempre cercato di raccontarmi tramite essa”, ha detto ancora Alessandra Amoroso.
I brani sono due fotografie di momenti della vita di Alessandra che ha deciso di raccontare. Piuma (scritto con Davide Petrella e prodotto da Francesco “Katoo” Catitti) è un brano che nasce da un momento di paura e di solitudine: due emozioni che nell’ultimo anno hanno accomunato molte persone.
Mentre Sorriso Grande, brano solare ed energico (scritto da Petrella e prodotto da Dario Faini), rappresenta la rinascita, la riscoperta di sé sotto una nuova luce.
“Ci tenevo a presentare di persona questi due brani così importanti per me e a trasmettere tutta l’emozione che mi danno.
Non potendolo fare davanti al mio pubblico in questo momento ho deciso di farlo almeno davanti alla mia meravigliosa “famiglia itinerante”, che ora è in grande difficoltà a causa della pandemia”.

La Tua opinione è importante! Vota questo articolo, grazie!
No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.