Politica tutte le notizie Tutta l'informazione politica dettagliata è qui! SEGUILA!
Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 52 minuti

Ultimo aggiornamento 16 Aprile, 2021, 05:48:14 di Maurizio Barra

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 21:18 DI MERCOLEDÌ 14 APRILE 2021

ALLE 05:48 DI VENERDÌ 16 APRILE 2021

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Erdogan: “Le parole di Draghi totale maleducazione, danneggiate le relazioni”
“Prima di dire una cosa del genere a Tayyip Erdogan devi conoscere la tua storia, ma abbiamo visto che non la conosci. Sei una persona che è stata nominata, non eletta”, ha detto il presidente turco
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ISTANBUL
14 aprile 2021
21:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Prima di dire una cosa del genere a Tayyip Erdogan devi conoscere la tua storia, ma abbiamo visto che non la conosci. Sei una persona che è stata nominata, non eletta”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lo ha detto il presidente turco Erdogan, rispondendo alle parole di Mario Draghi, in un discorso ad un gruppo di giovani nella biblioteca del suo palazzo presidenziale di Ankara e parlando anche di “totale impertinenza” rispetto alle affermazioni del premier. Con le sue affermazioni, “Draghi ha purtroppo danneggiato” lo sviluppo delle “relazioni Turchia-Italia”, ha aggiunto Erdogan secondo quanto riferito dall’agenzia Anadolu e dalla tv di Stato turca.
“La dichiarazione del presidente del Consiglio italiano è stata una totale maleducazione, una totale maleducazione”, ha ripetuto il presidente Erdogan, citato da Anadolu, replicando al premier Mario Draghi, che una settimana fa lo aveva definito “dittatore”.
“Erdogan si colloca da sempre agli antipodi rispetto al concetto di democrazia. Nonostante ciò, si permette di impartire lezioni a Mario Draghi. Dimentica che il nostro premier ha ricevuto la fiducia dal Parlamento, massima espressione della sovranità popolare e quindi della democrazia”. Lo sottolinea in una nota, l’europarlamentare del Partito Democratico Pina Picierno.
“Oggi più che mai sto con il presidente Draghi, la democrazia, la libertà, l’Occidente. #Erdogan”. Lo scrive in un tweet il leader della Lega Matteo Salvini.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Che il sig. Erdogan, che arresta i parlamentari dell’opposizione, bombarda i villaggi curdi, voglia dare lezioni di stile ed educazione al presidente del consiglio italiano è davvero esilarante”. Lo afferma il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni.
“Inaccettabili le dichiarazioni di Erdogan. Le sue continue provocazioni stanno danneggiando le relazioni tra l’Unione europea e la Turchia. Draghi ha semplicemente detto la verità a chi non ha mai smesso di reprimere le libertà nel suo Paese”. Lo dichiara il deputato di Italia Viva Gennaro Migliore, capogruppo in Commissione Esteri.   MONDO

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Csm: eletta un’altra donna, mai così tante
E’ Maria Tiziana Balduini,candidata da Magistratura Indipendente
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
19:40
AGGIORNATO ALLE
21:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Per la prima volta in 60 anni le donne sfiorano la parità al Consiglio superiore della magistratura: le consigliere togate sono 7, solo due in meno dei loro colleghi uomini, e sinora non erano mai state così tante.
Il record è stato raggiunto con l’elezione di una nuova consigliera, Maria Tiziana Balduini, presidente di sezione al Tribunale di Roma, che con 2086 voti ha avuto la meglio sugli altri 3 candidati: Luca Minniti, giudice a Firenze , Mario Cigna, presidente di sezione al tribunale di Lecce e Marco D’Orazi, giudice a Bologna.
Con questo risultato, Magistratura Indipendente la corrente delle toghe più moderate che aveva candidato Balduini, diventa il secondo gruppo per rappresentanti (ne ha 4) al Csm.
Le elezioni suppletive erano stata indette per sostituire Marco Mancinetti, l’ultimo dei consiglieri del Csm che si è dimesso per le chat con Luca Palamara, l’ex presidente dell’Anm condannato dalla Sezione disciplinare alla rimozione dall’ordine giudiziario.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Toti, oggi in Liguria vaccinate 16mila persone
In sicurezza fasce più a rischio per poter ripartire
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
14 aprile 2021
19:42
AGGIORNATO ALLE
21:20
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Oggi in Liguria abbiamo vaccinato più di 16 mila persone. La nostra campagna, grazie allo sforzo eccezionale di sanità pubblica, privata e farmacie, ha avuto una rapida accelerata, superando di molto le somministrazioni richieste dal Commissario per l’emergenza generale Figliuolo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ormai siamo vicinissimi alla soglia del 90% di vaccini fatti su quelli consegnati, nella nostra regione il 19,94% della popolazione ha ricevuto la prima dose, l’8,01% ha completato il ciclo, contro una media nazionale rispettivamente del 15,80% e 6,70%. Numeri incoraggianti che si riflettono anche sui dati della diffusione del virus: l’incidenza continua a calare e oggi anche le ospedalizzazioni, con 28 pazienti in meno ricoverati negli ospedali liguri. Questo proprio perché vaccinare gli anziani e le persone più fragili è stata fin da subito la nostra priorità: mettiamo al sicuro tutti loro, abbassiamo ricoveri e mortalità, chiudiamo i reparti Covid e finalmente permettiamo all’Italia di ripartire”. Così il presidente della Regione Liguria e assessore alla Sanità Giovanni Toti fa il punto sull’emergenza Covid-19 in Liguria.
In particolare, in 24 ore in Liguria sono state somministrate 16.564 dosi, di cui 14.073 di vaccini ‘freeze’ Pfizer o Moderna (a mRNA) e 2.491 di vaccino Astrazeneca alle persone con età tra 70 e 79 anni. Cala l’incidenza del Covid su tutto il territorio: rispetto alla soglia di 250 casi ogni 100mila abitanti, sopra la quale il governo richiede l’adozione di ulteriori misure restrittive, la media ligure è di 161 casi, mentre nelle province l’incidenza è di 189 casi su 100mila abitanti nel Savonese, 128 casi nello Spezzino, 221 casi nell’Imperiese e 132 casi nell’area metropolitana di Genova.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Alitalia, Giorgetti: ‘Ita proficua o altra soluzione’
Il ministro dello sviluppo economico Giorgetti: ‘Dovremo immaginare qualche altra soluzione, innanzitutto di emergenza’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
14:42
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La nuova compagnia” di Alitalia, cioè Ita, “nascerà se avrà la possibilità di operare in modo proficuo, altrimenti, lo ribadisco, secondo me dovremo immaginare qualche altra soluzione, innanzitutto di emergenza”, ha detto il ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti rispondendo in audizione alla Camera, puntualizzando che la “competenza del Mise è solo sull’amministrazione straordinaria, mentre è il Mef che si occupa del nuovo vettore”.
“Le trattative sono in corso, sono in corso anche in queste ore e in questi giorni. L’obiettivo, per quanto riguarda il Governo, è provare a individuare un nuovo vettore di proprietà statale che sappia giocare da un lato ruolo di soddisfacimento degli interessi nazionali per il trasporto aereo, ma anche che abbia un equilibrio economico aziendale già molto difficile in condizioni normali, figuriamoci in questo momento, con le previsioni” di ripresa del traffico “alquanto aleatorie”, ha detto Giorgetti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Inoltre, ha evidenziato il ministro, i “viaggi business probabilmente potrebbero essere impattati dalle nuove modalità di meeting, probabilmente ci sarà un effetto spiazzamento”.
Sul “diverso trattamento riservato dall’Europa nei confronti di Alitalia”, c’è un aspetto formale, cioè “noi partiamo da una condizione giuridica e giuridicamente purtroppo diversa da altri paesi, Alitalia è in amministrazione straordinaria, mentre altri non lo sono – ha spiegato Giorgetti -; inoltre altri vettori sono partecipati dallo Stato”. E poi “c’è un aspetto sostanziale, in cui a noi vengono puntualmente e rigorosamente verificati anche l’entità dei ristori legati all’impatto della pandemia sul trasporto aereo, mentre per altre compagnie sono concesse le possibilità di finanziamento”. “Proprio ieri ci sono state due sentenze del tribunale Ue, su Finnair e Sas, che hanno ribadito la legittimità alle compagnie in bonis di questi tipi di aiuto. Paradossalmente se Alitalia fosse stata in bonis avrebbe potuto ricevere miliardi e miliardi”, ha aggiunto.
“L’Europa ha cambiato rotta sul modo di affrontare nell’insieme la crisi, dovrebbe fare lo stesso sui singoli dossier – ha detto il ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Andrea Orlando, a Rainews, parlando anche del dossier Alitalia -. E’ vero che c’è un tema di regole, ma queste regole si stanno applicando nel pieno di una pandemia quando il mercato del volo è sostanzialmente fermo e tutte le compagnie sono a terra. Gestire in modo burocratico questa partita, senza tener conto di tali condizioni, credo sia un errore”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Indennizzi, tasse, affitti, 40 miliardi per i nuovi aiuti
Primo giro tavolo in Cdm ma ok a extradeficit slitta con il Def
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
11:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un doppio intervento sui cali di fatturato e sui costi fissi. E nuovo sostegno alla liquidità dopo che gli strumenti messi in campo in piena emergenza hanno garantito la sopravvivenza delle imprese nell’anno della pandemia. Il governo è pronto a varare il maxi-scostamento per la nuova tornata di aiuti anti-Covid tutta concentrata sulle attività produttive: sulla cifra, 40 miliardi proposti dal ministro dell’Economia Daniele Franco ai colleghi di governo, si registra una buona intesa ma non è escluso che all’ultimo si possa salire ancora un po’, a circa 43 miliardi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Per il via libera, infatti bisognerà aspettare un altro Consiglio dei ministri, oggi, che sarà chiamato ad approvare anche il Documento di economia e finanza.
Proprio le ultime limature del Def, con il complesso incastro con il Recovery Plan, sarebbe uno dei motivi che ha fatto slittare l’approvazione dell’intero pacchetto che sarà presentato insieme alle Camere e votato – compresa l’autorizzazione al ricorso all’extradeficit per 2,5 punti di Pil – martedì 22 aprile. Perché il nuovo decreto per le imprese – o decreto Sostegni bis – veda la luce, però, servirà qualche giorno in più e l’orizzonte al momento è l’ultima settimana di aprile, al massimo i primi giorni di maggio.
Intanto nel Consiglio dei ministri di mercoledì c’è stato un lungo confronto su come utilizzare le risorse – che andranno anche ad alimentare il nuovo fondo complementare al Recovery, da circa 30 miliardi da qui al 2026, chiamato a finanziare i progetti esclusi dal piano. Il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, come il suo predecessore Stefano Patuanelli, ora all’Agricoltura, spinge perché siano prorogati gli strumenti a sostegno della liquidità a partire dal Fondo di Garanzia delle Pmi che “ha permesso di erogare quasi 150 miliardi alle imprese con la garanzia dello Stato”. Altro nodo quello della durata dei prestiti garantiti, che si vorrebbe portare da 6 a 15 anni, oltre al prolungamento fino alla fine dell’anno anche delle moratorie sui prestiti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sul pacchetto per la liquidità premono tutti i partiti ma serve il via libera di Bruxelles, all’interno del Temporary Framework che ha allentato le regole sugli aiuti di Stato.
La parte più consistente delle risorse dovrebbe comunque andare ai contributi a fondo perduto, visto che questa volta non c’è necessità di finanziare le misure a protezione del lavoro. Potrebbe entrare qualche misura di sostegno, anche ai contratti a termine, ma c’è una riflessione in corso visti “i tanti incentivi” alle assunzioni già in vigore per il 2021 che ancora, visto il perdurare delle chiusure anti-contagio, non hanno potuto dispiegare i loro effetti. La nuova piattaforma messa a punto da Agenzia delle Entrate con Sogei ha già consentito di inviare nei primi dieci giorni bonifici per quasi 2 miliardi a 600mila partite Iva. E la tempestività sarebbe una delle caratteristiche dell’intervento che si vorrebbe mantenere.
Erogare i contributi con gli stessi criteri, però, non consentirebbe di “mirare” i fondi laddove c’è più bisogno, per questo ancora non ci sarebbero decisioni definitive. Di sicuro si vuole arrivare a coprire anche le chiusure di marzo e aprile, confidando su maggio come mese delle riaperture. L’altra idea che si sta esplorando, ma che avrebbe tempi più lunghi, sarebbe quella di un sistema di acconto e saldo che consenta di guardare non solo al fatturato ma ai dati dei bilanci. Se lo schema venisse replicato tale e quale, senza cambiare platea o percentuali, servirebbero per i soli ristori circa 20-22 miliardi.
Ma tutta la maggioranza è concentrata a intervenire anche sui costi fissi, indirizzando parte delle risorse “alla sospensione o all’annullamento di alcune tasse. Si sta lavorando sulla Tari, sull’Imu, sulla Tosap”, ha spiegato in radio il sottosegretario al Mef Claudio Durigon, chiarendo però che al momento è tutto aperto e che per il decreto serviranno ancora un paio di settimane. La questione dei tributi locali, peraltro, è al centro dell’attività del Senato, chiamato a utilizzare i 550 milioni a disposizione per integrare il decreto Sostegni 1. Tra le misure allo studio per il nuovo provvedimento il rinnovo del credito di imposta per gli affitti, accompagnato da misure anche per i proprietari, e un nuovo intervento sugli oneri di sistema delle bollette.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Figliuolo, l’Italia unita esce dalla pandemia
Generale visita hub Primo Reggimento Carabinieri Piemonte
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MONCALIERI (TORINO)
15 aprile 2021
10:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Questa è l’Italia unita: l’Arma dei Carabinieri insieme a istituzioni locali, Asl e Regioni; è questo il senso del piano vaccinale. L’Italia unita esce da questa pandemia”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Così il generale Francesco Paolo Figliuolo, che questa mattina ha visitato il Centro Vaccinale del Primo Reggimento Carabinieri “Piemonte”, a Moncalieri (Torino).
“Qui ci sono otto linee vaccinali che funzionano a pieno regime, con i nostri cittadini in fila per vaccinarsi dalle 7 di mattina. In un ambiente confortevole e organizzato alla perfezione”.
Allestito dallo scorso 11 febbraio, l’hub vaccinale del Primo Reggimento Carabinieri Piemonte è dotato di otto stalli in grado di vaccinare otto persone l’ora ciascuno. Ad accogliere il generale Figliuolo, c’erano anche il comandante della Legione Carabinieri Piemonte, generale Aldo Iacobelli, e il comandante del Primo Reggimento Carabinieri Piemonte, colonnello Stefano Fernando Russo. Presente anche il governatore del Piemonte, Alberto Cirio.
Dopo la visita Figliuolo è partito alla volta di Alba (Cuneo), per visitare il Centro Vaccinale allestito dalla Fondazione Ferrero, e poi sarà a Novara, al Punto vaccinale del Centro di ricerche Ipazia.   PIEMONTE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Bankitalia: debito ancora record, a febbraio 2.643 mld
Aumento dovuto a incremento disponibilità liquide del Tesoro
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
10:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nel mese di febbraio il debito pubblico italiano è salito ancora, toccando l’ennesimo record.
L’aumento segnalato da Bankitalia è di 36,9 miliardi rispetto al mese precedente, tale da portare il debito complessivo delle amministrazioni pubbliche a 2.643,8 miliardi.

