Uccisa da sparo ad Ostuni è Giovanna de Pasquale e l'omicida è Francesco Semerano
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

UCCISA DA SPARO AD OSTUNI: ARRESTATO IL MARITO FRANCESCO SEMERANO

Tempo di lettura: < 1 minuto

UCCISA DA SPARO AD OSTUNI

UCCISA DA UNO SPARO IN CASA AD OSTUNI UNA DONNA DI 46 ANNI, GIOVANNA DE PASQUALE

AGGIORNAMENTO IN “CRONACA” DELLE 03:37 DI VENERDì 10 GENNAIO 2020

UCCISA DA SPARO AD OSTUNI

OSTUNI (BRINDISI)
Una donna di 46 anni è stata uccisa in casa a Ostuni da un colpo di pistola che l’ha prima ferita a un braccio e poi colpita al torace. Il marito è in stato di fermo: ha raccontato alla Polizia di averle sparato per errore mentre puliva l’arma, che è risultata detenuta illegalmente.
I fatti si sono verificati in una villa di contrada Malandrino, alla periferia della Città bianca, attorno alle 23.
Sul posto sono intervenuti la Squadra mobile della questura di Brindisi e i poliziotti del commissariato. Il medico legale incaricato dalla procura ha eseguito una prima ispezione esterna. I rilievi sono in corso. I poliziotti stanno compiendo verifiche sul racconto fatto dall’uomo.
UCCISA DA SPARO AD OSTUNI
L’uomo, già noto alle forze dell’ordine, è Francesco Semerano di 56 anni, mentre la donna è Giovanna De Pasquale, come detto, di 46. VAI A TUTTE LE NOTIZIE DAL MONDO VAI AL CALCIO

Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

CINQUE CADAVERI IN CASA: CATTURATO UN VENTICINQUENNE NEI BOSCHI DEL TENNESSEE (USA)

Tempo di lettura: < 1 minuto

CINQUE CADAVERI IN CASA:

GLI OMICIDI AVVENUTI PRESSO LA CITTA DI WESTMORELAND

AGGIORNAMENTO IN “MONDO” DELLE 07:56 DI DOMENICA 28 APRILE 2019

CINQUE CADAVERI IN CASA

WESTMORELAND (USA)

– Dopo una caccia all’uomo, è stato catturato ieri sera nei boschi del Tennessee un venticinquenne ricercato dopo il ritrovamento di cinque cadaveri in due abitazioni della contea di Sumner.
Le autorità non hanno al momento rilasciato alcun dettaglio sulle vittime, né su che tipo di arma sia stata usata. Indaga il Tennessee Bureau of Investigation.
La contea di Sumner è a nordest di Nashville e confina con il Kentucky. Gli omicidi sono avvenuti vicino alla città di Westmoreland.          [print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

TROVATA MORTA A CASA: è LUCIA DI BENEDETTO, SUL CORPO SEGNI DI COLTELLATE

Tempo di lettura: < 1 minuto

TROVATA MORTA A CASA

è LUCIA DI BENEDETTO, 50 ANNI

AGGIORNAMENTO IN “CRONACA” DELLE 05:28 DIMERCOLEDì 24 APRILE 2019

TROVATA MORTA A CASA

Una donna di 50 anni, Lucia Di Benedetto, è stata trovata senza vita nel suo appartamento in via Sicilia, a Sesto San Giovanni, nel Milanese. Sul corpo riscontrate ferite da coltellate. La donna è stata trovata in soggiorno dal marito di 55 anni, che al momento sembra sia estraneo alla vicenda. Si cerca il figlio 21enne della coppia.          [print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CORPO DECAPITATO E CARBONIZZATO TROVATO A MILANO

Tempo di lettura: < 1 minuto

CORPO DECAPITATO E CARBONIZZATO

TROVATO A MILANO

AGGIORNAMENTO IN “CRONACA” DELLE 00:20 DI DOMENICA 31 MARZO 2019

CORPO DECAPITATO E CARBONIZZATO

MILANO

– Un corpo decapitato e carbonizzato è stato trovato dai vigili del fuoco in via Cascina dei Prati, a Milano, al termine dello spegnimento di un rogo, presumibilmente doloso.
Il corpo era vicino a un cassonetto di rifiuti al cui fianco si trovava una bombola di gpl che però non è esplosa. La zona del ritrovamento è una sorta di discarica a cielo aperto nel quartiere della Bovisasca, alla periferia nord di Milano. Sul posto, insieme ai pompieri, anche polizia e carabinieri.         [print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

