Cronaca tutte le notizie in tempo reale!! SEGUI LEGGI INFORMATI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 27 minuti

Ultimo aggiornamento 13 Gennaio, 2021, 19:59:03 di Maurizio Barra

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE, SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 16:02 DI MARTEDì 12 GENNAIO 2021

ALLE 19:59 DI MERCOLEDì 13 GENNAIO 2021

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Contromano in A1, polstrada sperona auto e spara a gomme
Firenze, per fermare uomo con ascia, falce e coltello in auto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
12 gennaio 2021
16:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un uomo di 34 anni è stato fermato dalla polizia stradale di Firenze e di Bologna mentre percorreva contromano l’autostrada A1 all’altezza di Calenzano (Firenze).
L’episodio è avvenuto intorno alle 13.
Quando gli agenti gli hanno intimato l’alt ha tentato di sfuggire al controllo ingranando la retromarcia. Una pattuglia della polstrada lo ha inseguito e bloccato dopo pochi metri, speronando la sua auto.
Gli agenti poi si sono avvicinati e hanno esploso alcuni colpi di pistola verso gli pneumatici della vettura, verosimilmente per impedire una nuova fuga. Nessuna persona è rimasta ferita. Nell’auto sono stati trovati anche un’ascia, un coltello, una falce e attrezzatura da campeggio. Secondo quanto spiegato dalla polizia, la posizione del 34enne, nato a Vicenza e con cittadinanza americana, è ora al vaglio della polizia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid: 616 morti in 24 ore, il totale verso gli 80 mila
Salgono ricoveri, +196 ingressi rianimazione. Giù tasso positivi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
12 gennaio 2021
17:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 14.242 i tamponi positivi al coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Le vittime sono 616 (ieri i positivi erano stati 12.532 e i morti 448).

Sono stati effettuati 141.641 tamponi, ieri i test erano stati 91.656. Il tasso di positività è del 10,05%, in calo rispetto al 13,6% di ieri.
In totale da inizio epidemia i casi in Italia sono 2.303.263 , le vittime 79.819. Gli attualmente positivi sono 570.040 (-5.939 rispetto a ieri), i dimessi e i guariti 1.653.404 (+19.565).
Sono 6 in meno i pazienti in terapia intensiva, nel saldo tra ingressi e uscite. Gli ingressi giornalieri in rianimazione sono 196, portando il totale a 2.636. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono aumentati di 109 unità, portando il totale a 23.712. In isolamento domiciliare ci sono 543.692 persone, 6.042 in meno di ieri.
Le regioni con il maggior numero di tamponi positivi nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute, sono: Veneto 2.134, Sicilia 1.913, Emilia Romagna 1.563, Lazio 1.381, Puglia 1.261, Lombardia 1.146.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ostia: maxiprocesso Spada, confermata mafia in appello
17 condanne per oltre 150 anni, ergastolo solo per Roberto Spada
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
12 gennaio 2021
18:02
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Confermata, anche nel processo di secondo grado, l’associazione a delinquere di stampo mafioso per il clan Spada. E’ quanto deciso oggi dai giudici della Corte d’Assise di Appello.

In totale i giudici hanno inflitto 17 condanne per un totale di oltre 150 anni di carcere. Per Carmine Spada, condannato all’ergastolo in primo grado, i giudici hanno ridotto la pena a 17 anni di carcere. Anche per Ottavio Spada, detto Maciste, ridotta la pena dall’ergastolo a 12 anno e mezzo mentre per Roberto Spada è stata confermata la pena del carcere a vita. Tra le condanne, inflitti 16 anni a Ottavio Spada, detto Marco, 6 anni Nando De Silvio, detto Focanera, e 10 anni a Ruben Alvez del Puerto, 7 anni per Vittoria Spada, 6 anni per Silvano e 8 anni per Ramy Serour. Nei confronti degli imputati i reati contestati vanno dall’associazione di stampo mafioso, omicidio, estorsione e usura.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tangenti alla Leonardo, indagate anche società Google
Gruppo italiano parte offesa. L’azienda Usa,pronti a collaborare
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
12 gennaio 2021
21:20
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un giro di mazzette sotto forma di compensi extra o mensili o annuali, provvigioni ‘fuori sacco’ sui contratti aggiudicati e regalie come buoni carburante o da spendere in negozi di computer, telefonia, tv e elettrodomestici, e poi oggetti di valore apprezzabile come penne di marca. Un sistema architettato, secondo la Procura, grazie anche al supporto di Google Pay, e che ha portato a indagare in base alla legge sulla responsabilità degli enti pure due società del colosso californiano: Google Ireland e Google Payments.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ quanto è venuto a galla da una inchiesta del pm di Milano Gaetano Ruta a carico di 14 persone e 3 società, che oggi ha portato i militari del Nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza nelle sedi della Leonardo a Roma e a Pomigliano d’Arco (Napoli), per acquisire documenti. Le accuse a vario titolo sono riciclaggio, reati fiscali e corruzione tra privati, reato quest’ultimo di cui rispondono dieci dipendenti del gruppo, che risulta parte offesa e che ha collaborato alle indagini.

Al centro della ricostruzione di inquirenti e investigatori c’è una fornitrice di Leonardo, la Trans Part, società di intermediazione nella distribuzione di materiali ed equipaggiamenti destinati ai più diversi settori, da quello militare a quello aerospaziale, dai trasporti fino al petrolchimico. Società con sede a Milano e che vede indagati 4 persone tra manager e dipendenti, i quali, secondo gli accertamenti, in cambio di commesse, ottenute con la rivelazione di informazioni riservate o ‘truccando’ i bandi gara, avrebbero corrisposto ai dipendenti di Leonardo regalie, come buoni benzina o per gli acquisiti in negozi di elettronica e compensi anche sotto forma di contratti di consulenza fittizi: dai 1.500 euro al mese, ai 25/30 mila all’anno, dall’1,5% al 3.5 % di provvigioni sull’aggiudicato. La provvista che sarebbe servita per ‘ungere’ il meccanismo cominciato almeno nel 2015, risulta proveniente da fondi neri che i dipendenti della società fornitrice con sede in corso Sempione avrebbero creato ‘dirottando’ parte dei proventi delle commesse (lecite) su una consociata statunitense. Questa, a sua volta, tra il 2012 e il 2018 avrebbe trasferito, in assenza di giustificazioni contrattuali e contabili, 6 milioni di euro su tre off-shore con sedi, una a Panama, una nel Regno Unito e una in Irlanda.