L’aumento è dovuto principalmente all’incremento delle disponibilità liquide del Tesoro (27,8 miliardi, a 102,9). Vi ha inoltre contribuito il fabbisogno (9,2 miliardi), mentre l’effetto di scarti e premi all’emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione dei tassi di cambio ha ridotto il debito per 0,2 miliardi.   ECONOMIA

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Appalto ospedale Taranto, indagato capo di gabinetto Regione
Notificata una proroga delle indagini anche al dg Asset
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
15 aprile 2021
10:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Procura di Bari ha in corso una indagine su presunte illegittimità nelle procedure di appalto del nuovo ospedale San Cataldo di Taranto. Nell’inchiesta risultano indagati il capo di gabinetto della Regione Puglia, Claudio Stefanazzi, e il direttore generale dell’agenzia regionale Asset, Elio Sannicandro.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ne danno notizia La Gazzetta del Mezzogiorno e l’edizione locale di Repubblica. Nei confronti dei due indagati sono ipotizzati, a vario titolo, i reati di concorso in abuso d’ufficio, turbativa d’asta, turbata libertà di scelta del contraente e falso materiale. L’inchiesta della Guardia di Finanza è coordinata dal procuratore aggiunto Alessio Coccioli con il sostituto Michele Ruggiero.
L’iscrizione nel registro degli indagati risale a un anno fa ma, stando alla contestazione riportata nell’avviso di proroga delle indagini che è stato notificato ieri, i reati portano la data del 26 novembre 2018. A quanto si apprende si tratterebbe della data della lettera trasmessa dalla Regione a Invitalia, che ha gestito la gara, per comunicare che Sannicandro sarebbe stato il componente della commissione di valutazione delle offerte tecniche per conto dell’ente regionale, e la lettera è firmata da Stefanazzi.
L’appalto è stato anche al centro di un contenzioso dinanzi alla giustizia amministrativa, conclusosi nel giugno 2020 con una sentenza del Consiglio di Stato che ha confermato l’aggiudicazione al raggruppamento di imprese capeggiato dalla barese Debar.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nel Comasco giustificazione per chi entra a scuola in anticipo
Circolare contro assembramenti in cortile al Romagnosi di Erba
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 aprile 2021
10:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In tempo di Covid chi arriva a scuola troppo presto deve portare la giustificazione: succede all’istituto Romagnosi di Erba, nel Comasco, dove la dirigente Antonia Licini ha firmato una circolare per evitare assembramenti in cortile prima che suoni la campanella. Lo riporta la Provincia di Como spiegando che l’ingresso degli studenti è scaglionato.
Parte entra alle 8 e parte alle 10. Ma molti ragazzi che devono entrare alle 10 arrivano a scuola in anticipo, anche, e forse soprattutto, per fare due chiacchiere con gli amici.
Da qui l’invito a non arrivare “a scuola troppo presto”. Per entrare prima delle 9,50 serve la giustificazione, ovvero una mail dei genitori che attesti che l’unico bus o treno per la scuola arriva con largo anticipo sull’orario delle lezioni. E lo stesso vale per chi si vuole fermare a fine lezioni, serve una giustificazione che indichi che treno o bus partono almeno mezz’ora dopo l’ultima campanella.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bankitalia: debito ancora record, a febbraio 2.643 miliardi
Aumento dovuto a incremento disponibilità liquide del Tesoro
(2)
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
10:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nel mese di febbraio il debito pubblico italiano è salito ancora, toccando l’ennesimo record. L’aumento segnalato da Bankitalia è di 36,9 miliardi rispetto al mese precedente, tale da portare il debito complessivo delle amministrazioni pubbliche a 2.643,8 miliardi. L’aumento è dovuto principalmente all’incremento delle disponibilità liquide del Tesoro (27,8 miliardi, a 102,9).
Vi ha inoltre contribuito il fabbisogno (9,2 miliardi), mentre l’effetto di scarti e premi all’emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione dei tassi di cambio ha ridotto il debito per 0,2 miliardi.
-A febbraio le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono state pari a 29,2 miliardi, in calo del 7,6 per cento (2,4 miliardi) rispetto allo stesso mese del 2020. Lo rende noto Banca d’Italia nella pubblicazione sulla Finanza pubblica. Nel primo bimestre dell’anno, viene specificato, le entrate tributarie sono state pari a 65,8 miliardi, in calo del 2,5 per cento (1,7 miliardi) rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Giornata ricerca:Casellati,da investimenti dipende benessere
Orgogliosi ricercatori che portano genio italiano nel mondo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
10:49
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Siamo orgogliosi dei nostri ricercatori che portano il genio italiano nel mondo. Come ci ha insegnato la pandemia, dalla collaborazione e dagli investimenti in campo scientifico dipendono il nostro benessere e la nostra economia”.
Lo scrive sui social il presidente del Senato, Elisabetta Casellati in occasione della Giornata della ricerca italiana nel mondo.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Veneto, 7% popolazione ha effettuato richiamo
Oltre 1,2 mln dosi, pari all’87,7% delle forniture
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
15 aprile 2021
10:51
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il Veneto ha raggiunto il 7% di immunizzazione della popolazione, con 343.552 persone che hanno completato il richiamo. Lo evidenzia il bollettino regionale, aggiornato alla mezzanotte.