ACCOLTELLATI A MORTE 2 DICIASSETTENNI IN GB

Tempo di lettura: < 1 minuto

ACCOLTELLATI A MORTE 2 DICIASSETTENNI IN GB

AGGIORNAMENTO IN “MONDO”

delle 10:17 DI DOMENICA 03 MARZO 2019

ACCOLTELLATI A MORTE 2 DICIASSETTENNI IN GB

Una ragazza di 17 anni è stata accoltellata a morte ieri sera in un parco di Londra in quella che è stata definita una “aggressione immotivata”. Mentre un ragazzo di 17 anni è stato accoltellato a morte ieri pomeriggio a Hale Barns, un villaggio alle porte di Manchester La vittima registrata a Londra, Jodie Chesney, è stata attaccata mentre passeggiava nel parco di Harold Hill, a Romford, sobborgo nordorientale della capitale. Secondo quanto riporta la Bbc online l’aggressore è riuscito a fuggire.
Riguardo all’episodio nei pressi di Manchester. La polizia, che sta indagando sulle cause del delitto, ha arrestato due coetanei del giovane. L’identità della vittima non è stata resa nota.         [print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

DIEGO BALTOLU: RISULTATI AUTOPSIA

Tempo di lettura: < 1 minuto

DIEGO BALTOLU: RISULTATI AUTOPSIA

AGGIORNAMENTO DELLE 10:40

DI MARTEDì 22 GENNAIO 2019

DIEGO BALTOLU: RISULTATI AUTOPSIA

SASSARI

– Un proiettile piccolo, sparato a bruciapelo e penetrato nel torace di Diego Baltolu dall’alto verso il basso, fino a nascondersi fra i tessuti molli del petto. Lo rivela l’autopsia sul corpo del 19enne di Alà dei Sardi ucciso da un colpo di pistola, la notte tra venerdì e sabato scorsi e ritrovato sui gradini di fronte all’abitazione in cui vive la fidanzata di 30 anni, a Buddusò, nel Sassarese.
L’esame condotto dal medico legale Salvatore Lorenzoni in presenza del collega Francesco Serra, nominato dai familiari di Baltolu tramite il loro legale, Giampaolo Murrighile, è andata avanti fino a tarda sera, fornendo risposte utili al lavoro degli inquirenti, impegnati nella ricostruzione di una tragedia che resta ancora avvolta nel mistero.
I medici legali hanno avuto non poche difficoltà a trovare l’ogiva del proiettile nel petto di Baltolu, proprio a causa delle sue dimensioni minime, e della posizione in cui si era fermata.        [print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie

CHIARA ALESSANDRI AMMETTE OMICIDIO STEFANIA CROTTI

Tempo di lettura: < 1 minuto

CHIARA ALESSANDRI AMMETTE OMICIDIO STEFANIA CROTTI

AGGIORNAMENTO DELLE 12:28

DI DOMENICA 20 GENNAIO 2019

CHIARA ALESSANDRI AMMETTE OMICIDIO STEFANIA CROTTI

BRESCIA

– Chiara Alessandri ha ammesso di aver ucciso Stefania Crotti ma non di aver bruciato il corpo. È quanto emerso dall’interrogatorio, avvenuto nella notte in procura a Brescia, della donna accusata di omicidio e di distruzione di cadavere, per il corpo della vittima trovato carbonizzato nelle campagne di Erbusco (Brescia) venerdì sera.
Il difensore della donna fermata ha spiegato che l’incontro tra le due “c’è stato” ma che la sua assistita “non aveva alcuna intenzione di uccidere. Non aveva premeditato nulla”.
“La mia assistita voleva chiarire i rapporti personali con Stefania Crotti visto che avevano i figli che frequentavano la stessa scuola e perché il paese continuava a parlare della relazione tra la mia assistita e il marito della vittima” ha spiegato l’avvocato Gianfranco Ceci.
L’incontro tra le due è avvenuto a casa di Chiara Alessandri, la donna ha utilizzato un martello per colpire la vittima.        [print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 2 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 07:34 ALLE 10:28