Per poi far rientrare tale somma in Italia allo scopo di ‘oliare’ i funzionari di Leonardo – alcuni ancora in fase di identificazione, si legge nell’ordine di esibizione atti – ci si sarebbe servirti di due riciclatori i quali, è lo schema ipotizzato, avrebbero usato la piattaforma di pagamento Google Pay. Google Ireland e Google Payments, scrive il pm, avrebbero consentito “il trasferimento di somme di denaro provento di frode fiscale” ostacolando “l’identificazione della provenienza delittuosa”. Attraverso la “interposizione” delle due società non era possibile “risalire all’identificazione del soggetto che ha disposto i bonifici”. “Naturalmente presteremo la massima collaborazione alle indagini”, afferma un portavoce di Google, sottolineando che la società ha ricevuto, “nell’ambito di una più vasta indagine, una informazione di garanzia per una ipotesi di illecito amministrativo – aggiunge – in relazione a movimentazioni finanziarie che sarebbero state effettuate utilizzando le nostre piattaforme”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In particolare, la Gdf ha finora ricostruito che, tra il 2017 e il 2019, le operazioni dall’estero verso l’Italia sono state 25 per un totale di 400 mila euro.

Operazioni che avrebbero visto l’interposizione delle due società di Mountain View nella canalizzazione dei fondi e che ora sono indagate in base alle legge sulla responsabilità degli enti in relazione al presunto riciclaggio, così come Trans Part in relazione ai reati fiscali e al riciclaggio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
COVID: virus non arretra in Sardegna,411 casi
Anche 14 morti. Arriva nuova tranche di vaccini Pfizer
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
12 gennaio 2021
19:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mentre si assiste ad una nuova impennata di contagi e decessi in Sardegna – 14 vittime e 411 casi nelle ultime ore 24 ore con un tasso di positività che tocca il 15%, il peggiore dall’inizio dell’anno – arriva nell’Isola il terzo carico di fiale Pfizer. Anche in questo caso sono destinate alla vaccinazione di operatori socio-sanitari, dipendenti e pazienti di case di riposo, volontari.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono in tutto 16.380, ultima tranche delle prime 33mila dosi assegnate dal commissario Arcuri alla Regione, che oggi si conferma al sesto posto in Italia per dosi somministrate con l’87,2%: 17.158 su 19.680 consegnate con il primo carico.
In attesa che arrivino anche le dosi di Moderna, riprenderanno subito le operazioni di vaccinazione, anche se una parte delle fiale sarà conservato per garantire la seconda inoculazione del farmaco Pfizer che deve avvenire tra il ventunesimo e il quarantesimo giorno successivo alla prima. Tra i primi ad essere vaccinati in questa seconda fase anche gli specializzandi e i tirocinanti dell’Aou di Cagliari: circa 400 giovani sui quali la somministrazione inizierà da domani al Policlinico di Monserrato.
Nel frattempo, si chiude oggi nei 23 Comuni dell’Ogliastra lo screening di massa “Sardi e Sicuri” voluto dalla Regione con la ‘regia’ del microbiologo e ordinario dell’Università di Padova Andrea Crisanti: ieri su 14.700 cittadini che si sono sottoposti ai test antigenici di terza generazione – a immunofluorescenza – sono state rilevate 97 positività. In Gallura, invece, è partito lo screening sulla popolazione scolastisca: i primi 150 studenti del Liceo Mossa di Olbia hanno effettuato il test antigenico, si prosegue per tutta la settimana.
Il coronavirus ha colpito anche l’assessore regionale dei Trasporti, Giorgio Todde. E’ stato lo stesso esponente della Giunta Solinas a darne notizia sul suo profilo Facebook. “È arrivato l’esito che speravo non arrivasse. Onde evitare pettegolezzi inutili – scrive – vi comunico che sono positivo al covid, grazie a Dio per il momento sto bene, sono isolato, un pò acciaccato ma si va avanti. Non sottovalutiamo il virus, rispettiamo le regole!”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
COVID: Fvg, 647 nuovi casi, calano ricoveri
Decessi sono 22. Il 74% medici in regione è stato vaccinato
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
12 gennaio 2021
19:17
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Friuli Venezia Giulia su 7.714 tamponi molecolari sono stati rilevati 586 (+277) nuovi contagi ai quali si aggiungono 61 casi già risultati positivi al tampone antigenico nei giorni scorsi e confermati da test molecolare, con una percentuale di positività dell’8,39%. Sono inoltre 2.016 i test rapidi antigenici realizzati e in cui sono stati rilevati 168 (+120) nuovi casi (8,33%).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I decessi registrati sono 20 (-10=, ai quali si aggiungono 2 morti pregresse afferenti al periodo tra il 23 novembre e l’11 dicembre 2020, e complessivamente ammontano a 1.950. I ricoveri nelle terapie intensive sono 68 (ieri erano 67) mentre quelli in altri reparti scendono a 671 (ieri erano 688). Lo ha comunicato il vicegovernatore del Fvg con delega alla Salute, Riccardo Riccardi. I totalmente guariti aumentano a 41.208, i clinicamente guariti salgono a 1.165, mentre le persone in isolamento sono 12.179. Da inizio pandemia i casi da tampone molecolare sono stati 57.241.
Intanto l’adesione dei medici alla vaccinazione anti Covid in Friuli Venezia Giulia, come affermato da Riccardi, durante un incontro in via telematica con i presidenti degli ordini dei medici Fvg, è arrivata al 74%, con una punta per i dipendenti del Sistema sanitario regionale (Ssr) che arriva al 96%.
Inoltre, relativamente al programma di immunizzazione, adottando il corretto parametro di valutazione del rapporto dosi su abitanti, il Fvg si colloca tra le prime regioni in Italia. Infine sul fronte chiusura scuola secondarie di secondo grado, il governatore della Regione Fvg, Massimiliano Fedriga, ai microfoni di Radio Anch’io, ha affermato che “se 17 Regioni hanno deciso di posticipare” la riapertura delle scuole secondarie di secondo grado “non penso siano un gruppo di folli”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Coppia scomparsa a Bolzano, ricerche nel fiume e in montagna
I coniugi Neumair sono spariti nel nulla oltre una settimana fa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
13 gennaio 2021
09:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I militari del comando provinciale Carabinieri di Bolzano, unitamente a tutte le altre forze messe in campo dal Commissariato del governo per la Provincia di Bolzano, continueranno anche oggi le ricerche dei coniugi scomparsi. Da oltre una settimana manca ogni traccia di Peter Neumair e Laura Perselli, i due insegnati bolzanini in pensione di 63 di 68 anni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
I fronti di ricerca saranno due.
Da un lato vigili del fuoco di varie squadre sia della provincia di Bolzano che della provincia di Trento setacceranno ancora il fiume rispettivamente dalla confluenza tra Adige e Isarco fino a Salorno e da Roverè fino alla diga di Mori. Oltre all’ecoscandaglio dei vigili del fuoco di Bolzano, sono disponibili mezzi in arrivo da Firenze e Roma. Dall’altro lato si cercherà sul Renon, la montagna che sovrasta Bolzano, nelle zone che i Neumair frequentavano e che sono eventualmente anche raggiungibili a piedi dalla loro abitazione in centro storico.
Sono in campo tre squadre del soccorso alpino e una dozzina di carabinieri. Si vuole setacciare tutta l’area nei pressi di sentieri usati per le passeggiate da Bolzano a Soprabolzano, Santa Maria Assunta e l’area intorno.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cristiani: 340 milioni perseguitati nel mondo, 1 su 8
Rapporto di Porte Aperte: ‘Covid ha aggravato discriminazioni’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
13 gennaio 2021
09:46
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono oltre 340 milioni nel mondo i cristiani che sperimentano un livello alto di persecuzione e discriminazione a causa della propria fede (1 cristiano ogni 8).
E’ quanto scrive Porte Aperte nell’ultimo rapporto.
“I cristiani uccisi per ragioni legate alla fede crescono del 60%, con la Nigeria ancora terra di massacri” e nella top 10 dei Paesi con più uccisioni di cristiani ci sono 8 nazioni africane. Per l’organizzazione inoltre “appare evidente come il Covid-19 abbia aggravato le vulnerabilità delle minoranze cristiane, aggiungendo ulteriori discriminazioni e pressione”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Festa in club movida fermata da polizia
Trenta multati, molti provenienti dall’estero
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
13 gennaio 2021
13:00
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La polizia ha scoperto una festa illegale in un locale della movida di Milano, il Superlove club nella zona dei Navigli. All’interno c’erano 30 persone, dai 19 ai 41 anni, che ballavano tutte senza mascherina seguendo il dj.