Il totale delle dosi somministrate è di 1.223.617, pari all’87,7% delle forniture disponibili; le prime dosi sono 880.065, pari al 18% della popolazione. L’86% degli Over 80 ha ricevuto almeno una dose di vaccino.
Nella giornata di ieri sono state effettuate 16.356 iniezioni, di cui 9.730 prime dosi e 6.626 richiami.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Inps: istruzioni Reddito emergenza, fino a 840 euro
Per famiglia 5 persone con un disabile. Domande entro 30 aprile
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
10:59
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Arrivano le istruzioni dettagliate dell’Inps sulla richiesta del Reddito di emergenza: l’Istituto ha pubblicato la circolare sulla misura prevista dal decreto Sostegni che prevede il riconoscimento di tre mensilità (marzo, aprile e maggio) per le famiglie in condizioni di difficoltà a causa dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, in possesso dei requisiti di residenza, economici, patrimoniali e reddituali previsti dalla legge. Le domande potevano essere presentate dal 7 aprile e potranno essere inviate solo per via telematica fino al 30 aprile.
La misura è pari a 400 euro per ogni mensilità prevista nel caso di unico componente, importo aumentato secondo una scala di equivalenza di 0,4 per ogni componente maggiorenne e di 0,2 per ogni minore fino a un massimo di 2 (800 euro) a meno che non ci siano disabili.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In quel caso la scala di equivalenza arriva a 2,1 con 840 euro, Il decreto Sostegni ha individuato a una nuova categoria di beneficiari rispetto a quelli previsti dai decreti precedenti (Rilancio e Agosto), ossia coloro che hanno terminato tra il 1° luglio 2020 e il 28 febbraio 2021 di percepire la Naspi e la Discoll e sono in possesso dei requisiti previsti dalla legge. In questa ipotesi, il destinatario del Rem non è più il nucleo familiare nel suo complesso, ma il singolo beneficiario.
Nel caso in cui nel nucleo familiare siano presenti uno o più soggetti che hanno terminato di percepire la Naspi o la Discoll tra il 1° luglio 2020 e il 28 febbraio 2021 la domanda deve essere presentata da uno dei medesimi soggetti.
Per ottenere il Rem la famiglia deve avere un valore del reddito familiare, nel mese di febbraio 2021, inferiore alla soglia corrispondente all’ammontare del beneficio. In caso di canone di locazione dichiarato in DSU (Dichiarazione sostitutiva unica), tale soglia è incrementata di un dodicesimo dell’ammontare annuo del canone stesso.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Confcommercio: economia migliora, ma situazione ancora grave
Difficile raggiungere quest’anno una crescita superiore al 4%
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
12:44
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“A tredici mesi dall’inizio della crisi sanitaria le condizioni economiche dell’Italia permangono gravi, ma in progressivo miglioramento. Le difficoltà nel contenere l’epidemia, problema non solo italiano, continuano a procrastinare l’avvio di una fase di controllata e ragionevole ripresa”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lo afferma Confcommercio nella congiuntura di aprile in cui si sottolinea che l’indicatore dei consumi ICC segnala a marzo il ritorno, dopo più di un anno, in territorio positivo con una crescita del 20,6% nel confronto annuo che, comunque, “appare largamente insufficiente a compensare le perdite dei consumi patite un anno fa”.
“In altre parole, – sottolinea l’associazione – il livello della spesa reale a marzo 2021 è ancora inferiore a quello di marzo 2019 del 19%. L’apparente recupero ha, inoltre, interessato quasi esclusivamente i beni, mentre per i servizi la situazione si configura sostanzialmente come il raggiungimento di una soglia minima oltre la quale è praticamente impossibile scendere”.
Per il Pil, Confcommercio prevede ad aprile un aumento molto contenuto dello 0,2% su marzo. Su base annua, la variazione è del +22,1%. “Nonostante questa confortante valutazione, il rischio di non raggiungere una crescita superiore al 4% nell’intero 2021 si fa più concreta”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Conte torna a far lezione, online, a Firenze il 19 aprile
Ex premier professore di diritto privato a università Firenze
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
15 aprile 2021
11:20
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
‘Introduzione al contratto: autonomia privata e regolazione del mercato’: questa la lezione che Giuseppe Conte, professore ordinario di diritto privato all’Università di Firenze, terrà online il 19 aprile prossimo all’Ateneo fiorentino. La notizia è stata pubblicata oggi dalla Nazione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’ex premier, secondo quanto appreso, terrà la lezione nell’ambito del corso di diritto privato del collega Vincenzo Putortì. Per Conte sarà un ‘ritorno’, seppur virtuale, in aula dopo la lectio magistralis del 26 febbraio scorso intitolata ‘Tutela della salute e salvaguardia della economia: lezioni dalla pandemia’. Da quanto appreso oggi Conte terrà altre lezioni il cui calendario non sarebbe ancora noto.
L’aspettativa di Conte dall’Università si è conclusa automaticamente quando ha lasciato l’incarico di premier.
Riscatterebbe nel momento in cui assumesse l’incarico alla guida di un partito, come aveva già spiegato il rettore di Firenze Luigi Dei il 26 febbraio: se Conte diventasse “segretario o presidente di un partito che ha rappresentanti in Parlamento, c’è una legge, la 382 dell’80, che lo rimanda in aspettativa obbligatoria, quindi non vedo il problema. È un’aspettativa automatica” aveva spiegato ai giornalisti che gli chiedevano di un’eventuale problema di conflitto di interessi tra il ruolo di Conte come docente di diritto privato e un suo eventuale impegno politico nel M5s.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Marche, in un giorno 326 casi, 62 con sintomi
Numero più alto nel Maceratese (92). Altri 41 da test antigenici
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
15 aprile 2021
11:29
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nelle ultime 24ore 326 positivi rilevati nelle Marche tra 2.371 nuove diagnosi (13,7%). Lo fa sapere il Servizio Sanità della Regione.
Testati “4.772 tamponi: 2.371 nel percorso nuove diagnosi (603 nello screening con percorso Antigenico) e 2401 nel percorso guariti. Sono 92 i casi in provincia di Macerata, 87 in quella di Pesaro Urbino 76 nell’Anconetano, 31 in provincia di Ascoli Piceno, 24 nel Fermano, 16 da fuori regione. Nel Percorso Antigenico sui 603 test, 41 casi (da sottoporre a tampone molecolare), il rapporto positivi/testati è del 7%.
Tra i contagiati emersi dai tamponi molecolari sono 62 le persone sintomatiche. I casi comprendono contatti in setting domestico (80), contatti stretti di casi positivi (107), in setting lavorativo (9), in setting assistenziale (2), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (3), screening percorso sanitario (1) e 1 caso da fuori regione. Per altri 61 casi sono ancora in corso le indagini epidemiologiche.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Consegnati fino ad oggi 17 milioni di vaccini alle regioni, fatti quasi 14 milioni
Il commissario straordinario per l’emergenza Figliuolo: “L’organizzazione c’è, la macchina è stata messa a punto”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
20:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Entro giugno tutti gli over 60 dovranno aver ricevuto almeno una dose di vaccino. Con oltre 14 milioni di somministrazioni e più di 4 milioni di italiani immunizzati anche con il richiamo, il ministro della Salute Roberto Speranza indica il nuovo obiettivo del governo, auspica chiarezza su Johnson & Johnson il più presto possibile e ribadisce: “solo vaccinando decine di milioni di italiani riconquisteremo le nostre libertà e sarà possibile una duratura ripresa economica”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E proprio la percentuale di somministrazione dei vaccini potrebbe essere uno dei nuovi parametri che potrebbe entrare nel nuovo decreto per determinare il livello di rischio dei singoli territori e, di conseguenza, le riaperture: le Regioni e l’Istituto superiore di Sanità lavorano ad un’ipotesi che prevede un tasso di copertura del 70% per over 80 e fragili, dunque l’immunità di gregge per questa fascia d’età. Nonostante lo stop delle autorità Usa e la diffidenza verso Astrazeneca, il governo continua ad ostentare fiducia e si dice convinto che la campagna vaccinale non subirà ulteriori rallentamenti, forte anche dei 7 milioni di dosi in più per l’Italia che Pfizer anticiperà dal quarto al secondo trimestre, dunque entro giugno, come annunciato dalla presidente della Commissione Ue Ursula Von der Leyen e confermato in un’intervista al Corriere e altri 3 giornali europei dall’Ad dell’azienda americana.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“In questo trimestre consegneremo 250 milioni di dosi all’Europa” dice Albert Bourla rivelando anche uno studio su 46mila persone in base al quale al momento il siero di Pfizer “risulta sicuro anche sulle varianti”. Si va avanti, dunque.
“L’organizzazione c’è, la macchina è stata messa a punto e con le dosi in arrivo sono sicuro che porteremo a casa gli obiettivi e riusciremo a riaprire il paese”, afferma il Commissario per l’emergenza Francesco Figliuolo che sta proseguendo il suo tour per l’Italia per verificare la situazione delle diverse regioni. Dopo un paio di giorni, le somministrazioni sono tornate sopra le 300mila in 24 ore e l’input dato dal generale è che si continui a viaggiare costantemente su questi ritmi, visto che già l’obiettivo delle 500mila vaccinazioni al giorno a metà aprile è saltato. L’altra indicazione non derogabile è quella che riguarda le categorie: prima si vaccinano gli over 80 e i fragili, poi i settantenni e i 60enni. “Vaccinare i più anziani è corretto perché consente di salvare vite umane. E tutte le regioni devono attenersi a queste indicazioni”, ripete Speranza nella sua informativa alla Camera indicando appunto l’obiettivo di giugno e dove però deve incassare l’annuncio della mozione di sfiducia da parte di Fratelli d’Italia. “Sono mesi che denunciamo la sua incompetenza e inadeguatezza” dice Giorgia Meloni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 17.130.760 le dosi totali di vaccino consegnate alle regioni, secondo il dato del sito ufficiale del Governo. A questa mattina, sono quasi 14 milioni le somministrazioni totali effettuate (13.927.650) delle quali poco meno di 10 milioni (9.788.805) di prime dosi (16,41% della popolazione) e 4.138.845 persone vaccinate anche con il richiamo (6,94%). In particolare 11.814.660 sono le dosi di Pfizer/BioNTech distribuite alle regioni, 1.320.400 Moderna, 3.995.700 AstraZeneca, mentre di J&J il contatore riporta zero, in quanto ancora ferme a Pratica di Mare.

“L’organizzazione c’è, la macchina è stata messa a punto. E con le dosi in arrivo sono sicuro che porteremo a casa gli obiettivi e riusciremo a riaprire il Paese”. Così il generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario per l’emergenza Coronavirus, inaugurando ad Alba (Cuneo) il Centro Vaccinale allestito dalla Fondazione Ferrero.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Di Maio, Speranza ha il nostro supporto
Basta polemiche strumentali, bisogna lavorare in sinergia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
11:33
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Bisogna lavorare in maniera sinergica, collaborando a tutti i livelli e tenendo bassi i toni. Il ministro Speranza sta facendo il massimo ed ha il nostro supporto.
No a polemiche strumentali che fanno male al Paese”. Così il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, prima dell’informativa urgente del ministro della Salute, Roberto Speranza.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Inps: bonus baby sitter per figlio in Dad o quarantena
Fino a 100 euro alla settimana
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
11:36
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
I lavoratori con figli di meno di 14 anni in Dad o quarantena possono chiedere il bonus baby sitter a meno che non siano già in congedo Covid o in smart working. Lo chiarisce l’Inps con una circolare pubblicata sulla misura prevista dal decreto di marzo contro la diffusione del contagio da Covid 19.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Gli eventi di sospensione didattica o di quarantena del figlio devono verificarsi tra il 1 gennaio e il 30 giugno 2021.
Il bonus non è compatibile negli stessi giorni con il lavoro agile, con il congedo Covid o con la sospensione dal lavoro ad esempio per cassa integrazione anche dell’altro genitore, Questo a meno che la persona non sia genitore anche di altri figli con meno di 14 anni avuti da altri soggetti che non hanno chiesto il bonus o il congedo previsto dal decreto. Si può invece chiedere il bonus baby sitter se si è in ferie o in congedo maternità.
Possono chiedere il bonus gli iscritti in via esclusiva alla Gestione separata, i lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’Inps; i lavoratori autonomi iscritti alle casse professionali autonome non gestite dall’Inps; il personale del comparto sicurezza, difesa e soccorso pubblico; i lavoratori dipendenti del settore sanitario, pubblico e privato accreditato purché siano medici; infermieri; tecnici di laboratorio biomedico; tecnici di radiologia medica; operatori sociosanitari. Possono chiederlo anche i medici di base e i pediatri di libera scelta che operano in convenzione con le ASL, gli ostetrici, i soccorritori, gli autisti, i medici e il personale sanitario addetto al servizio emergenza/urgenza 118, purché anch’essi operanti in regime di convenzione con le Asl.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Speranza: ‘Guardiamo con fiducia a nuova fase’
Informativa alla Camera del ministro della Salute: ‘Ho detto verità anche quando era scomoda’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
21:53
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Voglio dare un messaggio di determinazione e fiducia: non sottovaluto le difficoltà ma ci sono le condizioni per guardare con fiducia alla fase che si sta aprendo. Finalmente ci sono le condizioni per raccogliere i primi concreti risultati del lavoro che svolgiamo da mesi grazie alle vaccinazioni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tra aprile e giugno riceveremo oltre il triplo delle dosi di vaccino”, ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza nell’informativa alla Camera ricordando di aver detto “la verità anche quando era scomoda”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
L’INFORMATIVA DI SPERANZA ALLA CAMERA:

“Nel secondo trimestre arriveranno 50 milioni di vaccini e Pfizer anticiperà alcuni milioni di dosi che per l’Italia significano circa 7 milioni. Prudenzialmente il commissario Figliuolo sta lavorando a 45 mln dosi di vaccini in arrivo entro giugno. Questo ci mette nelle condizioni di completare la vaccinazione nelle fasce piu a rischio. Vaccinare i più anziani è giusto e tutte le regioni devono attenersi a queste indicazioni”, ha aggiunto Speranza.
“Ci sono stati degli errori nelle negoziazioni europee ma fare da soli non sarebbe stato meglio. Comprare i vaccini insieme è stato giusto a livello europeo. Ora stiamo rafforzando la capacità italiana di produrre vaccini a partire da quello di Reithera”, ha spiegato poi il ministro nell’informativa alla Camera, sottolineando che serve però un’Europa “piu veloce e autorevole” ma – ha aggiunto – “no alla guerra di tutti contro tutti e fare meglio non significa fare da soli”.
“In questa lotta contro il tempo è fisiologico che dopo milioni di inoculazioni l’utilizzo di un vaccino possa essere rimodulato, e ciò è necessario per un principio di precauzione. AstraZeneca, come tutti gli altri, è efficace e sicuro e salva la vita delle persone, come dimostrano i risultati sul campo in Gb. Ci sono stati ritardi inaccettabili nelle consegne che ci servono”. “Su 32 milioni di vaccinazioni e 222 segnalazioni di eventi avversi per il vaccino di AstraZeneca – ha spiegato Speranza – ci sono 82 eventi avversi di cui 18 fatali: è un fenomeno molto ridotto che non va sottovalutato, mantenendo alta la vigilanza. Ed i cambi di rotta nelle indicazioni del vaccino fanno parte di questa attenzione”. In merito al vaccino J&J, “l’auspicio è che presto ci possano essere elementi di chiarezza che ci permettano di iniziare ad utilizzare un vaccino che sarà importante per la nostra campagna vaccinale, essendo monodose”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’ultimo monitoraggio dopo 4 settimane di misure severe, segnala che le terapie intensive sono ancora al 41% di occupazione: è un dato che dovrebbe far riflettere chi dice che abbiamo adottato misure troppo severe. Dobbiamo ascoltare il grido d’allarme dei medici che non possono essere lasciati solo in trincea. Dobbiamo essere tempestivi nelle chiusure quando serve e abbiamo il dovere di costruire una road map per l’allentamento delle misure sempre approvate all’unanimità dal Cdm”.
“Sulle terapie intensive dobbiamo ascoltare il grido di accorato allarme che ci viene dai nostri medici: non possiamo continuare a chiamarli eroi e poi fare il contrario di quello che ci chiedono, mettendoli in trincea da soli a combattere negli ospedali”, ha detto ancora il ministro Speranza ricordando che le terapie intensive sono ancora sopra la soglia del 40%.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“I tempi delle decisioni nel contrasto al virus sono determinanti: dobbiamo essere tempestivi nelle chiusure quando serve e non sbagliare tempi e modi delle riaperture per non vanificare i sacrifici fatti. Certo va data risposta alle preoccupazioni degli italiani e alla crescita delle nuove povertà, alle difficoltà di imprese e lavoratori ma non esistono risposte semplici e problemi complessi con un alto numero di variabili”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Fdi presenterà una mozione di sfiducia individuale nei confronti del ministro Speranza”, ha detto nell’Aula della Camera Galeazzo Bignami di Fdi dopo l’informativa urgente del ministro sulla situazione dei vaccini. “E’ il momento di assumersi le responsabilità”, ha ribadito. “Siamo davanti a un fallimento”, ha detto Bignami riferendosi alla campagna vaccinale. “La scelta di AstraZeneca e di cedere alla Ue l’opzione sui vaccini la ha fatta Speranza, e lo rivendica anche sul suo libro di cui nelle librerie non si trova traccia”, ha concluso.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