DI MERCOLEDì 09 GENNAIO 2019

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Donna accoltellata in casa
Figlio sentito dai carabinieri

SAN BENEDETTO DEL TRONTO (ASCO09 gennaio 201907:34

– Una donna di 50 anni, aggredita ieri sera in casa a colpi di coltello è ricoverata in ospedale a San Benedetto del Tronto in prognosi riservata. E’ stata raggiunta da fendenti in varie parti del corpo. Dell’aggressione è stato immediatamente sospettato il figlio, che dopo l’allarme dato da una vicina di casa non è stato trovato in casa. I carabinieri lo hanno rintracciato e fermato intorno alle 23. Si tratta di un 28enne di origini napoletane. I militari dell’Arma lo hanno portato in caserma.
Etna, nessun danno per scossa 4.1Avvertita da popolazione. Tra Linguaglossa, Sant’Alfio e Milo

09 gennaio 201908:20

– Non risultano danni a persone o cose dopo le verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della Protezione Civile in seguito alla scossa di terremoto di magnitudo 4.1, registrata alle ore 00.50 in provincia di Catania, alle pendici dell’Etna. L’evento – con epicentro localizzato tra i comuni di Linguaglossa, Sant’Alfio e Milo – è stato avvertito dalla popolazione. Il Dipartimento della Protezione Civile continua a seguire l’evolversi della situazione in stretto raccordo con i centri di competenza (Ingv e Unifi) e con la Regione Sicilia.

Corpo carbonizzato in baracca incendiataE’ avvenuto a Genova, potrebbe trattarsi di un clochard

GENOVA09 gennaio 201909:29

– Il corpo carbonizzato di una persona è stato trovato questa mattina dai vigili del fuoco intervenuti per l’incendio di una baracca divampato in via Tonale, a Cornigliano, sotto il ponte dell’autostrada. La vittima sarebbe un uomo, forse un senza fissa dimora che trovava rifugio nella baracca. Sul posto sono intervenute anche le volanti della polizia e i carabinieri.
Terrorismo: blitz dei Ros, 15 fermi in Sicilia e LombardiaTra accuse anche favoreggiamento immigrazione e apologia Isis

09 gennaio 201909:27

I Carabinieri del R.O.S. Di Palermo stanno eseguendo nelle province di Palermo, Trapani, Caltanissetta e Brescia 15 fermi disposti dalla dda del capoluogo siciliano nei confronti di persone accusate di istigazione a commettere delitti in materia di terrorismo, associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e al contrabbando di tabacchi lavorati esteri, ingresso illegale di migranti nel territorio nazionale ed esercizio abusivo di attività di intermediazione finanziaria.L’organizzazione criminale gestiva viaggi a bordo di natanti veloci di piccoli gruppi di migranti tra la Tunisia e l’Italia. Uno dei fermati, un tunisino, istigava al terrorismo, invocava la morte in nome di Allah e faceva apologia dello Stato islamico. Sul suo profilo Facebook sono state trovate video e foto che inneggiavano all’Isis e con immagini di decapitazioni.        [print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

OMICIDIO SESSANTATREENNE NEL SENESE

Tempo di lettura: < 1 minuto

OMICIDIO SESSANTATREENNE NEL SENESE

AGGIORNAMENTO DELLE 08:47

DI SABATO 05 GENNAIO 2019

OMICIDIO SESSANTATREENNE NEL SENESE

Un uomo di 63 anni è stato ucciso con diverse coltellate alla schiena all’interno di una fornace di laterizi. È successo a Castelnuovo Scalo, in provincia di Siena, dove l’uomo, di origini marocchine, aveva lavorato per anni. Il corpo, ormai senza vita del 63enne, è stato rinvenuto in uno degli appartamenti dati in dotazione agli operai della fornace dove l’uomo continuava a vivere nonostante avesse smesso di lavorare. Sul posto i carabinieri.L’allarme è scattato nella tarda serata di ieri. Quando i sanitari del 118 sono arrivati sul posto per l’uomo, sembra il custode della fornace come riporta la Nazione che ha anticipato la notizia, non c’era più niente da fare. Secondo le prime informazioni sarebbe stato ucciso da sei/sette coltellate. Sul posto sono subito arrivati i carabinieri del comando provinciale.        [print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Notizie, Piemonte, Ultim'ora