Oltre a 5 italiani c’erano persone provenienti da Francia, Bulgaria, Albania e Grecia. Sono stati tutti identificati e multati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Regioni montagna, servono 4-5 miliardi per ristori sci
Stop impianti ha generato perdite per 11-12 miliardi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
AOSTA
13 gennaio 2021
13:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La chiusura dello sci ha generato una perdita complessiva di 11-12 miliardi di euro all’economia di montagna che ora ha bisogno di almeno 4-5 miliardi di ristori. E’ questa la prima stima fatta dalla Regioni, secondo quanto ha riferito oggi il vice presidente della Valle d’Aosta e assessore allo sci Luigi Bertschy.

“Come Regioni di montagna abbiamo presentato i primi dati allo Stato: il comparto montagna in questo periodo ci ha rimesso almeno 11-12 miliardi, questo significa che per un intervento minimo di recupero delle perdite delle società servono 4-5 miliardi”, ha riferito Bertschy in Consiglio regionale.   POLITICA   ECONOMIA   VAI ALLE NOTIZIE DAL MONDO   VAI ALLA TECNOLOGIA   VAI ALLE NOTIZIE DEL PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Covid: gestori impianti sci, rischio reale stop stagione
Appello al governo, studi attentamente i ristori per il settore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
13 gennaio 2021
14:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il rischio che salti l’intera stagione è più che mai reale, purtroppo”. A dirlo è Valeria Ghezzi, presidente dell’Anef, associazione nazionale che riunisce i gestori funiviari.
“E questa è una vera tragedia perché per noi c’è anche il dopo – aggiunge -. La nostra ripartenza sarà solo il prossimo Natale. Si tratta di una débacle senza precedenti, non solo per noi ma per tutti i lavoratori”. “Lanciamo un appello al governo affinché pensi ai ristori di questo settore così particolare”, continua Ghezzi.
“Gli impianti a fune – sottolinea – sono un settore che comincia a lavorare ad aprile-maggio in vista della stagione che parte a dicembre. Abbiamo quindi lavorato otto mesi con delle spese. Parliamo di aree che si sviluppano su tanti ettari. Noi continuiamo a spendere tutt’ora. Queste sono considerazioni da valutare da parte del governo, così come hanno fatto Oltralpe, dalla Francia all’Austria”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Uomo travolto da valanga in provincia di Bergamo, recuperato
13 gennaio 2021
11:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo scialpinista travolto da una valanga stamattina in valle Imagna è stato recuperato da Soccorso alpino e 118 e trasferito in gravi condizioni all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo. Si tratta di un uomo di 42 anni, residente in provincia di Bergamo.
Un amico che era con lui è stato invece risparmiato dalla valanga.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Scritta antisemita su casa deportata, chiesta archiviazione
Nel Cuneese, “Qui ebrei’ sulla porta dove abitò Lidia Rolfi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MONDOVI’ (CUNEO)
13 gennaio 2021
15:38
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Chiesta archiviazione nell’inchiesta sugli autori della scritta “Juden Hier” (Qui ebrei) con accanto la stella di David, con la vernice nera comparsa alla fine di gennaio 2020 sulla porta della casa dove vive Aldo Rolfi, figlio di Lidia Rolfi, staffetta partigiana deportata a Ravensbrück.
Lidia Rolfi, che nn era ebrea, fu una lucida testimone dell’orrore dell’olocausto nazista che raccontò nei suoi numerosi libri.
La frase che rimandava alla terrificante “notte dei cristalli”, contro gli ebrei in Germania nel novembre 1938 comparve nella notte fra il 23 e il 24 gennaio 2020.
Iniziarono subito le indagini – contro ignoti – dirette dalla Procura di Cuneo. La frase fu tracciata con una bomboletta spray, ma non si è riusciti a rintracciarne l’autore.
La scritta, con la stella perfettamente tracciata, e la scritta erano state vergate sulla vecchia porta della casa di Lidia Rolfi, da tempo chiusa e non utilizzata, ma posta in un punto ben visibile per chi transita nella strada di Mondovì, proprio a lei intitolata.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘Ndrangheta: 3 anni e 6 mesi anni a ultrà,tentata estorsione
Sentenza Milano. Bosa legato a movimento estrema destra e a clan
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
13 gennaio 2021
15:49
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stato condannato a 3 anni e 6 mesi di carcere per tentata estorsione aggravata dalle modalità mafiose Domenico Bosa, detto ‘Mimmo Hammer’, ultrà della curva interista, ritenuto uno dei capi del movimento neonazista milanese ‘Hammerskin’. Lo ha deciso il gup di Milano Guido Salvini nel processo con rito abbreviato che ha portato anche ad altre 3 condanne fino a 4 anni.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bosa, 53 anni, era finito in carcere nel gennaio dello scorso anno in una maxi operazione della Gdf che aveva portato ad altri 17 arresti, su ordinanza del gip Livio Cristofano e su richiesta dei pm Sara Ombra e Gianluca Prisco, su una presunta maxi frode fiscale da 160 milioni di euro nel settore delle telecomunicazioni e in particolare “nella tecnologia Voip”. E su una presunta associazione per delinquere, finalizzata anche a reati di usura, con a capo Alessandro Magnozzi (a processo con rito ordinario) e legata al clan della ‘ndrangheta calabrese, radicato anche a Milano, dei Bruzzaniti, inserito nella “cosca dei Morabito-Palamara-Bruzzaniti”.
Bosa, in particolare, legato, stando alle indagini, alla “famiglia Pompeo” di Bruzzano, nel Milanese, con altre tre persone, tra cui Magnozzi, nel 2018 avrebbe tentato di costringere, stando all’imputazione, un imprenditore “a consegnare” al gruppo “la somma di euro 70-80 mila euro non riuscendo nell’intento”. Il gruppo chiedeva quei soldi “a titolo di restituzione dei prestiti di denaro fatti da Magnozzi a terzi soggetti o, comunque, a titolo di risarcimento danni per affari ‘andati male'”. Stando al racconto della vittima della tentata estorsione, Bosa gli avrebbe detto: “Non ti picchio qua solo per rispetto di Alessandro, comunque io voglio tutti i miei soldi”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Papa Francesco si è vaccinato contro il Covid