FI:Tajani,riaperture intelligenti,nostre proposte al governo
Parallelamente ai vaccini. Bene Figliuolo anche verso Campania
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
11:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Questa mattina abbiamo inviato a Palazzo Chigi e ai nostri ministri le nostre proposte, affinché le usino nei dibattiti che avranno per sostenerle. Sono proposte che guardano alla riapertura delle attività economiche nel nostro Paese.
Una riapertura intelligente, che non può prescindere dal piano vaccini”. L’ha detto il coordinatore nazionale di Forza Italia, Antonio Tajani nella conferenza stampa sul piano di FI per le riaperture. E ha aggiunto: “Tutte le nostre proposte e la nostra partecipazione al governo puntano a garantire la discontinuità rispetto al governo giallorosso e risultati visibili già ci sono”. In particolare, ha sottolineato: “Abbiamo visto un cambio di passo. L’obiettivo è di raggiungere i 500 mila vaccini, ma bisogna continuare ad accelerare. Siamo soddisfatti del lavoro fatto dal generale Figliuolo anche nei confronti della Campania, che pensa a una politica fai da te”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: incontro Regioni sulle riaperture
Nel pomeriggio incontro con governo
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
11:42
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
È in corso la riunione delle Regioni che dovrà approvare le linee guida messe a punto dai tecnici dei territori per definire le riaperture delle prossime settimane. All’ordine del giorno anche il riparto del fondo sanitario e del fondo per la montagna. Nel pomeriggio è in programma la Stato Regioni e una serie di incontri con i ministri sul Recovery plan.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Boschi,riaprire prima possibile cinema teatro musica
Senza cultura non c’è l’Italia
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
11:46
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Cinema, teatro, musica: bisogna riaprire il prima possibile. Senza false partenze, senza incertezze”.
Così in un tweet Maria Elena Boschi, presidente dei deputati di Italia Viva, che aggiunge: “Dopo la decisione del Cts, venga stabilita una data certa con un protocollo di sicurezza definitivo. Facciamo tornare a vivere un intero settore: senza cultura non c’è l’Italia”, conclude.CINEMA   SPETTACOLI, MUSICA E CULTURA

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Ristoranti, cinema e palestre. Varate le linee guida delle Regioni
Dalla Conferenza delle Regioni riapertura di alcune attività “in condizioni di sicurezza e nel rispetto dei protocolli di prevenzione”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
20:46
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Due metri di distanza all’interno di palestre, cinema, teatri e nei ristoranti, dove sarebbe vietata la consumazione al banco dopo le 14. Le Regioni propongono le regole per far ripartire il Paese, anche nelle zone rosse.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E ora le linee guida per la riapertura delle attività, lanciate dai governatori, andranno al vaglio del Comitato Tecnico Scientifico e infine dell’Esecutivo. Ma già nelle prossime ore, nel corso della cabina di regia del Governo, si discuteranno i dati settimanali del contagio in vista dell’adozione delle nuove misure a maggio e della scadenza del decreto del 30 aprile.
Con l’Italia in gran parte arancione, a rischiare la zona rossa potrebbe essere la Sicilia, che si aggiungerebbe così a Puglia, Sardegna e Valle d’Aosta nell’area delle misure più restrittive. La Campania, invece, spera nella ‘promozione’ in arancio. Aldilà delle zone, il tema al centro del dibattito riguarda le misure di carattere nazionale. A chiederne un calendario sono tutte le forze politiche, che però hanno diversi pareri sulle modalità di intervento.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Per la Lega “se i dati sono da zona gialla in alcune Regioni” bisognerebbe “allentare un po’ le restrizioni”. E anche se Draghi non ha escluso che qualche apertura venga anticipata già entro la fine del mese (l’ipotesi è il 26 aprile), i più rigoristi frenano.
Il ministro della Salute, Roberto Speranza, annuncia però un percorso: “Dobbiamo ascoltare il grido d’allarme dei medici che non possono essere lasciati solo in trincea – dice alla Camera – . Bisogna essere tempestivi nelle chiusure quando serve e abbiamo il dovere di costruire una road map per l’allentamento delle misure sempre approvate all’unanimità dal Cdm”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Speranza, serve una road map ‘non dobbiamo sbagliare tempi e modi’ perché “l’ultimo monitoraggio dopo 4 settimane di misure severe segnala che le terapie intensive sono ancora al 41% di occupazione”.
Per il ministro “ci sono le condizioni per guardare con fiducia alla fase che si sta aprendo” e “per raccogliere i primi concreti risultati del lavoro che svolgiamo da mesi grazie alle vaccinazioni”. Anche per il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, “ci sono condizioni per pianificare una serie di riaperture. Dobbiamo pensare a un piano con date certe e scadenze, per dare modo di organizzarsi alle attività che hanno bisogno di più tempo per farlo, come nel caso del turismo. Ad esempio, agli albergatori dobbiamo dire già oggi che magari da giugno possono mettere in moto la macchina”.
Il governo sta lavorando anche al decreto di maggio. Un tasso di copertura vaccinale di circa il 70% per le fasce a maggiore rischio – over 80 e fragili – da tenere in considerazione per i parametri che determineranno i nuovi profili di rischio nelle varie regioni. E’ questa une delle ipotesi a cui sta lavorando un gruppo di coordinamento tra Regioni e Istituto Superiore di Sanità. Il provvedimento, ancora al vaglio dell’Iss, potrebbe essere proposto nel nuovo decreto.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Calabria, peggiora indice casi ogni 100mila abitanti
Gimbe,nella settimana 7-13 sono 681, +18% su 7 giorni precedenti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
CATANZARO
15 aprile 2021
12:14
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nella settimana 7-13 aprile, in Calabria risulta in peggioramento l’indicatore relativo ai “Casi attualmente positivi per 100.000 abitanti”, che si attestano a 681, e si registra un aumento del 18,1% dei nuovi casi rispetto alla settimana precedente. E’ quanto emerge dal monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe con l’analisi sull’andamento della pandemia da Covid-19 e le forniture e somministrazioni vaccini che evidenzia anche il dato sopra soglia di saturazione dei posti letto in area medica occupati da pazienti Covid (49%).

Pur rimanendo negli ultimi posti a livello regionale, dai dati della Fondazione Gimbe sembra ci sia una ripresa della Calabria sul fronte vaccinazioni. La percentuale di popolazione che ha completato il ciclo vaccinale, infatti, è pari al 6,3% contro una media nazionale del 6,8% (e l’8,3% della prima regione, il Piemonte). La percentuale di over 80 che ha completato il ciclo vaccinale è pari al 40,2% contro la media italiana del 43,9% e quella della popolazione 70-79 è del 4,7% (Media Italia 3%).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Legalità: L’albero Falcone nelle scuole di tutta Italia
Gemme del famoso Ficus saranno distribuite a diversi istituti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PALERMO
15 aprile 2021
12:32
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il raggruppamento carabinieri biodiversità ha avviato le procedure per la duplicazione e distribuzione dell’albero Falcone, fulcro di un progetto di educazione alla legalità ambientale “Un albero per il futuro”, promosso dal ministero della Transizione Ecologica. “Un albero per il futuro” prevede la donazione e messa a dimora nelle scuole italiane di circa 500mila piantine nel triennio 2020-2022: a tutt’oggi sono quasi 400 gli Istituti scolastici che hanno aderito e intrapreso questo percorso verso la consapevolezza dell’importanza degli alberi per il contenimento dei cambiamenti climatici e la conservazione ambientale con il supporto dei carabinieri della biodiversità.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il prossimo 15 aprile l’offerta di specie vegetali autoctone da consegnare agli studenti si arricchirà di un albero simbolo dell’impegno verso lo Stato e la lotta alle mafie: l’Albero del giudice Giovanni Falcone. Alcune gemme del famoso Ficus macrophilla columnaris magnoleides che cresce nei pressi della casa del giudice assassinato nel 1992 dalla mafia, verranno prelevate grazie alla collaborazione fra carabinieri, Fondazione Falcone, Comune e Soprintendenza di Palermo e duplicate nel moderno centro nazionale carabinieri per la biodiversità forestale (CNBF) di Pieve Santo Stefano (AR). I primi istituti scolastici a ricevere le piantine saranno quelli intitolati al giudice in Sicilia e in tutta Italia che si stimano in 108 istituti tra Primarie di I e II grado. Questi alberi contribuiranno al “Grande bosco diffuso” formato dalle giovani piante messe a dimora da tutti gli studenti e che sarà visibile su un’apposita piattaforma web che monitorerà la crescita e lo stoccaggio di Co2.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Fico, transizione digitale porti a sviluppo sostenibile
Guidare l’innovazione e non subirla
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
12:45
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Non possiamo affidare integralmente la transizione digitale alle logiche di mercato. Occorre che le autorità pubbliche, a tutti i livelli di governo, sappiano guidare l’innovazione e non subirla.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ciò presuppone una scelta di fondo: occorre che la transizione digitale sia intesa come parte di un più ampio passaggio verso un nuovo modello di sviluppo sostenibile in senso sociale, economico e ambientale”.
Lo dice il presidente della Camera Roberto Fico intervenendo alla XVII Conferenza dei presidenti di Parlamento della IAI.
“La sostenibilità – osserva – significa, tra le altre cose, creare posti di lavoro non precari e tutele sociali avanzate anziché competere sui mercati internazionali abbassando i salari e gli standard sociali. Significa utilizzare tutte le potenzialità della ricerca e dell’innovazione scientifica e tecnologica in modo benefico per tutti i cittadini, senza lasciare nessuno indietro. Legare in particolare la transizione digitale a quella ecologica consente di esaltare l’apporto delle tecnologie innovative per operare il passaggio da un’economia lineare ad una circolare, realizzando investimenti verdi e creando appunto nuova occupazione di qualità. Dobbiamo puntare, in questo contesto, anche sulla formazione, effettivamente accessibile a tutti i giovani, orientata allo sviluppo di nuove competenze digitali e all’accesso a nuove professioni”.
“L’obiettivo deve essere quello di ridurre il disallineamento tra le competenze dei lavoratori e quelle richieste dal sistema produttivo. E soprattutto occorre fare in modo che la transizione digitale non crei ulteriori diseguaglianze fra i giovani, ma ci aiuti al contrario a ridurre quelle esistenti”, conclude il presidente della Camera.   TECNOLOGIA