PIEMONTE TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 5 minuti

PIEMONTE TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 10:29 DI MARTEDì 01 GENNAIO 2019

ALLE 03:51 DI MERCOLEDì 02 GENNAIO 2019

PIEMONTE TUTTE LE NOTIZIE

Botti: diciannovenne perde mano
Nel Torinese ferito 14enne, la seconda volta in due anni

TORINO01 gennaio 2019 10:29

– Uno studente di diciannove anni è rimasto gravemente ferito per lo scoppio di un petardo durante la notte di San Silvestro all’esterno di una discoteca Bardonecchia (Torino), in alta Valle Susa. Secondo le prime notizie, il giovane, Lorenzo D.M., di Druento (Torino), che è stato portato con l’elisoccorso al Cto di Torino, avrebbe perduto la mano destra e ha riportato gravi lesioni a una gamba.
Non risulta in pericolo di vita. I carabinieri stanno svolgendo accertamenti. Un quattordicenne è rimasto ferito per lo scoppio di un petardo a Collegno, in provincia di Torino, durante i festeggiamenti della notte di San Silvestro. Fonti dell’ospedale Cto, dove è stato portato, riferiscono che già lo scorso anno si era fatto medicare per ragioni analoghe. Questa volta il ragazzo ha riportato lesioni al volto, alla mano e al polso sinistro giudicate guaribili in dieci giorni.
Danneggiata targa dedicata a PertiniA Collegno. Probabile lancio petardi durante notte Capodanno

TORINO01 gennaio 201910:29

– E’ stata danneggiata a Collegno (Torino) durante la notte di San Silvestro una targa a bassorilievo dedicata al Presidente della Repubblica Sandro Pertini.
I carabinieri stanno svolgendo accertamenti. E’ probabile che contro la targa siano stati lanciati dei petardi.
Muore travolto da auto a TorinoLa vettura non si è fermata per prestare i soccorsi

TORINO01 gennaio 201918:04

Un uomo è morto nella notte in ospedale a Torino dopo essere stato investito da un’auto che non si è fermata per prestare i soccorsi. L’incidente è successo ieri sera, verso le 21:15, in strada Castello di Mirafiori, alla periferia meridionale della città. La polizia municipale sta indagando per risalire all’identità del conducente della vettura.
La vittima, secondo quanto si è potuto accertare, aveva appoggiato la propria bicicletta a una siepe e stava attraversando la strada a piedi. Dopo essere stato investito è stato trascinato per una cinquantina di metri. A chiamare i soccorsi è stato un passante che ha visto una parte della scena.
Spray peperoncino a festa PratonevosoUna dozzina di intossicati. No panico fra i 15mila presenti

MONDOVI’ (CUNEO)01 gennaio 201911:36

– Spray al peperoncino è stato sparso tra la folla che seguiva il ‘concertone’ di Capodanno a Pratonevoso, fra le montagne del monregalese, durante i festeggiamenti di Capodanno. Nello slargo erano presenti circa 15 mila persone. Fra la dozzina di intossicati, tutti medicati sul posto nel posto medico avanzato della Croce Rossa, ci sono anche dei soccorritori e una bambina.
La sostanza, secondo quanto si è potuto accertare, è stata spruzzata poco prima della mezzanotte in un punto vicino al palco, dove a presentare la serata era Filippo Ferraro, speaker di Rds, e dj e vocalist del Papeete Beach di Riccione. Non si sono verificate scene di panico e lo spettacolo, con il concerto e i fuochi artificiali sulle piste da sci, è proseguito regolarmente.
Sono intervenuti, oltre agli operatori della croce rossa, gli steward e le forze dell’ordine.
Palazzo a fuoco, bimbi salvati da CcA Carmagnola. Si erano rifugiati sul balcone con la mamma