La notizia dai media argentini, il Vaticano non commenta
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA DEL VATICANO
13 gennaio 2021
17:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Papa si è vaccinato contro il Covid. Come aveva preannunciato, questa mattina si è presentato nell’ambulatorio allestito davanti all’Aula Nervi, che normalmente ospitava, prima della pandemia, i grandi eventi in Vaticano e anche le udienze generali.
La notizia della vaccinazione del Papa, con Pfizer, per conservare il quale anche le strutture sanitarie della Santa Sede si sono attrezzate con un mega refrigeratore, è circolata sulla stampa argentina, mentre il Vaticano ufficialmente non ha commentato e si è limitato a comunicare, attraverso il portavoce Matteo Bruni, che “questa mattina ha avuto inizio la campagna di vaccinazione contro il Covid-19 nell’atrio dell’Aula Paolo VI”. Anche Ratzinger dovrebbe vaccinarsi in queste ore, come comunicato dal suo segretario, monsignore Georg Gaenswein.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Papa Francesco si è vaccinato contro il Covid. Lo riferisce la stampa argentina, mentre la Santa Sede si limita a confermare che questa mattina è cominciata la vaccinazione in Vaticano, senza ulteriori particolari.
La rivelazione è stata fatta dal quototidiano La Nacion di Buenos Aires, la cui corrispondente a Roma, Elisabetta Piqué, citando “fonti vaticane”, ha sostenuto che “come lui stesso aveva preannunciato, il Papa ha ricevuto oggi il vaccino contro il coronavirus in un settore dell’atrio dell’Aula Paolo VI, specialmente attrezzato per questo”.
La Direzione della Salute ed Igiene del Vaticano ha avviato oggi la campagna di vaccinazioni all’interno dello Stato, dopo aver ricevuto le prime dosi del vaccino dai laboratori Pfizer e BioNTech. Il pontefice ha quindi ricevuto oggi la prima dose, e hanno indicato le stesse fonti, fra 21 giorni riceverà la seconda.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Genovese indagato in filone patrimoniale
‘Intestazione fittizia’. Si scava su reati fiscali e riciclaggio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
13 gennaio 2021
17:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
C’è un nuovo reato contestato ad Alberto Genovese, l’imprenditore del web finito in carcere per aver stordito con un mix di droghe e stuprato una 18enne: si tratta dell’ipotesi di intestazione fittizia di beni in relazione ad alcune società riferibili all’imprenditore e ‘schermate’ all’estero. Da quanto si è saputo, l’iscrizione è finalizzata a una serie di accertamenti che riguardano in realtà presunti profili di frode fiscale e riciclaggio.
Profili su cui sta indagando la Gdf.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid, in Italia superati gli 80 mila morti
In meno di 11 mesi. Altre 507 vittime in 24 ore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
13 gennaio 2021
17:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Con le 507 vittime delle ultime 24 ore l’Italia supera la soglia degli 80 mila morti per il Covid-19, secondo i dati del ministero della Salute. Sono esattamente 80.326 in meno di 11 mesi dall’inizio ufficiale dell’epidemia, Sono 15.774 i tamponi risultati positivi nelle ultime 24 ore in Italia.
Ieri i positivi erano stati 14.242, i morti 616.
In tutto sono 175.429 i tamponi effettuati nelle ultime 24 ore, ieri i test erano stati 141.641. Il tasso di positività è del 9%, in calo rispetto al 10,05% di ieri.
Sono invece 57 in meno i pazienti in terapia intensiva per il Covid-19, nel saldo giornaliero tra ingressi e uscite. Gli ingressi in rianimazione nelle ultime 24 ore sono 165, portando il totale a 2.579. I ricoverati nei reparti ordinari sono invece 187 in meno rispetto a ieri, per un totale di 23.525 unità. In isolamento domiciliare ci sono 538.670 persone (-5.022 rispetto a ieri).
In totale da inizio epidemia i casi sono 2.319.036. Gli attualmente positivi sono ora 564.774 (-5.266 rispetto a ieri), i dimessi e i guariti 1.673.936 (+20.532).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid:chef Uliassi, pericolo contagio reale,seguiamo esperti
Protesta semmai per avere finanziamenti per attività
w
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
13 gennaio 2021
18:03
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Il covid è un pericolo reale e se gli esperti dicono di chiudere non possiamo che seguire in maniera scrupolosa l’indicazione. La protesta eventualmente va fatta per ottenere finanziamenti necessari alla sopravvivenza delle nostre attività”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Lo dice lo chef stellato Mauro Uliassi, titolare dell’omonimo ristorante a Senigallia (Ancona).
“Noi – racconta – abbiamo deciso di chiudere il nostro locale ben dieci giorni prima del decreto che chiedeva la sospensione dell’attività. Una decisione – ricorda Uliassi – presa per la preoccupazione di ammalarci, dato che persone a noi vicine avevano contratto il virus”. Lo chef, l’unico con 3 stelle Michelin delle Marche, non entra nel merito dell’iniziativa #Ioapro lanciata attraverso i social dal ristoratore pesarese, Umberto Carriera, che invita riaprire i ristoranti in maniera strutturata già venerdì 15 gennaio.
“Ognuno – spiega Uliassi – ha il suo pensiero ed è giusto che sia così, per quanto mi riguarda ritengo corretto seguire le indicazioni che arrivano dai medici e dagli esperti in generale.
In inverno poi – spiega – pur garantendo il giusto distanziamento si finisce per concentrare 30-40 persone all’interno di un locale chiuso e questo potrebbe amplificare effettivamente il rischio contagio. Cosa diversa in estate quando si può stare all’aperto”.