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Assessore, terapie intensive Umbria sotto occupazione 30%
“Curva scende ma non come speravamo” dice
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
15 aprile 2021
12:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In Umbria l’occupazione delle terapie intensive “è finalmente scesa sotto la soglia del 30 per cento”. Lo ha annunciato l’assessore regionale alla Sanità Luca Coletto nella conferenza stampa settimanale di aggiornamento sull’andamento della pandemia Covid in Umbria.
Sottolineando che la curva dei contagi “sta scendendo ma non così rapidamente come avremmo pensato”.
“Evidentemente – ha detto Coletto – andremo a rivedere quelli che sono i reparti Covid in ospedale, sempre con tanta attenzione perché la presenza in Umbria delle varianti è importante”.
“Negli ultimi quattro-cinque giorni c’è una sostanziale stabilità della curva e non più una discesa come nelle settimane precedenti” ha rilevato Marco Cristofori, del nucleo epidemiologico regionale. Ha quindi detto che “l’indice Rt stimato è 1,08” a mercoledì. “Ovviamente quando i casi sono di meno – ha detto Cristofori – è molto difficile mantenerlo sotto uno”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: protesta commercianti Puglia, ‘vogliamo lavorare’
Un centinaio di manifestanti davanti sede Regione sul lungomare
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BARI
15 aprile 2021
12:49
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Un centinaio di commercianti e ristoratori provenienti da diverse città pugliesi ha manifestato questa mattina davanti alla sede della Presidenza della Regione Puglia, sul lungomare di Bari, per protestare contro le chiusure prolungate imposte dall’emergenza sanitaria. “Io apro” è lo slogan scelto per la protesta, organizzata dall’associazione “La Formica Puglia”, che ha temporaneamente bloccato un tratto del lungomare, fino a quando una delegazione di manifestazioni è stata ricevuta dall’assessore alle Attività produttive, Alessandro Delli Noci.
“Ci hanno detto che abbiamo ragione ma che non ci sono soldi per ristori a fondo perduto e che ogni decisione sulle aperture deve passare dal Governo” hanno detto uscendo dal palazzo della Regione, dicendosi “delusi” dall’esito del confronto. “Io da domani riapro la mia attività” dice un commerciante e, rivolgendosi ai poliziotti che sono davanti la sede della Presidenza per tenere sotto controllo la manifestazione di protesta, chiede di “non multarci, siate dalla nostra parte, non possiamo più sfamare le nostre famiglie”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Salvini chiede prossima settimana Cdm per dl su riaperture
A poche ore da incontro con premier Draghi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
12:49
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Se domani c’è la cabina di regia per le settimana prossima si può riunire un Consiglio dei Ministri che faccia un decreto per le riaperture, per tornare alla vita”. Lo afferma il leader della Lega, Matteo Salvini, a poche ore dall’incontro con il premier Mario Draghi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Consob dà il via libera all’acquisizione di Borsa Italiana
“Euronext non mette a repentaglio la gestione del mercato”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
13:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Consob ha dato il via libera all’acquisizione di Borsa Italiana da parte di Euronext.
L’indiscrezione di stampa trova conferma in ambienti dela Commissione, che ha espresso il proprio parere positivo con una lettera inviata a Euronext.

Secondo l’autorità di vigilanza sui mercati la società che già gestisce le borse di Parigi, Amsterdam e altri listini europei non mette a repentaglio la gestione sana e prudente del mercato italiano. Era questo l’aspetto sul quale spettava alla Consob esprimersi.
In un documento pubblicato sul sito del Mef, la presidenza del Consiglio precisano intanto che “Borsa Italiana è destinata a diventare partner di peso nella strategia di creazione di un campione europeo nel mercato dei capitali”. “La presenza italiana – si legge – viene assicurata e valorizzata come presidio di un asset strategico per la crescita delle imprese italiane e per il continuo miglioramento delle infrastrutture di accesso ai mercati dei capitali per tutti gli emittenti italiani e gli investitori internazionali. Il nuovo assetto prevede una presenza italiana rinforzata in un contesto federato europeo”.
Ieri alla Camera la maggioranza si è spaccata per la prima volta su una mozione di FdI e FI proprio sull’italianità di Borsa.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Recovery: Giovannini, per infrastrutture circa 50 mld
Investimento senza precedenti in favore del Sud
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
12:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Il piano nazionale di ripresa e resilienza deve privilegiare interventi, anche infrastrutturali, che incorporino la componente ambientale”. I fondi per il ministero delle infrastrutture “sono circa 50 miliardi” e le scelte sono chiare: “potenziamento del trasporto su ferro, ammodernamento delle flotte del trasporto pubblico locale in senso ecologico, investimento sui porti, digitalizzazione per la sicurezza di strade e autostrade”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture e mobilità sostenibili, Enrico Giovannini, intervenendo a un webinar di Pwc Italia, sottolineando che “il piano ha un investimento senza precedenti in favore del Sud per chiudere il gap infrastrutturale”. Il Pnrr però “non è l’ultima scialuppa perché accanto a questo ci sono i fondi europei per i prossimi sette anni e poi i fondi nazionali. Quindi vanno visti in un’ottica di sistema”, aggiunge Giovannini, spiegando che “gran parte degli interventi saranno sull’alta velocità, in particolare sulla Salerno Reggio Calabria”. Ci sono poi “7 mld per il rinnovo delle fotte aziendali del tpl, un forte investimento nei porti, così come sulle ferrovie regionali, e anche investimenti per la mobilità dolce”. Interpellato sulla governance del piano, Giovannini risponde che è “in fase di rifinitura”. “Entro due settimane presenteremo a Bruxelles il piano italiano. I soggetti attuatori delle misure, ovvero coloro i quali dovranno spendere, dovranno essere monitorati non solo sul piano finanziario ma anche nella realizzazione, altrimenti i fondi europei non arriveranno. Noi ci siamo dotati di un sistema di monitoraggio molto forte”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Si lancia da un palazzo, in rianimazione dirigente del Miur
Gravi le condizioni di Giovanna Boda, in prognosi riservata
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
13:11
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ ricoverata in prognosi riservata al policlinico Gemelli di Roma Giovanna Boda, capo del dipartimento per le Risorse umane, finanziarie e strumentali del ministero dell’Istruzione, che ieri si è lanciata dal secondo piano di un palazzo in piazza della Libertà, al centro di Roma.
Secondo quanto si è appreso, Boda è ricoverata in rianimazione post intervento ed è sedata.

Proprio ieri era stata diffusa la notizia che la donna è indagata per corruzione, in concorso con altre persone, nell’ambito di un’inchiesta della procura di Roma relativa a presunte tangenti per affidamenti di appalti da parte del ministero.   CRONACA

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Germania: Merkel si vaccina con Astrazeneca venerdì
Lo scrive Welt on line. In Germania sconsigliato sotto i 60
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
BERLINO
15 aprile 2021
13:10
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La cancelliera tedesca Angela Merkel, 66 anni, si vaccinerà con la prima dose di Anstrazenca venerdì. Lo scrive die Welt on line.
In Germania Astrazeneca è sconsigliato sotto i 60 anni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Fdi presenterà mozione sfiducia su Speranza
E’ il momento di assumersi le responsabilità
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
13:52
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Fdi presenterà una mozione di sfiducia individuale nei confronti del ministro Speranza”. Lo ha detto nell’Aula della Camera Galeazzo Bignami di Fdi dopo l’informativa urgente del ministro Speranza sulla situazione dei vaccini.

“E’ il momento di assumersi le responsabilità”, ha ribadito.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Moby Prince: primo sì Camera a Commissione inchiesta
In commissione Trasporti a Montecitorio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
13:56
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La Commissione Trasporti della Camera ha approvato l’istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta monocamerale sul disastro della Moby Prince. Lo annuncia il relatore, Andrea Romano, che chiede al presidente Roberto Fico di accelerare la calendarizzazione del provvedimento in Aula.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Israele: parata aerea celebra 73/0 anniversario Indipendenza
Folla che non si vedeva da tempo con restrizioni covid allentate
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TEL AVIV
15 aprile 2021
12:15
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Con la tradizionale parata area Israele ha festeggiato il 73/0 anniversario dell’Indipendenza nazionale che, quest’anno, si è abbinata ad una ritrovata libertà dal covid dopo la massiccia campagna vaccinale. Migliaia di persone in tutto il Paese hanno assistito alle evoluzioni di F-15, F-16, F-16I ed F-35.
Accanto a loro gli aerei Lavi da addestramento, i C-130, i Boeing di rifornimento in aria, gli elicotteri Black Hawk, Sea Stallion, Panther e Apache. Applausi a scena parte ai 4 aerei acrobatici che hanno disegnato in cielo un enorme cuore.
Alle 8.45 (ora locale) jet militari sono passati a Gerusalemme sulla residenza ufficiale del presidente Reuven Rivlin prima della cerimonia durante la quale a 120 soldati è stata assegnata la Medaglia di Distinzione.
Da ieri sera – la Festa secondo il calendario lunare è cominciata al tramonto – le strade si sono riempite di gente come non si vedeva da tempo, grazie alla rimozione di gran parte delle restrizioni. Le feste sono durate fino a notte inoltrata ed oggi la spiaggia di Tel Aviv era gremita di bagnanti.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Def: iniziato Consiglio ministri,su tavolo nuovo scostamento
A Palazzo Chigi la riunione con il premier
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
14:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ iniziata a Palazzo Chigi la riunione del Consiglio dei ministri. All’ordine del giorno ci sono il Documento di economia e finanza (Def) e l’approvazione di una nuova richiesta di scostamento di bilancio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ok Cdm a Def, deficit molto alto per sostegno economia. Draghi chiede unità
E per caduta Pil. Scostamento da 40 miliardi per nuove misure imprese
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
22:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il debito più alto degli ultimi 100 anni. E un deficit a doppia cifra che non si è visto nemmeno durante le crisi del 2008 e del 2011.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ma il governo è intenzionato a utilizzare tutti gli spazi di manovra per contrastare l’emergenza Covid ed è pronto, con una nuova iniezione da 40 miliardi, a dare ossigeno alle imprese con più della metà delle risorse e a sperimentare nuove strade per aiutare i giovani, tra i più colpiti dalla crisi, iniziando da uno sconto fiscale sui mutui per la prima casa. Dopo un inedito consiglio dei ministri in due giorni, non privo di qualche tensione, il governo Draghi ha dato il via libera al suo primo Documento di Economia e Finanza accompagnato dalla maxi-richiesta di deficit: i 40 miliardi serviranno a finanziare il nuovo decreto tutto orientato a imprese e partite Iva, dopo i sostegni anche di famiglie e lavoratori dipendenti.
Il faro del governo “è la crescita” ha detto il premier ai suoi ministri, confermando l’intenzione di mantenere “una visione espansiva per le imprese e per l’economia”. E visto che è ancora il momento di dare i soldi, non di chiederli, il premier e il ministro dell’Economia Daniele Franco hanno proposto un quadro macroeconomico che, inevitabilmente, risente ancora dell’impatto negativo della pandemia ma che punta ad agganciare ritmi di crescita “mai sperimentati nell’ultimo decennio”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nel 2021 la stima del Pil passa dal 6% a un più contenuto 4,5%, contando sul progressivo allentamento delle misure, compreso il distanziamento a partire dall’estate. Le previsioni però quasi si dimezzano, a +2,7%, se i vaccini dovessero rivelarsi inefficaci contro le varianti. A spingere il Pil oltre il 4,1% tendenziale quest’anno sarà sia il doppio scostamento, con il prossimo decreto che vale un +0,6% di qui alla seconda metà del 2022, sia l’avvio del Recovery Plan, escluse le riforme. Per quella dell’Irpef, peraltro, si profila qualche ritardo sulla tabella di marcia, visto che si indica la seconda metà dell’anno per la sua “definizione”. Lo sforzo espansivo, però, farà volare il deficit dal 9,5% all’11,8% mentre il debito sfiorerà il 160% (159,8%), record dal primo dopoguerra. Anche la disoccupazione salirà di tre decimali nel 2021, al 9,6%, per poi ripiegare a partire dal prossimo anno.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Il governo pone al centro “l’obiettivo della crescita economica”: con il nuovo scostamento di bilancio e l’autorizzazione ad altri 40 miliardi in deficit sarà finanziato un provvedimento con alla base una “visione espansiva per le imprese e l’economia”. Lo avrebbe detto, a quanto si apprende da diversi partecipanti alla riunione, il premier Mario Draghi in Consiglio dei ministri, nell’ambito della discussione sul Def e sul prossimo scostamento di bilancio.
Cerca “unità”, Mario Draghi. Avvia con M5s e Lega gli incontri con tutti i gruppi parlamentari sul Recovery plan, in vista del varo del piano da 191 miliardi da inviare a Bruxelles entro il 30 ottobre. I partiti gli chiedono voce in capitolo, presentano proposte specifiche sui loro temi di bandiera, si presentano con rivendicazioni sulle aperture e sul prossimo decreto con i sostegni alle imprese. Il premier annota e promette ascolto, sottolinea la politica espansiva del governo e illustra le linee generali del piano. Sottotraccia emergono però sempre più numerosi i malumori e gli attriti, dentro e fuori i partiti della maggioranza.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Matteo Salvini non si presenta all’incontro con il premier e tornano a circolare voci di dissidi, smentiti con forza dalla Lega, con Giancarlo Giorgetti. Fonti del partito di via Bellerio rimarcano che non c’è nessun problema tra i due. Più collegialità viene invocata dal Pd, che mostra di non gradire le sortite leghiste, a partire da quelle contro Roberto Speranza. “La mozione” di sfiducia di Fdi a Speranza “andrebbe letta: esprimerci prima è prematuro. Non vogliamo la testa di Speranza ma visto che il governo ha forze diverse vorremmo che cambiasse anche la politica di Speranza”. Lo dice Riccardo Molinari, capogruppo della Lega alla Camera, interpellato al termine dell’incontro con Draghi.
“Oggi il ministro Speranza viene messo alla gogna, è incredibile, una vergogna la mozione di sfiducia nei confronti di Speranza”. Lo dice il segretario del Pd Enrico Letta a Piazzapulita su La 7.
“Siamo un governo di unità, bisogna restare uniti, non farsi dispetti o alimentare polemiche”, dice Draghi ai leghisti. Il premier è alle prese con la ‘maratona’ finale per il varo del piano “monstre” per spendere i fondi europei: Portogallo, Francia, Spagna e Grecia sono già pronti a presentare i loro progetti la prossima settimana e l’Italia deve fare in fretta, per non perdere “il turno” nell’assegnazione della prima tranche di fondi a luglio (fino a 27 miliardi, per il nostro Paese). Ma i partiti e gli enti locali chiedono di poter dire la loro, anche con nuovi incontri sulla versione finale del testo, che dovrebbe essere in Consiglio dei ministri la prossima settimana e che il premier illustrerà alle Camere il 26 e 27 aprile: ci sono in ballo, come spiega il ministro Enrico Giovannini, 50 miliardi solo per le infrastrutture, con forte spinta al Sud.
Il presidente del Consiglio incontrerà la prossima settimana i rappresentanti di sindacati e imprese sul Recovery plan e sul nuovo decreto legge per il sostegno alle imprese colpito dal Covid. A quanto si apprende, i segretari dei sindacati confederali dovrebbero essere ricevuti a Palazzo Chigi martedì alle 12. In programma la prossima settimana ci sarebbero anche incontri con le organizzazioni dei datori di lavoro.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Def:Pil tendenziale 2021 4,1%, crescita programmata a +4,5%
Governo si appresta ad approvare stima con Def
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
15:07
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nel 2021 la crescita sarà del 4,5%.
Questa la stima del Pil che il governo si appresta ad approvare con il Def.
Si parte da un Pil tendenziale a +4,1% sempre nel 2021.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vaccini: Meloni, Speranza inadeguato e incompetente
Non è più tempo di Speranza, ma di coraggio
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
15:08
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Fratelli d’Italia denuncia da tempo l’incompetenza e l’inadeguatezza di Roberto Speranza nel ricoprire l’importante e delicato incarico di Ministro della Salute, soprattutto in questo momento storico: dalla gestione fallimentare e disastrosa della pandemia alle imprese stremate a causa delle chiusure insensate e continue. FdI presenterà una mozione di sfiducia nei suoi confronti e vediamo chi si assumerà la responsabilità di tenerlo ancora al suo posto.
Non è più tempo di Speranza, ma di coraggio”. Lo scrive su Facebook la leader di FdI, Giorgia Meloni.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: in Fvg 267 casi su 6.184 test, 12 decessi
In terapia intensiva 65 degenti, in altri reparti 445
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
15 aprile 2021
15:17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Oggi in Friuli Venezia Giulia su un totale di 6.184 test sono risultate positive al Covid 267 persone: 222 da 5.490 tamponi molecolari con una percentuale di positività del 4,04%; 45 da 694 test rapidi antigenici (6,48%).
I decessi registrati sono 12.
Diminuiscono i ricoveri nelle terapie intensive, 65 (-7), e quelli in altri reparti, 445 (-26). Lo comunica in una nota il vicegovernatore del Fvg con delega alla Salute, Riccardo Riccardi.
I decessi complessivamente ammontano a 3.558, con la seguente suddivisione territoriale: 753 a Trieste, 1.895 a Udine, 648 a Pordenone e 262 a Gorizia. I totalmente guariti sono 83.786, i clinicamente guariti 4.766, mentre le persone in isolamento calano a 9.735.
Dall’inizio della pandemia in Friuli Venezia Giulia sono risultate positive complessivamente 102.355 persone con la seguente suddivisione territoriale: 19.656 a Trieste, 49.217 a Udine, 19.897 a Pordenone, 12.451 a Gorizia e 1.134 da fuori regione.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Continua il calo dei ricoveri per Covid e dei positivi in Umbria
Nell’ultimo giorno 116 contagi, 253 guariti e quattro morti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
15 aprile 2021
15:18
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Scendono ancora i ricoveri per Covid in Umbria e gli attualmente positivi.
Secondo i dati della Regione aggiornati al 15 aprile, i nuovi contagi accertati nelle ultime 24 ore sono 116, i guariti 253 e altri quattro i morti.