TORINO01 gennaio 201911:54

– Tre bambini che insieme alla loro madre si erano rifugiati su un balcone per sfuggire all’incendio di una palazzina sono stati salvati dai carabinieri. Due dei militari sono rimasti intossicati. E’ successo nel pardo pomeriggio di ieri a Carmagnola (Torino) in uno stabile, di proprietà comunale, in uso a famiglie disagiate.
Le fiamme, secondo i primi rilevamenti, si erano scatenate al piano terra, dove erano accatastate delle masserizie. Insieme ai vigili del fuoco sono intervenuti i carabinieri in forza stazione cittadina dell’Arma, i quali, in un alloggio al primo piano, hanno recuperato messo in salvo i ragazzini con la madre, una romena di 31 anni. Tutti, a scopo precauzionale, sono stati portati all’ospedale Santa Croce di Moncalieri, mentre i due militari sono andati al ‘San Lorenzo’ di Carmagnola, dove sono stati trattenuti per accertamenti.
La struttura è stata dichiarata agibile e tutti i residenti hanno fatto rientro nei loro appartamenti.
Capodanno: primi nati; Viola a Novi, Aurora a Torino

TORINO01 gennaio 201915:11

– Si chiama Aurora, pesa due chili e mezzo ed è venuta al mondo con parto spontaneo alle 2:19 la prima nata del 2019 a Torino all’ospedale Mauriziano. La bimba è primogenita dei romeni Ionut e Ioana Valentina, 32 e 29 anni.
Aurora è stata preceduta al “San Giacomo” di Novi Ligure (Alessandria) da Viola, figlia di una coppia italiana di Cassano Spinola, cui è stato dato il benvenuto all’1:54 dopo un parto cesareo.
Al Sant’Anna di Torino la prima nata del 2019, alle 2:57, è Viviana, di 2,8 kg, primogenita dei ventottenni Silvia, igienista dentale, e Andrea, agente di sicurezza.
Al Maria Vittoria, sempre a Torino, è venuto alla luce un maschietto, figlio di genitori romeni, alle 3:05.

Turista milanese muore in ValsesiaAveva deciso di rientrare durante una gita con i parenti

TORINO01 gennaio 201916:59

– E’ stato ritrovato senza vita fra le montagne della Valsesia un 72enne di Milano che ieri era scomparso nella zona di Alagna (Vercelli). L’uomo, durante una gita con i familiari verso il rifugio Pastore, aveva deciso di rientrare. AL ritorno, i parenti non lo hanno più trovato e hanno dato l’allarme.
Le ricerche, condotte nella notte dal Soccorso Alpino e dagli operatori della Guardia di Finanza, e proseguite nella mattinata con l’aggiunta dei Vigili del Fuoco, si sono concluse alle 12:30. Il corpo era poco lontano da un sentiero in località Alpe Blatte, a quota 1.700 metri.
A un primo esame il decesso sarebbe dovuto a un malore, all’ipotermia o a una combinazione fra le due cause.
Migranti, corteo ‘No Border’ in ValsusaBruciata piccola croce per protesta contro sgombero presidio

TORINO01 gennaio 201916:44

– Una quarantina di anarchici hanno manifestato la notte di Capodanno a Claviere, in alta Valle di Susa, contro le politiche sui migranti. Il corteo è stato aperto dallo striscione “La libertà non ha confini – La solidarietà non si sgombera”.
Nel centro del paese è stata incendiata una piccola croce in legno, rovesciata, con la scritta “Chez Jesus risorgerà”. Il riferimento è allo sgombero, il 10 ottobre, di un locale della parrocchia che era stato occupato a marzo e trasformato in un rifugio autogestito per migranti. Il 9 dicembre gli antagonisti si sono impadroniti di una casa cantoniera in disuso a Oulx, sulla statale 24, per un’iniziativa analoga.
Ieri sera attivisti italiani e francesi del movimento ‘Briser les frontieres’ hanno tenuto un comizio a Claviere. A monitorare la situazione c’erano i carabinieri del nucleo informativo di Torino.
Cadavere nell’Ovadese, ipotesi omicidioIndagano i carabinieri. Il corpo in una zona vicina a ferrovia

OVADA (ALESSANDRIA)01 gennaio 201917:41

– Il corpo senza vita di un uomo è stato ritrovato in un campo nella zona di Ovada (Alessandria) vicino a una ferrovia. Sul posto sono arrivati i carabinieri, che non escludono si sia trattato di un omicidio.
A segnalare la presenza del cadavere è stata una telefonata ai vigili del fuoco proveniente dal passeggero di un treno in transito.
Il morto, secondo i primi accertamenti, è un cinquantatreenne residente a Ovada.       [print-me title=”STAMPA”]