Sulle difficoltà che sta vivendo il settore della ristorazione nessun dubbio: “Sono stati e sono mesi molto difficili”, conclude lo chef.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fidanzati uccisi: Cassazione conferma ergastolo Ruotolo
Accusato duplice omicidio di Teresa Costanza e Trifone Ragone
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
13 gennaio 2021
18:21
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ stata confermata dalla Cassazione la condanna all’ergastolo per Giosuè Ruotolo, accusato di aver ucciso a Pordenone, per motivi di rabbia e gelosia, la coppia di fidanzati Teresa Costanza e Trifone Ragone, uccisi la sera del 17 marzo 2015 nel parcheggio del palazzetto dello sport. Gli ‘ermellini’ hanno dichiarato inammissibile il ricorso della difesa di Ruotolo contro la sentenza emessa dalla Corte di Assise di Appello di Trieste il primo marzo 2019.
Il verdetto aveva convalidato quello emesso dalla Corte di Assise di Udine l’8 novembre 2015 che aveva inflitto per prima il carcere a vita all’imputato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
COVID:Sardegna rischia l’arancione,faro su Rt
Alto numero morti, in arrivo un migliaio di dosi vaccino Moderna
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CAGLIARI
13 gennaio 2021
18:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Sardegna rischia il declassamento in fascia arancione, ma c’è attesa per gli ultimi dati che forniranno al ministro della Salute Roberto Speranza la base per firmate le nuove ordinanze che arriveranno venerdì prossimo e che ridisegneranno la geografia dell’emergenza Covid in Italia. Ora l’Isola è a “rischio moderato” ma osservata speciale per l’indice di trasmissabilità R(t), che sopra l’1 porta in fascia arancione e sopra l’1.25 in quella rossa.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’8 gennaio scorso in Sardegna l’R(t) “puntuale” era all’1.02, mentre nell’ultimo monitoraggio settimanale del ministero della Salute pubblicato venerdì scorso è indicato lo 0.95. Sotto la soglia critica anche l’incidenza dei casi per 100mila abitanti, 78,01 rispetto ad una media nazionale di 166,02.
Confortano anche i dati dei contagi delle ultime 24 ore: 233 su 3.034 tamponi con un rapporto tra positivi e test pari a circa l’8%. Ma preoccupa ancora l’alto numero dei morti, 15, e la pressione sugli ospedali: 12 pazienti in più in terapia intensiva e 10 in medicina. Un dato che potrebbe influire, peggiorandole, sulle percentuali di occupazione dei posti letto in reparti critici e in quelli non intensivi registrati sotto soglia sino a qualche giorno fa. Un’altro criterio utilizzato per la classificazione.
Nel frattempo sono riprese a pieno ritmo le vaccinazioni con l’ultima tranche di 16mila dosi Pfizer arrivate ieri. La Regione conta di chiudere questa partita entro fine mese. Sono invece attese nei prossimi giorni un migliaio di fiale del vaccino Moderna. Potrebbero arrivare velocemente se venisse confermato il criterio di distruzione alle Regioni in base alla percentuale degli ultra ottantenni sul totale della popolazione: la Sardegna, infatti, è nota come terra di centenari. In ogni caso, l’assessore della Sanità Mario Nieddu conferma che “il 30% delle dosi va sempre conservato: dobbiamo avere una riserva perché in caso di disguidi c’è il rischio di vanificare la campagna. E’ vero che il range è da 21 a 42 giorni ma – puntualizza – la certezza dell’azione la si ha somministrando la seconda dose tra il 21/o e il 24/o giorno dalla prima inoculazione”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Covid svuota Venezia, San Marco è spettrale
Botteghe, Caffè e musei chiusi,sulle vetrine solo ‘affittasi’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
13 gennaio 2021
18:37
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ un meraviglioso set a luci spente Piazza San Marco. Vuota e immersa nel silenzio, tranne l’eco di qualche passo sui masegni, o lo stridio dei gabbiani.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’emergenza Covid ha trasformato in deserto l’area marciana, dopo che la città aveva già cambiato volto con l’alta marea record del 12 novembre. Prima lo shock e i danni della mareggiata. Poi lo stop imposto dal virus, le restrizioni che l’hanno resa ‘irraggiungibile’. Nessun brusio delle comitive di turisti, sempre meno persone, meno rumori. Una Venezia quasi spettrale in Piazza San Marco, che solo un paio di mesi fa ospitava le riprese di ‘Mission Impossible 7′, con Tom Cruise.
Le luminarie natalizie sono ancora appese, ma le serrande dei negozi sotto le Procuratie Vecchie sono tutte abbassate; solo qualche gioielleria resiste sotto le Nuove. File di negozi bui, le sedie accatastate all’interno, molte vetrine con il cartello “affittasi”. C’è chi ha chiuso per sempre: come la Pelletteria artistica Pagan, 101 anni di attività, o il negozio Venini in piazzetta dei Leoncini. “Tanti negozi storici, soprattutto qui in Piazza San Marco, hanno chiuso e non riapriranno più – spiega Alberto Nardi, uno dei gioiellieri sotto le Procuratie Nuove – E’ un impoverimento perché le attività storiche, come altri patrimoni artistici, sono un bene della città. Veder chiudere negozi che erano qui da 50 anni non lascia indifferenti; penso si debba assolutamente pensare a dei ristori più concreti”. “La città ha sviluppato una forma economica legata solamente al turismo di massa. E’ stato un grande errore – aggiunge Nardi – Andrebbe pensato un nuovo modello, che non sia solo un palcoscenico dove, uso un paradosso, si paga un biglietto per entrare al mattino ed uscire alla sera. Una città come Venezia non può vivere solo di questo”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Incidenti sul lavoro: muore agricoltore nel Casertano
E’ rimasto incastrato nel trattore
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CASERTA
13 gennaio 2021
18:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ rimasto incastrato nella fresa del trattore. E’ morto così un agricoltore di 55 anni che stava lavorando in un fondo a Mondragone, Comune del litorale nel Casertano.