Gli attualmente positivi sono 3.647 (141 in meno di ieri).
I ricoverati sono 293 (sette in meno rispetto a ieri) di cui 35 in terapia intensiva (tre in meno). Nell’ultimo giorno sono stati analizzati 4.264 test antigenici e 2.666 tamponi molecolari, con un tasso di positività totale pari a 1,67 per cento (ieri 1,8) e a 4,3 rispetto ai soli molecolari (ieri 4,9).
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cinema: Rosato, Leone a Benigni simbolo ripartenza Italia
Attore premiato con il Leone d’oro alla carriera
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
15:19
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“La 78esima edizione de la Biennale di Venezia premia Roberto Benigni con il Leone d’oro alla carriera in un’edizione che si preannuncia speciale, un vero e proprio simbolo di ripartenza per il Paese. Felice per lui che si conferma un grandissimo artista, ironico e dissacrante, apprezzato in tutto il mondo ma anche un grande uomo di cultura”.
Lo afferma il presidente di Italia Viva, Ettore Rosato.
“Rappresenta l’Italia dello spettacolo che, dopo questo periodo di così grande difficoltà, saprà trovare la forza di rialzarsi e si tornare a sorridere”, conclude.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
M5S:regolamento restituzioni,1000 euro mensili a Movimento
E 1500 euro ad altro conto ad hoc. Obbligo sanare arretrati
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
15:26
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Per gli eletti M5S arriva il nuovo regolamento su indennità e restituzioni. Nel documento, redatto dal Comitato di Garanzia, si disciplina che ciascun parlamentare “dovrà restituire una quota mensile forfettaria pari a minimo euro 1.500,00 mediante versamento ad un conto dedicato e una quota mensile pari a minimo euro 1.000,00 al M5S per il mantenimento delle piattaforme tecnologiche, Scudo della Rete, comunicazione e altre spese generali di funzionamento.
Tutti i portavoce dovranno essere in regola con le rendicontazioni, secondo i precedenti regolamenti fino alla mensilità di marzo 2021 inclusa”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ambasciata Usa, ‘c’è sintonia tra Biden e Draghi’
‘Bene le parole di Mattarella. Importante la visita di Di Maio’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
15:34
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“C’è sintonia tra l’amministrazione Biden e il governo Draghi. Possiamo lavorare insieme su tanti temi importanti”.
Lo ha detto Thomas Smitham, Incaricato d’Affari Usa, sottolineando che in questo momento c’è sintonia anche tra Usa e Ue. “I rapporti con l’Italia sono molto importanti per noi e la nuova amministrazione vuole rafforzare e rinnovare i legami. In questo contesto la visita di Di Maio a Washington è stata molto importante, è stato un onore accoglierlo come primo ministro degli Esteri. Apprezziamo poi – ha aggiunto Smitham – le parole di Mattarella in occasione dei 160 anni della nostre relazioni”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Confesercenti, nuove regole su riaperture sono inapplicabili
“Con 2 metri di distanza si condannano imprese a chiusura”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
15:48
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Bene ridiscutere di riaperture, ma non si comprende come le nuove regole si traducano di fatto in una nuova stretta. La distanza obbligatoria di due metri tra i tavoli ipotizzati sarebbe una restrizione inapplicabile per decine di migliaia di ristoranti – circa il 60% dei locali non ha uno spazio esterno – e praticamente per tutti i bar.
E anche dove fosse fisicamente possibile implementare la misura, si ridurrebbe drasticamente la capacità di lavoro dei locali al chiuso, obbligandone migliaia alla chiusura definitiva”. Così il Presidente di Fiepet Confesercenti Giancarlo Bianchieri commenta le bozze sulla riapertura delle attività.
“Dopo quattordici mesi di restrizioni – sottolinea il presidente dell’associazione in una nota – le nuove norme metterebbero definitivamente a rischio il settore, che dà lavoro a migliaia di imprese e milioni di dipendenti. Le imprese sono stremate, serve buon senso ed un serio confronto sulle riaperture con i rappresentanti delle associazioni di categoria, diversamente sarà un’ecatombe per moltissime attività”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bocca, turismo ha bisogno di date certe e programmazione
Il presidente di Federalberghi: “Il nostro settore è a pezzi, per altri zero danni”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
16:21
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
‘In italia abbiamo preso la decisione di chiudere tutto. La soluzione ora non sono i ristori ma riaprire le attività economiche in sicurezza e, a nostro giudizio le condizioni ci sono, e gli altri Paesi già si stanno organizzando.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ma noi imprenditori del turismo abbiamo bisogno di date certe e programmazione, che sia 2 giugno, 15 maggio o 15 giugno, abbiamo bisogno di certezza e chiarezza. E questo chiediamo al Governo”. Lo ha detto il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca al convegno ”Turismo 2021, futuro remoto?” organizzato da Aidda.
“Turismo e aziende a pezzi, per altri zero danni”- “Questo Covid ha fortemente colpito molti settori come noi che abbiamo grandemente sofferto, ma per altri, come ad esempio i dipendenti pubblici, è stata una specie di “manna” perché sono rimasti a casa in smart working con il 100% dello stipendio e quindi un costo della vita sicuramente inferiore. Per questo nel Governo c’è una parte “aperturista” e una parte che invece vuole che rimanga tutto chiuso fino a quando non avremo più contagi perché guarda a una fascia della popolazione la cui vita cambia poco con le aziende aperte o chiuse”. Lo dice il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca al convegno “Turismo 2021: futuro remoto?” organizzato da Aidda (Associazione Imprenditrici e Donne Dirigenti d’Azienda). “Il Covid – aggiunge – ha dimostrato però che se il turismo crolla va male tutta l’economia: se non vengono i turisti, infatti, non lavorano gli hotel ma anche i ristoranti, i bar, i taxi, i trasporti…”. E aggiunge: “Gli imprenditori del turismo sono sempre stati trattati con una certa sufficienza per due motivi: Il primo parte dall’idea che l’Italia è un bellissimo Paese e comunque i turisti verranno sempre in Italia e si è sempre detto che anche se un anno va male non ci si deve preoccupare perché si recupererà, quindi se anche oggi soffrite ci fate meno pena. E poi il secondo è che l’Italia è un Paese in cui le imprese vengono viste con un certo “odio sociale”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ruby ter: nuovo rinvio del processo a Siena per Berlusconi
Il tribunale ha respinto la richiesta del pm che chiedeva anche accertamenti medici
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
SIENA
15 aprile 2021
17:30
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
tribunale di Siena ha disposto il rinvio al 22 aprile per il processo Ruby ter che vede indagato Silvio Berlusconi per corruzione. I giudici hanno accolto la richiesta della difesa dell’ex premier.
La difesa ha chiesto il rinvio per legittimo impedimento dell’ex premier, perchè ricoverato.
Già la scorsa settimana l’udienza era stata rinviata sempre a causa delle condizioni del leader di Forza Italia. Berlusconi a Siena è accusato di corruzione in atti giudiziari di Danilo Mariani, il pianista senese delle serate ad Arcore. Quest’ultimo, coimputato, è accusato di falsa testimonianza.
Il tribunale ha invece respinto la richiesta del pm che chiedeva anche accertamenti medici per capire i tempi dell’impedimento di Silvio Berlusconi a partecipare al processo. Secondo quanto spiegato dalla difesa di Berlusconi i giudici hanno ritenuto sufficiente la documentazione medica depositata oggi dai legali dell’ex premier. Si tratta di documentazione a firma di Alberto Zangrillo e Lorenzo Dagna del San Raffaele, e di Andrea Gentilomo, direttore di medicina legale all’università di Milano in cui si indicano almeno 2 mesi d’impedimento.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dl Covid: con lo smart working arriva il diritto alla disconnessione
Ok a emendamento. Per P.a. resta disciplina contratti collettivi
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
17:41
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Arriva il “diritto alla disconnessione” per chi è in smart working. Le commissioni Lavoro e Affari sociali della Camera hanno approvato un emendamento al decreto Covid che riconosce “alla lavoratrice o al lavoratore che svolge l’attività in modalità agile il diritto alla disconnessione dalle strumentazioni tecnologiche e dalle piattaforme informatiche, nel rispetto degli eventuali accordi sottoscritti dalle parti e fatti salvi eventuali periodi di reperibilità concordati”.
La disconnessione “non può avere ripercussioni sul rapporto di lavoro o sui trattamenti retributivi”. Per la Pa resta la disciplina dei contratti collettivi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Creval: Maioli (Agricole), offerta è finale e l’unica
“Un corrispettivo 100% cash con premio senza precedenti”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
18:54
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Stiamo offrendo un corrispettivo 100% cash con un premio senza precedenti nella storia delle Opa in Italia. Abbiamo anche previsto un bonus aggiuntivo nel caso in cui l’Opa raggiunga un’adesione elevata da parte degli azionisti.
Questa è la nostra offerta finale e ricordo che è l’unica”. Così Giampiero Maioli, responsabile del Crédit Agricole in Italia sull’Opa sul Creval.
“È un riconoscimento importante – ha aggiunto – per tutti i soci Creval a conferma della bontà del nostro progetto, che ha un’ottica industriale ben precisa e punta alla valorizzazione del territorio e al sostegno all’economia reale”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Consulta, ergastolo ostativo incompatibile con Costituzione
Un anno di tempo al parlamento per intervenire
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
21:00
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
E’ incompatibile con la Costituzione l’ergastolo ostativo a cui sono condannati boss e affiliati alla mafia e che impedisce loro, se non collaborano, di accedere (dopo 26 anni di reclusione) alla liberazione condizionale, anche quando è certo che si sono ravveduti. La Corte costituzionale non ha alcun dubbio e dà un anno di tempo al Parlamento per provvedere con una legge, consapevole dell’impatto che una sentenza di incostituzionalità immediatamente efficace potrebbe avere sulla lotta alla mafia.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Ma è chiaro sin da ora che se il legislatore resterà a braccia conserte, a maggio del 2022 la Consulta cancellerà quella norma che ritiene in contrasto con principi basilari della Carta fondamentale.
Il perchè lo spiega in un’ordinanza che depositerà nelle prossime settimane, come anticipato da una nota dell’Ufficio stampa. Già monta però la polemica, che divide la maggioranza di governo. “Per mafiosi e assassini l’ergastolo non si tocca”, attacca il leader della Lega Matteo Salvini. In trincea anche i parlamentari M5S della commissioni Antimafia e Giustizia (nessun “passo indietro” sull’ergastolo ostativo, chiedono). Mentre il Pd apprezza la “scelta saggia” della Consulta di dar tempo al Parlamento di intervenire, già compiuta in due altre occasioni, sul suicidio assistito cioè sul caso del Dj Fabo, e sul carcere per i giornalisti condannati per diffamazione. Maria Falcone, sorella del giudice Giovanni, si augura che il legislatore intervenga “presto” ma “in modo da non pregiudicare l’efficacia di una normativa antimafia costata la vita a tanti uomini delle istituzioni”. Per Antigone invece ”l’incostituzionalità è accertata e non si potrà tornare indietro”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La decisione critica della Consulta sull’ergastolo ostativo non giunge però inaspettata: anche in due pareri resi dall’ufficio legislativo del ministero della Giustizia ,quando ancora a guidarlo era Alfonso Bonafede, si evidenziavano le “notevoli possibilità” che la questione di costituzionalità fosse accolta. Sul punto la Consulta è chiara: l’attuale disciplina dell’ergastolo ostativo “è in contrasto con gli articoli 3 e 27 della Costituzione”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: Fontana, è arrivato il momento delle riaperture
Governatore, partirei da settimana prossima con bar e ristoranti
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 aprile 2021
18:17
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“È arrivato il momento di programmare in tempi brevi un piano per le riaperture, seguendo il criterio della progressività e del buonsenso”. Queste, come spiegato dal presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, le proposte avanzate dalle Regioni al Cts nazionale e al Governo sul tema delle riaperture.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“Personalmente – spiega il governatore – sono dell’opinione che gradualmente, già dalla prossima settimana, si possano stabilire procedure per riaperture, dando a tutti la possibilità di riacquistare un po’ di libertà e soprattutto alle attività commerciale di programmare la ripresa del lavoro”.
“Penso ad esempio – ha spiegato Fontana – ai bar e ai ristoranti che con il bel tempo in arrivo potrebbero riaprire il servizio all’esterno. Già questo sarebbe un piccolo, ma importante allentamento. O ai cinema, teatri, piscine e palestre, che da mesi ormai aspettano di poter riaprire in sicurezza seguendo i protocolli necessari”.
“I dati oggi in Lombardia – conclude il governatore – parlano di un significativo miglioramento della situazione epidemiologica, con un Rt pari allo 0,78 e un’incidenza di 162 su 100.000 abitanti. Dati che evidenziano un trend positivo e che ci portano a guardare a un ritorno graduale alla libertà di cui tutti abbiamo bisogno”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Vitalizi: Resta assegno anche per Ottaviano del Turco
Il figlio: ‘Aspettiamo comunicazioni, per ora non abbiamo ricevuto comunicazioni’
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
18:43
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
In ragione della sentenza espressa dalla commissione contenziosa del Senato per il ripristino del trattamento pensionistico a Roberto Formigoni, che si deve ritenere valida “erga omnes”, anche per Ottaviano Del Turco resta valido il vitalizio. E’ questo in sostanza, a quanto si apprende, la presa d’atto del consiglio di presidenza di palazzo Madama.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
La sentenza della Contenziosa ha di fatto annullato la delibera Grasso-Boldrini sullo stop al trattamento previdenziale per i parlamentari condannati. La presidenza del Senato ha l’obbligo di rendere esecutiva la sentenza della Contenziosa entro 24. Lo stato di fatto ha mandato su tutte le furie il Movimento 5 stelle che, a quanto riferisce la pentastellata Paola Taverna, ha deciso di presentare un ricorso proprio sulla restituzione del vitalizio a Formigoni. Ma la strada per questo ricorso sembrerebbe piuttosto tortuosa perché, secondo fonti parlamentari , la commissione Contenziosa, in ragione delle condizioni economiche di Formigoni aveva emesso un’ordinanza che stanziava un “assegno alimentare”. Nelle motivazioni c’era espresso riferimento alla “natura previdenziale” del vitalizio. L’ordinanza non è mai stata impugnata dal Segretario Generale del Senato che è l’unico organo deputato alle impugnazioni “in piena autonomia”.
“Aspettiamo indicazioni (sull’esito del vitalizio, ndr). Per ora non abbiamo ricevuto alcuna comunicazione formale. Ma trovo odioso continuare a chiamarlo vitalizio: quella di mio padre è una pensione a tutti gli effetti dopo aver pagato i contributi per 20 anni di attività politica”. A dirlo è Guido Del Turco, figlio dell’ex senatore Ottaviano che dovrebbe mantenere l’assegno per effetto della validità ‘erga omnes’ della sentenza emessa dalla commissione Contenziosa del Senato, che ha ripristinato il trattamento pensionistico all’ex governatore lombardo Roberto Formigoni. Interpellato al telefono, Guido Del Turco ricorda che “c’è una sentenza della Cassazione e la pronuncia di cinque costituzionalisti che equiparano il trattamento pensionistico ai vitalizi degli ex parlamentari. Quindi continuare a usare la parola vitalizio e farne una battaglia è solo una bandiera da agitare. Basterebbe leggere le carte anziché invocare legalità”. Sul padre aggiunge che attualmente “le sue condizioni di salute sono quelle di un uomo affetto da Alzheimer e Parkinson, al massimo riesce a fare quattro passi”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Letta vede il fondatore di Open Arms. Salvini: ‘Non ho parole’
Nuova lite tra il leader del Pd e quello della Lega. Segretario Dem a Piazza Pulita: Nella caduta del Conte bis “io ci ho rivisto qualcosa che avevo conosciuto
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
22:21
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo botta e risposta tra il leader del Pd Enrico Letta e quello della Lega Matteo Salvini dopo che Letta ha fatto sapere di aver incontrato il fondatore di Open Arms.
“È venuto a trovarmi Oscar Camps – scrive Letta su twitter – il fondatore di Open Arms. Bello scambio di idee.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Tante preoccupazioni, e anche qualche elemento di speranza”. Letta pubblica una foto che lo ritrae con Oscar Camps, fondatore della ong. Nella foto Letta indossa una felpa con la scritta Open Arms.
“Sabato vado a processo proprio per uno (degli innumerevoli) sbarchi organizzati dagli spagnoli di Open Arms, e oggi il PD riceve questi “signori” con tutti gli onori. Non ho parole, lascio a voi ogni commento, il tempo è galantuomo”. Così il leader della Lega Matteo Salvini, commentando su twitter l’incontro tra Letta e il leader di Open Arms.
Anche Giorgia Meloni va all’attacco. “Incontrare i rappresentanti delle categorie in ginocchio? Ma no, per il segretario del Pd la priorità è l’incontro con il fondatore dell’Ong Open Arms. Sempre a dimostrazione di quale siano i loro interessi principali”. Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni a proposito dell’incontro del segretario Dem Letta con i rappresentanti della Ong Open Arms.
In serata il leader del Pd ospite di ‘Piazza Pulita’ va all’attacco della mozione di sfiducia presentata da FdI nei confronti del ministro Speranza e sulla caduta di Conte eidenzia: Nella caduta del Conte bis “io ci ho rivisto qualcosa che avevo conosciuto. Conte è caduto per mano di Renzi. Iv ha detto basta e non c’erano più voti”. A suo avviso non c’è stato alcun “complotto”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Giffoni e la felicità, 5000 ragazzi per l’edizione 2021
Dal 21 al 31 luglio. Gubitosi, percorso verso la normalità
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
GIFFONI VALLE PIANA
15 aprile 2021
20:22
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
C’è grande fermento tra gli aspiranti giurati del Giffoni. Infatti, è in arrivo per 5mila ragazze e ragazzi di 90 città italiane e 20 nazioni, la richiesta di confermare la loro partecipazione a #Giffoni50Plus, in programma a Giffoni Valle Piana (Salerno) dal 21 al 31 luglio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“#Giffoni50Plus – spiega il fondatore e direttore Claudio Gubitosi – avvia il suo percorso verso la normalità, la ripresa delle attività e della fiducia vicino, ancor di più, a chi ha subito enormi disagi affettivi e psicologici. Giffoni c’è e risponde con un’edizione meravigliosa, anche se ancora sotto tutela. Il mondo dei giffoner attendeva questa notizia dallo scorso anno. Ci siamo e siamo pronti per un programma pensato per promuovere ancor di più valori, benessere e riconquista delle identità”.
Pur non potendo ancora condividere la loro partecipazione con le migliaia di famiglie che per anni li hanno adottati, Giffoni assicurerà a molti l’ospitalità completa nei dodici giorni dell’evento. Saranno non meno di 50 gli hub in Italia e 20 in altrettante nazioni, per oltre 3000 juror a distanza. Il programma sarà come sempre ricco e coinvolgente: 150 i film che verranno proposti nelle varie sezioni, 9 i grandi eventi dedicati alle anteprime. Non meno di 150 tra talenti e ospiti saranno protagonisti con i ragazzi nelle varie attività di incontro, dibattito e performance. Le masterclass sono state tutte concentrate in una sola nuova sezione: Giffoni IMPACT!, riservata a 200 giovani italiani dai 18 ai 28 anni. Confermata una delle sezioni più seguite dal pubblico di Giffoni e da tutti i juror: VivoGiffoni. La grande arena per la musica sarà riproposta nell’ampio spazio della Piazza Fratelli Lumiere e vedrà 25 tra i migliori artisti del momento. Dalle 22 alle 24, rispettando le regole sanitarie, si tornerà ad ascoltare e condividere la musica dal vivo. Prima della data di inizio del festival, Giffoni si presenterà al mondo dai parchi archeologici di Pompei e Paestum e con attività previste nel Museo Archeologico di Pontecagnano. Sono partiti, intanto, i lavori per l’adeguamento e la ristrutturazione delle sale della Cittadella del Cinema e della Multimedia Valley, grazie ad un progetto speciale sostenuto dal Ministro della Cultura Dario Franceschini. È prevista l’11 giugno l’inaugurazione della storica sala dedicata a François Truffaut, adeguata a tutte le nuove tecnologie audio-video, nuove poltrone e migliorie strutturali. Iniziati anche i lavori in Multimedia Valley per la costruzione del Museo “Testimoni del Tempo”. Sempre nell’area della Multimedia Valley, prossimo anche l’avvio dei lavori per un’arena da 4300 posti destinata ai grandi eventi.
Nel frattempo, in occasione delle celebrazioni di #Giffoni50Plus, il primo evento è in programma il 24 giugno. In 10 città italiane, in contemporanea, studenti, autorità locali e famiglie potranno conoscere e vivere la storia di Giffoni con un docu-film prodotto e realizzato dalla Giffoni Video Factory. Dall’11 al 13 giugno, invece, 200 direttori di festival e rassegne cinematografiche italiane si incontreranno a Giffoni per avviare una nuova cooperazione e collaborazione. Altra attività confermata per luglio è il campus dedicato a 130 ragazzi e ragazze del progetto “Sedici modi di dire ciao”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Def: Confindustria, bene la proroga della moratoria per le pmi
Orsini, indispensabile anche allungare i tempi rientro da debito
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
20:37
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“L’estensione della moratoria per le Pmi va esattamente nella direzione indicata da Confindustria ed è indispensabile che sia automatica. Bene anche la proroga delle garanzie”, mentre “a livello europeo resta comunque essenziale un ripensamento complessivo delle regole per assicurare continuità alle moratorie per tutto il tempo che sarà necessario”, dice il vicepresidente di Confindustria per il credito, la finanza e il fisco, Emanuele Orsini, in merito alla proroga della moratoria e delle misure di garanzia indicata nel Def.

“E’ necessario, inoltre – aggiunge -, consentire a tutte le imprese di allungare i tempi di restituzione dei finanziamenti garantiti dagli attuali 6 anni fino a 15 anni. L’impatto di questo intervento sugli investimenti sarebbe estremamente positivo, con un effetto sul Pil 2021 pari ad almeno lo 0,3%.
Per questo serve trovare una soluzione in Europa”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lombardia: Corte dei Conti, ‘Aria’ azienda poco organizzata
Relazione poco lusinghiera per la società della Regione
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 aprile 2021
21:55
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Aria Spa, azienda di Regione Lombardia al centro delle recenti polemiche sulla prenotazione delle vaccinazioni per gli over 80, è una società poco organizzata, con troppo staff, troppe consulenze e troppo care – soprattutto quando si tratta di consulenze legali – e in cui acquisti vengono fatti spesso in maniera artigianale. Sono questi alcuni passaggi – anticipati questa sera dal Tg La7 delle 20 – della relazione della Corte dei Conti, che domani mattina presenterà i risultati della sua indagine su Aria.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Dalla lunga relazione (331 pagine oltre alle conclusioni) emerge che “Aria Spa non solo non partecipa alla programmazione degli acquisti degli enti del Ssr, con una propria programmazione”, “ma neppure dispone dei piani biennali così approvati e delle informazioni ivi contenute”. Sempre secondo la relazione “Regione Lombardia sembra non avere piena consapevolezza, non avendo adottato alcun intervento correttivo per perseguire l’obiettivo individuato, di incrementare la quota di acquisti centralizzati”. Infatti, “Più della metà delle gare non viene espletata attraverso il canale Aria” e “il dato più rilevante è l’incidenza degli acquisti autonomi da parte delle Asst”. L’analisi dei dati acquisiti durante l’istruttoria hanno inoltre mostrato la debolezza dell’attività di programmazione degli investimenti nel settore sanitario regionale. Nelle conclusioni, la Corte dei Conti lascerebbe intendere che non c’è da stupirsi se Aria non ha saputo gestire le prenotazioni dei vaccini, visto che non sembra avere la struttura necessaria neppure per eseguire i compiti per i quali è stata creata.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Cattolica: Davide Croff verso la presidenza
La rosa messa a punto dal cda di Cattolica con il supporto dell’advisor Spencer Stuart dovrà garantire un profondo ricambio del consiglio, come chiesto dall’Ivass
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
15 aprile 2021
23:42
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Spunta il nome di Davide Croff per la presidenza di Cattolica. Oggi il cda della compagnia veronese ha approvato la lista per il rinnovo del consiglio, previsto nell’assemblea del 13-14 maggio prossimi.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Secondo indiscrezioni, il candidato che succederà a Paolo Bedoni sarà Croff, veneziano, 73 anni, banchiere e manager di lungo corso, con esperienze in Banca d’Italia, Fiat, Bnl, di cui è stato per molti anni amministratore delegato, ex presidente della Biennale di Venezia e di Permasteelisa ma in passato anche consigliere della Banca Popolare di Milano Bpm e di diverse società quotate, tra cui Terna e Snam.
La rosa messa a punto dal cda di Cattolica con il supporto dell’advisor Spencer Stuart dovrà garantire un profondo ricambio del consiglio, come chiesto dall’Ivass a valle dell’ispezione che ha rilevato significative carenze nella governance della compagnia.
Nella lista, oltre a Croff, dovrebbe figurare anche il nome di Camillo Candia, ex ceo di Zurich Italia, a cui potrebbe andare la vice presidenza mentre le uniche conferme previste sono quelle dell’ad Carlo Ferraresi e dei tre consiglieri in quota Generali ( Stefano Gentili, Roberto Lancellotti, Elena Vasco), estranei ai rilievi dell’Ivass.
La rosa di 15 candidati dovrebbero comprendere anche Luigi Migliavacca, Cristiana Procopio, Daniela Saitta, Giulia Staderini, Paolo Benazzo e Pierpaolo Marano, professore associato di diritto delle assicurazioni all’Università Cattolica, ‘tecnico’ considerato in area Ivass. Silvia Arlanch, Laura Santori e Carlo Maria Pinardi dovrebbero essere gli amministratori candidati a membri del comitato per il controllo sulla gestione Il termine per la presentazione delle liste scade il 18 aprile.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Bce: ‘La campagna vaccini è cruciale per la ripresa’
Bene aiuti all’economia, ma potrebbero servire ulteriori misure
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
14 aprile 2021
10:10
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Le misure di bilancio a sostegno dell’economia reale, nel 2020, hanno protetto le banche dal buona parte delle perdite sui loro prestiti e sarà “cruciale” continuare ad assicurare l’efficacia di questi aiuti. Tuttavia, se da una parte il settore bancario europeo appare sufficientemente capitalizzato per fronteggiare lo stress indotto dalla pandemia, dall’altra “le autorità devono tenersi pronte a ulteriori misure se uno scenario molto grave dovesse materializzarsi”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Lo scrive la Banca centrale europea nel suo rapporto annuale 2020 presentato oggi all’Europarlamento, nel quale cita un’Analisi di vulnerabilità al Covid.