Gli arti inferiori dell’uomo sono rimasti bloccati nel macchinario. Sono intervenuti sul posto i Vigili del fuoco del Comando provinciale di Caserta, provenienti dal distaccamento di Mondragone, che hanno provato in tutti i modi a liberare le gambe dell’uomo dalla stretta mortale, e ci sono riusciti grazie agli arnesi da taglio, ma a quel punto il contadino era morto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Non solo la messa, a Bono domenica è senza caccia
La nuova mossa anti-Covid del sindaco sardo, questa è zona rossa
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
SASSARI
13 gennaio 2021
19:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
A prescindere dalle decisioni del Governo nazionale e regionale, domenica 17 gennaio a Bono non si caccia. A vietare l’accesso delle doppiette nel territorio del Comune in provincia di Sassari è l’ordinanza firmata oggi dal sindaco Elio Mulas.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Già assurto agli onori della cronaca nazionale insieme al suo vice Nicola Spanu per aver sfidato tra Natale e Capodanno – e poi ancora all’Epifania – le gerarchie ecclesiastiche, vietando le messe in presenza nelle chiese del paese, il sindaco torna a far parlare di sé con un provvedimento che, prevenendo ogni eventuale contenzioso tra fonti normative gerarchicamente sovraordinate, sospende l’attività venatoria nel territorio di Bono.
Per ora cacciare è consentito, ma le decisioni attese da Roma venerdì con le nuove ordinanze che assegneranno le fasce alle varie Regioni, con relative restrizioni, potrebbero impedirlo, inducendo il presidente della Regione Christian Solinas a una deroga analoga a quella firmata il 9 gennaio per permettere anche domenica prossima l’attività dei cacciatori sardi. Elio Mulas si porta avanti col lavoro e interdice il territorio di Bono per un motivo semplice: l’emergenza sanitaria in paese è ben più grave di quanto non dicano i numeri ufficiali. “Non si può andare a messa, figuriamoci se si può andare a caccia”, dichiara il sindaco con una chiarezza che disarma, è il caso di dire, i cacciatori.
“Ho adottato il provvedimento a scanso di equivoci, sollecitato da chiarimenti chiesti dalle compagnie di caccia.
Avendo vietato di entrare e uscire da Bono se non per lavoro, salute o giustificati motivi, insomma siamo in zona rossa – chiarisce il primo cittadino – ho sciolto ogni dubbio interpretativo e ho sospeso espressamente la caccia”.
L’ordinanza parla chiaro: l’attività venatoria non è tra i giustificati motivi per cui si può entrare e uscire dal territorio comunale sinché vigono le misure restrittive stabilite dall’ordinanza della discordia, quella del 5 gennaio.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Netflix, 70 nuovi film nel cartellone 2021
Proposte di “serie A”, replica a Disney e Warner
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
NEW YORK
13 gennaio 2021
18:51
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Netflix rilancia su Disney+ e su Warner e annuncia per il 2021 un cartellone di oltre 70 nuovi film, ben piu’ di uno a settimana: una cornucopia di proposte degna del piu’ grande servizio streaming del mondo che ne conferma l’influenza a Hollywood nei mesi della pandemia.
Un trailer “a rotta di collo” ha presentato la carrellata di inediti che include produzioni originali e nuovi acquisti, musical e film di azione, commedie romantiche e cartoni animati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel trailer compaiono Gal Gadot, Ryan Reynolds e Dwayne Johnson, le star del colossal da 160 milioni di dollari “Red Notice”: sarebbe dovuto uscire lo scorso giugno con Universal ma Netflix lo ha adottato dopo un nuovo rinvio.
Concludono la presentazione Jennifer Lawrence e Leonardo DiCaprio, i protagonisti di “Don’t Look Up” di Adam McKay assieme ad Ariana Grande, Timothee Chalamet, Kid Cudi e Meryl Streep: Leo e la Lawrence scendono da una portaerei: “Un messaggio neanche troppo sottile del prestigio conquistato da una piattaforma che fino a pochi anni fa veniva considerata marginale a Hollywood”, ha commentato il New York Times.
In dicembre Disney aveva annunciato una valanga di nuovi contenuti per il suo servizio in streaming Plus. La Warner aveva replicato facendo sapere che avrebbe fatto uscire 17 nuovi film in simultanea nelle sale e su Hbo. La risposta di Netflix include il debutto sulla piattaforma della regista premio Oscar Jane Campion con “The Power of the Dog”. Lin-Manuel Miranda dirigera’ il suo primo film, l’adattamento del musical “tick, tick… Boom,” mentre Jay-Z collaborera’ con Netflix per la prima volta producendo “The Harder They Fall,” un western. Per molti film non c’e’ ancora una data di programmazione ma in gennaio usciranno “The White Tiger” e “Malcolm & Marie” con Zendaya e John David Washington.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cinema: il nuovo 007 slitta ancora, forse in sala in autunno
Si rincorrono voci Gb-Usa, ancora nessuna ufficialità da Mgm
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
13 gennaio 2021