L’economia dell’area euro “dovrebbe vedere una forte ripresa nella seconda metà dell’anno”, tuttavia “l’incertezza resta alta e la ripresa sarà fragile, con il Pil che raggiungerà i suoi livelli pre-crisi nel secondo trimestre del 2022”. Lo ha detto il vicepresidente della Bce Luis de Gundos, presentando il rapporto annuale della Bce alla Commissione Affari economici dell’Europarlamento presieduta dall’italiana Irene Tinagli. “Il successo della campagna di vaccinazione nell’intera area euro – ha detto de Guindos – è cruciale per evitare che si materializzino rischi al ribasso”.

L’accordo sul Next Generation Eu la scorsa estate “ha dato ai mercato il segnale chiaro che siamo pronti ad agire insieme” e “non bisogna sottovalutare l’importanza che la sua approvazione ha avuto sul sentimento degli investitori: a volte la percezione de mercati è molto più importante delle stesse misure concrete”. Lo ha detto il vicepresidente della Bce Luis de Guindos, presentando il rapporto annuale della Bce alla Commissione Affari economici dell’Europarlamento. Ora – ha spiegato de Guindos – la tempistica è fondamentale: per l’implementazione del recovery fund ci vorrà tempo ma “dobbiamo evitare qualsiasi ritardo evitabile che possa intaccare questa percezione molti positiva di ciò che è stato realizzato”.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Afghanistan, Biden annuncia il ritiro entro l’11 settembre
Il presidente Usa: “E’ ora di finire questa lunga guerra. I talebani rispettino l’impegno contro il terrorismo”. Di Maio: “Una decisione epocale”
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
15 aprile 2021
14:04
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
“E’ ora di porre fine a questa lunga guerra”: lo afferma Joe Biden annunciando il ritiro delle truppe Usa dall’Afghanistan.
“Solo gli afghani hanno il diritto e la responsabilità di guidare il loro Paese”, ha detto Biden annunciando ufficialmente dalla Casa Bianca il ritiro delle truppe Usa entro l’11 settembre.
“Gli Usa hanno raggiunto il loro obiettivo in Afghanistan 10 anni fa quando il leader di al Qaida Osama bin Laden fu ucciso da un commando americano”, ha aggiunto Biden. “Dopo le ragioni di stare lì sono diventate sempre meno chiare”, ha spiegato.
“Il ritiro dall’Afghanistan sarà ordinato, non precipitoso, e sarà coordinato con gli alleati Nato”, ha aggiunto il presidente Usa.
Il presidente americano ha ammonito i talebani a tener fede “ai loro impegni” contro il terrorismo e li ha messi in guardia che gli Usa chiederanno loro conto su quanto accadrà in Afghanistan.
“Gli alleati hanno stabilito che inizieremo il ritiro delle forze dall’Afghanistan entro il primo maggio.
POLITICA TUTTE LE NOTIZIE
Questo ritiro sarà ordinato, coordinato e deliberato”. Lo afferma la Nato in un comunicato. Prevediamo di completare il ritiro di tutte le forze statunitensi della Resolute Support Mission entro pochi mesi. Qualsiasi attacco talebano contro le truppe alleate durante questo ritiro riceverà una risposta energica”, aggiunge la Nato.
“Dopo vent’anni, come Nato abbiamo deciso di lasciare l’Afghanistan. Si tratta di una decisione epocale. Anche i nostri militari torneranno in Patria”. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri Luigi Di Maio su Facebook appena conclusa la ministeriale Nato a a Bruxelles.
Il presidente afghano Ashraf Ghani ha twittato che il suo Paese “è pienamente in grado” di difendersi da solo, rivelando di aver parlato con il presidente americano Joe Biden del ritiro dei soldati americani. “Stasera ho avuto una telefonata col presidente Biden in cui abbiamo discusso della decisione Usa di ritirare le loro truppe entro i primi di settembre. La Repubblica islamica dell’Afghanistan rispetta la decisione americana e lavorerà con i suoi partner per assicurare una transizione senza scosse. La sicurezza afghana e le sue forze di difesa sono pienamente in grado di difendere il loro popolo e il loro Paese”, ha detto.
La cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente degli Stati Uniti si sono sentiti al telefono in merito alla situazione in Afghanistan e al ritiro delle truppe Nato, riferisce l’ufficio stampa del governo tedesco in un comunicato. I due capi di Stato “hanno sottolineato l’importanza di uno stretto coordinamento e il continuo impegno politico per il Paese”. Un altro tema del colloquio – riferisce il comunicato – sono stati gli ultimi sviluppi nell’Est dell’Ucraina. “La cancelliera e il presidente hanno concordato sulla richiesta alla Russia di ridurre dei suoi recenti potenziamenti di truppe al fine di ottenere una de-escalation della situazione” nell’area. Inoltre Merkel e Biden si sono scambiati opinioni sulla pandemia da covid19 e hanno sottolineato “l’importanza di un accesso globale ed equo ai vaccini” per il quale entrambi intendono impegnarsi.

La Tua opinione è importante! Vota questo articolo, grazie!
No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.