17:05
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Potrebbe slittare ancora No Time To Die, il nuovo attesissimo 007 diretto da da Cary Fukunaga con Daniel Craig protagonista. Il film con l’Agente segreto di sua maestà, il 25/mo della gloriosa saga, sarebbe una delle tante vittime, la più illustre forse, della pandemia di nuovo acuita.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Spostato in precedenza già ad aprile 2021, il 2 aprile, nei giorni di Pasqua, ora è di nuovo in pericolo, con Londra in lockdown e gli Usa in piena crisi sanitaria. Da Mgm ancora nessuna ufficialità ma le voci del nuovo rinvio si rincorrono e quel che sta circolando è che la data sarebbe da destinarsi. Il film è un atteso blockbuster mondiale dunque è improbabile che prenda la strada dello streaming e su questo Mgm e Universal che ne ha i diritti internazionali sono a quanto pare irremovibili.
L’ultimo film di Bond, Spectre, ha incassato 880,6 milioni di dollari nel 2015 e ci si aspettano introiti giganteschi.
La fuga di notizie sul rinvio è iniziata ieri sul sito olandese BN DeStem, in cui l’esercente olandese Carlo Lambregts ha rivelato di aver sentito che No Time to Die si stava spostando a novembre, ha riferito Deadline. E anche altre fonti, come Variety, rilanciano lo stesso rumors.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Andrea Pennacchi, attaccato ad una machina ma respiro
L’attore lo scrive su Twitter
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
13 gennaio 2021
15:25
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
‘So taca na machina ma respiro” Così l’attore Andrea Pennacchi, il Pojana di Propaganda live ha annunciato su twitter di essere ricoverato in ospedale. Tra i primi a rispondere è stato il direttore de La7 Andrea Salerno che ha twittato ‘Forza Andrea ti si aspetta”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Serena Rossi, la mia Mina Settembre nella Napoli del cuore
Su Rai1 dal 17/1 con Zeno, Pasotti, Confalone. Da de Giovanni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
13 gennaio 2021
14:35
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“E’ stato un dono tornare a Napoli, vivo a Roma da 15 anni con il mio compagno e mio figlio. Questa città è colorata, prepotente nel senso migliore ed è l’altra vera protagonista della serie.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Abbiamo girato al Rione Sanità: è venuto fuori il grande cuore. Mina Settembre, per certi aspetti, mi somiglia, altri invece non mi appartengono, ma è un personaggio meraviglioso, empatico, emozionante”. Mina Settembre sbarca in tv e a prestarle il volto è Serena Rossi nell’omonima serie in sei prime serate, su Rai1 dal 17 Gennaio, dirette da Tiziana Aristarco, una coproduzione Rai Fiction – prodotta da Fulvio e Paola Lucisano.
Scritta da Fabrizio Cestaro, Doriana Leondeff, Fabrizia Midulla e Marco Videtta, Mina Settembre è liberamente tratta dai racconti di Maurizio de Giovanni “Un giorno di Settembre a Natale” e “Un telegramma da Settembre”, editi da Sellerio. Lo scrittore napoletano è recordman per la presenza di una tripletta di serie su Rai1 (in arrivo prossimamente la nuova stagione dei Bastardi di Pizzo Falcone e l’attesissimo Commissario Ricciardi con Lino Guanciale).
Le prime due puntate andranno in onda il 17 e 18 gennaio, le altre sempre di domenica. Nel cast Giuseppe Zeno, Giorgio Pasotti, Valentina D’Agostino, Christiane Filangieri, Nando Paone, Massimo Wertmuller, Rosalia Porcaro, Ruben Rigillo, Francesco Di Napoli, Davide Devenuto, Michele Rosiello, Susy del Giudice, Primo Reggiani e con la partecipazione di Marina Confalone, nel ruolo di Olga, la madre di Mina.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ una dramedy sentimentale ambientata a Napoli, che ha per protagonista un’assistente sociale, Mina, alla continua ricerca di una soluzione ai problemi degli altri “ma non riesce a risolvere i suoi”. “Allo stesso tempo – spiega Rossi – è anche il racconto di una donna – dal carattere deciso, ma anche fragile – che prova a rimettere in piedi la propria vita”.
Separatasi da poco e ancora indecisa sui suoi sentimenti, Mina è divisa tra il suo ex marito, che l’ha tradita Claudio (Pasotti) ma che fa di tutto per rimanerle accanto, e Domenico (Zeno), il ginecologo del consultorio in cui lavora. E’ temporaneamente ospite a casa di sua madre (Confalone), “una donna dal carattere impossibile, definita il problema numero uno”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Levi (Aie), bene le vendite di libri a Natale
“Si può sperare che il 2020 chiuda come il 2019”
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
13 gennaio 2021
11:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Le vendite a Natale sono andate bene e questo ci consente di sperare che il 2020 si chiuda sugli stessi livelli del 2019 per l’editoria di varia, ovvero romanzi, saggistica, libri per ragazzi nelle librerie, nei supermercati e negli store online”. Lo annuncia il presidente dell’Associazione Italiana Editori, Ricardo Franco Levi.

“Si tratta di un dato che conferma la ripresa del mercato del libro dopo il lockdown di marzo e aprile e che era già evidente nei numeri di luglio e settembre”, spiega il presidente dell’Aie e precisa che i dati verranno analizzati il 29 gennaio alla Scuola per Librai Umberto ed Elisabetta Mauri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Un romanzo per affrontare la sfida del rientro
Libri per superare crisi post festività
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
13 gennaio 2021
19:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La fine delle festività segna il momento di ritornare alle attività di sempre: routine e commissioni, lavoro e faccende domestiche. Anche se c’è chi non vede l’ora di riprendere a sentirsi attivo, per molti può rappresentare un duro colpo passare dalla lentezza delle attività festive alla vita frenetica del resto dell’anno.
Ogni lettore e lettrice, però, può trovare dei fedeli alleati nei libri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E in alcuni libri in particolare, capaci di regalare storie che aiutano ad affrontare con un sorriso anche i momenti più complicati. Per questo è importante munirsi di un romanzo adatto alla sfida del rientro, da tenere pronto ad aspettarci sul comodino, o sempre con noi nello zaino, per poterne assaggiare qualche riga nelle pause: sarà la chiave per ritagliarsi dei momenti di sollievo anche nelle giornate più stressanti.
Fin dai tempi antichi alcune delle storie più belle mai scritte si sono appoggiate a elementi come la comicità e ai buoni sentimenti: basti pensare alle commedie di Plauto, che tra equivoci e fraintendimenti sono state di ispirazione al genere della commedia nei secoli a seguire. Il Miles gloriousus per esempio, costituito da divertenti intrecci che si basano anche sull’espediente del doppio, è un grande classico da godersi con leggerezza. Inoltre, in ogni momento di difficoltà possiamo rivolgerci anche alle favole, da quelle classiche di Esopo a quelle moderne di Luis Sepúlveda, che con i loro insegnamenti pensati per i bambini, e i loro animali dalle parole dolci e ponderate, sanno riportare anche i più grandi alla semplicità delle piccole cose.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Rimanendo sempre in tema di grandi classici, anche Shakespeare, sebbene conosciuto soprattutto per le sue tragedie struggenti, ha saputo regalarci commedie dal messaggio profondo e dallo spirito divertente, come Sogno di una notte di mezza estate o La tempesta, perfette per tutti coloro a cui inizierà a mancare anche la poesia delle festività. Sempre in ambito teatrale possiamo tornare in Italia con le commedie di Goldoni, rispolverando un classico come La locandiera, dedicato soprattutto a chi ama divertirsi vedendo dispiegarsi i giochi d’ingegno e d’arguzia. Infine, non possiamo non citare Il Circolo Pickwick, considerato uno dei capolavori di Charles Dickens e sicuramente uno dei suoi libri meno cupi, nel quale il bizzarro ed eccentrico signor Pickwick si trova ad affrontare strambe vicissitudini in un tour dell’Inghilterra del 1800, segnato da grandi e piccoli guai.
Il nostro consiglio per la fine delle festività è quindi quello di farsi un ultimo regalo, preparandosi una lettura (o, perché no, più d’una) adatta ai propri gusti, e che riesca a far ritagliare a ognuno piccoli momenti di libertà dagli impegni e dalle preoccupazioni. Per questo abbiamo preparato una selezione (che non pretende di essere esaustiva, e i cui titoli sono in ordine di importanza) di storie per affrontare il rientro con il sorriso, tra cui scegliere i propri alleati per il buonumore.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Costanza è una paleopatologa: ma non preoccupatevi, se non sapete cosa significa saranno le sue storie a insegnarvelo. Trasferitasi da Messina a Verona dopo la vittoria di un bando, accompagnata da sua figlia, la piccola Flora, si prepara alla sua nuova vita, un intermezzo tra lei e i suoi sogni più grandi. L’esistenza di Costanza (nata dalla penna di Alessia Gazzola, autrice della serie L’allieva, da cui è tratta l’omonima serie tv Rai) è tutt’altro che perfetta, ma lei sa sempre come affrontare le proprie amarezze con autoironia e un pizzico di dolcezza. Le avventure di Questione di Costanza (TEA) poi non finiscono qui, e proseguono nel volume Costanza e buoni propositi (Longanesi). I valori che contano (avrei preferito non scoprirli) (Einaudi) di Diego De Silva è l’ultimo capitolo delle disavventure di Vincenzo Malinconico, avvocato sempre alle prese con una nuove peripezie. Malinconico non è immune alle difficoltà della vita, alle quali non manca però di reagire con analisi argute e tragicomiche delle vicende che lo travolgono e che lo rendono precario in ogni aspetto della vita: sentimentale e lavorativo, ma anche economico e familiare. Un invito a non prendersi sul serio e a reagire con ironia agli inconvenienti della quotidianità.
Considerato il libro che ha dato vita alla tendenza editoriale dell’up-lit, la letteratura che si propone di far sentire meglio i lettori, Eleanor Oliphant sta benissimo (Garzanti, traduzione di Stefano Beretta) di Gail Honeyman è stato un grande successo, per mesi in cima alle classifiche di vendita. Come dice il titolo, Eleanor Oliphant sta benissimo, o almeno così crede finché un piccolo spiraglio lasciato aperto nella sua vita le permette di capire che si può stare meglio di quanto pensava, e che tutto può accadere quando ci si apre al cambiamento e alle novità.
Se vi siete mai chiesti se un libro di fantascienza può essere anche un esempio di comicità fantasiosa e fuori dagli schemi, Douglas Adams offre la risposta. Autore della saga che prende le origini dal volume Guida galattica per gli autostoppisti (Mondadori, traduzione di Pier Luigi Gaspa e Laura Serra), Adams narra un universo all’insegna dei pericoli ma anche di molte stramberie. Per affrontarle basta avere con sé la guida colma di nozioni e (consigli improbabili) che dà il nome a questa storia diventata ormai un cult. Violette, la solare protagonista del romanzo-bestseller di Valérie Perrin, è la guardiana del cimitero di un piccolo paesino in Borgogna. Questo le permette di conoscere molte persone del posto, che passano spesso a trovarla prima di portare un fiore ai propri cari scomparsi. Il suo lavoro prende una piega inaspettata quando un poliziotto giunge da Marsiglia per rispettare le volontà della madre, che desiderava essere sepolta nella tomba di un uomo che giace proprio in quel cimitero. Cambiare l’acqua ai fiori (e/o, traduzione di Aberto Bracci Testasecca) diventa così il racconto corale di storie colme di ottimismo e meraviglia. Una storia delicata ma profonda, per uno dei casi editoriali del 2020, come il suo precedente romanzo Il quaderno dell’amore perduto (Nord, traduzione di Giuseppe Maugeri).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In Giappone c’è una caffetteria che è al centro di una misteriosa leggenda del posto: chi entra può tornare a un momento cruciale della propria vita, quello in cui si è presa la decisione sbagliata, o ci si è fatti scappare una persona che vorremmo ancora con noi, ma a un patto: quello di ricordarsi di non lasciar freddare il caffé. In Finché il caffé è caldo (Garzanti, traduzione di Claudia Marseguerra) di Toshikazu Kawaguchi, quattro donne trovano il coraggio di entrare nella caffetteria per affrontare il proprio passato, ma è proprio lì che scopriranno che a meritare le loro attenzioni è il realtà il presente, che hanno ancora la possibilità di cambiare. Dopo il successo anche in Italia nei mesi scorsi, è ora in arrivo anche il seguito, Basta un caffè per essere felici.
La scuola di pizze in faccia del professor Calcare (BaoPublishing) è una raccolta delle strisce degli anni 2015 – 2019 del fumettista Zerocalcare (più una storia inedita), pubblicate sul suo blog o sulle varie testate con cui ha collaborato. Ritroviamo il suo stile inconfondibile e personaggi storici come l’Armadillo e l’amico Secco, e le storie da ridere che non mancano mai di spunti di riflessione su se stessi e il mondo che ci circonda.

La Tua opinione è importante! Vota questo articolo, grazie!
No votes yet.
Please wait...

Vuoi scrivere, commentare ed interagire? Sei nel posto giusto!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.